Issuu on Google+

ANNO XIV - N. 202

1.00*

DOMENICA 24 LUGLIO 2011 talia ità d’I n U ° 150

* IL QUOTIDIANO DEL MOLISE + IL MESSAGGERO euro 1,00

FONDATO DA GIULIO ROCCO

REGIONE MOLISE - NON ACQUISTABILI SEPARATAMENTE ZONA VASTO - SAN SALVO SOLO IL QUOTIDIANO euro 0,50

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

Ricostruzione

Primarie

Politica

IL QUOTIDIANO DEL MOLISE: IL PRIMO GIORNALE TUTTO MOLISANO

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Candidature Il governatore nel mirino Michele Iorio conferma: Maio (Pd) pronti sollecita 340 milioni Bersani

Dal 2012 riduzione di vitalizi e spese di rappresentanza CAMPOBASSO. E’ stato deciso durante la Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative svoltasi a Pescara. All’evento ha partecipato anche il primo inquilino di Palazzo Moffa Michele Picciano (foto). SERVIZIO A PAGINA 2

SERVIZIO A PAGINA 3

SERVIZIO A PAGINA 2

Larino. E’ deceduto dopo 13 ore di agonia, sconvolti familiari, amici e colleghi: era un uomo eccezionale

Schianto in moto, muore avvocato Nino Carnevale Caprice, 55 anni, è caduto dallo scooter nel cuore della notte LARINO. Stava tornando a casa a bordo del suo scooter T-Max quando lungo la Statale 87 all’altezza del bivio per Larino è stato improvvisamente disarcionato dal mezzo che è andato a schiantarsi contro il cartello della segnaletica. Nino Carnevale Caprice, 55 anni, noto avvocato, è la vittima di questo incidente. E’ morto al S. Timoteo dopo diverse ore di agonia.

Montenero di Bisaccia

SERVIZIO A PAGINA 22

Riccia. E’ in coma nel reparto di Rianimazione del Cardarelli

Schiacciato da un tir durante un’uscita in bici, fine orrenda MONTENERO DI BISACCIA. Si chiamava Mario Di Luzio, aveva 73 anni, viveva da anni a Porto Sant’Elpidio nelle Marche. E’ appassionato di ciclismo ed è morto durante un’uscita in bici. SERVIZIO A PAGINA 19

Campobasso

Termoli

RICCIA. Indaga la Procura di Campobasso per capire come sia potuto avvenire questo ennesimo incidente sul lavoro. L’uomo, 38 anni, di nazionalità marocchina è ricoverato in coma nel reparto di Rianimazione dopo essere stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Stava lavorando per l’allestimento di un’impalcatura sulle pareti di una casa di contrada Escamare di Riccia, la dinamica dell’incidente non è ancora chiara e i carabinieri sono al lavoro per ricostruirla. Sembra sia stato prima colpito accidentalmente alla testa e poi è caduto dal ponteggio. La Procura ha aperto un fascicolo per le attribuzioni di responsabilità.

Condanna esemplare per giovane accusato di spaccio

Armi e droga I tentacoli della ‘Ndrangheta

CAMPOBASSO. Tre anni e sette mesi. Ieri mattina i carabinieri sono andati a prelevarlo a casa

TERMOLI. Il ritrovamento delle armi nel garage di via Mazzini tiene aperti sconcertanti scenari.

SERVIZIO A PAGINA 6

SERVIZIO A PAGINA 6

SERVIZIO A PAGINA 19

Lotta fra la vita e la morte l’operaio ferito mentre lavorava nel cantiere

Lo sport

Sbloccati Brandoni i contributi è il nuovo preparatore della Regione 70mila euro atletico ai Lupi del Trivento L’ex Campobasso torna a lavorare con Agovino.

Alle società di serie D 30mila euro.

SERVIZIO A PAGINA 25

SERVIZIO A PAGINA 26

1


2

Domenica 24 luglio 2011

A Pescara si è svolta la Conferenza dei presidenti delle assemblee legislative. A rappresentare il Molise è stato il primo inquilino di Palazzo Moffa Michele Picciano: “Noi abbiamo già ridotto auto blu e fitti”

Vitalizi, dal 2012 riduzione del 20% di Stefania Potente In tempi di crisi economica e con una manovra che detta austerity, anche la politica fissa le priorità da mettere in atto. Spese ridotte per quel che riguarda le retribuzioni dei consiglieri, i costi delle missioni e le spese di rappresentanza. Riforma dell’istituto del vitalizio dei consiglieri regionali, adeguamento delle indennità regionali, riconferma della volontà di determinare una progressiva riduzione dei costi degli or-

gani politici delle Assemblee. Sono alcune delle misure prese in considerazione a Pescara per la Conferenza dei presidenti delle assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome. A rappresentare il Molise il primo inquilino di Palazzo Moffa, Michele Picciano. “Dal 1 gennaio 2012 ha dichiarato al termine dell’incontro - rivedremo l’intero assetto retributivo dei consiglieri con una riduzione del 20%, saranno ridotti

L’elaborazione su dati Istat

i costi delle missioni e delle spese di rappresentanza. E’ una presa d’atto della manovra Tremonti”. In realtà, da questo punto di vista, il Molise è stato precursore: “noi come Consiglio regionale già abbiamo operato in tal senso. Abbiamo ridotto del 50% le auto blu e del 30% i fitti, abbiamo dismesso alcune sedi di proprietà. Per quanto riguarda i vitalizi, nella Regione Molise vanno rivisti con la legge finanziaria del 2011 che sarà approva-

ta all’indomani delle elezioni”. Insomma, anche la politica farà la sua parte. “E’ già stato dato un segnale preciso – ha sottolineato ancora Picciano – con il recepimento del Dl 78”. Al termine del Comitato, poi, è stato deciso di dare vita ad un piano di lavoro per individuare parametri comuni da assumere a principi di coordinamento della finanza pubblica per i costi di funziamento delle istituzioni regionali. Dovrà

lavorare in quest’ottica una commissione di lavoro composta ad hoc che entro il 30 settembre dovrà riferire all’assemblea plenaria le soluzioni individuate per ridurre i costi.

