Page 1

Edizione per L’EUROPA

LA RIVISTA CHE CONSTRUISCE LA TUA VIDA

Novembre 2018 / Edizione 778

evangelistico www.impactoevangelistico.net

TESTIMONIANZA

La conversione di una principessa in Ghana DEVOZIONALE

Apocalisse, un libro aperto per oggi

PUBBLICAZIONE UFFICIALE DEL

Il meraviglioso disegno di Dio per l'umanità

IL

CERVELLO

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE


Un segnale che benedice la tua vita

Sintonizza i nostri programmi in diretta Trovaci su Facebook

Lunedì 19:30

Sabato 16:30

Martedì 17:30

MISSIONARIO MONDIALE 2 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


editoriale

LO SPIRITO DI DIO IN MEZZO AL

SUO POPOLO Rev. José Arturo Soto B. Presidente Internazionale del MMM

“Quando però sarà venuto lui, lo Spirito della verità, egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annuncerà le cose a venire”. Giovanni 16:13

D

io agisce sempre secondo le linee guida

la fede e la indebolisce. Infatti, nel momento in

che Egli ha stabilito, e non abbassa mai i

cui riponiamo la nostra fiducia nel denaro, disto-

principi contenuti nella Sua Parola, ma li mantie-

gliamo gli occhi dal Dio che ce lo fornisce.

ne alti. Oggi più che mai, è necessario che ci sia

La fede decadente può portarci a negare la

un profondo moto dello Spirito di Dio in mezzo

vera fede. La persona che nega la vera fede è un

al Suo popolo.

apostata e non sarà salvata (anche se sia seduta

Il mondo cerca di avvolgere la Chiesa, quindi

nei banchi delle chiese o predichi nei pulpiti).

deve esserci nel cuore di ogni credente una soli-

Questi individui attribuiscono l’Opera di Dio al

da conoscenza di cosa significa vivere una vita in

diavolo e si oppongono alla verità: “… costoro si

Cristo. Siamo negli ultimi minuti del giorno della

oppongono alla verità: uomini dalla mente co-

grazia, e il popolo del Signore ha bisogno di met-

rrotta, che non hanno dato buona prova quanto

tere molte cose in ordine al fine di essere pronto

alla fede. Ma non andranno più oltre, perché la

ad incontrare il suo Salvatore tra le nuvole.

loro stoltezza sarà manifesta a tutti…” (2 Timo-

La vittoria della Chiesa non è valutata per il

teo 3:8-9). Ma questi cambiamenti non avvengo-

numero di seguaci che ha, il lavoro sociale che fa,

no da un giorno all’altro, ma possono manifestar-

la buona influenza che può esercitare nel mondo

si a distanza di mesi o addirittura anni.

corrotto, o la saggezza dei pastori con molti diplo-

Il diavolo non può ingannare coloro che san-

mi. Queste chiese hanno gli occhi sulla Terra e

no in chi credono. Loro possono perdere tutto

lavorano per il mondo, non per il Regno dei Cieli.

e soffrire i peggiori mali, ma hanno sempre lo

L’amore per il mondo fa ammalare la fede e la

sguardo sul cielo, sulla speranza della gloria, e su-

distrugge gradualmente. E quando la fede non è

lla certezza che il nostro Redentore vive.

sana, iniziamo a credere le favole, storie e dottrine

Dio vi benedica e vi guidi da vittoria in vitto-

mondane che ci separano dalla vera e propria fede.

ria, da trionfo in trionfo e da potere in potere.

Anche l’amore per il denaro è un virus che attacca

Amen.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

3


www.impactoevangelistico.net

evangelistico Fondatore e Direttore: Rev. Luis M. Ortiz NOVEMBRE 2018 / EDIZIONE N° 778 USPS 012-850) PUBBLICAZIONE UFFICIALE DEL MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE Il World-Wide Missionary Movement, Inc. è una chiesa senza scopo di lucro con la visione di piantare nuove chiese negli Stati Uniti d’America e nei suoi territori, e con la visione missionaria di piantare nuove chiese in tutto il mondo, là dove Dio apra nuove porte. PUBBLICATA MENSILMENTE DAL Movimiento Misionero Mondiale, Inc World-Wide Missionary Movement, Inc San Juan, Porto Rico Washington, D.C. Periodici affrancati a San Juan, Porto Rico 00936 POSTMASTER: Inviare i cambiamenti di indirizzo a Impacto Evangelistico P.O. BOX 363644 San Juan, Porto Rico 00936-3644 Telefono (787) 761-8806, 761-8805, 761-8903 MEMBRI DEL M.M.M. INC. Rev. José Soto Rev. Humberto Henao Rev. Rubén Concepción Rev. Gustavo Martínez Rev. Álvaro Garavito Rev. Rómulo Vergara Rev. Luis Meza Rev. Clemente Vergara Rev. Carlos Guerra

Presidente Vicepresidente Segretario Tesoriere Direttore Direttore Direttore Direttore Direttore

Il Movimento Missionario Mondiale è un'organizzazione religiosa senza scopo di lucro regolarmente registrata a San Juan, Puerto Rico, e nel capoluogo americano, Washington D.C., con sede in entrambe le città, così come in ogni Stato dell'Unione Americana e altri paesi in cui abbiamo fondato opere missionarie. Importante Le offerte e le donazioni in denaro, attrezzatura, immobili e lasciti per volontà, dati a questa Opera del Movimento Missionario Mondiale, Inc. sono deducibili dall'imposta sul reddito (Income Tax) e le ricevute emesse dal MMM sono riconosciute dal Internal Revenue Service (IRS) del governo federale degli Stati Uniti d'America e del Stato Libero Associato di Porto Rico. n

Visitate il nostro sito Ottenete informazione edificante sull’Opera di Dio e tenetevi al corrente delle ultime novità. Un accesso personalizzato da qualsiasi parte del mondo: www.impactoevangelistico.net n

OPERE FONDATE: Germania Argentina Aruba Australia Austria Belgio Belize Bolivia Bonaire Brasile Camerun Canada Cile Colombia Congo Costa d’Avorio Costa Rica Curacao Danimarca Ecuador El Salvador Spagna US Filippine

Finlandia Francia Gabon Ghana Guatemala Guinea Equatoriale Guyana francese Guiana britannica Haiti Olanda Honduras India Inghilterra Isola di San Andrés (Col.) Saint Martin Mauritius Rodrigues Island Isole Canarie (Spagna) Isole Hawaii (Stati Uniti) Israele Italia Giamaica Giappone

Kuwait Madagascar Malesia Messico Myanmar Nicaragua Nigeria Oman Panama Paraguay Perù Portogallo Puerto Rico Repubblica Domini­ cana Romania Svezia Svizzera Sudafrica Suriname Trinidad e Tobago Ucraina Uruguay Venezuela

Se desiderate Scriveteci al nostro indirizzo postale: Movimento Missionario Mondiale, Inc. PO Box 363644 San Juan, P. R. 009363644 n

Copyright © 2009 Impacto Evangelistico Movimento Missionario Mondiale, Inc. (World-Wide Missionary Movement, Inc.) Tutti i contenuti di questa rivista e di ogni successiva edizione sono regolarmente registrati presso la Biblioteca del Congresso, Washington DC, Stati Uniti d'America. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione parziale o totale in qualsiasi forma e la traduzione in altre lingue senza il permesso del direttore sono vietate. Secondi gli accordi internazionali sul diritto d'autore è un reato punibile dalla legge. n

Dichiarazione Dottrinale Il Movimento Missionario Mondiale aderisce alle dottrine fondamentali della Scrittura, come ad esempio: n

Deposito legale presso la Biblioteca Nazionale del Perù N° 2011-02.530 Chiesa Cristiana Pentecoste - Movimento Missionario Mondiale:Av. Av. 28 de Julio 1781 - Lima 13 - Peru Stampa: Quad / Graphics Perù SA Av. Los Frutales 344 - Lima 03 - Peru MISSIONARIO MONDIALE 4 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

• L'ispirazione della Sacra Scrittura: 2 Timoteo 3:15-17, 2 Pietro 1:19-21. • La divinità adorabile in Tre Persone, Padre, Figlio e Spirito Santo: Matteo 3:16-17, 17: 1-5; 28:19 Giovanni 17: 5, 24, 26, 16:32, 14:16, 23, 18:05, 6, 2 Pietro 1:17,18; Apocalisse 5. • La salvezza mediante la fede in Cristo: Luca 24:47, Giovanni 3:16, Romani 10:13, Tito 2:11, 3:5-7. • La Nuova Nascita: Giovanni 3:3, 1 Pietro 1:23, 1 Giovanni 3:9. • La giustificazione per fede: Romani 5:1, Tito 3:07. • Il battesimo in acqua per immersione, come comandato da Cristo: Matteo 28:19, Atti 8:36-39. • Il battesimo nello Spirito Santo, successivo alla salvezza, parlare in lingue secondo: Luca 24:49, Atti 1:04, 8, 2:04. • La Guarigione Divina: Isaia 53:4, Matteo 08:16, 17, Marco 16:18, Giacomo 5:14, 15. • I doni dello Spirito Santo: 1 Corinzi 12:1-11. • I frutti dello Spirito Santo: Galati 5:22-26. • La santificazione: 1 Tessalonicesi 4:3, 5:23, Ebrei 12:14, 1 Pietro 1:15, 16, 1 Giovanni 2:6. • Il ministero e l'evangelizzazione: Marco 16:15-20, Romani 10:15. • La decima e la sostenibilità dell’Opera: Genesi 14:20, 28:22, Levitico 27:30, Numeri 18:21-26, Malachia 3:7-10, Matteo 10:10; 23:23. • Il sollevamento della Chiesa: Romani 8:23, 1 Corinzi 15:51 - 52, 1 Tessalonicesi 4:16-17. • La seconda venuta di Cristo: Zaccaria 14:1-9, Matteo 24:30, 31, 2 Tessalonicesi 1:7, Tito 2:13, Eb 14, 15. • Il Regno Millenario: Isaia 2:1-4, 11:5-10, Zaccaria 09:10, Apocalisse 19:20, 20:3-10. • Nuovi cieli e nuova terra: Isaia 65:17, 66:22, 2 Pietro 3:13, Apocalisse 21:1.


SOMMARIO www.facebook.com/impactoevangelistico

storia di vita

Ci trovate in

22 / INTERVISTA. “Stiamo aspettando un potente risveglio” DEVOZIONALE 40 / APOCALISSE, UN LIBRO APERTO PER OGGI. Rev. Luis M. Ortiz 42 / TI HO POSTO DAVANTI UNA PORTA APERTA. Rev. Rodolfo González

eroe della fede

20 / PROSPETTIVA. La vittima emblematica di una guerra

musica

18 / SCIENZA. La maggior parte delle specie ha un’origine recente

copertina

16 / INTERNAZIONALE. Mukwege, il dottor Miracolo

I misteri del cervello

6

Dondola piano, dolce carro

La solitudine della principessa

34

Un soldato di grande fede

30 24

44 / LA POTENTE PAROLA DI DIO Carmen Valencia de Martínez 48 / EVENTI.

14 / Grafica.

64-65 /ALTRI EVENTI.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

5


A differenza di qualsiasi computer creato dall’uomo, il cervello è costituito da cellule viventi che si trasformano costantemente man mano che acquisiamo nuove capacità e informazioni. Sembra che l'architettura fisica del cervello cambi in risposta alle nostre esperienze. Dr. David A. DeWitt

Il curioso e goffo Lang Lang aveva solo tre anni quando premette per la prima volta il tasto d’avorio di un pianoforte di legno, e amò il suono. Con la pratica, il bambino nato a Shenyang, in Cina, divenne un prodigio e vinse competizioni internazionali all’età di 13 anni. Lang Lang impressiona e ispira ancora, adesso con grandi orchestre sinfoniche. Con impegno, la mente può fare cose incredibili. Più ci esercitiamo, più diventiamo bravi. Oltre alla musica, possiamo imparare a dribblare un pallone da calcio, colpire una palla da softball, dipingere, cantare, andare in bicicletta, guidare una macchina, pilotare un elicottero o apprendere qualsiasi altra abilità che richieda un controllo muscolare preciso e sensi ben calibrati. Tuttavia, sviluppare abilità sarebbe impossibile se il cervello fosse stato “programmato” alla nascita. Per classificare tutte le informazioni che i sensori del corpo registrano, il cervello è stato progettato per cambiare. Il nostro cervello non è un computer fatto di cavi a stato solido e wafer di silicio. È tre libbre di cellule viventi in crescita che formano costantemente nuove connessioni e cambiano quelle vecchie. La flessibilità del cervello ci consente di acquisire nuove abilità, apprendere nuove informazioni e creare nuovi ricordi. Inoltre, se il nostro cervello soffre una lesione, le cellule cerebrali possono assumere la funzione di quelle morte o danneggiate. MOVIMIENTOMISSIONARIO MISIONERO MUNDIAL MONDIALE 6 MOVIMENTO América • Europa • Oceanía • África • Asia America•Europa•Oceania•Africa•Asia


copertina

I MISTERI DEL

CERVELLO

Novembre Abril 2018 / Impacto evangelistico evangelĂ­stico

7


I moderni strumenti di imaging ora possono guardare all’interno del cervello mentre è ancora operativo. Per la prima volta possiamo vedere il modo meraviglioso in cui Dio disegnò il cervello per adattarsi alle nostre mutevoli esigenze. MUSICA E CERVELLO

I ricercatori nel campo delle neuroscienze scoprirono alcuni anni fa che il cervello dei musicisti ha più materia grigia in certe aree rispetto alla maggior parte delle persone. Sono nati con queste differenze, o il loro cervello muta con l’esperienza? I neuroscienziati sono sempre stati inclini a supportare l’ultimo punto di vista ma non ne avevano prove1. Studi recenti dimostrano che l’allenamento musicale migliora anche le abilità in molte aree, comprese le abilità motorie fini e la discriminazione di suoni. Alcuni ricercatori hanno visto miglioramenti nell’attenzione, nelle abilità matematiche e nei compiti geometrici2. Studi di imaging cerebrale hanno confermato che le reti di neuroni associati a queste abilità cambiano anche fisicamente. Gli scienziati non sono stati in grado di escludere la possibilità di predisposizione o differenze strutturali innate nel cervello che potrebbero spiegare le abilità musicali, ma la quantità di tessuto in diverse regioni del cervello tende a correlarsi con la quantità di pratica e allenamento. I musicisti, per esempio, hanno più tessuto nelle regioni responsabili della discriminazione di suoni e del controllo delle dita. Questa e altre prove suggeriscono che l’esperienza altera l’architettura del cervello. LA DISPOSIZIONE

