INEWS - ITALIANNEWS

Page 1

INEWSSWISS.COM

swiss multikulti lifestyle magazine, www.inewsswiss.com - Nr. 61 Januar Februar - Chf. 4.-

PEPPE ZULLO

LOCO ESCRITO

KUNSTHAUS ZÜRICH 2022 ROMA ARTE IN NUVOLA ANDREAS LUETHI TRIBUTE TO ROMAN OPALKA

PAOLO SORRENTINO


Gustosi pomodori datterini conferiscono a questo sugo un aroma delizioso che trasformerà qualsiasi pasta nel vostro piatto preferito. Buon appetito con gli squisiti prodotti firmati Sapori d’Italia!


Inhalt

INEWSSWISS.COM

EDITORIAL 5 EDITORIALE GABRIELLA GROPPETTI 7 EDITORIALE PINA BEVILACQUA 9 EDITORIAL BY BRIAN BASNAYAKE 11 EDITORIAL CARLA BORDOLI CRIVELLI VISCONTI TURISMO 12 SOMMERFLUGPLAN 2022: GRÖSSERES ANGEBOT, WIEDERAUFNAHME VON FERIENZIELEN IN NORDAMERIKA UND DREI NEUE KURZSTRECKENDESTINATIONEN 14 FLOTTE HELVETIC AIRWAYS ERHÄLT AUSZEICHNUNG FÜR DRITTJÜNGSTE FLOTTE EUROPAS 16 VUELING ATTIVA UN NUOVO COLLEGAMENTO BARI - PARIGI ORLY ENOGASTRONOMIA 17 PEPPE ZULLO 18 STORIA DI PUGLIE: LA BELLEZZA DELLA LENTEZZA 22 LIMITIERTE EDITIONEN WERDEN ZU OBJEKTEN DER BEGIERDE 24 L’ UMBRIA CONQUISTA BASILEA IMPRESSIONI DELLA SERATA LUNGAROTTI DA «CHEZ GRISONI” 26 LA PASTA ENERGIA PER LE TUE PERFORMANCE AUTO 27 “PLANTING THE SEEDS OF OUR FUTURE” INAUGURATE CASA 500 E LA PISTA 500, IL MANIFESTO “GREEN” DI FIAT, E PRESENTATA LA NUOVA (500)RED 34 HYUNDAI KONA ELECTRIC SUPERA LE 100 000 UNITÀ VENDUTE IN EUROPA COMMUNICATION 36 ISABELLE ZIMMERMANN WIRD NEUE VERWALTUNGSRÄTIN DER MIGROS BANK 59 LIDL SVIZZERA: VENDITA DI BORSE DELLA SPESA DISEGNATE DA BAMBINI 60 NOMINA DEL DIRETTORE GENERALE D-A-CH PER MASERATI DOMENICO LA MARTE ASSUME LA DIREZIONE DELLA REGIONE D-A-CH 61 SIMON BENZ IST NEUER MEDIENSPRECHER VON HELVETIC AIRWAYS 62 COP26: A FRACTIOUS WORLD IN A FRACTURED PLANET 64 LIDL SVIZZERA ELARGISCE UNA DONAZIONE A PRO JUVENTUTE 66 LUCA DELFINO È IL NUOVO RESPONSABILE EMEA DI MASERATI MUSICA E FESTIVAL 37 VASCO ROSSI 38 GLI ALBUM IN ARRIVO 39 LOCO ESCRITO 40 ZUCCHERO 42 DALLA BANDA DI ORSARA AL TEATRO ALLA SCALA: IL TALENTO DI ANTONIO DI BICCARI 44 BIFEST, EMILIANO CONFERISCE PREMIO ALLA CARRIERA A LINO BANFI 46 ROMA ARTE IN NUVOLA: PRESENTATO IL PROGRAMMA DELLA NUOVA FIERA NELLA CAPITALE 48 BUNDESPRÄSIDENT GUY PARMELIN ERÖFFNET DAS 17. ZURICH FILM FESTIVAL 50 A CONVERSATION WITH… A DIAMOND SHARON STONE AL ZURICH FILM FESTIVAL: UNA DIVA MALEDETTAMENTE NORMALE 52 SALONE DI GENOVA CINEMA 53 I FILM IN SALA MODA 56 LA MODA AUTUNNO/INVERNO 58 MONDAINE ARTE 68 KUNSTHAUS ZÜRICH PRÄSENTIERT JAHRESPROGRAMM 2022 72 VISITA DE LA EXC.MA ALCALDESA DE MARBELLA M. ANGELES MUÑOZ A LA FERIA DE ARTE CONTEMPORANEO 78 SPUTNIK MOVEMENT, UN RIFERIMENTO PER UNA NUOVA GENERAZIONE DI ARTISTI, DA ART BASEL A MARBELLA ART FAIR, IN ESCLUSIVA PER ALESSANDRO ORLANDO 80 19-21 NOVEMBRE 21 CENTRO ESPOSIZIONI DI LUGANO 82 M.S. BASTIAN / ISABELLE L. «PULPASTIQUE» 83 HARDING MEYER iNEWS 3 84 PASSAGGIO A DUBAI - LA PITTURA DI MARIA RITA VITA Foto di copertina: LINO SPRIZZI


Impressum VERLAG

Antonio Campanile

EDITORIAL DIREKTOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIREKTOR MARKETING

Salvo Buttita

CHEFREDAKTOR

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

Director Ereignisse Piero Melissano

REDAKTION

Inews Salento

Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Social Media Manager REDAKTION CHUR

REDAKTION TESSIN - Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

REDAKTION VIENNA Erich Bauer

REDAKTION BASILEA Vito Di Biccari Basilea Piero Esteriore Mimmo Esteriore Salvo Buttita

Paola Terranova Michele Ferrante Davorka Zguric

REDAKTION MOSCA Antonella Rebuzzi

REDAKTION ROM Alfonso Benevento Michele Viola

Brenda Liquadri Angela Verde

REDAKTION MAILAND

Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

REDAKTION TURIN Francesco Mescia

REDAKTION SIZILIEN Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAKTION APULIEN Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAKTION PARMA Giuseppe Laudano

REDAKTION BOLOGNA Simona Artanidi

REDAKTION ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Nicoletta Altieri

Brenda Liquadri

REDAKTION BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager

MARKETING/ WERBUNG antonio@campanile.ch

GRAPHICS: Morena Fiorucci ART DIRECTOR: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHER Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABO-SERVICE

antonio@campanile.ch

DRUCKZENTRUM

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

VERLAG

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch www.inewsswiss.com Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe

4

iNEWS

Savage X Fenty


Liebe Leser*innen, Sie wundern sich über den Stern in der Anrede? Er bedeutet dass beide Geschlechter angesprochen werden. Nicht nur wundern sondern staunen muss ich welche Neuheiten seit kurzem in der Presselandschaft Einzug gehalten haben. So sind einige „Umstellungen“ noch halbwegs nachvollziehbar: Gemse schreibt man neuerdings Gämse, das Portemonnaie wurde zum Portmonee und so weiter. Mit was ich jedoch Mühe habe ist das bemühte Gender-(Quer)-denken in den gedruckten Medien. Immer öfters liest man von Dieben oder Diebinnen, Autofahrern wie Autofahrerinnen, Kunden, auch Kundinnen: Egal welches Geschlecht der oder die Beschriebenen haben werden Diebe werden öfters männlich dargestellt, Kundinnen sind jedoch anscheinend in der Überzahl. Ad absurdum treibt es jetzt aber die LGBTCommunity mit ihrer Forderung an alle Schreibenden: Die Wörter „Frau“ oder „Mann“ müssten ihrer Meinung nach ersetzt werden durch „Mensch mit Vagina“ und „Mensch mit Penis oder Hoden“. Abgesehen davon dass mit diesen Ausführungen für deutschsprachige Printmedien ein Vielfaches an Papier und Druckerschwärze benötigt würde (rechnet man alle Zeitungen, Zeitschriften, Bücher oder Prospekte zusammen summiert sich das gewaltig) empfinde ich Beschreibungen eines menschlichen Wesens, reduziert auf die Genitalgegend, überaus störend und weigere mich sie jemals zu verwenden. Verstehen Sie mich bitte nicht falsch: Ob jemand Hetero, Bi, Gay, Trans oder Quer ist oder fühlt ist seine Sache, jeder soll mit seiner geschlechtlichen Identität glücklich sein. Aber gegen eine unnötige Verluderung der schönen, vielseitigen und ausdrucksvollen deutschen Sprache wehre ich mich vehement. Zudem denke ich, jetzt wo wir alle noch mit den Auswirkungen der Pandemie kämpfen, haben unsinnige Forderungen auf keinem Gebiet etwas verloren. In diesem Sinne: Bleiben Sie aufmerksam, gesund und zufrieden und geniessen Sie die glücklichen Momente. Ihre Gabriella Groppetti

iNEWS

5


Impressum EDITORE

Antonio Campanile

DIRETTORE EDITORIALE Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIREZIONE Marketing&Pubblicità Salvo Buttita

CAPO REDATTORE

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

DIRETTORE EVENTI Piero Melissano

Inews Salento

REDAZIONE

Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Social Media Manager REDAZIONE COIRA (CH)

REDAZIONE TICINO - Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

REDAZIONE VIENNA Erich Bauer

REDAZIONE BASILEA Vito Di Biccari Basilea Piero Esteriore Mimmo Esteriore Salvo Buttita

Paola Terranova Michele Ferrante Davorka Zguric

REDAZIONE MOSCA Antonella Rebuzzi

Brenda Liquadri

REDAZIONE ROMA

Alfonso Benevento Michele Viola

Angela Verde

REDAZIONE MILANO

Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

REDAZIONE TORINO Francesco Mescia

REDAZIONE SICILIA Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAZIONE PUGLIA Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAZIONE PARMA Giuseppe Laudano

REDAZIONE BOLOGNA Simona Artanidi

REDAZIONE ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri REDAZIONE BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager MARKETING/ PUBBLICITÀ antonio@campanile.ch

GRAFICA: ART DIRECTOR: WEB MASTER: FOTOGRAFI Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Morena Fiorucci Paolo Ugolini Claudio Giuliani Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABBONAMENTI

Redaktion@italiannews.ch

TIPOGRAFIA

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

CASA EDITRICE

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe www.inewsswiss.com

6

iNEWS

Max Mara


Il muro… La ramina esiste ancora, perché gli scambi economici e culturali tra Svizzera e Italia non volano come dovrebbero, tant’è che i clienti della nostra Medi@Presse interessati dai due territori ci chiedono di raddoppiare gli sforzi relazionali e promozionali per potenziare i loro affari proprio su questo asse, mentre nel resto del mondo di loro interesse va tutto sempre meglio. È un’assurdità! Due Paesi così vicini, separati da leggi e bandiere, ma con tanti elementi in comune, dovrebbero fare squadra per perseguire insieme il benessere generale e individuale! E invece la ramina, in un certo senso, esiste tuttora, anche se ora, che la frontiera italo-svizzera è diventata assai permeabile, è diventata, in pratica, un relitto storico, di cui si può trovare traccia solo nei boschi e nella memoria storica. In Ticino, infatti, viene chiamata “ramina” la rete metallica installata dall’Italia tra la fine del XIX secolo e i primi decenni del XX secolo (e presidiata a Sud, da garitte, caserme e posti di sorveglianza) per bloccare il traffico merci illegale su quel confine. Attraversata tra gli anni ‘50 e i primi anni ‘80, per centinaia di notti, dai cosiddetti “spalloni”, che con le loro bricolle piene di riso padano, sigarette, carne, caffè, cacao, zucchero, valuta (perché ogni epoca ha avuto la ‘sua merce’ in transito sulla frontiera) si inerpicavano lungo le valli, per sentieri impervi, in modo da sfuggire ai giovani finanzieri, appostati in condizioni spesso proibitive per contrastarli, scrivendo, così, un’epopea fatta di tragedie e fortune improvvise, che ha segnato, al di qua e al di là, quel confine. Insomma, una sorta di piccolo muro di Berlino oramai in disuso, la ramina, che, però, paradossalmente, continua a dividere l’Italia e la Svizzera. Cordiali saluti Pina Bevilacqua

iNEWS

7


Impressum EDITOR

Antonio Campanile

MANAGING EDITOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIRECTOR Marketing/ADVERTISING Salvo Buttita

CHIEF EDITOR

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

DIRECTOR EVENTS Piero Melissano

Inews Salento

EDITORIAL BOARD Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Social Media Manager EDITORIAL BOARD IN CHUR (CH) EDITORIAL BOARD IN TICINO Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

EDITORIAL BOARD IN VIENNA Erich Bauer

EDITORIAL BOARD IN BASILEA Vito Di Biccari Basilea Piero Esteriore Mimmo Esteriore Salvo Buttita

Paola Terranova Michele Ferrante Davorka Zguric

EDITORIAL BOARD IN MOSCA Antonella Rebuzzi

Brenda Liquadri

EDITORIAL BOARD IN ROMA

Alfonso Benevento Michele Viola

Angela Verde

EDITORIAL BOARD IN MILANO Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

EDITORIAL BOARD IN TORINO Francesco Mescia

EDITORIAL BOARD IN SICILY Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAZIONE PUGLIA Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

EDITORIAL BOARD IN PARMA Giuseppe Laudano

EDITORIAL BOARD IN BOLOGNA Simona Artanidi

EDITORIAL BOARD IN

ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri

EDITORIAL BOARD IN

BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager

MARKETING/ PUBBLICITÀ antonio@campanile.ch

GRAPHICS: Morena Fiorucci WEB MASTER: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHY Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABO SERVICE

Redaktion@italiannews.ch

PRINT: VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich PUBLISCHER: MEDI@PRESSE SWISS

Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch Abbonamento/soci CHF 100.- Monatliche Ausgabe www.inewsswiss.com

8

iNEWS

BOSS e Russell Athletic Kennedy Spo


ort Center.

Dear Readers, At least Switzerland is going through – one could even say enjoying – one of those regular autumns. Temperatures stay mostly steady and sink only slowly; the sun keeps shining on many a day. One is not even surprised to see people still taking a dip in the lakes and rivers. And also not when some are doing a barbecue beside a lake or out in their gardens. Some restaurants with gardens or outside terraces are still doing brisk business, perhaps because the turnover of people increases as guests linger less in the cooler air outside. The spectacular autumnal colours are back, and an atmosphere of pleasantness and stability is pervading through the country. One can be forgiven for assuming that this is precisely the kind of autumn that poets would happily wax lyrical given half a chance! To the great delight of most people, the federal authorities in Switzerland decided to relax the Covid-19 restrictions and allow large gatherings for people with valid vaccines or PCR-test certificates. The home-office rules have been relaxed too, with strict adherence to safety precautions, of course. Restaurants are also back in business, although they still have to abide by certain safety precautions, such as tables separated by Perspex glass. And they, too, are open only to customers with vaccines or PCR-test certificates. It also means that most cultural venues are open to the public with the necessary safety precautions in place. However, the relaxation of the rules has meant a tremendous uplift in the morale of the people and a massive relief to many businesses across the country. The pandemic has been economically the most devastating event ever for the whole world, and the devastation is not over yet! Hence, every measure that allows businesses to function again is not only a relief to the people involved but significantly to the nation’s treasury and to the economy as a whole. The pandemic is not over, but the devastation to the global economies is forcing some countries to stoke up their economic activities and borders. Herein lies the risk of rising infection rates and inevitable deaths, of course. However, unlike most developing nations, most major economies, particularly in the West, are managing in some considerable measure to control the pandemic with the help of the successful rollout of the vaccination programmes in their respective nations. The hospitality trade and the entertainment business are more than a bit happy with the latest developments. They have had an extremely challenging time in the last eighteen months or more, with their customers and clientele equally unhappy and frustrated with the lockdown and the shutdown of their favourite haunts. Among the countries finally to lift most aspects of the lockdown is the United States, and it has decided to open its borders to overseas visitors, in particular from Europe. It will be a significant boost to the international tourism industry and a strong signal that the pandemic will be significantly curtailed at the end of the winter, at least in the Northern Hemisphere. On 31 October 2021, one of the most significant and urgent conferences to determine the fate of our planet will begin in the city of Glasgow in the United Kingdom. The UN Climate Change Conference (COP26), hosted by the British Government, will bring the world’s nations together to accelerate programmes and measures to combat the evergrowing threat of a dangerously changing climate that will surely spell irredeemable devastation to man and his entire environment. This very significant event is one that no one should ignore! We hope that this autumn will be exceptional for all of us and that COP26 will be a resounding success. We sincerely hope! And we wish you a pleasant read in this issue of iNEWS! Yours sincerely, Brian Basnayake iNEWS

9


Impressum EDITOR

Antonio Campanile

MANAGING EDITOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIRECTOR DE MARKETING Y PUBLICIDAD Salvo Buttita

JEFES DE REDACCIÓN

Gabriella Groppetti (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (Redacción inglesa/englische Redaktion) Mursia Petrachi (Redacción italiana/italienische Redaktion) Carla Bordoli Crivelli Visconti (Redacción española/spanische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

EVENTOS DIRECTORA

Piero Melissano

Inews Salento

REDACCIÓN

Daniela Corti Cristiana Corti Gabriele Beate Hefele Juan Miguel Fernández Pérez Luana Pavesi Sofia Beatrice Monti Luciano Pappalardo Pasquale Balestriere María José Camacho Pérez Corina Butas Vania Penha da Silva Rosario Martínez Rodríguez

INFORMACIÓN EN ALEMÁN, COSTA DEL SOL Gabriele Beate Hefele (periodista)

REDACCIÓN BRASILE EN SUD AMERICA Sheila Fisler Daniella Cabral

Public Relations Sales Manager

MARKETING/PUBLICIDAD

antonio@campanile.ch www.inewsswiss.com - www.campanile.ch

RELACIONES PÚBLICAS

Luana Pavesi (marketing/PR/comunicación)

FOTOGRAFÍA Antonia Guerra Eugenio D'Hamo

INFORMACIÓN MÚSICA Y EVENTOS Sofía Beatrice Monti (cantante y relaciones públicas)

MODA, IMAGEN, TENDENCIAS María José Camacho Pérez (hair stylist) Vania Penha da Silva (beauty consultant)

GASTRONOMÍA NACIONAL E INTERNACIONAL

Bruno Filippone Luciano Pappalardo (Chef) Pasquale Balestriere (Chef) Zulay Gómez Carrera (ayudante Chef y control aprovisionamiento)

INFORMACIÓN ECONOMÍA Y FINANZAS Juan Miguel Fernández Pérez (derecho y fiscalidad) Eduardo V. Luján

COLABORADORES WEB Y REDES SOCIALES Vincenzo Ottavio Pesce (web&community manager) Lidia Moreno Aguilar (community manager) Corina Butas (social networker)

INICIATIVAS SOCIO-CULTURALES Rotary Club Estepona Sotogrande International

www.inewsswiss.com

10

iNEWS

FENDI

www.inewsswiss.com


Queridos lectores: Seguimos siempre adelante, luchando con esa increíble capacidad de resiliencia que tenemos los seres humanos. El planeta está absolutamente revuelto, entre desastres naturales, protestas en las calles de casi todos los Países del Mundo, situaciones diferentes en cada punto geográfico, a nivel sanitario, opiniones diferentes, científicos debatiendo, políticos discutiendo, policía y militares en alerta. ¿No se sienten ustedes también como a la espera de algo? No sé…esperemos que sea algo bueno, aunque los indicadores dan a entender que llegará una grave crisis. Creo que los más afortunados serán quienes tengan su campo de cultivo en las afueras del caos de las ciudades… Pero la vida sigue, y nuestro día a día está precisamente en seguir adelante, en luchar siempre positivos, para buscar la luz al final del túnel de estos casi dos años de pandemia. En la Costa del Sol, el trabajo no falta, somos muy afortunados, no sólo porque el turismo se reactivó y aún sigue con la temporada del golf, sino además porque el sector de la construcción está muy activo. Seguimos teniendo un clima veraniego, rozando los 30 grados, por lo que el tema sanitario también sigue bajo control, ya que no parece otoño, temporada de gripe. Las exposiciones culturales en toda la provincia de Málaga y en toda Andalucía siguen su programa, además hemos tenido este año ferias de pueblos, aunque no tan llenas de gente por las precauciones debidas a la pandemia. Pero ha sido un año muy parecido a nuestra vida anterior al Covid 19, gracias a Dios. Sigo pensando que el sol, que nos ayuda a tener vitamina D, y un fuerte sistema inmunitario son nuestras primeras armas contra cualquier tipo de enfermedad, y aquí, desde luego, no falta el sol… precisamente el fin de semana pasado, ¡había mucha gente en la playa todavía! Increíble, pero cierto. El otro día estaba leyendo sobre las increíbles propiedades del agua de mar. Buscaré algo más de información y más adelante les escribiré sobre este tema más en detalle. ¡Nunca se deja de aprender! Les esperamos, lo saben, para disfrutar de nuestras playas, de nuestras ciudades, de nuestros museos, de nuestros campos de golf, de las iniciativas de ocio y cultura de nuestros ayuntamientos. La Costa del Sol siempre es un verdadero paraíso, una burbuja de bienestar en un mundo hoy muy complicado. Nuestros mejores deseos, a todos ustedes, de mucha salud, felicidad, y serenidad, con la esperanza de un último trimestre de este año hacia el fin de la pandemia y del temor a la enfermedad. Y no olviden que después de la oscuridad, siempre llega la luz. Un saludo cordial, Carla Bordoli Crivelli Visconti www.inewsswiss.com

iNEWS

11


turismo

SOMMERFLUGPLAN 2022: GRÖSSERES ANGEBOT, WIEDERAUFNAHME VON FERIENZIELEN IN NORDAMERIKA UND DREI NEUE KURZSTRECKENDESTINATIONEN 12

iNEWS

www.inewsswiss.com


• ANGEBOT GEGENÜBER SOMMER 2021 WIRD DEUTLICH ERHÖHT • NORDAMERIKA-DESTINATIONEN TAMPA BAY (FLORIDA), DENVER, LAS VEGAS, CALGARY UND VANCOUVER WERDEN WIEDER ANGE FLOGEN • BERGEN IN NORWEGEN, BILBAO IN SPANIEN UND CORK IN IRLAND NEU IM STRECKENNETZ

