Page 1

IBIZA

1


2


3


4


5


La Maison Blanche Ibiza DECORACION & INTERIOR DESIGN

6


7


MASTHEAD

IBIZA LUXE

EDITORE

Giorgio Guglielmini DIRETTORE RESPONSABILE

Silvia Cutuli

C H E F R E DA C T O R & FA S H I O N E D I T O R

Cristina Mania MARKETING

Cristina Caprini G R A P H I C L AY O U T

Eleonora Razzino CONTRIBUTORS

Simonetta Cossini, Marilina Curci, Virginia Ludovisi, Valentina Ottaviani, Francesca Berardi PHOTOGRAPHERS

Guido Taroni, Roberto Diaz A, Giorgio Guglielmini EDITING

www.equosadv.com E N G L I S H T R A N S L AT I O N

Mauro Caprioli, Elisabeth Schipper PRINT

TF Artes Grafficas, S.A. Madrid P E R I O D I C O F R E E P R E S S R E G I S T R AT O

Deposit Legal DLI 107-2015 ADVERTISING

Giorgio Guglielmini - Paseo Juan Carlos Primero, 39 Ibiza - 07800 F R O N T PA G E

When Photography and Painting meet: Model Elena Amen Photo Giorgio Guglielmini Painter Natino Chirico


9


10

33

Viva Mexico

43

Murakami e Vuitton

62

Think Green

70

Santiago Calatrava

76

Italian Chic

80

Tu mi turbi


PataPinsa Ibiza La Jamoneria

Marina Botafoch, Local 212. Eivissa T. 971 77 21 53 www.patapinsa.it

Patapinsa Ibiza

10,00-24,00

It opens its door for the first time in Ibiza right in Marina Botafoch, after leaving a good impression in Rome, to delight us with the highest quality products form Spain and Italy, mixing prefect some to the most iconic gastronomic products from both products. From Spain they have selected the highest quality Jamon ibérico and from Italy they bring some of the most highly praised hams and the authentic Mozzarella di Buffala. They offer an infalible combination; simple, authentic and elegant food composed of the best products. Abre sus puertas por primera vez en Ibiza en plena Marina Botafoch, después de dejar un buen sabor de boca en Roma, para deleitarnos con productos de la mas alta calidad de España e Italia, mezcla perfectamente algunos de los mas icónicos productos gastronómicos de ambos países. De España nos han seleccionado el jamón ibérico de la mas alta calidad y de Italia nos traen algunos de los embutidos mas preciados y la Mozzarella di Buffala auténtica. Su propuesta es infalible; comida simple, auténtica y elegante compuesta por los mejores productos.

11


12

86

L’Arte di illudere la retina

92

“La folia Beaubourg”

110

Beach Attitude

118

Underwater art

122

Outdoor Country

132

Secret Garden

144

Backstage

152

The golden age of travek

156

Globe trotter


13


BOSSA NOVA&JAZZ CAFE RESTAURANT - CARRER ES VEDRÁ,1 - CAP MARTINET


T -TALAMANCA - IBIZA - TEL.0034 871 711 060 - BOSSANOVAIBIZA@GMAIL.COM


La Isla Blanca di IBIZA LUXE EDITORIALE DI GIORGIO GUGLIELMINI

Tutto cambia in quest’isola dove il sole illumina le spiagge che riaprono i battenti, nel segno dell’estate. I ristoranti si rifanno il look, cambiano vocazione, proprietà e stile portando con sé il gusto del nuovo che avanza, attraverso Chef che arrivano da tutte le parti del mondo per proporre le loro nuove scoperte in quanto ad aromi e sapori. Questa è l’isla blanca, questa è Evissa.Tutti vogliono essere qui e la scelgono per l’angolo di paradiso che rappresenta. Tutti vogliono esserci, per guardare ed essere guardati, per indossare l’ultimo bikini mozzafiato o il look più trasgressivo. Tutto qui, dall’aperitivo alla notte, è in continuo fermento. Poi, più nascosti, vi sono pace, tranquillità e un altro mondo che l’isola sa regalare a hippie e artisti di ogni genere e cultura, che cercano la quiete per le loro ispirazioni, dando ascolto al lato poetico e mistico di questo paradiso pieno di energia. Da fotografo ed editore mi piace pensare di essere uno di loro, cercando nel mio piccolo di lasciare un segno del mio passaggio. Per trasmettervi quello che sento e che vedo attraverso le immagini di Ibiza Luxe. In the name of summer, everything changes on this island where the sun shines over the newly-reopened beaches . Restaurants renew their look, changing vocation, style and even owners, bringing along the latest culinary innovations through chefs arriving from all over the world to introduce their latest discoveries in terms of flavours and spices. This is the isla blanca, this is Evissa. Everyone wants to be here, choosing it for the slice of heaven it represents. And everyone wants to be here to see and to be seen, wearing the latest breath-taking bikini or the most transgressive look. Everything here buzzes, from cocktail time onwards, well into the night. Then, more secluded, peace, calmness and another world can be found, a world that the island offers to hippies and artists of all kinds and cultures, who look for quietness to be inspired, listening to the poetic and mystical side of this full-of-energy paradise. As a photographer and editor, I like to think that I am one of them, trying, in my own small way, to leave a mark of my passage and to convey what I feel and see through the images of Ibiza Luxe.

18


WWW.PEARLSOFMU.COM


Ibiza fucina di giovane CREATIVITÁ DI SILVIA CUTULI

Si chiamano Matheus Porticchio, Federico e Lorenzo D’Abate, sono giovani e talentuosi italiani la cui inesauribile creatività è ormai di casa ad Ibiza. Conosco le loro storie e mi piace dedicargli l’apertura del nostro magazine estivo, pensando ad Ibiza come a una fucina di idee nuove dal cotè multiculturale. Del resto con l’Isla Blanca è così, è amore a prima vista e di quelli destinati a durare nel tempo e a rinnovarsi allo scoccare di ogni nuova stagione estiva. Fedele alla sua doppia anima - timida e riservata nei suo scorci paradisiaci tra cielo e mare, “sfrenata” al calar del sole - ma mai uguale a se stessa, la perla delle Baleari conquista proprio per la commistione di culture e influenze dal mondo che ne fanno un “buen retiro” che non annoia mai. A Matheus, Federico e Lorenzo va il nostro in bocca al lupo entrando nel vivo di questa nuova estate ibizenca, spensierata si spera e col vento in poppa. Their names are Matheus Porticchio, Federico and Lorenzo D’Abate, they are young and talented Italians whose inexhaustible creativity is now at home in Ibiza. I know their stories and I like to dedicate the opening of our summer magazine, thinking of Ibiza as a land of new ideas with a multicultural background. After all, that’s how the Isla Blanca is, it is love at first sight of those meant to last over time and to renew in every new summer season. Faithful to its double soul - timid and reserved in its paradisiac glimpses between sky and sea, “unrestrained” at sunset - but never the same as itself, the pearl of the Balearic Islands charms thanks to the mixture of worldwide cultures and influences that turns it in that “buen retiro” that never gets bored. To Matheus, Federico and Lorenzo goes our good luck entering into the life of this new summer of Ibiza, full of carefreeness and optimism.

20


21


PHILOSOPY RESTAURANTE

MANAPANY RESTAURANTE Nel cuore di Ibiza in Plaza del Parque per una cena con gli amici o in famiglia.

In continua ascesa ormai da sette anni con impegno e passione, Manapany è diventato il punto di incontro per coloro che amano sentirsi coccolati come a casa propria. Così il proprietario Lorenzo Roy ci accoglie offrendoci un bicchiere di buon vino e raccontandoci le sue origini, i suoi valori e la passione che lo ha spinto a raggiungere un importante traguardo. È presente in sala in ogni momento, sempre attento alle esigenze dei suoi ospiti che vuole far sentire come in famiglia. Sono proprio questi i valori che intende comunicare con il suo locale, non solo una raffinata cucina ma il piacere di stare insieme e sentirsi come su un comodo divano domestico. La cucina a vista comunica serenità e passione, come il personale sempre gentile e pronto a trasmettere quello che lo stesso Lorenzo Roy ha creato. En continua ascensión ya desde hace siete años con empeño y pasión, Manapany se ha convertido en el punto de encuentro de los que quieren sentirse mimados y como en casa. Así, el propietario Lorenzo Roy nos acoge ofreciéndonosnos un vaso de

22

buen vino y contándonos sus orígenes, sus valores y la pasión que lo ha empujado a alcanzar una importante meta. Está presente en sala en cada momento, siempre atento a las exigencias de sus huéspedes queríendolos hacer sentir como en familia. Esos son justamente los valores que quiere transmitir con su local, no sólo una fina cocina sino además el placer de estar juntos y sentirse como el en sofá de casa. La cocina abierta transmiste serenidad y pasión, así como el personal siempre gentil y listo para mantener aquello que el mismo Lorenzo Roy ha creado. In continuous ascent for the last seven years with determination and passion, Manapany has become the meeting point for those who love feeling cared for as if they were at home. This is how owner Lorenzo Roy welcomes us, with a glass of good wine and telling us about his origins, his values and the passion that has pushed him to reach an important goal. He is present in the room at all times, always watching out for the demands of his guests that he wants to make feel like part of the family. Those are the values that he intends to communicate

with his place, not only a refined kitchen but the pleasure of being together and feeling as on a comfortable couch at home.The open kitchen con-

veys serenity and passion as does the kind staff willing to maintain what Lorenzo Roy has created.


23


PHILOSOFY CHARTER

BOATS IBIZA ONLINE Il porto di Botafoch si arricchisce di charter che offrono prodotti ecologici e una BioExperience

Después de varios años viviendo en Ibiza y trabajando en el sector del chárter náutico y la compraventa, en 2016 Laura Olmedo inició su actividad empresarial con “Boats Ibiza Online”, una plataforma web diseñada y creada por ella misma. Sus clientes basan su confianza en la calidad de su trabajo y su buen hacer. Este año, Laura ha tenido la oportunidad de abrir su oficina en el puerto de Botafoch y sin cambiar su concepto y modo de trabajar, se siente entusiasmada por poder ofrecer una mayor y mejor atención a sus clientes, siempre ofreciando las embarcaciones que se adaptan a las necesidades y planes de cada cual. Además, Laura ha inciado un nuevo proyecto, la B.I.O. Experiencia, aprobado y apoyado por el Consell Insular y parte de la Fundación Ibiza es Wellness, que ha presentado en varias ferias este año como el World Travel Market en Londres y FITUR en Madrid. Consiste en extras diseñados para añadir al alquiler de embarcación y que ofrecen servicios Wellness a bordo con

24

productos locales, y ecológicos y sostenibles en la medida de lo posible. En función del barco elegido, esta experiencia holísitica ofrece desde tratamientos terapéuticos con aceites medicinados producidos artesanalmente en Ibiza, sesiones de yoga, alimentos y bebidas locales y actividades acuáticas y de tierra; con la B.I.O. Experiencia Boats Ibi-

After several years living in Ibiza and working in the yacht charter and sales industry, in 2016 Laura Olmedo started her business with “Boats Ibiza Online”, a web platform designed and created by herself. Her clients base their confidence on the quality of her work always going the extra mile and caring about providing the best possible

za Online quiere ofrecer unas maravillosas vacaciones en el mar con Ibiza como insignia del absoluto bienestar para el cuerpo y el alma.

service. This year Laura has had the opportunity of opening her office in the port of Marina Botafoch and, without changing her concept and way of

working, she feels excited about being able to provide better attention to her clients, always offering the boats that adapt to the needs and plans of each one. In addition, Laura has started a new project, the B.I.O. Experience, approved and supported by the Island Council and part of the Ibiza es Wellness Foundation, which she has presented at fairs this year such as the World Travel Market in London and FITUR in Madrid. It consists of several extras designed to be added to the boat rental and offering on board Wellness services with local products, and ecological and sustainable as far as possible. Depending on the chosen boat, this holistic experience caters for those who want to enjoy therapeutic treatments with medicinal oils produced by hand in Ibiza, yoga sessions, local food and drinks and water and land activities; with the B.I.O. Experience Boats Ibiza Online wants to offer a wonderful holiday at sea with Ibiza as a symbol of absolute well-being for both body and soul.


