Page 1

Sport p.27

6 7 8 12 13 17 21 26

Salute p.29

p.33

on-line: 63º017

del Camposampierese

GIUGNO 2017

Periodico d’informazione locale - Anno XXIV n. 84

Cultura p.26

à

ttivit

di A

1954-2

S.A.S.

Arredamenti · Grandi Elettrodomestici · TV Led · Stufe Condizionatori · Casalinghi · Materassi · Mobili · Liste Nozze 30037 Rio S. Martino di Scorzè (Ve) · Via Onaro, 58 · Tel. 041 445149 Fax 041 447879 · info@scattolinluigi.com · www.scattolinluigi.com

BORGORICCO

In primavera il nuovo polmone verde per tutti CAMPOSAMPIERO

Turismo: numeri in crescita

Loreggia, Bui centra il secondo mandato Una sfida sul filo del rasoio per il sindaco uscente. A Piombino Dese eletto Cesare Mason di “Noi con voi”

servizi alle pagg. 11-17

CAMPOSAMPIERO

Ulss 6, cosa è cambiato? LOREGGIA

Squizzato: “Abbiamo perso perchè divisi” MASSANZAGO

Torna la millenaria festa del melone PIOMBINO DESE

Mason: “Subito il dialogo con tutti” TREBASELEGHE

Natasha, due comunità unite nel dolore ISTITUTO NEWTON

Progetto Erasmus + per l’integrazione

Amministrative senza L’Alta padovana passioneche e senza conta!sorpresa Germana Urbani>albertobeggiolini@gmail.com >direttore@givemotions.it< < Alberto Beggiolini

N U

essuna grossa sorpresa è uscita dalle urne di na nuova edizione per una vecchia, grande area quest’ultima tornata diestesa amministrative che condell’Alta padovana, su 135 chilometri fermano come la situazione politica del nostro paese quadrati, sei comuni per circa 57 mila abitanti, più sia frammentata varia. della metà delleeamministrazioni riunite in quella L’unica differenza precedenti tornate eletFederazione nata nel con 2011ledalla fusione dell’Uniotorali, tutti e smentita dai diretti interesne dei rilevata Comunida del Camposampierese con l’Unione sati, è che il Movimento cinque stelle (l’associazione ha perso molti dell’Alta padovana, un caso che l’Anci consensi, tanto che è rimasto fuori da tutti i ballottagnazionale dei Comuni italiani) definisce “esempio di eccellenza per le unioni dei Comuni”. segue a pag 3 gi che contano. segue a pag 3

Rimani sempre aggiornato con le news in tempo reale direttamente sul tuo smartphone

Preventivi e sopralluoghi gratuiti • Progettazione

• Potature ad alto fusto

• Irrigazione

• Realizzazione

• Giardini, Parchi Terrazzi

• Manutenzione

cell. 348 6046422 info@vivaibarendi.com · www.vivaibarendi.com Seguici su

facebook.com/lapiazzaweb

Clicca mi piace!


Luca’s Tende PERGOLE BIOCLIMATICHE

pergole tende da sole frangisole di facciata tende da interno rulli tecnici zanzariere

PERGOLE IMPACCHETTABILI

SOPRALLUOGO E PREVENTIVO GRATUITO PAGAMENTI ANCHE RATEALI

ECOBONUS statale con l’acquisto di una nuova tenda da sole

puoi recuperare il 65% della spesa sostenuta

INOLTRE oggi ti conviene

hai una vecchia tenda da sole?

ROTTAMARLA

SULL’ACQUISTO DI UNA NUOVA TENDA DA SOLE IL MOTORE TE LO REGALIAMO NOI Show Room: via Antoniana, 118 · 35011 Campodarsego (Pd) · Luca Nardo 393 8117797 Sede Legale: via Carlo Giorato, 25/I · 35020 Ponte San Nicolò (Pd) i n fo @ l u c a s t e n d e . c o m · w w w. l u c a s t e n d e . c o m


Lavoro, una boccata d’ossigeno

S

alve le famiglie di 120 dipendenti dell’ex fonderia Anselmi di Camposampiero. Grazie al delicato lavoro di mediazione durante i cinque mesi di trattative serrate e di mobilitazioni, la chiusura dello storico stabilimento è stata scongiurata. Lo scorso 1 giugno, infatti, la Fonderia Anselmi ha una nuova proprietà dopo la conclusione dell’operazione di acquisizione e rilancio firmata da Fonderie Ariotti di Brescia e VDP Fonderia di Schio. Un segnale importante per la città di Camposampiero e per tutto il territorio del Camposampierese. È così partita una nuova avventura per lo stabilimento, ma soprattutto per i 120 lavoratori e le rispettive famiglie. Due anni di solidarietà per tutti i dipendenti a detta di Roberto Ariotti Presidente Fonderie Ariotti S.P.A, con la prospettiva di risalita grazie ai possibili risultati commerciali. Va ricordato che il percorso che ha portato a questo risultato è stato tutto in salita e alquanto difficile, e ha visto collaborare insieme uniti i sindacati (RSU Fonderia Anselmi, OO.SS. Fiom Cgil e Fim Cisl), dei sindaci dei Comuni di Loreggia, Fabio Bui, e Camposampiero, Katia Maccarrone, che a marzo in segno di solidarietà sono saliti sul tetto dell’azienda. Una boccata d’ossigeno anche alla Riello di Piombino Dese: dopo mesi di trattative senza esito, sia a Venezia in Regione sia a Roma al ministero dello Sviluppo, a marzo è stata decisa la sospensione della procedura di licenziamento collettivo che l’azienda voleva avviare agli inizi di aprile per 48 dei 72 dipendenti

del Camposampierese

è un marchio registrato di proprietà Srl di

3

Facciamo. il punto

www.lapiazzaweb.it

Scongiurata la chiusura della Anselmi. Salva anche la Riello

È un periodico formato da 14 edizioni locali mensilmente recapitato a oltre 250.000 famiglie del Veneto. Questa edizione raggiunge le zone di Borgoricco, Camposampiero, Loreggia, Massanzago, Piombino Dese e Trebaseleghe per un numero complessivo di 16.500 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 22120

Direzione, Amministrazione e Concessionaria di Pubblicità Locale: via Lisbona, 10 · 35127 Padova tel. 049 8704884 · fax 049 6988054 >redazione@givemotions.it< >www.lapiazzaweb.it<

L’Alta padovana che conta! Alberto Beggiolini >albertobeggiolini@gmail.com<

Una nuova edizione che si propone di raccontare e capire il territorio, per aiutare a definire “strategie di sviluppo” e coinvolgere chi fa economia, welfare, sussidiarietà, business privato in nuovi patti sociali, che sono gli obiettivi primari impostisi per altro dalla stessa Federazione. In questi centri che da oggi meriteranno la nostra attenzione (Camposampiero, Trebaseleghe, Piombino Dese, Borgoricco, Loreggia, Massanzago) appare però evidente una pericolosa doppia velocità. L’eccellenza federativa sottolineata dall’Anci sta rischiando di vedere compromessa la sua azione concreta proprio dalla sua stessa natura federativa, iperrappresentativa e democratica, e per questo vincolata dalle singole posizioni politiche e dai particolarismi in stato di servizio permanente effettivo. Esempio della schizofrenica situazione di quest’angolo di provincia. Tra pochi giorni verrà inaugurato il Cto, il centro traumatologico ortopedico, al Pietro Cosma di Camposampiero. E’ solo il risultato delle schede sanitarie varate nel 2013, si dirà, eppure è ugualmente un mezzo miracolo, vista la situazione di impasse in cui versano altri ospedali, altri reparti e altre “schede” in Veneto. Il nuovo Cto non solo regalerà al Cosma un futuro più certo, ma garantirà un tipo di assistenza che altrove è stata abbandonata (come a Padova, dove il Cto è diventato il S.Antonio, nosocomio multiservizio dell’Ulss e dove l’Ortopedia dell¹Azienda non sembra davvero figurare tra le priorità della gestione). Tutto bene, quindi. Ma l’altra pagina della carta d’identità della zona è marchiata dall¹occasione perduta di guadagnare 16 milioni UE a fondo perduto da investire in crescita e occupazione. La Federazione ha dovuto rinunciare, vista l’opposizione dei sindaci, concentrati invece sul ripianamento del considerevole buco scoperto nel bilancio della partecipata Asi. E sulla stessa pagina nera è riportato anche il malfunzionamento, o addirittura lo scollegamento, di 50 telecamere di videosorveglianza, mentre si vorrebbe già partecipare al nuovo bando nazionale per l’assegnazione di 7 milioni quest¹anno, 15 il prossimo e altri 15 nel 2019 per altre telecamere e altra sicurezza. Il federalismo, anche quello tra Comuni contermini, è un’ottima strategia per ottimizzare le risorse e diventare protagonisti con più capacità contrattuale in qualsiasi cabina di regia. Il pericolo però è che riproduca su scala maggiore le frizioni che si scatenano in ogni consiglio comunale, per di più infastidendo le strutture e gli uffici locali senza approdare ad un’azione davvero efficace e super partes. La strada, a questo punto, potrebbe sembrare segnata da rientri nei confini e semplici fai-da-te (qualcuno ha già provveduto). Ma si provi ad immaginare invece un percorso contrario, con più passaggi di competenze effettive dai Comuni all’organismo federativo, eliminazioni di doppioni, e gestione più manageriale e meno politica dell’unione, in grado di rispondere meglio all’unico grande bisogno pubblico: l’efficienza dei servizi. Una strada-luna che può spaventare solo chi si ferma a guardare il dito che la indica.

Redazione: Direttore responsabile (ad interim) Germana Urbani >direttore@givemotions.it< Ornella Jovane >o.jovane@lapiazzaweb.it<

Periodico fondato nel 1994 da Giuseppe Bergantin Centro Stampa: Rotopress International via Breccia · Loreto (An) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

Chiuso in redazione il 12 giugno 2017


4

Borgoricco

www.lapiazzaweb.it

L’intervista Il sindaco Novello

“Ridotta la spesa dei mutui” C

on il sindaco Giovanna Novello facciamo il punto sul bilancio comunale e sulle prossime iniziative messe in campo dall’amministrazione comunale. Signor Sindaco, nelle scorse settimane avete approvato il Bilancio di previsione per il 2017. Qual è il dato più importante secondo lei? “Indubbiamente la diminuzione della spesa per i mutui. Era un obiettivo che mi ero posta fin dall’inizio del mio primo mandato come sindaco e posso dire che siamo riusciti a realizzarlo. Sono stata eletta per la prima volta nel 2009 e in bilancio questa voce di spesa pesava per oltre 4 milioni di euro. Alla fine dell’anno scorso era scesa sotto il milione”. Un dato, se mi permette, che può però essere letto anche in

modo diverso, come carenza di investimenti in opere pubbliche. “Ridurre l’indebitamento dell’Ente significa alleggerire il debito che pesa su ogni singolo cittadino. Non può dunque che essere un risultato positivo, tanto più se si considera che è stato raggiunto grazie a un’oculata politica della spesa pubblica che non ha previsto né una contrazione dei servizi alla popolazione né un blocco degli investimenti per lo sviluppo del territorio. In questi anni sono state realizzate opere pubbliche per più di due milioni di euro”. Ci può fare qualche esempio? “Stiamo ponendo molta attenzione alla messa in sicurezza della rete idraulica e di quella viaria, due settori che in alcune zone presentano delle criticità. Sul fronte

“Completeremo il programma di manutenzione straordinaria dei fossati comunali a maggior rischio di esondazione in caso di piogge abbondanti”

idrogeologico, completeremo il programma di manutenzione straordinaria dei fossati comunali che sono a maggior rischio di esondazione in caso di piogge abbondanti. Si tratta di lavori di escavazione e, in alcuni casi, di ampliamento dei bacini, per garantire un regolare deflusso delle acque in tutto il territorio. I prossimi interventi si concentreranno a Sant’Eufemia e a San Michele delle Badesse dove sarà riportato in vita il tracciato di un’antica canaletta che un tempo scaricava l’acqua piovana nella zona di San Giuliano.

Dal punto di vista viario, tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo, andrà in appalto il progetto, già in fase esecutiva, per la costruzione della pista ciclabile in via San Leonardo a Borgoricco. Un’ultima domanda. Quando entrerà in funzione La nuova farmacia a Sant’Eufemia.? “Avevamo prospettato di istituire un altro punto farmaceutico nel territorio comunale già nel 2012 con una delibera di Giunta comunale. Per noi era fondamentale garantire la presenza di tre farmacie nel territorio, una nel Capoluogo e due distribuite nelle frazioni. Nei mesi scorsi la Regione Veneto, rimodulando la pianta organica delle farmacie regionali, ha dato finalmente il via libera alla nostra proposta. L’esercizio sorgerà in piazza edaprirà i battenti entro il prossimo autunno. Monia Pasqualetto

In arrivo nuovi spogliatoi per il campo sportivo da Sabato 1 a Sabato 8 Aprile

“Collezioni botaniche in fiore: i Viburni e loro ibridi” Esposizione delle varietà e consigli pratici

Domenica 9 Aprile

CORSO DECOR con la Dott.ssa Sara Pultronaggio “La ghirlanda pasquale” Ore 15.30-17.30 - Q.P. € 20,00

Sabato 22 Aprile

CORSO BIMBI con Nicoletta Barella, diplomata Accademia Belle Arti Venezia “Impronte botaniche su argilla” Ore 10.30-12.00 - Q.P. € 5,00

da Sabato 22 a Sabato 28 Aprile

“Collezioni botaniche in fiore: i Lillà e i Glicini”

Esposizione delle varietà e consigli pratici

i lavori saranno fatti nel periodo estivo per non compromettere la prossima stagione sportiva”

da Sabato 6 a Domenica 14 Mggio

“Rosa, la regina dei fiori”

Mostra collezioni rose francesi e inglesi

Sabato 20 Maggio

CORSO CON ANNA ZANELLA, dietista e chef Ristorante Bazabò “Cucina con i fiori” Ore 10.00-12.00 - Q.P. € 10,00

da Sabato 3 a Sabato 10 Giugno

“The Rock Garden: le piante più adatte”

Esposizione delle varietà e consigli pratici

Sabato 3 e Domenica 4 Giugno

“Adotta un baobab”

Acquista un giovane albero delle vita in negozio

da Sabato 1 a Sabato 8 Luglio

“The Dry Garden: graminacee e perenni per il giardino secco” Esposizione delle varietà e consigli pratici

S

aranno appaltati a giorni i lavori per la realizzazione dei nuovi spogliatoi del campo sportivo di via Fratta a San Michele delle Badesse. “E’ un’opera attesa da molto tempo, soprattutto dai tanti ragazzi dell’U.S. Borgoricco che praticano attività sportiva in questo impianto – ha dichiarato l’assessore allo Sport Marco Bragagnolo – Aggiudicato l’appalto, partiranno subito i lavori che si svolgeranno nel periodo estivo per non compromettere la prossima stagione sportiva”. I nuovi spogliatoi, che sostituiranno quelli attualmente esistenti, saranno realizzati secondo le normative vigenti in materia di sicurezza e di abbattimento delle barriere architettoniche. Il progetto prevede il posizionamento di un prefabbricato con posti spogliatoi per 20 atleti, dotato di docce e facilmente fruibile anche da persone diversamente abili. I serramenti saranno realizzati in PVC e le vetrate garantiranno sicurezza e risparmio energetico. Nell’intervento è prevista anche la sistemazione della zona esterna antistante la struttura in modo da riqualificare l’intera area. Il costo totale dell’opera, finanziata dall’Amministrazione comunale, è di 155 mila Euro. (Mo.Pa.)