Il presidente del Consiglio regionale Michele Picciano

Manovra, critico Pietrosimone: ‘Nessuna misura contro gli sprechi’

Unioncamere: inflazione aumentata

I segretari della Fnp Cisl preoccupati per il contenuto del provvedimento

CAMPOBASSO. L’inflazione è aumentata. Lo comunica in una nota la Unioncamere che ha elaborato alcuni dati forniti dall’Istat. A giugno l’indice regionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,3% rispetto al mese di maggio 2011 e dell’1,1% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Più contenuta nella nostra regione la spinta al rialzo dei prezzi rispetto alla media nazionale, dove si registra un aumento del 2,7% su base annua. La principale spinta all’aumento dell’indice generale, a giugno in Molise, deriva dal rialzo congiunturale dell’ 1% dei prezzi dei prodotti alimentari, dello 0,8% dei prezzi dei servizi ricettivi e di ristorazione e dello 0,4% degli spettacoli ricreativi e di cultura. Effetti di contenimento, invece, si devono al calo congiunturale dei prezzi dei capitoli di spesa relativi ai trasporti e alle comunicazioni diminuiti rispettivamente dello 0,2 e dello 0,3% rispetto a maggio 2011. Dall’inizio dell’anno, invece, sono stati i prezzi delle abitazioni, acqua elettricità e combustibili (+5,5%) che hanno inciso maggiormente nelle tasche dei molisani. Subito dopo si sono piazzati gli aumenti dei prezzi nei trasporti (+2,3%) e nell’abbigliamento e calzature (+ 1,8%). Una dinamica negativa dei prezzi da Gennaio si registra nei capitoli di spesa riguardanti le comunicazioni, i servizi sanitari, e i mobili, articoli e servizi per la casa.

Si sono riuniti a Roma i segretari regionali della Federazione Pensionati Cisl per una valutazione sulla manovra economica introdotta con decreto legge 98/11 del 6 luglio scorso. I segretari regionali della Fnp Cisl rivolgendosi al Governo, al Parlamento, alle Regioni di appartenenza nonché al Capo dello Stato, hanno espresso tutta la preoccupazione e l’insoddisfazione per i contenuti della manovra 2011/2014. “ Innanzitutto questa manovra non introduce misure finalizzate ad aggredire la spesa improduttiva e i tanti sprechi – afferma il segretario regionale della Fnp Cisl, Luigi Pietrosimone - il decreto rinvia la madre di tutte le riforme quella del sistema fiscale, attraverso la quale sarebbe stato possibile introdurre norme, fini e strumenti più

Luigi Pietrosimone

efficaci per ridurre l’abnorme livello di evasione fiscale, caratteristica negativa propria del nostro Paese. Questo consentirebbe di ridurre la pressione fiscale su lavoro, pensioni e imprese, evitando l’adozione di misure che penalizzano e mortificano, ancora una volta, quelle catego-

riche che da sempre assolvono ai propri obblighi tributari e sono il motore del cambiamento e della modernizzazione. La manovra prende di mira come al solito il ceto medio – continua Pietrosimone - che è la componente fondamentale per la crescita del Paese e, nel contempo, inasprisce la pressione fiscale, centrale e territoriale, sui lavoratori dipendenti e sui pensionati, in particolare su quelli di fascia medioalta. Il provvedimento grava nuovamente sui pensionati, soprattutto su quelli che noi rappresentiamo, che vengono colpiti con l’introduzione del blocco parziale della perequazione automatica delle pensioni di importo netto di poco superiore ai mille euro mensili e del blocco totale

Enogastronomia e turismo Il Molise in vetrina a Tallin In Estonia le eccellenze della nostra regione capacità di esprimere tutta la bontà del Made in Italy – le parole dell’avvocato Ialenti -. SiaLa delegazione molisana a Tallin mo convinti che questo sia il modo migliore per CAMPOBASSO. Vetrina stata anche un’occasione di continuare ad alimentare un internazionale per le eccellen- incontro per approfondire il mercato che merita grande atze molisane in Estonia, dove connubio vincente tra turismo tenzione per la qualità che riesono in corso di svolgimento ed enogastronomia. A giorna- sce ad esprimere in tutti i seti campionati europei juniores. listi ed operatori del settore, tori”. Invece, Pasquale Di A Tallin, nell’ambito dell’ini- Mario Ialenti, responsabile Lena ha conquistato i numeziativa ‘Taste Italy’, il Moli- del progetto Casa Italia Atle- rosi ospiti con la sua pubblise ha recitato un ruolo da pro- tica, ha presentato la pubbli- cazione “Molise - Il piacere tagonista grazie all’interven- cazione curata dal Pasquale di una scoperta” e una deguto dello Sportello Sprint con Di Lena e intitolata ‘Taste stazione guidata dell’olio del l’assessore regionale alle At- Italy’, dove sono sintetizzate Molise non prima di aver fotività Produttive e al Turismo, le peculiarità di un territorio calizzato il suo intervento sui Franco Giorgio Marinelli, in che merita una promozione numeri della qualità certificatotale sinergia con il governa- internazionale di alto livello. ta, Dop e Igp, che, con 230 ri“Vogliamo coniugare i va- conoscimenti sui 1033 eurotore Michele Iorio. La manifestazione estone è lori dello sport con la nostra pei, danno primati all’Italia.

“Per arrivare ad una cucina che si rispetti bisogna avere i prodotti adeguati – ha precisato – e solo le230 certificazioni italiane DOP, IGP, STG (in Europa sono 1033) esprimono quella tracciabilità necessaria per garantire al consumatore il rispetto delle regole. L’enorme biodiversità è un patrimonio da difendere lottando per contrastare in ogni modo le imitazioni che comportano una perdita di valore ed un rischio per l’immagine dei prodotti italiani”. Inoltre, nel corso della manofestazione, sono stati particolarmente apprezzati alcuni prodotti della nostra regione: la Tintilia e il Pentro, entrambi Doc delle Cantine

pari a circa 1 e 700 euro netti. Non “ certo pensioni d’oro” che in poco più di un decennio hanno registrato una perdita del potere d’acquisto tra l’8% e il10%, sono già penalizzate da un adeguamento parziale annuo al costo vita e sarebbero colpite per la quinta volta in soli 13 anni. Questo nonostante l’ammonimento espresso dalla Corte costituzionale nella sentenza n. 316/2010 in cui si afferma che “ la sospensione a tempo indeterminato del meccanismo perequativo, ovvero la frequente reiterazione di misura intesa a paralizzarlo, esporrebbero il sistema ad evidenti tensioni con gli invalicabili principi di ragionevolezza e proporzionalità, perché le pensioni, sia pure di maggiore consistenza, potrebbero non essere sufficientemente difese in relazione ai mutamenti del potere di acquisto della moneta”. V.S.