Alfamarine 78

Astondoa 102 GLX

BOTAFOCH LOCAL 116A 07800 IBIZA - +34 662679020 - INFO@BOATSIBIZAONLINE.COM www.boatsibizaonline.com

25


THE SUITE

THE SUITE TALAMANCA Incastonato nella zona di Talamanca un gioiello di architettura e tecnologia affacciato sul mare.

The Suite Talamanca Un portfolio di 7 suite sotto il connubbio della tecnologia e dello stile si affacciano sul mare di Talamanca. Una costruzione in cui è stato appena completato il restiling. Tutte le suite sono dotate dei servizi più esclusivi, la domotica controlla totalmente ogni esigenza, dalla cucina al televisore, dall’aria condizionata alle chiusure delle serrande. Style, qualità e rispetto per la privacy, in una struttura che rimodernandosi ha cambiato ogni sua parte per separare gli ambienti con materiali che garantiscono un la separazione da temperatura e rumore con un confort ambientale unico. Infissi in alluminio anodizzato con vetri anti rumore e serrande elettriche, aria condizionata controllabile per zone in tutti gli ambienti e un garage nel piano interrato per 12 posti auto e sei cantine. Un portfolio de 7 suites bajo el connubbio de la tecnología

26

y el estilo se asoman sobre el mar de Talamanca. Una construcción de que apenas ha sido completada el restiling. Todas las suites son dotadas servicios más exclusivos, la domótica controla totalmente cada exigencia, de la cocina al televisor, del aire condicionado a los cierres de los bloqueo metálicos. Aquí encontramos comodidad y calidad, el respeto por la vida privada, en una estructura que modernizándose ha cambiado cada su parte para separar los entornos con materiales de absoluta calidad que preservan de ruidos y temperaturas, garantizando una comodidad ambiental única. Clavados de aluminio anodizado con vidrios anti ruido, aire condicionado controlable en todos los entornos y un aparcamiento interior por 12 puestos coches y sótanos. A portfolio of 7 suites under

the marriage of the technology and the style they lean out on the sea of Talamanca. A construction of which the restiling has just been completed. They are all endowed with the most exclusive services, the domotica it totally checks every demand, from the kitchen to the television, from the conditioned air to the closings of the shutters. Here we meet confort and quality, the respect for the privacy, in a structure that modernizing every part of his has been changed for separating the environments with material of absolute quality that preserves from noises and temperatures guaranteeing an unique environmental confort. I plunged in aluminum anodized with glasses anti noise, controllable conditioned air in all the environments and an inside parking. lot for 12 places auto and storage.


27


HIGH-CLASS

AMA LUR Ama Lur, da 35 anni detta lo stile, l’eleganza e l’eccellenza della cucina vasca nelle campagne di Santa Gertrude

Affacciato sulla splendida campagna di Santa Gertrude, Ama Lur accoglie la propria clientela in un ambiente scenografico, dove la cucina vasca è rivisitata dallo chef Adur Arietta che quest’anno propone nuovi sapori in evoluzione con la stagione estiva. Saranno proposte serate a tema accompagnate da nuovi aromi che sfrutteranno le primizie di stagione per degustare una cucina sensazionale. I colori dei fiori e la musica accompagneranno alcune serate a tema e ognuna avrà un suo piatto del giorno che vi darà modo di apprezzare nuovi aromi e sapori. La scelta dei vini si arricchirà di nuove proposte per guidarvi attraverso le straordinarie pietanze, simbolo di una cucina da intenditori che stupisce da oltre 35 anni. AMA LUR For over thirty years, elegance and Basque cuisine merge at this enchanted “casa di campo”. Ama Lur welcomes you in a luxurious and refined space illuminated by spectacular windows that open your heart to the beautiful countryside of Ibiza. Food, service and customer care are among the main features of this restaurant. The menu offers delicious dishes of fish and meat, such as the baked turbot with sautéed vegetables, the suckling pig confit withtruffled

28

polenta, salmon salad with rösti and strawberry vinaigretta, grilled red tuna with courgette noodlesand sesame praline. These are just some of the dishes belonging to an impressive and awe-inspiring menu and the choice of wines follow the same line. Ama Lur perfectly blends elegance with pro-

fessionalism and the service with a sophisticated gastronomy, becoming the perfect setting to celebrate events or share an evening with your partner or friends. AMA LUR Desde hace mas de treinta años la elegancia y la cocina vasca reinan en una encantada casa de campo. Ama Lur os recibe en un ambiente lujoso y refinado, iluminado por escenográficas vidrieras che abren vuestro corazón hacia la maravillosa campiña de Ibiza. La cocina, el servicio y la atención al cliente son la principales dotes de este restaurante. El menú ofrece deliciosas viandas de pescado y carne como el rodabalo al horno con refrito y verduras, el cocinillo confictado con polenta trufada, la ensalada de salmon marinado con rösti y vinagreta de fresa, atun rojo a la plancha con espagetti de calabacin y praliné de sesamo. Son algunos de los platos de un menú de amplio valor también en la selección de vinos, de igual espesor. Ama Lur une a la perfección la elegancia con la profesionalidad y el servicio con una sofisticada gastronomía, convirtiéndose en el escenario perfecto para la celebración de eventos o para compartir una velada con vuestra pareja o con los amigos.


Ctra. San Miguel km 2,3 Santa Gertrudis - Ibiza Phone: +34 971314554

29


THE SUNSET

ELEMENTS IBIZA Elements Ibiza beach club si trova in una delle spiagge più emplematiche di Ibiza, nel lato sud di Benirras.

Elements Ibiza beach club si trova in una delle spiagge più emblematiche di Ibiza, nel lato sud di Benirras. Lo spazio open space è una fusione unica di superfici lavate di bianco, arredi moderni creati con materiali riciclati. Elements Ibiza offre un approccio moderno ed ecologico al mondo della ristorazione Il concetto polifunzionale comprende un ristorante con cucina mediterranea, un lounge-cocktails bar, un juice bar, una boutique e una sala massaggi. L’obiettivo di Elements Ibiza è mantenere la pura identità “Eivicenca” in linea con lo stile e la gente dell’isola. La clientela è varia. La maggior parte delle persone è molto originale ed unica. Qui gli hippy storici locali si mescolano con le celebrità di tutto il mondo. Il notevole mix di etnie, classi so-

ciali e background culturali crea un livellamento della differenza in un comune denominatore: libertà e rispetto. Benvenuti al beach club e ristorante Elements Ibiza Elements Ibiza beach club se encuentra en una de las playas más simbolica de Ibiza, en el lado sur de Benirras. El espacio abierta es una fusión única de superficies blancos, muebles modernos y una decoración creada a partir de materiales reciclados. Elements Ibiza ofrece un enfoque moderno y ecológico para el mundo de los restaurantes. El concepto multifacético incluye un restaurante y cocina de estilo mediterráneo, un bar de cocktails, un bar de zumos saludables, una boutique y una sala de masajes terapéuticos. El concepto de Elements Ibiza

mantiene la identidad pura “Eivicenca” en línea con el estilo y la gente de la isla. La clientela es variada. La mayoría de las personas son muy originales y únicas. Aquí los hippies históricos locales se mezclan con celebridades de todo el mundo. La mezcla de etnias, clases sociales y antecedentes culturales crea una nivelación de la diferencia en un denominador común: la libertad y el respecto Bienvenido a Elements Ibiza beach club y restaurante Elements Ibiza presides over one of Ibiza’s most iconic beach, on the south side of Benirras. The open plan space is a unique fusion of white washed surfaces, modern furnishings and décor created from recycled materials. Elements Ibiza offers a modern, ecological approach to the world of restaurants.

The multifaced concept includes a mediterranean style restaurant and kitchen, lounge-cocktails bar, healthy juice bar, boutique and treatment-massage room.

Avenue

Elements Ibiza concept keeps pure “Eivicencas” identity in line with the style and people of the island. The clientele is varied and distinctive. The majority of the people are highly original and unique. Here local historic hippies blend with celebrities from around the world. The remarkable mix of ethnicities, social classes and cultural backgrounds creates a levelling off of difference into a common denominator: freedom and respect. Welcome to Elements Ibiza Beach Club & Restaurant


Cinque influencer romane e un nuovo concetto di influencer marketing. Fabrizia Spinelli, Francesca Romana Capizzi, Ida Galati, Martina Corradetti e Nadia La Bella: 5 donne, imprenditrici, mamme, 5 età e 5 stili diversi. Ecco chi sono le fashion blogger che hanno dato vita a The Fashion Mob. Un progetto in totale ascesa che sta suscitando un grande interesse e che ha lanciato, in Italia, un nuovo concept di influencer marketing. Cinque influencer che, pur appartenendo a un mondo così egocentrico, sono riuscite a fare squadra, grazie alla stima reciproca, e a dimostrare che l’unione fa sempre la forza, in qualsiasi settore. La loro unione in rete genera una copertura di qualche milione di follower e regala ai brand un’interpretazione a 360 gradi. Le collezioni, indossate dalla più giovane di 27 anni alla più grande di 52, prendono vita in modo completamente diverso, raggiungendo un pubblico femminile di tutte le età. Il messaggio che comunicano è che tutto è per tutte, basta indossarlo in base alla propria fisicità, al proprio stile e ovviamente alla propria età. Non poteva non essere un successo, gli ingredienti ci sono tutti, e siamo certi che ne sentiremo tanto parlare!

Fabrizia Spinelli, Francesca Romana Capizzi, Ida Galati, Martina Corradetti and Nadia La Bella: 5 women, entrepreneurs, moms, 5 different ages and styles. Here are the fashion bloggers who gave life to The Fashion Mob. A project that is becoming more and more popular nd that has launched, in Italy, a new concept of influencer marketing. Five influencers who, although belonging to such a self-centered world, have succeeded in teaming up, thanks to mutual esteem,showing that joining forces is alwais a good idea, in any sector. Their joint venture on the network generates a coverage of many million followers and gives brands a 360-degree interpretation. The collections, worn by the youngest of 27 to the elder one of 52, come to life in a completely different way, reaching a female audience of all ages. The message they communicate is that everything is for everybody, just wear it according to your physicality, your style and obviously your age. It could not be a success, the ingredients are all there, and we are sure that we will hear so much about them!