WWW.ROCCOTENDEDASOLE.IT

LE TENDE DI MARCA SCONTATE DEL 35% MONTAGGIO COMPRESO

e guide antivento Larg. 350 - H. 250 / â&#x201A;¬550,00

Tenda Pergola con motore Larg. 450 - Sp. 400 Euro 2.800,00

Tenda a Caduta guide in acciaio Larg. 400 - H. 300 Euro 450,00

Tenda a Braccia Larg. 3480 - Sp. 210 Euro 590,00

Tenda a Cassonetto Larg. 400 - Sp. 210 Euro 900,00

Tenda Oscurante

con cassonetto e guide Zip

Larg. 300- H. 250 Euro 650,00

CAMBIO TELO SU OGNI TIPO DI TENDA

A PREZZI IMBATTIBILI

DETRAZIONE FISCALE DEL RESPONSABILE PREVENTIVI

65%

335.7717955

Via Obbia bassa 28/A - Trebaseleghe (PD) - Tel. 049.9385821 e-mail: roccoprotezionisolari@virgilio.it - www.roccotendedasole.it

WWW.ROCCOTENDEDASOLE.IT


6

Borgoricco

www.lapiazzaweb.it

Ambiente Lavori in corso

Oasi di Sant’Eufemia: in primavera il nuovo polmone verde per tutti P

roseguono i lavori per la realizzazione dell’Oasi di Sant’Eufemia, un’area di circa sei mila metri quadrati adibita a parco verde e bosco. Un grande polmone verde, adiacente alla scuola primaria “T. Minniti”, che sorge su un terreno di proprietà comunale, concesso in comodato d’uso gratuito all’Associazione culturale HerediA, promotrice e curatrice del progetto. Un progetto ambizioso, che propone un lungo percorso che attraversa un bosco di piante autoctone e che si snoda in quattro ambienti diversi: il bosco, l’arbusteto, la zona umida e la radura. All’interno del sentiero sono presenti delle aree, completamente immerse nella vegetazione, che saranno allestite nei prossimi mesi con panche e tavoli per diventare delle tranquille tutta la cittadinanza e dalle stesse piazzole di sosta e di contempla- scuole che potranno effettuare delle visite didattiche-naturalizione della natura. Punto focale di tutta l’oasi sarà stiche. Quanto alle tempistiche, una radura aperta, a forma di l’inaugurazione e l’apertura dell’area è previanfiteatro con due Punto sta per la prossima livelli di seduta, che primavera. Tutti i troverà sede su una focale sarà lavori, compresa la collinetta artificiale una radura progettazione, venin erba e che sarà realizzata entro la aperta, a forma gono infatti eseguiti da volontari, memfine di quest’anno. di anfiteatro bri dell’AssociazioNel progetto è con due livelli ne HerediA, privati previsto anche uno cittadini, professiostagno con pasdi seduta nisti e imprese del serella in legno e due strati di profondità per cre- territorio che mettono gratuiare habitat naturali diversifica- tamente a disposizione tempo, macchinari, risorse, lavoro per ti, che sarà ricavato all’interno della zona umida, a fianco della la realizzazione dell’opera. Una canaletta Mainardi. In fondo, a grande staffetta alla quale parchiusura del percorso, troveran- tecipa anche il Corpo Forestale no invece spazio un apiario con regionale che ha fornito e pianaula didattica e un capanno in tumato circa 800 piante autoclegno, punto di ristoro e ricovero tone e che si occupa dello sfalcio d’erba e della manutenzione del attrezzi. Il bosco naturale e tutti gli spa- bosco. Mo.Pa. zi dell’Oasi saranno fruibili da-

Nuovi punti luce sulle strade comunali per garantire maggiore sicurezza

G

arantire maggiore sicurezza sulle strade del territorio. Questo l’obiettivo dell’amministrazione comunale che per i mesi di luglio e agosto ha programmato una serie di interventi di manutenzione straordinaria sui nodi viari più critici del territorio comunale, per un investimento totale di oltre 100 mila euro. Di questi, 24.500 Euro saranno destinati a potenziare l’illuminazione pubblica nelle strade scarsamente illuminate, come via Lovara, via P.M. Vedovato, via Piovega, via San Giuliano e l’incrocio tra via Fratta e via Desman. È previsto il posizionamento di lampioni a led tradizionali, ma in alcuni punti, privi di allacciamento alla rete elettrica, saranno installati

dei punti luce fotovoltaici di ultima generazione. “Oltre a favorire la circolazione e la visibilità della mobilità debole, come ciclisti e pedoni – ha precisato il Sindaco Giovanna Novello che detiene la delega ai Lavori Pubblici – una maggiore illuminazione pubblica, nei punti attualmente più bui e nascosti,sarà anche un deterrente contro episodi di criminalità e microcriminalità”. Nello stesso periodo saranno avviati dei lavori di manutenzione straordinaria sulle strade comunali più dissestate con un investimento di oltre 82 mila Euro. Si tratta di una prima tranche di interventi che riguarderà diversi tratti di via della Pieve e l’incrocio tra via Gaffarello e la S.P.88 via Mussolini. (Mo.Pa.)

PROFESSIONISTI SPECIALIZZATI CON PERSONALE QUALIFICATO LAVAGGIO PANNELLI FOTOVOLTAICI • CURIAMO TUTTI I PARTICOLARI TRATTAMENTO DI PAVIMENTI, INTERNI ED ESTERNI

SERVIZI DI PULIZIA

www.cleanitpd.com · info@cleanitpd.com Via Leonardo da Vinci, 5 · 35010 Vigodarzere (Pd) Tel. 049 9875056 · Fax 049 9816469 seguici su clean.it

Siamo un’Impresa di Servizi di pulizie e servizi accessori, orientati alla qualità e professionalità per i nostri clienti. • Siamo il Fornitore Professionale che state cercando, per la cura dei vostri ambienti e potremmo diventare la Vostra impresa di pulizie di riferimento. • Ai nostri Clienti offriamo un Rapporto di Fiducia rinnovata nel tempo, oltre a un servizio di qualità personalizzato sulle proprie aspettative ed esigenze. • Quotidianamente controlliamo che il nostro servizio sia sempre eseguito secondo il contratto concordato, anche attraverso report sempre compilati in doppia copia. • Un Preventivo non comporta nessuna spesa da parte vostra.


7

Camposampiero

www.lapiazzaweb.it

Ripresa Dati 2016

Turismo: numeri in crescita Si sono contati oltre 133 mila visitatori, quasi un migliaio in più rispetto all’anno precedente

I

l 2016 è stato un anno in cui il settore del turismo nel territorio del Camposampierese è decollato. A confermarlo ci sono i numeri del consuntivo 2016: 64.254 euro di entrate e 63.995 euro di uscite, con un avanzo di 2.259 euro. Sul fronte delle presenze turistiche, nel 2016 si sono contati oltre 133 mila visitatori, quasi un migliaio in più rispetto all’anno precedente, e, dato ancor più significativo, con un aumento di 56mila unità, pari al 33% in più rispetto al 2008, inizio della crisi economica. Una circostanza,

quest’ultima, che aveva portato negli ultimi anni ad una progressiva diminuzione della presenza media dei turisti. Fino al 2016, quando questo trend si è invertito, risollevando l’asticella della presenza media a 2,2 giornate. Cinque i principali punti di attrazione dell’attività turistica nel Camposampierese: la rete delle piste ciclopedonali, le ville venete, il graticolato romano, i Santuari Antoniani e il cammino di Sant’Antonio e la Romea Strata (il collegamento ciclo-pedonale che collega Camposampiero a Bassano del Grappa). Le prospet-

In alto il centro di Camposampiero, sopra la chiesa

tive per quest’anno prevedono il potenziamento dello Iat, l’ufficio di informazione e accoglienza turistica, con nuove risorse professionali e dell’attività del front office, l’animazione del portale territoriale e la creazione di pacchetti turistici, oltre alla ristampa delle guide turistiche e dei materiali informativi. L’Ufficio Turismo del Camposampierese è stato istituito ad aprile del 2015 con il voto una-

nime del consiglio della Federazione. Obiettivi dell’Ufficio per la promozione turistica sono l’organizzazione, la gestione e aggiornamento delle informazioni sull’offerta turistica locale; la qualificazione dei servizi e dei prodotti turistici del territorio; la creazione e lo sviluppo di sinergie e forme di cooperazione fra soggetti pubblici e privati. Lorena Levorato

r e p su

SCONTI FINO A 10.000€ DI INCENTIVI STATALI 100% MADE IN ITALY PROGETTAZIONE GRATUITA

carraro mobili SPECIALISTI DELL’ARREDAMENTO DAL 1968

Due sedi a Limena. Via Roma 90 - Tel. 049 767627 - Via Ceresara 48 - Tel. 049 767399 www.carraromobili.it


8

Camposampiero

www.lapiazzaweb.it

Riforma regionale Novità

Ulss 6, cosa è cambiato con la rivoluzione sanitaria? Addio Ulss 15. Benvenuta Ulss 6. È nata ufficialmente la nuova azienda Ulss 6 denominata “Euganea”. L’Ulss 6 è nata dalla fusione dell’Ulss 16 di Padova, dell’Ulss 15 “Alta Padovana” di Cittadella e Camposampiero e dell’Ulss 17 di Este e Monselice. Si è trattato dell’esecuzione di un adempimento disposto dalla Regione Veneto con la Legge regionale n. 19 del 25 ottobre 2016 che ha riorganizzato la sanità nel Veneto, riconosciuta anche quest’anno come regione di riferimento per i costi standard e la qualità dei servizi. L’ambito territoriale dell’Azienda Ulss 6 Euganea corrisponde alla provincia di Padova e unisce i territori delle preesistenti Ulss 15, Ulss 16 e Ulss 17, raggruppando 103 Comuni per una popolazione di circa 945.000 abitanti. A guidare l’Azienda Ulss

so all’ospedale scelto dal paziente che non sarà più legato ai confini territoriali di appartenenza e residenza, come avveniva con la precedente organizzazione delle Ulss. “Ora siamo un’enorme, operosa, laboriosa famiglia - ha detto il di-

rettore Scibetta - che si adopererà per rendere omogenei, sull’ampio territorio, prestazioni e servizi sanitari. Grazie ai nostri 7.500 dipendenti perchè già sappiamo che sapranno valorizzare al meglio la nuova arrivata; e ai nostri cittadini

chiediamo collaborazione per riuscire ad andare sempre più incontro alle loro reali necessità in un dialogo diretto, sano e prolifico”. L’Ulss 6 ha sede legale a Padova in via degli Scrovegni, 14. Lo.Le.

ESI DI M I R E P I L IA C OFFERTE SPE NO / LUGLIO 2017 MAGGIO / GIUG

Un pacemaker a 102 anni: impianto record a Camposampiero Un impianto di pacemaker al cuore a 102 anni. Straordinaria operazione chirurgica all’ospedale di Camposampiero alcune settimane fa a nonna Guerrina, 102 primavere. L’ultracentenaria, durante l’intervento, è rimasta vigile cosciente. Qualche giorno prima dell’operazione, i famigliari l’avevano accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale a causa di intense palpitazioni lamentate dalla donna. Ricoverata nel reparto di Cardiologia, la diagnosi è stata di

LUCIDATURA PAVIMENTI DISINFESTAZIONE E SANIFICAZIONE PULIZIE DI FONDO per: ENTI PUBBLICI E PRIVATI • UFFICI DIREZIONALI E TECNICI OSPEDALI E CASE DI CURA • CENTRI COMMERCIALI PISCINE • ALBERGHI • RISTORANTI COMUNITÀ • SCUOLE • RESIDENCE Il direttore generale dell’Ulss 6 Domenico Scibetta

6 Euganea è il direttore generale Domenico Scibetta. Lo affiancano il direttore amministrativo Paola Bardasi, il direttore sanitario Patrizia Benini e il direttore dei servizi socio sanitari Daniela Carraro. L’Azienda Ulss 6 mantiene tutti i servizi già presenti nel territorio che vengono erogati ispirandosi a principi di uguaglianza, imparzialità, continuità, assicurando ai cittadini il diritto di scelta e di partecipazione, e del luogo di cura. Infatti da ora ci sarà libero acces-

Cell. 346 3741747

impresapulizieaurora@libero.it

chiamateci per un Preventivo Gratuito

fibrillazione atriale a elevata risposta ventricolare. A quel punto l’équipe medica del direttore dr. Roberto Verlato, che ha operato insieme ai colleghi Gregory Dendramis e Attilio Di Marco, ha deciso la necessità di un impianto di pacemaker per poter regolare il ritmo del cuore. Guerrina è stata anestetizzata localmente e, rimanendo vigile e cosciente, è stata sottoposta all’intervento. Il giorno dopo è stata dimessa. (lo.le.)


Messaggio pubblicitario


10

Camposampiero

www.lapiazzaweb.it

Solidarietà Dalla Bielorussia

Tornano i bambini di Chernobyl 21 famiglie, più una diecina che si sono messe a disposizione in caso di necessità, apriranno nuovamente le loro braccia a 26 bimbi

A

rrivano i bambini bielorussi. Un altro anno è passato e si rinnova per il Camposampierese l’esperienza dell’accoglienza dei piccoli di Chernobyl. 21 famiglie del territorio, oltre a una diecina che si sono messe a disposizione in caso di necessità, apriranno nuovamente le loro braccia, e le loro case, ai 26 bambini provenienti dalla Bielorussia. I piccoli arriveranno all’aeroporto “Catullo” di Verona il prossimo 2 luglio e ripartiranno l’1 di agosto. L’iniziativa si rinnova da

più di dieci anni grazie al lavoro instancabile del direttivo dell’associazione “Aiutiamoli a Vivere” del Camposampierese, con sede a Loreggia, e che quest’anno cambia nome e diventa “Assieme per Vivere”. I volontari, oltre alla disponibilità e all’affetto delle famiglie ospitanti, garantiscono ai bambini la possibilità di poter trascorrere alcune settimane sereni e spensierati; una vacanza terapeutica lontano dalla centrale di Chernobyl, che si trova in una vasta area tuttora contaminata dalle radiazioni del 1985.

La centrale di Chernobyl

“Sono numerose le associazioni e i gruppi di Scout che subito dopo la catastrofe hanno accolto l’invito dell’Unicef di ospitare nel nostro paese i bambini di quelle zone - ricorda Renzo Costa, dell’associazione “Assieme per Vivere” –. La nostra associazione, per il periodo di accoglienza, ha organizzato come ogni anno diverse iniziative con un program-

Lavori in via Centoni e al sottopasso di via Fabris

A

rrivati 160mila euro per la messa in sicurezza di via Centoni e del sottopasso di via Fabris. Il Consorzio di Bonifica “Acque Risorgive” ha consegnato i lavori del cantiere che interessa l’area di via Centoni a Camposampiero che si concluderanno e che sono stati autorizzati dal Dipartimento Difesa del suolo della Regione Veneto con un finanziamento di 160 mila euro. Oggetto dell’intervento è il sottopasso ferroviario di via Fabris, realizzato nell’ambito degli interventi del Sistema ferroviario metropolitano regionale (Sfmr): il manufatto si trova in un’area a quota inferiore rispetto alle zone limitrofe. Questa situazione determina un grado di sofferenza idraulica e in occasione di alcuni eventi meteorici eccezionali, il livello raggiunto dall’acqua ha oltrepassato abbondantemente parte del muro di contenimento del sottopasso rendendo inefficace il funzionamento delle pompe che non riescono a smaltire le portate generate dal territorio circostante. Con il progetto di messa in sicurezza sarà bloccato l’ingresso dell’acqua nel sottopasso grazie ai lavori di sovralzo e prolungamento del muro di contenimento sul lato est del sottopasso; la realizzazione di un argine in terra tra quello del Muson vecchio e il nuovo muro di contenimento; l’esecuzione di un tombinamento in corrispondenza del nuovo argine, realizzazione di due canalette con griglia di raccolta dell’acqua in corrispondenza agli accessi al sottopassaggio. (Lo.Le.)

Come limitare l’inquinamento? Dagli studenti di Camposampiero un codice di comportamento contro le emergenze ambientali. È questo il risultato finale al quale sono arrivati 100 studenti delle classi quarte del liceo

scientifico dell’Istituto NewtonPertini di Camposampiero che hanno preso parte, durante l’anno scolastico, al cantiere formativo sul tema dell’impatto sulla salute dell’inquinamento dell’aria e dell’acqua. Il progetto è stato promosso da Lucia Basso, consigliera comunale, in collaborazione con l’associazione “Logos Conoscere per agire” ed è stato suddiviso in due fasi; una prima parte è stata infatti

ma ricco e mirato al divertimento e alle visite e relative cure mediche. Grazie all’ospitalità nelle famiglie, tutti noi abbiamo la possibilità di toccare con mano una triste realtà aiutandoci a capire quali sono i valori e quali abitudini sono quelle che davvero contano e creano armonia nella nostra vita e società”. Lo.Le.

dedicata allo studio delle cause e degli effetti dell’inquinamento, e in un secondo momento sono stati simulati due casi di contaminazione. Gli studenti hanno ipotizzato un inquinamento da cromo esavalente nell’acqua e un caso di inquinamento dell’aria da polveri sottili. Sotto la guida dei loro insegnanti, ai ragazzi sono stati assegnati diversi ruoli, ricalcando tutte le componenti sociali che potrebbero essere coinvolte in casi di inquinamento; dal sindaco al medico, dai genitori e famiglie ai responsabili dell’Ulss, dai tecnici dell’Arpav ai giudici della Procura della Repubblica, e poi parrocchia e cittadini. Alla fine sono state anche elaborate ipotesi di soluzioni illustrate nel corso del seminario organizzato a Villa Contarini di Piazzola sul Brenta. Al termine dell’esperienza ne è nata una proposta per un codice di comportamento da parte dei cittadini che devono diventare parte attiva e responsabile per limitare e prevenire le situazioni di inquinamento. In particolare, gli studenti hanno insistito sulla necessità di abbandonare atteggiamenti di indifferenza ed evitare quelli di complicità di chi sa e vede ma preferisce voltarsi dall’altra parte. (lo.le.)