E

delweiss, die führende Schweizer Ferienfluggesellschaft, bietet im Sommerflugplan 2022 auf ihrem Streckennetz weltweit 75 Ferienziele in 32 Länder an. Dies sind 13 Destinationen mehr als noch diesen Sommer. Auf der Kurz- und Mittelstrecke sind es 56 Flüge zu traumhaften Ferienzielen. Die Anzahl Flüge wurden im Vergleich zum Sommer 2021 um 16% erhöht. Das Angebot wurde vor allem zu den Kanarischen Inseln, dem spanischen Festland, den Balearen, nach Ägypten, Italien und in den Norden von Europa ausgebaut. Zudem wird erstmals Newquay (Cornwall) in England angeflogen. Nach langer Pause werden auf der Langstrecke wieder beliebte Ferienziele in Nordamerika bedient. Edelweiss fliegt ab dem 2. März wieder bis zu zwei Mal wöchentlich nach Tampa Bay (Florida) und ab dem 4. April wieder bis zu drei Mal pro Woche nach Las Vegas. Mit Vancouver und Calgary werden Ende Mai die beiden beliebten Ferienziele in Kanada wieder ins Flugprogramm aufgenommen. Vancouver wird drei Mal und Calgary zwei Mal pro Woche ab Zürich angeflogen. Denver wird ab 13. Juni zwei Mal pro Woche angeflogen. Das Karibikprogramm mit Cancún, Punta Cana, Puerto Plata, Montego Bay auf Jamaika, Havanna, San José und Liberia in Costa Rica wird auch nächsten Sommer angeboten. Die beiden neuen Ferienziele Kilimandscharo und Sansibar in Tansania werden erstmals im Sommer bedient und um je einen wöchentlichen Flug erweitert. Wie schon dieses Jahr wird Edelweiss auch im nächsten Sommer die Malediven mit bis zu drei wöchentlichen Verbindungen bedienen. Verglichen mit dem Sommer 2021 entspricht das Langstrecken-Programm im Sommer 2022 einer Steigerung um 185%. Drei neue Sommer-Ferienziele: Bergen, Bilbao und Cork Zwischen sieben Bergen und dem Meer liegt die bezaubernde Stadt Bergen in einer geschützten Bucht im Südwesten Norwegens. Bergen liegt ideal zwischen den zwei grössten Fjorden Norwegens, welche www.inewsswiss.com

atemberaubende Ausflugsziele sind. Zudem munkelt man, dass hier eine der schönsten Seereisen der Welt startet. Edelweiss fliegt ab dem 1. Juni bis zu zwei Mal pro Woche nach Bergen. Moderne Bauwerke, renommierte Architektur und ausgezeichnete Gastronomie. Das und noch vielmehr bietet Bilbao in Spanien. Rund um Bilbao lassen die abwechslungsreichen Naturkulissen keine Wünsche offen: hohe Berge, dichte Wälder und eine sehr grüne Küste. Ab dem 27. März fliegt Edelweiss bis zu drei Mal pro Woche ab Zürich in die spanische Stadt. Mit Cork bietet Edelweiss erstmals ein Ferienziel in Irland an. Im Südwesten gelegen, bietet sich das belebte Städtchen als idealer Ausgangspunkt an, um diese hinreissende Umgebung Südirlands mit all ihren Facetten zu erkunden. Ob bei einem Tagesausflug, bei einer Rundreise durch Südirland oder diversen sportlichen Aktivitäten wie zum Beispiel Golf. Die Flüge nach Cork starten ab dem 15. April, jeweils bis zu zwei Mal pro Woche. Eine komplette Destinations- und Frequenzübersicht ist im Anhang dieser Medienmitteilung. Die Flüge sind ab sofort auf flyedelweiss.com und über alle üblichen Verkaufskanäle buchbar. Bei der Planung der Reise empfiehlt Edelweiss, die Einreisebestimmungen der jeweiligen Länder genau zu prüfen. Falls erneute Einreisebeschränkungen eine Anpassung des Flugplanes erfordern, wird diese zeitnah kommuniziert. Damit die Reise trotzdem unbesorgt geplant werden kann, garantiert Edelweiss auch weiterhin flexible und kostenlose Umbuchungsmöglichkeiten. Aufzeichnung der Medienkonferenz vom Dienstag, 7. Dezember 2021 Einen Rückblick zum Sommer 2021, eine Einordnung der aktuellen Lage und mehr Informationen zum Sommerflugplan 2022 wurden heute Vormittag an einer Medienkonferenz im Edelweiss Café am Flughafen Zürich gegeben. Die Aufzeichnung mit Bernd Bauer (CEO) und Patrick Heymann (Chief Commercial Officer) kann unter diesem Link angeschaut werden. iNEWS

13


turismo

FLOTTE HELVETIC AIRWAYS ERHÄLT AUSZEICHNUNG FÜR DRITTJÜNGSTE FLOTTE EUROPAS

14

iNEWS

www.inewsswiss.com


AM 17. JANUAR 2022 WURDE DIE SCHWEIZER REGIONALFLUGGESELLSCHAFT HELVETIC AIRWAYS VOM AVIATIK-PORTAL «CHAVIATION» ALS AIRLINE MIT DER DRITTJÜNGSTEN FLOTTE EUROPAS AUSGEZEICHNET. MIT EINEM FLOTTENALTER VON DURCHSCHNITTLICH 3.81 JAHREN VERFÜGT HELVETIC AIRWAYS ÜBER DIE JÜNGSTE FLOTTE DER SCHWEIZ.

N

un ist es offiziell: Helvetic Airways verfügt über die drittjüngste Flotte in ganz Europa. Dies geht aus der weltweiten Datenbank der Plattform «ch-aviation» hervor, die Helvetic Airways am 17. Januar 2022 im Rahmen des «ch-aviation World’s Youngest Aircraft Fleet Award 2022» mit ei-nem Podestplatz ehrte. Mit einem durchschnittlichen Flottenalter von 3.81 Jahren rangiert die Schweizer Regionalairline hinter Air Baltic (durchschnittliches Flottenalter 2.87 Jahre) und der russi-schen Fluggesellschaft Azimuth (3.79 Jahre). Damit lässt Helvetic Airways bezüglich des Flottenalters bekannte europäische Airlines hinter sich und steht gemäss der Flottendatenbank von «ch-aviation» in der Schweiz an erster Stelle. «Helvetic Airways hat in den vergangenen Jahren stark in die Modernisierung und Verjüngung der Flotte investiert. Unsere zwischen 2019 und 2021 eingeflotteten Embraer E2-Jets gehören zur neusten

www.inewsswiss.com

Generation und machen unsere Flotte nicht nur zu einer der jüngsten Europas, sondern auch zu einer der umweltfreundlichsten und leisesten. Wir sind froh, dass wir trotz Corona die Neuausrichtung der Gesellschaft fortführen konnten», sagt Tobias Pogorevc, CEO von Helvetic Airways. Heute besteht die Flotte von Helvetic Airways aus acht Maschinen des Typs Embraer E190-E2, vier Embraer E195-E2 sowie vier Jets der Vorgängerversion E1, wel-che aber die Flotte in den nächsten Monaten verlassen werden. Das Portal «ch-aviation» unterhält eine der grössten und umfassendsten Datenbanken der Aviatikbranche. Diese dient als Basis für die «ch-aviation World’s Youngest Aircraft Fleet Awards». Die Daten umfassen u.a. über 67’000 Flugzeuge weltweit, mehr als 4700 aktive Fluggesell-schaften sowie mehr als 1000 Leasinggeber. Für die Awards berücksichtigte «ch-aviation» nur aktive kommerzielle Betreiber mit mindesten fünf Flugzeugen (sowohl Passagier- als auch Frachtflugzeuge).

iNEWS

15


turismo

Antonio Maria Vasile (ph. Corcelli x archivio AdP).

VUELING ATTIVA UN NUOVO COLLEGAMENTO BARI - PARIGI ORLY ANTONIO MARIA VASILE, VICE PRESIDENTE DI AEROPORTI DI PUGLIA: LA FRANCIA HA RAPPRESENTATO, NELLA DELICATA FASE DELLA RIPARTENZA DOPO LA PANDEMIA, IL PAESE CHE SI È DISTINTO PER IL MAGGIOR NUMERO DI PRESENZE E SOGGIORNI IN PUGLIA”. Aeroporti di Puglia comunica che a partire dal prossimo 2 novembre Vueling opererà un nuovo collegamento tra Bari e Parigi Orly. Il collegamento, al momento, si articolerà su una doppia frequenza settimanale, ogni martedì e sabato, operata con un Airbus A321 da 220 posti e con i seguenti orari: da a Bari Parigi Orly Parigi Orly Bari

16

iNEWS

Ora partenza 19.55 19.50 16.45 16.40

Ora arrivo 22.25 22.20 19.05 19.00

Frequenza martedì sabato martedì sabato

“L’annuncio di oggi – ha dichiarato il Vice Presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile - si inquadra appieno nella politica del potenziamento del network internazionale definita in accordo con la Regione Puglia e le sue agenzie regionali di settore. La scelta della compagnia aerea Vueling di introdurre il nuovo collegamento su Parigi, che si aggiunge a quello annuale operato dallo stesso vettore su Barcellona, viene incontro alle esigenze di un mercato in continua espansione, soprattutto in ambito internazionale. Una scelta strategica, quindi, che oltre a favorire la destagionalizzazione dei flussi incoming, sulla quale si continua a lavorare in sinergia con l’Amministrazione regionale, rafforza l’accessibilità dal mercato francese che, negli ultimi anni, è stabilmente ai primi posti per l’industria turistica pugliese. Non a caso, infatti, proprio la Francia ha rappresentato, nella delicata fase della ripartenza dopo la pandemia, il Paese che si è distinto per il maggior numero di presenze e soggiorni in Puglia, come peraltro previsto dalla divisione strategica di Pugliapromozione. Per questo non possiamo che plaudire alla decisione di Vueling, pronta a recepire le nostre istanze ”.

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

F

www.inewsswiss.com

O

O

D

iNEWS

17


enogastronomia

ANTONELLA MONTESI

STORIA DI PUGLIE: LA BELLEZZA DELLA LENTEZZA PEPPE ZULLO E LA 26ESIMA EDIZIONE DI APPUNTAMENTO CON LA DAUNIA 18

iNEWS

www.inewsswiss.com


U

n’ inarrestabile Peppe Zullo ci accoglie alla 26esima edizione di Appuntamento con la Daunia, nella cornice di Villa Jamele, ad Orsara di Puglia. Quest’anno si racconta la Puglia, o per meglio dire le Puglie, eh sì, perché questo territorio ampio e variegato presenta mille sfaccettature. Tra i tanti volti di questa terra ce n’è uno, quello che meno ti aspetti, che non è quello del mare e del vento, ma è quello del sole, del verde e della bellezza della lentezza, sui Monti Dauni, patria dello chef Zullo. La bellezza che si nutre di lentezza è il risultato di una storia collettiva che si è sempre alimentata di storie singole e private, di storie uniche. Sono intervenuti relatori di spessore come ormai questo appuntamento ci ha abituati: Antonio Derossi, docente di Scienze e Tecnologie Alimentari – Unifg; Pasquale De Vita, presidente GAL Meridaunia; Gisella Naturale, Senatrice della Repubblica; Aldo Patruno, direttore Turismo e Cultura Regione Puglia; Francesco Quitadamo, giornalista. Grande sinergia negli interventi dei vari relatori. Tutti hanno posto l’accento sull’importanza dell’unione degli intenti e degli sforzi: per promuovere un territorio si deve agire in modo congiunto, le politiche settoriali e compartimentali sono ormai superate, turismo, agricoltura, lavoro, ambiente, cultura sono aspetti di un’unica realtà che vanno sviluppati e promossi insieme. Parlando dell’economia pugliese, che vale 76 miliardi di euro di PIL e circa 1,4 milioni di occupati, ed è seconda nel Mezzogiorno solo a quella campana, il direttore Aldo Patruno ha ricordato i 5 asset della Puglia: 1. L’industria aerospaziale; 2. I prodotti agricoli d’eccellenza; 3. L’energia pulita per il territorio; 4. Il turismo costiero e di qualità; 5. L’industria culturale e creativa. Su questi cardini è possibile costruire una politica di sviluppo territoriale che vada a favorire tutte le aree della regione. Parlando del turismo esperenziale, già in atto in tanti territori, il dott. Patruno ha ricordato come, l’esperienza, per essere tale, debba essere unica, straordinaria ed autentica. Anche la senatrice Gisella Naturale ha messo in evidenza la necessità, da parte della politica e di tutti gli attori della programmazione per lo sviluppo, di utilizzare l’opportunità del PNRR per costruire le condizioni che permettano di trasformare le potenzialità in crescita economica, sociale e culturale. Il PNRR, - il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza - è il piano preparato dall’Italia per rilanciarne l’economia dopo la pandemia di COVID-19, al fine di permettere lo sviluppo verde e digitale del Paese. Peppe Zullo come sempre ha offerto una piattaforma di scambio per idee da attuare su un territorio nel quale crede ed opera da 40 anni e per il quale si impegna in prima persona. Il messaggio che passa da questo convegno è che, la politica e l’economia debbano attuare progetti di sviluppo, per i quali esistono finanziamenti a livello europeo, andando ad aiutare gli attori locali e le imprese preposte, come le agenzie di comunicazione, che hanno la possibilità di veicolare messaggi di marketing e di far conoscere oltre i confini regionali e nazionali il territorio.

www.inewsswiss.com

iNEWS

19


20

iNEWS

www.inewsswiss.com


www.inewsswiss.com

iNEWS

21


enogastronomia

LIMITIERTE EDITIONEN WERDEN ZU OBJEKTEN DER BEGIERDE

22

iNEWS

www.inewsswiss.com


enogastronomia

S

ie verkörpern die Kraft kreativer Freiheit. Und sie erfinden sich immer wieder neu. Da ist Lady Gaga, Jahrhundert-Pop-Ikone, Oscar-Preisträgerin und Vor- wie Nachdenkerin einer Welt im Umbruch. Die charismatische Künstlerin, die als kühne Kultur-Leaderin wegweisend ist, steht wie kaum eine Kreative für Star-Quality. Als starke Stimme für die LGBT+Community engagiert sie sich mit ihrer „Born This Way Foundation“ seit zehn Jahren an vorderster Front, wenn es um Empowerment geht. Die Freidenkerin verschiebt Grenzen, inspiriert die Welt, sich zu öffnen und zu wachsen. Ihre Performances: authentisch, kulturprägend, magisch. Sie kreiert ein eigenes, flirrendes wie fantasievolles Universum von Mode, Musik und Messages, das magisch anzieht. Da ist Dom Pérignon. Eine Ikone unter den Champagnern. Jeder einzelne Jahrgangschampagner eine charaktervolle Persönlichkeit. Immer wieder strebt Kellermeister Vincent Chaperon nach Perfektion in dessen Schöpfung. Das Credo: Jeder Vintage erzählt die einmalige Geschichte eines Jahres und seines individuellen Naturells. Es gilt immer wieder, aus der sich ständig verändernden Natur und den unterschiedlichen Klimabedingungen eine einzigartige Komposition zu erschaffen, die neue Benchmarks setzt. Ebenso kühn geht das Champagnerhaus niemals Kompromisse ein, um seinem Ideal treu zu bleiben – selbst, wenn dies bedeutet, dass in einem Jahr kein Vintage deklariert werden kann. Den besonderen Look & Feel künstlerischer Experimentierfreude und eines „radical glam“ teilt die Künstlerin mit ihren Fans nun auch mit weiteren Objekten. Neu: Limitierte Editionen des Vintage 2010 sowie des Rosé 2006 werden zu Objekten der Begierde; in exklusiven Verpackungen und mit den fantasievollen, aufregenden Designs, die im fruchtbaren Dialog zwischen den beiden Visionären entstanden und weiterhin entstehen. Träume, in ein powervolles, spielerisches Duett umgesetzt – a match made in heaven: „Ich trinke Sterne!“ – einmal mehr wird das Leitmotiv von Dom Pérignon gefeiert. Die Dom Pérignon Vintage 2010 x Lady Gaga für CHF 230 und die Rosé 2006 x Lady Gaga zum Preis von CHF 450 sind seit dem 1. Oktober bei Globus erhältlich.

www.inewsswiss.com

iNEWS

17


enogastronomia

ANTONELLA MONTESI

L’ UMBRIA CONQUISTA BASILEA IMPRESSIONI DELLA SERATA LUNGAROTTI DA «CHEZ GRISONI”

U

na fresca aria autunnale riscaldata dai vini Lungarotti. Questo è quello che ci aspetta da “Chez Grisoni”, bella enoteca nel centro di Basilea, che dal 1937 diffonde la cultura del vino. Una cantina di lunga e chiara fama, la cantina Lungarotti di Torgiano, Umbria, viene presentata e rappresentata dalla giovane e preparata Maria Giampaolo: export manager uscita dalla scuola Slow Food di Pollenzo, in Piemonte. Lungarotti è da anni una garanzia di qualità di vini di eccellenza e di cultura enologica e non solo. A Torgiano, borgo medievale alle porte di Perugia, l’intuito imprenditoriale di Giorgio Lungarotti, alla fine degli anni Cinquanta, ha creato un’ oasi enologica e culturale, che oggi viene portata avanti

24

iNEWS

dalle figlie Chiara e Teresa, dal nipote Francesco e dalla vedova, signora Maria Grazia. In un’atmosfera rilassata e contemporaneamente vivace, vengono presentati i vini di punta della cantina: dal Brut Millesimato Umbria DOC, la bollicina, metodo classico della casa, all’iconico bianco Torre di Giano – un blend di grechetto, trebbiano e vermentino che, insieme al Rubesco, rappresentano i primi vini creati nel 1962. Il Rubesco, dal latino rubescere, arrossire, è stato anche il primo DOC dell’Umbria ed è composto da Sangiovese e Colorino. Un’ esplosione di profumi tipicamente speziati con decisi richiami al pepe e al tabacco dolce e sottofondo di confettura rossa e violetta. È il vino Lungarotti più diffuso nel mondo ed è quindi il loro vino simbolo. La serata prosegue degustando le novità degli ultimi anni della

www.inewsswiss.com


cantina Lungarotti: il Bio, un sagrantino in purezza, che, non porta il nome di Sagrantino, ma appunto Bio e che si presenta con note floreali, note di pesca bianca, williamine e banana, con una delicata nota finale di miele. Tappa importante del percorso enologico del pubblico presente, partecipe e professionalmente accudito dal padrone di casa, il sommelier e gastronomo René, è rappresentata dal mitico Rubesco Riserva Vigna Monticchio DOCG. Considerato uno dei migliori rossi italiani, prodotto da uve sangiovese del vigneto Monticchio, è un vino che rappresenta la profonda espressione dell’Umbria, delle sue colline e della sua gente con una perfetta armonia tra potenza ed eleganza. Chiudono la serata due vini dolci, il Montefalco Sagrantino Passito e il Dulcis Vino Liquoroso Umbria IGP, un vino, quest’ultimo dolce naturale, grazie all’interruzione della fermentazione, che mette in risalto le note di frutta candita con una sfumatura di miele e mandorla. I vini Lungarotti sono un’esperienza per l’anima, oltre che per il palato. L’universo Lungarotti, costituito dal ristorante, dall’albergo, dall’agriturismo, dal Museo del Vino – con un’importante collezione di ceramiche medievali - e dal Museo dell’olio vi aspetta a Torgiano, nel cuore dell’Umbria, a due passi da Perugia ed Assisi. Per contatti: www.lungarotti.it - lungarotti@lungarotti.it intelocutore: Maria Giampaolo, export manager

www.inewsswiss.com

iNEWS

25


enogastronomia

LA PASTA

ENERGIA PER LE TUE PERFORMANCE ù

PERCHE UNO.61 È LA PASTA PREFERITA DAGLI ATLETI E GLI SPORTIVI? Fonte di carboidrati à energia per i muscoli PRIMA dell’allenamento Ripristina le riserve di glicogeno muscolare DOPO l’allenamento Ideale prima di allenamenti aerobici della durata maggiore di 60 min Indice glicemico baaso, dunque fornisce energia sua nel breve periodo che nel lungo periodo Discreta fonte di potassio, fosforo e magnesio Conferisce sazietà e facile digestione Trascurabile apporto di grassi (condimento escluso) No sovraccarico renale

26

iNEWS

PROVALA ORA! - ogni porzione da 80 gr. costa solo 0,96 euro iva compresa - spedizione gratuita con BARTOLINI - oltre 80 ricette disponibili

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

A

U

T

O

500 RED www.inewsswiss.com

iNEWS

27


auto

“PLANTING THE SEEDS OF OUR FUTURE” INAUGURATE CASA 500 E LA PISTA 500, IL MANIFESTO “GREEN” DI FIAT, E PRESENTATA LA NUOVA (500)RED 28

iNEWS

www.inewsswiss.com


Al Lingotto di Torino sono state inaugurate Casa 500, La Pista 500 e ha debuttato la Nuova (500)RED. Casa 500: non solo un percorso museale ma un viaggio verso il futuro ispirato dalle radici dell’icona. La cultura e la storia di un paese intrecciate con quelle della 500, il tutto in un allestimento di “creatività sostenibile”. La Pista 500: più di 40.000 piante per il giardino sospeso più grande d’Europa nato sull’iconica pista del Lingotto. Un percorso green con piante autoctone, un polmone verde nella città di Torino, ora aperto a tutti. FIAT, insieme a Jeep® e RAM si unisce al progetto (RED), rispondendo alla chiamata per dare il proprio contributo nella lotta contro le pandemie. E lo fa grazie al lancio della special edition di vetture (RED), aiutando a donare oltre 4 milioni di dollari nel corso dei prossimi tre anni. Nuova (500)RED tutta elettrica e solo elettrica è la prima auto (RED), ambasciatrice del messaggio condiviso “protect the planet and people” nel mondo. La serie speciale è disponibile sulla famiglia 500 al completo. Alla cerimonia John Elkann, Chairman di Stellantis, Ginevra Elkann, Presidente della Pinacoteca Agnelli e Olivier Francois, CEO FIAT e CMO Stellantis. Bono Vox, co-fondatore di (RED), ha presenziato all’annuncio della partnership tra FIAT, Jeep®, RAM e (RED) e al lancio della (500)RED.