The Fashion Mob is online on Instagram (@thefashionFive Roman influencers and a mobitalia) and on: new concept of influencer mar- www.thefashionmob.it keting.

32


33


N O I E R H E H T ASOG A F L IZ B IB Ibiza è un’ isola magica ed accentratrice, il luogo dove nascono le tendenze della moda, quella moda eccentrica ed esotica data dalla convivenza fra tante culture e tanti paesi in un piccolo spazio circondato dal mare Mediterraneo, crocevia di commerci e viaggi tra oriente ed occidente. La moda ad Ibiza è unica, un mix fra l’ antica tradizione e gli svariati stili portati dagli hippie fin dagli anni ‘60, ambasciatori di quella libertà di pensiero che ha dato vita a quella che oggi è l’ anima del’ isola. Non a caso Adlib, da ad-libitum ( libertà), è il nome della moda ibizenca ormai rinomata a livello internazionale. Anche qui il fenomeno delle fashion bloggers non poteva mancare: Anita Moreno, Mirian Todea e Natalia Aestene sono tra le rappresentanti e portatrici di questa nuova tendenza che è espressa nei loro blog raccontando la loro vita, le loro passioni e soprattutto il loro stile, ognuna con il proprio, ma con il grande piacere di collaborare insieme. Imprenditrici di se stesse e immagine dei marchi che rappresentano, sono la nuova forza nella comunicazione digitale richiesta dal mercato. Ambasciatrici della moda a Ibiza raggiungono un pubblico internazionale che “sogna con il sogno Ibiza”, quell’ osare con eleganza, perché ad Ibiza non c’è mai giudizio, ma straordinaria creatività. Ibiza es una isla mágica y cosmopolita, el lugar donde nacen

34

las tendencias de la moda, la excéntrica y exótica moda que existe de la convivencia entre muchas culturas y muchos países en un pequeño espacio rodeado por el mar Mediterráneo, encrucijadas de comercio y viajes entre Oriente y Oeste. La moda en Ibiza es única, una mezcla entre la antigua tradición y los diversos estilos traídos por los hippies desde el año 1960, embajadores de esa libertad de pensamiento que dio vida a lo que hoy es el alma de la isla. No por casualidad ADLIB, de ad-libitum (libertad), es el nombre de la moda ibicenca ahora reconocida internacionalmente. También el fenómeno de las bloggers de moda no podía faltar: Anita Moreno, Mirian Todea y Natalia Aestene se encuentran entre las más importantes y portadoras de esta nueva tendencia que se expresa en sus blogs contando sus vidas, sus pasiones y sobre todo su estilo, cada una con el suyo propio, pero con el gran placer de colaborar juntas. Mujeres emprendedoras y que han luchado por su sueño son imágenes de las marcas que representan, son la nueva fuerza en la comunicación digital requerida por el mercado actual. Las embajadoras de moda en Ibiza llegan a una audiencia internacional que “sueña con el sueño de Ibiza”, que perdura con elegancia y estilo, porque en Ibiza nunca hay juicio, sino creatividad extraordinaria.


Courtesy: La Maison Blanche Looks: Anita - Ivanna Mestres Mirian - Le Piacentini Natalia - Linnea Ibiza, Silvia Marengo, Fibrae Bijoux Sartoriali 35


36 CHARLOTTE


PORTFOLIO IBIZA 37


38 MICHELLE


MIREIA


MIRIAN ELENA


MONICA


MIRIAN Mirian


ANNI


44 MELANY


45 PAULA


46


VIVA MEXICO DA MILANO A LONDRA PER APPASSIONARSI AL MESSICO DI FRIDA KHALO DI SILVIA CUTULI Ph. credit CARLOTTA COPPO courtesy of Mudec - Â Museo delle Culture di Milano, Victoria & Albert Museum di Londra.

47


48


49


Eclettica pittrice, artista, donna. La variopinta personalità di Frida Khalo espressa anche dai suoi abiti, accessori e oggetti personali conquista e appassiona i musei di mezz’Europa e non solo, in un ideale itinerario tra Milano - dove il Mudec ospita “Frida. Oltre il mito” - e Londra che ospita al Victoria & Albert Museum “Making Her Self Up” (dal 16 giugno al 4 novembre). Realizzata in collaborazione con il Museo messicano Frida Kahlo, la mostra inglese raccoglie oltre 200 oggetti provenienti dalla Casa Azul di Coyoacàn a Città del Messico, dove l’artista nacque, visse e morì. Abiti, lettere, gioielli tra cui le collane precolombiane, cosmetici come la matita per gli occhi “Ebony” che la pittrice usava per costruire il leggendario mono-sopracciglio distintivo dei suoi autoritratti, corsetti fatti a mano e anche protesi. “Simbolo della controcultura e del femminismo, Frida ha edificato negli anni una sua identità anche con gli oggetti esposti in questa mostra, non solo con le sue opere. Questa esposizione è un’opportunità rara per i visitatori poiché offre l’accesso a un mondo mai svelato sinora” spiega Claire Wilcox, Senior Curator of Fashion al V&A e co-curatrice della mostra. Indaga oltre il mito di Frida anche la fortunata esposizione italiana che dà il la al nuovo volume “FRIDA VESTIDA. Abiti e accessori di Frida Kahlo” edito da 24 ORE Cultura. Appassionata di arte come di moda, l’autrice Alessandra Galasso riallaccia la liason tra Frida e la moda in un volume illustrato da Alessandra Scandella ricco di ispirazioni. Tra abiti della tradizione, vistosi gioielli e acconciature fiorite che incoronano Frida, vera icona pop in salsa messicana.

LONG

LIVE

MEXICO!

Eclectic painter, artist, woman. The colorful personality of Frida Khalo also expressed by her clothes, accessories and personal items fascinates the European and international museums, in an ideal itinerary between Milan where the Mudec hosts “Frida, Oltre il mito” - and London which hosts the “Making Her Self Up” at the Victoria & Albert Museum (from June 16th to November 4th). Created in collaboration with the Mexican Museum Frida Kahlo, the British exhibition brings together over 200 objects from the Casa Azul of Coyoacàn in Mexico City, where the artist was born, lived and died. Dresses, letters, jewels including pre-Columbian necklaces, cosmetics like the “Ebony” eyebrow pencil used by the painter to build the legendary mono-eyebrow of her self-portraits, hand-made corsets and even prosthetics. “Symbol of counterculture and feminism, Frida has built over the years an identity with the objects exhibited in this exhibition, not only with her works. This exhibition is a rare opportunity for visitors as it offers access to a world never unveiled so far” explains Claire Wilcox, Senior Curator of Fashion at the V&A and co-curator of the exhibition. In goes beyond the myth of Frida, also the successful Italian exhibition that introduces the new volume “FRIDA VESTIDA. Abiti e accessori di Frida Kahlo” published by 24 ORE Cultura. Passionate about art as of fashion, the author Alessandra Galasso re-establishes the liaison between Frida and fashion in a book illustrated by Alessandra Scandella full of inspirations. Among traditional clothes, showy jewels and flowery hairstyles that crown Frida, a true pop icon in Mexican style.

50


51


“DIPINGO I FIORI COSÌ CHE NON APPASSISCANO MAI” FRIDA KHALO

52


NELLA PAGINA ACCANTO: FRIDA KAHLO WITH OLMEC FIGURINE, 1939. PHOTOGRAPH NICKOLAS MURAY. © NICKOLAS MURAY PHOTO ARCHIVES A SEGUIRE: FRIDA KAHLO IN BLUE SATIN BLOUSE, 1939. PHOTOGRAPH NICKOLAS MURAY © NICKOLAS MURAY PHOTO ARCHIVES

53


54


55


FONDATION LOUIS VUITTON: AU DIAPASON DU MONDE. DA MATISSE A MURAKAMI, PASSANDO PER GIACOMETTI, CATTELAN, KLEIN, IN SCENA A PARIGI L’ARTE CHE COME UNO STRUMENTO ACCORDA L’UNIVERSO. DI CINZIA MALVINI Parigi, Fondation Louis Vuitton fino al al 27 Agosto 2018.

56


57


58


IN APERTURA: TAKASHI MURAKAMI E MAURIZIO CATTELAN IN QUESTA PAGINA: L’AVALANCHE FRANÇOIS MORELLET, 2006

59


Il mondo colorato e pop dell’artista giapponese Takashi Murakami che unisce la sua inconfondibile estetica Kawaii, (“adorabile”), ai traumi del Paese, dalla bomba atomica al più recente tsunami. La storia che prende la strada dell’arte e che avvolge il pubblico in una sorta di trance lisergica, sospeso tra favola e realtà. E’ solo la prima delle innumerevoli sorprese che riserva ”Au Diapason Du Monde”, la nuova mostra della Fondation Louis Vuitton, ispirata dal principio enunciato da Roland Barthes alla  Chambre Claire nel 1980: “Ho deciso di prendere come guida la consapevolezza delle mie emozioni”. Sono ventotto gli artisti internazionali pronti ad interrogarsi sulle domande che da sempre stringono l‘uomo, a partire da quale sia il suo posto nell’universo. La risposta è in quelle opere moderne e contemporanee accanto a quelle dei grandi artisti del XX secolo, riunite per la prima volta, in una straordinaria selezione, in tutte le gallerie dell’edificio di Frank Gehry. Una mostra a doppia partitura scandita da due sezioni distinte destinate ad accogliere gli artisti

60

che impiegano media diversi e appartengono a differenti generazioni, Takashi Murakami tra questi. All’acclamato maestro giapponese considerato l’artista neo pop del Sol Levante per eccellenza, viene dedicata una sezione speciale, il Percorso “A”, che prende la forma di una piccola retrospettiva: un viaggio nel suo universo funambolico a colori saturi, popolato da creature fantastiche, metà umane, metà animali dove la cultura popolare si unisce con quella più colta, tradizione Manga e modernità tra Oriente e Occidente. “L’uomo nel mondo vivente” è invece al centro del Percorso “B” dove artisti francesi e internazionali si ritrovano in una sorta di viaggio che prende tempi, modi, tecniche differenti, sviluppato dentro e fuori l’edificio. Una scoperta senza soluzione di continuità, una malìa per il visitatore ma anche una risposta a domande originarie che a volte trovano la loro più intima soluzione proprio attraverso l’arte, capace in ogni tempo come il miglior diapason di accordarsi al respiro dell’ Universo, questa sì davvero la più grande musica del mondo.


