__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

INEWS KUNST EDITION ART MARBELLA 2019 www.inewsswiss.com CHF. 4.-

INEWSSWISS.COM

K

U

N

S

T

ART MARBELLA JULY 30TH - AUGUST 3RD 2019

MEDITERRANEA 2019

THE ARTIST MASOUD AKHAVANJAM TO BIENNALE DI VENEZIA ART MARBELLA 19

MASOUD AKHAVANJAM BERNARD AUBERTIN MARINA FEDOROVA RODRIGO ROMERO PÉREZ MILA PIERCE JUAN CARLOS DE CLARES PEDRO MOLINA FABIO CAPITANIO FRANCESCO CECERE ALFREDO RAPETTI MOGOL BLUER CAMPÀ RAFFAELLO TALÒ


Per Margrit, che la sera si sente un po’ italiana.

Oltre 1’000 specialità italiane. E c’è anche la tua.


INEWSSWISS.COM

Inhalt

swiss multikulti lifestyle magazine, www.inewsswiss.com - Nr. 52 JUNI - JULI 2019 - Chf. 4.-

INEWSSWISS.COM

PENELOPE CRUZ BIENNALE DI VENEZIA ART MARBELLA 19 MARC CHAGALL A NAPOLI PICASSO

LEONARDO DA VINCI VINITALY PEPPE ZULLO VOLOTEA GOLF & WELLNESS ITB BERLINO MANIFESTA 14

BEAUTIFUL PUGLIA LA DAUNIA IN SVIZZERA

EDITORIAL 5 EDITORIALE GABRIELLA GROPPETTI 7 EDITORIALE PINA BEVILACQUA 9 EDITORIAL BY BRIAN BASNAYAKE 11 EDITORIAL CARLA BORDOLI CRIVELLI VISCONTI KUNST 12 ART MARBELLA 19 14 MASOUD AKHAVANJAM 16 BERNARD AUBERTIN 18 MARINA FEDOROVA 20 RODRIGO ROMERO PÉREZ 22 MILA PIERCE 24 JUAN CARLOS DE CLARES 26 PEDRO MOLINA 28 FABIO CAPITANIO 30 FRANCESCO CECERE 32 ALFREDO RAPETTI MOGOL 34 BLUER 36 CAMPÁ 38 TALÒ 40 MAPPLETHORPE IN MOSTRA A NAPOLI 41 MARC CHAGALL 42 ORLANDO ART NET 43 BIENNALE VENEZIA 19 45 VITTORIO RASCHETTI TURISMO 47 BEAUTIFUL PUGLIA: A GATEWAY TO THE SOUL OF ITALY 50  EMILIANO E CAPONE “INTEGRIAMO OFFERTA TURISTICA ED EVENTI, PER PORTARE IN PUGLIA SEMPRE PIÙ TURISTI TEDESCHI” 53 LIGNANO SABBIADORO: È ANCORA BANDIERA BLU PER LA 30ESIMA VOLTA! 54 PRISTINA APPOINTED HOST CITY OF MANIFESTA 14 IN 2022 56 VOLOTEA ENOGASTRONOMIA 57 PEPPE ZULLO: LA DAUNIA IN SVIZZERA 61 I FORMAGGI SVIZZERI 62 CITTA’ EUROPEA DEL VINO 2019, IL SUD RIPARTE DA “SANNIO FALANGHINA” E MATERA 64 VINITALY INEWS SPAGNA 69 ROTARY CLUB ESTEPONA 73 PRESENTACIÓN TERAPIA HIPERBÁRICA OXYGENIUS COMMUNICATION 74 IL CAPOLAVORO DI PICASSO 75 BILLI (LEGA): LETTERA APERTA ALL’AMBASCIATORE CANDIDATO A FIRENZE PER IL PD MODA 76 ELEVENTY 78 ISABEL CENTOVALLI MUSIC AND CINEMA 80 RIFLETTORI PUNTATI SU: “IGNOTI GLI AUTORI DEL DELITTO” 81 CARMINE BATTAGLIA 82 TORNANDO A CASA” DI RICARDO PREVE 83 ROMA MOTODAYS

Foto di copertina: LINO SPRIZZI


Impressum VERLAG

Antonio Campanile

EDITORIAL DIREKTOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIREKTOR MARKETING

Salvo Buttita

CHEFREDAKTOR

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

Director Ereignisse. Piero Melissano

Inews Salento

REDAKTION

Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Social Media Manager REDAKTION CHUR

REDAKTION TESSIN - Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

REDAKTION VIENNA Erich Bauer

REDAKTION BASILEA Piero Esteriore Mimmo Esteriore Salvo Buttita

Michele Ferrante Davorka Zguric

REDAKTION MOSCA Antonella Rebuzzi

REDAKTION ROM Alfonso Benevento Michele Viola

Brenda Liquadri Angela Verde

REDAKTION MAILAND Eugenio Forestieri

REDAKTION TURIN Francesco Mescia

REDAKTION SIZILIEN Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAKTION APULIEN Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAKTION PARMA Giuseppe Laudano

REDAKTION BOLOGNA Simona Artanidi

REDAKTION ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Nicoletta Altieri

Brenda Liquadri

REDAKTION BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager

MARKETING/ WERBUNG antonio@campanile.ch

GRAPHICS: Morena Fiorucci ART DIRECTOR: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHER Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABO-SERVICE

antonio@campanile.ch

DRUCKZENTRUM

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

VERLAG

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch www.inewsswiss.com Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe

4

iNEWS


Liebe Leserinnen, liebe Leser, Es gibt diverse Bezeichnungen für Alltagsgewohnheiten die für einem selber völlig normal erscheinen, andere jedoch schon als skurril bis leicht verrückt wahrnehmen. Macken, Ticks, Spleens, Marotten: Fast jeder Mensch verrichtet (meistens ganz automatisch) Handlunge deren Spektrum von lustig bis gestört reichen kann. Das Prominente ihr Spleen-Image bewusst pflegen trägt zur Bekanntheit bei. So konnte man sich Karl Lagerfeld bis zu seinem Tod nicht ohne Stehkragen und Handschuhe vorstellen. Heidi Klum hingegen muss jede ihrer Liebschaften täglich und mit unzähligen Posts „unter die Leute“ bringen. Und dass Michael Jackson oder Justin Bieber gerne mit Affen unterwegs waren (es gibt auch pflegeleichtere Haustiere) zeigt, dass bei diesen VIPs auffallen um jeden Zweck fast schon zur Manie wurde. Ich wette dass auch Sie eine Marotte haben die Sie selbst womöglich nicht mehr wahrnehmen? Bei mir sind es diverse, aber harmlose Ticks die sich im Laufe der Jahre entwickelt haben: Zum Beispiel gehe ich ohne Lippenstift nicht mal bis zum Briefkasten. Ich durchforste jeden Abend den Kühlschrank nach abgelaufenen Lebensmittel - und wenn ich dieselbe Senftube schon drei Tage hintereinander in der Hand hatte. Kaufe ich Kleider werden als erstes alle Etiketten entfernt. Bin ich mit einer Neuerwerbung unterwegs und entdecke noch eine Waschanleitung drängt es mich ins nächste Geschäft um eine Schere auszuleihen. Zeitungen lese ich prinzipiell von hinten nach vorne. Und sind bei einem Teppich die Fransen asymmetrisch muss ich immer wieder hinschauen. Mein Partner hingegen trägt Unterwäsche nur verkehrt herum und richtet vor dem Essen das Besteck auf den Millimeter genau aus mittlerweile gelingt ihm das ohne Zollstock. Eine Freundin hat den Zwang schief hängende Bilder gerade zu rücken, selbst wenn es bei einem Vorstellungsgespräch im Chefbüro ist. Eine andere Bekannte zählt bei jeder Treppe die Stufen, sogar in Begleitung murmelt sie die Zahlen vor sich hin. Spleens sind meistens harmlos, manchmal sogar lustig mit anzusehen. „Ernstzunehmen sind seltsame Angewohnheiten erst wenn sie einem selbst oder anderen Leuten schaden“ ist die Meinung der Psychologen. „Dann gilt es jedoch sich Hilfe zu holen und innere Zwänge zu bekämpfen“. Liebe Leserinnen und Leser: Berichten Sie mir doch von ihren Alltags-Ticks, ich werde sie mit Vergnügen lesen und in einer Kurzgeschichte zusammenfassen. Herzlich Ihre Gabriella Groppetti groppetti@bluewin.ch

iNEWS

5


Impressum EDITORE

Antonio Campanile

DIRETTORE EDITORIALE Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIREZIONE Marketing&Pubblicità Salvo Buttita

CAPO REDATTORE

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

DIRETTORE EVENTI Piero Melissano

Inews Salento

REDAZIONE

Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Social Media Manager

REDAZIONE COIRA (CH) Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

REDAZIONE TICINO - Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

REDAZIONE VIENNA Erich Bauer

REDAZIONE BASILEA Piero Esteriore Mimmo Esteriore Salvo Buttita

Michele Ferrante Davorka Zguric

REDAZIONE MOSCA Antonella Rebuzzi

Brenda Liquadri

REDAZIONE ROMA Alfonso Benevento Angela Verde

Michele Viola

REDAZIONE MILANO Eugenio Forestieri

REDAZIONE TORINO Francesco Mescia

REDAZIONE SICILIA Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAZIONE PUGLIA Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAZIONE PARMA Giuseppe Laudano

REDAZIONE BOLOGNA Simona Artanidi

REDAZIONE ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri REDAZIONE BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager MARKETING/ PUBBLICITÀ antonio@campanile.ch

GRAFICA: Morena Fiorucci ART DIRECTOR: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani FOTOGRAFI Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABBONAMENTI

Redaktion@italiannews.ch

TIPOGRAFIA

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

CASA EDITRICE

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe www.inewsswiss.com

6

iNEWS


Ci sono delle novità… Ma le novità, anche quelle che possono sembrare poco gradite, in realtà sono sempre delle occasioni e come tali da prendere al volo. Penso innanzitutto a certe performances in campo economico e finanziario a cui non siamo certo abituati. Per esempio, secondo l’UST è il secondo anno consecutivo che in Svizzera calano i salari reali (-0,4% nel 2018; -0,1% nel 2017), per colpa dell’inflazione (0,9% nel 2018). E uno studio della McKinsey (tra le più grandi e influenti società internazionali di consulenza del settore) sostiene che siamo diventati una piazza poco attraente per le multinazionali. In pratica la Svizzera, che fra il 2009 e 2014 era al primo posto, insieme all’Irlanda, con un +27% di nuovi insediamenti societari, nel periodo 20142018 è scivolata al terzo posto, con il 19%, mentre l’Irlanda rimane prima (insieme ai Paesi Bassi), con il 24%. Rischiamo la recessione? Certamente no. Anche il colosso cinese e la locomotiva tedesca stanno rallentando, ma entrambe reagiscono investendo, anche all’estero. Una ricetta che dovremmo adottare pure noi. “Quando la dispensa si svuota devi correre nell’orto a piantare, e se l’orto non ce l’hai devi andare a piantare dal vicino”, diceva mia nonna. Ecco cosa dovremmo fare, invece di spaventarci e spaventare un mercato internazionale che, a dire il vero, ci tiene ancora nella massima considerazione. E il nostro orto più vicino, per svariati motivi, è l’Italia. Come il nostro Antonio Campanile va predicando da più di due lustri, forte della sua lungimiranza e dei risultati prodotti dalla nostra Medi@Presse Swis S.p.A. Con i più cordiali saluti Pina Bevilacqua

iNEWS

7


Impressum EDITOR

Antonio Campanile

MANAGING EDITOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIRECTOR Marketing/ADVERTISING Salvo Buttita

CHIEF EDITOR

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

DIRECTOR EVENTS Piero Melissano

Inews Salento

EDITORIAL BOARD Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Social Media Manager

EDITORIAL BOARD IN CHUR (CH) Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

EDITORIAL BOARD IN TICINO Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

EDITORIAL BOARD IN VIENNA Erich Bauer

EDITORIAL BOARD IN BASILEA Piero Esteriore Mimmo Esteriore Salvo Buttita

Michele Ferrante Davorka Zguric

EDITORIAL BOARD IN MOSCA Antonella Rebuzzi

Brenda Liquadri

EDITORIAL BOARD IN ROMA Alfonso Benevento Angela Verde

Michele Viola

EDITORIAL BOARD INMILANO Eugenio Forestieri

EDITORIAL BOARD IN TORINO Francesco Mescia

EDITORIAL BOARD IN SICILY Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAZIONE PUGLIA Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

EDITORIAL BOARD IN PARMA Giuseppe Laudano

EDITORIAL BOARD IN BOLOGNA Simona Artanidi

EDITORIAL BOARD IN

ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri

EDITORIAL BOARD IN

BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager

MARKETING/ PUBBLICITÀ antonio@campanile.ch

GRAPHICS: Morena Fiorucci WEB MASTER: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHY Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABO SERVICE

Redaktion@italiannews.ch

PRINT: VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich PUBLISCHER: MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch Abbonamento/soci CHF 100.- Monatliche Ausgabe www.inewsswiss.com

8

iNEWS


Dear Readers, This year spring has indeed given us big surprises: sunny days followed by weeks of rain and plunging temperatures, with even some snowfall in the lowlands. Trees may be clad in radiant green and bedecked with colourful blooms, but the spring air is genuinely devoid of its natural vibrancy and cheery expectancy. The early part of spring was a pure joy with people flocking to bask in the sun or to enjoy long walks in the woods and the countryside. However, then everything turned the wrong way and, after having gone through a long, hard winter, one is justified to ask if winter has indeed outstayed its welcome. Even the birds are shying away from their usual, noisy routines, preferring to seek shelter from the errant cold and the frequent, incommodious rain. Despite the many sceptics still around, climate change is no longer a baffling phenomenon, but a distressing reality that is costing lives and livelihoods and causing relentless devastation to the environment. From unusually severe winters and unpredictable spring weather to excessively hot or wet summers, climate change is at the heart of all the natural disasters and environmental chaos that is taking place all over the world. Nonetheless, governments all across the globe are doing far short of their promised contributions to save the planet. Neither these governments nor the powerful industrialists have a clear idea of fighting climate change or working to mitigate the worst consequences of the everincreasing environmental disasters in all parts of the world. The latest UN report on the environment is both a warning and a devastating verdict on the governance and economic systems all across the globe. The unbridled drive for economic growth and the reckless disregard for the environment are pushing the earth to the brink of collapse. It may be hard for one to believe that we human-beings could destroy the world, but emerging data point to the strong possibility that it indeed could happen or will happen if we do not take appropriate measures right now to prevent it. Of all the countries on this earth, European nations are the ones best placed to lead the world in adopting measures to protect the environment and foster a model of ecologically sustainable development that would inspire all the other countries across the globe. On 23rd May, the European Union will hold elections to its parliament in all 28 member states in Europe, including the United Kingdom. The UK had voted narrowly to leave the EU in a referendum held on 23rd June 2016. However, a polarized nation and a heavily divided parliament, combined with an inept Government and its Brexit negotiating team, had ensured that the exit would not take place on 29th March as intended. Instead, the date for the divorce has been postponed till 31st October 2019, amidst recriminations and confusion, through a gross lack of leadership and true statesmanship. Indeed, what the whole saga of Brexit has shown to the broader world so far is the arrogance and ineptitude of the Tory government and its handling of the UK’s withdrawal from the EU. It is the epitome of putting narrow party concerns ahead of the country’s vital interests. However, the UK’s wish to leave the EU and the growing popularity of Eurosceptic parties across Europe should remind the bureaucrats and politicians in Brussels and Strasburg that they are increasingly out of step with the wishes of the ordinary folk in most parts of Europe. Switzerland is no stranger to the EU’s power-play, and she is doubtlessly watching with a mixture of anxiety and anticipation. It is with anticipation only that we wish our readers happy, sunny days ahead and an exciting read in this issue. Yours sincerely, Brian Basnayake

iNEWS

9


Impressum EDITOR

Antonio Campanile

MANAGING EDITOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIRECTOR DE MARKETING Y PUBLICIDAD Salvo Buttita

JEFES DE REDACCIÓN

Gabriella Groppetti (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (Redacción inglesa/englische Redaktion) Mursia Petrachi (Redacción italiana/italienische Redaktion) Carla Bordoli Crivelli Visconti (Redacción española/spanische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

EVENTOS DIRECTORA

Piero Melissano

Inews Salento

REDACCIÓN

Daniela Corti Cristiana Corti Gabriele Beate Hefele Juan Miguel Fernández Pérez Luana Pavesi Sofia Beatrice Monti Luciano Pappalardo Pasquale Balestriere María José Camacho Pérez Corina Butas Vania Penha da Silva Rosario Martínez Rodríguez

INFORMACIÓN EN ALEMÁN, COSTA DEL SOL Gabriele Beate Hefele (periodista)

REDACCIÓN BRASILE EN SUD AMERICA Sheila Fisler Daniella Cabral

Public Relations Sales Manager

MARKETING/PUBLICIDAD

antonio@campanile.ch www.inewsswiss.com - www.campanile.ch

RELACIONES PÚBLICAS

Luana Pavesi (marketing/PR/comunicación)

FOTOGRAFÍA Antonia Guerra Eugenio D'Hamo

INFORMACIÓN MÚSICA Y EVENTOS Sofía Beatrice Monti (cantante y relaciones públicas)

MODA, IMAGEN, TENDENCIAS María José Camacho Pérez (hair stylist) Vania Penha da Silva (beauty consultant)

GASTRONOMÍA NACIONAL E INTERNACIONAL

Bruno Filippone Luciano Pappalardo (Chef) Pasquale Balestriere (Chef) Zulay Gómez Carrera (ayudante Chef y control aprovisionamiento)

INFORMACIÓN ECONOMÍA Y FINANZAS Juan Miguel Fernández Pérez (derecho y fiscalidad) Eduardo V. Luján

COLABORADORES WEB Y REDES SOCIALES Vincenzo Ottavio Pesce (web&community manager) Lidia Moreno Aguilar (community manager) Corina Butas (social networker)

INICIATIVAS SOCIO-CULTURALES Rotary Club Estepona Sotogrande International

www.inewsswiss.com

10

iNEWS

www.inewsswiss.com


Queridos lectores y queridas lectoras: Es cuando nos paramos un momento a reflexionar sobre ciertos acontecimientos o sobre eventos en cuyos inicios tomamos parte, como empresa de comunicación con la nuestra MEDI@PRESSE SWISS AG, editora de esta revista, que notamos realmente el paso del tiempo. Se preguntarán de qué estoy hablando. Pues de Art Marbella, que nos espera el próximo día 30 de Julio, hasta el 3 de Agosto, en su quinta edición. Me parece increíble que haya pasado tanto tiempo desde el primer año, y que, en tan breve lapso de tiempo, se haya convertido en un “must” para coleccionistas de todo el mundo, haciendo de Marbella un centro no sólo de playa, golf y moda, sino de cultura, arte y diseño. Sí, digo diseño, porque los organizadores de Art Marbella y de Marbella Design, encabezados por Alejandro Zaia, han decidido este año dar un corte totalmente rompedor a la exposición que tendrá lugar en el Palacio de Congresos de la ciudad. Los espacios cúbicos que caracterizan este tipo de eventos, sencillos y geométricos, se sustituyen en esta edición con espacios comunes más amplios que favorecerán el encuentro entre artistas, coleccionistas, expositores, galerías y demás expertos; los stands ofrecerán un ambiente cálido e íntimo, donde el apasionado de arte contemporáneo podrá ver las obras en un espacio que refleje el hábitat del Domus, para saborear plenamente el potencial y hacer real en su imaginación la ubicación de cada pieza en el entorno más adecuado. En este marco tan novedoso vuelve la Galería Toro Arte, junto con Inews y Medi@presse, proponiendo su proyecto, con una gran sorpresa: varios artistas y un “sole stand” exclusivamente dedicado al escultor Masoud Akhavanjam. Según nuestro editor Antonio Campanile, “ha valido la pena la continuidad en estos años del encargo de llevar las relaciones públicas internacionales de Art Marbella, que ha demostrado tener un alto potencial.” Todo ello seguramente reforzado e impulsado por la estrategia de proponer alguna novedad en cada edición, para captar el favor de los coleccionistas de todo el mundo. Con este proyecto y el artista Masoud Akhavanjam estaremos presentes también en la Bienal de Venezia. Quiero destacar que el Rotary Club Estepona – Sotogrande International entregará, en los stands de Toro Arte e Inews, en los días de la exposición de Marbella, el Premio al Mejor Artista del proyecto “Mediterránea 2019”. ¡Todos los rotarios de España están invitados a participar!¡Les esperamos a todos! Un saludo cordial, Carla Bordoli Crivelli Visconti www.akhavanjam.com www.toroarte.it www.labiennale.org www.marbellafair.com www.inewsswiss.com

