Page 1

5,00 FREE COPY spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

COVER STORY ILENIA PASTORELLI FASHION S/S 2019 ‘20S FLASH ART EXHIBITIONS MARCELLO MASTROIANNI | PICASSO | POLLOCK ITINERARIES CHURCHES & MASTERPIECES | SPIRITUAL PATTERN SHOPPING IN ROME | PASTRY SHOPS


108

58

74

19

WINTER in this issue

COVER STORY

FASHION

68

25 It object

Ilenia Pastorelli

This isn’t a fairy tale

Questa non è una favola by Virginia Mammoli

74

Shooting

‘20s Flash by Marta Innocenti Ciulli

86

Jewel

SAVE AS

Symbols

20

Roma exhibitions

Simboli

22

Music & theatre

23

Pop

MOVIE, THEATRE & MUSIC 72

Elda Alvigini

PEOPLE

Free Style

14

Stile libero

Francesco Hausmann

Timeless

108

Oltre il tempo

Let the show begin

16

A scena aperta by Gabrielle Bolzoni

Angela Maria Piga

Roman Theatres

Listening to Elvis Ascoltando Elvis

MUST HAVE

18

89

Bags

Centre stage

90

Trends

Luci della ribalta

91

Man

Roberto Paglialunga


128

100

104

19

WINTER in this issue

ITINERARIES 58

Details

FOOD & WINE 116

Hotel de Russie

Spiritual Pattern

A tribute to the Mediterranean

Spirito e materia by Francesca Lombardi

Omaggio al Mediterraneo

92

Shopping

Carnet d’addresse Shopping in città by Veronica Sgaravatti

120

The St. Regis Rome

A new era Una nuova era 122

Hassler Roma

Style icon ART, DESIGN & CULTURE 48

Cathedrals

Churches and masterpieces Chiese e capolavori by Salvatore La Spina 100

Marcello Mastroianni

Portrait of a myth Ritratto di un mito by Teresa Favi 104

Art Exhibition

Icona di stile 128

Roman pastry shops

Sweet dreams Dolci desideri by Gabrielle Bolzoni

SHOT ON SITE 35

ROMA GUIDE

On forms and colours

134

Hotels

Di forme e di colori by Mila Montagni

135

Restaurant


QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini T

H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editor

Teresa Favi, Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Virginia Mammoli, Mila Montagni roma correspondent

Veronica Sgaravatti contributors

Giovanni Bogani, Gabrielle Bolzoni, Salvatore La Spina, Gianluca Tenti, Virginia Zullo photographers

Alessandro Bencini, Gianmarco Chieregato (cover), Maria Novella De Luca, Dario Garofalo, New Press Photo, Valentina Stefanelli art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Marina Geraci, Alessandra Nardelli Paola Paciotti, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori (Symbol Freelife Gloss Premium White Paper) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

CONTRIBUTORS

T

5,00 FREE COPY spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

COVER STORY CHRIS COOPER FASHION A/W 2015.WHAT A SURPRISE INTERVIEWS GIOVANNI GASTEL | FRANCESCO SCOGNAMIGLIO | KATRIONA MUNTHE CULTURE WHITE ROOM | FABULOUS FIFTIES ITINERARIES SEABEDS | PIAZZETTA | THE ISLAND RESTAURANTS

COVER STORY FABRIZIO GIFUNI FASHION S/S 2015 STREET À PORTER INTERVIEW SANDRO VERONESI | DANIELA CIANCIO | TATIANA LUTER ART SISTINE CHAPEL | LORENZO LOTTO | BELLISSIMA ITINERARIES MONTI | FLEA MARKETS | CRAFTSMEN

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

T

SPECIAL EXPO 2015

COVER STORY DAVID CRONENBERG

FASHION S/S 2015 W.J. WONDERFUL JEANS | FRANCA SOZZANI INTERVIEW PAOLO CONTE | TONI AND PEPPE SERVILLO | DAVIDE RAMPELLO ART GALLERIA DEGLI UFFIZI | ANTONY GORMLEY | GUCCI MUSEUM ITINERARIES DANTE 750TH ANNIVERSARY | LOCAL ONLY

The ultimate way to learn all about the most beautiful Italian places

fashion, art, event and lifestyle magazines

Giovanni Bogani, a journalist, he writes about the cinema festivals of Berlin, Cannes, Venice and Rome for the newspaper La Nazione and for websites www.affaritaliani.it and www.cinecitta.it. He has collaborated with the Italian-American magazines “US Italia” and “ItalyAmerica”americane Us Italia e ItalyAmerica. Giovanni Bogani, giornalista, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web www.affaritaliani.it e www.cinecitta.it. Ha collaborato con le riviste italo/americane Us Italia e ItalyAmerica. Gabrielle Bolzoni, born in Rome, where she currently lives. High school diploma at the Germanic School of Rome and degree in Geopolitics at the University La Sapienza of Rome. Free-lance reporter. She loves culture and sports. Gabrielle Bolzoni nata a Roma, dove vive. Maturità presso la Scuola Germanica di Roma e laurea in Geopolitica presso l’Università di Roma La Sapienza. Giornalista libera professionista. Ama cultura e sport. Marta Innocenti Ciulli, 42 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. Marta Innocenti Ciulli, 42 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Domenico Savini, historian and expert in heraldry and genealogy, collaborates with important institutes and specialized magazines. Domenico periodically holds conferences on the subject. He lives and works in Florence. Domenico Savini, storico delle famiglie fiorentine, esperto di araldica e genealogia, collabora con importanti istituti e con riviste specializzate sulla materia. Tiene periodicamente conferenze sull’argomento. Vive e lavora a Firenze. Veronica Sgaravatti, born in Rome with a degree in Communication Science, is free-lance journalist since 2009. She loves gardening, culture and traveling, and organizes events in her own estate “Parco Iris” on the Appia Antica road. Veronica Sgaravatti, nata a Roma e laureata in Scienze della comunicazione è pubblicista dal 2009. Appassionata di giardinaggio, cultura e viaggi, organizza eventi nella sua proprietà “Parco Iris” sull’Appia Antica.


VIA DEL BABUINO 73, ROMA - TEL. 06 32652439

PRINCESS FLOWER COLLECTION | robertocoin.com


roma people

TimeleTsEMs PO OLTRE IL

text Virginia Mammoli

Watches have been at the centre of your company for centuries. What’s your secret? The secret probably doesn’t exist. A general rule that I perhaps inherited is not to think in the short term, but always in the long term. Who is your Vintage section meant for? The section is divided into two parts: restored antique watches and “second-wrist” watches. It’s dedicated to a public that loves watchmaking and a trendy clientele that wants to update their watch collection. For how long have you dabbled in jewellery? We have a historic tradition of jewellery production, but only a few years ago did we launch this section, which is slowly going. We intend to develop our distribution in the future by opening new dedicated boutiques. Why are watches still an unparalleled accessory? Watches were perhaps no longer as important for their “timekeeping” aspect, partly because the time can be read in many other ways now. Today, watches are a status symbol, a rare, beautiful object that mirrors our personality. And now you have your new Rolex boutique… Our relationship with Rolex dates back 50 years. Initially independent retailers, we’ve since become partners that share not only a physical space, the boutique, but also an image and a style.

A talk with Francesco Hausmann, managing director along with Benedetto Mauro of Hausmann & Co., the official representative of the biggest brands in watchmaking, in Rome since 1794. Today, they boast 3 elegant ateliers and a Rolex boutique 14 Roma | the Eternal City

Gli orologi sono nella vostra azienda da secoli, qual è il segreto? Il segreto probabilmente non esiste, una regola di massima che forse ho ereditato è quella di non guardare al breve o al medio periodo, ma al lungo termine. Per chi è pensato il vostro comparto Vintage? È un comparto che per esattezza si divide in due parti: orologi antichi restaurati e orologi “secondo polso”; creato quindi per un pubblico che ama l’orologeria da collezione e per un cliente più attuale che ha voglia di rinnovare il proprio orologio. Da quando vi dedicate anche ai gioielli? Abbiamo una tradizione antichissima nella produzione della gioielleria, ma solamente qualche anno fa abbiamo aperto questo comparto e gradualmente stiamo crescendo. Abbiamo intenzione, in futuro, di sviluppare la nostra distribuzione con l’apertura di nuove boutique al dettaglio. Perché l’orologio rimane sempre un gioiello inimitabile? L’orologio è stato forse superato nella sua caratteristica di “segna tempo”, anche perché oggi l’ora è fruibile in diversi altri modi. L’orologio oggi è uno status symbol, un oggetto raro, bello e che rispecchia la nostra personalità. Tra le novità più recenti, l’apertura di una boutique Rolex... I nostri legami con Rolex sono ormai consolidati da oltre 50 anni. Da rivenditori indipendenti siamo diventati dei partner che condividono non solamente un luogo fisico, la boutique, bensì un’immagine e uno stile.


Roma, Via del Babuino 143


roma people

lvis E o t g n i n e t s i L DO ELVIS ASCOLTAN

text Veronica Sgaravatti

What’s your educational background? I studied literature, and throughout my entire life, I’ve always had a close relationship with writing. I started as a gallerist specializing in Central Europe: Poland, Germany, Hungary and Lithuania; then I worked as an art and architecture journalist, and after accumulating almost 20 years’ worth of visual memory of contemporary artworks, I went from observation to action. My time in Düsseldorf, Germany, where I was until 2017, certainly shaped by artistic education. How do these hominids come to fruition? I always use clay, which becomes terracotta or ceramic depending on whether its baked once or twice. Terracotta is only baked once and has an opaquer finish, while ceramics has a glossier finish after it’s baked two times. My sculptures always come from an instinctive gesture and are never illustrative of theoretical ideas. Nevertheless, they all have very precise roots. All my hominids come from a legendary, mythical world (Kafka, Gogol, Pirandello), a heroic and fairy-tale-like world (Marvel and Brothers Grimm characters), a biblical world or from Sardinia’s nuraghic culture. How long does it take you to sculpt a figure? Very little time. I kind of work in a trance. Music is essential: I always craft my pieces while listening to Elvis Presley, which gives my hands a rhythm to work with.

Angela Maria Piga creates ceramic and terracotta sculptures, and in 2017-2018, she made her “coloured figures” 16 Roma | the Eternal City

Qual è stata la sua formazione? Ho avuto una formazione letteraria e in tutta la mia vita sono sempre stata legata alla scrittura. Nasco come gallerista d’arte, specializzata nei paesi dell’Europa centrale: Polonia, Germania Ungheria, Lituania; poi ho lavorato come giornalista di arte e architettura e dopo aver accumulato, per quasi vent’anni, tanta memoria visiva di opere contemporanee sono passata dall’osservazione all’azione. Sicuramente, ha contribuito alla mia formazione artistica, l’esperienza in Germania, a Düsseldorf dove fino al 2017. Come nascono questi ominidi? La materia prima che utilizzo è sempre l’argilla che a seconda se viene cotta una o due volte diventa terracotta o ceramica. La terracotta ha una sola cottura e una finitura più opaca mentre la ceramica, che diventa tale solo dopo la seconda cottura, ha una finitura più lucida. Le mie sculture nascono sempre da un gesto istintivo e mai illustrativo di idee a priori. Tuttavia, hanno tutte radici ben precise. Tutti i miei ominidi provengono da un mondo mitico leggendario (Kafka, Gogol, Pirandello); da un mondo eroico e fiabesco (personaggi della Marvel e Fratelli Grimm), da un mondo biblico o dalla cultura nuragica sarda. Quanto tempo ci mette per scolpire un personaggio? Pochissimo, opero quasi in uno stato di trans. E’ indispensabile la musica: creo sempre ascoltando Elvis Presley che dà ritmo alle mie mani.


roma people

CentrLeLAsRtIBaAgLeTA LUCI DE

text Veronica Sgaravatti

When did you begin this line of work? I began helping out my parents when I was in my third year of high school. Our craft has been handed down for generations: I’m the third generation to work primarily in theatre – with my father and grandfather, who only dealt with make-up and wigs for the Teatro dell’Opera in Rome – though now we dabble in every field in the world of performance. What does your work consist of? While my father works exclusively for the Teatro dell’Opera, my clients are more varied. I never work with private entities and my clients are specialized technicians – make-up artists and hairstylists – in various film productions all over the world. What is the difference between a wig for film and one for theatre? The materials used are very different because in terms of theatre, the spectator sees the actor at a certain distance, while in film, greater attention needs to be given to the details because of close-ups. What is your greatest aspiration? To be able to continue what I do every single day. It’s a job that requires a lot of dedication and patience. There are no Christmases, no Sundays, no Ferragostos and certainly no set hours; without passion, this is all impossible. This is high craftsmanship that, luckily for me, is requested even abroad.

Roberto Paglialunga is 38 years old and makes wigs for theatre, cinema, television and fashion. Alongside his family, he’s founded the RP brand, named after himself, but more importantly, his father 18 Roma | the Eternal City

Quando ha iniziato a fare questo mestiere? Quando frequentavo il terzo anno di liceo per aiutare i miei genitori. Il nostro è un mestiere che si tramanda da generazioni; la mia è la terza che si occupa di seguire, in primis, il sistema teatrale. Mio padre e mio nonno facevano solo trucco e parrucche per il teatro dell’Opera di Roma, e ora anche per tutto il mondo dello spettacolo. In cosa consiste il suo lavoro? Mio padre è rimasto unico responsabile del bando pubblico e lavora per il teatro dell’opera. Il mio portafogli clienti si è molto ampliato. I miei clienti sono tecnici specializzati - truccatori e parrucchieri - che fanno capo a differenti produzioni cinematografiche, in tutto il mondo. Che differenza c’è tra una parrucca per il cinema e una per il teatro? Le materie prime. Nel teatro lo spettatore vede l’attore a una certa distanza dal palco, nel cinema c’è bisogno di una maggiore cura per il dettaglio a causa dei primi piani. Qual è la sua aspirazione più grande? Poter continuare a fare quello che faccio tutti i giorni. E’ un lavoro che ha bisogno di molta dedizione e pazienza. Non ci sono Natali, domeniche, né ferragosto, né orari e senza passione è impossibile da fare. E’ un lavoro di alto artigianato che per mia fortuna viene richiesto anche molto all’estero.


38, via Fuorlovado, Capri T +39 0818374010 55c, via Margutta, Roma T +39 06 3214252 Bergdorf Goodman 5th Avenue at 58th Street, New York, NY 10019 www.graziaemaricavozza.com info@graziaemaricavozza.com


save as exhibitions

Total art Once again, the museums of the city are a treasure trove of great exhibitions, where visitors can leave feeling enriched with sensations, suggestions, questions and answers. Nothing is left to chance and nothing is ever the same as yesterday, as you can see strolling through the Chiostro del Bramante, which until May 5 is hosting an allegorical journey into the secrets of the human soul: Dream… JANUARY A date worth remembering is the 20th, the last day to see some of the most original exhibitions currently open, starting with the one staged at the Scud-

erie del Quirinale, dedicated to berini, home to veritable gems the poet of love par excellence: of paintings nearly unknown Ovid. Loves, Myths and Other to the wider public: La stanza Stories, staged for the 2,000th di Mantegna: Masterpieces from anniversary of his death. At the Musée Jacquemart-André in Palazzo delle Esposizioni, the Paris, which includes the paintinnovative Pixar. 30 Years of er’s Ecce Homo, and American Animation will come to a close, Gothic. The Masters of the Straus a journey through digital art Madonna, presenting two stunhighlighting 400 works that in- ning panel paintings from the troduce visitors to the creation 14th-century Tuscan school on of some of the masterpieces of loan from the Museum of Fine contemporary narration, like Arts in Houston. Toy Story and Finding Nemo. All FEBRUARY things exotic can be found at Until the 3rd, the bright and the Baths of Diocletian, with 80 golden rooms of the Galleria sculptures by great masters and Borghese is hosting an extenethnic art on display in Je suis sive retrospective dedicated to l’autre. Giacometti, Picasso e gli Picasso’s sculptures, offering altri. Il Primitivismo nella scultura visitors an evocative experience thanks to the presdel Novecento, exploring the African ence of works like roots of 20th-cenWoman and Child tury art. Until the by the Spanish art27th, visitors can ist and Bernini’s Paintings, visit Palazzo BarApollo and Daphne;

Una volta ancora i musei della Città sono una miniera nella quale affacciarsi curiosi e dalla quale uscire arricchiti di sensazioni, suggestioni, domande e proposte. Niente è lasciato al caso e niente è mai uguale a ieri. Come si può imparare camminando nel Chiostro del Bramante, che fino al 5 maggio ospita il viaggio allegorico ai segreti dell’animo umano: Dream… GENNAIO Una data da segnare in rosso sul calendario è domenica 20, ultimo giorno possibile per visitare alcune delle mostre più originali proposte, a cominciare da quella allestita alle Scuderie del Quirinale e dedicata al poeta dell’Amore per eccellenza: Ovidio. Amori, miti e altre storie, in occasione del bimillenario dell’artista. Al Palazzo delle Esposizioni, invece, chiude i battenti la

futuristica Pixar. contemporary André di Parigi grazie alla quale 30 anni di animaart: Rome zione, 400 opere si può ammiraper conoscere is an re l’eccelso Ecce come sono nati effervescent Homo del pittore capolavori della city - e Gotico americanarrazione conno. I maestri della temporanea come Toy Story e Madonna Straus, ovvero due Alla ricerca di Nemo, un viag- ricche tavole del Trecento togio nel digitale che diventa scano in prestito dal Museum arte. Nelle Grandi Aule delle of Fine Arts di Houston. Terme di Diocleziano irrom- FEBBRAIO pe l’esotico con le 80 sculture La Galleria Borghese ospita opera di grandi maestri e di fino al 3 un’ampia retrospetarte etnica popolare, con Je tiva sulla scultura di Picasso, suis l’autre. Giacometti, Picasso in quello scrigno che sono le e gli altri. Il Primitivismo nel- sue luminose e dorate sale, la scultura del Novecento, un regalando emozioni grazie percorso per riconoscere le all’accostamento di opere radici africane dell’arte del come Donna con bambino del XX secolo. Fino al 27 riman- maestro spagnolo e l’aereo gono aperte le sale di Palazzo gruppo dell’Apollo e Dafne Barberini, con dei veri e pro- di Bernini; l’innegabile vigopri gioielli della pittura quasi re mediterraneo dell’artista sconosciuti al grande pubbli- novecentesco diventa qui un co: La stanza di Mantegna. Ca- termine di paragone dell’epolavori dal Museo Jacquemart volversi della scultura attra-

ARTE TOTALE text Mila Montagni MAXXI

Palazzo Barberini

Chiostro del Bramante

Vialla Torlonia

Galleria Borghese Museo Alinari

20 Roma | the Eternal City

sculptures,


save as exhibitions

the undeniable Mediterranean energy of the 20th-century artist becomes a basis for exploring the evolution of sculpture through the ages. Heading into the 21st century, the Complesso del Vittoriano – Ala Brasini is hosting Andy Warhol until the 3rd: 170 colourful and fantastical artworks illustrate the life sui generis of a rare artist who still today lives on in the collective imagination. The same day, Villa Medici will draw to a close the exhibition dedicated to Le Violon d’Ingres, a tribute to the French Academy in Rome and the oft secret passions of art that are sources of inspirations for authors; indeed, this was the case for Ingres, who never gave up his love of playing the violin in favour of painting. Until the 24th, the Ala Brasini is home to Pollock e la Scuola di New

York, dedicated to the legendary dripping by the artist who died too young and was too damaged: photos, film clips and artworks illustrate a universe set apart entirely from Europe and its Classicism. MARCH In the noble Vatican Museums, Winckelmann. Masterpieces throughout the Vatican Museums will be on until the 9th, a reflection constructed by highlighting 50 masterpieces in the museum “reinterpreted” through the lens of the great Prussian scholar who fell in love with Italy and its splendid Classicism, elaborating essential theories in contemporary art criticism. A vibrant tapestry of humanity at war (yet capable of remembering its own condition

verso i secoli. In uno slancio verso il XXI secolo si ammira al Complesso del Vittoriano Ala Brasini, ancora fino al 3, Andy Warhol, 170 opere che descrivono attraverso colori e fantasie la vita sui generis di un artista raro e ancora capace di imprimere il proprio immaginario in quello collettivo. Il medesimo giorno chiude i battenti Villa Medici sulla mostra dedicata (idealmente) a Le Violon d’Ingres, ovvero un omaggio al luogo dell’Accademia di Francia a Roma e alle passioni d’arte spesso segrete che sono sorgente d’ispirazione per gli autori, come accadde appunto ad Ingres che mai avrebbe rinunciato al suo Violon in favore della pittura. Fino al 24 l’Ala Brasini sarà incatenata alle fantasie cromatiche e materiche di Pollock e la Scuola di New York, che apre al leg-

condizione e rigendario dripping winter is manere umana) dell’artista staan special la mostra curata tunitense morto da Germano Cetroppo giovane e opportunity lant e dedicata già troppo dan- for the art a Paolo Pellegrin. nato: foto, filmati lovers Un’antologia, la e opere disegnano un universo che niente ha mostra che rimarrà aperta al a che fare con l’Europa e le MAXXI fino al 10 si dilata in un percorso di luce che taglia sue classicità. il buio della storia e regala MARZO Nei nobilissimi Musei Vati- 150 scatti di dura, solenne cani sarà ospitata fino al 9 la bellezza. Di tutt’altro segno, mostra Winckelmann. Capola- graffiante e malinconico in vori diffusi nei Musei Vaticani, un unico tratto, la prima perriflessione costruita attra- sonale di Zerocalcare è in verso la sottolineatura di 50 mostra al MAXXI - ultimo capolavori dei Musei “riletti” giorno il 18: Scavare fossati. grazie alle riflessioni del gran- Nutrire coccodrilli pone il vide studioso prussiano che sitatore davanti all’obbligo s’innamorò dell’Italia e della morale di una scelta tra l’asua splendida classicità, ela- gire e il subire, tra il vivere borando teorie a fondamento e l’annullarsi, ma lo fa con della critica d’arte contempo- illustrazioni, tavole originali ranea. È un vibrante arazzo dei nove libri dell’autore e d’umanità in guerra (eppure inesorabilmente nel segno capace di ricordare la propria dell’Armadillo.

This

and remaining human) can be found in the exhibition curated by Germano Celant titled Paolo Pellegrin. Un’antologia, open at MAXXI until the 10th and displaying 150 photographs of hard, solemn beauty in a luminous journey that cuts through the darkest hours of history. Something completely different, scathing and melancholy at the same time, is the first solo show by Zerocalcare, also on display at MAXXI and running until the 18th: Digging Ditches – Feeding Crocodiles proposes the moral obligation to choose between acting and enduring, living and withdrawing, presented through illustrations, original pages from the author’s nine books inexorably tied to Armadillo.