11

Loreggia

www.lapiazzaweb.it

Bui riconfermato: “Programma con pochi punti ma importanti” Il sindaco uscente centra il secondo mandato... sul filo del rasoio. “Anche se solo per 30 voti in più, siamo ancora più carichi di responsabilità verso chi ci ha votato”

L

Lorena Levorato

Fabio Bui

Consiglio comunale

centro assistenza grandi e piccoli elettrodomestici e condizionatori

tutti i marchi appartengono ai legittimi proprietari

oreggia rinnova la sua fiducia a Fabio Bui. Con 1.461 preferenze (43,14%) il sindaco uscente della civica “Loreggia Domani” si prepara ad amministrare per altri cinque anni. Anche se risicata, visto che il candidato Angelo Squizzato (“Per Loreggia”) ha ottenuto 1.430 voti (42,33%), è comunque una vittoria che permette all’amministrazione uscente di portare a termine molti progetti appena abbozzati e altrettante proposte per migliorare il volto del paese e la vivibilità per i suoi abitanti. Al terzo posto si è piazzato c’è Andrea Serena che correva per la “Lega Nord” e che ha incassato 495 preferenze, pari al 14,61%. “Anche se tirata alla fine ce l’abbiamo fatta – ha commentato il neosindaco Bui – Questo risultato dimostra che nulla in politica può darsi per scontato. Anche se solo per 30 voti in più, siamo ancora più carichi di responsabilità verso chi ci ha votato e ringrazio sia loro sia tutti coloro che comunque hanno esercitato il loro diritto di voto. Oggi ricominciamo altri cinque anni di lavoro e impegno per la comunità. Insieme alla mia squadra abbiamo già messo per iscritto i primi interventi da fare e i primi punti del programma da realizzare. Sono pochi ma impegnativi e intanto ci concentriamo su questi. Innanzitutto lavoreremo per far capire ai cittadini cosa è stato fatto e cosa c’è ancora da fare per il Comune e tra le prime cose sicuramente continuare sul fronte delle manutenzioni; maggiore attenzione alle persone che significa soprattutto coinvolgerle nella collaborazione nelle scelte amministrative; nelle prossime settimane sarà messo a punto il regolamento sul cosiddetto baratto amministrativo che significa che chi collabora con il Comune avrà una scontistica; e infine bisogna intervenire su tutta le rete dell’illuminazione pubblica con luci a led”.

Per qualsiasi esigenza o informazione rivolgersi al numero

328 89 42 551 www.assistenzaelettrodomesticicab.it - Via Cavin di Sala, 57 - 30035 Mirano (Ve)

Su una popolazione di 7.588 abitanti, gli aventi diritto al voto sono 5.844 (2.954 maschi e 2.890 femmine), e domenica 11 giugno si sono recati alle urne in 3.464 (59,27%). Le schede bianche sono state 22 (0,63%) e quelle nulle 55 (1,58%). Uno soltanto il voto contestato. Dei 12 seggi che compongono il consiglio comunale alla lista vincitrice di Bui “Loreggia Domani” ne spettano 8 e i consiglieri eletti sono Laura Bastarolo (ex assessore alla cultura), Livio Genesin (ex assessore al patrimonio, sport, ambiente), Pio Gianella, Sonia Genesin, Adelchi Barichello, Loris Ceccato, Mara Beccegato e Luigi Mancon (ex assessore alle attività produttive). Alla minoranza a sono assegnati quattro seggi; tre alla civica di Squizzato “Per Loreggia” e che saranno occupati da Gianluca Squizzato, Renato Milani e Manuela Marangon; e uno alla lista della “Lega Nord” di Andrea Serena che andrà a quest’ultimo in quanto candidato sindaco. Lo.Le.


12

Loreggia .

www.lapiazzaweb.it

Le reazioni

“Abbiamo perso perchè ci siamo divisi” L’ammissione del candiato della Lega Nord. “Così abbiamo riconsegnato la vittoria a Bui e la disgregazione ha dato ragione all’amministrazione uscente”

“A

bbiamo perso perché ci siamo divisi”. Così commenta il risultato elettorale Andrea Serena, candidato della “Lega Nord”, che ha portato a casa 495 voti (14,61%). “Se invece di dividerci fossimo andati uniti come centrodestra, il risultato sarebbe stato decisamente diverso. E invece Squizzato ha voluto correre da solo. Così abbiamo riconsegnato la vittoria a Bui e la disgregazione ha dato ragio-

corso contro Bui anche nelle amministrative del 2012 quando con la lista “Ripresa e Futuro” aveva raggiunto 906 preferenze (24,74%). In quella tornata elettorale i candidati erano cinque e l’affluenza era stata del 70,08%. Lorena Levorato

Upgrade your business WEB & SOCIAL Andrea Serenza

Gianluca Squizzato

ne all’amministrazione uscente e non alla voglia e al desiderio di cambiamento dei nostri cittadini. Nel complesso, comunque, le elezioni non sono andate bene nemmeno dal punto di vista dell’affluenza che è stata bassa. La nostra lista era composta soprattutto da persone nuove e giovani e siamo soddisfatti del riscontro avuto durante gli incontri che si è tradotto nei voti che ci hanno dato. Ora ci aspetta un ruolo non meno importante in opposizione non staremo a guardare: il nostro compito è quello di vigilare e di controllare l’azione e l’operato della maggioranza. La nostra non sarà un’opposizione sterile contraria a priori, ma faremo proposte concrete e innovative per il bene della nostra gente”. Gianluca Squizzato con la civica “Per Loreggia” ha incassato 1430 voti. Il candidato aveva

BRAND & MARKETING

GESTIONE D’IMPRESA

CREDITO & FINANZA I servizi di Forum Impresa sono strutturati per dare visibilità alla vostra azienda e al tempo stesso garantirne un’organizzazione quotidiana ottimale!

Padova - Tel. 049.87.04.884 info@forumimpresa.com - www.forumimpresa.com Powered by

I campioni di preferenze È Renato Milani il candidato consigliere comunale che ha ottenuto, in assoluto, più voti, con un totale di 288 per la lista Per Loreggia Squizzato sindaco. Sul secondo gradino del podio Laura Bastarolo per Loreggia domani, arrivata a quota 245, che conquista anche il titolo di donna più votata. Terzo consigliere più votato, con 190 preferenze, Mara Pestrin in squadra con Squizzato. Per la lista della Lega Nord, che in tutto ha raggiunto un totale di 202 voti soltanto, il candidato consigliere più votato è stata Elisa Scolaro con 79 voti.


13

Massanzago

www.lapiazzaweb.it

Torna la tradizionale festa del melone Appuntamento dal 13 al 19 luglio. La tradizionale sagra quest’anno taglia il traguardo delle 38 edizioni. Tra le novità la prima edizione del concorso di pittura “Dipingi la copertina. I meloni e i colori del territorio” La sagra si svolge come da tradizione nel centro di Massanzago

È

tra gli appuntamenti più attesi e partecipati dell’anno. Massanzago all’insegna del melone dal 13 al 19 luglio. La tradizionale Sagra del Melone, organizzata dall’omonimo Comitato, quest’anno taglia il traguardo delle 38 edizioni. Sarà un evento 2017 ricco di novità. Tra queste: la prima edizione del Concorso di pittura “Dipingi la copertina. I meloni e i colori del territorio” promosso dalla Pro Loco di Massanzago. Questo il programma della Sagra: apertura giovedì 13 luglio: alle 19.30 Family-Day, cena aperta a tutte le famiglie dei ragazzi del Grest e serata finale Grest; alle 21 cena del gruppo Avis con intrattenimento musicale. Venerdì 14: alle 19.30 apertura stand gastronomico e luna park; alle 20 cena per le aziende e alle 21 gruppo musicale «Riff Raff» (tributo agli AC/DC). Sabato 15; alle 18 apertura del mercatino hobbistica, alle 19.30 apertura stand gastronomico e

Musica, divertimento, stand gastronomico per la nuova edizione dell’evento organizzato dalla Pro Loco di Massanzago

Storia di un frutto sinonimo di festa

L

a Sagra del melone ha una storia millenaria. È legata a una coltivazione molto diffusa a Massanzago e in tutto il Camposampierese. In Italia il primato produttivo spetta alla Sicilia, seguita da Emilia Romagna, Lombardia, Lazio, Campania e Puglia. La tradizione vuole che ogni famiglia contadina del Veneto avesse nel proprio orto le piante del melone. Melone è sinonimo di festa, dell’arrivo dell’estate, di riunione delle famiglie e degli amici attorno ala tavola per assaporare questo frutto che può essere mangiato da solo, con il classico abbinamento “prosciutto crudo e melone”, nelle macedonie di frutta oppure in sofisticate ricette. Il nome scientifico èCucumis Melo, appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee. Secondo alcuni studiosi, la pianta avrebbe avuto origine in Asia centro-occidentale. L’’introduzione nel nostro Paese risalirebbe al principio dell’era cristiana. Il primo autore a menzionarla fu Plinio il Vecchio, il quale raccontava quanto questo frutto piacesse all’imperatore Tiberio. La stessa presenza nella pianura veneta, in particolare nel graticolato, potrebbe già risalire all’epoca romana. Nell’antichità il melone era piccolo e molto meno zuccherino. Si mangiava con pepe e aceto, condito come un’insalata. Grazie all’abile selezione degli orticoltori, che conservavano i semi migliori per l’anno successivo, il frutto aumentò dimensione, profumo e sapore diventando più zuccherino. Da quel momento cessò di essere considerato una verdura acquisendo il riconoscimento di frutto. l Paesi europei in cui è più diffuso sono Spagna, Italia, Francia e Grecia. (ni.ma.)

luna park, alle 21.30 gruppo musicale «Diapasonband» (tributo a Vasco Rossi). Domenica 16: a partire dalle 8 da non perdere la diciannovesima edizione della Fiera mercato, alle 10 la santa messa, dalle 10 alle 13, sul lato nord di Villa Baglioni: esibizione del Gruppo ciclostorico «Antichi mestieri ambulanti in bicicletta» a cura dell’associazione culturale

“I Caenassi” di Spinea (Venezia); alle 11.30 saluto della autorità seguito dalla grande Festa provinciale sulla tipicità del prosciutto crudo (15esima edizione); alle 18 mercatino hobbistica; alle 19 rassegna canina; alle 19.30 apertura stand gastronomico e luna park, alle 20 passerella cinofila, alle 21.30 gruppo musicale «Ascolta» (tributo ai Pooh):

Lunedì 17: alle 19.30 apertura stand gastronomico e luna park, alle 21.30 gruppo musicale «Anime in Plexiglass» (tributo a Ligabue). Martedì 18: alle 19.30 apertura stand gastronomico e luna park; alle 21.30 «Sismica Migliore Dj Band». Mercoledì 19, ultimo giorno di sagra, si inizia alle 19 con l’apertura dello stand gastronomico e del luna park, alle 21.30 ci sarà la premiazione del primo Concorso di pittura, alle 21.45 musica con i «Timodà» (band tribute ai Modà) e alle 23.45 fantastico spettacolo pirotecnico. Durante tutta la manifestazione è aperta la pesca di beneficenza. Dal 13 al 19 luglio in sala consiliare di Villa Baglioni Mostra di pittura e scultura a cura dell’associazione artistica Carlo dalla Zorza di Salzano (VE). Orari di apertura: tutti i giorni 19-23; domenica 9-12.30 e 16-23. Nicoletta Masetto


14

Massanzago

www.lapiazzaweb.it

Eccellenze Sede municipale

Villa Baglioni: un gioiello architettonico È

un vero e proprio gioiello in casa. Un patrimonio architettonico e artistico rimasto intatto a testimonianza di una grande storia e altrettanta cultura. Stiamo parlando di Villa Baglioni, oggi sede municipale, tipica villa veneta del Seicento ancor più preziosa per gli straordinari affreschi realizzati da Giambattista Tiepolo. Soprattutto d’estate la villa è meta di tanti visitatori anche stranieri proprio perché inclusa nel tour delle ville venete più significative della zona (Villa Cornaro Gable e Villa Ca’ Marcello a Piombino Dese). È visitabile negli orari di apertura degli uffici comunali: dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 e martedì, mercoledì e giovedì,

dalle 14 alle 18. Ulteriori aperture possono essere concordate su richiesta. Villa Baglioni fu costruita verso la fine del Seicento con tutte le adiacenze da un ignoto architetto per conto del nobile Alvise Lombardo. Nel 1718 fu acquistata, nelle forme in cui il celebre vedutista friulano Luca Carlevarijs la dipinse intorno al 1720, da Giambattista Baglioni, appartenente a una ricchissima famiglia di stampatori e librai iscritta al patriziato veneziano solo nel 1716 dopo aver versato una notevole somma di denaro alla Repubblica di Venezia. Il nuovo proprietario la ingrandì e la portò alle forme attuali, abbellendole dello stupendo ciclo ad affresco di Giambattista Tiepolo al piano

Villa Baglioni

Si tratta di una tipica villa veneta del Seicento ancor più preziosa per gli straordinari affreschi realizzati da Giambattista Tiepolo.

nobile e della decorazione a stucco e ad affresco al pianterreno, opera di Antonio Zucchi. La parte centrale della villa e la barchessa di sinistra sono state acquistate nel 1929 dal Comune (podestà il dotto Luigi Simonetto dal 1927 al 1931); la barchessa di destra è invece proprietà privata e adibita ad abitazione. Nel 1954, dopo la fine del secondo conflitto mondiale che nel 1944 vide il massacro di oltre

30 residenti, venne effettuato il primo restauro. Dichiarata non più agibile nel 1960, tra il 1992 e il 1995 venne completata la parte centrale, a seguire restauro e ricostruzione dell’ala est e recupero filologico del parco a sud. Le visite sono gratuite per: residenti a Massanzago, under 10 e over 65, scuole e università sia italiane sia straniere, accompagnatori dei disabili non autosufficienti; guide turistiche autorizzate. Al di fuori di questi casi gli ingressi previsti sono di 5 euro per visitatori singoli e di 3 euro a persona per gruppi di oltre 5 visitatori. Info: Ufficio Cultura e Turismo 0495797001 int. 12 – cultura@comune.massanzago.pd.it. Ni.Ma.

Zeminiana: nuovo look in nome della sostenibilità

C

entri urbani di capoluogo e frazioni restituiti alla loro piena fruizione nel segno della sostenibilità. È quanto è stato realizzato grazie a Università degli Studi di Padova, in particolare il Dipartimento ICEA, presente sul territorio alla ricerca di soluzioni innovative ma sostenibili per la crescita architettonico-urbanistica dei centri abitati. Il laboratorio di ricerca, guidato dal prof. Edoardo Narne, dall’arch. Bruno Messina, dal prof. Stefano Zaggia, e composto dal tutor ing. Silvia Pellizzari e i laureandi Riccardo Muraro, Mario Pagnan e Luca Zuliani, si è concentrato sull’area centrale della frazione di Zeminiana. La soluzione prevede che la riqualificazione urbana e la rigenerazione territoriale puntino su un nuovo percorso ciclopedonale intercomunale sull’argine del Muson Vecchio, diventando parte di un itinerario su grande scala, passando per l’intero comprensorio del Camposampierese, di cui Massanzago fa parte. Su piccola scala, la costruzione di un contenuto complesso edilizio, ma soprattutto di una copertura modulare attrezzata che forma un piccolo circuito attorno al centro della frazione, potrebbe diventare una polarità per il tempo libero e per l’attività sportiva, non solo per i cittadini, ma per tutte le persone che scelgono questo tipo di percorsi naturali. Questo sistema di coperture delimita e caratterizza il contesto pubblico con la creazione di spazi commerciali, di residenze a corte e nuove aree per lo sport. (ni.ma.)


