INEWS - ITALIANNEWS

Page 1

INEWSSWISS.COM

swiss multikulti lifestyle magazine, www.inewsswiss.com - Nr. 60 SEPTEMBER - OKTOBER 2021 - Chf. 4.-

PENELOPE CRUZ ANDREAS LUETHI ANTONIO MARRA MUSEO

UGO GUIDI

UNITED ART ZÜRICH BRUNO BANI E TORO ARTE MARIO BIONDI A ZURIGO JAMES BOND RAFFAELLA CARRÀ

NEGRAMARO LA PUGLIA A EXPO BUBAI


Gustosi pomodori datterini conferiscono a questo sugo un aroma delizioso che trasformerà qualsiasi pasta nel vostro piatto preferito. Buon appetito con gli squisiti prodotti firmati Sapori d’Italia!


INEWSSWISS.COM

Inhalt

swiss multikulti lifestyle magazine, www.inewsswiss.com - Nr. 60 SEPTEMBER - OKTOBER 2021 - Chf. 4.-

INEWSSWISS.COM PENELOPE CRUZ ANDREAS LUETHI ANTONIO MARRA MUSEO

UGO GUIDI

UNITED ART ZÜRICH BRUNO BANI E TORO ARTE MARIO BIONDI A ZURIGO JAMES BOND RAFFAELLA CARRÀ

NEGRAMARO LA PUGLIA A EXPO BUBAI

EDITORIAL 5 EDITORIALE GABRIELLA GROPPETTI 7 EDITORIALE PINA BEVILACQUA 9 EDITORIAL BY BRIAN BASNAYAKE 11 EDITORIAL CARLA BORDOLI CRIVELLI VISCONTI TURISMO 12 LA SCANDINAVIA PUNTA SULLA PUGLIA 14 L’ASSEMBLEA DEI SOCI DI AEROPORTI DI PUGLIA SPA HA APPROVATO IL BILANCIO 2020 16 100 AD EXPO DUBAI! LA PUGLIA IN VIAGGIO VERSO PADIGLIONE ITALIA CON LE RIPRESE DEI VIDEO DEL PREMIO OSCAR SALVATORES 18 TIKTOKPUGLIA: ARRIVA LA CAMPAGNA #TIRACCONTOLITALIA 20 HOTEL IL SERENO INEWS TRAVEL 24 SLOW FOOD TRAVEL SI ARRICCHISCE DI UN NUOVO PERCORSO: LA REGIONE SVIZZERA DENTS DU MIDI 26 TRENI PANORAMICI, BATTELLI E ATTIVITÀ “ACQUATICHE”: LE TAPPE ESTIVE DEL VIAGGIO DI MICHELLE HUNZIKER IN SVIZZERA ALL’INSEGNA DELLA SOSTENIBILITÀ. COMMUNICATION 28 LA BANCA MIGROS DIVENTA PARTNER FINANZIARIO ESCLUSIVO DI HELION PER LA TECNICA DELLA COSTRUZIONE PRIVATA SOSTENIBILE 35 THE CONSORTIUM OF CONEGLIANO VALDOBBIADENE PROSECCO SUP.RE DOCG ELECTS NEW PRESIDENT 50 NEL PRIMO SEMESTRE LA BANCA MIGROS AMPLIA NOTEVOLMENTE I SUOI CORE BUSINESS ENOGASTRONOMIA 29 TUTTOFOOD MILANO 30 CON LA PARSI, CATARELLA, YARI, AL BANO E GLI ARTISTI DI NUGNES, ECCELLENZE AL ”DON CARMELO” 32 LA MARCHESA NOMINATA “CANTINA DELL’ANNO 2022 PER IL SUD ITALIA” DALLA RIVISTA “WINEMAG” 34 BOTTEGA SPACE AT THE GRAND HOTEL SAVOIA IN CORTINA MUSICA E FESTIVAL 36 VINICIO CAPOSSELA 37 MARCO MENGONI 38 CIAO RAFFAELLA 39 MARIO BIONDI A ZURIGO 40 NEGRAMARO 41 HOW SUCCESSFUL FILMS ARE MADE IN ZURICH 42 FESTIVAL DI NERVI 44 JAMES BOND – NO TIME TO DIE CÉLÈBRE SA PREMIÈRE SUISSE AU 17E ZURICH FILM FESTIVAL AUTO 46 LA NUOVA TAIGO CELEBRA LA PRIMA EUROPEA SPORT 48 ITALY’S ENCHANTED SUMMER OF 2021 ARTE 51 GALERIE REITZ 56 ANTONIO MARRA 58 SFERICO L’INTELLIGENZA DEL VEDERE 60 TEMPO DI FIERE, BENTORNATA ART PARIS 61 KUNSTHALLE ZURICH 62 MATAFISICA DEI NUMERI DA ROMAN OPALKA A ANFREAS LUETHI 64 ANDREAS LUETHI: 68 IL COLORE SELVAGGIO 70 DA UNA PICCOLA CITTÀ ALLA GRANDE ARTE:LA TORO ARTE CONTEMPORANEA DI SESSA AURUNCA 72 BRUNO BANI: RE-LIVE AL TRAMONTO. 74 IMPALPABILE LUMINESCENZA AL CASTELLO 76 21ª EDIZIONE DEL PREMIO CAIRO: 78 UGO GUIDI E IL SUO MUSEO 80 UNITED ART ZURICH 2021 82 ITALICS


Impressum VERLAG Antonio Campanile

EDITORIAL DIREKTOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIREKTOR MARKETING Salvo Buttita

CHEFREDAKTOR

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

Director Ereignisse Piero Melissano

Inews Salento

Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

REDAKTION

Social Media Manager REDAKTION CHUR

REDAKTION TESSIN - Via Peri Lugano REDAKTION LUGANO

Rossana Seghezzi Caporedattore Ticino

REDAKTION VIENNA Erich Bauer

REDAKTION BASILEA Vito Di Biccari Basilea Piero Esteriore Mimmo Esteriore Salvo Buttita

Paola Terranova Michele Ferrante Davorka Zguric

Antonella Rebuzzi

Brenda Liquadri

Alfonso Benevento Michele Viola

Angela Verde

REDAKTION MOSCA REDAKTION ROM

REDAKTION MAILAND

Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

REDAKTION TURIN Francesco Mescia

REDAKTION SIZILIEN Francesco Di Dario

Rita Pennisi

Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAKTION APULIEN REDAKTION PARMA Giuseppe Laudano

REDAKTION BOLOGNA Simona Artanidi

REDAKTION ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri REDAKTION BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager

MARKETING/ WERBUNG antonio@campanile.ch

GRAPHICS: Morena Fiorucci ART DIRECTOR: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHER Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

ABO-SERVICE

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

antonio@campanile.ch

DRUCKZENTRUM VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

VERLAG

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch www.inewsswiss.com Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe

4

iNEWS

www.inewsswiss.com


Liebe Leserinnen, liebe Leser, Im Mai packte mich die modische Euphorie: Obwohl die Kleiderschränke sehr gut gefüllt waren mussten neue Sommeroutfits her. Zu lange war die Zeit als Restaurants, Bars, der Fitnessclub und weitere Orte in denen jeweils die vergnügliche Freizeit stattgefunden hat, geschlossen. Jetzt, wo endlich Lockerungen der strengen Covid-Auflagen in Sicht waren, sollte der Auftritt auch zum modischen Highlight werden. So war ich auf der Suche nach luftigen Sommerkleidern, bunten Blusen sowie den dazu passenden Sneakers und Sandalen. Ein weiterer Anreiz war dass die meisten Geschäfte trotz Hochsaison schon im Sales-Modus waren: Überall lockten grosse Rabatte und Angebote zum Schnäppchenpreis. Womit ich jedoch nicht rechnete war dass Petrus den Sommer 2021 kurzum gestrichen hat: Die Monate Juni und Juli kamen mit Dauerregen daher, die Temperaturen waren eher herbstlich und Flanieren sowie gemütliches Draussensitzen konnten nicht stattfinden. Schweren Herzens und teilweise mit Flüchen die ich da nicht wiederholen möchte blieben die neuen Outfits im Schrank, dafür hatten Wolljacken und Gummistiefel ein sommerliches Revival. Ich weiss, das ist Gejammer auf hohem Niveau, haben doch zahlreiche Menschen durch die vielen Hochwasser ihr Leben, ihr Zuhause und ihre Existenz verloren. Doch der Frust über das Wetter war allgegenwärtig: Gastronomen die nach den Lockdowns auf das Sommergeschäft mit belebten Aussenbereiche hofften, viele Touristen die bevorzugt in wärmere Gefilde reisten, Schiffe und Bergbahnen die den Fahrbetrieb einstellen mussten und jeden Tag die unerfüllte Hoffnung das es mit dem Nass von oben nun endlich vorbei sei. Im August kamen wir dann doch noch in den Genuss einiger warmen Tage. Doch dieser Sommer wurde uns definitiv vermiest denn schon in wenigen Wochen beginnt der kalendarische Herbst. Ich werde versuchen aus der Not eine Tugend zu machen und befolgte den Rat der Modejournale: Das luftige Sommerkleid mit einer Lederjacke kombinieren, über leichte Hosen eine längere Wolljacke tragen, zu Sneakers farblich passende Socken kombinieren und sich damit trösten dass bei den Outfits für die warme Saison das Verfallsdatum doch noch ein wenig herausgezögert werden kann In diesem Sinne liebe Leserinnen und Leser wünsche ich Ihnen einen Frühherbst der diese Bezeichnung auch verdient. Ihre Gabriella Groppetti

www.inewsswiss.com

iNEWS

5


Impressum EDITORE

Antonio Campanile

DIRETTORE EDITORIALE Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIREZIONE Marketing&Pubblicità Salvo Buttita

CAPO REDATTORE

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion) DIRETTORE EVENTI Piero Melissano Inews Salento

REDAZIONE

Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Social Media Manager REDAZIONE COIRA (CH) REDAZIONE LUGANO

Rossana Seghezzi Caporedattore Ticino REDAZIONE TICINO - Via Peri Lugano Rita Albrecht Ludovico Gentile Antonio Varrica Nicola Cathieni

REDAZIONE VIENNA Erich Bauer

REDAZIONE BASILEA Vito Di Biccari Basilea Piero Esteriore Mimmo Esteriore Salvo Buttita

Paola Terranova Michele Ferrante Davorka Zguric

Antonella Rebuzzi

Brenda Liquadri

Alfonso Benevento Michele Viola

Angela Verde

REDAZIONE MOSCA REDAZIONE ROMA

REDAZIONE MILANO

Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

REDAZIONE TORINO Francesco Mescia

REDAZIONE SICILIA Francesco Di Dario

Rita Pennisi

Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAZIONE PUGLIA REDAZIONE PARMA Giuseppe Laudano

REDAZIONE BOLOGNA Simona Artanidi

REDAZIONE ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri REDAZIONE BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager MARKETING/ PUBBLICITÀ antonio@campanile.ch

GRAFICA: ART DIRECTOR: WEB MASTER: FOTOGRAFI Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

ABBONAMENTI

Morena Fiorucci Paolo Ugolini Claudio Giuliani Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

Redaktion@italiannews.ch

TIPOGRAFIA

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

CASA EDITRICE

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe www.inewsswiss.com

6

iNEWS

www.inewsswiss.com


Nessun dorma… Zero vacanze per noi della MEDI@PRESSE: il momento è troppo importante per poter oziare. L’estate 2021 ha sancito la vera ripartenza dell’Italia dopo la pandemia. Dalla produzione industriale alle previsioni del Pil, riviste in modo costante al rialzo, passando per la percentuale di occupati e del tasso di disoccupazione, tutti i numeri dell’economia del Belpaese superano le aspettative ed evidenziano la ripresa. È quanto si legge pure nella nota sulla congiuntura di agosto dell’Ufficio parlamentare di bilancio. Anzi, secondo le stime dell’authority dei conti pubblici, la crescita dell’economia italiana nel 2021 potrebbe risultare largamente superiore alle previsioni di qualche mese fa, arrivando a sfiorare il 6%, mentre nella prima metà del prossimo anno l’Italia potrebbe recuperare i livelli di attività pre COVID-19. E dopo aver sfiorato il 6% nel 2021, «nel 2022 il PIL italico rallenterebbe al 4,2%, ma continuerebbe a essere sospinto dalle misure finanziate con il bilancio pubblico e con i fondi europei del Recovery Plan». Così, nella prima metà del 2022 «l’economia italiana si riporterebbe su valori prossimi a quelli registrati prima della pandemia». Il nostro Antonio Campanile, CEO della MEDI@PRESSE, prevede, addirittura, di un nuovo boom economico per l’Italia e di dati congiunturali più che positivi un po’ in tutta Europa, mentre Cina e Stati Uniti non avrebbero ancora raggiunto lo zenit della ripresa post Covid. Insomma, c’è tanto da fare, tanto da ricostruire come dopo una grande guerra. Quindi, nessun dorma! Cordiali saluti Pina Bevilacqua

www.inewsswiss.com

iNEWS

7


Impressum EDITOR

Antonio Campanile

MANAGING EDITOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIRECTOR Marketing/ADVERTISING Salvo Buttita

CHIEF EDITOR

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion) DIRECTOR EVENTS Piero Melissano Inews Salento

EDITORIAL BOARD Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Social Media Manager EDITORIAL LUGANO Rossana Seghezzi Caporedattore Ticino

EDITORIAL BOARD IN CHUR (CH) Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

EDITORIAL BOARD IN TICINO

EDITORIAL BOARD IN VIENNA Erich Bauer

EDITORIAL BOARD IN BASILEA Vito Di Biccari Basilea Piero Esteriore Mimmo Esteriore Salvo Buttita

Paola Terranova Michele Ferrante Davorka Zguric

Antonella Rebuzzi

Brenda Liquadri

Alfonso Benevento Michele Viola

Angela Verde

EDITORIAL BOARD IN MOSCA EDITORIAL BOARD IN ROMA

EDITORIAL BOARD IN MILANO Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

EDITORIAL BOARD IN TORINO Francesco Mescia

EDITORIAL BOARD IN SICILY Francesco Di Dario

Rita Pennisi

Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAZIONE PUGLIA

EDITORIAL BOARD IN PARMA Giuseppe Laudano

EDITORIAL BOARD IN BOLOGNA Simona Artanidi

EDITORIAL BOARD IN

ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri

EDITORIAL BOARD IN

BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager

MARKETING/ PUBBLICITÀ antonio@campanile.ch

GRAPHICS: Morena Fiorucci WEB MASTER: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHY Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

ABO SERVICE

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

Redaktion@italiannews.ch PRINT: VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich PUBLISCHER: MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch Abbonamento/soci CHF 100.- Monatliche Ausgabe www.inewsswiss.com

8

iNEWS

REFERENDUM GIUSTIZIA GIUSTA

CONTINUA ANCHE IN SVIZZERA LA RACCOLTA FIRME www.inewsswiss.com


Dear Readers,

Grande affluenza ieri per la raccolta firme sul referendum per una giustizia giusta a Zurigo” dichiara l’On.Simone Billi, unico eletto della Lega Salvini Premier nella Circoscrizione Estero, Europa. “Sono stati chiariti molti punti sul referendum e la Comunità Italiana all’estero è risultata molto recettiva” precisa l’On.Billi “perchè ha riconosciuto in questi referendum un passo importante verso un’Italia migliore.” Ecco i sei quesiti: 1. Riforma del CSM Il Consiglio superiore della magistratura (CSM) è l’organo di autogoverno dei magistrati e ne regola la carriera. Per due terzi è composto da magistrati eletti. Oggi su capacità e competenza prevale il sostegno delle correnti: con il sì al referendum se ne elimina il peso nella selezione delle candidature, colpendo il “correntismo” e il condizionamento della politica sulla giustizia. 2 Responsabilità diretta dei magistrati Il cittadino colpito da accuse inesistenti o che finisce in carcere da innocente oggi non può chiedere direttamente conto al magistrato dei suoi errori. Ci si può rivolgere genericamente contro lo Stato, che poi dovrebbe rivalersi sul singolo magistrato, ma di fatto chi ha sbagliato non paga quasi mai. Se vince il SI, introduciamo la possibilità di chiamare direttamente in causa il magistrato che ha commesso l’errore, così come vuole l’art. 28 della Costituzione. Tutti i pubblici funzionari devono essere responsabili e pagare per abusi, azioni dolose o gravi negligenze. 3 Equa valutazione dei magistrati La valutazione della professionalità e della competenza dei magistrati è operata dal CSM che decide sulla base di valutazioni fatte anche dai Consigli giudiziari, organismi territoriali nei quali, però, decidono solo i componenti appartenenti alla magistratura. Questa sovrapposizione tra “controllore” e “controllato” rende poco attendibili le valutazioni e favorisce la logica corporativa. Con il referendum si vuole estendere anche ai rappresentanti dell’Università e dell’Avvocatura nei Consigli giudiziari la possibilità di avere voce in capitolo nella valutazione.

www.inewsswiss.com

After an extraordinarily daunting and erratic summer, most people will be hoping for a ‘normal’ autumn with cooler temperatures and milder weather, along with, of course, the spectacular scenery associated with the season of transition and introspection. It was a summer like no other, in a negative sense than anything else, of course! On the one side, torrential rains lead to devastating floods, and, on the other, horrendous fires consumed forests, engulfed farms and orchards and destroyed entire homesteads. Right across the globe, northern and southern hemispheres and in-between! Neither Europe nor, indeed, the world had seen anything like this year’s freakish, destructive weather since meteorological records started in Europe. However, the fickle, unfavourable weather all across the globe did not happen just this year. We have seen increasingly devastating weather and every kind of natural catastrophe, including earthquakes and volcanic activities, regularly occurring around the globe in the last decade or so. In fact, what was once a highly disputed phenomenon, climate change, has now become humanity’s most significant concern. The horror and sheer devastation of flooding in Germany, Belgium and Turkey and the frightening fires raging in Turkey and Greece had the whole of Europe reeling in shock and dismay. Immense sorrow for the loss of innocent lives in the catastrophes and inevitable pity for the loss of livelihoods have brought into acute focus the devastation taking place in all the other continents and the incredible danger all such events pose to all people (and even animals) on the entire planet. In November this year, Britain will be hosting the world at the United Nations Climate Change Conference COP26 (31 October – 12 November) in Glasgow. The whole world will look upon this momentous event as the best opportunity for a concerted global effort to fight climate change. Already though, many experts are beginning to have doubts about the conference ever becoming a momentous event: not just the street-folk but many eminent scientists and environmental activists believe that most political leaders have neither the will nor a compelling vision to bring the world together to fight the biggest threat to the human race in modern times. Still, enough believers and activists think otherwise and will seek to make the most out of the conference. Notwithstanding the erratic and, for the most part, disappointing weather, we did manage to savour some fun times over the summer. The postponed Euro 2020 Football Finals, staged under a new format, proved a veritable success, despite empty stadiums or the vastly reduced spectator numbers. The respective organizers at the venues and the UEFA went that extra mile to ensure a smooth and exciting tournament in spite of the rampant pandemic. Every team played their best football, but the Italian ‘Azzurri’ mesmerized everyone and powered their way to clinching the one trophy that had evaded them for 43 years! Then came the Tokyo Olympic Games 2021 amid a raging wave of a new Covid variant and a dissenting and sceptical population. The Japanese organizers mustered and conjured a spectacular event worthy of its reputation for creativity and technological prowess! For the most part, the athletes gave their ultimate best in very trying circumstances and without the regular, highly animated crowds to cheer them on. We hardly mentioned the ongoing pandemic, but it continues to cast a long shadow on all our activities and hinders the normal functioning of society and the economy. We hope the onset of autumn will bring some respite from the stranglehold of the deadly disease. It is, after all, the season of transition, change and introspection. There is no better time to wander in the woods and the countryside in a truly meditative and contented mood. Perhaps, it is not too late in the year to enjoy the outdoors with friends and loved ones, having a barbecue or a picnic and a swim in the river or a lake. We wish you a glorious autumn and a change for the better on all fronts! Have a pleasant read here, and stay safe and healthy all the time! Yours sincerely, Brian Basnayake iNEWS

9


Impressum EDITOR

Antonio Campanile

MANAGING EDITOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIRECTOR DE MARKETING Y PUBLICIDAD Salvo Buttita

JEFES DE REDACCIÓN

Gabriella Groppetti (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (Redacción inglesa/englische Redaktion) Mursia Petrachi (Redacción italiana/italienische Redaktion) Carla Bordoli Crivelli Visconti (Redacción española/spanische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