Un aspetto del cervello che risvegliò il mio interesse per le neuroscienze è la disposizione del cervello. I neuroni che controllano i sensi e le abilità motorie sono sistemati nel cervello in una mappa organizzata chiamata “homunculus corticale”. Ad esempio, i neuroni responsabili del tatto sono organizzati nel cervello in una sequenza tridimensionale nota come “percorso spaziale”. Se due parti del corpo, come il pollice e l’indice, si trovano MISSIONARIO MONDIALE 8 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


copertina

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

9


fisicamente fianco a fianco, hanno anche neuroni corrispondenti nel cervello che sono uno accanto all’altro. Allora, quando gli scienziati cercano di fare la mappa dei neuroni sensoriali nel cervello, trovano neuroni che rispondono alla stimolazione del pollice accanto a neuroni che rispondono alla stimolazione dell’indice, e così via. Lo stesso accade con i neuroni che controllano il movimento dei muscoli. Sebbene i neuroni nel cervello rispecMISSIONARIO MONDIALE 10 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

IL DISEGNO DI DIO Il disegno e la disposizione delle cellule nervose nel cervello umano sono davvero straordinari. Il cervello non smette mai di cambiare e adattarsi, oltre a riparare se stesso. Il cervello segue un piano generale di sviluppo, ma muta anche in base all’esperienza, alla stimolazione e all’ambiente. Sebbene io possa essere parziale come neuroscienziato, credo che nulla fornisca una testimonianza più grande del cervello su come siamo stato fatti “in modo stupendo” (Salmo 139:14).


copertina

I comportamenti o i sensi che vengono utilizzati di più ricevono una maggiore assegnazione di spazio nel cervello. Questo spiega perché le persone che sono cieche o sorde sembrano aver intensificato la loro sensibilità in altre aree. chino la sistemazione delle parti del corpo, non rispecchino la dimensione rispettiva di quelle parti. Ad esempio, le nostre braccia e gambe sono molto più grandi dei pollici e delle labbra, ma occupano molto meno spazio nel cervello. Le dita hanno bisogno di più spazio perché richiedono più neuroni per controllare le abilità motorie e le sensazioni delicate. Gli altri sensi hanno sequenze ordinate simili nel cervello. Ad esempio, i neuroni

Studi recenti dimostrano che l'allenamento musicale migliora anche le abilità in molte aree, comprese le abilità motorie fini e la discriminazione di suoni. Alcuni ricercatori hanno visto miglioramenti nell'attenzione, nelle abilità matematiche e nei compiti geometrici.

coinvolti nell’udito sono ordinati per tono, in modo simile ai tasti del pianoforte. Allo stesso modo, i neuroni responsabili della vista sono ordinati per settori del campo visivo. Se un dito viene amputato o il nervo del dito viene distrutto, i neuroni assegnati a quel dito sono riassegnati alle dita adiacenti. Ad esempio, se perdiamo l’indice, i neuroni cambiano per coprire il pollice e il medio. Tuttavia, se un musicista decide di esercitarsi di più con un dito, lo spazio assegnato a quel dito aumenterà a spese delle altre dita. Il cervello funziona come una libreria con scaffali a spazio limitato. Se è necessario aggiungere più pagine a un libro, l’aumento avviene a spese delle pagine di altri libri vicini sullo scaffale. I comportamenti o i sensi che vengono utilizzati di più ricevono una maggiore assegnazione di spazio nel cervello. Questo

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

11


MISSIONARIO MONDIALE 12 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


copertina

spiega perché le persone che sono cieche o sorde sembrano aver intensificato la loro sensibilità in altre aree. LA PRATICA FA IL MAESTRO

Inizialmente, i neuroni inviano fibre ad un'ampia area bersaglio. Quelle connessioni che vengono usate ripetutamente diventano più forti, mentre quelle che non sono utilizzate possono essere perse in un processo chiamato “potatura”. I neuroni sono costantemente in competizione tra loro per bersagli.

I neuroni fanno innumerevoli connessioni con altri neuroni. Il cervello di un adulto ha circa 100 miliardi di neuroni e ognuno di questi neuroni può fare diecimila connessioni. Inizialmente, i neuroni inviano fibre ad un’ampia area bersaglio. Quelle connessioni che vengono usate ripetutamente diventano più forti, mentre quelle che non sono utilizzate possono essere perse in un processo chiamato “potatura”. I neuroni sono costantemente in competizione tra loro per bersagli. Con il passare del tempo, ogni neurone diventa responsabile di un’area considerevolmente più piccola. I cambiamenti positivi e negativi possono essere rinforzati. Ad esempio, l’uso eccessivo di alcool o droghe può causare cambiamenti nelle connessioni neuronali. Certamente, la tossicodipendenza è probabilmente correlata ai cambiamenti nei circuiti neuronali causati dall’uso di droghe. Poiché l’esperienza altera il cervello in entrambi i modi, positivamente o negativamente, a maggior ragione è importante vivere una vita gradita a Dio. Forse questo è uno dei motivi per cui l’apostolo Paolo ammonisce i cristiani su come pensare: “Quindi, fratelli, tutte le cose vere, tutte le cose onorevoli, tutte le cose giuste, tutte le cose pure, tutte le cose amabili, tutte le cose di buona fama, quelle in cui è qualche virtù e qualche lode, siano oggetto dei vostri pensieri” (Filippesi 4:8).

Referencias y Notas 1. C. Gaser e G. Schlaug, “Brain Structures Differ between Musicians and Non-Musicians” [Le strutture cerebrali differiscono tra musicisti e non-musicisti], Journal of Neuroscience 23 (27): 9240-9245. 2. B. Mauk, “Music Training Changes Brain Networks” [L’allenamento musicale modifica le reti del cervello], http:// www.dana.org/news/braininthenews/detail. aspx? id = 21764. Fonte: https://answersingenesis.org/es/ciencia/ cerebroexperiencias/

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

13


Il nostro

CERVELLO

Il disegno e la disposizione delle cellule nervose nel cervello umano sono davvero straordinari. Il cervello non smette mai di cambiare e adattarsi, oltre a riparare se stesso. Il cervello segue un piano generale di sviluppo, ma muta anche in base all'esperienza, alla stimolazione e all'ambiente.

“Dio vide tutto quello che aveva fatto, ed ecco, era molto buono”. Genesi 1:31

Il cervello è un organo complesso che fa parte del Sistema Nervoso Centrale (SNC) e costituisce la regione più voluminosa e importante dell'encefalo. Si trova nella parte anteriore e superiore del cranio, ed è presente in tutti i vertebrati. Dentro il cranio, il cervello è immerso in un fluido chiaro chiamato “fluido cerebrospinale”, che svolge funzioni protettive, sia fisiche che immunologiche.

A cosa serve il cervello? Funzioni del cervello: Controlla le funzioni vitali: temperatura, pressione arteriosa, frequenza cardiaca, respirazione, sonno, appetito. Riceve, elabora, integra e interpreta tutte le informazioni ricevute dai sensi: vista, udito, gusto, tatto e odorato. Controlla i movimenti e la postura: camminare, correre, parlare, stare in piedi. È responsabile delle emozioni e dei comportamenti. Ci permette di pensare, ragionare, sentire, essere. Controlla le funzioni cognitive superiori: memoria, apprendimento, percezione, funzioni esecutive. MISSIONARIO MONDIALE 14 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

Il cervello è un muscolo?

Spesso sentiamo che il cervello deve essere allenato, oppure si atrofizza come i muscoli; tuttavia, dobbiamo essere chiari sul fatto che il cervello non è un muscolo. Il cervello non è composto da cellule muscolari (miociti), ma da milioni di neuroni che, interconnessi da assoni e dendriti, permettono di regolare ognuna delle funzioni del corpo e della mente. Dal respirare, mangiare o dormire al ragionare, innamorarsi o discutere con qualcuno, tutto passa attraverso il controllo del cervello.


Lobo parietale

Lobo occipitale

Lobo frontale

Lobo temporale

Cervelletto

Il cervello utilizza il

20%

Il cervello costituisce solo il

3%

di tutto l'ossigeno che respiriamo.

della massa corporea.

PiĂš del

70% del cervello è acqua.

L'obiettivo futuro di studiare il cervello è scoprire dove si trova il sistema statistico interno e come funziona l'elaborazione dati. Novembre 2018 / Impacto evangelistico

15


IL premio Nobel per la pace 2018 è stato attribuito al medico congolese Denis Mukwege per dare riconoscimento a un uomo dedicato alla costruzione di un mondo migliore. Tuttavia, poco è stato detto sul suo lavoro per curare le vittime di violenza sessuale.

L’ospitale di Panzi, fondato dal ginecologo Denis Mukwege in Congo quasi venti anni fa, fornisce assistenza alle centinaia di vittime di stupro di una regione lacerata dalla guerra e dalla violenza sessuale. Mukwege, il “dottor Miracolo”, è stato cresciuto in una famiglia pentecostale cristiana e ha studiato in diversi paesi, tra cui il Burundi, dove faceva parte dei gruppi biblici universitari (GBU) della Compagnia Internazionale degli Studenti Evangelici (IFES). La sua formazione in medicina è stata sviluppata principalmente in Francia. Poco dopo il suo ritorno in Congo “nel 1996, è scoppiata la guerra. Quel primo conflitto ha generato una nuova patologia nella Repubblica Democratica del Congo: stupro con violenza estrema”. “Ho iniziato un ospedale fatto da tende. Ho costruito un reparto maternità e una sala operatoria. Nel 1998, tutto è stato di nuovo distrutto, quindi ho ricominciato nel 1999”, ha dichiarato alla BBC nel 2013. In un’intervista, il dottore ha anche parlato dell’impatto di assistere la prima vittima di quella guerra fratricida. “La sua vagina era completamente distrutta da un’arma da fuoco sparata a bruciapelo ai suoi genitali.” Questi fatti che inizialmente si pensavano fossero gli atti di pazzi che agivano da soli si sono rivelati alcuni mesi più tardi come una campagna programmata e sistematica di stupro: “Tutte le donne di interi villaggi erano violentate in una sola notte. I

MISSIONARIO MONDIALE 16 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


internazionale

“La Chiesa di oggi e di domani deve affrontare numerose sfide: cambiamento climatico, terrorismo, migrazione, rifugiati, violenza sessuale e governi corrotti..."

MUKWEGE, IL DOTTOR MIRACOLO capi tribù e i leader della chiesa erano violentati in pubblico. Anziani e bambini erano anche stuprati”. Nonostante le minacce di morte, Mukwege ha continuato con il suo lavoro e la sua denuncia. Il 25 ottobre 2012, uomini armati hanno forzato l’ingresso della sua casa e hanno puntato le loro pistole alle sue figlie; una delle sue guardie è stata uccisa quando ha cercato di salvarlo. “La Chiesa di oggi e di domani deve affrontare numerose sfide: cambiamento climatico, terrorismo, migrazione, rifugiati, violenza sessuale e governi corrotti, in particolare in Africa”, ha avvertito. Il dottore sa che questo percorso può portarlo a “trovare avversità, opposizione

e persecuzione”, ma la risposta è perseverare: “Non diamoci per vinti, continuiamo la nostra lotta per la libertà dei prigionieri tenendo presente le promesse del Regno”, ha aggiunto il dottore. Oltre al premio Nobel per la pace, Mukwege fu insignito nel 2014 del premio Sakharov, assegnato dal Parlamento europeo. Denis Mukwege ora fa parte della lista di vincitori del Nobel per la pace, che è stato insignito in molte occasioni a persone di fede cristiana: Jean Henri Dunant, fondatore della Croce Rossa (1901); il missionario luterano Albert Schweitzer (1952); il leader per i diritti civili Martin Luther King (1964); l’arcivescovo anglicano Desmond Tutu (1984) o il pastore battista Jimmy Carter (2002).

(Con informazioni dall’Internet)

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

17


NOVE su dieci specie viventi oggi sono comparse negli ultimi 200 000 anni, secondo un nuovo studio genetico. Ken Ham

Una ricerca ha analizzato parti selezionate del DNA di 100 000 specie diverse, e “i ricercatori hanno trovato un segno rivelatore che mostra che quasi tutti gli animali sono comparsi all’incirca nello stesso periodo degli umani”. Inoltre, lo studio ha anche scoperto che “le specie hanno confini genetici molto chiari, e molto poco in comune”. Allora, gli umani e gli animali sono comparsi quasi contemporaneamente e ci sono dei confini genetici. Sembra quello che si aspetterebbe di trovare nel racconto dell’origine di Genesi. Dalla prospettiva evoluzionistica del mondo, secondo cui l’origine di molte delle specie odierne risale a un’età antica, i risultati di questo studio sono scioccanti. Infatti, uno dei ricercatori ha dichiarato: “La conclusione è molto sorprendente ... e ho lottato contro di essa tutto il possibile”. La teoria dell’evoluzione non ammette che la stragrande maggioranza delle specie sia apparsa allo stesso tempo, né accetta che le specie abbiano questi chiari confini genetici. Tuttavia, questo è esattamente ciò che ci aspetteremmo di vedere in una visione del mondo biblica. Infatti, i creazionisti l’hanno sempre affermato, sebbene il tempo proposto dai ricercatori (100 000-200 000 anni) sia gonfiato a causa delle supposizioni evoluzioniste. Il ricercatore Nathaniel Jeanson, che ha ricevuto il suo dottorato in biologia cellulare e dello sviluppo presso l’Università di Harvard, ed è autore del libro “Replacing Darwin: The New Origin of Species” [Sostituendo Darwin: la nuova origine delle specie], ha detto che “c’è un grande pericolo per il modello evoluzionista in questo studio, in modi che non MISSIONARIO MONDIALE 18 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

LA MAGGIOR PARTE DELLE

SPECIE

HA UN’ORIGINE RECENTE


scienza

In breve, ciò significa che tutti i generi hanno la stessa età, e la maggior parte delle specie hanno un’età simile, perché tutte sono apparse negli ultimi 4350 anni dai generi che scesero dall'arca dopo il Diluvio ai tempi di Noè.

capiscono ancora”, e ha aggiunto che: 1. Lo studio suggerisce che molte specie si sono formate contemporaneamente con le origini dell’uomo moderno. 2. Sappiamo, grazie all’orologio del DNA mitocondriale, che gli esseri umani moderni si sono formati negli ultimi 6000 anni. 3. Pertanto, questo studio implica che molte specie sono state formate negli ultimi 6000 anni. Tutti i generi originali sono stati creati da Dio durante la settimana della creazione, circa 6000 anni fa. Ciò significa che tutti i generi originali (tra questi, l’essere umano) hanno la stessa età. Ma questo non vuol dire che tutte le specie che abbiamo oggi hanno la stessa età, perché ci sono specie che si stanno ancora formando. Queste specie sono semplicemente variazioni all’interno di un genere già creato. In breve, ciò significa che tutti i generi hanno la stessa età, e la maggior parte delle specie hanno un’età simile, perché tutte sono apparse negli ultimi 4350 anni dai generi che scesero dall’arca dopo il Diluvio ai tempi di Noè. Possiamo anche aspettarci distinzioni genetiche tra i gruppi. Dio ha creato ogni genere affinché si riproduca secondo il suo genere (Genesi 1:11, 12, 21, 24, 25). Quindi, ogni genere è un’unità indipendente, creato da Dio e incapace di riprodursi con altri generi.

