Page 1


CALENDARIO VIOLA 2011-2012 Data Evento Risultato Dom. 21-08 Coppa Italia FIORENTINA-CITTADELLA 2-1 Sab. 27-08 1a Camp.And Siena-Fiorentina RINVIATA a And Dom. 11-09 2 Camp. FIORENTINA-BOLOGNA 2-0 Dom. 18-09 3a Camp.And Udinese-Fiorentina 2-0 Merc. 21-09 4a Camp.And FIORENTINA-PARMA 3-0 Sab. 24-09 5a Camp.And Napoli-Fiorentina 0-0 Dom. 02-10 6a Camp.And FIORENTINA-LAZIO 1-2 Dom. 16-10 7a Camp.And Cesena-Fiorentina 0-0 Sab. 22-10 8a Camp.And FIORENTINA-CATANIA 2-2 Mart. 25-10 9a Camp.And Juventus-Fiorentina 2-1 Dom. 30-10 10a Camp.And FIORENTINA-GENOA 1-0 Dom. 06-11 11a Camp.An Chievo-Fiorentina 1-0 Sab. 19-11 12a Camp.An FIORENTINA-MILAN 0-0 Giov. 24-11 Coppa Italia FIORENTINA-EMPOLI 2-1 Dom. 27-11 13 a Camp.An Palermo-Fiorentina 2-0 Dom. 04-12 14a Camp.An FIORENTINA-ROMA 3-0 Sab. 10-12 15a Camp.An Inter-Fiorentina 2-0 Sab. 17-12 16a Camp.An FIORENTINA-ATALANTA 2-2 Mart. 20-12 Rec. 1a Camp.And Siena-Fiorentina 0-0 Dom. 08-01 17a Camp.An Novara-Fiorentina 0-3 Merc. 11-01 Coppa Italia Roma-Fiorentina 3-0 a An Dom. 15-01 18 Camp. FIORENTINA-LECCE 0-1

Data Evento Risultato Dom. 22-01 19a Camp.An Cagliari-Fiorentina 0-0 a Rit 2-1 Dom. 29-01 1 Camp. FIORENTINA-SIENA a Rit Merc. 01-02 2 Camp. Bologna-Fiorentina RINVIATA Dom. 05-02 3a Camp.Rit FIORENTINA-UDINESE 3-2 a Rit Dom. 12-02 4 Camp. Parma-Fiorentina RINVIATA 0-3 Ven. 17-02 5a Camp.Rit FIORENTINA-NAPOLI Mart. 21-02 Rec. 2a Camp.Rit Bologna-Fiorentina 2-0 Dom. 26-02 6a Camp.Rit Lazio-Fiorentina 1-0 Dom. 04-03 7a Camp.Rit FIORENTINA-CESENA 2-0 Merc. 07-03 Rec. 4a Camp.Rit Parma-Fiorentina 2-2 Dom. 11-03 8a Camp.Rit Catania-Fiorentina 1-0 Sab. 17-03 9a Camp.Rit FIORENTINA-JUVENTUS * Dom. 25-03 10a Camp.Rit Genoa-Fiorentina 2-2 Dom. 01-04 11a Camp.Rit FIORENTINA-CHIEVO Sab. 07-04 12a Camp.Rit Milan-Fiorentina Merc.11-04 13a Camp.Rit FIORENTINA-PALERMO Dom. 15-04 14a Camp.Rit Roma-Fiorentina Dom. 22-04 15a Camp.Rit FIORENTINA-INTER Dom. 29-04 16a Camp.Rit Atalanta-Fiorentina Merc. 02-05 17a Camp.Rit FIORENTINA-NOVARA Dom. 06-05 18a Camp.Rit Lecce-Fiorentina Dom. 13-05 19a Camp.Rit FIORENTINA-CAGLIARI * 0-5 Difficile ‘citare’ e accettare questo risultato

3


a

1i1 o torn

1 Aprile 2012

R

4

BOLOGNA - PALERMO CAGLIARI - ATALANTA CATANIA - MILAN FIORENTINA - CHIEVO INTER - GENOA JUVENTUS - NAPOLI LECCE - CESENA PARMA - LAZIO ROMA - NOVARA SIENA - UDINESE

7 Aprile 2012

ATALANTA - SIENA CAGLIARI - INTER CESENA - BOLOGNA CHIEVO - CATANIA LAZIO - NAPOLI LECCE - ROMA MILAN - FIORENTINA NOVARA - GENOA PALERMO - JUVENTUS UDINESE - PARMA

a

1i3 o torn R

11 Aprile 2012

63 59 51 48 48 44 42 41 37 36 36 36 34 34 33 33 32 27 24 18

a

1i4 o torn R

15 Aprile 2012

Milan Juventus Lazio Napoli Udinese Roma Catania Inter Atalanta Bologna Chievo Palermo Cagliari Genoa FIORENTINA Siena Parma Lecce Novara Cesena

R

BOLOGNA - CAGLIARI CATANIA - LECCE CHIEVO - MILAN FIORENTINA - PALERMO GENOA - CESENA INTER - SIENA JUVENTUS - LAZIO NAPOLI - ATALANTA PARMA - NOVARA ROMA - UDINESE ATALANTA - CHIEVO CAGLIARI - CATANIA CESENA - JUVENTUS LECCE - NAPOLI MILAN - GENOA NOVARA - LAZIO PALERMO - PARMA ROMA - FIORENTINA SIENA - BOLOGNA UDINESE - INTER

L’appuntamento con Fiorentinainforma è mercoledì 11 aprile per la partita FIORENTINA-PALERMO

I Magnifici Viola Una maglia, una passione, la nostra storia Fiorentina 20032004

Christian Riganò

Emiliano Mondonico

Enrico Fantini

a

1i2 o torn

CLASSIFICA Serie A

Si torna in serie A!

Fiorentina 2004-2005


Sofferenza & Passione Domenica dopo domenica, calvario dopo calvario, la salvezza si avvicina e lo spauracchio retrocessione si dissolve. Tribolatissimo, si materializza sul cielo di Firenze l’unico magro obiettivo stagionale rimasto a questa Fiorentina: conservare la serie A. Un vivacchiare dilaniante per la passione di una città che non ha più la forza né di amare, né di odiare, che è ormai scivolata quasi inconsapevolmente nella fossa dell’indifferenza...

Non c’è più un Mihajlovic da insultare, se n’è andato esattamente un girone fa, dopo l’ignobile sconfitta proprio sul campo del Chievo. A posteriori, la città, la critica e l’opinione pubblica, hanno dovuto rivalutare l’operato del serbo. Senza Jovetic, lo scorso anno, Sinisa portò a casa 51 punti. Per eguagliarlo, Rossi dovrebbe vincere 6 delle restanti 9 partite da qui alla fine. Un’utopia, considerando che finora Delio ha ottenuto 5 successi su 19 tentativi.

Via Corvino, ora si gioca a carte scoperte Non c’è più un Corvino da crocifiggere, il grande demone di una parte della città, che gli ha addossato tutte le responsabilità di un domino di fallimenti iniziato con l’abbandono della presidenza da parte dei Della Valle. L’ex diesse viola è stato sacrificato, con scarso tatto e un tempismo incomprensibile, sull’altare del popolo furente dopo l’umiliante sconfitta patita in casa dalla Juventus. Naturalmente l’esecuzione del Savonarola viola non ha risolto neanche uno dei problemi della Fiorentina, anzi, ha aperto la gazzarra dell’autocandidatura per la sua successione. Intanto è caduto l’ultimo paravento dietro al quale la società poteva nascondere i propri fallimenti. Chi è rimasto, ovvero il presidente esecutivo Cognigni e l’amministratore delegato Mencucci, ha sicuramente una minor responsabilità riguardo

5


Fiorentinainforma

Marco Marchionni

alle scelte che hanno portato al disastro, ma non è ancora chiaro se rimarrà in sella o se lo tsunami lo spazzerà via.

Montolivo-Natali, due gol con le valigie in mano Dal cielo è piovuto il pareggio di Genova. Ad una squadra tremebonda e dilaniata dai cambi di modulo del suo allenatore, non era davvero possibile chiedere qualcosa in più. Per questo è giusto sottolineare la

prova di orgoglio di tutti i ragazzi, l’impegno messo in campo e che troppo spesso è mancato, la clamorosa coincidenza delle firme sui gol dei futuri milanisti Riccardo Montolivo e Cesare Natali. Ha vinto Rossi, che li ha voluti sempre in campo nonostante il loro futuro sia lontano da Firenze, hanno vinto loro, fornendo un esempio di professionalità che ci piace esaltare. La difesa viola, poi, è quella che è, il dispositivo a protezione di Boruc, se possibile, nei mesi è stato peggiorato e, dunque, il pareggio alla fine (con dinamica e successione di gol analoga a quella di Parma) è stata la naturale conseguenza.

Il ritorno di Marchionni Appunti a margine. Appare incomprensibile l’ostracismo masochista che in questi mesi la società (Corvino?) ha opposto a Marchionni. Non sarà più giovanissimo, non sarà un fenomeno, ma l’esterno epurato per un anno, ha ancora qualcosa da dare. E visto che è uno dei giocatori meglio retribuiti dai Della Valle, è sembrato davvero incredibile che solo alla 29° gior-

Firenze Viale dei Mille, 111 (primo piano) Tel./fax 055.587088 www.iparrucchieriby.it e-mail: marcello@iparrucchieriby.it 6


Sofferenza & Passione nata abbia debuttato da titolare. Questa assomiglia molto alla storia del marito che si evira per far dispetto alla moglie. Con l’aggravante della mostruosa penuria di buoni giocatori che affligge da mesi la Fiorentina. Marchionni sarà probabilmente ancora utile, prima del congedo che lo accomunerà a molti suoi compagni.

Capitolo Vargas. Il suo recupero è uno dei meriti da ascrivere a Delio Rossi. Dopo l’approccio burbero, l’allenatore viola ha seguito e dialogato molto col peruviano, lo ha convinto ad applicarsi nel lavoro come da anni non faceva. Il risultato è una silhouette meno appesantita e una quantità crescente di cross interessanti a partita. Anche lui, con ogni probabilità, sarà decisivo per la salvezza della Fiorentina.

Applausi per Valon C’è poi da fare una menzione speciale per Behrami, mai troppo reclamizzato come meriterebbe. Il suo attaccamento alla maglia, il

suo spirito battagliero, la sua generosità in campo, ne fanno l’indiscutibile simbolo dei tifosi viola. È questo il prototipo di calciatore che i fiorentini amano. E pazienza se i piedi dello svizzero non sono dolci come quelli di JoJo. Valon merita una standing

ovation ogni volta che tocca palla, e attraverso Fiorentina Informa vogliamo testimoniargli il massimo affetto, dedicandogli il poster di questo numero. Curioso dover ricordare che Behrami è stato il miglior acquisto – peraltro uno dei meno costosi – degli ultimi mercati, quelli che hanno scavato un solco poi divenuto incolmabile tra la tifoseria e Pantaleo Corvino. Valon infine, da ultimo arrivato, è stato uno dei pochi che negli ultimi

Juan Manuel Vargas

7


Valon Behrami

Rossi si ritrova con i soliti 6 punti di vantaggio su un Lecce che pare aver esaurito la propulsione della propria rimonta. La tentazione di accontentarsi di un pareggio in uno scontro diretto come quello di oggi, è forte. Eppure la Fiorentina ha il dove-

re di provare a vincere, per tirare definitivamente una linea ed iniziare a programmare il futuro.

Firenze e i Della Valle uniti per tornare in alto La risposta decisa dei Della Valle dopo il tracollo contro la Juventus, accompagnata da scuse gradite ma forse eccessive, ha spazzato via il fantasma dell’abbandono. I fatti valgono molto più di tante parole:dopo due anni sull’aventino (Diego consegnò le dimissioni onorarie esattamente 24 mesi fa) è tornato il momento dell’interventismo. C’è da ripianare un bilancio e soprattutto da ricostruire una squadra ed una società. Devono azionarsi in fretta una serie di componenti chiamate a svolgere ciascuna il proprio ruolo: la città deve concedere

un’apertura di entusiasmo verso la rifondazione, le istituzioni sono chiamate in maniera chiara ed inequivocabile a garantire basi solide al progetto dei Della Valle. I lacci e i lacciuoli devono essere sciolti dal nostro illuminato sindaco, la diplomazia

due anni ha avuto il coraggio di dire: “Credo nel progetto Fiorentina”. Lo ha fatto al termine del mercato di gennaio, poche ore dopo essere rimasto indifferente al pressing deciso della Juventus. Non credete che

abbia fatto abbastanza per meritare cori e applausi scroscianti?

Vincere col Chievo per agguantare la salvezza Oggi il Chievo, avversario che spesso a Firenze ha fatto tribolare, miracolo di provincia da cui la Fiorentina dovrebbe imparare molto. L’ultima giornata di campionato ha di fatto lasciato tutto invariato in fondo alla classifica: solo il Cagliari ha perso, tutte le altre squadre hanno pareggiato. Bene per chi ha del vantaggio, come la Fiorentina e il Chievo, male per chi insegue. A 9 giornate dalla fine, la squadra di 8

sotterranea che fino a questo momento è riuscita a dilatare, rinviare il più possibile il decollo del progetto Cittadella, deve essere accantonata: Firenze non abbia paura a lanciarsi verso la modernità. Un nuovo stadio è indispensabile per il futuro. L’idea di una comoda ed avveniristica casa per la Fiorentina non è più rinviabile.

C’è una cosa che in questo momento di smarrimento i veri tifosi viola devono sapere: i Della Valle sono pronti ad una nuova sfida, aspettano solo un segnale da Firenze per disporre il rilancio.... Cristiano Puccetti


In tutte le edicole e librerie

Album della Vecchia Firenze Volume I

La città di Cacciaguida Protetta dalle antiche mura, per secoli Fiorenza ha fatto battere il suo cuore tra i minuscoli vicoli, le piazzette, le chiesine del centro cittadino, sopravvissuto, generazione dopo generazione, agli stravolgimenti dell’implacabile cammino della Storia, alle guerre fratricide, alla crescita impetuosa di una città che ha visto fiorire le Arti ed il commercio. Tutto questo era destinato a cambiare per sempre con l’avvento di Firenze Capitale e la distruzione della Firenze antica, quella raccontata da Cacciaguida, il trisavolo che Dante incontra nel XV canto del Paradiso. In questo volume andremo alla scoperta di questa Firenze perduta, trasformata per sempre, ma ancora viva negli scatti della nascente arte della fotografia. Attraverso 264 immagini e cartoline originali ed inedite, databili dalla seconda metà dell’Ottocento ai primi decenni del Novecento, cammineremo per le strade di una città viva, assaporandone i colori, fermando attimi di vita quotidiana, ammirandone i monumenti eterni. Allora come oggi, attoniti per l’emozione che solo la città del Giglio sa donare... 164 pagine con 264 immagini e cartoline originali ed inedite A solo 12,90 euro Media Point Editore www.mediapointeditore.it

Info 055.5002065 338.2043547


Fotostory Viola Sabato 17 Marzo FiorentinaJuventus 0-..... Io non c'ero, e se c'ero, dormivo. Se c'ero e dormivo, dormivo con altri undici. Poi uno, capellone, s'è alzato e se n'è andato, dice a ritrovar se stesso chissà dove. Meno male che poi partiva quella musichetta che dà la carica: “Garrisca al vento il labaro viola...”

1

Domenica 18 Marzo L’addio di Pantaleo... 1Passato lo strano fine settima-

na, l'ultimo prima dell'Equinozio di Primavera, tutta Firenze s'interroga su che cosa succederà in casa viola. Dopo le scuse di Andrea Della Valle nel cuore della notte, dopo una domenica passata a rodersi il fegato in allegra compagnia, intorno alle sette di sera arriva il comunicato ufficiale: “La Fiorentina rende noto, d’accordo con il direttore Pantaleo Corvino, che il suo contratto di Responsabile dell’area tecnica non verrà rinnovato alla scadenza. Questo permetterà alla Società di cominciare da subito a ragionare sul proprio futuro e sulla strategia da attuare con chiarezza e trasparenza”. Si riparte da zero, insomma, e il primo a farne le spese è Pantaleo Corvino, tanto amato per i primi cinque anni fiorentini, scanditi dalle trombe festanti delle corvinate, quanto vituperato negli ultimi due per una serie di colpi di mercato che assomigliano più a dei colpi al cuore. Dopo tutti questi anni, comunque la si pensi, ci era2 vamo affezionati al burbero diesse di Vernole, l'artefice di quattro stagioni che resteranno nella storia e nel cuore dei tifosi viola, tutti quanti, per sempre. BUONA FORTUNA PANTALEO!

Domenica 25 Marzo Genoa-Fiorentina 2-2 2 Ora la Fiorentina deve cominciare a ragionare sul proprio futuro. Futuro che è tutt'altro che roseo, perché la terz'ultima è sempre lì, una manciata di punti più in basso, come un incubo ricorrente. Martedì 21 la squadra va in ritiro a Viareggio per preparare al meglio la sfida contro il Genoa dei mille ex. “Perso” Cerci per squalifica, ma recuperati Behrami e Jovetic, Rossi rispolvera il caro buon vecchio 4-4-2. La novità è l'impiego dal primo minuto di Marco Marchionni, dopo un anno di dimenticatoio. L'esterno destro viola, alla fine, risulterà la sorpresa del giorno: tanta corsa, tanta pressione, diverse buone occasioni negli ultimi venti metri e una condizione invidiabile, considerata la lunga inattività. 3 Proprio grazie a Marchionni, dopo soli tre minuti, la Fiorentina va vicina al vantaggio, con un bel cross per Amauri che in scivolata cerca la deviazione vincente, sulla quale Frey compie un mezzo miracolo. Si prolunga il digiuno dell'italobrasiliano, che come al solito galleggia, scalpita, s'agita e si

3 11


Fiorentinainforma contorce in area, ma di far gol, per ora, non ne vuole sapere. 7 4 L'inizio della Fiorentina è arrembante e il Genoa si ritrova a subire la manovra gigliata. Ma, come sempre, c'è da soffrire e, proprio nel momento migliore, la Fiorentina si dissolve e accusa il colpo: al 20', cross di Mesto e incornata di 4 Belluschi per l'1-0 genoano. Un minuto dopo Palacio spreca il raddoppio, ma quando gli incubi peggiori stanno già prendendo forma nel cuore dei tifosi viola, al 31' arriva il pari insperato con Riccardo Montolivo, bravissimo nel mettere la gamba su un tiro cross di Vargas. 5 Vargas, insieme a Marchionni, è il secondo miracolato in campo: dopo mesi e mesi di inutile ciondolamento, di polemiche, di addii annunciati e perma-nenze indesiderate, il peruviano sembra essere tornato nei suoi panni, devastante quando si lancia in percussione e insuperabile quando la butta sul fisico. Peccato solo per il tiro, ancora da registrare. Ma con 5 un giocatore così, la Fiorentina può tornare a far male agli avversari. Nella ripresa la sensazione è che la Fiorentina possa fare sua la gara. In avanti, infatti, il Genoa è contorto e sprecone, di fronte ha una difesa viola attenta e un centrocampo che riesce a coprire e a proporre la manovra con costanza. Sugli scudi, come sempre, l'infinito Valon Behrami, che si fa la mezza maratona su e giù per il campo e recupera palloni a non finire. 6 Al 69', finalmente, i Viola concretizzano il loro predominio: angolo di Vargas e colpo di testa sotto l'incrocio di Cesare Natali, che porta la Fiorentina sul 2-1. 7 Otto minuti dopo Lazzari, subentrato ad uno sfinito Marchionni, si mangia pure il gol 6 del 3-1. Dieci minuti dopo è Vargas a vedersi la porta sbarrata da un intervento in extremis di Mesto e, in base alla legge ferrea del “gol sbagliato, gol subito”, al minuto ottantanove Palacio approfitta di una dormita generale della retroguardia gigliata per fissare il risultato finale di 2-2. La Fiorentina torna a Firenze dopo una settimana di necessario esi-

12

lio con un solo punto in tasca e tanto rammarico; la terzultima, in compenso, è sempre lì, a sei punti di distanza, esattamente come prima della partita di Genova, ma con una giornata in meno da giocare. Meglio di nulla, marito vecchio. Giovanni Rizzo

Mentre siamo in chiusura di giornale, ci giunge la triste notizia della scomparsa di Dorino Della Valle, babbo di Andrea e Diego, venuto a mancare nella mattinata di martedì 27 marzo. Alla famiglia Della Valle, la redazione di Fiorentina Informa esprime le più sentite condoglianze.


In tutte le edicole e librerie

Per le Strade di Firenze Nomi, Segreti e Storie della cittĂ del Giglio I nomi delle strade sono una buona traccia per conoscere la storia di una cittĂ , la sua crescita e la sua evoluzione nel corso dei secoli. Nel nome dato a certi luoghi si depositano schegge di passato che sopravvivono al trascorrere del tempo e restituiscono storie che altrimenti andrebbero perse. In questo libro vi raccontiamo come Firenze, nel corso della sua storia millenaria, abbia mutato usi, aspetto e costumi. Dai nomi delle strade abbiamo recuperato storie dimenticate, vecchi segreti e riscoperto il fascino della Fiorenza antica 132 pagine con foto e illustrazioni inedite. A solo 8,90 euro Media Point Editore www.mediapointeditore.it Info 055.5002065 338.2043547

13


La squadra ospite Il Chievo si avvicina a grandi passi all’obiettivo salvezza. Il pareggio con il Siena, però, è andato stretto ai clivensi. «Abbiamo sprecato una buona occasione - ha spiegato il tecnico Mimmo Di Carlo nei giorni scorsi - ma è un momento della stagione in cui ci dice male. Anche contro il Siena gli episodi sono stati a nostro sfavore, un po’ come era accaduto contro il Bologna. A mio avviso nelle ultime due gare avremmo meritato molto di più di quello che abbiamo raccolto, ma speriamo che la fortuna si ricordi di noi, e magari, dalle prossime partite, gli episodi inizino a girare a nostro favore». Non è tutto: «Abbiamo giocato un ottimo primo tempo - ha continuato Di Carlo - e dopo il gol, creato i presupposti per il raddoppio. Il gol del Siena è stato un nostro gentile omaggio, ma la squadra ha cercato la vittoria sino alla fine, ha lot-

tato e non ho nulla da rimproverare ai ragazzi. Ma se una squadra meritava la vittoria, questa è senza dubbio il Chievo». All’andata, la sconfitta del Bentegodi costò la panchina di Sinisa Mihajlovic, stavolta Rossi non può permettersi passi falsi. La Fiorentina ha sei punti di vantaggio sulla terzultima in classifica e ne mancano ancora sette alla boa dei 40. Il Chievo, comunque, non ha paura. Fino ad oggi ha messo insieme 14 punti (su 36) lontano dal proprio pubblico, cinque in più rispetto ai viola, e l’obiettivo è quello di provare a strapparne almeno un altro. Il Chievo si ritroverà davanti anche una vecchia conoscenza, Amauri. L’attaccante italo-brasiliano ha spiccato il volo proprio con la maglia clivense e almeno stavolta spera di sbloccarsi. Il suo digiuno dal gol dura ormai da 790 minuti. Toccherà a Sorrentino negargli la gioia per altri novanta minuti. Walter Ducci

CHIEVO VERONA

La curiosità Destini che si incrociano Carlo Sartori, direttore sportivo del Chievo, sarebbe dovuto arrivare a Firenze sette anni fa. Se solo i Della Valle, alla fine, non avessero optato per Pantaleo Corvino. Adesso, le strade potrebbero tornare ad incontrarsi. Sì, perché nella corsa alla successione al ruolo di diesse, ci sono i candidati che hanno agganci importanti nell'ambiente viola e Sartori è uno di questi. Il buon rapporto con la famiglia Campedelli e la volontà da parte di quest'ultimo di prolungare il suo rapporto di lavoro con il suo uomo di fiducia, complicherebbero, però, la situazione. Questione di settimane ed il giallo sarà risolto.

I PORTIERI

17 Christian PUGGIONI 54 Stefano SORRENTINO 18 Lorenzo SQUIZZI I DIFENSORI

15 Francesco ACERBI 3 Marco ANDREOLLI 12 Bostjan CESAR 29 Dario DAINELLI 93 Boukary DRAME' 27 Mickael FACCHINETTI 21 Nicolas FREY 36 Nikola GULAN 13 Bojan JOKIC 5 Davide MANDELLI 4 Santiago MORERO 20 Gennaro SARDO 42 Matteo SOLINI

14

41 Marco BURATO 8 Paolo CRUZADO 56 Perparim HETEMAJ 91 Radoslav KIRILOV 10 Siqueira LUCIANO 16 Luca RIGONI 7 Paolo SAMMARCO 25 Kamil VACEK GLI ATTACCANTI

39 Francesco GRANDOLFO 9 Davide MOSCARDELLI 23 Alberto PALOSCHI 31 Sergio PELLISSIER 77 Cyril THEREAU 90 Fernando URIBE

I CENTROCAMPISTI

Allenatore:

6 Michael BRADLEY

Domenico DI CARLO


I Magnifici Viola Campionato 2003-2004 6° posto in B, 73 punti La Fiorentina scopre che è meno piccola di quanto immaginava, alla fine di quell’estate: per riammettere il Catania, che ricorre a tutti i tribunali possibili e immaginabili per farsi restituire i punti determinanti per la salvezza, la Federcalcio ha una bella pensata: allargare la serie B a 24 squadre. E della nuova Super B entra a far parte la nostra Viola, di diritto, o meglio per meriti sportivi.

Con il ‘lodo Petrucci’ si salta la C1 e si va in B Nel frattempo passa anche il così detto ‘lodo Petrucci’, ovvero quella norma secondo la quale squadre che rappresentano piazze importanti e che hanno alle spalle curriculum significativi, anche in caso di fallimento, retrocedono di una sola categoria. Diego Della Valle & C., miracolati, incassano, ringraziano e

I Magnifici Viola

maglia, una passione. La nostra storia...

Pagina da ritagliare e conservare per la collezione

31a puntata Una

Sopra: Christian Riganò A sinistra: La Fiorentina del Campionato di B 2003-’04

Organico 2003-2004

PRESIDENTE ONORARIO: Diego DELLA VALLE PRESIDENTE: Gino SALICA ALLENATORE: Alberto CAVASIN fino all’8 febbraio 2004 Emiliano MONDONICO dal 15 febbraio PORTIERI: Sebastian CEJAS (46 pres) Andrea IVAN Marco ROCCATI DIFENSORI: Alessandro LUCARELLI (31 pres) Roberto RIPA (14 pres) Gianluca COMOTTO (15 pres) William VIALI (19 pres) Daniele DELLI CARRI (15 pres, 1 rete)

Thomas MANFREDINI (11 pres) Michele BACIS (26 pres) Carlo CHERUBINI (12 pres) Antonio RIZZO (1 pres) Christian MAGGIO (40 pres, 1 rete) Manuele GUZZO (1 pres) Mirko SAVINI CENTROCAMPISTI: Angelo DI LIVIO (41 pres, 4 reti) Riccardo MASPERO (17 pres) Luis HELGUERA (10 pres) Marco ANDREOTTI (13 pres, 2 reti) Massimiliano SCAGLIA

(20 pres) Julio Cesar LEON (4 pres) Alfonso CAMORANI

(15 pres, 2 reti) Luca ARIATTI (39 pres) Christian MANFREDINI (10 pres, 1 rete) Luigi PIANGERELLI (23 pres, 1 rete) Gaetano FONTANA (22 pres, 2 reti) Davide CARRUS (5 pres, 1 rete) Ekye BISMARCK (11 pres) ATTACCANTI: Christian RIGANO’ (44 pres, 23 reti) Enrico FANTINI (24 pres, 4 reti) Mattia GRAFFIEDI (40 pres, 8 reti) Zizis VRYZAS (20 pres, 4 reti) Andrea SONCIN (1 pres) Federico COSSATO (6 pres) 19 21


Pagina da ritagliare e conservare per la collezione

I Magnifici Viola

Una maglia, una passione. La nostra storia... Risultati 2003-2004 La Fiorentina si piazza al 6° posto in campionato, nel primo torneo a 24 squadre, con 19 vittorie, 16 pareggi e 11 sconfitte. Accede allo spareggio interdivisionale contro la quart’ultima di Serie A, il Perugia di Cosmi. La squadra è progettata per la C1 e, ripescata in extremis in B, deve rafforzarsi con 12 nuovi giocatori di livello nel mercato di gennaio. Guidata da Mondonico, nel doppio confronto con il Perugia, i gol di Fantini riportano la squadra gigliata in Serie A a soli 2 anni dalla retrocessione in C-2.

festeggiano. Ma devono fare i conti con qualche problemuccio.

Squadra inadeguata per la serie cadetta Quella lunga estate calda, infatti, ha partorito un mercato di serie C1, e l’improvvisa promozione coglie un po’ tutti impreparati. Il nuovo dg Fabrizio Lucchesi, ex Roma, e Giovanni Galli, hanno messo a disposizione di Cavasin gente che si chiama Ariatti, Roccati, Bacis.... C’è il portiere Cejas, ex Ascoli, c’è Alessandro Lucarelli, difensore ex Brescia, c’è il regista Said, ex Bari, c’è Helguera II, il fratello di quello che è stato della Roma e che sta facendo grande il Real Madrid, c’è l’attaccante Graffiedi, via Ancona... Con tutto il rispetto, è un po’ pochino per pensare di dominare il campionato di B. Al pronti via, però, Diego non ha dubbi: “Andremo in serie A!”. Affermazione spavalda, forse un tantino precipitosa, alla luce dei fatti. Il girone di andata è di sofferenza: la Fiorentina avanza stentando, la prima vittoria arriva solo alla quinta giornata (il 27 settembre con-

FM 90.4 101.6 101.9 20

FIORENTINA-ATALANTA FIORENTINA-TRIESTINA Vicenza-Fiorentina Albinoleffe-Fiorentina FIORENTINA-ATALANTA FIORENTINA-PIACENZA Salernitana-Fiorentina Pescara-Fiorentina FIORENTINA-TREVISO Palermo-Fiorentina FIORENTINA-VERONA Bari-Fiorentina FIORENTINA-COMO Ternana-Fiorentina FIORENTINA-GENOA FIORENTINA-AVELLINO

1-1 (Di Livio) 1-1 (Riganò) 1-1 (Riganò) 1-0 1-1 (Di Livio) 2-1 (Riganò 2) 1-0 0-0 2-0 (Riganò, Graffiedi) 2-0 1-0 0-0 1-0 (Riganò) 3-2 (Di Livio, Manfredini) 2-2 (Graffiedi, Riganò) 3-1 (Andreotti, Maggio, Graffiedi) Messina-Fiorentina 3-0 FIORENTINA-LIVORNO 1-1 (Riganò) Ascoli-Fiorentina 4-0 FIORENTINA-VENEZIA 1-1 (Riganò) Napoli-Fiorentina 2-2 (Riganò, Graffiedi) FIORENTINA-CATANIA 3-2 (Vryzas, Riganò, Fantini) Torino-Fiorentina 1-1 (Vryzas) FIORENTINA-CAGLIARI 2-1 (Riganò 2) Atalanta-Fiorentina 1-1 (Santos aut.) FIORENTINA-PESCARA 1-1 (Colonnello aut.) Triestina-Fiorentina 2-1 (Piangerelli) FIORENTINA-VICENZA 1-1 (Riganò) FIORENTINA-ALBINOLEFFE 2-1 (Graffiedi, Riganò) Piacenza-Fiorentina 2-0 FIORENTINA-SALERNITANA 1-0 (Riganò) Treviso-Fiorentina 0-0 FIORENTINA-PALERMO 2-1 (Di Livio, Vryzas) Treviso-Fiorentina 0-0 Verona-Fiorentina 0-1 (Graffiedi) FIORENTINA-BARI 3-1 (Riganò, Camorani, Fantini) Como-Fiorentina 0-2 (Riganò 2) FIORENTINA-TERNANA 1-0 (Graffiedi) Genoa-Fiorentina 2-1 (Riganò) Avellino-Fiorentina 0-1 (Camorani) FIORENTINA-MESSINA 2-0 (Fontana, Riganò) Livorno-Fiorentina 2-0 FIORENTINA-ASCOLI 0-0 Venezia-Fiorentina 0-2 (Vryzas, Riganò) FIORENTINA-NAPOLI 2-1 (Fontana, Delli Carri) Catania-Fiorentina 1-1 (Riganò) FIORENTINA-TORINO 1-0 (Graffiedi) Cagliari-Fiorentina 3-1 (Carrus) SPAREGGIO PER LA PROMOZIONE IN SERIE A: Perugia-Fiorentina 0-1 (Fantini) FIORENTINA-PERUGIA 1-1 (Fantini)


cominciano a circolare le prime voci su Francesco Guidolin. L’allenatore viene anche contattato dalla proprietà viola, ma su di lui pesa il marchio GEA. E così i Della Valle traccheggiano, temono una scelta sgradita alla piazza. Quando salta il Cava, Guidolin è ormai felicemente accasato al Palermo.

Cavasin esonerato Arriva Mondonico

Andreotti, Bismark, Helguera, Christian Manfredini e altri. Un gran via vai, insomma, che all’inizio genera una gran confusione. Anche in campo. La sconfitta di Trieste, l’8 febbraio, è inevitabilmente fatale a Cavasin, sulla graticola già da mesi. È solo novembre, infatti, quando in-

A Firenze arriva Emiliano Mondonico, l’allenatore “pane e salame”, come lo chiamano. Quanto di più lontano ci può essere, in effetti, dal prototipo del tecnico dellavalliano, tutto giacca, cravatta e buone maniere. Ma il Mondo ha esperienza, amore per i colori (è socio del club viola ‘Settebello’), costa poco. E soprattutto è tanto matto da accettare la sfida: portare la Fiorentina in A partendo dal basso, per essere precisi dal quattordicesimo posto in classifica. Non che sia reduce da grandi successi, Mondonico, ne converrete: i due precedenti campionati li ha passati a Cosenza, un po’ su-

Pagina da ritagliare e conservare per la collezione

tro il Piacenza 2-1) e a dicembre, dopo la batosta in quel di Ascoli (4-0), la panchina di Cavasin già traballa. Il popolo viola, accorso nuovamente in massa ad abbonarsi (per la precisione, gli abbonamenti sono 21.425!) rumoreggia e, soprattutto, mugugna: la Fiorentina è troppo brutta per essere vera, il 3-5-2 di Cavasin regala prestazioni da brividi. Gli unici a non deludere mai sono i soliti Di Livio e Riganò, quest’ultimo atteso con perplessità alla prova del grande calcio, e alla fine promosso a pieni voti, anzi a pieni gol: anche quell’anno ne farà 23! DDV intanto, perplesso e preoccupato come la sua gente, durante il mercato di gennaio mette mano al portafoglio e rivolta la squadra come un calzino. Acquistando, finalmente, giocatori all’altezza della categoria. Proprio dall’Ascoli, dove li aveva ammirati, e si fa per dire, mentre facevano i fenomeni a spese della Fiorentina, Diego compra il regista Fontana e il terzino Savini. Arrivano anche Fantini dal Venezia, Camorani dalla Salernitana, Vryzas dal Perugia, Viali dall’Ancona, Delli Carri dal Siena, Piangerelli dal Lecce, Thomas Manfredini dall’Udinese, mentre se ne vanno Baronchelli, Comotto,

I Magnifici Viola

I Magnifici Viola

Pagina a fianco: Emiliano Mondonico Qui sopra: Enrico Fantini

21


I Magnifici Viola

Si agguanta lo spareggio e si ritrova la luce della A Lo spareggio, appunto, si gioca contro il Perugia, quartultimo in A. E soprattutto si gioca senza Rigagol, infortunato: come dire, una perdita mica da poco. Per fortuna si sveglia Enrico Fantini, ventidue presenze e solo 2 reti fino a quel momento, poi altre due pesantissime, le reti della Serie A. Mondonico, in quel di Perugia, il 16 giugno, schiera una squadra allineata e coperta, 5-41, con il solo ex veneziano di punta. E lui, Fantini, segna l’1-0 al 10’ del primo tempo: poi tutti indietro, a difendere, fino al novantesimo. Ancora Fantini si ripete nel ritorno, il 26 giugno a Firenze: il suo gol è pareggiato da Do Prado, ma l’1-1 vale comunque la pro-

mozione. La Fiorentina è finalmente e nuovamente in A: missione compiuta!

Campionato 2004-2005 16° posto, 42 punti La Fiorentina è di nuovo in serie A, ma c’è poco da festeggiare, poco da essere soddisfatti. La prima stagione da grandi dei Della Valle regala patimenti, paure e molte polemiche. È la stagione della lotta al vertice della Lega, con il patron Diego schierato contro i ‘poteri forti’, leggi Galliani, che della suddetta Lega è il presidente e il padrone. È la stagione dei

torti arbitrali, e ora lo sappiamo che dietro agli errori dei fischietti, c’erano opere e omissioni, che i risultati contro la Fiorentina venivano abilmente pilotati. È la stagione della salvezza acciuffata per un pelo, nell’ultima incredibile giornata, quando tutto finalmente gira per il verso giusto: e c’è chi, nell’improvvisa fortuna dei viola, ha voluto leggere l’acquiescenza, il chinare la testa, l’adeguarsi al sistema. Ma questa, dei processi e delle sentenze, è davvero un’altra storia...

Pagina da ritagliare e conservare per la collezione

I Magnifici Viola

bentrando, un po’ finendo sostituito. Ma la gente lo ama, e lui ripaga la fiducia: il tempo di ingranare la marcia giusta e la Fiorentina si mette a correre. Eccome. Tra marzo e aprile arriva un filotto di cinque successi consecutivi, fermato soltanto dalla sconfitta per 21 a opera del Genoa, il 10 aprile. Ma poi la Viola si riprende e, pur senza mai incantare, arriva ad agguantare il sesto posto finale, che vuol dire spareggio-promozione. Un piccolo miracolo, quello del Mondo. Che va completato.

Sopra: Si torna in serie A!

23


Pagina da ritagliare e conservare per la collezione

I Magnifici Viola

Fiorentinainforma Una squadra nuova per ricominciare La storia del campionato 20042005 dice innanzitutto che si deve ricominciare tutto da capo. Ancora una volta. La squadra faticosamente promossa alla fine della stagione precedente, è decisamente inadeguata al massimo campionato. E così, mentre Andrea Della Valle viene nominato presidente al posto di Gino Salica, la ditta Galli&Lucchesi si rimbocca la maniche, e di nuovo fa la rivoluzione. Della cosiddetta vecchia guardia restano in pochi: Cejas e Ariatti, Piangerelli e Di Livio, Savini e Delli Carri, Viali, Fontana, Maggio. Per il resto, la campagna acquisti è sontuosa, ancorchè forse non completamente azzeccata. Dalla Roma arriva il portiere Lupatelli, in difesa ecco Ujifalusi (Amburgo), Chiellini (Juve, via Livorno), Dainelli (Brescia). Poi Obodo e Jorgensen dall’Udinese, Maresca e Miccoli dalla Juve, Portillo dal Real Madrid, Nakata dal Bologna.

Grazie Mondo, ma ora si cambia

impone la sua impresa della stagione precedente. Ciò nonostante la sua permanenza sulla panchina gigliata resiste solo per sette partite, il tempo di inanellare quattro pareggi, due sconfitte e una sola vittoria. Con i risultati latita anche il gioco, tanto che il popolo incomincia presto a rumoreggiare (ricordate la contestazione dopo lo scialbo pari casalingo contro il Siena?). Mondonico, allora, sente puzza di bruciato. Non avverte più intorno a sè la fiducia dell’ambiente e neppure quella della società. Si chiude a riccio. Soffre di una improvvisa sindrome da accerchiamento. Sono questi i motivi, probabilmente, che lo spingono ad abbandonare la barca viola il 24 ottobre, dopo il 2-2 di Udine. “Se il problema sono io, me ne vado”, dichiara in sala stampa, lasciando il dubbio: addio volontario o dimissioni, per così dire, obbligate? Certo è che la dirigenza resta un tantino spiazzata dalla mossa: da lì a tre giorni c’è il turno infrasettimanale a Reggio Calabria e bisogna inventarsi un allenatore.

La soluzione di Lucchesi si chiama Sergio Buso, preparatore dei portieri, nelle intenzioni poco più che un tappa buchi, una parentesi in attesa di trovare... di meglio. In effetti ‘Buster Keaton’ Buso - faccia seria, battute fulminanti, enciclopedica conoscenza del calcio e metodi spicci, per non dire duri, in campo, recentemente scomparso parte alla grande, con due belle vittorie a Reggio e contro il Lecce, performances che gli fanno guadagnare tempo e giornate di campionato. L’1-1 contro l’Inter, con il pareggio di Adriano acciuffato all’81’, resta una delle gare migliori della Viola quell’anno. Gioco divertente, gran carattere, la Fiorentina appare proprio trasformata... (continua) Tratto da Quaderni Viola Edizioni Media Point La seconda parte del campionato 2004-2005, insieme ai risultati e alle foto, saranno pubblicati sul prossimo numero Qui sotto: La Fiorentina 2004-2005

(21 pres) Christian MAGGIO (13 pres, 1 rete) Mirko SAVINI (11 pres) Antonio AQUILANTI CENTROCAMPISTI: Christian OBODO (33 pres, 2 reti) Martin JORGENSEN (30 pres, 3 reti) Luca ARIATTI (30 pres, 2 reti) Enzo MARESCA (25 pres, 3 reti) Hidetoshi NAKATA (20 pres) Luigi PIANGERELLI (15 pres) Marco DONADEL (14 pres)

Angelo DI LIVIO (12 pres) Gaetano FONTANA (3 pres) Gianni GUIGOU (2 pres) Luis HELGUERA ATTACCANTI: Fabrizio MICCOLI (35 pres, 12 reti) Enrico FANTINI (24 pres) Christian RIGANÒ (18 pres, 4 reti) Giampaolo PAZZINI (14 pres, 3 reti) Javier PORTILLO (11 pres, 1 rete) Valeri BOJINOV (9 pres, 2 reti) Jaime VALDES (5 pres)

Questa bella Viola - bella almeno sulla carta - resta inizialmente affidata a Mondonico. Il ‘ruspante’ tecnico, dalle parti di viale Fanti piace pochino, ma viene riconfermato: lo

Organico 2004-2005 PRESIDENTE ONORARIO: Diego DELLA VALLE PRESIDENTE: Andrea DELLA VALLE ALLENATORE: Emiliano MONDONICO fino al 24 ottobre 2004 Sergio BUSO dal 25 ottobre 2004 al 24 gennaio 2005 Dino ZOFF dal 25 gennaio 2005 PORTIERI: Cristiano LUPATELLI (30 pres) Sebastian CEJAS (6 pres) Marco ROCCATI (3 pres) DIFENSORI: Giorgio CHIELLINI (37 pres, 3 reti) William VIALI (34 pres) Dario DAINELLI (30 pres, 4 reti) Tomas UJFALUSI (28 pres) Daniele DELLI CARRI


Primavera & Pasqua 2012

LINEA TAVOLA Cinciallegra: Mug 4,00 Tazza con piatto 5,00 Zucchero e Latte 8,00 Set mestoli 7 pezzi 9,00 Set salse 10 pezzi 10,00 Gallinella di Pasqua 6,00 e 8,00

LINEA TAVOLA Giglio di Firenze: Caraffa in vetro di Boemia con Giglio fiorentino 9,00 Bicchiere da vino 5,00 Bicchiere da acqua 4,00 Portacandela 2,50

Tris asciughini Giglio di Firenze 7,00 Presina 3,00 Tovagliette sughero rose o lavanda 3,00 Vassoio antiribaltamento 9,00

LINEA Primavera: Cuore musicale richiamo angeli 5,00 Vaso con cuore 3,50 2 vasi con supporto legno 8,00 3 vasi con supporto legno 11,00 7 vasetti in cassetta legno 13,00 Vaso gigante 9,00

