a product message image
{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade

Page 1

INEWSSWISS.COM

LA N TTE ITALIANA

swiss multikulti lifestyle magazine, www.inewsswiss.com - Nr. 54 JANUAR - FEBRUAR 2020 - Chf. 4.-

FRANCESCO PAOLANTONI museo PICASSO mรกlaga

AEROPORTI DI PUGLIA PIETRO PENNA RISTORANTE LUIGIA LA NOTTE ITALIANA 31.10.2020


Per Julian, che preferisce le bionde.

Oltre 500 birre. E c’è anche la tua.


swiss multikulti lifestyle magazine, www.inewsswiss.com - Nr. 54 JANUAR - FEBRUAR 2020 - Chf. 4.-

INEWSSWISS.COM

Inhalt

INEWSSWISS.COM

LA N TTE ITALIANA

museo PICASSO málaga FRANCESCO PAOLANTONI

AEROPORTI DI PUGLIA PIETRO PENNA RISTORANTE LUIGIA

EDITORIAL 5 EDITORIALE GABRIELLA GROPPETTI 7 EDITORIALE PINA BEVILACQUA 9 EDITORIAL BY BRIAN BASNAYAKE 11 EDITORIAL CARLA BORDOLI CRIVELLI VISCONTI TURISMO 12 VIVOSA APULIA RESORT 16 COSTA CROCIERE 18 ITALIA CHRISTMAS MOOD 20 LA “CONTRORA” PUGLIESE A LONDRA CON UNA TAZZA DI CAFFÈ ENOGASTRONOMIA 21 RESTAURANT TURM 22 SALONE DEL GUSTO: TERRA MADRE 24 AL RISTORANTE CASAMATTA DEL VINILIA WINE RESORT LA STELLA MICHELIN 26 RISTORANTE LUIGIA AUTO 32 LA NUOVA SEAT LEON ILLUMINA LA STRADA NEL SEGMENTO 34 E-GARDEN 36 FCA FINANCE & TOURISM 38 FITUR 2020 COMMUNICATION 41 SWISS PRIME SITE 42 BREXIT: BRITAIN’S GAMBLE AGAINST EUROPE IN A GLOBALIZED WORLD 43 WINGO 44 VIRGIN MEDIA, LA PIÙ GRANDE AFFILIATA DI LIBERTY GLOBAL 46 FIDELIO 48 MICHELE EMILIANO CON DON CIOTTI A FOGGIA 49 PREMIO ECCELLENZA ITALIANA 50 AEROPORTI DI PUGLIA MUSICA E FESTIVAL 53 MARGO MENGONI 56 ULTIMO 57 NOTTE ITALIANA DI CARNEVALE 58 TIZIANO FERRO 59 LA NOTTE DELLA TARANTOLA 60 ADDIO A FRED BONGUSTO 61 ZUCCHERO SUGAR FORNACIARI 62 SANREMO 70 64 LUCCA COMICS & GAMES 65 BOOK PRIDE 66 CAPODANNO IN VILLA CESARINA 67 MODELS PAINTINGS SHOW 68 SFILATA DI JOSÈ LOMBARDI 70 FESTA ITALIANA DI CARNEVALE 72 MADE IN SUD 94 LA NOTTE ITALIANA PERSONALITY 69 MARCO RENZI CINEMA 71 TUTTI INSIEME ARTE 79 FRANCESCO PAOLANTONI 82 PAOLO UGOLINI 84 EDWARD HOPPER 86 MUSEO PICASSO MÁLAGA 90 ART MARBELLA 2020 91 BICENTENARIO CANOVA 92 DA PINOCCHIO A DANTOCCHIO 93 ANNI VENTI IN ITALIA – MOSTRA “L’ETÀ DELL’INCERTEZZA” Foto di copertina: LINO SPRIZZI

iNEWS

3


Impressum VERLAG

Antonio Campanile

EDITORIAL DIREKTOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIREKTOR MARKETING

Salvo Buttita

CHEFREDAKTOR

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

Director Ereignisse Piero Melissano

REDAKTION

Inews Salento

Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Social Media Manager REDAKTION CHUR

REDAKTION TESSIN - Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

REDAKTION VIENNA Erich Bauer

REDAKTION BASILEA

Vito Di Biccari Basilea Paola Terranova Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Salvo Buttita

REDAKTION MOSCA Antonella Rebuzzi

REDAKTION ROM Alfonso Benevento Michele Viola

Brenda Liquadri Angela Verde

REDAKTION MAILAND

Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

REDAKTION TURIN Francesco Mescia

REDAKTION SIZILIEN Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAKTION APULIEN Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAKTION PARMA Giuseppe Laudano

REDAKTION BOLOGNA Simona Artanidi

REDAKTION ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Nicoletta Altieri

Brenda Liquadri

REDAKTION BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager

MARKETING/ WERBUNG antonio@campanile.ch

GRAPHICS: Morena Fiorucci ART DIRECTOR: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHER Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABO-SERVICE

antonio@campanile.ch

DRUCKZENTRUM

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

VERLAG

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch www.inewsswiss.com Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe

4

iNEWS

NUCCIO MASTROGIACOMO PRESS PHOTOGRAFER & SPORTFOTOGRAF NEWS - RADIO - MEDIA G.N.S. PRESS


Liebe Leserinnen, liebe Leser, Wie schnell doch ein Jahr wieder vorüber ist. Das denke ich jedes Mal wenn die neue Agenda „eingeweiht“ wird. Ja, ich bin ein Mensch der seine Termine noch von Hand in ein kleines Büchlein einträgt. Was den Vorteil hat dass ich Ihnen mit einem Griff ins Büroregal sagen kann wie ich zum Beispiel den 15. August 1998 oder den 3. Mai 2002 verbracht habe. Meine Agenden sind zu einer Art stichwortartigen Tagebüchern mutiert. Denn wenn ich ab und zu in den alten, teilweise fast schon zerfledderten, Agenden blättere kommt allerlei Lustiges, aber auch Trauriges zum Vorschein. Der oben genannte 3. Mai war nicht nur ein Datum sondern der Todestag eines lieben Bekannten. Oder der 11. Dezember vor Jahren: Da musste ich mich einer Operation unterziehen die ich, weil sie so gut verlief, fast schon vergessen hatte. Verlorene Hausschlüssel, ein abgebrochener Absatz, Geld vom Steueramt zurück, dementen Mann ins Altersheim zurückgebracht, von Fremden einfach so im Restaurant eingeladen, acht Stunden Wartezeit am Flughafen Madrid, üble MagenDarm-Grippe eingefangen, Anruf einer ausgewanderten und verschollenen Freundin aus Jugendjahren, schmerzhaftes Augenbrauen-Tattoo, entlaufenen Hund wieder gefunden, Geld und Pass auf Gran Canaria geklaut: In diesen Agenden kommt das pure Leben zum Vorschein. Viele Erinnerungen, längst vergessene Ereignisse sind plötzlich wieder präsent. Stimmungen von „Zu Tode betrübt“ oder „Himmel hoch jauchzend“ - das Leben ist, über die Jahre gesehen, eine eigentliche Wundertüte. Liebe Leserinnen und Leser: Bewahren Sie sich die Neugierde auf das, was im neuen Jahr auf Sie zukommt. Staunen Sie, ärgern oder freuen Sie sich über Ereignisse die man so nicht erwartet hat, teilen Sie ihre Erfahrungen mit anderen und vor allem: (Er)leben Sie ein spannendes 2020. Herzlich Ihre Gabriella Groppetti

iNEWS

5


Impressum EDITORE

Antonio Campanile

DIRETTORE EDITORIALE Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIREZIONE Marketing&Pubblicità Salvo Buttita

CAPO REDATTORE

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

DIRETTORE EVENTI Piero Melissano

Inews Salento

REDAZIONE

Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Social Media Manager REDAZIONE COIRA (CH)

REDAZIONE TICINO - Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

REDAZIONE VIENNA Erich Bauer

REDAZIONE BASILEA

Vito Di Biccari Basilea Paola Terranova Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Salvo Buttita

REDAZIONE MOSCA Antonella Rebuzzi

Brenda Liquadri

REDAZIONE ROMA Alfonso Benevento Angela Verde

Michele Viola

REDAZIONE MILANO

Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

REDAZIONE TORINO Francesco Mescia

REDAZIONE SICILIA Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAZIONE PUGLIA Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAZIONE PARMA Giuseppe Laudano

REDAZIONE BOLOGNA Simona Artanidi

REDAZIONE ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri REDAZIONE BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager MARKETING/ PUBBLICITÀ antonio@campanile.ch

GRAFICA: Morena Fiorucci ART DIRECTOR: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani FOTOGRAFI Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABBONAMENTI

Redaktion@italiannews.ch

TIPOGRAFIA

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

CASA EDITRICE

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe www.inewsswiss.com

6

iNEWS

VINCITORE SANREMO 2020: DIODATO CON FAI RUMORE.

vince il PREMIO DELLA CRITICA MIA MARTINI assegnato dalla sala stampa roof dell’Ariston. premio LUCIO DALLA assegnato dalla sala stampa radio-tv-web del Palafiori


Cosa ci aspetta? È arrivato un nuovo anno, che porta con sé le solite paure e le solite speranze di tutti gli anni. Un anno bisesto, che non necessariamente sarà funesto. Ma impegnativo SÌ. Il 2020, proclamato dalle Nazioni Unite “Anno Internazionale della Salute delle Piante” (vero scudo contro fame, inquinamento e povertà), sarà l’anno dell’Expo di Dubai, delle Olimpiadi di Tokyo, della quarta presidenza di turno tedesca UE, forse della Brexit. Dovrà necessariamente essere un anno di svolta nella gestione delle migrazioni. Un problema ineludibile per varie parti del globo, dalla corazzata statunitense al Belpaese, dove, se l’Unione Europea non farà davvero e finalmente qualcosa, gli attuali 530mila migranti potrebbero diventare nei prossimi 12 mesi 670mila. Altro tema caldissimo dell’agenda 2020 l’Ambiente. Gli effetti del surriscaldamento terrestre (alluvioni, siccità, ondate di calore, lo spostamento di specie animali e vegetali verso maggiori latitudini o altitudini), i cambiamenti demografici (si stima che nel 2030 ci saranno più di 41 mega-city e che nel 2050 il 64% della popolazione mondiale vivrà in città), la scarsità delle risorse (si stima che nel 2030 quasi la metà della popolazione terrestre vivrà in aree ad alto stress idrico e che nel 2050 il fabbisogno alimentare richiederà un aumento della produzione agricola del 70%) impongono ormai una fattiva cooperazione tra Paesi per raggiungere un generale sviluppo sostenibile. Tra le maggiori sfide planetarie anche quest’anno ci sarà quella economico-finanziaria, che dovrà fare ancora i conti con una spaventosa concentrazione della ricchezza, con la crescita delle esportazioni e del PIL globale, sempre più concentrati nei colossi asiatici (che valgono il 35,4% della produzione mondiale, contro il 28,5% del Nord America e il 26,6% dell’Europa), con il ruolo dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa), 5 nazioni accomunate da una situazione economica in via di sviluppo, da abbondanti risorse naturali strategiche, da una forte crescita del prodotto interno lordo, dalla massiccia presenza nel commercio mondiale. Probabilmente qualche risposta arriverà dal 26 al 28 marzo, quando la città di Assisi, la città di San Francesco, luogo simbolo di un umanesimo della fraternità, ospiterà “The Economy of Francesco”, un evento a cui papa Francesco ha invitato i giovani economisti, imprenditori e change-makers di tutto il mondo, senza distinzioni di credo, per esortarli a praticare un’economia più giusta, inclusiva e sostenibile. In questo 2020, dunque, come ogni anno, non mancheranno incognite, problemi, ma anche ‘stelle comete’, straordinarie indicazioni per poter dare un senso al nostro vivere quotidiano e a questo nostro tempo. Cari Auguri Pina Bevilacqua

iNEWS

7


Impressum EDITOR

Antonio Campanile

MANAGING EDITOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIRECTOR Marketing/ADVERTISING Salvo Buttita

CHIEF EDITOR

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

DIRECTOR EVENTS Piero Melissano

Inews Salento

EDITORIAL BOARD Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Cosimo Vonghia

Antonio Sellito

Social Media Manager EDITORIAL BOARD IN CHUR (CH) EDITORIAL BOARD IN TICINO Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

EDITORIAL BOARD IN VIENNA Erich Bauer

EDITORIAL BOARD IN BASILEA

Vito Di Biccari Basilea Paola Terranova Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Salvo Buttita

EDITORIAL BOARD IN MOSCA Antonella Rebuzzi

Brenda Liquadri

EDITORIAL BOARD IN ROMA Alfonso Benevento Angela Verde

Michele Viola

EDITORIAL BOARD IN MILANO Eugenio Forestieri Marco Renzi Marketing &PR Italia Marlen Airoldi Milano

EDITORIAL BOARD IN TORINO Francesco Mescia

EDITORIAL BOARD IN SICILY Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAZIONE PUGLIA Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

EDITORIAL BOARD IN PARMA Giuseppe Laudano

EDITORIAL BOARD IN BOLOGNA Simona Artanidi

EDITORIAL BOARD IN

ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri

EDITORIAL BOARD IN

BRASILE E SUD AMERICA Sheila Fisler Public Relations Daniella Cabral Sales Manager

MARKETING/ PUBBLICITÀ antonio@campanile.ch

GRAPHICS: Morena Fiorucci WEB MASTER: Paolo Ugolini WEB MASTER: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHY Claudio Giuliani Rocco Lamparelli Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat Patrick Frischknecht

Nuccio Mastrogiacomo Patrizio De Michele Nicola Tramonte www.fb-photografie.ch Daniele Maiolo

ABO SERVICE

Redaktion@italiannews.ch

PRINT: VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich PUBLISCHER: MEDI@PRESSE SWISS

Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como www.campanile.ch Abbonamento/soci CHF 100.- Monatliche Ausgabe www.inewsswiss.com

8

iNEWS

2° POSTO FRANCESCO GABBANI CON VICEVERSA vince il PREMIO TIM MUSIC


Dear Readers, The final month of the year is for many of us the best, with festivities and the lengthy preparations for them dominating our very lives and almost everything that is around us. It is the month that we already as children learn to love and eagerly await with unfettered joy. The religious significance of Christmas is increasingly receding in the Western world. However, the commercial exploitation of the event is keeping the festive and holiday season exciting and alluring as it ever was - or, perhaps, even more so. There is no other month in the year when there is so much hustle and bustle everywhere, and yet the air is laden with excitement and anticipation. There is no question either that it is the month that shopkeepers love the most and live in eager expectation through the whole year for. December is also the month when we customarily look back on a year gone by and reflect on all the good and the not so good that we and our loved ones could enjoy or sadly had to endure. It is the time too that the world at large, the media in particular, routinely review the year that is coming to an end and prognosticate on the year ahead. It is a time too when the media as a whole celebrate our heroes and heroines and their heroics and impressive achievements during the passing year. They often remember as well the passing away during the year of people who rose to national and international fame in their respective lives. So, indeed, what a year 2019 has been, making it memorable for quite a few significant events as well. At home, the “Green” political parties made their best ever results in federal elections in the wake of the growing climate change crisis facing the entire globe. In fact, it was not the environmental crisis by itself that helped the “Greens” at the ballot box. It was the “Extinction Rebellion”, (another one of the global activism phenomenon), that brought the surge of popularity for the green parties. The thousands of mainly young activists demonstrating on the streets of the metropoles across the globe are slowly raising the awareness of the environmental crisis in the general public. And they also hope to goad into action, in particular, the decision-makers, whether in politics, industry or other spheres of life to prevent the earth from falling into an unimaginable catastrophe. It is also the year that the environment, especially “climate change”, has come to be officially and publicly viewed as a grave issue all across the world. Indeed, it is the year a teenager, technically but a child, has become the icon for the fight against climate change. Greta Thunberg will go down in history for her heroism, unrelenting convictions and genuine honesty besides having a stoic personality. Her ability to stand on a podium and deliver a speech without a trace of stage fright is actually most remarkable and awesome to watch. 2019 is also the year when a third US president is facing impeachment in Congress. In Britain, after another general election this month, the Governments has taken a step closer effectively to leave the European Union. At the closing of a tumultuous year, all of us at iNEWS wish you a delightful festive season and the dawn of a glorious and peaceful decade. Merry Christmas and a healthy, happy and prosperous New Year! Yours sincerely, Brian Basnayake

iNEWS

9


Impressum EDITOR

Antonio Campanile

MANAGING EDITOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIRECTOR DE MARKETING Y PUBLICIDAD Salvo Buttita

JEFES DE REDACCIÓN

Gabriella Groppetti (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (Redacción inglesa/englische Redaktion) Mursia Petrachi (Redacción italiana/italienische Redaktion) Carla Bordoli Crivelli Visconti (Redacción española/spanische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

EVENTOS DIRECTORA

Piero Melissano

Inews Salento

REDACCIÓN

Daniela Corti Cristiana Corti Gabriele Beate Hefele Juan Miguel Fernández Pérez Luana Pavesi Sofia Beatrice Monti Luciano Pappalardo Pasquale Balestriere María José Camacho Pérez Corina Butas Vania Penha da Silva Rosario Martínez Rodríguez

INFORMACIÓN EN ALEMÁN, COSTA DEL SOL Gabriele Beate Hefele (periodista)

REDACCIÓN BRASILE EN SUD AMERICA Sheila Fisler Daniella Cabral

Public Relations Sales Manager

MARKETING/PUBLICIDAD

antonio@campanile.ch www.inewsswiss.com - www.campanile.ch

RELACIONES PÚBLICAS

Luana Pavesi (marketing/PR/comunicación)

FOTOGRAFÍA Antonia Guerra Eugenio D'Hamo

INFORMACIÓN MÚSICA Y EVENTOS Sofía Beatrice Monti (cantante y relaciones públicas)

MODA, IMAGEN, TENDENCIAS María José Camacho Pérez (hair stylist) Vania Penha da Silva (beauty consultant)

GASTRONOMÍA NACIONAL E INTERNACIONAL

Bruno Filippone Luciano Pappalardo (Chef) Pasquale Balestriere (Chef) Zulay Gómez Carrera (ayudante Chef y control aprovisionamiento)

INFORMACIÓN ECONOMÍA Y FINANZAS Juan Miguel Fernández Pérez (derecho y fiscalidad) Eduardo V. Luján

COLABORADORES WEB Y REDES SOCIALES Vincenzo Ottavio Pesce (web&community manager) Lidia Moreno Aguilar (community manager) Corina Butas (social networker)

INICIATIVAS SOCIO-CULTURALES Rotary Club Estepona Sotogrande International

www.inewsswiss.com

10

iNEWS

3° POSTO I PINGUINI TATTICI NUCLEARI, CON RINGO STARR www.inewsswiss.com


Queridos lectores: Cuando termina un año, siempre tenemos la esperanza de que el siguiente será mejor, más feliz, con menos estrés y más satisfacciones. Pero en realidad este año no sabemos lo que nos deparará el futuro… Es cierto que el ser humano tiene mucha fuerza, de volver a levantarse trás cada derrota o dificultad, e individualmente somos todos creativos, fantasiosos, capaces de evolucionar y de superarnos, siempre. Pero, por otra parte, en estos tiempos tan revueltos a nivel político, religioso, económico y social hay mucha manipulación de información y de comunicación, por lo que pienso que en realidad no tenemos el pulso real de la situación del mundo en el que vivimos o al menos de hacia dónde vamos. Parece casi que hayamos perdido el control del timón de nuestro barco. Hemos visto grandes cambios en Europa, la desconfianza entre Paises que deberían luchar juntos para un futuro común mejor, cuidando el interés común de todos los ciudadanos. En España vivimos momentos difíciles: el Independentismo, un Gobierno que no termina de formarse, y un Rey muy estimado pero con las manos atadas por una Constitución que no le deja espacio para realmente tomar las riendas de la situación que está creando cada vez más incertidumbre entre los españoles de bien, los españoles que aman España, un País con historia, tradición, cultura y un profundo orgullo patrio. Pero no quiero terminar esta carta a los lectores de Inews sin decir que confío plenamente en el sentido común y en la sensatez del ser humano y de “algunos” de los gobernantes de los Paises de todo el mundo para que realmente las cosas, después de este período tan lleno de violencia, pérdida de valores, y desilusiones, vayan mejorando. Así que les deseo a todos un espléndido año 2020 con mucha energia positiva, optimismo, ilusión y ¡¡amistades sinceras!! ìUn abrazo desde la Costa del Sol y de la glamorosa Marbella! Carla Bordoli Crivelli Visconti

www.inewsswiss.com

iNEWS

11


WHERE EXCLUSIVE MEETS ALL INCLUSIVE

12

iNEWS

Contact us for a personalised offer: info@vivosaresort.com | T 0833 931 002

www.inewsswiss.com

vivosaresort.com


Paradiesisches Plätzchen im Herzen Salentos Elegantes Ecoresort in der Mitte des Naturparks Litorale von Ugento, nur wenige Meter vom kristallklaren Meer und dem Privatstrand entfernt. Vivosa Apulia Resort ist der ideale Ort für authentische, stressfreie Ferien für Erwachsene und Kinder. Ein Ort um mitten in der Natur Stress abzubauen. Es ist eine Oase des Wohlstands für Körper und Geist, zudem die perfekte Verbindung zwischen dem natürlichen Ambiente und der magischen Atmosphäre in Salento. Wir bieten einen innovativen All inclusive Mix mit 33 Aktivitäten, um alle Kundenwünsche zu erfüllen. Dazu gehört: ausgewogene Mahlzeiten am Strand, Antistressangebote, Eco Golf Academy, Team Building, Mind-Activities etc. Dieses exklusive Resort läutet die Sommersaison mit einem wichtigen neuen Angebot für grosse und kleine Gäste ein: das Angebot «Vivo Sano» neu, mit Show Cooking, lokal geprägtem Spa- und Gesundheitsangebot, Naturschutz Services, neue begeisternede kinderfreundliche Aktivitäten und einen Mini-Zoo direkt im Resort. Entdecken Sie mehr auf vivosaresort.com

www.inewsswiss.com

iNEWS

13


turismo

BEST SPA ITALIANA 2019

PRESTIGIOSO RICONOSCIMENTO PER LA STRUTTURA SALENTINA AI FOOD AND TRAVEL AWARDS. VIVOSA APULIA RESORT SI CONFERMA ECCELLENZA ITALIANA. DAMIANO REALE: «PER NOI È IL CORONAMENTO DI UN PERCORSO»

C

alendula, aloe vera, cannabis sativa, fico d’india, olio extravergine d’oliva, negroamaro. La bellezza è quasi sempre questione di dettagli e se ad offrirli è la natura, ancora meglio. Lo sanno bene al Vivosa Apulia Resort, culla del relax e del benessere che, ormai da tempo, ha fatto sua una delle regole fondamentali per ottenere risultati ottimali per la cura del corpo: utilizzare solo prodotti naturali, bio ed eco-compatibili. Creme, oli per i massaggi, maschere e prodotti per il viso, scrub e tutto ciò che riguarda il benessere e la cura della persona, sono rigorosamente di origine naturale. E il qualificato staff che opera nella SPA del Vivosa ha scelto solo il top, affidandosi ai Laboratori Hur, una delle realtà più innovative del settore. La produzione dei trattamenti di bellezza si basa sulla lavorazione di materie prime così semplici da risultare innovative: latte di asina, per esempio, lavanda, olio d’oliva, canapa e tanto altro. Il mercato si sta aprendo sempre di più ai prodotti naturali,

14

iNEWS

provenienti dall’agricoltura biologica e di conseguenza si sta affermando con il cosiddetto”green beauty”. E tutto questo non fa che esaltare il lavoro della SPA del Vivosa Apulia Resort, da sempre fiore all’occhiello della struttura ugentina. Un fiore talmente bello da ricevere un riconoscimento ambito e prestigioso, il “Premio Speciale come Best Spa Italiana 2019” da parte del magazine internazionale Food and Travel che motiva così: “La SPA Vivosa Apulia Resort è un atto d’amore per corpo e anima. Una bio spa che utilizza la linea cosmetica Laboratori Hur, in partnership con Loliva: cosmetici realizzati con ingredienti e materie prima della tradizione agroalimentare bio (senza parabeni, conservanti, solventi)”. Comprensibile la soddisfazione del presidente di Vivosa Apulia Resort, Damiano Reale. «Ringrazio i Food and Travel Awards per questo importante riconoscimento che è il coronamento di un percorso. Siamo partiti in franchising – commenta - e siamo arrivati ad avere una SPA www.inewsswiss.com


interamente Vivosa, con un nostro prodotto, con la professionalità dei nostri ragazzi che in inverno seguono corso di formazione per esprimersi al meglio in estate. La SPA, inoltre, si trova all’interno di un ecoresort, nel parco naturale di Ugento, in cui viene evidenziato il concetto di “biologico” e di “eco”. È una struttura all’avanguardia e questo ha fatto sì che il premio arrivasse e fosse del tutto meritato. Il nostro staff si è affermato come eccellenza sul territorio nazionale e di questo ringrazio la manager della SPA, Paola Cantoro». Autentici ed esclusivi sono i rituali dell’Antico Mediterraneo nati ed ispirati da prodotti e trattamenti particolarmente legati al territorio e alla cultura: sono stati scelti nomi in Griko, antica lingua ancora in uso in alcune zone del Salento. Autenticità ed esclusività sono le parole chiave dei prodotti utilizzati alla spa, che usa una linea di cosmesi bio (no conservanti, no profumi, no solventi, no petrolati, no parabeni, no animal testing) che unisce natura e scienza, creata in esclusiva per Vivosa Spa dai Laboratori Hur. Si tratta di rituali unici e coinvolgenti, che traggono ispirazione dagli antichi rituali di bellezza. HUR è l’acronimo di “Hebes uti roribus”, che significa “Servirsi della rugiada di Hebe” la Coppiera degli Dei, una ninfa che offriva nettare e ambrosia, elisir di eterna bellezza. Tutti i prodotti sono stati realizzati utilizzando materie prime locali e fresche, quindi sono ricchi dell’essenza del territorio che circonda il Vivosa, con elementi estratti dalle più preziose e ben sperimentate piante medicinali, ricchi di molteplici principi attivi, tra cui spiccano le proprietà della cannabis sativa, della rosa moschata e della frutta fresca di stagione. Alle attività e ai servizi, si aggiunge una ricercata e ampia offerta di trattamenti e massaggi classici e non, tra i quali: il Tibetan Sound Massage; il Tranquillity Aromatic Spa Ritual (massaggio che elimina lo stress e le tensioni, sfruttando il potere magico dell’aromaterapia degli oli essenziali); il LomiLomiNui, “massaggio dell’anima”, di origine hawaiana ha il compito di rilassare e tonificare, una tecnica che arriva da lontano ed è ormai un classico toccasana per rimettersi in forma. Anche gli sportivi trovano il massaggio più adatto a loro: il Surf & Turf si occupa della muscolatura affaticata aiutando gli esercizi fisici sportivi a donare tono e benessere duraturo. L’offerta wellness, inoltre, si arricchisce con la presenza del “Vivosa Fitness Crew”, un team di professionisti del fitness con l’obiettivo di riportare l’ospite al completo riequilibrio e ringiovanimento di corpo e spirito attraverso il recupero delle energie e la riscoperta di uno stile di vita sano e

www.inewsswiss.com

consapevole. Contatti: VIVOSA APULIA RESORT Via Vicinale Fontanelle 73059 Marina di Ugento (LE) Tel. +39 0833 931 002 Fax + 39 0833 933 646 www.vivosaresort.com info@vivosaresort.com facebook Instagram

iNEWS

15


turismo

IN VOLO DA GENOVA AI CARAIBI CON IL FLY&CRUISE DI COSTA CROCIERE È partito questa mattina il volo charter per Pointe-à-Pitre (Guadalupa) dedicato ai passeggeri di Costa Favolosa. È il primo volo charter da Genova per Costa Crociere nel 2020. Il 7 febbraio si vola da Genova ad Abu Dhabi per salire a bordo di Costa Diadema. A giugno e a luglio altri due voli per le crociere in Nord Europa.

