Page 1


al paesaggio italiano


Con il patrocinio di

e in collaborazione con

e il patrocinio di

con la partecipazi one di

Media partner


ROMA AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA - PARCO PENSILE 18 19 20 MAGGIO 2012


ROMA AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA - PARCO PENSILE 18 19 20 MAGGIO 2012 Ideazione progetto e coordinamento Gaia Flavia Zadra Direzione artistica Ciriaco Campus Responsabile commerciale Gioia Inzirillo Responsabile segreteria organizzativa Maria Michela De Mita Comunicazione Alessandro Bertolini Supervisione Follie d’Autore Franco Zagari Supervisione Giardini in balcone Franco Panzini Ufficio Stampa Equa di Camilla Morabito

Ringraziamenti: Barbara Alessandrini, Irene Almini, Maria Beatrice Andreucci, Federico Barbariol, Marta Battista, Pierluigi Battista, Alessandra Battisti, Paola Buratto Caovilla, Antonella Canini, Elisabetta Catalano, Edoardo Corbucci, Simona De Caro, Fabio Di Carlo, Lilli Garrone, Orlando Gentili, Filippo Iacomini, Luigi Latini, Laura Laurenzi, Lidia Lombardi, Franco Milito, Massimiliano Nico, Renato Nicolini, Carla Palermo, Franco Panzini, Roberta Petronio, Francesca Romano, Serena Savelli, Fiorella Scarvaglieri, Stalker - Giulia Fiocca e Lorenzo Romito, Amedeo Schiattarella, Doriana Torriero, Francesco Tucci, Lucia Valerio, Antonella Vivio, Marco Vivio, Franco Zagari, Lucilla Zanazzi, Luca Zevi, Berta Zezza.

WWW.FESTIVALDELVERDEEDELPAESAGGIO.IT


Festival del Verde e del Paesaggio di Gaia F. Zadra Il nostro secondo anno, cominciato con giardininterrazza, è approdato al Festival del Verde e del Paesaggio. Il cambio di nome riflette la vera vocazione dell’evento: un grande contenitore aperto alle più varie forme espressive e creative che ruotano attorno al tema del paesaggio. Paesaggio come contesto, dove cose reali e creazioni fantastiche interagiscono in continua mutazione. In soli due anni, grazie ad un approccio nuovo e “interdisciplinare”, il Festival si è saputo ritagliare un’attenzione che ha oltrepassato da subito la dimensione locale per diventare un importante appuntamento nazionale. Il successo della formula che affianca architetti, paesaggisti, produttori di piante, giardinieri, rivenditori di arredi e materiali da esterno, artisti, musicisti, corsi e dibattiti sta nel continuo scambio che questi realizzano tra loro e con il pubblico, trasformando la tre giorni di manifestazione in una grande festa ludica e colta. Il nostro obiettivo è quello di affrontare argomenti molto seri e impegnativi in modo leggero e divertente, per riuscire a raggiungere ed interessare il grande pubblico che ci auspichiamo diventi sempre più numeroso. Lo stupore di fronte ai giardini temporanei delle Follie d’Autore, alle installazioni di Balconi firmate da giovanissimi architetti ed alle sorprese dei Nuovi Paesaggi, hanno generato nei visitatori emozioni poetiche e, nel contempo, anche il desiderio di misurarsi con la trasformazione creativa del proprio angolo verde. Nell’edizione del 2013 cercheremo di migliorare quanto fatto e dare spazio a nuove proposte che un mondo in continuo movimento ci sollecita.


Il cuore verde della città di Carlo Fuortes - Amministratore delegato Fondazione Musica per Roma La popolazione del XXI secolo è in maggioranza urbana, ed è in particolare nelle città che i problemi ambientali incidono sull’esistenza delle persone, influenzandone le condizioni pratiche e la salute. C’è insomma un legame oggettivo tra qualità dell’ambiente e qualità della vita in città. Sempre di più il fatto di vivere in un ambiente sano, pulito, esteticamente gradevole, rientra nei criteri in base ai quali gli esseri umani misurano la nozione di benessere. è in qualche modo “naturale”, quindi, che una grande città come Roma, e un’istituzione come l’Auditorium Parco della Musica, ospitino una manifestazione come il “Festival del Verde e del Paesaggio”. Il successo di questa edizione, che ha fatto registrare oltre 16 mila visitatori, è per certi versi proprio una dimostrazione di quanto sia stretto e sentito questo legame, indispensabile e indissolubile, tra città e ambiente, tra verde urbano e qualità della vita. Anche nel 2013, dal 17 al 19 maggio, le diverse sezioni del Festival saranno da una parte l’occasione per porre l’accento sull’importanza dell’inserimento della cultura del verde urbano negli spazi pubblici e privati della città, dall’altra il modo per mettere in contatto un pubblico sempre più vasto di professionisti e appassionati con paesaggisti, garden designer e produttori di piante. Per tre giorni, dunque, l’Auditorium si trasformerà in un cuore verde della città, e i visitatori avranno modo di entrare davvero in una dimensione diversa, più curata, più piacevole esteticamente e più sana, del vivere quotidiano.


I Premi del Festival Sei sculture originali raffiguranti un albero costituiscono i premi assegnati ai vincitori delle diverse sezioni del Festival del Verde e del Paesaggio. Il Festival, a partire da questa edizione, ha inoltre deciso di assegnare un riconoscimento ad una persona, gruppo o istituzione che si sia distinta nel promuovere la conoscenza e l’importanza del paesaggio. Quest’anno il premio è stato assegnato a Franco Zagari. Le opere rappresentano un albero, simbolo iconografico principale del paesaggio e della natura: simbolo di solidità, energia e generosità. Gli alberi realizzati da Ciriaco Campus sono semplici e classici. Una porzione di terreno modellato dove l’albero affonda le radici forma la base, il tronco contiene una serie di leggere imperfezioni - senza tuttavia scadere nel verismo naturalistico - e la chioma, formata da abbondanti e sovrapposte ondulazioni, è striata da segni verdi lucenti che risaltano sul fondo scuro.

Premio Follie d’Autore Presidente: Franco Zagari / Professore ordinario di Architettura del paesaggio. Giurati: Amedeo Schiattarella / Presidente dell'Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia; Luca Zevi / Presidente In/Arch Lazio; Laura Laurenzi / Giornalista. Vincitore: Giallo#57 di Attoprimo.

Premio Giardini in balcone Presidente: Franco Panzini / Architetto e Paesaggista. Giurati: Lucilla Zanazzi / Giardiniera; Roberto Ortolani / Imprenditore; Roberta Petronio / Giornalista. Vincitore: eSTENDilBalcone di Andrea Ciocchetti; Federica Fruhwirth; Emiliano Carbone.

Premio Nuovi Paesaggi Presidente: Renato Nicolini / Architetto. Giurati: Luigi Latini / Presidente dell’Associazione Pietro Porcinai; Lilli Garrone / Giornalista. Vincitore: Emozioni d’acqua di Studio PAESAGGIepaesaggi.

Premio Vivai “Giardininterrazza” Presidente: Antonella Canini / Professore ordinario di Botanica. Giurati: Franco Milito / Consigliere dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Roma; Lidia Lombardi / Giornalista; Orlando Gentili / Architetto. Vincitore: Vivai Belfiore.

Premio Espositori “Silvia Provera” Presidente: Fiorella Scarvaglieri / Architetto. Giurati: Pierluigi Battista / Giornalista; Elisabetta Catalano / Fotografa; Barbara Alessandrini / Giornalista. Vincitore: Multi Urban Design & Architecture (MUDArch).


Paesaggio & Paesaggi di Franco Zagari - Curatore Follie d’Autore A Roma, all'Auditorium Parco della Musica nel maggio 2012 si è svolta la seconda edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, manifestazione di gardening che in un soli due anni si è affermata come un importante appuntamento nazionale. I motivi di un successo superiore a ogni previsione sono da ricercare in una impostazione decisamente originale, che unisce il piacere di frequentare uno spazio di grande qualità in una veste che ne valorizza tutte le potenzialità, la visita di un mercato fortemente attraente perché grande, complesso e molto selezionato, una cura attenta del pubblico con mille occasioni di raffinata convivialità, e una intensa attività culturale. La concezione e la regia sono di Gaia Zadra, coadiuvata da una squadra molto affiatata, partner fra i migliori del settore, un art director della sulfurea capacità di Ciriaco Campus. Questa formula ha saputo interpretare una forte domanda fino ad ora invisibile e inespressa del pubblico romano, e accoglierla nella cornice non solo di una iniziativa commerciale di qualità, quanto di un vero e proprio Festival. In questo contesto una delle idee caratterizzanti è stata quella di impegnare autori giovani ma già affermati su piccole installazioni effimere a tema libero, che sono state chiamate "follie", in ricordo di uno dei più straordinari dispositivi della storia dell'arte dei giardini, quegli indimenticabili momenti emozionali del parco romantico ricchi di contenuto simbolico. Sono spazi dove si libera pienamente tutta la capacità, non solo narrativa ma di libera sperimentazione, su un campo oggi dirimente per la qualità della nostra vita in una società ormai multietnica: il rapporto così fragile fra diverse culture e diverse nature, nel senso più ampio di linguaggi, di comportamenti, assetti spaziali,

tecniche, acclimatazioni. In ogni epoca il giardino ha avuto questa valenza di luogo filosofico e insieme di laboratorio che ne fa un'istituzione culturale fondamentale. Ecco quanto si è puntualmente verificato a Roma in questa occasione. In una città apparentemente indifferente alla forte spinta creativa che in tutta Europa risponde a nuove necessità non solo culturali, ma anche sociali e economiche, il pubblico si è dimostrato perfettamente pronto ad accogliere queste proposte e farle proprie. Come spesso succede, piccoli atti, se consapevoli, possono essere in grado di evocare grandi questioni e, come ancora sempre succede, strutture effimere hanno una durata nell'esperienza di chi le abita, molto più estesa dell'arco della loro vita, rimangono nella memoria come modificazioni permanenti dei luoghi visitati. In primis dunque la consapevolezza che la durata di un'opera è una variabile che spesso ha un significato diverso, se non opposto a quello del buon senso comune, secondo il quale la durata dovrebbe essere proporzionale al valore. Grande è quindi il loro potere maieutico, ben oltre la loro dimensione di piccolo spazio in piccolo tempo. Gli autori della prima sessione sono stati scelti da un comitato scientifico, mentre poi sono stati loro stessi a nominare gli autori della seconda serie. Ogni autore nel momento che è stato scelto si è impegnato a trovare dei partner per la realizzazione delle opere. Questa organizzazione agile e decentrata ha permesso di concentrare le forze sulla regia, sulla comunicazione e sulla valorizzazione dei giardini. Nei due anni sette più sette, cioè ben quattordici gruppi hanno fissato altrettanti punti cardinali di esplorazione, che più diversi e più originali non avrebbero potuto essere, ma con sorprendente armonia. Molto talento, molta competenza, affabulazione e humour, diversi piani narrativi, sapienza artigiana, cultura scientifica, progettazione ambientale e