Esclusive confezioni pasquali

Nel nostro Store di Via de’ Sette Santi, 38r a Firenze 055.5002065 Orari dal 19 marzo al 7 aprile: Tutti i giorni compresa la domenica 10,00-13,00 e 15,30-19,30. Chiuso lunedÏ mattina Quando la Fiorentina gioca in casa, orario continuato dalle 10,00 a 1 ora dopo la partita

Prodotti in vendita in abbinamento ai nostri libri e giornali


Dolcezze di Pasqua

UOVA ARTIGIANALI E PERSONALIZZATE: Uovo Viola 350gr 7,00 Uovo artigianale con scritta ALĂˆ VIOLA 350gr 9,50

OFFERTA DI PASQUA: UOVO + GADGET Sconto 15%

ESCLUSIVE CONFEZIONI PASQUALI: Gnomo della Pasqua con ovetti 2,50 Portauovo ceramica e ovetti 3,50 Papera peluche e ovetti 3,50 Gallina segnaposto o chioccia con ovetti 4,00 Gallina o gallo gigante con ovetti 4,50


Tenerezze di Pasqua Prodotti in vendita in abbinamento ai nostri libri e giornali

LA LEPRE PORTAFORTUNA CON PERGAMENA Lepre piccola resina 3,00 Lepre ceramica 3,50 Lepre ceramica dipinta a mano 4,50 Lepre grande 5,00 Lepre gigante nobile 29,00

Lepre su monopattino dipinta a mano 11,00

In confezioni pasquali con ovetti + 0,50

Papere 0 con uovo 3,5 Nidi naturali con lavanda ,00 2,00, 3,00 e 4


OGGETTI UNICI DIPINTI A MANO Uccellino 3,50 Uccellino canterino 5,00 Casetta uccellini 11,00 Gallina e papera dipinte a mano 11,00 Coniglietti e papere peluche da 3,00 Coniglietti e papere parlanti 5,00

Confezioni pasquali con ovetti + 0,50 Svuotatasche da comodino 5,00 Portagioie Rose 5,00 Cornice doppia Rose 7,00 Orologio Rose 7,00 Cornice Angelo 5,00 Nel nostro Store di Via de’ Sette Santi, 38r Firenze 055.5002065 Orari dal 19 marzo al 7 aprile: Tutti i giorni compresa la domenica 10,00-13,00 e 15,30-19,30. Chiuso lunedÏ mattina Quando la Fiorentina gioca in casa, orario continuato dalle 10,00 a 1 ora dopo la partita Prodotti in vendita in abbinamento ai nostri giornali


Tutti pazzi per la Viola!

Tutti pazzi per la Viola! I tifosi viola sono i più belli del mondo, in particolare i lettori di Fiorentina Informa... Queste pagine sono dedicate e a disposizione dei tifosi per fare gli auguri ad amici e parenti, per immortalare un momento speciale, o semplicemente per far vedere fino a dove arriva la passione per la Viola... Inviate le vostre foto con dedica a: redazione@fiorentina-informa.it

Ciao, io sono Alissa, sono bellissima, ho appena compiuto un anno e da quando sono nata tifo viola! Dai Fiorentina, dacci dentro, così dedicherò a mamma, babbo, nonni e zia, la salvezza della nostra squadra del cuore! Un bacione a tutti!

Questi meravigliosi gemellini sono Lorenzo e Riccardo, nati lo scorso 30 novembre. Sono già tifosissimi viola e saranno presto in curva Fiesole per un tifo strepitoso! E noi siamo nonni super! Roberto e Laura

Tutti pazzi per la Viola! Tutti pazzi per la Viola! Tutti pazzi per la Viola !Tutti pazziper la Viola! Tutti pazzi per la Viola !Tutti pazzi per la Viola!

Vuoi ricevere Fiorentinainforma a casa tua? Se siete arrivati tardi e vi siete persi un numero di Fiorentina informa, se non potete andare sempre allo stadio, se volete inviarlo ad un amico tifoso della Fiorentina che abita lontano, potrete farlo, ricevendo Fiorentina informa comodamente al vostro domicilio, senza muovervi. Al costo di soli 35,00 euro riceverete tutti i numeri (25!) di Fiorentinainforma all’indirizzo che volete. E avrete anche UN GADGET ESCLUSIVO IN REGALO!

Info Tel. 055-5520824 o 055-5002065 e-mail:abbonamenti@fiorentinainforma.it

Sandro e Tatiana: dalla Sardegna al Franchi, insieme a Federica, tre splendidi tifosi viola


Tutti pazzi per la Viola! Antico ricettario Medievale A tavola con i Fiorentini del Trecento Un libro che è un viaggio nel gusto dei sapori medievali, attraverso ricette originali tratte da antichi ricettari e adattate per poter essere portate sulle nostre tavole, facendo rivivere i sapori e gli odori perduti della cucina di Fiorenza, capace come nessun altra di deliziare il palato e i cuori... Lilia, tutto l’amore e la passione per la Viola

In edicola e in libreria 132 pagine con foto e illustrazioni inedite. A solo 8,90 euro Media Point Editore www.mediapointeditore.it Info 055.5002065 338.2043547

Noi ce l’abbiamo messa veramente tutta! Voi? ...VERGOGNA! Saluti e sempre FORZA VIOLA Andrea e Claudio

Fiorentinainforma Il giornale dei tifosi viola www.fiorentina-informa.it

Franco ed Enrico, due grandi cuori viola

1 Aprile 2012 Anno XVII n°338 Aut. Trib. FI n°4908 del 11-10-1999 Prezzo di copertina 3,00 euro. I prodotti a pagina 25, 26, 27 e 28 sono abbinati a questo numero Editore, redazione e pubblicità: MEDIA POINT di Daniela Zani Via dei Sette Santi, 38r Firenze Tel. 055-5520824 338-2043547 Tel. punto vendita 055.5002065 mail: redazione@fiorentina-informa.it Direttore Editoriale: Daniela Zani Hanno collaborato: Federico Biancalani, Ido Brunetti, Walter Ducci, Patrizia Iannicelli, Alessandro Masi, Debora Parigi, Cristiano Puccetti, Giovanni Rizzo, Roberta Romolini Foto: Fotocronache/ Riccardo Germogli Stampa: Baroni & Gori s.r.l. Prato


Fiorentina Informa 338  

Fiorentina Informa 338 del 1 aprile 2012, incontro di campionato FIorentina - Chievo

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you