__MAIN_TEXT__

Page 1


Giardini temporanei e balconi per Roma: in gara architetti, ingegneri, paesaggisti e creativi Il Festival del Verde e del Paesaggio promuove due concorsi nell'ambito della V edizione della manifestazione che si terrà a Roma dal 15 al 17 maggio di Alessandro LerbiniCronologia articolo22 gennaio 2015 Accedi a My

Il Festival del Verde e del Paesaggio lancia due concorsi per i professionisti. L'iniziativa rientra nella V edizione della manifestazione in programma al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica di Roma che si svolgerà il 15, 16 e 17 maggio 2015 (vai al link dei concorsi). Architetti, paesaggisti, ingegneri, agronomi, botanici e creativi si sfideranno nel concorso «Avventure creative» per l'allestimento di giardini temporanei. Il tema scelto per l'edizione 2015 è: «Walk on the wild side – variazioni sul tema del percorso». L'obiettivo è la realizzazione di un tratto di un percorso complessivo fino ad un massimo di 7 segmenti, cadenzati ognuno da ingresso e uscita. La risultante della sequenza dei progetti costituirà un giardino lineare unico. Le proposte progettuali selezionate verranno realizzate a spese e a cura dei progettisti in


occasione del Festival del Verde e del Paesaggio. Il termine per consegnare la scheda di partecipazione scade il 26 febbraio. Al vincitore andrà un'opera originale di Ciriaco Campus. Giovani architetti, architetti del paesaggio, agronomi, designer, artisti e creativi under 30 sono invece chiamati a partecipare alla gara «Balconi per Roma» dove verranno selezionate dieci proposte sperimentali di terrazze in città. L'iniziativa vuole stimolare la creatività del progettista rispetto ad un ambiente piccolo e limitato come quello del tipico balcone cittadino. Il balcone è lo spazio esterno, spesso dimenticato o trascurato, che caratterizza gli edifici delle nostre città. L'obiettivo è quello di offrire spunti pratici e suggestioni poetiche per ispirare il visitatore del Festival a trasformare il proprio balcone in un piccolo spazio da godere. I concorrenti dovranno inviare i progetti entro il 2 marzo (sono ammesse presentazioni anche in inglese, tedesco e francese). L'inaugurazione dei balconi è prevista per il 15 maggio contestualmente all'apertura del Festival. Domenica 17 maggio, alla presenza di istituzioni, stampa, importanti architetti e paesaggisti, la giuria assegnerà il premio Festival del Verde e del Paesaggio 2015 sezione «Balconi per Roma».


LANDSCAPE DESIGN: FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO 2015

Io ho già segnato in agenda queste date e voi? Anche ques'anno a maggio ci sarà il Festival del Verde e del Paesaggio, vi lascio il link diretto al sito QUI, dove potrete trovare ogni informazione più dettagliata; che come ogni anno si svolge nella fantastica location dell'Auditorium Parco della Musica di Roma. Una passeggiata tra vivai, espositori, istallazioni, colori e profumi. Una manifestazione che ormai è una tradizione per gli amanti del verde, i professionisti del settore o per chi magari vuole scovare qualche idea nuova per il proprio balcone o giardino. Una manifestazione insomma che cattura grandi e piccoli, professionisti e non. Chissà quest'anno cosa ci riserverà. Sono curiosa! E come per le scorse edizioni sarò li per fare tante foto e prendere spunti!


FUNNYVEGAN

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

03-2015

1


FUNNYVEGAN

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

03-2015

2


LA REPUBBLICA

Infostampa S.r.l.s. | Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato – Non riproducibile

07-03-2015

1


LA REPUBBLICA

Infostampa S.r.l.s. | Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato – Non riproducibile

07-03-2015

2


FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO LA V EDIZIONE DEL FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO, IN PROGRAMMA AL PARCO PENSILE DELL'AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA DI ROMA DAL 15 AL 17 MAGGIO CONFERMA LA SUA CAPACITÀ DI PARLARE DI PAESAGGIO E GIARDINI IN MODO SORPRENDENTE E SPETTACOLARE

Si terrà a Roma al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica la V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, dal 15 al 17 maggio.Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti.


Alternativasostenibile.it

11 Marzo 2015 - 18:42 Festival del Verde e del Paesaggio. Roma, 15-17 maggio 2015

Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d'Italia firmati da Ciriaco Campus. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Le anticipazioni: Novità di quest’anno è il terrazzo prêt-à-porter. Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, pronti da essere portati o copiati a casa . Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est - ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione curata da Franco Zagari, ospiterà quest’anno Il giardino misterioso, l’ installazione che Elias Torres, architetto e designer spagnolo considerato tra le firme più autorevoli della scena internazionale, dedica a Roma. Tavoli d'Italia, l'opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese mette l'Italia in tavola: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore ... Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro paese. La creatività si ripropone anche quest'anno con i concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. Il concorso letterario Racconto breve sotto le foglieè una sfida difficile per tutti gli autori che devono riuscire a raccontare una storia in una sola pagina.


Giardini in testa ispirerà icappelli-istallazione che sfileranno al Festival, opera degli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma. Grande attesa per la presentazione dei progetti pilota di città “virtuose” che hanno fatto del rispetto per l'ambiente e l’attenzione per l’impatto ambientale un caposaldo che produce occupazione, risparmio, bellezza. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d'antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione inoltre Giardini applicati verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti del giardinaggio che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all'aperto. Consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini e per le scuole, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi. di Andrea Pietrarota


AMBIENTEAMBIENTI.COM Pubblicato alle 4:20 pm del 11 marzo, 2015 da redazione & nella categoria News, Photogallery.

Giardini in testa

La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musicadi Roma dal 15 al 17 maggio conferma la capacità della rassegna di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Punti di forza del Festival l’Architettura del paesaggio e dei giardini, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini. Grande attesa per la presentazione dei progetti pilota di “città virtuose” che hanno fatto del rispetto per l’ambiente e l’attenzione per l’impatto ambientale un caposaldo che produce occupazione, risparmio, bellezza. Novità di quest’anno è il terrazzo prêt-à-porter di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, pronto per essere portato casa. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione curata da Franco Zagari, ospita quest’anno “Il giardino misterioso”, l’installazione che Elias Torres, architetto e designer spagnolo considerato tra le firme più autorevoli della scena internazionale, dedica a Roma. Elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un Grand tour nel nostro Paese con “Tavoli d’Italia”, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese. La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi:“AvventureCreative”, presieduto da Fabio Di Carlo e”Balconi per Roma”, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco


Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. Il concorso letterario “Racconto breve sotto le foglie” è una sfida difficile per tutti gli autori che devono riuscire a raccontare una storia in una sola pagina. “Giardini in testa” ospita i cappelli-istallazione che sfileranno al Festival, opera degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione inoltre Giardini applicati saranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti del giardinaggio che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini e per le scuole, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi.


Nuova linfa al Parco della Musica di Roma By Redazione .on 11 marzo 2015 in cultura&intrattenimento

Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Le anticipazioni Novità di quest’anno è il terrazzo prêt-à-porter. Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, pronti da essere portati o copiati a casa . Le


quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione curata da Franco Zagari, ospiterà quest’anno Il giardino misterioso, l’ installazione che Elias Torres, architetto e designer spagnolo considerato tra le firme più autorevoli della scena internazionale, dedica a Roma. Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese mette l’Italia in tavola: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore … Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro paese. La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. Il concorso letterario Racconto breve sotto le foglieè una sfida difficile per tutti gli autori che devono riuscire a raccontare una storia in una sola pagina. Giardini in testa ispirerà icappelli-istallazione che sfileranno al Festival, opera degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Grande attesa per la presentazione dei progetti pilota di città “virtuose” che hanno fatto del rispetto per l’ambiente e l’attenzione per l’impatto ambientale un caposaldo che produce occupazione, risparmio, bellezza. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione inoltre Giardini applicati verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti del giardinaggio che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini e per le scuole, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi.


Festival del Verde e del Paesaggio: dal 15 al 17 maggio al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma [FOTO] Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore 12 marzo 2015 09:11 - F.F.

Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in


programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Le anticipazioni:

Novità di quest’anno è il terrazzo prêt-à-porter. Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, pronti da essere portati o copiati a casa . Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione curata da Franco Zagari, ospiterà quest’anno Il giardino misterioso, l’ installazione che Elias Torres, architetto e designer spagnolo considerato tra le firme più autorevoli della scena internazionale, dedica a Roma.

Tavoli

d’Italia,

l’opera

di

Ciriaco

Campus presentata

da Alberto

Abruzzese mette l’Italia in tavola: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli


architettonici, opere liriche, squadre del cuore … Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro paese. La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. Il concorso letterario Racconto breve sotto le foglie è una sfida difficile per tutti gli autori che devono riuscire a raccontare una storia in una sola pagina. Giardini in testa ispirerà i cappelli-istallazione che sfileranno al Festival, opera degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma.

Grande attesa per la presentazione dei progetti pilota di città “virtuose” che hanno fatto del rispetto per l’ambiente e l’attenzione per l’impatto ambientale un caposaldo che produce occupazione, risparmio, bellezza. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione inoltre Giardini applicati verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti del giardinaggio che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini e per le scuole, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi.


Festival del Verde e del Paesaggio all’Auditorium Parco della Musica dal 15 al 17 maggio BY CRONACA · 16 MARZO 2015

Festival del Verde e del Paesaggio all’Auditorium Parco della Musica dal 15 al 17 maggio. Si tratta di un appuntamento con la bellezza e immensa madre natura presso il Parco pensile dell’Auditorium, dove saranno allestiti fantastici giardini, mostrate particolarità di architettura paesaggistica e artistica e illustrate varie letture sulla tematica inerente alla natura. I visitatori interessati potranno sfruttare delle consulenze gratuite, delle organizzazioni culinarie green, dei corsi di giardinaggio, delle attività rivolte ai bambini e agli istituti scolastici, nonché di tutti i progetti sociali ed eco sostenibili, ideati al fine di promuovere la cultura del verde, abbracciando tutte le sue infinite ramificazioni. Il Festival del Verde e del Paesaggio durerà per tre giorni consecutivi all’Auditorium Parco della Musica, al quale parteciperanno anche tra i più celebri vivai, disposti a fornire insegnamenti agli ospiti riguardo la scelta di piante prodotte in Italia attraverso metodi del tutto ecologici, in modo da farle crescere in


modo sano e prospero. Non mancheranno neanche altri importanti ospiti come Carlo Contesso, uno dei più noti ed eleganti garden designer italiani. Inoltre, quest’anno è prevista una novità: il terrazzo prêt – à – porter. Innovazione che tenta di coinvolgere perfino le persone più pigre, per stimolarle a creare un piccolo giardino sul proprio terrazzo. Le proposte del progetto ruotano attorno al concetto di esposizione solare: nord – sud – est ed ovest. Nuovo ruolo per la sezione letteraria le “Follie d’Autore“, curata daFranco Zagari, il quale ospiterà quest’anno “Il Giardino Misterioso“, iniziativa dedicata a Roma, inerente all’installazione di Elias Torres, un architetto e designer spagnolo, ritenuto tra i più autorevoli nell’orizzonte internazionale. Prevista la presentazione dei Tavoli d’Italia, attività di Ciriaco Campuspromossa da Alberto Abruzzese. Questa illustrerà la tavolata italiana, dalle ricette tradizionali, alle piante mediterranee con il loro utilizzo, dai grandi artisti e gioielli architettonici, alle opere liriche. Un vero e proprio tour inciso su tavoli in marmo di Carrara, alla scoperta del nostro Paese. In programma vari concorsi. Avventure Creative, tenuto da Fabio Di Carlo, il quale si propone di progettare giardini momentanei legati al tema del paesaggio: Walk on the Wild Side. Balconi per Roma, un concorso rivolto agli under 30, diretto da Franco Panzini, per presentare e selezionare diverse idee sperimentali per rivitalizzare dei balconi cittadini. Racconto Breve, un concorso letterario che sfida i concorrenti a narrare un racconto in una sola pagine. Giardini in Testa ispirerà i cappelli – istallazione pronti a sfilare nel Festival, progetto ideato dagli studenti dell’Accademia delle Belle Arti. Il Festival del Verde e del Paesaggio vuole sensibilizzare anche il nostro Paese al rispetto per l’ambiente, come hanno seguito altre città considerate virtuose per questo, promuovendo la dovuta attenzione alla Natura, la quale non può più attendere. di Erika Lo Magro 16 marzo 2015


Lifestyle Italiani giardinieri, il successo delle mostre-mercato. Il florovivaismo italiano vale 5 miliardi di euro Pienza, Roma e altrove. E FloraFirenze è la più grande mostra di piante e fiori d'Europa

(ANSA) - Ci sono eventi che vanno avanti da decenni, come Pienza e i fiori che compie 30 anni (1-10 maggio), in cui oltre ai giardini, chiostri e corti rinascimentali il clou sarà il mercato dei fiori dove acquistare piante e fiori di ogni tipo o da qualche anno come il Festival del verde e del paesaggio (Roma, giardino pensile dell'Auditorium Parco della musica 15-17 maggio) , ma le manifestazioni sono a decine in tutt'Italia soprattutto a primavera, in grandi città o piccoli paesi, tutte di successo. La passione per i giardini, per i fiori e le piante, è per gli italiani più che mai solida e anche a livello economico : il valore del florovivaismo in Italia vale cinque miliardi di Euro di produzione lorda, di cui circa 270 milioni esportati, principalmente in Germania, Olanda, Francia, Svizzera, Europa dell’Est e Medio Oriente. E' un settore che per decenni ha rappresentato una delle locomotive d’Europa e che ancora oggi è considerato tra i migliori al mondo in termini qualitativi. Produzione di fiori da recidere, di fogliame ornamentale, di piante in vaso per interni, da balcone, di piante per esterni, di bulbose da fiore: il florovivaismo italiano conta circa 30.000 aziende, 100.000 addetti, ricopre una superficie di fiori, piante e vivai di quasi 29 mila ettari (oltre 30 mila campi da calcio). Il consumo interno raggiunge la media di circa 26,5 Euro di fiori e piante pro-


capite all’anno. Il florovivaismo professionale italiano ha una storia antica che nasce alla metà dell’Ottocento in due aree che continuano a mantenere una posizione di assoluto rilievo: la regione Ligure, in particolare nel Ponente, e il vivaismo ornamentale in Toscana, con la più alta concentrazione nel pistoiese, che ancora oggi rappresenta la più significativa area vivaistica europea. Un settore che avanza, che si espande gradualmente per circa un secolo, fino alla crescita esponenziale e alla diffusione, seppure in misura diversa e in maniera diversificata, in tutte le regioni d’Italia. Ad oggi il settore del florovivaismo, pur nelle difficoltà della crisi economica attuale, rappresentaun’isola felice dell’agricoltura italiana, con grandi potenzialità di sviluppo per il futuro: le prospettive di aumento della domanda europea, il valore aggiunto della ricerca di varietà esclusive, la possibilità di creare marchi certificati di riconoscibilità del prodotto e la nascita di servizi collettivi tra gruppi di aziende, costituiscono le migliori premesse per un’ulteriore crescita. Con l'occasione di Expo, FloraFirenze (30-aprile - 11 maggio) , l’importante evento internazionale di fiori e piante che vedrà esposte le eccellenze del florovivaismo e del design made in Italy, riporta in auge la Floralies che dopo più di un secolo torna alle sue origini in una veste unica grazie al meraviglioso contesto naturale del Parco “Le Cascine” di Firenze: un percorso di 5 Km articolato su 120.000 mq con giardini e ambienti naturali ricreati attraverso la messa in opera di eccellenze assolute del florovivaismo. In uno scenario spettacolare ricco di creatività tecnica e cultura storica, 400 aziende e milioni di piante faranno di FloraFirenze un’esperienza sensoriale irripetibile. Firenze, culla del Giardino all’Italiana, nell’Ottocento Firenze inaugurò, per volontà dei Savoia, la prima vera manifestazione in cui arte visuale e florovivaismo vennero celebrate insieme, come unica ed organica espressione di bellezza, inventando così il concetto stesso di Floralies. Per iniziativa della Società Toscana di Orticultura, costola della Accademia dei Georgofili, partner di FloraFirenze, migliaia di piante rare e all’epoca oltremodo esotiche, vennero esposte insieme ai maggiori artisti del momento, quali Telemaco Signorini, Giovanni Fattori e Giovanni Segantini. La mostra, variamente declinata, venne ripetuta nel 1911 e nel 1931. Sarà a conti fatti la più grande mostra di piante e fiori d’Europa r: aree aperte, come quella dedicata alla Land Art o al Golf, ad aree coperte in speciali padiglioni pensati appositamente per la ricostruzione di microclimi adatti a conservare al meglio i giardini qui presentati: con una superficie di 130 per 50 metri, in totale assenza di pilastri centrali, la principale area coperta di FloraFirenze competerà con le più innovative e monumentali strutture di questo genere in tutto il mondo. Il Tropico, il Deserto, il Giardino Sardo, l’Arte dei Bonsai, il Giardino all’Italiana, il Mediterraneo, il Padiglione Collezioni, quello dedicato al Matrimonio saranno fra i temi di maggiore impatto architettonico, artistico e scenografico del lunghissimo percorso.


AD – ARCHITECTURAL DIGEST

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

04-2015

1


ULISSE

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

04-2015

1


FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO 2015 - AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA DI ROMA dal 15 Maggio 2015 al 17 Maggio 2015 - Segnalato da VALENTINE BOW

Share on facebookShare on twitterShare on emailShare on print|More Sharing Services info: Auditorium Parco della Musica Viale Pietro de Coubertin 00196 Roma Come arrivare → Giorni e orari il 15, 16, 17 maggio 2015 dalle 10 alle 20 Biglietteria Ingresso 10 € Under 26 8 € Gratuito fino a 12 anni Il biglietto si acquista alla biglietteria dell’Auditorium Giunto alla V edizione il Festival del Verde e del Paesaggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Tra le novità di quest’anno Méxicobarragántaco, la Follia d’Autore che Elias Torres e José Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán, i Terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso e i Tavoli d’Italia, opera inedita di Ciriaco Campus. Gli allestimenti verdi dei concorsi “Balconi per Roma” e “Avventure creative” guideranno come sempre il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile con i migliori vivai italiani, le più importanti aziende di design e arredamento da esterni, artigianato d’eccellenza, musica e arte contemporanea. Per soddisfare il piacere del giardinaggio si potranno acquistare alberi da frutto, piante acquatiche, rampicanti, cactus, rose … un'infinita varietà per terrazzi, balconi e giardini. Oggetti, arredamento, antiquariato, soluzioni all’avanguardia e proposte creative per progettare, vivere e trasformare grandi e piccoli spazi esterni. Giochi a tema per bambini, corsi di giardinaggio e di green cooking, orticoltura e garden design, gratuiti per tutti i visitatori, completano il programma dell’evento.


Festival Del Verde E Del Paesaggio Comune

Roma

Presso

Auditorium Parco della Musica

Provincia

Roma (RM)

Dal

15/05/2015

Al

17/05/2015

Categoria

Festival

Un'oasi urbana di 25.000 mq, un chilometro di esposizione dedicata a terrazzi balconi e giardini. Oltre 200 espositori, tra cui 60 produttori specializzati di piante da tutta Italia, soluzioni all'avanguardia e proposte creative per trasformare grandi e piccoli spazi esterni. è la quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio in programma dal 15 al 17 maggio all'Auditorium Parco della Musica di Roma con tante novità: Méxicobarragántaco, il giardino caleidoscopico che Elias Torres e José Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán, i Terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso e i Tavoli d'Italia, opera inedita dell'artista Ciriaco Campus. Gli allestimenti verdi dei concorsi "Balconi per Roma" e "Avventure creative" guideranno come ogni anno il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile tra corsi di giardinaggio e di green cooking, orticoltura e garden design, gratuiti per tutti i visitatori. Incontri e interviste, un'area con giochi a tema per bambini, la zona pic-nic con l'angolo bio e aperitivi jazz completano il piacere di partecipare ad un evento così originale.


Festival del Verde e del Paesaggio a maggio al Parco della Musica di Roma By redazione | on 21 aprile 2015 | Cultura & Ambiente

Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Novità di quest’anno è il terrazzo prêt-à-porter. Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, pronti da essere portati o copiati a casa. Le


quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord-sud-est-ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione curata da Franco Zagari, ospiterà quest’anno Il giardino misterioso, l’installazione che Elias Torres, architetto e designer spagnolo considerato tra le firme più autorevoli della scena internazionale, dedica a Roma. Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese mette l’Italia in tavola: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore… Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro Paese. La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. Il concorso letterarioRacconto breve sotto le foglie è una sfida difficile per tutti gli autori che devono riuscire a raccontare una storia in una sola pagina. Giardini in testa ispirerà i cappelli-istallazione che sfileranno al Festival, opera degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Grande attesa per la presentazione dei progetti pilota di città “virtuose” che hanno fatto del rispetto per l’ambiente e l’attenzione per l’impatto ambientale un caposaldo che produce occupazione, risparmio, bellezza. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione inoltre Giardini applicativerranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti del giardinaggio che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini e per le scuole, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi.


V Festival del Verde e del Paesaggio Aprile 21, 2015

Torna a Roma il Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica dal 15 al 17 maggio.

25.000 mq di esposizione, 180 espositori, 112 architetti coinvolti, 51 vivai specializzati, 111 testate giornalistiche presenti: questi sono solo alcuni dei numeri che caratterizzano questo immenso Festival verde.


Grandi numeri e perfetta location: l'Auditorium Parco della Musica, progettato da Renzo Piano, fa da cornice a un percorso che si estende per più di un km all'interno dell'area verde, nella quale si possono ammirare fantasiosi paesaggi e oggetti di design, il tutto immerso in un'estasi di profumi e colori.

All'interno del Festival del Verde e del Paesaggio si potranno apprezzare i giardini prêt-àporter di Carlo Contesso, oppure scoprire quanto può essere originale l'architettura del paesaggio con le opere di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Non solo architettura, ma anche design di tendenza e opere di artigianato di alto livello saranno presenti in questa esposizione. Incontri con i massimi esperti del settore consentiranno di approfondire svariati temi legati al verde e al paesaggio. Altri progetti come: concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini permetteranno di vivere il Festival al 100%.


L'Auditorium di Roma si tinge di verde dal 15 al 17 maggio - Foto 17:53 22 APR 2015

(AGI) - Roma, 22 apr. - L'Auditorium di Renzo Piano a Roma non e' solo sinonimo di musica. Dal 15 al 17 maggio il giardino pensile che circonda i tre 'carapaci' che sovrastano le sale sara' invaso da uno tsunami di fiori, piante, installazioni eco-compatibili per la V edizione del "Festival del Verde e del Paesaggio".

Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attivita' per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Tra le novita' di quest'anno il terrazzo Pret-a-porter, di Carlo Contesso, tra i piu' raffinati e conosciuti garden designer italiani pronti da essere portati o copiati a casa. Le quattro proposte sono pensate in base all'esposizione solare: nord - sud - est - ovest. Un nuovo modo facile anche per i piu' pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le "FOLLIE D'AUTORE": ospitera' quest'anno "Il giardino misterioso", l' installazione che Elias Torres, architetto e designer spagnolo considerato tra le firme piu' autorevoli della scena internazionale, dedica a Roma. Verde non e' solo decorazione e paesaggio ma e' anche sinonimo di agricoltura. Questo il leitmotiv che ispira "TAVOLI D'ITALIA", che mette l'Italia in


tavola: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore ... Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro paese. La creativita' si ripropone anche quest'anno con i concorsi: - AVVENTURE CREATIVE, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio - WALK ON THE WILD SIDE. BALCONI PER ROMA, concorso destinato agli under 30, seleziona proposte sperimentali di balconi in citta'. - RACCONTO BREVE SOTTO LE FOGLIE mette alla prova gli asperanti scrittori: e' una sfida difficile per tutti gli autori che devono riuscire a raccontare una storia in una sola pagina. - GIARDINI IN TESTA ispirera' i cappelli-istallazione che sfileranno al Festival, opera degli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma, coniugando anche un aspetto mondano, che si ispira alle creazioni che ogni giugno si vedono inalberate sulle teste delle gentildonne britanniche ad Ascot. - PROGETTI PILOTA DI CITTA' "VIRTUOSE", confronta i piani che hanno fatto del rispetto per l'ambiente e l'attenzione per l'impatto ambientale un caposaldo che produce occupazione, risparmio, bellezza. Nei tre giorni di evento i piu' importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell'outdoor e' completato dall'arredamento contemporaneo e d'antiquariato uniti all'artigianato di altissima qualita'. Nella sezione GIARDINI APPLICATI verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti del giardinaggio che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all'aperto. Consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attivita' per i bambini e per le scuole, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all'aperto: dall'arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi. (AGI) .


