Page 1

COVER STORY MARTIN SCORSESE FASHION S/S 2020 IT’S JUST A SKIRT | EMPORIO ARMANI CULTURE FELLINI’S 100TH ANNIVERSARY | AMADEUS’ FESTIVAL | ALDA FENDI

ROME’S OPERA THEATRE | FERRARI ROMA ITINERARIES MICHELIN-STAR RESTAURANTS | TEA ROOMS | STREET MARKETS


contents

n.23 winter 2020

COVER STORY 40

FASHION 31 It object

Martin Scorsese The Italian man

64 Shooting

It’s just a skirt

AGENDA 22

Art

24

Classic

26

Pop

Emporio Armani High flight 80

MUST 76 Jewels 77 Shoes 78 Trend 79 For Him

PEOPLE 14

Alexita+KiMa

Hey Ms. Dj 16

Andrea Luparelli

Impeccable style Stile impeccabile 18

Valentina De Paolis

The pleasure of driving Il piacere di guidare 20

Francesca Petrini

The new life of jewels La nuova vita dei gioielli

50

MOVIE, THEATRE & MUSIC 44 Amadeus My pop Sanremo Il mio Sanremo pop 48 Vera

Dragone Explosive Vera Esplosiva Vera Fellini’s 100th anniversary A realist visionary Il visionario realista 50

44 64


contents

n.23 winter 2020

ART, DESIGN & CULTURE 60 Alda Fendi Art is a dream, art is a feeling L’arte è un sogno, l’arte è un sentimento Teatro dell’Opera di Roma Where imagination becomes possible Dove l’immaginazione diventa possibile 84

Art exhibitions Visionary, but not to excess Visionari ma non troppo 90

Ferrari Eternal car Auto Eterna 98

Hotel Hassler Roma The magic of the Eternal City La magia della città eterna 102

Hotel De Russie Like in a snow boule… Come in una boule… 104

Street markets Local shopping Shopping nostrano 122

FOOD & WINE 110 Michelin-star restaurants Stellar dining Cene Stellari 116

Hotel Eden Artist’s studio Studio d’artista 108

128

ITINERARIES 94 Christmas traditions A Vatican Christmas Natale in Vaticano

Tea Room Tea time L’ora del tè SHOT ON SITE

TUSCANY GUIDE 134 Hotels 135 Restaurants

90 122

84


#ITALIAEXPERIENCES

QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini

CAP R I FI R EN Z E M I LANO R OMA VEN EZ IA editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editors

Teresa Favi, Francesca Lombardi editors

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Virginia Mammoli, Mila Montagni roma correspondent

Veronica Sgaravatti contributors

Rossella Battista, Joanne Bergamin, Giovanni Bogani, Gabrielle Bolzoni, Fabrizia Prota, Antonia Ruggiero, Veronica Sgaravatti, Elisa Signorini cover photo

Nicolas Guerin photographers

Alessandro Bencini, Marzia Ferrone, Federica Fiori, Dario Garofalo, Alexander Koksharov Francesca Marino, New Press Photo, Tazio Secchiaroli, Valentina Stefanelli, Lino Zanesco art editors

Martina Alessi, Melania Branca translations

Tessa Conticelli, Centotraduzioni, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

MKT Worldwide, Gianni Consorti, Alessandra Nardelli, Paola Paciotti editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 9/2006 del 15.12.2006 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori - Prato (Symbol Freelife Gloss Premium White) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


contributors Gabrielle Bolzoni, Giovanni Bogani, born in Rome, where a journalist and she currently lives. movie critic, he High school diploma writes about the at the Germanic cinema festivals School of Rome and of Berlin, Cannes, degree in Geopolitics Venice and Rome at the University La for the newspaper Sapienza of Rome. La Nazione and for Free-lance reporter. websites affaritaliani. She loves culture and it and cinecitta.it. sports.

Marta Innocenti Ciulli, 40 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies.

Giovanni Bogani

Gabrielle Bolzoni

Marta Innocenti Ciulli Massimo Listri

Veronica Sgaravatti

Giovanni Bogani, giornalista e critico cinematografico, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web affaritaliani.it e cinecitta.it.

Gabrielle Bolzoni nata a Roma, dove vive. Maturità presso la Scuola Germanica di Roma e laurea in Geopolitica presso l’Università di Roma La Sapienza. Giornalista libera professionista. Ama cultura e sport.

Marta Innocenti Ciulli, 40 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Veronica Sgaravatti, nata a Roma e laureata in Scienze della comunicazione è pubblicista dal 2009. Appassionata di giardinaggio, cultura e viaggi, organizza eventi nella sua proprietà “Parco Iris” sull’Appia Antica.

14

ROMA

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books.

Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura.

Veronica Sgaravatti, born in Rome with a degree in Communication Science, is free-lance journalist since 2009. She loves gardening, culture and traveling, and organizes events in her own estate “Parco Iris” on the Appia Antica road.


ROMA PEOPLE

HEY MS. DJ

TWO YOUNG AND PRETTY GIRLS UNITED BY SPORT, FRIENDSHIP, MUSIC DUE RAGAZZE GIOVANI E CARINE UNITE DALLO SPORT, L’AMICIZIA, LA MUSICA text Veronica Sgaravatti

Alexita+KiMa are a young DJ duo, athletes who used to play professional tennis together before deciding that music would be their future. Alessandra Di Cola and Chiara Mazzuca are their real names, while their stage name is a reference to Alessandra’s nickname and an acronym of Kima’s first and last name. What is your background? I’m an engineer in L’Aquila, and studied in Milan before moving to Rome, while Chiara has a degree in Law; her true passion has always been horses, though, and she’s a professional rider. We taught ourselves music, then we both took a DJ course with Good Music. What is your relationship like? We’re friends first and music partners second. We’re lucky enough to be able to travel together and share a lot of exciting moments. Fortunately, we can talk about everything with each other. What does music represent for you both? Music is a companion in so many situations. It’s an energetic and mental hobby. As a child, Chiara would walk around with her Logic case full of CDs, and always liked to listen to old soundtracks. For me, music is an escape from real life. Together, we’ve found a way to create different environments, lighting up the dance floor at company parties, events in luxury stores, and nightclubs. What kind of music do you make? We make electronica music mixed with slower desert music. We blend electronic and psychedelic sounds with Afro music. We love clubs where we can really get our adrenaline pumping.

Alexita+KiMa è solo un duo dj ma prima ancora due ragazze giovani, sportive e belle che dopo aver praticato insieme tennis a livello agonistico, hanno deciso che la musica sarebbe stata il loro futuro. Alessandra Di Cola e Chiara Mazzuca sono i loro veri nomi. Che back ground avete? Alessandra è un ingegnere dell’Aquila, ha studiato a Milano e si è poi trasferita a Roma mentre Chiara è laureata in legge ma la sua vera passione sono sempre stati i cavalli, praticando equitazione a livello agonistico. Siamo arrivate alla musica da autodidatte inizialmente e poi abiamo frequentato il corso da DJ di Good Music. Che rapporto avete? Prima di essere socie e partner, siamo amiche. Abbiamo la fortuna di viaggiare tanto insieme e di condividere tante belle emozioni. Fortunatamente possiamo parlare di tutto. Cosa rappresenta la musica per voi? La musica è una compagna di tante situazioni. E’ uno svago energetico e mentale. Da ragazzina Chiara usciva con il case logic pieno di CD e ricorda che le è sempre piaciuto mettere le colonne sonore dei momenti trascorsi, mentre per Alessandra la musica rappresenta l’evasione dalla realtà quotidiana. Insieme hanno trovato il modo di vestire tante situazioni diverse e di condurre la dance floor di feste aziendali, eventi in store di lusso e club a notte fonda. Che tipo di musica fate? Mettiamo una musica elettronica, mescolata a generi più lenti della desert music. Fondiamo mondi elettronici e psichedelici con la musica afro e la nostra passione sono i clubbing dove riusciamo veramente a provare una forte scarica di adrenalina.

MUSIC IS AN ENERGETIC AND MENTAL HOBBY, AN ESCAPE FROM REAL LIFE 14

ROMA


ROMA PEOPLE

IMPECCABLE STYLE

ANDREA LUPARELLI, MASTER OF ELEGANCE IN HIS SARTORIA RIPENSE ANDREA LUPARELLI, MAESTRO DI ELEGANZA NELLA SUA SARTORIA RIPENSE text Veronica Sgaravatti

What made you fall in love with this profession? My imprinting with regard to the sartorial art goes back to when, as a child, I used to play with my grandfather’s fabric swatches; I would stack them and play with them, creating improbable constructions. I remember taking great pleasure, even then, in caressing different kinds of cloth, with various patterns. What makes your garments so special? Every garment is a story constructed on the client’s physicality. An important event, an occasion or simply a visiting card, a way of being. Every garment is a story, never coincidental. What kind of man are they designed for? A man who pays attention to detail, to the excellence of a fabric accompanied by a cut that time makes precious. What distinguishes a true gentleman? The memory that he leaves of himself. The most original request you have ever received? You don’t ask for extravagance from a tailor’s shop like mine. The real extravagance of a contemporary client is to be impeccably classic. In the wardrobes of which well-known people do we find your creations? Prestige is very subjective, I have dressed actors, brokers, designers, but my greatest satisfaction is to have as a client a Senegalese gentleman, of great elegance, very influential at the entrepreneurial level in France. In these cases, I realize that fame does not go hand in hand with prestige. A special place in Rome? Piazza di Pietra is my favorite, the right combination of history and art. A place full of energy and elegance.

Cosa l’ha fatta innamorare di questo mestiere? Il mio imprinting con l’arte sartoriale è antico. Da bambino giocavo con le mazzette di mio nonno, le impilavo e ci giocavo a fare costruzioni improbabili. Già allora ricordo che provavo un gran piacere ad accarezzare tessuti di varia natura e fantasia. Cosa rende i vostri abiti così speciali? Ogni abito è una storia costruita sulla fisicità del cliente. Un evento importante, un’occasione della vita o semplicemente un biglietto da visita, un modo di essere. Ogni abito è un racconto, mai casuale. Per quale tipo di uomo sono pensati? Uomini attenti al particolare, all’eccellenza di una stoffa accompagnata da un taglio che il tempo rende prezioso. Un vero gentleman si distingue da? Dal ricordo che sa lasciare di sé. La richiesta più originale che vi è stata fatta? Non si chiedono stravaganze ad una sartoria come la mia. La vera stravaganza di un cliente contemporaneo è essere impeccabilmente classico. Nei guardaroba di quali personaggi troviamo i vostri abiti? La notorietà è molto soggettiva, ho vestito attori, broker, stilisti, ma la più grande soddisfazione è quella di avere come cliente un uomo senegalese, di grande eleganza, molto influente a livello imprenditoriale in Francia. In questi casi mi rendo conto che la fama non va di pari passo con la notorietà. Un luogo speciale per lei a Roma? Piazza di Pietra è il mio preferito, un giusto connubio tra la storia e l’arte. Un luogo denso di energia e di eleganza.

EVERY GARMENT IS A STORY CONSTRUCTED ON THE CLIENT’S PHYSICALITY. A VISITING CARD, A WAY OF BEING 16

ROMA


ph. alessandrobencini.com

Via delle Carrozze, 67 - Roma www.angelacaputi.com


ROMA PEOPLE

THE PLEASURE OF DRIVING

VALENTINA DE PAOLIS, CEO SINCE 2018 OF IWR, CAR DEALER IN ROME SINCE 1968 VALENTINA DE PAOLIS, DAL 2018 AD DELLA IWR, CONCESSIONARIA ATTIVA A ROMA DAL 1968 text Elisa Signorini

How long have you been dealing in automobiles? About 17 years. After university and a few years of working abroad I came back to develop the Bentley Dealership. What fascinates you about your work? Being able to follow the evolution of the automotive industry as an insider. I should actually say the automotive revolution! So let’s consider this revolution. Which novelty most appeals to you? The kind of car you own no longer represents a specific trend. Its use and ownership options have become the real trend. We’re talking about eco-friendly and safety features, speed limits on our roads, choosing between buying and leasing, etc.. This is what’s really exciting. What’s new and what are the new projects for the end of the year? I have closed the dealership contracts with Volvo and Jaguar Land Rover, and there will be more good news (I hope!) next year. Which car has struck you the most? The Velar…it’s out of this world. The best car to drive around Rome and where could we go. The electric Jaguar I-Pace. It doesn’t pollute and you can drive through the limited-traffic zones. And what about one to go out for a special dinner? If the restaurant is meant to be a surprise, I’d say a Discovery. You can go anywhere with that one. Which place in Rome would you suggest a visitor not miss? I would recommend having dinner on one of the magnificent terraces in the city’s historic center to appreciate the magnificent views and to visit the Vatican Museums.

Da quanto tempo lavora nel mondo delle auto? Da circa 17 anni. Dopo l’università e qualche anno di esperienza di lavoro all’estero sono rientrata per sviluppare la Dealership Bentley. Cosa la affascina del suo lavoro? Potere seguire dall’interno l’evoluzione del settore Automotive. Anzi direi la rivoluzione! Considerata la ‘rivoluzione’ del settore Automotive, qual è la novità che le piace di più? L’auto di per sé non è più l’unico trend, ma anche l’utilizzo e la modalità di acquisto dell’auto stessa è diventato il trend vero e proprio (non inquinare, la sicurezza, i limiti delle nostre strade, acquisto o noleggio, ecc…). Questo mi piace molto. Quali sono le novità e i progetti per la fine di quest’anno? Ho portato a compimento gli accordi di distribuzione con Volvo e Jaguar Land Rover e altre novità seguiranno (speriamo!) l’anno prossimo. Qual è l’auto che le è rimasta nel cuore? La Velar… è una bomba. A spasso per Roma: dove e con che auto? Con la Jaguar elettrica (I PACE): non inquina e entra nella ZTL. E per una cena speciale? Se il ristorante è a ‘sorpresa’ meglio un Discovery… così arriviamo ovunque! Un consiglio ad un visitatore a Roma: un posto da non perdere. Consiglierei di cenare in una delle bellissime terrazze del centro storico di Roma, per apprezzare una vista unica, e visitare i Musei Vaticani.

I WOULD RECOMMEND HAVING DINNER ON ONE OF THE MAGNIFICENT TERRACES IN THE CITY’S CENTER 18

ROMA


HOLIDAYS. A GIFT FOR ALL.

Dal 1926

DAVIDE CENCI Italian style consultant

Roma 00186 Via Campo Marzio 1-7

Milano 00121 Via Manzoni 7

New York 10075 1015 Madison Avenue

davidecenci.com


ROMA PEOPLE

THE NEW LIFE OF JEWELS

FRANCESCA PETRINI AND HER WORLD MADE OF COLORFUL JEWELRY FRANCESCA PETRINI E IL SUO MONDO FATTO DI GIOIELLI COLORATI text Veronica Sgaravatti

Francesca Rossi Petrini is a jeweler with a strong passion for stones and an impressive insight into trends, using his imagination to bring important family jewels to life and experimenting with precious stones, colors, and enamels. He’s known by everyone as Paquita. His shop, Petrini, can be found at viale Parioli, 164. When did you begin making jewelry? I’ve had a passion for jewelry since I was in high school. I graduated from IGI (International Gemological Institute Italy), after which I moved to Santa Monica, in the US, to study colored gems for six months. I then took a two-year course at IED. I began my career as an intern for a gem wholesaler in Rome, who taught me all the techniques of the workshop. What was your strength? I saw that there weren’t any any fun, ready-to-wear jewelry pieces, so I decided to create them. I’ve always tried to reinterpret family jewelry in a modern way, playing with the stones and colors. I’ve always asked my clients to use precious abandoned objects and to infuse them with a new life, a new history. What was the first piece of jewelry? A wedding ring with a heart, in the ‘90s. Everyone copied that. I gave it my style, putting an idea out there that everyone liked and popularized. I was ahead of the trend. And how did you become so renowned? Word of mouth. When I began in 1990, we didn’t have cell phones, Instagram, or Facebook, nor were there any testimonials that could promote me. What is your favourite piece? For me, the piece you wear depends on the mood of the day. During the day, I like to play with earrings, while in the evening, rings are very important.

Francesca Rossi Petrini è una gioielliera con una forte passione per le pietre e una grande intuizione delle tendenze, che ha usato tutta la sua fantasia per far rivivere gioielli di famiglia importanti, sempre giocando con pietre preziose, colori e smalti. E’ conosciuta da tutti come Paquita. La sua gioielleria -Petrini- è in viale Parioli 164. Quando ha iniziato a fare gioielli? Ho sempre avuto la passione per i gioielli, da quando facevo il liceo. Ho preso il diploma all’IGI (Istituto Gemmologico italiano), poi sono stata in America a Santa Monica a studiare per sei mesi le pietre di colore e, infine, ho fatto un corso di due anni sui gioielli allo IED. Ho iniziato a lavorare da un grossista di gioielli che mi ha insegnato tutte le tecniche di laboratorio. Qual’è stato il suo punto di forza? Ho visto che mancava un prêt-à-porter divertente del gioiello ed ho pensato di crearlo. Il mio intento è sempre stato quello di reinterpretare i gioielli di famiglia in chiave più moderna, giocando con le pietre e con i colori. Ho sempre forzato le mie clienti ad usare oggetti prezioso abbandonati per ridare un corso a una storia. Qual’è stato il primo gioiello con cui si è fatta conoscere? La fede con il cuore, negli anni Novanta. Poi l’hanno copiato tutti. Ho imposto un mio stile, lanciando idee che sono piaciute ed hanno fatto moda, anticipando tendenze. Come si è fatta conoscere? Col passaparola. Quando ho iniziato io, nel 1990, non c’erano i telefonini, Instagram, Facebook e non c’erano testimonial che ti facevano pubblicità. Qual è il suo gioiello preferito? Per me il gioiello dipende dal mood della giornata. E’ qualcosa che vive insieme a te e che cambia a seconda dell’interpretazione che gli dai. Di giorno mi piace giocare con gli orecchini e la sera con anelli molto importanti.

A WEDDING RING WITH A HEART, IN THE ‘90S. EVERYONE COPIED THAT 20

ROMA


HAPPY SPORT COLLECTION

Roma - viale Europa 114 - Tel. 06 94895547 - infoeur@diegocataldi.com www.diegocataldi.it


AGENDA ART

WAITING FOR RAFFAELLO AN EVENT-PACKED WINTER IN THE CAPITAL L’INVERNO RICCO DI EVENTI DELL’URBE

As we look forward to the programme dedicated to the genius Raffaello (who died on 6 April 1520 in Rome aged just 37), these are the Capital’s most important exhibitions. DECEMBER Two great 20th century figures mark December. At the MAXXI, until 13 April 2020, Gio Ponti. Loving architecture. Instead, Once upon a time there was Sergio Leone, running from 17 Dec to 3 May at Ara Pacis.

Ara Pacis

JANUARY From the 25th until 13 April, the Palazzo delle Esposizioni will host exhibition Gabriele Basilico. Metropolises on display. 270 images from the 70’s to 2000, some being shown for the first time. FEBRUARY Ending on the 2nd, the Galleria Borghese invites you to Valadier. Splendour in 18th century Rome. The 23rd marks the conclusion of the great exhibition held by

the Chiostro del Bramante: Bacon, Freud, the London School. On the 11th, the Palazzo delle Esposizioni inaugurates Jim Dine, the anthological exhibition dedicated to the US artist with 80 works spanning 60 years of this artist’s visual culture (until 2 June). MARCH Until 8th March Palazzo Bonaparte reveals the vibrant colours of the Secret Impressionists. The candid marmoreal charm of Canova. Eternal Beauty

Palazzo delle Esposizioni

In attesa delle iniziative che saranno dedicate al genio di Raffaello (morto il 6 aprile 1520 a Roma, ad appena 37 anni), queste le mostre più importanti della capitale. DICEMBRE Due grandi personaggi del Novecento caratterizzano dicembre. Al MAXXI, e fino al 13 aprile 2020, Gio Ponti. Amare l’architettura. C’era una volta Sergio Leone è invece la mostra che dal 17 fino al 3 maggio allo spazio dell’Ara Pacis.

Chiostro del Bramante

has been extended to the 15th at the Museo di Roma, while from 25 to 10 January 2021 the new exhibition space of the Musei Capitolini at Palazzo Caffarelli starts life with the sumptuous Marble works of Torlonia. A collection of masterpieces. The 29th is the last possible day for Carthago The immortal myth at the Temple of Romulus in the Coliseum Park and Frida Kahlo. Inner chaos, at SET in via Tirso.

SET

GENNAIO Inaugura al Palazzo delle Esposizioni il 25, e sarà aperta fino al 13 aprile, la mostra Gabriele Basilico. Metropoli in mostra. 270 immagini dagli anni 70 ai Duemila, alcune esposte per la prima volta. FEBBRAIO Si conclude il 2 l’esperienza offerta dalla Galleria Borghese attraverso le opere di Valadier. Splendore nella Roma del Settecento. Il 23 chiude i battenti anche la grande mostra

22

ROMA

dal Chiostro del Bramante: Bacon, Freud, la Scuola di Londra (organizzata con la Tate). Inaugura l’11 Jim Dine, l’antologica che il Palazzo delle Esposizioni dedica all’artista statunitense attraverso 80 opere per 60 anni della storia di questo artista della cultura visiva (fino al 2 giugno). MARZO Fino all’8 a Palazzo Bonaparte si ammirano i vivi colori degli Impressionisti segreti. Canova. Eterna bellezza dilata fino al 15 la sua candida e mar-

morea fascinazione nel Museo di Roma, mentre dal 25 al 10 gennaio 2021 s’avvia la vita della nuova sede espositiva dei Musei Capitolini a Palazzo Caffarelli di Roma Capitale, con la sontuosa I Marmi dei Torlonia. Una collezione di Capolavori. Il 29 sarà il giorno di chiusura, nel Tempio di Romolo al Parco del Colosseo di Carthago. Il mito immortale e di Frida Kahlo. Il caos dentro, nello spazio SET di via Tirso.


Pandora Credenza Pandora, realizzata in palissandro indiano, rivestiva in pergamena con dettagli in bronzo.


AGENDA CLASSIC

ART IN ACTION

OPERA, CONCERTS AND SHOWS – NOT TO BE MISSED EVENTS FROM NOW UNTIL MARCH OPERA, CONCERTI E SPETTACOLI, GLI EVENTI DA NON PERDERE FINO A MARZO DECEMBER Verdi’s I Vespri Siciliani conducted by Daniele Gatti and directed by Valentina Carrasco will be staged at Rome’s Opera House (Teatro Costanzi) from 10 to 22 December. The Roma Gospel Festival, Europe’s biggest gospel festival, will be held at the Auditorium Parco della Musica from 22 December until 31 March. Dates to make special note of are 25 December at 5.30pm with the Harlem Gospel Choir, America’s most famous gospel choir, and 31 December at 10.00pm, with the spectacularly charismatic Danell Daymon & Greater Works.

Ambra Jovinelli On stage at the Teatro Eliseo from 17 December to 15 January Luca Barbareschi directs Lucrezia Lante della Rovere in Il cielo sopra il letto. Classical ballet at the Rome Opera House from 31 December to 8 January with Swan Lake. JANUARY On 1st and 2nd January, Nicola Piovani will be appearing at the Auditorium with La musica è pericolosa to share the story of his work alongside artists such as De André, Fellini and Magni with the audience. Also at the Auditorium

from 9 to 11 January as part of the Accademia Santa Cecilia’s classical season, Manfred Honeck will conduct Haydn’s The Creation. FEBRUARY From 11 to 13 February at the Teatro Argentina, Goldoni’s Servant of Two Masters directed by Valerio Binasco has a more Italian-style comedy than Commedia dell’Arte flavour. Featuring Natalino Balasso, Fabrizio Conti and Michele Di Mauro. From 13 to 15 February at the Auditorium, Tan Dun, world famous Chinese composer of the film score for Crouching Tiger, Hidden Dragon, will conduct the Italian

Auditorium

DICEMBRE All’Opera di Roma (Teatro Costanzi), dal 10 fino al 22 dicembre va in scena I Vespri Siciliani di Verdi che vede impegnati il direttore Daniele Gatti e la regista Valentina Carrasco. All’Auditorium Parco della Musica, dal 22 dicembre fino al 31 marzo, il Roma Gospel Festival il più importante festival gospel europeo: occhi puntati sulle date del 25 dicembre, alle 17.30, con l’Harlem Gospel Choir il più famoso Coro Gospel d’America e del 31 dicembre alle 22.00 con la spettacolarità carismatica di Danell Daymon & Greater Works. Al Teatro

Auditorium Parco della Musica

premier of his monumental opera, Buddha Passion. From 18 February to 1 March at the Teatro Eliseo a performance of Jacques Prévert’s moving piece I ragazzi che si amano by and with Gabriele Lavia. At Teatro Ambra Jovinelli from 19 February to 1 March Ferzan Ozpetek will direct an adaptation of his Mine Vaganti with Ambra Angiolini. MARCH Also at the Ambra Jovinelli, from 17 to 22 March, Don Quixote, with Alessio Boni and Serra Yilmaz.

Opera di Roma

Eliseo, dal 17 dicembre al 15 gennaio, è di scena Il cielo sopra il letto, con Lucrezia Lante della Rovere, per la regia di Luca Barbareschi. Mentre ancora all’Opera di Roma, dal 31 dicembre all’8 gennaio, è il momento del balletto classico con il Lago dei Cigni. GENNAIO Il 1° e 2 gennaio, Nicola Piovani è in concerto all’Auditorium con La musica è pericolosa per raccontare al pubblico il suo lavoro a fianco di artisti come De André, Fellini e Magni. Dal 9 all’11 gennaio,

24

ROMA

sempre all’Auditorium, per la stagione sinfonica dell’Accademia Santa Cecilia, Manfred Honeck dirige La Creazione di Haydn. FEBBRAIO Dall’11 al 13 febbraio, al Teatro Argentina, Valerio Binasco porta in scena un Arlecchino servo di due padroni di Goldoni che guarda più alla commedia all’italiana che alla commedia dell’Arte. Tra i protagonisti Natalino Balasso, Fabrizio Conti, Michele Di Mauro. Dal 13 al 15 febbraio, all’Auditorium, Tan Dun il compositore cinese di fama mondiale (autore della colonna sonora della Tigre e il Dra-

gone) dirige in prima nazionale la sua monumentale opera Buddha Passion. Poi, al Teatro Eliseo, dal 18 febbraio al 1° marzo arriva la piéce toccante di Jacques Prévert. I ragazzi che si amano, di e con Gabriele Lavia. Al Teatro Ambra Jovinelli, dal 19 febbraio al 1° marzo Ferzan Ozpetek porta il suo Mine Vaganti con Ambra Angiolini. MARZO Sempre all’Ambra Jovinelli, dal 17 al 22 marzo, va in scena Don Chisciotte, con Alessio Boni e Serra Yilmaz.


AGENDA ROME

G R A N D E C U V É E A L M A N O N D O S AT O L A Q U I N T E S S E N Z A D E L F R A N C I A C O R TA


AGENDA POP

POP STARS

LIVE SHOWS YOU CAN’T MISS IN THIS WARM ROMAN WINTER I LIVE A CUI NON PUOI MANCARE IN QUESTO CALDO INVERNO ROMANO DECEMBER Sunday, 29 and Monday, 30 December, an event for young and old alike in the Sala Santa Cecilia of the Auditorium Parco della Musica in Rome: on stage the show Harry Potter and the Prisoner of Azkaban. A fusion of cinema and music, in which Maestro Timothy Henty will conduct the Italian Cinema Orchestra with an extraordinary formation of over 120 musicians, in perfect synchrony with the entire film projected in high definition on a screen more than 12 meters wide. On Saturday, 28 December, the Roman singer Fiorella

Circo Massimo Mannoia will take the stage of the Auditorium Parco della Musica in Rome for the last concert of her Personale Tour, which will close right in her hometown. Destination Circus Maximus for an explosive New Year’s Eve, with the fourth edition of La Festa di Roma 2020: 24 hours of performances with a thousand artists and the Dj set of Skin, which from midnight to three in the morning of January 1st will enliven the Circus Maximus with a selection of indie rock, electro and techno hits.