energetica. Con un linguaggio semplice e preciso, in punta dei piedi, spazi sobri e sereni hanno messo in scena una riflessione molto ambiziosa e, come i generali cari a Napoleone, gli autori sono stati non solo bravi, ma molto fortunati: Roma ha infatti dato giornate stupende con spruzzate di pioggia contro sole, e senza interruzione i giardini sono stati intensamente abitati da una folla partecipe e interessata. Ma se è vero che i giardini, presi uno per uno, sono molto maturi, e pronti per un confronto con casi analoghi in Itala e all'estero, forse è proprio la sequenza, la serialità, che dà loro una marcia in più. Va poi detto che credo che sia dal 2000, l'anno della inaugurazione, che per la prima volta il parco dell'Auditorium è rivisitato da una nuova scrittura. è come se non aspettasse altro. Come tanti innocenti giardini, anche questi hanno una insospettabile ma robusta capacità di preveggenza, di anticipazione urbanistica. L'idea di lavorare su delle installazioni reversibili, espressive sia in chiave narrativa che conoscitiva, dipende certamente da riferimenti che nella contemporaneità adottano la categoria della provvisorietà dell'opera come fine in sé, sia in tanti movimenti artistici - si pensi all'esperienza di Christo e Jeanne Claude o di Cai Ngo-Kiang: le modificazioni temporanee diventano parte della storia del luogo e sono quanto mai vive in chi le ha potute condividere - che in tante manifestazioni sul giardino che dell'effimero hanno fatto esplicito tema - come ad esempio Chaumont, Metis, La Padula. è da sempre che si allestiscono giardini effimeri per circostanze estemporanee, ma in Europa è dal 1972 che ogni anno a Chaumont sur Loire si tiene un festival, circa 25 giardini a tema che durano tutta l'estate. Questo vero e proprio laboratorio del progetto di paesaggio è stato frequentato da grandi autori, scuole, giovani vincitori di concorsi, lasciando a volte una memoria così nitida di soluzioni.

Nell'esperienza romana che sta esaurendo una legislatura fra le più piatte e prive di progetto, in tutti i sensi, colpisce l'alta complessità delle opere in rapporto a un arco di vita quasi istantaneo, soli tre giorni di apertura al pubblico. Di questa ricchezza di offerta il pubblico è cosciente, e non è certo sprecata. ... Continua ...


Follie d’Autore Attoprimo Giallo#57 Lian Pellicanò e Ilaria Rossi Doria con Green-on Pa(e)ssaggio Andrew J. Kranis Jump-Start Fountain Nabito Architects and Partners I_Garden AiappLAB Dalla foresta al giardino - Il debutto in società della flora tropicale Gianni Celestini e Donatella Pino con Bruna Pollio Ailand Raffaella Gatti e Emanuele von Normann Decidicd


Giallo#57 di Attoprimo Lorenzo Senni, Marta Spadaro, Livia Valentini

Realizzato con il contributo di: VerdeMaVerde in collaborazione con Vivaio Cassia sas

“Giallo#57 è uno spazio aperto misurato sul maggio di Roma. Una foresta di 57 ombrelli si alza su un suolo arricchito di fioriture e parzialmente attraversabile per diventare un sistema di ombreggiamento che rivisita in chiave contemporanea l'ombrello delle tradizioni orientali. L'area di sosta - raccolta tra gli steli è il punto in cui il visitatore trova intimità e sollievo, cogliendo la molteplicità cromatica che nasce dall'incontro delle luci ambrate con la ricchezza materica del suolo.”


Pa(e)ssaggio di Lian Pellicanò e Ilaria Rossi Doria con Green-on

Realizzato con il contributo di: Vivai Mari, Grow the Planet, Gamba manifatture 1918

“è la follia di ingresso al Festival, è il corridoio che segna il passaggio fra due luoghi: la Città e il Parco. La promiscuità fra architettura e giardino sulla cavea dell'Auditorium ispira uno spazio che alterna metallo e piante, pieni e vuoti, luci ed ombre, suoni e silenzi. Si tratta di un attraversamento che propone una forte esperienza sensoriale di avvicinamento al mondo vegetale, un passaggio a stretto contatto tra piante ricadenti e profumate. L'interazione con gli elementi vegetali genera molteplici e reciproche sensazioni. Non solo la vista e l’olfatto, ma anche il tatto e l’udito veicolano queste emozioni. Grazie al sistema Green-On il contatto tra le piante e i visitatori viene percepito, elaborato e trasformato in musica. Si compone così la colonna sonora di questo incontro, come in un omaggio allo spazio che ci ospita, il Parco della Musica.”


Jump-Start Fountain di Andrew J. Kranis

Consulente tecnico: Dott. Agr. Giangabriele Iannicelli Realizzato con il contributo di: The American Academy in Rome, University of Arkansas Rome Center, Idrogreen srl

“I bambini che giocano sull'altalena a bilico e le pedalate sulle biciclette provocano un ballo di acqua in continua evoluzione. Questa macchina a moto perpetuo ricicla l'acqua da una fontana comunale, il ‘nasone’, e l’energia rinnovabile prodotta dai movimenti degli spettatori alimenta una pompa di acqua e aria. Si tratta di una scultura cinetica, realizzata al 100% con materiale riciclato e riciclabile che intende sfidare la gravità, incoraggiare la partecipazione pubblica e suggerire applicazioni pratiche di risparmio idrico ed energetico attraverso un'opera di ‘arte di strada’.“


I_Garden di Nabito Architects and Partners

Realizzato con il contributo di: Enel Green Power, Vivai Renzoni Rivergarden s.r.l., Babilon s.l., POWERleap _ PowerFloor, Centro Stampa SERIGRAF, Enertronica Energia Solare, Arredosalaria

“Un giardino è uno spazio di relazione nel quale svolgere differenti attività umane ed interagire con l'ambiente. Nabito propone I_GARDEN, un giardino intelligente capace di produrre energia e generare sostenibilità sociale, economica ed ambientale. Da una semplice idea individuale al suo uso collettivo, l'architettura di Nabito sempre è in grado di immaginare come mettere in relazione differenti idee per generare un beneficio comune. Come un'alchimia, combinando differenti elementi, l’ I_GARDEN palesa ancora una volta la visione romantica di Nabito di una problematica concreta.”


Dalla foresta al giardino Il debutto in società della flora tropicale di AIAPPLab Alessandra Bazzoni, Maria Beatrice Caldani, Cristiana Costanzo, Mara Filippi, Denise Fralley, Francesca Picardi, Daniela Romanelli, Sofia Varoli Piazza, Uta Zorzi Mühlmann, Simone Amantia Scuderi

Realizzato con il contributo di: Torsanlorenzo Gruppo Florovivaistico, Horti di Veio, Puma Service srl, Azienda Agricola Gelso della Valchetta “La nostra folie è un giardino vero. Vero come i giardini fatti con le piante vive, con la terra soffice sotto i piedi, con il suono del vento che gioca con le fronde e gli uccelli che cantano. Il nostro giardino ci porta però anche oltre la realtà fisica delle esperienze sensoriali, ci porta dritto nella dimensione dei sogni e della fantasia, con le piante tropicali che evocano luoghi magici, dove il canto degli uccelli segue spartiti esotici. Passiamo tra piante e sottobosco, tra foglie carezzevoli, su un terreno morbido al passo, avvolti dall’eco di una cascata d’acqua, prima solo intuita e poi rivelata alla vista sopra di noi e di lato: rivoli e getti riflessi, trasparenze cariche di luce in questo luogo d’ombra. La foresta in alcuni punti si dilata a formare delle radure, pause nel fitto della vegetazione, dove sostare e guardarsi intorno, sentire e ascoltare. Un piccolo palco permette momenti di intrattenimento: musica, danza, letture o semplicemente una breve pausa, un attimo di sogno … Infine, un’ultima sosta nell’ultima radura, dove da uno stagno fatato sorge un nuvola di acqua vaporizzata, una nebbia che avvolge la fine del sogno.”


Ailand di Gianni Celestini e Donatella Pino con Bruna Pollio

Realizzato con il contributo di: Calandrella Costruzioni & Restauri S.r.l, EUROGARDEN s.r.l. “Come un’isola, questo piccolo giardino identifica un dominio spaziale da abitare, usare, allestire, aperto e versatile a diverse interpretazioni. Trasposizione dell’anelito e dei desideri della comunità che lo produce. Prodotto di una azione puntuale che può trasformarsi in qualcosa di permanente e quotidiano. Ailand è un perimetro vegetale alto e quasi impenetrabile allo sguardo che protegge un cuore vitale perché si può attraversare o vi si può sostare. è impreziosito dalla presenza di parterres fioriti ed accogliente perché ci si può sedere, ascoltare musica e storie narrate, oppure meditare. Ailand è un giardino minimo, replicabile, riproducibile da una comunità attraverso l’autocostruzione o da un’amministrazione pubblica per dotare lo spazio pubblico di una attrezzatura. Per questo abbiamo pensato a pochi e semplici materiali come il legno (anche riciclando pallets) per la pavimentazione e le sedute e le piante la cui scelta e combinazione sono liberamente espressione della quotidianità, oppure ispirate da una storia o ancora evocazione di paesaggi remoti. In omaggio al luogo che ci ospita, la selezione vegetale dei parterre fioriti è tratta dalle piante magiche e salvifiche dell’elisir d’amore di Gaetano Donizetti.”


