Issuu on Google+

nr. 4

NEWS


SOMMARIO 04/05

spotlight Il mercato del Door To Door oggi La voce a chi ci ha scelti: Kiabi

06

marketing

L’importanza della multicanalità grazie anche a TV-Post

04

07

sales Due di noi... al Sud

08

customer service

I nostri suggerimenti per migliorare la gestione della tua distribuzione

09

business support

La certezza del buon recapito, nasce dal giusto mix: una professionale analisi dei bacini e un servizio misurabile

06

10

operation

La distribuzione raccontata da chi la fa

11

human resourceS

10

Il valore delle persone premia l’azienda

12

finance

Agresso... uno di noi

13/14

news

Un meeting a Bruxelles per un caro saluto e guardare con nuovo slancio al 2013 Benvenuta Intranet ID Le convenzioni in Italia Distribuzioni Notizie da Belgique Diffusion

15

tourist

In viaggio tra Budrio, Cerveteri e Carloforte

ID-News Newsletter mensile di informazione | Anno 2 - n. 1 | Testata registrata presso il Tribunale di Milano n. 43 | 27 gennaio 2012 Editore Italia Distribuzioni | via Mons. A. Cazzaniga 61 | T 02 303 039 01 | 20064 Gorgonzola (MI) Direttore Michele Liguori Direttore Responsabile Fulvio Quarella Redazione via Mons. A. Cazzaniga 61 | 20064 Gorgonzola (MI) Grafica MarCoRelations.it Hanno collaborato a questo numero Barbara Bossi, Massimiliano Conte, Marco Crippa, Valentina De Maso, Giacomo Ferrario, Nadia Garaffa, Arianna Gatti, Tamara Gimigliano, Giovanni Madoi, Fadi Oweidat.

I NOSTRI CONTATTI Italia Distribuzioni S.r.l via Mons. A. Cazzaniga, 61 | 20064 Gorgonzola (MI) 02.30303901 | info@italdi.it | www.italdi.it :: marketing & external relations Morena Bertaggia 02.30303924 | marketing@italdi.it | m.bertaggia@italdi.it :: sales

• network Salvatore Peligra 06.4100005 | s.peligra@italdi.it • back office Massimiliano Pesce 02.30303930 | m.pesce@italdi.it :: customer service Laura Moretti 02.30303903 | l.moretti@italdi.it :: business support Stefano Sala 02.30303906 | s.sala@italdi.it :: operations network Claudio Monguzzi 02.30303951 | c.monguzzi@italdi.it :: human resources Barbara Bossi 02.30303948 | b.bossi@italdi.it :: finance

• controlling Antonio Libi 02.30303929 | a.libi@italdi.it • administration & finance Giacomo Ferrario 02.30303947 | g.ferrario@italdi.it


EDITORIALE

G

RAZIE per questo primo anno insieme! E questo grazie lo voglio estendere a tutti: clienti, partners e dipendenti, perché IDNews è nata e cresciuta per merito della vostra collaborazione. Nonostante sia passato un anno, ancora oggi, vivo con entusiasmo e sfida i momenti di raccolta e stesura dei contenuti editoriali. A darci conferma che questa è la strada giusta sono i numeri che abbiamo raccolto durante questo primo anno insieme. Da marzo 2011 a oggi, siamo passati da 500 a circa 700 invii. Se consideriamo anche le copie stampate che vengono consegnate a mano, la tiratura dell’ultima ID-News ha raggiunto le 1.200 copie. Abbiamo da poco concluso un sondaggio sul gradimento della Newsletter, effettuando oltre 500 telefonate, di cui circa il 38% ha accettato di essere intervistato. Su 89 telefonate tra clienti e prospect che hanno confermato la ricezione di ID-News, alla domanda “quanto la trova interessante in una scala valori da 1 (poco) a 4 (molto)?” abbiamo raccolto il 45% di risposte con valutazione 3 e il 27% con valutazione 4. Raggiungiamo quindi un 72% di risposte positive sul gradimento e sull’utilità di questo investimento. Il sondaggio è stato un’ottima occasione per poter raccogliere ulteriori suggerimenti e nuove idee su argomenti da introdurre ed approfondire nelle prossime uscite di ID-News. Per motivi di spazio cito solo alcuni tra gli spunti più richiesti: nuovi strumenti ed evoluzioni di ID; Case History che possano dare suggerimenti ai clienti; informazioni su come avviene la distribuzione all’estero; evidenziare le problematiche nazionali della distribuzione Door to Door; informazioni su come si svolge sul campo una distribuzione. Proprio da quest’ultima proposta, abbiamo preso spunto per realizzare la pagina Operations che troverete in questo numero di ID-News. Mentre nella sezione News vi invito a leggere l’interessante Case History realizzata in Belgio da Belgique Diffusion. Posso quindi augurare a ID-News un felice primo Compleanno e portare avanti questa iniziativa con umiltà e passione. Le imprese riescono se si utilizza il giusto mix di determinazione ed intelligenza senza dimenticarsi un ingrediente fondamentale: il Cuore! Grazie ai nostri lettori! Avanti tutta ID-News!