Fonte: https://answersingenesis.org/es/ciencia/especiestienenun-origen-reciente/

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

19


UNA delle immagini più famose della guerra del Vietnam è quella della ragazzina nuda che fugge dalla bomba al napalm che aveva bruciato i suoi vestiti e la sua pelle. Nel 1982 si è convertita a Gesù Cristo e ha abbracciato il Vangelo. José de Segovia

Mezzo secolo fa si verificò la battaglia di Hué, l’offensiva a sorpresa dei vietcong che portò alla sconfitta degli Stati Uniti nell’ultima “guerra televisiva”. Oggi non ci sono più cadaveri di donne o bambini all’ora di pranzo che provochino manifestazioni come quelle contro la guerra del Vietnam. Grazie a tutte queste immagini, Ken Burns e Lyn Novick hanno realizzato un documentario di 18 ore. Le immagini di questa guerra evocano l’orrore. I veterani del Vietnam sono particolarmente riluttanti a parlarne. Questi uomini provarono la disgrazia del ritorno in una nazione inorridita dalle brutalità commesse in massacri come My Lai, dove donne indifese furono uccise con i loro bambini dopo essere state violentate. LA TEORIA DEL DOMINO

Le origini della guerra del Vietnam sono particolarmente complesse, come dimostra il primo episodio (“Déjà vu”) del documentario, secondo cui le cause risalgono al 1858, data dell’occupazione francese dell’Indocina, e ai segnali di avvertimento che gli Stati Uniti avrebbe dovuto capire. Quando i francesi lasciarono la loro ex colonia in Indocina, sconfitti nella battaglia di Dien Bien Fu nel 1954, fu firmato un armistizio che divideva il Vietnam in due parti. La Cambogia e il Laos furono dichiarati indipendenti, mentre la Francia lasciò che gli Stati Uniti intervenissero nella guerra più lunga, ma anche la più impopolare che abbia mai avuto al di fuori dei suoi confini. All’inizio del conflitto, gli americani lo consideravano un’estensione della Guerra fredda, che aveva portato alla guerra di Corea negli anni 50. Secondo la Teoria del domino del generale McArthur, ciò che all’inizio non MISSIONARIO MONDIALE 20 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

era più che uno scontro civile era diventato una minaccia globale. La teoria postulava l’idea che, se un paese asiatico fosse stato preso da forze comuniste, le nazioni vicine avrebbero cadute anch’esse come pezzi di un domino. Dopo aver inviato consiglieri militari, Kennedy entrò ufficialmente in guerra nel 1965. Quando le truppe lasciarono il paese nel 1975 con la caduta di Saigon, dopo anni di vergognose sconfitte, la conflagrazione era costata la vita a 58 209 americani. Inoltre, c’erano 150 000 feriti gravi e 2000 dispersi. Peggio ancora, l’età media dei disabili era di 19 anni, e quasi nove milioni di persone subirono “danni collaterali”. Tutto questo spiega l’inizio delle proteste; l’aumento delle manifestazioni, tuttavia, fu dovuto al fatto che la guerra del Vietnam fu la prima e l’ultima guerra televisiva. UCCIDI IL MESSAGGERO

I giornalisti circolavano liberamente in Vietnam, dando alle famiglie americane terrificanti scene trasmesse in televisione all’ora di cena. Da qui l’espressione di McLuhan: “Il Vietnam è stato perduto nei salotti d’America, non sui campi di battaglia del Vietnam”. Ma quando i messaggeri, cioè i giornalisti, furono “uccisi”, non ci furono più grandi proteste quando si verificarono altri conflitti, come quello del Golfo. A differenza della televisione, Hollywood era piuttosto riluttante ad affrontare la questione del Vietnam, ad eccezione di alcune produzioni indipendenti. Non era come nel caso della seconda guerra mondiale, in cui il cinema fu usato come strumento di propaganda. Nella seconda metà degli anni 70 vengono realizzati grandi film sul Vietnam. La televisione pubblica americana (PBS), nota per il suo ruolo critico della società degli

Stati Uniti, è stata l’unica catena capace di produrre una serie come quella di Ken Burns. LA SPERANZA DELLA FEDE

Una delle immagini più note della guerra del Vietnam è quella di una ragazzina che corre nuda dalla bomba al napalm che aveva bruciato i suoi vestiti e la sua pelle, con le braccia a mezz’aria in un gesto di agonia che ha commosso tutti. La foto, che ha vinto il Premio Pulitzer nel 1972, ha immortalato Phan Thi Kim Phúc, una bambina di 9 anni che aveva sofferto ustioni di terzo grado.


prospettiva

LA VITTIMA EMBLEMATICA DI UNA

GUERRA Ricevette cure mediche, ma i dottori non avevano speranza per lei. Fu lasciata nell’obitorio per tre giorni, dove i suoi genitori l’hanno trovata. Oggi vive ancora, dopo 17 operazioni di innesto cutaneo. Ha un anno più di me, 55. Kim cercò di trovare la pace interiore, senza successo, nella religione politeista in cui era stata cresciuta, finché a 19 anni non ha trovato una Bibbia, che “non potevo smettere di leggere”. In quell’anno, 1982, si è convertita a Gesù Cristo e ha abbracciato il Vangelo. Ha chiesto perdono per i suoi peccati e ha pregato Dio di poter perdonare anche coloro che avevano

sganciato le bombe che causarono le sue ferite. Nel 1986, Kim è andata all’Università dell’Avana, e in questa città ha sposato il vietnamita Toan Huy. Mentre andava in luna di miele a Mosca, l’aereo si fermò in Canada, dove chiesero asilo e divennero membri di una chiesa battista. Adesso hanno due bambini. Nel 1996, alla cerimonia della Giornata dei veterani negli Stati Uniti, ha parlato con i soldati che avevano partecipato alla guerra, esprimendo il suo perdono. Il momento più emozionante è stato quando uno dei coinvolti nel bombardamento del suo villaggio, Trang

Bang, le ha chiesto perdono e hanno pianto, abbracciati. “Ero piena di odio, amarezza e rabbia, finché non sono diventata cristiana e ho trovato pace nel mio cuore. L’immagine e le parole di Gesù Cristo sulla croce, “Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno”, mi hanno aiutato a fare lo stesso. Più prego per i miei nemici, più il mio cuore si addolcisce”, afferma Kim Phúc. Fonte: http://protestantedigital.com/blogs/45660/La_ultima_ guerra_televisada

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

21


NONOSTANTE la crisi che opprime il Venezuela, la Chiesa del Signore marcia verso la vittoria. La lotta per salvare le anime perdute persiste, e l’Opera cresce in un paese afflitto dalla crisi e dalle difficoltà politiche ed economiche. Susan Amau

Il reverendo Rómulo Vergara, pastore a sud del lago di Maracaibo, nello stato di Zulia, e parte del Consiglio Nazionale del Movimento Missionario Mondiale in Venezuela, parla della critica situazione del paese e del potente risveglio che la Chiesa del Signore sta aspettando. Qual è la situazione della Chiesa tenendo conto delle condizioni del paese? C’è una crisi sempre più acuta a livello economico, politico e sociale. È davvero difficile e, in un certo modo, ha anche colpito l’Opera. Per diversi anni non siamo stati in grado di tenere i convegni, ma abbiamo attività in tutto il paese in modo che le persone possano radunarsi e avere un momento di ministero. Ciononostante, il progresso dell’Opera non si è fermato, ma continua a superare la difficile situazione. In che modo la Chiesa del MMM in Venezuela sta facendo il suo lavoro? Il popolo sta facendo il suo lavoro nelle strade, attraverso campagne di evangelizzazione, in spazi televisivi e in stazioni radio, si proprie che noleggiate. In generale, stiamo facendo il lavoro affidato dal Signore. Purtroppo, alcuni pastori hanno dovuto trasferirsi e molti credenti sono emigrati in altri paesi, ma i rimanenti sono animati, volenterosi, felici. Qual è la disposizione del popolo di Dio di fronte alla crisi? Dio ci ha detto alcuni anni fa che ci sarà un potente risveglio in Venezuela che avrà un impatto sul mondo. Sarà MISSIONARIO MONDIALE 22 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


intervista

“STIAMO ASPETTANDO UN POTENTE

RISVEGLIO” qualcosa di potente e glorioso e lo stiamo aspettando. Il fratello Ortiz aveva un amore speciale per il Venezuela. Dio gli parlò di qualcosa di grande per il paese, e diede a intendere che dopo questo grande risveglio si sarebbe verificato il rapimento della Chiesa. Ci sono persecuzioni o leggi che vietano l’evangelizzazione? Il presidente ha detto che le associazioni civili scompariranno, in quanto vogliono che ci sia solo una chiesa socialista; cioè, ci sarà persecuzione contro la Chiesa, i templi verranno chiusi, e i pastori dovranno lavorare nella clandestinità, disposti ad essere imprigionati o a morire. La situazione in Venezuela peggiora, ma penso che sia un processo divino. Il Signore è arrabbiato con le missioni corrotte e materialisti che sono cadute nel peccato, e con i pastori e fede-

(...) ci sarà persecuzione contro la Chiesa, i templi verranno chiusi, e i pastori dovranno lavorare nella clandestinità, disposti ad essere imprigionati o a morire.

li che sono stati coinvolti nella politica. Anche le comunicazioni della Chiesa sono state colpite? Sì, perché l’internet è terribile. Le fibre ottiche che contengono rame vengono rubate di tanto in tanto per vendere il metallo in Colombia. D’altra parte, guasti elettrici e interruzioni di correnti si verificano sempre in tutto il paese. In alcuni posti, non c’è elettricità per una settimana, e in altri, viene razionata per

4, 6 o 8 ore. Queste mancanze di correnti hanno danneggiato l’equipaggiamento delle nostre stazioni. È una situazione che riguarda tutti, la televisione, l’internet, la radio. La crisi ha reso i venezuelani più sensibili alla Parola di Dio? Certamente. Le persone non ha dove cercare. Le persone che non sono cristiane chiedono di pregare e dicono che solo Dio ci farà uscire dalla crisi. La popolazione è più ricettiva alla Parola del Signore. La crisi ha portato le persone ad aprire i loro cuori a Dio. Venezuela per Cristo? Certo. Venezuela per Cristo, nel nome del Signore. Dio ci aiuti, ci dia la vittoria, ci porti avanti, perché al momento c’è molta tristezza, molto dolore, molte persone depresse a causa di questa situazione.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

23


INNO con oltre cento anni di storia che trasmette un messaggio di fede alla comunità cristiana internazionale. Interpretato in diversi generi musicali, offre un punto di vista di speranza sul perdono dei peccati concesso da Dio.

“Dondola piano, dolce carro”, una canzone ben nota negli Stati Uniti e in Inghilterra, è un inno emblematico della musica gospel che trasmette un messaggio di speranza alla comunità evangelica mondiale. Interpretata in diverse chiese americane e in molti eventi sportivi inglesi, la composizione ha una storia molto particolare che l’ha trasformata in un simbolo della fede cristiana. Secondo un documento ufficiale della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, pubblicato nel 2002, la canzone fu interpretata la prima volta nel 1909 dal gruppo The Fisk Jubilee Singers, un gruppo di studenti afro-americani dell’Università Fisk che raggiunse prestigio e notorietà in Europa e Nord America alla fine del 19° secolo. Il documento indica anche che l’origine della composizione è misteriosa. Secondo il musicologo americano John Wesley, la poesia avrebbe stata composta nel 1851 dall’angosciata Sarah Anna Sheppard, madre della compositrice Ella Sheppard, che all’epoca lavorava come schiava in una piantagione del Tennessee e aveva paura di essere venduta e separata dalla sua neonata. Inoltre, indica che altre fonti affermano che “Dondola piano, dolce carro” fu scritta dallo schiavo Wallace Willis. Willis e la moglie Minerva erano soliti cantare questa melodia spirituale in una scuola della contea di Choctaw, che si trova nello stato di Oklahoma, dove il suo direttore, Alexander Reid, la trasmise al gruppo The Fisk Jubilee Singers. MISSIONARIO MONDIALE 24 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

DONDOLA PIANO, DOLCE

CARRO


musica

DONDOLA PIANO, DOLCE CARRO Ritornello Dondola piano, dolce carro Che vieni a portarmi a casa. Dondola piano, dolce carro Che vieni a portarmi a casa. 1 Ho guardato oltre il Giordano, E cosa viene per portarmi a casa? Una schiera di angeli mi si avvicina, Che vengono per portarmi a casa. 2 A volte sono felice e a volte, triste; Vieni a portarmi a casa. Ma la mia anima si sente legata al cielo; Vieni a portarmi a casa. 3 Il giorno migliore che ho mai avuto; Vieni a portarmi a casa. Quando Gesù ha lavato via i miei peccati; Vieni a portarmi a casa. 4 Se vado lassù prima di te, E un giorno vengo a portarti a casa, Farò un buco e in braccio Ti porterò a casa. 5 Se vai lassù prima di me, E un giorno vieni per portarmi a casa, Di’ a tutti i miei amici che anch’io Sto arrivando per andare a casa.

MESSAGGIO CONFORTANTE

Oggi, con oltre un centinaio di anni di storia, l’inno fa parte di innumerevoli innari evangelici ed è solitamente incluso in molteplici antologie musicali. Allo stesso modo, è stato interpretato in diversi generi musicali da artisti famosi e cantato dai fan del rugby in Inghilterra. “Dondola piano, dolce carro” è stata

inclusa nel 2001 nella lista di canzoni del 20° secolo sviluppata dalla Recording Industry Association of America (RIAA) e dal National Endowment for the Arts (NEA). Senza dubbio, la canzone alimenta la fiducia dei seguaci di Gesù Cristo e l’ottimismo di tutte le persone che desiderano un futuro migliore.