Decidicd di Raffaella Gatti e Emanuele von Normann

Realizzato con il contributo di: Torsanlorenzo Gruppo Florovivaistico, Impresa Edile Scaringella, Angelico Gomme

“La follia di questa ‘Follia’ è scommettere sulla capacità o possibilità del pubblico di usare gli elementi a disposizione per comporre un proprio ‘fatto’, un piccolo giardino di inerti circondato di rampicanti fioriti. è il padiglione interattivo realizzato con quegli elementi che si trovano comunemente nei giardini privati delle periferie o campagne italiane, e che la intellighenzia paesaggistica aborrisce a priori; a volte elementi di recupero o scarti di cantiere. Così il materiale plastico dei CDRom, i tubi innocenti, le reti elettrosaldate, i nanetti, il copertone del trattore o quelli delle macchine, riletti all'interno di una composizione mirata possono diventare i veri e giusti protagonisti di una stanza all'aperto.”


Giardini in balcone Testo di Franco Panzini Al contrario dell’architettura costruita, per la quale tecniche e materiali edilizi si sono trasformati radicalmente nel corso dei secoli, rendendo impossibile comparare direttamente un fabbricato antico con uno contemporaneo, le materie fisiche con cui si fanno i giardini, dalla più remota antichità a oggi, sono variate pochissimo. Piante, acqua, terreno modellato, e rapporto col paesaggio: gli elementi basici della formazione di un giardino sono stati più o meno sempre gli stessi. Per sua natura, Il giardino sembrerebbe così destinato a replicare perpetuamente le stesse forme compositive e non partecipare davvero all’intensità dell'evoluzione culturale che segna la nostra storia. A smentire quest’affermazione e mostrare invece come proprio la creatività progettuale, senza il filtro delle tecniche o l’alibi delle funzioni, sia perfettamente capace di rappresentare il senso del tempo attuale, stanno i giardini presentati nelle diverse sezioni del Festival del Verde e del Paesaggio: le Follie d'Autore, i Nuovi Paesaggi, i Giardini in balcone. Instant Gardens capaci di interpretare il senso del tempo e dei luoghi. La dinamica molteplicità di forme e l'apparente cacofonia di lingue con cui sono stati disegnati interpreta la stratificazione complessa della contemporaneità. L'esuberante ricchezza e varietà di essenze vegetali impiegate rappresenta e grida il diritto alla vita degli ambienti naturali

minacciati. L'accento sulla creazione di micropaesaggi produttivi ribadisce l'interesse a volgere in ambienti fertili gli spazi aperti domestici. La suddivisione in piccoli moduli permette di approfondire il loro contenuto specifico, ma garantisce anche l’integrazione visiva con il paesaggio già complesso a cui si sovrappongono. Proprio da quest'ultima constatazione viene una utile lezione; quella della capacità che hanno le composizioni naturali seppure minime, di trasformare la lettura di un'architettura complessa come l'Auditorium. L’architetto nel tempo attuale non è, o non è più, quella sorta di dottore igienista che decenni addietro studiava le condizioni spaziali per una vita più sana e ben funzionante; l’architetto è oggi piuttosto chiamato per sorprendere con il suo disegno, attrarre il pubblico, mostrarsi capace di propaganda culturale. L’architettura cerca atmosfere, emozioni, dimensioni narrative. Propone, soprattutto per gli edifici pubblici e collettivi, costruzioni che sono percorsi, che sollecitano gli occhi come la mente; esperienze spaziali che incorporano lo spettatore utente nella teatrale messa in scena. Dove gli spazi come i programmi funzionali sono interconnessi, dove si giocano giustapposizioni materiche e stilistiche anche azzardate, dove insomma si aggruma il carattere della realtà mutante di questi anni. Questo è quanto è avvenuto rivestendo gli spazi aperti dell'Auditorium con il diorama dei tanti frammenti di giardini proposti dal Festival, che ha aggiunto una innovativa offerta alle funzioni istituzionali del complesso, ha reso più seducente il suo paesaggio visuale, ha accresciuto il senso complessivo della macchina pubblica. Di solito sono le performance teatrali o i film a farci sognare mondi diversi. Ma a volte possono farlo anche i paesaggisti, proponendo composizioni che, insieme a programmi di utilizzo inventivi e a un’estetica fresca, sappiano soddisfare una domanda d’uso per la vita quotidiana, mutandola in un gioco ottimistico.


i Balconi 1. eSTENDilBalcone di Andrea Ciocchetti - Federica Fruhwirth - Emiliano Carbone 2. Il giardino di DalĂŹ di Michele Ropelato 3. Binario 0 di Valeria Ursino - Patrizia Colabuono - Salvatore Terrano 4. Scartati ad arte di Marta Mattiacci - Simona Perruzza 5. Un diamante di balcone di Stefano Roman 6. Esiliati di Sabina Gala 7. Al riparo dall'uomo di Daria Casale - Elena Romano - Fabio Casale 8. Tunegreen di Dimitrios Vasileios Liakatas - Maria Schiavo 9. Vita Nova di Fabio Fusco - Barbara Freducci - Annalisa De Caro 10. PermaCult di Roberta Messa


eSTENDilBalcone


Il giardino di DalĂŹ

Binario 0


Scartati ad arte

Esiliati


Un diamante di balcone

Al riparo dall’uomo


Tunegreen


Vita Nova

PermaCult


Nuovi Paesaggi Testo di Lilli Garrone Queste parole avrebbero dovuto essere dell’architetto Renato Nicolini: non ha fatto in tempo a scriverle. E così il racconto di una giornata di sole, della bella passeggiata fra tanti fiori e tanto verde sulle terrazze dell’Auditorium, e della ricerca di «Nuovi Paesaggi » da parte di una giuria formata oltre che da Renato, indimenticabile ideatore dell’Estate Romana, da Luigi Latini e me, è adesso affidato a questo scritto. Otto le opere che accompagnati da Gaia siamo andati a visitare con l’aria più di una scampagnata che di un compito preciso, anche se regolarmente muniti di fogli con dettagliate prescrizioni su come si doveva formulare il giudizio e una matita, per eventuali ripensamenti e cancellature. Ma tutto sommato il compito si è rivelato meno difficile del previsto, perché la giuria è stata fondamentalmente d’accordo, con qualche indecisione solo nel rush finale: era meglio «Origini» o quello che poi alla fine è stato il progetto vincitore «Emozioni d’acqua»? Una disfida vinta dal secondo per la serenità olimpica che ha saputo trasmettere. Come dice la motivazione, dettata proprio da Renato Nicolini: «La novità del paesaggio consiste nella sua gradevolezza, un luogo dove è piacevole stare, segnato da un intelligente uso dell’acqua che si ricicla continuamente e può essere nebulizzata, e da un’accurata scelta delle specie vegetali. Fa venire in mente la celebre frase di Elias Canetti: “L’architettura tende alla cognizione vegetale, il luogo che taglia l’ansia”».

Ogni progetto è stato apprezzato e visionato. Dalla semplicità di «Origini» con la sua struttura lignea ed i vasi a costituire una parete di verde a quello più sontuoso come «Il giorno della festa» con il suo lungo tavolo preparato all’ombra per una festa campestre di primavera. Un angolo quasi nascosto da piante e fiori bellissimi, un giardino segreto che – devo dire – ha molto incantato i giurati. Oppure «Urban Flash - Occhio al paesaggio» con il suo invito a guardare con occhi nuovi e diversi il paesaggio urbano che ci circonda. Da «Albula» che si ispira al Tevere ed alla vegetazione che lo caratterizza, a «Il quadro», dove l’insieme di fiori e piante in verticale riporta alla necessità di verde che potrebbe caratterizzare anche un balcone cittadino. Proseguendo così in questa passeggiata ideale sulle terrazze dell’Auditorium, lentamente per non perdere di vista la bellezza dei fiori e delle piante e riallacciando il filo dei ricordi delle parole appuntate dai giurati, e delle impressioni che si sono scambiate, ecco un «Luogo per meditare», un piccolo spazio che è possibile ricavare nell’angolo di qualsiasi giardino dai tenui colori e dalla scelta di fiori adatti alla contemplazione. E infine «Forgiando il verde» dove la bellezza delle semplici e naturali strutture incitano chi passeggia a fermarsi e contemplare. Ed eccoci al vincitore, «Emozioni d’acqua», premiato soprattutto perché alla bellezza del luogo ricreato si aggiunge il rumore dell’acqua che scorre lungo un canale, riportando a sensazioni fra il campestre e la villa; uno spazio quieto dove la raffinatezza di un paesaggio è stata riprodotta in modo quasi naturale. Disegnato dallo studio PAESAGGIepaesaggi, con fontane e specchio d’acqua, con schizzi nebulizzanti che sembrano quasi danzare con la musica e con «aromi esaltati da micro-particelle d’acqua sospese», come scrivono gli autori, il «Nuovo Paesaggio» almeno nei miei ricordi, ha colpito i giurati perché permetteva di godere in modo totale della natura: veniva voglia di fermarsi e restare lì a guardare le ninfee, a veder scorrere l’acqua della fontana, a riposare gli occhi con gli alberi e il tenue verde. Così dopo il tour mattiniero e qualche ora di meditazione, nel pomeriggio quando ci siamo rincontrati tutti e tre per il «verdetto» non ci sono stati tanti o troppi dubbi: il più bello è lui. In attesa di nuove emozioni per l’edizione del 2013.


i Paesaggi 1. Emozioni d’acqua di Studio PAESAGGIepaesaggi 2. Il giorno della festa di Torsanlorenzo Gruppo Florovivaistico 3. Urban Flash - Occhio al paesaggio! di Rosa Russo e Eleonora Tomassini arch-LAND urban+garden LANDSCAPE 4. Origini di Green Service 5. Albula - Un giardino lungo il Tevere di Consuelo Fabriani, Cloe Berni, Livia Ducoli 6. Forgiando il verde di Linea Giardini e Artestenico 7. Il quadro di Roberta Tucci e Ingrid Scariato 8. Un luogo per meditare di Clemente Martone e Susanna Panicucci 9. Il nido di natura e architettura di Roberto Ortolani (fuori concorso)


Emozioni d’acqua di Studio PAESAGGIepaesaggi / tullio@paesaggiepaesaggi.it

Realizzato con: Giangabriele Iannicelli, Idrogreen srl, Energy impianti, Vivaio Eta Beta, Vivaio Mari con Legnolandia srl “Perché l'acqua? ... perché l'acqua è vita e crea nuovi ecosistemi nei luoghi; ... perché crea ‘qualità e identità’ nei siti riflettendo il cielo e la natura circostante, creando una fonte di luce in terra, o dilatando l'orizzonte; ... perché dà benessere, condiziona il microclima, ionizzando l'aria e coinvolgendo tutti i nostri sensi (l'udito, per la sua sonorità, la vista come fonte di luce, l'olfatto, perché le micro-particelle d'acqua diffondono gli aromi delle piante, il gusto, perché nulla è più prezioso di un sorso di acqua fresca, il tatto, per il piacere determinato dal contatto e per il benessere microclimatico ad essa connesso); ... infine, perché l'acqua (l'oro blu dei prossimi decenni) è una risorsa delicata che va preservata, risparmiata…non sprecata, utilizzata e riutilizzata con intelligenza: le acque meteoriche e le acque bianche vanno raccolte, fitodepurate e riutilizzate ma… mentre si fanno queste cose, perché perdere l'occasione di godere del benessere e della bellezza donate dall'acqua?”