POSTED BY REDAZIONE IN GREEN LIFE

Anche quest’anno si avvicina la quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 Maggio, uno degli eventi italiani più straordinari e sorprendenti dedicati a questo. Numerose le iniziative e le possibilità passando dal vivaismo alla manutenzione del verde, dall’arte alle letture tematiche. Non solo: concerti, consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, attività per i bambini e per le scuole, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. Novità di quest’anno è, per esempio, il terrazzo pret-a-porter: pronto da essere portato a casa o copiato Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Grazie a questo progetto anche i meno pratici potranno godere di un terrazzo pensato “ad arte”. Saranno inoltre presentati i progetti pilota di città “virtuose” che hanno fatto del rispetto per l’ambiente e l’attenzione per l’impatto ambientale un caposaldo che produce occupazione, risparmio, bellezza. Un totale di 25,000 mq per una passeggiata di più di un kilometro per perdersi tra profumi, colori e varietà di piante. Fabrizio Salto


LA REPUBBLICA – ROMA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

23-04-2015

1


Verde passione di primavera, ora il giardino dà spettacolo È la stagione delle grandi fiere dedicate all'hobby dei fiori e delle piante. Dalla Landriana agli spazi di Eataly, fino all'Auditorium di LOREDANA TARTAGLIA 23 aprile 2015

È il momento del pollice verde. Per i patiti di giardinaggio nel weekend da domani a domenica arrivano due grandi fiere dedicate ai giardini, alle piante, ai fiori e agli arredi en plein air come i Giardini della Landriana e Floracult. La Landriana vicino Ardea, voluta dalla principessa Lavinia Taverna, oggi gestita dalla figlia Stefania Aldobrandini, festeggia quest'anno il ventennale con una serie di iniziative e con un giardino completamente rinnovato che ha ridato slancio all'oasi mediterranea a pochi chilometri da Roma. Più di centotrenta espositori offriranno il meglio tra piante insolite e rare ma anche fra soluzioni nuove e sostenibili per gestire giardini, balconi e spazi verdi. In più il progetto "Fuorigiardino" prevede la presenza in via Condotti e negli spazi di Eataly all'Ostiense di installazioni floreali per avvicinare sempre più il pubblico all'arte del florovivaismo. Nella tenuta I Casali del Pino alla Storta di Ilaria Fendi Venturini, taglia il nastro invece la sesta manifestazione targata Floracult, curata da Antonella Fornai,


esperta di giardini, che promette una tre giorni di appuntamenti green: venerdì, sabato e domenica ci saranno espositori da tutta Italia e Europa che proporranno novità botaniche da tutto il mondo, piante rare, libri e riviste, oggetti di artigianato e di design per esterni, vintage, di riciclo ed ecosostenibili, mobili ed arredi da giardino, nonché itinerari profumati proposti da Meo Fusciani speziale e ricercatore della memoria olfattiva che realizzerà un percorso evocativo "A occhi chiusi nel profumo" per dimostrare quanto i profumi e gli odori facciano parte del corpo e dei ricordi. Appena arrivati ciascuno potrà munirsi di una grande carriola dove sistemare le piante o gli oggetti acquistati e si potrà approfittare pure di fare una sosta nello spazio allestito en plein air tra panini gourmet, insalate e raffinatezze alimentari, complice una buona selezione di tè e infusi come in un caffè letterario tra fiori e piante. Nel panorama di Floracult con il verde a perdita d'occhio, svetterà la Warka Water, un progetto italiano dell'architetto Arturo Vittori per la raccolta di acqua potabile, una struttura di bambù alta nove metri in grado di catturare l'acqua dall'aria, che vedrà il primo esemplare entrare in funzione a fine 2015 in Etiopia. La rosa invece è l'affascinante protagonista della ventiduesima Festa delle Rose il 9 e il 10 maggio nel parco secolare di Palazzo Patrizi a Castel Giuliano sul lago di Bracciano, dove saranno in mostra e in vendita piante mediterranee come le profumate collezioni di rosmarini, cisti, salvie, lavande, artemisie, mirti, corbezzoli, plomix. Bisogna aspettare il weeekend dal 15 al 17 maggio per il Festival del Verde e del Paesaggio all'Auditorium Parco della Musica con tutto il suo carico di iniziative, piante, rose e peonie antiche, complementi d'arredo per balconi, terrazze e giardini. Tutto nei giardini pensili tra gli scarabei di Renzo Piano.


Festival del Verde e del Paesaggio ROMA 15/05/2015 - 10:00 - 17/05/2015 - 20:00

La quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio è in programma al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio 2015 (viale Pietro de Coubertin). Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival. Orario 10.0020.00.

Ingresso

a

pagamento

Info: www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it/

(gratuito

fino

ai

12

anni).


Primavera, come avere un giardino anche se si ha 'solo' un terrazzo. Dal garden designer Carlo Contesso stili ed esposizioni


(ANSA) - Terrazzi didattici: come avere un giardino se non si ha un giardino. Al festival del verde e del paesaggio a Roma (15-17 maggio Parco Pensile Auditorium Parco della musica) , il garden designer Carlo Contesso ha preparato quattro giardini pret-a-porter in relazione alle esposizioni e agli stili, consigli su quali piante scegliere e come posizionarle (vedi immagini) per poter replicare il progetto a casa propria. Il terrazzo pret-a-porter di Contesso è una delle novità di questa edizione che si articola tra architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini. Questi i consigli: Terrazza con esposizione Est: fiori bianchi (ortensie, gardenie, annuali) un limone a spalliera e piante dal fogliame verde - verde/giallo come nephrolepis cordata (è una felce), Filodendro hydrangea macrophylla in vasi in terracotta fatti a mano decorati con festoni . Il pavimento si consiglia chiaro color travertino. Terrazza con esposizione Sud: stile moderna, fatta per prendere il sole, con piante succulente dalle forme scultoree, graminacee ornamentali e piante mediterranee, piccole sculture in ferro e pietra, i vasi sono in alluminio galvanizzato (contro il muro e all'angolo) e vasi tondi smaltati di celeste e/o in terraglia ardesia. Pavimento in legno montato in diagonale . Consigliati: Gelsomino, Agave americana, Stipa tenuissima, Verbena bonariensis, Lavandula dentata, Succulente , rhaphiolepis umbrellata Terrazza con esposizione Ovest: piante mediterranee e pavimento in cotto . Le piante consigliate sono : Agapanto, pelargonium (geranio) da collezione , Rose rampicanti e piante aromatiche: salvia , timo rosmarino. E poi Cumquat e Mirto Terrazza con esposizione Nord: moderna, essenziale. Nell'angolo sonno in fila vasi smaltati lineari verde acido contengono felci e altre piante da ombra, all'angolo opposto in un vaso smaltato verde acido un bamboo nano a foglie enormi. il pavimento in quadrati 50x50 in ardesia è arricchito da una stuoia da esterni chiara. Queste le piante consigliate: Hydrangea petiolaris, Hydrangea Miranda, Acorus gramineum, Begonie da foglia , polystichum setiferum.


LE TENDENZE

Come trasformare il terrazzo di casa in un giardino: i consigli 29 Aprile 2015

ROMA. Terrazzi didattici: come avere un giardino se non si ha un giardino. Al festival del verde e del paesaggio a Roma (15-17 maggio Parco Pensile Auditorium Parco della musica) , il garden designer Carlo Contesso ha preparato quattro giardini pret-a-porter in relazione alle esposizioni e agli stili, consigli su quali piante scegliere e come posizionarle (vedi immagini) per poter replicare il progetto a casa propria. Il terrazzo pret-a-porter di Contesso è una delle novità di questa edizione che si articola tra architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini. Questi i consigli: Terrazza con esposizione Est: fiori bianchi (ortensie, gardenie, annuali) un limone a spalliera e piante dal fogliame verde - verde/giallo come nephrolepis cordata (è una felce), Filodendro hydrangea macrophylla in vasi in terracotta fatti a mano decorati con festoni . Il pavimento si consiglia chiaro color travertino. Terrazza con esposizione Sud: stile moderna, fatta per prendere il sole, con piante succulente dalle forme scultoree, graminacee ornamentali e piante mediterranee, piccole sculture in ferro e pietra, i vasi sono in alluminio galvanizzato (contro il muro e all'angolo) e vasi tondi smaltati di celeste e/o in terraglia ardesia. Pavimento in legno montato in


diagonale . Consigliati: Gelsomino, Agave americana, Stipa tenuissima, Verbena bonariensis, Lavandula dentata, Succulente , rhaphiolepis umbrellata Terrazza con esposizione Ovest: piante mediterranee e pavimento in cotto . Le piante consigliate sono : Agapanto, pelargonium (geranio) da collezione , Rose rampicanti e piante aromatiche: salvia , timo rosmarino. E poi Cumquat e Mirto Terrazza con esposizione Nord: moderna, essenziale. Nell'angolo sonno in fila vasi smaltati lineari verde acido contengono felci e altre piante da ombra, all'angolo opposto in un vaso smaltato verde acido un bamboo nano a foglie enormi. il pavimento in quadrati 50x50 in ardesia è arricchito da una stuoia da esterni chiara. Queste le piante consigliate: Hydrangea petiolaris, Hydrangea Miranda, Acorus gramineum, Begonie da foglia , polystichum setiferum.


Festival Del Verde E Del Paesaggio V Edizione

Dal 15 al 17 Maggio 2015 Auditorium Parco della Musica - Roma (RM)

Un'oasi urbana di 25.000 mq, un chilometro di esposizione dedicata a terrazzi balconi e giardini. Oltre 200 espositori, tra cui 60 produttori specializzati di piante da tutta Italia, soluzioni all'avanguardia e proposte creative per trasformare grandi e piccoli spazi esterni. è la quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio in programma dal 15 al 17 maggio all'Auditorium Parco della Musica di Roma con tante novità: Méxicobarragántaco, il giardino caleidoscopico che Elias Torres e José Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán, i Terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso e i Tavoli d'Italia, opera inedita dell'artista Ciriaco Campus. Gli allestimenti verdi dei concorsi "Balconi per Roma" e "Avventure creative" guideranno come ogni anno il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile tra corsi di giardinaggio e di green cooking, orticoltura e garden design, gratuiti per tutti i visitatori. Incontri e interviste, un'area con giochi a tema per bambini, la zona pic-nic con l'angolo bio e aperitivi jazz completano il piacere di partecipare ad un evento così originale.


Si terrà a Roma dal 15 al 17 maggio la V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio. Negli spazi offerti dal Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musicatroveranno posto alcuni esempi di come il paesaggio e i giardini possano comunicare al visitatore in maniera spettacolare e sorprendente. Durante il Festival del Verde e del Paesaggio si potrà visitare il giardino misteriosodi Elias Torres, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus o apprezzare iterrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso. Queste sono però solo alcune delle novità di questa manifestazione, i cui temi centrali saranno come nelle precedenti edizioni l’attenzione per l’architettura del paesaggio e dei giardini, l’arte e l’ambiente. Previsti inoltre incontri con esperti del settore, letture tematiche, concerti, attività didattiche con le scuole di giardinaggio e altre iniziative rivolte ai bambini. Durante l’edizione 2015 saranno presentati anche 3 concorsi legati al tema delgiardinaggio e del verde urbano: Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo; Balconi per Roma (destinato agli under 30), presieduto da Franco Panzini; Racconto breve sotto le foglie. Nell’ambito di Avventure Creative verrà chiesto ai partecipanti di progettare “giardini temporanei” sul tema del passaggio “walk on the wild side”. Balconi per Roma si occuperà di valutare e selezionare proposte sperimentali di balconi cittadini mentre Racconto breve sotto le foglie chiederà ai partecipanti di raccontare una storia utilizzando una sola pagina. Sfileranno inoltre cappelli-installazione, ispirati dai “Giardini in testa” e realizzati dagli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Verranno presentati durante il Festival anche quei progetti pilota di “città virtuose” che hanno posto il rispetto per l’ambiente e il territorio come volano per produrre non soltanto bellezza, ma anche risparmio e occupazione. Vivaisti ed esperti di giardinaggioforniranno inoltre consigli al pubblico su come scegliere piante prodotte in Italia mediante l’uso di metodi naturali e farle crescere rigogliose nel proprio giardino.


IL MESSAGGERO

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

01-05-2015

1


VIVIROMA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

05-2015

1


LIVING

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

05-2015

1


MAKEMEFEED.COM

Festival del Verde e del Paesaggio Pubblicata il: 2/05/2015

Un’oasi urbana di 25.000 mq , un chilometro di esposizione dedicata a terrazzi balconi e giardini. Oltre 200 espositori , tra cui 60 produttori specializzati di piante da tutta Italia, soluzioni all’avanguardia e proposte creative per trasformare grandi e piccoli spazi esterni. è la quinta edizione del Festival del Verde.


'Un giardino per tutti', a Roma torna il Festival del Verde e del Paesaggio

Articolo pubblicato il: 04/05/2015 'Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l’ha'. Questo sembra essere lo slogan dell’edizione 2015 del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma a Roma, al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica, dal 15 al 17 maggio, che per il quinto anno parlerà di natura e ambiente, utilizzando diversi linguaggi per promuovere la cultura del verde in modo semplice, colto, divertente e spettacolare, partendo da un’idea etica di armonia e bellezza. Si parte dal giardino immaginato delle 'Follie d’Autore': la sezione curata da Franco Zagari, che ospiterà quest’anno 'Méxicobarragántaco', l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Dal punto di vista strutturale l’istallazione è dichiaratamente ispirata alla forma del Taco, la famosa tortilla messicana. Un giardino intimo semi misterioso, omaggio all’architetto Luis Barragán, in cui non è possibile entrare, ma che può solo essere immaginato spiando, come dal buco della serratura, attraverso alcuni fori praticati nel recinto. 'Star' di questo giardino segreto è una pianta rampicante appositamente selezionata che ne ricopre le alte


pareti. Originaria del Messico è un ibrido cinese, la 'Solandra minima x Chinensis'. E trattandosi di un giardino misterioso e immaginario la pianta in questione in realtà non esiste, è puro frutto della fantasia dell’autore, ma non mancherà di stupire lo spettatore per la sua bellezza ed originalità. Per chi desidera avere un giardino sul terrazzo Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, ha creato 'I Giardini pret-à-porter'. Pronte da essere portate o copiate a casa, le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: Nord, Sud, Est, Ovest. Il giardino 'archeologico' è proposto dall’Orto Botanico di Tor Vergata, che ha ricreato il giardino così come era nell’antica Roma, un salto indietro nel tempo alla scoperta delle nostre radici dove, oltre a perdersi nei secoli passati, si possono ottenere informazioni pratiche sulla cura delle piante. Il gran tour dei giardini e delle passioni italiane si trova in 'Tavoli d’Italia', l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese, che mette letteralmente l’Italia in tavola: piante mediterranee, ricette della nostra tradizione, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore. Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un viaggio nel nostro Paese. Sempre stimolanti i giardini pensati dai giovani artisti; dalle 'bombe di semi' acquistabili da un distributore automatico pronte per essere gettate in un giardino 'guerrigliero', al 'BoxGiardino virtuale', una sorta di cabina del telefono in cui entrare e godere delle atmosfere e delle sensazioni che il verde regala: il profumo dei fiori, il rumore delle fronde, la percezione di fresco relax, ideale per città inquinate e cementificate selvaggiamente. Per i più romantici Cottage Garden Beatrice ha creato 'I giardini delle fiabe: distese di papaveri e giardini ideali per farfalle e api'; per i golosi Xyz propone un giardino di soli lamponi; non manca un tocco di fashion glamour, con 'Giardini in testa', la selezione di cappelli-istallazione ispirati al verde opera degli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma; infine i giardini sotto vetro di 'Bla bla' micro e mini paesaggi da tenere in casa. Per chi ama la letteratura si ritrovano quest’anno i 'Racconti brevi sotto le Foglie' nell’ormai noto concorso letterario e i Giardini temporanei sul tema 'walk on the wild side' del concorso Avventure Creative presieduto da Fabio Di Carlo. Il Festival si conferma come contenitore e luogo di visibilità importante, in cui convivono grande aziende internazionali e piccole realtà. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno, che creerà veri e propri salotti verdi arredati con le collezioni di


punta dell’azienda,. Per la prima volta al festival Escofet, azienda spagnola di arredo urbano in cemento firmato da grandi architetti e designers. Moltissime le realtà di artigianato creativo che scelgono il festival per presentare in anteprima i loro nuovi prodotti. Non mancheranno, come di consueto, i corner 'gourmet' che saranno quest’anno ancora più ampi e appetitosi, e si terranno nei tre giorni del festival consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature.


APPUNTAMENTI E INIZIATIVE

Dal 15 Maggio 2015 al 17 Maggio 2015

Festival del verde e del paesaggio 2015 Auditorium Parco della Musica - Parco pensile - Viale Pietro De Coubertin, 30 - ROMA (RM)

V edizione del festival di architettura del paesaggio e dei giardini, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con gli esperti, concerti, scuole di giardinaggio.. La V edizione del Festival del verde e del paesaggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Novità di quest’anno è il giardino prêt-à-porter: Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma alcuni piccoli terrazzi verdi, pronti per essere portati via o copiati a casa. Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale, nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione ospiterà quest’anno Méxicobarragántaco, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus mette l’Italia in tavola: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore: gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro paese. La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi. Da Avventure Creative, che chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio a Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 che seleziona proposte sperimentali di balconi in città. “L’estremità del mondo e il fondo di un giardino contengono la stessa quantità di meraviglie” (Christian Bobin) questo è il tema di Racconto breve sotto le foglie 2015. Giardini in testa ispirerà i cappelli-istallazione con cui sfileranno gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione Giardini verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Maggiori informazioni e programma completo su Festivaldelverdeedelpaesaggio.it.

Informazioni Sito web: http://www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it/

Tariffe ingresso 10 euro, under 26 8 euro, bambini fino ai 12 anni gratis

Parole chiave Auditorium Parco della Musica florivivaismo festival del verde e del paesaggio balconi per romaarchitetti del paesaggio Ultimo aggiornamento 04/05/2015


'Un giardino per tutti', a Roma torna il Festival del Verde e del Paesaggio Spettacoli e Cultura - 'Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l'ha'. Questo sembra essere lo slogan dell'edizione 2015 del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma a Roma, al Parco pensile dell'... Leggi la notizia Fabrizio Bocca Interessante, si va verso la #DETOTTIZZAZIONE della Roma. "Nel giardino di Garcia Totti non c’è" http://t.co/tZUkjGMlcq Persone: franco zagaricarlo contesso Organizzazioni: verdepaesaggio Prodotti: festivalmusica Luoghi: romamessico Tags: giardinoazienda


Un giardino per tutti a Roma torna il Festival del Verde e del Paesaggio LUNEDĂŒ 04 MAGGIO 2015 16:53

La quinta edizione si svolgera' al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica dal 15 al 17 maggio. Si parlera' di natura e ambiente, utilizzando diversi linguaggi per promuovere la cultura del verde

Roma, 4 mag. (AdnKronos) - 'Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l'ha'. Questo sembra essere lo slogan dell'edizione 2015 del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma a Roma, al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica, dal 15 al 17 maggio, che per il quinto anno parlera' di natura e ambiente, utilizzando diversi linguaggi per promuovere la cultura del verde in modo semplice, colto, divertente e spettacolare, partendo da un'idea etica di armonia e bellezza. Si parte dal giardino immaginato delle 'Follie d'Autore': la sezione curata da Franco Zagari, che ospitera' quest'anno 'Me'xicobarragantaco', l'installazione di Elas Torres e Antonio Martnez Lapena, architetti spagnoli considerati tra le firme piu' autorevoli della scena internazionale. Dal punto di vista strutturale l'istallazione e' dichiaratamente ispirata alla forma del Taco, la famosa tortilla messicana. Un giardino intimo semi misterioso, omaggio all'architetto Luis Barragan, in cui non e' possibile entrare, ma che puo' solo essere immaginato spiando, come dal buco della serratura, attraverso alcuni fori praticati nel recinto. 'Star' di questo giardino segreto e' una pianta rampicante appositamente selezionata che ne ricopre le alte pareti. Originaria del Messico e' un ibrido cinese, la 'Solandra minima x Chinensis'. E trattandosi di un giardino misterioso e immaginario la pianta in questione in realta' non esiste, e' puro frutto della fantasia dell'autore, ma non manchera' di stupire lo spettatore per la sua bellezza ed originalita'. Per chi desidera avere un giardino sul terrazzo Carlo Contesso, tra i piu' raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, ha creato 'I Giardini pret-a'-porter'. Pronte da essere portate o copiate a casa, le quattro proposte sono pensate in base all'esposizione solare: Nord, Sud, Est, Ovest. Il giardino 'archeologico' e' proposto dall'Orto Botanico di Tor Vergata, che ha ricreato il giardino cosi' come era nell'antica Roma, un salto indietro nel tempo alla scoperta delle nostre radici dove, oltre a perdersi nei secoli passati, si possono ottenere informazioni pratiche sulla cura delle piante. Il gran tour dei giardini e delle passioni italiane si trova in 'Tavoli d'Italia', l'opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese, che mette letteralmente l'Italia in tavola: piante mediterranee, ricette della nostra tradizione, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore. Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un viaggio nel nostro Paese.


Sempre stimolanti i giardini pensati dai giovani artisti; dalle 'bombe di semi' acquistabili da un distributore automatico pronte per essere gettate in un giardino 'guerrigliero', al 'Box- Giardino virtuale', una sorta di cabina del telefono in cui entrare e godere delle atmosfere e delle sensazioni che il verde regala: il profumo dei fiori, il rumore delle fronde, la percezione di fresco relax, ideale per citta' inquinate e cementificate selvaggiamente. Per i piu' romantici Cottage Garden Beatrice ha creato 'I giardini delle fiabe: distese di papaveri e giardini ideali per farfalle e api'; per i golosi Xyz propone un giardino di soli lamponi; non manca un tocco di fashion glamour, con 'Giardini in testa', la selezione di cappelli-istallazione ispirati al verde opera degli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma; infine i giardini sotto vetro di 'Bla bla' micro e mini paesaggi da tenere in casa. Per chi ama la letteratura si ritrovano quest'anno i 'Racconti brevi sotto le Foglie' nell'ormai noto concorso letterario e i Giardini temporanei sul tema 'walk on the wild side' del concorso Avventure Creative presieduto da Fabio Di Carlo. Il Festival si conferma come contenitore e luogo di visibilita' importante, in cui convivono grande aziende internazionali e piccole realta'. Anche quest'anno affianca la manifestazione l'azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l'arredamento da esterno, che creera' veri e propri salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell'azienda,. Per la prima volta al festival Escofet, azienda spagnola di arredo urbano in cemento firmato da grandi architetti e designers. Moltissime le realta' di artigianato creativo che scelgono il festival per presentare in anteprima i loro nuovi prodotti. Non mancheranno, come di consueto, i corner 'gourmet' che saranno quest'anno ancora piu' ampi e appetitosi, e si terranno nei tre giorni del festival consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attivita' per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature.


Green

'Un giardino per tutti', a Roma torna il Festival del Verde e del Paesaggio La quinta edizione si svolgerà al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica dal 15 al 17 maggio. Si parlerà di natura e ambiente, utilizzando diversi linguaggi per promuovere la cultura del verde Roma, 4 mag. (AdnKronos) - 'Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l’ha'. Questo sembra essere lo slogan dell’edizione 2015 del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma a Roma, al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica, dal 15 al 17 maggio, che per il quinto anno parlerà di natura e ambiente, utilizzando diversi linguaggi per promuovere la cultura del verde in modo semplice, colto, divertente e spettacolare, partendo da un’idea etica di armonia e bellezza. Si parte dal giardino immaginato delle 'Follie d’Autore': la sezione curata da Franco Zagari, che ospiterà quest’anno 'Méxicobarragántaco', l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Dal punto di vista strutturale l’istallazione è dichiaratamente ispirata alla forma del Taco, la famosa tortilla messicana. Un giardino intimo semi misterioso, omaggio all’architetto Luis Barragán, in cui non è possibile entrare, ma che può solo essere immaginato spiando, come dal buco della serratura, attraverso alcuni fori praticati nel recinto. 'Star' di questo giardino segreto è una pianta rampicante appositamente selezionata che ne ricopre le alte pareti. Originaria del Messico è un ibrido cinese, la 'Solandra minima x Chinensis'. E trattandosi di un giardino misterioso e immaginario la pianta in questione


in realtà non esiste, è puro frutto della fantasia dell’autore, ma non mancherà di stupire lo spettatore per la sua bellezza ed originalità. Per chi desidera avere un giardino sul terrazzo Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, ha creato 'I Giardini pret-à-porter'. Pronte da essere portate o copiate a casa, le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: Nord, Sud, Est, Ovest. Il giardino 'archeologico' è proposto dall’Orto Botanico di Tor Vergata, che ha ricreato il giardino così come era nell’antica Roma, un salto indietro nel tempo alla scoperta delle nostre radici dove, oltre a perdersi nei secoli passati, si possono ottenere informazioni pratiche sulla cura delle piante. Il gran tour dei giardini e delle passioni italiane si trova in 'Tavoli d’Italia', l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese, che mette letteralmente l’Italia in tavola: piante mediterranee, ricette della nostra tradizione, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore. Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un viaggio nel nostro Paese. Sempre stimolanti i giardini pensati dai giovani artisti; dalle 'bombe di semi' acquistabili da un distributore automatico pronte per essere gettate in un giardino 'guerrigliero', al 'Box- Giardino virtuale', una sorta di cabina del telefono in cui entrare e godere delle atmosfere e delle sensazioni che il verde regala: il profumo dei fiori, il rumore delle fronde, la percezione di fresco relax, ideale per città inquinate e cementificate selvaggiamente. Per i più romantici Cottage Garden Beatrice ha creato 'I giardini delle fiabe: distese di papaveri e giardini ideali per farfalle e api'; per i golosi Xyz propone un giardino di soli lamponi; non manca un tocco di fashion glamour, con 'Giardini in testa', la selezione di cappelli-istallazione ispirati al verde opera degli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma; infine i giardini sotto vetro di 'Bla bla' micro e mini paesaggi da tenere in casa. Per chi ama la letteratura si ritrovano quest’anno i 'Racconti brevi sotto le Foglie' nell’ormai noto concorso letterario e i Giardini temporanei sul tema 'walk on the wild side' del concorso Avventure Creative presieduto da Fabio Di Carlo. Il Festival si conferma come contenitore e luogo di visibilità importante, in cui convivono grande aziende internazionali e piccole realtà. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per


l’arredamento da esterno, che creerà veri e propri salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda,. Per la prima volta al festival Escofet, azienda spagnola di arredo urbano in cemento firmato da grandi architetti e designers. Moltissime le realtà di artigianato creativo che scelgono il festival per presentare in anteprima i loro nuovi prodotti. Non mancheranno, come di consueto, i corner 'gourmet' che saranno quest’anno ancora più ampi e appetitosi, e si terranno nei tre giorni del festival consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature.


Ritorna al Parco della Musica, il Festival del Verde e del PaesaggioUn'oasi urbana di 25.000 mq, oltre 200 espositori, concorsi e giardini d'autore Roma, dal 15 al 17 maggio 2015

Un'oasi urbana di 25.000 mq, un chilometro di esposizione dedicata a terrazzi balconi e giardini. Oltre200 espositori, tra cui 60 produttori specializzati di piante da tutta Italia, soluzioni all'avanguardia e proposte creative per trasformare grandi e piccoli spazi esterni.