iNEWS

11


ART MARBELLA JULY 30TH - AUGUST 3RD 2019

MEDITERRANEA 2019

MASOUD AKHAVANJAM

BERNARD AUBERTIN

MARINA FEDOROVA

RODRIGO ROMERO PÉREZ

MILA PIERCE

JUAN CARLOS DE CLARES

PEDRO MOLINA

FABIO CAPITANIO

FRANCESCO CECERE

ALFREDO RAPETTI MOGOL

BLUER

CAMPÀ

RAFFAELLO TALÒ

12

iNEWS

www.inewsswiss.com


Queridos Lectores y amigos de INEWS, Estoy muy feliz de poder tenerlos nuevamente a bordo de esta gran aventura que es Art Marbella. Con vuestro apoyo desde el primer momento hemos visto crecer este emprendimiento que en esta oportunidad cumple sus cinco años de vida. Muchas cosas pasaron en este tiempo, y muchas más son las que vamos a pasar. Art Marbella se ha consolidado definitivamente como la feria más importante del verano europeo, y sin dudas la más internacional de toda España. Galerías del Norte de África, Medio Oriente, Europa, los EE UU y Latinoamérica suelen darse cita a fines de Julio cada año en Marbella y así encontrarse con sus coleccionistas y visitantes. La feria cada año es más vibrante, más variada y tanto en contenidos como en visitantes, tienen una multiculturalidad que refleja bien la demografía de la propia ciudad de Marbella y sus alrededores. Ha sido, y es, un gran esfuerzo pero lo hacemos con una gran alegría, y con el fundamental y necesario apoyo de medios tan cercanos y tan prestigiosos como INEWS. Sin esas alianzas y “partnerships” nuestro trabajo sería imposible, Una vez más, muchas gracias a todos, y los esperamos el 29 de Julio para celebrar juntos el quinto aniversario de ART MARBELLA Cordialmente, Alejandro Zaia

www.inewsswiss.com

iNEWS

13


arte

VITTORIO RASCHETTI

MASOUD AKHAVANJAM 14

STAINLESS SPIRIT iNEWS

www.inewsswiss.com


The unexpected appearance of a space fossil from a superior civilization, a Martian taken from a galaxy of an earlier future. The call of stainless waves to white heat resurfaces stubbornly between chromed fluid geometries, an extreme reflection between migrations and sharp refractions of light. A mechanical spiritual cosmogony that challenges the tactile quality of sensitivity, including infiltration into the soul of the material, biomorphic contaminations, reflective convexity and concavity, intersections and overlapping of elusive and dynamic volumes. Concatenation of symbols, vibrations of sense, in the game of enveloping bonds of forms running away from weight and immobility. Iron metaphors, unstoppable allegories, plastic analogies, trespassing beyond all expectations, in an irreducible flow to any too geometric and orthogonal precision, a natural proliferation provided with latent emotional intelligence. Archaism of the iron age, futurist modernism: prototypes of the archeology of the future, enigmas from the memory of steel thrown into an imaginary stretched out into the future. Beyond time, organic concretions of undeterminable provenance crossed by air, tempered, stainless. An uninter- rupted dialogue between wind and iron resounds in the void of the remains of armor with no more life to defend. The artist’s stylistic seal is guided by the formal power given off by the morphological instinct that manages to coin moral values embedded in the tem- poral consistency of shining and uncertain materials between the brevity of life and the immortality of form. Works that draw in the space fields of strength, ascending plant lines, flaming motifs, silhouettes evocative of zoomorphic motifs. Irregular and supple cur- ved lines that draw elegant contours in the air. Lightness of the plastic sign, undecided between abstraction and figuration through the evocation of formal homologies with natural motifs. Humanoid figures, torsos, faces, angelic hybrids, anthropomorphic droids: the artist’s poetic imagery represents beings always on the threshold of different natures, of parallel worlds, uncertain about their belonging to a human or post-human world. Always beyond their reference, they are entities in the process of metamorphosis, ready to reincar- nate in a new nature, in an ever further form. They are volatile beings ready to take poetic flights Equipped with executive skills that integrate artisan skills and knowledge of industrial materials, the artist’s poetics succeeds in creating works in polished and super-bright steel capable of providing dreams with an extraordinary ae- sthetic magic. The processing of the super-reflective surfaces contributes to the magic of the shapes that take on the status of sublime icons at the same time present and distant, silhouetted in an unapproachable aura of seductive and elusive beauty thanks to the mobile reflections of light. Vibration by subtraction, rebound, refraction of an armored iceberg, with a metal soul, multiplied in the thousand faces of ice chipped in diamond light. Precisely this reflective quality of the surfaces makes the works always dynamic and elusive as a moving mirror that multiplies the points of view and the possible interpretations. The works live not only in the confines of the form but in the multiplication of the light that they return in an infinite game of refractions. A constellation of forces just gushed from the vital momentum of creation, a struggle of ambiguous and metamorphic structures being defined. The future of forms is thrown into a mobile, complex topology of curved folds, opened and ready to embrace the space. Fluid stones, a weaving of fades and over- impressions facing the spectacle of the dissolving of a curved dream. The revelation of a possible transcendence, in a new ascesis of form. The artist anticipates the technological future, tells it in the form of a premonition, with a logic of imagination that must await experimental confirmation, but which has www.inewsswiss.com

already prematurely indicated the dream to tend to. Just as the world of desire, beauty introduces that paradoxical “nostalgia for the future”, that intuition of the world to come that is sown by the utopian desire, by the drive to design new worlds, places of the possible, where technology unfolds not only the ability to do, but above all the charm of showing new configurations of the possible made habitable by the accuracy of the measure, of the composition of more technological proportions. Artistic beauty, like technology, is based on an artifice that makes it possible to exhibit proportions, the golden rule of truth. Poetics of technology, science and experience of beauty are grafted onto one another in a game of reciprocal winks. A continuous metamorphosis of reality made possible by the transforming action of technology, but also by the fluid dynamics of the forms of beauty. The boundaries between nature and artifice are increasingly blurred in an increasingly strong contamination between biological object and technological organism. Esprit de finesse and esprit de geometrie, not juxtaposed in two separate orders, in two parallel worlds, but able to converge in a mingling where taste for the sensitive form and technological practice merge into a finally unitary know- ledge, in which primary qualities and qualities secondary, number and sensitivity are combined in an integral domain of reality. Bodies without organs animated by strange inscrutable forces subjected to radical metamorphoses that sow life beyond the real by transplanting an artificial biological hybrid into suspended territories. Sculpted works following attractive, elegant and elusive, slender and transient, rounded and aerodyna- mic shapes. Expanding ripples that suggest a centripetal dynamism. Blocks of sensations that make the shape twist, revealing the emotional truth nestled beneath the glacial surface of the steel. Masoud Havaniam’s works are the result of an antithesis between warm action and glacial coverage, they are essences forged by heat and grafted onto an iceberg that descends the current until it touches the warm currents. The form protrudes into a mysterious light stirred by the demon of a dark force that twists the form and makes it vibrate in resonance with an expanding cosmos. Art surpasses the present and rides the future seems to suggest the artist with his works immersed in a shining and elusive material, capable of cros- sing light years. Daydream, reverie about the future of form, revealing the semiotic skeleton, the underlying musical structure, the harmonious union of organic forms, the hidden polyphony of reality. Each shape waves in a continuous wrapping and folds of twists, energies and masses beyond its center of gravity, jutting out on voids and counterweights. Pure organic energy in the making, plastic imagination always in tension of interconnected structures. Dislocation in space of configurations including one another, games of asymmetries and sophisti- cated distribution of weights between open envelopes on a space crossed by dynamic vectors, by broken lines. Icy and glacial energy, cold fusion of metal alloys. Beauty is like a sculpture made of ice, apparently stable, eternal, but that can suddenly melt to re-configure itself in further forms, the technology acts on the conditions of the melting temperature, determining the atmospheric variations of beauty, the climatic eras of taste . A river of liquid metal, nestled in the primordial substance, before the metamorphic flow of time over time, before the degradation of the noble fabric in the imperfections of matter. A perfect visual coherence that can be seen in the harmonic modulation of form chords. Precious withdrawals from the deep layers of the Earth ready to be transplanted into a universe of imagination suspended in purity. Porous open configuration, ready to be contaminated with the thousand shades of life guarding the precious cult of rarity in the stainless strength of beauty. iNEWS

15


arte

VITTORIO RASCHETTI

BERNARD AUBERTIN 16

IL FUOCO E L’ARTE iNEWS

www.inewsswiss.com


Claudia Grasso - Giancarlo e Antonio Rovetta

L’artista francese Bernard Aubertin, nato nel 1934 a Fontenay-aux-Roses, fu tragli animatori del “Gruppo Zero” di Düsseldorf con Heinz Mack, Otto Piene e Günther Uecker. Dopo aver visitato lo studio di Yves Klein, l’artista capisce in che direzione cambiare il suo modo di fare pittura. Sceglie istintivamente di lavorare con il rosso, riconoscendolo come portatore di una forza primordiale e liberatoria, capace di incarnare quell’ansia di ridefinizione dei canoni stilistici e estetici che sentiva sempre più pressante in sé. A questo periodo risalgono i suoi primi monocromi Il gesto energico dell’artista è presenza viva, ancor più che nei Monochromes rouges, in una serie di opere di due anni successiva, i Tableaux-clous, in cui cerca di rompere con la bidimensionalità della pittura nel tentativo di conferire “una nuova vibrazioneal monocromo”, piantando dei chiodi su delle tavole di legno, trapassandole da parte a parte. Parallelamente realizza i suoi primi tableaux feu (quadri fuoco) in cui i chiodi sono sostituiti da fiammiferi, che vengono poi dati alle fiamme. Insieme ai quadri, realizza anche sculture con il fuoco: incendia oggetti di uso comune, da strumenti musicali a libri fino alle automobili. La sua attività artistica si è svolta inizialmente a Parigi e poi dagli anni ‘70 a Brest e per lunghi periodi tra Brescia e Verona. Proprio a Brescia ha sede l’ Archivio storico dell’opera di Bernard Aubertin, curato da Giancarlo Rovetta. www.inewsswiss.com

iNEWS

17


arte

MARINA FEDOROVA 1981, born in Leningrad

1996 - 2000 - St. Petersburg Art College named after N.K. Roerich, St. Petersburg, Russia 2000 - 2006 – Saint Petersburg Stieglitz State Academy of Art and Design named after Baron Stieglitz (Mukhina), St. Petersburg, Russia Specialization - graphic artist, fashion illustrator

Living and working in St. Petersburg and Munich. Exhibitions since 2001 in St. Petersburg, Moscow, Riga, Paris, Genoa, Mantua, Malaga, Helsinki, Madrid.

Participation in the international fairs: Art Stage Singapore, Art Moscow, Art Paris, Art Monaco, Art Bologna, Art Vilnius, Art Kiev and Art Helsinki. Taking part in expositions of the Russian Museum and Erarta, Saint Petersburg Artist of the year Nicolas Feuillatte champagne in 2008. Decoration for the Mariinsky Theater Festival in 2008.

Member of the “Charity gala auction with the support of CHRISTIE’S” in the Russian Museum. The artist’s works are in the collections of the State Russian Museum, Russia; the Hermitage, Russia; the “Д137” Foundation; the KGAL Foundation; the Museum Shoes Or No Shoes, Belgium and in private collections of Laurent Boutonne, Pierre Brochet, Ilya Lagutenko, Artemy Troitsky, Mikhail Tsarev. THE WORLD OF MARINA FEDOROVA - URBAN REALITIES AND MIRAGES

Marina Fedorova is an ideal urban artist. She has a visual angle rare nowadays. I do not know which Paris gave her such an apple. The apple of her eye is hypersensitive to urban perspective. It is in direct terms of physics, not metaphysics: there simply was no such array of reflective surfaces, stationary and mobile ones in an urban environment. - Alexander Borovsky, head of the Contemporary Art Department at the State Russian Museum, characterizes Fedorova’s work. Marina lives in the world of optical realities and mirages, and she visualizes both of them with equal convincingness, she tries on not only fashion items, but also quotes, which she herself pulled out of films and obligatory novels for an advanced person. INTERVIEW WITH THE ARTIST BY IRINA: 1. Was there always an understanding of your future profession? Yes, there was. I firmly knew that I would be an artist from my childhood. My days of academic learning have smoothly turned into exhibition life. My first solo show was in 2005. Since then I have had about 40 personal and 70 group exhibitions. Even in my childhood it was easier for me to draw than to explain by words. Noticing something beautiful and exciting, I immediately wanted to express it in colors. I have been strongly influenced by fashion. I graduated from the Academy of Arts as a fashion designer and had an internship in fashion houses. This has shaped my vision of style and fashion images that went from catwalks and backstage onto paper and canvas. 2. The image of women is quite often to be found in your works. They are stylish, independent and immersed in their own world. Sometimes the images of children appear and less often - men. How does the choice of characters occur? I cannot say that I specifically choose the characters for my paintings. It happens spontaneously. But it is true that mostly they are females due to the fact that women often think about how they look in the environment and are more often spotted by my internal camera. As to the children, they are my own children. And it is not possible to resist their charm.

18

iNEWS

www.inewsswiss.com


3. Catching and freezing the moment that is full of dramatic tension in your works often looks like a snapshot from a detective movie or thriller. In life do you act more as a spectator or a movie director? I am both a spectator and a director. On one hand, it is important for an artist to be able to observe the moment when the director is life itself, and then I am only a transfer link. But on the other hand, I am a storyteller, I invent my own worlds, stories, movies. There was a long period in my artistic life, when I was painting a movie, paying tribute to my idols: Hitchcock, Lynch, Kar-Wai. This period even got the name freeze-frame. Now these are my internal short films. 4. It is interesting that you have mentioned the names of the great world directors of independent cinema who are not only from different countries, but also from different continents: Europe, America and Asia. Do you consider their art works and yours to be universal, existential and understandable to everyone, regardless of ethnicity and language? Definitively, the language of art is universal. Most often my work is based on feelings, nostalgia and emotions inherent in all people. Although any art is autobiographical, it is impossible to paint anything without being emotionally enthusiastic or vice versa, without having the desire to express your own strong feelings. 5. What other artists or writers, in addition to the directors mentioned, influenced the formation of your style? Looking at your work, I can see dialogues with Degas and Dreiser as well as with one of the brightest representatives of American magical realism Edward Hopper. Yes, absolutely true. Hopper is one of my idols. And the fact that he started out as a fashion illustrator and brought a narrative into painting is very close to me. I also include myself among storyteller artists. To create a sense of the magical and inexplicable is one of my goals. I also admire the work of Andrew Wyatt, finding in his paintings both mysticism and lyrical nostalgia, akin to Tarkovsky. Speaking about Russian artists, without a doubt, it is Pavel Pepperstein, who already is classical and incredibly ironical. 6. Your work is not only movie-like, but also almost always urban. Do you prefer working in a studio in the city or you do you get inspired by nature too? It is best to work in the studio. I live and work between St. Petersburg and Munich. I am not a plenary artist. I am an introvert, and the concentration factor plays a huge role. I prefer to work in the morning and I think that painting in electric light is not possible at all. If we are talking about holidays, the presence of the sea is necessary. Contemplating the sea, I always find myself thinking that the nature is the best artist. 7. Do you have any favorite colors or color schemes to express your visions better? Of course! I do not see my paintings without red. And it is a certain red - carmine. Historically it was produced from shells of specially bred beetles and was a precious and rare pigment. Now, of course, everything is synthetically imitated, but for me this color remains noble and special. My favorite colors are red, blue and white. 8. There is an opinion that at some point the picture begins to paint itself, guiding the hands of the master. Is it so? This is a very important moment, when it seems that it turns out to go on by itself, this is precisely the present, the sacred. When you really feel like a conductor. 9. Contemplating your works gives an opportunity to see life in brighter colors. What do you want to share with the world? Artists have different goals. From my point of view, painting should bring emotions: to bring joy or a feeling of nostalgia. My goal for the painting is to evoke a sense of mystery, an irrational feeling that something is amiss. But I do not think that we are painting for something, we are painting because we cannot but paint. Just as often an art collector cannot explain why he buys art. Irina Machneva Mota

www.inewsswiss.com

iNEWS

19


arte

CHUS BELINCHÓN BUJES–

RODRIGO ROMERO PÉREZ ¿Cómo definirías a Rodrigo Romero? Como alguien inquieto que utiliza el arte como una herramienta de búsqueda. Con mis obras pretendo generar una reflexión sobre nuestra toma de decisiones, las sociedades que creamos y sobre la propia naturaleza humana. Estoy muy interesado en los procesos y las estructuras en formación, y eso me lleva a considerar la obra de arte como algo inacabado, cambiante y en muchas ocasiones efímero. ¿Cómo han sido tus comienzos? Siempre me ha interesado el arte desde que era niño y ahora me doy cuenta de que la escultura y esa necesidad de crear siempre han estado presentes en mi vida. Mi progresión artística ha sido lenta, muy paso a paso (y en ello seguimos). De alguna manera la evolución de mi obra se puede considerar el resultado de aplicar un sistema 20

iNEWS

de ensayo y error a un proceso de búsqueda. Podríamos decir que pretendo transformar la escultura en algo que la haga más interesante y viva. ¿Por qué te has centrado más en la escultura que en el lienzo? Hay muchas técnicas artísticas que me interesan pero sin duda con la que me siento más cómodo y con la que mejor expreso lo que quiero, es con la escultura. Me encanta el grabado (especialmente el grabado en relieve) y la pintura, pero el proceso escultórico es muy exigente y por desgracia no dispongo del tiempo suficiente para afrontar otros proyectos, aunque también tengo que decir que de vez en cuando “me doy un capricho” y realizo una pieza en una técnica distinta a la que normalmente utilizo.

www.inewsswiss.com


Te motiva el arte urbano para crear tus obras en la calle, ¿cómo lo haces en la escultura? Siempre resulta enriquecedor ver el trabajo de otros artistas independientemente de que tengan o no las mismas preocupaciones artísticas que tú. Todas las expresiones artísticas pueden estimularte para desarrollar una nueva obra. En el caso del arte urbano, me motiva más el entorno en el que voy a instalar una pieza , que una obra concreta que haya visto. Busco entornos en los que la pieza cobre sentido y se establezca una especie de cohesión escultura-entorno de tal manera que cuando la pieza ya no esté, la gente piense “aquí falta algo,¿no?” o reflexione sobre la pieza. ¿Tienes alguna anécdota que contarnos referente al arte urbano? Siempre que instalas una pieza en la calle pasan cosas curiosas, normalmente las destruyen en pocos días y la forma en que lo hacen es interesante. Aparecen pintadas, golpeadas o hasta con marcas de pintalabios de haber recibido algún que otro beso. Otras veces las piezas desaparecen sin dejar rastro, es decir, ¡se las llevan!. Recuerdo una vez instalando unas piezas en la calle en un festival de arte, que había una persona que se dedicaba a pedir dinero a cambio de mostrarte a los conductores

dónde había plazas de aparcamiento libre, cuando vio que estaba dejando las esculturas en la calle vino a mostrarme su preocupación porque si las dejaba allí las iban a romper, yo ya sabía lo que iba a ocurrir, pero a aquel hombre le parecían muy bonitas y estaba muy preocupado por el futuro de las piezas. Otra vez en una feria en la que se podían ver imágenes esculturas que habían estado instaladas en la calle, se acercó una mujer a ver mi trabajo, se fue y volvió al rato con su pareja, me preguntó que si yo había instalado la escultura de una niña en un edificio abandonado, le dije que sí y entonces la pareja comenzó a discutir y la mujer le decía “¡ves como no estoy loca! ¡ves como no estoy loca! “ ¿Qué es el arte urbano para ti? Es una forma diferente de expresarte y de mostrar tu obra. El espectador accidental no tiene por qué tener formación o inquietudes artísticas, no es el mismo público que visitaría un museo y eso hace que el ámbito donde se instala la pieza sea mucho más rico que una sala. Por otro lado, el hecho de que sea algo efímero también enriquece el mensaje. Seguir buscando, aprender y disfrutar todo lo que pueda en el proceso y ser sincero en mis planteamientos. Chus Belinchón Bujes

www.inewsswiss.com

iNEWS

21


arte

MILA PIERCE Mila Pierce is a Latvian born contemporary visual artist, currently living and working in Marbella, Spain. 22

iNEWS

www.inewsswiss.com


Mila’s art journey started at an early age at Latvian art school in 1991. Since that time, Mila has participated in group exhibitions in Marbella and has been an active participant in the Spanish art scene. Mila’s works are about humanity’s inner-world and are represented via various mediums, shapes and colours. The Mind Labyrinth series is an escape from the stress of hectic modern life which is filled with social media, politics and agenda driven news.  Describing her work, Mila says “I felt the need to create this body of work in response to the problem of rising suicide rates amongst society. www.inewsswiss.com

The mission of the artwork is to take the viewer on a meditative journey of mindfulness and to let them experience the pure joy of the moment, feelings that are imbued though the twists and turns of each individual segment and graduation of colours, most fully experienced by looking at the artwork from various angles.”. Mila compares the labyrinth to our modern mental imprisonment that is helped to get out of there only thanks to the most profound and special emotion of art. Today the myth of the labyrinth is more relevant than ever, in an age where everything is virtual it is always more necessary than getting lost to find oneself.

iNEWS

23


arte

JUAN CARLOS DE CLARES

Hymn to the Matter

Juan Carlos de Clares is a Spanish artist, poet, sculptor, author of big public installations, a man who loves life and all the substances and inspirations it provides to him. He experiments with different materials and enjoys finding a dialogue with every substance he is working with, giving life to his art works by unveiling the mystery of creation both with his mind, hands and his heart. There is a true temptation when confronting his works to touch them, to feel the texture and vital energy in them. His personal line of expression and his choice to take the road towards the freedom from imitating reality was 24

iNEWS

influenced by Spanish Informalism artists Tàpies, Saura and especially Lucio Muñoz. Like them, Juan Carlos is attracted by the haunting simplicity of the shapes and volumes making an emphasis on the deep philosophical meanings. At his last solo show in Italy at Toro Arte Contemporanea gallery he presented his series, where the main protagonist was an image of a boat – a poetic symbol of journey through our lives, a vessel of salvation and guardian of art and culture at the sea of ignorance. In this interview, we talked about his favorite materials, recent projects, discussing how we can enable our own ‘boats’ to move with the power of faith, education, desire, curiosity, or any other motivation. Irina Machneva Mota www.inewsswiss.com