PIANO INDUSTRIALE ETRA 2016-2018

BASI SOLIDE PER UN FUTURO IN CRESCITA www.etraspa.it stato approvato il primo Piano industriale di Etra, terzo SOLIDITÀ,EFFICIENZA Èoperatore in Veneto per il Servizio idrico e quarto per il Servizio rifiuti. strategie industriali e di processo consentiranno a E VALORIZZAZIONE LeEtranuove il consolidamento della posizione di leadership nel Veneto con investimenti nel Servizio idrico e Servizio rifiuti, garantendo sempre più innovazione, sostenibilità e sicurezza. DEL TERRITORIO

IL TERRITORIO AL CENTRO

Investire per garantire più qualità ed efficienza

SERVIZIO IDRICO

108 milioni di euro di investimenti previsti dal Piano industriale al fine di:

SERVIZIO RIFIUTI

34 milioni di euro di investimenti previsti dal Piano industriale al fine di:

Migliorare le performance dei depuratori per un minor impatto ambientale

Raggiungere l’obiettivo del 76% di raccolta differenziata nel 2020

Estendere le condotte fognarie per garantire una maggior copertura di abitanti serviti

Governare in ambito locale l'intero ciclo dei rifiuti, dalla raccolta al trattamento

Intensificare la ricerca delle perdite per una gestione più efficiente della risorsa idrica

Standardizzare l’erogazione del servizio, con la distribuzione del "kit contenitori", per la realizzazione di economie di scala

Mantenere l'indotto economico ed occupazionale nel territorio

Introdurre un sistema modulare di premialità che permetta una riduzione delle tariffe

INNOVAZIONE

SOSTENIBILITÀ

SICUREZZA


Arredamenti classici e contemporanei

SAMBRUSON DI DOLO (VE) Via Stradona, 18 Tel. 041 5100039 | info@curiotto.it www.curiotto.it


17

Piombino Dese

www.lapiazzaweb.it

Una vittoria sul filo del rasoio

Elezioni Il neo sindaco

Mason: “Piombino ha bisogno del dialogo “D

edico la mia vittoria a tutti i cittadini di Piombino Dese. A chi ha creduto in me e mi ha dato fiducia, ma anche a chi non mi ha votato. Io sarò il sindaco di tutti nello stile della condivisione e della partecipazione. Il paese ha bisogno di confrontarsi e dialogare sulle scelte che contano. Abbiamo bisogno davvero di tutti”. Queste le prime battute a caldo del neosindaco di Piombino Dese, Cesare Mason. Ciquanta-

Dialogo con le altre forze politiche il punto di partenza del neosindaco, che in testa al suo programma colloca lavoro, sviluppo e associazionismo due anni il prossimo 9 settembre, Mason, originario della frazione di Torreselle, è imprenditore. Sposato con Lucia, ha due figli. Anna di 15 anni e Alessandro di nove. Una vittoria che, a suo dire, arriva se non inattesa di sicuro insperata. “C’era ovviamente la voglia di vincere, ma si sapeva che sarebbe stata dura, anzi molto dura. La Lega Nord è molto forte qui a Piombino Dese per ragioni storiche e non solo. A fare la differenza la fiducia nel mio operato, e ancor di più, il dialogo con altre forze politiche a cominciare dal centrosinistra”. “È stato quest’ultimo accordo a fare la differenza?”, chiediamo al nuovo sindaco. “Credo di sì, sono convinto sia stata un’alleanza. E non solo per la tornata elettorale: credo che dialogo e confronto siano sempre motivo di ricchezza non solo nei numeri”. Cesare Mason, in passato, era stato eletto nella lista della Lega Nord e aveva fatto anche l’assessore nella giunta leghista. Poi, però, lo strappo. Con lui anche l’ormai ex leghista Luigi Benozzi di Levada. Ma-

V

Nella foto, Cesare Mason.

son ha conquistato molti voti nel capoluogo, ma anche a Levada. “La prima cosa che farò? Ce ne sono davvero tante sulle quali lavoreremo a breve. Prima di nominare la giunta di sicuro andrò a salutare il presidente della Provincia, Enoch Soranzo. Ci conosciamo da tempo e ci lega un rapporto di stima e amicizia”. Tra le tematiche sul tappeto quelle legate al lavoro e allo sviluppo, ma anche l’associazionismo. Fino a prima di scendere in campo, Ma-

son era stato a capo della locale sezione della Protezione Civile. E su quelle del lavoro e dello sviluppo Mason, che è stato per anni vicepresidente mandamentale dell’Unione provinciale artigiani del Camposampierese, parte di sicuro con una marcia in più. Ni.Ma.

entra nel team! Se hai voglia di crescere professionalmente, con un lavoro stimolante, diventa Consulente pubblicitario.

olata a tre. A Piombino si è giocato tutto nella classica manciata di voti. Sono appena 144 quelli che hanno diviso Cesare Mason, (Lista Civica Noi con Voi) eletto primo cittadino con 1643 dal terzo candidato Ismaele Mason (Lista civica “Siamo Piombino”, in continuità con il sindaco uscente Pierluigi Cagnin). Ancora meno (per l’esattezza 91) quelli che separano vincitore e secondo classificato, vale a dire il leghista Andrea Sacchetto espressione della Lega Nord nella roccaforte del Carroccio di Roberto Marcato e dell’ex senatore e sindaco Luciano Cagnin. Sono stati 1643, pari al 35,0 per cento, i cittadini di Piombino Dese che hanno votato Cesare Mason che si porta a casa 8 seggi in consiglio comunale; 1552 pari al 33,06 per cento quelli che hanno votato Sacchetto (2 seggi) e, infine, 1499 (31,93 per cento) quelli che si sono espressi a favore della continuità con la precedente giunta rappresentata da Ismaele Mason (2 seggi). Votanti in diminuzione, anche se in misura minore rispetto al calo registrato a livello nazionale

Una professione indipendente, un nuovo lavoro con ottime possibilità di guadagno. Offriamo rimborso spese e alte provvigioni, formazione e training, un gruppo di lavoro serio e motivante, mezzi accreditati e di sicuro ritorno.

chiamaci! invia il tuo curriculum a: info@givemotions.it

l’informazione locale a casa tua

una finestra aperta sul mondo dell’informazione

Un’offerta pubblicitaria unica nel Nord-Est I nostri mezzi di comunicazione, insieme o singolarmente, permettono di scegliere i destinatari da raggiungere, di mirare le campagne pubblicitarie ad un target ben definito e di differenziare il messaggio.

e : impossibile passare inosservati!

e regionale: nelle 10 sezioni hanno votato 7.485 cittadini su 9.553 aventi diritto pari al 64,75 per cento. Nella consultazione amministrativa del 6 maggio 2012) aveva votato il 70,08 per cento e, in quelle ancora, precedenti ben il 78,08. Nel 2012 il sindaco, oggi uscente Pierluigi Cagnin, era stato votato dal 49,76 per cento per cento di cittadini. Al secondo posto si era classificato Luigi Benozzi (nel 2017 in lista con Cesare Mason e nel 2012 con Lega Nord-Liste Civiche) con 1407 voti pari al 29,11 per cento dei consensi.

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it

N. M.


18

Piombino Dese

www.lapiazzaweb.it

Le reazioni Lega Nord

No alla continuità

Sacchetto: “Faremo vera opposizione in consiglio” “Siamo il primo partito a Piombino. Anzi, il primo vero partito. I nostri voti non sono frutto di apparentamenti e, in più, abbiamo avuto il coraggio di presentare davvero candidati, volti e storie nuove”. “Noi siamo la vera novità”. Andrea Sacchetto non nasconde l’amarezza per la sconfitta: “Puntavamo, è chiaro, alla vittoria” anche se aggiunge: “Davano la Lega per morta e, invece, siamo rinati. Questa è una ripartenza. Molti degli avversari neoeletti

Andrea Sacchetto

sono dei fuoriusciti dalla Lega, ma noi siamo stati più forti rispetto a quei voti. Il paese, di fatto, è diviso in tre”. La lista “Lega Nord-Liga Veneta: Autonomia, Idee e Passione” si porta a casa ben 1.552 voti pari al 33 per cento. Un risultato frutto della scelta ben precisa di correre da soli senza alcun apparentamento nemmeno con altri partiti o gruppi di centrodestra. “Con me entra in consiglio Onella Bonutto, docente alle scuole

medie. Un nome nuovo, che non ha mai fatto politica prima e che ha conseguito ben 224 preferenze”. Andrea Sacchetto, architetto di 38 anni, leghista da 12, ha presentato un programma che ha posto

tra i suoi obiettivi prioritari: l’impegno per garantire la sicurezza ai cittadini, la valorizzazione dell’ambiente e il rilancio delle attività produttive del paese. “Faremo vera opposizione – afferma Sacchetto -. Alla base di qualsiasi

programma, intervento e attività rimarranno sempre forti i pilastri fondanti del partito: autonomia del Veneto e ospitalità coniugata con la legalità”.

È il grande sconfitto di questa tornata elettorale. Ma più che Ismaele Mason, la cittadinanza sembra aver detto no alla continuità di cui era espressione. «Sì, sono stato sconfitto, non c’è dubbio. Dispiace, ma non voglio fare commenti a caldo. Prima di qualsiasi valutazione preferisco avere tutti i dati in mano e analizzar-

N.M.

Ismaele Mason

li a bocce ferme», afferma Mason all’indomani dello scrutinio. La sua lista, la civica «SiAmo Piombino», puntava sulla continuità rispetto alla compagine uscente del sindaco Pierluigi Cagnin. Da subito altrettanto chiari anche gli intenti: completare progetti e impegni dell’amministrazione precedente, con particolare attenzione allo sviluppo delle frazioni. Cinquantanove anni, sposato e padre, Mason è dirigente d’azienda. Molto conosciuto per i suoi impegni nel volontariato aveva accettato la candidatura con un progetto: «rendere il Comune la “Casa delle case”, un luogo accessibile a tutti, aperto al contributo di ciascuno, con azioni trasparenti improntate alla massima efficacia». «Questo progetto - conclude - non cambia: cercheremo di fare opposizione ricercando sempre il bene del paese».


PREZZI SPECIALI su pneumatici GOOD YEAR - DUNLOP Officina con riparazione e Assistenza Multimarca Gommista con Pneumatici delle Migliori Marche e Deposito Stagionale Carrozzeria Convenzionata con Assicurazioni Revisioni Auto e Moto e Trasporto leggero in sede Auto Sostitutiva - Servizio Aria Condizionata Sostituzione Batterie OFFERTA DEL MESE:

Carica e Controllo CLIMATIZZATORE

29,90

PRESENTANDO QUESTO COUPON

solo per autovetture con gas mod. R134A

VALIDA FINO AL 31 LUGLIO 2017

Viale G. Ferraris, 14/a • z.i. • 30036 S. Maria di Sala (Ve) Tel. e Fax 041 487766 • pattarellosrl@libero.it www.pattarellocarservice.it


20

www.lapiazzaweb.it

La Fabbrica dell’Imbottito Italiano, alla scoperta delle realtà locali

S p acci o az i e nd ale

PASSIONE artigianale e ORIGINALITÀ del Made in Italy permettono ad una realtà locale, quale Divani & Sofà by Gamma di distinguersi a livello nazionale e internazionale. Queste caratteristiche hanno SEMPRE contraddistinto quest’attività permettendole di crescere anche in questi anni di crisi, servendo sia mobilieri, sia medie e grandi catene distributive sia grandi marchi conosciuti in tutto il mondo.

In Veneto l’artigianato è una realtà economica e sociale rilevante che produce ricchezza e occupazione attraverso una rete di attività diffuse capillarmente sul territorio. L’attività artigiana nella nostra regione si fonda sulla figura dell’artigiano che incorpora in se l’immagine dell’imprenditore e del lavoratore, che nell’azienda apporta le sue abilità, la sua manualità, la sua creatività, il senso pratico, e le capacità relazionali ed organizzative. Una miscela perfetta tra tradizione, cultura e innovazione. In questo ambito oggi andiamo a conoscere l’azienda Divani & Sofà by Gamma, una realtà collocata nell’alta padovana che in questi anni di crisi si sta distinguendo presentando una crescita aziendale e di conseguenza un aumento delle

assunzioni a livello di artigiani specializzati. Divani & Sofà nasce da un’esperienza di quasi quarant’anni nel settore degli imbottiti della famiglia Giacomini, che durante la crisi degli anni settanta aveva deciso d’intraprendere l’attività in proprio. L’azienda è stata fondata dal Sig. Giacomini nel 1978, dopo anni d’esperienza maturati da dipendente nel settore. Presa poi in gestione dai figli si è ottenuta una perfetta fusione tra tradizione ed innovazione, attraverso l’inserimento negli uffici di gestionali ad hoc, e nella filiera produttiva di macchine di ultima generazione. Divani & Sofà by Gamma ritiene essenziali per lo svolgimento dell’attività produttiva e la crescita sia continui investimenti in mac-

chinari sia il fattore umano, cercando di creare un ambiente di lavoro incentivante ed appagante. Ogni modello nasce da sapienti mani artigiane che giornalmente producono divani credendo nella qualità e nell’autenticità del prodotto italiano. Divani & Sofà by Gamma ha scelto di localizzare tutte le sue sedi produttive in Italia per preservare un prodotto nazionale, e non accetta compromessi di prodotti prefiniti all’estero. Si avvale solo di personale artigiano specializzato che si impegna con dedizione a portare a termine ogni singolo elemento, dal grande divano al piccolo cuscino. Le linee dei modelli e i materiali utilizzati, vengono progettati e scolpiti nei minimi dettagli da un’equipe d’artigiani specializzati, per

S O L O M A D E I N I T A LY PROMOZIONE VALIDA FINO AL

31 AGOSTO

Divano 3p maxi con penisola in 4 colori

MADALENA €

399,00 Divano letto trasformabile in 4 colori

BEATRICE da € 469,00

donare ad ogni creazione un look distintivo ed unico. Tutti i prodotti vengono sottoposti uno ad uno al controllo qualità prima di essere caricati ed inviati al cliente. Nei primi anni 2000 l’azienda decide di aprirsi al privato con uno spaccio aziendale collocato a Borgoricco, Fraz. San Michele delle Badesse in Via Frattina 16, per poter permettere a tutti di accedere ai suoi prodotti a prezzi REALI di spaccio. Lo spaccio aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 15.00 e il sabato dalle 9.00 alle 19.00 è stato ricavato dalla ristrutturazione dello stabilimento storico della ditta. Spaziosi locali con grandi vetrine ed ampie arcate industriali accolgono la modellistica di quest’azienda. Questa realtà riflette perfettamente il suo slogan “Divani da vivere”.

S pacci o az i e n d ale

Divano 3 posti aggiungendo € 1 viene dato un secondo rivestimento Categoria Special

JASMINE

ORARI

dal lunedì al venerdì 9.00/15.15 Sabato 9.00/19.00

Via Frattina, 16 - S.Michele delle Badesse di Borgoricco (vicino concessionaria Carraro) Tel. 049 9370408 - www.divanisofa.eu


21

Trebaseleghe .

www.lapiazzaweb.it

Due comunità unite nel dolore Lo scorso 18 maggio Natasha Bettiolo, 46 anni, cuoca dell’asilo di Trebaseleghe, è stata uccisa a coltellate da Luigi Sibilio, pizzaiolo campano. Un femminicidio che ha sconvolto tutti Alcuni momenti della fiaccolata

U

n silenzio che fa rumore. È quello che ha accompagnato il lungo addio a Natasha Bettiolo, 46 anni, la cuoca dell’asilo di Trebaseleghe uccisa a coltellate il 18 maggio da Luigi Sibilio, 34enne, pizzaiolo campano. È il silenzio l’atteggiamento a cui richiama, al funerale, il parroco don Rolando Nigris, anche a nome della famiglia. “Arriviamo a questa celebrazione stanchi, dopo tanti giorni di attesa e anche per le tante cose dette e scritte. Ora ci sia spazio solo per la Parola di Dio e per la preghiera”. Due le comunità unite nel ricordo: quella di Trebaseleghe dove la donna, che lavorava da 17 anni alla materna, era conosciuta e benvoluta e quella di Massanzago dove abitava. È sempre il silenzio, avvolto solo dalla flebile luce delle candele, a scandire la fiaccolata che, partita dal piazzale del municipio, si è snodata fino al parcheggio dove Natasha è stata uccisa.

Tremila le persone che hanno sfilato, in religioso silenzio, alla fiaccolata in ricordo di Natasha per dire no alla violenza

Tremila le persone che hanno sfilato, in religioso silenzio, per dire no alla violenza. Ad aprire il corteo i bambini, i piccoli dell’asilo che Natasha amava tanto e che conosceva a uno a uno. Gli stessi che, alla vista della bara con i fiori bianchi e la sua foto, hanno detto al parroco “Sai, lei è la nostra cuoca”.

Un grande abbraccio al quale ha voluto stringersi, per prima, la famiglia di Natasha: i figli Nicola e Andrea col papà Antonio, la sorella, i genitori. I famigliari hanno delegato la cugina a leggere un loro pensiero: “Teniamo vivo il tuo ricordo e la tua memoria e la memoria di tutte quelle donne alle quali

è stata ingiustamente rubata la vita perché non esiste separazione definitiva finché rimane il ricordo”. Il marito Antonio, dal quale Natasha pur essendo separata non aveva mai voluto divorziare, ha fatto leggere un ricordo: “Nella più grande disperazione ti ho amata mentre mi sfuggivi e te ne andavi lontana da me. Ma ora, pensando all’infinito che ci attende oltre, voglio racchiudere nella mia coscienza la certezza che nell’eternità ci ameremo per sempre. Un bacio, amore mio”. Presenti il prefetto Renato Franceschelli e i sindaci di Trebaseleghe, Lorenzo Zanon e di Massanzago, Stefano Scattolin. L’ultimo invito quello di don Rolando: “Continuiamo a costruire relazioni buone. Anche Natasha ci ha creduto fino in fondo”. Nicoletta Masetto

Messaggio pubblicitario

BCC ROMA, BILANCIO IN CRESCITA

L’Assemblea sociale svoltasi lo scorso 1° maggio a Roma e, in videoconferenza, a Campodarsego, ha approvato il Bilancio 2016. La Banca ha ampliato la raccolta e i finanziamenti a famiglie e imprese, salvaguardando nel contempo la qualità del credito, in piena continuità con l’abituale politica di sana e prudente gestione. Prosegue anche l’azione sociale di BCC Roma a favore del territorio dell’Alta Padovana, grazie all’azione costante dei suoi comitati Locali dei Soci Lo scorso 1° maggio l’Assemblea dei soci della BCC di Roma, la prima Banca di Credito Cooperativo in Italia, ha approvato il Bilancio di esercizio 2016, chiuso con un utile di 18,1 milioni di euro e con numeri che evidenziano un crescita costante. La raccolta diretta è aumentata del +3,9% a 9,5 miliardi di euro, mentre la raccolta totale è cresciuta del 2,5% a 11,3 miliardi. Gli impieghi hanno superato i 7 miliardi con un incremento del 3,3% a fronte dello 0,5% del sistema bancario. Numeri solidi, confermati dall’entità del patrimonio, che ha toccato quota 742 milioni, con un Cet1 ratio del 14,7%. BCC Roma si conferma dunque banca solida, patrimonializzata e punto di riferimento per i territori in cui operiamo, soprattutto in riferimento a famiglie e piccole imprese.

