Page 1


DICEMBRE/ 2015 Trend

Mood

26 Classic

92 Deep Blue

38 Timeless

96 Odor di Rosmarino

52 Dedicato a Lui

102 Nautical

56 On the Catwalk

106 Red Magic

74 Altezza Esuberante

110 Blue Magic

78 Roses are Red and Violets are Blue 84 Plus Ultra

Guest 46 Dandy Moderni

Tales 161 Baby, It’s Cold Outside


Zoom

Travel

22 Opinionista

156 Meraviglia a 5 stelle

88 Tips

176 Big day? Prima parto e mi diverto!

114 Let the Music Play 116 “Grazie� 124 Nelle sue Mani 134 Chiaroscuro 140 In forma prima del Si 146 Dolcissimi 148 Wine + Wedding 174 Matrimonio Step by Step 184 Absolute White 190 Mia Sposa Informa

Extra 120 Ispirazioni 130 Test - Sei pronta a sposarti? 192 Oroscopo 198 Cover B

DICEMBRE / 2015


Floating

Taglio blusa, maniche ampie, punto vita segnato da cinture sottili, girocollo e molti metri di stoffa per la gonna: è lo stile fluido, un evergreen del grande giorno pensato per la sposa che abbraccia il concetto di purezza ed incarna l’eleganza di una venere da dipinto. L’abito da sposa mutua le sue caratteristiche dalle tuniche del mondo antico, le gonne scivolano sul corpo accarezzandolo con stoffe leggerissime che si muovono nel vento.

Ozlem Suer

32


Capsule Collection Oggi Sposi di Sartoria Massimo con Chiara Besana

Sobrio e semplice, senza fronzoli ed applicazioni, questo wedding dress deve la sua preziosità alle linee che scoprono la pelle (vedi spacchi e scolli posteriori) e ai tessuti con cui è realizzato: satin, seta e organza su tutti.

Victoria Kyriakides

Essenzialità anni Novanta che si fonde con acconciature destrutturate dal sapore boho chic. Il rigore diventa libertà nelle proposte della designer francese Delphine Manivet, una ricerca di equilibrio tra sogno e spontaneità. Fattura sartoriale e ricercatezza per rendere chic ogni circostanza per gli abiti della Capsule Collection Oggi Sposi ideata da Chiara Besana, scrittrice e blogger, in collaborazione con Sartoria Massimo, eccellenza milanese: scollo a V e mille pieghe per modelli dallo spirito eterno. Dalla Turchia arrivano invece le creazioni fluttuanti di Ozlem Suer in cui merletti ed applicazioni lucenti concorrono a delineare i confini di un magico sogno.

Delphine Manivet

Delphine Manivet

33


Dandy

Moderni

a cura di Vittoria Romagnuolo Photo courtesy: press office Archetipo

Stefania Vismara racconta Archetipo, un intreccio di moda e libertà

U

n incontro tra arte e cultura che si esprime in un nodo creativo di stoffe preziose e linee stravaganti. Artigianalità e stile, estro ed eleganza: è l’universo Archetipo, brand orgogliosamente italiano, sangue friulano e sensibilità estera, che in un paio di decenni ha rivoluzionato il concetto di abito formale per lui nelle occasioni che contano. Presenza fissa delle passerelle maschili più prestigiose, Archetipo è sinonimo di anticonvenzionalità e distinzione, per quello stile caratteristico che mescola influenze pop e contemporanee a una concezione rigorosa dell’abbigliamento per l’uomo tutta ottocentesca. La cura dei particolari e l’attenzione per gli accessori - dai più tradizionali come il cappello e il plastron, fino a quelli meno comuni, il bastone da passeggio ad esempio - rivelano un talento tutto italiano che si traduce nella volontà di rivestire di nuovo significato un ambito, quello 46

dell’abito da cerimonia, in cui è difficile innovare. L’uomo Archetipo approccia al mondo in maniera originale, è aperto, sicuro della propria esclusività e vagamente narciso e per sé sceglie un look che esalta una personalità ricca ed un gusto elaborato. Toni brillanti, suggestioni dannunziane, respiro orientale, il racconto della tendenza della prossima stagione ha la voce di Stefania Vismara, che di Archetipo è general manager. Tra i soci fondatori dell’azienda e stilista del brand, ha contribuito nel tempo alla creazione e al consolidamento di un prototipo maschile inconfondibile.


