__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

INEWSSWISS.COM

swiss multikulti lifestyle magazine, www.inewsswiss.com - Nr. 55 APRIL - MAI 2020 - Chf. 4.-

MICHELLE HUNZIKER VISIT MALTA PEPPE ZULLO PUGLIA SICILIA

LATE GOST


Per Tsch-TschTschesco.

Partner ufficiali:

E per Cesco.


swiss multikulti lifestyle magazine, www.inewsswiss.com - Nr. 55 APRIL - MAI 2020 - Chf. 4.-

INEWSSWISS.COM

Inhalt

INEWSSWISS.COM

MICHELLE HUNZIKER VISIT MALTA PEPPE ZULLO PUGLIA SICILIA

LATE GOST

EDITORIAL 5 EDITORIALE GABRIELLA GROPPETTI 7 EDITORIALE PINA BEVILACQUA 9 EDITORIAL BY BRIAN BASNAYAKE 11 EDITORIAL CARLA BORDOLI CRIVELLI VISCONTI TURISMO 12 MALTA 18 EGM HOTELS SPECIALE BIT 20 IL GIRO DI SICILIA 22 “SICILIA GRANDI EVENTI 2020” 24 LA PUGLIA SI RACCONTA IN 34 ITINERARI TRA ARTE, CULTURA, CAMMINI, OUTDOOR, SAPORI E GUSTO ENOGASTRONOMIA 29 PEPPE ZULLO 30 SALONE DEL GUSTO: TERRA MADRE 32 RISTORANTE LUIGIA 33 LA CROCE ROSSA: SVIZZERA E COOP 34 L’IMPEGNO DEL GOVERNATORE DE LUCA: GIRO D’ITALIA 2021 NELLA VALLE DEL VINO SANNITA AUTO 38 FCA - FIAT TIPO MORE: FÜR ALLE, DIE MEHR WOLLEN 40 BEST CARS 2020» LESERWAHL: ALFA ROMEO, ABARTH UND FIAT WIEDER UNTER DEN SIEGERN 42 FERRUCCIO LAMBORGHINI AUTO MUSEUM REAL ESTATE 44 TONINO LAMBORGHINI - RESIDENCES DUBAI 46 TONINO LAMBORGHINI - RESIDENCES BALNEÁRIO CAMBORIÚ, BRASILE FINANCE & TOURISM 48 FITUR 2020 COMMUNICATION 50 COVID-19: PANIC AMIDST A 21ST CENTURY PANDEMIC 52 PIEMONTESE: “A SAN NICANDRO GARGANICO I CITTADINI DIVENTANO PROPRIETARI DELLO STORICO CASTELLO” MUSICA E FESTIVAL 55 MARGO MENGONI 58 BERLINALE 2020: I VINCITORI CINEMA 59 LA REGIONE PUGLIA, LA FONDAZIONE APULIA FILM COMMISSION E L’AGENZIA PUGLIAPROMOZIONE INSIEME PER ACCOGLIERE IL CAST DEL FILM “SI VIVE UNA VOLTA SOLA” NELL’INCONTRO STAMPA AL CINEPORTO DI BARI. ARTE 65 ARTE CAMPÀ 66 GIOVANNI MASUNO - PARADISE LOST 68 LATE GOST 73 LUIGI COLARULLO: SUSPENDED 74 VIVI - VISIONI VIRTUALI 76 ALFRED HITCHCOCK NEI FILM DELLA UNIVERSAL PICTURES 77 ASTRAZIONI - ESPOSIZIONE DI PAOLO UGOLINI E FRANCESCO SANFILIPPO 78 PAOLO UGOLINI 80 FRANCESCO SANFILIPPO 82 DA PINOCCHIO A DANTOCCHIO: IL NUOVO MULTIEXPERIENCE MUSEUM DI FIRENZE 83 ANNI VENTI IN ITALIA – MOSTRA “L’ETÀ DELL’INCERTEZZA” iNEWS

Foto di copertina: LINO SPRIZZI

3


Impressum VERLAG

Antonio Campanile

EDITORIAL DIREKTOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIREKTOR MARKETING

Salvo Buttita

CHEFREDAKTOR

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

Director Ereignisse Piero Melissano

REDAKTION

Inews Salento

Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Social Media Manager REDAKTION CHUR

REDAKTION TESSIN - Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

REDAKTION VIENNA Erich Bauer

REDAKTION BASILEA

Vito Di Biccari Basilea Paola Terranova Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Salvo Buttita

REDAKTION MOSCA Antonella Rebuzzi

REDAKTION ROM Alfonso Benevento Michele Viola

Brenda Liquadri Angela Verde

REDAKTION MAILAND

Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

REDAKTION TURIN Francesco Mescia

REDAKTION SIZILIEN Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAKTION APULIEN Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAKTION PARMA Giuseppe Laudano

REDAKTION BOLOGNA Simona Artanidi

REDAKTION ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Nicoletta Altieri

Brenda Liquadri

REDAKTION BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager

MARKETING/ WERBUNG antonio@campanile.ch

GRAPHICS: Morena Fiorucci ART DIRECTOR: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHER Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABO-SERVICE

antonio@campanile.ch

DRUCKZENTRUM

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

VERLAG

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch www.inewsswiss.com Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe

4

iNEWS

NUCCIO MASTROGIACOMO PRESS PHOTOGRAFER & SPORTFOTOGRAF NEWS - RADIO - MEDIA G.N.S. PRESS


Liebe Leserinnen, liebe Leser, Nein, ich werde nicht über das zur Pandemie erklärte Corona-Virus schreiben obwohl das Thema weltbeherrschend präsent ist und die Unsicherheit wie damit umzugehen ist täglich wächst. Ich kann uns allen nur Mut und eine Spur Restoptimismus wünschen in der Hoffnung dass unser Leben in absehbarer Zeit wieder normal und ohne all die diffusen Ängste verläuft. Die neue Mode wird folgendermassen beschrieben: „Es gibt kein hässlich oder lächerlich mehr, nur anders“. Gut, das „anders“ ist manchmal gewöhnungsbedürftig. Zum Beispiel der Auftritt von Billie Eilish an der Oscar-Verleihung. Im Outfit von Chanel, einer überdimensionierten Jacke bis zu den Knien, glich die zierliche Person einem singenden Kartoffelsack mit grünen Haaren. Auch in der Modestrecke der neuesten ELLE sind fast alle Teile überdimensioniert: Hosen extra weit und über die Schuhe fallend (die Schlaghosen der 70er lassen grüssen), Blazer und Blusen mit riesigen Schulterpolstern, Mäntel bis zur Ferse reichend, weite Faltenjupes bis zur Wade: Der von Puristen geschätzte Slogan „weniger ist mehr“ ist diese Saison nicht mehr gültig. Je mehr Stoff bei einem Kleidungsstück verarbeitet wurde je trendiger ist das Teil. Eigentlich sehr frauenfreundlich denn Size Zero ist auch bei Models kein Muss mehr weil die Outfits genügend Platz für Rundungen aufweisen. Colour-Blocking ebenfalls ein grosses Thema: Orange zu Türkis, ein Mix aus Knallrot, Pink und Rosa, Grün und Violett, das alles in psychodelischen Mustern - wer lästert könnte den Designern dieser Mode einen Dauertrip auf LSD nachsagen. Ich persönlich finde die neuen Trends gut weil wie erwähnt herzerfrischend anders. Weg vom Modediktat, hin zum Fundus im eigenen Schrank, stöbern in Vintagestores oder im Brockenhaus, Ungewöhnliches wagen, nicht passendes mischen und schon mutiert man zur eigenen, unverwechselbaren Stilikone. Auch wenn es nur für diese eine Saison ist. Also, liebe Leserinnen: Bringen wir Farbe ins Strassenbild, Fröhlichkeit in den Sommer, Buntes in die Büros, seien wir modisch einfach mal „anders“. Herzlich Ihre Gabriella Groppetti

iNEWS

5


Impressum EDITORE

Antonio Campanile

DIRETTORE EDITORIALE Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIREZIONE Marketing&Pubblicità Salvo Buttita

CAPO REDATTORE

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

DIRETTORE EVENTI Piero Melissano

Inews Salento

REDAZIONE

Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Social Media Manager REDAZIONE COIRA (CH)

REDAZIONE TICINO - Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

REDAZIONE VIENNA Erich Bauer

REDAZIONE BASILEA

Vito Di Biccari Basilea Paola Terranova Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Salvo Buttita

REDAZIONE MOSCA Antonella Rebuzzi

Brenda Liquadri

REDAZIONE ROMA Alfonso Benevento Angela Verde

Michele Viola

REDAZIONE MILANO

Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

REDAZIONE TORINO Francesco Mescia

REDAZIONE SICILIA Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAZIONE PUGLIA Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAZIONE PARMA Giuseppe Laudano

REDAZIONE BOLOGNA Simona Artanidi

REDAZIONE ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri REDAZIONE BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager MARKETING/ PUBBLICITÀ antonio@campanile.ch

GRAFICA: Morena Fiorucci ART DIRECTOR: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani FOTOGRAFI Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABBONAMENTI

Redaktion@italiannews.ch

TIPOGRAFIA

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

CASA EDITRICE

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe www.inewsswiss.com

6

iNEWS

VINCITORE SANREMO 2020: DIODATO CON FAI RUMORE.

vince il PREMIO DELLA CRITICA MIA MARTINI assegnato dalla sala stampa roof dell’Ariston. premio LUCIO DALLA assegnato dalla sala stampa radio-tv-web del Palafiori


Cosa ci aspetta? È arrivato un nuovo anno, che porta con sé le solite paure e le solite speranze di tutti gli anni. Un anno bisesto, che non necessariamente sarà funesto. Ma impegnativo SÌ. Il 2020, proclamato dalle Nazioni Unite “Anno Internazionale della Salute delle Piante” (vero scudo contro fame, inquinamento e povertà), sarà l’anno dell’Expo di Dubai, delle Olimpiadi di Tokyo, della quarta presidenza di turno tedesca UE, forse della Brexit. Dovrà necessariamente essere un anno di svolta nella gestione delle migrazioni. Un problema ineludibile per varie parti del globo, dalla corazzata statunitense al Belpaese, dove, se l’Unione Europea non farà davvero e finalmente qualcosa, gli attuali 530mila migranti potrebbero diventare nei prossimi 12 mesi 670mila. Altro tema caldissimo dell’agenda 2020 l’Ambiente. Gli effetti del surriscaldamento terrestre (alluvioni, siccità, ondate di calore, lo spostamento di specie animali e vegetali verso maggiori latitudini o altitudini), i cambiamenti demografici (si stima che nel 2030 ci saranno più di 41 mega-city e che nel 2050 il 64% della popolazione mondiale vivrà in città), la scarsità delle risorse (si stima che nel 2030 quasi la metà della popolazione terrestre vivrà in aree ad alto stress idrico e che nel 2050 il fabbisogno alimentare richiederà un aumento della produzione agricola del 70%) impongono ormai una fattiva cooperazione tra Paesi per raggiungere un generale sviluppo sostenibile. Tra le maggiori sfide planetarie anche quest’anno ci sarà quella economico-finanziaria, che dovrà fare ancora i conti con una spaventosa concentrazione della ricchezza, con la crescita delle esportazioni e del PIL globale, sempre più concentrati nei colossi asiatici (che valgono il 35,4% della produzione mondiale, contro il 28,5% del Nord America e il 26,6% dell’Europa), con il ruolo dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa), 5 nazioni accomunate da una situazione economica in via di sviluppo, da abbondanti risorse naturali strategiche, da una forte crescita del prodotto interno lordo, dalla massiccia presenza nel commercio mondiale. Probabilmente qualche risposta arriverà dal 26 al 28 marzo, quando la città di Assisi, la città di San Francesco, luogo simbolo di un umanesimo della fraternità, ospiterà “The Economy of Francesco”, un evento a cui papa Francesco ha invitato i giovani economisti, imprenditori e change-makers di tutto il mondo, senza distinzioni di credo, per esortarli a praticare un’economia più giusta, inclusiva e sostenibile. In questo 2020, dunque, come ogni anno, non mancheranno incognite, problemi, ma anche ‘stelle comete’, straordinarie indicazioni per poter dare un senso al nostro vivere quotidiano e a questo nostro tempo. Cari Auguri Pina Bevilacqua

iNEWS

7


Impressum EDITOR

Antonio Campanile

MANAGING EDITOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIRECTOR Marketing/ADVERTISING Salvo Buttita

CHIEF EDITOR

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

DIRECTOR EVENTS Piero Melissano

Inews Salento

EDITORIAL BOARD Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Social Media Manager EDITORIAL BOARD IN CHUR (CH) EDITORIAL BOARD IN TICINO Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

EDITORIAL BOARD IN VIENNA Erich Bauer

EDITORIAL BOARD IN BASILEA

Vito Di Biccari Basilea Paola Terranova Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Salvo Buttita

EDITORIAL BOARD IN MOSCA Antonella Rebuzzi

Brenda Liquadri

EDITORIAL BOARD IN ROMA Alfonso Benevento Angela Verde

Michele Viola

EDITORIAL BOARD IN MILANO Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

EDITORIAL BOARD IN TORINO Francesco Mescia

EDITORIAL BOARD IN SICILY Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAZIONE PUGLIA Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

EDITORIAL BOARD IN PARMA Giuseppe Laudano

EDITORIAL BOARD IN BOLOGNA Simona Artanidi

EDITORIAL BOARD IN

ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri

EDITORIAL BOARD IN

BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager

MARKETING/ PUBBLICITÀ antonio@campanile.ch

GRAPHICS: Morena Fiorucci WEB MASTER: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHY Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABO SERVICE

Redaktion@italiannews.ch

PRINT: VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich PUBLISCHER: MEDI@PRESSE SWISS

Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch Abbonamento/soci CHF 100.- Monatliche Ausgabe www.inewsswiss.com

8

iNEWS

2° POSTO FRANCESCO GABBANI CON VICEVERSA vince il PREMIO TIM MUSIC


Dear Readers Spring is in the air..! As the song goes and like other forms of tribute in the exaltation of the season of renewal and welcome attempt to convey, no other time of the year ever evokes so much hope, yearning, and expectation like the spring. Even if it is not everyone, a lot of us are looking forward to bidding adieu to a winter that has in the main been rather clement in Switzerland as well as in most parts of Europe. It has been a winter with sudden, unusual upsurges in temperature and generally low snowfall in the lowlands, in particular. Indeed, climate change is the current catchphrase that may best describe the unusual winter weather we have been through this season. It has been an unusual winter for sure, and we already know this spring will indeed be like no other we have known before. The new and deadly respiratory disease that originated in China in the latter part of last year is rapidly turning to grip the world. It has now put paid to any notion that the northern hemisphere could enjoy a typical spring this year. As the Roman proverb “All roads lead to Rome� alludes, the coronavirus termed Covid-19, ironically and perversely took the straight path to Italy, although not precisely to Rome. Within months of its detection in China, the disease had rapidly become a pandemic that the World Health Organization WHO had feared from the very outset. From Italy, the illness has conceivably crossed every border in Europe to infect swathes of communities and populations across the continent. After Italy, country after country in Europe is going into lockdown, to use the current buzzword, as schools and universities are closed, shops, sports centres and entertainment venues are shut, ports and airports cease operations for passenger traffic, and state borders are all but sealed. Along the way, people infected and the death toll will keep rising, not just in Europe but all across the globe. The pandemic has now reached every continent, and nowhere else are the people more vulnerable to the disease than Africa. It is a continent where medical facilities are in short supply and financial resources limited. However, the pandemic will hit severely other low-income states in Asia and Latin America as well. Furthermore, it will damage the economies of every nation and region, and, indeed, the whole world. The world economy has recovered only just lately from the effects of the devastating financial crisis of 2008. Now, it is about to get another hefty jolt from a pandemic that threatens to last a long time across the globe. However, one thing is certain about the damage to the world economy: the recovery from the shock will be easier and quicker after the pandemic than it was after the financial crisis in 2008. In the meantime, life in large swathes of Europe is coming almost to a standstill, while the Authorities try to contain the epidemic until such time as a viable vaccine is developed to counter the virus. Not only has the raging pandemic demanded the undivided attention of the political establishment in Europe; it has also dominated the media coverage in Europe and in many other parts of the globe. It has managed to consign the reportage of sports, the migrant crisis and the stand-off between Greece and Turkey in the Aegean Sea, the presidential primaries in the US, and the trade talks between Britain and the EU if not into oblivion, then surely to relative insignificance. We too have fallen to that trap, you might indeed say! However, we do wish you sincerely a healthy springtime with as much joy as you possibly can find. We also want you to have a pleasant read in this magazine! Yours sincerely, Brian Basnayake iNEWS

9


Impressum EDITOR

Antonio Campanile

MANAGING EDITOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIRECTOR DE MARKETING Y PUBLICIDAD Salvo Buttita

JEFES DE REDACCIÓN

Gabriella Groppetti (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (Redacción inglesa/englische Redaktion) Mursia Petrachi (Redacción italiana/italienische Redaktion) Carla Bordoli Crivelli Visconti (Redacción española/spanische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

EVENTOS DIRECTORA

Piero Melissano

Inews Salento

REDACCIÓN

Daniela Corti Cristiana Corti Gabriele Beate Hefele Juan Miguel Fernández Pérez Luana Pavesi Sofia Beatrice Monti Luciano Pappalardo Pasquale Balestriere María José Camacho Pérez Corina Butas Vania Penha da Silva Rosario Martínez Rodríguez

INFORMACIÓN EN ALEMÁN, COSTA DEL SOL Gabriele Beate Hefele (periodista)

REDACCIÓN BRASILE EN SUD AMERICA Sheila Fisler Daniella Cabral

Public Relations Sales Manager

MARKETING/PUBLICIDAD

antonio@campanile.ch www.inewsswiss.com - www.campanile.ch

RELACIONES PÚBLICAS

Luana Pavesi (marketing/PR/comunicación)

FOTOGRAFÍA Antonia Guerra Eugenio D'Hamo

INFORMACIÓN MÚSICA Y EVENTOS Sofía Beatrice Monti (cantante y relaciones públicas)

MODA, IMAGEN, TENDENCIAS María José Camacho Pérez (hair stylist) Vania Penha da Silva (beauty consultant)

GASTRONOMÍA NACIONAL E INTERNACIONAL

Bruno Filippone Luciano Pappalardo (Chef) Pasquale Balestriere (Chef) Zulay Gómez Carrera (ayudante Chef y control aprovisionamiento)

INFORMACIÓN ECONOMÍA Y FINANZAS Juan Miguel Fernández Pérez (derecho y fiscalidad) Eduardo V. Luján

COLABORADORES WEB Y REDES SOCIALES Vincenzo Ottavio Pesce (web&community manager) Lidia Moreno Aguilar (community manager) Corina Butas (social networker)

INICIATIVAS SOCIO-CULTURALES Rotary Club Estepona Sotogrande International

www.inewsswiss.com

10

iNEWS

3° POSTO I PINGUINI TATTICI NUCLEARI, CON RINGO STARR www.inewsswiss.com


Queridos lectores: Cuando termina un año, siempre tenemos la esperanza de que el siguiente será mejor, más feliz, con menos estrés y más satisfacciones. Pero en realidad este año no sabemos lo que nos deparará el futuro… Es cierto que el ser humano tiene mucha fuerza, de volver a levantarse trás cada derrota o dificultad, e individualmente somos todos creativos, fantasiosos, capaces de evolucionar y de superarnos, siempre. Pero, por otra parte, en estos tiempos tan revueltos a nivel político, religioso, económico y social hay mucha manipulación de información y de comunicación, por lo que pienso que en realidad no tenemos el pulso real de la situación del mundo en el que vivimos o al menos de hacia dónde vamos. Parece casi que hayamos perdido el control del timón de nuestro barco. Hemos visto grandes cambios en Europa, la desconfianza entre Paises que deberían luchar juntos para un futuro común mejor, cuidando el interés común de todos los ciudadanos. En España vivimos momentos difíciles: el Independentismo, un Gobierno que no termina de formarse, y un Rey muy estimado pero con las manos atadas por una Constitución que no le deja espacio para realmente tomar las riendas de la situación que está creando cada vez más incertidumbre entre los españoles de bien, los españoles que aman España, un País con historia, tradición, cultura y un profundo orgullo patrio. Pero no quiero terminar esta carta a los lectores de Inews sin decir que confío plenamente en el sentido común y en la sensatez del ser humano y de “algunos” de los gobernantes de los Paises de todo el mundo para que realmente las cosas, después de este período tan lleno de violencia, pérdida de valores, y desilusiones, vayan mejorando. Así que les deseo a todos un espléndido año 2020 con mucha energia positiva, optimismo, ilusión y ¡¡amistades sinceras!! ìUn abrazo desde la Costa del Sol y de la glamorosa Marbella! Carla Bordoli Crivelli Visconti

www.inewsswiss.com

iNEWS

11


M

12

iNEWS

A

L

T

A

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

T R A V E L

M A L T A www.inewsswiss.com

iNEWS

13


travel

TONY CAMPANILE FOTO MEDIAPRESSE SWISS

MALTA LA GEMMA CULTURALE DEL MEDITERRANEO UN ITINERARIO ALLA SCOPERTA DI MALTA, GOZO E COMINO, DAL SANTUARIO IPOGEO DI HAL SAFLIENI ALLE OPERE DI CARAVAGGIO DELLA CATTEDRALE DI SAN GIOVANNI.