When did you realize that you wanted to become an artist? Tell us about your childhood and the education you got. We all are born with a special predisposition to achieve something during our life. Since I was a small boy I always had the need to express my feelings and emotions, so I found painting an ideal way to unleash my imagination. This necessity to create is the main base for any artist, independently of the scope of art and his medium. Studying human resources at the faculty of law in Granada, when I was twenty I realized that it was not my vocation, and together with a friend who is an architect we created an Interior Decoration and Architecture company. Since then I was always combining my job with my artistic vocation. I designed lamps, furniture, small and big sculptures, for private and also public spaces. Nowadays many things are called art, starting from the ritual African masks to graffiti on the walls. The art work can serve to be a special place for having the presence of God, an adoration object, a symbol of prestige, an object of enjoyment. What is ART for you? It is not easy to give a simple definition to art. I would say it is a human manifestation produced by the necessity of expression. This method has been used by men throughout history, sometimes as an object of cult, contemplation, or a tool to spread and impose different political, moral, religious or philosophical ideas. Your art works are pure matters and substances. What attracts you in the materials you are working with? Coming back to religious basics, the man was made of clay. Clay is water and Earth - both primeval materials. To me, each material possesses a type of a hidden soul, which I am trying to extract by creating a type of dialogue with the material I am working with, putting it in a different context and giving it another sense, as if solving a materialistic puzzle with its own discourse or a personal way of expression. You have created a lot of art works made of wood. Is it your favorite material? Wood comes from the tree - a living being composed by two opposite but complimentary worlds. With branches, leaves and flowers in the air and the roots inside the earth, where it finds alimentation, strength and stability. Both of the worlds continue their presence in the wood – a magical material with its warmth, richness, calmness and protection. Which period and informal art artists do inspire you more? The Spanish 50s - 60s abstract generation or maybe the Italian “arte povera”? The informalism and the abstract expressionism, in my opinion, had been developing in parallel in Europe and America. I was born in 1954, with the political dictatorship of Franco and at the apogee time of the Spanish informalism. Tapies, Saura, Millares, Canogart, and my favorite Lucio Muñoz, were introducing their art works made with all the type of materials possible, making emphasis on volume and color, during the era when figurative art had priority and was supported by the regime to represent the patriotic values of that period together with a blatant political or religious message. How do you live the dialogue between figurative and abstract? After nearly 40 years of artistic experience, I am getting along with both disciplines, as both arise from the same desire of expression using different ways. The figurative art interprets the world in a more precise way, the visual message is more direct. Abstract art is less academic, more emotional so there could be different ways of interpretation of the same art object, depending on the viewer who is observing it. Even so, both are part of the art history, products of the era, mentality and the way to interpret emotions. In December 2018 you presented your new series in Italy at Toro Arte Contemporanea gallery. Why did you choose a www.inewsswiss.com

boat as a main image? The boat is just a formal reference, from which I start creating the work, apart from the fact that most of my life I have been living near the sea. I’ve always admired and adored the strength of the wind which you feel while sailing on a boat, observing the sunrises and sunsets, the change of colours in nature. These experiences made me fall deeply in love with boats and everything related to the sea. My work passed through different stages, coinciding with the studying and investigation of different materials which I used for that. For the last two years I have been working with paper made by myself, so the results of the experiments were works shown last year in the Toro Arte Contemporanea gallery directed by Claudia Grasso and Francesco Toro - two people I admire for their professionalism in their job, for organizing and supporting expositions of international artists, and therefore creating a cultural interchange between Spain and Italy and other countries. I cannot also forget to mention the art curator Irina Machneva Mota, who has been following my works and progress during the last years. Is it important for you to follow a coherent line or do you prefer to change with time? Generally, artist starts developing his own personal style with time. This involves certain coherence. Nevertheless, we cannot forget that the human being continues evolution throughout the whole life, and this progress will also be reflected in the art works. Sometimes looking back at his earlier works, but this doesn’t mean a retrogression. I would rather call it a consolidation of the way to evaluating your own coherence. Let’s talk about intentions and artistic philosophy. What do you want to express with your works? Every work requires the physical and mental involvement of its author, for that reason his state of mind is also very important, it is a path till the final goal. The achievement is reached by intention and decision. Regarding the artistic philosophy, starting from the point of view that the philosophy tries to explain certain aspects of the human existence, questions on beauty and so on, it could also contain some philosophic messages, religious or political too. Generally, my works do not start from a preconceived idea or aren’t subject to given titles, but they need a formal reference as I mentioned before, like a boat, bicycle, tree etc. Starting from there, with the creative impulses the work is given a shape. Therefore, I am evaluating different materials, looking for balance in the composition. The sketch even if it is necessary, for me is only a point of reference. Art is universal dialectics. Are you a part of any concrete tendency or artistic movement? Have the expositions of your art works outside of Spain influenced you? Personally, I do not belong to any current tendency, but it is true that Informalism have had a big influence on me during most of my life. It gave me the feeling of freedom and gave a possibility to integrate many materials into my works. With reference to your second question, I have exhibited my work a dozen times outside Spain. It is a marvelous experience to meet other artists and people fond of art and to start communication with the help of a universal language called art. For any creator, independently from which country he comes from or to which religion or race he belongs to, he is pursuing the same purpose: making his opinion known to the world and being recognized through his works. Plans for the future? The future is my day to day work. Obviously, I would love that the greater number of people know my art, but more important is to continue the evolution, continue discovering the wonderful world of art, to express my individuality as an artist and my individuality as a human being who is conscious of the world around him. My next exposition will be at Marbella Art Fair at the end of July this year. I will participate at the stand of Toro Arte Contemporanea with other international artists, presenting one sculpture and two paintings from my “Meninas” series, which I started a few years ago. iNEWS

25


arte

CLAUDIA GRASSO

PEDRO MOLINA Disegnatore, pittore, incisore, fotografo; un artista che riesce a spaziare tra varie forme e tecniche senza nessuna difficoltà, mantenendo sempre la sua riconoscibilità e il suo tratto distintivo. Nato ad Andújar (Jaén), la sua esperienza professionale di educatore della prima infanzia, influisce tantissimo sul suo lavoro; infatti nelle sue opere è facile ritrovare un uomo euforico ed eccitato, proprio come un eterno adolescente. 26

iNEWS

www.inewsswiss.com


Sempre si respira un profondo ottimismo, rappresentato sia nella leggerezza dei paesaggi che nei simbolici e giocosi animali rappresentati attraverso la pittura o la scultura. Importante il ciclo sulla figura del “Minotauro” una figura che oscilla tra il mitologico e la realtà quotidiana, in un equilibrio ai limiti dell’impossibile. Personaggi curati in ogni minimo dettaglio, dove i toni cromatici sono fondamentali per ironizzare la mitologia e simboleggiare gli elementi principali della vita di tutti i giorni. Simbolo di Pedro è ormai il suo “Perro” che si distingue per il colore, la trasgressione, la ribellione, il particolarissimo “tocco Picassiano”. Ma il lavoro di Pedro non smette mai di sorprendere, ed ecco che ad Art Marbella prende vita una nuova simbolica opera, il Toro, realizzato in esclusiva per la Galleria Italiana Toro Arte. CLAUDIA GRASSO

www.inewsswiss.com

iNEWS

27


arte

FABIO CAPITANIO 28

iNEWS

www.inewsswiss.com


Nato a Chiari il 30/08/1971, da sempre affascinato dalla sperimentazione e dalla ricerca e dotato inoltre di grande manualità, l’artista bresciano ha così iniziato un percorso autonomo e personale all’interno del complesso mondo artistico dei nostri giorni approfondendo tecniche e materiali, superando i canoni tradizionali degli insegnamenti accademici, provando e riprovando supporti, leganti, diluenti e tutto ciò che le nuove conoscenze chimiche e tecnologiche mettono a disposizione.

La sua è una pittura di forte impatto scenografico, tutta legata all’uomo e all’esistenza e che, avvalendosi di un sentito e penetrante simbolismo, diventa introspettiva e psicologica, strada e strumento per indagare l’animo umano e le sue più intime emozioni. Questo è Fabio Capitanio, capostipite del movimento del Cromomorfismo.

Negli ultimi anni ha riscontrato successo anche all’estero partecipando a mostre e fiere internazionali a Berlino, Marbella e Hong Kong. www.inewsswiss.com

iNEWS

29


arte

ELENA ALBERTINI

FRANCESCO CECERE …Dipingo per esprimere il disagio che mi circonda 30

iNEWS

www.inewsswiss.com


Giovane artista napoletano nato nel 1975. Laureato con lode nel 2001 in Lettere indirizzo Storico-Artistico e Conservazione dei Beni Culturali e laureato con lode in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli. Docente di disegno Anatomico , ha abbandonato la facile strada dell’arte figurativa per azzardare il passo verso una pittura informale. La sua è una pittura autentica,espressiva, attraverso la quale l’artista cerca di registrare emozioni..impressioni….stati d’animo e di trasformarli in stesure cromatiche, , linee fratte e nervose, variazioni cromatiche intense con uno stile personale e riconoscibile…la sua è un’arte che va ascoltata oltre che vista. Spesso ricomicia a lavorare e modificare opere degli anni precedenti, ciò esprime a pieno la sua perenne condizione di ricerca verso un’espressiwww.inewsswiss.com

vità incisiva, carica di energia vitale positiva e allo stesso tempo tormentata. Come già scrisse Vincenzo Pirozzi i sogni, le sensazioni e le emozioni dell’artista “esplodono” nella sua pittura come prolungamento di un animo inquieto, ricco di sfaccettature: “Le opere di Francesco Cecere nascono da parole raccolte in poesia per prendere consistenza sulla tela in strati di colore. Ogni goccia, ogni macchia esprime qualcosa disegnando una trama consapevole, fatta di riflessi, bagliori e ombre.” Artista di punta della Galleria Orlando, dopo l’esposizione a Global Village, evento concomitante con la 56° Biennale di Venezia, ha conquistato l’Italia e l’Estero con il fascino del suo linguaggio artistico… ELENA ALBERTINI iNEWS

31


arte

ALFREDO RAPETTI MOGOL

ALFREDO RAPETTI MOGOL 32

iNEWS

www.inewsswiss.com


ALFREDO RAPETTI MOGOL, L’INCONTRO TRA SCRITTURA E ARTE.

Nella sua arte Alfredo Rapetti Mogol coniuga le sue due più grandi passioni: la scrittura e la pittura. Utilizzando la tecnica dell’impuntura, l’azione del dipingere si coniuga con quella dello scrivere, le parole diventano segni, graffiti, tracce di un’umanità consapevole. Un tragitto ideale della scrittura pittorica che tanto più è universale, quanto più sa frantumarsi e confrontarsi con i secoli della storia dell’arte: dalle avanguardie storiche al concettuale, passando per le esperienze spazialiste di Lucio Fontana e le grafie astratte degli anni Cinquanta. Docente presso il Centro Europeo di Toscolano e nelle Università dell’immagine di Milano e New York, Rapetti è stato invitato a numerose conferenze e workshop: ricordiamo la sua relazione tenuta alla fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano, e l’insegnamento in occasione di Master dell’Università Cattolica di Milano. Tovata la forma espressiva congeniale alla sua poetica, fra la fine degli anni Novanta ed oggi, ha conseguito una notevole attività espositiva, sia personale che collettiva. Artista instancabile come la sua opera sempre in viaggio fra l’Italia e il resto del mondo quest’anno approda a Art Marbella, la fiera internazionale d’arte che si terrà a Marbella dal 30 luglio al 3 agosto.

“La parola scritta permette di fissare il pensiero nel tempo e nello spazio” A.RapettiMogol

Maria Maddalena Conte www.inewsswiss.com

iNEWS

33


arte

ELENA ALBERTINI

34

iNEWS

www.inewsswiss.com


BLUER

Nato a Venezia il 19/06/1962, Lorenzo Viscidi, in arte “Bluer”, è un pittore e scultore che lavora con colori a olio, acrilici, inchiostri su tela e crea sculture su plexiglas e vetro di Murano. Molte delle sue opere vengono illuminate con l’utilizzo di led o di neon. Più di 100 mostre ed esposizioni in Italia e Australia, Austria, Brasile, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Polonia, Slovenia, Turchia, Ungheria, Stati Uniti e Venezuela. Ha Partecipato agli Eventi Collaterali della 52 Biennale di Venezia Arte e della 12 Biannale di Venezia Architettura. E’ stato invitato alla 54 Biennale di Venezia Arte - Artisti del Veneto. Nel 2003 ha vinto la Biennale della Saccisica come pittore. Nel 2010 ha vinto la prima edizione della Biennale di Asolo come scultore. ELENA ALBERTINI

www.inewsswiss.com

iNEWS

35


arte

CAMPÁ Sveliamo I segreti dell’artista “Campà”? “Art publisher Art curator and artist” 36

iNEWS

www.inewsswiss.com


Campà, questo il suo pseudonimo, quando sveste gli abiti di direttore, editore, fotografo, editore e veste l’abito (come a sdoppiarsi, peraltro mirabilmente e con il tempismo di un prestigiatore “navigato”) del pittore-bambino. Antonio Campanile, sulla tela come artista Campà, questo il suo pseudonimo, già da bambino è sensibile alla bellezza in generale e in particolare alla bellezza della natura che lo rapisce letteralmente per poi riportare su qualsiasi superficie, tutte quelle impressioni ed emozioni trasformatisi in colore vivo. Ama tutte le forme artistiche, dal disegno alla pittura, alla fotografia. In lui vi è una esplosione di colori, forme dai tratti rapidi e decisi, soggetti sempre riconoscibili è una forza singolare, essenziale che colpisce subito l’occhio, l’immagine si imprime da subito alla memoria di chi guarda, vi si annida e vi resta. Un messaggio che vuole colpire e colpisce, un’ esplosione che è avvertita dallo stesso artista che butta fuori la sua percezione del mondo che lo circonda. L’ artista usa il disegno perché gli permette di circoscrivere quel suo mondo interiorizzato fatto di incontri e stravaganze conoscitive; usa e si fa usare dalla pittura perché è un naturale sfogo alla bramosia, ingordo di nutrirsi di piccoli/grandi attentati alla dignità di uomo, libero da condizionamenti, ma condizionato dalla propria libertà…La fotografia, una tecnica poetica che gli permette di guardare l’ esterno da sé, trasmutante, e fissarlo proprio in quell’ istante in cui il “fatto” si fa, la “visione” si forma a rendere il tutto eterno. … e tutto si forma e trasforma, anche l’ affannoso respiro del vivere… Principali riconoscimenti: - curatore mostre alla Keller Gallerie di Zurigo - giurato della Biennale Arte Contemporanea di Salerno nel 2014 inserendo il premio Victorinox premiando il Presidente Vincenzo De Luca ex ministro www.inewsswiss.com

della Cultura, - editore Kunst di Zurigo dal 1995, ha ideato il media INEWS Kunst e mediapartner del Premio Arte Laguna di Venezia. - Dal 2014, promuove l’artista Franco Abbina e Rafael Alvarado artista conosciuto al Museo CAC di Malaga. - Numerose esposizioni a Zurigo alla New Art Gallery INEWSKUNST - Dal 2015 al 2017 esposizioni: Kunst 2015 Zürich, Art Basel 2016, Marbellarte 2016, mostra personale Villa padierna New Art Gallery 30 luglio 2016-2017 la più grande mostra personale del mondo. - Premio Museo di Malaga CAC. - Ideatore del Premio Stampa Internazionale al premio Alferano diretto da Vittorio Sbarbi. - Biennale di Venezia 2015 con il progetto “Global Village” nel padiglione Guatemala alle officine delle Zattere, con il suo nome d’Arte Campà. - Dicembre 2014 curatore alla Toro Arte Contempora nea di Sessa Aurunca Italia. - Media partner al Premio Arte Laguna di Venezia 2014 con Inews Kunst. Art Marbella 2016. - Con Inews Kunst ha iniziato una Mediapartnerschip con il media Exibart e la TV d’Arte di Alessandro Orlando - Promotore del “Premio Stampa Internazionale a Marbella Art 2016”. - 2017 BIENNALE BELVEDERE Città di Caserta www.biennalebelvedere.it organizzatore. - 2019 la MEDITERRANEA ART MARBELLA 19, premio ROTARY CLUB. - 2020 1° PREMIO EUROPEO D’ARTE CONTEMPO RANEA ITALY. - 2020 ART BASEL - 2021 BIENNALE DI VENEZIA. Antonio Campanile con Media Presse Swiss promuove e cura l’immagine di artisti di fama internazionale. iNEWS

37


arte

VITTORIO RASCHETTI

RAFFAELLO TALÃ’ crea un dialogo tra digital art e pittura 38

iNEWS

www.inewsswiss.com


La semplice evidenza delle cose vacilla, scavando abissi di dubbi nella certezza delle forme. L’arte digitale è una transizione emozionale nei territori incerti del colore mutante. Raffaello Talò ha intuito che il destino della pittura è sfuggire alla materialità del colore per trasformarsi nel suo ectoplasma digitale. L’universo dell’arte è de-territorializzato simultaneo, ubiquo, inafferrabile. I pixel sono atomi di tempo senza luogo, sono distillati poetici visivi fondati sul principio quantistico di indeterminazione, mobili, liberi, fluttuanti, tracciano una proiezione dell’immagine oltre se stessa. La post-modernità richiede una pittura fluida che rispecchia la realtà liquida di un mondo parallelo.Virtuale, artificiale, colore potenzialein grado di emozionare. La pittura contemporanea – per Raffaello Talò – ha una missione di sperimentare una nuova dimensione oltre il baricentro della propria certezza materiale, ha il dovere di trascendere la propria stessa essenza per arrivare a ripensare le consuete modalità di produzione e di ricezione dell’immagine, deve attraversare linee di sperimentazione in fuga dalla tradizione, situarsi lungo linee di erranza, e riconfigurarsi nello stupore di un calendoscopio sempre mutante, come un pensiero incessante, come la bellezza impalpabile e sfuggente, virtuale e digitale della pittura trascendentale. www.inewsswiss.com

iNEWS

39


arte

MARIA ROSARIA CORSINO

Vadim Stein, The Floating Grace, Museo Madre, Napoli, 19 dicembre 2018

OH MADRE: MAPPLETHORPE IN MOSTRA A NAPOLI

D

efinito da Patty Smith, per la quale realizzò la famosa copertina di Horses, “ un giovane ragazzo amante di Michelangelo”, Robert Mapplerthorpe ( 1946-1989) è stato un artista poliedrico, eclettico e al di fuori di ogni schema. Tutta la sua forza e la sua arte è ora esposta al Museo Madre di Napoli fino al 22 Aprile 2019. La retrospettiva a cura di Laura Valente e Andrea Viliani, si articola in tre sezioni: la prima catapulta lo spettatore tra una serie di corpi definibili perfetti di ballerini, atleti e body- builders (è presente, infatti, anche una foto di Arnold Schwarzenegger) che venivano accuratamente preparati in studio dall’artista. La seconda sezione fa sentire chi vaga per le sale del museo attentamente osservato da quelli che sono i celeberrimi ritratti di Mapplerthorpe, che permettono non solo di ammirare la grandezza dell’autore degli scatti ma anche di entrare nella sua sfera privata, degli affetti, delle amicizie. Sono presenti ritratti come quello di Andy Warhol, Carolina Herrera, Lucio Amelio, Philip Glass e tanti altri. Nella terza sezione ci sono invece i suoi autoritratti, che dominano la sala e che congiunti creano una vera e propria coreografia, un’armoniosa danza di cui lo stesso Mapplethorp sembra essere il protagonista. In questa sezione si trova anche la Dark Room, vietata ai minori, in cui sono presenti i lavori della sua serie “Portfolio X”che fece scanda-