The colorful and pop world of the Japanese artist Takashi Murakami who unites his unmistakable Kawaii aesthetic (“adorable”), to the traumas of the country, from the atomic bomb to the latest tsunami. The art story that surrounds the public in a sort of lysergic trance, suspended between fairytale and reality. This is only the first of the countless surprises that reserve “Au Diapason Du Monde”, the new exhibition of the Fondation Louis Vuitton, inspired by the principle enunciated by Roland Barthes at the Chambre Claire in 1980: “I decided to take the awareness of my emotions as a guide “. Twenty-eight international artists are ready to question the the themes that have always interested men, starting from what is his place in the universe. The answer is in those modern and contemporary works alongside those of the great artists of the twentieth century, gathered for the first time, in an extraordinary selection, in all the galleries of the Frank Gehry building. A double-sheeted exhibition marked by two separate sections designed to accommodate artists who employ different

media and belong to different generations, Takashi Murakami among them. To the acclaimed Japanese master, considered the neo pop artist of the Rising Sun par excellence, is dedicated a special section, the “A” path, which takes the form of a small retrospective: a journey into its acrobatic universe in saturated colors, populated by fantastic creatures, half human, half animals where popular culture combines with the most cultured one, Manga tradition and modernity between East and West. “Man in the living world” is instead at the center of the “B” Path that gathers French and international artists in a sort of journey that takes different times, ways, techniques, developed inside and outside the building. An endless discovery, a malice for the visitor but also an answer to original questions that sometimes find their most intimate solution right through art, able at all times as the best diapason to harmonize with the breath of Universe, which is really the greatest music in the world.

IN QUESTA PAGINA: A.K.A GERO TAN NOAH’S ARK TAKASHI MURAKAMI, 2016 NELLA PAGINA ACCANTO: ANTHROPOMÉTRIE SANS TITREYVES KLEIN, 1960 VENETIAN WOMAN III ALBERTO GIACOMETTI, 1956 IN CHIUSURA: THE OCTOPUS EATS ITS OWN LEG TAKASHI MURAKAMI, 2017

61


62


63


64


THINK GREEN

PERCHÈ LA SOSTENIBILITÀ È IL FUTURO DELLA MODA DI SILVIA CUTULI

65


66


67


68


“CREARE UN ABITO BELLO E SOSTENIBILE É UNA SFIDA CERTO, MA SIGNIFICA ANCHE SENTIRE UNA RESPONSABILITÀ RISPETTO ALLA VITA E QUINDI AL FUTURO. UNA SFIDA CHE SA DI CREATIVITÀ E DI UNA NUOVA STRADA DA TRACCIARE”. TIZIANO GUARDINI

“È necessario un cambio del DNA della moda che integri le migliori prassi esistenti, per essere realmente sostenibile e che usi la creatività per ridisegnare percorsi futuri sostenibili” recita il rapporto “Fashion at the crossroads” stilato da Greenpeace lo scorso settembre 2017, suggerendo come il vero lusso sia (e perché no) anche trasformare qualcosa di distruttivo – come le tonnellate di rifiuti che vengono costantemente gettate in mare e non solo - in qualcosa di sexy e cool. Ne è convinta Stella McCartney, la stilista inglese vegetariana da sempre, che ha messo al bando pelle e pelliccia dalle sue creazioni, sostenendo una moda ecosostenibile al 100% e che ha annunciato lo scorso 8 giugno (non a caso la Giornata Mondiale degli Oceani) la nuova collaborazione con Parley for the oceans, un network che riunisce le industrie attorno a progetti destinati a tutelare gli oceani e a prevenirne la distruzione. “Un altro capitolo del mio viaggio per supportare e difendere il nostro pianeta” afferma la designer, tenendo a battesimo i due accessori realizzati con Parley Ocean Plastic™, un’innovativa fibra tessile ricavata da oggetti di plastica come reti da pesca, detriti e bottiglie rinvenute dai fondali e dalle spiagge. Realizzato con paillettes create da CD e conchiglie italiane, è l’abito firmato dall’eco designer Tiziano Guardini che si è aggiudicato il Green Carpet Fashion Awards promosso da Camera Nazionale della Moda Italiana in collaborazione con Eco-Age (società che ha in Livia Firth la sua fondatrice), con l’intento di celebrare il made in Italy attraverso il filo rosso dei valori etici e sostenibili (la nuova edizione è prevista per il prossimo settembre). “Quando senti i tessuti a contatto con la tua pelle, non puoi credere a quello che erano una volta” si stupisce Christy Turlington Burns, tra i volti della collezione Conscious Exclusive 2018 di H&M, realizzata in lino biologico, cotone, seta e per la prima volta in ECONYL®, una fibra di nylon rigenerata al 100 percento ricavata dalle calze a rete. “Sono rimasta davvero colpita dal fatto che molti tessuti siano stati creati praticamente da zero per incorporare fibre sostenibili”.

BECAUSE SUSTAINABILITY IS THE FUTURE OF FASHION “It is necessary a change of fashion DNA that integrates existing best practices, to be truly sustainable and that uses creativity to redesign sustainable future paths” says the report “Fashion at the crossroads” drawn up by Greenpeace last September 2017, suggesting how true luxury is (and why not) also transforming something destructive - like the tons of waste that are constantly thrown into the sea and beyond - into something sexy and cool. Stella McCartney is convinced of it, the British vegetarian stylist, who has banned fur and leather from her creations, supporting a 100% eco-sustainable fashion and who announced last June 8 (not surprisingly the World Oceans Day) the new collaboration with Parley for the oceans, a network that brings together industries around projects designed to protect the oceans and prevent their destruction. “Another chapter of my journey to support and defend our planet” says the designer, baptizing the two accessories made with Parley Ocean Plastic ™, an innovative textile fiber made from plastic objects such as fishing nets, debris and bottles found from the seabed and from the beaches. Made with sequins created from CDs and Italian shells, is the dress signed by the eco-designer Tiziano Guardini who won the Green Carpet Fashion Awards promoted by the Italian National Chamber of Fashion in collaboration with Eco-Age (a company founded by Livia Firth), with the intent of celebrating Made in Italy through the red thread of ethical and sustainable values (the new edition is scheduled for next September). “When you feel the fabrics in contact with your skin, you can not believe what they once were” claims Christy Turlington Burns, among the faces of the H&M’s Conscious Exclusive collection 2018, made of organic linen, cotton, silk and first time in ECONYL®, a 100% regenerated nylon fiber made from mesh stockings. “I was really struck by the fact that many fabrics were created from scratch to incorporate sustainable fibers”.

IN APERTURA: I TESSUTI CANEPA AL MOTTO “SAVE THE PLANET” SONO SOSTENIBILI GRAZIE AL BREVETTO SAVETHEWATER KITOTEX® IL CUI PROCESSO DI LAVORAZIONE È STUDIATO PER RIDURRE L’IMPATTO SULL’AMBIENTE. A SEGUIRE: ADVERTISING CAMPAIGN H&M CONSCIOUS EXCLUSIVE 2018 NELLA PAGINA ACCANTO: L’ABITO DI TIZIANO GUARDINI REALIZZATO CON SETA NON VIOLENTA E NYLON RICICLATO. I RICAMI SONO DI CONCHIGLIE E CD DI SCARTO TUTTI RACCOLTI IN ITALIA.

69


“SAVE THE PLANET” È IL MOTTO DEI TESSUTI FIRMATI CANEPA (DEDICATA A OLTRE 150 CLIENTI DEL LUSSO) SOSTENIBILI GRAZIE AL BREVETTO AZIENDALE SAVETHEWATER KITOTEX® IL CUI PROCESSO DI LAVORAZIONE È STUDIATO PER RIDURRE L’IMPATTO SULL’AMBIENTE RIDUCENDO L’UTILIZZO DI SOSTANZE NOCIVE, IL CONSUMO DI ENERGIA E DI ACQUA IN TUTTA LA FILIERA PRODUTTIVA.

IN QUESTA PAGINA: TESSUTO CANEPA NELLA PAGINA ACCANTO: CHRISTY TURLINGTON BURNS PER H&M CONSCIOUS EXCLUSIVE 2018

70


“PARLARE DI MODA E SOSTENIBILITÀ NON È PIÙ UNA CONTRADDIZIONE IN TERMINI. CREDO NEL RICICLO E RIUSO CREATIVO.” CHRISTY TURLINGTON BURNS

71


SANTIAGO CALATRAVA DA VALENCIA A RIO DE JANEIRO, L’ARTE È LA SUA TECNICA E LA TECNICA È LA SUA ARTE. DI FRANCESCA BERARDI

72


73


74


Un uomo in giacca e cravatta con tanto di borsa 24 ore: un business man? No, un artista. Perché Santiago Calatrava, architetto riconosciuto a livello mondiale, durante le sue giornate di lavoro porta sempre con sé una valigia carica di pennelli, acquarelli, carta da disegno e matite. Prima di comprendere appieno la vera natura delle sue opere, occorre ripercorrere le tappe salienti di una carriera che lo ha portato ad essere un uomo poliedrico: architetto, pittore, scultore, scenografo, ceramista ed ingegnere. Nato a Valencia nel 1951, Santiago Calatrava ne diventerà presto l’emblema, realizzando due delle sue opere architettoniche più celebri: l’Auditorium e il Planetario per la Città delle Arti e delle Scienze. Classe di laurea 1974, presso la Escuela Técnica Superior de Arquitectura, consegue successivamente nel 1979 il diploma di ingegnere civile all’ETH, Scuola Politecnica federale di Zurigo. Qui apre il suo primo studio iniziando una carriera internazionale. Autore di grandi opere, la Stazione ferroviaria di Stadelholfen di Zurigo, il Ponte Bach de Roda a Barcellona, il Turning Torso di Malmö, la Chiesa ortodossa di St. Nicholas di New York, per citarne alcune. Santiago Calatrava si distingue per un’architettura che più che una tecnica, nelle sue mani diventa un’arte. L’arte di vedere nella bozza di un disegno la magnificenza e funzionalità di strutture complesse ed elaborate, accumunate dallo stesso obiettivo: restare nel tempo. Un uomo visionario e dalla manualità artigianale che scompone spazio, corpi e figure per studiarle, analizzarle e poi assemblarle nel modo più originale possibile. Il fil rouge di tutti i suoi lavori è infatti la vocazione per l’arte plastica e figurativa rintracciabile nei centomila disegni e acquarelli, come nelle centinaia di sculture e lavori in ceramica. La storia di Calatrava racconta di un uomo che rende possibile la fusione tra l’arte di cogliere la bellezza nell’analisi delle forme e dei movimenti, e la scienza della tecnica. Lo strumento che rende realtà ogni suo progetto artistico.

75


IN APERTURA: SANTIAGO CALATRAVA - COPYRIGHT: JEREMIAH WILSON A SEGUIRE: UNIVERSITY OF SOUTH FLORIDA POLYTECHNIC CAMPUS MASTER PLAN, LAKELAND, FL, USA - COPYRIGHT: ALAN KARCHMER TURNING TORSO, MALMÖ, SWEDEN - COPYRIGHT: SANTIAGO CALATRAVA IL VOLUME: CALATRAVA. COMPLETE WORKS 1979–TODAY” - SANTIAGO CALATRAVA, PHILIP JODIDIO (ED. TASCHEN) WORLD TRADE CENTER TRANSPORTATION HUB, NEW YORK, NY, USA - ARCHIVE SANTIAGO CALATRAVA

76


A man in suit and tie with a 24-hour bag: a business man? No, an artist. Because Santiago Calatrava, a globally recognized architect, always carries a suitcase full of brushes, watercolors, drawing paper and pencils during his working days. Before fully understanding the true nature of his works, it is necessary to retrace the salient stages of a career that led him to be a versatile man: architect, painter, sculptor, set designer, ceramist and engineer. Born in Valencia in 1951, Santiago Calatrava will soon become its emblem, creating two of his most famous architectural works: the Auditorium and the Planetarium for the City of Arts and Sciences. Graduated in 1974, at the Escuela TĂŠcnica Superior de Arquitectura, in 1979 he gets a diploma in civil engineering at the ETH, Federal Polytechnic School of Zurich. Here he opens his first studio, starting an international career. Author of great works, the Stadelholfen railway station in Zurich, the Bach de Roda Bridge in Barcelona, the Turning Torso in MalmĂś, the Orthodox Church of St. Nicholas in New York, to name a few. Santiago Calatrava stands out for an architecture that more than a technique, in his hands becomes an art. The art of seeing in the draft of a drawing the magnificence and functionality of complex and elaborate structures, bond by the same objective: to stay in time. A visionary man and artisanal craftsmanship that breaks down space, bodies and figures to study them, analyze them and then assemble them in the most original way possible. The leitmotif of all his works is in fact the vocation for plastic and figurative art traceable in the hundred thousand drawings and watercolors, as in the hundreds of sculptures and ceramic works. The story of Calatrava tells of a man who makes possible the fusion between the art of catching beauty in the analysis of forms and movements, and the science of technology. The tool that makes every single artistic project a reality.