L’Assemblea ha inoltre deliberato l’adesione al Gruppo Bancario Cooperativo proposto da Iccrea Banca. La decisione dell’Assemblea è stata presa all’unanimità, confermando l’orientamento del Consiglio di Amministrazione della Banca che, con propria delibera, il 18 gennaio 2017, aveva sottoscritto l’adesione non vincolante al Gruppo. “La decisione che abbiamo preso rappresenta un momento chiave nella nostra storia – ha affermato Francesco Liberati, Presidente di BCC Roma. La nuova architettura del sistema del Credito Cooperativo italiano consentirà alle BCC di svolgere ancor meglio il proprio ruolo al servizio delle economie locali. Questa riforma punta a coniugare l’esigenza di rafforzare il sistema con il mantenimento delle BCC

quali banche del territorio, cooperative, con finalità mutualistiche e di servizio sociale”. Nella zona dell’Alta Padovana prosegue intanto l’azione sociale della Banca, grazie all’impegno dei tre Comitati Locali dei soci, che gestiscono il budget dedicato ad azioni di beneficienza e di promozione sociale a favore dei territori di operatività. Tra le tante iniziative messe in campo, quella in favore delle donne operate al seno: due nuovi “caschi refrigerati” per prevenire la perdita dei capelli durante la chemioterapia sono stati infatti donati al reparto di Oncologia dell’ospedale di Camposampiero, in provincia di Padova. Si tratta di apparecchi che riducono la irrorazione del cuoio capelluto ed impediscono la perdita dei capelli nel 75 % dei casi. Promotore

di questa iniziativa è stato Angelo Giacomazzi, vicepresidente dell’associazione “Fiori di Cactus” e direttore dell’unità semplice di chirurgia senologica. L’associazione ha promosso una raccolta fondi dai risultati notevoli, a cui ha dato il suo contributo BCC Roma. Emanuele Pavanetto, Presidente del Comitato Locale BCC Roma che ha vagliato questo importante intervento a favore di “Fiori di Cactus” ha sottolineato come in molti hanno purtroppo esperienza di parenti o amici sottoposti a cure chemioterapiche: “Sappiamo dunque quale sia la sofferenza psichica causata dalla perdita dei capelli. Un giorno, parlando al pediatra dei miei figli delle iniziative sociali dei Comitati, sono venuto a conoscenza di questa iniziativa e della necessità di fondi per poter mettere in funzione il prima possibile questi caschi, i quali regaleranno un sorriso a tante persone. Ho proposto al mio Comitato questa bellissima iniziativa, che l’ha accolta con entusiasmo e determinazione”.


22

Trebaseleghe

www.lapiazzaweb.it

Centri Estivi 2017: protagonisti i più piccoli Attività fino al 4 agosto, promosse da Asd Silvolley con il patrocinio e il sostegno del Comune

E

state ragazzi 2017 al via con tante novità e proposte. Fino al 4 agosto si terranno, al palasport del capoluogo, i «Centri estivi 2017» promossi da Asd Silvolley con il patrocinio e il sostegno del Comune. Destinatari: tutti i ragazzi e le ragazze delle scuole elementari e medie, ma non solo. Quest’anno, infatti, per la prima volta, le attività saranno rivolte anche ai più piccoli, vale a dire i bambini dell’ultimo anno della materna (per i primi 15 giorni di luglio solo il mattino). Questa la giornata-tipo: dalle 7.45 alle 9.15 accoglienza; dalle 9.15 alle 13: attività ludico - ricreative (manualità, proiezione film, giochi di gruppo); dalle 13 alle 14 pranzo; dalle 14 alle 16 doposcuola; dalle 16 alle 18attività ludico-sportive. Sono previsti anche giochi in spagnolo e in inglese, oltre a frutta fresca per

merenda, giochi d’acqua e molto altro. Costi: settimanale, solo mattino (7.45-13.00) 40 euro; mattino e doposcuola (7,45 - 16.00) 60 euro; full time (7.45-18.00) 80 euro; per il bambini all’ultimo anno di asilo, solo il mattino (7.45-13.00), 50 euro (solo per luglio, 4^, 5^, 6^ e 7^ Settimana). Sconti: sono previsti del 10 per cento sul totale per chi si iscrive per 4 settimane o più, per i tesserati Silvolley e per il secondo figlio. Da segnalare: eventuali allergie e intolleranze alimentari. Le famiglie che vorranno usufruire di agevolazioni economiche possono rivolgersi agliuffici comunali. Iscrizioni: dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19, al bar del palasport (via Don Orione,6). Info: Gianluca Zanatta: mail:gianluca.zanatta15@ gmail.com, cell: 3405445686. Ni.Ma.

Quest’anno, per la prima volta, le attività saranno rivolte anche ai più piccoli, vale a dire i bambini dell’ultimo anno della materna

Informazioni e opportunità dell’estate Tante le altre proposte per l’estate 2017. City Camp. Il centro estivo con tutor in lingua madre inglese è promosso dal Comune e gestito dalla London School di Rovereto. Si svolge fino al 23 giugno alla primaria di Trebaseleghe. La full immersion (dalle 8.30 alle 16.30 con giochi, attività, balli e canzoni rigorosamente in inglese) si rivolge ai bambini di primaria e secondaria di 1° grado. Concorso fotografico. “In bianco e nero. Luci e ombre di Trebaseleghe” è il titolo dell’iniziativa promossa dal Comune. Lo scopo: individuare e valorizzare, grazie ai click, gli aspetti positivi del territorio, riqualificandone i negativi. Inoltre, le immagini potranno far emergere il senso artistico dei cittadini e il senso appartenenza alla comunità locale. Biblioteca comunale. Dal 1 giugno c’è un nuovo orario di apertura: dal lunedì al venerdì 9-12 e 15-19, sabato chiuso. (Ni.Ma.)

le carni alla griglia e le pizze integrali

la genuinità dei prodotti italiani

i dolci fatti in casa

Banchetti · Cene Aziendali da asporto anche frittura mista di pesce · grigliata di carne spaghetti alla scogliera · grigliata di pesce via rossignago, 99 · 30038 spinea (venezia) telefono 041 999523 · www.pizzeriafarsora.com AMPIO

PARCHEGGIO


DGR 474, 475, 476 e 477/2017 e DGR 1986, 1987 e 1988/2016


25

Camposampierese Cultura

www.lapiazzaweb.it

Intervista Andrea Levorato

Etra è vincente grazie al territorio Un solido piano industriale ci permette un percorso di pianificazione e crescita che funziona

“I

l Veneto è un’area ampiamente frammentata, ma con un grande senso d’appartenenza territoriale. Mantenere integra la nostra identità equivale a garantire proprio questa territorialità”. Non è lo slogan elettorale di qualche candidato, ma la filosofia che il presidente Andrea Levorato, l’avvocato da due anni al timone di Etra spa, ha posto alla base del nuovo piano industriale approvato lo scorso febbraio dall’assemblea dei sindaci-soci. Un piano che rappresenta una novità e una svolta decisa, proposto per la prima volta dalla nascita della multiutility, a garanzia del percorso intrapreso su scelte strategiche e investimenti. “Un solido piano industriale ci permette di intraprendere un percorso di pianificazione e di crescita – spiega Andrea Levorato – facendo fronte in modo efficace alle minacce di espansione nel nostro territorio di gruppi quotati e al quadro normativo sui servizi pubblici in costante evoluzione”. Ecco quindi il riferimento al mantenimento dell’identità. “E’ chiaro che le espansioni delle società quotate mirano esclusivamente ad aumentare i propri ricavi: è nel dna della loro configurazione “finanziaria”. Per Etra il discorso è completamente diverso. Etra è una società “in house”, non è finalizzata a generare dividendi: ogni utile ricade nel territorio. In nove anni, dal 2006 al 2014, sono stati realizzati nel servizio idrico 317 milioni di investimenti e le cifre del prossimo triennio sono più ambiziose: saranno messe in esercizio opere per 129 milioni con il reinvestimento di oltre il 50% delle tariffe incassate e puntando all’aumento delle utenze. Gli investimenti mireranno soprattutto a migliorare le performance dei depuratori, a

estendere le condotte fognarie, ad intensificare la ricerca e riduzione delle perdite e la campagna di sostituzione dei contatori”. Eppure anche Etra sta valutando nuove aggregazioni… “Certo, soprattutto con aziende di territori contigui, con efficienze e metodologie affini alla nostra. Le stiamo valutando sia perchè le normative indicano la necessità di una riduzione del numero di multiutility operanti, sia, e soprattutto, perchè occorre fare “massa critica”, diventare più forti appunto nel territorio per resistere all’avanzata delle quotate che sono ai nostri confini, quali Hera a Padova o a2a a Verona”. La guerra dei piccoli? “Direi piuttosto la resistenza, l’attaccamento ai nostri valori. Faccio solo un esempio: il nostro piano industriale non è stato calato dall’alto, ma è stato capillarmente condiviso col territorio. Pensate che una società quotata in Borsa potrà mai fare la stessa cosa?”. Che tempi prevede, presidente, per le aggregazioni di Etra? “Spero non lunghi, anche perchè oggi siamo nelle condizioni di potere scegliere i nostri partner, domani chissà…”.

Ma nel caso di fusioni con altri gruppi, potrà resistere la vostra attuale governance duale, cioè il Consiglio di sorveglianza (espressione dei sindaci-soci) e quello di gestione? “Non so, probabilmente ci sarà bisogno di qualche aggiustamento, ma non dubito che sapremo individuare la strada migliore”. Da un punto vista finanziario, il nuovo piano industriale cosa indica? “Se il valore della produzione nel 2014 era di 169 milioni di

euro, il piano prevede un aumento dei ricavi fino a 195 milioni nel 2018, con un valore aggiunto distribuito sul territorio che sfiorerà i 100 milioni di euro e una crescita degli utili del 33% nel periodo 2016-2018 rispetto al periodo 2013-2015. In particolare, per quanto riguarda il servizio idrico, si passa dai 90.8 milioni di ricavi totali a consuntivo nel 2014 ai 108 del 2016-2018; per il servizio rifiuti dai 74,8 milioni agli 86,1”. Infine, presidente, ci sono

nuovi investimenti anche per il servizio rifiuti? “Il nuovo piano industriale prevede per il servizio rifiuti investimenti per 34 milioni di euro nel triennio 2016-2018. L’obiettivo del 70% nella raccolta differenziata (previsto dal pacchetto ambientale europeo) è già stato raggiunto da Etra, che ora si pone il target del 76% nel 2020 continuando nella politica di riduzione delle tariffe. Un risultato da raggiungere grazie alla standardizzazione del servizio, con la tariffa a corrispettivo, e sistemi di raccolta puntuale, razionalizzando la logistica con la creazione di due soli poli logistici sovracomunali a Bassano e a Camposampiero e chiudendo i cicli dei rifiuti in ambito locale per governare i flussi e stabilizzare i prezzi di smaltimento. Investimenti che comunque avverranno a fronte di un costante contenimento dei costi, uno dei pilastri della nostra attuale governance: Etra lo scorso anno ha diminuito le tariffe del 3,5% in 48 Comuni, e quest’anno sta applicando un sistema modulare di premialità che permette di aggiungere fino ad un ulteriore 2% di riduzione”. Alberto Beggiolini Andrea Levorato, presidente Etra

Etra, la scheda Etra (energia territorio risorse ambientali, sede legale a Bassano e amministrativa a Cittadella) è la multiutility a totale proprietà pubblica che copre oggi un bacino di 600.000 utenti, conta circa 800 dipendenti, un solido patrimonio economico-finanziario, qualità nei servizi e nell’assistenza ai clienti. Etra, multiutility di proprietà di 75 comuni soci nelle province di Padova, Treviso e Vicenza, a dieci anni dalla nascita è protagonista di una crescita vistosa. Etra è oggi il terzo operatore idrico in Veneto, il quarto nel Servizio rifiuti. Le tariffe del Servizio rifiuti sono state ridotte del 3,5% in 48 comuni; progressivamente

si arriverà a questo regime in tutti i comuni soci. Nei comuni soci di Etra la spesa media per il Servizio rifiuti è di 91 euro a persona, a fronte dei 168 euro a livello nazionale e dei 137 del Veneto. Il dato medio di raccolta differenziata è pari al 70%; l’obiettivo è il 76% entro il 2020. Costi operativi calati di oltre un milione e mezzo di euro; ricavi cresciuti del 2,4% (valore della produzione pari a 173 milioni di euro). Sono stati investiti oltre 35 milioni di euro nel 2015 e messi a budget 60 nell’esercizio 2016. La rete idrica è estremamente sicura: si è escluso ogni pericolo di contaminazione

da Pfas, così come è esclusa la presenza di Glifosati, i temuti diserbanti molto usati in agricoltura. I controlli sull’acqua sono passati dalle 28.000 analisi del 2014 a quasi 40.000 analisi nell’ultimo anno. I sei Comuni “coperti” da questa nostra nuova edizione posseggono circa il 10% di Etra. Più precisamente: Camposampiero è socio della multiutility con 825.445 azioni (una azione equivale ad un euro, valore del 2,47%); Trebaseleghe ne ha 770.294 (2,31%); Piombino 517.480 (1,55%); Borgoricco 474.117 (1,42%); Loreggia 363.531 (1,09%); Massanzago 292.189 (0,88%).

Tagliati su misura per ogni cliente per la vostra >> Circuito Nord Est Pubblicità Padova Rovigo Venezia >> 14 Edizioni mensili 222.590 copie via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


26

Cultura

www.lapiazzaweb.it

Alla scoperta dell’Europa

Il mito degli Usa

Un progetto Erasmus+ coinvolge sette classi dell’istituto Newton di Camposampiero, per capire le migrazioni di oggi e imparare la tolleranza. Nel 2018 grande incontro internazionale

C

C

apire le migrazioni di oggi e imparare la tolleranza per costruire un’Europa più libera e democratica. La ferma convinzione e l’invito arrivano non a suon di sermoni bensì di immagini, parole ed esperienze concrete che stanno vedendo protagonisti, a livello europeo, gli studenti dell’istituto di istruzione secondaria superiore “Newton” di Camposampiero. Sette le classi (2D, 2CITI, 2ALS, 2ALL, 2BLL, 3BITI + IFLS) che hanno lavorato all’attuazione del progetto. I ragazzi saranno impegnati sia nella mobilità sia nella realizzazione di strumenti concreti, insieme a ragazze e ragazzi di altri cinque Paesi europei. Il lavoro culminerà, il prossimo anno, in una sorta di festival internazionale in programma proprio a Camposampiero cui parteciperanno altri cinque Paesi. “È un progetto con capofila Germania e partner Italia, Romania, Spagna, Olanda, Ungheria - spiegano gli studenti -. È una

ricerca sulla storia di ciascun Paese per capire le migrazioni di oggi e imparare la tolleranza; questo porterà a un’Europa più democratica. Un primo incontro internazionale, tra tutti i partecipanti dei 6 Paesi partner, si è svolto in Spagna a Igualada, vicino a Barcelona. I prossimi saranno in Olanda, Germania e infine, nel dicembre 2018 il Newton istituto ospiterà il “festival” finale”. Il progetto dei ragazzi del Newton, targato Erasmus+ (programma semplificato che combina tutti i precedenti meccanismi di finanziamento Ue nei settori istruzione, formazione, gioventù e sport), s’intitola “On the move in Europe – Towards a democratic society”. Rientra nel progetti Erasmus+ di Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche. A curarlo gli studenti insieme ai loro docenti di lingua inglese, in particolare Kate Inglis e Isabella Costantini. A presentarlo gli

Apre a Villa Pisani la mostra, curata da Matteo invaso le coscienze collettive di generazioni, con os’hanno in comune Andy protetti, liberi e soprattutto arWarhol, Capitan Ameri- tefici del nostro destino come lo ca, l’Harley Davidson e Marilyn stesso motto del mito a due ruoMonroe? Sono i simboli di un im- te recita attraverso le note degli pero economico e consumistico Steppenwolf in Easy Rider: born che, dagli anni ’50, ha invaso le to be wild. coscienze collettive rivolgendo “Gli studi apparsi negli ultimi l’attenzione globale ad una po- anni concordando nel giudicare etica fondata sulla celebrità e il XX secolo come il “secolo amesull’eroe contemporaneo e di un ricano”, un secolo largamente american way of life che ha con- influenzato, se non proprio dotagiato tutte le sfere sociali. minato, dalla presenza e di un Un mondo fatto di comunicamodello di vita che promuoveva zione e genialità, business e icone la libertà e la possibilità di tornastoriche che sono entrate di pre- re a sognare un futuro migliore potenza nel nostro immaginario dopo l’incubo della guerra - afcollettivo che viene raccontato ferma il curatore, Matteo Vanzan attraverso una mostra dal titolo - attraverso opere d’arte, racconesposizione a Villa Pisa- ti, filmati e molto altro la mostra Nella foto, gli studenti delMyth, Newtonin a Igualada ni di Monselice fino al 27 agosto. consente di capire le dinamiche e stessi ragazzi nel corso di due incontri, il i Vanrisultatiledella ricerca “Migration La mostra, curata da Matteo motivazioni che hannotoday”, portaprimo rivolto alla zan scuola, e in particolare quindi spiegato il video di progetto (realize Alessia Prearo in collabora- to all’affermazione della società a ciascuna classe; zione il secondo alle famiglie, zatodia Igualada) sul tema migrazione con l’agenzia MV Eventi dei consumi chedella stiamo tutt’ora alla cittadinanza eVicenza alle autorità. dal titolo vivendo”. “Give me your hand” oltre al vie con la sponsorizzazioI ragazzi delle sette classi hanno prodot- vuole deoinsull’esperienza di Igualada. a ne di TMB di Monselice Dalla Factory di Alla un fine, Andy to un video «This is us - our school, town,dallatutti è stato offerto il buffet dagare i miti americani pro-i partecipanti, Warhol, che rappresentava il free time, activities, food,del houses, tran- sociale, realizzatofulcro dagli stessi studenti. spettiva loro “scopo” dell’arte mondiale, pasN.M. sport», creato un apposito presentati quello disito, renderci e farci sentire sando per l’American Freedom

Ascanio Celestini il 6 luglio C’è anche Ascanio Celestini nel cartellone dello Sherwood Festival , quest’anno in programma fino al 15 luglio. Attore, regista, autore teatrale e scrittore, si esibirà il 6 luglio in “Che fine hanno fatto gli indiani Pueblo? Storia provvisoria di un giorno di pioggia”, uno studio ironico e profondo al tempo stesso, scritto dallo stesso Celestini, accompagnato sul palco da Gianluca Casadei.

Porta il nostro Sorriso in giro! numero verde 800 598 006 • Primo viaggio gratuito • Prima visita, preventivo e piano di terapia gratuiti • Prezzi al 50-60% più bassi • 8 studi dentistici, materiali a norma CE, attrezzature d’avanguardia • Viaggi organizzati settimanali A/R in giornata

ORTO·NOVA Medicina Dentale · via Lošinjska, 16 · Rijeka

00385 51 829 600 · info@ortonova.it · www.ortonova.it

“Heroes” porta la pop art nel cuore di Padova La pop art è protagonista a Padova con la mostra personale di Alberto Volpin, allestita in Sala della Gran Guardia dal 23 giugno al 20 agosto. In esposizione una trentina di quadri di grande dimensione con affascinanti scorci cittadini in cui sono raffigurati i Super Eroi. I dipinti in cui è rappresentata Padova prendono spunto da famose opere artistiche della città che sono descritte fedelmente La mostra è un omaggio a Padova, città in cui Volpin ha sviluppato il senso della storia, dell’arte e del bello, che sono parte integrante della sua pittura coinvolgente.

Grande musica a Piazzola Dopo il grande successo delle scorse edizioni torna a Piazzola sul Brenta il grande spettacolo della musica internazionale. Il festival, giunto alla decima edizione - da quest’anno Postepay Sound - inizia il 23 giugno con il ritorno in Italia dei Cranberries e si conclude a fine luglio, con l’unica data italiana di David Guetta e lo show poliedrico dei Brit Floyd. Gli artisti in cartellone: 2Cellos, Scott Bradlee’s Postmodern Jukebox, Il Volo, Benji & Fede, Kasabian. (l.o.).

Machi simo id Preside sa giov mondo un’imm of life c zione d e di pr traddiz terizza


Sport

www.lapiazzaweb.it

Eccellenze Pallavolo Massanzago

Una stagione di grandi risultati La prima squadra femminile passata in serie C e l’Under 14 maschile ha conquistato il titolo di campionessa veneta

L

a Pallavolo Massanzago festeggia due importanti vittorie, con la prima squadra femminile passata in serie C e con l’Under 14 maschile che ha conquistato il titolo di campionessa veneta a inizio maggio e si è in seguito qualificata all’ottavo posto alle finali nazionali svoltesi dal 16 al 21 maggio a Rossano Calabro. Allenata da Antonio Casarin e gestita dal team manager Andrea Corò, l’Under 14 maschile è una squadra completamente paesana, fatta eccezione per l’ingresso di due giocatori da fuori paese. Partiti dal settore minivolley all’età di 5-6 anni, i ragazzi hanno disputato il loro primo anno in Under 12 arrivando al quarto posto. Il primo anno in Under 13 si sono poi qualificati, vincendo il torneo interprovinciale. Il gruppo 2003, che l’anno scorso è arrivato alle semifinali regionali, quest’anno è campione regionale under 14 e, giunto alle finali nazionali, si è classificatoottavo. In que-

sta formazione sono stati convocati tre dei giocatori vincitori al trofeo delle province: il capitano schiacciatore Andrea Scattolin, il centrale Edoardo Zoggia e l’alzatore Nicolò Braghetto. “Siamo orgogliosi di questo percorso – afferma il direttore sportivo del settore giovanile Ronnye Finotto -: siamo una società che lavora prevalentemente con i ragazzi del territorio. Lo sviluppo delle loro potenzialità è durato cinque anni. Ed ora siamo riusciti ad ottenere questi importanti risultati”. Grandi soddisfazioni anche per la prima squadra femminile, una formazione mista composta da ragazze della zona allenate Antonio Casarin e seguite dal team manager Michele Favaro, che ha conquistato tre posizioni tutte d’un fiato. Nell’arco di tre anni, infatti, è passata dalla seconda divisione alla prima divisione, dalla prima divisione alla serie D e, con l’ultima stagione, dalla serie D alla serie C.

A Massanzago il torneo “Per non dimenticare”

C

alciatori in erba di tutto il Camposampierese protagonisti di una tre giorni di sport all’insegna della partecipazione, solidarietà e sensibilizzazione sul tema della sicurezza stradale. Questo l’obiettivo del torneo “Per non dimenticare” svoltosi a Massanzago dal 2 al 4 giugno. L’evento, all’ottavo anno consecutivo, è promosso dagli assessori allo Sport del Camposampierese, in collaborazione con il distretto di polizia della Federazione dei Comuni. Il torneo, svoltosi negli impianti comunali di via Cavinazzo, era riservato alle categorie Piccoli Amici, Primi Calci, Pulcini. “Per non dimenticare” è un evento itinerante patrocinato da Federazione dei Comuni e Coni Padova. Quest’anno, dopo essere stato a Loreggia, Borgoricco, Santa Giustina in Colle, Campodarsego, Villanova di Camposampiero, Villa del Conte, San Giorgio delle Pertiche, è approdato a Massanzago. L’onere organizzativo alla Usd Fulgor Massanzago, società che ha sempre prestato grande attenzione ai settori giovanili e allo sport come palestra di vita. “Non è un torneo in cui è importante l’aspetto agonistico - è stato ribadito -, quanto piuttosto lo stare insieme: dei bambini, degli allenatori, delle famiglie, uniti dai valori dello sport, dell’amicizia, della vita”. A fare il tifo per i giovanissimi calciatori anche l’associazione dei famigliari delle vittime della strada “Per non Dimenticare”, da cui il torneo prende il nome e che da anni promuove iniziative in ricordo delle vittime della strada. (ni.ma.)

27


Specialisti del BUON

DORMIRE • a Padova dal 1978

ACQUISTA IN

FABBRICA risparmi fino al 50%

PRODUZIONE E VENDITA DIRETTA

materassi · letti · cuscini · complementi letto

T U T TO S U M I S U R A

Sede, Produzione e Showroom Linea Berger Group srl via Romania, 12 Z.I. Sud · 35127 Padova tel. 049 7625288 info@lineaberger.it

Negozio

Il Buon Dormire

via Facciolati, 85 35127 Padova tel. 049 8021664 negozio@lineaberger.it

w w w. l i n e a b e r g e r . i t


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Informazione a pagamento a cura degli esperti del settore

Salute

Salute / Si Viaggiare

Per partecipare alla rubrica chiamare il numero 049 8704884

3

www.lapiazzaweb.it/category/salute/

Editoriale

Vaccini, bufale e verità dott. Giovanni Leoni

L

o stato vaccinale torna costantemente sulle pagine di cronaca a vari livelli. Ultimamente il Prof. Roberto Burioni, fino a poco tempo fa “solo” valente ricercatore sulle malattie virali dell’ Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, noto nell’ambiente scientifico, ma sconosciuto ai più, è stato pesantemente minacciato per il suo impegno social sui vaccini con minacce di morte, bombe carta che hanno fatto da contorno ai volantini contro il provvedimento del Ministro Lorenzin sull’obbligo delle vaccinazioni. Un clima da ultras da stadio. Al contrario mi è di qualche conforto sottolineare che nella provincia di Venezia, secondo gli ultimi dati ULSS a livello tasso vaccinale, non ci sono stati motivi di particolare preoccupazione, in altre province come a Treviso o Udine con l’operatrice che, pare, abbia simulato le vaccinazioni le riflessioni in materia devono essere ben altre e comunque, il confronto deve essere fatto con i livelli di copertura effettuata in altre provincie del Veneto.

I medici difendono i vaccini: “Serve la giusta informazione” Scoperto a Padova l’ormone della vecchiaia

a pag 30

Mediclinic, la clinica delle eccellenze

a pag 31

Tutti i servizi: dalla diagnostica per immagini alla palestra e piscina a pag 31

Vuoi collaborare con noi? Contattaci!

Salute

>> Condividi la tua esperienza ed i tuoi consigli sul nostro >> Inserto Salute

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


30

laPiazza .

Salute

Allergia da polline, colpito un numero sempre maggiore di persone

Padova, individuato l’ormone dell’invecchiamento

U

na rivoluzione nella qualità della vita che parte da Padova. Un team di ricercatori del VIMM e dell’Università di Padova guidati da Marco Sandri e Luca Scorrano hanno scoperto che l’invecchiamento ed il danneggiamento dei mitocondri del muscolo causa la produzione di un ormone che a sua volta scatena l’invecchiamento dell’intero organismo. Questa scoperta pubblicata su “Cell Metabolism”h, la più autorevole rivista scientifica nel settore dell’endocrinologia e del metabolismo, apre rivoluzionari scenari per vivere meglio e più a lungo. Era noto che il deterioramento dei mitocondri, le centrali energetiche di ogni cellula, fosse legato all’invecchiamento. Lo studio dei team di Sandri e Scorrano, finanziato dallo European Research Council, dalla Fondazione Telethon e dalla Fondazione Cariparo, ha scoperto come questo avviene. I livelli di Opa1, una proteina essenziale per la forma ed il funzionamento dei mitocondri, sono normali negli Marco Sandri, docente Luca Scorrano, Direttore anziani che svolgono regolare attività fisica, ma molto bassi di Patologia Clinica Scientifico del VIMM negli anziani sedentari. La mancanza di Opa1 nel muscolo presso il Dip. di Scienze e Professoredi Biochimica causa la produzione di un ormone chiamato FGF21. Per anni Biomediche dell’Università presso il Dip. di Biologia si è pensato che questo ormone fosse prodotto solo dal fegato di Padova dell’Università di Padova e dal grasso e che avesse un’azione benefica, migliorando il metabolismo di grassi e zuccheri. Lo studio condotto dalle Dott. generalizzata: tutto questo accorcia drasticamente la vita”. sse Caterina Tezze e Vanina Romanello ha evidenziato la doppia L’ormone FGF21 viene prodotto dai muscoli degli anziani che vita di FGF21: quando questo ormone è prodotto dal muscolo, conducono una vita sedentaria, mentre resta a livelli più bassi esso manda un segnale di invecchiamento a tutto l’organismo. negli anziani che svolgono regolare attività fisica. Il movimento Bloccando la produzione di FGF21, i fisico sembra quindi la chiave per ricercatori hanno arrestato molti dei contrastare la senilità. Scoprire E’ dimostrato: la vita segni di invecchiamento a livello di Il prossimo step dei team di Marco perchè cute, fegato, intestino e cervello. ”Non Sandri e Luca Scorrano è realizzare sedentaria accelera si scatenano era chiaro come la vita sedentaria fosse che contrastino l’invecchiamento l’invecchiamento di farmaci collegata ad un invecchiamento precoce precoce nella popolazione sedentaria. Il le allergie sarà umentano annoSandri, in anno - spiega il Prof. di Marco docentele cute, fegato, intestino team del Prof. Sandri si sta concentrando la via per curarle persone Clinica che soffrono di Patologia presso il diDip.riniti di su metodi che bloccano la produzione e cervello” allergiche,Biomediche malattie intimamente legate Scienze dell’Università di di FGF21. Il Prof. Scorrano, Direttore con la produzione il cicloci dispiega emissione Padova. Il nostro estudio che Scientifico del VIMM e Professore di ambiente dei pollini delle piante. l’in ”invecchiamento non attivo” porta al deterioramento dei Biochimica presso il Dip. di Biologia dell’Università di Padova Solitamente, i polliniilioni di aumento anni e di FGF21. Quando i ed il suo team cercano invece di prevenire la perdita di Opa1. mitocondri nei muscoli ed ad un che perdura ancora oggi. livelli di FGF21 nel sangue sonoMedzhitov alti per lungo tempo, l’organismo Insieme, sono convinti di fornire delle armi per contrastare ammette che una teoria controversa, risponde con è l’invecchiamento della pelle, del fegato e l’invecchiamento anche per chi è impossibilitato ad esercitare ma è sicuro cheperdendo la storia glineuroni, darà ragione. dell’intestino, e con un’infiammazione una regolare attività fisica.