Il giorno della festa di Torsanlorenzo Gruppo Florovivaistico / elisabetta@tslgruppo.com

Progetto di: Elisabetta Margheriti, Francesco Fornai e Milena Mastria “Un’immagine: un lungo tavolo preparato con cura all’ombra di un pergolato in un giorno di primavera. Un suono: le risate che arrivano dalla cucina e le foglie mosse dal vento. Un profumo: quello dei fiori d’arancio e del gelsomino seguiti dalla freschezza della menta e dalla voluttuosità della gardenia. Il tutto a rappresentare il giorno della festa, la domenica nel giardino, che armonioso e accogliente, semplice solo in apparenza, interpreta in stile contemporaneo il sapore della tradizione, nei tratti e nelle piante utilizzate. è questo l'obiettivo di Torsanlorenzo Gruppo Florovivaistico: conciliando passato e futuro, ricercatezza e spontaneità, progettare e creare giardini da vivere più che da ammirare. Luoghi di svago ma soprattutto del cuore, in cui poter tornare e avere la piacevole sensazione che sia sempre domenica.”


Urban Flash

Occhio al paesaggio! di Rosa Russo e Eleonora Tomassini arch-LAND urban+garden LANDSCAPE / rosa.russo@lhyra.it “Il progetto vuole proporre un nuovo modo di guardare al paesaggio della città, un invito ad osservare, soprattutto quello che sembra meno attraente, dimenticato, o di risulta, che ogni giorno ci capita di vivere ma a cui non diamo importanza e che andrebbe valorizzato e riqualificato, regalandogli un’identità e una riconoscibilità da parte dei cittadini. I tagli sullo sfondo ci permettono di guardare scorci di paesaggio attraverso nuove prospettive, inaspettate, che si proiettano sul pavimento nero come l'asfalto e accendono angoli di natura esaltando, attraverso elementi riciclati, la poetica di alcune situazioni urbane: la strada, la ferrovia, l'orto urbano e anche un angolo all'incrocio tra due strade che diventa un salotto in cui inebriarsi col profumo delle piante aromatiche per assaporare la città fino in fondo… Perché puoi guardarlo come e quando vuoi tanto è PAESAGGIO!”


Origini di Green Service / gservice.altobelli@gmail.com

Progetto di: MASA Studio “Il concetto di architettura sostenibile, che progetta e costruisce opere in grado di limitare gli impatti nell'ambiente, nel nostro caso spazi verdi, è particolarmente integrato nei nostri progetti e nella nostra filosofia. Per questa e per altre ragioni GREEN SERVICE sostiene il progetto Origini ideato da MASA Studio (Emanuele Santini e Sara Marinucci), da tempo partner come atelier di progettazione architettonica e consulente in molti progetti sul verde.â€?


Albula

Un giardino lungo il Tevere di Consuelo Fabriani, Cloe Berni, Livia Ducoli / consufabriani@gmail.com “ALBULA si ispira al fiume, anima della nostra Città sin dalla sua nascita, e alla vegetazione che spontaneamente lo popola. Un brano di Tevere prossimo all’Auditorium che, da un punto di vista urbanistico individua il passaggio tra la campagna e la città, diventa il pretesto per sottolineare l’importanza che la vegetazione ripariale riveste nell'ecologia e nella conservazione del suolo, della biodiversità e degli ecosistemi acquatici. Un mondo dimenticato, che il nostro progetto affronta attraverso i tre elementi fondanti di questo paesaggio: il fiume, la sponda e la vegetazione. Frammenti e lastre di vetro ad evocare la trasparenza e la luce, ma anche lo scorrere del fiume e degli elementi che l’acqua trascina con sé, trasformandoli. A segnare il limite - la sponda - un nastro di fibra di cocco, materiale utilizzato per il consolidamento delle sponde fluviali, scorre tra salici, pioppi, rovi e canneti, riparo e nutrimento della fauna selvatica, fondamentale serbatoio di biodiversità.”


Forgiando il verde di Linea Giardini e Artestenico / andrea.veglianti@libero.it “Linea Giardini e Artestenico, due realtĂ apparentemente diverse, si incontrano per progettare uno spazio verde a misura d'uomo dove elementi naturali, acqua purificatrice e verde distensivo si fondono con il metallo, forgiato e lavorato dall'uomo, creando un ambiente inatteso che infonde benessere in chi lo vive.â€?


Il quadro di Roberta Tucci e Ingrid Scariato / robertatucci@gmail.com “Progettazione di uno spazio: balcone, terrazza, giardino in cui la componente antropica viene plasmata, resa vitale, spogliata della sua identitĂ di oggetto, dall'unico elemento indispensabile, la Natura.â€?


Un luogo per meditare di Clemente Martone e Susanna Panicucci / info@martone.it “Uno spazio ricavabile ovunque, in un angolo del giardino, su una terrazza, persino su un balcone. Reso intimo ed accogliente con pochi accorgimenti: uno schermo sul fondo che lo isola dal contesto, semplici aiuole disegnate con tavole di legno, essenze vegetali dalle forme armoniose e fogliame finemente disegnato. La scelta dei colori invita a rilassarsi, il suono dell'acqua distrae dai rumori della cittĂ . Un posto tranquillo e riposante, dove ritrovare il contatto con l'Universo che ci circonda e ricaricarsi di nuova energia. “


Il nido di natura e architettura di Roberto Ortolani / segreteria@naturaearchitettura.it (fuori concorso) “L'allestimento di Natura e Architettura è la prosecuzione di un viaggio. Un viaggio iniziato in luoghi lontani, attraverso la coscienza di se stessi, attraverso i luoghi della nostra fantasia, dei nostri sogni. è un deja vu di materie, di sensazioni, di oggetti presenti nella memoria, che riaffiorano nell'istinto dell’essere umano. è un viaggio che trova il traguardo in uno stato mentale: una condizione primordiale che tutti stiamo cercando, ma pochi hanno il coraggio di raggiungere. è un viaggio alla ricerca di un nido: di un riposo meritato, di un ritorno a casa in contrapposizione alla lotta quotidiana contro la gravità, contro il peso del cemento. Uno stato dove, tra la materialità del costruire e il gioco impalpabile del volo, ritroviamo l'essenza dell'uomo. La sfida da cogliere è nell'euritmia, nel concerto degli elementi che fanno il nostro mondo.”


Premio Vivai Giardininterrazza Testo di Antonella Canini è il secondo anno che questa manifestazione prende vita all’Auditorium Parco della Musica ed io, che del verde ho fatto la mia professione, sono felice di scoprire che un evento dedicato ai giardini ed al paesaggio riscuota tanto successo. Durante questa edizione sono stata coinvolta sia in veste di giudice per il “Premio Vivai” sia, insieme ai miei collaboratori dell’Orto Botanico dell’Università di Roma Tor Vergata, in veste di Dr. Green. Per il Premio da assegnare ai Vivai sono stata affiancata da Franco Milito, Lidia Lombardi e Orlando Gentili, che hanno condiviso con me il piacere e la difficoltà della scelta. Abbiamo deciso di premiare i Vivai Belfiore per il loro impegno nella diffusione di varietà di alberi da frutto che altrimenti rischierebbero di scomparire. La motivazione del premio: “Per la ricerca e conservazione di germoplasma di antiche cultivar di alberi da frutto e per le modalità di presentazione”, ha inteso sottolineare l’importanza del loro lavoro.

Dr. Green è un servizio che l’Orto Botanico ha offerto gratuitamente ai visitatori riscuotendo un grande successo: abbiamo risposto a domande sulle patologie e l’identificazione delle piante e dispensato consigli di ogni genere. Durante l’evento il nostro punto informativo è stato molto frequentato e apprezzato e noi siamo stati felici di incontrare ed aiutare chi ci ha sottoposto le sue difficoltà con le piante che possedevano in casa, sui balconi e nei giardini. è stata un'occasione per noi per far avvicinare il pubblico al mondo della botanica ed incrementare l’interesse verso le tematiche ambientali di cui l’Orto Botanico si occupa.


Premio Espositori Silvia Provera Testo di Fiorella Scarvaglieri Il Festival del Verde e del Paesaggio nel 2012 ha intitolato a Silvia Provera il premio Espositori, un concreto ed inequivocabile riconoscimento al variegato territorio della creatività. Silvia è riuscita nell’intento di creare ambienti e piccoli habitat immersi nei giardini italiani, aggiungendo il suo inconfondibile e personale tocco alla seduta più famosa d’America, la Adirondack, un’icona per stile, comodità e robustezza. Con questa motivazione sono stati premiati i giovanissimi vincitori del premio: "Per aver saputo cogliere al meglio il significato di questo premio, i MUDArch, attraverso un uso creativo e studiato del bamboo, hanno creato con entusiasmo e bravura un esterno originale e valido dal punto di vista estetico e funzionale”. I MUDArch, che spero continuino nella strada intrapresa con impegno e grande creatività, hanno riassunto al meglio gli elementi che il premio intendeva mettere in risalto: l’umiltà e il coraggio nel portare avanti un’idea non comune e non

convenzionale nell’ambito dell’architettura del verde, la cura nella scelta del materiale, la sua lavorazione ‘sporcandosi le mani’. I Multi Urban Design & Architecture, come leggiamo sul sito del Festival, hanno reinventato l’utilizzo di materiali poveri, di riciclo o facilmente reperibili realizzando oggetti flessibili nella forma, spazio e colore e hanno dato vita, durante la manifestazione, ad un’originalissima performance che ha coinvolto i visitatori. Il Premio Silvia Provera intende proseguire la ricerca di personalità e idee capaci di modificare i materiali più comuni in piccole e intense esperienze di progettazione negli spazi esterni.