EVENTOS DIRECTORA

Piero Melissano

Inews Salento

REDACCIÓN

Daniela Corti Cristiana Corti Gabriele Beate Hefele Juan Miguel Fernández Pérez Luana Pavesi Sofia Beatrice Monti Luciano Pappalardo Pasquale Balestriere María José Camacho Pérez Corina Butas Vania Penha da Silva Rosario Martínez Rodríguez

INFORMACIÓN EN ALEMÁN, COSTA DEL SOL Gabriele Beate Hefele (periodista)

REDACCIÓN BRASILE EN SUD AMERICA Sheila Fisler Daniella Cabral

Public Relations Sales Manager

MARKETING/PUBLICIDAD

antonio@campanile.ch www.inewsswiss.com - www.campanile.ch

RELACIONES PÚBLICAS

Luana Pavesi (marketing/PR/comunicación)

FOTOGRAFÍA Antonia Guerra Eugenio D'Hamo

INFORMACIÓN MÚSICA Y EVENTOS Sofía Beatrice Monti (cantante y relaciones públicas)

MODA, IMAGEN, TENDENCIAS María José Camacho Pérez (hair stylist) Vania Penha da Silva (beauty consultant)

GASTRONOMÍA NACIONAL E INTERNACIONAL

Bruno Filippone Luciano Pappalardo (Chef) Pasquale Balestriere (Chef) Zulay Gómez Carrera (ayudante Chef y control aprovisionamiento)

INFORMACIÓN ECONOMÍA Y FINANZAS Juan Miguel Fernández Pérez (derecho y fiscalidad) Eduardo V. Luján

COLABORADORES WEB Y REDES SOCIALES Vincenzo Ottavio Pesce (web&community manager) Lidia Moreno Aguilar (community manager) Corina Butas (social networker)

INICIATIVAS SOCIO-CULTURALES Rotary Club Estepona Sotogrande International

www.inewsswiss.com

10

iNEWS

www.inewsswiss.com


4 Separazione delle carriere dei magistrati sulla base della distinzione tra funzioni giudicanti e requirenti Ci sono magistrati che lavorano anni per costruire castelli accusatori in qualità di PM e poi, d’un tratto, diventano giudici. Con un sì chiediamo la separazione delle carriere per garantire a tutti un giudice che sia veramente “terzo” e trasparenza nei ruoli. Il magistrato dovrà scegliere all’inizio della carriera la funzione giudicante o requirente, per poi mantenere quel ruolo durante tutta la vita professionale. Basta con le “porte girevoli”, basta con i conflitti di interesse che spesso hanno dato luogo a vere e proprie persecuzioni contro cittadini innocenti. 5 limiti agli abusi della custodia cautelare Ogni anno migliaia di innocenti vengono privati della libertà senza che abbiano commesso alcun reato e prima di una sentenza anche non definitiva. Eliminando la possibilità di procedere con la custodia cautelare per il rischio di “reiterazione del medesimo reato” faremo in modo che finiscano in carcere prima di poter avere un processo soltanto gli accusati di reati gravi. 6 abolizione del decreto Severino La decadenza automatica di sindaci e amministratori locali condannati ha creato vuoti di potere e la sospensione temporanea dai pubblici uffici di innocenti poi reintegrati al loro posto. Il referendum elimina l’automatismo e restituisce ai giudici la facoltà di decidere se applicare o meno l’interdizione dai pubblici uffici. “Ringrazio Carlo Bauleo, organizzatore dell’evento, Claudio Bertuca, per l’ospitalità nel suo stupendo showroom Interna Moebel, dove trionfa il Made in Italy dell’arredamento, Pasqualino, per le squisite pizze servite e la simpatia” conclude il deputato della Lega “Andrea Schenone, coordinatore di Lega nel Mondo della Svizzera tedesca e presidente di Swiss Federalism, che ha raccolto anche le firme per la presentazione della lista di Centro Destra per le elezioni del Comites, ed Antonio Campanile, editore pugliese da una vita a Zurigo.”

www.inewsswiss.com

Queridos lectores: Llevo unos días pensando en qué escribirles en estos tiempos tan complicados a nivel global en todos los sectores: político, sanitario, ambiental, social, laboral…la humanidad se encuentra creo en un punto crucial y no sabemos todavía lo que nos espera. NO quiero caer en los temas que están tocando todos los medios de comunicación del mundo en estos meses, sino dar un mensaje esperanzador, porque de cada caída nos levantamos, de cada problema sacamos una solución, de cada error una enseñanza, de cada decepción un nuevo comienzo. Sí les contaré que es fundamental pensar en cómo enfrentarnos al día a día y al futuro incierto que nos acecha de manera positiva y proactiva. Nuestro mayor reto es estar bien, para sentirnos bien y para poder salir adelante. “Mens sana in corpore sano” ¿Saben ustedes qué es el Glutatión? ¿Saben que es el segundo elemento más abundante en nuestro organismo después del agua y que es una proteína fundamental cuya carencia provoca que nuestro sistema inmune sea más frágil? ¿Y que las células tienen que poderlo producir porque tomándolo por vía oral, debido al calor de nuestro organismo y de nuestro estómago, se disgrega y no hace su función al 100%? ¿Saben que lo mismo le pasa a uno de sus tres precursores, es decir la Cisteína? Bueno, vengo con una gran noticia: una empresa de Canadá, llamada IMMUNOTEC, ha patentado (hace tiempo, pero yo he tenido la suerte de ir a una conferencia en Marbella justamente el mes pasado, muy interesante) la Cisteína enlazada, es decir protegida por una capa proteica natural que impide su destrucción, ayudando así a que llegue a cada célula de nuestro cuerpo llevando así nuestro cuerpo a tener los correctos niveles de Glutatión. IMMUNOTEC, empresa después de 43 años de investigación, y más de 20 años en el mercado americano, está entrando en Europa país por país, así que seguramente, antes o después tendrán ustedes ocasión de tener más información. Por lo pronto, pueden informarse en estos sitios: www. immunotec.com/invitacion y www.immunotec. com/invitado Recuerden: la salud es primordial. Si tenemos salud, tenemos fuerza, ánimo, la mente despejada, descansamos bien cuando dormimos, y podemos hacer frente a cualquier situación con la debida lucidez. ¡Les deseo todo lo mejor! Un abrazo, Carla Bordoli Crivelli Visconti

iNEWS

11


turismo

Tiziano Onesti (ph. Donato Fasano per archivio Ufficio Stampa AdP)

LA SCANDINAVIA PUNTA SULLA PUGLIA: DAL 28 GIUGNO SI VOLA DA BARI A COPENAGHEN IL PRESIDENTE DI ADP TIZIANO ONESTI: “E’ STATO MANTENUTO UN IMPEGNO PRESO NEL PIANO STRATEGICO” 12

iNEWS

www.inewsswiss.com


D

a Copenaghen a Bari con un volo diretto. La Summer 2021 si arricchisce di una nuova importante destinazione. C’è anche il ‘Karol Wojtyla’, infatti, nel nuovo network estivo della compagnia di bandiera “Scandinavian Airlines”. Dal prossimo 28 giugno, infatti, sarà possibile raggiungere la capitale danese grazie a un collegamento che prevede due frequenze settimanali (lunedì e venerdì), operate con aeromobili CRJ-900 da 90 posti, con i seguenti orari (ora locale): • CPH-BRI 15:40 - 18:25 (lunedì) BRI-CPH 19:15 - 22:00 • CPH-BRI 08:00 - 10:45 (venerdì) BRI-CPH 11:35 - 14:20 “La partenza di questo volo è strategica – ha dichiarato il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti - perché segna un’ulteriore tappa nello sviluppo del network internazionale ed è in linea con gli obiettivi del nostro piano industriale. Si tratta di un risultato reso

www.inewsswiss.com

possibile anche grazie al grande lavoro fatto in sintonia con la Regione Puglia, i suoi Dipartimenti e le Agenzie che hanno permesso alla nostra regione di diventare un brand riconosciuto in tutto il mondo. La stessa Scandinavian Airlines ha definito la nostra Puglia una ‘gemma dell’Adriatico’, descrivendola come una terra che ‘attrae non solo per le sue spiagge dorate e caraibiche, ma anche per il territorio rurale e per i borghi assai suggestivi come le ‘città bianche’ della Valle d’Itria e le famose località della costa, come Polignano a Mare e Otranto’. Una meta di assoluto valore per la sua ricchezza paesaggistica, ambientale e artistica. Per i pugliesi – ha concluso il presidente Onesti - si tratta di un volo che aumenta le opzioni di viaggio verso le capitali dell’Unione Europea”. La Compagnia di bandiera scandinava si sta impegnando per aumentare l’offerta di collegamenti con un occhio particolare all’impatto ambientale: i nuovi aeromobili – come sottolineano - hanno un consumo di carburante largamente inferiore con una attenzione particolare, quindi, ai grandi temi della sostenibilità.

iNEWS

13


turismo

Tiziano Onesti

L’ASSEMBLEA DEI SOCI DI AEROPORTI DI PUGLIA SPA HA APPROVATO IL BILANCIO 2020. Per il Presidente Tiziano Onesti “la Rete Aeroportuale è la leva peculiare e fondamentale per l’accessibilità e la promozione della Puglia sui mercati turistici, industriali e commerciali e costituisce un asset strategico per la ripresa economica e l’attrattività territoriale”. 14

iNEWS

www.inewsswiss.com


L

’Assemblea dei Soci di Aeroporti di Puglia, con il voto favorevole della Regione Puglia e della C.C.I.A.A. di Brindisi, ha approvato il Bilancio di Esercizio al 31 dicembre 2020. L’esercizio registra una perdita di Euro 18.985mila, ripianata mediante i Fondi di Riserva di Patrimonio Netto. Complessivamente, il Valore della Produzione, pari a Euro 49.297mila, si è ridotto del 53% rispetto al 2019. I costi di esercizio, pari a Euro 53.015mila sono diminuiti del 31%, evidenziando la caratteristica intrinseca del business aeroportuale di elevata incidenza dei costi fissi. Pur in presenza di un quadro contingente negativo senza precedenti per la presenza dei suddetti fattori di rischio ed incertezza, il Bilancio d’esercizio 2020 è stato redatto nel presupposto della continuità aziendale, in base alle disposizioni del Decreto “Rilancio”. Nell’illustrare i dati del bilancio il Presidente Onesti ha dichiarato che “il 2020 è stato un anno drammatico per il trasporto aereo. Il traffico passeggeri dell’intera Rete aeroportuale pugliese ha fatto registrare un decremento (- 67% sul dato 2019) che, seppur più lieve rispetto ai valori nazionali, evidenzia comunque la criticità della situazione. Aeroporti di Puglia, oltre a farsi carico delle ancor più impegnative incombenze connesse alla sicurezza dei lavoratori e dei luoghi di lavoro, nonché alle nuove misure sanitarie di prevenzione connesse al COVID-19, è intervenuta sulla propria organizzazione operativa, al fine di salvaguardare i livelli occupazionali, diretti e indiretti, assicurare gli investimenti necessari e preservare gli elementi fondamentali della continuità aziendale.” Nel 2020, infatti, il sistema aeroportuale italiano ha registrato 53 milioni di passeggeri contro i 193 milioni del 2019: un calo drastico per gli scali nazionali che in un anno hanno perso 140 milioni di viaggiatori, il 72,6% del traffico. In tal senso, l’istituzione, presso il Miniwww.inewsswiss.com

stero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, di un fondo per i Gestori aeroportuali si integra con lo stanziamento da parte della Regione Puglia di un idoneo fondo di accantonamento. I suddetti interventi di sostegno si pongono nell’ottica della promozione del trasporto aereo, in termini di capacità e di offerta, con l’obiettivo di favorire l’accessibilità del territorio.

“In questo quadro di criticità - ha concluso il Presidente Tiziano Onesti - la società sta intervenendo con tutta l’organizzazione, ad ogni livello, con la massima energia e responsabilità, per poter riprendere velocemente i livelli di attività, nella consapevolezza che i risultati finora raggiunti dalla Rete Aeroportuale Pugliese sono stati il frutto anche di una comunione di strategie, progettualità ed azioni che ha visto gli stakeholders territoriali, tutti insieme come Sistema, protagonisti di una straordinaria stagione di crescita che andrà rapidamente riattivata”. Riguardo agli aspetti della sostenibilità, la fattiva adesione al Global Compact dell’ONU e la particolare attenzione alla tutela ambientale, denotano sempre più la vocazione di Aeroporti di Puglia a un ruolo trainante dell’economia pugliese, oltre che l’attestazione di una gestione virtuosa che determina le priorità aziendali non solo in base a valori economico-patrimoniali. Nel 2020 Il valore reputazionale di AdP si è ulteriormente consolidato con la conferma del Rating di Legalità “TRE STELLE”.

iNEWS

15


turismo

-100 AD EXPO DUBAI! LA PUGLIA IN VIAGGIO VERSO PADIGLIONE ITALIA CON LE RIPRESE DEI VIDEO DEL PREMIO OSCAR SALVATORES

16

iNEWS

www.inewsswiss.com


Delli Noci: “Dalla Puglia un racconto per immagini nella bellezza e nell’innovazione” Sul portale web del Padiglione Italia (italyexpo2020.it) una sezione dedicata alle Regioni partecipanti e alle notizie dai territori

A

100 giorni dall’inaugurazione di Expo 2020 Dubai entra nel vivo il percorso di avvicinamento della Puglia e delle altre Regioni partecipanti all’Esposizione Universale, primo grande evento globale dopo la pandemia.

Prendono intanto il via le riprese nei territori italiani del regista premio Oscar Gabriele Salvatores, chiamato dal Commissariato per la partecipazione dell’Italia a Expo Dubai a narrare la Bellezza evocata sin dal titolo della partecipazione del nostro Paese: “La Bellezza unisce le Persone”. In queste settimane lo sguardo e le troupe di Salvatores attraverseranno le 15 Regioni che a Dubai porteranno le loro ricchezze culturali, paesaggistiche e storiche oltre alle proprie tradizioni e capacità di innovare: le riprese verranno poi editate e infine proposte durante il semestre espositivo dal primo di ottobre al 31 marzo ai visitatori del Padiglione Italia. Il racconto costruito dal regista con le Regioni partecipanti prevede una serie di contenuti altamente scenografici e d’impatto che saranno visibili in due diverse sezioni del percorso del Padiglione Italia: il Belvedere, con proiezioni a 360 gradi dei paesaggi e dei luoghi più suggestivi, e il ‘Saper Fare’ italiano, raccontato su uno schermo di 100 metri quadrati e capace di mostrare al visitatore il meglio delle ‘artigiane’, dell’agroalimentare, della meccanica, del design e dell’esercizio delle tecnologie più sofisticate. La partecipazione della Regione Puglia ad Expo Dubai è organizzata dalla Sezione Internazionalizzazione in collaborazione con Puglia Sviluppo. Nella nostra regione le troupe di Salvatores racconteranno, per la sezione del Belvedere, le meraviglie di Castel del Monte, sito Unesco, della piazza Duomo di Lecce e delle grotte della Baia delle Zagare, una delle spiagge più suggestive del Gargano. Per la sezione del Saper Fare regionale le riprese riguarderanno lo spazioporto di Grottaglie, le eccellenze nella produzione delle ceramiche artistiche, le produzioni agroalimentari di qualità del territorio. “La valorizzazione della Puglia all’Expo di Dubai - sottolinea l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia Alessandro Delli Noci - è un vero e proprio viaggio nella bellezza e nell’innovazione che passa per il racconto di luoghi capaci di abbracciare scenari naturali mozzafiato e opere dell’uomo, dal Gargano al Salento. Da un lato esaltiamo l’arte, dall’altro le imprese. Il viaggio nel saper fare regionale fonde infatti tradizione e tecnologia, autenticità e innovazione grazie alle capacità imprenditoriali dei pugliesi. È questa la competenza che portiamo a Dubai attraverso le immagini girate dal grande regista ma anche con le tante iniziative alle quali stiamo lavorando per le due settimane in cui sarà presente la Puglia, la prima dedicata allo spazio, dal 17 al 23 ottobre, e la seconda all’acqua, dal 20 al 26 marzo”.

fare con le nostre mani: dagli scalmi delle gondole, alla pesca delle alici, dai tortellini fatti a mano ai componenti dei satelliti spaziali, dai vasi di vetro soffiato ai vini del Carso… e molto, molto altro! Ma anche documentando con telecamere, droni e macchine in grado di riprendere a 360 gradi le infinite bellezze della natura, della cultura e della storia del nostro Paese. Guardando i progetti del nostro Padiglione Italiano, sono sicuro che sarà una cosa straordinaria. Gli spazi che sono stati inventati e i materiali usati per realizzarli sono davvero magnifici. Credo, inoltre, che sia importante che, per la prima volta, un Paese Arabo ospiti un’Esposizione universale, sperando che, anche questo, contribuisca a creare un vero scambio di sapere e di cultura tra i vari popoli di questo Pianeta”, dichiara Salvatores. “Con la presenza di ben 15 Regioni - il più alto numero di Regioni partecipanti mai registrato a una Esposizione Universale - l’Italia porta a Expo Dubai la ricchezza e la bellezza dei suoi territori e dei suoi saperi. Le Regioni che hanno aderito saranno partner artistici del Padiglione italiano, realizzandone i contenuti e poi animandone le iniziative e gli eventi per l’intero periodo espositivo, da ottobre fino a marzo del prossimo anno”, afferma Paolo Glisenti, Commissario Generale per la partecipazione dell’Italia a Expo 2020 Dubai. “Una presenza, quella delle Regioni, decisiva non solo per rilanciare il turismo, a cominciare da quello esperienziale, ma anche per far crescere l’attrazione dei capitali esteri verso le filiere d’impresa territoriali, dalla grande industria alle PMI innovative, alle start up e all’artigianato, anche con l’obiettivo di attirare i migliori talenti e le migliori competenze internazionali verso l’offerta formativa e progettuale delle università e nei centri di ricerca che operano in questi territori”, ha aggiunto. “La maestria di Gabriele Salvatore narrerà il saper fare italiano raccontando quelli che io chiamo i “beni culturali viventi”. Nell’installazione del Belvedere al Padiglione Italia a Expo Dubai il paesaggio italiano come non l’avrete mai visto, a 360 gradi”, spiega il Direttore artistico Davide Rampello. Alla Puglia e alle altre 14 Regioni aderenti al progetto (il più alto numero che l’Italia abbia mai portato ad una Esposizione Universale fuori dal nostro Paese), è inoltre dedicata un’intera sezione del sito del Padiglione Italia (https://italyexpo2020.it/le-regioni-a-expodubai/): uno spazio aggiornato quotidianamente con i contenuti che arricchiscono l’esperienza dei territori italiani a Expo Dubai nella quale in maniera semplice e intuitiva sarà possibile conoscere tutte le notizie relative alle Regioni coinvolte e consultare le pagine dei loro siti istituzionali dedicate all’Esposizione Universale.