È la quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio in programma dal 15 al 17 maggio all'Auditorium Parco della Musica di Roma con tante novità: Méxicobarragántaco, il giardino caleidoscopico che Elias Torres e José Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán, i Terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso e i Tavoli d'Italia, opera inedita dell'artista Ciriaco Campus.


Follie d'Autore, la sezione curata da Franco Zagari si conferma come momento fra i più interessanti della sperimentazione sul giardino in Italia. Quest'anno ospiterà Méxicobarragántaco. Si tratta di un'installazione progettata da José Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña con la collaborazione diMonica Sgandurra e Adrià Orriols. I due architetti spagnoli, tra le firme più autorevoli della scena internazionale, hanno ideato un giardino intimo e misterioso, un omaggio all'architetto messicano Luis Barragán. I progettisti si sono ispirati al taco, la tipica tortilla ripiena di vari ingredienti. Allo stesso modo del gustoso piatto, il giardino è "assaporabile" attraverso i sensi: vista, olfatto e udito. Novità di quest'anno è il giardino prêt-à-porter: da poter replicare a casa. L'autore è Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera. Contesso ha progettato quattro terrazze di 4 x 2,5 metri, ciascuna posizionata in uno dei quattro punti cardinali. A Sud un solarium con doccia e pavimento in legno; ad Ovest una sala per cene immersa in un ambiente di piante mediterranee; un angolo-lettura tra le felci a Nord e ad Est un romantico spazio per la colazione.


Gli allestimenti verdi dei concorsi "Balconi per Roma" e "Avventure creative" guideranno come ogni anno il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile tra corsi di giardinaggio e di green cooking, orticoltura e garden design, gratuiti per tutti i visitatori. Giardini in testa ispirerĂ i cappelli-istallazione con cui sfileranno gli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma. Incontri e interviste, un'area con giochi a tema per bambini, la zona pic-nic con l'angolo bio e aperitivi jazz completano il piacere di partecipare ad un evento cosĂŹ originale. Appuntamento: dal 15 al 17 maggio 2015 Auditorium Parco della Musica, Viale Pietro de Coubertin 00196 Roma


All'Auditorium il Festival del verde e del paesaggio 190 00

no misterioso di Elias Torres, Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d'Italia firmati da Ciriaco Campus: è la Quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica dal 15 al 17 maggio prossimi . Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono questi i punti di forza del Festival. Principale novità di quest'anno è il giardino prêt-à-porter di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, ipotesi pronte a essere portate o copiate a casa . Le quattro proposte sono pensate in base all'esposizione solare: nord - sud - est - ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Festival del Verde e del Paesaggio V edizione 15 16 17 maggio 2015 dalle 10.00 alle 20.00 Roma - Auditorium Parco della Musica - Ingresso Viale de Coubertin Gratuito fino a 12 anni www. festivaldelverdeedelpaesaggio. it


GGIO

AL DEL

Nella foto: Si potranno acquistare alberi da frutto, bulbi, piante acquatiche, rampicanti, cactus, rose antiche e moderneCrediti: Festival del Verde e del Paesaggio 2015

UNA KERMESSE UNICA NEL SUO GENERE, UN’OASI URBANA DI 25.000 METRI QUADRATI, UN CHILOMETRO DI ESPOSIZIONE DEDICATA A TERRAZZI BALCONI E GIARDINI. OLTRE 200 ESPOSITORI, TRA CUI 60 PRODUTTORI SPECIALIZZATI DI PIANTE DA TUTTA ITALIA, SOLUZIONI ALL’AVANGUARDIA E PROPOSTE CREATIVE PER TRASFORMARE GRANDI E PICCOLI SPAZI ESTERNI. È LA QUINTA EDIZIONE DEL FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO IN PROGRAMMA DAL 15 AL 17 MAGGIO ALL’AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA DI ROMA Nel video: Music: Florrie+Annie vs. Herr StylerCrediti: FVP Roma - 2014

Tantissime le novità: Méxicobarragántaco, il giardino caleidoscopico che Elias Torres e José Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán. I due architetti spagnoli, considerati tra le firme più autorevoli della scena


internazionale, hanno ideato un giardino intimo e semi misterioso in omaggio all’architetto messicano Luis Barragán (Guadalajara 1902 – Città del Messico 1988), il più importante architetto messicano del XX secolo. E poi i Terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso e i Tavoli d’Italia, opera inedita dell’artista Ciriaco Campus che mette l’Italia in tavola: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore. Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro paese.

La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. “L’estremità del mondo e il fondo di un giardino contengono la stessa quantità di meraviglie” (Christian Bobin) questo è il tema di Racconto breve sotto le foglie 2015. Gli allestimenti verdi dei concorsi “Balconi per Roma” e “Avventure creative” guideranno come ogni anno il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile tra corsi di giardinaggio (guarda il programma di seminari e corsi) e di green cooking, orticoltura e garden design, gratuiti per tutti i visitatori. Incontri e interviste, un’area con giochi a tema per bambini, la zona pic-nic con l’angolo bio e aperitivi jazz completano il piacere di partecipare ad un evento così originale.

Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti Si potranno acquistare alberi da frutto, bulbi, piante acquatiche, rampicanti, cactus, rose antiche e moderne, con un’ampia scelta di varietà botaniche per colorare terrazzi, balconi e giardini. Con i migliori vivai italiani, come ogni anno pronti a trasmettere al pubblico la propria passione e a fornire consigli preziosi sulla cura e la crescita delle piante.


Per conoscere i vivaisti presenti al prestigioso evento della capitale, cliccate qui per visionare l'elenco sul sito della manifestazione.

Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini

Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione Giardini verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno. Nei salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda, consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio ospiterà inoltre – per il secondo anno – la Giornata del Verde, progetto didattico ideato e coordinato dall’Associazione culturale Progettiper Città – Arte – Paesaggio. Alle le classi IV e V elementare e I media di alcune scuole di Roma viene offerta la possibilità di partecipare gratuitamente al Festival, usufruendo dei laboratori ideati ad hoc. Per conoscere l'evento nel dettaglio visitate il sito della kermesse Organizzazione della manifestazione Via degli Orti d'Alibert 9, 00165 Roma Tel. +39 06 87909043 Fax +39 06 23326975 info@festivaldelverdeedelpaesaggio.it


Ritorna il 'Festival del Verde e del Paesaggio' In programma a Roma dal 15 al 17 maggio.

'Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l’ha'. Questo sembra essere lo slogan dell’edizione 2015 del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma a Roma, al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica, dal 15 al 17 maggio, che per il quinto anno parlerà di natura e ambiente, utilizzando diversi linguaggi per promuovere la cultura del verde in modo semplice, colto, divertente e spettacolare, partendo da un’idea etica di armonia e bellezza. Si parte dal giardino immaginato delle 'Follie d’Autore': la sezione curata da Franco Zagari, che ospiterà quest’anno 'Méxicobarragántaco', l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Dal punto di vista strutturale l’istallazione è dichiaratamente ispirata alla forma del Taco, la famosa tortilla messicana. Un giardino intimo semi misterioso, omaggio all’architetto Luis Barragán, in cui non è possibile entrare, ma che può solo essere immaginato spiando, come dal buco della serratura, attraverso alcuni fori praticati nel recinto. 'Star' di questo giardino segreto è una pianta rampicante appositamente selezionata che ne ricopre le alte pareti. Originaria del Messico è un ibrido cinese, la 'Solandra minima x Chinensis'. E trattandosi di un giardino misterioso e immaginario la pianta in questione in realtà non esiste, è puro frutto della fantasia dell’autore, ma non mancherà di stupire lo spettatore per la sua bellezza ed originalità. Per chi desidera avere un giardino sul terrazzo Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, ha creato 'I Giardini pret-àporter'. Pronte da essere portate o copiate a casa, le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: Nord, Sud, Est, Ovest. Il giardino 'archeologico' è proposto dall’Orto Botanico di Tor Vergata, che ha ricreato il giardino così come era nell’antica Roma, un salto indietro nel tempo alla scoperta delle nostre radici dove, oltre a perdersi nei secoli passati, si possono ottenere informazioni pratiche sulla cura delle piante.


Il gran tour dei giardini e delle passioni italiane si trova in 'Tavoli d’Italia', l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese, che mette letteralmente l’Italia in tavola: piante mediterranee, ricette della nostra tradizione, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore. Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un viaggio nel nostro Paese. Sempre stimolanti i giardini pensati dai giovani artisti; dalle 'bombe di semi' acquistabili da un distributore automatico pronte per essere gettate in un giardino 'guerrigliero', al 'Box- Giardino virtuale', una sorta di cabina del telefono in cui entrare e godere delle atmosfere e delle sensazioni che il verde regala: il profumo dei fiori, il rumore delle fronde, la percezione di fresco relax, ideale per città inquinate e cementificate selvaggiamente. Per i più romantici Cottage Garden Beatrice ha creato 'I giardini delle fiabe: distese di papaveri e giardini ideali per farfalle e api'; per i golosi Xyz propone un giardino di soli lamponi; non manca un tocco di fashion glamour, con 'Giardini in testa', la selezione di cappelli-istallazione ispirati al verde opera degli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma; infine i giardini sotto vetro di 'Bla bla' micro e mini paesaggi da tenere in casa. Per chi ama la letteratura si ritrovano quest’anno i 'Racconti brevi sotto le Foglie'nell’ormai noto concorso letterario e i Giardini temporanei sul tema 'walk on the wild side' del concorso Avventure Creative presieduto da Fabio Di Carlo. Il Festival si conferma come contenitore e luogo di visibilità importante, in cui convivono grande aziende internazionali e piccole realtà. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno, che creerà veri e propri salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda,. Per la prima volta al festival Escofet, azienda spagnola di arredo urbano in cemento firmato da grandi architetti e designers. Moltissime le realtà di artigianato creativo che scelgono il festival per presentare in anteprima i loro nuovi prodotti. Non mancheranno, come di consueto, i corner 'gourmet' che saranno quest’anno ancora più ampi e appetitosi, e si terranno nei tre giorni del festival consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature.


AUDITORIUM: ARRIVA IL ‘FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO’ Posted on 5 maggio 2015 by Redazione

Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus: è la Quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica dal 15 al 17 maggio prossimi . Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono questi i punti di forza del Festival. Principale novità di quest’anno è il giardino prêt-à-porter di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, ipotesi pronte a essere portate o copiate a casa . Le quattro proposte

sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Festival del Verde e del Paesaggio V edizione 15 16 17 maggio 2015 dalle 10.00 alle 20.00. Roma – Auditorium Parco della Musica – Ingresso Viale de Coubertin Gratuito fino a 12 anni – www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it


AllNews24

FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO, A ROMA LA QUINTA EDIZIONE 6 MAGGIO 2015

FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma alParco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti.


Roma – festival del verde e del paesaggio DA OSTINATE CONTRARIE / MERCOLEDÌ, 06 MAGGIO 2015 / PUBBLICATO IN BLOG

Si terrà a Roma dal 15 al 17 maggio la V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio. Negli spazi offerti dal Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica troveranno posto alcuni esempi di come il paesaggio e i giardini possano comunicare al visitatore in maniera spettacolare e sorprendente. Durante il Festival del Verde e del Paesaggio si potrà visitare il giardino misterioso di Elias Torres, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus o apprezzare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso. Queste sono però solo alcune delle novità di questa manifestazione, i cui temi centrali saranno come nelle precedenti edizioni l’attenzione per l’architettura del paesaggio e dei giardini, l’arte e l’ambiente. Previsti inoltre incontri con esperti del settore, letture tematiche, concerti, attività didattiche con le scuole di giardinaggio e altre iniziative rivolte ai bambini. Durante l’edizione 2015 saranno presentati anche 3 concorsi legati al tema del giardinaggio e del verde urbano: Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo; Balconi per Roma (destinato agli under 30), presieduto da Franco Panzini; Racconto breve sotto le foglie. Nell’ambito di Avventure Creative verrà chiesto ai partecipanti di progettare “giardini temporanei” sul tema del passaggio “walk on the wild side”. Balconi per Roma si occuperà di valutare e selezionare proposte sperimentali di balconi cittadini mentre Racconto breve sotto le foglie chiederà ai partecipanti di raccontare una storia utilizzando una sola pagina. Sfileranno inoltre cappelli-installazione, ispirati dai “Giardini in testa” e realizzati dagli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Verranno presentati durante il Festival anche quei progetti pilota di “città virtuose” che hanno posto il rispetto per l’ambiente e il territorio come volano per produrre non soltanto bellezza, ma anche risparmio e occupazione. Vivaisti ed esperti di giardinaggio forniranno inoltre consigli al pubblico su come scegliere piante prodotte in Italia mediante l’uso di metodi naturali e farle crescere rigogliose nel proprio giardino.


TURISMOROMA.IT

FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO

Share on facebookShare on printShare on oknotizieMore Sharing Services1 Quinta edizione dell’evento dedicato agli amanti del verde e del giardinaggio. Nei giorni della manifestazione sarà infatti possibile approfondire la conoscenza delle piante, acquistare alberi da frutto, rampicanti, cactus, rose e tante altre varietà per scoprire allo stesso tempo nuove soluzioni d’arredo per piccoli e grandi spazi esterni. Il programma è ricco di eventi: giochi a tema per bambini, corsi di giardinaggio e di green cooking, orticoltura e garden design. Per maggiori informazioni: www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it Vai alla scheda completa dal 15-5-2015 al 17-5-2015 Sede Auditorium Parco della Musica

Indirizzo Viale Pietro De Coubertin, 30 Acquisto telefonico: 199.109.783 Email: info@musicaperroma.it Sito web: www.auditorium.com/eventi/ricerca?input=EV_5774745 Telefono: 0039 06 80241281

Periodo 15-5-2015 al 17-5-2015


Torna il festival del verde all’Auditorium

By Elenamaggio 7th, 2015 Quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica dal 15 al 17 maggio prossimi. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono questi i punti di forza del Festival. Principale novità di quest’anno è il giardino prêt-à-porter di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, con le sue idee, pronte a essere portate o copiate a casa. Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Festival del Verde e del Paesaggio V edizione 15 16 17 maggio 2015 dalle 10.00 alle 20.00. Roma – Auditorium Parco della Musica – Ingresso Viale de Coubertin Gratuito fino a 12 anni –www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it


Festival del Verde e del Paesaggio Il festival si svolgerà il 15 - 16 - 17 maggio 2015. La manifestazione si terrà sul Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica di Roma. Il Garden Show del Festival del Verde e del Paesaggio mette in mostra le ultime tendenze del verde e del design da esterni. Nei tre giorni di manifestazione si acquistano le piante più rare e più belle dei migliori vivai italiani, gli oggetti, i mobili e i complementi da esterno dei negozi ed antiquari più selezionati, si scoprono spunti e proposte di designer e artigiani, lungo un percorso di oltre un chilometro nella magnifica cornice dell'Auditorium di Renzo Piano. Ingresso dalle 10,00 alle 20,00 a pagamento: € 10,00; under 26 € 8; gratuito fino a 12 anni. Auditorium Parco della Musica Viale Pietro de Coubertin 00196 Roma Tel. 06 87909043 - info@festivaldelverdeedelpaesaggio.it - www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it


Festival del verde e del paesaggio - V edizione Parco pensile - Auditorium Parco della Musica - Roma, 15-17 maggio 2015 Concorso Avventure creative: walk on the wild side – variazioni sul tema del percorso Il Festival del Verde e del Paesaggio è un appuntamento annuale in programma ogni terza settimana di maggio al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Il Festival si propone di esplorare i diversi ambiti e linguaggi del paesaggio contemporaneo attraverso il punto di vista di architetti, paesaggisti, vivaisti specializzati, operatori del settore, aziende, artisti e designers, in un'ottica di valorizzazione estetica e di miglioramento della qualità della vita del territorio, in particolar modo della città. www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it


TANTI INCONTRI NEI NEGOZI CITTÀ DEL SOLE: DALLA LETTERATURA ALLA SCIENZA maggio 07 Prosegue il ciclo di letture e laboratori gratuiti per bambini proposto da Città del sole in collaborazione con alcune Case Editrici di Roma, inaugurato in occasione del 23 di aprile Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore. L’8 maggio alle ore 17,00 nel negozio Città del sole di Via Oderisi da Gubbio 130 laboratorio di lettura con un personaggio un po’ particolare, che si prendeva troppo sul serio, ma era molto convinto di raddrizzare torti e vendicare ingiustizie … Don Chisciotte con Sancio Panza e le storie di antichi cavalieri.“Il mio primo Don Chisciotte”: un piccolo assaggio di una grande storia raccontata ai bambini da Felix Lorioux. In collaborazione con Donzelli editore. Sempre l’8 maggio alle ore 17,00 nel negozio Città del sole di Via Appia nuova 401 in collaborazione con Amnesty International e Gallucci Editore si terrà il laboratorio di lettura su “Sogni di libertà” di Autori vari. Parleremo insieme di un bene irrinunciabile: libertà di essere bambini, libertà di imparare, libertà di avere una casa. Libertà di cambiare le cose. Il 9 maggio alle ore 16,30 la Città del sole di Via Baldovinetti 80 ospiterà un laboratorio con Carla Ghisalberti (età dai 4 anni in su). Racconteremo la stupefacente singolarità dei nostri cari: “La mia famiglia selvaggia” di Laurent Moreau (Orecchio acerbo editore). Un laboratorio con molte sorprese: orecchie di animali, musetti impertinenti, e righe di zebra. Nel corso di questa settimana si inaugureranno anche i laboratori gratuiti in collaborazione con il Festival del verde e del paesaggio, alla scoperta della vita segreta delle piante. Apparentemente immobile, come la lancetta delle ore di un orologio da parete, il mondo vegetale è in realtà in costante movimento. Ciò che vediamo è infatti il risultato di una lunga selezione, un continuo confrontarsi con l’ambiente circostante e le strategie che le piante hanno attuato per sopravvivere. “Vegetare sembra facile”: Laboratorio visivo, tattile, olfattivo per sperimentare e percepire quello che sfugge a prima vista. Un modo di giocare con i nostri sensi, per conoscere.


Dal 15 al 17 maggio al Parco della Musica la V edizione del Festival del verde e del Paesaggio 7 maggio 2015 - 06:43 | 0 Commenti | Commenta l'articolo

Il Festival del Verde e del Paesaggio è la manifestazione dedicata all’architettura del paesaggio, al piacere del giardinaggio, alla conoscenza delle piante, al design da esterni. E’ un grande contenitore che utilizza diversi linguaggi per promuovere la cultura del verde in modo semplice, colto, divertente e spettacolare, partendo da un’idea etica di armonia e bellezza. L’idea è di Gaia F. Zadra, la direzione creativa di Ciriaco Campus ed è realizzato insieme a Marilina De Mita e Alessandro Bertolini, tutti provenienti da esperienze legate alla comunicazione, organizzazione eventi e arte contemporanea. La quinta edizione è in programma il 15, 16 e 17 maggio 2015 sul Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma e conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono questi i punti di forza del Festivalanche per questa nuova edizione. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Tra le novità di quest’anno il giardino prêt-à-porter di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione curata da Franco Zagari, ospiterà


quest’anno Méxicobarragántaco,l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi. Avventure Creative,presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio walk on the wild side. Balconi per Roma, è invece il concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, in cui si selezionano le proposte sperimentali di balconi in città. Giardini in testa ispirerà i cappelliistallazione con cui sfileranno gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Anche quest’anno ad affiancare la manifestazione ci sarà l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno. Consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi.


CORRIERE DELLA SERA - ROMA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

08-05-2015

1


Festival del Verde e del Paesaggio 2015

Come per la precedente edizione, vi segnaliamo anche quest’anno un appuntamento imperdibile per gli amanti dell’architettura del paesaggio. Dal 15 al 17 maggio, all’Auditorium Parco della Musica di Roma, torna il Festival del Verde e del Paesaggio. Giunto alla V edizione, il Festival torna a parlare di ambiente e giardini in modo sorprendente e coinvolgente. Le novità

Tra le novità di quest’anno, i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, noto garden designer italiano. Quattro le proposte di giardini, progettati secondo l’esposizione solare (nord, sud, est, ovest), per essere replicati facilmente, anche sul terrazzo di casa. Sul fronte della sperimentazione troviamo le Follie d’Autore, la sezione curata da Franco Zagari. Quest’anno sarà ospitata Méxicobarragántaco, l’installazione che gli architetti spagnoli Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán.


I concorsi

Non mancano gli allestimenti verdi dei concorsi “Balconi per Roma” e “Avventure creative” che fanno parte del lungo percorso espositivo disegnato sul parco pensile dell’Auditorium. Prendono parte alla mostra i migliori vivaisti italiani, le più importanti aziende di design e arredamento da esterni e l’artigianato d’eccellenza. Quest’anno Avventure Creative si sviluppa intorno al progettare giardini temporanei sul tema paesaggistico “walk on the wild side”. Mentre Balconi per Roma, il concorso destinato agli under 30, selezionerà proposte sperimentali per i balconi delle città. Il piacere del giardinaggio

Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Gli appassionati di giardinaggio possono acquistare alberi da frutto, piante acquatiche, rampicanti, cactus, rose per terrazzi, balconi e giardini, oltre ad oggetti di arredamento, antiquariato, avanguardia utili per progettare grandi e piccoli spazi esterni. Curiosità

Nell’ambito del nutrito programma, Giardini in testa ispira i cappelli-istallazione, con cui sfileranno gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Il programma 2015

Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i tanti punti di forza del programma dell’evento.


Festival del Verde e del Paesaggio 2015

Giunge alla quinta edizione il Festival del Verde e del Paesaggio, la manifestazione dedicata alla diffusione della cultura del verde urbano. Ai Giardini Pensili del Parco della Musica dal 15 al 17 maggio esposizioni, workshop, incontri, performance e gli immancabili stand-mercato. COSA TROVERETE Fra le novità di quest’anno Méxicobarragántaco, la Follia d’Autore che Elias Torres e José Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán, i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso e i Tavoli d’Italia, opera inedita di Ciriaco Campus. Gli allestimenti verdi dei concorsi “Balconi per Roma” e “Avventure creative” guideranno come ogni anno il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile con i migliori vivai italiani, le più importanti aziende di design e arredamento da esterni, artigianato d’eccellenza, musica e arte contemporanea. Per soddisfare il piacere del giardinaggio si potranno acquistare alberi da frutto, piante acquatiche, rampicanti, cactus, rose: un'infinita varietà per terrazzi, balconi e giardini. Oggetti, arredamento, antiquariato, soluzioni all’avanguardia e proposte creative per progettare, vivere e trasformare grandi e piccoli spazi esterni. Giochi a tema per bambini, corsi di giardinaggio e di green cooking, orticoltura e garden design, gratuiti per tutti i visitatori, completano il programma dell’evento, che venerdì ospiterà una giornata dedicata alle scuole di Roma con corsi e laboratori per sensibilizzare e promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature.


Agenda Festival del verde e del paesaggio

La quinta edizione del "Festival del verde e del paesaggio", la manifestazione dedicata all’architettura del paesaggio, al piacere del giardinaggio, alla conoscenza delle piante, al design da esterni, è in programma dal 15 al 17 maggio 2015 presso il Parco pensile dell'Auditorium Parco della musica di Roma. Esposizioni, conferenze, concerti e incontri con le aziende saranno in programma per tutti i tre giorni. Costo del biglietto 10,00 Euro (8,00 Euro per gli under 26; gratuito fino a 12 anni). http://www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it/


Roma, Al Parco della Musica la quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio maggio 8, 2015 • Cronaca, Cultura e Spettacolo, Tematiche

Torna una delle più belle ed interessanti manifestazioni all’aperto nel magnifico scenario delle Terrazze dell’Auditorium Parco della Musica a Roma, viale Pierre de Coubertin. Ecco qui di seguito la nota stilata dall’ufficio stampa della quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, dal 15 al 17 maggio p.v. Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Novità di quest’anno è il giardino prêt-à-porter. Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, pronti da essere portati o copiati a casa . Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione curata da Franco Zagari, ospiterà quest’anno Méxicobarragántaco, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese mette l’Italia in tavola: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore … Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro paese. La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. “L’estremità del mondo e il fondo di un giardino contengono la stessa quantità di meraviglie” (Christian Bobin) questo è il tema di Racconto breve


sotto le foglie 2015. Giardini in testa ispirerà i cappelli-istallazione con cui sfileranno gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione Giardini verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno. Nei salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda, consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio ospiterà inoltre – per il secondo anno – la Giornata del Verde, progetto didattico ideato e coordinato dall’Associazione culturale Progettiper Città – Arte – Paesaggio. Alle le classi IV e V elementare e I media di alcune scuole di Roma viene offerta la possibilità di partecipare gratuitamente al Festival, usufruendo dei laboratori ideati ad hoc.


FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO 2015 - AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA DI ROMA dal 15 Maggio 2015 al 17 Maggio 2015 - Segnalato da VALENTINE BOW

Share on facebookShare on twitterShare on emailShare on print|More Sharing Services info: Auditorium Parco della Musica Viale Pietro de Coubertin 00196 Roma Come arrivare → Giorni e orari il 15, 16, 17 maggio 2015 dalle 10 alle 20 Biglietteria Ingresso 10 € Under 26 8 € Gratuito fino a 12 anni Il biglietto si acquista alla biglietteria dell’Auditorium Giunto alla V edizione il Festival del Verde e del Paesaggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Tra le novità di quest’anno Méxicobarragántaco, la Follia d’Autore che Elias Torres e José Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán, i Terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso e i Tavoli d’Italia, opera inedita di Ciriaco Campus. Gli allestimenti verdi dei concorsi “Balconi per Roma” e “Avventure creative” guideranno come sempre il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile con i migliori vivai italiani, le più importanti aziende di design e arredamento da esterni, artigianato d’eccellenza, musica e arte contemporanea. Per soddisfare il piacere del giardinaggio si potranno acquistare alberi da frutto, piante acquatiche, rampicanti, cactus, rose … un'infinita varietà per terrazzi, balconi e giardini. Oggetti, arredamento, antiquariato, soluzioni all’avanguardia e proposte creative per progettare, vivere e trasformare grandi e piccoli spazi esterni. Giochi a tema per bambini, corsi di giardinaggio e di green cooking, orticoltura e garden design, gratuiti per tutti i visitatori, completano il programma dell’evento.


LA REPUBBLICA – ROMA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

10-05-2015

1


LA REPUBBLICA – ROMA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

10-05-2015

2


FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO 15-16-17 MAGGIO 2015 | ROMA

Giunto alla V edizione il Festival del Verde e del Paesaggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Gli allestimenti verdi dei concorsi “Balconi per Roma” e “Avventure creative” guideranno come sempre il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile con i migliori vivai italiani, le più importanti aziende di design e arredamento da esterni, artigianato d’eccellenza, musica e arte contemporanea.


C'è un giardino per tutti al Festival del Verde e del Paesaggio

Dai grandi spazi verdi ai mini giardini da balcone da copiare a casa. E poi arte, architettura, vivaismo, letteratura: tutto il mondo verde in mostra all'Auditorium Parco della Musica di Roma

Roma, 11 mag. - (AdnKronos) - Spazi verdi magici, glamour, ispirati all'archeologia, all'arte e all'architettura. Ma anche mini-giardini da balcone e angoli di verde da città . A ognuno il suo giardino, qualsiasi siano l'esigenza, lo spazio a disposizione, la preferenza. Non c'è che l'imbarazzo della scelta, basta fare una passeggiata al Festival del Verde e del Paesaggio che torna all'Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio.


Architettura del paesaggio e dei giardini, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche incontri con gli esperti del settore, corsi, concorsi e attività per bambini: tutto ruota intorno allo slogan dell'edizione 2015, la quinta della manifestazione, “Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l’ha”. Anzi, proprio per chi non ce l'ha, il garden designer Carlo Contesso ha creato i giardini prêt-à-porter, quattro soluzioni da copiare sul balcone o terrazzo di casa e pensate in base all’esposizione solare. Ci sono i giardini pensati dai giovani artisti: dalle “bombe di semi” acquistabili nei distributori automatici, al “Box - giardino virtuale”, una sorta di cabina telefonica in cui entrare e godere del profumo dei fiori, il rumore delle fronde, la percezione di fresco relax. Ideale pausa dallo stress della città. Per i più romantici ci sono i giardini delle fiabe, ideali per farfalle e api; per i più glamour i “Giardini in testa”, cappelli ispirati al verde realizzati dagli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma; per chi non ha spazio, i micro-giardini sotto vetro e i mini paesaggi da tenere in casa. Ci sono i giardini delle Follie d’Autore, la sezione curata da Franco Zagari che ospiterà l’installazione "Méxicobarragántaco" ispirata alla forma del Taco, la famosa tortilla messicana, realizzata da Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. L’Orto Botanico di Tor Vergata espone il suo giardino “archeologico”, un giardino tipico dell’antica Roma; Tavoli d’Italia è un gran tour delle passioni italiane tra piante mediterranee, ricette della tradizione, arte, musica, architettura, squadre del cuore; per chi ama la letteratura i “Racconti brevi sotto le foglie” legati al concorso letterario e i giardini temporanei sul tema “walk on the wild side” del concorso "Avventure Creative". Il Festival è luogo di visibilità per aziende internazionali e piccole realtà di artigianato creativo, architetti e designer che presenteranno i propri prodotti. Tornano poi i “gourmet”, consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde.


C'è un giardino per tutti al Festival del Verde e del Paesaggio all'Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio Roma, 11 mag. - (AdnKronos) - Spazi verdi magici, glamour, ispirati all'archeologia, all'arte e all'architettura. Ma anche mini-giardini da balcone e angoli di verde da città. A ognuno il suo giardino, qualsiasi siano l'esigenza, lo spazio a disposizione, la preferenza. Non c'è che l'imbarazzo della scelta, basta fare una passeggiata al Festival del Verde e del Paesaggio che torna all'Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio. Architettura del paesaggio e dei giardini, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche incontri con gli esperti del settore, corsi, concorsi e attività per bambini: tutto ruota intorno allo slogan dell'edizione 2015, la quinta della manifestazione, “Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l’ha”. Anzi, proprio per chi non ce l'ha, il garden designer Carlo Contesso ha creato i giardini prêt-à-porter, quattro soluzioni da copiare sul balcone o terrazzo di casa e pensate in base all’esposizione solare. Ci sono i giardini pensati dai giovani artisti: dalle “bombe di semi” acquistabili nei distributori automatici, al “Box giardino virtuale”, una sorta di cabina telefonica in cui entrare e godere del profumo dei fiori, il rumore delle fronde, la percezione di fresco relax. Ideale pausa dallo stress della città. Per i più romantici ci sono i giardini delle fiabe, ideali per farfalle e api; per i più glamour i “Giardini in testa”, cappelli ispirati al verde realizzati dagli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma; per chi non ha spazio, i micro-giardini sotto vetro e i mini paesaggi da tenere in casa.Ci sono i giardini delle Follie d’Autore, la sezione curata da Franco Zagari che ospiterà l’installazione "Méxicobarragántaco" ispirata alla forma del Taco, la famosa tortilla messicana, realizzata da Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. L’Orto Botanico di Tor Vergata espone il suo giardino “archeologico”, un giardino tipico dell’antica Roma; Tavoli d’Italia è un gran tour delle passioni italiane tra piante mediterranee, ricette della tradizione, arte, musica, architettura, squadre del cuore; per chi ama la letteratura i “Racconti brevi sotto le foglie” legati al concorso letterario e i giardini temporanei sul tema “walk on the wild side” del concorso "Avventure Creative".Il Festival è luogo di visibilità per aziende internazionali e piccole realtà di artigianato creativo, architetti e designer che presenteranno i propri prodotti. Tornano poi i “gourmet”, consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde.


Festival del verde e del paesaggio Specchio delle mie brame, qual è il giardino più bello del reame? Per saperlo basta andare alla quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, 15 – 17 maggio 2015, Parco Pensile – Auditorium Parco della Musica a Roma. Potrete perdervi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedervi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei vostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Inoltre nella sezione Giardini applicati verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti del giardinaggio che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto.


Festival del Verde e del Paesaggio 15 – 17 maggio 2015 Parco Pensile – Auditorium Parco della Musica – Roma


Tutto pronto per il Festival del Verde e del Paesaggio, dal 15 al 17 maggio all’Auditorium | Pubblicato il 11-05-2015 alle 14:15 | © Riproduzione riservata

Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio – in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio – conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Novità di quest’anno è il giardino prêt-à-porter di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, pronti da essere portati o copiati a casa. Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione curata da Franco Zagari, ospiterà quest’anno Méxicobarragántaco, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale.


Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese mette l’Italia in tavola: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore … Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro paese. La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. “L’estremità del mondo e il fondo di un giardino contengono la stessa quantità di meraviglie” (Christian Bobin) questo è il tema di Racconto breve sotto le foglie 2015. Giardini in testa ispirerà i cappelli-istallazione con cui sfileranno gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione Giardini verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno. Nei salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda, consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio ospiterà inoltre – per il secondo anno – la Giornata del Verde, progetto didattico ideato e coordinato dall’Associazione culturale Progettiper Città – Arte – Paesaggio. Alle le classi IV e V elementare e I media di alcune scuole di Roma viene offerta la possibilità di partecipare gratuitamente al Festival, usufruendo dei laboratori ideati ad hoc.


A Roma il quinto Festival del Verde e del Paesaggio Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza della quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio prossimi.

Novità di quest’anno sono i giardini prêt-à-porter, pronti da essere portati o copiati a casa, proposti da Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti designer italiani di giardini. Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare (nord, sud, est, ovest): un modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le “Follie d’Autore”: la sezione curata da Franco Zagari ospiterà quest’anno “Méxicobarragántaco”, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. “Tavoli d’Italia”, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese, mette l’Italia in tavola: ricette della tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore etc. Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un Grand Tour nel nostro Paese. La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi. “AvventureCreative”, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio. “Balconi per Roma”, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. “L’estremità del mondo e il fondo di un giardino contengono la stessa quantità di meraviglie” (Christian Bobin) è il tema di “Racconto breve sotto le foglie 2015”. Mentre “Giardini in testa” ispirerà i cappelli-installazione con cui sfileranno gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Il fascino dell’outdoor Come sempre, durante i tre giorni del Festival i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali per crescere rigogliose e sane. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di alta qualità. Nella sezione “Giardini” verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti, che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno. Nei salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda, consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed ecosostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. Nel corso delle tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante, ai consigli per giardini e terrazzi. www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it Cristina Melis


ARCHITETTURA; GIARDINI / ARTE / CALENDARIO EVENTI / CITTÀ / EVENTI /FIERA / LAND ART / OUTDOOR / ROMA MAGGIO 12

La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti.


Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione Giardini verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno. Nei salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda, consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi. Un’oasi urbana di 25.000 mq, un chilometro di esposizione dedicata a terrazzi balconi e giardini. Oltre 200 espositori, tra cui 60 produttori specializzati di piante da tutta Italia, soluzioni all’avanguardia e proposte creative per trasformare grandi e piccoli spazi esterni. Festival del Verde e del Paesaggio V edizione | 15 16 17 maggio 2015 dalle 10.00 alle 20.00 Roma – Auditorium Parco della Musica – Ingresso Viale de Coubertin Biglietto € 10 – Under26 € 8 – Gratuito fino a 12 anni www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it


Ce un giardino per tutti al Festival del Verde e del Paesaggio

Dai grandi spazi verdi ai mini giardini da balcone da copiare a casa. E poi arte, architettura, vivaismo, letteratura: tutto il mondo verde in mostra all'Auditorium Parco della Musica di Roma

Roma, 11 mag. - (AdnKronos) - Spazi verdi magici, glamour, ispirati all'archeologia, all'arte e all'architettura. Ma anche mini-giardini da balcone e angoli di verde da citta'. A ognuno il suo giardino, qualsiasi siano l'esigenza, lo spazio a disposizione, la preferenza. Non c'e' che l'imbarazzo della scelta, basta fare una passeggiata al Festival del Verde e del Paesaggio che torna all'Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio. Architettura del paesaggio e dei giardini, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche incontri con gli esperti del settore, corsi, concorsi e attivita' per bambini: tutto ruota intorno allo slogan dell'edizione 2015, la quinta della manifestazione, 'Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l'ha - . Anzi, proprio per chi non ce l'ha, il garden designer Carlo Contesso ha creato i giardini prt-a'-porter, quattro soluzioni da copiare sul balcone o terrazzo di casa e pensate in base all'esposizione solare. Ci sono i giardini pensati dai giovani artisti: dalle 'bombe di semi - acquistabili nei distributori automatici, al 'Box - giardino virtuale - , una sorta di cabina telefonica in cui entrare e godere del profumo dei fiori, il rumore delle fronde, la percezione di fresco relax. Ideale pausa dallo stress della citta'. Per i piu' romantici ci sono i giardini delle fiabe, ideali per farfalle e api; per i piu' glamour i 'Giardini in testa - , cappelli ispirati al verde realizzati dagli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma; per chi non ha spazio, i micro-giardini sotto vetro e i mini paesaggi da tenere in casa. Ci sono i giardini delle Follie d'Autore, la sezione curata da Franco Zagari che ospitera' l'installazione "Me'xicobarragantaco" ispirata alla forma del Taco, la famosa tortilla messicana, realizzata da Elas Torres e Antonio Martnez Lapena, architetti spagnoli considerati tra le firme piu' autorevoli della scena internazionale. L'Orto Botanico di Tor Vergata espone il suo giardino 'archeologico - , un giardino tipico dell'antica Roma; Tavoli d'Italia e' un gran tour delle passioni italiane tra piante mediterranee, ricette della tradizione, arte, musica, architettura, squadre del cuore; per chi ama la letteratura i 'Racconti brevi sotto le foglie - legati al concorso letterario e i giardini temporanei sul tema 'walk on the wild side - del concorso "Avventure Creative". Il Festival e' luogo di visibilita' per aziende internazionali e piccole realta' di artigianato creativo, architetti e designer che presenteranno i propri prodotti. Tornano poi i 'gourmet - , consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attivita' per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde.


Natura, ambiente, giardini, fiori: al via il Festival del Verde Torna dal 15 al 17 maggio al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica di Roma, la mostra espositiva che promuove la cultura del verde in tutta la sua bellezza e armonia.

Un pieno di benessere a 360°. È quanto offre la V edizione delFestival del Verde e del Paesaggio in programma al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica di Roma, dal 15 al 17 maggio. Una mostra espositiva pronta anche per quest’anno ad aprire più di una finestra sulle bellezze offerte dalla natura: giardini d’autore, balconi creativi, design da esterni, arte, giardinaggio per grandi e piccoli. 25.000 mq di esposizione, per una passeggiata di oltre un chilometro in continuo movimento, tra profumi, colori, e un’infinita varietà di piante e fiori. Niente di più facile, quindi, perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-àporter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d'Italia firmati da Ciriaco Campus, o lasciarsi incantare dalle mille composizioni che sbocciano sugli stravaganti cappellini fiorati (come nella foto dell'ultima pagina). Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival, in questa nuova edizione arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Un esempio? Il terrazzo prêt-à-porter ad opera di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, pronti da essere portati o copiati a casa. Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est - ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo.


del 12/05/2015 10:00

La cultura del Verde e del Paesaggio, è Festival all'Auditorium

Parco della Musica in fiore

PrevNext 1234567

Tutti all’Auditorium. Il Parco della Musica disegnato da Renzo Piano è ancora una volta al centro dell’attenzione. Negli ultimi fine settimana ci siamo spostati fuori porta per ammirare le fioriture e condividere con i nostri simili la passione per giardini, boschi, corolle, profumi. Da venerdì lo spettacolo della natura va in scena dentro la città, a due passi da Villa Glori e dal MAXXI. Torna con l’edizione 2015 il Festival del Verde e del


Paesaggio riempiendo di colori le architetture contemporanee pensate per la musica, ma talmente ben riuscite da diventare punto di riferimento urbano imprescindibile, per qualunque genere di evento. “Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l’ha”, ecco lo slogan della tre giorni – 15-17 maggio 2015 - che “per il quinto anno parlerà di natura e ambiente, utilizzando diversi linguaggi per promuovere la cultura del verde in modo semplice, colto, divertente e spettacolare, partendo da un’idea etica di armonia e bellezza” come promettono gli organizzatori. Trascorrere del tempo libero nell’atmosfera green e armonica creata da questo evento, invita anche a riscoprire le diverse funzionalità e angolazioni outdoor offerte dalla struttura di viale de Coubertin, al Flaminio. Nella cornice della kermesse, molto amata dai romani, convivono le proposte di grandi aziende internazionali e di protagonisti dell’artigianato creativo che scelgono questo appuntamento per presentare in anteprima i loro nuovi prodotti. Non manca un tocco di eccentrico, con il giardino immaginato delle Follie d’Autore, sezione curata da Franco Zagari che ospita quest’annoMéxicobarragántaco, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Il noto garden designer Carlo Contesso, ha creato per l’occasione quattro proposte per il terrazzo, in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Con il giardino “archeologico” dell’Orto Botanico di Tor Vergata, ricreato così come era nell’antica Roma, si fa invece un salto indietro nel tempo alla scoperta delle nostre radici. E poi: giovani artisti pieni di invenzioni, i giardini delle fiabe, i cappelli-installazione, la letteratura e un concorso. Compresi gli attesissimi corner gourmet, annunciati quest’anno come ancora più ampi e appetitosi. La cultura del verde in tutte le sue sfumature, e per tutti i gusti. (r.p.) - See more at: http://www.radiocolonna.it/arte_e_cultura/20150511/20799/la_cultur a_del_verde_e_del_paesaggio_festival_allauditorium/#sthash.eouS0T GM.dpuf


Rose, gardenie e giardini segreti: lo show del paesaggio Roma Repubblica

13-5-2015

Il profumo delle rose, giardini d'autore, distese di papaveri, orti colorati, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attivitĂ per i bambini e per le scuole, iniziative sociali ed eco ... Persone: luis barragĂ nmonica sgandurra Organizzazioni: paesaggioverde Prodotti: festivalmusica Luoghi: roma Tags: giardinigiardino


http://www.365giorniaroma.it/ Auditorium...al verde

Ci sono giardini misteriori, terrazzi prêt-à-porter, cappelli-installazione, libri e buon cibo, tutti gli ingredienti giusti per rendere questa quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio più ricca, curiosa e sorprendente del solito. Il festival, ospitato all'Auditorium Parco della Musica dal 15 al 17 maggio, è un'occasione da non perdere per appassionati giardinieri ed aspiranti tali: tanti infatti gli incontri con gli esperti del settore, preziosi per dare consigli per ravvivare un po' giardini e terrazze cittadine, ed i più importanti vivaisti italiani. A chi vuole invece solo bearsi del verde, senza sporcarsi le mani, suggerisco di esplorare il Méxicobarragántaco, l'installazione dei due architetti spagnoli Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, o di partecipare al concorso letterario Racconto breve sotto le foglie. Insomma, ce n'è per tutti.


Festival del Verde all’Auditorium , Roma si tinge di Verde Il 15, 16 e 17 maggio l’Auditorium Parco della Musica ospiterá la V edizione del “Festival del Verde e del Paesaggio”, una tre giorni ricca di eventi e di appuntamenti, tutti dedicati al tema del giardino e dell’ambiente. Architettura del paesaggio, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini. Molte le novità di questa edizione a partire da Méxicobarragántaco, la Follia d’Autore che Elias Torres e José Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán, passando per i Terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera; e ancora Tavoli d’Italia, opera inedita di Ciriaco Campus. Mentre i concorsi “Balconi per Roma” e “Avventure creative” daranno vita ad un itinerario originale e interessante tra i maggiori vivai italiani, importanti aziende di design e arredamento da esterni, artigianato d’eccellenza, musica e arte contemporanea. Avanguardia e creatività sono le linee guida dell’evento che accompagna il pubblico in un percorso stimolante ed innovativo verso la valorizzazione e l’ottimizzazione degli esterni. Il fascino della location esalterá la ricchezza delle esposizioni, imponenti creazioni naturalistiche che come giardini pensili creeranno una sorta di locus amoenus, un rigoglio di verde nel cuore della Capitale. Il festival è affiancato dall’affermata azienda Emu, eccellenza italiana nell’arte dell’arredamento da esterno che da oltre sessant’anni rappresenta il Made in Italy nel mondo. Le maggiori collezioni del brand saranno esposte nei salotti verdi come perle incastonate nel proprio habitat; funzionalitá e qualitá, resistenza ed eleganza, tradizione ed avanguardia sono le cifre distintive dell’inconfondibile stile Emu. Abbiamo incontrato la Store Manager dell’azienda nonché responsabile dello sponsor tecnico della manifestazione, Marianna Giovannetti, la quale ci ha illustrato principi, caratteri ed obiettivi dell’evento. Il festival del verde presenta un programma ricco di iniziative, incontri, approfondimenti sul tema del’ambiente e del paesaggio. Quali sono i maggiori obiettivi dell’iniziativa? L’iniziativa nasce soprattutto per permettere al grande pubblico romano di avvicinarsi al concetto del verde che non è legato esclusivamente al fatto di avere un balcone o un terrazzo; amare il verde vuol dire anche semplicemente avere sulla mensola della propria cucina una pianta, prendersene cura. La manifestazione, poi, mette l’accento sull’arredamento: oggi è molto comune utilizare elementi da esterno per allestire ambienti interni. Cerchiamo dunque di far conoscere questi nuovi mood a tutte le persone che parteciperanno all’ evento che solitamente sono numerose, lo scorso anno abbiamo registrato 20.000 presenze e in questa nuova edizione speriamo di trovare un riscontro ancora più vasto. Fin dal dopoguerra la Emu è stata simbolo di qualitá, raffinatezza e professionalitá del Made in Italy, quali saranno collezioni ed elementi che il visitatore potrá ammirare? Emu, per il quinto anno, allestisce tutto il giardino pensile, parliamo di 3.500 metri quadrati e in più avrá il proprio stand. Concettualmente abbiamo cercato di improntare l’arredamento in modo funzionale per le zone food dove abbiamo inserito la linea “Arc en ciel”, colorata e divertente; poi ci sará una zona ristoranti chiamata “Aromaticus”, con un allestimento minimale e chic con la“Collezione Grace” del design Arik Levy. Per quanto


riguarda poi la parte relax per tutti gli ospiti che parteciperanno, abbiamo utilizzato soprattutto le collezioni di Paola Navone con le divanerie “Ivy” e la parte di Christophe Pillet con “Lounge Round”. Emu in esclusiva per il Festival del verde “Giardini in terrazza”, quest’anno presenterá la sua nuova collezione “Yard” di Stefan Diez: linea innovativa poiché utilizza per la prima volta la struttura in alluminio per la seduta con la fascia elastica. Un’imponente macchina organizzativa che ha dovuto connettere professionisti del settore, sponsor, associazioni. Come è stata strutturata l’attivitá di coordinazione e di allestimento della manifestazione? L’iniziativa è organizzata, da ormai cinque anni, da Gaia Zadra la quale prende contatto con le varie aziende e realtà del settore, scegliendole in modo selettivo e scrupoloso. Questo permette di presentare i migliori vivai, i massimi competitors di arredamento, eminenti progettazioni del verde ad opera dei più grandi architetti paesaggisti. L’organizzazione, dunque, nasce da una persona che ama questo lavoro e questo evento e che trasmette tale passione a tutti gli elementi del progetto, me compresa. Architettura del paesaggio, vivaismo, manutenzione, arte, cultura e perfino didattica con attivitá per bambini; un’iniziativa adatta a tutte le età? Assolutamente sì. La manifestazione è rivolta a tutti, a partire dai più piccoli con attivitá per i bambini dove Emu sará presente con le piccole sedie “Pigalle” e il tavolino “piccola ronda”; troverá materiale interessante anche lo studente di architettura che potrá conoscere nuovi progetti e prodotti, e ancora le famiglie che avranno certamente spunti ed indicazione per la gestione del proprio spazio verde domestico. Un evento, dunque, aperto ad un pubblico davvero eterogeneo e vasto e noi ne abbiamo la prova ogni anno. Quali sono i prossimi appuntamenti nei quali i visitatori potranno ammirare le creazioni firmate Emu? Emu quest’anno non solo partecipa come unico sponsor tecnico al “Festival del Verde e del Paesaggio” ma sta anche organizzando un evento dedicato al bio food presso il suo flag store il prossimo 23 maggio. Protagoniste saranno quelle realtá italiane che lavorano su prodotti di nicchia come olio, vino o farine biologiche; ci saranno, inoltre degli show cooking con chef dell’Associazione Italian Chef Italia, i quali mostreranno agli ospiti come poter associare il cibo bio ad una cucina sana ma sempre innovativa. Da segnalare, in anteprima, anche “Taste of Roma” che si terrá a settembre presso l’Auditorium Parco della Musica del quale Emu sará nuovamente sponsor tecnico e che vedrá la partecipazione di 12 chef stellati per promuovere il tema del food e del mangiare all’aria aperta. Grazie e buon lavoro. Grazie a voi! INFO. Festival del Verde e del Paesaggio V edizione | 15 16 17 maggio 2015 dalle 10.00 alle 20.00 Roma – Auditorium Parco della Musica – Ingresso viale de Coubertin Biglietto € 10 – Under 26 € 8 – Gratuito fino a 12 anni www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it


IL BLOG DEL COLOSSEO

FESTIVAL DEL VERDE, DEL PAESAGGIO.. QUESTO WEEKEND!

Torna il prossimo weekend la V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma all’Auditorium Parco della Musica da venerdi 15 a domenica 17. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: questi sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Gli allestimenti verdi dei concorsi “Balconi per Roma” e “Avventure creative” guideranno come ogni anno il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile con i migliori vivai italiani, le più importanti aziende di design e arredamento da esterni, artigianato d’eccellenza, musica e arte contemporanea. Per soddisfare il piacere del giardinaggio si potranno acquistare alberi da frutto, piante acquatiche, rampicanti, cactus e rose. Oggetti, arredamento, antiquariato, soluzioni all’avanguardia e proposte creative per progettare, vivere e trasformare grandi e piccoli spazi esterni. Giochi a tema per bambini, corsi di giardinaggio e di green cooking, orticoltura e garden design, gratuiti per tutti i visitatori, completano il programma dell’evento, che venerdì ospiterà una giornata dedicata alle scuole di Roma con corsi e laboratori per sensibilizzare e promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. L’ingresso e’ alla manifestazione e’ dalle 10 alle 20 e il prezzo del biglietto e’ di 10 €, 8 € per gli under 26, gratuito per i minori di 12 anni Per il programma completo e altre informazioni andate sul sito ufficiale


IL-COLOSSEO.IT FESTIVAL DEL VERDE, DEL PAESAGGIO.. E DELLA BIRRA QUESTO WEEKEND!

Torna il prossimo weekend la V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma all’Auditorium Parco della Musica da venerdi 15 a domenica 17. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: questi sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Gli allestimenti verdi dei concorsi “Balconi per Roma” e “Avventure creative” guideranno come ogni anno il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile con i migliori vivai italiani, le più importanti aziende di design e arredamento da esterni, artigianato d’eccellenza, musica e arte contemporanea. Per soddisfare il piacere del giardinaggio si potranno acquistare alberi da frutto, piante acquatiche, rampicanti, cactus e rose. Oggetti, arredamento, antiquariato, soluzioni all’avanguardia e proposte creative per progettare, vivere e trasformare grandi e piccoli spazi esterni. Giochi a tema per bambini, corsi di giardinaggio e di green cooking, orticoltura e garden design, gratuiti per tutti i visitatori, completano il programma dell’evento, che venerdì ospiterà una giornata dedicata alle scuole di Roma con corsi e laboratori per sensibilizzare e promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature.


L’ingresso e’ alla manifestazione e’ dalle 10 alle 20 e il prezzo del biglietto e’ di 10 €, 8 € per gli under 26, gratuito per i minori di 12 anni Per il programma completo e altre informazioni andate sul sito ufficiale

A Testaccio invece, a partire da giovedi 14 ci sara’ lo Spring Beer Festival, il festival della birra artigianale e dei sapori, giunto quest’anno alla terza edizione. Birra artigianale, cibo di strada, prodotti bio, laboratori didattici e musica dal vivo. Saranno presenti oltre 25 birrifici artigianali italiani e stranieri, lo stand Orchar pig & thisley cross” By Treefolk’s pub tutto dedicato al sidro di produzione artigianale e per accompagnare i brindisi tanto cibo di qualità a cura dello staff SPQR Grillers, la tana sarda e gli immancabili arrosticini abruzzesi. Il festival avra’ luogo dal 14 al 17 maggio, presso la Città dell’Altra Economia (Ex Mattatoio, Largo Dino Frisullo Roma) ed e’ a ingresso gratuito. La formula scelta per l’acquisto di birra e cibo all’ interno della manifestazione è quella dei gettoni: 1 gettone = 3 euro. Quantità previste: 30 cl (1 gettone) Acquistando uno o più gettoni i visitatori potranno degustare le migliori birre artigianali del panorama italiano, raccontate e spiegate direttamente dalla voce dei mastri birrai, e scegliere tra le proposte culinarie degli stand gastronomici. La birra verrà servita esclusivamente in bicchieri di vetro acquistabili alla Cassa principale del Festival Per il programma completo e altre informazioni andate sul sito ufficiale


LA REPUBBLICA - ROMA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

13-05-2015

1


http://www.medicando.com/ Natura, ambiente, giardini, fiori: al via il Festival del Verde

Un pieno di benessere a 360. quanto offre la V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio in programma al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica di Roma, dal 15 al 17 maggio.


C'è un giardino per tutti al Festival del Verde e del Paesaggio.

Roma, 11 mag. - (AdnKronos) - Spazi verdi magici, glamour, ispirati all'archeologia, all'arte e all'architettura. Ma anche mini-giardini da balcone e angoli di verde da città. A ognuno il suo giardino, qualsiasi siano l'esigenza, lo spazio a disposizione, la preferenza. Non c'è che l'imbarazzo della scelta, basta fare una passeggiata al Festival del Verde e del Paesaggio che torna all'Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio. Architettura del paesaggio e dei giardini, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche incontri con gli esperti del settore, corsi, concorsi e attività per bambini: tutto ruota intorno allo slogan dell'edizione 2015, la quinta della manifestazione, “Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l’ha”. Anzi, proprio per chi non ce l'ha, il garden designer Carlo Contesso ha creato i giardini prêt-à-porter, quattro soluzioni da copiare sul balcone o terrazzo di casa e pensate in base all’esposizione solare. Ci sono i giardini pensati dai giovani artisti: dalle “bombe di semi” acquistabili nei distributori automatici, al “Box - giardino virtuale”, una sorta di cabina telefonica in cui entrare e godere del profumo dei fiori, il rumore delle fronde, la percezione di fresco relax. Ideale pausa dallo stress della città. Per i più romantici ci sono i giardini delle fiabe, ideali per farfalle e api; per i più glamour i “Giardini in testa”, cappelli ispirati al verde realizzati dagli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma; per chi non ha spazio, i micro-giardini sotto vetro e i mini paesaggi da tenere in casa.


Ci sono i giardini delle Follie d’Autore, la sezione curata da Franco Zagari che ospiterà l’installazione "Méxicobarragántaco" ispirata alla forma del Taco, la famosa tortilla messicana, realizzata da Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. L’Orto Botanico di Tor Vergata espone il suo giardino “archeologico”, un giardino tipico dell’antica Roma; Tavoli d’Italia è un gran tour delle passioni italiane tra piante mediterranee, ricette della tradizione, arte, musica, architettura, squadre del cuore; per chi ama la letteratura i “Racconti brevi sotto le foglie” legati al concorso letterario e i giardini temporanei sul tema “walk on the wild side” del concorso "Avventure Creative". Il Festival è luogo di visibilità per aziende internazionali e piccole realtà di artigianato creativo, architetti e designer che presenteranno i propri prodotti. Tornano poi i “gourmet”, consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde.


RAMPOWER.IT Festival del Verde e del Paesaggio

FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO

15 – 17/05/2015, Auditorium Parco della Musica – Giardini Pensili, Roma Giunto alla V edizione il Festival del Verde e del Paesaggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Tra le novità di quest’anno Méxicobarragántaco, la Follia d’Autore che Elias Torres e José Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán, i terrazzi prêt-àporter di Carlo Contesso e i Tavoli d’Italia, opera inedita di Ciriaco Campus. Gli allestimenti verdi dei concorsi “Balconi per Roma” e “Avventure creative” guideranno come ogni anno il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile con i migliori vivai italiani, le più importanti aziende di design e arredamento da esterni, artigianato d’eccellenza, musica e arte contemporanea. Per soddisfare il piacere del giardinaggio si potranno acquistare alberi da frutto, piante acquatiche, rampicanti, cactus, rose … un’infinita varietà per

terrazzi,

balconi

e

giardini.

Oggetti,

arredamento,

antiquariato,

soluzioni

all’avanguardia e proposte creative per progettare, vivere e trasformare grandi e piccoli spazi esterni. Giochi a tema per bambini, corsi di giardinaggio e di green cooking, orticoltura e garden design, gratuiti per tutti i visitatori, completano il programma dell’evento, che venerdì ospiterà una giornata dedicata alle scuole di Roma con corsi e laboratori per sensibilizzare e promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. Online: www.auditorium.com


Rose, gardenie e giardini segreti: lo show del paesaggio All'Auditorium da venerdì a domenica tre giorni dedicati alla cultura dell'outdoor. Dal balcone al cibo

Il profumo delle rose, giardini d'autore, distese di papaveri, orti colorati, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini e per le scuole, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde: è una tre giorni dedicata all'outdoor in tutte le sue sfumature il Festival del Verde e del Paesaggio nei giardini pensili dell'Auditorium Parco della Musica da venerdì 15 a domenica 17. Complice il sole, dalla mattina al tramonto, si passeggia tra espositori di florovivaismo da tutta Italia, complementi d'arredo per giardini e terrazze, nonché mille curiosità per sottrarre anche un piccolo balcone alla banalità. Armonia e bellezza possono essere le parole d'ordine di una fiera en plein air magnetica


per chiunque ami fiori e piante ed è a caccia di spunti. Ma ad approdare al festival è anche lo street food in uno spazio di 1.000 metri quadri con un ristorante temporaneo, "apette" con take away gustoso e veloce come Pizza e Mortazza o Apefritto e spazi healthy dove bere estratti di verdura o frutta come Aromaticus che offre pure insalate, spiedini bio e altri freschi spuntini da gustare stile pic nic magari sdraiati sull'erba. Voglia di rinfrescarsi dopo aver comprato rose antiche o ninfee? Ci sono anche i cremolati tuttafrutta della celebre Casa del Cremolato, mentre all'ombra c'è spazio anche per corsi di cucina, laboratori di barbecue e degustazioni di té, tisane e infusi. Il primo giorno, venerdì alle 11, nella zona incontri viene presentato il progetto Elías Torres e José Antonio Martínez Lapeña: Méxicobarragàntaco, il giardino semi misterioso dedicato a Luis Barragàn con Monica Sgandurra e interviene Vicenç Ysamat e la vegetazione di questo giardino onirico e fantastico è costituita dalla Solandra minima x "Chinensis", nome comune Piccolo Calice Cinese, pianta rampicante immaginaria dedicata proprio a Barragàn. Alle 15 la direttrice di Gardenia Emanuela Rosa Clot insieme a Carlo Contesso, spiegheranno i trucchi del mestiere su come trasformare il terrazzo in un giardino con l'idea singolare delle "terrazze pret a' porter". Sabato alle 13 chi vuole può seguire un corso sulle ortensie antiche e da collezione, mentre alle 16 si parla di piante aromatiche, da orto, tessili e medicinali con Alessandro Palenca dei Vivai Gramaglia e alle 18 arriva pure un concerto sul prato, così come domenica alla stessa ora. Un tocco di fashion glamour? Con "Giardini in testa", una selezione di cappelli-istallazione ispirati al verde opera degli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Roma. Sul fronte della sperimentazione progettuale ci sono le Follie d'Autore una sezione speciale di giardini artistici ispirati a Roma o ad opere d'arte. Speciali quanto basta. Festival del Verde e del Paesaggio. Da venerdì 15 a domenica 17 maggio, ore 10-20 Auditorium Parco della Musica - Ingresso Viale de Coubertin Biglietti € 10; under26 € 8; gratuito fino a 12 anni www. festivaldelverdeedelpaesaggio. it


Festival del Verde all'Auditorium, Roma si tinge di verde Intervista alla responsabile dello sponsor dell'iniziativa, Marianna Giovannetti Il 15, 16 e 17 maggio l'Auditorium Parco della Musica ospiterá la V edizione del "Festival del Verde e del Paesaggio", una tre giorni ricca di eventi e di appuntamenti, tutti dedicati al tema del giardino e dell'ambiente. Architettura del paesaggio, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini. Molte le novità di questa edizione a partire da Méxicobarragántaco, la Follia d’Autore che Elias Torres e José Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán, passando per i Terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera; e ancoraTavoli d’Italia, opera inedita di Ciriaco Campus. Mentre i concorsi “Balconi per Roma” e“Avventure creative” daranno vita ad un itinerario originale e interessante tra i maggiori vivai italiani, importanti aziende di design e arredamento da esterni, artigianato d’eccellenza, musica e arte contemporanea. Avanguardia e creatività sono le linee guida dell'evento che accompagna il pubblico in un percorso stimolante ed innovativo verso la valorizzazione e l'ottimizzazione degli esterni. Il fascino della location esalterá la ricchezza delle esposizioni, imponenti creazioni naturalistiche che come giardini pensili creeranno una sorta di locus amoenus, un rigoglio di verde nel cuore della Capitale. Il festival è affiancato dall'affermata azienda Emu, eccellenza italiana nell'arte dell'arredamento da esterno che da oltre sessant'anni rappresenta il Made in Italy nel mondo. Le maggiori collezioni del brand saranno esposte nei salotti verdi come perle incastonate nel proprio habitat; funzionalitá e qualitá, resistenza ed eleganza, tradizione ed avanguardia sono le cifre distintive dell'inconfondibile stile Emu. Abbiamo incontrato la Store Manager dell'azienda nonché responsabile dello sponsor tecnico della manifestazione,Marianna Giovannetti, la quale ci ha illustrato principi, caratteri ed obiettivi dell'evento. Il festival del verde presenta un programma ricco di iniziative, incontri, approfondimenti sul tema del'ambiente e del paesaggio. Quali sono i maggiori obiettivi dell'iniziativa? L'iniziativa nasce soprattutto per permettere al grande pubblico romano di avvicinarsi al concetto del verde che non è legato esclusivamente al fatto di avere un balcone o un terrazzo; amare il verde vuol dire anche semplicemente avere sulla mensola della propria cucina una pianta, prendersene cura. La manifestazione, poi, mette l'accento sull'arredamento: oggi è molto comune utilizare elementi da esterno per allestire ambienti interni. Cerchiamo dunque di far conoscere questi nuovi mood a tutte le persone che parteciperanno all' evento che solitamente sono numerose, lo scorso anno abbiamo registrato 20.000 presenze e in questa nuova edizione speriamo di trovare un riscontro ancora più vasto.


Fin dal dopoguerra la Emu è stata simbolo di qualitá, raffinatezza e professionalitá del Made in Italy, quali saranno collezioni ed elementi che il visitatore potrá ammirare? Emu, per il quinto anno, allestisce tutto il giardino pensile, parliamo di 3.500 metri quadrati e in più avrá il proprio stand. Concettualmente abbiamo cercato di improntare l'arredamento in modo funzionale per le zone food dove abbiamo inserito la linea "Arc en ciel", colorata e divertente; poi ci sará una zona ristoranti chiamata "Aromaticus", con un allestimento minimale e chic con la "Collezione Grace" del design Arik Levy. Per quanto riguarda poi la parte relax per tutti gli ospiti che parteciperanno, abbiamo utilizzato soprattutto le collezioni di Paola Navone con le divanerie "Ivy" e la parte di Christophe Pillet con "Lounge Round". Emu in esclusiva per il Festival del verde "Giardini in terrazza", quest'anno presenterá la sua nuova collezione "Yard" di Stefan Diez: linea innovativa poiché utilizza per la prima volta la struttura in alluminio per la seduta con la fascia elastica. Un'imponente macchina organizzativa che ha dovuto connettere professionisti del settore, sponsor, associazioni. Come è stata strutturata l'attivitá di coordinazione e di allestimento della manifestazione? L'iniziativa è organizzata, da ormai cinque anni, da Gaia Zadra la quale prende contatto con le varie aziende e realtà del settore, scegliendole in modo selettivo e scrupoloso. Questo permette di presentare i migliori vivai, i massimi competitors di arredamento, eminenti progettazioni del verde ad opera dei più grandi architetti paesaggisti. L'organizzazione, dunque, nasce da una persona che ama questo lavoro e questo evento e che trasmette tale passione a tutti gli elementi del progetto, me compresa. Architettura del paesaggio, vivaismo, manutenzione, arte, cultura e perfino didattica con attivitá per bambini; un'iniziativa adatta a tutte le età? Assolutamente sì. La manifestazione è rivolta a tutti, a partire dai più piccoli con attivitá per i bambini dove Emu sará presente con le piccole sedie "Pigalle" e il tavolino "piccola ronda"; troverá materiale interessante anche lo studente di architettura che potrá conoscere nuovi progetti e prodotti, e ancora le famiglie che avranno certamente spunti ed indicazione per la gestione del proprio spazio verde domestico. Un evento, dunque, aperto ad un pubblico davvero eterogeneo e vasto e noi ne abbiamo la prova ogni anno. Quali sono i prossimi appuntamenti nei quali i visitatori potranno ammirare le creazioni firmate Emu? Emu quest'anno non solo partecipa come unico sponsor tecnico al "Festival del Verde e del Paesaggio" ma sta anche organizzando un evento dedicato al bio food presso il suo flag store il prossimo 23 maggio. Protagoniste saranno quelle realtá italiane che lavorano su prodotti di nicchia come olio, vino o farine biologiche; ci saranno, inoltre degli show cooking con chef dell'Associazione Italian Chef Italia, i quali mostreranno agli ospiti come poter associare il cibo bio ad una cucina sana ma sempre innovativa. Da segnalare, in anteprima, anche "Taste of Roma" che si terrá a settembre presso l'Auditorium Parco della Musica del quale Emu sará nuovamente sponsor tecnico e che vedrá la partecipazione di 12 chef stellati per promuovere il tema del food e del mangiare all'aria aperta.

Grazie e buon lavoro. Grazie a voi!


La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio Dal 15 al 17 maggio all’Auditorium Parco della Musica di Roma

14/05/2015 - Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Novità di quest’anno è il giardino prêt-à-porter. Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, pronti da essere portati o copiati a casa. Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione curata da Franco Zagari, ospiterà quest’anno Méxicobarragántaco, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. “L’estremità del mondo e il fondo di un giardino contengono la stessa quantità di meraviglie” (Christian Bobin) questo è il


tema di Racconto breve sotto le foglie 2015. Giardini in testa ispirerà i cappelli-istallazione con cui sfileranno gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione Giardini verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno. Nei salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda, consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio ospiterà inoltre – per il secondo anno – la Giornata del Verde, progetto didattico ideato e coordinato dall’Associazione culturale Progettiper Città – Arte – Paesaggio.


IL GIORNALE D'ITALIA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

14-05-2015

1


IN ROMA – CORRIERE DELLO SPORT

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

14-05-2015

1


IN ROMA – CORRIERE DELLO SPORT

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

14-05-2015

2


RV ITALIA - 105 FM SocietĂ \ Salute e Ambiente

Festival del verde e del paesaggio

14/05/2015 08:25

Il prossimo weekend, 15, 16 e 17 maggio, parte la 5a edizione del Festival del Verde e del Paesaggio. Nella poco conosciuta location del Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica a Roma, sarĂ in mostra l'architettura di giardini, balconi, terrazzi. Esperti del settore dispenseranno consigli su come ottenere il proprio angolo di verde, mantenerlo e abbellirlo. Diverse le iniziative all'interno del Festival. Tutte le informazioni: www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it

(Eliana Astorri)

http://it.radiovaticana.va/news/2015/05/14/festival_del_verde_e_del_paesaggio/1143939


LA REPUBBLICA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

14-05-2015

1


TUTTI AL VERDE, BASTA ANDARE ALL’AUDITORIUM… Posted on 14 maggio 2015 by Redazione

Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, scuole di giardinaggio, concerti tra fiori profumati, attività per bambini. Tutto questo, nel centro della città, sulle terrazze dell’Auditorium Parco della Musica, in occasione della quinta edizione del «Festival del Verde e del paesaggio, da venerdì 15 a domenica 17 maggio, dove si parlerà di natura e ambiente, utilizzando diversi linguaggi per promuovere la cultura del verde, l’armonia e la bellezza in modo semplice, divertente ma anche colto. Il «Giardino immaginato» delle Follie d’Autore, sezione curata da Franco Zagari, ospiterà quest’anno Méxicobarragántaco, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Dal punto di vista strutturale l’istallazione è dichiaratamente ispirata alla forma del Taco, la famosa tortilla messicana. Un giardino intimo semi misterioso, è invece un omaggio all’architetto Luis Barragán, dove non è possibile entrare, ma che può solo essere immaginato spiando, come dal buco della serratura, attraverso alcuni fori praticati nel recinto. Per realizzarlo, una pianta rampicante appositamente selezionata che ne ricopre le alte pareti : originaria del Messico è un ibrido cinese, la Solandra minima «Chinensis». E trattandosi di un giardino misterioso e immaginario la pianta in questione in realtà non esiste, è puro frutto della fantasia dell’autore, ma non mancherà di stupire per la sua bellezza ed originalità. Per chi desidera avere un giardino sul terrazzo Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma del Corriere ,e di Gardenia ha creato «I Giardini prêt-à-porter». Pronte da essere portate o copiate a casa, le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Il giardino «archeologico» è quello proposto dall’Orto Botanico di Tor Vergata che ha ricreato il giardino così come era nell’antica Roma, un salto indietro nel tempo alla scoperta delle nostre radici dove, oltre a perdersi nei secoli passat,i si possono ottenere


informazioni pratiche sulla cura delle piante. Il gran tour dei giardini e delle passioni italiane lo troviamo in Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese, che mette letteralmente l’Italia in tavola: piante mediterranee, ricette della nostra tradizione, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore … Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un viaggio nel nostro paese. Sempre stimolanti i giardini pensati dai giovani artisti; dalle «bombe di semi» acquistabili da un distributore automatico pronte per essere gettate in un giardino «guerrigliero», al «Box- Giardino virtuale», una sorta di cabina del telefono in cui entrare e godere delle atmosfere e delle sensazioni che il verde regala: il profumo dei fiori, il rumore delle fronde, la percezione di fresco relax, ideale per città inquinate e cementificate selvaggiamente. Per i più romantici «Cottage Garden Beatrice» ha creato «I giardini delle fiabe»: distese di papaveri e giardini ideali per farfalle e api; non manca un tocco di fashion glamour, con «Giardini in testa», la selezione di cappelliistallazione ispirati al verde opera degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Infine i giardini sotto vetro micro e mini paesaggi da tenere in casa. Per chi ama la letteratura ritroviamo quest’anno i «Racconti brevi sotto le Foglie» nell’ormai noto concorso letterario e i «Giardini temporanei »sul tema walk on the wild side del concorso «Avventure Creative» presieduto da Fabio Di Carlo. Il Festival si conferma come contenitore e luogo di visibilità importante, in cu convivono grande aziende internazionali e piccole realtà. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno, che creerà veri e propri salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda. Non mancheranno ovviamente , i corner gourmet con spuntini e piatti bio ma appetitosi. Fonte: Corriere della sera


semiEidee Festival del Verde e del Paesaggio, Roma Scritto il maggio 14, 2015 by semieidee

15-17 maggio: il Verde all’Auditorium di Roma Parlare di paesaggio, giardini, balconi: è l’obiettivo da cinque anni in qua del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Tanti i settori affrontati, ambiente, vivaismo, arte, letture tematiche, manutenzione del verde, concerti, lezioni di giardinaggio, incontri con esperti. Un piatto ricco, dunque, in cui curiosare gironzolando sul sito www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it. Tra le novità: il giardino prêt-à-porter. I suggerimenti sono del garden designer Carlo Contesso, che mostrerà i suoi progetti pensati in base all’esposizione solare: nord, sud, est, ovest. Da gustare anche i Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore… Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro paese.

POI, CI SI POTRÀ PERDERE NEL GIARDINO MISTERIOSO DEGLI ARCHITETTI SPAGNOLI ELIAS TORRES E ANTONIO MARTÍNEZ LAPEÑA, NELL’AMBITO DELLE COSIDDETTE FOLLIE D’AUTORE: SI TRATTA DI MÉXICOBARRAGÁNTACO, UN’INSTALLAZIONE CHE OMAGGIA L’ARCHITETTO MESSICANO LUIS BARRAGÁN, CON UNA FORMA ISPIRATA AL TACO, LA TIPICA TORTILLA PIEGATA SU SE STESSA RIPIENA DI VARI INGREDIENTI; ALLO STESSO MODO IL GIARDINO È ASSAPORABILE ATTRAVERSO IL SENSO DELLA VISTA, DELL’OLFATTO E DELL’UDITO.

In fatto di creatività, ci sono i concorsi. In attesa del vincitore, si potranno scoprire le Avventure Creative, ovvero progetti di giardini temporanei sul tema del walk on the wild side. Sono degli under 30 i Balconi per Roma, idee sperimentali di balconi in città. Per i racconti, i giudici sveleranno chi è giunto prima narrando un argomento affascinante basato sulla frase di Christian Bobin: “L’estremità del mondo e il fondo di un giardino contengono la stessa quantità di meraviglie”. Giardini in testa ispirerà i cappelli-istallazione con cui sfileranno gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Un bel carnet di appuntamenti, in Viale Pietro de Coubertin, dalle 10 alle 20, da venerdì 15 a domenica 17 maggio.


TROVAROMA – LA REPUBBLICA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

14-05-2015

1


TROVAROMA – LA REPUBBLICA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

14-05-2015

2


TROVAROMA – LA REPUBBLICA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

14-05-2015

1


ARTE, CULTURA, INTRATTENIMENTO

Week end green al Parco pensile dell’Auditorium con il Festival del Verde Roma, 15 maggio - Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: tutto questo è la V edizione del Festival del Verde e del paesaggio, la tre giorni dedicata al tema green nel Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio. Un evento che - sottolinea l’assessore capitolino all’Ambiente, Estella Marino - “ha oramai rilevanza nazionale”. Con 25mila metri quadri di spazio dedicati e oltre duecento espositori, è un appuntamento imperdibile per gli appassionati del verde e pure per chi vuole avvicinarsi agli hobby o ai mestieri verdi. "Manifestazioni come questa continua E.Marino - servono a ragionare sul verde in città, un verde diverso da quello di bosco e campagna perché si deve conciliare innanzitutto con l'elemento umano. E questi temi sono ancor più sentiti in una città come Roma che ha in media 17 metri quadri di verde per ogni cittadino”. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio ospita la Giornata del Verde, il progetto didattico ideato e coordinato dall’Associazione culturale Progetti per Città – Arte – Paesaggio: le classi IV e V elementare e I media di alcune scuole di Roma entrano gratis al Festival e partecipano ai laboratori ideati ad hoc. Tante le novità e le proposte dell’edizione 2015 del festival: il giardino prêtà-porter, pronto per essere copiato o portato a casa, a cura di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani. Quattro le proposte pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest, un nuovo modo facile anche per i pollici “meno verdi” per avere un vero giardino anche sul terrazzo. In Follie d’Autore, la sezione di sperimentazione progettuale curata da Franco Zagari, si trova Méxicobarragántaco, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli ma aperti alla scena internazionale. Non manca il connubio cibo-verde, proposto da Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese che mette in tavola ricette della tradizione italiana, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche e molto altro. Ampio spazio ai concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. “L’estremità del mondo e il fondo di un giardino contengono la stessa quantità di meraviglie” (Christian Bobin) è il tema di Racconto breve sotto le foglie 2015. Sfilata di Giardini in testa, cappelli-istallazione de gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Nei numerosi vivai che espongono il pubblico può trovare informazioni sulle piante prodotte in Italia con metodi naturali che meglio si adattano a crescere nei nostri giardini e terrazzi. Infine una sezione espositiva è riservata all’arredamento outdoor, con proposte e consigli su misura. Nel corso dell’inaugurazione è stata presentata la campagna 'Dona un albero a Roma' per il mantenimento e l'incremento del verde in città: tutti, cittadini e turisti, possono donare un albero alla città per ricordare una persona o un avvenimento speciale. Informazioni, orari, approfondimenti su www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it 15 MAG 2015 – PR


CORRIERE DELLA SERA - ROMA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

15-05-2015

1


L’oggetto del desiderio? Un giardino innamorato

Fino al 17 maggio la cura delle piante e i loro misteri di Lilli Garrone

ROMA - Un giardino per tutti, perfino «mini». Come è tradizione ormai da cinque anni le terrazze dell’Auditorium fino al 17 maggio, si trasformano in un parco, ricco di piante, anche esotiche, fiori e frutta: è il «Festival del verde e del paesaggio» la mostra mercato che parla di natura e ambiente, utilizzando diversi linguaggi per promuovere questa cultura in modo semplice, divertente o spettacolare. E nell’anno in cui l’Expo di Milano si occupa di orti e cibo, lo slogan di quest’anno all’Auditorium è «Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l’ha». Per i terrazzi Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, ha creato i giardini prêt-à-porter:


pronti da essere portati o copiati in casa in base all’esposizione solare. Il giardino «archeologico» è invece proposto dall’Orto Botanico di Tor Vergata, che ha ricreato il giardino così come era nell’antica Roma, un salto indietro nel tempo alla scoperta delle nostre radici dove, oltre a perdersi nei secoli passati, si possono ottenere informazioni pratiche sulla cura delle piante. Il gran tour delle passioni italiane lo troviamo in «Tavoli d’Italia», l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese, che mette l’Italia in tavola: piante mediterranee, ricette della nostra tradizione, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore … Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un viaggio nel nostro paese.

Il giardino immaginario

E c’è anche un giardino immaginario nella sezione curata dal paesaggista Franco Zagari che mette in scena sulle terrazze dell’Auditorium « Méxicobarragántaco», installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Un giardino intimo e semi misterioso, omaggio all’architetto Luis Barragán, in cui non è possibile entrare, ma che può solo essere immaginato spiando, come dal buco della serratura, attraverso alcuni fori praticati nel recinto. Star di questo giardino segreto è una pianta rampicante appositamente selezionata che ne ricopre le alte pareti: originaria del Messico è un ibrido cinese, la «Solandra minima». E trattandosi di un giardino misterioso e immaginario la pianta in questione in realtà non esiste, è puro frutto della fantasia dell’autore, ma non mancherà di stupire lo spettatore per la sua bellezza ed originalità.

Le «bombe di semi» Sempre stimolanti i giardini pensati dai giovani artisti; dalle «bombe di semi» acquistabili da un distributore automatico pronte per essere gettate in un giardino «guerrigliero», al «Box- Giardino virtuale», una sorta di cabina del telefono in cui entrare e godere delle atmosfere e delle sensazioni che il verde regala: il profumo dei fiori, il rumore delle fronde, la percezione di fresco relax, ideale per città inquinate e cementificate selvaggiamente. Per i più romantici Cottage Garden Beatrice ha creato i giardini delle fiabe: distese di papaveri ideali per farfalle e api; per i golosi ci sarà un giardino di soli lamponi; non manca un tocco di fashion glamour, con «Giardini in testa», la selezione di cappelli-istallazione ispirati al verde opera degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma; infine i giardini sotto vetro e mini paesaggi da tenere in casa. Per chi ama la letteratura ritroviamo quest’anno i «Racconti brevi sotto le Foglie» e l’ormai noto concorso letterario. Da no dimenticare lo Spazio Incontri dove sono in programma le presentazioni dei volumi: alle 18.30 sarà la volta del libro «Rose Banksiae» di Nicoletta Campanella, Nicla edizioni.

Il premio Silvia Provera

Il premio Silvia Provera, giunto alla sua quarta edizione, è dedicato al miglior espositore. Verrà premiata, tra le tante aziende che partecipano al Festival, quella che meglio interpreta la filosofia della manifestazione e che presenta i prodotti più creativi e innovativi. Silvia Provera, infatti, ambientalista e ebanista, è la creatrice di una sedia molto famosa ispirata agli Hamptons americani, la Adirondack, da lei disegnata e prodotta in Italia: ha partecipato lei stessa come espositrice alla prima edizione del Festival. Grande attesa dunque per questo premio, dal momento che moltissime sono le realtà di artigianato creativo che hanno scelto il festival per presentare in anteprima i loro nuovi prodotti,e che convivono con grandi aziende internazionali. La giuria, presieduta


dall’architetto Fiorella Scarvaglieri e composta da Marianna Aprile, Ritanna Armeni e Pierluigi Battista avrà dunque anche quest’anno un bel da fare nel scegliere il migliore «creativo».


LE ULTIME NOTIZIE

AUDITORIUM, AMA: FINO A DOMENICA AL "FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO" "Dal 15 al 17 maggio, Ama partecipa alla quinta edizione del 'Festival del Verde e del Paesaggio', appuntamento dedicato alle tendenze del verde urbano e del design da esterni in programma presso i giardini pensili dell'Auditorium Parco della Musica. All'inaugurazione del festival, patrocinato anche da Roma Capitale e da Ama, è intervenuto oggi l'Assessore all'Ambiente e ai Rifiuti di Roma Estella Marino". Così in una nota l'Ama. "Per l'occasione, l'azienda ha allestito uno stand per sensibilizzare i visitatori al rispetto della natura e dell'ambiente attraverso la distribuzione di materiale informativo sulla raccolta differenziata dei rifiuti. Sono in programma anche eventi speciali riservati ai bambini. In particolare, sabato 16 e domenica 17, dalle ore 12 alle ore 13, si terrà lo spettacolo di marionette 'Differenziati e felici' - si legge nel comunicato Presso lo stand informativo Ama particolare attenzione verrà riservata alla raccolta dei rifiuti organici e alla pratica del compostaggio domestico. Già da diversi anni, infatti, tutti i cittadini romani che hanno un giardino di almeno 25 metri quadri per ogni componente del nucleo familiare hanno la possibilità di rispettare l'ambiente producendo anche il compost a domicilio. E' infatti possibile richiedere gratuitamente all'azienda la compostiera domestica in cui gettare i rifiuti organici (scarti di cibo, di frutta e verdura, piante recise, sfalci dei prati, potature, trucioli e segatura, ecc.) per produrre un fertilizzante naturale con cui concimare terreni, vasi e giardini". (15 maggio 2015)(omniroma.it) (15 Maggio 2015 ore 16:40)


LEGGO

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

15-05-2015

1


V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio Il Festival conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini Dal 15/05/2015 al 17/05/2015

Giunto alla V edizione il Festival del Verde e del Paesaggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Tra le novità di quest’anno Méxicobarragántaco, la Follia d’Autore che Elias Torres e José Antonio Martínez Lapeña dedicano al grande architetto messicano Luis Barragán, i Terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso e i Tavoli d’Italia, opera inedita di Ciriaco Campus. Gli allestimenti verdi dei concorsi “Balconi per Roma” e “Avventure creative” guideranno come sempre il pubblico lungo il percorso espositivo disegnato sul Parco pensile con i migliori vivai italiani, le più importanti aziende di design e arredamento da esterni, artigianato d’eccellenza, musica e arte contemporanea. Per soddisfare il piacere del giardinaggio si potranno acquistare alberi da frutto, piante acquatiche, rampicanti, cactus, rose … un'infinita varietà per terrazzi, balconi e giardini. Oggetti, arredamento, antiquariato, soluzioni all’avanguardia e proposte creative per progettare, vivere e trasformare grandi e piccoli spazi esterni. Giochi a tema per bambini, corsi di giardinaggio e di green cooking, orticoltura e garden design, gratuiti per tutti i visitatori, completano il programma dell’evento.


Roma capitale anche della fauna selvatica Ogni anno Forestale e LIPU recuperano 5mila esemplari 16 maggio, 14:23

ROMA CAPITALE DELLA FAUNA SELVATICA

Roma è anche la capitale della fauna selvatica. Falchi pellegrini, gheppi, allocchi, picchi, pappagalli, e gabbiani reali sono solo alcune delle specie che volano sui cieli romani e vivono fra tetti, ville, e monumenti della città eterna, dove ogni anno 5mila esemplari selvatici vengono recuperati e reintrodotti in natura. E' quanto emerge dal rapporto "Note di rondini" presentato dal Corpo forestale dello Stato in collaborazione con la LIPU in occasione della V/a edizione del Festival del Verde e del Paesaggio all'Auditorium Parco della Musica di Roma. Proprio grazie ai numerosi parchi pubblici, zone verdi e ai siti archeologici dove molte specie nidificano, Roma è una città a prova di biodiversità e dove "la convivenza con l'uomo è quasi sempre ben tollerata". "Roma è un esempio verde per l'Italia - sottolinea Alessandro Bottacci, Capo Ufficio Biodiversità del Corpo forestale dello Stato - e noi cerchiamo di mettere in atto tutte le azioni necessarie per salvaguardare tutti gli animali". Inoltre da anni colonie di specie non autoctone, come i pappagalli parrocchetti dal collare e parrocchetti monaco, sono presenti al parco della Caffarella, a Villa Pamphili e a Villa Borghese. A Roma nidificano 78 specie di uccelli come il gheppio nelle zone del Colosseo, di San Pietro e delle Terme di Caracalla. Poi c'è l'allocco a villa Ada con 6/7 coppie in 1 kmq. Tra i mammiferi, sono presenti ricci, faine, volpi e cinghiali che attirano i lupi sempre più vicino al nord della capitale. Ci sono anche rospi, raganelle e rane. Inoltre alla fine degli anni '90 venne segnalata la presenza di grossi granchi in pieno centro. Se la città di Roma abbraccia la fauna selvatica è anche grazie alla Forestale e alla Lipu che ogni anno salvano 5mila esemplari che vengono ospitati al centro di recupero fauna selvatica gestito da LIPU e dal Comune di Roma. Tra questi, oltre 200 sono uccelli rapaci, oltre 4000 tra passeriformi, aironi e uccelli acquatici. I mammiferi sono circa 600: lupi, volpi, istrici, tassi, ricci e pipistrelli. Gli ultimi arrivati sono degli anatroccoli di Casarca, anatra che da circa 4 anni nidifica sul tetto di Palazzo Chigi trasferiti dalla Forestale al CRFS Lipu. Francesca Manzia responsabile del centro LIPU infine ha ricordato che "quando si trova un animale selvatico la prima cosa da fare è rivolgersi a chi sa come trattarlo perché sbagliare qualcosa significa compromettere la sua liberazione".


Weekend verde all’Auditorium Oggi a Roma apre le porte il Festival del verde. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, arte, letture tematiche e incontri con i massimi esperti del settore

Il Festival del verde e del paesaggio torna per il quinto anno di fila al Parco pensile dell’Auditorium di Roma trasformandolo in un giardino a cielo aperto. L’appuntamento per tutti gli amanti del paesaggio, del giardinaggio e dell’outdoor è da oggi fino a domenica 17. Tra le novità di quest’anno c’è il giardino prêt-à-porter del garden designer Carlo Contesso: quattro proposte per realizzare un terrazzo verde adatto alle diverse esposizioni solari (nord, sud, est e ovest). Sul fronte della sperimentazione progettuale ritroviamo invece Follia d’Autore (sempre a cura di Franco Zagari, professore ordinario di Architettura del paesaggio) che per questa edizione propone l’installazione Méxicobarragántaco progettata dagli spagnoli Elías Torres e José Antonio Martínez Lapeña che hanno ideato un giardino intimo e semi misterioso in omaggio all’architetto messicano Luis Barragán. In questi tre giorni, inoltre, i più importanti vivai spiegheranno al pubblico quanto è importante scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali, se si mira ad ottenere un angolo verde sano e


rigoglioso. Nella sezione Giardini sono proposti prototipi realizzati da professionisti per offrire al pubblico spunti e consigli adatti ad ogni spazio aperto. Una buona occasione in cui tutti potranno copiare idee da riprodurre in un secondo momento a casa propria. Largo spazio è dedicato anche ai corsi di green cooking, alle consulenze gratuite, alle attività per i bambini e alle iniziative sociali ed ecosostenibili.

Festival del Verde e del Paesaggio dal 15 al 17 maggio dalle 10:00 alle 20:00 Auditorium Parco della Musica (Roma), ingresso viale de Coubertin Biglietto 10 euro, 8 euro per gli under 26 e gratuito fino a 12 anni www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it


Falchi, picchi, pappagalli: Roma è capitale della fauna selvatica 16 Maggio 2015

ROMA. Roma è anche la capitale della fauna selvatica. Falchi pellegrini, gheppi, allocchi, picchi, pappagalli, e gabbiani reali sono solo alcune delle specie che volano sui cieli romani e vivono fra tetti, ville, e monumenti della città eterna, dove ogni anno ben 5mila esemplari selvatici vengono recuperati e reintrodotti in natura. È quanto emerge dal rapporto «Note di rondini» presentato dal Corpo forestale dello Stato in collaborazione con la LIPU in occasione della quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio all'Auditorium Parco della Musica di Roma. Proprio grazie ai numerosi parchi pubblici, zone verdi e ai siti archeologici dove molte specie nidificano, Roma è una città a prova di biodiversità e dove «la convivenza con l'uomo è quasi sempre ben tollerata». «Roma è un esempio verde per l'Italia - sottolinea Alessandro Bottacci, Capo Ufficio Biodiversità del Corpo forestale dello Stato - e noi cerchiamo di mettere in atto tutte le azioni necessarie per salvaguardare tutti gli animali». Inoltre da anni colonie di specie non autoctone, come i pappagalli parrocchetti dal collare e parrocchetti monaco, sono presenti al parco della Caffarella, a Villa Pamphili e a Villa Borghese. A Roma nidificano 78 specie di uccelli come il gheppio nelle zone del Colosseo, di San Pietro e delle Terme di Caracalla. Poi c'è l'allocco a villa Ada con 6/7 coppie in 1 kmq. Tra i mammiferi, sono presenti ricci, faine, volpi e cinghiali che attirano i lupi sempre più vicino al nord della capitale. Ci sono anche rospi, raganelle e rane. Inoltre alla fine degli anni '90 venne segnalata la presenza di grossi granchi in pieno centro. Se la città di Roma abbraccia la fauna selvatica è anche grazie alla Forestale e alla Lipu che ogni anno salvano 5mila esemplari che vengono ospitati al centro di recupero fauna selvatica gestito da LIPU e dal Comune di Roma. Tra questi, oltre 200 sono uccelli rapaci,


oltre 4000 tra passeriformi, aironi e uccelli acquatici. I mammiferi sono circa 600: lupi, volpi, istrici, tassi, ricci e pipistrelli. Gli ultimi arrivati sono degli anatroccoli di Casarca, anatra che da circa 4 anni nidifica sul tetto di Palazzo Chigi trasferiti dalla Forestale al CRFS Lipu.


Home / Ambiente e Territorio / Il Festival del Verde celebra anche il vostro giardino

Il Festival del Verde celebra anche il vostro giardino Pubblicato il 16 maggio 2015 in Ambiente e Territorio, Giardinaggio, News, Primo Piano, Roma con 0 Commenti

Si svolgerà in questo fine settimana a Roma il “Festival del Verde e del Paesaggio” presso il parco pensile dell’Auditorium. Per due giorni, questo angolo di verde della capitale diventerà il punto di riferimento per chiunque ami il paesaggio, il giardinaggio e l’architettura verde, ovvero il modo di creare bellezza anche con piante e fiori. Una tendenza sempre più di moda, considerato che ormai anche i grattacieli prevedono spazi a verde! Sarà interessante scoprire le idee come quella di Carlo Contesso, che propone un “giardino prêt-à-porter” con soluzioni diverse in base alla disposizione del terrazzo, al lato verso cui affaccia e alle piante che intendete usare. Giardino misterioso come una foresta pluviale quello proposto dagli spagnoli Torres e Martinez Lapeña, i quali lo hanno pensato come una sorta di omaggio al grande nome dell’architetto mesicano Luis Barragàn. Ma non occorre cercare soluzioni complesse o altisonanti per rendere speciale il proprio giardino di casa, e il bello del Festival è proprio questo: si può anche approcciarsi a consigli “normali”, per giardini quotidiani normalissimi. Ci saranno incontri con vivaisti che spiegheranno la bellezza del giardino all’italiana, e quali piante usare e come farle attecchire bene. Tante altre le idee da assorbire e i modi di mettersi in gioco, dato che è previsto anche un corso di “cucina verde” e un corso per imparare a risparmiare con iniziative ecosostenibili legate al giardino della propria abitazione.


IL TEMPO

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

16-05-2015

1


"Terrazze pret à porter" al Festival del verde dell'Auditorium di Roma Hanno visitato i 25.000 metri quadri per oltre 200 espositori Serena Autieri, Claudia Gerini, Michele Santoro, Renzo Arbore, Enrico Silvestrin, Gerardo Greco, Ettore Bassi, Giampiero Mughini, Alda D'Eusanio, Renato Brunetta. Redazione - Sab, 16/05/2015 - 12:00

L'esposizione è tutto per scegliere l'identità di una terrazza, in base a luce e ombra, venti e umidità. Quella a Nord ha poco sole ed è il rifugio di un amante della lettura, minimale, semplice e rigoglioso da sottobosco, la pennellata di colore l'affida ai vasi di tinte inaspettate. Quella luminosa a Sud è il regno di chi ama i bagni di sole e, all'insegna del confort, dotata di doccia: rilassata, stilosa, scherzosa e moderna. Quella a Est, romantica, fresca e profumata di fiori, ha il sole per la colazione e l'ombra per il tè. Quella a Ovest, confortevole come un giardino mediterraneo e appena nostalgica, sembra una stanza a cielo aperto per tutta la famiglia o per le cene con gli amici tra profumi e sapori. Ad arredarle, scegliendo meticolosamente le piante più adatte e la loro presentazione, è il garden designer Carlo Contesso, che le presenta alla V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, nella tre-giorni sul giardino pensile dell'Auditorium Parco della Musica di Roma. Le chiamano «Terrazze prêtà-porter» questi spazi di dieci metri quadrati, che svelano piccoli segreti del mestiere per soddisfare tutti i gusti, perchè ogni cosa, dagli alberi ai cespugli di fiori, dai vasi a tavoli e tende, può essere acquistato alla manifestazione. Il Festival parla in modo sorprendente e spettacolare di architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde. Ci sono angoli per arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini. Come ogni anno molti volti noti hanno visitato i 25.000 metri quadri per oltre 200 espositori: Serena Autieri, Claudia Gerini, Michele Santoro, Renzo Arbore, Enrico Silvestrin, Gerardo Greco, Ettore Bassi, Giampiero Mughini,Alda D'Eusanio, il deputo Renato Brunetta. L'angolo «La Follia d'autore», su invito di Franco Zagari, quest'anno è stato progettato da Elías Torres e José Antonio Martínez Lapeña, con la collaborazione di Monica Sgandurra e Adrià Orriols. I due architetti spagnoli, considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale, hanno ideato un giardino intimo e semi misterioso, protetto da un muro colorato che consente di spiarlo da piccoli oblò. É un omaggio a Luis Barragán Messico, il più importante architetto messicano del XX secolo. E poi ci sono i divertenti «Balconi per Roma», del concorso destinato a giovani progettisti under 30, che riservano spunti interessanti, creativi e originali per trasformare il balcone in un luogo da vivere e amare. Il premio l'ha vinto il balcone di Sarah Amari e Giovanni Friso Il premio avventure creative, al miglior giardino temporaneo sul tema "walk on the wild side", invece, è stato assegnato al progetto "la vertigine all'infinito" di Mattia Proietti Tocca, Simone Antonelli, Alex Tucci, Matilde Fortee Simona Russo. E poi, il premio letterario "racconto breve sotto le fogli", exequo a Duccio Del Matto con "adagio" e Laura Daniele con "Il Giardinio di inchiostro". Il miglior espositore è "La Quercia 21"; il miglior vivaio è" Frutticoltura Orvieto";il miglior Giardino in Terrazza è l'Orto Botanico dell'Università diRoma Tor Vergata.


Festival del Verde e del Paesaggio a Roma fino al 17 maggio: "C'è un giardino per tutti" ROMA - Torna a Roma il 'Festival del Verde e del Paesaggio', l'iniziativa che dal 15 al 17 maggio verrà ospitata nell’Auditorium Parco della Musica. Il 'verde' torna al centro del mondo per tre giorni, dove arte e architettura dei giardini verranno mostrate e analizzate in una vasta gamma di attività, con un attenzione particolare ai prêt-à-porter, vera novità di questa edizione. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito del Festival. Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Novità di quest’anno è il giardino prêt-à-porter. Carlo Contesso, tra i più raffinati


e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, pronti da essere portati o copiati a casa . Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione curata da Franco Zagari, ospiterà quest’anno Méxicobarragántaco, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese mette l’Italia in tavola: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore … Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro paese. La creatività si ripropone anche quest’anno con i concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. “L’estremità del mondo e il fondo di un giardino contengono la stessa quantità di meraviglie” (Christian Bobin) questo è il tema di Racconto breve sotto le foglie 2015. Giardini in testa ispirerà i cappelli-istallazione con cui sfileranno gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione Giardini verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno. Nei salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda, consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi.


QUINTA EDIZIONE DEL FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO COME ATTREZZARE IL PROPRIO SPAZIO VERDE 17 maggio 2015

Per tre giorni gli spazi esterni dell'Auditorium della musica di Roma sono stati riempiti da fiori e piante del Festival del Verde e del Paesaggio, il contenitore che da 5 anni parla di paesaggi e giardini con 25mila metri quadi di esposizione. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attivitĂ per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono stati arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Al termine della manifestazione premiati i migliori balconi, vivai, racconti sul verde, espositori e giardini. Tante le curiositĂ . Anche su come attrezzare con le piante il proprio balcone o terrazzo a seconda dell'orientamento dello stesso See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Balconi-in-festa-17bc2a90-fd62-4156-b5d484d7c9fed189.html


AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA

Giardini prêt-à-porter e orti archeologici: è il festival del verde Da venerdì 15 a domenica 17 maggio, incontri con i massimi esperti, scuole di giardinaggio, mostre e concerti per parlare di natura, ambiente con il linguaggio dell’armonia e della bellezza. di Flavia Fiorentino

ROMA - Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, scuole di giardinaggio, concerti tra fiori profumati, attività per bambini. Tutto questo, nel centro della città, sulle terrazze dell’Auditorium Parco della Musica, in occasione della quinta edizione del «Festival del Verde e del paesaggio, da venerdì 15 a domenica 17 maggio, dove si parlerà di natura e ambiente, utilizzando diversi linguaggi per promuovere la cultura del verde, l’armonia e la bellezza in modo semplice, divertente ma anche colto.


Forma di Taco Il «Giardino immaginato» delle Follie d’Autore, sezione curata da Franco Zagari, ospiterà quest’anno Méxicobarragántaco, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Dal punto di vista strutturale l’istallazione è dichiaratamente ispirata alla forma del Taco, la famosa tortilla messicana. Un giardino intimo semi misterioso, è invece un omaggio all’architetto Luis Barragán, dove non è possibile entrare, ma che può solo essere immaginato spiando, come dal buco della serratura, attraverso alcuni fori praticati nel recinto. Per realizzarlo, una pianta rampicante appositamente selezionata che ne ricopre le alte pareti : originaria del Messico è un ibrido cinese, la Solandra minima «Chinensis». E trattandosi di un giardino misterioso e immaginario la pianta in questione in realtà non esiste, è puro frutto della fantasia dell’autore, ma non mancherà di stupire per la sua bellezza ed originalità.

Orto prêt-à-porter

Per chi desidera avere un giardino sul terrazzo Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma del Corriere ,e di Gardenia ha creato «I Giardini prêt-à-porter». Pronte da essere portate o copiate a casa, le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Il giardino «archeologico» è quello proposto dall’Orto Botanico di Tor Vergata che ha ricreato il giardino così come era nell’antica Roma, un salto indietro nel tempo alla scoperta delle nostre radici dove, oltre a perdersi nei secoli passat,i si possono ottenere informazioni pratiche sulla cura delle piante. Il gran tour dei giardini e delle passioni italiane lo troviamo in Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese, che mette letteralmente l’Italia in tavola: piante mediterranee, ricette della nostra tradizione, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore …


Bombe di semi Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un viaggio nel nostro paese. Sempre stimolanti i giardini pensati dai giovani artisti; dalle «bombe di semi» acquistabili da un distributore automatico pronte per essere gettate in un giardino «guerrigliero», al «Box- Giardino virtuale», una sorta di cabina del telefono in cui entrare e godere delle atmosfere e delle sensazioni che il verde regala: il profumo dei fiori, il rumore delle fronde, la percezione di fresco relax, ideale per città inquinate e cementificate selvaggiamente. Per i più romantici «Cottage Garden Beatrice» ha creato «I giardini delle fiabe»: distese di papaveri e giardini ideali per farfalle e api; non manca un tocco di fashion glamour, con «Giardini in testa», la selezione di cappelli-istallazione ispirati al verde opera degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma

Corner gourmet

Infine i giardini sotto vetro micro e mini paesaggi da tenere in casa. Per chi ama la letteratura ritroviamo quest’anno i «Racconti brevi sotto le Foglie» nell’ormai noto concorso letterario e i «Giardini temporanei »sul tema walk on the wild sidedel concorso «Avventure Creative» presieduto da Fabio Di Carlo. Il Festival si conferma come contenitore e luogo di visibilità importante, in cu convivono grande aziende internazionali e piccole realtà. Anche quest’anno affianca la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno, che creerà veri e propri salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda. Non mancheranno ovviamente , i corner gourmetcon spuntini e piatti bio ma appetitosi.


16.05.2015 ore 20.00


Pubblicato alle 11:12 am del 17 maggio, 2015 da redazione & nella categoria News.

Coppia di parrocchetti dal collare

Roma è anche la capitale della fauna selvatica. Falchi pellegrini, gheppi, allocchi, picchi, pappagalli, e gabbiani reali sono solo alcune delle specie che volano sui cieli romani e vivono fra tetti, ville, e monumenti della città eterna, dove ogni anno 5mila esemplari selvatici vengono recuperati e reintrodotti in natura. È quanto emerge dal rapporto“Note di rondini” presentato dal Corpo Forestale dello Stato in collaborazione con la LIPU in occasione della quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggioall’Auditorium Parco della Musica di Roma. Proprio grazie ai numerosi parchi pubblici, zone verdi e ai siti archeologici dove molte specie nidificano, Roma è una città a prova di biodiversità e dove “la convivenza con l’uomo è quasi sempre ben tollerata”. «Roma è un esempio verde per l’Italia – sottolinea Alessandro Bottacci, Capo Ufficio Biodiversità del Corpo forestale dello Stato – e noi cerchiamo di mettere in atto tutte le azioni necessarie per salvaguardare tutti gli animali». Inoltre da anni colonie di specie non autoctone, come i pappagalli parrocchetti dal collare e parrocchetti monaco, sono presenti al parco della Caffarella, a Villa Pamphili e a Villa Borghese. A Roma nidificano 78 specie di uccelli come il gheppio nelle zone del Colosseo, di San Pietro e delle Terme di Caracalla. Poi c’è l’allocco a villa Ada con 6/7 coppie in 1 kmq. Tra i mammiferi, sono presenti ricci, faine, volpi e cinghiali che attirano i lupi sempre più vicino al nord della capitale. Ci sono anche rospi, raganelle e rane. Inoltre alla fine degli anni ’90 venne segnalata la presenza di grossi granchi in pieno centro. Se la città di Roma abbraccia la fauna selvatica è anche grazie alla Forestale e alla Lipu che ogni anno salvano 5mila esemplari che vengono ospitati al Centro di Recupero Fauna Selvatica gestito da LIPU e dal Comune di Roma. Tra questi, oltre 200 sono uccelli rapaci, oltre 4mila tra passeriformi, aironi e uccelli acquatici. I mammiferi sono circa 600: lupi, volpi, istrici, tassi, ricci e pipistrelli. Gli ultimi arrivati sono degli anatroccoli di Casarca, anatra che da circa 4 anni nidifica sul tetto di Palazzo Chigi trasferiti dalla Forestale al CRFS Lipu. Francesca Manzia responsabile del centro LIPU infine ha ricordato che «quando si trova un animale selvatico la prima cosa da fare è rivolgersi a chi sa come trattarlo perché sbagliare qualcosa significa compromettere la sua liberazione».