JANUARY A madman is someone who dreams, who is free, who provokes, who changes. And the “madman” is Renato Zero. On Thursday, 30 and Friday, 31 January, the appointment is at the Palazzo dello Sport with the most versatile artist of Italian music. FEBRUARY It’s time for Gazzelle: the Roman artist, leading singersongwriter of the Italian music scene, is ready to return live with his “Post Punk Tour” on 9 February at the Palazzo dello Sport. One of the most popular names in British independent rock: the Editors

Palazzo dello Sport

DICEMBRE Domenica 29 e lunedì 30 dicembre, un evento per grandi e piccini nella Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica di Roma: in scena lo spettacolo Harry Potter e il prigioniero di Azkaban. Una fusione di cinema e musica, in cui il Maestro Timothy Henty dirigerà l’Orchestra Italiana del Cinema con una straordinaria formazione di oltre 120 musicisti, in perfetto sincrono con l’intero film proiettato in alta definizione su uno schermo di oltre 12 metri. Sabato 28 dicembre la cantante romana Fiorella Mannoia salirà

GENNAIO Folle è chi sogna, chi è libero, chi provoca, chi cambia. Folle è Renato Zero. Giovedì 30 e venerdì 31 gennaio, l’appuntamento è al Palazzo dello Sport con l’artista più poliedrico della musica italiana. FEBBRAIO E’ il momento di Gazzelle: l’inarrestabile artista romano, cantautore di punta del panorama musicale italiano contemporaneo, è pronto a tornare live con il suo “Post Punk Tour”, il 9 febbraio al Palazzo dello Sport. Uno dei nomi più quotati del rock indipendente britannico: loro

Auditorium Parco della Musica Palazzo dello Sport

will arrive in the capital on 10 February to ignite the stage of the Atlantico. On 15 February, at the Palazzo dello Sport: an event that has no need of presentations, from England with fury, Liam Gallagher. He’s also known as Dardust, and this is the first Italian project of instrumental music able to unite the minimalist piano world to the current electronic imagery with north European influences, created by Dario Fiani, absolutely not-to-miss on 27 February at Spazio Rossellini.

sul palco dell’Auditorium Parco della Musica di Roma per l’ultimo concerto del suo Personale tour, che si chiuderà proprio nella sua città. Destinazione Circo Massimo per una scoppiettante notte di Capodanno, con la quarta edizione de La festa di Roma 2020: 24 ore di spettacolo con mille artisti e il dj set di Skin, che dalla mezzanotte del 31 dicembre alle tre del mattino del primo gennaio animerà il Circo Massimo con una selezione di hit indie rock, electro e techno.

26

ROMA

gli Editors e arrivano nella capitale il 10 febbraio per infuocare il palco dell’Atlantico. 15 febbraio, Palazzo dello Sport: un evento che non ha bisogno di molte presentazioni, dall’Inghilterra con furore, Liam Gallagher. Si chiama Durdust ed è il primo progetto italiano di musica strumentale capace di unire il mondo pianistico minimalista all’attuale immaginario elettronico di matrice nord europea firmato da Dario Fiani, imperdibile il 27 febbraio allo Spazio Rossellini.


Via di Monte D’Oro, 30 - Roma - Tel +39 06982634 Fax +39 0698263499 info@jkroma.com - www.jkroma.com


Maker of fine shirts

28

ROMA


Roma, via Francesco Crispi 60/62 - www.danroma.com


IT OBJECT

REFINED AND EMBLEMATIC

Rolex Oyster Perpetual Datejust 31, for women, in a combination of Oystersteel steel and Everose 18 ct gold. Fitted with caliber 2236, the quintessence of Rolex technology. Authorized dealers on rolex.com Rolex Oyster Perpetual Datejust 31 è dedicato al mondo femminile in una combinazione di acciaio Oystersteel e oro Everose 18 ct. Calibro 2236, quintessenza della tecnologia Rolex. Scopri i rivenditori autorizzati su rolex.com

31

ROMA


IT OBJECT

OPULENCE

Inspired by the Baroque of the Eternal City, Roma is the jewel of haute horlogerie Dolce&Gabbana. Pink gold engraved by Italian craftsmen, DG 01.01 proprietary calibre. On sale in the boutique at Piazza di Spagna 93-95. Ispirato alle opulenze barocche della Città Eterna, Roma è il gioiello di alta orologeria Dolce&Gabbana. Oro rosa inciso da artigiani italiani, movimento di manifattura DG 01.01. In vendita nella boutique di piazza di Spagna 93-95.

33

ROMA


Via di Porta Pinciana 14 | Roma | Tel. +39 06421689 | reservations@splendideroyal.com | www.splendideroyal.com |

hotel_splendide_royal_roma


IT OBJECT

CATCH HER IF YOU CAN

Eye-catching bamboo handles and a bright and richly floral-chic embroidered body, a bit seventies-style. The perfect match for your #Lookoftheday, here is the mini-bag bound to become this spring’s cult piece. A Miu Miu creation. Manico in bambù, ricami floreali che strizzano l’occhio agli anni ‘70. Perfetta con i vostri #Lookoftheday, è lei la mini-bag destinata ad essere il cult per la primavera. Una creazione Miu Miu, in via del Babuino, 91.

35

ROMA


IT OBJECT

CALL IT VARINA

Take the elegant simplicity of ultra-flat ballerinas, add a few black and red glamorous details and garnish with an iconic grosgrain Vara bow and there you have a must. By Salvatore Ferragamo. Predi la raffinata semplicità di una ballerina ultra-piatta, aggiungi i dettagli glam in rosso e nero, condisci il tutto con l’iconico fiocco Vara in gros grain: ecco a voi un must. Di Salvatore Ferragamo, in via Condotti.

37

ROMA


Ultimate Luxury Lifestyle

Via Labicana, 125, Roma Tel. +39 06 77591380 - Email: info@palazzomanfredi.it www.palazzomanfredi.com


IT OBJECT

DON’T CALL IT ACCESSORY

The gold leaf rises from the black resin like a piece of body sculpture. This resin choker by Angela Caputi Giuggiù is a celebration of the multifaceted world of femininity. From the creator’s hands, for you. La foglia oro emerge dalla resina nera come in un atto scultoreo da indossare. Il girocollo in resina di Angela Caputi Giuggiù è un inno all’universo poliedrico della femminilità. In via delle Carrozze, 67.

39

ROMA


Martin Charles Scorsese is an AmericanItalian film director, actor and historian His love of film was inspired from the great masterpieces of Roberto Rossellini, Vittorio De Sica, Michelangelo Antonioni and Federico Fellini (ph. Nicolas Guerin) 40

ROMA


COVER STORY

THE ITALIAN MAN MARTIN SCORSESE IN ROME TO PRESENT THE IRISHMAN TELLS ABOUT HIS PASSION FOR ITALIAN CINEMA MARTIN SCORSESE A ROMA PER PRESENTARE THE IRISHMAN, CI RACCONTA IL SUO AMORE PER IL CINEMA ITALIANO text Emanuele Bigi

Martin Scorsese has special ties to the city of Rome and to Italian films, a passion since his youth, when he used to go down to New York’s Little Italy after school to watch the great masterpieces of Roberto Rossellini, Vittorio De Sica, Michelangelo Antonioni and Federico Fellini. Those afternoons inspired the love of film that led him to become a director and produce such masterpieces as Raging Bull, Taxi Driver and Goodfellas. His Italian blood (his grandparents emigrated from Sicily in the early twentieth century) may also have helped, of course! Scorsese observed the Italian film scene with curiosity from the States, fascinated by the “Hollywood on the Tiber” (as Rome was nicknamed between 1950 and ’65) which inspired Fellini’s La dolce vita. In 2000 the Italo-American director paid homage to Cinecittà by filming his blockbuster Gangs of New York with Leonardo DiCaprio. Scorsese has always had a special relationship with Italy’s capital city: he first came to Rome in 1970, the year he met Rossellini. More recently, in 2006, he and the actor known for Titanic opened the first Festa del Cinema in Rome with a preview of The Departed, while in 2018 Scorsese received a Lifetime Achievement Award from Paolo Taviani at the festival. At this year’s Festa di Roma, he presented The Irishman (available on Netflix), starring his good friend Robert De Niro: a gangster movie that shares the melancholy of Sergio Leone’s Once Upon a Time in America. Further evidence of Scorsese’s ties with Italian film! When did you realise your life was going to revolve around film? When I started watching the films of Pasolini, Rossellini, Antonioni, De Sica and Fellini, at the cinema and on TV. In two or three years, everything changed for me. The first time I saw Accattone, it came as a real shock: I identified with those characters. They were so real! And what to say of Fellini? He’s just sublime. Antonioni’s L’avventura was a piece of modern art that I had to learn to understand, while Visconti’s Il gattopardo combined melodrama with a political message. But I got the sense of humour behind Goodfellas from Pietro Germi’s Divorzio all’italiana. In The Irishman, you go back to the gangster movie, and above all, you go back to working with De Niro, almost 25 years down the road. How did this project start? After Casinò (1995), De Niro and I were looking for a story and

Martin Scorsese è particolarmente legato a Roma e al cinema italiano, una passione che lo ha accompagnato sin da giovanissimo quando, dopo la scuola, si intrufolava nelle sale del quartiere di Little Italy, a New York, per guardare i capolavori di Roberto Rossellini, Vittorio De Sica, Michelangelo Antonioni e Federico Fellini. Da quei pomeriggi è scaturito il suo amore per il cinema che lo ha spronato a diventare regista. Sono nati così capolavori come Toro Scatenato, Taxi Driver e Quei bravi ragazzi. Chissà se un po’ di sangue italiano (i nonni erano emigrati dalla Sicilia agli inizi del Novecento) ha dato il suo contribuito. Scorsese dagli States osservava con curiosità il nostro cinema ed era affascinato dalla “Hollywood sul Tevere” (così veniva chiamata Roma tra il 1950 e il ’65), a cui Fellini si ispirò per La dolce vita. Fu nel 2000 che il regista italo-americano decise di omaggiare Cinecittà girando quasi interamente il kolossal Gangs of New York con Leonardo DiCaprio. Con la capitale Scorsese ha sempre avuto un rapporto stretto: la sua prima volta a Roma fu nel 1970, anno in cui incontrò Rossellini. Più recentemente (nel 2006), insieme all’attore di Titanic, tenne a battesimo la prima edizione della Festa del Cinema con l’anteprima di The Departed, mentre nel 2018 ricevette da Paolo Taviani il premio alla carriera. Quest’anno, sempre alla Festa di Roma, ha presentato The Irishman (disponibile su Netflix) interpretato dall’amico Robert De Niro: un gangster movie che condivide una vena malinconica con C’era una volta in America di Sergio Leone. A riprova che il cinema italiano è insito in Scorsese. Quando si è reso conto che la sua vita avrebbe battuto la strada del cinema? Quando ho iniziato a vedere i film di Pasolini, Rossellini, Antonioni, De Sica e Fellini al cinema e in tv. In due o tre anni è cambiato tutto. La prima volta che vidi Accattone fu uno choc: mi identificavo con quei personaggi così veri. Di Fellini che dire? È sublime. L’avventura di Antonioni era un pezzo di arte moderna che ho dovuto imparare a decodificare, mentre Il gattopardo di Visconti intreccia melodramma e impegno politico. L’umorismo in Quei bravi ragazzi però l’ho veicolato da Divorzio all’italiana di Pietro Germi. Con The Irishman ritorna al gangster movie e soprattutto a

41

ROMA


COVER STORY

The Departed

Gangs of New York

Taxi Driver

a character worth telling. It was Bob who suggested I read Charles Brandt’s book I Heard You Paint Houses: Frank “The Irishman” Sheeran and Closing the Case on Jimmy Hoffa, narrated by Frank Sheeran (De Niro, ed.), a mafia hitman. The book, like the film, is about organised crime and corruption in the US, from the post-war years to the nineties, when the bosses infiltrated the trade unions, the government and business. Bob was convinced and thrilled by this affair that dug right into the heart of America, and above all into the heart of the narrator. It’s a film about more than organised crime. It’s a story about life, love, death, remorse and betrayal. Who killed who? It’s a question that goes unanswered, that becomes unimportant in view of Frank’s solitude and his life flowing on toward death. The Irishman takes us into the past to find out about the life of a trade unionist known in America as Hoffa (Al Pacino), but it is also rooted in the present. Of course: moral conflict is timeless. The story is told in the past tense, but the narrator’s emotions, thoughts, decisions and immorality are relevant to people today. In this film, gangsters are not the heroes, as they often are in film. I didn’t want to create Scarface-type characters. I set aside the dramatisation of crime. We saw the spectacle as being an internal one. What was it like to be back on the set with De Niro? I hardly ever talked to Bob; we bared our souls and allowed ourselves to be led by Frank’s character. This was your first time with Al Pacino, on the other hand. Yes, but I met him in the ’70s thanks to Coppola. In the ’80s we were supposed to work together on a project about Modigliani, but it was never completed. It was Bob who had the idea of calling him. They had known each other for more than 40 years, and you could tell, on the set: when they were acting, something really special happened. Was it complicated to make a film three and a half hours long that was more like something out of the past than one of today’s gangster movies? We could never have done it without Netflix’s help. All the cinemas want these days is funfairs, films made from comic books and stuff like that. You can make any kind of movie, but you shouldn’t allow young people to believe that’s what film is all about.

lavorare con De Niro dopo quasi 25 anni. Come è nato il progetto? Dopo Casinò (1995) io e De Niro cercavamo una storia e un personaggio che valesse la pena raccontare. È stato Bob che mi fece leggere il libro di Charles Brandt L’irlandese. Ho ucciso Jimmi Hoffa, narrato da Frank Sheeran (De Niro ndr), un sicario della malavita. Qui, come nel film, si parla di criminalità organizzata e della corruzione negli Usa, dal dopoguerra agli anni Novanta, quando i boss si infiltravano nei sindacati, nei governi e nelle imprese. Bob era convinto ed emozionato da questa vicenda che scavava nel cuore dell’America, nel cuore del narratore. È un film che va oltre il racconto della criminalità. Racconta un percorso di vita, parla di amore, morte, rimorso e tradimento. Chi ha ammazzato chi? È una domanda che rimane sospesa, che passa in secondo piano di fronte alla solitudine di Frank e alla sua vita che scorre verso la morte. Con The Irishman ci conduce nel passato a conoscere la vicenda di un sindacalista noto in America come Hoffa (Al Pacino), ma ci vuole ancorare anche al presente. Certamente: i conflitti morali non hanno tempo. Questa storia è narrata nel passato, ma le emozioni, i pensieri, le decisioni e l’immoralità del protagonista si confrontano con la coscienza dell’uomo di oggi. Qui i gangster non sono degli eroi, come capita di vedere al cinema. Non volevo creare dei personaggi alla Scarface, ho accantonato la spettacolarizzazione della criminalità. Per noi lo spettacolo era solo interiore. Come è stato ritrovare sul set l’amico De Niro? Con Bob non ci siamo quasi parlati, ci siamo messi a nudo e fatti guidare dal personaggio di Frank. Con Al Pacino invece era una prima volta. Sì, ma lo avevo conosciuto negli anni ’70 grazie a Coppola. Negli anni ’80 dovevamo lavorare insieme a un progetto su Modigliani, ma non è andato termine. L’idea di chiamarlo è stata di Bob. Tra loro c’è un rapporto che dura da 40 anni e si sentiva sul set: quando recitavano accadeva qualcosa di speciale. È stato complicato portare a termine un film di 3 ore e mezza che si avvicina più a un cinema dle passato che ai gangster movie di oggi? Senza l’aiuto di Netflix non sarei mai riuscito a realizzarlo. Oggi le sale vogliono solo parchi di divertimento, film tratti dai fumetti o similia. Va bene girare qualsiasi tipo di prodotto, ma non va bene far credere ai giovani che quello sia il cinema.

42

ROMA


Two frames from The Irishman (available on Netflix), starring his good friend Robert De Niro, presented at this year’s Festa di Roma


Amedeo Sebastiani (Born in Ravenna in 1962), best known as Amadeus, is an Italian television and radio presenter


SHOW INTERVIEW

MY POP SANREMO

AMADEUS. THE NEW PRESENTER OF THE 70TH EDITION OF THE SANREMO MUSIC FESTIVAL IL NUOVO PRESENTATORE E DIRETTORE ARTISTICO DELLA 70° EDIZIONE DEL FESTIVAL DI SANREMO text Antonia Ruggiero

Rome, where are you? You were with me. Today you’re a prison, I’m a prisoner. Rome, ancient city, now old reality, you don’t notice me and you don’t know how much I pity you. This is Vacanze Romane, the beautiful dedication to Rome that Matia Bazar sung during the 1983 Sanremo Music Festival. The lyrics were inspired by the end of the dolce vita, with an eye towards the future and today more current than ever. After all, singers and songwriters are nothing more than modern-day poets. Adriano Celentano, Vasco Rossi, Renato Zero, Zucchero, Rino Gaetano, Elio e le Storie tese, Mia Martini, and Mahmood are just a few of the most innovative artists in the history of the Italian music festival. This year, Amadeus has been called upon to pay tribute to an especially important edition, the 70th. The festival is like a party among family, bringing together Italians, reflecting who we are and predicting who we’ll become. What are some childhood memories of the festival? My memory is tied to my family, my parents and grandparents. We were all at home watching the television. No one made any plans, and everyone would say, “Hey! The festival is tonight!” This still happens today. Everyone has come together to watch it for the last 69 years. Everyone talks about it, thinks about the songs, interesting facts, gossip. This is why I’ve always said that the festival is belongs to everyone. From Radio Verona to Radio DJ and Sanremo, you’ve had a good career as a TV presenter. When did you know you wanted to do this job? Immediately. When I was a kid, about 13 or 14 years old, my dream was to be a presenter, watching Mike Bongiorno and his quizzes, Rischiatutto, or Canzonissima presented by Corrado and Carrà. At the time - we’re talking about the ‘70s - it was like an impossible dream, but it was the only thing that I really wanted to do. I didn’t have a plan B; it was this or nothing. It was risky; it was a long shot for a kid fresh from the countryside, without contacts, without an important parent to follow in the footsteps of. But I thought that in life, if you have a dream and you want to make it come true, then you can; all it takes is insisting, trying, being curious, and making sacrifices. You can dream for 100% success, and though you maybe won’t get all 100%, you

Roma, dove sei? Eri con me, oggi prigione tu, prigioniera io. Roma, antica città, ora vecchia realtà, non ti accorgi di me e non sai che pena mi fai. È il bellissimo affresco di Roma che facevano i Matia Bazar, durante il Festival di Sanremo del ‘83, con il brano Vacanze Romane. Un testo ispirato alla fine della dolce vita, con una visione sul futuro, ancora oggi attualissimo. Dopotutto, gli autori e gli interpreti di una canzone non sono che moderni poeti del nostro tempo. Da Adriano Celentano a Vasco Rossi, da Renato Zero a Zucchero, da Rino Gaetano a Elio e le Storie tese, da Mia Martini a Mahmood, sono solo alcuni dei più innovativi artisti della storia del Festival della canzone italiana. Quest’anno, Amadeus è chiamato a rendere omaggio ad un’edizione particolarmente importante, la 70^, in onda dal 4 all’8 febbraio 2020 su Rai Uno. Il Festival è la grande festa di famiglia che riunisce tutti gli italiani, dove ci si racconta come siamo e come saremo. I suoi ricordi d’infanzia legati al Festival? Il mio ricordo è legato alla famiglia, ai genitori, ai nonni. Si stava tutti a casa a guardare la televisione, non si prendevano impegni e si diceva “oh, stasera c’è il festival!” Questo accade ancora oggi. Da 69 anni tutti si riuniscono per guardarlo, tutti ne parlano, tutti si occupano di canzoni, di curiosità, di gossip. E’ per questo che io dico sempre che il festival è di tutti. Da Radio Verona e Radio DJ fino a Sanremo, un vero traguardo per un conduttore televisivo: quando ha capito di voler fare questo mestiere? Subito. Da ragazzino, a 13 14 anni, il mio sogno era di fare il presentatore. Anche quando vedevo i quiz di Mike Bongiorno, Rischiatutto o Canzonissima presentata da Corrado e la Carrà. All’epoca, stiamo parlando degli anni ’70, era quasi un sogno impossibile, però era l’unica cosa che davvero volessi fare, non avevo un piano B o facevo il presentatore o facevo il presentatore. E’ stato un rischio, non era scontato per un ragazzo che arrivava dalla provincia, senza conoscenze, senza un genitore importante. Ma io penso che nella vita se uno ha un sogno e vuole realizzarlo le cose si possono fare, basta insistere, provare, essere curiosi e sacrificarsi. Magari se si sogna 100 non si realizza 100 ma forse 50. Ecco, nel mio caso, ho sognato 100 e, facendo

45

ROMA


Amadeus during Sanremo Giovani 2019 can perhaps get 50%. In my case, I dreamed for 100%, and with doing Sanremo, I can say I’ve reached that goal. As a presenter, how would you describe your festival? I believe that the festival has to have its dose of tradition because there are some doctrines that you simply must maintain, but after that, I think that every presenter brings their personal style of storytelling. I will bring my friendly, ironic, and self-deprecating style to the festival. I love to destabilize things, so it’s ok that there are some doctrines to follow, but at the same time, I like that nothing is expected. I’ve always said that it must be an unpredictable festival. I don’t like repetitiveness. Fiorello and Jovanotti will be like brothers participating in this big party amongst family. That’s right. I don’t know what they’ll do; they haven’t told me. I’ve known Lorenzo and Fiorello for 35 years. They’re two amazing artists and their unpredictability is what I like most about them. We all started together in the ‘80s as radio DJs, and the door to Sanremo was wide open for them. What they’ll do, what will happen, I’m not sure. I know that they’ve been in contact and that they will surprise me with something. But when you have two artists like that, you don’t even ask what they’ll do. Radio and music are written in your DNA as an artist. What is your favorite song from the festival? There isn’t really one in particular, but I like a lot of them, and I remember a lot of them fondly. The beautiful thing about Sanremo is that there are songs that have accompanied us along the way and which are tied to our history, our life, our journey. As artistic director, what “editorial” line do you follow in choosing the songs? I start with emotions. We’re receiving many pieces, more than

Sanremo, posso dire di aver realizzato 100. Come conduttore, come potrebbe definire il suo Festival? Credo che il Festival debba avere la sua dose di tradizione perché ci sono alcune liturgie che ci devono essere, ma poi credo che ogni conduttore porti il suo personale modo di raccontare. I Festival di Pippo Baudo sono stati diversi da quelli di Fazio o di Bonolis o di Claudio Baglioni. Io porterò il mio modo di condurre amichevole, ironico e autoironico. Amo destrutturare le cose, quindi va bene che ci siano delle liturgie ma, allo stesso tempo, mi piace che nulla sia scontato. Dico sempre che deve essere un Festival imprevedibile, non amo molto la ripetitività delle cose. Fiorello e Jovanotti saranno come i fratelli che prendono parte a questa grande festa di famiglia. Esattamente. Davvero non so cosa faranno, non me l’hanno detto. Conosco Lorenzo e Fiorello da 35 anni, sono due grandissimi artisti e la loro imprevedibilità è la cosa che mi piace di più. Noi siamo partiti insieme negli anni ‘80 tutti da radio DJ e, quindi, la porta di Sanremo è spalancata per loro. Cosa faranno, che succederà ancora non lo so. So che si sentono tra di loro e che hanno intenzione anche di farmi una sorpresa. Ma quando hai due artisti così non gli chiedi neanche che cosa faranno. Qualsiasi cosa va bene, mi fido. La radio e la musica sono impresse nel suo DNA di artista: qual è la sua canzone del cuore del Festival? Non ce n’è proprio una in particolare ma tante che mi piacciono e tante che ricordo con affetto. D’altronde il bello di Sanremo è che ci sono canzoni che ci hanno accompagnato e sono legate alla nostra storia, alla nostra vita, al nostro percorso. Come direttore artistico, qual è la linea seguita nella selezione delle canzoni?

46

ROMA


COVER STORY

Entrance of Teatro Ariston in Saremo where “Festival della canzone italiana (Italian song festival)” is held by 1977 100, and choosing just 20 songs will be difficult. Unfortunately, a lot of them will not be included, which is a shame. They are songs that I’m listening to every day as I look for an emotion and think about a possible recording. They have to be songs that have a radio following. I want to Sanremo to be pop, something that is for everyone, so I prefer to go for this rather than something niche or personal. Hospitality in the city of Sanremo? Sanremo is a party. Rai is building an impressive structure for the city of Sanremo for the 70th edition of the festival. There will be an outside stage with a red carpet that will be connected to the Ariston Theater. The whole city and its residents will be involved, with events and evening performances outside the festival. The city will be completely involved, which is new. Never in its 69 years has the festival extended beyond the Ariston. This temple of music will still be at the center of the party, but there will also be an outside temple with beautiful things happening all around Sanremo. Speaking of Vacanze Romane, what are your favorite places in Rome? I spend a lot of time in Rome for work, especially the Rai area, and it’s an open-air museum like few other places in the world. Unfortunately, it’s been a bit abandoned in recent years. I say this with sadness because it’s a heritage to preserve, and I say that as a non-Roman because it truly is one of the most beautiful cities in the world. Speaking of beauty, will Bellucci be there? Who knows! Maybe! When people ask me about attendees, I always say, “Perhaps!” We’ll see. This is also part of the surprise and unpredictability that I hope to offer.

Parto dalle emozioni. I pezzi che stanno arrivando sono tantissimi abbiamo superato le 100 canzoni e la scelta di soli 20 brani sarà difficilissima. Purtroppo, tante non saranno incluse e questo è un dispiacere. Sono canzoni che io sto ascoltando tutti i giorni cercano l’emozione ma anche pensando ad un possibile percorso discografico. Devono essere canzoni che abbiano un seguìto nelle radio. Io voglio fare un Sanremo pop, che sia per tutti, popolare, quindi preferisco fare una scelta discografica piuttosto che di nicchia o personale. L’accoglienza della città di Sanremo. Sanremo è in festa. La Rai sta mettendo in piedi una struttura notevole che riguarda anche la città di Sanremo, per i 70 anni del Festival. Ci sarà un palco esterno con un red carpet che lo collegherà al teatro Artiston. Sarà coinvolta l’intera città, la gente, con manifestazioni ed eventi e ogni sera un artista si esibirà anche fuori. La città sarà completamente coinvolta e questa è una delle novità. Mai, in 69 anni, il Festival è uscito dall’Ariston. Il tempio ci sarà ma ci sarà anche un tempio esterno con cose molto belle che accadranno per l’intera città di Sanremo. A proposito di Vacanze romane quali sono i luoghi amati della città di Roma? Roma, che frequento molto per ragioni di lavoro, soprattutto l’area Rai, è un museo a cielo aperto come pochissime città al mondo. Purtroppo, è vero che negli anni è stata un pò abbandonata, lo dico con dispiacere perché è un patrimonio da preservare e, lo dico da non romano, perché è una delle città più belle al mondo. A proposito di bellezza, ci sarà la Bellucci? E chi lo sa... magari! Quando mi fanno dei nomi io dico sempre magari! Vedremo, anche questo fa parte della sorpresa e dell’imprevedibilità che spero di regalarvi.

47

ROMA


Vera Dragone, actress, singer and dancer moved to Rome to study acting (ph. Francesca Marino)


MOVIE INTERVIEW

EXPLOSIVE VERA

ACTRESS, SINGER AND DANCER, VERA DRAGONE IS A TRUE FORCE OF NATURE ATTRICE, CANTANTE E BALLERINA, VERA DRAGONE È UN’AUTENTICA FORZA DELLA NATURA text Virginia Mammoli She’s been living and breathing show business since childhood. Her grandfather was Vittorio De Seta, a master of neo-realist documentary films, the husband of Vera Gherarducci, a stage actress who performed with Eduardo De Filippo, her uncle is Ivo Garrani, the actor, like his son. A sort of family tradition. Born and raised in Catanzaro, Vera Dragone moved to Rome to study acting. This year, she is co-starring again with Lillo in the musical School of Rock, playing the role of Rosalie Mullins, for which she was awarded the 2019 Persefone prize. In 2020, she will be starring in two TV fictions: Alberto by Luca Manfredi and Vite in fuga by Luca Ribuoli. You spend your life touring, acting, singing and dancing. How do you do it? It’s always been my dream. Musical is the perfect choice for me. It’s still a bit looked down on in Italy, whereas abroad it is considered to be a complete form of art, which allows me to bring my three passions together. As a mother of a three-year-old child, it is not easy, but motherhood allows me to realize what is unnecessary and what, instead, is worth investing time in. What artist do you admire? Although I never met her, I’ve always been inspired by my maternal grandmother, after whom I was named. I read her diaries and some articles

about her. She was a brilliant actress and I think of her as my guardian angel. Your singing repertoire ranges from opera music to jazz, from Argentinian tango to swing. But what do you sing when you’re preparing breakfast? At this time of my life, I enjoy singing children’s songs. Baby Shark and the signature tune by Pj Masks are among my “audience’s” favorites. Your most beloved role? Marilyn Monroe, whom I played in Love is blonde by Cristina Pezzoli, a revolutionary director who introduced me to a new way of acting. What does dancing mean to you? Dancing is an expression of the soul. When I want to express something I act, when words are not enough I sing, and when even singing is not enough, I dance. Please tell us something about Ellington. For many years, my partner Alessandro Casella and I performed in Broadway-like, forties-style musicals and so we finally decided to start our own club. It is a place where people can have dinner, drink cocktails and listen to good music. It is located in the Pigneto area, which is the new Via Veneto, where you can meet some truly amazing celebrities. Like the night Bill Murray, Wes Anderson and Edward Norton came.