N

ella piccola isola di Malta troverete un incredibile concentrato di arte, storia e gastronomia. L’arcipelago maltese ha tutto del fascino mediterraneo e possiede un patrimonio archeologico unico, avendo subito l’influenza di popoli come i Fenici, i Greci, i Cartaginesi, i Romani, gli Arabi e i Normanni. Un vero e proprio anello di congiunzione tra l’Europa, di cui rappresenta il primo abbozzo, e l’Africa. Spesso assimilata a semplice destinazione per viaggi linguistici, l’isola che vide nascere l’Ordine dei Cavalieri ha in realtà molte più carte da giocare: dall’arte alla storia, che la vollero come terra d’adozione e spunto pittorico per alcuni protagonisti del tempo come fu per Mattia Preti, allievo indiretto del Caravaggio, Malta raccoglie l’eredità di un primo abbozzo di Europa, e un patrimonio archeologico unico: vale davvero la pena fare un viaggio in quest’isola per scoprirlo. E’ il caso dei dolmen, risalenti all’età del bronzo, delle tombe puniche rinvenute o ancora dei resti di ville romane, testimonianza palpabile

14

iNEWS

di una civiltà che dal 5200 a.C. e per tre millenni ha costruito sull’arcipelago luoghi di culto. Riconosciuti patrimonio dell’umanità dall’Unesco, i templi, tra cui quelli di Hagar Qim e Mnajdra fra i più conosciuti, sono aperti al pubblico. Parte integrante della ricchezza architettonica dell’isola, le città maltesi sono la principale immagine del mosaico culturale e paesaggistico che compone l’arcipelago. Su tutte, ecco la capitale La Valletta, vero e proprio festival di costruzioni barocche come la splendida cattedrale di San Giovanni, la cui età storica è scandita da una patina di argille litificate e limestone a globigerina, attore principale del colore sabbioso che caratterizza l’isola e i suoi edifici. Le corte distanze che legano le città sulla costa est (dalla capitale a St. Julians, fino all’estremo punto nord dell’isola, Mellieha, raggiungibile in una mezz’ora di macchina) permettono di proseguire la serata in luoghi più animati. Fate un salto a Paceville, il quartiere movida di St. Julians: i bar fanno gomito a gomito in questa maglia di stradine alle spalle del porto, in un’atmosfera festiva prolungata per tutto l’anno.

www.inewsswiss.com


Chi ama la calma scelga Gozo. Più verde dell’isola madre e preferita dai maltesi per i soggiorni estivi, quest’appendice cresce in popolarità e concentra al momento le principali attese turistiche dell’archipelago. Non hanno minor fascino le sue città e villaggi, immersi in un’atmosfera d’altri tempi e presenze uniche sul territorio isolano: è il caso dell’affascinante Mdina e della vicina Rabat, ma anche di paesi come Naxxar, testimoni di un’epoca antica e di un tempo più lento, scandito al ritmo delle attività quotidiane e di un silenzio particolare. Capitale di Malta, La Valletta ha saputo conservare le tracce del proprio passato: l’isola un tempo era nelle mani dei Soldati di Cristo e costituiva uno dei bastioni della cristianità. La sua architettura barocca e il tracciato geometrico a scacchiera delle vie sono le caratteristiche dominanti che si notano non appena si entra in città. Su entrambi i lati di Republic Street, l’arteria principale della città, sono raggruppati i monumenti principali, fra boutique di lusso e negozi di souvenir. La Valletta non si limita solo alla propria ricchezza culturale poiché è vicinissima a Trois Cités e al famoso sito preistorico di Tarxien. È una tappa obbligata per tutti gli amanti della storia che vogliono saperne di più sui misteriosi cavalieri dell’Ordine di Malta. I monumenti e i musei della Valletta sono numerosi: il Palazzo dei Grandi Maestri, gli alberghi storici, il Museo nazionale di Belle Arti, il Museo Nazionale di Archeologia, la Cattedrale di San Giovanni. Visitate il teatro Manoel a Merchant’s Street (graziosissimo mercato aperto il mattino presto in settimana) per godere al meglio dei tesori architettonici della città. Non dimenticate di fare un giro sui bastioni, di godervi gli Upper Baracca Gardens nel tardo pomeriggio e di fare il giro del porto in barca.

www.inewsswiss.com

Valletta : cosa fare ? Una passeggiata sulle fortificazioni della Valletta, una delle rare cinte murarie difensive ancora esistenti al mondo. A partire dal City Gate (la porta). Occorre circa 1 ora e mezza per percorrerle. Recartevi anche alle Tre Città, situate sulla sponda opposta del Grand Harbour, per ammirare l’architettura della Valletta. Incantevole al calar del sole. Passeggiate anche per Vittoriosa, una specie di La Valletta in miniatura. La concattedrale di San Giovanni e il palazzo dei Grandi Maestri. Il primo monumento si trova a Saint-John’s square, il secondo in Palace Square. Realizzata nel XVI secolo, la cattedrale di San Giovanni è notevole per gli interni (marmo, dorature e pitture a profusione). Egualmente risalente al secolo XVI, il Palazzo dei Grandi Maestri trabocca di sale decorate da arazzi e mobili d’epoca. Scopri La cattedrale di San GiovanniMalta Considerata fra i primi esempi completi di barocco, la Cattedrale di San Giovanni alla Valletta testimonia dell’importanza che i Cavalieri rivestirono sull’isola. Al limite dell’austero nelle sue parti esterne, la Cattedrale sfoggia al suo interno un’architettura dove l’horror vacui è il principale protagonista. Impreziosita da una decorazione fittissima ? le navate accolgono numerosi motivi scolpiti, dalla Croce di Malta, ai fiori, agli stemmi - fu costruita dall’architetto militare Mattia Preti, apprezzato artista locale che nel corso della sua opera venne subì anche l’influenza del genio del Caravaggio: sono sue la maggior parte delle opere esposte nella Cattedrale. Di Caravaggio resta all’interno un segno importante: è la Decollazione di San Giovanni Battista, dipinto del 1608 che valse all’artista la Croce di Malta. Conservata nell’Oratorio, la tela è quotidianamente visitata. Luogo sacro per i Cavalieri, la pavimentazione è formata da pietre tombali in marmo policromo che conservano le spoglie di nobili

iNEWS

15


famiglie dei secoli XVI, XVII e XVIII. Vi si trova anche la tomba del fondatore della città, il Gran MaestroJean Parisot de la Vallette. Consacrata nel 1816 dal Papa, San Giovanni condivide il suo status con la cattedrale di San Paolo a Mdina. Costruita su un litorale interamente roccioso, che costeggia diverse piccole insenature, la stazione balneare di Saint-Julians concentra in sè tutta l’animazione di Malta. Qui, la vita notturna prevale sulle attività culturali. Nei dintorni della baia si succedono bar, ristoranti e pizzerie. Nel quartiere di Paceville, sulla parte alta della baia, la vita notturna raggiunge l’apice. Tutti i giovani maltesi vengono a trascorrere la notte in questo posto elegante, animato e molto trendy. All’estremità della baia di San Giorgio, l’unico e imponente casinò di Malta accoglie la popolazione locale e i turisti. Nel corso della giornata, le attività nautiche guadagnano terreno sull’aspetto festaiolo. I numerosi hotel di lusso offrono una vasta gamma di sport nautici con diverse possibilità per praticare l’immersione subacquea. Se desiderate evitare il casinò, i bar, i ristoranti e le discoteche di Saint-Julians, dovrete necessariamente uscire dalla città. E purtroppo, ad eccezione del palazzo Spinola, perso in mezzo a costruzioni moderne, la stazione balneare non offre particolari centri d’interesse. St Julians : cosa fare ? Sports nautici. Windsurf, jet ski o sci nautico. Potrete fare la spesa nei centri commerciali della baia di St-Georges Bay. Realizzare escursioni nei dintorni, cominciando dalla Veleta. Per distrarvi, non esitate a trascorrere una giornata sull’isola di Comino oppure a Mdina. Per i siti neolitici, vi consigliamo di visitare in primo luogo i tempi di Trarxien a sud de La Valeta. Si tratta del complesso più vasto di Malta. Il fronte marittimo di Saint-Julians, dove potrete vedere qualche

16

iNEWS

barca variopinta danzare sull’acqua. Esiste ancora una fila di abitazioni maltesi tradizionali. Sfoggiano le tipiche gallerie, balconi di legno chiusi e colori vivaci. Potrete anche immergervi nella vita notturna della stazione (sconsigliabile a coloro che desiderano coricarsi presto): ristoranti e bar alla moda, discoteche e night club. Scopri L’isola di GozoMalta Più feconda di Malta, sono numerosi i maltesi che durante l’estate la preferiscono alla loro isola: merito di una maggior naturalezza, e di prodotti freschi che costituiscono un vero e proprio patrimonio di tipicità. Del resto, dalle abitazioni alla gastronomia, c’è a Gozo un’anima particolare. Terra di contadini, tradizione la volle meta degli amori di Ulisse. Per questo i suoi abitanti la chiamano l’ isola di Calypso, un fascino confermato da alcune bellezze naturali contenute al suo interno: come Ramla Bay, la cui spiaggia rossa è protetta, e fino a pochi mesi fa la celebre Finestra Azzurra, un’imponente arca naturale scavata dal mare e dal vento, che è venuta a mancare a marzo 2017 dopo una violenta bufera. Il nome stesso dell’isola verrebbe dal latino gaudium. Gozo è più piccola rispetto all’Isola di Malta, tuttavia è una destinazione molto apprezzata dalle coppie adulte provenienti dal Regno Unito e dalla Germania. È possibile trovarvi chiese accanto a storiche fortificazioni e templi megalitici, che rendono Gozo un’eccellente sito di escursione. L’isola di Gozo è situata a 4 km a nord-ovest dell’isola di Malta e si estende per circa 14 km di lunghezza e 7,25 km nel punto di massima larghezza. La sua particolare forma ispirò i greci nella scelta del nome: gaulos (una specie di naviglio rotondo). Tony Campà Foto Mediapresse Swiss

www.inewsswiss.com


BUONO A SAPERSI Arrivo: Air Malta vola ogni giorno da Zurigo a Malta. airmalta.com Alberghi: Malta: il moderno Quaint Boutique Hotel con dodici stanze nel centro storico di Rabat. quainthotelsgozo.com Gozo: Il Duke Boutique Hotel nel mezzo di Victoria offre una vista meravigliosa. Le suite dispongono di jacuzzi sulla terrazza. thedukegozo.com Gastronomia: una visita alla cantina Meridiana è utile per una degustazione di vini.meridiana.com.mt All’Eco-Estate di Vincent a Mgarr puoi scoprire tutto sull’agricoltura biodinamica e fare shopping. vincentecoestate.com A Gozo, gli intenditori dovrebbero visitare i “Vini e Capricci”: ristorante, vinoteca, negozio e scuola di cucina in uno del famoso cuoco Georg Borg. viniecapricci.com I migliori «ftiras». A Gozo si dice che ci sia Mekren nella panetteria. Indirizzo: Triq Hanaq, Nadur Se vuoi scoprire di più sul miele di Malta, Ray Sciberras di “Honey and More Golden Island” ti accompagnerà in un tour. honeyandmore@gmail.com Escursioni: i veicoli elettrici di Rolling Geeks sono un modo divertente per scoprire le “Tre Città” a Malta. rolling-geeks.com Info: visitmalta.com

www.inewsswiss.com

iNEWS

17


Per festeggiare l’8 marzo, quest’anno goditi l’eleganza e il lusso offerti dall’EGM Hotel! Per il prossimo 8 marzo, regalati una serata all’insegna della femminilità e del lusso nelle fantastiche suite dell’EGM Hotel, l’esclusivo luxury motel in provincia di Novara. Tra le diverse atmosfere offerte dall’Hotel, nella suite Fashion, la suite più femminile per gli amanti della moda, potrai trascorrere la serata dei tuoi sogni! Il porta cipria oro ospita un ampio letto tondo come in un cofanetto di cipria, un prezioso bauletto accoglie la minipiscina e la doccia è racchiusa in una bottiglia di profumo...la suite che ogni donna glamour vorrebbe! L’EGM Hotel, il più raffinato Luxury Motel d’Europa, situato in una posizione strategica, a solo un’ora di macchina da Milano e Torino e mezz’ora da Malpensa, a due passi dalla natura rigogliosa del Lago d’Orta e del Lago Maggiore, permette di esplorare il mondo e di viaggiare nel tempo pur restando a due passi dal ritmo incalzante delle metropoli. Grazie ai molteplici servizi che offre è un punto strategico per chi viaggia per lavoro e vuole godere del lusso del riposo in una comoda struttura, o può diventare un anticipo di vacanza. Il tutto a prezzi davvero competitivi! Per la Festa della Donna e ogni giorno dell’anno, basta un clic su www.emotionalgrandmotel.it

Laura Genovese

EGM HOTELS SR 229 km 26+500 – 28010 Fontaneto d’Agogna (NO) Uscita Autostrada A26 uscita casello Borgomanero Vicino a MALPENSA Coordinate GPS 45° 39’ 35” N 8° 29’ 31” E Tel 0322 1958036 - Fax 0322 1958103 Email info@egmhotels.com Sito Web www.egmhotels.com 18

iNEWS

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

BIT

www.inewsswiss.com

MILANO

iNEWS

19


speciale bit

ALLA BIT LA REGIONE SICILIANA ANNUNCIA: “DALL’1 AL 4 APRILE TORNA IL GIRO DI SICILIA” CONFERMATA E CONSOLIDATA LA COLLABORAZIONE TRA REGIONE SICILIANA ED RCS SPORT

20

iNEWS

www.inewsswiss.com


D

opo il grande successo dello scorso anno “Il Giro di Sicilia” torna dall’1 al 4 aprile, grazie ad una sempre più consolidata e ambiziosa collaborazione tra la Regione Siciliana e RCS Sport. È stato dichiarato questa mattina alla conferenza stampa che si è tenuta nello stand Sicilia alla BIT, di fieramilanocity, alla presenza dell’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Manlio Messina e dell’amministratore delegato RCS Sport, Paolo Bellino, insieme al direttore ciclismo, Mauro Vegni. Con partenza da Siracusa, il Giro di Sicilia segnerà traguardi a Licata, Mondello (Palermo), Caronia e il grande arrivo finale a Mascali, con la scalata dell’Etna dal versante di Piano Provenzana, lo stesso versante che verrà affrontato dalla Corsa Rosa 2020. Altre partenze da Selinunte (Castelvetrano), Termini Imerese e Sant’Agata di Militello nell’isola che ospiterà la Grande Partenza della Corsa Rosa nel 2021. “Grazie all’intuizione del Presidente Musumeci, siamo qui oggi per raccontare un grande evento come il Giro di Sicilia che si lega anche alle tre tappe del Giro d’Italia di quest’anno e alla Grande Partenza della Corsa Rosa 2021. Come Regione Siciliana abbiamo deciso di puntare su questi grandi eventi. Invito tutti a partecipare sul territorio o a seguire la corsa in TV. Le gare internazionali di ciclismo permettono di far vedere tutto il nostro territorio e contribuiscono a sviluppare il turismo della nostra bella Sicilia”. Host Broadcaster della manifestazione sarà Rai che produrrà due ore di diretta ogni giorno. Saranno oltre 100 i paesi collegati nel mondo. Annunciati al via di questa attesa edizione il vincitore 2019, Brandon McNulty; il vincitore del Giro d’Italia 2014, Nairo Quintana; il Campione Italiano in carica, Davide Formolo e il siciliano Giovanni Visconti. “Con la Regione Siciliana – ha dichiarato Paolo Bellino - abbiamo fatto un grande lavoro per riportare il Giro d’Italia in questa regione e Il Giro di Sicilia nel calendario del ciclismo internazionale.

www.inewsswiss.com

Per l’edizione di quest’anno avremo due ore di diretta sulla Rai. Le immagini della corsa contribuiranno a promuovere una terra straordinaria qual è la Sicilia, un luogo unico per andare in bicicletta in tutte le stagioni. I telespettatori degli oltre 100 paesi collegati potranno apprezzare le bellezze del territorio attraverso le immagini di una corsa di livello internazionale che contribuiranno a promuovere il turismo e l’economia della Sicilia”. Uno dei punti cardine del cartellone “Sicilia Grandi Eventi 2020” su cui il governo regionale punta molto. “Grazie al lavoro fatto insieme alla Regione Siciliana – ha detto Mauro Vegni - la Sicilia è diventata un punto cardine del ciclismo internazionale. Stiamo entusiasti di avere riportando Il Giro di Sicilia e vogliamo continuare su questa strada”.

iNEWS

21


speciale bit

PRESENTATO ALLA BIT IL CARTELLONE “SICILIA GRANDI EVENTI 2020” GRANDE SUCCESSO DI PUBBLICO PER LA PRIMA GIORNATA SICILIANA ALLA BORSA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

U

n unico tavolo in cui le forze e le peculiarità della Sicilia presentano un modello virtuoso di turismo, che ha successo tutto l’anno e stupisce il mondo. È stata questa la conferenza stampa dedicata al fitto cartellone “Sicilia Grandi Eventi 2020”, che si è tenuta oggi alla BIT, Borsa internazionale del Turismo, nel padiglione n°3 di fieramilanocity, a cui sono intervenuti l’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Manlio Messina e alla Salute, Ruggero Razza, che hanno fatto un elenco completo dei luoghi da non perdere, tra città, borghi, siti archeologici e riserve naturali. “Destagionalizzare i flussi turistici, riqualificare il segmento culturale e tutelare la tipicità enogastronomica. Sono i tre principali obiettivi che il mio governo si pone per il 2020 sul fronte del turismo”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci,

22

iNEWS

commentando la apertura della Bit di Milano. “Siamo la regione del Mezzogiorno che ha registrato la maggior crescita nello scorso anno in arrivi e presenze. Siamo fra le prime mete preferite al mondo e vogliamo farci trovare pronti all’appuntamento con questa straordinaria opportunità. Lavoriamo ad un patto pubblico-privato, che faciliti l’accessibilità aerea all’Isola e renda più varia e qualificata la offerta ricettiva. Siamo sulla buona strada”. Dal turismo balneare, anche fuori stagione, a quello enogastronomico che la rende la regione più desiderata; da quello culturale, con una ricca tradizione artistica, a quello religioso e poi ancora riflettori puntati sul turismo congressuale, scolastico e di gruppo fino a quello sportivo. “La bellezza senza contenuti non ha motivo di esistere e la Sicilia che è una bellissima terra ha bisogno di essere riempita di contenuti –

www.inewsswiss.com


ha detto l’assessore regionale al Turismo, allo Sport e allo Spettacolo Manlio Messina -. Con la presentazione alla Bit di Milano degli eventi culturali, sportivi, religiosi del 2020, dalle tragedie greche alla lirica fino al Giro d’Italia e di Sicilia e alla gara equestre di Ambelia, la più importante del Mezzogiorno, abbiamo voluto annunciare i contenuti che caratterizzeranno la nostra Isola quest’anno. Tutti eventi di respiro internazionale - ha proseguito Messina - perché sappiamo bene che la Bit è una prima occasione per verificare l’andamento del mercato e il livello di gradimento che può riscuotere l’offerta turistica siciliana –. Il nostro lavoro tende a promuovere iniziative e proposte per allungare l’ospitalità nelle stagioni diverse dalla primavera e dall’estate, per questo la Sicilia deve diventare “family friendly” per accogliere a costi accessibili le famiglie numerose e deve finalmente puntare sul turismo scolastico, sportivo e congressuale - ha sottolineato l’assessore al Turismo -. Non possiamo pensare che in alcuni periodi dell’anno ci sono non pochi albergatori costretti a chiudere le loro strutture mi pare un fatto paradossale se vogliamo davvero rilanciare il turismo”. Il viaggio, attraverso i suggestionanti paesaggi, gli invitanti odori e le straordinarie peculiarità dell’Isola, si caratterizza sempre più come un’esperienza immersiva che, in un unico soggiorno, permette al visitatore di vivere a 360° questa risorsa del “Made in Italy”. “L’obiettivo – afferma l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza - è diventare meta e riferimento per chi vorrà sceglierci come luogo non solo di turismo tradizionale, ma anche di cura del corpo e di benessere alimentare e fisico. Volevo, infine, sottolineare la grande partecipazione allo stand della Sicilia qui alla Bit 2020, testimonianza palese dell’ottimo lavoro condotto dall’assessorato al Turismo”. Chiude, quindi, all’insegna del grande successo di pubblico la prima giornata della kermesse internazionale del turismo a Milano. In un’ambientazione totalmente immersiva tra, degustazioni e installazioni tecnologiche, sono stati migliaia gli aspiranti turisti che, nello stand più grande della fiera, hanno assaporato le prelibatezze tipiche del territorio, come le Busiate alla trapanese, nell’area dei cooking show e sono rimasti ammaliati dalle emozionanti note maestri Giuseppe Milici e Nicola Pannarale. Degna di nota l’esibizione dell’opera dei Pupi, grazie alle sapienti mani della famiglia

www.inewsswiss.com

Napoli che, da cinque generazioni, scrive la storia del teatro siciliano e quella offerta dal distretto turistico della Sicilia Occidentale. E poi ancora spazio al gusto raffinato del cioccolato di Modica, al vino rosso dell’Etna e alle caratteristiche spremute di arancia rossa dell’Etna.

iNEWS

23


speciale bit

LA PUGLIA SI RACCONTA IN 34 ITINERARI TRA ARTE, CULTURA, CAMMINI, OUTDOOR, SAPORI E GUSTO

60 GLI ESPOSITORI PUGLIESI E OLTRE 80 LE ATTIVITÀ TURISTICHE ESPERENZIALI, AREA FOOD CON DEGUSTAZIONI, 31 APPUNTAMENTI NELL’AREA CONFERENZE E NELL’AREA SOCIAL #TIPORTOINPUGLIA 24

iNEWS

www.inewsswiss.com


L

a Puglia si racconta a Milano alla Borsa Internazionale del Turismo 2020. Il viaggio in Puglia alla Bit é declinato, in un’area di circa 300 mq (Italia: Padiglione/Hall:3), tra esperienze sensoriali enogastronomiche, nella innovata area Food dello stand dedicato alla promozione della destinazione Puglia, e servizi turistici offerti dalle imprese pugliesi presenti quest’anno. Qualche numero: 44 le postazioni degli operatori all’interno dell’area business dello spazio Puglia, 60 gli espositori pugliesi tra cui primeggiano le aggregazioni di impresa, oltre 80 le attività turistiche esperienziali che saranno presentate a Buyer internazionali e operatori della stampa presenti in fiera. Il racconto di tutti i territori pugliesi viene proposto attraverso i prodotti enogastronomici, mediante degustazioni riservate a tour operator e giornalisti, curate in collaborazione con Masserie Didattiche, progetto regionale di valorizzazione di antiche masserie che mostrano un pezzo della storia pugliese e delle tradizioni dei saperi e dei sapori del territorio. Sempre nello spazio FOOD dello stand della Puglia lunedì 10 febbraio alle 16.30 “Puglia is a state of mind”: Nancy dell’Olio, Ambasciatrice della Puglia e dei Pugliesi nel mondo, Peppone Calabrese, gastronomo e conduttore di Linea Verde, e lo Chef pugliese Antonio Scalera raccontano l’autenticità enogastronomica del territorio e delle comunità ospitanti attraverso la cucina della tradizione. Ed è proprio la convivialità al centro dell’area social dello stand, dedicata a chi desidera condividere una travel experience in Puglia: con #TiportoinPuglia il viaggio comincia in un vicolo pugliese, riprodotto su una parete angolare e ideato da una designer di Pugliapromozione, in cui si può scegliere di sedersi, scattare una foto e condividerla, stamparla e portarla con sé oppure scegliere una foto tra quelle proposte dalla community (più di 5000 foto condivise ad oggi!). Lo spazio è stato denominato INSTA BOOTH #TIPORTOINPUGLIA.

www.inewsswiss.com

Nella tre giorni alla Bit il viaggio continua attraverso le esperienze raccontate nell’area conferenze in cui sono presentati i principali progetti e attività innovative in tema di tourism experience in ben 31 appuntamenti: Comuni pugliesi, Pro loco, Parchi, associazioni, Sac, distretti e grandi eventi affiancano la Regione Puglia e sono protagonisti con lo straordinario lavoro di attrazione e accoglienza sul territorio di turisti e viaggiatori. Momento clou é la conferenza stampa che si tiene il 10 febbraio alle 12.00, nella Sala Green 7 (Padiglione 4). “La Puglia, un racconto lungo 34 itinerari” è il titolo dell’incontro al quale partecipano Loredana Capone, Assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, Aldo Patruno, Dirigente del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio, Andrea Mattei, giornalista, scrittore e grande camminatore. Luca Scandale, Dirigente della Pianificazione Strategica di Pugliapromozione coordina il confronto sulla nuova produzione editoriale di Pugliapromozione, che racconta la Puglia proponendo itinerari culturali, enogastronomici e dell’outdoor con tre guide tematiche dedicate al cicloturismo, ai sapori, all’arte e un road book sui cammini.

iNEWS

25


speciale bit

26

iNEWS

www.inewsswiss.com


www.inewsswiss.com

iNEWS

27


speciale bit

28

iNEWS

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

F

O

O

D

AUGURI PEPPE ZULLO, AUGURI ORSARA. UN CUOCO E UN PAESE DAVVERO SPECIALI

O

rsara di Puglia non è un paese come gli altri. Non lo è per il “dove”. Orsara è un paese di confine. Fino al 1884 si chiamava Orsara Dauno Irpina e, prima del 1929, dal punto di vista amministrativo era considerato parte della provincia di Avellino. Non lo è per il “quando”. Orsara di Puglia ha un rapporto felice con il tempo. E’ una delle cinque Cittaslow della Puglia, “i luoghi del buon vivere”, quei posti dove l’agricoltura e il sedere a tavola sono una cosa seria, e gustosa, ricca di una biodiversità caleidoscopica. Orsara di Puglia non è un paese come gli altri: qui, prima che in molte altre parti d’Italia compreso l’evoluto Nord, i cittadini hanno fatto loro e tramandato il valore della libertà, animando una delle più importanti comunità valdesi della Puglia, dando asilo e natali a briganti e partigiani, votando in massa e in stragrande maggioranza per ammainare la bandiera della monarchia e issare quella della Repubblica. Orsara è stata sempre capace di guardare un passo avanti rispetto al resto della provincia di Foggia, oltre il proprio orizzonte, a scavalcare quel confine che è sempre stato un’apertura. Non era ancora nata Slow Food, e in questo paesino già si riscoprivano i vitigni autoctoni, si organizzava una delle Feste del Vino più longeve del Mezzogiorno, si valorizzava con orgoglio la grande cultura contadina. Non era ancora scoppiata la mania del jazz, e in Largo San Michele per l’Orsara Musica Jazz Festival arrivavano da ogni parte del pianeta, suonavano per strada, facevano di un borgo sperduto il centro di un universo di note in libertà. Ecco, Peppe Zullo rispecchia in toto il genius loci di Orsara di Puglia. Peppe rompe gli schemi, come un fantasista si prende la libertà di reinventare il gioco e creare un mondo nuovo. E’ quello che ha fatto tornando a Orsara dopo aver vissuto e lavorato in Messico e Stati Uniti. Fotografo, meccanico, musicista, cuoco, “uomo dal multiforme ingegno”, Peppe Zullo negli anni ‘80 è tornato a Orsara per reinventarla, facendone un centro quando il paese era l’ultima delle periferie. Ha saputo guardare

avanti, lontano e, nell’epoca dei paninari e del fast food, ha puntato tutto sull’orto dei sapori perduti, il bosco delle erbe spontanee riscoperte, il cibo tanto semplice da esprimere una complessità di genio e di gusto da leccarsi i baffi anche per chi non li ha. Tornando a Orsara, questo è un paese che mette l’appetito per la scoperta, l’inconsueto, la tradizione tradita per essere rivitalizzata, le mani delle contadine, la fotografia che qui ha tanti amanti, l’architettura degli archi e dei confini, la storia e il futuro. Orsara di Puglia è una sera d’autunno a parlare col sindaco che ha occhi chiari e cervello fino; con l’architetto che si è inventato una delle cantine più spettacolari del mondo, una cantina-paese, con piazze e slarghi, strade e monumenti; con il Sarto (si, il Sarto con la S maiuscola, non lo stilista) che ha vestito e veste i Presidenti; con la Suora che si è inventata un angolo di Paradiso per i bambini; con la statua del Santo Guerriero, l’Arcangelo Michele, patrono con le ali, icona eternamente popular, leggiadra, leggera, perfettamente rispondente alle sei lezioni americane di Italo Calvino. Orsara di Puglia non è un paese come gli altri. Orsara è Orsara, come Peppe Zullo è Peppe Zullo. Non ce n’è in giro, non ne trovi. Perché qui ci son stati gli orsi, ci sono le querce, le api prosperano e sono la fortuna delle mele limoncelle, di questi frutti succosi, piccoli, pieni di un gusto che non conoscevi prima di addentarlo curioso, divertito, inebriato del profumo tutto intorno. Con quell’aroma di caminetti accesi e di rucola, di pane cotto nel forno a paglia, di cacio-ricotta sapido e lindo, di vino rosso che arriva al cuore e colora le gote di un sorriso che sorge come vino da botti di legno profumato. Orsara e Peppe Zullo non sono come gli altri. Sono tra le cose che bisogna conoscere, frequentare, sperimentare, perché la vita è fare esperienza dell’unicità, per comprendere che sono le differenze, solo quelle, che danno il tono ai sensi, facendoli vibrare come xilofoni