“TERRAZZE PRET A PORTER”AL Festival del Verde all’Auditorium di Roma L’esposizione è tutto per scegliere l’identità di una terrazza, in base a luce e ombra, venti e umidità. Quella a Nord ha poco sole ed è il rifugio di un amante della lettura, minimale, semplice e rigoglioso da sottobosco, la pennellata di colore l’affida ai vasi di tinte inaspettate. Quella luminosa a Sud è il regno di chi ama i bagni di sole e, all’insegna del confort, dotata di doccia: rilassata, stilosa, scherzosa e moderna. Quella a Est, romantica, fresca e profumata di fiori, ha il sole per la colazione e l’ombra per il tè. Quella a Ovest, confortevole come un giardino mediterraneo e appena nostalgica, sembra una stanza a cielo aperto per tutta la famiglia o per le cene con gli amici tra profumi e sapori. Ad arredarle, scegliendo meticolosamente le piante più adatte e la loro presentazione, è il garden designer Carlo Contesso, che le presenta alla V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, nella tre-giorni sul giardino pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Le chiamano «Terrazze prêt-à-porter» questi spazi di dieci metri quadrati, che svelano piccoli segreti del mestiere per soddisfare tutti i gusti, perchè ogni cosa, dagli alberi ai cespugli di fiori, dai vasi a tavoli e tende, può essere acquistato alla manifestazione. Il Festival parla in modo sorprendente e spettacolare di architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde. Ci sono angoli per arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini. Come ogni anno molti volti noti hanno visitato i 25.000 metri quadri per oltre 200 espositori: Serena Autieri, Claudia Gerini, Michele Santoro, Renzo Arbore, Enrico Silvestrin, Gerardo Greco, Ettore Bassi, Giampiero Mughini,Alda D’Eusanio, il deputo Renato Brunetta. L’angolo «La Follia d’autore», su invito di Franco Zagari, quest’anno è stato progettato da Elías Torres e José Antonio Martínez Lapeña, con la collaborazione di Monica Sgandurra e Adrià Orriols. I due architetti spagnoli, considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale, hanno ideato un giardino intimo e semi misterioso, protetto da un muro colorato che consente di spiarlo da piccoli oblò. É un omaggio a Luis Barragán Messico, il più importante architetto messicano del XX secolo. E poi ci sono i divertenti «Balconi per Roma», del concorso destinato a giovani progettisti under 30, che riservano spunti interessanti, creativi e originali per trasformare il balcone in un luogo da vivere e amare. Il premio l’ha vinto il balcone di Sarah Amari e Giovanni Friso Il premio avventure creative, al miglior giardino temporaneo sul tema “walk on the wild side”, invece, è stato assegnato al progetto “la vertigine all’infinito” di Mattia Proietti Tocca, Simone Antonelli, Alex Tucci, Matilde Fortee Simona Russo. E poi, il premio letterario “racconto breve sotto le fogli”, exequo a Duccio Del Matto con “adagio” e Laura Daniele con “Il Giardinio di inchiostro”. Il miglior espositore è “La Quercia 21″; il miglior vivaio è” Frutticoltura Orvieto”;il miglior Giardino in Terrazza è l’Orto Botanico dell’Università diRoma Tor Vergata. Article source: http://www.ilgiornale.it/news/terrazze-pret-porter-festival-verde-dellauditorium-roma1129514.html


Week end green al Parco pensile dell’Auditorium con il Festival del Verde

Roma, 17 maggio - Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: tutto questo è la V edizione delFestival del Verde e del paesaggio, la tre giorni dedicata al tema green nel Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio. Un evento che - sottolinea l’assessore capitolino all’Ambiente, Estella Marino - “ha oramai rilevanza nazionale”. Con 25mila metri quadri di spazio dedicati e oltre duecento espositori, è un appuntamento imperdibile per gli appassionati del verde e pure per chi vuole avvicinarsi agli hobby o ai mestieri verdi. "Manifestazioni come questa - continua E.Marino - servono a ragionare sul verde in città, un verde diverso da quello di bosco e campagna perché si deve conciliare innanzitutto con l'elemento umano. E questi temi sono ancor più sentiti in una città come Roma che ha in media 17 metri quadri di verde per ogni cittadino”. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio ospita la Giornata del Verde, il progetto didattico ideato e coordinato dall’Associazione culturale Progetti per Città – Arte – Paesaggio: le classi IV e V elementare e I media di alcune scuole di Roma entrano gratis al Festival e partecipano ai laboratori ideati ad hoc. Tante le novità e le proposte dell’edizione 2015 del festival: il giardino prêt-à-porter, pronto per essere copiato o portato a casa, a cura di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani. Quattro le proposte pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest, un nuovo modo facile anche per i pollici “meno verdi” per avere un vero giardino anche sul terrazzo. In Follie d’Autore, la sezione di sperimentazione progettuale curata da Franco Zagari, si trova Méxicobarragántaco, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli ma aperti alla scena internazionale. Non manca il connubio cibo-verde, proposto da Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese che mette in tavola ricette della tradizione italiana, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche e molto altro. Ampio spazio ai concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. “L’estremità del mondo e il fondo di un giardino contengono la stessa quantità di meraviglie” (Christian Bobin) è il tema di Racconto breve sotto le foglie 2015. Sfilata di Giardini in testa, cappelli-istallazione de gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma.


Nei numerosi vivai che espongono il pubblico può trovare informazioni sulle piante prodotte in Italia con metodi naturali che meglio si adattano a crescere nei nostri giardini e terrazzi. Infine una sezione espositiva è riservata all’arredamento outdoor, con proposte e consigli su misura. Nel corso dell’inaugurazione è stata presentata la campagna 'Dona un albero a Roma' per il mantenimento e l'incremento del verde in città: tutti, cittadini e turisti, possono donare un albero alla città per ricordare una persona o un avvenimento speciale. Informazioni, orari, approfondimenti su www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it 15 MAG 2015 – PR


IL TEMPO

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

18-05-2015

1


Garden therapy: la strada per la felicità è stare a contatto con la natura Tra aprile e maggio è boom di mostre e mercati “green”, come il Festival del Verde e del Paesaggio che si è appena concluso a Roma. I benefici del curare le piante in un giardino o un orto sembrano essere innumerevoli

17/05/2015

MARIA CORBI

«Natura è un altro nome per salute», diceva già alla metà dell’800 H.D.Thoreau filosofo americano che ha passato due anni nei boschi (luglio 1845-settembre 1847) a cercare se stesso attraverso la natura, abbandonando una società che secondo lui aveva tradito i suoi valori per il profitto. Le piante e la pace del bosco che riempiono la vita dell’energia e dei valori perduti, che ridanno la pace. Allora questa teoria non aveva un nome ma solo il titolo del libro di Thoreau, «Walden ovvero Vita nei boschi». Oggi si chiama «Garden Therapy». E i suoi seguaci devono essere molti, sempre di più, visto il successo di mostre e mercati del verde, concentrate tra aprile e maggio, come il Festival del Verde e del Paesaggio che si è appena chiuso a Roma. Una folla di persone che cerca nel bello dei fiori, delle piante, una medicina all’ansia, allo stress, alle disillusioni. D’altronde La “sindrome da deficit di natura” è inserita dal 2009 nel Manuale Diagnostico e Statistico dei disturbi mentali. Curare il giardino, il terrazzo, un orto, o anche solo un balconcino per curare se stessi, la propria anima e anche il corpo. E per aiutare anche chi perde se stesso, non solo emotivamente, come i malati di Alzheimer. Annie Pollock, architetto paesaggista dello studio Arterre di Edimburgo, ha realizzato il giardino Forget Me Not Garden, un giardino della memoria, uno spazio all’aperto per i malati di Alzheimer presentato allo Scottish National Garden Show. La American Horticultural Therapy Association ha indicato i benefici per il benessere e la salute. Migliorare la propria autostima, curare la depressione, aiutare nel movimento, stimolare la capacità logica e l’interazione sociale. Una strada per la serenità che ha sempre più seguaci non solo in Europa ma anche negli Stati Uniti, e in Giappone dove avere un fazzoletto di balcone è un lusso assoluto. Dare nutrimento alle piante, curarle, ascoltare il loro silenzio. Per ritrovare se stessi. E la strada verso la felicità.


Maggio 2015


Dai giardini alle cene 'stellate' 5 idee per un week end a Roma

14:36 15 MAG 2015

(AGI) - Roma, 15 mag. - Di Monica Setta Giardini, terrazze, peonie e sospiri di allegria. Ma anche orti di rosmarino biancospino e gelsomini o menta. La sensibilita' degli italiani e dei romani in particolare per il verde, come ricorda Elle, non e' mai stata cosi' alta. Lo dicono i sondaggi, nel futuro si parlera' verde. E nell'attesa che le nuove metropoli ospitino boschi urbani sempre piu' rigogliosi o tetti di case rigorosamente Green, questi Week end godetevi il Festival del paesaggio che si tiene come ogni anno all'Auditorium. Piuttosto che andare a caccia di aurore boreali, scopriamo che anche a Roma esiste una confort zone verde che, come la California, e' tutta sentieri della natura & organic food. Basta crederci e avrete gli effetti della sindrome di Stendhal cioe' verificherete gli effetti di un "eccesso di bellezza green"! E poi dimenticate sabato la frenesia dello shopping e ritrovate il piacere di scoprire lo Street style, ossia i banchetti su quattro ruote che vendono pezzi unici attraversando quasi tutti i quartieri della capitale.


Infine, la cucina. Resta sempre il miglior divertissment, quello che assicura maggiori soddisfazioni (almeno alla gola). Tre indirizzi al top per voi, ma fate attenzione a non esagerare a tavola. La prova bikini e' dietro l'angolo. Buon fine settimana a tutti. Festival del verde e del paesaggio - Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi pret-a'-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d'Italia firmati da Ciriaco Campus. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio conferma la sua capacita' di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Novita' di quest'anno e' il giardino preta'-porter. Carlo Contesso, tra i piu' raffinati e conosciuti garden designer italiani ? la star della kermesse. Nei tre giorni di evento i piu' importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell'outdoor e' completato dall'arredamento contemporaneo e d'antiquariato uniti all'artigianato di altissima qualita'. Nella sezione Giardini verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti: in queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all'aperto: dall'arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi. Per info e dettagli barbaramanto@tiscali.it Street style ...Parioli style- Abiti etno chic, camicie di lino candido da Te' nel deserto, sacche di cuoio gypsetter, pashmine a stampe floreali oppure in tricot, coloratissime. Il tempo si e' fermato al " Mercatino di Laura" un camioncino fucsia con tanti cuoricini disegnati dalle proprietarie ( tre ragazze romane, Alessandra, Viola e Ginevra) che girano per tutti i quartieri della capitale a vendere i loro pezzi unici a ...prezzi pazzi. " Siamo partiti dall'idea di un apartment boutique ma poi i nostri genitori non ci concedevano alcuno spazio in casa e allora abbiamo deciso di rendere la moda itinerante", spiegano, " preferiamo restare ai Parioli ma ci muoviamo in tutta Roma Nord. Puntiamo sulla qualita' " on demand" perche' facciamo un'accurata selezione dei nostri capi ma anche sulle tariffe basse che ci consentono di avere molte clienti under 18". Brave, il loro esperimento e' very cool. Come si mangia? Lo scopriremo Vivendo- Ricordate la canzone di Lucio Battisti? Parafrasando alcune strofe della celebre "Con il nastro rosa" possiamo dire che, come si mangia nel ristorante del Grand Hotel di via Orlando, lo scopriremo solo "Vivendo". Si chiama cosi' infatti il roof stellato dell'Hotel The Saint Regis aperto solo a cena con


menu a la carta che varia dai 62 ai 92 euro, vini esclusi. Ristorante elegante, piacevole, rivisita i sapori mediterranei in chiave contemporanea. Frequentato da nobili e da star internazionali, e' chiuso sia domenica che lunedi'. Si racconta che un notissimo imprenditore romano delle costruzioni lo abbia interamente requisito un giorno per una colazione tout champagne con una popolare conduttrice tv. Di sicuro, lo charme per una cena romantica e' assicurato. Per info e prenotazioni telefonare allo 06/47092736 Tutti da Bruno al Mirabelle- Emiri, multimiliardari di tutte le latitudini, volti noti dello show biz. Ma la terrazza " Mirabelle" dello Splendid Hotel gestita da Bruno Borghesi, uno dei ristoranti amati da Giulio Andreotti che ha attraversato due Repubbliche, e' adatta anche ad una cena privata che non vi faccia diventar poveri, purche' stiate attenti ad alcuni consigli che vi diamo noi di Agi.it. intanto, se siete in due e magari l'altro non beve, puntate sul flute di prosecco ( no allo champagne) o sul calice di vino rosso evitando la bottiglia. Poi, non vi fate tentare da ostriche, caviale, aragoste ( che pure sono divine) ma scegliete un buon secondo piatto di carne prima di un dolce al cucchiaio. Riuscirete a godere della spettacolare vista mozzafiato che abbraccia villa Borghese restando ( poco ) sotto alle 100 euro a testa. Se scegliere il modulo a la carta il prezzo sale da 110 a 150 senza vini, OF course. Per info e prenotazioni chiamare lo 06/42168838 wwwmirabelle.it Che Letizia all'Enoteca La Torre - Quando la classe non e' acqua e il piatto mostra la parte migliore di se: siamo in un ambiente di raffinata eleganza, mobili antichi, tovaglie di pizzo, colonne, l'atmosfera delle case alto borghesi dove e' passato un design di talento. Villa Letizia effettivamente e' la " casa" di Anna Fendi che " presta" saloni e cucina a banchetti ? al ristorante Enoteca La Torre. La residenza sul lungotevere delle Armi al civico 23 e' sempre aperta ( tranne ad agosto) e consente anche feste private. Vi consiglio di provare il ristorante scegliendo vermicello bucato con burro, acciughe, agnello patate al camino e gelato alla lavanda. A la carta si spende dalle 70 alle 109 senza etichette. Per info o prenotazioni chiamare lo 06/3226776 wwwvillalaetitia.com.


CORRIERE DELLA SERA - ROMA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

18-05-2015

1


CULTURIAMO.COM FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO 18 MAGGIO 2015 La cosa bella di un festival dedicato al verde è che puoi tornare a casa con una pianta e dunque con qualcosa di vivo. Io ho fatto così, e da ieri sera il mio nuovo kumquat (detto anche fortunella o mandarino cinese o kingen) alloggia tutto soddisfatto in un nuovo vaso, nell’angolo più assolato del mio terrazzo. Ma non sono l’unica: numerosissimi i visitatori che hanno passeggiato lungo questo ultimo appuntamento con il Festival del Verde e del Paesaggio presso i giardini pensili dell’Auditorium Parco della Musica, a Roma. Giunto alla sua quinta edizione, il festival ha saputo ancora una volta creare un mix perfetto tra Architettura del paesaggio e dei giardini, riflessioni sull’ambiente, manutenzione del verde, letture tematiche, arredamento outdoor, incontri con i massimi esperti del settore, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per bambini. Tutti coloro che possono godere di un terrazzo-giardino nella capitale non possono non aver apprezzato il giardino prêt-à-porter, la vera novità di quest’anno. Carlo Contesso, affermato garden designer italiano, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, ha portato al festival quattro proposte ideate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest.

Tra gli espositori che ci hanno colpito di più, una menzione speciale lo meritano gli arredi Gallù Capalbio, con poltroncine e tavoli realizzati a partire da legni di recupero; Floricoltura Billo,


un’azienda specializzata nella produzione di Dianthus (ovvero garofani) nani – da vaso e aiuola -, penduli e botanici, delicati e irresistibilmente shabby-chic! E ancora, Viverdesign, realtà interessante nata dall’intuizione di tre giovani professionisti italiani: Cristina Crisalli, Pietro Diano e Carmelo Puccia, che ci hanno raccontato dal vivo il sistema di loro ideazione di agricoltura acquaponica, ovvero una tipologia di agricoltura mista ad allevamento sostenibile basata su una combinazione tra acquacoltura, allevamento di pesci e coltivazione idroponica (coltura di vegetali senza l’utilizzo della terra) al fine di ottenere un ambiente simbiotico. Unendo i due sistemi, i pesci ottengono la purificazione dell’acqua grazie alle piante e le piante utilizzano un nutrimento naturale derivato dalle deiezioni dei pesci. Geniale! Infine, davvero irresistibile le originali proposte firmate dai Fratelli Magagnini (da Recanati), ovvero Flower to Table, un’evoluzione del Prato Prêt-à-Porter Di che si tratta? La Green Cakealtro non è che una torta di fiori da portare in tavola: quello che prima era una tovaglia da srotolare, quest’anno è diventata una torta servita su deliziose alzatine di vetro e confezionata in eleganti cappelliere porta-dolce. La base presenta quattro tipi di Dianthus di diverse regioni, guarniti con un parterre di Sedum della macchia mediterranea dal quale emergono aromi incredibili. Le torte possono essere posizionate all’esterno, a pieno sole come a mezz’ombra, amando le forti escursioni termiche. Proprio la loro tolleranza sia alle alte che alle basse temperature garantisce un’abbondante e prolungata fioritura. Non richiedono particolari cure o concimazioni, solo a 1 litro di acqua una volta alla settimana se l’ambiente è molto asciutto. La Green Cake è una novità davvero interessante per chi, come me, ama il mondo del food ed è alla ricerca continua di stimoli trasversali all’universo gastronomico: può essere tagliata a fette, riposta in terrazzo come vaso fiorito o in giardino come tappezzante. Inoltre, ed è questo il bello, può essere adoperata come centro tavola al ristorante: un decoro profumato che i commensali possono non solo ammirare ma anche utilizzare autonomamente per attingere ai loro aromi preferiti. Ovviamente, al Festival del Verde e del Paesaggio 2015 anche il gusto ha fatto la sua parte: immancabili gli amici di Zolle (di cui ho già parlato qui), con i loro prodotti a Km 0 e Lola, la fantastica crema nocciola e cacao! Tra uno stand e l’altro, ritroviamo con piacereLamponi dei Monti Cimini, un’azienda di Viterbo specializzata in gustose marmellate ai lamponi aromatizzate, e infine Steccolecco: un gelato artigianale di assoluta qualità che ci ha regalato una pausa rinfrescante che, diciamolo, ci voleva proprio! Latte fresco e ingredienti esclusivamente naturali, ovvero lattosio, proteine del latte, zucchero, addensanti ed emulsionati di sola origine vegetale. Nessun utilizzo di coloranti, conservanti, grassi idrogenati o additivi chimici. Solo frutta fresca e di stagione. In pieno tema green! Valentina Di Domenico


ROMA CAPITALE DELLA BIODIVERSITÀ Sui cieli di Roma volano falchi pellegrini, gheppi, allocchi, picchi, pappagalli, e gabbiani reali, mentre i lupi sono sempre più vicini alla capitale

Roma capitale d’Italia e della fauna selvatica: sui cieli di Roma volano falchi pellegrini, gheppi, allocchi, picchi, pappagalli, e gabbiani reali. E non solo. Questi grandi uccelli vivono fra tetti, ville, e monumenti e ogni anno 5mila esemplari selvatici vengono recuperati e reintrodotti in natura. Lo sostiene il rapporto ‘Note di rondini’, presentato dal Corpo forestale dello Stato in collaborazione con la LIPU in occasione della V/a edizione del Festival del Verde e del Paesaggio all'Auditorium Parco della Musica di Roma. La capitale d’Italia vince per la biodiversità: qui la ‘convivenza con l'uomo è quasi sempre ben tollerata’. ‘Roma è un esempio verde per l'Italia e noi cerchiamo di mettere in atto tutte le azioni necessarie per salvaguardare tutti gli animali’, sottolinea Alessandro Bottacci, Capo Ufficio Biodiversità del Corpo forestale dello Stato.

A prova della biodiversità è il fatto che da anni specie non autoctone, come i pappagalli parrocchetti dal collare e parrocchetti monaco, sono presenti al parco della Caffarella, a Villa Pamphili e a Villa Borghese. Ma a Roma ci sono anche ricci, faine, volpi e cinghiali che attirano i lupi sempre più vicino al nord della capitale. gc 18-05-2015


Festival Del Verde E Del Paesaggio V Edizione Dal 15 al 17 Maggio 2015 Auditorium Parco della Musica - Roma (RM)

Giornata conclusiva del Festival del Verde e del Paesaggio, il contenitore che da 5 anni parla di paesaggi e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Come di consueto a conclusione del Festival sono stato resi noti i vincitori dei concorsi in programma. - Premio avventure creative, al miglior giardino temporaneo sul tema "walk on the wild side" è Stato assegnato al progetto "la vertigine all'infinito", di Mattia Proietti Tocca, Simone Antonelli, Alex Tucci, Matilde Fortee Simona Russo. - Il premio "balconi per Roma" , riservato ai progettisti under 30 chiamati a progettare il tipico balcone di città ha visto premiato il progetto "balconi di roma" di Sarah Amari e Giovanni Friso - Il premio letterario "racconto breve sotto le fogli" è stato assegnato ex equo a Duccio Del Matto con "adagio" e Laura Daniele con "Il Giardinio di inchiostro". - Il miglior espositore è "La Quercia 21" - Il miglior vivaio è" Frutticoltura Orvieto" - Il miglior Giardino in Terrazza è l'Orto Botanico dell'Università diRoma Tor Vergata Come ogni anno i volti noti che hanno visitato i 25.000 metri quadri di esposizione e si sono soffermati negli spazi degli oltre 200 espositori: Serena Autieri, Claudia Gerini, Michele Santoro, Renzo Arbore, Enrico Silvestrin, Gerardo Greco, Ettore Bassi, Giampiero Mughini,,Alda Deusanio, il ministro Brunetta e molti altri. Le giurie del Festival. Giuria Avventure Creative. Walk on the wild side - variazioni sul tema del percorso Presidente Fabio Di Carlo - Professore associato della Facoltà di Architettura Sapienza Università di Roma Paolo Camilletti - Architetto e Paesaggista, docente di Architettura del Paesaggio Università Federico II di Napoli Ciriaco Campus - Artista - Docente corso di Scultura Accademia Belle Arti Roma - Direttore creativo Festival


del Verde e del Paesaggio Giuria Balconi per Roma 2015 Presidente Franco Panzini - Docente di Restauro di giardini UniversitĂ di Architettura di Venezia Vincenzo Cazzato - Professore ordinario di Storia dell'Architettura - UniversitĂ  del Salento Lucilla Zanazzi - Esperta di piante e giardini - organizzatrice La Festa delle Rose Bianca Maria Rinaldi - Ricercatrice universitaria in Architettura del Paesaggio Scuola di Architettura e Design UniversitĂ  di Camerino; Co-editor della rivista JoLA-Journal of Landscape Architecture Giuria Racconto breve sotto le foglie Giovanna Salvia - Consulente letterario Feltrinelli Editore Eliana Elia - Scrittrice e critica cinematografica Cecilia Ribaldi - Responsabile editoriale Notebook Auditorium Parco della musica Donatella Stasio - Capo Servizio Il Sole 24 Ore Giuria Espositori Presidente Fiorella Scarvaglieri - Architetto Marianna Aprile - Giornalista Ritanna Armeni - Giornalista Pierluigi Battista - Giornalista Giuria Vivai Presidente Bruna Pollio - Botanica Orlando Gentili - Architetto Bruno Filippo Lapadula - Architetto, urbanista e ambientalista

Giuria Giardini in Terrazza Presidente Lilli Garrone - Giornalista Elisabetta Margheriti - Agronoma - Direttore commerciale Vivai Torsanlorenzo Bernardino Pinzari Architetto Francesco Rinalduzzi - Agrotecnico laureato, tra i fondatori della Casa del giardinaggio di Roma.


18/05/2015

SUCCESSO PER IL FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO

SI È CHIUSA IL 17 MAGGIO LA QUINTA EDIZIONE DELLA MANIFESTAZIONE, AMBIENTATA AL PARCO PENSILE DELL'AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA DI ROMA, CHE PARLA DI PAESAGGI E GIARDINI IN MODO SORPRENDENTE E SPETTACOLARE

La quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio si è svolta a Roma, presso il Parco pensile dell'Auditorium Parco della Musica, dal 15 al 17 maggio: il contenitore che da 5 anni parla di paesaggi e giardini in modo sorprendente e spettacolare, anche quest'anno ha registrato un grande successo. Come di consueto a conclusione del Festival sono stato resi noti i vincitori dei concorsi in programma. • Premio avventure creative, al miglior giardino temporaneo sul tema “walk on the wild side”, è stato assegnato al progetto “la vertigine all’infinito”, di Mattia Proietti Tocca, Simone Antonelli, Alex Tucci, Matilde Fortee Simona Russo. • Il premio “balconi per Roma” , riservato ai progettisti under 30 chiamati a progettare il tipico balcone di città ha visto premiato il progetto “balconi di roma” di Sarah Amari e Giovanni Friso • Il premio letterario “racconto breve sotto le fogli” è stato assegnato ex equo a Duccio Del Matto con “adagio” e Laura Daniele con “Il Giardinio di inchiostro”.


• Il miglior espositore è “La Quercia 21” • Il miglior vivaio è” Frutticoltura Orvieto” • Il miglior Giardino in Terrazza è l’Orto Botanico dell’Università diRoma Tor Vergata Come ogni anno i volti noti che hanno visitato i 25.000 metri quadri di esposizione e si sono soffermati negli spazi degli oltre 200 espositori: Serena Autieri, Claudia Gerini, Michele Santoro, Renzo Arbore, Enrico Silvestrin, Gerardo Greco, Ettore Bassi, Giampiero Mughini,,Alda Deusanio, il ministro Brunetta e molti altri.