FONDATO NEL 1998

DIRETTORE RESPONSABILE: D’Uva di Angelo D’uva di GIULIO ROCCO Larino e Valerio vini di Monteroduni e l Apianae, il moEDITORE: scato della Di Majo Norante; ITALMEDIA s.r.l. l’”Olio di Flora” della Casa SEDE LEGALE: del Vento di Larino e l’olio VIA S.GIOVANNI IN GOLFO, 205 86100 CAMPOBASSO “Spenny” di Tagliaferri DoSEDE OPERATIVA menico di Sant’Elia a Piani- VIA S.GIOVANNI IN GOLFO, 205 si, entrambi biologici; la pa86100 CAMPOBASSO sta “La Molisana” di CampoSITO INTERNET: basso; il “Caciocavallo silawww.quotidianomolise.it no” dop del caseificio Di Nuc- EMAIL:redazionecb@quotidianomolise.it ci di Franco Di Nucci; Il tarPubblicità tufo del Centro Tartufi MoliITALMEDIA s.r.l. se di Campobasso; i PomodoTel. 0874.484623 Via S.Giovanni in Golfo ri pelati “Pomolì” della ProCampobasso dAm di Guglionesi; la VentriEMAIL: commerciale@quotidianomolise.it cina e la Pampanella della CENTRO STAMPA Casa Florio di Montecilfone; il Pane di Venafro del Panifi- ROTOSTAMPA - LIONI (AVELLINO) cio Di Mambro Di Venafro e Registrazione Tribunale di Campobasso N. 157/87 Camardo per il caffè.


Domenica 24 luglio 2011

3

Dopo lo Scudo blu a tutela del patrimonio l’iniziativa per conservare l’identità del popolo sannita che ha dato lezioni di civiltà a Roma di Vittoria Todisco Se dovessimo fare un elenco delle ‘gradevolezze’ che la giornata trascorsa a Pietrabbondante in occasione dell’assegnazione dello ‘Scudo Blu’ ha offerto, avremmo l’imbarazzo della scelta. L’aria, il sole il vento l’ambiente circostante, il panorama che si fonda con la storia sono le prime sensazioni che colpiscono qualsiasi visitatore e, venerdì scorso, di visitatori sul sito archeologico, se ne contavano parecchi convenuti per la cerimonia di apposizione dello ‘Scudo Blu’. Di scudi blu non se ne vedono molti in giro, tranne che nel Molise dove questo simbolo di tutela è già stato assegnato al sito archeologico di Sepino. Si tratta di un attestato conferito dal Sipbc l’associazione per la tutela dei Beni Culturali che difende il patrimonio storico mondiale in occasione dei conflitti armati delle calamità naturali, nelle operazioni per il mantenimento della pace. Una tutela voluta e richiesta dalla presidente regionale dello Sipbc, Isabella Astorri perché anche l’abbandono e la negligenza compromettono l’esistenza e il valore di un patrimonio storico la cui cancellazione equivale alla negazione stessa dell’identità di un

Pietrabbondante, un museo ospiterà i nuovi reperti popolo. Da dove cominciare, dunque? Forse dalla bella lezione di storia dell’Arte che il professore Adriano La Regina ha reso ai visitatori all’interno dell’insediamento, un’area archeologica sita in località Calcatello dove già dall’800 sono venuti alla luce i resti del più importante santuario dell’antico Sannio dalla cui lettura si può risalire a tutta l’organizzazione sociale e religiosa della civiltà sannita. Ad Adriano La Regina Soprintendente dei Beni Archeologici di Roma si deve il merito di mezzo secolo di ricerche – oltre la metà del quale speso in Molise dove è giunto nel 1971 – profondo conoscitore della civiltà sannitica che su Pietrabbondante lavora da almeno quattro anni portando alla luce una realtà importante dell’Italia Sabellica come questo santua-

Il consigliere regionale Gianfranco Vitagliano

rio che rappresenta un centro di religiosità nazionale per il popolo Romano al quale i Sanniti – seppure con fierezza dovettero sottomettersi – . Fra qualche mese sarà inaugurato il museo dove i visitatori potranno fruire dei reperti ritrovati. E su questo capitolo si innesca il ruolo politico della Regione Molise. Essere giuti a poter parlare di un museo inorgoglisce non poco l’assessore Gianfranco Vitagliano che l’altra mattina rappresentava l’Ente e il presidente Iorio impegnato in altri compiti. “Tutto ciò che oggi abbiamo avuto modo di vedere rappresenta il risultato di sinergie che sono state messe a frutto. Quando ho assunto il compito di collaborare con la Soprintendenza – ha detto Vitagliano – ho dovuto soffocare tutta la diffidenza

che provavo nei confronti di questo organismo, frutto però di pregiudizi. Ho trovato nella Soprintendente Alfonsina Russo come negli altri tecnici della Soprintendenza persone di elevata professionalità e grandissima passione nei confronti del loro lavoro e questo nostro patrimonio che per alcuni versi ci avvicina alla Grecia, come abbiamo potuto constatare in occasione della recente mostra in Macedonia che a breve porteremop anche in Bulgaria. Ho acquisito, grazie a loro, conoscenze a me del tutto sconosciute e i risultati ottenuti si devono all’intuito di aver investito sulla filiera che la professionalità dell’Istituto italiano di Archeologia offre. Ora bisogna mettere a sistema tutte le iniziative e cercare di portare fuori e far rientrare nel Molise tutto ciò che appartiene alla storia di Pietrabbondante”.

Adriano La Regina

Incontro con il governatore Iorio

Ricostruzione post-sisma Fitto prende l’impegno: 340 milioni per le priorità CAMPOBASSO. Sono pronti i finanziamenti per il completamento della ricostruzione post- sisma e per l’autostrada. Il ministro Raffaele Fitto ha assunto l’impegno con il governatore Michele Iorio che ha incontrato a Roma a margine della Conferenza Stato-Regioni di mercoledì scorIl governatore so. In realtà, che i Michele Iorio fondi per le due infrastrutture arrivassero Il Quotidiano del Molise lo aveva già anticipato la scorsa settimana, quando abbiamo raccolto in esclusiva le dichiarazioni dello stesso presidente Michele Iorio. Ora c’è l’ennesima conferma. “Abbiamo chiesto un impegno di circa 340 milioni di euro per la ricostruzione postterremoto – ha dichiarato il ‘capo’ dell’Esecutivo regionale – che potrebbero risolvere completamente l’intervento sulla priorità e anche di alcuni aspetti gestioniali come le difficoltà del Comune di San Giuliano di Puglia per gli indennizzi dovuti ai familiari delle vittime. Si tratta di un lavoro di concertazione molto positivo che produrrà effetti a breve”. Risultati positivi, però, sono attesi anche per l’autostrada del Molise: anche in questo caso l’iter di realizzazione potrebbe subire un’accelerazione. A breve, infatti, dovrebbe essere siglata l’intesa di programma con la Presidenza del Consiglio e sbloccati 500 milioni per l’importante infrastruttura. red.pol.

Primarie, la Federazione giovanile dei comunisti accusa il PdCI Caos sulle candidature. Maio (Pd) chiede l’intervento dei vertici nazionali Accuse precise verso il Partito dei Comunisti Italiani. A muoverle è la Federazione giovanile comunisti italiani dopo la decisione di appoggiare Michele Petraroia. “Esprimiamo profondo disagio e il nostro dissenso”, scrivono in una nota Giuseppe Bianchi (segreteria regionale Partito dei Comunisti Italiani Molise – esecutivo regionale FGCI Molise), Salvatore Ruggiero (assemblea regionale FGCI), Maurizio Manocchio (assemblea regionale FGCI Molise),

Walter Di Bartolomeo (assemblea regionale FGCI Molise) e Alessio Volpe (assemblea regionale FGCI Molise – consulta provinciale degli studenti di Campobasso). “Troviamo contraddittorio – scrivono - che un partito, sfavorevole alle primarie, si converta questa volta alle primarie e ne accetti le regole di lealtà al candidato vincente, dopo aver votato contro l’ammissibilità di un candidato, sostenuto dal maggior partito di opposizione e quindi pre-

sumibile vincente, sulla base delle regole che il tavolo stesso aveva stabilito e quando questa decisione,presa a maggioranza, ha comportato la fuoriuscita dal tavolo del PRC e del Movimento di Partecipazione Democratica del Senatore Giuseppe Astore”. Inoltre, secondo la Federazione giovanile comunisti italiani è incomprensibile che “il PdCI appoggi un candidato che è iscritto al Pd, ma non è sostenuto dal Pd. Questa candidatura ci è apparsa quanto

mai inopportuna e tendente a spaccare il fronte della sinistra visto che alle primarie un candidato del centrosinistra esisteva già”. Ed era Nicola D’Ascanio, con cui “il PdCI ha amministrato la Provincia di Campobasso fino alla fine”. E concludono: “E’ molto bello che il PdCI non si lasci coinvolgere in beghe personali,ma quando le variazioni di campo e di linea sono troppo ardite e repentine e politicamente non ben motivate,non possiamo fare a

Così titolavamo il 14 luglio

meno di ricordare che il PdCI ha avallato la linea perdente delle recenti provinciali,ha avallato una candidata che lo stesso PdCI aveva poco prima rifiutata,e che,oltre alle beghe personali esistono anche quelle tra Partiti e gli opportunismi dei Partiti che scelgono le alleanze in base alle proprie convenienze e non agli interessi dei cittadini”. I problemi, però, continuano anche in casa Pd: secondo il segretario provinciale del

Medio Molise Pietro Maio, per proseguire bene il percorso verso le primarie “occorre attendere l’indispensabile chiarimento politico sollecitato dai candidati del Pd Antonio D’Ambrosio e Michele Petraroia alla segretaria nazionale del partito”. Un problema sorto dopo le dichiarazioni del segretario regionale Danilo Leva su Frattura e che avevano dprovocato una vera e propria bufera tra i democratiici.


Domenica 24 luglio 2011 Via San Giovanni in Golfo - 86100 Campobasso - Tel. 0874 484623 - Fax 0874 484625 - estate.quotidianomolise@alice.it Maria animerà l’estate dei centri del Basso Molise a partire dal 31 luglio IlTania festival

Passaggi sonori, la kermesse giunge alla quarta edizione “Passaggi Sonori”, è il festival musicale che animerà i centri del Basso Molise dal 31 luglio al 14 agosto, giunto alla sua quarta edizione. Sul palco si esibiranno alcuni tra i migliori interpreti della musica popolare e della scena melodica, rock, folk e jazz.. “Passaggi Sonori IV” nasce per avvicinare ancor di più i giovani alla musica popolare, attraverso un eccezionale programma di concerti. I Comuni coinvolti nel progetto animeranno le piazze, gratuitamente, con inediti sincretismi musicali, portati in scena da artisti eccellenti. Si inizierà il 31 luglio a Casacalenda con i Musica Nuda, progetto musicale nato nel 2004 dalla collaborazione tra Petra Magoni e Ferruccio Spinetti. Il 5 agosto si esibiranno in piazza a Portocannone

Giuseppe “Spedino” Moffa e i Curakanta. La storica voce dei Matia Bazar, Antonella Ruggiero salirà sul palco a San Giuliano di Puglia l’11 agosto, insieme al gruppo molisano L’Arcano Patavino. Montecilfone ospiterà invece il 12 agosto Antonio Forcione, chitarrista jazz di grande talento, londinese d’adozione al suo rientro in Italia dopo lungo tempo. A Montorio nei Frentari sarà la volta della BandAdriatica il 13 agosto, mentre il 14 si chiuderà in bellezza con l’atteso concerto dei Marlene Kuntz a San Martino in Pensilis. Un programma pieno di grandi nomi che arricchisce la proposta di intrattenimento estivo molisano con la partecipazioni di artisti di fama internazionale per una kermesse organizzata nell’am-

I Marlene Kuntz

bito del progetto “La memoria dei Beni Immateriali del Basso Molise”. Un’iniziativa che fa parte del programma “Giovani energie in Comune”, promosso dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Anci, che ha visto come capofila il Comune di San Martino in Pensilis e coinvolto attivamente i centri di Casacalenda, Montecilfone, Montorio nei Frentani, Portocannone e San Giuliano di Puglia. D.I.

Tutti gli appuntamenti dell’estate molisana TRADIZIONI, SAGRE, RADUNI Fino al 31 agosto Larino (Cb) - Estate larinese,respira la collina. Fino al 24 luglio Oratino (Cb) - Presso Piazza Rogati ore 18.00 inzio tornei di calcetto, biliardino e bocce, ore 21.00 laraoke (21 luglio); ore 18.00 tornei di calcetto, biliardo, bocce alle ore 21.30 esibizione gruppo musicale “Nicky Rock Band” (22 luglio); ore 13.00 pranzo gialloverde, ore 18.00 tornei di calcetto, biliardino, bocce, ore 21.00 rassegna talenti musicali: “elettrica danza” band (Cover Litfiba), ore 23.00 karaoke (23 luglio); ore 18.00 finali tornei, ore 20.00 premiazione vincitori tornei, ore 21.00 serata danzante “Con nu poc e luna” a cura di Maurizio Dj (liscio, balli di gruppo, latinoamericani, caraibici), ore 23.30 Disco music (24 luglio). Stand gastronomici con pietanze tipiche locali, pizza e panini, attivi nel corso delle quattro serate. Fino al 24 luglio Ripalimosani (Cb) - Ore 18.00 apertura stand enogastronomici; ore 19.00 esibizione gruppo sbandieratori e musici “Castel Monforte” di Campobasso; ore 21.15 spettacolo “Il gobbo di Notre Dame” (il musical) Fino al 25 luglio Sepino (Cb) - (23 luglio) Tradizionale fiera lungo la strada principale che conduce alla piazza del paese; in serata esibizione di un concerto bandistico. (24 luglio) Solenni funzioni religiose e processione del prezioso busto di Santa Cristina. In serata due bande musicali si contenderanno l'applauso del pubblico . A conclusione dei festeggiamenti spettacolari fuochi pirotecnici. (25 luglio) "Festa dell'Emigrante": dopo la celebrazione della messa, la giornata è caratterizzata da un pranzo che riunisce tutti gli emigrati che sono ritornati in paese in occasione dei festeggiamenti della Santa Patrona. La festa si conclude con un concerto di musica leggera. Fino al 30 Larino (Cb) - Tornei di Beach Volley e Beach soccer. 24 luglio Rotello (Cb) - III edizione “Soap Box” la corsa più pazza e strampalata del mondo e serata musicale. 24 luglio Sant’Elia a Pianisi (Cb) - Vespa raduno con moto-incontro tra il motoclub di San’Elia a Pianisi ed il Vespa Club di Campobasso. 24 luglio Campolieto (Cb) - Ballando sotto le stelle. 24 luglio Montenero di Bisaccia (Cb) - II edizone “Festa della Trebbiatura”, durante la giornata ci sarà la rievocazione della trebbiatura manuale meccanica allieterà la serata “I Giullari” cover band dei Nomadi e Alberto Bertolini. Zona palazzetto dello sport. Fino al 24 luglio Ripalimosani (Cb) - RipaEstate, programma: Apertura stand enogastronomici e botteghe artigiane (18:00); spettacolo sbandieratori meievali (19:00); spettacolo Il Gobbo di Notre Dame”; riapertura stand enogastronomici (ore 23:30), presso campo convento Omi. 24 luglio Lupara (Cb) - Si svolgerà la manifestazione “Antichi Mestieri e Sapori”, organizzato dalla Pro-loco “Lupa”. La manifestazione intende riscoprire, promuovere e valorizzare la cultura, le tradizioni, i sapori dell’accogliente centro molisano. La manifestazione si svolgerà, nelle ore serali, nella splendida cornice del centro storico, gli ospiti saranno invitati in un percorso in cui la cultura agro-pastorale, l’artigianato, i piatti tipici luparesi saranno protagonisti. Ad allietare la serata ci sarà la musica dei Cantori della Memoria di Larino e dello zampognista Franco Izzi che coinvolgeranno i partecipanti in un percorso musicale con testi e sonorità strettamente legate al Molise e al popolo contadino, nei brani verrà dato spazio anche alla poesia di Giovanni Cerri e Raffaele Capriglione: un “viaggio” che segue le nostre radici profondamente legate alla nostra cultura agro-.pastorale e che vuole rafforzare il senso di appartenza alla Terra dei Tratturi. Fino al 25 Campomarino (Cb) - Celebrazione per la festa di S.Cristina. 25 luglio Guardialfiera (Cb) - Per la 5^ edizione de “La Grande Storia” cronache di un reporter, “Dispacci dai teatri di guerra”. Ore 17.00. Dal 25 al 27 luglio Cantalupo nel Sannio (Is) - Festa Sant’Anna. (25 luglio) serata musicale con gruppo “I Torero”; (26 luglio) concerto bandistico “Banda Noicattaro”; (27 luglio) concerto in Piazza “Giuliano Palma & The bluebeaters”. Dal 25 al 27 luglio Cantalupo nel Sannio (Cb) - Festa di S.Anna. Ore 11.00 Santa Messa ed a seguire processione per le vie del paese con l’accompagnamento della banda “Città di Noicattaro”; ore 19.00 Santa Messa ed a seguire processione per le principali vie del paese con l’accompagnamento della banda “Città di Sassinoro”. In fine serata ci saranno alle ore 23.45 i fuochi pirotecnici. Dal 25 al 26 Rotello (Cb) - Giochi della gioventu’. Dal 25 al 26 luglio Montenero di Bisaccia (Cb) - 5^ edizione Città dei Bambini, con Ludobus, animazione e gonfiabili. Piazza San Paolo, ore 19.00. 26 luglio Gambatesa (Cb) - Festività di Sant’Anna. Programma: ore 8:30 Banda di Gambatesa; ore 11:30 processione accompagnata dalla banda del paese; ore 21:00 concerto serale della cover band “Tracce di Nomadi”.

26 luglio Jelsi (Cb) - Festa del Grano in occasione delle celebrazioni della festa patronale di Sant’Anna. Questa sagra ha origine dall’antico ringraziamento che la popolazione dedicava alla santa protettrice che intervenne miracolosamente durante un terribile terremoto nel 1805. La sagra è inoltre arricchita di spettacoli folkloristici, musicali e pirotecnici.Ore 10.00 processione delle Traglie e dei carri allegorici in onore di Sant’Anna; ore 21.30 Via A.Valiante: concerto di Simone Cristicchi. 27 luglio Guardialfiera (Cb) - Ore 18.00 circolo Salvamento. Il mondo dei giochi e dei giocattoli nei tempi poveri del dopoguerra. Tecnica ed esecuzione di “Oh, che bel castello” per le femminucce e di “Guardia e ladri” per i maschietti. Ore 18.00 Palazzo Loreto “Saluti da Termoli” ipotetiche cartoline illustrate in quaranta poesie dialettali. Passioni, umori, atteggiamenti, galleria di personaggi fotografati da Giovanni de Fanis. Dal 27 al 31 luglio San Giuliano del Sannio (Cb) - Terza festa della birra. (27 luglio) serata musicale, ore 21.00 ; (28 luglio) “Balla con noi”, ore 21.00; (29 luglio) “I sciur’d cucuzz band”, con degustazione di baccalà e peperoni, ore 21.00; (30 luglio) complesso musicale “Idea 2000”, con degustazione di lasagne alla boscaiola con coscia di pollo e salsiccia, ore 21.00; (31 luglio) corpo di ballo “Do.Re.Mi.Fa Ballare” con degustazione di taccozze, cotica, fagioli e costate di maiale, ore 21.00. 28 luglio Montenero di Bisaccia (Cb) - Festa di quartiere “Tufarill e Madonn d Bsacc in festa”. Ore 20.30. 29 luglio Montecilfone (Cb) - Rievocazione storica. Rievocazione delle gesta degli Arbereshe e degli Albanesi del xv sec. d.C.; la rievocazione inizia con le letture dei bandi per le vie cittadine; prosegue poi con una sfilata di figuranti in abiti storici. Subito dopo si terrà la gara equestre “Palio di San Giorgio”; torneo di tiro con l’arco storico; serata di liscio con degustazione di prodotti tipici. 29 luglio Montenero di Bisaccia (Cb) - 1° edizione Montenero Ridens, si esibiranno Pino Campagna, gli Emo, Rocco Gigolo’ all’ interno della manifestazione ci saranno bands gastronomici. Ore 21.00. 29 luglio Matrice (Cb) - Ore 18.00 incontro dibattito sul disagio giovanile, presso Sala convegni di S.Maria della Strada; ore 21.00 vendita e degustazione birre speciali, nazionali ed estere, con stand gastronomici. 29 Carpinone (Is) - Centro storico in musica, musica e gastronomia in tutte le piazze del centro storico. 29 luglio Campomarino (Cb) - Sagra del cocomero. Dal 29 al 30 luglio Isernia - 2a sagra della porchetta, “Orchestra Enzo De Quattro” (29 luglio), 2a sagra della porchetta, concerto di “Gigione & Jo Donatello”. Località Brecelle. Dal 29 al 31 luglio Scapoli (Is) - XXXV Mostra Mercato e Festival Internazionale della Zampogna. Dal 29 al 31 luglio Miranda (Is)- La Tartufata. Il tartufo è uno dei piatti forti della gastronomia molisana ed il paese di Miranda intende dedicare un weekend a questo vero re della tavola. 29 e 30 luglio Matrice (Cb) - In località Santa Maria della Strada “Festa dei giovani- cultura e divertimento”. Programma: 29 luglio - Dibattito studenti universitari e lotta al precariato (ore 18:00); musica dal vivo “En plain” melodie rock; 30 luglio - dibattito “Il Molise e la salvaguardia del patrimonio artistico, ambientale e culturale (ore 18:00) e a seguire musica dal vivo “Mushma”rock-blues. Stand gastronomici con degustazione di quattro qualità di birra. 30 luglio Guardialfiera (Cb) - Pedalata ecologica. 30 luglio Montenero di Bisaccia (Cb) - L’ Associazione Degli amici della musica presentano la 6^ edizione “C’era una volta minicanzonissima”. Ore 21.30 in Piazza della libertà. 30 luglio Casacalenda (Cb) - Ore 21.00 via Berlinquer, Sagra della bruschetta e degli arrosticini. 30 luglio Campomarino Lido (Cb) - Centenario dell’Unita d’Italia. 30 luglio Campomarino (Cb) - Compagnia teatrale “Novità di Paese” in Cuore di Mamma. 30 luglio Pietracatella (Cb) - Serata di beneficenza “Le aziende Pietratellesi per la ricerca e la lotta contro il cancro”. Vitello arrosto e tanto altro da gustare. Ore 21.00 belvedere. 30 luglio Cantalupo nel Sannio (Is) - L’Asd Cantalupo motorcycles organizza il 2° Bike Beer Fest, piazza Alfonso Perrella ore 18.00. In serata birra, panini e concerto dei Radio Zombie (Negrida Cover Band). 30 luglio Belmonte Del Sagno (Is) - Ballando sotto le stelle. 30 luglio Provvidenti (Cb) - “Ristoro dell’Anima” dalle 21.30 alle 24.00 presso il ristorante “Margia”. 30 luglio Palata (Cb) - 4^ sagra del pesce. Serata di balli e degustazioni

con la pescheria “La Termolese”. La serata sarà rinfrescata con fiumi di vino bianco della Cantina Sociale “San Zenone” di Montenero di Bisaccia. Musica dal vivo del gruppo “Lalli’s Band”. 30 luglio Ripalimosani (Cb) - Festa delle contrade. Serata gastronomica e ricreativa p.zza San Michele ore 21.00. Dal 30 al 31luglio Gildone (Cb) - Ore 16.00 giochi di abilità con le moto; ore 21.00 serata danzante e premiazione dell’organetto più allegro con il maestro Emiddio Farinaccio, il giorno successivo a partire alle ore 9.30 ci sarà il raduno d’epoca presso la Cappella di San Nicola, ore 10.30 Santa Messa officiata da Don Mercurio Simonelli, ore 11.30 benedizione delle auto presenti e sfilata lungo le principali vie del paese, ore 13.30 pranzo presso il ristorante “La Pingera” e alle ore 21.00 artisti allo sbaraglio presso la Cappella di San Nicola. Dal 30 al 31 luglio San Giovanni in Galdo (Cb) - Sagra della Pasta e Fagioli e Fricassea. Programma dell’evento: 30 luglio: in occasione dei festeggiamenti del “Sacro Cuore di Gesù”. 31luglio: arrivo del complesso bandistico “Città di Bracigliano”. Durante entrambi i giorni saranno allestiti gli stand della tradizionale sagra della pasta e fagioli e della fricassea. Dal 30 luglio al 1 agosto Cercemaggiore (Cb) - Sagra dei cavatelli. Degustazione di ricette paesane, tanta musica e divertimento. Dal 30 luglio al 1 agosto Termoli (Cb) - XXIV Festival Internazionale del Folclore e delle culture marinare. 31 luglio Ripalimosani (Cb) - 8° memorial di pesca sportiva alla trota. Circolo Arci ore 06.00 fiume Biferno. 31 luglio Colli a Volturno (Is) - V edizione Cuore Collese. Ore 16.45 ritrovo presso impianti sportivi; ore 17.30 partita femminile a scopo benefico; ore 18.00 Alpini Valle del Volturno/Vecchie glorie collesi vs Squadra del Cuore di Cerro al Volturno; ore 19.30 incontro-dibattito “Sport, territorio e solidarietà”. 31 luglio Campomarino (Cb) - Gran fondo delle cantine molisane. 31 luglio Santo Stefano (Cb) - Alle ore 17.00 con Giocolandia, un appuntamento da non perdere dedicato prevalentemente ai bambini che potranno divertirsi con giochi gonfiabili e intrattenimento di vario genere nella piazza della frazione. 31 luglio Campomarino (Cb) - Gran fondo delle cantine molisane. 31 luglio Montenero di Bisaccia (Cb) - 14^ edizione Pedalata Avis, in Piazza della libertà ritrovo ore 18.30 partenza 19.00; Ore 21.30 Festa Cuore Immacolato di Maria, musica e stands gastronomici. 1 agosto Guardialfiera (Cb) - Ore 17.00 giocoleria sul lago; ore 20.30 ristorante “Miralago” campioni della rima e del buon gusto. 1 agosto Petacciato (Cb) - Sagra della Porchetta. 1 agosto Rotello (Cb) - “Acquasplash” torneo a squadre di calcio saponato in piazza. 1 agosto Agnone (Is) - Festa della Madonna degli Angeli, ore 21.30, presso località Fontesambuco. In serata ci sarà Giggione in concerto. 1 agosto Montagano (Cb) - Sagra della Pasta e fagioli. 1 agosto Cercepiccola (Cb)- Il crocifisso di San Damiano sarà donato dall’Arcivescovo della diocesi di Campobasso-Bojano, Sua Eccellenza Monsignor Giancarlo Maria Bregantini, alla piccola comunità della Valle del Tammaro ed affisso nella chiesa di San Francesco, sita alle porte del paese (in località Cappella). 2 agosto Agnone (Is) - Festa della Madonna degli Angeli, ore 21.30, presso località Fontesambuco. In serata ci sarà Tequila Band. 2 agosto Santo Stefano (Cb) - Santa Messa alle ore 11.30, processione della Madonna del Carmine alle 18.30 e in serata, a partire dalle 21.00, la compagnia “Il faro” metterà in scena un divrtente spettacolo di teatro comico napoletano. Stands gastronomici faranno da cornice a tutte le serate di festa. 2 agosto Pietracatella (Cb) - I sapori del Molise. stand gastronomici di prodotti tipici molisani. Ore 21.00. 2 agosto Guardialfiera (Cb) - Giocoleria sul lago, ore 18.00. 3 agosto Santo Stefano (Cb) - Sarà celebrata la Santa Messa (ore 11.30) e la processione del santo patrono per le vie della frazione (ore 18.30). L’appuntamento con i fuochi pirotecnici è fissato in due momenti: alle 18.30 e a mezzanotte. Quest’anno il Comitato feste ha volutodividere lo spettacolo serale, con inizio alle 21.00, in due momenti, quello musicale con una cover band di Gigi D’Alessio e quello comico con la presenza del cabarettista di Colorado Cafè, Carmine Faraco. 3 agosto Agnone (Is) - Cena tibetana, gastronomie e culture a confronto, ore 20.30, presso hotel Palazzo della Città. 3 agosto San Martino in Pensilis (Cb) - A cavallo per i tratturi. Escursione