S

i è appena conclusa al Lingotto, a Torino, l’inaugurazione di Casa 500 e de La Pista 500. In occasione di questo importante evento è stata presentata la Nuova (500) RED, la prima automobile (RED), risultato della collaborazione con (RED). La cerimonia ha visto la partecipazione di: John Elkann, Chairman di Stellantis; Olivier Francois, CEO FIAT e CMO Stellantis; Ginevra Elkann, Presidente della Pinacoteca Agnelli e di Bono Vox, co-fondatore di (RED). John Elkann, Chairman di Stellantis, ha dichiarato: “Da oggi Torino ha un nuovo museo, dedicato a una vera icona italiana come la FIAT 500, e un nuovo giardino aperto a tutti, che offre un’esperienza unica a chi vive e visita la nostra città. Gli investimenti realizzati a Mirafiori nell’elettrico e la trasformazione verde del Lingotto sono il segno dell’impegno di Stellantis: guidare con fiducia il cambiamento che sta vivendo il settore dell’auto per offrire a tutti i benefici di una mobilità sostenibile e all’avanguardia.” Olivier Francois, CEO FIAT e CMO Stellantis, ha dichiarato: “Oggi apriamo un nuovo capitolo nella storia del Lingotto che nel percorso di FIAT è sempre stato protagonista ed è proprio qui che “piantiamo i semi del nostro futuro”: Casa 500, il nuovo museo dedicato alla più amata icona della FIAT e la nuova Pista 500, il più grande giardino sospeso d’Europa. Un nuovo polmone verde aperto a tutti. www.inewsswiss.com

Ed è l’occasione per la premiere mondiale della Nuova (500)RED, la prima auto (RED) al mondo. Casa 500 non è solo un classico museo dell’auto, infatti racconta la cultura e la storia dell’Italia e di Torino; inoltre è un viaggio che proietta FIAT verso il futuro partendo dalle sue radici. 500 non è solo tecnologia, batterie, schermi luccicanti ma rappresenta il design italiano, la Dolce Vita, l’italianità: proprio ciò che è contenuto nel nuovo museo. La Pista 500 è il più grande giardino pensile d’Europa e la decisione di realizzarlo sul tetto di una fabbrica di inizio ‘900 ha un valore fortemente simbolico per noi: un luogo che un centinaio di anni fa era fonte d’inquinamento per antonomasia e una pista all’epoca segreta e inaccessibile, diventano oggi un giardino aperto a tutti gli abitanti di Torino . Tutto questo mette in evidenza il fatto che il nostro obiettivo non è solo promuovere le auto: il nostro nuovo corso prevede anche cura e attenzione per il clima, la comunità, la cultura. Inoltre oggi insieme a Bono sveliamo in anteprima mondiale la Nuova (500)RED. Quest’auto ha come missione proteggere il pianeta e le persone, perché è elettrica, così da rispettare l’ambiente e contribuire ad un futuro più sostenibile. Ora con (RED) la sua missione si estende. Insieme a (RED) vogliamo lottare anche contro le pandemie e questo è il doppio messaggio che vogliamo portare nel mondo.” Continua Francois: “Sono molto orgoglioso di celebrare proprio in questo mese i miei primi 10 anni alla guida di FIAT, dieci anni estremamente sfidanti, ma che festeggiamo con un grande risultato: attualmente FIAT è il primo brand di Stellantis in termini iNEWS

29


auto

di volumi, con 1 milione di veicoli già venduti nel 2021 ad oggi. Questo, insieme alla forza e alle risorse di Stellantis, ci fa guardare con ottimismo al futuro. In effetti, FIAT dal 2023 presenterà almeno un nuovo modello ogni anno, che avrà anche una sua versione completamente elettrica.” Ginevra Elkann, Presidente della Pinacoteca Agnelli, ha affermato: ”Il Lingotto è un luogo magico, iconico, simbolo dell’industrializzazione italiana, che ha saputo trasformarsi nel tempo per rispondere a nuove necessità. Quando ha cessato di essere un luogo di produzione, con il progetto di Renzo Piano fu restituito alla città, anche realizzando un incontro con l’arte: nello Scrigno in cristallo e lamiera, è stata collocata la collezione Giovanni e Marella Agnelli, creata per condividere la “gioia dell’arte”. Oggi, in questo nuovo inizio, il Lingotto si riconnette ulteriormente alla propria identità originaria. Qui si ritrovano tutti gli elementi della storia, in una nuova visione del mondo. Con la nuova Pinacoteca, la Casa 500 e la Pista 500 e il grande parco sospeso, pensato anche per accogliere sculture, il Lingotto disegna l’idea condivisa di un nuovo futuro: più consapevole, più sostenibile, e sempre in dialogo con l’arte e l’ambiente”. Bono, co-fondatore (RED), ha affermato: “Questa partnership con FIAT, Jeep e RAM è un’arma potente nelle mani di (RED) per la lotta contro le pandemie e contro la noncuranza che le alimenta. È difficile credere che a 15 anni dalla fondazione di (RED) si stia ora lottando contro un altro virus, di altrettanta entità... ma è ancora più dura vedere come il “virus” dell’ingiustizia, che da sempre contraddistingue la pandemia di AIDS, persista ancora durante il COVID. Meno del 5% della popolazione in Africa è completamente vaccinato, mentre i vaccini proliferano in Europa e America. Dobbiamo fare di più, e in fretta, per supportare le centinaia di milioni di persone che ancora non hanno accesso ai vaccini, alle terapie o non dispongono dei dispositivi di protezione a sufficienza. Perché finché questa pandemia non verrà sconfitta ovunque, nessuno potrà sentirsi al sicuro in nessun luogo”. Continua Bono: “Questo è davvero un grande momento per (RED). Una delle più iconiche aziende automotive al mondo vuole darci supporto nel cancellare il COVID-19 dalla faccia della terra, e con la Nuova (500)RED non avrà nemmeno bisogno di carburante, per farlo. Fiat vuole essere il più eco-sostenibile possibile unendosi a (RED), è questa è una ragione per sentirsi più vicini alla vetta”. Jennifer Lotito, Presidente e COO di (RED), ha affermato: “Questo è il 15° anniversario di (RED) e non potremmo essere più orgogliosi di lanciare una partnership così entusiasmante per i prossimi anni. La portata globale e l’energia creativa che tutto questo produrrà nella lotta al COVID e all’AIDS sono esattamente ciò che serve per aiutarci a mettere fine all’impatto devastante di queste malattie su così tanti milioni di persone. Siamo profondamente grati ai tanti team che hanno reso possibile il lancio di questo progetto ed il suo effetto futuro”. Casa 500 – Il futuro si ispira alle radici. Presente passato e futuro delle 3 generazioni di 500, attraverso la cultura di un Paese e la storia di una città Casa 500 è il nuovo spazio espositivo parte del complesso museale della Pinacoteca Agnelli, presieduta da Ginevra 30

iNEWS

Elkann. Un percorso immersivo di oltre 700 mq che, attraverso ricordi, emozioni e sogni, ripercorre la cultura e la storia di un paese e di una città che si intrecciano con la storia della 500. Molto più di un museo dell’auto, Casa 500 racconta il futuro del Brand FIAT partendo dalle sue radici: radici che sono appunto l’ispirazione per il futuro. Fil rouge è la “metamorfosi” di FIAT 500 attraverso le sue tre generazioni, un modello che ha fatto la storia dell’automotive e che, da sempre, ispira nuovi modi di pensare e di vivere. Un’ icona del nostro tempo che attraverso il suo evolvere racconta la cultura di un paese e la storia della sua città. Situata al quarto piano della Pinacoteca Agnelli e affacciata direttamente sulla pista del Lingotto, Casa 500 è uno spazio espositivo aperto, immerso nella luce e collegato alla pista sui quattro fronti grazie a grandi vetrate. Casa 500 è anche un luogo dove il rispetto dell’ambiente è il mantra che ha ispirato la realizzazione di tutti gli spazi e i materiali scelti per gli allestimenti, che seguono il principio sintetizzato nel concetto di “Reuse, Reduce, Recycle”: legno riciclato per tavoli, pedane e portali, pannelli che assorbono componenti volatili dell’aria, arredi riutilizzati o prodotti con plastiche recuperate in mare come il divano in filato “Seaqual®”, vernici eco friendly e antibatteriche. L’esposizione di Casa 500 si sviluppa intorno a un albero centrale altamente simbolico, anch’esso in legno riciclato. Un albero che rappresenta la continuità della storia, tra le radici - il passato - e il futuro. Ai piedi dell’albero il mascherone della leggendaria Fiat 500 del 1957 e una Nuova (500)RED, ultima “nata” della gamma della Nuova 500. Il percorso espositivo è suddiviso in 8 aree tematiche. Si parte con quella denominata Legacy, uno spazio immersivo tra foto e video che porta il visitatore agli inizi del viaggio, nel 1957: il futuro è a portata di mano e il mondo un territorio da conquistare a bordo delle tre generazioni di 500, nate dall’ingegno e dalla passione di talenti visionari. Segue Made of Italy, non una collezione di oggetti ma l’affermazione di stile. Dodici prodotti industriali che, come 500, si sono affermati grazie al loro design italiano che ha saputo coniugare il bello con l’utile. Un percorso attraverso il tempo e la creatività, oggetti per la vita quotidiana che sono diventati icone dell’immaginario collettivo ispirando modi di pensare e vivere e che in questo spazio sono divisi in tre aree: Boom, Ego ed Ethical. Boom fa riferimento agli anni Cinquanta, celebrati da Fellini ne “La dolce vita”. Lo spazio racconta di un Paese in piena trasformazione e in cerca di nuove opportunità. Le grandi imprese si riconvertono, le piccole si affidano a flessibilità e cura artigianale. E lo sviluppo economico che ne deriva è trainato dalla creatività italiana. Con un balzo di oltre mezzo secolo, si arriva nell’area Ego, siamo nel primo decennio del nuovo millennio. Le vie di comunicazione si smaterializzano grazie all’avvento di internet, dei cellulari e della posta elettronica, delle immagini digitali. È forte allora l’esigenza della personalizzazione, per affermare comunque una individualità che era ancora latente. Ethical è la sezione dedicata al decennio che stiamo vivendo: un periodo di grandi innovazioni tecnologiche, ma anche della riscoperta dei valori primari come la solidarietà e il rispetto dell’ambiente, messi in discussione da conflitti, logiche economiche, stravolgimenti www.inewsswiss.com


climatici ed epidemie. Il 2021 è anche l’anno del gruppo Stellantis, nato per dare nuovo impulso all’industria dell’automobile. E al suo interno, il marchio FIAT continua a esprimere valori assoluti di unicità e qualità. L’area Social relevance è la sezione che racchiude l’avvincente storia della 500 raccontata nei tre capitoli precedenti: Boom, l’esplosione economica del dopoguerra che ha spinto i consumi di massa; Ego, la 500 del 2007 protagonista del nuovo millennio digitale grazie alle sue infinite possibilità di personalizzazione; Ethical, il futuro dal 2020 in poi, con la Nuova 500 full electric che porta tutti nella prossima era della mobilità. Per gli appassionati della storia della comunicazione, c’è l’imperdibile sezione The poster collection, una raccolta di 12 poster e raffigurazioni pubblicitarie della prima 500, icona della motorizzazione dell’Italia. Nelle immagini riprodotte si respira l’atmosfera positiva di quegli anni, si vedono le famiglie nel tempo libero e negli impegni quotidiani. Con tante donne al volante: la piccola vettura diventa anche il simbolo dell’emancipazione femminile oltre che sinonimo di libertà e mobilità democratica. 3 generations è invece la sezione del confronto. Due preziose scatole del tempo che raccontano visivamente l’evoluzione della 500 e delle sue tre vite. Un’evoluzione che vede 500 nelle 3 generazioni sempre fedele a se stessa senza mai perdere il carisma dell’attualità. Sulla parete fa bella mostra di sé la carrozzeria sezionata a metà di un vero modello del 1957. Accanto sono esposti alcuni componenti della 500 del 2007: cerchi ruota, fari anteriori e posteriori, volante, plancia con infotainment e specchietto. Componenti industriali, parti dell’unico che è la 500, ma che per design, funzionalità, integrazione sono diventati immediatamente riconoscibili. Più in basso quegli stessi elementi provengono questa volta dalla Nuova 500 full electric del 2020: innovazione, funzionalità, design, tecnologia sempre con la personalità di 500. Due schermi multimediali compongono il Digital Counter. Una sezione interattiva con il diario di un’icona contemporanea: interviste, materiali di comunicazione, eventi, riconoscimenti che hanno reso FIAT 500 una star internazionale. Da ultimo si entra nella alla sezione Foreseeing the future. In questa area si ripercorre la storia di ieri, oggi e domani sullo sfondo della cornice del Lingotto che, nel suo lungo cammino, ha più volte cambiato radicalmente pelle. In origine fabbrica di automobili, quindi inevitabilmente con accesso limitato, una fabbrica in cui il lavoro dell’uomo era al centro del suo essere. Poi negli anni ’90 un primo passaggio importante, da luogo “inaccessibile” che custodiva segreti industriali, a luogo di aggregazione sociale, un centro commerciale multifunzionale. Oggi una nuova trasformazione, area museale e green dedicata alla nuova mobilità sostenibile, aperta al pubblico e pensata per la comunità. Infine, Casa 500 ospita l’esposizione temporanea “Green Obsession” dedicata al pensiero progettuale di Stefano Boeri Architetti – da sempre rivolto verso la convivenza della natura vivente con l’ambiente costruito – che ha ispirato la visione della città del futuro nella quale è stato ambientato il recente lancio della 500 elettrica. L’esposizione si presenta come una sequenza di video del Bosco Verticale di Milano: un edificio iconico, qui raccontato nel corso degli anni e delle stagioni, divenuto un nuovo modello planetario www.inewsswiss.com

di architettura verde e sostenibile. Alle immagini si aggiungono quattro modelli in scala 1:50 di boschi verticali – oggi in costruzione – concepiti dallo studio in tutto il mondo seguendo il prototipo milanese, dalla Trudo Vertical Forest di Eindhoven, primo Bosco Verticale realizzato in social housing e oggi costruito, al complesso di Wonderwoods di Utrecht, dalla Torre dei Cedri di Losanna al Bosco Verticale di Tirana. L’installazione dialoga con il contesto unico e suggestivo del Lingotto e si inserisce nel racconto del connubio tra innovazione e continuità con una lunga storia identitaria che la stessa Casa 500 rappresenta. Il progetto degli allestimenti di Casa 500 è del team di Lab71 architetti, capitanato dall’arch. Massimiliano Gotti Porcinari. La Pista 500, Sky Garden Oltre 40.000 piante per il giardino sospeso più grande d’Europa Un susseguirsi di fioriture e di colori a seconda delle stagioni, giochi di fogliami, di luci e di ombre, di pieni e di vuoti, di aromi che s’infondono nell’aria. Il sontuoso giardino pensile de La Pista 500 è tutto questo, nato là dove, un tempo, si provavano le vetture costruite nella fabbrica del Lingotto. Il giardino è un grande innesto di natura nella città, un esempio di green architecture realizzato su un edificio simbolico per Torino e per la sua storia, ora fruibile da tutti i cittadini che, qui, possono rilassarsi distaccati dalla metropoli che li circonda. La Pista 500 nasce come uno spazio per tutti. Ma il progetto de La Pista 500 apre anche una nuova strada all’archeologia industriale, diventando esempio di cultura naturalistica, che accoglie e interpreta i valori ambientali più attuali: dall’ecologia al risparmio energetico, alla componente sociale. Opera dell’architetto Benedetto Camerana, con la collaborazione specialistica di Cristiana Ruspa dello Studio Giardino segreto per la parte botanica, il progetto si distribuisce lungo tutto l’anello di 1,2 km, ma non si esaurisce nella semplice creazione di un grande giardino a 28 metri di altezza. La storia del luogo viene, infatti, salvaguardata e rielaborata, e oggi l’antica pista rivive, percorribile esclusivamente da veicoli a propulsione elettrica, oltre che da biciclette e monopattini: un unicum nel suo genere. Come i giardini barocchi erano progettati secondo aree tematiche, anche questa versione contemporanea segue la stessa logica, proponendo numerosi spazi, uno diverso dall’altro: dalla meditazione allo yoga, dalla pista per la corsa all’area fitness, dalle infografiche sul paesaggio e sui monumenti della città, agli spazi per l’arte, in cui sono attualmente ospitate in anteprima anche 9 grandi sculture di alcuni dei massimi scultori del Novecento, anticipazione della mostra temporanea “Fondazione Maeght. Un atelier a cielo aperto” che si terrà alla Pinacoteca Agnelli a partire dal 15 ottobre. A queste zone si aggiungono le cinque aree tematiche in cui sono suddivise, a loro volta, le specie botaniche autoctone: “noccioleto”, “piante didattico-tintorie”, “piante edibili”, “erbacee arbustive” e “meditazione”. In un mondo che riscopre il valore della natura non bisogna dimenticare quello che le piante fanno per le persone, a partire dalla capacità di fornire nutrimento, o di aiutare la meditazione come nel caso delle piante aromatiche. La sistemazione di queste ultime è stata curata in particolare dal Gruppo Zegna, partner di FIAT e grande iNEWS