Francesco Quitadamo


enogastronomia

VON 8. BIS 12. OKTOBER IST ES IN TURIN (ITALIEN) WIEDER ZEIT FÜR DAS WICHTIGSTE INTERNATIONALE SLOW-FOOD-EVENT RUND UM GUTE, SAUBERE UND FAIRE LEBENSMITTEL FÜR ALLE 30

iNEWS

www.inewsswiss.com


S

tartschuss für die organisatorischen Vorbereitungen des Großevents Terra Madre Salone del Gusto, das von 8. bis 12. Oktober 2020 zum dreizehnten Mal in den Turiner Messehallen von Lingotto Fiere stattfinden wird. Die größte internationale Veranstaltung rund um Essen, Umwelt, Landwirtschaft und Lebensmittelpolitik, die Slow Food gemeinsam mit der Region Piemont und der Stadt Turin organisiert, präsentiert sich den Besuchern mit umstrukturierten Räumlichkeiten, die eine ganz neue Besuchserfahrung ermöglichen. So wird es noch leichter, mit den Menschen in Kontakt zu treten, die sich tagtäglich dafür einsetzen, die Zukunft unserer Ernährung zu verändern und das Lebensmittelsystem in ökologischer, sozialer und wirtschaftlicher Hinsicht wirklich nachhaltig zu gestalten. Eine Zukunftsvision, für die Slow Food bereits heute sein ganzes Netzwerk, das bei den letzten Veranstaltungen zugegen war – darunter Aktivisten, junge Leute, Erzeuger, Köche, Branchenfachleute, Akademiker, Delegierte und Mitglieder – aufruft, Ideen, Vorschläge, eigene Projekte und natürlich Energie einzubringen. 2020 legt Slow Food den Schwerpunkt der Veranstaltung in geografischer Hinsicht auf die Ökosysteme, auf ihre wunden Punkte und die konkreten Lösungsansätze, die das Netzwerk an allen Ecken und Enden der Welt bereits in die Tat umsetzt. In der heutigen Zeit, in der wieder Nationalismen auftauchen und an den Grenzen wieder Mauern und Stacheldraht erscheinen, stehen die Räumlichkeiten und Besuchstouren ganz im Zeichen der Öffnung. Sie sind analog zu den ökologischen Eigenheiten der Regionen strukturiert, wobei politische Ländergrenzen in den Hintergrund rücken und konkrete ökologische und kulturelle Elemente – darunter auch Lebensmittel, von der Produktion über die handwerkliche Weiterverarbeitung bis hin zum fertig zubereiteten Gericht – als roter Faden dienen. Also nicht mehr die klassische Unterteilung zwischen italienischen Ausstellern des Marktes und dem Rest der Welt (und darin wiederum nach Regionen und Ländern), sondern eine Tour, die die Besucher in verschiedene Ökosysteme führt und sie dazu bringt, eine ganz neue Lebensmittelgeografie zu erkunden: - Die Berg - und Hügelgebiete mit ihren Produkten und Projekten zum Schutz des Territoriums - Die Gemeinschaften der Küsten - und Binnengewässergebiete, die sich für den Schutz der Meere, der Flüsse und Seen, sowie für nachhaltige Fischerei und Bekämpfung der Umweltverschmutzung einsetzen - Der städtische Kontext und sein Verhältnis zum Land im Rahmen von Nutzgärten, Bauernmärkten und Einkaufsgemeinschaften - Die Flachebenen, wo die Agrarökologie eine systemische Alternative zu Monokulturen, Wüstenbildung und Entwaldung darstellt. Diese vier Bereiche versammeln Delegierte und Aussteller von den Alpen bis zu den Anden, von den Nordmeeren bis zu den großen europäischen Flüssen, von den sich stetig entwickelnden Slow-FoodDörfern bis hin zu den kreativen Städten, von der Po-Ebene bis zur afrikanischen Savanne. Die Debatten während der Veranstaltung und der Erfahrungsaustausch der Delegierten werden durch die Themen bereichert, die Slow Food im Rahmen seines 8. Internationalen Kongresses zur Diskussion stellt, der zeitgleich zu Terra Madre Salone del Gusto in Turin stattfindet. Laut Paolo Di Croce, Generalsekretär von Slow Food, bilden «die Umwelt- und Klimakrise, in der wir uns befinden, und in Folge die große Herausforderung, innerhalb der nächsten 10 Jahre einen Wandel herbeizuführen (wie besonders die Vereinten Nationen hervorheben) in Kombination zu dem speziellen historischen Moment, den Slow Food gerade erlebt, einen ganz außergewöhnlichen Rahmen für das nächste Terra-Madre-Treffen, das vielleicht das wichtigste bisher werden könnte.» Terra Madre Salone del Gusto verzeichnete 2018 220Tausend Besucher, 7000 Delegierte aus 150 Ländern, 1000 Aussteller aus 83 Ländern, davon 150 Slow Food Presidi aus ganz Italien und 103 Slow www.inewsswiss.com

Food Presidi aus 42 Ländern, sowie 50 italienische und 20 internationale Institutionen. Als Delegierte haben außerdem 1000 junge Menschen an der Veranstaltung teilgenommen, 230 Vertreter der Migrantengemeinschaften aus ganz Italien, 340 Vertreter der indigenen Völker, 350 Dozenten und 150 Köche aus allen fünf Kontinenten. Nicht zu vergessen die 1000 freiwilligen Helfer, die die Veranstaltung jedes Mal erst möglich machen. Darüber hinaus ist das Event dank den 120 Terra-Madre-Städten, die die 1600 Delegierten beherbergten, für die ganze Region Piemont ein wichtiger Termin. Terra Madre Salone del Gusto findet alle zwei Jahre statt, fungiert aber ohne Unterlass als Brutstätte für Ideen und neue Projekte: Unmittelbar nach der letzten Veranstaltung begann nicht nur die Planung für 2020, sondern auch die Aktivitäten des weltweiten Slow-Food-Netzwerks entwickelten seitdem eine erhebliche Dynamik – das ganze Jahr 2019 über. Die Einnahmen der Ticketschalter der 2018er Veranstaltung kamen (abzüglich der Verwaltungskosten) dem Slow-Food-Netzwerk in Afrika zugute und deckten teilweise die Teilnahmekosten der Delegierten. Es handelt sich um 250Tausend Euro, die von der gemeinnützigen Slow Food Stiftung für Biodiversität ausgeschüttet wurden und dazu dienten, zahlreiche Projekte auf dem Kontinent zu unterstützen: Gärten in Afrika, Slow Food Presidi, Arche des Geschmacks, Märkte der Erde, Slow-FoodKöchebündnis, sowie Slow Food Communities. An diesen Projekten wirken rund 60.000 Menschen in 45 Ländern mit, darunter Erzeuger, Köche, Agronomen, Tierärzte und junge Aktivisten. 2019 konnten dank der Gründung von 40 Communities gut 600 neue Aktivisten einbezogen werden. Einige dieser Communities unterstützen die Netzwerke der indigenen Bevölkerungen und der jungen Leute. Außerdem wurden zirka 200 neue Gärten angelegt: in Uganda, Kenia, Südafrika, Burkina Faso, Tunesien, Senegal, Tansania, Ruanda, Sambia, Benin, Marokko und Malawi. Es wurde an der Aufnahme neuer Produkte in die Arche des Geschmacks gearbeitet, in Tansania wurde ein neuer Markt der Erde gegründet und weitere neue Märkte sollen eröffnet werden. In den Ländern, in denen Gärten angelegt wurden, fanden darüber hinaus zahlreiche Schulungen über agrarökologische Methoden statt. Bezüglich der Nachhaltigkeit der Veranstaltung selbst kam bereits 2018 das von der Universität der gastronomischen Wissenschaften (UNISG) entwickelte angewandte Forschungsprojekt Systemic Event Design (SEeD) zum Einsatz. Das 2006 ausgearbeitete SEeD hat sich im Laufe der Jahre zum Ziel gesetzt, ein neues Gesamtqualitätskonzept der Veranstaltung zu definieren, wobei die Kultur- und Umweltauswirkungen auf das Veranstaltungsgebiet reduziert werden sollten. Schirmherrschaft für die Initiative hatte die Organisation ASviS (Italienisches Bündnis für nachhaltige Entwicklung), die sich auf die 17 Nachhaltigen Entwicklungsziele (SDGs) der Agenda 2030 der Vereinten Nationen konzentrierte und 82 konkrete Handlungsvorschläge für die Veranstaltung entwickelte. An der Veranstaltung wirkten 3 italienische Hochschulen (Universität der gastronomischen Wissenschaften von Pollenzo, Universität Turin und technische Universität Turin), 8 Forschungszentren (darunter die Systemic Approach Foundation sowie das Fremdenverkehrsamt Turin und Provinz), 7 Nachhaltigkeitspartner und 65 Unternehmen mit. Besonders hervorzuheben ist der statistische Wert aus dem Bereich der Kreislaufwirtschaft mit einem Prozentsatz von 81,40% Mülltrennung (5 Mal so hoch wie noch 2006), insbesondere in Bezug auf Altöl (736 Liter). Wenn dieses Volumen nicht korrekt entsorgt worden wäre, hätte es 736 Millionen Liter Trinkwasser verschmutzt. Auch bemerkenswert die Menge an Lebensmitteln (1834 kg), die für wohltätige Zwecke und an Bedürftige gespendet werden konnten. Im Bereich der ökologischen und sozialen Nachhaltigkeit sind besonders die 9 Spender des städtischen Wasserwerks Turin (SMAT) zu nennen, an denen insgesamt 19.000 Liter Wasser gezapft wurden, was einer Ersparnis von 38.000 0,5-Liter-Wasserflaschen aus Plastik gleichkommt. Auch für die Kleinsten war gesorgt: Vom Baby Pit Stop profitierten über 1800 Familien.

iNEWS

31


enogastronomia

RISTORANTE LUIGIA RICEVE LA TARGA PER LA VERA PIZZA NAPOLETANA APERTO 365 GIORNI ALL’ANNO PER DEGUSTARE LA TRADIZIONALE PIZZA NAPOLETANA IN SVIZZERA

N

ella giornata del 12 novembre 2019, il rinomato ristorante Luigia a Zurigo (Talstrasse 61, 8001 Zürich) riceve la targa da parte dell’Associazione Verace Pizza Napoletana (AVPN) con sede a Napoli, per aver soddisfatto completamente i dettami del disciplinare della vera pizza napoletana. Con il numero 802, Luigia Zurigo si è conquistata un posticino sul portale www.pizzanapoletana. org, il sito di riferimento dell’AVPN ove è possibile trovare tutte le caratteristiche per poter definire una pizza napoletana come tale. Ci sono delle regole ben precise, trasmesse pima oralmente dalla tradizione popolare, p oi finalmente codificate per distinguere una tipica pizza napoletana dalle altre esistenti in Italia. Ad esempio deve possedere una forma tondeggiante, con un diametro che non deve superare i 35 cm, il bordo deve essere rialzato chiamato anche “cornicione” gonfio e privo di bruciature, di circa 1-2 cm, e infine deve essere morbida e fragrante secondo una precisa lievitazione e uso corretto di tutti gli ingredienti. L’ impasto una volta estratto dall’ impastatrice si lascia riposare coperto da un panno umido in modo che la superficie non possa indurirsi. Trascorso il tempo necessario, si passa alla formatura del panetto, obbligatoriamente a mano e viene suddiviso in palline che devono ancora una volta riposare per la fermentazione. Grazie ad un movimento preciso dal centro verso l’esterno, si forma un disco di pasta, da poter condire con alimenti preferibilmente di origine campana. La pizza napoletana porta con sé anche un forte connotato naziona ––ui la stessa tradizione

32

iNEWS

napoletana viene trasmessa, e viene riconosciuta nell’amore per il cibo, per la tradizione e per la famiglia, che da generazione in generazione tramandava questi magici segreti per fare la pizza. È patrimonio dell’Unesco dal 2017 e il ristorante Luigia rappresenta le eccezionalità della cultura italiana in tutta la Svizzera e non solo. Il ristorante è aperto 365 giorni all’ anno a Ginevra, Nyon, Lausanne, Fribourg, Sion e Zurigo. É sbarcata anche a Dubai, dove sta ottenendo ottimi risultati ed un riscontro favoloso da parte del mercato arab [Foto] o. Con fierezza ed orgoglio non possiamo che celebrare le bellezze della cultura italiana culinaria in tutto il mondo, ed estendere l’invito a tutti i lettori di andare ad assaggiare la pizza, e non solo, da Luigia.

Consegna della targa numero 802 di Vera Pizza Napoletana ai titolari di Luigia, Daniele e Maria. www.inewsswiss.com


enogastronomia

LA CROCE ROSSA SVIZZERA E COOP LANCIANO UN SERVIZIO DI CONSEGNA A DOMICILIO GRATUITO PER GLI ULTRA 65ENNI

F

in da subito i clienti che hanno già compiuto il 65° anno di età potranno ordinare telefonicamente o via e-mail generi alimentari e prodotti per l’igiene nei Grandi Magazzini Coop City e nei supermercati Coop di diverse città. Il giorno feriale seguente, i volontari della Croce Rossa Svizzera di Berna consegneranno la spesa a domicilio. Al momento questo servizio di consegna gratuito è disponibile a Berna, Olten, Zurigo e Losanna; in seguito verrà attivato anche in altre città. Nella situazione attuale, gli ultra 65enni sono invitati a non recarsi al supermercato per tutelare la propria salute. Per aiutarli, la Croce Rossa Svizzera e Coop offrono un servizio di consegna gratuito a Berna, Olten, Zurigo e Losanna, che verrà successivamente attivato anche in altre città. Semplice ordinazione al telefono o via e-mail I clienti Coop potranno scegliere tra 100 prodotti di prima necessità disponibili nei Grandi Magazzini Coop City e nei supermercati Coop

www.inewsswiss.com

selezionati, quindi ordinarli in modo semplice e veloce al telefono o via e-mail. Nei limiti delle possibilità, la consegna sarà effettuata il giorno feriale seguente. L’importo minimo per l’ordinazione è di 20 franchi, mentre la consegna è gratuita. Il pagamento avviene dietro fattura. I volontari della CRS portano la spesa fino alla porta di casa I volontari della Croce Rossa Svizzera si occuperanno della consegna il giorno feriale seguente. Passeranno a prendere i sacchetti della spesa già pronti da Coop City o nel supermercato Coop e li porteranno fino alla porta di casa nel totale rispetto delle norme igieniche. Volontari cercasi La Croce Rossa Svizzera cerca più volontari disponibili a dare una mano con le consegne. Gli interessati possono registrarsi in pochi minuti sulla piattaforma online www.Volontariato.redcross.ch.

iNEWS

33


enogastronomia

L’IMPEGNO DEL GOVERNATORE DE LUCA: GIRO D’ITALIA 2021 NELLA VALLE DEL VINO SANNITA CERIMONIA DI CHIUSURA CON IL PASSAGGIO DI TESTIMONE ALLA SPAGNOLA ARANDA DE DUERO “CITTÀ EUROPEA DEL VINO 2020” 34

iNEWS

www.inewsswiss.com


La Regione Campania si impegnerà a garantire la tappa del Giro d’Italia 2021 nei Comuni sanniti della Valle del Vino”. Il governatore Vincenzo De Luca ha annunciato il supporto della Regione Campania, destinato a valorizzare e promuovere ulteriormente il distretto beneventano, nel corso della cerimonia di chiusura di Sannio Falanghina European Wine City 2019, il titolo assegnato dalla rete Recevin delle 800 Città del Vino presenti in 11 Paesi europei. La manifestazione europea, che ha acceso i riflettori sulla Falanghina del Sannio e sul territorio beneventano, va in archivio con un bilancio positivo e con il passaggio di testimone alla spagnola Aranda de Duero “Città europea del Vino 2020”. “La Falanghina non è solo un vino - ha affermato il presidente De Luca - ma esprime i valori del Sannio. Stiamo lavorando per stimolare le attività di ricerca dell’Università, migliorare le infrastrutture, sviluppare l’alta velocità ed implementare i treni per Napoli e Salerno. Continueremo ad investire nel turismo religioso e nelle proposte culturali di qualità, dopo aver già rilanciato il Teatro Romano e annunciato la formazione di una orchestra giovanile regionale per offrire maggiori sbocchi occupazionali ai giovani dei Conservatori. Prospettive per il Sannio e per la Campania di grande interesse in un momento storico in cui assistiamo a nuove forme di violenza ed aggressività dovute anche alle innovazioni tecnologiche, strumenti di conoscenza ma a volte anche di alienazione. Oggi - conclude - il Sannio lancia un bel messaggio all’Italia, in termini di cultura agricola e rispetto della natura, recuperando quei valori di famiglia che rappresentano un elemento di pace, serenità ed equilibrio. Valori antichi da trasmettere alle nuove generazioni”. La sfida ambiziosa del distretto Sannio Falanghina è trasformare i valori del paesaggio del vino in patrimonio culturale. E non solo. “Abbiamo fatto tanto negli ultimi mesi - spiega Floriano Panza, coordinatore di Sannio Falanghina - ma molto ancora c’è da fare. In settimana a Milano abbiamo raggiunto un accordo con il direttore generale del Giro d’Italia, Mauro Vegni. Il titolo di Città europea del Vino 2019 è un importante riconoscimento a tutti i territori ed ai produttori che hanno creduto nel progetto Sannio Falanghina sin dal primo momento, ma soprattutto uno stimolo a continuare insieme il percorso intrapreso. Grazie alla Falanghina abbiamo valorizzato il paesaggio della Valle del Vino, a testimonianza delle energie che abbiamo messo in campo per promuovere la nostra terra e dei traguardi ambiziosi che possiamo raggiungere quando il territorio si unisce per un obiettivo comune. Falanghina significa vino ma ogni goccia parla al mondo anche di Sannio, turismo, tradizione, cultura e sviluppo sostenibile. Lo Statuto del Paesaggio Rurale può rappresentare il primo passo verso un dossier di candidatura per diventare patrimonio UNESCO, sulla scia di quanto già accaduto per le colline del Prosecco”. Una opportunità straordinaria, dunque, che si aggiunge alle iniziative più significative che hanno caratterizzato l’esperienza di Sannio Falanghina: il progetto BioWine (Biological Wine Innovative Environment), che prevede il trasferimento di buone pratiche di gestione dal Veneto al Sannio; lo Statuto del Paesaggio Rurale per armonizzare le politiche locali nel settore ambientale ed urbanistico, che dovrà ora essere adottato da tutti i Comuni coinvolti; il Master sulle professioni del vino con l’Università degli studi del Sannio; le partnership istituzionali con Ambasciata del Canada, Québec, Matera 2019 - Mammamiaaa, Agenzia nazionale italiana del Turismo (ENIT), Ambasciata Italiana in Francia ed Associazione nazionale Le Donne del Vino; le vetrine internazionali

www.inewsswiss.com

per promuovere la Falanghina, come Vinitaly 2019, Vitigno Italia, Fête des vendanges a Montmartre (evento che valorizza i migliori prodotti enogastronomici europei), Settimana della cucina italiana nel mondo a Parigi, presentazioni in Senato e Camera dei Deputati, tour mondiale promosso dall’Associazione Mozart Italia (concerti in Giappone, Stati Uniti, Cina, Messico, Bulgaria), i concerti al Teatro di San Carlo e al Ravello Festival 2019; il francobollo celebrativo con Ministero dello Sviluppo Economico e Poste Italiane; il manifesto ufficiale firmato dall’artista Mimmo Paladino; l’inaugurazione della Ciclovia della Falanghina. Il distretto del vino sannita comprende 27 territori in provincia di Benevento e rappresenta la locomotiva del vino campano: i 6 Comuni che hanno sostenuto la candidatura (Castelvenere, Guardia Sanframondi, Sant’Agata de’ Goti, Solopaca, Torrecuso e Benevento) ed i 21 Comuni che hanno deciso di aderire all’associazione Città del Vino (Telese Terme, Montesarchio, Dugenta, Durazzano, Amorosi, Apice, Apollosa, Bonea, Campoli del Monte Taburno, San Lorenzo Maggiore, Melizzano, San Lorenzello, Faicchio, San Lupo, Cerreto Sannita, Vitulano, Frasso Telesino, Paupisi, Foglianise, Paduli, Ponte), oltre alla Provincia. Per capire ancora meglio le ricadute economiche sul territorio, basta vedere i numeri di Sannio Falanghina: 12.000 ettari di vigneto, la più estesa area vitivinicola in Campania; 3 denominazioni di origine ed 1 indicazione geografica per più di 60 tipologie di vini; il 50% dell’intera produzione vitivinicola regionale, con oltre la metà del vino campano tutelato da denominazioni di origine; 900 ettari di vigne specializzate solo a Castelvenere (il 60% della superficie totale), il territorio più vitato della Campania e tra i più vitati d’Italia; 10.000 aziende impegnate nella produzione di uva; oltre 100 aziende che vinificano ed etichettano; 160 cantine con circa 2.500 lavoratori, senza considerare l’indotto; 120 eventi in programma in 365 giorni; 1 sfilata dei carri realizzati ogni anno a Solopaca con i primi chicchi d’uva della stagione; 120 abitazioni già acquistate da turisti stranieri nel borgo di Guardia Sanframondi (provenienti da Scozia, Stati Uniti e Canada); la più importante realtà cooperativa della Campania ed una delle principali del Mezzogiorno, la Guardiense, con 1.000 soci, circa 140.000 ettolitri di vino prodotti annualmente, 5 milioni di bottiglie vendute in Italia e nei principali mercati internazionali. In occasione dell’evento di chiusura, moderato dalla giornalista Rai Federica De Vizia, sono intervenuti a Telese Terme - alla presenza di onorevoli ed autorità del territorio - il consigliere regionale Erasmo Mortaruolo; il presidente di Recevin José Calixto; il presidente dell’Associazione nazionale Città del Vino Floriano Zambon; i sindaci delle Città del Vino del Sannio; il presidente della Camera di Commercio Antonio Campese; il vice presidente nazionale di Coldiretti Gennaro Masiello; il presidente della CIA Raffaele Amore; il presidente di Confindustria Filippo Liverini, il presidente di Sannio Consorzio Tutela Vini Libero Rillo; il presidente de La Guardiense Domizio Pigna; il presidente della Cantina di Solopaca Carmine Coletta; il rettore dell’Università degli studi del Sannio Gerardo Canfora; il presidente del Conservatorio “Nicola Sala” Antonio Verga; il coordinatore del progetto BioWine Giovanni Quaranta; il responsabile dell’Osservatorio nazionale Turismo del Vino Giuseppe Festa; ed i delegati di Recevin (la rete delle 800 Città del Vino presenti in 11 Paesi europei), Città del Vino ed Aranda de Duero 2020. Intrattenimento musicale a cura del Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento.