A

www.lapiazzaweb.it

Editoriale L’editoriale

Vaccini, bufale e verità Omeopatia ed evidenze scientifiche: non trascurare erò, pur esprimendo soddisfazione per come Pterapie sono andate le cose nelle nostre zone, sintomo validate scientificamente di una corretta impostazione di giudizio da parte delle popolazione, non mi sento di assumere toni trionfalistici, poiché non nego che le situazioni di altre aree della regione dell’Italia èsono me dimotivo L’omeopatia (simileesofferenza) una per pratica medicina non di profonda preoccupazione e sono solidale con i tedesco convenzionale basata sui principi formulati dal medico colleghiHahnemann che stanno talisecolo problematiche, Samuel nellaaffrontando prima metà del XIX, alla cui base vi che vengano risolte(similia al più prestocurantur) èaugurandomi il principio di similitudine del farmaco similibus nell’interesse tutti eper soprattutto dei bambini. secondo cui il di rimedio una determinata malattia consiste in nuova che legge nazionale mio parere, giustamente, tirache unapresenta linea netta sulla unaLasostanza induce in un asoggetto sano gli stessi sintomi la persona lunga diatriba delle vaccinazioni e, come presidente dell’Ordine della Provincia di malata. Questo principio omeopatico, una volta individuato, viene assunto in una dose Venezia ritengo fosse ormai una decisione divenuta, inevitabile. fortemente diluita (potenza) e dinamizzata attraverso un procedimento detto “succussione”. Mi premesono sottolineare dell’atto vaccinale che, oltre rappresentare Le “potenze” diluizioniil1valore a 100etico (potenze centesimali o potenze C o aCH) o diluizioni 1 un diritto, rappresenta anche un dovere di protezione nei confronti della a 10 (potenze decimali D o DH). In una diluizione C la sostanza viene diluita popolazione in 99 parti di più debole solvente e in .seguito “dinamizzata”, ovvero agitata con forza con un procedimento che viene In questi giorni sette Società Scientifiche, scienziati, Istituzioni ed esponenti chiamato “succussione”; in una diluizione D la sostanza viene diluita in 9 parti di solvente società sottoscritto la Carta di Pisa un documento in acui edella sottoposta allacivile stessahanno dinamizzazione. La critica maggiore che viene rappresentata tali sostengonoè senza riserve la necessità di significa promuovere la sostanza pratica èvaccinale e preparazioni il fatto che diluizioni di 12 C, che che una stata diluita intendono ribadire l’importanza assoluta della vaccinazione degli operatori sanitari per dodici volte, ogni volta 1 a 100, per un totale di una parte su 100 alla dodicesima o 24 il raggiungimento controllo delle malattie con tale atto(quando medico.non Dper (=10 alla ventiquattro),delcomunemente utilizzate neiprevenibili preparati omeopatici, Sotto l’egida “vacciniamoci noi per primi e diamo l’esempio“ si sono ritrovate: diluizioni ancor maggiori) per le leggi della chimica portano a non contenere neppure una Società Italiana Multidisciplinare per la Prevenzione delle Infezioni nellein molecola della sostanza di partenza. Tanto da rendere indistinguibili prodotti omeopatici Organizzazioni SIMPIOS; Società Italiana Igiene, alcun Medicina Preventiva origine diversi fraSanitarie.loro e destinati a terapie specifiche, nondiesistendo metodo di analisi e Sanità in Pubblica SITI; Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale chimiche grado di–classificarli. Kate Chatfield, della British Homeopathic Association ha – SIMLII; in Società Italiana di Medicina Tropicalebritannico e Salute che Globale SIMET; Società ammesso, una audizione presso il Parlamento non –esiste alcun modo Italiana di Pediatria – SIP; Italiana se Medici Pediatri) – FIMP; per distinguere tra loro dueFederazione prodotti omeopatici non per l’etichetta dellaFederazione confezione. Italiana Medici di Medicina Generale – FIMMG. Così dicasi per i prodotti solidi metallici sminuzzati le cui diluizioni successive danno come L’ Agenzia del Farmaco - AIFA - ha formulata, pubblicatodaii dati 2014/2015. In totale prodotto finale Italiana acqua e zucchero. Ciò dato è stata sostenitori dell’omeopatia, 12.645 segnalazioni di sospette reazioni avverse, comprese 78 morti sospette. Ma la teoria della “memoria dell’acqua” secondo cui le molecole conserverebbero una geometria per nessun caso di decesso è stata rilevata correlazione con la vaccinazione. molecolare derivante dagli elementi chimici con cui sono venute a contatto e quindi Provare la del correlazione in questi è fondamentale e infatti il report Aifa l’informazione principio attivo che necasi spiegherebbe la supposta efficacia terapeutica. analizza ogni singolo riportando un quadro dettagliato per i due anni esaminati Non si comprende peròcaso perché l’acqua conserverebbe solo le proprietà terapeutiche e non dal quale emerge per nessuna 69 inmorti del 2014 e delle 9 del nessuna 2015 è stato quelle tossiche delleche sostanze con cui èdelle venuta contatto. Inoltre non esiste prova riscontratosull’esistenza un legame diretto e comprovato tra decesso vaccinazione. A questo scientifica della memoria dell’acqua. Allo statoe attuale non esiste alcuno link l’articolo dedicato http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/ studio scientifico che abbia potuto provare che l’omeopatia abbia efficacia terapeutica articolo.php?articolo_id=51393 superiore all’ effetto placebo. Gli effetti positivi che molti pazienti dichiarano infatti sono Per quanto riguarda in datadall’effetto 23 e 24 settembre 2017 alla anche manifestazione in centro confrontabili conci quelli derivanti placebo, risultanza della visione olistica a Mestre “Venezia in Salute “ , che annualmente l’Ordine organizza attraverso la sua e dell’attenzione che il medico omeopata presta al paziente e al suo vissuto della malattia, Fondazione insieme ormai a circa 30 operatori del settore sanitario, ULSS, Istituti che spiegano il successo sociale di tale pratica terapeutica. L’omeopatia contemporanea in convenzionati Ambulatori e Volontariato sarà collegato effetti si rivolge ,più a patologiespecialistici, che derivanoAssociazioni dall’alterazione o dal malfunzionamento dei un convegno sulle “eBufale in rete” e sulle problematiche delledei vaccinazioni. sistemi che regolano difendono il corpo umano. Gli effetti avversi farmaci omeopatici sentitodiladuenecessità di eusare forme dall’abbandono di comunicazione più sonoAbbiamo sostanzialmente tipi: indiretti diretti,inuove primi derivano di terapie accessibili alla gente comune perchè come professionisti del settore ci siamo resi scientificamente validate in favore dell’omeopatia,i secondi da eccipienti e processi di conto che scorretti per motivi essenzialmente di fino ordine è natodove e sil’omeopatia è sviluppato produzione e vanno da lievi disturbi allaeconomico morte. Nei Paesi ha un movimento antivaccinista che consideriamo pericoloso per la salute riscontrato la maggior diffusione (USA,Gran Bretagna, Francia, Germania, India)pubblica, tanto che senzai ma. insenza moltisedi equesti farmaci omeopatici sono entrati nella farmacopea ufficiale e finanziati Una manifestazione la genteuna chenotevole necessita di una informazione dal sistema pubblico, si staper registrando diminuzione del loro utilizzocorretta, e un calo da medici che devonointradurre modo semplice che sono i dati dellaè difatta popolarità dell’omeopatia; Francia in il rimborso previstoquelli per sostanze omeopatiche letteratura internazionale. sceso dal 65% al 35%,mentre in Gran Bretagna il Servizio Sanitario ha cancellato i farmaci A prestodalquindi ed appuntamento a settembre Venezia in Salute, ancheadnoi omeopatici suo prontuario farmaceutico e sempre inaGran Bretagna si è assistito un scendiamo in campo e diamo l’esempio, anche se apparteniamo a specialità diverse, calo record nelle vendite di prodotti omeopatici. In Italia le persone che si sono rivolte a cure ci uniscono isono libri passate che abbiamo studiato in comune tanti anni,Anche ed una omeopatiche dal 15,5% del 2000 all’8,2%indel 2013. se professione il ricorso alle impostata sulla verità nel rapporto con il cittadino e con il paziente, da sempre. cure omeopatiche è in netta diminuzione,è ancora alto il numero di persone che ad esse si rivolgono, per questo motivo è stato saggio limitarne la prescrizione ai Medici, cultori della materia, sempre con l’imperativo deontologico di non convincere i malati ad abbandonare o ritardare cure mediche di sicura efficacia. Continua alla pag. seguente dell’inserto

Salute è anche WEB

Salute

>> I consigli dei nostri Medici di Zona su www.lapiazzaweb.it >> Seguici !!!

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


laPiazza-

Salute

www.lapiazzaweb.it

31

Mediclinic, la clinica delle eccellenze Pronta la nuova risonanza magnetica In occasione dell’inaugurazione del nuovo apparecchio diagnostico all’avanguardia, abbiamo intervistato il Direttore Sanitario della clinica Mediclinic, il Dottor Massimo Fusello Ci parli della novità di questi giorni. “La nuova risonanza viene prodotta da Siemens e si chiama Magnetom Aera 1.5, il che significa che ha 1.5 tesla di potenza. La potenza in tesla determina l’accuratezza con cui si vedono le immagini quando poi si riproducono in formato digitale. È chiaro che minori sono i tesla e meno definita è l’immagine. Con questa apparecchiatura si esaminano precisamente colonna vertebrale, addome, scavo pelvico, mammelle, torace, cuore e cervello. Per fare questi esami servono delle bobine, che permettono di analizzare la parte del corpo specifica, ogni bobina serve ad analizzare precisamente una parte anatomica del nostro corpo. Abbiamo preso le bobine per lo studio di tutte le parti del corpo, aprendo un ventaglio di possibilità diagnostiche fino a poco tempo fa inimmaginabili. Abbiamo anche in struttura professionisti

altamente specializzati per la lettura di questi esami, soprattutto per il cuore e per le mammelle. Questa risonanza poi ha un’apertura molto maggiore per il paziente, molto spazio in più, e lo spessore del magnete che attornia il lettino è inferiore a quelli tradizionali, così da migliorare molto il comfort, il rumore ed eventuali sensazioni di claustrofobia”. Cosa vi ha portati a questo importante investimento? “Spesso capitava che il neurochirurgo o l’ortopedico interni alla nostra clinica necessitassero di indagini più approfondite di quelle presenti fino a ieri. Ora, potendo fare tutto in casa, si riesce ulteriormente a consolidare il nostro lavoro, strutturato per servizi e non per ambulatori, e nella loro interezza, caratteristica che evidenzia la differenza tra una clinica come la nostra ed un poliambulatorio. Nelle cliniche infatti – e Mediclinic ne è un esempio – normalmente

Tutti i servizi: dalla diagnostica per immagini alla palestra e piscina

L

a clinica ha sviluppato tutti i segmenti sanitari, che sono la specialistica ambulatoriale con i servizi, il laboratorio analisi, la diagnostica per immagini completa – ulteriormente arricchita dalla nuova risonanza disponibile da giugno 2017 -, la parte del day-service chirurgico e la riabilitazione, come l’elettroterapia, la manoterapia, la palestra e la piscina a temperatura controllata a livello costante. “Puntiamo sempre - afferma il dottor Fusello - e da sempre sull’eccellenza per trovare proprio ciò che non si trova tradizionalmente. L’attenzione agli sprechi ed ai recuperi ci aiutano ad avere sempre l’eccellenza ma con prezzi contenuti al pubblico. Ci sono quattro aspetti che determinano la formula migliore nel

si lavora per servizio, quello ortopedico, cardiologico e così via. Ad esempio il servizio di urologia ha al suo interno ambulatori specializzati nella procreazione e fecondazione, ambulatori per chi ha problemi di prostata e altri che vengono utilizzati per la rieducazione del pavimento pelvico. Ognuno degli specialisti ha la sua peculiarità all’interno del servizio e spesso si rende necessario un approfondimento diagnostico. Avendo ora tutto interno alla clinica, nello stesso giorno il paziente può fare la visita, se serve la risonanza, avere l’esito subito e discuterlo con lo specialista. Se poi emerge la necessità di un intervento, si riesce in pochi minuti a fissare la data e a preventivarne il costo nella stessa giornata. Cose che si leggono accadere in altri paesi… ora Mediclinic può farlo!”. I tempi di attesa? Partiamo dal presupposto che le altre due

risonanze che abbiamo, non cesseranno di lavorare, anzi! Riserveremo tutte le esigenze specifiche alla nuova macchina. Avendo una finestra di 12 ore al giorno per 5 giorni e 6 ore al sabato, credo che non avremo difficoltà a riempire gli spazi con tempi di attesa normali, che per noi sarà all’inizio di uno o due giorni, per arrivare al massimo di cinque giorni a pieno regime. Come del resto già avviene oggi per tutte le nostre indagini diagnostiche”.

I costi? “Le nostre tariffe sono estremamente convenienti (59 euro per una risonanza attualmente ndr), ma per scelta non siamo convenzionati. Con la nuova risonanza saremo comunque competitivi, con un costo variabile (a seconda dei distretti studiati) da 59 euro a 139 euro anche in virtù dell’utilizzo o meno del mezzo di contrasto e del tempo di esposizione”. V.M.

La storia: dall’apertura di Mediclinic ad oggi

settore sanitario: rapidità nelle attese, alta qualità, costo equo e congrua durata delle prestazioni. La giusta proporzione di questi quattro aspetti determina il successo della nostra clinica, anche a livello competitivo. Da questa formula deriva la nostra scelta di non convenzionarci al servizio sanitario nazionale, siamo convenzionati con sistemi assicurativi e mutue private, perché riteniamo che la giusta organizzazione nel servizio sanitario privato abbia migliori opportunità del servizio convenzionato. Tutto ciò grazie al Dott. Zanchi, che ha avuto fin dagli albori di Mediclinic una visione del futuro nella sanità, puntando ai giovani ed all’innovazione nel nostro settore, grazie anche al forte orientamento all’informatica”.

Il presidente Giancarlo Zanchi

“M

ediclinic è un treno in corsa, continua il Direttore Sanitario - che ha sempre posto enorme attenzione all’aspetto tecnologico e dell’innovazione nei processi, che ci permette ora di fare molto di più. Siamo cresciuti tantissimo da un punto di vista clinico perché abbiamo investito nell’aiuto che può dare la programmazione tecnologica nella crescita e nello sviluppo clinico e strutturale. Inizialmente Mediclinic era una struttura non pienamente riempita, oggi siamo cresciuti talmente che abbiamo tutte le specialità presenti e operanti in clinica, compresa la parte odontoiatrica e stomatologica che a brevissimo verrà inaugurata”. Un’altra

importante novità è la presenza presso Mediclinic del Prof dalla Paola, esperto internazionale del piede diabetico, per il quale arrivano pazienti da tutta Italia, perché va a trattare e a curare questa gravi patologia con terapie e con piccoli interventi chirurgici. “Siamo cresciuti - sottolinea il dottor Fusello - tanto che possiamo offrire nel servizio oculistico un esame che nel pubblico ha tempi di attesa che arrivano all’anno e mezzo - l’OCT – mentre in Mediclinic diamo gli appuntamenti in meno di una settimana. Grande lo sviluppo anche dal punto vista chirurgico, dove possiamo contare nella chirurgia di tipo plastico ed estetico, di tipo vascolare, di tipo

ortopedico e la parte neuro-chirurgico. Nei pazienti affetti da sindrome particolarmente dolorose, prima facciamo tutti gli accertamenti necessari, procediamo poi con la terapia fisica strumentale, grazie al nostro servizio di Terapia del Dolore, fino ad arrivare alla sala operatoria se necessario. Sempre puntando a fare in modo che il paziente, se operato, torni a casa sulle sue gambe o dopo qualche ora o al massimo la sera stessa dell’intervento. Tutta la moderna chirurgia europea e mondiale si basa sul minimo del ricovero, l’indispensabile, che poi spesso sono poche ore, grazie alla cosiddetta chirurgia miniV.M. invasiva”.


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

A Mare d’Abruzzo, un tuffo solidale

cque splendide e strutture ben organizzate per il turista che ama la natura, la lentezza e non cerca le follie eccessive dei grossi centri balneari. Questo è il mare d’Abruzzo, poco conosciuto ma davvero splendido con le sue acque cristalline e le sue lunghe spiagge dorate. Non mancano neanche le spiagge di ciottoli o le calette nascoste con fondali colorati da esplorare con pinne e boccaglio. Un piccolo gioiello di casa nostra tutto da riscoprire, e questo potrebbe esseere l’anno giusto per pensarci. Sì perché la solidarietà verso questa regione colpita fortemente dal terremoto può tradursi anche nella scelta di passare le vacanze proprio qui, in una delle località della costa abruzzese. Certamente la natura incontaminata e il parco Nazionale della Majella hanno reso famoso questo territorio soprattutto agli amanti del verde ma Alba Adriatica, Giulianova, Martinsicuro, Pineto, Roseto degli Abruzzi, Silvi, Tortoreto nella parte settentrionale della regione, Montesilvano e Pescara nel centro, Francavilla al Mare, Ortona, Rocca San Giovanni, San Salvo, San Vito Chietino e Vasto nella zona meridionale dell’A-

33

bruzzo sono certamente luoghi che meritano una bella vacanza. In particolar modo San Vito Chietino è una graziosa località che si affaccia al mare da uno sperone roccioso da dove si ammirano i suoi lunghi litorali sabbiosi alternati a piccole insenature di ghiaia, il mare cristallino e trasparente come raramente se ne vedono in alto Adriatico. Potrete appagare anche il palato con le specialità culinarie della zona, tutte a base di pesce, come il rinomato “brodetto di pesce alla sanvitese”. E in questa carrellata di meraviglie, come dimenticare Francavilla al Mare, la “Perla dell’Adriatico”, rinomata per le sue spiagge attrezzate, apprezzate dalle famiglie, ma anche dai giovani e da quelli per cui la vacanza al mare è condita anche di locali alla moda e dall’intensa vita notturna. A chi, invece, ama perdersi nella natura selvaggia consigliamo di spingersi a sud, quasi al confine con la Puglia, nella piccola località di Vasto, famosa per la sua costa selvaggia e incontaminata.


TRATTORIA PASSAORA

La Trattoria Passaora è stata per oltre 50 anni un punto di riferimento per chi amava un ambiente familiare e accogliente, dove gustare i piatti tradizionali della cucina della veneta.

LE NOSTRE SPECIALITÀ

La nostra cucina segue la stagionalità. Le nostre specialità sono il Baccalà alla vicentina, in umido e mantecato, la pasta e gli gnocchi fatti in casa, i risotti con gli ortaggi e le verdure del territorio, arrosti, carni alla griglia, dolci fatti in casa e molto altro.

LA TRADIZIONE VENETA IN CUCINA

MENÙ FISSO 12 EURO

Oggi, in un locale profondamente rinnovato, Claudia, Andrea e Fabio propongono la cucina del territorio con un’ampia carta dei vini.

INFO

Da lunedì a venerdì, a mezzogiorno, la Trattoria Passaora propone un menù fisso di cucina casalinga a 12 euro! TE

S IE

SCORZÉ

TR

USCITA MARTELLAGO SCORZÉ

via Boschi, 67 Martellago (VE)

CHIUSO IL MERCOLEDÌ POMERIGGIO E LA DOMENICA. AMPIO PARCHEGGIO. VI ASPETTIAMO!