31


auto

realtà manifatturiera particolarmente attenta alla salvaguardia dell’ambiente, che nel 1993 ha fondato l’Oasi Zegna, un Parco naturale che si estende per 100 Km² nelle Alpi Biellesi. Il giardino in dettaglio Il giardino si sviluppa come parco lineare contemporaneo con 28 grandi isole che coprono poco più di 7.000 metri quadrati dei 27.000 disponibili. Ospita più di 40 mila piante appartenenti a 300 specie e varietà scelte con un criterio ecologista, per cui ci sono solo piante delle zone piemontesi e limitrofe, distribuite anche secondo le variazioni di colore stagionali. Si tratta in maggior parte di erbacee perenni, piante con una crescita e una resa molto veloci. Basti pensare ai prati di montagna che appena si scioglie la neve si trasformano in un tripudio spontaneo di fiori, texture e volumi differenti. Per la loro coltivazione sono state adottate tecniche di nuova concezione che hanno drasticamente ridotto il consumo di acqua e di fertilizzanti: anche questa scelta è stata dettata da criteri di sostenibilità. Infatti dopo pochi mesi il giardino è già abitato da numerose specie di farfalle e coleotteri: una vera iniezione di biodiversità. Al noccioleto è dedicata un’area tematica a se stante. Il Piemonte è ricco di noccioli, arbusti decidui con fogliame rosso porpora, che crescono piuttosto rapidamente in tutti i terreni, anche quelli secchi, poveri e calcarei. Da questa frugale e nobile pianta si ricava la celebre crema gianduia, a base di cioccolato e, appunto, nocciole. L’area didattica ospita le specie tintorie e la tintura naturale, un tempo unico modo per colorare le stoffe, oggi sta tornando in auge per il suo aspetto ecologico e creativo. Ogni vegetale ha il suo rapporto con terra e luce, dando luogo a tonalità originali. Dalle specie edibili una lezione di giardinaggio: hanno bisogno di un suolo ben drenato con sabbia e pietrisco e poche bagnature in estate. Una volta piantumate e superato il periodo di recupero iniziale, si abituano a non ricevere più acqua dall’innaffiatura e diventano crescendo sempre più resistenti a malattie e parassiti. Nelle piante erbacee e arbustive il gioco di colori e di volumi che si sussegue al variare delle stagioni mette in secondo piano persino le fioriture. Nell’area loro dedicata, il fruscio del vento tra le foglie e le geometrie dei rami agitati dall’aria aggiungono una nota in più di benessere. La meditazione non è solo questione di appagamento visivo, ma di armonia interiore. Così, oltre alle improvvise nuance e alle geometrie multiformi che rami e foglie formano tra un alito di vento e l’altro, anche il profumo delle aromatiche induce al rilassamento e a mettere in contatto profondo l’uomo e la natura. (500) RED Family – (RED)EFINE YOUR FUTURE AND SAVE LIVES FIAT, Jeep e RAM hanno stretto una partnership con (RED) impegnandosi a devolvere, tra il 2021 e il 2023, almeno 4 milioni di dollari a sostegno dell’importante opera svolta dal Global Fund nella lotta contro le pandemie, tra cui l’AIDS e il COVID-19. Da oggi, ciò significa che ogni veicolo (FIAT)RED acquistato della serie speciale della Famiglia (500)RED è il più etico e rilevante di sempre. (RED) è stata fondata nel 2006 per spronare aziende e singole persone a unirsi per sconfiggere definitivamente l’AIDS. Attualmente (RED)

32

iNEWS

è impegnata nella lotta contro due malattie pandemiche, l’AIDS e il COVID-19, e ha raccolto poco meno di 700 milioni di dollari a favore del Global Fund. Tale somma ha consentito di aiutare oltre 220 milioni di persone, e la cifra che FIAT, Jeep e RAM si è impegnata a devolvere consentirà di finanziare altri programmi salvavita nei luoghi in cui c’è maggiore bisogno. Grazie alla partnership con (RED), FIAT, Jeep e RAM si unisce alla lotta contro le pandemie e offre ai propri clienti l’opportunità di fare altrettanto. Nuova (500)RED La Nuova (500)RED è l’hero della serata. La vettura è nata dalla collaborazione tra FIAT e (RED) per diffondere il messaggio condiviso di- cura per l’ambiente, per il pianeta e per le persone. Dalla convinzione che tutti possiamo fare la nostra parte nella lotta contro le pandemie e che quindi ciascuno di noi può guidare il cambiamento, deriva la scelta inusuale nel panorama automobilistico di avere un colore dedicato al sedile del guidatore: il rosso, in abbinamento agli altri tre sedili passeggeri neri. Una provocazione, un messaggio, un invito: siate “pronti” a mettervi alla guida del cambiamento. Per chi preferisce invece l’uniformità cromatica, sono comunque disponibili i sedili tutti neri con logo (500)RED rosso a contrasto, o tutti rossi con logo nero. FIAT mira a veicolare il messaggio di (RED) al più ampio pubblico possibile, per questo la serie speciale è disponibile sulla Famiglia 500 al completo: Nuova (500)RED, (500)RED e (500X)RED avranno pertanto il colore rosso come elemento distintivo e caratterizzante sia per quanto riguarda gli esterni (a partire dalla carrozzeria, per arrivare ai loghi, alle calotte specchio e ai dettagli sui cerchi) sia per gli interni (la fascia plancia, i dettagli dei sovratappeti e gli esclusivi sedili realizzati utilizzando il filato “Seaqual®” derivato dalla plastica recuperata dagli oceani, con la firma FIAT e il logo (500)RED sullo schienale). Il rosso non sarà comunque il solo colore della serie speciale (RED), infatti la palette di tinte carrozzeria prevede altri colori specifici per ciascun modello. Tutti i modelli della Famiglia (500)RED sono dotati di un filtro dell’aria trattato con una sostanza biocida ad azione altamente efficace (>99,9%) contro virus e batteri, in gradi di impedirne la ri-aerosolizzazione all’interno dell’abitacolo. Inoltre le superfici di alcuni elementi degli interni, con cui i clienti hanno maggior contatto come il volante, i sedili e l’interno del baule hanno ricevuto un trattamento antimicrobico ad azione altamente efficace (fino al 99,9% a seconda dei componenti) contro virus e batteri, che permette al cliente di sentirsi più al sicuro a bordo. Ogni vettura della Famiglia (500)RED è accompagnata da un Welcome Kit che comprende un dispenser per gel disinfettante e la cover chiavi dedicata per un ultimo tocco di personalizzazione. Nello stesso kit i clienti della Nuova (500)RED troveranno anche un’esclusiva lettera firmata da Olivier Francois e Bono Vox che dà il benvenuto nella community (RED). La Nuova (500)RED presenta ulteriori elementi distintivi fortemente caratterizzati che la rendono immediatamente riconoscibile, a partire proprio dal logo frontale 500 e da quello FIAT sul portellone che, per la prima volta, si tingono di rosso come tributo a (RED). Anche il badge dedicato posto alla base del finestrino posteriore e il logo 500 posto al centro del volante premium con rivestimenti Soft

www.inewsswiss.com


Touch sono un ulteriore richiamo alla partnership. La gamma colori, oltre al nuovo ed esclusivo Red by (RED), prevede il Mineral Grey, l’Ice White e l’Onyx Black. Un ulteriore insolito tocco (RED) coinvolge il pedale dell’acceleratore in alluminio anodizzato rosso, disponibile in abbinamento alla combinazione di interni con sedili passeggeri neri e sedile guidatore rosso. La Nuova (500)RED è disponibile in due carrozzerie, hatchback e cabrio con capote nera, e con due range di autonomia: un e-motor con potenza da 70 kW da 95 cv con autonomia fino a 190 km (ciclo WLTP) e uno di 87 kW da 118 cv e autonomia fino a 320 km (ciclo WLTP). La (500)RED è basata sulla versione Dolcevita e, insieme ai particolari comuni a tutta la Famiglia (500)RED, vede il logo (500)RED su entrambi i montanti. La (500)RED Hybrid è disponibile nei colori Grigio Pompei, Bianco Gelato e Nero Cinema, oltre ovviamente al Rosso Passione. Questa versione è inoltre impreziosita da dettagli cromati su griglia frontale, baffi anteriori e maniglie porta, mentre a livello di infotainment presenta la radio touchscreen da 7” con Apple CarPlayTM e Android AutoTM e cerchi in lega da 16’’. Disponibile in versione hatchback con tetto in vetro panoramico e cabrio con capote nera, monta un motore Mild Hybrid 1.0 da 70 cv. La (500X)RED è basata sulla versione Cross ed è disponibile sia hatchback sia in versione open air con soft-top Dolcevita nero. Sui montanti della portiera anteriore il logo (500)RED a completamento dei particolari comuni a tutta la serie speciale (RED). La palette colori, in aggiunta alla livrea Rosso Passione, prevede il Grigio Moda, Bianco Gelato e Nero Cinema sempre con particolari rossi. Gli interni sono caratterizzati da un’elegante tonalità scura e i sedili neri sono impreziositi dal cadenino rosso con cuciture rosse sull’ appoggiabraccio. La connettività è garantita dal sistema Uconnect con schermo touchscreen da 7” e navigazione integrata con Apple CarPlayTM e Android AutoTM, i cerchi in lega sono da 19”. Completano l’equipaggiamento i sensori di parcheggio, i sensori crepuscolari, i fendinebbia e l’aria condizionata automatica. La vettura è disponibile in due motorizzazioni a benzina – i Firefly da un litro e 120 CV e 1,3 litri da 150 CV – e due diesel Multijet da 1,3 litri e 95 CV e 1,6 da 130 CV. Monopattino elettrico (500 Iride)RED La Famiglia (500)RED ha un optional in più, non una nuova feature o un dettaglio di design ma un sistema di mobilità complementare che rende anche l’ultimo miglio sostenibile. Infatti insieme alla serie speciale è disponibile il monopattino elettrico (500 Iride) RED, realizzato da Mopar. “500 Iride”, il cui nome prende spunto dagli iconici fari rotondi della 500, è una soluzione - sostenibile per i commuter: pensato per essere alloggiato perfettamente nel bagagliaio della 500, questo monopattino elettrico consentirà una mobilità sostenibile e comoda anche per l’ultimo tratto del viaggio verso il cuore delle città. Il monopattino elettrico “500 Iride” è pieghevole, pesa 15 kg, il che lo rende facile da trasportare ovunque. Ha un’autonomia fino a 30 km, e una velocità massima di 25 km/h*, e si ricarica in solo 4,5 ore con il caricatore domestico incluso. Inoltre grazie all’app dedicata si possono visualizzare le informazioni e gestire le impostazioni e la condivisione direttamente dallo smartphone. *la velocità massima può variare da Paese a Paese in base alle regolamentazioni locali. “Planting the seeds of our future” – Un evento a basso impatto ambientale Coerentemente con l’intero progetto, anche l’evento di lancio è stato studiato e realizzato per avere il più basso impatto ambientale, oltre a rispondere a criteri di sostenibilità. Ecoevents, in collaborazione con Legambiente, ha certificato la manifestazione come “low emission

www.inewsswiss.com

sustainable event”, grazie all’impegno di seguire il criterio “Reduce, Recycle, Reuse”, scegliendo strutture e tecniche locali e riutilizzate, e materiale, sia legato alla comunicazione dell’evento che consegnato agli ospiti, stampato su supporti riciclati. Ma non solo: il trasporto dei materiali è stato effettuato con mezzi elettrici e la scelta dei fornitori è stata dettata dalla prossimità al luogo dell’evento. Inoltre anche la logistica degli ospiti è stata oggetto di attenzione, grazie all’utilizzo di navette elettriche del Gruppo Stellantis, messe a disposizione da Leasys, e all’utilizzo del servizio navetta da e per gli aeroporti di LeasysGO!, il car sharing totalmente elettrico dedicato alla Nuova 500, ecosostenibile e free-floating, disponibile a Torino, Milano e Roma. Non ultimo sono state scelte strutture alberghiere che avessero certificazione di basso impatto ambientale per tutte le utenze e i servizi. Un passo ulteriore, coerente e concreto, per contribuire a un futuro migliore. Perché ciascuno può guidare il cambiamento. La campagna di comunicazione (500) RED La campagna di comunicazione dedicata alla Nuova (500) RED prevede un video e uno spot. Il video, intitolato (RED)UCE, è uno spot di effetto, visivamente provocatorio, che mostra tutto ciò che la Nuova (500)RED ha da offrire. Utilizzando il collegamento concettuale con (RED)UCE, il video evidenzia la responsabilità sociale della vettura per quanto riguarda la salvaguardia dell’ambiente e la lotta alle pandemie. Incoraggia i potenziali consumatori a diventare parte del cambiamento, culminando nella tagline “Made for the Planet, made for its People”. Il video, ideato dall’Agenzia Migrante, è stato realizzato dalla casa di produzione Buddy Film, con la regia di Leonardo Ricagni. Lo spot invece si basa sul concetto di cura. Quando pensiamo a una 500, non pensiamo a un’auto familiare. Eppure, la Nuova (500)RED è l’auto che più di ogni altra si prende cura della famiglia: quella più grande che ci sia e a cui tutti apparteniamo. Proprio come dichiara il claim di campagna: “Made for the planet. Made for its people.” Ed è esattamente questo il concept raccontato dal nuovo film, attraverso un voice over che si interroga: “Quante persone può trasportare un’auto così piccola?” La risposta è soprattutto nelle immagini. Un numero sempre più grande di persone, di ogni genere e provenienza geografica, che vediamo avvicinarsi all’auto come se avessero tutte l’intenzione di salirci. Metaforicamente il mondo intero, che quest’auto è in grado di portare verso un futuro migliore. Ideato dall’agenzia Leo Burnett, il video è stato realizzato dalla casa di produzione Buddy Film per la regia di Federico Brugia. (RED) (RED), che prende il nome dal colore dell’emergenza, è stata fondata da Bono e Bobby Shriver nel 2006 per trasformare le aziende in un’arma nella lotta contro l’AIDS. Oggi, quello stesso esercito di aziende sta anche combattendo la minaccia urgente del COVID e il suo impatto devastante sulle comunità più vulnerabili nel mondo, soddisfacendo la necessità di una risposta realmente globale. (RED) collabora con i brand e le personalità più iconiche per creare prodotti ed esperienze (RED), che raccolgono fondi per il Global Fund, uno dei maggiori finanziatori mondiali della salute globale. I partner (RED) includono: Amazon, Anova Culinary, Apple, Balmain, Bank of America, Beats by Dr. Dre, Buffalo Games, Claro, eos, Girl Skateboards, The Honey Pot Co., Louis Vuitton, Mavin Records, Montblanc, Primark, Salesforce, Starbucks, FIAT, Jeep, RAM, Telcel, Therabody, TRUFF, U-Mask e Vespa. I sostenitori (RED) includono Merck e Roche. Ad oggi, (RED) ha raccolto poco meno di 700 milioni di dollari per il Global Fund, aiutando più di 220 milioni di persone. Il denaro raccolto dai partner e dalle campagne (RED) va direttamente a rafforzare i sistemi sanitari e a sostenere programmi salvavita nelle comunità in cui le pandemie colpiscono più duramente.

iNEWS

33


auto

HYUNDAI KONA ELECTRIC SUPERA LE 100 000 UNITÀ VENDUTE IN EUROPA

K

ONA Electric gode di crescente popolarità in Europa Un modello KONA su quattro venduti in Europa è una KONA Electric La popolarità in aumento del SUV ultracompatto elettrico totale riflette una tendenza generale Hyundai KONA Electric sta godendo di un’impennata di popolarità in Europa, dove un modello KONA su quattro venduti è una KONA Electric. Ciò su un totale di quattro varianti KONA che includono KONA Hybrid, KONA Electric e i due modelli a combustione interna KONA e KONA N. Ad oggi, in tutto il mondo sono state vendute oltre 142 000 KONA Electric, incluse oltre 100 000 unità in Europa dal suo lancio nel 2018. «La straordinaria popolarità di KONA Electric in Europa dal suo lancio nel 2018 ha superato tutte le aspettative» afferma AndreasChristoph Hofmann, vice presidente Marketing e Prodotto di Hyundai Motor Europe. «Centomila unità vendute in Europa è un traguardo enorme e sono felice per il team Hyundai che ha contribuito all’ottenimento di questo exploit. Questo ci avvicina di un ulteriore passo al nostro obiettivo, ossia vendere un milione di BEV a livello globale entro il 2025.» KONA Electric: il primo SUV ultracompatto elettrico totale d’Europa 34

iNEWS

Con il lancio di KONA Electric nel 2018, Hyundai è stata la prima casa automobilistica a fondere le due tendenze più in voga nel settore per il mercato europeo: una catena cinematica totalmente elettrica e uno stile di carrozzeria SUV ultracompatto. KONA Electric si distingue per il suo potente motore elettrico, la grande autonomia e l’aspetto elegante: il tutto a un prezzo accessibile. Propone la scelta tra due motori elettrici: la versione a lungo raggio con batteria da 64 kWh e autonomia di 484 chilometri o la versione a raggio standard con batteria da 39,2 kWh e autonomia di 305 chilometri. Il modello ha percorso fino a 790 chilometri in ciclo urbano con una singola carica (dati documentati). Inoltre KONA Electric ha stabilito un record di autonomia di 1026 chilometri sul circuito di Lausitzring in Germania. KONA Electric è l’auto perfetta per i clienti che cercano la praticità del SUV senza lo svantaggio delle emissioni locali. Nel 2020, è stato il secondo modello Hyundai a ricevere cinque stelle nella valutazione Green NCAP, dopo la IONIQ Electric nel 2019. All’inizio dell’anno, Autocar ha inoltre classificato la KONA Electric tra le migliori auto elettriche per famiglie. Nel mese di marzo 2020 Hyundai ha iniziato la produzione della www.inewsswiss.com


KONA Electric nello stabilimento europeo Hyundai Motor Manufacturing Czech (HMMC), in aggiunta allo stabilimento di produzione principale dell’azienda a Ulsan, Corea del Sud. I vantaggi della produzione europea includono la fornitura regolare ad alcuni dei mercati di maggior successo, tempi di consegna più brevi e una produzione rispettosa dell’ambiente in futuro. Nell’ambito dell’impegno di Hyundai per raggiungere la neutralità carbonica entro il 2045, una strategia recentemente annunciata alla IAA di quest’anno, HMMC diventerà il primo stabilimento dell’azienda a passare nel 2022 al 100% di energia rinnovabile. Il tour europeo di sostenibilità del DAN dimostra che la guida di un veicolo elettrico non incontra più ostacoli in Europa L’8 giugno, Giornata mondiale degli oceani, la fondazione senza fini di lucro che assiste i subacquei in difficoltà Divers Alert Network (DAN) Europa è partita per il tour europeo di sostenibilità con gli ambasciatori Alana Alvarez e Manuel Bustelo al volante di una KONA Electric. Lo scopo del tour è promuovere stili di vita e pratiche sostenibili che proteggano gli oceani e i corsi d’acqua europei. Gli ambasciatori volevano che il loro veicolo riflettesse questi valori e per questo hanno scelto un veicolo elettrico a batteria totalmente privo di emissioni locali. Attualmente gli ambasciatori hanno superato la metà del loro viaggio, partiti dalla sede italiana di DAN Europa hanno raggiunto Capo Nord in Norvegia. Il miglioramento dell’autonomia e l’infrastruttura di ricarica diffusa fanno sì che i conducenti di veicoli BEV non siano più limitati da lunghe soste per ricaricare le batterie, rendendo i veicoli elettrici una buona scelta anche per i lunghi viaggi. La KONA Electric da 64 kW guidata dai membri di DAN Europa ha un’autonomia stimata di 484 chilometri, secondo WLTP. «La KONA Electric ci è sembrata la decisione giusta per questo viaggio. Oltre alla scelta di guidare un veicolo elettrico rispettoso dell’ambiente, ci serviva un’auto sicura, affidabile e molto efficiente. Inoltre, durante la ricerca di un veicolo elettrico per il nostro tour, abbiamo scoperto che Hyundai Motor condivide la nostra visione di un futuro sostenibile e di protezione dell’ambiente. La visione di Hyundai Motor è in perfetta sintonia con lo scopo del nostro tour.» afferma Manuel Bustelo, ambasciatore di DAN Europa. «L’aumento delle temperature negli oceani e l’acidificazione sono legati alle emissioni di CO2. Ci siamo messi in viaggio per dimostrare che girare l’Europa con un’auto elettrica è assolutamente possibile. Grazie all’autonomia accresciuta e a infrastrutture di ricarica diffuse, abbiamo affrontato il nostro tour al volante della KONA EV con un senso di fiducia. Abbiamo già percorso 15 000 km e ci aspettano altri tre mesi di guida spensierata» aggiunge Alana Alvarez, ambasciatrice di DAN Europa. Possedere un veicolo elettrico a batteria: tendenza in aumento in Europa La popolarità della KONA Electric è in linea con la tendenza generale. La domanda di veicoli elettrici a batteria (BEV) è in costante aumento in Europa. Le nuove immatricolazioni di auto elettriche nel 2020 sono raddoppiate rispetto al 2019, secondo l’European Electric Car Flash Report (giugno 2021). Solo nei primi cinque mesi del 2021 sono stati immatricolati in Europa 355 000 nuovi BEV, più di quelli immatricolati durante l’intero 2019. Mentre i costruttori ampliano le loro offerte per soddisfare gli obiettivi di CO2, si prevede che il mercato BEV in Europa raggiunga un milione di modelli venduti entro la fine del 2021.