Vittoriano - Ala Brasini

Vittoriano - Ala Brasini

MAXXI

Baths of Diocletian

Vatican Museums

Roma | the Eternal City 21


save as music & theatre

Art in action DECEMBER The first opera of the season, Verdi’s Rigoletto, will be running at the Rome Opera House (Teatro Costanzi) until 18 December. Starting from 20 December at the Sistina, the curtain will go up on Rugantino starring Enrico Montesano and Serena Autieri. Another musical will be staged at the Brancaccio: Aggiungi un posto a tavola, starring Gianluca Guidi, for the entire month until 6 January. At the Eliseo theatre, which is now celebrating its centenary anniversary with a special programme this season, from 27 December to 20

January, it will be on stage one interpreting Churchill. Then of Eduardo Scarpetta’s plays: from 15 to 20 January, the Miseria e nobiltà (Poverty and most famous ice dance comNobility), with Lello Arena. On pany will be performing at the 18 December, the Auditorium Brancaccio, with Cinderella On Parco della Musica will be Ice. On 31 January, at the Aushowing the Nutcracker, a car- ditorium Parco della Musica, toon film of 1973 with live mu- Antonio Pappano will conduct sic performed by the Orchestra Gershwin’s symphonic masterof Santa Cecilia. From 12 to piece, Rhapsody in Blue. 23 December, Maria Amelia FEBRUARY Monti alias Miss Marple, Agatha Opera returns to the Costanzi Christie’s famous detective, will theatre with a new producwalk the stage of the Ambra Jo- tion of Anne Boleyn by Gaetano Donizetti, running from 20 vinelli theatre. February to 1 March, conJANUARY From 5 to 17 February, a drama ducted by Riccardo Frizza and by Dostoevskij, the Karamazov directed by Andrea De Rosa. brothers with Glauco Mauri and MARCH Roberto Sturno will be run- From 13 to 31 March, Gabriele Lavia stages Pining at the Eliseo randello’s I Giganti theatre. From 13 della Montagna (Gito 24 February at ants of the Mounthe Ambra Jovitain) at the Eliseo nelli, Giuseppe Concerts theatre. Battiston will be

DICEMBRE All’Opera di Roma (Teatro Costanzi), fino al 18 dicembre va in scena la prima opera della stagione, Rigoletto di Verdi, che vede impegnati il direttore Daniele Gatti e il regista Daniele Abbado. Dal 20 dicembre al Sistina va in scena Rugantino con Enrico Montesano e Serena Autieri. Ancora musical, al Brancaccio con Aggiungi un posto a tavola, star della scena Gianluca Guidi, per tutto il mese fino al 6 gennaio. Al teatro Eliseo, che festeggia il centenario con un cartellone speciale, fino al 23 dicembre va in scena Salomè di Oscar Wilde con Eros Pagni. Poi dal 27 dicembre al 20 gennaio, arriva il teatro di Eduardo Scarpetta: Miseria e nobiltà, con Lello Arena. All’Au-

riva la più famoditorium Parco not-to-besa compagnia di della Musica, missed danza su ghiacil 18 dicembre, Lo Schiaccianoci events from cio con Cenerentola On Ice. Il 31 film d’anima- now until gennaio, all’Auzione del 1973 March ditorium Parco con l’esecuzione della musica dal vivo della Musica, Antonio Papdell’Orchestra di Santa pano dirige l’Orchestra di Cecilia. Dal 12 al 23 di- Santa Cecilia nel capolavocembre Maria Amelia ro sinfonico di Gershwin, Monti alias Miss Marple, la Rhapsody in Blue, precedufamosa detective di Agatha to dal Pelleas und Melisande Christie, sale sul un palco- di Schönberg. scenico del teatro Ambra FEBBRAIO Opera al Costanzi ancora Jovinelli. con una nuova produzioGENNAIO Dal 5 al 17 febbraio, all’E- ne Anna Bolena di Gaetano liseo va in scena il dramma Donizetti, dal 20 febbraio di Dostoevskij, I fratelli Ka- al 1° marzo, diretta da Ricramazov con Glauco Mauri cardo Frizza, regia di Ane Roberto Sturno. Dal 13 drea De Rosa. al 24 febbraio all’Ambra MARZO Jovinelli Giuseppe Batti- Dal 13 al 31 marzo, all’Eston porta in scena la figu- liseo, Gabriele Lavia porta ra di Churchill. Dal 15 al 20 in scena I giganti della mongennaio, al Brancaccio, ar- tagna di Pirandello.

ARTE IN AZIONE text Teresa Favi Opera di Roma

Sistina

Ambra Jovinelli

Ambra Jovinelli

Auditorium Parco della Musica Museo Alinari

22 Roma | the Eternal City

and shows,


save as pop

Tension and rhythm DECEMBER On December 21, at the Palalottomatica, Antonello Venditti will perform at this extraordinary event 40 years after the release of his legendary album Sotto il Segno dei Pesci. From December 21 to 31, a skilful mix of soul, gospel and African rhythms and arrangements will fly high in a contagious and irresistible performance: on stage at the Auditorium Parco della Musica, the Roma Gospel Festival. The Soul Children of Chicago kick off the event; then on December 25, New Direction Tennessee

State Gospel Choir, while Roma, with zampogna and the prestigious gospel choir shawm players recounting the South Carolina Mass Choir transformation of this great will close the festival on the tradition. On January 11, the evening of the 31st, ringing in Auditorium will be hosting the the new year. Meanwhile, on Festival of Spanish Dance and December 26, Giovanni Allevi Flamenco, with performances is directing the string section by Mayte Martin, one of the of the Orchestra Sinfonica most prestigious singers on Italiana. For the Festa di Roma the flamenco scene, and Belèn Capodanno 2019 – 24 hours Maya, and incredible bailaor. of music and performances in FEBRUARY the Circus Maximum and the On February 8, Massive Attack Orange Garden – the special comes to the Palottomatica, guest is Vinicio Capossela. Also followed by Subsonica on on New Year’s Eve, Apparat February 28. The same day, is on stage at the Palazzo dei the much-anticipated concert Congressi for the Cosmo by Francesco De Gregori is Festival NYE 2018, dedicated at the Teatro Garbatella. On February 14, VNV Nation to electronic music. takes the stage JANUARY at Largo Venue On January 6, at to perform their the Auditorium Tension and newest album, Parco della rhythm Noire, released in Musica, La A winter of October. zampogna a

DICEMBRE Il 21 dicembre al Palalottomatica Antonello Venditti a 40 anni dall’uscita del disco leggendario Sotto il Segno dei Pesci dà vita a un evento straordinario. Dal 21 al 31 dicembre, un mix efficace di soul, gospel e ritmiche africane e gli arrangiamenti sprigionano una carica contagiosa e irresistibile: on stage all’Auditorium Parco della Musica il Roma Gospel Festival. Dà lo start il coro The Soul Children of Chicago; poi il 25 dicembre arriva il New Direction Tennessee State Gospel Choir, mentre la chiusura è affidata alla prestigiosa corale gospel South Carolina Mass Choir, il 31 sera, per festeggiare l’arrivo del nuovo anno. Nel frattempo, il 26 dicembre Giovanni Allevi dirige gli Archi dell’Or-

chestra sinfo- to warm de tradizione in nica italiana. A trasformazione. our hearts. grande richiesta L’11 gennaio il 31 dicembre, Discover the salgono poi sul sempre all’Au- top events in palco dell’Auditorium tor- the capital! ditorium per il na Gigi Proietti Festival di danza e i suoi Cavalli di Battaglia. spagnola e flamenco Mayte Per La Festa di Roma Ca- Martin cantante tra le più podanno 2019 - 24 ore di prestigiose del panorama musica e performance tra il flamenco e Belèn Maya una Circo Massimo e il Giardi- delle più sorprendenti baino degli Aranci - la special laore di flamenco. guest è Vinicio Capossela. FEBBRAIO Sempre a Capodanno Ap- L’8 febbraio arrivano i Masparat in concerto al Cosmo sive Attack al PalottomaFestival NYE 2018 al Palaz- tica, seguiti il 28 febbraio zo dei Congressi di Roma dai Subsonica. Stessa data, per il Cosmo Festival NYE il 28, per l’atteso concerto 2018 l’evento dedicato alla di Francesco De Gregori musica elettronica. al Teatro Garbatella. L’11 GENNAIO John Scofield all’AuditoIl 6 gennaio all’Audito- rium Parco Della Musica, e rium Parco della Musica 15 febbraio VNV Nation al La zampogna a Roma con gli Largo Venue di Roma per zampognari e i ciaramella- presentare il loro nuovo alri per raccontare una gran- bum Noire uscito a ottobre.

TENSIONE E RITMO text Teresa Favi

Giovanni Allevo

Antonello Venditti

live concerts

Mayte Martín, Belén Maya

Massive Attack

South Carolina Mass Choir Museo Alinari

Roma | the Eternal City 23


VIA

V I A

V I A

DEL

D E L

BABUINO

T R I T O N E

S A L A R I A

106

9 2

5 1

P. RE GIN A MAR GHE R ITA 23 24

VIA LUIGI SETTEMBRINI 36

COMPAGNIAITALIANA.IT


it object

s SecretGeRsETcEape FUGHE SE

Minimalist-style, elegant yet sporty, by Louis Vuitton. It’s the travelling bag that you snatch up to make your unplanned and unexpected escape from a busy schedule of engagements. What the hell, is it really that bad to bend the rules for once? Minimale, elegante, active, Louis Vuitton. E’ la borsa da viaggio da afferrare al volo per una fuga imprevista, o, perché no, rubata a un calendario fitto di impegni. Ci si potrà pur concedere uno strappo alla regola? Roma | the Eternal City 25


The Pantheon Iconic Rome Hotel via di Santa Chiara 4/a | Roma via P. R. Giuliani 21 | Sorrento via Fuorlovado 5 | Capri

autoricapresi.it @autoricapresi_ofďŹ cial


it object

Bold bEeLaLEuZtZyA AUDACE B

It is the Maison’s most adventurous model: untouched nature is its favorite environment. Chosen by the members of the 1953 expedition to Mount Everest, today it fits snug on your wrist as you embark on an unforgettable adventure. Oyster Perpetual Explorer II on rolex.com. E’ il più avventuroso della Maison: la natura incontaminata è l’ambiente in cui si esprime al meglio. Dopo aver accompagnato la spedizione alla conquista dell’Everest nel 1953, oggi al tuo polso per una avventura indimenticabile. Oyster Perpetual Explorer II su rolex.com. Roma | the Eternal City 27


#BoggiGentlemanStyle

A GENTLEMAN KNOWS THE VALUE OF TIME. - Rule 36 -

boggi.com

ROMA | | | |

Via del Babuino 20 | Tel. + 39 06 326.512.56 Via Cola di Rienzo 266 | Tel. + 39 06 688.079.02 Via del Corso c/o Galleria A. Sordi 27/28 | Tel. + 39 06 692.020.79 Via Appia Nuova 168/170 | Tel. + 39 06 772.044.66


it object

t! Stand oNu OTARE PER FARSI

Small pieces of jewelry like big works of art. Such as those by Calder, deeply unconventional, often oversize, absolutely ahead of their time. Here are the multicolored earrings by Marni, wearing them is in itself a statement of aesthetic freedom. Piccoli gioielli come grandi opere d’arte. Per esempio quelle di Calder, anticonvenzionali, spesso oversize, assolutamente controcorrente rispetto alla loro epoca. Sono gli orecchini multicolor di Marni, portarli sarà una bella dichiarazione di libertà. Roma | the Eternal City 29


it object

class y u b ’t n a c u o Y UA NON È ACQ LA CLASSE

Nothing more and nothing less than a thin strip of dark blue leather closed by the unmistakable golden metal signature letters of the legendary French maison, incorporated within an iconic frame: the famous Chanel chain. To call it “belt” it is a bit reductive. Niente di più e niente di meno che una sottile striscia di pelle blu che si chiude con le inconfutabili lettere in metallo dorato della leggendaria Maison di rue Cambon, incorniciate:dalla famosa catena Chanel. Chiamarla cintura forse è un po’ riduttivo. Roma | the Eternal City 31


Via di Monte D’Oro, 30 - Roma - Tel +39 06982634 Fax +39 0698263499 info@jkroma.com - www.jkroma.com


it object

y never… Never sAaI… MAI DIRE M

Exotic drawings for a princely surfboard. The sporty types can use it to ride the rugged ocean waves. The fashionable types can rest their head on it to sunbathe on sandy uncontaminated beaches. Hedonists can simply lean it up against a wall. By Hermès, and that says it all. Esotici disegni per una tavola da surf principesca. I più sportivi potranno scivolarci sulle onde impetuose. I più fashion potranno appoggiarci la testa distesi al sole su spiagge incontaminate. Agli edonisti basterà accostarla alla parete del salotto. La firma Hermès, e questo dice tutto. Roma | the Eternal City 33


shotonsite

Vincenzo Arena, Paola Paciotti, Antonio Filetto

Matteo Parigi Bini, Matteo Berti, Francesca Manzini, Alex V. Lana

Elena di Cioccio

Massimo Spano, Giancarlo Scarchilli

Max Barillari, Matteo Parigi Bini

Alessandro D’Ambrosi

Edmondo Israilovici, Margherita Petrosemolo

Elisabetta Sanna, Adele Giglio

The exclusive cocktail party on the Pantheon Hotel’s Divinity Rooftop Terrace for the new Roma the Eternal City issue with tasting of Famiglia Cecchi wines

Giuseppe De Martino, Giacomo Gizzardi

Marianna De Martino

Jerome Macario, Delphine Souquet, Saverio Ferragina, Matteo Parigi Bini

Mario de Pizzo, Serena Marzucchi

Andrea Bechelloni, Jolanda Gurreri Roma | the Eternal City 35


shotonsite

Alex V. Lana, Giuseppe De Martino, Matteo Parigi Bini

Giada Curti

Lisa Holladay, Nacho Figueras

Alice Etro, Giuseppe De Martino

Ginevra Odescalchi

Fortunato Cerlino

Nathalie Rapti Gomez 36 Roma | the Eternal City

Nicoletta Romanoff

The elegant party at The St. Regis Rome which, after 123 years of legendary history, unveiled its newly-renovated sumptuous spaces

Giuseppe De Martino, Nico Vascellari, Delfina Delettrez Fendi, Loris Cecchini, Jade Cecchini

Anna Safronick, Francesca Inaudi

Jenni Banzequen


Uno dei palazzi nobiliari più incantevoli di Roma apre le porte e inaugura un nuovo capitolo della sua storia come Palazzo Dama: un magnifico hotel che ridefinisce gli standard capitolini del lusso. A due passi da Piazza del Popolo, Palazzo Dama offre ai suoi ospiti la possibilità di vivere il loro soggiorno romano in una villa storica dove accoglienza, atmosfere, spazi e esperienze hanno l’accuratezza di un raffinato 5 stelle. Lungotevere Arnaldo da Brescia 2 | Roma | T. +39 06 3207042 | palazzodama.com

Hotel 5 stelle con 18 camere e suite, tutte direttamente affacciate sulla celebre via Giulia, tra cui una D.O.M suite con terrazza privata di 25 metri quadri immersa tra i tetti e i campanili del Rione Regola. Il décor supera con personalità molti cliché dell’hotellerie di lusso a favore di un comfort e di un’atmosfera raffinata e confidenziale tipica di una nobile dimora privata. Via Giulia 131 | Roma | T. + 39 06 6832144 | domhotelroma.com


shotonsite

Veruschka Wirth, Roberto E. Wirth, Roberto B. Wirth

Roberto B. Wirth, Roberto E. Wirth

Carlo Cafarotti

Francesco Apreda

Daniela di Giorgio, Ghirelli Edoardo Alaimo

Filippo Surace, Claudio Sestili

Daniela and Filippo Cosmelli

Enrico Vanzina, Federica Burger 38 Roma | the Eternal City

Gian Marco Centinaio, Roberto E. Wirth

The iconic Hotel Hassler and the special event to celebrate its 125th anniversary and 40 years of activity in the hotel of its Owner and GM Roberto E. Wirth

Laura Vallario, Paola Spalvieri

Lorenza Bonaccorsi


Experience the fusion of timeless elegance, modern luxury, and our creative five star hospitality in the shadows of the iconic Pantheon

The Pantheon Iconic Rome Hotel Via di Santa Chiara 4/a p. 06/87807070 | www.thepantheonhotel.com | info@thepantheonhotel.com


Ultimate Luxury Lifestyle

Via Labicana, 125, Roma Tel. +39 06 77591380 - Email: info@palazzomanfredi.it www.palazzomanfredi.com


shotonsite

Renata, Simonetta and Claudia Hausmann

Giulia Mauro, Daniela Benvenuti, Jutta Jalava

Carlo Verdone

Gianni Battistoni, Francesco Hausmann

Andrea Marini, Benedetto Mauro

Francesco Hausmann, Giovanni Malagò

Francesco Hausmann, Carlo Verdone, Simonetta Arnaldi Hausmann

Giordano Ruega

Renata Hausmann Tortorici

The opening of the new Rolex boutique in a historic building on Via Condotti, as part of Rolex teaming up with Hausmann & Co.

Michela Quattrociocche, Alberto Aquilani

Jean-Frédéric Dufour

Giulio Terrinoni

Mario Didone, Licia Bozzo Roma | the Eternal City 41


shotonsite

Fabio Bongianni, Taylor and Catherine Tondelli

Gianfranco Rotili, Marco Cristofori, Riccardo Acerbi

Eva Crosetta, Antonio Badoer

Annalaura Zanzarri, Maura Chierchini

Barbara Ricci, Roberta Betti

Angela Melillo, Luca Capuano

Matilde Brandi

Marta Flavi, Alda D’Eusanio

Gian Piero Rotoli, Marta Gastini 42 Roma | the Eternal City

The opening party of Il Vicolo, new address of the taste in Piazza Scanderbeg

Fabio Bongianni, Gianfranco Rotili, Simona Falciai, Dodo Mancini, Letizia Attisani

Ioulia Khanioukova, Volha Marozava

Rocco and Alice Matone


OGNI NEGOZIO PROPONE I MARCHI ELENCATI NEL RISPETTO DELLE CONCESSIONI CONCORDATE

FIUGGI

FROSINONE

ROMA PRATI

ROMA EUR

Corso Nuova Italia 14, 03015

Via Aldo Moro 80, 03100 mail: infofr@diegocataldi.it

Via Cola di Rienzo 105, 00192 mail: inforoma@diegocataldi.com

Vale Europa 114, 00144 mail: infoeur@diegocataldi.com

tel. +39 0775 875031

tel. +39 06 32609318

tel. +39 06 94895547

mail: info@diegocataldi.it tel. +39 0775 515632

www.diegocataldi.com


shotonsite

Daniela Lamborghini, Rosanna Scarlatti, Cettina

Patrizia and Filippo di Sanbuy, Maria Luisa Marenghi

Fabio and Layla Mangifesta

Angela and Federica Capece Minutolo

Carolina and Carlo Mannelli

Federica Cerasi, Viviana Ronco

Manuela Morgano, Ugo Ossani, Isabella Traglio

Marco Ballauco

Silvia Cavazza, Gianluca Verzelli

Ricciarda Zini, Giulia Bisogni 44 Roma | the Eternal City

Flavio Gazzola, Maria Marica

The party by Vhernier at Hotel Eden for the 20th anniversary of Calla, one of the maison’s most iconic pieces, with the presentation of the limited edition collection ‘Calla Anniversario’

Rossella and Valeria Confortini


shotonsite

Adriana Martino, Morgan Witkin, Marisa Martino

Laura Fiore, Alex V. Lana, Fabiola Balduzzi, Veronica Sgaravatti

Paola Paciotti, Pilar Monti

Elis Quintana, Davide Grieco

Antonio Tagliabue, Andrea Fiorentini

Francesca Mercantini, Assad Bashar

Elif Sallorenzo, Iman Shaar

Alessia Acquaviva, Enzo Baruffa

The Cocktail Party at La Penna D’Oca restaurant, planned by Uwish Eventi and with Roma the Eternal City as media partner. Many guests, delicious finger food and excellent wines

Zaira Marinoni, Silvia Catalano

Federico Ottone, Gianluca Silvestri

Pilar Monti, Livia Belardelli

Vicky Montori, Saverio Canepa Roma | the Eternal City 45


Don Diamont and Cindy Ambuehl Diamont - Photo: Kal Yee - Tuxedo jacket by ELEVATED CITIZEN

Maker of fine shirts

Roma, via Francesco Crispi 60/62 - www.danroma.com


The Calling of Saint Matthew, Caravaggio Church of San Luigi dei Francesi


Churches and masterpieces CHIESE E CAPOLAVORI

text Salvatore La Spina photo Valentina Stefanelli


MosĂŠ, Michelangelo, Basilica of San Palazzo Pietro Barberini in Vincoli 50 Roma | the Eternal City


Assumption of the Virgin, Domenichino, Ceiling of Church of Santa Maria in Trastevere With more than 900 churches in Rome, the city has more re- Con più di novecento chiese Roma è la città che ha più edifici ligious buildings than any other in the world. This immense religiosi al mondo. Un immenso patrimonio architettonico che architectural patrimony has developed throughout the 2,000 si è costituito in duemila anni di storia della città che è la cayears of history of Rome, the world capital of Catholicism. In pitale mondiale del cattolicesimo. Oltre alle quattro imponenti addition to the four majestic major basilicas, St. Peter’s, San chiese basilicali: San Pietro in Vaticano, San Giovanni in LaGiovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore and San Paolo terano, Santa Maria Maggiore e San Paolo fuori le Mura, tanfuori le Mura, there are many monumental churches that over te sono le chiese monumentali che hanno subito nel corso dei the years have undergone transformations, emsecoli trasformazioni, abbellimenti, decorazioni e bellishments and interventions by some of the interventi da parte dei più importanti artisti tanmost important artists in Western art history, to da poter essere considerate dei veri e propri making each one a veritable masterpiece. The capolavori. Un tour ideale in questo magnifico ideal tour of this magnificent and sacred uniuniverso del sacro potrebbe iniziare con una delverse could begin at one of the most important più importanti e popolari chiese di Roma: SanThe ideal tour le and popular churches in Rome: Santa Maria ta Maria in Trastevere. Situata nel vivace quarcould begin tiere di Trastevere, Santa Maria è una delle più in Trastevere. Located in the lively Trastevere neighbourhood, Santa Maria is one of the oldest at one of the antiche chiese della città. La tradizione vuole che churches in the city. According to tradition, the most popular il giorno della nascita di Cristo sia comparso, sul day Christ was born a spring of olive oil popped dove oggi sorge la chiesa, un pozzo naturachurches, luogo up where the church sits today. The building le di olio di oliva. La chiesa ha subito importanti Santa Maria rimaneggiamenti nel IV e nell’VIII secolo, ma underwent significant changes in the 14th and 18th centuries, but its current Romanesque style in Trastevere deve il suo attuale stile romanico all’importante dates to a renovation in 1140 under the direction ristrutturazione avvenuta nel 1140 sotto Papa Inof Pope Innocent II. The masterpieces held within include, nocenzo II. I capolavori all’interno sono, senza dubbio, i ricchi without a doubt, the rich and colourful mosaics depicting ep- e colorati mosaici con le storie di Maria realizzati nel 1291 da isodes from the life of the Virgin Mary, made in 1291 by Pietro Pietro Cavallini, il meraviglioso soffitto in legno dorato e la Cavallini, the splendid ceiling in gilded wood and the majestic maestosa Assunzione della Vergine realizzata dal Domenichino nel 1616. Piccola, appartata, ma con un titolo importante è la Assumption of the Virgin painted by Domenichino in 1616. Small and secluded but bestowed with an important title is the Basilica di San Pietro in Vincoli, la chiesa è universalmente Basilica of San Pietro in Vincoli, the church known around conosciuta perché all’interno custodisce l’urna con le Catene the world thanks to it housing the reliquary with the chains St. di San Pietro, con le quali il Santo è stato fatto prigioniero a Roma | the Eternal City 51


Crucifixion of Saint Peter,Caravaggio, Church of Santa Maria del Popolo 52 Roma | the Eternal City


Roma | the Eternal City 53


Above: The Inspiration of Saint Matthew, Caravaggio, Church of San Luigi dei Francesi Below: Conversion of Saint Paul, Caravaggio, Church of Santa Maria del Popolo 54 Roma | the Eternal City


