Page 1

veneziamagazine.com TH NICE THE 74 VSETIVAL FILM FE

COVER STORY ALESSANDRO BORGHI FASHION F/W 2017-2018 FREE AS A BIRD CULTURE LISA HILTON | TEN MAGNIFICENT LIONS | VERONESE ITINERARIES LIDO | SAN MARCO STORIES | VINEYARDS


F A L I E R O S A R T I . C O M


82

98

66

25

AUTUMN in this issue

COVER STORY

24

58 Alessandro Borghi

International relations

‘Mr. Patroness’

Relazioni internazionali

Matteo Legrenzi

Il ‘Madrino’ by Giovanni Bogani FASHION

SAVE AS 26

Venice exhibition

27

Veneto exhibition

28 Classic 29

Pop

30

Book

33

It Object

66

Shooting

Free as a bird by Marta Innocenti Ciulli

76

MUST HAVE 79

PEOPLE 18

Davide Majer

Jewels

Bags

80 Shoes 81

Man

Yoga: a choice of the heart Yoga: una scelta di cuore 20

Antonella Barina

MOVIE, 82

THEATRE & MUSIC

Movie history

Poetry and enchantment

Tra poesia e incanto

Dieci splendidi Leoni by Giovanni Bogani

22

Franca Pullia

Ten magnificent Lions

98

Theatre season

Venice is music

The best of...

Venezia è musica

Il meglio di… by Teresa Favi


102

112

88

25

AUTUMN in this issue

ITINERARIES 46

City lifestyle

The Golden island Lido: Isola d’Oro by Federica Repetto 102

SPORT 118

Venice Hospitality Challenge

Grand Prize City of Venice Gran Premio Città di Venezia

District

San Marco stories Curiosità di San Marco by Federica Repetto

FOOD & WINE 112

Wine experience

ART, DESIGN & CULTURE

It’s a matter of terroir

62

Questione di terroir

Culture interview

Venice, mon amour!

120

Venezia, amore mio! by Mila Montagni

Belmond Hotel Cipriani. Like diamonds

88

Palazzo Ducale

The Venetian Light La luce veneziana 92

Exhibitions

Energy flows Flussi di energia by Francesca Lombardi 96

Movie exhibition

A rediscovered star La diva ritrovata by Luciana Boccardi

Cocktails

Come diamanti by Giovanna Caprioglio 122

Food art

Unbelievable. The Lunch Experience Il pranzo delle meraviglie by Giovanna Caprioglio SHOT ON SITE 42

GUIDE 126

Restaurants


M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini T

H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli co-editor Guido Parigi Bini managing editor

Teresa Favi, Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Virginia Mammoli, Mila Montagni venezia correspondent

Federica Repetto contributors

Rossella Battista, Luciana Boccardi, Giovanni Bogani, Giovanna Caprioglio photographers

Angelos bvba, ASAC - Archivio Storico delle Arti Contemporanee, Matteo Bertolin, Marco Cappelletti, Gaetano Del Mauro (cover), Luca Del Pia Federica Fiori, Fondazione Musei Civici di Venezia, Jean-Pierre Gabriel, Stefania Galluccio, Dario Garofalo, Christoph Gerigk ICCD - Gabinetto fotografico Nazionale, Delfino Sisto Legnani, Mattia Mionetto, New Press Photo, Alvise Nicoletti Italo Rondinella, Tyson Sadlo, Jacopo Salvi art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Centroservizi Traduzioni, Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Alessandra Nardelli, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa ph +1.305.213-9397 fax +1.305.573-3020 società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 6/2011 del 2.8.2011 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori (Symbol Freelife Gloss Premium White Paper) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

CONTRIBUTORS

T

5,00 FREE COPY spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

COVER STORY CHRIS COOPER FASHION A/W 2015.WHAT A SURPRISE INTERVIEWS GIOVANNI GASTEL | FRANCESCO SCOGNAMIGLIO | KATRIONA MUNTHE CULTURE WHITE ROOM | FABULOUS FIFTIES ITINERARIES SEABEDS | PIAZZETTA | THE ISLAND RESTAURANTS

COVER STORY FABRIZIO GIFUNI FASHION S/S 2015 STREET À PORTER INTERVIEW SANDRO VERONESI | DANIELA CIANCIO | TATIANA LUTER ART SISTINE CHAPEL | LORENZO LOTTO | BELLISSIMA ITINERARIES MONTI | FLEA MARKETS | CRAFTSMEN

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

T

SPECIAL EXPO 2015

COVER STORY DAVID CRONENBERG

FASHION S/S 2015 W.J. WONDERFUL JEANS | FRANCA SOZZANI INTERVIEW PAOLO CONTE | TONI AND PEPPE SERVILLO | DAVIDE RAMPELLO ART GALLERIA DEGLI UFFIZI | ANTONY GORMLEY | GUCCI MUSEUM ITINERARIES DANTE 750TH ANNIVERSARY | LOCAL ONLY

The ultimate way to learn all about the most beautiful Italian places

fashion, art, event and lifestyle magazines

Luciana Boccardi Crovato, Fashion and society expert, she started her career in journalism after having been awarded the Mentasti Literary Prize by Georges Simenon. She works with newspapers and magazines, she takes part in TV talk shows and serves as chairwoman of conferences. She lives in Venice. Esperta di costume e moda, autrice di saggi, ha iniziato la carriera giornalistica dopo l’assegnazione del Premio Letterario “Mentasti” consegnatole da George Simenon. Collabora con quotidiani e periodici, è ospite di talk show televisivi, moderatrice di convegni e dibattiti. Vive a Venezia, la città dov’è nata. Giovanni Bogani, a journalist, he writes about the cinema festivals of Berlin, Cannes, Venice and Rome for the newspaper La Nazione and for websites www.affaritaliani.it and www.cinecitta.it. He has collaborated with the Italian-American magazines “US Italia” and “ItalyAmerica”americane Us Italia e ItalyAmerica. Giornalista, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web www.affaritaliani.it e www.cinecitta.it. Ha collaborato con le riviste italo/americane Us Italia e ItalyAmerica. Giovanna Caprioglio, a native Venetian, she has lived in Milan for several years where she manages The Lifestyle Journal. Venice surprises her daily and curiousity pushes her to constantly discover new spots and itineraries off the beaten path. Veneziana d’origine, vive a Milano da qualche anno, dove dirige il magazine The Lifestyle Journal. Venezia la sorprende ogni giorno e la curiosità la porta a scoprire luoghi e itinerari sempre fuori dal comune. Matteo Corvino, a Venetian interior design architect, he is an event organizer for cultural institutions and private societies. Among his most important events we remember the “Millennium” for the passage towards the year 2000, at the Grand Trianon of Chateau de Versailles. Architetto veneziano di interni, attore, regista e organizzatore di eventi. Fra i suoi eventi più importanti il private party «Millennium» per il passaggio all’anno 2000, tenutosi al Grand Trianon della Reggia di Versailles. Marta Innocenti Ciulli, 43 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. 43 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 30 libri di arte e alta architettura. Federica Repetto is a professional journalist who lives and works in Venice. She specializes in culture, customs and entertainment and contributes to various publications. She has also been in charge of communications for various companies and events. Giornalista professionista. Vive e lavora a Venezia, si occupa in particolare di cultura, spettacolo e costume. Scrive su diverse testate, e ha curato la comunicazione per aziende e manifestazioni.


venice people

heart e h t f o e c i o h c Yoga: :UaNA SCELTA DI CUORE YOGA

Born and raised in Venice, Davide Majer is a highly-successful Yoga instructor who practices this intense physical and spiritual activity on the altana rooftop terraces of Venice

text Federica Repetto When did you discover Yoga? I didn’t discover yoga. Yoga discovered me. This is my favorite reply to those who ask me this question. What does yoga mean to you? Yoga is my way of life. Teaching yoga means following this pathway and going with the flow of what life has in store for me. Jaya Yoga, my studio in Venice, was conceived with this awareness. Being a Yogi (editor’s note: a person who practices Yoga) means going by ethics based on profound values, such as non violence and unconditioned love. The positions (asana) are therefore increasingly challenging and complex. Is it true that you hold lessons on rooftops? Yes, it’s true! The idea came to my wife Chiara. I hold my lessons on the altana rooftop terraces of Venice. They are exclusive places with breathtaking views where you can experience emotions you never knew existed, both during and after the sessions. It’s quite unique. Trying is believing. How does one enhance their spiritual growth? Personal practice is fundamental. I meditate every day, read books on traditional spiritual Yogic and go to ashrams regularly, especially the one at Villa Vrindavana, to attend courses and seminars. What is your long-cherished dream? To train new yoga instructors in Italy and abroad. Share my knowledge, passion and enthusiasm with people who, like me, wish to take this wonderful journey. Quando si è avvicinato allo Yoga? Non sono io che ho trovato lo Yoga, è lo Yoga che ha trovato me. Così amo rispondere a chi mi fa questa domanda. Quale significato ha per Lei questa disciplina? Lo Yoga è la mia strada di vita, insegnare Yoga è seguire questa strada fluendo secondo quello che la vita ha in serbo per me. Da questa consapevolezza è nato Jaya Yoga, il mio studio a Venezia. Essere uno Yogi (ndr praticante di Yoga) significa avere un codice etico fondato su valori profondi come la non violenza e l’amore incondizionato, si tratta quindi di limitarsi a fare posizioni (asana) sempre più difficili e complesse. È vero che tiene lezioni meditando sopra i tetti della città? Sì, è vero! È stata mia moglie Chiara ad avere l’idea. Faccio lezioni sulle altane di Venezia: posti esclusivi con panorami mozzafiato che regalano sensazioni uniche durante e dopo la pratica. È un’esperienza originale, provare per credere. Cosa fare per arricchire la propria crescita spirituale? La pratica personale è fondamentale. Faccio meditazione tutti i giorni, leggo i testi della tradizione spirituale Yogica e mi reco abitualmente negli ashram, soprattutto quello di villa Vrindavana, a seguire corsi e seminari. Il suo sogno nel cassetto? Formare nuovi insegnanti in Italia e all’estero. Trasmettere la mia conoscenza, la mia passione e il mio entusiasmo a persone che come me sentono il desiderio di intraprendere questo percorso.

18 Venezia | made in Veneto


venice people

nt

e m t n a h c n e d n PoetrySIAa E INCANTO TRA POE

text Federica Repetto Are words an instrument of power? Words have the power to change reality. They are the first manifestation of thought, the first grain of a new telluric settlement. For ten years now, you have been organizing M’editare, an annual conference dedicated to self-publishing. I launched self-publishing in Venice, but all the Amanuensis work, from books on magic to the recipes of the Benedictines, was already self-publishing. What I add to this is taking on editorial responsibility and having respect for the creative metabolism. What poems do you habitually read? I love Ecclesiastes, Rumi, Dickinson, Majakovsky. I prefer the sung word. Perhaps the writer who has influenced me the most is Bob Dylan. Your next collection of poetry? Il Monte sopra il Cielo, 33 poesie sui Cambiamenti Climatici (The Mount above Heaven, 33 Poems on Climate Change), inspired by observations of the weather anomalies from 2010 to today in my garden. And the series of poems on the different ways of loving is ready. One of your poetic verses for Venice... Whether there is any foundation to it or not, in the name of Venice I feel a bond with the Latin Venus. Almost the evocative root of that name, buried by the mud of the barene, that still has to deliver a program of love that has been silenced.

Antonella Barina: poet, playwright, journalist. Since the 1970s she has worked on the myth. Her poems are about identity, territory, travel and the stars Poetessa, drammaturga, giornalista. Dagli anni 70 lavora sul mito, le sue sono poesie dell’identità, dei territori, di viaggio e astrali 20 Venezia | made in Veneto

La parola è strumento di potere? Ha il potere di cambiare la realtà. È la prima manifestazione del pensiero, il primo granello di un nuovo assestamento tellurico. Da dieci anni cura a Venezia M’editare, incontro annuale dedicato all’autoeditoria... Ho lanciato a Venezia l’autoeditoria, ma tutta la pratica amanuense, dai libri di magia alle ricette benedettine, era già autoeditoria. Io vi aggiungo l’assunzione della responsabilità editoriale e il rispetto del proprio metabolismo creativo. Quali sono le poesie che legge abitualmente? Amo l’Ecclesiaste, Rumi, Dickinson, Majakovskij, prediligo la parola cantata, forse l’autore che più mi ha influenzato è Bob Dylan. La sua prossima raccolta poetica? Il Monte sopra il Cielo, 33 poesie sui Cambiamenti Climatici, nata dall’osservazione dal 2010 ad oggi delle trasgressioni temporali del mio giardino. Ed è pronta la serie delle poesie sui diversi modi di amare. Un suo verso per Venezia... Al di là di ogni fondatezza, nel nome di Venezia sento un legame col latino Venus. Quasi che la suggestiva radice di quel nome, sepolta dal fango delle barene, debba ancora restituire un programma amoroso che è stato taciuto.


Venezia, Ponte di Rialto


venice people

usic ice MisUSm Ven ICA EZIA È VEN

text Federica Repetto

ph. Stefania Galluccio

What was your first contact with music? When I was little I sang in a choir and my parents often took me to La Fenice. In 2003, I started studying singing seriously. How did the project of the Women back from Hollywood come about? My ex-teacher Anna Contin instilled in me the habit of inviting other musicians attending the concerts to come up on stage. The debut of Women was March 8, 2013, when I invited all of my female friends to perform with me at Vapore. The project then grew to include the six that I felt I had the greatest affinity with. In December our Alessia Pugliatti passed away, but we continue to sing with and for her. To become established, what is more important, study or talent? Talent alone is not enough. You need passion, curiosity, intelligence, and a search for authenticity. Advice for emerging artists? To be curious, to go deep, to be wary of everyone immediately, to refuse fashion and self-contentedness. Don’t give up when those around you are better, but understand their secrets. Is Venice music? Potentially, very much so. Venice is full of good musicians. However, it’s a city full of contradictions, where those who play often feel like ‘jesters’ indulged by wealthy tourists.

Franca Pullia, a Venetian singer, idealist in life and music, loves good food, friends, writing and fantasizing Cantante veneziana, idealista nella vita e nella musica, ama il buon cibo, gli amici, scrivere e fantasticare 22 Venezia | made in Veneto

Quando si è avvicinata alla musica? Da piccola cantavo in coro e i miei genitori mi portavano spesso alla Fenice. Dal 2003 ho iniziato a studiare canto seriamente. Com’è nato il progetto delle Women back from Hollywood? La mia ex-insegnante Anna Contin mi ha trasmesso l’abitudine di invitare sul palco gli altri musicisti presenti ai concerti. L’esordio delle Women è stato l’8 marzo del 2013, quando ho invitato tutte le mie amiche cantanti a esibirsi con me al Vapore. Il progetto si è poi ridimensionato alle sei che sentivo più affini. A dicembre è mancata la nostra Alessia Pugliatti ma continuiamo a cantare con e per lei. Per affermarsi conta di più lo studio o il talento? Il solo talento non basta. Servono passione, curiosità, intelligenza e la ricerca dell’autenticità. Consigli per gli emergenti? Essere curiosi, approfondire, diffidare del tutto e subito, rifiutare mode e autocompiacimento. Non abbattersi se c’è gente più brava, ma carpirne i segreti. Venezia è musica? Potenzialmente moltissimo. Venezia pullula di bravi musicisti. È però una città piena di contraddizioni, in cui chi suona si sente spesso un ‘giullare’ a uso dei turisti abbienti.


E C L I P S E

Hand made in Venezia Calle delle Ostreghe, San Marco 2436 - www.micromegaeyewear.com


venice people

ns o i t a l e r l a n o i t Interna RNAZIONALI RELAZIONI

INTE

text Federica Repetto What does it mean to work in the world of international relations? Travelling a lot, learning languages and having an open mind. Do your personal characteristics count if you want to work in the field of cooperation? You have to avoid drawing hasty conclusions and stay optimistic and active despite the adversities. What are the soft skills that distinguish this profession? Empathy, organization, punctuality and above all entrepreneurship. What is the European situation like? It’s highly varied. There is excellence in Great Britain, Switzerland and Scandinavia but also in Germany, while the Community institutions are both a great resource and a great challenge. What is the Italian situation like? It’s developing quickly, both as an academic discipline and a job opportunity. The future lies in those professional roles that have received an interdisciplinary and international education. And Venice? If we think of the role that Venice has played as a crossroads over the centuries, but also of its present reality as a seaport and crossroads of civilization, we have the chance to become the city of the next era. But it will be necessary to seize the opportunity and not rest on our laurels.

Matteo Legrenzi teaches international relations at Ca’ Foscari University, and holds a doctorate from Oxford University where he continues to be an Academic Visitor Insegna relazioni internazionali all’Università Ca’ Foscari, ha ottenuto un dottorato all’Università di Oxford dove rimane Academic Visitor 24 Venezia | made in Veneto

Cosa significa lavorare nel mondo delle relazioni internazionali? Viaggiare molto, imparare le lingue e avere una mente aperta. Le caratteristiche personali contano se si vuole lavorare nel settore della cooperazione? Bisogna evitare di giungere a conclusioni affrettate e rimanere sempre ottimisti e fattivi, malgrado le avversità. Quali sono le soft skill che contraddistinguono questa figura professionale? Empatia, organizzazione, puntualità e soprattutto intraprendenza. Come si presenta il contesto europeo? È molto variegato, vi sono eccellenze in Gran Bretagna, Svizzera e Scandinavia ma anche in Germania, mentre le istituzioni comunitarie sono al tempo stesso una grande risorsa e una grande sfida. Qual è la situazione italiana? In grande sviluppo, sia come disciplina accademica che come possibilità di lavoro. Il futuro sta proprio in figure professionali che abbiano ricevuto una formazione interdisciplinare ed internazionale. E Venezia? Se pensiamo al ruolo di crocevia che Venezia ha ricoperto nei secoli ma anche alla sua realtà attuale di porto di mare e di incroci di civiltà, abbiamo la possibilità di diventare la città della prossima era. Ma bisogna saper cogliere l’occasione senza adagiarsi.


save as venice exhibition

Like every year, the Art Biennale transforms Venice into an exciting melting pot of artwork, exhibitions and outdoor installations. Most of the collateral events and concurrent exhibitions will be ending on the same day as the Biennale. Viva arte viva - the title of this year’s exhibition, arranged as usual inside the Giardini and the Arsenale - will be closing on Sunday 26 November along with: Glass and bone sculptures (1977-2017), dedicated to Jan Fabre hosted at the Abbey of San Gregorio; One and One makes Three, which has brought the fascinating works of Michelangelo Pistoletto to the

Basilica of San Gregorio; The vid Hockney, on display until 22 Boat is Leaking. The Captain Lied, October at Ca’ Pesaro. at the Fondazione Prada; The NOVEMBER home of my eyes, the exhibition by Palazzo Cini’s Gallery hosts unthe Iranian photographer Shirin til November 15th Lyda Borelli A Neshat, at the Museo Correr; Leading Lady of the 20th Century, and the exhibit dedicated to the a tribute to one of the most fasSerbian artist Marina Abramović, cinating Italian actresses. at the Zuecca Project Space. Vis- DECEMBER ible until the same date are the One of the most sensational installations by James Lee Byars, exhibitions of this 2017 is TreaGolden Tower, in Campo San Vio sure from The Wreck of The Unand Support by Lorenzo Quinn, believable, for which the venues the giant hands which gracefully Palazzo Grassi and Punta della ‘support’ Ca’ Sagredo. There will Dogana are dedicated to a sinbe instead an extra day to enjoy gle artist, Damien Hirst (until the works of Intuition, at Palazzo 3 December), for the first time. Fortuny; while 30 November will Indian gems and jewels dating be the last day for I dettagli lumi- between 16th and 20th century nosi, Manolo Valdés’s solo exhibi- on display until 3 January at Palazzo Ducale. tion, at the Galleria And until 7 Janud’Arte Contini. ary, Picasso On the OCTOBER Beach at the Peggy 82 Portraits and 1 Guggenheim ColStill-life are the colOnly the lection. orful works by Da-

Come ogni anno la Biennale d’arte trasforma Venezia in un entusiasmante crocevia di opere d’arte, mostre e installazioni en plein air. L’intera città dà il meglio di sé portando sulla laguna i migliori artisti contemporanei e i talenti più promettenti. La maggior parte delle iniziative collaterali e delle esposizioni concomitanti termina esattamente lo stesso giorno della Biennale. Insieme a Viva arte viva, titolo di questa edizione allestita come di consueto tra gli spazi dei Giardini e dell’Arsenale, volgono al termine domenica 26 novembre: Glass and bone sculptures (1977-2017), la grande esposizione dedicata a Jan Fabre nell’Abbazia di San Gregorio, One and One makes Three che ha portato le suggestive opere di Michelangelo Pistoletto nella Basilica di San Gregorio, The Boat is Leaking. The Captain Lied, di stanza in Fondazione Prada, The home of my eyes, la

mostra della fo- unforgettable NOVEMBRE tografa iraniana La Galleria di Paautumn Shirin Neshat, al lazzo Cini ospita Museo Correr, e rich with fino al 15 novemla rassegna dedica- colors and bre la mostra Lyda ta all’artista serba fascination Borelli primadonna Marina Abramović, del Novecento, omagpresso Zuecca Project Space. gio a una delle attrici italiane più Visibili fino alla stessa data le in- affascinanti. stallazioni Golden Tower di James DICEMBRE Lee Byars, in Campo San Vio e Una dell’esposizioni più eclaSupport di Lorenzo Quinn, le gi- tanti di questo 2017 è Treasure gantesche mani che ‘sorreggono’ from The Wreck of The Unbelievacon grazia Ca’ Sagredo. Un gior- ble, in occasione della quale per no in più per godere invece delle la prima volte Palazzo Grassi e opere esposte con Intuition, a Pa- Punta della Dogana sono stalazzo Fortuny, mentre si conclu- te dedicate a un unico artista, de il 30 novembre, I dettagli lumi- Damien Hirst (fino al 3 dicemnosi, personale di Manolo Valdés, bre). Si protrae invece fino al 3 alla Galleria d’Arte Contini. gennaio, Tesori dei Moghul e dei OTTOBRE Maharaja: La Collezione Al Thani, Termina invece il 22 ottobre la dedicata alle gemme e ai gioielmostra con le coloratissime ope- li indiani, dal XVI al XX secore di David Hockney, uno dei più lo, a Palazzo Ducale, mentre la importanti artisti figurativi con- Collezione Peggy Guggenheim temporanei, 82 ritratti e 1 natura ospita Picasso sulla spiaggia fino morta, a Ca’ Pesaro. al 7 gennaio.

An art overdose

UN’OVERDOSE DI ARTE text Virginia Mammoli

Punta della Dogana

Ca’ Pesaro

Palazzo Cini

Palazzo Fortuny

Abbazia di San Gregorio Museo Alinari

26 Venezia | made in Veneto

best for an


save as veneto exhibition

SEPTEMBER In Treviso, the Museo Nazionale Collezione Salce is hosting Illustri persuasioni. Capolavori pubblicitari dalla collezione Salce (Illustrious Persuasions. Advertising Masterpieces from the Salce Collection), the museum’s inaugural project, divided into three exhibition stages: The Belle Epoque (until 24 September), Between the Two Wars and From the post-World War II period to 1962. Within a little less than a year, nearly 300 pieces from the Collection have been exhibited, such as Jules Chéret’s skaters, Leonetto Cappiello’s dancers, the precious figures by Alfonse Mucha and

works of the Viennese Secession. From 23 September to 21 January 2018, at Rovigo’s Palazzo Roverella, the exhibition entitled Secessione. Monaco, Vienna, Praga, Roma. L’onda della modernità (Secession. Munich, Vienna, Prague, Rome. The Wave of Modernity) which proposes, for the first time ever, a complete panorama of the historical and artistic events of the four cities in which the Secessions mainly developed. At the Museo Civico of Bassano del Grappa, a tribute to the father of photojournalism, with Robert Capa. Retrospective (from 16 September to 22 January 2018). OCTOBER Running until 1 October, at Villa Contarini in Piazzola sul Brenta, the exhibition Pittura analitica. Origini e continuità (Analytical Painting: Ori-

SETTEMBRE A Treviso il Museo Nazionale Collezione Salce ospita Illustri persuasioni. Capolavori pubblicitari dalla collezione Salce, progetto inaugurale del museo, diviso in tre fasi espositive: La Belle Epoque (fino al 24 settembre), Tra le due guerre e Dal secondo dopoguerra al 1962. Nell’arco di poco meno di un anno, sono così messe in mostra circa 300 pezzi della Collezione, come le pattinatrici di Jules Chéret, le ballerine di Leonetto Cappiello, le preziose figure di Alfonse Mucha e opere della Secessione Viennese. Dal 23 settembre al 21 gennaio 2018, a Palazzo Roverella di Rovigo la mostra Secessione. Monaco, Vienna, Praga, Roma. L’onda della modernità propone per la prima volta un panorama complessivo delle vicende storico-artistiche dei quattro principali centri in cui si svilupparono le Secessioni, segnate da personalità

come Klimt, Schiethe Veneto Gastini e Rolando le, Liebermann e Tessadri. Dal 7 otto discover tobre von Hofmann. Al all’8 aprile, all the not- nella Basilica PalMuseo Civico di Bassano del Grapto-miss ladiana di Vicenza, pa, un omaggio al si tiene la grande e exhibitions padre del fotogiorattesa mostra monalismo, con Robert Capa. Retro- nografica su Van Gogh, dal titolo spective. Circa 100 immagini in Tra il grano e il cielo, con più di bianco e nero che ripercorrono 120 opere tra dipinti e disegni, i maggiori conflitti del XX se- come La terrazza del caffè, Pini colo, a cui si aggiunge una serie al tramonto e Campo di papaveri. di ritratti di amici e artisti come Un progetto che racconta l’intePicasso, Ingrid Bergman, He- ro percorso di uno dei più amati mingway e Matisse (dal 16 set- artisti di sempre. A Castelfranco tembre al 22 gennaio 2018). Veneto, nel Museo Casa GiorOTTOBRE gione e altre sedi, Le trame di A Piazzola sul Brenta, presso Giorgione, una mostra dedicata Villa Contarini, termina l’1 ot- alla grande tradizione di tessoria tobre la mostra Pittura analitica. della Serenissima di 5 secoli fa Origini e continuità: i protagonisti NOVEMBRE storici dell’esperienza analitica Prosegue fino al 5 novembre a inaugurata negli anni ’70 insie- Palazzo Pretorio di Cittadella, la me ad altri artisti che si sono mostra Bruno Munari. Aria | Terpoi ispirati a questo movimento, ra, dedicata a uno dei massimi spaziando da Carlo Battaglia a protagonisti dell’arte, del design Sandro De Alexandris, da Marco e della grafica del XX secolo.

Experience in the Beauty

VIVERE LA BELLEZZA text Virginia Mammoli

gins and Continuity). To be held from 7 October to 8 April 2018 in the Basilica Palladiana of Vicenza, the great, eagerly-awaited monographic exhibition on Van Gogh, entitled Tra il grano e il cielo (Between Wheat and Sky), with over 120 works. In Castelfranco Veneto, presented in the Museo Casa Giorgione and other venues, Le trame di Giorgione (Giorgione’s Weavings), an exhibition devoted to the great tradition of weaving in the Serenissima of five centuries ago. NOVEMBER Until 5 November at the Palazzo Pretorio of Cittadella, the exhibition Bruno Munari. Aria|Terra (Bruno Munari. Air|Earth) dedicated to one of the greatest protagonists of the art, design and graphics of the twentieth century.

Basilica Palladiana

Museo Casa Giorgione

Exploring

Museo Civico

Museo Collezione Salce

Palazzo Roverella Museo Alinari

Venezia | made in Veneto 27


save as classic

For the new seasons of the Teatro Goldoni (theater), opening October 26th, and of the Teatro La Fenice (opera, symphonic music and ballet), beginning November 24th, we refer you to pp. 98-101. SEPTEMBER 23rd, 8:30 p.m., Scuola Grande di San Rocco, Sala Superiore Tintoretto: The Orchestra Antonio Vivaldi performs rare and whimsical pieces from the works of Antonio Vivaldi. 29th, Teatro alle Tese: inauguration of the International Festival of Contemporary Music with one of the most famous scores of Stockhausen, the mystical and spec-

tacular Inori, performed by the shkov and Tempo Reale give the Orchestra di Padova e del Veneto, premiere performance of ll rosso risvegliato. conducted by Marco Angius. 30th, Teatro alle Tese: following Executed with the contribution the presentation of the Golden of two multi-instrumentalists, Lion Honorary Award to Chinese the score blends instruments composer Tan Dun (1957) at 8:00 with common devices from daily p.m., the Orchestra Sinfonica life for an effect that is out of the Nazionale della Rai with Simone ordinary. At 11:00 p.m. at Ca’ GiRubino on percussion performs ustinian, the new quartet of the three of its works: Secrets of Wind famous jazz trumpeter Enrico and Birds, the concert for percus- Rava gives the final performance sion The Tears of Nature and the of the Festival. 8th, Scuola Grande di San RocConcerto for Orchestra. co: the Giavenale polyphonic OCTOBER 7th, 8:30 p.m., Teatro La Fen- choir and the instrumental enice Sale Apollinee: the Virtuosi semble La Corte dei Musici perVeneti perform Splendori della form remarkable pieces from the works of Hassler, Gabrielli and Scuola Venezia. 8th: two performances for the Monteverdi. 12th, San Marco’s final evening of the Basilica: the VenicInternational Festiemonteverdiacadeval of Contemporary my performs MonMusic. At 8:00 p.m. From teverdi’s Vespro per at Teatro alle Tese, Baroque to la Beata Vergine. Alexander Cherny-

Gli amanti della musica barocca tengano d’occhio il calendario Festival Galuppi dal 10 settembre al 12 ottobre. Mentre la musica contemporanea ha, dal 29 settembre all’8 ottobre, il suo epicentro alla Biennale Musica 2017 con la 61esima edizione del Festival di Internazionale di Musica Contemporanea. Per le nuove stagioni del Teatro Goldoni (prosa) che si apre il 26 ottobre e del Teatro La Fenice (opera, sinfonica e balletto) che inaugura il 24 novembre, vi rimandiamo alle pp. 98-101. SETTEMBRE Il 23, alle 20.30, alla Scuola Grande di San Rocco, Sala Superiore Tintoretto, l’Orchestra Antonio Vivaldi esegue pagine rare e stravaganze dall’opera di Antonio Vivaldi. Il 29, al Teatro alle Tese, si inaugura il Festival di Internazionale di Musica Contemporanea con una delle più celebri partiture di Stockhausen, tra mi-

sticismo e spettaco- classical per la serata conclularità, Inori, eseguita siva del Festival di music dall’Orchestra di Internazionale di MuPadova e del Vene- festivals for sica Contemporanea: to diretta da Marco sophisticated al Teatro alle Tese, Angius. alle 20.00, Alexander listeners Il 30, sempre al TeChernyshkov e Tematro delle Tese, dopo la consegna po Reale propongono in prima del Leone d’Oro alla carriera assoluta una partitura che unisce al compositore cinese Tan Dun strumenti e dispositivi della quo(1957) alle 20.00, l’Orchestra Sin- tidianità con l’apporto di due pofonica Nazionale della Rai con Si- listrumentisti fuori da schemi conmone Rubino alle percussioni ese- venzionali, l’opera si intitola il rosso gue tre suoi lavori Secrets of Wind risvegliato; alle 23.00, alla Ca’ Giuand Birds, il concerto per percus- stinian, il finale è affidato al nuovo sioni The Tears of Nature, Concerto quartetto del mitico trombettista for Orchestra. Nella stessa sera, alla jazz Enrico Rava. Nella stessa seScuola Grande di San Rocco, il rata, alla Scuola Grande di San coro polifonico Giavenale, la Corte Rocco, Sala Superiore Tintoretdei Musici e l’Orchestra Officina to, il coro polifonico Giavenale e Armonica eseguono il Requiem in l’ensemble strumentale la Corte re minore KV626 di Mozart. dei Musici eseguono pagine straOTTOBRE ordinarie dalle opere di Hassler, Il 7, al Teatro La Fenice Sale Gabrielli e Monteverdi. Il 12, nella Apollinee, alle 20.30, Splendori Basilica di San Marco, Vespro per della Scuola Venezia con i Virtuosi la Beata Vergine di Monteverdi, con Veneti. L’8, doppio appuntamento la Venicemonteverdiacademy.

Autumn finesse

RAFFINATEZZE D’AUTUNNO text Teresa Favi

Teatro alle Tese

Alexander Chernyshkov

Enrico Rava

Tan Dun

Marco Angius Museo Alinari

28 Venezia | made in Veneto

Contemporary:


save as pop

SEPTEMBER The Daughter live Sunday 3 September at the Teatro Romano in Verona. Thursday 7 in Piazza dei Signori in Vicenza, the unique atmospheres created by Giovanni Allevi. Same venue for Goran Bregovic’s exhilarating Balkan music Friday 8. A 20-year-long career for one of the most popular voices in Italy. To celebrate them Elisa has chosen the Arena of Verona for 4 unmissable concerts on 12, 13, 15 and 16 September with Francesco De Gregori, Emma, Fabri Fibra, LP, Fiorella Mannoia, Ermal Meta, Gianna Nannini, Francesco Renga, Giulia-

no Sangiorgi, Jack Savoretti, The Giornalisti, Ornella Vanoni and Renato Zero. Also at the Arena of Verona: Fiorella Mannoia on Sunday 17 and Umberto Tozzi on Monday 18. The beat goes on at the Arena with the great soul man Zucchero, on 20, 21, 22, 23, 24 and 25 September. OCTOBER The name of the game? Italian rock! One of the most famous Italian rock stars is coming to Veneto for two eagerly-awaited live concerts: Luciano Ligabue at the Pala Arrex in Jesolo on Tuesday 3 and at the Zoppas Arena in Treviso on Thursday 5. On the same date, at the Gran Teatro Geox in Padua: La La Land in Concert. The 6-times-Oscar-winning musical, featuring a live symphonic orchestra, will be per-

SETTEMBRE Trio di Londra composto da Elena Tonra, Igor Haefeli e Remi Aguilella, i Daughter fanno ritorno in Italia con il nuovo “Not To Disappear”. Live domenica 3 settembre al Teatro Romano di Verona. Giovedì 7 in piazza dei Signori a Vicenza, le atmosfere uniche di Giovanni Allevi, stessa location per il sound trascinante di Goran Bregovic e la sua musica balcanica, venerdì 8. Vent’anni di carriera per una delle voci femminili più apprezzate in Italia. Per celebrarli Elisa ha scelto l’Arena di Verona per 4 appuntamenti da non perdere il 12, 13, 15 e 16 settembre tra gli ospiti: Alessandra Amoroso, Mario Biondi, Luca Carboni, Carmen Consoli, Francesco De Gregori, Emma, Fabri Fibra, LP, Fiorella Mannoia, Ermal Meta, Gianna Nannini, Francesco Renga, Giuliano Sangiorgi, Jack Savoretti, The Giornalisti, Ornella Vanoni

e Renato Zero. AnMusic to prima volta in Itaarriva a teatro il cora Arena di Veyour ears lia musical vincitore di rona: domenica 17 throughout 6 Premi Oscar con è la volta di Fiorella Mannoia mentre luthe Veneto un’orchestra sinfodal vivo. Comnedì 18 protagoniregion nica positore, pianista, sta Umberto Tozzi e il concerto-evento “40 anni che musicologo inglese. Michael ti amo”, con lui sul palco Ana- Nyman è un rappresentante del stacia, Enrico Ruggeri, Raf, Marco minimalismo musicale, lo ammiMasini e molti altri. Ma non fini- reremo al Teatro Goldoni di Vesce qui, ancora motori accesi per nezia venerdì 20. Stessa serata l’Arena di Verona che ospiterà il per Luciano Ligabue, il 20 e il 21 grande soulman Zucchero, il 20, all’Arena Spettacoli di Padova. Giovedì 26 alla Supersonic Mu21, 22, 23, 24 e 25 del mese. sic Arena di Treviso Francesco de OTTOBRE Parola d’ordine: rock all’italia- Gregori e il 28 Fabri Fibra è al na. Uno dei simboli più famosi Gran Teatro Geox. del nostro Bel Paese approda in NOVEMBRE Veneto per due attesissimi live. Un mese che inizia nel migliore Luciano Ligabue sarà sul palco dei modi. Sabato 4 alla Kioene del Pala Arrex di Jesolo mar- Arena il leggendario Nick Cave tedì 3 e della Zoppas Arena di & The Bad Seeds, ancora il 4 MiTreviso, giovedì 5. Stessa sera, chele Bravi al Gran Teatro Geox. al Gran Teatro Geox di Padova, Infine venerdì 10 alla Kioene per un doppio appuntamento Arena, dal Canada con furore, con La La Land in Concert: per la Bryan Adams.

Pump up the volume ALZA IL VOLUME text Sabrina Bozzoni

formed for the first time in an Italian theater. British composer, pianist and musicologist Michael Nyman is a representative of musical minimalism. We can enjoy his concert at the Teatro Goldoni in Venice on Friday 20. The Arena Spettacoli in Padua will be the venue for two concerts by Luciano Ligabue, on 20 and 21. Thursday 26 at the Supersonic Music Arena in Treviso Francesco de Gregori and on 28 Fabri Fibra at the Gran Teatro Geox. NOVEMBER This months will begin in the best of ways. Saturday 4 at the Kioene Arena the legendary Nick Cave & The Bad Seeds, and also on the 4th Michele Bravi at the Gran Teatro Geox. Lastly, Friday 10 at the Kioene Arena, from Canada with love, Bryan Adams.

Nick Cave & The Bad Seeds

Elisa

The Giornalisti

Fabri Fibra

Luciano Ligabue Museo Alinari

Venezia | made in Veneto 29


save as book

What resonates between the lines of Susanna Fiori’s book Leggende di Pietra (Legends in Stone) is the voice of a different Venice, one enshrined in the friezes, reliefs and sculptures found throughout the city which came from the East or from the many worlds with which the Most Serene Republic entered into contact. These set the stage for the book’s most incredible stories, tales which speak of love and of death and which introduce a diverse array of characters: devils, dames, merchants, friars, robbers, nobles and condottieri. While most readers are familiar with the concept of “copyright”, which first became law in Lon-

of writers (doctors, musicians, inventors, mathematicians, etc.) who thanks to Venice were able to enjoy guarantees with regard to their works and creations. With the many enthusiasts of hiking and of our wonderful Alps in mind, Ennio Poletti has put together a practical guide with sixteen itineraries in the mountains of Belluno, Trento and Bolzano entitled Dolomiti per tutti (The Dolomites for Everyone). Some walks are presented with two alternatives: a more complete itinerary for experienced mountain hikers and a simpler one for less trained

don in 1710, and are aware of the importance of signing one’s own name to one’s work, perhaps few know that Venice was the precursor of this achievement in the world of publishing. By the 16th century the city was not only one of the major producers of books in Europe but was also playing a pivotal role in creating what today we call “authors’ rights.” By means of its system of publication privileges, Venice was able to officially confer the status of author on many writers. The pages of L’invenzione dell’autore. Privilegi di stampa nella Venezia del Rinascimento (The Invention of the Author: Publication Privileges in Renaissance Venice) describe the different types and categories

walkers who nevertheless wish to discover the beauty of these areas. For those who love local cuisine, La cucina di Venezia e della laguna (The Cuisine of Venice and the Lagoon) is a must-read. A panorama of the aromas, tastes and colors of Venetian cuisine, this book contains recipes for the best traditional dishes accompanied by high-quality photos of everyday life: from sardines marinated in sweet and sour sauce to creamed dried cod, from rice with peas to risotto with squid ink, from artichoke hearts to Savoy cabbage in broth. A book to whet the appetite! (Thanks to Libreria Goldoni in Venice.)

30 Venezia | made in Veneto

Quella che risuona tra le righe del libro di Susanna Fiori, Leggende di Pietra, è la voce di una Venezia diversa, racchiusa nei fregi, nei bassorilievi e nelle sculture disseminate in città, provenienti dall’Oriente o dai mille mondi in contatto con la Serenissima Repubblica. Sono questi a racchiudere le storie più incredibili, storie d’amore e di morte, storie popolate da diavoli, dame, mercanti, frati, ladri, nobili e condottieri. Avvezzi al concetto di ‘copyright’, sancito per legge a

Something for Everyone PER TUTTI I GUSTI

Londra nel 1710, e ben coscienti dell’importanza di apportare la firma sul frutto del proprio lavoro, pochi sanno che Venezia fu precorritrice di questa conquista nel mondo dell’editoria. Già nel XVI secolo era uno dei massimi centri di produzione libraria in Europa, ma fondamentale fu anche il suo contributo relativo alla creazione di quello che noi oggi chiamiamo ‘diritto d’autore’. Molti erano gli scrittori ai quali Venezia, col suo sistema di privilegi di stampa, ha potuto attribuire lo statuto dell’autore. Nelle pagine di L’invenzione dell’autore. Privilegi di stampa nella Venezia del

Rinascimento sono presentate diverse tipologie e categorie di scrittori (medici, musici, inventori, matematici...) che, grazie a Venezia, hanno potuto godere della tutela dei propri scritti e delle proprie creazioni. Ennio Poletti ha pensato invece ai tanti appassionati di trekking e delle nostre meravigliose Alpi, realizzando una pratica guida con sedici itinerari tra le montagne di Belluno, Trento e Bolzano, dal titolo Dolomiti per tutti. Per alcuni percorsi vengono presentate due alternative: una più completa per chi già è pratico di passeggiate tra i monti, l’altra più facile per

chi, meno allenato, vuole comunque scoprire la bellezza di questi luoghi. Mentre per gli amanti della gastronomia locale, il libro da non perdere è La cucina di Venezia e della laguna, che racchiude tutti i profumi, i sapori e i colori dell’arte culinaria veneziana. Dalle sarde in saor al baccalà mantecato, dai risi e bisi al risotto al nero, dalle castraure alle verze sofegae: le ricette dei migliori piatti della tradizione accompagnati da bellissime foto di quotidianità. Un libro che mette l’acquolina in bocca! (Si ringrazia la Libreria Goldoni di Venezia)


ORO RESTAURANT ENJOY AN UNFORGETTABLE MICHELIN-STARRED DINING EXPERIENCE

Our complimentary 24-hour boat service is available from and to St Mark’s Square Tel. +39 041 24 08 01 e-mail: fb.cip@belmond.com

BELMOND.COM


Florence Showroom Via Lorenzo Bartolini, 4 • Tel. +39 055 213861 In partnership with Hotel Villa Cora, Florence. Antico Setificio Fiorentino is part of the Stefano Ricci Group anticosetificiofiorentino.com


it object

style) h t i (W ! r r r r r Gr ! (CON STILE) GRRRRR Bozzoni text Sabrina

A vaguely cowboy style is blended with highly precious materials. A new western saga to be interpreted under the banner of contemporary living. Experiments that draw from history and add the sophisticated touch that only Miu Miu can give you. Don’t miss out on it! Un vago caw-boy style si intreccia con la preziosità dei materiali. Una nuova saga western da interpretare nel segno del contemporaneo. Sperimentazioni che guardano alla storia e aggiungono il tocco sofisticato che solo Miu Miu può dare. Non perdetevela! Venezia | made in Veneto 33


it object

lM WitLhA MaMcAaIUpSCitOaLA CON

zoni

oz text Sabrina B

British-inspired, but their style is unmistakably Italian. They have it all: the iconic fringe and tassels, brush leather, Sacchetto construction and the super-comfortable insole in natural cork. Try catching it. It’s Il Mocassino, by Ermenegildo Zegna. Ispirazione Brit, stile inconfondibilmente italiano. Non manca niente: gli elementi iconici della frangia e delle nappe, la pelle spazzolata liscia, la lavorazione a Sacchetto. Prova a prenderlo, è Il Mocassino di Ermenegildo Zegna. Venezia | made in Veneto 35


Your Private Island in Venice La tua Isola privata a Venezia

The largest Spa in Venice, open also to external Guests. La Spa più grande di Venezia, aperta anche agli Ospiti esterni.

Your Michelin-starred Restaurant in Venice. Il tuo ristorante stellato Michelin a Venezia.

JW Marriott® Venice Resort & Spa Isola delle Rose, Laguna di San Marco | +39 041 8521300 | jwvenice.com Free shuttles from and to St. Mark’s Square every 30 minutes Navetta gratuita da e per Piazza San Marco ogni 30 minuti


it object

of loORvEe UniOfRoMrEm DELL’AM UNIF

zoni

oz text Sabrina B

There was once Hermès and the album of Emile Hermès’s collection dedicated to uniforms. Cathy Latham’s famous design magically turns this jacket – a work of art to be worn – into an sumptuous garment. C’era una volta Hermès e l’album della collezione Emile Hermès dedicato alle uniformi. In questo Carré un celebre disegno di Cathy Latham esplora l’eleganza di questa giacca che si trasforma come per incanto in un capo dalla ricchezza inaudita. Venezia | made in Veneto 37


Campo Santa Sofia, 4198/99 30121, Ca’ d’Oro - Venezia info@casagredohotel.com www.casagredohotel.com Tel: + 39 041 2413111 Fax: +39 041 2413521

Ca’ Sagredo ... Unique Moments


it object

ChiAnZaIONGE iSrOlL LEVANTE ISPIR

zoni

oz text Sabrina B

Welcome on board the Gucci space ship, for an imaginary journey crowded with fantastic creatures and mythological monsters. Symbol of strength and fortune, the oriental dragon is embroidered on these red satin booties. Nothing but sheer obsession. Benvenuti a bordo della navicella Gucci. Simbolo di forza e fortuna, un drago d’ispirazione orientale è ricamato lungo questo tronchetto in satin rosso. Pura ossessione, niente più. Venezia | made in Veneto 39


it object

Fluffy

SOFFICE nocenti Ciulli text Marta In

Welcome back fur, at our feet at last. On the track of the Abominable Snowman, here come the new slippers that will brighten up our shopping days. In mink, of course, by Salvatore Ferragamo, of course. Benvenuta pelliccia, finalmente anche per i nostri piedi. Sulle orme dell’incredibile mostro delle nevi ecco la nuova slipper che ci farà felici durante le giornate di shopping. Ovviamente in visone, ovviamente firmata Salvatore Ferragamo. Venezia | made in Veneto 41


shotonsite

Alberto Barbera, Giuseppe Piccioni

Trine Dyrholm, Susanna Nicchiarelli, John Gordon Sinclair

Rebecca Zlotowsky

Jasmine Trinca

Edgar Wright

Juries Yonfan

Matt Damon

The official photocall with the stars of the 74th Venice Film Festival Annette Bening

Hong Chau 42 Venezia | made in Veneto

Greta Scarano

John Landis, Ricky Tognazzi

(ph. Asac)

Kristen Wiig

Mark Cousins


shotonsite

Silvia and Dario Franceschini, Paolo Baratta

Matt Damon and Luciana Barroso

Roberta Pitrone, Alessandro Borghi

Alberto Barbera, Eva Riccobono

Fien Troch, Andr Duprat

Bianca Balti

Alessandro Borghi

Daniela Virgilio

The big red carpet of the opening ceremony that officially marked the beginning of the 2017 Venice Film Festival

Walter and FlaviaVeltroni

Maria Elena Boschi, Alberto Barbera

(ph. Asac)

Simona Izzo, Ricky Tognazzi

Sergio Mattarella and Paolo Baratta

Rachele Risaliti

Deborah Noodleman, John Landis Venezia | made in Veneto 43


shotonsite

Chiara Rech, Giada Pavan, Federica Repetto

Alessandra Tommasini, Agostino Taboga, Silvia Campello

Marta Guadagni, Carla Guadagni

Gionata Smerghetto, Federica Lazzarini

Gaia Vianello, Annalisa Bacchin

Marcello Vallot, Meron Belay

Elisabetta Fedeli, Manuel Puntar

Maria Rita Cerilli, Eleonora Zanella

Luca Regazzo, Giacomo Marchesini 44 Venezia | made in Veneto

Francesco Coin, Cecilia Matteucci

At the GOCO Spa of JW Marriott Venice Resort & Spa, on the enchanting Isola delle Rose, the event to present the new issue of Venezia made in Veneto

Dino Zampieron, Eleonora Vianello, Mirco Zuin

Francesco Vian, Gaia Borghi

Giulio Borgoni, Patrizia Borgoni


shotonsite

Giulio Cesarini, Giovanna Romanzi

Valentina Barbadoro, Laura Pastesini, Veronica Sgaravatti

Anna Rita di Gregorio, Andrea Garigliano, Simona Giannini

Matteo Parigi Bini, Elisa Sciuto

Antonio Girardi, Alex V. Lana

Laura Ciarallo, Paola Paciotti, Beatrice Provantini

The exclusive cocktail party for the new issue of Roma the Eternal City, in sophisticated Palazzo Dama. Food selection by Pacifico, wines by Tormaresca

Mirko Cantagallo, Beatrice Provantini

Claudia Giraldi, Paolo Pavone

Saverio Ferragina, Virginia Zurlo, Marco Rossi, Eva Kampfer

Marco Micheli, Andrea Butti, Maria Garlan

Gaetano and Elif Sallorenzo Venezia | made in Veneto 45


46 Venezia | made in Veneto


The Golden island LIDO: ISOLA D’ORO text Federica Repetto photo Matteo Bertolin

Venezia | made in Veneto 47


city itineraries

The Lido Island has been inhabited since ancient times, particularly popular with poets and writers. Considered to be a VIP destination in the twenties, the Lido is still a very elegant and sophisticated place owing to its beautiful but little-known sights. It is also the ideal holiday and recreation area, with its 10 kilometers of sandy coast, which have been awarded the Bandiera Blu (Blue Flag) again in 2017 for the ninth time in a row, and located just steps away from Venice’s magnificent artistic treasures. The Lido is filled with elegant sidewalk cafés, boutiques, luxury hotels situated along the promenade, magnificent Art Nouveau-style villas surrounded by lush gardens and amazing parks, true architectural gems, including Villini Krebster-Beltrami, Monplaisir, Casa del Farmacista and Villa delle Palme. During the Film Festival, the Lido attracts socialites and celebrities from all over the world and this strip of sand, which separates the Venice Lagoon from the Adriatic Sea, becomes the heart of the international film industry. We had a chat with Paolo Baratta, president of the Venice Biennale, to get updated on all the latest developments at the 74th International Film Festival and beyond. “The Lido’s Cittadella del Cinema - he says - is being completely restored to its original splendor. The project that was started after 2010 - the annus horribilis which marked the lowest and most critical point in the history of the Festival- is nearing completion. The red cube is the symbol of this renaissance, along with the surrounding buildings, which represent the key steps in the Festival’s history: the Terrace of the Excelsior, which hosted the first Film Festivals; Palazzo del Cinema, L’isola del Lido è stata abitata fin da tempi antichissimi, amata da poeti e scrittori. Seppur già considerata il ritrovo del bel mondo dagli anni Venti continua ad essere elegante ed un po’ blasée grazie a luoghi belli, ma sconosciuti alla massa. Di solito è un angolo tranquillo ed ideale per trascorre le vacanze, standosene sdraiati sul bagnasciuga a due passi dai gioielli artistici della magnifica Venezia, grazie ai suoi 10 chilometri di spiagge e alla sua Bandiera blu 2017 attribuita per la nona volta consecutiva. Ci sono eleganti caffè all’aperto, boutique, lussuosi alberghi che si ergono sul lungo mare, meravigliose ville in stile Liberty circondate da giardini o parchi incantevoli, veri e propri gioielli architettonici tra i quali i villini Krebster-Beltrami, Monplaisir, la Casa del Farmacista e la Villa delle Palme. Scintillante è invece la mondanità che anima le notti lidensi durante la Mostra del Cinema che trasforma questa sottile striscia di sabbia - che separa la laguna di Venezia dal mar Adriatico - nel fulcro dell’industria cinematografica. A parlarci delle novità della 74ema edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica è Paolo Baratta, presidente della Biennale di Venezia. “La cittadella del cinema al Lido - dichiara - va completando la sua rinascita. Sta procedendo con sistematicità il programma avviato dopo l’annus horribilis del 2010, anno che rappresentò il culmine delle fragilità e criticità accumulate nel tempo. Il cubo rosso è come un sigillo di questa rinascita. E come tale completa i palazzi circostanti che ci ricordano tappe decisive della storia della Mostra: il terrazzo dell’Excelsior fu sede delle prime Mostre, il palazzo del cinema del ‘37 fu la prima sala al mondo concepita per un festival del cinema, la nuovissima sala Darsena corona oggi l’arena all’aperto che a suo tempo fu simbolo dell’apertura

48 Venezia | made in Veneto


The private wet dock of Hotel Excelsior Venice, the island’s most exclusive hotel Venezia | made in Veneto 49


Established in 1908, the Excelsior has a typical Moorish architecture and the interiors are decorated with crystal chandeliers and precious fabrics 50 Venezia | made in Veneto


city itineraries

3 1

2

4

1. A view of the Lido 2. The Excelsior from the beach 3. The terrace facing the Excelsior 4. The dam ‘La rotonda’ 5. Cabanas at the Des Bains 6. The Excelsior’s garden

5

built in 1937, the world’s first screening theatre designed for a film festival; the new Sala Darsena, which completes the open-air cinema that symbolizes the opening up of the Festival to the public; the Casinò, which was definitely taken over by the Festival in 2000 and is now the symbol of the renewed relationship with the international press. Owing to the commitment of the city of Venice, the large square facing the Casinò and the Sala Grande have been completely renovated this year. And more resources will be made available for the Casinò in the immediate future for further improvement and renovation”. Located near the Cittadella del Cinema, separated only by a stretch of water, is the Lazzaretto Vecchio Island, with its historic buildings, unoccupied for years but partially restored in recent times. “Our commitment to the development of the modern ‘Virtual Reality’ activities - he goes on- is a great opportunity to bring these historic buildings back to life, with the collaboration of Venice’s museum network! It is a courageous decision in many ways, like courageous is the choice to create a section devoted to “Virtual Reality” with its own jury and awards. Once again, a key step in the

6

An island inhabited since ancient times, particularly popular with poets and writers

al pubblico della Mostra, il Casinò, acquisito definitivamente al festival nel 2000, simboleggia un programmato nuovo rapporto con la stampa mondiale. Grazie all’impegno del Comune di Venezia il piazzale antistante il Casinò e la Sala Grande sono stati quest’anno completamente rinnovati. E al Casinò saranno dedicate altre risorse nell’immediato futuro per ulteriori adeguamenti e rinnovi”. Adiacente alla cittadella del cinema, separata solo da un tratto di acqua, sta dormiente l’isola del Lazzaretto Vecchio con i suoi edifici storici vuoti, anche se da qualche anno parzialmente risanati. “Quale miglior occasione - prosegue - dello sviluppo del nostro impegno nelle modernissime attività della ‘Virtual Reality’ per portar vita nuova a quelle storiche strutture, d’intesa col Polo Museale Veneziano! Si tratta di una decisione per molti aspetti coraggiosa, come coraggiosa è la scelta di realizzare una vera e propria sezione dedicata alla ‘Virtual Reality’ con giurie e premi. Ma ancora una volta un momento significativo della nostra storia avrà il suo luogo simbolo”. A pochi passi dal Palazzo del Cinema si trova l’Excelsior. L’albergo, costruito nel 1908, è ben presto diventata la destinazione più amata da noti scrittori, è il caso di Venezia | made in Veneto 51


The terrace at the back of the hotel extends as far as the beach and, in the evening, it is lovely to have a drink to the sound of the waves


city itineraries

1

4

10 kilometers of sandy coast and Bandiera Blu (Blue Flag) again in 2017 for the ninth time in a row

3 2

1. 2. 5. Other beautiful pictures of the Lido 3. Paolo Baratta, president of the Venice Biennale (ph. Italo Rondinella - courtesy La Biennale di Venezia) 4. Stefano Biondi, president of the Venice Golf Club 6. Alessio Lazazzera, General Manger of Hotel Excelsior Venice

5 6

Festival’s history will have its own symbol”. Just steps away from Palazzo del Cinema is the Excelsior. The hotel, built in 1908, soon became popular with famous writers such as Lord Byron and Thomas Mann. Today the hotel, with its sumptuous architecture and lovely position on the beach, goes on treating its guests to the same five-starred elegance and luxury it had over 100 years ago. Guests can relax by the pool or practice various sports, including water sports and sailing, but also golf at the nearby Golf Club. “The opening night of the first Film Festival - says General Manager Alessio Lazazzera - was held in 1932 on the hotel’s terrace with the screening of films that are now considered classics, such as Forbidden by Frank Capra, Grand Hotel by Edmund Goulding and the first Frankenstein film by James Whale. The magnificent Sala Stucchi was used to shoot the famous scene in Once Upon a Time in America. The Hotel Excelsior-Film Festival “marriage”- he goes on - has been strong ever since and every year, in September, our hotel is in the world’s limelight”. This spectacular strip of land houses also a wonderful 18-hole, par 72, 6,199-meter golf Lord Byron e Thomas Mann, ma non solo. Oggi, con la sua regale architettura lussuosa e l’incantevole posizione sulla spiaggia, continua a offrire agli ospiti la stessa eleganza e lo stesso splendore a cinque stelle di oltre 100 anni fa. Mette a disposizione dei suoi ospiti la possibilità di rilassarsi a bordo piscina o di praticare varie attività tra cui sport acquatici come sci d’acqua o vela, ma anche golf presso il Golf Club. “La serata di inaugurazione della Mostra del Cinema - ricorda Alessio Lazazzera, General Manager - ebbe luogo nel 1932, proprio sulla nostra terrazza, e promosse quelli che oggi sono considerati film storici come Proibito di Frank Capra, Grand Hotel di Edmund Goulding ed il primo Frankenstein di James Whale, mentre nella magnifica Sala Stucchi è stata girata la famosa scena di “C’era una volta in America. Da allora - prosegue - il connubio Hotel Excelsior e Mostra del Cinema rappresenta un binomio indissolubile, e ogni anno a settembre i riflettori di tutto il mondo vengono puntati anche su di noi”. Sempre in questa sottile lingua di terra spettacolare si trova anche un fantastico percorso di 18 buche, par 72, con un percorso di 6.199 metri. “Il Circolo del Golf del

54 Venezia | made in Veneto


Lo charme di una casa storica fiorentina in una cornice di lusso senza tempo Villa Cora Viale Machiavelli 18 Florence, 50125 Italy Tel. +39 055 228790 booking@villacora.it


Ultimate Luxury Lifestyle

Via Labicana, 125, Roma Tel. +39 06 77591380 - Email: info@palazzomanfredi.it www.palazzomanfredi.com


cover story

A panoramic view

course. “The Lido’s Golf Club - says Stefano Biondi, president of the Venice Golf Club - testifies to the Lido’s golden age, when our island was the home of luxury and entertainment in the Belle Époque years. Our club, which will be celebrating its 90th anniversary next year, has preserved its amazing uniqueness, that of being a beautiful and challenging golf course nestled in a matchless environment”. The Venice Golf Club was established in 1928. Legend has it that Henry Ford persuaded his friend Count Giuseppe Volpi di Misurata, the president of Compagnia Italiana Grandi Alberghi at the time, to pick this area, located on the island’s southernmost tip, to create one of Italy’s oldest and best-known Golf Clubs. “ We have been lucky- he concludesbecause those who came before us preserved this hidden gem in perfect condition, entrusting us with the task of keeping it exclusive in terms of behavior and spirit, but open and inclusive towards new members and visitors. I believe that whoever wishes to experience the unique pleasure of golfing in Venice is more than welcome and will not be disappointed”.

Cafés, boutiques, luxury hotels, magnificent Art Nouveaustyle villas and amazing parks

Lido - dichiara Stefano Biondi, presidente del Circolo Golf Venezia - è un esempio vivo e vitale dell’epoca d’oro del Lido. Quando la nostra isola era la casa del lusso e del divertimento a livello mondiale nel periodo della Bella Époque. Il nostro circolo, che il prossimo anno festeggia i 90 anni di vita, ha mantenuto inalterato tutta la sua incredibile unicità di essere un campo di golf bello, difficile, inserito in un forte in un contesto naturalistico che ha pochi eguali”. Il Circolo Golf Venezia nasce nel 1928, la leggenda dice che sia stato Henry Ford a convincere l’amico, il Conte Giuseppe Volpi di Misurata, al tempo presidente della Compagnia Italiana Grandi Alberghi, a scegliere quest’area che si trova all’estremo sud dell’isola, per dar vita a uno dei Golf Club più antichi e rinomati in Italia. “Siamo stati fortunati - conclude Biondi - perché chi ci ha preceduto ha conservato questo gioiello nascosto in perfette condizioni cedendo a noi il compito di mantenerlo esclusivo nei comportamenti e nello spirito, ma aperto ed inclusivo nei confronti dei nuovi soci e dei visitatori. Penso che chiunque voglia vivere l’esperienza unica di giocare golf a Venezia debba venirci a trovare. Nostro gradito ospite, non resterà deluso”. Venezia | made in Veneto 57


Alessandro Borghi, born in Rome in 1986 and first appearing at the Film Festival in 2015 with ‘Non essere cattivo’, returns this year as the “Mr Patroness” of the Festival, dressed in Gucci (ph. Gaetano Del Mauro) 58 Venezia | made in Veneto


cover story

‘Mr. Patroness’ IL ‘MADRINO’ text Giovanni Bogani

Alessandro Borghi, the rising star of Italian cinema, presides over the opening ceremony of the 74th Venice Film Festival Giovane promessa del cinema italiano, inaugura la 74esima Mostra del cinema di Venezia “Venice? It is cinema to me. As soon as I get off the train at the Santa Lucia station, I smell the scent of cinema. This is the place where you meet those who love cinema, those who make it, those who make this huge dream come true. Here more than in Rome, because Rome lives off many other things. Venice’s Lido gathers the disciples of the cult of cinema”. Venice has been a revelation for Alessandro Borghi, a young Italian actor who has quickly made a name for himself over the past few years. It was the year 2015, Non essere cattivo by Claudio Caligari was being screened at the Film Festival. The film - a story of suburban gangs, drug dealing, petty crime, shot with amazing realism - received an endless applause. And Alessandro Borghi’s career took off. We meet with him in Venice, where he is presiding over the Festival’s opening ceremony. After many patronesses, a man is playing this role at last. In 1998, Alessandro Gassman had hosted the opening event, but alongside Livia Azzariti. So this is actually a first for the world’s oldest and most prestigious film festival. After his performance in Non essere cattivo, Alessandro Borghi has taken great strides along the road of quality filmmaking. He played in Il più grande sogno by Michele Vannucci, the docudrama on the life of his friend Mirko Frezza, in the television series Suburra, in Fortunata by Sergio Castellitto, awarded at Cannes, and in Dalida, a big French production in which he played the role of Luigi Tenco. He was the Italian rising star at the latest Berlin Festival. We meet on the terrace of the Lido’s Excelsior Hotel. Big blue eyes, a beard, a fit and lean build because of the slimming diet he was on to play Stefano Cucchi. Borghi is sporting a white T-shirt and the serene air of a worldly-wise man. Alessandro, how do you feel about Venice? I used to come here as a tourist, two or three days at a time, and I enjoyed getting lost in the calli, taking in all the beauty. Then I attended the Film Fesitval for Non essere cattivo. And I felt the pas-

“Venezia? Per me è il cinema. Appena scendo alla stazione Santa Lucia sento il profumo del cinema. Qui si incontrano tutti quelli che amano il cinema, quelli che lo fanno, che rendono possibile questo enorme sogno. Qui, più che a Roma, perché Roma vive anche di tante altre cose: al Lido di Venezia si celebra la religione del cinema”. E Venezia è stata, per Alessandro Borghi, giovane attore italiano emerso prepotentemente negli ultimi anni, il luogo della rivelazione. Era il 2015, alla Mostra del cinema veniva proiettato Non essere cattivo di Claudio Caligari. Il film, una storia di borgate, di droga, di piccola delinquenza, girato con un realismo straordinario, fu salutato da un applauso interminabile. La carriera di Alessandro Borghi prendeva il volo. Lo incontriamo a Venezia, dove è proprio lui ad aprire ufficialmente la Mostra. Dopo tante madrine, un uomo a interpretare questo ruolo. Solo nel 1998, Alessandro Gassman aveva condotto la serata iniziale, ma in coppia con Livia Azzariti. Quindi, a tutti gli effetti, questa è una prima volta storica, per la manifestazione di cinema più antica e prestigiosa del mondo. Dopo Non essere cattivo, intanto, Alessandro Borghi ha percorso a passo di corsa le strade del cinema italiano migliore. Ha interpretato Il più grande sogno di Michele Vannucci, docu-drama sulla vita del suo amico Mirko Frezza, la serie televisiva Suburra, Fortunata di Sergio Castellitto, premiato a Cannes, e Dalida, grande produzione francese in cui interpretava Luigi Tenco. Ed è stato la ‘shooting star’ italiana all’ultimo festival di Berlino. Lo raggiungiamo sulla terrazza dell’hotel Excelsior del Lido. Grandi occhi azzurri, barba, il fisico asciugato, affilato, per via della dieta a cui si è sottoposto per interpretare Stefano Cucchi. Borghi ha una T shirt bianca, e l’aria tranquilla di uno che ha già molto navigato, nella vita. Alessandro, qual è il suo rapporto con Venezia? Ci andavo da turista, due o tre giorni, e adoravo perdermi nelle calli, respirare tutta quella bellezza. Poi sono tornato alla Mostra Venezia | made in Veneto 59


cover story

Alessandro Borghi at the 74th Venice Film Festival sion and enthusiasm for cinema like nowhere else in the world. How do you plan to deal with the festival? Very serenely and with a lot of curiosity. I have to admit it, I would love to meet my lifetime idol, Jim Carrey, the star of a documentary film shot at the time of Man on the Moon. And I would like to meet Javier Bardem, starring in two films shown here at the Festival. Did you write the inaugural speech yourself? Yes, I did. It is a very frank speech, very personal, quite unconventional. It reflects my personality. In your opinion, what is the use of a film festival such as Venice’s at present? It is essential: the film industry needs people who meet, talk to each other and make plans together. This is the place where ideas are born, where inconceivable films are conceived. This is the place where cinema is born and lives. You are one of the rising stars of Italian cinema, at a very critical time for the motion-picture industry. How do you see Italian cinema? I think it is doing well. It should be courageous enough to offer the audience new things. There are a lot of Italian film directors - such as Matteo Rovere, with whom I will be soon working, and Michele Vannucci, with whom I shot Il più grande sogno, Alessio Cremonini for whom I will be playing Cucchi- who represent the Italian cinema’s chance to undergo a change. What film are you going to shoot with Matteo Rovere? The title is Il primo re. An ambitious film, inspired by The Revenant and Braveheart. A period film, adventurous, full of duels and battles, entirely shot in archaic Latin. The story of Romulus and Remus and the foundation of Rome. The film about Stefano Cucchi describes a tragic page of our recent history. It is a story that could have happened to anyone of us, to a brother, a cousin. A story that we tell from a very human point of view, without taking sides or picking favorites. I will try to play Stefano Cucchi getting as close as possible to the truth of the story. Who designed the outfits you are going to wear at the opening and closing ceremonies? I’ve been working with Gucci for some time, I’m fond of them, we are friends, they know me, they provided me with some wonderful outfits that will accompany me on this journey through the Festival. 60 Venezia | made in Veneto

del cinema con Non essere cattivo. E ho percepito l’amore, l’entusiasmo per il cinema come in nessun altro posto al mondo. Come vivrà questi giorni di Festival? Con molta serenità e molta curiosità. Non lo nego, mi piacerebbe incrociare il mio idolo di sempre, Jim Carrey, protagonista di un documentario girato al tempo di Man on the Moon. E mi piacerebbe incontrare Javier Bardem, protagonista di due film qui alla Mostra. Il discorso inaugurale lo ha scritto lei? Sì. È un discorso molto sincero, molto personale, molto poco istituzionale. Mi rispecchia. Un festival di cinema come quello di Venezia, secondo lei, a che cosa serve, nel momento attuale del cinema? È fondamentale: il cinema ha bisogno di persone che si parlano, che si incontrano, che progettano insieme. Qui nascono le idee, qui si scoprono film impensabili. Qui il cinema nasce e vive. Lei è uno degli attori italiani emersi negli ultimi anni, in un cinema che vive un momento difficile. Come vede il cinema italiano? Io lo vedo bene: bisognerebbe avere il coraggio di offrire al pubblico cose nuove. Ci sono tanti registi italiani, come Matteo Rovere con cui lavorerò a breve, come Michele Vannucci con cui ho fatto Il più grande sogno, o Alessio Cremonini con cui interpreterò Cucchi, che sono delle occasioni che il cinema italiano ha per rinnovarsi. Che film farà con Matteo Rovere? Si chiamerà Il primo re. Un film ambizioso, con lo spirito di The Revenant o di Braveheart. Un film storico, avventuroso, pieno di duelli e battaglie, che si girerà completamente in protolatino. La storia di Romolo e Remo e della fondazione di Roma. Il film su Stefano Cucchi racconta una pagina drammatica della nostra storia recente. È una storia che potrebbe essere accaduta ad ognuno di noi, a nostro fratello, nostro cugino. Una storia che affrontiamo da un punto di vista umano, senza creare per forza delle fazioni, degli schieramenti. Cercherò di interpretare Stefano Cucchi restando il più vicino possibile alla verità della storia. Chi è il suo stilista, quello i cui abiti indosserà nella serata inaugurale e finale? Io lavoro da tempo con Gucci, a cui sono legato, sono amici e mi conoscono, mi hanno fornito una serie di abiti meravigliosi che mi accompagneranno lungo tutto questo viaggio dentro la Mostra.


The set and a scene of ‘Fortunata’ by Sergio Castellitto Venezia | made in Veneto 61


Acclaimed for her erotic thrillers, translated in 38 countries, English author Lisa Hilton has always been in love with Italy, where she studied History of Art and lived for several years (courtesy of Bauer Venezia) 62 Venezia | made in Veneto


culture interview

Venice, mon amour! VENEZIA, AMORE MIO! text Mila Montagni photo Luca Del Pia

Lisa Hilton, novelist and historian, adopted the Lagoon as her new home Romanziera e storiografa, ha scelto la Laguna come sua nuova casa

Two novels have poured from her pen lately (or rather, from her computer), two novels which aroused a storm of controversy because of the freedom of speech and the violent courage shown by the main character of Maestra and Domina, published in Italy by Longanesi. Judith Rashleigh, in the second volume of the trilogy, starts an art gallery in Venice and seems to find peace at last. Rashleigh’s eventful and sometimes shady story is told by British writer Lisa Hilton – a degree in Art History at the New College of Oxford and the author of biographies of major historical characters, in addition to historical novels. A woman with bright blue eyes and fascinatingly cultivated without being boring. You have studied in Florence and lived in Milan for five years. Do you ever miss the Belpaese? I miss it so much that next April I will move to Venice with my daughter Ottavia, who just turned 12. Her father and I agree that she should study in her father’s native land as well and, personally speaking, I have always adored the Italians and their lifestyle. Does being an “Italianata” Brit, like condottiere John Hawkwood, make you ever worry about becoming “the devil incarnate”? I don’t think so… I would rather describe it as the completion of my life path, which includes Italy and writing among its stages. What value does writing hold in your life? I do not have any other talent apart from writing, writing is a privilege to me and the thing I do best. I would not describe myself as an artist in the strict sense of the word, but as someone who enjoys her job and brings joy through it. What three works of art in Venice move you strongly? First of all, the works by Bellini showcased at the Accademia, works of surreal beauty… then Pollock’s works at the Guggenheim Museum, which reflect the city’s true spirit, always looking ahead and cosmopolitan. And the third work is a fresco kept in the Church of Angelo Raffaele, representing Tobias and the Angel, a realistic and yet sophisticated painting, which fully conveys the conflict of emotions. Every time I come to Venice, I have to go and see it.

Dalla sua penna (o meglio, dal suo computer!) sono usciti due romanzi che stanno facendo discutere per la loro libertà d’espressione e il coraggio violento con cui si muove la sua eroina nelle pagine di Maestra e Domina, editi in Italia da Longanesi. Judith Rashleigh, nel secondo volume della trilogia, apre una galleria d’arte a Venezia e sembra aver trovata pace. A raccontare la sua movimentata e qualche volta torbida storia è l’inglese Lisa Hilton - laureata in Storia dell’Arte al New College di Oxford e autrice di importanti biografie di personaggi storici, oltre che di romanzi storici -, una donna dagli occhi di un luminoso azzurro cristallino e una cultura che affascina senza annoiare. Lei in Italia ha studiato a Firenze e ha vissuto cinque anni a Milano. Le manca mai il Belpaese? Mi manca così tanto che nell’aprile prossimo traslocherò a Venezia, con mia figlia Ottavia, che ha appena compiuti 12 anni. Il suo papà e io siamo contenti che studi anche nel paese di suo padre e personalmente adoro da sempre gli italiani e il loro modo di vivere. Essere un’inglese “italianata”, come il condottiero John Hawkwood, non le fa temere di diventare “un diavolo incarnato”? Direi di no… piuttosto è il completarsi di un percorso esistenziale, che ha l’Italia e la scrittura tra le sue tappe. Quale valore ha la scrittura nella sua vita? Non ho altri talenti e scrivere per me è un privilegio e la cosa che so fare meglio. Non mi sento un’artista nel senso stretto del termine, ma una persona che fa un lavoro che le piace e con questo dà gioia . L’arte è importante nella sua storia, quali sono tre opere a Venezia che più l’emozionano? Comincerei con i Bellini esposti all’Accademia, di una bellezza surreale… proseguirei con i Pollock del Guggenheim, che riflettono lo spirito vero della città, sempre aperta al futuro e cosmopolita. E la terza opera è un affresco nella chiesa dell’Angelo Raffaele che rappresenta Tobia e l’angelo, un’opera reale e raffinata a un tempo, capace di rendere appieno il contrasto tra le emozioni. Ogni volta che arrivo in città ho bisogno di andare a vederla. Venezia | made in Veneto 63


culture interview

The author in Venice (courtesy of Bauer Venezia) Why did you choose Venice as your adoptive city? Venice has been an illusory city, made up of glass and light, in a state of perpetual change, super-sophisticated and yet mysterious. And what about your character Judith Rashleigh, why her? Because the art market is very big and wherever a lot of money is involved, corruption appears. Something she knows very well…. Columbia bought the film rights for your Trilogy. Who could play your main character? It’s up to the production house to decide, but there are two young actresses who, in my opinion, have the right features: the Scottish Joanna Vanderham and the Anglo-French Stacy Martin. Your novels do not have the classic “happy ending”. Is it a well-pondered choice or is it something that inevitably surfaces in the process? In Judith Rashleigh’s story, the happy ending is simply impossible, unrealistic. And even in real life a happy ending is not the norm. War and Peace, Anna Karenina, The Garden of the Finzi Continis, all the great classics (with the exception of Jane Austen’s) do not tell happy stories. After all, as Eliot says in Middlemarch, happiness is made of light and shade. In Maestra, the artist you refer to is Artemisia Gentileschi, in Domina it is Caravaggio, in Ultima it is going to be Gauguin. Why? The thing that these three artists have in common is violence. That is what made me choose them, each for a different phase of the story and development of the Judith character. Is Ultima finished yet? I have already written the ending, because I have always known where I was going with the book… anyway I’m currently working on the book, as I promised to deliver it on September 30. What attracted your attention at this year’s Biennale? The Iceland pavilion. Lovely and fascinating. And the elegance of Ettore Sottsass’ works of glass at the Giorgio Cini Foundation on the Island of San Giorgio Maggiore. A delicate and yet intense emotion. You have a well-known passion for fashion and a penchant for shoes. How do you plan to walk through Venice’s “calli” on high heels? Well, I might have to give high heels up… but I made it wonderfully through the Biennale in Lacroix boots. And during an interview with the Sunday Times I wore a pair of 6-cm Marni heels made of glass bubbles… very comfortable! Maybe I don’t have to give heels up after all… One last question. As an art historian, what is your favorite color? Blue, of course… Turquoise, like the Lagoon. 64 Venezia | made in Veneto

Perché ha scelto proprio Venezia come luogo d’elezione? È da sempre una città d’illusione, fatta di vetro e luce, che rivela realtà in perenne mutamento, supersofisticata e oscura a un tempo. E il personaggio di Judith Rashleigh, perché l’ha scelta? Perché esiste un importante mercato dell’arte e dove circola molto denaro può esserci anche la corruzione. Una realtà a lei nota... I diritti per la sua Trilogia sono stati acquistati da tempo dalla Columbia. Chi potrebbe essere il volto della sua eroina? La scelta sarà della casa di produzione, ma in questo momento ci sono due giovani attrici che a mio parere hanno l’espressione giusta: la scozzese Joanna Vanderham e l’anglo-francese Stacy Martin. Sembra che i suoi romanzi neghino il classico ‘lieto fine’. È una scelta razionale o succede quasi inevitabilmente? Nella storia di Judith Rashleigh il lieto fine non è proprio possibile, non è realistico. E anche nella vita il lieto fine non è la normalità. E se pensiamo a Guerra e pace, ad Anna Karenina, a Il giardino dei Finzi Contini, i capolavori (con l’eccezione di quelli di Jane Austen!) non raccontano storie felici. Probabilmente è vero quanto si legge in Middlemarch di Eliot: la felicità è fatta di luci e di ombre. In Maestra l’artista di riferimento era Artemisia Gentileschi, in Domina è stato Caravaggio, in Ultima sarà Gauguin. Perché? Sono tre artisti accomunati dalla violenza. Ed è questa che mi ha portata a sceglierli, ciascuno per una fase diversa della narrazione e dello sviluppo del personaggio di Judith. Ultima è già concluso? Il finale è già scritto, perché ho sempre saputo dove volevo andare con questa mio lavoro… comunque ci sto lavorando in questi giorni, perché ho promesso di consegnarlo il 30 settembre. A proposito di arte, cosa l’ha colpita alla Biennale di quest’anno? Il divertente padiglione dell’Islanda! Delizioso e affascinante. E a San Giorgio Maggiore, alla Fondazione Giorgio Cini, la raffinatezza dei vetri di Ettore Sottsass. Un’emozione lieve e intensa insieme. Tra le sue passioni dichiarate c’è la moda e non ha mai nascosto il suo penchant per le scarpe. Come potrà affrontare le calli di Venezia sui tacchi? Forse è vero, dovrò rinunciare ai tacchi… ma intanto la Biennale l’ho percorsa con ai piedi stivali di Lacroix, ed è andato tutto per il meglio. E per un servizio del Sunday Times ho indossato un paio di scarpe di Marni con 6 centimetri di tacchi fatti di bolle di vetro… comodissime! Forse non dovrò rinunciare ai tacchi, in fondo… L’ultima domanda. Da studiosa d’arte e di storia, qual è il suo colore preferito? Il blu, naturalmente… Turquoise, come la Laguna.


A portrait of Lisa Hilton with the Basilica of Santa Maria della Salute in the background (courtesy of Bauer Venezia) Venezia | made in Veneto 65


FREE AS A BIRD

F/W 2017-18. Fragments of mirrors as appliqués. An explosion of embroidery. Lace-like flowers. Dresses as a premier performance and sweet therapy Marta Innocenti Ciulli - Photo Federica Fiori - Make up and hair Paolo Baroncelli

ND S. SA LIQUÉ ARN ALS M

APP

NZA

MARN

I EMB

GA D OR OSSE

PENC

IL

CY F FAN ULL O F S S DRE I


MIU S MIU

SHOE .

EATS ED PL

RESS TIER D I BUS FEND

WITH

LACED

S

ON ITH IR IRT W S, SK E V E E L


ANA

ABB E&G

ANA

ABB E&G DOLC

D SK AN DAMA

W PATCH

L JA ORK X

DOLC IPPERS TS. SL N A P AND CKET


TS D PAN

TE -WAIS

HIGH T.

ITH VER W

ENZO

VINC O DE MARC

PULLO LUREX

EM

OWN ERY D BROID

RON THE F


CLER

N S MO

E D SHO Y AN OSIER

H LING

MO

AT R CO NCLE

WITH

FUR C

AND OLLAR

LACED

MIN

K . SPAR ISKIRT

APP

S. LIQUÉ


NES.

ESTO

SS K DRE IU SIL MIU M

ED

TRIMM

RHIN WITH

O

ITH OAT W VERC

E

LARG

D AR AN COLL

ELT.

HALF-B

MIU. S MIU SHOE

IU MIU BELT M


NETTA

P. FUR

NCES

GUCC

A TR I LIKE

OU ITH FL UIT W S K C A

AND

ANTS ERY. P

OID EMBR

-STRA FOOT WITH

SIMO COAT

ZA

RAVIZ


A

RAD OTS P A. BO

ER.

D L BOR

P

SS K DRE W SIL A R A RAD

FRIN

WOO AND H JET IT W GED

D F PRA SCAR


TIAN

. SA

NCES

ED T. LAC T SKIR

ELVE FULL V WITH TIAN

CHRIS

DIOR

DRESS

OU ITH FL ES W SLEEV

RIS S CH NDAL

DIOR


KERS

D Y AN OIDER

TINO

VALEN

SILK

BR ITH EM SE W BLOU

SNEA SKIRT. LARED F . S E RUFFL

TINO

VALEN


In the name of beauty

DEL BELLO NEL NOME

We have a soft spot for anything beautiful. For preciousness whispered like a poem, for awe-inspiring jewels to wear every day. The spotlight is on extravagant bracelets - fantastic sculptures that border on dreams. The stage is all yours. Abbiamo un debole per il bello. Per una preziosità sussurata come poesia, per gioielli meraviglia da indossare sempre. Fari puntati su bracciali visionari, sculture immaginifiche al limite con il sogno. La scena è tutta vostra.

1

2

3

4

5

1. Cartier 2. Vhernier 3. Gucci Jewelry 4. Damiani 5. Chopard 6. Pomellato 76 Venezia | made in Veneto


fashion jewels

6 Venezia | made in Veneto 77


D iving

into the heart of

f lorence

FIRENZE www.grandhotelminerva.com When in Forte dei Marmi stay at www.villaromaimperiale.com


must have bags

2 1

A stylish container to hold keepsakes and bits of life. A woman’s memories to carry along at all times. Ode to the bag, strictly handmade 6 7

3

5 8

4 6

By hand A MANO

by Sabrina Bozzoni 1. Sara Battaglia per Salvatore Ferragamo - Calle Larga XXII Marzo - Venezia 2. Loewe - at T Fondaco Dei Tedeschi - Venezia 3. Gucci - San Marco, 2102 - Venezia 4. Coach - coach.com 5. Marni - at Al Duca d’Aosta - Venezia 6. Chanel - Calle Larga XXII Marzo - Venezia 7. Hermès - San Marco, 1292 - Venezia 8. Louis Vuitton - San Marco, 1345 - Venezia Venezia | made in Veneto 79


must have shoes

2 1

3

Every winter brings its specific fashion trends, and booties are certainly one of the musthaves. Here they are, in all their versions 6

5

7

8

4 6

Heel. Toe TACCO. PUNTA

by Sabrina Bozzoni 1. Saint Laurent - San Marco, 1302 - Venezia 2. Miu Miu - San Marco, 1471 - Venezia 3. Céline - Calle Vallaresso, 1312 - Venezia 4. Marni - at Al Duca d’Aosta - Venezia 5. Hermès - San Marco, 1292 - Venezia 6. Salvatore Ferragamo - Calle Larga XXII Marzo - Venezia 7. Isabel Marant - at Coin Excelsior - Venezia 8. Aquazzurra - at T Fondaco Dei Tedeschi by DFS - Venezia


must have man

2 1

Behind the scenes of fashion. Men’s fashion embraces the more contemporary aspect of the street. Protagonist: the subculture trend 6 7

3

5 8

4 6

Avant-Garde OLTRE LA MODA

by Sabrina Bozzoni 1. Balenciaga - Calle Vallaresso, 1310 - Venezia 2. Gucci - San Marco, 2102 - Venezia 3. Prada - Salizada San Moise, 1464 - Venezia 4. J.W. Anderson - j-w-anderson.com 5. Rolex - at Salvadori Boutique Rolex - piazza San Marco 44 and 67 - Venezia 6. Saint Laurent - San Marco, 1302 - Venezia 7. Givenchy - at T Fondaco dei Tedeschi by DFS - Venezia 8. Faliero Sarti - via XXIX Maggio, 10 - Cortina d’Ampezzo Venezia | made in Veneto 81


movie history

Ten magnificent Lions DIECI SPLENDIDI LEONI text Giovanni Bogani

Films worth seeing or reseeing, awarded at the Venice Film Festival over the past 35 years I film da vedere o rivedere, premiati alla Mostra d’arte cinematografica di Venezia negli ultimi 35 anni The three of us rode the elevator of Venice’s Excelsior Hotel together: Peter Mullan, the Golden Lion and myself. Peter Mullan, the Scottish actor and film director, had just won the Golden Lion for Magdalene, a beautiful film about the forcible removal of Irish children from their unwed mothers. He said: “Do you want to hold it for a while?” “Well yes, of course”. So, as we walked out of the elevator, the Lion was in my hands for some time. It was the year 2002. The Golden Lion is not just any award. That small metal sculpture is even more important than the Oscar. The Lion is the highest prize given at the Venice Film Festival. It is awarded for a film’s artistic value. For the films that are meant to go down in the history of cinema, not in the history of box-office hits. And so, not all films awarded in Venice get to be blockbusters. But that’s the way it is: even Van Gogh sold very few paintings during his lifetime. For intelligent and passionate moviegoers, who enjoy being mentally and emotionally touched by a movie, here are some Golden Lion-awarded films of the near or more remote past that we strongly recommend. First of all, The State of Things by Wim Wenders, the black-and-white film almost entirely shot at a hotel in Sintra, Portugal, but it feels like being on the moon. It was awarded the Golden Lion in 1982 and its director, Wim Wenders, has been looked up to as a benchmark by film buffs all over the world since then. In 1986, the Golden Lion went to a delicate and subtle film, whose dialogues flow like water from the spring: The Green Ray by Eric Rohmer, a virtuoso of naturalness, of the truth of the instant of life captured by the camera. In 1993, another masterwork of filmmaking, Short Cuts by Robert Altman, made from short, intertwined love stories, twists of fame, moments of ordinary madness by Raymond Carver, who was perhaps the best in describing America with brevity, in an ascetic style. 1993 was also the year of another beautiful film: Three Colours: 82 Venezia | made in Veneto

In un ascensore dell’hotel Excelsior di Venezia ci trovammo in tre: Peter Mullan, io e il Leone d’oro. Peter Mullan, attore e regista scozzese, lo aveva appena vinto con Magdalene, un film bellissimo sulle ragazze madri irlandesi, a cui i figli illegittimi venivano strappati via. Peter Mullan mi guardò, vide che guardavo il Leone. Mi disse: “Lo vuoi tenere?” (“Do you want to hold it for a while?”) “Sì, certo che lo voglio”. Così, usciti dall’ascensore, il Leone è stato fra le mie mani, per un po’. Era il 2002. Perché il Leone d’oro non è un premio qualunque. Quella piccola scultura di metallo è persino più importante dell’Oscar. Il Leone è il premio della Mostra d’arte cinematografica di Venezia. E in quella parola, “arte”, sta tutta la differenza. Il Leone premia i film per il loro valore artistico. Per quello che possono dare alla storia dell’arte cinematografica, non tanto alla storia del box office. I film premiati a Venezia, così, a volte non sono degli enormi successi commerciali. Ma è giusto così: anche Van Gogh, in vita, vendette pochissimi quadri. Per lo spettatore appassionato, intelligente, che vuole provare grandi emozioni con un film, può essere bello riscoprire, oggi, alcuni Leoni d’oro del passato recente o anche un po’ più lontano. Se non lo avete visto, andate a cercare il bianco e nero che raggela gli istanti ne Lo stato delle cose di Wim Wenders, un film sull’attesa, girato quasi tutto in un albergo di Sintra, in Portogallo, ma sembra di essere sulla Luna. Vinse il Leone d’oro nel 1982, e il suo autore, Wim Wenders, da allora non ha smesso di essere un punto di riferimento per gli appassionati di cinema di tutto il mondo. Nel 1986 vinse un film dalla grazia delicata, in cui i dialoghi sgorgavano come l’acqua di un ruscello: è Il raggio verde di Eric Rohmer, un maestro della naturalezza, della verità dell’istante captata dal cinema. Nel 1993, un altro capolavoro: America oggi di Robert Altman intrecciava storie d’amore, giochi del destino, momenti di ordinaria follia, reimpastando i racconti di Raymond


Above and below: ‘Short cuts’ by Robert Altman (1993) Venezia | made in Veneto 83


1

2

3

4

5

6

84 Venezia | made in Veneto

1. 5. ‘The Magdalen Sisters’ (2002) 2. ‘Trois couleurs: Bleu’ (1993) 3. ‘Le Rayon vert’ (1986) 4. ‘Sacro GRA’ (2013) 5. ‘Der Stand der Dinge’ (1982)


‘The Wrestler’ by Darren Aronofsky, (2008) Blue by Krzysztof Kieslowski, a Polish film director who lived Carver. Che è forse stato il più grande, nel raccontare l’America and worked in France. It is the story of a woman, played by Ju- con brevi, asciutte pennellate di parole. liette Binoche, who must cope with the shooting pain of losing Ma quell’anno, 1993, premiò anche un altro film bellissimo: Film her family and with the need to start all over again, while being blu di Krszystof Kieslowski, regista polacco trapiantato in Franforced to confront memories and signs from the past. A spiritual cia. Che negli occhi di Juliette Binoche faceva passare il dolore lancinante di una tragedia familiare, la necessità di ricominciare and noble film, absolutely worth seeing. In more recent years, in 2008, Mickey Rourke appeared with da zero, la consapevolezza di presagi, segni, intuizioni. Un cinema spirituale e nobile, assolutamente da vedere. a bruised and battered face, his body marked Andiamo in anni più recenti: nel 2008 Mickey by years of excesses in The Wrestler by Darren Rourke si lasciava guardare, sfatto e tumefatto, Aronofsky, in which he powerfully portrayed an The Golden con il corpo segnato da anni di eccessi, nel film aging professional wrestler, half-athlete, halfclown who, nearing the end of his career, makes Lion is not The Wrestler di Darren Aronofsky, in cui interpreun lottatore di wrestling, metà atleta metà paone last attempt to literally fight his way back to just any tava gliaccio, giunto all’ultimo impegno della sua vita stardom. Rourke and the audience bursting into award. That sbandata, all’ultimo atto d’orgoglio. Rourke e un endless applause is an indelible memory. An insmall metal applauso interminabile, in Sala Grande, sono un tense, soul-ripping screen performance. A mustsee. sculpture is ricordo indelebile. Quel film fa male, taglia l’anima va visto. One night in 2009, at a party at the end of the even more ma, Nel 2009, mi trovai a una festa, appena finito il festival, I met a very serious-looking, quiet man, his eyes hidden behind dark and thick glasses. important than festival, insieme a un uomo molto serio, taciturno, He seemed uncomfortable, not knowing whom to the Oscar con un paio di spessi occhiali scuri. Sembrava non sapere con chi parlare. Era Samuel Maoz: aveva talk to. He was Samuel Maoz: he had just been awarded the Golden Lion for Lebanon, a story of war in the Mid- appena vinto il Leone d’oro con Lebanon, un film sulla guerra dle East told from the inside of a tank. The only point of view is in Medio Oriente tutto girato dall’interno di un carro armato. that of the soldiers inside the tank, which becomes a death ma- Il punto di vista era solo quello dei soldati dentro questo carro chine, a cell, a target, a crematorium, a cemetery. A small place in armato, che diventava macchina di morte, cella di prigione, berwhich also the audience lives for two hours, amidst surprise and saglio, forno crematorio, cimitero. Un piccolo luogo nel quale per due ore riuscivamo a vivere anche noi, fra stupore e orrore, paura horror, fear and excitement. A magnificent film, try to find it. In 2012, the talented, solitary and anarchic Korean film director e delirio. Un film bellissimo, cercate di recuperarlo. Kim Ki-duk won the Golden Lion for Pieta, written just like Nel 2012, il talento solitario, anarchico del regista coreano Kim Venezia | made in Veneto 85


Above: ‘Pieta’ by Kim Ki-duk y (2012) Below: ‘Lebanon’ by Samuel Maoz (2009) 86 Venezia | made in Veneto


‘A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence’ by Roy Andersson (2014) that, without the accent mark it has in Italian. A brutal, uncompromising drama, the story of a small but ruthless gangster and his mother, involved in a relationship which we are not going to tell you about, but in which feelings and emotions grow deeper and stronger scene by scene. One of the most beautiful and cruelest films of the decade. In the past few years, we have seen an Italian film director win the Venice Film Festival’s top prize: Gianfranco Rosi for the documentary film Sacro GRA. The GRA is the huge ring road around Rome, along which Rosi’s camera captured faces and stories. Rigorous filmmaking, a bit detached, as if he were describing some marine species rather than human beings. But definitely a piece of very original and personal filmmaking. It was the year 2013. While critics joked about the title of Roy Andersson’s film, A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence, he was awarded the Golden Lion in 2014. A strange, disconcerting film, a succession of fixed tableaux, with surreal characters and surreal images: a man dies of a heart attack trying to uncork a bottle of wine while his wife is distracted in the kitchen and goes on singing, two desolate figures trying to sell even more desolate joke-shop items. Reflections on the oddness of life, on how life- and cinema- can give us everything and its opposite at the same time. And so, that Golden Lion which, thanks to Peter Mullan, I had the privilege of touching and holding in my hands, has an enormous value. It tells us that the motion-picture world is not only about special effects, CGI, superheroes, cinematic universes, actors playing in front of green backgrounds. It tells us that cinema teaches us something about life, our life. And helps us look at it with new eyes.

Ki-duk emergeva prepotente vincendo il Leone con Pieta, scritto così, senza l’accento che ha in italiano. Un film crudo, che non risparmia niente allo spettatore, che raccontava di un piccolo gangster spietato e di sua madre, in un rapporto di cui non riveliamo nulla, ma in cui i sentimenti, e le emozioni, si facevano fortissimi, un’inquadratura dopo l’altra. Uno dei film più belli e crudeli del decennio. Negli ultimi anni, un italiano è tornato a vincere la Mostra di Venezia. È Gianfranco Rosi con il documentario Sacro GRA. Il GRA è il Grande raccordo anulare che circonda Roma: una strada lungo la quale Rosi ha raccolto facce e storie. Cinema rigoroso, un po’ freddo, il suo. Come se facesse un documentario sulle specie marine, non sugli umani. Ma cinema assolutamente originale e personale. Era il 2013. I critici scherzavano, infine, sul titolo del film di Roy Andersson: Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza. E invece, nel 2014, il film vinse il Leone d’oro. Cinema sconcertante, con lunghissime inquadrature fisse, con personaggi surreali e immagini altrettanto surreali: un uomo che muore d’infarto cercando di stappare una bottiglia di vino mentre la moglie in cucina non si accorge di niente e continua a cantare, due personaggi tristissimi che vendono giochi ancora più tristi. Riflessioni sulla bizzarria dell’esistenza, su come la vita - e il cinema - possano darci tutto, e il contrario di tutto. Così, quel Leone d’oro che una volta, grazie a Peter Mullan, ho toccato e tenuto fra le mani, ha un grande valore. Ci dice che il cinema non è solo effetti speciali, Cgi, supereroi, cinematic universes, attori che recitano davanti a sfondi verdi. Ci dice che il cinema serve a capire meglio la vita che viviamo, la nostra vita. E a guardarla con occhi diversi. Venezia | made in Veneto 87


Paolo Veronese, Dialettica, Sala del Collegio aaaaaaa 88 Venezia | made in Veneto


art itineraries

The Venetian Light LA LUCE VENEZIANA

text Federica Repetto photo courtesy by Fondazione Musei Civici di Venezia Paolo Veronese’s masterpieces at Palazzo Ducale I capolavori di Paolo Veronese a Palazzo Ducale

The center and symbol of the Republic’s political life, Palazzo Ducale (the Palace of the Doge) houses grand works of art dating from various periods, commissioned by individual doges who wished to be remembered. Paolo Caliari, better known as Il Veronese (1528–88), was a prolific and broadly acclaimed artist, forefather of a family which came to represent Italian art in its own times. A painter with a special talent for capturing the light of Venice in his colors. A crisp, bright light which made each work rich and elegant. He was only 13 when he began his apprenticeship in Verona with the painter Antonio Badile. Ten years later, in 1551, the Venetian nobility already knew his name. His first important commission came from the Signoria of Venice, for whom he decorated, along with the artists Ponchino and Zelotti, the Sale del Consiglio dei Dieci of the Palazzo Ducale. His most significant works can be seen in the Sala delle Udienze: in the center, Jupiter Expelling the Vices (a copy of the original now at the Louvre), Juno Showering Gifts on Venetia and the oval painting, Youth and Old Age. A rectangular canvas depicting Justice Breaks the Chains and a few monochrome works (such as the allegories Cyprus and Candia) have recently been attributed to Veronese. Displayed inside the Sala della Bussola is the large painting, Saint Mark Crowning the Theological Virtues (another copy of an original housed in the Louvre since 1797). He also painted monochrome allegories and scenes from Roman history for other chambers. The paintings displayed inside the third hall of this wing, the Sala dei Tre Capi del Consiglio dei Dieci, include The Triumph of Virtue over Evil and Nemesis Triumph. The spectacular coffered ceiling of the monumental Sala del Consiglio is composed of lavish gilded frames and features the artist’s works: Mars and Neptune, Venice Ruling with Justice and Peace and Faith and Religion. Four L-shaped paintings adorn the corners of the ceiling and depict allegories of Reward, Prosperity, Fidelity and Moderation. Visible in the central panels are Purity, Gentleness, Vigilance and Industry (for others, this last allegory represents Dialectics). At the far end of the hall he painted the complex Allegory of the Battle of Lepanto, as well as Saint Sebastian and Saint Giustina. The

Palazzo Ducale, cuore e simbolo della Repubblica e del suo sistema di governo e di potere, è custode di imponenti opere d’arte, risalenti a varie epoche storiche, commissionate dai singoli Dogi che volevano, tra l’altro, tramandare ai posteri la propria memoria. Artista prolifico, di grandezza internazionale, capostipite di una famiglia che ha saputo rappresentare l’arte italiana del suo tempo è Paolo Caliari, meglio noto come il Veronese (1528-1588). Pittore, che più di altri, è riuscito ad imprigionare la luce veneziana nei suoi colori; una luce tersa, abbagliante e che ha reso ogni opera ricca ed elegante. Appena tredicenne entra a Verona nella bottega del pittore Antonio Badile e dieci anni dopo, nel 1551, risulta già in contatto con il patriziato veneziano. A Venezia, la prima grande commissione gli viene dalla Signoria, per la quale decora, assieme al Ponchino e allo Zelotti, le sale del Consiglio dei Dieci a Palazzo Ducale. Nella Sala delle Udienze realizza le scene di maggior rilievo: quella centrale con Giove che fulmina i vizi (oggi al Louvre e sostituita da una copia ottocentesca), Giunone versa doni su Venezia e l’ovale con Gioventù e Vecchiaia. Di recente gli è stata attribuita anche la tela rettangolare con la Giustizia che spezza i ceppi e alcuni dei monocromi (come le allegorie di Cipro e di Candia). Presso la Sala della Bussola si trova la grande tela con San Marco che incorona le Virtù teologali (anche questa al Louvre dal 1797, sostituita da una copia), negli altri scomparti, a monocromo, realizza figure allegoriche e scene di storia romana. Nella terza delle tre sale di questa zona del palazzo, la Sala dei Tre Capi del Consiglio dei Dieci, si trovano anche le tele con il Trionfo della Virtù sul Male e il Trionfo della Nemesi sul Male. Il soffitto della Sala del Collegio presenta le sue opere Marte e Nettuno e, Venezia dominatrice con la Giustizia e la Pace, la Fede e la Religione. Agli angoli del soffitto, quattro tele a L con la Ricompensa, la Prosperità, la Fedeltà, la Moderazione; negli spazi mediani la Purezza, la Mansuetudine, la Vigilanza, l’Industria (per altri si tratta della Dialettica). Sulla parte di fondo del Collegio ha dipinto la complessa Allegoria della battaglia di Lepanto, oltre i santi Sebastiano e Giustina. I protagonisti della vittoria navale di Lepanto, Sebastiano Venier, poi Doge, e Agostino Barbarigo, sono raffigurati in adorazione di Cristo imperator mundi Venezia | made in Veneto 89


Two images of Palazzo Ducale’s loggia 90 Venezia | made in Veneto


Paolo Veronese, Ratto di Europa, Sala dell’Anticollegio protagonists of the victorious battle of Lepanto, Sebastiano Venier, later Doge, and Agostino Barbarigo, are shown adoring Christ imperator mundi in Venice with the saints Mark and Giustina and Faith in a triumph of martyrs and saints. The battle is actually an excuse for a new, important celebration of Venice’s military successes. During the same period Veronese frescoed the central octagon in the ceiling of the annexed Sala dell’Anticollegio with Venice distributing honors and rewards, a sort of political declaration to reconfirm the controversial right of the Republic to appoint its bishops. Truly impressive is the magnificent painting bequeathed to the Serenissima by the nobleman Vertucci Contarini, The Rape of Europa. The color quality, slow-paced narration and elegant figures of this work were used as a model by the two artists who most contributed to the revival of Veronese’s manner during the early 18th century: Sebastiano Ricci and Giambattista Tiepolo. Veronese’s last major endeavor at Palazzo Ducale coincided with the vast project, carried out between 1579 and 1582, to redecorate the immense assembly halls, the Maggior Consiglio and the Scrutinio, following the disastrous fire in 1577. He realized the enormous oval painting, Triumph of Venice (Pax Veneta), which represents the apotheosis of the city, crowned by angels and surrounded by virtues. The lower part shows the city’s diverse social classes. The Triumph of Venice celebrates the city as a power whose order and prosperity is based on peace and justice; one which supports the arts, protects the weak and is Christian and merciful. Veronese depicts the Venice of those times, the same city essayists, ambassadors, poets and philosophers wrote about. He shows us a personification of the myth of Venice and a dominating and seductive period. The works displayed at Palazzo Ducale allow visitors to become familiar with the many facets of this artist, his keen awareness of the architectural environment of his times and the religious spirit of the Counter-reformation.

assieme a Venezia, ai santi Marco e Giustina e alla Fede in un tripudio di martiri e santi. La battaglia è in realtà un pretesto per una nuova e importante celebrazione delle glorie militari di Venezia. Contemporaneamente al soffitto del Collegio, Veronese dipinge ad affresco l’ottagono il soffitto della contigua Sala dell’Anticollegio con Venezia che distribuisce ricompense e onori, una sorta di dichiarazione politica a riaffermare il contestato diritto alla nomina dei vescovi da parte del governo della Repubblica. Di notevole impatto è lo splendido dipinto donato alla Serenissima per lascito testamentario del nobiluomo Vertucci Contarini. Si tratta de Il ratto di Europa, opera che costituisce uno dei modelli veronesiani più apprezzati, per la qualità del colore, oltre che la pacatezza della narrazione e l’eleganza della figurazione, da quegli artisti che già agli esordi del Settecento sono stati i protagonisti del revival veronesiano: Sebastiano Ricci e Giambattista Tiepolo. L’ultimo grande impegno a Palazzo Ducale coincide con la realizzazione, tra il 1579 e 1582, del ciclopico programma di ridecorazione delle grandi sale assembleari: Maggior Consiglio e Scrutinio, dopo il disastroso incendio del 1577. Suo è l’immenso ovale con il Trionfo di Venezia (Pax Veneta) che raffigura l’apoteosi della città, incoronata dagli angeli e circondata dalle virtù, mentre più sotto sono rappresentate le diverse classi della società veneziana. Il Trionfo di Venezia celebra Venezia come forza apportatrice di pace e di giustizia, fondamento di ordine e di prosperità, protettrice delle arti e mecenate, di tutela dei deboli, pietosa e cristiana. Il Veronese ritrae una Venezia del suo tempo, raccontata anche da trattatisti, ambasciatori, poeti e filosofi, ci presenta una incarnazione del mito di Venezia, un tempo dominante e seducente. Nelle opere presenti a Palazzo Ducale il visitatore ha la possibilità di conoscere un artista in tutte le sue sfaccettature e consapevole del mondo dell’architettura a lui contemporanea, attento alla religiosità degli anni della Controriforma. Venezia | made in Veneto 91


Above: The Boat is Leaking. The Captain Lied (ph. Delfino Sisto Legnani and Marco Cappelletti) Below: Marina Abramovic for Intuition (ph. Jean-Pierre Gabriel) 92 Venezia | made in Veneto


art exhibition

Energy flows FLUSSI DI ENERGIA text Francesca Lombardi

From the Biennale inside the city, a range of must-attend events Dalla Biennale dentro la città, carnet degli imperdibili

The value of art in civil progress: this lesson of Viva Arte Viva, the 2017 Biennale (until November 26, 2017, labiennale.org) is an energy that renews and regenerates, a movement in continuous evolution that shines upon Venice. The international Exhibition unfolds across the Giardini and the Arsenale, with an extensive display that divides the works into 9 sections, small exhibitions within the exhibition that cover various themes which connect only at the end, in a unique and magnificent mosaic. Alongside the exhibition are the National Pavilions and the Italian Pavilion curated by the exceptional Cecilia Alemani, which narrates Il Mondo Magico (The Magical World) through projects by Roberto Cuoghi, Adelita Husni-Bey and Giorgio Andreotta Calò. Fuori Biennale and the major exhibitions in the city don’t disappoint. In fact, they seem to have understood and put into practice the very lesson of the International Exhibition. It all begins with the large-scale hands holding up Ca’ Sagredo: a powerful reflection that Lorenzo Quinn (sculptor and actor like his father Anthony) calls on us to make about the hot-button issue of global warming and on the protection of Serenissima’s world heritage. The Golden Tower, a 20-meter high obelisk covered in 35,500 24-karat gold leaves by James Lee Byars, in Campo San Vio, is a must-see, on display until November 26; and a reflection on man and the increasingly complex present can be found in Michelangelo Pistoletto’s installation One and One makes Three in the Abbey of San Giorgio Maggiore. In this sacred and ancient place, a circle of mirrors force visitors to look inside themselves and leads the spectator to undergo a profound and silent reflection. The Museo Correr hosts a large “tapestry of human faces” by Shirin Neshat: 55 powerful portraits of men and women that reconstruct a strong geography of emotions. Jan Fabre is at the Abbey of San Giorgio with Glass and Bone Sculptures (1977-2017): 40 works in glass and bone by the Antwerpian artist, conceived of as a way to confront the dilemma of metamorphosis and the universal combination of life and death. The most spectacular exhibition in Venice in 2017, however, features Damien Hirst: Treasure from The Wreck of The Unbelievable

Il valore dell’arte nel progresso civile: la lezione di Viva Arte Viva, la Biennale Arte 2017 (fino al 26 novembre 2017, labiennale.org) è energia che rinnova e rigenera, movimento in continua evoluzione che irradia Venezia. La mostra internazionale si snoda tra i Giardini e l’Arsenale, con un allestimento ampio in cui le opere sono divise in 9 sezioni, piccole mostre nella mostra che affrontano temi diversi che si ricompongono solo alla fine in un mosaico unico e grandioso. Accanto alla mostra internazionale i Padiglioni Internazionali e il Padiglione Italia curato da una bravissima Cecilia Alemani che racconta Il mondo magico attraverso Roberto Cuoghi, Adelita HusniBey e Giorgio Andreotta Calò. Il fuori Biennale e le grandi mostre della città non deludono. Sembrano anzi aver raccolto e messo in pratica la lezione della Mostra Internazionale. Si comincia dalle grandi mani che sostengono Ca’ Sagredo: una riflessione potente che Lorenzo Quinn (scultore e già attore come il padre Anthony) chiama a fare sulla dibattuta questione del riscaldamento globale e sulla difesa di un patrimonio mondiale attraverso la Serenissima. Da non perdere fino al 26 novembre la Golden Tower di James Lee Byars in Campo San Vio, un obelisco di venti metri rivestito di 35.500 foglie d’oro 24 carati; e la riflessione sull’uomo e sul suo presente sempre più complesso è quella cui invita l’installazione di Michelangelo Pistoletto One and One makes Three nell’Abbazia di San Giorgio Maggiore. In questo luogo sacro un cerchio di specchi costringono a guardarsi dentro e inducono lo spettatore a una riflessione profonda e silenziosa. Il Museo Correr ospita il grande “arazzo di volti umani” di Shirin Neshat: 55 intensi ritratti di uomini e donne che ricostruiscono una intensa geografia delle emozioni. Jan Fabre è all’Abbazia di San Gregorio con Glass and bone sculptures (1977-2017): 40 opere in vetro e ossa dell’artista d’Anversa, pensate per affrontare il dilemma della metamorfosi e dell’universale binomio vita-morte. La mostra più spettacolare di questa Venezia 2017 è firmata però Damien Hirst: Treasure from The Wreck of The Unbelievable (fino al 3 dicembre) ospitata nel doppio spazio della Pinault Collection, ovvero Palazzo Grassi e Venezia | made in Veneto 93


art exhibition

Intuirion, One and One Makes Three, Glass and bone sculptures (1977-2017) (ph. Angelos bvba) (until December 3), hosted in two spaces of the Pinault Collection, Palazzo Grassi and Punta della Dogana: a massive operation showcasing figures of every size, material and colour and statues encrusted with unimaginable corals and rare jewels coming from a fantastical and dreamlike discovery. Intuition is at the center of Palazzo Fortuny, which brings together artifacts of the past and ancient works, as well as modern and contemporary pieces. In the rooms of Intuition, visitors encounter, until November 27, Neolithic menhir and works by Kandinskij, as well as automatic writing texts and installations by Marina Abramovic, uninterrupted, just like the intuitions of art over the centuries. Fondazione Prada presents - also until November 26 - The Boat is Leaking. The Captain Lied, a multimedia exhibition that resulted from a fruitful collaboration between the writer and director Alexander Kluge, the artist Thomas Demand, the scenographer and costume designer Anna Viebrock and the curator Udo Kittelmann. Until November 30, the Galleria d’arte Contini is hosting the solo show of Manolo Valdès, an eclectic and versatile artist and one of the most important maestri of the 21st century. There’s still a few more days (until October 22) to enjoy an extraordinary and irreverent exhibition of one of the great masters of Pop Art: Ca’ Pesaro in Venice is hosting 82 Portraits and 1 Still-Life, with works executed over three years, between 2013 and 2016, using a single parameter: portray, sitting down, a large variety of people. The same seat and the same neutral background, just like Bronzino, but with each subject having the freedom to choose their pose. Famous faces, like those of John Baldesseri and Lord Jacob Rothschild, can be found among the faces of the artist’s family members or neighbours. Also Pop Art but this time in Mestre at the Centro Culturale Candiani is Attorno alla Pop Art nella Sonnabend Collection (until November 5). Until January 7, 2018, the Peggy Guggenheim Collection presents, in the exhibition spaces of the Project Rooms, the exhibition-dossier PICASSO. On the Beach, curated by Luca Massimo Barbero. With a unique and elegant collection of works, including three paintings, ten drawings executed by Pablo Picasso between February and December 1937 and one sculpture, displayed together for the first time, Barbero seeks to cast a new light on the Spanish artist’s work, highlighting his connections with the Mediterranean, which had such an important impact on his artistic career: from his roots in Spain to his life in France to his relations with artists and art forms that recalled the Mediterranean. Born out of the collaboration with the Musée Picasso in Paris, the exhibition, collected and focused, unfolds around one of Peggy Guggenheim’s most beloved paintings, Picasso’s On the Beach (La Baignade), today housed in the Venetian museum. 94 Venezia | made in Veneto

Punta della Dogana. Una gigantesca operazione economica che si declina in figure di ogni dimensione, materiale e colore, statue incrostate di coralli inimmaginabili e gioielli rari provenienti da un immaginifico e irreale ritrovamento. L’intuizione è al centro a Palazzo Fortuny, che raccoglie artefatti del passato e opere antiche, ma anche moderne e contemporane. Nelle sale di Intuition, dunque, s’incontrano fino al 27 novembre menhir del Neolitico e opere di Kandinskij, testi di scrittura automatica e installazioni di Marina Abramovic, senza soluzioni di continuità proprio come le intuizioni d’arte nei secoli. Fondazione Prada presenta - sempre fino al 26 novembre - The Boat is Leaking. The Captain Lied, esposizione transmediale, frutto della felice collaborazione tra lo scrittore e regista Alexander Kluge, l’artista Thomas Demand, la scenografa e costumista Anna Viebrock e il curatore Udo Kittelmann. Fino al 30 novembre la Galleria d’arte Contini ospita invece la personale di Manolo Valdès, artista eclettico e poliedrico, uno dei maestri più significativi del XXI secolo. Ancora pochi giorni (fino al 22 ottobre) per godere di una mostra straordiaria e irriverente di uno dei grandi maestri della Pop Art: a Ca’ Pesaro di Venezia David Hockney: 82 ritratti e 1 natura morta, con opere realizzate in tre anni, tra il 2013 e il 2016 usando un unico criterio: ritrarre, seduti, personaggi tra i più vari. Stessa sedia e stesso sfondo neutro come faceva Bronzino ma ognuno con la facoltà di scegliere la posa. Volti celebri come quelli di John Baldesseri, o Lord Jacob Rothschild si alternano ai ritratti di familiari o persone del vicinato, conoscenti. Ancora Pop Art ma questa volta a Mestre al Centro Culturale Candiani, Attorno alla Pop Art nella Sonnabend Collection (fino al 5 novembre). Fino al 7 gennaio 2018, la Collezione Peggy Guggenheim presenta, negli spazi espositivi delle Project Rooms, la mostra-dossier Picasso. Sulla spiaggia, a cura di Luca Massimo Barbero. Attraverso una selezione unica e raffinatissima di opere, tre dipinti, dieci disegni realizzati da Pablo Picasso tra febbraio e dicembre del 1937 e una scultura, esposte insieme per la prima volta in occasione della mostra, Barbero cerca di gettare nuova luce sul lavoro dell’artista spagnolo, evidenziando i suoi collegamenti con quel Mediterraneo che ha avuto un ruolo così importante nella sua carriera artistica: dalle radici in Spagna, alla vita in Francia, alle relazioni con artisti e forme d’arte che avevano nel Mediterraneo un punto di riferimento. Nata dalla collaborazione con il Musée national Picasso-Paris, la mostra, raccolta e mirata, si snoda attorno a una delle tele più amate da Peggy Guggenheim, il dipinto picassiano Sulla spiaggia (La Baignade), appartenente oggi al museo veneziano.


Padiglione Italia (ph Jacopo Salvi courtesy La Biennale di Venezia) Venezia | made in Veneto 95


Lyda Borelli, born in La Spezia in 1884 and died in Rome in 1959, was an actress and celebrity in the silent film era. In the photo, she stars as Salome in Oscar Wilde’s play (ph. ICCD - Gabinetto fotografico Nazionale, Archivio Nunes Vais, Roma) 96 Venezia | made in Veneto


movie exhibition

The rediscovered star LA DIVA RITROVATA text Luciana Boccardi

The exhibition ‘Lyda Borelli. A Leading Lady of the 20th Century’, until 15 November at Palazzo Cini La mostra ‘Lyda Borelli. Primadonna del Novecento’, fino al 15 novembre a Palazzo Cini It was as if the artistic career of Lyda Borelli - an ultra-famous actress of the early 20th century, born in 1884 - had never existed. After twenty years of astounding, worldwide success on stage and in cinema, the actress retired to become Mrs. Lyda Cini, the dearly-beloved wife of Vittorio Cini, who made sure all traces of his famous wife’s career were erased. Lyda Borelli ‘disavowed’ the world of show-business to devote the rest of her life to a new role, that of the happy wife of one of the richest and most famous men in Italy, Count Cini, and loving mother of their four children. Palazzo Cini in Venice, in the district of San Vio, where the former star lived until she died in Rome on 1959, hosts an exceptional exhibition: Lyda Borelli - A Leading Lady of the 20th Century (open until 15 November), which tells the story of this great actress for the first time. Curator of the show is Maria Ida Biggi, director of the Fondazione Cini Institute of Theatre and Opera. The book Il Teatro di Lyda Borelli, by Maria Ida Biggi (published by Fratelli Alinari), complements the exhibition, which also features contributions by M. Dolores Cassano and Marianna Zanotti: paintings, dresses (reproduced at the Nicolao atelier in Venice), photographs, films and documents illustrate the erased years of the actress’ career as well as her declining world. Lyda Borelli was also known for her unique measured gestures: the term ‘borellismo’ can be found in the Panzini Italian dictionary. Petrolini’s famous parody, Ma l’amor mio non muore, is unforgettable in this context. He dedicated it to the film that turned Lyda Borelli into the greatest star of the silent film industry: “…Tutto muore quaggiù! Muore l’insetto, muore il cane, il cavallo ed il cammello, muore il rospo, la pecora, il capretto, muore la pianta, la radice, il fiore: ma l’amor mio… ma l’amor mio non muore!” (Everything is dying down here! Insect, dog, horse, camel, toad, sheep, goat, plant, root and flower. But my love, my love does not die!)

Di Lyda Borelli - nata nel 1884 - artista famosissima dei primi decenni del Novecento, nessuno trovava più traccia: dopo vent’anni di successi clamorosi in tutto il mondo come attrice di teatro e diva del cinema muto, l’attrice scomparve dalle scene per diventare la signora Lyda Cini, moglie amatissima di Vittorio Cini che con le nozze si preoccupò di far scomparire qualsiasi traccia che parlasse del passato artistico della famosa moglie. Lyda Borelli ‘rinnegò’ il mondo dello spettacolo, per dedicarsi a un nuovo personaggio che interpretò per il resto della sua vita: moglie innamorata di uno degli uomini più ricchi e famosi d’Italia, il conte Cini, e madre tenerissima dei loro quattro figli. A Palazzo Cini di Venezia, a San Vio, dove l’ex diva abitò fino alla morte, sopraggiunta a Roma nel 1959, è stata allestita una mostra eccezionale Lyda Borelli - Primadonna del Novecento (aperta al pubblico fino al 15 novembre) che per la prima volta racconta la vita dimenticata della grande attrice. La mostra, realizzata dall’Istituto del Teatro e del Melodramma della Fondazione G. Cini, diretto da Maria Ida Biggi (curatore della Mostra) è accompagnata dal libro Il teatro di Lyda Borelli, di Maria Ida Biggi (ed. F.lli Alinari) con interventi di M. Dolores Cassano e Marianna Zanotti, che tra dipinti, abiti (ricostruiti dall’atelier Nicolao di Venezia), fotografie, film e documenti racconta gli anni d’arte cancellati dell’attrice, il suo mondo decadente interpretato con quella particolare gestualità cadenzata che divenne fatto di costume, di moda: ‘borellismo’ è la parola citata dal Panzini nel suo dizionario della lingua italiana. Indimenticabile in questo contesto, la famosa parodia Ma l’amor mio non muore che Petrolini dedicò al film che aveva consacrato Lyda Borelli come la più grande diva del cinema muto: “…Tutto muore quaggiù! Muore l’insetto, muore il cane, il cavallo ed il cammello, muore il rospo, la pecora, il capretto, muore la pianta, la radice, il fiore: ma l’amor mio… ma l’amor mio non muore!” Venezia | made in Veneto 97


Teatro La Fenice celebrates the 150th anniversary of Rossini’s death with three of his productions, part of Progetto Rossini 98 Venezia | made in Veneto


theatre season

The best of... IL MEGLIO DI…

text Teresa Favi

Opera, ballet, symphony and theater. The events not to be missed in the 2017-2018 season at Teatro La Fenice and Teatro Goldoni Lirica, danza, sinfonica e prosa. Gli appuntamenti da non perdere nella stagione 2017-2018 ai teatri La Fenice e Goldoni Everything is ready for the opening of the new 2017-2018 season in the two main theatres in Venice. The 18th-century Teatro La Fenice, in the San Marco district in Campo San Fantin, is a temple devoted to opera, one of the most beautiful theatres in Italy. Some of its events will be held at the Teatro Malibran, and the Goldoni Theater, the oldest theatre in Venice

to the recent finding of the score manuscript. The Carnival piece (February 2, 4, 8, 10 and 13) is Die lustige Witwe (The Merry Widow) by Franz Lehár, conducted by Damiano Michieletto. After that, the Malibran hosts (April 13, 15, 17, 19 and 21) Orlando Furioso by Vivaldi, directed by Fabio Ceresa (Best Young Director of the year, Opera Awards in London). In 2018,

From ‘Furioso’ to Pastoa Galvan’s flamenco dancing to Toni Servillo

still in existence (since 1622) that offers a great season of plays and ballets. From the two playbills, selected for you, here are the works not to be missed. TEATRO LA FENICE The season opens on November 24 with the new staging of A Masked Ball by Verdi, conducted by Myung-Whun Chung (repeated on November 26 and 29, December 1 and 3). From February 19, there is a fine program, starting with the playful farce for music in one act, Spontini’s Le metamorfosi di Pasquale, on stage at Teatro Malibran for the first time in modern times thanks

the Phoenix celebrated the 150th anniversary of Rossini’s death with the ‘Rossini Project’. The first of three works is the tragic opera Semiramide, on stage October 19, 21, 23, 25 and 27, in a new staging with Jessica Pratt in the title role. For ballet, contemporary dance is coming to Teatro La Fenice from December 13 to 17 with the Royal Ballet of Flanders. From July 13 to July 15, for an Italian premiere, at the Fenice, the great Michail Baryšnikov, protagonist of the one man show entitled Brodsky/Baryšnikov inspired by the poems of the Nobel Prize winner, Brodsky. The traditional Christmas

Tutto è pronto per l’avvio della nuova stagione 2017-2018 nelle due principali sedi teatrali di Venezia, il settecentesco Teatro La Fenice, nel Sestiere di San Marco in campo San Fantin, tempio della lirica, uno dei teatri più belli d’Italia, che trasla alcuni suoi appuntamenti anche al Teatro Malibran, e il Teatro Goldoni, il più antico di Venezia ancora oggi esistente (dal 1622) che offre una bel-

del Carnevale (2, 4, 8, 10 e 13 febbraio) è Die lustige Witwe (La vedova allegra) di Franz Lehár, con la regia di Damiano Michieletto. Successivamente al Malibran (13, 15, 17, 19 e 21 aprile) va in scena l’Orlando furioso di Vivaldi, con la regia affidata a Fabio Ceresa (migliore regista emergente dell’anno agli Opera Awards di Londra). Nel 2018, la Fenice celebra il 150esimo anniversa-

la stagione di prosa oltre a una rassegna di danza. Dai due cartelloni, selezionati per voi, ecco i titoli da non perdere. TEATRO LA FENICE La stagione inaugura il 24 novembre con il nuovo allestimento di Un ballo in maschera di Verdi, con la direzione di Myung-Whun Chung (repliche il 26 e 29 novembre, 1° e 3 dicembre). Dal 19 febbraio, si dipana un bellissimo cartellone, a partire dalla farsa giocosa per musica in un atto Le metamorfosi di Pasquale di Spontini, in scena al Teatro Malibran per la prima volta in tempi moderni grazie al recente ritrovamento della partitura manoscritta. L’opera

rio della morte di Rossini con il ‘Progetto Rossini’. Il primo dei tre titoli proposti, è il melodramma tragico la Semiramide, in scena il 19, 21, 23, 25 e 27 ottobre, in un nuovo allestimento con Jessica Pratt nel ruolo del titolo. Per il balletto, la danza contemporanea approda al Teatro La Fenice dal 13 al 17 dicembre con il Reale Balletto delle Fiandre e, dal 13 al 15 luglio, in prima italiana alla Fenice arriva il grande Michail Baryšnikov protagonista dell’one man show dal titolo Brodsky/Baryšnikov ispirato alle poesie del premio Nobel Iosif Brodsky. Il tradizionale Concerto di Natale nella Basilica di San Venezia | made in Veneto 99


theatre season

Concert in the Basilica of San Marco, December 19 (the first evening of the 18th is by invitation only), this year is dedicated to Claudio Monteverdi on the 450th anniversary of his birth. Maestro Myung-Whun Chung will then lead the New Year’s Eve Concert at the La Fenice Theater (December 28 at 8pm; Friday 29 at 8pm, Saturday 30 at 5pm, Sunday 31 at 4pm and Monday, January 1, 2018 at 11:15 am). The Choir, directed by Claudio Marino Moretti, will perform the Requiem by Duruflé on February 17 at the Fenice, and the Stabat Mater by Giovanni Battista Pergolesi on the evening of Good Fri-

lights, characters’ actions and masks. It’s non-stop from Thursday to Sunday, entirely designed for tourists arriving in the lagoon. The season opens officially on October 26 with a show by Marco Paolini entitled Le avventure di Numero Primo, moves elegantly on to Baruffe Chiozzote by Goldoni (November 16 to 19), The Odd Couple by Neil Simon with the special participation of a living legend of Italian cinema Claudia Cardinale (December 7 to 10), the theatrical premiere of Umberto Eco’s masterpiece, Il nome della rosa, conceived by Stefano Massini, directed by Leo Muscato, whose cinema transposition of Jean-

Marco, il 19 dicembre (la prima serata del 18 è su invito), quest’anno è dedicato a Claudio Monteverdi nel 450esimo anniversario della nascita. Ed è il maestro Myung-Whun Chung che dirigerà il Concerto di Capodanno al Teatro La Fenice (28 dicembre ore 20.00; venerdì 29 ore 20.00, sabato 30 ore 17.00, domenica 31 ore 16.00 e lunedì 1° gennaio 2018 ore 11.15). Il Coro, diretto da Claudio Marino Moretti, esegue il Requiem di Duruflé il 17 febbraio alla Fenice, e lo Stabat Mater di Giovanni Battista Pergolesi la sera del Venerdì Santo (30 marzo). Tra i grandi direttori impegnati nella ricchissima sta-

Una non stop dal giovedì alla domenica pensata interamente ai turisti che arrivano in laguna. La stagione vera e propria, che prende il via dal 26 ottobre con uno spettacolo di Marco Paolini dal titolo Le avventure di Numero Primo, e si snoda con eleganza tra le Baruffe Chiozzote di Goldoni (dal 16 al 19 novembre), La strana coppia di Neil Simon con la partecipazione straordinaria di una leggenda vivente del cinema italiano Claudia Cardinale (dal 7 al 10 dicembre), la prima versione teatrale del capolavoro di Umberto Eco Il nome della rosa proposto da Stefano Massini, con la regia di Leo Muscato, la cui trasposizione cinematografi-

gione sinfonica, quest’anno dedicata a Schubert, figurano Elio Boncompagni (23 e 25 febbraio) Yuri Termikanov (2 e 4 marzo), Thomas Adès (16 aprile). TEATRO GOLDONI L’Amore, quello con la ‘A’ maiuscola, è il motore di un’originale commedia costruita secondo i canoni classici della Commedia dell’Arte, Arlecchino Furioso che, con 60 repliche iniziate i primi di luglio fino al 15 ottobre, trasforma il palcoscenico del Goldoni in una rinascimentale sala da spettacolo, con il pubblico immerso tra le scenografie, le corde, le luci, le azioni dei personaggi e le maschere.

ca di Jean-Jacques Annaud è diventata un successo planetario (dal 21 al 25 febbraio) ed Elvira di Brigitte Jaques che ha come protagonista e regista Toni Servillo (dal 6 al 15 aprile). Gli appuntamenti della rassegna ‘Danza Evoluzioni’ portano al Goldoni un coreografo di punta della scena europea, Angelin Preljocai, con un dittico composto da Un trait d’union e una nuovissima creazione con le musiche di Philip Glass (17 febbraio). E ancora Pastora Galvan, un’interprete di prestigio mondiale che rappresenta il baile flamenco nel mondo con Pastora Baila (21 aprile).

Claudia Cardinale, ‘Orlando Furioso’ and Maestro Myung-whun Chung day (March 30th). The great directors involved in the busy symphony season, this year dedicated to Schubert, include Elio Boncompagni (February 23 and 25), Yuri Termikanov (March 2 and 4), and Thomas Adès (April 16). TEATRO GOLDONI Love, with a capital ‘L’, drives an original comedy written according to the classic canons of Commedia dell’Arte, Arlecchino Furioso, who, with 60 performances started in early July until October 15th, transforms the stage of the Goldoni into a Renaissance event, with the audience involved in the scenery, ropes, 100 Venezia | made in Veneto

Jacques Annaud has become an international success (February 21 to 25) and Elvira by Brigitte Jaques, with lead role and direction by Toni Servillo (April 6 to 15). The performances in the series ‘Danza Evoluzioni’ bring to the Goldoni a leading choreographer of the European scene, Angelin Preljocai, with a diptych composed by Un trait d’union and a brand new creation with the music of Philip Glass (February 17). And again Pastora Galvan, a prestigious international interpreter representing flamenco dance in the world with Pastora Baila (April 21).


1

2

4

3

1. The dancer Mikhail Nikolayevich Baryshnikov in ‘Brodsky/Baryšnikov’ 2. The choreographer Angelin Preljocai 3. A portrait of Pastora Galvan 4. The mise-en-scene ‘Orlando Furioso’ 5. ‘Arlecchino Furioso’ On stage at Teatro Goldoni 55 Venezia | made in Veneto 101


102 Venezia | made in Veneto


San Marco stories CURIOSITÀ DI SAN MARCO text Federica Repetto photo Matteo Bertolin

Venezia | made in Veneto 103


On this page: a view of the stunning San Marco’s Basilica On the previous page: the Bridge of Sighs aa 104 Venezia | made in Veneto


city itineraries

From left: a private bridge, façade of the Doge’s Palace, canal-side entrance to the Splendid Venice Venezia - Starhotels Collezione

In 1822, Giuseppe Dal Niel, known as Danieli, rented Nel 1822 Giuseppe Dal Niel, soprannominato Danieli, out the second floor of Palazzo Dandolo, transform- prese in affitto il secondo piano del Palazzo Dandolo, traing it into a hotel. The itinerary we suggest for discov- sformandolo in hotel. L’itinerario che proponiamo, alla ering the curiosities and legends between the sestiere, scoperta delle curiosità e leggende tra il sestiere di San or neighbourhoods, of San Marco and Castello begins Marco e Castello, inizia da San Zaccaria. È qui che si troat San Zaccaria. This is where Hotel Danieli is locat- va l’Hotel Danieli, un luogo straordinario di incontri e ed, an extraordinary place to meet and a cosmopolitan centro cosmopolita, nelle cui stanze hanno soggiornato, centre, whose rooms have been graced by the presence tra gli altri, Goethe e Wagner, ma anche Sand e Dickens. of Goethe, Wagner, Sand and Dickens, among others. Lasciando alle proprie spalle l’albergo si oltrepassa un Leaving the hotel behind you, we cross over a bridge ponte dalla cui sommità si può vedere il monumento a that offers a view of the monument to Victor Emma- Vittorio Emanuele II che, per la spada sguainata vernuel II, who, with his sword raised to the sky, is called so il cielo, è chiamato a Venezia ‘impiracolombi’. Invece “impiracolombi” in Venice. di proseguire verso Riva degli Schiavoni, sulla sinistra, Instead of heading toward Riva degli Schisi prende il Sotoportego San Zaccaria che avoni on the left, take the Sotoportego San conduce alla chiesa di San Zaccaria (XV seZaccaria leading to the Church of San Zaccolo) che custodisce le reliquie di San Zaccaria (15th century), which conserves the A itinerary for caria, Sant’Attanasio e conserva un’antica relics of San Zaccaria and Sant’Attanasio discovering cripta (X-XI secolo). and has an ancient crypt (10th-11th centuraggiungere campo San Provolo si deve the curiosities Per ry). To reach Campo San Provolo, you must passare sotto un portale gotico fiorito esepass through a lavish Gothic gate, made in and legends guito nel ‘400 dal Bon. Superato l’omonimo the 1400s by Bon. Crossing over the name- between the ponte, che offre una veduta particolare sul sake bridge, which offers a special view of sestiere rio, si arriva in campo SS. Filippo e Giacothe rio, you will arrive in Campo SS. Filip- of San Marco mo. Tra due negozi, sulla sinistra, si intravepo e Giacomo. Between two stores, to the de una piccola calle e la Corte del Rosario and Castello left, you can see a small alley and the Corte con il suo curioso bassorilievo: un drago del Rosario with its curious low-relief: a dragon (14th (XIV secolo) con un doppio anello posto al centro che century) with a double loop at the centre that divides divide in due l’animale, da una parte drago e dall’altra the animal in two, a dragon on one side, a serpent on serpente. the other. Picking up the route toward the main road, Riprendendo il percorso verso la via principale si ragyou will reach the Fondamenta Santa Apollonia and giunge la Fondamenta Santa Apollonia e l’omonimo ex the namesake ex-Benedictine monastery, today the seat monastero benedettino e che oggi è la sede del Museo of the Diocesan Museum of Sacred Art and the Histor- Diocesano d’Arte Sacra e dell’Archivio storico Patriarical Archives of the Patriarchate. This evocative clois- cale. Questo suggestivo chiostro presenta forme romaniter is characterized by Romanesque forms, unusual for che, eccezionali a Venezia, mentre tutt’intorno alle pareti Venice, and has been home to the Lapidario Marciano ha trovato sistemazione, dal 1969, il Lapidario Marciano, since 1969, an incredibly interesting collection of Ro- interessantissima raccolta di frammenti decorativi romaman and Byzantine decorative fragments (9th-11th cen- ni e bizantini (IX-XI secolo). tury). A short walk away is the Ponte della Canonica, A due passi si trova il ponte della Canonica dal quale si from which you can catch a glimpse of the Bridge of contempla il ponte dei Sospiri, meravigliosamente incaVenezia | made in Veneto 105


food itinerary

Above: the Quadriga above the central portal of San Marco’s Basilica Below: Portrait of the Four Tetrarchs on San Marco’s Basilica 106 Venezia | made in Veneto


Detail of the Porta della Carta at the Doge’s Palace: Doge Francesco Foscari kneeling before the Lion of San Marco, symbol of the city of Venice


Splendid view of Campo San Zaccaria from Hotel Londra’s terrace

Sighs, made of Istrian stone and wonderfully nestled strato tra Palazzo Ducale e le Prigioni, nonché delizioso between the Doge’s Palace and the Prisons. We continue ponticello in pietra d’Istria. Si continua verso Calle Lartoward Calle Larga San Marco: on the right is an inter- ga San Marco, qui sulla destra c’è un interessante esemesting example a private bridge to a private palace. pio di ponte privato di un palazzo privato. Don’t miss the captivating view from Calle del Pellegrin Entusiasmante è la prospettiva che si ha da Calle del toward Piazzetta dei Leoncini, called so for the two red Pellegrin verso la piazzetta dei Leoncini, chiamata così Cottanello marble statues of crouching lions; it is also per le due statue di leoni accovacciati, in marmo rosso famous for being the only piazzetta that di Cottanello nonché l’unica piazzetta che has a puteal in the entire San Marco’s area, nel mezzo ha una vera da pozzo nell’intefound in the centre. ro complesso dell’area marciana. Sempre At the top of da Calle del Pellegrin si gode di un partiFrom Calle del Pellegrin, you can enjoy a unique glimpse of San Marco’s Basilica, San Marco’s colare scorcio sulla Basilica di San Marwhich holds, among other things, “The Key che conserva, tra l’altro, ‘La clavicola di bell tower, co of Solomon,” considered by alchemists to Salomone’, considerata dagli alchimisti la you can chiave dei maghi necessaria per evocare e be the key to evoking and conversing with enjoy the conversare con gli spiriti e farsi obbedire da spirits and for making all natural powers bend to the user’s will. Walking toward San extraordinary tutte le potenze naturali. Marco’s Basilica, you will notice its domes, beauty of Camminando verso la Basilica di San Marco mosaics and the famous, splendid bronze possono notare le sue cupole, i suoi moVenice from sisaici, horses, spoken about by the poet Francesla nota quadriga composta da splendiabove di cavalli in bronzo e che nel Trecento sono co Petrarca in the 1300s. At the top of San Marco’s bell tower, you can enjoy the extraordinary stati contemplati dal poeta Francesco Petrarca. Salendo beauty of Venice from above: San Marco’s Square, Mu- sul campanile di San Marco si può contemplare una seo Correr, the Procuratorie, the Clock Tower and the straordinaria Venezia dall’alto: piazza San Marco, Museo Doge’s Palace. On the corner of the Porta della Carta of Correr, le Procuratorie, la Torre dell’Orologio e Palazzo the Doge’s Palace, you will see the Tetrarchs, an Egyp- Ducale. All’angolo della Porta della Carta di Palazzo tian porphyry sculpture from the 6th century, which ac- Ducale si possono scorgere i Tetrarchi, una scultura di cording to tradition represents the Moors who wanted porfido di arte egizia del VI secolo, secondo la tradizione 108 Venezia | made in Veneto


1

2

3

4

1. Late-Gothic portal executed by Bon in the 15th century 2. Cross Ponte dei Bareteri and head along Marzaria San Zulian to arrive in San Marco’s Square 3. Campo San Zaccaria with its puteal 4. Detail of a rio 5. Entrance to Hotel Danieli 5

6 Venezia | made in Veneto 109


View from the hotel Splendid Venice Venezia - Starhotels Collezione of Venice’s rooftops, with the domes of San Marco’s Basilica and the bell tower 110 Venezia | made in Veneto


A traditional gondola: for an original way to discover the city

to steal San Marco’s treasures. Nearby, on the right, let rappresenta i mori che volevano rubare il tesoro di San your gaze meet the two columns of Marco and Todaro, Marco. Poco distante, sulla destra, lo sguardo incontra where the gallows for executions were located in the le due colonne di Marco e Todaro, qui in passato veniva past. allestito il patibolo per le esecuzioni capitali. Legend says that those condemned to death were al- Una leggenda ricorda che ai condannati a morte era conlowed, as a final chance to escape punishment, to at- cessa, come ultima possibilità di scampo, quella di tentatempt to shimmy around one of the columns of the re il giro di una delle colonne di Palazzo Ducale ma quasi Doge’s Palace, but almost no one was able nessuno riusciva a salvarsi. to save themselves. Coming down from Scendendo dal campanile si procede verthe bell tower, continue toward the Clock so la Torre dell’Orologio, qui, sulla siniTower: here, on the left, you will see the Sostra si scopre il Sotoportego del Cappello toportego del Cappello Nero with an effigy Nero dove campeggia la effige di Giustina of Giustina Rossi, leaning out of her balcoRossi, affacciata al proprio balcone nell’atny in the act of dropping a mortar (in 1310, a to di gettare il mortaio (era il 1310 quando group of aristocrats attempted to overthrow A magnificent un gruppo di nobili tentò di rovesciare il labyrinth governo della città cercando di far cadethe city’s government, seeking to depose then-Doge Gradenigo, and in the chaos, Giof canals re l’allora Doge Gradenigo e fu allora che ustina Rossi threw a mortar down onto the and rii, with Giustina Rossi lanciò un mortaio che colpì crowd, fatally hitting the flagbearer). Head morte il portatore del vessillo). their endless aAvanzando per Calle fino Marzaria dell’Odown Merceria dell’Orologio and Merceria gondolas rologio e Marzaria San Zulian, si arriva al San Zulian, at the end of which you will come to Ponte dei Bareteri, whose name derives from Ponte del Bareteri, il cui nome deriva dai fabbricanthe cap makers who occupied this area. This is where ti di berretti, dove sorge lo Splendid Venice Venezia the Splendid Venice Venezia - Starhotels Collezione is Starhotels Collezione. located. Surrounded by a magnificent labyrinth of ca- Circondati da un magnifico dedalo di canali e rii su cui nals and rii, with their endless gondolas departing from scivolano le gondole, il cui stazio si trova accanto al SotoSotoportego delle Acque, we end our itinerary admiring portego delle Acque, terminiamo il nostro itinerario amthe rooftops of the historic city centre from the hotel’s mirando i tetti del centro storico dalla magnifica altana dell’albergo. stunning terrace. Venezia | made in Veneto 111


Venissa (ph. Nevio Doz) 112 Venezia | made in Veneto


It’s a matter of terroir QUESTIONE DI TERROIR text Federica Repetto

Venezia | made in Veneto 113


wine experience

Laguna nel bicchiere - Le vigne ritrovate

For nearly four centuries a significant part of the Repub- Per quasi quattro secoli una parte importante delle cospilic’s conspicuous revenues came from the farmlands the cue entrate della Repubblica provenivano dalle terre colVenetian nobility possessed between the rivers Isonzo tivate e curate che la nobiltà veneziana possedeva dall’Iand Mincio and throughout the Stato da Màr, which ex- sonzo al Mincio e in tutto lo Stato da Màr che si estendeva tended from Istria to Zypem Island. Some of the grape dall’Istria all’isola di Zypem. Alcuni di questi vitigni sono varieties grown in those time are still cultivated and ancora commercializzati e molti sono autoctoni: la Malmany of them are indigenous: Malvasia, Prosecco, Re- vasia, il Prosecco, il Refosco, il Verduzzo, il Raboso, la fosco, Verduzzo, Raboso, Corvina, Verdisio, Durella and Corvina, il Verdisio, la Durella e molti altri ancora che many others which are fundamental to grape-growers vanno a costituire l’ossatura della vitivinicoltura della Voc and wine-makers of the Voc Venezia. Even more autoch- Venezia. thonal and rare are the varieties on the islands in the Ancora più autoctoni e rari sono i vitigni delle isole della Venetian lagoon - often truly surprising grapes. The vines laguna veneziana, uve che spesso si trasformano in un’auof San Michele in Isola grow in the vegetable fields of tentica rivelazione. Le vigne di San Michele in isola crethe Franciscan novices; the vegetable garscono nell’orto dei novizi; gli orti e le vigne dens and vines on Giudecca are property alla Giudecca sono di proprietà dell’Ire e si of Ire and located near a rest home and the trovano presso la casa di riposo e il noto BelBelmond Hotel Cipriani, whose restaurants mond Hotel Cipriani alle Zitelle, che nella and bars serve their own wine as well, the A tour through wine list dei suoi ristoranti e bar propone anCasanova Salso; on Le Vignole island they che il proprio vino, il Casanova Salso Wine; Venice’s created the Turgide Vignole al Vento after alle Vignole, grazie ad una vendemmia del the 2014 harvest; near the typical restaurant romantic 2014, si è creato la Turgide Vignole al Vento; Corte Sconta there is an over-100-year-old vineyards, presso la trattoria Corte Sconta esiste una vine whose stock is Tocai; and a pergola with truly vigna che ha più di cent’anni, il ceppo è uva vineyard where the Moscato, Malvasia, Pro- surprising Tocai mentre all’antico orto degli Scalzi si secco and Merlot varieties are grown can be trova anche un vigneto coltivato a pergola e grapes found inside the ancient Orto degli Scalzi a filari di uve Moscato, Malvasia, Prosecco e (the gardens of the Discalced Carmelites). Architect, for- Merlot. mer teacher and life-and-soul of the non-profit associa- Una volta in pensione Flavio Franceschet, architetto tion La Laguna nel bicchiere - Le vigne ritrovate (the lagoon ed ex insegnante, anima dell’associazione no profit La in a glass, the rediscovered vines) Flavio Franceschet Laguna nel bicchiere - Le vigne ritrovate, rischiava la crisi was at risk of suffering withdrawal symptoms when he d’astinenza. Con Mauro Lorenzon l’oste, Cesare Benelli retired. So with restauranteurs Mauro Lorenzon and Ce- il trattore e altri, ha messo a punto l’idea di promuovesare Benelli and others he brought an idea to fruition: re, in occasione della festa di San Giovanni alla Bragora, wine-tastings in the lagoon during the festivities for San l’assaggio dei vini di laguna. L’evento, che si ripete dal Giovanni alla Bragora. This event has been taking place 2008, è stato battezzato Laguna nel bicchiere, Le vigne risince 2008 and been renamed Laguna nel bicchiere, Le vi- trovate. “All’epoca - racconta - non avendo una nostra gne ritrovate. “We didn’t have our own production back produzione, siamo andati alla ricerca dei vini di una volta then,” Franceschet said, “so we looked for wines of the e oltre a San Francesco e Sant’Elena abbiamo scoperto past. We discovered there were other four religious or- altri quattro conventi produttori di vino: San Michele in ders producing wines in Venice aside from those of San isola (francescani minori), Carmelitani Scalzi alla stazione 114 Venezia | made in Veneto


Above: Venissa (ph. Mattia Mionetto) Below: two images of the harvest, one of the Association Laguna nel bicchiere (left) and one at the Venissa estate (right, ph. Mattia Mionetto) aa Venezia | made in Veneto 115


(ph. Mattia Mionetto)

Francesco and Sant’Elena: the Franciscans of San Michele in Isola, the Discalced Carmelites near Santa Lucia railway station and in Cannaregio, and the Poor Clares on Giudecca. During our search we met Vio Gastone and his wife Dariella, owners at Sant’Erasmo of the oldest Dorona vines and producers of a great salso wine, with whom we’ve never stopped collaborating, while enjoying their generous hospitality. We joined forces with all these producers to promote the 2008-2009 events during the Bragora festivities, sponsored by Parco della Laguna and Slow Food”. He added, “While we were looking for the Casanova Salso near Cipriani, on Giudecca, we discovered the first abandoned vines. Shortly after, the Franciscans of San Michele told us they were going to leave the monastery and consequently abandon the vegetable fields, vineyard and wine cellar. That was our opportunity to define our project, consisting in restoring the vines, preserving a tradition and protecting a unique and basically-unknown landscape. All this was to reveal Venice’s covert relationship with its countryside. We had to create an association in order to manage the vines at the Zitelle (Ire and Cipriani) at San Michele (Veritas and City of Venice)”. Gianluca Bisol, descendant of a historical family of grape-growers from Valdobbiadene, brought back to life the ancient Dorona on Mazzorbo Island. He once went to Torcello to visit the cathedral and saw for the very first time a few plants of Dorona, the ancient golden grape variety of Venice. That was the beginning 116 Venezia | made in Veneto

Santa Lucia, Clarisse alla Giudecca, Carmelitane Scalze a Cannaregio. Nel corso della ricerca abbiamo conosciuto Vio Gastone e sua moglie Dariella, proprietari a Sant’Erasmo delle vigne più antiche di Dorona, produttori di ottimo vino salso, con i quali non abbiamo mai smesso di collaborare, godendo della loro generosa ospitalità. Con tutti questi abbiamo promosso alla Bragora gli eventi 2008-2009 sostenuti da Istituzione Parco della laguna e Slow Food”. “Cercando - prosegue - il Casanova salso al Cipriani delle Zitelle, in Giudecca, abbiamo scoperto le prime vigne abbandonate; subito dopo i francescani di San Michele ci informavano che stavano per lasciare il convento abbandonando orto, vigne e cantina. Ecco presentarsi l’occasione che ha definito il nostro scopo: recuperare le vigne, salvaguardare una tradizione e proteggere un paesaggio originale e quasi sconosciuto rivelando il nascosto rapporto città-campagna di Venezia. È stato necessario trasformarsi in associazione per riuscire ad avere la gestione delle vigne alle Zitelle (Ire e Cipriani) e San Michele (Veritas spa e Comune di Venezia)”. Gianluca Bisol, discendente di una storica famiglia di viticoltori di Valdobbiadene, sull’isola di Mazzorbo ha fatto rivivere l’antichissima Dorona. Arrivato a Torcello per visitare la Cattedrale, vede per la prima volta alcune piante di Dorona, la storica uva d’oro di Venezia. Da qui partono le ricerche che portano a ritrovare un totale di 80 piante sparse tra orti e giardini delle isole della laguna. Nel 2007 si aggiudica il bando per la tenuta Scarpa Volo


The vineyard of Belmond Hotel Cipriani (ph. Tyson Sadlo)

of a quest which led to discovering a total of 80 plants e cominciano i lavori di restauro e di reimpianto del viscattered over the islands of the lagoon. In 2007 he won a gneto: 4.000 barbatelle di Dorona di Venezia vengono contract to run the Scarpa Volo estate and began restor- ripiantate in una superficie di 0,8 ettari. Il 3 settembre ing the vines and also replanting them: 4000 Dorona di 2010 viene raccolto il primo grappolo a Venissa e la cui Venezia were planted on 0.8 hectares. On 3 September vendemmia ha prodotto: 4.880 bottiglie, 88 magnum e 88 2010 the first bunch of Venissa was picked. That harvest jéroboam. produced 4880 bottles, 88 magnums and 88 jeroboams. A Mazzorbo, nel cuore del parco della Laguna di Venezia, dove la terra rappresenta solo l’8% della suOn Mazzorbo, in the heart of the Parco della Laguna - only 8% of it consists of land - you perficie, è possibile visitare questo vigneto, can visit this vineyard, which is the result of dove la vite ha trovato quel magico equilibro For nearly tra la fertilità del terreno vocato e la continua a magical balance between the fertility of the ideal soil for growing grapes and the ongofour centuries minaccia del sale e dell’acqua. Da fondatore ing threat from salt and water. From foundtelevisioni a vignaiolo santerasmino. Mia significant di er of television channels to wine-maker on chel Thoulouz assieme alla sua famiglia ha part of the deciso di rilanciare nell’isola di Sant’EraSant’Erasmus. Michel Thoulouz and his Republic’s smo la coltivazione della vite e la produzione family decided to relaunch grape-growing and wine-making on the island by using the conspicuous del vino, utilizzando i metodi tradizionali delocal time-honored traditions and the techrevenues gli agricoltori locali e la competenza tecnica nical know-how of Lydia and Claude BourLydia e Claude Bourguignon (ingegneri came from the di guignon (agricultural engineers) and Alain agrari) e di Alain Graillot (produttore di un farmlands Crozes Hermitage famoso in tutto il mondo). Graillot (producer of the world-famous Crozes Hermitage). In 2006 he began producing his Orto Dal 2006 produce il suo Orto di Venezia, l’unico vino atdi Venezia, the only wine currently made and bottled on tualmente prodotto ed imbottigliato nell’isola di Sant’ESant’Erasmo and which expresses all the characteristics rasmo che raccoglie tutte le migliori caratteristiche legate of this unique island. The varieties used are ancient Ital- a questo speciale territorio. Il vino nasce da un ‘cultivar’ ian ones and primarily Istrian Malvasia, Vermentino and di antichi vitigni italiani nei quali domina la Malvasia Fiano. At the end of the day, it is always a matter of terroir Istriana assieme a Vermentino e Fiano. Alla fine è sempre and passion. e solo una questione di terroir e di passione. Venezia | made in Veneto 117


venice lifestyle

Grand Prize City of Venice GRAN PREMIO CITTÀ DI VENEZIA text Federica Repetto photo Matteo Bertolin A homage to the Serenissima Un omaggio alla Serenissima

Full sails in the lagoon for the fourth edition of the Venice Hospitality Challenge Gran premio Città di Venezia. This year our magazine, Venezia made in Veneto, is also the Media Partner in the exclusive regatta reserved for the maxi yachts that on October 14, 2017, will be competing in the waters of the Basin of San Marco. “With boats of at least 18 meters in an urban circuit, we can consider the sailing regatta, the Gran Premio di Venezia, to be just like the Monte-Carlo car race for Formula 1,” suggests Mirko Sguario, president of Yacht Club Venezia and creator of the Venice Hospitality Challenge. The route runs between the Sant’Elena Canal and Giudecca Canal, on the city’s busiest waterways, between vaporetti and gondolas, and finishes in front of the unmatched scenery of Piazza San Marco. In fact, the regatta grew out of an informal chat between Sguario and the General Manager of some historic five star hotels, thinking of the evocative combination of maxi yachts and luxury hotels to offer the city yet another prestigious event. Each boat bears the name of a great hotel from the hotelier world (Hotel Danieli, The Westin Europa Regina, The Gritti Palace, Hotel Centurion Palace, Belmond Hotel Cipriani, JWMarriott, Cà Sagredo Hotel, Hilton Molino Stucky, Palazzina Grassi, Hotel Excelsior, Hotel Cristallo di Cortina, Hotel Falisia di Portopiccolo) while Venice is symbolically represented by the presence of Il Moro di Venezia. Teams will sail the waters of Venice with the aim of competing for the prestigious Doge’s hat made by the Murano glassworks Barovier & Toso. The regatta, which has the precious support of Assicurazioni Generali, Marina Yachting and Moët & Chandon, is an unparalleled project that combines luxury with the sport of sailing, a high-level tourism that brings the city to the fore in an international scenario. Above all, it brings a new and sensational challenge, lowering booms and veering off for some unique and thrilling emotions. 118 Venezia | made in Veneto

Vele spiegate in laguna per la quarta edizione di Venice Hospitality Challenge Gran premio Città di Venezia. Anche quest’anno la nostra rivista, Venezia made in Veneto, è Media Partner della esclusiva regata riservata ai maxi yacht che il 14 ottobre 2017 si disputa nelle acque del Bacino di San Marco. “Con imbarcazioni di minimo 18 metri in un circuito urbano, possiamo considerare la regata il Gran Premio di Venezia per la vela, al pari di quello automobilistico di Monte-Carlo per la Formula 1”, suggerisce Mirko Sguario, presidente di Yacht Club Venezia e ideatore di Venice Hospitality Challenge, il cui percorso si svolge tra il Canale di Sant’Elena e quello della Giudecca, sulle vie d’acqua più trafficate della città, tra vaporetti e gondole, per terminare davanti alla scenografia impareggiabile di piazza San Marco. La regata è infatti nata da una chiacchierata informale tra Sguario e i General Manager di alcuni dei cinque stelle storici, pensando al suggestivo abbinamento tra maxi yacht e hotel di lusso per offrire un ulteriore appuntamento prestigioso alla Città. Ad ogni imbarcazione corrisponde un grande nome del mondo dell’hôtellerie (Hotel Danieli, The Westin Europa Regina, The Gritti Palace, Hotel Centurion Palace, Belmond Hotel Cipriani, JWMarriott, Cà Sagredo Hotel, Hilton Molino Stucky, Palazzina Grassi, Hotel Excelsior, Hotel Cristallo di Cortina, Hotel Falisia di Portopiccolo) mentre Venezia viene simbolicamente rappresentata dalla presenza del Moro di Venezia. I team solcheranno le acque di Venezia con l’ambito obiettivo di contendersi il prestigioso cappello del Doge realizzato dalla azienda vetraria muranese Barovier & Toso. La regata, che si avvale del prezioso sostegno di Assicurazioni Generali, Marina Yachting e Moët & Chandon, è un progetto senza eguali che unisce il lusso e lo sport velico, un turismo di eccellenza che porta la Città alla ribalta in uno scenario internazionale. In più è una nuova e sensazionale sfida tra boe e virate uniche tali da regalare solo forti emozioni.


Photos of Venice Hospitality Challenge ‘Gran premio Città di Venezia’ 2016, in the San Marco Basin Venezia | made in Veneto 119


Walter Bolzonella, Head Barman at Belmond Hotel Cipriani, with his new creations, Ruby and Emerald Cocktail 120 Firenze | Tuscany


venice experience

Like diamonds COME DIAMANTI

text Giovanna Caprioglio photo Tyson Sadlo For the 2017 season, the Head Barman of the Belmond Hotel Cipriani proposes new cocktails wrapped in mystery L’Head Barman del Belmond Hotel Cipriani propone per la stagione 2017 nuovi cocktail avvolti dal mistero September, the month of the Film Festival and, above all, the month when Venice, if possible, becomes even more romantic, with the light that takes on warmer and more delicate tones, reflecting itself seductively in the waters of the lagoon. And it is precisely September the best month for enjoying the open spaces of the Belmond Hotel Cipriani, where glamour blends perfectly with this passionate allure. Walter Bolzonella, Head Barman of Belmond Hotel Cipriani, knows all this very well, and for this season has enhanced his menu with a captivating secret, enclosed in a jewel box. Famous for having created, together with George Clooney, one of the hotel’s most loyal guests, the Buonanotte Amigos cocktail made with Casamigos Tequila produced by the actor, this year Bolzonella has decided to astonish his customers with two mysterious cocktails, to be discovered by opening a wooden jewel box that also holds an authentic Venetian mask, perfect for creating an absolutely magical atmosphere. In collaboration with Absolut Elyx, a handcrafted vodka produced by the Absolute Company, distilled in a copper column still for a soft and silky taste, the cocktails have been given the names of two precious stones, Ruby and Emerald, and are revealed only at the opening of the precious box which, by illuminating them, makes them shine. The Ruby Cocktail is made with Absolut Elyx Vodka, chinotto liqueur, fresh lemon juice, cranberry juice, raspberry juice, red beetroot juice, thyme, lime and marjoram. It has aphrodisiac properties and is a symbol of a fiery and passionate love. Its vibrations create agreement, favoring the harmony between physical love and spiritual love. The Emerald Cocktail, instead, is made with Absolut Elyx Vodka, lime juice, cucumber juice, Pino Mugo liqueur, Ramazzotti Aperitivo Rosato, citronella, cucumber bitter, gomme syrup and garnished with a lemon leaf and flower petals. This cocktail has the property of instilling a desire for peace and balance, while fostering friendship and love. At this point, there’s nothing left to do but give in to temptation...

Settembre, il mese della Mostra del Cinema e soprattutto il mese in cui Venezia, se possibile, diventa ancora più romantica, con la luce che prende toni più caldi e delicati, riflettendosi in maniera suadente sulla laguna. E proprio settembre è il mese in cui godere al massimo degli spazi aperti del Belmond Hotel Cipriani, dove il glamour si sposa perfettamente con questa allure passionale. Lo sa bene Walter Bolzonella, Head Barman del Belmond Hotel Cipriani, che per questa stagione ha aggiunto al suo menu un accattivante segreto, racchiuso in uno scrigno. Conosciuto per aver creato insieme a George Clooney, ospite affezionato dell’hotel, il cocktail Buonanotte Amigos con la tequila Los Amigos prodotta dall’attore, Bolzonella quest’anno ha voluto stupire i suoi clienti con due cocktail misteriosi, da scoprire aprendo uno scrigno in legno che custodisce al suo interno anche un’autentica maschera veneziana, elemento perfetto per creare un’atmosfera assolutamente magica. In collaborazione con Absolut Elix, una vodka artigianale della casa Absolut, distillata in una colonna di rame per un sapore morbido e setoso, i cocktail hanno il nome di due pietre preziose, Rubino e Smeraldo, che si svelano solo all’apertura della preziosa scatola, che li illumina facendoli brillare. Il cocktail Rubino è composto da Vodka Absolut Elyx, liquore di agrume di chinotto, succo di limone fresco, mirtilli rossi, di lamponi, barbabietola rossa, timo, lime e maggiorana. Ha proprietà afrodisiache ed è simbolo di un amore ardente e passionale. Le sue vibrazioni creano affiatamento, favoriscono l’armonia tra amore fisico e amore spirituale. Il cocktail Smeraldo è composto, invece, da Vodka Absolut Elyx, succo di lime e cetriolo, liquore al Pino Mugo, Aperitivo Rosa Ramazzotti, citronella, Bitter al cetriolo, sciroppo di gomma, guarnito con una foglia di limone ed i petali di fiore. Quest’ultimo ha la proprietà di infondere il desiderio di pace e l’equilibrio, favorisce l’amicizia e l’amore. A questo punto non resta che farsi tentare… Venezia | made in Veneto 121


food art

Unbelievable The Lunch Experience IL PRANZO DELLE MERAVIGLIE

text Giovanna Caprioglio a Hotel come i and Palazzin Palazzo Grass nbelievable’ ‘u together for an rience inspired culinary expe tion n Hirst exhibi by the Damie eme si in el ot H i e Palazzina ss ra G le” o zz bi la di Pa “incre nza culinaria st ir H n ie per un’esperie ostra di Dam ispirata alla m

Beginning in September, visitors have one more reason to see Treasures from the Wreck of the Unbelievable, the great one-man exhibition by the “bad boy” of contemporary art, Damien Hirst. Inaugurated in April and continuing until December 3, 2017, the exhibition brings together for the first time the spaces of Palazzo Grassi and Punta della Dogana dedicated to the Pinault Collection in Venice. Visitors indeed have the opportunity to experience an Unbelievable Lunch at the restaurant of the Palazzina, the five-star boutique hotel designed by Philippe Starck, a short walk from Palazzo Grassi. The restaurant has created a special menu for this unique occasion, which it is offering at a special price for those attending the exhibition. The exhibition is based on the story of a vessel which sank in the Indian Ocean two thousand years ago and which was salvaged by a team of archeologists led by Hirst. The artist narrates this “unbelievable” tale through 189 works actually created by him and his collaborators during more than a decade of work. On display is a surprising mix of ancient and contemporary materials, such as the combination of bronze and gold with steel and LEDs, or the juxtaposition of different iconographic figures, from busts of Egyptian, Greek and Hindu divinities to statues of Mickey

Da settembre c’è un motivo in più per visitare Treasures from the Wreck of the Unbelievable, la grande personale del ‘bad boy’ dell’arte contemporanea Damien Hirst, che per la prima volta riunisce gli spazi di Palazzo Grassi e Punta della Dogana della Collezione Pinault a Venezia, inaugurata ad aprile e aperta fino al 3 dicembre 2017. È la possibilità di degustare un Unbelievable Lunch presso il ristorante di Palazzina, il boutique hotel cinque stelle disegnato da Philip Starck a pochi metri da Palazzo Grassi, che ha voluto dedicare un menu speciale a questa imperdibile mostra e offrire ai suoi visitatori un prezzo speciale. La mostra racconta di un tesoro di un vascello inabissatosi nell’Oceano Indiano duemila anni fa e recuperato da un’equipe di archeologi coordinata da Hirst. Un ‘incredibile’ gioco che l’artista svela in 189 opere realizzate in realtà da lui e i suoi collaboratori in oltre dieci anni di lavoro. Un mix sorprendente di materiali antichi e contemporanei, come il bronzo e l’oro con l’acciaio e i LED e di figure iconografiche, dai busti di divinità egizie, greche e induiste alle statue di Topolino e Pippo e dello stesso Hirst che si finge Cif Amotan II (il fantomatico ricchissimo collezionista padrone dei tesori 122 Venezia | made in Veneto


Above: a presentation inspired by Hirst’s works Below: Damien Hirst, Skull of a Cyclops, Skull of a Cyclops Examined by a Diver (ph.Christoph Gerigk) © Damien Hirst and Science Ltd. Venezia | made in Veneto 123


A special four-course menu designed by Chef Manni (for info and booking: restaurant@palazzinagrassi.com)

One more reason to see the exhibition ‘Treasures from the Wreck of the Unbelievable’

Mouse and Goofy. There’s also a representation of Hirst himself in the guise of Cif Amotan II, the mythical wealthy collector who owned the ship’s treasures. The show further exhibits models of the Transformers as well as of Mowgli as he plays with Baloo the bear. All the figures are encrusted with coral (not real) and sponges, often very colorful, which have consumed parts of the relics. And it is indeed the colors and “marine” quality of these works that provided the inspiration for Fabio Manni, chef at the Palazzina restaurant: Manni has created a four-course dining experience that aims to stimulate all the senses, with dishes that will delight the eyes, in addition to the palate and nose. It’s a menu of true masterpieces of the culinary art based on ingredients from the sea and with names that recall their maritime connection. The meal takes diners on a voyage of discovery through the tastes of Venice and its surroundings. The menu consists of tempura of langoustines and sea kelp presented in a sand and coral arrangement; a “palette” of fish from the sea and the lagoon with brightly colored bread corals; gnocchetti with spider crab and its coral served in its shell, and, to finish, a “bed” of chocolate and mascarpone cream: the special menu at Palazzina will transport you to a magical universe. Don’t forget to make reservations soon and to bring your Exhibition ticket with you to receive the special price.

del vascello), fino a modellini dei Transformers e Mowgli che gioca con l’orso Baloo, tutte incrostate da (finti) coralli, gorgonie e spugne spesso coloratissime, che ne hanno divorato le forme. E sono proprio queste opere colorate e ‘marine’ ad aver ispirato lo chef di Palazzina Fabio Manni, che ha studiato un menu di quattro portate per creare un’esperienza che stuzzica tutti i sensi, non solo il gusto e l’olfatto, ma anche la vista. Dei veri e propri capolavori dell’arte culinaria con ingredienti a base di pesce e nomi che richiamano il mondo marino accompagnando gli ospiti in un viaggio tra i sapori del territorio veneziano. Scampi e alghe in tempura presentati in un’installazione di sabbia e coralli, una tavolozza di pesci di mare e laguna con coloratissimi coralli di pane, gnocchetti con la grancevola e il suo corallo presentati nel guscio, un ‘fondale’ di cioccolato e crema al mascarpone vi aspettano per entrare in un altro universo magico come quello di Palazzina. non dimenticatevi di prenotare per tempo e portare con voi il biglietto della Mostra che vi darà diritto a un prezzo speciale. 124 Venezia | made in Veneto


DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.

DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.


EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

by Head Concierge of The Bauers Venezia

VENICE’S RESTAURANTS CANNAREGIO

ALLA VEDOVA Cannaregio, 3912 - Ph. 041.5285324 One of the best known amongst the lagoon’s historic osterie, it’s famous and appreciated also for its cicchetti (snack sized dishes) with local wine on tap. Highlights: baccalà (salt cod), shrimp skewers, and Venetian-style sardines. Una delle più conosciute tra le osterie storiche della laguna, famosa e apprezzata anche per i suoi cicchetti con le tipiche ombre di vino sfuso. Piatti forti: baccalà, spiedini di gamberi, sarde in saor. ANICE STELLATO Fondamenta della Sensa, 3272 - Ph. 041.720744 This osteria and ristorante goes beyond the clichés of the historical center. Revered for its particular fish-based cuisine by those with an eye for quality. Lunch is served canal-side. Ristorante osteria, un indirizzo ricercato aldilà delle consuetudini del centro. Stimato per la particolarità della sua cucina a base di pesce, per chi ricerca la qualità. Pranzo servito in riva, a fianco del canale. GAM GAM Ghetto vecchio - Cannaregio, 1122 Ph. 041.715284 Just a hundred meters from the imbarcadero Guglie, this Kosher restaurant is located in an underpass of the ghetto. A cento metri dall’imbarcadero Guglie, in un sotoportego del ghetto si trova questo ottimo ristorante Kosher. VINI DA GIGIO Cannaregio, 3628 - Ph. 041.5285140 Traditional restaurant with a rustic soul, their typical Venetian cuisine is loved by both residents and visitors. Try the seafood appetizers, grilled fish, or eel. Locale tradizionale dall’animo rustico. Propone tipici piatti della cucina veneziana, amato dagli abitanti e non. Da gustare l’antipasto di mare, la grigliata di pesce o l’anguilla.

CASTELLO

ACIUGHETA Castello, 4357 - Ph. 041.5224292 A typical Venetian wine bar appreciated for its excellent selection of wines to taste and for the inviting spread of cicchetti (snack sized dishes) including mini-meatballs, crostini, stuffed peppers, mini pizza’s with sardines. On the patio service is à-lacarte pizza and other dishes. Tipico bacaro veneziano apprezzato per l’ottima selezione di vini in degustazione e per l’invitante bancone ricco di cicchetti: polpettine, crostini, peperoncini ripieni e pizzette appena sfornate con acciuga. Nel dehors si possono gustare le pizze e altri piatti del menu veneziano. AL COVO Castello, 3968 - Ph. 041.5223812 Tucked behind riva degli schiavoni is this 126 Venezia | made in Veneto

elegant little restaurant with kitchen in full view. A destination for gourmands, it’s run by Cesare Benelli and his partner, who pick fresh ingredients every day for the variable menu. Excellent price/quality ratio; a wide selection of wines and olive oils. Elegante ristorantino con cucina a vista che si trova dietro alla riva degli schiavoni. Meta di gourmet, è gestito da Cesare Benelli e consorte, che ogni giorno scelgono ingredienti freschi da proporre nel variabile menu. Buon rapporto qualità/prezzo. Vasta gamma di vini e olii. AL MASCARON Castello, 5225 - Ph. 041.5225995 Long-time friends Gigi and Momi run this osteria, which possesses all the convivial spirit of times past. Don’t miss the traditional fish dishes. Regno di Gigi e Momi, amici di lunga data, questa osteria racchiude tutto lo spirito conviviale di un tempo. Non perdetevi i piatti tipici della tradizione a base di pesce. ALLE TESTIERE Sestiere Castello, 5807 - Ph. 041.5227220 This intimate restaurant of only ten tables is steps away from the church of Santa Maria Formosa and has become one of the most sought-after addresses. Its menu lends honour to the tradition of Venetian cuisine, with particular attention to quality ingredients. Intimo ristorante composto da una decina di tavoli, negli ultimi anni divenuto uno dei luoghi più richiesti, a due passi dalla chiesa di Santa Maria Formosa. Una scelta del menu che fa onore alla tradizione culinaria veneziana, con una grande attenzione verso le materie prime. CORTE SCONTA Castello, 3886 - Arsenale - Ph. 041.5227024 Firmly rooted in venetian restaurant tradition, taste the antipasti such as the ginger clams or the baccalà (salt cod), the primi of homemade pasta, or the secondi of fried fish. Punto di riferimento importante della ristorazione veneziana. Da gustare gli antipasti come le vongole allo zenzero o il baccalà mantecato, fino alle paste fatte in casa o le fritture di pesce. COVINO Calle del Pestrin - Ph. 041. 2412705 A cozy, familiar atmosphere surrounds us in a small, family run restaurant, which perfectly combines researched cuisine with the genuinity of the rigorously seasonal ingredients. A Slow-Food Restaurant Un atmosfera intima e familiare ci accompagna in un locale piccolo a conduzione familiare, dove la cucina ricercata si sposa perfettamente con la genuinità dei prodotti rigorosamente di stagione. Ristorante Slow Food HOSTARIA DA FRANZ Fondamenta San Giuseppe, 754 Ph. 041.5220861 Outside of the tourist area, a classic restaurant with a rustic atmosphere, family run, that specializes in fish and seafood.

Located behind the Giardini della Biennale, where in summer there is some outside seating, don’t miss the spaghettini with scampi and the grilled eel. Fuori delle rotte turistiche un ristorante classico di atmofera rustica, gestione familiare, con specialità di mare. Situata vicino ai Giardini della Biennale, dove d’estate ci sono tavoli in riva, al canale adiacente. Da provare gli spaghettini con gli scampi e l’anguilla alla griglia. IL NUOVO GALEON Castello, 1308 - Ph. 041.5204656 Not far from the Biennale Gardens and just a few steps from the Arsenale is a restaurant beloved by Venetians, offering mostly fish dishes based on traditional Venetian recipes. Vicino ai Giardini della Biennale e alle spalle dell’Arsenale, un ristorante frequentato soprattutto da veneziani. Protagonista una cucina propone prevalentemente piatti a base di pesce basata sulle ricette tradizionali veneziane. IL RIDOTTO Campo SS. Filippo e Giacomo - Sestiere Castello - Ph. 041.5208280 Sophisticated, highly creative, but not overly-orchestrated cuisine. According to the Michelin Guide, “one of the city’s most interesting restaurants”. The perfect marriage of substance, innovation and local tradition. One Michelin star. Cucina di ricerca, sofisticata, ma non artificiosa, secondo la Guida Michelin, “una delle più interessanti realtà cittadine”. Sostanza e innovazione perfettamente sposate con la tradizione veneta. Una stella Michelin. LOCAL Castello 3303 - Ph. 041.2411128 Taking its inspiration from the continuous variations of the seasons and the surrounding territory, Local reinvents traditional Venetian cooking with creativity. The interesting wine list includes natural and farm winery wines only. Prendendo ispirazione dal continuo cambiamento delle stagioni e dal territorio circostante, Local reinventa con creatività la cucina tradizionale veneziana. L’interessante carta dei vini contiene solo etichette naturali e artigianali. LUNA SENTADA Campo San severo - Ph. 041.3097891 This restaurant combines Venetian coking, characterized by the love for tradition and by a selection of the highest quality ingredients, with Asian cooking, characterized by curiosity, passion and openness to new exotic flavors Un ristorante che coniuga la cucina veneziana, dove regnano l’amore per la tradizione e la selezione delle migliori materie prime, e la cucina asiatica basata sulla curiosità, la passione, la voglia di scoprire nuovi sapori esotici. 232 MET Riva degli Schiavoni, 4149 Ph. 041.5205044

Two Michelin stars. Located within the Hotel Metropole, the restaurant is elegant, refined and tasteful in every detail. Chef Luca Veritti offers a regional cuisine reinterpreted in light and innovative fashion. There is also a wine cellar with ample selection. Due stelle Michelin. Collocato all’interno dell’Hotel Metropole, il ristorante è un ambiente elegante, raffinato e curato in ogni dettaglio. Lo chef Luca Veritti propone una cucina di territorio reinterpretata in modo leggero e innovativo. A disposizione inoltre una cantina con un’ampia selezione di etichette. OSTERIA OLIVA NERA Castello, 3417/18 - Ph. 041.5222170 Warm and welcoming, with a cuisine that respects venetian tradition in its simplicity, with the addition of a few whims from the chef. Calda e familiare, una cucina che rispetta la tradizione veneziana nella sua semplicità con l’aggiunta di piccoli estri a cura degli chef. TERRAZZA DANIELI Riva degli Schiavoni, 4196 Ph. 041.5226480 From the classic flavors of Venice to the flavors and fragrances of the Mediterranean but even from the faraway Orient. This is the cuisine proposed by Gian Nicola Colucci, executive chef of the restaurant with a breathtaking view in the luxury Hotel Danieli. The chef’s creations are accompanied by a careful selection of wines from the best Italian and international producers. Dalle classiche proposte veneziane ai sapori e profumi del Mediterraneo ma anche del lontano Oriente. E’ il percorso offerto di Gian Nicola Colucci, executive chef del ristorante con una vista mozzafiato del luxury Hotel Danieli. Le creazioni dello chef sono accompagnate da un’attenta selezione di vini proveniente dai migliori produttori italiani e internazionali. TRATTORIA DAL VECIO SQUERI Campo Santa Giustina, 6553 Ph. 041.5208379 Small but welcoming, with 30 seats indoors and 30 outside. The cuisine stands out in its rendering of some of the most typical Venetian dishes like baccalà (salt cod), cuttlefish on polenta, liver, pasta and beans, Venetian-style sardines and cicchetti (snack sized dishes). The wine cellar provides an excellent selection from the Veneto and Friuli areas. Piccolo ma accogliente, 30 posti interni e 30 esterni. La cucina si contraddistingue per i piatti piu’ tipici di Venezia quali baccala’, seppie con la polenta, fegato alla veneziana, pasta e fagioli, sarde in saor e cicchetti. La cantina dispone di una scelta selezione di vini Veneti e Friulani. WILDNER Castello, 4161 - Ph. 041.5227463


DORSODURO

AI DO FARAI Sestiere Dorsoduro, 3278 - Ph. 041.2770369 One of the oldest Venetian taverns and one of the most popular places among young Venetians in the 1970s. The cuisine is inspired by the culinary traditions of the lagoon and focuses on fish. Una delle più antiche osterie veneziane, e uno dei principali ritrovi dei giovani veneziani negli anni Settanta. La cucina si rifà alla tradizione culinaria lagunare e propone piatti di pesce. AI GONDOLIERI Sestiere Dorsoduro, 366 - Ph. 041.5286396 Don’t be fooled by the name: “Ai Gondolieri” reinterprets the culture of local food—namely meat. Dating to the early 1900s, this former meeting place for residents and neighbourhood workers is just a few steps from the Guggenheim Museum and Accademia Gallery Non fatevi ingannare dal nome: “Ai Gondolieri” rielabora la cultura del cibo locale a base di carne. La sua origine risale ai primi decenni del ‘900 come luogo di ritrovo degli abitanti e lavoratori della zona. A due passi dal Guggenheim e dalle Gallerie dell’Accademia. ALTANELLA Calle delle Erbe - Sestiere Giudecca, 268 Ph. 041.5227780 In the calm of the Giudecca, away from the hubbub of tourists, a welcoming restaurant with an intimate cast iron terrace that is appreciated by locals. Fresh fish is on the menu, along with bean soup and polenta. Nella calma della Giudecca, distaccato dai soliti itinerari turistici, un ristorante accogliente e prelibato, con una intima terrazza in ghiaia, apprezzato anche dagli stessi veneziani. Pesce fresco ma anche zuppa con fagioli e polenta. ANTICA LOCANDA MONTIN Fondamenta di Borgo, 1147 - Ph. 041.5227151 In a magical garden with shady pergolas, right behind the Fondamenta, a typical Venetian restaurant with outdoor seating offers traditional local and national dishes with friendly service. Dentro un giardino ornato da suggestive pergole, appena dietro la Fondamenta, sorge una locale tipicamente veneziano,

con un accogliente dehor estivo. Una cucina tradizionale e nazionale, dove il servizio è cordiale e gentile. LA CUSINA Calle Larga 22 Marzo, 2159 Ph. 041.2400001 It is the restaurant of the luxurious Westin Europe & Regina hotel. Famed for its gastronomic quality and its exciting view over the water of the Grand Canal, it offers creative cuisine according to the flavorsome and innovative style of chef Alberto Fol. A seasonal menu, highlighting Mediterranean and regional flavors. E’ il Ristorante del lussuoso albergo The Westin Europa & Regina. Rinomato per la sua qualità gastronomica e l’emozionante vista sull’acqua che si affaccia sul Canal Grande, propone una cucina creativa secondo lo stile innovativo e gustoso dell’abile chef Alberto Fol. Un menù stagionale, all’insegna del gusto mediterraneo e della territorialità. HARRY’S DOLCI Sestiere Giudecca, 773 - Ph. 041.5224844 This elegant locale comes from the famous Cipriani family, best known for their Harry’s Bar, a real institution in the city. International cuisine with the highest quality ingredients is united with a robust wine list. Dalla capacità della famosa famiglia Cipriani che ha dato vita a Harry’s Bar, ormai diventato un’istituzione, nasce questo angolo di elegante ristoro nell’isola della Giudecca, con vista sul canale omonimo. Una cucina di stampo internazionale che utilizza le più alte eccellenze in fatto di materie prime, unita a una corposa carta dei vini. I FIGLI DELLE STELLE Zitelle - Giudecca, 70/71 Ph. 041.523004 The three owners combine their regions’ traditions: Puglia, Veneto, and Lazio. Simple flavours and classic Mediterranean dishes are exalted by the choice of quality ingredients. The bread is DOP (a controlled label) and the flour is from the Altamura, the famous capocollo cured meat is from Martina Franca (Puglia) and other salami from Ariccia, milk products from the Pugliese tradition and fish and greens from the local Rialto market. Nato dalla combinazione delle tradizioni regionali d’origine dei tre soci: pugliese, veneta e laziale. L’accurata selezione degli ingredienti che parte dalla più classica tradizione mediterranea, esalta i sapori semplici. Il pane DOP e le farine di Altamura, il capocollo di Martina Franca, i salumi di Ariccia e i prodotti caseari della tradizione pugliese, le verdure e il pesce del mercato di Rialto. L’ULIVO Isola della Giudecca, 33 Ph. 041.5207022 This charming restaurant is part of the Hotel & Spa Palladio. Seating is inside with an open kitchen, or outside in a pleasant garden. Light and tasty dishes

are developed from organic, KM0 local ingredients, while an impressive selection of wines com from nearby Friuli. Ristorante di charme dell’Hotel Bauer Palladio and Spa. Con una sala interna dotata di cucina a vista e quella esterna, nella suggestiva cornice del giardino. Piatti leggeri e gustosi, elaborati a partire da ingredienti biologici e a chilometro zero con una pregiata selezione di vini provenienti dal vicino Friuli. LA BITTA Calle Lunga de San Barnaba, 27537/a Ph. 041.5230531 This enoteca and restaurant specializes in meat only. The atmosphere is warm and informal, fed by the menu that is sung out (not written!) by the owner, Debora. Amongst the highlights, game, duck stew, and venetian style liver. Ristorante enoteca con specialità di sola carne. L’ambiente è caldo e informale, alimentato dal menù, rigorosamente “cantato” dalla voce della proprietaria Debora. Tra i piatti forti cacciagione, oca in umido e fegato alla veneziana. LA PISCINA Dorsoduro, 780 - Ph. 041.2413889 The restaurant of the pensione La calcina is built in what was once a swimming pool at the edge of the canal. The cuisine is Mediterranean with a great variety of seasonal vegetables. Dessert is prepared on the spot, and the pasta is homemade. E’ il ristorante della pensione La calcina, costruito in quella che era una piscina sulle rive del canale, una cucina mediterranea con una grande varietà di verdure stagionali. I dessert vengono preparati al momento così come la pasta, fatta in casa artigianalmente. LINEA D’OMBRA Dorsoduro, 19 - Ph. 041.2411881 One of the most innovative restaurants in the area is now seeing a rise in prestige. The creative fish based cuisine is perfectly matched with the wine list. Near the museum of the Dogana, it fronts onto the bay of San Marco. Uno dei ristoranti più innovativi della zona che negli ultimi anni ha visto fiorire il suo prestigio. Cucina di pesce creativa che si sposa con le ottime etichette presenti sulla carta. Vicino al museo di Punta della Dogana, la sua terrazza si affaccia di fronte al bacino di San Marco. AL STORICO DA CREA Sestiere Giudecca, 212 Ph. 041.2960373 In the ex docking area now used by artisans, this restaurant is in a renovated warehouse. It knowingly mixes Ligurian and Venetian cuisines. Excellent also for lunch at good prices. Nella zona degli ex cantieri navali riconvertiti a sedi di attività artigianali, in un capannone ristrutturato sorge questo ristorante che mixa sapientemente cucina ligure e veneziana. Ottimo anche per un

buon pranzo a prezzi economici. ORO Sestiere Giudecca, 10 - Ph. 041. 240801 The restaurant of the Belmond Hotel Cipriani, run by Davide Bisetto, an Italian chef with international reputation and experience. Deep respect for basic ingredients and purity of flavours. One Michelin star. Ristorante del Belmond Hotel Cipriani, guidato da Davide Bisetto, cuoco italiano dall’eccellente curriculum internazionale. Rispetto delle materie prime e purezza dei sapori. Una stella Michelin. RIVIERA Dorsoduro, 1473 - Ph. 041.5227621 The Riviera restaurant offers a tipical venetian cuisine. Of particular interest are the finest seafood dishes. Overlooking the Grand Canal of Giudecca, just in front of the Stuky Mill, offers its guests a panoramic terrace from which to enjoy a breathtaking views. Il ristorante Riviera di Venezia propone una cucina veneta. Di particolare interesse sono i raffinati piatti di pesce. Affacciato sul Canal Grande della Giudecca, proprio di fronte al molino Stuky, offre ai propri clienti una splendida terrazza dalla quale godersi una vista mozzafiato.

SAN MARCO

AMO T Fondaco di Tedeschi by DFS San Marco 5556 Ph. 041.2412823 An elegant bistro inside the Fondaco dei Tedeschi, located at the foot of the Rialto Bridge, which houses the new luxury department store (Dfs). Fruit of a collaboration between the Alajmo brothers and designer Philippe Starck, it is the ideal place for a break any time of the day. Un elegante bistrot all’interno del Fondaco dei Tedeschi, il nuovo department store (Dfs) di lusso ai piedi del Ponte di Rialto. Frutto della collaborazione tra i fratelli Alajmo e il designer Philippe Starck, è l’indirizzo perfetto per una pausa in ogni momento della giornata. ANTICO MARTINI Campo Teatro Fenice, 2007 Ph. 041.5289857 In a classic and elegant atmosphere where you can feel all the charm of Venice’s most chic, since 1720 the restaurant Antico Martini offers all the flavor of traditional Venetian cuisine. Open until late at night, according to the timetable of the Teatro la Fenice, we advise also the bistrot VinoVino attached. Dentro un ambiente classico ed elegante dove si respira tutto il fascino della Venezia più chic, dal 1720 il ristorante Antico Martini offre tutto il gusto della cucina veneta tradizionale. Aperto anche fino a tarda notte, seguendo gli orari del Teatro la Fenice, da consigliare anche il bistrot VinoVino annesso. Venezia | made in Veneto 127

EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

Managed with competence and passion since 1960, the restaurant of the Wildner Hotel of Venice proposes and reworks with creativity the dishes of the Venetian and Italian cooking tradition, served in a unique location: the restaurant’s veranda with view on Riva degli Schiavoni Gestito con professionalità e passione dal 1960, il ristorante dell’Hotel Wildner di Venezia propone e rielabora con un tocco creativio i piatti della tradizionale cucina veneziana e italiana e li serve in una cornice unica: la veranda con vista sulla Riva degli Schiavoni.


EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

ABECCAFICO Campo Santo Stefano, 2801 Ph. 041.5274879 Located right on Campo Santo Stefano, with a charming outdoor area, A Beccafico Restaurant offers Mediterranean cuisine, in particular fish and seafood dishes in keeping with the best Venetian traditions. Affacciato su Campo Santo Stefano, con un affascinante ambiente esterno, il ristorante A Beccafico vi aspetta con piatti, soprattutto di pesce, dedicati alla cucina mediterranea abbinati al gusto della tradizione veneziana. ACQUA PAZZA San Marco, 3808 - Ph. 041.2770688 A magnificent outdoor area facing Campo Sant’Angelo, excellent fish dishes, and the taste of true Neapolitan pizza—this and much more awaits you at Acqua Pazza, where authentic Amalfi Coast and Mediterranean cuisine reigns. Un magnifico Dehor affacciato su Campo Sant’Angelo e il gusto della vera pizza napoletana. Questo e molto altro da Acqua Pazza, regno della vera cucina amalfitana e mediterranea. Da provare anche il pesce. ANTICO PIGNOLO Calle Specchieri, 451 - Ph. 041.5228123 The large walled summer garden is unquestionably notable, as are the fish-based dishes served with particular attention to local products, while the wine list numbers over 1000 labels from every part of the world, as has been noted by the magazine Wine Spectator. Di rilievo il grande giardino estivo circondato dalle classiche mura veneziane. I piatti sono prevalentemente a base di pesce, con particolare attenzione ai prodotti del territorio, mentre la carta dei vini conta oltre 1000 etichette provenienti da ogni parte del mondo, segnalata anche dall’autorevole rivista Wine Spectator. CAFFÈ CENTRALE VENEZIA San Marco, Piscina Frezzeria, 1659b Ph. 041 8876642 A new and modern restaurant housed in Palazzo Cocco Molin, a sixteenth-century Venetian building. Extensive menu ranging from meat to fish-based dishes, accompanied by excellent wines. You can also drink and dine outside on the small terrace giving onto the Rio de’ Barcaroli canal. The bar and kitchen are open till late into the night. Private entrance for taxis and gondolas. Nuovo e moderno ristorante situato a Palazzo Cocco Molin, un’antica residenza veneziana del 1500. Le proposte della cucina sono numerose e spaziano dalla carne al pesce, accompagnati da una buona cantina. Si può bere e cenare anche in una piccola terrazza affacciata sul canale Rio de’ Barcaroli. Il bar e la cucina sono aperti fino a tarda notte. Ingresso privato per taxi e gondole. CAFFÈ QUADRI Piazza San Marco, 120 - Ph. 041.5222105 128 Venezia | made in Veneto

The restaurant in this historic location is run by the Alajmo brothers, creators of the three Michelin star Relais Gourmand Le Calandre in Padova. It faces directly onto Piazza San Marco, and its interior is carefully decorated with local products like Murano glass; the menu is creative and gourmet, in which fish is explored and tastes are exalted. One Michelin star. Il ristorante dello storico locale è gestito dai fratelli Alajmo, creatori del tre stelle Michelin Relais Gourmand Le Calandre di Padova. Unico luogo che si affaccia direttamente su piazza San Marco, dagli interni estremamente curati con le eccellenze del territorio, come i vetri di Murano, detiene un menu creativo e gourmet, dove il pesce viene esplorato e esaltato in tutti i suoi sapori. Una stella Michelin. DA IVO Ramo dei Fuseri, 1809 - Ph. 041.5285004 Amongst the most historically significant restaurants of Italy and perhaps in the world, Da Ivo was opened by the Tuscan Ivo Natali in 1976. It’s the preferred destination of many stars, including Sting, Elton John and Tom Cruise, and it’s a perfect little treasure in which to sample local and national cuisine, including the famous fiorentina steak. Inizia la sua storia nel 1976 grazie al suo fondatore, il toscano Ivo Natali. Meta preferita di molti personaggi famosi tra cui Sting, Elton Jhon e Tom Cruise, è un piccolo tesoro dove gustare cucina nazionale e locale, insieme a una buona bistecca alla fiorentina. DE PISIS S. Marco, 1459 - Ph. 041.4207022 This is the restaurant in the luxurious Hotel Bauer. Unique thanks to its terrace that faces onto one of the most spectacular views in the world, Venice’s Grand Canal, with a view of the church of Santa Maria della Salute in the background. Chef Alessio Loppoli proposes a cuisine based on the seasonal products of the territory, under supervision. E’ il ristorante del lussuoso Hotel Bauer. Unico per la sua terrazza che si affaccia lungo uno dei luoghi più spettacolari del mondo, il Canal Grande di Venezia, con la veduta della famosa Chiesa di Santa Maria della Salute sullo sfondo. Lo chef Alessio Loppoli propone una cucina basata sui prodotti stagionali del territorio, con supervisione. DO FORNI Sestiere San Marco, 457 - Ph. 041.5232148 A true institution in the historic center of the city, a great place for special occasions as well as cultural events, and frequented by illustrious visitors, the cuisine is primarily local and fish-based. Two areas are available – the more formal ‘Orient Express’ and another less formal seating space. Nel centro storico della città è divenuto nel tempo una vera istituzione. Ritrovo per occasioni ed eventi anche culturali, spesso è il ristorante di personaggi illustri che soggiornano in laguna, con la sua cucina

con prevalenza di pesce e legata al territorio. Dispone di due aree, una più raffinata che prende il nome di Orient Express e l’altra, più informale. HARRY’S BAR Calle Vallaresso, 1323 - Ph. 041.5285777 The original Harry’s Bar was opened by the Cipriani family in 1931 (a rope store was in its place). In 2001 it was named a national treasure by the Italian Ministry of Culture. The cuisine remains that of Harry’s Bar tradition – classic, with attention to base ingredients. The must haves are: risotto primavera, tagliolini with prosciutto, and the historic Bellini cocktail that was born within these walls. Dichiarato nel 2001 patrimonio nazionale dal Ministero dei Beni Culturali, è il primo Harry’s Bar nato dalla mente della storica famiglia Cipriani che nel 1931 riprese un negozio di corde per renderlo un bar. La cucina è quella storica di ogni Harry’s Bar: tradizionale e attenta alle materie prime. I must: risotto primavera, tagliolini gratinati al prosciutto e lo storico Bellini, nato proprio tra queste mura. OSTERIA SAN MARCO San Marco, 1610 - Ph. 041.5285242 An informal but elegant restaurant and wine bar whose kitchen is open from noon to 11pm. The weekly menu is always changing, distinguished by the way local, seasonal products are used to make creative, gourmet dishes. Wine available also by the glass, with cheese and cold-cuts at the bar. Osteria-enoteca dall’atmosfera informale e rustica. La cucina, aperta dalle 12 alle 23, si contraddistingue con il suo misurato estro creativo, capace di realizzare piatti gourmet attraverso gli ingredienti di stagione che il territorio fornisce, per un menu che cambia settimanalmente. Vini anche a bicchiere con formaggi e salumi al bancone. ROSA ROSSA San Marco, 3709 - Ph. 041.5234605 In a refined, recently renovated setting, one of this restaurant’s surprises is the pizza, but the dishes in the classic Venetian tradition are wonderful as well. San Marco, 3709, ph. 041.5234605 In un ambiente raffinato e recentemente rinnovato, una delle sorprese del ristorante è la pizza, rigorosamente fine. Ma non dimenticatevi dei grandi piatti della tradizione veneta. TAVERNA LA FENICE San Marco, 1938 - Ph. 041.5223856 Near the famous theatre of the same name, the kitchen is open late for when the theatre lets out. The vast terrace for al-fresco summer dining provides a warm and intimate atmosphere, a feeling that continues inside with the warm wood tables and velour coverings. The innovative menu is both surf and turf. Vicino al famoso teatro, ne rispetta gli orari con una cucina che rimane aperta fino a notte tarda. L’ampia terrazza estiva dà vita ad un’atmosfera di intimità e calore, sen-

sazioni che proseguono anche all’interno, con il legno degli arredi e il velluto dei rivestimenti. Un menu innovativo di carne e pesce completa il tutto. VINI DA ARTURO Sestiere San Marco, 3656 Ph. 041.5286974 A preferred location by local Venetians, this small, simple and elegant restaurant has a menu in which meat is the real protagonist. Try the filet in all its variations. No credit cards accepted. Frequentato prevalentemente dai veneziani. Piccolo, semplice e accogliente con un menu che vede la carne come vera protagonista. Da provare il filetto in tutte le sue variazioni. Non accetta carte di credito. WINE BAR TEAMO Calle Rio Terrà de la Mandola, 3795 Ph. +39 041 528 3787 Cozy restaurant near Campo Sant’Angelo with a very pleasant informal ambiance. Great selection of assorted cured meats and salamis, cheeses and raw fish Piccolo locale a due passi da Campo Sant’Angelo dall’atmosfera informale molto piacevole. Ottima selezione di taglieri di salumi, formaggi e cruditè di pesce.

SAN POLO

ALLA MADONNA Calle de la Madona, 594 - Ph. 041.5223824 Fulvio Rado opened this historic venetian osteria in 1954, and for the past 35 years it has been run by his son Lucio. The style and menu has not changed much due to their healthy respect of tradition. The menu is fish only, with good price/value ratio. Aperto nel 1954 da Fulvio Rado e da 35 anni gestito dal figlio Lucio. Derivato da un’antica osteria veneziana, ha mantenuto negli anni il suo stile e la sua qualità nei piatti della tradizione. Una cucina a base di pesce, secondo i dettami tipici della tradizione, ottimo anche per il rapporto qualità/prezzo. ANTICHE CARAMPANE San Polo, 1911 - Ph. 041.5240165 A rustic trattoria that has recently gained popularity. The menu lists only Adriatic fish, served in a traditional but revisited manner. In good weather, outside seating is available between potted flowers and under a charming tent in a calm corner of the lagoon. Una trattoria dallo stile rustico che negli ultimi anni ha visto accrescere la sua popolarità. Nel menu solo pesce del mar Adriatico. La cucina è tradizionale e talvolta rivisitata e corretta con discrezione. In stagione c’è la possibilità di pranzare all’aperto, tra vasi di fiori e sotto un allegro tendone, in un angolo defilato vicino al ponte di Rialto. BANCOGIRO Campo San Giacometto, 122 Ph. 041.5232061 At the foot of the Rialto bridge, this campo (square) is packed during the day with the


SANTA CROCE

ALLA ZUCCA Sestiere Santa Croce, 1762 Ph. 041.5241570 This sheltered and calm restaurant sits at the feet of a little bridge, and offers an inspired and creative local menu that includes a good range of vegetarian dishes. Try the cous cous, the spicy meatballs, and the baked lamb chops topped with tzatziki. Ai piedi di un classico ponte, un locale defilato, sereno e caldo. Una cucina locale animata con estro e inventiva, insieme a una interessante proposta di piatti vegetariani. Da provare: il cous cous, le polpettine speziate e le costolette d’agnello al forno con salsa Tzatziki. GLAM RITORANTE & BAR Palazzo Venart S. Croce, 1961 Ph. 041.5233784 In the enchanting Palazzo Venart, with gardens on the Grand Canal, starred chef Enrico Bartolini prepares classic Venetian specialties with a contemporary twist. Nel suggestivo Palazzo Venart, con giardino sul Canal Grande, lo chef stellato Enrico Bartolini propone specialità classiche veneziane reinterpretate in chiave contemporanea. OSTERIA TREFANTI Rio Marin, Santa Croce, 888 Ph. 041.5201789 Casual restaurant with a refined fish menu. Casual restaurant con menù a base di pesce molto ricercato.

REFOLO Campo San Giacomo dell’Orio, 1459 Ph. 041.5240016 In a picturesque little campo off San Giacomo dell’Orio is this offering of an informal menu: pizza and cheese plates, along with raw oysters, fried zucchini flowers and sardines, or prosciutto and figs. This is the more youth-friendly “son” of the famed Da Fiore restaurant. Il ristorante, che si trova in un pittoresco campiello appartato a San Giacomo dell’Orio, propone cucina informale come pizze e assaggi di formaggi ma anche ostriche crude, pollo al curry, scamone garronese. Tra le pizze più richieste, fiori di zucca e acciughe, prosciutto e fichi e la Piazza Doge. Figlio del ristorante pluripremiato Da Fiore, ne è la versione più giovane e friendly.

VENICE’S OMBRE AL MARCA Sestiere San Polo, 213 Ph. 346.8340660 This is the place to drink a famed spritz at the right price. It’s always packed with locals. Don’t miss the meatballs and sandwiches lovingly prepared by Wewe. Near the Rialto market. Un vero must in città dove bersi al giusto prezzo il famoso spritz. Sempre affollato, frequentato sopratutto dai veneziani. Da non perdere le polpette e i panini preparati da Wewe. Si trova vicino al mercato di rialto. AL TIMON Sestiere Cannaregio, 2754 Ph. 041.5246066 Steps away from the ghetto, this little osteria is run by young Venetians who serve excellent cicchetti (little local appetizers) and excellent wine to sip while seated along the canal, preferably after sunset. Open beyond midnight. A pochi passi dal Ghetto una piccola osteria gestita da giovani veneziani, ottimi cicchetti e buoni vini da sorseggiare seduti sulla fondamenta d’estate, preferibilmente dopo il tramonto. Il locale è aperto oltre la mezzanotte. ALL’ARCO San Polo, 436 - Ph. 041.5205666 A tiny, secret place to taste an excellent selection of wines while snacking on the famous cicchetti. The selection is limited but of high quality: crostini, cooked vegetables prepared in various ways, and fresh fish. Un piccolo e segreto luogo dove poter degustare una buona selezione di vini insieme ai famosi cicchetti. Insieme a una selezione di pietanze limitata, ma di ottima qualità. Crostini, verdure cotte in diversi modi, dalla caponata ai carciofi locali, e pesce fresco. ALLA MASCARETA Sestiere Castello, 6 Ph. 393.9848407 This wine bar is listed in the SlowFood

Guida alle Osterie d’Italia, with high merits for its wine and cheese selection. Near the door of Campo Santa Maria Formosa, outside seating is in ex-movie chairs. Excellent selection of cold cuts and cheese, and some warm dishes are served. Enoteca che la Guida alle Osterie d’Italia di SlowFood segnala fra i locali del buon formaggio e del buon vino. Si trova vicino a Campo Santa Maria Formosa, fuori dalla porta, poltroncine da cinema attendono chi vuole fare quattro chiacchiere all’aperto. Alle proposte di mescita, si accompagnano selezioni di salumi e formaggi e alcuni piatti caldi. CANTINONE GIÀ SCHIAVI Fondamenta de le Romite, 1350 Ph. 041.5230744 A family run wine bar and osteria in the San Trovaso area with a not to be missed selection of cicchetti, both traditional and innovative, and the excellent selection of wines. It’s also a good wine shop for home consumption. There is no seating but customers lounge outside on the fondamenta. Enoteca osteria a conduzione familiare nella zona di San Trovaso, imperdibile per i cicchetti assortiti, tradizionali e fantasiosi, ottima la scelta dei vini. il locale è anche un’ottima cantina nella quale fare rifornimento per casa. Non c’è posto a sedere ma si sta fuori nella fondamenta. DO MORI Sestiere San Polo, 429 Ph. 041.5225401 In an underpass near the Rialto market, this bar-only wine shop serves cicchetti too. In un sotoportego vicino al mercato di Rialto troviamo questa cantina, dove si può scegliere tra una gran varietà di cicheti e vini in bottiglia, rigorosamente al banco. LA CANTINA Campo San Felice - Cannaregio, 3689 Ph. 041.5228258 A pleasant place to sit along the street and watch life walk by; artisanal wines and beer are accompanied by cicchetti and a few dishes made on the spot. Una piacevole sosta lunga la Strada Nova dove assaporare il via vai della città. Vini e birre artigianali, conditi con piatti e cicchetti espressi.

ISLANDS RESTAURANTS BURANO

AL GATTO NERO Fondamenta della Giudecca, 88 Ph. 041.730120 What began as a simple osteria in 1965 has been expanded by the owner, Ruggero Bovo, whose menu boasts an ample selection of antipasti and primi, the best of which is the ‘Risotto di gò alla buranella,’ the homemade tagliolini with crab, followed by baked fish or the sublime fish fry, accompanied by organic seasonal greens from the nearby

islands. Large outdoor seating. Nata come semplice osteria nel 1965 viene rilevata dal propretario Ruggero Bovo. Nel menu compare un’ampia degustazione di antipasti e di primi piatti, tra i quali trionfa il Risotto di gò alla buranella, i tagliolini fatti in casa con Granzeola e poi il pesce al forno o i supremi fritti di pesce misto accompagnati da verdure sempre di stagione a coltivazione biologica raccolte nelle isole limitrofe. Ampio dehor estivo. DA ROMANO Via S. Martino, 221 - Ph. 041.730030 A popular getaway for many early 20thcentury artists who lived on the island, the Barbaro family has always been the owners and continue to run it with tradition, love, and professional ability. This is the place to taste typical lagoon cooking. It’s famous for the refined simplicity of the risotto and fish dishes based in tradition. Rifugio storico di molti pittori che nei primi del ‘900 sostavano nell’isola, gestito da sempre dalla famiglia Barbaro che continua la tradizione con amore e capacità. Qui si possono gustare i piatti tipici della cucina lagunare. Famosi nella loro raffinata semplicità sono i risotti e i piatti di pesce che si rifanno ad un’antica arte culinaria. RIVA ROSA Strada San Mauro, 296 - Ph. 041.730850 One of the essential stops on the island if you want to taste fish straight out of the sea, this ristorante and wine bar is a house museum on the inside and has a panoramic terrace as well. Private docking vailable. Per gustare il sapore del pesce appena pescato, questo ristorante enoteca è una delle tappe fondamentali nell’isola dei merletti. Una casa museo all’interno di antiche fondamenta, una terrazza che si apre a un ampio panorama. Possibilità di attracco privato.

ISOLA DELLE ROSE

DOPOLAVORO Isola delle Rose, Laguna di San Marco Ph. 041.8521300 The kingdom of one of Italy’s most celebrated chefs, Giancarlo Perbellini, it is the restaurant of the elegant JW Marriott® Venice Resort & Spa. Located on a private island in the Venetian Lagoon. One Michelin star gained in 2016. Regno di uno degli chef più acclamati in Italia, Chef Giancarlo Perbellini, è il ristorante dell’elegante JW Marriott® Venice Resort & Spa. Come palcoscenico, un’isola privata nel capoluogo lagunare. Da questo 2016 vanta una stella Michelin.

MAZZORBO

VENISSA Fondamenta Santa Caterina, 3 Ph. 041.5272281 Paola and Gianluca Bisol have seen the dream of an innovative hostel-restaurant come into reality. Here dishes are created on the basis of the products offered by the Venezia | made in Veneto 129

EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

fruit and vegetable market. The osteria is named for the bridge under which it is located. It has excellent wines, served at table or bar, tasty cicchetti (snack sized dishes) to accompany one’s chalice, and just a few refined dishes on the menu, to eat seated at table. Ai piedi del ponte di Rialto si apre un campo che durante il giorno è affollato dai banchetti del mercato. Ottimi vini, anche al banco, gustosi cicchetti per accompagnare il bicchiere, e poche portate, anch’esse raffinate e gustose, da mangiare seduti in campo dell’Erberia, con vista sul Canal Grande. DA FIORE Calle del Scalater, 2202 - Ph. 041.2750822 This prestigious and exclusive osteria has been rewarded with one Michelin star. Owners Mara and Maurizio Martin, along with their son Damiano, have made the restaurant into an institution in which the cuisine is a creative expression able to exalt the flavours of the fish that animate the menu. Un’osteria prestigiosa e esclusiva premiata con una stella Michelin. I proprietari Mara e Maurizio Martin, insieme al figlio Damiano, hanno trasformato il ristorante in una istituzione, dove la cucina diventa espressione creativa in grado di esaltare i sapori del pesce, anima del menu.


EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

local territory for a “Zero Kilometer Menu” that is changed every day. One Michelin star. Innovativo ristorante ostello nato dal sogno di Paola e di Gianluca Bisol. I piatti vengono creati in base alle materie prime che il territorio locale offre quotidianamente, creando un menù che cambia tutti i giorni diventando un reale chilometro zero. Una stella Michelin.

MURANO

BUSA ALLA TORRE DA LELE Campo Santo Stefano, 3 - Ph. 041.739662 A classic menu of Venetian cuisine prepared according to tradition, and accompanied by a good wine list... all inside a refined and elegant location with a summery terrace too. Un menu classico di cucina veneziana cucinato secondo la tradizione e accompagnato da buoni vini sulla carta. Il tutto dentro un luogo raffinato e elegante,insieme a un suggestivo plateatico estivo. ACQUASTANCA Fondamenta Manin, 48 - Ph. 041.3195125 The name stands for the moment when the water is still, between the high and the low tide. Recently opened by two young women –it used to be an historical bakery, it offers the flavors of the traditional cooking in a chic but cosy atmosphere, like that you find in fish houses. Il nome indica il momento di calma tra la bassa e l’alta marea del mare. Aperto recentemente da due giovani donne al posto di uno storico fornaio, qui troverete i sapori della cucina tradizionale in un ambiente chic ma semplice, come nei casoni da pesca.

PELESTRINA

DA CELESTE Sestiere Vianelli, 625 - Ph. 041.967043 One of its best features is the terrace, the prettiest of those that give onto the south lagoon. Fresh fish is prepared in the traditional ways – try the pasticcio di pesce, a kind of fish lasagna). Uno dei suoi punti forti è la terrazza, la più bella tra quelle che si affacciano davanti alla laguna sud. Pesce fresco cucinato alla maniera tradizionale, da provare il pasticcio di pesce.

SAN PIERO IN VOLTA

DA NANE San Pietro in Volta, 282 - Ph. 041.5279100 Home style venetian cooking with fish at its heart, in a welcoming atmosphere. Amongst the house specialties are the antipasti of mantis and scallops, the famed pasticcio di pesce (a kind of fish lasagna), the fried squid, cuttlefish stew, and the grilled local meat. The selection of wines is also notable. Cucina veneta casalinga a base di pesce dentro un ambiente accogliente. Tra le specialità della casa vanno menzionati gli antipasti di cannocchie e capesante, il rinomato pasticcio di pesce, il fritto di cala130 Venezia | made in Veneto

maretti, le seppioline in umido, la grigliata dell’Adriatico. Buona la selezione dei vini.

VIGNOLE

ALLE VIGNOLE Isola Vignole, 12 - Ph. 041.5289707 The Vianello family has been running this trattoria for almost a hundred years, offering clients a traditional fish-based menu and genuine meats. Da quasi cento anni gestita dalla famiglia Vianello, questa trattoria offre ai propri clienti una cucina tradizionale basata sul pesce della laguna e del mar adriatico e la carne più genuina.

TORCELLO

AL PONTE DEL DIAVOLO Fondamenta Borgognoni, 10\11 Ph. 041.730401 In a comfortable and elegant location at the foot of the bridge of the same name, the two rooms inside are warmed by the fireplace, while the garden has a lovely pergolato covering. The quality of this restaurant rests on its use of the freshest ingredients that mix history and tradition to make excellent dishes. Un ambiente confortevole e elegante ai piedi dell’omonimo ponte. Un comodo salotto, due sale interne al tepore del rilassante camino, un giardino con il tradizionale pergolato. Una cucina dalle materie prime freschissime, in cui storia e tradizione s’intrecciano per piatti eccellenti. LOCANDA CIPRIANI Piazza Santa Fosca, 29 Ph. 041.730150 One of the most important restaurants in Venice comes from the Cipriani family. Immersed in the surrounding green area, the refined country atmosphere meets the kitchen of Chef Cristian Angiolin who prepares both the classic Cipriani family dishes, and an ample selection of fish- or vegetable-based primi with homemade pasta or rice. Dallo storico nome della famiglia Cipriani, uno dei ristoranti più importanti della laguna veneta. Immerso nella natura della campagnia circostante, in un ambiente raffinatamente agreste, una cucina con a capo lo chef Cristian Angiolin che, oltre ai piatti inventati dalla famiglia Cipriani e oramai divenuti dei classici, propone un’ampia scelta di piatti basati su pesce, verdure, pasta fatta in casa e riso.

LIDO

AI MURAZZI Via dei Kirchmayr, 16 - Ph. 041.5267278 On a path that runs along the sea and the typical rocks of the Lido, there is the restaurant Ai Murazzi. In a simple house with dark wood with a typical furnishings you could taste the traditional cuisine based on fish that reveals the full potential of this region. Try the sardines in sauce. Su un percorso che costeggia il mare e le

tipiche rocce del Lido, si trova il ristorante Ai Murazzi. Dentro una semplice casa in legno scuro con arredamento tipico marinaro una cucina tradizionale a base di pesce rivela tutte le potenzialità di questa regione. Da provare le sarde in saor. ANDRI Via Lepanto, 21 - Ph. 041.5265482 Typical Venetian restaurant where to taste the authentical flavors of a traditional cuisine at a very good price/quality ratio. Do not miss its first courses and Bollito dishes. During Summer, an outdoor veranda with lots of flowers is opened Tipico ristorante veneziano dove gustare i sapori autentici di una cucina tradizionale ad un ottima qualità prezzo. Da provare i primi piatti e i bolliti. D’estate si apre in una fiorita veranda esterna. LA FAVORITA Via Duodo Francesco, 33 - Ph. 041.5261626 This trattoria, one of the “buon ricordo” series, is run by Luca Pradel and his wife Gabriella. Located on a quiet street in the Lido, it’s recognized as one of the area’s top restaurants due to the fish specialties rooted in venetian tradition, with select seasonal ingredients and perfectly matched wines chosen amongst the best international and national labels. Trattoria del “buon ricordo”, gestita da anni da Luca Pradel e dalla moglie Gabriella, si trova in una via appartata e tranquilla del Lido. E’ riconosciuto come uno dei ristoranti più rinomati in zona, per la cucina con specialità di pesce degna della storica tradizione veneziana, per gli ingredienti selezionati in base alla stagione e legati al territorio circostante, per il vino abbinato alle portate, scelto tra le migliori etichette nazionali ed internazionali.

RESTAURANTS ON THE MAINLAND CAMPALTO

AL PASSO Via Campalto, 118 - Ph. 041.900470 Near the Marcopolo airport, this traditional venetian restaurant offers high quality cooked and raw fish dishes: grilled or barbecued, carpaccio and seafood. Don’t miss the razor-shell clams (called capelonghe), scallops, polenta with schie (local grey shrimp), and the grilled octopus with beans. Vicino all’areoporto Marcopolo, propone una cucina tradizionale veneta di alta qualità, con piatti di pesce sia crudo che cotto, alla griglia alla brace, carpacci di ogni genere, frutti di mare. Inoltre imperdibili le capelonghe, le capesante, i canestri, la polentina con le schie, il polpo alla griglia con fagioli.

MAROCCO

AL CASON Via Gatta,112 - Ph. 041.907907 Since 1967, the Foltran family has invested passion in this osteria and restaurant that

exalts the best of local flavours. Start with the antipasti – raw, boiled, or grilled – a glass of prosecco, followed by linguine with clams and finally the tiny ombrine fish served grilled. Genuine simplicity. Dal 1967 la famiglia Foltran porta avanti con passione il questo ristorante osteria che esalta il meglio i sapori naturali della materia prima locale. Prima gli antipasti, crudi, bolliti e alla brace, un calice di prosecco, poi linguine con le telline e a seguire una grigliata di piccole ombrine. Genuina semplicità.

MESTRE

AI VETERANI Piazzetta Da Re, 6 - Ph. 041-959378 A restaurant and wine bar with a warm, homey atmosphere. The menu varies by season, with occasional sparks of innovation, always using excellent primary ingredients. The wine list is the true star here, suggested with passion by the owner, Isa Mazzetto. Enoteca ristorante con una calda atmosfera casalinga. Il menu è vario, stagionale. La materia prima è eccellente, e infine i vini, veri fiori all’occhiello, consigliati passione e competenza dalla titolare, Isa Mazzetto. AMELIA Via Miranese, 113 - Ph. 041.913955 One of the most prestigious and historic restaurants in Mestre, the menu is fishbased and always excellent quality. The offerings are generally based on local products and inspired by venetian tradition. Uno dei ristoranti più prestigiosi e storici di Mestre. Il menù è a base di pesce sempre di ottima qualità. L’offerta si basa molto sui prodotti locali e si rifà alla tradizione veneziana. Quindi: bovoleti, canoce, masenete, folpetti, capesante, moèche, schie o gamberetti di laguna, anguelle e infine baccalà mantecato.

LUGHETTO DI CAMPAGNIA LUPIA CERA Via Marghera, 24 - Ph. 041.5185009 One Michelin star for this restaurant between Venice and Chioggia run since 1966 by the Cera family.. The gastronomic proposals depend on the freshness and high quality of the ingredients in order to make the scents and tastes of local tradition come forth. The cellar boasts wines wellmatched to the menu. Una Stella Michelin. Tra Venezia e Chioggia, dal 1966 la famiglia Cera è l’appassionata custode della raffinata osteria impreziosita da marmi, argenterie e un raccolto giardino. La cantina propone etichette intelligentemente selezionate in accordo col menu.


SIBERIAN VODKA AG Bahnhofstrasse 6 | 9100 Herisau | Switzerland | www.noblevodka.com Drink responsibly. Drink with class.


Venezia made in Veneto n.25  
Venezia made in Veneto n.25  
Advertisement