Sebbene abbia un’origine ancora in discussione, il canto si riferisce al passaggio biblico di 2 Re 2:11-15, in cui viene descritta una parte della successione di Eliseo a Elia, e offre un punto di vista positivo sul perdono dei peccati concesso da Gesù. Il 5 maggio 2011, divenne il cantico ufficiale dello stato dell’Oklahoma.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

25


IL libro, scritto dal teologo Myer Pearlman oltre otto decenni fa, analizza con rigore il contenuto delle Sacre Scritture e offre una vista panoramica dei sessantasei libri della Bibbia.

ATTRAVERSO LA BIBBIA, LIBRO PER

LIBRO

Nel libro della Genesi leggiamo del principio della redenzione. Nel libro dell’Esodo leggiamo del progresso della redenzione. In Genesi, questa redenzione viene fatta da individui; in Esodo, viene fatta da una nazione: Israele. L’idea centrale del libro è la redenzione per sangue. Intorno a quest’idea si riunisce la storia di un popolo salvato dal sangue, coperto dal sangue e con accesso a Dio tramite il sangue. Questa redenzione dimostra di soddisfare ogni bisogno della nazione. Israele, oppressa dagli egiziani, ha bisogno di un riscatto, e Dio lo fornisce. Per mezzo di un’analisi panoramica, “Attraverso la Bibbia, libro per libro” offre una conoscenza utile e comoda del contenuto delle Sacre Scritture. Scritto dal teologo ebreo Myer Pearlman, uno degli scrittori più importanti del movimento pentecostale, il libro è, fin dalla sua pubblicazione nel 1930, un supporto necessario e pratico per lo studio della Bibbia. MISSIONARIO MONDIALE 26 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

In Esodo abbiamo visto l’Israele redento; in Levitico, l’Israele che adora; e ora, in Numeri, l’Israele che serve. Il servizio del Signore non doveva essere fatto in modo noncurante, quindi il libro presenta la visione di un campo in cui tutto è fatto secondo la prima legge del cielo: l’ordine. La popolazione è censita secondo le tribù e le famiglie; a ciascuna tribù viene assegnato il suo posto nel campo; l’andare e l’accampare del popolo erano regolati con precisione militare; e nel trasporto del tabernacolo ogni levita aveva un compito assegnato. Numeri è un libro di regole riguardanti il servizio e l’ordine. Registra la mancanza di fiducia d’Israele nelle promesse di Dio per entrare nella terra di Canaan. Diviso in quattro parti, il libro di Pearlman fu progettato per promuovere le verità trovate nell’Antico e Nuovo Testamento, e rimane in vigore nonostante i suoi più di otto decenni. In ciascuna delle sue parti, strutturate secondo uno sche-


letteratura

ma didattico e puntuale, l’esegeta mette in evidenza i principali fatti dei sessantasei libri delle Scritture e fornisce una serie di commenti personali. COMPENDIO ESSENZIALE

Il libro di Ester ha una particolarità che lo distingue da qualsiasi altro libro della Bibbia: il nome di Dio non è menzionato nemmeno una volta, e non vi è alcun riferimento alla legge o religione ebraica. Tuttavia, benché il nome di Dio non sia menzionato, ci sono abbondanti prove della Sua opera e assistenza per il Suo popolo. Il libro registra come Dio impedisce al popolo di essere distrutto. Con la stessa certezza con cui diciamo che Egli salvò il Suo popolo dal potere del faraone, possiamo dire che salvò anch’Israele dal malvagio Aman. Nel primo caso, il salvataggio fu effettuato per mezzo di una manifestazione del Suo potere e una rivelazione di se stesso; in quest’ultimo caso, rimase invisibile al Suo popolo e ai Suoi nemici. Nella prima parte, “Attraverso la Bibbia, libro per libro” rivede il Pentateuco e i libri storici dell’Antico Testamento. Nella seconda parte, descrive da Giobbe a Malachia. Nella terza parte, delinea i vangeli di Matteo, Marco, Luca e Giovanni, e il libro degli Atti. Infine, nella quarta parte, analizza da Romani ad Apocalisse. Il manuale sviluppa ogni argomento con precisione chirurgica. Il libro di Daniele è, per la maggior parte, una storia profetica del mondo dei poteri gentili, dal regno di Nabuco-

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

27


donosor alla venuta di Cristo. I profeti in generale sottolineano la potenza della sovranità di Dio su Israele, e rivelano, come guida, i destini del Suo popolo eletto per tutte le età fino alla restaurazione finale. Daniele, d’altra parte, sottolinea la sovranità di Dio sugli imperi gentili del mondo, e rivela che Dio regge e governa i loro affari fino al momento della loro distruzione con la venuta del Suo figlio. Con uno stile conciso e un linguaggio accessibile, Pearlman, nato il 19 dicembre 1898 a Edimburgo, presenta nel suo compendio biblico l’argomento centrale di tutti i frammenti delle Scritture. Inoltre, esamina le storie e i temi essenziali della Bibbia con una prospettiva particolare che dà priorità alla fedeltà all’Onnipotente. Inoltre, offre consigli utili per la formazione spirituale dei credenti. AUTORE ILLUSTRE

Il Vangelo di Luca presenta una narrativa storica che espone Gesù Cristo come uomo divino e perfetto. Lucas scrisse specialmente per il popolo greco, la cui missione era di migliorare l’uomo moral-

Il libro di Ester ha una particolarità che lo distingue da qualsiasi altro libro della Bibbia: il nome di Dio non è menzionato nemmeno una volta, e non vi è alcun riferimento alla legge o religione ebraica. Tuttavia, benché il nome di Dio non sia menzionato, ci sono abbondanti prove della Sua opera e assistenza per il Suo popolo.

MISSIONARIO MONDIALE 28 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


letteratura

mente, intellettualmente e fisicamente, e il cui ideale era l’uomo perfetto. Nello stesso modo in cui gli ebrei non riuscirono ad ottenere la salvezza attraverso la legge e le loro cerimonie, così i greci non riuscirono a ottenerla attraverso la loro cultura e filosofia. L’educazione era per i greci quello che la legge era per gli ebrei: l’insegnante che li avrebbe portato a Cristo. Vedendo la loro incapacità di salvare l’umanità attraverso la loro educazione, molti filosofi greci capirono che la loro unica speranza di salvezza era la venuta di un uomo divino. Luca, per soddisfare il bisogno dei greci, espone Gesù come uomo perfetto e divino. Formatosi alla Central Bible College della città di Springfield, il teologo Myer Pearlman, morto il 13 luglio 1943 negli Stati Uniti, divenne uno dei promotori più prolifici della diffusione del Vangelo. Lui scrisse e pubblicò una serie di materiali, articoli e documenti che hanno servito a consolidare la fede nel Signore e a rafforzare il pentecostalismo nel mondo. La Lettera ai Romani è una risposta completa, logica e ispirata alla grande

Lucas scrisse specialmente per il popolo greco, la cui missione era di migliorare l'uomo moralmente, intellettualmente e fisicamente, e il cui ideale era l'uomo perfetto. Nello stesso modo in cui gli ebrei non riuscirono ad ottenere la salvezza attraverso la legge e le loro cerimonie, così i greci non riuscirono a ottenerla attraverso la loro cultura e filosofia.

questione dei secoli: “Come potrebbe il mortale essere giusto davanti a Dio?” (Giobbe 9:2). Nell’Antico Testamento, nei Vangeli e negli Atti, sono sparsi in luoghi diversi insegnamenti riguardanti questa grande dottrina che costituisce la base di Romani: la giustificazione per fede. L’apostolo Paolo ebbe il compito di mettere insieme questi insegnamenti, e con l’aggiunta delle speciali rivelazioni che gli furono date, ci ha dato la più completa dichiarazione di dottrina trovata nel Nuovo Testamento, incorporata in una lettera che è stata chiamata “la cattedrale della dottrina cristiana”. “Attraverso la Bibbia, libro per libro” è l’opera più famosa di Pearlman. Concepito con lo scopo di condividere la conoscenza generale delle Scritture con i seguaci di Gesù Cristo, il manuale è considerato dalla comunità evangelica internazionale uno dei più utili trattati per la formazione cristiana. Allo stesso modo, è apprezzato per il suo rigore nella presentazione della buona notizia del Salvatore. La Lettera agli Ebrei fu scritta, come suggerisce il nome, in particolare ai credenti ebrei, ma ha valore e interesse permanente per tutti i credenti in tutte le età. La lettura dell’epistola rivela che il gruppo di ebrei cristiani a cui fa riferimento era in pericolo di essere distolto dalla strada della fede. Rispetto alla nazione nel suo insieme, erano un piccolo gruppo di individui di poca importanza, considerati traditori dai loro compatrioti e il bersaglio del loro sospetto e odio. Sentivano il loro isolamento, separati com’erano dalla nazione. Erano minacciati da una grande persecuzione. Sopraffatti dalle prove esistenti e dall’avversità futura, si erano arresi allo scoraggiamento.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

29


IL reverendo Rubén Rosas Salcedo è tornato nella casa del Padre. Egli predicò la buona notizia per sessantasei anni e lottò per la salvezza di innumerevoli anime. Il cofondatore del MMM sviluppò un appassionato ministero grazie a cui divenne uno dei più grandi pastori dell'Opera di Dio.

Il reverendo Rubén Rosas Salcedo è stato un soldato coraggioso che servì Dio e lottò con la Bibbia in mano per la salvezza dell’umanità per più di sessantasei anni. Inoltre, fondò il Movimento Missionario Mondiale insieme con il reverendo Luis M. Ortiz, e condusse una vita di intenso lavoro di evangelizzazione, alzando così la bandiera del Vangelo. Nato 15 aprile 1929 nella città di Aguadilla, che si trova ad ovest del Porto Rico, il pastore Rosas crebbe in una famiglia cristiana con cui imparò ad amare il Signore sopra tutto e ad abbracciare il Vangelo. I suoi genitori, Felipe Rosas e Eduviges Salcedo, erano predicatori nel quartiere di Aceitunas, nel comune di Moca, che gli trasmisero la sana dottrina di Dio e lo portarono sulla strada della fede. Secondo la propria testimonianza, il Signore cominciò a agire su di lui fin dall’infanzia con l’obiettivo di trasformarlo in uno dei pastori del Suo gregge. Nel maggio 2013, al 9° Congresso Mondiale dell’Opera, tenutosi a Panama, disse: “Al servizio di famiglia, mia madre mi sedeva alla sua sinistra e al mio fratello maggiore, alla sua destra. Ci tenevano per mano e lei pregava: “Signore, ti do i miei due figli, fai di loro i Tuoi operai”. Scelto da Gesù Cristo, proprio come Mosè, Paolo e altri personaggi biblici, per adempiere un compito specifico nella Chiesa, il reverendo si accorse a 9 anni delle sofferenze, lotte e lacrime che provavano le persone che decidevano di predicare la MISSIONARIO MONDIALE 30 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

UN SOLDATO DI GRANDE

FEDE


eroe della fede

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

31


Parola. Nonostante i suoi dubbi, svolse una notevole partecipazione al tempio guidato dai suoi genitori, il che lo portò ad essere un membro di spicco della sua congregazione. GUERRIERO DI DIO

Determinato a costruirsi un buon futuro e dominato dall’idea di non diventare pastore, si arruolò nell’esercito degli Stati Uniti dopo esser diventato maggiorenne. A metà degli anni 50, fu chiamata in servizio nella guerra del Corea, in cui avrebbe visto di prima mano l’amore ristoratore di Gesù. A capo di un’unità di texani, provò gli orrori di una conflagrazione che causò la morte di oltre tre milioni e mezzo di persone. Con le spalle voltate a Dio, nel bel mezzo di un conflitto militare, una granata quasi lo uccise mentre camminava con tre dei suoi compagni del plotone. A causa dell’esplosione, aveva il lato destro del suo inguine distrutto, il femore frantumato, la vescica perforata, l’uretra separata dalla vescica, e la colonna vertebrale gravemente colpita. Tuttavia, il Signore era al suo fianco e impedì la sua morte con la Sua potenza infinita. Dopo l’incidente, visse un lungo periodo di tribolazione in cui il Signore lo sottopose a diverse prove prima di guarirlo completamente. In un primo momento, fu trasferito nella città di Seoul, dove fu stabilizzato. Poi fu portato in una clinica in California. Più tardi, a causa della gravità delle sue ferite, fu mandato in un ospedale nella città di San Antonio, dove subì sette operazioni senza successo. Il 14 dicembre 1951, dopo essere stato ricoverato in ospedale per più di un anno, Ruben si arrese senza condizioni a Dio e si abbandonò nelle Sue mani. Il suo corpo era solo un pasticcio marcio di ossa e pelle, ma due giorni dopo, il Signore lo guarì, con la grande sorpresa dei medici. Una volta disse riguardo a questo: “Dio aveva ascoltato la mia preghiera e aveva messo la Sua mano guaritrice sul mio corpo. Alleluia!”. OPERAIO MERAVIGLIOSO

Al suo ritorno in Porto Rico, con la salute ritrovata, il servo Rosas dedicò la sua vita a Cristo e decise di fare la volontà del Redentore. L’11 luglio 1953, si sposò con Carmen Rodríguez, che aveva conosciuto all’età di MISSIONARIO MONDIALE 32 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

18 anni. Insieme alla sua fedele compagna, cominciò ad annunciare la buona notizia ed eseguì un’opera evangelica appassionata ed energica. Una mattina presto, all’inizio del 1963, il Salvatore gli parlò con una voce udibile:

“Ti voglio accanto al mio servo Luis M. Ortiz”. Obbediente al mandato divino, fece parte della fondazione del Movimento Missionario Mondiale, che ebbe luogo il 13 febbraio dello stesso anno. Pronto a diffondere il Vangelo, sostenne il fratello Ortiz


eroe della fede

devote, tra cui il fratello Alberto Ortega. Nel 1972, fu chiamato a tornare nella sede centrale dell’Opera di Dio, dove l’aspettava il pastore Luis M. Ortiz, leader del Movimento Missionario Mondiale, che aveva per il pastore Rosas un importante lavoro di evangelizzazione insieme a lui. Così cominciò a lavorare nel tempio di Barrio Obrero, nel comune di San Juan, che divenne una fonte di salvezza per migliaia di anime che scoprirono le verità della Bibbia grazie a lui. PASTORE EMBLEMATICO

nella costruzione di una denominazione che un giorno avrebbe raggiunto i cinque continenti. Il reverendo Rubén trascorse sei anni svolgendo diversi compiti che aiutarono a coprire il Porto Rico con la dottrina di Cri-

sto. Il 4 luglio 1969, si recò in Spagna con la missione di stabilire la prima filiale europea del MMM. Nella penisola iberica, dove rimase per tre anni, seminò il seme del Vangelo e promosse la formazione di una congregazione che si distinse per avere pecore