La collezione 2016 ha come motivola ricerca del piacere, un’esplosione di colore... Esatto, gli ingredienti base della felicità ci circondano e prendono corpo in soggetti e oggetti ai quali ci sentiamo emotivamente, spiritualmente e fisicamente legati. Le creazioni Cleofe Finati sono parte di un mondo eudemonico (ndr, che per natura ha come scopo la felicità, appunto) e diventano un mezzo per quella realizzazione individuale verso cui tutti tendiamo e che si realizza attraverso i sensi, in particolare la vista: il colore porta al piacere ed evoca emozioni uniche. Lei è designer e manager del gruppo Archetipo, ciò significa trovare ogni giorno un equilibrio tra creatività e mentalità imprenditoriale. Cosa significa oggi essere a capo di un’azienda che è un punto di riferimento per il settore della moda sposo? Essere imprenditore significa avere la capacità di ascoltare e capire il mercato, da questo nasce il successo del gruppo Archetipo e del brand Cleofe Finati nel mondo. Il mio operato è guidato da una grande determinazione e dall’amore per l’arte come espressione di sé stessi. Sono a capo di una squadra di persone che hanno sangue Archetipo, la nostra forza è creare eccellenza e portarla nel mondo. Un’eccellenza cento per cento Made in Italy. Ci racconta i momenti più importanti della sua vita lavorativa? Quando ha capito che avrebbe disegnato abiti maschili? Io ho fatto studi di architettura e quando ero praticamente bimba (ndr, sorride) ho lavorato nell’ambito dell’edilizia ma non vi ho trovato la dinamicità e la libertà espressiva che caratterizzano il mondo della moda. Nel 1991 ho vinto una borsa di studio sull’imprenditoria, lì è nata la nostra azienda. Allora eravamo quattro ragazzi di vent’anni, tra i quali Maurizio Finati che é ancora mio socio; naturalmente eravamo senza soldi ma ci spingeva una grande forza di volontà. Abbiamo cominciato a distinguerci nel panorama dell’accessoristica maschile, cravatte e papillon, grazie ad una particolare tecnica di pittura che regalava unicità ad ogni singolo pezzo, finché, su consiglio del primo cliente innamorato delle nostre creazioni, ci siamo aperti al mondo della cerimonia. Quali sono le suggestioni - artistiche, culturali, le inclinazioni personali - che ispirano il suo universo creativo? Ho da sempre amato il mondo della moda. Amo l’arte in ogni espressione: é la concretizzazione dell’anima e del pensiero della persona. Riuscire ad esprimere la propria anima e il proprio pensiero credo sia l’obiettivo di tutti noi, io lo faccio nel mio lavoro e questo è uno dei motivi per cui lo amo profondamente. Tutto l’universo è una musa: natura, oggetti, persone. Il segreto è saperlo sentire, capire ed interpretare e poi riproporre tutto nella moda secondo lo spirito del tempo. Attraverso i cinque sensi percepiamo il mondo per elaborarlo poi come idee e creazioni pure. Il vostro punto forte è la ricerca, evidente nella cura dei dettagli di ogni singolo modello. Ce la racconta? Ricerca per Archetipo è sinonimo di innovazione e di attenzione per ogni singolo particolare. Il nostro ufficio stile si occupa di sviluppare trend che sappiano rispondere in anticipo alle esigenze del mercato proponendo così un prodotto che non è pari a nessun altro 47


Houghton BBW YolanCris

58

Houghton BBW

Marchesa (retailer IT Rebecca La Sposa)

YolanCris

Pronovias

Allover

pizzo

Atelie


Naeem Khan

Tony Ward

Chiaradè

Isabel Zapardiez Isabel Zapardiez

Pronovias

Scivolato 59 Atelier Emé

Jesùs Peirò BBW


Roses are Red violets are Blue

L’ispirazione rossoblù dalle passerelle donna autunno/inverno 2015-16 di Vittoria Romagnuolo

*per le foto contrassegnate con BBW © Barcelona Bridal Week

Patricia Avendano

L’accessorio Colores de la Habana, rivoluzione e passione

Sabrina Persechino

Ana Torres S/S16

Scolli vertiginosi e tessuti lucenti. Eleganza e

78

Curiel Couture

Sabrina Persechino

Curiel Couture

seduzione al limite dello sfacciato.


Linee semplici che non passano inosservate

Sonia Peña BBW

Tony Ward

Woman in Red

Un colore che rimanda alla femminilità e a gonne morbide che si muovono nel vento. Chi non ricorda l’attrice Kelly LeBrock ne La signora in rosso?

Rani Zakhem

Isabel Sanchis BBW

Luigi Borbone

Isabel Sanchis BBW

Esuberanza floreale: rami e boccioli a contrasto. Stampati, ricamati o in 3D

Curiel Couture

Coriamenta

Le Rouge et le Noir Patricia Avendano BBW Chiaradè

Chiaradè

Chiaradè

79


Blue Magic Spunti (blu) di colore (e non solo) per un matrimonio d’inverno

di Cristina Di Giovanna PH Elisabetta Marzetti

Q

ualcosa di antico, qualcosa di nuovo, qualcosa di prestato, qualcosa di blu” e diverse texture accostate e mixate tra loro hanno creato effetti affascinanti, specie con gli splendidi abiti utilizzati, capolavori di pizzi e ricami. I bouquet in filati di cotone, raso e bottoni damascati vintage nella palette del bianco avorio, oro e blu avio, sono stati realizzati ad hoc e rappresentano delle creazioni uniche.

Il trucco, studiato sulle sfumature dei blu - colore rischioso per certi versi - ha contribuito ad ottenere insieme alle acconciature, torchon e raccolto a treccia, un effetto elegantissimo. Mise en place della tavola piatti vintage Blue China dal profilo in oro zecchino sono stati abbinati a posate dorate e calici lavorati. Candele di diverse altezze e dimensioni hanno contribuito a creare un’atmosfera romantica, sensuale ed avvolgente. ● Styling e set designer Cristina Di Giovanna Le Jour du Oui www. lejourduoui.com

Hair & Make-up Paola Bianchera Bouquet V as Love Save the Date Shhh My Darling Jewels Vennari Hair Accessories Marianna Lanzilli Dresses Luisa Beccaria Model Fanny 110


111


Ispirazioni Idee fai da te per un centrotavola dallo spirito autunnale di Martina Succoio ideazione e realizzazione per Mia Sposa Magazine di De Mauro Eventi di Classe Flower Ciriello Flower Design

I

PH Giuseppe LaganĂ Fotografo

n un wedding party unico non può mancare un pizzico di fantasia. Il foliage, quel fenomeno autunnale per il quale le chiome degli alberi progressivamente si colorano di giallo, di arancio, di rosso vermiglio e di marrone, offre tantissime idee per creare degli allestimenti di grande impatto scenografico. Nella personalizzazione della sala del ricevimento, il centrotavola ha un ruolo principale rispetto alle altre decorazioni e per sceglierlo bisogna tenere presente una serie di elementi, come ci suggerisce il wedding planner Francesco De Mauro. Lo stile del ricevimento, l’orario, la stagione ma anche i colori della sala, come quelli delle pareti o del tovagliato, sono tutte informazioni fondamentali per ottenere un risultato armonioso e gradevole. In queste pagine vi mostriamo tutti i passaggi per riprodurre un centrotavola tanto bello quanto classico.

120


Cosa occorre Sottovaso in plastica verde, spugna da fioraio dello stesso colore, varietà di fiori e foglie (in questo caso: hypericum, quercus, protea nutans, amaryllis, astilbe washington), vaso in vetro trasparente, candela bianca.

1

3

1] Posizionare le forme di spugna nel sottovaso, scegliendole della dimensione adatta alla composizione che si vuole creare e della quantità giusta per tenere ben saldo al centro il vaso in vetro. 3] Si procede alternando gli altri fiori facendo ben attenzione a distribuire in modo armonioso i colori. In questa fase è fondamentale non lasciare spazi vuoti per formare una ghirlanda di fiori ricca.

4

2] Inserire a giro le foglie all’interno della spugnetta. Per formare una sorta di base vanno messe dalla parte del gambo prima le foglie che hanno una superficie più ampia, e su ognuna di essa delle hypericum.

2 4] Le foglie vanno infilate anche all’interno del vaso di vetro precedentemente posizionato insieme ad una piccola candela bianca. Questo elemento luminoso è semplice ma di grande effetto: le luci soffuse sono particolarmente scenografiche e creano un’atmosfera romantica e fiabesca. ● 121


Nelle sue

Mani Il bouquet, il dono per lei da lui. Quello da cui tutto è cominciato

Ph. Valentina Casagrande

di Emma Zampella

A

dispetto di un’usanza comune per cui è la futura suocera a regalare e consegnare il bouquet alla sposa, tocca invece allo sposo scegliere quell’importantissimo mazzo di fiori, simbolo della chiusura del corteggiamento, l’ultimo regalo per lei prima di prenderla in moglie.

cata, ideale per gli abiti a sirena o con lo strascico, così come quello a promander tenuto con una mano sola al fianco, come una normale borsetta, o con due mani di fronte, alla maniera di un tradizionale mazzolino. ●

Lei si commuoverà alla vista di quelle delicatissime peonie che sfumano dal bianco al fucsia passando per il rosa cipria. Perché, si sa, esse sono simbolo di amore eterno e felice, piccoli boccioli che vibrano di un’energia che tutto può. Raffinate calle bianche sono consigliate per arricchire un mazzo di fiori cadente sul braccio; semplici e colorate orchidee evocheranno, invece, il profondo legame puro e spirituale che lega le due anime. Le rose, in tutti i toni, restano un grande classico. Accessorio per eccellenza, il bouquet deve adattarsi all’abito della sposa. Fiori piccoli e in boccio con poche decorazioni per chi vuole un bouquet rotondo, adatto ad un abito corto o al classico wedding dress a colonna. Per un bouquet insolito e particolare, la scelta ricade su un unico fiore importante e sofisticato, come una rosa dai petali porpora e dall’effetto velluto o un delicato rametto di orchidea decorato con piccoli nastri e delicati fiocchi. Per le unioni civili, si sceglie un bouquet a mazzo o a fascio lasciato adagiato sul braccio. Molto più ardita e spettacolare sarà la scelta di un bouquet a cas124

Ph. Grazia Di Mezza Flower Chiara Assini Le Fleuriste

Ph. V


Ph. Gaetano Rossi

Ph. Grazia Di Mezza

Flower Ciriello Flower Design

Flower Chiara Assini Le Fleuriste

Ph. Gaetano Rossi

Ph. Giuseppe Laganà Fotografo Flower Ciriello Flower Design

La dichiarazione d’amore per eccellenza passa per il rosso tulipano che sfuma nei toni dell’arancione. Nella leggenda questo fiore nasce dal sangue di un amore sventurato, ma è altresì simbolo di ricchezza e potere. La gardenia sarà scelta per comunicare la sincerità dei propri sentimenti. L’iris è ideale per comunicare la lieta novella mentre per tutte le sfumature dei garofani passerà l’amore eterno e l’affetto passionale. Delicate le ortensie con i piccoli petali che sfumano nelle gradazioni di blu, rosa e viola, per un romanticismo d’altri tempi. Eccentriche, invece, le erbe aromatiche che, simbolo di fedeltà e di impegno (specie se unite alla semplicità degli azzurri non ti scordar di me), renderanno elegante un insolito bouquet.

Ph. Renata D’Alessandro photography

Ph. Valentina Casagrande

Ph. Valentina Casagrande

125


www.francescovisconti.it

Mia Sposa Magazine - Dicembre 2015  

Magazine Mia Sposa - dicembre 2015 - www.miasposa.it

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you