Fin da bambina Vera Dragone ha respirato aria di spettacolo. Suo nonno era Vittorio De Seta, maestro del documentario neorealista, sposato con Vera Gherarducci, attrice di teatro che lavorò anche con Eduardo De Filippo, suo zio, Ivo Garrani, anche lui attore, così come il figlio. Una sorta di tradizione di famiglia. Nata e cresciuta a Catanzaro si è poi trasferita a Roma per studiare recitazione. Anche quest’anno è al fianco di Lillo nel musical School of Rock, nel ruolo di Rosalie Mullins, che le è valso il premio Persefone 2019. Nel 2020 la vedremo in due fiction Rai: Alberto di Luca Manfredi e Vite in fuga di Luca Ribuoli. Una vita in tournée la sua, tra recitazione, canto e danza. Come ci riesce? È il mio sogno da sempre. Il musical in questo è perfetto. In Italia è ancora un po’ snobbato, mentre all’estero è riconosciuto come la forma d’arte estremamente completa quale è, che mi permette di unire tutte e tre le mie passioni. A livello pratico, con un bambino di 3 anni, non è semplice, allo stesso tempo, però, la maternità ti aiuta a capire cosa è superfluo e su cosa invece vale la pena investire del tempo. Un artista che ammira? Una grande ispirazione, anche se non l’ho mai conosciuta, è mia nonna materna, di cui porto il nome. Ho letto i

49

ROMA

suoi diari e alcuni articoli che parlavano di lei. Era una bravissima attrice ed è un po’ il mio angelo custode. Nel canto va dalla lirica al jazz, passando per il tango argentino e lo swing. Ma cosa canta Vera mentre prepara la colazione la mattina? In questo momento della mia vita mi diletto in compilation di canzoni per bambini. Baby Shark e la sigla dei Pj Masks sono le più richieste dal mio ‘pubblico’. Il ruolo che più ha amato? Quello di Marylin Monroe, che ho interpretato in Love is blonde, di Cristina Pezzoli, una regista rivoluzionaria, con cui ho sperimentato un nuovo modo di recitare. Cos’è per lei la danza? La danza è un’espressione dell’anima. Quando voglio esprimere qualcosa recito, quando le parole non bastano più, canto e quando anche cantare non basta più, danzo. Ci racconti del suo Ellington. Io e il mio compagno, Alessandro Casella, da molti anni facciamo spettacoli di varietà stile musical di Broadway anni ’40 e finalmente ci siamo decisi ad aprire il nostro locale. È un luogo dove cenare, bere cocktail e rilassarsi ascoltando buona musica. La zona è il Pigneto, che ormai è la nuova via Veneto, dove si incontrato personaggi incredibili. Come la sera in cui sono venuti Bill Murray, Wes Anderson e Edward Norton.


ICON ANNIVERSARY

A REALIST VISIONARY

IN THE YEAR OF THE 100TH ANNIVERSARY OF FELLINI’S BIRTH, A TOUR OF THE GREAT DIRECTOR’S ROME NELL’ANNO DEL CENTENARIO DALLA NASCITA DI FELLINI, UN VIAGGIO NELLA ROMA DEL GRANDE REGISTA text Virginia Mammoli “I don’t want to prove anything, I just want to show”. This is the motto Federico Fellini, one of the greatest film directors of all time, lived and worked by his whole life. January 20 marks the 100th anniversary of Fellini’s birth, and such a significant anniversary cannot go unmarked. Rome, the Maestro’s city of adoption, the city he described over and over again in his films challenging cinema’s aesthetic cannons, will celebrate in grand style. His was a unique vision, mixing visionary and hyperrealist elements together, even grotesque and tragicomic now and then. Among Fellini’s first films, The White Sheik starring Alberto Sordi, and I Vitelloni, considered to be one of his masterpieces. International success, however, came with La strada, shot in 1954 and which won the Academy Award for Best Foreign Language Film in 1957, Fellini’s first Oscar-winning movie. In 1960, La dolce vita was awarded at the Cannes Film Festival and won the Nastro d’argento and David di Donatello prizes. And, just to mention a few more of Fel-

“Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare.” Così ha detto e così ha fatto, per tutta la vita, Federico Fellini, uno dei più grandi registi di sempre, di cui il 20 gennaio ricorrono i 100 anni dalla nascita. Un anniversario che non può certo passare sotto silenzio. Soprattutto a Roma, città di adozione del Maestro, che più e più volte l’ha raccontata nei suoi film, rivoluzionando i canoni estetici del cinema.Uno sguardo unico, il suo, tra l’onirico e l’iper realista, a tratti grottesco e tragicomico. Un linguaggio inedito, al punto che per lui fu coniato il termine “realismo magico”, poi sintetizzato in una sola parola: “felliniano”. Tra le prime pellicole, Lo sceicco bianco, con Alberto Sordi, e I vitelloni, per molti uno dei suoi capolavori. Il grande successo internazionale arrivò però con La strada, girato nel 1954 e per il quale, nel ’57 volò ad Hollywood a ritirare il suo primo Oscar, quello come miglior film straniero. Il 1960 è l’anno de La dolce vita, che trionfa a Cannes, vince il Nastro d’argento e il David di Donatello. Poi, per citarne alcuni, ci sono stati Le notti di Cabiria, 8½, Amarcord, tutti e tre premi Oscar, Roma, meta-film nel

50

ROMA


Federico Fellini is one of the greatest film directors of all time. Among his films, masterpieces like La dolce vita, I vitelloni, 8½ e Amarcord. (ŠTazio Secchiaroli/Photomovie)


Two scenes of La dolce vita Above: Anita Ekberg and Marcello Mastroianni into the waters of the Trevi Fountain Below: Via Veneto


ICON ANNIVERSARY

BORN IN RIMINI, IN 1920, ROME WAS HIS CITY OF ADOPTION NATO A RIMINI NEL 1920, ROMA È STATA LA SUA CITTÀ D’ADOZIONE lini’s films, Nights of Cabiria, 8½, Amarcord, which all won the Academy Award, Roma, a semi-autobiographical film in which Fellini played himself, and finally The Voice of the Moon, starring Benigni and Villaggio, Fellini’s so-called “spiritual testament”. On the occasion of the 100th anniversary of his birth, follow us on a tour of Federico Fellini’s most memorable locations in Rome, both professional and private. Let’s start from the most iconic scene of La dolce vita, the one in which Anita Ekberg, who plays the beautiful Sylvia, wades into the waters of the Trevi Fountain, inviting Marcello Rubini- Marcello Mastroianni to join her. Other famous locations in the film are Via Veneto, where all the socialites and celebrities of the time used to gather; Piazza del Popolo, where the air was filled with the scent of decadence of the class of intellectuals, artists, filmmakers, aristocrats and bourgeois; whereas for the scene in which Marcello and Sylvia dance and get to know one another, the Baths of Caracalla were recreated in a studio. Instead, in the Nights of Cabiria, the real Baths are the place where the sweet and naïve streetwalker Cabiria- played by Giulietta Masina, Fellini’s wife - and her “colleagues” wait for their clients, in contrast to the glamorous atmosphere surrounding Via Veneto’s prostitutes.

quale tra i personaggi c’è il regista stesso, fino a La voce della Luna, con Roberto Benigni e Paolo Villaggio, il suo “testamento spirituale”. In occasione del centenario ripercorriamo i luoghi più significati a Roma legati a Federico Fellini, come uomo e regista. Perché Fellini non ha fatto cinema, Fellini è il cinema. Partiamo dalla scena iconica de La dolce vita, quella che vede Anita Ekberg, nel ruolo della bella Sylvia, che entra nella Fontana di Trevi, invitando Marcello Mastroianni, alias Marcello Rubini, a seguirla. Altri affreschi rappresentativi di questa pellicola sono poi quello di via Veneto, la strada simbolo del film, dove in quel periodo si riunivano tutti i personaggi della mondanità; piazza del Popolo, dove si respirava la decadenza del ceto formato da intellettuali, artisti, cinematografari, aristocratici e borghesi; mentre è un’imitazione delle Terme di Caracalla, il locale dove i Sylvia e Marcello ballano, cominciando a conoscersi. Ne Le notti di Cabiria, le vere Terme sono invece il luogo dove l’ingenua e dolce prostituta Cabiria - interpretata da Giulietta Masina, moglie di Fellini - e le sue ‘colleghe’ restano in attesa dei clienti, in contrasto con l’atmosfera smagliante che circonda le escort d’alto bordo di via Veneto. La scena forse più celebre di Roma, in cui tra busti e pezzi di colonne romane svetta la prostituta divenuta l’emblema del film, si svolge nel Mausoleo di Cecilia Metella, che ricom-

53

ROMA


COVER STORY

The legendary Teatro 5, in Cinecittà, Fellini’s favorite set (ph. Valentina Stefanelli) 54

ROMA


AA ITINERARY

55

ROMA


ICON ANNIVERSARY

AMONG THE EVENTS TO CELEBRATE THE ANNIVERSARY, THE TRAVELLING EXHIBITION FELLINI 100 GENIO IMMORTALE, AT ROME’S PALAZZO VENEZIA IN APRIL 2020 Roma’s most famous scene, the one in which a prostitute rises amidst busts and pieces of columns, takes place in the Tomb of Caecilia Metella, which can be seen also in the long shot on the motorway leading into Rome, whose chaotic traffic ends at the Colosseum, visible again in the final sequence of the film, with a procession of motorcyclists speeding past the city’s principal monuments from Castel Sant’Angelo. Roma’s filming locations include Piazza di Spagna, where a group of hippies scatters across the Spanish Steps; the Termini train station, where the adventure of the young Fellini begins; Foro Italico and the Trastevere neighborhood. Piazza Santa Maria in Trastevere is the background of the scene in Woody Allen’s To Rome with love based on The White Sheik. The two young newlyweds in Fellini’s film - Oscar (Leopoldo Trieste) and Wanda (Brunella Bovo) - arrive in Rome and stay at Albergo Tre Fiori, on Via Sistina, which was actually Hotel Ginevra on Via della Vite. However, the film’s most significant shooting location is Via 24 Maggio, where Wanda is supposed to secretly meet with the soap opera photo strip star she is obsessed with, the Sheik (Alberto Sordi). The film’s final sequence takes place in Piazza San Pietro, where Oscar and Wanda reconcile. Not many are aware of this, but Fellini chose

pare anche nella lunga ripresa del raccordo anulare, che poi culmina al Colosseo, maestosa scenografia anche della corsa motociclistica notturna, partita da Castel Sant’Angelo, con cui si conclude la pellicola. Con il Castello e il Colosseo, nelle scene di Roma, anche Piazza di Spagna, con un gruppo di hippies che si sparpaglia sulla scalinata di Trinità dei Monti; la Stazione Termini, dove ha inizio l’avventura del giovane Fellini; il Foro Italico e il quartiere di Trastevere, sfondo anche della folklorista canzone romana Ma che ce frega, ma che ce ‘mporta. In piazza Santa Maria in Trastevere anche la scena omaggiata da Woody Allen in To Rome with love de Lo sceicco bianco. Nella storia i due sposini protagonisti del film, Oscar (Leopoldo Trieste) e Wanda (Brunella Bovo), appena arrivati a Roma vanno nell’Albergo Tre Fiori, in via Sistina, il cui interno fu girato in realtà nell’Hotel Ginevra di via della Vite. Il luogo però forse più importante è via 24 Maggio, dove si trova lo studio in cui Wanda dovrebbe incontrare, di nascosto dal marito, l’eroe dei fotoromanzi che tanto l’appassionano, lo sceicco del titolo (Alberto Sordi). Il film termina poi in piazza San Pietro teatro della riconciliazione di Oscar e Wanda, dopo il tentativo di quest’ultima di togliersi la vita gettandosi in un magro Tevere all’altezza di Castel Sant’Angelo. Non in molti lo sanno, perché accade in uno dei suoi lavori meno conosciuti, ma anche l’Eur, quartiere

56

ROMA


aaa

Above: Giulietta Masina, Fellini’s wife, in Nights of Cabiria Below Alberto Sordi in The White Sheik, and another scene of the film, in Piazza di Campitelli


2 1

1

4

1. Fellin’s house on Via Margutta, a fact acknowledged by a plaque on the building’s façade 2. Bar Canova on Piazza del Popolo, the film director’s favorite café 3. Tomb of Caecilia Metella 4. The famous Venusia head 5. Piazza di Spagna 6. Harry’s Bar Roma on Via Veneto (ph. Valentina Stefanelli) 3

6

5


ICON ANNIVERSARY

THE FILM DIRECTOR WHO CHANGED CINEMA’S AESTHETIC CANNONS IL REGISTA CHE HA RIVOLUZIONATO I CANONI ESTETICI DEL CINEMA the setting of the EUR neighborhood, which he was very fond of, for one of his lesser-known films: Le tentazioni del Dottor Antonio, the second episode of Boccaccio ’70. Now let’s leave Fellini’s filming locations to visit the places of his life. First of all, speaking of cinema, the Cinecittà studios where, by going on the Cinecittà si Mostra tour, visitors can see the legendary Teatro 5, Fellini’s favorite set, and the famous Venusia head, a sculpture created for Fellini’s Casanova, as well as a room entirely dedicated to Fellini, including filmed sequences, original costumes, sketches and photos. In Rome, Fellini lived in an apartment on Via Margutta, a fact acknowledged by a plaque on the building’s façade. His studio was on Corso Italia and his three favorite restaurants were: Cesarina on Via Piemonte, where Fellini held the launching of La dolce vita as payback for the many free meals he had enjoyed as a young man; Al 59, on Via Brunetti 59 serving also Emilian cuisine, including Tortellini del Maestro, paired with a glass of whiskey as Fellini used to do; and Dal Toscano on Via Germanico, bestknown for its barbecued meat. Our final stop is at Bar Canova on Piazza del Popolo, the film director’s favorite café in Rome. Inside, there is a wall dedicated to Fellini, covered with his sketches, drawings and photos.

che il regista amava molto, compare in un suo film: Le tentazioni del Dottor Antonio, secondo dei quattro episodio di Boccaccio ’70. Ma usciamo adesso dai luoghi impressi nelle sue pellicole a quelli della sua vita. Primo, continuando a parlare di cinema, naturalmente è Cinecittà, che, grazie all’itinerario di Cinecittà si Mostra, permette di conoscere la figura del Maestro, passando a fianco del leggendario Teatro 5, suo set prediletto, e della famosa testa della Venusia, scultura creata per Il Casanova di Federico Fellini, ma anche attraverso una sala interamente dedicata a Fellini, con filmati inediti, costumi originali, disegni e foto. C’è poi la sua casa, in via Margutta 110, con la targa che ricorda lui e la moglie; il suo studio in Corso Italia e i suoi tre ristoranti preferiti in centro: la Cesarina di via Piemonte, dove Fellini, per ricambiare l’ospitalità e i tanti pasti offerti quando ancora era un ragazzo, organizzò il lancio de La dolce vita; Al 59, che la stessa Cesarina aprì poi in via Brunetti 59, portando anche lì la cucina emiliana, comprese variazioni sul tema come i Tortellini del Maestro, serviti con un bicchierino di whisky, come amava fare Fellini e Dal Toscano di via Germanico, in Prati, rinomato soprattutto per la carne alla brace. Infine, il Bar Canova in piazza del Popolo, di cui il regista era un habitué e dove si può ammirare una parete di foto e disegni dedicata proprio a Fellini.

59

ROMA


Above: Alda Fendi. With the Esperimenti Foundation, she fulfilled her dream of investing in beauty and art


ART ITINERARY

ART IS A DREAM, ART IS A FEELING

ALDA FENDI’S DECLARATION OF LOVE TO ROME WITH THE ESPERIMENTI FOUNDATION CON LA FONDAZIONE ESPERIMENTI ALDA FENDI DICHIARA A ROMA IL SUO AMORE text Antonia Ruggiero

Investing in beauty is a dream that Alda Fendi has fulfilled in her beloved Rome through the Esperimenti Foundation. The name is emblematic of the Foundation’s mission: experimentation with and contamination between painting, photography, cinema and theatre, because all forms of art are intertwined and connected. “Experimentation is at the core of the Foundation’s activities - explains Alda Fendi -. The first experiment, in 2001, was the recovery of the apse and colonnade of the Basilica Ulpia in the Forum of Trajan. A very important archeological experiment, which required three years of works that brought back to light a wonderful colored-marble 400-square-meter flooring, from yellow to green. In 2005, we began experimenting with theatre: eleven years of multimedia theatre, avant-garde theatre, which I would describe as the theatre of the future, consisting only in music and images, without words, which led to the production of eleven shows held at the Imperial Fora.” The latest experiment, based on an idea by Raffaele Curi, the Foundation’s versatile artistic director, revolves around the literary and artistic surrealist movement. An exhibition showing until December 14 and devoted to photographer Man Ray and famous Spanish film director Luis Bunuel. “Raffaele Curi and I are very much attuned to each other, we draw inspiration from the past to look at the contemporary world. We appreciate surrealism’s freedom: as much as it may be troubled, an artist’s life must be lived freely, selfconsciously.” Like an art-house cinema, the Foundation has several movie theatres where one can watch the uncut version of five films by Buñuel, including Un chien andalou, whose script, speaking of contamination, was written by Salvador Dalì. In the famous eye scene, considered to be surrealism’s manifesto, Buñuel invited viewers to open their eyes and change their way of looking at reality. A vision not too different from that of Alda Fendi, who was recently decorated with the Legion of Honour and is determined to make art more democratically available.

Investire sulla bellezza è un sogno da inseguire che Alda Fendi ha pienamente realizzato, nella sua amata Roma, con la Fondazione Esperimenti. Il nome è emblematico: esperimenti ma anche le contaminazioni tra pittura, fotografia, cinema, teatro sono al centro della ricerca della fondazione, perché le diverse forme d’arte sono intessute di relazioni e legami. “L’anima della Fondazione sono gli esperimenti - ci spiega Alda Fendi -. Il primo, nel 2001, è stato il ritrovamento dell’abside e del colonnato della Basilica Ulpia, al Foro Traiano. Un esperimento di archeologia molto importante cui abbiamo dedicato tre anni di lavoro che hanno riportato alla luce 400 mq di pavimentazione di meravigliosi marmi colorati, dal giallo antico, al verde africano. Poi, nel 2005, sono iniziati gli esperimenti teatrali: undici anni di teatro multimediale che è un teatro d’avanguardia, che definirei il teatro del futuro, fatto solo di musica e immagini, senza parole, che ha dato vita ad un grande allestimento di undici spettacoli nei Fori imperiali.” L’ultimo esperimento, da un’idea di Raffaele Curi, eclettico Direttore artistico della Fondazione, riguarda il movimento letterario e artistico del surrealismo. Un allestimento presente fino al 14 dicembre dedicato al fotografo Man Ray ed al celebre regista spagnolo Luis Bunuel. “Con Raffaele Curi siamo in grande sintonia, ci ispiriamo al passato per pensare al contemporaneo. Del surrealismo ci piaceva la libertà: un artista deve vivere una vita anche tormentata ma completamente propria, libera, in piena coscienza di sé.” Come in un cinema d’essai, nelle diverse sale della Fondazione è possibile assistere alla proiezione integrale di cinque film di Buñuel, tra i quali Un chien andalou che, a proposito di contaminazioni, ha come autore della sceneggiatura Salvador Dalì. Nella famosa scena dell’occhio, considerata manifesto del surrealismo, Buñuel invitava lo spettatore ad aprire gli occhi, cambiare modo di guardare la realtà. Un invito non molto diverso da quello di Alda Fendi, recentemente insignita della Legion d’Onore e decisa a rendere l’arte fruibile in modo democratico. “La Fondazione è nata, oltre che per lasciare un’eredità alle

61

ROMA


ART ITINEARARY

THE FOUNDATION IS HOUSED IN PALAZZO VELABRO, DESIGNED BY JEAN NOUVEL SEDE DELLA FONDAZIONE È IL PALAZZO VELABRO, PROGETTATO DA JEAN NOUVEL “The Foundation was established mostly to pay a tribute to Italy and Rome, by promoting art and culture, besides being a legacy I will provide my children and grandchildren with. Since 2001, all the events and exhibitions held at the Foundation have been admission-free. The Foundation’s philosophy is that art belongs to people, all people, and it is an instrument of cultural growth.” Art cannot be explained through reasoning, it is an instinctive feeling. “No didactic reasoning, no apathetic tricks”, Lacan said. And Breton, the founder of surrealism, was greatly influenced by psychoanalysis and by Freud’s The Interpretation of Dreams. “To me, art is a dream that begins with the Basilica Ulpia and continues with the Arch of Janus which I asked photography director Vittorio Storaro to illuminate. And speaking of cinema, the Foundation’s symbol is a rhino, a work inspired by Federico Fellini’s film And the Ship Sails On, made by Buzzanca, the same artist who created it for the film, who was recently awarded the Compasso d’oro prize.” The Foundation is housed in Palazzo Velabro, a building designed by the great French architect Jean Nouvel. “In 2014, we decided we needed a head office and we entrusted the design of the building on Via dei Cerchi to Jean Nouvel, although it took us three years because of typical Italian bureaucratic delays. Jean Nouvel’s design of the building has set the Foundation in the international spotlight. He himself said that he considers this building to be one of his most important works so far, because any architect in the world dreams of creating, at least once in a lifetime, a work in Rome which, though so ill-treated, is still seen as the world’s most important city.” As a matter of fact, by walking through the different rooms of Palazzo Rhinoceros, we reached the terrace that afforded the view of a beautiful glaringly bright Roman sky: the exhibition’s grand finale, the last work of art one’s eyes rest on. Even though it is not technically the last work of art. From December 14, 2019 to March 10, 2020, the Rhinoceros Gallery will be housing the painting by El Greco Saint Peter and Saint Paul. “The exhibition is the second event resulting from the threeyear collaboration between Fondazione Alda Fendi – Esperimenti and the State Hermitage Museum of Saint Petersburg. This collaboration is designed to strengthen the cultural relations between Italy and Russia through the showcasing of masterworks on loan from the famous Russian museum. The Foundation has chosen to make the admission free, in the symbolic and tangible effort to promote culture as heritage of the whole community.”

mie figlie e ai miei nipoti, soprattutto per fare un omaggio all’Italia e a Roma, promuovendo l’arte e la cultura. Dal 2001 ad oggi tutti gli eventi e le mostre realizzati sono sempre stati ad ingresso gratuito. La filosofia della Fondazione è che l’arte deve essere un bene della gente e uno strumento di crescita culturale”. L’arte non si può spiegare con ragionamenti, è un sentimento istintivo. “Niente raziocinio didascalico, nè artifici qualunquistici” diceva Lacan. D’altronde Breton, ideatore del surrealismo, fu influenzato proprio dalla psicanalisi e dalla lettura de L’interpretazione dei sogni di Freud. “Per me l’arte è un sogno cominciato con la Basilica Ulpia, e proseguito fino all’Arco di Giano che ho fatto illuminare dal direttore della fotografia Vittorio Storaro. E, a proposito di cinema, simbolo della Fondazione è un rinoceronte, opera ispirata al film di Federico Fellini E la nave va, realizzata infatti da Buzzanca lo stesso artista che lo ideò per il film, tra l’altro, recentemente premiata con il Compasso d’oro.” Sede delle proposte e delle sperimentazioni artistiche e culturali della Fondazione è il Palazzo Velabro, progettato dal grande architetto francese Jean Nouvel. “Nel 2014, è nata l’idea di avere una sede, così abbiamo affidato il progetto del palazzo in via dei Cerchi a Jean Nouvel, anche se abbiamo impiegato tre anni a causa della lunghissima burocrazia italiana. La realizzazione ad opera di Jean Nouvel ha dato un interesse internazionale alla Fondazione. Lui stesso ha dichiarato che considera questo lavoro uno dei più importanti che ha fatto, poiché tutti gli architetti del mondo vorrebbero, almeno una volta nella vita, poter realizzare un’opera a Roma che, così tanto trattata male, è considerata pur sempre la città più importante del mondo.” In effetti, attraversando i diversi spazi del Palazzo Rhinocerons, si giunge, infine, alla terrazza che spalanca alla vista una bellissima serata in cui Roma mette in scena uno spettacolo fatto di luce e di cielo: un’immagine che resta negli occhi come l’ultima opera d’arte a cui assistere. Anche se non è affatto l’ultima. Fino al 10 marzo 2020 sarà esposta presso gli spazi di Rhinoceros gallery l’opera di El Greco Santi Pietro e Paolo. “L’esposizione segna il secondo appuntamento di un accordo di collaborazione triennale tra la Fondazione Alda Fendi - Esperimenti e il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo. Questo prestigioso accordo nasce dal desiderio di incrementare i rapporti culturali tra l’Italia e la Russia, tramite l’esposizione di capolavori provenienti dal celebre museo russo.”

62

ROMA


The interiors of the Fendi Foundation. The Foundation’s symbol is a rhino, a work inspired by Federico Fellini’s film


It’s just a skirt SPRING/SUMMER 2020

MARTA INNOCENTI CIULLI PH. FEDERICA FIORI MAKE UP AND AIR ROSSANA LUZZI


GUCCI WRAPOVER SKIRT AND FRINGED JACKET OVER A SILK BLOUSE EYEWEAR, STOCKINGS, SHOES, HATBOX BY GUCCI in the previous page: PRADA CRINKLED DENIM SKIRT PAIRED WITH A LONG, EMBROIDERED T-SHIRT SCARF, BAG AND SHOES BY PRADA


VIVETTA FLARED SKIRT OPEN AT THE FRONT AND PEPLUM BLOUSE SANDALS VIVETTA SOCKS PRADA


FENDI LOOSELY-PLEATED SKIRT, SMALL TURTLENECK PULLOVER AND DUSTER WITH LAVALIERE COLLAR, ZIPPED SLEEVES


EMPORIO ARMANI FULL MIDISKIRT PAIRED WITH ELBOW-LENGTH SLEEVED BLOUSE SHOES CONVERSE X LUISAVIAROMA


LOUIS VUITTON WRAP-AROUND SKIRT IN HEAVY-WEIGHT FABRIC, RADIAL PULLOVER WITH ZIP AT FRONT SANDALS LOUIS VUITTON


ERMANNO SCERVINO BLACK-AND-WHITE PATTERNED BELOW-THE-KNEE, NAPA JACKET WITH POCKETS WITH STITCHING DETAILS SHOES CONVERSE X LUISAVIAROMA


DOLCE&GABBANA TULLE FLARED SKIRT WITH SMALL PULLOVER AND DAMASK PERFECTO JACKET SHOES ROGER VIVIER X LUISAVIAROMA


MIU MIU PATCHWORK SUEDE MINISKIRT WITH SILK BLOUSE AND HOUND’S TOOTH JACKET WITH BOLD SHOULDERS SHOES AND SOCKS MIU MIU


VERSACE SILK WRAPOVER SKIRT WITH ASYMMETRIC HEMLINE AND BLOUSE WITH SHOULDER PADS


CHRISTIAN DIOR BAR JACKET WITH TRIMMED SLEEVES AND FULL STRAW SKIRT KITTEN HEELS CHRISTIAN DIOR RINGS CHRISTIAN DIOR


MARNI LEATHER SKIRT WITH PATCH POCKETS AND FLORAL TOP SHOES ROGER VIVIER X LUISAVIAROMA


JEWELS MUST

2. 3.