www.inewsswiss.com

Conferma questa tendenza anche l’Electric Vehicle Sales Review, il quale riferisce che il mercato BEV nelle regioni centrali europee è cresciuto del 147 per cento su base annua nella prima metà del 2021, con un totale di 336 000 unità vendute. Inoltre, possedere un BEV è più semplice e più conveniente che mai, con diversi paesi in tutta Europa che incentivano l’acquisto di veicoli privi di emissioni locali mediante generose sovvenzioni, mentre il numero di colonnine di ricarica elettrica in Europa aumenta ogni anno. Riconoscendo l’importante ruolo dell’infrastruttura di ricarica nell’incoraggiare l’uso della tecnologia BEV, l’anno scorso Hyundai Motor Group è diventato azionista di IONITY, la principale rete di stazioni di ricarica ad alta potenza in Europa. L’ansia per l’autonomia e le preoccupazioni per i tempi di ricarica sono alcuni dei principali fattori che trattengono i potenziali clienti dall’acquisto di un veicolo elettrico, per cui costruire una fitta rete di stazioni di ricarica rapida in tutta Europa dovrebbe incoraggiare la scelta di guidare un BEV. IONITY è anche uno dei partner del tour europeo di sostenibilità del DAN. «Per Hyundai, portare più veicoli elettrici a batteria sul mercato significa raggiungere un maggior numero di potenziali clienti» commenta Andreas-Christoph Hofmann, vice presidente Marketing & Prodotto di Hyundai Motor Europe. «Nei prossimi anni lanceremo ancora più modelli elettrici per soddisfare una fascia più ampia di stili di vita della clientela, facilitando ancor più il passaggio a veicoli senza emissioni locali per un futuro più verde. Questo ci aiuterà a raggiungere il nostro obiettivo: rendere accessibili a tutti le soluzioni di mobilità intelligente e sostenibile.» Hyundai Motor introdurrà 12 nuovi BEV in quattro anni KONA Electric non è l’unico veicolo elettrico a batteria della gamma Hyundai. All’inizio di quest’anno la casa automobilistica ha lanciato IONIQ 5, un CUV innovativo elettrico totale e il primo modello della nuova gamma a marchio IONIQ. La Hyundai IONIQ originale, lanciata nel 2016, è stata la prima auto a essere proposta con la scelta di tre sistemi propulsivi elettrificati: ibrida, ibrida plug-in ed elettrica a batteria. Iniziando con IONIQ 5, Hyundai prevede di introdurre 12 nuovi BEV entro il 2025. L’azienda mira anche a vendere 560 000 veicoli elettrici all’anno entro il 2025. Hyundai Motor Group, che comprende Kia e Genesis, offrirà un totale di 23 BEV entro il 2025 e prevede di vendere un milioni di unità all’anno nei mercati globali. L’azienda intende elettrificare completamente la sua intera gamma in Europa entro il 2025 e la sua intera gamma a livello globale entro il 2040. Inoltre, entro il 2040, Hyundai punta a raggiungere una quota pari all’otto-dieci per cento del mercato globale dei veicoli elettrici. Aumentando la sua offerta di soluzioni di mobilità sostenibile incentrate sul cliente, Hyundai si avvicina ulteriormente al traguardo della sua visione di «progresso per l’umanità». L’obiettivo è migliorare la vita delle persone adottando un approccio alla mobilità incentrato sull’uomo. I BEV come KONA Electric offrono una soluzione ideale, in quanto l’autonomia tra le migliori del segmento e le funzioni di sicurezza e connettività evolute li rendono perfetti per diversi stili di vita, mentre il sistema propulsivo elettrico totale e privo di emissioni locali rende il mondo un posto migliore per le generazioni future.

iNEWS

35


communication

ISABELLE ZIMMERMANN WIRD NEUE VERWALTUNGSRÄTIN DER MIGROS BANK

Die Generalversammlung der Migros Bank AG wählte Isabelle Zimmermann per 1. Januar 2022 in den Verwaltungsrat. Als Finanzchefin der Migros-Gruppe übernimmt sie die Nachfolge von Jörg Zulauf, der nach mehr als 20 Jahren in Pension geht.

I

sabelle Zimmermann wurde per Anfang Jahr zur Finanzchefin der Migros-Gruppe ernannt und folgt damit auf Jörg Zulauf. Gleichzeitig wurde sie neu in den Verwaltungsrat der Migros Bank gewählt, aus dem Jörg Zulauf ausscheidet. Jörg Zulauf wird ordentlich pensioniert, nachdem er seit 2000 Finanzchef der Migros-Gruppe und VerwaltungsratsVizepräsident der Migros Bank war. Es ist vorgesehen, dass der neu zusammengesetzte Verwaltungsrat Isabelle Zimmermann zu seiner neuen Vizepräsidentin wählen wird. Isabelle Zimmermann arbeitete seit 2004 in verschiedensten Finanzfunktionen bei der Hilti-Gruppe, zuletzt als Head of Corporate Audit and Risk Management in Schaan, Liechtenstein. Zuvor war sie für Ernst & Young in der Unternehmens- und Pensionskassenprüfung tätig. Isabelle Zimmermann verfügt über Abschlüsse unter anderem in Wirtschaftspädagogik (Mag. rer. soc. oec.) der Universität Innsbruck sowie als eidgenössisch diplomierte 36

iNEWS

Wirtschaftsprüferin an der Treuhandkammer Bern. Mit der Zuwahl von Isabelle Zimmermann präsentiert sich der Verwaltungsrat der Migros Bank seit 1. Januar 2022 wie folgt: - Präsident Fabrice Zumbrunnen (Präsident der Generaldirektion des Migros-Genossenschafts-Bundes) - Designierte Vizepräsidentin Isabelle Zimmermann (Leiterin des Departements Finanzen und Mitglied der Generaldirektion des Migros-Genossenschafts-Bundes) - Irene Billo (Mitarbeitervertreterin) - Peter Meier (Prof. em. an der Zürcher Hochschule für Angewandte Wissenschaften) - Isabel Stirnimann Schaller (Rechtsanwältin) - Bernhard Kobler (Verwaltungsrat und Stiftungsrat) - Michael Hobmeier (Unternehmer)

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

M

U

S

I

C

VASCO ROSSI SIAMO QUI


musica

FRANCESCO RIZZUTI

GLI ALBUM IN ARRIVO

D

opo un periodo avaro di novità musicali, anche a causa della pandemia, ci si prepara ad un autunno/ inverno ricco di uscite. A settembre, ad esempio, sono stati rilasciati il nuovo album di J-Ax, Surreale, pubblicato in diverse versioni, che uniscono le varie anime del rapper milanese. Una versione rimasterizzata di Genesi, opera capolavoro di Franco Battiato del 1987. Beat Coin, un progetto che raduna alcuni artisti del mondo rap/trap/urban italiano. Una riedizione di Concerto: One night in Central Park, che festeggia il decimo anniversario del concerto-evento newyorkese di Andrea Bocelli. E Jazz a casa di Ida Rubinstein dell’indimenticata Giuni Russo, in una versione doppio cd + doppio dvd. Il nuovo disco di Lorenzo Krueger (Singolarità), di Nonnomattia (Ep-sodio 1), Laïoung (Vox Popoli), Erica Mou (Nature), cantato in italiano, inglese, francese e dialetto pugliese. L’atteso album d’esordio Blu celeste di Blanco, giovane artista che con solo 8 brani, tra singoli e collaborazioni, ha già collezionato 200 milioni di stream, 10 dischi di platino e 1 disco d’oro. I dischi di due grandi cantautori quali il romano Mannarino (V) e il monzese Davide Van De Sfroos (Madeer Folk). Rilasciati a settembre pure Parola di Giovanni Caccamo. È già domani dei Fast Animals and Slow Kids. Ambizione di Lele Blade. Tropitalia di Mario Venuti. Siamo gocce di mare di Sal Da Vinci. Sotto cassa di Carl Brave. Volevo fare la rockstar di Carmen Consoli. Non esiste amore a Napoli, album d’esordio di Tropico. Taxi Driver

38

iNEWS

– Mtv unplugged di Rkomi. DOCET: 2016-2017 di Gianni Bismark. Mentre ad ottobre hanno visto la luce The last gate del pianista e compositore Cesare Picco. Flop di Salmo. Future Memorabilia degli Oliver Onions. Ho cambiato tante case di Tiromancino. Il repack de Il cielo contromano su Giove di Deddy. Tutto accade di Alessandra Amoroso. Solo di Ultimo. Alma di Gaia, la cantante italo-brasiliana ultima vincitrice di Amici, il fortunato talent show di Canale 5. Giocattoli marevigliosi di Renzo Rubino. Una speciale edizione celebrativa de La torre di babele, (1976), album iconico di Edoardo Bennato. Novembre, invece, sarà il mese del ritorno de Il Volo, con il loro tributo a Ennio Morricone e di Vasco Rossi, con Siamo qui, anticipato dal brano Una canzone d’amore buttata via. Entro la fine dell’anno arriveranno, infine, il nuovo disco di Fedez, dei Måneskin (che forse si intitolerà Teatro D’ira Vol. 2), di Elodie, il nuovo dei Negramaro, di Elisa, di Giorgia (reduce dal progetto di cover Pop heart), di Marco Mengoni, preannunciato dal successo radiofonico di Ma stasera, di Tommaso Paradiso, che dovrebbe finalmente rilasciare Sulle nuvole, album pronto già da diverso tempo, ma tenuto nel cassetto a causa della pandemia per volontà del cantautore romano. Attesissimo anche il nuovo disco di Eros Ramazzotti, mentre per Laura Pausini si parla del 2022, in concomitanza, o quasi, con l’uscita del docufilm sulla sua vita.

www.inewsswiss.com


musica

Auf dem Bild v.l.n.r.: Nadja Tomovski (Product Manager Domestic, Sony Music Switzerland), Simon Müller (Director Commercial & Business Development, Sony Music Switzerland), Fabio Menzi (Management, FM Music Group), Nick Hofstetter (Management, FM Music Group), Julie Born (Managing Director, Sony Music Switzerland), Loco Escrito, Anja Küng (Head of Marketing & Promotion, Sony Music Switzerland), Henrik Amschler (Produzent HSA), Christoph Kammermann (Head of A&R, Sony Music Switzerland)

LOCO ESCRITO

U

nd schon wieder dürfen Loco Escrito und sein Team einen Erfolg zusammen mit Sony Music feiern. Nachdem bereits die Singles “Adiós” und “Punto” vom Debütalbum “Estoy Bien” mit Doppelplatin ausgezeichnet wurden, hat mit «Mi Culpa» bereits die dritte Single vom Debütalbum mit über 40‘000 verkauften Einheiten in der Schweiz Doppelplatin-Status erreicht. “Mi Culpa” erschien Ende Oktober 2018 und hielt sich 25 Wochen in den Schweizer Singlescharts. Produziert wurden die Single und das gesamte Album von Henrik Amschler (HSA). Das Album «Estoy Bien» wurde kurz vor dem Start der Pandemie am 31. Januar 2020 veröffentlicht und ist direkt auf Platz 1 der offiziellen Schweizer Album Charts eingestiegen und wurde bereits mit Platin ausgezeichnet. Nach dem eindrücklichen Erfolg seines Debütalbums veröffentlicht Loco Escrito am 8. April 2022 sein zweites Album «FERNANDO». Dieses ist seinem, im Frühling dieses Jahres, verstorbenen Vater gewidmet, der dem Latin-Star stets vorgelebt hat, sich selbst treu zu bleiben und gross zu träumen. Mit «FERNANDO» möchte Loco Escrito seine musikalische Bandbreite aufzeigen, ohne sich dabei untreu zu werden.

www.inewsswiss.com

iNEWS

39


musica PINA BEVILACQUA

E

sce il primo album di cover di Zucchero Fornaciari, in cui la pop star reinterpreta brani iconici del panorama musicale italiano e internazionale. Un modo per scoprire nuove sfumature del suo stile inconfondibile e per riscoprire successi che hanno scritto la storia di tutti noi. Nella tracklist di Discover troviamo, infatti, Amore adesso (No Time for Love Like Now di Michael Stipe); Canta la vita (Let Your Love Be Known di Bono); The scientist (Coldplay); Wicked game (Chris Isaak); Luce (Tramonti a Nord Est) (Elisa); Follow you follow me (Genesis); Natural blues (Moby); Fiore di Maggio (Fabio Concato); Human (Rag’n’Bone Man); Con te partirò (Andrea Bocelli); High flyin’ bird (Jefferson Airplane); Ho visto Nina volare (F. De André); Lost boys calling (Roger Waters). Importanti anche le collaborazioni realizzate per questo nuovo, sorprendente progetto musicale. Che vede “Sugar” duettare con l’amico Bono Vox degli U2 in Canta la vita, la versione italiana di Let Your Love Be Known, che Zucchero ha scritto ispirato dal primo lockdown in Italia. Con Elisa in Luce (Tramonti a Nord Est), la canzone che scrissero insieme e che la cantante friulana portò nel 2001 al Festival di Sanremo. Con Mahmood in Natural Blues, una versione di Natural Blues (Vera Hall) di Moby. Inoltre con Discover il grande rocker emiliano ci regala un emozionante duetto virtuale con Fabrizio De André, sulle note di Ho visto Nina volare. La versione standard di Discover, composta da 13 brani, uscirà in formato CD, DOPPIO LP e in DIGITALE. In esclusiva per Amazon ci sarà pure una versione autografata del CD e una versione autografata del DOPPIO LP di colore nero. In esclusiva per Discoteca Laziale, invece, sarà disponibile una versione del DOPPIO LP di colore azzurro. Verrà pubblicata anche una VERSIONE BOX del progetto, in vendita in esclusiva sul sito di Universal Music e solo in formato fisico, contenente 1 CD, con i 13 brani della versione 40

iNEWS

standard + 5 tracce bonus, 1 DOPPIO LP colore bianco e 1 speciale VINILE 10” di colore azzurro contenente le 5 tracce bonus. Date queste premesse, l’album, anticipato dal singolo Follow you follow me, una coinvolgente rilettura di una delle prime hit dei Genesis, si preannuncia come l’ennesimo colpaccio di Zucchero. Che, nei mesi di aprile e maggio 2022, tornerà live in anteprima esclusiva all’Arena di Verona, con 14 imperdibili show.

www.inewsswiss.com


musica

ZUCCHERO “SUGAR” FORNACIARI

“DISCOVER”

ZUCCHERO’S FIRST COVER ALBUM OUT NOVEMBER 19TH FEATURING BONO, ELISA, MAHMOOD PLUS AN UNRELEASED VIRTUAL DUET WITH FABRIZIO DE ANDRÉ

“FOLLOW YOU FOLLOW ME”

A FASCINATING REINTERPRETATION OF GENESIS’ ICONIC TRACK AVAILABLE ON RADIO FROM OCTOBER 22ND www.inewsswiss.com

iNEWS

41


musica

DALLA BANDA DI ORSARA AL TEATRO ALLA SCALA: IL TALENTO DI ANTONIO DI BICCARI 42

iNEWS

www.inewsswiss.com


Formatosi al Conservatorio Umberto Giordano, ha suonato per Placido Domingo e Roberta Mantegna Il sindaco: “Orgogliosi di lui”, il musicista: “Grazie al Conservatorio di Foggia e al Maestro De Marco” Suona per la Fanfara orsarese dei Bersaglieri, è direttore artistico e musicale della banda di Orsara

U

n giovane musicista orsarese è stato chiamato come aggiunto nell’Orchestra dell’Accademia del Teatro alla Scala di Milano per due produzioni: il concerto liricosinfonico con Placido Domingo e Roberta Mantegna diretto dal Maestro Armiliato lo scorso 2 dicembre; e la serata di gala del 12 dicembre, con concerto diretto dal Maestro Renzetti, per il 20esimo anno della fondazione dell’Accademia. Il musicista di Orsara di Puglia che ha avuto questo onore è il venticinquenne Antonio Di Biccari. Il suo strumento è il trombone basso. Ha conseguito il diploma accademico di secondo livello col massimo dei voti e la lode lo scorso 19 luglio 2021 al Conservatorio Umberto Giordano di Foggia sotto la guida del Maestro Giuseppe De Marco. Fa parte della Fanfara orsarese dei Bersaglieri ed è tuttora un elemento del Complesso bandistico Santa Cecilia di Orsara (ufficialmente riconosciuta come la più antica della Puglia, attiva dal 1780) di cui è anche direttore artistico e musicale. Antonio Di Biccari, inoltre, è il direttore artistico dell’Associazione musicale Holladura, sodalizio orsarese “che si impegna da anni per portare l’alta cultura musicale a Orsara di Puglia”, spiega Antonio, “attraverso la scuola e la masterclass di perfezionamento per professionisti con cui abbiamo ospitato prime parti del teatro Santa Cecilia di Roma, del teatro alla Scala di Milano, dell’Orchestra Filarmonica di Rotterdam, oltre al Duo Scarlatti ed Agostino Marangolo”. Un’associazione che ha intrapreso una collaborazione attiva con l’Associazione di Alta Cultura Musicale Mozart di Tricase presieduta dal Maestro Giovanni Calabrese per creare un ponte Daunia-Salento che abbia ad oggetto l’alta cultura musicale. “A nome mio e dell’intera Comunità di Orsara di Puglia”, ha dichiarato il sindaco Tommaso Lecce, “sono felice di fare le mie congratulazioni ad Antonio Di Biccari per il brillante percorso che sta intraprendendo, è un motivo di orgoglio per tutti gli orsaresi”.

www.inewsswiss.com

“Sono stato davvero felice di ricevere la chiamata dall’Orchestra dell’Accademia del Teatro alla Scala di Milano”, ha raccontato Antonio Di Biccari. “Ringrazio il Conservatorio di Foggia, il Maestro Giuseppe De Marco e l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio Umberto Giordano con cui continuo a collaborare. Sono uno studente e un musicista. La musica è la cosa più importante per me”. Antonio Di Biccari, nel proprio curriculum, vanta diverse e prestigiose collaborazioni. Ha suonato con l’Orchestra di fiati del Conservatorio “Carlo Gesualdo da Venosa” di Potenza come aggiunto, per la Giordano Wind Orchestra, la Oles (Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento), l’Orchestra dell’Accademia Musicale Andrea Chenier ed ha all’attivo una serie di collaborazioni con diversi organici inseriti nelle programmazioni del Teatro Pubblico Pugliese. “Orsara di Puglia ha una tradizione musicale importante”, ha aggiunto il sindaco Tommaso Lecce, “a partire da quella bandistica, con tanti giovani che imparano ad amare e a suonare uno strumento. L’esempio di Antonio Di Biccari è importante, perché può aiutare le nostre ragazze e i nostri ragazzi a impegnarsi ancora di più, a perfezionare e sviluppare il proprio talento, ad ambire ai grandi palcoscenici e alle grandi formazioni musicali d’Italia e del mondo”.

iNEWS

43


festival

BIFEST, EMILIANO CONFERISCE PREMIO ALLA CARRIERA A LINO BANFI

44

iNEWS

www.inewsswiss.com


Io in questo momento, non lo faccio vedere, ma sono commosso”: sono le parole di Lino Banfi dal palco del Teatro Petruzzelli dove questa stasera ha ricevuto il premio Bifest all carriera, tra gli applausi e l’affetto del pubblico. A consegnare il riconoscimento il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che ha detto:

“Lino, questa è casa tua. E quando dico che è casa tua mi riferisco ad un sentimento intimo. Ogni volta che ti incontriamo, che ti ascoltiamo o rivediamo in un film, sentiamo una tua battuta - anche quelle più contestate come “porca puttena” - noi pensiamo al coraggio che hai avuto, perché la cultura italiana è meravigliosa, ma anche difficilissima e piena di insidie. E tu le hai sfidate tutte, mantenendo la tua identità, mantenendo il tuo linguaggio. Inventando giorno per giorno, come faceva il grande Totò, delle battute che inserivi nei copioni all’insaputa dei registi. Battute che noi ripetiamo sempre, non solo quando facciamo festa e siamo in famiglia, ma quando per esempio sentiamo qualcuno che sta parlando troppo o in maniera impropria, tutti, in tutta Italia, diciamo “condinua, condinua”. Noi con questo premio vogliamo abbracciarti e identificarci con questo coraggio che tu hai mostrato. Un coraggio che io voglio invitare tutti i pugliesi a tenere sempre. Siate sempre fieri anche, qualche volta, del vostro piccolo e fantasioso provincialismo. Tutti in qualche modo hanno curiosità di conoscere la Puglia, tutti hanno desiderio di approfondire le nostre tradizioni, il nostro modo di parlare, di cucinare, di vivere e questo grazie al grande coraggio di tanti pugliesi che senza mai snaturarsi hanno amato il mondo intero, le culture di ogni luogo della terra, ma sono sempre rimasti uguali a sé stessi come gli hanno insegnato i genitori, i nonni e tutte le persone che fanno parte della nostra storia. Quindi sono veramente orgoglioso, non solo come persona, ma come rappresentante di una bellissima

www.inewsswiss.com

comunità come quella pugliese, di consegnarti questo bellissimo premio alla carriera. Strameritato”. Il direttore artistico del Bifest Felice Laudadio ha letto le motivazioni del premio:

“Il premio Bifest alla carriera viene attribuito ad una delle principali personalità pugliesi del mondo dello spettacolo e del cinema. Un artista che con pazienza e dedizione ammirevoli ha saputo conquistarsi, ruolo dopo ruolo, l’affetto e la stima del pubblico, con grande spirito di autoironia e con una brillantezza volutamente sgangherata, ma anche contagiosa e sopra le righe come solo gli artisti coraggiosi sanno fare. Un attore capace di essere sempre al posto giusto e al momento giusto, attento ai colleghi e generoso che – senza nascondersi mai – ha saputo adattarsi al tempo che passava e ad indossare le maschere che gli venivano presentate dalla sua età, senza cercare scorciatoie e senza alcuna vanità: è così che sono nati personaggi indimenticabili per l’immaginario pop italiano: da Oronzo Canà “allenatore nel pallone” a Nonno Libero; dal commissario Lo Gatto al pompiere Nicola Ruoppolo, dal brigadiere Pasquale Zagaria a Nicola Abatecola di Grandi Magazzini, Lino Banfi ci ha accompagnato nel racconto di transizione dell’Italia dell’ultimo mezzo secolo, facendoci divertire, ma anche riuscendo più volte a commuoverci. Tutti noi dobbiamo essere grati a Lino Banfi: e, in fondo, gli dobbiamo qualcosa. Se – come diceva Charlie Chaplin – un giorno senza una risata è un giorno sprecato, Lino Banfi ci ha permesso di non buttare le nostre giornate e di ‘guadagnare’ il tempo di film leggeri e di intrattenimento capaci di farci apprezzare le fortune della vita e insegnandoci nostro malgrado ad imparare a ridere di noi stessi”.

iNEWS

45


festival

Camilla Ancilotto, Ab ovo

ROMA ARTE IN NUVOLA: PRESENTATO IL PROGRAMMA DELLA NUOVA FIERA NELLA CAPITALE 46

iNEWS

www.inewsswiss.com


Janet-Echelman_Noli-Timere

D

OPO UNA LACUNA, UN VUOTO DI RAPPRESENTANZA DI 11 ANNI, TORNA A ROMA UNA FIERA DEDICATA ALL’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA: È ARTE IN NUVOLA E AVRÀ SEDE NELLA STRUTTURA DISEGNATA DA MASSIMILIANO FUKSAS. ECCO IL PROGRAMMA È stato presentato il programma di Arte in Nuvola, la nuova fiera artistica romana che arriva dopo 11 anni di assenza, come ha tenuto a ribadire il direttore generale della manifestazione, Alessandro Nicosia (Catania, 1953, ha gestito per oltre 20 anni le esposizioni del Vittoriano). Nicosia parla di un vuoto che doveva essere colmato senza tuttavia entrare in competizione con le fiere nordiche, bensì proponendo un modello “integrato” che si avvalesse dell’identità romana e dell’immagine iconica della Nuvola dell’architetto Fuksas. Dal 18 al 21 novembre 2021 parteciperanno alla manifestazione 100 gallerie, anche “giovani e poco conosciute“, che Nicosia ha voluto proporre fuori da schemi e logiche navigate, oltrepassando l’ideologia delle fiere già affermate in Italia, non essendo sua intenzione creare un omologo, “una quinta grande fiera“. A differenziare il progetto, rendendolo ibrido, contribuirà lo sviluppo di oltre 30 progetti speciali, con l’obbiettivo di richiamare “un pubblico diverso, non solo commerciale”, prosegue il direttore. “Abbiamo coinvolto artisti inglesi, tedeschi, francesi, greci, l’artista di TeheranNeda Shafiee Moghaddam“. ARTE IN NUVOLA: COME SI ARTICOLERÀ LA FIERA La proposta si dividerà in due filoni: moderno (al General Floor) e contemporaneo (al primo piano del Forum). Tre saranno le sezioni, divise tra Main section, New entries e Solo Show. Di 100 gallerie che hanno aderito, ben 32 sono romane con “caposquadra” La Nuova Pesa di Simona Marchini, che curerà il focus La storia delle gallerie romane. Tra i progetti speciali distribuiti nei7000 metri quadri dell’hub di Roma Eur, ci sarà l’esposizione di due arazzi di Sironi e dell’opera Senza Titolo (Labirinto) Nabuccodi Kounellis. Sulla vetrata esterna campeggerà, invece, l’intervento dell’artista tedesco di base a Londra Lothar Götz, mentre l’artista americana Janet Echelman realizzerà una delle sue sculture plastiche in fibra, “una medusa lavorata con materiali policromi e d’impatto”. Nonostante le ottime intenzioni, di primo acchito verrebbe da commentare “si poteva osare di più”, magari puntando meno sul figurativo di opere come The Goddess of All Things diCyril de Commarque o Luci di Nara Pietrificata di Igor Mitoraj per coinvolgere artisti più sperimentali, sul versante del digitale e del multimediale. Tra i partecipanti si leggono i nomi di Patrick Tuttofuoco, Pamela Diamante, Daniel Gonzàles e Iakovos Volkov.

www.inewsswiss.com

Lothar-Goetz_senza-titolo

ARTE IN NUVOLA: ISRAEL LANDSCAPE Tra i progetti di Arte in Nuvola, sarà accolto anche Israel Landscape, curato da Vera Pilpoul e da Ermanno Tedeschi. Israele, scelto come paese ospite della prima edizione della fiera, con una collettiva di 17 artisti cercherà di riflettere le plurime sfaccettature di una realtà statale di migranti, gli Olim “quelli che accorsero da tutto il mondo verso la Terra Santa“, spiegano i curatori. Gli artisti differiscono per background, cultura, etnia: parteciperà la drusa Fatma Shanan, l’israeliana di origine etiope Michal Mamit Worke ed esponenti della comunità ortodossa come Chana Goldberg; le opere spazieranno dal ricamo alla fotografia, dalle tecniche tradizionali ad installazioni multi-materiche. Verranno anche organizzati degli incontri con storici, critici e collezionisti con lo scopo di aprire una finestra sulla cultura israeliana. ARTE IN NUVOLA: L’INTERVENTO DI ADRIANA POLVERONI, DIRETTRICE ARTISTICA DELL’INIZIATIVA “Volevamo fare qualcosa di diverso che avesse una doppia anima. Percepisco Roma in maniera ottimista grazie ad una rinascita dal basso”, commenta Adriana Polveroni, direttrice artistica di Arte in Nuvola che si è avvalsa del supporto di Valentina Ciarallo. “È il momento di aggiungere un nuovo tassello, una proposta di mercato… Ci saranno anche momenti di incontro con spazi no profit e con altre realtà che stanno segnando tale rigenerazione. La fiera è un progetto largo che non vuole accogliere solo gallerie importanti, ma dare voce a realtà emergenti e promettenti”. Adriana Polveroni enfatizza infine una delle risorse-cardine di Roma, insita nelle numerose fondazioni e nella rete di accademie straniere sparse sul territorio: “cercheremo di farle dialogare in questo contesto, per ripensare Roma e il suo ruolo. Dovrà essere un momento di riflessione sulla città, nel solco della sua crescita affinché la fiera possa essere un collante importante”.

iNEWS

47


festival

V.l.n.r.: Christian Jungen, Michael Steiner, Caroline und Guy Parmelin, Corine Mauch und Elke Mayer an der ZFF Eröffnung © Thomas Niedermüller/Getty Images for Zurich Film Festival

BUNDESPRÄSIDENT GUY PARMELIN ERÖFFNET DAS 17. ZURICH FILM FESTIVAL

Mit der Weltpremiere des Schweizer Films UND MORGEN SEID IHR TOT von Michael Steiner hat heute Abend im neuen Kongresshaus vor knapp 1300 Zuschauern und im Kino Corso das 17. Zurich Film Festival begonnen. Die Ehrengäste, Bundespräsident Guy Parmelin und die Zürcher Stadtpräsidentin Corine Mauch, unterstrichen beide die hohe Qualität der Filmauswahl am ZFF zwischen anspruchsvollem Mainstream und cinephilem Angebot. 48

iNEWS

www.inewsswiss.com


V.l.n.r.: Christian Jungen, Michael Steiner, Morgane Ferru, Daniela Widmer, Lukas Hobi und David Och für UND MORGEN SEID IHR TOT © Josef Brunner for Zurich Film Festival

Z

ur Eröffnung wurde die in Indien, Spanien und der Schweiz gedrehte Grossproduktion UND MORGEN SEID IHR TOT von Michael Steiner als Weltpremiere gezeigt. In dem Thriller ruft uns Steiner die wahre Geschichte von Daniela Widmer (Morgane Ferru) und David Och (Sven Schelker) in Erinnerung: Das Schweizer Paar wollte sich 2011 den Traum einer Reise entlang der alten Seidenstrasse durch Pakistan erfüllen, wurde unterwegs entführt, ins kriegerische Waziristan verschleppt und den Taliban übergeben. Kaum jemand rechnete damit, dass sie lebend rauskämen: Nie zuvor hatten es Zivilisten geschafft, aus den Fängen der Taliban zu entkommen – doch den beiden Schweizern gelang nach acht Monaten in Geiselhaft das scheinbar Unmögliche. Die Eröffnung der Verfilmung besuchten beide als Ehrengäste. Auch der Schweizer Regisseur Michael Steiner, Hauptdarstellerin Morgane Ferru und Produzent Lukas Hobi (Zodiac Pictures Ltd) sassen bei der Weltpremiere im Publikum.

Das vollständige Programm des 17. Zurich Film Festival (23. September bis 3. Oktober) steht auf der ZFF-Website zur Verfügung. Ab heute ist das Festivalzentrum am Sechseläutenplatz für Tickets und Informationen geöffnet. Tickets können zudem auf der ZFFWebsite sowie im Tickethaus Paradeplatz, im blue Cinema Corso und im Tickethaus Sihlcity erworben werden.

Über den Grünen Teppich lief zum ersten Mal auch die neu formierte Montreux All Star Band mit internationalen Musikgrössen wie Robert «Bobby» Brown, der Gitarrist von Toto Steve Lukather und Freddie Washington, die an der Award Night und weiteren Events im Rahmen des ZFF spielen wird. Im Verlauf des Festivals stossen auch Ray Parker Jr., Sänger Eric Benét und Bassist Nathan East dazu. Auch im Publikum sass viel Schweizer Prominenz, darunter Christa Rigozzi, Baschi, Mario Fehr und Lisa Brühlmann, wie auch die weltbekannte Sängerin Shania Twain.

www.inewsswiss.com

iNEWS

49


festival

ANTONELLA MONTESI

A CONVERSATION WITH… A DIAMOND SHARON STONE AL ZURICH FILM FESTIVAL: UNA DIVA MALEDETTAMENTE NORMALE 50

iNEWS

www.inewsswiss.com


È

decisamente l’ evento di questa edizione del festival. Annunciato con grande sapienza mediatica da tempo, in questo fine settimana si avvera e colei che viene da tutti definita come l’ ultima delle dive, arriva a Zurigo e si concede generosamente in due occasioni: il sabato sul tappeto verde – qui non è mai stato rosso – del festival, tutta vestita d’ oro e bella come non mai, per ricevere il Golden Icon Award, un premio alla carriera, e nel pomeriggio di domenica, nella bella location del Sihlcity Arena, per una “conversazione”, come sportivamente viene presentato l’ incontro di un’ora a quattr’occhi, quelli suoi e quelli del neo e capacissimo direttore del festival Christian Jungen. In una sala gremita, dove l’ eccitazione per un incontro non proprio quotidiano si sente tutta – non poche le signore vestite e pettinate da gran galà, tacchi vertiginosi e décolleté nonostante la giornata autunnale e l’ orario, un primissimo pomeriggio, non proprio da giustificare tali mise -, ecco, in questa sala, da un’anonima porta laterale entra lei, Sharon Stone, puntuale e senza attese o bizze da diva come avremmo creduto e forse sperato, per avere conferma di quel personaggio che i media ci vendono e che lei, sistematicamente, smonta. Un diamante, un diamante di gran qualità e di fattura perfetta, questo è quello che sale sul palco. E non viene da definirla diamante solo per il bellissimo completo giacca pantalone, potrebbe essere un Dolce & Gabbana come lo splendido vestito in oro della sera precedente, ma perché questa donna, questa persona è un diamante nel modo di brillare di luce propria, di catturare l’ attenzione per carisma ed intelligenza e soprattutto, grande autenticità. Cristian Jungen pone una serie di domande che aiutano noi pubblico ad orientarci nella vita privata e professionale di questa donna che, a 63 anni, è da tempo entrata nella leggenda e nella mitologia del cinema. Domande sul padre, sulla madre e la prima: cosa si provi ad essere Sharon Stone. E l’ esordio della Stone non poteva essere meno professionale: mi stupisco io stessa di essere quello che sono, mi chiedo: ma sono io - that’s really me?? – dice, accompagnando la frase da una mimica ed una gestualità propri solo dei grandi attori che hanno interiorizzato il loro mestiere. E racconta di come sia in realtà anche madre di tre ragazzi e che quindi viva in una casa piena di calzini puzzolenti ed altro, proprio come potrebbe capitare ad ognuno di noi. Il ghiaccio è rotto, il pubblico applaude e le tante donne presenti in sala, sia quelle con una pettinatura da 200 CHF, che quelle con il capello sfibrato e mal pettinato, applaudono e si riconoscono in questa donna che, in questo incontro, come prima preoccupazione, ha avuto quella di metterci a nostro agio e di azzerare le distanze tra noi e lei. Poteva darsi in qualsiasi modo: diva capricciosa, scostante, eterea, annoiata, ha scelto invece la veste di “sono una di voi” e, ad un’ ulteriore domanda di Jungen sul suo rapporto con la gente comune, aggiunge: ho trascorso la maggior parte della mia vita tra assistenti di volo, concierge di alberghi, autisti, insomma, Sharon una del popolo. Non dimentichiamoci però quello che davvero è: una delle attrici più affermate e più preparate. Cita Lubitsch, Hitchcock e dice che avrebbe voluto lavorare con lui; tiene anche una piccola lezione sul linguaggio di “Hitch” parlando delle pettinature di Kim Novak in “Vertigo” e di Grace Kelly ne “La finestra sul cortile”: i capelli tirati all’ indietro di Kim Novak - imposti da Hitchcock per cui la Novak dovette indossare una parrucca, visto che aveva gli iconici capelli corti – quella pettinatura così rigida e precisa come chiaro riferimento alla situazione tesa che l’attrice impersona nel film in quel momento. Lo stesso vale per la pettinatura perfetta e stilizzata di Grace Kelly: uno statement voluto da Hitchcock. L’ ora con Sharon Stone e Christian Jungen è volata per noi e sembra essere volata anche per questa diva, che di lì a breve riprenderà l’ aereo e se ne andrà da Zurigo dove ha davvero portato il cinema migliore e tanta, tanta autenticità. www.inewsswiss.com

Ad incontro quasi terminato, una voce dal pubblico la invita a raccontare l’ episodio della prima di “Basic Instinct” – il film del 1992 che l’ha resa quello che è, imprigionandola anche in un ruolo dal quale ha a lungo faticato a liberarsi -. Ed allora Sharon, come se non aspettasse altro, racconta di come, impaurita e inesperta, va alla prima del film, seduta vicino a Faye Dunaway e Michael Douglas. Impossibile in un articolo rendere il pezzo di alta maestria con cui la Stone ha raccontato e praticamente recitato la scena, alla fine abbiamo tutti riso e ci siamo sciolti in un applauso che voleva essere un abbraccio per questa attrice, che è soprattutto una donna, per una donna che è soprattutto una persona splendida ed unica. Grazie a Sharon e grazie a Christian e al suo staff per avercene fatto dono.

iNEWS

51


festival

FRANCESCO RIZZUTI

SALONE NAUTICO DI GENOVA

G

rande successo per l’edizione n. 61 del più grande salone nautico del Mediterraneo, che a Genova ha chiuso i battenti con 95 mila visitatori (circa il 30% in più del 2020), tra operatori del settore e appassionati del mare; notevolmente cresciuti pure i contratti firmati (+12% rispetto all’anno scorso), con ordini fino al 2024. Quest’anno gli oltre 200 mila metri quadrati di spazi espositivi (aumentati del 14% e per l’85% all’aperto) hanno ospitato più di mille barche e circa mille brand, italiani e stranieri. Presenti, con prodotti esposti che spaziavano dai superyachts alle barche a vela, dai gommoni agli accessori, tutti i grandi nomi della nautica mondiale, con il ritorno, dopo anni di assenza, di Baglietto, Ferretti, Cranchi Yachts, Absolute, Arcadia yachts e Sirena Marine. Cinque le aree espositive, per altrettante passioni: Yacht & Superyacht, Sailing World, Boating Discovery, Tech Trade e Living the Sea. Un’esperienza a 360 gradi, che quest’anno è stata anche una grande occasione di sport, con la partenza della RoundItaly Genova-Trieste, la più lunga regata non-stop del Mediterraneo (1.130 miglia di navigazione), che ha unito la 61ª edizione del Salone Nautico di Genova con la 53ª edizione della Barcolana (storica regata velica internazionale triestina), due grandi eventi che da anni collaborano per la cultura e la difesa del mare. Alla regata in mare si è affiancata la versione digitale, la E- RoundItaly Genova-Trieste Virtual Regatta 2021, già disputata con grande successo nel 2020, con oltre 20mila partecipanti collegati online. 52

iNEWS

Il Salone, che non si è mai fermato, neppure nel 2020, diventando l’unico evento di settore in presenza nell’anno della pandemia, si annuncia da record per il 2023, quando, una volta completati i lavori del waterfront di Genova, probabilmente sarà il più grande e più organizzato al mondo, superiore persino al Salone di Fort Lauderdale, in Florida. Un primato importantissimo se si considera che la storica Fiera genovese è diretta espressione di quell’eccellenza che è la nautica italiana, un crogiolo di tecnologia, design, capacità, gusto. Un settore che vanta un fatturato di cinque miliardi di euro, per un totale di 80mila addetti solo in Italia e di 65 milioni di euro generati dall’indotto per il territorio. Un comparto che nel 2020 è cresciuto del 2,4% e che nel 2021 dovrebbe segnare almeno un +23,8% di fatturato.