Con umiltà, abnegazione, sacrificio e dedizione, il reverendo si fece strada nella Chiesa con la benedizione dello Spirito Santo. Nel 1975, fu nominato segretario internazionale dell’organizzazione cristiana. L’anno successivo, ricevette il compito di guidare l’Istituto Biblico Elim (IBE), che guidò per diciotto anni, e un tempio del comune di Bayamon. Guidato dal Signore, svolse un’attività fruttuosa che è ricordata fino ad oggi. Sotto la sua guida, l’IBE estese il suo perimetro di azione e consolidò la sua presenza attraverso filiali in Venezuela, Panama, Stati Uniti e Australia grazie alla sua audacia e decisione. Inoltre, dal pulpito della chiesa del quartiere di Hermanas Dávila, situato nel cuore di Bayamon, portò un gran numero di uomini e donne ad arrendersi a Gesù Cristo. Nel 1995, dopo aver trascorso un decennio come capo della congregazione di Canta Gallo nel comune di Guaynabo, il pastore Rubén fu nominato presidente internazionale del Movimento Missionario Mondiale dal reverendo Ortiz. D’allora, fece un notevole lavoro che ha permesso l’Opera di stabilirsi in Camerun, Italia, Giamaica, Romania, Svizzera, India e Hawaii. Furono dieci anni di leadership esemplare e brillante basato sulla fede cristiana. La vita terrena del servo Rubén Rosas, che combattette il buon combattimento e lottò instancabilmente per diffondere la Parola di Dio, si spense lo scorso 14 settembre nel suo nativo Porto Rico. Questo seguace incondizionato di Gesù andò nella casa del Signore a 89 anni. La sua ampia e fruttuosa eredità rimarrà intatta in ciascuna delle chiese che aiutò a formare e nei cuori dei fedeli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

33


DURANTE tutta la sua infanzia e adolescenza ha ignorato che apparteneva alla nobiltà in un regno del Ghana, e che la sua non era sua madre biologica. Ha trascorso una gioventù miserabile rifugiandosi nell'alcool, finché un giorno non ha trovato la sua strada. Susan Amau Foto: archivio di famiglia

Da molto giovane, Selina Dansowah Kwafo ha affrontato situazioni difficili a casa e ha dovuto prendersi cura della famiglia. Sua madre soffriva di un disturbo mentale, il cui sintomo più visibile era che parlava da sola, e suo padre abbandonò la famiglia a causa delle difficoltà e si rifugiò nell’alcool. Selina è nata in Ghana, un paese in Africa occidentale caratterizzato dalla pratica dell’idolatria e della stregoneria. La gente, per la maggior parte, crede ancora nella potenza del sole, dei fiumi, degli alberi, del mare e degli animali. Molti decenni fa, prima della fondazione della Repubblica, il suo territorio era diviso in regni che esistono ancora ma senza il potere del passato. Lei ha avuto molti problemi sin dalla tenera età, ma è riuscita a superarli con grande sacrificio. Si prendeva cura di sua madre e del suo fratello maggiore, che soffrivano della stessa malattia, e ciò le ha impedito di avere una corretta educazione; tuttavia, ha fatto uno sforzo per, almeno, terminare la scuola superiore. Prima che la mente della madre si perdesse nel labirinto della follia, erano soliti frequentare una chiesa cristiana e ascoltare sermoni alla radio. Selina era molto giovane in quel momento, ma ricorda chiaramente quei momenti di tranquillità nella sua famiglia. L’idolatria ha cominciato ad essere praticata a casa quando è apparso il problema mentale. A causa dei cattivi MISSIONARIO MONDIALE 34 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

LA SOLITUDINE DELLA

PRINC


storia di vita

CIPESSA Novembre 2018 / Impacto evangelistico

35


consigli e della disperazione, la madre ha abbandonato la via della Parola e si è rivolta alla magia nera; ma invece di guarire, è peggiorata e ha perso la lucidità completamente. Nel frattempo, il padre si sentiva così oppresso dalla situazione che ha cominciato a bere costantemente. Fino ad allora, lui lavorava come ingegnere in una compagnia elettrica e faceva bene. Tuttavia, il suo alcolismo era sempre più forte e l’ha fatto perdere il suo lavoro. Inoltre, se ne andava di casa per lunghi periodi, lasciando moglie e figli al loro destino. SOLITUDINE DOLOROSA

Anni dopo, il padre è morto e sua madre è anche morta poco dopo, quando dava alla luce l’ultimo dei suoi figli. Allora, Selina è diventata la capofamiglia; era molto difficile per lei e i suoi fratelli, ma ha avuto il coraggio di affrontare la situazione. I problemi non sembravano mai finire, ma lei perseverava. Selina era diventata una donna coraggiosa che sembrava avere la forza di sopportare tutte le difficoltà. Tuttavia, un giorno è arrivata al suo limite. La crisi è scoppiata quando aveva 18 anni, dopo aver appreso che la sua non era sua madre biologica. È stato un duro colpo. Ma non era tutto. Quasi allo stesso tempo ha anche appreso che la sua famiglia apparteneva alla nobiltà nel regno di Akwamufie, situato ad est del Ghana. Nana Bekia, suo grande bisnonno materno, era stato re, e Selina era quindi una principessa, qualcosa di totalmente inaspettato per lei che aveva tanto sofferto durante l’infanzia, l’adolescenza e parte della giovinezza. Alcuni discendenti del re avevano rinunciato all’idolatria che caratterizza il regno, e per questo motivo erano stati privati dei benefici della nobiltà. Loro emigrarono in altre città e lavorarono come gente comune. Suo padre discendeva da un re anche lui, ma la matrilinearità prevale in Ghana. Lui aveva avuto educazione e faceva l’ingegnere in una compagnia elettrica, guadagnando abbastanza per mantenere la famiglia. MISSIONARIO MONDIALE 36 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


storia di vita

Nonno paterno di Selina Dansowah Kwafo.

Le due notizie hanno avuto un impatto negativo su Selina, che è collassata e si è rifugiata come il padre nell’alcool. Non poteva smettere di ricordare la sua triste infanzia e di pensare a sua madre biologica. Inoltre, credeva che la vita fosse stata ingiusta per lei e che nessuno avrebbe voluto sposarla.

Con l’alcool e le feste, Selina dimenticava, anche se per poco, la sua famiglia e il dolore. Ma dopo il vortice di alcol e musica fragorosa, sprofondava nella depressione. Sopraffatta dalla solitudine, non vedeva che stava distruggendo la sua vita. La sorella le chiedeva spiegazioni per il suo comportamento e le diceva

che era delusa da lei; gli altri mormoravano sul conto di lei e parlavano del suo strano cambiamento e delle sciocchezze che faceva sotto l’influenza dell’alcool. ALLA RICERCA DI DIO

Stanca della sua vita dissoluta, ha cercato di cambiare, ma sempre ricadeva

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

37


MISSIONARIO MONDIALE 38 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


storia di vita

nell’alcool. Un giorno ricordò un testo della Bibbia: “Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo” (Matteo 11:28”. Quella frase ha toccato il suo cuore. La brama di cambiamento era enorme e cercava Dio con tutto il cuore. All’inizio non si considerava cristiana perché non praticava la santità, e non ne conosceva nemmeno il significato. Sapeva che c’era un Dio e gli chiedeva perdono, ma aveva bisogno di fare il passo finale. Il desiderio di sentire Dio nella sua vita e di essere vicina a Lui cresceva ogni volta che confessava i suoi peccati. Non sapeva come arrivare alla Santa Verità, ma un giorno ha trovato un pastore e sua moglie, e loro l’hanno guidata. Allora ha iniziato a capire molte cose e la verità l’ha resa libera. Selina cercava costantemente la potenza di Dio, pregava ogni notte, e infine

Con l’alcool e le feste, Selina dimenticava, anche se per poco, la sua famiglia e il dolore. Ma dopo il vortice di alcol e musica fragorosa, sprofondava nella depressione.

ha provato gioia nel suo cuore. Non sentiva più il desiderio di bere alcolici, andare alle feste o perdersi nel peccato; al contrario, apprezzava le cose del Signore e ogni giorno l’ha cercato fino a capire qual è lo scopo della sua vita e perché è stata scelta. Il battesimo dello Spirito Santo è stata la sua più grande vittoria perché l’ha aiutata a comprendere i piani e lo scopo di Dio con le anime perdute. In questo modo, Selina ha sconfitto l’oscurità, e tutto è diverso nella sua vita attuale. Alle spalle si è lasciata lo zaino pieno di problemi che portava prima di incontrare il Salvatore. Un grande peso le è stato tolto e, sebbene la sua famiglia non capisca ancora perché ha scelto il cristianesimo, sono felici per il suo cambiamento.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

39


“Rivelazione di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra breve… Beato chi legge e beati quelli che ascoltano le parole di questa profezia e fanno tesoro delle cose che vi sono scritte, perché il tempo è vicino!” Apocalisse 1:1-3.

Rev. Luis M. Ortiz

Dopo che il profeta Daniele ebbe ricevuto le rivelazioni degli ultimi tempi contenute nel suo libro, gli fu detto: “Tu, Daniele, tieni nascoste queste parole e sigilla il libro sino al tempo della fine” (Daniele 12:4). Tuttavia, molti secoli dopo, contrariamente a quanto era stato detto a Daniele, fu ordinato all’apostolo Giovanni: “Non sigillare le parole della profezia di questo libro, perché il tempo è vicino” (Apocalisse 22:10). Apocalisse significa “rivelazione”. Apocalisse è un libro che rivela, che rimuove il velo dello sconosciuto e mostra gli eventi della fine. Il Signore dice che questo libro è “per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra breve” (Apocalisse 1:1). Nel capitolo 1 vediamo il Cristo glorificato nel santuario celeste, come sacerdote e giudice (Apocalisse 1:13-16). I capitoli 2 e 3 contengono il messaggio alle sette chiese dell’Asia Minore: Efeso, Smirne, Pergamo, Tiatiri, Sardi, Filadelfia e Laodicea. Questi messaggi sono ricevuti dal loro pastore: “All’angelo [pastore]…scrivi”. L’enfasi dei messaggi è il lavoro: “Io conosco le tue opere”. La prova dei messaggi è la dottrina: “Tu tolleri Iezabel”. La guida dei messaggi è la voce dello Spirito Santo: “Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese”. L’incentivo dei messaggi è la venuta di Cristo: “Io vengo presto”. L’obiettivo dei messaggi è la vittoria: “A chi vince ...”. Il capitolo 5 menziona il libro sigillato che parla del giudizio che si abbatterà su questo mondo incredulo dopo che la MISSIONARIO MONDIALE 40 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

Chiesa verrà rapita. Un angelo potente gridava: “Chi è degno di aprire il libro e di sciogliere i sigilli [per dare inizio al giudizio]?” (v. 2). Ma nessuno sembrava degno di aprire il libro, nemmeno di guardarlo. Allora, la Chiesa rapita disse: “Ecco, il leone della tribù di Giuda, la radice di Davide, ha vinto per aprire il

libro e i suoi sette sigilli” (v. 5). Questo leone non è altri che nostro Signore Gesù Cristo: “Tu sei degno di prendere il libro e di aprirne i sigilli, perché sei stato immolato e hai acquistato a Dio” (v.9). Poi, tutto il cielo si unì per proclamare Cristo. I capitoli 6 a 10 descrivono in dettaglio il giudizio che colpirà il mondo


devozionale

APOCALISSE, UN LIBRO APERTO PER OGGI

incredulo, il quale dovrà affrontare le terribili conseguenze della sua ribellione contro Dio. Dato che il mondo respinse Cristo, allora emerge l’anticristo con il governo più orrendo e crudele che la terra abbia mai sofferto. Si verificheranno guerre, fame, morte, desolazione, terremoti; le isole

scompariranno; ci saranno tuoni, voci, fulmini, terrore, grandine mescolato con fuoco e sangue; una montagna ardente sarà gettata nel mare, e metà del mare si trasformerà in sangue; la stella chiamata Assenzio cadrà sui fiumi, e un terzo delle acque diventerà amara; legioni di demoni usciranno dall’abisso per tormentare

gli abitanti della terra; duecento milioni di altri demoni saranno liberati dall’abisso per produrre fuoco, fumo e zolfo, e un terzo della popolazione mondiale morirà. “Guai a voi, o terra, o mare! Perché il diavolo è sceso verso di voi con gran furore, sapendo di avere poco tempo” (Apocalisse 12:12). Viene anche descritta la caduta e la rovina della chiesa apostata, chiamata “la madre delle prostitute e delle abomini della terra ... ricettacolo di demoni, covo di ogni spirito immondo (Apocalisse 17: 5; 18:2). “Dio si è ricordato delle sue iniquità ... e in lei è stato trovato il sangue dei profeti e santi ... e dei martiri di Gesù...”, (Apocalisse 18:5, 24; 17:6, 18:19-20). Nel capitolo 19 si celebrano le nozze dell’Agnello e della Sua Chiesa redenta: “Rallegriamoci ed esultiamo e diamo a lui la gloria, perché sono giunte le nozze dell’Agnello e la sua sposa si è preparata… Beati quelli che sono invitati alla cena delle nozze dell’Agnello” (v. 7-9). Il nostro Signore Gesù Cristo appare anche in questo capitolo come il “Fedele e Veritiero” (v. 11), la “Parola di Dio” (v. 13), e il “Re dei re e Signore dei signori” (v. 16). Il capitolo 20 fa riferimento al regno millenario. Questo sarà un periodo di mille anni in cui il diavolo sarà legato nell’abisso, mentre Cristo regna a Gerusalemme e in tutto il mondo. Questo governo sarà una teocrazia, perché Dio stesso governerà. Le bestie perderanno la loro ferocia, e il leone e l’agnello pascoleranno insieme. Ci saranno longevità e innumerevoli benedizioni in questo periodo, che viene chiamato l’età dell’oro. Infine, i capitoli 21 e 22 parlano della nuova Gerusalemme, la dimora ufficiale ed eterna della Chiesa redenta. E il libro dell’Apocalisse finisce con queste parole: “Chi è ingiusto continui a praticare l’ingiustizia; chi è impuro continui a essere impuro; e chi è giusto continui a praticare la giustizia, e chi è santo si santifichi ancora” (Apocalisse 22:11). E il libro viene chiuso con una dichiarazione nelle parole di Cristo: “Vengo presto” (Apocalisse 22:20). Così sia.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

41


“All’angelo della chiesa di Filadelfia scrivi: queste cose dice il Santo, il Veritiero, colui che ha la chiave di Davide, colui che apre e nessuno chiude, che chiude e nessuno apre: Io conosco le tue opere. Ecco, ti ho posto davanti una porta aperta, che nessuno può chiudere, perché, pur avendo poca forza, hai serbato la mia parola e non hai rinnegato il mio nome”. Apocalisse 3:7-8.