1.

GOLDEN DREAMS 1. Chanel - piazza di Spagna, 85 2. Alta Gioielleria Giorgio Armani - via dei Condotti, 77 3. Tiffany & Co. - via del Babuino, 118 4. Pomellato - piazza di San Lorenzo in Lucina, 38 5. Dolce&Gabbana - piazza di Spagna, 94/95/96 6. Cartier - via dei Condotti, 83 7. Bulgari - via dei Condotti, 10 8. Chantecler - at Angeletti

4.

5.

8.

6. 7.

76

ROMA


SHOES MUST

3.

2.

1.

HEELS FROM PARADISE 1. Hermès - via Bocca di Leone, 23/27 2. Prada - via dei Condotti, 89 3. Marni - via del Babuino, 75 4. Miu Miu - via del Babuino, 91 5. Dolce&Gabbana - piazza di Spagna, 94/95/96 6. Chanel - piazza di Spagna, 85 7. Gucci - via dei Condotti, 8 8. Louis Vuitton - via dei Condotti, 13

4.

6.

5.

8. 7.

77

ROMA


TREND MUST

1. 2.

3.

(PRE) SPRING REVIEW 1. Prada - via dei Condotti, 89 2. Emilio Pucci - piazza di Spagna, 87 3. Coach - coach.com 4. Jil Sander - at Tower Boutique 5. Chanel - piazza di Spagna, 85 6. Marni - via del Babuino, 75 7. Rimowa - Marni - piazza di Spagna, 41 8. Eres Lingerie - via del Babuino, 65

5.

4.

8.

6.

7.

78

ROMA


FOR HIM MUST

2.

LOOKING BEYOND

1.

4.

3.

1. Prada- via dei Condotti 88/90 2. Gucci - via dei Condotti, 8 3. Davide Cenci - Christian Dior - via dei Condotti, 1/4 4. Loewe - piazza di Spagna, 88 5. Marni - via del Babuino, 75 6. Louis Vuitton - via dei Condotti, 13 7. Dan - via Francesco Crispi, 60/62 8. Tod’s - via dei Condotti, 53a

5.

8.

6. 7.

79

ROMA


FASHION STORY

HIGH FLIGHT

EMPORIO ARMANI. DEMOCRATIC FASHION BY A LIVING LEGEND LA MODA DEMOCRATICA DELL’UOMO PIÙ AMMIRATO DEL MONDO text Marta Innocenti Ciulli Giorgio Armani talks, the world listens. Few are those who have had as much influence over the fashion industry as he still does, after forty-four years, since the launching of the first Giorgio Armani collection in 1975. Needless to say, success came with his suits and jackets, the signature pieces of the Armani universe (the jacket worn by Richard Gere in American Gigolo blew open the gates of Hollywood for him), and by realizing that in those years women were anxious to work their

designs. Why “Emporio”? Because the word evoked a sense of gathering together, a concept of democratic fashion, a place where you could find clothing and accessories, tips and ideas to dress from head to toe on a more reasonable budget, and it was far ahead of its time. The first Emporio Armani collections included a lot of denim and no fashion designer had ever even thought of using such a working-class fabric before. The brand’s logo was an eagle which “was created by chance, by scribbling on

Quando Giorgio Armani parla, il mondo ascolta. Pochi hanno influenzato la moda come lui fa da ben quarantaquattro anni, sin da quando iniziò con la collezione Giorgio Armani nel 1975. Inutile ricordare che la celebrità arrivò con i tailleur, con le giacche, capo iconico dell’universo Armani (quella di Richard Gere in American Gigolo gli aprì le porte di Hollywood e il cuore dell’America), e per aver intuito che le donne di quegli anni erano impazienti di far carriera senza assomigliare agli uomini.

attrattiva. Perché Emporio? Perché già da sé rimanda a un luogo di incontro, un concetto di moda democratica dove si possono trovare capi e accessori, dove ci si può vestire dalla testa ai piedi; un contenitore di abbigliamento a un prezzo giusto in grande anticipo sui tempi. All’epoca le collezioni proponevano molto denim e nessuno stilista di quei tempi aveva mai pensato a usare un tessuto così proletario. Un aquilotto come simbolo, che “nasce per caso disegnato al telefono su un foglio bianco.”

Presto le sue sfilate saranno le più attese. La lungimiranza, le intuizioni, quella capacità di cogliere un sentimento, un’impressione fra mille che si affollano nel quotidiano, non ha sosta. Precocissima, rispetto al diffondersi delle seconde linee delle grandi maison, nel 1981 nasce Emporio Armani. Sarà il pubblico, potenzialmente molto vasto dei giovani e non lo stesso del prêt-à-porter, il consumatore, purché la proposta avesse un prezzo accessibile senza nulla togliere alla sua

Senza troppo pensare, quello schizzo riflette lo stato d’animo di quel preciso momento, e con il tempo avrebbe avuto il significato di irraggiungibilità, di potenza e libertà per più generazioni. “Furono in molti a sorprendersi allora e a sconsigliarmi di tentare l’impresa, racconta Giorgio Armani, perché temevano che il marchio ne avrebbe risentito, ma per fortuna si sbagliavano”. La strategia di comunicazione fu altrettanto dirompente. Gigantesche affissioni, mai

THE WORD ‘EMPORIO’ EVOKED A SENSE OF GATHERING TOGETHER, A CONCEPT OF DEMOCRATIC FASHION way up the ladder without mimicking male dress codes. His fashion shows soon became the must-see ones. Armani’s far-sightedness, his instinct, his skill in capturing a feeling or a mood among the many of everyday life, never failed him. In 1981, he started his second brand, Emporio Armani, far ahead of the other great fashion houses. The brand was targeted at the young professional segment, for it provided just as fashionable and contemporary but less expensive

a notepad while talking on the phone, just like everybody does”. Without putting too much thought into it, that scribble reflected Armani’s mood at that precise moment and, over time, it would take on the meaning of unattainableness, power and freedom for several generations. “Many people were surprised and advised me against venturing into this new project- Giorgio Armani says- because they were afraid that the brand would have been negatively affected by it but, luckily

80

ROMA


#Emporium is the Emporio Armani’s latest project: small objects from sports to stationary, from travelling to high-tech, including everyday accessories and pet supplies


This page: #Emporium - stationary Right page: #Emporium - sport aaa


enough, they were wrong”. The communication strategy was quite senstational as well. Huge billboards, as never seen before, became an integral feature of Milan’s landscape in those years, it was 1984. Like graffiti, they covered the wall of Via Broletto. They were bigsized because designed to reach out to a wider urban audience, to people living in a city where everything happens and everything changes quickly. In 1989, the first Emporio Armani Magazine was published. It was a glossy six-monthly magazine, in a large print format, full of pictures and texts, a precursor to today’s very popular experimental publications. The magazine’s international scope and its representation of the global concept of the Emporio Armani lifestyle made it unique of its kind and even a collector’s item.

Today, the shop at 140 Via del Babuino in Rome showcases the 2020 S/S collection, amidst warm and bright interiors. The collection features a sporty look, with soft silhouettes, looser-fitting pants, unstructured jackets in very ductile fabrics. #Emporium is the fashion house’s latest project: small objects from sports to stationary, from travelling to high-tech, including everyday accessories and pet supplies. #Emporium embodies Emporio Armani’s dynamic spirit, but in brighter, more energizing colors. The line is based on the collaboration with well-known top-quality brands: Momo Design for helmets, Bic for pens, Polaroid for cameras, Wilson for golf and basket balls, and everthing under the wing of Emporio Armani’s eagle.

osate prima, diventarono parte del paesaggio della Milano di quegli anni, era il 1984. Come graffiti riempivano il muro di via Broletto; si rivolgevano al grande pubblico e giocavano tutto sulle dimensioni, scegliendo come teatro la metropoli, spazio dove tutto avviene e tutto cambia velocemente. Nel 1989 viene anche edito l’Emporio Armani Magazine, un semestrale di grandi dimensioni, pieno di immagini e ricco di contenuti, che anticipava le forme editoriali di tipo sperimentale oggi assai diffuse. Il carattere di internazionalità e l’espressione di lifestyle Emporio Armani a trecentosessanta gradi, lo rendeva unico nel suo genere tanto da diventare oggetto da collezione. Oggi, nel negozio di Roma in via del Babuino 140, c’è la collezione p/e 2020, ha toni caldi, resi lumino-

83

ROMA

si dalle superfici lucide e brillanti. Le forme hanno un richiamo al mondo dello sport e le silhouette sono morbide, i pantaloni più larghi, le giacche destrutturate usano tessuti molto duttili. #Emporium, è l’ultimo progetto nato: piccoli oggetti che vanno dallo sport alla cancelleria, dal travel al tech, fino agli accessori di uso quotidiano e a quelli dedicati agli animali domestici. #Emporium racchiude lo spirito più dinamico di Emporio Armani, ma è animata da colori forti di pura energia. Numerose le collaborazioni con grandi marchi del settore che ne garantiscono la miglore qualità: per i caschi Momo Design, Bic per le penne, Polaroid per le macchine fotografiche, Wilson per palline da golf e palle da basket, tutto sotto il segno dell’aquila di Emporio Armani.


One of the halls of the forge of wonders, the set design laboratory of the Teatro dell’Opera 84

ROMA


COVER STORY

WHERE IMAGINATION BECOMES POSSIBLE DIRECTOR OF SCENIC CONSTRUCTION MICHELE DELLA CIOPPA REVEALS THE SECRETS OF THE SET DESIGN LABORATORY OF THE TEATRO DELL’OPERA IN ROME IL DIRETTORE DEGLI ALLESTIMENTI SCENICI MICHELE DELLA CIOPPA CI SVELA SEGRETI DEL LABORATORIO DELLE SCENOGRAFIE DEL TEATRO DELL’OPERA DI ROMA text Fabrizia Prota photo Valentina Stefanelli

85

ROMA


CULTURE THEATRE

IT IS HERE THAT FROM THE 1930S ON, THE SCENERY OF ONE OF THE MOST PRESTIGIOUS THEATERS IN THE WORLD HAS BEEN CREATED È QUI CHE DAGLI ANNI ‘30 NASCONO LE SCENOGRAFIE DI UNO DEI TEATRI PIÙ PRESTIGIOSI AL MONDO An authentic forge of wonders that, with hammers and nails, glue and paint, gives life to infinite worlds and representations. It is the set design laboratory of the Teatro dell’Opera in Rome, next to Via dei Cerchi. It is here, in the former Pantanella pasta factory, in front of the Circus Maximus (right next to the Mouth of Truth), that from the 1930s on, the scenery of one of the most prestigious theaters in the world has been created, a perfect synthesis of craftsmanship, technique and art. And it was here that we met Michele Della Cioppa, director of scenic construction. I started out as an assistant set designer,” said Della Cioppa, “for many years, alongside Mauro Carosi. Then I started working as a set designer and my career led me, in 1996, to the Teatro dell’Opera in Rome, managing scenic construction, of which I became director in 2015. I’ve been working here for 23 years now.” The construction workshop he directs is headed by Luigi Marani, with whom Marcello Francucci collaborates, while for what is more properly referred to as set design, the memory of Maurizio Varamo is still vivid; his successor is Danilo Mancini, assisted by Silvia Tarchioni, Francesca Scala and Alessandro Nico. “The director of scenic construction in a theatre takes care of the production of all the visual components of the show: set design, costumes and lights, explained the director. It is a matter of coordinating, organizing and providing for the realization of the representation starting from the relationship with the set designers of the individual shows hosted in the theatre. The scenographer has the task of conceiving the scene in his mind, then he turns to us to make real and tangible what he has imagined: we make imagination possible. Moreover, in an opera the scenes are often not single, but multiple. And this makes the work of those who create them even more difficult, also because you have to take into account the most delicate moment: the scene changes. “For The Bassarids by Hans Werner Henze [staged in November 2015, directed by Mario Martone], for example, the scene was transformed through various “visible” passages during the one act - recalled Della Cioppa - a mirror backdrop that tilted or parts that collapsed simulating the ground caving in. Staged in this way, they are very complicated to realize, because everything happens before the eyes of the public and in time with the music. But it is not easy even when there is a change of scenery at every act, with the curtain closed, as for Tosca: you have to study all the expedients for optimizing the timing, because you have to change everything, but you have to do it fast.” Once the project prepared by the scenic construction director

Un’autentica fucina delle meraviglie che, a colpi di martello e chiodi, colla e colori, dà vita a infiniti mondi e rappresentazioni. È il laboratorio delle scenografie del Teatro dell’Opera di Roma, accanto a via dei Cerchi. È qui, nell’ex pastificio Pantanella, di fronte al Circo Massimo (proprio accanto alla Bocca della Verità), che dagli anni ‘30 nascono le scenografie di uno dei teatri più prestigiosi al mondo, sintesi perfetta di artigianato, tecnica e arte. Ed è qui che abbiamo incontrato Michele Della Cioppa, direttore degli allestimenti scenici. “Ho iniziato come assistente scenografo - racconta Della Cioppa -, per tanti anni al fianco di Mauro Carosi. Poi ho cominciato a lavorare come scenografo e il mio percorso mi ha portato, nel ‘96, al Teatro dell’Opera di Roma, nella direzione degli allestimenti scenici, di cui sono diventato direttore nel 2015. Sono 23 anni che lavoro qui.” Il laboratorio di costruzioni che guida ha a capo Luigi Marani, con cui collabora Marcello Francucci, mentre per la parte scenografica più propriamente detta è vivo il ricordo di Maurizio Varamo, il cui successore è Danilo Mancini, affiancato da Silvia Tarchioni, Francesca Scala e Alessandro Nico. “La direzione degli allestimenti scenici in un teatro si occupa della produzione di tutte le componenti visive dello spettacolo: scenografia, costumi e luci - spiega il direttore -. Si tratta di coordinare, organizzare e provvedere alla realizzazione degli allestimenti partendo dal rapporto con i creatori dei singoli spettacoli ospitati in teatro. Lo scenografo ha il compito di concepire la scena, poi si rivolge a noi per rendere reale e tangibile quello che ha immaginato: noi rendiamo la fantasia possibile.” In un’opera inoltre le scene spesso non sono singole ma molteplici. E questo rende il lavoro di chi le realizza ancora più difficile. Anche perché bisogna tenere conto del momento più delicato: i cambi di scena. “Per The Bassarids di Hans Werner Henze (in scena nel novembre 2015, con la regia di Mario Martone ndr), ad esempio, la scena si trasformava tramite vari passaggi ‘a vista’ durante l’atto unico - ricorda Della Cioppa -: un fondale a specchio che si inclinava o delle parti che sprofondavano simulando crolli del suolo. Messe in scena così sono molto complicate da realizzare, perché tutto avviene sotto gli occhi del pubblico e a tempo di musica. Ma non è semplice nemmeno quando c’è un cambio di scena a ogni atto, a sipario chiuso, come per la Tosca: bisogna studiare tutti gli espedienti per ottimizzare i tempi, perché va modificato tutto ma rapidamente.” Una volta approvato il progetto da parte della direzione allestimenti scenici, in un dialogo continuo con regista e scenografo,

86

ROMA


Two of the halls where the members of the carpenter’s workshop create the sets


Above: A portrait of Michele Della Cioppa In the others photos the men and the women that create the set of the Opera: scenographers, preparers, seamstresses and scenic artists


“Each man finds solutions to ever new problems”, explains Della Cioppa has been approved in a continuous dialogue with the director and scenographer, the “operational” phase is moved on to the laboratories. Here, 6 scenographers, 6 preparers (who prepare supports and materials), 2 seamstresses (who sew the canvases), the scenic artists (who paint the scenery) and the members of the carpenter’s workshop create the actual sets. “Everything is made to measure, starting from scratch - explained Della Cioppa -, from the wooden planks, from which the various formats of wooden cantinella (the basic element of traditional set building) are created, to the earth pigments for making the colors. We don’t do a standardized job, and that’s exactly what’s great about it: finding solutions to ever new problems.” “Today’s sets are for the most part based on the interpretation of the scenographer or the director and therefore more closely related to each individual staging than in the past, when they were more based on realism – he revealed. So it is very difficult to reuse the same elements for different shows. Before, there were standard settings, such as a forest, which could be used several times. Not now. What is reused most often are the basic structures, such as the skeleton of a tower, and the props, that is, the furniture and objects. “Sometimes it is enough to change the color of an object or the upholstery of a piece of furniture to make it fit in with the climate of the scene.” When we met Della Cioppa, the laboratories were busy with the realization of the sets designed by Richard Peduzzi for Les Vepres Siciliennes and Denis Krief’s I Capuleti e i Montecchi. And the most important challenge of the season is the Turandot of Ai Weiwei, the famous Chinese artist and dissident, who for the first time will try his hand at theatre direction. Big visual surprises are expected, but the scenery is top secret.

si passa alla fase “operativa” nei laboratori. Qui preparatori (che predispongono supporti e materiali) sarte (che cuciono le tele), scenografi realizzatori (che dipingono le scene) e i membri della falegnameria realizzano le scenografie vere e proprie. “Tutto viene fatto su misura, partendo da zero - spiega Della Cioppa -: dalle tavole di legno, da cui vengono creati i vari formati di ‘cantinella’ (l’elemento base della scenografia tradizionale), alle terre per fare i colori. Non facciamo un lavoro standardizzato: questa è sì una fabbrica di spettacolo, ma molto particolare, perché ogni volta realizziamo una cosa diversa. Ed è proprio questo il bello: trovare soluzioni a problemi sempre nuovi.” Un lavoro molto creativo dunque quello di chi realizza le scenografie. Anche perché ogni volta si riparte da capo. “Le scenografie di oggi sono basate molto sull’interpretazione dello scenografo o regista e perciò più legate alla singola messa in scena rispetto al passato, quando erano più improntate al realismo - rivela il Direttore -. Perciò è molto difficile riutilizzare gli stessi elementi per spettacoli diversi.” Ciò che viene riutilizzato più spesso sono invece le strutture di base, come ad esempio lo scheletro di una costruzione, e l’attrezzeria, cioè gli elementi d’arredamento e gli oggetti. “A volte basta cambiare il colore di un oggetto o la tappezzeria di un mobile per farlo aderire al clima della scena.” Quando incontriamo Della Cioppa i laboratori sono impegnati nella realizzazione delle scenografie di Richard Peduzzi per Les Vepres Siciliennes e Capuleti e Montecchi di Denis Krief. Una delle sfide più importanti della stagione è la Turandot di Ai Weiwei, il noto artista e dissidente cinese, che per la prima volta si cimenta nella regia teatrale. Si preannunciano grandi sorprese a livello visivo, ma l’allestimento è top secret.

89

ROMA


ART EXHIBITIONS

VISIONARY, BUT NOT TO EXCESS THE GREAT ARTISTS FEATURING IN THE FIRST EXHIBITIONS OF 2020 GLI ARTISTI PROTAGONISTI DELLE MOSTRE DEL PRIMO SPICCHIO DEL 2020 text Rossella Battista

The artists featuring in this winter are linked by the common threads of innovation and experimentation. This is easy to acknowledge in the case of Bacon and Freud at Chiostro del Bramante (until 23 February), and impressive when seen in a passionate collector and Caravaggio follower like Geo Poletti (1926-2012) whose collection of portraits is on show at Galleria Corsini (until 2 February). But when it comes to Impressionism, it seems almost impossible to surprise us. However, an exhibition that presents some fifty artists with works from private collections is rare, if not unique. To celebrate the inauguration of what was once the home of Napoleon’s mother, Maria Letizia Ramolino, Palazzo Bonaparte, has opted for an emblem of France: Impressionismo segreto (until 8 March). Works by Cézanne, Pissarro, Sisley, Signac, Gauguin, Renoir and Monet, most of which have never been displayed in public. And don’t be deceived by the semi-undressed girl at the mirror on the poster: the intimacy referred to by the exhibition’s curators - particularly Claire Durand-Ruel, a descendant of the Paul who reinvented the role of the art patron in the 19th and 20th centuries, and Marianne Mathieu from Musée Marmottan - is about the collections, not the paintings. The aim, with these 50-plus artworks, is to highlight new aspects of the great movement that made Paris the undisputed art capital of the postwar period. Meanwhile, one artist who strove to reproduce ancient art - “Let it enter one’s blood”, as he often said, is Antonio Canova (1757-1822) to whom Rome is devoting a major retrospective: Canova eterna bellezza at Palazzo Braschi (until 15 March). A follower of Winckelmann and a proponent of the superiority of Greek art, which in his view was the only form to achieve purity, Canova was responsible for the advent of the prolific Neoclassical movement. But his was certainly not a slavish copying of classical art, as his detractors have attempted in vain to assert, but rather a commemoration of it. And this exhibition of sculptures in marble and plaster by him and his contemporaries offers a comprehensive view, with more than 130 items, and shines a spotlight on his way of mak-

Sono uniti dal fil rouge della sperimentazione e dell’innovazione, gli artisti protagonisti di questo inverno romano. Facile ammetterlo per Bacon e Freud al Chiostro del Bramante (fino al 23 febbraio), e impressiona vederlo in un appassionato collezionista di caravaggisti, quale era Geo Poletti (1926-2012) la cui raccolta di ritratti è in mostra alla Galleria Corsini (fino al 2 febbraio). Ma sembra quasi impossibile stupirci quando si parla di Impressionismo. Eppure, la mostra che offre una cinquantina di artisti con opere provenienti dal collezionismo privato se non unica di certo è rara. Palazzo Bonaparte, per celebrare l’apertura di quella che fu la dimora di Maria Letizia Ramolino, mamma di Napoleone, ha scelto un emblema della Francia: l’Impressionismo segreto (fino all’8 marzo). Opere di Cézanne, Pissarro, Sisley, Signac, Gauguin, Renoir, Monet in buona parte mai esposte al pubblico. E non lasciatevi ingannare dalla fanciulla in déshabillé allo specchio sulla locandina: l’intimità a cui fanno riferimento i curatori della mostra, in particolare Claire Durand-Rouel, discendente di quel Paul che tra Otto e Novecento reinventò il ruolo del mecenate e da Marianne Mathieu del Musée Marmottan riguarda il collezionismo. Con l’intento, attraverso le oltre 50 opera, di far emergere aspetti nuovi della grande corrente artistica che fece di Parigi la nuova capitale indiscussa dell’arte fino al secondo dopoguerra. Chi invece ebbe l’ardire di riproporre l’antico, “che bisogna mandarselo in sangue” come amava ripetere, è Antonio Canova (17571822) a cui Roma dedica una la prima grande retrospettiva: Canova eterna bellezza a Palazzo Braschi (fino al 15 marzo). Lui, seguace di Winckelmann, assertore della superiorità dell’arte greca, unica a suo dire ad aver raggiunto la purezza, è stato l’artista che ha inaugurato la fruttuosa stagione del Neoclassicismo. Ma non certo una pedissequa copiatura dell’arte classica, come i suoi detrattori hanno tentato inutilmente di liquidare, ma una rievocazione. E la mostra dove tra marmi e gessi, tra opere sue e di artisti al lui contemporanei offre una visione a tutto tondo con oltre 130 opere, mette in evidenza proprio il suo modo

90

ROMA


Above: Sul divano, Federico Zandomeneghi Below: Pins aux environs de Cagnes, Pierre-Auguste Renoir 91

ROMA


2 1

1

4

1. Autoritratto, Raffaello Sanzio 2. Murales, Frida Kahlo 3. Genio della Morte, Antonio Canova (ph. Alexander Koksharov) 4. Au bord de la Seine à Paris. Le PontMarie vu depuis le quai d’Anjou, Camille Pissarro 5. An artistic installation at SET 6. Endimione, Antonio Canova (ph. Lino Zanesco) 3

6

5


ART EXHIBITIONS

Gio Ponti, MAXXI

ing sculpture. We know he liked to polish his marbles with wax, and invite his viewers to gaze upon his perfect bodies and languid expressions by candlelight. And this is what the visitor experiences in the first-floor rooms of Palazzo Braschi, where curator Giuseppe Pavello and supervisor Maria Vittoria Marini Clarelli have recreated the artist’s studio and the exhibition space with slowly rotating works and dim lighting. The atmosphere also stimulates reflection on Canova’s historical period. He was attracted by the Rome of the Grand Tour at a time when he was reconsidering his approach to classical art following the discovery of Pompei. The Napoleon-ruled Rome was interpreted by Canova in all its greater or lesser hidden ambition, as he depicted the people dearest to him. Although it captures the human spirit, the exhibition dedicated to Raphael (1483-1520) at the Scuderie del Quirinale (until 14 June) is far from intimate. This is not the only show to celebrate the great Renaissance artist, hated by Michelangelo, and viewed with fondness by Leonardo. If he hadn’t died 500 years ago aged just 37, he would probably have outshone his longer-lived colleagues, because he was the synthesis of them both. He produced many works, particularly in the Uffizi. But the highly capable and pleasing Raphael can be found all around: from the Pantheon where he is buried, to the Vatican and Villa Farnesina. The pleasure of living in comfortable houses, in modern buildings and natural settings was the real focus of the multifaceted artist Gio Ponti (1891-1979). Forty years after his death, the Maxxi in Rome celebrates his work in Amare l’architettura (until 13 April). On display is his architecture, from the cathedral of Taranto - a re-reading of Gothic style with a focus on its lightness - to the Pirelli tower in Milan, the first and most famous of Italian skyscrapers. But Gio Ponti, who emerged unharmed by two world wars and Fascism without ever becoming mired in ideology, is also famous for his ceramics - working first with Richard Ginori and later with Franco Pozzi - and for his skill as a communicator. It was he who founded and ran Domus, the prestigious design and architecture magazine. And he also had ingenious ideas, as curators Maristella Casciato, Fulvio Irace, Margherita Guccione, Salvatore Licita and Francesca Zanella point out, for furnishing homes which needed to be modern, comfortable and functional. And it was he who, decades ahead of his time, aspired to vertical living, but in cities surrounded by green spaces.

di scolpire. Sappiamo che amava lucidare i suoi marmi con delle cere e che invitava i suoi estimatori a guardare i suoi corpi perfetti, le sue languide espressioni al lume di candela. Ed è quanto si avverte percorrendo le sale del primo piano di palazzo Braschi dove il curatore Giuseppe Pavello e la sovrintendente Maria Vittoria Marini Clarelli, hanno ricreato ora il suo studio e ora le sale con le sue opere rotanti e flebelmente illuminate. Offrendo anche lo spunto per riflettere sugli anni di Canova. Artista attirato dalla Roma del Grand Tour, che dopo la scoperta di Pompei rivalutava la sua classicità. Quella Roma assoggettata poi a Napoleone che Canova riuscì a interpretarne le più e meno recondite ambizioni ritraendo i personaggi a lui più cari. Non è intima anche se coglie l’anima umana, la mostra che le Scuderie del Quirinale dedicano a Raffaello (1483-1520). Non è l’unica che celebra il grande artista del Rinascimento (fino al 14 giugno), odiato da Michelangelo, guardato con simpatia da Leonardo. Se non fosse morto a soli 37 anni, 500 anni fa, avrebbe probabilmente messo in ombra gli altri due colleghi ben più longevi, perché di loro ne fu la sintesi. Tante opere e in particolare dagli Uffizi. Ma Raffaello, uomo bello capace e piacevole va incontrato a giro: dal Pantheon dove è sepolto alle Stanze Vaticane, a Villa Farnesinaa. E puntava davvero alla piacevolezza di vivere in case comode, in palazzi moderni, in ambienti immersi nel verde, quel poliedrico artista che è stato Gio Ponti (1891-1979). A quarant’anni dalla sua scomparsa il Maxxi di Roma gli dedica Amare l’architettura (fino al 13 aprile). In mostra le sue architettura, dalla Cattedrale di Taranto con cui rilegge l’arte gotica facendone emergere la lievità, al grattacielo della Pirelli a Milan. Il primo e più famoso palazzo verticale italiano. Ma Giò Ponti che ha attraversato indenne due guerre e il Fascismo, senza lasciarsi mai intrappolare dalle ideologie, è famoso anche per le sue ceramiche _ collaboratore prima di Richard Ginori e poi di Franco Pozzi _, così come per la sua capacità divulgativa. E’ lui che fonda e dirige fino alla fine Domus, la prestigiosa rivista di arredi e architettura. Ed è sempre lui che ha intuizioni geniali, come sottolineano i curatori Maristella Casciato e Fulvio Irace con Margherita Guccione, Salvatore Licita e Francesca Zanella, per arredare case che devono essere moderne, comode e funzionali. Ed è sempre lui che in largo anticipo sui tempi aspira sì alla verticalità, ma in città immerse nel verde.