“Mancano 100 giorni all’inaugurazione dell’Expo di Dubai! E io sto girando il nostro Paese per filmare, per questo progetto, il nostro “saper fare” italiano, le grandi e piccole cose meravigliose che sappiamo

www.inewsswiss.com

iNEWS

17


turismo

DA OGGI LA COMMUNITY DI TIKTOK RACCONTERÀ LA PUGLIA

#TIKTOKPUGLIA: ARRIVA LA CAMPAGNA #TIRACCONTOLITALIA

PUGLIAPROMOZIONE CONTRIBUISCE AL PROGETTO CON UNA COOKING CLASS E UNA CENA PER L’AMBASSADOR DILETTA SECCO

A

rriva in Puglia la campagna TikTok #tiraccontolitalia, sviluppata con l’obiettivo di valorizzare le tante realtà e culture locali dell’Italia - dalle tradizioni alle nuove tendenze, tra dialetti, moda, musica, cucina, luoghi e aneddoti regionali. La community di TikTok, il social network che permette di creare video creativi che diventano subito virali, racconterà aneddoti, storie, luoghi del cuore, modi di dire e tradizioni culinarie della Puglia attraverso gli hashtag #tiraccontolitalia e #TikTokPuglia. Realizzata per far sbizzarrire i più giovani e la loro creatività, TikTok è attualmente l’applicazione più scaricata al mondo. Per la community di TikTok la Puglia è un paradiso per storia, cultura e natura, e per le sue tradizioni culinarie. E proprio da questa tradizione è partita l’Ambassador Diletta Secco, oltre 1 milione150mila followers su TikTok, che è in Puglia questa settimana. Pugliapromo-

18

iNEWS

zione contribuisce al progetto #tiraccontolitalia, organizzato da TikTok offrendo un’esperienza, a cui ha lavorato l’ Ufficio Educational, in linea con lo stile editoriale e i contenuti sul tema food della TikToker: una cooking class e una cena presso Tenuta Gemi, a Monopoli, nel pomeriggio/serata di oggi. “Sono riuscita a raggiungere un numero così importante di followers prima di tutto per la costanza e poi per aver trovato un modo tutto mio di esprimermi. Cucino, chiacchiero e quando posso scappo nella natura”- dice Diletta, tutte cose che potrà fare benissimo anche in Puglia. “TikTok rappresenta la nuova tendenza per raccontare territori sui social; e la Puglia non poteva mancare a questo appuntamento – afferma l’Assessore al Turismo e alla Cultura, Massimo Bray - Tutta la storia e la bellezza dei paesaggi, dei borghi, delle città della nostra regione ispireranno la creatività della community di TikTok che si

www.inewsswiss.com


distingue per essere eterogenea e creativa e che abbraccia creator di tutte le età, dai 13 anni in su. La Puglia e tutte le sue caratteristiche - conosciute e meno note - sono in grado di conquistare da sempre i turisti di tutto il mondo e anche gli abitanti stessi della regione. E adesso è la volta dei Tiktoker. L’iniziativa punta a promuovere il turismo in Italia e racconta i luoghi con un nuovo linguaggio comunicativo fatto di video brevi che hanno reso TikTok parte dell’evoluzione della cultura contemporanea, un luogo ricco di stimoli e creatività dove poter ascoltare, imparare ed esprimersi in maniera autentica”. “ Non sono mai stata in Puglia e ho delle aspettative altissime perché ho sempre sentito parlare della Puglia come di una regione meravigliosa; me ne hanno tanto parlato che comunque mi sembra già di conoscerla – commenta Diletta Secco - Sono felicissima di essere qui e non vedo l’ora di mangiare i piatti tipici, ma oltre al cibo ci sono delle coste meravigliose, le citta storiche, i borghi e le masserie di cui ho sentito tanto parlare. Sicuramente sarà una scoperta!” www.inewsswiss.com

iNEWS

19


turismo

Rossana Seghezzi

HOTEL IL SERENO:

La creatività dell’uomo e la potenza della natura si incontrano in una fusione perfetta sulle sponde del Lago di Como

20

iNEWS

www.inewsswiss.com


U

n progetto architettonico unico nel suo genere, realizzato nel rispetto del contesto storico, culturale e naturalistico del Lago di Como e intriso di sofisticata contemporaneità. Il Sereno Hotel si è rivelato immediatamente una scommessa vincente: è stato inserito tra i 32 migliori hotel al mondo, ha vinto il prestigioso premio nella categoria “best design” dell’Afar Traveller’s Choice Award e il suo ristorante si è aggiudicato una stella Michelin a solo un anno dall’apertura. Il successo del progetto è dovuto alla collaborazione sinergica tra il proprietario Louis Contreras e la designer di fama mondiale Patricia Urquiola, la cui mano si cela dietro ogni linea sinuosa, ogni ambiente, ogni singolo mobile, stoffa e complementi di arredo del Sereno, conferendo all’insieme un tocco unico. Alla designer era stato chiesto inizialmente di progettare gli inter-

www.inewsswiss.com

ni dell’hotel, ma dopo aver fatto un sopralluogo si è optato per un approccio a 360° e Urquiola si è occupata anche della parte architettonica, dando così vita ad una continuità nelle linee che rispecchia l’integrità paesaggistica del luogo: dalle logge coperta da tetti piatti a giardini fino ai colori utilizzati per gli arredi interni, tutto al Sereno è ispirato e si rifà ai colori dell’ambiente lacustre che lo ospita. UN GIOIELLO DI ESCLUSIVITA’ SUL LAGO DI COMO La decisione di Louis Contreras di investire sul Lago di Como è stata più casuale che strategica: durante una visita in Italia una coppia di amici architetti l’ha portato a vedere un vecchio hotel direttamente sulle sponde del lago e Contreras si è subito innamorato del posto e, dopo quattro anni di lavori, le trenta camere del Sereno, tutte con vista lago, erano pronte ad accogliere gli ospiti. In questo hotel non solo le camere sono realizzate in modo da massimizzare la vista sul

iNEWS

21


paesaggio, ma ogni ambiente permette una vista aperta sul lago. Il Sereno è un hotel luogo avvolto nel silenzio in cui lo staff si dedica con discrezione al benessere dell’ospite, coccolandolo con servizi ad hoc e offrendo quella privacy e quella tranquillità tanto apprezzate dal cliente moderno. Qui la magnificenza della natura la fa da padrone: sia l’interno che l’esterno della struttura sono in continua stretta connessione con il potere rinvigorente degli elementi naturali e il tocco contemporaneo

22

iNEWS

nell’architettura ha comunque preservato l’eredità storica del posto e dell’hotel che è immerso in uno splendido giardino fronte lago e che offre alla vista due magnifiche pareti verticali verdi, create dal designer paesaggistico Patrick Blanc, in cui sono presenti 300 specie differenti di piante. MADE IN ITALY ED ECOSOSTENIBILE Al Sereno la natura è il tema fulcro anche sia negli esterni che negli interni: le pietre, il legno e le fibre utilizzate sono

www.inewsswiss.com


completamente naturali e di provenienza eco sostenibile, tale da aver permesso all’hotel di ottenere la certificazione CasaClima. I materiali quali: Ceppo di Gré lombardo, marmo travertino, pietra di Moltasio, Pietra di Fossena e granito si fondono in una integrazione armonica di ambienti interni ed esterni che dà vita ad un’eleganza senza tempo. La proprietà dell’hotel ha affidato alla designer Urquiola un compito molto importante: lavorare con il maggior numero di artigiani locali possibile, anche perché la zona tra Como e Milano è fucina dei migliori produttori di arredi al mondo. Il compito è stato portato a termine in modo ottimale dalla designer che ha lavorato a stretto contatto con diversi artigiani per creare mobili e complementi di arredo su misura: in questo hotel persino i materassi sono fatti artigianalmente a pochi chilometri da Como! Soggiornare al Sereno Hotel è un’esperienza emozionale a 360°! di Rossana Seghezzi www.inewsswiss.com

iNEWS

23


inews travel

SLOW FOOD TRAVEL SI ARRICCHISCE DI UN NUOVO PERCORSO: LA REGIONE SVIZZERA DENTS DU MIDI Dopo la Carinzia in Austria, l’Alta Valle Tanaro e le montagne biellesi in Piemonte, Grand Entremont e Fuilly in Svizzera, ecco Dents du Midi, l’ultimo percorso che va ad aggiungersi a Slow Food Travel, completando l’adesione della Val d’Illiez a questo progetto internazionale. Slow Food Travel propone un nuovo modello di viaggio, fatto di incontri e scambi con agricoltori, casari, pastori, norcini, fornai, viticoltori che, insieme ai cuochi che cucinano i loro prodotti, diventano i narratori dei loro territori e guide speciali alla scoperta delle tradizioni locali. 24

iNEWS

www.inewsswiss.com


Michele Rumiz, questo territorio, intriso di una tradizione casearia ancora molto viva. A cavallo della frontiera tra la Francia (Alta Savoia) e la Svizzera, le Portes du Soleil offrono una vasta area di relax per tutte le stagioni, dove si possono fare piacevoli escursioni e spettacolari percorsi, in bicicletta oppure con gli sci. Il più famoso prodotto tipico della regione è la Salée du Val d’Illiez, una pasta lievitata ricoperta dal sablé, un composto di burro, farina e cannella a cui si aggiungono mele, pere, rabarbaro o vino bianco. Questo prodotto dell’Arca del Gusto viene offerto in degustazione a colazione nell’ambito dei tour Slow Food Travel.

M

ichele Rumiz, responsabile del progetto, spiega: «Dietro ogni territorio ci sono storie, tradizioni gastronomiche, sapori e pratiche artigianali, tramandati da donne e uomini che hanno costruito nei secoli identità e culture. Ogni tradizione gastronomica può diventare un’esperienza turistica unica, parte integrante del viaggio. Ma non è sempre facile arrivare all’autenticità delle culture locali. Ciascun percorso Slow Food Travel permette di scoprire prodotti, luoghi e paesaggi entrando in contatto diretto con produttori, cuochi e operatori dell’ospitalità che valorizzano con impegno questo patrimonio culturale». Sette ripide cime alpine compongono i Dents du Midi, di fronte alla verde Val d’Illiez e ai suoi ricchi pascoli. Sei villaggipunteggiano

www.inewsswiss.com

Ma la regione Dents du Midi offre anche altri prodotti ed eventi per completare il programma estivo del percorso Slow Food Travel. Per esempio, le escursioni Alla scoperta dei nostri alpeggi in E-bike o Trail Gourmand portano gli ospiti nella Val d’Illiez per incontrare i produttori e gli artigiani del ricco patrimonio gastronomico locale. E per incoraggiare la partecipazione del pubblico, un attestato di partecipazione al From’Quiz de la Vallée viene consegnato a tutti alla fine di ogni attività. Slow Food Travel è un progetto che mette in rete gli attori della filiera, rende possibile scambiare esperienze sulla promozione dei prodotti e sugli strumenti di sensibilizzazione e di comunicazione. Produttori, agricoltori, artigiani, cuochi e proprietari di ristoranti, alberghi e aziende agricole sono coinvolti a fianco delle istituzioni e delle organizzazioni della società civile (uffici del turismo, ecomusei, guide alpine, associazioni culturali).

iNEWS

25


inews travel

TRENI PANORAMICI, BATTELLI E ATTIVITÀ “ACQUATICHE”:

LE TAPPE ESTIVE DEL VIAGGIO DI MICHELLE HUNZIKER IN SVIZZERA ALL’INSEGNA DELLA SOSTENIBILITÀ. 26

iNEWS

www.inewsswiss.com


D

opo il lancio della cooperazione fra Svizzera Turismo e Michelle Hunziker, la popolare conduttrice è stata in Svizzera i primi di agosto in veste di neo ambasciatrice del turismo elvetico. È partita piena di entusiasmo per raccontare agli italiani la cura del territorio e l’amore per ciò che è autentico che contraddistingue il suo Paese di origine e per sfatare anche qualche pregiudizio. “La Svizzera è piccola ma incredibilmente variegata. In pochi chilometri cambiano i paesaggi, i cantoni e perfino la lingua parlata. Ci sono tantissime proposte per ogni tipo di vacanza”. Michelle Hunziker ha colto l’occasione per vivere in prima persona alcune esperienze mai provate prima a causa dei suoi mille impegni. “Questo viaggio è stato per me una vera scoperta! Non avevo ancora avuto l’opportunità di viaggiare a bordo del Glacier Express e del Gotthard Panorama Express, di visitare Lucerna o di conoscere il volto inaspettato del Ticino e di St. Moritz”. La scelta delle tappe ha seguito il filone di Swisstainable, il manifesto di Svizzera Turismo per il turismo sostenibile, che sottolinea come viaggiare green sia non solo una necessità per salvaguardare l’ambiente ma anche una forma di arricchimento perché permette di scoprire un territorio con più consapevolezza, pienezza e intensità. La sostenibilità è declinata in diversi aspetti che vanno dalla tutela della flora e dalla fauna alla valorizzazione delle tradizioni e dei prodotti locali, dall’uso delle fonti rinnovabili all’incontro con le persone che tramandano un sapere artigianale o che si prendono cura del patrimonio culturale e naturalistico di un territorio. “Nessuna rinuncia, insomma, ma un surplus di conoscenza” sintetizza Michelle Hunziker.

www.inewsswiss.com

iNEWS

27


communication

LA BANCA MIGROS

DIVENTA PARTNER FINANZIARIO ESCLUSIVO DI HELION PER LA TECNICA DELLA COSTRUZIONE PRIVATA SOSTENIBILE

C

on effetto immediato la Banca Migros è il partner per i finanziamenti dello specialista in tecnica della costruzione Helion. La Banca Migros amplia così la propria offerta di finanziamento per i proprietari immobiliari nei settori impianti solari, pompe di calore, accumulatori di energia e mobilità elettrica. I clienti di Helion che vogliono investire in un futuro sostenibile e installare un impianto solare, una pompa di calore, un accumulatore di energia o una stazione di ricarica elettrica nella propria casa, possono scegliere il loro prodotto sul sito web di Helion e assicurarsi al contempo il relativo finanziamento. La Banca Migros offre a tal fine un’offerta a condizioni interessanti. Helion è stata fondata nel 2008 e oggi conta sei filiali principali in tre regioni linguistiche. Helion fa parte della Bouygues E&S InTec Schweiz AG, che con circa 4100 collaboratori è la più grande società di tecnica della costruzione della Svizzera e copre l’intero ciclo di vita degli edifici..

28

iNEWS

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

F

O

O

D

FIERAMILANO 22-26 OCTOBER 2021 www.inewsswiss.com

iNEWS

29


enogastronomia Eustachio Cazzorla

PARSI, CATARELLA, YARI, AL BANO E GLI ARTISTI DI NUGNES, ECCELLENZE AL ”DON CARMELO” con la

UN INCONTRO ALL’INSEGNA DEL “BELLO” PER FESTEGGIARE LE 74 CANDELINE DELLA PSICOTERAPEUTA E SCRITTRICE MARIA RITA PARSI A CURTIPITRIZZI NELLE TENUTE DI AL BANO CON UN PARTERRE D’ECCEZIONE SOTTO LE STELLE DEL SALENTO CON LE STELLE DELL’ARTE VISIVA, DELLA MUSICA, DELLA POESIA COORDINATE DAL CURATORE D’ARTE SALVO NUGNES 30

iNEWS

www.inewsswiss.com


L

a poesia simbolica di Irene Catarella e la profondità del pensiero di Maria Rita Parsi, che aggiunge un altro anno all’anagrafe ma soprattutto le sue pubblicazioni all’attivo, oltre 100 libri di tipo scientifico, letterario e divulgativo. Sono giunte a Curtipitrizzi, ristorante Don Carmelo, su invito del curatore d’arte e manager di vip Salvo Nugnes. A fare gli onori di casa lo stesso Al Bano Carrisi che ha lanciato un messaggio positivo in favore dei vaccini per uscire dalla pandemia. E nel corso della serata le performance di Yari Carrisi Power (armonium indiano e chitarra) e la voce della sua compagna con un omaggio al cantautore siciliano Franco Battiato. Serata con talentuosi artisti tra cultura e musica alle Tenute Carrisi, con la mostra-evento e ospiti illustri. Serata mondana? «Semplicemente tra amici e con tanta voglia di bello, per lanciare un messaggio positivo e scacciavirus» ha detto Nugnes. E poi gli interventi di Maria Rita Parsi, 74 anni, scrittrice e psicoterapeuta, che ha parlato del senso della vita, della morte come condizione di una nuova esperienza di vissuto, non temere dunque «la fatica della vita» e glissare il «non vivere» soprattutto la realtà virtuale «che annienta l’anima» e un messaggio rivolto ai giovani «il virtuale non esiste, non c’è vita perché non c’è morte in un computer, estranea, aliena, appiattisce le menti e per questo impegniamoci tutti in questo momento in cui ci siamo rifugiati www.inewsswiss.com

nella consolazione di un pc a trasformare il virtuale in virtuoso». Parsi è categorica nelle sue idee ed è di sprone alla vita. Con lei Irene Catarella, 47 anni, scrittrice agrigentina, filologa, che a sorpresa ha ricevuto e autografato per i presenti la prima copia del suo nuovo libro “#Cantoanima” (editoriale Giorgio Mondadori) con le icone fotografiche di Elisa Fossati. Una raccolta di oltre 100 poesie che per titolo hanno in molti casi dei neologismi e tutte fanno incetta di un simbolo guida, l’hashtag (#) nel titolo. Ha letto “Per #Auschwitz” e si è commossa, lei che nella simbologia junghiana trova la fonte di ispirazione per il suo lavoro di psicologa, scrittrice, filologa, biblista, con 3 lauree nel cassetto ha così recuperato il tempo perduto a causa della sindrome di Ménière che l’ha colpita per 15 anni in gioventù. Una malattia di cui si sa poco, che colpisce l’orecchio interno e che causa tipici episodi di vertigine, perdita di udito «ma soprattutto» la poetessa ha ribadito «per leggere una pagina di un libro ci mettevo 3 mesi». Ne è guarita ed ha dato sfogo a tutta la sua voglia di sapere e di raccontare. Tra gli ospiti della serata anche Nicola Trombetta, già amministratore del Comune di Matera e formatore della Regione Basilicata. La musica di Yari Carrisi Power, le #poesie di Catarella e il taglio della torta di Parsi che non è soltanto il varco verso un nuovo anno di vita ma anche il suggello a una serata splendida sotto il cielo salentino nel regno di Al Bano Carrisi, «il leone di Cellino» e l’ambasciatore delle sette note tricolori nel mondo.

iNEWS

31


enogastronomia

LA MARCHESA NOMINATA “CANTINA DELL’ANNO 2022 PER IL SUD ITALIA” DALLA RIVISTA “WINEMAG” 32

iNEWS

www.inewsswiss.com


U

n grande riconoscimento che premia il lavoro di Sergio Grasso e Marika Maggi, da sempre impegnati nel promuovere non solo i vini ma l’intero territorio della Daunia. Vincente la scelta di Cantina La Marchesa di coltivare solo vitigni autoctoni.

Grande riconoscimento per La Marchesa che ha ottenuto il Premio Cantina dell’anno 2022 per il Sud Italia assegnato dalla rivista “Wine Mag”. La cantina pugliese si è qualificata insieme a Podere Fedespina (Cantina italiana dell’anno 2022), Agricola MoS (cantina dell’anno 2022 – Nord Italia) e Ninni (cantina dell’anno 2022 Centro Italia), rientrando così nella top 100 migliori vini italiani 2022 (disponibile anche online su Amazon Kindle), una Guida che fornisce ai lettori uno strumento utile per orientarsi nel mare magnum del vino italiano, attraverso una semplificazione di carattere macrogeografico (Nord e Centro-Sud).

«

«

Dove il vino nasce in vigna è il nostro credo, perché siamo convinti che un buon vino nasca in vigna con amore, dedizione e passione», dichiara Sergio Grasso che aggiunge: «da qui la scelta di coltivare solo vitigni autoctoni poiché pensiamo siano in grado di raccontare al meglio il nostro territorio».

Una filosofia che, a quanto pare, sta risultando vincente visti i numerosi premi ricevuti, tra i quali si ricordano la medaglia d’argento a Il Melograno 2020 (rosato Igt) e quella di bronzo al Cacc’e mmitte D.O.C. 2019 ottenute alla 3^ Edizione di “Vinum 2021”.

Siamo onorati di rappresentare il Sud Italia, terra ricca di ottimi vini e produttori seriamente impegnati»,

afferma Marika Maggi che da sempre punta a promuovere non solo i vini e la loro filosofia, ma tutto l’amato territorio della Daunia. Infatti l’azienda vitivinicola di Sergio Grasso e Marika Maggi, nata come viticoltrice nel 1988, si estende su 15 ettari di vigneto nell’agro di Lucera, nel cuore della Daunia, ed è a conduzione familiare (i titolari si occupano in prima persona di tutta la filiera, partendo dalle uve che trasformano in vino, imbottigliano e commercializzano).

www.inewsswiss.com

iNEWS

33


enogastronomia

BOTTEGA SPACE AT THE GRAND HOTEL SAVOIA IN CORTINA

T

he Grand Hotel Savoia in Cortina d’Ampezzo, which is part of the exclusive Radisson Collection hotel selection, is a 5-star facility of great charm, made unique by the breath-taking panoramic view over the Ampezzo Dolomites. In this elegant and refined setting, Bottega has customized the large terrace, where they celebrate the ritual of the aperitif or lunch, admiring the profile of the most spectacular mountains in the Alps. The logo of the Treviso-based winery and distillery characterizes the counter, where the barmen prepare signature cocktails and serve glasses of Prosecco Gold or other sparkling wines from the Bottega collection. The assortment includes Gin Bacur, white and barrique grappas, Limoncino and cream-based liqueurs, to satisfy the taste of every consumer. The presence on the terrace of the Grand Hotel Savoia, one month after the inauguration of the Bottega space at the Bokan hotel in London, enriches the range of exclusive locations that in Italy and in the world have chosen to collaborate with the winery and distillery from Bibano di Godega (TV). 34

iNEWS

www.inewsswiss.com


communication

THE CONSORTIUM OF CONEGLIANO VALDOBBIADENE PROSECCO SUP.RE DOCG ELECTS NEW PRESIDENT

T

he Consorzio of Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG has elected a new president. Elvira Maria Bortolomiol was elected unanimously by the Board of Directors; she will be supported by VicePresidents Cinzia Sommariva (Sommariva) and Giuseppe Collatuzzo (Cantina Sociale di Conegliano e Vittorio Veneto). “I am very honoured to have been elected president of the Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG,” says Elvira Maria Bortolomiol, who runs the family Prosecco Superiore producer Bortolomiol with her sisters. “I was born into a family that has seen the history of Prosecco grow in the world and has been a part of it. There are still many challenges ahead of us. The territory in which we have our roots must be protected and enhanced in terms of landscape and environmental sustainability; and the competitiveness of the global market means that we must work hard 35 www.inewsswiss.com iNEWS

to continue to reap the rewards of the work we have already done to promote the excellence of our product. The next few years will be an exciting stimulus to continue the promotion and communication of the Denomination in Italy and worldwide”. The focus for the Consorzio in the coming years will be to continue to build on the quality image of the denomination, through communications campaigns, and fairs and events for trade and consumers, both in Italy and abroad. The region was designated as a World Heritage site by UNESCO two years ago, and the Consorzio will be continuing with its focus on conservation of the landscape and - in line with UNESCO values - ensuring its protection for future generations in a way that allows both nature and community to thrive. Another key objective is to ensure the sensitive and sustainable development of growing tourism and eno-tourism in the territory. www.inewsswiss.com iNEWS 35


musica

“SIETE PRONTI PER LASCIARE IL REALE ED ENTRARE NEL VERO?” LA “BESTIALE COMEDÌA” DI CAPOSSELA AL REAL SITO DI CARDITELLO.