Risen Christ, Michelangelo, Basilica of Santa Maria sopra Minerva Peter was bound with during his imprisonment in Jerusalem Gerusalemme, e uno dei massimi capolavori di tutti i tempi: and one of the utmost masterpieces of all time: the Tomb of la Tomba di Giulio II di Michelangelo al cui centro troneggia Julius II by Michelangelo, at the centre of which sits Moses Mosè con la sua posa scattante e il suo terribile sguardo amwith his industrious pose and terrible, cautionary gaze. An- monitore. Altra chiesa famosa in tutto il mondo è la Basilica di other church famous throughout the world is the Basilica of Santa Maria sopra Minerva, una delle poche chiese romane Santa Maria sopra Minerva, built in 1280 atop the ruins of che ha elementi architettonici in stile gotico. L’edificio è stato an ancient temple dedicated to Minerva. The interior of the costruito dal 1280 esattamente sulle rovine di un antico tempio church is striking thanks to its spectacular cobalt dedicato a Minerva. L’interno della basilica stublue vault, supported by imposing Gothic colpisce per la spettacolare volta blu cobalto sorretumns, while the Risen Christ by Michelangelo ta da imponenti colonne gotiche, mentre lascia is breath-taking. The work, one of the Florentine senza fiato il Cristo portacroce di Michelangelo. genius’s most sensual, was begun in 1515 during In the Basilica L’opera, tra le più sensuali del genio fiorentino, his return to Florence, and moved to the church stata iniziata nel 1515, durante il suo ritorno a of Santa Maria èFirenze, in 1521, angering the artist because of alterations e collocata nella chiesa nel 1521, suscisopra Minerva tando l’ira del maestro a causa di manomissioni to it that he didn’t approve of. Close to piazza Navona is the Church of San Luthe ‘Risen a lui non gradite. Vicinissima a Piazza Navona vi igi dei Francesci, dedicated to the Virgin Mary, Christ’ by è la Chiesa di San Luigi dei francesi consacraSaint Dionysius the Areopagite and Saint Loualla Vergine Maria, a san Dionigi l’Areopagita Michelangelo ta e al re san Luigi IX. Conosciuta soprattutto con is IX, King of France. Known primarily by the is breath- quest’ultimo nome (Chiesa di San Luigi dei Franlatter’s name, the church was completed in 1589 thanks to the generosity of Catherine de’ Meditaking cesi), la chiesa è stata completata nel 1589 grazie ci. The interior of the church is a treasure chest alla generosità di Caterina de’ Medici. L’interno of masterpieces that include works by Domenichino and the della chiesa è uno scrigno di capolavori tra i quali opere di cycle of paintings by Caravaggio inside the Contarelli Chap- Domenichino e soprattutto il ciclo pittorico di Caravaggio su el depicting the life of St. Matthew. The two large paintings san Matteo all’interno della Cappella Contarelli. I due grandi on the sides were made in 1599, while the The Inspiration of dipinti laterali sono stati eseguiti nel 1599. Mentre il san MatSaint Matthew was completed in September 1602 after the first teo e l’Angelo è stato completato nel settembre del 1602 dopo version was rejected by the patron. Caravaggio’s three paint- il rifiuto della prima versione da parte del committente. I tre ings, The Calling of Saint Matthew, The Martyrdom of Saint dipinti del Caravaggio: la Vocazione, il Martirio e il san Matteo Matthew and The Inspiration of Saint Matthew, were imme- e l’Angelo, si imposero da subito come i quadri più rivoluzioRoma | the Eternal City 55


food itinerary

The Church of Sant’Andrea della Valle is home to masterpieces by Passignano, Gian Lorenzo Bernini and Domenichino diately considered the most revolutionary paintings in Rome nari dipinti a Roma grazie all’uso estremo delle luci con forti thanks to the artist’s extreme use of chiaroscuro, the depiction contrasti chiaroscurali, la rappresentazione di temi sacri non of non-idealized sacred themes, the use of models taken from idealizzati, l’uso di modelli presi nella Roma popolare e rapcivic life and represented in their natural state and the his- presentati nella loro naturale condizione, la narrazione storica toric narration with dramatic scenes of violence and terror. con scene drammatiche di violenza e terrore. Da non perdere Other paintings by Caravaggio in Rome include the Conversion anche altri due grandi capolavori di Caravaggio, la Conversione of Saint Paul and the Crucifixion of Saint Peter, located in the di San Paolo e la Crocifissione di San Pietro che si trovano nella Church of Santa Maria del Popolo. chiesa di Santa Maria del Popolo nella omonima The last church on this brief tour of Rome’s piazza. wondrous religious buildings is the Church of Ultima chiesa di questo breve itinerario tra le meSant’Andrea della Valle, situated in the nameraviglie religiose di Roma e la chiesa di Sant’Ansake piazza between Corso Vittorio Emanuele II The dome of drea della Valle che sorge sull’omonima piazza and Corso del Rinascimento. The origins of this si apre tra Corso Vittorio Emanuele II e Corthe Church of che church date to 1582, when the noblewoman Cosso del Rinascimento. L’origine della chiesa risale Sant’Andrea al 1582 quando la nobile Costanza Piccolomini tanza Piccolomini d’Aragona bequeathed one of her family’s properties to Saint Cajetan’s Condella Valle, d’Aragona donò un edificio di proprietà dei suoi gregation of Clerics Regular. The large church painted by avi ai Chierici Regolari di san Gaetano da Thiededicated to Andrew the Apostle (protector of Dall’unione di questo edificio con le antiche Lanfranco, ne. Amalfi) was built from the merger of d’Aragona’s chiesette di san Sebastiano e di san Ludovico is the second- nacque la grande chiesa di sant’Andrea apostolo, building and the small churches of San Sebastiano and San Ludovico. The name “della Valle” largest in Rome protettore di Amalfi. Mentre l’appellativo della derives from the presence of nearby properties Valle deriva dalla presenza delle antistanti probelonging to the Valle family. The church was begun in 1591 prietà della famiglia della Valle. La chiesa fu iniziata nel 1591 by Francesco Grimaldi and Giacomo Della Porta, and was con- da Francesco Grimaldi e Giacomo Della Porta e continuata da tinued by Carlo Maderno, who opted to make a church that Carlo Maderno, che si propose di farne una chiesa che rivalegrivalled St. Peter’s Basilica; indeed, its dome is the second-larg- giasse con la basilica di S. Pietro, la Cupola, infatti, affrescata al est in Rome. In addition to the immense frescoes painted on suo interno da Lanfranco è la seconda per ampiezza di Roma. the inside of the dome by Lanfranco, the church is home to Oltre agli immensi affreschi della cupola la chiesa custodisce masterpieces by Passignano, Gian Lorenzo Bernini and Dome- altri capolavori del Passignano, di Gian Lorenzo Bernini e del nichino. Domenichino. 56 Roma | the Eternal City


food itinerary

From above clockwise: Sant’Andrea della Valle, San Luigi dei Francesi, Santa Maria in Trastevere, Santa Maria sopra Minerva, Santa Maria Maggiore, San Pietro in Vincoli

aaaa Roma | the Eternal City 57


“There, seated on the footrest of a prie-dieu, with my head thrown back and resting on the lectern in order to be able to see the ceiling” (A Journey from Milan to Reggio, Stendhal) The everlasting beauty of marble, gilded decorations, hints of blue. Reflection and opulence. An intimate prayer and a solemn celebration of faith. Masterpieces. Our churches are all of this, in a wonderful narration that traverses centuries and reveals our culture, our faith, our art. Speaking to everyone, no matter their origins. We’ve chosen the ones in Rome that are home to extraordinary masterpieces, worth visiting not only for their spiritual value but also for their patrimony. Visit them in this itinerary of architecture, materials and colour. Stop for a while… to pray or just to look. The opening words reference a famous syndrome; does beauty have borders?

Spirit and material SPIRITO E MATERIA

text Francesca Lombardi photo Valentina Stefanelli

“Là, seduto su un gradino di un inginocchiatoio, la testa abbandonata sul pulpito, per poter guardare il soffitto….” (Viaggio in Italia da Milano a ReggioCalabria, Stendhal) L’eterna bellezza del marmo, fregi dorati, note di blu. Raccoglimento e opulenza. Preghiera intima e celebrazione solenne della fede. Capolavori. Le nostre chiese sono tutto questo, in un meraviglioso racconto che attraversa i secoli e rivela la nostra cultura, la nostra fede, la nostra arte. Parlando a tutti, a tutte le latitudini. Abbiamo scelto quelle che a Roma costudiscono capolavori straordinari, da visitare come fossero musei, oltre che per il loro valore spirituale. Rintracciatele in questo percorso fatto di superfici, di materia e di colore. Soffermatevi… per pregare o anche solo per osservare. L’incipit riguarda una celebre sindrome, la bellezza ha confini?

Church of Santa Maria del Popolo


Church of Santa Maria in Trastevere aa


Basilica of San Pietro in Vincoli aaa 60 Roma | the Eternal City


Basilica of Santa Maria Maggiore Firenze | made in Tuscany 61


cover story

Church of San Luigi dei Francesi 62 Firenze | made in Tuscany


cover story

Basilica Santa Maria sopra Minerva Firenze | made in Tuscany 63


cover story

aa 64 Firenze | made in Tuscany

Here and righit page: Basilica of Santa Maria del Popolo


cover story

aa 65 Roma | the Eternal City

Firenze | made in Tuscany 65


cover story

ChurchMuseum of SantaofMaria Palazzo in Trastevere Massimo 66 Firenze | made in Tuscany


cover story

Basilica of Santa Maria sopra Minerva Firenze | made in Tuscany 67


Ilenia Pastorelli, born-and-bred Roman, is a young wonder of Italian cinema (ph. Gianmarco Chieregato; Stylist Valeria J Marchetti; Make up Chiara Corsaletti; Hair Stylist Emanuele Romano) 68 Roma | the Eternal City


cover story

This isn’t a fairy tale QUESTA NON È UNA FAVOLA text Virginia Mammoli

Ilenia Pastorelli, the actor that debuted with a David di Donatello Ilenia Pastorelli, l’attrice che ha esordito con un David di Donatello

Director Gabriele Mainetti sought her out when she still wasn’t thinking about acting, let alone about winning one of the most prestigious awards in international cinema, coming out above much more seasoned actors, like Juliette Binoche, Sabrina Ferilli, Anna Foglietta and Valeria Golino. Carlo Verdone asked for her to star in his latest film (for which she earned a nomination for the Nastro d’Argento) and said that she was the actor he had to direct the least on set. It was the beginning of the brief - for now - but intense story of Ilenia Pastorelli, a wonder of Italian cinema, protagonist of They Call Me Jeeg, performing alongside Claudio Santamaria and Luca Marinelli, and Benedetta follia by Carlo Verdone. She returns to the big screen again this autumn/ winter with two films: Cosa fai a Capodanno?, starring alongside Luca Argentero and Riccardo Scamarcio, released last November, and starting January 10, 2019, Non ci resta che il crimine, together with Marco Giallini, Alessandro Gassman, Edoardo Leo and Gianmarco Tognazzi. Roman, frank and equipped with a penetrating gaze and a sharp laugh, thanks to her lack of a filter, she can take to the stage like no acting course could ever teach. What was it like to see yourself on the big screen and win a David di Donatello with your debut film? It was definitely unexpected, especially for me, considering that I never imagined I would be an actor. And you worked alongside Carlo Verdone, who you’ve said is one of your idols? Outside the film world - I know all the jokes of his films by heart! - Carlo is an absolutely beautiful person with a big heart, and he taught me so much thanks in part to his humility and ability to make everyone feel comfortable on set. Which of your characters so far have you felt spoke to you the most? Not having studied acting, my method for approaching my various roles has always been to start, in some way, with myself, understanding what things make me bond with and separate

Il regista Gabriele Mainetti l’ha cercata quando lei ancora non aveva mai pensato di recitare, figuriamoci di vincere uno dei premi più prestigiosi del cinema internazionale, strappandolo dalle mani di attrici ben più navigate come Juliette Binoche, Sabrina Ferilli, Anna Foglietta e Valeria Golino. Carlo Verdone l’ha voluta accanto nel suo ultimo film e ha detto di lei che è stata l’attrice che ha dovuto dirigere meno sul set, impegno che le è valso la candidatura per il Nastro d’argento. È l’inizio della breve - per ora - ma intensa storia di Ilenia Pastorelli, rivelazione del cinema italiano, protagonista di Lo chiamavano Jeeg Robot a fianco di Claudio Santamaria e Luca Marinelli, e di Benedetta follia di Carlo Verdone. Di nuovo al cinema in questo autunno/inverno con due film: Cosa fai a Capodanno?, con, tra gli altri, Luca Argentero e Riccardo Scamarcio, uscito lo scorso novembre, e, dal 10 gennaio 2019, con Non ci resta che il crimine, insieme a Marco Giallini, Alessandro Gassman, Edoardo Leo e Gianmarco Tognazzi. Romana, schietta, dallo sguardo penetrante e la risata cristallina e, per la sua assenza di filtri, capace di arrivare come nessun corso di recitazione può insegnare a fare. Come è stato vedersi sul grande schermo e vincere il David di Donatello con il proprio film di esordio? È stato sicuramente una situazione inaspettata, soprattutto per me, visto che non mai neanche pensavo di fare questo lavoro. E lavorare a fianco di Carlo Verdone, dichiaratamente uno dei suoi idoli? Al di là dell’aspetto lavorativo - conosco a memoria tutte le battute dei suoi film! - Carlo è una persona umanamente bella, con un grande cuore e mi ha insegnato davvero tanto, grazie anche alla sua umiltà e alla sua capacità di mettere tutti a proprio agio sul set. Il personaggio interpretato finora che più le appartiene? Non avendo mai studiato recitazione, il mio modo di apRoma | the Eternal City 69


cover story

Ilenia Pastorelli with Verdone, on the set and in a scene of ‘Benedetta follia’; in the center with Santamaria in ‘They Call Me Jeeg’ me from my characters. Acting, in a certain sense, forces us to be sincere, to reproduce the experiences and sentiments we’ve had. If we’re talking about true similarities… Alessia was very sweet; she believed in Jeeg Robot, but she was completely mad, crazy really, and so she wasn’t very similar to me, at least beyond our origins and how we speak. Perhaps Luna, in Carlo’s film, is the character I most relate to. Do you have an icon of past and current cinema that you admire? Meryl Streep. I think she’s an incredible actor in all her roles. I’m moved every time I see her. Is there anyone you’d like to work with? I would love to do a film with Johnny Depp (she laughs), perhaps directed by Martin Scorsese. Or, sticking to Italy, I’d like to work with Alessandro Borghi, who’s also a good friend of mine, and with director Stefano Sollima. What do you do when you’re not filming? I haven’t changed much since I began acting; I do the same things I did before. I’m very close with my family – my mother and sister – who fill my life with joy. Have you thought about the theatre? I’ve gotten offers for the theatre that I’m evaluating. Performing on stage requires much more time, however, and I’m waiting for the right situation so I can dedicate my whole attention and do it in the best possible way. Verdone told us that there’s poetry in you, the symbol of “a beautiful, true, sincere periphery”. What do you think he meant? The people who live in the suburbs to the north of the city are perhaps more realistic; they have less superfluities. I think Carlo was referring to this authenticity that exists in the peripheries. Which places in Rome do you feel most connected to? A church in piazza del Popolo, Santa Maria dei Miracoli, but not so much because it’s a religious place but rather for the beauty of the architecture. I also love piazza del Popolo in general and Tor Bella Monaca because that’s where I filmed The Call Me Jeeg and where I was born. Shopping in Rome: your insider recommendations? There’s a small market that I love in Flaminia Vecchia and the stores in the Monti neighbourhood are really cute. If I want to buy anything, I usually go there. 70 Roma | the Eternal City

procciarmi ai vari personaggi è sempre quello di partire in qualche modo da me stessa. Capire quali sono le cose che mi uniscono e che mi dividono dal personaggio. Recitare in un certo senso costringe alla sincerità, a riprodurre esperienze e sentimenti vissuti. Se poi si parla di somiglianze vere e proprie… Alessia era molto tenera, credeva in Jeeg Robot, ma era completamente matta, molto fuori di sé e quindi anche fuori di me, non posso dire che mi somigliasse, se non come origini e come parlato. Forse Luna, di Carlo, per il momento è il personaggio che più mi si avvicina. Ha un’icona di ieri o di oggi del mondo del cinema? Meryl Streep. La trovo un’attrice strepitosa, in tutti i ruoli. Ogni volta che la vedo mi emoziona. Uno sfizio che vorrebbe togliersi sul set? Mi piacerebbe fare un film con Johnny Depp (ride), magari girato da Martin Scorsese, oppure, restando in Italia, lavorare con Alessandro Borghi, che è anche un caro amico, e col regista Stefano Sollima. Com’è Ilenia lontana dalla macchina da presa? Non sono cambiata molto da quando ho iniziato a fare l’attrice, faccio sempre le stesse cose che facevo prima. Sono molto legata alla mia famiglia, a mia madre e mia sorella, solo loro le persone che mi riempiono la vita. Ha già pensato al teatro? Mi sono arrivate delle proposte di teatro e le sto valutando, il teatro però ha bisogno di molto tempo e sto aspettando la situazione giusta per farlo nel modo migliore. Verdone ha detto che in lei c’è della poesia, il segno di “Una periferia bella, vera, sincera”. Secondo lei cosa intendeva? Prima abitavano nella periferia a nord, le persone sono forse più vere, hanno meno sovrastrutture. Credo che Carlo si riferisse a questa autenticità che c’è nelle periferie. Quali sono i luoghi di Roma a cui è più legata? A una chiesa di piazza del Popolo, Santa Maria dei miracoli, non perché sia particolarmente religiosa, quanto per la bellezza in sé della chiesa. Sono poi molto legata a piazza del Popolo in generale e a Tor Bella Monaca, perché lì ho girato Lo chiamavano Jeeg Robot e perché ci sono nata. Shopping a Roma: i tuoi indirizzi da insider? C’è un mercatino che mi piace molto in Flaminia Vecchia e anche i negozi a Rione Monti sono molto carini, se ho voglia di comprare qualcosa vado spesso lì.


cover story

Above: ‘Benedetta follia’ Below: ‘They Call Me Jeeg’ Roma | the Eternal City 71


cover story

A strong and sensual Elda. She skyrocketed to fame with “I Cesaroni� but she loves the theatre 72 Roma | the Eternal City


movie interview

Free style STILE LIBERO

text Veronica Sgaravatti photo Barbara Ledda Elda Alvigini, known for her work in television and film, is also a director and a star on the stage Elda Alvigini, volto noto della televisione e del cinema, ma anche attrice teatrale e regista Elda Alvigini is a Roman actress, author and director with a proven career in the world of cinema, television and theatre. We can see her onscreen starting January 24, starring alongside Vincenzo Salemme and Diego Abatantuono in the comedy film Compromessi Sposi by Francesco Miccichè, filming in Formia and Gaesta. What’s your educational background? My parents raised me in museums, cinemas and theatres. I studied as a classico high school and I simultaneously attended the Centro Sperimentale di Cinematografia and university, where I graduated with a degree in Cinema History and Criticism. When did you realize you wanted to be an actress? My passion was inherent. My family always told me that as soon as I was born, I scratched my face because I was hungry, and the obstetrician had to immediately take me back to my mother so she could feed me, a sure sign of my gift for acting. Even as a child I had a very clear idea about what I wanted to be when I grew up. Which role put you on the map? That would definitely be the role of Stefania Masetti in the television series I Cesaroni, which I played from 2005 to 2013 and thanks to which I even won the award for Best Actress at the Roma Fiction Festival in 2007. What are some of your theatre projects? The first performance I brought to the stage was Inutilmentesfiga, followed by Liberi Tutti in 2016, which was staged at the Piccolo Eliseo, both written with Natascia Di Vito. What are your passions? I’ve always loved culture, fashion, photography, design, interior design, art, architecture and beauty in general. I’ve always travelled a lot and enthusiastically followed cultural events tied to the countries I’ve visited. I also speak both English and French fluently. Three adjectives that describe you? Tough, dreamer and honest.

Elda Alvigini è un’attrice, autrice e regista romana. Volto noto del cinema e del teatro, la vedremo dal 24 gennaio nelle sale cinematografiche nella commedia Compromessi Sposi il film di Francesco Miccichè che la sta impegnando tra Formia e Gaeta, nel ruolo di protagonista accanto a Vincenzo Salemme e Diego Abatantuono. Che formazione ha avuto? I miei genitori mi hanno cresciuto all’interno di musei, cinema e teatri. Ho fatto il liceo classico, ed ho studiato contemporaneamente al Centro Sperimentale di Cinematografia e all’università, dove mi sono laureata in Storia e critica del cinema. Quando ha capito che volevi fare l’attrice? La mia passione è stata una cosa innata. L’aneddoto di famiglia che mi hanno sempre raccontato i miei genitori era che, appena sono nata, mi graffiavo la faccia per la fame, tanto che l’ostetrica mi ha subito dovuta riportare a mia mamma, per farmi allattare, già prevedendo le mie doti da attrice. Scherzi a parte, ho sempre avuto, fin da piccola le idee molto chiare su cosa voleva fare da grande. Qual è il ruolo che le ha dato più notorietà? Sicuramente il ruolo di Stefania Masetti nella serie televisiva I Cesaroni che ho interpretato dal 2005 al 2013 e grazie alla quale ho anche vinto il premio come miglior attrice al Roma Fiction Festival, nel 2007. Anche autrice e regista, quali sono stati i suoi lavori al teatro? Il primo spettacolo che ho portato in scena è stato Inutilmentesfiga e, nel 2016 Liberi Tutti, andato in scena al Piccolo Eliseo, scritti entrambi con Natascia Di Vito. Le sue passioni? Sono da sempre innamorata della cultura, della moda, della fotografia, del design, dell’arredamento, dell’arte, dell’architettura e del bello in generale. Ho sempre viaggiato molto e seguito con interesse gli eventi culturali legati ai paesi che ho visitato. Parlo molto bene sia l’inglese che il francese. Tre aggettivi che la descrivono? Resistente, sognatrice e onesta. Roma | the Eternal City 73


‘20 FLASH S

THE FASHIONS OF YESTERYEAR INSPIRE NEW, REBELLIOUS AMBITIONS. THE S/S 2019 COLLECTIONS

Marta Innocenti Ciulli | Ph. Alessandro Bencini | Make up and Hair Paolo Baroncelli CHANEL Pants suit with a lightly flared skirt and a zippered, hemmed jacket. Belt Chanel. Gloves A.n.g.e.l.o Vintage


LOUIS VUITTON Pleated dress with a raised collar and wide sleeves with high cuffs. Comes with a belt. Shoes Louis Vuitton


GUCCI Hemmed, pencil wrap skirt. Glasses Gucci. Shoes Gucci


MIU MIU Sequined dress with a low neckline and nude back. Shoes Miu Miu. Socks Miu Miu. Headband Prada


MARCO DE VINCENZO Over an elastic slip, a lace blouse with a ruffled neckline


VIVETTA Pleated skirt and a sleeveless blouse with a black sailor’s collar. Shoes Louis Vuitton


FENDI Midi dress with a low bodice, pressed pleats and a cotton lace collar and cuffs


MARNI Pleated tent dress in patterned silk, collar and necktie. Belt and socks Marni. Shoes Prada

“AH, THE DULL AND REDDISH LIGHT OF AN UNKNOWN ROOM! AH, THAT DARK HAPPINESS, THAT DEATH REACHED SLOWLY, AND THEN LIFE, RECOVERED LIKE THE SLOW BEATING OF WINGS...” (COLETTE January 28, 1873 - August 3, 1954)