93

ROMA


The almost record-breaking 26-meter-high spruce tree was grown on the Asiago Plateau aaa


VATICAN TRADITION

A VATICAN CHRISTMAS

THE MOST EVOCATIVE TRADITIONS AND CELEBRATIONS OF THE HOLIDAY SEASON LE TRADIZIONI E LE CELEBRAZIONI PIÙ SUGGESTIVE DEL PERIODO DELLE FESTE text and photo Joanne Bergamin

Christmas is always a time of great beauty and spiri- Il Natale è un momento di grande bellezza e spiritual importance in the Vatican, celebrating the birth tualità in Vaticano. Come da tradizione, il 5 dicemof Our Lord. In accordance with tradition, every bre si svolge la grande cerimonia di presentazione December 5th the grand unveiling ceremony of the del presepe del Vaticano in piazza San Pietro sotto Vatican’s Nativity Scene takes place in the middle of l’obelisco. Accanto al presepe, l’imponente albero St. Peter’s Square under the obelisk. Next to it, the di Natale risplende di centinaia di luci scintillanimposing Christmas tree is set ablaze with hundreds ti. Sia l’albero che il presepe sono donati al Vaticaof glistening lights. Both tree and nativity are donated no da città diverse ogni anno. Una tradizione che to the Vatican from different cities every year. The tra- cominciò sotto il papato di Giovanni Paolo II, nel dition of gifting the Christmas tree began under the 1982, quando il primo albero fu donato al Papa da papacy of John Paul II in 1982, when the first tree un contadino polacco. L’anno scorso, l’albero prowas delivered to the Pope by a Polish peasant. Last veniva dalla provincia di Pordenone e quest’anno year the tree came from the province of Pordenone in l’abete rosso dell’altezza record di 26 metri è crenortheast Italy and this year the almost record-break- sciuto sull’altipiano di Asiago. È stato consegnato ing 26-meter-high spruce tree was e sollevato alle prime luci dell’alba grown on the nearby Asiago Plateau. TREE AND NATIVITY del 21 novembre da un’enorme gru, It was delivered and raised at dawn on ARE DONATED TO e i romani e i pellegrini hanno atteso November 21 by an enormous crane, impazienti la cerimonia di illuminaand locals and pilgrims alike awaited THE VATICAN FROM zione. Il presepe 2019 è stato donathe lighting ceremony with much an- DIFFERENT CITIES to al Santo Padre e ai pellegrini di ticipation. Roma da Scurelle, un comune delEVERY YEAR The 2019 nativity is a gift to the Holy la Valsugana in provincia di Trento. Father and pilgrims to Rome from Scurelle, the mu- L’albero e il presepe sono quindi accumunati dal nicipality of Valsugana in the northern Italian prov- ricordo dei devastanti cicloni che colpirono quelince of Trento. The origin of the tree and manger this le aree tra l’ottobre e il novembre 2018. Il presepe year are so bound by the memory of the devastating è fatto quasi interamente di legno, con un tetto a storm of October-November 2018. The nativity is scàndola tipico del Trentino. I personaggi della Samade almost entirely of wood, housed under a scàn- cra Famiglia, a grandezza naturale, sono circondati dola (shingle) roof, characteristic of Trentino. The life- dai Magi, dai pastori e dagli animali. Un meravigliosize characters of the Holy Family are surrounded by so allestimento, che i pellegrini possono ammirare the Magi, shepherds and animals. Pilgrims can enjoy fino al 12 gennaio 2020. Ogni anno, molti presepi the Christmas display until 12 January 2020. sono esposti dentro il Vaticano. Il gruppo Presepio Each year, many Nativity Scenes are displayed inside Artistico di Parè di Conegliano, in provincia di Trethe Vatican. The Parè Artistic Crib Group of Coneg- viso, ha allestito quello nell’Aula Paolo VI, visibile liano, Treviso, has prepared the one inside the Paul durante le udienze papali invernali, mentre nella VI Hall, visible during winter Papal Audiences. And Basilica di San Pietro è custodito il presepe in mo95

ROMA


VATICAN TRADITION

THE 2019 NATIVITY IS A GIFT TO THE HOLY FATHER AND PILGRIMS TO ROME FROM SCURELLE IL PRESEPE 2019 È STATO DONATO AL SANTO PADRE E AI PELLEGRINI DI ROMA DAL COMUNE DI SCURELLE inside St. Peter’s Basilica, members of the public can vimento, creato ogni anno da una grande squadra take pleasure in all the moving parts of the Nativity di Sampietrini (gli addetti alla manutenzione di San Scene created annually by a large team of Sampietrini Pietro). (St. Peter’s maintenance staff). LE FESTIVITÀ CON PAPA FRANCESCO CELEBRATE THE HOLIDAY WITH POPE FRANCIS La solenne Messa di Natale nella Basilica di San Pope Francis celebrates Christmas Eve Mass for the Pietro si tiene ogni anno la sera del 24 dicembre, Solemnity of the Birth of Our Lord in St. Peter’s Ba- alle 21.30. silica at 9:30 pm on December 24. Il 25 dicembre alle 12, Papa Francesco leggerà il On 25 December at 12.00 pm, Pope Francis will read suo messaggio natalizio e darà la benedizione Urbi his Christmas message and give the Urbi et Orbi bless- et Orbi dal balcone centrale della Basilica di San Pieing from the central balcony of St. Peter’s Basilica. tro. Partecipano all’evento molti membri della GuarThis spectacle features many members of the Pontifi- dia Svizzera Pontificia, la Gendarmeria Vaticana e le cal Swiss Guard, Vatican Gendarmerie and pontifical bande musicali pontificie in piazza San Pietro. bands in formation in St. Peter’s Square. Giovedì 26 dicembre, a mezzogiorno, il Papa reciteOn Thursday, 26 December, at 12:00 pm midday, the rà l’Angelus dalla finestra del Palazzo Apostolico che Pope will pray the Angelus from his window in the si affaccia su piazza San Pietro. Apostolic Palace overlooking St. Peter’s Square. Il 31 dicembre, alle 17, il Papa celebrerà i Primi On 31 December at 5.00 pm, the Pope Vespri per la Solennità di Maria SanTHE END will celebrate First Vespers for the tissima Madre di Dio, seguiti dall’eFeast of Mary the Mother of God, fol- OF THE CHRISTMAS sposizione della Santa Eucarestia, il lowed by the exposition of the Holy tradizionale canto del Te Deum come SEASON IS 2 Eucharist, the traditional singing of ringraziamento per il 2019 e la benethe Te Deum in thanksgiving for 2019, FEBRUARY, 40 DAYS dizione eucaristica. and the Eucharistic blessing. AFTER CHRISTMAS Il 1 gennaio 2020, alle 10, il Papa On 1 January 2020 at 10.00 am, the celebrerà la Messa per la Solennità Pope will celebrate Mass for the Feast of Mary the di Maria Santissima Madre di Dio in San Pietro. Mother of God in St. Peter’s Basilica. The theme for Il tema per la Giornata Mondiale della Pace 2019 World Day of Peace for 2019 was “Good Politics is at è stato “La buona politica è al servizio della pace”. the Service of Peace”. Il 6 gennaio, alle 10, Papa Francesco celebrerà la On 6 January at 10.00 am, Pope Francis will cele- Messa per la Festa dell’Epifania del Signore nella brate Mass for the Feast of the Epiphany of the Lord Basilica di San Pietro. in St. Peter’s Basilica. La stagione natalizia termina tradizionalmente il 2 The traditional end of the Christmas season is 2 Feb- febbraio - 40 giorni dopo Natale - il giorno della ruary - 40 days after Christmas - which is the Feast of Festa della Presentazione del Signore o Purificathe Presentation of the Lord or Purification of the zione della Benedetta Vergine Maria (comunemente Blessed Virgin Mary (commonly called Candlemas). chiamata Candelora). Ogni anno, il Papa chiude la Each year, the Pope marks the end of the Christmas stagione natalizia celebrando la Messa nella CapSeason by celebrating Mass inside the Sistine Chapel pella Sistina per la Festa del Battesimo del Signore, for the feast of the Baptism of the Lord, on 13 Janu- il 13 gennaio. Una messa speciale durante la quale, ary. As a tradition at this special Mass, Pope Francis sempre da tradizione, Papa Francesco battezza circa baptizes about thirty babies. trenta bambini. 96

ROMA


Pope Francis celebrates Christmas Eve Mass for the Solemnity of the Birth of Our Lord in St. Peter’s Basilica at 9:30 pm on December 24


The Ferrari Roma inspired by the legendary 250 GT 98

ROMA


STYLE ICON

ETERNAL CAR

FERRARI ROMA, THE COUPÉ THAT HARKS BACK TO THE DAYS OF LA DOLCE VITA FERRARI ROMA, IL COUPÉ CHE FA RIVIVERE LA DOLCE VITA text Matteo Grazzini

A dedication to the Eternal City, seen from atop the Quirinal Hill. An eternal brand that pays tribute to the capital. A collaboration between Ferrari and Rome is now a reality thanks to the creation of a car whose name is inspired by the millennia-old city as famous the world over as Ferrari’s Prancing Horse. The Ferrari Roma, the most recent invention by the Maranello-based company, was presented to the President of the Republic, Sergio Mattarella, in his official residence, a testament to the value – symbolic included – of Ferrari’s choice. Indeed, the manufacturer rarely uses geographical names for its automobiles, instead preferring numbers and initials. President of Ferrari, John Elkann, and vice-president, Piero Ferrari, demonstrated the car’s technical features to Mattarella, marking the first time the vehicle had left the workshop. “It was an honor to present the Ferrari Roma to President Mattarella,” said Elkann, “because its name symbolizes the best of our country: elegance, innovation, and technological excellence. It is a jewel of style and performance, bound to be admired on the world’s streets.” The jewel President Elkann was referring to is a car inspired by the Rome of half a century ago, a period known colloquially as the Dolce Vita, characterized by elegance, courage, frivolity, style, and the joy of living life to its fullest. The Ferrari Roma borrowed and reinterpreted in a contemporary manner the lifestyle and elegance of those years. The color chosen for the launch isn’t the Ferrari red typical of the company’s high-performance, high-speed cars; the lines are well-proportioned and “clean,” calling to mind the 250 GT, the history of Italian automobiles and design. The name “Roma” is a rare gem in the Ferrari universe: there are very few times that the company has bestowed this “honor” to a city that hasn’t been directly tied to the company in terms of geography or sports, like the Monza and Daytona, which bring to mind epic racing competitions, or the Maranello and Fiorano, both tributes to Emilia-Romagna, where the brand originates, not to mention the Dino. Roma follows the Ferrari California, America, and Portofino, an-

Una dedica alla Città Eterna, vista dall’alto del Quirinale. Un brand eterno che omaggia una capitale. E’ il connubio tra la Ferrari e Roma, divenuto più che mai realtà con la realizzazione di un’auto che affida il proprio nome a quello ultra millenario di una città conosciuta nel mondo tanto quanto il Cavallino Rampante. La Ferrari Roma, ultima nata nella Casa di Maranello, è stata presentata al presidente della repubblica Sergio Mattarella nella sua residenza ufficiale, a testimonianza del valore, anche simbolico, della scelta della Ferrari, che raramente usa nomi geografici per le proprie auto, preferendo numeri e sigle. Il presidente di Ferrari John Elkann e il vice presidente Piero Ferrari hanno illustrato a Mattarella le caratteristiche tecniche della vettura, uscita per la prima volta dalle officine di produzione: “E’ stato un onore mostrare la Ferrari Roma al presidente Mattarella - spiega Elkann - perché nel suo nome è racchiuso il meglio del nostro Paese, ovvero eleganza, innovazione ed eccellenza tecnologica. Un gioiello di stile e di prestazioni, che saprà farsi ammirare sulle strade di tutto il mondo”. Il gioiello a cui si riferisce il presidente Elkann è una vettura che si ispira ad una Roma di mezzo secolo fa, quella della Dolce Vita, dell’eleganza ma anche del coraggio e della leggerezza, dello stile e del piacere di vivere la vita in ogni suo aspetto. Di quel periodo la Ferrari Roma ha preso e reinterpretato in chiave contemporanea il lifestyle, soprattutto l’eleganza e la raffinatezza. Il colore scelto per il lancio non è il rosso Ferrari tipico di auto prestazionali su strada e associato alla velocità, le linee sono quelle proporzionate e “pulite” di una coupé che richiama alla memoria la 250 GT, quindi la storia dell’auto e del design italiani. Il nome “Roma” già di per sé è una perla rara nell’universo Ferrari: poche volte la casa di Maranello aveva concesso questo “onore” a località non direttamente legate alla scuderia dal punto di vista geografico o sportivo, tipo la Monza e la Daytona, che portano alla mente epiche sfide ad acceleratore schiacciato, e la Maranello o la Fiorano, tributo all’Emilia che ha dato i natali al brand, per non parlare delle Dino. Roma arriva dopo le Ferrari California, America e Portofino, altro storico

99

ROMA


The new Ferrari Roma for the Rome streets other historic symbol of Italian style, rounding out a series of tributes to the most famous Italian places. In exchange, the city will benefit from increased visibility in the world, given that the Ferrari Roma will appear on social media through a series of clips filmed at emblematic locations, like the Spanish Steps, piazza Navona, the Pincian Hill, via dei Coronari, and the Stadio dei Marmi. And after finishing filming in the capital, the set will move to other international cities, with the “Roma” starring as the protagonist. The launch of the Ferrari Roma is an opportunity for a reciprocal showcase that will pave the way for a new era of manufacturing for the Emilian company, which will release the Roma to the market in 2020. Enrico Galliera, head of marketing at Ferrari, explained that the Ferrari Roma is aimed at owners of “luxury SUVs or Sedans who’ve never had a true sports car”. In terms of technical details - something of the utmost importance to fans of performance and technology - the Ferrari Roma is a midfront-engine 2+ coupé with a turbo-charged V8 engine, part of the class that has won Engine of the Year for four consecutive years. The motor, 620 CV at 7,500 rpm, is combined with a new 8-speed dual-clutch transmission, which was introduced for the first time in the SF90 Stradale. The engineers in Maranello dedicated close attention to the sound of the exhaust system, equipped with a Gasoline Particulate Filter and redesigned without mufflers and with new dump valves. The 8-speed dual-clutch transmission is particularly suited for city driving. The maximum speed is more than 320 km, which is the only missing link in this synergy with Rome’s historic streets. But a Ferrari can’t go without it. Never.

emblema dell’italian style e chiude un primo cerchio di tributo ai luoghi italiani più conosciuti al mondo. E la città, in cambio, otterrà una nuova visibilità a livello mondiale, visto che la Ferrari Roma, destinata soprattutto ad un target di possessori “di SUV lusso o berline che non hanno mai avuto una vera auto sportiva”, come ha spiegato Enrico Galliera, capo del reparto marketing di Ferrari, apparirà su smartphone e display di tutto il mondo “social” con una serie di clip girate in luoghi simbolici come la scalinata di Trinità dei Monti, piazza Navona, la terrazza del Pincio e via dei Coronari, oltre allo Stadio dei Marmi. E quando le riprese nella Capitale saranno ultimate il set si sposterà in altre città internazionali, ma sempre con la sigla “Roma” come protagonista. Si tratta quindi di una vetrina reciproca che apre una nuova era automobilistica per la Ferrari, che punta sulla Roma per il mercato del 2020. Dal punto di vista tecnico, aspetto da non trascurare per tutti gli amanti di prestazioni e tecnologia, la Ferrari Roma è un coupè 2+ a motore centrale-anteriore V8 turbo appartenente alla famiglia vincitrice del premio Engine of the Year per 4 anni consecutivi. Il motore da 620 cv a 7.500 giri/min. è abbinato al nuovo cambio dual-clutch a 8 rapporti, introdotto per la prima volta sulla SF90 Stradale. Gli ingegneri di Maranello hanno poi presto una particolare attenzione al sound della linea di scarico, dotata del Gasoline Particulate Filter e riprogettata senza silenziatori e con nuove valvole di bypass. Il cambio è a doppia frizione e otto rapporti, particolarmente adatto ad un ambiente urbano. La velocità massima è superiore ai 320 km orari ed è questo l’unico anello mancante nella simbiosi con le strade storiche di Roma. Ma su una Ferrari è una caratteristica che non può mancare. Mai.

100

ROMA


The Ferrari Roma is a mid-front-engine 2+ coupĂŠ with a turbo-charged V8 engine 101

ROMA


HOSPITALITY EVENT

THE MAGIC OF THE ETERNAL CITY HASSLER ROMA: FEELING AT HOME AT TRINITÀ DEI MONTI HASSLER ROMA: SENTIRSI A CASA A TRINITÀ DEI MONTI text Elisa Signorini

Standing at the top of the Spanish Steps, next to the In cima alla scalinata di piazza di Spagna e accanto alla chiesa church of Trinità dei Monti, the historic 5-star hotel Has- di Trinità dei Monti, l’Hassler Roma, storico hotel cinque stelle sler Roma contains within itself the magic of the Eternal lusso, racchiude la magia della Città eterna. City. Hassler Roma is an independent hotel defined by L’Hassler Roma è un albergo indipendente, che si distingue per its uniqueness and history. Owner and general manager, la sua unicità e la sua storia, guidato dal proprietario e general Roberto E. Wirth represents the second generation of Ho- manager Roberto E. Wirth, seconda generazione di proprietari tel Hassler proprietors and fifth generation of a famous dell’Hotel Hassler e quinta generazione di una famosa dinastia dynasty of Swiss hoteliers. Born in 1950, he has been run- di albergatori svizzeri. Nato nel 1950 a Roma, Roberto E. Wirth ning the hotel which his father Oscar rebuilt nearly en- è alla guida dell’albergo che il padre Oscar ricostruì quasi comtirely between 1939 and 1945 and inaugurated in 1947. pletamente nel 1939 per sfruttare a pieno le potenzialità della Roberto E. Wirth, sole owner, has succeeded in making the sua ubicazione. Hassler Roma one of the top European hotels. He however Oggi, Roberto E. Wirth, unico proprietario, ha reso l’Hassler claims, “I never look back on the past. It distracts me from Roma uno dei migliori hotel d’Europa, ma, dichiara: “Non guarthe present.” A present busy with charity activities, as Mr do mai al passato, mi distrae dal presente”. Un presente occuWirth, born deaf, enthusiastically leads a care center for pato anche dalle molte attività benefiche della famiglia Wirth deaf and deaf-blind children, the CABSS. che, essendo nato sordo profondo, guida con Every year the Hassler renovates its fervore CABSS (Centro Assistenza Bambini “I NEVER LOOK spaces with the utmost care: 87 rooms, of BACK ON THE PAST. Sordi e Sordo Ciechi). which 21 are suites, the Amorvero SPA Ogni anno con grande attenzione l’Hassler IT DISTRACTS with its spectacular views over the city rinnova i suoi spazi: 87 camere, di cui 21 suite, and the exclusive Salone Metodo Rossano la Amorvero SPA con l’incredibile vista sulla ME FROM THE Ferretti. The picture is enhanced by the città e l’esclusivo Salone Metodo Rossano FerPRESENT” iconic Hassler Bar and the Hassler Bistrot, retti. Il quadro è arricchito dall’iconico Hassler a preferred fine-dining rendezvous in Rome, which wel- Bar e dall’Hassler Bistrot, esclusivo salotto nel cuore di Roma, comes its guests in the elegant Salone Eva in winter and che nella stagione invernale accoglie gli ospiti nel rinomato Sain the enchanting Palm Court, the hotel’s garden, in sum- lone Eva e, quando la stagione si fa mite, si trasferisce al Palm mer. Heading the kitchen staff is Resident Chef Marcello Court, incantevole giardino interno. Cura la cucina all’Hassler Romano, who prepares delectable local dishes throughout Bistrot, il Resident Chef Marcello Romano, che propone delizie the entire day. della tradizione romana durante tutta la giornata. A special mention must be made of Imàgo, awarded with Una menzione speciale va fatta per il ristorante Imàgo insignito a Michelin star in 2009. Here Executive Chef Andrea An- con 1 stella Michelin nel 2009 e oggi guidato dall’Executive Chef tonini reinvents traditional Italian dishes that vary accord- Andrea Antonini, che propone una cucina italiana rivisitata, iming to the season and guests delight in breathtaking views. prontata sulle stagionalità, davanti a un panorama mozzafiato. Roberto E. Wirth is the owner of other hotels that offer Fanno parte delle proprietà di Roberto E. Wirth e ne condivithe same kind of exquisite hospitality: the boutique hotel dono l’eccellente senso di ospitalità anche Il Palazzetto a Roma, Palazzetto in Rome, which also overlooks Trinità dei Mon- boutique hotel che condivide con l’Hassler la vista su Trinità dei ti; Hotel Vannucci in Città della Pieve; Parco del Principe Monti; l’Hotel Vannucci a Città della Pieve, Parco del Principe near Siena and Borgo Bastia Creti in Umbria. vicino Siena e Borgo Bastia Creti in Umbria. 102

ROMA


A view of TrinitĂ dei Monti Below: San Pietro Suite - Hassler Roma 103

ROMA


HOSPITALITY EVENT

LIKE IN A SNOW BOULE… A MAGICAL CHRISTMAS AT HOTEL DE RUSSIE, WITH A SPECTACULAR TREE COURTESY OF ACQUA DI PARMA IL MAGICO NATALE ALL’HOTEL DE RUSSIE CON LO SPETTACOLARE ALBERO FIRMATO ACQUA DI PARMA text Virginia Mammoli

At Hotel de Russie, Christmas has all the roman- All’Hotel de Russie il Natale ha il romantico sapore tic appeal of years gone by. As is traditional, the di una volta. Come ormai tradizione l’esclusivo alexclusive hotel in Rome’s Via del Babuino has bergo in via del Babuino si è rivestito della magica been decorated in enchanting Christmas style in atmosfera natalizia, siglando una partnership con partnership with a prestigious brand. una Maison prestigiosa. E quest’anno lo ha fatto This year’s partner is Acqua di Parma, a symbol con Acqua di Parma, simbolo dell’arte profumiera of Italian style and perfumery, which has created e dello stile italiano, che per l’occasione ha creato a special installation for the occasion in Piazzetta una speciale installazione nella Piazzetta Valadier, incantevole corte interna dell’Hotel. Una giganteValadier, the hotel’s delightful inner courtyard. A giant transparent snow globe, representing pu- sca boule trasparente, simbolo di purezza e delirity and refinement, encloses a sparkling Christ- catezza, che custodisce uno scintillante paesaggio mas landscape; at the centre stands a magnificent natalizio, con al centro un maestoso albero addobtree decorated in white and gold and with the bato in bianco e oro e con le famose cappelliere del brand’s famous hat boxes making elegant gift par- brand, a ricreare eleganti pacchetti regalo. Una fiacels. It’s a fairytale scene, albeit in besca apparizione, che pur con il suo contemporary style, which captures design contemporaneo riporta alla the imagination and evokes the ret- ACQUA DI PARMA mente quell’immaginario, ricco di ro Christmases of bygone times. suggestione, dei Natali rétro, gli stessi AND HOTEL DE But the festive atmosphere doesn’t RUSSIE LIGHT UP evocati dalle favole di una volta. end here: flower designer SebasIl setting per celebrare le feste non THE CHRISTMAS finisce però qui: il flower designer tian Bierings and his team have embellished the installation with Sebastian Bierings, insieme al suo fabulous floral decorations, which also frame the team, ha infatti arricchito l’installazione con magnientrance to the hotel, the lobby and all the public fiche decorazioni floreali, che incorniciano anche areas. It’s a dazzling celebration of flowers, snow- l’ingresso dell’Hotel, la sua hall e tutti gli ambienti flakes, lights and colours to enchant adults and comuni. Un tripudio di fiori, fiocchi di neve, luci children alike; a scene inspired by the true spir- e colori, che incantano grandi e piccini. Una sceit of Christmas, with all its warmth, beauty and nografia ispirata al vero spirito del Natale, fatto di sharing. calore, condivisione e bellezza. But the collaboration between Hotel de Russie Ma la sinergia tra Hotel de Russie e Acqua di Parma and Acqua di Parma goes further, because until va oltre, perché fino al 13 marzo gli ospiti dell’al13 March guests at the hotel have the opportu- bergo e gli appassionati hanno la possibilità di nity to discover and sample the Maison’s collec- scoprire e sperimentare le collezioni della Maison, tions, thanks to a special pop-up. In the elegant grazie a uno speciale temporary pop-up. All’inSala Anastasia, customised with decorations fea- terno dell’elegante Sala Anastasia, personalizzata turing the iconic Parma yellow, there’s a boutique con arredi caratterizzati dall’iconico giallo Parma, 104

ROMA


Acqua di Parma has design a wonderful, snowball-inspired installation that takes centre stage in Piazzetta Valadier 105

ROMA


Fabulous floral decorations, by Sebastian Flowers, frame the entrance to the hotel, the lobby and all the public areas


Until 13 March, in the elegant Sala Anastasia, an Acqua di Parma boutique with a dedicated Barber Shop

with a dedicated Barber Shop, where guests can è stato infatti allestito uno shop, con tanto di spaavail themselves of the services of an Acqua di zio dedicato alla barberia, dove vivere, insieme a un Parma master barber and experience the ritual of maestro Acqua di Parma, il rito della vera rasatura a real Italian shave, choosing from an extensive italiana e scegliere tra un ricco menu di servizi e trattamenti. menu of services and treatments. A guarantee of impeccable style before heading Per uno stile impeccabile prima di tuffarsi in città, into town for shopping at the luxury boutiques per un giro di shopping, visitando le boutique di in the vicinity or a gourmet experience, perhaps lusso che circondano l’Hotel, oppure per una pautasting traditional seasonal delicacies in the pic- sa di gusto, assaggiando per esempio i tipici dolci delle feste nel folkloristico mercatino in piazza Naturesque Christmas market in Piazza Navona. vona. E il gusto è anche l’altro proDelicious flavours are also the other protagonists at the Hotel de Russie. THE OLD-FASHIONED tagonista delle feste al de Russie. A partire dalla cena della Vigilia, con Starting with the Christmas Eve CHARM OF FAIRY portate principali a base di pesce, Dinner, with main dishes based TALES WITH per poi proseguire con gli speciali on fish, and continuing with special Christmas and Boxing Day A CONTEMPORARY brunch di Natale e Santo Stefano, con live cooking, e il Cenone di San Brunches with live cooking shows, DESIGN Silvestro, che, per la prima volta, non and the New Year’s Eve Gala Dinner which, for the first time, will be served not sarà disponibile solo negli spazi di Le Jardin de only in the Le Jardin de Russie restaurant, but Russie, ma anche - in una veste più informale, ma also - less formally, but equally delicious - in the altrettanto ricercata - in quelli del Bar Stravinskij. Bar Stravinskij. Last but not least are the New Infine, in programma, anche il Brunch di CapodanYear’s Day Brunch, with a detox section and a no, con l’angolo detox e la sua ampia selezione di wide range of fresh fruit and vegetable juices, and centrifughe di frutta e verdura fresche, e il Brunch dell’Epifania. the Epiphany Brunch. All are prepared, naturally, under the meticulous Il tutto, naturalmente, preparato sotto l’attenta susupervision of chef Fulvio Pierangelini, Creative pervisione dello chef Fulvio Pierangelini, Direttore Creativo dei ristoranti dei Rocco Forte Hotels. Director of restaurants at Rocco Forte Hotels. 107

ROMA


In the photo above, Andrea Ferolla, internationallyrenowned illustrator and creative director, captures Hotel Eden’s spirit in his chic and timeless style by observing the staff’s discreet gestures and the guests’ sophisticated charm


ART EVENT

ARTIST’S STUDIO

TWICE A MONTH, HOTEL EDEN BECOMES THE HOME OF ILLUSTRATOR ANDREA FEROLLA, WHO DRAWS INSPIRATION FROM THE HOTEL AND ITS GUESTS FOR HIS CREATIONS DUE VOLTE AL MESE L’HOTEL EDEN DIVENTA LA ‘CASA’ DELL’ILLUSTRATORE ANDREA FEROLLA, CHE TRAE ISPIRAZIONE DELL’ALBERGO E I SUOI PERSONAGGI PER LE SUE CREAZIONI text Fabrizia Prota

There is a place in Rome where art and hospitality con- C’è un luogo di Roma dove arte e ospitalità s’incontrano. verge. It is the Hotel Eden, an elegant gem just steps È Hotel Eden, gioiello di eleganza a due passi da piazza away from Piazza di Spagna and Villa Borghese. This di Spagna e Villa Borghese. L’hotel della Dorchester ColDorchester Collection Hotel, which has been welcom- lection, che dal 1889 ha ospitato regnanti e celebrità, ha ing royal family members and celebrities since 1889, has infatti inaugurato Artist in Residence, progetto che trasforrecently inaugurated Artist in Residence, a project which ma i suoi spazi in un vero e proprio studio d’artista. transforms the hotel’s spaces into an artist’s studio. The L’obiettivo, diventare sempre più un luogo generatore di goal is to be increasingly recognized as a place that gen- cultura. È per questo che Hotel Eden ha scelto come primo Arterates culture. Hotel Eden has chosen as its first Artist in Residence ist in Residence Andrea Ferolla, illustratore e diretAndrea Ferolla, an internationally-renowned illustrator tore creativo di fama internazionale (le sue opere sono and creative director (his works are on show at London’s esposte alla Fashion Illustration Gallery di Londra) che Fashion Illustration Gallery), who describes a chic and col suo stile inconfondibile, fatto di tratti veloci ed eltimeless world, populated by sophisticated characters eganti, racconta un mondo chic e senza tempo, animato and icons of the Italian style, in his unmistakably elegant da personaggi sofisticati icona dello stile italiano. Due style. Twice a month, the hotel will bevolte al mese l’hotel diventerà il suo stu...THE DOORMAN, dio: l’illustratore catturerà con la sua arte come his studio: the illustrator will capture the hotel’s spirit by observing the THE BELLBOY, THE l’anima dell’albergo, osservando i gesti staff’s discreet gestures and the guests’ discreti del personale o la sofisticata “alWAITRESSES WITH lure” degli ospiti. sophisticated charm. THEIR FLAPPING “Hotel Eden is a perfect theatre, full of “L’Hotel Eden è un teatro perfetto. Con leading actors and actresses and walkattori protagonisti, comparse, figuranti APRONS spiega Ferolla -. Qui io sono il pubblico. ons - Ferolla explains-. I am the audience. I am attracted to the characters wearing the most Mi attraggono i personaggi con i ‘costumi’ più iconici: il iconic ‘costumes’: the doorman, the bellboy, the barman, doorman, il bellboy, il barman, i grembiuli svolazzanti the waitresses with their flapping aprons. I draw inspira- delle cameriere. Prendo ispirazione da quello che vedo tion from what I see- he goes on- and I draw what I ‘feel’, - continua - e lo disegno per come lo ‘sento’, rappreby representing the world as a theatre where life takes sentando il mondo come un teatro dove in scena va la the stage, with its dramas and comedies. As for the sub- vita, con i suoi drammi e le sue commedie. Di coloro che jects of my drawings, there is always a gesture, a posture, diventano i soggetti dei miei disegni mi colpisce un gesa glance that captures my attention”. And talking about to, l’attitudine, lo sguardo”. E parlando della città eterna the Eternal City, he says: “Rome, because of its millenary aggiunge: “Roma nella sua storia millenaria ha dato di history, is very ‘theatrical’ in its self-representation. It is sé un’autorappresentazione ‘scenica’. Non a caso il mio no chance that I have my studio here. And for those com- studio è qui. Per chi viene a Roma poi l’esperienza del ing to Rome, the experience of travel inevitably coincides viaggio inevitabilmente coincide con l’esperienza artiswith the experience of art. Hotel Eden, by housing my tica. L’Hotel Eden, ospitando il mio studio, continua la studio, carries on the tradition of a hotel historically as- tradizione di albergo storicamente legato all’arte e agli sociated with art and artists.” artisti.” 109

ROMA


Above: La Pergola Below: ImĂ go 110

ROMA


FOOD EXPERIENCES

STELLAR DINING MEET THE GREAT CHEFS OF ROME AND INDULGE IN THEIR CUISINE INCONTRARE I GRANDI CHEF DI ROMA E CONCEDERSI LE LORO RICETTE text Gabrielle Bolzoni

Based on the prestigious 2019 Michelin Guide, here is our selection of Rome’s finest gourmet restaurants, the home of world-famous Michelin-starred chefs, all distinguished by technical skill, rigorous pursuit of quality, painstaking attention to details and, above all, deep passion for cooking. Their dishes are veritable works of art- both in substance and in form- delighting customers with unique culinary experiences bursting with creativity and flavor. Meet the great chefs of Rome and indulge in their stellar cuisine. La Pergola, Rome’s only three-Michelin starred restaurant, is the kingdom ruled by Heinz Beck, the worldwide-famous chef, German by birth but Italian by heart, who has been running this fabulous restaurant on Hotel Cavalieri Waldorf Astoria’s roof garden with breathtaking view over Rome for over twenty years. Driven by limitless passion and dedication, Beck puts all his innovative genius into creating dishes which are the exciting and perfectly balanced synthesis of his love of Italian cuisine and inspired by Mediterranean flavors, for an unforgettable experience. Via Cadlolo 101, tel. 06 35092152, www. romecavalieri.it Il Pagliaccio, the only two-Michelin starred restaurant in Rome since 2009, is run by Anthony Genovese, a French chef of Southern-Italian origin, who prepares, with the help of Chef Francesco di Lorenzo, sophisticated yet simple dishes, full of herbs and spices brought back from his trips to the Far East, an exciting mix of flavors, shapes and colors. German Pastry Chef Marion Lichtle takes care of desserts, highly-creative floral and fruit “constructions”. Via dei Banchi Vecchi 129a, tel. 06 68809595, www. ristoranteilpagliaccio.com The downtown Achilli al Parlamento wine bar, a one-Michelin star restaurant, houses one of Rome’s most extensive wine cellars. Ligurian Chef Massimo Viglietti offers customers traditional Roman dishes with a creative twist, wine bar delicacies and innovative tasting menus paired with the finest Italian and foreign wines. Via dei Prefetti 15, tel. 06 6873446, www.achilli.restaurant

Sulla scia della prestigiosa Guida Michelin 2019 vi proponiamo una selezione dei migliori ristoranti gourmet della Capitale, regni di sapienti chef stellati di fama internazionale, accomunati da tecnica, rigore, cura minuziosa dei dettagli, ma soprattutto una passione irresistibile per la cucina. In tavola vere e proprie opere d’arte - nella forma e nel contenuto - con firme d’autore, esperienze culinarie irripetibili create con estro e tocco inconfondibili. In scena le eccellenze nostrane per rendere omaggio all’intramontabile cucina italiana e garantire banchetti stellari. La Pergola, unico ed imbattibile ristorante tre stelle Michelin a Roma, è il regno incontrastato di Heinz Beck, chef di fama mondiale, tedesco di nascita ma italiano di adozione, che da oltre vent’anni guida di questo ristorante da favola sul roof garden dell’Hotel Cavalieri Waldorf Astoria con vista irripetibile sulla Città Eterna. Spinto da un’immensa passione e dedizione crea con genio innovativo i suoi piattiteorema, armoniche ed emozionanti sintesi del suo amore per la cucina italiana, ispirati al Mediterraneo che garantiscono un’esperienza indimenticabile. Via Cadlolo 101, tel. 06 35092152, www.romecavalieri.it Il Pagliaccio, dal 2009 unico due stelle Michelin a Roma, ospita Anthony Genovese, chef francese di origine calabrese, che prepara, affiancato dallo chef Francesco di Lorenzo, piatti raffinati seppur essenziali, ricchi di erbe e spezie ispirati ai suoi viaggi in Oriente in un circo di sapori, forme e colori. Alla pasticceria pensa la chef tedesca Marion Lichtle con fantasiose architetture di fiori e frutti. Via dei Banchi Vecchi 129a, tel. 06 68809595, www. ristoranteilpagliaccio.com La centralissima enoteca Achilli al Parlamento, una stella Michelin, custodisce una delle cantine più ricche della Capitale. Lo chef ligure Massimo Viglietti, artigiano della cucina, sorprende gli ospiti con piatti tradizionali rivisitati, prelibatezze da enoteca e creativi menu degustazione, accompagnati da grandiosi calici della tradizione vitivinicola italiana e non solo. Via dei Prefetti 15, tel. 06 6873446, www. achilli.restaurant

111

ROMA


The bar of La Terrazza Acquolina is housed in The First Roma Arte Hotel, a gourmet fish restaurant which was awarded a Michelin star ten years ago. Executive Chef Angelo Troiani works side by side with Resident Chef Daniele Lippi to “enhance and experiment with local ingredients and have fun”. Until mid-March 2020, Acquolina hosts the 2nd “AcquaCircus” event, a series of dinner-events devoted to Mediterranean cuisine with the stars of Italy’s culinary scene. Via del Vantaggio 14, tel. 06 3201590, www.acquolinahostaria.it Housed in the Aldrovandi Villa Borghese Hotel, Assaje, a one-Michelin-starred restaurant since 2016, is run by Chef Lorenzo Di Gravio, who offers innovative meat and fish-based dishes of the highest quality and inspired by Mediterranean-style cuisine, with a special focus on dishes from the Lazio region. The elegant dining room gives onto the lush garden, the Hotel’s pride. Via Ulisse Aldrovandi 15, tel. 06 3223993, www.aldrovandi.com Located inside a historic building, Il Convivio Troiani, a one-Michelin-starred restaurant since 1993, is run by Chef Angelo Troiani (like Acquolina) and his brothers Massimo and Giuseppe. They pride themselves on using organically-grown ingredients sourced from small producers to create classic dishes with a trendy edge. The restaurant features four dining rooms with different table-settings. Exclusive “super chefs” are available, upon request, for live cooking shows (for up to 14 people) around a communal table. Vicolo Soldati 31, tel. 06 6869432, www.conviviotroiani.it Imàgo, a one-Michelin starred restaurant housed in the Has-

All’interno del The First Roma Arte Hotel troviamo Acquolina, unico ristorante gourmet di solo pesce da 10 anni una stella Michelin. L’executive chef Angelo Troiani affianca con maestria lo chef residente Daniele Lippi nell’“esaltare le origini, sperimentare e divertirsi”. Fino a metà marzo 2020 Acquolina ospita la seconda edizione di “AcquaCircus”, una serie di cene-eventi dedicati al Mediterraneo con i principali protagonisti della scena gastronomica italiana. Via del Vantaggio 14, tel. 06 3201590, www.acquolinahostaria.it All’interno dell’hotel Aldrovandi Villa Borghese ad Assaje, una stella Michelin dal 2016, lo chef Lorenzo Di Gravio offre un ventaglio di proposte culinarie di carne e pesce innovative seppur ispirate alla tradizione mediterranea di grande qualità e con un’attenzione speciale per il Lazio. L’elegante sala affacciata sul rigoglioso giardino, fiore all’occhiello dell’hotel. Via Ulisse Aldrovandi 15, tel. 06 3223993, www.aldrovandi.com All’interno di un palazzo storico si trova Il Convivio Troiani, una stella Michelin dal 1993, gestito dallo chef marchigiano Angelo Troiani (come Acquolina) e dai suoi fratelli Massimo e Giuseppe. In tavola materie prime biologiche, che valorizzano i piccoli produttori, per ricette classiche con qualche ritocco alla moda. Il locale si snoda su quattro sale con mise-en-place variegate. È possibile prenotare “super chef” esclusivi per uno show cooking dal vivo (max 14 convitati) intorno al tavolo sociale. Vicolo Soldati 31, tel. 06 6869432, www.conviviotroiani.it All’interno dell’Hotel Hassler di Trinità dei Monti Imàgo, una stella Michelin, ha acquisito di recente il giovane execu-

112

ROMA


3

1

2 1

1. Fabio Ciervo (La Terrazza) 2. Heinz Beck (La Pergola) 3. Daniele Lippi (Acquolina) 4. Anthony Genovese (Il Pagliaccio) 5. Giulio Terrinoni (Per Me) 6. Andrea Antonini and the owner, Roberto E. Wirth (ImĂ go)

4

5

6


2

1

1. The owner Alessandro Pipero and Ciro Scamardella (Pipero Roma) 2. Massimo Viglietti (Enoteca Achilli al Parlamento) 3. Angelo Troiani (Convivio Troiani) 4. Lorenzo Di Gravio (Assaje)

3

4

sler Hotel at the top of the Spanish Steps, has recently hired tive chef Andrea Antonini. La vista ineguagliabile su Roma the young Executive Chef Andrea Antonini. The breathtaking fa da cornice ai piatti della cucina italiana contemporanea. view of Rome provides a glorious backdrop to dishes of con- Simpatica selezione di formaggi laziali e non, per un tour temporary Italian cuisine. A lovely selection of cheese from sensoriale all’insegna di “tutte le strade del cacio portano the Lazio region and from around the world, for a sensory tour a Roma”. Piazza Trinità dei Monti 6, tel. 06 69934726, www. of “all the cheese roads that lead to Rome”. Piazza Trinità dei hotelhasslerroma.com Monti 6, tel. 06 69934726, www.hotelhasslerroma.com In cima all’Hotel Eden La Terrazza, una stella Michelin, è At the top of Hotel Eden, the one-Michelin-star La Terrazza is l’“indirizzo più scenografico in termini di lusso e posizione “Rome’s most spectacular restaurant in terms of luxury and lo- della capitale”, guidato dal brillante chef campano Fabio cation”, run by the brilliant Southern-Italian Chef Fabio Cier- Ciervo che crea i suoi piatti originali (estrazione di granvo, who creates original and sophisticated dishes (such as crab chio e caffè) e raffinati in perfetta “alchimia tra innovazione, and coffee extraction), “the perfect balance benessere, ingredienti, gusto e arte” con of innovation, wellbeing, ingredients, flavor qualche accenno di romanità. Via Ludovisi and art”, with a traditional Roman touch. Via 49, tel. 06 47812752, www.dorchestercollecTHE FINEST Ludovisi 49, tel. 06 47812752, www.dorchestion.com GOURMET tercollection.com Per Me - Giulio Terrinoni, dal 2017 una stelPer Me - Giulio Terrinoni, a one-Michela Michelin, l’omonimo chef valorizza il RESTAURANTS pescato, che trasforma in piatti originali, lin-starred restaurant since 2017, is named espressi e sfiziosi. A pranzo “tappi” a tavola, after the chef who creates original and delicious recipes for caught fish. For lunch, a tasting menu of mono-porzioni degustazione per assaggiare le creazioni del small portions of the daily specials. Vicolo del Malpasso 9 (Via giorno. Vicolo del Malpasso 9 (Via Giulia), tel. 06 6877365, Giulia), tel. 06 6877365, www.giulioterrinoni.it www.giulioterrinoni.it Pipero, a one-Michelin star restaurant, is run with style, elegance Da Pipero, una stella Michelin, regna con stile, eleganza and energy by the owner Alessandro Pipero and Neapolitan ed energia il patron Alessandro Pipero insieme allo chef Chef Ciro Scamardella, who serves Southern-Italian cuisine. partenopeo Ciro Scamardella, che omaggia il suo Sud. Al There is an intimate dining room on the mezzanine floor, which piano rialzato, una saletta intima, ideale per un’occasione is ideal for a special occasion, as well as the table in the wine speciale, mentre un tavolo in Cantina crea uno scenario cellar for those in search of a unique setting. Wine & food tast- unico. Su prenotazione wine & food tastings e cooking clasings and cooking classes are available upon request. Corso Vit- ses. Corso Vittorio Emanuele II 250, tel. 06 68139022, www. piperoroma.it torio Emanuele II 250, tel. 06 68139022, www.piperoroma.it 114

ROMA


Above: Pipero Roma Below: Assaje


Above: Babington’s Tea Rooms has been overlooking Piazza di Spagna for 125 years Below: Antico Caffè Greco, Rome’s best-known and oldest literary café


FOOD EXPERIENCE

TEA TIME

A VERITABLE RITUAL. DISCOVER WHERE IN ROME UN VERO E PROPRIO RITO. ECCO DOVE A ROMA text Gabrielle Bolzoni

Statistics reveal that 27 million cups of tea are drunk Ogni giorno nel mondo vengono consumate 27 milioni every day across the world. Tea has been the symbol of di tazze di tè, simbolo di una cultura orientale millenaOriental culture for thousands of years and it is the most- ria e la bevanda più consumata dopo l’acqua. Seppure widely consumed beverage in the world next to water. l’Italia non sia tra i maggiori paesi consumatori, il moAlthough Italy is not among the countries that drink the mento del tè, da consumarsi caldo ed in compagnia, most tea, tea time in company is becoming increasingly sta prendendo piede anche nella Capitale. Se assunta popular in Rome. If regularly consumed, this medicinal regolarmente questa pianta medicinale, coltivata preplant -which is grown mostly in China, India and Sri valentemente in Cina, India e Sri Lanka, regala straorLanka -, provides extraordinary beneficial effects to hu- dinari benefici al corpo ed alla mente, oltre a gratificaman health, besides being pleasing to the palate, mood- re il palato, ristorare l’umore e riscaldare il cuore. La lifting and heartwarming. A tea break, ideal on dark and pausa del tè, ideale nei pomeriggi invernali più bui e cold winter afternoons, is a moment of peace and reflec- uggiosi, è un momento di calma e riflessione, una piation, a pleasant habit which is good for both physical and cevole consuetudine che unisce gusto e salute oltre ad mental health and a luxury you can allow yourself to re- un grande lusso da ritagliarsi nella frenesia quotidiana. lax and take a break from the everyday La leggenda cinese narra che l’eroico frenzy. Chinese legend has it that Em- TEA IS THE MOST- imperatore Shen Nung sia vissuto quasi peror Shen Nung lived to the age of 5000 WIDELY CONSUMED 5000 anni grazie agli infusi di acqua e by drinking infusions of water and tea foglie di tè… provate i nostri indirizzi leaves … Don’t believe it? Try these tea BEVERAGE IN THE per credere. WORLD NEXT rooms yourself! Da 125 anni su Piazza di Spagna si afBabington’s Tea Rooms has been overlookfaccia Babington’s Tea Rooms, raffinato TO WATER ing Piazza di Spagna for 125 years. It is an salotto stile vittoriano, fondato da due elegant Victorian-style tea room, established by two un- signorine inglesi, vogliose di importare a Roma la tramarried British women who wished to introduce Italy to dizione anglosassone del tè, allora acquistabile solo in the Anglo-Saxon tradition of tea, available only at phar- farmacia. Questo locale storico offre un’ampia varietà macies back then. This historic venue offers a wide vari- di miscele esclusive, selezionate con cura dai tea tasters, ety of exclusive blends, carefully selected by tea tasters, tra cui lo Special Blend, fatto su misura per l’acqua delincluding the Special Blend, specially made to be used la Barcaccia del Bernini al centro della Piazza. Da qui only with water from Bernini’s Barcaccia Fountain in the sono passati i maggiori estimatori di tè mondiali e si middle of the Piazza. Over the years, Babington’s has wel- sono riuniti membri delle famiglie reali e personaggi comed the world’s greatest tea connoisseurs, as well as di cultura e spettacolo. Alla sala da tè è affiancato il riroyal family members and many celebrities. In addition storante, dove il tè resta il protagonista indiscusso ed to the tea room, there is a restaurant where tea is the star esalta armoniosamente il gusto di ogni portata, dolce e again, harmoniously enhancing the flavor of every dish, salata. Piazza di Spagna 23, tel. +39 06 6786027, www. whether savory or sweet. Piazza di Spagna 23, tel. +39 06 babingtons.com/it Dal 1760 un altro caposaldo della tradizione del tè è 6786027, www.babingtons.com/it 117

ROMA


Antico Caffè Greco

Antico Caffè Greco, Rome’s best-known and oldest literary café, was established back in 1760. The nineteenthcentury interiors have hosted the likes of intellectuals, philosophers and musicians, such as Goethe, De Chirico and Schopenhauer. A visit of Antico Caffè Greco is like travelling back into the past and a chance to enjoy some delicious tea. Via dei Condotti 86, www.grecocaffe.com Located near the Pantheon, Casa del Tè Green T offer customers a unique experience by carrying on the Chinese tradition of eating healthy food and drinking tea. Tea master Yan is the best person to advise you on tea infusions and their beneficial properties. The small indoor Zen garden is the ideal place for tea time. Via del Piè di Marmo 28, tel. 06 6798628, www.green-tea.it Located downtown Rome, Tè e Teiere is a small topquality shop, heaven for tea lovers, with an extensive list of 140 blends of the world’s finest teas. The owner Alessandra Celi’s passion for tea is based on the indepth study of a fascinating though still little-known culture. A journey through white, green, yellow, black teas, caffeine-free infusions and rooibos tea to be complemented by small homemade delicacies. The shop offers also courses to gain an insight into the history and culture of tea, as well as tastings. Via dei Banchi Nuovi 37, tel. 06 6868824, www.teeteiere.it Located right behind Via del Corso, Caffetteria Doria Pamphilj is an elegant tea room open to the visitors of Palazzo Doria Pamphilj, which guards this aristocratic

l’Antico Caffè Greco, il più celebre e storico caffè letterario della Capitale. Gli arredi ottocenteschi ed il profumo di caffè, raccontano le gesta passate degli innumerevoli intellettuali, filosofi e musicisti passati da qui, tra cui Goethe, De Chirico e Schopenhauer. Una visita a questo locale permette di fare un salto nel passato e di assaporare un tè dal gusto leggendario. Via dei Condotti 86, www.grecocaffe.com Vicino al Pantheon il ristorante gourmet “un piatto Michelin” e Casa del Tè Green T assicura un’esperienza unica, seguendo l’antica tradizione cinese del curarsi mangiando sano e bevendo tè. La maestra del tè Yan è la persona più indicata per consigliare gli infusi, di cui conosce tutte le proprietà benefiche. Il piccolo giardino interno zen è il luogo ideale per l’ora del tè. Via del Piè di Marmo 28, tel. 06 6798628, www.green-tea.it Nel centro storico Tè e Teiere è una piccola boutique di grande qualità, regno del tè, con una ricca carta di 140 blend tra i più pregiati del mondo. La passione della proprietaria Alesandra Celi nasce dallo studio di una cultura affascinante ancora pressoché sconosciuta. Un viaggio attraverso tè bianchi, verdi, gialli, neri, infusi senza caffeina e rooibos da sorseggiare abbinati a piccole delikatessen home made. Si organizzano anche originali corsi sulla cultura del tè e degustazioni. Via dei Banchi Nuovi 37, tel. 06 6868824, www.teeteiere.it Alle spalle di Via del Corso si trova la Caffetteria Doria Pamphilj, un’elegante sala da tè a disposizione dei visi-

118

ROMA


COVER STORY

Vivi Bistrot, housed in Palazzo Braschi on Piazza Navona


2 1

1

1. Vivi Bistrot 2. Green T, near Pantheon 3. Tè e Teiere (Via dei Banchi Nuovi) 4. Antico Caffè Greco 5. Babington’s Tea Rooms

3

5

4


Fabrica, in the Prati area

family’s history. Elegant interiors and old-fashioned tatori del Palazzo Doria Pamphilj, che custodisce la stoservice for a relaxing break and a taste of a bygone era. ria di questa nobile famiglia. Ambiente raffinato e serVia della Gatta 1, tel. 06 6793805, www.doriapamphilj.it vizio di altri tempi per una pausa relax all’insegna della Housed in Palazzo Braschi on Piazza Navona, Vivi Bis- storia e della cultura. Via della Gatta 1, tel. 06 6793805, trot is an enchanting tea room, which feels like a Pari- www.doriapamphilj.it sian Bohemian café. The key word here is “natural”, so A Palazzo Braschi su Piazza Navona si trova il Vivi Biall products are organically made and come from far- strot con una magica sala da tè, che ricorda i caffè boheaway countries that the two owners, Daniela and Cris- mien parigini. Parola d’ordine e’ vivere al naturale, per tina, have visited. A tea break with view of Bernini’s cui tutti i prodotti sono biologici e rappresentano una Fountain of the Four Rivers is priceless. Piazza Navona sintesi dei viaggi lontani delle due proprietarie Daniela e Cristina. Una pausa tè con vista sulla 2, tel. 06 6833779, www.vivibistrot.com Located in the Prati area is Fabrica, a STATISTICS REVEAL Fontana dei Fiumi del Bernini non ha pastry and chocolate shop and lovely prezzo. Piazza Navona 2, tel. 06 6833779, THAT 27 MILLION www.vivibistrot.com tea room, where up-and-coming artists CUPS OF TEA ARE In Prati si trova Fabrica, laboratorio di regularly show their works. Customers can drink and buy herbal teas and DRUNK EVERY DAY cioccolateria e pasticceria e deliziosa infusions, in addition to 80 different ACROSS THE WORLD sala da tè, dove espongono regolarmente artisti emergenti. Nell’emporio si postea blends, ranging from black Indian to white and Chinese green teas and South African sono degustare ed acquistare infusi e tisane oltre a 80 rooibos. Via G. Savonarola 8, tel. 06 39725514, www. miscele, che spaziano dai tè neri indiani a quelli bianchi e verdi cinesi, a quelli rossi sudafricani. Via G. Savonafabricadicalisto.com In the Prati area again, Makasar Bistrot is a wine-tea- rola 8, tel. 06 39725514, www.fabricadicalisto.com coffee bookshop offering a list of 250 classic and Sempre in zona Prati Makasar Bistrot è un’eno-thè-carare teas, sourced from the world’s remotest regions, libreria con una proposta di 250 tè classici e rari, proto be enjoyed in an ethnic-style ambience. There is venienti dalle più remote regioni del mondo, da conalso a great selection of green and fragrant teas for sumare negli angoli etnici del locale. Ricca la selezione real connoisseurs. Via Plauto 33, tel. 06 6874602, dei tè verdi e profumati per veri intenditori. Via Plauto www.makasar.it 33, tel. 06 6874602, www.makasar.it 121

ROMA


SHOPPING ITINERARY

LOCAL SHOPPING IN ROME, EVERY NEIGHBORHOOD HAS ITS DAILY STREET MARKET. HERE YOU HAVE THE UNMISSABLES A ROMA OGNI QUARTIERE HA IL SUO MERCATO RIONALE QUOTIDIANO. ECCO QUELLI DA NON PERDERE text Veronica Sgaravatti photo Valentina Stefanelli

Touring a city and getting to know the places where the locals go to pick up ingredients for their day’s meals is experiencing the city in the most authentic way. In Rome, every neighborhood has its daily street market selling fresh fruit and vegetables and delicatessen delights, in addition to a few Sunday flea markets, full of vintage and antique treasures where you might manage to secure a bargain. CAMPO DE FIORI Definitely one of the city’s oldest markets, Campo dei Fiori is both a tourist attraction, where tourists hope to find authentic Roman delicacies, and a local market where Rome residents come to buy groceries. On this picturesque piazza- housing one of the city’s oldest and most delicious bakeries- you can find souvenirs of all kinds, from T-shirts to miniature liquor bottles, but mostly fresh flowers, fruit and vegetables and a wide variety of ready-made spice mixes for the seasoning of Italian pasta dishes, such as carbonara, amatriciana and cacio e pepe, as well as risottos in a packet and three-colored pasta. The market is open Monday through Friday from 7.30 am to 2.30 pm. MERCATO TRIONFALE Mercato Trionfale is considered to be not only Rome’s first and biggest local market, but also Italy’s and Europe’s largest street market. Located on Via Andrea Doria, just steps away from the Vatican, the market is open every day of the week from 7 am to 2 pm and it is mostly frequented by the locals. The many stalls offer fresh and dried fruit, rice and grain of all sorts, freshly-caught fish and dried salt cod, cold cuts, cheese, eggs and wine on tap, in addition to dry goods, clothing, handbags, shoes, toys, Christmas decorations, honey, jams and hard-to-find ethnic cuisine ingredients. If you’re staying at an apartment with a kitchenette and plan to try cooking for yourself, this is a great spot to source your ingredients because of its very good prices and wide variety of quality products.

Girare una città e conoscerne i luoghi dove gli stessi abitanti vanno per fare la spesa è un modo reale e autentico di scoprire una città. A Roma ogni quartiere ha il suo mercato rionale quotidiano, dove principalmente si trovano prodotti freschi, frutta, verdura e gastronomia, oltre ad alcuni mercati domenicali, dove scovare qualche pezzo d’antiquariato e modernariato e poter ancora fare qualche piccolo affare. CAMPO DE FIORI E’ sicuramente uno dei più antichi mercati della città ed è il luogo dove convivono le due anime della città: la realtà degli abitanti della zona con quella dei turisti a caccia di prodotti locali da esportare a casa loro. In questa piazza pittoresca - con uno dei forni più storici e buono della città - si possono trovare souvenir di ogni tipo, dalle T-shirt alle bottigliette di liquori mignon, ma soprattutto fiori e frutta fresca, verdure e tantissimi prodotti pronti per i turisti che vogliono tornare a casa con preparati già pronti di spezie per la carbonara, l’amatriciana e la cacio e pepe; oppure buste di risotti già pronti e paste tricolori. Il mercato è aperto ogni giorno dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 14.30. MERCATO TRIONFALE Il mercato Trionfale è considerato il primo e più grande mercato rionale romano, ma anche uno dei più grandi d’Italia e persino d’Europa. Il mercato, in via Andrea Doria, a due passi dal Vaticano è aperto tutti i giorni dalle 7.00 alle 14.00 ed è frequentato soprattutto da clienti romani. Sulle sue tantissime bancarelle si trovano frutta fresca e secca, riso e ogni tipo di cereale, pesce fresco e baccalà, salumi, formaggi, uova e vini spillati al momento dell’acquisto, oltre a merceria, abiti, borse, scarpe, giochi per bambini, decorazioni natalizie, miele, marmellate, e prodotti esotici per preparazioni della cucine etnica. Se si ha un appartamento con un angolo cottura è un ottimo indirizzo dove fare la spesa, per il buon rapporto qualità- prezzo e per la ricca varietà dei prodotti offerti.

122

ROMA


Two images of Campo di Fiori market

aaa


MERCATO DEI FIORI MERCATO DEI FIORI This is paradise for flower lovers. The flower market Per gli appassionati di fiori è un vero paradiso. Il mercalocated at 45 Via Trionfale is open to the public only to dei fiori di via Trionfale 45 è aperto al pubblico solo on Tuesday mornings from 10 am to 1 pm and it is il martedì mattina dalle 10.00 alle 13.00 e si vedono tancrowded with elegant Roman ladies buying fresh tissime signore romane, appassionate di giardinaggio o locally-grown or Dutch-imported flowers to decorate della bella tavola vanno a comprare a prezzi vantaggiosi their homes and tables or plants for their gardens at fiori freschi a km zero o importati dall’Olanda. Gli altri very reasonable prices. On the other days of the week, giorni della settimana è aperto dalle 6.00 alle 10.00 ma the market is open from 6 am to 10 pm, but only for solo per grossisti e dettaglianti. Il mercato è diviso in wholesale and retail dealers. The market spreads over due piani, quello superiore dedicato ai fiori recisi per two floors, with vendors selling cut flowers of all va- creare mazzi di fiori dalle mille varietà e quello inferiorieties on the upper floor and indoor re per le piante da appartamento e da and outdoor plants on the lower floor. giardino. THE FLOWER NUOVO MERCATO ESQUILINO NUOVO MERCATO ESQUILINO MARKET AT VIA This is the street market of Rome’s E’ il mercato della comunità internazioTRIONFALE IS international community: it’s like nale di Roma; fare una visita in questo walking into a multicultural hub mercato è un’ottima occasione per enPARADISE FOR where Chinese, Indian, Pakistani and trare in una zona dove convivono cineFLOWER LOVERS African vendors work together. The si, indiani e pakistani, vicino ad africani market, at 160 Via Filippo Turati, is provenienti da ogni Paese. Il mercato, in housed in a large, modern structure, behind the main via Filippo Turati 160 è in una grande struttura modertrain station, in the Chinatown area. It sells tropical na, alle spalle della stazione, nella zona di China Town e fruit, locally-grown vegetables, spices, meat and fish, vende frutta esotica insieme a verdura a km zero, spezie, cheese and grain from all the world, at very cheap carni e pesce, formaggi e cereali provenienti da tutte le prices. This market is the place where Rome’s immi- zone del mondo, a prezzi super convenienti. Il mercato è grants communities source their home ingredients. It frequentato soprattutto dai componenti della comunità is open from Monday through Saturday from 5 am to internazionale. E’ aperto dal lunedì a sabato dalle 5.00 3 pm. alle 15.00. NUOVO MERCATO DI TESTACCIO NUOVO MERCATO DI TESTACCIO This is a traditional Roman market where, in addition E’ un tipico mercato romano dove accanto ai tanti ban124

ROMA


3

1

2 1

1. Testaccio 2.4. Porta Portese 3. Borghetto Flaminio 5. 6. Esquilino Left page: Nuovo mercato Testaccio

4

5

6


Above: Porta Portese flea market Below: Borghetto Flaminio market


SHOPPING ITINERARY

PORTA PORTESE IS ITALY’S BEST-KNOWN FLEA MARKET CON PIÙ DI MILLE OPERATORI, PORTA PORTESE, È IL MERCATO DELLA DOMENICA PIÙ FAMOSO D’ITALIA to vendors selling fresh fruit and vegetables, there is chi di frutta e verdura freschi si trovano banchi di cibi a wide range of delicious street foods, from pizza to pronti da consumare mentre passeggi, con pizze fantameat, cheese, pasta and all kinds of bread. It is a great siose, carne, formaggi, pasta e pane di vario tipo. E’ un spot for a quick lunch in one of the liveliest and most luogo ideale per un pranzo veloce in una zona autentica authentic sections of Rome. The market is on Via della città. Il mercato è a via Galvani ed è aperto dal Galvani and is open from Monday through Saturday lunedì a sabato dalle 7.00 alle 15.30. from 7 am to 3.30 pm. MERCATO DI VIA SANNIO MERCATO DI VIA SANNIO Nel cuore di San Giovanni, a due passi dalle mura AureLocated in the heart of the San Giovanni area, just liane e dalla Basilica c’è un mercato giornaliero dedicato steps away from the Aurelian Walls and the Basilica, all’abbigliamento, agli accessori, al vintage. E’ un merthis is a daily street market offering clothing, accesso- cato storico di Roma, aperto tutti i giorni dal lunedì al ries and vintage fashion pieces. It is a historic market, sabato dalle 8:00 alle 14:00. Si trova nell’omonima via e open from Monday to Saturday from 8 am to 2 pm. It può essere un buon indirizzo se si vogliono trovare jeans, is situated on the street by the same name and it is a giacche militari e capi d’abbigliamento a buon prezzo. great place to find jeans, military jackets and reason- PORTA PORTESE ably-priced clothing. E’ il mercato più famoso di Roma, il più famigerato e il PORTA PORTESE più conosciuto. Gli sono state dedicate canzoni, poesie It is Rome’s most notorious and certainly most fa- e sono stati girati film, tanto è il suo charme e la sua vivacità. Porta Portese, con più di mille mous market. It has inspired songs, operatori è il mercato della domenica poems and films and its appeal lies in PORTA PORTESE più famoso d’Italia, dove si può trovaits charm and liveliness. Porta Portese, IS ROME’S with over one thousand vendors, is re veramente di tutto: mobili antichi e Italy’s best-known flea market, where moderni, articoli vintage, abiti usati e MOST FAMOUS one can find literally everything, from nuovi, dischi di vinile, cd, libri, stampe, MARKET antiques and vintage furniture to new giornali storici, intimo, biancheria per and second-hand clothing, vinyl rela casa, alimenti per cani e gatti, orocords, CDs, books, prints, old newspapers, lingerie, logi, macchine fotografiche, scarpe, conchiglie, bigiothousehold-linen, pet food, watches, cameras, shoes, teria, giacche di pelle, valigie e giocattoli. Il mercato shells, costume jewelry, leather jackets, luggage and è grandissimo e va da Porta Portese a Viale Trastevere toys. The market is huge and extends from Porta quindi per fare una passeggiata ed evitare il sovraffolPortese to Viale Trastevere, so if you want to take a lamento conviene andare nelle prime ore della mattileisurely Sunday walk, we recommend to go in the nata. Il mercato è aperto ogni domenica mattina dalle early morning hours to avoid the crowd. The market 6.00 alle 14.00. is open every Sunday morning from 6 am to 2 pm. BORGHETTO FLAMINIO BORGHETTO FLAMINIO E’ un mercato di curiosità, tra oggetti vintage e capi This market is full of collectibles, vintage pieces and firmati, a poco prezzo, la cui peculiarità è che i banchi designer clothing, at very affordable prices. The stalls cambiano da domenica a domenica e, tante volte, si trorotate from Sunday to Sunday and there are often vano anche persone occasionali che vogliono sempliceprivate individuals selling their own used household mente svuotare i propri armadi. Situato a pochi passi da goods. Located just steps away from Piazza del Popo- piazza del Popolo, il Borghetto si trova all’inizio di via lo, the Borghetto market is on Via Flaminia and is Flaminia, e vale una passeggiata domenicale anche solo worth the trip to delve through racks of second-hand per curiosare tra gli articoli di seconda mano e i souveitems and vintage souvenirs. You can enter the market nir vintage. Il costo dell’ingresso è di poco più di 2 euro, for around € 2 every Sunday from 10 am to 7 pm. ed è aperto ogni domenica dalle 10:00 alle 19:00. 127

ROMA


SHOT ON SITE

aaa Vincenzo De sensi, Daria Cecere

aaa Roberto Bisesti, Fabio Lovino, Matteo Parigi Bini

Deborah Simpson, Vera Marsilli, Dona Daher aaa

aaa Macario, Alex Vittorio Lana Jérôme

Simona Sofia, Francesca Cappabianca, Lata Costanzo, Rachele di Fiore

aaa Federica Cannoni, Silvia Bacci

aaa Giorgio Giangiulio

Manuele Navigli, Luca Cappuccitti, Jolanda Gurrieri

aaa Veronica and Serena Potetti, Flaminia Metz, Coraline Ambrosetti

aaa Francesco Rossi, Giulia Nasini

aaa Joanne and Dominic Bergamin aaa Gaetano Aloisio, Svetlana Aloisio

aaa Tania Fiume, Briga Antonio

128

ROMA


SHOT ON SITE

Vera Dragone, Riccardo Ciccarese, Cristina Attina

Mattina Calanchi, Francesco Roccato, Simone d’Alessandro Maria Pia, Giacinta Ruspoli Andrea Boccalini, Magda Andreola

Emanuele Benenato, Cristian di Meo

Angela Petrini, Raffaella Mancini, Veronica Sgaravatti, Gabrielle Bolzioni

ROMA THE ETERNAL CITY NEW ISSUE At Hotel de la Ville, the newest Rocco Forte Hotels gem in the heart of the city, the cocktail party for the autumn issue of Roma the eternal city. With the collaboration of Chopard, which introduced The Rebirth of an Icon. Tasting of Franciacorta Bellavista wines.

Iran Dmytrenko, Claudia Guadagni, Paola Paciotti, Antonella Mazzaglini, Barbara Mandatori

Olga Golushko, Olga Miromova

Angelo David d’Ambrogio, Giulia Bevilacqua Maria Letizia Rapetti, Valentina Luceri

129

ROMA

Alessandro Mirulla, Giulia Vecchione, Giampietro Gregori


SHOT ON SITE

Maria Angeli

DJ Betto from Annabel’s London

LUMEN SOCIETY The St. Regis Rome introduce now LUMEN, Cocktails and Cuisine to present its Lumen Society. Every Thursday night will be an exclusive experience accompanied by cocktails, treats and International DJs. Once a month the appointment will be tinged with pink to host the Lipstick Night

Sabering George Georgousis

Flaminia Orsini, Marco Rabacchi, Carlos Souza

Fabrizio Balbo

Cristina Tosio DJ Cristina Lazic

Dj Patti

130

ROMA


SHOT ON SITE

Raffaella Palandri, Andrea Vannucci

Sergio Japino, Titti Pedone, Alessando Lo Cascio Angela Melillo

Nicoletta De Virgilio, Riccardo Rigilo

Alessandro Longo, Katrien Ceulenaere Massimo Mainella, Luciano Sarzi Sartori, Titti Pedone

Pino and Elena Troccoli

BAGLIONI HOTEL REGINA AUTUMN COCKTAIL PARTY Special autumn cocktail party at the exclusive Baglioni Hotel Regina, with the collaboration of Distilleria Nardini. Tasting by Luciano Sarzi Sartori, the Chef of Brunello Bar and Restaurant Francesco Giuseppe Distaso, Anna Santoro

Silvana Bicego, Massimo Mainella Carmen Di Penta, Cristina Cavalchini

131

ROMA

Giuseppe Lanza di Scalea, Ilaria Grillini


SHOT ON SITE

Saverio Vallone, Sara Lucci, Paola Vallone

Alberto Luca Recchi, Maria Chiara Ruggero

Luca Saperdi, Simona Gigli, Francesca Valtorta

Fabrizio Manaldi

‘L’ETÀ DELLA PIETRA’ EXHIBITION At Fratelli Gigli’s Meridiani Showroom, the opening of L’Età della pietra, evoluzione della materia exhibition, featuring creations designed by Sara Lucci and made by It’s Stone. Wine tasting by Carpineto Grandi Vini di Toscana

Marina Pignatelli

Daniela Colli, Giuseppe Spiga

Giorgio Zacutti, Lucia Folgiero Simona Gigli, Sabrina Albertini

Diana Giorgio, Giancarlo Gianni Francesca and Federica Mastroianni

Carlo Maccallini, Sara Lucci

132

ROMA


SHOT ON SITE

Gabriele Carratelli, Schela Papucci

Davide Cenci, Andrea Bargnani, Alex V. Lana Giulia Razzi

Rebecca Fraioli, Nicholas Mastrogiacomo

Cristian di Meo, Alessandro Vettese

Saverio Ferragina, Camilla Alibrandi, Giuseppe Molinari

Massimiliano Conte, Giampiero Bertruzzi

THE EXCELLENCE OF ITALIAN STYLE The special event devoted to Made-in-Italy fashion, organized by Davide Cenci, at the boutique in Rome on Via Campo Marzio, with the collaboration of Badari. Tasting of Ômina Romana wines. Roma the eternal city media partner

Davide and Alessandro Cenci

Annalisa Giuliani, Marcella Scotto Sara Ferrara, Antonio Galasso

133

ROMA

Antonia Matarrese, Andrea Spezzigu


ROMA Aldovrandi Villa Borghese - Via Ulisse Aldrovandi 15 - Roma - ph +39 06 3223993 - www.aldrovandi.com Bernini Bristol - P.zza Barberini - Roma - ph +39 06 488931 - www.stregisflorence.com Boscolo Aleph - Via di San Basilio 15 - Roma - ph +39 06 422901 - www.aleph-roma.boscolohotels.com De Russie - Via del Babuino, 9 - Roma - ph +39 06 3288881 - www.roccofortehotels.com Gran Hotel De La Minerve - P.zza della Minerva, 69 - Roma - ph +39 06 695201 - www.grandhoteldelaminerve.com Grand Hotel Palace Roma - Via V. Veneto, 70 - Roma - ph. +39 06 47871 - www.grandhotelpalacerome.com Grand Hotel Plaza - Via Del Corso,126 - Roma - ph +39 06 69921111 - www.grandhotelplaza.com Grand Hotel Via Veneto - Via Vittorio Veneto, 155 - Roma - ph +39 06 487881 - www.ghvv.it Gran Melià - Via del Gianicolo, 3 - Roma - ph +39 06 925901 - www.melia.com Hotel Majestic - Via V.Veneto, 50 - Roma - ph +39 06 421441 - www.hotelmajestic.com Hotel Ambasciatori - Via Vittorio Veneto, 62 - Roma - ph +39 06 47493 - www.royalgroup.it Hotel Art by the spanish steps - Via Margutta 56 - Roma - ph +39 06 328711 - www.hotelart.it Hotel d’Inghilterra - Via Bocca di Leone, 14 - Roma - ph +39 06 699811 - www.hoteldinghilterrarome.com Hotel Dom - Via Giulia, 131 - Roma - ph +39 06 6832144 - www.domhotelroma.com Hotel Eden - Via Ludovisi,49 - Roma - ph +39 06 478121 - www.edenroma.com Hotel Hassler - Piazza Trinita dei Monti 6 - Roma - ph +39 06 699340 - www.hotelhasslerroma.com Hotel Parco dei Principi - Via G. Frescobaldi, 5 - Roma - ph +39 06 854421 - www.parcodeiprincipi. com Hotel Raphael - Largo Febo 2 - Piazza Navona - Roma - ph +39 06 682831 - www.raphaelhotel.com Hotel San Anselmo - Piazza San Anselmo 2 - Roma - ph +39 06 570057 - www.aventinohotels.com Hotel Splendide Royal - Via

HOTEL PARTNERS IN ROMA Di Porta Pinciana 14 - Roma - ph +39 06 421689 - www.splendideroyal.com JK - Via di Monte d’Oro, 30 - Roma - Roma - ph +39 06 982634  - www.jkroma.com La Griffe Roma MGallery Collection - Via Nazionale 13 - Roma - ph +39 06 47829885 - www.lagriffeluxuryhotel.com Leon’s Place Hotel in Rome - Via XX Settembre 90/94 - Roma - ph +39 06 890871 - www.leonsplacehotel.it Lord Byron Hotel - Via Giuseppe de Notaris, 5 - Roma - ph +39 06 3220404 - www. lordbyronhotel.com Navona Palace Residenze Di Charme - Via Della Pace 36-36/a - Roma - ph +39 06 6841051 www.navonapalace.it Palazzo Manfredi - Via Labicana,125 - Roma - ph +39 06 77591380 - www.palazzomanfredi.com Palazzo Montemartini - Largo Giovanni Montemartini 20 - Roma - ph +39 06 45661 - www.palazzomontemartini.com Palazzo Naiadi Roma - Piazza della Repubblica, 47  Termini Station Area - Roma - ph +39 06 489381 - www.dahotels. com/palazzo-naiadi-roma Portrait Roma - Lungarno Collection - Via Bocca Di Leone 23 - Roma - ph +39 06 69380742 - www.lungarnocollection.com Radisson Blu - Via Filippo Turati 171 - Roma - ph +39 06 444841 - www.radissonblu.com Regina Hotel Baglioni - Via V.Veneto, 72 - Roma - ph +39 06 421111 - www.baglionihotels.com Residenza di Ripetta - Via di ripetta 231 - Roma - ph +39 06 3231144 - www.residenzadiripetta.com Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts - Via Alberto Cadlolo 101 - Roma - ph +39 06 35091 - www.placeshilton.com Sofitel Roma Villa Borghese - Via Lombardia 47 - Roma - ph +39 06 478021 - www.sofitel.com St. George - Via Giulia, 62 - Roma - ph +39 06 686611 - www.hotelindigorome.com St. Regis - Via V.Emanuele Orlando,3 - Roma - ph +39 06 47091 - www. stregisrome.com The First Luxury Art Hotel - Via del Vantaggio 14 - Roma - ph +39 06 45617070 - www.thefirsthotel. com The Inn At The Spanish Steps - Small Luxury Hotel - Via Dei Condotti 85 - Roma - ph +39 06 69925657 - www. atspanishsteps.com The Westing Excelsior - Via Vittorio Veneto 125 - Roma - ph +39 06 47081 - www.westinrome.com


THE GO-TO RESTAURANTS

by Salvatore Maraschio and Leva Massimiliano Concierges Hotel de Russie, Roma ACQUOLINA Via del Vantaggio, 14 ph +39 06 45617070 acquolinahostaria.it On the ground floor of The First Luxury Art Hotel, the starred restaurant is already betrayed by the name, which plays on the double meaning recalling the aquatic environment and the flavour and scent of “acquolina” in the mouth. A lit staircase leads to the garden and reveals a spacious terrace. On the panoramic terrace, Acquaroof, hotel’s roofgarden, with restaurant & lounge service from May to October. Al piano terra del The First Luxury Art Hotel, il ristorante stellato tradisce già dal nome, giocato sul doppio senso che ricorda l’ambiente acquatico e le sensazioni gusto-olfattive dell’acquolina in bocca. Una scalinata illuminata conduce al giardino e apre alla vista di una spaziosa terrazza. Sulla terrazza panoramica, Acquaroof, il roofgarden dell’hotel, con servizio ristorante & lounge da maggio ad ottobre. AI PIANI Via Francesco Denza, 35 ph +39 06 8079704 www.aipiani.it A landmark restaurant for great seafood in Rome. The cozy and elegant ambience and the courtesy and precision of the staff are combined with the careful selection of basic ingredients. The “Pino” room is very special, and has become a symbol of the restaurant, with its large windows and bouserie in cherrywood that make the room bright and elegant. Punto di riferimento per mangiare ottimo pesce a Roma. L’ambiente accogliente ed elegante e la cortesia di un servizio accurato, si accostano alla attenta scelta delle materie prime. Particolare la sala che ospita “il pino” diventato ormai simbolo del ristorante, caratterizzata da ampie vetrate e bouserie in ciliegio che rendono l’ambiente luminoso ed elegante. AL CEPPO Via Panama, 2 ph +39 06 8419696 www.ristorantealceppo.it Cristina & Caterina run the Restaurant located in the residential area Parioli. Recently renewed it kept its historic classic well known ambient. The Menu, overseen by Cristina and made with enthusiasm by a team of young chefs is printed daily based on the fresh delights of the market. Cristina e Caterina gestiscono questo ristorante situato della zona residenziale dei Parioli. Recentemente ristrutturato, ha mantenuto un ambiente tradizionale e classico. Il menu, supervisionato da Cristina e preparato con entusiasmo da un team di giovani chef, cambia giornalmente in base alle delizie fresche di mercato.

ALL’ORO Via Giuseppe Pisanelli, 25 ph. +39 06 97996907 www.ristorantealloro.it Chef Riccardo Di Giacinto is back, this time with a unique formula: his All’Oro restaurant is also a 5-star hotel. Di Giacinto has bought The H’All Tailor Suite, just a stone’s throw from the centrally located Piazza del Popolo, and continues to amaze with his perfect combination of tradition and innovation. Lo chef Riccardo Di Giacinto è tornato e con una formula davvero unica: il ristorante All’Oro è anche un hotel 5 stelle. Lo chef ha infatti acquistato il The H’All Tailor Suite, a pochi passi dalla centralissima piazza del Popolo, e continua a stupire con il suo perfetto connubio di tradizione e innovazione. ANTICA PESA Via Garibaldi, 18 ph +39 06 5809236 www.anticapesa.it In the heart of Trastevere, this family run restaurant conceives their dishes following two main guidelines: the renewing of Roman traditional cuisine and the elaboration of typical products of the Lazio region. The setting is one of the most charming, lit fireplace during the winter in their artistic main room, and inside garden for the summer months. Their wine list is among the most rich between Roman restaurants. Nel cuore di Trastevere, questo ristorante a conduzione familiare crea i suoi piatti seguendo due linee guida: la rivisitazione della tradizionale cucina romana e l’utilizzo e elaborazione dei prodotti tipici del Lazio. L’ambiente è piacevolissimo, con il caminetto acceso in inverno nella sala principale e giardino interno per i mesi estivi. La lista dei vini è tra le più ricche di Roma. ANTICO ARCO Piazzale Aurelio, 7 ph +39 06 5815274 www.anticoarco.it Named after one of the gates of early medieval Rome (Arco di San Pancrazio), which rises nearby, Antico Arco is on Gianicolo Hill not far from Trastevere and the American Academy. It’s a hip trendy restaurant with a young, stylish clientele. Their professional staff makes sure that food and service flow smoothly. Dishes served are mainly traditional plates revised with a touch of creativity by their young and attentive kitchen brigade. Chiamato con il nome di una delle porte della Roma medievale (Arco di San Pancrazio), che sorge lì vicino, Antico Arco si trova sul Gianicolo, non lontano da Trastevere e dall’Accademia Americana. E’ un ristorante alla moda con una clientela giovane e sofisticata. Il personale è professionale e molto attento al cibo e al servizio. La cucina è tradizionale con un tocco di creatività della giovane ma esperta brigata di cucina.

AR’ GALLETTO Piazza Farnese, 104 ph +39 06 6861714 www.ristoranteargallettoroma.com Located on the beautiful square Piazza Farnese Ar Galletto is a typical family run Trattoria that has been recently, completely renewed. This is the best place to eat roman dishes and pasta. The new Sicilian woman chef has also introduced very good fish dishes. Outdoor dining in summer on the beautiful square, where the atmosphere is enriched by the lighted frescoes of the French Embassy. Situato nella bellissima Piazza Farnese, Ar’ Galletto è una tipica trattoria a conduzione familiare che è stata recentemente e completamente ristrutturata. E’ il posto migliore per gustare specialità romane e pasta. La nuova chef siciliana prepara anche ottimi piatti di pesce. Si mangia fuori d’estate nella bella piazza, dove l’atmosfera è arricchita dagli affreschi illuminati dell’ambasciata francese. ARMANDO AL PANTHEON Salita dei Crescenzi, 31 ph. +39 06 68803034 www.armandoalpantheon.it In the Trastevere area, the go-to place for real Neapolitan-style pizza, the one with a high and soft edge, made according to Pier Daniele Seu’s recipe. Baluardo della cucina romana dal 1961. Le specialità locali eseguite nella loro pura ed essenziale forma e supportate da materie di prima qualità. Una storia di tradizione, quella della famiglia Gargioli, che tramanda i propri segreti di generazione in generazione. AROMA Via Labicana, 125 ph +39 06 77591380 www.aromarestaurant.it Magnificently set on the terrace of Palazzo Manfredi with a unique view of the Coliseum of Imperial Rome! Chef Giuseppe di Iorio will lead you through an unforgettable culinary experience, where he combines perfectly modern and traditional cuisine. Before dinner, enjoy a cocktail in the lounge Bar, overlooking Colle Oppio. Magnificamente ubicato sulla terrazza di Palazzo Manfredi con vista impareggiabile del Colosseo. Chef Giuseppe di Iorio vi farà vivere un’esperienza culinaria indimenticabile, la perfetta combinazione di cucina moderna e tradizionale. Prima di cena, prendete un cocktail al Lounge Bar che si affaccia sul Colle Oppio. ASSAJE RESTAURANT Via Ulisse Aldrovandi, 15 ph +39 06 321 6126 aldrovandi.com In the elegant dining room facing the internal garden of Aldrovandi Villa Borghese, Assaje

135

ROMA

Restaurant proposes extraordinary culinary experiences inspired by the Mediterranean cuisine, as interpreted by Executive Chef Lorenzo Di Gravio. Michelin one-star. Nell’elegante sala affacciata sul giardino interno di Aldrovandi Villa Borghese, il ristorante Assaje propone straordinarie esperienze culinarie ispirate alla cucina mediterranea, opera dell’Executive Chef Lorenzo Di Gravio. Una stella Michelin. ASSUNTA ROMA Via Crescenzio, 2 ph. +39 06 68307951 www.assuntaroma.com To welcome guests, an array of lobsters, scampi, imperial shrimps or sea bream, sea bass and sea urchins, along with gilthead bream, tuna and much more, all freshly caught in our Tyrrhenian Sea. Seafood cuisine, therefore, and one of the most genuine. Ad accogliere i commensali aragoste, scampi, gamberi imperiali o anche pezzogne, spigole e ricci di mare, insieme a orate, tonno e tanto altro appena pescato dal nostro Mar Tirreno. Cucina di mare, dunque, e delle più autentiche. BISTROT 64 Via Guglielmo Calderini, 64 ph. +39 06 3235531 www.bistrot64.it As relaxed as a bistro, as refined as a starred gourmet kitchen, the proposal of young Japanese chef Kotaro Noda unites Mediterranean flavors with Oriental techniques. Dishes that stem from the tradition, but never fail to amaze. Michelin one-star. Il relax di un bistrot e la raffinatezza di una cucina gourmet stellata, opera del giovane Chef giapponese Kotaro Noda, che unisce sapori mediterranei e tecniche orientali. Piatti legati alla tradizione, ma che non mancano di stupire. Una stella Michelin. CASA COPPELLE Piazza delle Coppelle, 49 ph +39 06 68891707 casacoppelle.com The Casa Coppelle kitchen has a multifaceted and multicultural soul. On the menu, alongside traditional recipes, in some cases enhanced with a more contemporary twist, there are some more creative dishes and a chapter dedicated to the flavours and scents of the French cuisine. L’offerta di cucina di Casa Coppelle ha un’anima sfaccettata e multiculturale. Nel menù, accanto a proposte classiche della tradizione capitolina, in alcuni casi impreziosite da twist più contemporanei, trovano spazio alcuni piatti di calibrata creatività e un capitolo dedicato ai sapori e profumi della cucina francese.