N

ell’atmosfera unica del Carditello Fest, Vinicio Capossela conduce gli spettatori attraverso i regni ultramondani accompagnato da Vincenzo Vasi e Raffaele Tiseo, che, come novelli Virgilio e Beatrice, fanno ascendere il pubblico fino alle vette del

Paradiso. Nell’anno del Settecentenario della morte del Sommo Poeta, Capossela porta in giro per l’Italia il suo omaggio a Dante. Echi Danteschi attraversano da diversi anni la sua produzione artistica, è lo stesso Capossela che dichiara che il suo amore per la produzione letteraria dantesca è arrivata fino a lui attraverso il riflesso di Amedeo Modigliani definito “l’eroe bohemien della mia giovinezza” che mandati a memoria i versi del Poeta li ripeteva all’infinito traendo dalle parole l’ispirazione per i suoi volti. Cosa che conquista Capossela, come una preghiera umanistica, la ripetizione mnemonica delle terzine incatenate porta ad una profonda riflessione sull’universo dantesco che è l’universo dell’umano, del peccato, del mito e del divino. Nella Commedia è racchiusa tutta la varietà del mondo, tutta la trascendenza del divino. La letteratura è in costante dialogo con la produzione artistica di Capossela, ed echi letterari si affacciano di continuo durante la performance da Melville a Oscar Wilde, da Primo Levi a Conrad, ma “solo Dante li contiene tutti”. Il concerto attinge dalla svariata produzione artistica di Capossela è una vera e propria performance a vari livelli, in cui Capossela si esibisce non solo con musica e parole, ma con costumi e versi. É un viaggio nell’aldilà tra santi, eroi, peccatori, bestie e creature mitiche. Se quello di Dante è un viaggio tra i morti per salvare i vivi, la

36

iNEWS

riproposizione caposseliana è un viaggio per salvare il reale, smarrito nella selva del mondo contemporaneo, e redimerlo attraverso una sperimentazione variopinta dell’imaginario musicale. Alcune delle più interessanti produzioni musicali di Capossela puntellano lo spettacolo, come “Tentazione di Sant’Antonio” la cui atmosfera richiama l’Inferno personale in cui il reale di ognuno è costretto, “Lord Jim” in cui i riferimenti danteschi sono più espliciti, “Nostos” e la figura mitica di Ulisse che riecheggia Omero, fino a “Con Una Rosa” offerta d’amore paradisiaca, in un arrangiamento per pianoforte e violino che porta lo spettatore fino all’Empiero, l’ultimo cielo, quello di Dio in cui il tempo non esiste, è lento e Capossela lo omaggia con il brano “La Lumaca”. Lo spettacolo si chiude con “L’uomo Vivo” il viaggio ultramondano è finito, l’uomo è tornato alla vita, ha visto l’infinito ed è pronto a ballare il suo inno alla gioia, trascinando con sé il pubblico. Un plauso al Direttore artistico Antonello De Nicola e tutto lo staff per aver tasformato la Reggia di Carditello in “...un posto surreale dove vivere e poi perdersi! “ dal 3 luglio al 29 agosto: 11 eventi e oltre 60 artisti coinvolti per celebrare Ennio Morricone, Enrico Caruso, Domenico Modugno, Dante Alighieri e Astor Piazzolla. Aprono i Coma_Cose, poi il talento di Sarah Jane Morris & Papik, Tosca, Mario Incudine, Vinicio Capossela, l’Orchestra del Teatro di San Carlo e Giovanni Caccamo Chiude la sezione jazz con Javier Girotto, Steinar Raknes, Luca Aquino, Natalino Marchetti e Michelangelo Scandroglio.

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

M

U

S

I

C

MARCO MENGONI www.inewsswiss.com

iNEWS

37


musica

FRANCESCO RIZZUTI

CIAO RAFFAELLA

R

affaella Carrà ci ha lasciati, si è spenta per un brutto male a 78 anni, il 5 luglio scorso. «È andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre», si legge nel comunicato stampa che ne ha annunciato la morte, diramato da Sergio Japino, il famoso regista, coreografo e autore televisivo suo compagno storico. «Una forza inarrestabile la sua, che l’ha imposta ai vertici dello star system mondiale, una volontà ferrea che fino all’ultimo non l’ha mai abbandonata, facendo si che nulla trapelasse della sua profonda sofferenza. L’ennesimo gesto d’amore verso il suo pubblico e verso coloro che ne hanno condiviso l’affetto, affinché il suo personale calvario non avesse a turbare il luminoso ricordo di lei». La Regina della tv italiana, famosa anche all’estero, soprattutto in Spagna e America Latina, è nata a Bologna il 18 giugno 1943 come Raffaella Maria Roberta Pelloni. Dopo il debutto televisivo in “Tempo di danza” (1961) e nella commedia musicale “Scaramouche” (1965), nel 1970 approdò a “Canzonissima”, sempre sulla Rai, divenendo la prima showgirl del piccolo schermo in bianco e nero. Conduttrice di “Pronto, Raffaella” (1984), che raggiunse ascolti straordinari per la fascia meridiana e di una fortunata “Domenica in” (1986), nel 1987 passò per un breve periodo a Canale 5, per poi tornare nel 1991 a Raiuno con la trasmissione “Fantastico 12”. Dopo una parentesi di quattro anni a Madrid, dove condusse “Hola Raffaella” per la televisione spagnola, rientrò in Italia, nel 1995, riproponendosi con successo su Raiuno in “Carramba! Che sorpresa” (1995-97 e 2002). Quindi continuò a raccogliere consensi con “Carramba! Che fortuna” (1998-2000 e 2008) e “Segreti e … bugie” (1999). Nel 2001 presentò il Festival di Sanremo, nel 2004 il programma “Sogni”, nel 2006 “Amore”, dedicato alle adozioni a distanza. Nel 2007 uscì “Raffica Carrà”, raccolta videomusicale delle numerose sigle televisive che ha interpretato. Nel 2013 debuttò su Raidue come coach del talentshow “The Voice of Italy” e rilasciò il suo ultimo album “Replay”. Nel 2015 lanciò su Raiuno il talent show “Forte forte forte” e interruppe la 38

iNEWS

sua partecipazione a “The Voice of Italy”, ripresa l’anno successivo. Del 2019 è il suo ultimo programma “A raccontare comincia tu”, su Raitre. Showgirl, cantante, ballerina, attrice, conduttrice televisiva, radiofonica e autrice televisiva, durante la sua lunga carriera, fu un’icona di stile; il suo ombelico scoperto e il suo caschetto platino hanno fatto tendenza per parecchi anni! «Donna fuori dal comune eppure dotata di spiazzante semplicità, non aveva avuto figli ma di figli - diceva sempre lei - ne aveva a migliaia, come i 150 mila fatti adottare a distanza grazie ad “Amore”, il programma che più di tutti le era rimasto nel cuore», si legge ancora nell’accorata nota di Japino. «Nelle sue ultime disposizioni Raffaella ha chiesto una semplice bara di legno grezzo e un’urna per contenere le sue ceneri. Nell’ora più triste, sempre unica e inimitabile, come la sua travolgente risata. Ed è così che noi tutti vogliamo ricordarla. Ciao Raffaella».

www.inewsswiss.com


musica PINA BEVILACQUA

MARIO BIONDI A ZURIGO

I

l 7 aprile sbarcherà con il suo fortunatissimo tour al Kaufleuten di Zurigo, Mario Biondi. La voce più calda d’Italia, soprannominata negli Stati Uniti “The Voice”, che negli ultimi 5 anni ha tenuto 150 concerti in oltre 40 Nazioni. Il cantante catanese delizierà il pubblico con successi come “This Is What You Are”, con cover internazionali come “My girl” dei Temptations e porterà in scena il suo ultimo disco “Dare”, uscito nel gennaio scorso, per festeggiare i suoi primi cinquant’anni di vita. Una vera e propria celebrazione del suo trentennale percorso artistico, che mescola le sue origini jazz e soul con audaci sperimentazioni a base di funk, disco, pop e perfino rock. Nella tracklist, 16 brani tra inediti, cover (“Strangers in the Night” di Frank Sinatra; “Cantaloupe Island” di Herbie Hancock; “Jeannine” di Eddie Jefferson; “Someday We’ll All Be Free” di Donny Hathaway) e 2 remix. Featuring con amici storici come Dodi Battaglia, Il Volo, la band londinese degli Incognito, la musicista tedesca Olivia Trummer, i The Highfive Quintet di Fabrizio Bosso, oltre che con la sua attuale band, che da anni lo accompagna in giro per il mondo. Infondo il titolo del disco si presta a due letture, perché “dare” in inglese significa osare, un credo che non ha mai abbandonato il crooner siciliano, così come la generosità. Mario, lei ha già suonato in Svizzera. Cosa pensa del pubblico elvetico? Il pubblico svizzero è speciale come quello di qualsiasi altra parte del mondo che ho visitato con i miei spettacoli: non riesco mai a vedere delle differenze originate dal genere o la provenienza tra le persone. Dopo 30 anni di concerti qualcosa è cambiato? Amo profondamente quello che faccio e ogni sera mi emoziono come se fosse la prima volta. Specialmente in questo momento, che segue un lungo periodo di stallo, di incertezze e paure a causa della www.inewsswiss.com

pandemia. Ci può anticipare qualcosa della sua performance a Zurigo? Purtroppo no. La scaletta cambia ogni sera, perché ogni sera è come parlare con una persona diversa. E poi sono uno spirito inquieto. E desideroso di creare sempre la giusta empatia con chi mi sta davanti, per percepirne le emozioni e il calore. È soddisfatto della sua ultima fatica discografica? “Dare” è un progetto al quale sono particolarmente legato, anche perché coincide con i miei 50 anni. Comunque, tra i brani più sentiti c’è il remix di “Simili”, una canzone che ho scritto con i Table, alla fine degli anni ’90 e che mi ero promesso di riproporre, pure per rendere omaggio al fondatore del gruppo, Giovanni Cleis, un grande ispiratore della musica elettronica, che ci ha lasciati una decina di anni fa. “Dare” ha la presunzione di essere un ‘live in studio’ senza sovra incisioni. Un capriccio, un azzardo o cosa? Ho provato un grande piacere nel realizzarlo, e questo è l’importante, è quello che cercavo. Sul lavoro mi pongo sempre in maniera spontanea, non mi faccio mai problemi di tipo commerciale. Un bilancio umano e professionale dall’alto delle importanti ‘cronotappe’ raggiunte? Il bilancio è sicuramente positivo, sono soddisfatto, anche se ci sono decine di progetti che non ho ancora potuto realizzare per questione di tempo, ma che metterò in cantiere appena possibile.

iNEWS

39


musica

NEGRAMARO

IL RITORNO DAL VIVO RIPROGRAMMATO NEL 2022 IN 15 CITTA’ ITALIANE

I

l nuovo tour indoor dei Negramaro, previsto partire il 7 ottobre 2021 sarà riprogrammato nel 2022.

I biglietti per il Tour 2022 dei Negramaro sono disponibili sulle piattaforme ufficiali Ticketmaster, Ticketone e Vivaticket

Siamo ormai molto vicini al ritorno alla normalità, l’efficacia della campagna di vaccinazione e le decisioni prese da paesi a noi molto vicini, ci danno la sicurezza che tutto sta ripartendo. Abbiamo bisogno ancora di poco tempo per poter assicurare la riapertura dei Palazzetti in piena capienza e garantire, come sempre, uno spettacolo all’altezza delle vostre aspettative.

Restano validi i biglietti precedentemente acquistati.

DI SEGUITO, IL CALENDARIO COMPLETO DEL TOUR:

APRILE 2022 1 · Milano, Mediolanum Forum (riprogrammazione del 29 ottobre 2021) 2 · Milano, Mediolanum Forum (riprogrammazione del 30 ottobre 2021) 9 · Firenze, Nelson Mandela Forum 12 · Napoli, PalaPartenope 16 · Eboli, Palasele 18 · Reggio Calabria, Palacalafiore 20 · Bari, PalaFlorio (riprogrammazione del 26 novembre 2021) 21 · Bari, PalaFlorio (riprogrammazione del 27 novembre 2021) 27 · Conegliano, Zoppas Arena 30 · Padova, Kioene Arena

Marzo 2022 10 · Rimini, RDS Stadium (data zero) 12 · Torino, Pala Alpitour 16 · Roma, Palazzo dello Sport (riprogrammazione del 12 ottobre 2021) 17 · Roma, Palazzo dello Sport (riprogrammazione del 13 ottobre 2021) 22 · Perugia, PalaBarton 23 · Ancona, PalaPrometeo Estra 25 · Bologna, Unipol Arena 28 · Mantova, Grana Padano Arena & Theatre

Nel caso di città con una doppia data (Milano, Bari, Roma), i biglietti già acquistati restano validi per il rispettivo primo o secondo appuntamento, come da calendario riportato sotto.

Radio Italia è la radio ufficiale del tour Per maggiori informazioni sul tour: www.negramaro.com

40

iNEWS

www.inewsswiss.com


festival

F.l.t.r.: Christian Jungen, Corine Mauch, Bettina Oberli and Alain Berset at last year’s ZFF. © Andreas Rentz/Getty Images for ZFF

HOW SUCCESSFUL FILMS ARE MADE IN ZURICH

T

he Zürcher Filmstiftung and the Zurich Film Festival continue to pursue their joint aim: the second Zurich Film Day on Tuesday, September 28, once again focusses on Zurich as a centre of film production, and highlights the economic and social importance of filmmaking to both the city and canton by organising the second open-day ‘film stroll’ along the value chain of the filmmaking business. In addition, the ZFF will screen local films from its official selection and complete the day with the Zurich Film Night. Zurich Film Festival (ZFF) and the Zürcher Filmstiftung once more throw a spotlight on Switzerland’s movie-making capital on September 28: around two thirds of the country’s domestic filmmaking giants, including (post)production companies, distributors and cinemas, are based in Zurich. «Swiss films are on the rise internationally and many successful productions such as MY WONDERFUL WANDA by Bettina Oberli, THE AWAKENING OF MOTTI WOLKENBRUCH by Michael Steiner or EDEN FÜR JEDEN by Rolf Lyssy were developed, financed and shot in Zurich,» explains Christian Jungen, Artistic Director of the Zurich Film Festival. «The people appreciate local filmmaking, but still know too little about how much added value the film industry generates and how many jobs it creates. We want to change that with the Zurich Film Day.» As well as carrying Zurich stories out into the wider world, local productions and filmmaking as a cultural commodity and creative magnet in general makes a region more diversified, more attractive and contributes to a better quality of life, which is why the second Zurich Film Day offers the general public an opportunity to get up close and personal with all aspects of the filmmaking business. «The Zurich Film Festival draws attention to local filmmaking. Visitors who not only like to watch films but also want to know where and how they are made in the city of Zurich are cordially invited to take part in the Zurich ‘film stroll’,» emphasises Zurich’s mayor Corine www.inewsswiss.com

Mauch. «The production of Swiss movies is only possible with the help of public funding,» adds Julia Krättli, Managing Director of the Zürcher Filmstiftung, «which is why we are delighted to collaborate with the ZFF and the participating organisations to offer the general public a behind-the-scenes peek at film production.» The Zurich Film Day centres around the Film Stroll, which leads visitors to various Zurich-based production companies and other enterprises that are essential to the local filmmaking scene. From financing to development, from production and post-production to distribution, the doers and makers of the Zurich film industry throw open their doors to offer a fascinating insight into the work they do. Visitors can, for example, discover how an animation film is made, learn how movies are planned, how they reach the final cut and even breathe in the sweet set air of film studios. The Film Stroll is free of charge and does not require a reservation. The following film industry players will be opening their doors to the public: Aaron Film GmbH, Abrakadabra Films AG, Andromeda Film AG, Ascot Elite Entertainment, Cinegrell GmbH, Condor Films AG, Contrast Film Zürich GmbH, Eis am See/Produktion, Filmgerberei GmbH, First Hand Films GmbH, Gentinetta Film, Glaus Casting, Great Garbo - Baldenweg, Magnetix Tonstudio AG, Maximage GmbH, Studio uuuh!, Zürcher Hochschule der Künste, Zürcher Filmstiftung Local cinemas will also screen various Zurich films from the ZFF programme throughout the day. The second Zurich Film Day will be rounded off by the now traditional Zurich Film Night, which aims to promote exchange between politicians and film-makers. The complete programme of the 17th Zurich Film Festival will be published on Thursday, September 9, from 12 noon at zff.com/en/ programme. It can also be viewed on the official festival app Tribo, where a personal festival programme can be compiled as well. Ticket sales start on September 13. iNEWS

41


festival LUISA PAVESIO

NON SOLO BALLETTO

D

a qualche anno il Festival di Nervi ha rinunciato ad offrire il programma “tuttoballetto” che fu del grande Mario Porcile. Grazie a lui, figure immense avevano calcato la scena del teatro all’aperto situato al termine del viale delle Palme, dopo le grandi ville – alcune perfettamente restaurate o ricostruite, ed altre purtroppo in stato di abbandono – che testimoniano le glorie balneari nerviesi. Oggi ai Parchi, dove negli anni si sono succeduti, solo per fare qualche nome, Nureev, Fracci, il gruppo di Alwin Nikolais e Martha Graham e Polunin, la danza è ancora ben rappresentata dalla scuola di Moysseiev, e da giovani stelle nordamericane. Ma il clou del programma, trascorsa la lunga chiusura del lockdown, strizza l’occhio ad un pubblico meno specializzato, spaziando dalla musica leggera (il revival di Venditti, Levante e soprattutto Alice nell’anno della dipartita di Battiato) alle gags comiche di Maurizio Lastrico fino al repertorio classico sinfonico.

ha fatto rimpiangere il dispiegamento degli archi che caratterizza la composizione originale. Sostenevano tuttavia le quattro belle voci soliste di Barbara Bargnesi, soprano, Carlotta Vichi, mezzosoprano, Manuel Pierattelli, tenore, e Davide Giangregorio, basso. Ancora una volta il pubblico, che ha chiesto a gran voce il doveroso bis, si è lasciato sedurre dal mistero che circonda il lavoro mozartiano, incompiuto alla morte del compositore, il 5 dicembre 1791, e completato in prima battuta dall’allievo di Mozart Franz Xaver Süssmayr, che ne scrisse diversi movimenti, considerato che il Kyrie, la Sequenza e l’Offertorium erano solo abbozzati, mentre mancava l’ intera orchestrazione. Intatto permane il fascino dell’opera, che tanto ha fatto lavorare la fantasia di artisti,scrittori, musicisti e registi, generando leggende di un Mozart ricattato e morituro, definitivamente schiavo degli incubi del passato.