iNEWS

35


enogastronomia

INTERVENTO FLORIANO PANZA Riflessioni su “Sannio Falanghina – Città Europea del Vino 2019” Rendicontare sullo stato di realizzazione del progetto “Sannio Falanghina – Città Europea del Vino 2019” da adito a due sentimenti; l’uno quello di dover chiudere e rendere il conto di una esperienza annuale; l’altro è quello di non poter rendicontare perché si è coscienti di essere all’inizio di un processo che può cambiare il modo di essere e di pensare di intere comunità. Questo secondo aspetto è quello più affascinante. Bisogna pur dire però che rispetto alle ambizioni la realtà ahimè è altra cosa e si plasma giorno per giorno con fatti e comportamenti che, a volte, fanno avanzare solo millimetricamente la vita sociale dei cittadini. Il frutto sicuro di questa esperienza è la convinzione di molti che il disegno di scenari avvincenti deve essere accompagnato dai comportamenti quotidiani dei sognatori, il risveglio potrebbe essere tragico. Il riconoscimento di “Città Europea del Vino”, (in questo caso avvenuto ad ottobre 2018), per esperienza diretta ha rappresentato e rappresenta sicuramente una occasione strepitosa per mettere al centro dei riflettori i desideri di un territorio. Può anche essere colto come stimolo per intraprendere percorsi inusitati di reale impegno sociale. Nel caso di “Città Europea della Cultura 2019”, la Città di Matera ha avuto svariati anni per costruire la domanda. Ha avuto ben quattro anni per delineare una progettazione esecutiva sulla quale chiedere e convogliare notevoli risorse e sponsorizzazioni per un budget non inferiore a 50 milioni di euro. Matera ed il Sud facendo bene hanno dimostrato che la cultura può essere al centro di un progetto di sviluppo territoriale duraturo. Con ciò voglio dire che risultati permanenti importanti sono facilitati anche dal tempo espresso in anni durante il quale fare misurare gli stakeholders territoriali assieme alle agenzie che operano professionalmente nell’innovazione territoriale. L’esperienza da noi vissuta potrebbe indurre Città del Vino e Recevin a scegliere in futuro di affidare il titolo di “Città Europea del Vino” con largo anticipo rispetto all’anno di svolgimento. Potrebbe anche dedursene che l’Associazione Nazionale potrebbe valutare anche l’opzione di poter scegliere anno per anno una città italiana del vino, tanta mi è apparsa la forza che si conferisce ai territori con un riconoscimento affidato da una associazione qualificata come la nostra. Nello specifico di “Sannio Falanghina – Città Europea del Vino 2019” il tempo limitato del quale si è fruito prima e dopo il riconoscimento ha comunque consentito di raccogliere frutti di stagione nonchè svolgere attività che lasceranno il segno nel tempo. Durante il 2019 i Comuni da tempo inseriti nella compagine sociale dell’Associazione: Guardia Sanframondi, Benevento, Castelvenere, Sant’Agata de’ Goti, Solopaca, Torrecuso, Vitulano, ecc., sono diventati ventisette. Tutti i comuni vitati del Sannio si sono affrettati ad aderire a questo progetto di rilancio territoriale. In un momento in cui il mondo delle imprese agricole contesta i lacci burocratici che le asfissiano, il territorio, con tutte le sue componenti (istituzionali, sindacali, professionali e associative), ha partecipato alla costruzione di una nuova regola (Statuto del Paesaggio Rurale ovvero Regolamento Intercomunale di Polizia Rurale), regola che rende più penetrante la normativa urbanistica, fitosanitaria ed ecoambientale. Altro che delegificazione. Le undicimila imprese vitivinicole sannite sono disponibili a sopportare altri sacrifici pur di poter partecipare ad un progetto di sviluppo collettivo. Se ne deduce che se le componenti sociali sono messe nella condizione di cogliere opportunità, esse sono ancora in grado di gestire temi scottanti purchè aprano il cuore alla speranza. Tanti sono i momenti che hanno inciso e formato l’immaginario collettivo il quale dallo scetticismo iniziale (Guardia, Castelvenere, Sant’Agata de’ Goti, Solopaca, Torrecuso e Benevento appartengono a quel Sud che in pochi anni ha perso per emigrazione un milione di giovani laureati), passando per la curiosità, verso la fine, ha colto il valore della costruzione di una buona reputazione territoriale.

36

iNEWS

Dal primo momento gli organizzatori (i sei Sindaci, la Regione, la Provincia e la Camera di Commercio), si sono impegnati in incontri settimanali a Castelvenere per un anno intero, per cogliere l’evento come una grande occasione e una carta da giocare a dovere. Ecco quindi il manifesto ufficiale di “Sannio Falanghina – Città Europea del Vino 2019” – promosso dal Comune di Solopaca – e realizzato e donato dal Maestro Mimmo Paladino, massimo rappresentante della “Transavanguardia Italiana”. Movimento artistico questo caratterizzato dalla sua natura anticipatoria di nuove visioni in campo artistico. Manifesto che ha girato il mondo e che ne è stato l’immagine distintiva a partire dal padiglione della Campania predisposto per il Vinitaly di Verona (7 – 10 aprile). Al logo ha fatto seguito, ovviamente, la istituzione del sito web “www.sanniofalanghina2019.com” e della pagina su facebook, la individuazione dei responsabili dell’ufficio stampa, i giornalisti Antonello De Nicola e Luciano Pignataro (per conto del parallelo progetto “Biowine”), nonché dell’ambasciatore di Sannio Falanghina nel mondo, nella persona del Direttore Mauro Felicori, già responsabile della Reggia di Caserta e ancora oggi commissario del Ravello Festival. Chiaramente ciascuno ha fatto più del proprio dovere come era auspicabile. Tanti i frutti. Uno sguardo sulla rassegna stampa sino al 14 gennaio 2020 conta 796 articoli in pdf, 280 articoli in stampa quotidiana, anche internazionale, la pubblicazione di 1.583 foto connesse e la proiezione su televisioni nazionali ed estere di ben 88 video. Decine di migliaia invece le richieste ed i commenti sul sito web e la pagina facebook. Dodici i passaggi televisivi oltre il minuto: TG1, TG2, TG5, Mattino 5, Rai News, Linea Verde, Mi manda Rai Tre, Sky, ecc.. Rispetto alle tante generose collaborazioni gratuite, alle quali vanno i più sentiti ringraziamenti degli organizzatori, non va dimenticato l’apporto finanziario della Regione Campania di circa 300 mila euro, quello della Camera di Commercio di Benevento, che ha finanziato l’evento inaugurale e quello della Provincia di Benevento che ha fronteggiato gli oneri per la Convention delle Città del Vino, oltre alla cartellonistica. Ovviamente l’occhio vigile e stimolante degli organi della nostra Associazione, del Presidente Floriano Zambon, del dott. Corbini, non sono mai mancati. Non aggiungo altro per i meriti di ideazione che vanno ascritti quasi esclusivamente ad una sola persona che in questi giorni ci ha lasciato. Un vuoto doloroso che supereremo solo attingendo alla qualità del suo insegnamento per porci mete di progresso a lui tanto care. A scopo esemplificativo vanno comunque precisate alcune iniziative delle tante svoltesi in questo anno: - presentazione dell’evento presso il MIPAF (all’epoca MIPAFT) il 7 aprile, tra l’altro alla presenza dell’allora Vice Presidente del Consiglio On.le Luigi Di Maio, che ha gustato e promosso il prototipo di gelato alla Falanghina realizzato in sua presenza; - presso le aule parlamentari della Camera e del Senato l’otto maggio, promosse rispettivamente dalla Deputata Ianaro e dalla Senatrice Lonardo, ci sono state specifiche degustazioni. Al Senato la manifestazione è stata presieduta dall’On.le Casellati alla presenza di 300 ospiti e del prof. Riccardo Cotarella. Quest’ultima degustazione in verità è andata sotto il nome di “Degustazione Letteraria”, per la contemporanea presentazione di un apposito pamphlet i cui contenuti sono stati predisposti dalla Senatrice Lonardo e declamati dall’attrice Debora Caprioglio; - interessante la simbiosi realizzata con il Comune di Matera, anch’essa Città Europea 2019, che, oltre ad eventi culturali condivisi, ha consentito di impiantare nei giardini di quella Città ben 20 piantine di Falanghina che già quest’anno daranno i primi frutti; - numerosi sono stati anche gli eventi su Milano, negli spazi della Regione Campania in Piazza Fontana e su Parigi. Degni di nota particolare la partecipazione con proprio stand alla “Fête des Vendanges de Montmartre”, dal 9 al 13 ottobre e la serata di gala dedicata a Sannio Falanghina dall’Ambasciata di Italia a Parigi il giorno 25 novembre in occasione della settimana della cucina italiana nel mondo; - il “Falanghina Day” il 23 marzo;

www.inewsswiss.com


- l’inaugurazione della “Ciclovia della Falanghina il 14 aprile; - la commemorazione dell’ing. Leonardo Mustilli, papà della Falanghina; - la vendemmia dei libri di Castelvenere; - la partecipazione a “Vitigno Italia dal 19 al 21 maggio; - la serata di gala presso il Teatro San Carlo di Napoli il 22 dicembre; - per non parlare delle grandi feste del vino nei comuni promotori: Vinestate, Vinalia, Festa dell’Uva e del Vino. In relazione alle Reti, il riconoscimento ottenuto, oltre a consolidare e rafforzare i già noti rapporti con l’Associazione Nazionale Città del Vino, con l’Osservatorio del Turismo del Vino (cha ha sede presso l’Università di Salerno) e con talune realtà regionali come il Veneto, ha trasformato la vocazione vinicola del Sannio in un progetto di cooperazione territoriale capace di suscitare entusiasmo, di creare un clima favorevole alla collaborazione e alla condivisione, di contaminare e di coinvolgere imprese ed operatori, istituzioni e cittadini, in vista della costituzione in Campania di un vero e proprio distretto del vino. Vanno lette in questa direzione le adesioni, accanto ai cinque comuni proponenti la candidatura (Castelvenere, Guardia Sanframondi, Sant’Agata de’ Goti, Solopaca e Torrecuso) e alla città capoluogo Benevento (che ha sposato da subito la causa), di altri ben ventuno municipi sanniti alla rete delle Città del Vino. L’intento ora è quello di dar vita insieme e in maniera condivisa a programmi, progetti e strategie per lo sviluppo sostenibile e la valorizzazione della “Valle del Vino” del Sannio Beneventano. Innumerevoli sono stati gli incontri, con il Consorzio di Tutela, la locale Camera di Commercio, l’Università del Sannio, l’ENIT, Enti, Fondazioni, Associazioni, GAL, Organizzazioni di Categoria, attori pubblici e privati, di livello regionale, nazionale ed internazionale, che si sono succeduti nel corso di questa primavera per approfondire tematiche, immaginare e sviluppare iniziative, disegnare scenari. Tanto ha spinto la Regione Campania ad istituire e formalizzare, presso il locale Servizio Territoriale incardinato nell’Assessorato all’Agricoltura, un Tavolo TecnicoOperativo dedicato appunto a “Sannio Falanghina Città del Vino 2019”. La consapevolezza e la accresciuta determinazione delle istituzioni intorno al brand “Sannio Falanghina” deve diventare determinazione collettiva e singola di ogni cittadino sannita. La qualità della comunicazione del nostro brand deve costantemente crescere e guardare lontano. Per intanto, adesso, lavoriamo sulla tappa a cronometro del “Giro d’ITALIA 2021” che interesserà le città del vino Sannite. Il Sindaco del Comune di Guardia Sanframondi Dr. Floriano Panza INTERVENTO GIOVANNINA PICCOLI Buongiorno a tutti voi, come sapete quest’oggi si chiude l’entusiasmante percorso che è stato Sannio Falanghina Città Europea del Vino 2019 e si passa il testimone alla Città del vino 2020 Aranda de Duero. I Sindaci dei Comuni partecipanti, Castelvenere Torrecuso Solopaca Guardia Sanframondi, hanno voluto che fossi io, Sindaco di Sant’Agata de’ Goti, ad aprire questa manifestazione e per questo vorrei ringraziare Mario Scetta, Angelino Iannella, Pompilio Forgione e Floriano Panza. Ci sono tantissimi altri ringraziamenti da fare e ho solo pochi minuti, ma prima mi piacerebbe ricordare a noi tutti cosa abbiamo vissuto quest’anno e cosa ha significato per noi Sanno Falanghina Città Europea del vino 2019. Si tratta di un riconoscimento davvero prezioso, per il quale le amministrazioni dei comuni interessati si sono impegnate a lungo e, a questo proposito, voglio ringraziare il presidente di RECEVIN Josè Calisto, per aver sostenuto la nostra candidatura all’interno del Consiglio di Amministrazione, di cui è parte il mio Vicesindaco Marco Razzano, che ha profuso in questo lungo percorso non solo energie ma anche passione. Ringrazio anche il Presidente dell’Associazione Città Europee del Vino, Floriano Zambon, per averci sempre affiancato, e consentitemi di dedicare un pensiero a Paolo Benvenuto, direttore generale dell’associazione nazionale Città del vino, che ci ha lasciato da poco, uomo di grande equilibrio e affabilità. Sannio Falanghina, però, non è stata soltanto un riconoscimento alla qualità della Falanghina sannita ma un’occasione significativa per l’intera Regione Campania, presente oggi nella sua massima espressione con il Presidente Vincenzo De Luca, che saluto e ringrazio, insieme alla senatrice Lonardo e al consigliere regionale Mino Mortaruolo.

www.inewsswiss.com

La Regione Campania, in particolare gli assessorati all’agricoltura e al turismo, hanno colto e interpretato fattivamente l’importanza dell’opportunità che questo territorio ha saputo costruire intorno ad una delle sue eccellenze, il vino Falanghina, e ha sostenuto tutte le tantissime iniziative che abbiamo sviluppato. Il Sannio si è posto all’attenzione mediatica nazionale ma anche internazionale: siamo stati nominati a Bruxelles, abbiamo ricevuto il testimone di Città Europea del Vino a Parigi e ci siamo confrontati con le realtà vitivinicole più importanti di tutta Europa. Abbiamo condiviso tantissimi momenti significativi, consapevoli dell’opportunità che un simile riconoscimento avrebbe comportato. A chiusura di questo percorso noi possiamo con fierezza dire che Sannio Falanghina è stata la vittoria dell’impegno ma anche della fiducia, perché sia gli amministratori che gli operatori del settore che l’intera società civile hanno tutti creduto nell’ambizioso e complesso progetto di rilancio del territorio sannita e hanno operato instancabilmente e con entusiasmo in questa direzione. Il nostro rilancio ha radici profonde perché fa leva sulla nostra tradizione vitivinicola, fatta di imprenditori, agricoltori e operatori industriosi ed esperti ma anche creativi e innovativi, che conoscono le risorse e ne hanno cura, sviluppandone sapientemente le potenzialità. Il nostro importante passato vuole essere punto di partenza per il futuro, per fare nuove esperienze, i cui protagonisti possano essere i giovani, cui speriamo di poter affidare il nostro patrimonio, il nostro prezioso MADE IN SANNIO. Ma ovviamente questo impone una politica di ritorno alla terra, di tutela del territorio e delle biodiversità, per riappropriarci di tutte le possibilità che il nostro territorio può darci non solo in termini di produttività agroalimentare ma anche di crescita culturale, turistica ed estetica. E proprio in questa direzione abbiamo lavorato all’approvazione del Regolamento di polizia rurale, che ambisce ad una cura del territorio che rifletta anche un ordine estetico. Perché la bellezza, la salubrità, La qualità dei prodotti che vogliamo ricercare e tutelare sono il futuro di questa terra e di questa Regione. E la determinazione, la caparbietà con cui riusciremo a valorizzarli sono la misura delle nostre capacità. Sannio Falanghina città europea del Vino è stata un’ottima annata per la terra Sannita e in futuro ce ne saranno di altrettanto buone. Il fermento a cui si è dato vita con le molteplici iniziative e manifestazioni che ci hanno visti protagonisti quest’anno, insieme all’Università del Sannio, alla Camera di Commercio, all’UOD di Benevento, al Conservatorio Nicola Sala, una delle realtà musicali più apprezzate nel mondo e vicina in ogni occasione, al Consorzio Tutela Vini presente in sala il Presidente Libero Rillo, le organizzazioni agricole provinciali di Benevento, vedo in sala il presidente provinciale di Confindustria Filippo Liverini, il Vice presidente nazionale della coldiretti Gennarino Masiello, il Presidente della Cia Raffaele Amore e tutte le autorità presenti. Ecco quel fermento, quella passione e quella curiosità ci hanno fatto esplorare nuove metodologie di promozione economico culturale, perciò non possono e non devono spegnersi oggi con il passaggio di testimone alla nuova città europea del vino 2020 Aranda de Duero. Noi vogliamo continuare, abbiamo il dovere di farlo, sentiamo la responsabilità di farlo. E lo faremo, ne siamo certi, condividendolo con tutte le Istituzioni che abbiamo avuto al nostro fianco e con tutta la società civile che ci ha accompagnato. A Mimmo Paladino dobbiamo il volto di Sannio Falanghina Città Europea del Vino. Ci ha regalato un bellissimo logo. Al dr. Felicori un saluto e ringraziamento per essere stato l’ambasciatore della Falanghina nel mondo. I complimenti vanno agli addetti alla comunicazione per le strategie vincenti che hanno messo in campo e per tutti ad Antonello De Nicola. Agli uffici tecnici ed ai responsabili che ci hanno permesso di investire i finanziamenti regionali il nostro grazie. Grazie all’arch. Sebastianelli, cui abbiamo dato un gran da fare. Grazie al coordinatore del progetto Nicola Ciarleglio e un pensiero va all’Ing. Mustilli, che è stato il primo a pensare di imbottigliare il Vino Falanghina. Grazie ancora una volta al Presidente De Luca, le risorse che ci ha messo a disposizione sono state il mezzo per fare esprimere le potenzialità a tutti gli addetti al progetto. Credo Presidente che, a consuntivo, possa ritenere che sono state un buon investimento, da ripetere. Grazie a tutti voi che avete apprezzato e fatto apprezzare questo evento Noi cinque Sindaci, di queste piccole comunità, a dimostrazione che i numeri non sono tutto, abbiamo avuto la fortuna di condividere l’emozione di portare il Sannio nel MONDO ma soprattutto abbiamo condiviso l’emozione di sperimentare una strada comune per ricavare dalle nostre diverse identità, che da sempre custodiamo gelosamente, un’unica storia chiamata SANNIO.

iNEWS

37


auto

FIAT TIPO MORE: FÜR ALLE, DIE MEHR WOLLEN

D

ie neuen Fiat Tipo More Sondermodelle sind für alle, die noch mehr wollen. Die Neuauflage mit erweiterter Serienausstattung beinhaltet noch mehr Komfort für die Modelle Street, Mirror und Sport. In der Schweiz sind die neuen Modelle seit 1. Februar 2020 mit einem Einstiegspreis von CHF 19’390 erhältlich. Zusätzlich profitieren Kunden beim Kauf anlässlich des 120-jährigen Jubiläums von Fiat letzten Jahres immer noch von einer Standardgarantie von 10 Jahren! Zu Beginn des neuen Jahres erhält die Tipo-Familie Zuwachs: Nachdem im Sommer 2019 die Tipo-Modellpalette bereits durch den Tipo Street und Tipo Sport ergänzt wurde, folgt nun die Neuauflage „More“ für alle bestehenden Tipo-Modelle. Die Standardgarantie von 10 Jahren gilt für die gesamte Tipo-Serie und so profitieren Kunden auch beim Kauf eines neuen Tipo More. Die neuen Modelle Tipo More Die Neuauflage unter dem Credo „More“ ist für die Modelle Tipo Street, Tipo Mirror und Tipo Sport verfügbar. Mit erweiterter Serienausstattung, Klimaanglage, Einparkhilfen und neuesten TFTDisplays sorgen die neuen Sondermodelle für noch mehr Komfort. Ausgestattet mit modernsten Audiosystemen mit Bluetooth-

38

iNEWS

Freisprecheinrichtung garantieren sie zudem beste Unterhaltung und Sicherheit beim Telefonieren. Der Tipo More Sport überzeugt zusätzlich mit exklusiven 18’’ Leichtmetallrädern, einem neuen Spoiler und dunkelblauem Diamantschliff. Elegante Chromedetails und getönte Scheiben geben dem neuen Tipo Mirror More einen noch exkulisveren Look. Stylischer, dynamischer und individueller kommt auch der neue Tipo Street More daher: Schwarze Akzente an den Türgriffen, am Dach und Kühlergrill sowie getönte Scheiben heben ihn von der Masse ab. Und auch das Interieur zeigt sich elegant in Schwarz. Jubiläumsgarantie für 10 Jahre Anlässlich des 120-jährigen Jubiläums schenkte Fiat ihren Kunden vergangenen Sommer eine Sonderaktion: Beim Kauf eines Fiat Tipo erhielten die Käufer eine Standardgarantie von zehn Jahren. Die Garantie wird nun auch auf die neuen Sondermodelle der Reihe „More“ erweitert. Es bedeutet eine Verlängerung der ursprünglichen Garantie von drei Jahren auf zehn Jahre mit kompletter Deckung. Zehn Jahre lang muss sich der Kunde also um nichts sorgen. Stattdessen werden die Reparaturkosten von dem hoch qualifizierten Servicenetz mit originalen Ersatzteilen durchgeführt. Eine solche Aktion ist einzigartig auf dem Markt.

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

A

U

T

O

FOTO INEWS AUTO SSANGYONG KORANDO www.inewsswiss.com

iNEWS

39


auto

BEST CARS 2020» LESERWAHL: ALFA ROMEO, ABARTH UND FIAT WIEDER UNTER DEN SIEGERN ERNEUT STEHEN DREI FCA-MARKEN - ALFA ROMEO, ABARTH UND FIAT - AUF DEM SIEGERPODEST DER LESERAUSZEICHNUNG «BEST CARS» DER «AUTO ILLUSTRIERTE», DEM GRÖSSTEN SCHWEIZER AUTOMAGAZIN. 40

iNEWS

www.inewsswiss.com


A

m 28. Januar 2020 kürte die auto Illustrierte in Zürich die Sieger der «Best Cars 2020». Auch dieses Jahr konnte Alfa Romeo seine starke Position unter den «Best Cars» verteidigen, gebührend feiern und sogar weiter ausbauen. Bereits zum fünften Mal in Folge sicherte sich die Alfa Romeo Giulia den Sieg in der Kategorie D, der Mittelklasse, und der Alfa Romeo Stelvio verteidigte auch 2020 seinen Vorjahressieg auf Platz 1 in der Kategorie SUV/Geländewagen. Auf Platz 1 stieg wieder einmal die Alfa Romeo Giulietta in der Kategorie C, der Kompaktklasse. Auch in Punkto «Best Brands» brillierte Alfa Romeo mit Siegerauszeichnung für «Gutes Aussehen/Styling» und «Macht gute Werbung».

www.inewsswiss.com

Mit dem Abarth 595/695 steht eine weitere FCA-Marke auf der Siegertreppe in der Kategorie A, den Mini Cars. Dicht gefolgt vom Fiat 500 auf Platz 2. Rund 4‘500 fachkundige Leser aus der Deutsch- und Westschweiz haben für die Auszeichnung «Best Cars 2020» der auto Illustrierten ihre Stimme abgegeben. Die Wahl fand gleichzeitig in 10 Ländern statt, bei weltweit 13 Auto-Magazinen. Dafür standen 387 Modelle in insgesamt elf Kategorien zur Auswahl.

iNEWS

41


auto

GIORGIO NADALI

A

Funo di Argelato (BO) uno spazio suggestivo che racconta la storia del fondatore del celebre Mito del Toro che Carica. Ferruccio Lamborghini, imprenditore emiliano che ha reso il marchio del Toro un mito internazionale, nacque a Renazzo il 28 aprile 1916 sotto il segno del Toro, e morì il 20 febbraio 1993 nella sua Tenuta La Fiorita. Per onorare la sua memoria, il figlio, l’imprenditore Tonino Lamborghini, ha ideato e progettato il Museo Ferruccio Lamborghini. Inaugurato nel 2014, il Museo è uno spazio polifunzionale ed è situato in uno degli ex-stabilimenti industriali di Ferruccio Lamborghini a Funo di Argelato, a pochi chilometri dal centro di Bologna e nel cuore della celebre Motor Valley.