77


78


Italian CHIC PERCHÈ L’ITALIA È L’ITALIA IN UN RITRATTO IN PUNTA DI MATITA FIN DENTRO L’AUTENTICA WAY OF ITALIAN LIFE. DI SIMONETTA COSSINI ILLUSTRATIONS BY ANDREA FEROLLA

79


80


“A COMBINATION OF LIGHT AND LIFE, PAST AND PRESENT, ART AND DESIGN, SUNSHINE AND SHADOW, ITALY IS ITALY. EVERYWHERE ELSE IS EVERYWHERE ELSE”. DAVID DOWNTON

L’amore compulsivo per un autentico stile di vita italiano, anima le appassionate pagine nate dal gusto per il bello di Daria Reina e Andrea Ferolla, coppia creativa (oltre che nella vita) italo-francese che ha già al suo attivo il marchio Chez Dèdè di accessori esclusivi dalla moda, alla casa, ai gioielli. Il desiderio di condividere il senso dell’arte come dello stile, meglio se italianissimi, li porta stavolta a raccogliere nel volume “Italian Chic” (ed. da Assouline e in uscita il prossimo agosto) dei fermoimmagine esclusivi di luoghi anche meno noti del Belpaese, ricchi del fascino (in)discreto noto ai quattro angoli del globo come la grande bellezza italiana. Da Roma a Firenze, passando per Capri, Sorrento, Matera e l’Emilia Romagna il viaggio vale una sosta di charme nel cuore dell’italian’s Italy.

The compulsive love for an authentic Italian lifestyle, animates the passionate pages created thanks to the taste for beauty of Daria Reina and Andrea Ferolla, creative Italian-French couple (as well as in life) that has already to its credit the brand Chez Dèdè of exclusive accessories of fashion, home, jewelry. The desire to share the sense of art as well as of style, better if very Italian, this time brings them to collect in the volume “Italian Chic” (published by Assouline and released next August) the exclusive images of even the less famous places of the “Belpaese”, rich of the (in) discreet charm known to the four corners of the globe as the great Italian beauty. From Rome to Florence, passing through Capri, Sorrento, Matera and Emilia Romagna, the journey is worth a charming stop in the heart of Italian’s Italy.

81


82


I MBI U T UR T

83


VEZZO DI STILE, TURBANTI E BANDEAU SI FANNO COMPLICI DI ELEGANTISSIMI COLPI DI TESTA. DI SILVIA CUTULI

84


85


Non un cappello e neanche una fascia ma una complicata acconciatura di stoffa, per lo più wax africani, cotoni indiani e tessuti ecologici: quello che in origine era un semplice cappuccio orientale oggi è un vezzo di stile da alternare al cappello, per raccogliere con comodità e garbo la chioma da mattina a sera, con i jeans e l’abito lungo non più e non soltanto in spiaggia. E pensare che furono in tempi non sospetti le dive del cinema come dello spettacolo che portarono in auge il turbante: Lana Turner, Greta Garbo, Joan Crawford e Sophia Loren, star del jazz del calibro di Nina Simone, ed eccentriche performer come Carmen Miranda, con i suoi inconfondibili copricapo tutti frutta e fiori. Da ieri a oggi, esibiscono richiami al folk, all’Oriente e ai costumi tribali, le “pazze” idee per la testa viste sulla passerella primavera/estate 2018 di Marc Jacobs, da leggere come una sorta di fascinoso tutorial sui cento, mille differenti modi di indossare il turbante. Il designer si è affidato all’inglese Stephen Jones per incorniciare il volto delle modelle con proposte iper decorate da spille di metallo e cristalli o nel più fascinoso total black. Suggestioni che profumano di made in Italy, imprimono il carattere a turbanti, fasce e twilly firmati da Marzoline: “Nel nostro marchio si nasconde uno storytelling basato sulla dualità – raccontano le fondatrici Allegra e Desideria Tantalo - ma anche sulle differenze che emergono dal nostro essere gemelle, e questa caratteristica si riflette in tutti i nostri prodotti, che abbiamo reso versatili, bitessuto, multiuso e double face”. Da donna a donna. Nasce nel segno della solidarietà femminile il progetto Dee di Vita, con cui la storica Azienda Mantero e Salute allo Specchio hanno ideato turbanti che si fanno simbolo della bellezza e della forza femminile, sostenendo le donne in cura per una patologia oncologica presso l’Ospedale San Raffaele di Milano. Farfalle allegre e spensierate si liberano dalla seta, leggiadre, simbolo di rinascita e coraggio. Perché la vita è bella, prendetela con leggerezza.

FASHION ACCESSORIES, TURBANS AND BANDEAU BECOME ACCOMPLICES OF VERY ELEGANT FABRIC HAIRSTYLES. Not a hat nor a bandana but a complicated fabric hairstyle, mostly African wax, Indian cottons and ecological fabrics: what originally was a simple oriental hood today is a fashion accessory to alternate with the hat, to gather with comfort and grace your hair from morning to night, with jeans and long dress no longer and not just at the beach. They were the cinema and show businesses divas to bring the turban in vogue: Lana Turner, Greta Garbo, Joan Crawford and Sophia Loren, jazz star of the caliber of Nina Simone, and eccentric performers like Carmen Miranda, with her unmistakable headdress all fruit and flowers. From yesterday to today, they show references to folk, the Orient and tribal costumes, the “crazy” ideas for the head seen on the spring / summer 2018 catwalk of Marc Jacobs, to be read as a sort of fascinating tutorial on the hundred, thousand different ways to wear the turban. The designer has relied on the Englishman Stephen Jones to frame the models’ faces with creations decorated with metal and crystal brooches or in the most glamorous total black. Suggestions that smell of Made in Italy, imprint the character of turbans, bandanas and twilly signed by Marzoline: “In our brand hides a storytelling based on duality - tell the founders Allegra and Desideria Tantalo- but also on the differences that emerge from our being twins, and this feature is reflected in all our products, which we have made versatile, multi-purpose and double-faced “. From woman to woman. The Dee di Vita project is thought under the sign of female solidarity, with which the historic Azienda Mantero and Salute allo Specchio have created turbans that become symbols of beauty and feminine strength, supporting women in treatment for an oncological pathology at the Hospital San Raffaele of Milan. Cheerful and carefree butterflies are freed from silk, a symbol of rebirth and courage. Because life is beautiful, take it easy.

IN APERTURA: IL PROGETTO MANTERO DEE DI VITA A SEGUIRE: MARC JACOBS P/E 2018 A DESTRA: IL PROGETTO MANTERO DEE DI VITA PH. GUIDO TARONI

86


87


I DE E R T A E R N D I A ’ T U L LL RE I A L

88


Victor Vasarely l’Op Art “LA PITTURA NON È CHE UN MEZZO. LO SCOPO DA RAGGIUNGERE È DI CERCARE, DEFINIRE ED INTEGRARE IL FENOMENO PLASTICO NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI” VICTOR VASARELY. DI FRANCESCA BERARDI

89


90


N APERTURA: ©VICTOR VASARELY, KROA-MC , 1969 NELLA PAGINA ACCANTO: ©VICTOR VASARELY, DOUPLA 1970-1975 NELLA PAGINA ACCANTO: ©VICTOR VASARELY, MANIPUR EN NEGATIVO, 1971 IN QUESTA PAGINA: ©VICTOR VASARELY, MARSAN-2, 1964-1974

91


92


In natura, ogni forma è geometrica. Da questo assunto, nasce l’Optical Art. La corrente artistica che nel Novecento unisce forme geometriche e studi di psicologia percettiva per catturare lo spettatore attraverso un gioco di prospettive illusorie e tensioni cromatiche. Per capire cosa sia davvero l’ Optical Art non si può che partire dal suo padre fondatore: Victor Vasarely. Artista del ventesimo secolo, di nazionalità ungherese verrà “adottato” da Parigi, la città che più segnerà la sua vita. Una carriera da grafico pubblicitario coronata dagli studi sugli effetti ottici, il movimento e la percezione, che faranno emergere la sua propensione per la decomposizione della realtà in forme geometriche apparentemente facili da leggere per l’occhio umano. L’arte di Vasarely non vuole immergere l’osservatore in una dolce melanconia ma offrirgli una sfida, stimolando il suo occhio a decodificare l’illusione ottica. Lui stesso dirà che la posta in gioco non è più fare centro nel cuore dello spettatore bensì colpire la sua retina. Come? Attraverso le famose “forme delle forme” ed esplorando i limiti della visione umana.

“PAINTING IS NOTHING BUT A MEANS. THE AIM TO BE ACHIEVED IS TO SEEK, DEFINE AND INTEGRATE THE PLASTIC PHENOMENON IN EVERYDAY LIFE “- VICTOR VASARELY. In nature, every shape is geometric. Optical Art starts from this assumption. The artistic movement created in 1900 that combines geometric forms and studies of perceptive psychology to capture the viewer through a play of shapes, illusory perspectives and chromatic tensions. To understand what Optical Art really is we can only start from its founding father: Victor Vasarely. Artist of the twentieth century, of Hungarian nationality who will lived in Paris, the city that will mark his life. Here begins his career as an advertising graphic putting aside his ambitions. This operation is impossible because even as graphic designer he will continue to study the optical effects, the movement and the perception that will bring out its propensity for the decomposition of reality into geometric forms, that are apparently easy to read for the human eye. The Optical Art of Vasarely  wants to make the human eye capable of catching the essence of geometry through everyday little things.

©VICTOR VASARELY, HOMBRE EN MOVIMIENTO – ESTUDIO DEL MOVIMIENTO, 1943

93


94


“LA FOLIA BEAUBOURG” COMPIE 40 ANNI L’IMPRESA DI RENZO PIANO E RICHARD ROGERS “TUTTA TUBI E FERRAGLIA”, UNA VERA CITTADELLA DELLA CULTURA PER PIÙ GENERAZIONI. DI SILVIA CUTULI

95


“Un’impresa da ragazzacci” confessa Renzo Piano, oggi che il Beaubourg - come i francesi amano chiamare il Centro nazionale d’arte e di cultura Georges Pompidou in Rue Beaubourg, 19 - festeggia i suoi primi 40 anni, e l’architetto i suoi ottanta. Era il 1969 quando Georges Pompidou intercettando le nuove domande generazionali, pensò di dotare Parigi di un centro della creatività e della cultura e individuò l’area giusta nel Plateau Beaubourg. La scelta del progetto vincitore arrivò nel 1971 e già l’anno successivo cominciavano i lavori. «Ci abbiamo provato, non abbiamo mai pensato di vincere quel concorso» confessa l’architetto italiano che tenne a battesimo insieme all’inglese Richard Rogers “la folie Beaubourg”. Perchè sembrava una vera follia quella costruzione “tutta tubi e ferraglia” atterrata nel cuore della vecchia Parigi, quasi fosse una navicella spaziale. Il critico inglese Reinher Banham non senza una buona dose di simpatia per l’impresa, coniò appositamente l’accusa di “bowelism”, cioè di mostrare le budella dell’edificio per quel capolavoro “fuori scala”, visitato ogni giorno da migliaia di persone (che per quarant’anni fanno oltre 250 milioni di visitatori). “Ogni nuovo progetto corrisponde a una nascita. Perchè la grande bellezza dell’architettura è che ogni volta è come la vita che prende forma da capo” racconta Piano, che è rinato anche lui dopo la rivoluzionaria impresa parigina mostrandosi “a suo agio” con lavori tanto differenti: l’aeroporto di Kansai a Osaka, Giappone (1990–94), il New York Times Building a New York (2000–07), la più recente Modern Wing dell’Art Institute di Chicago, insieme ai 66 piani della London Bridge Tower, e ancora la costruzione della Valletta City Gate a Malta. “La gamma di edifici progettati da Renzo Piano è sbalorditiva per la sua portata e completa in termini di varietà di materiali, forme e scala. Si tratta a tutti gli effetti di un architetto le cui caratteristiche rappresentano l’intera varietà di questo secolo e del precedente” annotavano i giurati del Pritzker Prize consegnandogli nel 1998 l’ambito riconoscimento. Sempre più svincolato Piano, dall’attributo di archistar troppo stretto per chi come lui ama scendere in campo – anche politico in qualità di Senatore a vita della Repubblica Italiana- mettendo a disposizione la sua esperienza nella riqualificazione delle nostre città e periferie: “Sono proprio le periferie la città del futuro, quella dove si concentra l’energia umana e quella che lasceremo in eredità ai nostri figli – dichiara Piano a Il Sole 24 Ore - C’è bisogno di una gigantesca opera di rammendo e ci vogliono delle idee. Siamo un Paese che è capace di costruire i motori delle Ferrari, robot complicatissimi, che è in grado di lavorare sulla sospensione del plasma a centocinquanta milioni di gradi centigradi. Possiamo farcela perché l’invenzione è nel nostro Dna”.

IN APERTURA: CREDITS: © ARCHIVES CENTRE POMPIDOU, PHOTO BY JEAN-CLAUDE PLANCHET, GEORGES MEGUERDITCHIAN, EUSTACHE KOSSAKOWSKI. IN QUESTA PAGINA: © PARIS TOURIST OFFICE - PHOTOGRAPHE: AMÉLIE DUPONT - ARCHITECTE: RENZO PIANO E RICHARD ROGERS;

96


“A company of bad boys” confesses Renzo Piano, today that the Beaubourg - as the French love to call the National Center of Art and Culture Georges Pompidou in Rue Beaubourg, 19 - celebrates its first 40 years, and the architect his eighties. It was 1969 when Georges Pompidou intercepting the new generational questions, decided to give Paris a center of creativity and culture and identified the right area in the Plateau Beaubourg. The choice of the winning project came in 1971 and already the following year the works began. “We tried, we never thought about winning that contest,” says the Italian architect who build together with the English Richard Rogers “the folie Beaubourg”. Because that building seemed just madness “all tubes and scrap metal” landed in the heart of the old Paris, almost like a spaceship. The English critic Reinher Banham, not without a good deal of sympathy for the project, purposely coined the accusation of “bowelism”, that is to show the guts of the building for that “out of scale” masterpiece, visited every day by thousands of people (which for over forty years make over 250 million visitors). “Every new project corresponds to a birth because the great beauty of architecture is that every time it’s like life that takes shape from the beginning” says Piano, who was also reborn after the revolutionary Parisian project showing to be “at ease” with such diverse works: the Kansai Airport in Osaka, Japan (1990-94), the New York Times Building in New York (2000-07), the most recent Modern Wing of the Art Institute of Chicago, together with the 66 floors of the London Bridge Tower, and the construction of the Valletta City Gate in Malta. “The range of buildings designed by Renzo Piano is astounding for its number and complete in terms of variety of materials, shapes and scale. He is in effect an architect whose characteristics represent the whole variety of this century and the previous one” noted the jurors of the Pritzker Prize giving him the award in 1998. Piano is increasingly freed from the attribute of archistar, too tight for those like him who likes to take the field - also a political as a life Senator for life of the Italian Republic - using his experience for the redevelopment of our cities and suburbs: “Suburbs are the city of the future, where is concentrated the human energy that we will leave to our children - states Piano at Il Sole 24 Ore - We need a giant mending work and it takes lots of ideas. We are a country that is able to build the Ferrari engines, very complicated robots, that can work on the suspension of the plasma at one hundred and fifty million Celsius degrees.We can do it because invention is in our DNA”.

IN QUESTA PAGINA: © PARIS TOURIST OFFICE - PHOTOGRAPHE: FABIAN CHARAFFI - ARCHITECTE: RENZO PIANO E RICHARD ROGERS; CENTRE POMPIDOU, RENZO PIANO E RICHARD ROGERS. PH. BY ARCHIVES CENTRE POMPIDOU.

97


98


SHADES OF GOLD Sono baciate dalle infinite sfumature dell’oro, le grandi complicazioni dell’alta orologeria.

99


100


ROLEX OYSTER PERPETUAL GMT-MASTER II In oro Everose 18 ct. con disco Cerachrom graduato 24 ore bicolore in ceramica marrone e nera.

101


102


BULGARI OCTO FINISSIMO AUTOMATICO SABBIATO In oro rosa 18 kt sabbiato, corona in oro rosa con inserto di ceramica, quadrante in oro rosa 18 kt.

103


104


de GRISOGONO NEW RETRO In oro rosa, corona oro laccato nero decorato dall’emblema de GRISOGONO.

105


SUMMER VIBES Gioielli luminosi e gemme incastonate come dolci prelibatezze al sapore d’estate.

106


107


108


de GRISOGONO ORECCHINI MELODY OF COLORS Zaffiri blu, diamanti bianchi, ametiste e un diamante nero.

109


110


BULGARI Spilla Bvlgari.Bvlgari Gelato in oro rosa onice e diamanti.

111


E H D C U A T I E B TT A DI SILVIA CUTULI

112


113


Il fermo immagine sul beachwear più amato di stagione se l’è aggiudicato al momento Bella Hadid, sfoggiando un intero total black logato Chanel, come fosse un body, abbinato al jeans per un look in stile “il mare in città”. Di fatto l’astuta operazione di styling a prova di “like” sui social, sembra voler sdoganare quel costume da bagno osannato da stilisti e creativi e allo stesso tempo temuto dall’universo femminile nella sua interezza. La buona notizia è che a ben guardare anche il beachwear (s)veste la personalità, sottolineando l’appeal e il carattere oltre che le curve. Le più riservate punteranno su interi monocolore attraenti per via di tagli e scolli strategici che citano la geometria come il design, da esibire a bordo piscina nei più suggestivi scenari del mondo. Trikini e bikini a stampa africana super colorata, sono invece i migliori ambasciatori di un’estate a tinte forti, dinamica, nel segno del pensiero positivo. Rouches e frange d’oro colato, abbagliano di sera nei beachwear party più esclusivi al calar del sole.

MARYAN MEHLHORN P/E 2018

114


The still image on the most beloved beachwear of the season goes to Bella Hadid for now, showing off a swimsuit total black branded Chanel, as if it were a body, paired with jeans for a look in “ sea in the city� style. In fact, the astute styling operation, seems to praise that one-piece swimsuit so hailed by designers and creatives and at the same time so feared by the entire women universe. The good news is that even the beachwear (un)dresses personality, underlining the appeal and the character as well as the curves. The most discreet will point on solid color models characterized by cuts and strategic necklines inspired by geometry and design, to be shown by the pool in the most evocative scenarios of the world. Trikini and ultra-colored African print bikinis, are instead the best ambassadors of a summer in strong colors, in the sign of positive thinking. Rouches and cast gold fringes, dazzle in the evening in the most exclusive beachwear parties at sunset.

115


SWEET YEARS P/E 2018

116


117


118


119


R E T T A R A W R E D N U SOTT’ACQUA, A QUALCHE METRO DI PROFONDITÀ NELLE ACQUE CRISTALLINE MESSICANE, GIACCIONO CENTINAIA DI SCULTURE A GRANDEZZA UMANA REALIZZATE CON UN PARTICOLARE MATERIALE CHE FAVORISCE LO SVILUPPO DELLA VITA SULLA BARRIERA CORALLINA. SIMONETTA COSSINI

120


T

121


Un museo monumentale ricco di una collezione di oltre 500 delle opere scultoree dell’artsta Jason deCaires Taylor, sommerse al largo delle coste di Cancun in Messico: il MUSA - Museo de Arte Subacuàtico - è entrato di diritto nella top destination stilata dall’autorevole Forbes, quale destinazione di viaggio tra le più uniche al mondo.

A monumental museum full of a collection of over 500 sculptural works of the artist Jason deCaires Taylor, submerged off the coast of Cancun in Mexico: the MUSA - Museo de Arte Subacuàtico - has entered the top destination established by Forbes ,as one of the most unique travel destinations in the world.

IN APERTURA: LA MUSA DEL OCEANO, ART JASON DECAIRES TAYLOR , PHOTO ROBERTO DIAZ A. NELLA PAGINA ACCANTO: THE SILENT EVOLUTION,ART JASON DECAIRES TAYLOR,PHOTO THE-STILLS SELF-IMMOLATION,ART JASON DECAIRES TAYLOR,PHOTO THE-STILLS SIN TÍTULO(UNTITLED),ELIER AMADO GIL, PHOTO THE STILLS

122


123


di Cristina Mania

124


R O Y O R T D N T U U O CO C I H C SI ISPIRA ALLE CAMPAGNE INGLESI MA SI ABBINA PERFETTAMENTE A QUALUNQUE ESTERNO, DA QUELLO CITTADINO A QUELLO DAL SAPORE DI SALSEDINE. E IL GIARDINO DIVENTA IL NOSTRO RIFUGIO DI CAMPAGNA DI CRISTINA MANIA

125


LE CICALE JVSTORE J&V

OG PACIFIC LIGHT BLUE MILANO

126


COLOS E MAXDESIGN

127


UN GIOCO MATERICO E CROMATICO, IN CUI ELEMENTI DIVERSI COME TAVOLI, SEDIE, DIVANETTI E CHAISE LONGUE SI ASSEMBLANO COME PARTI DISTINTE DI UN UNICO BOUQUET. OLUCE-NIWA SUSPENSION LAMP DI CHRISTOPHE PILLET

PYTHAGORAS-BED-SYSTEM-BE-SPOKE

128


GIRAVOLTA

Svestiti i cappotti invernali, assaporati i primi caldi primaverili, l’estate ci invoglia sempre a viverla negli spazi en plein air. Ed ecco che il giardino diventa la stanza in più della casa, dove assaporare ore di relax o serate all’insegna della convivialità. Perché, allora, non tramutarlo nel nostro piccolo rifugio campestre? L’ispirazione viene proprio dalle campagne inglesi, con quel loro stile country chic che non passa mai di moda. Immerso nel verde, il legno diviene protagonista. Che sia grezzo, lavorato, intagliato, questo materiale naturale trova il suo perfetto abbinamento con resine e metalli. Il legname, con le sue tinte neutre, trova poi la giusta combinazione con ogni tinta: da quelle accese e vitaminiche che richiamano il sole ai marroni e rossi bruciati che richiamano la terra, dalle palette dei blue che rimandano alle spume del mare, passando per i colori pastello che richiamano i fiori primaverili. Un gioco materico e cromatico, in cui elementi diversi come tavoli, sedie, divanetti e chaise longue si assemblano come parti distinte di un unico bouquet. Il giardino diventa così un locus amoenus campestre in cui la vegetazione gioca però un ruolo chiave, divenendo un irrinunciabile complemento d’arredo. Non possono mancare, allora, olivi, piante officinali e aromatiche per ricreare le atmosfere e i profumi di una macchia mediterranea pret-à- maison.

OFFICIANI

129


FILOMAESTRO-FLHEART

JUNE

130


GAN RUGS

131


GAN RUGS

132


CAMP-COT

Undressed the winter coats, savored the first warm spring, the summer invites us to live it in the spaces en plein air. For this reason, the garden becomes the extra room of the house, where you can enjoy relaxing hours during the day or spendind time in the name of conviviality during the evenings. So, why do not turn it into our little country nest? The inspiration comes from the English countryside, with their country chic style that never goes out of fashion. Surrounded by greenery, wood becomes the protagonist. Whether raw, worked, carved, this natural material finds its perfect match with resins and metals. The wood, with its neutral colors, finds the right combination with every color: from those light and vitamin that recall the sun to the browns and burnt reds that recall the earth, from the blue pallets that refer to the surfs of the sea, passing through pastel colors that recall spring flowers. A material and chromatic play, in which different elements such as tables, chairs, sofas and chaise longues are assembled as distinct parts of a single bouquet. The garden thus becomes a country locus amoenus in which vegetation plays a key role, becoming an indispensable piece of furniture. Olives, medicinal and aromatic plants can not be missed to recreate the atmospheres and perfumes of a Mediterranean landscape pret-Ă -maison.

133


secret GARDEN! È LA NATURA IL LEITMOTIV CHE DETTA LE REGOLE DI UN NUOVO E RIUSCITO MÉTISSAGE, IN CUI CONFLUISCONO MOTIVI BOTANICI E ATMOSFERE SAFARI. DI MARILINA CURCI

credits: Philippe Garcia photographer www.christian-lacroix.com.

134


135


136


“IL VELLUTO È PROTAGONISTA E IMPREZIOSISCE OGNI SPAZIO DELLA CASA, DALLA TAPPEZZERIA ALLE CARTE DA PARATI, RICAMI FLOREALI DELINEANO I CUSCINI DECORATIVI DAI TONI SPEZIATI.”

137


138


Sì, viaggiare. Marrakech, Tahiti, Città del Messico. Christian Lacroix ci trasporta in esotici angoli di paradiso con la nuova collezione Maison, ispirata a lontani “altrove” che contaminano il quotidiano con accenti di colore saturo. È la natura il leitmotiv che detta le regole di un nuovo e riuscito métissage, in cui confluiscono motivi botanici e atmosfere safari. Con uno sguardo al passato: le pareti diventano voliere Art déco che ospitano - tra le opulente geometrie dei wallpaper - pappagalli e altri volatili tropicali; i jacquard delle chaise longue e delle sedute forniscono il pretesto per sperimentazioni cromatiche, bilanciate da righe e pattern etno-chic; le suggestioni lussureggianti dei tappeti fanno esplodere a tutto tondo questo variegato giardino segreto, dove forme oniriche e pregiate lavorazioni tessili raccontano l’eclettica estetica della casa di moda francese e lo sguardo innovativo del suo direttore creativo, Sacha Walckhoff. Il velluto è protagonista e impreziosisce ogni spazio della casa, dalla tappezzeria alle carte da parati, mentre delicati ricami floreali delineano i cuscini decorativi dai toni speziati. Complementi d’arredo irresistibili, perfetti per conferire un tocco vivace anche agli ambienti più minimalisti. Dettaglio prezioso sono le porcellane realizzate in collaborazione con Vista Alegre, storica fabbrica portoghese di ceramiche, tra le più antiche al mondo. Ogni elemento è dipinto a mano e riproduce i coloratissimi pezzi d’archivio che hanno contribuito al successo della celebre azienda. Un infallibile antidoto alla routine quotidiana e alla vita in città, per sentirsi in vacanza tra le mura domestiche. Marrakech, Tahiti, Mexico City. Christian Lacroix takes us to exotic corners of paradise with the new Maison collection, inspired by distant “elsewhere” that contaminate the everyday life with saturated color accents. Nature is the leitmotiv that fix the rules of a new and successful métissage, in which botanical motifs and safari atmospheres converge. With a glance at the past: the walls become Art Deco aviaries that host - among the opulent geometries of the wallpapers - parrots and other tropical birds; the jacquard of chaise longues and seats provide the pretext for chromatic experiments, balanced by stripes and ethno-chic patterns; the luxuriant suggestions of carpets are the icing on the cake of this variegated secret garden, where dreamy forms and precious textile works tell the eclectic aesthetics of the French fashion house and the innovative look of its creative director, Sacha Walckhoff. Velvet is the protagonist and embellishes every space inside the home, from upholstery to wallpapers, while delicate floral embroideries outlines the decorative pillows in spicy tones. Irresistible furnishing accessories, perfect to give a lively touch even to the most minimalist environments. Precious detail are the porcelains made in collaboration with Vista Alegre, a historic Portuguese ceramics factory, one of the oldest in the world. Each element is hand painted and reproduces the colorful archival pieces that have contributed to the success of the famous company. An infallible antidote to the daily routine and life in the city, to feel on holiday even at home.

139


GUCCI GARDEN A Firenze l’eclettica bottega con osteria stellata dove vivere un’esperienza dinamica e interattiva dietro le quinte di Gucci.

140


Un giardino delle meraviglie nato per celebrare l’eclettismo della Maison, nel quale esprimere l’estetica in perenne evoluzione e la filosofia del marchio della doppia G, così come lo ha pensato Alessandro Michele, Direttore Creativo di Gucci. Perché il nuovo Gucci Garden all’interno del Palazzo della Mercanzia a Firenze, non solo celebra lo sconfinato archivio della casa fondata nel 1921 mostrando pezzi delle collezioni più antiche, ma consente di interagire ed esplorare l’immaginario che sta dietro la creatività della griffe. Abbigliamento, accessori, installazioni video, elaborazioni grafiche, documenti e manufatti sono in mostra sui due piani della Gucci Garden Galleria (curata da Maria Luisa Frisa), organizzati per aree tematiche. Mentre al piano terreno lo chef Massimo Bottura è stato invitato ad aprire la Gucci Osteria con un menù originale ispirato al viaggio. E ancora uno spazio vendita per articoli a logo speciale Gucci Garden, pubblicazioni, cartoline, carillon, numerosi oggetti da esposizione appositamente creati, alla stregua di una vera bottega dell’eccellenza artigiana.

A garden of wonders created to celebrate the eclecticism of the Maison, in which express the perpetual evolution of the aesthetics and philosophy of the double G brand, as seen by Alessandro Michele, Creative Director of Gucci. Because the new Gucci Garden inside the Palazzo della Mercanzia in Florence, not only celebrates the boundless archive of the maison founded in 1921 showing pieces of the oldest collections, but also allows to interact and explore the imagination behind the brand’s creativity. Clothing, accessories, video installations, graphic elaborations, documents and artefacts are on display on the two floors of the Gucci Garden Gallery (curated by Maria Luisa Frisa), organized by thematic areas. While on the ground floor the chef Massimo Bottura has been invited to open the Gucci Osteria with an original menu inspired by the journey. And yet a sales space for Gucci Garden special articles, publications, postcards, music boxes, numerous items specially created, just like a true workshop of artisan excellence.

141


la RESISTENZA POETICA GUCCI Prêt-à-Porter donna PE 2018

PH. COURTESY OF GUCCI

142


143


Abiti come manifesti contro la fissità, per affermare se stessi nella propria unicità. Tante le mode libere e possibili messe a punto dal direttore creativo Alessandro Michele, in un remix più che mai contemporaneo dei decenni del Novecento conditi in salsa héritage. Tra giacche over a quadri, t-shirt logate, minigonne di paillettes stile disco e tute ricamate di cristalli all over. POETIC RESISTANCE Dress as a boards against fixedness, to assert ourselves in our own uniqueness. Many free and possible fashions developed by the creative director Alessandro Michele, in a remix more than ever contemporary of the twentieth century seasoned in héritage sauce. Between oversized plade jackets, logoed t-shirts, disco-style sequin miniskirts and suits embroidered with crystals.

144


145


The WATER INSIDE CHANEL Prêt-à-Porter donna PE 2018

PH. BACKSTAGE BY BENOIT PEVERELLI

146


147


148


Nove cascate d’acqua, vere, alte ognuna 15 metri tra pareti di roccia e una lunghissima passerella costruita come un ponte di legno sul fiume Verdon, luogo prediletto da Karl Lagerfeld in Alta Provenza.Uno scenario maestoso quello che il direttore creativo della maison, ricostruisce sotto le volte del Grand Palais. Perché “senza l’acqua la vita non esiste”, ed è l’immagine dell’acqua che dà l’ispirazione: il più iconico tweed risplende dei colori del fiume, stivali, cappelli e borse si fanno trasparenti. WATER INSIDE Nine real waterfalls, each 15 meters high, between rock walls and a long runaway built like a wooden bridge over the Verdon river, a favorite place by Karl Lagerfeld in Haute-Provence. A majestic scenery that the creative director of the maison, rebuilds under the vaults of the Grand Palais. Because “there is no life without water”, and it is the image of the water that gives inspiration: the most iconic tweed shines with the colors of the river, boots, hats and bags become transparent.

149


ILLUSIONE e PARADOSSO Hermès Prêt-à-Porter donna PE 2018

PH. COPYRIGHT EDOUARD CAUPEIL

150


151


152


Nadege Vanhee-Cybulski, direttore artistico del prêt-àporter donna, affida agli abiti un’identità multipla, giocando con la trasparenza e la sovrapposizione. Illusione e paradosso si mescolano nei toni della natura, in un contrasto caldo e freddo, nel motivo di plaid scozzese che si trasforma in grembiule a sua volta arrotolato in vita, ripiegato. Per creazioni che accompagnano i gesti, i volumi aerei al passo di silhouette dinamiche. ILLUSION AND PARADOX Nadege Vanhee-Cybulski, artistic director of women’s prêt-à-porter, entrusts a multiple identity to clothes, playing with transparency and overlap. Illusion and paradox are mixed in the tones of nature, in a warm and cold contrast, in the Scottish plaid motif that turns into an apron rolled up and folded. For creations that follow gestures, airy volumes with a dynamic silhouette.