40

iNEWS

lo per i contenuti fortemente erotici, sadomaso e masochisti. La provocazione di Mapplethorpe di rendere arte ciò che non era neanche pronunciabile, fu la molla che fece scattare la sua fama in tutto il mondo. Nell’ultima sala sono visibili le opere per cui Mapplethorpe è molto noto in Italia: le serie di primi piani di fiori, perché i più ignorano che in realtà anche in questi Mapplethorpe ritrova ciò che aveva già ritratto in quelle foto che avevano fatto tanto scandalo. Un genio sottile, ribelle, impossibile da collocare in una corrente precisa, Mapplethorpe affascina, divora lo spettatore e lo trasporta nel suo mondo tutt’altro che noioso. MARIA ROSARIA CORSINO

www.inewsswiss.com


arte

ALFREDO RAPETTI MOGOL

MARIA MADDALENA CONTE

MARC CHAGALL L’AMORE E IL SOGNO IN MOSTRA A NAPOLI

P

er la prima volta nella città partenopea è in mostra il genio di Marc Chagall, nella splendida cornice della Basilica della Pietrasanta, sono esposte 150 opere tra dipinti, disegni, acquerelli e incisioni, nella quasi totalità provenienti da collezioni private. La mostra è stata presentata il 2 aprile da Segio Gaddi, nel ciclo de “I Racconti dell’Arte”. Un viaggio tra realtà e sogno, diviso in cinque sezioni che toccano tutti i temi cari alla poetica del pittore: “Infanzia e Tradizione Russa”, “Sogno e Fiaba”, “Il Mondo Sacro”, “La Bibbia”, “Un Pittore con le ali da poeta”, “L’amore Sfida la Forza di Gravità”. Nelle prime due sezioni sono esposte incisioni e acquerelli che raccontano l’infanzia, le fiabe, una tradizione russa dalla quale il pittore non si allontana mai, il rapporto con la letteratura si presenta nelle acqueforti delle Fiabe come un lungo sogno di bambino. Continuando il percorso nella cornice unica della splendida Basilica nel cuore di Napoli sono esposte nelle sezioni “Il Mondo Sacro” e “La Bibbia” illustrazioni che raccontano la profonda religiosità, il senso del sacro che caratterizzano il pittore russo. Nelle ultime due sezioni è rappresentato l’umano e l’amore, nucleo tematico di tutta la produzione di Chagall, sentimento che lo lega a sua moglie Bella, ritratta con lui nelle foto che fanno da contraltare alle opere. L’amore, il sogno sono i temi portanti della mostra, che offre al visitatore l’esperienza di una Dream Room nella quale è possibile immergersi totalmente nell’arte del grande pittore, un’esperienza che diventa sonora, visiva e totalizzante, dove il confine tra realtà e sogno sfuma nei colori del maestro. www.inewsswiss.com

La mostra curata da Dolores Duràn Ucar, organizzata e prodotta dal gruppo Athemisa, aperta e introdotta da Sergio Gaddi sarà a Napoli dal 15 Febbraio al 30 giugno 2019 alla Basilica della Pietrasanta, offrendo al visitatore uno Chagall raro e prezioso , nascosto come la Basilica che lo ospita, nei vicoli antichi della città.

iNEWS

41


arte

ORLANDO ART NET APRE NUOVI SPAZI PER GRANDI COLLEZIONISTI

L

a Galleria Orlando nasce nel 1959 dal padre di Alessandro Orlando dapprima a Firenze poi Milano, Forte dei Marmi e infine a Pietrasanta, aprendo la strada ai figli nella professione di galleristi ma è soltanto nel 2012 che Alessandro Orlando con l’amico Adnan Soukari apre la Galleria Orlando Arte in provincia di Brescia a Roncadelle in Via Marconi, dapprima come galleria d’arte e successivamente nel 2015 trasmettendo via TV. Dopo 2 anni, nel 2017 l’azienda si trasferisce a Brescia in Via Orzinuovi, 12/F dove tutt’ora continua a sviluppare tutte le sue attività. Ad oggi Orlando Arte è una galleria d’arte che si serve del canale televisivo per vendere opere d’arte, in tutta Italia trasmettendo 7 giorni su 7 con il marchio “Orlando Art Net”, una rete televisiva con l’obiettivo di rivolgersi alla telecamera come fosse un cliente vivo che entra realmente in galleria. Questa è Orlando Arte, una galleria che fa collezionismo e lo fa seriamente proponendo alle persone a casa opere d’arte, suggerendo l’idea di collezionismo, spaziando fra i grandi nomi del novecento. 42

iNEWS

La Galleria Orlando Arte, è una start up con un pacchetto clienti decennale. La forza di Orlando Arte deriva proprio da questa esperienza: il Sig. Alessandro Orlando, presentatore principale, è il know-how di tutta la galleria avendo acquisito negli anni tutte le conoscenze e le abilità operative necessarie per svolgere l’attività di gallerista, infatti tutti i giorni si impegna a divulgare le opere di collezionisti e galleristi. Dopo tanti anni, il Sig. Alessandro Orlando è ora la figura di riferimento per quanto riguarda le vendite. Per quanto concerne invece la parte organizzativa gestionale è affidata all’amministratore e socio il Sig. Adnan Soukari giovane imprenditore proveniente dal mondo dei servizi alle imprese bresciane. Dopo ben 60 anni dall’apertura della prima galleria, in contemporanea ad Art Marbella, si inaugura in questi giorni a Pietrasanta il nuovo spazio “Alessandro Orlando Studio” in via del Marzocco 57/59.

www.inewsswiss.com


arte

ALFREDO RAPETTI MOGOL

VITTORIO RASCHETTI

BIENNALE VENEZIA 19

U

na biennale aperta e multiculturale che interroga l’imprevedibilità del presente attraversato dalla deflagrazione dei linguaggi e dalla implosione del mondo in uno spazio polimorfo, eticamente ambiguo, cosparso dei relitti di un pensiero corroso dalla semplificazione contemporanea. Una moltitudine di punti di vista differenti non disponibili a rinunciare alle domande essenziali offerte nella forma libera e intransigente dell’arte.

Yin Xiuzhen lavora fin dai primi anni Novanta con materiali riciclati per creare sculture di forte impatto costruttivo dove i materiali risuonano in un gioco di riferimenti allo sviluppo sostenibile e alla responsabilità sociale.

L’artista indiano Shilpa Gupta incentra il proprio lavoro sulla consistenza materiale e ideologica dei confini sulla struttura culturale e sicuritaria che impone pratiche di separazione e chiusura verso lo straniero e che respingere l’apolide in una terra di nessuno.

www.inewsswiss.com

Le performance sonore interattive di Tarek Atoui, creano un teatro di opere sonore che uniscono musica e arte contemporanea che coinvolgono lo spettatore in una risonanza percettiva con le installazioni

iNEWS

43


Nelle opere dell’americano Jimmie Durham una armonica commistione di materiali naturali e industriali crea un combine poetico di nostalgia per la vita che si ritrova nelle forme evocative di mondi perduti.

Le opere di Liu Wei impiegano materiali improbabili e sempre diversi per realizzare assemblaggi simbolici con una raffinata costruzione compositiva e architettonica.

L’artista iraniana Nairy Baghramian considera la scultura come un ibrido appartenente a un mondo allusivo, organico e allo tesso tempo meccanico. Il filtro di un mondo minoritario, nello sguardo riflesso dell’artista amaricano Arthur Jafa, che sviluppa la narrazione di un universo sub-culturale fuori scena troppo spesso privo di rappresentazione.

44

iNEWS

Le opere bio-morfe dell’artista coreana Anicka Yi vivono sulla sulla soglia che divide il mondo meccanico da quello organico. Sono “macchine morbide” alla William Burroughs dotate di un’anima vegetale, sono corpi meccanici mutanti di un futuro ancora da decrittare, ma che l’arte è già in grado di annunciare.

www.inewsswiss.com


personality

VITTORIO RASCHETTI

V

ive a Milano. Laureato in Giurisprudenza e Filosofia. Giornalista pubblicista. Docente discipline giuridiche ed economiche. Critico e curatore d’arte. Da caporedattore della rivista Banca Europa si è occupato dei rapporti tra arte, finanza, collezionismo. Responsabile culturale della associazione Etica Europa. Docente Centro Studi Banca Europa e IASSP, Istituto Alti Studi Strategici Politici. Ha scritto e curato testi per i volumi Etica e Impresa. Etica e Tecnologia. Giovani e futuro. Etica anticrisi. Leadership futura. Ha pubblicato Domenico D’Oora, 2005. Bellezza e tecnologia, Triennale Milano, 2005. Hans Hartung, 2005. La Bellezza, Museo della Permanente Milano, 2006 con testi su artisti tra cui , Daniele Buetti, Gino de Dominicis, Chiara Dynys, Robert Gligorov, Mimmo Jodice, Anish Kapoor, Anselm Kiefer, Jiri Kolar, Igor Mitoraj, Mariko Mori, Mimmo Paladino, Giulio Paolini, Marc Quinn. Estetica dell’errore, 2008. Scritture del corpo, 2014. Fondi Persi, 2015. Dialoghi materici, 2017. Nero gotico, 2018. Suoi volumi sono presenti nella Thomas J. Watson Library del Metropolitan Museum di New York e del Getty Research Institute di Los Angeles. Ha ideato, curato e presentato progetti artistici in contesti espositivi alternativi: Streetartpiù; MI.MU.MO, Casa Novecento; MFArtFactory; AnimaMinima Contemporanea, Museo Casa Alda Merini; Repart. Collabora con la rivista web ARTalkers. www.inewsswiss.com

iNEWS

45


personality LIVIA PRUCCOLI

LEONARDO IL GENIO DA VINCI

È

il 15 aprile del 1452 quando il ricco e importante notaio toscano ser Antonio da Vinci annota la nascita, in Archiano di Vinci, del nipote Leonardo, figlio illegittimo di suo figlio Piero, anch’esso notaio. Sua mamma è una contadina, una donna troppo umile per poter essere ammessa in una famiglia di tale rango.Nella casa del nonno il piccolo Leonardo da Vinci trascorre la prima infanzia, per essere quindi affidato al padre che, successivamente alla sua nascita, sposa la nobile Albiera di Giovanni Amadori. Il bambino è ben accolto dalla coppia, che non avrà altri figli, e i tre si trasferiscono a Firenze. Discepolo del Verrocchio in pittura, è in ogni altro campo un autodidatta. È al servizio degli Sforza e di Ludovico il Moro dal 1482. Dopo la caduta del duca, peregrina in varie città italiane, (Mantova, Venezia, Firenze), mettendosi al servizio dei grandi del tempo,dai Gonzaga a Cesare Borgia. È ancora a Firenze nel 1503-1506. Torna a Milano nel 1506, dove progetta lavori di fortificazione del Naviglio. È quindi a Roma, al servizio di Giuliano de’ Medici. Dal 1517 è in Francia, presso la corte di Francesco I, dove porta alcuni quadri dipinti in Italia, tra cui la leggendaria e misteriosa Gioconda e dove muore. Precisamente ad Amboise, il 2 maggio 1519, nell’ala del castello reale che il sovrano gli ha riservato vita natural durante. In famiglia si accorgono precocemente della sua intelligenza vivace e del suo talento nel disegno, tanto che il padre lo affida alle cure di Andrea del Verrocchio, il più importante maestro fiorentino, nella cui bottega transitano talenti del calibro di Sandro Botticelli e Domenico Ghirlandaio. Maestro Andrea è una guida rigorosa, ma anche lungimirante, infatti non esita ad affidargli, al momento giusto, l’esecuzione di alcune figure nelle sue pale d’altare. È il caso del celebre dipinto con il Battesimo di Cristo che oggi si trova agli Uffizi, dove sulla sinistra appare il bellissimo angelo di Leonardo. Vasari, senz’altro esagerando, racconta che il Verrocchio, vedendosi nel dipingere superato dal suo allievo, non vorrà mai più mettere mano al pennello. La prima importante commissione pubblica arriva a Leonardo nel 1481 da parte dei Monaci Agostiniani di San Donato a Scopeto (Firenze), una pala d’altare con L’Adorazione dei Magi. Rimasta incompiuta. Primo dei tanti capolavori leonardeschi. Tra cui dobbiamo assolutamente ricordare Madonna Dreyfus,onosciuta anche come Madonna della melagrana (1469-1470); Tobiolo e l’angelo (1470-1475 circa); Annunciazione (1472-1475 circa); Paesaggio con fiume (1473), Madonna del Garofano (1473 circa); Studio di mani (1474 circa); Ritratto di Ginevra de’ Benci (1474 circa); Profilo di capitano antico (1475 circa); Battesimo di Cristo (1475-1478); Annunciazione (1475-1478 circa); Madonna Benois (1478-1482); San Girolamo (1480 circa); Adorazione dei Magi (1481-1482); Monumento equestre a Francesco Sforza (1482-1493); Vergine delle Rocce (1483-1486); Ritratto di musico (1485 circa); Vite aerea (1487 circa); Dama con l’ermellino (1488-1490 circa); Uomo vitruviano (1490 circa); Belle Ferronnière (1490-1495 circa); Vergine delle rocce (1494-1508); Testa di Cristo (1494 circa); Ultima Cena (1494-1498); Ritratto di una Sforza (1495 circa); Ritratti dei duchi di Milano con i figli (1497); Intrecci vegetali con frutti e monocromi di radici e rocce (1498 circa); Ritratto di Isabella d’Este (1500 circa); Madonna dei Fusi (1501 circa); Cartone di sant’Anna (1503-1510 circa); Gioconda (1503-1514); Battaglia di Anghiari (1505 circa); Testa di Leda (1505-1510 circa); Leda col cigno (1505-1510 circa); Scapigliata (1508 circa); San Giovanni Battista (15081513); Sant’Anna, la Vergine e il Bambino con l’agnellino (1510-1513); Bacco (1510-1515); Autoritratto (1515 circa). Come pittore Leonardo crea una tecnica ‘sfumata’, con delicati contrasti di luce e di ombra che fanno sparire i contorni e creano un’illusione d’atmosfera e di vita nella scena rappresentata. Ipercritico, perfezionista, mai definitivamente soddisfatto del risultato, in un’epoca in cui ancora si valutava l’opera degli artisti in base alle ore di lavoro e si privilegiava l’attività delle botteghe, lui è indifferente al tempo impiegato e non di rado lascia le sue opere senza mai terminarle. Come non manca di rilevare Vasari: «Vedesi bene che Lionardo per l’intelligenza de l’arte cominciò molte cose e nessuna mai ne finì, parendoli che la mano aggiungere non potesse alla perfezzione dell’arte ne le cose, che egli si immaginava, conciò sia che si formava nell’idea alcune

46

iNEWS

diffiucultà sottili e tanto maravigliose, che con le mani, ancora ch’lelle fussero eccellentissime, non si sarebbono espresse mai. E tanti furono i suoi capricci, che, filosofando de le cose naturali, attese a intendere la proprietà delle erbe, continuando et osservando il moto del cielo, il corso de la luna e gl’andamenti del sole». All’arrivo alla corte milanese Leonardo stupisce suonando la sua lira d’argento, ma al duca si presenta con una lettera in cui si dichiara pronto a progettare per lui armi, macchine belliche, opere architettoniche di ogni tipo, sistemi di irrigazione e bonifica ma anche opere scultoree in marmo e in bronzo, dipinti con qualsiasi soggetto. Nella vivacissima città lombarda lo si vede all’opera come geniale ideatori di fastosi apparati scenici e di congegni meccanici per giostre e spettacoli di corte, come disegnatore di costumi per feste e tornei, come abile improvvisatore di poesie, favole, indovinelli, barzellette, scherzi enigmistici e rebus. Però per lui i giochi non sono mai puro divertimento, ma un modo per aprire la mente a nuove conoscenze. Una semplice passeggiata, che gli permette di osservare i fenomeni naturali, il comportamento degli animali, in modo particolare degli uccelli, è per Leonardo un bombardamento di suggestioni e creazioni. Infatti nel capoluogo lombardo il Maestro, stimolato dalla cerchia di letterati, artisti e scienziati dell’epoca, si immerge con passione negli studi di matematica, anatomia, ottica, meccanica, idraulica, botanica. E gli anni successivi al soggiorno milanese vedono i suoi interessi espandersi sempre più in invenzioni, progetti, disegni, appunti e annotazioni sui più svariati argomenti. Così Leonardo come scienziato compie fondamentali ricerche di meccanica (studi sulle leve), di anatomia (dimostrazione della funzione dei muscoli), di ottica, di chimica, di geologia, di astronomia. Precursore di molte conquiste della tecnica moderna, progetta macchine per volare, strumenti nautici, macchine belliche. Tuttavia gli scritti di Leonardo (il Trattato della pittura, il Trattato del moto e della misura delle acque, il Codice Atlantico…), dominati dall’entusiasmo quasi mistico di chi, nei misteri della natura, ricerca la traccia del Divino, hanno carattere frammentario. Una curiosità. Il Maetrso scrive i suoi manoscritti da destra verso sinistra, tanto che per leggerli è necessario appoggiare uno specchio alla pagina. Si tratta probabilmente di un vezzo adottato dall’artista per manifestare la sua abilità o di un metodo per tenere le sue annotazioni a riparo da sguardi indiscreti. E comunque la massa davvero grandiosa dei codici e dei fogli leonardeschi lascia sconcertati e inquieti, specie per il fatto che questo immenso patrimonio di intelligenza, di scienza, di tecnica, di ricerca è rimasto sostanzialmente inutilizzato, purtroppo vincolato al suo creatore, non condiviso e non applicato. Importanti sono stati gli studi di Leonardo sull’urbanistica. Durante il periodo della peste a Milano, ad esempio, elabora un progetto di città ideale, che tiene conto dei problemi e delle esigenze cittadine. Innanzitutto la necessità di decentrare la popolazione, che si ritrova ammassata entro le mura, costretta in lugubri vicoli e abitazioni. Nel suo disegno il popolo risiede in campagna, mentre ai nobili è riservata la città, che ha una pianta a scacchiera, senza mura, con una rete di canali per lo smaltimento dei rifiuti. Ci sono inoltre sopraelevate per il passeggio dei pedoni e scale a chiocciola che collegano i vari piani. Lo spirito ingegneristico di Leonardo, invece, porta alla creazione di nuove tecnologie. Infatti il Maestro, affascinato dal volo, passa anni interi a costruire macchine per volare che, dapprima simili ad uccelli, sono diventate pian piano vere e proprie antenate dei moderni aeroplani. Leomardo si dedica alla musica e costruisce da solo i suoi strumenti. Inoltrre è scrittore, come testimonia la raccolta delle sue Favole. Componimenti che, mescolando arguzia e insegnamenti, nascondono un serio ammonimento: la farfalla che attratta dallo splendore del lume si brucia, la scimmia che si innamora dell’uccellino e lo soffoca di baci, l’asino che addormentandosi sul ghiaccio lo fonde e annega. In pratica tutti i suoi scritti sembrano ricordare la tragedia dell’ignoranza dell’uomo. Una vera pestilenza, forse per lui la malattia più grave, tanto da averla combattuta, in prima persone e per il genere umano, per tutta la vita e senza badare a spese.

www.inewsswiss.com


turismo BRIAN BASNAYAKE

BEAUTIFUL PUGLIA: A GATEWAY TO THE SOUL OF ITALY

I

t seems the National Geographic magazine has categorically designated Puglia, or better known in English as Apulia, as “the most beautiful region in the world”. It is hardly a secret to most Italians, nor certainly to all those Italophiles, that Apulia is indeed the most beautiful region in Italy. So now it is has been confirmed that it is not just the most beautiful area on the Continent but in the whole wide world! Spreading southwards from the regional border in the north, along the Adriatic coast right down to the “heel of the boot of Italy”, the region covers an area of 19’345 square kilometres of nature’s sheer bounty and beauty mixed with spectacular human endeavour and cultural achievements through thousands of years, beginning with the tribal Messapian and the ancient Greeks. Some say it is the gateway to the soul of Italy – and indeed earliest human settlements in Italy started in the south of Italy – as the region embodies everything that we perceive as being Italian. From the spectacular beaches and the tantalizingly beautiful rural settings to the historic towns and cities, Apulia boasts the very best in nature alongside the cultural grandeur. Few countries in the world could come close to matching the combination of a diversity of natural beauty, aesthetic excellence, ancient history, quaint traditions, varied tastes, tranquil but stimulating quality of life, and, indeed, a sense of spirituality. It is this remarkable combination that makes the Italian people and their beautiful traditions. It is this astonishing mixture that gives the Italians their exuberance for life even in the face of adversity. A big part of this fascinating fusion is the reason for the magic and allure of the world-renowned Italian cuisine. Delicious and plentiful food and fine wine are central to life and culture in Italy, and it is no more so in Apulia as a gateway to the soul of Italy.

www.inewsswiss.com

Apulia is the least mountainous region in Italy, making it an attractive and highly traversable place for all kinds of tourists. No matter what you fancy – staying at the beach, exploring enchanting, ancient towns or wondering around busy cities, hiking or biking across the country – this is a region that will provide you with all you wish for and more. The different types of beaches hugging the Adriatic and Ionian Seas have captivated holidaymakers from all across Europe and beyond. Apulia is one of the ultimate destinations for beach lovers and enthusiasts of water sports and the sea. Whether one is a lover of nature or one who is more inclined to visit cultural and historical attractions, Apulia has the lot on offer. The Murgia National Park, the Umbra forest, the Altamura are just some of the areas with spectacular landscapes awaiting the visitor wandering thorough Apulia. For those tourists with a penchant for the historical, there is a wide range of places to see: from the prehistoric to Magna Graecia, the Imperial Age, the Renaissance, and the Baroque eras. Moreover, in testimony of its vicissitudinous past filled with commercial success alongside numerous invasions and conflict, opulent palaces stand majestically all across the region and numerous castles dot the coastline in the south. Apulia is indeed the region for every tourist in search of the soul of Italy. Also, for the casual visitor, there is certainly no other place to savour the excellent wine, the most heavenly food, the quiet life, and one of the most exciting cultural heritages on this earth. Besides all this, there are the festivals, mainly in the summer, to enthral the young and old, and which showcase the traditions and folk music of this remarkable country that is so often seen as embodying the Mediterranean culture.

iNEWS

47


turismo

PRESENTATI A BERLINO I GRANDI APPUNTAMENTI DI PUGLIA EVENTS 2019

EMILIANO E CAPONE “INTEGRIAMO OFFERTA TURISTICA ED EVENTI, PER PORTARE IN PUGLIA SEMPRE PIÙ TURISTI TEDESCHI”

MEDIMEX CON PATTI SMITH A TARANTO, BRYAN FERRY E RENZO ARBORE A FOGGIA; ENNIO MORRICONE AL BIF&ST E FESTIVAL DELLA VALLE D’ITRIA, RICCHISSIMO CARTELLONE DI EVENTI IN TUTTA LA PUGLIA

L

a Regione Puglia si presenta all’ITB di Berlino, il più importante salone internazionale del turismo, annunciando i primi, grandi nomi della stagione culturale 2019. Il palinsesto Puglia Events 2019 è stato presentato oggi dal Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e dall’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone in una conferenza stampa internazionale all’interno di Piazza Italia, stand Enit, al fianco degli operatori turistici e culturali pugliesi. Patti Smith a Taranto, Bryan Ferry, Renzo Arbore e grandi jazzisti italiani 50

iNEWS

a Foggia; Ennio Morricone al Bifest e uno straordinario cartellone di appuntamenti tra tradizione, sport, cinema, arte e musica, che valorizzeranno tutta la Puglia, dal Gargano al Salento. Il ministro del Turismo Gian Marco Centinaio ha visitato insieme al Presidente Emiliano il grande stand della Puglia, dove le migliaia di visitatori dell’ITB stanno degustando prodotti eno-gastronomici, ammirando le bellezze della regione e soprattutto dove gli operatori turistici stanno incontrando i maggiori buyer internazionali del viaggio. www.inewsswiss.com


La Puglia è ormai una delle mete del turismo internazionale e non potevamo mancare in questa fiera di Berlino. Per la prima volta coniughiamo offerta turistica e offerta culturale, presentiamo i nostri grandi eventi e intorno ad essi creiamo nuove opportunità di viaggio verso la nostra regione, dal Gargano al Salento, tutti i mesi dell’anno. Si tratta di una strategia innovativa, che sta portando risultati eccezionali: siamo la regione italiana che in questo momento incrementa di più gli arrivi di turisti stranieri; ma non intendiamoci fermarci, abbiamo ancora molta strada da fare per raggiungere le grandi mete che ci siamo posti con il Piano strategico Puglia365, ma il nostro lavoro ci sta premiando – ha affermato il Presidente Emiliano - Oltretutto le relazioni culturali e commerciali tra la Germania e la Puglia sono molto proficue: vogliamo promuovere il turismo tedesco in Puglia e investire sugli scambi culturali, nella ricerca e nell’innovazione”.