42

iNEWS

«Ricordo molto bene la prima volta che discussi della creazione di un Museo con mio padre - racconta Tonino Lamborghini. - Mi guardò perplesso e ancora di più lo fu quando gli mostrai due trattori Lamborghini, malconci e arrugginiti, che avevo trovato presso un agricoltore della zona. Qualche mese dopo, gli mostrai i trattori completamente rimessi a nuovo. Li misi in moto: prima una nuvola di fumo nero, poi azzurro e finalmente il familiare pum pum del normale funzionamento, simbolo di una mai perduta potenza. In quel momento, gli occhi azzurri di papà diventarono lucidi. Mi disse: «Quando feci questi trattori, avevo la tua età e le tasche vuote». Con oltre 10.000 visitatori all’anno, il Museo vuole esaltare l’intelligenza, la creatività e la tenacia di Ferruccio Lamborghini. www.inewsswiss.com


Gli appassionati di motori, di design e della celebre storia raccolta all’interno di questo Museo, si trovano immersi all’interno di un vero spaccato di civiltà industriale attraversando un viaggio nel Mito rappresentante un’eccellenza del Made in Italy nel mondo. Il Museo raccoglie infatti tutta la produzione industriale dell’ Ing. honoris causa Ferruccio Lamborghini: dal primo trattore Carioca con cui ha dato il via nel 1947 al suo gruppo industriale passando per i primi trattori cingolati fino ai modelli degli anni ‘70; dal prototipo della 350GTV alla 400GT; dalla mitica MiuraSV personale di Ferruccio all’avveniristica Countach; dagli esemplari di Jarama ai prototipi di Jalpa; dalle Urraco alla Espada con apertura ad ali di gabbiano che ha ispirato l’auto del film “Ritorno al futuro”; l’offshore Fast 45 Diablo Classe 1 di 13,5 metri con motori Lamborghini 11 volte campioni del mondo; uno splendido esemplare omologato di elicottero Lamborghini con doppi comandi; bruciatori, caldaie e sistemi di raffreddamento Lamborghini; la famosa “Barchetta” costruita da Ferruccio per partecipare alla Mille Miglia del 1948; la ricostruzione del primo ufficio personale di Ferruccio alla Lamborghini Trattori con suoi oggetti personali; uno spazio dedicato ad altre auto e moto di quel periodo in un contesto di comparazione; riconoscimenti ufficiali e foto dell’epoca per ricordare non solo le vicende di Ferruccio, ma anche quelle della famiglia Lamborghini e di migliaia di persone che hanno ruotato attorno a lui. In un contesto di comparazione, all’interno del Museo Ferruccio Lamborghini è racchiusa anche un’ala dedicata all’esposizione di prodotti di design industriale degli anni ‘50-‘70 e modelli di auto e moto di altri marchi storici del periodo di Ferruccio Lamborghini. Inoltre, il Museo offre l’opportunità di ammirare pezzi speciali tra i gioielli firmati da Ferruccio Lamborghini, in esposizione temporanea e provenienti da collezioni private. Per citare gli ultimi esempi che sono stati ospitati dal Museo nel corso degli ultimi mesi: una speciale e originale Miura Jota, ovvero la fedele riproduzione della mitica Miura riadattata in versione racing dal collaudatore di automobili Lamborghini Bob Wallace, oltre che l’ultimo esemplare di Miura prodotta. Tra le auto si possono scorgere anche opere d’arte di artisti che si sono ispirati al mondo dei Motori Lamborghini e non solo. La struttura nasce come uno strumento di comunicazione e di cultura, capace di rispecchiare l’intelligenza, la creatività e l’eccezionalità dell’uomo cui è stato intitolato. Un luogo vivo, dinamico, suggestivo e pieno di energia pronto ad accogliere appassionati, turisti e tutti coloro che cercano una cornice d’eccezione per eventi, convention e cene di gala. Il Museo Ferruccio Lamborghini è racchiuso all’interno di uno degli ex stabilimenti Lamborghini, sapientemente recuperato attraverso un intervento di riqualificazione industriale di forte impatto. Il progetto si caratterizza per precisi accorgimenti architettonici e una peculiare scelta dei colori che restituiscono all’ambiente una carica emotiva eccezionale, accompagnando il visitatore nel percorso museale. La struttura stessa esprime appieno l’energia che contraddistingue la storia della famiglia Lamborghini. L’involucro di colore neutro del museo contrasta con il colore rosso Lamborghini dei canali microforati per il riscaldamento, raffrescamento e ricambio dell’aria. L’intonaco spatolato rigato, utilizzato sia all’esterno che all’interno del museo, crea un effetto di movimento ispirandosi all’aerodinamicità delle auto sportive in esso contenute. Gli shed dell’edificio originale inondano lo spazio di luce, che filtra i particolari dei pezzi esposti, mentre i led delle colonne creano giochi di luce speciali per la scenografia serale. Tanti elementi a forma di scudo, come la pensilina e l’entrata all’esterno fino alle luci nelle colonne interne, richiamano il logo di famiglia presente in tutti i prodotti a marchio Lamborghini. I pannelli appesi accompagnano il viaggio del visitatore attraverso la storia e il tempo interiore di Lamborghini, perché qui l’edificio stesso è trasformato in un racconto di vita, mentre le colonne a forma piramidale donano monumentalità ad un luogo che omaggia www.inewsswiss.com

un personaggio di altri tempi. Il Museo è ospitato all’interno di un Forum di 9000mq che ospita anche un book shop, e cinque diversi spazi espositivi da cui si può ammirare l’intera collezione e che sono disponibili per eventi, convention, cene di gala, manifestazioni speciali, sfilate, business meeting, mostre culturali, servizi fotografici, fuori saloni, feste ed eventi aziendali. Situato in uno degli ex-stabilimenti industriali di Ferruccio Lamborghini a Funo di Argelato. Lo spazio polifunzionale è stato inaugurato nel 2014, ideato e progettato dall’imprenditore Tonino Lamborghini per celebrare la figura del genio industriale del padre Ferruccio. Storia: Nel 1995 fu inaugurato il primo Museo Polifunzionale Ferruccio Lamborghini accanto allo stabilimento della Lamborghini Calor, a Dosso di S. Agostino, immerso in quella campagna ferrarese che diede i natali a Ferruccio. Dopo 19 anni e migliaia di visitatori da tutto il mondo, il figlio Tonino Lamborghini, con lo spirito imprenditoriale ed avanguardistico che contraddistingue ogni suo progetto, ha deciso di avvicinare il Museo alla città di Bologna e di dare ancora maggior risalto alla storia di suo padre, genio della meccanica e Cavaliere del lavoro, dedicandogli un nuovo spazio espositivo. Esposizione: Il Museo raccoglie tutta la produzione industriale dell’ Ing. honoris causa Ferruccio Lamborghini: dal primo trattore Carioca con cui ha dato il via nel 1947 al suo gruppo industriale passando per i primi trattori cingolati fino ai modelli degli anni ‘70; dal prototipo della 350GTV alla 400GT; dalla mitica MiuraSV personale di Ferruccio all’avveniristica Countach; dagli esemplari di Jarama ai prototipi di Jalpa; dalle Urraco alla Espada con apertura ad ali di gabbiano che ha ispirato l’auto del film “Ritorno al futuro”; l’offshore Fast 45 Diablo Classe 1 di 13,5 metri con motori Lamborghini 11 volte campioni del mondo; uno splendido esemplare omologato di elicottero Lamborghini con doppi comandi; bruciatori, caldaie e sistemi di raffreddamento Lamborghini; la famosa “Barchetta” costruita da Ferruccio per partecipare alla Mille Miglia del 1948; la ricostruzione del primo ufficio personale di Ferruccio alla Lamborghini Trattori con suoi oggetti personali; uno spazio dedicato ad altre auto e moto di quel periodo in un contesto di comparazione; riconoscimenti ufficiali e foto dell’epoca per ricordare non solo le vicende di Ferruccio, ma anche quelle della famiglia Lamborghini e di migliaia di persone che hanno ruotato attorno a lui. Nel pieno della Motor Valley, il nuovo Museo è uno spazio dedicato al valore della memoria e, allo stesso tempo, proiettato verso il futuro, l’innovazione e la sfida: un viaggio attorno ad un Mito e ad un’eccellenza del Made in Italy. Il Museo Ferruccio Lamborghini è racchiuso in un Forum di 9000mq che ospita anche uno shop con libri e accessori e diversi spazi espositivi disponibili per eventi, manifestazioni e business meeting. Il Museo è disponibile per visite guidate con personale qualificato che provvede ad accompagnare i visitatori all’interno di un’area espositiva che illustra tutto l’universo di Ferruccio Lamborghini, uno dei più grandi costruttori meccanici di tutti i tempi. Le guide si soffermeranno sui modelli più importanti che hanno creato il mito del Toro, raccontando particolarità tecniche e di design. Inoltre, la storia del genio di Ferruccio sarà arricchita da aneddoti personali tramandati dalla famiglia o narrati negli scritti dell’epoca. GIORGIO NADALI

iNEWS

43


real estate

GIORGIO NADALI

TONINO LAMBORGHINI RESIDENCES DUBAI

C

ome è nata l’idea Tonino Lamborghini Residences Dubai?Sin dalla fondazione della mia azienda, uno dei miei obiettivi è stato quello di lasciare un segno nei paesi in rapida crescita. Ho iniziato in Cina e in particolare a Hong Kong. Dopo il successo dei miei primi hotel in Cina, era inevitabile sviluppare a Dubai un progetto nuovo e innovativo. Dubai rappresenta oggi la pura espressione di estrema novità e lungimiranza, inoltre nel corso degli anni il mercato immobiliare di Dubai ha trasformato rapidamente la città e ora c’è una forte richiesta di case lussuose e su misura che possano offrire uno stile di vita senza pari. Il progetto Tonino Lamborghini Residences Dubai è stato progettato insieme al nostro partner Oriental Pearls, uno dei principali sviluppatori immobiliari cinesi che opera negli Emirati Arabi Uniti, ho avuto la fortuna di incontrarmi e di lavorare dal 2018. Siamo fiduciosi che questa partnership offrirà un risultato davvero straordinario comunità che è sinonimo di visione di Dubai per l’innovazione e la vita intelligente. In che modo Tonino Lamborghini Residences Dubai fa la differenza nella vita di lusso nella regione? Il progetto è stato concepito come qualcosa di veramente innovativo: è la prima comunità Tonino Lamborghini al mondo. Una piccola città completamente marchiata nel quartiere Meydan di Dubai che sarà pronta entro il 2024. Un’area di oltre 43 ettari dedicata agli amanti dell’arte, del design e dello stile di vita italiano.

44

iNEWS

Circa 8.000 appartamenti saranno realizzati con il concept design degli interni Tonino Lamborghini, finiture di alto livello, domotica all’avanguardia; inoltre, i clienti avranno diversi servizi come spazi commerciali, luoghi di culto nel rispetto delle diverse religioni territoriali, parchi e giardini. Grazie alla sinergia con tutti i partner del mio marchio, il progetto offrirà mobili, ceramiche, accessori per la casa e l’ufficio italiani dai rubinetti all’arte del vetro e altri prodotti di lusso del marchio Tonino Lamborghini come bevande o accessori di moda. Le 8 mila residenze a Dubai sono già esaurite? La sua azienda si occuperà direttamente delle vendite? Finora il mercato ha accolto positivamente il progetto. Le vendite non sono dirette esclusivamente al mercato di Dubai, ma anche ad altri paesi dell’Europa orientale, del Medio Oriente, della Cina e dell’Estremo Oriente. Quali sono i suoi progetti attuali e in sviluppo per il futuro nel campo dell’ospitalità e del settore immobiliare? La mia attività imprenditoriale nel settore dell’ospitalità è iniziata nel 2012 e da allora ha coinvolto diversi progetti: dai grandi hotel a 5 stelle a marchio ai resort boutique, dagli edifici residenziali alle caffetterie e ai ristoranti. Il progetto di ospitalità comprende oggi 3 hotel in Cina (Suzhou, Kunshan e Huangshi) e una caffetteria in Kuwait. Ho recentemente annunciato il lancio di un nuovo progetto alberghiero a Seipan, nelle Isole Marianne. Oggi abbiamo annunciato e lanciato www.inewsswiss.com


un nuovo progetto in Brasile e a breve anche in Egitto e Bahrein. I noltre, considerando che sono console onorario del Montenegro per la regione italiana dell’Emilia-Romagna, non vediamo l’ora di trovare un buon partner per un progetto immobiliare di lusso sulla costa montenegrina. Quali sono le migliori caratteristiche e scelte di Tonino Lamborghini Residences Dubai? Che tipo di esperienza dovrebbero aspettarsi i residenti? Tonino Lamborghini Residences Dubai offrirà un mix perfetto di design italiano contemporaneo, servizi avanzati di automazione domestica (IoT, climatizzazione intelligente, sistemi di sicurezza, reti intelligenti) e il 40% degli spazi verdi. Un’esperienza smart da vivere totalmente con una combinazione di tecnologia intelligente, design contemporaneo e paesaggi lussureggianti. Inoltre, i residenti potranno usufruire di servizi intelligenti e controllo intelligente del clima tutto l’anno. Offrirà anche una gamma completa di comodi servizi e servizi al dettaglio, insieme a una tecnologia senza soluzione di continuità e un controllo climatico avanzato degli spazi comuni. Qual è il Suo target di clienti ideale per il progetto immobiliare? Acquirenti moderni che cercano una casa di marca con stile di lusso, tecnologia di fascia alta, materiali e finiture di alta qualità. In genere, sono investitori stranieri e professionisti internazionali di successo. I clienti di Tonino Lamborghini Residences Dubai sono investitori privati che desiderano una seconda casa a Dubai sia locali che di altri paesi come Cina, India, Pakistan e Arabia Saudita. Il progetto si rivolge anche agli investitori in cerca di un investimento in grado di garantire un rendimento superiore a quello normalmente offerto dal mercato. Si sente un ambasciatore dello stile di vita di lusso italiano? Da quasi 40 anni il mio marchio interpreta un universo di stile italiano con una missione molto chiara: esportare la passione e lo

spirito della cultura italiana sotto forma di prodotti con un design unico e distintivo ispirato al patrimonio meccanico della famiglia Lamborghini. Traendo ispirazione dalla mia eredità familiare ed esperienza professionale nel campo dell’ingegneria meccanica e del design automobilistico, ho creato un “marchio di esperienze di vita” con una vasta gamma di prodotti di lusso: orologi, occhiali, telefoni cellulari, profumi, accessori mobili, abbigliamento, sport accessori, golf e carrelli, prodotti per bevande, hotel a 5 stelle, progetti immobiliari, mense e ristoranti di marca. Carattere italiano combinato con l’eredità leggendaria del simbolo di toro Miura senza tempo sono i valori che caratterizzano il mio marchio. Mi sono sentito come un Marco Polo in diverse occasioni e oggi le persone mi vedono come ambasciatore dell’unicità italiana. Le residenze vendute sono arredate con uno specifico design degli interni Tonino Lamborghini? Su richiesta o standard? I prodotti Tonino Lamborghini saranno utilizzati in modo ampio e nella maggior parte degli appartamenti, in base alle specifiche richieste dei clienti che avranno una gamma molto ampia di proposte personalizzate e personalizzate. Le residenze progettate da architetti italiani sono basate sulle vostre specifiche richieste? Insieme ai nostri partner sviluppatori immobiliari selezioniamo architetti internazionali al fine di fornire un progetto personalizzato per il gusto locale. L’obiettivo è quello di interpretare appieno la nostra identità ma nel pieno rispetto delle richieste del mercato locale. I nostri partner italiani delle linee di accessori per la casa lavorano con architetti e designer di interni italiani per pianificare gli interni della casa secondo gli standard e le linee guida del marchio. GIORGIO NADALI Tonino Lamborghini Hotel Kunshan

Tonino Lamborghini Hotel Huangshi

www.inewsswiss.com

iNEWS

45


real estate

GIORGIO NADALI

TONINO LAMBORGHINI

RESIDENCES BALNEÁRIO CAMBORIÚ, BRASILE

B

alneário Camboriú, importante città balneare nello stato di Santa Catarina nel Brasile meridionale, ospiterà il nuovo edificio residenziale di lusso firmato dal celebre marchio italiano. Tonino Lamborghini Residences offrirà una perfetta combinazione di stile e architettura ispirata al design, ai valori e alla filosofia del marchio “del Toro che carica”: linee pulite, forme dinamiche e finiture di alta qualità. Tonino Lamborghini, il marchio fondato dall’erede della famiglia Lamborghini, ed EMBRAED, uno dei principali real estate developer del Brasile, hanno siglato il 27 settembre 2019 a Balneário Camboriú un accordo per lo sviluppo in Brasile di un nuovo progetto di real estate a marchio Tonino Lamborghini. Il progetto, pari ad un investimento di 150 milioni di real brasiliani (circa 34 milioni di €), sarà lanciato ufficialmente a dicembre. Tonino Lamborghini Residences Balneário Camboriú è stato pensato per i professionisti di successo, amanti del lusso, della tecnologia e delle finiture di alta qualità. Acquirenti moderni alla ricerca di soluzioni abitative in grado di garantire uno stile di vita sofisticato, caratterizzato da comodità, agiatezza ed elevati servizi di sicurezza. Tonino Lamborghini Residences è stato lanciato a febbraio 2020.

46

iNEWS

Qui info in più sul Building: Il building, con un’altezza di 170 mt e una superficie totale di 25.000 mq, disterà 50 metri dalla spiaggia, sarà sviluppato da EMBRAED, che interpreterà i valori e la filosofia del brand italiano attraverso un concept che mira a rivoluzionare lo stile abitativo di lusso brasiliano. Le sue 67 unità residenziali, di cui il 50% vendute nel corso degli ultimi 2 mesi, avranno una superfice compresa tra 194 e i 429 m2 di area privata. I 53 piani includeranno tre ampi spazi multifunzionali, oltre che aree riservate per attività ricreative come SPA, area relax, palestra e terrazza con piscina con vista sui grattaceli e sul mare di Balnéario. L’edificio sarà dotato di una piscina riscaldata e con elica per l’attività fisica, oltre che di un campo da calcio e di un’area per i bambini con minipista esterna e passeggini elettrici. I garage prevederanno fino a quattro posti auto per ogni residente, di cui uno con punto di rifornimento per veicoli elettrici. Il progetto, offrirà una vera e propria esperienza di total living italiano firmata Tonino Lamborghini. Gli interior comprenderanno le soluzioni di arredo per la casa e l’ufficio della linea Tonino Lamborghini Casa, i rivestimenti in ceramica della linea Luxury Surfaces e le rubinetterie della collezione Water Design. Tonino Lamborghini Residences Balneário Camboriú rappresenterà una combinazione perfetta tra spirito del marchio e design all’avanguardia. www.inewsswiss.com


Balneário Camboriú è anche conosciuta come la “Dubai Brasiliana” grazie ad alcune sue peculiarità: una posizione strategica, straordinarie attrazioni turistiche, spiagge famose, una nightlife vivace, uno stile di vita sofisticato e il suo particolare skyline. Le infrastrutture e i servizi che la città offre per lo shopping ed il tempo libero, oltre che l’eccellente mobilità urbana, rendono Balneário Camboriú un luogo trendy sia per i turisti che per i locali. La location scelta per la costruzione del Residence a marchio è una delle zone più celebri di Balneário Camboriù: il quartiere Barra Sul, celebre per la sua sofisticata vita notturna, i caffè e i ristoranti sulla spiaggia, l’ampio molo turistico, il parco con le funivie e il marina yacht più lussuoso nel sud del Brasile. “Sin dalla mia prima volta in Brasile, più di 50 anni fa, ho sempre desiderato lasciare il segno della mia creatività in questo meraviglioso paese. Dopo gli Hotel a Suzhou, Kunshan, Huangshi, il lancio del progetto di real estate in Cina e della prima community a marchio a Dubai, oggi sono orgoglioso di annunciare la partnership con EMBRAED per il primo Tonino Lamborghini Residences in Brasile.” - ha dichiarato Tonino Lamborghini durante la conferenza di lancio del progetto. “A Balneário Camboriù, svilupperemo un concept abitativo con una forte personalità e di grande espressione culturale e artistica. L’obiettivo sarà quello di soddisfare la richiesta della clientela più esigente, con appartamenti di design per uno stile abitativo iconico e su misura.” Durante la conferenza stampa, nel ringraziare la presidente di EMBRAED, Tonino Lamborghini ha lodato la leadership femminile: “Mio padre costruì le sue aziende, ma fu mia madre a guidarle. La conduzione era in mano a una donna, mia madre. Anche in questo caso, a gestire una grande azienda di costruzioni e real estate abbiamo una donna. Le donne hanno sempre idee più chiare ed efficaci. É quindi con piena fiducia che lascio il mio nome nelle mani di Tatiana, presidente di Embraed, che da oggi sarà l’ambasciatrice del mio marchio qui a Balneário Camboriù!”.

ha una mission molto chiara: esportare la passione e lo spirito della cultura italiana sotto forma di prodotti dal design unico e distintivo, ispirato al design industriale italiano e all’heritage meccanico della famiglia Lamborghini. Design dal carattere senza compromessi, stile innovativo e italianità, uniti al leggendario retaggio di un mito senza tempo: questi i valori che caratterizzano il marchio Tonino Lamborghini e conquistano i clienti in tutto il mondo. Tonino Lamborghini, nato nel 1947, è l’attuale Presidente dell’omonima azienda. Dal 2016 è affiancato nella conduzione aziendale dal primogenito Ferruccio, vicepresidente e CEO, che dal celebre nonno ha ereditato non solo il nome ma anche la passione per la velocità: è pilota di motociclismo nel Campionato Italiano Velocità. GIORGIO NADALI

“EMBRAED e il marchio Tonino Lamborghini condividono gli stessi valori ed obiettivi: una forte tradizione familiare, la passione per il proprio lavoro, la volontà di garantire alla propria clientela uno stile di vita premium, esclusività, attenzione ai dettagli e alti standard qualitativi nelle proprie creazioni.” - ha spiegato Tatiana Rosa Cequinel - “Questi sono i valori che portiamo avanti dal 1984 e che, grazie a questo progetto, valicheranno anche i confini della nostra nazione. Tonino Lamborghini Residences Balneário Camboriù mira a diventare un punto di riferimento per il settore dell’edilizia civile brasiliana”. L’AZIENDA TONINO LAMBORGHINI L’azienda Tonino Lamborghini è stata fondata nel 1981 dal commendator Tonino Lamborghini, erede della famiglia Lamborghini. Oggi l’azienda ha sede nello splendido “Palazzo del Vignola”, villa rinascimentale alle porte di Bologna realizzata dal famoso architetto Jacopo Barozzi, detto “Il Vignola”. Traendo ispirazione dal suo heritage familiare e dalle sue esperienze professionali nel campo dell’ingegneria meccanica e del design automobilistico, il comm. Lamborghini ha creato un “lifestyle experience brand” con un’ampia gamma di prodotti di lusso: orologi, occhiali, cellulari, profumi, complementi d’arredo, abbigliamento, accessori sportivi, golf&utility cart, prodotti beverage, hotel a 5 stelle, progetti real estate, caffetterie e ristoranti a marchio. Da 38 anni, Tonino Lamborghini interpreta un universo di stile italiano, rimanendo fedele alla tradizione e alla storia della famiglia Lamborghini. Tutti i prodotti si contraddistinguono per il simbolo del “Toro che carica” su sfondo rosso. L’azienda Tonino Lamborghini www.inewsswiss.com

RESIDENCES BALNEÁRIO CAMBORIÚ

iNEWS

47


finance & tourism

CARLA BORDOLI CRIVELLI VISCONTI

El Alcalde de Casares, José Carrasco, los Concejales de Cultura y Deporte, Luis Córdoba de la Fábrica de queso de Sierra Crestellina, Vicente Boscá de MATECNO SL

FITUR 2020, 22-26 DE ENERO NUEVO RECORD: ¿ES LA RECUPERACIÓN DEL TURISMO A NIVEL INTERNACIONAL?

L

a más importante feria de turismo del mundo rompe moldes, superando las mejores previsiones, y representando una vez más uno de los mayores éxitos de la organizadora de tal evento internacional: IFEMA, Institución Ferial de Madrid. En las jornadas exclusivamente profesionales, 150.011 participantes de 140 países. La feria ha conseguido cifras históricas, en un momento muy peculiar a nivel mundial, donde la recuperación económica y turística de algunos lugares contrasta claramente con otras naciones menos afortunadas o bien por conflictos o problemas a nivel gubernamental o bien por algún que otro desastre medioambiental.

