Page 1

Sport p.20

p.33

Salute p.27

on-line:  In crescita economia

MAGGIO 2018

Periodico d’informazione locale - Anno XXV n. 61

Cultura p.17

di Chioggia

4 7 8 10 12 15 20 23

LA MANIFESTAZIONE

La città si mobilita per dire No gpl DEGRADO

Il sindaco “riprende” l’opposizione

SCUDO e incidenti sul lavoro Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

E’ paradossale pensare che negli ultimi anni questa piaga fosse diminuita fortemente solo perché la Professionisti del crisi aveva rallentato e azzerato molte delle nostre Risarcimento di Germana Mozzato imprese. Via Cristoforo Colombo 42, Sottomarina di Chioggia (VE) Eppure gli ultimi dati paiono raccontare proprio Tel: 041.49.07.74; info@scudoinfortunistica.it questo: la ripresa economica va di pari passo con la crescita degli incidenti sul lavoro. “C’è un chiaro grido di aiuto – ricordano i sindacati – che ci arriva da migliaia di lavoratori impegnati in aziende in cui si svolgono attività lavorative pericolose. Non bastano più le norme (sistematicamente disattese), non bastano più le proteste sindacali (che rischiano di cadere nel nulla). Occorre una seria analisi degli eventi e controlli sistematici e approfonditi, che oggi non vengono svolti per l’inadeguatezza degli investimenti”. Non serve dunque pensare a nuove leggi, serve servizi a pag 6 ascoltare i lavoratori quando segnalano qualcosa che non va nelle attrezzature o negli impianti, servono più controlli e solleciti fatti alle aziende, servono investimenti e aiuti alle imprese stesse perché possano affrontare le spese necessarie a garantire i lavoratori. “La sicurezza – sottolineano i sindacati – deve tornare ad essere il più importante investimento all’interno delle aziende perché la tutela della vita e della salute rappresentano un diritto fondamentale e inalienabile che va garantito a tutti i lavoratori, diretti e degli appalti, indipendentemente dalla tipologia lavorativa”. Ne è convinta anche Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente del Senato, che intervenendo sull’argomento ha definito la situazione una vera e propria emergenza di cui il Parlamento neo eletto dovrà occuparsi al più presto. Sicuramente é il caso che tutti mettano a disposizione un serio impegno per arginare questo triste fenomeno, e che la Regione Veneto sia in prima fila sul fronte di questa giusta battaglia che coinvolge tutti noi.

Sette migranti vivono in strada, è emergenza

Dopo lo sgombero dell’ex hotel Al Bragosso si è creata una situazione difficile. Il sindaco sostiene che non ha competenze, l’opposizione lo attacca

TERRITORIO

Bandiera verde e blu per Sottomarina INTERVISTA

Il nuovo presidente del cda Ipab si presenta ECONOMIA

Radicchio in difficoltà per il maltempo di marzo EVENTI

Caminà per Ciosa e Marina da record ANNIVERSARI

In campo per ricordare il grande Torino POLITICA

Sicurezza sul lavoro, è emergenza

In crescita economia e incidenti sul lavoro Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

via Cesare Zen, 2/ · 45011 Adria (Ro) tel. e fax 0426 900 219 info@erreservices.it www.erreservices.it Erreservices Soc. Coop. Sociale

L

’ultimo incidente sul lavoro, accaduto alle Acciaierie venete di Padova, ha coinvolto quattro giovani operai, ustionati dal calore dell’acciaio fuso. L’accaduto ha risvegliato in tutti noi l’attenzione su un argomento sul quale non bisognerebbe mai abbassare la guardia: la sicurezza sui posti di lavoro. 29 le vittime da inizio anno ad oggi, un dato che, aggiunto a quello degli infortuni, fa del Veneto la prima regione italiana per incidenti sul segue a pag 3 lavoro.

Rimani sempre aggiornato con le news in tempo reale direttamente sul tuo smartphone

GRANDI FILIPPO Impianti Metano - Gpl Via G. Matteotti, 458 45018 Porto Tolle (Ro) Tel. 0426 81782

facebook.com/lapiazzaweb

Clicca mi piace!


dal 1951 al vostro servizio

NON PERDERE I VANTAGGI DELLE NUOVE PROMOZIONI Piano in quarzo al prezzo del piano in laminato Quattro elettrodomestici delle migliori marche al prezzo di due - Lavastoviglie in omaggio PORTO VIRO (RO) Via Po Vecchio 1 Tel. 0426 321260

www.patio.it

seguici su

FERRARA Via Modena 250 Tel. 0532 731138

patio arreda


PORTO VIRO (RO) Via Po Vecchio 1 - Tel. 0426 321260

seguici su

FERRARA Via Modena 250 - Tel. 0532 731138

Patio arreda

Acquista subito il tuo arredamento al PATIO con 150 € AL MESE ad INTERESSI ZERO Offerta di credito finalizzato valida fino al 30/7/2018. Esempio rappresentativo dell’acquisto € 7.100 TAN fisso 0% TAEG 1,34% in 48 rate di € 150 oltre le seguenti spese già incluse nel calcolo del TAEG: spese incasso e gestione rata € 1,50 per ogni mensilità, imposta sostitutiva addebitata sulla prima rata € 10,00, spese per comunicazioni periodiche (almeno 1 l’anno ) € 1,03. Importo totale dovuto dal Consumatore € 7.234,18.

Al PATIO trovi occasioni uniche da non perdere: cucine, salotti, soggiorni, camerette, tavoli e sedie tutto delle marche più prestigiose Il PATIO offre il Servizio di Trasporto e Montaggio eseguito da personale dipendente specializzato


COMPRAVENDITE COMPRAVENDITE

COMPRAVENDITE AFFITTI STAGIONALI AFFITTI STAGIONALI AFFITTI STAGIONALI CONSULENZE CONSULENZE

CONSULENZE

AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI Viale Adige, 12 - 30015 Sottomarina Lido (VE) - Telefono 041.5500459 - Fax 041.5509560 Sottomarina Lido (VE) Viale Adige, 12 - marina.immobiliare.chioggia@gmail.com - www.marinaimmobiliare1.it - Tel. 041 401053 - Fax 041 403644 Viale Adige, 12 - 30015 Sottomarina Lido (VE)marina.immobiliare.chioggia@gmail.com - Telefono 041.5500459 - Fax 041.5509560 Viale Adige, 12 30015 Sottomarina Lido (VE) - Telefono 041.5500459 - Fax 041.5509560 marina.immobiliare.chioggia@gmail.com NUOVE COSTRUZIONI

AFFARI DEL MESE

marina.immobiliare.chioggia@gmail.com

VIVERE IN CENTRO Nuova costruzione residenziale zona centralissima di Sottomarina. Concezione costruttiva ad alta efficienza energetica. Possibilità di personalizzazione degli interni. Info in agenzia

VENDESI VISTA MARE A Sottomarina appartamento mq70, composto da cucina-soggiorno e bagno 200mt dal mare, piano primo, ampio terrazzo, annessa cantina, arredato. € 160.000

VENDESI TERRENO EDIFICABILE

NUOVA REALIZZAZIONE

Complesso residenziale TWO TOWERS APARTMENTS Varie tipologie e soluzioni di appartamenti di nuova concezione costruttiva ad alta efficienza energetica. Possibilità di personalizzazione d’interni in fase di realizzazione Ottime finiture ampi garages. Info in agenzia

AGENZIA MARINA IMMOBILIARE INFO: 0415500459 - 3483855485

VENDESI

Sottomarina. Appartamento di mq 100 con ampi terrazzi 3 camere da letto un bagno, lavanderia ripostiglio, ampio soggiorno e bagno. Annesso posto auto coperto in autorimessa comune. INFO IN AGENZIA

IN VENDITA

VENDESI a Sottomarina appartamento, piccola palazzina al p.t mq 50 finemente ristrutturato. € 110.000

VENDESI Appartamento bi-locale a 50mt dal mare con ampio terrazzo. Affare info in agenzia

VENDESI

VENDESI

VENDESI

€ 450/mese arredato

Nuova costruzione, centro Sottomarina alta prestazione energetica. Metrature da 60 a 120 mq. Info in agenzia

Chioggia centro Calle Felice Cavallotti casa singola buone condizione sviluppata in 3 livelli AFFARE. Info in agenzia

appartamento p. 1 fronte mare di mq 150 con garage. Possibilità di creare due unità abitative. € 220.000

VENDESI

VENDESI

VENDESI

AFFITTASI

Esclusivo appartamento al p.2 di circa mq 60 oltre ad ampio terrazzo esclusivo di 60 mq. Annesso posto auto. € 130.000 trattabili

CENTRALISSIMO uso ufficio appartamento p. 1 viale milano mq 100 con possibilità di garage. Ottime condizioni.

AFFITTASI bi-locale Via Pigafetta p. 4

AFFARE Appartamento fronte mare mq 65 con garage arredato. € 170.000 trattabili

PELLESTRINA-VENEZIA, fronte laguna e mare, prestigiorsi ed esclusivi appartamenti di varie metrature. Prenotazioni per visite in cantiere


3

Facciamo. il punto

www.lapiazzaweb.it

Lodovica Comello canta “Run” della chioggiotta Agnese

L

La ragazza partecipa al contest “Una canzone per me” con Radio 105 e Rockol, e conquista l’artista internazionale

In crescita economia e incidenti sul lavoro Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

E’ paradossale pensare che negli ultimi anni questa piaga fosse diminuita fortemente solo perché la crisi aveva rallentato e azzerato molte delle nostre imprese. Eppure gli ultimi dati paiono raccontare proprio questo: la ripresa economica va di pari passo con la crescita degli incidenti sul lavoro. “C’è un chiaro grido di aiuto – ricordano i sindacati – che ci arriva da migliaia di lavoratori impegnati in aziende in cui si svolgono attività lavorative pericolose. Non bastano più le norme (sistematicamente disattese), non bastano più le proteste sindacali (che rischiano di cadere nel nulla). Occorre una seria analisi degli eventi e controlli sistematici e approfonditi, che oggi non vengono svolti per l’inadeguatezza degli investimenti”. Non serve dunque pensare a nuove leggi, serve ascoltare i lavoratori quando segnalano qualcosa che non va nelle attrezzature o negli impianti, servono più controlli e solleciti fatti alle aziende, servono investimenti e aiuti alle imprese stesse perché possano affrontare le spese necessarie a garantire i lavoratori. “La sicurezza – sottolineano i sindacati – deve tornare ad essere il più importante investimento all’interno delle aziende perché la tutela della vita e della salute rappresentano un diritto fondamentale e inalienabile che va garantito a tutti i lavoratori, diretti e degli appalti, indipendentemente dalla tipologia lavorativa”. Ne è convinta anche Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente del Senato, che intervenendo sull’argomento ha definito la situazione una vera e propria emergenza di cui il Parlamento neo eletto dovrà occuparsi al più presto. Sicuramente é il caso che tutti mettano a disposizione un serio impegno per arginare questo triste fenomeno, e che la Regione Veneto sia in prima fila sul fronte di questa giusta battaglia che coinvolge tutti noi.

odovica Comello canta Agnese Bighin. La favola a lieto fine è quella di una ragazza di Chioggia, Agnese appunto, che è destinata a diventare famosa con la sua canzone dal titolo “Run” grazie all’artista internazionale, molto conosciuta e apprezzata soprattutto dai giovanissimi. Tutto ha inizio quando la Comello lancia nella rete il contest “Una canzone per me”. Vi partecipano in oltre un migliaio, con proposte di vario genere. Fra queste vi è anche la canzone di Agnese Bighin che nel web ha già fatto la sua comparsa e ha riscosso significativi segnali di gradimento. Un bell’attestato che tuttavia non sgombera il campo da tanti “avversari” eppure la celebre Lodovica, presentatrice, attrice e soprattutto cantante, scePOLITICA glie, insieme ai giudici, proprio il brano della 23enne Sicurezza cantautrice chioggiotta. Dopo una lunga e attenta sul lavoro, selezione, Lodovica Comello e i giudici decidono tra • SERRAMENTI IN ALLUMINIO-PVC èi emergenza 6 brani rimasti in lizza. Ma Lodovica non ha dubbi: • PORTE PER INTERNI “questa è la canzone per me, non c’è storia” afferma. • PORTE BLINDATE Invita Agnese in un bar di Milano e le fa anche un • TENDE DA SOLE • ZANZARIERE piccolo scherzo: le dice che “Run” è la canzone che • TAPPARELLE • VENEZIANE • VETRI ha superato la prima selezione insieme a molte altre, • PARATIE ACQUA ALTA in realtà si tratta della scelta ultima, quella vincente. Germana Urbani >direttore@givemotions.it< • RIPARAZIONI E MANUTENZIONI Lodovica Comello canterà il brano di Agnese, lo interpreterà e ne farà la promozione. Lo sentiremo ’ultimo incidente sul lavoro, accaduto alle AcciaieRivenditore Autorizzato perciò alla radio e in occasione delle comparsate rie venete di Padova, ha coinvolto quattro giovani televisive dell’artista. Una bella soddisfazione per operai, ustionati dal calore dell’acciaio fuso. L’accaduto Agnese Bighin che ora vive a Milano, dove frequenta ha risvegliato in tutti noi l’attenzione su un argomento milani.infissi@gmail.com · cell. 338 3991390 la Nuova Accademia delle Belle Arti. sul quale non bisognerebbe mai abbassare la guardia: la

MILANI INFISSI

In crescita economia e incidenti sul lavoro

L

Borgo San Giovanni di Chioggia (Ve) n. 1165 (di fronte alle Poste)

®

Preventivi e sopralluoghi GRATUITI

di Chioggia

sicurezza sui posti di lavoro. 29 le vittime da inizio anno ad oggi, un dato che, aggiunto a quello degli infortuni, fa del Veneto la prima regione italiana per incidenti sul È un periodico formato da 15 edizioni localilavoro. mensilmente recapitato Direzione, Amministrazione e a pag 3 Redazione: segue a oltre 250.000 famiglie del Veneto. Questa edizione raggiunge le zone di Chioggia, Sottomarina e Sant’Anna per un numero complessivo di 15.250 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 22120

Concessionaria di Pubblicità Locale: via Lisbona, 10 · 35127 Padova tel. 049 8704884 · fax 049 6988054 >redazione@givemotions.it< >www.lapiazzaweb.it<

è un marchio registrato di proprietà Rimani sempre aggiornato con le news in tempo reale direttamente sul tuo smartphone di

Srl

Direttore responsabile (ad interim) Germana Urbani >direttore@givemotions.it< Ornella Jovane >o.jovane@lapiazzaweb.it<

facebook.com/lapiazzaweb

Periodico fondato nel 1994 da Giuseppe Bergantin Centro Stampa: Rotopress International via Breccia · Loreto (An) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

Clicca mi piace!

Chiuso in redazione il 11 maggio 2018


4

Chioggia

www.lapiazzaweb.it

La manifestazione Il 28 aprile scorso

La città si mobilita per dire No Gpl Oltre un migliaio di persone alla marcia organizzata dal Comitato, aderiscono i rappresentanti della politica e delle categorie economiche. Anche i giovani scendono in piazza

U

na giornata straordinaria per la città di Chioggia quella di sabato 28 aprile. Oltre un migliaio in piazza, tutti uniti per dire NO al GPL. La manifestazione si è aperta alle 9.30 con un intervento del presidente del comitato NO GPL Roberto Rossi, prima di percorrere il percorso intonando gli slogan di protesta fino a Punta Colombi. Presenti il sindaco Ferro con la fascia tricolore, gruppi del volontariato, studenti, tutto il comparto del turismo. I commercianti hanno chiuso i negozi ed esposto il car-

tello “Lasciateci liberi”. Liberi da un impianto che fa paura per la salute ma anche per l’economia della città. Un messaggio che la comunità ha lanciato unanime in attesa della sentenza del Tar del 10 maggio. Sulla ricaduta che l’impianto avrebbe per l’economia locale è stato realizzato uno studio, che presto verrà diffuso. “A fronte di una manciata di posti di lavoro di bassa manovalanza, ci sarebbero conseguenze negative per tutti gli altri comparti economici - spiega Rossi - a

cominciare dal settore edilizio: il valore delle abitazioni è già sceso drasticamente. Per non parlare della pesca. I 4 impianti di lavorazione del Consorzio della vongola verace, posizionati dove passerebbero le navi gasiere, avrebbero una perdita enorme. Infatti si sono presentati nel ricorso al Tar in sostegno dell’ordinanza del Comune”. Partecipi

Alcuni momenti della manifestazione, il corteo sfila a Chioggia per dire no all’impianto

Verso le Elezioni 2018 elezioni

ricorda ai soggetti interessati la propria disponibilità ad ospitare per le prossime Elezioni messaggi politici elettorali e inserti pubblicitari allegati al giornale. (In ottemperanza alla legge 28 del 22 Febbraio 2000). PER INFORMAZIONI: tel. 049

8704884 · info@givemotions.it

inoltre 8 parlamentari, senza alcun logo politico come richiesto dall’organizzazione. “Ora il problema viaggia su un ordine di interesse nazionale: i parlamentari si sono impegnati nel supportarci, rendendosi conto venendo in loco di cosa comporterebbe oggettivamente l’impianto - conclude Rossi Chioggia è un porto commerciale e non ha le caratteristiche per diventare industriale. I problemi sulla sicurezza non sono stati neppure trattati. In ogni caso la società dovrebbe rendersi conto che operare in un contesto ostile non sarebbe vantaggioso”. Daniela Savian

Navigazioni gasiere di Gpl, il Comune chiede la convocazione di una conferenza dei servizi

L

amministrazione comunale di Chioggia chiederà la convocazione di una nuova conferenza dei servizi sulla questione deposito di Gpl a Chioggia. Dopo un recente incontro tra il vicesindaco Marco Veronese ed il Comandante della Capitaneria di Porto, Giuseppe Chiarelli sul tema sicurezza della navigazione nel porto di Chioggia, quest’ultimo ha inviato una comunicazione al Ministero dei Trasporti e a tutti gli enti coinvolti sulla gestione del traffico delle navi gasiere che dovranno accedere al porto di Chioggia. Si sottolinea come la Città metropolitana vincolava la non assogettabilità alla procedura di Via del deposito di Gpl con “l’approvazione da parte dell’autorità competente delle necessarie varianti conseguenti all’introduzione del traffico di navi gasiere alla struttura organizzativa e gestionale del porto, emergenti dal piano di sicurezza” e come la variante al traffico navi gasiere comporti conseguentemente una variante al piano regolatore. “A questo punto, visto che non sarà sufficiente una ordinanza della CP per risolvere la questione ed il concretizzarsi delle nostre previsioni sulla indispensabilità di una variante al piano regolatore portuale – commenta Veronese – proporrei di convocare un tavolo della sicurezza sulla gestione della navigazione dovuta all’introduzione delle navi gasiere nel porto di Chioggia, al quale dovrebbero partecipare l’Autorità portuale in quanto di sua competenza, la Capitaneria di Porto, il CTR, la Città Metropolitana ed ovviamente il Comune. Come abbiamo sempre sostenuto nonostante le prescrizioni per la non assoggettabilità a VIA non fossero state soddisfatte, è stata rilasciata l’autorizzazione ministeriale che ha consentito la costruzione del deposito. Ora con questo parere la CP ha finalmente chiarito che la variante conseguente all’introduzione del traffico navi gasiere altro non è che la variante al Piano Regolatore Portuale e che questa comporterà non solo la Valutazione d’impatto ambientale per l’impianto ma anche la Valutazione aambientale strategica per il porto”.


SPESA FACILE

le OFFERTE scadono I NOSTRI PREZZI CONTINUANO SEMPRE CONAD THÈ LIMONE/PESCA lt 1.5

CONAD BIRRA DANA LATTINA cl 50

CONAD CONDIRISO gr 285 x 2

0.69

0.65

2.49

CETRIOLI VASSOIO

SAN MARZANO VERDE VASSOIO

CONAD CORNETTI VARI GUSTI

gr 600

gr 700

gr 450

1.49

1.45

2.19

CONAD MOZZARELLA

BRESAOLA DI MANZO

INSALATA DI RISO

gr125 x 3

al kg

al kg

1.89 32.90 9.90 Vieni a scoprire i nostri prezzi … VIA P. EMILIO VENTURINI, 53 · SOTTOMARINA (VENEZIA)


6

Chioggia

www.lapiazzaweb.it

Il caso Dopo l’ordinanza di sgombero “Al Bragosso”. Il sindaco: “Il Comune non ha competenza”

Sette migranti vivono in strada dopo lo sgombero: è sempre più emergenza U

na situazione preoccupante quella che si sta verificando a Chioggia in merito alla gestione dei migranti “sfrattati” dalla struttura “Al Bragosso” di Sant’Anna. Lo scorso 19 aprile, infatti, un blitz delle forze dell’ordine stabilito dalla prefettura di Venezia ha sgomberato lo stabile ritirando il permesso di soggiorno agli extracomunitari ospiti. Ad alcuni è stato revocato il diritto all’accoglienza, a causa di denunce per aggressione e resistenza a pubblico ufficiale. Queste persone, già da tempo non più in carico alla cooperativa, si sono ritrovate per strada, senza servizi igienici né cibo. Nei giorni seguenti le associazioni di volontariato come Caritas e ChioggiaAccoglie si sono attivate per trovare loro – almeno provvisoriamente – una sistemazione. In attesa che qualcuno tra loro potesse essere accolto in altre strutture i 15 migranti hanno dormito per una notte in canonica. Valterino Baldin, portavoce del comitato civico, ha lanciato un messaggio di preoccupazione per questa “situazione di grandissimo disagio” chiedendo una presa in carico della questione alle autorità. Il Comune di Chioggia in prima battuta ha comunicato che “Pur essendo tali episodi accaduti nel territorio comunale, il Comune non ha competenza in merito alla gestione dei soggetti interessati. Infatti tale gestione riguarda direttamente lo Stato tramite la Prefettura ed il Questore”. Disappunto da parte del capogruppo della Lega Dolfin: “Lo Stato prima accoglie e poi? Se hanno tolto loro i requisisti bisognerebbe rimandarli al loro paese perché ora ci ritroviamo con

7 clandestini in giro per la città, che qui devono restare in attesa della decisione della commissione...che potrebbe arrivare alle calende greche”. “Il sindaco ha delle responsabilità - continua il consigliere leghista - È anche una questione d’igiene e sicurezza, non può lavarsene le mani. Almeno un tetto a queste persone: non si può abbandonarle come cani. Ancora una volta si dimostra che le politiche sull’immigrazione gestite così sono del tutto fallimentari.” Attualmente sono 7 i migranti ancora senza sistemazione che sono tornati a cercare rifugio di fronte alla struttura. “Non va dimenticato che la perdita del diritto di ospitalità di quest’ultimi è dovuta alla reiterata non accettazione di questi delle soluzioni di accoglienza in nuove strutture a loro proposte oltre a comportamenti di insubordinazione al limite della legalità. Appare evidente infatti che tali rifiuti siano dovuti alla volontà di essere poco controllati dalle autorità italiane” puntualizza il sindaco Ferro, che ha fatto sapere che si attiverà per una collaborazione con le Forze dell’ordine per un controllo più assiduo. “Dato che hanno perso il diritto di accoglienza, che difficilmente sarà recuperabile, se ci saranno le condizioni si valuterà se attivare le procedure di espulsione dal territorio nazionale” conclude il primo cittadino “Non è pensabile infatti che il bivacco dei migranti in condizioni igienico-sanitarie insostenibili possa prolungarsi per tempi lunghi. Va trovata una soluzione legale che metta in sicurezza sia i migranti che i cittadini residenti”.

Il Bragosso. La situazione attuale in cui vivono i sette migranti (Foto Lorenzo Porcile)

Chioggia accoglie: “Stiamo lavorando per trovare una soluzione”

I

n questa circostanza drammatica l’associazione Chioggia Accoglie sta fornendo il suo aiuto concreto in prima linea. In questi giorni si sta occupando di portare ai migranti sfrattati cibo, acqua e indumenti e nel frattempo fornire il supporto legale per cercare di risolvere la difficile situazione e trovare una sistemazione. Come ha raccontato Barbara Penzo, attivista dell’associazione, sono situazioni complicate perché ci sono delle denunce in ballo, per cui è stato necessario avviare il ricorso alla revoca di accoglienza e il ricorso alla denuncia. “Si fa fatica a chiedere accoglienza altrove con queste difficoltà, serve un impegno indescrivibile ma ci tengo a dire che questi ragazzi non sono abbandonati a loro stessi perché stiamo lavorando per loro.” “Tutti sapevamo che la gestione alberghiera era pessima e io come consigliera più volte ho detto: attenzione, perché è una bomba a orologeria. Ho sempre chiesto incontri con la prefettura prima che succedesse tutto questo, ma l’amministrazione non ha mai risposto. Perché siamo arrivati

alle denunce? Ci sono persone con permessi di soggiorno scaduti da un anno, che dopo un anno di permanenza al Bragozzo non parlano una parola di italiano…” ha commentato Barbara Penzo, che conclude a nome dell’associazione: “Per capire una situazione bisognerebbe prenderla in mano: Chioggia Accoglie lo ha fatto e in qualche modo si è anche sostituita all’istituzione in questo. Raccogliendo documenti e testimonianze, incontrando persone, attraverso mediazione, scambio e un confronto con la prefettura, si può fare una valutazione della situazione e di ogni singolo caso. Sono emersi dati evidenti di una gestione sbagliata a monte. A fronte di questo bisogna ammettere che la responsabilità di ciò che è successo non può ricadere tutta su di loro. Certo hanno le loro responsabilità ma sfido chiunque ad essere “parcheggiato” così per anni se poi non protesta. Questo lavoro che abbiamo fatto noi però lo poteva fare benissimo il sindaco”.

Daniela Savian

Ambulatorio Veterinario D R.SSA P IVA RO ERIKA

visite cliniche • esami del sangue • chirurgia radiografie • ecografie • day hospital Via L. Baruchello, 10 · Rovigo · Tel.0425 412 100 · Cell. 347 563 82 95 Mattina 10,30-12,30 · Pomeriggio 16,30-19,30 · Giovedì e Sabato pomeriggio CHIUSO

D.S.


7

Chioggia

www.lapiazzaweb.it

Un’altra tappa per dare una nuova vita al Forte San Felice Firmato il protocollo d’intesa tra il sindaco Ferro e Fiorenzo Meneghelli, il presidente veneto dell’Istituto italiano dei Castelli

A

ltra tappa importante per la valorizzazione del patrimonio storico-architettonico di Chioggia. Venerdì 27 aprile, presso la Sala dei Lampadari del Municipio di Chioggia, è stato infatti stretto un importante accordo tra il sindaco Alessandro Ferro e il presidente della Sezione Veneto dell’Istituto Italiano dei Castelli, Fiorenzo Meneghelli. Il Protocollo d’intesa siglato mira soprattutto a dare una nuova vita al sistema difensivo di epoca veneziana e al Forte San Felice, indiscutibile patrimonio storico, monumentale e paesaggistico di Chioggia e della laguna sud di Venezia. Ai lavori di restauro veri e propri si affiancheranno tutta una serie di attività per la promozione del Forte sia a livello nazio-

Degrado, il sindaco bacchetta le “uscite” dell’opposizione

“L

nale che internazionale: studi storici e archivistici, ricerche, mostre, pubblicazioni, incontri, seminari, convegni, workshop e quant’altro si riterrà utile. Le visite guidate organizzate dal Comitato per il Forte San Felice, altro importante artefice del recupero e della riqualificazione del complesso monumentale, potranno così fregiarsi dell’Alto Patronato dell’Istituto Italiano dei Castelli, riconosciuto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. L’operatività del Protocollo si estenderà inoltre all’intero Parco delle fortificazioni del Porto di Chioggia, come prevede il Progetto Speciale del Piano Regolatore. Inclusi quindi anche l’ottagono veneziano (recentemente valorizzato da parte del Demanio

ai lavori di restauro veri e propri si affiancherà una serie di attività per la promozione del forte, a livello nazionale e internazionale

dello Stato) e il Forte Caroman, situato all’interno dell’omonima riserva naturale. Infine il progetto prevede anche un’opera di “ricostruzione virtuale” delle opere difensive non più esistenti come il Forte di Brondolo e il Forte San Michele. Danielas Savian

’ immagine della città va sempre tutelata da tutti i rappresentanti delle istituzioni, aldilà del loro colore politico”. Il sindaco Alessandro Ferro risponde agli interventi di alcuni consiglieri comunali di opposizione che, attraverso la stampa, hanno denunciato situazioni di degrado o scarsa cura dell’arredo urbano a Chioggia. “A volte ci si dimentica - osserva il primo cittadino - che, prima delle schermaglie politiche, ogni componente degli organi dell’ente ha il dovere di tutelare la cittadinanza ed il proprio territorio. Mi auguro quindi che alcune uscite che amplificano delle situazioni, non vengano ulteriormente strumentalizzate, in quanto amplificano una immagine negativa della nostra località in modo esagerato rispetto alla realtà. Invito pertanto tutti i rappresentanti delle istituzioni ad utilizzare correttamente il proprio ruolo”.

WEBSITE

EMAIL

www.adriaticaimmobiliare.eu info@adriaticaimmobiliare.eu

CONTATTI

041 55 40 444

INDIRIZZO

VIALE MEDITERRANEO, 10 - SOTTOMARINA (VE)

SOTTOMARINA

SOTTOMARINA

SOTTOMARINA

SOTTOMARINA

MONOLOCALE

TRILOCALE

TRILOCALE

BOX AUTO DOPPIO

PIANO: 4°;

PIANO: 1°;

PIANO: 1°;

PIANO: 1°;

SUPERFICIE: 30 Mq c.a.;

SUPERFICIE: 45 Mq c.a.;

SUPERFICIE: 60 Mq c.a.;

SUPERFICIE: 105 Mq c.a.;

CONDIZIONE: RISTRUTTURATO;

CONDIZIONE: RISTRUTTURATO;

CONDIZIONE: RISTRUTTURATO;

CONDIZIONE: BUONE;

RISCALDAMENTO: AUTONOMO ;

RISCALDAMENTO: AUTONOMO;

RISCALDAMENTO: AUTONOMO ;

RISCALDAMENTO: AUTONOMO;

CL. ENERG: IN DEFINIZIONE;

CL. ENERG: G;

CL. ENERG: IN DEFINIZIONE;

CL. ENERG: IN DEFINIZIONE;

In zona servita, luminoso monolocale composto di ingresso su In zona tranquilla e con facile parcheggio, trilocale ristrutturato al Nel centro storico di Sottomarina, appartamento di 60 mq In piccola palazzina, ampio appartamento di 105 mq composto da zona giorno con angolo cottura, bagno finestrato e terrazzino con 1° piano con ascensore. Dotato di ampio terrazzino con vista sul composto da ingresso, zona giorno con angolo cottura, 2 camere, ampia zona giorno con angolo cottura, 3 camere da letto, 1 bagno vista libera. bagno e terrazzo. Posto bici. verde. L’esposizione sud- est lo rende molto luminoso. e 3 terrazzi dei quali 1 verandato. Box auto doppio di proprietà. RIF:

AUP

55.000

POSSIBILITA’ DI AFFITTO CON RISCATTO

RIF:

CPT;

85.000

RIF:

M1P

120.000

RIF:

MSE1;

195.000

CHIOGGIA

SCEGLI LA TUA NUOVA CASA

SPLENDIDA VISTA LAGUNA PIANO: 1°; SUPERFICIE: 120 Mq c.a.;

VIA PEGASO, SOTTOMARINA

CONDIZIONE: RISTRUTTURATO; RISCALDAMENTO: AUTONOMO; CL. ENERG: IN DEFINIZIONE;

• • • • • • •

POSSIBILITA’ DI PERMUTA SENZA COSTI DI MEDIAZIONE AMPIE TERRAZZE VARIE METRATURE DISPONIBILI GARAGE E/O POSTO AUTO CLASSE ENERGETICA A A 100 MT DALLA SPIAGGIA

A pochi passi da Chioggia, splendido appartamento con vista sulla laguna. Si compone di ingresso, ampio salone, cucina, 3 camere, bagno, rispostiglio e 2 ampi terrazzi. RIF:

MIT;

200.000

SOTTOMARINA CENTRO VISTA MARE PIANO: 6°; SUPERFICIE: 110 Mq c.a.; CONDIZIONE: RISTRUTTURATO; RISCALDAMENTO: AUTONOMO; CL. ENERG: IN DEFINIZIONE;

Nel cuore di Sottomarina, imperdibile soluzione vista mare e laguna. Ingresso su zona giorno, campio salone, cucina, 3 camere e 2 terrazzi. Abitabile da Subito. RIF:

VV16;

250.000


8

Chioggia

www.lapiazzaweb.it

Sulle spiagge di Chioggia sventola ancora la Bandiera Verde per la gioia dei bambini Confermato il riconoscimento assegnato dai pediatri italiani alle spiagge più a misura di bambino. L’assessore Trapella in Abruzzo ritira il prestigioso vessillo

Bandiera blu, Sottomarina tra le sette spiagge venete

S

piagge a misura di turisti più piccoli. Un obiettivo che Chioggia da anni si prefigge e a cui guarda con interesse. Tanto da ottenere per il terzo anno di fila l’ambita Bandiera Verde, quella che i pediatri assegnano alle località balneari che rispondono ai criteri richiesti per garantire ai bambini una sana e adeguata vacanza. “Sabbia meglio di sassi e rocce, un po’ di spazio fra gli ombrelloni per giocare, acqua che non diventi subito alta in modo che ci si possa immergere in sicurezza”. Ma anche qualità dell’acqua e dell’offerta sulle spiagge, anche in termini di stabilimenti e tanto altro ancora. Tutti requisiti che Chioggia, insieme ad altre 136 località italiane e una spagnola, possiede e che hanno consentito all’assessore Patrizia Trapella di recarsi a Montesilvano, in Abruzzo, a ritirare il prezioso vessillo che sventolerà accanto all’altro grande lustro delle spiagge chioggiotte, la Bandiera Blu. “E’ un onore per la nostra città – ha commentato l’assessore – ricevere anche quest’anno la Bandiera Verde. Il nostro mare e le nostre spiagge si confermano una risorsa preziosa per il nostro territorio. Questa bandiera ci spinge a lavorare sempre meglio e sempre di più per garantire il rispetto e la dignità dei bambini e delle loro famiglie che frequentano i nostri stabilimenti balneari”. Grande soddisfazione per tutti dunque, anche se la questione ha aperto un piccolo “caso” politico. L’ex sindaco Giuseppe Casson oggi all’opposizione, infatti, non ha proprio gradito la -a sua direamnesia dell’assessore in carica che si è dimenticata di citare, nel conto, proprio il primo anno in cui la Bandiera verde fece per la prima volta la sua apparizione sulle spiagge di Chioggia. Allora era in carica proprio Casson che inaugurò questo corso virtuoso. Nessun problema per l’ex primo cittadino, se non il rammarico di non vedere attribuiti i meriti a tutti coloro che hanno contribuito al successo di questo percorso.

L’assessore Patrizia Trapella con il sindaco di Montesilvano, in Abruzzo, per ritirare il riconoscimento attribuito dai pediatri italiani alle spiagge

Anche quest’anno sventolerà sulle spiagge di Sottomarina l’ambita Bandiera Blu della Foundation for Environmental Education (Fee). Quella assegnata a Chioggia si aggiunge alle altre 7 riconosciute alle spiagge venete. Oltre alle spiagge di Chioggia sono state inserite nella lista Bibione; Brussa, Duna Verde, Levante, Ponente e Porto Santa Margherita a Caorle; Eraclea Mare; Jesolo Lido; Cavallino Treporti; Lido di Venezia; Rosolina Mare, Albarella Centro Sportivo e Albarella Capo Nord a Rosolina. Per quanto riguarda gli approdi, sono stati premiati Marina di Albarella (Rovigo); Darsena Le Saline a Chioggia, il Porto turistico di Jesolo, Marina del Cavallino e Darsena dell’Orologio a Caorle (Venezia).

turismo, 110mila presenze in più nell’estate 2017 Con un più 8,95 di arrivi e 8,22 di presenze rispetto all’anno precedente Chioggia ha la conferma numerica del boom relativo alla stagione turistica dell’estate 2017. I dati, forniti dalla Regione, registrano ben 110mila presenze in più del 2016 che fanno ben sperare, viste già le incoraggianti premesse di aprile, anche per l’estate che sta per cominciare. Un trend positivo che il Consorzio Lidi di Chioggia vuole sottolineare, motivandolo con la grande professionalità degli operatori e una robusta campagna di promozione delle tante eccellenze locali.


ECOCLIMA GAS

Cerchiamo I AGENAT NDATARI per

Società del Gruppo Autogas

IM MONO e/o PLURTE con OTTIME ZONE SCOPER UADAGNO POSSIBILITÀ di G

Le nostre soluzioni: GPL Riscaldamento - Fotovoltaico Risparmio Energetico - Pellets Ecoclima nasce nel 2004 come società operante nella distribuzione e vendita di g.p.l. in bombole e piccoli serbatoi a cavallo delle regioni Veneto ed Emilia Romagna per privati, aziende ed enti pubblici. Da sempre sinonimo di affidabilità, come testimoniano le diverse centinaia di clienti, Ecoclima ha sempre rivolto la propria attenzione al raggiungimento di un servizio puntuale e soddisfacente. La filosofia della Società esige che ogni impianto sia realizzato con professionalità e competenza, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza. In anni recenti, Ecoclima ha deciso di allargare la propria offerta di prodotti e servizi ai settori dell’Energia Elettrica, del Fotovoltaico, dell’Efficientamento Energetico e del Pellets con proposte dedicate e personalizzabili.

ECOCLIMA GAS Società del Gruppo Autogas

Via Canalette, 3 · 45012 Ariano nel Polesine (Ro) Tel. 0426 378402 · ecoclimagas@gruppoautogas.com www.gruppoautogas.com · Ecoclimagas


10

Chioggia

www.lapiazzaweb.it

“Questa città deve avere un ospedale di comunità e un hospice” Ortensio Crepaldi, il nuovo presidente dell’Ipab “Felice Federico Casson” illustra il programma e i progetti per ricavare 4-5 posti per l’hospice e 14 per l’ospedale di comunità nel primo piano del “Boschetto”

L

’Ipab “Felice Federico Casson” di Chioggia ha un nuovo presidente: Ortensio Crepaldi, infermiere, con 43 anni di esperienza nel settore, di cui oltre 20 come caposala nel reparto di Medicina, poi in Oncoematologia. “L’amministrazione comunale è stata oculata nella scelta dei cinque componenti” commenta Crepaldi: fanno parte del cda Luciano Frizziero, ex direttore amministrativo dell’Asl; Giorgio Filippo, psicologo; Andrea Zennaro, imprenditore; Erica Boscolo Pantalin, bancaria. Orgoglioso del team, Crepaldi crede nel lavoro di squadra e inizia il suo mandato nel segno della continuità. “Abbiamo adottato un istituto più che sano – afferma – e intendiamo portare avanti ciò che è stato già avviato dalla precedente

Ortensio Crepaldi, il nuovo presidente dell’Ipab Felice Federico Casson

amministrazione”. In particolare, il presidente guarda alle strutture alternative: “Ho sempre pensato che questa città abbia il diritto di avere un ospedale di comunità e un hospice”. In questo senso, un dialogo con il direttore generale dell’Ulss 3 “Serenissima” dott. Giuseppe Dal Ben è già iniziato e sta pro-

seguendo ed è positiva anche la collaborazione anche con l’amministrazione comunale, nella persona dell’assessore alle Politiche Sociali Patrizia Trapella. Per la realizzazione di tali strutture, si valuta di ricavare 4-5 posti per l’hospice e 14 posti per l’ospedale di comunità nel primo piano del “Boschetto”. A questo scopo, il presidente

Crepaldi spiega che “il primo step previsto dal cda dell’Ipab in accordo con il Comune è la permuta, affinché l’Ipab divenga proprietario delle strutture che gestisce ed appartiene al Comune e il Comune divenga proprietario di ciò che gestisce ed è dell’Ipab”. Ciò non toglie che, in via transitoria e per accelerare i tempi di attivazione dei servizi,

Chioggia-Pellestrina, sei corse Actv per i cicloturisti Lo scorso 21 aprile è stato ripristinato il servizio di collegamento Actv tra Chioggia e Pellestrina per gli appassionati delle due ruote. E così durante i fine settimana e nei giorni festivi sono programmate sei corse di rinforzo - di andata e ritorno - riservate ai cicloturisti. Il motobattello può trasportare 40 biciclette e 100 passeggeri. Da Chioggia per Pelletrina le partenze sono programmate alle 9,20; 10,20; 11,20; 15,45; 16,45 e 17,45. Da Pellestrina invece le partenze per Chioggia sono alle 9,45; 10,45; 11,45; 16,15; 17,15; 18,15. La battaglia di Laura Doria per pttenere un parco pubblico per i cani

I dolci tipici di Chioggia protagonisti al Vinitaly di Verona I dolci tipici di Chioggia hanno avuto il loro momento di gloria sotto i riflettori di Vinitaly, la prestigiosa kermesse di Verona che si è svolta dal 15 al 18 aprile scorso. Le specialità locali della città lagunare, nello specifico la torta ciosota e il biscotto zarlino, sono entrati in scena lo scorso 17 aprile nello stand Slow Food, ospiti di Agugiaro & Figna che propone progetti all’insegna della sostenibilità e dell’artigianalità, con lo scopo di valorizzare le produzioni tipiche legate al territorio. La torta Ciosota infatti è un dolce realizzato dagli artigiani pasticceri con due ingredienti tipici delle produzioni locali, il radicchio e le carote, mentre il biscotto Zarlino vuole essere un omaggio all’omonimo compositore.

Il parco per cani non si farà Laura Doria, che da mesi si era attivata per vedere realizzato il progetto del parco per i cani in via Zeno, ha alzato bandiera bianca. Lo ha fatto attraverso un video sulla sua pagina Facebook in cui ha riepilogato i fatti in prima persona.

Nonostante l’iniziale apertura dell’amministrazione comunale su una questione che sembrava sentita nella comunità (come dimostrato dalle 1139 firme), infatti, le cose non sono andate a buon fine. Doria si era resa disponibile a creare l’associazione che gestisse il parco nel momento in cui le era stata posta come condizione necessaria alla sua realizzazione. Ma le cose si sono complicate: il silenzio dell’amministrazione, poi una petizione affinché il parco fosse destinato ai bimbi anziché

il direttore generale dell’Ulss sia favorevole ad una collocazione dell’hospice e dell’ospedale di comunità nel primo piano ala Est dell’ospedale, in vista della sistemazione definitiva del primo piano del “Boschetto”. Oltre alle strutture alternative, si valuta anche un ampliamento dell’offerta della casa di riposo. “Attualmente – spiega Crepaldi – abbiamo 175 ospiti, i due centri diurni che accolgono circa 60 ospiti e tempi di attesa per le persone più impegnative non lunghi, di circa 60-90 giorni”. L’operazione, che andrebbe concordata con il direttore generale dell’Ulss e con la Regione, potrebbe portare alla creazione di ulteriori 25 posti. Margherita Bertolo

ai cani e infine le dichiarazioni del sindaco alla stampa in cui comunicava di non voler sottrarre spazio ai bambini con il parco per cani. In quegli stessi giorni la donna è stata poi minacciata attraverso l’affissione di biglietti anonimi dai toni accesi, in cui le veniva intimato di tornare a pensare ai fatti suoi. L’ultimo cartello avrebbe addirittura diffuso tra i residenti il timore della presenza di bocconi avvelenati per i cani nella zona adiacente al parco. Tre giorni dopo Laura è stata informata dal capogruppo comunale Bonfà della decisione del Comune di non dar seguito al progetto. “Mi dispiace molto di non essere riuscita a realizzare anche a Chioggia un parco pubblico e gratuito per i 5490 cani censiti” comunica infine Laura “ma non avrei mai pensato che si rivelasse una vera e propria odissea. Mi dispiace per chi ci può ancora credere, ma io non ho più le forze per continuare: già l’ambiente politico in passato mi ha deluso e anche ora mi ritrovo a constatare che c’è un modo di fare politica troppo lontano da come me lo immaginavo. Quindi per me la vicenda finisce qui. Da ora potrò recuperare il tempo che ho sottratto alla mia vita privata. Un grazie sincero a tutte le persone che mi hanno soDaniela Savian stenuto”.


11

Chioggia

www.lapiazzaweb.it

Quasi 600 bambini al corso salvavita, sulla rianimazione cardiopolmonare Per il secondo anno l’Ulss 3, insieme all’associazione Cuore Amico propone nelle scuole elementari del territorio il progetto che insegna ai ragazzi le manovre indispensabili

“I

ragazzi salvano la vita”: è questo il titolo dell’importante progetto, messo a punto e realizzato per il secondo anno dal Distretto di Chioggia dell’Ulss 3 e dall’associazione Cuore Amico, che ha coinvolto quasi 600 bambini delle quinte classi della scuola primaria di Chioggia, Cavarzere e Cona (coordinate nel progetto dalla dirigente scolastica Lia Bonapersona dell’Istituto Comprensivo 5 Circolo “B. Caccin”). I bambini hanno concluso a metà aprile il corso di rianimazione cardiopolmonare, organizzato nei plessi scolastici del territorio e tenuto dalle infermiere della Pediatria e del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Chioggia (Simonetta Ecca, Jessica Chiodi, Laura Vianello, Cristina Doria) grazie al contributo di Cuore Amico. “Abbiamo replicato questa esperienza – ha detto il direttore generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – perché è importante diffondere la cultura della prevenzione fin dalla tenera età. L’insegnamento delle manovre di rianimazione cardiopolmonare nelle scuole primarie, infatti, è efficace perché, come riportato da numerosi studi scientifici, i bambini sono molto motivati, imparano in fretta e riescono a mantenere nel tempo le abilità acquisite. Rispetto agli adulti sono molto più recettivi avendo meno paura di sbagliare, minori inibizioni e maggiore disponibilità a mettersi in gioco. Iniziare in giovane età significa far sì che la rianimazione cardiopolmonare possa diventare come nuotare o andare in bicicletta: i bambini non dimenticheranno mai come si salva una vita”. “Anche quest’anno – ha aggiunto il Primario di Pediatria Mario Lattere – hanno partecipato con entusiasmo al corso numerosi bambini, tra i 10 e gli 11 anni, imparando così a riconoscere uno stato di criticità come l’arresto cardiaco e mettere in pratica tutte le manovre salva-vita, come la rianimazione cardiopolmonare in attesa dell’arrivo del personale dei servizi medici di emergenza. Una iniziativa che

nasce dalla necessità di aumentare la diffusione dell’abilità delle manovre nella popolazione laica (cioè non sanitaria) in quanto, la rianimazione praticata dai testimoni presenti al momento dell’episodio critico aumenta di molto la percentuale di sopravvivenza del paziente”.

Alzheimer, uno sportello in ospedale

Lo staff che ha lavorato alla progettazione e realizzazione del corso riservato ai quasi 600 ragazzi della quinta elementare di Chioggia, Cavarzere e Cona

L’ufficializzazione dello sportello

U

Benvenuti alla nuova Residenza Anziani “Adele Zara” di Mira

“Costruiamo insieme il tuo benessere con passione e professionalità” Visita il sito residenzemira.it o contattaci al numero 041.5600801 per qualsiasi informazione. Le “Residenze Sociosanitarie” della Cooperativa Socioculturale si trovano in una zona residenziale immersa nel suggestivo paesaggio delle Ville Venete della Riviera del Brenta in località Mira Porte

n luogo di ascolto, informazione e orientamento ai familiari. Con questo intento è stato aperto ufficialmente lo scorso 19- aprile lo sportello dedicato all’Associazione di volontariato dell’Alzheimer di Chioggia che ha sede presso gli spazi dell’atrio dell’ospedale (dove si trovano anche le altre associazioni). L’associazione di Chioggia è stata fondata la scorsa estate ed è presieduta da Anna Maria Borgato, è parte integrante ed opera in stretta collaborazione con l’Associazione veneziana il cui presidente è Clara Urlando. “Diamo il benvenuto in Ospedale a questa nuova Associazione – ha detto il DG Dal Ben – che, insieme alle altre associazioni di volontariato che ospitiamo in questi spazi ospedalieri, collaborerà con noi nella umanizzazione dei percorsi assistenziali, aiutandoci sia a facilitare l’accesso ai servizi che a sostenere con un sorriso e una parola gentile i pazienti più fragili e la loro famiglia”. Lo sportello informativo, situato negli spazi dedicati alle associazioni, nell’atrio dell’Ospedale, è aperto tutti i giovedì mattina, dalle 10.00 alle 12.00. Per ulteriori informazioni sull’Associazione visitare il sito: www.alzve.it


12

Chioggia

www.lapiazzaweb.it

Radicchio, “Burian” compromette la produzione primaverile

Commercio illegale in spiaggia, i primi sequestri

I ritardi nella lavorazione condizionata dal maltempo di febbraio e marzo hanno provocato una riduzione dell’80 per cento nelle prime due settimane di aprile

S

e la scorsa primavera ci pensò la grandine a ridurre la produzione, quest’anno il gelido “Burian” ne ha compromesso la resa. E così il radicchio precoce primaverile di Chioggia si fa desiderare all’Ortomercato di Brondolo, a causa del maltempo che da febbraio e per tutto marzo, con le sue basse temperature, il vento e la neve, ha condizionato tempi e modalità di lavorazione dell’ortaggio. Le coperture protettive sono state tolte dopo i tempi previsti di norma ritardando, di conseguenza anche i tempi di avvio della raccolta. A metà aprile, poi, con i primi raccolti e conferimenti all’ortomercato, è emerso anche un quadro un po’ più chia-

ro, relativamente alla produzione che, in effetti, è risultata inferiore alle aspettative: l’80 per cento in meno rispetto allo stesso periodo del 2017. Se, infatti, lo scorso anno nelle prime due settimane di aprile erano stati posti all’asta 10mila quintali, quest’anno i quintali sono stati solo 2mila. “Le preoccupazioni - spiega Giuseppe Boscolo Palo, presidente del Cnsorzio di tutela del Radicchio di Chioggia - non finiscono qui. Al ritardo della maturazione del prodotto si aggiunge la prospettiva di un aresa produttiva per ettaro comunque motlo inferiore”. E dopo il crollo della produzione di aprile si teme per il mese di maggio. “I trapianti di febbraio e mar-

Il presidente del Consorzio di tutela del Radicchio di Chioggia Giuseppe Boscolo Palo

giuseppe Boscolo Palo: “Questo crollo non è dovuto a una diminuzione degli investimenti, che sono anche leggeremente superiori rispetto allo scorso anno”

zo, a causa delle insistenti piogge che non consentivano di svolgere tempestivamente tali operazioni , - continua il presidente Boscolo palo - sono stati effettuati con piantine che avevano più dei canonici trenta giorni dalla semina, e in molti casi sono state messe a dimora su terreni impregnati d’acqua”. “C’è dunque da aspettarsi il protrarsi di una ulteriore diminuzione produttiva anche per il prodotto in raccolta a maggio e questo non solo nel territorio di Chioggia, ma in moltissime altre aree di coltivazione”.

C

on la bella stagione e le temperature sopra la media stagionale che anticipano l’estate, le spiagge tornano a riempirsi di turisti, quelli del fine settimana, e con loro si rivedono anche i venditori abusivi. E così, già con i primi due fine-settimana di aprile, la Polizia locale si trova a fare i conti con la prima merce requisita. Bigiotteria varia, giocattoli, occhiali, abbigliamento..., in tutto 300 pezzi, raccolti in quattro sequestri nell’azione eseguita lo scorso 14 aprile, la prima dell’anno, sulla spiaggia di Sottomarina, nella zona vicino alla Diga.

Sicurezza sulla Romea, l’Anas tace e anche la Regione

M

essa in sicurezza della Statale Romea, tutto tace. L’amministrazione di Chioggia manifesta disappunto per la lunga attesa di qualche notizia in merito e il grande silenzio su cosa Anas abbia intenzione di fare per la strada più pericolosa d’Italia. “Negli ultimi incontri - spiegano il sindaco Alessandro Ferro e l’assessore Elga Messina insieme al presidente del consiglio comunale Entri Bullo - Anas aveva promesso di fornire entro settembre 2017 uno studio con i costi-benefici delle soluzioni prospettate dall’amministrazione e quelli suggeriti dallo stesso ente per le strade, valutazione della variante Arzerone compresa”. E invece, a maggio ormai iniziato, non vi è stato nessun segnale nè da Anas, nè dalla Regione, lamentano gli amministratori chioggiotti che più di una volta - sostengono - hanno chiesto un confronto con il capo compartimento del Veneto, l’ingegner Gabriella Manginelli. “A tutt’oggi - ha dichiarato Endri Bullo - sappiamo solo che l’A.D. di Anas Armani, ha incontrato alcuni rappresentanti del Comitato Romea dichiarando che le cifre dell’intervento sono aumentate”. Da qui l’invito alla Regione. “Il governatore Zaia prosegue e conclude Bullo - dovrebbe sollecitare il suo assessore competente in materia Elisa De Berti a dare le risposte che ha promesso e l’amministratore delegato Armani a far sì che i suoi dirigenti rispettino gli impegni presi con glie nti locali”.


CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

FONDAZIONE

CAVANIS

ACCREDITATO DALLA REGIONE VENETO AI SENSI DELLA L.R. 19/2002 - DEC 811-812-813-814 del 28 luglio 2017

CORSI TRIENNALI IN OBBLIGO SCOLASTICO PER L’ACQUISIZIONE DI UNA QUALIFICA PROFESSIONALE RICONOSCIUTA IN EUROPA

UNIONE EUROPEA

Sono aperte le Iscrizioni per i Corsi di Abilitazione all’esercizio della professione di Acconciatore ed Estetista Durata del corso: 900 ore (di cui 300 lezioni frontali e 600 stage) Le 300 ore di lezione frontale sono svolte presso la sede del CFP Cavanis a Chioggia nelle giornate del lunedì (mattina e pomeriggio) e del martedì (mattina) L’attività di stage di 600 ore viene svolta presso aziende del settore. PER INFORMAZIONI telefona in segreteria al n. 041 400922

FONDAZIONE CAVANIS Campo Marconi 112 · 30015 Chioggia (Ve) Tel. 041 40 09 22 · Fax 041 55 09 812 info@cavanischioggia.it · www.cavanischioggia.it


Stil Bimbi di Fabbris M. Stella

ABBIGLIAMENTO 0-18 ANNI NEONATO PREMAMAN E DONNA

PORTO VIRO Località Donada (Rovigo) · Via Roma, 20 · tel. e fax 0426 81382

tantissimi CAPI SCONTATI 30% 50% 60%

Mese delle PROMOZIONI completini MARE BIMBO e BIMBA a partire da € 15 PORTO VIRO Località Donada (Rovigo) · Via Roma, 35 · tel. e fax 0426 320373

www.stilbimbi.it ·

seguici su Facebook


15

Chioggia

www.lapiazzaweb.it

L’iniziativa Offerta turistica e innovative attività di accoglienza a Betlemme e a BeitSahour

SpecialItaly, un progetto internazionale di turismo inclusivo “S

pecialItaly” coinvolge anche la città di Chioggia. Si tratta di un progetto di cooperazione internazionale triennale promosso dall’ Aics, Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo finalizzato particolarmente ad uno “sviluppo inclusivo del settore turistico a Beit Sahour e Betlemme”. L’iniziativa è stata presentata sabato 21 aprile scorso nella Sala dei Lampadari del Palazzo Comunale di Chioggia alla presenza del sindaco Alessandro Ferro, dell’assessore al Turismo Angela d’Este, Jiries J.J. Qumsiyeh del ministero del Turismo e dell’Antichità della Palestina, Wafa Farid Musleh del Caritas Baby Hospital e Souzy Lama Hazin dell’Antonian Charitable Society of Bethlehem. “SpecialItaly” propone anche la realizzazione di un albergo diffuso nel cuore di Betlemme, per il quale saranno selezionate e formate 25 famiglie palestinesi, puntando inoltre alla ristrutturazione di abitazioni in disuso e all’avviamento di almeno quattro imprese sociali. L’iniziativa promuove l’offerta turistica nei municipi di Betlemme e BeitSahour, sviluppando attività innovative di accoglienza (albergo diffuso) e servizi di ristorazione di qualità attraverso il trasferimento di competenze e capacità nell’organizzazione dei servizi turistici e gastronomici di soggetti pubblici e privati di 5 regioni italiane (Emilia Romagna, Veneto, Basilicata, Puglia e Sicilia). Il progetto riserva una particolare attenzione alla parità di genere e all’inclusione lavorativa di giovani e adulti disabili nel settore turistico e dei servizi, in collaborazione con il partner locale Lifegate. Sono previsti accordi di gemellaggio con gli enti locali italiani coinvolti e un ampio programma di visite di scambio e di amicizia tra oltre 200 volontari italiani e palestinesi. La partecipazione di istituzioni scolastiche italiane, gli stage e le visite di giovani palestinesi in Italia e le azioni di comunicazione hanno anche la funzione di promuovere azioni di Educazione alla cittadinanza globale. Gli studenti delle classi terze dell’indirizzo enogastronomico dell’Istituto Cestari-Righi-San-

donà sono intervenuti alla presentazione del progetto guidati dal prof. di Sala-Bar-Vendita Giuseppe Conte allestendo un ricco buffet alla presenza di amici palestinesi che li hanno affiancati nella preparazione delle loro pietanze tipiche. Assai commoventi le testimonianze degli ospiti palestinesi che hanno raccontato della loro permanenza in una terra martoriata da lotte e divisioni devastanti, dove è necessario lottare

I ragazzi dell’indirizzo enogastronomico intervenuti alla presentazione del progetto

per il mantenimento della propria identità cristiana, e del loro incontro con alcuni amici italiani che si erano recati in Terra Santa per visitare i luoghi dove è vissuto Gesù, ma anche per in-

contrare la gente, per conoscere e condividere il quotidiano, la vita reale. Ne è così scaturita un’amicizia e questo progetto di cooperazione internazionale. Eugenio Ferrarese

“Caminà per Ciosa e Marina” da record

“S

ardele in saore” per tutti gli oltre 4000 partecipanti alla 35a edizione della “Caminà per Ciosa e Marina”. La manifestazione sportiva ludico-motoria a passo libero organizzata dall’ASD Marathon Cavalli Marini è diventato un appuntamento tradizionale per la città di Chioggia che attira i tantissimi appassionati giunti da ogni parte del Veneto ed anche da altre parti d’Italia. Il 1 maggio scorso sono giunti 12 autobus provenienti da Vicenza, Verona, dal territorio padovano e veneziano per partecipare a questa competizione a passo libero con partenza dall’Isola dell’Unione e con la possibilità di scegliere vari tipi di percorsi: 7 chilometri, 13 chilometri, 18 chilometri ed uno di 4 chilometri per i diversamente abili grazie alla collaborazione dell’UILDM di Chioggia. Lungo il tragitto percorrendo anche tratti della battigia vi erano 4 ristori e in uno di questi ai Bagni Internazionale in spiaggia sono state preparate 80 kg di “bevarasse in cassopipa”. Oltre ad una ottantina di Cavalli Marini a disposizione per

vi aspettiamo da Giugno tutti i sabati dopo cena e le domeniche orario aperitivo con

Via Dante Alighieri, 14 • Cavarzere (Ve) Tempismo DiVino

tutti i servizi (iscrizione, ristoro, pulizie, segnalazioni lungo i percorsi…) hanno attivamente contribuito alla riuscita manifestazione sportiva anche una decina di membri della Protezione Civile e 13 studenti del CFP - scuola alberghiera di Chioggia che hanno seguito le indicazioni del loro insegnante/chef Marino Concon e del dirigente dott. Stecca per preparare le “sarde in saore”. Massimo Perini, presidente dell’ASD Marathon Cavalli Marini, non nasconde il suo entusiasmo e ringrazia tutti coloro che hanno collaborato: il Comune di Chioggia, la Pro Loco Chioggia, la SST, la Lattebusche - che ha fornito 3000 gelati e 4000 yogurt - la Direzione del Mercato Ortofrutticolo di Chioggia, la Croce Rossa, la Protezione Civile e la Polizia Locale, l’assessore allo sport Isabella Penzo e Daniela Ballarin, responsabile dell’ufficio Pubblica E.F. Istruzione.


16

Chioggia .

www.lapiazzaweb.it

Politica Quando candidarsi non è sufficiente

A scuola per diventare amministratori Beniamino Boscolo Capon racconta l’importanza della formazione sulla gestione della cosa pubblica

S

tanno per volgere al termine gli incontri della Scuola di formazione politica per amministratori di enti locali diretta da Beniamino Boscolo Capon. L’iniziativa è nata in seno all’Associazione “Il Circolo Veneto” e ha ottenuto il patrocinio della Città metropolitana di Venezia. 71 gli iscritti, per una media di 45 presenti, provenienti da 31 comuni, 21 dei quali interni alla Città metropolitana. Metà degli allievi provengono da Forza Italia, l’altra metà da liste civiche, Lega, e uno dal Movimento 5 stelle. Attraverso i 9 incontri iniziati l’ot-

tobre scorso e che termineranno all’inizio di giugno, come sempre, al Novotel di Mestre, la scuola intende formare alla gestione della cosa pubblica gli amministratori locali. Abbiamo approfondito il tema con il direttore Beniamino Boscolo Capon. Perché impegnarsi in politica oggi? “Non c’è un perché: si tratta di una passione, che si coltiva nel sociale, nel lavoro, nella cultura. Una passione che aumenta e si rivolge verso agli altri”. Eppure oggi la politica spesso si associa alla corruzione e all’in-

Alcuni momenti delle lezioni. La foto di gruppo, Beniamino Boscolo Capon nel suo intervento

competenza… “L’etichetta della politica va di moda più di altre. Ma se pensiamo a tutte le critiche che subiscono i sindacati o a quanto accade nel mondo della Chiesa o dell’associazionismo, comprendiamo che sono le persone a fare la differenza”. Come può formarsi un politico oggi? “In Italia manca una scuola di formazione politica. Un tempo questa carenza veniva compensata dalla scuola di partito, dai sindacati o addirittura dalla Chiesa, che con i movimenti cattolici preparava i giovani all’impegno verso gli altri attraverso la politica”. Quali sono, dunque, gli obiettivi della scuola che dirige? “Innanzitutto fornire infor-

mazioni mirate, tecnico-amministrative, culturali, di comunicazione e di marketing. Poi mettere in relazione gli amministratori con docenti universitari che seguono temi importanti per i comuni, come smart city e ambiente, con dirigenti della Regione, con funzionari che lavorano con i bandi europei. Ma abbiamo ospitato anche Paolo Fortin, uno dei massimi esperti dell’ANCI per quanto riguarda l’unione e la fusione dei comuni, i finanziamenti dei patti territoriali, i protocolli di intesa con la Regione. Infine, il terzo obiettivo della scuola è favorire la conoscenza reciproca e la condivisione fra amministratori di comuni limitrofi. Quanto è forte la consapevolezza, tra gli amministratori, della necessità formativa? “Gli amministratori sono affamati di formazione: non è sufficiente candidarsi, ottenere la fiducia degli elettori attraverso le preferenze e arrivare a fare il consigliere, l’assessore o il sindaco, perché non ci sono più i partiti di un tempo con una gerarchia, una segretaria con cui ci si poteva confrontare. Ora, ad esempio, un sindaco di una lista civica si trova a dover costruire da solo la sua rete di relazioni”. Margherita Bertolo

APER DA M T I D A L L I L V E N E TÀ G I U G E OR E 11 ERDÌ, SA NO SIAM B O CON O R A RAT O E D O IO CO MENI C NTIN UAT OA

PIZZERIA PIADINE • PANINI CALDI

041 55 40 550

V.le Padova, 1 • Sottomarina di Chioggia (Ve) • ANCHE SU PRENOTAZIONE www.pizzeriadaleo.it • Pizzeria Da Leo


17

Cultura .

www.lapiazzaweb.it

Le grandi mani di Quinn lasciano Venezia Rimosse ad inizio maggio, sono tornate nello studio dell’artista in Spagna. Potrebbe non essere un addio ma un arrivederci, come vorrebbe lo stesso Quinn che auspica di trovare un accordo con l’amministrazine comunale di Venezia e la soprintendenza

E

’ stato a suo modo uno spettacolo anche quello, che ha spopolato in rete: le operazioni di rimozione delle gigantesche mani che per un anno circa – allestite in occasione della scorsa Biennale d’Arte contemporanea di Venezia 2017 - hanno sorretto, simbolicamente, l’hotel Ca’ Sagredo, spuntando possenti e rassicuranti dal Canal Grande. Lo scorso 7 maggio la scultura di Lorenzo Quinn è stata trasportata nella sede dove prese forma, presso lo studio dell’artista in Spagna. Potrebbe tuttavia non trattarsi di una separazione definitiva con Venezia ma solo di un arrivederci. E’ lo stesso auspicio dello scul-

tore che ha manifestato in più d’una occasione l’intenzione di proseguire il connubio artistico con Venezia. E più volte ha detto che “Support” con le sue grandi mani bianche, alte 9 metri per 2 tonnellate di peso, è ormai un bene che appartiene alla città lagunare, da qui l’intento di trovare un’intesa con l’amministrazione e le autorità competenti – la Soprintendenza ai beni culturali - per valutare un ritorno nel prossimo futuro. L’opera che vuole essere un messaggio universale sulla necessità di preservare la Terra dai cambiamenti climatici, a Venezia si è arricchita di un nuovo si-

gnificato, altrettanto simbolico e allusivo, e cioè quello dell’importanza di salvaguardare una città tanto bella, preziosa e unica quanto fragile. Le grandi mani sono quindi un dono che Quinn, l’artista romano figlio del celebre attore americano Antony, vorrebbe destinate ai veneziani, perché in terra veneta questa scultura ha richiamato l’attenzione del mondo, reale e virtuale, ottenendo un successo planetario. Del resto anche la direttrice di Ca’ Sagredo, Lorenza Lain, insiste: “Le mani di Quinn devono tornare a Venezia. Aspettiamo con fiducia gli ulteriori sviluppi”. Dove potrebbe trovare collo-

cazione “Support”? Le proposte non mancano. Ci sono varie opzioni allo studio. In primo luogo l’Arsenale, con la Biennale 2019.

Ma vi sono altre alternative, non ultima la sede di Forte Marghera, già destinata all’altra opera di Quinn, “Stop Playing”.

L’arte di Ramona Volpato e Asia Carrai in mostra a Campagna Lupia

U

na mostra d’arte a Campagna Lupia fatta da madre e figlia. Questa la bella esposizione pittorica di Ramona Volpato e Asia Carrai nella sala consigliare del municipio del centro rivierasco, inaugurata nelle scorse settimane visitabile fino al prossimo 31 marzo. Una mostra dal titolo evocativo “Uno sguardo introspettivo sull’orlo dell’infinito” . La mostra sarà visitabile di fatto ogni giorno, fino a quando cioè il municipio resta aperto. Ramona Volpato, architetto, da anni si cimenta con l’arte pittorica, e ora anche la giovane figlia Asia di 21 anni sembra volerne seguire le orme. “ Parlare dell’arte di Ramona Volpato - ha detto la critica d’arte Lidia Mazzetto che è anche assessore alla Cultura al Comune di Noale- è parlare di legami vitali , di cose umane pertinenti l’umana condizione. In Ramona Volpato, nella sua opera tutta, pare impossibile non cogliere la tinta dei corpi femminili che sembrano venire dalla terra in cui poggiano: una assonanza rimarcata della loro nudità e della naturale vocazione ad essa. Le pennellate frenetiche che compongono gli ambienti primordiali, preistorici in senso scientifico, danno la vibrazione di fondo che da tempo caratterizza un’arte quella della Volpato, che ho avuto modi di definire realismo magico”. Diversa ma toccante anche l’arte della figlia Asia in esposizione con la madre. Le opere di Asia “risentono di una struggente e affannata ricerca dei sentimenti . Il simbolismo evocato rappresenta, nella sua giovanile intemperanza, la voglia di comprendere e far parte del mondo“. (al.ab.)

NOVITÀ DEL MESE

Realizziamo il Giardino dei tuoi Sogni

con la DETRAZIONE del 36% su tutti i servizi Pareti Verdi Potature Allestimenti per Cerimonie ed Eventi Installazione Robot Tagliaerba

serietà e professionalità con oltre 20 anni di esperienza Perito Agrario MORENO BARENDI · cell. 348 6046422 info@vivaibarendi.com · www.vivaibarendi.com · seguici su


APERTO TUTTI I GIORNI!!!

DALLE 9.00 ALLE 12.30

E DALLE 15.30 ALLE 19.30 QUALITÁ

PROFESSIONALITÁ

SERVIZIO

M A D E I N I TA LY

PROMOZIONE VALIDA DAL 24 MAGGIO AL 17 GIUGNO 2018

539

ROVERE

EASY

116

CAMERETTA A PONTE, VARI COLORI. L289, H245, P87 CON SECONDO LETTO.

TAVOLO ROVERE 180X90 GAMBE IN VETRO 12 MM

ARMADIO H245, P53.3 DISPONIBILE IN VARIE MISURE:

116 150 240 € 4 ANTE: L163,4 280 5 ANTE: L203,9 €360 6 ANTE: L244,2 €396 1 ANTA: L42,3 €

DA €

EASY

2 ANTE: L82,6 € 3 ANTE: L123,1 €

DESIGN

260

€ DAVIDE

2.190

DIVANO LETTO CM195

DIVANO 285•245, REVERSIBILE

1.050

499

KIRA

CUCINA 3,60 MT CON LAVASTOVIGLIE, MICROONDE, FRIGO COMBINATO, FORNO, CAPPA NERA

GRAFICA ALESSANDRA VECLANI

MEMORY

MATERASSO RIVESTIMENTO IN MEMORY NON SFODERABILE, H22

ELASTOCELL

129 259

80X190

160X190

CON GLI SCONTI

MATERASSO IN ELASTOCELL H.12 SOTTOVUOTO

39,90 79,90

80X190

160X190

Via Orti 7/A - Monselice - 0429 72209 / 72779 LA PIAZZA maggio 2018_copertina-mobili elettrodomestici2017.indd 1

14/05/18 10:15


ARISTON

DAIKIN

9000 btu

9000 btu

Condizionatore Ariston thermo classe A++ r32 pompa di calore

9000 btu

389 € 479

12000 btu

COMFEE

ARGO PRIOS Condizionatore classe A++ r32 inverter pompa di calore

349 € 389 €

condizionatore ecoplus CL A+ inverter pompa di calore

399

12000 btu

12000 btu

499

ELECTROLUX

Condizionatore, pompa di calore inverter classe A++ r32

12000 btu

359

SAMSUNG condizionatore Samsung quantum Maldives classe A++ r32 inverter pompa di calore

599

419

HAIER

Frigorifero SIDE BY SIDE 518 litri Classe A+ Total NO FROST

9000 btu

399 € 489 €

12000 btu

Frigo inox 318 lt cl A++ ventilato congelatore no frost

99

BOMPANI

Piano cottura a 4 fuochi GAS

159

279

299

219

HAIER

BEKO

Congelatore orizzontale, 200lt, CL A

Lavastoviglie CL A+, 5 programmi. Bianca

Lavastoviglie ad incasso, CL A++, 15 coperti, 9 programmi con TERzO CESTO

Forno ad incasso, inox ventilato CL A

299

269

179

HAIER 7 kg 1000 giri classe A+++, partenza ritardata, programma rapido

239

SMART TECH

tv 39 pollici led

ELECTROLUX

7 kg 1200 giri classe A+++, maxi oblò

Congelatore orizzontale, 100lt

BEKO

Congelatore verticale, 168lt h136 CLA+,6 cassetti.

169

STRONG

tv 32 pollici led

Lavatrice 9 kg 1200 giri classe a+++ motore inverter 10 anni di garanzia

BOSCH

WHIRPOOL

7 kg 1200 giri classe A+++, partenza ritardata, funzione vapore

BEKO

BEKO

WHIRPOOL

249

299

399

I prezzi potranno subire variazioni in caso di eventuali errori tipografici e modifiche alle leggi fiscali. Le foto sono solo rappresentative. Alcuni prodotti potrebbero non essere presenti.

- Via Orti 7/A - Monselice - 0429 72209 / 72779

LA PIAZZA maggio 2018_copertina-mobili elettrodomestici2017.indd 2

Visitaci su Facebook

14/05/18 10:15


20

Sport

www.lapiazzaweb.it

Calcio “Trofeo Aldo e Dino Ballarin”

In campo per ricordare il grande Torino 4

maggio 2018: studenti e docenti delle scuole superiori di Chioggia nel campo comunale per disputare il secondo trofeo “Aldo e Dino Ballarin”. L’iniziativa si inseriva nelle due commemorazioni proposte dal Comune di Chioggia per ricordare i fratelli Aldo e Dino Ballarin e il Grande Torino a 69 anni dalla tragedia di Superga. Il quadrangolare di calcio ha visto la partecipazione di 4 squadre: professori, studenti del Cestari, del Righi e del Veronese. Sulle tribune erano presenti ad applaudire compagni e docenti in campo tutte le classi del triennio del Cestari-Righi e qualche classe del Liceo Veronese. I docenti, col fiatone ma con tanta grinta, hanno vanamente tentato di arginare gli attacchi dei giovanissimi ed agguerriti studenti del Veronese nella prima partita. Nella seconda partita più equilibrato lo scontro tra Cestari e Righi, vinto dai primi. Nella finale per il primo posto il

Il Trofeo Aldo e Dino Ballarin che ha visto protagonisti stundeti e docenti

Liceo batteva gli studenti del Cestari aggiudicandosi così la bella coppa del trofeo consegnata dall’assessore allo sport Isabella Penzo. Per tutta la durata della manifestazione lo speaker Marco Lanza ha accompagnato tutte le fasi delle partite ricordando la storia dei due grandi campioni chioggiotti Aldo e Dino Ballarin e la storia del Grande Torino conclusasi tragicamente sulla colli-

Per tutta la durata della manifestazione lo speaker marco lanza ha accompagnato tutte le fasi delle partite ricordando la storia di aldo e Dino Ballarin

na del santuario di Superga. E un pensiero è stato rivolto anche ad Edoardo Marchetti, giovane arbitro recentemente scomparso. L’assessore Isabella Penzo ha rivolto un ringraziamento ai docenti che hanno collaborato per questa riuscita manifestazione sportiva, all’ASD Clodiense calcio e all’associazione Arbitri di Chioggia. In precedenza la sera del 3 maggio 2018 tante le emozioni

all’auditorium San Nicolò durante spettacolo teatrale “Tesi di Laurea: La storia del Grande Torino e dei fratelli Aldo e Dino Ballarin” a cura della compagnia teatrale Assemblea Teatro di Torino. Ad entrambi gli appuntamenti erano presenti i famigliari dei due concittadini, a cui è stata consegnata una targa “A perenne ricordo di Aldo e Dino Ballarin. Con orgoglio, la cittadinanza”. Eugenio Ferrarese

Ottimi risultati per i giovani del karate

G

randi risultati per i giovani atleti del New Personal Best di Chioggia diretti dal M° Walter Meneghini nel campionato nazionale e in quello regionale organizzati dalla Federazione Italiana Karate. Al Palaterme di Montecatini il 21 e 22 aprile 2018 tra gli 800 partecipanti in gare riservate alle cinture marroni e nere del Campionato Italiano e Assoluti di Karate vi era anche una delegazione di Chioggia. Giorgio De Bei, 11 anni, ha vinto l’oro nei Kata (forme) ed un bronzo nel Kumite (combattimento) e Aleandro Giada, anch’egli undicenne, ha conquistato l’oro nel Kumite e l’argento nei Kata. Nella categoria cadetti - 15 anni Paolo Ferraris si è aggiudicato la medaglia d’argento nei Kata, mentre Nicola Salvagno ha vinto la medaglia di bronzo nel Kumite.. Gianluca Vianelli, 19 anni, ha combattuto in tutte le categorie Junior e Senior sia nei kata che nei combattimenti aggiudicandosi la medaglia di bronzo nei kata Juniores, la medaglia di bronzo nel kumite ippon Juniores, la medaglia di bronzo nel kumite ippon assoluto, e la medaglia d’oro nella categoria kumite ippon nei seniores. La finale dei Campionati Italiani di Montecatini Terme concludeva il campionato FIK 2018 dopo le fasi iniziate a novembre 2017 a Roseto degli Abruzzi (TE) per la 4a Golden Cup, a Velletri (Roma) nel mese di febbraio 2018 per il Gran Prix Nazionale e a Siracusa nel mese di marzo 2018 per il Gran Prix di Sicilia assegnando gli ultimi punteggi in classifica. Gianluca Vianelli e Nicola Salvagno, primi nelle loro categorie, vestiranno la maglia azzurra ai prossimi campionati Europei IKU di Karate che avranno luogo a Oryol (Russia) nel mese di ottobre 2018 e Paolo Ferraris, al secondo posto, sarà riserva. (e.f.)


e-mail: chioggia@gabetti.it - Nuovo sito web: chioggia.gabetti.it CHIOGGIA-SOTTOMARINA

VENDESI Sottomarina Residenziale: luminoso appartamento al piano 1° in zona comoda a tutti i servizi.Completo di ampio garage di circa 25 mq. Ape “G”. Euro 175.000. Rif.0943

VENDESI Nel centro storico di Chioggia, casa indipendente su più livelli completamente ristrutturata. Possibilità di sgravio fiscale. Ape in definiz. Euro 135.000. Rif.1250

VENDESI Nel centro storico di Chioggia appartamento al 1° piano in piccolo contesto di 6 unità abitative. Tutto questo con splendida vista panoramica. Possibilità di posto barca. Ape in definiz. Euro 115.000. Rif. 1265

VENDESI Nel centro storico di Sottomarina, casa accostata disposta su più livelli. Soluzione ideale per famiglie ma anche per chi cerca un investimento diverso e di sicuro valore! Ape “G”. Euro 140.000. Rif.1107

VENDESI Nel centro storico di Chioggia, casa indipendente su 3 livelli, composta da : piano terra ingresso con camino, 1 bagno ; 1° piano cucina abitabile; 2° piano camera matrimoniale; 3° piano sottotetto. Ristrutturata 5 anni fa. Ape In definiz. Euro 110.000 Rif. 1268

VENDESI Sottomarina. Appartamento di 60 mq completamente ristrutturato. Cortile comune per biciclette. Ottima posizione a due passi dal mare. Ape in definiz. Euro 140.000. Rif. 1261

VENDESI Chioggia. Appartamento in duplex con ampia terrazza panoramica con vista sulla laguna. Possibilità di realizzare un altana di proprietà. L’appartamento è in un piccolo contesto di sole 2 unità abitative ed hanno una cantina in comune. Tutto questo con rifiniture di pregio. Ape in definiz. Rif.1263

VENDESI Sottomarina, vicino alla laguna, appartamento di 50 mq. L’ immobile dispone di aria condizionata, videocitofono, ascensore e cortile comune per biciclette. Ottime condizioni. Ape in definiz. Euro 125.000. Rif. 1259

VENDESI CA’ LINO. Situata in un ambiente tranquillo di campagna distante solo 10 minuti dal mare , villa singola di 220 mq (oltre 210 mq di scoperto )completamente arredata e disposta su due piani. La casa è dotata di garage doppio di circa 55 mq e cuccia per cani di 6 mq. Tutto intorno alla villa c’e un giardino alberato di circa 1.500 mq. Ape in definiz. Info in agenzia. RIF. 1084

VENDESI CANAL DI VALLE: Porzione di bifamiliare di nuova costruzione,disposta su due livelli più mansarda. L’immobile dispone di un piccolo scoperto. Vendita allo stato grezzo avanzato. Ape in definiz. Euro 80.000 Rif. 1239

AFFITTASI Sottomarina. Appartamento con ingresso, soggiorno, cucina abitabile, due camere matrimoniali, bagno, terrazzo abitabile e garage. Arredato. Zona Brondolo.Ape in definiz. Euro 550,00. Rif. 1121

AFFITTASI

PERIFERIA

VENDESI VALLI DI CHIOGGIA: villetta a schiera centrale, parte di 4 unità abitative, disposta su tre livelli con al piano seminterrato la taverna e garage. VENDESI CAMPAGNA LUPIA. Rustico di due piani completamente indipendente su due livelli fuori terra con circa 9.000 mq. di terreno privato. L’immobile è di 130 mq e può essere ampliato. Da ristrutturare. Ape in definizione. Info in agenzia. Rif. 1071

AFFITTASI Sottomarina zona residenziale. Mini appartamento di 30 mq composto da zona giorno, camera matrimoniale, bagno finestrato e comodo terrazzino con accesso dalla camera. Arredato e libero da subito. Ape in definiz. Info in agenzia. Rif. 0504

Scoperto fronte e retro. Ape “C”. Euro 155.000. RIF.1106

AFFITTI

AFFITTASI Sottomarina negozio in locazione, composto da ampio spazio libero ,1 bagno,1 ripostiglio per un totale di 70 mq. Ape in definiz. Rif.1215

CANTIERI

VENDESI VENDESI Sottomarina. Palazzina di recente costruzione con meravigliosa Nella splendida Isola di Pellestrina restauro conservativo del vecchio convento dell’apparizione. 35 unità abitative, che si affacciano sia sul mare che sulla vista mare, composta da appartamenti di diversa tipologia e laguna. Piscina privata, giardini comuni, ma anche giardinetti in uso esclusivo metratura. Il tutto è dotato delle migliori tecnologie e comfort con per gli appartamenti a piano terra, possibilità anche di arredo personalizzato e scelta dei materiali. Ape A. Info in agenzia. Rif. 0972 rifinure di alto pregio. Info in agenzia. Ape A. Rif. 1031

VENDESI Nuovo intervento a Sottomarina. N. 2 Palazzine di nuovissima costruzione composte da 16 appartamenti. Dotati delle migliori tecnologie, riscaldamento a pavimento, tapparelle elettriche e con rifiniture di pregio. Il tutto completo di garage. Ape A. Info in agenzia. Rif. 1253

Sottomarina, negozio in locazione di 26 mq con 2 ampie vetrine e bagno. Ape in definizione. Euro 1.200. Rif. 1249 VENDESI N. 2 Palazzine di nuovissima costruzione composte da 22 appartamenti disposti su 9 livelli. Gli Appartamenti saranno di varie metrature e dotati delle migliori tecnologie e progettati con rifiniture di pregio. Il tutto completo di garage. Ape A+. Info in agenzia. Rif. 1228

AGENZIA DI CHIOGGIA Tel. 041 3180316 e-mail: chioggia@gabetti.it Sito web: chioggia.gabetti.it


www.lapiazzaweb.it

23

#Politica

Sicurezza sul lavoro I sindacati chiedono a Zaia azioni concrete

Dal primo gennaio ad oggi 29 incidenti mortali sul lavoro in Veneto S

ciopero generale per la sicurezza to che lavorava presso l’Aso di Vallese sul lavoro. E’ solo questa l’arma Oppeano di Verona. Stiamo monitoin mano ai sindacati che nel tempo rando i dati ed emerge con chiarezza hanno chiesto revisione di impianti e che gli infortuni e gli incidenti aututele che tardano a venire. mentano in due settori del compar“Quello che è accaduto alle Accia- to metalmeccanico: lavoratori delle ierie Venete di riviera Francia, nella acciaierie e lavoratori di aziende in zona industriale di Padova, non do- appalto. Qui sta la vera emergenza, veva succedere”. Così il segretario ge- occorre intervenite per far rispettare nerale della Uilm, Rocco Palombella, le regole e le leggi e per garantire il sull’ennesima tragedia che ha colpito rispetto dell’incolumità fisica. Molquattro operai metalmeccanici, di cui te aziende sono sorde rispetto a dedue diretti dipendenti dell’azienda nunce dei delegati sindacali e della e gli altri due collegati a ditte in apsicurezza. La formazione deve essere palto. L’azienda, rileva, “aveva assi- più qualificata, insieme agli investicurato una revisione degli impianti menti”. a Pasqua, ma qualcosa purtroppo ha Dal primo gennaio ad oggi in Veneceduto sul piano strutturale. In azien- to sono avvenuti 29 incidenti mortali de come queste i ritmi di lavoro sono sul lavoro censiti dall’Osservatorio insostenibili e molto spesso non ven- Indipendente di Bologna (che esclugono rispettate le distanze di sicurez- de gli incidenti in itinere ma assume za”. una platea più vasta Da tempo, sottolinea rispetto a quella dell’ i sindacati: Palombella, “stiamo Inail). In particolare i “molte aziende morti sul lavoro sono chiedendo maggiore responsabilità e magstati 6 a Venezia, 2 a sono sorde giori investimenti in Belluno, 1 a Padova, rispetto alle salute e sicurezza sul 1 a Rovigo, 3 a Vicenlavoro. Occorre sopratza, 8 a Verona e 8 a denunce dei tutto creare una cultura Treviso che eguagliadelegati della sicurezza sul lano la grande Milano. voro che investa tutti a sindacali e della Tale cifra va incre360 gradi”. mentata di un ultesicurezza” “È il terzo grave inciriore 30% di incidenti dente in una acciaieria in itinere che nella nel Veneto dall’inizio dell’anno - di- stragrande maggioranza dei casi avchiara Massimiliano Nobis, segreta- vengono al ritorno dal lavoro (quasi rio Fim Veneto - questo incidente si mai in andata) e sono spessissimo aggiunge ad altri due infortuni mor- imputabili a stanchezza a seguito del tali che hanno coinvolto un operaio lavoro. L’incremento delle morti sul della Acciaierie Beltrame lo scorso 22 lavoro in regione è indicato dall’Inail febbraio e il 31 gennaio, ad un opera- in un +18% nel primo trimestre 2018 io manutentore di una ditta in appal- rispetto allo stesso periodo del 2017.

Secondo un recente studio delle Cgil regionale un lavoratore veneto su 5 nel corso degli ultimi 5 anni è stato colpito da un incidente sul lavoro. Sono 375.135 gli infortuni denunciati all’Inail dal 2013 al 2017. Significa che nell’arco di 5 anni un lavoratore su 5 si fa male sul lavoro riportando lesioni di varia gravità, fino a menomazioni permanenti e, in 560 casi, addirittura la perdita della vita. Il dato (essendo riferito al totale degli assicurati Inail in cui rientrano anche categorie a basso rischio) incide in modo ancora più sensibile sui settori più esposti, a partire dall’edilizia e da alcuni comparti industriali (metalmeccanico in testa), oltre che dall’agricoltura. Ed è particolarmente accentuato negli appalti e nelle esternalizzazioni dove minori sono le tutele sul lavoro. La provincia con il maggior numero di incidenti è Verona (79.831 eventi) cui seguono Vicenza e Padova che però sopravanzano il capoluogo scaligero per numero di morti. Uno stillicidio che vede ogni anno il Veneto funestato da 75.000 infortuni e più di 110 morti sul lavoro, pari a una media di 2 morti ogni 5 giorni lavorativi e 335 infortuni per ogni giornata di lavoro. “La recrudescenza di infortuni e morti sul lavoro – ha ribadito Christian Ferrari, segretario regionale della Cgil – cui stiamo assistendo negli ultimi mesi in Veneto rappresenta una vera e propria emergenza sociale che non può più essere sottovalutata da nessuno, e che deve vedere una risposta immediata di contrasto sia da parte del sistema delle imprese, che da parte del mondo politico e istituzionale, a cominciare dalla Regione”.

NUOVA APERTURA Locale accogliente e luminoso completamente rinnovato. Produzione propria artigianale. venite a trovarci.

L’opinione

Presidente Casellati: “Lavoro, priorità del Parlamento” “La notizia del grave incidente avvenuto alle Acciaierie Venete di Padova - scrive la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati mi addolora profondamente. Non è concepibile che il posto di lavoro diventi un luogo in cui si rischia la vita. La fatalità è per sua natura qualcosa di eccezionale, ma gli incidenti e le morti bianche sono ormai in costante aumento nel nostro Paese e si deve parlare di vera e propria emergenza. Mi auguro che questo dramma sociale sia tra i primi punti all’ordine del giorno dell’agenda del nuovo Parlamento e di tutte le istituzioni, per individuare correttivi e soluzioni legislative finalmente efficaci. La sicurezza e la vita dei lavoratori devono essere una priorità”.

DOVE SIAMO P.zza della Repubblica, 37 45014 Porto Viro (Ro) masasca@marasca.cafe www.marasca.cafe PRENOTAZIONI Tel. 328 826 5962 PA ST I CC E R I A C A F F E T T E R I A

Segui le nostre creazioni su


24

Politica

www.lapiazzaweb.it

Disoccupati: la Regione rifinanzia i progetti per lavori di pubblica utilità L

a Regione Veneto rifinanzia con 4 milioni di euro progetti per offrire a disoccupati e persone svantaggiate una opportunità di lavoro. La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore al lavoro, dà continuità all’esperienza avviata in via sperimentale nel 2009 con la leva del Fondo sociale europeo e che nell’ultimo triennio ha coinvolto oltre il 70 per cento dei comuni veneti e offerto una forma di inserimento lavorativo a 2500 disoccupati. Solo nel 2017 sono stati 228 comuni in Veneto ad aver avviato progetti per lavori di pubblica utilità, con un cofinanziamento regionale di 2.235.000 euro, che ha consentito di creare opportunità temporanee di lavoro per un migliaio di persone. Le esperienze di lavoro proposte si sono svolte nei servizi bibliotecari e museali, nel riordino archivi, nella valorizzazione, custodia e promozione dei beni culturali e

artistici, nella manutenzione del verde e nell’abbellimento urbano, nella vigilanza di impianti, attrezzature sportive, centri di aggregazione sociale e luoghi pubblici, nell’assistenza agli anziani, nel supporto scolastico, nel controllo del territorio e nella tutela dell’ambiente “Obiettivo del nuovo bando 2018-2020 che si rivolge a Comuni, società partecipate ed enti pubblici, in partenariato con gli enti di formazione accreditati –

conferma l’assessore al lavoro – è offrire un percorso di inserimento lavorativo e di cittadinanza attiva ad almeno 600 persone svantaggiate, disoccupati di lunga data. L’esperienza maturata in Veneto in un decennio di sperimentazione conferma che questo tipo di interventi, volti ad offrire una opportunità concreta di lavoro per sei mesi, integrata da iniziative di orientamento e di formazione, rappresenta un approccio valido, inclusivo e non

assistenzialistico per contrastare Veneto erogherà 5 mila euro per povertà e marginalità sociale e ogni lavoratore assunto, i partaffiancare così, in modo dignito- ner pubblici e privati del progetso e solidale, le persone più fragi- to integreranno per almeno il 35 li e a rischio”. per cento la quota pro-capite al “Abbiamo dimostrato in que- fine di garantire ai destinatari un sti nove anni – aggiunge l’asses- contratto di lavoro per sei mesi sore - che dare una opportuni- (minimo 20 ore la settimana) e tà di lavoro, trovare modalità di relativo stipendio, ma anche inserimento con un accompa- azioni di orientamento e accomgnamento forte, pagnamento, e un rimotiva le perso- l’obiettivo è offrire aiuto nella ricerca ne, le riqualifica attiva di un lavoro lavoro e reddito in prosecuzione sia in termini occupazionali che dell’impiego soa circa 600 morali. Lavorare ciale. persone è dare dignità ed Tutte le espeè l’esatto opposto rienze di lavoro in difficoltà dell’assistenza e proposte sarandel sostegno al reddito che sa- no organizzate come ‘training’ rebbe, a mio avviso, diseducativo all’inserimento lavorativo: la per i cittadini e uno spreco di ri- qualità dei progetti verrà misusorse pubbliche per le istituzioni rata, infatti, anche valutando le pubbliche”. esigenze e l’impatto sociale ed Il nuovo bando, di prossima economico nel territorio di rifepubblicazione, conferma la si- rimento e monitorando gli esiti nergia tra Regione, Comuni e sog- in termini di inserimento sociale getti pubblici e privati: la Regione e lavorativo.


casapubblicita.it

Immagina...

le nuove tendenze dellâ&#x20AC;&#x2122;arredamento nuovo showroom a Cadoneghe Cadoneghe s.s. del Santo n.69

per festeggiare sconto fino al

50%

www.mobilificirampazzo.it

su tutto


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Informazione a pagamento a cura degli esperti del settore

Salute

Salute / Si Viaggiare

Per partecipare alla rubrica chiamare il numero 049 8704884

27 1

www.lapiazzaweb.it/category/salute/

Editoriale Hikikomori, la nuova piaga sociale giovanile

L

L’attenzione dei genitori favorisce la salute dei più giovani Misurina, centro d’eccellenza per l’asma pediatrica

a pag 29

Attenzione a naso chiuso, sternuti, occhi arrossati

a pag 29

i chiamano hikikimori, termine giapponese da hiku (tirare indietro) e Komoru (ritirarsi). Sono il popolo silenzioso dei reclusi in casa, affetti da una sindrome sociale che si sta diffondendo in modo preoccupante. Mentre in Giappone sono oltre un milione, nella quasi totalità di sesso maschile, in Italia il loro numero è in rapida crescita, e si stima che attualmente possano raggiungere i centomila con il 30% dei casi di sesso femminile. Hanno un’ età per lo più compresa fra i 13 e i 30 anni, non studiano né lavorano, non escono dalla loro camera, in una sorta di autoreclusione, che li isola dalla vita sociale. Pranzano e cenano con un vassoio passato attraverso la porta socchiusa delle loro stanza, non hanno rapporti amicali, non comunicano con la famiglia,evitano qualsiasi contatto con assenza di relazioni significative. Il loro tempo, alterato fra sonno e veglia, trascorre in una realtà virtuale, fra videogame, trasmissioni televisive, fumetti ed internet, che con le chat e i social network rimangono l’unico aggancio con il mondo esterno.

Vitreolisi: trattamento per le “mosche volanti”

a pag 30

Farmacia Nadalini s.n.c. D R . SSA C ARLA N ADALINI · D R . SSA S ILVIA N ADALINI SPECIALIZZATA IN OMEOPATIA E TERAPIE NATURALI DA PIÙ DI 40 ANNI AL VOSTRO SERVIZIO

• Analisi di prima istanza • Misurazione pressione arteriosa • Dermocosmesi • Nutraceutica e prodotti dietetici speciali • Servizio su appuntamento di Psicologa in Farmacia • Presidi • Omeopatia • Ortesi • Fiori di Bach

Riviera Matteotti, 12 - Adria (Ro) - Tel. 0426 21459 - info@nadalini.it - www.nadalini.it

Fiori di Bach

international code n. UKP2006-0405N Practitioner


laPiazza

28

Salute

Consulenza scientifica oftalmologia

PoliamBUlatoRio

Dott. Massimo Camellin Oftalmologo Via Dunant, 10 • Rovigo tel. 0425 411357 mail: segreteria@sekal.it web: www.lasek.it

Dott. Stefano Casotto Medico chirurgo Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica Riceve: nei centri Affidea Padova, Monselice e Piove di Sacco www.affidea.it

Vaccini: più di 85 mila gli inadempienti

8

5.676 soggetti inadempienti. Questo fa riferimento alla tabella ministeriale il numero preciso dei bambini e contenuta nell’allegato 2 della circolare ragazzi, di età compresa tra gli 0 ed i 16 del 16/08/2017 che scandisce, per ogni anni che non hanno completato il ciclo fascia d’età, il numero di vaccinazioni di vaccinazioni previste dalla legge. Di e dosi sufficienti per considerare questi, 22.311 sono in età pre-scuola un soggetto adempiente, al netto di dell’obbligo, ovvero eventuali esenzioni. tra gli 0 ed i 6 anni. E’ quindi bene Molti minori tra I dati sono ricordare, che il stati forniti dalla gli 0 e i 16 anni sono profilo di soggetto Regione, nell’ottica inadempiente di tenere monitorata in regola con alcune non coincide con la situazione di quello di soggetto vaccinazioni ma adempienza alla non vaccinato legge nazionale o addirittura di non con tutte sull’obbligo vaccinale soggetto contrario n. 119 del 2017, la alle vaccinazioni, ma Regione del Veneto ha provveduto a spesso rappresenta un soggetto che non calcolare a livello regionale, e per singole è in regola o semplicemente in ritardo Aziende Ulss territoriali, il numero di col numero corretto di dosi o con tutte le inadempienti.  vaccinazioni previste. In Regione Veneto Per la definizione di inadempiente si sono complessivamente inadempienti

85.676 soggetti, tra bambini e ragazzi, di età compresa tra gli 0 ed i 16 anni. Di questi, 22.311 sono in età pre-scuola dell’obbligo, ovvero tra gli 0 ed i 6 anni. Ai fini di approfondire la tematica si è calcolata la quota di soggetti che hanno già fissato un appuntamento per una delle vaccinazioni obbligatorie, dato che tali soggetti hanno già espresso una volontà di continuare o iniziare l’iter vaccinale.  A livello regionale la quota di inadempienti con almeno un appuntamento già fissato dalla relativa Azienda Ulss è del 25,6% (21.964) tale quota sale nel sottogruppo 0-6 anni al 35,2% (7.853).    Per differenza risulta che sono 63.712 i soggetti inadempienti e senza alcun appuntamento fissato tra tutti gli elementi coinvolti, di questi, sono 14.458 in età 0-6.

www.lapiazzaweb.it

l’editoriale

Hikikomori, la nuova piaga sociale giovanile Anche dal punto di vista clinico non sempre è agevole inquadrare tali atteggiamenti. Spesso vengono classificati come depressi e trattati come tali, oppure considerati internet-dipendenti, ragion per cui viene negato loro l’utilizzo di ogni dispositivo elettronico, togliendo così l’unico mezzo di comunicazione, ancorchè virtuale, con il mondo esterno: una vera pena per un giovane hikikimori. Oppure “il loro disagio viene confuso con l’inettitudine e la mancanza di iniziativa delle nuove generazioni che ha trovato terreno fertile nel dibattito politico fornendo stereotipi come “bamboccioni”, definizione dell’ allora ministro Padoan Schioppa o “giovani italiani choosy” (schizzinosi) dell’ex ministro Elsa Fornero, o “ragazzi senza studio né lavoro”. Nella prefazione del libro “Hikikimori. Narrazione da una porta chiusa” di C. Ricci, le cause che più frequentemente sono alla base di tale fenomeno, secondo Mazzoni, sono di diversa natura, da quelle sociali, come l’incapacità di stringere relazioni, l’ insicurezza, la perdita del lavoro, vergogna, la mancanza di motivazioni, la crisi economica che ritarda l’ ingresso nel mondo del lavoro, la cultura dell’immagine esasperata dalla diffusione dei social network; a quelle scolastiche quali il bullismo, la competizione, il fallimento degli esami, i cattivi risultati, il rifiuto della scuola; da quelle familiari come pressioni per risultati sempre più performanti e paragoni con i compagni, difficoltà di relazioni, padre assente e madre iperprotettiva, il calo delle nascite con l’ aumento di figli unici,sottoposti di norma a maggiori pressioni ; a quelle individuali, ma molto distanziate, legate a problemi di natura psicologica. Il senso di inadeguatezza e la disistima che spesso si associano a fronte ad aspetti valoriali di una società che ha i suoi miti nell’apparenza e nel successo porta negli hikikimori ad una ansia sociale che si traduce in un ritiro sociale e auto esclusione. “E’ un male che affligge tutte le economie sviluppate - spiega Marco Crepaldi, fondatore di “Hikikimori Italia, la prima associazione nazionale di informazione e a supporto sul tema dell’ isolamento sociale volontario - Le aspettative di realizzazione sociale sono una spada di Damocle per tutte le nuove generazioni degli anni duemila: c’ è chi riesce a sopportare la pressione della competizione scolastica e lavorativa e chi, invece, molla tutto e decide di autoescludersi”. E’ nel periodo scolastico, più frequentemente negli anni delle medie e delle superiori, che si verifica quello che viene definito come il fattore scatenante, ovvero l’ evento che porta all’ allontanamento dai genitori e dagli amici. “Un avvenimento innocuo agli occhi delle altre persone, ma che contestualizzato in un quadro psicologico fragile e vulnerabile, assume un’ importanza rilevantespiega Crepaldi - E’ la prima fase dell’ Hikikimori: il ragazzo comincia a saltare i giorni di scuola utilizzando scuse di qualsiasi genere, abbandona tutte le attività sportive, inverte il ritmo sonno-veglia e si dedica a monotoni appuntamenti solitari come il consumo sregolato di serie TV e di videogame”. Accorgersi in tempo di questi disagi, comprendere le motivazioni dei nuovi eremiti domestici, dediti ad una realtà virtuale, incuranti delle gioie della loro età, degli amici, delle famiglie, è di fondamentale importanza per intervenire, in questo primo stadio, per dare un aiuto immediato e riportare questi ragazzi alla vita vera.

Salute è anche WEB

Salute

>> I consigli dei nostri Medici di Zona su www.lapiazzaweb.it >> Seguici !!!

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Salute

29

Misurina, centro d’eccellenza per l’asma pediatrica T

enere sotto controllo l’asma e migliorare la qualità di vita dei bambini che ne soffrono. Su questo lavorano gli specialisti di Mesurina che sempre di più si danno da fare per studiare i casi più problematici. Aiutare i bambini a respirare meglio è anche l’obiettivo dell’iniziativa ‘Respirare secondo natura’ che già lo scorso anno ha coinvolto una trentina di piccoli pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma affetti da asma. L’asma, soprattutto tra i bambini, è in aumento in tutta Europa. Rappresenta ormai la causa principale di ricovero in pronto soccorso e la prima condizione cronica tra le cause di assenze a scuola. In Italia ne soffre un bambino su dieci e circa il 5% è affetto da una forma di asma ‘difficile’ o ‘grave’ persistente, le più resistenti alle normali terapie utilizzate. Respirare secondo natura coinvolge pazienti tra gli 8 e i 16 anni di età con asma ‘grave’ ed è un’iniziativa sostenuta dalla Fondazione Bambino Gesù Onlus. A Misurina il loro stato di salute è studiato in un ambiente privo di sostanze ‘allergizzanti’ come l’acaro degli ambienti domestici, i pollini e l’inquinamento dell’aria a cui si è esposti di solito nei grandi centri urbani. Durante il soggiorno i ragazzi, accompa-

gnati dai loro familiari, parteciperanno ad un programma che spiegherà come comprendere e gestire la malattia. I risultati emersi verranno confrontati con quelli regi-

strati 6 mesi prima e 6 mesi dopo il ricovero in alta quota. Il progetto rientra nell’ambito della convenzione triennale stipulata tra il Bambino Gesù e il centro d’eccellenza di

Avis, la cultura della donazione naso chiuso, starnuti, è pratica di cittadinanza attiva

Attenzione a occhi arrossati “D Malattie rare: primo centro servizi all’ospedale ai Colli

L’aumento delle malattie allergiche definito come “epidemia del terzo millennio” è dovuto oltre ad una predisposizione genetica anche a fattori più visibili quali inquinamento ambientale

L’ U

arrivo della primavera rappresenta per un numero sempre crescente di persone la comparsa di sintomi importanti scambiati spesso per raffreddamento. n nuovo sportello per il primo CenMoltissime persone durante tro servizi malattie rare inquesta venetostaè gione manifestano ostruzione nasale, sterstato attivato nel complesso sanitario nuti‘Airipetuti, prurito al naso,occhi arrossaColli’ dell’Ulss 6 Euganea. Il Centro è ti,tosse respirazione. Tutti nato eperproblemi iniziativaalla dell’Associazione p63 sintomi tipici delle stagionali.Onlus, sindrome E.E.C.allergie International Allergia, termine che Volpato, deriva dal presieduta da Giulia pergreco offriree significa”reazione anomala”, infatti è doun punto di ascolto, di orientamento, di vutaassistenza ad una risposta e dannosa e di curaesagerata a quanti sono affetprodotta da meccanismi di difesa sisteti da patologie genetiche pocodel diffuse, ma di immunitario del soggetto verso sostanze difficile diagnosi e spesso ‘orfane’ di innocue perei soggetti non allergici.‘malattie farmaci cure. Si definiscono Ilrare’ sistema immunitario dell’allergico prole patologie che colpiscono in mevocadiauna unaanomala persona ed notaesagerata su 2 mila.reazione Si calanticorpale viene sollecitato da da alcola che quando in Veneto le persone affette lergeni inalanti, presenti nell’ampatologie raresostanze siano complessivamente biente in cui viviamo quali pollini, acari, 34 mila. epiteliIlanimali, muffe, lattice. centro sarà aperto al pubblico due La primavera è uno (ildei periodi giorni la settimana lunedì e il peggiori giovedì per dalle gli allergici,che rappresentano circa il 9 alle 14, gli altri giorni lavorerà 30%sudella popolazione generale sotappuntamento, cell. 333(valore 3063353) tostimato),

Misurina per la cura, diagnosi e riabilita- no Gesù” IRCCS di Roma e un laboratorio zione di questo tipo di malattie in età pe- di Medicina in quota quale il “Pio XII” rapdiatrica. presenta un’opportunità, sia quale terreno “Un soggiorno climatico di tipo tera- di ricerca scientifica, sia per l’integrazione peutico ed educazionale a Misurina – di- delle opzioni terapeutiche, in particolare chiara il dottor Renato sotto il profilo della conCutrera, responsabile L’asma, soprattutto tinuità assistenziale e di Broncopneumologia della riabilitazione”. del Bambino Gesù - non Il Centro in quota tra i bambini, è in viene scelto a caso. Qui “Pio XII” di Misurina è aumento in tutta l’unica struttura sociosi trovano risorse di professionalità e struin Italia e la Europa. Rappresenta sanitaria mentali eccellenti per più alta d’Europa per la la cura dell’asma in età cura, diagnosi e riabiliormai la causa pediatrica. tazione in alta quota dei Il tutto in un ambien- principale di ricovero disturbi del respiro in te libero da inquinanti età pediatrica e nell’ain pronto soccorso dolescenza. e sopra i 1.700 metri di altitudine: quindi con L’intero processo di una concentrazione di acaro della polvere presa in carico del bambino è certificato inesistente. In tale ambiente il ragazzo è qualitativamente dal Sistema Qualità UNI valutato ogni giorno da un’equipe interdi- EN ISO 9001-Bureau Veritas. Situato sulla sciplinare, con il coinvolgimento della fa- sponda sud del Lago di Misurina, a mezz’omiglia nella gestione della malattia e delle ra da Cortina d’Ampezzo nelle Dolomiti, è sue complicanze”. dotato di 100 posti letto accreditati per la “Per i disturbi del respiro del bambino e degenza di bambini e adolescenti fino al dell’adolescente – spiega il dottor Ermanno 18° anno di età e di 50 posti letto per acBaldo, nuovo Direttore clinico del “Pio XII” compagnatori e familiari. È una ONLUS e – lo sviluppo di una reale collaborazione tra tutti gli eventuali utili sono reinvestiti nelle Centri clinici di eccellenza come il “Bambi- attività della struttura.

Gli aspetti negativi della patologie allergiche interessano non solo la qualità di vita del soggetto (progressivo peggioramento ma anche gli aspetti socio-economieclinico) sarà gestito dagli operatori apposici (perdita di giornate di scuola e lavoro,diftamente formati dall’Associazione p63 ficoltà allaE.E.C. concentrazione, stanchezza). sindrome International. Si proL’aumento delle dimalattie pone come punto snodo allergiche della rete definito come “epidemia del terzo millennio” informativa, di consulenza e di presa in è dovutoper oltre ad una affette predisposizione geneticarico le persone da malattie ca anche a fattori più‘porta’ visibilidiquali inquinarare e le loro famiglie, accesso sia outdoor cheinindoor,ed aimento centriambientale di eccellenza esistenti Veai cambiamenti che molta rilevanza neto e in Italia, climatici nonché punto di riferihannoper sulloglistile di vitadelle odierno. mento operatori diverse diE’ molto importante scipline sanitarie e socialieffettuare coinvolte,aiinprimi sospetticon di allergia una visitaregionale specialistica sinergia il Coordinamento allergologica di faree una diagnosi per le malattie al rarefine in Veneto l’Istituto tempestiva evitare l’aggravarsi del quasuperiore di ed sanità. droLoclinico. ‘sportello’ con relativo centro di Sono molti i soggetti possono svilupriferimento (attivo onlineche da nove mesi, pare un’allergia anche in età adulta. Oggi centroservizimalattierare@gmail.com sono a www.csmr-centroservizimalatdisposizione del paziente terapie sito efficaci in sarà gradoinaugurato di controllare i sintomi tierare.eu) domani, a e garantire unanel vitapadiglione normale. 6L’importante mezzogiorno, del com- è effettuare i test di allergici essere plesso sanitario via deiche Collipossono 4. eseguiti in qualsiasi periodo dell’anno,non

onare il sangue è un vero gesto di amore. La cultura della donazione deve entrare nelle scuole, a cominciare da quelle primarie: perché è quando si è bambini e ragazzi che si comincia a capire che il sangue è vita e che una delle prime forme di solidarietà sociale è aiutare la vita donando il sangue”. E’ quanto ha sottolineato l’assessore regionale al Sociale, Manuela Lanzarin, intervenendo a Peschiera all’assemblea dell’Avis regionale Veneto. “Donare il sangue è la prima forma di cittadina attiva, un atto di responsabilità verso gli altri e anche verso se stessi, perché implica uno stile di vita sano e attento al benessere individuale e sociale”, ha aggiunto.. Con 131 mila soci, 6 Avis provinciali (Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona e Vicenza) e 324 Avis comunali o equiparate, è la grande associazione di volontariato del dei Veneto. Grazieanticorpi specifici presenti per una o più come vaccino,la quale è in grado di ridurre solo in primavera al comparire sintomi all’Avis e alla generosità suoi adonatori, come frequentemente si èdei portati pensare.ven-sostanze allergizzanti. La visita medica spe- la sensibilizzazione,il rischio di sviluppare gono assicurate ogni sono anno ialle strutture sanita-cialistica allergologica in sinergia con test nuove allergie,e di intervenire sull’evoluI test da eseguire prick test,chiarie della regione plasma consistono e piastrine perdiagnostici appropriati indicheranno la cor- zione delle malattie allergiche dell’apparato mati anche testemazie, cutanei,che fronteggiare tutte le necessità di trasfusione nell’applicare una goccia dell’estratto stan- eretta terapia e l’utilizzo nei casi selezionati respiratorio in particolare sulla marcia allerper poter sostenere la domanda di regio-dell’immunoterapia specifica ,nota anche gica rinite-asma bronchiale. dardizzato allergenicoanche sulla cute del paziente alla pratica della donazione”. ni genere carenti. dell’avambraccio e quindi effetin Il sangue è vita “Ringrazio, a nome di tutti i veneti, i dona“L’invecchiamento dellaconpopolazione tuare una piccola puntura una lancettae la dinamica in atto anche nelsivolonsterile. Se demografica c’è una reazione positiva,cioè è e una delle prime tori dell’Avis e quanti continuano a operare da volontari nell’associazione, anche se magari tariato coinvolgono anche un’associazione allergici ad una o più sostanze,entro pochi sto- Dott. Stefano Casotto di chirurgo Specialista hanno superato la soglia di età o i requisiti prerica e importante riconosciuto Medicoforme minuti si forma un come ponfol’Avis roseo –e ha pruriginoso Clinica per i donatori attivi - ha concluso l’assesl’assessore – Per questo l’istituzione regionale in Allergologia ed Immunologia là dove l’allergene specifico è stato deposisolidarietà sociale visti sore – La Regione vi è debitrice per il grande continuerà a promuovere l’appello delle asso- nei centri Affidea Padova, tato. e Piove di Sacco lavoro di formazione sanitaria che svolgete, in ciazioni  a irrobustire le file dei donatori, Per ulteriori approfondimenti occorree ad Monselice è aiutare affiancamento e a volte anche in supplenza al affiancare ille rast,ovvero sezioni e i centri di raccolta effettuare un test basato nel su ga- www.affidea.it donandolo servizio sanitario”. rantire tutela, sicurezza, accessibilità di un prelievo di sangue facilità e sulla ericerca di


laPiazza

30

Salute

www.lapiazzaweb.it

Falsi miti sul mal di testa dei bambini Si è appena svolta la Giornata nazionale del mal di testa promossa dalla SISC. E per questa occasione alcuni specialisti hanno sfatato alcune credenze

D

ai rimedi fai da te alla cura con l’aerosol, tante le convinzioni errate sul mal di testa pediatrico, un problema che nelle sue varie forme colpisce circa 10 bambini o adolescenti su 100. Esistono vari tipi di mal di testa con manifestazioni e terapie diverse. La prima grande distinzione è tra cefalee primarie e cefalee secondarie. Nelle cefalee primarie (emicrania, cefalea tensiva e cefalea a grappolo) il dolore alla testa è esso stesso malattia; nelle cefalee secondarie, invece, il mal di testa è uno dei sintomi con cui si manifestano altre malattie (ad esempio l’influenza o patologie gravi come le encefaliti). La forma di cefalea primaria più diffusa tra i piccoli è l’emicrania. In Italia questa malattia neurologica genetica colpisce oltre l’8% dei bambini e dei ragazzi. Può essere invalidante e la sua insorgenza è predisposta dalla presenza di famigliari che ne soffrono. “Sull’origine e soprattutto su come affrontare e liberarsi del mal di testa c’è ancora confusione tra chi ne soffre – spiega

Massimiliano Valeriani, responsabile del Centro Cefalee del Bambino Gesù. “Una serie di false credenze porta spesso ad approcciare il problema in maniera non corretta, con il rischio di cronicizzare il dolore o, ancor peggio, di medicalizzare il bambino. Il nostro compito è quello di fare chiarezza su questo tema, suggerendo di rivolgersi in prima istanza al pediatra o al medico di famiglia. Un passaggio necessario per inquadrare correttamente il problema e valutare se siano necessarie ulteriori indagini presso un Centro cefalee specialistico”. Il mal di testa può presentarsi a qualsiasi età. Anche nei primi mesi di vita, ad esempio, si possono manifestare dei sintomi - come le coliche infantili - riferibili all’emicrania. In Italia 1 bambino/adolescente su 10 ha a che fare con una qualche forma di mal di testa. Quando è espressione di una cefalea primaria, è legato a una predisposizione costituzionale. I fattori psicologici vanno presi in considerazione, soprattutto nei casi partico-

larmente gravi, perché possono peggiorare l’emicrania tuttavia, ma la causa è di tipo organico. Una visita oculistica in caso di mal di testa si esegue per la valutazione del fondo oculare: un esame necessario per escludere o rilevare una ipertensione endocranica. Mentre la sinusite non è un problema che riguarda i bambini più piccoli di 8 anni perché i seni nasali non sono ancora anatomicamente sviluppati. Eventuali diagnosi di sinusite associata a mal di testa e conseguenti cure con aerosol prima di questa età sono quindi da considerare errate. I mal di testa non sono privi di rischi. Possono essere un campanello di allarme per altre patologie. In molti casi possono essere gestiti dal pediatra. I bambini con mal di testa frequenti che rispondono poco alle terapie antidolorifiche dovranno essere inviati ad un Centro specializzato. Le terapie devono essere sempre seguite sotto controllo medico. Sbagliare il dosag-

gio degli antidolorifici o assumerne più di 15 dosi mensili può infatti portare alla cronicizzazione del mal di testa. E’ sbagliato anche dare ai bambini una quantità ridotta di farmaco rispetto a quella adeguata al peso e prescritta dal medico.

In Italia è molto comune l’uso del paracetamolo, tuttavia il farmaco di prima scelta per tenere sotto controllo il mal di testa è l’ibuprofene, molecola con maggiori evidenze di efficacia documentate in letteratura scientifica.

Vitreolisi: trattamento per corpi mobili, miodesopsie, “mosche volanti” L

e “mosche volanti” sono una patologia molto frequente nella popolazione adulta ed il paziente che sperimenta questa sensazione vive spesso con angoscia questo fastidio. La spiegazione di questo fenomeno risiede nella struttura del corpo vitreo, gelatina trasparente che riempie l’occhio. In giovane età il vitreo, aderente alla retina, è perfettamente omogeneo ma nel corso del tempo, a causa dell’invecchiamento può alterarsi e perdere la sua trasparenza. Nel processo di contrazione si distacca e si possono generare aggregati di fibre più o meno isolati. Le mosche volanti, chiamate più propriamente MIODESPOSIE, fanno si che si formino delle ombre mobili sulla retina. Possono essere classificate genericamente in 3 gruppi: • filamenti vitreali fibrosi: riscontrati soprattutto nelle persone più giovani e appaiono nel soggetto affetto come punti multipli o sottili ragnatele; • miodesopsie sparse: a forma di “nube”, spesso causate da un naturale processo di invecchiamento; • miodesopsie a forma di anello detto di “Weiss”: un grosso corpo fibroso distante sia dal cristallino che dalla retina legato al

Vitreolisi Pre e Post

distacco del corpo vitreo dal nervo ottico. Poiché i corpi mobili seguono i movimenti oculari questi possono disturbare in qualunque situazione; inoltre, un soggetto affetto da miodesopsie può presentare la percezione di fotopsie (lampi di luce) dovute a trazioni sulla retina sia al buio sia ad occhi chiusi (è presente infatti una casistica importante di soggetti che presentano distacchi di retina in seguito alla percezione dei floaters). Fino a poco tempo fa non esistevano cure semplici per eliminare questi corpi mobili e si doveva ricorrere ad una vitrecto-

mia, procedura chirurgica di alto livello non scevra da rischi. Recentemente è stato perfezionato un tipo particolare di laser, YAG Laser, già usato da anni per sezionare membrane ed aderenze all’interno dell’occhio. Nell’ultima versione sono state realizzate delle modifiche che lo rendono adatto alla vaporizzazione delle miodeospsie. La “Vitreolisi Yag” è una procedura non invasiva, indolore di circa 20 minuti di durata che può eliminare il sintomo visivo mediante vaporizzazione dei corpi mobili. La procedura si completa in 3-4 sedute duran-

te le quali le opacità vengono vaporizzate L’oculista, oltre ad avere un’ottima maed il gas si riassorbe riducendo la dimen- nualità nell’utilizzo del laser, deve essere in sione della miodesopsia stessa. grado di selezionare in maniera consona il Presso il centro SEKAL è presente lo Yag paziente che può essere soggetto a questo Laser di ultima getipo di trattamento: nerazione ELLEX La “Vitreolisi Yag” è una i floaters devono ULTRA Q, l’unico al trovarsi ad almeno procedura non invasiva, 2 mm di distanza momento nato con lo scopo di poter indolore di circa 20 minuti dalla retina e dal focalizzare corpi cristallino e questi di durata che può mobili anche nella ultimi non devono parte posteriore eliminare il sintomo visivo essere associati a mediante vaporizzazione una patologia o a del vitreo, grazie ad un particolare un’infiammazione dei corpi mobili. specchio oscillanin fase attiva. te. Le complicanze Questo Laser ottimizza il percorso ottico di tale trattamento sono comunque rare, impiegando la metà della potenza riducen- si può associare un rialzo della pressione do di conseguenza i rischi dovuti all’impat- intraoculare o, molto raramente, una catato acustico delle micro vaporizzazioni. ratta.

Dott. Massimo Camellin Oftalmologo Via Dunant, 10 • Rovigo tel. 0425 411357 mail: segreteria@sekal.it web: www.lasek.it


AFFIDEA è un provider sanitario specializzato nella erogazione di indagini diagnostiche e prestazioni specialistiche. NEL VENETO SIAMO A PADOVA, MONSELICE E PIOVE DI SACCO

PADOVA

ISTITUTO DIAGNOSTICO ANTONIANO

POLIAMBULATORIO MORGAGNI

CENTRO DIAGNOSTICO ACCREDITATO SSN

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO

35123 PADOVA - Via Cavazzana, 39/4

35123 PADOVA - Via Cavazzana, 39/2

Tel. 049 663055 info.ida@affidea.it

Tel. 049 8787479 info.morgagni@affidea.it

MONSELICE

INIZIATIVA MEDICA

DELTA MEDICA

CENTRO DIAGNOSTICO ACCREDITATO SSN

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO

35043 MONSELICE (PD) - Via Rialto, 14

35043 MONSELICE (PD) - Via Rialto, 12

Tel. 0429 786666 info.iniziativamedica@affidea.it

Tel. 0429 783000 info.deltamedica@affidea.it

PIOVE DI SACCO

UNI-X MEDICA

UNI-X POLIAMBULATORIO

35028 PIOVE DI SACCO (PD) P.zza G. Dossetti, 1 (Via L. Da Vinci, angolo Via Montagnon)

35028 PIOVE DI SACCO (PD) P.zza G. Dossetti, 1 (Via L. Da Vinci, angolo Via Montagnon)

Tel. 049 9708666 info.unixmedica@affidea.it

Tel. 049 9708688 info.unixpoliambulatorio@affidea.it

CENTRO DIAGNOSTICO ACCREDITATO SSN

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO

www.affidea.it


32

I

nseguire il condor, sempre più in alto. Inseguire quelle ali dispiegate e armoniose che sfiorano vette, picchi e pianori della parte più solenne delle Ande per poi scoprire che, anche quando si tocca il cielo con un dito, il condor resta sempre più in alto. E sembra irriderti, ricordandoti che l’uomo non può sfidare oltre la natura. Un viaggio in Perù è proprio come un volo, fisico e metaforico. Un viaggio perennemente proiettato oltre il limite, su un mondo le cui origini sono in parte ancora avvolte nel mistero (vedi le inquietanti e mai “spiegate” linee di Nazca) e impastate di riti ancestrali e storie cruente che rimandano sia all’epoca precolombiana che alla “conquista” spagnola. Il Perù – quattro volte l’Italia e 30 milioni di abitanti - è una delle mete più affascinanti del pianeta, un magnete del mappamondo che attira visitatori da ogni dove: attualmente circa 4 milioni all’anno, dei quali 80.000 italiani (dato in crescita costante). La destinazione simbolo di questo paese del continente latino-americano è sicuramente Machu Picchu, città incastonata tra montagne dai pendii arditi di cui si era persa traccia dall’epoca della prima colonizzazione e ri-scoperta solo nel 1911 – per caso – dall’archeologo americano Hiram Bingham, che in realtà cercava il leggendario tesoro degli Incas. Machu Picchu che, liberata dalla selva che l’aveva nascosta e protetta per tre secoli, oggi è tra le meraviglie del mondo. Città carica di mistero che – prosaicamente ma saggiamente - i peruviani vedono come un inesauribile “bancomat”: per entrare si pagano 45 euro (senza contare quelli necessari per salire sul treno di lusso tra Cuzco e Aguas Calientes) e il flusso di turisti è inarrestabile tutto l’anno.

laPiazza del Turismo

www.lapiazzaweb.it

Perù da sogno, sulle ali del condor Il paese andino si svela in un viaggio ad alta quota sui misteri irrisolti di Machu Picchu e di Nazca, sul fascino coloniale di Cuzco e Arequipa e sulle isole galleggianti degli Uros sospese sul lago Titicaca di Renato

Malaman

Da Lima a Puno imperversa la febbre calcistica da Mundial: un ritorno atteso da 36 anni e festeggiato con il rito collettivo (e un po’ nostalgico) dello scambio di figurine Panini in tutte le piazze Perù e grandi altitudini sono sinonimi e il “volo” è il loro trait d’union. Si vola anche quando si viaggia su quattro ruote e si superano valichi – come il Mirador de Los Andes, tra Arequipa e Chivay – che superano i 4.900 metri. Lo stesso lago Titicaca, il più grande specchio lacustre navigabile del mondo, è a 4.000 mila metri d’altezza, non paralizzato dai ghiacci solo perché il Perù è prossimo all’Equatore. Lago “abitato” in mini villaggi (costruiti su isole galleggianti) da indios di etnia Uros, maestri nel realizzare barche e capanne con la totora, giunco che si ricava da una pianta palustre locale. Il Perù di oggi scommette molto sul turismo. Passata l’emergenza terrorismo degli anni ’80-‘90, che era la conseguenza esasperata di una situazione sociale e politica esplosiva (chi non ricorda il movimento di ispirazione maoista Sendero Luminoso e suoi sanguinosi attentati?), il governo di Lima ha intrapreso una vasta campagna di investimenti per migliorare le infrastrutture di collegamento, per rendere i servizi più al passo con i tempi e soprattutto per restaurare monumenti , città d’arte e siti archeologici. Oggi un metro quadro in centro a Cuzco costa come a New York e il motivo c’è. L’antica e potente capitale degli Incas, a cui gli spagnoli nel XVI secolo hanno praticamente “sovrapposto” la loro città barocca con chiese e piazze sfarzose (per dare un segnale chiaro su quali mani fosse finito il potere e quale fosse la religione da seguire,

NELLA FOTO PRINCIPALE IL MAESTOSO VOLO DEL CONDOR NELLA VALLE DEL COLCA. DALL’ALTO, A DESTRA: UNA SPETTACOLARE VISTA SU MACHU PICCHU, CITTÀ INCAS RITROVATA SOLO NEL 1911; DONNE ANDINE INTENTE A FILARE, LA MUMMIA DI JUANITA, BAMBINA SACRIFICATA AL VULCANO SEI SECOLI FA; UN VICOLO DI SAN BLAS A CUZCO; LO CHEF RAFAEL RODRIGUEZ CON IL COLLEGA FRANSUA ROBLES. NELLA FASCIA SOTTO: LA PIAZZA DI CUZCO; IL MONASTERO DI SANTA CATALINA AD AREQUIPA; IL LAGO TITICACA; DONNE UROS SU UN’ISOLA GALLEGGIANTE; UNA FESTA POPOLARE A CUZCO E UN PIATTO DI CEVICHE

processo facilitato da un’abile operazione di sincretismo con i precedenti riti), è oggi una delle capitali culturali dell’America Latina. Bella e seducente, pittoresca ed elegante nelle sue architetture d’epoca e nelle sue atmosfere coloniali. Gustare un Pisco, distillato di uve autoctone che è “l’espiritosa bandera nacional”, in uno dei suoi locali è un piacere che va oltre il rito dell’aperitivo perché evoca l’anima di questo paese, sempre in sospeso fra tradizione e sete di futuro. Ammaliante anche Arequipa, stesso fascino coloniale e stessa storia, ma declinata in vari colori. Come quelli vivacissimi del Monastero di Santa Catalina. Misteriosa nell’esposizione delle mummie di bambine sacrificate sei secoli fa dagli Incas in alta quota per conquistarsi la benevolenza del vulcano. Piccole mummie restituite dai ghiacci eterni solo nel 1994, come Juanita, testimonianza di un passato cruento anche prima della violenza praticata dagli spagnoli.

Perù che è anche molto altro da vedere: dal cosmopolita e scintillante centro storico di Lima (dietro le cui quinte tuttavia – separate da un muro - sopravvivono periferie di evidente povertà), alla costa percorsa dalla Panamericana (Ica, Pisco, Paracas e isole Ballestas, regno dei leoni marini), alla parte amazzonica celata dalla foresta pluviale, alla città andina di Ayacucho. Perù che in questi giorni è in preda alla febbre da Mundial. C’è arrivato dopo uno spareggio e non viveva questa gioia calcistica dal 1982, quando in Spagna pareggiò anche con gli azzurri del cittì Bearzot e Paolo Rossi, poi trionfalmente vincitori del “mundial”. Febbre da mondiale in Russia che si coglie anche nelle piazze che ogni sera brulicano di grandi e piccini (a Puno il fenomeno è incredibile) che si scambiano le figurine Panini per completare l’album dedicato al torneo. Tutto il mondo è paese, si dice. Qui però bisogna coniugare

questo concetto con l’altitudine, che può dare anche alla testa, in tutti i sensi, anche letterale del termine, perché il Soroche (malessere da debito di ossigeno) colpisce alla cieca e prostra il fisico. Chi lo ricompensa è l’enogastronomia peruviana, basata sulla straordinaria biodiversità dell’agricoltura, dell’allevamento (avete presente i lama, l’alpaca e la vigogna per la pregiata lana?) e della pesca. Rafael Rodriguez, chef peruviano ormai nell’elite italiana della cucina (presto apre in Costa Smeralda il “Nuna”), dice: “Non solo Ceviche, questa è una cucina nuova dalle radici antiche”. Karina Ruiz, giovane peruviana che in Italia ha creato il tour operator Vuela specializzatosi proprio nella destinazione Perù, è convinta che il suo paese è una terra da amare, anche con le sue contraddizioni: “Il paese piano piano cresce - dice - e può guardare in alto”. Sempre inseguendo il volo regale e armonioso del condor, appunto.


dal 15 al

GIUGNO 2018

23

DOMENICA 17 APERTO

via Roma, 39 - Tel. 049.8740299 ORARI 8.30 - 12.30 â&#x20AC;¢ 15.30 - 19.30

N PER SI O M G PA N TI I A CO C Q O UI M ST A O G G IO

CAsAlsERugO (Pd)

U

Le foto dei capi sono inserite a titolo informativo.

OFFERTA SPECIALE DEL PRODUTTORE


laPiazza del Gusto

34

www.lapiazzaweb.it

PRIMAVERA DEL PROSECCO SUPERIORE, PERCORSI DI GUSTO, DI VINO E CULTURA perdere “Corbanese nel bicchiere”, evento in programma per giovedì 24 maggio sotto la guida degli esperti sommelier di AIS Veneto. Da segnalare, inoltre, l’appuntamento di mercoledì 30 maggio con “Golosi e Curiosi – il sapore del cibo, il gusto del vino”, cena che permetterà ai partecipanti di scoprire i migliori accostamenti tra le prelibatezze culinarie e i vini del territorio, affinando la sensibilità delle proprie papille gustative.

Una full immersion nella terra natia del Prosecco dal punto di vista naturalistico e storico vi attende da domenica 20 maggio fino alla prima domenica di giugno per la celebrazione della Primavera del Prosecco Superiore. Il 20 maggio si terrà anche la visita guidata “Conegliano tra Natura e Storia” e lo spettacolo “Festival Folk” con animazione e body painting. A Corbanese di Tarzo, invece, inizierà anche la “49a Mostra del Vino Superiore dei Colli”, una rassegna enogastronomica che fino al 3 giugno vedrà il vino al centro di degustazioni e serate musicali. Sabato 19 maggio la rassegna si aprirà con l’inaugurazione ufficiale della mostra e degli stand gastronomici che, per tutta la durata della mostra, proporranno moltissime degustazione, tra cui il tradizionale spiedo con polenta bianca, la costata ai ferri e la paella di pesce. Non mancheranno i momenti per ammirare il paesaggio grazie a “Colline di natura e storia”, una passeggiata guidata in programma per domenica 20 maggio che farà riscoprire agli interessati le bellezze del territorio. Chi volesse imparare di più riguardo alla pratica della degustazione, non potrà assolutamente

A Corbanese di Tarzo inizierà la Mostra del vino superiore dei Colli, una rassegna enogastronomica visitabile fino al 3 giugno Tante le iniziative culturali in programma, grazie alla collaborazione con la Gipsoteca Canova di Possagno, il Museo della Battaglia di Vittorio Veneto e la Mostra “Teodoro Wolf Ferrari” a Palazzo Sarcinelli a Conegliano. Tutti i visitatori delle Mostre del Vino potranno infatti ritirare un buono per l’ingresso ridotto ai Musei, da utilizzare nei mesi della Rassegna.

FESTA DELLA CILIEGIA IGP DI MAROSTICA

ALTO ADIGE, LA NOTTE DELLE CANTINE

“La Ciliegia di Marostica IGP”, come vuole il marchio di valenza europea di Indicazione Geografica Protetta, sarà la regina del territorio per promuovere le eccellenze cerasicole  della zona. Le ciliegie certificate hanno calibro minimo di 23 mm, un colore rosso uniforme e corrispondono alle varietà regolate dal disciplinare di produzione. La 74esima mostra mercato della cigliegia Igp di Marostica inizierà sabato 26 maggio con la Notte rossa, nel centro storico della cittadina. Domenica 27 si terrà la la tradizionale mostra mercato, spettacoli, intrattenimenti musicali e degustazioni. Per quattro giorni la cittadina metterà al centro il rosso frutto, offrendo al pubblico numerose occasioni per gustare le diverse varietà ma anche per far festa ed animare la città.  Le degustazioni e le feste dedicate a questo frutto prelibata si susseguiranno sabato 2 e 3 giugno tra Molvena e Mason Vicentino.

Torna il 9 giugno la Notte delle Cantine, la manifestazione organizzata dalla Strada del Vino dell’Alto Adige che rende visitabile per una notte intera decine di cantine del territorio, aperte ai visitatori dalle 17 fino alle 24. Alla Cantina Tramin a Termeno si organizzano visite guidate alla cantina, splendido esempio di architettura moderna, realizzata nel 2010 dall’architetto Werner Tscholl

e ispirata alla vite e alla sua morfologia. Oltre ai Gewurztraminer sarà possibile gli altri vini bianchi che hanno reso celebre la cantina guidata da Willi Sturz. Ci sarà la possibilità di approfittare delle diverse proposte gastronomiche del ristorante allestito appositamente nella sala panoramica o nei diversi angoli della cantina.

I NOSTRI SERVIZI: • LUCE E GAS • TELEFONIA • BANCHE E FINANZIARIE • ACQUISTI ONLINE • PRODOTTI E GARANZIE • CONCILIAZIONE … E MOLTO ALTRO ANCORA …

INFORMA, ASSISTE, FA RISPARMIARE MIRANO via C. Battisti, 49 · tel. 041 431707 · cell. 347 3908869

LA CASA IN RETE • IL BLOG http://consumatore.tgcom24.it • www.casadelconsumatore.it • Casa del Consumatore • SHOPPINGVERIFY www.shoppingverify.com


www.lapiazzaweb.it

a

Tavola

35

Proposte per una cucina biologica, integrale, vegetariana, in sintonia con la natura Barchette di zucchine

Crostini alla salsa di asparagi Ingredienti: 200 g di asparagi - 1 pizzico di paprika - sale e olio q.b. - 1 cipolla - 80 g di ricotta.

Ingredienti: 6 zucchine - 1 cipolla - 2 spicchi d’aglio - 7-8 asparagi - 1 pizzico di peperoncino - 1 C di parmigiano - 2 C di pane grattugiato - olio e sale q. b.

Crostata di frutta fresca Ingredienti: 180 g di farina per dolci - 75 g di zucchero integrale - 60 g di tahin - 1 uovo - 2 c di lievito - 1 bustina di vanillina - 1 pizzico di sale - 4 hg di fragole alga agar-agar.

Carmen Bellin Educatore Alimentare dell’Associazione Culturale La Biolca di Padova: tiene corsi e conferenze su alimentazione e cucina, collabora al mensile Biolcalenda, ha pubblicato Metti una sera a cena libro di ricette e consigli utili per una cucina in armonia con i ritmi della natura. LA BIOLCA · www.labiolca.it info@labiolca.it · tel. 049 9101155

Preparazione: sbucciare gli asparagi, tenere da parte le punte (che si cuoceranno a vapore), tritare la cipolla, metterla in una pentola con gli asparagi tagliati a pezzetti, il sale, la paprika e un po’ d’olio. A fine cottura aggiungere la ricotta, frullare bene il tutto e guarnire con le punte degli asparagi.

Preparazione: lavare le zucchine e dividerle a metà, con un cucchiaino togliere la parte interna. Tritare questa polpa con gli asparagi precedentemente cotti con la cipolla e l’aglio e far rosolare il tutto in una padella con un po’ d’olio; aggiustare di sale e peperoncino e riempire le zucchine con questo composto. Adagiarle in una teglia da forno oliata, cospargere con parmigiano e pane grattugiati. Coprire la teglia e metterla in forno a temperatura media per 15-20 minuti. Passato questo tempo scoprire e terminare la cottura.

Preparazione: in una terrina mettere la farina, lo zucchero, l’uovo, il lievito, la vanillina, il sale e il tahin. Amalgamare bene tutti gli ingredienti; lasciare riposare l’impasto in un luogo fresco per almeno 15 minuti. Quindi spianare l’impasto con il matterello, disporlo in una teglia unta d’olio e cosparsa di pane grattugiato e passare in forno per 15 minuti. La crostata non deve essere troppo cotta. Lasciar raffreddare e intanto preparare la gelatina con l’agar-agar. Disporre la frutta fresca, unire la gelatina e tenere in luogo fresco.

Note

La quantità degli ingredienti si riferisce a un menù tipo per 4 persone. Abbreviazioni usate: C = cucchiaio · c = cucchiaino g = grammo · kg = chilogrammo L = litro · dl = decilitro olio (quando non è specificato altro) = olio extra vergine di oliva q.b. = quanto basta.

info@vacanzemaremonti.it - www.vacanzemaremonti.it Tel/Fax 0426 68100 - Cell: 335 452851 – 342 0836281 di Sacchiero Simone

Via dei Ligustri 4/6, 45010 Rosolina Mare (Ro), Nuovo ufficio in C.so Risorgimento 23, 45014 Porto Viro (c/o Centro Commerciale San Marco) si riceve su appuntamento

porto viro

rosolina mare

Vendesi due case singole su progetto interamente al piano terra, ciascuna di mq 100. Completano le proprietà: garage, doppio pergolato, cortile privato. Prezzo per unità € 175.000,00

Residence Mediterrano, vendesi graziosa porzione di villetta a schiera trilocale di 55 mq disposta su due livelli. Posto auto di proprietà, aria condizionata e barbecue esterno. Ammobiliata. € 150.000,00

porto viro

Vendesi appartamento bilocale arredato di mq 50, garage di proprietà. Prezzo € 73.000,00

porto viro

porto viro

Vendesi casa accostata

Vendesi

di mq 90, cortiletto di

schiera di mq 70, corti-

proprietà. Prezzo € 60.000,00

agenzia.maremonti

bilocale

letto di proprietà. Prezzo € 83.000,00

a


Oroscopo

36

l’

Ariete Vi attendono incontri frizzanti e piacevoli. Espandete la cerchia delle amicizie e concedetevi qualche viaggio extra

Toro Attenti agli imprevisti: un grande amore, inaspettato e sconvolgente, qualcosa in famiglia, la scelta di una persona

Maggio L’estate alle porte ci regala già molti effetti positivi: buonumore e desideri vengono rinvigoriti, nuovi incontri per tutti i gusti!

www.lapiazzaweb.it

Bilancia Non mancheranno le complicazioni che vi impediranno di godere appieno del tempo libero. Usate la vostra grinta

Scorpione La vostra energia interiore si manifesterà con una grande decisione e vi darà forza, attenti all’aggressività

Gemelli

Sagittario

Vita sociale appagante, varia, ricca di occasioni, di divertimento forse perfino dei primi viaggi, ottimo!

Affronterete al meglio situazioni incerte o che richiedono una certa grinta. Nel complesso, un periodo positivo

Corredino nascita baby · Fiocchi nascita · Guest Book Cuscini porta fedi · Fiocchi matrimoniali Addobbi ricamati · Corredo cucina · Corredo Bagno Cancro

Capricorno

Cautela: non mancheranno gli ostacoli. Siate chiari e diretti con tutti e le cose andranno meglio verso fine mese

I giorni bui non mancheranno: mantenete sangue freddo e capacità decisionale e non lasciatevi spaventare

Leone

Acquario

Da metà mese sarete travolti da un’ondata di nervosismo che vi vedrà polemizzare con tutti. Pazienza!

Da metà maggio Marte sarà in Acquario e aumenterà reattività e grinta. Attenti: prenderete fuoco facilmente…

PROMOZIONE KIT NASCITA

composto da: 2 Bustine ospedale ricamate con Nome e Cognome • 1 Pochette Ricamata 2 Asciugamani Ospite spugna Ricamati con Nome • 2 Bavaglini Ricamati • 1 Orsetto piccolo Prezzo € 95.00 Scontato € 80.00 Offerta Valida fino al 31 Luglio 2018

Realizzato Artigianalmente È possibile scegliere i Tessuti … il carattere del Ricamo … Vergine Mese eccellente per i vostri progetti che saprete concretizzare in fretta. Siate sapienti, tenaci e realistici

Via G. Marconi, 5 · 45019 Taglio di Po (Ro) Tel. e Fax 0426 660579 · ricamificio-sandra@libero.it Ricamificio Sandra · ricamificio_sandra

Pesci In arrivo situazioni più eccitanti, svolte desiderate e cambiamenti che vi faranno sentire finalmente soddisfatti


Vedi regolamento interno - salvo errori di stampa. Non cumulabile con altre promozioni. Promozione valida fino al 30.06.18

FaTTI FURBO! Con UNA spesa complessiva di soli 547 €

ti regaliamo un tablet

display 10.1” HD

otticaveneta.it

by SAmsung

ORIAGO di MIRA Via Ghebba, 67 - Tel. 041.5639923

MESTRE

SAN GIORGIO DELLE PERTICHE (PD)

Via Forte Marghera, 33 - Tel. 041.3098130

C.COMM. LE CENTURIE - Tel. 049.7423070

SILEA (TV) BOLZANO


Chioggia mag2018 n61  

Chioggia mag2018 n61

Chioggia mag2018 n61  

Chioggia mag2018 n61

Advertisement