Verde, paesaggio e tecnologia fanno...scuola di Alessandra Battisti e Fabrizio Tucci Questo contributo vuole descrivere le motivazioni e i princìpi alla base del workshop di Progettazione Ambientale da noi organizzato all’interno del Festival del Verde e del Paesaggio tenutosi a Roma tra il 18 e il 20 maggio di quest’anno. Il tema proposto ai 10 studenti partecipanti al workshop (tutti del quinto anno, 5 della Laurea in Architettura UE e 5 della Laurea Magistrale di Paesaggio) era incentrato sulla valorizzazione della città consolidata attraverso una corretta progettazione e una migliore gestione dei vuoti urbani, anche i più piccoli, con il delicato obiettivo di cercare delle risposte, tra le tante possibili, alla questione quanto mai cogente dell’abbandono e della scarsa manutenzione degli spazi intermedi all’interno e all’intorno degli edifici scolastici, ribaltando il problema nell’opportunità di farne delle occasioni “volano” per innestare processi di valorizzazione in grado di riverberare il loro beneficio in termini ambientali, architettonici e sociali sullo stesso contesto urbano. Il caso studio che abbiamo offerto quale occasione di riflessione e di sperimentazione progettuale è stato quello della riqualificazione degli spazi esterni, intermedi e di accesso della scuola media romana “Carlo Urbani” che posta a ridosso delle Mura Latine in prossimità del Battistero di San Giovanni - costituiva un caso concreto per la messa a punto di linee guida di recupero paesaggistico ambientale in un contesto urbano centrale e particolarmente sensibile al necessario rapporto con gli aspetti storico-culturali che richiedono operazioni a volte chirurgiche sugli spazi della città consolidata con particolare attenzione ai caratteri

dell’edilizia scolastica pubblica. Le componenti immateriali quali vento, luce, umidità e i loro potenziali effetti di calore solare, raffrescamento, comfort percettivo-visivo e benessere bioclimatico indotto, unitamente alle componenti materiali quali masse vegetazionali, risorse idriche e materiali naturali, hanno costituito gli elementi paradigmatici atti a mettere a punto la matrice di forma dei progetti elaborati nel workshop ponendosi come contrappunto all'architettura artificiale. Il nucleo del grande cortile scolastico e i punti d’accesso, incorporando i principali flussi di materia, energia e informazione, hanno ricoperto un ruolo strutturante per rileggere gli spazi intermedi come fulcri pulsanti di mediazione delle relazioni tra gli spazi edificati residenziali circostanti e quelli “vuoti” della scuola, proiettando verso la scuola le prerogative dell'intorno e orientando e dirigendo le future trasformazioni del tessuto urbano circostante in modo ambientalmente sostenibile. In questo senso l’insieme strutturato di elementi verdi progettati nel workshop ha trasformato gli spazi intermedi della scuola Carlo Urbani in un microcosmo in grado di garantire vitalità, sicurezza e climatizzazione naturale cercando di regolare nel modo più equilibrato possibile da una parte le attività scolastiche degli studenti della media e dall’altra le attività di una parte del contesto urbano circostante. Esempi di architettura progettata - quelli risultanti alla fine del workshop - che si muovono sulla capacità di rispondere a questioni quali la differenziazione nel rispetto dell’identità dei luoghi, la caratterizzazione e animazione degli spazi intermedi in termini di vitality, l’integrazione del nuovo assetto verde tra i tessuti preesistenti, la capacità di sfruttare e ottimizzare le specifiche condizioni bioclimatiche locali, la relazione dialettica tra microambiente interno all’edificio scolastico e macroambiente esterno di quartiere. Elemento chiaro che accomuna i progetti presentati è uno


spostamento dell’approccio progettuale dalla composizione della forma alla regolazione dei processi, che porta a concepire lo spazio intermedio come il risultato di un complesso equilibrio di tipo ambientale, culturale, sociale, paesaggistico, architettonico, tecnologico, economico, gestionale. Le strategie che hanno informato lo sviluppo progettuale offrono un quadro di soluzioni, certamente non esaustivo, che si confronta con l’introduzione consapevole di

elementi vegetazionali, con l’impiego di materiali naturali e con l’ottimizzazione dei caratteri microclimatici nell’ambito di situazioni dinamiche e mutevoli, che non consentono più l’utilizzo di ottiche precostituite e che invitano a guardare alla progettazione del paesaggio urbano come un corpo organico in cui ogni singola parte è strettamente connessa e dipendente dalle altre.


Ringraziamenti Emu, l'azienda che da sempre si caratterizza per la qualità degli arredi garantita dalla produzione made in Italy, anche quest'anno ha arredato le zone dedicate agli incontri, agli eventi ed al relax. natura e architettura di Roberto Ortolani ha coadiuvato l'organizzazione del Festival con la sua preziosa consulenza professionale ed il supporto nell'allestimento. La scalinata di accesso al Festival è stata allestita scenograficamente con una decorazione di foglie a metà tra artificiale e naturale da Casamania, su progetto di Giuseppe Santangelo di Proarchs (www.proarchs.it). Lo Spazio Bambini è stato offerto grazie al contributo della Provincia di Roma. Ai visitatori del Festival AMA SpA ha offerto l'opportunità di conoscere e approfondire le corrette pratiche della raccolta differenziata, con particolare attenzione al compostaggio domestico. Marchesi Grafiche Editoriali anche quest’anno è stato partner del Festival nella produzione del catalogo. Green Service e Masa Studio, in sinergia con Deroma che ha fornito i vasi, hanno contribuito ad abbellire il chilometro di percorso, con essenze mediterranee. Fabrica 1923 ha preparato, oltre ai dolci per i quali è rinomato, squisiti box menù di cucina mediterranea.

Le moquette colorate fornite da MV Resilienti hanno reso più accogliente l’area Incontri. Gli Info point del Festival sono stati arredati da Logical Space Design con System180. I documentari di National Geographic Channel (canale 403 di SKY) hanno contribuito ad intrattenere il pubblico del Festival. Un ringraziamento particolare a Sonia Santella per avere ideato, curato e coordinato le attività didattiche dello Spazio Bambini; al Dipartimento di Biologia del’Università di Roma Tor Vergata per avere ideato, curato e coordinato Dr. Green; a Notebook, Libreria dell’Auditorium, che nella settimana del Festival ci ha dedicato una vetrina; ai musicisti dell’Accademia Filarmonica Romana e ai giovani artisti dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Si ringraziano inoltre per la preziosa collaborazione: American Express, Serralunga, Insider e il media partner ATCasa.


Vivai 2012 Agriflora Vivai Specializzato in arbusti particolari e rose. Indirizzo: Via di Villa Livia,18, 00188 Roma Referente: Valerio Valdinoci - Tel. 06 33615474 AIPC Associazione Italiana Piante Carnivore www.aipcnet.it Az. Agr. Alessandra Orsi Erbacee, graminacee, rampicanti, begonie, tradescantie, piante particolari e insolite. Indirizzo: Contrada Casale Tocci 3, 02040 Tarano (RI) Referente: Alessandra Orsi Tel. 0765 608238 - Fax 0765 608238 - Cell. 339 3310030 orsialess@tiscali.it Az. Agr. Carbone Vincenzo Coltivazione di azalee, rododendri, camelie, aceri, ortensie, nocciolo contorto. Indirizzo: Via S. Fusco 4, 83048 Montella (AV) Referente: Vincenzo Carbone - Tel. 0827 601348 vincenzo.carbonewpde@alice.it Az. Agr. Eta Beta Ninfee rustiche e tropicali, fior di loto, piante palustri e per terreni umidi, piante per fitodepurazione e biopiscine. Indirizzo: Cascina Gualina, Via Occimiano 24, 15030 Conzano (AL) Referente: Gianni Ricci e Enza Romano Tel. 0142 925730 - Fax 0142 925730 - Cell. 349 7523198 info@etabeta-ninfee.it / www.etabeta-ninfee.it

Az. Agr. Leonardo Giammanco Produzione di piante succulente sudafricane e malgasce. Indirizzo: Via Calanchi 193, Frazione Fringitini, 97015 Modica (RG) Referente: Leonardo Giammanco Tel. 0932 901822 - Cell. 338 9417941 leonardogiammanco@libero.it Az. Agr. S.Stefano Produzione di aizoaceae tra cui lampranthui, orosanthui, delosperma, corpuscolaria, ruschia, aeonium. Indirizzo: Contrada S. Stefano sn., 70043 Monopoli (BA) Referente: Maria Lamanna Tel. 080 9374852 - Fax 080 9374852 - Cell. 328 0120018 info@vivaisantostefano.it / www.vivaisantostefano.it Az. Agr. Vincenzo Nardi Persicaria, achillea, alcea, aster, astilbe, crocosmia, digitalis, eupatorium, liatris, carex, molinia. Indirizzo: Via dei Poeti 41, 01036 Nepi (VT) Referente: Vincenzo Nardi - Cell. 339 4284421 info@vincenzonardi.it / www.vincenzonardi.it Cactus Passion Piante succulente e seminativi vari. Vivaio specializzato nella produzione e vendita di piante succulente da collezione. Indirizzo: Via Cassia Sud 107, 01100 Viterbo Referente: Mansueto Berni Tel. 0761 481362 - Fax 0761 481362 - Cell. 393 2604361 casaberni@libero.it Cipriani Piante Specializzati nella produzione di azalee, camelie e rododendri. Peonie erbacee, lobularia, mesembriantemi, macranta giganti, surfinia e calibrachoa multicolor. Indirizzo: Via Catalini 41, 00049 Velletri (RM) Referente: Davide Cipriani Tel. 06 9648251 - Fax 06 9648251 - Cell. 329 4375432 ciprianipiante.ss@alice.it


Ermini e Mangani Piante succulente in particolare euphorbie, hoya, caudiciformi, crassule in vasi di terracotta dell'Impruneta. Indirizzo: Via Cassia 29/A, 50023 Bottai Impruneta (FI) Referente: Fabrizio Ermini - Tel. 055 2374300 - Fax 055 8076614 fabermi@katamail.com

Il Lavandeto di Assisi Collezione di lavande, salvie, rosmarini e piante aromatiche. Indirizzo: Via dei Laghetti 15, 06081 Castelnuovo di Assisi (PG) Referente: Lorena Fastellini Tel. 075 8043207 - Cell. 329 3332609 illavandeto@alice.it / www.illavandeto.com

Floragricola Salondra Piante mediterranee, piante tropicali e subtropicali adatte al giardino mediterraneo Indirizzo: Zona Salondra, reg. S.Anna 07041 Alghero (SS) Referente: Fabio Brignone - fabiobrignone@yahoo.it

Le ClemĂ tis Produzione e coltivazione di clematidi e hosta. Indirizzo: Via Fresine Vasciotte 38, 03013 Ferentino (FR) Referente: Daniela Di Stefano Tel. 0775 246288 - Fax 0775 246288 info@vivaioleclematis.com / www.vivaioleclematis.com

Formiche Verdi Produzione e vendita di piante biologiche aromatiche e da orto. Accessori per il giardinaggio, diagnosi e cura delle piante. Indirizzo: Via Arenula, 22, 00186 Roma Referente: Filippo Antonio Greco Tel. 06 68193266 - Fax 06 68193367 regina@formicheverdi.it / www.formicheverdi.it Giuseppe Frachey Piante grasse rare da collezione e bonsai. Indirizzo: Via Mazzoccolo 7, 00175 Roma Referente: Giuseppe Frachey Tel. 06 71544820 - Fax 06 71544820 - Cell. 328 7018840 gmfrachey@inwind.it Hortus Hesperidis Piante di agrumi, ulivi ed altre essenze mediterranee. Piante antiche di agrumi di piccole dimensioni che producono frutti eduli e ornamentali. Indirizzo: Piazza Umberto I 19, 98056 MazzarĂ Sant'Andrea (ME) Referente: Giuseppe Messina Tel. 0941 83245 - Fax 0941 83468 - Cell. 339 2437968 hortushesperidis@gmail.com / www.hortushesperidis.com Il Floricoltore di Dal Col Nerina Begonie, gomphrena, verbene, passiflora, felicia, dianthus, mesembrantemum, lobularia. Indirizzo: Via Zi Maria 04010 Borgo Grappa (LT) Referente: Andrea Antonelli Tel. 0773 208530 - Fax 0773 208530 - Cell. 349 7633405 ilfloricoltore@libero.it

Le Figlie del Vento Orchidee, tillandsie e piante insolite. Indirizzo: Viale Scalo San Lorenzo 71, 00185 Roma Referente: Claudio Camarda Tel. 06 4462825 - Fax 06 65790496 - Cell. 328 7110478 claudio.camarda@email.it / www.tillandsie.com Lemon Flor Agrumi, ulivi, piante mediterranee, bonsai, mirto. Indirizzo: Via Sotto Chiesa 88, 98050 Termevigliatore (ME) Referente: Giovanni Rizzo Tel. 090 9740297 - Fax 090 9740297 lemonflor@tiscali.it L'Antico Fiore Gerani e pelargoni rari, antichi, profumati, da collezione. Punica granatum. Indirizzo: Via V° Stradone Sandalo di Levante s.n.c., 00048 Nettuno (RM) Referente: Tiziana Meluzzi - Tel. 06 9890266 - Cell. 328 3834957 lanticofiore@email.it / www.lanticofiore.com


L’Erbaio della Gorra Erbacee perenni e graminacee per il giardino primaverile ed estivo, collezione di heuchera. Indirizzo: Strada Gianardo 11, 10020 Casalborgone (TO) Referente: Valentina Povero Tel. 0119 174168 - Fax 0119 174168 e.gorra@libero.it / www.gorraonline.it Magazzino COOP Rose botaniche ed antiche, inglesi e moderne da collezione, piante da giardino. Indirizzo: Via Federico Borromeo 67, 00168 Roma (RM) Referente: Giulia Volpi Tel. 06 6144451 - Cell. 393 9999130 posta@coopmagazzino.it / www.coopmagazzino.it Maginaturainforma di Stefano Magi Collezioni di clematis e rose antiche, moderne, rampicanti, paesaggistiche e inglesi. Indirizzo: Via delle Prata s.n.n, 50018 Scandicci (FI) Referente: Stefano Magi Tel. 055 741552 - Fax 055 741552 maginaturainforma@tiscali.it / www.rosemagi.it Alessandro Mennini Produzione di oltre 70 varietà di peperoncini tra i più piccanti del mondo, come jolokia e 7pod. Produzione di piante aromatiche classiche e particolari tra cui: origano cubano, caffè, basilico al limone, basilico thai siam. Indirizzo: Via III Stradone del Sandalo, 00048 Nettuno (RM) Referente: Alessandro Mennini Cell. 328 1145248 - Fax 06 8009757 a.mennini@libero.it MondoRose Oltre 400 varietà di rose: botaniche da bacca, antiche e storiche, inglesi e moderne da collezione per il giardino e il terrazzo. Indirizzo: Via Aretina 241, 50069 Le Sieci (FI) Referente: Cecilia Lucchesi Tel. 055 8328725 - Fax 055 8363652 - Cell. 338 9194358 info@mondorose.it / www.mondorose.it

Onori Floriana Orchidee Coltivazione di orchidee, collezione di anthurium. Indirizzo: Via M. Solarolo 191, 00054 Fiumicino (RM) Referente: Gerardo Russo - Tel. 06 9253461 - Fax 06 9253799 florianaonori@hotmail.it Orchidee Pontine Orchidee, calle colorate, canna indica, plumbago, passiflora, piante mediterranee, mandevillea, agapanthus, buganvillea. Indirizzo: Via Migliara 46, 04014 Pontinia (LT) Referente: Mariano Colicchia - Tel. 0773 866978 orchideepontine@gmail.com / www.orchideepontine.com Piccolo Vegs For Pots Piccolo confeziona sementi orticole adatte alla coltivazione in vaso, per balconi, terrazze e giardini urbani. Offre varietà rare di pomodori, peperoni, melanzane e altri ortaggi a portamento compatto o nano. Indirizzo: Via del Lavoro 4, 31015 Conegliano (TV) Referente: Soira Bazzo - Cell. 340 5438334 mail@piccolovegsforpots.com / www.piccolovegsforpots.com Plantas y viento Diffusione e produzione di tillandsie epifite, collezione di 172 specie, alcune delle quali naturalizzate in Italia. Indirizzo: Via Martiri 167, 13836 Città Cossato (BI) Referente: Roberto Telli - Cell. 327 1783129 info@plantasyviento.com / www.plantasyviento.com Raziel Bulbi, tuberi e rizomi. Collezione di agapanthus e di zingiberaceae. Indirizzo: Via Bolzonella 38, 35013 Cittadella (PD) Referente: Antonella Bonato - Tel. 049 5970088 - Fax 049 5970588 info@raziel.it / www.raziel.it Rose Barni Produzione ed ibridazione (unica in Italia) di piante di rose. Tra le proposte rosai in vaso in varietà: English roses, Ibride di Thea, Floribunde, striscianti e ricadenti, rampicanti antichi e moderni. Indirizzo: Via del Casello 5, 51100 Pistoia Referente: Vittorio Barni Tel. 0573 380464 - Fax 0573 382072 info@rosebarni.it / www.rosebarni.it


Salix Coltivazione di salici che intrecciati creano strutture per il giardino. Indirizzo: via Vagliumina 9, 13891 Camburzano (BI) Referente: Anna Patrucco Tel. 015 591540 - Fax 015 2594663 annapatrucco@libero.it / www.salicinterecciati.it Sotto il Segno del Cactus Piante grasse cactacee e succulente. Indirizzo: Via Marino Dalmonte 54/b, 00123 Cesano (RM) Referente: Mirella Fantini - Cell. 328 9596424 lemaildelcactus@mail.com Titti Garden-Vivaio Rose Antiche Coltivazione e riproduzione di mille varietà di rose antiche. Esposizione e vendita di piante di rose in vaso, sia arbusti che rampicanti. Indirizzo: via di Casalappi 60, 57021 Campiglia Marittima (LI) Referente: Titti Guidi - Tel. 0565 843037 info@vivaioroseantiche.it / www.vivaioroseantiche.it Vivai Belfiore Ricerca, recupero e produzione di piante da frutto antiche e rare, in particolare grandi collezioni di susine antiche europee, viti da tavola, fichi, ciliegi acidi e frutti minori. Indirizzo: Via di Valle - loc. S.Ilario - Casella Postale 91, 50055 Lastra a Signa, Firenze Referente: Ugo Fiorini Tel. 055 8724166 - Fax 055 8724166 info@vivaibelfiore.it / www.vivaibelfiore.it Vivaio Fra.Mar. Specie botaniche di pelargoni, varietà profumate, antiche e da collezione. Indirizzo: Strada della Cascianella 51, 00018 Palombara Sabina (RM) Referente: Marzia Milano - Tel. 06 9099506 pelargoni@teletu.it

Vivaio Manrico Giuliani Produzione piante insolite. Indirizzo: Via Appia Vecchia 18, 00045 Genzano (RM) Referente: Manrico Giuliani - Tel. 06 9375719 giulianiman@gmail.com / http://vivaiomanricogiuliani.blogspot.com Vivaio Paoli Borgioli Ortensie nelle diverse specie e varietà accompagnate da altri generi con caratteristiche simili. Indirizzo: Via Scandicci 265, 50143 Firenze (FI) Referente: Alessandra Borgioli Tel. 055 715885 - Fax 055 715885 info@ortensie.it / www.pbortensie.com Vivaio Parco dei Monti Aurunci Piante forestali e oggetti da giardino realizzati dalla falegnameria del Parco; realizzazioni derivanti dalla pratica dell’intreccio della “Stramma”(Ampelodesma). Indirizzo: Viale Glorioso 12, 04020 Campodimele (LT) Tel. 0771 598114 - Fax 0771 598166 info@parcoaurunci.it / www.parcoaurunci.it Vivaio Piante Tropicali di Fabio Maio Ampia collezione di piante da frutto tropicali e subtropicali, plumeria rubra in varietà, piante ornamentali ed insolite di origine tropicale e subtropicale, palme tropicali da ambienti mediterranei, rampicanti esotici in diverse specie. Indirizzo: Stretto II Saia d’Agri 1, 98051 Barcellona P.G. (ME) Referente: Fabio Maio - Tel. 090 9796481 fabiusmaior@yahoo.it / www.piantetropicali.com


Espositori 2012

20 Mq Oggetti di design, arredamento per esterni, vasi, sedute. Indirizzo: Via Flaminia 448, 00191 Roma Referente: Emanuele Vitale, Massimiliano Rubicich Cell. 339 3035168 info@20mq.com / www.20mq.com 3errre Forbici a crikketto, tagliabordi, tronca rami, tagliasiepi e forbici professionali. Indirizzo: Loc. Salceto 107, 53036 Poggibonsi (SI) Referente: Francesco Rotolo Tel. 0577 936161 - Fax 0577 936995 info@3errre.com / www.3errre.com Animalier & Oltre Antiquariato da giardino: arredamento eclettico e country. Indirizzo: Via Margutta 47/a, 00187 Roma Referente: Nicolò Recchi Tel. 06 3208282 - Fax 06 3208282 animalier.oltre@gmail.com / www.animaliereoltre.com Antonio Colonna Propone una linea di segnavento, segna bulbi, galleggianti, alberi segnavento realizzati a mano, curati nella tecnica e nel design. Indirizzo: Via Annibale di Francia 66, 70022 Altamura (BA) Referente: Antonio Colonna Tel. 080 3118122 - Fax 080 3118122 art@antoniocolonna.com / www.antoniocolonna.com

Arboris Thema Progetti, materiali e tecnologie alternativi per la casa e il giardino. Indirizzo: Via Giulia 111, 00186 Roma Referente: Benigno Ceccarini - Tel. 06 6878620 arthesroma@arboristhema.it / www.arboristhema.it Aromaticus Urban farming grow shop, casa di crescioni, germogli. Indirizzo: Via Urbana 134, Roma Referente: Francesca Lombardi Tel. 06 4881355 - Cell. 339 7314629 info@aromaticus.it / www.aromaticus.it Aveses & Co Arredamento, illuminazione, complementi e oggettistica di design per la casa dall’Italia e dall’estero. Creazioni originali per spazi esterni realizzati da artigiani e giovani artisti. Indirizzo: Via Antonio Serra 36/42, 00191 Roma Referente: Francesca Aureli - Tel. 06 3336900 francescaaureli@virgilio.it / www.aveses.com AZI roma Lanterne bianche di diverse misure da terrazzo e da interni. Tessuti, tavoli, lampade per giardini, terrazzi e piscine. Oggetti fatti a mano dal design moderno. Indirizzo: Roma Referente: Mario Azi - Cell. 339 7804297 marioazi@hotmail.it Bambusa Garden Progettazione giardini e terrazze, pedane e arredi in legno, orti per terrazze e pareti verticali. Indirizzo: Via Topino 13/a, 00199 Roma Referente: Giulia Tomasella - Tel. 06 8554955 - Cell. 3381716852 infobambusa@libero.it / www.bambusagarden.it Banchi 141 Ceramiche di Grottaglie, servizi da tavola, vasi da interno ed esterno. Indirizzo: Via dei Banchi Vecchi 141, 00186 Roma (RM) Referente: Carmen Fasano Tel. 06 68891812 - Fax 06 68891812 banchi141@gmail.com / www.banchi141.weebly.com


BBK Studio di progettazione d'interno ed esterno, arredamento e complementi d'arredo. Indirizzo: Via della Frezza 60, 00186 Roma Referente: Cristiana Izzi Tel. 06 3244259 - Fax 06 3243688 www.bbkroma.it Blu di Prussia Esclusive pitture e smalti per interni ed esterni, decorazione di terrazzi e spazi living esterni. Indirizzo: Viale Pinturicchio 10, 00196 Roma Referente: Sabina Guidotti Tel. 06 32609448 - Fax 06 32609448 s.guidotti@bludiprussia.net / www.bludiprussia.net Carmilia Elementi decorativi per il giardino, tutori e picchetti segna-piante in ferro. Collezione “Shade of Paradise”. Ombrelloni artistici realizzati e decorati a mano. Indirizzo: Via P. Veronese 12, 58100 Grosseto (GR) Referente: Carla Di Fonzo - Tel. 0564 26666 shadeofparadise@yahoo.com www.carmilia.it / www.shadeofparadise.com Casa Coco’- con Plinio Il Giovane e Bautiz B&b, country house, ricevimenti, corsi. Mobili fatti a mano del marchio Plinio Il Giovane e le costruzioni eco-sostenibili per abitazioni in legno di Bautiz. Indirizzo: Via Fonte del Gatto, 00066 Manziana (RM) Referente: Guido Giusti - Cell. 348 3174038 info@casacoco.it / www.casacoco.it www.plinioilgiovane.it / www.bautiz.it Charming Chairs Sedute eccentriche in ferro, fatte e dipinte a mano. Indirizzo: Roma Referente: Anna Ossola - Cell. 333 2667386 charmingchairs.italy@gmail.com

Chianti shine Arredamento e tessuti d’epoca per il giardino. Oggettistica in legno. Indirizzo: Strada Maremmana 49, 53016 Murlo (SI) Referente: Gabriella Nespoli - Tel. 0577 806698 info@chiantishine.com - www.chiantishine.com Coverture Soluzioni innovative e su misura nella creazione di coperture, tende, pergotenda, pergole, grigliati, e vele ombreggianti. Impianti di nebulizzazione, pavimentazioni in legno e chiusure perimetrali con pareti mobili rigide e semirigide. Indirizzo: Via Pasquale II 217, 00168 Roma Referente: Denise Ascione Tel. 06 6146995 - Fax 06 91712538 denise@coverture.eu - www.coverture.eu D.Sign Arredamento Contemporaneo Studio di decorazione e progettazione. Vendita e posa in opera di tessuti, tendaggi, pavimenti e rivestimenti carte da parati, illuminazioni, mobili e tappeti. Indirizzo: Via Flaminia 439a/441 – Roma Referente: Farnoush Boroumand Alaimo Tel. 06 32650094 - Fax 06 3614368 dsign@d.signsrl.it - www.d.signsrl.it Emy Petrini Composizioni, realizzazioni di oggetti ed elementi decorativi realizzati con materiali naturali. Sculture floreali in armonia con la natura e le stagioni. Indirizzo: Via delle Selvette 235, 55012 Segromigno in Monte, Lucca Referente: Emy Petrini - Tel. 058 3402268 emy@emypetrini.com / www.emypetrini.com Ethimo Precursore di un nuovo modo di vivere il giardino creando stili e tendenze di riferimento senza tralasciare la cura per il dettaglio e l'alta qualità dei materiali selezionati, Indirizzo: Via La Nova 6, 01030 Vitorchiano (VT) Referente: Gian Paolo Migliaccio - Tel. 0761 300400 info@ethimo.it / www.ethimo.it


eSseVu Complementi d'arredo, oggetti di design, anche per esterno. Cura e attenzione nelle scelte dei materiali: vetro, plexi, melanina. Indirizzo: Via Antonio Serra, 81/a, 00191 Roma Referente: Silvia Valiani -Tel. 06 33219464 info@essevu.com / www.essevu.com E'Stile Libreria concept-store specializzata in design, moda, architettura, modellismo, complementi e arredamenti di design. Indirizzo: Via Chiana 15, 00198 Roma Referente: Pino Vastarella Tel. 06 8555337- Fax 06 8555204 info@estileroma.it / www.estileroma.it Etruria Sempre Verde Posa di prato pronto, manutenzione del verde, potature di alberi ad alto fusto, cura ed abbattimento palme. Indirizzo: Via Michelangelo Buonarroti 13, 00058 Santa Marinella (RM) Referente: Mauro Zamparelli - Tel. 800 088 312 info@etruriasempreverde.it / www.etruriasempreverde.it Expertise M.D.F. Progettazione, realizzazione ed arredamento di giardini d’inverno. Orangerie, conservatory, verande, gazebo ed antiquariato. Indirizzo: Via Braccianese 743, 00123 Roma Referente: Fabio Baroni - Tel. 06 3046889 expertisemdfsrl@virgilio.it Fiordilino Tessuti d’arredamento per case, giardini e barche. Progettazione d’interni ed esterni. Mobili da esterno. Indirizzo: Via dell'Acqua Traversa 234/236, 00135 Roma (RM) Referente: Monica Borghese Tel. 06 3321984 - Fax 06 33221258 fiordilino@fiordilino.it - www.fiordilino.it Flake's Design & Arredo Ceramiche di Caltagirone, Palermo, Santo Stefano di Camastra e Burgio. Mobili per arredo giardini, terrazze, balconi. Indirizzo: Via della Scala 45, 00153 Roma Referente: Chiara Scaglia - Tel. 06 5812846 info@flakesarredo.com / www.flakesarredo.com

Giardini e Libri Libri di giardinaggio e di botanica. Indirizzo: Località Pantano 00060, Sant'Oreste (RM) Referente: Gerrit Van Oord - Tel. 0761 597008 info@giardinielibri.it / www.giardinielibri.it Il Giardino Malandrino Progettazione e realizzazione di giardini e terrazze. Cura degli alberi. Indirizzo: Borghetto della Castelluccia 30a, 00135 Roma Referente: Pierfrancesco Malandrino - Tel. 06 5218819 giardino.malandrino@alice.it / www.ilgiardinomalandrino.it Green Art Consulenza e didattica: corsi di giardinaggio e orticultura urbana sia su terreno che in vasi. Progettazione di orti su terrazzi. Indirizzo: Via M. Ravel 355, 00124 Roma Referente: Arianna Balocco - Tel. 06 50918089 greenart@teletu.it / www.greenart-tu.it Green Service Progettazione e realizzazione di orti, giardini, parchi e terrazze. Manutenzione del verde pubblico e privato. Ingegneria naturalistica. Progettazione e realizzazione di allestimenti floreali e di piante verdi per eventi. Indirizzo: Via Boccea 561, 00166 Roma Referente: Gianpaolo Altobelli - Tel. 06 61564031 gservicealtobelli@gmail.com / www.altobelligreenservice.com Harpo Divisione Seic Verde Pensile Sistemi e tecnologie per le coperture a verde. Harpo è leader nazionale nella realizzazione di sistemi a verde pensile professionale. Indirizzo: Lungotevere dei Mellini 44, 00193 Roma Referente per il Lazio: Carlo Bartoli Fax 06 89281368 - Cell.335 6109136 carlo.bartoli@ethossrl.it / www.ethossrl.it / www.harpogroup.it


Imprinting Non solo architetture ma anche proposte d'arredo speciali in un mix di pezzi unici e arte contemporanea. Indirizzo: Vicolo del Babuino 8, 00187 Roma (RM) Referente: Ornella Matassoli Tel. 06 69924016 - Fax 06 69924016 imprintingsrl@yahoo.it

Lelli Tessuti per arredamento, parati, tappeti, accessori per la casa. Pavimentazioni da esterno. Mobili e accessori da esterno. Indirizzo: Via Margutta 5, 00187 Roma Referente: Antonella e Andrea Argenti Tel. 06 3614000 - Fax 06 3614001 lelli1924@gmail.com / www.lelli1924.com

Koob Libreria narrativa, di varia e per bambini; punto di riferimento tra i più vivaci nel mondo letterario e culturale romano. è dotata di spazi espositivi e sale per eventi, corsi, appuntamenti culturali. Indirizzo: Largo Rainaldi 1, 00196 Roma Referente: Paolo Nicoletti Altimari Tel. 06 45425109 - Fax 06 45554487 info@koob.it / www.koob.it

Le dimore di San Crispino L’elegante tenuta del Garden Resort & Spa San Crispino è caratterizzata da uno dei giardini privati più belli dell’Umbria. Il Resort offre anche la possibilità di percorsi “vita” nel verde per una perfetta armonia tra corpo e spirito. Indirizzo: Via del Cardeto, 06081 Castelnuovo di Assisi (PG) Referente: Marina Musicco - Tel. 075 8043257 booking@assisibenessere.it / www.assisibenessere.it

L’Albero Diventò Giardinaggio per bambini, giochi all'aria aperta, casette per uccelli, spaventapasseri e mini serre. Indirizzo: Via Tacito 52, 00193 Roma Referente: Ilda Rossella Caracciolo Tel. 06 3333626 - Fax 06 3333623 i.r.caracciolo@tiscali.it / www.lalberodivento.it

L'ora del Tè Antiquariato-modernariato-design. Mobili francesi antichi in ferro battuto, oggettistica in policarbonato e lacca. Indirizzo: Via dei Vascellari 25, 00153 Roma (RM) Referente: Daniela Pancalli - Tel. 06 5747741 dpancalli@tiscali.it

La Maison Retrouvée Pavimentazione, illuminazione, arredi, accessori, vasi, pittura per esterno e fontane. Indirizzo: Via Flaminia Vecchia 479, 00191 Roma Referente: Letizia Carpi Tel. 06 3333626 - Fax 06 3333623 info@lamaisonretrouvee.com / www.lamaisonretrouvee.com Le Vecchie tele di Canapa Collezione di vecchie tele di canapa e manufatti per il giardino. Cuscini, sdraio, grembiuli. Indirizzo: Via S. Petrini 10, 35038 Torreglia (PD) Referente: Gabriela Kovacova - Cell. 333 6971696 kovacovagabriela@alice.it

Logical Space Design Studio di architettura che progetta e produce la linea Vegdesign ispirata alla natura: green screens, wall scupltures, spazi verdi. Indirizzo: Via dei SS. Quattro 27/b, 00184 Roma Referente: Claus Orso - Tel. 06 70450809 info@logicalspace.com / www.logicalspace.com Lucia Buzi Ideazione e realizzazione di vasi e oggetti per il giardino, piani di tavoli e pannelli per il decoro di terrazzi e balconi. Creazioni che abbinano la ceramica al ferro e alla pietra con decori personalizzabili. Tutto rigorosamente artigianale. Indirizzo: Via Col di Lana 22, 00195 Roma Referente: Lucia Buzi - Tel. 06 37518420 luciabuzi@alice.it / www.luciabuzi.it


Mad Un piccolo spazio nel centro di Roma dedicato al mondo dei bambini e dei grandi, abiti, golfini fatti a mano, giochi di legno, carillon e uno spazio fatto di piccoli sogni e poesia. Indirizzo: Piazza S. Salvatore in Lauro 11, 00186 Roma Referente: Paola Pantaloni - Tel. 06 68395080 contact@madeaboutdreams.it / www.madeaboutdreams.it Madame Pot Stuoie di plastica coloratissime e vasi in fibra di vetro dipinti. Indirizzo: Via Savona 97, 20144 Milano Referente: Renata Gessner Cell. 338 5776680 - Fax 02 8375367 info@madamepot.com / www.madamepot.it Materia Applicata Strutture, arredamenti e complementi d’arredo per esterni, materiali ecocompatibili, mini piscine. Indirizzo: Via Flaminia 860 b, 00191 Roma Referente: Gianluigi Geroni Tel. 06 33221836 - Fax 06 33221836 info@materiaapplicata.it / www.materiaapplicata.it Multi Urban Design & Architecture MUDArch vuole portare innovazione all'interno dell'habitat quotidiano, rivoluzionando gli strumenti che comunemente raccolgono, contengono e supportano il verde. Uso di materiali poveri, di riciclo o facilmente reperibili. Indirizzo: Piazza di Spagna 35, 00187 Roma Referente: Stefania Lorenzini - Cell. 347 1782409 info@assmudarch.com / www.assmudarch.com Neo Ceste e cuscini in filo di neoprene lavorato a maglia. Oggetti impermeabili e lavabili ideali anche per esterni. Made in Italy. Indirizzo: Via degli Zingari 18, 00184 Roma Referente: Rosanna Contadini - Tel. 06 48913544 neo.rosannacontadini@gmail.com / www.neodesignart.com

Nonsolorose Laboratorio creativo di arte floreale nato dalla passione per i fiori, per i colori e per il gusto del bello. Lavorazioni ed allestimenti per grandi e piccoli eventi. Novità: micro giardini da tavolo e complementi d’arredo d’epoca da esterno. Referenti: Francesca Marzulli, Paola Cangiano Cell. 339 8980144 info@nonsolorose.it / www.nonsolorose.it No Pest Vendita di prodotti naturali per la lotta agli infestanti (parassiti delle piante, zanzare). Disinfestazione con prodotti naturali. Indirizzo: Via Cechov 81, 00142 Roma Referente: Alfredo Lugli Tel. 06 51530068 - Cell. 339 4968228 info@nopest.eu / www.nopest.eu Ollimine Tessuti e complementi d’arredo. Poltrona amaca, lampade e creazioni in tessuto. Indirizzi: P.le Ardeatino 3, 00154 Roma Referente: Marzia Marinucci - Cell. 333 6104976 marzia.marinucci@libero.it Operaio Celeste Sculture in legno di mare ed altri materiali di riciclo. Indirizzo: Via Fanocle 45, 00125 Roma Referente: Ryszard Wilczek - Cell. 349 1029215 riccardowilczek@libero.it / www.operaioceleste.it Picta Porcellane e ceramiche d’arredo lavorate e decorate a mano. Tessuti dipinti e piccoli prodotti di tappezzeria, cuscini, pouf. Indirizzo: Via dei Cappellari 11, 00186 Roma Referente: Marina Graziani - Tel. 06 68300248 marinagrazia@tiscali.it / www.pictaporcellane.com


Rigodritto Disegno e produzione artigianale di complementi d’arredo. Realizzazioni su misura e progettazione di interni. Indirizzo: Via Urbana 118, 00184 Roma Referente: Giusti Edoardo Maria - Tel. 06 45476078 info@rigodritto.it / www.rigodritto.it

The Workshop Mobili, arredi ed oggetti antichi francesi per interni ed esterni. Indirizzo: Via Prati della Farnesina 22, 00194 Roma Referente: Ottavia Bedini - Tel. 06 3336622 theworkshop@mclink.it

Rita Foschi Arredamento d’epoca per giardini. Referente: Rita Foschi – Cell. 335 5899377 cofingest@tiscali.it

Vivai Esotica Specializzati nel settore palmizio con realizzazione di giardini personalizzati. Indirizzo: Via G. Micali 8, 00125 Roma Referente: Dario Peso - Tel. 06 5650776 vivai.esotica@libero.it / www.vivaiesotica.it

RomaRoboticaCenter Il primo centro specializzato in robotica a Roma: tosaerba e pulisci piscine. Indirizzo: Via Silicella 28/g, 00169 Roma Referente: Roberto Bellian - Tel. 06 98935082 info@romaroboticacenter.it / www.romaroboticacenter.it Studio-9 Artigianato d’arte, oggetti di uso quotidiano ispirati alla natura, al giardino, al balcone, al terrazzo, alla casa di campagna. Realizzazione di opere e composizioni verdi. Indirizzo: Vicolo della Moretta 9, 00186 Roma Referente: Patrizia Rufini, Clara Piccinini Cell. 333 2454405 info@chiseminaraccoglie.org Studio Muscatelli Pavimentazione ecologica in graniglia di marmo per terrazzi, viali, marciapiedi e lastrici solari. Indirizzo: Piazza della Repubblica 32, 20124 Milano Referente: Diego Marzola Tel. 02 33912547 - Fax 02 33916946 info@studiomuscatelli.com / www.studiomuscatelli.com Tectona Mobili da giardino in teak, alluminio, acciaio, resina intrecciata, ombrelloni in tela di cotone. Indirizzo: Via dell’Acqua Traversa 234/236, 00135 Roma Referente: Monica Borghese Tel. 06 33219849 - Fax 06 33221258 roma@tectona.it / www.tectona.it

Vivai Renzoni Da anni si occupa di progettazione e realizzazione di spazi verdi. Indirizzo: Via Salaria 1257, 00198 Roma Referente: Flavio Renzoni – Tel. 06 8887308 info@rivergarden.it / www. rivergarden.it Wachtmeister Werkstatt Progettazione e realizzazione di ceramiche artistiche interamente realizzate e decorate a mano. Specialisti del mosaico, sia per l’arredamento della casa che del giardino. Indirizzo: via Dante Alighieri 15, 00060 Capena (RM) Referente: Federica Ugolini - Cell. 380 3073444 fesally@hotmail.it / www.wachtmeisterwerkstatt.it


Progetto grafico Alessandro Bertolini Fotografie Alessandro Bertolini, Anna Borello, Rossella Novelli, Maria Pappalardi Grazie a Gianni Celestini e Donatella Pino per la foto in doppia pagina della Follia “Ailand” Lian Pellicanò per la prima foto della Follia “Pa(e)ssaggio”

Finito di stampare nel mese di novembre 2012 da Marchesi Grafiche Editoriali


Catalogo Festival del Verde e del Paesaggio / Seconda edizione  

Roma, Auditorium Parco della Musica, 18 19 20 maggio 2012