ANTEPRIMA Romper in elastic jersey and a loose duster with a sports collar. Shoes Anteprima. Socks Anteprima


ERMANNO SCERVINO Layered lace slip with an opening at the back. Shawl A.n.g.e.l.o Vintage. Tiara Dolce & Gabbana


PRADA Voile dress dots around the collar and a flared skirt. Underneath, silk culottes and slip. Shoes Prada. Socks and Headband/Hoop Prada


MONCLER Wide pants with a side stripe. Shoes Moncler. Feather boa Yves Salomon at Luisaviaroma. Pearls A.n.g.e.l.o Vintage


fashion jewels

Symbols SIMBOLI A ring that speaks of eternal bonds, resplendent days, tightly wound memories of the everyday and everlasting moments. It’s not an engagement ring, it’s not a solitaire; it’s a symbol of a mature, strong and resistant love… Al dito una fascetta che racconta di legami indissolubili, di giorni splendenti, di lacci stretti intorno a ricordi quotidiani e a momenti eterni. Non è una fede, non è un solitario, ma il simbolo di un amore maturo, solido, resistente…

1

2

3

4

5

1. Chopard 2. Giovanni Raspini 3. Pomellato 4. Vhernier 5. Bulgari 6. Roberto Coin 86 Roma | the Eternal City


fashion jewels

6 Roma | the Eternal City 87


Informazioni, appuntamenti e proposte di viaggio su: www.umbriatourism.it


must have bags

3 1

5 8

2

Shoulder bags and sneakers to slide quickly through chaotic cities. A comfortable choice, with a touch of colour and an eye on the latest trends

4

6 10

7 11

9

Quick VELOCI

by Francesca Lombardi 1.6. Chanel - piazza di Spagna, 85 - Roma 2. Hermès - via Bocca di Leone, 23-27 - Roma 3. Prada - via dei Condotti, 92/95 - Roma 4.11. Salvatore Ferragamo - via dei Condotti, 65 - Roma 5.8. Marni - via Bocca di Leone, 8 - Roma 7.9. Valentino - piazza di Spagna, 38 - Roma 10. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma Roma | the Eternal City 89


must have trend

2 1

Dark green shoes, bags, dresses‌ Some flowers here and there, small, bright details and we’re already dreaming of spring. Even though winter has just started 6 7

3

5 8

4 6

Dreaming of spring VOGLIA DI PRIMAVERA

by Francesca Lombardi 1. Chanel - piazza di Spagna, 85 - Roma 2.8. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma 3. Compagnia Italiana - via del Babuino 106- Roma 4. DAN - via Francesco Crispi, 60/62 - Roma 5. Miu Miu - via del Babuino, 91 - Roma 6. Louis Vuitton - via dei Condotti, 13 - Roma 7. Emilio Pucci - piazza di Spagna, 87 - Roma 90 Roma | the Eternal City


must have man

2 1

Never too elegant; always a sporty detail; eternally moving while continuously reassuring: the new man is versatile more than anything else 6 7

3

5 8

4 6

Men allure

FASCINO MASCHILE

by Francesca Lombardi 1. Boggi Milano - via del Babuino, 20 - Roma 2.8. Marni - via Bocca di Leone, 8 - Roma 3. Hermès - via Bocca di Leone, 23-27 - Roma 4. Autori Capresi - @ The Pantheon Hotel - via di Santa Chiara 4/a - Roma 5. Faliero Sarti - via Vittoria, 62 - Roma 6. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma 7. Peroso - via Sistina, 29 a - Roma Roma | the Eternal City 91


Carnet d’addresse SHOPPING IN CITTÀ

text Veronica Sgaravatti photo Valentina Stefanelli


The best shopping in Rome is in the area between the Tridente, Piazza Navona and Monti 94 Roma | the Eternal City


shopping itineraries

Blue Goose, via del Governo Vecchio, Niki Nika Shopping in Rome is one of the most entertaining ways to discover the city. The Eternal City is known for being a centre of culture and one of the most famous places in the world for its millennia-old monuments, but you can’t deny the influence of Rome over the years in the fashion and hautecouture industries. Some places are hidden, others are not; either way you can find big brand names or vintage and retro clothing. Seeing as the city is so big, lets divide our route into four smaller areas: two in the centre, one close to piazza di Spagna, one close to piazza Navona, one in Monti and one in Parioli. City Centre - piazza di Spagna, boutiques and luxury brands Here, the majority of the shops are luxury brands. On the unmissable via Condotti, via Borgognona, via Frattina, and via del Babuino, there’s everything you could want from the most famous brands in the world. Valentino, Armani, Buglari, Cartier, Fendi, Hermes, Celine, Dior, Gucci, Canali Boutique and Compagnia Italiana. For him, the ties at Talarico Boutique, and if you like jewellery and gems, the unique creations at Roberto Coin and silver pieces by Giovanni Raspini. In the same area, tailor-made blouses can be found at Dan, as well as the splendid scarves at Faliero Sarti, the boutique Kristina T and Dr Vranjes. Alongside to these big names, situated close to some of the most famous steps in the world, there are also many multi-brand department stores that have a selection tailored to their clientele. The top Italian department store par excellence is La Rinascente, in the ultra-central via del Tritone. Then there’s Gente, which has many different locations, the biggest being in Via del Babuino. A pillar of Roman fashion, it has a rich choice of brands and a curated assortment. meaning every shopper gains a sense of what’s hot in the fashion world. A selection of luxury clothing and accessories for men and women includes brands like Alexander McQueen, Prada, Moncler, Saint Laurent, Givenchy, Gucci, Off-White, Gianvito Rossi, Fendi, Valentino, Louboutin and Balmain. There are many stores in the city for those who aren’t looking for something so exclusive, from a lively, young and fun fashion collection by Niki Nika in via Borgognona, to an elegant, refined and innovative collection by Nia in via Vittoria. On via del Corso there are also famous low-cost stores like

Fare shopping a Roma è uno dei modi più divertenti di scoprire la città. Se infatti la Città eterna è rinomata per essere il cuore della cultura e uno dei luoghi più famosi del mondo per via dei suoi monumenti millenari, non è trascurabile anche il peso che negli anni ha avuto Roma nel campo della moda e dell’alta moda. Tantissimi sono gli indirizzi nascosti e non, per trovare capi di abbigliamenti di grandissimi marchi, capi vintage, usato un po’ retrò. Visto la grandezza della città, suddividiamo la nostra passeggiata in tre macro- aree: due in centro, una nelle vicinanze di piazza di Spagna, una di piazza Navona e il quartiere Monti Centro - piazza di Spagna, boutique e monomarca di gran lusso Qui ci sono la maggior parte dei negozi monomarca del lusso e, nelle imperdibili via Condotti, via Borgognona, via Frattina, via del Babuino, abbiamo tutto quello che si può richiedere dai brand più famosi del mondo: Valentino, Armani, Bulgari, Cartier, Fendi, Hermes, Celine, Dior, Gucci, Canali Boutique, Compagnia Italiana. Per lui le cravatte sartoriali di Talarico Boutique, e se amate gioielli e bijoux, le creazioni originali di Roberto Coin e quelle in argento di Giovanni Raspini Sempre in zona le camice su misura di Dan e, situati vicinissimi, le splendide sciarpe di Faliero Sarti, la boutique Kristina T e una piccola digressione per la casa firmata Dr Vranjes. Accanto ai grandissimi nomi, situati a ridosso di una delle Scalinate più prestigiose del mondo, anche tantissimi negozi multibrand che fanno una selezione attenta per i loro clienti. Primo fra tutti il department store italiano per eccellenza, La Rinascente nella centralissima via del Tritone; e poi Gente, con diversi punti vendita, il più grande a via del Babuino, è uno dei pilastri della moda romana, dove con una ricchissima scelta di marchi e un’attentissima selezione dei migliori pezzi ci si può fare un’idea del panorama mondiale degli stilisti più cool del momento, con una sofisticata selezione di abbigliamento ed accessori di lusso per donna e uomo, con designers come Alexander McQueen, Prada, Moncler, Saint Laurent, Givenchy, Gucci, Off-White, Gianvito Rossi, Fendi, Valentino, Louboutin e Balmain. Per chi non è alla ricerca di uno di questi marchi così esclusivi segnaliamo la collezione esuberante, giovane e divertente proposta da Niki Nika a Via Borgognona, quella collezione ricercata, elegante e sempre attenta all’innovazione di Nia a via Vittoria. Su via del Corso ci sono invece gli store delle più famose cateRoma | the Eternal City 95


In via del Governo Vecchio, there is a lots of vintage shops and original boutiques Zara, H&M, Mango and Gap, alongside sportswear brands Adidas and Nike. City Centre - piazza Navona, small luxury boutiques and vintage shops live side by side in one street Behind piazza Navona, home of Bernini with its beautiful Fountain of the Four Rivers, begins an elegant area of the city that still has lots to be discovered. Initially known only for its second-hand shops that are on via del Governo Vecchio, it today has sophisticated shops with an unusual selection. At the beginning of the street, in piazza Pasquino, there are three unmissable stores for every taste. For men, SBU or Strategic Business Unit, by the Perfetti brothers. For women, there’s Luna e l’Altra, the only shop in Rome that offers a complete selection of the best Japanese brands such as Issey Miyake and Comme des Garcons. For house bedding there’s Society, a store that only sells products made from natural linen, cotton, silk, wool and cashmere, all garment dyed and put together for your bed, table or bathroom. In via del Governo Vecchio, next to lots of vintage shops where you can still buy clothing from the 60s and 70s, there are boutiques that are different from the usual with colourful clothing and bright patterns. Amongst these is the beautiful artisanal workshop Maga Morgana by brothers Fabio and Marco Truffo, who with their clothes are capable of exalting the personality of anyone who dons their garments. In this street there’s also the jewellery shop Delfina Delettrez Fendi, inside an old pharmacy transformed into a small jewellery workshop, where hues of ivory, black and gold dominate. There’s also the beautiful bookshop Altroquando, specialising in film and screenwriting, which has an impressive collection of flyers and posters from renowned blockbusters. 96 Roma | the Eternal City

ne low cost: Zara, H&M, Mango, Gap accanto ai marchi sportivi come Adidas e Nike. Centro piazza Navona - piccoli negozi d’elite e vintage convivono in un’unica strada Dietro piazza Navona, simbolo del Bernini con la bellissima fontana dei Quattro Fiumi, inizia una zona un po’ più ricercata e tutta da scoprire. Inizialmente conosciuta solo per i suoi negozi dell’usato, che si trovano a via del Governo Vecchio, oggi ha anche negozi sofisticati e con una ricerca inusuale. All’inizio della via, su piazza Pasquino ci sono tre negozi imperdibili, per ogni gusto. Per l’uomo c’è SBU, acronimo di Strategic Business Unit, dei fratelli Perfetti. Per la donna c’è Luna e l’Altra, l’unico negozio a Roma che offre una selezione completa dei migliori marchi giapponesi tra i quali Issey Miyake e Comme des Garcon. Per la biancheria per la casa c’è Society che tratta solo materie prime naturali quali lino, cotone, seta, lana e cashmire, tinti in capo e combinati magicamente per il letto, la tavola e il bagno. In via del Governo vecchio, accanto ai tanti negozi vintage dove è ancora possibile acquistare capi d’abbigliamento anni Sessanta e Settanta, anche boutique un po’ diverse dalle solite, con abiti dai colori e disegni naif. Tra questi il più bello è la bottega artigiana Maga Morgana, dei due fratelli Fabio e Marco Truffa, con i loro vestiti capaci di esaltare la personalità della donna che li indosserà. Nella via anche il negozio di gioielli di Delfina Delettrez Fendi, una vecchia farmacia trasformata in una piccola bottega di gioielli dove dominano i colori dell’avorio, il nero e l’oro. Inoltre, la bella libreria Altroquando, specializzata in cinema e sceneggiatura dove si possono trovare anche locandine e poster dei capolavori del grande schermo.


Shopping in Rome is one of the most entertaining ways to discover the city Roma | the Eternal City 97


5

98 Roma | the Eternal City

The Eternal City is known for being a centre of culture and one of the most famous places in the world for its thousands of important monuments, but also for its importance in the fashion world. Some places are hidden, others are not; either way you can find big brand names or vintage and retro clothing


Piazza del Popolo Monti’s vintage and design stores The Monti neighbourhood surprises everyone with its charm and individuality. Like a village in the city, it sits in between two arteries, via Nazionale and via Cavour, and its small streets are breathtakingly beautiful. The whole neighbourhood resolves around the piazzetta di Madonna dei Monti, with its recognisable Fontana dei Catecumen. It’s the main meeting point for tourists and residents alike. Monti is one of those areas where there’s still a strong network of artisans who safeguard and hand down their skills: goldsmiths, silversmiths, carpenters, blacksmiths, and antiques dealers are neighbours to wine shops, pizzerias, bars and art galleries. A particular oddity of the area are the vintage shops that sell leather jackets, retro evening wear, shoes, bags and military clothing. The most important amongst all of these is Pifebo in via dei Serpenti, king of vintage for both men’s and women’s wear; a cult spot for teenagers that’s beloved by everyone with its varied collection of clothes and accessories. Next door is Pifebo Kilo, same style, same red colour everywhere but with a less curated selection and lower prices; as the name suggests you pay per kilo. In via del Boschetto, it’s worth visiting Blue Goose, which has a great selection of used designer clothing, all in great condition, with a higher price point that’s justifiable for the merchandise that they sell. Pulp is a favourite amongst Roman costume designers as they have men’s and women’s clothing from the 60s, all in perfect condition. In via Urbana, there’s a great second-hand branded clothing store: Moll Flanders. It has few items, but they are all from luxury names and very fashionable; the price is high but they are in great condition.

Monti tra negozi vintage e di design Il quartiere Monti stupisce per il suo fascino e la sua peculiarità. Sembra un paese dentro la città. E’ inserito tra due grandi arterie della città: via Nazionale e via Cavour e i suoi vicoli sono di una bellezza mozzafiato. Tutto il quartiere ruota intorno alla piazzetta di Madonna dei Monti, con la caratteristica Fontana dei Catecumeni che è il luogo principale di ritrovo sia per i turisti, sia degli abitanti. Monti è una di quelle zone dove ancora resiste un forte network di artigiani che riescono a salvaguardare e a tramandare i loro mestieri: doratori, cromatori, falegnami, fabbri e robivecchi travestiti da antiquari convivono accanto a vinerie, pizzerie, bar e gallerie d’arte. Peculiarità unica del quartiere sono i vintage shop che vendono giacche di pelle, abiti da sera retrò, scarpe, borse e abbigliamento militare. Il più importante tra questi è Pifebo, a via dei Serpenti, re dei vintage shop per uomo e per donna; è oggetto di culto fra gli adolescenti, e riesce a mettere tutti d’accordo con la sua ricchissima selezione di vestiti e accessori. Accanto c’è Pifebo Kilo, stesso stile, stesso rosso dappertutto, una selezione un po’ meno accurata ma prezzi più bassi perché come dice il nome dello shop si paga al chilo. In via del Boschetto vale la pena visitare Blue Goose con una bella selezione di abiti usati firmati, tutti in ottime condizioni, con un prezzo un po’ più alto ma giustificato per la merce che vende e Pulp, indirizzo di molti costumisti romani dove si trovano abiti da donna e da uomo dagli anni 60 in poi, tutti in perfette condizioni. In via Urbana c’è invece un negozio di conto-vendita di usato firmato: Moll Flanders. Pochi capi, tutti di grandi marchi, tutti molto di tendenza e tutti abbastanza cari, ma in ottime condizioni. Roma | the Eternal City 99


movie exhibition

Portrait of a myth RITRATTO DI UN MITO text Teresa Favi

An important exhibition centred on Marcello Mastroianni, the Italian film industry’s anti-hero Una grande mostra su Marcello Mastroianni, l’antieroe del cinema italiano Adored by paparazzi yet extremely shy, despite his indomitable nature as a ladies’ man, Marcello Mastroianni considered his to be a “an in-between life” poised with gentle levity between one success and another. 22 years after his death on 19 December 1996 in Paris, the impressive career of this actor from Ciocaria (170 films, countless theatre perfomances, an infinite variety of characters) closely intertwined with his private life is celebrated by an important exhibition held at the Ara Pacis and running until 17 February. For the first time ever, the artistic career of the protagonist of La Dolce Vita is being presented in its entirety thanks to a wealth of material, much of it heretofore unpublished, comprising a rare photographic apparatus which portrays the actor in a way we are not accustomed to remembering him, on the stage alongside the other great names that have made Italian theatre history, from Vittorio Gassman to Rina Morelli, from Paolo Stoppa to Eleonora Rossi Drago. From his early days alongside Riccardo Freda in 1948 to his work with Federico Fellini, which led him to become the film director’s authentic alter ego. More than one hundred films between the forties and the late nineties, and numerous International accolades including 3 Academy nominations for Best Actor, 2 Golden Globe awards, 8 David di Donatello awards and the Career Golden Lion at the Venice Film Festival of 1990. To learn all there is to know about Marcello, as curator Gian Luca Farinelli suggests, we have to follow his filmography since it reflects his own life. And this is exactly how the exhibition is set out, starting from the distinctive trait of his personality: the humility which made him so dear to other actors. HIS CHILDHOOD AND EARLY DAYS AT CINECITTA’ The exhibition describes his childhood in Ciociaria and his humble origins. Until the time he arrived at Cinecittà, thanks to some relatives who used to run a trattoria there. The early appearances as an “extra” up to his first important role in 100 Roma | the Eternal City

Amatissimo dai paparazzi e invece timidissimo, pur nella sua indomabile natura di dongiovanni, Marcello Mastroianni considerava la sua “una vita tra parentesi” incastrata con dolce levità tra un successo e l’altro. A 22 anni dalla morte avvenuta il 19 dicembre 1996 a Parigi, l’imponente carriera dell’attore ciociaro (170 film, innumerevoli spettacoli teatrali, personaggi sempre diversi) strettamente intrecciata alla sua storia personale viene celebrata da una grande mostra all’Ara Pacis, fino al 17 febbraio 2019. È la prima volta che il percorso artistico del protagonista di La Dolce Vita, viene riproposto nella sua interezza attraverso un’abbondanza di materiali, molti dei quali inediti, tra cui un raro apparato fotografico che ritrae l’attore come non siamo abituati a ricordarlo, sul palco, vicino agli altri grandi nomi che hanno fatto la storia del teatro italiano, da Vittorio Gassman a Rina Morelli, da Paolo Stoppa a Eleonora Rossi Drago. Dagli esordi con Riccardo Freda nel 1948 alla collaborazione con Federico Fellini, di cui diventò un vero e proprio alter ego. Più di cento film tra gli anni Quaranta e la fine dei Novanta, e molti riconoscimenti internazionali fra cui 3 candidature all’Oscar come Miglior Attore, 2 Golden Globe, 8 David di Donatello e il Leone d’oro alla carriera al Festival del cinema di Venezia nel 1990. Per andare a fondo nella scoperta, come osserva il curatore Gian Luca Farinelli, dobbiamo tallonare la sua filmografia in quanto specchio della sua stessa vita. Ed è proprio questo il percorso che segue la mostra, a partire da un tratto distintivo della sua personalità: quell’umiltà che gli faceva amare gli altri attori. L’INFANZIA E GLI ESORDI A CICNECITTA’ La mostra ricostruisce l’infanzia in Ciociaria, le origini popolari. Fino all’ingresso in Cinecittà, grazie ad alcuni parenti che lì gestivano una trattoria. Le prime compar-


Marcello Mastroianni in a scene of ‘La dolce vita’ by Federico Fellini Roma | the Eternal City 101


5

102 Roma | the Eternal City

Marcello Mastroiani in some famous film.. From above clockwise: ‘La fortuna di essere donna’ with Sophia Loren, by Blasetti; ‘Matrimonio all’italiana’ by Vittorio de Sica; the famous scene in the Trevi Fountain with Anita Ekberg in ‘La dolce vita’ by Fellini; another scene of ‘La dolce vita’; with Marina Valdy in ‘Giorni d’amore’; with Federico Fellini on the set of ‘La città della donne’


wine interview

Mastroianni with Federico Fellini on the set of ‘La città della donne’ which he was dubbed by Alberto Sordi, that of the traffic sate, fino al primo ruolo importante, in cui è doppiato da policeman in Sunday in August directed by Luciano Emmer Alberto Sordi, quello del vigile in Domenica d’agosto di Luciano Emmer nel 1950. in 1950. SEX SYMBOL… SUO MALGRADO SEX SYMBOL… DESPITE HIMSELF After also retracing Mastroianni’s theatrical career, the exhi- Dopo aver ripercorso anche l’esperienza teatrale di bition at the Ara Pacis goes on to address the year in which Mastroianni, la mostra all’Ara Pacis affronta l’anno delhe was consecrated as a sex symbol. A sex symbol despite la consacrazione come sex symbol. Un sex symbol suo malgrado… È il 1960. L’anno de La dolce himself… It was 1960. The year of La dolce vita. vita. L’anno dopo è il Bell’Antonio di Mauro The year after Bell’Antonio by Mauro Bolognini: Bolognini: un marito bellissimo, siciliano e a husband who is extremely good looking, Sicilimpotente. ian and impotent. MARCELLO E SOPHIA MARCELLO AND SOPHIA Qui la mostra giunge a uno dei suoi punti Here the exhibition reaches one of its highcardine. Loren-Mastroianni il sodalizio che lights. The Loren-Mastroianni duo Hollywood Hollywood amò alla follia. Dal loro primo is crazy about. Their very first encounter in 1954 “An inon the set of Too Bad She’s Bad by Alessandro between life” incontro, nel 1954 sul set di Peccato sia una canaglia di Alessandro Blasetti,  nasce una Blasetti sparked an entente destined to become poised with sintonia destinata alla leggenda con la scea legend with the striptease scene in Scola’s film gentle levity na dello spogliarello nel film di Scola Ieri, Yesterday, today, tomorrow (1963) and the year after with Marriage Italian-style (1964, Academy between one oggi, domani (1963) e l’anno dopo con Matrimonio all’italiana (1964, nominato all’AcaAward nomination for best foreign film). success demy Award come miglior film straniero). THE JOURNEY WITH FEDERICO Neither could the exhibition fail to mention the other eternal IN VIAGGIO CON FEDERICO partnership between “Marcello” (a name that rings with the Non può mancare l’altro sodalizio eterno, quello tra pronunciation of Anita Ekberg as she stands in the icy wa- “Marcello” (nome che risuona con la pronuncia di Anita ters of the Trevi Fountain) and Federico Fellini, played out Ekberg immersa nelle acque gelide della Fontana di Trebetween La dolce vita and La città delle donne, through 8 and vi) e Federico Fellini declinato appunto da La dolce vita a a half, the film in which the two of them hide behind each La città delle donne, passando per 8 e ½, film in cui i due si other, ending with Mastorna which was never destined to see nascondono uno dietro l’altro, fino a quel Mastorna che non vedrà mai la luce. the light. Roma | the Eternal City 103


Pollock e la Scuola di New York, Ala Brasini at the Complesso del Vittoriano aaa 104 Roma | the Eternal City


art exhibition

On forms and colours DI FORME E DI COLORI text Mila Montagni

Four exhibitions, four ways to experience art Quattro mostre per quattro modi di vivere l’arte

In the treasure trove that is the Galleria Borghese, there’s an exhibition that continues the reflection and analysis of the concept of sculpture that the museum began a few years ago and which, until February 3, is dedicated to one of the most important figures of 20th-century European art, represented here through 55 of his masterpieces. Picasso. La scultura is the first exhibition in Italy dedicated to the Spanish artist as a sculptor and focuses on the works made between 1902 and 1961. Picasso’s trip to Rome and Naples during World War I with Jean Cocteau and Igor Stravinskij was fundamental, as it was an opportunity to directly observe ancient Roman sculpture alongside Renaissance art and the wall paintings at Pompeii. Designed by Anna Coliva and part of the international Picasso-Méditerranée program, the 12 themes of the retrospective create a dialogue between Picasso and the artworks in the museum, revealing the continuity with the art of the past without ever forgetting what Picasso once wrote: “To me there is no past or future in art. If a work of art cannot live always in the present it must not be considered at all.” Enthusiasts of art and experimentation have the opportunity to explore the rich history of American art until February 24 thanks to Pollock e la Scuola di New York, on display in the Ala Brasini at the Complesso del Vittoriano, staged in collaboration with The Whitney Museum of American Art in New York and curated by David Breslin, Carrie Springer and Luca Beatrice; one of the 50 masterpieces on display is the famous 3-metre-long Number 27, the massive canvas by the American artist that’s perfectly representative of abstract expressionism. Here, the dripping that makes the work unmistakable, a blend between a primitive Native American dance and an expression of early performance art, is one of the techniques used,

In quello scrigno che è la Galleria Borghese una mostra che si pone nel solco della riflessione e dell’indagine sul concetto di scultura che il Museo ha avviato da anni e che, fino al 3 febbraio, ha come simbolo uno dei personaggi possenti del Novecento europeo rappresentato da 55 suoi capolavori distribuiti nelle Sale della Galleria. Picasso. La scultura è la prima rassegna in Italia dedicata all’artista spagnolo quale scultore e interessata dalle opere da questi realizzate tra il 1902 e il 1961. Fondamentale il viaggio a Roma e Napoli che durante la Grande guerra Picasso fece con Jean Cocteau e Igor Stravinskij, occasione del confronto diretto con la scultura dell’antichità romana, insieme al Rinascimento e alle pitture murali di Pompei. Ideata da Anna Coliva e parte del programma internazionale Picasso-Méditerranée, i dodici temi della monografica attivano un dialogo ideale tra Picasso e le opere della Galleria, rivelando la continuità con l’arte del passato, senza dimenticare ciò che Picasso stesso scriveva: “in arte non c’è né passato né futuro. L’arte che non è nel presente non sarà mai arte.” Una ricca, affollata in apparenza, storia d’Oltreoceano è quella che fino al 24 febbraio gli appassionati d’arte e sperimentazione potranno leggere nelle sei sezioni di Pollock e la Scuola di New York, ospitata nell’Ala Brasini del Complesso del Vittoriano, allestita in collaborazione con The Whitney Museum of America Art, New York e curata da David Breslin e Carrie Springer con Luca Beatrice; tra i 50 capolavori esposti i celeberrimi 3 metri della Number 27, la grande tela dell’artista statunitense capace di rappresentare perfettamente in questa l’espressionismo astratto. Il dripping che lo rese inconfondibile, una fusione tra una danza indiana primitiva e un’espressione d’arte pre-performantica, è qui una delle tecniche utilizzate, perché diversi sono i lavori presenti di artisti come de Kooning e Franz Kline, oltre a quelle di infinita profondità firmate da Mark Rothko. Roma | the Eternal City 105


art itinerary

Picasso. La scultura - Galleria Borghese highlighted through additional works by de Kooning and Il titolo narra di complessità profonde e interrogativi perFranz Kline, as well as the infinite depth of Mark Rothko. turbanti: Zerocalcare. Scavare fossati·nutrire coccodrilli ed The title of this next exhibition is marked by disturbing è la prima personale di un autore interprete partecipe e deep and interrogative complexities: Zerocalcare. Dig- vero della scena underground, portavoce di una generazioging Ditches – Feeding Crocodiles is the first solo show ne complessa in un universo dalle mille sfaccettature. Al by a key figure on the underground scene, representative MAXXI la mostra curata da Giulia Ferracci in collaboraof a complex generation in a multi-faceted universe. At zione con Silvia Barbagallo sarà aperta fino al 10 marzo, e MAXXI, the exhibition curated by Giulia Ferracci and attraverso poster, illustrazioni, i suoi nove volumi e copertine sarà tracciata in modo attento la vicenda Silvia Barbagallo will be open until March d’artista del presente di Michele Rech, fumet10, and through posters, illustrations and his tista conosciuto con lo pseudonimo appunto nine books and covers, visitors can explore di Zerocalcare. Le quattro sezioni della mostra the world of the contemporary artist Michele s’ispirano all’intelligentemente ironico ArmaRech, a cartoonist known by the pseudonym Zerocalcare. An itinerary dillo, alter ego possibile dell’artista romano, un’avvolgente struttura che richiaThe four sections of the exhibition are inbetween seguendo ma l’avvolgersi e svolgersi dei pensieri e delle spired by the intelligently ironic Armadillo, modern and riflessioni che caratterizzano il quotidiano di the Roman artist’s alter ego, following an contemporary ognuno e ne riflettono le tortuosità più reconengaging structure that evokes the thoughts and reflections that characterize the daily art dite. Il luogo è il Chiostro del Bramante e il titolives of every one of us, mirroring their most in the warm lo della mostra è Dream - curata da Danilo hidden complexities. Roman winter Eccher e aperta fino al 5 maggio - ripercorre The place is the Chiostro del Bramante and the name of the exhibition is Dream, curated by Danilo e apre a un’esperienza che vuol essere totalizzante nell’afEccher and open until May 5. The show retraces and cre- frontare il sogno quale porta d’accesso privilegiata allo ates an all-encompassing experience of seeing our dreams spazio più profondo dell’animo. Il percorso espositivo stesas a privileged access to the most reserved spaces of our so, che somma opere site-specific a lavori ripensati per gli soul. The exhibition route itself, which includes site-spe- spazi a disposizione, è stato immaginato quale esperienza cific works, was designed as an experience that immerses che immerge il visitatore nelle zone meno frequentate della visitors in the less-frequented areas of meditation and the dimensione della meditazione, fino ai luoghi celesti dell’anima. celestial places of our soul. 106 Roma | the Eternal City


1

2

3

4

1.4. Zerocalcare. Digging Ditches – Feeding Crocodiles Maxxi 2. Pollock e la Scuola di New York, Ala Brasini at the Complesso del Vittoriano, 3. 5 Dream - Chiostro del Bramante 6 Picasso. La scultura - Galleria Borghese.

5


Teatro Eliseo


show itineraries

Let the show begin A SCENA APERTA text Gabrielle Bolzoni

From prose to opera, ballet to musicals: the best Roman theatres and winter performances

Dalla prosa alla lirica, dal balletto al musical: i migliori teatri romani e i palinsesti invernali Even in Ancient Rome, theatre represented one of the highest expressions of culture for the era, its goal to provide free entertainment, with its great gestural art and comical mimicry, for a public of all social classes during gladiator games or religious festivities. Two thousand years have since passed, but Romans have held on to their pleasure and passion for theatre. Here, we’re offering a selection of what’s hitting the stage in the capital’s theatre scene, with a wide and varied range of cultural events, from prose to opera, ballet to musicals, comedies to tragedies, all beloved by our illustrious ancestors. Teatro Eliseo is celebrating its 100th birthday. The theatre was named “Eliseo” in 1918, but its history dates even further back, when, in 1900, an open-air theatre was inaugurated on the terrace of Palazzo Rospigliosi, before being upgraded with an official brick building in 1910. Many figures who wrote the history of Italian theatre have passed through these doors, like Petrolini, Totò, Magnani, De Filippo, Visconti, Zeffirelli, Gassman and Mastroianni. Via Nazionale, 183, tel. 06 83510216.  Teatro Argentina is one of the oldest and most important theatres, open since the 1700s and the first headquarters for the Teatro di Roma. It was built in 1732 based on a design by Gerlolamo Theodoli as an upgrade for a small palace and its tower owned by the noble Roman Sforza Cesarini family. Amongst its historic performances, the first was The Barber of Seville by Rossini in 1816. On stage from December 7 to 30, Sussi e Biribissi, a Journey to the Centre of the Earth, directed by Giacomo Bisordi, for children; December 8 – January 6, 2019, These Ghosts!, directed by Marco Tullio Giordana; December 8 – January 20, Don Juan, directed by Valerio Binasco; January 22 – February 3, The Revenger’s Tragedy, directed by Declan Donnellan; February 5 – 10, Turandot, directed by Marco Plini and featuring actors from the China National Pe-

Già all’epoca dell’Antica Roma il teatro rappresentava una delle massime espressioni della cultura del tempo, avente lo scopo di intrattenere gratuitamente e con grande gestualità e mimica buffonesca il pubblico di tutti i ceti sociali durante i combattimenti dei gladiatori o le feste religiose. Da allora sono passati diversi millenni ma i romani hanno conservato il piacere e la passione per il teatro. Vi proponiamo una scelta di palinsesti eccellenti nel panorama teatrale capitolino, che mettono in scena proposte culturali ampie e variegate, che spaziano dalla prosa alla lirica, dal balletto ai musical, senza tralasciare commedie e tragedie, tanto care ai nostri illustri antenati. Il Teatro Eliseo festeggia 100 anni di vita. La sua storia prende il via sotto l’insegna di ‘Eliseo’ nel 2018, storia iniziata nel 1900 quando sulla terrazza di Palazzo Rospigliosi viene inaugurato uno spazio teatrale all’aperto, poi edificato in muratura nel 1910. Da qui sono passati personaggi che hanno scritto la storia del teatro come Petrolini, Totò, Magnani, De Filippo, Visconti, Zeffirelli, Gassman, Mastroianni. Via Nazionale, 183, tel. 06 83510216 Il Teatro Argentina è uno dei teatri più antichi ed importanti già dal 1700 ed è la prima sede dell’associazione Teatro di Roma. Fu costruito nel 1732 su progetto dell’architetto Gerolamo Theodoli per rivalutare un palazzetto con annessa torre della nobile famiglia romana Sforza Cesarini. Tra le storiche rappresentazioni la prima de Il barbiere di Siviglia di Rossini del 1816. In programma 7.12-30.12 per ragazzi Sussi e Biribissi, Storia di un viaggio verso il centro della Terra, diretto da Giacomo Bisordi; 18.126.01.2019 Questi Fantasmi!, diretto da Marco Tullio Giordana; 8-20.01 il Don Giovanni, diretto da Valerio Binasco; 22.01-3.02 La Tragedia del Vendicatore, diretto da Declan Roma | the Eternal City 109


Teatro Argentina king Opera Company; February 12 – 24, Henry IV, directed by Carlo Cecchi; February 26 – March 3, When the Rain Stops Falling, directed by Lisa Ferlazzo Natoli. Largo di Torre Argentina 52, tel. 06 684000314, www.teatrodiroma.net. Teatro dell’Opera, originally named Teatro Costanzi after the contractor who built it, is located where the ancient Villa di Eliogabolo once stood. It was inaugurated in 1880 with the opera Semiramide by Rossini, with the King of Italy in attendance, and has staged several world premieres, including Tosca by Puccini, in 1900. In 1926, the theatre was purchased by the Governor of Rome, and in 1946, it was renamed Teatro dell’Opera. Famous stars who have performed here include Maria Callas and Pavarotti. Running until December 18 is the classic opera Rigoletto, conducted by Daniele Gatti and directed by Daniele Abbado; February 20, 2019 – March 1, Anna Bolena, conducted by Riccardo Frizza and directed by Andrea De Rosa. Piazza Beniamino Gigli 1, tel. 06 481601, www.operaroma.it. Teatro India opened in 1999 in the former Mira Lanza industrial complex on the Tiber River, across from the Gasometer. Intended to be a place for experimenting artistic expressions, it’s the second branch of the Teatro di Roma. On stage this season: from December 22 – January 5, 2019, A Study on The Bacchae by Euripides, directed by Emma Dante, who is also directing Peter Pan Peeks Up Skirts, January 25 – 27; February 1 – 3, An Eskimo in the Amazon, directed by Liv Ferracchiati; February 6 – 10, The

Donnellan; 5-10.02 Turandot, diretto da Marco Plini con attori della Compagnia Nazionale dell’Opera di Pechino; 12-24.02 Enrico IV, diretto da Carlo Cecchi; 26.02-3.03 When the Rain stops Falling, diretto da Lisa Ferlazzo Natoli. Largo di Torre Argentina 52, tel. 06 684000314, www. teatrodiroma.net Il Teatro dell’Opera, all’origine Teatro Costanzi, dal cognome dell’impresario edile che lo fece costruire, sorse su un’area anticamente occupata da villa di Eliogabolo. Fu inaugurato nel 1880 con l’opera Semiramide di Rossini in cospetto dei Re d’Italia ed ospitò prime assolute tra cui la Tosca di Puccini nel 1900. Nel 1926 fu acquistato dal Governatore di Roma e nel 1946 rinominato Teatro dell’Opera, ospitò tra gli altri Maria Callas e Pavarotti. Fino al 18.12 in scena il classico melodramma Rigoletto, diretto da Daniele Gatti e con la regia di Daniele Abbado; 20.02.2019-1.03 Anna Bolena, diretto da Riccardo Frizza e con la regia di Andrea De Rosa. Piazza Beniamino Gigli 1, tel. 06 481601, www.operaroma.it Il Teatro India sorge nel 1999 nella cittadella dell’ex fabbrica Mira Lanza, grande insediamento industriale lungo il Tevere di fronte al Gazometro. Concepito sin dagli esordi come luogo per la sperimentazione di linguaggi artistici, è la seconda sede del Teatro di Roma. Mette in scena 22.12-5.01.2019 Studio da Le Baccanti di Euripide, diretto da Emma Dante, che dirige anche Peter Pan guarda sotto le gonne 25-27.01; 1-3.02 Un eschimese

Two thousand years have since passed, but Romans have held on to their pleasure and passion for theatre

110 Roma | the Eternal City


5 Teatro dell’Opera di Roma Roma | the Eternal City 111


food itinerary

aaaaa 112 Roma | the Eternal City

Teatro Olimpico


Teatro India Honest Members of the Gang, directed by Giuseppe Miale Di Mauro, who is also directing 12 Kisses on the Lips, February 12 – 17; February 19 – 24, Immaculate Conception by Joele Anastasi; February 26 – 28, Luciano by Danio Manfredini, who is also directing To the Present, March 1 – 3. Lungotevere Vittorio Gassman 1, tel. 06 87752210, www.teatrodiroma.net. Teatro Olimpico opened in the 1930s and has since then been one of the capital’s most eclectic and wide-ranging theatres. For 38 years, the theatre has been home to the Accademia Filarmonica Romana and is “modern even in its most traditional choices and avant-garde by nature,” for Orson Welles the only theatre in Rome that equalled the atmosphere of Broadway. Once again proving to be one of the first Italian theatres in terms of attendance, it hosts dance, music, innovative operas and cabarets: December 18 – January 6, 2019, Lillo & Greg take the stage with their thrilling variety show Gagmen; January 7 – 9, the Moscow Classical Russian Ballet is performing The Nutcracker, a symbol of Russian tradition in classical ballet; January 12 and 13, Maggie & Bianca with their Live Tour; January 15 – 20, Mummenschanz with You & Me, incredible illusions thanks to a revolutionary art of miming; January 24 – February 3, Supermagic 2019 – Alchimie, with eight world-renowned magicians; February 5 – 10, Flashdance – The Musical; February 12 – 17, Antonio Giuliani with Insensibile; February 20 – March 3, Momix with Alice, inspired by the eponymous character in Alice in Wonderland. Piazza Gentile da Fabriano 17, tel. 06 3265991, www.teatroolimpico.it.

in Amazzonia, diretto da Liv Ferracchiati; 6-10.02 Gli onesti della banda, diretto da Giuseppe Miale Di Mauro, che dirige pure Baci sulla bocca 12-17.02; 19-24.02 Immacolata Concezione di Joele Anastasi; 26-28.02 Luciano di Danio Manfredini, che dirige anche Al Presente 1-3.03. Lungotevere Vittorio Gassman 1, tel. 06 87752210, www.teatrodiroma.net Il Teatro Olimpico nasce negli anni Trenta e rappresenta da allora uno dei teatri capitolini più eclettici e polivalenti. Da 38 anni teatro di riferimento dell’Accademia Filarmonica Romana è “moderno anche nelle scelte più tradizionali ed all’avanguardia per vocazione”, per Orson Welles l’unico teatro a Roma che richiamasse l’atmosfera di Broadway. Riconfermatosi uno dei primi teatri italiani per affluenza di pubblico, ospita spettacoli di danza, musica, opere d’autore e cabaret: 18.12 -6.01.2019 Lillo & Greg con l’esilarante varietà Gagmen; 7-9.01 il Moscow Classical Russian Ballet con Lo Schiaccianoci, emblema della tradizione russa del balletto classico; 12-13.01 Maggie & Bianca con  il loro Live Tour; 15-20.01 I Mummenschanz con You & Me, illusioni perfette grazie ad una rivoluzionata arte del mimo; 24.01-3.02 Supermagic 2019-Alchimie con otto prestigiatori di fama mondiale; 5-10.02  Flashdance-Il Musical; 12-17.02 Antonio Giuliani con  Insensibile;  20.02-3.03 Momix  con  Alice, ispirato alla protagonista del Paese delle Meraviglie. Piazza Gentile da Fabriano 17, tel. 06 3265991, www.teatroolimpico.it Il Teatro Quirino-Vittorio Gassman fu costruito per

Teatro Olimpico opened in the 1930s and has since then been one of the capital’s most eclectic and wide-ranging

Roma | the Eternal City 113


Teatro Sistina Teatro Quirino-Vittorio Gassman was commissioned by Prince Maffeo Sciara in 1871 and built on his property near the Trevi Fountain. It originally only offered marionette shows and popular farces, but in 1914, following a radical renovation, it opened its doors to operas by Maestro Pietro Mascagni. Eduardo de Filippo, Carmelo Bene and Vittorio Gassman, whom the theatre was dedicated to in 2004, performed on this stage. Running until December 23, Il berretto a sonagli, directed by Sebastiano Lo Monaco; December 26 – January 6, 2019, the Oblivion will be performing the irreverent musical comedy La Bibbia riveduta e scorretta; January 15 – February 3, Così parlò Bellavista, directed by Geppy Gleijeses and celebrating the 90th birthday of Luciano De Crescenzo; February 5 – 17, Veronica Pivetti will take the stage in the comedy Victor and Victoria, directed by Emanuele Gamba; February 19 – March 3, Le Repas by Katchà, directed by Julien Sibre and Virginia Acqua. Via delle Vergini 7, tel. 06 6794585, www. teatroquirino.it. Teatro Sistina, nicknamed “the Romans’ theatre,” was inaugurated in 1949 as a cinema and theatre, designed by the architect Marcello Piacentini and today one of the most important stages in Italian theatre. Opening December 20, Rugantino will be masterfully performed by Enrico Montesano for the first time in 40 years; running from January 30, 2019, Con Tutto il Cuore by Vincenzo Salemme; beginning March 1, School of Rock, with Lillo. Via Sistina 129, tel. 06 4200711, www.ilsistina.it.

volontà del Principe Maffeo Sciarra nel 1871 sulla sua proprietà vicino a Fontana di Trevi. Inizialmente proponeva solo spettacoli di marionette e farse popolari, ma nel 1914 dopo un rinnovamento architettonico radicale aprì i propri battenti alla lirica del Maestro Pietro Mascagni. Eduardo de Filippo, Carmelo Bene e Vittorio Gassman, a cui il teatro è stato dedicato nel 2004, calcarono questo palcoscenico. In programma fino al 23.12 Il berretto a sonagli, diretto da Sebastiano Lo Monaco; 26.126.01.2019 gli Oblivion mettono in scena un musical comico dissacrante, La Bibbia riveduta e scorretta; 15.01-3.02 Così parlò Bellavista, diretto da Geppy Gleijeses, celebra il 90esimo compleanno di Luciano De Crescenzo; 5-17.02 Veronica Pivetti recita nella commedia Viktor e Viktoria, diretto da Emanuele Gamba; 19.02-3.03 La Cena di Katchà, diretto da Julien Sibre e Virginia Acqua. Via delle Vergini 7, tel. 06 6794585, www.teatroquirino.it Il Teatro Sistina, soprannominato “il teatro dei romani”, fu inaugurato nel 1949 come cinema-teatro, progettato dall’architetto Marcello Piacentini, ed è oggi uno dei maggiori teatri di produzione in Italia. In cartellone dal 20.12 Rugantino, dopo 40 anni di nuovo interpretato magistralmente da Enrico Montesano; dal 30.01.2019 Con Tutto il Cuore di Vincenzo Salemme; dal 1.03 School of Rock con Lillo. Via Sistina 129, tel. 06 4200711, www.ilsistina.it

Teatro Sistina, nicknamed “the Romans’ theatre,” was inaugurated in 1949

114 Roma | the Eternal City


5 Teatro Quirino - Vittorio Gassman Roma | the Eternal City 115


A beautiful portrait of Irene Forte, wellness director at Rocco Forte Hotels 116 Roma | the Eternal City


hospitality wellness

A tribute to the Mediterranean OMAGGIO AL MEDITERRANEO text Gabrielle Bolzoni

The exclusive line of all-natural face and body creams by Irene Forte. A preview at the Hotel de Russie L’esclusiva linea di creme tutte naturali per il viso e per il corpo firmata Irene Forte. In anteprima all’Hotel de Russie

We met with Irene Forte, wellness director at Rocco Forte Hotels, on a rainy winter day in a luxurious suite at the Hotel de Russie, with a breath-taking view of Rome, where the beautiful, 30-year-old, Italian-English entrepreneur talked to us about the newest developments in skincare and beauty. The second child of famous businessman Sir Rocco Forte, originally from Ciociaria, she lives in London but often travels to the 11 luxury hotels founded by her father and aunt, Olga Polizzi, director of design at Rocco Forte Hotels. She offered as an exclusive presentation of her new line of face and body creams, named Irene Forte Skincare and dedicated to Sicily and the Mediterranean. Tell us about where your line Irene Forte Skincare comes from… Eight years ago, I interned at the Verdura Resort Rocco Forte, near Sciacca. I should have stayed for two months, but I fell head over heels in love with Sicily and ended up being there for eight months, during which time I developed the motivation to make something related to this incredible island. I’ve always loved sports and wellness, so in 2014, I decided to dedicate my time to the family company’s SPA. The following year, I created my first line of products, Forte Organics, designed for the SPA Rocco Forte, which was very successful and served as my springboard into cosmetics. Moved by my desire to create my own beauty line, which pays tribute to Sicily, I started to work with Dr. Francesca Ferri in our laboratory Effegilab in Trento, together creating Irene Forte Skincare. What is it? It’s a complete line of moisturizing, illuminating, rebalancing and anti-aging products, suitable for all skin types. It was created using flowers, fruit and organic plants from the 2,600-square-metre vegetable garden at our Sicilian resort, Verdura Resort, including orange blossom, almond, hibiscus,

Incontriamo Irene Forte, wellness director di Rocco Forte Hotels, in una piovosa giornata d’inverno in una lussuosa suite dell’Hotel de Russie con vista mozzafiato su Roma, dove la bella imprenditrice trentenne anglo-italiana ci racconta le sue novità in tema di bellezza e cura della pelle. Secondogenita del noto imprenditore, Sir Rocco Forte, di origini ciociare, vive a Londra ma viaggia molto in giro per gli 11 hotel di lusso, fondati dal padre e dalla zia, Olga Polizzi, direttrice del design della Rocco Forte Hotels. Lavora da sette anni a fianco del papà e si occupa della gestione delle SPA del gruppo Rocco Forte. In via esclusiva ci presenta la sua nuova linea di creme per viso e corpo, firmata appunto Irene Forte Skincare, e dedicata a Sicilia e Mediterraneo. Raccontaci come nasce la tua linea Irene Forte Skincare… Otto anni fa feci uno stage presso il Verdura Resort Rocco Forte, vicino Sciacca. Dovevo restare due mesi, ma mi innamorai perdutamente della Sicilia, ne rimasi otto e maturai la volontà di fare qualcosa che avesse a che fare con questa meravigliosa isola. Sono da sempre una grande amante di sport e wellness, così nel 2014 ho deciso di dedicarmi alle SPA del gruppo di famiglia. L’anno successivo ho creato la mia prima linea di prodotti Forte Organics, designata per le SPA Rocco Forte, che ha ottenuto un buon successo, e ha costituito il mio trampolino di lancio nella cosmesi. Mossa dal desiderio di creare una mia linea di bellezza, che rendesse omaggio alla Sicilia, ho cominciato a lavorare insieme alla dottoressa Francesca Ferri nel nostro laboratorio Effegilab a Trento al progetto che vi presento oggi, la Irene Forte Skincare. Di cosa si tratta? E’ una linea completa di prodotti di bellezza idratanti, illuminanti, riequilibranti ed anti-età, ideali per tutti i tipi di pelle. E’ stata creata utilizzando fiori, frutta e piante biologiche Roma | the Eternal City 117


hospitality wellness

lavender, pomegranate, pistachio, peach, apricot and rose. My dell’orto di 2600 mq nel nostro resort siciliano , il Verdura line contains 75 organic active ingredients, Geraci mineral wa- Resort, tra cui zagara, mandorle, ibiscus, lavanda, melograno, ter, taken from springs at 1,500 metres a.s.l. in the heart of pistacchio, pesca, albicocca e rosa. La mia linea contiene 75 the Madonie Nature Park and boasting an excellent source ingredienti attivi biologici, l’acqua oligominerale Geraci, che of magnesium, and our IGP olive oil, rich in vitamin E and nasce a 1500 metri nel cuore del Parco Naturale delle Mapolyphenols, which is proudly served at all the tables in the donie ed è un’ottima fonte di magnesio, ed il nostro olio di Rocco Forte Hotel’s restaurant. Few people know the bene- oliva IGP, ricco di vitamina E e polifenoli, orgogliosamente ficial properties of some fruits, including hibiscus, whose ex- servito su tutte le tavole degli hotel Rocco Forte. Pochi conotract contains natural botulin, perfect for combatting wrinkles. scono le proprietà benefiche di alcuni frutti, tra cui l’ibiscus, I use exclusively vegan products that are free of parabens, like il cui estratto contiene un botulino naturale, ideale contro le hyaluronic acid, produced by fermentation, and ceramides, rughe. Utilizzo prodotti esclusivamente vegani, privi di paraextracted from plants. Every product contains 16 natural ac- beni, come l’acido ialuronico, prodotto dalla fermentazione tive ingredients at most, which guarantees their effectiveness. dei batteri, e le ceramidi, estratte dalle piante. Ogni prodotto The line also has unisex products designed for both men and contiene massimo 16 ingredienti attivi naturali, che ne gawomen. We developed an eco-friendly packaging made from rantiscono l’efficacia. Inoltre, sono cosmetici unisex, pensarecycled fibres and glass, and even our ink is made from soy ti indistintamente per uomini e donne. Abbiamo elaborato and plants. Today, I’m presenting our green facial line, com- un packaging eco-sostenibile a base di fibre riciclate e vetro prising 19 products, but in January 2019, we will release the e anche l’inchiostro è composto da soia e vegetali. Oggi vi blue line of body products. Later, we will have the orange line presento la linea verde per il viso, che conta 19 pezzi, ma a of sunscreens and brown line of facial and body oils. There gennaio 2019 uscirà la mia linea blu per il corpo, e successivamente anche quella arancione di creme solari are also a diffusion line dedicated to the wider marrone di olii viso e corpo. C’è una linea republic and a professional line for the SPA, with A line of etail, dedicata al grande pubblico, ed una linea prices ranging from €44 to €156, a good balance moisturizing professionale per le SPA ed il prezzo spazia da between quality and luxury. creates using €44 a €156, un buon compromesso tra qualità What is your concept of SPA? During my international travels, I’ve seen severflowers, fruit e lusso. è il tuo concetto di SPA? al Asian-inspired concepts, while mine is a conand organic Qual In giro per il mondo ne ho viste molte prevalencept inspired by the Mediterranean and entirely plants from temente asiatiche, mentre il mio è un concetto Made in Italy. Every treatment and ritual starts the garden at di SPA ispirata al Mediterraneo ed interamente and ends with three rings of a tailor-made bell our Sicilian Made in Italy. Ogni trattamento e rituale inizia (following the Tibetan model) cast by hand at the Fonderia Virgadamo in Burgio, Sicily, and with a resort, the e termina con tre suoni di campana (su modello fatta a mano e su misura dall’antica spray of orange blossom oil. The ceramics used Verdura tibetano), Fonderia Virgadamo a Burgio in Sicilia, e con for the footbaths and other treatments come from Sciacca. In addition to the creams and oils I mentioned, uno spruzzo di olio di zagara. Le ceramiche usate per pediluvi we also use volcanic stones and muds for the treatments, as ed altri trattamenti sono di Sciacca. Oltre alle creme ed agli well as aromatic herbs (from Sicily, of course). Everything is a olii di cui vi ho parlato, per i trattamenti usiamo pietre e fantribute to Italy, which I adore and always carry in my heart as ghi vulcanici ed erbe aromatiche siciliane, ovviamente. Tutto rende omaggio all’Italia, che amo molto e porto sempre nel this is where my origins lie. cuore insieme alle mie origini. What projects do you have in the pipeline? In 2019, our second hotel will open in Rome, in via Sistina, Che progetti hai per il futuro? 69, Hotel De La Ville, where I will inaugurate the first SPA Nel 2019 aprirà a Roma in Via Sistina 69 il nostro secondo hoIrene Forte. Guests will find 550 square metres of paradise tel, l’Hotel De La Ville, dove inaugurerò la prima SPA Irene Forand well-being, not to mention a slice of Sicily in the heart te. 550 mq di paradiso del benessere, oltre ad un pezzo di Siof Rome, with six rooms for treatments, an inhalation room cilia nel cuore di Roma, con sei sale trattamenti, una sala per with Mediterranean salts, a Kneipp program, several baths and l’inalazione di sali mediterranei, un percorso Kneipp, diverse video projections of Mediterranean nature. I’m also develop- vasche, e proiezioni di video sulla natura nel Mediterraneo. ing high-tech endosphere and hydro-facial treatments, both of Sto sviluppando anche dei trattamenti endosphere high-tech which will work wonders. My goal for abroad is to publicize my e hydro-facial, molto funzionali. Il mio obiettivo per l’estero è line of luxury, Made in Italy products and my “Mediterranean” di diffondere la mia linea di prodotti di lusso Made in Italy e le mie SPA “mediterranee”, perché tutto passa da qui. SPA products, because everything in inspired by this place. 118 Roma | the Eternal City


Above: the spa Below: the wellness area Roma | the Eternal City 119


hospitality events

A new era UNA NUOVA ERA text Virginia Mammoli

His Majesty The St. Regis Rome goes back to its original splendor Sua Maestà il The St. Regis Rome, torna a splendere nella Capitale

1891, London. During a reception, two distinguished gentlemen are conversing about their travels: none other than Cesar Ritz, the famous Swiss hotelier, and Marchese di Rudinì, the Prime Minister of the Kingdom of Italy. Rudinì complains that in Italy there are no hotel as elegant and modern as those found abroad. Ritz seizes the opportunity and, in three years’ time, Rome has its Grand Hotel, just steps away from Piazza di Spagna and Via Veneto, with the ruins of the Baths of Diocletian at its foot. For the opening reception, the banquet is prepared by the famous chef Auguste Escoffier, who would be in charge of the kitchens from then on. After 123 legendary years, The St. Regis Rome is still standing there, without having lost a grain of its charm. And today like yesterday, it is still the favorite hotel destination for diplomats, politicians, intellectuals and celebrities from every period, from the Kennedys to the Rolling Stones, from Sofia Loren to Gregory Peck, from Justin Bieber to Nicole Kidman. One of Rome’s icon places, which has lived through all ages, while retaining its values and identity intact. It is very clear, now that the multimillionaire renovations works, under the masterly supervision of famous French interior designer Pierre-Yves Rochon, have brought the former Grand Hotel, currently part of the Marriott International group, to its original splendor. “The St. Regis Rome has always been associated with luxury and excellence and now our task is to highlight its glorious past and the heritage of the first Roman luxury hotel, while infusing the new spaces with a sophisticated and modern feel”, Giuseppe De Martino, the Roman hotel’s new General Manager, explains. A two-day Grand Opening has worthily celebrated the hotel’s new appearance and revealed the newly-renovated sumptuous spaces, from the lobby to the new Lounge Bar and Library, to the 138 rooms and 23 luxury suite rooms, including the historic Ritz Ballroom, with its vaulted ceiling frescoed by Mario Spinetti and now protected by the Monuments and Fine Arts Office. Elegant pastel colors alternate in the rooms, while a magnificent black and gold palette decorates the lobby, which is further lit up 120 Roma | the Eternal City

1891, Londra. Durante un ricevimento, due distinti personaggi iniziano a conversare di viaggi. Sono niente di meno che Cesar Ritz, il noto albergatore svizzero, e il marchese di Rudinì, Presidente del Consiglio dei ministri del Regno d’Italia. Rudinì si lamenta della mancanza in Italia di un hotel elegante e moderno come quelli che trova all’estero. Ritz coglie la palla al balzo e in tre anni Roma ha il suo Grand Hotel, a due passi da Piazza di Spagna e via Veneto, e i resti delle Terme di Diocleziano sotto i piedi. Per l’inaugurazione il banchetto fu allestito dal famoso chef Auguste Escoffier, che organizzò poi le cucine. Dopo 123 anni di leggenda il The St. Regis Rome è ancora lì, senza aver perso un grammo del suo fascino. E oggi come allora resta la destinazione d’eccellenza di diplomatici, politici, intellettuali, star di ogni epoca, dai Kennedy ai Rolling Stones, da Sofia Loren a Gregory Peck, da Justin Bieber a Nicole Kidman. Un luogo icona della Capitale capace di attraversare il tempo mantenendo intatti i suoi valori e la sua identità. Lo si percepisce proprio adesso che una ristrutturazione multimilionaria sotto la sapiente guida di Pierre-Yves Rochon, noto interior designer francese, ha riportato a splendere più che mai l’ex Grand Hotel oggi parte della famiglia Marriott International. “The St. Regis Rome è da sempre espressione di lusso ed eccellenza e oggi il compito di tutti noi è quello di valorizzare il glorioso passato e l’eredità del primo Grande albergo di lusso romano conciliandoli con la sofisticata modernità dei nuovi spazi”, ha spiegato Giuseppe De Martino, il nuovo General Manager dell’hotel romano. Un Grand Opening durato due giorni ha reso omaggio alla sua nuova veste illuminata e ha svelato i sontuosi spazi appena rinnovati dalla lobby al nuovo Lounge Bar e Library fino alle 138 camere e 23 lussuose suite, compresa la storica Ritz Ballroom, con la volta affrescata da Mario Spinetti, oggi protetta dalle Belle Arti. Tonalità pastello elegantemente alternate danno nuova vita alle camere, mentre una palette regale di nero e oro caratterizza la lobby sapientemente illuminata dai crema, bianco e tortora che caratterizzano ulteriormente lo spazio. I materiali utilizzati nel restauro, come


Above: Lobby Below: Lumen Bar Roma | the Eternal City 121


food itinerary

Above: the staircase, a magnificent architectural element Below: King St. Regis Suite 122 Roma | the Eternal City


food itinerary

Ritz Ballroom in the tones of cream, white and dove-grey. The materials used to renovate the hotel, such as bronze and travertine, are evocative of the Eternal City’s architectural heritage. Imposing sculptures, mosaics and art objects are showcased side by side with elegant fabrics, such as carpets and velvet upholstery. Decorations are in keeping with the Roman tradition, further enriched with sparkling gold and silver details. Located in the brightly-lit lobby, the hotel’s throbbing heart, is the new Lumen, Cocktails & Cuisine lounge bar. The lunch, dinner and cocktail offerings have been completely revamped and the iconographic concept was curated by illustrator Gianluca Biscalchin. The hotel’s new course includes collaborations with high-end art galleries, such as Galleria Continua, which entrusted artist Loris Cecchini with the creation of the contemporary art installations placed on the hotel’s façade, in the lobby and ground floor rooms, the first of a series of art exhibitions on a six-month basis. The new uniforms, worn by the St. Regis Rome’s staff, were conceived and designed by high fashion designer Giada Curti. Butlers, concierges, waiting staff, bellboys and all employees working at the St. Regis Rome wear new elegant uniforms, custom-made down to the smallest detail. The Larusmiani fashion house, an example of high Italian craftsmanship, opened a corner inside the hotel in the shape of a huge travelling trunk. A 1962 Fiat 600 Multipla car ( featuring 24-carat-gold leaf appliques on the sides and fitted with a zero-emission electric engine) is the courtesy car to the hotel guests’ disposal, specially created by Garage Italia, the creative hub founded by Lapo Elkann. Furthermore, the hotel collaborates with IF Art Unique Experiences to allow hotel guests to visit Rome’s hidden gems. With its new, modern and elegant design, which oozes from every corner of the hotel, and innovative concept, The St. Regis Rome is ready to embrace a new era of glamour.

bronzo e travertino, rimandano al patrimonio architettonico della Città Eterna. Maestose sculture, mosaici e oggetti d’arte sono esposti accanto a tessuti raffinati come i tappeti e i velluti delle sedute. Anche le decorazioni rimandano alla tradizione romana, ulteriormente arricchite da uno scintillio di oro e argento. Nella luminosa lobby, cuore pulsante della vita dell’albergo, trova posto il nuovo lounge bar Lumen, Cocktails & Cuisine. Le proposte di lunch, dinner e cocktail sono state completamente ripensate e il concept iconografico è stato affidato all’illustratore Gianluca Biscalchin. Fra le tante novità del nuovo corso dell’albergo ci sono anche collaborazioni di alto livello, a partire dalla sinergia con Galleria Continua che ha affidato a Loris Cecchini le installazioni di arte contemporanea ospitate sulla facciata, nella lobby e nelle sale al piano terra, la prima di una serie di mostre a cadenza semestrale. Vero e proprio biglietto da visita per l’hotel, le uniformi del personale del St. Regis Rome sono state studiate e disegnate dalla stilista d’alta moda Giada Curti. Butler, concierge, camerieri, vetturieri e tutti i dipendenti del St. Regis Rome vestono nuove eleganti divise realizzate su misura, personalizzate in ogni singolo dettaglio. La maison Larusmiani, esempio di altissima artigianalità italiana, ha aperto un corner a forma di gigantesco baule da viaggio. Tra le novità, anche una Fiat 600 Multipla del 1962 (con applicazioni foglia d’oro 24K sui fianchi e dotata di motore elettrico a zero emissioni), courtesy car a disposizione degli ospiti dell’albergo creata in esclusiva dall’hub creativo di Garage Italia, fondato da Lapo Elkann, e la sinergia con IF Art Unique Experiences, che si occuperà di far visitare agli ospiti dell’hotel le bellezze della Roma segreta. Con il suo nuovo design, moderno ed elegante, che si respira in ogni angolo dell’hotel, e il nuovo concept The St. Regis Rome è pronto ad abbracciare una nuova era di glamour. Roma | the Eternal City 123


Hassler Roma, in its spectacular location atop the Spanish Steps


hospitality events

Style icon ICONA DI STILE Interview with Roberto E. Wirth, who speaks to us about his 40 years at Hassler Roma Intervista con Roberto E. Wirth che racconta i sui 40 di Hassler Roma The fifth generation of a family of hoteliers, a personal story bound to his hotel with glimpses and silences full of meaning and love. We’re talking about Roberto E. Wirth, who we met on the eve of two anniversaries: 125 years of the iconic hotel known throughout the world, and 40 years as owner and general manager of Hassler Roma. He spoke to us about his father, Oscar, of his 4-star property that in the 1950s transformed into the most famous 5-star hotel in Rome, of a city that continues to change whilst preserving its eternal beauty and of his work with community projects, inspired by having personally experienced the difficulties life can bring. What does this place mean to you? I consider Hassler Roma my passion, my home and my family legacy. My work and my dedication are what have allowed the hotel to be considered one of the best in Europe and a preferred choice for travellers visiting the Eternal City. Hassler, being an independent hotel, has its own character, its own history, and this is becoming increasingly rare. We’re also in Rome, which is still today the city that charms all visitors with its beauty and wealth of history and culture. It’s an open-air museum. Its charm has never changed. How do you make a transitory place like a hotel become an iconic space that guests want to return to? The allure of Hassler’s prestigious past and history is definitely appreciated by our guests; it’s part of our heritage and our legacy and it’s contributed to the fame the hotel enjoys today. This doesn’t mean, however, that our guests don’t expect all the comforts that modernity can offer. There have been many renovations and there will be others in the future… “We can’t” has no place at Hassler. If something truly isn’t doable, then we need to find another way to fulfil our guests’ requests. On the other hand, travellers are increasingly demanding. They want greater flexibility and immediate answers, they want to be wowed and they expect that their wishes are understood even in advance. Travellers are looking for unique experiences that can become lasting memories. They also want to feel like citizens of the world and “immerse themselves” in the life

Quinta generazione di una famiglia di albergatori, una storia personale stretta a quella del suo hotel con un doppio nodo fatto di sguardi e silenzi densi di significato e amore. Stiamo parlando di Roberto E. Wirth che incontriamo alla vigilia di un duplice anniversario: 125 anni dell’iconico albergo noto in tutto il mondo e 40 anni di attività come proprietario e general manager dell’Hassler Roma. Ci ha raccontato di suo padre Oscar, di un 4 stelle che negli anni ’50 diventa il 5 stelle più famoso di Roma, di una città che cambia ma conserva la sua bellezza eterna, e non ultima, di una attenzione al sociale che viene da aver sperimentato in prima persona le difficoltà della vita Cosa rappresenta per lei questo luogo? Considero l’Hassler Roma la mia passione, la mia casa e l’eredità di famiglia. Il mio impegno e la mia dedizione rappresentano ciò che ha permesso all’albergo di essere considerato come uno dei migliori d’Europa e location prediletta dei viaggiatori che visitano la Città Eterna. L’Hassler, essendo un albergo indipendente, ha un suo carattere, una sua personalità, una sua storia e, questo, sta diventando molto raro. Poi si trova a Roma, che rimane anche oggi la città che sorprende per la sua bellezza e per la sua ricchezza storica e culturale. E’ un museo a cielo aperto. Da questo punto di vista il suo fascino è inalterato. Come si rende un luogo di passaggio come un Hotel, un luogo icona in cui si sente il bisogno di tornare? Il richiamo al prestigioso passato dell’Hassler e alla sua storia è sicuramente molto sentito dai nostri ospiti, fa parte del nostro retaggio e della nostra eredità e ha contribuito alla fama di cui gode oggi l’Hotel. Questo però non significa che i nostri ospiti non si aspettino tutti i comfort che la modernità può oggi offrire. Tanti sono stati i lavori di rinnovamento e altri ce ne saranno…“Non si può” è un’affermazione che non deve esistere all’Hassler. Se una cosa non è realmente fattibile si deve trovare un modo alternativo per esaudire le richieste. Dall’altra parte i viaggiatori sono sempre più esigenti. Chiedono maggiore flessibilità, immediatezza nelle risposte, vogliono essere stupiti e si aspettano che i loro desideri vengano anticipati. I viaggiatori cercano espeRoma | the Eternal City 125


Roberto E. Wirth of the country they’re visiting; and in terms of hospitality, they want to feel at home. Italy is art, food culture, wonderful landscapes… in what order, in your opinion? Not just art, culture, food… you also have to consider the climate. This teaches us about history. Art, however, is number one: Italy has the greatest number of UNESCO World Heritage Sites; we live in the largest open-air museum in the world. Can you tell us a bit about your community work? I was born profoundly deaf. I’ve always worked on social issues and have been active in working with issues of deafness in Italy and abroad. In 1992, I founded the “Fulbright – Roberto Wirth” scholarship. The aim is to offer young deaf and non-deaf students the opportunity to study at Gallaudet University in Washington D.C. (USA), the only university in the world offering courses in both American Sign Language and English and open even to deaf and slightly deaf students. In 2004, I founded the non-profit Roberto Wirth Fund, later renamed the Assistance Center for Deaf and Deafblind Children (CABSS), which opened the multi-sensorial laboratory “The First Step…”, a safe and fully accessible space adaptable to the needs of deaf and deafblind children aged 0 to 6. You once said that for you, Hassler is like a woman. If you had to give it a famous face, who would it be? It doesn’t have a face, but it’s definitely a very elegant woman who knows how to present herself in every situation. Future projects? To continue wowing our guests and to be that independent hotel that remains iconic, legendary and incomparable. I want Hassler to continue being the preferred hotel par excellence for travellers in Rome. 126 Roma | the Eternal City

rienze uniche che possano diventare dei ricordi memorabili. Inoltre, da una parte vogliono sentirsi cittadini del mondo e immergersi nella vita dei paesi che visitano e dall’altra, vogliono sentirsi come a casa. L’italia è arte, cultura del cibo, paesaggi meravigliosi…in che ordine secondo lei? Non solo arte, cultura e cibo…c’è da considerare anche il clima. Questo ci insegna la storia. L’arte però è al primo posto: l’Italia è il paese con il maggior numero di siti Unesco, viviamo nel più grande museo a cielo aperto del mondo. . Due parole sul suo grande impegno nel sociale? Io sono sordo profondo dalla nascita e, da sempre, sono impegnato nel campo sociale e attivo nell’ambito della sordità in Italia e all’estero. Nel 1992 ho istituito una borsa di studio “Fulbright – Roberto Wirth, presso la Gallaudet University, Washington D.C. (USA) l’unico ateneo al mondo bilingue (American Sign Language e Inglese), accessibile anche agli studenti sordi e sordastri. Nel 2004 ho fondato la Roberto Wirth Fund Onlus, successivamente denominata Centro Assistenza per Bambini Sordi e Sordociechi Onlus (CABSS) che ha dato vita al laboratorio multisensoriale “Il Primo Passo…”, un ambiente pienamente accessibile, sicuro e adattabile alle esigenze di piccolini sordi e sordociechi da 0 a 6 anni. L’Hassler per lei è come una donna ha detto. Se dovesse dargli un volto famoso chi sarebbe? Non ha un volto ma di sicuro è una donna molto elegante e che sa comportarsi in ogni occasione. Progetti per il futuro? Continuare a stupire i nostri ospiti e confermarsi come quell’hotel indipendente che rimane iconico, leggendario e incomparabile. Insomma vogliamo che l’Hassler continui ad essere la location per eccellenza quando si viene a Roma.


The iconic interiors of the hotel. On the 6th floor, the panoramic Michelin-starred restaurant ImĂ go, skilfully led by the award-winning chef Francesco Apreda


Above: Le Levain. Below: Valzani


food itineraries

Sweet dreams DOLCI DESIDERI text Gabrielle Bolzoni

The best Roman bakeries: gluttonous treats for the winter

Le migliori pasticcerie romane: un peccato da concedersi soprattutto in inverno In the winter, Rome’s bakeries transform into magical places, where old and new recipes blend in an irresistible menu of gluttonous treats. Pangialli, panpepati and maritozzi dating all the way back to the Roman Empire, donuts and tarts alla nonna, not to mention modern cakes and pastries, emblematic of the everlasting combination of delicious and beautiful that’s perfect for all tastes and budgets, represent the best examples of local and authentic culinary craftsmanship. Ancient recipes typical of the “poor” Roman tradition meld with excellent ingredients for increasingly attentive and informed customers, flourished with a touch of colour and modern creativity to contrast the uniformity of the flavour. In addition to holiday sweets, customers can also find lighter options that can be enjoyed every day. These desserts are the stuff of dreams no matter your age or provenance, so we invite you to stop by one of the bakeries we’ve chosen below and gift yourself a sweet break on these cold and rainy days. The bakery De Bellis is the domain of Andrea De Bellis, an enthusiast of art in general and the confectionery arts in particular. After several experiences abroad, he opened his workshop in the capital’s historic centre. Gourmet pastries and sugary creations in a small, welcoming space bestowed with a boutique style. Piazza del Paradiso 56/57, tel. 06 6861480, www.andreadebellis.it In the heart of the Jewish ghetto, from the outside Forno Boccione seems like a simple and austere bakery, but don’t be fooled: this place is an institution. Incredible delicacies reminiscent of the medieval kosher tradition are suitable for every Jewish holiday. Amongst their specialties, customers can taste gigantic pastries, braided pastries with sweets and candied cherries and traditional ginetti cookies. Via del Portico d’Ottavia 1, tel. 06 6878637. In the Esquilino neighbourhood, the bakery Panella has upheld the art of bread-making (they were one of the first to work without gluten) and made ancient Roman sweets, with fresh ricotta and aromatic spices, since 1929. Via Merulana 54, tel. 06 4872435, www.panellaroma.com

D’inverno a Roma le pasticcerie si trasformano in luoghi magici, dove vecchie e nuove ricette si fondono in irresistibili peccati di gola. Pangialli, panpepati e maritozzi risalenti alla Roma imperiale, ciambelloni e crostate della nonna, oltre ai più moderni pasticcini e cornetti, emblemi del binomio indissolubile bello-buono per tutti i gusti e tutte le tasche, rappresentano i migliori esempi di autentico artigianato locale. Antiche ricette della tradizione povera romana si fondono con eccellenti materie prime per consumatori sempre più attenti ed informati, condite con un tocco di colore e moderna creatività per contrastare l’omologazione del gusto. Oltre ai dolci delle festività ne troverete anche di più leggeri da consumare ogni giorno. I dolci fanno sognare a tutte le età ed a ogni latitudine, quindi vi invitiamo a soffermarvi in una delle pasticcerie da noi scelte ed a concedervi una pausa per addolcire le giornate fredde e piovose. La pasticceria De Bellis è il regno di Andrea De Bellis, appassionato di arte in generale ed di quella dolciaria in particolare, dopo varie esperienze all’estero ha aperto il suo laboratorio nel centro storico della capitale. Pasticcini gourmet e creazioni zuccherine in un piccolo e accogliente locale, stile boutique. Piazza del Paradiso 56/57, tel. 06 6861480, www. andreadebellis.it Nel cuore del Ghetto ebraico il Forno Boccione sembrerebbe dall’esterno una pasticceria semplice e spartana, ma rappresenta un monumento alla tradizione. Delizie incredibili, risalenti ad una tradizione koscher del Medioevo, che accompagnano ogni festività ebraica. Tra le specialità cornetti giganti, treccia con zuccherini e ciliegie candite ed i tradizionali biscottoni ginetti. Via del Portico d’Ottavia 1, tel. 06 6878637. Nel quartiere esquilino la pasticceria e panificio Panella promuove dal 1929 l’arte del pane (primi a lavorare il senza glutine) oltre ai dolci dell’antica Roma, a base di ricotta fresca e spezie aromatiche. Via Merulana 54, tel. 06 4872435, www. panellaroma.com Roma | the Eternal City 129


1

3

5 130 Roma | the Eternal City

2

4

Ancient Roman recipes and the best ingredients; Here’s the secret of these special places: 1. De Bellis 2.4. Regoli 3. Il Forno Boccione 5. Angelo Colapicchioni


Above: Panella. Below: Biscottificio Artigiano Innocenti Roma | the Eternal City 131


food itinerary

Above: Panella. Below: Le Levain 132 Roma | the Eternal City


Valzani In Trastevere, Valzani, a small artisan, family-run business, has produced Roman sweets since 1925, including pangiallo, panpepato, torrone and mostaccioli, all exquisitely Roman, as well as diavoletti al peperoncino. Via del Moro 37 a/b, tel. 06 5803792, www. pasticceriavalzani.it Also in Trastevere, the modern Le Levain, named after the essential sourdough starter, brings the concept of the French boulangerie to Rome. There are no unprocessed ingredients here, no additives, flavourings or conservatives; shortcuts have no place in this bakery: only the highest-quality products made by hand. Via Luigi Santini 22-23, tel. 06 47543834, www.lelevainroma.it In Prati since 1934, the bakery Angelo Colapicchioni is a symbol of excellence in Rome. Their products evoke all the flavours of years past and are guaranteed to provide a simple yet authentic food experience. The crown jewel is the Pangiall’Oro, a reinterpretation of the famous recipe dating to Imperial Rome. Via Tacito 76-78, tel. 06 3215405, www. colapicchioni.it Biscottificio Artigiano Innocenti is a retro-style workshop where top-quality sweets and biscotti are made following the household recipes of yesteryear. Via dell Luce 21, tel. 06 5803926. Since 1916, the artisan bakery Regoli has contrasted the multiculturalism of piazza Vittorio with traditional desserts in a 1960s atmosphere. Maritozzi, mini pastries and sour cherry tarts can tempt anyone into breaking the Roman tradition of only eating desserts on Sunday. Via dello Statuto 60, tel. 06 4872812, www. pasticceriaregoli.com.

A Trastevere Valzani, piccola azienda artigiana a carattere familiare, sforna dal 1925 specialità dolciarie romane, tra cui il pangiallo, il panpepato, il torrone ed i mostaccioli, tutti squisitamente romani, ed i diavoletti al peperoncino. Via del Moro 37 a/b, tel. 06 5803792, www.pasticceriavalzani.it Sempre a Trastevere il moderno Le Levain, cioè lievito madre, importa a Roma il concetto di Boulangerie, classica pasticceria francese. Niente prodotti lavorati o semilavorati, additivi, aromi ne conservanti, niente scorciatoie, solo prodotti di alta qualità fatti a mano. Via Luigi Santini 22-23, tel. 06 47543834, www.lelevainroma.it In Prati dal 1934 l’antico forno e pasticceria Angelo Colapicchioni è simbolo di eccellenza nel Lazio. I prodotti rievocano i sapori di un tempo e sono garanzia di qualità semplice ma autentica. Fiore all’occhiello il Pangiall’Oro, rivisitazione della famosa ricetta della Roma imperiale. Via Tacito 76-78, tel. 06 3215405, www.colapicchioni.it Biscottificio Artigiano Innocenti è un laboratorio stile retrò dove si preparano dolci prelibatezze e biscotti seguendo il metodo casalingo di un tempo. Via dell Luce 21, tel. 06 5803926. Dal 1916 la pasticceria artigianale Regoli contrasta il multiculturalismo di Piazza Vittorio con dolci tradizionali secondo ricette antiche in un’atmosfera anni Settanta. Pirofile di maritozzi, pasticceria mignon e crostatine alle visciole, invogliano a rompere la tradizione romana del dolce da consumare solo la domenica. Via dello Statuto 60, tel. 06 4872812, www.pasticceriaregoli.com

Pangialli, panpepati and maritozzi dating all the way back to the Roman Empire, donuts tarts della nonna, modern cakes and pastries

Roma | the Eternal City 133


ROMA Aldovrandi Villa Borghese - Via Ulisse Aldrovandi 15 - Roma - ph +39 06 3223993 - www.aldrovandi.com Bernini Bristol - P.zza Barberini - Roma - ph +39 06 488931 - www.stregisflorence.com Boscolo Aleph - Via di San Basilio 15 - Roma - ph +39 06 422901 - www.aleph-roma.boscolohotels.com Boscolo Exedra - Piazza della Repubblica, 47 Termini Station Area - Roma - ph +39 06 489381 - www.exedra-roma.boscolohotels.com Boscolo Palace - Via Vittorio Veneto 70 - Roma - ph +39 06 478719 - www.palace-roma.boscolohotels.com De Russie - Via del Babuino, 9 - Roma - ph +39 06 3288881 - www.roccofortehotels.com Gran Hotel De La Minerve - P.zza della Minerva, 69 - Roma - ph +39 06 695201 - www.grandhoteldelaminerve.com Grand Hotel Palace Roma - Via V. Veneto, 70 - Roma - ph. +39 06 47871 - www.grandhotelpalacerome.com Grand Hotel Plaza - Via Del Corso,126 - Roma - ph +39 06 69921111 - www.grandhotelplaza.com Gran Melià - Via del Gianicolo, 3 - Roma - ph +39 06 925901 - www.melia.com Hotel Majestic - Via V.Veneto, 50 - Roma - ph +39 06 421441 - www.hotelmajestic.com Hotel Ambasciatori - Via Vittorio Veneto, 62 - Roma - ph +39 06 47493 - www.royalgroup.it Hotel Art by the spanish steps - Via Margutta 56 - Roma ph +39 06 328711 - www.hotelart.it Hotel d’Inghilterra - Via Bocca di Leone, 14 - Roma - ph +39 06 699811 - www. hoteldinghilterrarome.com Hotel Dom - Via Giulia, 131 - Roma - ph +39 06 6832144 - www.domhotelroma.com Hotel Eden - Via Ludovisi,49 - Roma - ph +39 06 478121 - www.edenroma.com Hotel Hassler - Piazza Trinita dei Monti 6 - Roma - ph +39 06 699340 - www.hotelhasslerroma.com Hotel Parco dei Principi - Via G. Frescobaldi, 5 - Roma - ph +39 06 854421 - www.parcodeiprincipi.com Hotel Raphael - Largo Febo 2 - Piazza Navona - Roma - ph +39 06 682831 - www.raphaelhotel.com Hotel San Anselmo - Piazza San Anselmo 2 - Roma - ph +39 06 570057 - www.aven-

HOTEL PARTNERS IN ROMA tinohotels.com Hotel Splendide Royal - Via Di Porta Pinciana 14 - Roma - ph +39 06 421689 - www.splendideroyal.com InterContinental de la Ville - Via Sistina 69 - Roma - ph +39 06 67331 - www.intercontinental.com JK - Via di Monte d’Oro, 30 - Roma - Roma - ph +39 06 982634  - www.jkroma.com Jumeirah Grand Hotel Via Veneto  - Via Vittorio Veneto, 155 - Roma - ph +39 06 487881 - www.jumeirah.com La Griffe Roma MGallery Collection - Via Nazionale 13 - Roma - ph +39 06 47829885 - www.lagriffeluxuryhotel.com Leon’s Place Hotel in Rome - Via XX Settembre 90/94 - Roma - ph +39 06 890871 - www.leonsplacehotel.it Lord Byron Hotel - Via Giuseppe de Notaris, 5 - Roma - ph +39 06 3220404 - www.lordbyronhotel.com Navona Palace Residenze Di Charme - Via Della Pace 36-36/a - Roma - ph +39 06 6841051 - www.navonapalace.it Palazzo Manfredi - Via Labicana,125 - Roma - ph +39 06 77591380 - www. palazzomanfredi.com Palazzo Montemartini - Largo Giovanni Montemartini 20 - Roma - ph +39 06 45661 - www. palazzomontemartini.com Portrait Roma - Lungarno Collection - Via Bocca Di Leone 23 - Roma - ph +39 06 69380742 - www.lungarnocollection.com Radisson Blu - Via Filippo Turati 171 - Roma - ph +39 06 444841 - www.radissonblu. com Regina Hotel Baglioni - Via V.Veneto, 72 - Roma - ph +39 06 421111 - www.baglionihotels.com Residenza di Ripetta - Via di ripetta 231 - Roma - ph +39 06 3231144 - www.residenzadiripetta.com Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts - Via Alberto Cadlolo 101 - Roma - ph +39 06 35091 - www.placeshilton.com Sofitel Roma Villa Borghese - Via Lombardia 47 - Roma - ph +39 06 478021 - www.sofitel.com St. George - Via Giulia, 62 - Roma - ph +39 06 686611 - www.hotelindigorome.com St. Regis - Via V.Emanuele Orlando,3 - Roma - ph +39 06 47091 - www. stregisrome.com The First Luxury Art Hotel - Via del Vantaggio 14 - Roma - ph +39 06 45617070 - www.thefirsthotel. com The Inn At The Spanish Steps- Small Luxury Hotel - Via Dei Condotti 85 - Roma - ph +39 06 69925657 - www. atspanishsteps.com The Westing Excelsior - Via Vittorio Veneto 125 - Roma - ph +39 06 47081 - www.westinrome.com 134 Roma | the Eternal City


Acquolina Hostaria Via del Vantaggio, 14 ph +39 06 45617070 www.acquolinahostaria.it On the ground floor of The First Luxury Art Hotel, the restaurant of starred chef Alessandro Narducci is already betrayed by the name, which plays on the double meaning recalling the aquatic environment and the flavour and scent of “acquolina” in the mouth, the vocation for fish and seafood products. A lit staircase leads to the garden and reveals a spacious terrace. On the panoramic terrace, Acquaroof, hotel’s roofgarden, with restaurant & lounge service from May to October. Al piano terra del The First Luxury Art Hotel, il ristorante dello chef stellato Alessandro Narducci tradisce già dal nome, giocato sul doppio senso che ricorda l’ambiente acquatico e le sensazioni gusto-olfattive dell’acquolina in bocca, la vocazione per il Pesce e i prodotti del Mare. Una scalinata illuminata conduce al giardino e apre alla vista di una spaziosa terrazza. Sulla terrazza panoramica, Acquaroof, il roofgarden dell’hotel, con servizio ristorante & lounge da maggio ad ottobre. Ai Piani Via Francesco Denza, 35 ph +39 06 8079704 www.aipiani.it A landmark restaurant for great seafood in Rome. The cozy and elegant ambience and the courtesy and precision of the staff are combined with the careful selection of basic ingredients. The “Pino” room is very special, and has become a symbol of the restaurant, with its large windows and bouserie in cherrywood that make the room bright and elegant. Punto di riferimento per mangiare ottimo pesce a Roma. L’ambiente accogliente ed elegante e la cortesia di un servizio accurato, si accostano alla attenta scelta delle materie prime. Particolare la sala che ospita “il pino” diventato ormai simbolo del ristorante, caratterizzata da ampie vetrate e bouserie in ciliegio che rendono l’ambiente luminoso ed elegante. Al Ceppo Via Panama, 2 ph +39 06 8419696 www.ristorantealceppo.it Cristina & Caterina run the Restaurant located in the residential area Parioli. Recently renewed it kept its historic classic well known ambient. The Menu, over-

seen by Cristina and made with enthusiasm by a team of young chefs is printed daily based on the fresh delights of the market. Cristina e Caterina gestiscono questo ristorante situato della zona residenziale dei Parioli. Recentemente ristrutturato, ha mantenuto un ambiente tradizionale e classico. Il menu, supervisionato da Cristina e preparato con entusiasmo da un team di giovani chef, cambia giornalmente in base alle delizie fresche di mercato. All’Oro Via Giuseppe Pisanelli, 25 ph. +39 06 97996907 www.ristorantealloro.it Chef Riccardo Di Giacinto is back, this time with a unique formula: his All’Oro restaurant is also a 5-star hotel. Di Giacinto has bought The H’All Tailor Suite, just a stone’s throw from the centrally located Piazza del Popolo, and continues to amaze with his perfect combination of tradition and innovation. Lo chef Riccardo Di Giacinto è tornato e con una formula davvero unica: il ristorante All’Oro è anche un hotel 5 stelle. Lo chef ha infatti acquistato il The H’All Tailor Suite, a pochi passi dalla centralissima piazza del Popolo, e continua a stupire con il suo perfetto connubio di tradizione e innovazione. Antica Pesa Via Garibaldi, 18 ph +39 06 5809236 www.anticapesa.it In the heart of Trastevere, this family run restaurant conceives their dishes following two main guidelines: the renewing of Roman traditional cuisine and the elaboration of typical products of the Lazio region. The setting is one of the most charming, lit fireplace during the winter in their artistic main room, and inside garden for the summer months. Their wine list is among the most rich between Roman restaurants. Nel cuore di Trastevere, questo ristorante a conduzione familiare crea i suoi piatti seguendo due linee guida: la rivisitazione della tradizionale cucina romana e l’utilizzo e elaborazione dei prodotti tipici del Lazio. L’ambiente è piacevolissimo, con il caminetto acceso in inverno nella sala principale e giardino interno per i mesi estivi. La lista dei vini è tra le più ricche di Roma. Antico Arco Piazzale Aurelio, 7 ph +39 06 5815274 www.anticoarco.it Named after one of the gates of early medieval Rome (Arco

di San Pancrazio), which rises nearby, Antico Arco is on Gianicolo Hill not far from Trastevere and the American Academy. It’s a hip trendy restaurant with a young, stylish clientele. Their professional staff makes sure that food and service flow smoothly. Dishes served are mainly traditional plates revised with a touch of creativity by their young and attentive kitchen brigade. Chiamato con il nome di una delle porte della Roma medievale (Arco di San Pancrazio), che sorge lì vicino, Antico Arco si trova sul Gianicolo, non lontano da Trastevere e dall’Accademia Americana. E’ un ristorante alla moda con una clientela giovane e sofisticata. Il personale è professionale e molto attento al cibo e al servizio. La cucina è tradizionale con un tocco di creatività della giovane ma esperta brigata di cucina. Ar’ Galletto Piazza Farnese, 102 ph +39 06 6861714 www.ristoranteargallettoroma.com Located on the beautiful square Piazza Farnese Ar Galletto is a typical family run Trattoria that has been recently, completely renewed. This is the best place to eat roman dishes and pasta. The new Sicilian woman chef has also introduced very good fish dishes. Outdoor dining in summer on the beautiful square, where the atmosphere is enriched by the lighted frescoes of the French Embassy. Situato nella bellissima Piazza Farnese, Ar’ Galletto è una tipica trattoria a conduzione familiare che è stata recentemente e completamente ristrutturata. E’ il posto migliore per gustare specialità romane e pasta. La nuova chef siciliana prepara anche ottimi piatti di pesce. Si mangia fuori d’estate nella bella piazza, dove l’atmosfera è arricchita dagli affreschi illuminati dell’ambasciata francese. Aroma Via Labicana, 125 ph +39 06 77591380 www.aromarestaurant.it Magnificently set on the terrace of Palazzo Manfredi with a unique view of the Coliseum of Imperial Rome! Chef Giuseppe di Iorio will lead you through an unforgettable culinary experience, where he combines perfectly modern and traditional cuisine. Before dinner, enjoy a cocktail in the lounge Bar, overlooking Colle Oppio. Magnificamente ubicato sulla terrazza di Palazzo Manfredi con vista impareggiabile del Colosseo. Chef Giuseppe di Iorio vi farà vivere

un’esperienza culinaria indimenticabile, la perfetta combinazione di cucina moderna e tradizionale. Prima di cena, prendete un cocktail al Lounge Bar che si affaccia sul Colle Oppio. Aroma Osteria Via Antonio Serra, 15 ph. +39 06 33218763 In the heart of Fleming, a place where the menu focuses on quality and seasonal products and an extraordinary protagonist: salted codfish. The many meat and fish options will leave you spoilt for choice. Nel cuore del Fleming, un locale dove il menu punta sulla qualità e la stagionalità dei suoi prodotti e su un protagonista d’eccellenza: il baccalà. Le numerose proposte di carne e pesce mettono l’imbarazzo della scelta. Assaje Restaurant Aldrovandi Villa Borghese Via Ulisse Aldrovandi, 15 ph +39 06 321 6126 www.aldrovandi.com In the elegant dining room facing the internal garden of Aldrovandi Villa Borghese, Assaje Restaurant proposes extraordinary culinary experiences inspired by the Mediterranean cuisine, as interpreted by Executive Chef Andrea Migliaccio. Michelin one-star. Nell’elegante sala affacciata sul giardino interno di Aldrovandi Villa Borghese, il ristorante Assaje propone straordinarie esperienze culinarie ispirate alla cucina mediterranea, opera dell’Executive Chef Andrea Migliaccio. Una stella Michelin. Bistrot 64 Via Guglielmo Calderini, 64 ph. +39 06 3235531 www.bistrot64.it As relaxed as a bistro, as refined as a starred gourmet kitchen, the proposal of young Japanese chef Kotaro Noda unites Mediterranean flavors with Oriental techniques. Dishes that stem from the tradition, but never fail to amaze. Michelin one-star. Il relax di un bistrot e la raffinatezza di una cucina gourmet stellata, opera del giovane Chef giapponese Kotaro Noda, che unisce sapori mediterranei e tecniche orientali. Piatti legati alla tradizione, ma che non mancano di stupire. Una stella Michelin. Casa Coppelle Piazza delle Coppelle, 49 ph +39 06 68891707 www.casacoppelle.com The Casa Coppelle kitchen has a multifaceted and multicultural soul. On the menu, alongside Roma | the Eternal City 135

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

by Head Concierge Hotel de Russie, Roma


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

traditional recipes, in some cases enhanced with a more contemporary twist, there are some more creative dishes and a chapter dedicated to the flavours and scents of the French cuisine, in keeping with the origins of the hostess, who was born in Lorraine. The owners of Casa Coppelle, Omar and Rachelle Capparuccini, wanted to redesign their cuisine with intelligence, without distorting its identity and strong position within the city. L’offerta di cucina di Casa Coppelle ha un’anima sfaccettata e multiculturale. Nel menù, accanto a proposte classiche della tradizione capitolina, in alcuni casi impreziosite da twist più contemporanei, trovano spazio alcuni piatti di calibrata creatività e un capitolo dedicato ai sapori e profumi della cucina francese,coerente con le origini della padrona di casa, nata in Lorena. I proprietari di Casa Coppelle, Omar e Rachelle Capparuccini, hanno voluto ripensare l’offerta gastronomica con intelligenza, senza stravolgere l’identità e la forte collocazione nel panorama cittadino. Clotilde Piazza Cardelli, 5/A ph. +39 06 68805145 www.ristoranteclotilde.com New York-style dining room with tables in glass and iron, cobalt blue furnishings, and optical wallpaper. The food is traditional, mainly made with produce from Lazio, but is lightened up with special cooking techniques. Un salotto in stile newyorchese, con tavoli in cristallo e ferro, arredi blu cobalto e carta da parati optical. La cucina è quella tradizionale, fatta principalmente con prodotti di origine laziale, ma alleggerita grazie a particolari tecniche di cottura. Collegio Piazza Capranica, 98 ph. +39 06 97996907 www.collegioroma.com Situated between the Pantheon and Montecitorio, close to the Trevi Fountain, an original eatery where diners can sample a select range of wines, cocktails of the house, and dishes inspired by locally grown ingredients. Alessandro Cecere is in the kitchen, Emanuele Broccatelli wields the shaker. Tra il Pantheon e Montecitorio, a pochi passi dalla fontana di Trevi, un originale locale dove gustare vini selezionati, cocktail d’autore e piatti ispirati alle materie prime del territorio. In cucina Alessandro Cecere, allo shaker Emanuele Broccatelli. Emma Via Monte della Farina, 28/29 ph. +39 06 64760475 www.emmapizzeria.com 136 Roma | the Eternal City

An amazing pizzeria in the heart of Rome. It has a few outdoor tables and a beautiful interior space with a skylight. The pizza is thin and crunchy, with the highest quality flour and basic ingredients. The most refined and freshest ingredients. Strepitosa pizzeria nel cuore di Roma. Pochi tavoli fuori e uno stupendo spazio interno con un lucernario Pizza bassa e croccante, farine e materie prime di altissima qualità. Ingredienti ricercati e freschissimi. Enoteca Achilli al Parlamento Via Prefetti, 15 ph. +39 06 6873446 www.enotecalparlamento.com An Old England-style club in the heart of Rome, whose dishes are made by the stellar Chef Massimo Viglietti. Its strength lies in its extraordinary wine cellar, with over 6,000 labels, some of which simply cannot be found elsewhere. It is also famous for its Cognac and Armagnac collection with vintages from 1800. Un club stile Old England trapiantato nel cuore di Roma, la cui cucina è firmata dallo Chef stellato Massimo Viglietti. Il punto di forza risiede nella straordinaria cantina, che conta oltre 6.000 etichette, alcune semplicemente introvabili. Famoso anche per la sua collezione di Cognac e Armagnac con annate a partire dal 1800. Ercoli Viale dei Parioli, 184 ph. +39 06 8080084 www.ercoli1928.com Delicatessen shop where customers can sample a range of fine and sometimes little-known foods, all absolute musts. Excellent cold cuts and cheeses, smoked fish, caviar, and dips. Surrounding the tables are shelves showcasing conserves, delicacies in oil, and wines. Un negozio di delicatessen dove gustare prodotti ricercati, a volte poco conosciuti, ma sempre imperdibili. Salumi e formaggi di ottima qualità, affumicati di pesce, caviale, salse, e tutto intorno ai tavoli scaffali che fanno da vetrina a conserve, sott’oli e vini. Finger’s Via Carrara, 12/15 ph. +39 06 3234453 www.fingersrestaurants.com Just a short stroll away from Piazza del Popolo, this Japanese-Brazilian restaurant is owned by exfootballer Clarence Seedorf and chef Roberto Okabe, who, after Milan, Porto Cervo and Megève, has made his grand debut in the capital. The stand-out feature on

the menu is the super-fresh fish. A due passi da piazza del Popolo, il ristorante nippo brasiliano dell’ex calciatore Clarence Seedorf e dello chef Roberto Okabe, che dopo Milano, Porto Cervo e Megève ha fatto il suo grande debutto anche nella Capitale. Re del menu, pesce freschissimo. Gallura Via G. Antonelli, 2 ph. +39 06 8072971 www.ristorantegallura.it A sophisticated venue in the Parioli district, is a must for lovers of fresh seafood and Mediterranean cuisine with a strong Sardinian influence. The interior of the restaurant has three rooms in a minimalist style; outside, there is a beautiful roof garden for outdoor dining. Raffinato locale del quartiere Parioli, è la meta obbligata per gli amanti del pesce fresco e della cucina mediterranea connotata una forte impronta sarda. All’interno, il locale ha tre sale in stile minimalista; all’esterno, uno splendido giardino pensile per le cene all’aperto. Hostaria Da Pietro Via Gesù e Maria, 18 ph +39 06 3208816 www.hostariadapietro.com An excellent family run, traditional Trattoria, just a few minutes walking from the Hotel de Russie, with very friendly service in a warm and casual ambience. Un’ottima trattoria tipica a conduzione familiare, a pochi minuti dall’ Hotel de Russie, con un servizio molto cordiale in un ambiente caldo e informale. Il Giardino Via Ludovisi, 49 Ph- +39 06 478121 It one of is the restaurants of Hotel Eden. A quiet retreat from the city’s bustling streets, it serves seasonal Italian delicacies with an innovative touch by Executive chef Fabio Ciervo. È uno dei ristoranti dell’Hotel Eden. Un’oasi di tranquillità, lontana dalla frenesia delle strade cittadine, dove assaporare specialità stagionali con un tocco di innovazione preparate dallo chef Fabio Ciervo. Il Matriciano Via dei Gracchi, 55 ph +39 06 3212327 www.ilmatriciano.it The restaurant is ideally located near the Vatican and is only a stone’s throw from the Vatican city. Il Matriciano offers a warm atmosphere and is popular with many locals. Il ristorante si trova a pochi passi dal Vaticano. Il Matriciano offre un ambiente caloroso ed è ben frequentato dai romani.

Il Pagliaccio Via dei Banchi Vecchi, 129/a ph +39 06 68809595 www.ristoranteilpagliaccio.com A peaceful oasis placed in the heart of Rome, in the characteristic roman frame of via dei Banchi Vecchi, just next to via Giulia. Tastes and colours enhance the capacities of Chef Antony Genovese, always trying to express the best of culinary art. The environments are cosy and elegant, the daily brightness makes it perfect for business-lunch, while the soft lights in the evening makes it an ideal place for romantic dinner. Un’oasi di tranquillità nel cuore di Roma, nella pittoresca Via dei Banchi Vecchi, a pochi passi da Via Giulia. I sapori e colori esaltano il talento di Chef Antony Genovese, che esprime il meglio dell’arte culinaria. L’atmosfera è confortevole ed elegante, l’ambiente luminoso lo rende perfetto per pranzi d’affari, mentre le luci soffuse di sera creano lo scenario ideale per una cena romantica. Imàgo - Hotel Hassler Piazza Trinità dei Monti, 6 ph +39 06 699340 www.hotelhasslerrome.com When you cross the threshold of Imàgo the view of Rome seems like a mirage, a dream world like out of a fairy-tale. The soft music, marble floors with wood inserts and play of lights which change throughout the day and night and reflect off the mirror-like tables create a unique ambiance. Immense effort has gone into every detail which can be seen in the furnishings and the kitchen, satisfying that need to combine vision, taste, smell and sound, to create a unique and unparalleled experience for the senses. Varcando la soglia di Imàgo, la vista di Roma avvolge quasi fosse un’apparizione, un sogno che conduce il pensiero e il ricordo in un mondo da favola. Una musica soft, pavimenti di marmo con inserti in legno e i giochi di luce diversi per ogni ora del giorno e della sera che si riflettono sui tavoli di specchio creano un’atmosfera unica.
La cura dei dettagli e dei particolari si riflette nell’arredo come nella cucina, rispecchiando l’esigenza di far sposare fra loro la vista, il gusto, l’olfatto e l’udito, per creare un’esperienza sensoriale unica e ineguagliabile. I Sofà Bar Restaurant & Roof Terrace Via Giulia, 62 ph. +39 06 68661846 www.isofadiviagiulia.com It is the pride of the Hotel Indigo Rome - St. George five-star


it offers pizza and wine in a fun and noisy atmosphere. A favourite of locals. Swift, courteous service. There are open-air tables. Situato vicino a Piazza Navona, il ristorante offra pizza e vino in un ambiente divertente e animato. Molto frequentato dai romani. Servizio veloce e cortese. Ci sono tavoli all’aperto. La Penna d’Oca Via della Penna, 53 ph. +39 06 3202898 www.lapennadoca.com A must-stop for all who appreciate the mediterrean dishes, in particular the fine fish. At its helm are two young chefs, Matteo Passerella and Mario Stasio, both of whom have starred credentials. A highly curated wine list with an ample selection of Champagne. Un indirizzo da non perdere per chi ama i piatti mediterranei, in particolare di pesce. In cucina due giovani chef, Matteo Passerella e Mario Stasio, entrambi con esperienze stellate alle spalle. Carta dei vini molto ricercata con ampia selezione di Champagne. La Pergola Via Alberto Cadlolo, 101 ph +39 06 35091 www.romecavalieri.com Perched upon Monte Mario, within the Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, la Pergola offers, by far, the best views of the Eternal City. Heinz Beck, the celebrated German Chef, creates perfect “Alta cucina” dishes while using only fresh and local ingredients. Reservations are required well in advance. Appollaiato su Monte Mario, il ristorante del Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, La Pergola, offre la più bella vista della città eterna. Heinz Beck, il famoso Chef tedesco, crea piatti perfetti d’alta cucina usando solo ingredienti freschi e locali. E’ richiesta la prenotazione con largo anticipo. La Terrazza Via Ludovisi, 49 ph. +39 06 478121 On the top floor of the Hotel Eden, it offers a seasonal Mediterranean cuisine, creative and innovative, accompanied by breathtaking views of Rome. Heading the kitchen crew, Michelin-starred chef Fabio Ciervo. All’ultimo piano dell’Hotel Eden, offre una cucina mediterranea stagionale, creativa ed innovativa, accompagnata da una vista mozzafiato su Roma. A capo della brigata di cucina, lo Chef Stellato Fabio Ciervo.

Le Asiatique Largo della Fontanella di Borghese, 86/A ph. +39 06 69330441 www.leasiatique.it Top-quality fusion restaurant. A touch of the East with a contemporary atmosphere, where the gastronomic cultures of the Far East and the Mediterranean blend together. The cocktails are delicious too, made with a perfect balance of spices, liquors, and Eastern ingredients. Ristorante fusion di ottima qualità. Un angolo di oriente dall’atmosfera contemporanea, dove la cultura gastronomica del Sol Levante si fonde con quella mediterranea. Deliziosi anche i cocktail, creati con spezie, liquori e ingredienti orientali perfettamente armonizzati. Madre Roma Largo Angelicum, 1/A ph. +39 06 6789046 www.madreroma.com It is the restaurant of Roma Luxus Hotel. An elegant salon surrounded by a park, open from morn until late at night. In the kitchen, star chef Riccardo Di Giacinto unites South American and Spanish flavors with Italian tradition. È il ristorante del Roma Luxus Hotel. Un elegante salotto immerso nel verde, aperto dalla colazione alla tarda notte. In cucina lo Chef stellato Riccardo Di Giacinto unisce sapori sudamericani, spagnoli e tradizione italiana. Molto Viale dei Parioli, 122 ph +39 06 8082900 www.moltoitaliano.it Located in the residential area of Parioli, this modern style restaurant, is always very frequented by many locals. The typical rotisserie set in the middle of the restaurant, makes this place appetizing especially for meat lovers. Their menu is an excellent representation of original Italian flavours. At the entrance a nice bar where you can start the evening enjoying a good drink. Situato nella zona residenziale dei Parioli, questo ristorante moderno è sempre molto frequentato dai romani. Il girarrosto piazzato nel bel mezzo del ristorante rende questo locale molto invitante per gli amanti della carne. Il menu è un eccellente compendio di tutti i sapori italiani. All’ingresso, c’è un bel bar dove si può iniziare la serata con un buon aperitivo. Osteria la Gensola Piazza della Gensola, 15 ph +39 06 5816312 www.osterialagensola.it Located in one of the most char-

acteristic art district of the city, Trastevere, this restaurant offers traditional roman flavours as well as various fish dishes. Run by two young brothers, this restaurant is mostly frequented by locals. The atmosphere is fun and lively. Situato in uno dei quartieri più caratteristici della città, Trastevere, questo ristorante offre tipici piatti romani e varie specialità di pesce. Gestito da due giovani fratelli, il ristorante è molto frequentato dai romani. L’atmosfera è divertente e vivace. Passetto Piazza S.Apollinare, 41 ph. +39 06 62286019 www.ristorantepassetto.it Just outside Piazza Navona, a historical spot in Rome whose tables have welcomed many famous personalities. In the kitchen, the famous Roman chef Arcangelo Dandini. Alle porte di piazza Navona, uno storico indirizzo di Roma che ha visto ai suoi tavoli numerosi personaggi illustri. In cucina, il famoso chef romano Arcangelo Dandini. Pastificio San Lorenzo Via Tiburtina, 196 ph +39 06 97273519 www.pastificiosanlorenzo.it Pastificio San Lorenzo wears two hats - fashion and bistro. The restaurant was inaugurated four years ago in the former Cerere pasta factory, now a Foundation which forms a bridge between the world of art and the San Lorenzo Group of the 1980s. The imprinting is the work of Roberto Liorni who designed many of the gourmet settings featuring wood, glass, marble and a vintage ambiance. I caratteri del Pastificio San Lorenzo sono quelli della moda e del bistrot, il ristorante nato quattro anni fa nel complesso dell’ex pastificio Cerere, oggi Fondazione che annoda il filo con il mondo dell’arte e il Gruppo di San Lorenzo degli anni Ottanta. L’imprinting è quello di Roberto Liorni che ha firmato molte delle ambientazioni gastronomiche della a suon di legno, vetro, marmo e un’impostazione vintage. Per Me Vicolo del Malpasso, 9 ph. +39 06 6877365 www.giulioterrinoni.it This is the new adventure of the young Roman chef, Giulio Terrinoni (Michelin one-star), who left Acquolina in 2015 to open his own restaurant. “I Tappi” [The Corks] is an original proposal of tasting-size portions to try different specialties at the same time. È la nuova avventura del giovane Roma | the Eternal City 137

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

luxury boutique hotel. Chef Filly Mossucca and Sous-Chef Fabiana Loreti have created a menu with feminine sensitivity and creativity, made with seasonal local products. Tasty “Roman” recipes for an authentic, genuine dining experience. The view from the Roof is spectacular. È il fiore all’occhiello dell’Hotel Indigo Rome - St. George, albergo cinque stelle lusso. Lo Chef Filly Mossucca e il Sous-Chef Fabiana Loreti hanno creato un menù con sensibilità e creatività al femminile, fatto di prodotti a Km 0 e di stagione. Gustose ricette “romanesche” per un’esperienza autentica e genuina. Spettacolare il panorama dal Roof. Jardin de Russie Via del Babuino, 9 ph +39 06 32888870 www.hotelderussie.it Located within the Hotel de Russie, this restaurant is an essential part of our secret garden, where the charming history of old times meets the genie of two famous Chefs, Fulvio Pierangelini and Nazareno Menghini. This creates a perfect combination where to experience excellent Mediterranean tastes, enjoy the peaceful garden and do some celebrities spotting. Il ristorante dell’ Hotel de Russie è una parte essenziale del giardino segreto, laddove il fascino della storia incontra il genio dei nostri due famosi Chef, Fulvio Pierangelini e Nazareno Menghini. Ciò crea l’ambiente perfetto per gustare eccellenti sapori mediterranei, godere della quiete del giardino e andare a caccia di volti noti. J.K. Cafè – J.K. Place Roma Via di Monte d’Oro, 30 ph +39 06 982634 www.jkroma.com Located in the heart of Rome, just steps from Piazza di Spagna, Via Condotti and all the main sights, J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant, at JK Place Rome, offers Italian and international specialities. The bar and roof garden are the favourite spots for relaxing in “J.K.” style. Situato nel cuore di Roma, a pochi minuti a piedi da Piazza di Spagna e da Via Condotti e da tutte le principali attrazioni, il J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant, del JK Place Rome, offre specialità italiane e internazionali. Qui il bar e il roof garden sono i luoghi perfetti per rilassarsi in stile “J.K.”. La Montecarlo Vicolo Savelli, 13 ph +39 06 6861877 www.lamontecarlo.it Located near the Piazza Navona,


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

Chef romano, Giulio Terrinoni (una stella Michelin), che nel 2015 lascia Acquolina per aprire il proprio ristorante. Originale la proposta “I Tappi”, con porzioni degustazioni per provare più specialità in una volta. Pianostrada Via delle Zoccolette, 22 ph. +39 06 89572296 Interesting and never obvious cuisine that will amaze even the most refined palates. Besides the first and second courses, there are also excellent fried delicacies and street food too. Delightful internal courtyard. Cucina mai banale, in grado di stupire anche i palati più raffinati. Oltre ai primi e ai secondi, in menu anche ottime fritture e una lista di proposte street food. Incantevole il cortile interno. Pierluigi Piazza Dè Ricci, 144 ph +39 06 6868717 www.pierluigi.it A stone’s throw from Campo de’ Fiori, recently renewed, this traditional restaurant has always kept its quality at the highest standards. Pierluigi’s menu is a unique combination between earth and sea, however, the owner Roberto enjoys mixing these two sides of Italian cuisine. With the amazing little piazza just for them during the summer, this restaurant ensures an extraordinary culinary experience. A pochi passi da Campo de’ Fiori, recentemente ristrutturato, questo ristorante tradizionale ha sempre mantenuto alto lo standard di qualità. Il menù di Pierluigi è una ricca proposta di piatti mare e terra, anche se il proprietario Roberto ama mescolare questi due aspetti della cucina italiana. Con una deliziosa piazzetta riservata al ristorante in estate, Pierluigi rappresenta una straordinaria esperienza gastronomica. Renato e Luisa Quelli della Taverna Via dei Barbieri, 25 ph +39 06 6869660 www.renatoeluisa.it A cosy restaurant which loves to adapt traditional Roman cuisine making it lighter and tastier. At Renato e Luisa they use seasonal products and it is always possible to try a new dish accompanied by homemade bread, breadsticks or desserts. Un ristorante accogliente che ama rivisitare i piatti della tradizione romana rendendoli più leggeri e gustosi. Attraverso la scelta di prodotti stagionali, da Renato e Luisa è possibile gustare sempre un nuovo piatto accompagnato da pane, grissini o dolci fatti in casa. 138 Roma | the Eternal City

Retrobottega Via della Stelletta, 4 ph. +39 06 68136310 www.retro-bottega.com Between Piazza Navona and the Pantheon, this restaurant offers a natural, intense cuisine that is a cross between local and sophisticated, a concept of the two owners, chefs Giuseppe Lo Iudice and Alessandro Miocchi. Tra piazza Navona e il Pantheon, un ristorante che propone una cucina naturale, intensa, che si muove tra territorio e ricerca, ideata dai due chef patron Giuseppe Lo Iudice e Alessandro Miocchi. Ristorante Girarrosto Fiorentino Via Sicilia, 46 ph. +39 06 42880660 www.girarrostofiorentino.it The giant grill on view in the fireplace is the throbbing heart of the restaurant. It is a warm and welcoming place, but also somewhat exclusive. Plates are freshly prepared under the gaze of the guests. The steak tartare is excellent. La grande griglia a vista del camino è il cuore pulsante del locale. Un luogo conviviale e accogliente, ma al tempo stesso ricercato. Piatti espressi preparati davanti agli occhi degli ospiti. Ottima la steaktartare. Roscioli Via dei Giubbonari, 21/22 ph +39 06 6875287 www.salumeriaroscioli.it Roscioli is a restaurant, gourmet shop, deli and wine bar all rolled into one. A multipurpose gourmet shop, an unusual restaurant where the quality of the raw material is the key factor. An ideal spot for gourmet food fans from around the world. Roscioli è insieme ristorante, una gastronomia, una salumeria e un wine bar. Una gastronomia polifunzionale, un ristorante atipico, dove la qualità delle materie prime è la parola d’ordine. Il luogo ideale per gli appassionati di gastronomia di tutto il mondo. Sheket Via delle Botteghe Oscure, 33 ph. +39 349 3709115 Part restaurant, part exclusive club, this is a new locale in the famous Palazzo Caetani. The menu, designed to impress, was tailor-made by executive chef Marco Milani and is served in a Great Gatsby-style environment, updated for a contemporary clientele. Un po’ ristorante, un po’ club esclusivo, è il nuovo locale aper-

to nel famoso Palazzo Caetani. Il menu pensato per stupire è curato dall’executive chef Marco Milani ed è servito in un ambiente stile Grande Gatsby reinterpretato in chiave moderna. Tartufi and Friends Via Borgognona, 4/E ph +39 06 6794980 www.tartufiandfriends.it A unique venue with the dual aim of presenting truffles in combination with excellent Italian food either at the table in a quest for something exquisite, or a quick ‘take away’ meal in the form of gourmet sandwiches, all wrapped in old-world refined charm and affordable for everyone. Un locale unico nel suo genere, che si pone il duplice obiettivo di presentare il pregiato tartufo in abbinamento alle eccellenze alimentari italiane sia attraverso un pasto seduto alla ricerca di qualcosa di squisito sia con un pasto veloce ‘take away’ sotto forma di panini gourmet, il tutto avvolto in un’atmosfera dal sapore antico e raffinato alla portata di tutti. Taverna Trilussa Via del Politeama, 23/25 ph +39 06 5818918 A family-run, typically Roman trattoria with a pleasant, informal atmosphere, situated right in the heart of Trastevere. Rome’s most famous dish are the “Bucatini all’ Amatriciana”, thick spaghetti with tomato sauce, bacon and Pecorino cheese but once there you should not miss to try the “Ravioli Mimosa” which taste will enchant you! The recipe is still secret… Una tipica trattoria romana a conduzione familiare con un’atmosfera piacevole e informale, situata nel cuore di Trastevere.. Il piatto romano più famoso è bucatini all’ amatriciana, spaghetti grossi con salsa di pomodoro, pancetta e pecorino, ma assaggiate i ravioli mimosa, il sapore vi conquisterà! La ricetta è ancora segreta... Terrazza Borromini Via di Santa Maria dell’Anima, 30 ph. +39 06 68215459 www.terrazzaborromini.com On the 4th floor of the historic Palazzo Pamphilj, in elegant dining rooms overlooking Piazza Navona and a magnificent terrace, a restaurant inspired by Roman cuisine creates harmonious combinations of seasonal flavors. Al quarto piano dello storico Palazzo Pamphilj, in eleganti sale affacciate su piazza Navona e su una magnifica terrazza, un ristorante

che ispirandosi alla cucina romana crea armoniose combinazioni di sapori stagionali. Tullio Via di S. Nicola da Tolentino, 26 ph +39 06 4745560 www.tullioristorante.it This traditional family run restaurant is centrally located downtown area, just off the Piazza Barberini. The best in town for the typical “bistecca Fiorentina” , their menu also offers a variety of Italian seasonal specialities and fresh fish. Large “collectors” selection of Italian and imported wines. Questo tradizionale ristorante a conduzione familiare è situato in pieno centro, vicino a Piazza Barberini. E’ il migliore ristorante della città per la bistecca alla fiorentina e il menù offre vari piatti tipici italiani e stagionali. Una ricca carta di vini da “collezionisti”, italiani e stranieri. Vivendo - The St. Regis Rome Via Orlando V. Emanuele, 3 ph +39 06 47092736 www.ristorantevivendo.it A sophisticated environment set in a contemporary atmosphere. The furniture is in 1930s/1940s style, in an ambiance that is informal yet refined, ideal for a romantic evening or a family dinner. The culinary art of chef Francesco Donatelli proposes local dishes in a combination of aromas and intense fragrances. Un ambiente sofisticato immerso in un’atmosfera contemporanea. L’arredamento presenta uno stile anni ‘30 e ‘40, in un ambiente informale e al contempo raffinato, ideale per una serata romantica e una cena in famiglia. L’arte culinaria dello Chef Francesco Donatelli propone sapori locali. Zuma Palazzo Fendi Via della Fontanella di Borghese, 48 ph. +39 06 99266622 www.zumarestaurant.com World famous chef Rainer Becker has made his debut in Italy, opening his new restaurant in the beautiful setting of Palazzo Fendi. Impeccable service, izakaya cooking and breathtaking views. Lo Chef di fama mondiale Rainer Becker ha debuttato in Italia aprendo il suo nuovo ristorante nella bellissima cornice di Palazzo Fendi. Servizio impeccabile, cucina izakaya e vista mozzafiato.


Via di Porta Pinciana 14 | Roma | Tel. +39 06421689 | reservations@splendideroyal.com | www.splendideroyal.com |

hotel_splendide_royal_roma


Roma, the Eternal City n.19  
Roma, the Eternal City n.19  
Advertisement