THE GO-TO RESTAURANTS

CLOTILDE Piazza Cardelli, 5/A ph. +39 06 68805145 www.ristoranteclotilde.com New York-style dining room with tables in glass and iron, cobalt blue furnishings, and optical wallpaper. The food is traditional, mainly made with produce from Lazio, but is lightened up with special cooking techniques. Un salotto in stile newyorchese, con tavoli in cristallo e ferro, arredi blu cobalto e carta da parati optical. La cucina è quella tradizionale, fatta principalmente con prodotti di origine laziale, ma alleggerita grazie a particolari tecniche di cottura. COLLEGIO Piazza Capranica, 98 ph. +39 06 97996907 www.collegioroma.com Close to the Trevi Fountain, an original eatery where diners can sample a select range of wines, cocktails of the house, and dishes inspired by locally grown ingredients. Patrick Dianetti is in the kitchen, Valerio Rizzo wields the shaker. A pochi passi dalla fontana di Trevi, un originale locale dove gustare vini selezionati, cocktail d’autore e piatti ispirati alle materie prime del territorio. In cucina Patrick Dianetti, allo shaker Valerio Rizzo. DUE LADRONI Piazza Nicosia, 24 ph. + 39 06 6861013 www.dueladroni.com Nestled in the heart of Rome, a stone’s throw from piazza Navona. Due Ladroni is the perfect place for experiencing the warmth of Roman tradition. The wine list is excellent. Incastonato nel cuore di Roma, a pochi passi da piazza Navona, è il luogo ideale per lasciarsi avvolgere dalla calda tradizione romana. Pregiate le etichette dei vini. EMMA Via Monte della Farina, 28/29 ph. +39 06 64760475 www.emmapizzeria.com An amazing pizzeria in the heart of Rome. It has a few outdoor tables and a beautiful interior space with a skylight. The pizza is thin and crunchy, with the highest quality flour and basic ingredients. The most refined and freshest ingredients. Strepitosa pizzeria nel cuore di Roma. Pochi tavoli fuori e uno stupendo spazio interno con un lucernario Pizza bassa e croccante, farine e materie prime di altissima qualità. Ingredienti ricercati e freschissimi. ENOTECA ACHILLI AL PARLAMENTO Via Prefetti, 15 ph. +39 06 6873446 www.enotecalparlamento.com An Old England-style club in the heart of Rome, whose dishes are made by the stellar Chef Massimo Viglietti. Its strength lies

in its extraordinary wine cellar, with over 6,000 labels, some of which simply cannot be found elsewhere. It is also famous for its Cognac and Armagnac collection with vintages from 1800. Un club stile Old England trapiantato nel cuore di Roma, la cui cucina è firmata dallo Chef stellato Massimo Viglietti. Il punto di forza risiede nella straordinaria cantina, che conta oltre 6.000 etichette, alcune semplicemente introvabili. Famoso anche per la sua collezione di Cognac e Armagnac con annate a partire dal 1800. ERCOLI 1928 Viale dei Parioli, 184 ph. +39 06 8080084 www.ercoli1928.com Delicatessen shop where customers can sample a range of fine and sometimes little-known foods, all absolute musts. Excellent cold cuts and cheeses, smoked fish, caviar, and dips. Surrounding the tables are shelves showcasing conserves, delicacies in oil, and wines. Un negozio di delicatessen dove gustare prodotti ricercati, a volte poco conosciuti, ma sempre imperdibili. Salumi e formaggi di ottima qualità, affumicati di pesce, caviale, salse, e tutto intorno ai tavoli scaffali che fanno da vetrina a conserve, sott’oli e vini. EX PASTIFICIO Via Tiburtina, 196 ph +39 06 33974628 www.expastificio.it A new dimension for meat lovers in the heart of San Lorenzo. Unique dishes made exclusively of high-quality meat, like black angus, wagyu, Danish steaks and the famous bistecca fiorentina. Everything is cooked in a josper from Spain. Una nuova dimensione per gli amanti della carne nel cuore di San Lorenzo. Piatti inimitabili fatti solo con carni d’alta qualità: black angus, wagyu, fiorentine e bistecche danesi. Il tutto cotto nel josper forno a brace d’origine spagnola. FINGER’S ROMA Via Carrara, 12/15 ph. +39 06 3234453 www.fingersrestaurants.com Just a short stroll away from Piazza del Popolo, this JapaneseBrazilian restaurant is owned by ex-footballer Clarence Seedorf and chef Roberto Okabe, who, after Milan, Porto Cervo and Megève, has made his grand debut in the capital. The standout feature on the menu is the super-fresh fish. A due passi da piazza del Popolo, il ristorante nippo brasiliano dell’ex calciatore Clarence Seedorf e dello chef Roberto Okabe, che dopo Milano, Porto Cervo e Megève ha fatto il suo grande debutto anche nella Capitale. Re del menu, pesce freschissimo.

GALLURA Via G. Antonelli, 2 ph. +39 06 8072971 www.ristorantegallura.it A sophisticated venue in the Parioli district, is a must for lovers of fresh seafood and Mediterranean cuisine with a strong Sardinian influence. The interior of the restaurant has three rooms in a minimalist style; outside, there is a beautiful roof garden for outdoor dining. Raffinato locale del quartiere Parioli, è la meta obbligata per gli amanti del pesce fresco e della cucina mediterranea connotata una forte impronta sarda. All’interno, il locale ha tre sale in stile minimalista; all’esterno, uno splendido giardino pensile per le cene all’aperto. HOSTARIA DA PIETRO Via Gesù e Maria, 18 ph +39 06 3208816 www.hostariadapietro.com An excellent family run, traditional Trattoria, just a few minutes walking from the Hotel de Russie, with very friendly service in a warm and casual ambience. Un’ottima trattoria tipica a conduzione familiare, a pochi minuti dall’ Hotel de Russie, con un servizio molto cordiale in un ambiente caldo e informale. IL GIARDINO Via Ludovisi, 49 Ph- +39 06 478121 It one of is the restaurants of Hotel Eden. A quiet retreat from the city’s bustling streets, it serves seasonal Italian delicacies with an innovative touch by Executive chef Fabio Ciervo. È uno dei ristoranti dell’Hotel Eden. Un’oasi di tranquillità, lontana dalla frenesia delle strade cittadine, dove assaporare specialità stagionali con un tocco di innovazione preparate dallo chef Fabio Ciervo. IL MATRICIANO Via dei Gracchi, 55 ph +39 06 3212327/ 06 3213040 www.ilmatriciano.it The restaurant is ideally located near the Vatican and is only a stone’s throw from the Vatican city. Il Matriciano offers a warm atmosphere and is popular with many locals. Il ristorante si trova a pochi passi dal Vaticano. Il Matriciano offre un ambiente caloroso ed è ben frequentato dai romani. IL PAGLIACCIO Via dei Banchi Vecchi, 129/a ph +39 06 68809595 www.ristoranteilpagliaccio.com A peaceful oasis placed in the heart of Rome, in the characteristic roman frame of via dei Banchi Vecchi, just next to via Giulia. Tastes and colours enhance the capacities of Chef Antony Genovese, always trying to express the best of culinary art. The environments are cosy and elegant, the daily brightness makes it perfect for

136

ROMA

business-lunch, while the soft lights in the evening makes it an ideal place for romantic dinner. Un’oasi di tranquillità nel cuore di Roma, nella pittoresca Via dei Banchi Vecchi, a pochi passi da Via Giulia. I sapori e colori esaltano il talento di Chef Antony Genovese, che esprime il meglio dell’arte culinaria. L’atmosfera è confortevole ed elegante, l’ambiente luminoso lo rende perfetto per pranzi d’affari, mentre le luci soffuse di sera creano lo scenario ideale per una cena romantica. IMÀGO Piazza Trinità dei Monti, 6 ph +39 06 699340 www.hotelhasslerrome.com When you cross the threshold of Imàgo the view of Rome seems like a mirage, a dream world like out of a fairy-tale. The soft music, marble floors with wood inserts and play of lights which change throughout the day and night and reflect off the mirrorlike tables create a unique ambiance. Immense effort has gone into every detail which can be seen in the furnishings and the kitchen, satisfying that need to combine vision, taste, smell and sound, to create a unique and unparalleled experience for the senses. Varcando la soglia di Imàgo, la vista di Roma avvolge quasi fosse un’apparizione, un sogno che conduce il pensiero e il ricordo in un mondo da favola. Una musica soft, pavimenti di marmo con inserti in legno e i giochi di luce diversi per ogni ora del giorno e della sera che si riflettono sui tavoli di specchio creano un’atmosfera unica.
La cura dei dettagli e dei particolari si riflette nell’arredo come nella cucina, rispecchiando l’esigenza di far sposare fra loro la vista, il gusto, l’olfatto e l’udito, per creare un’esperienza sensoriale unica e ineguagliabile. I SOFÀ BAR RESTAURANT & ROOF TERRACE Via Giulia, 62 ph. +39 06 68661846 www.isofadiviagiulia.com It is the pride of the Hotel Indigo Rome - St. George five-star luxury boutique hotel. Chef Filly Mossucca and Sous-Chef Fabiana Loreti have created a menu with feminine sensitivity and creativity, made with seasonal local products. Tasty “Roman” recipes for an authentic, genuine dining experience. The view from the Roof is spectacular. È il fiore all’occhiello dell’Hotel Indigo Rome - St. George, albergo cinque stelle lusso. Lo Chef Filly Mossucca e il Sous-Chef Fabiana Loreti hanno creato un menù con sensibilità e creatività al femminile, fatto di prodotti a Km 0 e di stagione. Gustose ricette “romanesche” per un’esperienza autentica e genuina. Spettacolare il panorama dal Roof.


THE GO-TO RESTAURANTS

JARDIN DE RUSSIE Via del Babuino, 9 ph +39 06 32888870 www.hotelderussie.it Located within the Hotel de Russie, this restaurant is an essential part of our secret garden, where the charming history of old times meets the genie of two famous Chefs, Fulvio Pierangelini and Nazareno Menghini. This creates a perfect combination where to experience excellent Mediterranean tastes, enjoy the peaceful garden and do some celebrities spotting. Il ristorante dell’ Hotel de Russie è una parte essenziale del giardino segreto, laddove il fascino della storia incontra il genio dei nostri due famosi Chef, Fulvio Pierangelini e Nazareno Menghini. Ciò crea l’ambiente perfetto per gustare eccellenti sapori mediterranei, godere della quiete del giardino e andare a caccia di volti noti. J.K. CAFÈ Via di Monte d’Oro, 30 ph +39 06 982634 www.jkroma.com Located in the heart of Rome, just steps from Piazza di Spagna, Via Condotti and all the main sights, J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant, at JK Place Rome, offers Italian and international specialities. The bar and roof garden are the favourite spots for relaxing in “J.K.” style. Situato nel cuore di Roma, a pochi minuti a piedi da Piazza di Spagna e da Via Condotti e da tutte le principali attrazioni, il J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant, del JK Place Rome, offre specialità italiane e internazionali. Qui il bar e il roof garden sono i luoghi perfetti per rilassarsi in stile “J.K.”. LA MONTECARLO Vicolo Savelli, 13 ph +39 06 6861877 www.lamontecarlo.it Located near the Piazza Navona, it offers pizza and wine in a fun and noisy atmosphere. A favourite of locals. Swift, courteous service. There are open-air tables. Situato vicino a Piazza Navona, il ristorante offra pizza e vino in un ambiente divertente e animato. Molto frequentato dai romani. Servizio veloce e cortese. Ci sono tavoli all’aperto. LA PERGOLA Via Alberto Cadlolo, 101 ph +39 06 35091/06 35092152 www.romecavalieri.com Perched upon Monte Mario, within the Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, la Pergola offers, by far, the best views of the Eternal City. Heinz Beck, the celebrated German Chef, creates perfect “Alta cucina” dishes while using only fresh and local ingredients. Reservations are required well in advance. Appollaiato su Monte Mario,

il ristorante del Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, La Pergola, offre la più bella vista della città eterna. Heinz Beck, il famoso Chef tedesco, crea piatti perfetti d’alta cucina usando solo ingredienti freschi e locali. E’ richiesta la prenotazione con largo anticipo. LA TERRAZZA Via Ludovisi, 49 ph. +39 06 478121/06 47812752 On the top floor of the Hotel Eden, it offers a seasonal Mediterranean cuisine, creative and innovative, accompanied by breathtaking views of Rome. Heading the kitchen crew, Michelin-starred chef Fabio Ciervo. All’ultimo piano dell’Hotel Eden, offre una cucina mediterranea stagionale, creativa ed innovativa, accompagnata da una vista mozzafiato su Roma. A capo della brigata di cucina, lo Chef Stellato Fabio Ciervo. LUMEN Via Orlando V. Emanuele, 3 ph +39 06 47091 www.marriott.it The elegant restaurant of the iconic St. Regis Rome, which in 2018 was renovated making its public areas and guestrooms even more exquisite under the expert guidance of French architect Pierre-Yves Rochon. For the spaces dedicated to dining, refined details in Belle Époque and contemporary style. Cuisine, cocktails and signature dishes. L’elegante ristorante dell’iconico The St. Regis Rome, che nel 2018 ha rinnovato e reso ancora più preziosi i suoi ambienti sotto la sapiente guida dell’architetto Pierre-Yves Rochon. Per lo spazio dedicato al gusto, raffinati dettagli in stile Belle Époque e contemporaneo. Cucina, cocktail e serviti d’autore. MADRE ROMA Largo Angelicum, 1/A ph. +39 06 6789046 www.madreroma.com It is the restaurant of Roma Luxus Hotel. An elegant salon surrounded by a park, open from morn until late at night. In the kitchen, star chef Riccardo Di Giacinto unites South American and Spanish flavors with Italian tradition. È il ristorante del Roma Luxus Hotel. Un elegante salotto immerso nel verde, aperto dalla colazione alla tarda notte. In cucina lo Chef Andrea Sacerdoti unisce sapori sudamericani e tradizione italiana. MARCO MARTINI RESTAURANT Viale Aventino, 121 ph. +39 06 45597350 www.marcomartinichef.com A modern and imaginative cuisine, but one that draws on the chef’s childhood memories, served in a winter garden

characterized by stylistic contaminations. On the terrace lounge, with velvet sofas and a gazebo with an Italian Liberty-style pavement, drinks marked by the creative flair and technique of bar manager Matteo Nicolì. Cucina moderna e fantasiosa, ma che attinge ai ricordi d’infanzia dello chef, servita in un giardino d’inverno con contaminazioni di stili. Sulla terrazza lounge, con divani in velluto e un gazebo con un pavimento in stile, i drink firmati dall’estro e la tecnica del bar manager Matteo Nicolì. MOLTO Viale dei Parioli, 122 ph +39 06 8082900 www.moltoitaliano.it Located in the residential area of Parioli, this modern style restaurant, is always very frequented by many locals. The typical rotisserie set in the middle of the restaurant, makes this place appetizing especially for meat lovers. Their menu is an excellent representation of original Italian flavours. At the entrance a nice bar where you can start the evening enjoying a good drink. Situato nella zona residenziale dei Parioli, questo ristorante moderno è sempre molto frequentato dai romani. Il girarrosto piazzato nel bel mezzo del ristorante rende questo locale molto invitante per gli amanti della carne. Il menu è un eccellente compendio di tutti i sapori italiani. All’ingresso, c’è un bel bar dove si può iniziare la serata con un buon aperitivo. MOSAICO Via Sistina, 69 Ph. + 39 06 97796712 www.roccofortehotels.com Mosaico is found in Hotel de la Ville, the newest gem of Rocco Forte Hotels. In the kitchen, the creative director is again the starred chef Fulvio Pierangelini, whose culinary philosophy blends with the myriad cultures that once defined the Roman Empire. For those looking for traditional but elegant Roman dishes, there’s Da Sistina. Sip on a cocktail while enjoying the breath-taking view offered at Cielo Bar or a “spicy drink” at Julep Bar. Siamo nel Hotel de la Ville, nuovo gioiello della Rocco Forte Hotels. In cucina il direttore creativo è sempre lo chef stellato Fulvio Pierangelini. Al ristorante Mosaico, la sua filosofia delle materie prime s’intreccia con la miriade di culture che facevano parte dell’Impero Romano, mentre per chi cerca i piatti di una tradizionale, ma ricercata, trattoria romana, c’è il Da Sistina. Cocktail con vista mozzafiato al Cielo Bar e “spicy drink” al Julep Bar.

137

ROMA

OSTERIA LA GENSOLA Piazza della Gensola, 15 ph +39 06 5816312 www.osterialagensola.it Located in one of the most characteristic art district of the city, Trastevere, this restaurant offers traditional roman flavours as well as various fish dishes. Run by two young brothers, this restaurant is mostly frequented by locals. The atmosphere is fun and lively. Situato in uno dei quartieri più caratteristici della città, Trastevere, questo ristorante offre tipici piatti romani e varie specialità di pesce. Gestito da due giovani fratelli, il ristorante è molto frequentato dai romani. L’atmosfera è divertente e vivace. PACIFICO Lungotevere Arnaldo da Brescia, 2 ph. +39 06 3207042 www.palazzodama.com It is the restaurant of Palazzo Dama, which has brought the cuisine of Peruvian Chef Jaime Pesaque to Rome. Diners can enjoy being served in the traditional space of the restaurant, or outdoors in the poolside garden. Among the cult dishes, the chef’s spectacular Ceviche, famous throughout the world. È il ristorante di Palazzo Dama, che ha portato a Roma la cucina dello chef peruviano Jaime Pesaque, che qui può essere gustata sia nello spazio tradizionale del ristorante che nel giardino intorno alla piscina. Tra i cult, il suo strepitoso Ceviche, conosciuto in tutto il mondo. PALAZZACCIO CLUB Via Ennio Quirino Visconti, 66/68 ph. + 39 06 89221123/345 2612791 palazzaccio.club In the heart of the lively Prati neighbourhood, a stone’s throw from piazza Cavour, this modern setting with a welcoming atmosphere is dedicated to the search for excellent ingredients and cocktail pairings. Nel cuore del vivace e dinamico quartiere Prati, a pochi passi da piazza Cavour troviamo un’ambiente moderno con un’atmosfera accogliente che punta ad un’attenta ricerca delle materie prime, con specifici abbinamenti per i cocktail. PASSETTO Piazza S.Apollinare, 41 ph. +39 06 62286019 www.ristorantepassetto.it Just outside Piazza Navona, a historical spot in Rome whose tables have welcomed many famous personalities. In the kitchen, the famous Roman chef Arcangelo Dandini. Alle porte di piazza Navona, uno storico indirizzo di Roma che ha visto ai suoi tavoli numerosi personaggi illustri. In cucina, il famoso chef romano Arcangelo Dandini.


THE GO-TO RESTAURANTS

PER ME Vicolo del Malpasso, 9 ph. +39 06 6877365 www.giulioterrinoni.it This is the new adventure of the young Roman chef, Giulio Terrinoni (Michelin one-star), who left Acquolina in 2015 to open his own restaurant. “I Tappi” [The Corks] is an original proposal of tasting-size portions to try different specialties at the same time. È la nuova avventura del giovane Chef romano, Giulio Terrinoni (una stella Michelin), che nel 2015 lascia Acquolina per aprire il proprio ristorante. Originale la proposta “I Tappi”, con porzioni degustazioni per provare più specialità in una volta. PIANOSTRADA Via delle Zoccolette, 22 ph. +39 06 89572296 Interesting and never obvious cuisine that will amaze even the most refined palates. Besides the first and second courses, there are also excellent fried delicacies and street food too. Delightful internal courtyard. Cucina mai banale, in grado di stupire anche i palati più raffinati. Oltre ai primi e ai secondi, in menu anche ottime fritture e una lista di proposte street food. Incantevole il cortile interno. PIERLUIGI Piazza Dè Ricci, 144 ph +39 06 6868717 www.pierluigi.it A stone’s throw from Campo de’ Fiori, recently renewed, this traditional restaurant has always kept its quality at the highest standards. Fabrizio Leggiero menu is a unique combination between earth and sea. A pochi passi da Campo de’ Fiori, recentemente ristrutturato, questo ristorante tradizionale ha sempre mantenuto alto lo standard di qualità. Il menù di Fabrizio Leggiero è una ricca proposta di piatti mare e terra. RENATO E LUISA QUELLI DELLA TAVERNA Via dei Barbieri, 25 ph +39 06 6869660 www.renatoeluisa.it A cosy restaurant which loves to adapt traditional Roman cuisine making it lighter and tastier. At Renato e Luisa they use seasonal products and it is always possible to try a new dish accompanied by homemade bread, breadsticks or desserts. Un ristorante accogliente che ama rivisitare i piatti della tradizione romana rendendoli più leggeri e gustosi. Attraverso la scelta di prodotti stagionali, da Renato e Luisa è possibile gustare sempre un nuovo piatto accompagnato da pane, grissini o dolci fatti in casa. RETROBOTTEGA Via della Stelletta, 4 ph. +39 06 68136310 www.retro-bottega.com Between Piazza Navona and the Pantheon, this restaurant

offers a natural, intense cuisine that is a cross between local and sophisticated, a concept of the two owners, chefs Giuseppe Lo Iudice and Alessandro Miocchi. Tra piazza Navona e il Pantheon, un ristorante che propone una cucina naturale, intensa, che si muove tra territorio e ricerca, ideata dai due chef patron Giuseppe Lo Iudice e Alessandro Miocchi. RISTORANTE GIRARROSTO FIORENTINO Via Sicilia, 46 ph. +39 06 42880660 www.girarrostofiorentino.it The giant grill on view in the fireplace is the throbbing heart of the restaurant. It is a warm and welcoming place, but also somewhat exclusive. Plates are freshly prepared under the gaze of the guests. The steak tartare is excellent. La grande griglia a vista del camino è il cuore pulsante del locale. Un luogo conviviale e accogliente, ma al tempo stesso ricercato. Piatti espressi preparati davanti agli occhi degli ospiti. Ottima la steak-tartare. SALUMERIA ROSCIOLI Via dei Giubbonari, 21 ph +39 06 6875287 www.salumeriaroscioli.it Roscioli is a restaurant, gourmet shop, deli and wine bar all rolled into one. A multipurpose gourmet shop, an unusual restaurant where the quality of the raw material is the key factor. An ideal spot for gourmet food fans from around the world. Roscioli è insieme ristorante, una gastronomia, una salumeria e un wine bar. Una gastronomia polifunzionale, un ristorante atipico, dove la qualità delle materie prime è la parola d’ordine. Il luogo ideale per gli appassionati di gastronomia di tutto il mondo. SEU PIZZA ILLUMINATI Via Angelo Bargoni, 10-18 ph. +39 06 5883384 www.seu-pizza-illuminati.business.site In the Trastevere area, the go-to place for real Neapolitan-style pizza, the one with a high and soft edge, made according to Pier Daniele Seu’s recipe. In zona Trastevere, l’indirizzo da non perdere per chi ama la vera pizza napoletana, con il suo tipico crostone alto e soffice, preparata secondo la ricetta di Pier Daniele Seu. TAKI Via Marianna Dionigi, 54-62 ph. +39 06 3201750 www.taki.it Sushi and other Japanese goodies, to be complemented by a select list of green teas, but also Italian and international wines. Sushi e altre specialità del Sol Levante, da abbinare a una ricercata selezione di tè verdi, ma anche a vini italiani e internazionali.

TARTUFI AND FRIENDS Via Borgognona, 4/E ph +39 06 6794980 www.tartufiandfriends.it A unique venue with the dual aim of presenting truffles in combination with excellent Italian food either at the table in a quest for something exquisite, or a quick ‘take away’ meal in the form of gourmet sandwiches, all wrapped in old-world refined charm and affordable for everyone. Un locale unico nel suo genere, che si pone il duplice obiettivo di presentare il pregiato tartufo in abbinamento alle eccellenze alimentari italiane sia attraverso un pasto seduto alla ricerca di qualcosa di squisito sia con un pasto veloce ‘take away’ sotto forma di panini gourmet, il tutto avvolto in un’atmosfera dal sapore antico e raffinato alla portata di tutti. TAVERNA TRILUSSA Via del Politeama, 23/25 ph +39 06 5818918 A family-run, typically Roman trattoria with a pleasant, informal atmosphere, situated right in the heart of Trastevere. Rome’s most famous dish are the “Bucatini all’ Amatriciana”, thick spaghetti with tomato sauce, bacon and Pecorino cheese but once there you should not miss to try the “Ravioli Mimosa” which taste will enchant you! The recipe is still secret… Una tipica trattoria romana a conduzione familiare con un’atmosfera piacevole e informale, situata nel cuore di Trastevere.. Il piatto romano più famoso è bucatini all’ amatriciana, spaghetti grossi con salsa di pomodoro, pancetta e pecorino, ma assaggiate i ravioli mimosa, il sapore vi conquisterà! La ricetta è ancora segreta... TERRAZZA BORROMINI Via di Santa Maria dell’Anima, 30 ph. +39 06 68215459 www.terrazzaborromini.com On the 4th floor of the historic Palazzo Pamphilj, in elegant dining rooms overlooking Piazza Navona and a magnificent terrace, a restaurant inspired by Roman cuisine creates harmonious combinations of seasonal flavors. Al quarto piano dello storico Palazzo Pamphilj, in eleganti sale affacciate su piazza Navona e su una magnifica terrazza, un ristorante che ispirandosi alla cucina romana crea armoniose combinazioni di sapori stagionali. TORDOMATTO Via Pietro Giannone, 24 ph. +39 06 69352895 www.tordomattoroma.com Traditional and creative cuisine, with the select products of the territory always at the forefront. This is the style of Chef Adriano Baldassarre and of

138

ROMA

his restaurant just a few steps from the Vatican Museums. A safe haven for those looking for dishes that never disappoint expectations. One Michelin star. Cucina sia tradizionale che creativa, con le eccellenze del territorio sempre in prima linea. Questo lo stile dello chef Adriano Baldassarre e del suo ristorante a pochi passi dai Musei Vaticani. Un porto sicuro per chi cerca piatti che non deludono mai. Una stella Michelin. TULLIO Via di S. Nicola da Tolentino, 26 ph +39 06 4745560 www.tullioristorante.it This traditional family run restaurant is centrally located downtown area, just off the Piazza Barberini. The best in town for the typical “bistecca Fiorentina” , their menu also offers a variety of Italian seasonal specialities and fresh fish. Large “collectors” selection of Italian and imported wines. Questo tradizionale ristorante a conduzione familiare è situato in pieno centro, vicino a Piazza Barberini. E’ il migliore ristorante della città per la bistecca alla fiorentina e il menù offre vari piatti tipici italiani e stagionali. Una ricca carta di vini da “collezionisti”, italiani e stranieri. VERVE Via Giulia, 131 ph. + 39 066832144 domhotelroma.com On the fourth floor of the hotel D.O.M, a romantic and amazing terrace, enveloped in the dizzying fragrance of a variety of spices, during the summer, Terrazza is the perfect place to enjoy the colours, flavours and aromas of a contemporary menu rooted in tradition. Al quarto piano dell’hotel D.O.M, una romantica e sorprendente terrazza, avvolta dai profumi intensi di spezie di ogni genere. Luogo perfetto per gustare, durante la bella stagione, colori, sapori e profumi in una proposta gastronomica contemporanea ma con radici nella tradizione. ZUMA Palazzo Fendi Via della Fontanella di Borghese, 48 ph. +39 06 99266622 www.zumarestaurant.com World famous chef Rainer Becker has made his debut in Italy, opening his new restaurant in the beautiful setting of Palazzo Fendi. Impeccable service, izakaya cooking and breathtaking views. Lo Chef di fama mondiale Rainer Becker ha debuttato in Italia aprendo il suo nuovo ristorante nella bellissima cornice di Palazzo Fendi. Servizio impeccabile, cucina izakaya e vista mozzafiato.


Profile for Gruppo Editoriale srl

Roma - the Eternal City - n.23  

Roma - the Eternal City - n.23  

Advertisement