È

decollato dall’Aeroporto di Genova poco dopo le 12:00 di oggi il volo charter di Costa Crociere alla volta di Pointe-à-Pitre, in Guadalupa. Il volo (numero AZ9625, operato con un Airbus A330-200 di Alitalia da 249 posti) è dedicato ai passeggeri di Costa Favolosa. Una volta a destinazione, dopo circa 10 ore di viaggio, i viaggiatori si imbarcheranno a bordo della nave per una crociera di 8 giorni alla scoperta dei Caraibi. L’itinerario della crociera, che si concluderà sabato prossimo, prevede le seguenti tappe: Guadalupa (Antille), La Romana (Rep. Dominicana), Isola Catalina (Rep. Dominicana), St. Maarten (Antille), Antigua (Antille), Guadalupa (Antille). Dopo lo sbarco a Guadalupa, i crocieristi si imbarcheranno per il volo di ritorno alla volta dell’Aeroporto di Genova, con arrivo previsto alle 9:00 di domenica 19 gennaio.

16

iNEWS

Quello di oggi è il primo di quattro voli charter del 2020 dedicato ai croceristi di Costa Crociere in partenza da Genova. In totale, considerando anche il rientro a fine crociera, questi voli garantiranno un traffico di circa 1.300 passeggeri per l’Aeroporto di Genova. Venerdì 7 febbraio sarà la volta di un volo con destinazione Abu Dhabi, dedicato ai passeggeri di Costa Diadema per una crociera di 8 giorni tra Emirati Arabi, Oman e Qatar. Il 19 giugno sarà il turno del volo charter per Warnemünde, riservato agli ospiti di Costa Fascinosa per la crociera di 8 giorni nei fiordi norvegesi (con tappe a Copenhagen, Kristiansand, Bergen, Stavanger e Göteborg, per poi sbarcare a Warnemünde), mentre il 4 luglio sarà la volta del volo per Stoccolma per i passeggeri che partiranno a bordo di Costa Magica per una crociera di 8 giorni alla scoperta delle più belle città del Baltico (Stoccolma, Helsinki, San Pietroburgo, e Tallin, con sbarco a Stoccolma). www.inewsswiss.com


«Siamo felici che Costa Crociere anche quest’anno abbia deciso di utilizzare il nostro aeroporto per far partire i suoi crocieristi alla volta di destinazioni esotiche e bellissime. - commenta Paolo Odone, Presidente dell’Aeroporto di Genova - La formula Fly&Cruise si affianca ai voli di linea verso il nostro scalo che consentono quotidianamente a numerosi crocieristi da tutta Europa di raggiungere la Liguria e di salire a bordo delle navi da crociera a Savona e a Genova». «La formula Fly&Cruise è uno dei punti di forza dell’offerta di Costa Crociere. Grazie alla collaborazione che abbiamo costruito nel corso degli anni con compagnie aeree e aeroporti siamo in grado di proporre ai nostri ospiti una gamma di opportunità sempre più ampia, con il massimo della qualità e del comfort. Genova rappresenta uno degli esempi migliori di questa collaborazione, che continueremo a rafforzare nei prossimi anni. Oltre ai charter, su Genova utilizziamo anche voli di linea, favorendo l’apertura di nuovi collegamenti disponibili per tutti, come nel caso del volo Genova-Vienna» - ha dichiarato Mario Alovisi, Vice President Revenue Management, Itinerary & Transportation di Costa Crociere.

www.inewsswiss.com

Paolo Odone, Presidente dell’Aeroporto di Genova

Mario Alovisi, Vice President Revenue Management, Itinerary & Transportation di Costa Crociere

iNEWS

17


turismo

LIVIA PRUCCOLI

ITALIA

CHRISTMAS MOOD

D

urante le feste natalizie l’Italia si trasforma in un mondo incantato che tra mercatini, città e borghi addobbati ci regala l’infinita emozione dei Presepi. Il tour potrebbe cominciare da via San Gregorio Armeno a Napoli, paradiso della nobilissima arte presepiale partenopea, un trionfo di statuine che riproducono anche personaggi storici e comunque noti, esposti tutto l’anno nelle antiche botteghe artigiane, ma che tra dicembre e gennaio raggiungono l’apoteosi. A Bergamo si può visitare la Mostra dei Presepi realizzata in collaborazione con il Museo di Dalmine, che conserva un patrimonio di oltre 1.500 Presepi di epoche e materiali diversi, provenienti da tutto il mondo. A Bolzano, la raccolta del Castello Gries (ora monastero benedettino), che occupa tre piani della torre romanica e che annovera opere dal 1700 in poi. Nel pittoresco borgo medievale di Bard (Aosta), ai piedi del Forte, una trentina di Presepi in legno realizzati dagli artigiani del posto. All’Acquario di Cattolica (Rimini), un’esposizione di Presepi sommersi. L’antico borgo carnico di Sutrio (Udine) mette in mostra decine di Presepi. A Ossana in questo periodo ci sono più Presepi che abitanti: ormai se ne contano oltre 1.400! Il borgo medievale di Corciano (Perugia) fa da sfondo a uno storico Presepe Monumentale a grandezza naturale. Manarola (La Spezia), al Presepe Luminoso: 4.000 mq rischiarati da oltre 15.000 lampadine, che disegnano 300 personaggi. A Cesenatico (ForlìCesena) è possibile ammirare il Presepe della Marineria, ospitato dalle barche della Sezione Galleggiante dell’omonimo Museo. A Comacchio (Ferrara), la sfilata di Presepi nei canali. A Rimini, il Presepe di sabbia più grande d’Italia, che con oltre 100.000 chili di materiale realizza sculture alte anche oltre i 4 metri. A Laveno Mombello (Varese), il Presepe sommerso nelle acque del lago

18

iNEWS

Maggiore, con 42 statue in pietra bianca di Vicenza, che di notte vengono illuminate. La tradizione dei Presepi viventi, affascinante misto tra fede ed evocazione storica, tradizione culinaria e antichi mestieri, è diffusa in tutto il mondo, ma è nata in Italia. Fu San Francesco d’Assisi a mettere in scena la prima rappresentazione della nascita di Gesù, nel 1223, a Greccio (Rieti), che da allora rievoca quell’evento tutti gli anni, esattamente come lo descrisse Tommaso da Celano, biografo del Poverello di Assisi. Pietrelcina (Benevento), città natale di San Pio, allestisce un suggestivo Presepe vivente molto visitato, così come la vicina Morcone (Benevento), con la sua fiaccolata di pastori che portano doni a Gesù bambino. A Matera la Natività prende vita nei caratteristici Sassi, lungo un percorso di 5 chilometri. A Montenero di Bisaccia (Campobasso), in grotte tufacee paleolitiche. A Crispiano (Taranto), nelle Grotte del Vallone. A Tricase (Lecce) il monte Orco si trasforma in una piccola Betlemme. Così come San Biagio (Mantova) e Arconate (Milano). Nella frazione Paterno di Ancona l’intera popolazione viene coinvolta nell’allestimento di stalle, grotte, capanne e botteghe. A Talamona (Sondrio), noto come il “paese dei Presepi”, si contano oltre una decina di rappresentazioni della Natività. Ad Alessandria, nel teatro del Convento dei Padri Cappuccini di San Francesco d’Assisi, tiene banco la “Divota Cumedia”, rappresentazione teatrale in dialetto locale con riferimenti satirici alla realtà che racconta la storia del pastore Gelindo, ritrovatosi a Betlemme proprio quella Notte. In Italia nel periodo natalizio riaprono i tradizionali Mercatini, dove tra prodotti tipici e oggetti artigianali immancabilmente si riscopre tutta la magia del Natale. Ogni anno in migliaia visitano i Christkindlmarkt del Trentino Alto Adige, che nelle caratteristiche casette espongono manufatti www.inewsswiss.com


PRESEPE-SAN-GREGORIO-ARMENO

in vetro, feltro e legno (come le famose sculture intagliate a mano della Val Gardena), oltre alla rinomata gastronomia regionale. La Vallagarina, a pochi chilometri da Trento, propone un itinerario tra Mercatini e Presepi allestiti in castelli medioevali e palazzi barocchi. A Canale di Tenno (Trento) il Mercatino di Natale prende vita tra le case in pietra aggrappate alla montagna. A Siror (Trento), nei fienili e nelle stalle del centro storico. A Levico Terme (Trento), nel Parco secolare degli Asburgo. A Chiusa (Bolzano), nel borgo antico, rischiarato da fiaccole, candele e lanterne. Ad Arco (Trento), ai piedi del Castello, tra i più antichi monumenti fortificati del Trentino. A Brunico (Bolzano), dall’1 al 24 dicembre, vengono aperte le finestre di un gigantesco Calendario dell’Avvento. A Castelrotto (Bolzano) il 5 dicembre si celebra San Nicolò con la sfilata dei tradizionali diavoli mostruosi (Krampus). A Merano (Bolzano) il 5 sfilano i Krampus e il 6 San Nicolò, che distribuisce regali ai bambini. Nella fiabesca atmosfera dei Mercatini valdostani è un tripudio di vini, dolci, formaggi, di eccellenze artigianali, come saponi, candele, oggetti découpage, articoli in lana cotta e feltro, pizzi, oggettistica in legno, mobili e arredi d’antiquariato, addobbi natalizi e idee regalo. Il parco del Castello Gamba di Châtillon (Aosta) si trasforma in un villaggio incantato, irresistibile per i più piccoli. Al Mercatino di Hone (Aosta) si festeggia la Micòoula, un pane dolce di segale con noci, fichi secchi, castagne, uva passa e, talvolta, anche scaglie di cioccolato. A quello di Saint-Denis (Aosta), la raccolta del vischio, elemento fondamentale della tradizione celtica e all’origine di molte tradizioni e leggende locali, in particolare legate alla fine dell’anno. Ma per visitare Mercatini di Natale straordinari non bisogna necessariamente andare nel Nord Italia. Anche al Centro e al Sud abbondano questi magici villaggi. Per esempio a Tropea (Vibo Valentia), Castellabate (Salerno), Fasano (Brindisi), Palermo, www.inewsswiss.com

Taranto, Foligno (Perugia), Golfo Aranci (Sassari). Durante le Feste l’Italia si trasforma in un mondo di fascino e magia. Lungo tutto lo Stivale svettano ricchi alberi adorni, mentre le luminarie ridisegnano le strade e creano fantastici microcosmi nelle piazze. Torino, Milano, Gaeta, La Spezia, ma soprattutto Salerno, che per il 14° anno ospita “Luci d’Artista”, una spettacolare e suggestiva esposizione di luminarie che ormai attira migliaia di turisti. Tra le novità di questa edizione, dedicata ai fiori, che perciò ‘sbocciano’ un po’ ovunque, il gigantesco albero che avvolge piazza Flavio Gioia. I lampadari stilizzati che impreziosiscono la zona pedonale cittadina. I limoni della Costiera Amalfitana che illuminano piazza Sant’Agostino, a ricordare le celebri ceramiche di Vietri. Immancabile l’albero di Natale di circa 30 metri a Piazza Portanova. E la Ruota Panoramica di circa 60, per dare un indimenticabile colpo d’occhio su questa Salerno vestita a festa.

PRESEPE DI CORCIANO iNEWS

19


turismo

LIVIA PRUCCOLI

LA “CONTRORA” PUGLIESE A LONDRA CON UNA TAZZA DI CAFFÈ SUCCESSO DELLA SECONDA CAMPAGNA DI PUGLIAPROMOZIONE NEI CAFES DELLA CITY CON L’AGENZIA CUPTHEMARKET

D

urante la pausa-caffè a Londra in questo mese di novembre 150.000 paper cup, tazze di carta brandizzate Puglia, invitano gli inglesi a venire e sperimentare lo stile di vita rigenerante della Puglia. E’ la seconda campagna di marketing di Pugliapromozione, con l’agenzia CupTheMarket, dopo il successo della edizione dell’anno scorso. Una campagna divertente che fa sognare ai londinesi durante la pausa del caffè una Puglia ridente e rilassante. Le tazze, completamente compostabili, presentano la Puglia way of life nel concept della “ ontrora”, quel momento del giorno in cui i pugliesi fanno una lunga pausa dal lavoro e si rilassano. Sono distribuite in 50 caffetterie nel cuore della city. Insieme alle tazze, sono distribuiti dei volantini che invitano i clienti a visitare il sito web weareinpuglia.it . La Puglia è già conosciuta e visitata dagli inglesi, che rappresentano il terzo mercato turistico per l’incoming, cresciuto del 15% sia per gli arrivi che per le presenze nel 2018. Un mercato su cui la Puglia punta, grazie anche ai voli diretti.

20

iNEWS

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

F

O

O

D

MEGA BRUNCHBUFFET

AB 12. JANUAR 2020 - Fr. 50,RESTAURANT TURM OBERE ZÄUNE 19 - ZÜRICH - TEL. 043 268 39 40 www.inewsswiss.com

iNEWS

21


enogastronomia

VON 8. BIS 12. OKTOBER IST ES IN TURIN (ITALIEN) WIEDER ZEIT FÜR DAS WICHTIGSTE INTERNATIONALE SLOW-FOOD-EVENT RUND UM GUTE, SAUBERE UND FAIRE LEBENSMITTEL FÜR ALLE 22

iNEWS

www.inewsswiss.com


S

tartschuss für die organisatorischen Vorbereitungen des Großevents Terra Madre Salone del Gusto, das von 8. bis 12. Oktober 2020 zum dreizehnten Mal in den Turiner Messehallen von Lingotto Fiere stattfinden wird. Die größte internationale Veranstaltung rund um Essen, Umwelt, Landwirtschaft und Lebensmittelpolitik, die Slow Food gemeinsam mit der Region Piemont und der Stadt Turin organisiert, präsentiert sich den Besuchern mit umstrukturierten Räumlichkeiten, die eine ganz neue Besuchserfahrung ermöglichen. So wird es noch leichter, mit den Menschen in Kontakt zu treten, die sich tagtäglich dafür einsetzen, die Zukunft unserer Ernährung zu verändern und das Lebensmittelsystem in ökologischer, sozialer und wirtschaftlicher Hinsicht wirklich nachhaltig zu gestalten. Eine Zukunftsvision, für die Slow Food bereits heute sein ganzes Netzwerk, das bei den letzten Veranstaltungen zugegen war – darunter Aktivisten, junge Leute, Erzeuger, Köche, Branchenfachleute, Akademiker, Delegierte und Mitglieder – aufruft, Ideen, Vorschläge, eigene Projekte und natürlich Energie einzubringen. 2020 legt Slow Food den Schwerpunkt der Veranstaltung in geografischer Hinsicht auf die Ökosysteme, auf ihre wunden Punkte und die konkreten Lösungsansätze, die das Netzwerk an allen Ecken und Enden der Welt bereits in die Tat umsetzt. In der heutigen Zeit, in der wieder Nationalismen auftauchen und an den Grenzen wieder Mauern und Stacheldraht erscheinen, stehen die Räumlichkeiten und Besuchstouren ganz im Zeichen der Öffnung. Sie sind analog zu den ökologischen Eigenheiten der Regionen strukturiert, wobei politische Ländergrenzen in den Hintergrund rücken und konkrete ökologische und kulturelle Elemente – darunter auch Lebensmittel, von der Produktion über die handwerkliche Weiterverarbeitung bis hin zum fertig zubereiteten Gericht – als roter Faden dienen. Also nicht mehr die klassische Unterteilung zwischen italienischen Ausstellern des Marktes und dem Rest der Welt (und darin wiederum nach Regionen und Ländern), sondern eine Tour, die die Besucher in verschiedene Ökosysteme führt und sie dazu bringt, eine ganz neue Lebensmittelgeografie zu erkunden: - Die Berg - und Hügelgebiete mit ihren Produkten und Projekten zum Schutz des Territoriums - Die Gemeinschaften der Küsten - und Binnengewässergebiete, die sich für den Schutz der Meere, der Flüsse und Seen, sowie für nachhaltige Fischerei und Bekämpfung der Umweltverschmutzung einsetzen - Der städtische Kontext und sein Verhältnis zum Land im Rahmen von Nutzgärten, Bauernmärkten und Einkaufsgemeinschaften - Die Flachebenen, wo die Agrarökologie eine systemische Alternative zu Monokulturen, Wüstenbildung und Entwaldung darstellt. Diese vier Bereiche versammeln Delegierte und Aussteller von den Alpen bis zu den Anden, von den Nordmeeren bis zu den großen europäischen Flüssen, von den sich stetig entwickelnden Slow-FoodDörfern bis hin zu den kreativen Städten, von der Po-Ebene bis zur afrikanischen Savanne. Die Debatten während der Veranstaltung und der Erfahrungsaustausch der Delegierten werden durch die Themen bereichert, die Slow Food im Rahmen seines 8. Internationalen Kongresses zur Diskussion stellt, der zeitgleich zu Terra Madre Salone del Gusto in Turin stattfindet. Laut Paolo Di Croce, Generalsekretär von Slow Food, bilden «die Umwelt- und Klimakrise, in der wir uns befinden, und in Folge die große Herausforderung, innerhalb der nächsten 10 Jahre einen Wandel herbeizuführen (wie besonders die Vereinten Nationen hervorheben) in Kombination zu dem speziellen historischen Moment, den Slow Food gerade erlebt, einen ganz außergewöhnlichen Rahmen für das nächste Terra-Madre-Treffen, das vielleicht das wichtigste bisher werden könnte.» Terra Madre Salone del Gusto verzeichnete 2018 220Tausend Besucher, 7000 Delegierte aus 150 Ländern, 1000 Aussteller aus 83 Ländern, davon 150 Slow Food Presidi aus ganz Italien und 103 Slow www.inewsswiss.com

Food Presidi aus 42 Ländern, sowie 50 italienische und 20 internationale Institutionen. Als Delegierte haben außerdem 1000 junge Menschen an der Veranstaltung teilgenommen, 230 Vertreter der Migrantengemeinschaften aus ganz Italien, 340 Vertreter der indigenen Völker, 350 Dozenten und 150 Köche aus allen fünf Kontinenten. Nicht zu vergessen die 1000 freiwilligen Helfer, die die Veranstaltung jedes Mal erst möglich machen. Darüber hinaus ist das Event dank den 120 Terra-Madre-Städten, die die 1600 Delegierten beherbergten, für die ganze Region Piemont ein wichtiger Termin. Terra Madre Salone del Gusto findet alle zwei Jahre statt, fungiert aber ohne Unterlass als Brutstätte für Ideen und neue Projekte: Unmittelbar nach der letzten Veranstaltung begann nicht nur die Planung für 2020, sondern auch die Aktivitäten des weltweiten Slow-Food-Netzwerks entwickelten seitdem eine erhebliche Dynamik – das ganze Jahr 2019 über. Die Einnahmen der Ticketschalter der 2018er Veranstaltung kamen (abzüglich der Verwaltungskosten) dem Slow-Food-Netzwerk in Afrika zugute und deckten teilweise die Teilnahmekosten der Delegierten. Es handelt sich um 250Tausend Euro, die von der gemeinnützigen Slow Food Stiftung für Biodiversität ausgeschüttet wurden und dazu dienten, zahlreiche Projekte auf dem Kontinent zu unterstützen: Gärten in Afrika, Slow Food Presidi, Arche des Geschmacks, Märkte der Erde, Slow-FoodKöchebündnis, sowie Slow Food Communities. An diesen Projekten wirken rund 60.000 Menschen in 45 Ländern mit, darunter Erzeuger, Köche, Agronomen, Tierärzte und junge Aktivisten. 2019 konnten dank der Gründung von 40 Communities gut 600 neue Aktivisten einbezogen werden. Einige dieser Communities unterstützen die Netzwerke der indigenen Bevölkerungen und der jungen Leute. Außerdem wurden zirka 200 neue Gärten angelegt: in Uganda, Kenia, Südafrika, Burkina Faso, Tunesien, Senegal, Tansania, Ruanda, Sambia, Benin, Marokko und Malawi. Es wurde an der Aufnahme neuer Produkte in die Arche des Geschmacks gearbeitet, in Tansania wurde ein neuer Markt der Erde gegründet und weitere neue Märkte sollen eröffnet werden. In den Ländern, in denen Gärten angelegt wurden, fanden darüber hinaus zahlreiche Schulungen über agrarökologische Methoden statt. Bezüglich der Nachhaltigkeit der Veranstaltung selbst kam bereits 2018 das von der Universität der gastronomischen Wissenschaften (UNISG) entwickelte angewandte Forschungsprojekt Systemic Event Design (SEeD) zum Einsatz. Das 2006 ausgearbeitete SEeD hat sich im Laufe der Jahre zum Ziel gesetzt, ein neues Gesamtqualitätskonzept der Veranstaltung zu definieren, wobei die Kultur- und Umweltauswirkungen auf das Veranstaltungsgebiet reduziert werden sollten. Schirmherrschaft für die Initiative hatte die Organisation ASviS (Italienisches Bündnis für nachhaltige Entwicklung), die sich auf die 17 Nachhaltigen Entwicklungsziele (SDGs) der Agenda 2030 der Vereinten Nationen konzentrierte und 82 konkrete Handlungsvorschläge für die Veranstaltung entwickelte. An der Veranstaltung wirkten 3 italienische Hochschulen (Universität der gastronomischen Wissenschaften von Pollenzo, Universität Turin und technische Universität Turin), 8 Forschungszentren (darunter die Systemic Approach Foundation sowie das Fremdenverkehrsamt Turin und Provinz), 7 Nachhaltigkeitspartner und 65 Unternehmen mit. Besonders hervorzuheben ist der statistische Wert aus dem Bereich der Kreislaufwirtschaft mit einem Prozentsatz von 81,40% Mülltrennung (5 Mal so hoch wie noch 2006), insbesondere in Bezug auf Altöl (736 Liter). Wenn dieses Volumen nicht korrekt entsorgt worden wäre, hätte es 736 Millionen Liter Trinkwasser verschmutzt. Auch bemerkenswert die Menge an Lebensmitteln (1834 kg), die für wohltätige Zwecke und an Bedürftige gespendet werden konnten. Im Bereich der ökologischen und sozialen Nachhaltigkeit sind besonders die 9 Spender des städtischen Wasserwerks Turin (SMAT) zu nennen, an denen insgesamt 19.000 Liter Wasser gezapft wurden, was einer Ersparnis von 38.000 0,5-Liter-Wasserflaschen aus Plastik gleichkommt. Auch für die Kleinsten war gesorgt: Vom Baby Pit Stop profitierten über 1800 Familien.

iNEWS

23


enogastronomia

AL RISTORANTE CASAMATTA DEL VINILIA WINE RESORT LA STELLA MICHELIN LO CHEF PIETRO PENNA RICEVE L’AMBITO MACARON LA FAMIGLIA LACAITA: UN GRANDE RISULTATO PER NOI TUTTI MA ANCHE PER IL TERRITORIO. 24

iNEWS

www.inewsswiss.com


A

Casamatta, il ristorante di Vinilia wine resort, arriva la stella Michelin. Torna a brillare nella provincia di Taranto la rossa più ambita nella ristorazione mondiale. Allo chef Pietro Penna e al ristorante Casamatta è giunto l’importante Macaron assegnato dalla Michelin. Un riconoscimento che arriva a Manduria nel cuore della terra del Primitivo lì dove l’imprenditore metalmeccanico Pietro Lacaita con le figlie Marika e Simona solo due anni e mezzo fa ha dato il via a un progetto che dal primo momento ha raccolto e ottenuto l’apprezzamento della critica. «Non si può racchiudere la gioia in un commento – spiega lo chef Pietro Penna - È un riconoscimento che segna profondamente l’uomo e il cuoco. Sono felice, sono grato ma subito dopo aver comunicato la notizia alla brigata ero talmente carico da essermi immerso in una lunga riunione sul futuro di Casamatta. L’adrenalina l’ho smaltita in questi giorni che hanno preceduto l’appuntamento di Piacenza ripensando al percorso professionale fatto e alla sorpresa che ho avuto ormai da adulto e da professionista nel rientrare nella mia terra». Il fascino di Vinilia wine resort e la ricchezza del ristorante Casamatta sono nell’estetica di un contesto fatto di una natura rassicurante che obbliga ad entrare in stretta connessione con una dimensione emozionale che impone ritmi e tempi al visitatore. «A Casamatta – prosegue lo chef Penna - ho ritrovato una dimensione umana che nelle grandi città è facile perdere. Ho dovuto ripensare il mio rapporto con i fornitori. Se un tempo ero abituato a dover selezionare da una cella frigo, oggi mi basta arrivare nel nostro orto o nel frutteto, piuttosto che fare una passeggiata per selezionare le migliori carni frollate da portare in tavola o il pescato che arriva direttamente in banchina».

www.inewsswiss.com

Casamatta è oggi una sfida enogastronomica particolarmente articolata e riuscita in questo pezzo di Salento, a Manduria, in un luogo centrale tra le province di Taranto, Brindisi e Lecce. La cifra del gusto affidata allo chef Pietro Penna propone una cucina di grande carattere, pulita, passionale e concreta. Sapori mediterranei con materie prime che arrivano dall’orto del Castello e prodotti sapientemente selezionati alla ricerca di gusto e piacevolezza che sono i protagonisti di una tavola in cui la tecnica francese dello chef viene messa al servizio della valorizzazione dei sapori. E Casamatta è stata la sfida imprenditoriale della famiglia Lacaita che ha deciso di investire in un territorio dalle grandi potenzialità. «Oggi, finalmente, la Terra del Primitivo di Manduria ha il suo riferimento gastronomico e intorno alla Stella Michelin assegnata al nostro ristorante – commentano Simona e Marika – è possibile dare una svolta al sistema di imprenditori che a Manduria costituiscono un importante riferimento nel mondo del vino a livello internazionale. Questa è una buona notizia per la nostra famiglia ma è un valore aggiunto per l’intera provincia di Taranto». Note biografiche e professionali su Pietro Penna Pietro Penna, classe ‘84 nato a Specchia, in provincia di Lecce, per più di 15 anni ha vissuto lontano dalla sua terra lavorando in alcune delle più eleganti cucine internazionali con forte impronta francese. Dopo un lungo periodo al Four Season di Milano con lo chef Sergio Mei, Penna ha consolidato la sua esperienza in una cucina classica francese indossando la toque bianca al fianco di Hans Nussbaumer al Kulm hotels a Saint Moritz, per poi virare nella cucina di Pietro Amato al Richmond di Ginevra. Formativi e segnanti i cinque anni che a Parigi hanno visto Penna nella brigata di Eric Briffard al George V per passare, poi, prima del rientro in Italia da una collaborazione con Philippe Gobet Direttore de l’EcoleLenôtre.

iNEWS

25


enogastronomia

RISTORANTE LUIGIA RICEVE LA TARGA PER LA VERA PIZZA NAPOLETANA APERTO 365 GIORNI ALL’ANNO PER DEGUSTARE LA TRADIZIONALE PIZZA NAPOLETANA IN SVIZZERA

N

ella giornata del 12 novembre 2019, il rinomato ristorante Luigia a Zurigo (Talstrasse 61, 8001 Zürich) riceve la targa da parte dell’Associazione Verace Pizza Napoletana (AVPN) con sede a Napoli, per aver soddisfatto completamente i dettami del disciplinare della vera pizza napoletana. Con il numero 802, Luigia Zurigo si è conquistata un posticino sul portale www.pizzanapoletana. org, il sito di riferimento dell’AVPN ove è possibile trovare tutte le caratteristiche per poter definire una pizza napoletana come tale. Ci sono delle regole ben precise, trasmesse pima oralmente dalla tradizione popolare, p oi finalmente codificate per distinguere una tipica pizza napoletana dalle altre esistenti in Italia. Ad esempio deve possedere una forma tondeggiante, con un diametro che non deve superare i 35 cm, il bordo deve essere rialzato chiamato anche “cornicione” gonfio e privo di bruciature, di circa 1-2 cm, e infine deve essere morbida e fragrante secondo una precisa lievitazione e uso corretto di tutti gli ingredienti. L’ impasto una volta estratto dall’ impastatrice si lascia riposare coperto da un panno umido in modo che la superficie non possa indurirsi. Trascorso il tempo necessario, si passa alla formatura del panetto, obbligatoriamente a mano e viene suddiviso in palline che devono ancora una volta riposare per la fermentazione. Grazie ad un movimento preciso dal centro verso l’esterno, si forma un disco di pasta, da poter condire con alimenti preferibilmente di origine campana. La pizza napoletana porta con sé anche un forte connotato naziona ––ui la stessa tradizione

26

iNEWS

napoletana viene trasmessa, e viene riconosciuta nell’amore per il cibo, per la tradizione e per la famiglia, che da generazione in generazione tramandava questi magici segreti per fare la pizza. È patrimonio dell’Unesco dal 2017 e il ristorante Luigia rappresenta le eccezionalità della cultura italiana in tutta la Svizzera e non solo. Il ristorante è aperto 365 giorni all’ anno a Ginevra, Nyon, Lausanne, Fribourg, Sion e Zurigo. É sbarcata anche a Dubai, dove sta ottenendo ottimi risultati ed un riscontro favoloso da parte del mercato arab [Foto] o. Con fierezza ed orgoglio non possiamo che celebrare le bellezze della cultura italiana culinaria in tutto il mondo, ed estendere l’invito a tutti i lettori di andare ad assaggiare la pizza, e non solo, da Luigia.

Consegna della targa numero 802 di Vera Pizza Napoletana ai titolari di Luigia, Daniele e Maria. www.inewsswiss.com


DARYA KLISHINA BECOMES AMBASSADOR OF CHRISTOPHE CLARET’S WOMEN’S COLLECTION

Christophe Claret chose Darya Klishina as his ambassador to represent his famous women's collection.

www.inewsswiss.com

iNEWS

27


SWISSGEHT AUS

MANGIARE BENE ESSEN MIT GENUSS

RESTAURANT SANTA VERENA WWW.SANTAVERENA.CH STRAEHLGASSE 1 8832 WOLLERAU, WOLLERAU 8832, SVIZZERA TEL. +41 44 784 06 18 RISTORANTE MOLINO ZURIGO

WWW.MOLINO.CH

DA CIRO

WWW.RISTORANTE-CIRO.CH

IL GIGLIO

WWW.ILGIGLIO.CH

IL TARTUFO

WWW.ILTARTUFO-ZUERICH.CH

IL GALLO

WWW.ILGALLO.CH

RISTORANTE TOSCANO

WWW.RISTORANTE-TOSCANO.CH

RISTORANTE ITALIA

WWW.RISTORANTE-ITALIA.CH

CASA DA VINCI

WWW.CASADAVINCI.CH

GANDRIA

WWW.RESTAURANT-GANDRIA.CH

IL CAMINO

WWW.RISTORANTE-CAMINO.CH

PANTHEON

WWW.ILPANTHEON.CH

CASA AURELIO

WWW.CASAAURELIO.CH

SCHWAN HOTEL & TAVERNE

WWW.HOTEL-SCHWAN.CH

IL BOCCIODROMO

WWW.BOCCIACONO.CH

IL PUNTO

WWW.RISTORANTE-PUNTO.CH

RESTAURANT SANTA VERENA

RISTORANTE DAL TOSCANO

RISTORANTE CIAO MÖWENPICK WWW.MOEVENPICK-REGENSDORF.COM RISTORANTE AZZURRO

WWW.RISTORANTEAZZURRO.CH

RISTORANTE SORRISO

WWW.SORRISO.CH

TRATTORIA ITALIANA

WWW.TRATTORIA-ITALIANA.CH

RESTAURANT MESA

WWW.MESA-RESTAURANT.CH

DAL BUONGUSTAIO

WWW.DAL-BUONGUSTAIO.CH

IL FARO DÜBENDORF

WWW. ILFARO.CH

RISTORANTE VENEZIA

WWW.VENEZIA-BUELACH.CH

RISTORABTE 4 LEONI

WWW.4LEONI.CH

RISTORANTE ROMANTICA

IL SALENTO Restaurant Pizzeria WWW.IL-SALENTO.CH RISTORANTE ROMANTICA

WWW.RISTORANTEROMANTICA.CH

RISTORANTE BARBATTI

WWW.BINDELLA.CH

CASA FERLIN

WWW.CASAFERLIN.CH

RESTAURANT PINOCCHIO WILSTRASSE 100 CH-8600 DÜBENDORF TEL.: +41 43 819 15 19 E-MAIL: INFO(AT)DUEBENDORF-PINOCCHIO.CH P = PROPIETARIO ITALIANO H

28

iNEWS

C = CUOCO ITALIANO H

RISTORANTE PINOCCHIO S SERVIZIO ITALIANO H

Q = BUONA QUALITÀ H

HI = INGREDIENTI ITALIANI

T = TESTATO H


SWISSGEHT AUS

RISTORANTE CARUSO

RISTORANTE TOSCANO

HOTEL-TAVERNE SCHWAN

MANGIARE BENE ESSEN MIT GENUSS RISTORANTE PIZZERA BELLA VISTA

056 664 12 87

RESTAURANT GRIGIONI GRAUBÜNDEN

081 413 32 16 *

RESTAURANT LA CARRETTA

081 413 38 95

RESTAURANT, PIZZERIA PADRINO

081 253 03 01

RESTAURANT TICINO

081 253 13 07 *

RESTAURANT, PIZZERIA LA MERIDIANA

081 416 82 85

RESTAURANT JARNO

081 416 82 85 *

RISTORANTE CARUSO

081 641 30 30

GROTTO SERTA

091 945 02 35

OSTERIA BELLAVISTA

091 985 89 12

TRATTORIA VITTORIA

091 609 11 57

GROTTO GRILLO

091 970 18 18

BELVEDERE

091 941 13 51

GROTTO MORCHINO

091 994 60 44

OSTERIA DEI TIRATORI

091 943 34 95

GROTTO TICINESE

091 967 12 26

CACCIATORI

091 605 22 36

RISTORANTE DA CANDIDA

091 649 75 41

RISTORANTE CYRANO

091 922 21 82

RISTORANTE SANTABBONDIO

091 994 85 35

COLLINA D‘ORO

091 994 74 97

RISTORANTE IL CASTAGNO

091 611 40 50

RISTORANTE LA GRIGLIA

091 945 11 58

LA PERLA DEL LAGO

091 973 72 72

HOSTARIA DEL POZZO

091 940 91 58

LOCANDA DEL BOSCHETTO

091 994 24 93

MOUETTE DEL MÖVENPICK

091 923 23 33

GROTTO VALLERA

091 647 18 91

IL FARO DÜBENDORF

GROTTO: 044 821 62 03 RESTAURANT: 044 821 61 64

IL FARO EMBRACH

RESTAURANT: 044 865 03 20

IL FARO HERRLIBERG IL FARO WALLISELLEN

RESTAURANT: 044 915 81 11 BANKETT / SAAL: 044 915 81 13 RESTAURANT: 044 830 46 52 TAKE AWAY: 044 830 46 54

RISTORANTE VENEZIA 043 411 50 00 IL SALENTO RESTAURANT PIZZERIA *043 311 68 78

IL SALENTO RESTAURANT PIZZERIA

iNEWS

29


PIZZERIAS GEHT AUS

RESTAURANT CONCORDIA

MANGIARE BENE ESSEN MIT GENUSS

RESTAURANT CONCORDIA

SIHLFELDSTRASSE KREIS 4

RESTAURANT CORALLO

WEINBERGSTRASSE KREIS

RISTORANTE LE SCALE

WERDSTRASSE KREIS 4

RISTORANTE PAESTUM

UETLIBERGSTRASSE 22

RISTORANTE PIZZERIA DREISPITZ

SAATLENSTRASSE 110

RESTAURANT SCALA

PIZZERIA VIRTÙ - SPAGHETTERIA BIRCHSTRASSE 147

RESTAURANT CORALLO

RISTORANTE LE SCALE

DON LEONE

WAFFENPLATZSTRASSE KREIS 2

RESTAURANT SCALA

ROTBUCHSTRASSE KREIS 6

PIZZA PASTA CIAO

WEINBERGSTRASSE KREIS 1

TAVERNE DA ANGELO

BADENERSTRASSE KREIS 3

PIZZERIA DA AMICI

SCHAFFHAUSERSTRASSE KREIS 6

PIZZERIA OKAY ITALIA

GLADBACHSTRASSE KREIS 7

RESTAURANT PIZZERIA FANTASIA

SEEBACHERSTRASSE 167

PIZZA & PASTA ANTONIO

HARDTURMSTRASSE KREIS 5

PIZZA PASTA CIAO

TAVERNE DA ANGELO

RISTORANTE PAESTUM

PIZZERIA DA AMICI

RISTORANTE PIZZERIA DREISPITZ

PIZZERIA OKAY ITALIA

PIZZERIA VIRTÙ - SPAGHETTERIA

RESTAURANT PIZZERIA FANTASIA

DON LEONE

PIZZA & PASTA ANTONIO

30

iNEWS


INEWSSWISS.COM

A

U

T

O

FOTO INEWS AUTO SSANGYONG KORANDO


auto

LA NUOVA SEAT LEON ILLUMINA LA STRADA NEL SEGMENTO - LA NUOVA SEAT LEON PORTA LA TECNOLOGIA DI ILLUMINAZIONE AL LIVELLO SUCCESSIVO, INTENSIFICANDO IL DESIGN ESTERNO E INTERNO DELLA BEST SELLER SEAT - I FARI FULL LED GARANTISCONO UNA VISIONE CHIARA AL GUIDATORE, MENTRE LE LUCI POSTERIORI COAST-TO-COAST LIGHT INTENSIFICANO IL DESIGN DELLA VETTURA - LO SPAZIO NELL’ABITACOLO DELLA NUOVA LEON VIENE ARRICCHITO DALL’AVVOLGENTE ILLUMINAZIONE AMBIENTE LA NUOVA SEAT LEON SARÀ SVELATA IL PROSSIMO 28 GENNAIO 32

iNEWS

www.inewsswiss.com


S

EAT aggiunge un tocco di eccezionalità alla nuova generazione di Leon, mettendo la tecnologia di illuminazione al centro della personalità dell’auto. La nuova SEAT Leon vanta nuovi sistemi di illuminazione che renderanno la compatta dinamica, sportiva ed elegante ancor più desiderabile, sia esternamente, sia dal comfort dell’abitacolo. Nel 2012, con l’arrivo della sua terza generazione, SEAT Leon è stata la prima auto nel segmento a vantare la tecnologia full LED. Il team di design e ingegneri a capo del progetto ha portato ora la tecnologia di illuminazione della best seller del marchio al livello successivo, per accentuare il nuovo linguaggio stilistico degli interni della nuova generazione di Leon.

“Dentro, l’avvolgente luce ambiente posiziona la nuova Leon su un nuovo livello dal punto di vista di funzionalità ed estetica.” All’interno della nuova SEAT Leon, un innovativo concetto di illuminazione migliora l’esperienza di guida, con un’avvolgente luce ambiente full LED che scorre lungo tutta la plancia frontale e le portiere. La tecnologia di illuminazione della nuova SEAT Leon è stata disegnata e sviluppata al Centro Tecnico SEAT di Martorell. La quarta generazione di SEAT Leon sarà svelata il prossimo 28 gennaio.

All’esterno, la nuova generazione di Leon integra la tecnologia full LED; sul frontale, questo significa luci dinamiche con una luminosità e nitidezza in grado di illuminare anche le strade più buie. Dietro, l’illuminazione coast-to-coast continua tra i due fari posteriori garantisce un suggestivo benvenuto all’accensione della vettura. Leon include indicatori di direzione posteriori dinamici, rendendo così la propria direzione di marcia ancora più chiara per gli altri utenti della strada e aumentando la sicurezza. Ma ancora prima di partire per il proprio viaggio, una specifica luce di benvenuto SEAT proietta al suolo la parola “Hola!”, dando un ulteriore elemento di stile all’ultima Leon uscita dalla linea di produzione.

“Una tecnologia di illuminazione avanzata è un fattore chiave per dare enfasi al design di un’auto. Nella nuova SEAT Leon, siamo stati capaci di raggiungere un effetto grandioso, per rafforzarne il carattere già marcato”, ha

condiviso Alejandro Mesonero-Romanos, Direttore Design SEAT.

www.inewsswiss.com

iNEWS

33


auto

SHOPPING AUF DIE ELEKTRISCHE ART – MIT DEM HYUNDAI NEXO UND DEM KONA ELECTRIC HYUNDAI BIS ZUM 4. JANUAR 2020 MIT ZWEI ELEKTROFAHRZEUGEN IM E-GARDEN IM GLATTZENTRUM (ZH)

S

hopping geht auch elektrisch: Der TCS und Energie 360° machen im Glattzentrum in Wallisellen die Elektromobilität verständlich, erlebbar und greifbar – in all ihren Facetten. Als Pionier von innovativen Antrieben zeigt Hyundai im E-Garden bis zum 4. Januar 2020 den All-New KONA electric und das Wasserstofffahrzeug der zweiten Generation, den All-New NEXO. Beide verbinden den 100 % elektrischen Antrieb mit einer 100 %-igen Alltagstauglichkeit, zum Reisen, zum Shoppen, für kleine und auch für grössere Familien. 5 Türen, 5 Plätze, viel Lifestyle und 100 % elektrisch: Hyundai bringt im E-Garden auf den Punkt, wie einfach, praktisch und vielseitig Elektromobilität sein kann. Veljko Belamaric, Managing Director von Hyundai Suisse: «Die Elektromobilität ist längst angekommen. Trotzdem stellen sich vor dem Umstieg viele praktische Fragen. Der E-Garden im Glattzentrum gibt Antworten, auf spannende, interessante und 34

iNEWS

verständliche Art. Das passt perfekt zu Hyundai. Der KONA electric und der NEXO zeigen, wie Zero Emission heute funktioniert, und dass es funktioniert. Beide Modelle sind 100 % elektrisch unterwegs, und beide sind mit ihren Konzepten ‚State of the Art‘ – sei es beim Reisen, oder beim Shoppen…»

E-Garden im Glattzentrum (ZH)

Mit dem E-Garden bringen der TCS und Energie 360° die Elektromobilität an den Ort, wo die Kunden sind. Die Pop-upAusstellung macht die neue Form der Mobilität im Shoppingcenter auf fast 700 m2 in all ihren Facetten verständlich, erlebbar und begreifbar, von den E-Fahrzeugen über die verschiedensten Ladestationen bis zur Stromproduktion aus erneuerbaren Energiequellen. Der E-Garden im Glattzentrum in Wallisellen (ZH) ist bis zum 4. Januar 2020 während den Öffnungszeiten frei zugänglich.

www.inewsswiss.com


Aus dem breiten Angebot an alternativen Antrieben stellt Hyundai mit dem All-New KONA electric und dem All-New NEXO zwei unterschiedliche Technologien vor, beide mit 100 % elektrischem Antrieb.

All-New Hyundai KONA electric

Mit dem All-New Hyundai KONA electric bietet Hyundai als erste Marke einen 100 % elektrisch angetriebenen SUV für einen breiteren Kundenkreis an (Segment B-SUV). Damit kombiniert der All-New KONA electric zwei wichtige Trends in der Automobilbranche: das kompakte SUV-Format mit dem emissionsfreien Elektroantrieb. Die in der Schweiz erhältliche leistungsstärkere Version mit 150 kW

www.inewsswiss.com

(204 PS) ermöglicht nach dem neuen WLTP-Zyklus eine maximale Reichweite von bis zu 449 Kilometer. Optisch übernimmt der All-New Hyundai KONA electric das ausdrucksstarke, progressive Design von der Version mit dem Verbrennungsmotor. Und den hohen Gebrauchswert im Alltag unterstreicht unter anderem der Kofferraum mit 332 Liter Fassungsvermögen (VDA), resp. 1’114 Liter bei abgeklappten Rücksitzen. Auch preislich positioniert Hyundai den All-New KONA electric (ab CHF 46’990.-) in einem äusserst attraktiven Bereich.

iNEWS

35


auto

BEST CARS 2020» LESERWAHL: ALFA ROMEO, ABARTH UND FIAT WIEDER UNTER DEN SIEGERN ERNEUT STEHEN DREI FCA-MARKEN - ALFA ROMEO, ABARTH UND FIAT - AUF DEM SIEGERPODEST DER LESERAUSZEICHNUNG «BEST CARS» DER «AUTO ILLUSTRIERTE», DEM GRÖSSTEN SCHWEIZER AUTOMAGAZIN. 36

iNEWS

www.inewsswiss.com


A

m 28. Januar 2020 kürte die auto Illustrierte in Zürich die Sieger der «Best Cars 2020». Auch dieses Jahr konnte Alfa Romeo seine starke Position unter den «Best Cars» verteidigen, gebührend feiern und sogar weiter ausbauen. Bereits zum fünften Mal in Folge sicherte sich die Alfa Romeo Giulia den Sieg in der Kategorie D, der Mittelklasse, und der Alfa Romeo Stelvio verteidigte auch 2020 seinen Vorjahressieg auf Platz 1 in der Kategorie SUV/Geländewagen. Auf Platz 1 stieg wieder einmal die Alfa Romeo Giulietta in der Kategorie C, der Kompaktklasse. Auch in Punkto «Best Brands» brillierte Alfa Romeo mit Siegerauszeichnung für «Gutes Aussehen/Styling» und «Macht gute Werbung».

www.inewsswiss.com

Mit dem Abarth 595/695 steht eine weitere FCA-Marke auf der Siegertreppe in der Kategorie A, den Mini Cars. Dicht gefolgt vom Fiat 500 auf Platz 2. Rund 4‘500 fachkundige Leser aus der Deutsch- und Westschweiz haben für die Auszeichnung «Best Cars 2020» der auto Illustrierten ihre Stimme abgegeben. Die Wahl fand gleichzeitig in 10 Ländern statt, bei weltweit 13 Auto-Magazinen. Dafür standen 387 Modelle in insgesamt elf Kategorien zur Auswahl.

iNEWS

37


finance & tourism

CARLA BORDOLI CRIVELLI VISCONTI

El Alcalde de Casares, José Carrasco, los Concejales de Cultura y Deporte, Luis Córdoba de la Fábrica de queso de Sierra Crestellina, Vicente Boscá de MATECNO SL

FITUR 2020, 22-26 DE ENERO NUEVO RECORD: ¿ES LA RECUPERACIÓN DEL TURISMO A NIVEL INTERNACIONAL?

L

a más importante feria de turismo del mundo rompe moldes, superando las mejores previsiones, y representando una vez más uno de los mayores éxitos de la organizadora de tal evento internacional: IFEMA, Institución Ferial de Madrid. En las jornadas exclusivamente profesionales, 150.011 participantes de 140 países. La feria ha conseguido cifras históricas, en un momento muy peculiar a nivel mundial, donde la recuperación económica y turística de algunos lugares contrasta claramente con otras naciones menos afortunadas o bien por conflictos o problemas a nivel gubernamental o bien por algún que otro desastre medioambiental.

38

iNEWS

Tenemos de todo, en este principio de año, hasta virus que nos amenazan desde lejos. Pero los 255.000 visitantes, las más de 11.000 empresas, los 165 Países y regiones, provocaron una valoración del impacto económico de FITUR 2020 para la capital de España, equivalente a 333 millones de euros: AMAZING! Dirían los Británicos, que ya han salido de Europa justamente en este mismo mes, poniendo en marcha el Brexit. Un año intenso, denso de acontecimientos, algunos buenos, otros preocupantes, otros esperanzadores… Volviendo a FITUR, hemos asistido este año por encargo del cliente de nuestra Agencia de Comunicación y Relaciones Públicas

www.inewsswiss.com


Alcalde de Manilva, Mario Jiménez y Vicente Boscá de MATECNO SL Internacionales Medi@presse Swiss AG, Dexter Global Finance SL, corporación financiera que desde sus oficinas en Marbella, Barcelona y Madrid, es un referente para proyectos y promociones inmobiliarias de altísimo nivel en España, en la modalidad de préstamos con garantía hipotecaria y avales para grandes operaciones financieras. La sociedad colabora con Fondos de Inversión de EEUU, Canada, Noruega, Reino Unido, Luxemburgo, Suiza, Portugal y España. En FITUR, los encuentros se centraron en los grandes proyectos como las promociones inmobiliarias en España, Portugal, Canarias y Cabo Verde, ya que Dexter opera en varios Países dentro y fuera de Europa. Además, estuvimos acompañando a nuestros clientes Vicente y Oscar Boscá, de MATECNO SL, empresa de Desarrollo Integral de Proyectos, en la presentación oficial del que será el mayor centro ecuestre de doma clásica y reproducción asistida del País: EQUIFOAL. MATECNO está desarrollando la dirección técnica de la obra, que cuenta con el apoyo institucional del Alcalde de Casares,

www.inewsswiss.com

Pepe Carrasco, y de toda la corporación municipal, ya que tendrá una muy importante repercusión económica para la comarca. También nos acompañó el Alcalde de Manilva, Mario Jimenez, que nos comentó los proyectos interesantes que ahora se pueden ver en el sitio web del mismo Ayuntamiento, para este año 2020. Mucho fermento, mucha actividad, muchas ganas de reactivar turismo y desarrollo, todo con la máxima atención y respeto del medioambiente. Indudablemente una experiencia que repetiremos el año que viene. www.ifema.es www.casares.es www.manilva.es www.matecno.com

iNEWS

39


La Juventus è attualmente impegnata in 2 competizioni: Serie A e Champions League. Queste le prossime partite, definite fino ad ora, che giocherà la Juventus: quelle segnalate in giallo sono in casa

per riservazioni info@ticket4you.ch

Il 05/01/2020 alle ore 15:00 in Serie A contro il Cagliari (Juventus - Cagliari) Il 12/01/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro la Roma (Roma - Juventus) Il 19/01/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro il Parma (Juventus - Parma) Il 26/01/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro il Napoli (Napoli - Juventus) Il 02/02/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro la Fiorentina (Juventus - Fiorentina) Il 09/02/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro il Verona (Verona - Juventus) Il 16/02/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro il Brescia (Juventus - Brescia) Il 23/02/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro la Spal (Spal - Juventus) Il 01/03/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro l’ Inter (Juventus - Inter) Il 08/03/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro il Bologna (Bologna - Juventus) Il 15/03/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro il Lecce (Juventus - Lecce) Il 22/03/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro il Genoa (Genoa - Juventus) Il 05/04/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro il Torino (Juventus - Torino) Il 11/04/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro il Milan (Milan - Juventus) Il 19/04/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro l’ Atalanta (Juventus - Atalanta) Il 22/04/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro il Sassuolo (Sassuolo - Juventus) Il 26/04/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro la Lazio (Juventus - Lazio) Il 03/05/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro l’ Udinese (Udinese - Juventus) Il 10/05/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro la Sampdoria (Juventus - Sampdoria) Il 17/05/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro il Cagliari (Cagliari - Juventus) Il 24/05/2020 in orario ancora da decidere in Serie A contro la Roma (Juventus - Roma) LV-Viaggi GmbH Bahnhofstrasse 29 5600 Lenzburg

40

iNEWS

www.inewsswiss.com


communication

SWISS PRIME SITE

ERNENNUNG VON NINA MÜLLER ZUR CEO VON JELMOLI – THE HOUSE OF BRANDS UND MITGLIED DER GRUPPENLEITUNG VON SWISS PRIME SITE

D

er Verwaltungsrat von Swiss Prime Site hat Nina Müller zur CEO des Premium Department Store Jelmoli ernannt. Nina Müller, 1969, ist österreichische Staatsangehörige und wird im Frühjahr 2020 ihre neue Funktion innerhalb der Swiss Prime SiteGruppe übernehmen. Nina Müller hat an der Wirtschaftsuniversität Wien einen Masterabschluss in International Business Administration mit Schwerpunkt Marketing erlangt. 1995 startete sie ihre berufliche Laufbahn als Sales & Marketing Managerin Italien für Wolford. Danach folgten Stationen im Bereich Retail in Wien und London. 2005 wechselte sie zu Swarowski und hatte dort verschiedene Funktionen inne. Unter anderem war sie beim Schmuck- und Kristallunternehmen bis 2010 als Head of Retail Concepts und Retail Marketing Director tätig. Ab 2011 verantwortete sie als General Manager den Aufbau einer neuen Marke innerhalb von Swarowski. Seit 2016 ist Nina Müller CEO von CHRIST Uhren und Schmuck. Zu den wichtigsten Erfolgen gehörten dort die Einführung neuer Ladenkonzepte sowie der Ausbau des Omnichannel-Ansatzes. Nina Müller wird in ihrer Funktion als CEO von Jelmoli ebenfalls Mitglied der Gruppenleitung von Swiss Prime Site. Der Verwaltungsrat ist erfreut, diese wichtige Position mit einer Persönlichkeit zu besetzen, die für diese Funktion beste Voraussetzungen mitbringt. Dazu Hans Peter Wehrli, Verwaltungsratspräsident Swiss Prime Site: «Wir sind sehr zufrieden, mit Nina Müller eine international erfahrene und im Bereich Premium-Retail versierte Managerin als neue CEO von Jelmoli ernennen zu können. Ich und meine Kolleginnen und Kollegen im Verwaltungsrat sind überzeugt, dass sie das Management-Team von Swiss Prime Site ideal ergänzen wird.»

www.inewsswiss.com

iNEWS

41


communication BRIAN BASNAYAKE

BREXIT: BRITAIN’S GAMBLE AGAINST EUROPE IN A GLOBALIZED WORLD

O

n 12th December, the United Kingdom went to the polls, and the country returned the ruling minority Conservative Party with a thumping majority of 80 seats to govern the country for another five years. It was an unprecedented election result that saw many working-class strongholds vote against their favoured party for the first time since 1935. In a voter turnout of only 67.3%, the Conservative Party gathered 44% of the vote. At the same time, their main rival, the Labour Party, managed only a 32% share. What the result really meant was, because of the British “first past the post” electoral system, voters who chose to leave the European Union in the referendum on the membership of the EU held in 2016 would have their wish come true. The first act of parliament by the freshly elected Government of Prime Minister Boris Johnson, the champion of the Brexiteers, was to get the Withdrawal Agreement Bill (from the EU) passed in the UK Parliament, to ensure that the UK would finally leave the European Union on 31st January 2020. The historic election of December 2019, was crucial not only to the Tory Party that was being torn apart by the rancorously divisive Brexit issue. However, it was essential for the largest segment of the UK population that wanted Britain and Northern Ireland to be a fully independent sovereign state, unfettered by the super-state of the EU. The fortuitous election result for the Tory party meant that it had once again coalesced into almost its former self. At the same time, the Brexit voting population had their ultimate wish fulfilled: seeing the UK become once again an independent trading nation in a world driven by ever-increasing globalization. The momentous day, 31st January 2020, will be observed with great rejoicing by the Brexiteers in the UK and muted regret by the “Remainers” and their European allies. However, it will also mark the day that for the first time a member of the European Union relinquishes its membership in the world’s biggest and most powerful trading bloc. For the EU, it may not be altogether catastrophic to lose one of its most significant members. But it will signal a loss of credibility, misjudgment in the interpretation and implementation of its core values and, perhaps, a failure in its mode of governance.

42

iNEWS

However, even if the UK’s gamble with Brexit leaves the EU with a yawning deficit in its credibility, it may still cost the UK not only some economic damage but also fundamental constitutional problems within the union. Many observers and legal experts have warned that the UK’s withdrawal from the EU could eventually lead to the break-up of the union – England, Scotland, Wales (Great Britain) and Northern Ireland – since a majority of the people of Scotland and Northern Ireland voted to remain in the EU. The Scottish leaders are already clamouring for another independence referendum, while the Irish nationalists in Northern Ireland are watching closely. And yet it is a gamble that Boris Johnson took with a level of confidence that a majority of English people seem to have concerning the future of the union. Mr Johnson has been fortunate so far; he may still be exceedingly lucky with the union as well! While all this is happening just across the English Channel, Switzerland is keenly watching how Brexit unfolds. Indeed, Switzerland has her own freshly negotiated “Framework Accord” with the EU waiting for ratification by the Swiss Parliament. The new agreement was signed and unveiled to the public in December 2018. Still, to this date, the Swiss Government has not ratified the accord although the EU had given the Swiss time till July 2019. The Swiss Government has referred the matter to public consultation, much to the frustration of the EU leaders. The Swiss, no doubt, are eager to learn what will be the eventual framework for future trading and bilateral arrangements that the UK can strike with the EU. The EU, for its part, is highly unlikely to allow the Swiss to further delay its ratification of their mutual accords. Because, perhaps, there is the likelihood that the EU – Swiss agreement has unfair terms for Switzerland that the UK, with its eventual deal with the EU, will clearly avoid! No one knows for sure what the future holds for the UK and her European neighbours. Indeed, that very future will determine if Brexit will be the nemesis that disintegrates the UK. Or, on the contrary, if it will be the boon that makes Great Britain and Northern Ireland the envy of Europe?

www.inewsswiss.com


NUOVI ABBONAMENTI PER CHI NAVIGA MOLTO E CHI VIAGGIA IN EUROPA Da oggi Wingo arricchisce la sua offerta nel campo della telefonia mobile con due nuovi abbonamenti. Fair Surf e Fair Europe sono pensati rispettivamente per le esigenze dei clienti che hanno bisogno soprattutto dei dati mobili in Svizzera oppure che viaggiano spesso in Europa. Le due nuove offerte permettono a Wingo di soddisfare ancora meglio le diverse esigenze dei clienti. «Per noi ci sono attualmente due gruppi di clienti in crescita: innanzitutto quelli che navigano molto, quindi hanno bisogno soprattutto dei dati mobili in Svizzera e telefonano poco; poi quelli che viaggiano spesso in Europa, dove usano molto sia internet che la telefonia», spiega Cyril Wick, Head of Wingo. La nuova offerta FAIR SURF si rivolge ai clienti che prevalentemente navigano su internet in Svizzera; per loro, telefonia e SMS hanno un’importanza secondaria. L’abbonamento costa 20 franchi al mese e comprende 2 GB di dati da usare in Svizzera e in UE/Europa occidentale. Ogni ulteriore GB (per l’utilizzo in Svizzera e in UE/Europa occidentale) fino a 8 GB costa 5 franchi. Per il traffico dati i clienti pagano al massimo 50 franchi al mese, dopodiché possono continuare a navigare senza limiti in Svizzera. Telefonia e SMS/MMS non sono inclusi in Fair Surf, ma possono essere aggiunti quando serve a un costo forfettario di 1 franco al giorno. L’abbonamento flessibile per la Svizzera e l’Europa con prezzi vantaggiosi L’altra nuova offerta, Fair Europe, si rivolge ai clienti che viaggiano spesso in Europa e fanno un uso intenso di tutti i servizi sia in Svizzera che all’estero. Per 40 franchi al mese la telefonia e gli SMS/MMS nazionali e all’interno dell’UE/ Europa occidentale sono inclusi senza limiti, compresi 2 GB di dati per la navigazione in Svizzera e in UE/Europa occidentale. Ulteriori GB di dati mobili (per l’utilizzo in Svizzera e in UE/Europa occidentale) fino a 12 GB sono disponibili nei pacchetti dati* da 5 franchi. I clienti pagano al massimo 70 franchi al mese, dopodiché possono continuare a navigare senza limiti in Svizzera. Se si esauriscono i dati all’estero, è possibile acquistare ulteriori pacchetti dati integrativi. L’attuale offerta Fair www.inewsswiss.com Flat non cambia e rimane in commercio.

Con la promozione di lancio, che parte oggi, per 12 mesi tutti i vantaggi di Fair Europe costano solo 40 franchi anziché 70 franchi al mese. La promozione dura fino al 16 marzo ed è aperta sia ai nuovi clienti che agli abbonati Wingo. * I primi cinque GB costano 5.– franchi l’uno, in seguito è disponibile il pacchetto da ben 5 GB per 5.– franchi.

iNEWS

43


communication

BAPTIEST COOPMANS È IL NUOVO CEO DI UPC SVIZZERA, SEVERINA PASCU DIVENTA VICE CEO E CFO DI VIRGIN MEDIA 44

iNEWS

www.inewsswiss.com


D

opo quasi un anno e mezzo ai vertici di UPC e l’attuazione di successo del suo piano di crescita, a decorrere dal 1º febbraio 2020, Severina Pascu (46) cederà il ruolo di CEO di UPC Svizzera a Baptiest Coopmans (54). Coopmans subentra alla guida di una squadra eccellente in Svizzera e trova terreno fertile su cui costruire, in virtù degli ottimi risultati conseguiti da Pascu, apprestandosi a dirigere l’azienda nel suo ulteriore percorso di crescita. Nella sua nuova funzione, Severina Pascu supporterà Virgin Media, la più grande affiliata di Liberty Global, come vice CEO e CFO. Sotto la guida di Pascu, UPC ha lanciato con successo il suo piano di crescita, nell’ambito del quale sono stati introdotti diversi nuovi prodotti e servizi: l’UPC TV, un modo tutto nuovo di guardare la TV, che entusiasma i clienti sia a casa che in viaggio; la velocità di navigazione di 1 Gigabit in tutto il bacino d’utenza di UPC e una nuova versione del portfolio Mobile che offre soluzioni illimitate e opzioni roaming. UPC dispone ora di una vasta gamma di prodotti e servizi innovativi, ad un prezzo interessante. Inoltre, grazie a investimenti mirati nella digitalizzazione nonché nella semplificazione di processi e sistemi, la qualità del servizio è decisamente migliorata. Il tutto ha contribuito a incrementare nettamente la customer satisfaction. Oggigiorno, UPC apporta un contributo determinante alla digitalizzazione della Svizzera ed è uno dei fornitori leader di servizi di comunicazione e intrattenimento. Severina Pascu ha sviluppato con successo il piano di crescita ed è riuscita a creare un ottimo team in Svizzera, con il quale ha conseguito il miglior risultato degli ultimi due anni. La strada è dunque spianata e UPC è ben posizionata per continuare a costruire sui successi realizzati da Pascu e dal suo team manageriale. Severina Pascu è pronta a una nuova sfida professionale e assumerà l’ambiziosa funzione di vice CEO e CFO presso Virgin Media, la più grande affiliata di Liberty Global. Come ha dimostrato in passato, assumendo varie funzioni dirigenziali chiave all’interno di Liberty Global, è un’esperta di mercati esigenti e altamente competitivi. Grazie alle sue notevoli capacità operative e strategiche, www.inewsswiss.com

accompagnerà e supporterà l’azienda nella sua trasformazione e nella sua crescita.

Severina Pascu: «Sono estremamente fiera di quello che abbiamo realizzato finora in Svizzera. Ho trascorso quattro anni entusiasmanti e ringrazio tutti i colleghi di UPC Svizzera». Il piano di crescita passa alla sua seconda fase UPC si accinge a entrare in una nuova fase del suo piano di crescita. È Baptiest Coopmans, un dirigente qualificato con esperienza pluriennale nella semplificazione, nonché nell’incremento dell’efficienza e della crescita, a raccogliere le redini dell’azienda. Coopmans è entrato a far parte di Liberty Global nel 2013 come CEO e Managing Director di UPC Netherlands, dove ha guidato la fusione di UPC e Ziggo, fino al suo divenire l’operatore nazionale leader di reti via cavo e mediatico, generando sinergie significative. Attualmente è responsabile della tecnologia, della rete e delle operazioni di Liberty Global in tutta Europa nonché dei servizi che Liberty Global offre ad altri operatori. Come Pascu, anche Coopmans dirigerà le attività di Liberty Global in Polonia e in Slovacchia.

Baptiest Coopmans: «Non vedo l’ora di intraprendere la mia nuova funzione e sono lieto di proseguire ulteriormente il piano di crescita già avviato in Svizzera con successo da Severina. Il mercato svizzero è pieno di sfide e altamente competitivo, ma è leader in Europa in termini di innovazione e di digitalizzazione. Sono felice di lavorare con un team altamente qualificato come quello svizzero e di guidare UPC nella seconda fase del suo piano di crescita.»

iNEWS

45


communication

NASCE A ROMA “FIDELIO”,

SOCIETÀ DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA, TELEVISIVA E CREATIVA CHE FA CAPO A SILVIO MASELLI, DANIELE BASILIO, VALERIO MASTANDREA, ELISA BARUCCHIERI E INVESTITORI PRIVATI. 46

iNEWS

www.inewsswiss.com


L

e storie professionali e artistiche di Silvio Maselli, Daniele Basilio, Valerio Mastandrea, Elisa Barucchieri s’incrociano – grazie a investitori privati e al fondo di investimento Angel – dando vita alla FIDELIO srl, società di produzione audiovisiva e creativa, che apporterà il suo contributo creativo all’industria culturale europea. La Fidelio – ispirata all’eroina dell’unica opera lirica composta da Ludwig Van Beethoven – si occuperà di storie e di eventi di massa che abbiano al centro il senso di responsabilità, unica leva per cambiare il mondo. Ma ogni storia è intrisa di mistero creativo, come la password kubrickiana di Eyes Wide Shut cui pure si ispira la denominazione sociale. La linea editoriale ha l’obiettivo di raccontare storie alte e larghe, con una forte propensione internazionale a vocazione europea, aperte alla commistione con i nuovi linguaggi e le innovative tecniche di racconto digitale. Attualmente sono in sviluppo storie per la televisione ed il cinema declinate in numerosi sottogeneri narrativi. Si spazierà dalle serie innovative per le piattaforme, al documentario di qualità; dal cinema per un pubblico ampio a opere di giovani autori con approccio internazionale e aperte alle nuove tecnologie. Perché compito di una società di produzione è di contribuire alla crescita culturale della società in cui opera, non solo di restituire dividendi ai suoi azionisti. Il marchio della società, disegnato dall’agenzia di comunicazione Proforma, è composto da tre segni grafico pittorici, con colori forti e densi (International blue Klein, rosso sangue ossidato e arancione) che tratteggiano la “F” e, insieme, dicono dell’interesse per le arti visive, per il gesto artistico, della necessità di raccontare anche solo attraverso pochi tratti la complessità del reale. E poi “Fidelio” scritta con il font American Tipewriter, un courier più nobilitato, che ricorda i font con cui si scrivono i copioni. Fidelio nasce dalla visione dei due primi direttori e creatori della Apulia Film Commission, tra le più rinomate ed efficienti agenzie regionali del cinema in Europa. Silvio Maselli, che di Fidelio è amministratore e general manager,

www.inewsswiss.com

è cresciuto professionalmente nella Fandango di Domenico Procacci, viene scelto come primo direttore generale della Apulia Film Commission nel 2007. Dapprima Presidente di tutte le film commission italiane, tra il 2013 e il 2014 è stato Segretario Generale dell’Anica, docente universitario e presso numerosi master e, dal 2014, Assessore tecnico alle culture e al turismo nella sua città di Bari. Daniele Basilio, che di Fidelio è amministratore e Direttore creativo, è diplomato presso il Centro Sperimentale di Cinematografia. Ha successivamente lavorato come regista, sceneggiatore e 1st AD in Italia, Inghilterra e Stati Uniti sia nel settore cinematografico che in quello pubblicitario e musicale. Nel corso della sua carriera in Apulia Film Commission come Head of Audivisual Projects and Production Office (circa 550 produzioni realizzate in Puglia negli ultimi 10 anni) si è specializzato nel film funding e nei servizi alle produzioni contribuendo nel 2012 alla creazione del primo fondo di cash rebate italiano. Realizzando in qualità di produttore o delegate producer circa 60 opere audiovisive. Valerio Mastandrea è uno dei più apprezzati attori e registi italiani. Per le sue interpretazioni è stato candidato dieci volte ai David di Donatello (più una candidatura per il miglior produttore), vincendo per quattro volte il premio rispettivamente per i film La prima cosa bella, Gli equilibristi, Viva la libertà e Fiore. Altri suoi film importanti sono: In barca a vela contromano, L’odore della notte, N - Io e Napoleone, Tutta la vita davanti, Un giorno perfetto, Romanzo di una strage e Perfetti sconosciuti. Nel 2015 ha prodotto il film Non essere cattivo di Claudio Caligari. Elisa Barucchieri è danzatrice e coreografa. Nata e formatasi negli Stati Uniti dove si laurea in antropologia culturale, studia danza e recitazione con illustri maestri e si esibisce in Russia, Brasile, Africa ed Europa dove si stabilisce per dare vita alla sua compagnia e scuola coreutica Res Extensa. Capace di curare eventi di massa di portata internazionale, come di emozionare con la danza aerea – sua specialità – Elisa è la sorella di Elena Sofia Ricci con la quale condivide la passione per l’audiovisivo. Fidelio nasce grazie all’investimento di Angel, fondo di investimento della famiglia Pertosa (MerMec, Sitael, ecc.) specializzato in start up innovative e tecnologiche; di Dalila e Pasquale de Marco; di Cesare Dinapoli e Francesco Isola.

iNEWS

47


communication

MICHELE EMILIANO CON DON CIOTTI A FOGGIA ALLA MANIFESTAZIONE DI LIBERA CONTRO LA MAFIA

Oggi siamo tutti foggiani. E vogliamo ricordare a questi mafiosi che hanno contro tutti noi, uno per uno, tutti i pugliesi e tutti gli italiani. E che loro non potranno che finire in galera”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano da Foggia dove ha preso parte al fianco di Don Ciotti alla manifestazione antimafia promossa da Libera con migliaia di partecipanti. Hanno risposto all’appello a partecipare anche molti sindaci venuti da tutta la Puglia per dire no alla mafia. “L’attacco - ha spiegato Emiliano - è stato durissimo a cittadini che hanno testimoniato contro i loro estorsori: hanno fatto saltare in aria l’auto, hanno ucciso delle persone, stanno cercando probabilmente di ricostruire un racket estorsivo per rimettere in piedi l’antica associazione criminale che già 30 anni fa a Foggia aveva messo a ferro e fuoco la città. Quindi un fatto di una gravità senza precedenti. Lo Stato sta reagendo con la magistratura, i carabinieri, la guardia di finanza, la polizia, ma questo non basta. Noi che ascoltiamo da anni don Luigi Ciotti sappiamo che la società civile deve essere al fianco della magistratura”. “Hanno una loro complessità le mafie foggiane - ha proseguito Emiliano - perché sono più d’una e legate alla pervicacia con la quale i loro promotori ritornano in attività o proseguono le loro attività in carcere, fanno proselitismo, con una specie di welfare mafioso che continua.

48

iNEWS

Probabilmente sono in grado di assistere i loro associati mentre sono in carcere sostenendo le loro famiglie e le spese legali: è un’antica tradizione delle mafie pugliesi. E questo obbliga, man mano che si viene scarcerati, a raccogliere soldi come probabilmente sta accadendo in questi mesi, per sostenere chi è ancora in carcere. Questo processo passa dalle estorsioni alle imprese”. “La Puglia - ha concluso Emiliano - è la regione italiana che spende di più in antimafia sociale, abbiamo fatto bandi per Comuni, scuole, associazioni per oltre 13 milioni di euro. Serve educazione alla legalità ma serve soprattutto nei momenti di emergenza come oggi stare accanto a chi ha il coraggio di denunciare. La Regione Puglia si è costituita parte civile in tutti i processi che sono in corso però è evidente che manca ancora il coraggio a molti di denunciare. Bisogna stare vicino a chi denuncia, ma chi sa deve parlare, deve dire quello che sta accadendo, perché solo attraverso la collaborazione dei cittadini potremo evitare nuovamente fatti drammatici come quelli che sono accaduti in passato. Noi abbiamo perso Michele Panunzio, imprenditore edile coraggiosissimo, abbiamo perso Francesco Marcone, un dirigente della pubblica amministrazione che sono stati uccisi a Foggia anni fa. Noi non possiamo tornare a quell’epoca e dobbiamo mettercela tutta, tutti insieme per difendere Foggia”.

www.inewsswiss.com


communication MARCO RENZI

I

l Premio Eccellenza Italiana racconta il Valore del Merito e del Talento di Imprese e Professionisti che in Italia o nel mondo si richiamano ai valori della creatività e della laboriosità all’insegna del made in Italy. L’eccellenza che si celebra è unica al mondo: è italiana. Densa di cultura millenaria piena di incontro, sacrificio e confronto, tra popoli e culture diverse che nei secoli hanno rivendicato il proprio appartenere al Bel Paese. Un concetto spiegato da Philippe Daverio che assieme a tanti personaggi iconici dell’italianità hanno costruito in 7 anni comitati del Premio che propongono candidature e scelgono i vincitori che si raccontano a Washington DC nel sabato del Columbus day. Il Premio che è stato presieduto da Santo Versace e poi da George Guido Lombardi è stato ideato dal giornalista Massimo Lucidi. Per la cerimonia che si terrà il 17 ottobre 2020 sempre al celeberrimo Cafe Milano nel quartiere di Georgetown fioccano candidature che da quest’anno vengono coordinate da Claudio Bruno, pugliese laureato alla Bocconi con l’impegno a coordinare anche i comitati nazionali nati negli Stati Uniti, Russia, Cina, Germania, Regno Unito, Spagna, Brasile, Emirati Arabi Singapore e Australia. “Vecchie e nuove emigrazioni di Italians che diventano networking di Valore per creare opportunità per il sistema Italia in nome della nostra eccellenza” dichiara Massimo Lucidi.

www.inewsswiss.com

iNEWS

49


communication

INAUGURATA LA NUOVA EXECUTIVE VIP LOUNGE DELL’AEROPORTO KAROL WOJTYLA DI BARI • 200MQ DEDICATI AI CLIENTI FREQUENT FLYER E BUSINESS TRAVELLER CON AMPIA OFFERTA DI SERVIZI DI QUALITÀ E SPAZI CONFORTEVOLI. • MADRINA DELL’EVENTO ANNA DELLO RUSSO, INDISCUSSA ICONA INTERNAZIONALE DELLA MODA E DEL GLAMOUR. 50

iNEWS

www.inewsswiss.com


P

iù comfort, più spazi, ma soprattutto servizi esclusivi per l’attesa in aeroporto dei clienti business traveller e frequent flyer e per migliorarne l’esperienza di viaggio. E’ questo il concetto alla base della nuova Executive Vip Lounge dell’Aeroporto Karol Wojtyla di Bari, inaugurata questa mattina dal presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti, dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e dal sindaco di Bari, Antonio Decaro. “Oggi raggiungiamo un altro importante traguardo – ha commentato il presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti – e mi fa piacere che ad inaugurare l’Executive Vip Lounge sia Anna Dello Russo, professionista pugliese, conosciuta nel mondo, che non ha mai tradito le sue origini, mantenendo ben salde le sue radici. Attraverso il suo lavoro e la sua fama, è non solo simbolo dei pugliesi all’estero, ma anche icona che accresce il prestigio internazionale della Puglia. L’aeroporto di Bari eccelle sempre più per elevati standard di qualità dei servizi e delle infrastrutture, grazie al lavoro sinergico di tutta la squadra e al sostegno, costante,

www.inewsswiss.com

della Regione Puglia. Siamo convinti – ha continuato Onesti – che la nuova Executive Vip Lounge, realizzata con l’innovativa formula del co-marketing, possa rappresentare un luogo di scambio, di confronto, ma soprattutto un’isola felice, nella quale cogliere appieno i profumi e i sapori della Puglia, prima di lasciarla per altre destinazioni. Abbiamo voluto che al suo interno tutto parlasse di Puglia, perché la sua la bellezza e il suo patrimonio storico, artistico e culturale ci inducono a credere che abbiamo intrapreso la strada giusta per continuare a crescere ed essere credibili sul mercato. Abbiamo ancora obiettivi importanti da raggiungere. Per questo, l’inaugurazione di oggi, rappresenta solo uno dei tasselli di un lavoro ancora più complesso che, tutti insieme, stiamo facendo per rendere Aeroporti di Puglia un top global brand. A tal proposito, sento di ringraziare tre aziende che rappresentano un’eccellenza della regione Puglia e che hanno lavorato per la realizzazione della Executive Vip Lounge: Gaudio Spaziodesign srl, Max Divani della famiglia Ferri e Manzi Marmi. La nuova Executive Vip Lounge del Karol Wojtyla rappresenta tutto questo ed è un prezioso biglietto da visita per tutti coloro che transiteranno dallo scalo barese”.

iNEWS

51


“Con l’inaugurazione, questa mattina, della Executive Vip Lounge dell’aeroporto di Bari, aggiungiamo un altro tassello per offrire a visitatori e turisti che arrivano da tutto il mondo maggiore qualità dei servizi delle nostre infrastrutture aeroportuali, ha dichiarato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Sono orgoglioso anche di annunciarvi che a breve, sempre qui in aeroporto, nei locali attualmente in uso al Pronto Soccorso, inaugureremo una postazione bariatrica, in modo da consentire a tutti i pazienti di essere assistiti al meglio. La stessa attenzione con cui lavoriamo allo sviluppo dell’aeroporto di Bari – ha concluso Emiliano - viene dedicata all’aeroporto di Brindisi e di tutti gli altri scali della rete aeroportuale regionale”.

La nuova struttura, che si sviluppa per circa 200 metri quadrati nell’area imbarchi dell’aeroporto barese, è stata realizzata con materiali e finiture di pregio, ma soprattutto è stata pensata per consentire alla clientela un viaggio esperenziale tra i prodotti e le eccellenze pugliesi. I clienti della Executive Vip Lounge potranno fruire di servizi di alto livello: una selezione dei migliori vini pugliesi e un menu pensato da chef stellati, a base di prodotti tipici del territorio. Per la sponsorizzazione del progetto, Gaudio si è rivolta ad aziende fortemente rappresentative del territorio con presenza radicata a livello internazionale. La Executive Vip Lounge è arredata con una serie di divani, posizionati uno di fronte all’altro in modo da favorire la conversazione.

Alla Executive Vip Lounge possono accedere i titolari delle fidelity card Aeroporti di Puglia - TOP e PLUS - i passeggeri business e frequent flyer dei vettori che hanno sottoscritto un accordo di accesso alla Executive Vip Lounge con Aeroporti di Puglia, al momento: Gruppo Lufthansa (Luftansa, Swiss, Austrian); Air France, esclusivamente per i voli operati dalla compagnia francese; S7; Iberia Express; Turkish Airlines e i titolari di card ‘Priority Pass’

“Sono molto orgoglioso – ha detto l’amministratore unico della Gaudio Spaziodesign srl, Gianbattista Gaudio - di aver avuto da Aeroporti di Puglia l’opportunità di mostrare l’evoluzione della nostra azienda ed il risultato, ancora in evoluzione, di essa attraverso la realizzazione della nuova Executive Lounge dell’aeroporto Internazionale di Bari. Lo sdoganamento della Puglia come regione dalle enormi potenzialità produttive in ogni campo dell’economia, dal settore agroalimentare al polo della meccanica di precisione e della meccatronica, passando per il tessuto sociale delle professioni e della tradizione artigianale, incluso naturalmente il settore legno/arredamento, è stato un percorso difficile ed è ben lungi dal configurarsi esaurito. Ci piace pensare che di pari passo a questo sviluppo sociale, economico e culturale del tessuto produttivo della nostra terra si sia evoluta l’attività della Spaziodesign srl, azienda della famiglia Gaudio, che partendo da una piccola ebanisteria di ‘provincia’, nell’arco di due generazioni si è affermata nel mondo come marchio di eccellenza. L’augurio per tutti – ha concluso Gaudio - è che la nuova Executive Vip Lounge dell’aeroporto di Bari possa da subito rappresentare un nuovo punto di partenza per la nostra azienda, oltre che una meritata gratificazione per ogni partner coinvolto nel progetto”.

“Mettere a disposizione dei passeggeri infrastrutture aeroportuali – ha commentato Antonio Lattarulo, Direttore Aeroportuale Puglia – Basilicata ENAC intervenuto all’inaugurazione – non solo sicure, ma moderne e dotate di tutti i comfort, rende la permanenza maggiormente piacevole per gli utenti dello scalo. In questo contesto si inserisce l’inaugurazione odierna all’interno dell’aeroporto di Bari che va a favore non solo dell’ampliamento delle potenzialità dello scalo, ma anche della qualità dei servizi resi ai passeggeri”. A realizzare la Executive Vip Lounge dell’aeroporto di Bari, con l’innovativa formula del regime di sponsorizzazione, è stata la Gaudio Spaziodesign srl di Molfetta, scelta da una commissione presieduta da Peter Benson Miller, direttore artistico dell’American Academy di Roma.

52

iNEWS

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

M

U

S

I

C

MARCO MENGONI CONQUISTA ZURIGO www.inewsswiss.com

iNEWS

53


musica

PAOLA TERRANOVA

MARGO MENGONI CONQUISTA ZURIGO

P

er ben la seconda volta, dopo il concerto del 10 aprile al Volkshaus, torna a Zurigo Marco Mengoni, che il 13 dicembre ha riempito e fatto tremare la Samsung Hall! Dopo l’”Atlantico Tour” primaverile, dove aveva esordito proprio con 5 anteprime europee, tra cui appunto Zurigo come seconda tappa, per poi essere acclamato in numerose città italiane, Mengoni torna con l’”Atlantico Tour” autunnale. Stavolta lo apre con parecchie tappe italiane, per poi terminare con sette appuntamenti in Europa. Dalla Germania è dunque giunto a Zurigo. I nuovi album Atlantico e poi Atlantico / On Tour rappresentano una nuova, molto variegata e importante stagione nella musica del cantautore italiano. Dopo una lunga pausa, che Mengoni aveva utilizzato per un viaggio intorno al mondo, il suo album Atlantico,

54

iNEWS

che contiene 15 tracce inedite, era stato rilasciato il 30 novembre 2018. Atlantico on tour, 2 CD per un totale di 37 tracce, è stato invece pubblicato recentemente, il 25 ottobre 2019, a circa 11 mesi di distanza dal precedente Atlantico, che era stato rilasciato anche in spagnolo e certificato ben 2 volte Platino. Atlantico era il racconto di due anni in cui Mengoni ha viaggiato per il mondo (tra cui Cuba, America meridionale e settentrionale, Medio Oriente e Africa) e ha riportato le sue nuove esperienze, i nuovi influssi e la sua crescita come cantautore in nuovi brani potenti e molto significativi. Si è avvalso anche di importanti collaborazioni e si è esibito intanto in feat internazionali. Le diverse anime, contaminazioni e influenze del disco sono state ben riconoscibili e tangibili anche nell’ultimo concerto zurighese, dove si è passati dalle sue classiwww.inewsswiss.com


che canzoni più “italiane”, alle canzoni spagnoleggianti e cubane fino al fado portoghese. Dopo le prime due canzoni, Mille lire e la travolgente Voglio, che ha fatto subito ballare, Mengoni ha esordito salutando il pubblico e affermando che la data di Zurigo è la più numerosa (in Europa e fuori d’Italia, probabilmente) e simpaticamente dicendo che Zurigo “ha vinto”. In uno dei Paesi, la Svizzera, di maggiore emigrazione italiana in assoluto, il calore del pubblico si è fatto infatti subito sentire. Ed è stato bello avere anche questo apprezzamento dall’artista come numerosa e calorosa comunità italiana all’estero. Un pezzo d’Italia era questa sera alla Samsung Hall. Nonostante il raffreddore e qualche linea di febbre, a cui l’artista ha un paio di volte accennato durante il concerto, la sua voce non era assolutamente da meno, assolutamente non meno forte del solito, anzi, se si vuole, più sexy e seducente. Tutt’altro, il potere della sua voce si è fatto ben sentire nei suoi tanti incredibili acuti e nei giochi sonori lunghi, eccezionali, notevoli. Il concerto è stato davvero potente e molto travolgente, come sempre sono i concerti di Marco Mengoni. Non una falla, nonostante il raffreddamento... di cui non si è notato nulla durante il concerto. Mengoni, ancora una volta, ha fatto emozionare, ballare, scatenare, riflettere e cantare. Ha anche invitato il pubblico ad abbracciarsi gli un gli altri, abbracciare i vicini, anche sconosciuti, ballando insieme, e condividere insieme un momento di musica e di bellezza. Varie sono state le parole e i brevi discorsi di Mengoni, tra una canzone e l’altra, e l’artista ha saputo davvero intrattenere e far divertire il pubblico e creare un’atmosfera particolare e di bella musica, fatta bene e con passione. Musica, parole, luci, colori diversi, balli, dal pubblico, e sul palco, dove lo stesso Mengoni si è anche scatenato. Il cantante ha fatto dediche ad artisti che sono stati fonti della sua ispirazione, tra cui Frida Kahlo ed Amalia Rodrigues, e si è fatto accompagnare nel fado anche da una voce femminile. Inoltre diversi arrangiamenti, accompagnamenti e tutte le musiche e canzoni più belle e famose del suo repertorio hanno sfilato una dietro l’altra, tra l’entusiasmo del pubblico che ha seguito molto attivamente e calorosamente. Un’ora e quaranta circa di concerto son volate via subito. L’artista si è accomiatato, dopo l’ultima canzone, il singolo di successo Duemila volte, celebrando la bella immagine di persone che si abbracciano e augurando alla gente di abbracciarsi non solo in sala, durante un concerto, ma anche fuori, nella vita reale e di tutti i giorni. Chiari sono stati i suoi accenni e riferimenti sul finale anche alla particolare e difficile situazione politica italiana attuale. Alla fine del concerto, lo staff Atlantico ha ancora venduto i diversi gadgets, e poi ha chiuso tutto, pronto per ripartire ed andare ad affrontare una lunga nottata in bus, già subito dopo il concerto, alla volta della tappa successiva, la penultima del tour: Barcellona. Il tour autunnale Atlantico si conclude a Londra il 18 dicembre 2019.

www.inewsswiss.com

iNEWS

55


musica LIVIA PRUCCOLI

ULTIMO

IL TOUR È DA RECORD

I

n questo fantastico 2019 Ultimo conquista un successo dietro l’altro. Il tour che tra maggio e luglio lo vedrà protagonista dei grandi stadi italiani, in undici città diverse, sta ottenendo risultati a dir poco eclatanti. Infatti, dopo il tutto esaurito a Firenze (6 giugno), Napoli (13 giugno) e Milano (19 giugno), ha registrato, con ben 9 mesi d’anticipo, il sold out anche per la data conclusiva al Circo Massimo di Roma (19 luglio). «Lasciate che vi dica una cosa, è qualcosa di neanche descrivibile quello che sta succedendo», ha commentato sui suoi canali social il 23enne musicista romano, il più giovane artista italiano ad esibirsi in uno stadio. «Non so se da fuori arriva quello che arriva a me. Ma io sento come se stessi vivendo in un film, un film bellissimo dove ognuno di voi sta contribuendo nel suo ruolo da Oscar. Non voglio parlare di numeri (seppur irreali) perché sarebbe rovinare la magia di quello che voglio trasmettervi. Voglio trasmettervi gratitudine, amore e condivisione. Immaginatemi cosi, come in questa foto: in ginocchio a dirvi grazie. Grazie. Grazie». Niccolò Moriconi (in arte Ultimo) sta decisamente cavalcando 56

iNEWS

l’onda lunghissima del successo di “Colpa delle favole”. L’album, pubblicato nell’aprile scorso, continua a dominare le classifiche, tanto che ben cinque dei tredici brani presenti nella tracklist (scritti e prodotti dal giovane cantautore capitolino) sono stati certificati con il disco di platino, mentre quattro hanno ricevuto la certificazione d’oro. Il disco, che contiene “I tuoi particolari”, il brano classificatosi al 2° posto all’ultimo Festival di Sanremo, fa seguito ad altri due fortunatissimi album come “Pianeti” (2017) e “Peter Pan” (2018) e ne rappresenta una continuazione. In effetti, mentre il disco d’esordio descrive un ragazzo arrabbiato, in cerca di un posto nel mondo, “Peter Pan” racconta la realizzazione di questo ragazzo e il bisogno di evasione che contemporaneamente e inspiegabilmente scatta in lui. In realtà perché quel mondo così a lungo sognato non è come se l’era immaginato, come chiarisce ora “Colpa delle favole”. Ultimo, da sempre vicino agli ultimi, che ha voluto ricordare finanche nel nome d’arte e che sostiene con un impegno concreto e costante, devolverà parte dell’incasso ricavato dal tour negli stadi ai progetti UNICEF in Mali. www.inewsswiss.com


www.inewsswiss.com

iNEWS

57


Nuove date per il tour di Tiziano Ferro negli stadi italiani Diventano 3 i concerti allo Stadio San Siro di Milano NUOVA DATA l’8 giugno Raddoppia lo Stadio Olimpico di Roma NUOVA DATA il 16 luglio Giovedì 5 dicembre 2019 - Si arricchisce di due nuove date TZN 2020, il nuovo tour negli stadi italiani di TIZIANO FERRO.

A

grande richiesta, i concerti allo Stadio San Siro di Milano diventano tre con l’aggiunta di lunedì 8 giugno 2020, mentre raddoppia lo show allo Stadio Olimpico di Roma con l’inserimento in calendario di una replica giovedì 16 luglio 2020.

I biglietti per le due nuove date saranno disponibili in anteprima esclusiva per i membri del fanclub ufficiale e per i possessori di carte Intesa Sanpaolo a partire dalle ore 10.00 di venerdì 6 dicembre 2019 sul sitowww.ticketone.it/intesasanpaolo. La messa in vendita generale partirà invece dalle ore 11.00 di lunedì 9 dicembre su www. ticketmaster.it, www.ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati. Il tour partirà ufficialmente il 30 maggio dallo Stadio G. Teghil di Lignano e sbarcherà allo Stadio San Siro di Milano (con tre date il 5, 6 e 8 giugno), allo Stadio Olimpico di Torino (l’11 giugno), allo Stadio Euganeo di Padova (il 14), allo Stadio Franchi di Firenze (il 17), allo Stadio del Conero di Ancona (il 20), allo Stadio San Paolo di Napoli (il 24), allo Stadio San Filippo di Messina (il 27), proseguirà a luglio con date allo stadio San Nicola di Bari (il 3), allo Stadio Braglia di Modena (il 7), a Cagliari Fiera (l’11) e si concluderà con due show allo Stadio Olimpico di Roma (il 15 e 16 luglio). Il tour si trasferirà poi in Europa in autunno con date indoor a Bruxelles, Zurigo, Francoforte, Londra, Lussemburgo, Parigi, Monaco, Losanna, Barcellona e Madrid. Tiziano Ferro ha da poco pubblicato il suo nuovo album Accetto Miracoli (su etichetta Virgin Records/Universal Music Italia), che a una sola settimana dall’uscita è già stato certificato ORO e ha debuttato direttamente al primo posto nella classifica dei dischi più venduti in Italia. Il nuovo singolo estratto dall’album s’intitola In mezzo a questo inverno (il videoclip del brano è disponibile qui: https://youtu.be/ nI8rbiUypcI).

58

iNEWS

IN ITALIA estate 2020 - gli stadi SAB 30 MAGGIO LIGNANO STADIO G. TEGHIL VEN 5 GIUGNO MILANO STADIO SAN SIRO SAB 6 GIUGNO MILANO STADIO SAN SIRO LUN 8 GIUGNO MILANO STADIO SAN SIRO (nuova data) GIO 11 GIUGNO TORINO STADIO OLIMPICO DOM 14 GIUGNO PADOVA STADIO EUGANEO MER 17 GIUGNO FIRENZE STADIO FRANCHI SAB 20 GIUGNO ANCONA STADIO DEL CONERO MER 24 GIUGNO NAPOLI STADIO SAN PAOLO SAB 27 GIUGNO MESSINA STADIO SAN FILIPPO VEN 3 LUGLIO BARI STADIO SAN NICOLA MAR 7 LUGLIO MODENA STADIO BRAGLIA SAB 11 LUGLIO CAGLIARI FIERA MER 15 LUGLIO ROMA STADIO OLIMPICO GIO 16 LUGLIO ROMA STADIO OLIMPICO (nuova data) IN EUROPA autunno 2020 – indoor MER 11 NOVEMBRE BRUXELLES FOREST NATIONAL SAB 14 NOVEMBRE ZURIGO SAMSUNG HALL LUN 30 NOVEMBRE FRANCOFORTE ALTE OPER MAR 2 DICEMBRE LONDRA EVENTIM APOLLO SAB 5 DICEMBRE LUSSEMBURGO ROCK HALL DOM 6 DICEMBRE PARIGI TRIANON MER 8 DICEMBRE MONACO PHILARMONIE VEN 11 DICEMBRE LOSANNA SALLE METROPOLE DOM 13 DICEMBRE BARCELLONA AUDITORIUM FORUM LUN 14 DICEMBRE MADRID IFEMA PALACIO MUNICIPAL

www.inewsswiss.com


www.inewsswiss.com

iNEWS

59


musica

RICCIALDO RIZZUTI

ADDIO A FRED BONGUSTO

L

a musica italiana ha perso un altro grande artista. Fred Bongusto si è spento a 84 anni nella sua casa romana all’alba dell’8 novembre. Da qualche tempo aveva problemi di salute. Quattro anni fa, nel suo buen retiro di Ischia, dopo quasi 50 anni di matrimonio, aveva perso l’amatissima moglie, Gabriella Palazzoli, soubrette e attrice degli anni Cinquanta e Sessanta. Nel 1979 i terroristi neri Cristiano Fioravanti e Alessandro Alibrandi picchiarono la signora Bongusto, insieme alla governante, durante una rapina in casa che fruttò loro centinaia di milioni di lire, compreso un disco d’oro. Nato a Campobasso, Fred si fa notare sin dai tempi del liceo per la sua voce elegante e sensuale, per quel suo stile quasi sussurrato, ispirato a Louis Armstrong e a Nat King Cole. Così, per amore della musica accantona gli studi universitari e pure una sicura carriera calcistica, entra come voce solista in varie band e studia la batteria, insieme a Massimo Boldi, che diverrà suo grande amico. Tra le prime hit di Bongusto Notte d’amore (rifacimento di Jealous Lover di Charles Williams), inserita nella colonna sonora del film L’appartamento (1960), cult di Billy Wilder con Jack Lemmon e Shirley MacLaine, vincitore di ben cinque Oscar. La consacrazione internazionale per il grande crooner italiano arriva poco tempo dopo, con Una rotonda sul mare (1964). Grande successo anche per Malaga (incisa poi da Joao Gilberto), Spaghetti a Detroit, Amore fermati, Doce doce, Accarezzami ancora, Frida, Tre settimane da raccontare, La mia estate con te, Lunedì, Prima c’eri tu (1a a Un disco per l’estate 1966), Abbracciami forte, Gi, Quando mi dici così, Una 60

iNEWS

striscia di mare, Questo nostro grande amore, Perdonami amore, La mia estate con te, Balliamo (che spopolò fra i latini), Cantare (tormentone estate 1986), Scusa. Nel 1973 Fred Bongusto si diverte ad interpretare Superstition di Stevie Wonder, con lo pseudonimo di Fred Goodtaste. Nel 2007 la sua ultima tournée, in Sudamerica, dove era amatissimo e molto apprezzato da Toquinho (anche lui con radici molisane) e Vinícius de Moraes, Tra le sue ultime apparizioni pubbliche, quella del 22 aprile 2013, in occasione del concerto-tributo a Franco Califano. Sempre nel 2013 duetta in Amore Fermati con Iva Zanicchi, nel disco della cantante In cerca di te. Poi i gravi problemi di udito lo frenano irrimediabilmente. Nella sua lunga storia professionale, oltre a varie collaborazioni, come quella con Chet Baker, troviamo la produzione di colonne sonore per film quali Malizia (candidata al Nastro d’argento) di Dino Risi e Peccato veniale di Salvatore Samperi, Venga a prendere il caffè da noi e La cicala di Alberto Lattuada, Matrimonio all’Italiana di Vittorio De Sica. Nel 1990 Bongusto viene eletto consigliere comunale a Bari con il Partito Socialista. Nel 2005 riceve una targa d’argento per i 50 anni di carriera dall’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Nel 2007 viene insignito dell’onorificenza di Commendatore della Repubblica italiana dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi. Lascia una figlia, Blyth, nata dal precedente matrimonio della moglie Gabriella, che Fred ha accolto a 2 anni e cresciuto come fosse sua.

www.inewsswiss.com


IL NUOVO ALBUM DI ZUCCHERO

“D.O.C.” das neue Studio Album von ZUCCHERO “SUGAR” FORNACIARI’s ist ab sofort erhältlich Mit über 60 Millionen verkauften Alben ist Zucchero mit seinem neuen Projekt, das aus hochwertigen, authentischen und echt komponierten Songs besteht, wieder unter den beliebtesten italienischen Künstlern weltweit. Das Album wird in verschiedenen Formaten erhältlich sein.: CD, 2LP Standard, 2LP Coloured Yellow (Exclusive D2C), Digital-download, Streaming Tracklisting: “Spirito nel buio”, “Soul Mama”, “Cose che già sai” feat. Frida Sundemo, “Testa o croce”, “Freedom”, “Vittime del Cool”, “Sarebbe questo il mondo”, “La canzone che se ne va, “Badaboom (Bel Paese)”, “Tempo al tempo”, “Nella tempesta”, “My Freedom” (bonus track), “Someday” (bonus track) and “Don’t let it be gone” feat. Frida Sundemo (bonus track).

Live 5.12.2020 Zürich Hallenstadion www.inewsswiss.com

iNEWS

61


festival LIVIA PRUCCOLI

SANREMO 70

VINCE IL FESTIVAL. E DIODATO

A

lla 70a edizione del Festival di Sanremo ha vinto Diodato. Alla sua terza volta all’Ariston, la seconda da Big, il cantautore aostano naturalizzato tarantino, che risultava già tra i favoriti, ha trionfato con l’intenso brano Fai rumore. A Diodato sono andati anche il Premio della Critica intitolato a Mia Martini e quello della Sala Stampa “Lucio Dalla”. Al secondo posto, con Viceversa, Francesco Gabbani (1° nel televoto), che si è aggiudicato il premio TIMMUSIC. Gabbani, vincitore nella categoria “Nuove Proposte” 2016 con il brano Amen (anche Premio “Emanuele Luzzati” della Regione Liguria, Premio “Mia Martini” e Premio “Sergio Bardotti” per il miglior testo, assegnato dalla Giuria degli esperti) e nella categoria “Big” 2017 con il brano Occidentali’s Karma, è il primo cantante nella storia del Festival ad aver vinto nelle due principali categorie in due edizioni consecutive. Al terzo posto tra i Campioni 2020 i Pinguini Tattici Nucleari, con Ringo Starr. Il Premio “Sergio Bardotti” 2020 è andato a Rancore per il brano Eden. Il Premio “Giancarlo Bigazzi” per la miglior composizione musicale, attribuito dall’Orchestra del Festival, con il brano Ho amato tutto, è andato a Tosca, che in coppia con Ron trionfò nel Sanremo 1996 con Vorrei incontrarti fra cent’anni. La categoria “Nuove Proposte”, con il 52,5% delle preferenze, se l’è aggiudicata Leo Gassmann, figlio dell’attore Alessandro e nipote del compianto Vittorio, con Vai bene così. A Sanremo ha vinto soprattutto il conduttore/direttore artistico

62

iNEWS

Amadeus, che nonostante le polemiche e lo scetticismo della vigilia, alla fine ha portato a casa un Festival boom, che ha raccolto complessivamente una media del 54.94% di share, che è il record del millennio (solo nel 1999 lo share fu superiore!). In particolare Sanremo 2020 si è aperto con uno share del 52,2%, il più alto dal 2005 (quando Paolo Bonolis registrò il 54,1%) e si è chiuso con il 60.6%, il miglior risultato dal 2002 (quando Pippo Baudo, con Manuela Arcuri e Vittoria Belvedere, raccolse il 62.66%). Il merito di questo successo va anche a due strepitosi co-conduttori come Rosario Fiorello e Tiziano Ferro, che nelle cinque serate non si sono certo risparmiati fino a tarda notte. All’esercito di ‘vallette’ che si sono avvicendate sul palco dell’Ariston, con le loro variegate bellezze e professionalità (Rula Jebreal, Sabrina Salerno, Alketa Vejsiu, Diletta Leotta, Francesca Sofia Novello, Georgina Rodriguez, Mara Venier e Antonella Clerici, Laura Chimenti ed Emma D’Aquino). Ai super ospiti, sempre più nazionali (Emma, Biagio Antonacci, Massimo Ranieri, Gigi D’Alessio,Al Bano e Romina Power, Gianna Nannini con Coez, Ghali, Zucchero, Mika, Lewis Capaldi, Dua Lipa, Roberto Benigni), a cominciare dai Ricchi e Poveri, tornati dopo 40 anni alla formazione iniziale (Angela Brambati, Franco Gatti, Marina Occhiena, Angelo Sotgiu). Una ricetta di successo, che, stando alle indiscrezioni, dovrebbe bissare nel 2021, ovviamente con Amadeus sul ponte di comando.

www.inewsswiss.com


Premio “Sergio Bardotti” 2020 è andato a Rancore per il brano Eden. Premio “Giancarlo Bigazzi” per la miglior composizione musicale, attribuito dall’Orchestra del Festival, e andato a Tosca con il brano Ho amato tutto.

www.inewsswiss.com

iNEWS

63


festival

FRANCESCO RIZZUTI

LUCCA COMICS & GAMES È ANCORA RECORD

U

n’altra edizione da incorniciare per il Lucca Comics & Games. L’imperdibile appuntamento sugli sviluppi della Nona Arte che si celebra annualmente, dal 1966, nello splendido centro storico di Lucca. La principale manifestazione crossmediale europea (e la seconda nel mondo) dedicata al fumetto, ai videogiochi, ai giochi da tavolo, di carte, di ruolo, al cinema e alla letteratura fantasy, al mondo nerd e a quello geek, ai gamer e ai cosplayer. Tutti presenti alle spettacolari sfilate a tema 2019, tra cui il più grande raduno cosplay supereroistico mai visto. Il 53o Lucca Comics & Games ha puntato al milione di visitatori arricchendo le sue nove aree tematiche (Comics, Games, Fantasy, Videogames, Music, Junior, Cosplay, Movie e Japan) con un programma davvero strepitoso. Oltre 2.000 gli appuntamenti (diversi pure gratuiti), spalmati nei 5 giorni di fiera, su un’area espositiva di 45.000 mq. Ben 400 i tavoli e decine le novità da provare nei 9.000 mq dell’area games, che ha ospitato la più grande sessione mai organizzata in Europa di Dungeons & Dragons Epic, ovvero il livello più alto della rete di gioco organizzato D&D, lo storico role-playing game medievale, giunto lo scorso anno alla 5a edizione. Titolo ufficiale di Lucca 2019 “Becoming Human”. «Un tributo a tutte le commistioni che danno ricchezza e ci aprono al futuro», hanno spiegato gli organizzatori. «Un tributo agli ibridi tra virtuale e reale, digitale e analogico, sonno e veglia, carne e metallo, silicio e carbonio». Un tema forte, che invita a interrogarci su quale sia il confine tra uomo e macchina. Sintetizzato nell’ammiratissimo poster di Barbara Baldi, Gran Guinigi 2018 come miglior disegnatrice, protagonista del salone lucchese anche con una personale. A Lucca Comics & Games 2019 la prima e più grande mostra al mondo dedicata al Michelangelo dei comics, John Buscema, illustratore di due personaggi icona del fantasy mondiale, Conan e 64

iNEWS

Thor. La vetrina celebrativa degli 85 anni di Paperino e quella per i 40 anni in Italia di Mazinga Z. L’esposizione sui robot giapponesi e quella sulle origini (e il futuro) del Manga. La rassegna dedicata alla compianta fumettista e illustratrice Jeffrey Catherine Jones (“Idyl”, “I’m Age”), uno dei Fab Four USA. Le retrospettive su Armand Baltazar, che è stato artist & senior designer per Dreamworks, Walt Disney e Pixar e sulla fumettista Emil Ferris (“La mia cosa preferita sono i mostri”), una fra le voci più giovani e rappresentative del fumetto statunitense. Le personali del mangaka Suehiro Maruo, dello sceneggiatore Alessandro Bilotta (Mercurio Loi, Valter Buio, Giulio Maraviglia, Povero Pinocchio, La Dottrina), dell’illustratore per ragazzi italiano Marco Somà. Oltre a un’inconsueta mostra di quadri del cantautore bolognese Luca Carboni. Ospite d’onore 2019 il maestro Hirohiko Araki, padre di titoli fondamentali nella storia dei manga giapponesi (“Le bizzarre avventure di JoJo”), che per la prima volta ha partecipato ad una convention fuori dal suo Paese. A rappresentare la tradizione USA dei comics due star dell’universo marveliano come Chris Claremont (“X-Men”) e Jim Starlin (Thanos). Tra le presenze di punta pure l’americano Bruce Sterling, uno dei massimi scrittori di fantascienza di sempre, nonché creatore con William Gibson del genere cyberpunk. Il fumettista e illustratore statunitense Don Rosa (l’uomo Disney di zio Paperone). Il poliedrico artista francese Alex Alice (“Siegfried”, vincitore dello Spectrum Gold Award, massimo riconoscimento mondiale per l’illustrazione fantastica). Il fumettista italiano Leo Ortolani, nel trentennale del suo Rat-Man. Lo scrittore Andrzej Sapkowski (“The Witcher”). Il duo Daniel Abraham e Ty Franck, autori di “The Expanse, prima saga letteraria, poi serie tv e dal 2018 anche GdR e gioco da tavolo. L’attore e doppiatore britannico Sir Patrick Stewart per l’anteprima della serie “Star Trek: Picard”. www.inewsswiss.com


€ 1xx,90 i.i.

ISABELLA PILERI PAVESIO

Il soggetxxxxxx

IL COSTRUTTORE DI CLESSIDRE

IL COSTRUTTORTE DI CLESSIDRE

LUISA PAVESIO

DE FERRARI

festival

ISABELLA PILERI PAVESIO

DE FERRARI EDITORE

isabella pileri

BOOK PRIDE, OTTOBRE 2019: LA FIERA DEL LIBRO GENOVESE IN CRESCITA

AUTUNNO, TARDA NOSTRA PRIMAVERA: TEMPO CHE SULL’AMARA BOCCA DELL’UOMO SPUNTA IL FIORE TREMANTE DEL SORRISO (CAMILLO SBARBARO)

N

elle consuete date di fine ottobre, anche nel 2019 ha avuto luogo, nella prestigiosa sede di Palazzo Ducale, la Fiera libraria dell’editoria indipendente Book Pride, organizzata da Odei (Osservatorio dell’Editoria indipendente, capitanata dal palermitano Vasta, coadiuvato dall’infaticabile segretaria organizzativa Federica Antonacci). Anche quest’anno, gli stand presenti erano molti, e le sigle importanti. Da editori che si autoproducono , come Liberodiscrivere di Antonello Cassan, con una serie di interessanti scrittori che difficilmente riuscirebbero ad essere pubblicati dagli Editori “ufficiali”, a Case affermatissime, come l’intellettuale e ricercata Minimum Fax o Sellerio, elegante anche solo per l’accurata e costante scelta tipografica, alla cui gloriosa storia rendono omaggio autori come De Giovanni o l’incredibile Savatteri, col bellissimo “Il delitto di Kolymbetra”. Consistente anche la presenza della galassia di piccoli editori di nicchia, fra i quali un buon risultato di vendite pare aver ottenuto Hypnos con le sue pubblicazioni di impronta fantastica. Lasciamo per ultimo – last but not least –De Ferrari, pezzo glorioso della storia editoriale genovese, che a dispetto dei tempi di crisi e delle oltre 5.000 novità editoriali immesse annualmente sul mercato dalle varie editrici, riesce ancora a offrire cammei importanti. Fra le nuove uscite, alcuni libri settorialmente liguri, come la raccolta di documenti ed epistolari dedicata al mitico Don Gallo ed alla sua comunità di S. Benedetto al Porto, “Don Gallo e l’Internazionale della Speranza”, che nella presentazione ha richiamato un folto pubblico Porto, o “A tavola in autunno” di Paolo Lingua giornalista ed accademico della Cucina, narrazione di tradizioni e ricette della Liguria da Ponente a Levante. www.inewsswiss.com

E infine, i romanzieri, anzi la romanziera di punta della Casa Editrice De Ferrari, che dopo il successo (ed il Premio Rive Gauche di Firenze) ottenuto con “Schegge di memoria”, torna a una maniera più gialla, sia pure moderata dal tipico tratto rosenoir: Isabella Pileri. “Il costruttore di clessidre” è un romanzo atipico, che sfuma l’intrigo poliziesco, animato dall’eroe di sempre Gio Baglioni, nelle riflessioni liriche del diario di Maria, donna scomparsa e ricercata fra Messico, Genova ed Acqui Terme. E sono la Genova multietnica e contraddittoria e la piccola città termale, con le sue rovine romane, le campagne silenziose ed i paeselli dalle radici forti ed antiche, a costituire lo sfondo del romanzo, che immerge la fantasiosa storia di narcotrafficanti messicani in una realtà vicina e concreta, ricca di gustosi siparietti comici. Fa da cover del romanzo una foto istallazione della famosa fotografa ecologista franco americana Anne de Carbuccia, fondatrice di One Planet One Future e del santuario dei pangolini, specie in via di estinzione. I temi della De Carbuccia, la clessidra e la vanitas, simboli del tempo che scorre impedendo la salvezza del pianeta, saranno presto materia di un’importante mostra anche a Genova, come già a Montecarlo e a New York. La lettura di Isabella Pileri ed il filmato di Anne de Carbuccia, presentate da Franco Melis, responsabile istituzionale di Palazzo Ducale per le relazioni con le aziende, hanno chiuso degnamente, lo scorso 20 ottobre, il Book Pride nella Sala Camino, elegante cornice per il centinaio di ospiti ed il ricco aperitivo delle Terrazze del Ducale. Una grande soddisfazione personale per l’Autrice e per il giovane Editore Fabrizio De Ferrari, pronto a rilevare la tradizione della propria Casa e ad innovarla con la sua personale sensibilità di lettore e fine musicista. iNEWS

65


festival MARCO RENZI

CAPODANNO IN VILLA CESARINA

N

otte di San Silvestro in compagnia del Duca di Valgannain attesa di brindare l’arrivo del nuovo anno in compagnia dei suoi ospiti, Marco Renzi si rende protagonista della serata. Tra le numerose iniziative della serata, esibizioni liriche, band musicali jazz e rappresentazioni teatrali. Artisti al pianoforte e due sfilate di moda, che hanno reso la serata di notevole rilevanza conclusasi con la premiazione da parte di Marco Renzi , nei confronti del Duca e la sua prestigiosa villa Cesarina al presidio di Eccellenza Italiana.

66

iNEWS

www.inewsswiss.com


festival MARCO RENZI

MODELS PAINTINGS SHOW

M

odels paintings show, è questa l’idea creativa del critico d’arte Stefano Artès, in collaborazione con la galleria Orlando arte e il conduttore televisivo Marco Renzi, quest’ultimo rappresentando la testata Svizzera INEWS. In veste di Giudice della serata, Marco Renzi ha sottolineato l’importanza del Made in Italy, specificando la necessità di valorizzare gli eventi che nell’anno hanno caratterizzato la grande Italia del fare. Serata trascorsa presso lo Space 25 di Milano, conclusasi con la premiazione dell’organizzatore Stefano Artès da parte di Marco Renzi, con relativo rilascio di attestato di eccellenza italiana, a firma del Prof. Massimo Lucidi ideatore del premio eccellenza italiana.

www.inewsswiss.com

iNEWS

67


moda MARCO RENZI

SFILATA DI JOSÈ LOMBARDI

R

oma. Sfilata di alta moda dello stilista Josè Lombardi, evento organizzato dal Roberta Nardi presso il Don Giovanni, locale caldo e accogliente nel cuore della capitale. In ricordo degli anni 50, quando l’Italia avviò le primissime sfilate di moda, che avviarono il paese in un importante percorso del tutto a senso unico, verso la globalizzazione, con la nascita del Famoso Made in Italy. Unitamente all’alta moda, è nata la figura dello stilista, grande creativo e amante dell’arte in stretto rapporto con la produzione industriale di capi di moda. Ma tanti stilisti, come Josè Lombardi, il curatore della sfilata di Houte Couture presso il Don Giovanni a Roma, si sono contraddistinti per la loro formazioneca tutto tondo, di tipo sartoriale, pret a porter e houte couture ecc.. Per queste note di qualità, il conduttore televisivo Marco Renzi, al temine della serata presso il Don Giovanni, ha orgogliosamente omaggiato lo stilista Josè Lombardi con la consegna dell’attestato di eccellenza Italiana, premio annunciato per il 2020 direttamente da Washington e ideato dal Prof. Massimo Lucidi (noto giornalista italiano).

68

iNEWS

www.inewsswiss.com


personality MARCO RENZI

MARCO RENZI

N

ato in Brasile il 1983, poi adottato da genitori italiani in Italia all’età di 5 anni, dove ho proseguito serenamente la mia infanzia in provincia di Benevento. Da sempre, ho mostrato particolare interesse nell’arte del disegno, copiando a mano libera i fumetti con penne ad inchiostro liquido, ad acquerello invece, raffigurazioni sull’ Arma dei Carabinieri, vincendo anche numerosi premi artistici. Diplomato presso l’Istituto Statale d’Arte di Cerreto Sannita (BN) nel luglio del 2003, ho poi proseguito l’amore per l’arte, dal 2005 a fianco del noto gallerista Alessandro Orlando, allora presentatore di Telemarket, divenendo suo stretto collaboratore personale per numerosi anni.

Accreditato come giornalista e pubblicista per conto di Massino Lucidi presso La Camera dei Deputati e presso la Pontificia Università Urbaniana (Roma) Ricopro ruolo di spicco come responsabile in Italia per la testata (INEWS SWISS) con sede a Zurigo (CH). (www.inewsswiss.com) Membro del comitato di “Premio Eccellenza Italiana 2020”, ideato dal giornalista Prof. Massimo Licidi, di cui è stata annunciata la 7^ edizione direttamente da Washington. (www. premioeccellenzaitaliana.it)

Nel luglio del 2018, presso la rete Orlando Arte, ho avuto l’opportunità di andare in onda televisiva come conduttore televisivo, sfruttando gli studi della galleria Orlando arte a Brescia. Con la dovuta l’esperienza maturata sul campo, ho poi deciso di investire su me stesso, spostandomi nel capoluogo Lombardo, che in breve tempo mi ha dato l’opportunità di approdare sul set televisivo di Canale Italia a Cologno Monzese (MI), per condurre programmi televisi sull’arte moderna e contemporanea. Relatore e ospite per svariati eventi legati all’arte, mostre, fiere, spettacoli, vernissage di artisti, ecc.. Giudice e ospite d’eccellenza per concorsi artistici, sfilate di moda sia maschile che femminile. www.inewsswiss.com

iNEWS

69


70

iNEWS

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

C I N E M A

TUTTI INSIEME RICCARDO SCAMARCIO

ALBA ROHRWACHER

MAGARI

EIN FILM VON GINEVRA ELKANN

DAL 30 GENNAIO AL CINEMA

CON RICCARDO SCAMARCIO ALBA ROHRWACHER MILO ROUSSEL ETTORE GIUSTINIANI ORO DE COMMARQUE CÉLINE SALLETTE BRETT GELMAN BENJAMIN BAROCHE ASSISTENTE ALLA REGIA E CASTING BARBARA MELEGA SUONO PIERRE-YVES LAVOUÉ COSTUMI SERGIO ZAMBON SCENOGRAFIA ROBERTO DE ANGELIS MUSICHE RICCARDO SINIGALLIA MONTAGGIO DESIDERIA RAYNER FOTOGRAFIA VLADAN RADOVIC PRODUTTORE ESECUTIVO PER TRIBUS P FILMS PAUL-DOMINIQUE VACHARASINTHU ORGANIZZATORE GENERALE FABIO CARLA’ PRODUTTORE ESECUTIVO ELENA RECCHIA SOGGETTO E SCENEGGIATURA DI CHIARA BARZINI GINEVRA ELKANN UNA CO-PRODUZIONE ITALO-FRANCESE CON TRIBUS P FILMS E ICONOCLAST PRODOTTA DA LORENZO MIELI MARIO GIANANI E LORENZO GANGAROSSA PER WILDSIDE UNA PRODUZIONE WILDSIDE CON RAI CINEMA UN FILM DI GINEVRA ELKANN

www.inewsswiss.com

iNEWS

71


cinema LIVIA PRUCCOLI

BOND 25

LE LOCATION ITALIANE

L

’Italia sarà grande protagonista di No Time To Die, il 25o capitolo della saga di James Bond, che uscirà nelle sale di tutto il mondo ad aprile. Nel cast, diretto dal regista Cary Joji Fukunaga (True Detective), che è anche cosceneggiatore, oltre a Daniel Craig (Casino Royale, Quantum of Solace, Skyfall, Spectre), il 6o attore ad interpretare James Bond, dopo Sean Connery (Dalla Russia con amore, Missione Goldfinger, Thunderball: Operazione Tuono, Si vive solo due volte, Una cascata di diamanti), George Lazenby (Al servizio segreto di Sua Maestà), Roger Moore (Vivi e lascia morire, L’uomo dalla pistola d’oro, La spia che mi amava, Moonraker – Operazione spazio, Solo per i tuoi occhi, Octopussy – Operazione piovra, Bersaglio mobile), Timothy Dalton (Zona pericolo, Vendetta privata), Pierce Brosnan (Golden Eye, La morte può attendere, Il domani non muore mai, Il mondo non basta), ritroveremo Ralph Fiennes, Léa Seydoux (l’attrice e modella francese già Bond Girl in Spectre), Naomie Harris, Ben Whishaw, Rory Kinnear. I nuovi volti sono invece Rami Malek, nel ruolo del principale antagonista di 007, la nuova Bond Girl Ana De Armas e Billy Magnussen. Diversi gli angoli del Belpaese che hanno fatto da set alle spericolate acrobazie dell’agente segreto più famoso di sempre e della sua intramontabile Aston Martin. Dalla splendida Gravina di Puglia (Bari) a Maratea (Potenza), perla della Basilicata, a Sapri (Salerno), piccolo gioiello del Cilento. Ciak pure alla spiaggia dell’Arcomagno di San Nicola Arcella (Cosenza), con il suo colossale arco naturale di pietra e lungo tutta la costa dell’alto Tirreno cosentino, caratterizzata dall’imponente Isola Dino, simbolo indiscusso della bella città di Praia a Mare. La casa produttrice della pellicola, che secondo le stime dovrebbe attrarre qualcosa come 100milioni di spettatori, non ha badato a spese ed ha stanziato una dozzina di milioni solo per i set italiani. Buona parte spesi a Matera, che ha ospitato 18 minuti di riprese; del resto gli affascinanti rioni di tufo della Capitale europea della cultura 2019 hanno già fatto da sfondo ad innumerevoli opere cinematografiche (come Vangelo secondo Matteo di Pasolini e La Passione di Cristo di Mel Gibson). 72

iNEWS

Non è la prima volta che l’agente segreto più famoso al mondo sbarca in Italia. Dalla Russia con amore (1963) e Moonraker - Operazione Spazio (1978) sono ambientati anche a Venezia, La spia che mi amava (1977) in Costa Smeralda, Solo per i tuoi occhi (1981) a Cortina d’Ampezzo, Quantum of Solace (2008) in Toscana, Basilicata e sul lago di Garda, Casino Royale (2006) sul lago di Como e ancor una volta a Venezia, Spectre (2015) a Roma. Si dice che Daniel Craig (Casino Royale, Quantum of Solace, Skyfall, Spectre) aveva chiuso con il mitico personaggio nato dalla penna dello scrittore britannico Ian Fleming, ma che quando la produzione gli ha proposto di girare buona parte del nuovo film in Italia, nonché un assegno di 25 milioni di dollari, l’attore inglese abbia accettato di rivestire i panni del celebre 007 per la 5a volta. La realizzazione del film, piuttosto burrascosa (il regista Danny Boyle che in fase di pre-produzione si è allontanato dal progetto a causa di divergenze creative con Daniel Craig; l’incidente che ha coinvolto Craig costringendolo ad un intervento alla caviglia; l’esplosione che ha danneggiato il set e ferito un membro della troupe; la data di uscita che è slittata più volte), si è appena conclusa. Girati tre finali diversi per mantenere la massima segretezza sulla trama, proteggendola da fughe di notizie.

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

F E S T I V A L

MEDIAPRESSE SWISS MANAGEMENT TEL. 079 405 39 85 www.inewsswiss.com

iNEWS

73


madeinsud

74

iNEWS

www.inewsswiss.com


ALESSANDRO SERRA Nasce a Roma il 17 Novembre una quarantina di anni fà (Più o Meno). Frequenta la scuola teatrale “Metamorfosis” e i laboratori teatrali “Treno a vapore” e “La stazione di San Pietro”di C. Boccaccini. Attore Comico e Cabarettista, nel suo spettacolo che porta in tutti i teatri e locali di Cabaret tratta argomenti quotidiani entrando polemicamente sul sociale. In realtà lo spettacolo cambia a secondo del pubblico, che viene sempre coinvolto: Serra, infatti, non arriva in scena con un testo già pronto. Contando sulla sua spontaneità sceglie di volta in volta i temi da trattare. Non mancano mai, però, riferimenti all’infanzia, alla scuola, al rapporto con le donne, al mondo della televisione, alle vacanze e soprattutto al traffico. Mode, vizi e virtù dell’italiano medio vengono così smascherati in un’atmosfera ironica e goliardica. Ha raggiunto la consacrazione a Zelig Arcimboldi 2012 su canale 5, con il tormentone delle domande deficienti. Protagonista nell’ultime edizioni di Colorado su Italia uno. TELEVISIONE • ‘Commedy Central Tour’ Con Katia Follesa, Giobbe Covatta e altri comici Nazionali SKY (2016) • ‘Colorado’ 2014 con D.Abatantuono, C. Francini e comici Nazionali. Italia 1 (2014) • ‘Colorado’ 2013 con P.Rufini, O.Kent, L.Boccia, Pintus, Pucci e altri comici Nazionali. Italia 1 (2013) • ‘Colorado’ primavera 2013con P.Rufini, Turbolenti, Dj Angelo, Bazzoni e altri comici Nazionali. Italia 1 (2013) • ‘SCQR’ con A.Giuliani e L.Martini e Comici Romani. Sky Comedy Central (2012) • ‘Zelig Arcimboldi 2012’ C.Bisio e P.Cortellesi e comici Nazionali. Canale 5 (2012) • ‘Made In Sud 5’ Gigi e Ross, comici vari. Comedy Central - Sky e Cielo (2012) • ‘Zelig Off’ con Teresa Mannino F. Basso e vari comici. Italia Uno (2011) • ‘Made in Sud’ con Gigi e Ross e vari comici. Comedy Central (2011) • ‘Area 51’ con Comici Vari. Roma Uno e Sky (2011) • ‘Pimpiripì’ Con R. Ranelli e vari comici. T9 e Sky. (2009/2010/2011) • ‘Scherzi a parte’ con C. Amendola T. Mammuccari e Belen Rodriguez . Canale 5 (2009-2010) • ‘Sogno Comico’ con M. Nigro e vari artisti Sky e TR56 (2007- 2008) • ‘Seven Show’ con M.Battista, Pablo&Pedro ecc. Regia Giancarlo Nicotra Europa 7 (2007) • ‘Fuori di Zucca’ con C.Insegno, Natalie Caldonazzo, S. Milo, etc. Odeon Tv (2006) • ‘Studio Uno Show’. Roma Uno (2005/2006) • ‘Barbecue’ con Pippo Franco, Leo Gullotta, Martufello, V.Marini, P.Prati, etc. Canale 5 (2004) • ‘Pezzi di ricambio-Buldozer’ con F. Panicucci, E.Bertolino, Max Tortora, etc. RaiDue (2003) • ‘Telecesare’ con Nino Taranto, G. Ansanelli, Carmine Farmaco, A. Costa etc. Teleroma 56 (2003/4) • ‘Ave Cesare’ con Nino Taranto, G. Ansanelli, Carmine Faraco, A.Costa, etc. GBR/Odeon (2002) • ‘Manicomico’ con Dado, Maurizio Battista, Dario Bandiera, etc. Teleroma 56 (2002) • ‘In fila per 9’. T9 (2001) • ‘La signora in giallorosso’.T9 (2001) • ‘Match Guinnes’. Odeon Tv (2001) • ‘Un medico in famiglia’ con Giulio Scarpati. RaiUno (2000) • ‘Forum’. Rete 4 con Paola Perego. (1999) • ‘La casa dei sogni’ con Milly Carlucci. RaiUno (1999) • ‘Laboratorio 5’. Canale 5 (1998) • ‘Festaidea’. Televita (1997) • ‘La sai l’ultima?’ con Jerry Scotti. Canale 5 (1996-1999)

TEATRO • Tutto su MIA Madre… Teatro Golden (2016) • Italiani… ma non troppo. Teatro Golden (2015) • I Ragazzi di Colorado! Teatro Olimpico (2014) • Non è per far Polemica… Teatro Golden (2014) • Il buono, Il Brutto e il Passivo. Teatro dei Satiri (2013) • Ride bene chi ride.. de Core.. Teatro Golden (2013) • Area Zelig. Teatro Golden (2012) • Una Polemica e 1000 voci. Roma Teatro Anfitrione (2011) • Zelig in Tour. Laboratorio Zelig. Teatro Golden (2010-2011) • …Ancora dice che so Polemico’… Teatro Testaccio (2010) • Laboratorio Zelig. Teatro Morgana (2009) • Manicomio. Teatro Olimpico (2006) • Ri-Ultracomici. Teatro Parioli. (2005) • Quattro salti in padella. Roma Salone Margherita (2004) • Ultracomici. Roma Salone Margherita (2003) • Nuovo Effetto Serra. Roma Teatro dei Satiri (2002) • Effetto Serra. Roma, Teatro dei Satiri (2001) • Le voci della luna. Roma, Teatro della cometa (2000) • Il settimo si riposò. Roma, Teatro Vittoria (1999) • La purga di bebè. Roma, Teatro Colosseo (1997) CINEMA • “IL TUTTOFARE” regia di Valerio Attanasio(ruolo: poliziotto) Con: Sergio Castellitto, Elena Sofia Ricci, Clara Alonso , produzione WILDSIDE, (2017/18) • ‘M.M.A.Love Never Dies’regia Riccardo Ferrero (ruolo: poliziotto) Con R.Giarrusso, M. Mattioli, S. Friscia 2016 • ‘Supposte’ regia Tony De Bonis (ruolo: Dio metropolitano) A.Vitali, S.Corona, A. Gray 2016 • ‘Habemus Film’ regia R. Goracci e A. Ortica (ruolo: critico cinema) Eva Henger, M. Casciari, W. Sabatini 2015 • ‘Mari del Sud’regia Marcello Cesena (ruolo: Tassista) Diego Abatantuono, V. Abril, G.S teigerwalt, C.Sani 2001 • ‘La Balia’,regia Marco Bellocchio (Ruolo: Sovversivo) Michele Placido F. Bentivoglio, Maya Sansa 1998 • ‘La Leggenda del Pianista sull’Oceano’ regia di Giuseppe Tornatore (Ruolo: Borghese) T. Roth, M. Thierry, 1997 • ‘Gratta…Gratta’ regia E. Civitareale, (Ruolo: Protagonista) 1997 RADIO • Radio DeeJay, Partecipazione nel Programma ‘Ciao Belli’ (2015) • Radio Globo, Partecipazione nel Programma ‘Morning Show (2015) • Varie partecipazioni nelle Radio Romane: Radio Radio, Tele Radio Stereo, TRS2, etc. MUSICA • Selfie Coatto, Cantata e Co-autore del Brano. Soggetto e Sceneggiatura del Video Ufficiale. (2015) PUBBLICITA’ • Enervit (1997)

• Persol (1996) OK Com (2010)

RICONOSCIMENTI • 2016 Premio Apoxiomeno – Roma – Per lo Spettacolo • 2014 Premio Medusa per lo spettacolo – Artena – Medusa D’Oro 2014 • 2014 Personaggio Tv 2013 – Roma Nel Cuore - Sala Protomoteca del Campidoglio • 2011 Comico dell’anno - Premio Walter Chiari ‘Sarchiapone 2011’ • 2000 Vincitore del Premio Antonio De Curtis (Rai 2) • 2000 Finalista Premio Massimo Troisi • 1998 Terzo classificato al concorso ‘Città del Riso’ di Vercelli, ideato da Gino e Michele • 1998 Vincitore del premio rivelazione al concorso ‘Riso in Italy’ • 1998 del festival ‘Voglia di Cabaret’. Happy channel. Iscrizione Empals numero: 16542 del 10/11/1992 Contatti: 391-4283677 info@alessandroserra.com

MEDIAPRESSE SWISS MANAGEMENT TEL. 079 405 39 85 www.inewsswiss.com

iNEWS

75


madeinsud

76

iNEWS

www.inewsswiss.com


FABRIZIO GAETANI (Roma /03/1975)

Monologhista, presentatore, imitatore. Il suo spettacolo è un mix di sensazioni e situazioni comiche, che coinvolgono la televisione, la famiglia, i vizi e le virtù di questa nostra società un po’ malata , entrando ed uscendo continuamente dai personaggi che la colorano. Il tutto condito da belle colonne sonore che arricchiscono lo spettacolo. FORMAZIONE: Scuola di teatro triennale presso “Teatro Dafne” (RM) TELEVISIONE: 2008- “PIMPIRIPI’” T9 (cast comico) 2007- “SEVEN SHOW” Europa TV (cast comico) 2007- “STASERA MI BUTTO” Rai Uno (concorrente) 2006- “SUCCO DI FRUTTA” Odeon TV (ospite) 2006- “BRAVOGRAZIE” Rai Due (concorrente)

2004- I° CLASSIFITATO al “Ridi Roma” di Roma (premio pubblico e premio critica) 2003- Finalista a Pistoia, Milano e Cagliari TEATRO 2008- “Una volta nella vita” di G.Clemente regia F. Della Corte teatro Nino Manfredi 2008- “E se fosse...FEBBRE DA CAVALLO?” da un’idea di Fabrizio Gaetani di G.Pontillo 2007- “Una volta nella vita” di G.Clemente regia F. Della Corte teatro Nino Manfredi 2002- “Fai del bene e pensaci” di S. Dionisi 2002- “La macchina infernale” di J. Cocteau 2002- “Cabaret” (Musical) di K.Valentin 2001- “L’Hotel del libero scambio” di G. Feydeau 2001- “Amori de notte dei Romani dè Roma” di E. Petrolini 2000- “L’Aulularia” di Plauto

2005- “COMINCIAMO BENE” Rai Tre (ospite) 2005- “BRAVOGRAZIE” Rai Due (concorrente) 2005- “RIDE RAI” Rai Uno (cast comico) 2005- “TRAMBUSTO” 18 puntate trasmesse su reti private a livello nazionale (cast comico) CINEMA: 2002- “Gangs of New York” di M. Scorsese in qualità di Stuntman CABARET: Inizio a MARZO 2003. Ad oggi sono stati portati in scena 4 spettacoli per un totale di circa tre ore “scremate” di repertorio. Partecipazioni al Teatro Sala Umberto, Salone Margherita, Foro Italico, Teatro Romano di Ostia Antica, Castello di S.Severa, Teatro Nino Manfredi, ecc.

MEDIAPRESSE SWISS MANAGEMENT TEL. 079 405 39 85 www.inewsswiss.com

iNEWS

77


MEDIAPRESSE SWISS MANAGEMENT TEL. 079 405 39 85

madeinsud

78

iNEWS

www.inewsswiss.com


INEWSSWISS.COM

K

U

N

FRANCESCO PAOLANTONI www.inewsswiss.com

S

T

iNEWS

79


arte

L’artista e i suoi cubetti ph@AndreaDelMastr

IL DADO, O MEGLIO, IL CUBETTO È TRATTO! ESPOSIZIONE DI FRANCESCO PAOLANTONI

N

oto al pubblico per la sua carriera di attore di teatro e televisione, Francesco Paolantoni si cimenta da anni nell’arte del cubismo o, per meglio dire, cubettismo. Celebre per le sue apparizioni televisive come in Mai Dire Gol, Quelli che il calcio e Indietro tutta, o anche le performance teatrali come La gente vuole ridere, Fuori nevica e Killers insieme a Vincenzo Salemme, Francesco Paolantoni rivela in questa esposizione personale tenutasi presso la Galleria Toro Arte Contemporanea di Sessa Aurunca anche il suo lato artistico, raccontandoci di come le sue opere siano nate e poi evolute. L’origine è da cercarsi in un comportamento quasi ossessivo di Paolantoni: quello di creare quadratini con la mollica del pane. Esatto: non palline come a qualcuno di noi sarà sicuramente capitato di fare, ma quadratini. Qualcosa di ben più complesso. Alla domanda del perché i quadratini, due sono le risposte che ci 80

iNEWS

vengono date: la prima, definibile maccheronica, è “forse a causa di una nevrosi”; la seconda più artistica riferisce che “il quadrato rappresenta anzitutto la traduzione iconica del concetto di spazio, mentre il cerchio si identifica con il tempo. Il cubo simboleggia la perfezione terrestre, perfezione che si ritrova nel ripetersi, nelle umane quotidiane attività, nel numero quattro: le quattro direzioni per l’orientamento, i quattro stati della materia, le quattro stagioni, le quattro fasi vitali”. Vincenzo De Luca sostiene che “se l’arte potesse scegliere in quale forma manifestarsi, sarebbe sicuramente, su un piano, un quadrato e, come solido, un cubo”. Ma in che modo Paolantoni riesce a trasformare questi cubetti in opere d’arte? Attraverso una costruzione molto simile a quella di un mosaico che, a detta di Mario Paz, “deve la sua fortuna allo stupore che provoca l’enorme mole di lavoro che sta dietro la realizzazione di ciascun pezzo”. www.inewsswiss.com


ro

Con il Gallerista F.Toro ed il Sindaco Avv. S.Sasso ph@PasqualeD’Ambrosio. L’artista e la pasta e patate. Scene da Vernissage

Le opere di Paolantoni sono opere astratte, sì, ma perfettamente leggibili. I soggetti rappresentati sono quelli “mitici” napoletani: Totò, San Gennaro, Maradona. Nonostante il loro essere fatti di cubetti, sono riconoscibili anche attraverso i simboli che li hanno contraddistinti: il numero dieci per Maradona, la mitra per il patrono di Napoli e la bombetta per il principe della risata. I materiali di cui queste opere sono composte si sono evoluti insieme alla tecnica: dal pane, che però presentava il problema dei pappici che finivano col fagocitare l’opera, all’argilla per arrivare alla fase attuale che è quella della pelle. Ultima ma non ultima perché Paolantini afferma con vigore che continuerà a sperimentare e a creare nuovi soggetti, usare nuovi materiali e nuove forme. Anzi, forme no. Il cubetto è l’unica certezza. Maria Rosaria Corsino - Articolo pubblicato su La Testata – Testa l’informazione Ritratto del fotografo Antonio Volpone con la Gallerista Claudia Grasso www.inewsswiss.com

iNEWS

81


arte

PAOLO UGOLINI

( 1956 ) Dr. Ing.-Arch. MS, pittore-ingegnere-architetto

PAOLO UGOLINI 1956 4 ANNI D’ETÀ, 60 D’ESPERIENZA 82

iNEWS

www.inewsswiss.com


P

aolo Ugolini è nato nel 1956 a Sassocorvaro di Urbino nel primo dopoguerra, a pochi metri dalla Rocca di Francesco di Giorgio che era stata l’Arca dell’Arte sul finire del conflitto mondiale. Figlio di una sarta e di un impiegato, nulla lo predestinava, come scrissero molti anni più tardi i giornali elvetici, ad una carriera internazionale e a dirigere grandi progetti in diverse parti del mondo. Fin da piccolo si è appassionato di pittura, ma i soli riferimenti che aveva nel piccolo paese erano le grandi pitture sacre delle chiese e l’atelier del prozio « Cincino », specializzato in finti fuochi di camino e angeli per steli funerarie. A questi si aggiungevano le illustrazioni di Gustave Doré dei libri della biblioteca del padre. Questo influenzerà più tardi la sua pittura. Trasferitosi a Pesaro con la famiglia all’età di 13 anni, ha scoperto il mare e le barche che diventeranno poi la sua seconda passione. Ha studiato ingegneria all’Università di Bologna, laureandosi all’Istituto di Architettura con una tesi per l’autocostruzione di una città sostenibile, tesi giudicata particolarmente meritevole, pubblicata, e che gli è valsa l’invito dell’ ONU a lavorare in Kenia per il programma di sviluppo delle Nazioni Unite (PNUD). Nel 1983 ha vinto con Marco Porta e Massimo Majowiecki il primo concorso internazionale per la nuova stazione di Bologna. Dopo una breve e “avventurosa” esperienza di cantiere in Sud Italia ha ottenuto nel 1988 una borsa di studio per conseguire un Master post universitario in project management e, a conclusione di questo, si è trasferito a Losanna, in Svizzera dove ha lavorato per grandi società di architettura e ingegneria per diversi progetti in varie parti del mondo. Dal 1995 è cittadino svizzero. Agli inizi del 1995 ha vinto il concorso per lo studio di fattibilità, la progettazione e lo sviluppo dell’EXPO 2002, un gigantesco e fantastico progetto da 1,5 miliardi di euro. La stampa elvetica ha salutato questa vittoria con il titolo “Paolo Ugolini ha ottenuto i mezzi per realizzare i propri sogni”. Durante 5 anni ha avuto l’occasione di sviluppare un fantasioso progetto che lo ha ricollegato con i propri desideri dell’infanzia e sopratutto lo ha portato a capire che l’homo sapiens è anche sopratutto homo faber e homo pictor e non può rinunciare all’immaginazione, alla fantasia, all’invenzione. Dopo questa esperienza ha così deciso di dedicarsi prevalentemente ai progetti fantastici come il padiglione Lamborghini a Autostadt/ Wolksburg, il padiglione Curitiba a Ginevra e il il padiglione BIT/ ONU a Central Park/New York.

Durante il periodo dell’EXPO e quello successivo ha lavorato con la “Disney Legend” Harrison Buzz Price, il grande amico e consigliere fedele di Walt Disney, che gli ha fatto capire la genialità e l’estrema fantasia del grande genio artistico Walt Disney. Ovviamente per questo ha dovuto subire l’ostilità della intellighenzia elvetica, opportunamente ricambiata. Paolo Ugolini ha iniziato a dipingere ad olio nel 1969 e da allora non ha mai smesso, per mantenere la mano, seguendo il vecchio adagio di Apelle, il grande pittore greco classico, “nulla dies sine linea”. Nel 2005, considerando che il sacrificio di tanti rami fa crescere più potente la pianta e le fa dare frutti migliori, ha deciso di dedicare molto più tempo ed energia alla pittura, allo studio della storia dell’arte e dell’estetica. Da un punto di vista intellettuale considera suoi Maestri supremi Benedetto Croce, Roberto Longhi, Aby Warburg, Ernst Gombrich ed infine, a pari mertIo, il pictor optimus Giorgio De Chirico e il suo contemporaneo Jeff Koons, che hanno dato il via entrambi a ricerche fecondissime. Diversi anni di ricerca pittorica lo hanno portato a sviluppare una pittura che lui stesso definisce, non senza provocazione, post disney bizantina. PostDisney perchè intende proseguire nei suoi quadri il lavoro fantastico indicato da Walt, di cui lascia sempre traccia e citazioni, e postbizantina in quanto, come avvenne nella scuola cretese nel ‘500, accetta e rifiuta le scoperte del Rinascimento, quali la prospettiva, ed ammette cambiamenti stilistici improvvisi ma quasi impercettibili all’interno della stessa opera. Nel 2018, per marcare una pausa di allegerimento pur continuando il lavoro pitturale, ha iniziato a dipingere “alla maniera astratta” con risultati molto convincenti tanto che continua oggi ad alternare pittura astratta e figurativa, anche se le grandi composizioni figurative restano e resteranno sempre il suo tema preferito. Alla fine del 2019 ha iniziato un nuovo e fecondo periodo figurativo con un grande quadro “Arianna e la Sirena” che resterà una pietra miliare nel suo percorso pittorico. Considera l’arte, e dunque la pittura, una seconda natura, o meglio una espansione della natura verso il mondo dell’immaginario. Quindi, di fatto, l’arte è sempre e comunque astratta anche quando le sue figure sono apparentemente realiste. Rifugge l’originalità intesa come stravaganza, in quanto la vera arte originale è quella che fa riferimento alle proprie origini e alla propria storia, sia essa reale o immaginaria, alla storia dell’arte e alla tradizione ben intesa.

“Untitled”, 2019, 160 x 160 cm

“Lo sgozzato”, 2005, 245 x 245 cm

www.inewsswiss.com

iNEWS

83


arte

Abbildung: Edward Hopper, Cape Cod Morning, 1950, Öl auf Leinwand, 86,7 × 102,3 cm, Smithsonian American Art Museum, Gift of the Sara Roby Foundation, © Heirs of Josephine Hopper / 2019, ProLitteris, Zürich, Foto: Smithsonian American Art Museum, Gene Young

EDWARD HOPPER 26. JANUAR BIS 17. MAI 2020

EINLADUNG ZUR PRESSEVORBESICHTIGUNG UND MEDIENKONFERENZ

FREITAG, 24. JANUAR 2020, AB 10.00 UHR 84

iNEWS

www.inewsswiss.com


Smithsonian American Art Museum, Gift of the Sara Roby Foundation © Heirs of Josephine Hopper / 2019, ProLitteris, Zürich Foto: Smithsonian American Art Museum, Gene Young

The Museum of Modern Art, New York, Mrs. Simon Guggenheim Fund © Heirs of Josephine Hopper / 2019, ProLitteris, Zürich Foto: © 2019 Digital image, The Museum of Modern Art, New York / Scala, Florence

03 Edward Hopper Cape Ann Granite, 1928 Öl auf Leinwand, 73,5 x 102,3 cm Privatsammlung © Heirs of Josephine Hopper / 2019, ProLitteris, Zürich Foto: Christie's

Edward Hopper

04 Edward Hopper Second Story Sunlight, 1960 Öl auf Leinwand, 102,1 x 127,3 cm Whitney Museum of American Art, New York; Purchase, with funds from the Friends of the Whitney Museum of American Art., Inv. N.: 60.54. 26. Januar © Heirs of Josephine Hopper / 2019, ProLitteris, Zürich Foto: © 2019. Digital image Whitney Museum of American Art / Licensed by Scala

05 Edward Hopper Railroad Sunset, 1929 01 xEdward Hopper Öl auf Leinwand, 74,5 122,2 cm Cod Art, Morning, 1950Josephine N. Hopper Bequest, Inv. N.: 70.1170. Whitney Museum of Cape American New York; auf Leinwand, 86,7 x 102,3 cm © Heirs of JosephineÖlHopper / 2019, ProLitteris, Zürich American ArtofMuseum, the Sara by Roby Foundation Foto: © 2019. DigitalSmithsonian image Whitney Museum AmericanGift Artof/ Licensed Scala © Heirs of Josephine Hopper / 2019, ProLitteris, Zürich Foto: Smithsonian American Art Museum, Gene Young

– 17. Mai 202

02 Edward Hopper Gas, 1940 Öl auf Leinwand, 66,7 x 102,2 cm The Museum of Modern Art, New York, Mrs. Simon Guggenheim Fund © Heirs of Josephine Hopper / 2019, ProLitteris, Zürich Foto: © 2019 Digital image, The Museum of Modern Art, New York / Scala, Florence

essebilder: www.fondationbeyeler.ch/pressebilder s Bildmaterial darf nur zu Pressezwecken im Rahmen der aktuellen Berichterstattung verwendet werden. Die Reproduktion ist nur im sammenhang mit der laufenden Ausstellung und während deren Dauer erlaubt. Jede weitergehende Verwendung – in analoger und in digitaler rm – bedarf einer Genehmigung durch die Rechtsinhaber. Ausgenommen davon ist der rein private Gebrauch. Bitte verwenden Sie die Bildlegenden d die dazugehörenden Copyrights. Mit freundlicher Bitte umWerke Zusendung eines Belegexemplars. ie Frühjahrsausstellung 2020 zeigt von Edward die amerikanische Landschaft auseinandergesetzt hat. Vom 26.1. bis

D

Hopper (1882–1967), einem der bedeutendsten amerikanischen Maler des 20. Jahrhunderts, und konzentriert sich dabei auf Hoppers Landschaftsdarstellungen. Als besonderes Highlight hat der renommierte Filmemacher Wim Wenders einen 3D-Kurzfilm speziell für diese Ausstellung realisiert. Zur Pressevorbesichtigung am Freitag, 24. Januar, ab 10.00 Uhr und zur Medienkonferenz um 11.00 Uhr in der Fondation Beyeler, im Renzo-Piano-Saal des Museums, sind Sie herzlich eingeladen. Es sprechen Sam Keller, Direktor der Fondation Beyeler, und Ulf Küster, Kurator der Ausstellung. Im Anschluss folgt ein Gespräch mit dem 03 Edward Hopper Ann Granite, renommierten Cape Fotografen und1928 Filmemacher Wim Wenders. Öl auf Leinwand, 73,5 x 102,3 cm Edward Hopper (1882–1967) gilt als einer der bedeutendsten Privatsammlung Künstler des 20.©Jahrhunderts. Europa vorProLitteris, allem für die Ölgemälde Heirs of JosephineIn Hopper / 2019, Zürich Christie's Lebens bekannt, die er in den 1920er- bis mit Szenen desFoto: städtischen 1960er-Jahren schuf und von denen einzelne Werke ausserordentlich populär wurden, ist es verwunderlich, dass seine Landschaftsbilder bisher weniger beachtet wurden. Überraschenderweise gab es bisher noch keine Ausstellung, die sich umfassend mit Hoppers Blick auf

www.inewsswiss.com

17.5.2020 präsentiert die Fondation Beyeler nun eine umfangreiche Ausstellung mit ikonischen Landschaftsgemälden in Öl sowie einer Auswahl an Aquarellen und Zeichnungen. Erstmals werden zudem Hoppers Werke in einer Ausstellung in der deutschsprachigen Schweiz gezeigt. Ein Highlight der Ausstellung ist der von Filmregisseur Wim Wenders realisierte 3D-Kurzfilm mit dem Titel Two or Three Things I Know about Hopper, der in einem eigenen Screeningraum gezeigt wird. Sein Film wird bei der Eröffnung unserer Ausstellung seine Premiere feiern. Bitte akkreditieren Sie sich zur Medienkonferenz und 04 Edward Hopper Second Story Sunlight, Pressevorbesichtigung, indem Sie1960 einfach auf diese E-Mail antworten auf Leinwand, 102,1 x 127,3 cm oder schreibenÖl an presse@fondationbeyeler.ch. Sollten Sie InterviewWhitney Museum of American Art, New York; Purchase, with funds from Wünsche haben, bitten of wir vorgängig the Friends thediese Whitney Museum ofanzumelden. American Art., Inv. N.: 60.54.

FONDATION BEYELER

© Heirs of Josephine Hopper / 2019, ProLitteris, Zürich Foto: © 2019. Digital image Whitney Museum of American Art / Licensed by Scala

FONDATION BEYELER Tel. + 41 (0)61 645 97 21, Fax + 41 (0)61 645 99 60 presse@fondationbeyeler.ch, www.fondationbeyeler.ch,

iNEWS

85


arte

2020 EXHIBITION PROGRAMME

I

n early 2020, Museo Picasso Málaga will be starting off its exhibition programme withGenealogies of Art, or the history of art as visual art (27th February – 31st May 2020), in which authors from the 17th-21st century visually present the history of art using genealogical trees, allegories, charts and diagrams. One of these diagrams is represented in three dimensions with works by Picasso, Cézanne, Matisse, Kandinsky, Mondrian and Brancusi, amongst others. Next summer, Miquel Barceló. Metamorphosis (22nd June – 27th September 2020) will exhibit a large selection of ceramics, oils and watercolours that will once again display the inexhaustible energy and keen experimental vein of an artist who has created a highly personal, original and complex body of work. In the autumn, to showcase 20th-century women artists and following on from previous exhibitions such as Sophie Taeuber-Arp. Avant-Garde Pathways, Hilma af Klint. A Pioneer of Abstraction, Louise Bourgeois. I Have Been to Hell and Back and We are completely Free. Woman Artist and Surrealism, Museo Picasso Málaga will present Meret Oppenheim. Reflection of an era (19th October 2020 – 7th February 2021).

86

iNEWS

Museo Picasso Málaga Palacio de Buenavista C/ San Agustín, 8 29015 Málaga, España Tel. (+34) 952 127 600 www.museopicassomalaga.org www.inewsswiss.com


GENEALOGIES OF ART, OR THE HISTORY OF ART AS VISUAL ART 27th February - 31st May 2020 Jointly produced by Fundación Juan March and Museo Picasso Málaga, the exhibition deals with the visual narration of art history from the specific point of view employed by museums and exhibitions. Pablo Picasso, Constantin Brancusi, Paul Cézanne, Robert Delaunay, Alberto Giacometti, Juan Gris, Wassily Kandinsky, Fernand Léger, El Lissitzky, Kazimir Malevich, Franz Marc, Henri Matisse, Joan Miró, Piet Mondrian, Georges Braque, Paul Klee and Henry Moore are just some of the artists whose work can be seen at this exhibition, which will run from February 2020 at Museo Picasso Málaga. If the history of art comprises objects that are designed to be seen, then shouldn’t the way we tell it also be highly visual? Textual and abstract narration has certainly been more prevalent than visual, concrete narration. The exhibition attempts to make up for this by displaying different visual ways of narrating these histories. Pablo Picasso (1881-1973) Compotier aux poires et pommes [Fruit Bowl with Pears and Apples], 1908 Oil on board, 27 x 21 cm Staatliche Museen zu Berlin, Nationalgalerie, Museum Berggruen © bpk/ Nationalgalerie, Staatliche Museen zu Berlin, Museum Berggruen/Photo: Jens Ziehe © Sucesión Pablo Picasso, VEGAP, Madrid, 2019

MIQUEL BARCELÓ. METAMORPHOSIS 23rd June – 27th September 2020 Taking its name from Franz Kafka’s famous story published in 1915, Metamorphosis presents almost 100 works produced by Miquel Barceló between 2015 and 2020. The selection can be seen next summer at Museo Picasso Málaga and will include paintings, works on paper, ceramics, notebooks and bronzes. The centrepiece of the exhibition is a selection of more than 30 ceramics whose main feature is their colourfulness and constantly transforming shapes. Metamorphosis also includes a small selection of large-format paintings from several recent series, a selection of travel notebooksused in Thailand and India along with two series ofwatercolors. Metamorphosis also contains a selection of travel notebooks used in Thailand and India, countries that Barceló has visited frequently over the past few years, along with two series of watercolours painted in both these Asian countries and which feature heightened colour and an idealized world, evocative of myths and legends. Miquel Barceló (1957) Miquel Barceló at his pottery workshop, Vilafranca de Bonany, Mallorca, October 2019 © Photo: François Halard, 2019 © Miquel Barceló, VEGAP, Málaga, 2019

MERET OPPENHEIM. REFLECTING AN ERA 20th October 2020 - 7th February 2021 This exhibition presents a unique view of the diversity of the artwork of Meret Oppenheim (1913-1985), a creative woman artist who managed to become a member of the Surrealist movement, playing an undisputed major role in world of 20th-century European art. This is her first retrospective in Spain for 30 years, bringing together works that span almost half a century of artistic output, and referencing every period of her work. The exhibition will also include a selection of works by artists who were close to her, in particular Jean Arp, André Breton, Salvador Dalí, Marcel Duchamp, Max Ernst, Leonora Fini, Alberto Giacometti, Man Ray, Dora Maar, Dieter Roth, Jean Tinguely and Daniel Spoerri. Man Ray (1890-1976) Untitled (Erotique voilée), vers 1933 Photography Centre Pompidou, Paris. Musée national d’art moderne - Centre de création industrielle © Centre Pompidou, MNAM-CCI, Dist. RMN-Grand Palais/Georges Meguerditchian © Man Ray Trust, VEGAP, Málaga, 2019

www.inewsswiss.com

iNEWS

87


arte

AUSSTELLUNGSPROGRAMM 2020

A

nfang 2020 beginnt das Museo Picasso Málaga sein Jahresprogramm mit der AusstellungGenealogien der Kunst oder Die Kunstgeschichte als bildende Kunst (27. Februar–31. Mai 2020), in der Autoren des 16. bis 21. Jahrhunderts die Kunstgeschichte mithilfe von Stammbäumen, Allegorien, Tabellen und Diagrammen visuell darstellen. Eines dieser Diagramme wird darüber hinaus mit Werken von Picasso, Cézanne, Matisse, Kandinsky, Mondrian, Brancusi und anderen in eine dreidimensionale Form gebracht. Die Ausstellung Miquel Barceló. Metamorphose (23. Juni–27. September 2020) bietet im nächsten Sommer die Möglichkeit, die unerschöpfliche Energie und Experimentierfreudigkeit dieses Künstlers, der ein persönliches, originelles und komplexes Werk geschaffen hat, anhand einer breiten Auswahl an Keramiken, Ölgemälden und Aquarellen neu zu entdecken. Im Herbst folgt dann die Ausstellung Meret Oppenheim. Spiegel einer Epoche (20. Oktober 2020–7. Februar 2021), die in Fortsetzung vorangegangener monografischer Ausstellungen zu Sophie TaeuberArp, Hilma af Klint und Louise Bourgeois und thematischer Ausstellungen wieSurrealistische Frauen. Wir sind völlig frei dazu beitragen soll, den Künstlerinnen des 20. Jahrhunderts die verdiente Geltung zu verschaffen.

88

iNEWS

Museo Picasso Málaga Palacio de Buenavista C/ San Agustín, 8 29015 Málaga, España Tel. (+34) 952 127 600 www.museopicassomalaga.org www.inewsswiss.com


GENEALOGIEN DER KUNST ODER DIE KUNSTGESCHICHTE ALS BILDENDE KUNST - 27. Februar – 31. Mai 2020 Diese von der Fundación Juan March und dem Museo Picasso Málaga koproduzierte Ausstellung beschäftigt sich mit den visuellen Narrativen der Kunstgeschichte aus der spezifischen Sicht von Museen und Ausstellungen. Zu den in dieser Ausstellung, die im Februar 2020 im Museo Picasso Málaga eröffnet wird, vertretenen Künstlern zählenPablo Picasso, Constantin Brancusi, Paul Cézanne, Robert Delaunay, Alberto Giacometti, Juan Gris, Wassily Kandinsky, Fernand Léger, El Lissitzky, Kazimir Malevich, Franz Marc, Henri Matisse, Joan Miró, Piet Mondrian, Georges Braque, Paul Klee und Henry Moore. Wenn die Kunstgeschichte aus Objekten besteht, die dazu bestimmt sind, gesehen zu werden, sollte sie selbst dann nicht auch in einer sehr visuellen Art und Weise erzählt werden? Die Wahrheit ist, dass in dieser Hinsicht bisher immer das textuelle und abstrakte Narrativ gegenüber dem visuellen und konkreten vorgeherrscht hat. Diese Ausstellung bemüht sich darum, diesen Mangel zu kompensieren, indem sie die verschiedenen visuellen Narrationsmöglichkeiten aufzeigt. Pablo Picasso (1881-1973) Compotier aux poires et pommes [Fruit Bowl with Pears and Apples], 1908 Oil on board, 27 x 21 cm Staatliche Museen zu Berlin, Nationalgalerie, Museum Berggruen © bpk/ Nationalgalerie, Staatliche Museen zu Berlin, Museum Berggruen/Photo: Jens Ziehe © Sucesión Pablo Picasso, VEGAP, Madrid, 2019

MIQUEL BARCELÓ. METAMORPHOSE 23. Juni – 27. September 2020 Die Ausstellung Metamorphose, deren Name sich von Franz Kafkas berühmter Erzählung Die Verwandlung aus dem Jahr 1915 herleitet, umfasst fast einhundert Werke von Miquel Barceló aus der Zeit zwischen 2015 und 2020. Zu der Auswahl, die im nächsten Sommer im Museo Picasso Málaga präsentiert wird, zählen Gemälde, Arbeiten auf Papier, Keramiken, Notizbücher und Bronzen. Den Mittelpunkt der Ausstellung bilden mehr als dreißig Keramikarbeiten. Diese zeichnen sich durch ihre Farbgebung aus und zeigen zerrissene.Metamorphose umfasst außerdem eine kleine Auswahl großformatiger Gemälde aus mehreren neueren Serien, eine Auswahl vonReisenotizbüchern aus Thailand und Indien – Länder, sowie zwei dort entstandene Serien vonAquarellen. Miquel Barceló (1957) Miquel Barceló at his pottery workshop, Vilafranca de Bonany, Mallorca, October 2019 © Photo: François Halard, 2019 © Miquel Barceló, VEGAP, Málaga, 2019

MERET OPPENHEIM. SPIEGEL EINER EPOCHE 20. Oktober 2020 – 7. Februar 2021 Diese Ausstellung bietet eine einzigartige Gelegenheit, die Vielfalt des Werks von Meret Oppenheim (1913–1985) zu erfassen, einer Künstlerin, der es gelang, sich in die surrealistische Bewegung zu integrieren und eine unbestreitbar wichtige Rolle in der europäischen Kunstwelt des 20. Jahrhunderts einzunehmen. Die Ausstellung ist nach 30 Jahren die erste Retrospektive, die ihr in Spanien gewidmet wird, mit Werken, die fast ein halbes Jahrhundert ihrer künstlerischen Laufbahn umfassen und Einblicke in alle Schaffensphasen gewähren. Komplettiert wird die Ausstellung durch ausgewählte Werke von Künstlern aus Oppenheims Umfeld, wie Jean Arp, André Breton, Salvador Dalí, Marcel Duchamp, Max Ernst, Leonora Fini, Alberto Giacometti, Man Ray, Dora Maar, Dieter Roth, Jean Tinguely und Daniel Spoerri. Man Ray (1890-1976) Untitled (Erotique voilée), vers 1933 Photography Centre Pompidou, Paris. Musée national d’art moderne - Centre de création industrielle © Centre Pompidou, MNAM-CCI, Dist. RMN-Grand Palais/Georges Meguerditchian © Man Ray Trust, VEGAP, Málaga, 2019

www.inewsswiss.com

iNEWS

89


arte

ART MARBELLA 2020 SE CELEBRARÁ DEL 29 DE JULIO AL 2 AGOSTO

P

or sexto año consecutivo la feria internacional de arte moderno y contemporáneo ART MARBELLA tendrá lugar en el Palacio de Ferias, Congresos y Exposiciones de Marbella, del 29 de julio al 2 de agosto. La feria se ha convertido en el encuentro más importante de la temporada estival con el arte contemporáneo por parte de VIPS, coleccionistas y amantes del arte de todo el mundo. Entre las novedades de la edición 2020 se encuentran los espacios comisariados y el diseño de la feria, que como el año pasado utilizará parte de la planificación de MARBELLA DESIGN que se celebrará del 3 al 12 de julio. ART MARBELLA llegó a ser una feria boutique que tuvo una cuidada selección de 45 expositores internacionales. Una edición más, el programa VIP contará con un rica programación de visitas privadas a los mayores centro de arte de Málaga como el Museo Picasso o el Centro Pompidou; cenas exclusivas en casa de coleccionistas; y fiestas en localizaciones únicas como Anantara Villa Padierna Palace, Puente Romano y Marbella Club. ART MARBELLA Marbellafair.com Del 29 de julio al 2 de agosto de 2020 Palacio de Ferias, Congresos y Exposiciones de Marbella Avda. José Meliá, 2. Marbella. 90

iNEWS

www.inewsswiss.com


arte

LIVIA PRUCCOLI

BICENTENARIO CANOVA È GIÀ FEBBRE

I

n Italia sono cominciate le celebrazioni per il bicentenario della morte di Antonio Canova, nato a Possagno, Treviso, il 1º novembre 1757, in una famiglia di scalpellini, e spentosi a Venezia il 13 ottobre 1822. «Un omino piccolo, tutto bianco di polvere, che nella sua bottega in via delle Colonnette a Roma girava con un cappello di carta in testa, martello e scalpello in mano e diceva: «anche se non so leggere né scrivere, con questi due strumenti so fare delle poesie». Così lo descrive il direttore del Museo Gipsoteca Canova di Possagno Mario Guderzo. E quelle poesie hanno rivoluzionato l’arte figurativa riuscendo a far rinascere l’antico nel moderno ed a plasmare il moderno attraverso il filtro dell’antico. Del resto lui sosteneva: «L’antico bisogna mandarselo in sangue sino a farlo diventare naturale come la vita stessa». Dopo la retrospettiva evento al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, che ha portato al MANN più di 100 opere del grande scultore, pittore e architetto veneto, arriva il fitto calendario di appuntamenti promosso da Possagno, che ancora ne custodisce il corpo (meno il cuore,sepolto nella Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari a Venezia), nel Tempio Canoviano. La grandiosa chiesa che Canova progettò e finanziò poco prima di morire, cominciata a costruire esattamente 200 anni fa, a poche centinaia di metri dalla sua casa, che conserva una raccolta di quei modelli in gesso che gli permisero di realizzare copie identiche in marmo delle sue opere. Ben due mostre sono in corso a Milano. “Canova/Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna” alle Gallerie d’Italia (fino al 15 marzo 2020), un percorso straordinario, realizzato con il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo e con il Museo Bertel Thorvaldsen di Copenaghen, grazie all’apporto di prestigiose istituzioni museali e collezioni private (come la Biblioteca Apostolica Vaticana, le Gallerie degli Uffizi di Firenze, il J.Paul Getty Museum di Los Angeles, il Museo National del Prado di Madrid), per mettere a confronto i due padri della scultura moderna, contemporanei e rivali. E “Canova. I volti ideali” alla Gam-Galleria d’arte moderna (fino al 18 Febbraio 2020), un progetto che ricostruisce la genesi e l’evoluzione delle cosiddette “teste ideali”. Ovvero una serie di volti femminili, molti dei quali eseguiti senza commissione, all’apice del successo, che, sottoposti a raffinatissime variazioni, giungono a una progressiva semplificazione formale ed espressiva, che trova il suo culmine nella Vestale. Opera realizzata tra il 1818 e il 1819 e replicata in tre marmi (il più noto alla GAM, gli altri due alla Fondazione Calouste Gulbenkian di Lisbona e al J. Paul Getty Museum di Los Angeles), www.inewsswiss.com

che a Milano si trovano riuniti in una mostra per la prima volta. Roma risponde con “Canova. Eterna bellezza” a Palazzo Braschi (fino al 15 marzo 2010), un allestimento di grande impatto visivo, con oltre 170 opere dell’artista (il Fauno nudo e a gambe aperte, la Maddalena Penitente, proveniente dall’Hermitage come l’Amorino alato e la Danzatrice con le mani sui fianchi) e di alcuni artisti a lui contemporanei, che racconta il forte legame tra il genio neoclassico e Roma, sua inesauribile fonte di ispirazione e suo fortissimo trampolino di lancio. Canova arriva a Roma nel 1779, a 26 anni, grazie ai soldi guadagnati con Dedalo e Icaro. Nel giro di poco tempo diventa una celebrità, coinvolta addirittura nella gestione e nella salvaguardia del patrimonio culturale capitolino con cariche di solito riservate all’aristocrazia o al clero. Come quella di Ispettore delle Belle Arti (titolo che prima era stato di Raffaello), con pieni poteri su tutto, compreso il controllo sui beni che si volevano esportare. Per calmierare il mercato, alimentato dagli scavi in pieno fermento, ma anche dalle massicce svendite dell’aristocrazia romana in profonda crisi economica, lo scultore vieta le esportazioni e acquista di tasca propria gli antichi cippi romani messi in vendita dalla famiglia Giustianiani (di cui uno in mostra a Roma) per donarli ai Musei Vaticani. Durante la dominazione napoleonica viene nominato Direttore dei Musei Vaticani, ma rinuncia all’appartamento e allo stipendio offertigli dai francesi. Più tardi, di ritorno da Parigi, dove ha ottenuto dal nuovo re Luigi XVIII la restituzione di molte opere allo Stato della Chiesa, riceve dal papa il titolo di marchese, ma sceglie di destinare tutte le rendite associate al titolo a restauri, scavi e al finanziamento di borse di studio per giovani artisti. Genio inquieto Antonio Canova, che con il suo lavoro cerca di evadere dalla drammaticità contemporanea, ma che poi, giocoforza, si dedica ai personaggi del suo tempo, come Paolina Bonaparte, celeberrima Venere canoviana con il pomo della discordia in mano. Napoleone gli commissiona il proprio ritratto in scultura, da esporre per i suoi 40 anni e lui, ispirandosi a Marte pacificatore, lo fa nudo con lo scettro e la vittoria alata, ma quando la statua arriva a Parigi l’imperatore la nasconde perché: «nudo in piazza non andrò mai». In seguito Thomas Jefferson gli chiede di realizzare una statua di George Washington e Canova lo ritrae vestito come un generale dell’esercito romano intento a scrivere la sua rinuncia al potere come Cincinnato che, proprio come Washington, ad un certo punto si ritirò a vita privata. iNEWS

91


arte

LUISA PAVESIO

DA PINOCCHIO A DANTOCCHIO: IL NUOVO MULTIEXPERIENCE MUSEUM DI FIRENZE

A

ttivissimo protagonista della vita culturale fiorentina – e non solo, perché la sua esistenza trascorre da un viaggio all’altro per portare nel mondo l’icona di Pinocchio e la sua bella e civile Toscana – Pierfrancesco Bernacchi è Presidente della Fondazione Collodi di Pescia, paradiso dei grandi (per le bellissime sculture e mostre) e dei piccini (che trovano tutto, ma proprio tutto, sull’internazionalissimo eroe collodiano). Ma oggi, senza abbandonare il burattino più famoso del mondo, Bernacchi ha realizzato un’istituzione museale dal concetto innovativo. In pieno centro di Firenze, in un Palazzo avito dei Ricasoli sito nella via omonima, questo “multiExperience Museum”, come viene definito, offre una serie di ampie sale che, partendo da una galleria di libri di Pinocchio, si addentrano nelle stanze dell’Inferno, Purgatorio e Paradiso di Dante Alighieri, con animazioni grafiche su parete, recitazione di testi e statue a misura d’uomo di grandi protagonisti della Commedia. Le sale dantesche sono tuttora da completare, perché il progetto, concepito nel 1995 (Bernacchi non è uomo di improvvisazione, e prima di creare questo museo sensoriale ha visitato un centinaio di siti analoghi nel mondo con l’intento di evitare i difetti che immancabilmente trovava in ognuno) ha conosciuto una fase progettuale di tre mesi ed una altrettanto breve di lavori per l’adattamento degli spazi, cui hanno contribuito fra gli altri la stessa Fondazione Pinocchio, istituzioni e Banche fiorentine, e Mediaset, che presto pubblicizzerà al meglio l’immagine del Museo. Ci ha colpiti anche una splendida esposizione, destinata a divenire permanente, di Silvano, detto Nano, Campeggi, grande illustratore fiorentino morto più che novantenne nel 2018, dopo aver creato per i colossi della Metro Goldwyn-Meyer, Paramount e Columbia Pictures fra gli altri, più di 3.000 poster cinematografici (Via col vento, il primo, e poi Casablanca, La gatta sul tetto che scotta, Colazione da

92

iNEWS

Tiffany, Un americano a Parigi, solo per ricordare i film più famosi). Questi poster in esposizione, di proprietà della Fondazione Collodi, sono stati modificati da Campeggi aggiungendo una figura di Pinocchio all’originale, e creando quadri dove ai miti contemporanei degli attori cinematografici si affianca il piccolo e intramontabile eroe di legno. Perché proprio Pinocchio e Dante?, chiedo. La risposta è immediata: la necessità di stendere un ponte fra i due fiorentini più famosi (Lorenzini, pur nato a Collodi, visse e studiò a Firenze), creando una realtà museale assolutamente inedita dove i due testi letterari, fra i più tradotti al mondo, si vivono attraverso immagini, statiche o in movimento, dal forte impatto emotivo e multisensoriale. Il Museo è già visitabile, ed è in fase di completamento anche il ristorante, che si avvarrà della tradizione e abilità del Villa Garzoni di Collodi. Presidente Pierfrancesco Bernacchi

www.inewsswiss.com


arte

LUISA PAVESIO

ANNI VENTI IN ITALIA – MOSTRA “L’ETÀ DELL’INCERTEZZA” GENOVA, PALAZZO DUCALE, 5.10.2019 -1.03.2020

L

e mostre possono essere definite di volta in volta belle, documentate, antologiche, innovative. Ma l’esposizione inaugurata nell’ultimo scorcio di novembre a Genova, in un Palazzo Ducale che sotto la guida di Serena Bertolucci sta mantenendo la promessa di offrire alla città ben ottanta eventi, merita soprattutto la menzione di una assoluta originalità. Curata da due veri talenti come Matteo Fochessati e Gianni Franzone, ha il pregio di appaiare a nomi storici ed universalmente noti quali quelli di Carrà, Casorati, De Chirico, Depero, Arturo Martini, Alberto Savinio, Severini e Sironi, anche l’opera di Artisti meno noti al grande pubblico, Ottone Rosai, Cagnaccio di S.Pietro, Leonardo Dudreville, Anselmo Bucci fra gli altri.Perché l’intento non è, come sottolinea uno dei curatori, costruire un’antologica riferita agli anni cruciali compresi fra la Grande Guerra e la crisi economica del 29, bensì mettere in luce attraverso le testimonianze artistiche “la complessità storica, politica, sociale e culturale del decennio e ...l’impatto che i suoi precipui caratteri esercitarono sulle ricerche estetiche del tempo, in particolare sulla produzione pittorica e plastica”. E le oltre 100 opere in mostra proprio di questa complessità rendono ragione, attraverso la varietà di lnguaggi artistici, talvolta così distanti fra loro da essere percepiti come un’intima contradditorietà. Come una grande sinfonia dedicata a quei difficili Anni, curata perfino nell’aspetto grafico dei sottotoli in stile, ognuna delle 11 Stanze è preceduta da un’epigrafe rappresentativa dell’esprit du temps. Dal Prologo, dominato dalla figura, alle Attese, dove il Tempo viene interpretato come aspirazione verso l’eternità di visioni enigmatiche, fino a Metropoli, con il disagio delle grandi città trasformate dalle nuove applicazioni tecnologiche. E poi il trauma della guerra, dove maggiormente si coglie l’opposizione fra i cantori dell’eroismo e la tristezza del ritorno dei militari dopo la vittoria mutilata. Non www.inewsswiss.com

poteva mancare l’oggi tanto decantato Deco di questi Anni che si meritarono fra gli altri l’appellativo di ruggenti , con l’imitazione della vita frenetica e cosmopolita delle capitali d’oltreoceano e il desiderio di evasione e divertimento. Di particolare impatto la chiusura con la Stanza dell’Epilogo , dove sono in mostra due sculture a misura d’uomo, una in bronzo e l’altra in pietra, del grande Arturo Martini: “La pisana”, figura dormiente di donna proveniente dalla collezione che fu del conte Ottolenghi e della consorte Herta von Wedekind, nella Villa che impreziosisce la cittadina termale di Acqui Terme, e “La lupa ferita”, un bronzo muliebre di insinuante provocazione ed erotismo. Due figure femminili in contrasto, a testimonianza del fatto che gli Anni Venti furono fra l’altro grandi incubatori di rinnovamento nei miti culturali.

iNEWS

93


LA N TTE ITALIANA DIE GROSSE ITALIENISCHE SCHLAGERNACHT

RICCHI E POVERI

ALBANO E ROMINA ALICE DRUPI

31.10.20 ZURICH HALLENSTADION JETZT TICKETS SICHERN!

Profile for iNEWS - Swiss Multikulti Lifestyle Magazine

INEWS GENNAIO FEBBRAIO 2020  

Advertisement
Advertisement
Advertisement