Page 1


WWW.MISSBIKINI.COM - WWW.SHOPMISSBIKINI.COM - MARBELLA, CALLE MUELLE RIBERIA,4 - IBIZA CALLE

BISBE TORRES,4 - FORMENTERA, ESSENTIAL FORMENTERA - CARRE PLA DEL REY, LOCAL 90 - SAN FRANCISCO 3


4

5


MASTHEAD

IBIZA LUXE

EDITORE

Giorgio Guglielmini DIRETTORE RESPONSABILE

Silvia Cutuli

C H E F R E DA C T O R & FA S H I O N E D I T O R

Cristina Mania MARKETING

Laura Jane Schmidt GRAPHIC DESIGN

Stefano Arduini

CONTRIBUTORS

Simonetta Cossini, Marilina Curci Valentina Ottaviani, Cristina Mania PHOTOGRAPHERS

Alfio Garozzo, Gray Malin,Giorgio Guglielmini EDITING

www.equosadv.com E N G L I S H T R A N S L AT I O N

Mauro Caprioli PRINT

Jiménez Godoy, S.A. P E R I O D I C O F R E E P R E S S R E G I S T R AT O

Deposit Legal DLI 107-2015 ADVERTISING

Giorgio Guglielmini - Paseo Juan Carlos Primero, 39 - Ibiza - 07800 F R O N T PA G E

Model & Bologger Anita Moreno Photo & Editing Giorgio Guglielmini Dress: Miss Bikini Luxe - Collection 2017

7


8

44

Il cammino di Guernica

48

House of Dior

56

Karim Rashid

68

The art of shoes

74

The summer of love

78

Yacht interni d’autore

84

Watch a Big Splash

94

Precius summer

9


10

102

Beach attitude

110

The summer is textile

118

Mediterranean style

128

Garden show

132

Estate outdoor

138

Above the beaches

150

Visioni d’artista

156

Jungle fever

11


ZAIBIZa Cafe Restaurant

IF YOU SEE SOMEONE WITHOUT A SMILE GIVE EM ONE OF YOURS

ZAIBIZA - CARRER ES VEDRÁ,1 - CAP MARTINET -TLAMANCA - IBIZA - TEL.0034 871 711 060 - WWW.ZAIBIZA.COM - ZAIBIZACAFE@GMAIL.COM


Welcome to IBIZA LUXE 2017 EDITORIALE DI GIORGIO GUGLIELMINI

Come la moda, quest’isola cambia look ogni anno e per l’estate 2017 il restyling coinvolge anche strade e piazze: Vara de Rey, la storica piazza simbolo e cuore dell’isola è stata completamente smontata e ricostruita nel corso dell’inverno. Con alberi in fiore e un rivestimento che ricorda i colori del sud dell’isola di Ibiza, accoglie nuovi negozi e alberghi 5 stelle, nel segno del luxury. Perchè da tutto il mondo arrivano imprenditori che vogliono ritagliarsi uno spazio in questo incredibile paradiso. Si cominciano ad affacciare i brand della moda che cercano il loro posto, per non perdere l’occasione di essere presenti nel luogo di vacanza più ambito della Spagna. Io cerco da discreto fotografo, di cogliere il frutto di tutta questa frenesia che ha trasformato l’isola in un impero dei sogni, augurandomi di poter continuare a viverci con la stessa serenità di quando arrivai qui tanti anni fa. Auguri a tutti per una felice estate all’insegna del divertimento, questo è il suo regno, questa è Ibiza. Como la moda, esta isla cambia look cada año y por el verano 2017 el rediseño también implica calles y plazas: Vara de Rey, la histórica plaza símbolo y corazón de la isla ha sido completamente bajada y reconstruida en el curso del invierno. Con árboles en flor y un revestimiento que recuerda los colores del sur de la isla de Ibiza, acoge nuevas tiendas y hoteles 5 estrellas, en la señal del luxury. Porque de todo el mundo empresarios llegan que quieren recortarse un espacio en este increíble paraíso. Se empiezan a asomar los brand de la moda que buscan su sitio, para no perder la ocasión de estar presentes en el lugar de vacación más ambicionado de España. Yo busco de discreto fotógrafo, de coger el fruto de todo este frenesí que ha transformado la isla en un imperio de los sueños, deseándome de poder seguir viviéndonos con la misma serenidad de cuando llegué aquí hace muchos años. Deseas a todo por un feliz verano a la insignia de la diversión, éste es su reino, ésta es Ibiza. As the fashion, this island changes look every year and for the summer 2017 the restyling also involves roads and squares: Vara de Rey, the historian square symbol and heart of the island has been completely gotten off and reconstructed during the winter. With trees in flower and a covering that remembers the colors of the south of the island of Ibiza, it welcomes new shops and 5 stars hotels, in the sign of the luxury. Because from the whole world entrepreneurs that want to cut out him a space in this unbelievable heaven arrive. They start to lean out the brands of the fashion that look for their place not to lose the occasion to be present in the place of vacation more aspired of Spain. I look for from discreet photographer, to gather the fruit of this whole frenzy that has turned the island into an empire of the dreams, wishing to be able me to keep on living us with the same serenity of when I arrived many years ago here. You wish all for a happy summer to the insignia of the fun, this it is his kingdom, this is Ibiza.

WWW.PEARLSOFMU.COM

16


Eivissa STYLE DI SILVIA CUTULI

Mi piace immaginarla cullata dalla quiete che solo il mare con il lento mormorio delle onde, sa regalare. Immersa in un angolo rigoglioso di verde e di blu. Mi piace immaginarla così come si mostra di rado, soprattutto nel pieno della stagione estiva, quando Evissa esplode di vita e colori, travolgendo tutti con la sua contagiosa euforia. Perché davvero la voglia di fare festa, tra beach club esclusivi e templi della movida, non manca alla perla delle Baleari che stagione dopo stagione, sembra mostrare il suo lato migliore. Quale sia l’elisir di lunga giovinezza? Provate a scoprirlo sulle nostre pagine, ricche di suggestioni per vivere l’isola al meglio, ma non solo. Il nostro magazine sarà il vostro migliore compagno di viaggio nel cuore dell’estate, nel segno di uno stile che sempre più diventa stile di vita.

Me gusta immaginarla mecida por la serenidad que sólo el mar con el lento murmullo de las olas sabe regalar. Inmersa en un rincón de lujuria verde y azul. Me gusta imaginarla así como se muestra raramente, sobre todo en mitad de la temporada estival, cuando Eivissa rebosa de vida y de colorido, arrastrando a todo el mundo con su contagiosa euforia. Porque, realmente, ganas de hacer fiesta, entre Beach Clubs exclusivos y templos de la Movida, no faltan en la perla de las Islas Baleares que temporada tras temporada parece mostrar su mejor cara. ¿Cuál es el elixir de la eterna juventud? Pruebe a averiguarlo en nuestras páginas, llenas de sugestiones para vivir la isla al mejor modo, pero no solo eso. Nuestro magazine será su mejor compañero de viaje en pleno corazón del verano, con el sello de un estilo que cada vez más se convierte en un estilo de vida.

I like to imagine it cradled by the tranquillity that only the sea with slow the murmur of the waves, can give. Immersed in a lush corner of green and blue. I like to imagine it as it shows infrequently, above all in the middle of the summer season, when Evissa explodes with life and colour, overwhelming everyone with its contagious euphoria. Because truly the desire to celebrate, among the exclusive beach clubs and the temples of the movida, there is also the Balearic pearl that season after season, seems to show its best side. What is the elixir of longevity? Try to discover it on our pages, rich in suggestions for living the island at its best, but not only. Our magazine will be your best travel companion in the heart of the summer, in the sign of a style that increasingly becomes lifestyle.

18

Fell Polo

19


20

21


RESTAURANTE FORMENTERA

Tradición y Evolución

Tradizione e Evoluzione

Tradiction and Evolution

El restaurante ofrece la posibilidad única de saborear la cocina mediterránea tradicional con un toque de evolución hacia la cocina moderna. La fabulosa terraza proyectada sobre el mar de Formentera les ofrece a nuestros clientes una imagen sugestiva de la maravillosa puesta de sol de la isla.

Il ristorante offre la possibilità unica di assaporare la cucina mediterranea tradizionale con un tocco di evoluzione verso la cucina moderna. La favolosa terrazza proiettata sul mare di Formentera offre ai nostri clienti un’immagine suggestiva della meravigliosa posta del sol dell’isola.

The restaurant offers a unique opportunity to taste the traditional Mediterranean cuisine fused with an evolutional modern touch. Our clients will enjoy an enchanting view of the beautiful island sunset from the fabulous terrace facing the Formentera, “Posta del Sol”.


24

25


26

27


28

29


Luxury lifestyle fitness? Where else but in Ibiza, and who other than Cotton! This summer, Cotton Fitness Club opens a new not-to-be-missed destination, right on Calo des Moro beach in San Antonio. This place is both a state-of-theart gym and a lifestyle venue with first row views and direct access to the sea, a panorama restaurant and bar with pools and VIP sunbed terraces. If it doesn’t sound like anything you’ve heard of before, it’s because you haven’t. Ask founder and visionary CEO Christian Marstrander, and he’ll tell you that Cotton Fitness Club isn’t easily defined because it’s a first. “Cotton Fitness Club is a new space, a third space, that appeals to a wide audience, who, in some cases, will come for a work-out or to follow a personalised fitness plan”, explains Christian Marstrander. “For some that includes a mindblowing nutrition-packed gourmet meal at the restaurant or a visit to the therapist or massage area. In other cases, you’ll see guests coming just to spend the day, lounging on our VIP sunbeds enjoying time off on the beach”. “What we do is place exercise, workout and beauty at the heart of a luxury lifestyle club. And true to the Cotton philosophy, this is a place where working hard isn’t at odds with indulgence, and where being active and disciplined doesn’t have to be a paradox but can be a logical extension of enjoying life.” Featuring a cutting edge raw food & juice bar and a semi-formal restaurant, approaching health and wellbeing with a goal of being truly high on life, at Cotton Fitness Club champagne or a glass of wine with dinner can consequently make as much good sense as a Broccoli Booster. “It all depends who you are, and who you want to be”. Cotton Fitness Club opens its doors 21 May 2017. Signing up now, Cotton Fitness Club has a special annual membership offer for Ibiza residents.

“Two outdoor swimming pools and 1000m2 indoor gym and Fitbox.”

“State of the art BarRestaurant, gim, fitbox, outdoors.”


Faith is a personalfamily owned company. We love to create for you. Every item is handmade and handpicked in The Netherlands with great care and is not mass produced. Made from gorgeous gemstones, they all have a history and their own identity. Due to the natural materials, every stone can be slightly different. After receiving your order we need 1-2 days to create your custom made bracelet. Don’t forget to write in the comment box your wrist size and if you prefer a loose, regular or tighter fit. We believe you deserve your own unique and personal jewelry, because you are unique! Lots of love www.faithlifestyle.eu 32

33


ADRIANA A. 34

PORTFOLIO IBIZA MODEL 35


Carolina g. r. 36

natalia n.


elena a.

Michelle ingrida Natalia a. D.


Laura J.

ana t.


Ana t.B. Irma 42

siam h. 43


Anita m.

Megan f. 45


IL CAM MINO DIGUER NICA ERA IL 1937 QUANDO A PABLO PICASSO VENNE COMMISSIONATA UN’OPERA PER IL PADIGLIONE DELLA REPUBBLICA SPAGNOLA. A 80 ANNI DI DISTANZA, IL MUSEO REINA SOFIA DI MADRID CHE OSPITA LA GUERNICA, CELEBRA IL QUADRO CON UN’ESPOSIZIONE DEDICATA DI CRISTINA MANIA

Non era sicuro di poter accettare. Fino a quel momento l’arte di Pablo Picasso era confinata a una sfera intima e personale. Per questo quando nel 1937, in occasione dell’Expo di Parigi, gli venne commissionato un quadro per il Padiglione della Repubblica Spagnola, l’artista non si sentiva pronto ad affrontare la sfida. Ma accettò, dando vita ad una delle opere più significative della storia dell’arte. Nella Guernica – questo il nome dell’opera che prende il nome da un villaggio a nord della Spagna raso al suolo durante un bombardamento – il pittore andaluso ha racchiuso

46

con forza il sentimento antibellico di un’intera generazione in Spagna, denunciando la tragedia della guerra civile. Cinquantacinque anni dopo, la grande tela trovò il suo luogo ideale nel Centro de Arte Reina Sofía di Madrid. E proprio il museo madrileno celebra gli 80 di questo capolavoro dando vita a una mostra “Pietà e terrore in Picasso: il cammino verso Guernica”, in programma fino al 4 settembre 2017. Oltre al grande quadro (di quasi 8 metri di larghezza e 3,5 di altezza), l’esposizione raccoglie altre 150 opere, mostrando l’evoluzione dell’universo pittorico di Picasso, dalla fine

degli anni Venti fino alla metà degli anni Quaran-

ta. Opere che provengono da più di 30 musei internazionali: dal Musée Picasso e dal Centre Georges Pompidou di Parigi alla Tate Modern di Londra, passando per il MoMA e il Metropolitan Museum di New York.

47


A SINISTRA: PICASSO MANDOLINE ET GUITARE, 1924 SALOMON R. GUGGENHEIM MUSEUM NUEVA YORK © SUCESIÓN PICASSO. VEGAP, 2017 IN BASSO: PICASSO GUERNICA, 1937 FOTOGRAFIA: JOAQUÍN CORTÉS/ROMÁN LORES MUSEO NACIONAL CENTRO DE ARTE REINA SOFIA © SUCESIÓN PICASSO. VEGAP, 2017

IN APERTURA: PICASSO NUDE STANDING BY THE SEA, 1929 THE METROPOLITAN MUSEUM OF ART © SUCESIÓN PICASSO. VEGAP, 2017

THE PATH OF GUERNICA It was 1937 when Pablo Picasso was commissioned for a work for the Pavilion of the Spanish Republic. After 80 years, the museum Reina Sofia in Madrid which hosts Guernica, celebrates the painting with a dedicated exhibition. He wasn’t sure he could accept it. Until then, Pablo Picasso’s art was confined to an intimate and personal sphere. That’s why when in 1937, at the Paris Expo, he was commissioned a painting for the Pavilion of the Spanish Republic, the artist didn’t feel ready to face the challenge. But he accepted, creating one of the most significant artwork in history. In Guernica - this is the name of the work named after a village in the north of Spain destroyed during a bombardment - the Andalusian painter enclosed the anti-war sentiment of a whole generation in Spain, denouncing the tragedy of civil war. Fifty-five years later, the great canvas found its ideal place in Madrid’s Reina Sofía Art Center. And the now Museum of Madrid celebrates the 80th of this masterpiece with the exhibition “Pietà e terrore in Picasso: il cammino verso Guernica”, sche-

48

SOPRA: PICASSO FIGURAS AL BORDE DEL MAR, 1931 MUSÉE PICASSO PARIS © SUCESIÓN PICASSO. VEGAP, 2017

duled until September 4th, 2017. In addition to the large painting (of almost 8 meters wide and 3 , 5 in height), the exhibition collects other 150 works, showing the evolution of Picasso’s pictorial universe, from the late 20s to the mid-forties. Works that come from more than 30 international museums: from the Musée Picasso and the Center Georges Pompidou of Paris to the London’s Tate Modern, passing through the MoMA and the Metropolitan Museum in New York.

49


U F O H E OR S IO D 70 ANNI E NON SENTIRLI: LA MAISON DI AVENUE MONTAIGNE FESTEGGIA CON UN’IMPONENTE RETROSPETTIVA IN AUSTRALIA DI MARILINA CURCI

51


IN APERTURA: CHRISTIAN DIOR MODELS IN THE SALON OF HOUSE OF DIOR’S HEADQUARTERS, 30 AVENUE MONTAIGNE, PARIS, 1957. PHOTOGRAPH BY LOOMIS DEAN, FEATURED IN LIFE MAGAZINE, 1957 © LOOMIS DEAN/THE LIFE PICTURE COLLECTION/LICENSED BY GETTY IMAGES NELLA PAGINA ACCANTO: CHRISTIAN DIOR ADJUSTS THE ACCESSORIES TO THE ZAIRE DRESS, ON HIS STAR MODEL VICTOIRE, DURING REHEARSAL FOR THE AUTUMN−WINTER 1954, HAUTE COUTURE SHOW. PHOTO © MARK SHAW/MPTVIMAGES.COM

52


Parigi, 12 febbraio 1947: il corso della moda inaugura un nuovo, rivoluzionario, capitolo. Al numero 30 di Avenue Montaigne sfila la prima collezione di Christian Dior, un nome destinato a entrare nella leggenda. Nella palazzina in stile Luigi XV - ancora oggi il cuore pulsante della Maison - prende forma un nuovo concetto di eleganza, fatto di inedite silhouette, volumi allungati e sensuali bustini. Una rivoluzione ribattezzata “New Look”, che lascia al passato le restrizioni e la cupezza della guerra, restituendo alle donne quella leggerezza che, secondo lo stesso couturier, «resta nascosta da qualche parte dentro di loro, anche nelle circostanze più drammatiche». Appassionato d’arte, innovatore e uomo d’affari, si accosta alla moda quasi per caso, approdando - dopo gli studi in Scienze Politiche mai terminati - da Lucien Lelong come figurinista, per poi aprire nell’ottobre del 1946 la sua casa di moda grazie all’aiuto dell’imprenditore tessile Marcel Boussac. Sono questi gli anni in cui vedono la luce l’iconico tailleur Bar, composto da una giacca-corpetto che segna il punto vita e da una gonna midi a corolla, i sontuosi abiti da gran soirée, costruiti attraverso sontuose sovrapposizioni di taffetà e i tubini dalle stampe animalier. Per realizzarli, lo stilista modella i manichini a colpi di martello, sottolineando la vita, il petto e il volume dei fianchi. Le polemiche non mancano, ma ancor più forti sono i consensi da parte delle donne, desiderose di adottare questo nuovo stile, che Monsieur Dior stesso definisce «un ritorno alla felicità civilizzata». «Siamo stati testimoni di una rivoluzione della moda e nella maniera di presentare la moda» affermerà Bettina Ballard, capo-redattrice della sezione moda di Vogue dell’epoca, dopo aver assistito a una sua sfilata. Ma le donne-fiore, le linee a corolla e a tulipano ispirate ai giardini della sua città d’origine, Granville, non sono che l’inizio di un percorso di stile che dopo la mor-

54

te prematura dello stilista, vedrà susseguirsi nei decenni una serie di personalità altrettanto straordinarie, a cominciare da un giovanissimo Yves Saint Laurent, allievo del maestro, per proseguire con Marc Bohan, Gianfranco Ferrè, John Galliano, Raf Simons, fino a Maria Grazia Chiuri, prima donna a capo di una “dinastia” di soli uomini, dal 2016 nuova interprete del marchio. Una storia lunga 70 anni e oggi celebrata dalla mostra “The House of Dior: Seventy Years of Haute Couture”, allestita presso la National Gallery of Victoria di Melbourne e aperta al pubblico dal 27 Agosto al 7 Novembre 2017. In esposizione oltre 140 capi e accessori originali delle collezioni Haute-Couture realizzate dal 1947 ad oggi, insieme a sketches, foto d’archivio, tessuti e preziose lavorazioni che accontano l’evoluzione e i codici estetici della griffe, dai fasti delle prime creazioni al neo-classicismo riportato in auge da Maria Grazia Chiuri. L’esposizione esplora inoltre il forte legame di monsieur Dior con l’Australia, testimoniato dalla storica sfilata che si tenne nella primavera del 1948 a David Jones (Sydney), la prima fuori Parigi, che non poco contribuì all’ascesa globale di quella che sarebbe diventata una delle case di moda più importanti del XX secolo.

CHRISTIAN DIOR MODELS ARRIVING IN AUSTRALIA FOR THE PRESENTATION OF THE AUTUMN WINTER 1957 HAUTE COUTURE COLLECTION, CHRISTIAN DIOR’S LAST COLLECTION, AT MYER MURAL HALLIN AUSTRALIA, NOVEMBER 1957 ALL RIGHTS RESERVED NELLA PAGINA ACCANTO: ILLUSTRATION IF THE BAR SUIT BY CHRISTIAN BÉRARD, 1974 © ADAGP, PARIS 2016/LICENSED BY VISCOPY, SYDNEY

55


THE HOUSE OF DIOR The Maison of avenue Montaigne celebrates its 70th anniversary with an impressive retrospective in Australia. Paris, February 12, 1947: fashion inaugurates a new, revolutionary, chapter. At number 30, of Avenue Montaigne Christian Dior presents his first collection, a name meant to become legend. In the Louis XV style building - still today the heart of the Maison - takes shape a new concept of elegance, made of unusual silhouet-

only men, since 2016 new interpreter of the brand. A 70-year-long history celebrated today by the exhibition “The House of Dior: Seventy Years of Haute Couture”, set up at the National Gallery of Victoria in Melbourne and open to the public from August 27 to November 7, 2017. On exposition over 140 original dresses and accessories from the Haute-Couture collections realized from 1947 to today, along with sketches, archival photographs, fabrics and precious work that reveal the evolution and the aesthetic codes of the brand, from the splendor of the first creations to the neoClassicism brought to life by Maria Grazia Chiuri. The exhibition also explores the strong bondage of Monsieur Dior with Australia, as witnessed by the historic fashion shows that was held in 1948 in David Jones (Sydney), the first outside of Paris, which contributed to the global ascent of what would become one of the most important fashion houses of the 20th century.

NELLA PAGINA ACCANTO: CHRISTIAN DIOR, PARIS (FASHION HOUSE) JOHN GALLIANO (DESIGNER) SPRING−SUMMER 1997 HAUTE COUTURE. PHOTO BY MICHAEL THOMPSON, FEATURED IN VOGUE PARIS, 1997 © LICENSED BY TRUNK ARCHIVE. MODEL: KYLIE BAX IN BASSO: CHRISTIAN DIOR DRAPING FABRIC OVER FASHION MODEL SYLVIE C. 1948 © CHRISTIAN DIOR. PHOTO: BELLINI

tes, elongated volumes and sensual bags. A revolution called “New Look”, which leaves behind the restrictions and the darkness of war, giving back to women the lightness that, according to the couturier, “remains hidden somewhere within them, even in the most dramatic circumstances”. Art enthusiast, innovator and businessman, he approaches fashion almost by accident, arriving after the unfinished studies in Political Science - at Lucien Lelong as dress designer, and then opened his fashion house in October 1946 thanks to the help of the textile entrepreneur Marcel Boussac. These are the years in which he creates the iconic Bar tailleur, made of a jacket-bodice that marks the waistline and a midi-corolla skirt, the magnificent evening gowns, built through sumptuous overlays of taffeta and sheath dresses with Animal prints. To create them, the stylist shapes the dummies with a hammer, emphasizing waist, chest and the volume of the hips. Controversies are not lacking, but even stronger are the consensus of women, eager to get this new style that Monsieur Dior himself calls “a return to civilized happiness”. “We have witnessed a fashion revolution and a new way to present it” said Bettina Ballard, editor-in-chief of Vogue’s fashion section of the time, after attending his fashion show. But the flower-women, the corolla and tulip lines inspired by the gardens of his native city, Granville, are just the beginning of a style path that after the stylist’s premature death will see, in the following decades a series of extraordinary personalities, starting with a young Yves Saint Laurent, master’s student, to continue with Marc Bohan, Gianfranco Ferrè, John Galliano, Raf Simons, up to Maria Grazia Chiuri, first woman to head a “dynasty” of

56

57


A K IM R A D R HI S ”CERCO SEMPRE DI MIGLIORARE E PORTARE LA BELLEZZA CHE MI CIRCONDA NELLE CASE, NEGLI ALBERGHI, NEGLI SPAZI E NELLE VITE ALTRUI” DI SILVIA CUTULI

58


NELLA PAGINA ACCANTO: FINESSE, LIBRERIA IN LEGNO MASSELLO, CON MONTANTI ASIMMETRICI IN MULTISTRATO CURVATO E SAGOMATO RIVESTITI IN CUOIO, NEI QUALI SI INNESTANO 6 MENSOLE IN LEGNO MASSELLO DI NOCE. FINITURA A BASE DI OLIO/CERA NATURALE DI ORIGINE VEGETALE CON ESTRATTI DI PINO. AUTHENTIC LIVING IN ALTO: KLIP, SCRIVANIA CON PIANO D’APPOGGIO IN LEGNO MASSELLO E FRONTALI RIVESTITI DICUOIETTO, CON CASSETTIERA COMPOSTA DA TRE CASSETTI ASSEMBLATI CON INCASTRI A CODA DI RONDINE E SCANSO LATERALE PER APERTURA. AUTHENTIC LIVING