CONTATTI / via Boschi, 67 - Martellago (VE) info@passaora.it / T. 041.5402349

www.passaora.it

PADOVA

SEGUICI SU /

LA FRASE DEL MESE

MARTELLAGO

trattoria passaora

Ae pignate, bisogna farghe compagnia


www.lapiazzaweb.it

laPiazza

35

Occitania, proiettati dal Medio Evo allo spazio La regione meridionale francese dove ancora si parla l’antica lingua d’Oc ha in Tolosa, Carcassonne e Albi le sue perle turistiche più preziose Luoghi dove arte, cultura e qualità della vita si fondono armoniosamente

O

ccitanie, un nome carico di suggestione storica e culturale. Oggi finalmente è anche una regione amministrativa della Francia. Una volta tanto una riforma rende giustizia alla storia e alla cultura di una regione etnica e linguistica. Le regioni del Midi – Pyrénées e del Languedoc – Roussillon oggi sono una cosa sola: l’Occitanie, appunto. L’Occitania è la terra del Sud della Francia dove si parla ancora l’occitano o lingua d’Oc, antico idioma franco-provenzale d’origine franco romanza che oggi è in sensibile fase di recupero anche nelle scuole. Premessa doverosa questa per connotare un angolo di Francia dove ci si sente particolarmente di casa, non fosse altro per questa mediterraneità che abbiamo in comune. Un angolo dove si sta bene perché ci sono tante cose importanti e piacevoli da vedere e da vivere. Tolosa, Carcassonne e Albi ne sono una efficace sintesi. Cominciamo da una passeggiata sulla luna? Accontentati. A Tolosa, città fiera che fu del popolo Cataro poi perseguitato ingiustamente dalla Chiesa ufficiale, c’è la Città dello Spazio (la Cité de l’espace) che permette di fare incredibili esperienze, come entrare rannicchiati nella navicella Soyuz, provare l’effetto dell’assenza di gravità o quello di essere “sparati” nello spazio a velocità supersoniche. Ma anche di toccare un frammento di luna e di

di Renato Malaman

meteorite e di capire molti segreti del cosmo. La Città dello Spazio sorge a Tolosa perché la città occitana è la capitale europea dell’industria aeronautica (vi si producono gli Aerbus) e delle iniziative aerospaziali, alcune delle quali coinvolgono anche l’Italia. Vedi Samantha Cristoforetti, Luca Parmitano e altri nostri protagonisti di imprese nello spazio. Tolosa, le cui vie recano la doppia toponomastica, in francese e occitano, è città di grandi tradizioni culturali (seconda città universitaria di Francia), ricca di chiese e palazzi medievali e oggi anche favorita da una situazione controcorrente: Pil in crescita e disoccupazione ai minimi storici. E’ soprannominata la Ville Rose per il caldo colore rosato dei suoi edifici. Altro colore storico di Tolosa è il Pastel, un azzurro ottenuto dal guado che nel XVI secolo produsse ricchezza. Oggi lo si ritrova in tanti capi di abbigliamento tinti artigianalmente acquistabili in città. Il monumento simbolo è la Basilica di St-Sernin o San Saturnino, martire cristiano ucciso barbaramente dai romani trascinato per strada legato a un toro. La piazza del Capitole è l’agora del ritrovo serale, come il lungo Garonna è il ritrovo estivo per prendere il sole. Un monumento è anche l’hotel La Cour des Consuls, in pieno centro. Tanto charme e tante preziosità come il grande camino del XVI secolo che domina la sala ristorante.

NELL’IMMAGINE DI COPERTINA CARCASSONNE RACCHIUSA NELLA SUA SPLENDIDA DOPPIA CINTA MURARIA. A DESTRA, DA IN ALTO: TOLOSA CHE SI SPECCHIA SULLA GARONNA, LA POSSENTE CHIESA DI SANTA CECILIA AD ALBI E LA STAZIONE ORBITANTE MIR ALLA CITTÀ DELLO SPAZIO DI TOLOSA. NELLA FASCIA CENTRALE: SPETTACOLARE SCORCIO DI CARCASSONNE, ALBI AFFACCIATA SUL TARN, NAVIGAZIONE TURISTICA SUL CANAL DU MIDI, LA RIPRODUZIONE DELLA SUPERFICIE LUNARE ALLA CITTÀ DELLO SPAZIO E UNA FAMOSA OPERA DEL PITTORE HENRI TOULOUSE LAUTREC ESPOSTA NEL MUSEO A LUI DEDICATO AD ALBI

Carcassonne è una delle più riuscì ad affermare uno stile molsuggestive città murate d’Euro- to personale influenzato anche pa. Mantiene inalterato l’impianto dalle sue controverse vicende di urbanistico della “bastide” fonda- vita (visse per alcuni anni anche ta da Luigi IX nel 1271. La citta- in un bordello, indagando con dedella medievale è un concentra- licatezza, umanità e poesia quel to di storia unico, oggi ravvivato mondo così emarginato). dalla presenza di botteghe e laIl museo a esso dedicato è da boratori artigianali. Imperdibile vedere assolutamente. Albi sorge la visita al castello comitale sor- in posizione spettacolare in riva al to sulle fondamenta di una villa Tarn, città d’arte ricca di atmosfegallo-romana. Vi è ra, dominata dalla documentata la stocattedrale di Santa La “Città dello ria della città. Un Cecilia, poderosa Spazio” di Tolosa tuffo indietro nel costruzione in matriserva esperienze tempo lo regala la toni rossi innalzata passeggiata delle incredibili nel futuro. fra il 1282 e il 1390 Lices, lo spazio fra in dimensioni extra La possente cinta le due cinte musize: lunga 97 metri, muraria di rari. Impressiona larga 19 e alta 30. Carcassone e gli la facciata turrita Esalta la vittoria della cattedrale di cattolica sui Catari spettacolari scorci San Nazario. Anche e a monito della fordi Albi riportano a Carcassone c’è za minacciosa delsuggestivamente un hotel simbolo: la Chiesa di Roma l’Hotel de la Cité, sempre pronta a indietro nel tempo nel cuore della citcolpire gli “eretici”. tà medievale. Mentre il ristorante Da ammirare anche il Palazzo de più famoso è “La table de Franck la Berbie, complessa fortezza soPutelat”, due stelle Michelin. In vrastata da un torrione. Il sabato cucina c’è lui, il talentuoso e raf- c’è il mercatino antiquario. Regala finato Franck. Da Carcassonne viste spettacolari sul Tarn e i ponparte anche l’escursione in barca ti storici di Albi, nonché sul città, lungo il Canal du Midi, colossa- un soggiorno all’Hotel Mercure le opera di 241 km che collega il Bastides. Anche dalla sala del riMediterraneo e l’Atlantico realiz- storante la vista è sublime. zata in appena 15 anni, dal 1666 al 1681. Info: Infine Albi, la città di Henri www.tourisme-occitanie.com Toulouse Lautrec (1864-1901), il www.toulouse-tourisme.com geniale e provocatorio artista che www.tourisme-carcassonne.fr nel periodo degli impressionisti www.albi-tourisme.fr


01-30

ug o l li 2017

01 SAB

QUEEN MANIA Queen European Tribute Band

02 DOM

BLOOD BROTHERS Bruce Springsteen Tribute Band

03 LUN

BALLANDO SOTTO LE STELLE SUMMER CINEMA

04 MAR ASCOLTA

Pooh Tribute Band

05 MER

80 CHE SPETTACOLO Anni 80 Tribute Band

06 GIO

RUMATERA

07 VEN

DIAPASON BAND

Vasco Rossi Tribute Band

08 SAB SPETTACOLO A PAGAMENTO ERMAL META

09 DOM

11 MAR

MAX PIANTA

Renato Zero Tribute

12 MER

TORNADO SUMMER RUN h 19.30 LAIOUNG

13 GIO

SPETTACOLO A PAGAMENTO

FRANCESCO RENGA

“La Maglietta ufficiale del Summer”

SUMMER CINEMA

SERGIO CORTES Michael Jackson Tribute Band

23 DOM

24 LUN

RIFF RAFF

AC/DC Tribute Band

16 DOM BEATBOX

The Beatles Tribute Band

17 LUN

INCONTRI CON I PERSONAGGI DELLO SPORT condotto da Paolo Levorato

SUMMER CINEMA

18 MAR

LA MENTE DI TETSUYA

19 MER

PREMIAZIONE CONTEST

22 SAB

15 SAB

Jovanotti Tribute Band

10 LUN

condotto da Paolo Levorato

Cabaret con Paolo Migone

JOVANOTTE

14 VEN

Pink Floyd Tribute Band

INCONTRI CON I PERSONAGGI DELLO SPORT

RISO FA BUON SANGUE

FINALE COORSAL MUSIC SUMMER CONTEST H.18.00 32° PARALLELO

Cover Cartoni animati e Sigle TV

PINK SONIC

21 VEN

RADIO COMPANY Disco Dance Anni 80

20 GIO

ABBA DREAM

Abba Tribute Band

Nomadi Tribute Band

INCONTRI CON I PERSONAGGI DELLO SPORT

condotto da Paolo Levorato

SUMMER CINEMA

25 MAR

CLAUDIO LAURETTA Attore, imitatore, comico

26 MER

RADIO STEREOCITTÀ

9.0 Riti e Miti degli anni ‘90

27 GIO

VELVET DRESS U2 Tribute Band

28 VEN

UBERMENSCH

Rammstein Tribute Band

29 SAB OI&B

Zucchero Celebration Band

30 DOM

MIRANO SUMMER FESTIVAL SERATA A SORPRESA


www.lapiazzaweb.it

laPiazza

37

Food & Drink VINOVIP CORTINA: L’APPUNTAMENTO AD ALTA QUOTA CON L’ECCELLENZA DEI VINI ITALIANI

CENA SPETTACOLO AL CASTELLO DI SPESSA DI CAPRIVA DEL FRIULI, IL MANIERO DI CASANOVA

Uno spettacolare barbecue tra le vette delle Tofane e il consueto wine-tasting al Rifugio Faloria , il 9 e 10 luglio

In scena 21 chef, 22 fra vignaioli e distillatori, 14 artigiani del gusto

GASTRONOMIA LOCALE AL TOP PER LA FESTA DI MEZZANO DI PRIMIERO, ANTICO BORGO TRENTINO Polenta con lunaneghe, tosela o formaggio fritto, frittele, strauli e smorum, insieme ai dolci tradizionali saranno i protagonisti gourmet della ormai famosa festa popolare di Mezzano di Primiero (Tn) Saranno ancora le montagne delle Dolomiti a fare da sfondo a VinoVip, la biennale del vino italiano ideata da Civiltà del bere che riunisce tra le vette di Cortina d’Ampezzo il fior fiore del nostro panorama enologico. Fervono i preparativi per l’evento che è ormai alle porte e che quest’anno vedrà protagoniste 56 delle migliori Cantine della penisola. Ad avviare la ricca scaletta il 9 luglio alle 11 presso la sala Enrosadira del Grand Hotel Savoia sarà la masterclass “La Forza della terra”, dove gli ospiti analizzeranno insieme a Pedro Parra l’incidenza del suolo sul profilo aromatico e gustativo del vino. A seguire, presso il Lounge Bar Giardino d’Inverno, il tasting dedicato ai “Giovani sognatori e Piccole Patrie”, una degustazioneincontro con un gruppo di produttori emergenti per parlare di alcune realtà di nicchia tutte da (ri)scoprire. Dalle 15 alle 16.30 andrà in scena la seconda masterclass “Comunicare la complessità”, con la partecipazione di Charlie Arturaola, il noto wine educator americano che, assieme a giornalisti ed esperti di fama internazionale, approfondirà il complesso tema della comunicazione vinicola italiana. Interverrà, fra gli altri, David Way dell’Ufficio Ricerca e Sviluppo del WSET di Londra e al termine dell’incontro sarà conferito il Premio Pino Khail che valorizza ogni anno i migliori rappresentanti del vino italiano. Durante la masterclass del pomeriggio, “Verso un’enologia sensibile”, Riccardo Cotarella, presidente degli enologi italiani e del Wine Research Team, affronterà lo scottante tema della viticoltura ecosostenibile, cercando insieme agli ospiti di individuare un punto di incontro tra gli estremi dell’ideologia naturalistica e degli eccessi della chimica e della tecnologia. A concludere la giornata del 9 luglio sarà “La notte delle Stelle”, il suggestivo barbecue ad oltre 3000 metri di altezza. Circondati dal fascino delle vette delle Tofane, sarà possibile degustare le etichette di VinoVip 2017. Saranno le degustazioni ad animare la giornata del 10 luglio più di 45 etichette leggendarie e intriganti novità create con la consulenza del celebre enologo italiano Riccardo Cotarella. Per concludere, dalle 15 alle 19, l’appuntamento sarà al Rifugio Faloria, la magica location del Wine -tasting delle Aquile, dove i protagonisti saranno i 56 produttori di VinoVip 2017.

Le manifestazioni per l’occasione sono sentitissime dall’intero borgo e molto gradite anche ai turisti, che vi vengono coinvolti ed hanno la possibilità di vivere in prima persona lo spirito autentico di antiche e partecipatissime feste popolari del paese di Cataste&Canzei (le cataste artistiche di legna) la Sagra dei Carmeni e la Festa del Carmenin, che si svolgeranno rispettivamente domenica 16  e lunedì 17 luglio.  Secondo tradizione, domenica è il giorno del  Grande mercato, con decine di bancarelle di prodotti artigianali e golosità del territorio disposte lungo le vie del paese e nelle piazzette dove fanno bella mostra di sé le oltre 30 cataste di legna del museo en plein air di Cataste&Canzèi, realizzate da noti artisti e da studenti di istituti d’arte trentini. In programma spettacoli per bambini, stand gastronomici, musica. Alle 17.00, in programma la coreografica  processione della Madonna del Carmine a cui è dedicata la festività, portata a spalle dai coscritti dei 18 anni, agghindati in tunica celeste, al seguito del sindaco e due assessori, che aprono il corteo con il crocifisso e le lampade. Lunedì sarà un’altra intensa giornata all’insegna di divertimento, buon cibo e musiche delle tradizione. L’evento più inusuale sarà l’interminabile e combattutissima gara di bocce lungo i vicoli del paese tra Grisoni e Pranovi (le due parti della località), unica nel suo genere in tutt’Italia, giocata da giovani e adulti fin dalle 8 del mattino. Una tradizione che risale a un centinaio di anni fa. In programma, giochi e animazione con gli asini per i bambini, orchestrine locali e stand gastronomici con prodotti e piatti tipici, quali polenta con lunaneghe, tosela o formaggio fritto, frittele, strauli e smorum, dolci tradizionali. Finalissima, alle 22.00, con la ventiduesima edizione del Palio dei musàti, che vedrà alla partenza otto asini con rispettivi fantini, in rappresentanza dei comuni e delle principali frazioni della valle.

Al Castello di Spessa di Capriva del Friuli, il 4 luglio, appuntamento glam con il sofisticato Dinner Show del cartellone estivo dei Concerti del Gusto 2017 di Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori, che mettono in scena quanto di più raffinato propone in tavola il Friuli Venezia Giulia. La cena spettacolo sarà allestita in un contesto carico di suggestione, il parco storico che circonda il maniero, ora elegante Resort. Legato a nobili casate e illustri ospiti come Giacomo Casanova, il Castello di Spessa – le cui origini risalgono al 1200 – si trova nel cuore del Collio Goriziano ed è completamente circondato dalle vigne della tenuta, fra cui si snodano le 18 buche del Golf Country Club Castello di Spessa. Nel suo sottosuolo è scavata la più antica e scenografica cantina del Collio, dove invecchiano i pregiati vini della tenuta, che Casanova definì “di qualità eccellente”. Dopo il benvenuto con golosità di una quindicina di produttori, inizierà per i presenti uno straordinario percorso del gusto in 21 tappe firmate dagli chef dei 21 ristoranti del gruppo, che cucineranno in diretta davanti al pubblico inediti piatti di alta creatività. Attenti alle esigenze alimentari, gli chef proporranno anche piatti per celiaci e vegetariani. Accanto ad ogni chef, altrettanti vignaioli proporranno raffinati abbinamenti fra cibi e vini. In chiusura, ciascun chef presenterà la sua personalissima interpretazione del dolce estivo. Alle postazioni dei ristoranti saranno alternati banchi di raffinati artigiani. I dettagli del menu sono consultabili sul sito www. friuliviadeisapori.it.


Oroscopo

38

l’

Ariete Comunicare sarà lo strumento ideale per affrontare le eventuali tensioni familiari in arrivo, che potrebbero destabilizzarvi

Toro Se state aspettando una risposta, se sperate di cambiare una situazione, giugno promette emozioni profonde e coinvolgenti

Giugno Vivacità e curiosità vi accompagneranno a lungo questo mese. Lasciate che il sole si prenda cura di voi

www.lapiazzaweb.it

Bilancia Giugno ti offrirà situazioni piacevoli e altre irritanti. State alla larga dalle discussioni, potrebbero essere deleterie

Scorpione Moderate la vis polemica: se l’intraprendenza e il dinamismo andranno bene, l’eccessiva aggressività vi nuocerà

HAI APPENA FATTO Gemelli I rapporti familiari saranno più scorrevoli e potrete affrontare anche argomenti scomodi che hanno creato attrito

LA SPESA?

TRASFORMA IL TUO

Sagittario Siate chiari, diretti ma non bruschi. Eviterete di arrivare alla lite furiosa in molte situazioni a rischio

SCONTRINO Cancro Sarete più grintosi e dinamici ed esprimerete con soddisfazione le vostre emozioni. Periodo ottimo: nuovi incontri

IN UNA VERA

VACANZA!

Capricorno Seguite il cuore ad occhi chiusi, tutto il resto conta pochissimo sulla bilancia delle opportunità che vi attendono

VIENI E SCOPRI COME Leone

Acquario

Situazioni piacevoli che riguarderanno le prime vacanze, una telefonata inaspettata, si girare per il verso giusto

Avrete il vento a favore per progetti domestici e familiari, e un pizzico di fortuna non mancherà

Vergine Qualche contraddizione vi aspetta ancora, in famiglia, negli affetti o nei progetti personali, si risolve a fine mese

OTEP S.r.l. Via Querini, 92 - 30172 Mestre - Venezia Tel. 041 961981 - Fax 041 5053854 - Cell 327 4197136

luigi.t@otep.it - info@otep.it - www.otep.it

Pesci L’umore sarà ballerino, anche se tutto sommato preverranno le giornate tutte sorrisi e fiducia


Profile for lapiazza give emotions

Camposampierese giu2017 n84  

Camposampierese giu2017 n84

Camposampierese giu2017 n84  

Camposampierese giu2017 n84

Advertisement