Partecipiamo a questa importante fiera internazionale con gli operatori turistici e culturali pugliesi e con un cartellone ricchissimo di eventi, che si svolgeranno in Puglia da aprile e fino a settembre, che va ad aggiungersi alle qualità di un paesaggio unico, al clima mite, alla ricchezza dei borghi e al patrimonio enogastronomico. La Puglia è una regione appassionata e ambiziosa e sta lavorando molto, in sintonia fra pubblico e privato, per essere attrattiva tutto l’anno, anche grazie a spettacoli, festival e manifestazioni – afferma l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone – La Germania rappresenta per la Puglia www.inewsswiss.com

da sempre il primo mercato per l’incoming (21% del mercato turistico pugliese). Nel 2018 gli arrivi in Puglia crescono del +5% rispetto all’anno precedente. Il turista tedesco desidera una esperienza di viaggio più ricercata e integrata, tra mare, natura, cultura. È proprio questa offerta integrata che noi oggi presentiamo a Berlino. Un’offerta che viaggia su tantissimi voli diretti che uniscono la Puglia a 11 città tedesche”. La regista e attrice berlinese, Margharete von Trotta Presidente del Bif&st - Bari International Film Festival, ha fatto un annuncio importante: “Al premio Oscar Ennio Morricone sarà dedicata una imponente retrospettiva e il grande compositore sarà a Bari per ricevere il premio Fellini nella giornata inaugurale del festival, il prossimo 27 aprile. Bari è una bellissima città con il suo meraviglioso teatro Petruzzelli che ospita il Bif&st, come è bellissima tutta la Puglia che conosco benissimo per esserci stata molte volte per passare le mie vacanze sul mare. Il Bif&st, nato 10 anni fa, si è imposto subito come una delle più grandi manifestazioni di cinema in Italia, e la più importante del Sud Italia – ha detto von Trotta - Ha avuto come presidente per anni il grande regista Ettore Scola, che mi ha indicata come sua successora. Il Bif&st ha ospitato negli anni tantissimi registi, attori, produttori cui è stato conferito il premio Federico Fellini per l’eccellenza artistica fra i quali: Jean-Jacques Annaud, Costa-Gavras, Stephen Frears, Andrej Končalovskij, Alan Parker, Edgar Reitz, Volker Schlöndorff, Barbara Sukowa, Bertrand Tavernier, Max Von Sydow, Andrzej Wajda; E Fra Gli Italiani, Alcuni Di Loro Premi Oscar: Gianni Amelio, Marco Bellocchio, Bernardo Bertolucci, Claudia Cardinale, Liliana Cavani, Dante Ferretti, Giancarlo Giannini, Giuliano Montaldo, Nanni Moretti, Nicola Piovani, Francesco Rosi, Paolo Sorrentino, Paolo E Vittorio Taviani, Giuseppe Tornatore”. Grande entusiasmo per le novità di Medimex International Festival & Music Conference 2019, che quest’anno raddoppia con una edizione Spring a Foggia, dall’11 al 14 aprile, seguita dalla già annunciata iNEWS

51


edizione a Taranto dal 5 al 9 giugno. A Foggia l’unica tappa italiana di Bryan Ferry e un progetto speciale di Renzo Arbore con grandi jazzisti italiani. Patti Smith a Taranto primo headliner di un lungo elenco di artisti che saranno annunciati nelle prossime settimane per l’unico concerto in Italia con la band che celebrerà i quarant’anni dei concerti di Bologna e Firenze del 1979 che sancirono il ritorno in Italia dei grandi raduni rock dopo la “stagione degli incidenti”. Cesare Veronico, Coordinatore di Puglia Sounds ha spiegato:

Medimex 2019 continua a mettere al centro delle attività il futuro e l’innovazione e celebra gli eventi straordinari del 1969 così rivoluzionari da essere ancora oggi rilevanti e attuali al punto da diventare un filo rosso che unisce le due edizioni e ci aiuta a comprendere quello che succede oggi in ambito musicale e culturale”. Il Presidente del Festival della Valle d’Itria, Franco Punzi, ha presentato la 45a edizione del festival, molto apprezzato dai melomani tedeschi, dedicata a Paolo Grassi nell’anno del centenario della nascita. In cartellone spiccano il capolavoro di Domenico Cimarosa Il matrimonio segreto e la più rara Ecuba di Nicola Antonio Manfroce, Coscoletto, operetta di ambientazione partenopea di Jacques Offenbach nel suo bicentenario della nascita in prima italiana; quindi Orfeo, pasticcio del napoletano Nicola Porpora. Al festival dopo moltissimi anni, torna la danza e si inaugura l’iniziativa “Opera in masseria”, con l’intermezzo L’ammalato immaginario di Leonardo Vinci. Nel Palinsesto di eventi presentati in anteprima alla ITB di Berlino troviamo la tradizione dei Riti della Settimana Santa con le suggestive processioni che risalgono all’epoca della dominazione spagnola e regalano un viaggio unico nell’anima antica di Taranto, dove ha sede il Museo Archeologico Nazionale MArTA, che ospita i famosi Ori di

52

iNEWS

Taranto, da non perdere per gli appassionati di manufatti dell’epoca della Magna Grecia. In Puglia si conservano tracce meravigliose di Federico II, molto amato dai tedeschi. E ad aprile si svolge ad Altamura l’ottava edizione di Federicus, una grande rievocazione medievale in onore dell’imperatore Federico II di Svevia mentre ad agosto si svolge il Corteo storico a Oria. Paesaggi naturali unici, ma anche borghi antichi diventano in primavera ed estate in Puglia il palcoscenico di tanti eventi tra mercatini e degustazioni: ad aprile, è possibile fare nel centro storico di Bari con ABC Olio un percorso dedicato all’olio extravergine d’oliva tra cooking show e laboratori. Mentre a maggio con Cantine Aperte è possibile fare un tour appassionante tra cantine e vigneti, alla scoperta dei profumi dei vini pugliesi, tra arte, musica e cultura. La Puglia ospita eventi unici dedicati anche allo sport fra i quali Gargano Running Week ad aprile a Mattinata tra masserie, campagna e mare cristallino del Gargano; la più adrenalinica gara di tuffi da grandi altezze Red Bull Cliff Diving il 2 giugno a Polignano a Mare dove si svolge la tappa della Word Series 2019: una gara da togliere il fiato! E ancora la storica corsa a tappe maschile di ciclismo del Giro d’Italia fa tappa il 16 maggio a San Giovanni Rotondo, dove non tutti sanno che ha vissuto diverso tempo Franz Jung, un protagonista delle avanguardie tedesche. La Grande protagonista dell’estate pugliese è, però, la musica: concerti, stagioni liriche e festival musicali mixano il sound contemporaneo con il suono vibrante della tradizione, in particolare il prestigioso Festival della Valle d’Itria e il Medimex. E per chi vuole riscoprire musica e tradizione popolare anche la Notte della Taranta che fa ballare davvero tutti con la pizzica. Presenti in conferenza stampa anche Aldo Patruno, Direttore Dipartimento Turismo e Industria culturale Regione Puglia, Francesca Montessori, Sales Services and Digital Communication Director Air Dolomiti. Ha moderato Luca Scandale, Dirigente Pianificazione Strategica PugliaPromozione.

www.inewsswiss.com


inews travel

BANDIERA BLU 2019

LA CITTÀ DI LIGNANO SABBIADORO È ANCORA BANDIERA BLU PER LA 30ESIMA VOLTA!

L

ignano può orgogliosamente far sventolare anche per il 2019 la prestigiosa Bandiera Blu, ambito riconoscimento della FEE (Foundation for Environmental Education Fondazione per l’Educazione Ambientale). Tra i criteri presi in considerazione vi sono la qualità delle acque di balneazione, il turismo sostenibile, l’attenta gestione dei rifiuti e della raccolta differenziata, la valorizzazione delle aree naturalistiche e l’implementazione delle piste ciclabili. A ritirare l’ambito riconoscimento quest’oggi a Roma, presso la sede del Cnr dove si è tenuta la cerimonia di premiazione, erano presenti per conto dell’Amministrazione comunale il Consigliere Arch. Davide Codognotto ed il Responsabile dell’Ufficio Ambiente ed Ecologia Geom. Moraldo Bradaschia.

www.inewsswiss.com

iNEWS

53


inews travel

The National Library of Kosovo in Pristina. Photo by Ferdi Limani.

PRISTINA APPOINTED HOST CITY OF MANIFESTA 14 IN 2022

M

anifesta, the European nomadic biennial, announces Pristina, capital of Kosovo, as the first Balkan host city for the 14th edition of Manifesta in 2022. Since its inception in the early 1990s, the mission of Manifesta is to examine the changing cultural to-pography of Europe. Every two years, Manifesta looks at the world through the prism of the specific situation of a new host city. The Supervisory Board of Manifesta selected the city of Pristina in Kosovo because of the geographical and geo-political importance of the Balkan in relation to Europe’s recent history and its future. In its relatively short history as the capital of the youngest nation state of Europe, the city of Pristina has experienced major transformations in its landscape by unrestrained neoliberal policies of privatization of open urban spaces. Manifesta aims to support the citizens of Kosovo in their ambition to reclaim public space and to rewrite the future of their city as an open-minded metropolis in the heart of the Balkans. Pristina presents a unique location from which to look at the past and think about the present chal-lenges Europe is facing from an unexpected and heterogeneous perspective. This fast-changing ur-ban centre at the crossroads between Southern and Eastern Europe will allow Manifesta 14 to investi-gate how contemporary culture and social practices can address the identity of a country that is as composite as it is polymorphic.

54

iNEWS

Pristina was selected by Manifesta to host the 14th edition of the biennial based on the strong bid submitted by the City of Pristina. The Board received bids from various European cities and subsequently undertook in-depth research into each candidate, including research travels, as part of the se-lection procedure. The selection of the host city three years in advance of the biennial is part of a strategy that enables a greater engagement with the host region and build links between host cities. At an official press conference in Pristina on 3 May 2019, the Director of Manifesta, Hedwig Fijen; the Mayor of Pristina, Shpend Ahmeti; the Director of Culture City of Pristina, Blerta Bosholli; and the Minister of Culture, Youth and Sport of the Republic of Kosovo, Kujtim Gashi; officially announced Pristina as the host city of Manifesta 14. Shpend Ahmeti, Mayor of the City of Pristina: Our city is proud and honored to host Manifesta in 2022. In a place where 50 percent of its hospitable population are younger than 25, where Ottoman architecture is mixed with postwar neoliberal philoso-phy, there is a lot to discuss, there is a lot to do and there is a lot of public space to reclaim. Manifesta is what we need not only to push for an honest discussion about the direction of the city, but also as an example of rebirth of cities, art and architecture in Western Balkans. Manifesta has given the most important answer to our bid - Balkans is Europe and we can contribute to the debate. www.inewsswiss.com


Hedwig Fijen, Director of Manifesta: As the bid proclaimed, Kosovo seems to be going through its own quiet revolution in terms of mobility. An increase in exchange between the new region revitalises historical relationships but also creates surprising connections. This freedom to move within the region has given Kosovars a new way to think about themselves, how they organise their life, and how they experience themselves in relation to the region and the world at large. Besides, Kosovo is not only located within its sovereign territory, but is manifested in a lively diaspora all around the world. The cultural, legal and political paralysis of the 1990s resulted in a loss of sense of public space and a lack of recognition for what is common. I wish Manifesta can provide Pristina the means to reconstruct, redefine and reclaim a radicalised and diverse public space, which still seems to be today re-garded as a cultural subversive act, which can become a call for change.

www.inewsswiss.com

Manifesta 13 is taking place in Marseille, France in 2020, with an artistic team composed of ifa Gallery Director, Alya Sebti; VAC Foundation Senior Chief Curator, Katerina Chuchalina; Director of Research at Het Nieuwe Instituut, Marina Otero Verzier; and Director of ICA London, Stefan KalmĂ r. Manifesta 13 Marseille will be open from 7 June until 1 November 2020 and takes place in various locations throughout the city.

iNEWS

55


inews travel LUISA PAVESIO

VOLOTEA DALLA SPAGNA CON PASSIONE

D

a qualche anno l’aeroporto di Genova, nazionale ed internazionale – presenti Air France, Lufthansa e Turkish Airlines fra gli altri - è sede della spagnola Volotea, una realtà particolarissima avviata dall’asturiano Carlos Muñoz, attuale CEO ed anima dell’azienda. La considerazione da cui Muñoz è partito per fondare Volotea pare l’uovo di Colombo: se è vero che tanti europei risiedono in città medio piccole, perché non pensare a una compagnia specifica per un segmento di pubblico obbligato in qualunque volo a trasbordare nei grandi hubs? Il successo ha premiato l’intuizione, e ad oggi Volotea, cresciuta molto velocemente, conta 12 basi operative, 34 aerei, per la maggior parte Airbus di grande capacità, e circa 20.000.000 di passeggeri per 719 destinazioni. Fra le tratte più gettonate da Genova Madrid, Málaga, Nantes, Santorini, voli di lavoro o turismo, in base al consolidato binomio businness & pleasure. All’incontro di Palazzo S.Giorgio le massime cariche liguri, dal Sindaco Bucci al Governatore Toti, hanno tutte sottolineato l’importanza assunta dalla Compagnia spagnola nell’economia della città, tant’è che il Presidente di Aeroporto spa Odone ha annunciato un servizio navetta dal basso Piemonte a Genova ed un nuovo collegamento bus per il Ponente. Fra i successi della Compagnia, elencati dal CEO, che dedica parole di gratitudine alla squadra aeroportuale di Sestri, anche la prestigiosa certificazione IATA. Inews ha appreso da Muñoz l’esclusione di Zurigo come base a causa degli alti costi, mentre con Valeria Rebasti, brillante country manager per l’Italia, che segue anche l’intero mercato del Sud Est europeo, il dialogo ha riguardato le difficoltà di raggiungere e mantenere un ruolo apicale a un’età giovanilissima come la sua: “Ci vuole impegno, professionalità, sacrificio, tanta voglia di viaggiare e una buona dose di ironia. Ho iniziato a lavorare diversi anni fa nel settore low-cost e ne sono stata letteralmente conquistata, tanto che ormai tutti mi chiamano “la ragazza con la valigia”. Sono sempre in partenza per meeting con aeroporti e clienti, per eventi sul territorio oppure per raggiungere i colleghi che lavorano negli uffici di Barcellona. Per raggiungere i propri obiettivi, è necessario impegnarsi al massimo, ma il duro lavoro viene sempre ripagato da molte soddisfazioni..”.

56

iNEWS

CEO - Carlos Muñoz Volotea

country manager Valeria Rebasti Volotea www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

F

O

O

D

PEPPE ZULLO

LA DAUNIA IN SVIZZERA www.inewsswiss.com

iNEWS

57


travel e gusto

UNA PUGLIA A SORPRESA A ZURIGO: EMILIANO ALLA FESTA DELLA REPUBBLICA NEL CONSOLATO, PER PROMUOVERE LA BELLEZZA DELLA REGIONE INSIEME AI SINDACI DEI MONTI DAUNI E DEL GARGANO

58

iNEWS

www.inewsswiss.com


Una Puglia a sorpresa a Zurigo” è il nome dato al primo passo di una azione di promozione territoriale che vede coinvolti comuni dei monti Dauni e del Gargano, mosso nella prestigiosa sede del liceo Freudenberg di Zurigo in occasione della celebrazione della festa della Repubblica Italiana organizzata dal Consolato Generale d’ Italia. Una delegazione di sindaci e amministratori di undici comuni (Accadia, Sant’Agata di Puglia, Orsara, Troia, Monteleone, Peschici, Bovino, Ascoli Satriano, Rocchetta Sant’Antonio insieme ai DUC di Monte Sant’Angelo, San Giovanni Rotondo e San Marco in Lamis) guidata dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, ha animato la manifestazione che si è tenuta lo scorso 28 marzo a Zurigo alla presenza del consigliere nazionale svizzero Angelo Barrile e oltre duecentocinquanta invitati che hanno potuto conoscere una Puglia bellissima e inaspettata, che al mare della costa garganica unisce percorsi artistici, naturalistici , storico culturali e di spiritualità che vanno arrampicandosi fino ai monti Dauni. La festa è stata preceduta lunedì da una conferenza stampa avvenuta nella sede del Consolato Generale a Zurigo alla presenza di venticinque tra giornalisti accreditati e operatori del settore turistico nella quale Stefania De Toma, ideatrice e coordinatrice del progetto, ha raccontato il senso della missione svizzera e del lavoro svolto congiuntamente con il Consolato e l’Agenzia Italiana del Turismo sin dalla fine dello scorso anno, con la descrizione dei luoghi e dei paesi coinvolti anche attraverso un video , “Di mare e di monti “ realizzato dal regista Tonio Di Bitonto con le musiche originali di Nicola Pannarale. Il video, sottotitolato in tedesco, è stato consegnato ai presenti su supporti digitali insieme a altro materiale. Il Console ha sottolineato l’indispensabilità di celebrare l’anniversario della nascita della Repubblica Italiana in un paese come la Svizzera, non solo perché vi abitano 630.000 italiani, di cui oltre un terzo nella circoscrizione di Zurigo, ma anche perché l’Italia è il terzo paese esportatore verso la Svizzera dopo Germania e USA e gli svizzeri sono i maggiori importatori di prodotti italiani. Dando prova di voler investire nella realizzazione di un “sistema Italia” efficace

www.inewsswiss.com

all’estero, il Console Alaimo ha dichiarato la ferma volontà di voler proseguire in questa azione di promozione territoriale, sancita dagli interventi del presidente Emiliano e di Pasquale Murgante, sindaco di Accadia e portavoce di tutte le amministrazioni coinvolte ma anche dalla apprezzatissima cena allestita dallo chef Peppe Zullo e dal suo staff giunto a Zurigo con un furgone carico di eccellenze enogastronomiche provenienti dai paesi dauni coinvolti. Oltre al Consolato, a un protocollo d’ intesa tra i comuni, all’Enit, coordinato da Bianca Bartalena, la prima missione in Svizzera è stata possibile anche grazie alla partecipazione di Puglia Promozione. Presente all’evento il cantautore Tony Santagata, nativo proprio di Sant’Agata, che da decenni attraverso la musica porta l’immagine della Puglia nel mondo. Foto: Mediapresse Swiss Antonio Campanile e Maria Nunno

iNEWS

59


Menù per il progetto “DI MARE E DI MONTI: UNA PUGLIA A SORPRESA A ZURIGO” - Celebrazione della Festa della Repubblica del 2 Giugno in collaborazione con il Consolato generale d’Italia a Zurigo. APERITIVO – ANTIPASTO - Ostriche di montagna; - Fior di Lampascioni con provola riduzione al mosto cotto; - Crackers di grano arso con caprino e pomodoro secco; - La Pugliese (pomodoro, cacioricotta e rucola); - Frisella di grano arso con stracciatella; - Selezione di pani pugliesi con pomodoro e marasciuolo; - La brusco-pizza; - Le focacce pugliesi di grano arso, al pomodoro, all’olio extravergine pugliese; - La purea di fave bianche con cicorielle selvatiche e olio extravergine d’oliva; - La ciambotta dell’orto; ZONA BUFFET - Angolo dedicato ai pani e taralli; - Fiori di zucca caciocavallo e basilico; - Parmigiana di borragine; - Cacio barile, Caciocavallo e Canestrato; - Orecchiette di grano arso ai sapori dell’orto; - Cavatelli con pomodoro e cacioricotta dei Monti Dauni; - Ravioli di dietro coscia di vitello podolico con asparagi scamorza e tartufo nero della Daunia; - Caponata di verdure primaverili; - Medaglioni di Patate al timo serpillo; DOLCI DELLA TRADIZIONE - Taralli al Nero di Troia - Passionata al Sambuco VINI: 48 bottiglie Vento bianco brut: Cantine Teanum 36 bottiglie Quadrello : Cantine la Marchesa 36 bottiglie Calarosa: Borgo Turrito 48 bottiglie Aliuva: Cantina di Peppe Zullo 12 bottiglie di Amaribel: Piano Paradiso STAFF: Francesco Rutigliano Biagio Ciasullo Leonardo Martino Giuseppe Mescia Peppe Zullo 60

iNEWS

www.inewsswiss.com


travel e gusto LIVIA PRUCCOLI

I FORMAGGI SVIZZERI IN BARCA SUI NAVIGLI

A

Milano, sui Navigli, ormai simbolo indiscusso della vivace movida meneghina, è di scena “Naviga nel Gusto”. Un incredibile viaggio con i famosi formaggi svizzeri, pensato in concomitanza con le celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, geniale progettista dei Navigli. Un’occasione per riscoprire i sapori autentici delle valli elvetiche, imperdibile per cittadini e turisti. Fino al 10 giugno, quotidianamente, tra degustazioni di formaggi svizzeri in purezza, aperitivi e incontri tematici, tanti appuntamenti prendono letteralmente per la gola i visitatori lungo i caratteristici e affascinanti canali meneghini. All’assaggio le tipicità dop di tutta la nobilissima sapienza dei maestri caseari nostrani, dall’Emmentaler allo Sbrinz, dal Gruyère al Vacherin Fribourgeois, passando per il Tête de Moine, l’Appenzeller e il Tilsiter. L’esperienza di degustazione viene, inoltre, esaltata da una selezione di vini nazionali e internazionali, birre, cocktail, marmellate, miele e mostarda con sommelier, beer master e mixologist professionisti, pronti a realizzare la combinazione vincente.

