Page 1

N ews from the Library Sommario

CENTRO DOCUMENTALE - ISTITUTO AGRONOMICO MEDITERRANEO DI BARI

www.iamb.it

N° 2 - 2013 - marzo/aprile

News pag. 1 - 4 Recensioni “Organic Agriculture” pag. 5 - 18 Speciale collana Bayer “Coltura & Cultura” pag. 12 - 18

Centro Documentale dell’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari (IAMB) Via Ceglie, 9 70010 Valenzano - Bari www.iamb.it Responsabile: Luigi Sisto A cura di: Giuseppe Inchingolo Wanda Occhialini Progetto grafico ed impaginazione: Fabio La Notte

Upcoming Conference in Copenhagen on The Future of Publishing and Accessibility When 13 – 14 June 2013 Where Copenhagen, Denmark Upcoming Conference in Copenhagen THIS JUNE on The Future of Publishing and Accessibility. See the http://www.newpubcph.org/ for complete details. Presented by Nota and The DAISY Consortium in cooperation with The Ministry of Culture Denmark.

IFLA Prestito digitale

http://aibstudi.aib.it/article/view/8714 Negli ultimi anni la crescente disponibilità sul mercato di e-book, tablet ed e-reader a prezzi accessibili ha determinato un aumento dell'offerta (da parte delle biblioteche) e della richiesta (da parte degli utenti) di eBook scaricabili in biblioteca. L'ingresso degli ebook nelle collezioni delle biblioteche ha però fatto emergere una serie di problemi di carattere tecnico, legale e strategico che a loro volta sono causa di preoccupazione, confusione e frustrazione per tutte le parti in causa: biblioteche, utenti, autori ed editori. Per questa ragione l'IFLA ha istituito un gruppo di lavoro con il compito di preparare un documento preliminare sugli e-book in biblioteca, al fine di agevolare la formulazione di politiche più precise sull'argomento. Fonte AIB Vol. 52, n. 3(2012)

1


News from the Library CENTRO DOCUMENTALE - ISTITUTO AGRONOMICO MEDITERRANEO DI BARI

IFLA World Library and Information Congress 79th IFLA General Conference and Assembly Call for Papers Environmental Sustainability and Libraries Special Interest Group Theme: Future libraries going green The IFLA Environmental Sustainability and Libraries SIG - ENSULIB is currently planning the program of its Open Session at the next IFLA congress and invites papers for this session on the topic of "Future Libraries Going Green." in line with he National Committee theme "Future Libraries: Infinite Possibilities" and the presidential theme: "Libraries – A force for change".

News

The planet is in the middle of a severe environmental crisis, in terms of resources exhaustion, extreme pollution, climate change, extinction of species, etc. The role of libraries and information professionals is crucial to help compensate for the lack of massive, decisive and effective efforts coming from politicians and institutions. Libraries can act at the grassroots level and inspire their communities by example, operating in a green manner in green buildings, by acting as gatekeepers of appropriate information and becoming opinion leaders and change agents in environmental matters. They also are obliged by circumstance to address environmental impacts, especially on preservation and conservation. As year after year the situation has become more serious, the need for change has also become more urgent, and the future of libraries lies necessarily in becoming greener in every aspect. The number of new green libraries is growing, many older ones are adapting to green standards; sharing their experiences may benefit those that wish to stop wasting resources, as well as those where available resources are scarce. Advocacy for sustainability through activities for patrons or fellow professionals as well as appropriate collection development, are a few of the other aspects of greening libraries. Scope of the Session: Papers are expected to cover diverse topics related to sustainability and libraries – these may encompass but are not limited to: l Trends in green library buildings, operations, conservation practices, services, etc., to make them sustainable. l Collection development, innovations in access to "green" information resources. l Services, advocacy/outreach, programs, etc. focusing on sustainability and/or the environment, climate change /

adaptation, clean energy or other green technologies, green living, etc. l Education / training or awareness building of information professionals on topics related to sustainability, “green” best

practices, climate change, etc. l Networking and/or library associations' activities related to sustainability. l Application of ITC as support to “green” library best practices. l Diffusion-of-innovations activities related to the above

If you or your library are engaged in one of the above topics or related issues, if you have done research in these areas, or if you are otherwise involved in environment - and - libraries activities, the Environmental Sustainability and Libraries SIG would be pleased to welcome you to its public session as a speaker. Papers based on practical experiences and facts, rather than theoretical aspects, and on specifics rather than generalities of any of the points will be preferred. Language of the session: As simultaneous interpretation is not likely to be available for the session, presenters should be prepared to deliver their presentation in English. It is strongly recommended that presentation slides in English be available. Proposals: A.) If sending an abstract, this should be in English, with optionally an attached version in French or Spanish, and include: l Title of the paper l The detailed abstract of the paper (no more than 300 words), if possible accompanied by some references such as URLs and bibliography. l Author's name, address, telephone and fax numbers, professional affiliation, email address and brief biographical statement of no more than 50 words. l Author's experience as a speaker. l

E-mails should state "IFLA ENSULIB proposal" in the subject line and be directed to: Veerle Minner van Neygen, Convenor of the Environmental Sustainability and Libraries SIG,E-mail: veerle.minner@yahoo.es, with copy to

2


www.iamb.it

N° 2 - 2013 - marzo/aprile

Philippe Colomb, Co-convenor E-mail: philippe.colomb@me.com Proposals will be reviewed by a committee of members of the IFLA Environmental Sustainability and Libraries SIG and eventually the P&C section. Those who are selected to present will be given more information concerning the format of the programme further on. B.) If sending a full paper, this should be in English, and include a separate sheet with the same contact and bio information as for A). Preliminary submission can be done in draft format before the deadline, for review and evaluation purposes only, and the final format submitted if accepted.

Important dates and information: Intention to send a proposal and tentative topic can be communicated immediately in a brief message. l·21 April 2013: Formal proposals (abstracts or papers) must be submitted l·15 May 2013: Notification of successful applicants l·7 June 2013: submission of full papers for inclusion on the IFLA conference and the SIG's websites Each presenter will be allowed approximately 15 minutes for a summary delivery of the paper followed by clarifications and discussion towards the end of the session.. During the actual presentation, the presenter should not read the paper, but rather explain the main ideas in a natural way. Submissions The deadline for submitting proposals is 21 April 2013. Main criteria for the selection of papers l·Relevance to the SIG's mission, objectives and it's theme for this year. l·Compatibility with the Conference and Presidential themes. l·Interest /usefulness of topic. l·Specificity and concreteness, as opposed to generalities. l·Clearness of text. l·Other outstanding characteristics of the paper. l·Fairness/balance in countries represented at the session, other considerations being equal. l·Experience of the author as a speaker, all other considerations being equal. l·Cases of practical experiences, research results with practical applications will be preferred, other considerations being

equal. l For research papers, obvious soundness of methodology will be taken into account. Submissions All proposals must be in before 21 April 2013. Please note All expenses, including registration for the conference, travel, accommodation etc., are the responsibility of the authors/presenters. No financial support can be provided by IFLA, but a special invitation can be issued to authors. Congress Attendance Grants The Singapore National Committee and IFLA have worked hard to secure funds for Conference Participation Grants. Up-todate information will be available on our Conference Participation Grants webpage.

3

News

Full papers: These should be submitted by email. Paper length should be 10 pages maximum, single spaced, and accompanied by a longer, one page abstract for eventual publication in the proceedings. Text and bibliographic citations format should follow the rules for IFLA publications that appear in the IFLA website. Text should be in English. Written translations in as many of the official IFLA languages: Arabic, Chinese, English, French, German, Russian, Spanish will be very much appreciated (deadlines for translations will be announced), as SIGs are not allocated official written translation by IFLA. The author(s) should indicate personal full contact details and include summary curriculum vitae with the paper.


News from the Library CENTRO DOCUMENTALE - ISTITUTO AGRONOMICO MEDITERRANEO DI BARI

The World Library and Information Congress The IFLA World Library and Information Congress is the international flagship professional and trade event for the library and information services sector. It brings together over 3,500 participants from more than 120 countries. It sets the international agenda for the profession and offers opportunities for networking and professional development to all delegates. It is an opportunity for the host country to showcase the status of libraries and information science in their country and region as well as to have their professionals experience international librarianship and international relations in a unique way. The congress also offers an international trade exhibition with over 80 exhibitors and an exhibition of approximately 1000sqm. The combined buying power of all delegates can be estimated at more than 1.2 billion dollars. http://conference.ifla.org/ see the following video: http://vimeo.com/49583118

Costi e modelli economici dell'Open Access

News

a cura di Maria Cassella Sistema Bibliotecario di Ateneo Università degli Studi di Torino In the last ten years Open Access has gained manifold successes and a constant growth. However OA stakeholders are worried about sustainability of Open Access projects. The paper deals with the problems of costs and benefits of Open Access publications (Gold Road) and repositories (Green Road). Different business models of OA journals are examined. Costs and benefits of Open Access should be evaluated in the long term period. The author also discusses the value proposition of Open Access journals and repositories. According to the author this value proposition is connected to the level of innovation proposed by OA journals and repositories in the scholarly communication system. A dieci anni dalla pubblicazione della Budapest Open Access Initiative (BOAI) l'Open Access (OA) è ormai un movimento di idee e di principi maturo. Non ha ancora raggiunto pienamente il suo obiettivo di un accesso aperto e immediato alla letteratura scientifica, ma riafferma con le dieci raccomandazioni pubblicate a corollario della BOAI a settembre 2012 che gli obiettivi espressi dal movimento sono raggiungibili, oltre che desiderabili, per garantire il progresso scientifico e sociale, per accelerare la ricerca, innalzare il grado di istruzione e raggiungere così un livello mai prima realizzato di “bene comune”. Negli ultimi dieci anni l'Open Access ha conosciuto una crescita innegabile e ben documentata2 rinnovando la comunicazione scientifica e i modelli economici dell'editoria tradizionale. La nostra rif lessione si concentrerà proprio su questi ultimi tentando di fare un'analisi, certamente non esaustiva, dei costi delle riviste Open Access e di quelli dei repository ad accesso aperto. Da un lato, infatti, appare sempre più urgente operare una valutazione dei modelli economici OA per garantire una sostenibilità a lungo termine ai progetti di accesso aperto: la creazione di conoscenza e la sua disseminazione hanno, infatti, dei costi elevati che fino a ieri gravavano sul lettore, indirettamente, attraverso il http://www.bibliotecheoggi.it/content/20121000301.pdf

4


www.iamb.it

N° 2 - 2013 - marzo/aprile

Degli oltre 10.300 operatori rilevati, più di 8.300 fanno parte delle otto tipologie monitorate nel Rapporto Bio Bank 2013: aziende con vendita diretta, gruppi d'acquisto, e-commerce, ristoranti, agriturismi, mense scolastiche, mercatini e negozi. Una realtà in continuo movimento e in crescita che, a fronte di 200 operatori che escono, ne ha registrati 900 in entrata. Attraverso due analisi, distinte e complementari, il Rapporto traccia le nuove mappe del settore. La prima visualizza l'andamento delle otto tipologie di operatori negli ultimi cinque anni e le relative variazioni percentuali. La seconda propone uno spaccato del 2012, regione per regione, per numero assoluto di operatori e per densità di operatori ogni 100.000 abitanti. Availability: ORG 3145

Agricultural Sustainability : Progress and Prospects in Crop Research / edited by Gurbir S. Bhullar, Navreet K. Bhullar. - Oxford : Elsevier, c2013. - xviii, 292 p. Collaboratively written by top international experts and established scientists in various fields of agricultural research, this book focuses on the state of food production and sustainability; the problems with degradation of valuable sources of land, water, and air and their effects on food crops; the increasing demand of food resources; and the challenges of food security worldwide. The book provides cutting edge scientific tools and methods of research as well as solid background information that is accessible for those who have a strong interest in agricultural research and development and want to learn more on the challenges facing the global agricultural production systems. Provides cutting edge scientific tools and available technologies for research; addresses the effects of climate change and the population explosion on food supply and offers solutions to combat them; written by a range of experts covering a broad range of agriculture-related disciplines. Availability: ORG 3146

Accelerated reclamation of Alkaline Argillaceous Soils of Azerbaijan / edited by Mukhtar Abduyev. - Reading : Ithaca, c2012. - vii, 231 p. : ill. ; 24 cm. (( Soil Science Regional Studies. This book - written by the late Professor Mukhtar Abduyev and now available in English for the first time - describes the tackling of a long-established problem which had enormous implications for Azerbaijan's security of food supply. The task was to find more efficient methods of reclaiming the saline soils that covered more than 60% of the republic's lowlands - some 2.5 million hectares were resistant to improvement. Existing methods of reclamation involved vast amounts of water for leaching and the construction of extensive drainage systems, however these methods could take up to 10 years to become effective. Professor Abduyev typically adopted a practical scientific approach, researching various methods of salt removal and their effect on soils and the crops to be grown in them. He was also a highly respected teacher and was directly involved in field investigations, at the same time providing leadership and valuable hands-on experience for graduate students and research workers. Abduyev's work was a major contribution to streamlining the vital work to bring more Azerbaijani land into effective crop and food production. Availability: ORG 3147

5

Organic Agriculture

Tutto bio 2013 : l'annuario del biologico / a cura di Achille Mingozzi, Rosa Maria Bertino. Forlì : Egaf Edizioni, c2013. - 352 p. : ill. ; 77 schede illustrate di alimenti, prodotti per l'infanzia, cosmesi e detergenza ; 24 cm. - (( Tema dell'anno: Mille e una rete, dai gruppi d'acquisto alle nuove reti solidali.


News from the Library CENTRO DOCUMENTALE - ISTITUTO AGRONOMICO MEDITERRANEO DI BARI

Organic Agriculture

Diluvial Soils and their Amelioration/ edited by Mukhtar Abduyev. - Reading : Ithaca, c2012. vii, 279 p. : ill. ; 24 cm. (( Soil Science Regional Studies. The late Professor Mukhtar Abduyev's pioneering work was the result of ten years of study, field research, and laboratory experimentation on salinized diluvial soils in the foothill plains and steppe of Azerbaijan. Farmers had almost no experience of managing this type of soil and no work had been done on methods of amelioration. Thus, at a time of increased demand for agricultural land, this work was a most timely contribution to bringing Azerbaijan's foothill plains, a major soil reserve, into play. Important as the work was for Professor Abduyev's native land, however, it had even wider implications. Because there are other forms of salinization in Azerbaijan, the work herein facilitated comparative analysis of their distinctive characteristics - common to the arid regions of many other countries. In Diluvial Soils and Their Amelioration, as in his other works, Abduyev moves from rigorous scientific analysis of the problem and its origins to the development of techniques to return salinized land to productive efficiency - a true demonstration of science in practical action. Availability: ORG 3148 Diluvial Soils on the Plains of Azerbaijan / edited by Mukhtar Abduyev. - Reading : Ithaca, c2012. - 116 p. : ill. ; 24 cm. (( Soil Science Regional Studies. In Diluvial Soils on the Plains of Azerbaijan Professor Mukhtar Abduyev continued his evaluable work on a most pressing practical problem for Azebaijan and the wider USSR. The problem was one of poor fertility alkaline soils, a type of soil which covered some 40-50 million hectares across the Soviet Union. It was essential to find methods of raising fertility and the area of land under cultivation in order to increase crop production. Availability: ORG 3149

Salinization of the Shirvan Steppe and Prevention Measures/ edited by Mukhtar Abduyev. Reading : Ithaca, c2012. - 74 p. : ill. ; 24 cm. (( Soil Science Regional Studies. In Salinization of the Shirvan Steppe and Prevention Measures, Professor Mukhtar Abduyev continued his evaluable work on a most pressing practical problem for Azebaijan and the wider USSR. The problem was one of poor fertility alkaline soils, a type of soil which covered some 40-50 million hectares across the Soviet Union. It was essential to find methods of raising fertility and the area of land under cultivation in order to increase crop production. Availability: ORG 3150

Improvement of Soils of the Mil Plain / edited by Mukhtar Abduyev. - Reading : Ithaca, c2012. - 60 p. : ill. ; 24 cm. (( Soil Science Regional Studies. The Mil Plain was at the hearth of much of Azerbaijan's struggle to turn the barren desert in its heartlands into fertile mground for agricolture. In his Improvement of Soils of the Mil Plain Professor Mukhtar Abduyev describes the problems faced and the nature of the plain. The story is of a massive irrigation scheme to transform 340.000 hectares of arid steppe into a fruitful garden capable of meeting the republic's need for orchards, grain and cotton. Availability: ORG 3151

6


www.iamb.it

N° 2 - 2013 - marzo/aprile

Alkali Soils of Azerbaijan and their Improvement/ edited by Mukhtar Abduyev. - Reading : Ithaca, c2012. - 70 p. : ill. ; 24 cm. (( Soil Science Regional Studies.

Olea europea "Farga" : Territorio Sénia / Tomas Micek, Milada Micek. - Benicarló : Onada Edicions, c2012. - 162 p. : ill. ; 23 cm. (( Biblioteca Taula del Sénia ; Serie Maior, 5. A book on the best olive trees in the world brought Tomas Micek and Melinda to the Territori Sénia, and given the uniqueness of the material, they have agreed to publish a book dedicated exclusively to these trees, authentic living monuments. Availability: ORG 3153

Verso il curricolo ecologico : la progettazione educativa / a cura di Milena Bertacci, Franco Azzali. - Bologna : Regione Emilia-Romagna, c2009. - 170 p. : ill. ; 24 cm. (( Quaderni INFEA Emilia Romagna ; 7. Il volume presenta il percorso di ricerca-azione sulla Costruzione del curricolo ecologico sviluppato nell'ambito del Fondo Sociale Europeo, che ha visto la collaborazione di nove reti scolastiche sul territorio regionale, con il coordinamento scientifico dell'IRRE ER (oggi Agenzia Scolastica dell'Emilia- Romagna). Protagonisti del percorso sono un gruppo di docenti disponibili a confrontarsi e mettersi in gioco sulle strategie e i repertori didattici che emergono dalle buone pratiche di didattica ambientale attivate nelle scuole regionali. Il volume si articola in due parti: la prima (La ricerca sul modello) è una riflessione sullo svolgimento del progetto e sullo sfondo culturale di riferimento, la seconda (La ricerca sulle prassi) è incentrata sui problemi e i nodi della progettazione curricolare individuati dal gruppo di lavoro. Con i Quaderni INFEA Emilia-Romagna si intende mettere a disposizione di insegnanti ed educatori, dentro la scuola e nelle strutture che si relazionano con essa, uno strumento di studio e di approfondimento. Le direttrici editoriali sono tre. La prima privilegia la progettazione educativa, concentrando l'attenzione sui modelli, le metodologie e gli strumenti dell'educazione ambientale. La seconda mette in luce l'evoluzione dei saperi e dei fondamenti dell'educazione ambientale sotto il profilo epistemologico, etico, disciplinare. La terza, le esperienze, propone una metariflessione sulle attività e le sperimentazioni in corso. Availability: ORG 3154 - 3155 Voci dell'educazione ambientale : insegnanti, operatori e giovani raccontano le loro esperienze / a cura di Mino Petazzini. - Bologna : Regione Emilia-Romagna, c2009. - 191 p. : ill. ; 24 cm. (( Quaderni INFEA Emilia Romagna ; 8. Il volume presenta uno degli esiti della ricerca Educazione Ambientale 10+, che la Regione EmiliaRomagna ha promosso a dieci anni dalla L.R. 15/1996, dedicata all'educazione ambientale, per fare il punto sull'evoluzione del sistema regionale INFEA. Raccoglie una cinquantina di contributi da parte di docenti delle scuole, operatori dei centri di educazione ambientale e giovani che hanno vissuto esperienze educative di questo genere durante il loro percorso scolastico, componendo un quadro parziale ma molto significativo della realtà dell'educazione ambientale in Emilia-Romagna, nella quale le storie personali si intrecciano alle riflessioni su temi strategici per il consolidamento e l'ulteriore sviluppo del sistema regionale. I Quaderni INFEA Emilia-Romagna sono uno strumento di studio e approfondimento rivolto a educatori e insegnanti e a quanti nei territori sono promotori di una cultura e di una pratica dello sviluppo sostenibile. Tre sono le direttrici editoriali. La prima privilegia la progettazione educativa, concentrando l'attenzione sui modelli, le metodologie e gli strumenti dell'educazione ambientale. La seconda mette in luce l'evoluzione dei saperi e dei fondamenti della cultura dell'ambiente e della sostenibilità sotto il profilo epistemologico, etico, sociale e politico. La terza propone una metariflessione sulle attività e le sperimentazioni in corso. Availability: ORG 3156 - 3157

7

Organic Agriculture

In Alkali Soils of Azerbaijan and their Improvement, Professor Mukhtar Abduyev continued his evaluable work on a most pressing practical problem for Azebaijan and the wider USSR. The problem was one of poor fertility alkaline soils, a type of soil which covered some 40-50 million hectares across the Soviet Union. It was essential to find methods of raising fertility and the area of land under cultivation in order to increase crop production. Availability: ORG 3152


News from the Library CENTRO DOCUMENTALE - ISTITUTO AGRONOMICO MEDITERRANEO DI BARI

Organic Agriculture

Educazione ambientale 10+ : cosa ne sanno e cosa sono disposte a fare le giovani generazioni : il caso Emilia-Romagna / a cura di Luigi Guerra, Mino Petazzini, Paolo Tamburini. - Gardolo : Erickson, c2009. - 151 p. : ill. ; 24 cm. (( Guide per l'educazione. Lo sviluppo sostenibile, nei suoi aspetti ambientali, economici, sociali e culturali, è uno degli obiettivi che l'intera umanità deve perseguire nel XXI secolo se vuole garantire un futuro alle nuove generazioni. Ormai è chiaro che i cambiamenti epocali del global warming non hanno soluzioni meramente tecnologiche e infrastrutturali, ma richiedono profondi cambiamenti nei sistemi culturali e negli stili di vita, che hanno tempi lunghi di maturazione. Da qui il decennio dell'educazione alla sostenibilità (2005-2014) promosso dalle Nazioni Unite e dall'UNESCO. La Regione EmiliaRomagna già dieci anni fa ha avviato una interessante e pionieristica programmazione in questo campo attivando una rete di attività e di strutture: il sistema dell'informazione e educazione ambientale (INFEA). Il decennale di tali attività è stato l'occasione per un approfondito bilancio e per una valutazione del percorso avviato attraverso la ricerca Educazione ambientale 10+. Questo volume si sofferma in particolare su un aspetto della ricerca: le conoscenze, la consapevolezza e i comportamenti delle giovani generazioni in campo ambientale. La risposta, oltre le aspettative, di bambini, ragazzi e adolescenti, introduce un motivo di ottimismo e uno stimolo a migliorare costantemente il percorso intrapreso. Availability: ORG 3158

Linee procedurali di indirizzo per la tracciabilità volontaria delle maggiori produzioni ortofrutticole / a cura di Carmelo Vazzana. - Roma : Unione Nazionale Organizzazioni di Produttori Ortofrutticoli ed Agrumari, c2005. - 85 p. : ill. ; 24 cm. (( Redatto da UNACOA con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali DM 29/10/01 n. 796/ass. Il volume presenta i primi risultati del progetto sulla rintracciabilità delle produzioni ortofrutticole finanziato dal Mipaf nel 2002 ed in particolare del manuale "Linee procedurali di indirizzo per la rintracciabilità volontaria delle maggiori produzioni ortofrutticole", con il quale è stata codificata una procedura standard di riferimento per le Organizzazione Produttori. L'approfondimento dello stato dell'arte sulla tracciabilità e rintracciabilità del prodotto e la verifica di un riconoscimento del mercato sugli sforzi fatti, rappresentano lo scopo principale del volume. Il Direttore dell'UNACOA, Alessandro Cecchini, evidenzia l'attualità della scelta fatta a suo tempo dal Ministero che ha investito finanziariamente su temi così importanti, previsti peraltro anche dalla legge di orientamento. Non solo la legge di orientamento, ma anche il Rapporto di metà legislatura ha posto tra gli obiettivi principali l'adozione di processi di tracciabilità e di rintracciabilità delle produzioni agricole sia in termini di sicurezza alimentare che di valorizzazione dei prodotti agricoli. Le finalità, quindi, che l'Amministrazione persegue riguardano da un lato il sostegno finanziario per il perseguimento di tali obiettivi e dall'altro che l'intera filiera ne possa trarre beneficio. Availability: ORG 3159

I segni del territorio : profili giuridici delle indicazioni di origine dei prodotti agroalimentari tra competitività, interessi dei consumatori e sviluppo rurale / a cura di Ilaria Trapè. - Milano : Giuffrè, c2012. - xvii, 460 p. : ill. ; 24 cm. Il legame tra prodotti agricoli, anche trasformati, e il territorio di provenienza non solo risponde a caratteri strutturali degli ambienti naturali, in cui emergono processi produttivi a base agricola, ed alle loro peculiarità sociali e storiche, ma riflette anche una specifica modalità conoscitiva dei rapporti tra l'uomo e il territorio medesimo, da tempo consapevolmente riconosciuta e valorizzata a livello culturale e trasformata in un "sapere" che si tramanda e contemporaneamente si rinnova. Il libro - muovendo dalle dinamiche legislative nazionali per poi approdare ai complessi disciplinari europei e internazionali - ripercorre la vicenda relativa all'emersione e metabolizzazione nell'esperienza giuridica contemporanea dei segni individuati come "segni del territorio", all'interno di un quadro in cui si intrecciano le problematiche della competitività globale, degli interessi dei consumatori e dello sviluppo rurale. Availability: ORG 3160

8


www.iamb.it

N° 2 - 2013 - marzo/aprile

Manuale di una mappa bioregionale : Bioregione Romagna : le Valli del Savio, del Rubicone e dell'Uso / a cura di Daniele Zavalloni. - Cesena : Ecoistituto, c2009. - 115 p. : ill. ; 24 cm. (( Ecoistituto di Cesena.

Ambiente è salute in Emilia-Romagna / a cura di Daniele Vignatelli ; supervisore editoriale Giuliana Venturi ; testi di Donata Ramazzotti, Daniele Vignatelli. - Cesena : Anima Mundi, c2010. - 176 p. : ill. ; 24 cm. (( Sulla cop.: Mente e natura, tutto è connesso. La salute, la qualità dell'ambiente e della vita sono valori inscindibili e sempre più al centro delle politiche pubbliche. La Regione Emilia-Romagna e il sistema delle autonomie locali, le strutture tecniche ed educative sul territorio, sono consapevolmente attivi nel promuovere l'integrazione tra le politiche e le azioni per la qualità dell'ambiente e della salute. Questo volume racconta il lavoro intrapreso facendo parlare i protagonisti e le principali progettualità. Availability: ORG 3162

FiBL activity report 2012 / edited by Markus Bär. - Frick : FiBL Research Institute of Organic Agriculture Switzerland, c2013. - 56 p. : ill. ; 30 cm. Thirty-five years ago FiBL organized the first international IFOAM (International Federation of Organic Agriculture Movements) research conference entitled “Towards a Sus- tainable Agriculture”. This conference was of historic significance for a number of reasons. Firstly, it consolidated the global organic movement. Today IFOAM is an important international nongovernmental organization. In November 2012 it celebrated its 40th anniversary in Bonn, Germany, and IFOAM and FiBL still work closely together to this day. Secondly, with this conference the organic movement was the first to send a strong signal of commitment to sustainability. Agricultural policy only began to give consideration to sustainability after publication of the 1987 UN report by the then Norwegian prime minister Gro Harlem Brundtland. And thirdly, at this occasion FiBL made itself known both nationally and internationally as a pacemaker of progress in farming and nutrition, a role FiBL fulfils to this day working from its now three offices in Switzerland, Germany and Austria. Many people already consider the term “sustainability” to be worn out and arbitrary. However, the fact that this term has been misused should not lead us to abandon it given that we contributed to defining it. Consequently, a number of years ago FiBL integrated it into its claim of “Excellence for Sustainability”. Despite the proliferation of green-washing, the term contains the robust message that many of the resources needed for our survival are finite and no amount of human ingenuity can replace them. For example, humus lost through decomposition takes decades or centuries to build up again. And in fifty to a hundred years we will have lost forever all the phosphorus washed into rivers and oceans with eroding soils or through the sewage systems. These are two of the areas where organic farming practices are a model of sustainability and which are amongst FiBL's work priorities. With drive and determination, FiBL works on the further technical, ecological and societal development of organic farming. This is not an easy undertaking given that considerably lower government funding is devoted to specifically organic solutions and given that due to the small market share the agri-food industry has little interest in developing e.g. organic plant protection products, highly adapted organic cultivars or very gentle food processing methods. The activity report presented here outlines the innovations and solutions FiBL is working on with increasing success. Organic farms are not lands of milk and honey that just burst with abundance without much work being put into them. Rather, organic farming is an attempt at marrying local farming knowledge with agroecological scientific knowledge and modern technology. Organic farming is thus not retro-farming that could not feed us. Approaches and solutions which advance organic farming should help “green” the entire farming sector. Therefore, FiBL is always keen to tackle issues openly and engage in partnerships. Availability: ORG 3163

9

Organic Agriculture

Prodotto dall'Ecoistituto di Cesena, un libro straordinario per contenuti e il ricco corredo fotografico "Manuale di una mappa bioregionale. Le valli del Savio, del Rubicone e dell'Uso" è una guida bioregionale di tre delle più belle vallate romagnole che consente di interpretare un patrimonio naturalistico, artistico e culturale sedimentato nel tempo. Availability: ORG 3161


News from the Library CENTRO DOCUMENTALE - ISTITUTO AGRONOMICO MEDITERRANEO DI BARI

Organic Agriculture

Organic without Boundaries : IFOAM Celebrating 40 Years : 1972-2012 / edited by Denise Godinho. - Bonn : IFOAM, c2012. - 43 p. : ill. ; 30 cm. (( IFOAM : Global, Sustainable, Organic. On November 26, 2012, IFOAM celebrated its 40th year of existence. The official reception was held in the IFOAM Head Office in Bonn, Germany, and over one hundred invited guests travelled from around the world to attend. Pioneers from IFOAM's early years, through to the new millennium took the stage to congratulate IFOAM for 40 years of leading, uniting and assisting the organic movement. 'Organic without Boundaries - Celebrating 40 Years' is the publication launched on this occasion to provide a retrospective on the 40 years of IFOAM. Availability: ORG 3164

Fotografia come mezzo di integrazione : un workshop fotografico con Mario Cresci presso l'Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari / a cura di Mario Cresci. - Bari : Laterza, c2013. 127 p. : ill. ; 24 cm. Una straordinaria esperienza condotta, fianco a fianco, degli student del Politecnico e gli allievi dell'Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari del Ciheam, tutti coinvolti nella pratica del “fare insieme” per esprimere non solo creatività, ma superare limiti, barriere linguistiche e culturali. Negli scatti realizzati all'interno del Campus. L'idea di “diversità” non è discriminatoria, ma è valorizzata in uno scambio di reciproca conoscenza e comprensione. Le immagini offrono uno sguardo pieno di luce sul piccolo mondo dell'Iam, dove da oltre quarant'anni si lavora accompagnando i Paesi più deboli in un percorso in cui al centro è l'uomo, le sue potenzialità, le sue tradizioni, il rispetto condiviso. Availability: ORG 3165

Guida delle aziende e dei frantoi della Strada dell'Olio Viedulivi : Murgia dei Trulli e delle Grotte / a cura di Pino Pace, Anna Neglia. - Bari : Vito Mastrosimini editore, c2001. - 115 p. : ill. ; 24 cm. Availability: ORG 3166

Guida generale della Strada dell'Olio Viedulivi : Murgia dei Trulli e delle Grotte / a cura di Paolo Panaro. - Bari : Vito Mastrosimini editore, c2001. - 268 p. : ill. ; 24 cm. Availability: ORG 3167

10


www.iamb.it

N° 2 - 2013 - marzo/aprile

Le colture protette costituiscono un comparto produttivo molto attivo e tecnologicamente avanzato nell'ambito delle produzioni orticole, floricole e vivaistiche. In questo settore, l'impiego delle protezioni presenta oggi notevoli prospettive di sviluppo e di specializzazione, visti anche i cambiamenti climatici che incidono sempre più pesantemente sull'agricoltura e sull'ambiente, sia per la realizzazione di produzioni fuori stagione sia per avviare attività di propagazione o legate ai vivai. Il forte apporto tecnologico necessario per un'adeguata conduzione delle colture protette esige una preparazione particolare in materia di mezzi di protezione, di sistemi di climatizzazione, di substrati speciali ma non è possibile trascurare le tecniche colturali e la conoscenza approfondita delle singole specie. Questa sesta edizione, oltre a richiamare, alcune tematiche presenti in un precedente volume dedicato ai mezzi di protezione, apporta alcuni aggiornamenti ormai indispensabili: come per le precedenti edizioni vengono presi in considerazione gli ortaggi, le colture frutticole e le colture ornamentali dall'arbusto, al fiore reciso, alle colture in vaso. Availability: ORG 3168

Food and agriculture : the future of sustainability : a strategic input to the Sustainable Development in the 21st Century (SD21) project / edited by Daniele Giovannucci … [et al.]. New York: United Nations Department of Economic and Social Affairs, Division for Sustainable Development, c2012. - xii, 80 p. : ill. This paper illustrates how leading thinkers imagine our future food and agriculture world. It eschews positions and instead invites reasoned discussion. It cuts across the thought silos intrinsic to different world views and partisan values to identify consensus and also disagreement. We solicited input from leading experts in different dimensions of agriculture, representing the perspectives of the natural and social sciences, developing and developed countries, policy and academia, public and private. Respondents were asked about most significant trends and the most important priorities in the next 20 years to ensure sustainable food and agriculture systems. Farming has enormous impacts on the world's most critical resources. Accordingly, farmers will have to produce while also ensuring the provision of various vital ecosystem services. If they do not, we will not only degrade those resources but also exhaust the ability to produce enough food. These expectations pose quite a challenge and the overall outcome depends very much on the response of millions of mostly small and medium farmers. The current 'more production' orientation is so outdated and unresponsive to our current needs that it is causing its own problems, particularly for our environment and natural resources. Although food is critical, it is not just about food. We have a pressing need for new approaches in policies and structures that realistically account for the formidable environmental impacts and consider the social consequences of our evolving agrifood systems. Rather than simply “more” production, we must also consider what would be “better” production and better food systems. There are many who advocate a profound re-thinking of our current models and, to better serve our coming needs, would re-imagine and transform the world's major agriculture and food systems, not just tinker at the margins or modify them incrementally. Recent decades have seen such re-imagining result in radical and world-changing innovations in every field from politics (social network media) to healthcare (nanotech-based diagnostics and drugs) and communication (mobile telephony). Availability: on line version ORG 3187

11

Organic Agriculture

Colture protette : ortoflorovivaismo in ambiente mediterraneo / Romano Tesi. - 6 Ed. Bologna : Edagricole, c2008. - xvii, 348 p., [8] c. di tav. : ill. ; 26 cm.


News from the Library CENTRO DOCUMENTALE - ISTITUTO AGRONOMICO MEDITERRANEO DI BARI

COLLANA BAYER COLTURA & CULTURA

Organic Agriculture

La vite e il vino : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Paolo Balsari ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Attilio Scienza ; coordinamento redazionale Ivan Ponti. - Milano : Bayer CropScience, c2007. - xiii, 610 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura. Scrivere un libro di viticoltura oggi può apparire pleonastico: ogni Paese viticolo ha nell'ultimo secolo prodotto numerosi trattati e manuali che hanno contribuito in maniera considerevole a formare intere generazioni di tecnici e di docenti. Inoltre, lo sviluppo dei mezzi di comunicazione, che rende le informazioni prodotte dalla ricerca disponibili in tempo reale anche al più lontano viticoltore, ha ridotto il ruolo dei libri in genere nella trasmissione del sapere. Ma esiste una faglia, una frattura nella filiera della vite e del vino che impedisce il collegamento efficace tra chi produce, trasforma, commercializza e chi consuma. Questa esigenza di conoscenza, espressa in modi diversi dal consumatore e non limitatamente al vino, è un fenomeno moderno, che trova spesso impreparati sia l'accademia sia il mondo dei media. Il vino-alimento era percepito come un prodotto che doveva presentare poche caratteristiche essenziali, tra le quali la più importante era la conservabilità, e che la tradizione agricola, ancora viva negli agricoltori inurbati, giudicava il risultato di fenomeni spontanei, dove le qualità organolettiche erano soprattutto espressione dell'annata e di fatti casuali. Il vino-piacere è invece il risultato della conoscenza dei fenomeni chimici e biologici e del loro controllo. L'effetto non sempre benevolo dell'annata e la scoperta del “miracolo” della fermentazione hanno però fatto svanire quell'aura sacrale che accompagnava agli occhi del consumatore l'immagine antica del vino e, anche per effetto di scandali e fenomeni di sofisticazione, si è insinuato il dubbio che il vino sia diventato il risultato di sospette alchimie. Questo testo ha l'obiettivo primario di rassicurare il consumatore su quello che beve, fornendogli dall'interno del mondo della produzione tutte le informazioni, espresse in mondo semplice, essenziali per capire come si arriva al vino e come esso sia ancora un prodotto agricolo che ha bisogno di vitigni, di suoli, di condizioni climatiche, di corrette tecniche di conduzione del vigneto e di metodi di vinificazione che sono gli stessi di 2000 anni fa, resi solo più comprensibili e controllabili dal progresso delle conoscenze. Per rendere accessibili a tutti le varie fasi dei processi di produzione, i diversi specialisti degli argomenti trattati hanno usato un linguaggio semplice e una modalità di espressione visiva molto immediata. I temi sviluppati non sono esclusivamente viticoli, ma si è voluto mettere in evidenza quello spazio culturale compreso tra la viticoltura e l'enologia, di solito trattato in modo superficiale, che riguarda appunto l'interfaccia vite-vino, dove avvengono i processi più importanti ai fini della qualità. Inoltre, sono stati affrontati temi non trattati nei testi tradizionali di viticoltura, come i rapporti tra il vino e i suoi effetti sulla salute, il valore e la preservazione del paesaggio viticolo nell'immaginario del consumatore e i contenuti immateriali dei vini che vengono prodotti in luoghi di grande impatto estetico. Di grande attualità sono i capitoli che riguardano gli aspetti economici, di marketing e, in un mondo dove i consumi sono sempre più globalizzati, i rapporti commerciali tra le produzioni italiane e i mercati stranieri. Di rilievo non trascurabile è il coinvolgimento nella stesura del libro di specialisti di viti-enologia appartenenti a numerose Università e Centri sperimentali italiani, a testimonianza della grande vitalità della ricerca in questo settore fondamentale per l'economia del nostro Paese. Availability: ORG 3170 Le insalate : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Fabrizio Abbondanza ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Maria Lodovica Gullino ; coordinamento redazionale Ivan Ponti. - Milano : Bayer CropScience, c2011. - ix, 614 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura. Le insalate, i cibi più semplici che hanno accompagnato il percorso vitale dell'uomo. In questo volume, gli autori ne raccontano nel dettaglio le diverse varietà, analizzando aspetti morfologici, fisiologici e tecniche di coltivazione, ma anche dedicando ampio spazio alla loro lunga storia sulle nostre tavole e alle singole tradizioni regionali italiane. Molto curata la sezione relativa all'alimentazione visti gli eccellenti valori nutrizionali delle insalate e il loro importantissimo ruolo in una dieta corretta, con golose ricette che ne esaltano appieno gustosità e freschezza. Completano la trattazione un'accurata disamina delle prospettive della ricerca scientifica e delle possibilità di utilizzazione e commercializzazione di queste colture, con un focus approfondito sul sempre più invitante mercato dei prodotti pronti per il consumo. Availability: ORG 3171

12


www.iamb.it

N° 2 - 2013 - marzo/aprile

Se il carciofo è il “re” dell'orto, il pomodoro ne è sicuramente l'imperatore: le più moderne tecniche di orticoltura ruotano infatti intorno al miglioramento della resa quantitativa e qualitativa di questa pianta, i cui frutti compaiono ormai in cucine e dispense di tutto il mondo. Un risultato ragguardevole, se si considera che il pomodoro è stato “scoperto” assieme alle Americhe, e che quindi ha avuto pochi secoli di tempo per diffondersi nel mondo. In questo nuovo volume della collana Coltura & Cultura si ripercorre la storia della coltivazione del pomodoro e se ne esaminano le tecniche (tradizionali e in fase di studio, industriali e domestiche), naturalmente dopo aver descritto le caratteristiche agronomiche della pianta e senza dimenticarne i valori nutrizionali e le possibilità di utilizzo in cucina. Grazie al linguaggio semplice (ma preciso) utilizzato dagli autori e alla presenza di illustrazioni, schemi e tabelle esemplificative, il libro risulta sicuramente di piacevole lettura, oltre che utile ad approfondire la conoscenza di un prodotto che, se è nato nel Nuovo Mondo, ha trovato la sua patria d'elezione nel Vecchio Mondo e, in particolare, nel nostro Paese. Availability: ORG 3172

La patata : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Giorgio Amadei ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Luigi Frusciante, Giancarlo Roversi ; coordinamento redazionale Ivan Ponti. - Milano : Bayer CropScience, c2011. - xi, 928 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura. Grazie a proprietà nutrizionali, versatilità agronomica e resa produttiva, la patata è la quarta coltura al mondo per estensione, e la più diffusa dopo il pomodoro in Italia. In questo volume 104 autori, con rigore scientifico e linguaggio accessibile, ne descrivono aspetti morfologici, processi fisiologici, tecniche di coltivazione e tendenze della ricerca scientifica, con approfondimenti sulla lotta alle avversità e sugli approcci finalizzati al rispetto dell'ambiente. Grande rilievo all'alimentazione, dato che la patata ha ora superato l'immagine da “cibo dei poveri” del passato, e agli aspetti economici e di marketing, non tralasciando i sempre più cospicui impieghi non alimentari. Completa il quadro una ricca trattazione sulla patata nella storia e nell'arte. Availability: ORG 3173

Il carciofo e il cardo : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Giorgio Ancora ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Nicola Calabrese ; coordinamento redazionale Ivan Ponti. - Milano : Bayer CropScience, c2009. - xi, 464 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura. L'Italia è sia il maggior produttore sia il maggior consumatore a livello mondiale del “re dell'orto”, il carciofo. La cinaricoltura italiana è considerata un modello di riferimento per gli altri paesi: l'importante ruolo svolto dalla ricerca negli ultimi cinquant'anni ha favorito l'introduzione di numerose innovazioni nella tecnica colturale, nonchè la conoscenza degli aspetti biochimici e delle proprietà medicinali e nutrizionali della pianta. Il volume offre al lettore una trattazione vivace e interdisciplinare su questa importante coltura, con rigore scientifico e linguaggio accessibile anche al semplice curioso. La chiarezza dell'esposizione si deve agli autori, di riconosciuta competenza ed esperienza, e alla ricchezza di illustrazioni, schemi, riquadri, tabelle e grafici che corredano il testo. Il volume esplora l'origine e l'evoluzione della coltura del carciofo, le caratteristiche morfologiche e la fisiologia della pianta, il suo ruolo nella storia e nell'arte, con aneddoti e curiosità, e nell'alimentazione, con caratteristiche nutrizionali, proprietà fitoterapiche e medicinali, ricette. Oltre alla descrizione delle tecniche di coltivazione, delle malattie e dei parassiti animali e dei metodi di lotta, che offre al lettore una disamina completa sull'aspetto tecnico-agronomico di questa coltura, completano il quadro le discussioni nell'ambito della ricerca, i risultati delle sperimentazioni in tutto il mondo, i prodotti trasformati, gli aspetti economici, di marketing e commerciali tra i vari paesi e una panoramica sulla produzione internazionale. Availability: ORG 3174

13

Organic Agriculture

Il pomodoro : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Acciarri Nazzareno ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Vitangelo Magnifico ; coordinamento redazionale Ivan Ponti, Elisa Marmiroli. - Milano : Bayer CropScience, c2010. - xiii, 592 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura.


News from the Library CENTRO DOCUMENTALE - ISTITUTO AGRONOMICO MEDITERRANEO DI BARI

Organic Agriculture

Il pesco : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Giuseppe Barbera ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Carlo Fideghelli ; coordinamento redazionale Ivan Ponti. - Milano : Bayer CropScience, c2008. - xi, 512 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura. Nonostante la fortissima concorrenza internazionale, la peschicoltura italiana resta la più importante tra i paesi produttori occidentali ed è seconda solo alla produzione cinese che ha un mercato interno di un miliardo e 300 milioni di consumatori. Il pesco, originario della Cina, ha trovato nel Mediterraneo, fin dai tempi dell'antica Roma, condizioni ideali di adattabilità e da Roma si è poi diffuso in Europa; da qui nel continente americano. Nel nostro Paese, il pesco, tra le colture frutticole temperate, è secondo, per quantità prodotta, rispetto al melo, ma eguaglia questa produzione per valore commerciale e interessa un territorio molto più ampio, sia come superficie coltivata sia come aree di produzione. La peschicoltura italiana, dalla seconda metà del secolo scorso, è considerata un modello di riferimento per i paesi europei, nord-africani e medio-orientali. Le innovazioni adottate in Italia, a partire dagli anni '50 in poi, hanno guidato l'evoluzione della moderna peschicoltura europea: la forma di allevamento a palmetta, prima, il fusetto e il vasetto ritardato successivamente, le cultivar a polpa gialla a intensa colorazione rossa, le nettarine, il portinnesto pesco x mandorlo, gli impianti ad elevata densità ecc. L'importanza di questo volume sono certo che andrà ben oltre i confini nazionali, grazie alla riconosciuta competenza internazionale degli autori, all'originalità dell'articolazione dei capitoli, che toccano aspetti normalmente ignorati ma importanti e significativi per una visione completa di una coltura, come la storia, l'arte, il paesaggio, la cucina, nonché dell'impaginazione con i quadri sinottici che facilitano la lettura e la comprensione dei contenuti anche da parte dei non addetti ai lavori, alla ricchezza e bellezza delle illustrazioni. Availability: ORG 3175

Il pero : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Giuseppe Barbera ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Carlo Fideghelli ; coordinamento redazionale Ivan Ponti. - Milano : Bayer CropScience, c2007. - xi, 340 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura. L'Italia è il principale paese produttore mondiale di pere della specie Pyrus communis o pero europeo e giustamente questo volume è stato inserito nella originale collana “Coltura & Cultura” realizzata grazie a Bayer CropScience. L'originalità dei volumi è sia nei contenuti che nella forma editoriale. Per quanto riguarda i contenuti, accanto ai tradizionali capitoli sulla botanica della specie, sulla innovazione genetica, sulla tecnica colturale, sulla difesa e sul post-raccolta di analoghi volumi monografici, in questa opera, il lettore trova una sintetica ma esauriente trattazione della produzione e della commercializzazione a livello mondiale, un affascinante capitolo su questo gustoso frutto nella storia e nell'arte, un piacevole, e per molti aspetti sorprendente, percorso lungo l'Italia alla scoperta della pianta del pero nel paesaggio e, infine, a sintesi degli aspetti produttivi e commerciali, una puntuale informazione sulle proprietà nutritive e sull'impiego in cucina alla riscoperta di ricette della tradizione e alla scoperta di nuove invenzioni culinarie. Per quanto riguarda gli aspetti editoriali si apprezza l'eleganza della impaginazione e la qualità della stampa, insieme con la cura nella scelta delle illustrazioni e del loro inserimento nel testo, l'uso dei quadri sinottici che rendono gradevole la lettura e facilitano la comprensione dei contenuti. Gli Autori sono stati scelti per la loro esperienza professionale e accademica, maturata a diretto contatto con la specie e questa conoscenza traspare da tutta l'opera pur nella differenza delle esperienze e degli stili narrativi. Oltre che al frutticoltore professionista e al tecnico specialista l'opera è rivolta allo studente di agraria, al vasto e variegato mondo della frutticoltura amatoriale, ma anche il cittadino comune credo che vi troverà più di un motivo di curiosità e di interesse per accrescere la conoscenza dell'appassionante mondo dell'agricoltura del nostro Paese. Availability: ORG 3176

14


www.iamb.it

N° 2 - 2013 - marzo/aprile

Il melo è di gran lunga la specie da frutto temperata più importante al mondo, sia per quantità, con circa 60 milioni di tonnellate prodotte annualmente, sia per superficie coltivata superiore a 5 milioni di ettari e diffusione geografica (la coltura è presente in più di 90 Paesi dei 5 continenti). Le ragioni di un tale successo, che inizia con la creazione dell'uomo, risiedono oltre che nella gradevolezza del frutto assurto a simbolo delle tentazioni umane, nella grande serbevolezza e nella particolare idoneità ai trasporti che hanno fatto della mela uno degli esempi più compiuti di globalizzazione dei mercati. Anche in Italia il melo è il più importante dei fruttiferi temperati con una produzione stabile da anni, di 20-22 milioni di quintali che colloca il nostro Paese ai primi posti in Europa, con Francia e Polonia. La melicoltura italiana rappresenta anche un positivo esempio di specializzazione territoriale che ha consentito di conseguire due importanti obiettivi per competere sui mercati internazionali: elevate produzioni unitarie ed eccellenza della qualità. Forti dei riscontri molto positivi registrati per i volumi già pubblicati nell'ambito della collana “Coltura & Cultura” promossa da Bayer CropScience, con il volume sul melo si è ampliato il numero degli autori, coinvolgendo, oltre i più noti docenti universitari, grandi specialisti della ricerca e della sperimentazione territoriale nonché alcuni tra i responsabili delle maggiori associazioni dei produttori. L'obiettivo della collana è, infatti, quello di associare al rigore scientifico e alla autorevolezza accademica l'esperienza di chi applica concretamente le innovazioni della ricerca ai fini di produrre in modo competitivo in un mercato sempre più globalizzato. La chiarezza espositiva, la ricchezza delle illustrazioni che non trova riscontro in nessun'altra collana di testi tecnici, i capitoli sulla storia e l'arte, sul paesaggio e sulla cucina fanno di questo volume un'opera preziosa per gli studiosi, i frutticoltori professionisti, i tecnici, ma anche per gli studenti e i frutticoltori amatoriali sempre più numerosi e sempre più competenti. Availability: ORG 3177 La fragola : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Carlo Andreotti ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Walther Faedi ; coordinamento redazionale Ivan Ponti, Elisa Marmiroli. - Milano : Bayer CropScience, c2010. - xi, 548 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura. La fragola: un settore agricolo che vede l'Italia fra i maggiori paesi europei produttori, ma anche una sempre maggiore competitivitá a livello internazionale. Il volume approfondisce tutti gli aspetti fondamentali della pianta, dalla botanica alle tecniche di coltivazione, dall'alimentazione alle possibili utilizzazioni, ma anche i meno conosciuti ruoli in fitoterapia e in medicina, nella storia e nell'arte. Dalle specifiche realtá territoriali italiane al mercato globale, un confronto ricco di spunti sulle possibilitá di utilizzazione e commercializzazione di tale frutto. Con taglio esauriente e piacevole, grazie alla competenza dei 64 autori e al ricco apparato iconografico, il volume è una vera e propria bussola di orientamento nella realtà di una coltura di importanza considerevole. Availability: ORG 3178 L'uva da tavola : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Giuseppe Accetta ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Donato Antonacci, Attilio Scienza ; coordinamento redazionale Ivan Ponti, Elisa Marmiroli. - Milano : Bayer CropScience, c2010. - xiii, 624 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura. La rilevanza e la diffusione della coltivazione di uva da tavola nel mondo sono testimoniate dalla sua imponente produzione globale che, unita al miglioramento dei trasporti e delle tecniche di conservazione, consentono oggi di raggiungere anche consumatori lontani, tutto l'anno, conferendo al settore caratteristiche di sempre maggiore globalità. L'Italia è il paese europeo leader nella produzione e nell'esportazione: nel nostro Paese l'importanza dell'uva da tavola è andata man mano crescendo fino a farla diventare una coltura tipica dell'Italia Meridionale. Per questo importante volume, sono stati coinvolti qualificati esponenti del mondo scientifico nazionale, rappresentanti di aziende leader, esperti italiani e anche stranieri, ai quali è stato affidato il compito di illustrare i principali aspetti del settore in alcuni dei paesi esteri più importanti per la produzione e l'esportazione di uva da tavola. L'opera si approccia al settore con uno sguardo a tutto tondo, anche grazie ai preziosi dati statistici messi a disposizione dall'OIV (Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino). L'impostazione e la fruibilità dei testi, e le ricche illustrazioni, rendono il volume prezioso non solo per studenti, tecnici e operatori della filiera, ma anche per tutti quei consumatori informati che desiderano saperne di più su questo frutto, che va mostrando sempre più importanti effetti positivi per la salute dell'uomo. Availability: ORG 3179

15

Organic Agriculture

Il melo : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Vito Amendolara ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Carlo Fideghelli ; coordinamento redazionale Ivan Ponti. - Milano : Bayer CropScience, c2008. - xi, 624 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura.


News from the Library CENTRO DOCUMENTALE - ISTITUTO AGRONOMICO MEDITERRANEO DI BARI

Organic Agriculture

Il riso : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Gianfranco Airoldi ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Aldo Ferrero ; coordinamento redazionale Ivan Ponti. Milano : Bayer CropScience, c2008. - xiii, 696 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura. Rice is life, il riso è vita. Questo slogan, coniato dalla FAO per l'Anno Internazionale del Riso celebrato nel 2004, non potrebbe riassumere in maniera più effi cace tutto il significato di questa coltura per l'esistenza dell'uomo. Si stima che a livello mondiale il riso sia la coltura che ha alimentato nel tempo il più elevato numero di persone. Circa la metà della popolazione mondiale, e in particolare quasi tutta quella asiatica, dipende da questo alimento per la propria nutrizione. Alcune centinaia di milioni di piccoli agricoltori trovano in questa coltura la loro principale e talora unica fonte di reddito. L'importanza del cereale nella vita dell'uomo è sintetizzata ottimamente da una comune formula di saluto, ancora oggi in uso in numerose regioni del Sud-Est asiatico: "hai avuto la tua ciotola di riso oggi?". Il riso è una coltura versatile, capace di adattarsi a un'ampia varietà di suoli e di condizioni ambientali, tanto da essere presente in tutti i continenti. È coltivato su terreni sciolti o argillosi, in regioni aride o piovose e dove la temperatura media della stagione colturale si mantiene intorno a 33°, o dove raggiunge appena 18 °C. Il riso assume una posizione di primo piano anche nella scena agricola italiana e di quella della maggior parte dei Paesi affacciati sul Mediterraneo, dove la coltura è giunta verso l'VIII secolo dalle regioni asiatiche di origine. Nonostante un consumo relativamente contenuto rispetto a quello di altre colture e un contesto socio-economico non sempre favorevole al suo sviluppo, la risicoltura del nostro Paese si è mantenuta nei secoli, arrivando a interessare circa la metà della totale superficie europea occupata dalla coltura. Ciò è stato possibile soprattutto grazie alla capacità dei nostri risicoltori di adeguarsi ai progressi tecnici e organizzativi, oltre che alle modificazioni delle condizioni sociali ed economiche, intervenute nel tempo nella realtà agricola. Nel presente volume sono state sintetizzare le numerose conoscenze sul cereale, sparse in un gran numero di pubblicazioni. In questo volume sono state esaminate in modo sintetico, ma completo, le caratteristiche botaniche, le esigenze, la fi siologia della pianta, la ricerca genetica e le più aggiornate tecniche di coltivazione. Una parte importante dell'opera è stata dedicata agli aspetti storici, artistici, ambientali e paesaggistici, nonché alle tradizioni musicali e religiose legate a questa coltura. Ampio spazio è stato riservato alla trattazione della lavorazione industriale, delle diverse forme di utilizzazione, delle proprietà nutrizionali e delle tradizioni gastronomiche. In chiusura è stato inserito un approfondito esame della risicoltura nella realtà europea e mondiale, sottolineando le caratteristiche, gli aspetti critici e le prospettive da un punto di vista della produzione e del mercato. Availability: ORG 3180

Il grano : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Antonio Blanco ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Natale Di Fonzo ; coordinamento redazionale Ivan Ponti. - Milano : Bayer CropScience, c2007. - xi, 320 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura. È la prima opera scritta da Autori italiani che descrive, in forma scientificamente rigorosa, tutti gli aspetti della filiera dei frumenti. Merito di Bayer CropScience è l'aver voluto dedicare spazio, nella collana Coltura & Cultura, a un settore che rappresenta uno degli elementi trainanti dell'agroindustria del Paese. La successione dei temi è originale e consente di fornire un quadro unitario dell'intera materia. Il lettore troverà senz'altro affascinante la descrizione sull'origine, evoluzione e diffusione dei frumenti nel mondo che parallela in qualche modo gli aspetti storici, culturali, religiosi ed economici dell'uomo. La struttura del volume è stata organizzata per rendere la trattazione degli argomenti esaustiva ma nello stesso tempo sintetica ed essenziale. L'uso di un linguaggio agevole e una presentazione arricchita con quadri riassuntivi rende il testo facilmente consultabile da chi desidera avvicinarsi alle basi teoriche e ai concetti generali del mondo dei frumenti. Il volume è destinato in primo luogo ai consumatori, nonché al mondo della ricerca, della scuola, della divulgazione e agli operatori del settore. Availability: ORG 3181

16


www.iamb.it

N° 2 - 2013 - marzo/aprile

La scarsità di cereali e l'assottigliarsi delle scorte a livello mondiale con il conseguente aumento dei prezzi di questo momento è dovuto sia alla maggiore richiesta dei Paesi emergenti sia ad una maggiore utilizzazione non alimentare. Ciò crea preoccupazioni, aggravate dal fatto che la popolazione mondiale è in continuo aumento e che la superficie coltivabile non solo non può aumentare, ma purtroppo tende a diminuire. Il mais, tra i più grandi cereali al mondo, primeggia per produzione totale e resa unitaria, il riso perché nutre un numero di persone più elevato e il frumento per le maggiori superfici impiegate. Attualmente, mentre riso e frumento vengono prevalentemente utilizzati direttamente per l'alimentazione umana, il mais continua ad essere fonte di cibo nei paesi in via di sviluppo, mentre nei paesi più avanzati è destinato, in quantità sempre maggiore, non solo all'allevamento del bestiame, ma anche a una moltitudine di impieghi come in realtà già avviene. La coltivazione del mais in Italia, che nei primi anni del '900 aveva raggiunto una superficie di ben 2 milioni di ettari e una produzione totale di 2 milioni di tonnellate , si è ridotta di molto in superficie per l'abbandono delle aree marginali, ma fa registrare oggi produzioni totali cinque volte maggiori. È noto che, nelle regioni padane, si è raggiunto il primato delle produzioni mondiali grazie all'impegno profuso da scienziati, tecnici e operatori agricoli. Nelle stesse regioni ha poi stimolato una zootecnia intensiva e tecnologicamente avanzata favorendo l'affermarsi di produzioni alimentari d'eccelenza: basti citare come esempio il Parmigiano Reggiano, il Grana Padano, il Prosciutto Crudo di Parma e quello di San Daniele. Il presente volume costituisce una aggiornata e completa raccolta, anche se sintetica ed essenziale, delle attuali conoscenze maidicole e per certi versi anche una guida semplice a una razionale coltivazione e impiego del mais, contribuendo a stimolare ulteriori progressi. L'opera è suddivisa, seguendo lo schema della collana, in 8 sezioni, che trattano la biologia e il miglioramento genetico; l'origine e la storia della specie con una particolare attenzione a quanto è avvenuto in Italia; gli antichi e i moderni impieghi del mais nell'alimentazione umana; l'evoluzione della coltura e l'influenza della stessa sul paesaggio; la coltivazione con una serie di sottocapitoli per trattare tutti gli argomenti che alla stessa si collegano; la ricerca nella genetica e nel miglioramento genetico, che hanno utilizzato il mais come pianta modello; l'utilizzazione nel settore zootecnico, in quello industriale e nella produzione di combustibili liquidi e gassosi. Chiude il volume una visione del mais nel mondo, nell'Unione Europea e in Italia, con considerazioni importanti circa il futuro. Availability: ORG 3182

L'ulivo e l'olio : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, mondo e mercato / a cura di Barbara Alfei ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Michele Pisante, Paolo Inglese, Giovanni Lercker ; coordinamento redazionale Ivan Ponti. - Milano : Bayer CropScience ; Bologna : Script, c2009. - x, 768 p. : ill ; 25 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura. L'olivo, pianta millenaria del paesaggio agricolo Mediterraneo, è stato sempre apprezzato per i suoi frutti e per l'olio che da essi si ricava per semplice pressione. Simbolo di pace e longevità, l'olivo inizia il suo percorso di specie coltivata nella regione compresa tra i rilievi a sud del Caucaso e ad ovest dell'altopiano iraniano, dove, circa 6.000 anni fa, alla sua coltivazione si dedicarono i popoli semitico-camiti. L'abbondanza dei reperti e le testimonianze degli antichi ci parlano dunque della storia millenaria dell'Olea europaea sativa che, dall'Oriente, presto raggiunse quello che Braudel chiamò, non a caso, il “mare degli oliveti”, il Mediterraneo, giungendo prima in Grecia, quindi sulle coste africane e, infine, nella penisola iberica e italiana. A partire dall'VIII secolo a.C., con la colonizzazione greca dell'Italia meridionale, la coltivazione dell'olivo venne introdotta in quella che verrà chiamata la Magna Grecia. Si narra che Romolo e Remo, discendenti degli Dei e fondatori di Roma, videro la luce sotto i rami di un olivo, anche se a dar retta a Fenestrella, storico annalista citato da Plinio nella Naturalis historia, sembrerebbe che fino al VI secolo a.C., nella città eterna, la coltivazione dell'olivo fosse ancora sconosciuta. In questo affascinante e lungo viaggio la storia e il mito dell'olivo e dell'olio si intrecciano ripetutamente e se per il popolo ebraico fu Dio a donare ad Adamo, ormai prossimo alla morte, i tre semi che il figlio Seth pose tra le sue labbra prima di seppellirlo e dai quali germogliarono il cedro, il cipresso e l'olivo, è alla Dea Iside, moglie di Osiride, che gli antichi egizi rendevano omaggio per aver dato loro la capacità di coltivare il sacro albero. È l'olio il prodotto principe dell'olivo, ab initio apprezzato per il suo legno. L'olio, fonte di luce e alimento con elevata conversione energetica, elemento simbolico delle grandi religioni monoteiste, unguento prezioso degli atleti olimpici. L'olio, al centro della dieta mediterranea cui si riconosce da ogni parte il primato alimentare per la salute umana, è la ragione della straordinaria espansione che la coltivazione dell'olivo sta vivendo in tutti i continenti. L'olivicoltura italiana, giunta a noi nel terzo millennio come un modello di agricoltura multiproduttiva, vive una fase di transizione destinata a cambiare la fi sionomia del paesaggio olivicolo italiano. Se non della stessa economia agricola del nostro Paese. Da un lato, i sistemi tradizionali, del cui ruolo

17

Organic Agriculture

Il mais : botanica, storia e arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, metodo e mercato / a cura di Stella Agostini ... [et al.] ; coordinamento generale Renzo Angelini ; coordinamento scientifico Tommaso Maggiore ; coordinamento redazionale Ivan Ponti. Milano : Bayer CropScience, c2007. - xi, 448 p. : ill. ; 26 cm. (( Sulla cop.: Collana ideata e coordinata da Renzo Angelini ; Coltura & Cultura.


News from the Library CENTRO DOCUMENTALE - ISTITUTO AGRONOMICO MEDITERRANEO DI BARI

storico, sociale e paesaggistico è difficile fare a meno, dall'altra l'urgenza per una nuova olivicoltura che dovrà essere capace di creare nuovi legami tra qualità, economicità ed eccellenza alimentare, disegnando un nuovo modello olivicolo italiano, competitivo nel mondo. Una sfida immensa alla quale non è possibile sottrarsi. In questo libro viene valorizzato lo stretto legame tra il sistema produttivo e paesaggistico dell'olivicoltura e il ruolo storico e anche religioso, dell'olivo e dell'olio. Ampio spazio è stato riservato alle innovazioni che la ricerca scientifica italiana ha realizzato, nel più ampio contesto di una rapida globalizzazione dei consumi e delle abitudini alimentari.

Organic Agriculture

Availability: ORG 3169

Responsabile: A cura di:

Progetto grafico:

18

Luigi Sisto e-mail: l.sisto@iamb.it Tel. 080/4606265 Giuseppe Inchingolo e-mail: inchingolog@iamb.it Tel. 080/4606269 Wanda Occhialini e-mail: occhialini@iamb.it Tel. 080/4606266 Fabio La Notte e-mail: lanotte@iamb.it Tel.080/4606358

Newsletter Centro Documentale IAMB n. 2/2013  

Newsletter Centro Documentale IAMB n. 2/2013

Advertisement