Michele Liguori Managing Director


04 Spotlight

IL MERCATO DOOR TO DOOR OGGI Che cosa è cambiato negli ultimi anni e quali saranno le carte vincenti in futuro

I

mmaginiamo per un attimo che un imprenditore del nostro settore, per un ipotetico esperimento fantascientifico, sia stato ibernato il 1° gennaio 2003 per poi essere “scongelato” dopo 10 anni precisi. Dopo essersi ripreso dal torpore, vorrebbe con ogni probabilità vedere come è cambiato il mondo durante il suo “letargo” e sarebbe anche curioso di scoprire quali differenze ci sono oggi nel suo lavoro rispetto a come se lo ricordava prima dell’ibernazione. Per prima cosa noterebbe, credo, i prezzi mediamente più bassi e, facendo uno sforzo di memoria, anche che le quantità di volantini distribuiti dai clienti più importanti sono spesso inferiori di quelle di un tempo: meno campagne, bacini più piccoli… Per contro, si accorgerebbe che, più o meno, nel mercato ci sono gli stessi operatori che erano presenti 10 anni prima, magari un po’ invecchiati, magari con una società dal nome diverso, ma sempre gli stessi. In poche parole, la nostra immaginaria “cavia” si troverebbe proiettata in uno scenario molto più competitivo: una domanda inferiore, ma un’offerta praticamente inalterata… A questa persona sarebbe immediatamente chiaro che, in un ambiente così selettivo, solo gli operatori in grado di adattarsi

velocemente alle nuove condizioni avranno una possibilità di sopravvivere nei prossimi anni mentre gli altri, inevitabilmente, saranno destinati a scomparire dal mercato. Dopo aver osservato con maggiore attenzione la nuova realtà, l’imprenditore si renderebbe conto che alcuni processi di adattamento al mutato ambiente sono già in corso e almeno 3 di questi sono facilmente identificabili. Prima di tutto, una marcata tendenza alla concentrazione (l’unione fa la forza): aziende concorrenti che stipulano accordi di collaborazione impensabili fino a pochi anni fa, fusioni di società, consorzi, ecc. Poi, il continuo perseguimento dell’efficienza da parte di tutte le aziende e anche l’impegno ad eliminare gli sprechi che, prima, erano forse più sopportabili: esattamente come gli alberi di inverno che perdono le foglie per preservare l’energia necessaria a sopravvivere in un contesto po-

vero di risorse. Infine, la ricerca spasmodica dell’innovazione, di un fattore di differenziazione e di vantaggio competitivo rispetto a tutti gli “altri”: sistemi di tracciatura e di certificazione delle consegne, sviluppi informatici, nuovi modelli distributivi… Salutiamo ora il nostro personaggio immaginario e torniamo alla realtà. Noi di Italia Distribuzioni, non siamo stati sottoposti a nessun esperimento scientifico e non siamo mai stati ibernati (anzi, molti di noi hanno vissuto giorno dopo giorno i cambiamenti di quest’ultimo decennio) ma esattamente come il nostro imprenditore ci troviamo nell’ambiente di mercato da lui descritto… e stiamo lavorando proprio per realizzare con successo i processi di adattamento a questo complesso scenario competitivo: concentrazione, ricerca di efficienza ed innovazione. La domanda che ci dobbiamo porre ogni mattina è esattamente questa: stiamo facendo abbastanza (e abbastanza velocemente) per garantirci il diritto a sopravvivere? Massimiliano Conte

Direttore Operativo


05 LASCiAMo SPAzio A Chi hA SCeLto di AFFidAre A id LA SuA CoMuniCAzione

n

el mese di luglio, Marco Crippa, Direttore Marketing di Kiabi Italia, ha visitato la sede di italia Distribuzioni a gorgonzola e la filiale operativa di macherio.

“Dopo una prima collaborazione con iD iniziata nel 2011 su roma, i cui risultati sono stati per noi positivi, abbiamo deciso di affidare a italia Distribuzioni anche gli interventi su milano e torino. Devo sottolineare che è risultato di primaria importanza il lavoro svolto dal nostro servizio geomarketing con il reparto omologo di italia Distribuzioni che ci ha permesso di definire con ancora maggiore puntualità le zone ottimali in cui realizzare la nostra distribuzione. le continue analisi che effettuiamo sui nostri bacini d’utenza ci avevano già evidenziato le aree più efficaci o dalle migliori

potenzialità ma confrontando i nostri dati con gli strumenti e le competenze geo-marketing di italia Distribuzioni siamo riusciti a definire con ulteriore precisione il nostro bacino di distribuzione ottimale. parlare “lo stesso linguaggio” tra cliente e fornitore (cosa non facile nel mondo della distribuzione) è fondamentale per la valorizzazione dei risultati. abbiamo colto l’occasione di questo incontro per visitare anche la filiale operativa di macherio. Qui ci è stato evidenziato il modo in cui il volantino viene ricevuto e la procedura che viene predisposta in preparazione

della distribuzione finale. altra nota interessante di questa visita è stata il vedere all’opera la macchina cellofanatrice e poter apprezzare il suo prodotto finito: il Value pack. il volantino rimane uno degli strumenti principali della strategia di marketing Kiabi, ed è pertanto fondamentale poter contare su un interlocutore dotato di strumenti professionali capaci di garantire un lavoro di massima qualità.“ Marco Crippa

Direttore Marketing Kiabi Italia

Spotlight

LA VOCE A ChI CI hA sCELTI: KIAbI


06 Marketing

L’IMpORTAnzA DELLA MuLTICAnALITA’ GRAzIE AnChE A TV-pOsT SveCChiAre iL voLAntino è PoSSiBiLe

f

orse ci si chiede se il volantino sia ancora attuale. ebbene, secondo i dati nielsen presentati all’osservatorio multicanalità 2012, attualmente sono 11 milioni le famiglie che ancora ne fanno uso. naturalmente è comparsa anche la versione on line, che conta solo 2 milioni di utenti. la forza del volantino è quella di raggiungere a casa le persone senza impegnarle in una ricerca attiva delle informazioni. non solo. la sua comunicazione rimane a disposizione del gruppo familiare determinando un alto tasso di visualizzazione. E’ possibile svecchiare un mezzo tradizionale ma ancora profondamente radicato? grazie alle nuove tecnologie il volantino può diventare uno strumento ad alta capacità di penetrazione che può essere usato anche per lanciare il proprio profilo social, magari invitando gli utenti a votare il prodotto preferito. un volantino può diventare tecnologico inserendo un Qr code che rinvia a contenuti speciali, un buono sconto, un form da compilare in cambio di qualche benefit.

Il volantino diventa così “smart” e da la possibilità di monitorare gli accessi alla landing page scelta, di ottenere tutti i dati di analytics che a noi del marketing piacciono tanto, e, perché no, di sfruttarlo per arricchire il crm. il volantino non va isolato ma va visto come parte integrante di una strategia multicanale un altro valido supporto arriva da tVpost, un servizio gratuito che sfrutta il digitale terreste interattivo per creare un domicilio digitale, unico e sicuro, dove l’utente può ricevere qualunque comunicazione. l’accesso è multicanale: da web, da smartphone o dalla tV dotata di digitale terrestre interattivo. la copertura televisiva del servizio è attualmente disponibile su toscana e lombardia ed è in rapida espansione. attraverso tVpost il volantino può essere recapitato via web in modalità “non indirizzata” nelle cassette postali digitali nel bacino di interesse. il volantino può diventare anche “posta indirizzata” ed essere personalizzato per i destinatari. l’utente accedendo alla sua casella digitale, dal canale televisivo, dal pc o dallo smartphone ha sempre accesso al volantino. con tv-post è garantito un reca-

pito capillare, perché la copertura del servizio avviene con trasmissione digitale, non serve quindi la mail del destinatario. tv-post su smartphone è anche proattivo: scaricando, gratuitamente, le applicazioni per iphone, ipad e android l’utente viene avvisato quando ha posta da leggere e può ricevere messaggi promozionali e di servizio sfruttando la modalità di notifica push. Dal politecnico di milano arriva una preziosa informazione “i periodi di crisi sono i migliori per incrementare il proprio investimento nella comunicazione” … ed è vero! la crisi opera una selezione e solo chi si “fa trovare” riesce a sopravvivere. una comunicazione multicanale realizzata integrando volantino “smart”, servizio tvpost, landing page ben strutturata, form per accedere a benefit, è un valido aiuto per scavalcare i propri competitors. ID può essere un valido supporto sia consulenziale sia per l’attivazione del servizio tvpost nelle aree di vostro interesse. Tamara Gimigliano Marketing Assistant


07 un’interviStA doPPiA A due dei noStri KeY ACCount Che oPerAno Con PASSione neL MezzoGiorno d’ itALiA

…Il door to door: una mission importante Andrea Borghi

Key Account Manager Sicilia • Sardegna • Calabria

Gianni Ragno

Key Account Manager Puglia • Basilicata • Molise

Che garanzie date ai clienti che operano in aree dove Italia Distribuzioni non è direttamente presente con filiali? italia Distribuzioni sceglie partner che condividano paradossalmente si potrebbe quasi sostenere gli standard operativi, li sottopone ad una prima va- che, nel modello organizzativo di italia Distrilutazione di idoneità a livello di struttura e organiz- buzioni, proprio dove manca una filiale terrizazione, e ad un successivo controllo con ispettori toriale si creano le condizioni per un’operatiche verificano la qualità della loro attività sul terri- vità ancora più vigile ed attenta. ogni partner, torio. tutti i nostri partner sono tenuti a fornirci la presente nelle aree dove manca una filiale iD documentazione richiesta dalla recente legge sulla diretta, ha stipulato un contratto che preveresponsabilità solidale. la dimensione della nostra de l’utilizzo delle nostre modalità distributive. realtà aziendale e le procedure che regolano la sele- per incentivarne il miglioramento del servizio, zione e il controllo dei partner ci permettono di offri- talvolta, applichiamo un sistema di bonus/mare precise garanzie al cliente. sul piano commercia- lus, che si è rivelatato efficace per garantire le i servizi offerti sono identici a quelli proposti nei perfomance di qualità. ogni giorno predispoterritori presidiati dalle filiali. anche nell’area sud ed niamo controlli sul territorio, quindi attenzione isole dove non ci sono filiali iD (ad eccezione di bari e collaborazione massima per offrire qualità e e cagliari), il nostro portafoglio clienti include brand professionalità in egual modo su tutto il territorio nazionale. molto importanti e ben radicati sul territorio. Il volantino e i cataloghi svolgono ancora un ruolo importante ed efficace per le insegne del sud? l’attuale panorama economico, ha colpito molto l’a- penso che a questa domanda possa rispondere rea sud e le isole, ma benché tutti stiano cercando “la strada”. guardando le cassette della posta di ottimizzare i bacini per contenere i costi, nessun piene di volantini e cataloghi, appare assolutabrand rinuncia alla distribuzione del volantino, anzi, in mente al di sopra di ogni possibile dubbio, che i alcune situazioni ci viene richiesto un ’estensione del clienti che operano in queste aree siano interessabacino d’utenza. anche al sud è importante distin- ti a questa forma di pubblicità. ma è anche vero, guere le grandi città dai paesi di provincia. nelle città che parlando con i vari responsabili marketing, disi evidenzia una forte concentrazione di volantini di- rettori, ecc., ci appare sempre più evidente la loro stribuiti, nelle località di provincia si verifica la tenden- aspettativa di ricevere un servizio che non si limiti za opposta. pochi volantini e quindi maggiore spazio alla semplice attività distributiva, ma che comper comunicare. tuttavia, l’efficacia di una campagna prenda anche una fase di assistenza a supporto di promozione non dipende esclusivamente dal reca- della campagna pubblicitaria. Da questo punto di pito del volantino pubblicitario, ma da tanti fattori che vista, l’organizzazione della nostra azienda e le molto spesso vanno oltre la semplice distribuzione. specifiche competenze di ogni dipendente, sono anche nel sud i clienti sentono l’esigenza di conti- elementi determinanti per instaurare un rapporto nuare a migliorare la loro comunicazione e sanno che di partnership, e proporci al cliente con offerte ed idee in linea con le sue esigenze. il volantino gioca sempre un ruolo determinante. La vostra frase preferita? la tenacia, l’ottimismo e la forte determinazione, il più spesso le grandi imprese nascono da piccole opportunità delle volte, portano ad ottenere ciò che vuoi.

Sales

DuE DI nOI... AL suD


08 Customer Service

I nostri suggerimenti per migliorare la gestione della tua distribuzione Consigli utili per comprendere dettagli a volte inaspettati

A

lcune piccole accortezze possono rendere più efficiente l’organizzazione dell’attività di distribuzione dei nostri ciienti. Il Customer Service ID Milano vi propone qualche piccolo suggerimento di assoluta utilità: (Manuela) L’importanza del contatto Considerateci i vostri punti di riferimento, diretti e immediati, da tenere in considerazione durante tutto il processo di distribuzione, dall’ordine alla consegna del volantino. Questo contatto garantisce la trasmissione delle informazioni in tempo reale, la loro acquisizione e la successiva attuazione. Sono fondamentali le informazioni relative a ritardi nella consegna del materiale, alla presenza di personalizzazioni, a richieste o necessità di singoli punti vendita e ogni altra esigenza preventivamente pianificabile. (Cinzia) La scelta del servizio più adatto E’ importante che il cliente specifichi alla nostra forza vendita le sue necessità. In questo modo saremo in condizione di

ll team del customer service di Milano: Daniela Pedilarco, Cinzia Patrini, Antonio De Felice, Marzia Visani, Manuela Giannotti e Sara Bianco

offrirgli un servizio ad hoc (targettizzato, in esclusiva, in un particolare intervallo di tempo, etc.), invece del classico “door to door”. La dettagliata informazione delle diverse modalità di distribuzione determinerà la piena soddisfazione delle aspettative del cliente. (Marzia) La richiesta di bacini Per iniziare una nuova attività distributiva il cliente chiede lo studio di uno o più bacini territoriali. E’ bene sapere che le tempistiche di elaborazione variano in funzione della tipologia del nuovo bacino. Lo studio di un solo bacino sarà più rapido di quello riferito a più bacini di distribuzione. La stessa cosa accade nel caso di studi più specifici come i targettizzati, ad esempio, che impongono al reparto geomarketing adeguati tempi tecnici per rispondere correttamente alle esigenze del cliente. (Antonio) La preparazione dei materiali E’ fondamentale che i materiali arrivino nei nostri magazzini imballati o reggiati, per poter essere contati e suddivisi cor-

rettamente nei vari programmi di distribuzione. La consegna di materiali sfusi (o comunque non quantificabili) rallenta i tempi di stoccaggio e preparazione del kit, provocando difficoltà di scarico ai corrieri e di carico del furgone del fornitore. (Daniela) L’arrivo dei materiali Informazioni precise sul giorno di consegna aiutano il rispetto dei tempi di distribuzione concordati consentendo un accurato controllo qualitativo e quantitativo dei materiali provenienti dagli stampatori e una precisa attività di preparazione dei programmi di distribuzione. (Sara) Le ispezioni In alcuni casi i nostri clienti si affidano ad una società di controllo che verificherà la qualità della nostra distribuzione. In questi casi è utile creare un filo diretto tra cliente e operativo per ottimizzare le tempistiche degli interventi sul territorio in caso di anomalie, per velocizzare la comunicazione di variazioni dei programmi di distribuzione o, solo, per conoscere in tempo reale le posizioni delle squadre ID. Fulvio Quarella


09

Dalla Conoscenza del Territorio alla Certificazione della consegna.

G

li standard delle richieste dei clienti che commissionano campagne promozionali basate sulla distribuzione di materiale non indirizzato, negli anni, si stanno facendo via via più esigenti nei confronti dei player del recapito pubblicitario. La necessità di beneficiare di un servizio di qualità si traduce soprattutto nell’affidabilità dimostrata dal partner e, secondo una Survey di Customer Satisfaction che Italia Distribuzioni sta conducendo su un campione rappresentativo dei propri clienti, misurabile in precisi aspetti. Primo fra tutti, una conoscenza approfondita del territorio che dia la possibilità di fornire informazioni quantitative del reale assorbimento non più e non solo basate stime sociodemografiche (ad esempio famiglie di fonte ISTAT), bensì su dati più consistenti e verificati sul campo. Convinta del valore di un’approfondita conoscenza del territorio, Italia Distribuzioni ad oggi può contare su consolidate conoscenze in ambito di Geomarketing e dati quantitativi e qualitativi esito della Survey realizzata in parternship con un importante cliente (ricerca approfondita nella Newsletter n.1). Attraverso questo censimento Italia Distribuzioni si è attrezzata per raccogliere su tutto il territorio nazionale il dato delle cassette postali, delle modalità e delle

possibilità di accesso. L’obiettivo è fornire ai propri clienti un servizio puntuale basato su completezza di copertura, modellabilità dei bacini in base ad esigenze specifiche e, soprattutto, eliminazione degli sprechi. Nella distribuzione non indirizzata, altro focus strategico, al fine di misurare la bontà di un investimento, è l’immediato reperimento di informazioni legate alla copertura della distribuzione, verifica tradizionalmente effettuata a campione utilizzando ispettori su strada. Per certificare su scala globale l’avvenuta distribuzione già da qualche anno sono presenti sul mercato soluzioni tecnologiche che quantificano le consegne garantendo un feedback in tempo reale dell’attività al cliente. Questi sistemi hanno una fondamentale limitazione: il volantino deve avere un elemento di riconoscimento univoco; questo comporta spese molto maggiori per tutte le parti in gioco: la produttività della distribuzione è ridotta, dato che sono necessarie operazioni estranee alla distribuzione (la scan-

sione dell’oggetto da consegnare), ma soprattutto il costo aggiuntivo per la stampa del codice sul leaflet, diventa una componente significativa sul costo complessivo della campagna. Partendo da questi presupposti, Italia Distribuzioni nel 2012 ha iniziato a pensare a soluzioni differenti. L’obiettivo è rendere la certificazione un’operazione naturale e integrata nella filiera già esistente. Dopo un attento studio, sono ora pronti i primi prototipi di un trolley brevettato che, utilizzato come contenitore del materiale della distribuzione, è in grado di certificare le consegne incrociando le informazioni recepite con la posizione identificata da un GPS. Il servizio, giunto alla fase di test intensivo su strada, è ora pronto ad entrare nella sua fase operativa. Non mancheremo di tenervi aggiornati già con le prossime uscite. Arianna Gatti

Geomarketing Development Manager

Giovanni Madoi

ICT Functional Analyst

Business Support & ICT

LA CERTEZZA DEL BUON RECAPITO, NASCE DAL GIUSTO MIX: UNA PROFESSIONALE ANALISI DEI BACINI E UN SERVIZIO MISURABILE


10 Operation

La distribuzione raccontata da chi la fà Scendiamo in strada e trascorriamo un giorno con Fadi Oweidat per scoprire l’ultimo miglio

I I

(11/01/13) Nella foto Fadi Oweidat (sx) e Assoumou Affian (dx) intenti nel controllo delle cartografie prima di iniziare con la distribuzione.

l mio nome e Fadi Oweidat. Ho una piccola agenzia che si occupa di recapitare pubblicità non indirizzata nelle caselle postali. Oggi, vorrei portarvi virtualmente con me per farvi vivere la mia giornata di lavoro. Step 1. Mattina: filiale di Macherio Per prima cosa dobbiamo consegnare in filiale la documentazione delle aree coperte ieri, per poi ritirare il programma di lavoro odierno e le quantità da distribuire. Nei programmi ci sono anche alcuni dettagli relativi a particolari richieste del cliente. Ora possiamo andare in magazzino a ritirare il materiale e caricarlo sul furgone. Step 2. Mattina: partenza dalla filiale Abbiamo ultimato le operazioni di carico e possiamo partire. Purtroppo, quasi subito ci troviamo imbottigliati in un ingorgo a causa di un incidente. Siamo costretti a cambiare il programma della giornata. Fermo il pulmino, studio il miglior percorso sulla cartina stradale e rivedo la sequenza

delle località. Ora devo chiamare l’addetto alla programmazione ID e comunicare le modifiche che ho fatto in modo che a sua volta le possa inviare al cliente. Step 3. Mattina: inizio distribuzione Siamo arrivati nella località di partenza del programma. Consegnò ad ogni distributore la cartina della loro parte di territorio da coprire, controllo che tutti indossino pettorine e cappellini e che i carrelli siano pronti... Si parte. Step 4. Mattina: controllo dell’attività Mentre giro per le vie rifornendo di materiale i miei ragazzi, di tanto in tanto entro in qualche portone per verificare che il servizio venga svolto correttamente. Parlo anche con qualche custode di stabile per essere sicuro che sia tutto a posto. Nel nostro lavoro, un buon rapporto con i portinai è fondamentale. Step 5. Rifornimenti Oggi i depliants sono particolarmente voluminosi. Con questorifornimento terminerò i materiali

che avevo caricato questa mattina, dopo di che dovrò tornare al deposito per effettuare un altro carico che mi permetta di concludere il programma di lavoro. Step 6. Pausa pranzo Effettuato il carico al deposito eccoci ancora nella zona. Ora facciamo una pausa pranzo insieme ai ragazzi. Step 7. Primo pomeriggio Questa località e stata terminata e interamente coperta. Ora dobbiamo spostarci in quella successiva. Step 8. Pomeriggio: secondo round Il rituale si ripete. Cartine dei settori ad ogni distributore, pettorine e cappellini in ordine, carrelli riforniti. Via al secondo round. Step 9. Pomeriggio: difficoltà da risolvere Questa località e più difficile della prima. Molte villette, strade in salita, la produttività e più bassa, ma conoscendo bene il mio lavoro e la zona, ero preparato, infatti, per aiutare i miei distributori, vado personalmente a consegnare con il furgone le case e le vie più isolate. Step 10. Tardo pomeriggio: Le fasi finali Anche oggi la giornata e finita. Ritiro le cartine e i materiali avanzati. Dovrò consegnare tutto domani mattina e iniziare un altro programma. Sulla via del ritorno a bordo c’è una bella atmosfera. Si parla di calcio, vacanze, famiglia. Ho una bella squadra e ne sono fiero! Fadi Oweidat Capo Gruppo


11 una corretta gestione delle risorse umane è un valore aggiunto per affrontare le sfide del mercato

I

talia Distribuzioni crede molto nelle sue Risorse Umane. E’ per questo motivo che ha voluto valorizzare il proprio capitale umano che ritiene determinante per la sua crescita: una corretta gestione delle Risorse Umane rappresenta un valore aggiunto per affrontare efficacemente le sfide del mercato. Il capitale intellettuale e le capacità delle persone sono l’elemento essenziale per garantire al gruppo quella spinta motivazionale necessaria a provocare il successo dell’intera organizzazione. Per consolidare questa voglia di fare, caratteristica fondamentale della squadra ID, abbiamo dato inizio all’organizzazione e alla schedulazione dei colloqui con tutto il personale dipendente. Abbiamo pianificato il “tour” tra le varie sedi cercando di conciliare gli impegni di tutti, gli orari dei treni, gli spostamenti da una filiale all’altra senza venir meno al nostro scopo primario: ascoltare e dedicare il giusto tempo a ogni dipendente.

E’ stato un bell’impegno ma alla fine siamo riuscite a raggiungere il nostro obiettivo e possiamo ritenerci soddisfatte. Quest’esperienza è stata utile, interessante e rivelatrice in quanto ha permesso di far emergere alcuni elementi chiave: SENSO DI APPARTENENZA Le persone si sentono parte di Italia Distribuzioni, apprezzano il Top Management e la sua volontà di approfondire la conoscenza delle persone investendo tempo e risorse nel progetto di valorizzazione individuale SODDISFAZIONE Dai colloqui si evince che le persone sono soddisfat-

te del lavoro che svolgono e dell’ambiente in cui lavorano MOTIVAZIONE All’interno dell’azienda le persone sono motivate a dare il massimo per poter permettere alla società di continuare a crescere JOB ROTATION La curiosità e la voglia di crescere sono insite nei collaboratori; è stata riscontrata una notevole disponibilità a “mettersi in gioco” ricoprendo nuovi ruoli che permettono di crescere a livello di responsabilità e di competenze. E’ stata un’esperienza necessaria, sicuramente da mettere periodicamente in calendario perché l’aspetto motivazionale va costantemente monitorato. Senza dimenticare che è gratificante per un dipendente sentirsi parte integrante dell’azienda non solo con il suo lavoro ma anche con le sue opinioni, dubbi e curiosità che, durante questi colloqui, ha avuto la possibilità di esprimere senza preoccupazioni. Barbara Bossi Valentina De Maso

Reparto HR

Human Resources

IL VALORE DELLE PERSONE premia l’azienda


12 Finance

Agresso… Uno di noi L’attenzione al cliente non si limita al customer service, in ID abbiamo deciso di implementare questo software ERP così da snellire le procedure e diventare sempre più efficienti a vantaggio dei nostri clienti

S

ono passati ormai quasi sei mesi dall’introduzione del nuovo sistema gestionale integrato (ERP) AGRESSO, e in questo numero della Newsletter abbiamo deciso di approfondire la sua utilità all’interno di Italia Distribuzioni. Prima di tutto rinfreschiamoci la memoria: il sistema ERP è un software che garantisce all’azienda la corretta gestione di tutti i flussi contabili e operativi. Poiché il lavoro svolto dai dipendenti si traduce in numeri, questi numeri devono essere gestiti in modo corretto,

dotandosi di idonei supporti informativi. Grazie al nostro ERP è possibile emettere le fatture dei clienti, registrare le fatture dei fornitori ed effettuare tutte quelle operazioni che alla fine dell’anno portano alla stesura del bilancio d’esercizio. E’ molto importante l’allineamento dei sistemi tra Italia Distribuzioni e la sua casa madre Belgique Diffusion. Un allineamento che permette una maggiore trasparenza e un più facile consolidamento dei dati delle due società. Cosa differenzia AGRESSO da-

gli altri ERP? Innanzitutto è un sistema molto flessibile che permette di creare report ad hoc, aprire nuovi conti contabili, gestire le anagrafiche e altro ancora, senza supporti esterni di Help Desk. In questo modo le attività operative dell’intero reparto Finance sono diventate molto più snelle e immediate ed è più facile soddisfare le varie richieste. E ancora… la flessibilità garantisce il pieno controllo dei dati e, quindi, la possibilità di fornire risposte tempestive e precise alle richieste dei nostri clienti e fornitori. Con l’introduzione di Agresso, il reparto Finance di ID ha decisamente acquistato maggiore autonomia e raggiunto buoni livelli di efficienza. Nel 2013 l’azienda e AGRESSO cresceranno insieme. Vi terremo informati! Giacomo Ferrario

Accounting Coordinator


13

Lo scorso 19 dicembre, a Bruxelles, i vertici del Gruppo Belgique Diffusion hanno salutato il 2012 e con lui anche il suo presidente uscente, Freddy De Slachmuylder, giunto al termine

della sua carriera professionale. La serata, organizzata per salutare il cambio al vertice del Gruppo, presente anche il nuovo presidente in carica, Geert Schoenmaekers, ha simbolicamente rappresentato il cambio di consegne, una stretta di mano tra passato e futuro. Per il congedo di Freddy è stata organizzata a Bruxelles una cena. E’ stato scelto il ristorante italiano Vini Divini, il punto ideale per incontrare la cucina ma, soprattutto, il vino italiano: più di 500 etichette e 15.000 bottiglie. Alla serata ha partecipato tutto il Board italiano e i rappresentanti del fondo NPM Capital. Italia

Freddy De Slachmuylder

Distribuzioni saluta e ringrazia Freddy per l’ottimo lavoro svolto e per il supporto prestato a ID, ed accoglie con un caloroso benvenuto il suo successore, Geert Schoenmaekers.

Geert Schoenmaekers

Benvenuta Intranet ID Nel mese di febbraio ID ha pubblicato all’interno della rete aziendale la prima Intranet. Il sito, realizzato grazie alla collaborazione tra i vari reparti dell’azienda, permetterà a tutti i dipendenti di accedere con facilità alle informazioni aziendali e ai documenti che si utilizzano quotidianamente. Lo spazio dedicato sfrutta i vantaggi offerti dal recente passaggio a Google Mail. Una condizione questa che ci permette di aggiungere un tassello importante alla nostra organizzazione mantenendo, comunque, il controllo dei costi e ottimizzando tutti gli attuali strumenti e software in uso.

Il progetto prevede di migliorare la comunicazione e la collaborazione tra i vari reparti semplificando anche gli accessi alle modulistiche in uso. Sfruttando le aree condivise, l’utente è in grado di essere maggiormente autonomo e

questo si traduce, internamente, in una maggiore efficienza e coordinamento aziendale. Naturalmente la Intranet è qualcosa di vivo, che crescerà insieme a ID e che migliorerà grazie al contributo di tutti. Buona Intranet

News

Un meeting a Bruxelles per un caro saluto e guardare con nuovo slancio al 2013


14 News

LE COnVEnzIOnI In ITALIA DIsTRIbuzIOnI Le uLtiMe novitÀ Per iL “ProGetto Convenzioni” voLuto dA id Per i Suoi diPendenti:

Cisalfa offre ai dipendenti, ai collaboratori ed ai fornitori di iD lo sconto del 5% sull’acquisto di tutti gli articoli ci-

salfa (ad esclusione dei prodotti in promozione, “fine serie” e vendite straordinarie) grazie alla carta fedeltà

actionbusiness. per attivare la carta actionbusiness richiedete il codice societario a risorseumane@italdi.it

nOTIzIE DA bELGIQuE DIFFusIOn CASE HISTORY CAMPBELL FOODS BELGIUM Campbell Foods Belgium, azienda nota per i suoi marchi Devos Lemmens, Royco Minute Soup o Campbell Délisoup, ha realizzato a settembre una speciale campagna porta a porta. L’intervento si è basato sulla distribuzione di un campione omaggio o, in alternativa, di un pieghevole contenente un buono sconto. A fine settembre Campbell Foods Belgium ha deciso di realizzare un’azione porta a porta per Royco Minute Soup affidandosi a Belgique Diffusion. La distribuzione è stata strategicamente realizzata in una giornata in cui fosse previsto maltempo perché un cibo caldo e ristoratore come la zuppa potesse risultare maggiormente gradito ai consumatori finali.

Lo scopo della campagna di Campbell Foods era capire se i consumatori belgi fossero più inclini all’acquisto di un prodotto a fronte della ricezione di un buono sconto oppure a fronte della ricezione di un campione omaggio che gli permettesse quindi di avere un assaggio del prodotto. Circa 430.000 famiglie di varie provincie del Belgio hanno trovato nella loro buca delle lettere un campione di Royco Minute Soup alla zucca. Allo stesso tempo, quasi 360.000 famiglie di un’altra regione del Belgio hanno ricevuto un pieghevole contenente un buono sconto per ricevere Royco Minute Soup ad un prezzo speciale. Non è ancora pervenuto il

risultato ufficiale dell’effetto provocato dalla campagna sulle vendite del prodotto. Ad un primo esame parrebbe che entrambe le iniziative siano state accolte positivamente dagli utenti anche se coloro che hanno ricevuto il campione omaggio tenderebbero a ricordare meglio il marchio, rispetto a coloro che hanno ricevuto il pieghevole. Attendiamo con interesse i risultati che ci fornirà Campbell Foods Belgium sull’esito ufficiale delle due campagne promozionali!


TOU R IST

Il nome della rubrica svela già la sua anima itinerante; in questo spazio, infatti, proporremo gli appuntamenti più interessanti che potrebbero farvi venire voglia di visitare, di volta in volta, i territori che ospitano una delle nostre filiali....

Internazionale Budrio (Bologna) il VII Festival Dal 25 al 28 aprile si svolgerà a razioni tipiche alla rivisitazione di melodie e colo dell’Ocarina, un evento rivolto provenienti o tanti tra musicisti e costruttori dell’ocarina a cui parteciperann le popolare a Budrio è uno strumento musica da tutto il mondo. L’ocarina di idale allungata, ulare di terracotta a forma ovo fiato, nello specifico un flauto glob lato e nel corpo za testa, con un’imboccatura a proprio come una piccola oca sen realizzata maggiore estensione alla musica vari fori che servono a dare una fine del 1800, e, Giuseppe Donati, fu anche, alla dallo strumento. Il suo inventor prima a Budrio, e formò un apposito laboratorio il primo costruttore di ocarine dina emiliaIl Festival organizzato nella citta poi a Bologna e, infine, a Milano. musicali, con i, buskers, danze e altri incontri na sarà un succedersi di concert buskers italiani ato 27 aprile saranno ospitati i un’appendice a Bologna dove sab ruttori d’ocarina. e stranieri oltre agli artigiani cost punto di riferierà nella capitale dell’ocarina, In quei giorni Budrio si trasform inaggio per compie un vero e proprio pellegr mento di un popolo di artisti che bro intenso, per strumento in terracotta dal tim scoprire i luoghi d’origine dello soprattutto, ono da altre parti del mondo ma, conoscere suonatori che proveng per suonare insieme.

Dal 19 al 21 maggio sono in programma a Cerveteri i Ludi Ceretani, rievocazione delle antiche gare ginniche ed equestri tra i popoli del Mediterraneo. Durante i Ludi si può assistere o anche cimentarsi nell’antico Gioco del Cottabo (VI° secolo A.C.) o nel Tiro al Cinghiale con arco (bersaglio mobile finto), o tifare per uno degli undici Comuni che si sfideranno nel Calcetto Etrusco, nel Gioco di Bocce quadrate, negli Scacchi viventi, paludati in costume etrusco/romano, impegnati nella “Battaglia dei Re”. I giochi, organizzati nella Necropoli, sono animati dai ragazzi delle scuole dei comuni partecipanti. C’è anche un treno ecologico che si muove nella “Storia” e che ferma nelle sedi di conferenze tematiche e negli stand allestiti dai Comuni per presentare e assaporare le peculiarità dell’Etruria Meridionale bagnate da vino locale. Quanto basta per innamorarsi degli Etruschi, un popolo tra i più progrediti dell’antichità. Per i Ludi saranno accessibili la Tomba Regolini Galassi, il monumento più noto e studiato nel mondo, e le Greppe Sant’Angelo, sito che ha guadagnato gli onori delle cronache grazie allo splendido vaso d’Eufronio tornato a Cerveteri, dove fu rinvenuto nel 1971, grazie alla volontà del Getty Museum di Los Angeles e del Metropolitan di New York. Dall’1 al 4 giugno appuntamento con Girotonno, “uomini, storie e sapori sulle rotte del tonno”, un weekend di festa nella suggestiva Carloforte, meta turistica dell’Isola di San Pietro, a sud oves t della Sardegna. L’evento sottolin ea l’antica importanza del tonno nell’econom ia locale, celebrando la tradizio nale pesca del tonno che si svolge in giugno nel Sulcis Iglesiente, dov’è attiv a una delle più antiche tonnare del Mediterran eo. Il momento centrale di Girotonn o è sicuramente quello della mat tanza: un evento cruento, una lotta per la sopravvivenza che richiama anti chi echi e che si fa con la tonnara, l’insieme di reti abilmente disposte per trat tene re il tonno. Durante il lungo weekend di fest a esperti cuochi selezionati in tutt o il mon do dall’ICIF, Italian Culinary Institut e for Foreigners, danno vita a una Gara Gastronomica internazionale in cui si confrontano nella preparazio ne di pietanze a base del pregiatissimo Tunnus tynnus, anche noto come tonn o rosso o tonno di corsa, utilizzando anche altr i prodotti sardi. Una giuria di dod ici esperti decreta il vincitore. Altri eventi in programma: le Offi cine del gusto, le Piazze dei Sap ori Internazionali e il Carloforte Buskers Fes tival con affascinanti performanc e di artisti di strada.

...il nostro viaggio inizia da...

aprile 2013

Bu drio filiale d i Bo logna

... per la seconda tappa siamo a... maggio 2013

Cerveteri filiale di Roma

... e per questa volta ci fer miamo a... giugno 2013

Carloforte filiale di Cagliari


www.italdi.it | info@italdi.it | 02 30303901


ID News n. 4 anno 2013