www.inewsswiss.com

L’appuntamento è sul Naviglio Grande, il luogo più vibrante e ricco di fermento della città milanese, all’altezza di Ripa di Porta Ticinese 61, per salire a bordo di una vera imbarcazione. Un’imbarcazione che riproduce fedelmente un tipico chalet di montagna e che è montata su una chiatta. Si parte dalla Nuova Darsena di piazza XXIV Maggio e si prosegue verso ovest, scivolando allegramente tra gli incantevoli panorami milanesi. All’interno dell’imbarcazione è allestita un’area lounge dove ogni giorno si svolgono divertenti workshop tematici, dai laboratori per grandi e piccini ai focus sugli orti urbani, all’uso delle erbe aromatiche in cucina. In calendario anche show cooking per imparare ricette e tecniche di cucina, oltre ad irresistibili momenti di intrattenimento puro. Per conoscere gli eventi gratuiti e a pagamento e per potervi partecipare basta andare sul sito www.formaggisvizzeri.it.

iNEWS

61


enogastronomia

Guardia Sanframondi.

CITTA’ EUROPEA DEL VINO 2019, IL SUD RIPARTE DA “SANNIO FALANGHINA” E MATERA IL PROGRAMMA PREVEDE 120 EVENTI: IL 25 MARZO LA CAPITALE EUROPEA DEL VINO INCONTRERÀ LA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA

E

ntra nel vivo la macchina organizzativa di Sannio Falanghina “Città europea del Vino 2019”, il prestigioso riconoscimento assegnato al territorio beneventano da Recevin, la rete delle 800 Città del Vino presenti in 11 Paesi europei. Il 25 marzo, a Matera, la capitale europea del vino incontrerà la capitale europea della cultura per presentare il progetto “BioWine”, asset portante e fondante del dossier inviato a Bruxelles a supporto della candidatura. Ad un mese di distanza dalla cerimonia ufficiale di investitura, che ha segnato il passaggio di testimone dalle cittadine portoghesi di Torres 62

iNEWS

Vedras e Alenquer, il Sannio è pronto a seguire il percorso tracciato nel 2016 dalle terre del Prosecco Superiore DOCG ConeglianoValdobbiadene e a raccogliere la sfida: promuovere la cultura del vino e realizzare una filiera vitivinicola innovativa, condividendo uno statuto del Paesaggio rurale per valorizzare il territorio e disciplinare l’uso degli spazi interni.

“Il nostro obiettivo – spiega Floriano Panza, sindaco di Guardia Sanframondi – è adottare un Piano regolatore comune in tutti i territori di Sannio Falanghina, progettando un paesaggio armonioso e tutelando i nostri centri urbani ma soprattutto www.inewsswiss.com


stimolando il senso di appartenenza ad una comunità. Il titolo di Città europea del Vino rappresenta una opportunità straordinaria per rafforzare la nostra reputazione a livello internazionale, promuovere le eccellenze, attrarre turisti e favorire uno sviluppo economico sostenibile anche per i giovani che vogliono restare nel Sannio. Abbiamo già definito il programma con gli eventi, a partire dalla partecipazione a Vinitaly e dalla presentazione del testimonial europeo e del manifesto ufficiale firmato dall’artista Mimmo Paladino”. Per capire ancora meglio l’importanza dell’iniziativa, basta vedere le cifre di Sannio Falanghina: 12 mila ettari di vigneto, la più estesa area vitivinicola in Campania; 3 denominazioni di origine ed 1 indicazione geografica per più di 60 tipologie di vini; il 50% dell’intera produzione vitivinicola regionale, con oltre la metà del vino campano tutelato da denominazioni di origine; 900 ettari di vigne specializzate solo a Castelvenere (il 60% della superficie totale), il territorio più vitato della Campania e tra i più vitati d’Italia; 10 mila aziende impegnate nella produzione di uva; oltre 100 aziende che vinificano ed etichettano; 160 cantine con circa 2.500 lavoratori, senza considerare l’indotto; 2 milioni di euro destinati alla promozione, oltre agli investimenti già annunciati dal governatore Vincenzo De Luca; 1 sfilata dei carri realizzati ogni anno a Solopaca con i primi chicchi d’uva della stagione; 120 abitazioni già acquistate da turisti stranieri nel borgo di Guardia Sanframondi (provenienti da Scozia, Stati Uniti e Canada); la più importante realtà cooperativa della Campania ed una delle principali del Mezzogiorno, la Guardiense, con 1.000 soci, circa 140 mila ettolitri di vino prodotti annualmente, 5 milioni di bottiglie vendute in Italia e nei principali mercati internazionali. E non solo. In programma oltre 120 eventi in 365 giorni – tra degustazioni, convegni tematici, manifestazioni culturali ed enogastronomiche – e la partecipazione a Parigi alla settimana dedicata alla cucina italiana. I prossimi impegni: 23 marzo – Guardia Sanframondi, cerimonia www.inewsswiss.com

e nomina del testimonial europeo; 23 marzo – Spazio Campania (Milano), presentazione del progetto Sannio Falanghina e delle iniziative previste dalla Regione Campania a Vinitaly; 25 marzo – Matera, presentazione del progetto “BioWine” della Città europea del Vino 2019; 7-10 aprile – Vinitaly (Verona), presentazione del manifesto ufficiale firmato da Mimmo Paladino. Proprio in occasione di Vinitaly, la più grande manifestazione dedicata al mondo del vino, Sannio Falanghina sarà protagonista nel padiglione della Regione Campania e nel padiglione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo.

“Il governo regionale – afferma Erasmo Mortaruolo, consigliere regionale e delegato del presidente De Luca per Sannio Falanghina – sta lavorando per predisporre uno specifico Programma operativo complementare come valido contributo per elevare l’asticella organizzativa delle iniziative più importanti. Stiamo lavorano a pieno ritmo per il definitivo rilancio del comparto enologico facendo leva su tutti gli strumenti finanziari a disposizione con un obiettivo ben preciso: rafforzare la nostra presenza sul mercato nazionale ed internazionale. Ho voluto che si costituisse un tavolo permanente con tutti gli attori della Città europea del Vino, insieme alla Direzione regionale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, finalizzato a mettere in piedi una progettualità di sistema ed elaborare dei contributi specifici per costruirvi le linee caratterizzanti della programmazione 2021-2027”. Un vero e proprio distretto del vino, dunque, che comprende 23 territori sanniti e rappresenta la locomotiva del vino campano: i 6 Comuni che hanno sostenuto la candidatura (Castelvenere, Guardia Sanframondi, Sant’Agata dei Goti, Solopaca, Torrecuso e Benevento) ed i 17 Comuni che hanno deciso di aderire all’associazione Città del Vino (Telese, Montesarchio, Dugenta, Amorosi, Bonea, Campoli del Monte Taburno, San Lorenzo Maggiore, Melizzano, San Lorenzello, Faicchio, San Lupo, Cerreto, Vitulano, Frasso Telesino, Paupisi, Foglianise, Ponte), oltre alla Provincia di Benevento. iNEWS

63


enogastronomia

VINITALY,

IL MINISTRO DI MAIO ED I GOVERNATORI ZAIA E DE LUCA BRINDANO A SANNIO FALANGHINA, CITTÀ EUROPEA DEL VINO 2019 IL SOTTOSEGRETARIO DEL MIPAAFT, ALESSANDRA PESCE: “PUNTIAMO SUL SANNIO E SUL SUD CON UN’AZIONE DI VALORIZZAZIONE SU SCALA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE” 64

iNEWS

www.inewsswiss.com


V

eneto e Campania uniti dalla Falanghina, lo storico vino dei sanniti prodotto nel distretto dei 24 Comuni beneventani che ha ottenuto il prestigioso riconoscimento da Recevin (European Network of Wine Cities), la rete delle 800 Città del Vino presenti in 11 Paesi europei. In occasione della 53esima edizione di Vinitaly, la più importante fiera italiana dedicata alla vitivinicoltura, il ministro Luigi Di Maio, il governatore del Veneto, Luca Zaia, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ed il sottosegretario del Mipaaft, Alessandra Pesce, hanno brindato a Sannio Falanghina, la nuova capitale europea del vino, insieme alla delegazione del distretto beneventano. “Il riconoscimento a Sannio Falanghina - afferma il sottosegretario Pesce - è la testimonianza dell’impegno e dei risultati ottenuti dal distretto sannita, che è riuscito a mettere a sistema e a sostenere una filiera integrata, in grado di esprimere le eccellenze del territorio in termini di prodotto, di paesaggio e di turismo. Valori che rappresentano un nuovo volano per lo sviluppo sostenibile. Puntiamo sul Sannio e sulle potenzialità del sud con un’azione completa di valorizzazione del made in Italy su scala nazionale ed internazionale”. A Verona, dunque, riflettori accesi sul progetto “BioWine” (Biological wine innovative environment) per il trasferimento di buone pratiche per la tutela dell’ambiente in viticoltura, asset portante e fondante del dossier inviato a Bruxelles a supporto della candidatura, e sull’immenso patrimonio enologico del distretto Sannio Falanghina che si propone di definire ed applicare uno statuto del Paesaggio rurale. “E’ un momento molto importante per l’intera provincia beneventana e per il sud - precisa l’onorevole Pasquale Maglione, membro della commissione Agricoltura alla Camera - ed è un riconoscimento alla capacità del territorio di unirsi in un distretto e promuovere un vino di qualità. Un progetto ambizioso, sostenuto dal Mipaaft e da tutte le forze politiche, che non può concludersi nel 2019 con la www.inewsswiss.com

capitale europea del vino ma che deve continuare, puntando sulla programmazione pluriennale e sulla visione strategica del territorio”. Una opportunità straordinaria per valorizzare il comparto regionale - considerato che il Sannio, da solo, rappresenta il 50% della produzione di vino campano - e per promuovere i numerosi progetti di Sannio Falanghina, dedicati a sostenibilità, urbanistica, paesaggi del vino ed innovazione in agricoltura. “La Regione Campania - spiega il presidente Vincenzo De Luca curerà la Città europea del Vino 2019 come un prete all’altare. Questa edizione del Vinitaly la possiamo dedicare, e siamo tutti quanti orgogliosi e felici, a Sannio Falanghina. È un motivo di onore per tutti noi ed è un lancio ulteriore per le produzioni della Campania sul piano nazionale ed internazionale”. Nel corso di Vinitaly, il progetto Sannio Falanghina “Città europea del Vino 2019” è stato presentato nello spazio espositivo della Regione Campania (oltre 5.000 metri quadri, nel padiglione B, impreziosito dal logo dedicato a Sannio Falanghina da Mimmo Paladino, a testimonianza del legame che lega l’artista al suo territorio), nel padiglione del Ministero delle Politiche agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo (padiglione MIPAAFT) e nell’area dell’associazione dei Comuni “Città del Vino” (padiglione 8, stand G7). “Grazie al Mipaaft e al consorzio di tutela Sannio DOP - commenta Erasmo Mortaruolo, vice presidente commissione Agricoltura e delegato del presidente della Regione Campania per Sannio Falanghina - oggi celebriamo un momento importante per il Sannio e per le nostre cantine. Questo progetto rappresenta solo la base per valorizzare l’intero territorio e definire una strategia comune, puntando su innovazione, sostenibilità, rinnovamento generazionale e formazione in agricoltura. Il settore vitivinicolo sannita, per quantità e qualità, è il punto di riferimento in Campania ma ora dobbiamo fare tutti insieme uno sforzo in più: il vino deve essere la punta di diamante del Sannio e su questo valore dobbiamo agganciare l’economia beneventana”. iNEWS

65


SWISSGEHT AUS swiss geht aus

MANGIARE BENE MaNgiaRe BeNe ESSEN MIT GENUSS esseN Mit geNuss

ristorante PIZZERA PiZZera BELLA BeLLa VISTA Vista WWW.BELLAVISTA-MURI.CH WWW.BeLLaVista-MUri.CH RISTORANTE ristorante MOLINO MoLino ZURIGO ZUrigo RISTORANTE

WWW.MoLino.CH WWW.MOLINO.CH

Da CIRO Ciro DA

WWW.ristorante-Ciro.CH WWW.RISTORANTE-CIRO.CH

iL GIGLIO gigLio IL

WWW.iLgigLio.CH WWW.ILGIGLIO.CH

iL TARTUFO tartUfo IL

WWW.iLtartUfo-ZUeriCH.CH WWW.ILTARTUFO-ZUERICH.CH

iL GALLO gaLLo IL

WWW.iLgaLLo.CH WWW.ILGALLO.CH

ristorante TOSCANO tosCano RISTORANTE

WWW.ristorante-tosCano.CH WWW.RISTORANTE-TOSCANO.CH

ristorante ITALIA itaLia RISTORANTE

WWW.ristorante-itaLia.CH WWW.RISTORANTE-ITALIA.CH

Casa DA Da VINCI VinCi CASA

WWW.CasaDaVinCi.CH WWW.CASADAVINCI.CH

ganDria GANDRIA

WWW.restaUrant-ganDria.CH WWW.RESTAURANT-GANDRIA.CH

iL CAMINO CaMino IL

WWW.ristorante-CaMino.CH WWW.RISTORANTE-CAMINO.CH

PantHeon PANTHEON

WWW.iLPantHeon.CH WWW.ILPANTHEON.CH

Casa AURELIO aUreLio CASA

WWW.CasaaUreLio.CH WWW.CASAAURELIO.CH

sCHWan HOTEL HoteL & TAVERNE taVerne SCHWAN

WWW.HoteL-sCHWan.CH WWW.HOTEL-SCHWAN.CH

iL BOCCIODROMO BoCCioDroMo IL

WWW.BoCCiaCono.CH WWW.BOCCIACONO.CH

iL PUNTO PUnto IL

WWW.ristorante-PUnto.CH WWW.RISTORANTE-PUNTO.CH

ristorante CIAO Ciao MÖWENPICK MöWenPiCk WWW.MOEVENPICK-REGENSDORF.COM WWW.MoeVenPiCk-regensDorf.CoM RISTORANTE ristorante AZZURRO aZZUrro RISTORANTE

WWW.ristoranteaZZUrro.CH WWW.RISTORANTEAZZURRO.CH

ristorante SORRISO sorriso RISTORANTE

WWW.sorriso.CH WWW.SORRISO.CH

trattoria ITALIANA itaLiana TRATTORIA

WWW.trattoria-itaLiana.CH WWW.TRATTORIA-ITALIANA.CH

restaUrant MESA Mesa RESTAURANT

WWW.Mesa-restaUrant.CH WWW.MESA-RESTAURANT.CH

DaL BUONGUSTAIO BUongUstaio DAL

WWW.DaL-BUongUstaio.CH WWW.DAL-BUONGUSTAIO.CH

iL FARO faro DÜBENDORF DüBenDorf IL

WWW. ILFARO.CH iLfaro.CH

ristorante VENEZIA VeneZia RISTORANTE

WWW.VeneZia-BUeLaCH.CH WWW.VENEZIA-BUELACH.CH

ristoraBte 4 LEONI Leoni RISTORABTE

WWW.4Leoni.CH WWW.4LEONI.CH

ristorante PiZZeriaBELLA BeLLa Vista - kirCHBüHLstrasse 7 - 5630 RISTORANTE PIZZERIA VISTA - KIRCHBÜHLSTRASSE 7 - 5630 MURIMUri

ristorante RISTORANTE DaL DAL tosCano TOSCANO

ristorante RISTORANTE roMantiCa ROMANTICA

iL SALENTO saLento Restaurant restaurant Pizzeria WWW.IL-SALENTO.CH Pizzeria WWW.iL-saLento.CH IL ristorante ROMANTICA roMantiCa RISTORANTE

WWW.ristoranteroMantiCa.CH WWW.RISTORANTEROMANTICA.CH

ristorante BARBATTI BarBatti RISTORANTE

WWW.BinDeLLa.CH WWW.BINDELLA.CH

Casa FERLIN ferLin CASA

WWW.CasaferLin.CH WWW.CASAFERLIN.CH

restaUrant PINOCCHIO PinoCCHio WiLstrasse 100 RESTAURANT WILSTRASSE DüBenDorf CH-8600 DÜBENDORF teL.: +41 43 819 15 19 TEL.: e-MaiL: INFO(AT)DUEBENDORF-PINOCCHIO.CH info(at)DUeBenDorf-PinoCCHio.CH E-MAIL: ristorante RISTORANTE PinoCCHio PINOCCHIO P = ProPietario itaLiano h P H PROPIETARIO ITALIANO 60 = ineWs

60

iNEWS

66

iNEWS

inews_n43_08.indd 60

C = CUoCo itaLiano h C = CUOCO ITALIANO H

S serViZio itaLiano h S SERVIZIO ITALIANO H

q = BUona qUaLità h Q = BUONA QUALITÀ H

hI = ingreDienti itaLiani HI = INGREDIENTI ITALIANI

ht = testato T = TESTATO H

iNEWS

17/10/16 21:16


eswiss nogastronomia SWISS eswiss nogastronomia geht GEHTaus AUS

MaNgiaReBENE BeNe MANGIARE MaNgiaRe BeNe esseNMIT MitGENUSS geNuss ESSEN esseN Mit geNuss

geht aus

ristorante PiZZera BeLLa Vista ristorante PiZZera BeLLa Vista RISTORANTE PIZZERA BELLA VISTA restaUrant grigioni graUBünDen restaUrant grigioni graUBünDen RESTAURANT GRIGIONI GRAUBÜNDEN restaUrant La Carretta restaUrant Carretta RESTAURANT LALa CARRETTA restaUrant, PiZZeria PaDrino

ristorante CarUso ristorante RISTORANTE CarUso CARUSO

ristorante-tosCano ristorante-tosCano RISTORANTE-TOSCANO

HoteL-taVerne HOTEL-TAVERNEsCHWan SCHWAN HoteL-taVerne sCHWan

056 664 12 87 056 664 056 664 1212 87 081 413 328716 * 081 413 081 413 3232 16 *95* 081 413 3816 081 413 95 081 413 3838 95 081 253 03 01 restaUrant, PiZZeria PaDrino 081 253 01 RESTAURANT, PIZZERIA 081 253 0303 01 restaUrant tiCinoPADRINO 081 253 13 07 * restaUrant tiCino 081 253 RESTAURANT TICINO 081 253 1313 0707 * * restaUrant, PiZZeria La MeriDiana 081 416 82 85 restaUrant, PiZZeria MeriDiana 081 416 RESTAURANT, PIZZERIA LALa MERIDIANA 081 416 8282 8585 restaUrant Jarno 081 416 82 85 * restaUrant Jarno 081 416 RESTAURANT JARNO 081 416 8282 8585 * * ristorante CarUso 081 641 30 30 ristorante CarUso 081 641 RISTORANTE CARUSO 081 641 3030 3030 grotto serta 091 945 02 35 grotto serta 091 945 GROTTO SERTA 091 945 0202 3535 osteria BeLLaVista 091 985 89 12 osteria BeLLaVista 091 985 OSTERIA BELLAVISTA 091 985 8989 1212 trattoria Vittoria 091 609 11 57 trattoria Vittoria 091 609 TRATTORIA VITTORIA 091 609 1111 5757 grotto griLLo 091 970 18 18 grotto griLLo 091 970 GROTTO GRILLO 091 970 1818 1818 BeLVeDere 091 941 13 51 BeLVeDere 091 941 BELVEDERE 091 941 1313 5151 grotto MorCHino 091 994 60 44 grotto MorCHino 091 994 GROTTO MORCHINO 091 994 6060 4444 osteria Dei tiratori 091 943 34 95 osteria Dei tiratori 091 943 OSTERIA DEI TIRATORI 091 943 3434 9595 grotto tiCinese 091 967 12 26 grotto tiCinese 091 967 GROTTO TICINESE 091 967 1212 2626 CaCCiatori 091 605 22 36 CaCCiatori 091 605 CACCIATORI 091 605 2222 3636 ristorante Da CanDiDa 091 649 75 41 ristorante CanDiDa 091 649 RISTORANTE DADa CANDIDA 091 649 7575 4141 ristorante Cyrano 091 922 21 82 ristorante Cyrano 091 922 RISTORANTE CYRANO 091 922 2121 8282 ristorante santaBBonDio 091 994 85 35 ristorante santaBBonDio 091 994 RISTORANTE SANTABBONDIO 091 994 8585 3535 CoLLina D‘oro 091 994 74 97 CoLLina D‘oro 091 994 COLLINA D‘ORO 091 994 7474 9797 ristorante iL Castagno 091 611 40 50 ristorante Castagno 091 611 RISTORANTE IL iL CASTAGNO 091 611 4040 5050 ristorante La grigLia 091 945 11 58 ristorante grigLia 091 945 RISTORANTE LALa GRIGLIA 091 945 1111 5858 La PerLa DeL Lago 091 973 72 72 PerLa DeL Lago 091 973 LALa PERLA DEL LAGO 091 973 7272 7272 Hostaria DeL PoZZo 091 940 91 58 Hostaria DeL PoZZo 091 940 HOSTARIA DEL POZZO 091 940 9191 5858 LoCanDa DeL BosCHetto 091 994 24 93 LoCanDa DeL BosCHetto 091 994 LOCANDA DEL BOSCHETTO 091 994 2424 9393 MoUette DeL MöVenPiCk 091 923 23 33 MoUette DeL MöVenPiCk 091 923 MOUETTE DEL MÖVENPICK 091 923 2323 3333 grotto VaLLera VaLLera 091647 647 189191 grotto 091 GROTTO VALLERA 091 647 1818 91 iL faro DüBenDorf grotto: 044 821 620303 faro DüBenDorf grotto: 044 821 IL iL FARO DÜBENDORF GROTTO: 044 821 6262 03 restaUrant: 044 821 61 restaUrant: 044 821 RESTAURANT: 044 821 6161 646464 iL faro eMBraCH faro eMBraCH IL iL FARO EMBRACH iL faro HerrLiBerg faro HerrLiBerg IL iL FARO HERRLIBERG

iL faroWALLISELLEN WaLLiseLLen faro WaLLiseLLen IL iL FARO

restaUrant:044 044 865 032020 restaUrant: 044 865 RESTAURANT: 865 0303 20 restaUrant: 044 915 811111 restaUrant: 044 915 RESTAURANT: 044 915 8181 11 Bankett / saaL: 044 915 811313 Bankett / saaL: 044 915 BANKETT / SAAL: 044 915 8181 13 restaUrant: 044 830 465252 restaUrant: 044 830 RESTAURANT: 044 830 4646 52 take aWay: 044 830 465454 take aWay: 044 830 46 TAKE AWAY: 044 830 46 54

ristorante VeneZia 043 411 500000 ristorante VeneZia 043 411 RISTORANTE VENEZIA 043 411 5050 00 saLento restaUrant PiZZeria *043 311 687878 saLento restaUrant PiZZeria *043 311 IL iL SALENTO RESTAURANT PIZZERIA *043 311 6868 78

ILsaLento SALENTOrestaUrant RESTAURANTPiZZeria PIZZERIA iLiL saLento restaUrant PiZZeria

inews inews

iNEWS iNEWS 61 61 iNEWS

inews_n43_08.indd 6161 inews_n43_08.indd

67

17/10/16 17/10/1621:2

studio studiografico grafico

|| tel. tel.035 03536 3692 92015 015


PIZZERIAS SWISS PizzeRias GEHT AUS GEHT GEHT AUS AUS geht geht aus aus

MANGIARE BENE MANGIARE MANGIARE BENE MaNgiaRe MaNgiaRe BeNe BeNe ESSEN MITBENE GENUSS ESSEN ESSEN MIT GENUSS esseN esseNMIT Mit MitGENUSS geNuss geNuss

RISTORANTE RISTORANTEPIZZERA PIZZERABELLA BELLAVISTA VISTA WWW.BELLAVISTA-MURI.CH WWW.BELLAVISTA-MURI.CH restaUrant restaUrant ConCorDia RESTAURANTConCorDia CONCORDIA

siHLfeLDstrasse siHLfeLDstrasse kreis SIHLFELDSTRASSEkreis KREIS44

RISTORANTE RISTORANTEMOLINO MOLINOZURIGO ZURIGO

WWW.MOLINO.CH WWW.MOLINO.CH restaUrant restaUrant CoraLLo RESTAURANTCoraLLo CORALLO

WeinBergstrasse WeinBergstrasse kreis WEINBERGSTRASSEkreis KREIS

DA DACIRO CIRO

WWW.RISTORANTE-CIRO.CH WWW.RISTORANTE-CIRO.CH ristorante ristorante Le sCaLe RISTORANTELe LEsCaLe SCALE

WerDstrasse WerDstrasse kreis WERDSTRASSEkreis KREIS44

ILILGIGLIO GIGLIO

ILILGALLO GALLO

WWW.ILGIGLIO.CH WWW.ILGIGLIO.CH ristorante ristorante PaestUM RISTORANTEPaestUM PAESTUM WWW.ILTARTUFO-ZUERICH.CH WWW.ILTARTUFO-ZUERICH.CH ristorante ristorante PiZZeria RISTORANTEPiZZeria PIZZERIA WWW.ILGALLO.CH WWW.ILGALLO.CH DreisPitZ DreisPitZ DREISPITZ

RISTORANTE RISTORANTETOSCANO TOSCANO

WWW.RISTORANTE-TOSCANO.CH WWW.RISTORANTE-TOSCANO.CH PiZZeria PiZZeria Virtù sPagHetteria BirCHstrasse 147 PIZZERIAVirtù VIRTÙ--sPagHetteria SPAGHETTERIA BirCHstrasse BIRCHSTRASSE147

RISTORANTE RISTORANTEITALIA ITALIA

WWW.RISTORANTE-ITALIA.CH WWW.RISTORANTE-ITALIA.CH Don Don Leone DONLeone LEONE

CASA CASADA DAVINCI VINCI

CASA CASAAURELIO AURELIO

WWW.CASADAVINCI.CH WWW.CASADAVINCI.CH restaUrant restaUrant sCaLa RESTAURANTsCaLa SCALA WWW.RESTAURANT-GANDRIA.CH WWW.RESTAURANT-GANDRIA.CH PiZZa PiZZa Pasta Ciao PIZZAPasta PASTACiao CIAO WWW.RISTORANTE-CAMINO.CH WWW.RISTORANTE-CAMINO.CH taVerne taVerne Da angeLo TAVERNEDa DAangeLo ANGELO WWW.ILPANTHEON.CH WWW.ILPANTHEON.CH PIZZERIADa DAaMiCi AMICI PiZZeria PiZZeria Da aMiCi WWW.CASAAURELIO.CH WWW.CASAAURELIO.CH

SCHWAN SCHWANHOTEL HOTEL&&TAVERNE TAVERNE

PiZZeria PiZZeria okay itaLia PIZZERIAokay OKAYitaLia ITALIA WWW.HOTEL-SCHWAN.CH WWW.HOTEL-SCHWAN.CH

ILILTARTUFO TARTUFO

restaUrant restaUrant ConCorDia ConCorDia RESTAURANT CONCORDIA

GANDRIA GANDRIA restaUrant CoraLLo restaUrant CoraLLo RESTAURANT CORALLO ILILCAMINO CAMINO PANTHEON PANTHEON

UetLiBergstrasse UetLiBergstrasse 22 UETLIBERGSTRASSE22 restaUrant RESTAURANTsCaLa SCALA restaUrant sCaLa

saatLenstrasse saatLenstrasse 110 SAATLENSTRASSE110

WaffenPLatZstrasse WaffenPLatZstrasse kreis WAFFENPLATZSTRASSEkreis KREIS22

RISTORANTE RISTORANTEPIZZERIA PIZZERIABELLA BELLAVISTA VISTA--KIRCHBÜHLSTRASSE KIRCHBÜHLSTRASSE77--5630 5630MURI MURI

rotBUCHstrasse rotBUCHstrasse kreis ROTBUCHSTRASSEkreis KREIS66 PiZZa Pasta Ciao PiZZa PIZZAPasta PASTACiao CIAO

WeinBergstrasse WeinBergstrasse kreis WEINBERGSTRASSEkreis KREIS11 BaDenerstrasse BaDenerstrasse kreis BADENERSTRASSEkreis KREIS33 sCHaffHaUserstrasse sCHaffHaUserstrasse kreis SCHAFFHAUSERSTRASSEkreis KREIS66 gLaDBaCHstrasse gLaDBaCHstrasse kreis GLADBACHSTRASSEkreis KREIS77

restaUrant restaUrant PiZZeria RESTAURANTPiZZeria PIZZERIA WWW.BOCCIACONO.CH WWW.BOCCIACONO.CH fantasia fantasia seeBaCHerstrasse seeBaCHerstrasse 167 FANTASIA SEEBACHERSTRASSE167 ILILPUNTO PUNTO WWW.RISTORANTE-PUNTO.CH WWW.RISTORANTE-PUNTO.CH PiZZa PiZZa Pasta antonio HarDtUrMstrasse HarDtUrMstrasse kreis PIZZA&&Pasta PASTAantonio ANTONIO HARDTURMSTRASSEkreis KREIS55 RISTORANTEDAL DALTOSCANO TOSCANO RISTORANTE RISTORANTECIAO CIAOMÖWENPICK MÖWENPICK WWW.MOEVENPICK-REGENSDORF.COM WWW.MOEVENPICK-REGENSDORF.COM RISTORANTE ILIL BOCCIODROMO BOCCIODROMO ristorante ristorante Le LesCaLe sCaLe RISTORANTE LE SCALE

RISTORANTE RISTORANTEAZZURRO AZZURRO

WWW.RISTORANTEAZZURRO.CH WWW.RISTORANTEAZZURRO.CH

RISTORANTE RISTORANTESORRISO SORRISO

WWW.SORRISO.CH WWW.SORRISO.CH

ristorante ristorante PaestUM PaestUM RISTORANTE PAESTUM TRATTORIA TRATTORIA ITALIANA ITALIANA

WWW.TRATTORIA-ITALIANA.CH WWW.TRATTORIA-ITALIANA.CH

RESTAURANT RESTAURANTMESA MESA

WWW.MESA-RESTAURANT.CH WWW.MESA-RESTAURANT.CH

DAL DALBUONGUSTAIO BUONGUSTAIO

WWW.DAL-BUONGUSTAIO.CH WWW.DAL-BUONGUSTAIO.CH

ILILFARO FARODÜBENDORF DÜBENDORF

WWW. WWW.ILFARO.CH ILFARO.CH

RISTORANTE RISTORANTEVENEZIA VENEZIA

WWW.VENEZIA-BUELACH.CH WWW.VENEZIA-BUELACH.CH

ristorante ristorante DreisPitZ DreisPitZ RISTORANTE PIZZERIA DREISPITZ WWW.4LEONI.CH RISTORABTE RISTORABTE 4PiZZeria 4PiZZeria LEONI LEONI WWW.4LEONI.CH

ILILSALENTO SALENTORestaurant RestaurantPizzeria Pizzeria

WWW.IL-SALENTO.CH WWW.IL-SALENTO.CH

RISTORANTE RISTORANTEROMANTICA ROMANTICA

WWW.RISTORANTEROMANTICA.CH WWW.RISTORANTEROMANTICA.CH

RISTORANTE RISTORANTEBARBATTI BARBATTI

WWW.BINDELLA.CH WWW.BINDELLA.CH

CASA CASAFERLIN FERLIN

WWW.CASAFERLIN.CH WWW.CASAFERLIN.CH

TAVERNEDa DAangeLo ANGELO taVerne Da angeLo taVerne

PiZZeria Da aMiCi PIZZERIADa DAaMiCi AMICI PiZZeria

PiZZeria okay itaLia PIZZERIAokay OKAYitaLia ITALIA PiZZeria

RISTORANTE RISTORANTEROMANTICA ROMANTICA

restaUrant PiZZeria fantasia RESTAURANTPiZZeria PIZZERIAfantasia FANTASIA restaUrant

PiZZeria PiZZeria Virtù Virtù --sPagHetteria sPagHetteria PIZZERIA VIRTÙ - SPAGHETTERIA

RESTAURANT RESTAURANTPINOCCHIO PINOCCHIO WILSTRASSE WILSTRASSE100 100 CH-8600 CH-8600DÜBENDORF DÜBENDORF TEL.: TEL.:+41 +4143 43819 81915 1519 19 E-MAIL: E-MAIL:INFO(AT)DUEBENDORF-PINOCCHIO.CH INFO(AT)DUEBENDORF-PINOCCHIO.CH

RISTORANTE RISTORANTEPINOCCHIO PINOCCHIO PP ==PROPIETARIO H H PROPIETARIOITALIANO ITALIANO

Don Don Leone Leone DON LEONE

CC ==CUOCO H H CUOCOITALIANO ITALIANO

SS SERVIZIO H H SERVIZIOITALIANO ITALIANO

QQ ==BUONA H H BUONAQUALITÀ QUALITÀ

I I ==INGREDIENTI H H INGREDIENTIITALIANI ITALIANI

TT ==TESTATO H H TESTATO

PiZZa PIZZA&&&Pasta PASTAantonio ANTONIO PiZZa Pasta antonio

26 26 INEWS INEWS 62 62 68 68

iNEWS iNEWS iNEWS iNEWS

inews_n43_08.indd inews_n43_08.indd 62 62

iNEWS iNEWS www.inewsswiss.com 17/10/16 17/10/16 21:16 21:16


INEWSSWISS.COM

swiss multikulti lifestyle magazine, www.inewsswiss.com - Nr. 51 Februar-März 2019 - Chf. 4.-

S P A G N A

www.inewsswiss.com

iNEWS

69


rotary international events LUDOVICA CRIVELLI

EL ROTARY CLUB ESTEPONA – SOTOGRANDE INTERNATIONAL INAUGURA 3 MONUMENTOS COMO DONACIÓN Y COMPROMISO SOLIDARIO EN LOS MUNICIPIOS DE CASARES, MANILVA (MÁLAGA) Y SAN ROQUE (CÁDIZ) 70

iNEWS

www.inewsswiss.com


Monumento di San Roque

E

n su primer año desde su fundación el pasado mes de agosto de 2018, el nuevo Club Rotario Estepona – Sotogrande International ha querido homenajear los municipios de su área de acción, donando tres elegantes monumentos en cuya placa conmemorativa reza el lema rotario “Dar de sí, antes de pensar en sí”. La decisión fue tomada por unanimidad por los socios: Carla Bordoli Crivelli Visconti (Presidente), José Antonio Azagra Pérez, Giulia Barin, Antonio Campanile, Cristiana Corti , Stefanie Crone, Alina Escamilla Walkate, Paola Fassi, Juan Miguel Fernández Pérez, Svetlana Fernández Pérez, Edwin Gladstone , Odette Gravier, Corinne Lewin, Manuel Lucas García, Corinne Merten, Vincent Mols , María José Muñoz Martínez, Louise Palmer, Juan Emilio Ríos Vera, Michael Stegmayr, Alejandro Zaia , Salvador Zotano Sánchez. Este acto tan importante y simbólico ha sido posible gracias al apoyo de las tres distintas corporaciones municipales, representadas por sus respectivos alcaldes, y a la contribución del Distrito 2203, regido en este año rotario 2018-2019 por su Gobernador, Jesús Martínez. El diseño de los monumentos es obra de Javier Boscá, Ingeniero de Diseño de Producto Industrial, que nos comenta que, con la premisa de dar visibilidad a Rotary International en los municipios desde Estepona (donde ya existe un monumento y se ha complementado con dos monolitos dedicados a Rotaract e Interact, los jóvenes que representan en el mundo el futuro de Rotary) hasta Sotogrande, incluyendo Casares y Manilva, las tres ruedas se han realizado con una placa de acero corten troquelada sobre una base de hormigón. “Esta obra trata de poner en valor la labor que Rotary hace en la comunidad”. A la pregunta si encuentra más satisfacción y orgullo profesional en crear un objeto que entre en el uso de la vida de las personas, como una silla de diseño, una mesa u otro artículo, o si quizás al haber creado estos primeros monumentos rotarios, piensa seguir esta línea para crear monumentos/esculturas que estén bajo la mirada de miles de personas y turistas en varias ciudades, nos responde: “Creo que ambos proyectos suponen una satisfacción profesional y personal. Diseñar un objeto de consumo, ya sea una silla, www.inewsswiss.com

un electrodoméstico, un cepillo de dientes (todo es diseño), que se pueda producir industrialmente para que luego las personas puedan utilizarlo en su día a día, es uno de los mayores agradecimientos que puede tener un diseñador. Por otro lado, diseñar un monumento, te proporciona una satisfacción personal muy bonita. Siempre estoy abierto a nuevas colaboraciones y me encantaría poder seguir desarrollando esta línea de monumentos que se podría extrapolar a todos los clubes del distrito o incluso de España.” Inews: “¿Vas a proyectarte al extranjero, proponiendo tus diseños no sólo para Rotary en el mundo sino para ampliar tus posibilidades de desarrollo profesional? ¿Qué Países tienes en mente?” J.B.: “Me encantaría poder colaborar con empresas o incluso poder desarrollar un proyecto a nivel internacional. No tengo ningún país en concreto en mente pero siempre tiendo a pensar en Italia o los países nórdicos (Suiza, Alemania, Suecia, Dinamarca o Noruega), los cuales son un referente en cuanto a políticas de diseño y donde los diseñadores están realmente valorados.” Los miembros de RC Estepona – Sotogrande International agradecen la valiosa colaboración del equipo de MATECNO S.L., en la persona de Vicente Boscá, rotario de Xátiva, responsable de la ejecución de la obra. www.casares.es www.manilva.es www.sanroque.es www.javierbosca.com www.matecno.com

iNEWS

71


Monumento di Manilva

Monumento di Manilva

Monumento di Casares

Monumento di Casares

72

iNEWS

www.inewsswiss.com


salud

arturo_lukasik_oxygenius

PRESENTACIÓN TERAPIA HIPERBÁRICA OXYGENIUS

O

xygenius, el centro especializado en terapia hiperbárica inauguró ayer su nueva sede en Marbella. La firma, que acaba de abrir sus puertas en el exclusivo enclave de Puerto Banús, recala en la ciudad con un concepto único en el ámbito de la terapia hiperbárica. Las nuevas instalaciones ofrecen al usuario un ambiente acogedor alejado de las cápsulas hiperbáricas monoplaza (tipo camilla) habituales en el mercado español. En su lugar, los usuarios encuentran un habitáculo amplio, decorado como un salón de hogar, donde se puede leer, ver TV o disfrutar de una copa de champagne mientras se respira oxígeno puro al 100%.

“Queremos implantar en Marbella la misma filosofía existente que existe en el Norte de Europa con respeto a la medicina hiperbárica” “ explica Arturo Lukasaki uno de los dos promotores del proyecto. “en países como Polonia las sesiones de oxígeno puro están integradas en los hábitos rutinarios de los ciudadanos debido a sus excelentes resultados en tratamientos medicinales y estéticos”, comenta.

Un extenso listado de beneficios que anotaron con atención los numerosos invitados y representantes de medios de comunicación de la provincia que se dieron cita ayer en la presentación oficial de la firma donde disfrutaron de un cóctel amenizado por un show musical en directo.

www.inewsswiss.com

SEMANA DE PUERTAS ABIERTAS Con motivo de su reciente apertura, Oxygenius ha anucniado una semana de puertas abiertas del 25 al 31 de marzo. Durante estos días, se ofrecerán sesiones gratuitas a todos los que estén intersados en conocer sus instalaciones y las posibilidades de esta novedosa terapia. Para más información pueden llamar al número de teléfono 951 518 714 o acercarse a sus instalaciones situadas en la calle Ramon Areces 2, Edif Marina Banús Bloque 2, local 1 de Puerto Banús. La medicina hiperbárica es una disciplina médica basada en el oxígeno puro. Entre las múltiples aplicaciones de la oxigenoterapia hiperbárica destacan especialmente los resultados obtenidos en el ámbito de la salud: tratamientos de accidentes cerebro vasculares, fatiga crónica, fibromialgia, mejora de los efectos secundarios nocivos de los tratamientos del cáncer, recuperación física de lesiones e intervenciones quirúrgicas, tratamiento de necrosis, mejora del rendimiento físico y de la memoria, fortaleciendo el sistema inmunológico... Igual de importantes son los resultados obtenidos en el campo de la medicina estética: producción de colágeno, reducción manchas de la piel, rehidratación de la piel, tratamientos para regeneración de diversos efectos ocasionados por la edad, revitalización de células, activación de células madre, meejora de la firmeza de la piel...

iNEWS

73


communication

Buste de femme au chapeau (Dora)

IL CAPOLAVORO DI PICASSO BUSTO DI DONNA CON CAPPELLO (DORA), 1939

I

primi di settembre del 1939, allo scoppio della seconda guerra mondiale, Picasso si trasferisce a Royan sulla costa atlantica della Francia, dove il 30 novembre dipinge lo splendido Busto di donna con cappello (Dora). L’opera raffigura l’artista francese, allora amante e musa di Picasso, Dora Maar (1907– 1997). Tra la metà degli anni ’30 e gli inizi degli anni ’40 Picasso l’ha ritratta in moltissimi dipinti e sculture. Figura sofferente e al contempo minacciosa, la Maar incarna un tipo di donna molto particolare. Nell’opera in questione, Picasso rappresenta il volto visto contemporaneamente di fronte e di profilo, nella doppia prospettiva tipica del maestro spagnolo, ampliando le convenzioni della pittura ritrattistica con nuove possibilità di raffigurazione. La storia successiva del dipinto è altrettanto movimentata: sequestrato dai nazisti nel 1940, dopo la guerra è stato restituito al precedente proprietario Paul Rosenberg, per entrare infine a far parte della collezione di Ernst e Hildy Beyeler nel 1994, dopo vari trasferimenti in America e in Giappone. A partire dagli anni ’60 il quadro è stato presentato nell’ambito di importanti esposizioni a New York, Tokio, Nagasaki, Barcellona, Vienna, Parigi e Mosca, per citarne alcune.

il primato di museo d’arte più visitato della Svizzera. La collezione permanente comprende 400 opere di oltre 70 artisti tra cui Monet, Cézanne, Van Gogh, Matisse, Picasso, Klee, Giacometti, Warhol, Bourgeois, Richter, Baselitz e Tillmans. Dalla sua inaugurazione nel 1997, il museo sito a Riehen presso Basilea ha accolto oltre 7 milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo. www.fondationbeyeler.ch

La Fondazione Beyeler Aperta 365 giorni l’anno, la Fondazione Beyeler è uno dei musei di arte moderna e contemporanea tra i più belli al mondo. Grazie soprattutto a esposizioni di celebri artisti del XIX, XX e XXI secolo ha ottenuto riconoscimento a livello internazionale e ha conquistato

Figura Pablo Picasso, Busto di donna con cappello (Dora), 1939, olio su tela, 55,0×46,5 cm, Fondation Beyeler, Riehen/Basel, collezione Beyeler, © Succession Picasso / 2019, ProLitteris, Zürich, foto: Peter Schibli.

74

iNEWS

La mostra: il giovane PICASSO – periodo blu e rosa La mostra più importante realizzata finora dalla Fondazione Beyeler è dedicata ai dipinti e alle sculture del primo periodo di produzione di Picasso, i cosiddetti «periodo blu» e «periodo rosa», dal 1901 al 1906. È la prima volta che in Europa vengono presentati in una tale concentrazione e qualità i capolavori di questa importantissima fase, ritenuti pietre miliari sulla strada che portò Pablo Picasso a diventare l’artista più famoso del XX secolo. I quadri di questa stagione creativa sono considerati tra i più belli ed emozionanti dell’epoca moderna e si iscrivono tra le opere d’arte più prestigiose in assoluto; con ogni probabilità sarà la prima e irripetibile volta che verranno esposti tutti insieme in un unico luogo. È possibile ammirare i capolavori giovanili di Picasso nell’esposizione «Il giovane PICASSO – periodo blu e rosa» presso la Fondazione Beyeler fino al 26 maggio 2019.

www.inewsswiss.com


communication

BILLI (LEGA): LETTERA APERTA ALL’AMBASCIATORE CANDIDATO A FIRENZE PER IL PD Egregio Ambasciatore Marco Del Panta, In qualità di fiorentino emigrato in Svizzera ed in veste di Deputato della Repubblica Italiana seguo con attenzione le attività politico-diplomatiche tra i due paesi. Lei è ancora Ambasciatore italiano in Svizzera, la voce del nostro Governo nel paese rosso crociato, ma si presenta con il Pd alle prossime elezioni amministrative di Firenze a fine Maggio. Mi pare estremamente inopportuno che un Ambasciatore dello Stato italiano possa chiedere un’aspettativa dal suo incarico per www.inewsswiss.com

candidarsi alle prossime elezioni, ipotesi che Le consentirebbe di rientrare nel suo ruolo di Ambasciatore in caso di sconfitta elettorale. Le chiedo pertanto di presentare irrevocabili dimissioni dall’incarico di Ambasciatore oppure rinunciare alla candidatura per il Pd a Firenze. Tutto questo, qualora questa notizia venga confermata. Seguirò con attenzione gli sviluppi di questa vicenda. Cordiali saluti. Simone Billi iNEWS

75


moda

Abito monopetto con pantaloni jogging in lino, lana e seta 1.245,00 Panciotto dopiopetto in cotone 245,00 Maglia girocollo 100% cotone 179,00 Scarpa stringata punta bianca100% suede 258,00

PRIMAVERA-ESTATE 2019

..anche l’uomo veste in bianco 76

iNEWS

www.inewsswiss.com


Giacca camicia in lana, lino e seta 940,00 Panciotto dopiopetto in cotone 245,00 Pochette in cotone fantasia 69,00 Pantaloni jogging in lana e elastam 235,00 Scarpa con fibia e camoscio 375,00

Dinner Jacket 998,00 T-shirt girocollo 100% cotone 125,00 Pochette profilo impunture 69,00 Denim 5 tasche vintage 298,00 Mocassino 100% pelle cavallo 659,00

Giacca con pettorina in lino, lana e seta 1.025,00 Pochette in cotone fantasia 69,00 Maglia girocollo a righe 100% cashmere 399,00 Pantaloni beggy una pence 100% cotone 235,00 Scarpa stringata alta in suede 265,00 Borsone in canvas e pelle 685,00

L’uomo Eleventy sceglie il bianco per la prossima primavera. Bianco - dai toni naturali del sabbia, corda, mastice e bianco off whit - per giacche, gilet e abiti, adatti a tutti i momenti della giornata. www.inewsswiss.com

iNEWS

77


78

iNEWS

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

M

U

S

I

C

vasco rossi


cinema CLAUDIA GRASSO

DAL PREZIOSO RACCONTO DI RAFFAELE CANTONE

“IGNOTI GLI AUTORI DEL DELITTO”

RIFLETTORI PUNTATI SU:

QUANDO IL CINEMA DIVENTA CULTURA DELLA LEGALITÀ

L

a storia, e gli esempi da ricordare soprattutto per le nuove generazioni. Questa storia è quella di un giovane magistrato che risponde al nome di Raffaele Cantone, che studiando casi irrisolti si imbatte in un polveroso fascicolo, uno dei tanti reati dove gli autori del delitto sono ignoti. Inizia così il suo percorso verso la scoperta della verità. L’omicidio di un farmacista e l’omicidio di due ragazzi Gigi e Paolo, tre vittime innocenti della camorra. Colpevoli solo di essersi trovati nel posto sbagliato, nel momento sbagliato. Un intreccio di flashback tra gli anni ‘70 e ‘90 in cui si sviluppano le storie del farmacista Giuseppe Mascolo, dei suoi assassini, e della carriera del giovane magistrato che farà finalmente chiarezza sulla vicenda grazie al suo intuito e ad una preziosa testimonianza,. Mascolo, dopo una vita dedicata al lavoro e alla famiglia, e dopo aver costruito con tanti sacrifici una discreta posizione professionale, si trova a dove fronteggiare persone senza scrupoli che vogliono spezzare le sue ambizioni e i suoi sogni. Un progetto diventato oggi realtà grazie all’idea di Claudia e Francesco Toro, nipoti di Giuseppe Mascolo, l’attenta scenografia e direzione artistica di Giuseppe Esposito, la produzione di Rocco Galluzzi e Angela Arena, che ne hanno curato anche la regia; ma realizzato soprattutto grazie al contributo di un eccezionale gruppo di attori professionisti, nel cast Walter Lippa, Carmine Battaglia, Fabio Rondinelli, Ciro Petrone, Massimiliano Rossi. Grazie alla disponibilità di ragazzi che hanno sposato l’iniziativa e messo a disposizione gratuitamente il proprio lavoro e le proprie competenze professionali per la realizzazione del film e per onorare vittime innocenti e la figura di un Magistrato che si impegna ogni giorno per la giustizia Grande emozione per l’incontro e la consegna del file del film al Dott. Cantone, in occasione di un importante convegno sul tema della legalità, il quale ha commentato “sono contento che l’iniziativa sia andata avanti e credo davvero sia particolarmente meritoria. L’omicidio Mascolo fu oggetto di un’indagine particolarmente faticosa ma fu una grande soddisfazione scoprire a distanza di anni gli autori dell’omicidio, quando ormai non ci credeva più nessuno.

80

iNEWS

L’omicidio di Gigi e Paolo fu un fatto gravissimo che scosse davvero tanto le coscienze dei napoletani; due bravi ragazzi ammazzati solo per essersi trovato nel posto sbagliato! “ In attesa di vederlo sul grande schermo, vi diamo appuntamento per l’anteprima nazionale a Settembre, in occasione dell’inaugurazione del Cinema Corso di Sessa Aurunca – (CE ) . Italy, Sul red Carpet saranno presenti la produzione, il cast e le autorità. Alla proiezione del film seguirà l’official Party. CLAUDIA GRASSO

www.inewsswiss.com


cinema CLAUDIA GRASSO

CARMINE BATTAGLIA L’ATTORE E L’UOMO DELLA LEGALITÀ

C

omincia con un buon caffè, una chiacchierata tra amici, il pomeriggio in compagnia di Carmine Battaglia, attore napoletano, classe ‘94, noto per la sua partecipazione a “Gomorra – La Serie”. Nato e cresciuto a Napoli, quella vera, quella degli scugnizzi, ragazzi di strada ma allo stesso tempo colmi di grandi principi e valori. Carmine sin da bambino ha affiancato artisti di calibro internazionale. Nel suo percorso artistico ha interpretato molteplici ruoli: fondamentale per la sua crescita artistica l’interpretazione del piccolo “Aniello” al fianco di un grande colosso del cinema italiano come Beppe Fiorello, nel capolavoro “Giuseppe Moscati”. Il personaggio che ha lasciato il segno è sicuramente quello interpretato nella serie “Gomorra”. Carmine interpreta “Pino”, un ragazzo che nel frequentare cattive compagnie, si ritrova a far parte del clan dei Savastano, e diventa amico di fiducia del figlio del boss, Genny. Un personaggio che si può definire “crudele e spietato” nonostante la giovane età, che trasmette tutto il fascino del successo che si può ottenere con il “potere del male”. Un ruolo complesso da interpretare, un ruolo che non permette nessuna distrazione, riuscire a recitare senza mai tradire quello che è il suo vero spirito di bravo ragazzo, riuscire a trasmettere attraverso lo sguardo un essenza così lontana dalla realtà. Pino è stato il personaggio, che soprattutto nella sua città, gli ha dato notevole visibilità...un vero bagno di notorietà, tanto è vero che a distanza di molti anni dalla prima serie di Gomorra, passeggiare con Carmine per le strade di Napoli significa passeggiare con Pino. L’attore abbraccia e ringrazia i tanti ragazzi che gli si avvicinano e a nessuno nega uno scatto, un momento del suo tempo. Nello shooting realizzato dal fotografo Andrea Del Mastro, si colgono tutte le sfaccettature della personalità di Carmine; s’intuisce l’a-

www.inewsswiss.com

nima, lo spirito, andando in profondità ed ecco che all’uomo sicuro di se, deciso e razionale si scorge “ fuorifuoco” un artista, rispettoso ed umile, che ha voglia di inseguire il suo sogno senza però calpestare niente e nessuno. Carmine è un esempio per tutti i ragazzi che come lui inseguono un sogno e vengono fermati dalle difficoltà che solo chi è nato e cresciuto a Napoli può conoscere oltre che dalle insidie che il mondo dello spettacolo nasconde. Un artista sinonimo di cultura italiana virtuosa, generoso e con una volontà ferrea! CLAUDIA GRASSO

iNEWS

81


cinema LUISA PAVESIO

QUANDO IL CINEMA SCRIVE LA STORIA

TORNANDO A CASA” DI RICARDO PREVE

I

ncontro Ricardo Preve (il nome senza doppia è ispanico) nella mia Pegli, seduti di fronte a un aperitivo. Senza necessità di richieste, quest’ uomo alto e benportante inizia ad inanellare una cascata di parole che illustrano una vita avventurosa di “frequent flyer” dal Sudan al Kirghizistan, dal Tchad alla Mauritania, più i numerosi voli a/r dall’Argentina all’Italia. Ma dove torna Ricardo? A volte rientra a Buenos Aires, dove il padre, della famiglia dei noti industriali “riso Gallo”, lo ha portato ragazzo, già destinato al Consiglio di Amministrazione di cui tuttora fa parte. Ma il regista ritorna anche con regolarità alla casa genovese del padre, che aveva radici nel Ponente di Alassio e Laigueglia. E poi, come c’era da aspettarsi da una biografia di grande viaggiatore, un giorno il diporto si trasforma in professione, quella di documentarista autodidatta, armato di telecamera e muta da sub per Discovery Channel e National Geographic. E i documentari di Preve fanno fortuna, tant’è che il suo “Mondovino” resta nella storia del Festival di Cannes come unico documentario mai selezionato in rassegna. Dal film della realtà alla creazione di fantasia, dove a volte è solo regista ed altre anche sceneggiatore, ecco il primo lungometraggio di Preve, “José Ignacio“, del 2009 , mentre nel 2012 esce “Garzón” che, – liberamente tratto dal Don Chisciotte di Cervantes, diviene presto una serie di successo delle tv ispanoamericane. La storia di “Tornando a casa” inizia invece nel 2014, quando, in Sudan, il regista viene casualmente ad apprendere dell’esistenza nei fondali marini di un sommergibile italiano e, da vero uomo d’azione, non aspetta un secondo per immergersi a verificare se si tratti di verità o leggenda. Nasce così questo mix fra documentario e narrazione di sentimenti e lontananze, di vita e morte, ispirato alla storia di Carlo Acefalo, militare piemontese partito nel 1940 dal paesino di Castiglione Falletto alla volta dell’Eritrea, dove le forze italiane presidiano il Mar Rosso. La storia del giovane è purtroppo breve: il sommergibile Macallè, sul quale Acefalo è imbarcato, si incaglia nel desolato banco di sabbia “Barra Musa Khebir” e affonda, lasciando in mare il corpo senza vita di Carlo, unica vittima.

82

iNEWS

“Tornando a casa” non è solo un piccolo gioiello, costellato di preziosi cammei dove dotte spiegazioni forensi si alternano a splendidi paesaggi e a ricordi di quotidianità piemontese (lettere, interviste di paese, vecchie fotografie). Vi si trova anche il coraggio dei marinai di allora, la certezza degli ideali, così come la durezza burocratica dei dispacci e la dolorosa lontananza dalla patria. Il film è infine testimonianza della straordinaria avventura esistenziale di Preve, costretto alla trattativa con le autorità dei vari Paesi per ottenere permessi, fra i quali quello di riportare alla luce la salma del giovane e il delicato accesso agli archivi militari, dal Ministero della Difesa a quello della Marina, che lo autorizza a frequentare l’archivio romano di via Taormina, fino alla Farnesina ed all’Ambasciata del Sudan. Tutte le Autorità, racconta il regista, si mostrano all’inizio recalcitranti, ma si convincono in seguito della visibilità mediatica dell’opera. Il progetto ha rischiato più di una volta di incagliarsi come il sommergibile, soprattutto in Sudan, quando pirati e walid recapitano a Preve la richiesta di 50.000 euro a titolo di riscatto per il rimpatrio della salma, ulteriore appesantimento per un budget che, fra crowdfunding e produzione, raggiunge la cifra di 350.000 euro. Fra tutte, la spesa più singolare è la costruzione di un sommergibile a misura reale per un improvvisato set dove, in Patagonia, si imita la desolata aridità sudanese in un clima, ahimè, ben diverso, dove attori seminudi, unti d’olio e abbronzati, girano a 4 gradi sotto zero. Per fortuna, dopo tante fatiche arrivano anche le soddisfazioni, come la notizia, di poche settimane fa, del premio al Festival cinematografico dell’Uruguay, mentre il film inizia ad essere proiettato in vari paesi sudamericani, poco dopo il ritrovamento, strana coincidenza davvero, del sommergibile argentino San Juan, naufragato con 44 vittime a bordo. A loro, ed al ricordo doloroso della ventinovenne Erica, figlia del regista, scomparsa poco prima delle riprese, è dedicato il film.

www.inewsswiss.com


festival PINA BEVILACQUA

ROMA MOTODAYS IL SUCCESSO CONTINUA…

L

a tradizionale collezione di record per Roma Motodays, il Salone della Moto e dello Scooter che nella sua undicesima edizione ha raccolto alla Fiera di Roma gli appassionati di auto, moto e fuoristrada italiani. In crescita il numero delle Case partecipanti: in prova, infatti, su un tracciato fuori fiera di circa 20 km, le ultime novità di gamma delle giapponesi Honda, Suzuki e Yamaha, della bavarese BMW, delle austriache KTM e KSR, delle americane Harley-Davidson, Indian, delle italiane Askoll, Benelli, Ducati, Fantic, Mondial Moto, Moto Morini. E poi Husqvarna, Royal Enfield e Triumph, Kymco, Quadro. Con le sue circa 4000 prove su strada, la Riding Experience si è confermata l’attrattiva più gettonata da visitatori e addetti ai lavori. Bagno di folla, poi, per star come il leggendario Carl “King” Fogarty, quattro volte iridato in Superbike, per Tony Cairoli, nove volte campione del mondo di motocross e fresco vincitore, per l’undicesima volta, degli Internazionali d’Italia, per Hubert Auriol, il primo vincitore della Dakar sia in moto che in auto. La solita folla per gli spazi consacrati a ‘special’ e vintage, ad accessori e abbigliamento tecnico. Irresistibile, come sempre, il richiamo degli eventi legati al mototurismo, tra cui la borsa internazionale del turismo in moto e gli ‘A tu per tu’ della motoviaggiatrice Cromilla. E di quelli collegati alla customizzazione, tra cui lo Special Award, che ha premiato le migliori preparazioni nelle categorie ammesse (Sportiva/Street, Scrambler, Café Racer, Custom, Café Racer Vintage), una tappa dell’Italian Motorcycle Championship Custom BikeShow e il contest

www.inewsswiss.com

“Scrambler with coffee” (destinato ai segmenti Cafè Racer e Scrambler). Come ogni anno, appuntamento con le evoluzioni di funambolici stunter e freestyler nelle aree adiacenti ai padiglioni della Fiera, che hanno accolto, per la prima volta in Italia, il Circus Trial Tour,uno spettacolo freestyle che conta 5 differenti discipline. Con gli stand di istituzioni, militari,forze dell’ordine, con le lezioni di Sicurezza Stradale della Polizia, con i corsi formativi tenuti da istruttori federali (guida sicura su strada, introduzione alla guida, avviamento al terreno sterrato/fuoristrada). Con la mobilità elettrica, che nella nuova Green Riding Experience ha ospitato prove di modelli elettrici e percorsi indoor per e-bike, hoverboard, monopattini. Per la prima volta sono state presentate con un anno di anticipo le novità della prossima edizione, in programma dal 5 all’8 marzo del 2020, sempre alla Fiera di Roma. Protagoniste assolute le tematiche legate alla sostenibilità. Perciò già da quest’anno Roma Motodays ha prestato una speciale attenzione al futuro della mobilità urbana e del commuting nei tradizionali spazi ad essi dedicati. Per esempio, l’Innovation Day, che permette a startup di presentare i loro progetti per il mondo delle due ruote ed a speaker internazionali di portare sul palco la propria esperienza nel mondo della mobility. L’Innovation Breakfast, importante momento di incontro tra startup, aziende e investitori del settore. Il contest riservato alle università per idee e soluzioni innovative finalizzate ad una mobilità sempre più efficiente, sicura e attenta all’ambiente. iNEWS

83


INEWSSWISS.COM

PENELOPE CRUZ BIENNALE DI VENEZIA ART MARBELLA 19 MARC CHAGALL A NAPOLI PICASSO BEAUTIFUL PUGLIA LA DAUNIA IN SVIZZERA

swiss multikulti lifestyle magazine, www.inewsswiss.com - Nr. 52 JUNI - JULI 2019 - Chf. 4.-

LEONARDO DA VINCI VINITALY PEPPE ZULLO VOLOTEA GOLF & WELLNESS ITB BERLINO MANIFESTA 14

Profile for iNEWS - Swiss Multikulti Lifestyle Magazine

INEWS GIUGNO LUGLIO 2019 N. 52  

INEWS GIUGNO LUGLIO 2019 N. 52  

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded