Costa Smeralda Magazine

Page 1


Costa Smeralda

- EXPLORE THE WORLD TO EXPLORE OURSELVES

GALAPAGOS

Experiences

102 BEACHES

Paradisi incontaminati

Unspoilt corners of paradise

112

EXPLORING

Between land and sea Tra mare e terra

120

PEVERO GOLF CLUB

18-hole excellence

18 buche di eccellenza

126 ARCHAEOLOGY

Primordial Sardinia

La Sardegna delle origini

136

SAN PANTALEO Unmissable

Imperdibile

170 ECCELSA

Luxury at high altitude Lusso in alta quota

Fashion & Design

156 YACHT

Sea story Storia del mare

172 DESIGN

En plein air experience

190 ARMANI

Summer style Lo stile dell’estate

192 DOLCE&GABBANA

Mediterranean Manufacture Manifattura mediterranea

194 STEFANO RICCI

In the name of nature Nel nome della natura

197 OUTFITS Taste

204 WINE

From terroir to glass Dal vigneto al calice

COSTASMERALDA.IT

EDITORIAL DIRECTOR

Matteo Parigi Bini

MANAGING EDITORS

Francesca Lombardi

EDITORS

Sabrina Bozzoni, Teresa Favi

Virginia Mammoli, Martina Olivieri

CONTRIBUTORS

Antonella Brianda, Luigi Maestri

Giandomenico Mele, Guido Piga

PHOTOGRAPHERS

Marcello Chiodino, Isabella Chiodino

Davide Frandi, Dario Garofalo

Vincent Leroux, Marka/UIG

Alessandro Moggi, Daniel Molina

ART EDITORS

Melania Branca, Clelia Giardina

TRANSLATIONS

Centotraduzioni, Tessa Conticelli

ADVERTISING AND MARKETING DIRECTOR

Alex Vittoiro Lana ph +39 055 0498097

ADVERTISING AGENCY

Holding Communication

Gianluca Bonotti, Giorgio Cantagalli gc@gruppoeditoriale.com ph +39 335 396969

ADVERTISING

Nicola Brigandì, Gianni Consorti

Emanuela Mattioli, Alessandra Nardelli

Monica Offidani, Paola Paciotti, Anna Repellini

PRINTING

Baroni & Gori

july 2024

Costa Smeralda Magazine is edited by GRUPPO EDITORIALE and published by

SERVIZI CONSORTILI COSTA SMERALDA SPA

Casa l/a Il Ginepro, Loc. Porto Cervo 07021 Arzachena - OT ph +39 078 9935000 info@conzorziocostasmeralda.com

PRESIDENT AND CEO

Mario Ferraro

GENERAL MANAGER

Massimo Marcialis

BOARD MEMBERS

Davide Cerea, Franco Mulas

COMMUNICATION & MARKETING DIRECTOR

Maurizio Maresca

EDITORIAL OFFICE

via Cristoforo Landino, 2 50129 Firenze - Italy ph +39 055 0498097 redazione@gruppoeditoriale.com

Registration n. 14 on 15 december 1975

For once, having a shorter runway is better for business. Begin your journey

Only you

A dive into the beautiful and exclusive area managed by the Costa Smeralda Consortium Un tuffo nella bellezza e nell’esclusività dell’area gestita dal Consorzio Costa Smeralda

With this updated issue of the Costa Smeralda Consortium’s official magazine we welcome what promises, once again, to be an extraordinary summer season, which sees the exclusive hotels on this stretch of the Sardinian coast shine with a renewed light thanks to extensive restyling works, which have kept all the charm of their iconic architecture intact. We tell you about it in these pages, along with the refurbishment of another emblematic local landmark, Porto Cervo’s famous Piazzetta, which is celebrating its 60th birthday. And it’s more than 40 years since the Azzurra, Italy’s first contender for the America’s Cup, set sail from the Yacht Club Costa Smeralda. We hear about it from Mauro Pelaschier, helmsman in this legendary adventure. We then travel through the most beautiful places in this area, with excursions on foot, by bike or on horseback, taking you to the most pristine beaches, and also to the village of San Pantaleo and wineries whose products are loved all over the world.

A land synonymous with nature, but also with shopping – so we’ll give you some tips on summer’s must-haves – and glamour, with celebrities like Melissa Satta among the many wellknown faces who love to visit Sardinia.

Con un rinnovato numero della rivista ufficiale del Consorzio Costa Smeralda diamo il benvenuto a quella che si preannuncia, ancora una volta, come una stagione estiva straordinaria, che vede gli esclusivi hotel di questo tratto di costa sarda splendere di una rinnovata luce grazie a importanti lavori di restyling, che hanno mantenuto intatto il fascino di un’architettura iconica. Ve ne parliamo in queste pagine insieme al restyling di un altro luogo simbolo di questa terra, la famosissima Piazzetta di Porto Cervo, che celebra 60 anni. Proprio dallo Yacth Club Costa Smeralda più di 40 anni fa partiva l’avventura di Azzurra, la prima sfida italiana all’America’s Cup. Ce lo racconta Mauro Pelaschier, timoniere in questa leggendaria avventura. Percorriamo poi i luoghi più belli di questo territorio, con emozionati escursioni a piedi, in bici o a cavallo, accompagnandovi fin nelle spiagge più incontaminate, ma anche nel suggestivo borgo di San Pantaleo e nelle cantine che producono vini apprezzati in tutto il mondo.

Questo luogo è sinonimo di natura selvaggia ma anche stile e shopping, per il quale vi diamo alcuni consigli sui must di questa estate, e di glamour, con personaggi come Melissa Satta, tra i tanti volti noti che amano frequentare la Sardegna.

BESPOKE MENSWEAR AND GENTLEMEN ACCESSORIES

VIA AGA KHAN, 1 - PROMENADE DU PORT
PORTO CERVO - ITALY

STRAW & COUTURE

Hurray for the return of summer weaves. Viennese cane, borrowed from the Thonet chair, for Fendi’s deluxe shoulder bag. An artisanal amarcord combined with leather stitching and metal.

Evviva al ritorno delle trame estive. Paglia di Vienna, rubata alla seduta della Thonet, per la borsa de luxe a spalla di Fendi. Un amarcord artigianale mixato alle impunture di pelle e al metallo.

I HAVE A DREAM

What bag doesn’t aim to be awesome, always. Iconic styles are reinterpreted in the light of new functions, while the classics are enhanced with jewel applications. Colourful double anemones bloom on the Prada bauletto.

Nessuna borsa rinuncia al desiderio di stupire. Quelle iconiche sono reinterpretate alla luce di nuove funzionalità, quelle classiche si arricchiscono di applicazioni-gioiello. Sul bauletto di Prada fioriscono anemoni double color.

Come visit us in Piazza Azzurra.

Gamma Range Rover, valori di consumo carburante (l/100 km): ciclo combinato da 0,7 a 12,0 (WLTP). Emissioni CO2 (g/km): ciclo combinato da 16 a 273 (WLTP). I valori sono indicati a fini comparativi.

PINK SUMMER

Pale pink for beach accessories. A little pouch bag to hold necessities and a matching beach towel to continue surrounding yourself with Chanel charm. Indispensable.

Rosa delicato per gli accessori da spiaggia. Piccolo marsupio per contenere il necessario e telo da spiaggia in abbinamento per continuare a avvolgersi dello charme della maison Chanel. Irrinunciabili.

WALK IN THE SUN

Here’s how comfort goes hand in hand with style. When it comes to flat sandals, it’s thongs that lay down the law, with Greek goddess-style ties that wrap around the ankle. Dolce&Gabbana docet.

Ecco come il comfort va a spasso con lo stile. Nell’olimpo dei sandali flat, sacro tempio dello stile rasoterra, gli infradito dettano legge. Ma non solo, i laccetti in stile dea greca si stringono intorno alla caviglia. Dolce&Gabbana docet.

50’S

FASHION

The new frontier of men’s style is worn from morning to night, with wide trousers and silk polo shirts. Echoing the shapes and balances of the 1950s, for a fashion that is never gaudy, capable of creating belonging. By Tod’s

Nuova frontiera dello stile maschile si indossano da mattina a sera, con pantaloni ampi epolo di seta. Riecheggiano forme e equilibri anni ’50, per una moda mai vistosa capace di creare appartenenza. Di Tod’s

SPORT AND FASHION

The Gucci Tennis collection puts a spin on traditional tennis attire, all with the house’s signature striped ‘Web’ details as the thread linking the past with the present.

La collezione Gucci Tennis reinterpreta l’abbigliamento tradizionale dell’omonimo sport con l’emblematica banda ‘Web’, un codice stilistico distintivo che è quel fil che unisce il passato con il presente.

CHIC EVERYWHERE

Even losing a game of tennis could be easier to swallow if the sporting misadventure was accompanied by a chic fabric and leather ball holder by Brunello Cucinelli

Persino perdere una partita a tennis potrebbe avere più gusto se la disavventura sportiva fosse battezzata da una chicchissima custodia da palline, in tessuto e inserti di pelle, firmata Brunello Cucinelli

MISES EN TÊTE

Here is Christian Dior’s new idea for summer, the right accessory for all outdoor events. The basketball cap allows itself to be covered in fabric, thus becoming super-feminine

Ecco la nuova idea dell’estate di Christian Dior, l’accessorio giusto per tutti gli eventi en plein air. Il basket cap si concede il vezzo di ricoprirsi di tessuto, diventando così iperfemminile.

26,500

$143 Billion

ECHOING EMOTIONS

The new Rolex Oyster Perpetual GMT-Master II

The ultimate cosmopolitan watch. Its 24-hour hand indicate not just another time zone, but a location that resonates with the wearer.

Il nuovo Rolex Oyster Perpetual GMT-Master II

L’orologio cosmopolita per eccellenza. La sua lancetta 24 ore non indica solo un altro fusorario, ma un luogo che risuona con chi lo indossa.

PRECIOUS AND EVERYDAY

Luxury surfing with the exclusive Art of Good Living surfboard. Crafted entirely by hand with fine wood inlays that form Loro Piana’s striped motif, each board is a unique masterpiece.

Lusso da surf con l’esclusiva tavola della collezione Art of Good Living. Interamente realizzata a mano, con i preziosi intarsi in legno che formano il motivo a righe di Loro Piana, ogni tavola è un capolavoro unico.

DISPLAY YOUR WATCHES IN A SAFE PLACE

LUXURY SAFES, WATCH WINDERS AND MUCH MORE
What D.H. Lawrence felt for Sardinia was love at first sight

It was 1921 when one of the most eccentric couples of the age - the English writer D.H. Lawrence and his wife Frieda von Richthofen - arrived in Sardinia. It was love at first sight. So much so that as soon as he arrived home, Lawrence wrote Sea and Sardinia, part travel journal, part guide to the island life of the period and the places that struck him most as he moved between Cagliari, Mandas, Sor-

gono, Nuoro and Terranova, as Olbia was then called. Despite his extensive world travel, Lawrence was so smitten with Sardinia that he wrote “This land is like no other place”.

‘Sardinia is something else [...]This land is like no other place’

1921 Secret stories

Era il 1921 quando approdò in Sardegna una delle coppie più anticonformiste dell’epoca: lo scrittore inglese David Herbert Lawrence e la moglie Frieda von Richthofen. Fu amore a prima vista. Tanto che appena tornato a casa D.H. Lawrence scrisse il libro Mare e Sardegna, un po’ diario di viaggio, un po’ piccola guida alla scoperta della vita isolana del tempo e dei luoghi che più lo colpirono muovendosi tra Cagliari, Mandas, Sorgono, Nuoro e Terranova, come allora si chiamava Olbia. Nonostante i tanti viaggi nel mondo, rimase così folgorato da affermare “Questa terra non assomiglia a nessun altro luogo”.

Plants

| Juniper

A sweet, aromatic berry, the queen of Sardinian cooking. Many species grow on the Island and are used in fragrant essential oils, in traditional recipes (of meat, but also fish), and in the famous Sardinian gin.

Una bacca dolce e aromatica, regi na della cucina sarda. Tante le spe cie che crescono sull’Isola, usate per profumatissimi oli essenziali, in ri cette tipiche (di terra, ma anche di mare) e per il famoso gin sardo.

| Strawberry tree

LAND OF INTOXICATING PLANTS, SARDINIA IS A SYMPHONY OF SCENTS AND

Its white flowers bloom as the large berries ripen and take on their bright red colour. The distinctive tart flavour is unmistakable; the nectar makes a sought-after bitter honey.

I suoi fiori bianchi fioriscono quan do le sue grandi bacche maturano prendendo un vivace color rosso. La caratteristica nota acidula lo rende inconfondibile. Dal suo nettare si ot tiene un pregiato miele amaro.

Perhaps the best known of Sardinian plants, thanks to the liqueur made with its berries, which are similar to

[ Chindalu ]

The word chindalu, or kindalu, means ‘swift’ – the device that unravels a hank of yarn – and is derived from the Greek verb κυλινδέω (kulindéō), ‘cause to rotate’

Words arise to serve the world they are part of, and this is why a language that has retained close ties with its origins has the power to make us travel in time and space. This is the wonderful charm of Sardinian, which is not a dialect, but a tongue with a wealth of words and melodies that sound exotic even to inhabitants of peninsular Italy. In turn, visitors to Gallura will notice words that are not heard in other areas of the island, so much so that for many people, gallurese has the value of a genuine language that intertwines near and distant lands, including Greece, which contributes a number of typical terms. One of these is chindalu (or kindalu), a word that certainly bears no resemblance to its Italian counterpart, ‘arcolaio’, referring to the device that unravels yarn, and does not conceal its Greek root in the verb κυλινδέω (kulindéō), ‘cause to rotate’. The term is associated with one of the most ancient of Gallura’s artisan traditions, weaving, which gives rise to the celebrated rugs of Ag-

gius, brought back into fashion by the Sardinian artist Maria Lai, who was fascinated by the stories of real island life depicted in the rugs through over a hundred symbols and motifs, some of which can also be found in the stone mosaic pavements of this small inland village.

Language is the representation of the land where it is born and the people who live there

Le parole nascono per parlare del mondo di cui fanno parte, ecco perché una lingua che ha tenuto stretto il legame con le sue origini ha il potere di farti viaggiare nel tempo e nello spazio. Questo è il prezioso fascino del sardo, non un dialetto, ma una lingua ricca di parole e melodie che suonano esotiche anche chi vive nella penisola del Bel paese. A sua volta, chi visita la Gallura, può notare parole che non si sentono in altre zone della Sardegna, tanto che anche il gallurese ha per molti il valore di una vera e propria lingua, dove si intrecciano terre vicine e lontane, tra cui la Grecia, a cui si devono alcuni termini tipici. Tra questi, chindalu (o kindalu), che certo non ricorda il suo corrispettivo italiano, ovvero ‘arcolaio’, lo strumento che dipana le matasse di filo, ma che invece non cela la sua radice greca, dal verbo κυλινδέω (kulindéō), ‘far girare’. Una parola che si lega a una delle più antiche tradizioni artigiane galluresi, la tessitura, con cui nascono i famosi tappeti di Aggius, riportati in auge dall’artista sarda Maria Lai, che rimase affascinate dalle storie di vita autentica raccontate da questi tappeti attraverso più di un centinaio di motivi e simboli, alcuni dei quali s’incontrano anche sulle strade mosaicate in pietra di questo piccolo villaggio dell’entroterra.

Tom St. Aubyn Photography Ltd
Couture and Ready to Wear Delcore.com
La Passeggiata 5, Porto Cervo
PH. DAVIDE FRANDI

My Island

A conversation with Melissa Satta about her career, her roots and her passion for sport Una conversazione con Melissa Satta sulla sua carriera, la sua terra di origine e la sua passione per lo sport

TEXT

SABRINA BOZZONI

If you asked Melissa Satta to close her myrtle-coloured eyes and tell you which sea she is most attached to, without hesitation she would answer that of her Sardinia.

Showgirl, model and TV presenter born in Boston to Sardinian par-

Se chiedeste a Melissa Satta di chiudere gli occhi color del mirto e di rivelarvi il mare a cui è più legata lei, senza esitazioni vi risponderebbe quello della sua Sardegna.

Showgirl, modella e attrice nata a Boston da genitori sardi, icona

She was a showgirl in the Italian satirical series Striscia la notizia. Satta has appeared in Maxim magazine and was featured in the 2010 Sports Illustrated swimsuit issue

ents, and an Italian fashion icon, her mantra is “I look forward and I look up”, and who can blame her.

An enterprising woman and one of the most famous showgirls on Italian television, her type of beauty has always been considered symbolic of her Sardinian origins, a magical land from which wonderful souls come.

Co-presenter of the Globe Soccer Awards at Cala di Volpe, we had the chance to meet her.

Television launched your career, and it is still an important part of your work, especially the sports broadcasts. Can you tell us about your journey?

My journey began in Milan when I moved there from Sardinia in 2024 to continue my education. My start in TV came the following year, 2005, with my debut as showgirl on Striscia la notizia. In 2007 it was the turn of MTV, as presenter of TRL on Tour together with Alessandro Cattelan. With regard to football, from 2013 to 2018 I was co-presenter with Pierluigi Pardo of the sports program

Tki Taka – football is our game on Italia 1. In 2021 came Sky Calcio Club and Gol Deejay

Certainly yes, my passion for sport was one of the drivers behind some of my choices and I consider it a fundamental part of who I am. I still play many sports today and I am very passionate about them.

You were involved in the Globe Soccer Awards at Cala di Volpe. What struck you about the event and its protagonists?

It was truly exciting to welcome such a large turnout of spectators and enthusiasts, especially out of

della moda italiana nel mondo, il suo mantra è “guardo avanti e guardo in alto”, e come darle torto. Donna intraprendente e una delle più celebri showgirl della nostra televisione, la sua bellezza iconica è da sempre considerata simbolo della sua terra sarda, una terra magica da cui provengono meravigliose anime.

Protagonista dei Globe Soccer Awards al Cala di Volpe, abbiamo avuto modo di incontrarla. La televisione ha fatto decollare la sua carriera. Oggi continua a essere una parte importante del suo lavoro, soprattutto le trasmissioni legate allo sport. Ci racconta il suo percorso?

Il mio percorso inizia a Milano nel 2004, quando dalla Sardegna mi trasferisco, per continuare i miei studi. La televisione arriva l’anno seguente, nel 2005 con il grande debutto come velina a Striscia la notizia. Nel 2007 è la volta di Mtv, stavolta come conduttrice di TRL on Tour insieme ad Alessandro Cattelan. A proposito di calcio dal 2013 al 2018 sono co-conduttrice del talk calcistico Tiki taka – il calcio è il nostro gioco, insieme a Pierluigi Pardo, in onda su Italia 1 Nel 2021 arriva Sky Calcio Club e Gol Deejay Sicuramente si, la mia passione per lo sport è stata uno dei motori di certe mie scelte e la reputo una parte fondamentale della mia persona. Pratico ancora oggi tanti sport e sono molto appassionata. Ha preso parte ai Globe Soccer Awards al Cala di Volpe. Cosa l’ha colpita dell’evento e dei suoi protagonisti?

È stato davvero emozionante accogliere una così grande affluenza

season. And it was an honour to celebrate the best of European football, with champions such as Kylian Mbappé, Xabi Alonso and Lamine Yamal. But there was also a lot of Italy at the Globe Soccer European Awards: Luciano Spalletti, Gabriele Gravina, Gigi Buffon and many others were present. You were born in Boston, but grew up in Sardinia, where your family still lives, A memory of your adolescence on the Island? Growing up on this fantastic island gave me the chance to take part in lots of sports after school – from golf to horse riding, sailing, wakeboarding, karate and football.

Which place of the north-east coast of Sardinia do you love best?

My home.

Melissa Satta is an Italian television presenter. She spent her youth in the island of Sardinia, land of origin of her parents

Sardinia is one of the world’s 5 Blue Zones. What do you think is the secret to longevity on the Island?

The secret lies in the quality of life, the water, the air, the food and

di pubblico e appassionati, soprattutto fuori stagione. Ed è stato un onore premiare i più grandi protagonisti del calcio europeo: campioni del calibro di Kylian Mbappé, Xabi Alonso e Lamine Yamal. Ma ai Globe Soccer European Awards c’è stata anche molta Italia: presenti Luciano Spalletti, Gabriele Gravina, Gigi Buffon e molti altri. Nata a Boston ma cresciuta in Sardegna, dove ancora vive la sua famiglia. Un ricordo della sua adolescenza sull’Isola?

Crescere in questa fantastica isola mi ha dato la possibilità di fare tantissimo sport dopo scuola: dal golf all’equitazione, dalla barca a vela al wakeboard, dal karatè al calcio…

Il luogo della costa nord-orientale sarda che ama di più?

La mia casa.

La Sardegna è una delle 5 Blue Zone mondiali: secondo lei qual è il segreto di longevità della sua terra?

Il segreto risiede nella qualità della vita, nell’acqua, l’aria, il cibo e quel

the scent of the sea that seems to pervade the entire atmosphere. In a less hurried way of life, still very much in tune with nature. Do you still come here on holiday? What does a typical day look like?

Of course, holidays mean only Sardinia for me. I love waking up early and going for a run or a game of tennis. And then long days on the beach with my son, who loves going jet skiing. I got my boat licence especially for him.

Which Sardinian dish reminds you of your childhood?

I love pasta, one of my favourite dishes is ravioli stuffed with sweet ricotta.

Future plans?

My work is constantly changing so it’s impossible to make too many long term plans. Now it’s time to think about the new season, a lot of ‘work in progress’.

profumo del mare che sembra pervadere tutta l’atmosfera. Da una vita meno frenetica legata ancora molto alla natura. Viene ancora qui in vacanza? La sua giornata tipo?

Certo, per me vacanza significa solo e soltanto Sardegna. Amo svegliarmi presto andare a correre e giocare a tennis. E poi lunghe giornate al mare con mio figlio, che ama andare in moto d’acqua… Ho preso anche la patente nautica per lui.

Il piatto sardo dei suoi ricordi di bambina?

Amo la pasta, tra i miei piatti preferiti i ravioli ripieni con ricotta dolce dentro.

Progetti futuri?

Il mio lavoro è in continuo cambiamento ed è impossibile fare troppi progetti a lungo termine. Ora è tempo di pensare alla nuova stagione, ancora molto ‘work in progress’.

Globe Soccer Awards 2024 at Hotel Cala di Volpe

Emanation

The architecture of the north-east coast of Sardinia, an ode to the light and nature

L’architettura della costa nord-orientale della Sardegna, un’ode alla luce e alla natura

With its arches, porticoes and turrets that frame the view, the Cala di Volpe hotel features pastel colours and soft lines that give a visionary touch

In the area managed by the Costa Smeralda Consortium, nature and architecture contribute to defining an identity that is unique in the world. Extending over 3,114 hectares, it is 96% green, an expanse of Mediterranean scrub. The remaining 4% is an open-air architectural masterpiece that reflects the styles of Sardinia, from nuraghi to Gallura stazzi. Just as Prince Karim Aga Khan desired when he created the ‘Architecture Committee’, tasked with creating a distinctive style that respected and celebrated the essence of Sardinia. The committee brought together some of the best international architects of the time:

Jacques Couëlle, Michele Busiri Vici, Luigi Vietti, Raymond Martin and the Sardinian Antoni Simon Mossa

Michele Busiri Vici and Antoni Simon Mossa developed a style that favoured white buildings, inspired by the stazzi of Gallura, the patios of Campidano and the villas of the Costa Brava. This style, known as Mediterranean or neo-Mediterranean architecture, is characterized by simple, clean lines, which reflect the light of the Sardinian sun and integrate harmoniously with the surrounding landscape. Extraordinary examples of this architecture are the church of Stella Maris in Porto Cervo, the hotel Romazzino, the hotel Luci di la Muntagna, Villa Bettina in Liscia di Vacca and Dolores Guinness’s villa in Cala di Volpe, all designed by Busiri Vici.

Jacques Couëlle and Luigi Vietti, on the other hand, developed mimetic architecture, which was inspired by the ancient

Nell’area gestita dal Consorzio

Costa Smeralda natura e architettura contribuiscono a definire un’identità unica al mondo. Estesa su 3114 ettari, per il 96% è verde, una distesa di macchia mediterranea. Il restante 4% è un capolavoro architettonico a cielo aperto che riflette gli stili della Sardegna, dai nuraghi agli stazzi galluresi. Così come desiderava il principe Karim Aga Khan quando creò il ‘Comitato di Architettura’, incaricato di creare uno stile distintivo che rispettasse e celebrasse l’essenza della Sardegna. Il comitato riunì alcuni dei migliori architetti internazionali dell’epoca: Jacques Couëlle, Michele Busiri Vici, Luigi Vietti, Raymond Martin e il sardo Antoni Simon Mossa

Michele Busiri Vici e Antoni Simon Mossa svilupparono uno stile che prediligeva le costruzioni di colore bianco, ispirate agli stazzi della Gallura, ai patii del Campidano e alle ville della Costa Brava. Questo stile, noto come architettura mediterranea o neo-mediterranea, è caratterizzato da linee semplici e pulite, che riflettono la luce del sole sardo e si integrano armoniosamente con il paesaggio circostante.

Straordinari esempi di questa architettura sono la chiesa di Stella Maris a Porto Cervo, l’hotel Romazzino, l’hotel Luci di la Muntagna, la villa di Bettina a Liscia di Vacca e la villa di Dolores Guinness a Cala di Volpe, tutte opere di Busiri Vici.

Jacques Couëlle e Luigi Vietti, invece, svilupparono un’architettura mimetica, che si ispirava agli antichi stazzi senza intonaco

The Romazzino hotel (above) is a magnificent example of Michele Busiri Vici’s Mediterranean architecture

The architects’ committee conceived by Prince Karim Aga Khan brought together some of the best architects of the time, such as Jacques Couëlle, Michele Busiri Vici, Luigi Vietti and Antoni Simon Mossa

On the one hand, simple and clean lines, which reflect the light of the Sardinian sun, on the other mimetic architecture inspired by the ancient stazzi, nuraghi, hollows and domus de janas (literally house of the fairies)

unplastered stazzi, nuraghi, hollows and domus de janas (literally, house of the fairies). This style is distinguished by the use of local materials and the ability to integrate perfectly with the natural landscape.

The Pitrizza hotel, designed by Vietti, is a magnificent example of this environmental style, as is ‘his’ Piazzetta in Porto Cervo, which is elevated to allow a breathtaking view of the bay, and Villa La Grotta in Abbiadori, the work of Couëlle, who designed the Cala di Volpe hotel to be eye-catching, to be illuminated and make people dream from the outside, but also to create passion, intimacy and love inside. The first hotel chairs were designed with a straight back and without armrests, “so balance is achieved only by moving closer to each other, mine is an erotic trick”, said Couëlle. Scenographic architecture designed to integrate but at the same time enhance the beauty of this land.

bianco, ai nuraghi, alle conche e alle domus de janas. Questo stile si distingue per l’uso di materiali locali e per la capacità di integrarsi perfettamente con il paesaggio naturale.

L’hotel Pitrizza, disegnato da Vietti, è un esempio magnifico di questo stile ambientale, così come la ‘sua’ piazzetta del borgo di Porto Cervo, costruita sopraelevata per permettere una vista mozzafiato sulla baia, e villa La Grotta ad Abbiadori, opera di Couëlle, che progettò l’hotel Cala di Volpe per essere notato, per illuminare e far sognare dall’esterno, ma anche per creare passione, intimità e amore all’interno.

Le prime sedie dell’hotel furono pensate con lo schienale dritto e senza braccioli, “così l’equilibrio si raggiunge solo avvicinandosi gli uni agli altri, il mio è un trucco erotico”, disse Couëlle.

Un’architettura scenografica pensata per integrarsi ma allo stesso tempo esaltare la bellezza di questa terra.

Experience a legend

The magic of Hotel Cala di Volpe, experience beauty and excellence

La magia dell’Hotel Cala di Volpe, un’esperienza di bellezza e eccellenza

TEXT

GIANDOMENICO

MELE

Designed in the 1960s by architect-sculptor Jacques Couëlle, the Hotel

Cala di Volpe is an artistic masterpiece in continuous evolution

When you arrive in the bay that houses the Hotel Cala di Volpe, the doors of a legend open wide. Designed in the 1960s by architect-sculptor Jacques Couëlle as work of art to be inhabited and experienced, Cala di Volpe’s architecture is undulating, rural and soft as an embrace. Inspired by the aesthetics of ancient nuraghe and stazzi, the typical dwellings of Sardinian farmers and shepherds, the style has become representative of the Costa Smeralda® architectural style. Today, the hotel features a series of spectacular innovations, while keeping the quintessence of the original design unchanged. An artistic masterpiece in continuous evolution with beautifully renovated rooms and suites, new restaurants, superb sport and wellness facilities and more. A true destination within the Costa Smeralda® project. A restyling curated by some of the world’s most prestigious French and Italian architecture firms. Set like a jewel and contrasting with the immensity of the sea and the blue sky, is the Hotel Cala di Volpe swimming pool signed by Dolce&Gabbana, the largest saltwater

Arrivati nella baia che ospita l’Hotel Cala di Volpe. si aprono le porte del mito. Progettato negli anni ‘60 dall’architetto-scultore Jacques Couëlle per essere un’opera d’arte da abitare e vivere, quella del Cala di Volpe è un’architettura ondulata, rurale e morbida come un abbraccio, che mutua le prerogative estetiche degli antichi nuraghi e degli stazzi, le case tipiche dei contadini e degli allevatori sardi, in una chiave artistica diventata emblema dello stile architettonico Costa Smeralda®. L’hotel si presenta oggi con una serie di spettacolari innovazioni, pur mantenendo inalterata la quintessenza del design originale. Un capolavoro artistico in continua evoluzione tra bellissime camere e suite rinnovate, nuovi ristoranti, una vasta offerta sport e wellness e altre novità. Una vera e propria destinazione all’interno del progetto Costa Smeralda®. Un restyling curato dagli studi di architettura più prestigiosi al mondo, francesi e italiani. Fa da contraltare all’immensità del mare e al cielo azzurro, la piscina dell’Hotel Cala di Volpe brandizzata Dolce&Gabbana, la piscina salata più

At sunset the sky is tinged with shades of orange, red and purple, creating a magical atmosphere that leaves you breathless

swimming pool in Europe. This captivating, welcoming setting would not be complete without the addition of culinary excellence, expressed here by the Cala di Volpe Barbecue, a delightfully informal place, a poolside restaurant that encourages guests to stop for lunch and enjoy the sumptuous menu created by the chef Michele Bacciu. The Barbeque restaurant offers Mediterranean and international specialities, with a corner dedicated to Sardinian delicacies. As the sun goes down, you can enjoy an aperitif on the terrace of the Matsuhisa restaurant in front of the iconic pier of the famous scene from The Spy Who Loved Me and at the Atrium Bar, admiring the breathtaking spectacle of the sunset, while the hotel lights up with soft lights, completing the experience of unique moments in a true earthly paradise, where luxury, beauty and well-being come together in perfect harmony. Finally, we end the evening in this place that offers unique emotions, with an after-dinner in the new lounge of the Matsuhisa, one of the many new features of 2024.

grande d’Europa, incastonata come un gioiello. In questo contesto avvolgente ed emozionante non poteva mancare il taglio dell’eccellenza culinaria, qui espressa dal Cala di Volpe Barbecue, un luogo deliziosamente informale, un ristorante a bordo piscina che incoraggia gli ospiti a fermarsi a pranzo e gustare il sontuoso menù creato dallo chef Michele Bacciu, che propone specialità mediterranee e internazionali, con un angolo dedicato alle prelibatezze sarde. Al calar del sole, ci si concede un aperitivo sulla terrazza del ristorante Matsuhisa davanti all’iconico pontile della celebre scena di La spia che mi amava e all’Atrium Bar, ammirando lo spettacolo del tramonto mentre l’hotel si illumina di luci soffuse, completando l’esperienza di momenti unici nell’identificazione reale di un paradiso terrestre, dove lusso, bellezza e benessere si fondono in un’armonia perfetta.

Infine, concludiamo la serata in questo luogo che regala emozioni uniche, con un dopo cena nella nuova lounge del Matsuhisa, una delle tante novità del 2024.

We cross the threshold of an enchanted world, an earthly paradise, where luxury, beauty and well-being come together in perfect harmony

Luxurysauvage

Languorous days on the beach of the new Romazzino, A Belmond Hotel, Costa Smeralda

Le dolci giornate sulla spiaggia del nuovo Romazzino, A Belmond Hotel, Costa Smeralda

TEXT

VIRGINIA MAMMOLI

If the waters of the beautiful bay are not enough, two large swimming pools, one saltwater and one freshwater, surrounded by lush vegetation, tone and refresh

“There is a multitude of fine sandy beaches and no one to walk on them. Green and grey mountains tumble into the sea, a carpet of purple and yellow, red and blue flowers perfume the air.” This is how Sardinia appeared to Prince Aga Khan IV when he docked on its northern coast in 1964. The glittering fruit of this fateful encounter and the iconic architecture of Michele Busiri Vici is the Romazzino, A Belmond Hotel, Costa Smeralda, a symbol of elegant Sardinian beachfront hospitality which, as is the tradition of the Belmond group, preserves all the flavour of the location, with a retro-chic allure that takes you back to those legendary Sixties. A white cascade of sinuous curves that winds along a green slope of Mediterranean scrub until it flows into the crystalline sea of a spectacular bay framed by cliffs shaped by the wind and time, a sanctuary created by nature, sheltered from the outside world. This immaculate strip of beach is the setting for the Romazzino beach club, where you can enjoy days of dolce far niente while enjoying the

“Una moltitudine di spiagge di sabbia fine e nessuno che le calpesta. Montagne verdi e grigie che scendono a picco sul mare, un tappeto porpora e giallo, rosso e blu di fiori che profumano l’aria.” È così che apparve la Sardegna al principe Aga Khan IV quando nel 1964 attraccò sulla sua costa settentrionale. Frutto scintillante di questo incontro fatale e dell’architettura iconica di Michele Busiri Vici è il Romazzino, A Belmond Hotel, Costa Smeralda, simbolo di un’elegante ospitalità sarda pied dans l’eau che, com’è tradizione del gruppo Belmond, conserva tutto il sapore del luogo, con un’allure retrò-chic che riporta a quei mitici anni Sessanta. Una candida cascata di sinuose curve che scorre lungo un pendio verde di macchia mediterranea fino a gettarsi nel mare cristallino incorniciato dalle scogliere plasmate dal vento e dal tempo di una baia spettacolare, un santuario creato dalla natura, riparato dal mondo esterno. Questo immacolato lembo di spiaggia è lo scenario del beach club del Romazzino, dove trascorrere giornate all’insegna del

The beach club, swimming pools and Éntu e Mari were among the subjects of the first phase of the extensive restyling project for the Belmond group’s new jewel

Symbol of elegant Sardinian beachfront hospitality, the

Romazzino overlooks

a

spectacular bay.

A

sanctuary created by nature, sheltered from the outside world

cooling Sardinian waters, perhaps sipping a refreshing cocktail under a beach umbrella, or comfortably seated on the sun loungers around the hotel’s two large swimming pools - one salt water, one freshwaterjust a stone’s throw from the beach and surrounded by lush, fragrant vegetation. Between the wind and the sea, as its Sardinian name ‘Éntu e Mari’ says, there is also a beach grill with a relaxing atmosphere and open kitchen, which joins the La Terrasse restaurant, designed for a fine dining experience. The beach club, swimming pools and Éntu e Mari were among the subjects of the first phase of the extensive restyling project for the Belmond group’s new jewel, which began in 2024 with the external spaces. For the outdoor furnishings, architects Studio Palomba Serfini chose a balanced mixture of local artisans such as Bam Design, Cerasarda, Mariantonia Urru and Walter Usai, and renowned Italian brands like Talenti, Cassina, Molteni and Bonacina. For a style with a contemporary but authentic character.

dolce far niente godendosi le fresche acque sarde, magari sorseggiando un fresco cocktail sotto l’ombrellone, così come si può fare comodamente seduti sui lettini delle due grandi piscine dell’hotel a un soffio dalla spiaggia e immerse in una lussureggiante e profumata vegetazione, una di acqua salata e una di acqua dolce. Tra vento e mare, come recita in sardo il nome ‘Éntu e Mari’, c’è anche un grill sulla spiaggia, dall’atmosfera rilassante e cucina a vista, che si unisce al ristorante La Terrasse, pensato invece per un’esperienza fine dining.

Beach club, piscine e Éntu e Mari sono stati tra i protagonisti della prima fase dell’importante progetto di restyling del nuovo gioiello Belmond, cominciato questo 2024 dagli spazi esterni e firmato dallo Studio Palomba Serafini, che per gli arredi outdoor ha scelto un equilibrato mix tra eccellenze artigiane del territorio, come Bam Design, Cerasarda, Mariantonia Urru e Walter Usai, e grandi brand italiani come Talenti, Cassina, Molteni e Bonacina. Per uno stile dal carattere contemporaneo ma autentico.

Golden sands

Total relaxation on the hotel Pitrizza beach Il relax assoluto della spiaggia dell’hotel Pitrizza

“You can’t see it from the sea, the land or the sky, because everything blends in so naturally”, is how architect Luigi Vietti described the storied Hotel Pitrizza, which he designed back in 1963, creating an understated retreat and an uncontaminated oasis of generous refinement. The leaves of the olive trees and the crowns of the pines rustle in the warm breeze, sails swell, filtering the golden rays of the setting sun and the song of the cicadas softens, aligning itself with the melody of the waves. Crystal-clear waters, like precious gems, lap the hotel’s exclusive white beach, at the complete disposal of its guests, who can enjoy pure relaxation and absolute privacy here, looking out on the breathtaking view of the untamed Maddalena archipelago. Here you can relax on comfortable loungers, don a mask and snorkel to explore the vibrant marine life, or simply dive into the clear waters for a cool dip in

“Non si vede né dal mare, né da terra o dal cielo, perché è tutt’uno con la natura”, è così che l’architetto Luigi Vietti ha descritto lo storico Hotel Pitrizza, che ha progettato nel lontano 1963 dando vita ad un rifugio discreto e un’oasi incontaminata di generosa raffinatezza. Le foglie degli ulivi e le chiome dei pini frusciano nella calda brezza, le vele si gonfiano filtrando i raggi dorati del sole al tramonto e il canto delle cicale si addolcisce allineandosi alla melodia delle onde.

Le acque trasparenti, simili a gemme preziose, lambiscono l’esclusiva spiaggia bianchissima dell’hotel, a completa disposizione dei suoi ospiti, che qui possono godere di puro relax e di una privacy assoluta, di fronte al panorama mozzafiato del selvaggio arcipelago della Maddalena. Qui è possibile rilassarsi su comodi lettini, indossare maschera e boccaglio per esplorare la vibrante vita marina, o semplicemente immergersi nelle acque traspa-

Crystal-clear waters lap the hotel’s exclusive white beach
( ph. Vincent Leroux)
TEXT MARTINA OLIVIERI
The sandy seabed and the very best in services make it perfect for every need and also ideal for children

Hotel Pitrizza, an understated retreat and an uncontaminated oasis of generous refinement

the stunning emerald waters. The beach is accessible only by boat and takes its name from the tiny pebbles that mark the transition between golden sand and lush vegetation.

The sandy seabed and the very best in services make it perfect for every need and also ideal for children, who can have fun and become familiar with the beauty of the sea. Secluded on the northern tip of the Island, the hotel is far from noise, hustle and bustle.

The architecture, with its large volumes and curved shapes, was designed to blend with the enchanting natural beauty of the Island. Sardinia is full of mystery, with hills covered with groves of centuries-old olive trees, myrtle and strawberry tree, from which granite blocks sculpted by the winds emerge.

An island of fascinating beauty, to be experienced in one of its most beautiful and enchanting hotels.

renti per un fresco bagno nelle splendide acque color smeraldo. La spiaggia è accessibile solo con la barca e prende il nome da minuscoli sassolini sche segnano la transizione tra la sabbia dorata e la vegetazione rigogliosa. Il fondale sabbioso e la presenza dei migliori servizi la rendono perfetta per ogni esigenza e ideale anche per i più piccoli, che qui possono divertirsi e prendere confidenza con la bellezza del mare. Nell’intimità della punta settentrionale dell’Isola, l’hotel è lontano dal caos e dalla confusione. Il sole e la spiaggia sono gli unici opposti e l’architettura, con i suoi ampi volumi e le sue forme curve, è stata progettata per fondersi con l’incantevole bellezza naturale dell’Isola. La Sardegna è, infatti, piena di mistero, con colline ricoperte di boschetti di ulivi secolari, mirto e corbezzolo, da cui emergono blocchi di granito scolpiti dai venti. Un’isola di affascinante bellezza, da vivere in uno degli hotel più belli e incantevoli dell’Isola.

Enchantment in the Piazzetta

An iconic site opposite the Hotel Cervo Di fronte all’Hotel Cervo, un luogo iconico

TEXT GIGI MAESTRI

PHOTO

DARIO GAROFALO

The Piazzetta in Porto Cervo is the heart of a village: tourists and travellers from every latitude come to this little gem with a dreamy view overlooking the marina, where they can spend unforgettable evenings

There is no Colosseum or Giotto’s Bell Tower. There is the enchantment of nature and the vision of a sensitive, refined mind that thought of creating a true paradise on a distant, difficult to reach strip of land.

The Piazzetta in Porto Cervo is the heart of a village that is the envy of the world.

Tourists and travellers from every latitude come to this little gem with a dreamy view overlooking the marina, where they can spend unforgettable evenings enjoying Asian Fusion cuisine by Novikov Porto Cervo, or delectable Mediterranean dishes and refreshing drinks at Nuna al Sole. For lovers of quality music and international cocktails, the Hotel Cervo Bar is the ideal venue for a high-class clientele to enjoy amazing live shows with masterful artists and charismatic voices until late at night. The setting is like something out of a film, with a view of some of the world’s most luxurious mega

Non c’è il Colosseo o il Campanile di Giotto. C’è l’incanto della natura e la visione di una mente sensibile e sopraffina che ha pensato di creare, in una lingua di terra lontana e difficile da raggiungere, un vero e proprio paradiso.

La Piazzetta di Porto Cervo è il cuore di un borgo che il mondo ci invidia: da ogni latitudine turisti e viaggiatori arrivano in questa gemma preziosa, affacciata sul porto, con un panorama da sogno, che offre la possibilità di trascorrere serate indimenticabili accompagnate dalla cucina asiatica fusion del Novikov Porto Cervo o dagli sfiziosi piatti mediterranei e drink rinfrescanti del Nuna al Sole, Per chi ama la musica di qualità ed i cocktail internazionali il Bar dell’Hotel Cervo è il luogo ideale per una clientela esclusiva e di gran classe che fino a tarda notte può godere di live strabilianti con artisti magistrali e voci carismatiche, in una scenografia che sembra un film, con sullo sfondo i mega yacht più lussuosi del Pianeta. Una

Overlooking the Piazzetta, the iconic Hotel Cervo with its bars and restaurants that have become cults on Sardinia’s north-east coast

After 60 years the Piazzetta has been given a makeover.
A painstaking renovations that have restored a jewel of immeasurable value to its original splendour

yachts. A magical setting , a must see destination, whether in broad daylight or at sunset, every day this enchanted place attracts thousands of people who pose for a romantic selfie or take a photo to post on social profiles, proof of their presence in a place that has entered the history of the modern era.

After 60 years the Piazzetta has been given a makeover.

After painstaking renovations, Smeralda Holding together with Condominio Porto Cervo Prima Fase, and in collaboration with the Arzachena Town Council, have restored a jewel of immeasurable value to its original splendour.

Now, fine dining in the Hotel Cervo’s iconic restaurant or enjoying delectable cocktails on the terrace of the Portico with its breath-taking view will be even more memorable due to the wonder that the Piazzetta manages to arouse in lovers of beauty. and luxury.

cornice magica che rappresenta una meta obbligata: che sia pieno giorno o al tramonto del sole, il fascino di questo luogo incantato attira, quotidianamente, migliaia di persone che posano per un selfie romantico o per scattare una foto da pubblicare sui profili social, quasi una testimonianza della presenza in un sito che è entrato nella storia dell’epoca moderna.

Dopo 60 anni la Piazzetta si è rifatta il look: la Smeralda Holding, insieme al Condominio Porto Cervo Prima Fase e in sinergia con il Comune di Arzachena, dopo una preziosa e certosina ristrutturazione, ha voluto restituire l’antico splendore a un gioiello di incommensurabile pregio.

Ora, cenare a base di squisite prelibatezze nell’iconico ristorante dell’Hotel Cervo o degustare gli aperitivi da mille e una notte nella terrazza con vista mozzafiato del Portico, sarà ancora più emozionante per la meraviglia che la Piazzetta riesce a destare nei cultori del bello e del lusso.

A magical setting and a must see destination

DOVE LA PASSIONE

Montidimola affascina subito con i suoi speciali profumi tipici del territorio Gallurese e della macchia mediterranea, con leggere note di mandorla e noce. Intenso, elegante, equilibrato e di grande carattere, Montidimola è il vino che restituisce il massimo dei sentori e del calore della Sardegna.

Per scoprirlo più da vicino www.vignesurrau.it

Unspoilt corners of paradise

The most beautiful beaches managed by the Costa Smeralda Consortium

Le spiagge più belle della costa gestite dal Consorzio Costa Smeralda

TEXT MARTINA OLIVIERI

PHOTO
MARCELLO CHIODINO

On the previous page: Grande Pevero, a magnificent crescent-shaped sweep of fine and very white sand. On this page: Liscia Ruja (above) and Cala Petra Ruja (below)

Emerald-green water, beaches of the finest white sand and scenery worthy of a picture-postcard: the beaches of Sardinia are authentic masterpieces of nature. For many years the Costa Smeralda Consortium has been responsible for the protection and care of the twenty-two stunning beaches of the Gallura region, jewel of the Mediterranean. Come with us on an irresistible journey from north to south of this stunning area to explore the very best of these beaches and find out what they have to offer. Our first stop is Liscia Renè, a small bay with breathtaking views. The beach of pink sand flanked by wind-polished rocks plunges into cobalt-blue water dotted here and there with rock formations. After a quick visit to the beach of Dolce Sposa - an idyllic spot with crystal-clear water, exquisite white sand and fragrant mediterranean scrub - we head a little further south to the Gulf of Pevero. The natural architecture of this bay has led to the formation of tiny out-of-theway coves and two much-loved beaches, Grande Pevero and Piccolo Pevero Piccolo Pevero is a sandy beach where the sea is every shade of emerald and blue; the shallow water makes it particularly popular with families and children. Not far away, and within the beautiful Monti Zoppu nature reserve, is Grande Pevero, a magnificent crescent-shaped sweep of fine and very white sand. The shallow and

Acque color smeraldo, spiagge dalla sabbia fine e paesaggi che sembrano usciti da una cartolina: le spiagge della Sardegna sono capolavori della natura. Il Consorzio Costa Smeralda da anni si prende cura e si occupa della tutela di ventidue spiagge della zona della Gallura, perle del Mediterraneo. In un itinerario magnetico, da nord a sud, andiamo alla scoperta delle più belle e delle loro caratteristiche. Per prima cosa ci fermiamo a Liscia Renè, piccola baia dai panorami mozzafiato. La sua spiaggia di sabbia rosata, accarezzata da scogli levigati dal vento, si tuffa in acque blu cobalto, punteggiate da formazioni rocciose. Dopo una piccola sosta nella spiaggia di Dolce Sposa, paradiso costiero con acque cristalline, sabbia bianca finissima e vegetazione mediterranea, scendiamo poco più a sud dove si apre il Golfo del Pevero. L’architettura naturale del Golfo ha favorito la formazione di piccole calette appartate e di due amatissime spiagge: il Grande e il Piccolo Pevero. La spiaggia del Piccolo Pevero ha una spiaggia bianca e fine, con un mare color cristallino dalle sfumature smeraldo e azzurre e un fondale poco profondo, particolarmente adatta alle famiglie con i bambini. All’interno dell’area naturalistica di Monti Zoppu e a poca distanza dal Piccolo Pevero c’è la spiaggia del Grande Pevero, spiaggia spaziosa dall’inconfondibile forza a mezzaluna con sabbia fine e bianchissima. Il

On the previous page: Spiaggia del Principe, the favourite beach of

On this page: Spiaggia del Cervo

Arab prince Karim Aga Khan IV.

The beautiful Romazzino beach which takes its name from romazzinu, a species of rosemary

sandy seabed makes this beach the perfect place for relaxing swims while admiring the views of the Li Nibani islands in the distance. Still on the Monti Zoppu headland, which encloses the Gulf of Pevero, and set in a vast and completely unspoilt natural area, we come to Spiaggia del Cervo, accessible by small boat or via a pleasant walk along a pretty trail. We continue southwards to Romazzino beach, which takes its name from romazzinu, a species of rosemary that grows in the dunes nearby. Close to the beach is the starting point for the two routes of the Pevero Health Trail: easy trekking paths designed to allow walkers to explore the local area. Last but not least, we end our journey with a swim at the wild and secluded Spiaggia del Principe, the favourite beach of Arab prince Karim Aga Khan IV, considered the father of tourist development of this wonderful coast.

fondale sabbioso e poco profondo permette di godersi la spiaggia con rilassanti passeggiate in acqua mentre si ammirano le isole di Li Nibani in lontananza. Sempre nel promontorio di Monti Zoppu, che delimita la baia del Pevero, in una vasta area verde totalmente incontaminata, troviamo la Spiaggia del Cervo, raggiungibile a piedi dopo una bella camminata o con piccole imbarcazioni. Passiamo poi nella spiaggia del Romazzino, che prende il nome dal romazzinu, una pianta di rosmarino che si sviluppa nei pressi della spiaggia. Dai dintorni prendono il via due sentieri del Pevero Health Trail: percorsi di trekking facili, grazie ai quali chi ama camminare ha la possibilità di andare alla scoperta del territorio. Infine, concludiamo con un bagno nell’appartata e selvaggia Spiaggia del Principe, la preferita del principe arabo Karim Aga Khan IV, artefice dello sviluppo turistico di questa costa meravigliosa.

Between land and sea

Bikes, trekking and horses. The many ways to experience and explore the north-east area of Sardinia Bici, trekking e cavallo. I tanti modi per vivere e esplorare la zona nord-orientale della Sardegna

From the top of Monte Moro and the wonders of the hinterland, to the most beautiful beaches on this legendary coast. A riot of breathtaking landscapes

TEXT ANTONELLA BRIANDA PHOTO

DARIO GAROFALO

Trails among nature and history with the scent of salt and Mediterranean scrub

The beauty of the beaches and coves on Sardinia’s north-eastern coast is a well-known fact, but the charms of inland Gallura are less familiar. However, you only need to travel a few kilometres towards the heartland of this region to discover a wild and unspoilt part of Sardinia, where evidence of human activity is reduced to the minimum and you’ll find ancient unpaved roads that snake along the coastline and climb up above rocky walls of centuries-old granite that have been shaped by time and weather. For lovers of hiking and cycling, there are trails winding from the coast up to the headlands. One of the most popular with outdoor sports enthusiasts is the route leading up to the summit of Monte Moro, from where one of the most spectacular views in the whole of the Mediterranean can be enjoyed. Just under 40 kilometers for mountain bikers, the route up Monte Moro

La bellezza delle spiagge e calette della costa nord orientale sarda è una cosa nota; meno conosciuto invece è il fascino dell’entroterra della Gallura. Eppure, basta addentrarsi pochi chilometri verso il centro del territorio gallurese per scoprire una parte della Sardegna selvaggia ed incontaminata, in cui l’intervento dell’uomo è stato ridotto al minimo ed è possibile percorrere vecchie stradine sterrate che si snodano lungo la costa e si arrampicano fino sopra pareti rocciose composte da granito secolari intagliati dalle intemperie e dal tempo. I percorsi per gli appassionati di trekking e bici si snodano a partire dalla Costa e fino ai promontori. Uno tra i più battuti dagli appassionati di questi sport all’aria aperta è quello che porta fino alla cima del Monte Moro. Da qui è possibile ammirare uno dei panorami più spettacolari di tutto il mediterraneo. Poco meno di 40 chilometri per gli amanti della mountain bike: il Monte Moro offre un percorso di grande soddi-

Exploring Sardinia on horseback means connecting with its slow rhythms, surrounded by the nature, in harmony with these magnificent animals

offers an extremely satisfying ride, both thrilling and easy. The same trails are also great for hikers, who can pause on natural terraces to admire the fabulous natural scenery and views of the sea. Cycling along the east coast is an unforgettable experience and offers the opportunity to explore the most picturesque beaches from a different angle. A 30-km route takes you to the most famous inlets of the area managed by the Costa Smeralda Consortium, from Rena Bianca to Romazzino by way of Razza di Junco, Liscia Ruja and Capriccioli, including a breathtaking stretch along the Pevero Health Trail. For those who love horse, Giuseppe Cambuli’s La Prugnola ranch located inland in the Arzachena area has 24 horses available for exciting excursions. For the past fifteen years, the ranch’s expert instructors have been guiding visitors on a variety of trails among untamed nature, far from the crowded coast,

sfazione, emozionante e facile da fare. Gli stessi sentieri possono essere battuti anche a piedi, fermandosi nelle terrazze naturali da cui è possibile godere della bellezza della natura e della vista sul mare. Il ciclismo lungo la costa orientale è un’esperienza indimenticabile che consente di scoprire anche le spiagge più suggestive, guardandole da un’altra prospettiva. Un tour di 30 chilometri porta gli appassionati nei pressi delle insenature più famose dell’area gestita dal Consorzio Costa Smeralda, da Rena Bianca fino a Romazzino, passando per Razza di Junco, Liscia Ruja, Capriccioli, con un passaggio spettacolare anche all’interno del percorso del Pevero Health Trail. Per chi è amante dei cavalli, il ranch La Prugnola nell’entroterra del territorio di Arzachena, di Giuseppe Cambuli, mette a disposizione i suoi 24 esemplari per emozionanti escursioni a cavallo. Attivi da quindici anni, gli istruttori esperti del ranch accompagnano i turisti lungo di-

Book

Some stables offer the opportunity for exciting excursions on horseback

to discover the craggiest and wildest of Gallura landscapes. Starting from the valley where the ranch lies, the approximately two-hour excursion, which is also suitable for beginners, follows the river Liscia before fording it on horseback. Along the way, the surrounding silence makes it possible to glimpse many species of Sardinia’s wildlife, such as the grey heron, which nests on the riverbanks, foxes, wild boar and Sardinian wildcat, elusive but not uncommonly seen. The Horse Club Baja Sardinia also offers visitors the chance to explore the area on daily excursions in the protected Golfo di Arzachena area. In the saddle of magnificent Sardinian Anglo-Arabs - a breed native to the Mediterranean island of Sardinia – you will experience the double thrill of being surrounded by the natural landscape of Gallura, and of being in harmony with these beautiful animals.

versi percorsi in mezzo alla natura più selvaggia, lontani dalla costa affollata, alla scoperta delle meraviglie del paesaggio gallurese più aspro ed incontaminato. Per due ore, la durata del percorso per i principianti, si parte dalla vallata che ospita il ranch e si costeggia il fiume Liscia fino a guadarlo in sella ai cavalli. Lungo il percorso, nel silenzio dell’escursione, è possibile avvistare molti degli animali della fauna selvatica sarda: l’airone cenerino che in questi fiumi nidifica, la volpe, il cinghiale e il gatto selvatico, più schivo ma che è possibile incontrare non di rado. Anche il maneggi Horse Club Baja Sardinia offre la possibilità di scoprire il territorio prendendo parte ad escursioni giornaliere nell’area protetta del Golfo di Arzachena. In sella a dei magnifici esemplari di anglo-arabo sardo, razza equina proveniente dall’isola mediterranea della Sardegna, si vive la doppia emozione di essere immersi nella natura gallurese, in simbiosi con questi cavalli.

18-hole excellence

Scenery and courses, hospitality and difficulty: at Pevero Golf Club everything is top of the range Paesaggio e corsi, ospitalità e livello difficoltà: al Pevero Golf Club tutto punta al massimo

Nestled among the emerald waters between the Pevero and Cala di Volpe bays, the Pevero Golf Club appears as a magical place where peace reigns supreme

TEXT GIANDOMENICO

MELE

PHOTO

DARIO

GAROFALO

The Pevero Golf Club is considered one of the most fascinating, memorable, and perhaps challenging courses in the world

Set between the emerald waters of the Pevero bay and Cala di Volpe, Pevero Golf Club is a spectacular destination and home to one of Italy’s most stunning golf courses. Designed by the legendary golf course architect Robert Trent Jones, the layout was described by Golf Magazine as one of the 50 best golf courses in the world, thanks partly to the unspoilt natural beauty of its surroundings. The 18-hole course is 6,107 metres long and par 72, with a handicap of 36 for both men and women; it’s surrounded by awe-inspiring scenery and steeped in the aromas of juniper, myrtle and wild strawberries. The famous Mistral wind that blows over the region from the north-west makes every shot a challenge and Pevero a favourite among expert golfers.

The 2024 season is already underway, promising exceptional competitions, partnerships with prestigious brands and a collaboration with Francesco Molinari, Ryder Cup star and winner of the 2018 Open Championship. The Francesco Molinari Golf Academy is the top Italian training centre, and

Il Pevero Golf Club, incastonato tra le acque color smeraldo della baia del Pevero e del Cala di Volpe, è una destinazione spettacolare e sede di uno dei campi da golf più belli d’Italia. Progettato dal leggendario architetto di campi da golf, Robert Trent Jones, il layout è stato classificato da Golf Magazine come uno tra i 50 migliori campi da golf del mondo, anche grazie alla bellezza naturale e incontaminata del suo paesaggio. Il campo da 18 buche, lungo 6.107 metri, par 72, handicap donne 36 e uomini 36, è circondato da un paesaggio spettacolare, immersi nella fragranza del ginepro, del mirto e della fragola selvatica. Il maestrale, celebre vento di nord-ovest che soffia sulla regione, rende una sfida ogni colpo e fa del Pevero un campo amato anche dai giocatori esperti. La stagione 2024 entrata già nel vivo, vede in programma grandi appuntamenti golfistici, partnership con marchi di grande prestigio e la collaborazione con Francesco Molinari, campione di golf Open 2018 e star della Ryder Cup. L’Academy di Francesco Molinari è la

open to all members and guests of Pevero Golf Club. Once again this year, golfers can benefit from the experience of one of the most technically competitive professional players of his generation. In line with the development plan of the Qatar Investment Authority, last year’s opening of the Francesco Molinari Academy coincided with the 60th birthday of Hotel Cala di Volpe and its comprehensive refurbishment, culminating this year with the completion of the new clubhouse. Molinari himself will make regular visits to the club throughout the year, hosting coaching seminars, meeting members and guests and sharing his philosophy, based on commitment and concentration in the quest for excellence. Utterly unique in terms of its environment and natural setting, the golf course is further enhanced by its facilities, including an iconic terrace with views of the course, a bar serving signature cocktails and the very best of international classics and traditional Sardinian cuisine at the Ai Due Mari restaurant.

prima base didattica italiana aperta a tutti i soci e gli ospiti del Pevero Golf Club. I golfisti anche per quest’anno potranno beneficiare dell’esperienza di uno dei giocatori tecnicamente più competitivi della sua generazione nel golf professionistico. In linea con il piano di sviluppo di Qatar Investment Authority, l’apertura dell’Academy di Francesco Molinari è coincisa l’anno scorso con i 60 anni dell’Hotel Cala di Volpe e la sua completa ristrutturazione, che termina quest’anno con la realizzazione della nuova clubhouse. Il campione visiterà il camp durante tutto l’anno, ospitando seminari di coaching e incontrando soci e ospiti e condividendo la sua filosofia, basata sull’impegno e la concentrazione nella ricerca dell’eccellenza. Un campo da golf unico nel suo genere, per il contesto ambientale e naturalistico ma anche per il livello della preparazione offerta, valorizzato dalla iconica terrazza panoramica con vista sul campo da golf, con “signature cocktail” al bar e il meglio dei classici internazionali e i sapori della cucina sarda al Ristorante Ai Due Mari

Designed by legendary landscape architect Robert Trent Jones, Pevero Golf Club has been ranked by Golf Magazine among the 50 Top Golf Courses in the World

Primordial Sardinia

In Sardinia the past is a wonderful adventure In Sardegna il passato è una avventura meravigliosa

A fascinating itinerary to discover the remains of ancient settlements and immerse yourself in the charm of its remote past and the history of a

unique place

TEXT GIANDOMENICO

MELE

PHOTO

On the left: La Prisgiona. On the next pages: Tomb of the Giants of Coddu ‘Ecchju

For lovers of history and archaeology, Porto Cervo offers a fascinating itinerary to discover the remains of ancient settlements and immerse yourself in the charm of its remote past and the history of a unique place in the world. The ideal starting point is the Albucciu nuraghe. Surrounded by a landscape of vineyards and pastures, just two and a half kilometres away from the town of Arzachena, the Albucciu nuraghe represents one of the most characteristic and relevant examples of “corridor” building (or protonuraghe), the ancestor of the later nuraghe, although the truncated cone roofs were affected by the subsequent tholos building technique.

Dating back to the Middle Bronze Age (15th century BC), the nuraghe is completely hidden in a tangled grove of olive trees and Mediterranean scrub. What differentiates it from the other nuraghes in the area, is the building technique. The imposing granite blocks were carefully leant against

Per gli amanti della storia e dell’archeologia, Porto Cervo offre un itinerario suggestivo che permette di scoprire i resti di antichi insediamenti e di immergersi nel fascino del suo passato remoto e della storia di un luogo unico al mondo. Il punto di partenza ideale è il nuraghe Albucciu. Immerso in un paesaggio fatto di vigneti e campi destinati al pascolo, ad appena due chilometri e mezzo di distanza dall’abitato arzachenese, il nuraghe Albucciu rappresenta uno dei più caratteristici e rilevanti esempi di edificio “a corridoio”, definiti anche protonuraghe, ossia gli antenati dei nuraghi, anche se le coperture tronco-ogivali risentono della successiva tecnica di edificazione a tholos. Risalente all’età del Bronzo Medio (XV secolo a.C.), il nuraghe è nasosto in un frastagliato boschetto di olivastri e di macchia mediterranea. La peculiarità, che lo differenzia da vari nuraghi della zona, è la tecnica costruttiva. Gli imponenti blocchi di granito furono addossati con cura a un’imponente roccia

an imposing, light-coloured granite rock that forms part of the masonry of the main building, as well as a preponderant part of the entire nuraghe. Among the most important finds yielded by the site are a gamma-shaped hilt dagger, a votive statuette and ingots. They allow us to date the Albucciu nuraghe to between the Late Bronze Age and the Iron Age (approximately 1400 – 650 BC).

In addition to the nuraghe, the archaeological area also includes the remains of circular huts 80 metres from the complex, the remains of the Giants’ tomb called Tomba Moro. Not far away is the small nuragic temple of Malchittu The Coddu ‘Ecchju’ archaeological site, one of the most important examples of Nuragic funerary architecture, is located in the Capichera area, about 6 kilometres from the town of Arzachena. It can be reached by taking the provincial road to Luogosanto.

About 1 km away is the nuragic complex of La Prisgiona, 600m

granitica chiara che costituisce parte della muratura dell’edificio principale, nonché parte preponderante di tutto il nuraghe. Tra i reperti più importanti che il sito ha restituito, spiccano un pugnaletto a elsa gammata, una statuetta di offerente e un ripostiglio di bronzi. Gli oggetti permettono di datare il nuraghe Albucciu tra fine del Bronzo Medio ed età del Ferro (1400-650 a.C. circa). L’area archeologica, oltre al nuraghe, comprende anche i resti di capanne circolarie a 80 metri dal complesso, i resti della tomba di Giganti detta Tomba Moro. Non lontano si trova anche il tempietto nuragico di Malchittu Il sito archeologico di Coddu ‘Ecchju’, uno dei più importanti esempi di architettura funeraria nuragica trova in località Capichera, a circa 6 chilometri dal centro abitato di Arzachena. Si raggiunge percorrendo la strada provinciale per Luogosanto.

A circa 1 km di distanza è situato il complesso nuragico di La Prisgiona, il file a 600 m in linea d’aria dal celebre sepolcro. Proseguendo il

La Prisgiona

as the crow flies from the famous tomb. Continuing the route, you come across the Li Muri Necropolis, an archaeological site of great importance which houses numerous tombs dating back to the Bronze Age. Located one kilometre from the Tomb of the Giants of Li Lolghi, the Li Muri archaeological site is the oldest site in the archaeological park and dates back to 6000 years ago. The funerary circles are among the oldest testimonies of Western European megaliths and find compelling comparisons in southern Corsica, Catalonia and the French Midi. In Sardinia this type of tomb seems to be widespread only in Gallura, in particular in the Arzachena area. The necropolis is made up of four funerary circles tangent to each other, with a diameter between 5 to 8.5 metres. Inside each circle, a rectangular lithic chest contained one or at most two bodies, in a crouched position. The bottom of the tomb and the bodies were sprinkled with red ochre, a substance that symbolized regeneration.

percorso, si incontra la Necropoli di Li Muri, un sito archeologico di grande importanza che ospita numerose tombe risalenti all’Età del Bronzo. Il sito archeologico di Li Muri, collocato a un chilometro dalla tomba dei Giganti di Li Lolghi, rappresenta il sito più antico del parco archeologico e risale a 6000 anni fa. I circoli funerari sono tra le più antiche testimonianze del megalitismo europeo occidentale e trovano confronti stringenti nella Corsica meridionale, in Catalogna e nel Midi francese. In Sardegna questo tipo di sepolcro sembra essere diffuso soltanto nel territorio gallurese, in particolare nell’area di Arzachena. La necropoli è composta da quattro circoli funerari tangenti fra loro, di diametro compreso tra i 5 e gli 8,5 metri. All’interno di ciascun circolo, una cassa litica rettangolare conteneva uno o al massimo due corpi, in posizione rannicchiata. Il fondo della tomba e i corpi erano cosparsi di ocra rossa, sostanza che simboleggiava la rigenerazione.

The small nuragic temple of Malchittu

Unmissable

San Pantaleo. An itinerary to discover one of the most beautiful villages in Gallura San Pantaleo. Un itinerario alla scoperta di uno dei borghi più belli della Gallura

TEXT ANTONELLA BRIANDA PHOTO DARIO

GAROFALO

A succession of enchanting views, picturesque coloured doors and flowers

The tradition and culture of Gallura - with its typical farmsteads and one-storey buildings, the distinctive pale granite that predominates in its architecture and the ubiquitous potted plants decorating windowsills and doorsteps - meets sophisticated cosmopolitan style. Borgo di San Pantaleo, just 15 kilometres from Porto Cervo, is the perfect blend of authentic beauty and elegance. It is perhaps this, along with its proximity to Sardinia’s north-eastern coast and the village’s location among rocks smoothed by the Mistral, that make this one of the best-known destinations on the island. Frequented by celebrities from all over the world, its narrow streets have a distinctly worldly air and a charming simplicity. Golden hour is when many people come together in the little square outside the church. The church bells are the signal for aperitifs at sunset, enjoyed nearly always at the tables of Caffè Nina on the square; combined

La tradizione e cultura della Gallura, con i suoi tipici stazzi ed edifici bassi ad un piano, con il granito chiaro a fare da protagonista dell’architettura e la presenza immancabile di vasi di fiori ad ornare finestre e usci delle case, incontra qui il gusto più cosmopolita e mondano: il borgo di San Pantaleo, a 15 chilometri da Porto Cervo, è un mix perfetto di alcuni tra i più belli e suggestivi stili. Saranno forse tutte queste caratteristiche, unite alla sua vicinanza geografica con la costa nord orientale sarda e al fatto che il borgo risulta incastonato tra le rocce levigate dal maestrale, a renderlo uno dei luoghi ormai più conosciuti in Sardegna. Frequentato anche da vip di tutto il mondo, nelle sue stradine si respira un’aria mondana ma caratterizzata dalla semplicità. La golden hour è il momento in cui maggiormente si concentrano le persone nella sua piazzetta antistante la chiesa. A segnare l’inizio del rito dell’aperitivo al tramonto, da consumare quasi rigorosamente seduti ai tavolini del Caffè Nina che si affaccia sulla piaz-

Only 15 km from Porto Cervo and frequented by celebrities from all over the world, its narrow streets have a distinctly worldly air and a charming simplicity

In the 60s and 70s many artists fell in love with San Pantaleo to the point of choosing it as their home to live in all year round or for the summer season

with the colours of the oleanders that adorn every corner and the soft evening light, they provide the soundtrack for unforgettable moments. Equally memorable is the food created by the chef of Ristorante Giagoni in Piazza, who reinterprets traditional Sardinian dishes. San Pantaleo’s cool, trendy mood is closely linked to its boutiques: there are no famous brands here, but an almost natural selection of delightful shops selling beautifully made clothes, some with eastern influences, like Foresta G in Via Torres, just off the square. In the same street there’s the Yashu e Prem boutique, whose unique, original garments are worn by many habitués of the village. In San Pantaleo fashion, craftsmanship and art are in intimate dialogue with their surroundings, and a group of local artisans produce highly sought-after items in basic materials such as wood, wrought iron, ceramic and terracotta. The Solinas brothers are renowned for

za, è il suono delle campane: questo rumore, unito ai colori dei fiori degli alberi di oleandro che invadono lo spiazzo e alla luce soffusa del sole, fa da colonna sonora per momenti indimenticabili. Così come indimenticabile sono le pietanze dello chef del Ristoratore Giagoni in piazza, che propone piatti della tradizione sarda rivisitati. L’aspetto cool e modaiolo di San Pantaleo è strettamente legato alle boutique che ospita: nessun brand dai nomi altisonanti, ma una selezione quasi naturale di botteghe della moda, che offrono abiti dal taglio sartoriale, con influenze orientali, come quelli di Foresta G in via Torres, una stradina laterale rispetto alla piazzetta. Sulla stessa via anche la boutique di Yashu e Prem, i cui abiti unici ed originali sono indossati da moltissimi habitué del borgo. Moda, artigianato e arte a San Pantaleo dialogano strettamente con l’ambiente circostante: qui un gruppo di artigiani galluresi realizzano ricercatissimi manufatti in materiali essenziali, dal legno al ferro battuto, alla ceramica e terracotta. I fratelli Solinas sono co-

their ironwork, on display in the Bottega del Ferro; there’s also the workshop of Tonino Dettori, a maestro of wood, who’s famous for his carved chests. Petra Sarda’s ceramics are also unmissable. And in the heart of the village stands the home of a well-known Sardinian artist and honorary son of San Pantaleo, Nicola Filia. The sculptor decided to open his studio here, and his works can be seen in his windows. But if you raise your eyes above San Pantaleo’s low-lying buildings, you can marvel at another artwork - that made by Mother Nature using the granite rocks that frame the village.

nosciuti per gli oggetti di ferro battuto, esposti nella Bottega del Ferro, ma anche la bottega di Tonino Dettori, maestro della lavorazione del legno gode di fama grazie alle sue cassapanche intagliate. Le ceramiche della Petra Sarda in grès sono poi immancabili. Nel cuore del borgo ha trovato anche casa un noto artista sardo, Nicola Filia, sanpantaleino di adozione. Qui ha scelto di aprire il suo studio di scultura e le sue opere sono visibili dalle vetrate del laboratorio. Ma basta alzare gli occhi sopra le case basse di San Pantaleo, per ammirare un’altra opera d’arte, quella realizzata da madre natura con le rocce granitiche che si stagliano a cornice della cittadina.

Cafés, restaurants, artisan’s workshops and small boutiques enliven this enchanting village

Porto Cervo
San Pantaleo

At sunset, when the

the atmosphere becomes magical

granite rocks of Punta Cugnana and the walls of the houses are tinged with red,

The pleasure of hospitality

Roberto Ragnedda, mayor of Arzachena, tells us about a unique place in the world

Roberto Ragnedda, sindaco di Arzachena, ci racconta un luogo unico al mondo

TEXT GIANDOMENICO

MELE

PHOTO

MARCELLO

CHIODINO

The staircase and the church of Santa Lucia. Every year it is the subject of temporary art installations (ph. Isabella Chiodino)

In a season that’s already seeing record numbers of visitors, we met the mayor of Arzachena Roberto Ragnedda to discuss how the town is changing and developing as a destination. Sustainability, the redistribution of tourism flows and, above all, close collaboration between public and private - between the Municipality and the Costa Smeralda Consortium - are among the topics discussed during our interview.

What are the ongoing developments of Costa Smeralda® and of Arzachena area in general: the values, strengths and points of excellence for the tourists of today and tomorrow?

The Costa Smeralda® project was born of a dream, fed by the natural beauty of the Arzachena coastline. 60 years ago, Prince Aga Khan and the other early investors in our area fell in love with the nature and the scenery. Today, as back then, the attractiveness of the destination lies first and foremost in its environmental attributes and their protection and enhancement. In the collective imagination, Sardinia is

Nel corso di una stagione che segna numeri da record, abbiamo incontrato il sindaco di Arzachena Roberto Ragnedda per parlare di come sta cambiando e si sta evolvendo la destinazione. Sostenibilità, redistribuzione dei flussi turistici, ma soprattutto la stretta collaborazione tra pubblico e privato, tra il Comune e il Consorzio Costa Smeralda, sono i temi toccati durante l’intervista Come si sta evolvendo la destinazione Costa Smeralda® e in generale il territorio di Arzachena: quali i valori, punti di forza e di eccellenza per il turista di oggi e per quello di domani?

Il progetto Costa Smeralda® nasce da un sogno alimentato dalla bellezza del patrimonio naturalistico della costa di Arzachena. 60 anni fa la natura e il paesaggio hanno fatto innamorare il principe Aga Khan e i primi investitori che giunsero nel nostro territorio. Oggi come allora, i punti di forza della destinazione risiedono innanzitutto nella risorsa ambientale, nella sua tutela e valorizzazione. Principalmente, nell’immaginario collettivo la Sarde-

associated primarily with stretches of white sandy beaches, clean, transparent seas, blue skies and the unspoilt green that dominates the coastline, where human intervention has been considered and carefully planned to preserve the uniqueness of this area. As the local authority, we endorse the initiatives of companies and organisations that uphold and promote these very principles of sustainability, so that Costa Smeralda® will continue to be an exceptional model for tourism. Culture, food and wine, and sport are just a few of the themes for events that kick off the tourist season: how does the planning of largescale events that may become annual affect the seasonal nature of tourism?

The Municipality of Arzachena has always worked hand in hand with the Costa Smeralda Consortium and with leading associations, foundations and businesses in the area in order to extend the season and offer new opportunities to attract visitors, for example major international events. From the Premio Costa Smer-

gna è associata alle distese di spiagge bianche, al mare pulito e trasparente, ai cieli azzurri e al verde incontaminato che domina anche lungo le coste, dove l’intervento dell’uomo è stato ponderato e integrato proprio per preservare l’unicità dei luoghi. Come Amministrazione Comunale sposiamo le iniziative di società ed enti che si fanno portabandiera di questi stessi principi legati alla sostenibilità affinché Costa Smeralda® continui a rappresentare un modello turistico di eccellenza.

Cultura, enogastronomia, sport sono solo alcuni dei temi degli eventi che hanno aperto la stagione: quanto incide una progettualità di grandi eventi che possano diventare annuali sulla stagionalità?

Il Comune di Arzachena lavora da sempre congiuntamente con il Consorzio Costa Smeralda, con associazioni, fondazioni e società prestigiose della zona per ampliare il periodo di apertura delle attività e offrire nuove occasioni per attrarre visitatori, ad esempio con i grandi eventi internazionali. Dal Premio Costa Smeralda,

The large block of granite in Arzachena that is commonly called the mushroom

alda literary awards to the Porto Cervo Wine & Food Festival, the Armani Superyacht Regatta and the Globe Soccer Awards, to the entire 2024 calendar of events in Arzachena, with a programme stretching from June to October, our destination seeks to strengthen its strategy to redistribute the flow of tourists across all the seasons. By doing this we instil beneficial mechanisms for the development of the local economy, to improve the standards of hospitality and the quality of life in general for both residents and visitors, helping to limit over-tourism during the months of July and August.

al Porto Cervo Wine & Food Festival, all’Armani Superyacht Regatta, ai Globe Soccer Awards, all’intero calendario Arzachena eventi 2024, in cui abbiamo previsto appuntamenti da giugno a ottobre, la destinazione vuole rafforzare le politiche di redistribuzione dei flussi turistici tra tutte le stagioni. In questo modo attiviamo meccanismi virtuosi per la crescita dell’economia locale, per l’innalzamento della qualità dell’accoglienza e della vita stessa di residenti e visitatori, contribuendo a limitare il fenomeno dell’overtourism nei mesi di luglio e agosto.

On the future of the destination, what do you think are the points of differentiation from its competitors such as Capri, Mykonos, Ibiza etc? It’s undeniable that our core business is the sea and local tourism. Alongside beach holidays – which are also key to these alternative destinations – Arzachena boasts an unparalleled historical heritage and deep roots in its extraordinary popular traditions. Bear in mind that there are eight archae-

Sul futuro della destinazione, quali ritiene siano i punti di differenziazione rispetto alle destinazioni concorrenti come Capri, Mykonos, Ibiza etc.?

Il mare è il core business del settore turistico locale, è innegabile. Accanto al prodotto balneare, punto di forza anche di destinazioni alternative, Arzachena ha dalla sua parte un patrimonio storico e un radicamento alle tradizioni popolari eccezionali. Basti pensare che attorno al paese sorgono 8 siti archeologici i cui resti più anti-

ological sites close to the town, with the oldest finds dating back to the Neolithic Age, meaning that we have over 6,000 years of history to tell our visitors about. And think about our local food and wine specialities, which are an attraction in themselves all year round. Moreover, outdoor sports are another winning feature of the area. Sailing, rally driving, polo, surfing, trekking, cycling and climbing attract specific target groups, who prefer spring and autumn for their trips to Sardinia. And there are yet more key factors, related to the lifestyle here, the warm welcome, the atmosphere of our streets and our historic town centre, the fragrance of mediterranean plants as you walk in the countryside, the flavours you discover on our tables: in short, there’s an inexhaustible supply of intangible treasure that brings travellers to Sardinia and persuades many of them to return for holidays, or even to buy property here. This exquisite mixture of elements is the added value that differentiates our area and makes it an unmissable destination in the Mediterranean and the world”.

chi sono datati nel Neolitico, significa che abbiamo oltre 6 mila anni di storia da raccontare ai nostri ospiti. Da ricordare, poi, le specificità gastronomiche e vitivinicole locali, che costituiscono un’attrazione di per sé tutto l’anno. Il prodotto sportivo outdoor, inoltre, è l’ennesima carta vincente. La vela, il rally, il polo, il surf, il trekking, il ciclismo o le arrampicate attraggono target specifici che prediligono la primavera e l’autunno per un viaggio nell’Isola. Ma sono altri ancora i fattori chiave di questo luogo e risiedono nello stile di vita, nel piacere dell’accoglienza, nell’atmosfera che si respira per le vie del nostro centro storico, nei profumi che ti inebriano passeggiando nelle campagne, nei sapori che scopri sulle nostre tavole: insomma, c’è un tesoro immateriale inesauribile che lega i visitatori alla Sardegna convincendone molti a tornare per le vacanze o, addirittura, a comprare casa qui. Questa miscela preziosa di elementi è il valore aggiunto che differenzia la destinazione e la rende una meta imperdibile nel Mediterraneo e nel mondo”.

Nuragic Village La Prisgiona in Arzachena
The new Riva 82’ Diva

Sea story

The newest and most exciting yachts by Italy’s top shipyards

I nuovi e più entusiasmanti yacht del momento firmati dai cantieri italiani top

Luxury speed

Tecnomar for Lamborghini 63 is the state of the art of luxury speed boats. The two MAN V 12 – 2000HP engines allow the boat to reach the breathtaking speed of 63 knots.

Tecnomar for Lamborghini 63 è l’avanguardia delle luxury speed boat. I due motori MAN V 12 – 2000HP consentono di raggiungere l’impressionante velocità di 63 nodi.

Starring outdoor space

Nautica Casarola, the exclusive Riva dealer for Italy, unveils its new flybridge Riva 82’ Diva. 40 square meters and a new space concept that provides endless outdoor space.

Nautica Casarola, dealer esclusivo Riva per l’Italia, presenta il nuovo flybridge Riva 82’ Diva. 40 mq e un nuovo concept degli spazi con le aree esterne indiscusse protagoniste dell’imbarcazione.

Towards sustainability

Seadeck 6 is the first model of the new Seadeck Series by Azimut. It represents the quintessence of technological solutions aimed at reducing consumption and CO2 emissions by up to 40% in a year of average use.

Seadeck 6 è il capostipite della nuova serie Seadeck di Azimut. Rappresenta la quintessenza delle tecnologie sviluppate per ridurre consumi ed emissioni di CO2 fino al 40% in un anno di uso.

Face to face with the sea

Sanlorenzo SX100 is a crossover yacht in which space and function come together in open spaces in close contact with the sea. A terrace among the waves with interiors by Piero Lissoni.

Sanlorenzo SX100 è uno yacht crossover dove spazi e funzioni si uniscono in ambienti ampi e aperti a stretto contatto con il mare. Una terrazza tra le onde con gli interni di Piero Lissoni.

World records and sustainability

Art Explorer di Perini Navi is the world’s largest sailing catamaran, the first and only of its kind. A total length of 46,5 m, an exceptional beam of 17,30 m and an imposing 50-meter mast.

Art Explorer di Perini Navi è il catamarano a vela più grande del mondo, il primo e l’unico nel suo genere. Lunghezza di 46,5 m, eccezionale larghezza di 17,30 m, un imponente albero di 50 m.

Liveability and sporty nature

Here is the first Sport Utility Yacht, Pershing GTX116 an experience of comfort and extraordinary liveability, while remaining faithful to the brand’s DNA based on performance and sportiness.

Ecco il primo Sport Utility Yacht. Pershing GTX116 è all’insegna del comfort e dell’abitabilità straordinaria ma fedele al DNA del brand caratterizzato da performance e sportività.

Manoeuvrability and comfort

Exclusiveness is the key feature of the Sea Water CSM Kymera 43, which ensures manoeuvrability and uncompromising comfort. Highly customizable.

L’esclusività è la caratteristica principale del Sea Water CSM Kymera 43 che garantisce una maneggevolezza e un comfort senza compromessi. Ampia personalizzazione.

High customization

Infynito 90 by Ferretti Yachts is designed to enjoy sailing in a sustainable way, by offering a fully customizable experience. It allows to travel long distance very comfortably.

Infynito 90 di Ferretti Yachts è uno yacht pensato per vivere il mare in maniera sostenibile, offrendo un’esperienza completamente personalizzabile. Consente di percorrere lunghe distanze nel più totale comfort.

As fast as the wind

Our interview with Mauro Pelaschier, legend and guardian of the sea Il nostro incontro con Mauro Pelaschier, leggenda e custode del mare

TEXT MATTEO PARIGI BINI

Mauro Pelaschier, in 1983 helmsman of Azzurra, the first Italian challenger in the America’s Cup. Today honorary member of the Yacht Club Costa Smeralda and ambassador for One Ocean Foundation

Mauro Pelaschier has made the history of Italian sailing. As an honorary member of the Yacht Club Costa Smeralda, he has been collaborating with this prestigious club for decades: who could forget Azzurra in 1983, the first Italian boat to take part in the America’s Cup with an all-Italian crew, captained by Cino Ricci, with Pelaschier at the helm, backed by the Aga Khan and Gianni Agnelli. This historic endeavour was launched by the Yacht Club Costa Smeralda, which today supports emerging talents through the Young Azzurra project, achieving exceptional results with sailors like Federico Alan Pilloni and Cesare Barabino, who are in the running for the 2024 Paris Olympics. The legendary skipper from Monfalcone shares this mission, and this year, teaming up with the Yacht Club Italiano, he secured third place at the Loro Piana Giraglia, navigating three-meter waves with a young crew (the oldest was just 25) and himself at the helm of the Elo II. Always committed to nurturing young talent, Pelaschier is an ambassador for One Ocean Foundation, an

Mauro Pelaschier ha fatto la storia della vela italiana. È socio onorario dello Yacht Club Costa Smeralda con cui collabora da decenni: come dimenticare Azzurra nel 1983, prima barca italiana a partecipare all’America’s Cup grazie a un equipaggio tutto tricolore, capitanato da Cino Ricci, con lui timone, il sostegno dell’Aga Khan e di Gianni Agnelli. Un’impresa lanciata proprio dallo Yacht Club Costa Smeralda, che oggi – tramite il progetto Young Azzurra – supporta le nuove leve con risultati eccezionali (come Federico Alan Pilloni e Cesare Barabino, velisti in corsa per le Olimpiadi di Parigi 2024); stessa mission condivisa dal leggendario skipper di Monfalcone che in duo con Yacht Club Italiano quest’anno, sfidando onde di tre metri, si è piazzato terzo alla Loro Piana Giraglia con un giovane equipaggio (il più vecchio era un 25enne) e sempre lui al timone della Elo II. Mai pago dei giovani, è ambasciatore di One Ocean Foundation, realtà non profit italiana impegnata nella tutela dell’oceano, per la quale si

‘Gianni Agnelli was a big lover of sailing. He would arrive in Porto Cervo by helicopter from Rome at lunchtime, dive into the water, and we would pick him up on board’

Italian non-profit organisation committed to protecting the ocean, advocating for environmental education in schools to improve the health of our seas.

How did your unforgettable adventure with Azzurra come about?

Cino Ricci contacted me in 1981 while he was in Boston. I had already won several Italian titles and participated in two Olympics with the Finn. He wanted me on the project, and I was enthusiastic. A week later, I was in America sailing with the Enterprise. We spent the winter in Porto Cervo, more focused on team building than training... I remember that we went to collect wood scraps from villas under construction to burn them in the fireplace. What steaks!

Azzurra’s success was a turning point: from that moment on, sailing became a mainstream sport in Italy...

There is no doubt that our efforts were pivotal, but it was also the first major sailing adventure covered by all media. At a time when television did not yet extensively cover sporting events

batte attraverso l’educazione green tra i bambini delle scuole per migliorare la salute del mare. Come è nata la sua indimenticabile avventura con Azzurra?

Fui contattato da Cino Ricci nel 1981 che si trovava a Boston. Avevo già vinto diversi titoli italiani e partecipato a due Olimpiadi con il Finn. Mi voleva nel progetto e ne fui entusiasta. Dopo una settimana, ero in America a navigare con l’Enterprise. Passammo l’inverno a Porto Cervo, più che ad allenarci, a creare lo spirito di gruppo… Ricordo che andavamo a raccogliere gli scarti di legno delle ville in costruzione per bruciarli nel camino. Che bistecche! Il successo di Azzurra fu uno spartiacque, perché la vela da quel momento diventò di dominio pubblico in Italia…

Non c’è dubbio che il merito sia stato nostro, ma fu anche la prima vera avventura velica raccontata da tutti i media. In un’epoca in cui ancora la televisione non copriva gli eventi sportivi in maniera imponente e a trent’anni della nascita dei social,

The historic endeavour of Azzurra started from the Yacht Club Costa Smeralda, backed by the Aga Khan and Gianni Agnelli (ph. Marka/ UIG/Mondadori Portfolio)

and thirty years before social media, Gianni Agnelli ensured that we had the best journalists in the world following us.

The consortium brought together by Agnelli, and the Aga Khan was key to the success of the venture: what was your relationship with them?

The Aga Khan was crucial to the credibility and authority of the crew and the project. Gianni Agnelli was a driving force, curious and passionate. He would arrive in Porto Cervo by helicopter from Rome at lunchtime (he was a Senator at the time), dive into the water, and we would pick him up on board.

What about your commitment to One Ocean Foundation?

Caring for the health of the sea and the planet is a tough game; everything costs, everything requires effort. But we have to start doing something, even in small ways, anywhere. For example, by limiting our excessive use of plastic containers. I talk about this when I visit schools. Children understand it better than adults.

Gianni Agnelli fece in modo di avere sempre al nostro seguito i migliori giornalisti del mondo.

Il consorzio messo insieme dall’Avvocato e dall’Aga Khan fu un elemento chiave al successo dell’impresa, che rapporto avevate con loro?

L’Aga Khan fu fondamentale alla credibilità e alla autorevolezza dell’equipaggio e dell’impresa.

Gianni Agnelli era un grande motore, curioso e appassionato, arrivava a Porto Cervo in elicottero da Roma all’ora di pranzo (al tempo era Senatore), si lanciava in acqua e noi lo recuperavamo a bordo.

Del suo impegno con One Ocean Foundation?

È un gioco difficile occuparsi della salute del mare e del Pianeta, tutto costa, tutto vuole impegno. Ma dobbiamo iniziare a fare qualcosa… Anche nel nostro piccolo, da una qualsiasi parte. Per esempio, dal limitarci nell’uso smodato dei contenitori di plastica. Parlo di questo quando vado nelle scuole. I bambini lo capiscono meglio degli adulti.

Ambassador for One Ocean Foundation, Mauro Pelaschier is committed to environmental education in schools to improve the health of our seas

Luxury at high altitude

In the north of Sardinia, one of Europe’s most famous private airports

Nel nord della Sardegna, uno degli aeroporti privati più celebri in Europa

In the most exclusive heart of Sardinia, is Eccelsa Aviation, a special handler dedicated to assisting private aviation with approximately 15,000 flights per year. General Manager Francesco Cossu tells us about it.

Tell us about the range of truly exclusive services at the Eccelsa terminal Eccelsa Aviation has been awarded Best European/EMEA FBO consecutively since 2009. The reason for this result is quality in all areas. That is, a selected team, high-level infrastructure and a general organization that prevents operational restrictions.

The most popular aircraft for this season in Sardinia and why Above all, the Bombardier 7500 and the Gulfstream 700.

Aircraft with absolute comfort, capable of flying for over 14 hours non-stop, close to the speed of sound and with optimal internal pressurization that guarantees maximum comfort.

Nel cuore più esclusivo della Sardegna, Eccelsa Aviation, uno speciale handler dedicato all’assistenza all’aviazione privata con circa 15.000 voli all’anno. A raccontarcelo è Francesco Cossu, il General Manager.

Ci racconti il ventaglio di servizi davvero esclusivi del terminal Eccelsa Eccelsa Aviation è premiata come Best European/EMEA FBO in modo consecutivo dal 2009. La ragione di questo risultato è data dalla qualità in tutti gli ambiti. Ovvero un team selezionato, infrastrutture di livello e un’organizzazione generale che eviti ogni restrizione operativa.

In this page: Francesco Cossu, general manager of Eccelsa Aviation the company that guarantees a quality service to Private Aviation in Sardinia

What was the strangest request you have ever received from a customer? A few years ago, an important customer asked us for assistance in collecting 200kg of premium quality Pecorino Sardo from a shop in Olbia and loading it onto their aircraft.

Il velivolo più gettonato per questa stagione in Sardegna e perché Fra tutti, i Bombardier 7500 e i Gulfstream 700. Velivoli con confort assoluto, capaci di volare per oltre 14 ore senza scalo, prossime alla velocità del suono e con una pressurizzazione interna ottimale che garantisce il massimo confort. In termini di richieste della clientela, quella più curiosa mia ricevuta. Alcuni anni fa, un’importante cliente ci ha chiesto assistenza per ritirare da un negozio di Olbia e caricare sul suo velivolo 200kg di Pecorino Sardo di ottima qualità.

South is the new outdoor collection by Magis, it was dsigned by Konstantin Grcic

En plein air experience

Creating the perfect outdoor space is an art

Here are a few tips to master it…. Saper vivere gli spazi esterni è un’arte. Ecco qualche idea per praticarla...

Ultralight

Foil, the ultralight chaise-longue by Visionnaire was designed to be perfectly ergonomic and sleek. The legs are crafted from iroko wood with little steel inserts in the feet, the seat is covered with fabric and the structure is made of steel.

Ultra-leggera, la chaise longue Foil di Visionnaire è un progetto definito da una perfetta ergonomia e da una silhouette sottile. Le gambe sono in iroko con giunti in legno e piccoli inserti in acciaio nei piedini, la seduta è realizzata in tessuto e la struttura in metallo.

Majolica-Inspired

A new journey through Dolce&Gabbana Casa’s iconic patterns amidst art gems and culture that transcend time. The fresh and sunny motifs of the new Verde Maiolica homeware collection are a blend of Mediterranean roots and craftsmanship.

Un nuovo viaggio nella stampa iconica firmata Dolce&Gabbana Casa tra tesori di arte e cultura che trascendono il tempo. I tratti freschi e solari della nuova collezione Verde Maiolica per l’homeware sono una fusione di radici mediterranee e artigianalità.

Luminous sculpture

An imposing bright outdoor sculpture inspired by the Far East. Hasu by IDogi is like a lotus flower rising from a pond, it transforms outdoor space with its ethereal glow, with aesthetics and design harmoniously blending. It is 200cm tall and 250cm wide.

Una maestosa scultura luminosa outdoor ispirata al mondo orientale. Hasu di IDogi: come un Loto che emerge da uno stagno il suo bagliore etereo trasforma gli spazi esterni, fondendo armoniosamente estetica e design. È alta 200 cm e ha un diametro di 250 cm.

Understated elegance

With a solid teak wook structure and interwoven texture in contrast with the soft and bright fabric upholstery, the Timothy double sun lounger is the newest addition to the Armani/Casa outdoor collection launched in 2023.

Con struttura in teak massello dalla texture a intreccio in contrapposizione al rivestimento in tessuto dalla mano morbida e luminosa, il lettino per due persone Timothy amplia la collezione outdoor lasciata da Armani/Casa nel 2023.

LORIGA GRANITI

estrazione, trasformazione, lavorazione granito sardo - giallo san giacomo

GRANITO GIALLO SAN GIACOMO LORIGA GRANITI info@lorigagranitisrl.it

Via Qatar 19, 07026 Olbia (SS) +39 0789 27141

Località Sigalinu - S. Antonio di Gallura +39 079 669362

lorigagraniti.eu

Looks and Functionality

A complex system of outdoor floorings that brings style and functionality together. Outdoor by Gardenia Orchidea is a tiles collection composed by 34 types of ceramic stones, 18 industrial surfaces and 15 wood-like options, developed in 8 formats, with thickness of 8,5 and 20 mm.

Un sistema completo di superfici per le pavimentazioni esterne nel quale si incontrano funzionalità ed estetica. Outdoor di Gardenia Orchidea è una collezione di 34 tipologie di pietre ceramiche, 18 superfici industrial e 15 effetto legno, sviluppate in 8 formati, con spessori di 8,5 e 20 mm.

Indoor and outdoor

In step with the evolution of home living, increasingly marked by hybrid and fluid spaces, the Soleil collection by Riflessi consists of a little armchair and two small tables, the ideal solution for both indoor and outdoor spaces.

In linea con le evoluzioni dell’abitare, sempre più contraddistinte da spazi ibridi e fluidi, la collezione Soleil di Riflessi si compone di una poltroncina e di una coppia di tavolini, soluzione ideale sia per il residenziale sia per l’outdoor.

Freedom and Beauty

Outdoor kitchen collection by Officine Gullo brings to outdoor spaces all the added values of the company: state of the art technology, professional performance, unmistakable style, and maximum customization.

La cucina Outdoor di Officine Gullo porta negli spazi all’aperto tutti i valori del brand: alta tecnologia ed elevate prestazioni, stile inconfondibile e massima possibilità di personalizzazione.

Outdoor in a classic look

Chelini creations are inspired by past ages and styles that have become worldwide benchmarks for luxury interior design. A blend of elegance, high craftsmanship and classicism between tradition and modernity. The Exterior outdoor collection is no exception...

Le creazioni Chelini si rifanno ad epoche passate e riproducono stili divenuti punti di riferimento universali nell’arredamento di lusso. Un connubio di eleganza, alto artigianato e classicità fra tradizione e modernità. La collezione Exterior da esterni non fa eccezzione...

Open-air gym or living room?

Top-quality Italian fitness equipment, designed for athletes: a complete outdoor gym perfect for your home garden. A living room that turns into a veritable open-air gym in the matter of seconds. This is just possible in the Technogym universe.

Design italiano per attrezzature di altissima qualità, studiate per gli atleti: la outdoor gym completa, perfetta per stare nel giardino di casa. Un salotto che in poco tempo si trasforma in una vera e propria palestra a cielo aperto. Questo è possibile solo nell’universo Technogym

Summer Style

The Giorgio Armani Mare tour of the world’s most iconic summer destinations Il tour di Giorgio Armani Mare nelle località estive più iconiche del mondo

TEXT FRANCESCA LOMBARDI

Among the select destinations chosen by Giorgio Armani to present his Giorgio Armani Mare collection is Porto Cervo (ph. Daniel Molina)

From Porto Cervo to Saint-Tropez, Cannes to Malibu, via selected Armani boutiques all over the world. Giorgio Armani is off on its latest journey to bring the exclusive Giorgio Armani Mare collection to the world’s most iconic summer destinations.

A refined selection, complete with accessories, which reflects the principles of natural elegance and sophistication that underpin the Armani aesthetic.

The collection looks to the sea, and consists of clothing, accessories and beachwear for men and women, presented in a special tour with a flavour of summer.

Timeless style and muted elegance in typical Armani fashion translate into a range of airy fabrics including linen, brushed cotton and printed cupro, in a variety of natural and deep blue shades. All this is available in top Giorgio Armani boutiques around the world, where customers can enjoy an immersive experience in distinctive setups that speak of an unforgettable Italian summer.

Da Porto Cervo a Saint-Tropez, da Cannes a Malibù, passando per altre selezionate boutique del marchio in tutto il mondo. Giorgio Armani riparte con un viaggio per far scoprire l’esclusiva collezione Giorgio Armani Mare nelle località estive più iconiche del mondo.

Una proposta raffinata, completa di accessori, che rispecchia i principi di naturale eleganza e ricercatezza alla base dell’estetica del brand.

Una collezione dedicata al mare che si declina in abbigliamento, accessori e beachwear per uomo e donna, presentata attraverso uno speciale tour al sapore di estate. Stile senza tempo ed eleganza sussurrata, tipicamente Armani, si traducono in una scelta di materiali impalpabili come lini, cotoni garzati e cupro stampato e in una gamma di toni naturali e blu profondi. Appuntamento dunque nelle migliori boutique Giorgio Armani del mondo, dove I clienti potranno vivere un’esperienza immersiva in set up caratterizzati che raccontano di una memorabile estate italiana.

Mediterranean Manufacture

The iconic print chosen by Dolce&Gabbana for its Pre-Fall 2024-2025 collection is an ode to Italian craftsmanship

La stampa icona che Dolce&Gabbana sceglie per la PreFall 2024-2025 è un’ode all’artigianato italiano

TEXT TERESA FAVI

With the choice of an iconic majolica print in the classic shades of lemon yellow and bright green, Dolce&Gabbana gives fashion lovers a truly authentic mediterranean experience

Also known as glazed ceramics, in other words ceramics coated in white enamel, then painted and re-fired, majolica is the fruit of a flourishing artisan tradition. It arrived on the southern shores of the Italian peninsula between the 10th and 11th centuries along with Islamic culture, and the importation of majolica from eastern countries and the Maghreb inspired local artisans, in the course of time leading to genuine artistic schools. Dolce&Gabbana’s decision to use majolica patterns in its garments - as seen in the new Pre-Fall 2024-2025 collection - speaks of the brand’s immense passion for craftsmanship and Italy’s rich cultural heritage. With the choice of an iconic majolica print in the classic shades of lemon yellow and bright green, Dolce&Gabbana once more showcases the magnetic allure of this art on the world stage, giving fashion lovers a truly authentic mediterranean experience.

Conosciuta anche come ceramica invetriata, ovvero ceramica rivestita di smalto bianco, decorata e successivamente ricotta, la maiolica frutto di una tradizione artigianale floridissima sulle coste a sud della penisola italiana giunge tra il X e l’XI secolo proveniente dalla cultura islamica e dall’importazione di maioliche dai paesi orientali o dal Magreb, alle cui manifatture si ispirarono le maestranze locali che si sono evolute fino a diventare vere e proprie scuole d’arte. La scelta di Dolce&Gabbana di adottare la maiolica all’interno delle proprie creazioni, come testimonia anche la nuova Collezione PreFall 2024-2025, racconta l’incommensurabile passione del marchio verso l’artigianalità e il ricco patrimonio culturale italiano. Con la scelta di un’iconica stampa maiolica nelle tipiche tonalità del giallo limone e del verde acceso Dolce&Gabbana torna ancora una volta a diffondere il magnetismo di questa arte a livello globale, donando agli amanti della moda la più autentica ‘esperienza mediterranea’.

In the name of nature

The Stefano Ricci menswear and lifestyle brand that recounts the soul of the planet Il brand Stefano Ricci e il suo lifestyle maschile, che racconta l’anima del pianeta

TEXT FRANCESCA LOMBARDI

In the Spring/ Summer 2024 collection, the colours of Nature give rise to a symphony of pure, light, supple sartorial elegance (ph. Alessandro Moggi)

For the leading luxury lifestyle and menswear brand, Stefano Ricci Explorer is much more than a project: “It is a fascinating route traced by Nature”, as Creative Director Filippo Ricci defines it in his travel diary. A full immersion in authentic eco-sustainability that touches the purest places on our planet and goes well with Sardinia’s green philosophy. Filippo and Niccolò Ricci, together with the Charles Darwin Foundation, and with absolute respect for Nature, set their publicity campaign in the Galapagos, where it supports a project to protect the giant turtles. In the Spring/Summer 2024 collection, the colours of Nature give rise to a symphony of pure, light, supple sartorial elegance. Piece de resistance is the Safari jacket in suede so soft it seems to fit into a fist, on which the white of the polo shirt under the very fine knit shirt stands out, sweatshirts in cotton or linen and silk, with their discreet logo, hidden in the couture linings, and sought-after accessories.

Per il brand leader nel Luxury Lifestyle maschile, Stefano Ricci Explorer è molto più di un progetto: “è una affascinante rotta tracciata dalla Natura”, come viene definita nel suo taccuino di viaggio da Filippo Ricci, Direttore Creativo. Una profonda immersione nell’autentica ecosostenibilità che tocca i luoghi in assoluto più puri del nostro pianeta e ben si sposa con la filosofia green della Sardegna. Filippo e Niccolò Ricci, insieme al team di Charles Darwin Foundation e nel pieno rispetto della Natura, hanno ambientato la campagna di comunicazione alle Galapagos, decidendo di sostenere un progetto legato alle tartarughe giganti. Nella Spring/Summer 2024 sono i colori della Natura a dare il là ad una sinfonia di eleganza pura, leggera, duttile, sartoriale e preziosa. Pezzo forte la giacca-sahariana, in suede morbido che pare stare in un pugno, sulla quale spiccano il bianco della polo sotto la camicia di maglia finissima; le felpe in cotone o lino e seta, con il logo bisbigliato, nascosto nelle fodere couture; gli accessori di ricerca.

With lightness

Miu Miu
Dolce&Gabbana
Eres
Zoe Boutique
Fendi
ChristianDior

Blue attitude

Tod’s
Larusmiani
Ferragamo
Louis Vuitton

Ladylike

Prada
Christian Dior
GiorgioArmani
Del Core
Brunello Cucinelli

Nothing is left to

Frèderik Il Cashmere
Prada
Dolce&Gabbana
Brunello Cucinelli
Fendi

From terroir to glass

The wines that are always present on the tables of the Coast’s best restaurants

I vini che non mancano mai sulle tavole dei migliori ristoranti della Costa

If Sardinia is considered the birthplace of Vermentino, Gallura is the region where the grape variety finds its maximum expression. In this astonishing area of untamed nature and disintegrating granite, the special microclimate and proximity to the sea allow this white grape to produce unique and unmistakable wines. Indeed, Vermentino di Gallura is Sardinia’s only DOCG region, testament to the high quality of the wines and the land that produces them. In the best restaurants of Sardinia’s coast, especially in summer, these fresh and fruity whites reign supreme, much loved and in demand by locals and foreign visitors alike.

A genuine expression of this unparalleled winemaking region is found in the wines of Capichera: founded in the late 70s, the winery believed from the outset that the Vermentino made from the family vineyards in Gallura was utterly unique, and embarked on a course of action to enhance the quality and showcase

Se la Sardegna è considerata la patria del Vermentino, la Gallura è per eccellenza la zona in cui questa qualità di vino trova la sua massima rappresentazione. In questo luogo incredibile, circondati dalla natura selvaggia, la terra da disfacimento granitico, il microclima particolare e la vicinanza al mare fanno si che questa bacca bianca sia in grado di dare origine a vini unici e inconfondibili. Infatti il Vermentino di Gallura è l’unica DOCG sarda, il che certifica l’alta qualità di queste produzioni e dell’ambiente circostante. Così sulle tavole dei migliori ristoranti della Costa, soprattutto durante il periodo estivo, sono le bottiglie di questo vino bianco fresco e fruttato a padroneggiare e ad essere le più richieste ed apprezzate anche, e soprattutto, dai consumatori stranieri. Espressione autentica di questo territorio unico al mondo sono i vini Capichera: la cantina nata alla fine degli anni ‘70, da subito ha avuto la certezza che il Vermentino ottenuto dai vigneti di famiglia, in Gallura, sia un vino bianco dal carattere esclusivo e ha deciso di intraprendere un percorso tut-

TEXT ANTONELLA BRIANDA PHOTO DARIO GAROFALO

On the previous pages: Capichera wines are among the most genuine expressions of the territory. On this page: the tables of the Costa’s top restaurants are never without the fresh and fruity Vermentino wines of Gallura

Petrizza, the wine from Masone Mannu in Monti, is undoubtedly the most frequently requested label in numerous restaurants. On the next page: Vermentino has always been the flagship variety of the Surrau winery. Its vineyards are located in the easternmost part of Gallura, in sun-drenched valleys caressed by the Mistral wind

the variety, leading it to become one of the stars of the wine list at fivestar hotels on the Arzachena area, with its Isola dei Nuraghi, Capichera Vendemmia Tardiva and classic Capichera. Vermentino is also the flagship grape at Surrau. The estate’s vineyards lie in the easternmost part of Gallura, in sun-drenched valleys caressed by the fresh Mistral winds from the Strait of Bonifacio. Here the vines take nourishment from the granite sand of the Juannisolu and Capichera hills, the clay of the Pastura and Cascioni plains and the aromas of the mediterranean shrubland in the Surrau valley. Although grape production ranges from Cannonau and Carignano to Muristellu and Cabernet Sauvignon, Vermentino is the most-loved and most often ordered wine on the north-east coast of Sardinia, with its Sciala, Montidimola and Barriu. Of the labels from Masone Mannu in Monti, Petrizza is undoubtedly the most sought-after in many restaurants. An ‘old-fashioned’ Vermentino with a floral bouquet and

to incentrato sulla qualità e sulla valorizzazione di questo vitigno, arrivando ad essere uno tra i vini più richiesti e consumati negli hotel a cinque stelle dell’area di Arzachena con le sue bottiglie di Isola dei Nuraghi, Capichera Vendemmia Tardiva o il classico Capichera. È sempre il Vermentino il punto di forza della produzione della cantina Surrau. I suoi vigneti si estendono nella parte più orientale gallurese, in vallate soleggiate, accarezzate dal vento pulito del maestrale che spira dalle bocche di Bonifacio. Qui la vite si alimenta dalle sabbie granitiche delle colline di Juannisolu e Capichera, dalle argille delle pianure di Pastura e Cascioni e dalle fragranze della macchia mediterranea della valle di Surrau. Sebbene la produzione spazia dal Cannonau, Carignano, il Muristellu e il Cabernet Sauvignon, è il Vermentino il vino maggiormente apprezzato e venduto nella costa nord-orientale della Sardegna con le sue bottiglie di Sciala, Montidimola e Barriu. È sicuramente il Petrizza, vino della cantina Masone Mannu di Monti quello maggiormente prodotto e più richiesto in

If Sardinia is considered the birthplace of Vermentino, Gallura is the region where the grape variety finds its maximum expression

PER PERSONALIZZARE E RENDERE UNICI I TUOI ARREDI, AFFIDATI A NOI

La nostra azienda Gallura Vetro srl, ha sede ad Arzachena, siamo in grado di assicurare la massima qualità dei nostri prodotti, garantendo serietà e professionalità dalla progettazione alla posa in opera. Oltre a fornire e installare: Box doccia – Specchi – Vetrocamera – Parapetti – Blindovis – Laminati –Mensole, eseguiamo lavori artistici in vetro-fusione, un’antica tecnica che prevede la fusione e la modellazione del vetro in varie colorazioni e forme, con un processo di temperature spezzate fino al raggiungimento di 820° all’interno di appositi forni. Una delle caratteristiche principali di questa lavorazione, sono le piccole bolle che si creano all’interno del vetro e si riflettono con la luce sia artificiale che naturale, creando interessanti giochi di brillantezza

Overlooking the sea in the region of Sulcis is the Santadi winery. Founded in 1960, it has gained its reputation thanks to its superb products. Important red wines such as Terre Brune and sophisticated whites.

On the next page: Masone Mannu in Monti

a nutty flavour with hints of honey, this DOCG wine benefits from the influence of the sea breeze. The exposure of the vineyards and the luxuriant nature of the estate in the Monti countryside help to produce healthy grapes without the need for chemical pesticides, herbicides and fertilisers.

Overlooking the sea in the far south of the Island, in the region of Sulcis, the Cantina di Santadi is just a few kilometres as the crow flies from the stunning beaches and white dunes of Porto Pino.

Founded in 1960, the winery has gained a reputation for excellence, and its products have reached the east coast and its coolest venues. Superb reds like Terre Brune, Rocca Rubia, Noras, Araja, Grotta Rossa and Antigua, and sophisticated whites Villa di Chiesa, Cala Silente, Pedraia, Villa Solais and Latinia are the descendants of an ancient winemaking tradition combined with the use of new technologies in vinification, stabilisation and bottling.

tantissimi ristoranti. Un Vermentino ‘vecchio stile’ che richiama il profumo dei fiori, il gusto della frutta secca con note mielate: questo Vermentino Docg subisce le benefiche influenze del vento del mare. L’esposizione dei vigneti e la ricca natura che circonda la tenuta nelle campagne di Monti aiutano a coltivare uve sane senza l’utilizzo di pesticidi, erbicidi e fertilizzanti chimici.

Affacciati sul mare dell’estremo sud dell’Isola, nella regione sarda del Sulcis, c’è la Cantina di Santadi, in linea d’aria a pochi chilometri dalle meravigliose spiagge e dune bianche di Porto Pino. Nata nel 1960, la cantina si è affermata grazie ai suoi prodotti d’eccellenza arrivati fino alla costa orientale e ai suoi locali più cool. Ai grandi vini rossi come Terre Brune, Rocca Rubia, Noras, Araja, Grotta Rossa e Antigua, si accostano i raffinati bianchi Villa di Chiesa, Cala Silente, Pedraia, Villa Solais, Latinia, figli dell’antica tradizione enologica abbinata all’impiego delle nuove tecnologie in materia di vinificazione, stabilizzazione e imbottigliamento.

The special microclimate and proximity to the sea allow this white grape to produce unique and unmistakable wines

VIA DELLA MARINA NUOVA, PIAZZETTA CLIPPER - PORTO CERVO ���� �����

THE ROCK

Located on provincial road No. 94, the entry point to the areas safeguarded and protected by the Costa Smeralda Consortium, it is one of the symbols most loved by tourists.

Posizionata sulla provinciale 94, punto di ingresso nelle aree tutelate e protette dal Consorzio Costa Smeralda, è uno dei simboli più amati dai turisti, che non perdono l’occasione di immortalarsi con un selfie ricordo.

THE PORTO CERVO PIAZZETTA

With its elegant boutiques and fashionable restaurants, the piazzetta is the starting point for exploring Porto Cervo, which winds among picturesque little streets to the old port.

Con le sue boutique eleganti e i ristoranti alla moda, la piazzetta è il punto di partenza per scoprire Porto Cervo, che si snoda tra pittoresche viuzze sino ad arrivare al porto vecchio.

CAPO FARO

From Porto Cervo, the road leading to Capo Ferro ends near the lighthouse, which has a luminous range of 24 miles and marks the southeastern entrance of the Strait of Bonifacio.

Da Porto Cervo, la strada che conduce a Capo Ferro si conclude vicino al faro, che ha una portata luminosa di 24 miglia e indica l’entrata sud-orientale delle Bocche di Bonifacio.

THE OLD BRIDGE, PORTO CERVO

Situated along the Porto Cervo shoreline, this bridge offers an enchanting view of the crystal clear sea, and is the ideal place for those looking for a moment of relaxation and contemplation away from the crowds.

Situato lungo il litorale di Porto Cervo, questo ponte offre una vista suggestiva sul mare cristallino, è il luogo ideale per chi cerca un momento di relax e contemplazione, lontano dalle folle turistiche.

Your passion is our business
Olbia Yacht Service assistenza e rimessaggio di imbarcazioni sino a 26 metri. rimessaggio al coperto di 4300 mq, piazzale di 6000 mq e cabina di verniciatura 26 metri

La Marc Sub Services Srl con sede in Sardegna a Santa Teresa Gallura (SS) è un’impresa di lavori marittimi e lavori subacquei che si è ben presto imposta sul mercato facendosi apprezzare per la professionalità, le capacità e la serietà del titolare e dei suoi collaboratori, personale altamente qualificato: tecnici esperti in lavori marittimi e sommozzatori regolarmente brevettati ed iscritti negli albi delle Capitanerie di Porto. Lavori subacquei: L’impresa si occupa di operazioni in subacquea eseguite da sommozzatori esperti e certificati con comprovata esperienza. Lavori marittimi/fluviali/dighe: Lo staf, esperto e qualificato, esegue lavori marittimi per la realizzazione di strutture complesse.

Z.A. Li Lucianeddi - 07028 Santa Teresa Gallura - Tel. +39 0789 754752

MONTE MORO

After a walk through the woods, you reach the highest point via a stone staircase. From this point you can enjoy a privileged view of the Maddalena Archipelago, Tavolara and Capo Figari.

Dopo una camminata tra i boschi, si raggiunge il punto più alto tramite una scala in pietra. Da questo punto si gode di una vista privilegiata sull’Arcipelago della Maddalena, Tavolara e Capo Figari.

Beaches Map

Isola delle Bisce

CALA DEL FARO E CALA DELLA GHIAIA

SPIAGGIA CALA GRANU

LISCIA RENÈ

SPIAGGIA DI PITRIZZA E BAGAGLINO

Monte Moro

DOLCE SPOSA IL GIGLIO

Porto Cerv o

PORTO PAGLIA E CALA ROMANTICA

di

SPIAGGIA DEL CERVO

SPIAGGIA DEL PICCOLO PEVERO

SPIAGGIA DEL GRANDE PEVERO

Monti Zoppu

Monti Tundi

Pevero Golf Club

delle Rocche

CALA LICCIA

SPIAGGIA DEL ROMAZZINO

SPIAGGIA DEL PRINCIPE LA CELVIA LI ITRICEDDI LISCIA RUJA

PICCOLO ROMAZZINO

SPIAGGE DI USCIMONE

PANTALEO PORTO ROTONDO

Isole
li Nibani
Isola
Isole dei Poveri
Isola Soffi
CALA PETRA RUJA
Isole le Camere
Isola Mortorio

Turn static files into dynamic content formats.

Create a flipbook
Issuu converts static files into: digital portfolios, online yearbooks, online catalogs, digital photo albums and more. Sign up and create your flipbook.