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

C I N E M A

PAOLO SORRENTINO www.inewsswiss.com

iNEWS

53


cinema Francesco Rizzuti

I FILM IN SALA

D

opo la presenza record di film italiani in concorso all’ultima Mostra del cinema di Venezia, che ha fotografato un momento di grazia per il cinema del Belpaese, la stagione cinematografica tricolore si preannuncia prestigiosa e ricchissima. Spiccano, ovviamente, i cinque lungometraggi coinvolti nella competizione principale in Laguna. Ovvero l’autobiografico ‘È stata la mano di Dio’, del premio Oscar Paolo Sorrentino, con Toni Servillo; ‘Qui rido io’, di Mario Martone, dedicato al grande Eduardo Scarpetta e interpretato da Toni Servillo; il fantasy bellico ‘Freaks Out’, di Gabriele Mainetti, con Claudio Santamaria e Pietro Castellitto; ‘Il buco’, storia di una straordinaria impresa italiana di speleologia firmata Michelangelo Frammartino; ‘America Latina’,thriller dei fratelli Damiano e Fabio D’Innocenzo, con Elio Germano. Ai cinque film in gara per il Leone d’oro si aggiungono, attesissimi, sul grande schermo le tre produzioni italiane presentate fuori concorso a Venezia. ‘Il bambino nascosto’ del regista palermitano Roberto Andò, con Silvio Orlando, maestro di musica in un vecchio, fatiscente palazzo napoletano. ‘Ariaferma’, drammatico sulle condizioni delle carceri italiane diretto da Leonardo Di Costanzo, con Toni Servillo e Silvio Orlando. ‘La scuola cattolica’, di Stefano Mordini, con Benedetta Porcaroli, Valeria Golino, Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, che evoca uno dei delitti più efferati dell’Italia negli anni ‘70, il delitto del Circeo. Nonché i lungometraggi presenti per l’Italia nella sezione Orizzonti della Mostra. ‘Il paradiso del pavone’, un film sui (veri) sentimenti della famiglia allargata di Laura Bispuri, con Alba Rohrwacher e ‘Atlantide’, un intrigante racconto della gioventù veneziana del regista e videoartista ravennate Yuri Ancarani. In uscita pure ‘I nostri fantasmi’, una commedia sentimentale sullo sfondo del disagio sociale firmata dal regista toscano Alessandro Capitani. ‘Isolation’, docufilm collettivo sul vissuto dell’Europa in piena pandemia Covid-19, realizzato da cinque registi di

54

iNEWS

cinque nazionalità diverse: Michele Placido (per l’Italia), Julia Von Heinz (per la Germania), Olivier Guerpillon (per la Svezia), Michael Winterbottom (per l’Inghilterra) e Jaco Van Dormael (per il Belgio).‘Con tutto il cuore’, la nuova commedia di Vincenzo Salemme, tratta da un suo fortunatissimo spettacolo teatrale, scritta, diretta e interpretata dal grande comico partenopeo. ‘Il materiale emotivo’, ode alla capacità di lasciarsi andare alle emozioni ricavata da una sceneggiatura inedita di Ettore Scola dall’attore e filmaker Sergio Castellitto. ‘Una famiglia mostruosa’, family comedy di Volfango De Biasi sui legami di sangue e i loro risvolti.

www.inewsswiss.com


È STATA LA MANO DI DIO

FREAKS-OUT-GIORGIO-TIRABASSI-PIETRO-CASTELLITTO-AURORA-GIOVINAZZO

www.inewsswiss.com

iNEWS

55


moda

LA MODA AUTUNNO/INVERNO

D

opo i mesi difficili della pandemia, c’è voglia di vita anche nella Moda, che per la prossima stagione ci propone outfit pieni di ottimismo. E così, per i prossimi mesi, look coloratissimi, dal verde (come nelle collezioni di Ferragamo, Marni) alle sfumature di viola (come sulle passerelle di Ermanno Scervino, Miu Miu), senza dimenticare il contrasto bianco e nero, sempre evergreen e il nero, must have autunnale e invernale, che ogni anno si reinventa, diventando, ad esempio, scintillante (Fendi) o boyish (Emporio Armani). Costanti del prossimo autunno inverno pure l’oro (Valentino, Gucci, Dolce e Gabbana), gli strass, le paillettes, dettagli preziosi come ricami, applicazioni, rouches. Mentre per i materiali la fanno da padrone il trapuntato, confortevole, pratico, perfetto per qualsiasi capo. Il tweed, il principe di Galles, il pied de poule. Tessuti tutti da scoprire, ricavati dagli scarti vegetali, gli avanzi alimentari o dal riciclo. Nel guardaroba autunnale non può mancare un impermeabile, anche in versione oversize (Prada). Una giacca nera, da accoppiare alla gonna o ai pantaloni, buona per un look sportivo, ma pure elegante. L’intramontabile tailleur, reso super cool da toni luminosi e coloratissimi, anche mixati tra loro; da uno stivaletto in stile Texas; da un bel paio di pantaloni, preferibilmente palazzo, esaltati da scarpe con un po’ di tacco; da una spiritosa t-shirt, possibilmente a girocollo o stampata. Per la F/W 2021, boom di blazer, corti, lunghi, over, paillettati. Di cappotti monopetto e gonne a pieghe, comode e eleganti. Di combat boot, alti o bassi, divertenti o aggressivi. Perché il segreto e la mission della Moda è sdrammatizzare. Più che mai in questo periodo. di Francesco Rizzuti

56

iNEWS

www.inewsswiss.com


www.inewsswiss.com

iNEWS

57


moda

MONDAINE steht für puristische Designklassiker und überzeugt mit grosser Innovationskraft in Sachen Nachhaltigkeit. Diesen Winter begeistert der erfolgreiche Brand mit sorgfältig zusammengestellten neuen Kollektionen und zeigt ein feines Gespür für Farben und Materialien. Erleben Sie an diesem kleinen und unkomplizierten Medienevent die aktuellen MONDAINE Highlights schön inszeniert: Neue Automaten setzen den Fokus auf die Schweizer Handwerkskunst und pünktlich zur festlichen Weihnachtszeit verzaubert der MONDAINE SBB-Klassiker ganz in Gold – ein wahres Statement-Piece. Die nachhaltige MONDAINE SBB essence präsentiert sich kommende Saison in wunderschönen Naturtönen, inspiriert von Wald, Wasser und Erde. CEO Niels Møller wird am Anlass persönlich anwesend sein und freut sich darauf, Sie kennenzulernen und mit Ihnen über die aktuellen Uhrentrends und die Uhrenbranche zu diskutieren. Gerne nehmen wir Ihre Anmeldung bis zum 22. Oktober 2021 unter pr@compresso.ch entgegen. Bitte beachten Sie, dass ein Covid-Zertifikat für die Event-Teilnahme obligatorisch ist. Vielen Dank!

58

iNEWS

www.inewsswiss.com


communication

LIDL SVIZZERA: VENDITA DI BORSE DELLA SPESA DISEGNATE DA BAMBINI Lidl Svizzera e Pro Juventute trasformano i bambini in artisti. Nell’ambito di un concorso di disegno i bambini hanno avuto l’opportunità di spedire i loro disegni che ora verranno stampati sulle borse Lidl. Per ogni borsa della spesa venduta, Lidl Svizzera donerà 1 franco a Pro Juventute. Le borse colorate sono disponibili da subito in tutte le 154 filiali Lidl.

G

eneralmente i disegni dei bambini adornano il soggiorno o l’anta del frigorifero. Da adesso sono anche sulle borse della spesa Lidl. I bambini hanno avuto l’opportunità di spedire le loro creazioni nell’ambito di un concorso di disegno organizzato da Lidl Svizzera in collaborazione con la maggiore organizzazione svizzera specializzata nella protezione di bambini e ragazzi, Pro Juventute. Il motto: «Disegna i tuoi desideri / Disegna i tuoi sogni». I migliori 3 disegni tra gli oltre 160 ricevuti sono stati riprodotti sulle borse per la spesa. Altri 12 disegni sono presenti in formato ridotto. I primi tre classificati hanno ricevuto in premio un buono vacanza per tutta la famiglia presso l’Hotel Chesa Spuondas di St. Moritz, di proprietà della fondazione Pro Juventute. Per ogni borsa della spesa venduta Lidl Svizzera donerà 1 franco a Pro Juventute.

www.inewsswiss.com

iNEWS

59


communication

NOMINA DEL DIRETTORE GENERALE D-A-CH PER MASERATI DOMENICO LA MARTE ASSUME LA DIREZIONE DELLA REGIONE D-A-CH La direzione della Maserati nei mercati di Germania, Austria e Svizzera viene assunta con effetto immediato da Domenico La Marte (49 anni), che supervisionerà la regione (D-A-CH) dalla Germania. La Marte è stato nominato General Manager di Maserati nella regione del Medio Oriente e dell’ Africa (MEA) nel 2018 e finora ha gestito tutte le business unit negli undici mercati di questa regione. Ha una vasta esperienza nel guidare la crescita di marchi premium e di lusso nel settore automobilistico in Europa e in Asia. 60

iNEWS

www.inewsswiss.com


communication

SIMON BENZ IST NEUER MEDIENSPRECHER VON HELVETIC AIRWAYS Per 1. Oktober 2021 hat Simon Benz die Kommunikationsverantwortung bei Helvetic Airways übernommen. In seiner neuen Funktion verantwortet der 46-Jährige die in- und externe Kommunikation der Schweizer Fluggesellschaft und ist Ansprechperson für sämtliche Medienanfragen. Simon Benz folgt auf Mehdi Guenin, der das Unternehmen per Ende September verlassen hat. „Wir freuen uns, mit Simon einen erfahrenen Fachmann für Helvetic gefunden zu haben. Als Kommunikationsberater und ehemaliger Touristik-Fachjournalist ist er seit über 14 Jahren mit der Aviatik vertraut und verfügt zudem über ein grosses Journalistennetzwerk“, sagt Tobias Pogorevc, CEO von Helvetic Airways. Simon Benz übernimmt seine neue Aufgabe im Rahmen einer Zusammenarbeit zwischen Helvetic Airways und der auf Tourismus und Reisen spezialisierten Kommunikationsagentur PrimCom, für die er seit Ende 2014 als Berater arbeitet. Zuvor war er sieben Jahre lang für die TouristikFachzeitung Travel Inside tätig, die letzten zwei Jahre zusätzlich als stv. Chefredaktor des MICEMagazins MICEtip (früher MICE Inside). Der gebürtige Basellandschäftler verfügt über einen Master-Abschluss (lic phil I) in Publizistikwissenschaft, Filmwissenschaft und Japanologie der Universität Zürich. www.inewsswiss.com

iNEWS

61


communication BRIAN BASNAYAKE

COP26: A FRACTIOUS WORLD IN A FRACTURED PLANET

62

iNEWS

www.inewsswiss.com


C

limate Change is no longer the abstract term that it once was. At that time, devastating droughts or ravaging floods and all-consuming fires were distant events in some corners of the earth, with little or no consequence to most people in the affluent parts of the world. Climate change is all around us now, with each passing year bringing evermore freakish and destructive weather and making a total collapse of the environment almost inevitable. Just in the last decade, we have seen increasingly devastating weather and various natural catastrophes, including earthquakes and volcanic eruptions, regularly occurring in all parts of the globe. No wonder the West, in particular, sees Climate Change not as a phenomenon anymore but increasingly as the greatest threat to the human race on earth. The United Kingdom will be hosting the world at the United Nations Climate Change Conference COP26 (31 October – 12 November) in Glasgow this year, when the eyes of the world will focus on a momentous event that could have a lasting impact on the future of our beloved planet! This conference could be the final opportunity for humankind to fight climate change and save the world for future generations to exist in a meaningful way. It may well be the last chance to keep the vital parts of the environment intact. In which case, governments and people across the globe will have to work in concert to mitigate the worst effects of the current climate change. And, at the same time, forestall future change with a drastic reduction of greenhouse gasses in the shortest possible time. It is no longer the case that climate change sceptics are a severe impediment to bringing effective measures to stave off climate change. However, there are still enough climate change sceptics holding high office and occupying key posts and positions of power to undermine collective, coordinated action across the globe. Nevertheless, environmental activists have won the climate change argument, and the vast majority of the public is entirely behind them and their concern for the alarming degradation of the environment and the looming ecological disaster facing all living beings on this planet. Aware of the scientific communities’ conviction in climate change and the impending environmental catastrophe, and the growing public concern for their future, governments across the globe are following the scientists and the general trends and are willing to participate in a meaningful discussion and engage in concrete actions. COP26 in Glasgow is that vital opportunity for the governments to participate in that discussion and bring substantial and feasible measures to reach the agreed emissions targets and other objectives.

www.inewsswiss.com

However, even before the start of the conference, some people, climate experts among them, are already expressing doubts about the success of the much-awaited conference in Glasgow this year. It seems clear that some of the leading experts and environmental activists have little faith in our political leaders. They doubt the current political leaders’ ability to cooperate and coordinate to make this conference a genuine success. Above all, untimely divisions, misunderstandings and conflicts between the big powers have already surfaced. And they seem to herald a failed opportunity in Glasgow. The ongoing trade war between the US and China and the ominous military posturing in the South China Sea and the Pacific between the Western allies, on one side, and China and Russia, on the other, have led to President Vladimir Putin and Chairman Xi Jiping to absent themselves from the conference. The apparent fact is that most political leaders have neither the will nor a compelling vision to bring the world together to fight a concerted battle against the biggest threat to humanity in modern times. Narrow national interests and political and economic considerations far outweigh even the most pressing environmental concerns. Australia is the biggest exporter of coal. India and China are still considerably dependent on coal. Hence, these three countries will oppose total curbs on the production and use of coal by the end of this decade. Undoubtedly, some economic considerations pose serious issues, such as the livelihoods of communities living in abject poverty or giving up traditional occupations and sources of vital income. Resolving such issues is where genuine, strong leadership and global and cross-border cooperation and solidarity should come into play! The UK, as the host, has made a great play of the event. It wishes to see it as a momentous occasion for all humankind and the global environment. The UK is undoubtedly keen to show its leadership in a conflict-ridden, divided and unequal world. However, it has no vision to captivate the “haves” and the “have nots”. It has no imagination that genuinely encompasses the conflicting interests of the Western Alliance and the growing Eastern Alliance of China and Russia. It has spent the best part of this year antagonizing both Russia and China. And it has made little or no effort to appease the two countries to ensure their wholesome commitment to a successful conference. Indeed, without the direct participation of some of the key national leaders, it seems only likely that the event will end up being yet another talking shop with grandiose promises and meaningless pronouncements.

iNEWS

63


communication

LIDL SVIZZERA ELARGISCE UNA DONAZIONE A PRO JUVENTUTE 1 FRANCO PER OGNI BORSA DELLA SPESA VENDUTA L’ESSENZIALE IN BREVE: • LIDL SVIZZERA DONA CHF 50’000 A PRO JUVENTUTE. • IN OCCASIONE DI UN CONCORSO DI DISEGNO, I BAMBINI HANNO REALIZZATO DELLE BORSE DELLA SPESA PER LIDL. • PER CIASCUNA BORSA DELLA SPESA VENDUTA È STATO DONATO 1 FRANCO. 64

iNEWS

www.inewsswiss.com


Lidl Svizzera elargisce una donazione di CHF 50’000 a Pro Juventute. La donazione è stata possibile grazie a una gara di disegno, in occasione della quale i bambini hanno inviato i loro disegni. Da questo autunno, i disegni vincenti decorano una borsa Lidl. Per ciascuna borsa venduta, Lidl Svizzera dona 1 franco. Oggi Torsten Friedrich, CEO di Lidl Svizzera, ha consegnato un assegno di CHF 50’000 a Katja Schönenberger, direttrice di Pro Juventute Svizzera. «Vista la nostra posizione di impresa nel commercio al dettaglio affermata in Svizzera, riteniamo importante ricompensare la popolazione svizzera. Inoltre, per me come padre, è una gioia particolare poter contribuire con una donazione al sostegno e all’aiuto di bambini ed adolescenti in situazioni di emergenza», afferma Torsten Friedrich.

www.inewsswiss.com

In occasione di una gara di disegno i bambini hanno inviato le loro creazioni. Sono stati scelti i 3 disegni ritenuti migliori tra oltre 160 ricevuti. Anche altri 12 sono stati stampati in formato ridotto. In autunno 2021 i disegni vincenti hanno debuttato sulle borse della spesa Lidl. Per ciascuna borsa venduta, Lidl Svizzera dona oggi 1 franco. «I bambini e gli adolescenti soffrono particolarmente per questo secondo anno di pandemia, come possiamo vedere durante il nostro lavoro quotidiano. Siamo molto grati a Lidl Svizzera per la cospicua donazione che ci consente di aiutarli proprio in questo periodo così difficile», commenta con gioia Katja Schönenberger, direttrice di Pro Juventute Svizzera.

iNEWS

65


communication

LUCA DELFINO È IL NUOVO RESPONSABILE EMEA DI MASERATI A Luca Delfino viene assegnata la responsabilità di Head of Maserati EMEA. Nel suo ruolo, Delfino guida le operazioni Maserati per la regione EMEA, oltre alla sua attuale responsabilità per il Programma FuoriSerie, e riporta direttamente a Bernard Loire, Chief Commercial Officer di Maserati. Bernard Loire ha dichiarato: “Sono felice che ci sia un turnover interno e ora sono convinto che Luca, che ha una vasta esperienza internazionale, porterà Maserati al successo nella regione EMEA”. Delfino è entrato in Maserati nel 2007. La sua esperienza nel settore automobilistico comprende recentemente la posizione di Responsabile della regione Asia-Pacific, oltre a crescenti responsabilità nei settori delle vendite e dell’assistenza post-vendita a livello internazionale. Luca Delfino sostituisce Guido Giovannelli, che assume altre responsabilità presso Maserati.

66

iNEWS

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

K

www.inewsswiss.com

U

N

S

T

iNEWS

67


arte

KUNSTHAUS ZÜRICH PRÄSENTIERT JAHRESPROGRAMM 2022 68

iNEWS

www.inewsswiss.com


M

it Niki de Saint Phalle holt das Kunsthaus Zürich 2022 eine der weltweit bekanntesten Künstlerinnen in sein Programm. Yoko Ono und Alexandra Bachzetsis sorgen mit historischen Positionen und zeitgenössischen Performances für Bewegung. Und in einer interdisziplinären Ausstellung, die die Kunstproduktion mehrerer Jahrhunderte überblickt, zeigt das grösste Kunstmuseum der Schweiz, wie verwoben Kunst und Medizin miteinander sind. Hauptattraktion im ersten Jahr nach Eröffnung der Kunsthaus-Erweiterung von David Chipperfield ist die neuartige Präsentation erstklassiger Sammlungen. In den nächsten 12 Monaten organisieren Christoph Becker und sein Team zehn wechselnde Ausstellungen: Den Auftakt machen zwei Projekte, die bis Februar 2022 laufen, «Walter De Maria. The 2000 Sculpture» und «Earth Beats. Naturbild im Wandel» (bis 6.2.2022). Gleich darauf folgen königliche Leihgaben. Das Programm im Einzelnen: 10.12.21–6.3.22 BAROCKES FEUER. DIE GRAFIK DES GIOVANNI BENEDETTO CASTIGLIONE Giovanni Benedetto Castiglione verdient einen Ehrenplatz im Olymp der italienischen Zeichner. Wie kaum ein anderer Künstler aus der Barockzeit wirft er seine Kompositionen mit einer atemberaubenden Lässigkeit auf das Papier. Zugleich ist er ein wegweisender Experimentator im Bereich der Druckgrafik. Das von ihm entwickelte Verfahren der Monotypie wurde selbst noch im 19. Jahrhundert von Künstlern wie Edgar Degas oder Paul Gauguin aufgegriffen. Das Kunsthaus Zürich widmet diesem Virtuosen auf Papier nun eine Einzelschau und zeigt ihn unter anderem in Auseinandersetzung mit seinem grossen Vorbild Rembrandt. Herzstück der Ausstellung sind kostbare Blätter aus dem Besitz von Queen Elizabeth II. aus Windsor Castle. 4.3.–29.5.22 YOKO ONO: THIS ROOM MOVES AT THE SAME SPEED AS THE CLOUDS Yoko Ono (*1933) gehört zu den einflussreichsten Künstlerinnen unserer Zeit. Ihre Performances und Aktionen der 1960er- und 70er-Jahre haben inzwischen Kultstatus erreicht und laden sich gerade aus heutiger Perspektive mit neuer Aktualität auf. Yoko Ono engagiert sich für Frieden auf der Welt und setzt sich für feministische Anliegen ein. Ideen spielen dabei immer die zentrale Rolle. Mal formuliert sie diese auf spielerisch-humorvolle Weise, mal ganz radikal, dann wiederum sehr poetisch – und einige verwandelt sie in Objekte, andere lässt sie immateriell. Dementsprechend vielfältig ist das künstlerische Werk von Yoko Ono und umfasst Skulpturen, Arbeiten auf Papier, Installationen, Performances, Film und Musik. Die Ausstellung zeigt eine Auswahl von zentralen Werken aus allen Schaffensperioden, mit einem Schwerpunkt auf dem Frühwerk. Yoko Ono ist an der Konzeption der Ausstellung persönlich beteiligt. Ein Rahmenprogramm, bei dem wichtige Performances reinszeniert werden, begleitet die Ausstellung. Unterstützt von Swiss Re – Partner für zeitgenössische Kunst.

im Kunsthaus Premiere feiert. Die Künstlerin erforscht darin performativ die Abhängigkeiten zwischen der «Szene» (dem Spielen und dem Inszenieren) und dem «Obszönen». «2021:Obscene» ist sowohl Ausstellung als punktuell auch Live-Performance. 8.4.–17.7.22 TAKE CARE: KUNST UND MEDIZIN Das Thema Gesundheit nimmt einen zentralen Platz in der öffentlichen Debatte ein. Die Beschäftigung mit dem physischen Befinden ist in der Kunst jedoch so alt wie die Kunst selbst. In ihrer sinnlich-intuitiven Interpretationsfähigkeit kann die Kunst wesentlich dazu beitragen, ineinander verschränkte Systeme wie Körper, Krankheit und Genesung, Medizin und Umweltfaktoren erfahrbar zu machen. Die Ausstellung zeichnet ausgewählte Schlüsselmomente der Medizingeschichte vom 19. Jahrhundert bis in die Gegenwart nach, mit Leihgaben medizin-historischer Sammlungen sowie rund 80 künstlerischen Positionen wie u.a. Sabian Baumann, Rachal Bradley, Georges Chicotot, Honoré Daumier, Adolf Fleischmann, Damien Hirst, Ferdinand Hodler, Martin Kippenberger, Paul Klee, Herlinde Koelbl, Manon, Wangechi Mutu, Maria Pomiansky, Marc Quinn, RELAX (chiarenza & hauser & co), Ana Roldán, Talaya Schmid, Kiki Smith, Veronika Spierenburg, Jules Spinatsch, Annie Sprinkle, Luc Tuymans oder Varlin.