48

iNEWS

Tenemos de todo, en este principio de año, hasta virus que nos amenazan desde lejos. Pero los 255.000 visitantes, las más de 11.000 empresas, los 165 Países y regiones, provocaron una valoración del impacto económico de FITUR 2020 para la capital de España, equivalente a 333 millones de euros: AMAZING! Dirían los Británicos, que ya han salido de Europa justamente en este mismo mes, poniendo en marcha el Brexit. Un año intenso, denso de acontecimientos, algunos buenos, otros preocupantes, otros esperanzadores… Volviendo a FITUR, hemos asistido este año por encargo del cliente de nuestra Agencia de Comunicación y Relaciones Públicas

www.inewsswiss.com


Alcalde de Manilva, Mario Jiménez y Vicente Boscá de MATECNO SL Internacionales Medi@presse Swiss AG, Dexter Global Finance SL, corporación financiera que desde sus oficinas en Marbella, Barcelona y Madrid, es un referente para proyectos y promociones inmobiliarias de altísimo nivel en España, en la modalidad de préstamos con garantía hipotecaria y avales para grandes operaciones financieras. La sociedad colabora con Fondos de Inversión de EEUU, Canada, Noruega, Reino Unido, Luxemburgo, Suiza, Portugal y España. En FITUR, los encuentros se centraron en los grandes proyectos como las promociones inmobiliarias en España, Portugal, Canarias y Cabo Verde, ya que Dexter opera en varios Países dentro y fuera de Europa. Además, estuvimos acompañando a nuestros clientes Vicente y Oscar Boscá, de MATECNO SL, empresa de Desarrollo Integral de Proyectos, en la presentación oficial del que será el mayor centro ecuestre de doma clásica y reproducción asistida del País: EQUIFOAL. MATECNO está desarrollando la dirección técnica de la obra, que cuenta con el apoyo institucional del Alcalde de Casares,

www.inewsswiss.com

Pepe Carrasco, y de toda la corporación municipal, ya que tendrá una muy importante repercusión económica para la comarca. También nos acompañó el Alcalde de Manilva, Mario Jimenez, que nos comentó los proyectos interesantes que ahora se pueden ver en el sitio web del mismo Ayuntamiento, para este año 2020. Mucho fermento, mucha actividad, muchas ganas de reactivar turismo y desarrollo, todo con la máxima atención y respeto del medioambiente. Indudablemente una experiencia que repetiremos el año que viene. www.ifema.es www.casares.es www.manilva.es www.matecno.com

iNEWS

49


communication BRIAN BASNAYAKE

COVID-19: PANIC AMIDST A 21ST CENTURY PANDEMIC

Zurich Main Railway Station at 20.00 hours, Thursday 19th March 2020

V

ast cities and metropoles across Europe and North America have fallen silent day and night, and even towns and villages have to abide by the stern dictates of their central governments, forcing people to stay indoors. Hardly anyone ventures out even at daytime and, in any case, all restaurants and places of entertainment, as well as schools, universities, cultural venues, public amenities and most shops and offices, are closed for business. At night, although most of the lights and the colourful, digital advertising boards flash and blinker vibrantly through the night, the roads are eerily empty and the surroundings shrouded in ghostly silence. Devoid of all strollers, clubbers, night workers, and the incessant passage of vehicles moving in and out of lanes, streets and alleyways. However, pacing slowly up and down at street corners or standing still under arches are the dark and fearsome figures in combat dress, unambiguously observing the movement of the few passers-by. Those who have taken to the streets have a good reason to do so, and they mostly walk alone. If not, then never more than two people together. Every now and then a vehicle brandishing military livery cruises almost inaudibly, stopping at 50

iNEWS

intervals to observe any movements on the ground and above. Lights on the top floors are invariably kept dim, and not a soul looks out of the windows, leave alone stand on any of the balconies. It is not the scene of an alien invasion or of urban warfare in a science fiction film, but a description of any number of cities across Western Europe with the approach of spring in the year 2020. It is a momentary scene somewhere in Europe, reminiscent of nations at war. It is an unprecedented event for Europe after WWII that has been precipitated by the public’s understandable fear of a tiny, microscopic enemy that moves imperceptibly and inaudibly from one human to another. As President Macron of France declared, the nation is at war – against an unconventional enemy. An enemy that has already caused havoc in China and parts of Asia; now it has come to Europe and America to wreak disaster and untold misery to their people. The spreading of the virulent disease will not end there: it is set to bring devastation to Africa, parts of Asia, and Latin America as well. One fears the cost to human lives will be most onerous in the poorer nations in those three continents in particular. www.inewsswiss.com


Photos of Zurich under partial lockdown, Bahnhofstrasse at 20.00 hours, Thursday 19th March 2020

As spring approaches, Europe has become the epicentre of the raging disease with Italy the first and worst hit country so far on the continent. Italy has one of the best health care systems in the world, but it is being stretched to its limits by this insidious disease. The rates of infection and death have reached alarming proportions, and every individual in the country is suddenly at risk. It is a great credit to the people of Italy that they have borne the onslaught with dignity and courage, and the nation owes a lasting debt of gratitude to their heroic health care workers who are battling undaunted and selflessly. No one would hesitate to say that their thoughts (and prayers) are with those heroes and their colleagues all over the world!

As the world is caught ever more in the grip of shock, the political establishment has started to reel under the enormous burden of responsibility to tackle the invisible enemy, maintain calm in the public mood, and protecting lives while simultaneously sustaining the economy and the livelihoods of the people. These are unprecedented times, and the world needs unparalleled solutions from their political leaders and the so-called experts. One clear fact has emerged: the decade of austerity prescribed by the IMF and its henchmen among the Establishment in Western countries had left the social institutions and welfare systems under-funded, depleted of vital resources, and, eventually, totally unprepared to withstand a prolonged onslaught such as that of Covid-19.

The coronavirus disease called Covid-19 will be remembered with a mixture of dread and incredulity by generations to come as the invisible enemy that invaded Europe and forced the unprecedented postponement of the 2020 UEFA European Football Championship and IIHF 2020 Men’s Ice Hockey World Championships in Zurich and Lausanne. It may still achieve the unthinkable of all postponements: the 2020 Summer Olympics in Tokyo. The hazardous virus has brought mayhem to sports and cultural events all across the continent and forced people to stay in their homes with the minimum of contact to neighbours, friends, and even relatives and family members.

The second fact to emerge is how quickly those very governments that claimed their treasury coffers were emptied by the financial crash of 2008 and its aftermath and, hence, austerity measures were a necessity, have suddenly found vast amounts of money in the coffers to fight the enemy. They are now ready to apply the Keynesian prescription of fiscal and monetary expansion – a policy that governments all over the world should have followed after the financial crisis of 2008. Had they done so, most countries would have been far better prepared with proper healthcare and concomitant social care facilities to tackle the current ruthless menace. The final conclusion: conservative orthodoxies focused on balanced budgets in times of severe hardship and constraints in the economy will only lead to significant gaps in the economy and tears in the very fabric of society. One can only hope that this will be an unavoidable lesson in a world divided by a minority with ever-increasing wealth and the vast majority living with uncertainty at best or engaged in a constant battle for survival at worst.

The Covid-19 pandemic will go down in history as the pandemic that almost took the world to the edge of the abyss of total economic meltdown. It has brought life as we know almost to a standstill, and it will potentially do more damage to the world’s economy and bring more anguish to ordinary people than did the banking crisis in 2008. Steadily, all across the globe, fear, panic, and extreme anxiety are taking hold of individuals and whole communities. The lockdowns, curfews, and social distancing will hit hard individuals, communities, and entire societies with varying degrees in the different continents. How far these measures will have a lasting impact on the public are questions that psychologists and other experts are already grappling to find answers and predictions. www.inewsswiss.com

iNEWS

51


communication

PIEMONTESE: “A SAN NICANDRO GARGANICO I CITTADINI DIVENTANO PROPRIETARI DELLO STORICO CASTELLO”

Da oggi i cittadini di San Nicandro Garganico diventano proprietari dello storico Castello normanno-aragonese e potranno trasformarlo in un forte attrattore turisticoculturale”.

Lo ha detto l’assessore regionale al Bilancio e alla Programmazione unitaria, Raffaele Piemontese, che ha consegnato, stamattina, al sindaco Costantino Ciavarella il provvedimento che trasferisce la somma di 386 mila euro dalla Regione Puglia al Comune garganico che procederà all’acquisto di un immobile la cui edificazione risale al IX Secolo, quando i Normanni costruirono una prima torre di avvistamento.

52

iNEWS

“È un’operazione – ha proseguito Piemontese – che non ha solo un grande valore simbolico, dato che il destino di un edificio identitario torna nelle mani della sua comunità, ma ha anche una portata economica sostanziale perché San Nicandro Garganico può intercettare una tendenza positiva che mette nelle condizioni di proporsi su scenari più larghi, candidando il Castello a bandi regionali, nazionali ed europei, per progetti di ristrutturazione e valorizzazione”. La storica vicenda del Castello partita con i Normanni è proseguita anche per l’utilizzo dell’edificio da parte di Federico II di Svevia come base per le sue battute di caccia, dall’essere rifugio segreto nella fuga dall’esilio di Papa Celestino V. Passò nel possesso di almeno una

www.inewsswiss.com


decina di feudatari prima di arrivare, nel XV° secolo, all’ampliamento degli Aragonesi. Fino ai circa 150 anni di appartenenza ai Principi di San Nicandro, come erano chiamati i Cattaneo della Volta Paleologo, potente famiglia del Regno di Napoli. Un manufatto di grande rilevanza culturale, adiacente a Palazzo Fioritto dove ha sede la più grande biblioteca civica della provincia di Foggia, dopo “La Magna Capitana”, e alla cinquecentesca Chiesa Madre di Santa Maria del Borgo, contenente pregiate statue lignee della scuola napoletana. Per decenni è appartenuta alla famiglia Tozzi e Giovanni Tozzi era presente, stamattina, allo storico momento che avvia il passaggio alla proprietà pubblica del Castello.

“L’offerta turistico-culturale pubblica pugliese si arricchisce di nuovi luoghi e itinerari possibili – ha concluso Piemontese – e sappiamo che, secondo le analisi elaborate dalla Banca d’Italia sul turismo internazionale, la prima cosa che viene in mente ai turisti che vengono in Puglia con la motivazione di fare un viaggio culturale sono, per il 21 per cento, proprio i castelli”. (COM)

“È partita proprio da qui, dalle segnalazioni di alcuni giovani amministratori pubblici di San Nicandro – ha ricordato l’assessore Piemontese – la sollecitazione a occuparsi dei pochi edifici storicoculturali pugliesi ancora appartenenti a privati e, a dicembre 2017, scrivemmo un articolo della Legge di Stabilità regionale 2018, che stanziava contributi economici per acquisire al patrimonio pubblico beni culturali”. Un’opportunità già utilizzata dal Comune di San Marco la Catola, sempre in provincia di Foggia, per acquisire il Palazzo Ducale; dal Comune di Latiano, in provincia di Brindisi, per comprare Palazzo Bartolo Longo; dal Comune di Faggiano, in provincia di Taranto, che ha acquisito al suo patrimonio un’area per la realizzazione del Parco territoriale; dai Comuni leccesi di Patù per acquisire la Cripta di Sant’Elia, di Neviano che ha acquisito il “Castiuddrhu” e di Nardò per acquistare le aree di Pianoro di Serra Cicora.

www.inewsswiss.com

iNEWS

53


DARYA KLISHINA BECOMES AMBASSADOR OF CHRISTOPHE CLARET’S WOMEN’S COLLECTION

Christophe Claret chose Darya Klishina as his ambassador to represent his famous women's collection.

54

iNEWS

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

M

U

S

I

C

MARCO MENGONI CONQUISTA ZURIGO


musica

PAOLA TERRANOVA

MARGO MENGONI CONQUISTA ZURIGO

P

er ben la seconda volta, dopo il concerto del 10 aprile al Volkshaus, torna a Zurigo Marco Mengoni, che il 13 dicembre ha riempito e fatto tremare la Samsung Hall! Dopo l’”Atlantico Tour” primaverile, dove aveva esordito proprio con 5 anteprime europee, tra cui appunto Zurigo come seconda tappa, per poi essere acclamato in numerose città italiane, Mengoni torna con l’”Atlantico Tour” autunnale. Stavolta lo apre con parecchie tappe italiane, per poi terminare con sette appuntamenti in Europa. Dalla Germania è dunque giunto a Zurigo. I nuovi album Atlantico e poi Atlantico / On Tour rappresentano una nuova, molto variegata e importante stagione nella musica del cantautore italiano. Dopo una lunga pausa, che Mengoni aveva utilizzato per un viaggio intorno al mondo, il suo album Atlantico,

56

iNEWS

che contiene 15 tracce inedite, era stato rilasciato il 30 novembre 2018. Atlantico on tour, 2 CD per un totale di 37 tracce, è stato invece pubblicato recentemente, il 25 ottobre 2019, a circa 11 mesi di distanza dal precedente Atlantico, che era stato rilasciato anche in spagnolo e certificato ben 2 volte Platino. Atlantico era il racconto di due anni in cui Mengoni ha viaggiato per il mondo (tra cui Cuba, America meridionale e settentrionale, Medio Oriente e Africa) e ha riportato le sue nuove esperienze, i nuovi influssi e la sua crescita come cantautore in nuovi brani potenti e molto significativi. Si è avvalso anche di importanti collaborazioni e si è esibito intanto in feat internazionali. Le diverse anime, contaminazioni e influenze del disco sono state ben riconoscibili e tangibili anche nell’ultimo concerto zurighese, dove si è passati dalle sue classiwww.inewsswiss.com


che canzoni più “italiane”, alle canzoni spagnoleggianti e cubane fino al fado portoghese. Dopo le prime due canzoni, Mille lire e la travolgente Voglio, che ha fatto subito ballare, Mengoni ha esordito salutando il pubblico e affermando che la data di Zurigo è la più numerosa (in Europa e fuori d’Italia, probabilmente) e simpaticamente dicendo che Zurigo “ha vinto”. In uno dei Paesi, la Svizzera, di maggiore emigrazione italiana in assoluto, il calore del pubblico si è fatto infatti subito sentire. Ed è stato bello avere anche questo apprezzamento dall’artista come numerosa e calorosa comunità italiana all’estero. Un pezzo d’Italia era questa sera alla Samsung Hall. Nonostante il raffreddore e qualche linea di febbre, a cui l’artista ha un paio di volte accennato durante il concerto, la sua voce non era assolutamente da meno, assolutamente non meno forte del solito, anzi, se si vuole, più sexy e seducente. Tutt’altro, il potere della sua voce si è fatto ben sentire nei suoi tanti incredibili acuti e nei giochi sonori lunghi, eccezionali, notevoli. Il concerto è stato davvero potente e molto travolgente, come sempre sono i concerti di Marco Mengoni. Non una falla, nonostante il raffreddamento... di cui non si è notato nulla durante il concerto. Mengoni, ancora una volta, ha fatto emozionare, ballare, scatenare, riflettere e cantare. Ha anche invitato il pubblico ad abbracciarsi gli un gli altri, abbracciare i vicini, anche sconosciuti, ballando insieme, e condividere insieme un momento di musica e di bellezza. Varie sono state le parole e i brevi discorsi di Mengoni, tra una canzone e l’altra, e l’artista ha saputo davvero intrattenere e far divertire il pubblico e creare un’atmosfera particolare e di bella musica, fatta bene e con passione. Musica, parole, luci, colori diversi, balli, dal pubblico, e sul palco, dove lo stesso Mengoni si è anche scatenato. Il cantante ha fatto dediche ad artisti che sono stati fonti della sua ispirazione, tra cui Frida Kahlo ed Amalia Rodrigues, e si è fatto accompagnare nel fado anche da una voce femminile. Inoltre diversi arrangiamenti, accompagnamenti e tutte le musiche e canzoni più belle e famose del suo repertorio hanno sfilato una dietro l’altra, tra l’entusiasmo del pubblico che ha seguito molto attivamente e calorosamente. Un’ora e quaranta circa di concerto son volate via subito. L’artista si è accomiatato, dopo l’ultima canzone, il singolo di successo Duemila volte, celebrando la bella immagine di persone che si abbracciano e augurando alla gente di abbracciarsi non solo in sala, durante un concerto, ma anche fuori, nella vita reale e di tutti i giorni. Chiari sono stati i suoi accenni e riferimenti sul finale anche alla particolare e difficile situazione politica italiana attuale. Alla fine del concerto, lo staff Atlantico ha ancora venduto i diversi gadgets, e poi ha chiuso tutto, pronto per ripartire ed andare ad affrontare una lunga nottata in bus, già subito dopo il concerto, alla volta della tappa successiva, la penultima del tour: Barcellona. Il tour autunnale Atlantico si conclude a Londra il 18 dicembre 2019.

www.inewsswiss.com

iNEWS

57


festival

ANTONELLA MONTESI

BERLINALE 2020: I VINCITORI

E

` stata un´edizione speciale in tutti i sensi: la 70esima; la prima del duo Chatrian – Rissenbeek dopo 19 anni di gestione Kosslick; l´edizione della paura del coronavirus, e infatti è stata l´ultima manifestazione internazionale permessa prima delle disdette a ruota di tutto quello che sarebbe seguito poi, ITB, Prowein, Fiera del libro. Tante le aspettative, tanti gli osservatori e, diciamolo, i franchi tiratori pronti a sparare a zero, a confrontare, a criticare, ma alla fine, come è giusto che sia, è stato il cinema a vincere. Orso d´oro come miglior film a “There is no evil“, film iraniano forte e di denuncia di Mohammad Rasoulof, che non ha potuto participare al festival. Un premio quindi che conferma la linea del festival a sostegno dei film impegnati e di denuncia. Gli orsi d´argento come miglior attore e miglior attrici sono andati invece a due film che celebrano l´arte tout court: Paula Beek per „Undine“, di Christian Petzold, film ambientato ai giorni nostri, ma con un forte richiamo Orso d’Oro a There Is No Evil di Mohammad Rasoulof ...

58

iNEWS

al mito di Undine e del mare; e Elio Germano, enfant prodige del cinema italiano, presente con ben due film, „Volevo nascondermi“, sul pittore Ligabue, in cui interpreta il protagonista e per il quale ha ricevuto il premio, e „Favolacce“, dei fratelli D´Innocenzo, premiati a loro volta per la sceneggiatura. Un festival privo di sorprese, dove forse l´attenzione di alcuni è stata più per i cambiamenti formali – cerimonia d´apertura e di premiazione, protocollo della premiazione – che non per quelli sostanziali e più propriamente inerenti al cinema. Importante la presenza della Svizzera con il bel film prodotto dalla Vega Film di Ruth Waldburger „Schwesterlein“ con un´intensa Nina Hoss e un bravissimo Lars Eidinger. La Berlinale rimane una festa cinefila, sia per i tanti addetti ai lavori, sia per il pubblico che accorre numeroso alle proiezioni. È allora, davvero lunga vita al cinema.

orsi d´argento : Elio Germano con il film, „Volevo nascondermi“,

orsi d´argento come miglior attore e miglior attrici : Paula Beek per „Undine“

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

C I N E M A

www.inewsswiss.com

iNEWS

59


cinema

AL CENTRO DEL NUOVO FILM DI CARLO VERDONE “SI VIVE UNA VOLTA SOLA”, C’È UN VIAGGIO IN PUGLIA.

LA REGIONE PUGLIA, LA FONDAZIONE APULIA FILM COMMISSION E L’AGENZIA PUGLIAPROMOZIONE INSIEME PER ACCOGLIERE IL CAST DEL FILM NELL’INCONTRO STAMPA AL CINEPORTO DI BARI. DOPO L’ANTEPRIMA BARESE, IL FILM SARA’ NELLE SALE A PARTIRE DA MERCOLEDI’ 26 FEBBRAIO.

60

iNEWS

www.inewsswiss.com


N

ove settimane di lavorazione nella calda estate 2019, in cui sono state coinvolte diverse località del Salento (Otranto, Castro, Diso, Santa Cesarea Terme, Melendugno, Porto Badisco, Sant’Andrea e Serrano), la città di Bari e la sua provincia (Conversano, San Vito di Polignano a Mare e Monopoli), per raccontare la vicenda di “Si vive una volta sola”, il nuovo film di e con Carlo Verdone, che per la prima volta nella sua carriera artistica ha girato interamente in Puglia. Prima dell’uscita nelle sale del film, prevista per mercoledì 26 febbraio, il regista e attore Carlo Verdone e il cast artistico, con Rocco Papaleo, Anna Foglietta e Max Tortora, e il produttore Luigi De Laurentiis, hanno voluto incontrare la stampa pugliese al Cineporto di Bari per raccontare la vicenda del film, ma anche le bellezze di una regione che Verdone ha voluto scoprire e immortalare nel suo 27mo film. Presenti alla conferenza stampa Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia, Loredana Capone, Assessore Regionale all’Industria Culturale e Turistica, Antonio Decaro, Sindaco di Bari e della Città Metropolitana di Bari, Simonetta Dellomonaco, Presidente di Apulia Film Commission, Antonio Parente, Direttore generale Apulia Film Commission, e Luca Scandale, Dirigente per la Pianificazione Strategica di Pugliapromozione. A moderare l’incontro il giornalista Marco Spagnoli. Scritto da Carlo Verdone, Giovanni Veronesi e Pasquale Plastino, il film racconta di un quartetto di medici, tre uomini e una donna, tanto abili in sala operatoria – visto che persino il Papa si affida alle loro cure - quanto inaffidabili, fragili e maldestri nella vita privata. Il professor Umberto Gastaldi (Carlo Verdone) guida una formidabile équipe medica composta dalla strumentista Lucia Santilli (Anna Foglietta), dall’anestesista Amedeo Lasalandra (Rocco Papaleo) e dal suo assistente Corrado Pezzella (Max Tortora): un team di eccellenti professionisti della medicina ma anche e, soprattutto, un gruppo di insospettabili e implacabili maestri della beffa, sorprendenti nel gioco di squadra e insuperabili nel partorire scherzi spietati, specialmente se la vittima di turno è il loro amico Amedeo. Ma la vita è piena di sorprese e durante uno sconclusionato viaggio on the road verso i mari del Sud d’Italia - fra incontri surreali, stupefacenti rivelazioni ed esilaranti avventure - i quattro amici

www.inewsswiss.com

inciamperanno in un’esperienza che non dimenticheranno mai, un colpo di scena che potrebbe cambiare per sempre le loro vite. Perché tutto può succedere se sotto un camice bianco, dietro uno stetoscopio, batte un cuore da adolescente. “Si Vive Una Volta Sola” è una irresistibile, beffarda radiografia dei nostri tempi del regista romano che ancora una volta ci regala uno spaccato del presente attraverso il suo sguardo acuto, dissacrante e sempre originale. Prodotto da FilmAuro di Luigi e Aurelio De Laurentiis, il film è sostenuto da Regione Puglia con Apulia Film Commission e Pugliapromozione, ormai presenti in simbiosi in quasi tutti i festival e manifestazioni internazionali di cinema, per la prima volta insieme a sostegno di un’opera cinematografica. INTERVENTI ISTITUZIONALI

Michele Emiliano - Presidente Regione Puglia “Ci siamo! Tra pochi giorni tutta l’Italia potrà ammirare le bellezze della Puglia con lo sguardo unico di Carlo Verdone. Essere qui per l’anteprima del suo film è un’emozione particolare, perché la Puglia farà da cornice alle vicende umane e ai sentimenti che il maestro Verdone ci racconterà nel suo ultimo film, vicende che in fondo toccano corde che appartengono alla vita di ciascuno di noi. Investiamo tanto nel cinema non solo perché crediamo che la cultura sia un elemento centrale di crescita della società e dell’economia, ma perché è uno straordinario modo per creare legami tra noi e il resto del mondo. Di sicuro è fortissimo e vero il legame che si è creato tra la Puglia e Carlo Verdone, che con la sua produzione ha chiuso in bellezza un anno straordinario per il cinema nella nostra regione”.

Loredana Capone, Assessore Regionale all’Industria Culturale e Turistica “Sta per arrivare nelle sale la nuova opera di un grande regista e attore italiano amico della Puglia, Carlo Verdone. Un professionista attento e profondamente innamorato della nostra terra che, insieme alla sua

iNEWS

61


cinema

storia, questa volta, sui grandi schermi, ha scelto di portarci anche un po’ della nostra. Dai tramonti a picco sul mare alle case di calce, dalle passeggiate lente alle corse tra i vicoli e le architetture delle nostre città. Che poi quello che conta sono le connessioni sentimentali con i luoghi e le persone, quella fiamma che si accende tra chi arriva e chi invece ci sta, ci vive, ci resta, perché è quella e solo quella che poi ti fa venire voglia di tornarci. E Carlo Verdone ci torna spesso in Puglia, grazie anche al rapporto ormai consolidato con il Festival del Cinema Europeo, e tra le tante parole di stima spese a favore del nostro lavoro e della grande attenzione che la Regione, con Apulia Film Commission, ha riservato in questi anni al cinema, c’è una cosa che mi ha colpito più di ogni altra: l’apprezzamento per le maestranze e tutte le professionalità che nel cammino che ha portato alla realizzazione di “Si vive una volta sola” ha incrociato. Perché è importante poter contare su un ecosistema che funziona, su una macchina rodata pronta a fornirti tutto l’aiuto e le competenze di cui hai bisogno, perché questo significa meno rompicapi per le produzioni ma nuova economia per i territori che le ospitano. Insomma in Puglia il cinema mette radici e il fertilizzante sono proprio gli operatori che offrono un contributo fondamentale all’intera filiera”.