Rev. Rodolfo González

Filadelfia, la più giovane delle sette città, era stata fondata come colonia per estendere la lingua, la scrittura e la cultura greca. Era a circa 50 chilometri a sudest di Sardi e circa 95 chilometri a est di Smirne, ed era famosa per i suoi vigneti. Era una città religiosa, a tal punto che la chiamavano “piccola Atene”, e il principale culto pagano era a Dionisio. Filadelfia significa “colui che ama suo fratello” o “amore fraterno”. La chiesa di Filadelfia era caratterizzata dall’amore tra i fratelli e dalla sua pienezza dello Spirito Santo. “All’angelo della chiesa di Filadelfia scrivi: queste cose dice il Santo, il Veritiero, colui che ha la chiave di Davide, colui che apre e nessuno chiude, che chiude e nessuno apre” (v.7). Il Signore si presenta ai Filadelfiani come il “Santo” (1 Pietro 1:15-16). In Apocalisse, questo titolo divino corrisponde molto spesso al Padre (Apocalisse 4:8, 6:10, 16:5), ma in questo verso si riferisce a Gesù Cristo. Si presenta anche come il “Veritiero”, perché è onesto nella sua Parola e assolutamente fedele per mantenerla. Gesù Cristo ha la chiave di Davide, simbolo dell’autorità, perché possiede tutta la potenza decisiva negli affari della Sua opera. Inoltre, lui aprirà la porta del Suo regno messianico: “Metterò sulla sua spalla la chiave della casa di Davide; egli aprirà, e nessuno chiuderà; egli chiuderà, e nessuno aprirà” (Isaia 22:22). “Io conosco le tue opere. Ecco, ti ho posto davanti una porta aperta, che nessuno può chiudere, perché, pur avendo poca forza, hai serbato la mia parola e non hai MISSIONARIO MONDIALE 42 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

TI HO POSTO DAVANTI UNA

PORTA APERTA

rinnegato il mio nome” (v. 8). Dio ci dà uscite, soluzioni e opportunità per resistere, avanzare, conquistare, predicare (1 Corinzi 16:9, Colossesi 4:3). Non c’è forza che possa fermare il lavoro evangelistico. I credenti a Filadelfia avevano limitazioni economiche, sociali e umane, ma ciononostante, erano potenti in Dio per-

ché si erano tenuti santi e puri per Lui. La vera chiesa di Cristo non è contaminata e corrotta e non si vergogna di Egli. Al contrario, è piena dell’amore di Dio, ama i fratelli, osserva la Sua Parola e mantiene la comunione con Dio. Filadelfia era una chiesa interamente consacrata al Signore, e come Smirne, non fu censurata.


devozionale

“Ecco, ti do alcuni della sinagoga di Satana, i quali dicono di essere Giudei e non lo sono, ma mentono; ecco, io li farò venire a prostrarsi ai tuoi piedi per riconoscere che io ti ho amato” (v.9). In questa città, l’ostilità degli ebrei contro i cristiani era forte. Tuttavia, Gesù mostrò il Suo amore ai credenti di Filadelfia dando loro

la vittoria sui loro avversari. Il Signore interverrà nella vita dei falsi ebrei che in realtà servono Satana. Egli li farà reagire e cambierà il loro atteggiamento verso il Suo popolo. Dio affronta i nemici della Sua Opera in diversi modi: con distruzione, come quando distrusse il Faraone (Esodo

15:19); con arresto, come quando fermò i Siri (2 Re 6: 8-23); e con conversione, come quando fece di Saulo il Suo discepolo (Atti 9:1-16). “Siccome hai osservato la mia esortazione alla costanza, anch’io ti preserverò dall’ora della tentazione che sta per venire sul mondo intero, per mettere alla prova gli abitanti della terra” (v. 10). Osservare la Parola comporta sofferenza e attesa. Obbedire a Dio significa arrendersi totalmente alla Sua volontà come atto di fede. La costanza è la capacità di resistere senza arrendersi, nonostante le difficoltà e le ingiustizie. L’espressione “ti preserverò” vuol dire che la Chiesa non sarà nella grande tribolazione, non che la proteggerà durante questo periodo (1 Tessalonicesi 5:9). Con tutto il dovuto rispetto, non posso non menzionare l’idea erronea di alcuni studiosi post-tribolazione che credono che la chiesa attraverserà la tribolazione. Ma la Bibbia dice: “e per aspettare dai cieli il Figlio suo che egli ha risuscitato dai morti, cioè Gesù, che ci libera dall’ira imminente” (1 Tessalonicesi 1:10; vedere anche 2 Tessalonicesi 2: 6-8; Daniele 9:24-27; Romani 5:9). “Io vengo presto; tieni fermamente quello che hai, perché nessuno ti tolga la tua corona” (v. 11). Nella mentalità ebraica e greca, avere la corona è simbolo di ottenere la vittoria (Giacomo 1:12, 1 Pietro 5:4). Inoltre, tenere fermamente qualcosa è afferrarcisi in modo che nessuno lo prenda. Il Signore disse alla Chiesa di Filadelfia di rimanere fedele, altrimenti avrebbe perduto la sua ricompensa. “Chi vince io lo porrò come colonna nel tempio del mio Dio, ed egli non ne uscirà mai più; scriverò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, la nuova Gerusalemme che scende dal cielo da presso il mio Dio, e il mio nuovo nome” (v. 12). Al vincitore Dio darà sicurezza, stabilità e fermezza nel Suo regno eterno, cioè vivremo per sempre nella Sua presenza, non saremo mai allontanati dalla Sua dimora divina. “Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese” (v. 13). Filadelfia rappresenta la Chiesa fedele di tutti i tempi.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

43


“«La mia Parola non è forse come un fuoco», dice il Signore, «e come un martello che spezza il sasso?»” Geremia 23:29.

Carmen Valencia de Martínez

Il mondo è pieno di libri, ma non c’è nessuno come la Bibbia, che è il messaggio di Dio, la vera saggezza. La Sua Parola fu scritta da uomini semplici, che non avevano l’approvazione della società del loro tempo, ma che avevano l’approvazione di Dio. La Sua Parola fu scritta in un linguaggio così semplice, che è comprensibile per tutti: lo scienziato la capisce, l’analfabeta la capisce. Questo libro è diverso dagli altri a causa del suo autore: il nostro Signore Gesù Cristo. Questa Parola è bastone per il pellegrino, è bussola per il pilota, è spada per il soldato, è acqua per l’assetato, è pane per l’affamato, è luce per colui che vaga nelle tenebre, è consolazione per il triste, è miniera di ricchezza dove si trova la vera felicità. Prima che si scoprisse che la terra è rotonda, già in Isaia 40:22 il Signore dice: “Egli è assiso sulla volta della terra”. Inoltre, la Bibbia dice che la terra è nello spazio: “Egli distende il settentrione sul vuoto, sospende la terra sul nulla” (Giobbe 26:7). Il libro di Levitico dice che “la vita della carne è nel sangue” (Levitico 17:11). E Dio profetizzò: “i carri si lanciano furiosamente per le strade, si precipitano per le piazze; il loro aspetto è come di fiaccole, guizzano come fulmini” (Nahum 2:4). La Parola di Dio è meravigliosamente potente. Dio stesso agisce in essa: “La mia Parola non è forse come un fuoco, e come un martello che spezza il sasso?” (Geremia 23:29). “Infatti la Parola di Dio è vivente ed efficace, più affilata di qualunque spada a doppio taglio, e penetrante fino a dividere l’anima dallo spirito, le giunture dalle midolla; essa MISSIONARIO MONDIALE 44 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

LA POTENTE PAROLA


devozionale

DI DIO

giudica i sentimenti e i pensieri del cuore” (Ebrei 4:12). “Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza aver annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, affinché dia seme al seminatore e pane da mangiare, così è della mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non torna a me a vuoto, senza aver compiuto ciò che io voglio e condotto a buon fine ciò per cui l’ho mandata” (Isaia 55:10-11). La Parola di Dio non è mai predicata invano, a suo tempo darà i suoi frutti. Questa Parola è sopravvissuta a tutti i nemici che hanno cercato di distruggerla: Diocleziano ordinò di distruggere tutti gli scritti cristiani; Antioco Epifane ordinò di distruggere tutti i libri sacri. In tempi diversi della storia, molti cercarono di sparire la Sua Parola, ma nonostante tutti gli attacchi, Dio l’ha preservata. “L’erba si secca, il fiore appassisce, ma la parola del nostro Dio dura per sempre” (Isaia 40:8). “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Matteo 24:35). “Infatti la parola di Dio è vivente ed efficace, più affilata di qualunque spada a doppio taglio, e penetrante fino a dividere l’anima dallo spirito, le giunture dalle midolla; essa giudica i sentimenti e i pensieri del cuore” (Ebrei 4:12). “Ogni Scrittura è ispirata da Dio e utile a insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia, perché l’uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona” (2 Timoteo 3:1617). “Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza aver annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, affinché dia seme al seminatore e pane da mangiare, così è della mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non torna a me a vuoto, senza aver compiuto ciò che io voglio e condotto a buon fine ciò per cui l’ho mandata” (Isaia 55:10-11). “Ma egli rispose: «Sta scritto: “Non di pane soltanto vivrà l’uomo, ma di ogni parola che proviene dalla bocca di Dio” (Matteo 4:4). “Voi siete già puri a causa della parola che vi ho annunciata” (Giovanni 15:3).

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

45


Una breve relazione del lavoro sviluppato tramite il lavoro del movimento del mondo missionario sulle strade d’America e nel mondo. La Santa Bibbia ci dice: “E ogni giorno andavano assidui e concordi al tempio… Il Signore aggiungeva al loro numero ogni giorno quelli che venivano salvati.” (Atti 2:46, 47).

EVENTO: GIORNATA MISSIONARIA MONDIALE DATA: 29 E 30 DI SETTEMBRE LUOGO: AMERICA, AFRICA, ASIA, EUROPA E OCEANIA

OPERAI NELLA SUA MESSE Fedele alla sana dottrina del Signore, il MMM ha celebrato la Giornata Missionaria Mondiale il 29 e 30 settembre con eventi di preghiera per gli uomini e le donne che annunciano la buona notizia di Dio nei cinque continenti. Le chiese dell’Opera di Dio hanno aperto le porte al popolo del Signore, che si è riunito al fine di pregare per coloro che predicano il Vangelo in tutto il mondo. Il Movimento Missionario Mondiale in Perù, una delle più grandi congregazioni del Sud America, ha tenuto un servizio speciale a Lima, capoluogo del paese, che è stato presieduto dal reverendo Rodolfo González. Nel frattempo, l’Opera in Porto Rico, culla del MMM, ha celebrato nella chiesa del quartiere di Sabana Seca, situata nella città di Toa Baja, dove si sono riuniti i fedeli del Signore. In Ecuador, con il tema “Operai nella sua messe”, la congregazione locale ha tenuto un servizio speciale nel tempio principale di Guayaquil, che è stati guidato dal reverendo Eugenio Masías, supervisore nazionale del MMM in quel paese. ALTRE ATTIVITÀ

Il MMM nella Repubblica Dominicana ha tenuto un raduno speciale presso la chiesa del quartiere di Bayona, che si trova nel comune di Santo Domingo Oeste, dove la sorella Nurys Mejía ha predicato il Vangelo. In El Salvador, l’Opera ha svolto diverse attività, e il reverendo Edwin Parada, supervisore nazionale del Movimento Missionario Mondiale nel paese, ha presentato il sermone “La nostra responsabilità missionaria”. Nel frattempo, il MMM negli Stati Uniti ha eseguito una serie di eventi speciali, tra cui uno tenutosi nella città di Fort Worth, nello stato del Texas, in cui i credenti hanno adorato Gesù. Nonostante la crisi politica e sociale nel paese, l’Opera in Venezuela ha celebrato la data con servizi pieni di fede e dell’impegno dei seguaci del Signore. Inoltre, il Movimento Missionario Mondiale in Argentina ha celebrato la Giornata Missionaria Mondiale con un servizio guidato dal pastore Ismael Parrado, che si è svolto nel tempio principale della città di Buenos Aires. In Guatemala, il 30 settembre, l’Opera ha organizzato

MISSIONARIO MONDIALE 46 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


evento

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

47


un digiuno che è stato presieduto dal Rev. Álvaro Garavito, ufficiale internazionale del MMM, che ha predicato la Parola di Cristo. EVENTI DI MASSA

In Europa, il Movimento Missionario Mondiale in Spagna

MISSIONARIO MONDIALE 48 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

ha anche tenuto una serie di attività. Una di queste è stata condotta a Barcellona, capoluogo della Catalogna, dove il reverendo Carlos Medina ha trasmesso il messaggio di Dio. Un’altra celebrazione dell’Opera in Spagna si è tenuta a Reus, città situata in provincia di Tarragona. L’evento, in


evento

cui la sorella Sandra Vizcaino ha predicato la Parola, ha visto la partecipazione di molti fedeli di Cristo. Allo stesso modo, il MMM in Italia ha organizzato diversi eventi per pregare per i missionari di tutto il mondo. Uno degli incontri si è svolto a Genova, dove la sorella Jeaneth Ibarra ha predicato il messaggio di Gesù.

Inoltre, l’Opera in Italia ha tenuto un servizio speciale a Busto Arsizio, in provincia di Varese, che è stato condotto dal pastore Cecilio Reyes, che ha avuto il privilegio di annunciare la buona notizia. Infine, il Movimento Missionario Mondiale in Italia ha anche tenuto a Vimercate, in provincia di Monza e

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

49


MISSIONARIO MONDIALE 50 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


evento

dal reverendo Roberto Riojas, in cui si è parlato della crescita dell’Opera in Gran Bretagna. L’Opera in Belgio, da sua parte, ha sviluppato un servizio speciale nel tempio di Anversa. L’evento è stato presieduto dal pastore Urbano la Serna della chiesa di Bruxelles. Nel frattempo, il Movimento Missionario Mondiale nei Paesi Bassi ha tenuto un servizio presso il tempio di Amsterdam, che è stato guidato dal reverendo Sergio Veizaga. Il MMM in Portogallo ha tenuto un incontro di fede a Lisbona, alla foce del fiume Tago, dove il reverendo Carlos Teixeira è stato lo strumento scelto dal Signore per trasmettere la Sua Parola. Infine, nella città di Cluj-Napoca, capoluogo storico della Transilvania, il Movimento Missionario Mondiale in Romania ha organizzato un servizio in cui i leader della congregazione hanno ringraziato il Signore per il supporto all’Opera. RESTO DEL MONDO

Brianza, una giornata di preghiera e digiuno in cui la sorella Senaida Espinoza ha predicato il Vangelo. CELEBRAZIONI

A Londra, il MMM in Inghilterra ha commemorato la Giornata Missionaria Mondiale con un evento guidato

In Africa, il MMM ha anche commemorato la Giornata Missionaria Mondiale attraverso le sue varie chiese e templi. In Uganda, ad esempio, si è tenuta una giornata sulla collina di Mulago, situata nella città di Kampala, dove il Signore ha mostrato la Sua grandezza. In Oceania, il Movimento Missionario Mondiale in Australia è stata una delle congregazioni più attive e ha organizzato un incontro di fede nella città di Melbourne, capoluogo dello stato di Victoria, dove il reverendo Enoch Ramos ha annunciato la buona notizia. In Asia, il Movimento Missionario Mondiale in Nepal, una filiale completamente nuova dell’Opera di Dio, ha tenuto un servizio di adorazione nella città di Bardiya per ringraziare Gesù Cristo per aver condiviso il Vangelo in questa nazione situata tra l’India e la Cina.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

51


EVENTO: CAMPAGNA EVANGELISTICA E 6° ANNIVERSARIO DELLA CHIESA DI PAMPLONA DATA: 1, 2 E 8 SETTEMBRE LUOGO: PAMPLONA E TERRASSA, SPAGNA

SIATE PRONTI, PERCHÉ QUALCOSA DI IMPORTANTE È IN ARRIVO A Terrassa e Pamplona, il MMM in Spagna ha tenuto due attività di fede che hanno dimostrato la crescita del cristianesimo nella penisola iberica. Con il sostegno del popolo di Gesù Cristo, il Movimento Missionario Mondiale in Spagna ha tenuto due attività di fede nelle città di Pamplona e Terrassa, che hanno dimostrato l’aumento di fedeli spagnoli nell’Opera di Dio. Con il tema “Siate pronti, perché qualcosa di importante è in arrivo”, la congregazione ha celebrato il 6° anniversario del tempio principale di Pamplona l’1 e il 2 settembre. All’evento, il reverendo Ramón Ortega, ufficiale nazionale del MMM in Italia, ha predicato la Parola. Vi hanno anche partecipato fedeli dai templi delle città di Oviedo, Irun, Lleida, Saragozza, Barcellona e Madrid. Il primo giorno, il pastore Ortega ha annunciato la buona notizia di Cristo con un messaggio basato su Isaia 40:31, che ha toccato il cuore dei credenti. Alla cerimonia di chiusura, il ministro Ortega ha predicato il Vangelo ancora una volta attraverso due messaggi basati su Atti 18:10 ed Esodo 34:1. Inoltre, i bambini del tempio di Pamplona hanno cantato un inno per esaltare il nome di Dio. D’altra parte, i membri della Chiesa di Terrassa, guidati dal pastore Francisco de los Santos, hanno organizzato una campagna evangelistica a favore della espansione della sana dottrina. L’evento si è svolto l’8 settembre nella piazza Primero de Mayo, che si trova nel cuore di questa città della provincia di Barcellona. Con il permesso delle autorità spagnole, i servi dell’Opera di Dio hanno evangelizzato gli abitanti che passavano per il tradizionale parco di Terrassa. Uomini, donne, bambini, adolescenti e anziani hanno conosciuto la Parola di Cristo attraverso volantini e copie della rivista Impacto Evangelistico. Alla fine della campagna, il ministro Francisco de los Santos, accompagnato dalla moglie, Estela de los Santos, ha mostrato la sua felicità per la vittoria di Dio ottenuta a Terrassa dal MMM in Spagna. Ha aggiunto che il seme del Vangelo porterà presto grandi frutti.

MISSIONARIO MONDIALE 52 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


evento

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

53


EVENTO: CERIMONIA DI BATTESIMO E 6° ANNIVERSARIO DELLA CHIESA DI VERCELLI DATA: 15 E 23 DI SETTEMBRE LUOGO: GALLIATE E VERCELLI, ITALIA

IL SIGNORE COMPIRÀ IN MIO FAVORE L’OPERA SUA Il MMM in Italia ha celebrato il 6° anniversario della chiesa di Vercelli e ha tenuto una cerimonia di battesimo a Galliate, dove nuovi fratelli si sono arresi a Dio. Il MMM in Italia continua il suo lavoro di evangelizzazione e ha tenuto a Galliate e Vercelli due attività mirate alla salvezza delle persone. Uno di questi eventi ha avuto luogo il 23 settembre a Galliate, in provincia di Novara. Si è tenuta una cerimonia di battesimo in cui nove persone si sono arrese a Dio e l’hanno accettato come loro Redentore dopo essere state istruite nella sana dottrina. L’evento a Galliate è stato guidato dal Rev. Hugo Lope, ufficiale nazionale del Movimento Missionario Mondiale in Italia, che ha battezzato cinque fedeli della chiesa di Lissone, due della chiesa di Novara e due della chiesa di Monza. Inoltre, durante la cerimonia di battesimo, i partecipanti sono stati nutriti della Parola. Il pastore Lope ha detto che, fedele ai principi biblici, il MMM in Italia cerca sempre di fare nuovi discepoli in tutte le nazioni, battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. ANNIVERSARIO

Con il tema “Il Signore compirà in mio favore l’opera sua”, l’Opera in Italia ha celebrato, il 15 settembre,

MISSIONARIO MONDIALE 54 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


evento

il 6° anniversario della chiesa di Vercelli. L’evento ha visto la partecipazione di fedeli provenienti da Vimercate, Novara, Saronno, Cassano d’Adda e Busto Arsizio. Le celebrazioni a Vercelli sono iniziate con un servizio mattutino

che ha avuto per predicatore della Parola di Dio il pastore Jorge Solano, membro della congregazione di Novara, che ha tenuto un discorso sugli scopi del Signore nella vita dei credenti. Più tardi, durante il servizio

serale, il fratello Luis Huamaní, membro del Movimento Missionario Mondiale in Perù, ha annunciato la buona notizia di Dio. Nella sua predicazione, basata su Isaia 58:1, ha raccontato come il Signore ha trasformato la sua vita.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

55


MISSIONARIO MONDIALE 56 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


evento EVENTO: SCUOLA BIBLICA ESTIVA DATA: DOMENICA DI AGOSTO LUOGO: HAMAMATSU, GIAPPONE

AVVENTURE NEL MARE CON GESÙ Il MMM in Giappone ha svolto una scuola biblica estiva nella città di Hamamatsu, eseguendo così il mandato delle Scritture: predicare il Vangelo ai bambini. Per eseguire il mandato di Deuteronomio 6:6-7, in cui il Signore dice che i genitori cristiani devono trasmettere la Parola di Dio ai loro figli, il Movimento Missionario Mondiale in Giappone ha svolto una scuola biblica estiva (SBE) nella città di Hamamatsu, situata ad ovest della Prefettura di Shizuoka. La SBE ha avuto luogo ogni domenica di agosto ad Hamamatsu e ha avuto per tema “Avventure nel mare con Gesù”. Inoltre, l’Opera in Giappone ha annunciato la buona notizia di Gesù Cristo al parco Tobikko. Il lavoro di evangelizzazione del MMM in Giappone è stato fatto in quattro giorni, in cui sono stati sviluppati argomenti biblici appositamente strutturati per suscitare l’interesse dei bambini per il Signore. Inoltre, i bambini hanno cantato inni dedicati a glorificare Dio. Il primo giorno è stato trasmesso il messaggio “Un’avventura nella bocca di un pesce”. Il secondo giorno è stato presentato il messaggio “Un’avventura in barca”. E il terzo giorno è stato sviluppato il messaggio “Un’avventura in riva al mare”. Alla cerimonia di chiusura, il Movimento Missionario Mondiale in Giappone, grazie al lavoro di evangelizzazione dei membri di Hamamatsu, ha messo in scena il dramma biblico dal titolo “Con Gesù anche in difficoltà sono sicuro!”. Infine, i bambini hanno avuto un tempo di preghiera che ha permesso loro di chiedere a Dio di proteggerli. Così, il MMM in Giappone ha eseguito il mandato delle Scritture e ha predicato il Vangelo ai bambini.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

57


EVENTO: CONFRATERNITA / DATA: 14-16 SETTEMBRE / LUOGO: AYENBENG, GUINEA EQUATORIALE

IL SALVATORE VIENE PRESTO Il MMM in Guinea Equatoriale ha tenuto una confraternita nella città di Bata, sulle rive dell'Oceano Atlantico. Con l’importante partecipazione dei seguaci di Gesù Cristo, il Movimento Missionario Mondiale in Guinea equatoriale ha tenuto una confraternita presso la chiesa di Ayenbeng, nella città di Bata. All’evento, che ha avuto per tema “Credibilità”, i credenti hanno lodato il Signore per tre giorni. Alla cerimonia di apertura, il reverendo Nzé Obama, ufficiale nazionale del MMM in Guinea equatoriale, ha predicato messaggio del Signore. Nel suo discorso, il ministro ha detto che il Salvatore verrà presto e che molti rimpiangeranno molte cose che hanno fatto. Al secondo servizio, il reverendo Lorenzo Ndong, anche ufficiale nazionale dell’Opera in Guinea equatoriale, ha predicato il Vangelo e ha trasmesso gli insegnamenti biblici ai credenti che si sono riunito nel tempio di Ayenbeng.

MISSIONARIO MONDIALE 58 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

Al terzo servizio, il reverendo Edelmiro Ivina Dicombo, presidente del Consiglio di ufficiali dell’Opera in Guinea Equatoriale, ha evangelizzato il popolo di Dio. Il servo ha toccato il cuore del pubblico con il messaggio dal titolo “Che cosa è un profeta?”. L’ultimo giorno, il Movimento Missionario Mondiale in Guinea equatoriale ha effettuato, durante una cerimonia speciale, la nomina del presbitero della Zona 2. Il reverendo Cornelio Esono ha ceduto il comando della congregazione al reverendo Antonio Yombo, che ha ringraziato il Signore per l’opportunità di servire nella Sua Opera. Alla cerimonia della Zona 2 del MMM in Guinea equatoriale è stato riconosciuto il lavoro svolto dal pastore Benjamin Engono, che ha contribuito in modo decisivo e coraggioso alla crescita della congregazione.


evento

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

59


EVENTO: 1° CONVEGNO NAZIONALE DEL NEPAL E 3° CONVEGNO NAZIONALE DELLO SRI LANKA DATA: 26-29 SETTEMBRE, 4-6 OTTOBRE LUOGO: GONGIPHUR, NEPAL, E RAJAPURAM, SRI LANKA

LA PAROLA IN NEPAL E SRI LANKA Il MMM ha tenuto convegni nazionali in due paesi dell'Estremo Oriente. L’Opera di Dio avanza in tutto il mondo e continua a diffondere la Parola. La lingua non è stata un ostacolo affinché più di trecento persone potessero ascoltare la Parola di Dio durante il 1° Convegno Nazionale del Movimento Missionario Mondiale in Nepal, uno stato dell’Asia meridionale incastonato ai piedi delle imponenti montagne centrali dell’Himalaya. Il pastore Luis Meza Bocanegra, ufficiale internazionale dell’Opera, e il pastore Samuel Mejia, supervisore missionario dell’Asia, hanno presieduto l’evento, tenutosi tra il 26 e il 29 settembre a Gongiphur, Nepalgung. I servizi sono stati interpretati in hindi, una delle lingue più utilizzate dalla popolazione. In questo paese, che confina con l’India e la Cina, il MMM ha 17 templi. L’Opera in questo paese è nata in campagna, ma si estende già alle città. L’anno prossimo si apriranno chiese a Kathmandu e Khampara. Alcuni giorni dopo, dal 4 al 6 ottobre, un altro evento importante si è svolto in quella parte del mondo: il 3° Convegno Nazionale dello Sri Lanka. Vi hanno partecipato oltre duecento persone provenienti da diverse parti del paese che a nord affaccia sul Golfo del Bengala. I servizi, che hanno avuto luogo nella chiesa di Rajapuram, sono stati interpretati in singalese e tamil, le due lingue ufficiali di questa nazione prevalentemente buddista. Entrambi i pastori del MMM hanno visitato le chiese delle città di Batticaloa e Chenkaladi, che si trovano a 250 chilometri da Colombo, capoluogo dello Sri Lanka.

MISSIONARIO MONDIALE 60 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


evento

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

61


EVENTO: CERIMONIE DI BATTESIMO DATA: 8 E 29 SETTEMBRE LUOGO: ZURIGO E BUCHS, SVIZZERA

ACCESSO LIBERO PER AVVICINARSI AL SIGNORE Il MMM in Svizzera ha tenuto, nelle città di Zurigo e Buchs, due cerimonie di battesimo in cui nuovi fratelli si sono uniti al gregge del Salvatore. Sotto la guida del Signore e per consolidare la presenza dell’Opera di Dio in Europa, il Movimento Missionario Mondiale in Svizzera ha tenuto due cerimonie di battesimo in cui cinque persone si sono arrese al Signore. L’8 settembre, la città di Buchs, appartenente al Canton San Gallo, ha ospitato la prima cerimonia, svoltasi con il tema “Accesso libero per avvicinarsi al Signore”. Il reverendo Elvis Chávez, segretario nazionale del MMM in Svizzera, ha battezzato la sorella Carmen Lidia. Ventuno giorni dopo, una cerimonia di battesimo ha avuto luogo a Zurigo, la città più grande della Svizzera, e quattro credenti hanno deciso di accettare il Signore come il loro Redentore. Il gruppo di nuovi membri del MMM ha ricevuto il sacramento dal pastore Chávez. Così, il MMM in Svizzera ha eseguito il mandato biblico dato in Matteo 28:19-20, che dice di fare discepoli del Signore tutti i popoli.