25.3.–1.5.22 ALEXANDRA BACHZETSIS. 2021:OBSCENE Alexandra Bachzetsis (*1974) ist Choreografin und bildende Künstlerin an der Schnittstelle von Tanz, Performance, bildender Kunst und Theater. Viele ihrer Arbeiten beschäftigen sich mit der Frage, auf welche Weise wir uns Gesten, Ausdrucksweisen, Identifikationsmuster und Fantasien aus der Popkultur aneignen, wenn wir unsere Körper immerzu neu entwerfen und definieren. «2021:Obscene» ist ein neues Werk, das in seiner Museumsversion www.inewsswiss.com

iNEWS

69


arte

20.5.–14.8.22 RUDOLF KOLLER. DIE SKIZZENBÜCHER Skizzenbücher sind den Künstlern verlässliche Begleiter. Ihnen vertrauen sie jeden noch so beiläufigen künstlerischen Einfall an. Jetzt zeigt das Kunsthaus einen kostbaren Schatz: 67 Skizzenbücher von Rudolf Koller und damit weit über 4000 Zeichnungen des Schweizer Künstlers. Dieser schier unermessliche Fundus spiegelt nicht nur die Lebensleistung eines begnadeten Zeichners. Er ist auch ein einzigartiges Zeugnis, um die Werk-Genese seiner berühmtesten Gemälde nachvollziehen zu können. Nach einer zweijährigen Phase der Restaurierung und Digitalisierung der Skizzenbücher kann das Publikum in den ursprünglich nur zu persönlichen Zwecken entstandenen Kosmos von Kollers Bildwelt eintauchen. 24.6.–4.9.22 FEDERICO FELLINI. VON DER ZEICHNUNG ZUM FILM Das Kunsthaus Zürich setzt seine lange Tradition kulturhistorischer Ausstellungen fort, welche die Grenzen des klassischen Kunstverständnisses überwinden. So hat das Publikum immer wieder die Möglichkeit, geniale Persönlichkeiten und deren aussergewöhnliches, für die Kunstgeschichte bedeutsames Erbe im neuen Licht zu entdecken. Nun von Federico Fellini (1920– 1993). Obschon der Film zu seiner wichtigsten künstlerischen Ausdrucksform avancierte, blieb Zeichnen das zentrale Instrument seiner kreativen Vorarbeit zu den Filmen, oder wie Fellini selbst beschrieb: «Oft kommt es vor, dass ich während der Vorbereitungszeit Skizzen, Entwürfe und Figuren zeichne […] Diese beiläufigen Ideen sind dann die Wegweiser, nach denen sich meine Mitarbeiterinnen und Mitarbeiter richten: die Bühnenbildner, Kostümbildner, Maskenbildner.» Das produktive Verhältnis von Zeichnung und Film ist Gegenstand dieser Ausstellung, die in Zusammenarbeit mit dem Museum Folkwang, Essen, entsteht.

70

iNEWS

2.9.22–8.1.23 NIKI DE SAINT PHALLE. DIE RETROSPEKTIVE In einer umfangreichen Retrospektive mit rund 150 Exponaten wird die aussergewöhnliche Künstlerpersönlichkeit Niki de Saint Phalle (1930–2002) beleuchtet. Das überaus breite Spektrum ihrer Tätigkeit zeigt sich in Malerei und Zeichnung, in den Assemblagen, Aktionen und grossformatigen Skulpturen, aber auch im Theater, Film und in der Architektur. Ihre Werke schuf die Künstlerin aus der persönlichen Gefühlsverarbeitung wie auch aus einer kritischen Haltung heraus. Damit nahm sie sich sozialer und politischer Themen an, sie hinterfragte Institutionen und Rollenbilder – Auseinandersetzungen, die bis heute ihre Relevanz behalten. Während ihre legendären «Schiessbilder» in provokativen Performances entstanden, zeugen ihre späteren Werke von der Freude am Leben und am Menschen, veranschaulicht in den sinnlichen Nanas wie auch in der transformativen Wirkungskraft ihrer grossen Installationen im öffentlichen Raum. Niki de Saint Phalle war eine populäre Aussenseiterin, deren Formensprache sich ins kollektive Gedächtnis eingebrannt hat. Die Ausstellung entsteht in Kooperation mit der Schirn Kunsthalle Frankfurt. Unterstützt von Credit Suisse – Partner Kunsthaus Zürich. 7.10.22–22.1.23 ARISTIDE MAILLOL. DIE SUCHE NACH HARMONIE Aristide Maillol (1861–1944) – der «Cézanne der Skulptur» – ist nach Auguste Rodin der bedeutendste französische Bildhauer der frühen Moderne. Ein Erneuerer, aber gleichzeitig zeitlos, verkörpert Maillols sinnliche Kunst die Werte der Klarheit und des Gleichgewichts der Formen, was ihn zum Vollender der klassischen Tradition macht. Die Ausstellung ist als Überblicksschau konzipiert, konzentriert sich aber auf die reiche Schaffenszeit vor dem Ersten Weltkrieg, als der Künstler seine wahre Berufung entdeckte und als Bildhauer hervortrat. 150 Werke beleuchten das Schaffen Maillols in all seinen Facetten: Skulptur, Malerei, Tapisserien, Fayencen, Druckgrafiken, Bücher und zahlreiche zauberhafte Zeichnungen. Einige Werke seiner Zeitgenossen Auguste Rodin, Paul Gauguin, Maurice Denis oder Édouard Vuillard ergänzen die Ausstellung und erlauben es, sein Schaffen innerhalb der Geschichte der Skulptur zu verorten. Die Ausstellung wird organisiert vom Kunsthaus Zürich, den Musées d’Orsay et de l’Orangerie, Paris und La Piscine, Roubaix, in Kooperation mit der Stiftung Dina Vierny-Musée Maillol.

www.inewsswiss.com


arte

NEUPRÄSENTATION DER SAMMLUNGEN IM ERWEITERTEN KUNSTHAUS Mit der Eröffnung des Chipperfield-Baus am 9. Oktober 2021 zeigt sich ein neues Sammlungskonzept. Im gesamten erweiterten Kunsthaus brechen thematische Cluster und Interventionsflächen die kanonische Grundpräsentation auf. Sie setzen Akzente zwischen Epochen und Gattungen – bieten Raum für die Werke von Künstlerinnen und Künstlern unserer Zeit, die auf tradierte kunstgeschichtliche Themen Bezug nehmen oder diese herausfordern. Wie beispielsweise die Künstler Kader Attia und Anna Boghiguian mit Beiträgen zum postkolonialen Diskurs in unmittelbarer Nachbarschaft von niederländischen «orientalischen» Werken. Aussereuropäische Kunst ist nun mit Werken der Künstlerinnen Teresa Margolles, Tracey Rose und Lungiswa Gqunta aus Südamerika und Afrika vertreten. Neben den privaten Sammlungen Emil Bührle, Merzbacher, Looser und Knecht die auf lange Zeit öffentlich werden, zeigt das Kunsthaus die grösste Präsentation bedeutender Werke von Alberto Giacometti – und dies im Kontext von Zeitgenossen wie den Surrealisten und Plastikerinnen der Gegenwart wie Rebecca Warren. Die nirgends besser dokumentierte Dada-Bewegung repräsentiert mit Werken von Hannah Höch, Hans Arp und anderen Zürichs Beitrag an die Avantgarde zwischen den Weltkriegen. Neue Werke, ein Audioguide mit 400 Positionen – davon 100 für Kinder – neue Räume und Vermittlungsangebote machen den Besuch des erweiterten Kunsthauses deshalb zu einem erlebnisreichen Tagesprogramm

www.inewsswiss.com

iNEWS

71


arte

VISITA DE LA EXC.MA ALCALDESA DE MARBELLA M. ANGELES MUÑOZ A LA FERIA DE ARTE CONTEMPORANEO. 72

iNEWS

www.inewsswiss.com


L

’Alcaldesa M. Angeles Muñoz visitando lo estand I 12 de la Galeria Italiana “Toro Arte Contemporanea” en la feria de Arte y Diseño Contemporáneo de Marbella. Con ella el director Alejandro Zaia, y la concejala de cultura Carmen Díaz. Art Marbella junta, en esta ediction, con Marbella Design que es una feria de interiorismo, diseño y alta decoración que se celebra en Marbella desde el 4 al 14 de noviembre 2021. Once días, un formato de montaje innovador y exclusivo , como un pueblo andaluz, una superficie diáfana 3.112 m2, y el Palacio de Congresos de Marbella se transforma en el mejor de los escaparates del mundo del interiorismo. Un agradable recorrido por sus más de 46 espacios en los que participarán más de 150 firmas junto a los más importantes galeristas del panorama actual. En la decoración de estilo contemporáneo es imprescindible que integremos adecuadamente el arte, que es representada por solo 20 galerías seleccionadas . La pintura y la escultura van a ser ejes esenciales de cualquier estancia, muy especialmente aquellas destinadas a compartir ratos con amigos y familiares como puede ser el salón. Sin embargo, también hay detalles arquitectónicos que podemos incorporar y que, de alguna manera, pueden formar parte de este arte. Es muy importante que tengamos en cuenta que el arte debe ser lo

www.inewsswiss.com

que inspire y enfoque la vista en el momento en el que nos movemos por una decoración dentro del estilo contemporáneo, lo que significa que vamos a tener que jugar con todos estos elementos, pero mucho cuidado, ya que os comentábamos antes que tenemos que seguir manteniendo una línea minimalista para evitar sobrecargar el entorno. Claudia y Francesco Toro han seleccionado los artistas más adecuados para este contexto y para representar su galería. BRUNO BANI, un artista que utiliza la luz y el color como medio de comunicación visual, entre el eclipse y la Luna llena a través de un camino lunar iluminado por luz ultravioleta. BERNARD AUBERTIN el artista que todo el mundo conoce como “le pyromane” por su característica de usar el fuego y el rojo en lugar de la pintura. RAF CROCE, representante del neoexpresionismo abstracto, un movimiento artístico, mayoritariamente centrado en la pintura, se caracteriza por una decisiva recuperación de la figura humana, muchas veces representada bajo la lente deformada de la inquietud. JUAN CARLOS DE CLARES, artista plastico, que pone sus projectos para lugares publicos. Y como siempre, el galerista Alessandro Orlando, nos acompaña con un solo show del “Movimiento Sputnik” que tiene en exclusivo por su galeria.

iNEWS

73


BRUNO BANI, un artista que utiliza la luz y el color como medio de comunicación visual, entre el eclipse y la Luna llena a través de un camino lunar iluminado por luz ultravioleta.

BRUNO BANI

74

iNEWS

BRUNO BANI - ECLISSE

www.inewsswiss.com


BERNARD AUBERTIN el artista que todo el mundo conoce como “le pyromane” por su característica de usar el fuego y el rojo en lugar de la pintura.

www.inewsswiss.com

iNEWS

75


RAF CROCE, representante del neoexpresionismo abstracto, un movimiento artístico, mayoritariamente centrado en la pintura, se caracteriza por una decisiva recuperación de la figura humana, muchas veces representada bajo la lente deformada de la inquietud.

76

iNEWS

www.inewsswiss.com


JUAN CARLOS DE CLARES, artista plastico, que pone sus projectos para lugares publicos.

www.inewsswiss.com

iNEWS

77


arte

SPUTNIK MOVEMENT, UN RIFERIMENTO PER UNA NUOVA GENERAZIONE DI ARTISTI, DA ART BASEL A MARBELLA ART FAIR, IN ESCLUSIVA PER ALESSANDRO ORLANDO STUDIO. 78

iNEWS

www.inewsswiss.com


A

ll’inaugurazione dell’anno accademico 1959 all’Accademia di Belle Arti di Mosca, su una lavagna in aula magna compare una mastodontica opera in gessetto che raffigura il satellite Sputnik dall’alto e in basso la terra. All’ingresso in aula del corpo docenti e degli studenti, un grande scalpore si è alzato dalla folla alla visione di un così grande oltraggio, la terra era infatti divisa in due gruppi, occidente e URSS, un occidente florido e colorato in contrasto con una Russia in degrado. L’occhio cade poi su foglio affisso accanto alla lavagna e su centinaia di volantini sparsi sui banchi. I volantini riportavano 9 punti di un manifesto in totale contrasto e rottura con il pensiero dominante. Il regime ha tentato di ostacolare in tutti i modi la diffusione di questi volantini, ma la distribuzione fu capillare, duplicati e diffusi inizialmente all’interno della scuola, trovarono poi un ambiente prolifico nella scena underground. Il misterioso rivoltoso è stato a lungo cercato e infine individuato e deportato in un gulag. La sua cattura però non è stata vana, infatti il suo pensiero ha trovato un grande seguito nonostante le avversità continue e malgrado i continui tentativi da parte delle autorità volti ad arginare la cosa. È riportata testimonianza di tre amici aderenti al movimento che nei primi anni 60, braccati dalle forze dell’ordine, decisero di sottrarsi all’inevitabile incarcerazione emigrando rispettivamente a Parigi, in Argentina e a New York. Sebbene degli ultimi due si siano perse le tracce, abbiamo però informazioni di colui che scelse Parigi, meta ambita dagli artisti del

www.inewsswiss.com

tempo in quanto libero centro culturale di diffusione delle idee e rigoglioso posto di sperimentazione. L’artista parigino nel 2020, ormai molto anziano incontra dei giovani artisti che entusiasti del racconto e del messaggio di Sputnik hanno deciso di raccogliere il testimone e portare avanti il suo pensiero che oggi ha ripreso la forma di movimento. In Italia le opere del Movimento Sputnik sono vendute, in esclusiva, dalla Galleria del noto conduttore e gallerista Alessandro Orlando. Sono state ospitate e selezionate nel 2021 nelle più importanti ed esclusive Fiere di Arte contemporanea, passando per Art Basel e facendo tappa ad Art Marbella, dove numerose Tv locali hanno intervistato e documentato il grande evento Sputnik in Costa del Sol. Al vernissage la curatrice russa Daria Kuznetsova, referente del movimento, ha svelato una piccola curiosità, che uno dei misteriosi artisti vive proprio a Madrid! e chissà che non sia stato tra i numerosi visitatori che ci hanno accompagnati in questa fiera.

iNEWS

79


arte

19-21 NOVEMBRE 21 CENTRO ESPOSIZIONI DI LUGANO

D

ue padiglioni della fiera luganese ospiteranno grandi Esposizioni e spazi dedicati a incontri e dibattiti sul tema dell’arte, del suo mercato e della necessaria diffusione della cultura, insieme ad alcune Fondazioni e Gallerie. Robert Phillips, il nuovo direttore artistico di WopArt ha scelto come tema di questa Extra Time Exhibition il termine Fluidità, che traduce un percorso ideato attorno alle Mostre degli Acquerelli di Hermann Hesse e di alcune opere provenienti dalla Collezione BNP Paribas. La FONDAZIONE Renato e Gianluigi Giudici sarà presente alla sesta edizione di WopArt, con una edizione limitata di un’opera selezionata esclusivamente per tale manifestazione.

80

iNEWS

Dal 19 novembre inoltre la Fondazione Giudici ospiterà, presso la Gipsoteca in Riva Caccia 1 a Lugano, opere di Arunà Canevascini. Arunà Canevascini, madre iraniana e padre ticinese, ha trascorso la sua infanzia nel Mendrisiotto. Classe 1991, si è laureata alla Scuola di Fotografia di Vevey nel 2012 e all’ECAL nel 2016. I suoi lavori sono stati esposti a Losanna, Amsterdam, Düsseldorf e Rio de Janeiro. https://arunacanevascini.com/

www.inewsswiss.com


www.inewsswiss.com

iNEWS

81


arte

M.S. BASTIAN / ISABELLE L. «PULPASTIQUE» VOM 21. OKTOBER 2021 BIS 8. JANUAR 2022 82

iNEWS

www.inewsswiss.com


arte

HARDING MEYER

KNOWN UNKNOWNS 30.10. - 18.12.2021

H

arding Meyers Portraits zeigen extreme Vergrößerungen, wie man sie aus Filmen kennt. Filmemacher setzen sie vor allem mit dem Ziel ein, die Gefühlslage eines Protagonisten zu veranschaulichen. Um solchen Offenbarungen einen dramatischen Akzent zu verleihen, entwickelte man im Goldenen Zeitalter des Hollywoodkinos ein spezielles Eyelight in Form eines funkelnden Glitzerns, das meist einen Hinweis auf die Absichten der Figuren implizierte. Beim gemalten Porträt nutzte man solche Glanzpunkte, die dem Blick des Porträtierten nicht zuletzt eine natürliche Lebhaftigkeit verleihen sollten, schon lange. Die Werke von Harding Meyer sind in dieser Hinsicht keine Ausnahme. Es sind solche klassischen Kunstgriffe, auf die auch Meyer Bezug nimmt und mit denen er seinen Figuren, ihrer unbekannten Herkunft zum Trotz, eine ihre Betrachter von sich einnehmende Persönlichkeit verleiht. Kraft seines künstlerischen Schaffens werden auch sie zu Mitgliedern der Menschheitsfamilie. (aus: Pentimenti Redux von David Galloway, 2016) _____________________________________________________ ______ Harding Meyer s portraits dealing with extreme close-ups not unlike those with which filmmakers signal a characters emotions. Indeed, the Golden Age of Hollywood saw the development of a special eyelight to lend dramatic emphasis to such revelations by

www.inewsswiss.com

putting a sparkle in an actors or actress s eye and frequently offering clues to his or her intentions. The painted portrait had long since employed such highlights to lend vividness to the sitter s gaze, and the works of Harding Meyer are no exception. With such classic techniques he lends his figures a compelling individuation that belies their anonymous origins, integrating them into the family of man through the sheer, transmogrifying force of his art. (from: Pentimenti Redux by David Galloway, 2016)

iNEWS

83


arte

LUISA PAVESIO

PASSAGGIO A DUBAI - LA PITTURA DI MARIA RITA VITA

N

ell’anno in cui Dubai si prepara a festeggiare non solo nella sede deputata, ma nell’intera città, la grande Expo internazionale, la pittrice toscana – massese – Maria Rita Vita sbarca negli Emirati con il meglio dei suoi lavori per rappresentare la storica Marguttiana di Forte dei Marmi, con il cui Presidente arvhitetto Edmondo Nardini, (una sua bella frase: ”L’arte non fa mai sentire soli”. E Dio sa quante volte pensiamo alla profonda solitudine di questi tremendi tempi nostri) collabora da anni. Un onore, visto che la Marguttiana fu fondata nel 1962, fra gli altri, da Carlo Carrà e Walter Lazzaro, la cui volontà di popolarizzazione dell’arte si esprime in continue e pregevoli iniziative di incontri fra e con Artisti. Nel segno di Carrà : ”L’arte bisogna portarla in strada” Significativa la scelta di inviare Maria Rita Vita, ambasciatrice dell’Action Painting in Italia in una maniera tutta sua di coniugare natura e cultura, le splendide “nature vive” della terra apuana con la tecnica solo apparentemente casuale del dripping. Proprio il potere di evocazione delle radici naturalistiche e culturali attraverso la misura informale, dove un colorismo squisitamente materico si sostanzia in forme guizzanti che riportano all’origine del mondo esaltandolo in un messaggio di gioia, contraddistingue la misura la ricerca costante di una creazione mai accademica, mai interamente circoscritta dalle dimensioni del quadro. Molti illustri critici hanno commentato l’opera della Vita, citiamo qui il grande Lorenzo Canova, che in occasione dell’ importante mostra romana presso il Circolo degli Esteri riconobbe, dopo aver correttamente collocato l’Artista nella tradizione della pittura gestuale dal Surrealismo all’Action Painting ed all’informale europeo, che “ Maria Rita Vita... sembra avere modulato la sua pittura ..in dialogo con il versante più luminoso dell’informale naturalistico, in una deliberata rivisitazione di una storia dello studio del colore e della luce che trova il suo momento iniziale nella pittura impressionista”. Individuando successivamente nell’opera di Claude Monet, ed in particolare nello splendido ciclo delle Ninfee, il riferimento più solido. 84

iNEWS

Oggi Maria Rita Vita è in partenza (non è la prima volta che rappresenta il nostro Paese all’estero, ma l’occasione dell’Expo aggiunge peso) verso gli Emirati. terra modernissima ed antica al contempo, dove la sua opera non mancherà di suscitare interesse e curiosità verso l’intera cultura italiana che, pur martoriata dalla difficile temperie storica, ancor oggi costituisce nel mondo il nostro biglietto da visita. Dopo il passaggio a Dubai, l’annuncio della mostra dell’Artista al Ducale di Massa Carrara nel prossimo dicembre 2021, ancora una volta con la sua curatrice Luisa Pavesio, già Direttore degli Istituti Italiani di Cultura della Farnesina, che già l’ha presentata nel biennio 2017-18 presso il citato Circolo degli Esteri di Roma con l‘Ambasciatore Umberto Vattani, al Casinò di Sanremo, fino a Palazzo Robellini di Acqui ed al Museo Navale di Genova. A cura di Luisa Pavesio

www.inewsswiss.com


www.inewsswiss.com

iNEWS

85


Andreas Luethi