Simonetta Dellomonaco – Presidente Apulia Film Commission “Gli investimenti della Regione Puglia sul cinema danno frutti evidenti. Dopo anni di lavoro mirato alla costruzione di una Film Commission capace di promuovere anche le bellezze del territorio regionale, oggi la Puglia si posiziona in maniera competitiva sul piano globale dell’industria cinematografica. A questo si aggiunge il sostegno alla nascita di un settore creativo capace avviare una nuova narrazione internazionale, complice anche la nostra intensa attività di divulgazione, disseminazione e formazione. La Puglia parla di cinema e fa cinema. In generale oggi puntiamo sull’aumento della nostra capacità di attrazione di investimenti, non solo con le attività di financing, ma anche formando e professionalizzando tutti gli operatori coinvolti e questo ci posiziona fra i maggiori players dell’industria cinematografica italiana. Tutto questo nostro “fare cinema” agìto sui diversi livelli, industriale, creativo e formativo, attira l’attenzione di grandi nomi. Lo ha apprezzato anche Carlo Verdone che per la prima volta ha deciso di girare un suo film qui e lo ha fatto immergendosi totalmente nelle nostre specificità, apprezzandole sia sul set, sia fuori. Da un punto di vista economico la presenza di set cinematografici come questo, genera un forte indotto con impatti diretti e indiretti dell’ordine di 1 a 9, oltre a quelli non direttamente misurabili. Posso dire a nome di tutta l’Apulia film Commission che è stato un grande onore avere Carlo Verdone con noi e che in qualche modo è stato “adottato” da tutti noi pugliesi e lo sarà ancora di più con il film nelle sale”. 62

iNEWS

Antonio Parente – Direttore generale Apulia Film Commission “Sentire un maestro come Carlo Verdone accomunare le nostre maestranze ai professionisti di Cinecittà, ci riempie d’orgoglio. Oltre agli strumenti finanziari messi a disposizione dalla Regione Puglia, la professionalità delle maestranze è diventata il vero valore aggiunto, il “motore” della Puglia del cinema. Prima di tutto questo, la nostra terra era scelta in parte per le straordinarie bellezze paesaggistiche, oggi a quelle si aggiungono le opportunità finanziarie e l’elevata professionalità dei lavoratori presenti sul territorio, oltre 4000 maestranze iscritte alla nostra Production Guide di Apulia Film Commission. In questi lunghi anni, infatti, la Puglia è riuscita a dare sempre più maestranze qualificate, tanto da “esportarle” su altri set italiani. Un percorso importante se si pensa al dato lavorativo, in cui sono impegnate ormai per l’intero anno centinaia di maestranze. Un risultato decimante positivo, che ci fa ben sperare sul futuro della nostra Commission”.

Luca Scandale - Dirigente per la Pianificazione Strategica di Pugliapromozione “Per Pugliapromozione questa produzione rappresenta un primo intervento di comarketing strategico con Apulia Film Commissionconclude Luca Scandale, dirigente per la Pianificazione Strategica di Pugliapromozione-. Dallo script del film emerge infatti chiaro come si tratti di un film in cui il cuore della storia è un viaggio. Un viaggio in Puglia. Per queste ragioni abbiamo pensato di promuovere la destinazione Puglia insieme a un partner affidabile come FilmAuro e a una star del cinema italiano come Carlo Verdone. La campagna di comunicazione sul mercato Italia del 2020 sarà dunque incentrata su un viaggio in Puglia e servirà a promuovere la nostra regione come meta da sogno per un pubblico vasto e variegato che Verdone raggiunge con i suoi film. Si tratta di una operazione complessa di comarketing che include azioni online e offline sul mercato italiano e che sono pienamente coerenti con il piano strategico del turismo Puglia365”.(com.)

www.inewsswiss.com


iNEWS

63


64

iNEWS

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

K

U

N

S

T

ARTE CAMPÀ

ARTISTA CAMPÀ “ EVOLUZIONE “ OLIO SU TELA 70X100cm.

www.inewsswiss.com

iNEWS

65


arte

VITTORIO RASCHETTI

GIOVANNI MASUNO PARADISE LOST

66

iNEWS

www.inewsswiss.com


S

ostando presso il mistero, indugiando nella contemplazione, perché Il mondo non offre che enigmi e l’artista è un’anima vagante in paesi sospesi. Solo l’estasi temporale sa cogliere il colore autentico, mai dimenticato, dirompente ed incontenibile già in fuga sull’orizzonte senza limiti. Attraversando un colore perduto nell’assoluto che sovrasta e allo stesso te mio sprofonda Un Non c’è nulla oltre la verità attraversando un colore perduto nell’assoluto che sovrasta e allo stesso tempo precipita dentro un’abissale. Il colore è la concentrazione di un istante in un oceano di dissomiglianze. Colore condensato in una sfida alla parola, narrazione cromatica. Amore per supersensibilità delle superfici vibranti che si confidano solo con l’infinito. L’epifania del colore è una genealogia di luci che si manifestano con un dispositivo di tensioni, di contro-canti cromatici, di onde disposte con una architettura compositiva razionale e strutturata fondata sulla preparazione analitica dell’artista. Guizzi e molecole di colore accostate tra loro per fondersi in una chimica originale della sensazione cromatica. Alfabeti cromatici condensati in gesti esplosi nell’irrompere del dire, del sovra-scrivere, dell’esprimere alla potenza, la volontà di confondersi con la materia indelebile della pittura. L’estrema grazia del tocco pittorico dell’artista consente di imprimere nel mondo il segno della propria libertà. Il colore è vibrazione generata per sottrazione, rimbalzo, rifrazione, scaturita dall’urto con l’iceberg di cristallo, un diamante di luce scheggiato dall’urto con l’accecante bagliore della vita. La luce non è mai in ozio, l’occhio dell’artista non è mai sazio delle insondabili variazioni cromatiche della luce. la vera intelligenza del pittore è intuire che è l’anima interna del colore a decidere in modo naturale dove andare a gettarsi, dove andare a situarsi nella tela arricchendo la composizione di una sostanza vivente esaltando la risonanza, la dissonanza, i giochi di luminescenza superficiale, le emozioni e le allusioni, evocando l’imprendibile, la bellezza infinita della variazione e dell’armonia.

misteriose ali incantate perdute, forse cadute dal cielo come in una misteriosa muta di creature desiderose di cambiare regno, dal regno della carne a quello dello spirito. L’immagine guida nella mente dell’artista non è tanto una previsione fedele una mimesi realistica ma lo scheletro strutturale, la configurazione di forze visive che determina il correlativo oggettivo visivo, per questo la pittura di Masuno appartiene ad una post-pittura figurativa simbolista che mentre si trattiene ancora nel luogo della raffigurazione esercita una riflessione analitica sul senso culturale dei simboli, degli archetipi del profondo, e allo stesso tempo sulla pratica della pittura, sulla consistenza ontologica e visiva del colore come vettore di senso e di significato dell’immagine. Sono ali dismesse, forse abbandonate, ali prive dei loro proprietari scomparsi. Una dimensione di purezza e di eternità non separata non lontana dal suolo ma attraversata da una amicizia per l’umano, una dimensione angelica come delle creature alate che vivono sulla soglia, a stretto contatto con la divinità, ma ancora in stretta relazione con il suolo. Gli angeli sono creature ibride che mettono a contatto mondi diversi, che rendono possibile uno sguardo amico, una visione allegorica e spirituale che non si dimentica della condizione umana. Quella di Giovanni Masuno è pittura che assume le vesti della filosofia, dell’investigazione ontologica sul senso dell’essere: l’arte diventa perciò una condensazione di strati di senso, una allegoria, un modo si apparire dei significati che intende comporre un ordine differente ai misteri dell’essere, con con la bellezza disvelata da simboli come geroglifici da interpretare.

Il colore nell’universo poetico di Giovanni Masuno assume una dimensione concettuale di riconfigurazione di senso e ridefinizione di coordinate morali, perché un colore non è mai neutro, non è mai muto e riflette anche una attitudine non solo estetica ed emozionale ma anche morale. Il colore per Masuno non è solo atmosfera psicologica, allegoria in veste cromatica, emozione, ma è una cifra narrativa nel senso che diventa lo strumento di un racconto di gradazioni, di variazioni, di timbriche che si strutturano e si intrecciano tra loro in un plot narrativo dove è l’immagine stessa ad essere colori. Il ciclo sulle ali è un racconto poetico, una pittura lirica neo-simbolista dove il colore non serve a enfatizzare il disegno, ma è il colore stesso a manifestarsi come ontologia e epifania di se stesso. È il colore stesso a stabilire il carattere metafisico e spiritualista di ali imbevute di una essenza cromatica che è una variazione della malinconia dello sguardo poetico, una metafora dell’assenza dello spirito, la perdita della metafisica nella società contemporanea, la perdita di una possibile connessione con la dimensione spirituale, trascendente dell’esistenza. Addensamenti di nebulose di colore spirituale, gradazioni di nuvole evanescenti, di nebbie malinconiche. La bellezza - sembra suggerire Masuno - sembra potersi rifugiare o consolare solo nello spirituale. Sono ali paradossali, ispirate dalla grande poesia mittel-europea, da Rilke ma anche dal cinema di Wim Wenders e ad artisti come Anselm Kiefer che racconta il carattere spirituale degli angeli e dei libri, ma anche dalle ali antropomorfe e pronte ad essere indossate per consentire un volo pindarico, un tentativo di innalzarsi ad una prospettiva aerea, una sguardo panoramico sui dolori dell’esistenza. Come Ariel che aleggia sulla Tempesta di Shakespeare. Figure spirituali, pervase di delicatezza senza fine, colme di pensieri ed emozioni inespresse. Specchio profondo ed oscuro in cui appaiono

www.inewsswiss.com

L’ABBRACCIO DELL’ANGELO 120X120 acrilico su tela

iNEWS

67


arte

VITTORIO RASCHETTI

L

a deflagrazione di potenze ambivalenti generatrici di incertezza, la dissipazione del senso, il do-minio di macchine oscure, la convivenza con parole depotenziate, post-immagini e forme disabi-tate, chiede di interagire con forze inattese in grado di dislocare il punto di vista sulla realtà. Ab-bandonando abitudini, sorvolando campi politicamente minati, rientrando nella terra ignota map-pata da nuove coordinate, la pratica dell’arte contemporanea è una grafia mancina, una scrittura a rovescio, che richiede uno specchio per per svelare il rovescio del senso. Come un presagio circondato dall’ombra di orizzonti che si fondono in un movimento infinito di apparizione e spari-zione, l’arte è uno spettro vivente e irriverente che si nutre della disubbidienza ai luoghi comuni per risvegliare dal sonno dell’attenzione. Fantasma ritardatario, ospite inatteso, volatile apparizio-ne tra onde che avanzano fluide trattenendosi nelle domande. Artisti presenti: Andrea Cereda, Sonia Scaccabarozzi, Alessio Ceruti, Dhoino, Raffaello Talò, Luigi Colarullo, Vittorio Simonini, Laura Belloli, Carlo Cecaro, Silvio Pasqualini, Sergio Zagallo, Riccardo Riva, Elisabetta Oneto.

SERGIO ZAGALLO - HOMELESS

G

li homeless sono esoscheletri deposti sulla risacca urbana. Apolidi, noumeni umani gettati nell’assoluta alterità sequestrata della dignità. Apparizioni geologiche prima che antropologiche, presenze fossili impassibili, sguardi fuori campo attraversati dalla rimozione collettiva dell’attenzione. Storie interrotte, dislocazioni forzate che svelano i manierismi e travestimenti etnografici, presentandosi come pura presenza fenomenologica. Apparizioni come vissuti appassiti che incontrano la nostra impura intenzionalità. Orme di ombre incespicate sui territori securitari della paranoia del controllo. Calpestando territori di confine, attraversando campi politicamente minati, come pure forze biologiche debordanti oltre i recinti di protezione. Colpevoli di innocenza.

68

iNEWS

www.inewsswiss.com


LAURA BELLOLI

U

n disegno che unisce alla precisione microscopica una qualità descrittiva entomologica, una cosmogonia botanica per un mondo ibrido destinato alla mutazione.Un infinito nastro narrativo di storie dipinte che si dispongono secondo un ritmo sincronico di eventi disposti in un tempo allo stato nascente. Una genealogia di entità misteriose zoomorfe disposte su mondi paralleli. Una cartografia emozionale di un universo simbolico ed allegorico dove la metamorfosi interiore viene narrata attraverso una mitologia di esseri metamorfici. Un camouflage dell’anima dell’artista in un sottobosco di tappeti cromatici e soffuse sovrapposizioni di stesure, filtrate attraverso una natura sempre pronta ad assorbire i timbri più squillanti assimilandoli in un gioco di note congegnate per elidersi reciprocamente: affinché tutto sopravviva trasformandosi.

CARLO CECARO CARTELLO MANIA

M

ilanese, poeta visivo, miniaturista, artista concettuale, pittore e performer. Minimalista dedito a pratiche di opere di “pacchettage”. Creatore dell’avventura poetica “Cartello mania”. Nei suoi cartelli l’artista si è ispirato al modulo consolidato delle transazioni immobiliari per realizzare opere aspre intransigenti di critica sociale e di poesia urbana realizzando cortocircuiti semiotici che incendiano il senso comune svelando il retroscena di alienazione etica e sociale del presente. Fondatore morale del “Ponte degli artisti” con la pratica artistica esistenziale dell’omonimo capolavoro di urban art: un’opera virale in progress di contaminazione urbana donata alla città e per ora inaccessibile a causa della chiusura dello storico ponte di Porta Genova.

ANDREA CEREDA INNOCENTIA

I

mpossibile freeze-frame, immagine congelata nel corpo della visione, impressa nella imperma-nenza fluida dell’immagine. L’occhio è uno specchio di ghiaccio che non trattiene memoria di ciò che è guardato. “Esse est percipi” nell’evanescenza delle percezioni liquide senza alcun centro focale del fluido immemoriale. Indecisa tra sogni e visioni, nelle intermittenze delle passioni ritma-te dal metronomo di un battito di palpebre, l’immagine liquefatta in lacrime disciolte nell’anima del Mondo.

www.inewsswiss.com

iNEWS

69


ALESSIO CERUTI - LA MACCHINA DELLE CARAMELLE

T

ra Willy Wonka e Lewis Carroll, una favola regressiva che diventa un apologo organico suggerendo una riconversione ai processi naturali spontanei, alle essenze naturali, sempre più scarse e dunque preziose. L’oro del futuro è nel forziere dei giacimenti dei beni primari. Occorre una macchina simbolica una slot-machine che distribuisce un jackpot di caramelle al posto dei gettoni d’oro. SI deve invertire la ruota della storia se si vuole ritornare a godere della felicità nella semplicità ed invertire il corso della tecnica per ritornare a distribuire sogni naturali, per decostruire il sogno faustiano di potere e trasformazione artificiale. La ricetta della felicità è la purezza dei cicli organici, superando il mito alchemico della pietra filosofale, non più alla ricerca della sintesi aurea che trasforma tutto in oro, ma cogliendo il dono olimpico dell’ambrosia, il nettare degli dei, il dolce spirituale dell’innocente purezza naturale.

LUIGI COLARULLO

L

a fotografia e il processo di post-produzione di Luigi Colarullo si interroga sulla fenomenologia della vi-sione sulle condizioni di possibilità della fotografia contemporanea e agisce sulla sulla genealogia dell’icona. L’artista è consapevole che l’immagine è sempre un enigma: un intreccio di geroglifici sfuggenti, un sistema impenetrabile di variazioni di luce che si richiude ermeticamente su se stesso, indisponibile ad una lettura umana. Visioni trascritte nel codice digitale, stringhe di istruzioni cifrate, codici di segni illeggibili, non pronunciabili: mistiche istruzioni esoteriche che contengono la formula della magia dell’apparizione dell’immagine. Un’opera concettuale che interroga lo status ontologico della luce, la sua condizione di esistenza come campo di luminescenza e la sua caratterizzazione metafisica come eco di un pensiero.

L’artista sa avventurarsi in una direzione di deflagrazione dell’immagine in una direzione de-costruttiva capace di interrogare il senso delle immagini nella loro origine liquida.

DHOINO - HISTORY OF FIVE

S

travagante enigma olfattivo evaporato nell’oblio, dove se non nell’oblio? Abitando la smemoratezza, perdendo il contatto coi segni, inconsapevole preda di delirio. Una opera totale, una incursione ai confini del lato oscuro della storia. Una allegoria da camera attorno ai simboli faustiani e ai suoi simulacri spettrali. L’imperialismo del nichilismo sempre allo stato nascente,. Il domino della moda avanza al passo d’oca attraverso i segni, il controllo delle menti, la diffusione sensoriale, il mito estetico sadomasochistico, il feticcio di derivazione decadente. Un inquietante cabaret berlinese anni trenta trasposto in un delirante shop post-moderno. La tecnica del controllo delle elites passa attraverso il possesso dei simboli, la manipolazione dell’immaginario. Messaggi subliminali veicolati attraverso la rotazione, la permutazione dei brand, fino alla apparizione finale. Una moda dispotica per un mondo distopico dove si reincarna il totalitarismo del controllo sull’uomo estetico di massa. I profumi sono gas venefici che avvelenano il sistema nervoso. L’aroma è preciso, inesorabile, implacabile nel provocare uno squarcio nella densità spazio temporale, è un coltello nella notte che dischiude una fenditura tra due eternità, futura e passata. L’odore è il vettore che varca la soglia tra smarrimento e scoperta, divaga, divaga in un tempo confuso, sembra installarsi nel passato per poi cancellarsi. La percezione olfattiva è mobile, una mutevole, incontenibile, fluttuazione. L’immagine olfattiva è la proiezione di densità differenziali di segni che colpiscono la mente, una dinamica infinita di linee di fuga divergenti, collisioni dissonanti ricombinare fino all’ossessione. La fisiologia organica del profumo si accompagna alla fenomenologia della memoria come movimento involontario di risorgenza.

70

iNEWS

www.inewsswiss.com


ELISABETTA ONETO MYOSOTIS

U

n nodo ai pensieri per ricordarsi di non dimenticare, un legame mnemotecnico per stringersi alla fedeltà con se stessi. La memoria volontaria oltre il destino della smemoratezza, la memoria involontaria intinta nel ricordo come metafora, Disposti a lasciarsi attraversare da una scia, uno strascico di conseguenze, analogie tra tempi, distratti ma non intrappolati tra istanti ed effetti non ritrattabili,

SILVIO PASQUALINI: MELODY FOR MOLOCH

L

’eclissi del senso accarezza il silenzio della pittura. Nero oltre-nero non è il punto zero cromatico, ma una stazione di ascolto oltre l’apparente reticenza del soprannaturale. Soglia tra vibrazione di ciò che rimane della pittura oltre l’immobilità del concetto, complice omertà di una trascendenza silente che chiede di specchiarsi nel buio. La folgorazione notturna nell’apparizione del fantasma dell’immagine, la traduzione impossibile del geroglifico, la fuga nel mistero, il volo mistico di idee numero, di cifre del caso nella notte di un tempo antecedente.

RICCARDO RIVA BISOGNI PRIMARI

R

iccardo Riva, nato a Milano, vive e lavora a Cernobbio sul lago di Como. Danzatore, pittore gestuale, scultore polimaterico. Crede nell’improvvisazione come metodo artistico e pratica creativa declinata in una molteplicità di linguaggi. Ha fatto della danza non solo un mezzo di libera espressione, ma anche occasione di terapia sociale fondando una scuola di danza terapia ispirata al Metodo Fux. Attraverso installazioni ambientali e sculture di materiali di riciclo altamente evocativi, le opere di Riccardo Riva si concentrano sul senso del rito di passaggio, l’approdo a un nuovo mondo come metamorfosi ontologica ed antropologica, riflettendo sul valore simbolico ed etico dell’oltrepassare la soglia di un orizzonte di conoscenza per una opportunità di sopravvivenza.

www.inewsswiss.com

iNEWS

71


SONIA SCACCABAROZZI ONDA ANOMALA

I

mprovvisa, inattesa, dirompente oltre qualsiasi difesa, scavalca il presente e si getta nel futuro come onda eccentrica: un vettore deflagrante di linee di forza pronte a scagliare cascate di energia liquida in un movimento attorno al centro silenzioso del ciclone. Una tempesta congelata in uno slancio spezzato di traiettorie controvento che si frangono su se stesse. La forza non è la compattezza della massa, ma la direzione, la convinzione della materia di superare se stessa in mille schegge impazzite. Un misterioso potere che genera un caos meccanico di dissipazione, un’onda anarchica di distruzione creativa, un gioco meccanico che mima l’origine, già pronta a deviare oltre le traiettorie oltrepassando il prevedibile.

VITTORIO SIMONINI

V

ittorio Simonini intende dare corpo all’incorporeo, penetrando il mistero della conversazione di un’anima con se stessa mostrando il ronzio vorticoso della germinazione, il suo instabile carattere libero e mobile. Il ruolo dell’artista ricalca quello di un custode dell’autenticità attraverso la cura della spontaneità e della purezza dello sguardo, unendo l’innocenza e la miracolosa forza della fragilità. Siamo dove sogniamo – sembra suggerire l’artista - dove si promette l’impossibile, dove si disattende ogni principio di realtà, dove anime sconosciute si scoprono simultanee, implicate senza nessuna ragione apparente, senza alcuna ragione sufficiente. Attraverso le sue performance e le sue opere alimenta il fuoco di una continua tensione interna di irriducibile autenticità di artista e di integrità personale. L’anima vive l’aspirazione alla pienezza della vita nella consapevolezza della ineludibile responsabilità personale e del coinvolgimento nel mondo. Dare forma alla propria arte coincide col plasmare la propria anima, un processo auto-poietico di creazione e di cura di sé. Attraverso il fuoco, per bruciarsi o temprarsi. In uno slancio iconoclasta l’artista incendia proprie sculture: smarrimento e concentrazione nella combustione. Come un monaco buddista, il darsi fuoco è un atto di fede nella possibilità di trasformare il mondo attraverso il rituale di un sacrificio personale. Uccidere le proprie opere per salvare l’autenticità del proprio essere artisti.

RAFFAELLO TALÒ

G

alleggiando dentro un viaggio in surplace, tra colori rubati al fluire, svaligiando desideri in transito nel rincorrersi. La vita sfuggente lungo traiettorie controvento lungo falsi meridiani. Valige scassinate. Mappe pericolose di colori avvelenati. Soffocati dalla fine delle distanza sommersi dalla liquida ubiquità. Tutto il viaggio condensato nella ridondanza di un’unica immagine finalmente coincidente. Viaggi veloci e valige ammainate come vele. Partiti da ciò che è stato dimenticato e rimpatriati nei dintorni della libertà.

72

iNEWS

www.inewsswiss.com


arte

VITTORIO RASCHETTI

LUIGI COLARULLO: SUSPENDED

L

a fotografia e il processo di post-produzione di Luigi Colarullo si interroga sulla fenomenologia della visione sulle condizioni di possibilità della fotografia contemporanea e agisce sulla sulla genealogia dell’icona. L’artista è consapevole che l’immagine è sempre un enigma: un intreccio di geroglifici sfuggenti, un sistema impenetrabile di variazioni di luce che si richiude ermeticamente su se stesso, indi-sponibile ad una lettura umana. Visioni trascritte nel codice digitale, stringhe di istruzioni cifrate, codici di segni illeggibili, non pronunciabili: mistiche istruzioni esoteriche che contengono la formula della magia dell’apparizione dell’immagine. Un’opera concettuale che interroga lo status ontologico della luce, la sua condizio-ne di esistenza come campo di luminescenza e la sua caratterizzazione metafisica come eco di un pensiero. L’artista sa avventurasi in una direzione di deflagrazione dell’immagine in una direzione de-costruttiva capace di interrogare il senso delle immagini nella loro origine liquida.

www.inewsswiss.com

iNEWS

73


arte

TORO ARTE

A cura di Enzo Carli “Ai tempi del corona virus è avverabile organizzare un flash mob virtuale di immagini; droplet di visioni coinvolgenti, relative, riflessive, dinamiche che nella loro corrente continua ci tramano richiami di memoria, incanto e stupefazione. Allucinazioni fantastiche che fluttuano in un cyberspazio, una dimensione fluida e navigabile che permette ai Protagonisti di amplificare le loro emozioni e di estendere il loro messaggio in una rappresentazione in successione che ci induce alla riflessione sulla mutuazione del valore della fotografia, priva del supporto della carta, della scenografia, della teatralizzazione, della rappresentazione e della comunicazione interpersonale. Immagini che si estendono verso distanze incredibili per una possibile mappatura dell’immaginario. In questo spazio che ancora non conosciamo, si muovono le “visioni liquide”del ricordo, della bellezza , della nostra spiritualità, dell’indicibile. Non ci interessa sapere se questi Fotografi hanno cercato di produrre forme alternative di visualizzazione del Web o di forzare la comunicazione; di certo hanno trasmesso pensieri, emozioni, relazioni da un mondo che è nello stesso tempo dovunque e da nessuna parte”

74

iNEWS

il Gallerista Francesco Toro con il Critico Enzo Carli

www.inewsswiss.com


L’ARTE NON SI FERMA

Q

uante volte abbiamo sognato di riuscire a mettere insieme grandi nomi dell’arte. Riuscire a far dialogare tra loro pensieri e stili diversi, tutti nello stesso luogo, tutti a condividere lo stesso spazio. In questi giorni di “restanza” forzata, dove la frenesia della contemporaneità sembra non riuscirsi a fermare neanche davanti all’ozio imposto, sospesi tra appuntamenti sui balconi, webinar free e formazione a tutti i costi, tra sfide mediatiche e appuntamenti online; c’è chi prova a fare qualcosa che nella solita routine potrebbe sembrare utopia: riuscire a portare a Benevento i più grandi fotografi contemporanei facendoli esporre, tutti insieme, in uno dei monumenti simbolo della nostra città la Chiesa di S. Sofia, patrimonio UNESCO. Una mostra senza precedenti che si tinge di mistero se si pensa al nostro dover uscire solo per necessità. Una mostra per il momento solo in atto ma che a breve avrà i suoi sviluppi in potenza in quanto sarà caratterizzata dal suo essere una mostra virtuale oggi, per diventare una mostra tangibile domani. È così che nasce ViVi - Visioni Virtuali da un’idea di un sognatore e dalla sua forza di lottare per ottenerla. ViVi - quasi un’incitazione a continuare a vivere: nonostante tutto! Nonostante il difficile momento! Una mostra reale in un mondo virtuale che accoglie il grande paradosso della vita e va ad aggiungere fascino al mistero della nostra città. Fortemente voluta da Antonio Volpone e Pasquale Palmieri e da SCOOP società cooperativa di progettazione che utilizza vere Architetture per ospitare mostre . ViVi nasce dall’esigenza di confrontarsi e dialogare con altre realtà così da essere “distanti ma vicini”. Un’idea lanciata quasi per caso e che ha avuto numerose richieste di adesione. Al progetto ha aderito l’intero gruppo del Manifesto Passaggio di Frontiera di Senigallia , gruppo di cui faceva parte il Maestro

Mario Giacomelli. Come esponenti del gruppo esporranno: Enzo Carli , Mario Giacomelli, Gianni Berengo Gardin, Ferruccio Ferroni, Luigi Erba, Giorgio Cutini, Sofio Valenti, Paolo Mengucci, Aristide Salvalai, Francesco Sartini, Marco Melchiorri, Loriano Brunetti, Massimo Renzi . Sempre dalle Marche ci saranno: Walter Ferro, Gloria Mancini, Delia Biele ,Giorgio Bianchi. La mostra ospiterà Franco Fontana e alcuni autori del suo gruppo di “ Quelli di Franco Fontana” tra cui: Alex Mezzenga, Franco Sortini, Lisa Bernardini, Giuliana Mariniello, Marina Rossi. A questi si affiancheranno: Giuseppe Leone, Euro Rotelli, Roberto Huner, Michele Stanzione, Biagio Prisco, Pasquale Palmieri, Angela Maria Antuono, Federico Iadarola, Annibale Sepe, Maurizio Beltrambini, Lorenzo Cicconi Massi, Paolo Monina, Enzo Zanni, Maria Grazia Candiani, Giovanni Marrozzini, Manfredo Manfroi, Ilaria Di Giustili, Graziano Perotti, Cesare Ricci, Luisa Briganti, Gustavo Millozzi. C’è stato il coinvolgimento dell’Archivio Gianfranco Chiavacci e di altri tre autori quali: Paolo Meoni, Maurizio Sapia , Sharon Formichella Parisi della Galleria DIE MAUER. Si avrà anche una partecipazione internazionale grazie alla presenza del Maestro Zeng Yi. Coinvolti anche Francesco Cito e Ferdinando Scianna. Dalla galleria Toro Arte Contemporanea partecipano Gianni Ansaldi, Jose Javier De Las Penas, Maurizio Galimberti, Antonio Volpone, Jesùs Chacòn, Antonio Manno. Il progetto nasce da una idea di Antonio Volpone e Pasquale Palmieri che hanno anche la funzione di coordinamento, si avvale della collaborazione del Maestro Umberto Aucone che ha impreziosito l’iniziativa con la sua musica, tutto sotto la preziosa Direzione Artistica di Enzo Carli, e con la collaborazione di: Ideas, Toro Arte Contemporanea, Ibidem Project, Euroom, Die Mauer, Archivio Chiavacci, ArtSharing Roma , Movimento Artistico Introvisione.

Fotografia di Enzo Carli

Cenacolo di Maurizio Galimberti

Fotografia Gianni Berengo Gardin

fotografia di Giorgio Cutini.

www.inewsswiss.com

Fotografia di Antonio Volpone iNEWS

75


arte

ISABELLA PILERI

ALFRED HITCHCOCK NEI FILM DELLA UNIVERSAL PICTURES 14 NOVEMBRE 2019 - 8 MARZO 2020

7

0 fotografie scattate sul set e nel backstage dei film più celebri, diretti dal regista del brivido inglese celebrano a Genova, Palazzo Ducale, una prestigiosa rassegna nella città che vide l’esordio di Hitchcock dietro alla macchina da presa, nel 1926, quando il regista inglese diresse alcune scene in esterno del film muto Il labirinto delle passioni (The Pleasure Garden). “Hitchcock, come hanno detto i critici della nouvelle vague – afferma il curatore Gianni Canova - è stato uno dei più grandi creatori di forme di tutto il Novecento. i suoi film, per quante volte li si riveda, sono ogni volta una sorpresa. ogni volta aprono nuove prospettive attraverso cui osservare il mondo”. Il percorso espositivo si apre con la sezione dedicata al rapporto fra il regista e Genova. Segue Psyco (1960), opera che battè tutti i record di incassi, Gli Uccelli (1963), che richiese quasi tre anni di preparativi a causa della complessità tecnica, La Finestra sul cortile (1954), con 76

iNEWS

James Stewart che interpreta il fotoreporter ‘Jeff ’ Jeffries, costretto su una sedia a rotelle per una frattura alla gamba, altro record di incassi con 10 milioni di dollari, e poi ancora La donna che visse due volte (1958), storia d’amore narrata nei luoghi più famosi di San Francisco. Il materiale fotografico getta inoltre uno sguardo su altri celebri film come Sabotatori (1942), L’ombra del dubbio (1943), Nodo alla gola (1948), La congiura degli innocenti (1955), L’uomo che sapeva troppo (1956), Marnie (1964), Il sipario strappato (1966), Topaz (1969), Frenzy (1972) e Complotto di famiglia (1976). Gli approfondimenti video di Gianni Canova e la sezione dedicata alla musica, tra cui quella di Bernard Herrmann, compositore statunitense , autore fra l’altro, delle celebri colonne sonore per “La donna che visse due volte” e “Psyco”, sono parte integrante del percorso. A chiudere idealmente l’esposizione, il montaggio con le celebri e fugaci apparizioni di Hitchcock sulla scena. Catalogo Skira. www.inewsswiss.com


arte

AST R A Z I ON I UNA ESPOSIZIONE ALLA MANIERA ASTRATTA DI PAOLO UGOLINI E FRANCESCO SANFILIPPO

I PAOLO UGOLINI « Untitled», 2018, acrilico, collage acrilico e oil stick su tela, 160 x 200 cm

n questa esposizione che avrà luogo dal 25 luglio al 16 agosto 2020 nel Palazzo Gasperini di Mercatello sul Metauro, uno dei borghi antichi più belli d’Italia, i due pittori Paolo Ugolini e Francesco Sanfilippo espongono una selezione delle loro pitture astratte. L’uso del plurale « astrazioni » impiegato nel titolo, lascia intendere che esistono vari modi di interpretare e quindi rendere la pittura « astratta ». Ciò che viene mostrato sono solo due delle tante possibilità dell’espressione visuale « astratta », se per astrazione si intende la scelta di negare la rappresentazione della realtà per esaltare i propri sentimenti attraverso forme, segni e colori che non lasciano appigli che consentano di ricondurre l’immagine dipinta ad una qualsiasi rappresentazione del reale. In questa esposizione « astrazione » viene intesa nel modo più restrittivo: le forme o sono figure geometriche unite a segni organici (Paolo Ugolini) o sono figure assolutamente non riconoscibili o riconducibili al « mondo geometrico », unite a linee, segni e puro colore (Francesco Sanfilippo).

FRANCESCO SANFILIPPO « Carezze nel vento », 2019, colori a olio e oro su tela, 100 x 150 cm

www.inewsswiss.com

iNEWS

77


arte

PAOLO UGOLINI

78

iNEWS

1956

www.inewsswiss.com


P

aolo Ugolini è nato nel 1956 a Sassocorvaro di Urbino nel primo dopoguerra, a pochi metri dalla Rocca di Francesco di Giorgio che era stata l’Arca dell’Arte sul finire del secondo conflitto mondiale. Figlio di una sarta e di un impiegato, nulla lo predestinava, come scrissero molti anni più tardi i giornali elvetici, a dirigere grandi progetti in diverse parti del mondo. Fin da piccolo si è appassionato di pittura, ma i soli riferimenti che aveva nel piccolo paese erano le grandi pitture sacre delle chiese e l’atelier del prozio « Cincino », specializzato in finti fuochi di camino e angeli per steli funerarie. A questi si aggiungevano le illustrazioni di Gustave Doré dei libri della biblioteca del padre. Questo influenzerà più tardi la sua pittura. Trasferitosi a Pesaro con la famiglia all’età di 13 anni, ha scoperto il mare e le barche che diventeranno poi la sua seconda passione. Ha studiato ingegneria all’Università di Bologna, laureandosi all’Istituto di Architettura con una tesi per l’autocostruzione di una città sostenibile, tesi giudicata particolarmente meritevole, pubblicata, e che gli è valsa l’invito dell’ONU a lavorare in Kenia per il programma di sviluppo delle Nazioni Unite (PNUD). Nel 1983 ha vinto con Marco Porta e Massimo Majowiecki il primo concorso internazionale per la nuova stazione di Bologna. Dopo una breve e « avventurosa » esperienza di cantiere in Sud Italia ha ottenuto nel 1988 una borsa di studio per conseguire un Master post universitario in project management e, a conclusione di questo, si è trasferito a Losanna, in Svizzera dove ha lavorato per grandi società di architettura e ingegneria per diversi progetti in varie parti del mondo. Dal 1995 è cittadino svizzero. Agli inizi del 1995 ha vinto il concorso per lo studio di fattibilità, la progettazione e lo sviluppo dell’EXPO 2002, un gigantesco e fantastico progetto da 1,5 miliardi di euro. La stampa elvetica ha salutato questa vittoria con il titolo: « Paolo Ugolini ha ottenuto i mezzi per realizzare i propri sogni ». Durante i 5 anni successivi ha avuto l’occasione di sviluppare un fantasioso progetto che lo ha ricollegato con i propri desideri dell’infanzia e sopratutto lo ha portato a capire che l’homo sapiens è anche sopratutto homo faber (uomo architetto, operoso) e homo fantasy (uomo di fantasia) e non può rinunciare all’immaginazione, alla fantasia, all’invenzione. Dopo questa esperienza ha così deciso di dedicarsi prevalentemente ai progetti fantastici come il padiglione Lamborghini a Autostadt/ Wolksburg, il padiglione Curitiba a Ginevra e il il padiglione itinerante BIT/ ONU per le Nazioni Unite. Durante il periodo dell’EXPO e quello successivo ha lavorato con la “Disney Legend” Harrison Buzz Price, il grande amico e consigliere fedele di Walt Disney. Questo magico incontro gli ha fatto capire la

genialità e l’estrema fantasia del grande genio artistico Walt Disney. Ovviamente per questo ha dovuto subire l’ostilità della intellighenzia elvetica, opportunamente ricambiata. Paolo Ugolini ha iniziato a dipingere ad olio nel 1969 e da allora non ha mai smesso, per mantenere la mano, seguendo il vecchio adagio di Apelle, il grande pittore greco classico, « nulla dies sine linea ». Nel 2005, considerando che il sacrificio di tanti rami fa crescere più potente la pianta e le fa dare frutti migliori, ha deciso di dedicare molto più tempo ed energia alla pittura, allo studio della storia dell’arte e dell’estetica. Da un punto di vista intellettuale considera suo Maestro supremo, nel campo dell’estetica, Benedetto Croce, e per quanto riguarda la pittura il pictor optimus Giorgio De Chirico e il suo contemporaneo Jeff Koons, che hanno dato il via entrambi a ricerche fecondissime ancora tutte da esplorare. Diversi anni di pratica e ricerca pittorica lo hanno portato a sviluppare una pittura che lui stesso ha definito, non senza provocazione, post Disney bizantina. Post Disney perché intende proseguire nei suoi quadri il lavoro fantastico iniziato da Walt e poi proseguito da Hans Beck con l’invenzione di Playmobil nel 1974, di cui lascia sempre traccia e citazioni, e post bizantina in quanto, come avvenne nella scuola cretese nel ‘500, accetta e rifiuta al tempo stesso le scoperte del Rinascimento, quali la prospettiva, ed ammette cambiamenti stilistici improvvisi ma quasi impercettibili all’interno della stessa opera. Nel 2017, per marcare una pausa di alleggerimento pur continuando il lavoro pitturale, ha iniziato a dipingere « alla maniera astratta » con risultati molto convincenti tanto che continua oggi ad alternare pittura astratta e pittura figurativa. Questa particolare situazione, abbastanza inconsueta nel mondo della pittura, lo ha portato a riflettere su cosa sia l’astrazione in senso lato e quindi al convincimento che una pittura può essere astratta anche se le figure dipinte appartengono al mondo delle « figure realiste ». Ciò che conta non è tanto il tipo di figure dipinte, « figure realiste » o « figure geometriche », quanto la scelta di negare la rappresentazione della realtà. L’uso del collage di « figure realiste » dipinte, porta ad un’opera astratta se è espressione del rifiuto di rappresentare la realtà per accedere ad un mondo fantastico. A partire da questa constatazione ha iniziato a realizzare grandi « collages dipinti » i cui risultati saranno visibili solo nei prossimi anni, visti i lunghi tempi di produzione. Paolo Ugolini non cerca con la propria arte di essere originale, anzi rifugge l’originalità intesa come stravaganza, in quanto la vera arte originale è quella che fa riferimento alle proprie origini e alla propria storia, sia essa reale o immaginaria, alla storia dell’arte e alla tradizione ben intesa.

« Baton rouge », 2018, acrilico e collage acrilico su tela, 160 x 160 cm

“Untitled 3”, 2019, colori vinilici e collage acrilico/vinilico su tela, 160 x 160 cm

www.inewsswiss.com

iNEWS

79


arte

FRANCESCO SANFILIPPO 1957

80

iNEWS

www.inewsswiss.com


P

ittore, architetto e professore di disegno e storia dell’arte, Francesco Sanfilippo si è sempre dedicato alla pittura stimolato dall’opera pittorica di Le Corbusier, di A. Ozenfant, del Purismo, del Cubismo di P. Picasso, G. Braque e J. Gris. Negli ultimi periodi ha sviluppato la sua ricerca pittorica in un universo definito come astrattismo sistemico stimolato e in sintonia con il pensiero di R. Barthes : « ...l’uomo strutturale prende il reale, lo scompone, poi lo ricompone, è ben poco in apparenza. Pure da un altro punto di vista, questo poco è decisivo, perché tra i due tempi dell’attività strutturalista si produce del nuovo, e questo nuovo è niente meno che l’intellegibile generale; il simulacro e l’intelletto aggiunto all’oggetto, e questa addizione ha un valore antropico, in quanto è tutto l’uomo, la sua storia, la sua situazione, la sua libertà e la resistenza opposta dalla sua mente alla natura… » Francesco Sanfilippo si definisce un pittore strutturalista romantico. E così prosegue: «Al procedere logico della composizione sopraggiunge un perdersi nel labirinto della materia pittorica. Due grandi momenti caratterizzano la mia formazione artistica: il primo è legato alla bellezza dei Templi Greci frequentati con mio padre nell’infanzia: andavamo spesso la domenica a passeggiare nella valle dei Templi ad Agrigento e non dimenticherò mai la perfezione e la bellezza dell’arte classica. Il secondo è legato al mio periodo di formazione universitaria ed era un accadimento che mi rapiva: mi piaceva ogni tanto perdermi nel labirinto del tessuto urbano veneziano; mi recavo in zone sconosciute (arsenale, castello) e nel labirinto delle calli e campielli mi perdevo nella mia città; ma questo perdersi era anche scoprire nuovi mondi inattesi, inimmaginabili, densi di fascino e il tempo sembrava fermarsi in quelle tiepide giornate primaverili veneziane

piene di luce e di silenzio, poi si ritrovava per caso una via nota e ritornavo nei territori conosciuti nella certezza che mi sarei perso ancora una volta. La mia pittura nasce quindi da un processo inizialmente logico e razionale che attinge dalla realtà pittorica che mi circonda, che amo e frequento quotidianamente; partendo dalle analisi delle grammatiche generative proprie di un quadro scelto, forme linee, colori, che trovo nei dipinti del passato diventano il punto di partenza per la nuova composizione pittorica. Mentre lavoro alla composizione mi perdo nel labirinto dei segni, delle forme e dei colori e aiutato soltanto dalla pura sensibilità oriento il lavoro e questa materia pittorica diventa quadro finito a me sconosciuto che mi affascina e che contiene al suo interno la mia storia e la mia resistenza opposta dalla mia mente alla natura ».

« Onsen », 2016, colori a olio su tela, 180 x 180 cm

« Divani d’oriente », 2016, colori a olio su tela, 180 x 180 cm

www.inewsswiss.com

iNEWS

81


arte

LUISA PAVESIO

DA PINOCCHIO A DANTOCCHIO: IL NUOVO MULTIEXPERIENCE MUSEUM DI FIRENZE

A

ttivissimo protagonista della vita culturale fiorentina – e non solo, perché la sua esistenza trascorre da un viaggio all’altro per portare nel mondo l’icona di Pinocchio e la sua bella e civile Toscana – Pierfrancesco Bernacchi è Presidente della Fondazione Collodi di Pescia, paradiso dei grandi (per le bellissime sculture e mostre) e dei piccini (che trovano tutto, ma proprio tutto, sull’internazionalissimo eroe collodiano). Ma oggi, senza abbandonare il burattino più famoso del mondo, Bernacchi ha realizzato un’istituzione museale dal concetto innovativo. In pieno centro di Firenze, in un Palazzo avito dei Ricasoli sito nella via omonima, questo “multiExperience Museum”, come viene definito, offre una serie di ampie sale che, partendo da una galleria di libri di Pinocchio, si addentrano nelle stanze dell’Inferno, Purgatorio e Paradiso di Dante Alighieri, con animazioni grafiche su parete, recitazione di testi e statue a misura d’uomo di grandi protagonisti della Commedia. Le sale dantesche sono tuttora da completare, perché il progetto, concepito nel 1995 (Bernacchi non è uomo di improvvisazione, e prima di creare questo museo sensoriale ha visitato un centinaio di siti analoghi nel mondo con l’intento di evitare i difetti che immancabilmente trovava in ognuno) ha conosciuto una fase progettuale di tre mesi ed una altrettanto breve di lavori per l’adattamento degli spazi, cui hanno contribuito fra gli altri la stessa Fondazione Pinocchio, istituzioni e Banche fiorentine, e Mediaset, che presto pubblicizzerà al meglio l’immagine del Museo. Ci ha colpiti anche una splendida esposizione, destinata a divenire permanente, di Silvano, detto Nano, Campeggi, grande illustratore fiorentino morto più che novantenne nel 2018, dopo aver creato per i colossi della Metro Goldwyn-Meyer, Paramount e Columbia Pictures fra gli altri, più di 3.000 poster cinematografici (Via col vento, il primo, e poi Casablanca, La gatta sul tetto che scotta, Colazione da

82

iNEWS

Tiffany, Un americano a Parigi, solo per ricordare i film più famosi). Questi poster in esposizione, di proprietà della Fondazione Collodi, sono stati modificati da Campeggi aggiungendo una figura di Pinocchio all’originale, e creando quadri dove ai miti contemporanei degli attori cinematografici si affianca il piccolo e intramontabile eroe di legno. Perché proprio Pinocchio e Dante?, chiedo. La risposta è immediata: la necessità di stendere un ponte fra i due fiorentini più famosi (Lorenzini, pur nato a Collodi, visse e studiò a Firenze), creando una realtà museale assolutamente inedita dove i due testi letterari, fra i più tradotti al mondo, si vivono attraverso immagini, statiche o in movimento, dal forte impatto emotivo e multisensoriale. Il Museo è già visitabile, ed è in fase di completamento anche il ristorante, che si avvarrà della tradizione e abilità del Villa Garzoni di Collodi. Presidente Pierfrancesco Bernacchi

www.inewsswiss.com


arte

LUISA PAVESIO

ANNI VENTI IN ITALIA – MOSTRA “L’ETÀ DELL’INCERTEZZA” GENOVA, PALAZZO DUCALE, 5.10.2019 -1.03.2020

L

e mostre possono essere definite di volta in volta belle, documentate, antologiche, innovative. Ma l’esposizione inaugurata nell’ultimo scorcio di novembre a Genova, in un Palazzo Ducale che sotto la guida di Serena Bertolucci sta mantenendo la promessa di offrire alla città ben ottanta eventi, merita soprattutto la menzione di una assoluta originalità. Curata da due veri talenti come Matteo Fochessati e Gianni Franzone, ha il pregio di appaiare a nomi storici ed universalmente noti quali quelli di Carrà, Casorati, De Chirico, Depero, Arturo Martini, Alberto Savinio, Severini e Sironi, anche l’opera di Artisti meno noti al grande pubblico, Ottone Rosai, Cagnaccio di S.Pietro, Leonardo Dudreville, Anselmo Bucci fra gli altri.Perché l’intento non è, come sottolinea uno dei curatori, costruire un’antologica riferita agli anni cruciali compresi fra la Grande Guerra e la crisi economica del 29, bensì mettere in luce attraverso le testimonianze artistiche “la complessità storica, politica, sociale e culturale del decennio e ...l’impatto che i suoi precipui caratteri esercitarono sulle ricerche estetiche del tempo, in particolare sulla produzione pittorica e plastica”. E le oltre 100 opere in mostra proprio di questa complessità rendono ragione, attraverso la varietà di lnguaggi artistici, talvolta così distanti fra loro da essere percepiti come un’intima contradditorietà. Come una grande sinfonia dedicata a quei difficili Anni, curata perfino nell’aspetto grafico dei sottotoli in stile, ognuna delle 11 Stanze è preceduta da un’epigrafe rappresentativa dell’esprit du temps. Dal Prologo, dominato dalla figura, alle Attese, dove il Tempo viene interpretato come aspirazione verso l’eternità di visioni enigmatiche, fino a Metropoli, con il disagio delle grandi città trasformate dalle nuove applicazioni tecnologiche. E poi il trauma della guerra, dove maggiormente si coglie l’opposizione fra i cantori dell’eroismo e la tristezza del ritorno dei militari dopo la vittoria mutilata. Non www.inewsswiss.com

poteva mancare l’oggi tanto decantato Deco di questi Anni che si meritarono fra gli altri l’appellativo di ruggenti , con l’imitazione della vita frenetica e cosmopolita delle capitali d’oltreoceano e il desiderio di evasione e divertimento. Di particolare impatto la chiusura con la Stanza dell’Epilogo , dove sono in mostra due sculture a misura d’uomo, una in bronzo e l’altra in pietra, del grande Arturo Martini: “La pisana”, figura dormiente di donna proveniente dalla collezione che fu del conte Ottolenghi e della consorte Herta von Wedekind, nella Villa che impreziosisce la cittadina termale di Acqui Terme, e “La lupa ferita”, un bronzo muliebre di insinuante provocazione ed erotismo. Due figure femminili in contrasto, a testimonianza del fatto che gli Anni Venti furono fra l’altro grandi incubatori di rinnovamento nei miti culturali.

iNEWS

83


Per Tsch-TschTschesco.

Partner ufficiali:

E per Cesco.

Profile for iNEWS - Swiss Multikulti Lifestyle Magazine

INEWS ITALIANNEWS  

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded