Page 1

COVER STORY ALESSANDRO PREZIOSI FASHION S/S 2018 FUTURE INVASIONS INTERVIEW HELENA BONHAM CARTER | FRANCESCO BIANCONI ART TEXTILE AND RICHES | MUSEUM OF FASHION AND COSTUME | THE BIRTH OF A NATION ITINERARIES THE CHARM OF POWER | HISTORIC FLOORING FLORENCE-WHERE TO DRINK | SNOW HOLIDAYS


RECORDING O LYM P I C D R E A M S

I Giochi Olimpici sono da sempre il palcoscenico mondiale sul quale gli atleti realizzano i propri sogni. Lo sappiamo bene noi di OMEGA che, fin dal 1932, interpretiamo con passione il nostro ruolo di Official Timekeeper, onorando ogni gara con la massima precisione cronometrica

Via de’ Tornabuoni 25R • Firenze Phone: +39 055 2382910


FIRENZE

Excellence of artistry, in a bag Firenze Palazzo Gondi, Via de’ Gondi 4/6r

Milano Galleria Passarella, 1 (Corso Vittorio Emanuele II) www.ireri.it


84

90

92

45

WINTER in this issue

COVER STORY 76 Alessandro Preziosi The deafening smell of white L’odore assordante del bianco by Chicco Coda SAVE AS 32 Flo Exhibition 34 Tuscan Exhibition 36 Classic 38 Pop 40 Books PEOPLE 20 Alessandro Squarzi The power of the smile Il potere del sorriso 22 Giambaccio Artist’s Choice Scelte d’artista by Teresa Favi 24 Riccardo Maccolini A manager at the Palazzo Un manager a palazzo by Maria Lardara 26 Miranda Di Sipio For the most beautiful day Per il giorno più bello by Virginia Mammoli 28 Serena Gonnelli Liquid gold Oro liquido by Mila Montagni

MOVIE, THEATRE & MUSIC 80 Helena Bonham Carter Florence in a cult movie Firenze in un film cult by Giovanni Bogani 84 Francesco Bianconi It takes style Ci vuole stile by Sabrina Bozzoni 154 Theatre season Shows and great music Spettacoli e grande musica by Rossella Battista FASHION 43

It object Brooks Brothers May the party go on! Che la festa continui 90 Fashion Event Welcome Gucci Garden! Benvenuto Gucci Garden by Marta Innocenti Ciulli 92 Shooting Future Invasion by Marta Innocenti Ciulli 114 Stefano Ricci A four-wheel DNA Un DNA a quattro ruote by Teresa Favi 118 Enrico Coveri Fashion in ultra HD Moda in ultra HD by Virginia Mammoli 104 Jewels Signals from space Segnali dallo spazio 88


172

150

130

45

WINTER in this issue

MUST HAVE 107

Bags

109

Shoes

111

Trends

115

Men

ART, DESIGN & CULTURE 138

Galleria dell’Accademia

Dressed in gold D’oro vestita by Mila Montagni 142

Business & Art

Liason Legami by Francesca Lombardi 144

Museo della Moda e del Costume

Revolution Rivoluzione 146

Palazzo Strozzi

The years of the miracle Gli anni del miracolo economico 150

Stefano Arienti

Beyond the clichés Oltre i cliché by Francesca Lombardi 158

Pineider

A second Risorgimento Un secondo risorgimento by Virginia Mammoli

ITINERARIES 120 City

The charm of power Il fascino del potere by Domenico Savini 130 Focus on Historic Flooring Pavimantazioni storiche by Rossella Battista 162 Carnevale Un Carnevale lungo un anno A year-long Carnival season by Mila Montagni 166 Snow Holidays Another Tuscany Un’altra Toscana by Teresa Favi FOOD 172 Cocktails Florence-where to drink Firenze da bere by Sabrina Bozzoni 182 Brunch The unxpected brunch Il brunch che non ti aspetti by Sabrina Bozzoni SHOT

ON SITE

57, 186

TUSCANY GUIDE 195 Hotels 196 Restaurants 202 Last page


tuscany.com

adein www.firenzem

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini T

H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editors

Teresa Favi, Francesca Lombardi editors

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Virginia Mammoli, Mila Montagni contributors

Rossella Battista, Giovanni Bogani, Chicco Coda, Salvatore La Spina, Maria Lardara, Lavinia Rinaldi, Domenico Savini, Elisabetta Vagaggini, Cinzia Zanfini photographers

Archivio Foto Locchi, Alessandro Bencini, Lorenzo Cotrozzi, Jasmine Bertusi (cover), Dario Garofalo, Luca Moggi, Marco Mori, Officine Fotografiche, New Press Photo, Pasquale Paradiso, Ottavia Poli, Massimo Sestini art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Alessandra Nardelli, Monica Offidani, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa ph +1.305.213-9397 fax +1.305.573-3020 società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 9/2006 del 15.12.2006 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori - Prato (Symbol Freelife Gloss Premium White) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


CONTRIBUTORS

Umberto Cecchi, journalist, writer, he has been special correspondent for La Nazione newspaper, of which he was one of the best-known collaborators and editor-in-chief from 1992 to 2002. The author of over 20 books. He has served as Member of Parliament, city councilman in Florence. Umberto Cecchi, giornalista e scrittore, è stato inviato speciale i per il quotidiano La Nazione, del quale è stato ed è una delle firme più note, fino a divenirne direttore dal 1998 al 2002.Autore di più di 20 libri, E’ stato membro del Parlamento, consigliete comunale a Palazzo Vecchio. Marta Innocenti Ciulli, 40 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. Marta Innocenti Ciulli, 40 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

On the left bank of the Arno, to discover the real Florence with her beauty, art and craftsmanship in major bookstores of tuscany

OLTRARNO GUIDE is also a free app!

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Gianni Mercatali, communication expert, journalist, “bon vivant”, food-and-wine lover. As a social behaviour observer, he cultivates a strong passion for national-popular culture, in particular for the legendary sixties. Gianni Mercatali, esperto di comunicazione, giornalista pubblicista, bon vivant, appassionato di enogastronomia. Osservatore dei comportamenti sociali, coltiva un amore tenace per la cultura nazionalpopolare, in particolare dei mitici anni ‘60. Fabrizio Moretti has an Arts degree with a major in history and is an art dealer with galleries in Florence, London and Monte Carlo. He specializes in Renaissance period. In 2004, the French Minister of Culture bestowed him with the title of Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres. Fabrizio Moretti, laureato in lettere indirizzo storico, è un mercante d’arte con gallerie a Firenze, Londra e Monte Carlo, specializzate in dipinti Rinascimentali. Nel 2004 il Ministro della Cultura e delle Comunicazioni francese lo ha insignito del titolo di Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres.

Domenico Savini, historian and expert in heraldry and genealogy, collaborates with important institutes and specialized magazines. Domenico periodically holds conferences on the subject. He lives and works in Florence. Domenico Savini, storico delle famiglie fiorentine, esperto di araldica e genealogia, collabora con importanti istituti e con riviste specializzate sulla materia. Tiene periodicamente conferenze sull’argomento. Vive e lavora a Firenze.


www.angelacaputi.com ph. alessandrobencini.com


flo people

ile m s e h t f o r e The pow RISO DEL SOR IL POTERE

text Marta Innocenti Ciulli

First place among the 40 best-dressed men in the world. How does that feel? It certainly is a great honor. What is elegance? Elegance is in the movements, in the way we relate to others. A personal object that you would never do without? A watch. Why this obsession with vintage? It’s a passion that I’ve been cultivating since I was a teenager. I find everything that has a past and a story to tell to be fascinating. What would you throw out and what would you keep of the fashion of these last 5 years? Throw away the men’s stretch and fitted pants. I would keep the great return of military wear, but only if it’s original vintage. Define your style. Very simple: a mix between my classic roots and my passion for vintage, especially military and denim. I call it gypsyclassic. Never without? My credit card. T-shirt or shirt? It depends on the occasion. I wear both. Street style or pâp? Street style. The yes’s and no’s in men’s clothing? Yes to respecting the dress code and dressing appropriately for your physicality. No to short-sleeves and sandals.

Alessandro Squarzi: thousands of followers have elected him an icon of men’s fashion. Starting in the 1990s, today he has three showrooms - Milan, Bologna, Paris - two brands inspired by his passion for vintage, Fortela and AS65, a capsule with Bagutta and All Stars. Instagram.com/Alessandro Squarzi 20 Firenze | made in Tuscany

Primo posto fra i 40 uomini meglio vestiti al mondo. Cha effetto fa? È sicuramente un grandissimo onore. L’eleganza cos’è? Sta nelle movenze, nel modo in cui ci rapportiamo con gli altri. Perché quella ossessione per il vintage? Trovo affascinante tutto ciò che ha un passato e una storia da raccontare. Cosa butta e cosa salva della moda di questi ultimi 5 anni? Butto via i pantaloni elasticizzati e aderenti da uomo. Salvo il grande ritorno del militare, ma solo se originale vintage. Definisca il suo stile? Molto semplice: un mix tra le mie radici classiche e la mia passione per il vintage, soprattutto militare e denim. Io lo definisco gipsyclassic. Mai senza? La carta di credito. T-shirt o camicia? Dipende dalle occasioni. Indosso entrambe. Street style o pâp? Street style Sì e no nell’abbigliamento maschile? Si al rispettare il dress code e al vestirsi adeguati alla propria fisicità. No alla camicia a maniche corte e ai sandali.


ALPHASTUDIO FLAGSHIP STORE - VIA PORTA ROSSA 39/R FIRENZE ALPHA-STUDIO.COM


flo people

es c i o h C ’s t s i t r A RTISTA SCELTE D’A

text Teresa Favi

How did you first approach the art world? Like Saint Paul on his way to Damascus. Decisive encounters that contributed to your transformation from lawyer to artist? Every decisive encounter entails a transformation. When painting, what details first strike you about the subject before you? I work with emotion, and it only lasts a short while. A figure you painted that you’ve never forgotten? All of them, since from the moment I paint them they become unforgettable. Is it usually you that chooses your subjects or the other way around? It’s a synchronous phenomenon, it just happens, no one chooses or is chosen, it happens and that’s all. What is the central theme of your latest exhibit at the Galleria del Palazzo Coveri? It’s called Humans 100% and presents the idea of the world we live in and our origins, us, sons of those fathers, founders of Rome, fugitives from a bloody clash of civilizations, whose only excuse was a story of betrayal. Which of Florence’s historical figures would you want to meet to paint his portrait in your piazza del Carmine studio? Dante.

Born in Florence in 1970, Giovambattista Giannangeli, pen name Giambaccio, leaves a bright career in law to dedicate his life to art. The exhibition ‘Humans 100%’ in Palazzo Coveri tells this story until January 18 22 Firenze | made in Tuscany

Come si è avvicinato al mondo dell’arte? Come San Paolo sulla via di Damasco. Gli incontri decisivi che hanno contribuito a trasformarla da avvocato in artista? Ogni incontro decisivo comporta una trasformazione. Quando dipinge quali particolari interroga a colpo d’occhio nel soggetto che le sta davanti? Lavoro sull’emozione, e questa dura poco. Uno dei personaggi ritratti che non ha mai dimenticato? Tutti, perché dal momento che li hi ritratti per me sono indimenticabili. Di solito è lei che sceglie i soggetti o il contrario? E’ un fenomeno di sincronicità, accade, nessuno sceglie o è scelto, accade e basta. Qual è il filo conduttore della sua ultima mostra, alla Galleria del Palazzo Coveri? Si chiama Humans 100%, mostra l’idea del mondo in cui viviamo e le nostre origini, noi, figli di quei padri, fondatori di Roma, scampati a un sanguinoso scontro di civiltà, il cui unico pretesto era una storia di corna. Quale antico personaggio di Firenze vorrebbe incontrare oggi per fargli un ritratto nel suo studio in piazza del Carmine? Dante.


LUXURY STORE

VIA DEI TOSINGHI 46/R

FIRENZE Poncho realizzato in 100% cashmere con pelliccia di volpe


flo people

zo z a l a P e h t t a r A manage ZO Z ER A PALA UN MANAG

text Maria Lardara

Why did I return to Florence to run Club Tornabuoni after top managerial experience in London? I was drawn by the cultural mission, the idea of being able to do something amazing for my city. That’s the reason I accepted when the Fingen Group offered me the president position. Are Club Tornabuoni Members citizens of Florence or citizens of the world? Both. Our 107 Members belong to 34 nationalities, they speak different languages and vaunt different cultures while sharing a deep connection with Florence and Palazzo Tornabuoni. How do they experience Florence thanks to Club Tornabuoni? Our Members experience the cultural events organized by the Club. They visit museums and the best the city and its environs have to offer them. Palazzo Tornabuoni is a key cultural and financial asset: the Club brings between 15 and 18 million euro to the city every year. Two places not to be missed at Palazzo Tornabuoni, steeped in history and charm? The reception room of Pope Leo XI, born as Alessandro de’ Medici. The second room is Sala delle Muse, where Italian opera was born with the first performance of Dafne by Jacopo Peri, in 1598. The best compliment you’ve received from guests who have stayed at Palazzo Tornabuoni. When you hear that, upon leaving us, they are already counting down the days to their return with their families.

Born in 1973, Riccardo Maccolini became President of Club Tornabuoni in 2013 following several years of top managerial experience in London in the fashion and luxury retail sectors. His love for Florence was the driving force in his acceptance of such a prestigious role 24 Firenze | made in Tuscany

Ritorno a Firenze per guidare il club Tornabuoni, dopo un’importante esperienza londinese. Perché?
 Ero attratto dalla missione culturale, l’idea di poter fare qualcosa di bello per la mia città. Così accettai quando il Gruppo Fingen spa mi contattò per propormi la presidenza del club.
 I soci del Club Tornabuoni: cittadini di Firenze o del mondo?
 Tutti e due. I nostri 107 soci appartengono a 34 nazionalità, intrecciano lingue e culture diverse che hanno come denominatore comune il legame profondo con Firenze e Palazzo Tornabuoni. 
 Vivere a Firenze grazie al club Tornabuoni. I nostri soci vivono gli eventi culturali organizzati dal Club, frequentano musei e quanto di meglio la città e i dintorni possono loro offrire. Palazzo Tornabuoni è un asset culturale ed economico fondamentale: il Club riversa sulla città dai 15 ai 18 milioni di euro all’anno.
 Due angoli da non perdere a Palazzo Tornabuoni? Sicuramente la stanza di rappresentanza di papa Leone XI, al secolo Alessandro de’ Medici. E poi la Sala delle Muse dove nacque il melodramma italiano con la prima rappresentazione della Dafne l’opera composta da Jacopo Peri nel 1598.
 I complimenti più belli lasciati dagli ospiti? Sentire che quando ci lasciano fanno il conto alla rovescia dei giorni prima di tornare con la loro famiglia.


flo people

y a d l u f i t u a e b t s For the mo LO EL RNO PIÙ B IO G IL R E P

text Virginia Mammoli

How did you first approach the world of dressmaking?? Dressmaking is a personal passion that I discovered during the year of University. Not finding clothes that reflected my style, I began to make a few dresses helped by my paternal grandmother, who taught me the fundamentals of the art. Where do you take inspiration for your garments? My style generally refers to the Belle Epoque, the historical period that fascinates me the most. Your style in three words. Feminine, poetic, refined. What are your favorite techniques? The technique of moulage, which consists of modeling fabric directly on a mannequin, and hand-embroidery on a loom. The most particular request that a bride has made to you. This summer I was asked for an orange dress, the color that I love less. Making it was really a challenge, but the end result gave me even greater satisfaction. Three cult places of ‘your’ Florence. The Sunday markets in Piazza Santo Spirito, the secret bar inspired by the Siberian monk Rasputin, the paths of the Boboli Gardens. And your fashion addresses in the city? I love the artisans’ workshops, especially the ones in Oltrarno.

Miranda Di Sipio, a young Florentine seamstress specialized in the production of custom wedding dresses, winner of the last edition of the OmA twenty-to-forty contest. Handmade creations that combine ancient techniques 26 Firenze | made in Tuscany

Come si è avvicinata al mondo della sartoria: eredità di famiglia o passione personale? Una passione che ho scoperto durante l’Università. Non trovando abiti che rispecchiassero il mio stile, ho cominciato a realizzare alcuni vestiti aiutata dalla nonna paterna, che mi ha dato le prime basi del mestiere. Da dove prende ispirazione per i suoi abiti? Il mio stile in generale si richiama alla Belle Epoque, il periodo storico che più mi affascina. Il suo stile in tre parole. Femminile, poetico, ricercato. Quali sono le sue tecniche predilette? Il moulage, che consiste nel modellare la stoffa direttamente sul manichino, e il ricamo a mano su telaio. La richiesta più particolare che le ha fatto una sposa. Quest’estate mi è stato chiesto un abito arancione, il colore che amo meno. Realizzarlo è stata davvero una sfida, ma il risultato finale mi ha dato una soddisfazione ancora più grande. Tre luoghi cult della sua Firenze. I mercatini della domenica in piazza Santo Spirito, il locale segreto ispirato al monaco siberiano, i vialetti del giardino di Boboli. E i suoi indirizzi di moda in città? Amo le botteghe degli artigiani, soprattutto quelle dell’Oltrarno.


pH. FERDINANDO SCIANNA

F UT UR O A NTICO.

The next step in our 630 year history. Niccolo Antinori, founder of Palazzo Antinori (1506) in the heart of florence, returns to the vineyards at the new winery Antinori nel Chianti Classico (2012). Discover more on www.antinori.it


flo people

LiquiUdIDgO old ORO LIQ

text Mila Montagni

How did the idea for ​​Olivia come about? When, after ten years of working in the family business, I realized that there was a lot of curiosity surrounding oil but still a lot to explain. Explaining oil is no easy task. Yet oil is precious, crucial, in cuisine... But I realize that it was in the restaurants that an adequate awareness was lacking. This is how Olivia was born, to share the experience and make it appreciated, through informal catering. A year after the launch, would you say you are satisfied? Let’s say that we begin to have a loyal clientele and continue to enjoy the curious effect provided by the originality of the proposal. Why do you teach about choosing and using oil? Because it’s not fat, it’s totally vegetable and healthy. It’s a true medicine for the heart and the whole digestive system, as well as for the skin. You chose Florence for this adventure, thinking of...? The fact that I grew up at the Collegio della Querce, and I feel Florentine. Even if I spent my holidays working at the Frantoio di Santa Téa, in the Vertine area, where our 43 thousand olive trees are. Your place of the heart, in the city? On Via Vecchia Fiesolana, the panoramic terrace between San Domenico and Fiesole: silent, beautiful, capable of showing a unique city.

Serena Gonnelli is heir to a long line of oliandoli (olive press workers) dating back proudly to 1585. Her idea of ​​a unique format: to create a restaurant dedicated to Tuscany’s liquid gold and, in the same space, teach how to use it in cuisine 28 Firenze | made in Tuscany

Com’è nata l’idea del ristorante Olivia? Quando, dopo dieci anni di lavoro nell’azienda di famiglia, mi sono resa conto che intorno all’olio c’era curiosità ma ancora molto da raccontare. Spiegare l’olio non è semplice e serve ancora molta più comunicazione intorno a questo unico prodotto. Eppure l’olio è prezioso, fondamentale, in cucina… Ma è nella ristorazione che mi sono resa conto che mancava una sensibilità adeguata. Olivia è nato così, per condividere l’esperienza e farlo apprezzare, attraverso una ristorazione informale ma di qualità ed unica nel suo genere. A un anno dall’inaugurazione, se la sente di dirsi soddisfatta? Posso dire di sì perché cominciamo ad avere una clientela affezionata e a continuare a godere dell’effetto curiosità dato dall’originalità della proposta. Perché insegnate a scegliere e usare l’olio? Perché non è grasso, è totalmente vegetale ed è sano. È una vera medicina per il cuore e l’intero apparato digerente, oltre che per la pelle. Ha scelto Firenze per questa avventura, pensando a…? Al fatto che ci sono cresciuta, e che mi sento fiorentina. Anche se le vacanze le passavo in campagna al Frantoio di Santa Téa, a Reggello, e mi divertivo ad aiutare in frantoio come potevo fin da piccola. Il suo posto del cuore, in città? Sulla via Vecchia Fiesolana, la terrazza panoramica tra San Domenico e Fiesole: silenziosa, bella, capace di far vedere una città unica.


SCOPRILA NEI NOSTRI SHOW-ROOM


FALIEROSARTI.COM


save as flo exhibition

Best of beginnings UN OTTIMO INIZIO

text Francesca Lombardi Strozzina

Gallerie degli Uffizi

Galleria dell’Accademia

Palazzo Pitti

Santo Stefano al Ponte

32 Firenze | made in Tuscany

JANUARY The exhibition focused on the ornate art of the Land of the Rising Sun can still be seen in early January. The Japanese Renaissance: Nature in Screen Painting from the 15th to the 17th Century, in the Uffizi’s Aula Magliabechiana. Also in January two important happenings draw to an end: the second edition of In Florence, starring Urs Fischer, in piazza della Signoria with Big Clay #4, an incredible 13-metre-high sculpture, and in the Arengario with two wax statues embodying two top names in the art world, Fabrizio Moretti and Francesco Bonami; and The Cinquecento GENNAIO Fino ai primi di gennaio sarà visitabile la mostra dedicata all’arte ricca di fascino del Sol Levante, Il rinascimento giapponese: la natura nei dipinti su paravento dal XV al XVII secolo, nell’Aula Magliabechiana degli Uffizi. Sempre a gennaio si concludono due importanti appuntamenti: la seconda edizione di In Florence, che quest’anno vede protagonista assoluto Urs Fischer, in piazza della Signoria con Big Clay #4, un’incredibile opera di 13 metri e all’Arengario con due sculture in cera di due nomi noti del mondo dell’arte, Fabrizio Moretti e Francesco Bonami; e Il Cinquecento a Firenze. Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna, a Palazzo Strozzi (entrambi fino al 21 gennaio). Sempre a Palazzo Strozzi, negli spazi della Strozzina, fino al 21 gennaio Utopie Radicali, un

in Florence. From Michelangelo FEBRUARY and Pontormo to Giambologna, at Textiles and wealth in 14th-century Palazzo Strozzi (both until Jan- Florence. Wool, silk and painting: uary 21). Also at Palazzo Strozzi, until March 18 at the Galleria in the Strozzina, until January dell’Accademia: the great Flo21 Radical Utopias, a tribute to rentine tradition of art and craftsthe extraordinary creative sea- manship in textiles, also linked son that the radical movement to nearby Prato. Until April 8 at experienced in the 1960s and the Bargello From Brooklyn to the ‘70s. 1927. The Return to Italy, Bargello Giovanni della Robbia, the the exhibition at the Salvatore Antinori lunette and Stefano Arienti. Ferragamo Museum will end A masterpiece comes home to on May 2. Ending on January Florence, which left Italy back in 28, Leopoldo de’ Medici, Prince 1898: the lunette bearing Giovanof Collectors at Palazzo Pitti’s ni della Robbia’s Resurrection. In Treasury of the Grand Dukes. the place that houses the largest For the 400th anniversary of the collection of Della Robbia art. birth of Leopoldo de’ Medici, an Monet Experience and the Impresexhibition that presents some sionists, until May 1, 2018 at Sanmasterpieces from the Grand to Stefano al Ponte. Starring the Duke’s vast and best-loved painter of exceptional collecFrench Impressiontion, which ranged ism: Monet, whose from sculpture to art is projected all painting, ceramics, over giant screens scientific instruaccompanied by inments and coins. tense music. omaggio alla stratradizione artigiaordinaria stagione Top events nale e artistica di creativa che il moFirenze nell’arte of art vimento radicale tessile, legata anche alla tradizione visse a Firenze tra in the della vicina Prato. gli anni ’60 e’70. New Year Fino all’8 aprile al Si concluderà il 2 maggio invece la mostra al Bargello Da Brooklyn al BarMuseo Salvatore Ferragamo, gello Giovanni della Robbia, la 1927. Il ritorno in Italia. Si con- lunetta Antinori e Stefano Arienclude il 28 gennaio, Leopoldo ti. Approda a Firenze un capode’ Medici principe dei collezio- lavoro che ha lasciato l’Italia nisti al Tesoro del Granduchi, nel lontano 1898: la lunetta Palazzo Pitti. Per il quarto con la Resurrezione di Giovancentenario della nascita di Le- ni della Robbia. Nel luogo che opoldo de’ Medici, una mostra conserva la più grande raccolta che presenta alcuni capolavori di opere firmate Della Robbia. della sua eccezionale e vastissi- Monet Experience and the Imma raccolta che spaziava dalla pressionists, fino all’1 Maggio scultura alla pittura, passando 2018 a Santo Stefano al Ponper la ceramica, la scienza e la te. Protagonista il più amato numismatica. dei pittori della corrente franFEBBRAIO cese dell’Impressionismo: MoTessuto e ricchezza a Firenze net, le cui opere vengono pronel Trecento. Lana, seta, pittura: iettate a 360 gradi su schermi fino al 18 marzo alla Galle- giganteschi accompagnate da ria dell’Accademia: la grande musiche intense.


save as tuscan exhibition

The exhibition is served LA MOSTRA È SERVITA

text Virginia Mammoli Galleria Guastalla

Centro Pecci

Palazzo Blu

Galleria De Grada

Casa Museo Bruschi

34 Firenze | made in Tuscany

JANUARY At Prato’s Palazzo Pretorio until January 14 Bound by a Girdle – The Assumption of Bernardo Daddi and the Identity of a City. The star artwork is the 14thcentury painting by Bernardo Daddi, dismantled years ago and now reunited at last in its entirety. At Siena’s Santa Maria della Scala, ending January 21 is the exhibition dedicated to one of the greatest 14th-century European artists who is curiously little known: Ambrogio Lorenzetti. Back to Prato, there’s still time until January 28 to visit From the Cavern to the Moon, centred on the vast contempoGENNAIO A Prato, all’interno del Museo di Palazzo Pretorio fino al 14 gennaio Legati da una cintola - L’Assunta di Bernardo Daddi e l’identità di una città. Opera centrale, la trecentesca tavola di Bernardo Daddi, a lungo tempo smembrata, e finalmente visibile nella sua interezza. A Siena, a Santa Maria della Scala, termina il 21 gennaio la mostra dedicata a uno dei più grandi pittori europei del XIV secolo, incredibilmente poco conosciuto: Ambrogio Lorenzetti. Tornando a Prato, c’è tempo ancora fino al 28 del mese per visitare Dalla caverna alla Luna, incentrata sull’enorme patrimonio d’arte contemporanea raccolto negli ultimi trent’anni dal Centro Pecci. Nella stessa data si conclude anche la retrospettiva sui capolavori perturbanti di Escher

rary art collection gathered in and his recurrent subjects. Unthirty years of Centro Pecci. til February 18 in Arezzo’s Casa Also on January 28, the distur- Museo Ivan Bruschi: Vasari, bing retrospective on Escher co- Jacone and the Bizarre Manner mes to a close at Pisa’s Palazzo exhibition. Blu. Until February 25 in PietrasanFEBRUARY ta, Roberto Barni. Things Want to Lu.C.C.A. - Lucca Center of Exist: 17 big lacquered iconic Contemporary Art hosts One- bronze works by the Tuscan arWay Journey until February 4, tist on show in piazza del Duowhich through 60 exhibits, from mo, in the Church and Cloister wooden sculptures to paintings, of Sant’Agostino alongside canretraces the career of eclectic vases and paper art displayed Lombard artist Pasquale Gal- indoors. busera. MARCH Ending on February 15, the Until March 4 at the Galleria di Marino Marini. From colour to Arte Moderna e Contemporaform exhibition at Galleria nea “Raffaele De Grada” in San Guastalla Centro Arte, in Li- Gimignano, the Microwave City vorno. Approximately 65 works exhibition sees photographer produced between Alberto Sinigaglia 1929 and 1980, coltalk about Las Velected to compile gas, a peculiar city, an anthological litalmost more unreal tle ideal about the than real, a place of A journey techniques used entertainment, play the most by Marino from north and pleasure. allestita a Palazzo to south of Fino al 25 febBlu di Pisa. Tuscany to braio a PietraFEBBRAIO santa, Roberto discover Lu.C.C.A. - LucBarni. Le cose voca Center of the best gliono esistere: 17 C o n t e m p o r a r y exhibitions grandi opere icoArt ospita fino al niche dell’artista 4 febbraio Viaggio di sola an- toscano realizzate in bronzo data che, attraverso 60 opere patinato disposte in piazza tra sculture lignee e dipinti, del Duomo, nella Chiesa e nel ripercorre il percorso del po- chiostro di Sant’Agostino afliedrico artista lombardo Pa- fiancate, in questi ultimi casi, squale Galbusera. negli ambienti interni, da Termina il 15 febbraio la mo- opere su tela e su carta. stra Marino Marini. Dal colo- MARZO re alla forma, nella Galleria Fino al 4 marzo presso la Guastalla Centro Arte di Li- Galleria di Arte Moderna e vorno. Circa 65 opere realiz- Contemporanea “Raffaele zate dal 1929 al 1980, raccolte De Grada” di San Gimignano per comporre un’ideale pic- la mostra Microwave City in cola antologica sulle tecniche cui il fotografo Alberto Sinipiù usate da Marino e i suoi gaglia racconta di Las Vegas, soggetti ricorrenti. Fino al 18 una città singolare, quasi più febbraio nella Casa Museo immaginaria che reale, o città Ivan Bruschi di Arezzo la mo- dell’immaginario, quello del stra Vasari, Jacone e la maniera gioco, dello spettacolo, del divertimento e del piacere. bizzarra.


PERFORMANCE E AVVENTURA SI INCONTRANO DA INTERNATIONAL MOTORS. JAGUAR E LAND ROVER TI ASPETTANO. Vieni a scoprire uno Showroom che non è solo uno Showroom, è un mondo fatto di innovazione, stile e attenzione al cliente, in cui potrai vivere un’esperienza unica a bordo delle nostre iconiche automobili. Non mancare.

INTERNATIONAL MOTORS

Via Curzio Malaparte 10, Firenze - 055 3793801 Via E.Rossi 21/23, Arezzo - 0575251100 concierge.internationalmotors@landroverdealers.it concierge.internationalmotors@jaguardealers.it internationalmotors.landrover.it internationalmotors.jaguar.it

Consumi Ciclo Combinato F-Pace da 5,2 a 8,9 l/km. Emissioni CO2 da 134 a 209 g/km. Consumi Ciclo Combinato Nuova Discovery da 6,0 a 10,9 l/100 km. Emissioni CO2 da 159 a 254 g/km. Scopri le soluzioni d’acquisto personalizzate di JAGUAR LAND ROVER FINANCIAL SERVICES. Jaguar Land Rover consiglia Castrol Edge Professional.


save as classic

The best of...

IL MEGLIO DI... text Rossella Battista Finale di Partita

Night Garden dell’Evolution Dance Theater

Dimitry Sitkovetsky

La Favorita

Il Barbiere di Siviglia

36 Firenze | made in Tuscany

JANUARY The Carmen by Bizet (7-18) at Teatro dell’Opera. The Maggio symphonic season features Wolfang Christ on January 12 with music by Shostakovich, Daniel Smith on January 17 and Oleg Caetani on January 20. Glauco Mauri and Roberto Sturno in Endgame by Beckett (8-14) at Teatro della Pergola; Uncle Vanya (January 20- February 4 ) by Chekhov. The musical Madagascar at Teatro Verdi (6-7) which, on January 14, will stage the ballet Cinderella by the Moscow Ballet ; and Lorella Cuccarini in the musical The Ice Queen (26-28).. At Teatro Puccini on January 26, the Nina’s GENNAIO La Carmen di Bizet (7-18) al Teatro dell’Opera. Per la stagione sinfonica del Maggio Wolfang Christ il 12 con musiche di Shostakovich, Daniel Smith il 17 e Oleg Caetani il 20. Glauco Mauri e Roberto Sturno in Finale di partita di Beckett (8-14) al Teatro della Pergola e, in prima nazionale, Uno zio Vanija (20-4 febbraio) di Cechov con Maurizio Montanari e Vinicio Marchioni. Il musical Madagascar è al Teatro Verdi (6-7) dove il 14 torna la danza con Cenerentola del Balletto di Mosca; e Lorella Cuccarini col musical La Regina di Ghiaccio (26-28). -Teatro Delusio (19-21) di Paco Gonzales è al Teatro Puccini dove, il 26, arrivano le Nina’s Drag Queens del DragPennyOpera e il 27 Caveman, l’uomo delle caverne, di Teo Teocoli con Maurizio Colombi.

Drag Queens of DragPennyOpera and Alceste by Gluck (21-30) diwill perform, and on January 27, rected by Pier Luigi Pizzi. At Caveman by Teo Teocoli the Pergola Theatre, Elena Sofia FEBRUARY Ricci, Tognazzi and Donadoni The opera by Donizetti La Fa- star in Broken Glass (6-11) by vorita directed by Ariel Garcia Miller and, from March 13 to 21, Valdés (February 22- March 4) The Pleasure of Honesty by Piranat Teatro dell’Opera. Stefano Ac- dello. At the Verdi Theatre, the corsi plays in La Favola del princi- National Sofia Ballet on March pe che non sapeva amare (20-25) at 1 performs in Don Chisciotte; on Teatro della Pergola. On Febru- March 10 violinist Dimitry Sitkary 3, at Teatro Verdi, Flamenco ovetsky and music by Cajkovskij Live by the Ballet Flamenco and Bach. On March 11, acro Espanol, and the musical Dirty dance with Night Garden by EvoDancing (8-11). On February 13, lution Dance Theater. On March the Carnival Concert starring Ne- 25, Giovanni Allevi on his Equimanjai Radulovic. The musical librium Tour; on March 28, the Jersey Boys directed by Insegno Easter Concert starring Ryan Mc (16-18). At Teatro Puccini, on Adams. At the Puccini Theatre, February 23, Ale e Franz play on March 10, Augusto Fornari, Jannacci and Gaber. Luca Angeletti and MARCH Laura Ruocco star The Barber of Sein Finché giudice non ville in the version ci separi; acro dance by Damiano Michagain with Sonicieletto at Teatro Toren (23-24). dell’Opera (20-29) Music, opera, FEBBRAIO Pier Luigi Pizzi. Ariel Garcia Val- plays and Alla Pergola Eledés dirige l’opena Sofia Ricci, ballet at ra di Donizetti Gian Marco ToLa Favorita (22-4 Florentine gnazzi e Maurizio marzo) al Teatro theatres Donadoni danno dell’Opera. Stefavita a Vetri rotti no Accorsi interpreta La Fa- (6-11) di Miller e, dal 13 al 21 vola del principe che non sapeva va in scena Il piacere dell’oneamare (20-25) al Teatro della stà di Pirandello con Geppy Pergola. Il 3 al Teatro Verdi Glijeses e Vanessa Gravina. è Flamenco Live col Ballet Fla- Al Verdi il Balletto nazionale menco Espanol, ed è ancora di Sofia l’1 è con Don Chisciotmusical con Dirty Dancing (8- te; il 10 il violinista Dimitry 11), regia di Federico Bellone. Sitkovetsky e le musiche di Il 13 Concerto di Carnevale con Cajkovskij e Bach. L’11 danza il violinista Nemanjai Radu- acrobatica con Night Garden lovic. Claudio Insegno firma dell’Evolution Dance Theater il musical Jersey Boys (16-18). di. Il 25 Giovanni Allevi è con Al Teatro Puccini il 23 Ale e Equilibrium Tour; mentre il 28 Franz interpretano Jannacci e Concerto di Pasqua con Ryan Gaber. Mc Adams. Al Puccini, il 10, MARZO Augusto Fornari, Luca AngeIl Barbiere di Siviglia di Ros- letti e Laura Ruocco in Finché sini riletto da Damiano Mi- giudice non ci separi; mentre è chieletto all’Opera (20-29) e danza acrobatica con Sonicl’Alceste di Gluck (21-30) di Toren (23-24).


save as pop

City rhythm

RITMO DI CITTÀ text Sabrina Bozzoni Brunori Sas

Jovanotti

Joan as Police Woman

Levante

Zucchero

38 Firenze | made in Tuscany

JANUARY One of the symbols of the new Italian musical generation, the Canova are on stage at the Viper Club on January 12th, to present live their new album ‘Avete Ragione Tutti Deluxe’. Friday the 19th in the small temple of indie music in Florence, the Tender Club, Diodato on stage. Saturday 20th, Francesco Gabbani is at the Mandela Forum of Florence, to celebrate all his hits with a special concert, for the first time on an indoor stage. ‘Nomadi Dentro’ is the title of the new tour and new album of the timeless Nomadi: we’ll see and hear them Thursday 25, at Obihall. GENNAIO Uno dei simboli della nuova generazione musicale italiana, i Canova arrivano sul palco del Viper Club il 12, per presentare dal vivo il loro nuovo ‘Avete Ragione Tutti Deluxe’. Venerdì 19 nel piccolo tempio della musica indie a Firenze, il Tender Club, Diodato on stage. Sabato 20 Francesco Gabbani è al Mandela Forum di Firenze, per festeggiare tutti i successi ottenuti con un concerto speciale, per la prima volta in un palazzetto. ‘Nomadi Dentro’ è il titolo del nuovo tour e del nuovo album degli intramontabili Nomadi: li vedremo e ascolteremo giovedì 25, all’Obihall. FEBBRAIO Eugenio Bennato, grande ricercatore della canzone popolare, torna sul palcoscenico dei teatri italiani: giovedì 1 al Teatro Puccini. Lunedì 5 all’Obihall, in concerto Goran Bregovic, ac-

FEBRUARY MARCH Eugenio Bennato, great researcher This month could only start of the popular song, returns to with the Italian bluesman par Italian theaters: Thursday 1 at excellence: with the new tour the Teatro Puccini. Monday 5 at “WANTED – Un’altra storia “ Obihall, in concert, Goran Bregov- Zucchero Sugar Fornaciari, Satic, accompanied by a 19-piece or- urday, March 3 at the Nelson chestra. An absolute reference Mandela Forum. Same stage point for Italian rap, Guè Pequeno for Gianni Morandi, Monday 5. arrives at Viper Theater in Flo- From March 10 to 20 at the Nelrence, Thursday, February 15. son Mandela Forum, the vitality, Three friends. Three great artists. energy and music of Jovanotti take Three extraordinary careers. Tho- the stage. A sensational live conse of Nek, Max Pezzali and Fran- cert where the hits of the Italian cesco Renga, Tuesday 20 at the artist will intertwine with the new Nelson Mandela Forum. After songs of ‘Oh, vita!’ his last studio an extraordinary year marked by work produced with the famous the success of his last album “Nel Rick Rubin. Other exceptional caos di stanze stupefacenti”, his artists will perform this month, first novel “Se non ti vedo non including: Giovanni Allevi, March esisti”, and his parti25th at Teatro cipation in X Factor Verdi, Joan as Police 2017, Levante comes Woman the 25th at to town with ‘Caos Florence the Viper Theater in Europa tour and Brunori Sas on moves 2018’, Monday 26 at the 29th at Teatro toward a Teatro Verdi. Verdi. compagnato da un musical lenza: con il nuovo orchestra di 19 ele- springtime. tour “WANTED menti. Punto di ri- Un’altra storia”, Discover Zucchero Sugar ferimento assoluto del rap italiano, the best live Fornaciari, sabato 3 al Nelson ManGuè Pequeno arriva music! al Viper Theatre dela Forum. Stesdi Firenze, giovedì 15 febbraio. so palco per Gianni Morandi, Tre amici. Tre grandi artisti. Tre lunedì 5. Ed eccoci all’evento carriere straordinarie. Quelle tanto atteso di questo inverno di Nek, Max Pezzali e Francesco in musica: dal 10 al 20 il NelRenga, martedì 20 al Nelson son Mandela Forum sarà il Mandela Forum. Dopo un luogo dove la vitalità, l’energia anno straordinario all’insegna e la musica di Jovanotti saranno del successo dell’ultimo lavoro i protagonisti. Un live sensaziodiscografico “Nel caos di stan- nale dove i successi dell’artista ze stupefacenti”, del suo primo italiano si intrecceranno con i romanzo “Se non ti vedo non nuovi brani di ‘Oh, vita!’ ultiesisti” e della sua partecipa- mo lavoro in studio prodotto zione a X Factor 2017, Levante con il celebre Rick Rubin. Altri approda in città con ‘Caos in artisti d’eccezione si esibiranEuropa tour 2018’, lunedì 26 al no in questo mese, tra gli alTeatro Verdi. tri: Giovanni Allevi il 25 marzo MARZO al Teatro Verdi, Joan as Police Il mese del risveglio dei sensi Woman il 25 al Viper Theatre non poteva che iniziare con il e Brunori Sas il 29 al Teatro bluesman italiano per eccel- Verdi.


Forget the car. Audi is more.

Nuova Audi A8. Sportività e comfort. Prestazioni straordinarie, ma anche massima efficienza. Dalla tecnologia Audi nasce la vettura del futuro, perfetta su ogni manto stradale e per ogni stile di guida. La nuova Audi A8 ridefinisce ogni standard. E persino la vostra risorsa più preziosa, il tempo, perché sarà la prima auto al mondo a permettere la guida assistita di livello 3. Preparatevi a scoprire un nuovo modo di viaggiare e di vivere. Scopritela nel nostro Showroom e su audi.it Gamma A8. Valori massimi: consumo di carburante (l/100 km): ciclo urbano 10,1 ciclo extraurbano 6 - ciclo combinato 7,5; emissioni CO2 (g/km): ciclo combinato 171.

Audi All’avanguardia della tecnica

Via Pratese, 135 - 50145 Firenze Tel. 055.4650351 www.audifirenze.it - email: info@audifirenze.it


save as book

It’s the start of the year and we have resolutions to keep, especially when it comes to books. That’s what we find out from new arrival on the bookshelves Il Galateo del Terzo Millennio. Traduzione in italiano corrente del testo di monsignor Giovanni Della Casa, an easy read penned - as we would have said last century - by Filippo Passananti and Matteo Minà. It’s a bona fide guide to “Netiquette”, intended for the next generation and their smart times, although it’s ideal for all. The third section presents 10 figures who “become ambassadors for 100 new rules of Modern Etiquette”: Gualtiero Marchesi instructs

female friends, sisters since they shared a cookie in the school playground, who tell one another everything despite their very different temperaments until life throws them a challenge and leaves them surprised and waiting. Ci vediamo un giorno di questi is a female story told with profound and transportative simplicity. A touch of suspense is needed to start the New Year in the right spirit. Marco Vichi is back with his Inspector Bordelli getting to grips with 1968 and the year in

cooking, Giovanna Ferragamo educates about informed luxury, Renzo Arbore explains how we can still be gentlemen even with a cell phone in our hands, while Annie Feolde reveals how to make a guest feel like a king… A must read for everyone living in the 21st century. An entirely different genre in the intense writing of Diana Athill, the outstanding editor and doyenne of British publishing until she retired to a residential home and published her A Florence Diary at age 100. A eulogy to life, to the beauty of Florence and to the value of travelling and relationships. From Federica Bosco comes the tale of two

Florence, with its student rallies and clashes with the police, slogans and attempts at rebellion and redemption. Nel più bel sogno offers a colourful world with blurred edges, the umpteenth murder that the Inspector has to investigate and maybe even a new love for him at last. Last up is Marco Malvaldi and his Negli occhi di chi guarda which accompanies the reader into the heart of the Tuscan Maremma, to a farm surrounded by gentle hills and home to a set of respectful characters in pursuit of mysterious masterpieces. With thanks to Florence’s Feltrinelli bookstore for their kind collaboration.

40 Firenze | made in Tuscany

Inizio d’anno e buoni propositi, anche per i libri. Così si rivela ad hoc l’arrivo in libreria de Il Galateo del Terzo Millennio. Traduzione in italiano corrente del testo di monsignor Giovanni Della Casa, volume di agile consultazione, stilato - avrebbero detto nel secolo scorso - da Filippo Passananti e Matteo Minà. Il volume conta su un vero e proprio “Galateo in Internet”, pensato per i più giovani e i loro tempi smart e perfetto per tutti. La terza parte presenta dieci personaggi che “diventano ambasciatori

Starting well

PER BEN COMINCIARE

per cento nuove regole del Galateo Moderno”: Gualtiero Marchesi insegna la cucina, Giovanna Ferragamo educa a un lusso consapevole, Renzo Arbore spiega come si possa esser signori anche con un cellulare mentre Annie Feolde rivela come far sentire re un ospite… Per chi vuol vivere nel XXI secolo questo è il vademecum da non perdere. Tutt’altro genere la scrittura intensa di Diana Athill, superba editor e signora dell’editoria inglese, fino a quando si è ritirata in una casa di riposo e a cento anni pubblica il suo Diario fiorentino. Viva! Un inno alla vita, alla bellezza di Firenze e al valore del viaggio e delle re-

lazioni. Di Federica Bosco è la storia di due amiche - sorelle da quando hanno condiviso un biscotto nel cortile della Scuola - che si confrontano e si vogliono bene nonostante i diversi temperamenti e le vicende che s’intrecciano complicate, fino a una prova che la vita pone loro davanti e le lascia sorprese e in attesa. Ci vediamo un giorno di questi è un femminile narrato con semplicità profonda e coinvolgente. Un po’ di suspence non può certo mancare per cominciare l’anno col giusto spirito. Ed ecco allora tornare nell’agone Marco Vichi col suo commissario Bordelli alle prese con il ’68 e le sue sfumature fioren-

tine, fatte di manifestazioni studentesche e scontri con i poliziotti, slogan e tentativi di riscatto e ribellione. Nel più bel sogno racconta un mondo e i suoi colori dai margini sfumati, l’ennesimo omicidio che il Commissario dovrà conoscere e forse, finalmente?, un nuovo amore. Ultimo viene Marco Malvaldi e il suo Negli occhi di chi guarda accompagna il lettore nel cuore della Maremma toscana, in un podere avvolto da dolci colline e abitato da una compagine di personaggi di tutto rispetto e alla ricerca di misteriosi capolavori. Si ringrazia per la gentile collaborazione la libreria Feltrinelli di Firenze


J.K. LOUNGE RESTURANT & BAR Your charming retreat in the heart of florence all daY-dining from 7.30am to midnight eVerY SundaY: Special “florentine familY StYle SundaY lunch” from 12.30pm

to

3.30pm


BOUTIQUE HOTEL

a casa, a Firenze..

CELLAI BOUTIQUE HOTEL | Via 27 Aprile 14, 52/R - 50129 Firenze, Italia Tel. 0039.055.489291 | Fax 0039.055.470387 | www.hotelcellai.it | info@hotelcellai.it


it object

oon on theLUM A Walk NA A IATA SULL PASSEGG

Countdown for an extra-terrestrial walk and close encounters of the third kind. Chanel’s cuissarde boots seem to come straight out of Stanley Kubrick’s films where the task of the Hal 9000 computer is to dictate the new laws of fashion. Conto alla rovescia per la passeggiata extra terrestre e gli incontri ravvicinati del terzo tipo. Gli stivali cuissarde di Chanel sembrano usciti dai film di Stanley Kubrick dove il compito del computer Hal 9000 è quello di dettare le nuove leggi della moda. Firenze | made in Tuscany 43


it object

erapy The ReIAdDETL h ROSSO LA TERAP

You cannot make a false step while choosing the perfect handbag. This one by Valentino Garavani deserves a high-sounding name, Rockstud Spike. Carefully detailed and elegantly crafted, what a magnificent prey to snare. Impossibile commettere un fashion faux pas nella scelta della borsa. Questa di Valentino Garavani ha un nome altisonante Rockstud Spike, ricerca di dettagli e una lavorazione raffinata tanto da renderla una magnifica preda. Firenze | made in Tuscany 45


it object

Seduction The NAeSw EDUZIONE LA NUOV

Looking like they come straight out of grandmother’s chest of drawers, these Gucci knee-socks feature ruffles embroidered like a crocheted hem, infinite dotted lines. Forget about socks and pantyhose, it’s much better to take a plunge back into adolescence. Sembrano usciti dal cassettone della nonna. Sono i calzettoni di Gucci con la balza ricamata come un orlo all’uncinetto e uno zig zig di piccole, infinite linee tratteggiate. Dimenticate calze e collant, molto meglio un tuffo nella passata adolescenza. Firenze | made in Tuscany 47


STUDIO DIMORE

C O L L E C T I O N Milano - Corso Italia n. 1 +39 02 89092704

Firenze - Via dei Fossi n.41r +39 055 287632

www.studiodimorecollection.com


it object

ue DresseDIdBLiUn bl VESTITO

Leonardo da Vinci described it as a mix of light and darkness. Blue, the elegant color which inspired A. Lange & Söhne in the creation of two blue galvanized models. Here is the everlasting Lange 1, available at Ugo Piccini, Via Por Santa Maria 11, Florence. Leonardo da Vinci lo ha descritto come una miscela di luce e di tenebre. Blu, un fascino intramontabile che ha ispirato A. Lange & Söhne a proporre due modelli galvanizzati in blu. Il Lange 1 è disponibile da Ugo Piccini, in via Por Santa Maria 11, Firenze. Firenze | made in Tuscany 49


Da noi la bellezza è Di casa WHeRe beaUTY is a consTanT articoli per la casa e per la persoNa Home tHeatre liste di Nozze dal 1960

a quindici minuti dall’aeroporto di Firenze, un grande negozio di articoli prestigiosi per la casa e per la persona, dove il cliente e la qualità sono al centro di ogni nostro pensiero.

Just 15 minutes far from the Florence Airport you can find a big store of prestigious household and personal items.

Le Jacquard Français Meissen

Bang&Olufsen

Montblanc

Berkel

Pampaloni

Bric’s

Richard Ginori

Christofle

Rimowa

Dr. Vranjes

Rosenthal

Dyson

Saint Louis

Herend

Sambonet

Hermes

Samsonite

Hurom

Swarovski

KitchenAid

Venini

Lalique

Villeroy & Boch

Le Creuset

Wedgwood

PRATO - VIA POMERIA, 79/81 -

-

Parcheggio interno con ingresso Via F.lli Giachetti Parking entrance – Via F.lli Giachetti - PRATO

www.salvadori.it

Virtual tour

iconastudio.it

Alessi Baccarat


it object

oul A BolgLhGHeErRiES SE ANIMA BO

An accurate selection of Cabernet Sauvignon, Merlot and Syrah grapes gives Il Bruciato Bolgheri DOC, a greatly intense and soft wine which fully expresses the unique Bolgheri terroir with a modern twist.Dall’accurata selezione di Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah nasce Il Bruciato Bolgheri Doc, un vino di grande intensità e morbidezza che racconta in chiave moderna il terroir unico di Bolgheri. Firenze | made in Tuscany 51


it object

TemptaNEtion TENTAZIO

How can one live without chocolate? Without the enticing smell of cocoa or the buttery texture of gianduiotti? Those who walk into Rivoire know that the only way to resist temptation is to yield to it, as Oscar Wilde said. Ma davvero si può vivere senza cioccolata? Senza il profumo incantevole del cacao o la densità cedevole dei gianduiotti? Chi entra da Rivoire in Piazza della Signoria, sa che l’unico modo per resistere a una tentazione è cederle, come diceva Oscar Wilde. Firenze | made in Tuscany 53


Perfume Maker since 1925

Wally Parfume and Home Fragrance

www.wallycosmetici.com


LUNGARNO LUNGARNO DININGDINING COLLECTION COLLECTION Ristorante Ristorante Borgo San Borgo Jacopo, San Jacopo, Caffè Dell’Oro, Caffè Dell’Oro, Picteau Lounge Picteau Bar, Lounge Bar, The Fusion TheBar Fusion & Resturant Bar & Resturant

Ris B

bs

Borgo San Jacopo Borgo San Jacopo

Lungarno Dining Lungarno Collection, Diningcon Collection,Lungarno con Dining Lungarno Collection, Dining with Collection, with la sua collezione la sua dicollezione Ristoranti di e Ristoranti itserestaurants its restaurants and bars in and the bars in the Bar nel cuore Bar di nel Firenze, cuoresidi declina Firenze, si declina heart of Florence heart of expresses Florencefour expresses four in quattro stili in diversi: quattrodall’alta stili diversi: dall’alta different styles: different fromstyles: the gourmet from the gourmet gastronomiagastronomia del Borgo San delJacopo Borgo Sancuisine Jacopoat the cuisine BorgoatSan the Jacopo, Borgo San Jacopo, with the starred Michelin Chefstarred Chef con il suo chef con Peter il suoBrunel chef Peter che Brunel with che the Michelin Peter Peter to the Brunel, exquisite to the exquisite vanta una stella vanta Michelin, una stella alloMichelin, stile allo stile Brunel, Caffèbistro dell’Oro…from Caffè dell’Oro…from bistro squisitamente bistro squisitamente italiano del italianoItalian del bistroItalian the Picteau the Lounge, Picteau theLounge, place tothe place to Caffè dell’Oro…dal Caffè dell’Oro…dal Picteau Lounge, Picteau Lounge, bethe for best tasting Negroni the best in Negroni in il salotto sull’Arno il salotto dove sull’Arno bere il dove berebe il for tasting town, exotictoflavours the exotic of the flavours of the miglior Negroni miglior della Negroni città, aidella gusticittà, ai gustito thetown, Fusion Bar & Fusion Restaurant. Bar & Restaurant. See you See you esotici del Fusion esoticiBar del&Fusion Restaurant. Bar & Restaurant. on ePonte Vecchio on Ponte andVecchio choose and one choose one Affacciatevi Affacciatevi da Ponte Vecchio da Ponte e Vecchio of the four different of the four experiences different experiences scegliete unascegliete delle quattro una delle diverse quattro diverse signed by Lungarno signed by Dining Lungarno Dining proposte firmate proposte Lungarno firmate Dining Lungarno Dining Distance: always Distance: always Collection. Distanza: Collection. sempre Distanza: sempreCollection. Collection. #150steps from #150steps Ponte from Vecchio. Ponte Vecchio. #150passi da#150passi Ponte Vecchio. da Ponte Vecchio.


Borgo San Jacopo

Ristorante Borgo San Jacopo Borgo San Jacopo, 62/R +39 055 281661 bsj@lungarnocollection.com ristorantebsj.com

Caffè Dell’Oro Lungarno Degli Acciaiuoli, 2P +39 055 2726 8912 oro@lungarnocollection.com caffedelloro.com

Caffè Dell’Oro

Picteau Lounge Bar

The Fusion Bar & Restaurant Vicolo dell’Oro, 5R +39 055 2726 6987 tf@lungarnocollection.com thefusionbar.com

Picteau Lounge Bar Borgo San Jacopo, 14 +39 055 27261 – sempre aperto Picteau.lounge@lungarnocollection.com hotelungarno.com

The Fusion Bar & Restaurant


shotonsite

Paul Feakes, Olivier de Molina, Brad Brubaker

Nicola Mondaini, Ornella Zini, Jerry Ruffilli

Pier Ettore and Ginevra Olivetti Rason

Laura Piccini, Enrico Frascione

Carlo Orsi, Francesca Cantore

Piero Chiambretti, Fabrizio Moretti

Miriam Fusaro, Maria F. Miracco

Niccolò and Angelica Becagli

Aldo Godi, Francesca and Andrea Cavicchi

Firenze made in Tuscany, Fratelli Piccini Gioiellieri, Fabrizio Moretti, Enrico Frascione present the Biennale dell’Antiquariato party with Rosé A by Fattoria Aldobrandesca, Vodka VKA, dishes by Le Cirque Firenze

Rosa Comi, Leonardo Tempesti

Nicola Verrini, Lavinia Rinaldi

Alexandra Hoffer, Maria Paola Pedetta, Monica Offidani, Simona Diomedi Firenze | made in Tuscany 57


shotonsite

Rosaria Frescobaldi, Dario Nardella, Ornela Pontello, Ermanno Scervino

Doris Kovacs, Felice Limosani

Cecilia Sandroni, Ferruccio Ferragamo

Paolo Poli

Bonaccorso Maneti, Elisabetta Fabri

Dario Nardella, Elisabetta Fabri, Ezno Casati, Dario Cecchini

Patrick Hoffer, Guido Ciampi

Giovanni Belloni

Carlotta Turini, Cesare Cunaccia 58 Firenze | made in Tuscany

Tommaso BencistĂ Falorni, Guia Canessa

The Gold Christmas Party, The Great Beauty by Starhotels Collezione. Sponsors: Manetti Battiloro and Alfa Romeo Brandini. Franciacorta tasting and Rivoire chocolate. Partner: OmA

Allegra Antinori, Enrico Chiavacci

Kenia Smirnov, Niccolò Becagli


aperto tutti i giorni 10-20


WINE BAR – RESTAURANT

Via dei Federighi, 3/R – Firenze Tel. +39 055280778 / info@enotecavignanuova.it / www.enotecavignanuova.it


shotonsite

Alessandro Sorani, Claudio Bianchi, Andrea Angiolini

Leonardo Bassilichi, Dario Nardella, Matteo Parigi Bini

Niccolo Manetti , Giovanni Bettarini

Wanny de Filippo, Gianni Mercatali

Marco Baldesi, Riccardo Galli

Felice Limosani, Paola Mencarelli

Alex Vittorio Lana, Simone Calcinai, Matteo Parigi Bini, Dario Nardella, Leonardo Bassilichi

Fabio Masini, Stefano Fontinelli, Fabrizio Marini

Katia Clementi, Marzio Cinelli, Elenia Certini

In the Palazzo Vecchio Sala d’Arme, the presentation of the Oltrarno su misura guide and app by Gruppo Editoriale

Dario Garofalo, Matteo Perduca ,Valentina Margani

Cecilia Del Re

Moreno Mugelli,Olivia Turchi Firenze | made in Tuscany 61


shotonsite

aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa

Gloria Martini, aaaaaaaaaaaaaaa, Karina Burlamacchi, aaaaaaaaaaaaaa Maria Cristina de Miranda

aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa Jacopo Durazzani, Ksenija Smirnova

aaaaaaaaaaaaaaa, Mariacristinaaaaaaaaaaaaaaa Modonesi

aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa Zelal Elbistan, Moreschina Fabbricotti

aaaaaaaaaaaaaaa, Stefano Urgo, Federico aaaaaaaaaaaaaa Rosi

aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa

Ilaria Raffaelli, Lorenzo Ristori aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa

aaaaaaaaaaaaaaa, Alessia Loiero, Takako aaaaaaaaaaaaaa Irifune Fabbri

Bernardo aaaaaaaaaaaaaaa, Bongini,aaaaaaaaaaaaaa Marinella Fani 62 Firenze | made in Tuscany

Stefania aaaaaaaaaaaaaaa, Geronazzo, Jane Torelli, aaaaaaaaaaaaaa Daniela Tutunaru

Obicà, in via de’Tornabuoni, the location of Firenze made in Tuscany’s Christmas party, with the new Jaguar E-PACE. aaa Tenuta degli Dei aaa wine tasting. Partners: aaaaaa Tod’s and aaaaa Leica

aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa

Martina aaaaaaaaaaaaaaa, Fabbrizzi, Duilio aaaaaaaaaaaaaa Bartalucci

Lorenzo Nencini aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa


restaurant - lounge

bar - events - catering

Piazza Strozzi 5r, c/o Palazzo Strozzi, Firenze

www.strozzicaffe.com

ph. 055 288236

l u n ch - a p e r i t i f - d i n n e r - e v e n t s - c l u b p r i v ĂŠ Piazza Strozzi 5r, Firenze www.cafecollebereto.com Info and table reservation 393 8328505 - 055.28 3156


shotonsite

GiorgianaCorsini, BonaFrescobaldi, AntonellaBoralevi

Randa Eid, Mario Luca Giusti, Mafalda Savoia Osta

Donatella Aaron, Diva Moriani

Arturo Galansino, Tommaso Sacchi

Kerry Kennedy, Dario D’Ambrosi

Antonella and Sandro Fratini

Dario Nardella, Vittorio Sgarbi, Marialina Marcucci, KerryKennedy

Marialina Marcucci, Kerry Kennedy

Marco Zatterin

In the Palazzo Vecchio’s Salone dei Cinquecento the gala dinner organized by Robert F. Kennedy for Human Rights Italia, the foundation chaired by Kerry Kennedy

Jacopo and Jolana Mazzei

Marcello and Paola Fratini

Novella Benini, Cecilia Sandroni, Zelal Elbistan

Fabrizio Moretti

Ermanno Scervino, Cristina Acidini Firenze | made in Tuscany 65


shotonsite

aaaaaaaaaaaaaaa, Rita Abbate, Livia aaaaaaaaaaaaaa Frescobaldi

Carla Giotti, aaaaaaaaaaaaaaa, Leonardo Zorzet, aaaaaaaaaaaaaa Daniela Orellitti

aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa Camilla Cappelli

Tommaso aaaaaaaaaaaaaaa, Bencistà Falorni, aaaaaaaaaaaaaa Viola Fantoni

aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa Guido Ciompi, Luigi Lantieri

Corinna aaaaaaaaaaaaaaa, Miccinilli, aaaaaaaaaaaaaa Cristina Manetti

aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa

Sibilla Bagnoli, Nicolò Campanini aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa

aaaaaaaaaaaaaaa, Angelica and Niccolò aaaaaaaaaaaaaa Becagli

aaaaaaaaaaaaaaa, Matteo Andretta aaaaaaaaaaaaaa 66 Firenze | made in Tuscany

aaaaaaaaaaaaaaa, Drusillaaaaaaaaaaaaaaa Foer

At Palazzo Corsini, the exclusive charity night for FILE - Fondazione Italiana aaa di Leniterapia aaa Onlus,aaaaaa with a #PunkRococò aaaaa

Barbara Anzillotti, aaaaaaaaaaaaaaa, Eleonora Nesi aaaaaaaaaaaaaa Frescobaldi, Elisa Tozzi

Franca aaaaaaaaaaaaaaa, Pinzauti, Cecilia Puccioni, aaaaaaaaaaaaaa Emanuela Fantoni

Laura Piccini aaaaaaaaaaaaaaa, aaaaaaaaaaaaaa


ONLINE FAIRS

SPECIAL GRANT FROM


shotonsite

Generoso di Meo, Roopali Choraria, Shamina Talyarkhan

Alvaro de Mora, Lili e Rita Canecas, Joao Serrano d’Almeida

Rita and Luis Saragga Leal

Antonio and Helena Mascarenhas

Alexandra Abreu Loreiro

Vittorio Sgarbi, Generoso di Meo

Isabelinha de Carvalho, Antonia dell’Atte

Dom Duarte de Braganca, Maria Gabriella di Savoia

Andrea Canino, Generoso di Meo

In Lisbon aweinspiring Ajuda National Palace, illustrious guests gathered for a gala evening for the new Di Meo 2018 Calendar by Massimo Listri

Diogo Maio, Pedro Roffe

Joao and Carmo Pinto de Megalhaes

Ana Margarida

Florine Millet Asch, Manrico Iachia Firenze | made in Tuscany 69


shotonsite

Mario Biondi

Cristina Sotto, Carolina Romizi

Stefania Geronazzo, Gloria Mai

Silvia Orsi Bertolini, Bianca Orlando

Esme Nicolesi

Francesca Cagnoli, Enrica Masellis, Jane Torelli

Sofia Cano, Lorenzo Segre, Valeria Cioffi

Lucrezia Galli, Niccolò Biagini

L’arrivo a Firenze di IQOS, l’innovativo dispositivo elettronico, alternativo alle sigarette, che scalda e non brucia appositi stick di tabacco, è stato festeggiato a ritmo di soul con il grande Mario Biondi in un evento esclusivo nella cornice dell’Ex Banco di Roma. L’inaugurazione di una Boutique IQOS nella centralissima via della Vigna Nuova, al civico 48 è il tassello più recente dell’ambizioso progetto di trasformazione globale di Philip Morris International per un futuro smoke-free

Lorenza Bianda, Andrea Raffaelli

Francesco Riccieri, Francesco Passerin d’Entrèves

Simona Diomedi Camassei, Maria Paola Pedetta 70 Firenze | made in Tuscany


shotonsite

Alexandra Jacqueline Brà, Giulia Bartalozzi, Viola Parretti

Elisa Mondini, Aldo Todini

Giulia Pedduzza, Federica Nicolosi

Giovanni Malanima

Claudia Gelosa, Alessandra Nardelli

Tiziano Pucci, Cristina Bardelloni

Antonio Giannoni, Aurelio Amendola, Vento Santoni

Luca Bachi, Daniele Menciassi

Francesco Donati, Simone Stefanelli

The exhibition of Giannoni&Santoni ‘Michelangelo. Digital frescoes and surroundings’ of the famous photographer Aurelio Amendola, at the Accademia delle Arti del Disegno

Cristina Acidini, Aurelio Amendola

Eva Parigi, Alessandro Rizzi

Francesca Amendola, Francesca Catastini

Alberto Bartalini Firenze | made in Tuscany 73


shotonsite

Giampaolo Ottazzi,Vanja Dumond,Antonello de’ Medici

Paolo Galasso, Alex Lana, Pascal Bicedomini, Matteo Parigi Bini

Jessica Vio, Enrica Pasqual

Vianello Eleonora, Dino Zampieron

Roberta Gianmarco, Giulia Bevilacqua

Lara Rambone, Isabella Puglisi

Giacomo Marchesini, Michela and Carmine Scarano, Luca Regazzo, Marco Rigo

Paola Mencarelli, Paolo Galasso

Laura Di Bert, Luana Mazzega 74 Firenze | made in Tuscany

Monica Cacco, Angelo Bussandri

On the occasion of the Venice Film Festival, the Venezia made in Veneto party at Granai della Repubblica of Belmond Hotel Cipriani with Diamond Ice Noble Vodka

Soncin Stefania, Nicoletta Martorana Fedeli


Lungarno Del Tempio 52 - Per prenotazioni 055/2343693 Aperto a pranzo e cena - dalle 19.30 alle 22.30 - Chiuso la Domenica www.trattoria-moderna.it - Facebook: @trattoriamodernafirenze


Alessandro Preziosi, born in Naples in 1973, is one of the most popular actors of Italian cinema, television and theatre (ph. Jasmine Bertusi)


cover story

The deafening smell of white L’ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO text Chicco Coda

Alessandro Preziosi plays the tormented Vincent Van Gogh on the stage of the Pergola Theatre Alessandro Preziosi, alle prese con i tormenti di Vincent Van Gogh, arriva sul palcoscenico della Pergola May 8, 1889. Vincent Van Gogh, 36 years old, voluntarily entered the Maison de Santé of Saint-Paul-de-Mausole, an old convent converted into a mental hospital in Saint-Rémy-de-Provence, about twenty kilometers from Arles. He suffered from increasingly acute attacks of mania, hearing and sight hallucinations, he believed himself unable to manage his own life. The Deafening Smell of White by Stefano Massini describes the inner turmoil of the great Dutch painter, one year before his death. Alessandro Preziosi is the star of this one-act drama We meet with him after his successful performances in Naples and Spoleto and before taking the stage in Florence at La Pergola Theatre, from February 6 to 12. What is your vision of this play? The Deafening Smell of White explores the feelings of a man about whom we know very little from this point of view. It is the metaphor of the child-artist who strives hard to grow up, but quite unsuccessfully. He clung to a deeply childish approach to life, as shown by the way he lived when he was still with his family. Because of his disturbing hallucinations, Van Gogh was the center of his family’s attention and concern and very different from the image projected by his over 900 paintings, which were not popular for about 100 years. What does the play try to tell about the artist? The goal is to describe the nature of the artist’s creative process, allowing for any kind of distortion, of facts, of memory, of the reality of things. The play begins with Van Gogh being locked up in a mental hospital, in a place where there is no color other than white. This is not a fact, because he was actually allowed to paint, one month later he would produce the Starry Night. But now he is here, in a nondescript, squared room, with blank walls, a concrete cage. Though subjected and submitted to the dynamics of his mental disorder, Van Gogh is fully aware of his instability. Van Gogh is portrayed in the devastating neutrality of a vacuum. There are, however, no certainties about the nature of his mental illness. The mental illness had to do with his burning relationship with

È l’8 maggio 1889. Vincent Van Gogh, 36 anni, entra volontariamente nella Maison de Santé di Saint-Paul-de-Mausole, un vecchio convento adibito a ospedale psichiatrico a Saint-Rémy-de-Provence, a una ventina di chilometri da Arles. È colpito da manie acute, allucinazioni della vista e dell’udito, si reputa incapace di vivere e gestirsi in libertà. L’odore assordante del bianco di Stefano Massini racconta il calvario interiore del grande pittore olandese, un anno prima della morte. Alessandro Preziosi è protagonista di questo atto unico. Lo incontriamo dopo i successi di Napoli e Spoleto, in attesa di vederlo a Firenze al Teatro della Pergola dal 6 al 12 febbraio. Qual è la sua visione di questa rappresentazione? L’Odore assordante del Bianco traccia le sensazioni di un uomo che poco conosciamo da questo punto di vista. È la metafora del bambino artista che vuole diventare uomo, senza riuscirci. La grande ispirazione nasce dal suo essere totalmente abbandonato a un approccio alla vita profondamente infantile e si denota da come l’ha condotta quando era ancora in famiglia. Penso alle alterazioni della realtà che lo ponevano sotto i timori e le attenzioni della famiglia e che unitamente alla sua natura allucinante lo fanno uscire da ciò che vediamo di lui dalle oltre 900 tele che per un secolo non sono state apprezzate. Cosa cerca di raccontare dell’artista? L’obiettivo è raccontare la natura del processo creativo dell’artista, che in questo percorso si concede qualsiasi tipo di alterazione, dei fatti, della memoria, di tutta la realtà delle cose. Partendo da un dato cronologico lo chiudiamo nel manicomio, immaginandolo in un mondo dove è circondato solo dal bianco. Questo è un dato non vero, perché aveva la possibilità di dipingere, un mese dopo darà vita alla Notte stellata. Ma ora è qui, in un’anonima stanza. Un rettangolo squadrato da pareti austere, una gabbia di cemento. Assoggettato e fortuitamente piegato dalla sua stessa dinamica cerebrale, si lascia vivere già presente al suo disturbo. Van Gogh ci appare nella devastante neutralità di un vuoto. Della natura del suo disturbo non si sono mai avute certezze. Firenze | made in Tuscany 77


Currently performing on his theatre tour, he has just finished shooting two films, one by Volfango De Biasi, the other by Giacomo Campiotti 78 Firenze | made in Tuscany


cover story

Some scenes of the play ‘The Deafening Smell of White’, based on a text by Stefano Massini nature. He put all his disquieting experiences in the paintings. He La malattia riguarda la combustione che aveva con la natura. Ciò che was given the name of his brother who had died young, his mother viveva lo crocifiggeva sul cavalletto. Viveva con il nome del fratello would regularly take him to visit his little brother’s tomb. We tend morto da piccolo, la mamma lo portava periodicamente a commeto have a romantic view of his hallucinations, to focus on the artist, morare il fratellino sulla tomba. Le sue allucinazioni le vogliamo vebut he actually refused to accept reality and lived distorting it, to the dere romanticamente, per interpretare l’artista, ma in effetti l’uomo non accettava la realtà e la viveva alterandola, al punto da arrivare al point that he cut his ear off and committed suicide. taglio dell’orecchio e al suicidio. Did he not understand or was he not understood? I believe he was not understood. He wanted to be understood and Non capire o non essere capiti? accepted, in which case, however, he would have not had the same C’è più il non essere capiti dagli altri che il non capire. Vorresti espower and intensity. It is the first time I play a character with whom sere capito e accettato ma se così fosse non avresti la stessa forza. È I do not completely identify. But I do share some traits with him, la prima volta che interpreto un personaggio con cui mi incontro a first of all, the “growing up” issue. I put a lot of my personal feelings metà strada. Condivido diversi aspetti, su tutti il diventare adulto. into this character. It brought all my frailty out and I placed it at this Ho lavorato su questo personaggio con una grandissima emotività. È uscita tutta la mia fragilità e l’ho messa al servizio di questo artista. artist’s service. Quando è diventato adulto? When did you grow up? Sono cresciuto presto perché ho avuto un figlio molI grew up quickly because I had a child at a very to giovane. È come se con una fionda ti catapultasyoung age. It’s like being catapulted with a sling into sero anni avanti. Poi accade che inevitabilmente si the future. Then you end up going back, to experience ritorna indietro, per vivere ciò che si ritiene di aver what you believe you have missed. What kind of relationship do you have with To me, Florence perso. suo rapporto con Firenze? Florence? is like Capri IlSpeciale. Intimo. Firenze è una città che ho vissuto Special, intimate. Florence is the city where I lived at the height of my life. My daughter was born here, as without the sea. nel pieno della mia vita. Qui è nata mia figlia e tutta well as her mother’s entire family. They gave me the The city where la famiglia di sua mamma. Tramite loro l’ho vissuta chance to enjoy and experience the city to the fullest. I lived at the e conosciuta a fondo. Per me è come Capri senza il mare. Mi strega sia la sua magia notturna che il caos To me, Florence is like Capri without the sea. I am bewitched by both the city’s night-time magic and the height of my life frenetico dei turisti di giorno e anche qui, come tourist chaos during the day, and here in Florence, just like in Capri, sull’isola, posso muovermi a piedi e avere contatto diretto con la I can walk and mingle with the crowd. I have been performing on gente. Recito a Firenze dal mio primo spettacolo, l’Amleto, nel ’99. stage in Florence since my first play, Hamlet, in 1999. I have recently Al teatro La Pergola recentemente sono stato con Romeo e Giulietta, performed at La Pergola Theatre in Romeo and Juliet, and I am thrilled sono contentissimo di tornarci e darò anche qui il massimo per non to be back. I will do my best to live up to the audience’s expectations. deludere chi ci onorerà della sua visita. Dopo Firenze cosa l’aspetta? What are your plans after Florence? I will be in Rome for three weeks at the Eliseo theatre, and then Roma per 3 settimane all’Eliseo, poi Bologna, Trieste e più in là in Bologna, Trieste and Milan. At the same time, I will be working Milano. Parallelamente sto finendo di girare a Torino Nessuno come in Turin on the set of Nessuno come noi, a film based on the book noi, film tratto dal libro di Luca Bianchini e diretto da Volfango by Luca Bianchini and directed by Volfango De Biasi. I have just De Biasi e ho appena finito di girare un film tv diretto da Giacomo finished shooting a TV film production directed by Giacomo Campiotti, La pellicola, il cui titolo definitivo dovrebbe essere Figli, Campiotti, La pellicola, whose final title will probably be Figli. It is è tratta dalle storie prodotte dal protocollo «Liberi di scegliere», based on the stories produced by the Liberi di Scegliere protocol, che da anni ha cercato di ridare nuova vita e dignità a quei ragazwhich is committed to giving a new life and dignity to young people zi che hanno deciso di allontanarsi dalle cosche mafiose e dalla ‘ndrangheta. who choose to walk away from Mafia and Ndrangheta gangs. Firenze | made in Tuscany 79


Helena Bonham Carter, English actress, starred in ‘A Room with a View’ thirty years ago, directed by James Ivory


movie interview

Florence in a cult movie FIRENZE IN UN FILM CULT text Giovanni Bogani

Interview with Helena Bonham Carter, the star of the film that launched Florence on the big screen thirty years ago Incontro con Helena Bonham Carter protagonista del film che trent’anni fa lanciò firenze sul grande schermo She starred in A Room with a View thirty years ago. The film went down in history as a spectacular portrayal of Florence and as one of the most romantic movies of all time. Florence became the city of love, of overwhelming passion. The city where one could revolt against the conventions of a bourgeois upbringing and lose oneself, heady with the beauty of every view, of every street, basking in the wonder of feeling alive and in love. The film won three Academy Awards and five British Academy Awards. The stars of the film were three: Him, Her and Florence. Florence’s Piazza della Signoria, Lungarni, Brunelleschi’s Dome, filmed by the American James Ivory, who split his time between London, New York City and Mumbai, but had always been in love with Italy. The “Him” was Julian Sands, an experienced and elegant British actor, the “Her” Helena Bonham Carter. At the time, Helena was barely out of her teens and had just landed her first film role. We meet with her today, thirty years later, in the city that changed her life. She looks at least ten years younger than her 50 years. Deep black and very bright eyes. Dressed in black from head to toe, in a quite eccentric style. Lace, black ruffles, wedge heels. What fashion trend is she following? Her own. After that film, Helena’s career took off. She was Oscar-nominated twice, for The Wings of the Dove and The King’s Speech. She performed in many films directed by her former partner Tim Burton- Planet of the Apes, Big Fish and Charlie and The Chocolate Factory- and she played Bellatrix Lestrange in the Harry Potter films. Helena comes from a prominent British family. Her great-grandfather, Henry Asquith, was Prime Minister of the United Kingdom. Her grandfather, Eduardo de Callejon, was a sort of Spanish Schindler, who saved the lives of thousands of Jews. Helena, at the age of thirteen, had already won a national poetry competition. Then came cinema. In 2009, she was hailed as the greatest British actress of all time by The Times. Helena, Room with a View changed everything. What do you remember about that turning point in your life? I went from unknown to famous overnight, at the age of twenty. And to think that I wasn’t even sure I wanted to become an actress! I just

Camera con vista lo interpretò trent’anni fa. Fa quasi parte della storia di Firenze. Da quella camera si apriva uno sguardo sull’amore romantico, e Firenze diventava la città dell’amore, della passione travolgente. La città nella quale si potevano perdere i freni di una rigida educazione borghese di fine Ottocento, e dove ci si poteva perdere, ubriacandosi della bellezza di ogni scorcio, di ogni strada, nella meraviglia di sentirsi vivi e innamorati. Quel film vinse ben tre Oscar e cinque Bafta, gli Oscar britannici. Aveva tre personaggi: lui, lei e Firenze. La Firenze di piazza della Signoria, dei Lungarni, della Cupola di Brunelleschi, filmata dall’americano James Ivory che si divideva fra Londra, New York e Mumbai, ma da sempre innamorato dell’Italia. Lui era Julian Sands, attore britannico di classe ed esperienza, lei Helena Bonham Carter. Helena Bonham Carter all’epoca era una ragazzina di vent’anni alla sua prima prova cinematografica. La incontriamo oggi, trent’anni dopo, nella città che le ha cambiato la vita. Oggi ha cinquant’anni ma sembrano dieci di meno. Occhi neri, vivacissimi. È vestita di nero, in modo un po’ stravagante. Trine, svolazzi neri, zeppe. A quale tendenza si avvicina? Alla sua. Dopo quel film, Helena ha attraversato una carriera straordinaria, con due nominaton all’Oscar, per Le ali dell’amore e per Il discorso del re. Ha recitato in molti film dell’ex compagno Tim Burton: Il pianeta delle scimmie, Big Fish e La fabbrica di cioccolato – ed è stata Bellatrix Lestrange nella saga di Harry Potter. Viene da una famiglia molto importante. Il bisnonno fu primo ministro britannico, Henry Asquith. Il nonno, Eduardo de Callejon, fu una sorta di Schindler spagnolo, che salvò la vita a migliaia di ebrei. Lei, a tredici anni, aveva già vinto un concorso nazionale di poesia. Poi, l’incontro con il cinema. E nel 2009 il Times la indica come la più grande attrice britannica di tutti i tempi. Helena, Camera con vista le ha cambiato la vita. Che cosa ricorda di quel momento di trasformazione? Mi ritrovai famosa da un giorno all’altro, a vent’anni. Io che non ero neppure sicura di voler fare l’attrice! Pensavo che, dopo quel film, avrei proseguito tranquillamente a studiare all’università. Ho ritroFirenze | made in Tuscany 81


The film went down in history as a spectacular portrayal of Florence 82 Firenze | made in Tuscany


movie interview

She was Oscar-nominated twice, for The Wings of the Dove and The King’s Speech thought that I would go back to university after the film. I recently vato, poco tempo fa, il diario che scrivevo allora. È il diario di una found the diary I kept back then. It is the diary of a young girl full of ragazza piena di dubbi e di angosce. Però il film fu un successo immenso, anche personale. doubts and distress. Ma non lo fu per me. Quando mi sono rivista, non mi sono amata The film, however, was a huge success, even for you. No, not in my opinion. When I watched myself on screen, I was not in per niente. Però ha continuato a fare l’attrice, e con ottimi risultati. the least pleased with myself. Ma ho continuato a odiarmi, in tutti i ruoli che ho interpretato. Ho But you went on working as an actress, and very successfully. And I went on disliking myself in every single role I played. I have fatto tanti film, è vero, ma non mi sono mai sentita parte del ‘sisteperformed in many films, no doubt, but I have never really felt part of ma’, del mondo del cinema. Ma in quei primi momenti fu davvero the “system”, of the motion-picture world. It was really difficult in the difficile. Chi la aiutò? beginning. James Ivory. Mi ha praticamente adottata. Lui, e il produttore Ismail Who helped you? James Ivory. He basically adopted me. James along with producer Ismail Merchant, la sceneggiatrice Ruth Prawer Jhabvala. Ero la ‘piccola’ di Merchant and scriptwriter Ruth Prawer Jhabvala. I was the “baby” quella specie di famiglia. Loro tre mi hanno protetta, amata, calmata. Sono passati più di trent’anni da Camera con vista. of this sort of family. The three of them protected and In tutto questo tempo, lei ha mantenuto un rapporloved me and kept me calm. to stretto con il cinema in Italia. Over thirty years have gone by since A Room with a Sì: ho lavorato in Monteriano – Dove gli angeli non View. And for all this time, you have maintained a osano metter piede, tratto di nuovo da un romanzo di strong bond with Italian cinema. ‘My family Forster e girato a San Gimignano e nella campagna Yes, I played a role in Where Angels Fear to Tread, based Ho lavorato con Fiorella Infascelli in La maowned a house toscana. again on a novel by Forster and shot on location in San schera, con Liliana Cavani in Francesco, con Franco Gimignano and in the Tuscan countryside. I worked in Florence, in Zeffirelli…. with Fiorella Infascelli in La maschera, with Liliana Arcetri, , in the Un amore per l’Italia, e per Firenze, davvero radiCavani in Francesco, with Franco Zeffirelli…. hills overlooking cato. A deeply rooted love of Italy and Florence. mia famiglia aveva anche una casa a Firenze. Ad the Arno river’ La My family owned a house in Florence, in Arcetri, in the Arcetri, sulle colline sopra l’Arno, vicino all’osservahills overlooking the Arno river, near the observatory where Galileo torio astronomico, lì dove Galileo Galilei era stato messo al confino. Galilei was confined to house arrest. I have been back to Florence Mi è capitato di tornare molte volte a Firenze. many times. Recentemente ha recitato con un cast stellare in Ocean’s Eight, lo You are part of the stellar cast of the upcoming Ocean’s Eight film, spinoff al femminile della saga di Ocean’s Eleven. Che esperienza the female spin-off of the Ocean’s Trilogy. How would you describe è stata? this experience? Per la prima volta ho recitato con un cast tutto al femminile, con For the first time, I am starring in a film featuring an all-female cast, Sandra Bullock, Cate Blanchett, Anne Hathaway. È stata una grande alongside Sandra Bullock, Cate Blanchett, Anne Hathaway. It was a esperienza, con una storia ironica, intelligente, piena di humour. great experience, a brilliant film, full of sense of humour. Più drammatica è la vicenda di 55 Steps, che ha interpretato con The story of 55 Steps, the film directed by Bille August, the Danish la regia di Bille August, il regista danese vincitore di due Oscar. film director and two-time Academy Award-winner, is definitely Che cosa racconta il film? more dramatic. What is the film about? Racconta una storia vera accaduta negli anni ’80. Quella di una donIt is based on a 1980s true story involving the rights of a woman locked na rinchiusa nell’unità psichiatrica di un ospedale di San Francisco, up in a San Francisco facility and fighting to change the treatment of e della sua battaglia per cambiare il trattamento dei malati mentali psychiatric patients in the United States. negli Stati Uniti. Firenze | made in Tuscany 83


Francesco Bianconi, singer and songwriter born in Moltepulciano, Tuscany shot by british photographer Mick Rock for Gucci’s Cruise 2018


music interview

It takes style CI VUOLE STILE text Sabrina Bozzoni

We’re with Francesco Bianconi, leader of Baustelle, talking about love, music and creativity Con Francesco Bianconi, leader dei Baustelle, a parlare di amore, musica e tutto il resto

He’s one of the faces of the ‘Roman Rhapsody’ by Gucci Cruise 2018, a campaign designed by Alessandro Michele and celebrated by the unfiltered eye of photographer Mick Rock. Francesco Bianconi, a member, by elective and affective affinity, of the “extended family” - so he likes to define it - of Gucci’s artistic director, looks like a contemporary dandy, in an iconic fusion between iridescent glam rock, golden renaissance and that allure of 1970’s songwriters, of which he is a direct heir. Tuscan from Montepulciano and leader of Baustelle, together with Rachele Bastreghi and Claudio Brasini, Francesco has shown himself to be one of the symbols of Italian song with an absolutely personal style. Already from the first album, Sussidiario illustrato della giovinezza in 2000, the band bears witness to something new, an Italian rock that is elevated by poetry, where the concept of the original song undergoes a kind of symbolic selfanalysis and wonders, “Why can’t I live with pop?” Seventeen years and many albums later, Baustelle are back with L’amore e la violenza and they’ve chosen Siena, on September 29th, to close their very successful tour, with a concert in Piazza del Campo. We meet Francesco Bianconi, singer, but also author and writer, and much more. Montepulciano and Tuscany. How are they a part of your life and music? Essentially, they’re my earliest driving force. My first songs were born from this land and it’s from this same land that I wanted to escape. Living in Montepulciano has made me “immune” to city life, where everything happens and there are so many stimuli. I consider myself a sort of forged peasant, very often immune to the easy “drunkenness” of the city. Literature, poetry, fashion and music. Four worlds that meet in Baustelle, until they became the mirror of a generational phenomenon. If you had to explain your personal style, how would you define it? I have no idea. I can’t define myself. One thing I think is important however, is style. For me, it’s personality, originality and character, elements that I consider essential. I quote Paolo Conte in an

È uno dei volti della ‘Roman Rhapsody’ di Gucci Cruise 2018, campagna firmata Alessandro Michele e celebrata dall’occhio senza filtri del fotografo Mick Rock. Francesco Bianconi, inserito per affinità elettiva e affettiva nella “famiglia allargata” – così ama definirla – del direttore artistico di Gucci, ci appare come un dandy contemporaneo, in una fusione iconica tra glam rock iridiscente, rinascimento aureo e quell’allure cantautorale anni ’70 di cui è diretto erede. Toscano di Montepulciano e leader dei Baustelle, insieme a Rachele Bastreghi e Claudio Brasini, Francesco si rivela uno dei simboli di una Italia cantata e suonata con uno stile assolutamente personale. Già dal primo lavoro Sussidiario illustrato della giovinezza del 2000, la band si rende testimonianza di qualcosa di nuovo, un rock italiano che si eleva in poesia, dove la concezione di canzone d’autore compie una sorta di simbolica autoanalisi e si chiede: “perché non posso convivere con il pop?”. 17 anni e molti dischi dopo, i Baustelle sono tornati con L’amore e la violenza e hanno scelto Siena, il 29 settembre scorso, per chiudere il loro fortunatissimo tour, con un concerto-evento in piazza del Campo. Incontriamo Francesco Bianconi, cantante ma anche autore e scrittore e molto di più. Montepulciano e la Toscana. In che modo fanno parte della tua vita e della tua musica? Rappresentano essenzialmente il mio motore iniziale. In questa terra sono nate le mie prime canzoni e da questa stessa terra ho desiderato fuggire. Vivere a Montepulciano mi ha reso “vaccinato” alla vita di città, dove tutto accade e gli stimoli sono molteplici. Mi reputo una sorta di contadino forgiato, immune molto spesso anche alle facili “ubriacature” cittadine. Letteratura, poesia, moda e musica. 4 mondi che nei Baustelle s’incontrano, fino a diventare specchio di un fenomeno generazionale. Se dovessi spiegarci il tuo personalissimo stile come lo definiresti? Non ne ho idea, non riesco ad autodefinirmi. Una cosa però credo che sia importante: lo stile per me è personalità, originalità e caratFirenze | made in Tuscany 85


Formed in the mid-’90s, Baustelle is an indie rock band composed of leader Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi and Claudio Brasini 86 Firenze | made in Tuscany


music interview

Mixing the romantic sounds of artists like the Smiths and Depeche Mode, with Italian composers as well as with modern sounds of electronica

interview: “The only thing that matters is style.” In an era where everything has already been done and said, this is what makes the difference. We saw you model on the catwalk at the Galleria Palatina for the Gucci Cruise 2018 collection and take part in Mick Rock’s photo campaign. Tell us about this connection to the fashion world and in particular with this brand. I discovered that Alessandro Michele was a longtime fan of Baustelle. From here a sort of collaboration was born. I see him as an absolute and visionary talent. He chose to design our clothes for the tour, now over, and when he proposed that I take part in the fashion show at the Galleria Palatina, I accepted, without thinking about it too much. L’amore e la violenza is a brutally sincere album, where sounds full of “played” tension are mixed with cut and pasted verses, almost Dadaist, along with true declarations of unconditional love. In my opinion, your most contemporary work... It’s an album born simply as a reaction to the times we’re living in, with new wars that terrorize and frighten. I thought about the influence of these events on the intimacy of human feelings. I was inspired by certain love songs written in times of war. And then we added a very precise musical reference, that of a pop sound played with instruments that came from a very long search. “Neither songs by songwriters nor songs without authors exist, and every other form of labeling counts very little for me.” You wrote this in the preface to Per il verso giusto, the new book by Simone Lenzi. So Francesco, when does a song perform the miracle of “breaking your heart”? When the poetic value of the text is so great and so in tune with the melody that it becomes a formidable whole. An example? The last in order of time, K. of Cigarettes After Sex The authors and artists who were part of your formation? The Tales by Edgar Allan Poe, the Beatles and Giotto. How do you explain the world to your daughter? Simply without explaining it too much and considering her not so much as a daughter but as a living being. I have in mind “Non insegnate ai bambini - Do not teach the children” by Giorgio Gaber. Do you have any regrets? Yes, many, but I don’t think about it. I’m very good at keeping my regrets on a light plane, micro-regrets that I also use to write songs.

tere, elementi che reputo essenziali. Cito Paolo Conte in un’intervista: “l’unica cosa che conta è lo stile”. In un’epoca in cui si è già fatto e detto tutto, è questo a fare la differenza. Ti abbiamo visto sfilare alla Galleria Palatina per la collezione Gucci Cruise 2018 e far parte della campagna scattata da Mick Rock. Raccontaci questo tuo legame con il mondo della moda e in particolare con questo brand. Ho scoperto che Alessandro Michele è stato un fan di vecchia data dei Baustelle. Da qui è nata una sorta di collaborazione. Vedo in lui un talento assoluto e visionario. Ha scelto di disegnare i nostri abiti per il tour, ormai giunto a termine, e quando mi ha proposto di sfilare alla Galleria Palatina ho accettato, senza pensarci troppo. L’amore e la violenza un disco brutalmente sincero, dove suoni carichi di tensione “suonata” si mischiano a versi tagliati e incollati, quasi dadaisti, insieme a vere dichiarazioni di amore incondizionato. A mio parere, il vostro lavoro più contemporaneo… E’ un disco nato semplicemente come reazione ai tempi che stiamo vivendo, con nuove guerre che terrorizzano e impauriscono. Ho pensato all’influenza di questi accadimenti sull’intimità dei sentimenti umani. Mi sono ispirato a certe canzoni d’amore scritte in tempi di guerra. E poi si è aggiunto un riferimento musicale ben preciso, quello di un pop suonato con strumenti frutto di una lunghissima ricerca. “Non esiste canzone d’autore e canzone senza autore, e ogni altra forma di etichettatura conta assai poco per il sottoscritto” lo scrivi tu, nella prefazione a Per il verso giusto, nuovo libro di Simone Lenzi. Allora Francesco, quand’è che una canzone compie il miracolo di “spezzarti il cuore”? Quando il valore poetico del testo è così alto e in sintonia con la melodia musicale da trasformarsi in un formidabile tutt’uno. Un esempio? L’ultimo in ordine di tempo, K. dei Cigarettes After Sex Gli autori-chiave della tua formazione? I Racconti di Edgar Allan Poe, i Beatles e Giotto. Come spieghi il mondo a tua figlia? Semplicemente senza spiegarle troppo e considerandola non tanto come figlia ma come essere vivente, ho in mente “Non insegnate ai bambini” di Giorgio Gaber. Hai dei rimpianti? Si tantissimi, ma non ci penso. Sono molto bravo a lasciare i miei rimpianti su un livello leggero, microrimpianti che utilizzo anche per scrivere canzoni. Firenze | made in Tuscany 87


fashion production

Welcome Gucci Garden BENVENUTO GUCCI GARDEN

text Marta Innocenti Ciulli

Palazzo della Mercanzia reopens in Florence with a special project by Gucci Si riapre a Firenze il Palazzo della Mercanzia con un progetto speciale di Gucci

The only thing that’s certain is that Gucci’s new Florentine project will open on January 9, 2018, on the eve of Pitti Uomo, attracting leading figures in the fashion world to the heart of it all for this much awaited event. Gucci, one of the most acclaimed brands in the global fashion system, inaugurates the Gucci Garden in its birthplace, in Palazzo della Mercan-

is that, together, the pair work miracles. What we know about Michele is that he’s no diva. He nurtures an archival memory without fossilizing it. He is respectful of traditions, rejects nostalgia and enjoys independence. With his long hair, beard and oversized sweaters, he has established an utterly absurd and on-point style, totally erasing everything we

Unica cosa certa è stata la data del 9 gennaio 2018, vigilia dell’apertura del Pitti Uomo che già raduna il grande popolo della moda, e ombelico del mondo per l’evento tanto atteso. Gucci, uno dei brand più osannati del fashion system globale, inaugura il Gucci Garden nella sua città natale, all’interno di quel palazzo della Mercanzia dove

sappiamo che non è un divo, coltiva una memoria storica senza cristallizzarla, è fedele alla tradizione, rifiuta la nostalgia e vive di indipendenza. Con i suoi capelli lunghi, la barba, il maglione fuori misura ha fermato uno stile così assurdo e così azzeccato cancellando con un colpo di spugna tutto quello che si sapeva fino allora dello sto-

Ideated and desired by Alessandro Michele and Marco Bizzarri zia that displayed the heritage of the historic brand up until a few months ago. Cloaked in total secrecy until the very last second, Gucci Garden is set to become the newest triumph in the long line of successes that the house of Gucci has accomplished in recent history, ideated and desired by the boundary-breaking creative director Alessandro Michele, whose bottomless bag of surprises never bores us. Heading up the brand for just two years alongside the impressive Marco Bizzarri, CEO and President, Michele’s intuitions have upped the turnover by 50%. What should be noted 90 Firenze | made in Tuscany

knew about the historic Florentine fashion house to date. From his golden throne, Michele produces idea after idea of a creativity pouring from ultimate freedom. “I blend all the beauty that excites me and I pollute it with imperfection …”: this is the magic potion of this anarchic lover. Gucci Garden will include a special store selling historic creations in a unique edition only found in Florence, a restaurant/bistro by Massimo Bottura, three Michelin star chef patron of Modena’s Osteria Francescana and a museum curated by Maria Luisa Frisa.

fino a pochi mesi fa faceva mostra di sé l’heritage dello storico marchio. Ammantato da una infinita segretezza fino all’ultimo istante, Gucci Garden è un altro tassello nella lunga schiera delle positività che la maison Gucci da tempo fagocita, ideato e voluto dal travolgente direttore creativo Alessandro Michele che in fatto di sorprese non ci ha ancora annoiato. Alla guida della maison da soli due anni con al fianco il gigante Marco Bizzarri Ceo e presidente, che con le sue intuizioni ha aumentato il fatturato del 50%, c’è da registrare che insieme fanno miracoli. Di Michele

rico marchio fiorentino. Così dal suo trono dorato sforna e sforna idee di una creatività che più libera di così non si può. “Frullo tutta la bellezza che mi appassiona e la inquino con l’imperfezione….”: la pozione magica di questo anarchico innamorato. Gucci Garden accoglie all’interno anche uno special store in cui trovare le creazioni storiche in edizione unica in vendita solo a Firenze, un ristorante-bistrot con a capo quel Massimo Bottura patron dell’Osteria Francescana premiato tre stelle Michelin e ancora uno spazio museale curato da Marialuisa Frisa.


Gucci Cruise 2018 how at Palazzo Pitti Firenze55


FUTURE INVASIONS

Will hems be lengthened? Or no? In the s/s 2018 collections, there is complete chaos. Breaking the mould without going overboard L’orlo si allunga? o no? Nelle collezioni della p/e 2018 vive di completa anarchia. A voi rompere gli schemi senza paura di esagerare

Marta Innocenti Ciulli photo Alessandro Bencini make up and hair Rossana Luzzi


MARNI Pencil skirt, Mirò drawings, with applications of precious stones and fringes. Shoes and socks Marni


EMILIO PUCCI Flared dress with intaglio hem Shoes: Gucci at Luisaviaroma


PRADA Double-breasted coat dress with wide shawl collar Shoes, socks, belt: Prada


MIU MIU Dress with bustier embroidered with precious stones and a wide skirt. Above, a polo with a jabot made from technical fabric. Sandles, socks, belt: Miu Miu


GUCCI Iap pant suit with sporty elements. Slit skirt. Shoes, socks: Gucci


MARCO DE VINCENZO Pleated skirt in silk and pullover in lurex, with a ruffled hem Sweater Gucci at Luisaviaroma Shoes: Roger Vivier at Luisaviaroma


CHANEL Wide skirt in hi-tech tulle and pearls. Pullover in cotton, with wide sleeves Bomber Saint Laurent at Luisaviaroma Shoes: Prada


fashion jewels

ce

spa Signals from IO ALLO SPAZ SEGNALI D

Refinement and elegance in magical presences with lunar flares. White gold in romantic ornaments for metropolitan goddesses, luxurious relics with precise geometries or with a precious baroque look that will not go unnoticed. The choice is yours. Raffinatezza ed eleganza in magiche presenze dai bagliori lunari. Oro bianco declinato in romantici ornamenti per dee metropolitane, lussuosi cimeli dalle geometrie esatte e barocche presenze preziose per non passare inosservate. A voi la scelta.

1

2

4

4

5

1. Gucci Fine Jewelry via de’ Tornabuoni, 73-81r 2. Cartier - via degli Strozzi, 36 3. Chanel Fine Jewelry piazza della Signoria, 10 4. Bulgari - via de’ Tornabuoni, 56r 5. Pomellato - via de’ Tornabuoni, 89-91r 6. Fani Gioielli - via de’ Tornabuoni, 72r 104 Firenze | made in Tuscany


fashion what’s jewels cool

6 Firenze | made in Tuscany 105


must have bags

2 1

3

It’s spring, wake up all you maidens! This is what the purses and bags are saying, covered with flowers, gardens to wear for the coming season 6

5

7

8

4 6

Renaissance RINASCIMENTO

by Sabrina Bozzoni 1. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 1 - Firenze 2. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 3. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r - Firenze 4. Prada - via de’ Tornabuoni, 53r/67r - Firenze 5. Fendi - via de’ Tornabuoni, 40r - Firenze 6. Balenciaga - piazza di Santa Trinita, 1r - Firenze 7. Miu Miu - via Roma, 8 - Firenze 8. Chanel - piazza della Signoria, 10 - Firenze Firenze | made in Tuscany 107


must have shoes

2 1

3

If diamonds are a girl’s best friends, then what are shoes? Imagine them embellished with iridescent reflections. Struck by lightning 6

5

7

8

4 6

What gems CHE GIOIELLINI

by Sabrina Bozzoni 1. Loewe - luisaviaroma.com 2. Marni - marni.com 3. Stella McCartney - via dei Tosinghi, 52r - Firenze 4. Acne Studios - acnestudios.com 5. Miu Miu - via Roma, 8 - Firenze 6. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 7. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r - Firenze 8. Saint Laurent - via de’ Tornabuoni, 43-45 - Firenze Firenze | made in Tuscany 109


“You don’t kn ow wha t y ou’re missin’ if you nev er l ook a round ” P a ul Sta nl ey - K i s s

Piaz z a Di San Gi ov a nni 1- R

www.moveonfirenze.com


must have trends

2 1

A process for ennobling plastic is underway. Catwalks filled with style experiments of unmistakable transparency. It’s the new time of the visible, take it or leave it 6 7

3

5 8

4 6

PVC

POLIVINILCLORURO, CLORURO DI POLIVINILE

by Sabrina Bozzoni 1. Loewe - luisaviaroma.com 2. Gianvito Rossi - at Luisa Via Roma - via Roma, 19-21r - Firenze 3. Miu Miu - via Roma, 8 - Firenze 4. Maison Margiela - at Societé Anonyme - via Niccolini, 3f - Firenze 5. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 1 - Firenze 6. Nike x Off-White - at Guya Firenze - via Por Santa Maria, 76/r - Firenze 7. Céline - via dei Tornabuoni 24-28r - Firenze 8. Chanel - piazza della Signoria, 10 - Firenze Firenze | made in Tuscany 111


PORTA MODELLO COLUMBIA REI FONOISOLANTE PER HOTEL COMPLANARE LATO ESTERNO LEGNO SMALTATO BIANCO LUCIDO ACCESSORI CROMO LUCIDO

GilibertiStudio

PORTE E FINESTRE CIPRIANI: ELEGANZA SENZA TEMPO.

Cipriani Serramenti S.p.A. 50012 Grassina (Firenze) Italy T. +39 055 640160 F. +39 055 643078 e-mail: info@cipriani-serramenti.it www.cipriani-serramenti.it


must have men

2 1

Colorful diversions for a masculine style that looks to popart to go even further. Beyond fashion, beyond tradition, towards love. Have fun! 6 7

3

5 8

4 6

Colors-Love COLORI-AMO

by Sabrina Bozzoni 1. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r - Firenze 2. Prada - via de’ Tornabuoni, 53r/67r - Firenze 3. Hermès - piazza degli Antinori, 6r - Firenze 4. Rolex - at Fani Gioielli - via de’ Tornabuoni, 72r - Firenze 5. Cos - via della Spada, 1 - Firenze 6. Balenciaga - piazza di Santa Trinita, 1r - Firenze 7. Converse x JW Anderson - converse.com 8. Ermenegildo Zegna - via de’ Tornabuoni, 3r - Firenze Firenze | made in Tuscany 113


fashion story

A Four-wheel DNA UN DNA A QUATTRO RUOTE text Teresa Favi photo Massimo Sestini

There is a compelling story behind the presentation of the Stefano Ricci collection at the Mugello racing circuit C’è una storia avvincente, dietro la presentazione della collezione Stefano Ricci all’autodromo del Mugello Stefano Ricci’s love of vintage cars is more than a passion, it is something deeper and more meaningful, extending far beyond men’s classic obsession with four-wheeled vehicles. On the occasion of his 22nd birthday, his father gave him a classic and very impressive Mercedes car. Stefano was quite proud of it at first. But as soon as he realized that the up-keep of such a fancy car would cost him a pretty penny, he decided, quite reluctantly, to sell it. With the funds from the selling of the car, Stefano Ricci started a small company, driven by a secret dream: the creation of the world’s most beautiful tie. The company, which he founded alongside his fiancée and then wife Claudia, was named after him, Stefano Ricci, and is now synonymous with luxury, men’s timeless elegance and made-inItaly excellence all over the world. And it was exactly with this family and symbolic DNA in mind that Stefano’s children, Niccolò and Filippo, now at the helm of company, introduced the brand’s men’s 2018 winter collection at the International Mugello Circuit, in the part of Tuscany which the Ricci family is particularly fond of and on the beautiful Italian racing track where the season’s fashion movie was shot. “This place is home to us”, said Stefano Ricci, as the famous circuit is half-way between the company’s headquarters just outside of Florence, in Fiesole, and Poggio ai Segugi, the famous fashion entrepreneur’s countryside estate in Fiorenzuola, on the Imola side of the Tuscan-Emilian Apennines. The launching of the collection was inspired by themes which are dear to the Ricci family: cars, speed, racing, homeland, the futurist movement that was born in Florence in the early 1900s. “The Mugello area feels very much like home- says Filippoand the combination of an international racing track, speed and our men’s collection is targeted at customers who pursue edgy yet understated elegance, filled with sophisticated and luxurious details”. The same luxury that is found in the Ricci childrenswear collection, which follows the menswear line. 114 Firenze | made in Tuscany

Quella di Stefano Ricci per le automobili d’epoca non è solo una passione, ma qualcosa di più profondo e con un significato che va oltre il sacrosanto piacere maschile per i balocchi a quattro ruote. Per il suo 22esimo compleanno il padre gli regalò una vecchia Mercedes di prestigio. Sulle prime Stefano ne fu orgoglioso. Poi riconsiderando che quel dono sarebbe costato un bel po’ in manutenzione, decise di cedere, anche se a malincuore, quella vettura importante. Il suo obiettivo era infatti un altro. Con il ricavato fondò un’azienda artigianale, mosso da un sogno nel cassetto: fare la cravatta più bella del mondo. Quell’azienda, messa in piedi con la fidanzata e poi moglie, Claudia, era la Stefano Ricci, oggi emblema di lusso e di eleganza maschile senza tempo, di eccellenza ratificata del made in Italy da un capo all’altro del mondo. Ed è pensando proprio a questo DNA familiare che i figli, Niccolò e Filippo, oggi al timone dell’azienda hanno presentato la collezione Uomo dell’inverno 2018 all’Autodromo Internazionale del Mugello, terra fiorentina alla quale la famiglia è particolarmente legata, sulla cui bellissima pista contrassegnata dal tricolore è stato anche girato il fashion movie di stagione. “Questo luogo per noi è casa nostra”, ha detto Stefano Ricci ricordando che lo storico circuito si trova proprio a metà strada tra la sede dell’azienda alle porte di Firenze, alle Caldine, una frazione di Fiesole, e Poggio ai Segugi, la tenuta di caccia a Firenzuola. Per questo lancio sono stati scelti temi cari alla famiglia, quali appunto le automobili, la velocità, il territorio, con un richiamo al futurismo nato proprio a Firenze nei primi decenni del secolo scorso. “Il Mugello è una terra che sentiamo nostra - ha spiegato Filippo Ricci, direttore creativo della casa di moda - e l’abbinamento con l’Autodromo e con la velocità è perfetto per una collezione rivolta a un uomo che cerca un’eleganza grintosa e discreta, raffinata nei dettagli per un lusso che si svela lentamente”. Un lusso che Ricci ha declinato anche nel bambino, con una collezione che ricalca quella dell’adulto. Quanto al legame tra la famiglia Ricci e le auto d’epoca, è una bella


cover story

Above: Stefano Ricci. Below: Niccolò and Filippo Ricci with a new gem of their private collection, a Ferrari 275 GTS previously owned by Gigi Riva Firenze | made in Tuscany 115


cover story

Niccolò and Filippo Ricci taking part in the Mille Miglia race in a Jaguar XK 120 OTS The bond between the Ricci family and vintage cars is a beau- storia da raccontare. Per la cronaca l’automobile che aveva dato lo tiful story to tell. The car that allowed Stefano to start his busi- start alla sua avventura aziendale, fu riacquistata da Stefano qualness was bought back by him a few years later and is now one che anno dopo ed ha generato una magnifica collezione di vetture of the pieces of his stunning vintage car collection. Today, all storiche. Oggi quelle super quattroruote classiche sono a portata his classic four-wheeled vehicles are gathered, under the Flo- di sguardo, cure e azione dell’imprenditore fiorentino, tutte riunite rentine entrepreneur’s care and watchful eye, at the company’s sotto il tetto del suo quartier generale alle Caldine. headquarters in Florence. They are all prestigious cars with an Sono modelli prestigiosi con storie e pedigree illustri. Raccontaillustrious pedigree. They all tell about Stefano no la predilezione per il prodotto di design italiano Ricci’s passion for Italian car design of the fifties degli anni ‘50 e per le auto inglesi di Stefano Ricci, and for British automobiles. The collection has affiancata nel tempo anche dai contributi dei figli, grown over the years to include the vehicles purFilippo e Niccolò, pienamente coinvolti in questa chased by Filippo and Niccolò, who definitely passione. share their father’s fascination with cars. Una passione attiva e autentica legata a doppio filo A true A true and actively pursued passion, which exanche alla leggendaria corsa su strada, la Mille Miplains also the family’s interest in the Mille Miglia passion, which glia, coronamento per tutti gli amanti delle auto race, the dream come true for all classic car lovexplains also classiche, più volte sponsorizzata dalla Ricci, e alla ers, which has been sponsored by Ricci several the family’s quale per diversi anni la famiglia ha partecipato con times and attended by the Ricci family for years equipaggi diversi, Stefano sulla sua inseparabiinterest in the tre with three different driving teams: Stefano in his le Lancia, Filippo e Niccolò a bordo di una Aston Mille Miglia Martin degli anni Trenta e anche Claudia su un’altra beloved Lancia car, Filippo and Niccolò in an Aston Martin car of the thirties and Claudia in race vettura storica della collezione. another family-owned vintage car. Stefano Ricci non ha mai fatto mistero di questo Stefano Ricci has never been secretive about his passion for suo innamoramento per i motori, le corse e le competizioni, nemcars and car racing, not even in the early stages of his brilliant meno agli esordi della sua attività. E anche quando nel 1986 decide career. And even when, in 1986, he founded Classico Italia, a di fondare Classico Italia, il consorzio di aziende che producono il consortium of companies whose production is 100% Italian 100% in Italia e pilastro su cui è stata costruita la tenuta del sistema and the pillar on which the Italian fashion system was built, moda a livello espositivo a Firenze, tra le prime grandi feste che even when he held the first of a long series of sumptuous par- l’imprenditore organizzò per rafforzare il messaggio di una eccelties to celebrate the excellence of Italian manufacturing and lenza manifatturiera italiana legata a una idea di eleganza senza timeless elegance, a classic car was involved. tempo, c’è sempre di mezzo l’auto classica. 116 Firenze | made in Tuscany


cover story

Above: Niccolò and Filippo Ricci at the Mugello racing circuit. Below: Three supercars were made available to the guests attending the preview Firenze | made in Tuscany 117


fashion interview

Fashion in ultra HD MODA IN ULTRA HD text Virginia Mammoli

Enrico Coveri. The beginnings, special moments and preview into a brand that never stops surprising Gli inizi, i momenti speciali e qualche anticipazione di un brand che non smette di stupire We met Silvana Coveri, Enrico Coveri’s sister, who with her son Francesco Martini Coveri, creative director, leads the famous Tuscan fashion house. On the theme of liaison between fashion and food, Enrico Coveri reinforces his attachment to Florence by bringing some of the outfits in the new collection to his historic coffeeshop Rivoire during Pitti Uomo 93. Tell us how it all began. Enrico started to design fashion in 1972, with Touche By Enrico Coveri runways in Milan. Paris Fashion Week in 1977 was the first runway for the Enrico Coveri brand. Your shows in Paris, New York and Milan were literally taken by storm. Which was the most rewarding? The Paris shows were truly spectacular! We worked with the most sought-after models and the very best photographers. We’re the only ones to have photos by Bill King, a great in the fashion world. Your most iconic design? Keith Haring’s overalls and jeans with the reworked Cuban flag, but there are many. What distinguishes your brand? Coveri fashion not only has it always used colours, but we mix and match them too. Today’s fashion is all about colour. Before it was our way of viewing fashion, totally different than anyone else. Your inspiration? Travelling is essential. We experience cities and streets and we develop our ideas and see what happens: it usually works! There’s a part of Miami that I especially love, an area with graffiti, which wasn’t safe to visit in the past but now it’s before a wonderful center for art. Any other plans? We’re working on a top exhibition that we’ll hold in our gallery in June during Pitti Uomo. We’ll unite fashion and art in collaboration with the photographer Maurizio Galimberti, famous for his use of Polaroid. Currently we’re looking for the most precious moments in our past. It’s 45 years old, so plenty of designs, photos, press cuttings and an important clothing archive. 118 Firenze | made in Tuscany

Abbiamo incontrato Silvana Coveri, sorella di Enrico Coveri, che insieme al figlio Francesco Martini Coveri, creative director, porta avanti la direzione della famosa casa di moda toscana. Sul tema della liaison tra moda e food, Enrico Coveri rafforza il suo legame con la città di Firenze portando durante l’evento di Pitti Uomo 93 alcuni abiti della nuova collezione nello storico locale Rivoire. Ci racconti come tutto è cominciato. Enrico ha cominciato a fare il creatore di moda nel 1972, sfilando a Milano con Touche By Enrico Coveri, quella di Parigi del ‘77 è stata la prima sfilata con il marchio Enrico Coveri. Le vostre sfilate di Parigi, New York e Milano erano letteralmente prese d’assalto. Quale ricorda con più soddisfazione? Quelle di Parigi erano davvero spettacolari! Lavoravamo sia con le modelle più richieste, che con i fotografi più importanti. Le foto di Bill King, un grande del panorama della moda, le abbiamo solo noi. I vostri capi cult? Penso alle tute di Keith Haring e ai jeans con la bandiera cubana rielaborata, ma ce ne sarebbero moltissimi. Cosa contraddistingue il vostro marchio? Il bello della moda Coveri è che non solo usa da sempre i colori, ma anche li abbina e li mischia. Oggi la moda è fatta di colore, prima era il nostro modo di vedere la moda, assolutamente diverso dagli altri. Da dove prendete ispirazione? Viviamo le città, la strada, e poi mettiamo insieme le idee e vediamo cosa succede, di solito funziona! Amo particolarmente una parte della città di Miami: la zona con i graffiti, che prima non era sicura da visitare ma adesso è diventata un centro di arte meraviglioso. Altri progetti? Stiamo lavorando per una grande mostra che faremo nella nostra galleria a giugno, durante il Pitti Uomo. Uniremo moda e arte, in collaborazione con il fotografo Maurizio Galimberti, famoso per il suo uso della Polaroid. Siamo in fase di ricerca dei momenti più preziosi del nostro passato. Sono 45 anni, quindi tanti disegni, tante foto, un archivio storico importante fatto di abiti e ritagli di giornale.


1

2

3

4

1. Silvana Coveri (ph. Ottavia Poli) 2. 6. Enrico Coveri during his famous fashion shows 3. Francesco Martini Coveri 4. A photo by Bill King for Enrico Coveri 5. A preview of Enrico Coveri at Rivoire

5

5

6

6


cover story

Palazzo Pandolfini 120 Firenze | made in Tuscany


The charm of power IL FASCINO DEL POTERE text Domenico Savini photo Lorenzo Cotrozzi

Firenze | made in Tuscany 121


Palazzo Capponi delle Rovinate, during the Republic the Capponi held the position of Gonfalonieri di Giustizia 122 Firenze | made in Tuscany


Palazzo Capponi delle Rovinate Every day, Florence’s private palaces recount a fragment of the past and update the pages of a legend, that of a city of artists who, over the centuries in uninterrupted fashion, created the beautiful and the good. PALAZZO GUICCIARDINI Palazzo Guicciardini, on the street that bears its name, is the result of several buildings constructed over different periods. Beginning with the ancient towers of the Malefici and Guicciardini, it continues with the Benizzi house purchased in 1515. When the façade was not yet architecturally unified, the historian Francesco Guicciardini was born here in 1483. For centuries, the family members were protagonists in the life of the Florentine State. The palace’s main restoration was carried out in 1620-1625 by Gherardo Silvani, who succeeded in giving the Guicciardini houses the appearance of a single unified palace. On the interior are decorations with stuccoes by Pasquale Poccianti and paintings by Luigi Sabatelli (1800-1804). PALAZZO FRESCOBALDI The Frescobaldi family had their oldest houses in the nearby piazza that bears their name, next to the bridge at Santa Trinita. The family was one of the most numerous in 13th and 14th-century Florence, and these houses hosted Charles of Anjou, king of Naples and, in 1301, Charles of Valois, brother of Philip, the Fair King of France. From the 15th century, the Frescobaldi family had houses along Via Santo Spirito, then modernized and enlarged, including a great garden bordering the church that gives the street its name; as a whole it could be said that - of the large apartments of the historic families of Florence,

I palazzi privati di Firenze raccontano ogni giorno un frammento del passato e aggiornano le pagine di una leggenda, quella di una città d’artisti capaci di realizzare, lungo i secoli e senza interruzioni, il bello e il buono. PALAZZO GUICCIARDINI Il palazzo Guicciardini, nella via che porta il loro nome, è il risultato di più edifici costruiti in varie epoche. A cominciare dalle antichissime torri dei Malefici e dei Guicciardini, per continuare con la casa dei Benizzi acquistata nel 1515. Qui, quando la facciata non era ancora architettonicamente unificata, nacque nel 1483 lo storico Francesco Guicciardini e per secoli i membri della famiglia furono protagonisti della vita dello Stato fiorentino. Il restauro principale del palazzo fu eseguito nel 1620-1625 da Gherardo Silvani, che riuscì a dare alle case dei Guicciardini l’aspetto di un palazzo unitario. All’interno si conservano decorazioni con stucchi da Pasquale Poccianti e pitture di Luigi Sabatelli (1800-1804). PALAZZO FRESCOBALDI I Frescobaldi ebbero le loro case più antiche nella vicina piazza che porta il loro nome, prossima al ponte a Santa Trinita. La famiglia fu fra le maggiori di Firenze nei secoli XIII e XIV e proprio in queste case ospitò Carlo d’Angiò re di Napoli e, nel 1301, Carlo di Valois, fratello di Filippo il Bello re di Francia. Fin dal XV secolo i Frescobaldi avevano case lungo via Santo Spirito, poi rimodernate e ingrandite, comprendenti un ampio giardino, confinante con la chiesa che dà nome alla via; nel suo complesso si può dire che - fra i grandi appartamenti delle famiglie storiche di Firenze, quelli dei FreFirenze | made in Tuscany 123


Palazzo Guicciardini, the historian Francesco Guicciardini was born here in 1483


Firenze | made in Tuscany 125


cover story

Palazzo Frescobaldi hosted Charles of Anjou, king of Naples and, in 1301, Charles of Valois, brother of Philip, the Fair King of aaaaaaa France 126 Firenze | made in Tuscany


The façade of Palazzo Ginori, in Via Ginori 11 the Frescobaldi’s have remained among the most complete scobaldi sono rimasti tra i più completi e autentici per gli and authentic in their furnishings and works of art. arredamenti e le opere d’arte. PALAZZO PANDOLFINI PALAZZO PANDOLFINI Near the third circle of the 14th-century walls and Porta Vicino alla terza cerchia delle trecentesche mura e a porta San Gallo in today’s Piazza della Libertà, only one private San Gallo nell’odierna piazza della Libertà, un solo edifibuilding had been built in this area occupied by convents cio privato era stato costruito in questa zona occupata da and monasteries, vegetable patches and gardens: the pal- conventi e monasteri, orti e giardini: il palazzo del vescovo ace of Bishop Giannozzo Pandolfini, today in Giannozzo Pandolfini oggi in via San Gallo. Via San Gallo. Vasari attests that the palace’s Vasari testimonia che l’autore del disegno del designer was Raffaello Sanzio, and it should palazzo fu Raffaello Sanzio ed è da considerabe considered the most important architecre la più importante architettura dell’Urbinate ture to come to us so far from Urbino. Its giunta finora noi, la cui costruzione fu diretconstruction was directed by another archita da un altro architetto, Giovan Francesco da The Capponi tect, Giovan Francesco da Sangallo. and the Strozzi Sangallo. Passed on from one Pandolfini generation to Passato in eredità da una generazione a un’alwere those tra dei Pandolfini, a metà dell’Ottocento il another, in the mid-19th century, Count Alessio married the English Sofronia Stibbert who built conte Alessio sposò l’inglese Sofronia Stibbert sister of Federigo (who donated his vast colsorella di Federigo (che donò a Firenze la sua the greatest -vastissima lection to Florence) and dedicated himself to collezione di erudito) e si dedicò a number of city un restauro generale del palazzo, nel cui amgenerally restoring the palace. His wife grew precious camellia plants in its vast garden. palaces pio giardino la moglie coltivò pregiate piante PALAZZO CAPPONI DELLE ROVINATE di camelie. The Capponi and the Strozzi were, of all the Florentine PALAZZO CAPPONI DELLE ROVINATE families, those who built the greatest number of city palac- I Capponi e gli Strozzi sono tra tutte le famiglie fiorentine es and country villas. The Capponi was one of the most im- quelle che hanno costruito più palazzi in città e ville nelle portant families during the Republic and held the position campagne e i primi furono una delle più importanti casate of Gonfalonieri di Giustizia, i.e., heads of state, ten times. durante la Repubblica e ricoprirono dieci volte la carica di Since the early 14th century, the house was divided into Gonfalonieri di Giustizia, cioè capi dello Stato. two main lines: Cappone and Neri. Descending from the Fin dai primi anni del secolo XIV la casata si divise in due Cappone, Niccolò (1406-1484), with the Da Uzzano inheri- grandi linee: quella di Cappone e quella di Neri. DiscenFirenze | made in Tuscany 127


Palazzo Pandolfini tance, had the Palazzo Delle Rovinate in Via dei Bardi. His dente da Cappone, Niccolò (1406-1484) ebbe con l’eredità direct descendants, the Capponi Counts, still inhabit the Da Uzzano il palazzo Delle Rovinate in via dei Bardi. I suoi most ancient of the many family properties. This palace is discendenti diretti, i conti Capponi, abitano ancora oggi il known by the name of “Delle Rovinate” because of the fre- più antico tra i tanti possedimenti della famiglia. Questo quent landslides on Poggio Dei Magnoli that, several times palazzo è conosciuto con la denominazione “Delle Roviruined the street below, with all its houses. The palace was nate” perché il sovrastante Poggio Dei Magnoli rovinò più built at the beginning of the 15th century by Niccolò da Uz- volte, con tutte le sue case, giù nella strada. Il palazzo fu zano and Vasari informs us that its architect fatto costruire ai primi del Quattrocento da was the painter Lorenzo di Bicci. Niccolò da Uzzano e il Vasari ci informa che il PALAZZO GINORI suo architetto sarebbe stato il pittore LorenEvery day, zo di Bicci. Already in the 15th century, the Ginori family owned many houses in Borgo di San LoFlorence’s PALAZZO GINORI renzo, near the Medici family church. Their private palaces Già nel Quattrocento i Ginori possedevano palace was built in place of their houses becase nel Borgo di San Lorenzo, vicino recount a molte tween 1416 and 1420, probably designed by alla chiesa della famiglia Medici e il loro Pafragment of lazzo fu costruito al posto di queste loro case Baccio D’Agnolo. Enclosed in the palace is a 16th-century courtyard with porticoes on the past and tra il 1416 e il 1420 circa, pare su progetto di four sides. D’Agnolo. All’interno il palazzo racupdate the Baccio At the end of the 17th century, some work was chiude un cortile cinquecentesco con portici pages of a sui quattro lati. Alla fine del Seicento furono carried out to enlarge the building to adapt it to the needs of the times and family. The exlegend eseguiti alcuni lavori di ampliamento dell’eterior work was entrusted to the architect Lodificio per adeguarlo alle necessità dell’epoca renzo Merlini and the interior embellishments, to Antonio e della famiglia, i lavori esterni furono affidati all’archiFerri; during the first half of the 18th century, the building tetto Lorenzo Merlini e quelli interni, di abbellimento, was enlarged again and all the furnishings updated. Carlo ad Antonio Ferri; durante la prima metà del Settecento Ginori is responsible for founding the historic Manifattura il palazzo fu ingrandito ancora e tutto l’arredamento rindi Doccia, making the first porcelain pieces there. One of novato. A Carlo Ginori si deve la fondazione dell’azienda his descendants, of the same name, fond of mechanics, was delle prime porcellane create nella storica Manifattura di the first person to own and drive a car on the streets of Doccia e un suo discendente, omonimo, fu il primo a posFlorence. sedere e a guidare un’automobile sulle strade di Firenze. 128 Firenze | made in Tuscany


Palazzo Pandolfini. Vasari attests that the palace’s designer was Raffaello Sanzio


fashion story

May the party go on! CHE LA FESTA CONTINUI

text Marta Innocenti Ciulli

Brooks Brothers starts celebrating two hundred years of history with Pitti Uomo Brooks Brothers inizia con Pitti Uomo i festeggiamenti di duecento anni di storia It is older than Hermès and Louis Vuitton, older than the first car, Chanel, Hollywood and the Statue of Liberty. Today, the famous American clothing brand is not operating only in the world of menswear anymore, but its long and glorious history begins as a gentlemen’s outfitter. Brooks Brothers was founded in New York back in 1818. Started as a small family business on the corner of Catherine and Cherry streets, Brooks Brothers has grown over time into a legendary international brand, an icon of American-style, top-quality clothing. It was the first company to introduce the ready-towear suit, button-down collars on shirts in 1896, wash-and-wear shirts, fabrics such as Madras and seersucker. Brooks Brothers has tailored for nearly all US presidents- from Lincoln to Obama, from Roosevelt to Kennedy- as well as for a number of international business managers, movie stars, writers and intellectuals and for all those who love understated but peculiar elegance. The current president and CEO of the company is Claudio Del Vecchio, son of Luxottica founder Leonardo Del Vecchio, 88 Firenze | made in Tuscany

who took over the brand from Marks & Spencer in 2001. At a time when the United States were struggling to recover from the September 11 attacks, fate was on his side. Only two bidders showed up at the auction and Claudio Del Vecchio won the race. He reopened the Brooks Brothers store opposite the Twin Towers on September 11, 2002. “I admired those shirts, I first saw them on Gianni Agnelli, who knew a thing or two about elegance”. Today Brooks Brothers is still renowned for its timeless elegance, top-quality fabrics, craftsmanship and innovative spirit. “We have formed an indissoluble bond with our customers, with the children of our customers. A Brooks suit is something any American man wants to own, the first suit he will ever have or the one he will wear on his wedding day”. Celebrations for the company’s 200th anniversary begin here in Florence with the brand’s first fashion show ever, which will be held, as Special Event, in Palazzo Vecchio’s Salone dei Cinquecento, during the 93rd Pitti Immagine Uomo show, along with an exhibition showcasing the American company’s legendary archives in the Sala d’Arme.

Storicamente è più antico della Maison Hermès, della Louis Vuitton, della prima automobile, di Chanel, di Hollywood, della statua della Libertà. Oggi il marchio a stelle e strisce di abbigliamento americano non ha più solo radici maschili, ma la sua lunga e gloriosa storia parte da lì. La Brooks Brothers fu fondata a New York nel lontano 1818. Una piccola merceria familiare all’angolo tra Catherine Street e Cherry Street che nel tempo si è trasformata in leggendario brand internazionale, definendo un invidiabile stile americano mantenendone la qualità. La bottega agli inizi si chiamava Henry Sand Brooks, l’arrivo dei Brothers è del 1850, quando il negozio passa ai quattro figli maschi, dopo la morte del fondatore. Fu la prima azienda a offrire abiti confezionati, a inventare nel 1896 la camicia con il colletto button-down, la camicia non stiro, a diffondere tessuti come il madras e il seersucker. Brooks Brothers ha vestito quasi tutti i presidenti della Casa Bianca, da Lincoln a Obama, da Roosevelt a Kennedy, oltre ai rappresentanti della business community internazionale, personaggi del cinema, scrittori e intellettuali, e tutti gli amanti di quell’eleganza non esibita ma che si nota. Il presidente e amministratore delegato è Claudio Del Vecchio, figlio di Leonardo patron di Luxottica, che nella primavera del 2001 ha acquisito il pieno controllo del marchio dalla Mark and Spencer che la voleva cedere. Il destino,

in un momento disperato dell’America per l’attacco alle torri gemelle, è dalla sua. I concorrenti dell’asta sono solo due: si aggiudica il brand Claudio Del Vecchio che riaprirà la boutique proprio davanti alle Twin Towers l’11 settembre 2002. “Ammiravo quelle camicie, le vedevo indosso all’avvocato Gianni Agnelli che in fatto di eleganza ne aveva da vendere”. Oggi Brooks Brothers si riconferma famoso per la sua eleganza senza tempo, per la qualità dei tessuti impiegati, per le lavorazioni artigianali e per l’innovazione. Conta più di 280 negozi negli States e più di 700 punti vendita in 45 paesi del mondo. “Abbiamo un legame indissolubile con i clienti, con i figli dei clienti. Un abito Brooks è una delle cose che un americano vuole avere, il primo abito che avrà, o quello che indosserà al matrimonio”. Il brand ha conquistato anche le donne quando nel 2016 alle sfilate di New York ha presentato la collezione primavera/ estate con la direzione creativa di Zac Posen, stilista già acclamato in America per i suoi abiti da sera. I festeggiamenti per i duecento anni iniziano qui a Firenze con la prima sfilata nella storia del marchio presentata, come Special Event, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, durante il 93° Pitti Immagine Uomo, insieme ad una mostra sui leggendari archivi made in Usa della maison, nella Sala d’Arme.


Claudio Del Vecchio outside of Brooks Brothers Madison Avenue flagship (credit Carlo Miari Fulchis)


city itineraries

Stories connected with the cycles of nature, with sacredness or with the munificence of patrons of the arts: sometimes all you have to do is look down at your feet. Sometimes floors convey symbolic messages, although often in a cryptic way, such as animals and geometric patterns, which were used throughout the Middle Ages and then became more of a decorative feature than a symbol. So exploring Florence’s church floors is worth the effort. Recent restoration works on the mosaic floor of the Church of Santa Reparata have brought back to light the wonderful peacock that decorates the flooring of this early Christian church. The peacock was a symbol of immortality and, thus, of God, as his flesh was believed to be imperishable. And because it was also the symbol of the goddess Juno, it would have not aroused the suspicions of Christians’ persecutors. The Renaissance-style flooring of the Church of Santa Maria del Fiore features the so-called “Knots of Solomon”. The polychrome marbles and multicolored Bardiglio marbles alternate with the Knot, an intertwined circle and square, which is symbolic of the union between heaven and earth, man and God, the finite and the infinite. Furthermore, the polychrome marbles were used to create spectacular optical effects evocative of the labyrinth, the symbol of the underworld, of disorientation but also, being inside a church, of salvation, of the thread that Ariadne gave to Theseus. Inside the Baptistery, fragments of ancient Roman mosaic flooring alternate with medieval inlaid decorations, including the zodiac circle: the symbol of the cycle of life. In the Middle Ages, planets and stars were believed to have a real influence on men’s lives. That is why zodiac signs are a common feature in medieval churches. In the Church of San Miniato, the zodiac circle, which was incorporated in the floor in 1207 and is coeval and identical with the one in the Baptistery, still indicates the summer solstice when a ray of sunlight strikes the sign of Cancer. Floors, of course, had more than a mere

Floors PAVIMENTI

text Rossella Battista photo Pasquale Paradiso Storie legate ai cicli della natura, alla sacralità o alla magnificenza dei committenti: talvolta basta guardare dove si mettono i piedi per trovarle. E sono i pavimenti a comunicare, spesso in maniera sibillina, messaggi fortemente simbolici. Come animali e disegni geometrici, usati ancora per tutto il Medioevo e poi divenuti più ornamento che sostanza. Così, se l’impazienza o la fretta non hanno la meglio, un salto in cattedrale merita l’attesa in coda. Anche perché dopo il recentissimo restauro del pavimento musivo di Santa Reparata, è finalmente possibile ammirare lo stupendo pavone sul pavimento della chiesa paleocristiana. Il pavone era simbolo d’immortalità e dunque di Dio perché al tempo si pensava che la sua carne fosse immarcescibile. Ma - in quanto simbolo della regina dell’Olimpo, Giunone, non avrebbe insospettito i persecutori dei cristiani. Così come i così detti “Nodi di Salomone”, che si ritrovano anche nel pavimento rinascimentale di Santa Maria del Fiore. Qui l’uso dei marmi policromi e delle variopinte brecce medicee dei bardigli, viene spesso intervallato dal Nodo, diventando l’intreccio tra cerchio e quadrato, simbolo del legame tra terra e cielo, tra uomo e Dio, tra finito e infinito. Ma il pavimento del Duomo ci ricorda anche altro. Il marmo policromo viene qui usato per creare spettacolari effetti ottici come dei labirinti, simbolo degli Inferi, di smarrimento, ma che in chiesa simboleggiano la salvezza, il filo che la pagana Arianna diede a Teseo. Mentre nel Battistero ai frammenti di pavimento musivo romano si alternano le tarsie medievali da cui emerge la ruota dello zodiaco, simbolo del ciclo della vita. L’uomo medievale si faceva guidare dai pianeti e dalle stelle da cui dipendevano le stagioni e per questo è facile trovare i pianeti e i segni zodiacali. A San Miniato, la ruota zodiacale realizzata sul pavimento nel 1207, coeva e uguale a quella del Battistero, ancor oggi segna il Solstizio d’estate quando un raggio colpisce il segno del Cancro. Ma i pavimenti avevano anche valori funzionali. Come la grata in

130 Firenze | made in Tuscany


Baptistery of Florence, paving of the zodiac aaaa Firenze | made in Tuscany 131


Floor of Biblioteca Medicea Laurenziana (concession of the MiBACT, any further reproduction is forbidden) 132 Firenze | made in Tuscany


Firenze | made in Tuscany 133


cover story

Farmacia di Santa Maria Novella, the entrance 134 Firenze | made in Tuscany


Palazzo Vecchio, Sala di Opi Firenze | made in Tuscany 135


city itineraries

ornamental function back then. In the middle of Palazzo Davanzati’s courtyard, concealed behind a stone grille, is an underground cistern which allowed to store rainwater for various uses over the year. Disguised on the terracotta-tiled floor of the palazzo’s first-floor hall are trap doors which were used as machicolations for defensive purposes. Stones, faeces, boiling water and even boiling cooking oil could be dropped on attackers to keep them from coming inside the building. Terracotta was the most widely used domestic flooring material. Terracotta from Impruneta, well-known since the 11th century, was a favorite with the local artisans, who added marl, a special clay, to terracotta to make it waterproof. Terracotta was cut into diamond, square or triangle-shaped tiles to pave the floors of manor houses, such as Palazzo Medici Riccardi, Palazzo Davanzati and Palazzo Pitti where the floors were paved with marble or, as shown in the Stove Room, with strong and colored majolica tiles. During the Renaissance age, floor coverings became a “status symbol”, reflecting the wealth and power of their owners, which can be clearly seen at Palazzo Pitti, as well as at Palazzo Vecchio, where the oldest floors are found: from the terracotta and marble floor of the Room of Opis - in the Apartments of the Elements, the private quarters of Cosimo I - to the Room of Leo X, where the flooring design reproduces the ceiling’s sections, like in the small study next to the Room of Cosimo. Sometimes, floors served only an architectural purpose, such as the grey sandstone molding that Brunelleschi used to give the optical illusion of elevation in the Pazzi Chapel of the Church of Santa Croce. Michelangelo designed the floor for the Laurentian Library that would provide the ideal surface for a reading room. The terracotta and marble “embroideries” were added later on by Niccolò Tribolo. A highly decorated flooring is also found in the adjacent church of San Lorenzo where a porphyry circle, the symbol of royalty, covers the tomb of Cosimo the Elder, and in the Princes’ Chapel, with its wealth of late-Renaissance patterns. Symbolism, however, found its way into modern times too. The flooring designed by Gamberini for the Train Station was intended to contrast with the Gothic architecture of the nearby Church of Santa Maria Novella. And the flooring of the arcade lining Piazza della Repubblica was designed to celebrate Florence as capital of Italy. Once in a while, it may be worth walking face down. pietra che campeggia al centro del cortile di Palazzo Davanzati: serviva per raccogliere le acque piovane, che venivano usate per vari scopi durante l’anno, in una cisterna sotterranea. Così come nel salone del primo piano il pavimento in cotto nasconde delle botole usate come piombatoi di difesa. Sì, avete capito benissimo. Se qualche malintenzionato si introduceva a palazzo sarebbe stato sorpreso da un’improvvisa gragnuola di sassi, escrementi, acqua bollente e talvolta olio. E’ dunque il cotto a essere largamente impiegato per i pavimenti domestici. Quello dell’Impruneta, famoso fin dall’XI secolo, era tra i favoriti perché gli artigiani ci aggiungevano il galestro, una speciale argilla che lo impermeabilizzava. Losanghe, quadrati, triangolini come si trovano a palazzo Medici Riccardi, e nelle stanze di palazzo Davanzati o semplici mattoni rettangolari usati per le cucine. Lo si trova anche a Palazzo Pitti dove, oltre al cotto, si faceva uso di marmi o, come si vede nella stanza della Stufa, della maiolica resistente e colorata. Ed è nel Rinascimento che si cominciano a creare i pavimenti che arredano e raccontano la potenza dei committenti. E se a Pitti non c’è che l’imbarazzo della scelta, a Palazzo Vecchio rimangono i più antichi. Da quello in terracotta e marmi - nella stanza di Opi del Quartiere degli Elementi - dove campeggia il nome di Cosimo I, alla sala di Leone X dove il disegno del pavimento ripropone le partizioni del soffitto, così come nello scrittoio attiguo alla Sala di Cosimo. A volte il pavimento ha solo uno scopo architettonico, come la modanatura in pietra serena che Brunelleschi sceglie per creare un effetto ottico di innalzamento della cappella Pazzi in Santa Croce. Anche Michelangelo, per la Biblioteca di San Lorenzo, pensa a un pavimento che accompagni la lettura. Sarà poi Niccolò Tribolo, a “ricamarlo” con cotto e marmo. Così come lo è la maggior parte del pavimento nell’attigua chiesa, dove una ruota in porfido, simbolo di regalità, copre il sepolcro di Cosimo il Vecchio, o nella Cappella dei Principi dove trionfa la fantasia tardorinascimentale. Ma il simbolismo riesplode anche in tempi più recenti. E’ a lastroni bianchi e rossi il pavimento scelto da Gamberini per la Stazione, che fa dialogare l’Est all’Ovest, ponendosi come contraltare della vicina chiesa di Santa Maria Novella. Ed è ancora un simbolo, stavolta di opulenza ritrovata, il pavimento della galleria di piazza della Repubblica per celebrare Firenze Capitale. Una volta tanto merita camminare col naso all’ingiù. 136 Firenze | made in Tuscany


Restored flooring of Santa Reparata, Florence Cathedral (ph. Claudio aaaaaa Giovannini per Opera di Santa Maria aaaaaaaaaa del Fiore) Firenze | made in Tuscany 137


Above: one of the rooms showcasing a mid-14th century girl’s dress from Groenland Below: the doublet worn by Charles de Blois


art exhibition

Dressed in gold D’ORO VESTITA text Mila Montagni

Cecilie Hollberg describes wealthy 14th-century Florence with an exhibition at the Galleria dell’Accademia La Firenze nel ricco Trecento con una mostra Galleria dell’Accademia

A feeling of pure gold. All encompassing. Precious warp and weft. Distant. Glossy as when it was spun. Rich. Luminous, tactile in its opulence. “Every morning I’d walk in front of the gold backgrounds of the fourteenth-century masterpieces held in our Gallery, each one depicted differently, to convey a different gold. In the different paintings and panels, the paintwork appears like an overlapped, resting fabric, a pattern which does not follow the folds of the clothing worn by the figures, but which outdoes them to lose nothing of its preciousness.” So said Cecilie Hollberg, director of Florence’s Accademia Gallery, curator of the Textile and riches in Fourteenth-Century Florence. Wool, Silk, Painting exhibition, which will be open until March 18. “In the middle of the panels, some of which are naturally on show and including the large Crucifix dating to the late 1300s belonging to the Accademia and restored purposely for the exhibition, are always the Madonna and Christ, whose clothing is painted with golden textiles of exquisite craftsmanship and made extraordinary,” explained the director, who has led the second most visited museum in Italy since 2015. “This is the reason why I started to study and I realized that textiles were so important that the painters copied them, striving to depict the golden background of the Virgin Mary and her son’s clothes as realistically as possible. Their efforts went into finding fabrics that could help them to understand how the originals actually were which had inspired the artists.” The clothing and textiles that have survived intact over the centuries, withstanding wars and epidemics, did not prove easy to find, but Cecilie Hollberg’s determination ensured that this miraculous search yielded fruit, reconstructing the remnants of a geographic diffusion and matchless prestige.

Una sensazione d’oro puro. Avvolgente. Dalle trame e dagli orditi preziosi. Remoto. Lucente come appena filato. Ricco. Luminoso, tattile nella sua opulenza. “Ogni mattina mi trovavo a passare davanti ai fondi oro dei capolavori trecenteschi che la nostra Galleria ospita, ognuno rappresentato in modo differente, per restituire un oro diverso. Nei diversi quadri, e nelle tavole, il dipinto appare come un tessuto sovrapposto, appoggiato, un pattern che non segue le pieghe della veste indossata dalle figure, ma le supera, per non perdere niente della sua preziosità.” A parlare così è Cecilie Hollberg, direttrice della Galleria dell’Accademia di Firenze, curatrice e ideatrice della mostra Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Lana, seta, pittura, che rimarrà aperta al pubblico fino al 18 marzo. “Al centro delle tavole, alcune delle quali sono naturalmente in mostra e tra queste il grande Crocifisso del tardo Duecento appartenente alla Galleria e restaurato appositamente per la mostra - spiega la Direttrice, alla guida del secondo museo più visitato d’Italia dal 2015 - ci sono sempre la Madonna e il Cristo, i cui abiti sono dipinti con tessuti d’oro, appunto, di squisita fattura e resa straordinaria. È stato così che ho cominciato a studiare e ho realizzato come i tessuti fossero talmente importanti tanto che i pittori li copiavano, tentando di riportare con la maggior somiglianza possibile il fondo d’oro delle vesti della Vergine e di suo figlio. L’impegno è diventato allora quello di trovare tessuti che potessero aiutare a comprendere come fossero veramente gli originali che avevano ispirato gli artisti.” I capi e i tessuti sopravvissuti integri attraverso i secoli, superando guerre ed epidemie, non sono stati semplici da reperire ma la ferma, appassionata tenacia di Cecilie Hollberg ha fatto sì che questo miracolo del bello e della sua ricerca accadesse, ricostruendo i segni di un fenomeno di diffusione Firenze | made in Tuscany 139


art exhibition

Some pictures of the exhibition and Cecilie Hollberg, director of Florence’s Accademia Gallery

“I organized an International Scientific Committee, which geografica e di prestigio impareggiabili. “Ho organizzato un enabled this comprehensive exhibition to happen, conveying Comitato scientifico internazionale, che consentisse l’allestito visitors how the idea of fashion was born, and how Flor- mento di una mostra completa, in grado di far comprendere ence and its artisans, the wool and silk guilds, of Calimala a chi la visiti come sia nata l’idea della moda e come Firenand Por Santa Maria, were not only holders of riches, and ze e i suoi artigiani, le corporazioni della Lana e della Seta, therefore arbitrators of political power, but also art buyers of quella di Calimala e di Por Santa Maria - prosegue col piglio exceptional taste,” continued the clear-minded art historian lucido dello storico la donna che custodisce i capolavori di Michelangelo - siano state non soltanto detentori di ricchezze, who stands guard over Michelangelo’s masterpieces. Fourteenth-century Florence, the time of the golden florin e dunque arbitri del potere politico, ma anche committenti and Dante Alighieri, the city walls that extended at an ex- d’arte dal gusto eccelso.” ponential pace and the population-destroying Black Death La Firenze del Trecento, quella del fiorino d’oro e di Dante of 1348, got back on its feet with determination and ambi- Alighieri, quella delle mura che si ampliano a un ritmo espotion: this is the message learnt in the Accademia’s exhibition nenziale e che dal trauma demografico della peste nera del 1348 si risolleverà con determinazione e ambirooms, immersed in silk, wool, velvet, luxury zione, è quella che s’impara nelle sale della Galand gold, skirting with imagination and memleria, immersi in un’installazione tramata di seta, ory the exotic places from which the Florenlana, velluti, lusso e oro, sfiorando con l’immatine fabric came, paid for at extraordinary pricginazione e la memoria i luoghi esotici dai quali es: the Middle East, China, Mongolia, Spain, i tessuti fiorentini arrivavano, pagati cifre favoPrague, the Baltic Sea… “I wanted the city lose: Medio Oriente, Cina, Mongolia, Spagna, and its ancient wealth to be understood, origFlorence’s Praga, Mar Baltico… “Volevo che si compreninating from that ability to work textiles that wealth is desse la città e la sua antica ricchezza, originata has continued from the fourteenth century to the present day,” concluded Cecilie Hollberg, rooted in the da quell’abilità nella lavorazione dei tessuti che who edited the exhibition catalogue for Giunti. manufacturing dal Trecento arriva fino a oggi - conclude Cecilie che per Giunti ha curato il catalogo “As well as understanding how the budgetary of fabrics Hollberg, della mostra - ma anche come le leggi suntuarie laws, which attempted to contain the excesses of riches in clothing were considered necessary for the good che tentavano di contenere gli eccessi di ricchezza nelle vesti of Florence, as can be read in the pages of Prammatica delle fossero considerate necessarie per il bene di Firenze, come si legge nelle pagine della Prammatica delle vesti. Anche se quevesti. This too ensured that new techniques of textile production sto fece sì che si elaborassero nuove tecniche di lavorazione were concocted in order to avoid fines and created new op- dei tessuti per evitare sanzioni e si creassero nuove occasioni di ricchezza.” portunities for wealth.” Admiring the four light-filled sections that form the exhi- E ammirando le quattro luminose sezioni in cui s’articola la bition, from Mediterranean Geometries with Muslim refer- rassegna - dalle Geometrie mediterranee dai rimandi musulences to Luxury from Asia touching upon Winged Crea- mani, al Lusso dall’Asia passando dalle Creature alate d’atures of Chinese ascendency and the Pictorial Inventions scendenza cinese e le Invenzioni pittoriche che richiamavano that referred to the most precious silk designs, as far as For- i disegni delle sete più pregiate, fino al Lusso proibito - si bidden Luxury, we understand just how fundamental textile comprende quanto l’arte tessile, con i suoi disegni e le sue art, with its designs and elaborately refined craftsmanship, lavorazioni elaborate e raffinatissime, sia stata fondamentale per Firenze e per la sua perenne aurea splendida bellezza. was for Florence and its eternal great golden beauty. 140 Firenze | made in Tuscany


Above: Jacopo di Cione, Niccolò di Tommaso, Simone di Lapo, ‘Coronation of the Virgin and Saints, 1372-1373. Below: a velvet damask cope dating back to the first quarter of the 15th century Firenze | made in Tuscany 141


A picture of ‘Fabric is art’, a video installation by Felice Limosani with the fabrics by Lanificio Luigi Ricceri


art event

Liason LEGAMI

text Francesca Lombardi The David and Italian textile tradition by Lanificio Luigi Ricceri: stars in a video installation by Felice Limosani Il David e la tradizione tessile italiana del Lanificio Luigi Ricceri protagonisti di una video installazione di Felice Limosani A magical bond between business and art, retracing the steps of the patronage and openness that made Florence beautiful and at the same time with tremendous innovation that started centuries past. This is the essence of the Fabric is Art project that sees Lanificio Luigi Ricceri take centre stage alongside the David at the Accademia, where textile art is also celebrated with the exhibition Textile and Riches in 14th-century Florence. Ten exclusive and iconic fabrics from the wool mill star in a video installation by Felice Limosani, which sees the patterns projected onto Michelangelo’s David. Technology blends with the statue’s sculpted beauty and the hues of the finely crafted textiles. The 10 patterns of the Ricceri collection come to life through digital art and pixel light: the animated textures wrap around the masterpiece’s marble surface, instilling the world’s most famous statue with a new visual, expressive and symbolic force.  “Like sculpture, textiles are an artistic language that reminds us that art is an extension of craftsmanship and that it lives on outside of galleries and museums,” emphasized Felice Limosani, explaining the project. Along the same lines, Francesco Ricceri commented, “It’s very moving to see our textiles projected onto such an important work of art. I’d like to dedicate this opportunity to all Tuscan artisans who contribute, through their work, to the success of fashion houses all over the world.” All-round Italian brilliance that expresses itself through Michelangelo’s great art as well as in the technological progress of Limosani who lends energy to beauty, and lastly in the savoir faire of our companies that, like Lanificio Ricceri, achieve the highest standards thanks to constant research and attention to raw materials. A hallmark of Lanificio Luigi Ricceri is a production cycle focused on the finest tailoring to ensure exclusive textiles for clients.

Un magico connubio tra imprenditoria e arte, ricalcando i passi di quel mecenatismo e di quell’apertura che ha reso Firenze bella e allo stesso tempo con una grande carica innovativa fin dai secoli passati. E’ questa la sintesi del progetto Fabric is art che vede il Lanificio Luigi Ricceri protagonista accanto al David alla Galleria dell’Accademia, dove l’arte tessile si celebra anche con la mostra Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Dieci esclusivi ed iconici tessuti del lanificio sono protagonisti di una video installazione di Felice Limosani che li vede proiettati sul David di Michelangelo. La tecnologia contamina la bellezza scolpita del David con i cromatismi dei tessuti di alta manifattura. I 10 patterns della collezione Ricceri prendono vita attraverso l’arte digitale e la luce dei pixel: le animazioni delle texture avvolgono le superfici marmoree del capolavoro assoluto della scultura mondiale, conferendo loro una nuova forza visiva, espressiva e simbolica.  “Il tessuto alla pari della scultura è un linguaggio artistico, a ricordarci che l’arte è un’estensione dell’artigianato e vive anche al di fuori delle gallerie e dei musei” sottolinea Felice Limosani spiegando il progetto. Tocca le stesse corde Francesco Ricceri: “Una grande emozione veder proiettati i nostri tessuti su un’opera così importante. Vorrei dedicare questa opportunità a tutti gli artigiani toscani che contribuiscono, con il loro lavoro, al successo delle case di moda di tutto il mondo” . Ingegno italiano tout court quindi, che si traduce nella grande arte di Michelangelo ma anche nel progresso tecnologico di Limosani che conferisce energia al bello, e non ultimo nel savoir fair delle nostre imprese che, come il Lanificio Ricceri, ottiene standard altissimi di prodotto grazie a una ricerca costante e a una grande attenzione per la materia prima. Caratteristica peculiare di Lanificio Luigi Ricceri è un ciclo di produzione improntato all’eccellenza sartoriale, fondamentale per assicurare ai clienti delle vere esclusive sui tessuti. Firenze | made in Tuscany 143


cover story

Two rooms showing the sumptuousness of the Fashion and Costume Museum’s new layout 144 Firenze | made in Tuscany


fashion museum

Revolution RIVOLUZIONE

The new setup at the Museum of Fashion and Costume sparks new dialogue Il nuovo allestimento del Museo della Moda e del Costume si apre a nuovi dialoghi

The title in itself feels new: Traces. Artful dialogues. The new setup at the Museum of Fashion and Costume - curated by Caterina Chiarelli, Simonella Condemi and Tommaso Lagattolla with the direct involvement of the Gallery of Modern Art of Palazzo Pitti, from which the exhibition’s paintings and sculptures hail - revolutionizes the exhibition criteria and the 107 artefacts, ranging from clothing to accessories, paintings to sculptures actively dialogue in a play on reflections and mirrors that expands the space. The show unfurls by highlighting the correspondence between creations by designers/artists and artists/couturiers who worked from the 1930s to the 21st century and today. The clothes are not presented in chronological order; instead the formal correspondence is observed, as well as highlighting analogies in the cultural sphere. The exhibition strives for a correspondence in signs and respectability among the clothing and among the clothing and the paintings and sculptures on display in the various sections. In addition to the new setup, there is also the new clothing and textile deposits of the vast collection of the Museum of Fashion and Costume, also at Palazzo Pitti, in the new wing next to the first deposit. Director of the Uffizi Galleries, Eike Schmidt, emphasizes that “the new deposits, made possible by financing from Centro Fiorentino per la Moda Italiana, Pitti Immagine and Fondazione Pitti Discovery, from a technological standpoint are absolutely at the height of other major fashion museums in the world”. The exhibition and deposits are another important step in the collaboration between the Uffizi Galleries and the world of Tuscan and Italian entrepreneurship towards culture. Andrea Cavicchi, President of the Florence Center for Italian Fashion and Pitti Immagine Discovery Foundation explained, “In these two years of working together, we have worked to create permanent housing for the promotion of contemporary fashion.”