Nell’ambito della ricca offerta, questo articolo è dedicato al fuori programma del Coro del Carlo Felice,che ha eseguito il Requiem in re minore K626 di Mozart sotto la direzione di Francesco Aliberti. Nella cornice della splendida vegetazione, l’insieme delle voci è riuscito a sovrastare aerei e treni poco sensibili a questo tipo di celebrazioni, confermando una volta di più l’ ottima preparazione e la grande coesione del Coro; pur se la mancanza dell’orchestra (il solo accompagnamento era per pianoforte, su trascrizione di Carl Czerny per quattro mani, quelle di Patrizia Priarone e Sirio Restani ) a tratti 42

iNEWS

www.inewsswiss.com


festival ISABELLA PILERI

FESTIVAL DI NERVI 2021 LA MUSICA JAZZ SI INNAMORA DEL CLASSICO

U

na serata dedicata alla grande musica senza distinzioni di genere: il Dado Moroni Trio (Dado Moroni al pianoforte, Riccardo Fioravanti al contrabbasso, Enzo Zirrilli alla batteria) ha duettato con ll’Orchestra del Teatro Carlo Felice diretta da Marco Guidarini e da Paolo Silvestri, in una produzione musicale in prima assoluta realizzata dalla Fondazione Teatro Carlo Felice per il Nervi Music Ballet Festival 2021. Il programma ha reso omaggio al grande talento jazzistico di Duke Ellington e al genio immortale di Pëter Ilic TČajkovskij, in un unicum coerente e inedito dove il pubblico è stato condotto per mano e trascinato dalle melodie in un’alternanza fra classico e contemporaneo. Ma cosa hanno in comune Duke Ellington a TČajkovskij? In primo luogo, il fatto che entrambi hanno avuto il balletto come obiettivo della propria opera. L’interpretazione,particolarmente quella jazzistica, è stata senza pecche.Il jazz, regno dell’improvvisazione sorto dalle umili radici degli schiavi afroamericani ed indonesiani, che si consacra ufficialmente solo nel XXesimo secolo a New Orleans come genere d‘arte foriero di nuove libertà, si scontra in apparenza con la storia millenaria della tradizione classica,con la sua disciplina fatta di memorie strumentali antichissime e di origini polifoniche che si perdono nell’XIesimo secolo dell’Occidente europeo.Ma si sa

che gli opposti si attraggono: proprio da questo fortunato incontro di generi così differenti nasce la partitura di Ellington della suite sinfonica dal balletto The River su coreografia di Alvin Ailey del 1970. Sette movimenti (Spring, Meander, Gigglingrapids, Lake, Vortex, Riba, Village Virgins)che il maestro del jazz scrisse, con descrizioni dettagliate degli eventi e delle scene rappresete, il fiume, nel suo corso dalla sorgente gorgogliante fino al mare e all‘eterno ritorno sotto forma di pioggia e neve. Preso dall’immaginario dell’acqua in tutte le sue forme (e dopo essersi immerso nell’abbondante repertorio di “water music” nei secoli, da Haendel a Debussy), Ellington ci ridà una metafora spirituale di evoluzione interiore. Quando raggiunge il mare, scrive, “il fiume non è più”. Più diretta ed esplicita la relazione fra la Suite di Ellington Nutcracker del 1960 ,in cui il musicista recupera l’atmosfera e fiabesca di spirrito natalizio del capolavoro del genio russo Lo Schiaccianoci coreagrafato dal grande Marius Petipa riportando all’allegra improvvisazione del jazz. Il brano ha concluso il programma musicale di una serata che, partendo dalla Suite dal balletto tchaikovskiano ha suscitato l’entusiasmo del pubblico, che più volte ha chiesto il “bis”, protraendo la magia del fortunato incontro di generi musicali ben oltre l’orario fissato per il termine dello spettacolo.

Duke-Ellington-

Jazz_musician_Duke_Ellington

www.inewsswiss.com

iNEWS

43


festival

Daniel Craig interprète James Bond dans NO TIME TO DIE © 2019 DANJAQ, LLC AND MGM

JAMES BOND –

NO TIME TO DIE CÉLÈBRE SA PREMIÈRE SUISSE AU 17E ZURICH FILM FESTIVAL

L

e film le plus attendu depuis des années sera présenté au 17e Zurich Film Festival le même jour que sa grande Première mondiale à Londres. Le nouveau James Bond NO TIME TO DIE célébrera sa Première suisse le mardi 28 septembre, deux jours avant sa sortie officielle. À cette occasion, une rétrospective des James Bond interprétés par Daniel Craig accompagnera la Première la plus spectaculaire de l’histoire du ZFF. Il était temps! NO TIME TO DIE (MOURIR PEUT ATTENDRE), réalisé par Cary Joji Fukunaga, arrive sur les écrans. Le nouveau James Bond célébrera sa Première suisse au Zurich Film Festival (ZFF). Les fans helvétiques pourront voir le film le plus attendu de ces dernières années seulement peu après sa sortie à Londres – patrie de l’agent 007. «Nous sommes ravis que notre public soit parmi les premiers au 44

iNEWS

monde à pouvoir assister aux nouvelles aventures de James Bond», a déclaré Christian Jungen, directeur artistique du ZFF. «Nous nous sommes battus pendant des mois pour décrocher cette Première et avons négocié le moindre détail avec le distributeur Universal. Jamais auparavant James Bond n’avait figuré dans la sélection officielle d’un festival de cinéma. Je suis d’autant plus enthousiaste que le ZFF ait réussi ce tour de force, nous pouvons ainsi donner un signal fort en faveur du cinéma. En effet, l’industrie du cinéma n’a jamais autant attendu un film que celui-là.» D’ailleurs, la série James Bond est extrêmement appréciée des cinéphiles de Suisse, pays où l’agent 007 a vécu moult aventures. Le lien de James Bond à la Suisse remonte à la première adaptation déjà, JAMES BOND 007 CONTRE DR NO, en 1962. La Suissesse Ursula Andress y incarnait le rôle de «James Bond Woman» Honey Rider. Ursula Andress aurait tellement plu au romancier Ian Fleming, qu’il aurait décidé, dans son roman suivant, de présenter la mère de James www.inewsswiss.com


Bond comme une Suissesse, faisant de Bond un agent à moitié suisse. La Première au ZFF des nouvelles aventures de James Bond souligne à nouveau ce lien avec la Suisse. «Chaque année, le ZFF apporte le glamour d’Hollywood à Zurich et constitue une fête pour tous les cinéphiles», déclare Emin Soysaler, Managing Director du distributeur Universal. «Dans aucun autre pays, la série de films James Bond n’est plus synonyme de grand cinéma que ici, et la Suisse est donc traditionnellement l’un des marchés les plus importants du monde pour les aventures de 007. En raison de la pandémie, la sortie en salle a dû être reportée et nous sommes d’autant plus heureux de pouvoir présenter NO TIME TO DIE au public suisse lors du 17e Zurich Film Festival cette année. L’attente en valait la peine: Bond est de retour!»

Daniel Craig et Ana de Armas dans NO TIME TO DIE © 2020 DANJAQ, LLC AND MGM

NO TIME TO DIE, du réalisateur américain Cary Joji Fukunaga (TRUE DETECTIVE), est la 25e aventure de la franchise James Bond. Pour la cinquième et la dernière fois, Daniel Craig prête ses traits à l’agent 007, tandis que Phoebe Waller-Bridge, créatricestar de FLEABAG, y fait sa première apparition en tant co-autrice: James Bond est venu chercher le repos en Jamaïque. Mais son répit est de courte durée: son ancien ami Felix Leiter (Jeffery Wright) lui demande de l’aider à secourir un scientifique enlevé. Une mission qui va mener l’agent secret sur la piste d’un ennemi redoutable, Safin. Dans le rôle de Safin, on retrouve Rami Malek, qui avait décroché un Oscar pour son interprétation de Freddie Mercury dans BOHEMIAN RHAPSODY. Rami Malek succède ainsi à Christoph Waltz, même si celui-ci apparaît tout de même dans le nouveau film. D’autres visages connus font leur retour: Léa Seydoux dans le rôle de Madeleine Swann, Ralph Fiennes incarnant le supérieur de James Bond, M, Ben Whishaw, l’inventeur Q, et Naomie Harris, la secrétaire Eve Moneypenny. www.inewsswiss.com

La Première suisse de NO TIME TO DIE aura lieu le 28 septembre à 21h00 au Kongresshaus. Le samedi 2 octobre, ZFF proposera deux nouvelles séances dans son nouveau site de diffusion, le Kongresshaus, pouvant accueillir plus de 1200 spectateurs. Il s’agira de la plus grande projection du film en Suisse. Une rétrospective des quatre autres James Bond interprétés par Daniel Craig ainsi que le nouveau documentaire «Being James Bond» compléteront la Première la plus spectaculaire de l’histoire du ZFF. NO TIME TO DIE sort en salles helvétiques le 30 septembre 2021, distribué par Universal Pictures International Switzerland. Le programme complet du 17e Zurich Film Festival sera dévoilé le jeudi 9 septembre dès 12h00 sur le site web. Par ailleurs, il sera également publié sur l’appli officielle du festival Tribo, qui permet de composer son propre programme du festival. La vente de billets démarrera le lundi 13 septembre dès 12h00.

iNEWS

45


auto

LA NUOVA TAIGO CELEBRA LA PRIMA EUROPEA

- IL PRIMO SUV COUPÉ DI VOLKSWAGEN PARTE NEL SEGMENTO DEL MERCATO DI MASSA – NUOVO MODELLO LIFESTYLE CON CARROZZERIA IN STILE CROSSOVER – COMPLETAMENTE DIGITALE E ALWAYS ON: PRESENTI DI SERIE «DIGITAL COCKPIT» E SISTEMI DI INFOTAINMENT ONLINE DI ULTIMA GENERAZIONE – CARATTERISTICHE DI PRIMA CLASSE: FARI A LED MATRIX IQ.LIGHT E TRAVEL ASSIST IQ.DRIVE CON LANE ASSIST E PACC – ORDINABILE IN SVIZZERA A PARTIRE DALL’AUTUNNO E LANCIO SUL MERCATO A DICEMBRE 46

iNEWS

www.inewsswiss.com


S

i alza il sipario sul nuovo modello di carrozzeria firmato Volkswagen: con il nuovo crossover compatto Taigo, Volkswagen porta per la prima volta un SUV coupé sul mercato europeo. La Taigo a trazione anteriore convince con il suo stile crossover, la posizione rialzata del sedile, la connettività all’avanguardia e l’illimitata praticità quotidiana. La parte posteriore della cinque posti presenta una linea spiovente in stile coupé, senza tuttavia limitare lo spazio per la testa nei sedili posteriori. Volkswagen amplia così il proprio portfolio dei modelli compatti Polo (coda spiovente) e T-Cross (SUV) basati sulla piattaforma modulare trasversale (MQB) con una terza variante di carrozzeria, che finora era appannaggio principalmente dei modelli di fascia alta. Numerosi sistemi di assistenza di ultimissima generazione garantiscono il massimo comfort e una sicurezza elevata per tutti i passeggeri. Sono tre gli elementi che contraddistinguono la nuova Taigo: design, individualità ed emozione. Equipaggiato di serie con fari a LED completi, cockpit completamente digitale e sistemi di infotainment di ultima generazione (MIB3), il SUV coupé lungo circa 4,26 metri detta standard elevati nella sua classe in fatto di tecnologia. La forma espressiva della carrozzeria è unica all’interno del portfolio dei modelli del marchio Volkswagen. Con una carrozzeria in stile crossover e una silhouette da coupé, la nuova Taigo presenta, proprio come la sua versione brasiliana Nivus, le premesse migliori per Volkswagen per conquistare le quote di acquirenti prevalentemente giovani nonché giovani di spirito. La base tecnologica della Taigo è fornita dal pianale modulare trasversale (MQB) di Volkswagen. Di conseguenza, in base all’equipaggiamento, la Taigo dispone dei nuovi «fari LED Matrix IQ.Light» e di una plancia trasversale della calandra illuminata. Il design della Taigo è plasmato dalle sue proporzioni possenti. A catturare lo sguardo è soprattutto la silhouette da coupé con il montante C fortemente inclinato in avanti, che trae ispirazione www.inewsswiss.com

dai SUV coupé di classe superiore e rende la Taigo unica nel suo segmento. All’interno, la Taigo punta sul volante multifunzionale realizzato con cura e sugli elementi di comando moderni presenti di serie. I sistemi di infotainment sono basati sulla terza generazione del sistema modulare di infotainment (MIB3), con Online Control Unit (eSIM) e «App-Connect Wireless» (in base all’equipaggiamento) incluse. Funzionalità come l’accesso ai servizi di streaming, il comando vocale naturale e una personalizzazione basata sul cloud tramite l’account «Volkswagen ID» permettono di utilizzare i nuovissimi servizi MIB3.1 a seconda dell’equipaggiamento. Anche in fatto di sistemi di assistenza alla guida per un comfort e una sicurezza maggiori, il nuovo SUV Coupé dimostra la sua spiccata vicinanza ai veicoli Volkswagen di categoria superiore. Ogni Taigo è equipaggiata di serie con sistemi di assistenza come il sistema di controllo perimetrale «Front Assist» con funzione di frenata d’emergenza City e assistente per il mantenimento della corsia «Lane Assist» inclusi. Su richiesta, è disponibile il «Travel Assist IQ.DRIVE» per una guida semiautonoma fino a una velocità massima di 210 km/h determinata dal sistema. La nuova Taigo si presenta generalmente con trazione anteriore e motore a benzina a iniezione diretta con turbocompressore. La potenza del motore a benzina a efficienza elevata con tre e quattro cilindri è pari a 70 kW (95 CV), 81 kW (110 CV) e 110 kW (150 CV). Il cambio marcia avviene a seconda della motorizzazione tramite un cambio manuale a 5 o 6 marce oppure un cambio a doppia frizione a 7 marce (DSG). Grazie a una tecnica di combustione all’avanguardia, il TSI da 1,0 litri a basso consumo ed emissioni ridotte e il TSI da 1,5 litri forniscono un contributo importante nella transizione verso veicoli più ecologici. L’inizio delle vendite è previsto per l’autunno e il lancio sul mercato a dicembre. I prezzi per la Svizzera non sono ancora disponibili.

iNEWS

47


sport

DON FRANCIS

ITALY’S ENCHANTED SUMMER OF 2021

A

fter the agonizing time from a rampaging pandemic in 2020, Italy could not have looked forward more to a pleasant, if not a fabulous, summer this year. Yet, it is a safe bet to assert that, except for a few soothsayers perhaps, no one in Italy thought they would live through a heady, fairytale summer of sports this year! Of course, Italy did not escape the highly capricious weather again this year: it had to suffer the horrors of wildfires as well as floods, the everrepeating consequences of climate change affecting all continents across the globe. In the midst of it all, however, Italy managed to enjoy the heroic feats of its superb athletes and footballers during what turned out to be a summer of pure sporting magic. The pandemic had torn apart the sporting calendar of 2020, with various parts of the world in lockdown and the economies barely ticking over. It should have been a busy year of sports with the UEFA Euro 2020 Football tournament (and its equivalents in Africa and the Americas) and the Tokyo Olympic Games 2020 scheduled to take place. It was undoubtedly an untold disappointment for all those sportspeople and athletes when the famous tournaments and sporting events were called off or postponed, one after another, as the pandemic started and spread. The three big football tournaments and the Olympics were only the top casualties.

48

iNEWS

2020 was a year that taxed everybody, above all, the medical personnel and workers in the essential services. They had to brave the threat of the virus to ensure our safety and the smooth functioning of the respective economies. But it was a year of fear, frustration and disruption for almost everyone on earth, with travel and activities curtailed to the bare minimum. Indeed, professional and top-level sportspeople everywhere had to undergo severe deprivations due to the lockdown. Inevitably they had to face a veritable battle to keep physically fit and find ways to practice and perform the necessary skills and drills. At the beginning of this year, it was a nervous wait for sportspeople and fans everywhere as a new wave of the virus ravaged across Europe and, indeed, elsewhere. In hindsight, some of us are grateful and others at least ready to acknowledge that the UEFA, IOC and the organizers of the EURO 2020 and the Tokyo Olympics 2020 were right when they persisted in staging the two events, regardless of the many detractors and the pervasive threat of the pandemic. Somehow, their tenacity and stubbornness paid dividends, and television audiences all over the world were also the recipients of those dividends! The UEFA had decided on a unique format to celebrate the 60th anniversary of the European football championships. Instead of www.inewsswiss.com


one country hosting the tournament, it was spread across eleven stadiums in eleven countries. Italy was given the honour of opening the tournament on 11th June in the Stadio Olimpico in Rome. Some people see the tournament as a festival of football. The organizers in Rome did justice to the concept with an eye-catching opening ceremony that also had to consider the grave situation facing the world at large. The Italian team, the Azzurri, followed the organizers’ lead to provide a festive display in the opening game of the championships with a spectacular 3:0 victory against a somewhat stunned Turkey. The troubles surrounding the Italian football team in the recent past was a constant theme in the international media. Consequently, Italy was not considered a favourite to win the tournament. However, the slick performances in the early matches of the Italian team, skillfully managed by a creative Manager, unleashed a growing belief in the Italian public that the Azzurri were out there to win and not just play! The convincing displays in overpowering better-fancied opponents in the tournament’s knockout stages brought the Azzurri to the attention of the international media. However, it was not just the team that caught the eye and the fancy of football fans, experts and media people. The elegantly dressed and urbane Manager, Roberto Mancini, had rapidly become the man to follow and observe. The skills and tactical play of the Italian team astounded the opponents; their attacking tendencies took most of them by surprise. In the end, their mode of attack and defensive capabilities, coupled with self-belief and tremendous resilience, made them the allconquering team in the tournament. In the most total sense, it was a complete team: it had no prima donnas or stars from the big-name clubs to monopolize the play and curtail the team efforts. Everything considered the character and conduct of the team were down to no other than the charismatic Roberto Mancini! The European Cup was the one trophy that had eluded Italy for 43 years. The chance to win it at a time of great uncertainty and even danger was a challenge that the Azzurri was more than ready to take. And how they did it! The world was stunned; Italy went into delirium. The Azzurri went on to beat the England team at the legendary Wembley Stadium on 11th July 2021. Indeed, the Italian fans chanted quite rightly, in a parody of the original chant of the England fans: “Football has come to Rome!” From 23rd July 2021 – 8th August 2021, Japan treated the world to a meticulously organized “Olympic Games Tokyo 2020” amidst a further ravaging wave of the pandemic. With the explicit persuasion or even goading of the International Olympic Committee, the Japanese government decided to go ahead with the staging of the already delayed “Games of the XXXII Olympiad”. It was despite the

www.inewsswiss.com

opposition of a large segment of the population and the scepticism of a section of the scientific community, From the magnificent opening ceremony to the wonderfully crafted closing event, the Japanese organizers delivered a fabulous festival of sports, with the help, of course, of amazing athletes from all over the world. It was the first time that an Olympiad was held without the general public in attendance. The severe Covid-restrictions meant that no spectators were allowed into the venues, save for the officials and participating athletes and teams. Against this sombre backdrop, the Games took on a life of its own as the athletes put on the show of their lives. The world followed the events in vast numbers, on televisions or the internet, with ever-increasing interest. As always, the years of hard work paid off for some of the athletes, but for others, dreams turned into simply nightmares! The Tokyo Games 2020 will remain a talking point for Italians, young and old, for years and decades to come. Among the many heroes for Italy, one man stood out not only to surprise his folk but literally to shock the world. With a brazen dash ahead of a crop of highly ranked sprinters, Lamont Marcell Jacobs won the men’s 100m Final on 1st August 2021! It was the first time in 40 years that a sprinter from Europe became the men’s 100m Olympic champion. Italy could not have wished for more. Indeed it could: with the help of Jacobs again, the Azzurri team stole a stunning victory in the men’s 4x100m relay, beating the UK team literally at the tape. The two stunning track victories set a mark of inspiration for all the other Italian athletes competing in the games. Indeed, in a summer filled with magic, the Italian Olympic heroes went on to send a whole nation into rapture with their exploits in Tokyo. They won 40 medals, including 10 Gold – the highest medals tally for Italy in any Olympiad to date! “Our greatest Olympics ever,” said Giovanni Malago, head of Italy’s National Olympic Committee (CONI), to Reuters. “Italy keeps on dreaming ... we’re the fastest in the world,” read the headline of “Corriere della Sera”. The fairy tale started on 22nd May, when the Italian group Måneskin won the 65th Eurovision Song Contest. A magnificent performance, singing “Zitti E Buoni” before a live audience in the arena in Rotterdam, made them the public’s favourite. It is the third time Italy has won the singing contest. However, in the precarious situation the whole world is in, winning the competition meant a great deal more. Even to a nation like Italy with such a unique and historical tradition in music. So then, after such a wonderful summer, Italy should undoubtedly keep on dreaming for better times and even greater exploits from her heroes. The FIFA World Cup 2022 in Qatar is not really that far off, after all!