MISSIONARIO MONDIALE 62 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


evento

EVENTO: CERIMONIA DI BATTESIMO / DATA: 22 SETTEMBRE / LUOGO: VIENNA, AUSTRIA

FATE MIEI DISCEPOLI TUTTI I POPOLI Il MMM in Austria ha battezzato sei seguaci di Dio che ora fanno parte dell'esercito di Cristo e si sono impegnati a lavorare per la crescita dell’Opera in Europa. Nella città di Vienna, capoluogo dell’Austria, sono stati battezzati sei seguaci di Gesù Cristo, dopo aver completato la loro formazione nella sana dottrina. Loro sono diventati così parte del Movimento Missionario Mondiale in Austria. Alla cerimonia, presieduta dai ministri Jimmy Ramírez e Humberto Ari-

as, che predicano il Vangelo in Austria, i nuovi membri dell’esercito del Signore sono scesi nelle acque battesimali e hanno ricevuto il sacramento che ha sugellato la loro unione con il cristianesimo. Dopo la cerimonia, il pastore Ramírez, capo dell’Opera in Austria, ha detto che il MMM lavora costantemen-

te per eseguire il mandato in Matteo 28:19: “Fate miei discepoli tutti i popoli battezzandole nel il nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”. Inoltre, i nuovi credenti si sono impegnati a predicare la buona notizia dell’Onnipotente fino alla fine della loro vita e a lottare per il consolidamento dell’Opera in Europa.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

63


Altri eventi

COLOMBIA

CURAÇAO

ECUADOR

Confraternita della Zona 64

Campagne evangeliche

Vigilia di giovani della Zona 2

Il Movimento Missionario Mondiale in Colombia ha tenuto, dal 31 agosto al 2 settembre, la Confraternita della Zona 64 a Manizales, capoluogo del dipartimento di Caldas. Un numero importante di uomini, donne e famiglie vi hanno partecipato per ascoltare la Parola del Signore. La scuola Lans, situata nel cuore di Manizales, è diventata casa di Dio e porta del cielo per tre giorni. Con la presenza speciale del reverendo José Arturo Soto, presidente internazionale dell’Opera, il MMM in Colombia ha svolto un evento pieno di fede e della potenza di Gesù Cristo. Al servizio del mattino del secondo giorno, la sorella Carmen de Jiménez, che predica il Vangelo nella città di Pereira, ha trasmesso il messaggio “Non girare né a destra né a sinistra”, e ha consigliato al popolo del Salvatore di condurre una vita misurata. Ore dopo, durante il servizio notturno, il pastore Soto ha presentato il sermone “L’efficacia del messaggio di Dio”, basato su 2 Re 5:1. L’ultimo giorno, il ministro Soto ha evangelizzato il popolo di Dio in due occasioni. Al mattino, ha condiviso l’insegnamento “Il grande missionario, nostro Signore Gesù Cristo”, sulla base di Filippesi 2:5. Di notte, ha trasmesso il messaggio “Eventi potenti e globali della seconda venuta di Cristo”, basato su Zaccaria 14:3.

Con il tema “Gesù ti ama e può cambiarti”, il Movimento Missionario Mondiale in Curaçao ha tenuto, dal 30 agosto al 2 settembre, quattro campagne evangelistiche a Willemstad, capoluogo del paese, al fine di annunciare la buona notizia e il Vangelo di Dio. Il reverendo Mario Cuero, presbitero del MMM in Curaçao, è stato il predicatore del messaggio di Cristo. Con la guida del Signore, il lavoro di evangelizzazione dell’Opera è iniziato il 30 agosto nel quartiere di Seru Papaya con un servizio all’aperto in cui è stato trasmesso un messaggio sulla storia di Zaccheo. Il 31 agosto e l’1 settembre, l’evangelizzazione è stata condotta nei locali del Marjorie’s Party Palace, in cui sono stati discussi gli argomenti “Ciò di cui Dio ha bisogno per mostrare la Sua potenza” e “I problemi”. L’2 settembre, le campagne si sono concluse con un evento nella chiesa centrale di Willemstad.

Nel tempio centrale della città di Santo Domingo, che si trova sulla riva sinistra del fiume Toachi, il Movimento Missionario Mondiale in Ecuador ha tenuto la 2° Vigilia di giovani della Zona 2 con il tema “Vieni, sorgi e risplendi”. All’incontro di fede, tenutosi il 14 settembre, il Rev. Lorenzo Cuero è stato il predicatore della Parola di Dio e ha sviluppato il tema “Giovane, questo è il tuo tempo”. Basato su Giosuè 1:1-9, il servo del Signore ha sottolineato che la gioventù cristiana dovrebbe arrendersi completamente al Signore.

MISSIONARIO MONDIALE 64 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

MESSICO Anniversario della Chiesa a Monterrey, Nueva León Con la presenza di fedeli delle chiese della Zona 4, il Movimento Mondiale Missionario in Messico ha celebrato l’8° anniversario del tempio della città di Monterrey, capoluogo del Nuevo León, con una festa spirituale tenutasi il 15 settembre al fine di adorare il Signore. All’incontro di fede, guidato dal pastore Ysidro Bello e sua moglie, Yolanda Aguilar, la sorella Norma Leal García ha avuto il privilegio di annunciare la buona notizia dell’Onnipotente con il messaggio “Il dolore è necessario su questa strada”, basato su Atti 14:22.


PORTO RICO

STATI UNITI

GERMANIA

Ritiro nazionale di uomini

Campeggio di donne

Confraternita nazionale

Il Movimento Missionario Mondiale in Porto Rico ha tenuto il suo Ritiro nazionale di uomini il 25 agosto nella chiesa della città di Las Tres T, che si trova nel comune di Río Grande. L’evento ha avuto per tema “La grandezza del servizio”. Al servizio mattutino, il fratello Jaime Rodríguez ha presentato il tema “L’amministrazione”, basato su Matteo 25:14-30, e ha detto: “Cerca prima il regno di Dio e la sua giustizia”. Più tardi, il reverendo Albert Rivera, supervisore nazionale del MMM in Porto Rico, ha trasmesso il saluto della congregazione della città di Bucaramanga e ha parlato del lavoro di evangelizzazione fatto in questa città colombiana. Di sera, il reverendo Rubén Concepción, segretario internazionale del MMM, ha svolto il messaggio “Un uomo con il cuore di servo”, basato su 1 Tessalonicesi 2:1-12. Il pastore ha illustrato, attraverso la vita di Gesù Cristo, il modo in cui l’Onnipotente deve essere servito: “Bisogna assumere la forma di un servo per estendere il mano ai bisognosi”.

Con il tema “Donne che lasciano il segno”, il Movimento Missionario Mondiale negli Stati Uniti ha tenuto, dal 14 al 15 settembre, il campeggio di donne della Zona 1 presso il Camp Owaissa Bauer nello stato della Florida. Vi ha partecipato un gran numero di credenti, e le sorelle Francisca Ortega e Priscilla Duarte hanno predicato la Parola di Dio con messaggi di grande impatto.

La città di Amburgo, situata nel nord del paese, ha ospitato l’11° Confraternita nazionale del Movimento Missionario Mondiale in Germania dal 7 al 9 settembre. L’evento ha avuto per tema “Uomini credibili” ed è stato presieduto dal reverendo Enmanuel Garzón, supervisore del Blocco C d’Europa. Inoltre, vi hanno partecipato diversi pastori: Roberto Rioja, capo del tempio di Londra; Sergio Veizaga, capo del tempio di Amsterdam; Edwar Flores, capo del tempio di Berlino; e Ruth Paisible, capo del tempio di Almere. Al primo servizio, il pastore Flores ha trasmesso il messaggio “Niente è mio”, basato su 1 Cronache 27:28. Al secondo servizio, il reverendo Rioja ha presentato il messaggio “L’avversità, l’istrumento di Dio per agire sulla tua vita”, sulla base di Atti 12:1-5. Al terzo servizio, la sorella Paisible ha tenuto il sermone “Vivere sotto l’ombra dell’Onnipotente”, basato su Salmi 91. Infine, all’ultimo servizio, il pastore Veizaga ha annunciato la buona notizia con il sermone “Si cercano uomini credibili”.

PAESI BASSI Anniversario del tempio di Amsterdam Il Movimento Missionario Mondiale nei Paesi Bassi ha celebrato il 12° anniversario della Chiesa nella città di Amsterdam, dal 13 al 16 settembre. L’evento ha avuto per tema “Guarire le ferite” e ha visto la partecipazione di diversi fratelli provenienti da tutta l’Europa. Alla festa spirituale, i predicatori del Vangelo sono stati: Hugo Lope, ufficiale nazionale del MMM in Italia; Enmanuel Garzón, supervisore del Blocco C d’Europa; Josué Muñoz, capo del MMM a Valencia; Elvis Chavez, capo della chiesa di Zurigo; e la sorella Janeth Ibarra de Echalar, del MMM in Italia.

Novembre 2018 / Impacto evangelistico

65


PROGRAMMA

CI SCRIVONO cartas@impactoevangelistico.net

GENNAIO 3-10 CONVEGNO COLOMBIA, Medellín 25-28 CONVEGNO BOLIVIA, Santa Cruz

BERTHA AGUIRRE Questa rivista è una grande benedizione per tutti noi. Da El Progreso, Guatemala.

FEBBRAIO 9-11 10-13 22-25 22-25

JOSÉ PRADO Grazie, fratelli, per questa bella rivista, che è una benedizione. Non c'è lavoro più bello di questo mezzo che è molto utile per la famiglia. Benedizioni. Da Tingo María, Perù. Dio vi benedica. Voglio congratularmi con voi per il meraviglioso contenuto della rivista che edifica la nostra vita. Continuate così. Da Tolima, Colombia.

MAGGIO 4-6 CONVEGNO GIAPPONE Shizuoka (Hamamatsu) 24-27 CONVEGNO PAESI BASSI

SONIA MIRANDA

GIUGNO 1-3 CONVEGNO DI GIOVANI E DI PASTORI (HONDURAS)

Mi piacciono moltissimo la rivista e il sito web, sono una grande benedizione! Da North Carolina, Stati Uniti.

LUZ DÍAZ

DINA PÉREZ Dio vi benedica. La vostra rivista è stata una benedizione per la mia vita, e i suoi articoli hanno il sostegno di Gesù Cristo. Sono felice perché, nonostante gli attacchi del nemico, possiamo trovare un mezzo di edificazione per le nostre vite. Da Panama, Panama.

ERNESTO ROCA Cari fratelli, continuate senza scoraggiarsi, avrete la vostra ricompensa. Molte benedizioni. Da Lima, Perù.

ELENA AGUILAR La rivista è una benedizione per migliaia di vite, soprattutto quelle dei giovani. Vi incoraggio a continuare a fare questa rivista, sempre con il supporto della Parola di Dio. Benedizioni a tutti. Da Cochabamba, Bolivia.

CONVEGNO PARAGUAY, San Lorenzo CONVEGNO PANAMA CONVEGNO ARGENTINA, Córdova CONVEGNO BELIZE, Orange Walk

MARZO 7-11 CONVEGNO DI PASTORI E DI DONN (AFRICA) 28-1 (APR) CONVEGNO GUATEMALA, Città del Guatemala 29-1 (APR) CONVEGNO GUYANA, GUYANA FRANCESE, TRINIDAD E TOBAGO E MARTINICA, Guyana Francese (Georgetown) 29-1 (APR) CONVEGNO AUSTRALIA

CAMILO DURAND

Dio vi benedica per questo grande lavoro che state facendo in tutto il mondo, e grazie per la rivista Impacto Evangelistico. Molti si sono arresi al Signore grazie a questa rivista. Il Signore vi benedica, fratelli. Continuate così. Da Callao, Perù.

GLOBALE 2018

CARLA BATISTUTA Voglio dirvi che i messaggi in questa rivista sono edificanti. Nella mia congregazione, che non appartiene alla vostra organizzazione, ogni mese aspettiamo con ansia la nuova edizione di questa rivista, che è prezioso tesoro per noi. Grazie, Impacto Evangelistico. Continuate così, il Signore vi ricompenserà. Da Buenos Aires, Argentina.

LUIS RODRÍGUEZ Dio vi benedica, fratelli. Questa rivista è una benedizione e spicca tra molti. Ringrazio il Signore per questo importante materiale in questi ultimi giorni. Fratelli, vi chiedo di pregare per la Chiesa in Costa Rica. Grazie di tutto. Da San José, Costa Rica.

MARÍA FERRANDO Dio benedica i redattori di questa rivista che da lungo tempo è un mezzo di benedizione ed edificazione per la comunità cristiana. Dio vi dia crescita e forza per andare avanti. Da Cartagena, Colombia.

JUAN CARLOS MACHUCA Cari fratelli, voglio ringraziare tutti voi per lo splendido lavoro che fate per nostro Signore Gesù Cristo. Dio continui a benedirvi. Dal Massachusetts, Stati Uniti.

LUGLIO 4-7 CONVEGNO COSTA RICA, Heredia 5-8 CONVEGNO BRASILE, Manaus 5-8 CONVEGNO ANTILLE OLANDESI, Aruba 10-13 CONVEGNO STATI UNITI, Virginia (Woodbridge) 18-21 CONVEGNO UNITO DI PASTORI, UOMINI, DONNE E GIOVANI (Porto Rico) 26-28 CONVEGNO REPUBBLICA DOMINICANA 26-29 CONVEGNO MESSICO AGOSTO 9-12 CONVEGNO SPAGNA E BLOCCO A EUROPA, Madrid 9-12 CONVEGNO AFRICA, Guinea Equatoriale (Bata) 15-18 CONVEGNO VENEZUELA 16-19 CONVEGNO ITALIA, Milano 23-26 CONVEGNO HAITI, Port-au-Prince 23-26 CONVEGNO ECUADOR, Guayaquil SETTEMBRE 10-12 CONVEGNO PERU, Chiclayo 13-15 CONVEGNO PERU, Arequipa 16-18 CONVEGNO PERU, Lima 26-29 CONVEGNO INDIA 30 GIORNATA MONDIALE DELLE MISSIONI, attività simultanea in tutti i paesi OTTOBRE 4-7 CONVEGNO HONDURAS 5-7 CONFRATERNITÀ NAZIONALE CANADA 19-21 CONFRATERNITÀ MADAGASCAR 24-28 CONVEGNO MAURITIUS NOVEMBRE 1-4 CONVEGNO CILE, Santiago 8-11 CONVEGNO EL SALVADOR 15-18 CONVEGNO URUGUAY, Montevideo 29-2 (DEC) CONVEGNO NICARAGUA DICEMBRE

È possibile scaricare il lettore di codici QR gratis da queste piattaforme: n Eventi passati n Eventi prossimi MISSIONARIO MONDIALE 66 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia


Novembre 2018 / Impacto evangelistico

67


MISSIONARIO MONDIALE 68 MOVIMENTO America•Europa•Oceania•Africa•Asia

Profile for Impacto Evangelistico

778_Italiano  

Magazine Impacto Evangelistico / Edizione Novembre 2018 / Lingua Italiana

778_Italiano  

Magazine Impacto Evangelistico / Edizione Novembre 2018 / Lingua Italiana