“L’Italia ha compreso la centralità del design già 75 anni fa, molto prima che il resto del mondo ne riconoscesse il ruolo fondamentale” esordisce Karim Rashid, tra i grandi protagonisti della scena internazionale del design, follemente innamorato dell’italian way of life. E non a caso lo intercettiamo a Milano nei giorni del Salone del Mobile dove arriva per presentare (tra gli altri) Authentic Living, la nuova collezione – scrivania, libreria, sedia, tavolo e divano in legno massello di noce e cuoio nero – nata dall’incontro tra il mondo di Riva 1920 e quello di Automobili Lamborghini. “Aziende come Riva 1920 e Lamborghini sono mosse da una grande passione e da una costante ricerca in favore dell’innovazione e della bellezza, da qui ho tratto la mia ispirazione e mi sono concentrato su una collezione semplice, minimalista ed estremamente sensuale” racconta il visionario designer nato al Cairo e cresciuto in Canada, più di 3000 oggetti messi in produzione con incursioni nei campi dell’arredo d’interni, come della moda e dell’illuminazione, cui si aggiungono progetti speciali come gli italianissimi interni della Stazione Università della Metropolitana di Napoli. “L’Italia è una mescolanza di idee senza fine, concetti, artigianato manuale e produzione all’avanguardia.Vedere l’arte della robotica, meticolo-

60

samente combinata con il lavoro artigianale mi ha colpito ed è stato un passaggio fondamentale per l’ideazione della linea di arredi Lamborghini prodotta da Riva 1920” racconta Karim Rashid. “La collezione di mobili ricalca la qualità senza tempo di Riva 1920 con accenni alle forme aerodinamiche delle vetture Lamborghini e alla loro bellezza progressista e straordinaria allo stesso tempo. Si possono vedere un senso di fluidità e una fusione di forme organiche e pure, senza mai sacrificare il comfort.’ Più di 300 premi e lavori in 40 nazioni, con esposizioni nelle gallerie d’arte di tutto il mon-

do – tra cui New York, San Francisco e Parigi - il Rashid artista va oltre il design, mettendosi alla prova anche come dj e autore di musica elettronica con una precisa mission:“I want to change the world”. Come recita anche il libro a sua firma pubblicato nel 2001: una sorta di manifesto della nuova “bellezza” che per la popstar del design passa attraverso forme organiche, plastiche e scultoree nel segno di quel “sensuous minimalism” che vuole se possibile, rendere più piacevole la vita, se non addirittura migliorare il mondo.

61


NELLA PAGINA ACCANTO: LA SEDIA KLUTCH IMBOTTITA E RIVESTITA IN PELLE CON CUCITURE A VISTA, STRUTTURA SAGOMATA IN LEGNO MASSELLO. FINITURA A BASE DI OLIO/CERA NATURALE DI ORIGINE VEGETALE CON ESTRATTI DI PINO. AUTHENTIC LIVING IN ALTO: DIVANO DYNAMIK: SCOCCA IN LEGNO CON MENSOLA D’APPOGGIO CHE CORRE LUNGO TUTTO IL PERIMETRO, CON CUSCINI DI SEDUTA E SCHIENALE CONTRADDISTINTI DA CUCITURE A VISTA. FINITURA A BASE DI OLIO/CERA NATURALE DI ORIGINE VEGETALE CON ESTRATTI DI PINO. AUTHENTIC LIVING

KARIM

RASHID

“I always try to improve and bring the beauty that surrounds me in the homes, hotels, spaces and lives of others”. “Italy has understood the centrality of design 75 years ago, long before the rest of the world recognized its fundamental role”, says Karim Rashid, one of the major protagonists of the international design scene, madly in love with the Italian lifestyle . And not by chance we chatch him in Milan in the days of the Salone del Mobile where he comes to present (among others) Authentic Living, the new collection - desk, bookcase, chair, table and sofa in solid walnut wood and black leather - born from meeting between the world of Riva 1920 and that of Lamborghini Cars. “Companies such as Riva 1920 and Lamborghini are driven by a great passion and constant research in favor of innovation and beauty, so I’ve been inspired by them and focused on a simple, minimalist and extremely sensual collection”, says the visionary designer born in Cairo and grew up in Canada, more than 3000 objects put up in production with influences from the fields of interior design, fashion and lighting, and spe-

62

cial projects such as the Italian interior of the Stazione Universiotaria of the Underground of Naples. “Italy is a mix of endless ideas, concepts, manual craftsmanship and cutting-edge production. See the art of robotics, meticulously combined with artisan work has impressed me and has been a fundamental step for the design of the line Lamborghini furnishings produced by Riva 1920”, says Karim Rashid. “The furniture collection reflects the timeless quality of Riva 1920 with recalls to the aerodynamic shapes of Lamborghini cars and their progressive and

extraordinary beauty. You can see a sense of fluidity and a fusion of organic and pure forms, without never sacrifice comfort”. More than 300 prizes and works in 40 countries, with exhibitions in art galleries all over the world - including New York, San Francisco and Paris - Rashid the artist goes beyond design, being also a Dj and composer electronic music, with a precise mission: “I want to change the world”. As also says his book published in 2001: a kind of manifesto of the new “beauty” that for the design popstar goes through organic, plastic and sculptural forms in the sign of that “sensuous minimalism” that wants if possible, to make life more enjoyable, if not even make the world a better place.

63


A MO MENT IN 64

65


FASCINO E GLAMOUR DEGLI ANNI CINQUANTA NEGLI SCATTI DI MARC SHAW DI SIMONETTA COSSINI

Immagini di un mondo che non esiste più, istantanee di raffinata bellezza che incorniciano i volti più amati dello star system e della moda, cattu-

rati nel corso degli anni Cinquanta e fino al 1969 dall’obiettivo di Mark Shaw, il fotografo americano entrato nel mito di Life Magazine. Ben 27 le cover da lui firmate per la rivista tra il ‘52 e il ‘68, cui si aggiungono le collaborazioni eccellenti e non solo, con case editrici e fashion designer. Ciò che fece la differenza e la fortuna al tempo stesso di Shaw, furono su tutti gli scatti ritraenti la famiglia Kennedy, in momenti anche intimi di famiglia. Scatti anche questi destinati ad uscire dagli archivi fotografici dell’artista, per essere condivisi con il grande pubblico nella mostra “Mark Shaw: A Moment in Time”, voluta da Aston Martin nel suo spazio polivalente No.8 Dover Street a Londra. La nuova boutique del marchio esplora a 360° il lifestyle della casa automobilistica britannica, con all’attivo linee di abbigliamento e accessori, aprendosi anche a contaminazioni con l’arte. Come dimostra l’esposizione fotografica, capace di restituire il senso di un’epoca come il lato più autentico di celebri attori e stilisti. Guardare per credere una sbarazzina Audrey Hepburn, che posa divertita con tanto di capelli umidi durante le riprese di “Sabrina”, incarnando fascino e glamour degli anni Cinquanta. IN APERTURA: MOD PARTY ON CRUISE. A HIP PARTY SCENE PHOTOGRAPHED BY MARK SHAW FOR A 1962 US LINES CRUISE SHIP ADVERTISING CAMPAIGN © MARK SHAW/MPTVIMAGES.COM NELLA FOTO: BACKSTAGE BALMAIN BLACK TOP WHITE SKIRT. BACKSTAGE AT THE 1954 PIERRE BALMAIN COUTURE SHOW © MARK SHAW/MPTVIMAGES.COM

66

NELLA PAGINA ACCANTO: HENRIETTA TIARKS AMONG THE TREES’ SEES MARK SHAW CAPTURE THE DUCHESS OF BEDFORD AS SHE MODELS A GREEN SUIT BY JULES FRANÇOIS CRAHAY OF NINA RICCI AT PALAIS ROYALE, PARIS 1959 © MARK SHAW/MPTVIMAGES.COM

A MOMENT IN TIME Images of a vanished world, snapshots of refined beauty framing the most beloved faces of star system and fashion, captured in the 1950s and until 1969 by the lens of Mark Shaw, the American

iconic photographer of Life Magazine. He signed 27 covers for the magazine from ‘52 to ‘68, adding excellent collaborations with publishers and fashion designers. What made the difference and luck of Shaw were above all the shots of the Kennedy family, even in private moments. Pictured intended to be released from the archives of the artist to be shared with the general public in the exhibition “Mark Shaw: A Moment in Time” wanted by Aston Martin in its polyvalent space at No.8 Dover Street in London. The brand’s new boutique explores the lifestyle of the British automotive

industry, including its clothing and accessories lines, also opening up to art contaminations. As shown by the photographic exposition, capable of returning the sense of an era as the most authentic side of famous actors and designers. Look to believe a breezy Audrey Hepburn, who poses amused with damp hair during the shooting of “Sabrina”, incarnating the charm and glamor of the 1950s.

67


IN ALTO: VANITY FAIR SHEER GOWN ICON, NEW YORK, CA.1950 © MARK SHAW/MPTVIMAGES.COM A DESTRA: JACKIE AND CAROLINE ON THE BEACH IN HYANNIS PORT IN 1959 FOR THE COVER OF MARK SHAW’S BOOK ON JOHN F. KENNEDYS, RE-RELEASED IN 2000. © MARK SHAW/MPTVIMAGES.COM

69


70

E H T RT S A F E O HO

71


”QUANDO IMMAGINO UNA SCARPA, IL MIO INTENTO È REALIZZARE UNA COSTRUZIONE PERFETTA, IL CHE RICHIEDE NON SOLO UN ABBINAMENTO ARMONIOSO DI FORME E COLORI MA ANCHE PROPORZIONI PERFETTE, PRECISIONE ESTREMA ED EQUILIBRIO” DI SILVIA CUTULI

L’eleganza tragica e aristocratica di certi ritratti di Goya, il (di)segno puro della Secessione viennese, la malia delle maschere veneziane, gli edifici futuristici di Zaha Hadid. Il fermo immagine sulle scene di Luchino Visconti e la letteratura russa di fine Ottocento. I pois della tradizione spagnola, il tartan scozzese, la natura lussureggiante, i monili e i gioielli. Nulla sfugge alla visione opulenta, teatrale quasi, che Manolo Blahník ha delle calzature, oggetti delle meraviglie da considerare al pari di vere e proprie “opere d’arte” tant’è l’ossessione e la ricerca della perfezione che il designer spagnolo infonde alla creazione dei suoi capolavori, sovente issati su stiletto super femminili. “Per fare bene le cose bisogna tendere alla perfezione. Io l’ho fatto ininterrottamente per quarantacinque anni” ci tiene a precisare il signore delle calzature per eccellenza. Partito da Santa Cruz de la Palma sulle isole Canarie, dopo gli studi all’Ècole de Beaux arts di Parigi, approda nella febbricitante swinging London coltivando una visione estetica in bilico tra cinema e teatro, il gusto per lo stile ereditato dalla mamma, la chiara intenzione di coltivare il senso della bellezza. Fino al fortunato incontro targato 1971 con Diana Vreeland, l’allora direttrice dell’edizione americana di Vogue, che osservando certi suoi schizzi di sceneggiature teatrali gli suggerì la strada per il successo: “Concentrati sulle estremità e disegna scarpe! Fai quello che ti rende felice. Non pensarle come scarpe ma come capolavori!”. Ed é

72

IN APERTURA: MANOLO BLAHNIK © DAVID HUGHES JULY 2016 NELLA PAGINA ACCANTO: MANOLO BLAHNIK DRAWING © MICHAEL ROBERTS NELLA FOTO: MANOLO BLAHNIK SKETCHES: CEREZA, 2001 IN CHIUSURA: TARQUINIUS SS2017

così che nascono anno dopo anno e musa dopo musa - da Paloma Picasso a Anna Piaggi e fino alle ragazze di Sex and the City che nella celebre serie tv non fecero mistero dell’amore smisurato per i suoi stiletto - scarpe universalmente note solo e semplicemente come “le Manolo”. Più di 30.000 i modelli conservati nell’archivio personale del designer, 212 quelle esposte insieme a 80 disegni originali nell’esposizione:”Manolo Blahnik. The Art of Shoes” che partita da Milano - “La mia casa, l’unico posto dove posso creare le mie scarpe, lavoro solo con le manifatture artigiane

della Lombardia”, confessa - approderà a San Pietroburgo, Praga e Madrid celebrando un ge-

nio immaginifico, unico e raro così com’è intriso di riferimenti all’arte, all’architettura, alla letteratura, al cinema (suoi i modelli per la Marie Antoinette della regista Sofia Coppola, ndr) e pure alla botanica. “Manolo Blahník disegna e costruisce la complessa architettura del piede con l’aiuto di elementi decorativi, scegliendo liberamente un leitmotiv che sviluppa con la stessa disinvoltura con cui un musicista, una volta scelta la tonalità, cambia il tempo in una partitura. Non so come faccia. Ma resto incantato dal modo amorevole in cui le sue scarpe avvolgono il piede” racconta Raffael Moneo nel volume che accompagna l’esposizione firmato da Cristina Carrillo de Albornoz (già curatrice della mostra). “Le sue scarpe sembravano radicalmente diverse, niente a che fare con quello che avevamo visto fino ad allora”, ricorda Bianca Jagger, sostenitrice di Blahník fin dal primo momento: “Erano esotiche in maniera incantevole, con frutta e fiori e forme seducenti e affascinanti. Noi tutti lo consideravamo un artista geniale, mai un designer”. Del resto: “Serve la fantasia per evitare l’immobilità”, lo sa bene il signore delle calzature.

73


“IO SONO UN UOMO CHE VIVE INTENSAMENTE IL PRESENTE, IL QUI E ORA. PURTROPPO, PER LA NATURA DEL MIO LAVORO SONO COSTRETTO A SOGNARE IL FUTURO”

THE ART OF SHOES “When I imagine a shoe, my intention is to achieve a perfect construction, which requires not only an harmonious combination of shapes and colors, but also perfect proportions, extreme precision and balance”. The tragic and aristocratic elegance of certain portraits of Goya, the pure (de)sign of the Viennese secession, the charm of Venetian masks, the futuristic buildings of Zaha Hadid. The still image on the scenes of Luchino Visconti and the Russian literature of the late nineteenth century. The polka dots of Spanish tradition, the Scottish tartan, the lush nature, the jewels. Nothing escapes the opulent, theatrical vision, that Manolo Blahník has of footwear, wondrous objects to be considered as true “artworks” since the obsession and research for perfection that the Spanish designer puts in the creations of his masterpieces. ”To do things well you have to strive for perfection. I’ve been doing it for forty-five years” says the master of shoes par excellence. Starting from Santa Cruz de la Palma on the Canary Islands, after studying at the Ècole de Beaux arts in Paris, he lands in the feverish swinging London cultivating an aesthetic vision between cinema and theater, the taste for style inherited by his mother, the clear intend to nurture the sense of beauty. Until the lucky encounter in 1971 with Diana Vreeland, the then director of the American edition of Vogue,

74

who watching some of his sketches of screenplay, suggested him the way for success: “Focus on extremities and draw shoes! Do what makes you happy. Don’t see them as shoes but as masterpieces!”. And so year after year and muse after muse born - from Paloma Picasso to Anna Piaggi up to the girls of Sex and the City who in the famous TV series made no mystery of their love his stiletto boots - shoes known worldwide simply as “the Manolo”. More than 30,000 models stored in the designer’s personal archive, 212 those exhibited along with 80 original drawings in the exhibition: “Manolo Blahnik - The Art of Shoes” that starting from Milan - “My home, the only place where I can create my shoes, I only work with the craftsmanship of Lombardy”, he

confesses - will approach St. Petersburg, Prague and Madrid by celebrating an imaginary genius, unique and rare, as it is intrinsic to references to art, architecture, literature, cinema (his models for Marie Antoinette of the director Sofia Coppola, ndr) and also to botany. “Manolo Blahník draws and builds the complex foot architecture with the help of decorative elements, freely choosing a leitmotiv that develops with the same ease as a musician, when choosing a tonality, turns time into a score. I don’t know how he can do that. But I’m enchanted by the loving way in which his shoes wrap foot”, says Raffael Moneo in the volume accompanying the exhibition signed by Cristina Carrillo de Albornoz (curator of the exhibition). “His shoes looked radically different, nothing to do with what we had seen so far”, recalls Bianca Jagger, Blahník’s supporter from the very first moment: “They were exotic in a charming way, with fruits and flowers and seductive and fascinating shapes . We all considered him a brilliant artist, never a designer”. After all, “It takes fantasy to avoid immobility” as shown by the shoemaker.

75


THE SUM MER OF LOVE HAPPY BIRTHDAY HIPPY! SI CELEBRANO I 50 ANNI DALLA MITICA ESTATE DI SAN FRANCISCO DI VALENTINA OTTAVIANI IMAGE COURTESY OF THE FINE ARTS MUSEUMS OF SAN FRANCISCO

76


IN APERTURA A SINISTRA: BONNIE MACLEAN, “YARDBIRDS, THE DOORS, JAMES COLTON BLUES BAND, RICHIE HAVENS, JULY 25-30, FILLMORE AUDITORIUM,” 1967. A DESTRA: LOREN REHBOCK, “MNASIDIKA, 1510 HAIGHT ST.,” 1967. COLOR OFFSET LITHOGRAPH POSTER. NELLA PAGINA ACCANTO: WILFRIED SÄTTY, “TURN ON YOUR MIND (JERRY GARCIA WEARING FLAG TOP HAT),” CA. 1967. © WALTER MEDEIROS / SÄTTY ESTATE A DESTRA: WES WILSON, “GRATEFUL DEAD, JUNIOR WELLS CHICAGO BLUES BAND, THE DOORS, JANUARY 13-15, FILLMORE AUDITORIUM,” 1967.

Correva l’anno 1954 quando Bill Haley registrò “Rock around the clock,” prima canzone rock a figurare nella colonna sonora del film “Blackboard jungle”, e quando un giovane sconosciuto di nome Elvis Presley entrò nei Sun Studios di Memphis a registrare un brano. Era “That’s all right mama” e quello che rimase impresso sul nastro fu la nascita del rockabilly. Prima forma di ribellione sonora del dopoguerra e specchio della nuova civiltà urbana, il rock ‘n’ roll esprime i gusti dei giovani degli anni ‘50, che fanno di tale sound il simbolo del loro stile di vita anticonformista. Da allora in poi la storia del rock non si è più fermata, facendo del 1967 l’anno fatidico della sua celebrazione con la “Summer of Love” proclamata dal movimento hippie. Flower power, occhiali alla John Lennon, pulmini Volkswagen: a distanza di 50 anni dalla prima Summer of Love – durante la quale cento mila persone si riversarono nel quartiere Haight Ashbury di San Francisco – ci pensa la mostra“The Summer of Love Experience: Art, Fashion and Rock & Roll” (fino al 20 agosto 2017 al De Young Fine Art Museum) a ripercorrere le tappe. Oltre 400 oggetti tra manifesti rock, fotografie, light show, proiezioni avant-garde, film e documentari, e ancora costumi e tessuti dell’epoca, cullati dai suoni delle leggendarie band californiane come Grateful Dead e Jefferson Airplane. Ci pensano poi le grafiche di artisti come Rick Griffin e le foto di Herb Greene e Elaine Mayes, a far rivivere un movimento culto, ben rappresentato anche dai capolavori della moda hippie firmati Birgitta Bjerke, aka 100% Birgitta.

78

never stopped, making 1967 the fateful year of its celebration with the “Summer of Love” pro-

THE SUMMER OF LOVE It was 1954 when Bill Haley recorded “Rock around the clock,” the first rock song to appear in the soundtrack of the “Blackboard jungle” movie, and when a young stranger named Elvis Presley entered the Sun Studios in Memphis to record a song . It was “That’s all right mama” and what remained on the tape was the birth of rockabilly. The first form of postwar rebellion and the mirror of the new urban civilization, rock ‘n’ roll expresses the tastes of young people from the 1950s who make of this sound the symbol of their nonconformist lifestyle. Since then, rock history has

claimed by the hippie movement. Flower Power, John Lennon glasses, Volkswagen Cars: 50 years after the first Summer of Love - during which hundreds of people poured into the Haight Ashbury neighborhood in San Francisco - the exhibition “Summer of Love Experience: Art , Fashion and Rock & Roll” (until August 20, 2017 at the De Young Fine Art Museum) retraces its steps. Over 400 items including rock posters, photographs, light shows, avant-garde screenings, films and documentaries, and still costumes and fabrics from the era, lulled by the sounds of the legendary California bands such as the Grateful Dead and the Jefferson Airplane. Then the graphics of artists such as Rick Griffin and the photos of Herb Greene and Elaine Mayes, bring back to life a cult movement, well represented even by the hippie masterpieces signed by Birgitta Bjerke, aka 100% Birgitta.

79


YACHT IN TERNI D’AU 80

81


LUXURY INTERIORS Famous designers jump on board of luxurious yachts by projecting them, reinventing styles and starting new and convincing collaborations. Take a luxurious boat, give its design to well-known and well-established designers - possibly keeper of the Italian manufacturing know-how - and here’s a different way to live the sea. As shown by Sanlorenzo, which has always been an excellence in the production of yachts over 24 meters. This was their turning key to get out of a crystallization that kept nautical from the trends of contemporary. As witnessed by the SD112 model, which marks the debut of the studio Antonio Citterio Patricia Viel in the nautical world. The architects have realized this 34

Prendete una lussuosa imbarcazione, affidatela a designer dal talento riconosciuto e consolidato – possibilmente custodi del know how manifatturiero italiano – ed ecco un modo diverso di vivere il mare. Lo sanno bene in casa Sanlorenzo, da sempre un’eccellenza nella produzione di yacht oltre i 24 metri. È stata questa la loro chiave di volta – e di svolta – per uscire da una cristallizzazione che teneva scollegata la nautica dalle correnti, non solo marine, della contemporaneità. Come testimonia il modello SD112, che segna il debuttodello studio Antonio Citterio Patricia Viel nel mondo della nautica. Gli architetti hanno realizzato questo 34 metri riprendendo gli stilemi dei panfili di un tempo, lontani da un lusso ostentato, e rileggendoli in chiave moderna. Innanzitutto ridefinendo il concetto di spazio a bordo: ripensando le aperture di poppa del main deck e dell’upper deck hanno creato un ambiente unico che si dilata inaspettatamente. E poi creando una dimensione domestica con la scelta di arredi disegnati ad hoc da Antonio Citterio Patricia Viel e in parte forniti da B&B Italia, Flexform, Hermès, Viabizzuno, Flos, Vitra, Mutina, Axor, Dedar e Ivano Redaelli tutti con materiali e finiture customizzate e personalizzate per questo yacht. La luce indiretta, proiettata attraverso una listellatura tridimensionale a soffitto, gioca con led targati Flos. E proprio la luce è alla base del progetto di interior pensato dallo studio Dordoni Architetti per il SL 100 NEW, che rilegge lo spazio nautico con occhio metropolitano caratterizzato da linearità, semplicità, raffinatezza e cura dei dettagli. Il tutto con un layout innovativo che rivoluziona gli ambienti dello yacht con giochi prospettici, illusioni ottiche, effetti illuminotecnici inaspettati e l’eliminazione di angusti camerini e

82

cabine. Gli interni diventano così un ambiente fluido da vivere integralmente: dal terrazzo di poppa a pruavia si crea uno spazio senza soluzione di continuità, collegando il salone alla zona pranzo, attraverso un percorso laterale che permette di risalire l’intero panfilo. Il tutto supportato dalla “luce invisibile”: uno speciale corpo illuminante progettato ad hoc che trasmette la luce attraverso tagli nel soffitto. Gli arredi, invece, rappresentano il meglio del Made in Italy, da Cassina a Minotti. Verrà invece presentato a settembre, in occasione del Cannes Yachting festival, il nuovo yacht della linea SX88 affidato a Piero Lissoni. Il quale, a proposito di questa collaborazione, ha detto: “Io continuo ad immaginarmi le barche, anche quelle molto grandi, come se fossero dei loft, quindi spazi molto aperti, grande vivibilità e soprattutto la possibilità di essere in contatto con quello che ti circonda. Più naturale dell’acqua, del mare e della luce che cosa volete che ci sia?”.

IN APERTURA E A SEGUIRE: IL PROGETTO DI INTERIOR DESIGN PER LO YACHT SL 100 NEW SVILUPPATO IN COLLABORAZIONE CON DORDONI ARCHITETTI. IL PROGETTO DI INTERIOR DESIGN DELLO YACHT SD112 SEGNA IL DEBUTTO DELLO STUDIO ANTONIO CITTERIO PATRICIA VIEL NEL MONDO DELLA NAUTICA. IN CHIUSURA: IL 34 METRI RIPRENDE GLI STILEMI DEI PANFILI DI UN TEMPO RILEGGENDOLI IN CHIAVE CONTEMPORANEA.

NOMI NOTI DEL DESIGN SALPANO A BORDO DI LUSSOSI YACHT FIRMANDONE PROGETTI, REINVENTANDO STILEMI E DANDO IL VIA A NUOVE E CONVINCENTI COLLABORAZIONI DI CRISTINA MANIA

meters taking on the style of the ancient yachts, away from a proud luxury, and rewritten it in a modern key. First of all by redefining the concept of space on board: rethinking the openings of the main and upper decks they created a unique environment that unexpectedly dilates. And then creating a home dimension with the choice of customized furniture by Antonio Citterio Patricia Viel and partly supplied by B&B Italia, Flexform, Hermès, Viabizzuno, Flos, Vitra, Mutina, Axor, Dedar and Ivano Redaelli. Indirect light, projected through a three-dimensional ceiling strip, plays with Flos LEDs. And light in fact is the theme of the interior project conceived by the studio Dordoni Architetti for the SL 100 NEW, which rediscovers the nautical space with a metropolitan eye characterized by linearity, simplicity, refinement and attention to detail. All this with an innovative layout that revolutionizes the environments of the yacht with prospective games, optical illusions, unexpected lighting effects, and the elimination of stern cameras and cabins. The interiors thus become a fluid environment to live fully: from the deck terrace to the bow they created a seamless space connecting the living room to the dining area through a side path that allows you to trace the entire panfilo. All of this supported by “invisible light”: a special light-emitting luminaire designed ad hoc that transmits light through cuts in the ceiling. The furnishings, however, represent the best of Made in Italy, from Cassina to Minotti. Instead, in September, will be presented at the Cannes Yachting Festival, the new yacht of the line SX88 of Piero Lissoni. He said, in relation to this collaboration: ”I continue to imagine the boats, even the very big ones, as if they were lofts, so very open spaces, great living and above all the possibility of being in contact with what surround us. More natural than water, than sea and light what do you want it to be? “

83


WATCH A BIG SPLASH Dedicati a lui, gli orologi dallo spirito sportivo e il gusto raffinato, da sfoggiare dentro e fuori dall’acqua, che sia a bordo di uno yacht, come in barca a vela o di sera nei piÚ esclusivi Club

86

87


OYSTER PERPETUAL YACHT-MAST E R I I Cronografo da regata dotato di lunetta girevole bidirezionale Ring Command per la programmazione del conto alla rovescia

88


DIAGONO SCUBA Resistente all’acqua fino a 300 metri; cassa in acciaio, 41 mm di diametro, lunetta unidirezionale che consente di misurare i dati di immersione e decompressione

90


ROYAL OAK OFFSHORE DIVER Il quadrante con motivo «Méga Tapisserie» sfoggia indici applicati in oro bianco e lancette Royal Oak con rivestimento luminescente, per una visibilità ottimale dentro e fuori dall’acqua

92


NEW RETRO SKELETON TOURBILLON Il movimento Tourbillon Scheletrato (a ore 3) inserito all’interno di una cassa di vetro zaffiro, offre una visione panoramica sul tempo. Un meccanismo che gioca con simmetrie e asimmetrie dallo stile audace

94


PRE CIOUS 96

Ph. credits: Illustration Crazymals by De Grisogono

97


Collezione Crazymals. Pendente Lady Flamingo, alias Zsa Zsa in oro rosa 18k alternato a 239 brillanti rosa chiaro e scuro, occhi di madreperla, becco in onice e oro rosa 18k


Collana Alta Gioielleria “Fiore Allegro� in oro rosa, con acquamarine, rubelliti, spinelli e diamanti

100


Collezione Coco avant Chanel. Orecchini “Jeanne� in oro bianco 18k, zaffiri rosa, diamanti e spinelli

102


Ph. Maryan Mehlhorn s/s 2017

BEACH ATTITUDE FULL 105 104


I li T a N u i s A n in BR e S rik VI E . i I P r . T I C e ti. IN I t M T n A I ian K T AN . i t gl NO I. S M n a ma O L RO i g r . S . M IBA I. a g ini G R OR N I . T FI k i K B O RI I. SH CO ICAL E D OP TR

106

107


. I C . I L ici E t . D o a s E E ant H . C ta ett TA I PS ttan ai S AN U O o Q i n N n I n n a IC a f i e ir A n s o O i e z N a ch IN r i p ssa UN s i Di ta ba IN vi TRÃ’ A RE

108

109


110

i m a c i RA R . YC R i c i . L LO r t I O n T e c AN L C c a E i L M . g t g U R e o F f t O h F E. i s c l i na o ER R s r e rso C P LO t a t pe O s e C ’ la l O l l e N e d d r a MO a e nd w o h c c e a s e a b Il 111


NON SOLO PER TENDAGGI, CUSCINI E TAPPEZZERIE VARIE. QUESTA ESTATE LE STOFFE SONO IL NUOVO IRRINUNCIABILE MUST HAVE PER LA CASA, DA DECLINARE SU PARETI E COMPLEMENTI DI DESIGN

U S E R H E T M X MSTE E I IL T

DI CRISTINA MANIA

112

113


IN APERTURA: TESSUTO COLLEZIONE LAS VEGAS DI ARMANI CASA, COLORE ROSSO RUBINO KUSA È UN VELLUTO JACQUARD DI VISCOSA E POLIESTERE TINTO IN PEZZA BY KIEFFER TESSUTO CUSCINI CON MOTIVO DI VERMEER WALL CHE RICORDA UN CRAQUELÉ MA OSSERVANDOLO SI PERCEPISCE INEVITABILMENTE UN VAGO MOTIVO GEOMETRICO. COLLEZIONE ROMANCE DI RUBELLI VENEZIA 2017

A volte basta cambiare la fantasia dei cuscini di un divano o di una poltrona per ravvivare – e rinnovare – la zona living. Altre volte si affida il cambiamento a un tendaggio per trasformare, in poche e semplici mosse, l’ambiente domestico. Le stoffe, in tal senso, si rivelano sempre preziosi alleati per far sì che la nostra casa sia al passo con le tendenze dell’arredare, senza dover però attuare stravolgimenti radicali. Il vero “mai più senza” di questa estate è quello di utilizzare i tes-

suti anche sulle pareti. Ed ecco che un anonimo muro può diventare un variopinto giardino fiorito grazie all’infinito assortimento di bouquet differenti. Per chi, invece, vuole sentirsi in vacanza anche in casa propria, esistono texture che offrono le sfumature smeraldo del mare o esotiche fantasie che richiamano i colori delle foreste tropicali. Se l’obiettivo, invece, è di essere al passo con le tendenze, irrinunciabile è il Greenery decretato da Pantone come tinta must have del 2017. Si tratta di un verde chiaro e brillante, che fa subito pensare alla freschezza della natura in primavera e alla sferzata energica dell’estate. Il colore del the matcha, dell’avocado e del kiwi è forte e deciso ma anche versatile al punto da abbinarsi alla perfezione con una gamma vastissima di altre nuance. In più si rende perfetto tanto per gli interni quanto per l’outdoor. Basta solo sprigionare la fantasia e non aver paura di sperimentare. Perchè, in fin dei conti, il design è un gioco adulto che permette di liberare il bambino che è in noi.

THE SUMMER IS TEXTILE Not just for curtains, pillows and upholstery. This summer fabrics are the real new must have for home, to put on walls and design accessories. Sometimes is enough to change the pattern of the

114

their own home, there are textures that offer the emerald shades of sea or exotic patterns that re-

pillows of a couch or of an armchair to revitalize - and renew - the living area. Other times we use curtains to transform, in few simple moves, our home. Fabrics, in this sense, always prove to be valuable allies to keep our home in step with the furnishing trends without making radical changes. The real “no more without” this summer is to use fabrics even on the walls. And so an anonymous wall can become a colorful flower garden thanks to the infinite assortment of different bouquets. For those who want to feel on vacation even in

call the colors of tropical forests. However, if the goal is to keep up with the trends, the Greenery of Pantone is a must must have shade of 2017. It is a light and bright green that immediately makes you think of the freshness of nature in spring and the energetic air of summer. The color of the matcha, avocado and kiwi is strong but also versatile to match perfectly with a wide range of other shades. In addition, it is perfect for interior as well as for outdoor. Just free our fantasy without being afraid to experiment. Because, after all, design is a game that allows to express the child within us.

115


GIUDITTA PRESENTA UNA SUPERFICIE IRREGOLARE, DOVE I PUNTI DEL RICAMO SI INCROCIANO, E UNA PIOGGIA DI PAILLETTES DEFINISCE PIANI DIVERSI. ADATTO PER TENDAGGI, È DISPONIBILE IN UNA SOLA VARIANTE DI COLORE, DORATA. RUBELLI VENEZIA NELLA PAGINA ACCANTO: COLLEZIONE HOME PASSION FIRMATA DA BARBARA BECKER PER JANNELLI&VOLPI

116

117


VELLUTO OPERATO DELLA LINEA KUSA BY KIEFFERR, COLOR LAGUNA. MOLTO RESISTENTE, È ADATTO PER IMBOTTITI ACQUERELLO È UNO STAMPATO 100% LINO FIRMATO KIEFFER. LA STAMPA INK JET PERMETTE DI RIPRODURRE LA TECNICA DELL’ACQUERELLO, CREANDO DIVERSE SFUMATURE DELLO STESSO COLORE.

118

119


MEDI TER RA NEAN

di Francesco Della Femina Ph. courtesy www.fdfdesign.it

120

121


Spesso quando leggo un redazionale che parla di un mio progetto mi capita di ritrovare delle definizioni che si ripetono, e una di queste è senza ombra di dubbio quella che mi attribuisce uno stile cosiddetto “mediterraneo”. Tale caratteristica, che in parte deriva dal fatto di essere nato e cresciuto a Capri, inizialmente mi infastidiva in quanto volevo lavorare anche fuori dalla mia isola e non mi piaceva essere relegato in uno stile che limitasse le mie capacità di affrontare lavori diversi e misurarmi con realtà differenti da quella isolana o mediterranea in genere. Oggi invece, dopo aver lavorato a Capri e in mille altri luoghi anche fuori dall’Italia, ho finalmente accettato con orgoglio l’aggettivo “mediterraneo” e mi lusinga non poco, ben cosciente di cosa significhi per me oggi la “mediterraneità”. Ma in realtà che cos’è lo stile mediterraneo? Quali sono gli elementi che lo contraddistinguono? A mio avviso vi sono due diversi approcci e interpretazioni dello “stile mediterraneo”: il primo più estetico e superficiale (ossia di superficie) utilizzato da tanti interior designers e decoratori che si affidano all’utilizzo di una serie di elementi chiaramente individuati e riconoscibili come ad esempio l’uso di una palette di colori dove prevale il bianco insieme al blu, al giallo, al verde, all’arancio e a tutti gli accostamenti che ne derivano, oppure l’uso di elementi tipici delle nostre architetture come gli archi, le colonne, le volte, le superfici curve ed i volumi organici, o ancora attraverso l’uso di determinati materiali

122

come la pietra calcare, il tufo, la ceramica, etc. Un secondo approccio, che è quello che personalmente cerco sempre di perseguire, consiste nello studiare e riconoscere quelli che sono i valori fondanti del carattere mediterraneo, più che dello stile, per appropriarsi di quell’anima insita in qualsiasi angolo del Mediterraneo, soprattutto in quelli più remoti e meno patinati, qualcosa di meno appariscente e stilizzato e che per tale ragione mi piace chiamare “mediterraneità”, ossia l’appartenenza ad un luogo dell’anima bagnato dal “Mare Nostrum”, un insieme di cultura e tradizioni millenarie. Appunto il Mediterraneo è stata la culla della cultura occidentale, un luogo eletto dove da sempre la storia si fonde con il mito e dove la cultura popolare si è trasformata nel corso dei secoli in cultura del saper vivere e del saper fare.E dunque come trasferire tutto questo bel discorso nel mio lavoro? In effetti non vi sono trucchi o segreti, da sempre le ville, le case e gli spazi creati senza alcun progetto dagli stessi abitanti a Capri come a Ischia o Procida, a Sorrento come sulla costiera Amalfitana o come in qualsiasi altro paesino che si affaccia sul Mediterraneo, sono state realizzate da semplici artigiani senza alcun progetto con una ricchezza inventiva ed una carica di originalità da fare invidia a più di una generazione di designers. Grazie a un rapporto speciale con gli artigiani ho potuto negli anni disegnare e creare tantissimi oggetti e complementi d’arredo sviluppando nuove creazioni pezzo unico. Altra fondamentale caratteristica dei miei progetti è la specificità del contesto nel quale vengono realizzati: conoscere il luogo in cui quel progetto prenderà vita è fondamentale, capire come è stato costruito, viverne lo spazio, carpirne i piccoli segreti, scoprire dei punti di vista e le potenzialità ancora inespresse degli spazi e dell’architettura, toccare le mura, calpestare i pavimenti, aprire porte e finestre, salire sul tetto, etc. sono tutte informazioni che serviranno appunto ad “informare” ossia a dar forma al mio progetto. Perché credo fermamente che il mio mestiere non è quello di creare, ma di essere piuttosto un “demiurgo”, ossia qualcuno capace di utilizzare la realtà per ricomporla in una nuova forma da essa ispirata ma rielaborata attraverso il genio dell’invenzione.

MEDITERRANEAN STYLE Often when I read an editorial that speaks about one of my projects, happens to find some repeating definitions, and one of these is undoubtedly the one that attributes to me a so-called “Mediterranean” style. This characteristic, which in part derives from being born and grown in Capri, initially annoyed me as I wanted to work even outside my island and I didn’t like to be relegated to a style that would limit my ability to deal with different works and face different realities away from island or the Mediterranean in general. Today, however, after working in Capri and in a thousand other places even outside of Italy, I finally accepted the adjective “mediterranean” and I’m honored, well aware of what “mediterraneity” means to me today. But what exactly is the Mediterranean style? What are the elements that distinguish it? In my opinion, there are two different approaches and interpretations of the “Mediterranean style”: the first more aesthetic and superficial used by many interior designers and decorators who use

123


a series of clearly identifiable and recognizable elements such as the use of a color palette where the white prevails with blue, yellow, green, orange and all the resulting accents, or use typical elements of our architectures such as arches, colonies, vaults, super curves and organic volumes, or even certain materials such as limestone, tuff, ceramics, etc. A second approach, which is what I personally always try to pursue, consists in studying and recognizing the founding values of the Mediterranean character rather than the style, in order to reach that soul that is in any corner of the Mediterranean, especially in the most remote ones, something less flashy and stylized, and that for this reason I like to call “Mediterraneaneity”, which means to belong to a soul place bathed by the “Mare Nostrum” , a set of millenarian culture and traditions. The Mediterranean in fact was the cradle of Western culture, an elected place where history has always blended with myth and where folk culture has turned, during the centuries, into a lifestyle. And so, how do I transfer all this beautiful speech to my work? In fact, there are no tricks or secrets, the villas, houses and spaces created without any project by the inhabitants of Capri as in Ischia or Procida, in Sorrento as on the Amalfi Coast or in any other little village facing the Mediterranean, were made by simple craftsmen without any design with creativity and a charge of originality. Thanks to a special rela-

ce where the project will take life is fundamental, understanding how it is built, live its space, understand its little secrets, discovering points of view and the still unexpressed potential of space and architecture, touch the walls, walk through the floors, open doors and windows, climb on the roof, etc. They are all information that will help to shape my project. Because I firmly believe that my job is not to create, but to be rather a “demiurge”, that is, someone capable of using reality to recompute it into a new form inspired by it but reworked through the genius of invention.

tionship with artisans, during the years I’ve been able to design and design a lot of items and artifacts developing new unique creations. Another key feature of my projects is the specificity of the context in which they are realized: know the pla-

I​N APERTURA: CASA DABÙ, ANACAPRI IN QUESTA PAGINA E A SEGUIRE: CAPRI CHAIRS VILLA GIADA, ANACAPRI

124

125


VIVERE SU UN ALBERO È IL SOGNO DI OGNI BAMBINO, E SPESSO CONTINUA AD ESERCITARE IL SUO FASCINO ANCHE IN ETÀ ADULTÀ. PERCHÉ, NON SOLO RIPORTA AL CONTATTO PIÙ ANCESTRALE CON LA NATURA, MA RECA CON SÉ QUELL’IDEA DI RIFUGIO CHE FA GUARDARE IL MONDO DA UN’ALTRA PROSPETTIVA DI CRISTINA MANIA

126

UNCON VEN TIONAL 127


Legata alla terra e sospesa nel cielo. Una casa sull’albero è per molti aspetti emblematica dell’architettura stessa. Sin dagli albori della civiltà questo spazio abitativo ha richiamato l’attenzione dell’uomo. E se in principio il suo potere attrattivo era affidato soprattutto alle sue intrinseche funzionalità – offrivano una difesa naturale contro gli attacchi notturni degli animali – col passare del tempo a prevalere è stato il suo potere incantatore, quasi magico. Come dimostra “Tree Houses”, il libro edito da Taschen che passa in rassegna le più belle case sugli alberi del mondo, alcune progettate da architetti, altre realizzate da anonimi artigiani, a cui si aggiungono le illustrazioni di Patrick Hruby, artista di Los Angeles che ha realizzato anche la cover. Che si tratti di una sala da tè, di un ristorante o di uno spazio giochi per bambini, infatti, su un albero si possono costruire tutte le case che l’immaginazione può concepire. Ancor più ai nostri giorni in cui, al bisogno di un rifugio incantato e lontano dal caos metropolitano, si associa la preoccupazione per l’ambiente. Perché una dimora sull’albero può davvero rappresentare l’ultimo baluardo di una vita in simbiosi con la natura e – in molti casi – a impatto zero. Questo volume raccoglie 50 progetti provenienti da tutto il mondo, in un susseguirsi di stili diver-

IN APERTURA: TAKASHI KOBAYASHI, BEACH ROCK TREE HOUSE, OKINAWA (JAPAN) COPYRIGHT: PATRICK HRUBY; TASCHEN IN QUESTA PAGINA: INKATERRA, CANOPY TREE HOUSE, NEAR PUERTO MALDONADO, TAMBOPATA (PERU) COPYRIGHT: INKATERRA NELLA PAGINA ACCANTO: BAUMRAUM, ANDREAS WENNING, JUNGLE HOUSE COPYRIGHT: BAUMRAUM/ANDREAS WENNING

si: dal romantico al moderno, dai progetti futuristici alle strutture interamente in vetro, capaci di farci abbracciare con lo sguardo tutta la magia circostante. Perché vivere tra fronde e foglie, tre metri sopra i tronchi, può davvero risvegliare quel fanciullino sognante che dorme in ognuno di noi.

UNCONVENTIONAL LIVING Living on a tree is the dream of every child, and often also exercise in the adulthood. Because, not only it takes us back to the most ancestral contact with nature, but brings with it the idea of refuge that makes the world look from another perspective. Tied to the earth and suspended in the sky. A tree house is under many aspects emblematic of architecture itself. From the dawn of civilization this living space has drawn the attention of man. And if in the beginning its appealing power was given by its intrinsic functionality - it offered a natural defense against the nocturnal attacks of animals with the passage of time to prevail was its almost magical power. As illustrated by “Tree Houses”, the book by Taschen that looks at the finest tree

128

houses of the world, some designed by architects, others made by anonymous craftsmen, along with illustrations by Patrick Hruby, Los Angeles artist who also made the cover. Whether it’s a tea room, a restaurant or a children’s play area, in fact, on a tree you can build all the houses that imagination can conceive. Even more today, when the need for an enchanted retreat, away from the metropolitan chaos is combined with the concern for environment. Because a house

on the tree can really represent the last bastion of a life in symbiosis with nature and - in many cases - with zero impact. This volume brings together 50 projects from all over the world, in a series of different styles: from romantic to modern, from futuristic designs to fully glass structures, able to show all the magic that surrounds us. Because live between branches and leaves, three feet above the trunks, can really awaken that dreamy little child who sleeps inside of us.

129


“LA NATURA È UN GRANDE GIARDINO A CIELO APERTO NELLA PRIMA EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEDICATO AL GARDEN DESIGN E ALL’ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO DEL MEDITERRANEO.

R A G EN W D HO S

DI SILVIA CUTULI PH. © ALFIO GAROZZO

130

131


Un garden show in piena regola con l’obiettivo di valorizzare la cultura del paesaggio e riportare in auge i valori del vivere en plein air. La prima biennale dei giardini mediterranei “Radicepura Garden Festival” promossa dalla Fondazione Radicepura a Giarre, nel cuore di quella Sicilia cullata dal Mediterraneo, coinvolge designer e architetti del paesaggio chiamati a valorizzare l’eccellenza botanica del territorio e quel Mare Nostrum che è “uno dei grandi cantieri dell’umanità in tutti i sensi del termine: ecologia, culture, economie, conoscenze, vivere insieme - dichiara Pablo Georgieff, direttore artistico del festival - E’ il primo festival dei giardini organizzato in una struttura vivaistica, quella del parco botanico di Radicepura. Questa idea permette di scoprire non solo lo “show” dei giardini, ma anche la realtà della produzione in vivaio e dà visibilità al lavoro di tutti gli attori della costruzione dei giardini”. Quattro i garden designer internazionali all’opera: il paesaggista francese Michel Péna (Jardin Parfumé), l’italiano Stefano Passerotti (Evaporazione mediterranea), la designer arabo – londinese Kamelia Bin Zaal (Amity) e l’inglese James Basson (Arethusa and Alpheus). E ancora particolari installazioni verticali rigorosamente green e uno spazio dedicato all’action painting, per lasciare la propria indelebile impronta su tela.

132

Mediterranean, involved landscape designers and architects called to valorize the botanical excellence of the territory and that Mare Nostrum which is “one of the great yards of humanity in all the senses of the word: ecology, cultures, eco-

GARDEN

SHOW

Nature is a great open garden in the first edition of the international festival dedicated to garden design and the Mediterranean landscape architecture A real garden show with the aim of enhancing the landscape culture and bringing back the values of living en plein air. The first biennial of the Mediterranean Gardens “Radicepura Garden Festival” promoted by the Radicepura Foundation in Giarre, in the heart of Sicily culled by the

nomies, knowledge, living together - says Pablo Georgieff, art director of the festival - It is the first gardens festival organized in a nursery, that of the Radicepura botanical park. This idea allows to discover not only the “show” of the gardens, but also the reality of the production in the nursery and gives visibility to the work of all the actors of the garden construction”. Four international garden designers at work: the French landscape designer Michel Péna (Jardin Parfumé), the Italian Stefano Passerotti (Mediterranean Evaporation), the Arabic-London designer Kamelia Bin Zaal (Amity) and the English James Basson (Arethusa and Alpheus). It also features special rigid vertical installations and a space dedicated to action painting, to leave indelible imprint on canvas.

133


ESTA TE OUT 134

135


I​N APERTURA: TAVOLINO E POLTRONCINE DELLA COLLEZIONE ARIA DI NARDI IN QUESTA PAGINA: FF SOHO OUTDOOR SECTIONAL SOFA BY FENDI CASA THINKING MAN’S CHAIR DI JASPER MORRISON, POLTRONA RELAX IN METALLO VERNICIATO DI CAPPELLINI. NELLA PAGINA ACCANTO: SEDUTE NICOLETTE FIRMATE ETHIMO IN CHIUSURA: IL NUOVO PROGETTO PER ESTERNI PACIFIC LIGHT BLUE FIRMATO OFFICINE GULLO TAVOLINO DELLA COLLEZIONE PETRA BY ARKETIPO

Open air o en plein air, che dir si voglia. Queste le parole chiave di un’estate all’insegna del più creativo design. Arredi e complementi traslocano negli spazi aperti diventando un continuum con gli interni della casa. Perché l’outdoor, nella bella stagione, diventa uno spazio in più dell’abitare, tutto da vivere, tanto di giorno quanto di sera. Lo sanno bene i più importanti brand di design che firmano soluzioni funzionali ma dal forte impatto estetico, che traslocano da salotti e zone living per trasferirsi in giardini e terrazze. Linee pulite, design minimale per arredi che ben si adattano a tutte le soluzioni. Come

136

Nicolette, il progetto nato dalla collaborazione tra Patrick Norguet ed Ethimo, una seduta in alluminio leggera, delicata nelle linee ma robusta nell’uso, capace di resistere all’azione del tempo. Il suo punto di forza è che può indossare il rivestimento in tessuto plissettato, idrorepellente e in molteplici abbinamenti di colori. E a proposito di tinte vivaci. Per illuminare le sere d’estate in modo vivace ed ironico, Hulsta la sua “Now!MoonBirdy” una lampada in edizione limitada disegnata da Pascal Bosetti e ora disponibile anche per outdoor. Ci sono poi pezzi d’arredo pensati per gli interni che diventano il non plus ultra dell’outdoor. Come la Thinking Man’s Chair Limited, poltrona relax in metallo ottonato realizzata in 99 pezzi dal designer Jasper Morrison per Cappellini: un oggetto icona del design le cui finiture sono realizzate artigianalmente rendendo unico ogni esemplare. Nascono per gli interni anche i tavolini Petra di Arketipo. Per

un evento speciale, però, possono abbandonare le mura domestiche ed uscire per dare quel tocco in più tanto ad un roof garden, quanto a un giardino. Percorrono la strada opposta le sedute firmate Fendi Casa. Così eleganti e piene di charme sembrano progettate per l’indoor mentre invece nascono proprio per avere il cielo come soffitto. Ma la vera novità è la zona cooking. La cucina, infatti, si sposta in veranda per una convivialità 100% en plein air. Come Pacific Light Blue di Officine Gullo. Un’isola cottura centrale equipaggiata di doppio barbecue e zona lavaggio dove sono collocate due colonne munite di forno multifunzione, doppio forno pizza, girarrosto e scaldavivande. Un modo diverso di vivere la quotidianità nei momenti più caldi e piacevoli dell’anno avendo a disposizione soluzioni intelligenti e di grande impatto visivo che offrono il massimo dell’efficienza e della versatilità.

137


OUTDOOR SUMMER Whether it is open air or en plein air, these are the key words of a summer featuring the most creative design. Furnishings and complements move into open spaces becoming a continuum with the interior of the house. Because the outdoor, in the warm season, becomes an extra space to live, both day and evening. As shown by the most important design brands that create functional solutions with a strong aesthetic impact, moving from living rooms and living areas into gardens and terraces. Clean lines, minimal design for furnishings that are well suited to all solutions. Just like Nicolette, the project born from the collaboration between Patrick Norguet and Ethimo, a lightweight aluminum seat, delicate in lines but robust in use, capable of resisting the action of time. To illuminate summer evenings, in a lively and ironic way, there is “Now! MoonBirdy”a limited edition lamp designed by Pascal Bosetti for Hulsta, and now also available for outdoor use. There are, also, some pieces of furniture designed for the interior but then become the non plus ultra of the outdoors. Like Thinking Man’s Chair Limited, brass-plated relaxation chair made in 99 pieces by designer Jasper Morrison for Cappellini: a real iconic design object. An industrial product with hand-finishing that ensure that each one is different from the other. A good example of how design reaches its maximum expression thanks to the skilled hands of craftsmen. Petra’s tables by Arketipo are also born for the interiors. But, for a

138

special event, however, they can leave the home spaces and go outside to give that extra touch to a roof garden as well as a garden. The opposite of the Fendi Casa seats. So elegant and full of charm, they seem to be designed for the indoor while instead are projected just to have the sky as a ceiling. But the real news is the coking zone. The kitchen, in fact, moves on the veranda for full conviviality en plein air. Like Pacific Light Blue by Officine Gullo, the new outdoor painted steel kitchen with brushed brass finishes. A central cooking island

equipped with double barbecue and washing area where two columns are provided with multifunction oven, double pizza oven, roast and dish warmer. A different way of living everyday life in the hottest moments of the year, having intelligent and high-impact solutions that offer the utmost in efficiency and versatility.

DALLA VERANDA AL GIARDINO, PASSANDO MAGARI PER UN ROOF GARDEN. LA BELLA STAGIONE SI VIVE NEGLI SPAZI APERTI. E IL DESIGN LI ARREDA COME FOSSERO UN PROSEGUIMENTO DELL’INDOOR DI CRISTINA MANIA


ABO VE THE BEA


IN APERTURA: LA FONTELINA, CAPRI NELLA PAGINA ACCANTO: COPACABANA BEACH IN ALTO: MIAMI ACCANTO: BONDI BEACH, SYDNEY

142

143


Quando e come ha scoperto una nuova prospettiva per mostrare le spiagge e la loro bellezza geometrica? “Viste dall’alto, le persone con i loro ombrelloni e asciugamani creano motivi accattivanti e unici: istanti che non potranno essere nuovamente catturati. Sebbene l’idea sia nata da una piscina a Las Vegas, il concetto di spiaggia iniziò prima sulle rive di Miami durante l’Art Basel nel 2011, seguito rapidamente con viaggi in Australia, Rio, Dubai e in Europa nel 2012 e nel 2013. Questo progetto globale mi ha affascinato fin dall’inizio e da allora è stato un vero chiodo fisso per me!” From above, the people with their umbrellas and towels create patterns that are eye catching and unique in that they are mere moments in time that can never be captured again. Though the idea originated from a swimming pool in Las Vegas the beach aspect first began above the shores of Miami during Art Basel in 2011, quickly followed up with trips to Australia, Rio, Dubai and Europe in 2012 and 2013- I was hooked on capturing this global project from the beginning and it’s been a total whirlwind since! Perchè ha pensato che fosse meglio usare un areo (e pure senza portellone) invece che un dro-

ne, per realizzare le sue vedute aeree? “Io scatto manualmente perciò devo regolare l’apertura e la velocità dell’otturatore mentre sono appeso all’elicottero senza porta, che sicura-

mente rappresenta una sfida matematica in più, avendo solo delle frazioni di secondo per avere lo scatto giusto! Inoltre, c’è sempre un elemento di pericolo, in quanto sei esposto ai capricci del tempo - in particolare al vento. All’inizio avevo paura ma ora è diventato eccitante per me, fa tutto parte del divertimento. Devo ammettere che volare a circa 100 miglia all’ora mentre il vento ti frusta il viso e le lacrime scorrono lungo le guance, rende ancora più impegnativo catturare il momento perfetto.” I manually shoot so I have to toggle the aperture and shutter speed all while I’m dangling out of the doorless helicopter, which certainly adds a mathematical challenge into the mix while having fractions of a second to get the shot! Also, there is always an element of danger as you’re at the whim of the weather - particularly the wind. I used to get scared but it’s more of a thrill now, and all part of the fun. I will say that flying around 100 miles per hour while the wind is whipping you in the face and tears are streaming down your cheeks makes it all the more challenging to capture that perfect moment. E l’Italia? I luoghi dove scattare e quelli del cuore “L’Italia è una delle mie destinazioni preferite sia da fotografare che per rilassarmi. Mi piace so-

prattutto La Fontelina a Capri. La mia prima serie dedicata all’Italia è stata La Dolce Vita, che è scattata da terra. Come ben sa chi visita le coste italiane, qui ci si gode la vita appieno immersi nella splendida cornice offerta dal Belpaese.” Italy is one of my favorite destinations to photograph as well as relax. I especially love La Fontelina in Capri. My first Italy focused series was La Dolce Vita, which was shot from the ground. As anyone who’s visited the coastline of Italy knows, they truly are living the good life while taking in the stunning surroundings offered by this country.

I PIÙ SPETTACOLARI LITORALI DEL MONDO SI TRASFORMANO IN COMPOSIZIONI ARTISTICHE, NEGLI SCATTI AEREI DEL CALIFORNIANO GRAY MALIN CHE SI RACCONTA IN UN’INTERVISTA ESCLUSIVA DI SILVIA CUTULI PH. COURTESY © GRAY MALIN WWW.GRAYMALIN.COM @GRAYMALIN

144

145


ECO-COUTURE L’Haute Couture incontra l’ecosostenibilità nelle creazioni di Marinela Cifteli, stilista delle Isole Baleari fondatrice di Kurru Kurru, molto apprezzata a livello europeo. Tessuti biologici, stampe realizzate a mano con tinture vegane, manifatture di pregio riflettono lo spirito multiculturale di Ibiza. Haute Couture meets ecological sustainability in the creations of Marinela Cifteli, stylist from the Balearic Islands and founder of Kuru Kurru, much appreciated at European level. Organic fabrics, handmade prints with vegan dyes, precious fabrics reflect the multicultural spirit of Ibiza. Crediti: Kurru Kurru Ibiza Photographer: Natalie Beth Harrison Model: Kim Schmocker Serrano Hair and Make up: Lianne Claire Dress: Kurru Kurru - vegan print Kurru Kurru Ibiza Nr 3, Passeig Joan Carles I, 37

SAL DE IBIZA Se siete dei veri food lovers non potrete lasciare Ibiza senza aver provato (e acquistato) questa pregiatissima qualità di sale, raccolto nella riserva naturale del “Parc de ses Salines d’Eivissa”, patrimonio UNESCO dal 1999. Ottenuto esclusivamente dall’evaporazione naturale dell’acqua di mare è particolarmente ricco di sostanze minerali benefiche per l’organismo. If you are a true food lover you can’t leave Ibiza without having tried (and purchased) this high-quality salt, harvested in the UNESCO’s natural reserve of the “Parc de ses Salines d’Eivissa”. Made exclusively from the natural evaporation of sea water is particularly rich in beneficial minerals for the body. SAL de IBIZA “The Store” - Carretera Santa Eulalia del Rio

GREEN CAFÉ Non solo ristorante, ma spazio votato alla sostenibilità. Al Giri Café tutto è green, a partire dagli ingredienti utilizzati in cucina, esclusivamente stagionali, biologici o coltivati nello splendido giardino che incornicia la location. Un luogo dove rilassarsi e gustare ottimi piatti lontano dalla frenesia della parte meridionale dell’Isola. Not just a restaurant but a space for sustainability. At Giri Café everything is green, starting with the ingredients used in the kitchen, exclusively seasonal, organic or cultivated in the beautiful garden framing the location. A place to relax and enjoy delicious dishes far from the frenzy of the southern part of the island. The Giri Café Plaza España 5 - San Juan, Ibiza

MOVIDA IBIZENCA Musica, arte e gastronomia si fondono in questo tempio della movida, dove tutto diventa performance. Nato dalle menti creative di Albert e Ferran Adrià in collaborazione con il Cirque du Soleil, Heart Ibiza è la prova tangibile di un’Isola che non dorme mai, in grado di offrire una proposta d’intrattenimento a 360°, dall’alba al tramonto. Music, art and gastronomy blend in this temple of movida, where everything becomes performance. Born by the creative minds of Albert and Ferran Adrià in collaboration with the Cirque du Soleil, Heart Ibiza is the tangible proof of an Island that never sleeps, able to offer a 360-degree entertainment proposal from dawn to dusk. HEART IBIZA - Paseo Juan Carlos I, 17 Ph. Credits: courtesy of Heart Ibiza

146


FOCUS ON BRIGITTE BARDOT

CHAMPAGNE LOUNGE

Il Musée de la Gendarmerie et du cinéma

Design moderno all’insegna del total white per questo hotel del gruppo

de Saint-Tropez celebra Brigitte Bardot,

LVMH in Place des Lices, contraddistinto dalla presenza di una raffinata

indiscussa icona del luogo, con una ricca

Champagne Lounge, dove degustare pregiate bollicine. In omaggio

esposizione di foto inedite, locandine e outfit

all’anno di costruzione della villa, la cantina fa bella mostra di alcune

originali indossati dall’attrice nelle celebri

bottiglie di Moët & Chandon Grand Vintage Collection 1921.

pellicole che l’hanno vista protagonista. Per visitare la mostra c’è tempo

Modern design in total white for this hotel of the LVMH group in

fino al 15 Gennaio 2018.

Place des Lices, featuring a refined Champagne Lounge where you can taste fine bubbles. In honor of the year of construction of the villa, the

The Musée de la Gendarmerie et du cinéma

winery shows a good selection of some bootle of Moët & Chandon Grand

de Saint-Tropez celebrates Brigitte Bardot,

Vintage Collection 1921.

an indisputable icon of the place, with a rich display of unpublished photos, original

White 1921 Saint-Tropez - Place des Lices

posters and outfits worn by the actress in her famous movies. To visit the exhibition there is a time until January 15th, 2018.

FASHION TRIP Un flagship store nato dall’idea di una designer appassionata di moda e un giovane talento del settore marketing e comunicazione, che hanno deciso di unire le proprie forze e la propria creatività per dar vita a un brand dalla forte vocazione bohemien. Colore è la parola d’ordine per scarpe, abiti e accessori ispirati al tema del viaggio. Irresistibili!. A flagship store born from the idea of a fashion-loving designer and a young talent in the marketing and communication industry, who have decided to join forces and creativity to create a brand with a bohemian vocation. Color is the password for shoes, clothes and accessories inspired by the theme of travel. Irresistible! Coconut Store Saint-Tropez 32 rue Gambetta

A’ LA PLAGE Bagnata da acque turchesi, la spiaggia di Bouillabaisse è una delle più belle della Costa Azzurra. Situata nel cuore del golfo di Saint Tropez, offre una vista mozzafiato sul Mediterraneo. A suggellare l’incanto della location, il ristorante con specialità marinare e lo spazio boutique che vi consentirà di portare a casa un pizzico della magia di questo luogo. Soaked by turquoise waters, Bouillabaisse beach is one of the most beautiful on the Côte d’Azur. Located in the heart of the Gulf of Saint Tropez, it offers a stunning views of the Mediterranean Sea. To add even Ph. Credits: Brigitte Bardot while shooting on Rum runners, 1971, directed by Robert Enrico. Production: Gaumont (France)/Rizzoli Films (Italy) - Still photographer © Claude

more charm to the location there’s the seafood restaurant and the boutique that will allow you to take home a pinch of the magic of this place. La Bouillabaisse Plage Quartier de la Bouilabaisse, Route départementale 98A

Schwartz/Bridgeman images Musée de la gendarmerie et du cinéma de Saint-Tropez 2, place Blanqui

148

149


PAUSA RELAX RIGENERANTE Pioniere nella talassoterapia, il centro termale si sviluppa intorno a una maestosa piscina d’acqua di mare riscaldata e comprende anche una jacuzzi esterna, due hammam e un solarium immerso in un giardino dove sorseggiare cocktail detossinanti personalizzati o champagne millesimato. A true Sea Temple that houses over 6,000 specimens in huge environments that reproduce faithfully the various natural habitats. Overlooking the Mediterranean, the museum also opens its doors to contemporary art by hosting exhibitions of artists like Damien Hirst,

Thermes Marins Monte-Carlo 2 Avenue de Monte Carlo Credits: Monte-Carlo Société des Bains de Mer

DINNER IN THE SKY Nel Principato tutto è possibile. Anche cenare tra cielo e mare, sospesi a 50 metri d’altezza. Dal 7 al 16 luglio 2017 le terrazze del Casino de Monte-Carlo ospiteranno “Dinner in the Sky”, un evento unico nel suo genere che vedrà alcuni tra gli chef stellati più apprezzati al mondo destreggiarsi ai fornelli per offrire una cena gourmet sul Mediterraneo a 22 privilegiati. In the Principality everything is possible. Also dine between sky and sea, suspended at 50 meters of highness. From July 7 to 16, 2017, the terraces at the Casino de Monte-Carlo will host “Dinner in the Sky”, a unique event that will see some of the most appreciated starred chefs in the world create a gourmet Mediterranean dinner for 22 privileged guests. www.dinnerintheskymontecarlo.com - Credits: © JustUnlimited

WINE TASTE Situato nello splendido Yacht Club, questo sontuoso wine-bar e cantina affacciato su uno degli scorci più belli del Principato, è una tappa irrinunciabile per gli amanti del buon bere, che qui potranno degustare e acquistare vini e champagne selezionati da un team di sommelier, pronti a guidare i clienti in un percorso deluxe all’insegna del gusto.

MUSÉE OCÉANOGRAPHIQUE MONACO Un vero e proprio Tempio del Mare che ospita oltre 6000 esemplari in enormi ambienti che riproducono fedelmente i diversi habitat naturali. Affacciato sul Mediterraneo, il museo apre le porte anche all’arte contemporanea accogliendo

sumptuous wine-bar and wine cellar overlooking one of the most beautiful views of the Principality, is an indispensable stop

mostre di artisti del calibro di Damien Hirst, Huang Yong Ping, Mark Dion e Marc Quinn.

for the lovers of good drinking, who here can

A true Sea Temple that houses over 6,000 specimens in huge environments that reproduce faithfully the various natural

by a team of sommeliers, ready to guide

habitats. Overlooking the Mediterranean, the museum also opens its doors to contemporary art by hosting exhibitions of artists like Damien Hirst, Musée océanographique Monaco - Av. St-Martin . MC 98000 Monaco - Ph. Credits: M. Dagnino

150

Located in the beautiful Yacht Club, this

taste and buy wines and champagne selected customers in a deluxe journey of taste. Wine Palace Monte-Carlo Yacht Club de Monaco - Quai Louis II


VISIO NI D’AR 152

153


154

155


Dario Tironi incentrata sulla sua abilità plastica. Indagano invece sull’idea di bellezza femminile (rielaborata in chiave artistica) l’afgano Manzur Kargar (di base a Berlino) attratto dal mondo edulcorato, bizzarro e glamour così come attualmente è presentato nei media, e il coreano Horyon Lee, che realizza con la tecnica dell’olio su tela immagini in sovrapposizione di donne ritratte in pose sensuali, dando l’impressione di visualizzare diversi momenti in una sola immagine. Sempre sulla bellezza, ma stavolta quella evocata dai luoghi abbandonati di tutto il mondo, si concentra lo svizzero Grégoire Cachemaille, mettendo a nudo la storia e la vita di palazzi e dimore oggi decadenti. Sono invece luoghi urbani e postmoderni quelli pensati dal salernitano Angelo Accardi: non è più l’uomo, stressato e incapace di godere dei suoi spazi, il padrone della città ma lo sono macchine o addirittura struzzi. “Un’opera d’arte è espressione di libertà ed emozione essa stessa, da cui lasciarsi trasportare in un luogo magico come Porto Cervo – conclude Simon Bart – un luogo dove godere della vita e della natura sul filo delle emozioni”.

LA LUNGA ESTATE DELL’ARTE IN COSTA SMERALDA DI SILVIA CUTULI

ARTISTIC

VISIONS

The long summer in Costa Smeralda. We already knew that art knows no holiday, indeed it seems this is the best and most suitable season for intercepting the tastes and interests of a cultured and sophisticated audience who, following the itineraries of an elite tourism, loves to visit galleries and museums. “Porto Cervo for example has become a reference point for numerous high profile collectors who go every year in the wonderful Costa Smeralda”, says Simon Bart, who

IN APERTURA: ANGELO ACCARDI MISPLACED MIXED TECHNIQUE ON CANVAS 140 X 200 CM A SEGUIRE: MANZUR KARGAR VANITAS 4 OIL ON CANVAS 190 X 250 CM IN QUESTA PAGINA: DARIO TIRONI, DONNA IN PIEDI, 2016 ASSEMBLED OBJECTS AND RESIN 168 X 50 X 35 CM IN BASSO: HORYON LEE OVERLAPPING IMAGE OIL ON LINEN 80 X 116,8 CM

after the experience in his family gallery Il Novecento, opened the SimonBart Gallery on 2013 on the exclusive Promenade du Port. “I’ve decided to start a path of internationalization of the artistic offer by creating a space dedicated to the valorization of a team of artists, both Italian and international, emerging or with a structured curriculum”. Among the events of the 2017 season, a personal exhibition of the sculptor Dario Tironi centered on his plastic ability. On the other hand the theme of the female beauty is explored by the Afghan Manzur Kargar (based in Berlin) who is attracted by the glamorous and bizarre world as it is currently presented by the media, and the Korean Horyon Lee, who makes with oil painting on canvas pictures overlapping images of women portrayed in sensual poses, giving the impression of watching different moments in a single image. Always about beauty, but this time evoked by abandoned places all over the world, focuses the Swiss Grégoire Cachemaille, examining the history and life of today’s decadent palaces and abodes. They are urban and postmodern places instead those thought by the artist from Salerno Angelo Accardi: it is no longer man, stressed and incapable of enjoying his spaces, the master of the city but machines or even ostriches. “An artwork is an expression of freedom and excitement itself, which can carry us in a magical place like Porto Cervo - concludes Simon Bart - a place to enjoy life and nature on the thrill of emotions”.

Che l’arte non vada in vacanza neanche d’estate è cosa nota, anzi sembra essere proprio questa la stagione migliore e propizia per intercettare i gusti e gli interessi di un pubblico colto e sofisticato che seguendo gli itinerari di un tusimo d’élite, ama andare per gallerie oltre che musei. “Porto Cervo ad esempio è diventata punto di riferimento per numerosi collezionisti di alto profilo che si recano ogni anno nella meravigliosa Costa Smeralda – racconta Simon Bart che forte dell’esperienza maturata nella galleria di famiglia Il Novecento, ha aperto nel 2013 la SimonBart Gallery sull’esclusiva Promenade du Port. “Ho deciso di intraprendere un cammino di internazionalizzazione della proposta artistica creando uno spazio dedicato alla valorizzazione di una scuderia di artisti, sia italiani che internazionali, emergenti o con un curriculum già strutturato”. Tra gli eventi della stagione 2017, una personale dello scultore

157


JUN GLE FE158

159


ESOTISMO, CARICA SEDUTTIVA, TRASGRESSIONE, METAMORFOSI. I SIGNIFICATI NASCOSTI DELLA MODA DAL GRAFFIO ANIMALIER DI SILVIA CUTULI

In principio nel 1947, fu Christian Dior con i modelli “Jungle” e “Africaine” a segnare l’entrata ufficiale dell’animalier nell’haute couture disegnando l’immagine di una donna ammaliante e seduttiva. L’esclusivo graffio “animale” farà poi breccia nel cuore di Marlen Dietrich, ritratta con l’iconico trench stampato pantera della maison, decretando il successo della jungle fever. Per avere già solo un’idea delle infinite “zoomorfie” siglate dalla moda, basta passare in rassegna i 100 abiti e accessori raccolti nella mostra torinese “Jungle. L’immaginario animale nella moda” allestita fino al prossimo 3 settembre alla Reggia di Venaria. Dal tessuto stampa rettile del Saint Laurent anni Settanta, agli irriverenti animali di Krizia, passando per le creazioni di Jean Paul Gaultier, Azzedine Alaïa, Roberto Cavalli e Gianfranco Ferré. E se nel corso degli anni Sessanta fu la top model Veruschka a

160

sperimentare il body painting, spalmandosi di lucido da scarpe nero per raffigurare animali e piante fantastiche in una sorta “ritorno alle origini” (con la regia del fotografo Peter Beard), sono oggi i più visionari designer a creare nuove ibridazioni. Con gli animali che diventano addirittura parte indistinguibile dell’umano, come per l’olandese Iris Van Herpen, che con la stampa 3D spinge la metamorfosi all’estremo.

in Turin in the exhibition “Jungle. L’immaginario animale nella moda” set up until September 3th at the Reggia di Venaria. From the reptile fabric of Saint Laurent from the Seventies, to the irreverent animals of Krizia, passing through the creations of Jean Paul Gaultier, Azzedine Alaïa, Roberto Cavalli and Gianfranco Ferré. And if during the 1960s the top model Veruschka experienced the body painting, spreading on her body the black shoe polish to paint fantastic animals and plants in a sort of “return to the origins” (with the direction of the photographer Peter Beard), today are the most visionary designers to create new hybridizations. With animals that become a part of human being, as for the Dutch Iris Van Herpen, who thanks to the 3d prints brings the metamorphosis to its extreme. gners to create new hybridizations. With animals that become a part of human being, as for the Dutch Iris Van Herpen, who thanks to the 3d prints brings the metamorphosis to its extreme.

JUNGLE FEVER Exoticism, seductive charge, transgression, metamorphosis. The hidden meanings of animal prints. The first was Christian Dior who, in 1947, with the models “Jungle” and “Africaine” marked the official entrance of animal prints in haute couture by drawing the image of an amiable and seductive woman. The exclusive “animal” scratch will then break into the heart of Marlen Dietrich, portrayed with the iconic printed panther trench of the maison, confirming the success of the jungle fever. Just to have an idea of the infinite “zooshapes” of fashion is enough a look to the 100 dresses and accessories collected

IN APERTURA: VERUSCHKA BY RUBARTELLI IN ALTO: ALAIA, LEOPARD COLLECTION AUTUMN WINTER 1991-1992 COURTESY JEAN BAPTISTE MONDINO 1991 NELLA PAGINA ACCANTO: SALVATORE FERRAGAMO, ZOO, TWILL DI SETA, PRIMAVERA-ESTATE 2000. MUSEO SALVATORE FERRAGAMO


La Maison Blanche. Ibiza Import & Export La Maison Blanche. Ibiza biedt een ruime selectie aan meubilair afkomstig uit alle windstreken van de wereld. Wij bieden een totaalconcept op maat en importeren en exporteren wereldwijd.

La Maison Blanche. Ibiza

Carretera Santa Eulalia, Km 3,7 07840 santa Eulalia Del rio telephone: +34 645 45 45 18.

Carretera del Aeropuerto, km 6 07810 Sant Jordi de ses Salines telephone: +34 971 567 623.

Cargo poligono 15 07840 Santa Eulalia.


Ibiza luxe  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you