iNEWS

49


communication

NEL PRIMO SEMESTRE

LA BANCA MIGROS

AMPLIA NOTEVOLMENTE I SUOI CORE BUSINESS

N

el primo semestre del 2021 la Banca Migros ha ampliato con successo i suoi core business e i suoi proventi operativi sono aumentati del 3,7% fino a raggiungere i CHF 325 milioni. Ha aumentato i crediti ipotecari del 3,5% portandoli a CHF 41,4 miliardi e il numero dei mandati di gestione patrimoniale è addirittura cresciuto di quasi il 30%. La Banca Migros ha sfruttato la redditività per investire nell’attuazione della sua nuova strategia bancaria, rafforzando così ulteriormente i suoi core business. Questo obiettivo è perseguito anche tramite nuovi partenariati di finanziamento. Nel primo semestre del 2021 la Banca Migros ha avviato l’attuazione della sua nuova strategia bancaria. Al riguardo il CEO Manuel Kunzelmann spiega: «Rafforziamo il core business ampliando parallelamente la consulenza personale e i canali diretti, con nuove soluzioni innovative per i clienti e con un maggiore utilizzo dei potenziali di sinergia con il Gruppo Migros». La strategia viene attuata da una posizione di forza. Nel primo semestre ad esempio, i depositi della clientela sono aumentati notevolmente del 5,2% a CHF 40,0 miliardi. L’aumento rispecchia il persistente elevato grado di fiducia dei clienti nella Banca Migros. Potenziamento dei prestiti: nuovi partenariati con gowago.ch e Helion. In parallelo ai depositi della clientela sono cresciuti anche i prestiti alla medesima. I crediti ipotecari sono saliti del 3,5% raggiungendo CHF 41,4 miliardi, crescendo in tal modo più del mercato. Anche i prestiti alla clientela aziendale sono aumentati in misura superiore alla media: la crescita è stata del 10,0% tenendo conto di tutti i finanziamenti come ipoteche, crediti e leasing. Nel primo semestre l’offerta di leasing, sinora concentrata sui finanziamenti di beni d’investimento per la clientela aziendale, è stata estesa ai privati. La Banca Migros si presenta ora come partner di finanziamento di gowago.ch, il più grande fornitore online di leasing e abbonamenti per auto in Svizzera. Al contempo partecipa finanziariamente a questa azienda di Zurigo che, con la sua innovativa offerta, accelera il passaggio ai veicoli elettrici. Un’altra nuova collaborazione esclusiva esiste con Helion, che fa parte della Bouygues E&S InTec Schweiz AG, la più grande specialista in impiantistica per edifici in Svizzera. La Banca Migros è partner esclusivo per i finanziamenti di impianti solari, pompe di calore, accumulatori di energia elettrica e stazioni di ricarica elettrica. In questo modo la Banca Migros sostiene la svolta energetica. Nel contempo completa la sua offerta di soluzioni per l’intero ciclo di vita degli immobili, dall’acquisto al finanziamento passando per la manutenzione e il risanamento fino ad arrivare alla successiva rivendita. Un elemento importante di questa ampia offerta è rappresentato anche dal partner CSL Immobilien. Politica dei rischi prudente Sia nel settore dei clienti privati che in quello della clientela aziendale la Banca Migros ha mantenuto invariata la sua politica dei rischi improntata alla prudenza. A metà 2021 il portafoglio ipotecario nel settore dell’edilizia abitativa era composto per il 94,5% da prime ipoteche con una quota di anticipo fino al 67%. La qualità del portafoglio crediti si riflette inoltre nel fatto che, nonostante la crisi legata al coronavirus, nel primo semestre non è stato necessario procedere a rettifiche di valore singole per posizioni a rischio. L’ordinanza della FINMA sui conti (OAPC-FINMA), entrata in vigore nel 2020, obbliga ora le banche a effettuare anche rettifiche

50

iNEWS

di valore preventive su crediti non compromessi. Queste rettifiche di valore dipendono, tra l’altro, dall’inventario complessivo dei prestiti, cosicché la significativa crescita dei volumi nel primo semestre del 2021 ha comportato la costituzione di rettifiche di valore pari a CHF 10,3 milioni per rischi di perdita intrinseci. Pertanto, e anche a causa di ulteriori costi di copertura degli interessi pari a CHF 6,6 milioni rispetto all’anno precedente, il risultato netto delle operazioni su interessi è aumentato solo in misura relativamente moderata dello 0,3% a CHF 237 milioni. Attività d’investimento con esito positivo Il risultato delle operazioni in commissione è notevolmente aumentato. L’incremento del 12,7% a CHF 59,6 milioni è dovuto soprattutto al successo dell’attività d’investimento. Il valore di tutti i titoli detenuti dalla clientela nei depositi della Banca Migros è cresciuto del 14,6% a CHF 16,1 miliardi. Ancora una volta i mandati di gestione patrimoniale hanno registrato un andamento particolarmente soddisfacente. Il loro numero è aumentato del 29,6%, anche grazie all’introduzione di una nuova soluzione di gestione patrimoniale basata esclusivamente sul digitale e sullo smartphone. Più del risultato delle operazioni in commissione, è aumentato il risultato delle operazioni in negoziazione. L’aumento del 35,9% a CHF 22,3 milioni è dovuto soprattutto alla negoziazione delle divise. Gli altri risultati ordinari sono diminuiti del 19,4% a CHF 6,7 milioni. Nel complesso i proventi operativi sono aumentati del 3,7% a CHF 325 milioni. Investimenti nella nuova strategia bancaria La Banca Migros ha sfruttato la sua redditività per attuare la nuova strategia bancaria. Le misure comprendevano tra l’altro investimenti mirati nei collaboratori, ad esempio attraverso la formazione e il perfezionamento in eccellenza della vendita, agilità e leadership. Inoltre, l’organizzazione è stata ristrutturata, mettendo in campo team multidisciplinari in tutta la banca che lavorano insieme in modo agile per sviluppare innovazioni rapide e centrate sul cliente. I risultati sono ad esempio l’introduzione di una nuova soluzione di previdenza online o il rollout del riconoscimento vocale automatico in caso di chiamate telefoniche al Centro clienti e al Centro di consulenza. In seguito all’ampliamento delle forze di vendita e all’attuazione della strategia, le spese per il personale sono salite a CHF 103 milioni. Le spese per il materiale sono cresciute a CHF 59,8 milioni in conseguenza degli investimenti, ad esempio a causa dell’espansione e dello sviluppo forzato dei canali digitali nonché dell’ampliamento della rete di succursali ad Aigle e VernierBalexert. Grazie all’aumento dei proventi operativi, nonostante l’incremento delle spese per il personale e il materiale, il cost/income ratio rimane positivamente basso al 48,5% (nell’anno precedente era pari al 46,8%). Al netto di ammortamenti, accantonamenti e perdite, il risultato operativo è stato pari a CHF 152 milioni (–0,8%). Alla luce del risultato straordinario e dopo le imposte, si è ottenuto un utile semestrale di CHF 126 milioni (+0,1%). Prospettive per il secondo semestre 2021 La Banca Migros prevede che, in risposta alle conseguenze economiche della pandemia da coronavirus, le banche centrali europee mantengano i tassi d’interesse bassissimi ancora per un periodo di tempo prolungato, esercitando così una pressione costante sul margine d’interesse nel settore bancario. «Con l’attuazione della nuova strategia bancaria, la Banca Migros è ben posizionata per sviluppare ulteriormente e con successo la propria posizione sul mercato», spiega il CEO Manuel Kunzelmann. www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

K

U

N

S

T

Angela Reitz Anna-Schneider-Steig 15 – 50678 Köln, Rheinauhafen Anna-Schneider-Steig 13 – 50678 Köln, Rheinauhafen + 49 221 80 1740 14 – mobil + 49 176 200 769 39 info@galerie-reitz.cologne www.inewsswiss.com

iNEWS

51


arte

VON KÖLN NACH ZÜRICH: KUNSTVETERANIN ANGELA REITZ KEHRT IN DIE SCHWEIZ ZURÜCK UND ERÖFFNET DAS NEUE ZEITGENÖSSISCHE KUNSTWERK REITZ IN ZÜRICH 52

iNEWS

www.inewsswiss.com


A

m 2. September 2021 eröffnete die Kunstveteranin Angela Reitz ihre neue Galerie, in einem historischen Gebäude in der Zürcher Altstadt. Die Vernissage, die von der Kunsthistorikerin Gabriella Blume moderiert wurde, fand vor großem Publikum statt. Die Künstlerinnen und Künstler der Gruppenausstellung waren ebenfalls anwesend: Sabine Becker, Marco Cosentini, Daniel Eggli, Stefan Gross, Marina Hammrik, Robert Indermaur, Bruno Kurz, Katja Loher, Antonio Marra, Paul Thierry und Dean Williams. Die Galeristin Angela Reitz bedankte sich bei ihren Künstlern für das Vertrauen und die langjährige künstlerische Zusammenarbeit und zeigte sich erfreut über ihre Entscheidung, eine neue Galerie in der Schweiz zu eröffnen. Die erfolgreiche Kunstmanagerin Angela Reitz gründete im Mai 1984 ihre erste Galerie in Riehen bei Basel, in der Nähe des Beyeler-

www.inewsswiss.com

Museums. Parallel dazu war sie immer auch in Köln vertreten. Im März 2015 bezog sie ihre großzügigen Ausstellungsräume im Rheinauhafen. Die sonnigen Ausstellungsräume der Kunstgalerie sind ideal für die Präsentation zeitgenössischer Kunst. Angela Reitz betreut einen Pool von internationalen KünstlerInnen und Künstler, deren Arbeiten die Bereiche Fotokunst, Skulptur, Malerei und Installation abdecken. Sie konzentriert sich auf Künstler, die mit überraschenden Techniken und ungewöhnlichen Materialien arbeiten. Die Galerie Reitz nimmt regelmäßig an internationalen Kunstmessen teil und organisiert jedes Jahr mehrere Einzel- und Gruppenausstellungen in Köln und Zürich Die neue Contemporary Art Reitz befindet sich in der Altstadt an der St. Peterhofstadt 10, 8001 Zürich. Angela Reitz freut sich, Sie persönlich zu empfangen.

iNEWS

53


www.inewsswiss.com


iNEWS

55


arte

ANTONIO MARRA

Nur was sich verändert, bleibt” ist das Motto von Antonio Marra, der mit seiner “polyperspektivischen Malerei” zum Hauptvertreter der zeitgenössischen Op Art aufgestiegen ist. Der 1959 in der Nähe von Neapel geborene Künstler hat eine einzigartige Technik entwickelt, die seine Werke aus jeder Perspektive anders erscheinen lässt. Marra kombiniert jeweils zwei verschiedene Werke - von vorne ergibt sich ein Mischbild, von links und rechts entstehen völlig unterschiedliche Werke. Bewegt sich der Betrachter vor dem Werk von Seite zu Seite, beginnen sich die Bildstrukturen zu überlagern, um sich dann in neuen Farbkompositionen wieder zu verselbständigen.

56

iNEWS

Heute ist Antonio Marra mit seinen markanten Gemälden international äußerst erfolgreich; seine Ausstellungen sind in Deutschland, Shanghai, Miami, New York, Seoul, San Francisco, Dubai oder China zu sehen. Selten gibt es genug Werke, um die weltweite Nachfrage nach Ausstellungen zu befriedigen, meist müssen die Kunden eine Wartezeit in Kauf nehmen. Marras Werke befinden sich in vielen privaten und öffentlichen Sammlungen, unter anderem im Museum Explora Frankfurt, im Ritter Museum Stuttgart, im ZKM Karlsruhe oder im Mart Rovereto, Italien.

www.inewsswiss.com


www.inewsswiss.com

iNEWS

57


arte

LUIGI CAVADINI

FONDAZIONE RENATO E GIANLUIGI GIUDICI

SFERICO

L’INTELLIGENZA DEL VEDERE SCULTURA E PITTURA A CURA DI LUIGI CAVADINI

MUSEO GIPSOTECA GIANLUIGI GIUDICI - RIVA ANTONIO CACCIA 1 - LUGANO 23 SETTEMBRE – 6 NOVEMBRE 2021 ORARI: DA MERCOLEDÌ A SABATO, DALLE 14.00 ALLE 18.00 58

iNEWS

www.inewsswiss.com


Sferico - Fluidi.

G

iovedì 23 settembre alle ore 17.30 si inaugura al Museo Gipsoteca Gianluigi Giudici, in Riva Caccia 1 del Central Park di Lugano, la mostra “Intelligenza del Sapere” di Sferico. Scultura e pittura, curata da Luigi Cavadini, che resterà aperta fino al 6 novembre, orari da mercoledì a sabato dalle 14.00 alle 18.00. Sferico è un singolare artista ticinese che anche nel nome con cui si presenta si identifica con la sua opera scultorea. Lo slancio utopico dell’artista verso “un’arte utile alla salute del pensiero e allo sviluppo dell’intelligenza del vedere” lo ha portato, ancora adolescente a creare lo Sferismo “in una prospettiva tutta concentrata alla creazione in senso lato, fatto di forme e colori paradisiaci”. come sottolineato dal premio Nobel Sir John Eccles. Questa sua ricerca fonde pensiero e azione «facendo confluire tutte le caratteristiche di un dato oggetto e rimodellandolo in una “visione unitaria” tramite un lungo processo progettuale per tentativi che conduce ad un equilibrio dinamico, vale a dire in una forma fermata nel suo movimento più espressivo». Quindi, con riferimento alle figure, non si avranno mai rappresentazioni statiche, ma forme quasi liquide di una “materia sublimata che entra in simbiosi armonica con lo spazio in movimenti di particolare intensità ed eleganza”. Proprio lo sviluppo sferico costituisce il linguaggio assoluto della narrazione, che esprime l’aspirazione - forse meglio sarebbe dire la tensione vitale - dell’artista verso una liberazione completa dentro un universo in cui i corpi possano librarsi senza vincoli propri e senza gravità alcuna “in una trasfigurazione idealizzata dalla bellezza d’origine”. Le opere proposte, eseguite ora in pietra (nere in basalto, bianche in marmo oppure in arenaria) ora in bronzo, vivono di una grande libertà compositiva che trova incisiva origine in un disegno in cui la linea sinuosa traccia evoluzioni che anche sulla carta acquisiscono valenze spaziali, “abbracciando il nostro sguardo in un vortice d’amore”.

www.inewsswiss.com

Sferico - Force Accompagna la rassegna di scultura una serie di dipinti dai colori decisi che si inseriscono su scene particolarmente complesse, ricordando le immagini visionarie di Hieronymus Bosch, in cui le figure sviluppano, in un gioco coloristico di sfumature, una tridimensionalità “sferica” assieme a valenze simboliche plurime in scene di espressione surreale in cui acqua e cielo hanno una funzione espressiva forte, tra la terra e l’infinito. In esse l’artista esplicita quella sua “pittura filosofica” in cui “strutture e figure simboliche sono legate all’interno di un racconto allegorico”.

Sferico - il canto della sirena iNEWS

59


arte

LUIGI CAVADINI

Step, INDIGO Series, by Alia Ali, 2021

Grand Palais Éphémère – vue perspective © Wilmotte & Associés Architectes

Horizon, MIGRATION Series, by Alia Ali, 2021

TEMPO DI FIERE, BENTORNATA ART PARIS

È

in corso la fiera di arte moderna e contemporanea Art Paris, ospitata per la prima volta al Grand Palais Éphémère. Le impressioni a caldo sulla nuova edizione Art Paris Art Fair apre con 140 gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di cui il 65% francesi e il 35% estere, provenienti da una ventina di paesi europei come Italia e Spagna, ma anche Corea, Colombia, Costa d’Avorio, Guatemala e Uruguay. Con un tasso di rinnovo del 40% rispetto al 2020, le giovani gallerie stanno spalla a spalla con le più rinomate del settore, come Thaddaeus Ropac, Perrotin, Kamel Mennour e le due italiane Galleria Continua e Massimo De Carlo, che partecipano per la prima volta alla manifestazione parigina. Prima fiera a essere ospitata al Grand Palais Éphémère creato dall’architetto Jean-Michel Wilmotte, Art Paris riunisce per questa 23esima edizione, molto made in France, venti solo show, a partire da quello di Lorenzo Mattotti presso la Martel o quello di Georges Jeanclos presentato dalla parigina Capazza. Dedicato alla creazione emergente, inoltre, il settore Promesses riunisce sette giovani gallerie come Double V di Marsiglia con opere di Caroline Denervaud, la guatemalteca Rebelde o Véronique Rieffel d’Abidjan. Art Paris sostiene la scena francese dal 2018 affidando a un curatore la selezione di progetti artistici proposti dalle gallerie partecipanti. Quest’anno è la volta di Hervé Mikaeloff, che sotto il titolo Ritratto e figurazione. Uno sguardo alla scena francese ha riunito una ventina di artisti attorno alla questione della ritrattistica e del rinnovamento della pittura figurativa in Francia. «Il mio desiderio era quello di presentare un rinnovamento dell’arte figurativa», sottolinea Mikaeloff, curatore indipendente. «Al di là di un semplice effetto di stile, il ritratto permette agli artisti di costruire un nuovo rapporto con il mondo. Diventa sia una bandiera delle differenze che uno strumento d’ancoraggio». Fanno parte della lista artisti noti come Yan Pei-Ming presso la Thaddaeus Ropac, attualmente in mostra al Museo Unterlinden a Colmar, Marjane Satrapi presso la Françoise Livinec, l’autrice di Persepolis, il noto fumetto autobiografico, intervistata tempo fa,

60

iNEWS

Laurent Grasso alla Perrotin e Marc Desgrandchamps alla Lelong & Co. Seguono artisti più giovani come Rosa Barberat, presente con i quadri monocromi e meditativi selezionati dalla parigina Pact. ART PARIS, TRA NOVITÀ E TRADIZIONE Art Paris lancia la stagione delle fiere e, nonostante una perdita di superficie del 20% rispetto al Grand Palais, gli affari non sembrano mancare in queste prime ore di apertura, con i corridoi che brulicano di addetti ai lavori e di un pubblico di appassionati. Lo stand più elegante è certo quello della parigina Hélène Bailly, che presenta un solo show di Pablo Picasso con disegni, sculture e rare ceramiche che vanno dal 1919 al 1969 (come Vase Aztèque del 1957, una vera chicca prodotta dall’artista spagnolo in collaborazione con i coniugi Ramié, fondatori del laboratorio di ceramica Madoura a Vallauris). Incontriamo belle foto in bianco e nero in grande formato con l’ultima serie fotografica dell’olandese Erwin Olaf, venduta per una cifra tra 20 e 40mila euro presso la parigina Rabouan Moussion, e rare foto polaroid in bianco e nero di Andy Warhol presso la Galerie Italienne. Tra i nomi da scoprire menzioniamo Alia Ali, artista multimediale yemenita-bosniaca esposta dalla parigina 193 Gallery. Si tratta di un’artista multimediale, che utilizza tra l’altro il wax o l’ikat come la fotografia e la scultura, quotata tra 4.500 e 18.000 euro – la troviamo nelle collezioni del British Museum o del New Orleans Museum of Art. «Alia Ali», dichiara Mary-Lou Ngwe-Secke, curatrice della mostra Mot(if) di Alia Ali, in corso presso la 193 Gallery, «ci parla della storia della migrazione attraverso il prisma della bellezza, ricordando la ricchezza delle culture ancestrali che dimentichiamo a causa delle immagini che ci presentano, soprattutto i mass media, che stigmatizzano le popolazioni per creare l’oppressione di queste». In questo fine settimana parigino da non perdere la Paris Design Week, ma anche la nuova location della galleria Perrotin sita lungo l’Avenue Matignon, ossia il nuovo indirizzo del mondo dell’arte. A due passi troviamo la Tornabuoni Art con una mostra di Carla Accardi e Dadamaino, mentre poco distante aprirà a breve la Mariane Ibrahim, nota galleria di Chicago. LIVIA DE LEONI www.inewsswiss.com


arte

DIE LANGE NACHT DER ZÜRCHER MUSEEN 2021 SAMSTAG, 4. SEPTEMBER, 18–2 UHR

DIE LANGE NACHT IM LÖWENBRÄUKUNST SAMSTAG, 4. SEPTEMBER, 18-2 UHR www.inewsswiss.com

iNEWS

61


arte

VITTORIO RASCHETTI

MATAFISICA DEI NUMERI DA ROMAN OPALKA A ANFREAS LUETHI

U

na visione richiede meditazione: nessuna più raffinata di quella sui numeri, pitagorica e neo-platonica chiave di accesso a verità misteriose, dottrine antiche che non suggeriscono facili risposte, ma, come i miti, pongono domande, interrogano i problemi ogni volta moderni, suggerendo sempre la via più complicata e salda. Una mistica dei numeri capace di svelare il senso del mondo, di risvegliare il desiderio della verità tracciata dal lento ma sicuro disporsi delle cifre nello spazio seguendo un ordine dettato dalle qualità metafisiche inscritte nel mistero dei numeri. Rispecchiarsi, incontrarsi a distanza col grande maestro Opalka, è per Andreas Luethi - una sfida che rispetta e omaggia il modello e si protende oltre il recinto concettuale, mantenendo il rigore del grande artista - per riuscire nell’impresa ambiziosa di attualizzarlo in un omaggio che non è solo citazione, prestito o pastiche, ma autentica osmosi dello stile per restituirne la forza, la potenza concettuale della poetica di Opalka, riscaldata dalla temperatura psicologica della vibrazione cromatica di Luethi: una cosmogonia di colori che si irradiano da una fitta distesa di numeri in un enigmatico intreccio di cifre significanti. Opalka si offriva in una dilatata agonia dell’infinito siderale dell’Io a confronto col grigio dell’essere e il tempo: nel