A partire dal titolo si respira aria di novità: Tracce. Dialoghi ad arte. Il nuovo allestimento del Museo della Moda e del Costume - curato da Caterina Chiarelli, Simonella Condemi e Tommaso Lagattolla con il coinvolgimento diretto della Galleria di arte moderna di Palazzo Pitti, dalla quale provengono dipinti e sculture inseriti nel percorso espositivo - rivoluziona i criteri espositivi e le 107 opere tra abiti, accessori, dipinti e sculture dialogano attivamente in un gioco di riflessi e specchi che dilata gli spazi. Un percorso che si sviluppa mettendo in evidenza le corrispondenze tra le creazioni di stilisti-artisti e artisti-couturiers che hanno lavorato dagli anni Trenta del Ventesimo secolo fino ai giorni nostri. La presentazione degli abiti non è precisamente cronologica ma privilegia le corrispondenze formali, oltre ad evidenziare analogie di ambito culturale. Si è ricercata quindi una corrispondenza di segni e decori fra i capi stessi e tra questi e i dipinti e le sculture esposte nelle varie sezioni. Accanto al nuovo allestimento, il nuovo deposito degli abiti e del tessile della vasta collezione del Museo della Moda e del Costume, che si trova sempre a Palazzo Pitti, nella nuova ala adiacente al primo deposito. Il Direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt sottolinea che “i nuovi depositi, realizzati con il contributo finanziario del Centro Fiorentino per la Moda Italiana, di Pitti Immagine e della Fondazione Pitti Discovery, dal punto di vista tecnologico sono assolutamente all’altezza di quelli degli altri grandi musei della moda al mondo”. La mostra e i depositi sono un ulteriore importante passo nel segno della collaborazione tra Gallerie degli Uffizi e il mondo dell’imprenditoria toscana e italiana, nel segno della cultura. Come spiega Andrea Cavicchi Presidente del Centro di Firenze della Moda Italiana e della Fondazione Pitti Immagine Discovery “in questi due anni di lavoro insieme, abbiamo lavorato alla creazione di una struttura permanente per la valorizzazione della Moda contemporanea”. Firenze | made in Tuscany 145


art exhibition

The years of the miracle GLI ANNI DEL MIRACOLO ECONOMICO text Francesca Lombardi

The Birth of a Nation exhibition at Palazzo Strozzi focuses on art in Italy in the 1960s La mostra ‘Nascita di Una nazione’ a Palazzo Strozzi racconta l’arte in Italia negli anni ‘60

Renato Guttuso, Lucio Fontana, Alberto Burri, Emilio Vedova, Enrico Castellani, Piero Manzoni, Mario Schifano, Mario Merz and Michelangelo Pistoletto all together in a top exhibition in Florence to focus on Italian cultural ferment from the 1950s to the late 1960s. Vaunting an original curatorial take and a striking series of exhibition halls, the Birth of a Nation exhibition (from March 16 to 22, at Palazzo Strozzi) zooms in on the years of the so-called economic miracle, through to the fateful date in 1968, and the artists who by their experimentation, on one hand, created political commitment and militant art and, on the other hand, reinvented the concepts of identity, belonging and collectivitity connected to contradictions of the history of Italy in years after Fascism and the war. “Birth of a Nation aims to offer a way to interpret an artistic period that is inextricably linked to the development of Italy and took new life from politics, fashion and vital social changes,” explained the exhibition’s curator Luca Massimo Barbero. “The halls ensue in a contrasting and compulsive way to develop in the visitor the feeling of vitality of that artistic period. At that time, the ferment was such that it allowed the Informal artists to pursue their research while artists of the new figuration pursued a way that was diametrically opposed. The aim is to enter suddenly into the studies of these great artists while they worked on the definition of a new Italian art.” The exhibition begins with an immersive space consisting of four video projectors in sync with one another, which retrace a short visual history of Italy from the country’s unification to 1968 through art, cinema, fashion, news, politics and society. 146 Firenze | made in Tuscany

Renato Guttuso, Lucio Fontana, Alberto Burri, Emilio Vedova, Enrico Castellani, Piero Manzoni, Mario Schifano, Mario Merz e Michelangelo Pistoletto, insieme in una grande mostra a Firenze per raccontare il fermento culturale italiano tra gli anni Cinquanta e la fine degi Sessanta. Con un originale taglio curatoriale e un incalzante susseguirsi di sale, l’esposizione Nascita di una Nazione (dal 16 marzo al 22 luglio a Palazzo Strozzi) racconta gli anni del cosiddetto miracolo economico, fino alla fatidica data del 1968, e quegli artisti che, con le loro sperimentazioni, da un lato fanno arte di militanza e impegno politico, dall’altra reinventano i concetti di identità, appartenenza e collettività collegandosi alle contraddizioni della storia d’Italia negli anni successivi al periodo del fascismo e della guerra. Nascita di una Nazione vuole offrire una chiave di lettura ad un periodo artistico che si è intrecciato indissolubilmente con lo sviluppo dell’Italia e che ha tratto dalla politica, dal costume e dai cambiamenti sociali linfa vitale”, spiega il curatore Luca Massimo Barbero. “Le sale si susseguono in modo contrastante ed incalzante per sviluppare nel visitatore il senso della vitalità di quel momento artistico: in quegli anni, infatti, il fermento era tale da permettere agli artisti dell’Informale di seguire la loro ricerca mentre gli artisti della nuova figurazione seguivano un percorso diametralmente opposto. Lo scopo è entrare all’improvviso negli studi di questi grandi artisti mentre lavorano alla definizione di una nuova arte italiana”. L’esposizione si apre con un ambiente immersivo costituito da quattro videoproiezioni correlate in sincrono che ricostruiscono una breve storia visiva d’Italia dall’Unità al 1968, tra arte, cinema, moda, cronaca, politica e società. Queste immagini sono poste in un contraddittorio dialogo con La battaglia


Lucio Fontana, Concetto spaziale. Attesa, 1965 Firenze | made in Tuscany 147


Piero Manzoni, Merda d’artista, maggio 1961

These images are in sharp contrast with Renato Guttu- di Ponte dell’Ammiraglio (1951-1955) di Renato Guttuso. I priso’s The Battle of Ponte dell’Ammiraglio (1951-55). The mi anni Cinquanta sono fondamentali per la storia d’Italia: early 1950s were fundamental for Italy’s history: it was a è il momento della rinascita ed è la fase in cui si iniziano time of rebirth and the moment when the foundations a gettare le basi di quello che poi sarà il boom economico were laid for what would be the economic boom that che caratterizzerà il decennio successivo. distinguished the next decade. La mostra continua raccontando i grandi momenti dell’aThe exhibition continues by focusing on the major mo- strazione italiana degli anni Cinquanta con alcuni dei suoi ments of Italian abstraction in the 1950s maggiori rappresentanti, nel decennio di afwith some of its leading exponents, in the fermazione dell’Informale. Sono qui esposte decade when Informal Art became estable opere spazialiste di Lucio Fontana perlished. corse da buchi e tagli, l’azione sulle materie Here we find spatialist art by Lucio Fondi Alberto Burri, il campione dell’astrazione tana with its holes and slashes, Alberto gestuale Emilio Vedova, la terracotta di LeonAn original cillo, i rifiuti meccanici di Ettore Colla. Nella Burri’s use of matter, the master of gestural abstraction Emilio Vedova, Leoncillo’s tercuratorial terza sezione s’indaga l’arte Informale in un racotta and the mechanical waste of Ettore di utilizzo di nuove materie per take and a crescendo Colla. The third section concentrates on una nuova forma/visione: i candidi gessi di Informal Art in a crescendo of use of new striking series Alberto Viani, le bende di Salvatore Scarpitta, of exhibition così come i rilievi di Angelo Savelli e le gommaterials for a new form/vision: the candid plasters of Alberto Viani, the bandages of halls mepiume di Giulio Turcato. Salvatore Scarpitta, Angelo Savelli’s reliefs La mostra, a partire dalla quarta sala, propone and Giulio Turcato’s foam. una riflessione su una nuova idea di immagine tra segno e The exhibition, from the fourth room onwards, reflects oggetto, tra figura e persona. on a new idea of image between sign and object, figure Diventano protagonisti gli artisti emergenti della scena arand person. Jannis Kounellis and Pino Pascali, emerg- tistica romana, Jannis Kounellis e Pino Pascali. Una sezioing artists on the Roman art scene, become central ne della sala è dedicata alle visioni lenticolari di Domenico figures. One section of the room is dedicated to the Gnoli, in un interessante focus monografico. close-up visions of Domenico Gnoli in an interesting I primi anni Sessanta sono una fucina di una forma d’im148 Firenze | made in Tuscany


Renato Guttuso, La battaglia di Ponte dell’Ammiraglio, 1955

monographic focus. The early 1960s were a hotbed for magine che esce dallo schema puramente Pop e in Italia si an image born out of Pop Art and in Italy this art was connota con un modo nuovo di portare in scena sempre connoted with a new way of always bringing daily meta- una metafisica quotidiana: la figura e il gesto: dalle figure physics to the front and center: figure and gesture, from lignee di Mario Ceroli ai “gesti politici” di Sergio Lombarthe wooden figures of Mario Ceroli to the “political ges- do, dagli smalti di Tano Festa e Giosetta Fioroni, alle immatures” of Sergio Lombardo, the enamels of Tano Festa gini imbottite di Cesare Tacchi, e alle silhouette moltiplicaand Giosetta Fioroni, the padded images of Cesare Tac- te di Renato Mambor. chi, and the multiplied silhouettes of ReLa sesta sezione è dedicata agli anni Sessanta nato Mambor. in Italia, dove non esiste più il realismo così The sixth section zooms in on the 1970s in come non esiste più l’informale. Italia, when neither Realism nor Informal Nasce così una materia pittorica, nuova, dutexisted any more. tile e veloce fatta di smalti luccicanti, di sgocA pictorial matter was born, new, ductile ciolature feroci e di nuove rappresentazioni. Un originale In questa situazione ecco emergere, tra gli and fast made of shiny enamel, fierce drops and new depictions. In these circumstanctaglio altri, il nuovo campione della pittura, Mario es, the new champion of painting emerged: curatoriale e Schifano. Mario Schifano. La metà degli anni Sessanta sono la stagione un incalzante delle cosidette geografie possibili che vedono The mid 1970s were the season of so-called susseguirsi di declinarsi i lavori radicalmente sperimentali possible geographies, which witnessed the declination of radically experimental art by sale di Alighiero Boetti, o le Italia di Luciano FaAlighiero Boetti, and the Italias of Luciano bro. Fabro. The end of the time saw a “short-circuit” between La fine del percorso vede un “cortocircuito” tra Mappa Map (1971-72) by Alighiero Boetti and Attempting to Fly (1971-1972) di Alighiero Boetti e Tentativo di volo di Gino by Gino De Dominicis, one of the actions taken from De Dominicis, una delle azioni tratte da Identifications di Identifications by Gerry Schum (1970), which became Gerry Schum (1970), che diventano l’eco e l’introduzione a the echo and introduction to an Italy that speaks an un’Italia che parla un linguaggio internazionale e che mira international language and which also aimed to become a divenire un punto di riferimento anche al di fuori dei a reference point outside of the country. confini nazionali. Firenze | made in Tuscany 149


AAbove: Altorilievo by Stefano Arienti, Antinori winery in Chianti Classico. Below: Scena Fissa by Stefano Arienti, Nazionale Bargello Museum


art exhibition

Beyond the clichés

OLTRE I CLICHÉ text Francesca Lombardi

tte Robbia’s lune ti’s art Giovanni della en ri A no fa ith Ste i winery in dialogue w or and the Antin bia at the Bargello ob R lla Giovanni de rienti A La lunetta di no fa te S opere di i or dialoga con le ntin alla cantina A al Bargello e A new work, a discovery linked to the past, Florence and the Bargino vineyards: these are the factors in a project that spans past and present for Antinori, part of the winery’s Antinori Art Project – a research platform dedicated to visual arts and artists of our time. The Antinori family commissioned Stefano Arienti to develop an original project designed to be in dialogue with a masterpiece of Renaissance art history: the lunette depicting The Resurrection of Christ dating to the early 16th century by Giovanni Della Robbia (Florence, 1469-1520), commissioned by Nicolò Tommaso Antinori. The lunette, now owned by the Brooklyn Museum, can be seen at the Bargello Museum until April 8, following a lengthy restoration sponsored by the Antinori family. In addition to the restoration, the dual intervention by Stefano Arienti: at the Bargello, in a room adjacent to the lunette, Scena Fissa was installed for the From Brooklyn to the Bargello: Giovanni della Robbia, the Antinori lunette and Stefano Arienti exhibition. At the same time, at the Antinori Chianti Classico winery another site-specific installation is on display by Arienti, which is linked to the lunette and will become part of the family’s collection: it’s titled Altorilievo. We met Stefano Arienti at the presentation of the project. Un’opera inedita, una scoperta legata al passato, Firenze e le vigne di Bargino: sono questi i fattori di un progetto che unisce passato e presente nel segno di Antinori, nell’ambito di Antinori Art Project - piattaforma di ricerca, dedicata alle arti visive e agli artisti del nostro tempo. La famiglia Antinori ha commissionato a Stefano Arienti un progetto inedito concepito per essere in dialogo con un capolavoro della storia dell’arte rinascimentale: la lunetta raffigurante La resurrezione di Cristo realizzata agli inizi del XVI secolo da Giovanni Della Robbia (Firenze, 1469 - 1520), su commissione di Nicolò Tommaso Antinori.  La lunetta, oggi proprietà del Museo di Brooklyn, è visibile al Museo Nazionale del Bargello fino al prossimo 8 aprile in seguito a un importante restauro sostenuto dalla famiglia Antinori. Accanto al restauro, il duplice intervento di Stefano Arienti: al Bargello, in una sala attigua a quella della lunetta, è stata installata l’opera dal titolo Scena Fissa per la mostra Da Brooklyn al Bargello: Giovanni della Robbia, la lunetta Antinori e Stefano Arienti.  In contemporanea, presso la cantina Antinori nel Chianti Classico è esposta l’altra installazione site-specific di Arienti legata alla lunetta, che entrerà a far parte della collezione di famiglia dal titolo Altorilievo. Abbiamo incontrato Stefano Arienti alla presentazione del progetto. Firenze | made in Tuscany 151


interview movie

Details of the lunette by Giovanni della Robbia commissioned by Niccolò Tommaso Antinori

A Renaissance masterpiece juxtaposed with contemporary artwork

Is a comparison with the past a constant motif in your art? I’m moved by art from all times. I’m a curious person and I research past masters to learn how to improve my work. Hence the influences. How did this project come about and what’s your relationship with the client? This is a work that belongs not only to a private space. The Bargello is an important public space, the Bargino winery is a privately owned space frequented by many wine lovers rather than art lovers. I considered a mixed bag of observers this time, something that proved very stimulating. Two site specific artworks. Can you tell us something about them? In my two works the compositional elements of the Della Robbia lunette were isolated and distributed in the spaces to gain formal independence. I started with research into the results of the lunette’s restoration, where the various parts that form the composition weren’t welded or stuck together as they originally were but were deliberately left separate Therefore I recomposed the 46 elements of the lunette in a new spatial distribution: the images are no longer purely in front of Il confronto con il passato è una cifra costante del suo lavoro? Mi appassiona l’arte di tutti i tempi, sono una persona curiosa e ricerco i maestri del passato per imparare a fare meglio il mio lavoro. Da qui queste contaminazioni. Come è nato il progetto e il rapporto con il suo committente? È un’opera che non appartiene soltanto a uno spazio privato: il museo del Bargello è un importante spazio pubblico, le cantine di Bargino sono uno spazio privato frequentato da tanti appassionati di vino prima che d’arte. Mi sono confrontato quindi con una committenza allargata ed eterogenea questa volta, ed è stato un grande stimolo. Due opere site specific, ce le racconta? Nel mio doppio intervento gli elementi compositivi della lunetta di Della Robbia sono stati isolati e distribuiti negli spazi, per acquisire un’indipendenza formale. Sono partito dallo studio del risultato del restauro della Lunetta, dove le varie parti che formano la composizione non sono state saldate o incollate insieme come erano originariamente ma lasciate volutamente separate. Ho quindi ricomposto i 46 elementi della lunetta in una distribuzione spaziale rinnovata: le immagini non sono più solo di fronte allo

152 Firenze | made in Tuscany


interview movie

Giovanni della Robbia, Resurrection of Christ, New York, Brooklyn Museum

the viewer; instead they involve him or her on several layers like a popular sacred depiction. At the Bargello I used a two-dimensional support with the figures that appear in the lunette but increased slightly in size to reach an almost real 1:1 scale. The installation occupies three walls of the adjacent room in which the lunette is displayed to create a narrative continuity between the works. The site specific installation designed for the Antinori Chianti Classico Winery is found in the Vinsantaia, the vin santo cellar. The artwork was created on a three-dimensional support with a thickness similar to the original lunette. Here I changed the order of the addends, freeing the figures and weaving a new thread. What’s your personal relationship with Giovanni della Robbia’s art? A passionate character, less inside the clichès than other members of the family who in this artwork, for its colours and special treatment of volumes and materials, almost approaches contemporary art. It’s even been said that there’s an affinity with Jeff Koons… It’s been a very interesting dialogue!  

In addition to the restored piece, two works by Stefano Arienti

spettatore ma lo coinvolgono da più lati come una sacra rappresentazione popolare. Al Museo del Bargello ho utilizzato un supporto bidimensionale dove i personaggi che compaiono nella Lunetta ma aumentati leggermente in dimensione sino ad arrivare ad una scala quasi reale, 1:1.  L’allestimento occupa tre pareti della sala comunicante con quella dove è conservata la Lunetta, in modo da creare una continuità narrativa tra le opere. Il lavoro site specific ideato per la Cantina Antinori nel Chianti Classico è allestito nella Vinsantaia. L’opera è realizzata su un supporto tridimensionale, con uno spessore simile a quella dell’opera originale. Qui ho cambiato nuovamente l’ordine degli addendi, liberando i personaggi e tessendo così una nuova trama. Il suo personale rapporto con il lavoro di Giovanni Della Robbia? Un personaggio appassionante, meno dentro i clichè rispetto ad altri membri della famiglia che in quest’opera, per i colori e una trattazione particolare dei volumi e della materia, quasi si avvicina a delle opere contemporanee. Si è parlato addirittura di affinità con Jeff Koons…È stato un dialogo molto interessante!   Firenze | made in Tuscany 153


Above: Giovanni Allevi Below: Alessandro Preziosi is Van Gogh in ‘L’odore assordante del bianco’ 154 Firenze | made in Tuscany


theatre season

Shows and great music SPETTACOLI E GRANDE MUSICA

text Rossella Battista

A selection of the best concerts and events from January to March in the main Florence theaters Una selezione dei migliori appuntamenti da gennaio a marzo nei principali teatri di Firenze Florence has rightly been adjudicated the most proactive city in terms of culture and shows. In fact, if you want, there’s a show every night. Here’s what’s on in the city’s main theaters, and not to be missed. OPERA DI FIRENZE The year begins with the love traps and street artists’ pranks in one of the most famous works by George Bizet, Carmen (January 7-18). Conducted by Ryan McAdams and directed by Leo Muscato, Carmen is Veronica Simeoni. La Favorite (February 22 - March 3) had a troubled history. Gaetano Donizetti had thought of the mistress of the viceroy of Naples, but problems of censorship had him go back a few centuries, transferring the story of the king’s favorite to Castile. Ariel Garcia Valdés directs, and Fabio Luisi conducts the first Florentine staging of the French version. Instead, Il Barbiere di Siviglia (March 20-29) by Gioacchino Rossini, revised by Damiano Michieletto, is given a modern, more carefree interpretation, with setting the opera and its eccentric characters in a modern train. And in the tricentennial of Christoph Gluck, we mustn’t miss Christoph Gluck’s Alceste (March 21-30), presented by Pier Luigi Pizzi in the

original Italian version as it was staged in Vienna in 1767. There’s a wealth of symphonic music with Fabio Luisi and the concerts for Strauss (February 8-24); while Alexander Lonquich on March 24th tackles Mozart and Radu Lupu, one of the major interpreters of Schubert’s piano works, on March 27 presents Six Musical Moments of the Austrian master. TEATRO DELLA PERGOLA The year begins in an atomic bomb shelter for Glauco Mauri and Roberto Sturno who bring Samuel Beckett’s Endgame to life (January 8-14). From February 6 to 11, Alessandro Preziosi is Van Gogh by Stefano Massini. Stefano Accorsi tells us about everyday life with a series of fairy tales in the Favola del principe che non sapeva amare (February 20-25) adapted by Marco Baliani from ‘The Tale of Tales’ by Giambattista Basile. March opens with a work that takes us back to the psychological consequences of the Holocaust with an intense Elena Sofia Ricci, who, with Gian Marco Tognazzi and Maurizio Donadoni, gives life to Broken Glass (March 6-11) by Arthur Miller, directed by Armando Pugliese. TEATRO VERDI The ocean crossing from the

Firenze si è a buon diritto aggiudicata il titolo di città più propositiva in fatto di cultura e spettacoli. Volendo infatti c’è uno spettacolo ogni sera. Ecco quelli da non perdere nei principali teatri della città. OPERA DI FIRENZE L’anno inizia con i tranelli dell’amore e gli scherzi degli artisti di strada in una delle più famose opere di George Bizet, Carmen (7-18 gennaio). Direttore Ryan McAdams e regia di Leo Muscato, Carmen è Veronica Simeoni. Ha avuto una storia travagliata La Favorite (22 febbraio-3 marzo). Gaetano Donizetti aveva pensato all’amante del viceré di Napoli ma per problemi di censura anticipò di qualche secolo, trasferendo la storia della favorita del re in Castiglia. Ariel Garcia Valdés alla regia, e il direttore Fabio Luisi firmano la prima rappresentazione fiorentina della versione francese. Lettura moderna e scanzonata è invece Il Barbiere di Siviglia (20-29 marzo) di Gioachino Rossini rivisto da Damiano Michieletto, che ambienta in un moderno treno il melodramma con gli eccentrici personaggi. E nel trecentenario di Christoph Gluck non poteva mancare l’Alceste (21-30 marzo) che Pier Luigi Pizzi propone nella versione originale in italia-

no come fu rappresentata a Vienna nel 1767. Ricca anche l’offerta sinfonica con Fabio Luisi e i concerti per Strauss (8-24 febbraio); mentre Alexander Lonquich il 24 marzo è alle prese con Mozart e Radu Lupu, tra i maggiori interpreti pianistici di Schubert, il 27 marzo propone Sei momenti musicali del maestro austriaco. TEATRO DELLA PERGOLA L’anno inizia in un rifugio antiatomico per Glauco Mauri e Roberto Sturno che danno vita a Finale di partita di Samuel Beckett (8-14 gennaio). Dal 6 all’11 febbraio, Alessandro Preziosi è il Van Gogh di  Stefano Massini. Stefano Accorsi ci parla del vivere quotidiano con una serie di storie fiabesche con la Favola del principe che non sapeva amare (20-25 febbraio) tratto da Marco Baliani da ‘Lo Cunto de li cunti’ di Giambattista Basile. Marzo si apre con un’opera che ci riporta alle conseguenze psichiche dell’Olocausto con un’intensa Elena Sofia Ricci che, con Gian Marco Tognazzi e Maurizio Donadoni, dà vita a Vetri rotti (6-11 marzo) di Arthur Miller per la regia di Armando Pugliese. TEATRO VERDI E’ un inno all’amicizia la traversata oceanica dalla giungla ai grattacieli di New York Firenze | made in Tuscany 155


theatre season

jungle to New York’s skyscrapers is a hymn to friendship in Madagascar, with the characters of the film in a musical version (January 6-7). Cinderella is back, the 14th, in the latest version by the Moscow Ballet. Lorella Cuccarini is the cruel protagonist of The Snow Queen (January 26-28). Maurizio Colombi is inspired by Turandot. Great Spanish dance show with Flamenco Live by the Ballet Flamenco Espanol, February 3. The capricious Gioseffa is an inconsolable widow, owner of the Al Cavallino bianco hotel (February 4) in one of the most exhilarating operettas of the Compagnia italiana

with hits of a young Italo-American from the 1950s to the 1970s. The National Ballet of Sofia with Don Quixote (March 1) synthesizes Russian and German dance by offering a leaner version of the work inspired by Cervantes. Dance is onstage again on the 11th with Night Garden by the Evolution Dance Theater. Antony Heinl directs a show of dance and acrobatics, with music ranging from Massive Attack to Radiohead and Joni Mitchell. Giovanni Allevi, the 25th, brings his latest work Equilibrium Tour with music and the support of 13 Stringed Instruments from the Italian Symphony

proposta da Madagascar con i personaggi del film in versione musical (6-7 gennaio). Torna Cenerentola, il 14, nella rodata versione del Balletto di Mosca. Lorella Cuccarini è la crudele protagonista de La regina di Ghiaccio (26-28 gennaio). Maurizio Colombi si è ispirato a Turandot. Grande spettacolo di danza spagnola con Flamenco Live del Ballet Flamenco Espanol il 3 febbraio. Una vedova poco inconsolabile è la capricciosa Gioseffa proprietaria dell’albergo Al Cavallino bianco (4 febbraio) in una delle operette più esilaranti della Compagnia italiana di Operette dirette da Mau-

da un giovane italoamericano. Il Balletto nazionale di Sofia con Don Chisciotte (1 marzo) sintetizza danza russa e tedesca offrendo una versione più spigliata dell’opera ispirata al Cervantes. L’11 è nuovamente in scena la danza con Night Garden dell’Evolution Dance Theater. Antony Heinl dirige uno spettacolo che è danza e acrobazia assieme su tracce musicali che spaziano dai Massive Attack ai Radiohead e Joni Mitchell. Giovanni Allevi il 25 marzo porta il suo ultimo lavoro Equilibrium Tour con musiche e il supporto di 13 Archi dell’Orchestra sinfonica italiana.

rizio Bogliolo. Dall’8 all’11 torna il musical con Dirty dancing. Il regista Federico Bellone e il coreografo Gillian Bruce ripropongono fedelmente la storia d’amore del film vincitore di un Oscar per The time of my life. Concerto di Carnevale il 13 con il violinista Nemanja Radulovic che diretto da Elji Oue proporrà musiche di Prokofiev, Dvorak e Mozart. Jersey Boys (16-18 febbraio) è stato proclamato il più innovativo musical del 2016 e in particolare nella versione di Claudio Insegno che dirige Alex Mastromarino con i successi tra gli anni ‘50 e ‘70 vissuti

TEATRO PUCCINI Teatro nel teatro con Familie Floz-Teatro Delusio (19-21 gennaio) di Paco Gonzales, che propone varie forme di spettacolo con un uso originale delle maschere. Torna Caveman o l’uomo delle caverne (27 gennaio), divertente parentesi cabarettistica-musicale di Maurizio Colombi diretto da Teo Teocoli sui fatti e misfatti della vita di coppia. Danza e scene acrobatiche sono le protagoniste di Sonic-Toren (23-24 marzo). I Sonic tornano nei teatri con questa nuova produzione presentata al Fringe Festival di Edimburgo che vuole essere un inno alla gioia, al colore e alla felicità.

What’s on in the city’s main theaters di Operette, conducted by Maurizio Bogliolo. From 8 to 11 the musical returns with Dirty dancing. Director Federico Bellone and the choreographer Gillian Bruce faithfully reproduce the love story of the film that won the Oscar for The Time of My Life. Carnival Concert the 13th, with violinist Nemanja Radulovic, conducted by Elji Oue, presents music by Prokofiev, Dvorak and Mozart. Jersey Boys (February 16-18) has been proclaimed the most innovative musical of 2016 and particularly the version by Claudio Insegno, directed by Alex Mastromarino, 156 Firenze | made in Tuscany

Orchestra. TEATRO PUCCINI Theater within theater with Familie Floz-Teatro Delusio (January 19-21) by Paco Gonzales, presenting various forms of spectacle and using masks in an original way. Caveman is back (January 27), the comic cabaret-musical by Maurizio Colombi directed by Teo Teocoli on the deeds and misdeeds of married life. Dance and acrobatic scenes are the stars in Sonic-Toren (March 23-24). The Sonics return to theaters with this new production presented at the Edinburgh Fringe Festival, intended as a hymn


1

2

4

3

1. Finale di partita 2. Nemanja Radulovic 3. Flamenco Live del Ballet Flamenco Espanol 4. Alceste by Gluck 5. Jersey Boys

55 Firenze | made in Tuscany 157


From above clockwise: Paper embossing, the tracing preparation stage for printing of graphic design, hand-stitching with a saddler’s needle, examples of printing on Pineider paper 158 Firenze | made in Tuscany


design production

A second Risorgimento UN SECONDO RISORGIMENTO

text Virginia Mammoli

Historic brand Pineider starts over in its Florence Lo storico brand Pineider riparte dalla sua Firenze When Napoleon wrote letters to his beloved Josephine, he did so on Pineider paper. Just like him, kings and royalty all over Europe, the likes of Stendhal and, almost 200 years later, Obama, Armani and Madonna have followed suit. Founded in 1774 by Francesco Pineider in Florence, this heritage brand quickly became a synonym of excellence, firstly in the

points of view has marked historic moments in our country. Some nerves, yes, but mostly pride at being involved at this stage, which – since we’re in Florence – we could call a second Renaissance. Celebrities all over the world love your products. Any anecdotes? There’s a wonderful anecdote about Liz Taylor, who con-

Quando Napoleone scriveva le lettere per la sua amata Giuseppina, lo faceva su carta Pineider. Come lui, re, nobili di tutta Europa, Stendhal e, quasi due secoli dopo, Obama, Armani e Madonna. Creato nel 1774 da Francesco Pineider a Firenze, questo storico brand è diventato presto sinonimo di eccellenza, prima nell’universo della carta, poi in quello degli articoli

storici della nostra nazione. Un po’ di ansia, quindi, ma soprattutto molto orgoglio, quello di essere uno degli attori di questa fase che è bello definire, in particolare essendo a Firenze, un secondo Rinascimento. Celebrità di tutto il mondo hanno amato i vostri prodotti. Le viene in mente un aneddoto? Uno che mi piace molto è

tacted Pineider to design letterheaded paper the colour of her eyes, this very unusual shade of blue verging on purple. After two months of intense correspondence between Florence and Los Angeles, they managed to find exactly the right shade. How do you manage to merge 243 years of history and tradition with contemporary trends? The fact is that we’re not dealing with a business that’s 243 too old, but with one that’s 243 years and alive, a world that is evolving with the times, maintaining both a strong coherence with the

da scrittura e poco più tardi anche in quello della pelletteria. Dopo il passaggio di proprietà avvenuto alla fine del 2016 Pineider è ripartita dalla sua città, con la boutique in piazza de’ Rucellai, una nuova direzione artistica e nuovi prodotti. Ci racconta tutto il general manager Giuseppe Rossi. Cosa si prova a far parte di un brand come Pineider? Quello che si prova ad avere in mano un patrimonio enorme. Un pezzo di storia, che non è solo la storia di un marchio, ma la storia di una città, qualcosa che sotto tanti aspetti ha segnato momenti

quello di Liz Taylor, che contattò Pineider per realizzare una carta intestata del colore dei suoi occhi, una particolarissima sfumatura di azzurro che tendeva al viola. Dopo due mesi di fitta corrispondenza tra Firenze e Los Angeles, riuscirono a trovare la nuance esatta. Come riuscite a coniugare 243 anni di storia e tradizione con le tendenze contemporanee? Il fatto è che non si tratta di qualcosa di vecchio con 243 anni di troppo, ma di qualcosa di vivo da 243 anni, un mondo che si è evoluto passo passo con i tempi, mantenen-

The new course of Pineider, excellence made in Florence since 1774 world of paper and later in writing items, followed by leather goods. After the change in ownership at the end of 2016, Pineider started anew in its hometown with boutique in piazza de’ Rucellai, new artistic direction and a fresh product line. General Manager Giuseppe Rossi explained it all to us. What’s your take on working for a brand like Pineider? It feels like having a vast patrimony in your hands. A piece of history, which is not only the history of a brand, but the history of a city, something that from many

Firenze | made in Tuscany 159


design production

past and a tangible relevance with the here and now. In addition, in recent months we have worked to make Pineider products even more current, investing in rebirth. How important is this ‘Made in Florence’? Alongside the brand’s history and products, this is the third of our essential factors that we’d like to highlight. Therefore, we’ve strengthened the Pineider-Florence message not only in terms of image but also in terms of craftsmanship, returning all of our production to Florence and the province: leather is tanned in Santa Croce sull’Arno, our pens are assembled manually one

of colours, watermarks and weave. These details create some of the most extraordinary offerings of paper in the world. And these are just our end products. Pineider is even more famous for its personalized paper: our clients can choose the grammage, colour and font, and the engraved masters remain in our archives and available to clients forever. Line thickness, flow, fine tip or ball point. The pen world is vast. Which are the cult models and who are your pens aimed at? Today’s cult designs are two exceptional pens: the Great Beauty, for a more mature client, and Avatar, for a

do sia una forte coerenza col passato che una concreta attinenza con la contemporaneità. Inoltre negli ultimi mesi ci siamo impegnati molto per rendere ancora più attuali i prodotti Pineider, investendo sul rinnovamento. Quanto è importante questo ‘made in Florence’? Insieme alla storia e ai prodotti stessi, è il terzo dei punti fondamentali che vogliamo mettere in evidenza. Abbiamo quindi rafforzato il binomio Pineider-Firenze a livello non solo di immagine, ma anche fattualmente, riportato tutta la nostra filiera produttiva a Firenze o nella provincia: la concia della pelle in Santa Croce, le penne vengono assembla-

sfumature di colori, filigrane e vergature. Il tutto crea una delle più straordinarie offerte di carte al mondo. E questi sono solo i prodotti finiti. Pineider è ancora più celebre per le sue carte personalizzate: si può scegliere la grammatura del cartoncino, il colore, il font... inoltre, le matrici incise rimangono negli archivi e sono a disposizione del cliente per tutta la vita. Spessore del tratto, scorrevolezza, punta fine o al contrario a sfera. Il mondo delle penne è ampissimo. Quali sono i modelli cult e per chi sono pensati? I modelli cult oggi sono due penne eccezionali: la Grande Bellezza, per un cliente più ma-

te manualmente, una ad una, in un laboratorio di Bagno a Ripoli, mentre la carta viene lavorata da abilissimi incisori fiorentini. Perché scommettere su prodotti come la carta e gli accessori per la scrittura oggi? Facciamo carta da 243 anni e penne dal 1884. La domanda sarebbe quindi “perché le dovremmo dismettere?”. Inoltre, così come i vinili e le fotografie istantanee, è tornato molto anche il gusto di scrivere sulla carta. Quanti tipi di carta realizzate? Ci sono la Capri, la Florentia, la Vaticano, la Milano e altre linee tra cui la Empress. Queste carte si caratterizzano per

turo, e Avatar, per una persona più giovane e più contemporanea. La terza colonna che sostiene questa grande azienda è la pelletteria. Che progetti avete per questo settore? I nostri articoli di pelletteria nascono per il mondo professionale e per il viaggio. Il notaio dell’Ottocento e il medico dei primi del Novecento non potevano fare a meno dei prodotti Pineider. Ancora oggi è così, soltanto che col tempo si sono aggiunte nuove figure, come l’architetto, il grafico, il manager e quindi nuove necessità. Il design è sempre ricercato e sobrio, ma le nostre priorità sono la performance e la qualità.

A brand deeply rooted in the past and projected into the future by one in a workshop in Bagno a Ripoli and our paper is produced by deft Florentine engravers. Why focus on products like paper and writing accessories today? We’ve been making paper for 243 years and pens since 1884. The question is, “Why should we stop?” Plus, just like vinyls and Polaroids, the joy of writing on paper is making a comeback. How many types of paper do you make? There’s Capri, Florentia, Vaticano, Milano and other lines such as Empress. These papers distinguish themselves by their shades 160 Firenze | made in Tuscany

younger, more contemporary individual. Leather goods are the third Pineider pillar. What plans do you have for this sector? Our leather goods are designed for professionals and for travel. Nineteenth-century notaries and early twentiethcentury doctors had to have Pineider products. That hasn’t changed; it’s just that over time new professional figures have opted for our products too: architects, graphic designers and managers, therefore there are new needs. The design is still sober and sophisticated, but our priorities are performance and quality.


1

2

4

3

1. Engraving of the graphic design on copper plates 2. Examples of Pineider printing 3. Manual colored edging of Capri paper 4. A 19th-century picture of the Pineider store on Piazza della Signoria 5.The Pineider Firenze flagship store today

55 Firenze | made in Tuscany 161


cover story

The Cittadella: 16 hangars, 25 workshops and 250 professional creatives 162 Firenze | made in Tuscany


traditional festival

A year-long Carnival season UN CARNEVALE LUNGO UN ANNO text Mila Montagni photo Niccolò Rastrelli

The Carnival Town, its spaces and the seaside parade. An event and a town La Cittadella del Carnevale, i suoi spazi e la sfilata sul Lungomare. Una manifestazione e una città

History has no doubts about the provenance of the most magical and complicated Carnival parades in Italy. A group of middle-class youngsters, who whiled away their nights at the tables of the illustrious Caffè del Casinò, burst on to the main street via Regia with a parade of decorated carts on Shrove Tuesday of 1873. Little did they know that they had changed Viareggio and its tourism forever. Marialina Marcucci, a businesswoman and first female president of Fondazione Carnevale di Viareggio, explained what happened, adding how “the Carnival developed in that initial area, just as the reputation of the parade grew with the floats. In the early 20th century, the circuit ran from Via Regia to the seafront promenade. In 1921 the first official song was heard, which is still the anthem today: Coppa di Champagne. But the revolution came in 1925: Antonio D’Arliano used the papier-mache technique, the lightest (and humblest) of materials that allowed colossal and ever more daring creations to be made. In 1930, Uberto Bonetti, the Futurist painter and graphic designer, created Burlamacco: Viareggio’s symbolic figure, who, on the 1931 poster appeared with Ondine, the symbol of the summer season with the piers in the background.” This year, the five Corsi Mascherati (parades) along the seafront promenades will be held from January 27 to February 17, bringing the resort to life with night celebrations, firework displays, parties, plays, food and world sports events. New for 2018 are special theme nights in the town’s historic spots, with culturally refined projects, such as the renewal of the coastal

La storia non ammette esitazioni sull’origine del corso mascherato (e allegorico) più affascinante e complesso d’Italia. Un gruppo di giovanotti bene della città, di quelli per intendersi che tiravano tardi la sera ai tavolini del Caffè del Casinò, il Martedì Grasso del 1873 irruppero con una sfilata di carrozze addobbate sulla principale via Regia. E senza saperlo cambiarono per sempre Viareggio e il suo turismo. A raccontarci quanto accadde è Marialina Marcucci, imprenditrice e prima donna presidente della Fondazione Carnevale di Viareggio, che aggiunge come “a quel primo nucleo si è sviluppato il Carnevale così come è conosciuto e la fama del Corso mascherato è cresciuta con i carri. All’inizio del Novecento il circuito delle sfilate passò dalla Via Regia alla Passeggiata a mare. Nel 1921 si cantò la prima canzone ufficiale - ancora oggi inno: la Coppa di Champagne, ma la rivoluzione fu nel ‘25: Antonio D’Arliano utilizzò la tecnica della carta a calco, ovvero la cartapesta, un materiale, tanto leggero quanto povero, che ha consentito costruzioni colossali e sempre più ardite. Nel ’30, poi, Uberto Bonetti, pittore e grafico futurista, ideò Burlamacco: la maschera simbolo di Viareggio che, nel manifesto del ‘31, sullo sfondo dei moli apparve in compagnia di Ondina, simbolo della stagione estiva.” Quest’anno i cinque Corsi Mascherati sui Viali a mare si terranno dal 27 gennaio al 17 febbraio, avvolgendo la città in feste notturne, spettacoli pirotecnici, veglioni, rassegne teatrali, appuntamenti gastronomici ed eventi sportivi mondiali, cui s’aggiungono quest’anno speciali serate a tema in luoghi storici della città, con progetti culturalmente raffinati, come quello che farà rivivere la residenza balneare di Paolina Bonaparte, per ricostruire il clima della Toscana negli anni napoleonici. Firenze | made in Tuscany 163


traditional festival

Within the Cittadella there are stage design workshops for theatre performances, film and television shooting

home of Paolina Bonaparte, to restore the feeling of Oggi i carri hanno un luogo esclusivo nel quale trovano la loro forma e che si apre alla fantasia e alla creatività, la CitTuscany in the Napoleonic era. Today’s floats take shape in an exclusive place, a hot- tadella: sedici attrezzatissimi hangar - nei quali sono impebed of imagination and creativity: the Cittadella. Six- gnate oltre 25 ditte artigiane con oltre 250 professionisti teen well-equipped hangars, in which over 25 artisan della creatività - che sono anche diventati laboratori per firms and more than 250 professionals work, spaces scenografie dedicate a rappresentazioni teatrali, riprese cithat have become set design workshops for plays, cin- nematografiche e televisive, ma anche per produzioni locali, ema and television, as well as local productions, for 12 ovvero dodici mesi di lavoro all’anno. Anche perché d’emonths of work every year. In the summer, the piazza state la piazza dedicata a Burlamacco, su cui s’affacciano dedicated to Burlamacco, home to massive and magi- i ciclopici e incantati hangar, diventa un’arena all’aperto cal hangars, becomes an outdoor arena, in which art- nella quale possono esibirsi artisti come quelli del Cirque du Soleil, com’è già avvenuto. Ma dalla Cittadella e dalla Fondaists, such as Cirque du Soleil, can perform. The Cittadella and Fondazione del Carnevale is also zione del Carnevale è pronto anche un progetto che coinvolgerà gli Stati Uniti e per il quale il top secret working on a project that will involve the proprio di questa manifestazione che tanto United States, but it’s top secret from punta sulla sorpresa per meravigliare è anconow, something that this event excels at ra d’obbligo. Per conoscere i soggetti dei carlike no other. To find out the themes of the floats, MariMarcucci: “The ri, infatti, assicura Marialina Marcucci che “i della cartapesta sveleranno le loro soralina Marcucci tells us that “the magipapier-mâché maghi prendenti opere solo alla fine del lungo lavoro, cians of papier mache will reveal their wizards will cioè in occasione delle sfilate. Sicuramente il surprising creations only at the end of show their Carnevale 2018 sarà dedicato alle grandi tetheir labours, i.e. during the parades. Carnival 2018 will focus on top international amazing works matiche internazionali, come lo scontro tra le themes of course, such as clashes between only during the potenze del mondo, la Cina, l’America, la Rusla Corea del Nord, il tutto smorzato con world powers, between China, the U.S., float parades” sia, l’ironia e il sarcasmo tipico degli artisti del noRussia and North Korea, all lightened by the typical irony and sarcasm of our Carnival’s artists. stro Carnevale. Ma ci saranno anche straordinari messaggi But there will be also extraordinary messages of hope di speranza con opere allegoriche che si rifanno ai classici through allegorical works that refer to international della letteratura internazionale con il Godot di Beckett e un literary classics such as Beckett’s Godot and a dreamy sognante Don Chisciotte. Senza dimenticare lo chef CannaDon Quixote. Without forgetting Chef Cannavacciuo- vacciuolo, chiamato a risanare il ristorante Italia…” Chi poi volesse partecipare appieno, salendo sui carri e lo, summoned to fix up Ristorante Italia…” To experience Viareggio Carnival fully, getting up on danzando durante il corso mascherato, potrà farlo contatthe floats and dancing during the parade, please con- tando firenzeyesplease.com, che sarà in grado di realizzatact firenzeyesplease.com, who will be able to make re il sogno di essere uno dei personaggi del Carnevale di your dream come true. If you would like to check out Viareggio. Per quanti invece avessero la curiosità di toccare one of last year’s masterpieces, head for the gardens of uno dei capolavori dello scorso anno, nel giardino del PaPalazzo della Gherardesca at Four Seasons Hotel Fi- lazzo della Gherardesca parte del Four Seasons Hotel Firenze to see the impressive Polar Bear by Carlo Lom- renze, nei giorni del Carnevale è in mostra la grande Orsa Polare di Carlo Lombardi, che ha sfilato nel 2017. bardi. 164 Firenze | made in Tuscany


The 2018 Carnival is inspired by major international issues, such as the dispute between the great powers Firenze | made in Tuscany 165


Monte Gomito 166 Firenze | made in Tuscany


snow itineraries

Another Tuscany UN’ALTRA TOSCANA text Teresa Favi

Firenze | made in Tuscany 167


snow itineraries

Views of Val di Luce and cross-country skiing at Abetone Perhaps the only plus side to this winter’s cold is that it’s L’unico lato positivo del grande freddo di questo inverno brought the snow, at least at high altitudes, and ski resorts è che almeno in alta quota c’è la neve e gli impianti sciistiare in full swing without the stress of setting artificial snow ci funzionano a pieno regime, senza l’ansia di dover tener aside. On our end, all that’s left to do is suggest the most pronta la quella artificiale. Non resta che suggerirvi le destibeautiful spots for your winter holiday - so get ready to pack nazioni più belle per una vacanza bianca, o anche solo un week end. A voi non resta che preparare la borsa da viaggio your bags and go. e partire. ABETONE This fantastic ski area is only an hour and a half from Flor- ABETONE ence, and its 17 modern and speedy facilities service around Questo è un comprensorio straordinario a solo un ora e 25,000 people per hour. Skiing at Abetone means having 50 mezzo da Firenze, con da 17 impianti moderni e veloci, e km of slopes to wind down the mountainsides, each with una portata oraria di 25.000 persone. Sciare all’Abetone sitheir own particular traits: you’ll find the wide hills of Monte gnifica avere davanti 50 km di piste che si snodano su verGomito, home to the Zeno slopes, the centuries-old Regine santi con caratteristiche diverse: gli ampi pendii del Monte and Selletta forests, the alpine setting of the Val di Luce and Gomito con le piste Zeno, i boschi secolari delle Regine e della Selletta, l’ambiente alpino della Val di the steep slopes of Coppi al Pulicchio. The Luce, i ripidi muri delle piste Coppi al PulicMonte Gomito summit, the highest spot in the chio. Impareggiabile la vista che si gode dalla area (1890 m), affords unparalleled views; on vetta del Monte Gomito, punto più alto della sunny days you’ll see the likes of Corsica or the stazione (1890 metri): nelle giornate di sole lo snow-capped Alps and Pre-Alps in the north. You’ll also find a snowboarding Snow Park Skiing at sguardo arriva fino alla Corsica e a nord alle innevate di Alpi e Prealpi. at Pulicchio. The central square gives way to Abetone means vette Per lo snowboard c’è uno Snow Park al Puslopes of every kind: anyone wanting to hit the having 50 km licchio. Il punto di partenza per qualsiasi cosa slopes can reach the lifts on foot, while visitors that prefer the bottom area can opt for the of slopes to preferiate è la piazza centrale: chi vuol fare le Maiori trail: an eight kilometer path through wind down the discese raggiunge a piedi gli impianti, chi preil fondo imbocca la pista Maiori e perthe woods. mountainsides dilige corre gli otto chilometri immersi nei boschi. Skipass: Abetone Multipass Central ticket office, also valid for Val di Luce (phone: +39 0573 60057). Skipass: Abetone Multipass Ufficio centrale biglietti, anche Schools: Abetone (phone: +39 0573 60032), Colò (phone: +39 per la Val di Luce (tel. +39 0573 60057). Scuole: Abetone (tel. 0573 607077). Vertical Snowboard School (phone: +39 366 +39 0573 60032), Colò (tel. +39 0573 607077). Scuola Snow2589070) Cross-country skiing instructor: Giordano Maz- board Verticale (tel. +39 366 2589070) Maestro di fondo: zolini (phone: +39 338 8223209) individual and group les- Giordano Mazzolini (tel. +39 338 8223209) lezioni indivisons every day. Snowshoeing: Giordano Mazzolini (phone: duali e collettive tutti i giorni. Escursioni con le ciaspole: +39 338 8223209), Davide Paglia from Ciaspolappennino Giordano Mazzolini (tel. +39 338 8223209), Davide Paglia di (phone: +39 371 1842531) and Fausto Nardi from Nordic Walk- Ciaspolappennino (tel. +39 371 1842531) e Fausto Nardi della ing Abetone (phone: +39 348 7808465). Nordic Walking Abetone (tel. +39 348 7808465). VAL DI LUCE VAL DI LUCE A mix of sports and tourism that stretches all the way to Un mix di sport e turismo che può arrivare fino a Fiumalbo, Fiumalbo, the most ‘Tyrolean’ village in central Italy – this il paesino più ‘tirolese’ dell’Italia centrale. Siamo in mezzo is the fairytale woodland of the Val di Luce, only 20 minutes al fiabesco paesaggio di boschi e laghi della Val di Luce, a 20 from Abetone (heading towards Modena). minuti dall’Abetone in direzione di Modena. The area features 6 ski lifts and 14 km of slopes that connect Ci sono 6 impianti di risalita su 14 km di piste collegate alle 168 Firenze | made in Tuscany


The Abetone-Val di Luce area borders Firenze | made in Tuscany 169


itineraries city

Above: snowboarding in Val di Luce(ph. Andrea Bidossi) Below: snowshoeing towards the top of the Monte Gomito 170 Firenze | made in Tuscany


snow itineraries

to the remaining 36 slopes of the Abetone - Pistoia Mountain restanti 36 del comprensorio Abetone - Montagna Pistoieski area. The ski lifts, ranging from 1200 m to 1890 m high, se. Gli impianti che partono dai 1200 metri per arrivare ai are located in the town piazza and can be easily reached 1890 metri in quota, si trovano nella piazza del paese e sono on foot. The mountain’s slopes permit even the most expe- raggiungibili a piedi. Le piste permettono anche allo sciarienced and demanding skier to explore the area on skis, tore più esperto ed esigente di accedere ovunque con gli while the artificial snow ensures constant snowfall in the sci ai piedi, mentre l’innevamento artificiale assicura neve entire Val di Luce ski area. Thanks to these amenities, the ski costante su tutto il comprensorio sciistico di cui Val di Luce season endures (weather permitting) well into April. The Val è parte integrante. Grazie a questi mezzi, la stagione sciistica di Luce Snow Park is a new area equipped with interme- si protrae (tempo permettendo) fino a tutto aprile. diate to advanced level structures: from twin-tip ski jumps Lo Snow Park della Val di Luce è una nuova area attrezzata measuring 4, 6, 12 and 15 m to a variety of different kinds of con strutture di medio e alto livello: linee di salti gemelli da artificial structures. The park’s rail stretches 9 m long, while 4, 6, 12 e 15 metri e diverse linee di strutture artificiali. Il rail you’ll also find a 6-meter T-box, a 9-meter double-kink T-box misura 9 metri, ci sono poi un T-box da 6 metri, un T-box and a 6-foot Fat box. In the school area you’ll find the begin- doppio kink da 9 metri e un Fat box da 6. Al campo scuola è situato invece il beginner snowpark, adatto ner ‘snowpark’ perfect for novice riders, which ai rider alle prime armi, servito da seggiovia features a quad chairlift and a magic carpet. quadriposto e tapis roulant. Skipass: Abetone Multipass Central tickSkipass: Abetone Multipass Ufficio centraet office (phone: +39 0573 600556). Schools: The Val di Luce le biglietti (tel. +39 0573 600556). Scuole: Ski School Dogana Val di Luce (phone: +39 Snow Park is Scuola di sci Dogana Val di Luce (tel. +39 339 339 4010090), Italian Ski School Val di Luce Scuola Italiana Sci Val di Luce (tel. a new area 4010090), (phone: +39 0536 73533), Italian Snowboard +39 0536 73533), Scuola Italiana Snowboard School (phone: +39 366 8168154), Ski School equipped with (tel. +39 366 8168154), Scuola di sci Alpe 3 PoAlpe 3 Potenze (phone: +39 331 2326941). intermediate to tenze (tel. +39 331 2326941). DOGANACCIA advanced level DOGANACCIA Perfect for less-experienced skiers, the Doun’ora da Firenze, adatte per gli sciatori structures Ameno ganaccia slopes are nestled in the mountains esperti, le piste della Doganaccia sono of the town of Cutigliano, an area 15 minutes from Abetone incastonate sulle montagne del comune di Cutigliano a cirand about an hour from Florence. Besides a winter lodge, ca 15 minuti dall’Abetone venendo da Firenze. Il comprenthe ski area boasts 10 km of ski slopes (graced by sunlight sorio ha, oltre ad un rifugio, 10 km di piste da sci illuminate for most of the day) and 5 chairlifts, including a cable car dal sole per buona parte della giornata, servite da 5 impianti leading to the Arcana Cross: an area with breathtaking views di risalita: una funivia che porta fino alla punta della Croce of the Tuscan-Emilian Apennines where you’ll find a ski Arcana, dal quale si può osservare il panorama di tutto l’Aptrail, chairlift and three ski lifts. The majority of the slopes pennino Tosco-Emiliano e dalla quale parte una pista, una are blue (beginner), though you’ll also find a number of red seggiovia e tre skilift. Le piste sono soprattutto blu (facili), slopes at the Arcana Cross and a black trail (with a variant) ma ci sono anche delle piste rosse che partono dalla Croce accessed via the Faggio di Maria ski lift. Arcana e una pista nera (con la sua variante) servita dallo Skipass: Abetone Multipass Central ticket office (phone: +39 skilift Faggio di Maria. Skipass: Abetone Multipass Ufficio 0573 600556). Schools: Ski School Amerigo Colò (phone: centrale biglietti (tel. +39 0573 600556). Scuole: Scuola di +39 0573 68699), Ski School Doganaccia 2000 (phone: +39 sci Amerigo Colò (tel. +39 0573 68699), Scuola Sci Doga0573 629391 - 629413, +39 333 5392487), Ski Club Doganaccia naccia 2000 (tel. +39 0573 629391 - 629413, +39 333 5392487), (phone: +39 333 5392487). Sci Club Doganaccia (tel. +39 333 5392487). Firenze | made in Tuscany 171


food restaurants

Florence-where to drink FIRENZE DA BERE

text Sabrina Bozzoni photo Dario Garofalo After a careful selection, here are the best bars in Florence for ordering your favorite cocktail Dopo un’attenta selezione i migliori banconi di Firenze dove ordinare il vostro cocktail preferito It was the 1920s and Conte Camillo Negroni, a well-to-do Florentine son, dictated the perfect mix to his trusty bartender in a café on Via de’ Tornabuoni: 1/3 bitter, 1/3 red vermouth and 1/3 gin. This is how the Negroni was born. In a city with a resplendent drinking culture there are many bars where, in settings suited to Jay Gatsby and Humphrey Bogart, it is well worth letting the extraordinary art of the bartender guide your choice for a quality drink. Atrium Bar – Four Seasons Hotel Florence We are inside the Palazzo della Gherardesca, and here, in an Atrium Bar surmounted by an elegant glass pyramid, the Four Seasons Hotel Florence has its trump card in its mixologist, Edoardo Sandri. His Sasso, the name of the cocktail he invented, is a real surprise. Also worth trying is the very classic Negroni, the Special Tea (in cup and saucer with golden rim), the Primavera (with dry ice) and Paparazzi (those who sip it get a photo). Borgo Pinti, 99. Picteau Lounge Bar – Lungarno Collection Imagine getting on an elegant boat on the Arno: there is a direct view of the river and a close-up view of the Ponte Vecchio. Pablo Picasso welcomes guests and stands by his friend Jean Cocteau on the fireplace at the back of the room. This room is called Picteau. Among the Signature proposals, how can you not enjoy a Boulevardier Affumicato (Maker’s Mark Bourbon, Campari, Ratafia, Carpano Antica Formula), one of the most representative Negroni specials. Borgo San Jacopo, 14. White Fusion – Hotel Continentale A Temporary bar & restaurant in the most dynamic heart of the city, from January 15th to March 15th, which will replace the Fusion Bar (but only for this period). Here award-winning bartenders will offer a slightly altered drinks menu, with respect to the fusion style, to reflect the Continentale style, the realm of clean lines, design and total white. Vicolo dell’Oro, 6r. Se·Sto On Arno Lounge - The Westin Excelsior Florence 172 Firenze | made in Tuscany

Nascosti in segretissime arterie di una Firenze celata, ci sono quelli piccoli e con pochi prodotti eccellenti, oppure quelli dei celebri hotel a cinque stelle, che mostrano una cultura del bere votata all’eccellenza internazionale ma anche i preferiti dei fiorentini, lontani dal chiasso del centro. Sono locali del cuore di chi ha impresso scene come quelle di Jay Gatsby e Humphrey Bogart. Ecco a voi i nostri cocktail bar preferiti in città. Atrium Bar – Four Seasons Hotel Firenze Siamo all’interno del Palazzo della Gherardesca, ed è qui, in un Atrium Bar sormontato da un’elegante piramide in vetro, che Four Seasons Hotel Firenze ha il suo asso nella manica in materia di mixologist, Edoardo Sandri. Il suo Sasso, nome del cocktail da lui inventato, è una vera sorpresa. Da provare anche il classicissimo Negroni, lo Special Tea (in tazza e piattino dal bordo d’oro), passando dal Primavera (con ghiaccio secco) al Paparazzi (che regala una foto a chi lo sorseggia). Borgo Pinti, 99. Picteau Lounge Bar – Lungarno Collection Immaginate di salire su un’elegante barca sull’Arno: l’affaccio sul fiume è diretto e la vista del Ponte Vecchio è in prima linea. Pablo Picasso dà il benvenuto agli ospiti e spicca sul caminetto in fondo alla sala il suo amico Jean Cocteau. Questo salotto si chiama Picteau. Tra le proposte Signature come non godersi un Boulevardier Affumicato (Maker’s Mark Bourbon, Campari, Ratafia, Carpano Antica Formula), uno degli special Negroni più rappresentativi. Borgo San Jacopo, 14. White Fusion – Hotel Continentale Un Temporary bar & restaurant nel cuore più dinamico della città, dal 15 gennaio al 15 marzo, che prenderà il posto del Fusion Bar (ma solo per questo periodo). Qui barman pluripremiati porteranno una carta leggermente modificata rispetto allo stile fusion, per rispecchiare lo stile del Continentale, regno delle linee pulite, del design e del total white. Vicolo dell’Oro, 6r. Se·Sto On Arno Lounge - The Westin Excelsior Firenze Una sola avvertenza: il rischio è quello di cadere in una perico-


Manifattura Firenze


Above: Picteau Lounge Bar Below: Se-Sto On Arno Lounge


Four Seasons Hotel Firenze

One warning: there is the risk of falling victim to the danger- losa e disarmante sindrome di Stendhal. Si perché il ristorante ous and disarming Stendhal syndrome. Yes, because the res- e bar Se·Sto On Arno si apre all’ultimo piano del luxury hotel taurant and bar Se·Sto On Arno is on the top floor of the Wes- The Westin Excelsior con pareti in vetro che fanno toccare il tin Excelsior luxury hotel with glass walls that touch the sky. cielo. In questo scenario il bar manager Antonino Di Girolamo In this setting, the bar manager Antonino Di Girolamo will preparerà il suo Grenade con Nikka Coffey Malt, Marsala supeprepare his own Grenade with Nikka Coffey Malt, the best dry riore secco, liquore alla vaniglia e spuma di melagrana, rapa Marsala, vanilla liqueur and a foam of pomegranate, red turnip rossa e mela. Piazza Ognissanti, 3. and apple. Piazza Ognissanti, 3. Winter Garden Bar – The St. Regis Florence Winter Garden Bar – The St. Regis Florence Un’atmosfera unica sotto le arcate di un suggeA unique atmosphere under the arches of an stivo palazzo fiorentino. Tutte le sere le note di evocative Florentine palazzo. Every evening the un pianoforte saranno la colonna sonora di irrinotes of a piano provide the soundtrack to unrepetibili degustazioni firmate dal barman Andrea peatable tastings created by the barman Andrea Paoli. Da ordinare l’immancabile Brunello Bloody Paoli. You must order the unmissable Brunello Mary con grappa di Brunello, miele di acacia e Bloody Mary with Brunello grappa, acacia honey rosmarino. Piazza Ognissanti, 1. and rosemary. Piazza Ognissanti, 1. Sup on classic Colle Bereto Colle Bereto cocktails at one Davanti a Palazzo Strozzi, luogo d’elezione delle In front of Palazzo Strozzi, place of choice for the importanti mostre d’arte in città e a due passi of Florence’s più most important art exhibitions in the city and a da via de’ Tornabuoni, Colle Bereto è una garanbest cocktail zia all day long il cui bar propone una selezione stone’s throw from Via de’ Tornabuoni, Colle Bereto is an all-day long guarantee whose bar ofbars di cocktail firmati Colle Bereto. Provate il Colle fers a selection of cocktails signed Colle Bereto. Beach, con vodka, vodka al melone, Blue Curaçao, Try the Colle Beach, with vodka, melon vodka, Blue Curaçao, Martini Gold, limone e zucchero o il Royal Colle B, con Martini Martini Gold, lemon and sugar or the Royal Colle B, with rosé rosato, Colle B rosè e frutti di bosco. Piazza degli Strozzi, 5. Martini, Colle B rosè and berries. Piazza degli Strozzi, 5. Rivoire Rivoire Un indirizzo a cui è difficile rinunciare, un caffè storico che You don’t ever want to bypass this address, this historic café mantiene il suo fascino esclusivo. Fulcro vitale di piazza that still has its exclusive charm. A vital hub in Piazza della Si- della Signoria, da Rivoire si può assaggiare il Negroni in gnoria, at Rivoire you can taste the Negroni in the philological versione filologica e in svariate declinazioni. Le bartender version and in variations. Bartenders Elisa and Martina have Elisa e Martina hanno i loro capolavori: Negroni in versione Firenze | made in Tuscany 175


Above: Locale Below: Rivoire


Above: Colle Bereto Below: Art Bar - Antico Caffè del Moro


cover story

Winter Garden Bar their masterpieces: classic Negroni, the little glass with Negroni jelly and candied orange peel. A true delight for eating and drinking and finally, an alcohol-free version of Negroni. Piazza della Signoria Corner of Via Vacchereccia 4r. Locale In a 13th-century palazzo with an ancient history overlooking via delle Seggiole, here is Locale. Distracted by the walls of bottles and the vertical green of the open-air bar housed in a former loggia - with a glass roof that can be opened - there is a vast selection of drinks and they follow a real philosophy linked to the seasonality of the ingredients. The bartenders Matteo and Andrea propose the Novello de’ Medici, with Matusalem, cocoa, pomegranate shrub, sparkling grape, pea powder and white chocolate sponge. Via delle Seggiole, 12r. Manifattura Firenze Here the drinks are Italian. Mirrors, soft lights, details from the 40s, a turntable that plays a few classic. In Piazza San Pancrazio, the right place for those in search of lost emotions. Davide and Fabiano take the helm towards a sea of nostalgic ​​ pearls to be savored. Order a Negroni Natalazio with Luxardo gin, Campari bitters and a third of home-made mulled wine. Piazza San Pancrazio, 1. Art Bar Also known as Antico Caffè del Moro, on Via del Moro, it is one of the best cocktail bars in the city. The small and cozy environment has references to the cinema making it just intimate enough. Paolo prepares legendary cocktails, with only fresh fruit, also proposed as a rich garnish. Order one Vodka Gimlet and you’ll experience a true moment of pleasure. Via del Moro, 4. 178 Firenze | made in Tuscany

classica, il bicchierino con la gelatina di Negroni e la scorza di arancia candita. Una vera delizia da mangiare e bere e infine Negroni in versione analcolica. Piazza della Signoria, angolo via Vacchereccia 4r. Locale In un Palazzo duecentesco dalla storia antichissima affacciato su via delle Seggiole ecco Locale. Distratti dalle pareti di bottiglie e dal verde verticale del bar open air ricavato in un’ex loggia – con tetto di vetro apribile – l’offerta in materia di bere bene è ampia e segue una reale filosofia legata alla stagionalità degli ingredienti. Tra le prosposte dei bar tender Matteo e Andrea, il Novello de’ Medici, con Matusalem, cacao, shrub di melograno, uva gassata, polvere di piselli e spugna al cioccolato bianco. Via delle Seggiole, 12r. Manifattura Firenze Qui si beve italiano. Specchi, luci soffuse, dettagli anni ’40, un giradischi che intona qualche classico. In piazza San Pancrazio un locale giusto per chi è alla ricerca di emozioni perdute. Davide e Fabiano guideranno il timone verso un mare di perle nostalgiche tutte da assaporare. Ordinate un Negroni Natalazio con gin Luxardo, bitter Campari e un terzo di vin brulé homemade. Piazza San Pancrazio, 1. Art Bar Conosciuto anche come Antico Caffè del Moro, in via del Moro, è uno dei migliori cocktail bar della città. L’ambiente piccolo e raccolto con richiami al cinema lo rende un posto intimo quanto basta. Leggendari i cocktail preparati da Paolo, con sola frutta fresca, riproposta anche come ricca guarnizione. Ordinate un Vodka Gimlet e il vostro sarà un vero momento di goduria. Via del Moro, 4.


1

2

3

4

1. Se-Sto On Arno Lounge 2. GurdulĂš 3. Locale 4. Atrium Bar - Four Seasons Hotel Firenze 5. Art Bar 6. Picteau Lounge Bar

5

6 Firenze | made in Tuscany 179


cover story

Gurdulù Gurdulù Gurdulù Beyond the bank of the Arno river, the artistic Oltrarno Oltrepassata la sponda del fiume Arno, l’artisticità dell’Olaccompanies us towards unmissable destinations. In a re- trarno ci accompagna verso mete imperdibili. In un ambienfined fifties atmosphere with neoclassical hints, the cock- te dalla raffinatezza fifties e spunti neoclassici, il cocktail bar tail bar of this bar-restaurant is in the expert hands of di questo locale-ristorante è nelle esperte mani di Cristina Cristina Bini. On the Cocktail list are Do you remember last Bini. Dalla Cocktail list il Do you remember last night (elisir night (elixir of China, Pisco, rosemary, tonic water), the di China, Pisco, rosmarino, acqua tonica), il Tettina Martini Tettina Martini (brandy, coffee, soya milk, Borghetti coffee, (brandy, caffè, latte di soya, caffè Borghetti, spuma di latte, milk foam, coffee beans) and many others. chicci di caffè) e molti altri. Via delle Caldaie, Via delle Caldaie, 12/14r. 12/14r. Mad Souls & Spirits Mad Souls & Spirits They like to call it a “cocktail pub”, those Amano definirlo un “cocktail pub”, quei raGuide your gazzacci di Mad. Neri Fantechi e Julian Biondi Mad young people. Neri Fantechi and Julian Biondi are the creators of the new point of choice for a sono i creatori di nuovo punto di riferimento reference for life after dark in the Oltrarno vita dopo il tramonto in Oltrarno e hanno quality drink, della and have very clear ideas: to help anyone le idee molto chiare: far conoscere il bere miknow quality mixed drinks, in an informal it is well worth scelato di qualità a chiunque, in un ambiente letting the informale in cui tutti possano sentirsi a proenvironment where everyone can feel at ease. Don’t miss the Daiquiri del mi Nonno extraordinary prio agio. Non perdetevi il Daiquiri del mi Nonwith Ron Abuelo, Persichetto, lime juice, liqcon Ron Abuelo, Persichetto, succo di lime, art of the no uid sugar and salted alpenliebe. Borgo San zucchero liquido e alpenliebe salate. Borgo San bartender Frediano, 36/38r. Frediano, 36/38r. Ditta Artigianale Oltrarno Ditta Artigianale Oltrarno A few steps from Piazza della Passera, in a post-war build- A pochi passi da piazza della Passera, un edificio del Dopoing by Michelucci. As in a 1960s and ‘70s beauty kit, the guerra firmato Michelucci. Come in una scatola di bellezza Ditta Artigianale space is divided between a cafeteria, mi- che guarda al design ’60 e ‘70, lo spazio di Ditta Artigianale cro-recycling, kitchen, cocktail and gin bar. The latest is è distribuito tra caffetteria, microtorrefazione, cucina, cocalso for the tasting, Peter in Florence, the new gin of Flor- ktail e gin bar. In degustazione anche l’ultimo nato, Peter in ence. Among the cult drinks are Ditta Artigianale Spritz Florence, il nuovo gin di Firenze. Tra i cult Ditta Artigianale and Negroni Ditta Artigianale. Via dello Sprone, 5r. Spritz e il Negroni Ditta Artigianale. Via dello Sprone, 5r. 180 Firenze | made in Tuscany


Above: Mad Souls & Spirits Below: Ditta Artigianale Oltrarno


food itineraries

The unexpected brunch BRUNCH CHE NON TI ASPETTI text Sabrina Bozzoni

and add ican concept Take an Amer can resist? ste to it. Who sce e Florentine ta le a a stel e stri Metti un’usanz rentino. gusto tutto fio ere? aggiungici un E chi sa resist Too simplistic to call it brunch, the Sunday lunch ritual in Florence finds innovation through international culinary experiments with the unique, always present, common denominator, Tradition: that’s right, with a capital T. Let’s start in a charming place called the Four Seasons Hotel Firenze. Brunch is made here every Sunday, from October to June, by the starred chef Vito Mollica and his brigade, by now a Florentine institution. The buffet with the “open kitchen” is sumptuous and centered on carefully chosen local products, favoring the delights of Florentine cuisine. There is also a babysitting service available for children. In the name of an entirely Italian Sunday ritual, J.K Place Firenze presents Il pranzo della domenica- Sunday lunch. A classic accompanied by the irresistible aroma of ragù filling the comfortable rooms of the J.K. Lounge for a really relaxing Sunday... and the family lunch is saved. On Lungarno degli Acciaiuoli, an elegant treasure facing the Arno River, Il Caffè dell’Oro, a must-try restaurant in an exceptional location. Overlooking the Ponte Vecchio, you can taste dishes prepared by Executive Chef Peter Brunel. The brunch formula is a story of tradition and taste that is exquisitely Italian, told through the best regional products, with Tuscany at the forefront. Everything is carefully prepared at the time of ordering. The brunch at Villa Cora is also a must-try. Florentines love it Troppo semplice chiamarlo brunch, il rito del pranzo della domenica a Firenze si rinnova attraverso internazionali esperimenti culinari con un unico, sempre presente, comun denominatore, la Tradizione: proprio così, con la T maiuscola. Iniziamo da un luogo incantato che prende il nome di Four Seasons Hotel Firenze. Qui il brunch preparato ogni domenica, da ottobre a giugno, dallo chef stellato Vito Mollica e dalla sua brigata, è ormai un’istituzione in città. Il buffet a “cucina aperta” è sontuoso e incentrato su prodotti locali scelti con cura, che prediligono le prelibatezze della cucina fiorentina. È disponibile anche un servizio di baby sitting per i più piccoli. Nel nome di un rito domenicale tutto italiano J.K. Place Firenze presenta Il pranzo della domenica. Un classico appuntamento accompagnato da un irresistibile aroma di ragù che si diffonde nei salotti accoglienti del J.K. Lounge per una domenica a tutto relax... ed il pranzo di famiglia è salvo. Sul Lungarno degli Acciaiuoli, un tesoro di eleganza affacciato sull’Arno, Il Caffè dell’Oro, un indirizzo imperdibile in una location d’eccezione. Affacciati su Ponte Vecchio si può gustare i piatti curati dall’Executive Chef Peter Brunel. La formula brunch è un racconto di tradizione e gusto squisitamente italiani, attraverso i migliori prodotti regionali, con la Toscana in prima linea. Il tutto rigorosamente preparato al momento. Immancabile il brunch di Villa Cora. Amato dai fiorentini così come dall’esigente clientela internazionale dell’Hotel. 182 Firenze | made in Tuscany


cover story

Above: Four Seasons Hotel Firenze Below: J.K. Place Firenze Firenze | made in Tuscany 183


1

3

5 5

184 Firenze | made in Tuscany

2

4

1. Colle Bereto 2. Mama’s Bakery 3. Four Seasons Hotel Firenze 4. Helvetia & Bristol Starhotels Collezione 5. Villa Cora


Caffè dell’Oro as much as the hotel’s demanding international clientele. Using changing seasonal ingredients, the brunch revisits the most delicious gastronomic moments of the year, with the finest basic ingredients from renowned Tuscan producers and excellent local products from all over Italy, according to careful research driven in person by Executive Chef Alessandro Liberatore. In the heart of the city’s historic and artistic center, Colle Bereto Caffè in Piazza Strozzi, every Sunday prepares a brunch with the best of wines and gastronomy, until 5 pm. The Sunday appointment with the brunch at Helvetia & Bristol – Starhotels Collezione, on Via dei Pescioni, is called The Original American Brunch, and brings to traditional Tuscan cuisine a taste of the original American brunch. The novelty is definitely the wide and varied choice of dishes made with eggs, cooked in a variety of ways: from the traditional boiled egg to fried sunny side up, eggs Benedict, eggs Florentine, scrambled, poached, and a variety of omelets with different fillings. We finish with a great American-style classic. On Via della Chiesa, Mama’s Bakery serves traditional American products, prepared with choice quality ingredients. On the weekend, there are two brunch specialties: eggs Benedict and French toast.

The Sunday lunch ritual in Florence through innovation and tradition

Seguendo la rotazione degli ingredienti secondo le stagioni, il brunch propone le rivisitazioni dei momenti gastronomici più ghiotti dell’anno, con materie prime di pregio provenienti da rinomati produttori toscani ed eccellenze locali da tutta l’Italia, secondo un’attenta ricerca sul territorio promossa in prima persona dall’executive chef Alessandro Liberatore. Nel cuore del centro storico ed artistico della città, Colle Bereto Caffè incastonato in piazza Strozzi, offre tutte le domenica una proposta brunch con il meglio dell’eccellenza enogastronomica, fino alle ore 17. L’appuntamento domenicale con il brunch di Helvetia & Bristol – Starhotels Collezione, in via dei Pescioni, prende il nome di The Original American Brunch, che porta nella tradizionale cucina toscana un assaggio dell’originale brunch a stelle e strisce. La novità è sicuramente la numerosa e variegata proposta di piatti a base di uova, servite in diverse modalità di cottura: dalla tradizionale versione alla coque all’occhio di bue, dall’uovo alla Benedict a quello alla Fiorentina, per arrivare all’uovo strapazzato o in camicia e ad una varietà di omelette con diversa farcitura. Concludiamo con un grande classico american style. In via della Chiesa Mama’s Bakery offre prodotti della tradizione americana, preparati con ingredienti selezionati della migliore qualità. Per il weekend due specialità pensate appositamente per il brunch: uova alla Benedict e French toast. Firenze | made in Tuscany 185


FIRENZE Antica Torre di via Tornabuoni n.1 - Via de’ Tornabuoni, 1r - Firenze ph +39 055 265 8161 www.tornabuoni1.com B&B In Piazza della Signoria - Via dei Magazzini, 2 - Firenze ph +39 055 2399546 www.inpiazzadellasignoria.com Castello del Nero Hotel & Spa Strada Spicciano 7, Tavarnelle Val Di Pesa, ph. +39 055 806470 www.castellodelnero.com Four Seasons Hotel Firenze - Borgo Pinti 99,99 - Firenze ph +39 055 26261 www.fourseasons.com Gallery Hotel ArtVicolo dell’Oro,5 - Firenze ph +39 055 27263 www.lungarnocollection.com Golf Club Poggio dei Medici -Via San Gavino, 27 - Scarperia ph +39 055 8435562 www.golfpoggiodeimedici. com Grand Hotel Minerva - Piazza Santa Maria Novella , 16 - Firenze ph +39 055 27230 www.grandhotelminerva.com Villa Cora - Viale Machiavelli 18, 18 - Firenze ph +39 055 228790 www.villacora.it Grand Hotel Villa Medici -Via Il Prato, 42 - Firenze ph +39 055 277171 www.villamedicihotel.com Hotel Albani - Via Fiume, 12 - Firenze ph +39 055 26030 www.albanihotels.com Hotel Albergotto - Via de’ Tornabuoni, 13 - Firenze ph +39 055 239 6464 www.albergotto.com Hotel Bernini Palace - Piazza San Firenze, 29 - Firenze ph +39 055 288621 www.hotelbernini.duetorrihotels.com Hotel Continentale - Vicolo dell’Oro, 6r - Firenze ph +39 055 27262 www.lungarnocollection.com Hotel Helvetia & Bristol - Via de’ Pescioni, 2 - Firenze ph +39 055 26651 www.royaldemeure. com Hotel Il Salviatino - Via del Salviatino, 21 - Firenze ph +39 055 9041111 www.salviatino.com Hotel Loggiato dei Serviti - Piazza SS. Annunziata, 3 - Firenze ph +39 055 289592 www.loggiatodeiservitihotel.it Hotel Montebello Splendid - Via G. Garibaldi, 14 - Firenze ph +39 055 27471 www.montebellosplendid.com Hotel Orto de’ Medici - Via San Gallo, 30 - Firenze ph +39 055 483427 www.ortodeimedici.it Hotel Regency - Piazza Massimo D’Azeglio, 3 - Firenze ph +39 055 245247 www.regencyhotel.com Hotel Santa Maria Novella - Piazza Santa Maria Novella, 1 - Firenze ph +39 055 271840 www.hotelsantamarianovella.it Hotel Savoy - Piazza della Repubblica, 7 - Firenze ph +39 055 27351 www.hotelsavoy.it Hotel Villa Fiesole - Via Beato Angelico, 35 - Fiesole ph +39 055 597252 www.villafiesole.it J & J Historic House Hotel Florence - Via di Mezzo, 20 - Firenze ph +39 055 26312 www.jandjhotel.net J.K. Place - Piazza Santa Maria Novella, 7 - Firenze ph +39 055 2645181 www.jkplace.com L’O Hotel L’Orologio - Piazza Santa Maria Novella, 24 - Firenze ph +39 055 277380 www.hotelorologioflorence.com Lungarno Hotel - Borgo San Jacopo, 14 - Firenze ph +39 055 27261  www. lungarnocollection.com Lungarno Suites - Lungarno degli Acciaiuoli, 4 - Firenze ph +39 055 27268000  www.lungarnocollection.com Palazzo Magnani Feroni All Suites Florence Borgo San Frediano, 5 - Firenze ph +39 055 2399544 www.palazzomagnaniferoni.com Palazzo Niccolini al Duomo - Via de’ Servi, 2 - Firenze ph +39 055 282412 www.niccolinidomepalace.com Palazzo Vecchietti - Via degli Strozzi, 4 - Firenze ph +39 055 230 2802 www.palazzovecchietti.com Relais S. Croce - Via Ghibellina, 87 - Firenze ph +39 055 2342230 www. relaisantacroce.com Residenza del Moro - Via del Moro, 15 - Firenze ph +39 055 290884 www.residenzadelmoro.com The St. Regis Florence - Piazza Ognissanti, 1 - Firenze ph +39 055 27161 www.stregisflorence.com The Westin Excelsior

HOTEL PARTNERS Piazza Ognissanti, 3 - Firenze ph +39 055 27151 www.westinflorence.com Tornabuoni Suites Florence - Via Tornabuoni, 9 - Firenze ph +39 055 234 6865 www.tornabuonisuites.com Villa Gamberaia - Via del Rossellino, 72 - Settignano ph +39 055 697205 www.villagamberaia.com Villa la Massa - Via della Massa, 24 - Candeli ph +39 055 62611 www.villalamassa.com Villa la Vedetta - Viale Michelangelo, 78 - Firenze ph +39 055 681631 www.villalavedettahotel.com Villa Le Maschere - Via Nazionale, 75 - Barberino del Mugello ph. +39 055 847431 www.villalemaschere.it Villa Mangiacane Via Faltignano, 4 - San Casciano in Val di Pesa ph +39 055 829 0123 www.mangiacane.com Villa Olmi Resort - Via degli Olmi, 4/8 - Bagno a Ripoli ph +39 055 637710 www.villaolmiresort.com Villa San Michele - Via Doccia, 4 - Fiesole Firenze ph +39 055 567 8250 www.villasanmichele.com AREZZO Il Borro - Loc. Borro , 1 - San Giustino Valdarno ph +39 055 9772921 www.ilborro.it GROSSETO Gallia Palace Hotel - Via delle Sughere - Localita’ Punta Ala, - Punta Ala ph +39 0564 922022 www.galliapalace.it Hotel Cala Del Porto - Via del Pozzo, - Punta Ala ph +39 0564 922455 www.hotelcaladelporto.com Hotel Residence Roccamare - Via Rocchette, - Castiglione della Pescaia ph +39 0564 941124 www.roccamare.it Il Pellicano Hotel - Loc. Sbarcatello, - Porto Ercole ph +39 0564 858111 www.pellicanohotel.com L’Andana - Tenuta la Badiola Castiglione della Pescaia ph +39 0564 944800 www.andana.it LUCCA Albergo Pietrasanta - Via Garibaldi, 35 - Pietrasanta ph +39 0584 793727 www.albergopietrasanta.com Augustus Hotel & Resort - V.le E. Morin, 169 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787200 www.augustus-hotel.it Byron - Viale A. Morin, 46 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787052 www.hotelbyron.net Grand Hotel Imperiale - Via Mazzini, 20 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78271 www.grandhotelimperiale.it Grand Hotel Principe di Piemonte - Piazza Puccini, 1 - Viareggio ph +39 0584 4011 www.principedipiemonte.com Hotel Villa Roma Imperiale Via Corsica, 9 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78830 www.villaromaimperiale.com PISA Bagni di Pisa - Largo P. Shelley, 18 - Pisa ph +39 050 88501 www.bagnidipisa.com PISTOIA Grand Hotel & La Pace - Via della Torretta, 1 - Montecatini ph +39 0572 9240 www.grandhotellapace.it Grotta Giusti - Via Grotta Giusti, 1411 - Monsummano Terme ph +39 0572 90771 www.grottagiustispa.com SIENA Borgo La Bagnaia - S.S. 223 Siena-Grosseto km 56, - Località Bagnaia ph +39 0577 813000 www.labagnaiaresort.com Fonteverde Natural Spa Resort - Località Terme, 1 - San Casciano dei Bagni ph +39 0578 57241 www.fonteverdespa.com Grand Hotel Continentale - Banchi di Sopra, 85 - Siena ph +39 0577 56011 www.royaldemeure.com La Collegiata - Località Strada, 27 - San Gimignano ph +39 0577 943201 www.lacollegiata.it Relais La Suvera - Via della Suvera, 70 - Casole D’Elsa ph +39 0577 960300 www.lasuvera.it Terme di Saturnia Spa & Golf Resort, , Saturnia ph +39 0564 6000111 www.termedisaturnia.it


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

FIRENZE Borgo San Jacopo Borgo San Jacopo, 62r ph +39 055.281661 One Michelin starred. This restaurant, recently renovated, is located near Ponte Vecchio. Enchanting environment and lovely views over the River Arno enhanced by the warmth of an elegant private home. Chef Peter Brunel offers his modern interpretation of Italian regional cooking. He pays “sentimental” attention to primary ingredients and constructively opens to diverse culinary traditions. Una stella Michelin. Siamo a una spanna da Ponte Vecchio, con splendida vista sull’Arno. L’atmosfera è incantata, resa ancora più elegante dalla recente opera di rinnovamento. Lo chef Peter Brunel propone una rilettura moderna della cucina regionale italiana, con un’attenzione “sentimentale” alla scelta delle materie prime e una costruttiva apertura a tradizioni culinarie diverse. Brandolino Piazza Madonna degli Aldobrandini, 3r ph. +39 055 3997593 Inspired by traditional world-famous Florentine and Tuscan cooking, Brandolino offers dishes made from simple and genuine ingredients. Ispirato ai gusti della cucina fiorentina, così come quella toscana, famosa in tutto il mondo, Brandolino basa il suo segreto su ingredienti semplici e genuini. Buca dell’Orafo Via de’ Girolami, 28r ph +39 055.213619 In Florence they are called buche: basement workshops converted into wine cellars and then restaurants serving simple, traditional Florentine dishes. The signature dishes are artichoke frittata (in winter and springtime) and chine of pork with potatoes. A Firenze si chiamano ‘buche’, sono degli ex-laboratori seminterrati trasformati in cantinette, poi adibite a ristoranti. I veri cult sono il tortino di carciofi (in inverno e primavera) e l’arista di maiale con le patate. Buca Lapi Via Trebbio, 1r - ph +39 055 213768 One of the city’s oldest and best-known buche. The kitchen is on show, a typical Tuscan and country atmosphere. The heart and soul of the restaurant is owner Luciano Ghinassi, who carries on Tuscany’s culinary tradition. Among the must-tries are barbecued steak, pasta and homemade desserts. Una delle buche più storiche e famose della città. Cucina a vista, atmosfera rustica rappresentativa della massima espressione toscana. Oggi il patron e anima del ristorante, Luciano Ghinassi, mantiene viva la tradizione registrando il pieno di prenotazioni tutte le sere. Tra i must la bistecca al carbone e la pasta e i dolci fatti in casa. Buca Mario Piazza degli Ottaviani, 16r ph +39 055 214179 This buca is based in the sixteenth-century Palazzo Niccolini and counts celebrities such as Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Traditional dishes like artichoke flan, ribollita, pappardelle with wild boar meat sauce and barbecued steak. Da questa ‘buca’ che occupa i sotterranei del cinquecentesco palazzo Niccolini sono passati personaggi come Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Ricette della tradizione tra le quali spiccano lo sformatino di carciofi, la ribollita, le pappardelle al ragù di cinghiale e la bistecca alla brace. Caffè dell’Oro Lungarno Acciaiuoli, 2/p ph +39 055 27268912 The new Lungarno Collection restaurant and bistro, just steps away from Portrait Firenze, offers the best view of Ponte Vecchio. A “living room with kitchen” , soft and welcoming. Nuovo ristorante e bistrot della Lungarno Collection, a un passo dal Portrait Firenze, è la vista più bella su Ponte Vecchio. Un ‘salotto con cucina’, morbido ed accogliente.

196 Firenze | made in Tuscany

Cammillo Borgo San Jacopo, 57r ph +39 055 212427 Run by the same family since 1945, this is one of Florence’s most typical restaurants, frequented by both locals and tourists. Dal 1945 nelle mani della stessa famiglia, ecco è una delle trattorie più tipiche di Firenze, frequentata da un’affezionata clientela fiorentina e internazionale. Cantinetta Antinori Piazza degli Antinori, 3 ph +39 055 292234 Cantinetta Antinori has been one of Florence’s best known wine bars since 1965. A restaurant with an elegant and intimate atmosphere, frequented by a demanding and sophisticated clientele, where one can taste the entire Antinori wine production. Dal 1965 la Cantinetta Antinori è uno dei wine bar più rinomati di Firenze. Un ambiente elegante e discreto, frequentato da una clientela esigente e raffinata, dove è possibile degustare tutta la gamma dei vini Antinori accompagnati da una selezione di specialità della cucina toscana. Cestello ristoclub Piazza di Cestello, 8 ph +39 055 2645364 A superb fish restaurant overlooking the lovely Piazza di Cestello with a terrace where meals can be enjoyed in summer in the shade of the homonymous church. Con una splendida vista sulla piazza del Cestello, dove d’estate si estende un fresco dehor all’ombra della omonima Chiesa, ecco un eccellente ristorante di pesce. Cibleo Via del Verrocchio, 2r ph. +39 055 2477881 The city’s first Tuscan-Japanese-Korean restaurants ideated by one of Florence’s most symbolic chefs, Fabio Picchi. A Korean chef and Japanese sous chef alongside Fabio Picchi in the kitchen. Il primo ristorante corean-nipponico-toscano ideato da uno degli uomini di cucina simbolo in citta, Fabio Picchi. In cucina, oltre a Fabio Picchi, una chef coreana e un souf chef giapponese. Cibreo Via Andrea del Verrocchio, 8 ph +39 055 2341100 Cibreo has been a sophisticated melting pot of aromas and flavours since 1979, with a sole conductor on the podium, Chef Fabio Picchi. The musttries are yellow pepper soup, salt cod à la Cassi, stuffed chicken neck and Florentine-style pot roast. Dal 1979 Cibreo è un raffinato melting pot di sapori e profumi, con un unico direttore di orchestra, lo chef Fabio Picchi. Da assaggiare il passato di peperoni gialli, il baccalà alla Cassi, il collo ripieno e lo stracotto alla fiorentina. Coco Lezzone Via del Parioncino, 26r ph +39 055 287178 A typical early twentieth-century Florentine trattoria with checked tablecloths, friends chatting and portraits of famous customers hanging from the walls. The house specialties are pappa al pomodoro, ribollita, roast chine of pork and superb T-bone steak. Tipica trattoria fiorentina dei primi ‘900 con tovaglie a quadri, chiacchere tra amici, e alle pareti ritratti di artisti e personaggi famosi che sono passati di qui. I piatti tipici sono la pappa al pomodoro, la ribollita, l’arista al forno e una eccellente bistecca Convivium Firenze Viale Europa, 4/6 ph +39 055 6802482 This bistro is an authentic food atelier and features a food shop corner with over 1000 wine labels. Vero e proprio atelier gastronomico, che vede un gastro-bistrot e un angolo gastronomia estremamente fornito, con oltre 1000 etichette vinicole.

Cucina Torcicoda Via Torta, 5r - ph. +39 055 2654329 An innovative multi-venue restaurant concept, based on three distinct dining areas- restaurant, osteria and pizzeria. Mediterranean-style gourmet cooking, among the must-tries are Angus beef filet and Torcicoda crumble. Un grande concept innovativo, che si snoda su tre diversi locali - ristorante, osteria e pizzeria - ognuno con una propria vocazione, menù e atmosfera. Cucina gourmet mediterranea, tra i must il filetto di angus e il crumble Torcicoda. Da’ Pescatore Piazza del Carmine, 7r ph + 39 055 219978 Chef Daniele is owner and head of this new fish restaurant, situated in the Oltrarno district. Three menus to discover delectable raw and cooked dishes. La casa di cucina di Daniele, Chef e proprietario di questo nuovo ristorante di pesce nell’Oltrarno. Tre percorsi possibili, per scoprire tutte le numerose proposte, in un continuum inedito tra Cotto e Crudo. Ditta Artigianale Oltrarno Via dello Sprone, 5r ph. +39 055 2741541 A second location in the Oltrarno area following the success of the first restaurant in Via dei Neri. Open from 8 am to midnight, the ideal place for breakfast, lunch, dinner and drinks (there’s an extensive gin list). The kitchen is run by chef Arturo Dori. Nuova apertura in Oltrarno dopo il successo del locale in via dei Neri. Dalle 8 del mattino alle 24, la location ideale per colazione, pranzo, cena e aperitivo (fornitissima la carta dei gin). In cucina lo chef Arturo Dori. Enoteca Pinchiorri Via Ghibellina, 87 ph + 39 055 242757 The temple of taste in Florence, three Michelin stars. Giorgio Pinchiorri and Annie Feolde from different origins but with the same passion that drove them in these last 40 years to create something unique in its kind. Unforgettable the dishes prepared by Chef Riccardo Monco as well as a trip to the wine cellar, one of the best in the world: a collection of over 4000 labels. Il tempio del gusto a Firenze, tre stelle Michelin. Giorgio Pinchiorri e Annie Feolde, di origini diverse ma con la stessa passione che li ha portati in questi ultimi 40 anni a creare qualcosa di unico. Imperdibile l’esplorazione delle proposte dello Chef Riccardo Monco, così come la cantina, tra le prime del mondo, con oltre 4000 etichette. Essenziale Piazza di Cestello, 3r Ph. +39 055 2476956 A refined showcase for a modern Tuscan cuisine in the loft-style ambiance of a 19th-century warehouse. The young yet already accomplished chef Simone Cipriani draws from the local tradition when he prepares his original dishes. Raffinata vetrina di cucina toscana moderna, in un ambiente stile loft ricavato da un magazzino del XIX secolo. Regno del giovane ma già affermato chef Simone Cipriani che propone piatti originali ispirati alla tradizione. Fëdor Piazza della Signoria, 37r ph. +39 055 210496 The city’s first Russian-inspired bistro, a culinary grand tour served up with Dostoyevsky’s writings. An exclusive liaison between Italian and Russian cuisine. Il primo bistrot d’ispirazione russa in città. Un grand tour culinario accompagnati dai versi di Fëdor Dostoevsky. Un’esclusiva trait d’union tra la cucina italiana e russa. Fuor d’Acqua Via Pisana, 37 - ph +39 055 222299 This restaurant serves only freshlycaught fish on a daily basis: freshness is guaranteed in this well-known and popular fish-based restaurant. Both simple or more elaborate dishes pre-

pared as per tradition, such as Catalanstyle seafood, Trabaccolara paccheri and warm and cold appetizers, which are the restaurant’s specialty along with raw fish dishes. Caratteristica del ristorante, la scelta di servire solo il pescato del giorno: freschezza garantita in questo punto di riferimento indiscusso per la cucina di mare. Ricette semplici o elaborate secondo la tradizione come la Catalana, i paccheri alla Trabaccolara e gli antipasti, crudi o caldi, che sono una delle specialità insieme ai grandi piatti di cruditè. Gilò Pianobar Via dei Fossi, 44r ph. +39 055 283393 It is the restaurant recently opened by Gianfranco Lotti. An old-fashioned atmosphere, soft lights, briarwood paneling and Florentine artisan-made furniture, with a grand piano as the focal point. È il locale recentemente aperto da Gianfranco Lotti. Atmosfera d’antan, luci soffuse, pareti in radica e arredi di artigianato fiorentino deluxe, con un pianoforte a mezza coda come anima centrale. Gucci Caffè e Ristorante Piazza della Signoria, 10 ph +39 055 75923827 We are in Piazza della Signoria, at the Gucci Museum’s restaurant overlooking one of the world’s most beautiful squares. After having enjoyed the excellent food-light dishes, even vegetarian, made with locally - sourced and organic ingredients - we suggest you explore the rest of the building: museum, coffee shop and bookshop (reopening in Winter). Siamo in piazza della Signoria, nel ristorante del Museo Gucci con vista su una delle più belle piazze del mondo. Sdoganato il fatto che qui si mangia bene, piatti leggeri anche vegetariani ma con forte identità e sapore, basati su prodotti biologici e locali, ecco un luogo d’incontro a 360 gradi: museo, caffè, ristorante e bookshop (riapertura prevista in inverno). Gurdulù Via delle Caldaie, 12/14r, ph. +39 055 282223 Gurdulù, the picturesque character of The Nonexistent Knight by Italo Calvino, represents life lived cheerfully, instinctively, always on the go. This is the spirit with which the owners, along with multiawarded chef Entiana Osmenzeza, created a place unique of its kind yet comfortable and friendly, offering a wonderful Balkan, Florentine and Spanish-influenced menu. Gurdulù, personaggio dal romanzo ‘Il cavaliere inesistente’ di Italo Calvino, rappresenta la vita vissuta in maniera spensierata, istintiva, in continuo movimento ed è con questo spirito che i proprietari, insieme alla chef pluripremiata Entiana Osmenzeza hanno voluto dar vita ad un luogo unico ma comune, familiare ma inconsueto, dove il menu riporta alla memoria suggestioni balcaniche, oltre ad influenze fiorentine e spagnole. Harry’s Bar Lungarno Vespucci, 22r ph +39 055 2396700 Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, are only a few of the celebrities who wined and dined at this historic restaurant in over fifty years’ time. The must-tries are Harry’s Bar-style taglierini au gratin, curry prawn tails, beef tartare. The restaurant’s signature: cocktail, the Bellini! Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, sono solo alcuni dei personaggi che questo storico ristorante ha ospitato nel corso di oltre 50 anni di storia. Tra i piatti che non potete perdere i Taglierini gratinati alla Harry’s Bar, Code di gamberi al curry, Tartare di manzo. Un consiglio: il cocktail Bellini. Hostaria Bibendum Via dei Pescioni, 8 ph + 39 055 2665620 We are talking about the restaurant of five-star hotel Helvetia & Bristol, serving a creative and yet traditional cuisine based on the use of top-quality and


Io Osteria Personale Borgo S. Frediano, 187r ph+ 39 055 9331341 This lovely small restaurant in the heart of the Oltrarno area, steps away from the San Frediano Gate, was started in 2010 by owner Matteo Fantini, but it has been already reviewed in all major guides. The secret? Gourmet cuisine based on the use of seasonal ingredients by small producers. Most dishes are gluten-free. Il proprietario Matteo Fantini decide di aprire questo delizioso ristorantino nel cuore dell’Oltrarno, a due passi dalla porta di San Frediano, nel 2010 e il suo nome è stato recensito dalle principali guide. Il segreto? Una cucina gourmet, basata sulla stagionalità dei prodotti e sui piccoli produttori. La maggior parte delle proposte non contiene glutine. Irene Piazza della Repubblica, 7 ph +39 055 27351 Overlooking the plaza, this is the new concept restaurant of the Hotel Savoy. A delectable place dedicated to the entire city and offering an exclusive menu created by the famous chef Fulvio Pierangelini. Artistic director, Felice Limosani. Affacciato su piazza della Repubblica, è il nuovo concept gastronomico dell’Hotel Savoy. Un salotto del gusto dedicato a tutta la città, con un menu esclusivo a cura del celebre Chef Fulvio Pierangelini. J.K. Lounge Piazza Santa Maria Novella, 7 ph +39 055 2645181 The J.K. Lounge, the Hotel’s restaurant since 2007, is the ideal place for a quick lunch or a dinner enjoyed in the warm and intimate atmosphere of a private home: five tables set discreetly apart where you can dine before the fireplace comfortably seated in an armchair. From April thru end-October guests can enjoy the beautiful J.K. Terrace overlooking Santa Maria Novella square with the church in the background. Al J.K. Lounge, spazio annesso nel 2007 all’Hotel, si può consumare un lunch veloce o intrattenersi per cena in un ambiente che ha tutta la privacy e l’eleganza di una casa: cinque tavoli, in posizione riservata, dove si pranza su una comoda poltrona o vicino al camino. Da aprile a fine ottobre gli ospiti possono godere della bellissima J.K. Terrace, situata in piazza Santa Maria Novella con la chiesa a fare da quinta. Kome Via dei Benci, 41r ph +39 055 2008009 Located downtown Florence, Kome is the temple of Japanese cooking. The entrance leads into the Kaiten Sushi, where sushi and other dishes are placed on a rotating conveyor belt that moves past the counter. The third level, which is actually the basement, houses the Sushi Gallery Izakaya, a private room with wine and saké bar. Nel centro storico di Firenze Kome è il tempio della cucina jap. L’ingresso di Kome si apre sul Kaiten Sushi, dove le varietà di sushi, e non solo, sono disposte su un tapis roulant. Al piano inferiore, ospita il Sushi Gallery Izakaya, un privé con angolo wine e sakè bar. Konnubio Via dei Conti, 8r ph. +39 055 2381189 Authentic Tuscan cuisine as well as international specialties with a wide choice of vegetarian and vegan dishes prepared by multi-starred Chef Beatrice Segoni Cucina toscana autentica, ma anche specialità internazionali e un’ampia selezione di proposte vegetariane e vegane. In cucina, la pluripremiata Chef Beatrice Segoni Il Pasha Viale Machiavelli, 18 ph. +39 055 228790 Dining in the main location of Villa Cora during the winter season or at “Le Bistrot” in the summer by the outdoor heated pool open all year round. The

Bellevue roof terrace on the fifth floor has wonderful panoramic views of the city. È possibile pranzare o cenare nell’ambiente principale di Villa Cora durante la stagione invernale o presso “Le Bistrot” in estate vicino alla piscina esterna riscaldata aperta tutto l’anno. Dalla Bellevue Terrace, al quinto piano, si può godere di una splendida vista panoramica sulla città. L’Osteria di sopra (Eataly) Via dei Martelli, 22r - ph. 055 0153601 Every month a different osteria is picked to offer a menu based on its specialties, as a celebration of Italy’s biodiversity and culinary traditions that make up our country’s regional cuisine. Ogni mese un’osteria diversa cucina le sue specialità per celebrare la grande biodiversità italiana e la bellezza delle tradizioni enogastronomiche che caratterizzano le regioni del nostro Paese. La bottega del buon caffè Lungarno Benvenuto Cellini, 69 ph. + 39 055 5535677 One Michelin starred. Restaurant’s philosophy: serve tasty, well-presented dishes made with prime local ingredients in a stimulating and relaxing atmosphere. The restaurant offers an innovative food experience called “A Vegetable Garden to Savor”, by which guests may enjoy the freshest ingredients grown in the restaurant’s garden. Una stella Michelin. Filosofia del ristorante, servire all’interno di un’atmosfera stimolante e rilassante piatti gustosi e ben presentati, prodotti con i migliori ingredienti a km 0. Propone un’innovativa esperienza gastronomica chiamata ‘Orto da gustare’ con la quale i clienti possono assaporare i freschissimi ingredienti coltivati negli orti del ristorante. La Bottega di Parigi Via del Terzollina, 3r ph. +39 055 0944388 The cuisine is based on the use of natural ingredients sourced from small producers and stone-ground organic flours. The extensive wine list includes 300 Italian and foreign labels. Una cucina che predilige materie prime provenienti da piccoli produttori, farine biologiche macinate a pietra e una cantina di vini che vanta 300 etichette italiane e straniere. La Cucina del Garga Via San Zanobi, 33r ph. + 39 055 475286 The story of La Cucina del Garga begins when Alessandro Gargani comes back to Florence after eight years in New York as Executive Chef of renowned Mezzogiorno Restaurant in Soho. A restaurant and art gallery where young artists can show their works and customers delight their sight. La storia de La Cucina del Garga inizia quando Alessandro Gargani torna a Firenze dopo otto anni a New York come Executive Chef al famoso Mezzogiorno Restaurant di Soho. Un ristorante–galleria dove giovani artisti possono esporre le loro opere. La Cucina del Salviatino Via del Salviatino, 21 ph. +39 055 9041111 It is the reasturant of Hotel Salviatino. Local cuisine that changes according to seasons. Fruit, vegetables and aromatic herbs are as locally-sourced as you can get: straight from the vegetable garden planted in the wonderful park surrounding the restaurant, next to the age-old orchard. Chef Carmine Calò’s motto is: “Ingredients and Creativity”. È il ristorante dell’Hotel Salviatino. Una cucina legata al territorio e che varia con il mutare delle stagioni. Una cucina che attinge al meraviglioso parco, una cui parte, adiacente allo storico frutteto, è stato adibito a orto biologico per avere verdure, frutta ed erbe aromatiche, realmente a km 0. Il motto dello chef, Carmine Calò, è: “ingredienti e immaginazione”.

La Giostra Borgo Pinti, 10r - ph +39 055 241341 Established twenty years ago by Prince Dimitri Habsburg-Lorraine and his son Soldano, La Giostra is a cozy restaurant hidden from view and a favorite with world-famous celebrities. Traditional Tuscan and Lorraine cuisine. The “VIP” table is the big, King Arthur’s-style one at the end of the dining room. Nato venti anni fa dalla passione del Principe Dimitri d’Asburgo Lorena e del figlio Soldano, La Giostra è un ristorante intimo e nascosto, frequentato da personaggi famosi di tutto il mondo. I piatti rivisitano la tradizione toscana e lorenese. Il tavolo più esclusivo è l’imponente tavolo tondo in fondo alla sala, che ricorda la tavola di Re Artù. La Leggenda dei Frati Costa San Giorgio, 6/a ph. +39 055 068 0545 the restaurant is located in the Villa Bardini museum complex, affording some of the most stunning views of the city. The cuisine is innovative yet rooted in the local culinary culture. One Michelin starred. All’interno del complesso Museale di Villa Bardini, da cui si gode di una delle più belle viste sulla città. Una cucina allo stesso tempo innovativa e legata alla cultura gastronomica del territorio. Una stella Michelin. La Ménagère Via de’ Ginori, 8r ph. +39 055 0750600 What used to be the first store in Florence selling household products, opened in 1896, is now an innovative and romantic concept restaurant. All’interno degli spazi del primo negozio di casalinghi fiorentino, datato 1896, rinasce oggi questo concept-ristorante dal sapore romantico e innovativo. La Raccolta Via Giacomo Leopardi, 2r ph. +39 055 2479068 Welcoming and colourful interiors, Chef Vincenza La Placa changes the menu on a daily basis and uses only top-quality and fresh ingredients. From pasta with seitan meat sauce to leeks and apples au gratin with sunflower seeds with organically-produced. In un ambiente accogliente e colorato, la Chef Vincenza La Placa propone ogni giorno un menu diverso, basato su prodotti freschi e di altissima qualità. Dai cappelli al ragù di seitan al gratin di porri e mele con semi di girasole, sempre rigorosamente bio. Locale ∞ Via delle Seggiole, 12 ph. +39 055 9067188 The ancient Palazzo delle Seggiole has been turned into a new restaurant and wine bar. Open every day, from happy hour to late night, its main attractions are the Winter garden and the long lost atmosphere combined with a modern minimalist design. L’antico Palazzo delle Seggiole si trasforma in un nuovo ristorante e wine bar. Aperto tutti i giorni, dall’aperitivo fino a tarda notte, si contraddistingue per il suo giardino d’inverno e un’atmosfera d’antan che sposa arredi minimal contemporanei. Lungarno 23 Lungarno Torrigiani, 23 ph.+39 055 2345957 A magnificent terrace giving onto downtown Florence with view of Ponte Vecchio, the Uffizi Gallery and the Duomo’s dome. The restaurant’s specialty is locally-bred meat such as genuine Tuscan Chianina beef hamburgers. Splendida la terrazza che si affaccia sul cuore della città, con vista su Ponte Vecchio, Uffizi e la cupola del Duomo. La specialità del ristorante sono gli autentici hamburger di Chianina toscana fatti solo con carni direttamente provenienti dagli allevamenti in zona di origine. Lungarno Bistrot Piazza degli Scarlatti, 1r ph. +39 055 2654541 Homemade pasta, bread and cakes, prepared before your eyes in the open kitchen by chefs Francesco Fumarola and Giuseppe Ancona: this is what

Firenze | made in Tuscany 197

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

seasonal ingredients. Outdoor seating area in summertime. Siamo al ristorante dell’Hotel 5 stelle Helvetia & Bristol, cucina di ricerca che si innesta sulla tradizione, locale, basata sulla qualità e stagionalità dei prodotti utilizzati. Dehors esterno in estate. Il Borro Tuscan Bistro Lungarno Acciaiuoli, 80r ph. +39 055 290423 Close to Ponte Vecchio, this elegant and subdued bistro is also a restaurant, wine bar (the house wine is produced by Tenuta Il Borro) and delicatessen, as every other Ferragamo family-owned business. A glimpse of the menu by chef Andrea Campani? Lampredotto sandwich and foie gras paired with a glass of Polissena wine. A pochi passi da Ponte Vecchio, questo locale elegante e sobrio a metà strada tra ristorante, wine bar (il vino della casa è naturalmente quello della Tenuta Il Borro) e bottega, che pone come essenza primaria l’eccellenza come si conviene a ogni proprietà della famiglia Ferragamo. Fatevi guidare dallo chef Andrea Campani. Il Latini Via dei Palchetti, 6r - Palazzo Rucellai ph. + 39 055 210916 The history of Il Latini restaurant is closely associated with that of the city. Today as yesterday, Il Latini offers ribollita and pappa al pomodoro, chine of pork and wild boar stew. Here, one can take in all the atmosphere and capture a bit of the magic of wonderful Tuscany. La storia del ristorante Il Latini si intreccia con la storia della città, con la storia di Maria, moglie di Narciso. Oggi come allora da Il Latini si mangia la ribollita e la pappa al pomodoro, l’arista e il cinghiale. Qui si assapora la materia prima di questa terra meravigliosa che è la Toscana, mentre si cattura un po’ della sua anima. Il Magazzino Piazza della Passera, 2/3 ph. +39 055 215969 Il Magazzino is the first tripe restaurant in Florence. Lampredotto meatballs, ravioli filled with lampredotto and potatoes, linguine with black cabbage pesto and Florentine-style tripe are only a few of the dishes on the menu. In spring and summertime, book one of the four outdoor tables. La prima tripperia ‘al chiuso’ di Firenze. Le polpettine di lampredotto, i ravioli ripieni di lampredotto e patata, le linguine al pesto di cavolo nero e la trippa alla Fiorentina sono solo alcune delle proposte. Nella bella stagione prenotate uno dei quattro tavolini del dehor esterno. Il Palagio Borgo Pinti, 99 - ph +39 055 26261 The restaurant of Four Seasons Hotel Firenze, one Michelin-starred, the domain of Executive Chef Vito Mollica. In the wonderful setting of Palazzo della Gherardesca, overlooking the hotel’s garden, with a lovely terrace for outdoor dining. The wine list includes about five hundred labels. Il ristorante del Four Seasons Hotel Firenze, una stella Michelin, regno dell’Executive Chef Vito Mollica. Nella splendida cornice del Palazzo della Gherardesca, affacciato sull’omonimo giardino, dove la terrazza offre l’alternativa per incantevoli pranzi e cene all’aperto. In carta circa cinquecento etichette vinicole. Il Santo Bevitore Via S. Spirito, 64r - ph. +39 055 211264 In the heart of the Oltrarno area, a restaurant born out of the passion for cooking of three young Florentines, Marco, Martina and Stefano, serving elegantly-arranged creative cuisine, but in an informal setting and at reasonable prices. Enjoy a pre-dinner drink at Santino’s, the small wine bar next door. Nel cuore dell’Oltrarno, un ristorante nato dalla passione di tre giovani fiorentini, Marco, Martina e Stefano, che si contraddistingue per la sua cucina creativa, curata ma informale, con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Per un aperitivo fermatevi al Santino, piccola enoteca proprio accanto al ristorante.


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

makes Lungarno Bistrot so special. The outdoor seating area overlooking Lungarno Guicciardini and Palazzo Corsini is another good reason to enjoy the restaurant. Pasta, pane e dolci fatti in casa, preparati nella cucina a vista dagli chef Francesco Fumarola e Giuseppe Ancona: sono queste cose che rendono speciale Lungarno Bistrot. La vista del dehors con affaccio su Lungarno Guicciardini e Palazzo Corsini è un’altra buona ragione per scegliere qesto locale. Marina di Santo Spirito Via Maffia, 1/c ph. +39 333 3178831 Located in the Santo Spirito quarter, this original restaurant has stone flooring from the 14th century, leather sofas and chairs, antique objects hanging from the walls and a small stage for live music. The menu features exquisite seafood dishes and much more. Nel quartiere di Santo Spirito, un originale ristorante con pavimento in pietre del Trecento, divani e sedie in pelle, oggetti antichi appesi alle pareti e un piccolo palco per la musica dal vivo. In menù, ottime proposte di pesce e non solo. Mercato Centrale Il primo piano del mercato coperto di San Lorenzo. Aperto dalle 10 a mezzanotte, vanta oltre 3000 metri quadrati di botteghe e ristoranti di massima qualità. The first floor of the indoor market of San Lorenzo. Open from 10am to midnight, this floor houses 3,000 square meters of topquality food shops and restaurants. Momoyama Borgo San Frediano, 10r ph. + 39 055 291840 A journey into the Japanese flavors of Momoyama, in the heart of the Oltrarno. The raw cuisine directed by Gabriel Camara proffers a classic Japanese menu. The Japanese food cooked by Chef Lorenzo d’Agnello is just as delicious. Un viaggio alla volta dei sapori nipponici di Momoyama, nel cuore dell’Oltrarno. La cucina cruda diretta da Gabriel Camara propone i classici della tradizione giapponese. Ottima anche la cucina giapponese cotta dello chef Lorenzo d’Agnello. Neromo Borgo San Frediano, 23 ph. + 39 055 2382645 Also serves fish dishes. Prime ingredients. Top-of-the-range pizza restaurant open till late at night serving pizzas made with naturally-leavened dough and topped with fresh, natural products typical of the Neapolitan cuisine, from burrata to Monticella tomatoes. Piatti di terra e di mare, materie prime di prima scelta, punta di diamante è la pizzeria che sforna pizze lievitate in modo naturale, condite con prodotti freschi e genuini tipici della cucina napoletana, dalla burrata ai pomodori della ditta Motticella fino a tarda notte. Obikà Via Tornabuoni, 16 ph +39 055 2773526 At Obikà’s you will find Italy’s best buffalo mozzarella, as well as products coming from carefully selected and Slow Food-certified farms and producers. Minimalist, modern and bright interiors, on one of the most beautiful and elegant streets in Florence. Da Obikà troverete la migliore mozzarella di bufala Campana DOP insieme a prodotti selezionati provenienti da fattorie e aziende agricole artigianali, rigorosamente Slow Food. Un ambiente dal design essenziale, contemporaneo e luminoso, in una delle strade più belle e glamour di Firenze. Omero Via del Pian dei Giullari, 11 ph +39 055 220053 For over 60 years, it’s been at the service of those wishing to sample Tuscan flavors while immersed in the greenery of the Florentine hills. Da più di 60 anni al servizio di chi vuole gustare i sapori toscani immersi nella verde cornice dei colli fiorentini. Ambiente curato nei dettagli ma che non perde la rusticità del carattere fiorentino.

198 Firenze | made in Tuscany

Onice - Lounge & Restaurant Viale Michelangiolo, 78 ph +39 055 681631 The restaurant is housed in a midnineteenth century building, which was once a private residence, set along Viale Michelangelo with a magnificent panoramic view of Florence. Among the must-tries are yellow pumpkin soup with thyme-flavoured roast quail, Castelmagno cheese sauce and truffle-flavoured quail reduction. Il Ristorante ha uno degli affacci più suggestivi della città e propone una cucina di alto livello, incentrata sulla tradizione e sugli ingredienti freschi del territorio rielaborati con gusto creativo. Tra i piatti cult da non perdere, la pappa alla zucca gialla con quaglie arrosto al timo, salsa di Castel Magno e ristretto di quaglia al tartufo. Ora d’Aria Via dei Georgofili, 11r ph +39 055 2001699 At lunchtime it is informal, with its tapas that allow you to enjoy gourmet dishes in small portions and at reasonable prices. In the evening, it is an upscale restaurant, with two tasting menus and one à la carte. The genius here is Chef Marco Stabile: one Michelin starred. A pranzo è democratico con la proposta vincente delle tapas che permettono di assaporare piatti gourmet in piccole porzioni a piccoli prezzi. A cena è alta cucina, con due menu degustazione e la scelta à la carte. Ma qui la vera scoperta è lo chef Marco Stabile: una stella Michelin. Osteria del Caffè Italiano Via Isola delle Stinche, 11/13r ph. + 39 055 289080 Housed in the 14th-century Palazzo Salviati, this restaurant combines a friendly atmosphere and impeccable service. The menu is based on simple dishes and the use of top-quality ingredients. If you’re not in the mood for Florentine-style T-bone steak, the restaurant’s specialty, try the pizzeria. All’interno del trecentesco Palazzo Salviati, unisce alla semplice familiarità l’accuratezza che si dedica al salotto della festa. La cucina è fatta di ricette semplici e di ingredienti di prima scelta. Se non volete la bistecca alla Fiorentina, uno dei must del ristorante, provate la pizzeria. Osteria delle Tre Panche Via Pacinotti, 32r - ph +39 055 583724 The business card reads: “At Andrea’s and Vieri’s, the artisans of taste”. Established in Florence, in the Campo di Marte area, in 1986, this restaurants serves typical Tuscan and truffle-based dishes, such as truffle-flavoured potato pie. Il biglietto da visita recita così: “da Andrea e Vieri, gli artigiani del gusto”. Presente a Firenze, in zona Campo Marte, dal 1986 con una cucina tipica toscana i cui cult sono le specialità al tartufo di San Miniato e in primis il tortino di patate al tartufo. Pane & Olio Via Faentina, 2r - ph. +39 055 488381 Established by two passionate food and wine and hospitality experts, Aldo Ventre and Gianluca Gafforio. A small but uncommon menu and exciting and unconventional wine list, perfectly matching. Nato dalla passione di due grandi appassionati di enogastronomia e ospitalità, Aldo Ventre e Gianluca Gafforio. Menu essenziale ma mai banale, carta dei vini emozionante e non convenzionale, entrambi vengono costruiti in un connubio perfetto. Piazza del Vino Via della Torretta, 18r ph +39 055 671404 New York-style atmosphere, stone walls, eye-catching wine boxes and friendly and attentive service at this new Florentine restaurant. The wine list includes over 200 labels and there is a sort of wine fountain that spews fine wine at reasonable prices. Atmosfera newyorkese, muri in pietra, casse di vino che conquistano la vista e un servizio attento e cordiale per questo nuovo locale

fiorentino. La carta dei vini include più di 200 etichette e originale l’idea di una fontana del vino che spilla calici di grandi vini. Portofino Viale Mazzini, 25r ph. +39 055 244140 This is a fish-based restaurant that draws inspiration from Tuscan and Ligurian cuisine and makes exclusively use of top-quality ingredients, freshlycaught fish, homemade bread and desserts. La cucina di mare impera in questo ristorante che trae ispirazione anche dalle varianti della cucina toscana e ligure, per un mix che predilige le materie prime di alta qualità, dal pesce rigorosamente fresco, al pane fatto interamente in casa ai dolci handmade. Ristorante & Wine Bar dei Frescobaldi Via dei Magazzini, 2r ph. +39 055 284724 Tucked away in a corner of Piazza della Signoria, in the heart of downtown Florence, this restaurant has been ranking among the best Italian restaurants on the Michelin guide. Among the musttries are the Florentine-style T-bone steak, pici with duck sauce and salt cod in various styles paired with fine Marchesi de’ Frescobaldi wines. Affacciato su un angolo di Piazza della Signoria, nel cuore pulsante della città, si trova questo ristorante che privilegia i sapori della cucina toscana. Tra i piatti cult da assaggiare i pici al ragù di anatra e il baccalà preparato in vari modi. Il tutto innaffiato con i pregiati vini dei Marchesi de’ Frescobaldi. Ristorante Pizzeria Via Vai Via Pisana, 33r - ph. +39 055 223132 Located near the San Frediano Gate, this restaurant features an innovative New York-style interior design. Don’t forget the “friendship table”, the big 32-seat onyx table placed in the middle of the dining room. In prossimità di Porta San Frediano nasce il ristorante dal design d’arredo innovativo che emula quello di celebri locali newyorkesi. Imperdibile il “tavolo dell’amicizia”, un tavolo in onice con circa 32 posti a sedere, scegliete le specialità a base di carne chianina. Ruth’s Via Luigi Carlo Farini, 2/a ph. +39 055 2480888 Only kosher food prepared in two separate kitchens to keep the dishes from being “contaminated”, as per tradition. Solo cibo kasher cucinato nelle due cucine separate in modo che le pietanze non possano “contaminarsi”, come da tradizione. San Niccolò 39 Via San Niccolò, 39r ph. +39 055 2001397 In the heart of the Oltrarno area, an elegant but welcoming seafood restaurant. Seasonal and traditional Mediterranean dishes with a contemporary presentation. Nel cuore dell’Oltrarno, un raffinato ma accogliente seafood restaurant. Piatti stagionali, tipici della cucina mediterranea, presentata però secondo il gusto attuale. Se-Sto on Arno Piazza Ognissanti, 3 ph. +39 055 27152783 Located on the sixth floor of The Westin Excelsior hotel, this futuristic-style restaurant with all-around windows offers one of the best views of the city. A suggestion? Book table 41 with view of the Arno river and the Duomo. Executive Chef of the kitchen, Matteo Lorenzini. The wine list includes 350 wine and 22 Champagne labels. Al sesto piano del The Westin Excelsior, è una struttura avveniristica realizzata con vetrate continue che offre una delle viste panoramiche più belle della città. Un consiglio? Scegliete il tavolo 41, con vista sull’Arno proprio davanti al Duomo. In cucina l’Executive Chef Matteo Lorenzini, in carta 350 etichette di vino e 22 Champagne.

Strozzi Caffè Colle Bereto Winery Piazza Strozzi - Palazzo Strozzi ph. +39 055 288236 Palazzo Strozzi’s bistro restaurant, in the heart of the city’s shopping streets. A unique location, contemporary-style interiors and gourmet cuisine based on a menu of traditional Tuscan dishes with a creative twist. Il ristorante bistrot di Palazzo Strozzi, nel cuore della città e del quadrilatero della moda. Location d’eccezione, design contemporaneo e una cucina ricercata basata su una combinazione tra leggerezza e bontà in una chiave di toscanità rivisitata. Tabarìn Via dei Vecchietti, 6 ph. +39 055 2399943 The newest temple of taste in Florence. A Parisian atmosphere, soft lights, crimson velvets and elegant chandeliers. International cuisine and American Bar. Il nuovo indirizzo del gusto di Firenze. Atmosfere parigine, grazie a luci soffuse, velluti color porpora e eleganti lampadari. Cucina internazionale e American Bar. Teatro del Sale Via de’ Macci, 111r ph. + 39 055 2001492 Il Teatro del Sale is much more than a restaurant, it stages over 230 shows per year, under the artistic direction of Maria Cassi. The Club opens in the morning for breakfast, then serves lunch and, in the evening, it turns into a theatre and the curtain rises! The kitchen is run by Cibreo restaurant owner Fabio Picchi. Il Teatro del Sale è molto più di un ristorante. Nato come Associazione Culturale con 160.000 soci in tutto il mondo, ha una programmazione artistica di 230 spettacoli l’anno, curata da Maria Cassi. Il Circolo apre fin dalla mattina per le colazioni, segue il pranzo e infine la sera si trasforma in un teatro vero e proprio e inizia lo spettacolo. Chef Fabio Picchi del Cibreo. The Fusion Restaurant Bar Vicolo dell’Oro, 3 ph. +39 055 27266987 A truly elegant and minimal-chic restaurant, always crowded with young Florentine socialites, whose cooking philosophy is summed up in one word: fusion. The menu is a journey through the world’s aromas and flavours, from the Mediterranean to Thailand, from China to America. Un locale davvero molto elegante e minimal chic, amato e frequentato assiduamente dalla jeunesse dorée fiorentina, che ha fatto della filosofia fusion il suo fiore all’occhiello. ll menu infatti è un viaggio nei profumi del mondo, dal Mediterraneo alla Thailandia, dalla Cina all’America. The Truffle Experience Via Porta Rossa, 19 ph. +39 055 3995913 The first theme restaurant inside the oldest hotel in Italy, NH-Porta Rossa in Florence, opened by Savini Tartufi, ancient Tuscan family and a true authority on fine truffles. Il primo ristorante tematico all’interno dell’albergo più antico d’Italia, NH-Porta Rossa di Firenze, aperto da Savini Tartufi, storica famiglia toscana e vera autorità in fatto di pregiati tartufi. Trattoria Al Fresco Borgo Pinti, 99 - ph +39 055 2626460 An exclusive location, nestled in a century-old and luxuriant park in the heart of Florence. Every year, Four Seasons Hotel Firenze welcomes the arrival of spring with the opening of Al Fresco restaurant, based on an innovative concept: trattoria at lunch, pizzeria and barbecue at dinnertime. Una location esclusiva, incastonata nel verde di un parco secolare nel cuore della città: il Four Seasons Hotel Firenze dà ogni anno il benvenuto alla stagione en plein air con l’apertura di ‘Al Fresco’, secondo la formula originale di trattoria a pranzo, pizzeria e barbecue a cena.


OUTSIDE FIRENZE

Antica Osteria di Novoli Via Case Nuove Taiuti, 8 (San Piero a Sieve) - ph +39 055 8486833 In the Mugello area, ideal for a Saturday and Sunday lunch or dinner. Award-winning tortelli prepared in a tiny delicatessen/trattoria the size of a living room. Nel Mugello, indirizzo cult per il sabato o la domenica. Tortelli da gara preparati in piccolissimo alimentari/trattoria grande come il salotto di una casa privata. Antica Sosta Via della Croce, 4 (Impruneta) ph +39 055 2312249 Set in an old small food shop in the historical piazzza Buondelmonti in Impruneta, ‘Antica Sosta’ has maintained intact the original atmosphere of once upon a time, excellent home made dishes with a wide range of wines sold by the glass, from their wine-tasting bar. Ricavato da un vecchio negozio di alimentari nella storica piazza Buondelmonti all’Impruneta, l’Antica Sosta ha mantenuto intatta l’atmosfera originale del tempo, offrendo un’ottima cucina casalinga accompagnata dai vini della propria Enoteca. F.lli Giusti Località Prulli (Reggello) ph +39 055 863255 A strategic location, not far from The Mall outlet. Great the pici al cinghiale. Quality carne chianina. Excellent pizza. Terrace with music. Stategica posizione non lontana da outlet The Mall. Ottimi pici al cinghiale. Carne chianina di qualità. Pizze strepitose. Terrazza con musica. La Cantinetta Località Spedaluzzo (Greve in Chianti) ph +39 055 8572000 A country trattoria. Very friendly service. Excellent Tuscan dishes. There is also a veranda with fireplace. Trattoria di campagna. Servizio molto friendly. Eccellenti piatti toscani. Possibilità di cenare in veranda con caminetto. La Cantinetta di Rignana Località Rignana (Greve in Chianti) ph +39 055 852601 A genuine trattoria in the countryside. The “Cantinetta” dish: a must-have. Genuina trattoria isolata nella meravigliosa campagna. Gran piatto della cantinetta: un must. La Casa di Caccia Località Farneto, Roti (Vicchio di Mugello) - ph +39 055 8407629 Immersed in a verdant game preserve in the heart of the Mugello area. Game meat and tasty local dishes. Immersa in una verdeggiante riserva di caccia nel cuore del Mugello. Cacciagione e piatti tipici dai sapori autentici. La Martellina Via di Pancole,1 (Strada in Chianti) ph +39 055 858348 Excellent meat and not only that. After dinner, have fun with the brain teasers proposed by Franco. Ottimi piatti di carne e non solo. Dopo cena divertitevi a giocare con i rompicapo che Franco vi proporrà. La Tenda Rossa Piazza del Monumento, 9/14 (San Casciano Val Di Pesa) - ph +39 055 826132 Run by generations of the Salcuni family, celebrated stronghold of the restaurant tradition. Gestito da generazioni dalla famiglia Salcuni, celebre e pluripremiato caposaldo della ristorazione. La Torre Strada Spicciano 7 (Tavarnelle Val di Pesa) ph. +39 055 806470 The one Michelin star restaurant of the Castello del Nero Hotel offers menus resulting from meticulous research and created to present dishes from the most honored Italian and Tuscan culinary traditions. The fresh produce is supplied locally or comes from the garden of the Castle, tended to by Chef Giovanni Luca Di Pirro. Ristorante dell’hotel Castello del Nero, una

Stella Michelin, propone menù meticolosamente ricercati e ideati per presentare i sapori della migliore tradizione italiana e toscana. Prodotti freschi e genuini provenienti principalmente dal territorio o direttamente dall’orto del Castello che lo Chef Giovanni Luca Di Pirro cura con dedizione. Mangiando mangiando Piazza Giacomo Matteotti, 80 (Greve in Chianti) - ph +39 055 8546372 In Greve’s main square, a trattoria offering a friendly atmosphere, accurate service and excellent traditional Tuscan dishes. Nella piazza principale di Greve, una trattoria dall’ambiente familiare e accurato dove gustare ottimi piatti della cucina toscana. Oltre il giardino Piazza Bucciarelli, 42 (Panzano in Chianti) - ph +39 055 852828 Breathtaking terrace overlooking the Chianti hills. Tuscan dishes (the peposo and T-bone steak are must-tries), homemade pasta and impressive wine list. Terrazza mozzafiato sulle colline del Chianti. Proposte toscane (imperdibili il peposo e la bistecca), pasta fatta in casa e notevole carta dei vini. Osteria di Passignano Badia a Passignano (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055 8071278 Elegant typical restaurant owned by the Antinori family. One Michelin star. Tour of cellars on request and cooking lessons. Osteria raffinata proprietà della famiglia Antinori. Una stella Michelin, possibile visita alle cantine e scuola di cucina. Podere Torricella Via San Vincenzo, 35 (Montagnana Val di Pesa) ph +39 0571 659189 Restaurant specialising in meat. Excellent wines from the Fattoria Il Turco winery. Breathtaking view from the terrace. Ristorante specializzato in carne. Ottimi i vini della Fattoria Il Turco. Splendida vista panoramica dalla terrazza. Rinuccio 1180 Via Cassia per Siena, 133 (San Casciano Val di Pesa, località Bargino) - ph +39 055 2359720 The Antinori winery restaurant is housed on the rooftop of a large building with wide windows overlooking gentle hills dotted with olive groves and ancient country parishes. The name derives from Rinuccio degli Antinori, patriarch of the family. Il ristorante della cantina Antinori. Nasce sul tetto, in una grande struttura con ampie vetrate che lasciano intravedere le dolci colline circostanti, punteggiate di oliveti e pievi millenarie. Chiamato così in onore di Rinuccio degli Antinori, capostipite della famiglia. Ristorante India Viale Gramsci, 43/a (Fiesole) ph. +39 055 599900 One of the oldest Indian restaurants in the Florence province. The meat-based menu of chicken, lamb and pork cooked according to the traditional tandoor oven method together with unique spices, spicy and not. Il ristorante indiano più antico dell’antica provincia di Firenze. In menù carni di pollo, agnello, maiale cucinati con il tradizionale metodo del forno Tandoori insieme ai sentori unici delle tipiche spezie, piccanti e non. Ristorante La Loggia Via Doccia, 4 (Fiesole) ph. +39 055 5678200 Villa San Michele is Belmond-owned and one of Europe’s most luxurious hotels. Closed in wintertime, the restaurant offers the chance to enjoy delicious meals with view over Florence in spring and summer. Incastonata nell’incantato scenario delle colline fiesolane, all’interno dell’hotel Villa San Michele (Belmond). Chiuso nel periodo invernale, in primavera offre la possibilità di gustare deliziosi pranzi e succulente cene con vista panoramica su Firenze, nel magnifico giardino o in terrazza.

Ristorante La Torre Strada Spicciano, 7 (Tavarnelle Val Di Pesa) ph. +39 055 806470 In the age-old stables of Castello del Nero Hotel & Spa with frescoes and fireplace or on the Garden Terrace for a candle-lit dinner with view of the Chianti countryside, Chef Giovanni Luca Di Pirro offers traditional Tuscan gourmet dishes. Nelle antiche scuderie di Castello del Nero Hotel & Spa con affreschi e caminetto o sulla Garden Terrace per una cena a lume di candela affacciati sul Chianti, lo Chef Giovanni Luca Di Pirro propone piatti gourmet nel rispetto della tradizione Toscana. Ristoro l’Antica Scuderia Via di Passignano, 17 (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055 8071623 The dishes of the best Tuscan tradition in an elegant setting. Not only restaurant, but also wine-bar. I piatti della migliore tradizione toscana in un luogo elegante e curato. Non solo ristorante ma anche wine-bar. Solociccia Panzano in Chianti - ph +39 055 852020 This restaurant, owned by Dario Cecchini, is a point of reference when it comes to enjoying Tuscan meat. It serves optimal products, guaranteeing top quality at reasonable prices, immersed in the Chianti area. Two other great options are Officina della Bistecca and Mac Dario (for lunch). Il ristorante di Dario Cecchini, punto di riferimento per la carne toscana. Ottimi prodotti e rapporto qualità prezzo nella cornice del Chianti. Le altre due proposte sono: Officina della Bistecca e Mac Dario (a pranzo). Trattoria Donnini Via di Rimaggio, 22 (Bagno a Ripoli) ph. +39 055 630076 This family-run restaurant serves traditional Italian and tasty cuisine, as well as dishes of the day including game, Porcini mushrooms and truffles. Una trattoria a conduzione familiare, dalla cucina saporita e tradizionale. Tutti i giorni vengono proposti piatti di stagione fuori menù tra cui cacciagione, piatti a base di funghi porcini o di tartufo.

VERSILIA

Al Porto Via Coppino, 118 (Viareggio) ph +39 0584 388293 Daily-caught fish in this classic restaurant located near Perini shipyard. Pesce fresco di giornata in questo classico ristorante ubicato proprio accanto ai cantieri Perini. Piatti tradizionali viareggini. Bistrot Via della Repubblica, 14 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 89879 Established in 1990 and once popular among the jet set who spent their summer holidays on the Tuscan riviera, the Versilia. Today it is proud to have earned one Michelin star. Bistrot rinasce nel 1990, dagli echi dei tempi andati in cui era meta ambita dei Vip che frequentavano la costa versiliese durante la stagione estiva. Oggi vanta la stella Michelin. Da Giorgio Via Zanardelli, 71 (Viareggio) ph +39 0584 44493 Informal restaurant, friendly atmosphere. Many entrees and wide choice of shellfish. Ristorante familiare con piacevole atmosfera. Curata proposta di antipasti e vasta scelta di crostacei. Enoteca Marcucci Via Garibaldi, 40 (Pietrasanta) ph +39 0584 791962 Very popular restaurant among young people. Extensive wine list. Simple and tasty cooking. Locale molto in auge tra i giovani. Carta dei vini molto ampia.

Firenze | made in Tuscany 199

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

Trattoria da Sostanza detto il Troia Via Del Porcellana, 25r ph +39 055 212691 The most typical Trattoria in Florence. In addition to the classic Florentinestyle steak, the must tries are artichoke pie and butter chicken breast. All dishes are cooked on a wood-fired stove. La più tipica delle trattorie fiorentine. Oltre alla classica bistecca alla fiorentina, tra i piatti cult c’è il tortino di carciofi e il petto di pollo al burro. Tutto cotto su cucina senza fornelli, con brace di legna. Tredici Gobbi Via Porcellana, 9r - ph +39 055 285015 Set in the heart of downtown Florence, in an old building, the restaurant offers genuine traditional Tuscan cooking. The house specialties are the matchless rigatoni served in a large glass bowl and the beef tagliata served on a wooden cutting board. Nel cuore del centro storico di Firenze, in un edificio d’epoca, il ristorante propone una cucina che interpreta con rigore le antiche ricette della tradizione toscana più genuina. Specialità della casa sono gli ineguagliabili rigatoni serviti nella zuppiera in vetro e l’immancabile tagliata di manzo servita sul ceppo. Trattoria Gargani Via del Moro, 48r ph. +39 055 2398898 Trattoria Gargani was started by artist and chef Giuliano Gargani, who was the restaurant’s heart and soul for about thirty years. A gathering place for artists and intellectuals, the restaurant features decorated walls and an informal and fun atmosphere. La trattoria Gargani è nata con l’artista e Chef Giuliano Gargani, che è stato l’anima del locale per una trentina d’anni. Luogo di ritrovo di artisti e intellettuali, la trattoria si caratterizza per le sue pareti decorate e per un’atmosfera informale e divertente. Trattoria Mario Via Rosina, 2r - ph. +39 055 218550 Established in 1953 and family-run for about four generations, you cannot leave without having a taste of the delicious ribollita soup, Florentine-style T-bone steak, peposo and lampredotto, and sharing the table with other guests. Aperta dal 1953, ancora oggi a gestione familiare da circa quattro generazioni, la trattoria offre prodotti toscani, rigorosamente freschi. Come da tradizione, qui non si può non assaggiare l’ottima ribollita, la bistecca alla fiorentina, il peposo o il lampredotto. Trattoria Pandemonio Via del Leone, 50r ph. +39 055 224002 Friendliness and quick service are the rule. Typical Tuscan dishes with a sophisticated twist such as artichoke and Parmesan cheese appetizer, tortellacci with gorgonzola cheese and rocket, T-bone steak, Fornacina-style peposo, Florentine pot roast. L’ospitalità, la celerità del servizio e la gentilezza sono di casa. Piatti tipici della tradizione, rivisitati in maniera raffinata, tra cui l’antipasto di carciofi e parmigiano, i tortellacci con gorgonzola e rucola, la bistecca, il peposo alla fornacina, lo stracotto alla fiorentina, e l’ossobuco. Winter Garden by Caino Piazza Ognissanti, 1 ph. + 39 055 27163770 Defined by impeccable quality and service the Winter Garden by Caino was born from a collaboration between The St. Regis Florence and multi Michelin starred Chef Valeria Piccini. Her gourmet dinners are served accompanied by live music in the elegant atmosphere of the art deco-style Winter Garden. Caratterizzato da qualità e servizio impeccabili, il Winter Garden by Caino nasce dalla collaborazione tra il The St. Regis Florence e la Chef pluristellata Valeria Piccini. Stella Michelin, le sue cene gourmet sono servite nell’elegante atmosfera con musica dal vivo del Giardino d’Inverno, in stile Art Decò.


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

Franco Mare Restaurant Lungomare di Marina di Pietrasanta ph. +39 0584 20187 A beach-side resort featuring a top quality restaurant. Expect fresh fish and specialties from Versilia in an elegant setting on the beach. Stabilimento balneare con un ristorante di qualità. Pesce fresco e specialità versiliesi in un’atmosfera elegante sulla spiaggia. Il Piccolo Principe Piazza Puccini, 1 (Viareggio) ph +39 0584 4011 Intimate and welcoming interiors at the gourmet restaurant of the Grand Hotel Principe di Piemonte. Two Michelin starred. Refined cuisine accompanied by an enviable selection of Italian and foreign wines. Ambienti intimi ed accoglienti, per il ristorante gourmet del Grand Hotel Principe di Piemonte. Due stelle Michelin, cucina raffinata accompagnata da una selezione invidiabile di vini italiani ed esteri. La Magnolia Viale A. Morin, 46 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 787052 Restaurant of the luxury Byron Hotel. In summertime, on the pull deck, to enjoy excellent international and regional cuisine. Cristoforo Trapani the young chef at the head of the restaurant. One Michelin starred. Ristorante del lussuoso Hotel Byron. In estate anche a bordo piscina per gustare ottima cucina regionale ed internazionale. Cristoforo Trapani il giovane Chef alla guida del locale. Una stella Michelin. Lorenzo Via Carducci, 61 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 874030 A must restaurant for seafood lovers, Lorenzo is famous for its mayonnaise prepared tableside. The service is impeccable, and seafood is master of the menu, with every dish guaranteed fresh. This one-star Michelin restaurant is located directly in the town center. Gli amanti del mare non possono mancarlo. Famosissima la sua maionese preparata in sala, impeccabile il servizio, ma su tutto regna il pesce, una vera garanzia di freschezza. Una stella Michelin, proprio nel centro cittadino. L’Orsa Maggiore Via Arenile, 29 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 82219 All-white restaurant on the beach. Breathtaking sunsets and candles that add to the magic atmosphere. Excellent fish. Ristorante all white con spiaggia attrezzata. Tavoli sulla sabbia in estate. Tramonti mozzafiato e candele che rendono magica l’ambientazione. Ottimo pesce. Maitò Via Arenile, 28 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80940 On the promenade. Elegant restaurant with excellent fish dishes. Carefully selected wine list. Sul lungomare. Raffinato locale con ottime proposte di cucina marinara. Marechiaro Via Franceschi, 19 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80271 For dinner at the water’s edge. Lounge bar on the beach, romantic atmosphere and a menu full of delicious proposals for the freshest fish. Per una cena pieds dans l’eau. Lounge bar sulla spiaggia, atmosfera romantica e menù ricco di ottime proposte di pesce freschissimo. Osteria del mare Viale Franceschi, 4 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 83661 This restaurant on the beach offers excellent fish specialties in an informal atmosphere. Ristorante sulla spiaggia, atmosfera informale, propone ottime specialità di pesce. Pesce Baracca Via Achille Franceschi, 2 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 1716337 One place with three souls: a restaurant, a fish shop and a street food bar. Seafood dominates the menu, which is

200 Firenze | made in Tuscany

composed exclusively of the daily catch. Guests can choose their meals directly from the extensive seafood counter. Un locale, tre anime: ristorante, pescheria e street food. Il menù è dettato dal mare, perché composto solo di pescato del giorno. Agli ospiti la possibilità di scegliere direttamente dal grande banco del pesce. Romano Via Mazzini, 120 (Viareggio) ph +39 0584 31382 One Michelin star for this restaurant that has been at the top of the list for thirty five years thanks to its excellent cuisine. Recently renovated. Stella Michelin per questo ristorante che da 35 anni riscuote ottimo successo per le sue proposte culinarie. Recentemente rinnovato. The Fratellini’s Via della Repubblica, 2/a (Forte dei Marmi) - ph. +39 0584 82931 Owned by brothers David and Marco Vaiani, this restaurant offers fusion cuisine, combining exotic tastes with the culinary traditions of Versilia. Of note are the dishes of raw Italian fish and their curious Japanese variations. The large windows create a space of perfect continuity with the outdoors. È il ristorante dei due fratelli David e Marco Vaiani. Cucina fusion che unisce la tradizione culinaria versiliese con sapori esotici. Crudité di pesce italiano e curiose varianti giapponesi. Le ampie vetrate creano una perfetta continuità con lo spazio esterno.

AREZZO

Antica Fonte Via Porta Buia, 18 - ph +39 0575 28038 Expect traditional dishes and products from the territory. Two musts? Their Celtic-style potato tortelli topped with lard, cherry tomatoes and rosemary and their Peposo alla fornacina stew. Piatti della tradizione e prodotti del territorio. Due must? Tortello di papate di celtica con lardo, pomodorini e rosmarino e il peposo alla fornacina. Belvedere Località Bano, 223 - Monte San Savino ph +39 0575 849588 The restaurant features two wide rooms connected by an open walkway and a splendid terrace where you can view the entire valley. Expect traditional dishes. Due ampie sale collegate da un camino aperto e una splendida terrazza con vista su tutta la valle. Piatti della tradizione. La Tagliatella Via Giotto, 45 - ph +39 0575 21931 Established in 1932, this restaurant and its owners have witnessed four generations of family management. Since 1990, the kitchen has been managed by Cristina Raffaelli, prize-winning Ais Sommelier Cristiano Cini is maître. Nato nel 1932 con la prima delle quattro generazioni che si sono susseguite alla guida del ristorante. Dal ‘90, la gestione della cucina è affidata a Cristina Raffaelli e quella della sala a Cristiano Cini, pluripremiato sommelier Ais. Le chiavi d’oro Piazza San Francesco, 7 ph +39 0575 403313 Expect traditional fare from Arezzo, revisited with original flair. An intimate elegant setting in the splendid Piazza San Francesco. I sapori della tradizione aretina proposti in chiave rivisitata. Nella splendida cornice di Piazza San Francesco. Osteria da Giovanna Via Anconetana, 164 ph +39 0575 36015 This restaurant is owned by Luca Martini, Italy’s best sommelier 2009. It goes without saying that the wine list is top notch. Dishes typical of Arezzo’s hill country. Il ristorante di Luca Martini, miglior sommelier d’Italia 2009. Inutile dire che la carta dei vini è top. Piatti della cucina tipica dei colli aretini

Osteria del Teatro Via Maffei, 2 (Cortona) ph +39 0575 630556 Located in the heart of Etruscan Cortona, inside a restored sixteenth-century palace. Chef and owner Emiliano Rossi will welcome you to one of his warm, welcoming dining rooms. Expect revisited traditional dishes spotlighting the territory’s treasures. Nel cuore dell’Etrusca Cortona, all’interno di un palazzo del 1500 restaurato, lo Chef e proprietario Emiliano Rossi vi farà accomodare in una delle sue calde e accoglienti sale da pranzo. Piatti del territorio rivisitati. Osteria Locanda Canto del Maggio Fraz. Penna, 30/d (Terranuova Bracciolini) ph +39 055 9705147 Typical cuisine from the territory. Two musts: Peposo alla Fornacina stew and Maremma-style wild boar topped with black olives and roasted peppers. Cucina tipica del territorio, prodotti dell’orto. Due must: il Peposo alla Fornacina e il cinghiale all’uso delle Maremme. Ristorante Logge Vasari Piazza Grande - ph +39 0575 295894 It has been a point of reference for city diners since 1980. Managed by two brothers, it’s located in the heart of Piazza Grande. Punto di riferimento per la ristorazione della città dal 1980. Gestiti da due fratelli. Nel cuore di Piazza Grande. Ristorante Relais Il Falconiere Località San Martino, 370 (Cortona) ph +39 0575 612679 One Michelin star. Its interior boasts a bright refined setting and its terrace offers breathtaking views. Expect solar cuisine with typically Tuscan dishes. Not to be missed. Una stella Michelin. Un ambiente luminoso e raffinato, la terrazza dal panorama mozzafiato, una cucina solare con piatti della tradizione toscana. Da non perdere.

GROSSETO

All’Acquacotta Terme di Saturnia ph. +39 0564 600111 Ristorante gournet del Terme di Saturnia Spa&Golf Resort, una stella Michelin. Gourmet restaurant of the Terme di Saturnia Spa&Golf Resort. One Michelin starred. Bracali Via di Perolla, 2 (Massa Marittima) ph. +39 0566 902318 One Michelin stars. The realm of Chef Francesco Bracali and his brother Luca, sommelier, in charge of the cellar. Una stelle Michelin, il regno dello Chef Francesco Bracali e di suo fratello Luca, sommelier. Canapone Piazza Dante, 3 - ph +39 0564 24546 Elegant and refined restaurant in the town center. Enoteca Canapino for lunch: local dishes at a fair price. Ristorante elegante e raffinato nel cuore del centro storico. Enoteca Canapino a pranzo con piatti tipici a prezzo contenuto. Da Caino Località Montemerano (Manciano) ph +39 0564 602817 A famous restaurant where the culinary traditions of the Maremma region are still honored. Two Michelin stars. Uno dei locali più celebrati, dove è tuttavia ancora viva la tradizione culinaria della Maremma. Due stelle Michelin. Encanto White Località Le Rocchette (Castiglione della Pescaia) - ph. +39 0564 947126 This restaurant is known and appreciated not only for its dishes (rigorously prepared with fresh fish), but also for its enchanting seaside location: a perfect spot for a candlelight dinner. Un ristorante conosciuto e apprezzato non solo per i suoi piatti preparati rigorosamente col pescato del giorno, ma anche per l’incantevole location sul mare, perfetta per una cena a lume di candela.

Il Fiore del Tesoro Località Valpiana (Massa Marittima) ph +39 0566 92971 In the countryside, in a lovely place, the chef Heros De Agostinis prepares both fish and meat dishes. In campagna, in un ambiente delizioso, lo chef Heros De Agostinis propone piatti che spaziano fra mare e terra. Il Frantoio Piazza della Provvidenza, 11 (Capalbio) ph +39 0564 896484 Creative cuisine inspired by the traditional cooking of the Maremma area. Upstairs, ethnic products on sale. Cucina creativa pur ispirandosi alla tradizione della Maremma. Al piano superiore una sala per la vendita di prodotti etnici. Il Gambero Rosso Lungomare Andrea Doria, 62 (Porto Ercole) - ph +39 0564 832650 The favorite place of fish lovers in Porto Ercole. Terrace in the summer. Punto di riferimento per gli appassionati delle specialità di mare a Porto Ercole. In estate terrazza all’aperto. Il Pellicano Località Sbarcatello (Porto Ercole) ph +39 0564 858275 In one of The Leading Hotels of the World in Tuscany, Chef Sebastiano Lombardi’s cuisine never fails to surprise, delight, and satisfy all five senses. The dining room of this hotel’s Michelin star restaurant is a large veranda overlooking the sea. In questo hotel, oggi parte di The Leading Hotels of the World in Toscana, la cucina dello Chef Sebastiano Lombardi è sempre una sorpresa, che riempie di gioia e soddisfa tutti e cinque i sensi. La sala del ristorante stella Michelin è una grande veranda affacciata sul mare. Il Tufo Allegro Vicolo Costituzione, 5 (Pitigliano) ph +39 0564 616192 Located in one of the many alleys of the town. Very fascinating place offering Tuscan dishes. Intricato nelle splendide viuzze del paese. Locale di grande fascino con proposte toscane. Salette ricavate nel tufo. Silene Loc. Pescina (Seggiano) ph. 0564 950805 Strong traditions, local products, remarkable wine list. One Michelin starred. Grande tradizione, prodotti autoctoni, notevole carta dei vini. Una stella Michelin. L’Andana Località Badiola (Castiglione della Pescaia) - ph +39 0564 944800 Housed inside the L’Andana Hotel. Traditional Maremma cuisine by Chef Alain Ducasse. Excellent wine list. Parte del prestigioso complesso ricettivo dell’hotel L’Andana, cucina paesana proposta da Alain Ducasse rispettando i sapori della Maremma. Eccellente lista vini.

LIVORNO

Cala Nova Strada Malpasso - Capoliveri (Isola d’Elba) - ph +39 0565 968958 Located in an cove amidst lush greenery and the crystalline sea, this high-quality restaurant always offers fresh fish. In una insenatura immersa nel verde e dal mare cristallino, un ristorante di grande qualità, pesce sempre fresco. Capo Nord La Fenicia, 69 - Marciana Marina (Isola d’Elba) - ph +39 0565 996983 Fabulous location by the sea, a fine, elegant setting and excellent service. An impressive wine list. Bellissima posizione sul mare, l’ambiente è curato ed elegante e il servizio eccellente. Carta dei vini notevole. Da “11” Via Bassa, 8 - ph +39 0586 880304 A family-run trattoria. Genuine cooking, “cacciucco” and soups made according to tradition. Friendly atmosphere. Trattoria familiare. Cucina genuina, cacciucco e zuppe cucinate come tradizione vuole.


LUCCA

Buca di Sant’Antonio Via della Cervia, 3 - ph +39 0583 55881 In an 18th century building. Prosciuttos and pots hanging from the walls. Traditional and local dishes. In palazzo di origini settecentesche. Prosciutti e pentole alle pareti. Piatti tradizionali e tipici. Butterfly Strada Statale del Brennero ph +39 0583 307573 Magnificent farmhouse. Small dining rooms allow guests to enjoy meals in a calm and reserved environment. Michelin star since 2008. Splendido casolare suddiviso in piccole sale che permettono cene in tranquillità e riservatezza. Dal 2008 stella Michelin L’Imbuto Via della Fratta 38 - ph +39 0583 491280 The small empire of Chef Cristiano Tomei. One Michelin starred. Piccolo impero dello Chef Cristiano Tomei, una stella Michelin.

MASSA CARRARA

Da Riccà Lungomare di Ponente (Marina di Massa) - ph +39 0585 41070 Small restaurant run by the same family since the sixties. Excellent fish. Piccolo ristorantino che dagli anni Sessanta con la stessa gestione propone ottime specialità di mare. Il Trillo Via Bergiola Vecchia 30 - Località Castagnetola (Massa) - ph +39 0585 46755 An attractive restaurant, where the colours of the earth dominate and food culture is well time-honoured. Un ristorante di charme, dove la cultura del cibo è di casa. Dalla stessa passione per i prodotti genuini, nasce la Cantina Bertazzoli. La Peniche Lungobrugiano (Marina di Massa) ph +39 0585 240117 Built on piles, French-style interiors. Fish specialities and also very good pizzas. Location molto particolare su di una palafitta. Ambiente con arredamento che riporta alla Francia. Specialità marinare ed anche ottime pizze. Ninan Via L. Bartolini, 3 (Carrara) ph +39 0585 74741 A classic and refined restaurant offering traditional dishes revisited by the young chef. Classica signorilità in questo locale con proposte della tradizione rivisitate dal giovane chef.

PISA

Osteria dei Cavalieri Via San Frediano, 16 ph +39 050 580858 Warm atmosphere. Near the university. Genuine cooking at reasonable prices. Ambiente caloroso. Nei pressi dell’Università. Cucina genuina a prezzi molto interessanti. Osteria del Porton Rosso Vicolo del Porton Rosso, 1 ph +39 050 580566 Brother and sister in the kitchen. Only fish. In one of Pisa’s most characteristic areas. Fratello e sorella in cucina. Solo cucina marinara. In una delle zone più caratteristiche di Pisa. Dante e Ivana Viale del Tirreno, 207/c (Tirrenia) ph +39 050 32549 Good wines and elegant and intimate place. Creative fish cooking. Pregevole offerta di vini per una cantina a vista. Cucina marinara fantasiosa. Dal Duca Via di Casphlo, 2 (Volterra) ph +39 0588 81510 In the historic center, wine bar and restaurant. For a quick snack or to enjoy “ribollita” or truffle dishes. Nel centro storico, wine bar e ristorante. Si può optare per uno spuntino veloce, oppure sedersi a gustare la ribollita con colombaccio e tartufo locale. Foresta Via Litoranea, 36 (Marina di Pisa) ph +39 050 35082 Excellent fish dishes. Small restaurant overlooking the sea. Molti piatti di pesce di ottima fattura. Piccolo ristorante affacciato sul mare. Lunasia Via dei Tulipani, 1 (Calambrone) ph +39 050 3135711 Housed inside the Green Park Resort, this restaurant is headed by Chef Luca Landi, known for his savory ice creams. One Michelin star. All’interno del Green Park Resort, è il ristorante dello Chef Luca Landi, conosciuto per i suoi gelati salati. Una stella Michelin. Pepenero Via IV Novembre, 13 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Local trendy-chic in the center of San Miniato. Truffle is a must from September to December. Large terrace with an extraordinary view. Locale trendy-chic nel centro di San Minia-

to. Tartufo un must da settembre a dicembre. Ampia terrazza con suggestiva vista. Peperino Via IV Novembre, 1 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Restaurant only for two. A unique table. Reserve ahead to arrange every single detail, from the menu to the flowers, to preferred music. Ristorante solo per 2. Un unico tavolo. Prenotare con anticipo per concordare ogni singolo particolare, dal menu ai fiori, alla musica preferita. Perbacco Viale Vittorio Veneto, 30 (Montescudaio) ph +39 0586 650324 High quality restaurant and local dishes. The chef’s specialities are risotto, tortelli and Chianina steak. Cucina di buon livello che valorizza i prodotti locali. Specialità i risotti, i tortelli, la bistecca di Chianina.

PISTOIA

Atman - Villa Rospigliosi Via Borghetto, 1 - Località Spicchio (Lamporecchio) - ph. +39 0573 1603051 A modern cuisine, a blend of tradition and innovation in a unique location. One-Michelin-starred. Una cucina moderna, dove ricerca e tradizione convivono all’interno di una location unica. Una stella Michelin.

SIENA

Antica Osteria da Divo Via Franciosa, 25 - ph +39 0577 284381 Trattoria offering typical Sienese dishes presented in a very original way. Sophisticated atmosphere with a medieval main dining room. Trattoria con piatti tipici senesi presentati in modo originale. Atmosfera di classe con sala principale di stampo medioevale. Bottega Nuova Strada Chiantigiana, 29 ph +39 0577 284230 Three tasting menus: fish, meat or mixed. They are all fantastic. Tre menù degustazione: pesce, carne, misto. Nessuno tradisce. Casato Via Casato di Sotto, 18/26 ph +39 0577 282301 One step away from Piazza del Campo, a new and excellent restaurant wine bar. In cuisine, the talented chef Enrico Tonnen. Typical blends with creative flair. A un passo da piazza del Campo, un nuovo ed eccellente ristorante wine bar. In cucina il talentuoso chef Enrico Tonnen. Menù in cui la tipicità si fonde con l’estro creativo. Fornace di Meleto Località Meleto Gaiole in Chianti, ph. +39 0577 738461 Steps from the Castle of Meleto, this restaurant/bistrot offers traditional dishes in the young chef Diego Babboni’s creative version. Homemade bread, pasta and desserts. A pochi passi dal Castello di Meleto, questo ristorante/bistrot propone piatti tipici rivisitati dal giovane chef Diego Babboni. Pane, pasta e dolci sono fatti in casa. I Terzi Via dei Termini, 7 - ph +39 0577 44329 One of the best restaurant in the center of the city. Ask for Michele, the owner: he will suggest you the specialities of the day. Una delle migliori enoteche nel centro di Siena. Fatevi consigliare da Michele, il proprietario, le specialità della giornata. Osteria Le Logge Via del Porrione, 33 - ph +39 0577 48013 Just a short walk from Piazza del Campo, typical Senese cooking with new and interesting ideas. A pochi passi da piazza del Campo, un laboratorio di nuove e interessanti proposte della cucina tipica senese. Fatevi guidare da Mirco. Arnolfo Via XX Settembre, 50 (Colle Val d’Elsa) ph. +39 0577 920549 Located in a 16th century building, two intimate rooms and a terrace in summer. Creative and refined cuisine. The realm of Chef Gaetano Trovato. Two Michelin stars.

In un palazzo del ‘500, due salette intime e una terrazza per l’estate. Cucina raffinata e fantasiosa. Il regno dello Chef Gaetano Trovato. Due stelle Michelin. Badia a Coltibuono Località Badia a Coltibuono, (Gaiole in Chianti) - ph +39 0577 749479 Once a monastery, today a private property. The church is open only during mass. Cooking lessons and good wines. Spettacolare monastero oggi proprietà privata, chiesa visitabile soltanto durante le messe. Accanto il ristorante con corsi di cucina e vini di qualità. Banfi Località Sant’Angelo Scalo (Montalcino) ph +39 0577 816054 Creative and modern dishes, both fish and meat, served in the most beautiful setting: the Banfi Castle. Of course, wine for all tastes. Piatti creativi e moderni, fra terra e mare, in un contesto unico, quello del Castello Banfi. E ovviamente la cantina promette tutti i profumi di cui sono capaci i settecento ettari di vigneti. Castello di Fighine Località Stabbiano di Sotto, 123 (S. Casciano dei Bagni) - ph +39 0578 56158 The terraces of the Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, covered with climbing roses and wisteria, afford sweeping views over the Tuscan countryside. One Michelin star. Dalle terrazze dell’Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, ricoperte di rose e glicini, si gode la vista panoramica sulle colline toscane. Una stella Michelin. I Salotti Strada Statale, 146 (Chiusi) ph. +39 0578 274407 This is the restaurant of Villa Il Petrarca, a sublime synthesis of Tuscan cuisine and culture reinterpreted with a modern twist. One Michelin starred. Ristorante di Villa Il Patriarca, sintesi sublime tra la gastronomia della Toscana e la cultura del suo territorio, reinterpretati in chiave moderna. Stella Michelin. Il Colombaio Località Colombaio (Casole) ph +39 0577 949002 Vincenzo Di Grande transformed it into an excellent restaurant where one can enjoy fish and local products. Michelin starred. Vincenzo Di Grande ne ha saputo fare un ottimo ristorante, dove si possono gustare mix di pesce e prodotti locali. Una stella Michelin. La Bottega del 30 Via di Santa Caterina. 2 (Castelnuovo Berardenga) - ph +39 0577 359226 Rustic yet refined ambiance inside a characteristic stone farmhouse. Michelin star. Ambiente rustico e al contempo raffinato collocato all’interno di una caratteristica casa colonica in pietra. Stella Michelin. Meo Modo Borgo Santo Pietro - Località Palazzetto (Chiusdino) ph. +39 0577 751222 Michelin-starred Executive Chef Andrea Mattei has successfully brought the “vegetable garden in the kitchen” philosophy to a new level of gourmet cuisine. L’Executive Chef stellato Michelin Andrea Mattei ha portato con successo la filosofia de “l’orto in cucina” ad un nuovo livello di cucina raffinata. Osteria di Fonterutoli Località Fonterutoli (Castellina in Chianti) ph +39 0577 741125 A new osteria offering the finest ingredients from Tuscany matched with the Mazzei family’s great wines. Nuova Osteria dove gustare ottime materie prime del territorio toscano abbinandole con i grandi vini della famiglia Mazzei. Osteria Le Panzanelle Località Lucarelli, 29 (Radda in Chianti) ph +39 0577 733511 A lovely osteria run by two young couples. An elegant atmosphere, traditional Tuscan menu that changes every month. Graziosa osteria gestita da due giovani coppie. Ambiente ricercato, proposte della tradizione toscana che variano ogni mese.

Firenze | made in Tuscany 201

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

Osteria del Mare Borgo dei Cappuccini, 5 ph +39 0586 881027 A simple trattoria in the port area with good fish dishes and reasonable prices. In zona portuale una semplice trattoria con buona scelta di piatti di cucina marinara a costi contenuti. Il Cantuccio Largo Garibaldi, 6 (Marina di Campo Isola d’Elba) - ph +39 0565 976775 Great fish dishes made with fish caught and cooked. Many wines. Notevole soprattutto la cucina di mare, con il pesce appena pescato. Vasta la cantina. Il Garibaldi Innamorato Via Garibaldi, 5 (Piombino) ph +39 0565 49410 Lovely fish restaurant in the town center. Try the dishes made with the socalled “poor” fish. Delizioso ristorante di pesce nel centro storico. Da provare soprattutto i piatti ottenuti con il pesce “povero”. La Baracchina Punta Righini Castiglioncello (Livorno) ph +39 0586 752003 Enchanting location on the rocks. The freshest of fish served with style. An institution in Castiglioncello since 1946. Incantevole location sugli scogli. Pesce freschissimo servito con gusto. Dal 1946 un punto di riferimento a Castiglioncello. La Pineta Via dei Cavalleggeri Nord, 27 (Marina di Bibbona) ph +39 0586 600016 Since 1996 a benchmark for restaurant businesses due to the creations of Chef Luciano Zazzeri. One Michelin starred. Dal ’96, un punto di riferimento della ristorazione italiana grazie alle creazioni dello chef Luciano Zazzeri. Una stella Michelin. Osteria del Noce Via della Madonna, 18 (Marciana Isola d’Elba) - ph +39 0565 901284 Halfway up the Capanne mountain. When the weather is good, one can enjoy the food under the pergola overlooking the sea. Good fish and meat dishes. A mezza costa del Monte Capanne, d’estate si mangia sotto un pergolato con una vista indimenticabile del mare. Buoni i piatti di pesce, ma intrigante anche l’offerta di piatti di terra. Scacciapensieri Via Verdi, 22 (Cecina) ph +39 0586 680900 A modern restaurant. Top-quality fish prepared and served by a winning couple. Locale moderno. Specialità di mare di grande qualità. Moglie in cucina e marito in sala per un connubio vincente. Stella Marina Via Vittorio Emanuele II, 1 (Portoferraio - Isola d’Elba) - ph +39 0565 915983 Near the ferry port, it makes use of quality products. Good wine list. Accanto allo scalo dei traghetti, propone una cucina di mare molto curata nella qualità. Buona la lista dei vini.


best of

s a p S n a c s u T

of on follow our best om eintuscany.c www.firenzemad

Immersi nell’acqua termale in pieno inverno davanti ai paesaggi più belli della Toscana Plunged in the thermal water in the middle of winter in front of the most beautiful landscapes of Tuscany Bagni di Pisa Palace Largo Shelley, 18 - San Giuliano Terme, Pisa Grotta Giusti Resort, Golf & Spa, Via Grottagiusti, 1411 - Monsummano terme, Pistoia Fonteverde Località Terme, 1 - San Casciano dei Bagni, Siena Hotel Adler Thermae Spa & Relax Resort, Strada Bagno Vignoni, 1 - San Quirico d’Orcia, Siena Terme di Saturnia Spa & Golf Resort S.P. Follonata - Saturnia, Grosseto 202 Firenze | made in Tuscany


Tradizione Fiorentina C I O C C O L ATA • PA S T I C C E R IA •

G AST RONOM IA • C O C K TA I L S

R i v o i r e @ . p i a z z a S i g n o r i a , F i r e n z e - p h + 3 9 0 5 5 2 1 4 4 1 2 - w w w. r i v o i r e . i t


Firenze made in tuscany 45  
Firenze made in tuscany 45  
Advertisement