IL MESSAGGERO

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

18-05-2015

1


Festival del Verde e del Paesaggio

premiazione 2015 Giornata conclusiva del Festival del Verde e del Paesaggio, il contenitore che da 5 anni parla di paesaggi e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Come di consueto a conclusione del Festival sono stato resi noti i vincitori dei concorsi in programma. • Premio avventure creative, al miglior giardino temporaneo sul tema “walk on the wild side” è Stato assegnato al progetto “la vertigine all’infinito”, di Mattia Proietti Tocca, Simone Antonelli, Alex Tucci, Matilde Fortee Simona Russo. • Il premio “balconi per Roma” , riservato ai progettisti under 30 chiamati a progettare il tipico balcone di città ha visto premiato il progetto “balconi di roma” di Sarah Amari e Giovanni Friso • Il premio letterario “racconto breve sotto le fogli” è stato assegnato ex equo a Duccio Del Matto con “adagio” e Laura Daniele con “Il Giardinio di inchiostro”. • Il miglior espositore è “La Quercia 21” • Il miglior vivaio è” Frutticoltura Orvieto” • Il miglior Giardino in Terrazza è l’Orto Botanico dell’Università diRoma Tor Vergata Come ogni anno i volti noti che hanno visitato i 25.000 metri quadri di esposizione e si sono soffermati negli spazi degli oltre 200 espositori: Serena Autieri, Claudia Gerini, Michele Santoro, Renzo Arbore, Enrico Silvestrin, Gerardo Greco, Ettore Bassi, Giampiero Mughini,,Alda Deusanio, il ministro Brunetta e molti altri. Le giurie del Festival.


Giuria Avventure Creative. Walk on the wild side – variazioni sul tema del percorso. Presidente Fabio Di Carlo - Professore associato della Facoltà di Architettura Sapienza Università di Roma Paolo Camilletti – Architetto e Paesaggista, docente di Architettura del Paesaggio Università Federico II di Napoli Ciriaco Campus – Artista – Docente corso di Scultura Accademia Belle Arti Roma - Direttore creativo Festival del Verde e del Paesaggio

Giuria Balconi per Roma 2015 Presidente Franco Panzini – Docente di Restauro di giardini Università di Architettura di Venezia Vincenzo Cazzato – Professore ordinario di Storia dell’Architettura – Università del Salento Lucilla Zanazzi – Esperta di piante e giardini – organizzatrice La Festa delle Rose Bianca Maria Rinaldi - Ricercatrice universitaria in Architettura del Paesaggio Scuola di Architettura e Design Università di Camerino; Co-editor della rivista JoLA-Journal of Landscape Architecture Giuria Racconto breve sotto le foglie Giovanna Salvia – Consulente letterario Feltrinelli Editore Eliana Elia - Scrittrice e critica cinematografica Cecilia Ribaldi – Responsabile editoriale Notebook Auditorium Parco della musica Donatella Stasio – Capo Servizio Il Sole 24 Ore Giuria Espositori Presidente Fiorella Scarvaglieri - Architetto Marianna Aprile - Giornalista Ritanna Armeni - Giornalista Pierluigi Battista - Giornalista Giuria Vivai Presidente Bruna Pollio - Botanica Orlando Gentili - Architetto Bruno Filippo Lapadula – Architetto, urbanista e ambientalista

Giuria Giardini in Terrazza Presidente Lilli Garrone – Giornalista Elisabetta Margheriti – Agronoma - Direttore commerciale Vivai Torsanlorenzo Bernardino Pinzari – Architetto Francesco Rinalduzzi – Agrotecnico laureato, tra i fondatori della Casa del giardinaggio di Roma. http://www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it/

http://www.barbaramanto.com/joomla/design/festival-verde-e-paesaggio


4 idee da vivere nel week end Il verde e la primavera sono i protagonisti della stagione. Se si resta in città a Roma si può andare al Parco della Musica dove c' e' il Festival del verde e del paesaggio; in Lombardia c'è la bellissima rassegna Franciacorta in fiore; vivai aperti anche in Piemonte vicino Torino in occasione di peonie in fiore a; per il 2 giugno programmate un primo assaggio d'estate a Carloforte in Sardegna dove c'è Girotonno

1. Week end romano/ A Roma giardini in mostra

“Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l'ha”, è questo lo slogan della quinta edizione del Festival del Verde e del paesaggio, in programma a Roma dal 15 al 17 maggio. Un grande spazio dedicato alla cultura del verde in modo semplice, colto, divertente e spettacolare. Così si possono ammirare i giardini di famosi design come quello semi misterioso di Luis Barragán, in cui non è possibile entrare, ma che può solo essere immaginato e che vede come protagonista una pianta rampicante appositamente selezionata. Per chi desidera avere un giardino sul terrazzo Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, ha creato i Giardini prêt-à-porter. Pronte da essere portate o copiate a casa, le quattro proposte sono pensate in base all'esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Il giardino “archeologico” è proposto dall'Orto Botanico di Tor Vergata, che ha ricreato il giardino così come era nell'antica Roma. Sempre stimolanti i giardini pensati dai giovani artisti; dalle “bombe di semi” acquistabili da un distributore automatico pronte per essere gettate in un giardino “guerrigliero”, al “Box- Giardino virtuale”, una sorta di cabina del telefono in cui entrare e godere delle atmosfere e delle sensazioni che il verde regala. Per gli amanti della letteratura ci sono i “Racconti brevi sotto le Foglie” nell'ormai noto concorso letterario e i Giardini temporanei sul tema “walk on the wild side” del concorso Avventure Creative presieduto da Fabio Di Carlo. Non mancheranno i corner “gourmet, le consulenze gratuite, i corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini e molto altro. Per info www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it


Vip col pollice verde a lezione dai giardinieri Premi ai giovani architetti, vivaisti e scrittori

Si è concluso con una giornata ricca di soprese il Festival del Verde e del Paesaggio, che quest'anno ha coinvolto all'Auditorium Parco della Musica migliaia di appassionati con oltre duecento espositori sulle suggestive terrazze della struttura architettonica. Giunto alla sua quinta edizione, come ogni anno ha ospitato molti volti noti, che hanno visitato i 25.000 metri quadri di esposizione. Tra loro, Serena Autieri, Claudia Gerini, Michele Santoro, Renzo Arbore, Enrico Silvestrin, Gerardo Greco, Ettore Bassi, Giampiero Mughini, Alda D’Eusanio e il ministro Renato Brunetta . Il percorso, tra produttori di piante, ibridatori di fiori di ogni specie, da quelle acquatiche a quelle più rare e sofisticate; grandi firme del design per esterni, lavori creativi delle accademie d'arte, spazi per i bambini, angoli per la ristorazione bio e stand dedicati al modernariato, ha arricchito il weekend romano. Come di consueto, a conclusione del Festival, sono stati resi noti i vincitori dei concorsi in programma. Il premio «Avventure creative», al miglior giardino temporaneo sul tema «Walk on the wild side» è stato assegnato al progetto «La vertigine all'infinito» di Mattia Proietti Tocca, Simone Antonelli, Alex Tucci, Matilde Forte e Simona Russo. Il premio «Balconi per Roma», riservato agli under 30 chiamati a concepire il tipico balcone di città, ha visto premiato il progetto di Sarah Amari e Giovanni Friso. Il concorso letterario «Racconto breve sotto le foglie» è stato assegnato ex equo a Duccio Del Mattocon «Adagio» e a Laura Daniele con «Il Giardino di inchiostro». Miglior espositore, La Quercia 21; miglior vivaio, Frutticoltura Orvieto e, infine, miglior giardino in terrazza, l'Orto Botanico dell'Università Tor Vergata. Maria Elena Capitanio


LA CULTURA DEL VERDE E DEL PAESAGGIO, È FESTIVAL ALL'AUDITORIUM

16 maggio 2015

ROMA (RADIOCOLONNA/ ITALPRESS) - Tutti all'Auditorium. Il Parco della Musica disegnato da Renzo Piano è ancora una volta al centro dell'attenzione. Negli ultimi fine settimana ci siamo spostati fuori porta per ammirare le fioriture e condividere con i nostri simili la passione per giardini, boschi, corolle, profumi. Da venerdì lo spettacolo della natura va in scena dentro la città, a due passi da Villa Glori e dal MAXXI. Torna con l'edizione 2015 il Festival del Verde e del Paesaggio riempiendo di colori le architetture contemporanee pensate per la musica, ma talmente ben riuscite da diventare punto di riferimento urbano imprescindibile, per qualunque genere di evento. "Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l'ha", ecco lo slogan della tre giorni - 15-17 maggio 2015 - che "per il quinto anno parlerà di natura e ambiente, utilizzando diversi linguaggi per promuovere la cultura del verde in modo semplice, colto, divertente e spettacolare, partendo da un'idea etica di armonia e bellezza" come promettono gli organizzatori. Trascorrere del tempo libero nell'atmosfera green e armonica creata da questo evento, invita anche a riscoprire le diverse funzionalità e angolazioni outdoor offerte dalla struttura di viale de Coubertin, al Flaminio.Nella cornice della kermesse, molto amata dai romani, convivono le proposte di grandi aziende internazionali e di protagonisti dell'artigianato creativo che scelgono questo appuntamento per presentare in anteprima i loro nuovi prodotti. Non manca un tocco di eccentrico, con il giardino immaginato delle Follie d'Autore, sezione curata da Franco Zagari che ospita quest'anno Méxicobarragántaco,l'installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli considerati tra le firme più autorevoli della scena internazionale. Il noto garden designer Carlo Contesso, ha creato per l'occasione quattro proposte per il terrazzo, in base


all'esposizione solare: nord - sud - est - ovest. Con il giardino "archeologico" dell'Orto Botanico di Tor Vergata, ricreato cosĂŹ come era nell'antica Roma, si fa invece un salto indietro nel tempo alla scoperta delle nostre radici. E poi: giovani artisti pieni di invenzioni, i giardini delle fiabe, i cappelli-installazione la letteratura e un concorso. Compresi gli attesissimi corner gourmet, annunciati quest'anno come ancora piĂš ampi e appetitosi. La cultura del verde in tutte le sue sfumature, e per tutti i gusti.


Festival del Verde e del Paesaggio: dal 15 al 17 maggio al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore 12 marzo 2015 09:11 - F.F.


Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio conferma la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Le anticipazioni:

Novità di quest’anno è il terrazzo prêt-à-porter. Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani, firma di Gardenia e del Corriere della Sera, pronti da essere portati o copiati a casa . Le quattro proposte sono pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest. Un nuovo modo facile anche per i più pigri per avere un vero giardino anche sul terrazzo. Sul fronte della sperimentazione progettuale nuova veste per le Follie d’Autore: la sezione curata da Franco Zagari, ospiterà quest’anno Il giardino misterioso, l’ installazione che Elias Torres, architetto e designer spagnolo considerato tra le firme più autorevoli della scena internazionale, dedica a Roma.


Tavoli

d’Italia,

l’opera

di

Ciriaco

Campus presentata

da Alberto Abruzzese mette l’Italia in tavola: ricette della nostra tradizione, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche, squadre del cuore … Gli elenchi scolpiti su tavoli in marmo di Carrara diventano un grand tour nel nostro paese. La

creatività

si

ripropone

anche

quest’anno

con

i

concorsi. Avventure

Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. Il concorso letterario Racconto breve sotto le foglie è una sfida difficile per tutti gli autori che devono riuscire a raccontare una storia in una sola pagina. Giardini in testa ispirerà i cappelli-istallazione che sfileranno al Festival, opera degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma.

Grande attesa per la presentazione dei progetti pilota di città “virtuose” che hanno fatto del rispetto per l’ambiente e l’attenzione per l’impatto ambientale un caposaldo che produce occupazione, risparmio, bellezza.


Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione inoltre Giardini applicati verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti del giardinaggio che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini e per le scuole, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti potranno prendere spunti per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi.


Il verde in città con il Festival all’Auditorium di Alessandra Fantini - 18 maggio 2015

Nello spazio progettato da Renzo Piano a Roma, è arrivato il Festival del verde e del paesaggio, un percorso dedicato a giardini, balconi e avventure green. La città si tinge di colori con il Festival del verde e del paesaggio. Il giardino pensile dell’Auditorium Parco della Musica si è trasformato per tre giorni, dal 15 al 17 maggio, in un percorso alla scoperta del verde, degli orti e degli arredi dedicati ai giardini. Un viaggio di


25mila metri quadri per scoprire giardini d’autore, balconi creativi, ma anche design da esterni e strumenti per il giardinaggio. Un mondo dedicato ai grandi, ma anche ai piccini, come il giardino intimo semi misterioso, omaggio all’architetto Luis Barragán, un’installazione da percorrere ascoltando i rumori classici di uno spazio verde, grilli e ranocchie, contornato da una pianta rampicante, originaria del Messico, meglio conosciuta come piccolo calice cinese. Un luogo in cui sperimentare ed immaginare il proprio spazio verde, ma anche il semplice terrazzo cittadino, spesso esposto alle intemperie e difficile da mantenere, se non con molta dedizione. Proprio alle terrazze e ai balconi ha dedicato un intervento, nell’aria dedicata agli eventi, Carlo Contesso, scrittore del Corriere della Sera, intervistato dalla direttrice della rivista Gardenia, Emanuela Rosa Clot. Contesso ha spiegato la sua opera esposta nel giardino dell’Auditorium, dei veri e propri terrazzi prêt-à-porter, pensati per le varie esposizioni e per le caratteristiche delle piante. Quattro giardini, da nord a sud che riprongono delle possibilità per vivere il prorprio terrazzo, ricordando che è parte integrante della casa e perciò un luogo da vivere. Tantissime le proposte di arredamenti e progettazione per i balconi cittadini, con aromatiche provenienti da tutto il mondo. Ma non sono mancati, orti e percorsi avventura, dove vivere pienamente, in un’esperienza un po’ selvaggia, il contatto con il verde. Anche per questa edizione ci saranno i premi da assegnare alle avventure creative, ai balconi per Roma e ai racconti brevi sotto le foglie. Alcuni riconoscimenti saranno concessi anche agli espositori, dal presidente e archittetto Fiorella Scarvaglieri, ai vivai, dalla botanica Bruna Pollio e infine ai giardini in terrazza, dalla giornalista Lilli Garrone.


ùBoom di visitatori e vip al Festival del Verde all’Auditorium di Roma

18 mag 2015 0

Perdersi nel giardino misterioso di Elias Torres, ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. Tutto questo è stato la Giornata conclusiva del Festival del Verde e del Paesaggio, il contenitore che da 5 anni parla di paesaggi e giardini in modo sorprendente e spettacolare. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio ha confermato la sua capacità di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono stati i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono stati arricchiti di nuovi e stimolanti

spunti. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai hanno insegnato al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è stato completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione Giardini sono stati proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti che hanno offerto al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Come ogni anno i volti noti che hanno visitato i 25.000 metri quadri di esposizione e si sono soffermati negli spazi degli oltre 200 espositori: Serena Autieri, Claudia Gerini, Michele Santoro, Renzo Arbore, Enrico Silvestrin, Gerardo Greco, Ettore Bassi, Giampiero Mughini, Alda Deusanio, l’ex ministro Brunetta e molti altri. Anche quest’anno ha affiancato la manifestazione l’azienda italiana Emu, simbolo internazionale del made in Italy per l’arredamento da esterno. Nei salotti verdi arredati con le collezioni di punta dell’azienda, i visitatori hanno avuto


consulenze gratuite, corsi di giardinaggio e di green cooking, progettazione, attività per i bambini, iniziative sociali ed eco sostenibili per promuovere la cultura del verde in tutte le sue sfumature. In queste tre giornate tutti hanno preso spunto per i propri spazi all’aperto: dall’arredamento alla cura delle piante ai consigli per giardini e terrazzi. Come di consueto a conclusione del Festival sono stato resi noti i vincitori dei concorsi in

programma. Premio avventure creative, al miglior giardino temporaneo sul tema “walk on the wild side” è Stato assegnato al progetto “la vertigine all’infinito”, di Mattia Proietti Tocca, Simone Antonelli, Alex Tucci, Matilde Fortee Simona Russo. Il premio “balconi per Roma” , riservato ai progettisti under 30 chiamati a progettare il tipico balcone di città ha visto premiato il progetto “balconi di roma” di Sarah Amari e Giovanni Friso Il premio letterario “racconto breve sotto le fogli” è stato assegnato ex equo a Duccio Del Matto con “adagio” e Laura Daniele con “Il Giardinio di inchiostro”. Il miglior espositore è “La Quercia 21” Il miglior vivaio è” Frutticoltura Orvieto” Il miglior Giardino in Terrazza è l’Orto Botanico dell’Università diRoma Tor Vergata


QUI & LA' Istantanee dal Festival del Verde e del Paesaggio, edizione 2015

Mentre al Foro Italico Djokovic e Federer si giocano l'ennesima finale rovente degli Internazionali di Tennis, sull’altra sponda del Tevere al Parco della Musica il Festival del Verde e del Paesaggio è alle ultime battute. Un pomeriggio caldissimo di una domenica estiva di maggio. Mancano due ore alla chiusura di questa edizione, la quinta, ma il flusso dei visitatori sembra aumentare. E' il fascino irresistibile dei fiori nel Parco pensile dell’Auditorium pieno di ulivi. I carretti con le scorte di vasi, bulbi, rampicanti, fanno su e giù dalla rampa al parcheggio, scatta il tempo degli acquisti per rinnovare terrazze e giardini. La giornata conclusiva del Festival è spettacolare. Il miglior espositore è La Quercia 21. Il miglior Giardino in Terrazza è l’Orto Botanico dell’Università di Roma Tor Vergata. Lo hanno stabilito le giurie tecniche, assegnando questi e molti altri premi fra i 200 espositori sparsi nei 25.000 metri quadrati di percorso. Durante la tre giorni, tra i visitatori, anche Serena Autieri, Claudia Gerini, Michele Santoro, Renzo Arbore, Enrico Silvestrin, Gerardo Greco, Ettore Bassi, Giampiero Mughini, Alda D’Eusanio. (r.p.)

- See more at: http://www.radiocolonna.it/gallery/Istantanee_dal_Festival_del_Verde_e_del_Paesagg io,_edizione_2015_#sthash.WcTOfRdQ.dpuf


maggio 15 16:332015

Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: tutto questo è la V edizione del Festival del Verde e del paesaggio, la tre giorni dedicata al tema green nel Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio. Un evento che – sottolinea l’assessore capitolino all’Ambiente, Estella Marino – “ha oramai rilevanza nazionale”. Con 25mila metri quadri di spazio dedicati e oltre duecento espositori, è un appuntamento imperdibile per gli appassionati del verde e pure per chi vuole avvicinarsi agli hobby o ai mestieri verdi. “Manifestazioni come questa – continua E.Marino – servono a ragionare sul verde in città, un verde diverso da quello di bosco e campagna perché si deve conciliare innanzitutto con l’elemento umano. E questi temi sono ancor più sentiti in una città come Roma che ha in media 17 metri quadri di verde per ogni cittadino”. La V edizione del Festival del Verde e del Paesaggio ospita la Giornata del Verde, il progetto didattico ideato e coordinato dall’Associazione culturale Progetti per Città – Arte – Paesaggio: le classi IV e V elementare e I media di alcune scuole di Roma entrano gratis al Festival e partecipano ai laboratori ideati ad hoc. Tante le novità e le proposte dell’edizione 2015 del festival: il giardino prêt-à-porter, pronto per essere copiato o portato a casa, a cura di Carlo Contesso, tra i più raffinati e conosciuti garden designer italiani. Quattro le proposte pensate in base all’esposizione solare: nord – sud – est – ovest, un nuovo modo facile anche per i pollici “meno verdi” per avere un vero giardino anche sul terrazzo. In Follie d’Autore, la sezione di sperimentazione progettuale curata da Franco Zagari, si trova Méxicobarragántaco, l’installazione di Elías Torres e Antonio Martínez Lapeña, architetti spagnoli ma aperti alla scena internazionale. Non manca il connubio cibo-verde, proposto da Tavoli d’Italia, l’opera di Ciriaco Campus presentata da Alberto Abruzzese che mette in tavola ricette della tradizione italiana, piante mediterranee, grandi artisti e gioielli architettonici, opere liriche e molto altro. Ampio spazio ai concorsi. Avventure Creative, presieduto da Fabio Di Carlo, chiede di progettare giardini temporanei sul tema del passaggio: walk on the wild side. Balconi per Roma, concorso destinato agli under 30 presieduto da Franco Panzini, seleziona proposte sperimentali di balconi in città. “L’estremità del mondo e il fondo di un giardino contengono la stessa quantità di meraviglie” (Christian Bobin) è il tema di Racconto breve sotto le foglie 2015. Sfilata di Giardini in testa, cappelli-istallazione de gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Nei numerosi vivai che espongono il pubblico può trovare informazioni sulle piante prodotte in Italia con metodi naturali che meglio si adattano a crescere nei nostri giardini e terrazzi. Infine una sezione espositiva è riservata all’arredamento outdoor, con proposte e consigli su misura. Nel corso dell’inaugurazione è stata presentata la campagna ‘Dona un albero a Roma’ per il mantenimento e l’incremento del verde in città: tutti, cittadini e turisti, possono donare un albero alla città per ricordare una persona o un avvenimento speciale. Informazioni, orari, approfondimenti su www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it


Arriva il Festival del verde e del paesaggio Roma - Parte domani la quinta edizione del 'Festival del verde e del paesaggio'. Un mondo in cui perdersi, come il giardino misterioso di Elias Torres, dove si potranno ammirare i terrazzi prêt-à-porter di Carlo Contesso, sedersi ai Tavoli d’Italia firmati da Ciriaco Campus. La quinta edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, in programma al Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 15 al 17 maggio si conferma capace di parlare di paesaggio e giardini in modo sorprendente e spettacolare. Architettura del paesaggio e dei giardini, ambiente, vivaismo, manutenzione del verde, arte, letture tematiche, incontri con i massimi esperti del settore, concerti, scuole di giardinaggio, concorsi, attività per i bambini: sono i punti di forza del Festival che in questa nuova edizione sono arricchiti di nuovi e stimolanti spunti. Nei tre giorni di evento i più importanti vivai insegneranno al pubblico come scegliere piante prodotte in Italia con metodi naturali che crescano rigogliose e sane nei nostri giardini. Il fascino dell’outdoor è completato dall’arredamento contemporaneo e d’antiquariato uniti all’artigianato di altissima qualità. Nella sezione 'Giardini' verranno proposti prototipi di giardini realizzati da professionisti che offriranno al pubblico spunti e consigli per ogni spazio all’aperto. Inoltre, sarà ospitata, per il secondo anno, la Giornata del Verde, progetto didattico ideato e coordinato dall’Associazione culturale Progettiper Città – Arte – Paesaggio. Alle le classi IV e V elementare e I media di alcune scuole di Roma viene offerta la possibilità di partecipare gratuitamente al Festival, usufruendo dei laboratori ideati ad hoc.


CASAAL21.COM

FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO 2015 19 maggio 2015

E’ stata la mia prima visita al Festival del verde e del Paesaggio di Roma e anche la prima come Stampa. (Eh, sì ero in veste ufficiale di blogger !!). Lo slogan di quest’anno era perfetto per me,“Un giardino per tutti, anche per chi il giardino non ce l’ha”, infatti le soluzioni proposte erano adatte a ogni situazione, bastava armarsi di carrello o cariola e dare il via allo shopping verde.

Naturalmente a farla da padrona erano i fiori, profumatissimi, colorati e di ogni specie, ma le nuove tendenze erano presenti anche quì: il “kokedama” è stata la pricipale attrazione. Ho avuto la possibilità di comprare lo sfagno, che fin ora non ero riuscita a trovare, quindi prossimamente mi cimenterò in prima persona nella realizzazione di un personalissimo “kokedama”, che in giapponese significa “perla di muschio” proprio per l’assenza del vaso.


Altra tendenza nel mondo green, sono i “Terrarium art“. Piccoli mondi verdi racchiusi in barattolo o in vasi di vetro, in cui tutto convive in una perfetta scala geometrica.


Che dire poi del Guerrilla Balconing? Non ha vinto il concorso per i Balconi per Roma, ma l’idea di organizzare il balcone partendo da sacchi impilati di terriccio disidratato, da forare in superficie, idratare e poi mettere a dimora le piante, mi è sembrato pratico, veloce e alla portata di tutti, anche di chi non ha il pollice verde!


“La vertigine dell’Infinito” invece ha vinto il premio Avventure Creative. Sò che a molti non piace il ribaltamento del verde, ma l’intento di traslare il punto di vista era quello di creare un senso di smarrimento, che “conduce la mente verso infinite idee”. A voi piace?

Quello che è evidente, è la voglia di trasportare il verde all’interno delle nostre case anche attraverso mezzi alternativi al solito vaso di terracotta, ecco alcuni esempi.


E poi c’è l’arredo vintage o quello che sembra sia stato appena tirato fuori dalla cantina, e che ha il sapore dei bei tempi andati.


C’è stato anche un colpo di fulmine durante il festival, eh sÏ! Mi sono letteralmente innamorata di queste coloratissime stuoie di plastica e dei vasi in fibra di vetro, hand made in Italy, leggeri e infrangibili, realizzati da Madame Pot Milano con una palette che ricorda il mare e i colori della terra. Stra-stra-belli!


E poi l’arredo da giardino coloratissimo di Emu in acciaio verniciato.


Servirebbe un altro post dedicato all’evento, ma il consiglio che posso darvi è quello di non perdere l’edizione del prossimo anno. A presto!


IL GIORNALE DI SICILIA

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

19-05-2015

1


IL RESTO DEL CARLINO – ASCOLI PICENO

Infostampa S.r.l.s. - Ritaglio stampa ad esclusivo uso privato

19-05-2015

1


19.05.2015 ore 08.00

http://www.video.mediaset.it/video/tg5/android/538241/index.html

Profile for Festival del Verde e del Paesaggio

Rassegna stampa 2015  

Festival del Verde e del Paesaggio - V edizione

Rassegna stampa 2015  

Festival del Verde e del Paesaggio - V edizione

Advertisement