62

iNEWS

bianco senza sbiadire, nel bianco senza sbagliare. In Luethi la visione an-iconica del maestro franco polacco si dischiude sul ritorno a una possibile raffigurazione del mondo mediata da una post-pittura di campi armonici che risuonano su superfici vibranti di velature trafitte da linee affilate attraversate da uno sciame di segni liberi e mobiliti che scalfiscono la superficie incidendo e mappando una cartografia ipersensibile del foglio mondo. Specchiarsi nel volto del maestro rivela i lati eccentrici di una singolarità ottica, un salto logico dell’immagine attraverso un passaggio segreto, una porta della percezione dove l’immagine si mostra ribaltata non in un mondo alla rovescia, ma nel rovescio di un mondo: un salto dimensionale in un multi-verso che tiene insieme due artisti diversi nella sensibilità e nelle biografie ma uniti nel corrispondersi, nel rinviarsi, nel consegnarsi il testimone di una sfida impossibile e parossistica. Opalka e Luethi sono come due atleti di uno sport estremo, entrambi percorrono in solitaria un cammino a piccoli passi sul filo del paradosso, rischiando i nervi in una sfida col fraintendimento e la perdita di concentrazione. Aria di famiglia, ma anche poetiche analoghe nell’origine e differenti nei corollari, Opalka e Luethi condividono quella hegeliana “fatica del concetto” rimodulata in “fatica del numero”, immersi nell’estrema

www.inewsswiss.com


concentrazione del controllo della progressione numerica che caratterizza in senso performativo entrambe queste ambiziose e preziose opere-mondo. “Nullum die sine linea”, ogni giorno un nuovo tratto simile, ma differente e ulteriore, ogni giorno un nuovo tratto che è il sismografo di una tensione, il cardiogramma della passione vitale dell’arte che non si arresta, che procede inesorabile nel conto alla rovescia fino alla fine. Il numero simbolico la cifra perfetta che rappresenta il compiersi della profezia del settanta volte sette. Anche la poetica di On Kawara con i suoi dipinti esistenziali che registrano fedelmente il tempo, la data, rappresenta un punto di riferimento per esplorare il tema metafisico dell’opera dalla sua unicità temporale e della sua iterativa modalità come strumento per esplorare idee con l’arte. Insieme globali, estenuanti e claustrali, opere meditative che distillano un senso di attesa, una apnea della mente sospesa nell’assenza, un esercizio di etica zen minimalista di tao dell’autocontrollo. Artisti come miniaturisti, come amanuensi che riscrivono libri sapienziali dettati da una saggezza superiore, una intelligenza aliena e divina. Tempi oscuri chiedono la luce della auto-evidenza cristallina del numero come guida alla verità. La lenta estenuante pratica del gesto di numerazione è una ripetizione differente di addizione di senso a una serie di numeri che indicano con la loro pura presenza posizionale un luogo del tempo, uno spazio di purezza deittica in grado di indicare una irriducibile identità dell’evento dell’inscrivere la cifra dell’essere sulla tavola della vita. Impietosamente attraversato da una corrente di ripetizione, il diventa un arabesco in movimento, innominabile, indicibile, tessuto afono, eccentrico, estatico dell’Io. Reiterato, differito e ferito in una progressione che non lascia scampo. Vacillanti vettori calligrafici scagliati oltre la coabitazione con la propria cifra auto-referenziale, alfabeti atavici, disseminazioni di sequenze inarrestabili di cifre che slittano su dune di mari di sabbia. Senza dire, senza tacere. Vegliati da nebulose di condensate in tracce rapprese, tra alfabeti disseminati con nervosa, insperata, pazienza. Tracciare è un gesto virale, un esercizio vitale di resistenza, una prova ontologica di esistenza. Il segno del numero costituisce, attraversa, eccede, sfidando qualsiasi appropriazione definitiva. Oltre l’assioma dell’identità autoreferenziale, occorre sporgersi nella distanza, sostando ai bordi del proprio sapere, oscillando sulla soglia che separa l’essere dal nulla, lasciando trascorrere tutto. Già differenti, dissimili, distanti avvolti da invasioni di velature di colore. Sotterranei, sottocutanei: reversibili anti-mondi numerici possibili gettati oltre il baricentro di una progressione infinita. Strati impazienti tra dissolvenze e sovra-impressioni. Sotto-testi e trasparenze di sottili filigrane. Vibrazioni ed effrazioni di numeri custoditi in profondità silenziose ed indicibili rinchiusi. Una corrente di colore che si nutre dei fantasmi dell’immaginazione per tempestare di cifre-segno lo strato epiteliale della superficie sensibile delle tele creando una texture di numeri che agiscono come vettori di senso. La tela è uno spazio potenziale, un centro di attenzione, un campo di ricezione dove incubare tutta la tensione della nostalgia della totalità profonda. Se il mondo è aperto, un corpo di connessioni infinite, l’opera è una macchina interiore introflessa dentro i propri misteri inenarrabili di implicazioni e risonanze implicite nel concatenamento di cifre ed immagini. La visione è innocenza e purezza di rapporti formali tra immagini allo stato nascente che si offrono in un gioco di composizioni sempre varianti. Composizioni secondo un ritmo di piani, di alternanze di grafie superficiali, di texture, di vibrazioni di linee a intensità differenti, di risonanza con campi cromatici isolati ed intensi che esalano emozioni. Reperti di ricordi, geometrie ritrovate nei vissuti interiori. Simmetrie nascoste e combinazioni di impulsi costruttivi non transitori. Spazi di prossimità. Incontri non casuali di linee protese oltre i vuoti e le forme latenti. Strategie di frammentazione e ricomposizione su campi di intensità differente. ria, asimmetria, ordine, disordine, www.inewsswiss.com

equilibrio e squilibrio. Tratti ortogonali, incroci obliqui, vicini e stratificati, non un gruppo di parti isolate, ma una serie di rapporti, dove ogni trama è in relazione con un’altra adiacente dove le forme astratte si espandono e interagiscono tra loro Onde di numeri che sono architetture della mente, icone polivalenti adatte per tutti i culti, prive di dogmi, ma ispirate dal culto della pura bellezza di idee platoniche. Una lentezza immersa nella precisione, pura felicità dell’astrazione di essenze incastonate nell’auto-evidenza tautologica ed identitaria di numeri uguale solo a se stesso. Riverberi di immagini e colori, apparizioni in sospensione, liberi dal dovere di convincere sulla propria realtà e di contaminarsi con l’apparenza del mondo. Non per inesattezze e illusioni, ma attraverso lucidi calcoli mentali si raggiunge la bellezza della precisione oltre l’impressione vacua della realtà. Uno spazio intensivo più che estensivo determinato da una tensione significate che mostra un modo di essere dello spazio fondato su stringhe di numeri concatenati in una giustapposizione per accumulazione e vicinanze, peer orientamento e raccordo. Una spazialità solo apparentemente immobile. Esigente, ma che sottintende una linee di fuga compresa tra spazi intermedi che si sottraggono alla configurazione di forze visive sigillate dentro l’ordine di generazione di serie secondo regole inflessibili. L’essenza insieme spaziale e temporale nella fenomenologia del numero rappresenta una chiave gnostica per avvicinarsi asintoticamente, per incamminarsi sul sentiero della verità. Andreas Luethi, con le sue opere, riesce a ricomporre la dicotomia “esprit de geometrie – esprit de finesse”, in una sintesi geometrica della sensibilità, dove la geometria ritorna ad appartenere al mondo della vita e delle sue pulsazioni vitali. Nell’interno più potente, fatto di forme simboliche perfette, ordinate e cristallizzate nella precisione congelata, sembra quasi sfuggire la vita, ma è solo una effimera impressione, perché proseguendo nell’attenzione veniamo raggiunti da richiami e sottintesi e anche da finestre sigillate può esalare la vita. Una vena di lucida follia che nella sua ossessiva ansia di perfezione, di offre perfettamente composta in una sintesi estetica proiettata nel tempo. Inscritto nella magia combinatoria dei numeri, l’infinito si può solo intuire nei misteri allusivi di linguaggio cifrato. Andreas Luethi auf Instagram und über Mediapresse Swiss AG: aluethi3 Mediapresse Swiss AG Zürich Schweiz, artecampa@campanile.ch, Tel. +41 79 405 39 85

iNEWS

63


arte

Andreas

Luethi:

Der Schweizer Künstler auf dem Weg nach München, Wopart Lugano und vom 23. März bis 29. November 2022 an der Biennale von Venedig, mit dem Projekt “ANDREAS LUETHI TRIBUTE TO ROMAN OPALKA. 64

iNEWS

www.inewsswiss.com


A

ndreas Luethi, geboren 1961, widmet sich seit über fünfundzwanzig Jahren mit großer Leidenschaft der Malerei und hat bisher 700 Werke geschaffen, alle in Öl auf Leinwand und alle inspiriert von seinem großen Wunsch, ja fast einem inneren Bedürfnis, die Unendlichkeit darzustellen. Heute lebt und wirkt er in seinem großen Atelier in Uesslingen. Seine Neugierde für die räumliche Dimension begann schon in seiner Kindheit. Fasziniert konnte er stundenlang den weiten Sternenhimmel beobachten. Die Gefühle, welche ihn dabei überkamen, lassen sich noch heute schwer in Worte fassen. Er überträgt diese Emotionen auf seine Bilder und lässt den Betrachter, in die Weite seines Universums eintauchen. Das Bedürfnis die Unendlichkeit darzustellen, führte den Künstler zu den Zahlen, die seiner Meinung nach der beste Weg sind, um die Unendlichkeit zu erreichen. Es ist kein Zufall, dass die 28 Werke der Ausstellung in Lugano im Museo Gipsoteca Giudici von Luethi “INFINITY” getauft wurden: Sie stellen eine Reihe von Zahlen dar, sowohl auf abstraktem als auch auf figurativem Hintergrund und setzen das Forschungsprojekt des französisch-polnischen Künstlers Roman Opalka (1931-2011) fort, der 46 Jahre lang sein Leben den Zahlen gewidmet hatte, indem er die Zahlenreihe von 1

www.inewsswiss.com

bis 5’607’249, ohne Unterbrechung, mit weisser Farbe auf grauem Hintergrund schrieb. Andreas Luethi knüpft dort an, wo Roman Opalka aufgehört hat und entwickelt ein stringentes Konzept: Alle 1000 Zahlen ändert sich die Farbe, wird immer heller und tendiert zum absoluten Weiß, dem spirituellen Weiß, das nie ganz erreicht werden kann, weil der Mensch nicht in der Lage ist, absolute Weisheit zu erlangen. Der Kunstkritiker Vittorio Raschetti definiert die künstlerische Produktion von Luethi wie folgt: “Die Poetik von Roman Opalka wird in den Werken von Andreas Luethi wieder lebendig, mit einer Hommage, die das Gesamtwerk des großen polnisch-französischen Meisters nachzeichnet und seine ethische Botschaft, der Metaphysik der Existenz und der Konfrontation mit dem Unendlichen, durch ein unendliches Werk, fast eine lebenslange bildnerische Performance, wiederbelebt. Die räumlichen und chromatischen Forschungen des Schweizer Künstlers, Andreas Luethi, aktualisieren den Weg von Opalka, indem sie ihn in eine, für das neue Jahrtausend brauchbare Dimension, deklinieren. Andreas Luethi steht im Dialog mit Opalka und entwickelt eine Richtung, die über das Grau hinausgeht, mit einer weiteren ästhetischen Sensibilität: räumlich, chromatisch und emotional”.

iNEWS

65


Die Ausstellungen werden von Antonio Campanile, Mediapresse Swiss AG, koordiniert, welcher den Künstler, Andreas Luethi, auf nationaler und internationaler Ebene vertritt. Sein Ziel ist es, Luethi in internationalen Museen und Messen weiter zu positionieren. Die Art Basel Miami, Liste Basel, Miart Milano und weitere renommierte Galerien, haben grosses Interesse am Projekt “Andreas Luethi TRIBUTE TO ROMAN OPALKA” gezeigt. Der große Erfolg der Ausstellung im Museo Gipsoteca, Gianluigi Giudici in Lugano wurde auch im Norden Italiens bemerkt und im Corriere di Como erwähnt. Andreas Luethi hat unter anderem an Ausstellungen in New York, Salzburg, Winterthur teilgenommen. Er wird vom 7. bis 10. Oktober 2021 auf der Art München in Deutschland, vom 4. November bis 14. November 2021 auf der Art Marbella in Spanien und vom 18. November bis 21. November 2021 auf der Wopart Lugano in Zusammenarbeit mit der Galerie Toro Arte Made in Italien ausstellen. Andreas Luethi ist über das Grau hinausgegangen und hat seinen eigenen Stil entwickelt, wobei er dem Projekt von Roman Opalka treu geblieben ist. Seine Werke untersuchen die Unendlichkeit des Raums, als Gegensatz zur Endlichkeit des Menschen. Luethi

66

iNEWS

präsentiert auf der Wopart in Lugano, vom 18. November bis 21. November 2021, eine Neuheit: Er zeigt Arbeiten auf tibetischem Papier und zylindrische Skulpturen (170cmx25cm), die in Richtung “INFINITY” gehen. An der Biennale von Venedig werden Luethi’s Werke vom 23. März bis 29. November 2022 im Europäischen Kulturzentrum, in der Ausstellung “Personal Structures”, zu sehen sein. Neben der Biennale in Venedig 2022, wird Andreas Luethi sein Projekt “ANDREAS LUETHI TRIBUTE TO ROMAN OPLALKA” in renommierten, internationalen Galerien ausstellen: Galerie Sztuki Katarzyny Napiórkowskiej Warszawa i Bruksela www. napiorkowska.pl Galerie Angela Rizzo, Venezia (Italien) und Galerie Angela Reitz für Deutschland und der Schweiz. Andreas Luethi auf Instagram und über Mediapresse Swiss AG: aluethi3 Mediapresse Swiss AG Zürich Schweiz, artecampa@campanile.ch, Tel. +41 79 405 39 85

www.inewsswiss.com


www.inewsswiss.com

iNEWS

67


arte

VITTORIO RASCHETTI

IL COLORE SELVAGGIO

B

locchi di colore elevato alla saturazione cosmica, un attimo prima del grande bang, luce dell’emanazione nei mille universi, disperso nei multi-versi del possibile: puro colore allo stato nascente. Impronta altamente idiosincratica ed espressiva, errante, libera e solitaria, emotiva ed anarchica, incandescente ed incisiva, vivida e sempre lontana dal grigio del lasciarsi vivere. Anima fauve, nelle associazioni del calore compresso sino al desiderio della deflagrazione, inquieto, mai mansueto, in nessun modo addomesticabile dentro le ragioni della decorazione. Epifania del pensiero fluido nella differenza irriducibile del colore irascibile, sempre in fuga, anche da sé stesso. Nessun timore, pura vibrazione di intensità senza paura, ricerca libera dalle costrizioni della forma, dalle camicie di forza dove ogni frammento di tela è un pezzo di autonomia conquistata. In compagnia del proprio demone personale, senza mai disabituarsi alla bellezza, anche questo è magia dell’arte: oltrepassare le porte sbarrate degli archivi segreti per catturare tutta l’intensità dello sguardo affacciato oltre la volatilità dell’immagine. Presenza dell’anima immersa nella vibrazione vitale della luce. Intensità espressiva ed auto-espressiva come ribellione anarchica di intensità gestuale, contro la dittatura della figurazione referenziale. Disseminazione di istanti cromatici che guizzano tra apparenti

68

iNEWS

tracce di imprecisione. Il colore è temperatura esistenziale, pulsazione vitale. Il colore è sempre eccedente, non riposa mai in se stesso, ma è sempre oltre, dislocato in un movimento di avvicinamento o allontanamento, di ritenzione o espulsione di una visione mentale, di una tensione spirituale.colori vividi alternati a vibrazioni di stringhe di segni filiformi, ectoplasmi e conformazioni organiche bio-morfe di colori accesi che si urtano tra di loro generando un attrito cromatico che deflagra in un urlo espressionista senza volto. Il colore secerne il veleno del dubbio tra i frammenti ambigui di forme alla deriva ancora indecise a ricomporsi in una costellazione di senso compiuto. La pittura è un campo di battaglia, un centro di attivazione di superfici, di azione e reazione tra forze da cui scaturisce l’intensità e il tono emotivo delle immagini. Sempre nuove equilibri dinamici, rapporti tonali, armonie complesse, ritmo pulsante, visione drammatica e crudele come l’esistere gettato oltre il confine della rassicurazione della forma. Nella dinamica metamorfica della polifonia cromatica fatta di una pluralità di diffrazioni gettate nella differenza, nell’eccedenza a-centrica, atavica, simbolica. La pittura è - per Toussaint - una emozione irriducibile per accedere ad una sensazione diretta e spontanea: la più prossima al

www.inewsswiss.com


vero. Semplici espressioni di pensieri complessi, per distruggere l’impressione e rivelare il sotto-testo della verità nascoste. Mentre la luce è percepita con gli occhi, il colore è compreso con la mente, la cultura, la memoria. Oltre il centro focale, un gioco sapiente di giustapposizioni cromatiche, una continua presa di coscienza che il quadro vive di vita propria, una esistenza segnata da motivi circolari come anelli irregolari di tempo, ovali oblunghe, concrezioni polimorfe ed organiche di tempo-colore. Si tratta di mantenere la bi-dimensionalità della superficie pittorica e al contempo dipingere la profondità immersa nell’abisso musicale del puro colore. Armonia in movimento, attraversata dal caso solo apparente, perché il caos non è mai caotico, ma rappresenta la manifestazione di un disegno interno dell’idea che si lascia decifrare per via intuitiva. Mai nulla di immobile, di fisso, di concluso, ogni colore ondeggia in un continuo moto di un centro di vibrazione ellittica attornio ad un contorno incerto, che chiede solo di essere oltrepassato. La forma va suggerita, evocata con una meditazione cromatica, uno slancio vitale che si condensa in forme organiche allusive, aggregati spontanei di atomi pigmentati ed arrabbiati. Raggiungere una essenza estetica richiede la presa di coscienza che la pittura è libera da qualsiasi obbligo di descrivere, di contenersi dentro i contorni di forme rinchiuse in una rappresentazione come mimesi delle forme, la tela perciò non deve essere uno specchio della realtà ma piuttosto un punto di emissione di segni, di irradiazione di simboli, un centro di attivazione di vibrazioni irrequiete che lottano per afferrare lo spazio esterno. Una continua esplorazione dell’atto del dipingere una ricerca sul senso della pittura come pratica non della mimesi ma della genesi dello spazio. Per una pittura non come immagine ma come evento, come accadere inatteso. Occorre affrontare la superficie del quadro come fosse un oracolo capace di offrire una risposta, e dipingere quasi fosse una pratica maieutica, per estrarre un senso dalla libertà, per trovare una possibile via di uscita dal caos. La tela rende possibile il fluire di gesti che rimandano ad un rito antropologico che rinvia a una morfologia psichica e un paesaggio interiore di archetipi del profondo in comunicazione con i recettori e le emozioni primordiali che hanno a che fare non con il piacere estetico, ma con l’urgenza della salvezza, evocazione insieme rituale e sacrificale. Vulcanico magma pittorico, lava raffreddata nell’impasto di colore. www.inewsswiss.com

Una macchia solare, una tempesta di luce. Un mantra ipnotico, una ripetizione differente di un gesto moltiplicato fino a dimenticare se stesso nel fluido del magma del colore. Caldo, esplosivo, inarrestabile vortice di vento nel calmo centro del ciclone, avvolto da raffiche di vento in movimento. Una tempesta di sabbia calda nel deserto incandescente.

iNEWS

69


arte

MARÍA MADDALENA CONTE

DA UNA PICCOLA CITTÀ ALLA GRANDE ARTE:LA TORO ARTE CONTEMPORANEA DI SESSA AURUNCA TRATTO DALL’INTERVISTA ALLA DIRETTRICE CLAUDIA GRASSO

70

iNEWS

www.inewsswiss.com


Claudia e Francesco Toro premio Foro Europa

B

asta uno sguardo su questa cittadina campana per cogliere la stratificazione che la compone: dalle origini antiche profonde pre-romane nei monti Aurunci, allo splendore Romano, alla solidità Medioevale, passando dal Barocco per raggiungere la mobilità del Novecento, l’arte si è irradiata nei secoli ed ora come una corona sulla testa di una nobildonna la Galleria d’Arte Toro Arte Contemporanea diffonde da questo piccolo e antico punto sulla mappa la grande arte contemporanea. Quest’anno l’avventura di Claudia e Francesco Toro compie 10 anni, in questi primi anni di intenso lavoro essi ci hanno dimostrato che non è necessario avere radici a New York o Pechino per riuscire a promuovere l’arte del nostro tempo La Toro Arte nasce dalla passione per l’esperienza artistica contemporanea maturata negli anni attraverso la tenace e poliedrica sperimentazione di Francesco e Claudia che ha mosso i primi timidi passi dall’acquisto di opere, è cresciuta attraverso l’approfondimento e le letture specialistiche, passando dalla frequentazione delle fiere e dei grandi appuntamenti artistici italiani ed internazionali facendo maturare ai giovani galleristi in erba la consapevolezza del valore notevolissimo del contemporaneo italiano ed europeo. La grande passione, le idee sempre innovative hanno portato alla creazione di una fitta rete di scambi intellettivi con artisti, curatori, collezionisti, ora amici della Toro Arte che, come un prezioso gioiello, fa brillare la grande arte contemporanea attraverso i suoi eventi. Questi sono gli ingredienti che hanno dato vita alla Toro Arte, che ha inaugurato il suo percorso nel dicembre 2011 il grande lavoro e l’impegno ha portato collaborazioni con artisti di calibro internazionale come Maurizio Galimberti, Giorgio Celiberti, Alfredo Rapetti Mogol, Bernard Aubertin, Mauro Vaccai, Juan Carlos Clares Perales, Pedro Molina e molti altri. Insieme a questi hanno attraversato il percorso della Toro Arte personaggi legati all’arte e allo spettacolo come Gianni Ansaldi, Enzo Iacchetti, Demo Mura, Hamadi Khachermidi. È da ricordare certamente il grande successo del “Global Village” del 2015, evento in concomitanza con la Biennale di Venezia, curato dalla Galleria Toro Arte, con ospiti d’eccezione quali Giobbe Covatta, Francesco Paolantoni e Alessandro Orlando. www.inewsswiss.com

FrancescoToro con Francesco Paolantoni,artista e attore Nel 2016 la partecipazione ad ART MARBELLA come unica galleria italiana e la partnership con INEWSSWISS, che ha permesso di lanciare oltre i confini nazionali anche gli artisti legati al territorio Aurunco come il Maestro Raffaele Croce e Vincenzo Sorrentino, noto docente di Tecniche dell’affresco all’Accademia di Brera. Grazie all’impegno e al programma di interscambio creatosi che nell’ottobre 2016, Il Foro Europa fondato da Don Jose Luis Salaverría, in occasione della celebrazione del suo XX anniversario, oggi considerato uno dei fori più prestigiosi e l’unico a godere di un notevole riconoscimento a livello Europeo, conferisce alla Galleria d’arte Italiana di Claudia e Francesco Toro, la MEDAGLIA D’ORO per la professionalità e l’innovazione nell’arte, cerimonia tenutasi presso il Westing Palace di Madrid. Oggi il luogo fisico in cui si trova una galleria non determina le vedute e l’operato delle sue attività, che si svolgono per lo più sulla base di processi dinamici, spostamenti fisici sul territorio nazionale o estero. Fondamentale resta la collaborazione aperta tra vari attori del “sistema dell’arte contemporanea”. Nel 2017 la Toro Arte ha partecipato ad Art Fair Malaga presente, anche in questo caso, come unica galleria italiana. A settembre 2018 la Galleria ha presentato al Castello Ducale di Sessa Aurunca l’esposizione del ciclo “Arte A Corte” terza tappa di un’importante percorso di arte contemporanea nei Castelli Italiani in collaborazione con i Marchesi Longhi-De Paolis, il Conte Fiorentini e il Duca Carlo F. D’Abenantes. Esposizione già affermata a livello nazionale. E per il futuro? La Toro Arte Contemporanea sta ora lavorando su una mostra/istallazione “Anteprima Venezia”, un evento collaterale alla Biennale d’arte contemporanea che sarà inaugurata agli inizi del 2022; che nasce dall’idea di un evento itinerante con una rete internazionale per giovani artisti. Claudia e Francesco vi aspettano in galleria a Sessa Aurunca, vestigia antica di arte, che ora come nei secoli passati continua ad ospitare opere di grandi artisti italiani ed internazionali. Grazie alla loro passione e alla dedizione il sogno è diventato realtà, perché, come ci ricorda la scritta che campeggia all’ingresso della Galleria: “I sogni sono tali per essere realizzati” Buon Compleanno Toro Arte! iNEWS

71


arte

MARÍA MADDALENA CONTE

Foto @AngeloCattolico

BRUNO BANI: RE-LIVE AL TRAMONTO. L’ARTE CHE ILLUMINA.

72

iNEWS

www.inewsswiss.com


I

l 22 maggio al Monastero di Sant’Anna in Aquis Vivis è andata in scena la performance del Maestro Bruno Bani, nell’ambito della mostra personale “Impalpabile Luminescenza” presso la Toro Arte Contemporanea di Sessa Aurunca. La performance fa parte di un progetto più ampio: Grand Tour che da corpo all’idea del Maestro Bani di illuminare con l’arte contemporanea la bellezza di luoghi abbandonati, inondandoli della luce impalpabile delle sue opere. La dolcezza della luce delle opere del Maestro illumina le vestigia di un passato che ha ancora molto da dire, invitando alla riscoperta di realtà territoriali da troppo tempo dimenticate. Il Monastero di Sant’Anna a Monte è un antico edificio religioso che si trova sulla cima del Monte Crestagallo nel comune di Mondragone, in provincia di Caserta, è soprannominato De Aquis

www.inewsswiss.com

Vivis (letteralmente: delle Acque Vive) per via della sua vicinanza ad una sorgente di acque perenni considerate miracolose. La storia del Monastero risale almeno al XIV secolo, periodo in cui un gruppo di umili eremiti si stabilì sulle alture del Monte Crestagallo nella provincia di Terra di Lavoro. Allo stato attuale si presenta come un rudere piuttosto grezzo che regala un panorama affascinate su tutta la valle e la costa. Il Maestro Bani stabilendo un dialogo profondo con l’antico e con il panorama che sovrasta ha utilizzato la sua idea di luce per ridare, anche se solo per una notte, al Monastero lo splendore che merita. La performance è stata realizzata grazie alla direzione artistica dell’Archivio Bruno Bani, alla collaborazione e l’impegno del fotografo Angelo Cattolico, al supporto logistico della Toro Arte Contemporanea.

iNEWS

73


arte

MARÍA MADDALENA CONTE

Bruno Bani, astista - Marchese Fabio Longhi De Paolis - Francesco María Toro, gallerista

IMPALPABILE LUMINESCENZA AL CASTELLO IN DIALOGO COSTANTE TRA ANTICO E CONTEMPORANEO, BRUNO BANI IN MOSTRA AL CASTELLO DI FUMONE.

74

iNEWS

www.inewsswiss.com


L

a leggera luce si rifrange sulle pietre antiche e, nel giardino che custodisce le grotte, si sente il frinire delle cicale. Le opere del Maestro Bruno Bani dialogano delicatamente con la ruvida solidità della Rocca di Fumone. Il percorso all’interno delle grotte è di uno spettacolare impatto visivo, avvolte dalle ombre lunghe della pietra del Castello le opere di Bani risplendono con più vigore, dialogando in modo unico con la maestosa antichità, con la Storia che da mille anni il Castello di Fumone protegge e custodisce. Antiguardo in epoca romana, nel X Secolo il Castello è diventato proprietà della Chiesa, una prigione pontificia di massima sicurezza. Tra le sue mura è stato prigioniero Papa Celestino V. Nel XVI secolo il Castello fu acquistato dalla famiglia Longhi-De Paolis, che tutt’oggi lo possiede, divenuto residenza di campagna della famiglia, su i suoi bastioni furono costruiti i monumentali giardini pensili che sono i più alti d’Europa. Il Castello usato per le segnalazioni di fumo, ora fa risplendere dalla cima dei suoi giardini pensili l’impalpabile luminescenza prodotta dalle opere del Maestro Bani. L’esposizione a Fumone è una tappa di un viaggio itinerante della personale del Maestro “Impalpabile Luminescenza” inaugurata a maggio 2021 alla Galleria d’Arte Contemporanea Toro Arte. Un percorso magnetico, vibrante di colore, variegato e composito fascio di timbri e sfumature diverse. Tra Eclissi e Full Moon, tra il calore dei rossi e le profondità dei blu, l’attraversamento di un percorso lunare illuminato dai raggi UV, l’esposizione è come un viaggio nello spazio, che ora si ancora alla solidità storica della rocca di Fumone.

www.inewsswiss.com

iNEWS

75


arte

vincitore Premio Cairo 2019 (credits Massi Ninni) nella foto da sinistra: Urbano Cairo, Presidente di Cairo Editore; Namsal Siedlecki vincitore dell’edizione 2016 del Premio Cairo; Michele Bonuomo direttore di Arte; Filippo del Corno assessore alla Cultura di Milano.

21ª EDIZIONE DEL PREMIO CAIRO: I NUOVI SEGNALI dell’ARTE CONTEMPORANEA TRA RIPARTENZA E SOSTENIBILITA’ CON LA PRIMA EDIZIONE A “IMPATTO ZERO” PATRIZIA SANDRETTO RE REBAUDENGO (PRESIDENTE), LUCA MASSIMO BARBERO, MARIOLINA BASSETTI, GABRIELLA BELLI, ILARIA BONACOSSA, LORENZO GIUSTI, ANDREA VILIANI E EMILIO ISGRÒ: I COMPONENTI DELLA PRESTIGIOSA GIURIA CHE DECRETERÀ IL VINCITORE 76

iNEWS

www.inewsswiss.com


LA PREMIAZIONE DEL VINCITORE IL 4 OTTOBRE SU CORRIERE.IT IN DIRETTA STREAMING DA PALAZZO REALE DI MILANO

P

rosegue senza soste il percorso della 21° edizione del Premio Cairo, organizzato dal mensile ARTE di Cairo Editore, diretto da Michele Bonuomo, che si concluderà con una esposizione aperta gratuitamente al pubblico nella splendida cornice di Palazzo Reale a Milano dal 5 al 10 ottobre, dove oltre alle 20 opere in gara quest’anno sarà possibile ammirare l’intera Collezione Premio Cairo con tutte le opere vincitrici delle precedenti edizioni. È infatti definita la composizione della prestigiosa giuria dell’edizione 2021 del Premio che, presieduta da Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, presidente dell’omonima Fondazione di Torino, annovera: Luca Massimo Barbero, direttore Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Giorgio Cini di Venezia; Mariolina Bassetti, Chairman Christie’s Italia; Gabriella Belli, direttrice Fondazione MUVE - Musei Civici di Venezia; Ilaria Bonacossa, direttrice Fiera Internazionale d’Arte e Contemporanea Artissima di Torino; Lorenzo Giusti, direttore Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea (Gamec) di Bergamo; Andrea Viliani, responsabile e curatore Centro di Ricerca Castello di Rivoli. Completa questa autorevole giuria il grande artista Emilio Isgrò, uno dei nomi italiani più noti a livello internazionale nel mondo dell’arte contemporanea.

«

Lo stop and go a cui siamo stati obbligati dalla pandemia ha fatto sì che l’appuntamento previsto nell’autunno scorso sia stato posticipato di un anno» - dichiara il direttore Michele Bonuomo - «I venti giovani artisti italiani selezionati dalla redazione di ARTE per quella data, nonostante il clima d’isolamento e di incertezza che tutti abbiamo vissuto, hanno portato avanti con rigore e tenacia la loro opera calandosi ancora più in profondità nella propria ricerca. Ora toccherà a una giuria di altissimo profilo, garanzia assoluta di autorevolezza, nominare l’opera vincitrice al cui autore verrà assegnato l’importante premio di 25mila euro a testimoniare l’impegno di mecenatismo, che da sempre caratterizza il Premio Cairo e mai venuto meno anche in tempi difficili come questi, confortati inoltre dal successo raggiunto nel tempo dai vincitori delle precedenti edizioni e dal generoso sostegno di sponsor, istituzioni e pubblico di appassionati del mondo dell’arte

L

»

’evento di proclamazione del giovane artista vincitore della 21ª edizione del Premio Cairo avverrà il 4 ottobre nella meravigliosa cornice di Palazzo Reale e potrà essere seguito in diretta streaming su corriere.it. Dal 5 al 10 ottobre, l’esposizione con le 20 opere in gara insieme all’intera Collezione Premio Cairo con tutte le opere vincitrici delle precedenti edizioni, sarà poi aperta gratuitamente al pubblico.

www.inewsswiss.com

Tra i traguardi 2021 del Premio Cairo, inoltre, un’edizione completamente a Impatto Zero, possibile grazie all’omonimo progetto di LifeGate - da 20 anni punto di riferimento italiano per la sostenibilità e per la prima volta partner del Premio - attivo nella riduzione e compensazioni delle emissioni di CO₂ generate attraverso attività di riforestazione e tutela di parchi e riserve naturali. L’intero percorso del Premio Cairo 2021, con novità e aggiornamenti fino alla proclamazione dei finalisti e gli highlights della serata inaugurale che si terrà il 4 ottobre, sono disponibili sulla pagina Instagram dedicata instagram.com/premiocairo/. Ulteriori informazioni sul premio e sulla sua storia si possono trovare sul sito premiocairo.com. L’evento è supportato da una imponente campagna di comunicazione Tv, stampa e digital firmata da Hi! Comunicazione e pianificata sui mezzi di Cairo Communication.

Premio Cairo Giunto alla 21ª edizione, il Premio Cairo è divenuto nel tempo la più autorevole e prestigiosa opportunità per i giovani artisti in Italia e si è imposto quale riconoscimento d’arte contemporanea per eccellenza del panorama italiano. Nato nel 2000 con l’obiettivo di individuare e valorizzare i migliori talenti under 40 e mettere in luce le nuove tendenze nei diversi ambiti artistici, dai più consolidati, come pittura e scultura, a videoarte, fotografia e arte digitale. Ogni edizione prevede venti finalisti selezionati dalla redazione del periodico Arte, poi valutati da una giuria composta da direttori di museo ed esperti d’arte, chiamata a designare l’opera vincitrice. Tutte le opere dell’edizione saranno protagoniste di una esposizione dedicata. Al vincitore viene inoltre assegnato un premio di 25 mila euro. Importante trampolino di lancio, il Premio Cairo offre ai giovani artisti la duplice opportunità di vivere un’importante esperienza e di consolidarsi nel mondo dell’arte contemporanea italiana e internazionale, come dimostrano ad esempio le esposizioni alla Biennale di Venezia di 41 degli artisti delle precedenti edizioni.

iNEWS

77


arte

AL CAFFÈ DELLA VERSILIANA DI MARINA DI PIETRASANTA SARÀ RICORDATO

“UGO GUIDI E IL SUO MUSEO”

78

iNEWS

www.inewsswiss.com


arte

C

onduce il critico d’arte e giornalista Lodovico Gierut, intervengono i figli del Maestro Vittorio e Fabrizio. E’ prevista la presenza di ex allievi dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, dove Guidi è stato insegnante di scultura dal 1948 al 1976. Interverranno inoltre futuri dirigenti del “Museo Ugo Guidi 2” che sta sorgendo a Massa nella prestigiosa sede del seicentesco palazzo vescovile, dove saranno valorizzate una cinquantina di opere scultoree e grafiche del Maestro. Nel 2022 ricorreranno i 45 anni della scomparsa e i 110 della nascita di Ugo Guidi le cui opere sportive monumentali sono nel Centro

Tecnico Federale di Coverciano a Firenze e nello Stadio Comunale di Forte dei Marmi. Recentemente una sua opera monumentale è stata posta all’ingresso di Forte dei Marmi. Grande numero di opere scultoree, pittoriche e grafiche sono ancora conservate nel “Museo Ugo Guidi – MUG” di Forte, unico museo presente nel Comune, segnalato dal TCI e dalla guida Lonely Planet, mentre altre sono in importanti musei nazionali ed internazionali: tra questi gli Uffizi di Firenze, la GAM di Roma, Palazzo Pitti a Firenze, il Museo dello Sport a Barcellona e il Consejo Superior de Deportes di Madrid. La Scuola Media di Forte dei Marmi porta il nome del Maestro.

Cavallo-terracotta

www.inewsswiss.com

iNEWS

79


arte

80

iNEWS

www.inewsswiss.com


Stazione-Toledo-Oscar-Tusquets-Blanca-Crater-de-luz-eRobert-Wilson-Relative-light.-photo-Peppe-Avallone

www.inewsswiss.com

iNEWS

81


arte

82

iNEWS

www.inewsswiss.com


I

talics Art and Landscape è la nuova piattaforma online dedicata all’arte – ma non solo – scritta e illustrata dai protagonisti: i galleristi che, con il loro lavoro e con la loro passione, animano il paesaggio culturale delle nostre città, dal nord al sud della Penisola. «Animati dal desiderio di costruire una rete nazionale diffusa basata sulla collaborazione e la condivisione di esperienze, per la prima volta 63 gallerie di tutta Italia, in grado di rappresentare al massimo livello l’arte di ogni tempo, da quella antica a quella emergente, fanno sistema attorno a un progetto di lungo termine. Questo nuovo organismo interverrà nel discorso artistico non solo come promotore della cultura sul territorio italiano, ma anche come autorevole interlocutore con le realtà istituzionali», hanno spiegato gli organizzatori. Partendo dal punto di vista dei galleristi, Italics valorizzerà le esperienze culturali maturate sul territorio, esplorandone gli aspetti più caratteristici, quelli che rendono unico lo stile di vita italiano. Fanno parte del Consorzio le gallerie: A arte Invernizzi, Antonacci Lapiccirella Fine Art, Apalazzogallery, Alfonso Artiaco, Bacarelli, Bottegantica, Botticelli Antichità, Tommaso Calabro Galleria d’Arte, Cantore Galleria Antiquaria, Cardi Gallery, Alessandro Cesati, Galleria Continua, Galleria Raffaella Cortese, Thomas Dane Gallery, Massimo De Carlo, Galleria Tiziana Di Caro, Alessandra

www.inewsswiss.com

Di Castro, Galleria Umberto Di Marino, Ermes-Ermes, Fanta-MLN, Galleria Fonti, Frutta, Gagosian, Galleria d’Arte Maggiore GAM, Galleria dello Scudo, Giacometti Old Master Paintings, kaufmann repetto, Laveronica Arte Contemporanea, Magazzino, Gió Marconi, Mazzoleni, Francesca Minini, Galleria Massimo Minini, Victoria Miro Venice, ML Fine Art, Monitor, Maurizio Nobile, Galleria Franco Noero, Norma Mangione Gallery, Galleria Lorcan O’Neill, Galleria Carlo Orsi, P420, Walter Padovani, Giorgio Persano, Pinksummer, Porcini, Galleria Lia Rumma, Salamon&C., Sant’Andrea de Scaphis, Schiavo Zoppelli Gallery, Società di Belle Arti, SpazioA, Studio Sales di Norberto Ruggeri, Studio Trisorio, T293, Caterina Tognon Arte Contemporanea, Tornabuoni Arte, Tucci Russo Studio per l’Arte Contemporanea, Federico Vavassori, Veda, Galleria Carlo Virgilio & C., Vistamare|Vistamarestudio, Zero. Abbiamo raggiunto Lorenzo Fiaschi – fondatore con Mario Cristiani e Maurizio Rigillo di Galleria Continua (troverete l’intervista a tutto tondo nel prossimo numero di exibart on paper, il 110) – e Francesco Cavalli, founder e creative director di leftloft, azienda incaricata di realizzare la piattaforma Italics, per farci raccontare qualcosa di più dal dietro le quinte.

iNEWS

83


INEWSSWISS.COM

ARTe

ANDREAS LUETHI

TRIBUTE TO ROMAN OPALKA 84

iNEWS

www.inewsswiss.com