153


The Golden Age of Travel CHE IL VIAGGIO LETTERARIO ABBIA INIZIO! DI VALENTINA OTTAVIANI

Di secolo in secolo cambia il modo di viaggiare seguendo di pari passo la metamorfosi del viaggiatore, dove in un mondo 3.0 i travel addicted realizzano viaggi su misura, nuove app programmano tutto nei minimi dettagli e i Wanderluster sognano di fare il giro del mondo più di quanto non abbia fatto Jules Verne raccontando le infinite peripezie attraverso le pagine del proprio blog. Tra viaggi all inclusive e vacanze formato “mindfullness” sembra diventato impossibile ritrovare quel briciolo di avventura ed eroicità che si poteva assaporare un tempo leggendo libri come il Milione di Marco Polo, il Viaggio in Italia di Goethe, il Giro del Mondo in 80 giorni di Jules Verne o il moderno Si fa presto a dire America di Vittorio Zucconi. Ma l’impossibile diventa sempre possibile se si sa cercare bene, e quel viaggio che da sempre è protagonista della letteratura per la sua capacità di far sognare verso luoghi e tempi magici e lontani, lo si può ritrovare in The Grand Tour. The Golden Age of Travel edito da Taschen. Il volume conduce in un viaggio nel tempo fino ad un un’epoca in cui esplorare il mondo era una nuova elettrizzante possibilità per chi aveva risorse, tempo e coraggio. Magnificamente illustrato con immagini d’archivio e materiale grafico, ricrea sei itinerari internazionali amati dagli avventurieri occidentali nell’epoca prebellica, tra cui scrittori come Charles Dickens, F.Scott Fitzgerald e Mark Twain. Dal Gran Tour Europeo si arriva di tappa in tappa fino all’Estremo Oriente attraverso navi, treni, aerei, cavalli, asini e cammelli. Grazie a manifesti, guide, brochure e agli intramontabili adesivi da valigia dell’epoca, si riscoprono l’eleganza e la cultura da cui venivano ammaliati i viaggiatori di un tempo. Tra città decadenti e territori aspri e selvaggi, il libro diventa il passaporto prediletto per epoche perdute da mille e un’avventura intorno al mondo.

154

LET THE LITERARY JOURNEY BEGIN!

From century to century we change the way of traveling along with the metamorphosis of the traveler, where in a 3.0 world travel addicted make tailor-made trips, new apps program everything in detail and the Wanderlusters dream of going around the world more than Jules Verne ever did telling the endless vicissitudes through the pages of his book. Between all-inclusive trips and mindfullness-style vacations it seems impossible to find that bit of adventure and heroism that one could savor reading books like Marco Polo’s Million, Goethe’s Italian Journey, the World Tour in 80 days of Jules Verne or the modern Si fa presto a dire America of Vittorio Zucconi. But the impossible is always possible if you know how to search good, and that journey that has always been the protagonist of literature for its ability to make us dream of magical and distant places and times, can be found in The Grand Tour of Travel published by Taschen. The book takes us on a journey through time to an era in which exploring the world was a new thrilling possibility for those with resources, time and courage. Magnificently illustrated with archival images and graphic material, it recreates six international itineraries loved by Western adventurers in the pre-war era, including writers such as Charles Dickens, F.Scott Fitzgerald and Mark Twain. From the European Grand Tour we arrive, stop by stop, to the Far East through ships, trains, airplanes, horses, donkeys and camels. Thanks to posters, guides, brochures and timeless suitcase stickers of the time, we rediscover the elegance and culture that charmed so much the travelers of the past. Between decadent cities and rugged and wild territories, the book becomes the favorite passport for lost ages and an adventure all around the world.


155


156


IN APERTURA: TURISTI A PIAZZA SAN MARCO A VENEZIA C. 1900 - COPYRIGHT: MARC WALTER COLLECTION, PARIS NELLA PAGINA ACCANTO: ELEFANTI IN PROCESSIONE, SOUTH INDIA, C. 1900 - MARC WALTER COLLECTION, PARIS IN QUESTA PAGINA: LA RÉSERVE, NIZZA1876 - COPYRIGHT: MARC WALTER COLLECTION, PARIS

157


Saint Tropez DI FRANCESCA BERARDI

“DES ANIMAUX ET DES STARS” Fino al 15 Gennaio 2019 al Musée du cinéma avrà luogo l’esposizione temporanea delle opere di Edward Quinn. Gli scatti del fotografo irlandese ritraggono le celebrità dei golden fifties. Pose spontanee in bianco e nero: da Brigitte Bardot, Juliette Gréco,  Natalie Wood,  Pablo Picasso,  Alfred Hitchcock,  Grace Kelly, Louis de Funès con i loro amici a quattro zampe. Until January 15th 2019 at the Musée du cinéma there will be a temporary exhibition of the works of Edward Quinn. The shots of the Irish photographer portray the celebrities of the golden fifties. Black and white spontaneous poses: Brigitte Bardot, Juliette Gréco, Natalie Wood, Pablo Picasso, Alfred Hitchcock, Grace Kelly, Louis de Funès with their four-legged friends. « Des animaux et des stars », photographies d’Edward Quinn Gendarmerie Nationale, Place Blanqui Ph. credits: Geneviève Page, star du cinéma français ayant également tourné dans des films américains, avec son lévrier. Plage de Monte Carlo, 1953  - Photographie Edward Quinn, © edwardquinn.com

158


FRENCH TOUCH E’ una vera istituzione in terra di Francia affacciato su Place de la Gendarmerie. Eleganza e comfort distinguono il design in tutti i suoi interni, dalle suites prestige, alla terrazza con piscina, la Spa e tutto ciò che concerne la gastronomia ricercata. Con i prestigiosi ristoranti Lo Pationata e I Toits riconosciuti a livello internazionale. It is a true institution in the France overlooking the Place de la Gendarmerie. Elegance and comfort distinguish design in all its interiors, from prestige suites, to the terrace with swimming pool, the Spa and everything related to refined gastronomy. With the prestigious Lo Pationata and I Toits restaurants internationally recognized. HÔTEL DE PARIS SAINT-TROPEZ 1, Traverse de la Gendarmerie

SAPORI D’ESTATE Regalare momenti indimenticabili di pura Joie de Vivre. Questa è l’essenza del Bagatelle Beach. Noto per la sua filosofia culinaria che sa rendere ogni pasto un’esperienza unica attraverso un menù ricercato a cura dell’Executive chef Nicolas Cantrel, con i piatti animati da sapori ed ingredienti mediterranei. Give unforgettable moments of pure Joie de Vivre. This is the essence of the Bagatelle Beach. Known for its culinary philosophy that can make each meal a unique experience through a menu designed by the Executive chef Nicolas Cantrel, with dishes inspired by Mediterranean flavors and ingredients. Bagatelle Beach Route de l’Épi, Ramatuelle

UN’OASI DI PIACERE E’ il luogo cult delle estati tropezine, il ST. Nikki Beach, l’oasi di tutti coloro che amano divertirsi a bordo piscina, fare un aperitivo al tramonto, vivere momenti indimenticabili ballando fino a sera. Il tutto coronato dalla musica live dei più celebri dj mondiali. It is the cult place of the tropezine summers, the ST. Nikki Beach, the oasis of all those who love to have fun by the pool, have a drink at sunset, live unforgettable moments dancing until the evening. All this is crowned by the live music of the most famous world DJs. Nikki Beach Saint-Tropez - Ramatuelle

159


Montecarlo DI FRANCESCA BERARDI

ARTE IN RIVIERA Quattromila metri quadrati d’arte. Il Grimaldi forum di Monaco, costruito negli anni 2000 è il moderno centro congressi del Principato di Monaco . Spettacoli, concerti, conferenze, mostre ed esposizioni internazionali rendono il Forum una vera e propria factory creativa. Four thousand square meters of art. The Grimaldi forum in Monaco, built in the 2000s is the modern convention center of the Principality of Monaco. Shows, concerts, conferences, exhibitions and international exhibitions make the Forum a real creative factory. Grimaldi Forum 10 Av. Princesse Grace

160


L’ESSENZA DEL GUSTO Nato dalla visione di Riccardo Giraudi, per andare oltre i codici dei sapori carnivori tradizionali. Beef Bar approda a Monte Carlo per condividere un nuovo piacere dello stare a tavola. L’ambiente dall’eleganza minimalista si sviluppa attraverso un’area lounge, un open kitchen e l’area ristorante rigorosamente in marmo e legno nero. Created from the vision of Riccardo Giraudi, to go beyond the codes of traditional carnivorous flavors. Beef Bar arrives in Monte Carlo to share a new pleasure in being at the table. The minimalist elegance is developed through a lounge area, an open kitchen and the restaurant area all in marble and black wood. Ph. Credits : Adrien Daste. Beef Bar 42 Quai Jean-Charles Rey

LA DOLCE VITA FRANCESE Monte Carlo Beach club, il luogo perfetto dove rivivere la Felliniana Dolce Vita. Il club si contraddistingue per un design elaborato, policromatico, un vero set cinematografico degli anni ‘30 firmato India Mahdavi. L’architetto celebra il rinascimento del Riviera Style attraverso la perfetta combinazione di arte contemporanea ed eleganza e tutto il comfort di un luxury resort. Monte Carlo Beach club, the perfect place to relive the Felliniana Dolce Vita. The club stands out for its elaborate, polychromatic design, a true 1930s cinema set designed by India Mahdavi. The architect celebrates the renaissance of the Riviera Style through the perfect combination of contemporary art and elegance and all the comfort of a luxury resort. Monte Carlo Beach club Avenue Princesse Grâce

MONTE CARLO A CINQUE STELLE Imponente su Place Beaumarchais. I colonnati, l’affaccio sul porto, le suites, i fiori e l’attenzione per ogni dettaglio. Un vero e proprio gioiello nel cuore della riviera francese distinto da un servizio stellare: il tempio di benessere, il ristorante stellato Vistamar con l’affaccio sul Mediterraneo e l’area lounge del Crystal Bar. Il tutto in una quiete cristallina. Majestic on Place Beaumarchais. The colonnades, the view on the harbor, the suites, the flowers and the attention to every detail. A real gem in the heart of the French Riviera distinguished by a starred service: the wellness temple, the starred Vistamar restaurant overlooking the Mediterranean and the Crystal Bar lounge area. All in a crystalline quiet. Hôtel Hermitage Square Beaumarchais

161


163


COSMOGRAPH DAYTONA Un cronógrafo legendario nacido para competir y ligado a la historia del automovilismo y la relojería. No solo marca el tiempo. Marca su época.

oyster perpetual COSMOGRAPH DAYTONA

164

Ibiza luxe 2018  

Ibiza Luxe Magazine 2018 Life Style Magazine Ibiza

Ibiza luxe 2018  

Ibiza Luxe Magazine 2018 Life Style Magazine Ibiza

Advertisement