COMUNICATI - SEGNALAZIONI - INFO: ESTATE.QUOTIDIANOMOLISE@ALICE.IT

4


Domenica 24 luglio 2011 Via San Giovanni in Golfo - 86100 Campobasso - Tel. 0874 484623 - Fax 0874 484625 - estate.quotidianomolise@alice.it per i tratturi con cavalli messi a disposizione dalle associazioni dei Cavalieri dei Tratturi con sosta nell’area attrezzata sul tratturo Celano-Foggia nel territorio di San Martino in Pensilis. Dal 3 al 4 agosto Termoli (Cb) - Festività del Patrono San Basso. 4 agosto Pietracatella (Cb) - “Writes in pietra” primo concorso di “Street Art”, animazione della serata con il gruppo Dickenz Band. Ore 21.00 belvedere. 4 agosto Cercemaggiore (Cb) - Festeggiamenti in onore di San Domenico. Dal 4 al 7 agosto Carovilli (Is) - Carovilli beer festival. Manifestazione dove poter degustare piatti tipici e all’insegna di musica veramente eccezzionale. Dal 4 al 11 agosto Larino (Cb) - 1^ edizione torneo di calcio a cinque “Santa Chiara” a cura di Asd Sc Larino. 5 agosto Cercepiccola (Cb) - Festeggiamenti in onore della Madonna delle Grazie con serata danzante ed intrattenimento musicale. 5 agosto Sant’Elia a Pianisi (Cb) - Il gruppo Civitas Sancti Eliae Planisi anche quest’anno rivive la sua rievocazione storica. La manifestazione, identificata come ”Festa di una notte di mezza estate” è alla sua seconda edizione. L’evento prevede il seguente programma: (ore 19.00) partenza con la sfilata dei gruppi storici (Colletorto, Montecilfone, Provvidenti, Guglionesi, Larino e la partecipazione del gruppo di Sant’Elia a Pianisi). Durante il percorso gli Sbandieratori di Lucera daranno dimostrazione di alcuni loro spettacoli. Apertura della sagra di carne alla brace (ore 20.00). Arrivo dei gruppi storici in Piazza Municipio e relativa presentazione (ore 20.30). Seguirà il saluto dei Nobili De Capua e ci saranno alcuni spettacoli di vario genere, balletti, combattimento e spettacoloi degli sbandieratori. La prima parte si concluderà con il saluto dei vari gruppi ai Signori De Capua. (ore 23.00) La seconda parte, molto breve, prevederà un combattimento tra i soldati del feudo di Sant’Elia e prevederemo un nuovo balletto. Il tutto si chiuderà con una bellissima sorpresa. 5 agosto Riccia (Cb) - Folklore internazionale, ore 21.00. Dal 5 al 12 agosto Ripalimosani (Cb) - Palio delle Quercigliole o Madonna della Neve. Processione della statua della Madonna che sarà riportata nella propria cappella l’11 di agosto. Il giorno successivo si prepara il palio che consiste di una gara equestre. 6 agosto Cercepiccola (Cb) - Festeggiamenti in onore del Santissimo Salvatore con serata danzante ed intrattenimento musicale. 6 agosto Portocannone (Cb) - Sagra del grano e dei ceci “San Donato”. 6 agosto Cercemaggiore (Cb) - 2° torneo di calcio a 5 “Santa Maria della Libera”. 6 agosto Petrella Tifernina (Cb) - San Giorgio Martire... Storie e leggenda. Presentazione monografica “La Chiesa di San Giorgio Martire”. 6 agosto Montaquilia (Is) - 5^ Sagra del cinghiale ore 06.00 inizio giornata ecologica;ripulita sentieri montani e ripristino ambiente. Ore 20.30 apertura standard gastronomico, serata danzante con l’ochestra spettacolo. Ore 23.00 consegna targa al ”Cacciatore Gentiluomo” per l’anno 2011 (il noto attore di cinema e teatro originario di Roccaravindola, Edoardo Siravo. 6 agosto Cantalupo nel Sannio (Cb) - III trofeo S.Anna. Gara di corsa su strada di kim 9,250 per il corrimolise 2011, ore 10.00 convegno con la partecipazione straordinaria di Pietro Mennea, in seguito, alle ore 18.00 gar, la serata sarà alliettata dal gruppo “Mosaico” di Bojano. 6 agosto Casacalenda (Cb) - Ore 16.30 Corso Roma ” 17^ pedalata ecologica”. 6 agosto Campolieto (Cb) - XXI Sagra di pasta e fagioli con involtini di cotica e salsiccia arrosto, oraganizzata dalla Usd Campolieto. 6 agosto Castropignano (Cb) - Visite guidate gratuite al Castello D’Evoli e Borgo di Castropignano, ore 10.30. Convegno ex Chiesa di San Nicola, ore 17.00 “Storia, arte, archeologia. Incontro studio”; Mostra pittorico-fotografico, ore 19.00 “L’arte colora la vita: l’opera pittorica di Gilda Pansiotti 18911985”. Dal 6 al 7 agosto Guardialfiera (Cb) - Ore 16.00 campetto polifunzionale. Torneo di Vòche; (6 agosto) ore 20.00 semifinale torneo volley; (7 agosto) ore 20.00 finale torneo volley. Dal 6 al 7 agosto Montagano (Cb) - Festa del Vecchio Borgo. Dal 6 al 7 agosto Casalciprano (Cb) - Presso il Parco dell’Annunziata di Casalciprano l’Associzione Ultrantirazzista onlus di Campobasso organizza la seconda edizione del Torneo delle Realtà Antirazziste, la manifestazione antirazzista molisana. Sabato 6 si terrà prima il Torneo di calcio a cinque, a seguire concerto degli Statuto, il tutto condito da ottima carne arrosto e birra alla spina. Domenica Dj set e saluti finali agli ospiti. Dal 6 al 7 agosto Frosolone (Is) - Dalle ore 21.00 serata all’insegna del divertimento con il cabarettista di zelig Pino Campagna e l’intrattenimento dell’orchestra spettacolo “Fratelli d’Italia”, (6 agosto); festeggiamneti in onore del Santo Patrono San Donato dalle ore 16.00 pomeriggio all’insegna del divertimento per i bambini con i giochi gonfiabili, dalle ore 21.00 spettacolo musicale della cover band di Gigi D’Alessio e Claudio Baglioni, (7 agosto). Dal 6 al 7 agosto Larino (Cb) - Festa juventina Larinese, a cura dello Juventus Club di Larino. Dal 7 al 8 agosto Guglionesi (Cb) - XIX edizione del Palio di San Nicola. 7 agosto Montaquila (Is) - 5^ Sagra del cinghiale;ore 08.00 Gara di tiro a palla su sagoma di cinghiale; ore 11.00 Vesparaduno; ore 17.00 Mostra cinofila con giudici federali; ore 20.00 apertura stand gastronomico e serata danzante con Enzo De Quattro; Ore 23.30 premiazioni mostra, gara e estrazioni lotteria. 7 agosto Roccaravindola/Montaquila (Is) - II° Memorial Marinelli a cura del Motoclub di Ravindola e con il patrocinio del Vespa Club di Campobasso. 7 agosto Monacilioni (Cb) - Evento gastronomico “Farro sotto le stelle”, organizzato dalla cooperativa 2Castrum Monacilionis”. Momenti di degustazione del farro preparato in gustosissime ricette: dalla classica zuppa molisana, all’esotico taboulè alla tradizionale pastiera. Novità la birra di farro e l’accoppiata tutta molisana di farro e tartufo. 7 agosto Riccia (Cb) - Folklore internazionale, ore 21.00. 7 agosto Campolieto (Cb) - Tartufestival. Degustazione di prodotto a base di tartufo. 7 agosto Pietracatella (Cb) - “La Morgia” V Festival internazionale del Folklore. Gruppi ospiti: Venezuela, Kenia, Serbia, Argentina. 7 agosto Capracotta (Is) - La Pezzata. Il vivido legame tra Capracotta e la sua tradizione pastorale, rivive nella "Pezzata", sagra dell'agnello alla brace e della pecora bollita con erbe aromatiche che si tiene annualmente la prima domenica di agosto nella splendida cornice del pianoro di Prato Gentile. 7 agosto Cercepiccola (Cb) - Festeggiamenti in onore del Patrono San Donato con serata danzante ed intrattenimento musicale. 7 agosto Scapoli (Is) - Festa popolare. 7 agosto Guardiaregia (Cb) - “Il sentiero della natura San Nicola”, il più spettacolre sentiero delle Oasi del WWF Italia. Dal paese di Guardiaregia, il sentiero natura si snoda lungo un antica carrabile recuperata dal WWF. Si

arriverà sulle sponde del Torrente Vallone Grande per osservare da vicino il canyon del Quirino e la cascata di San Nicola che rappresentano per il Matese e per l’Oasi, un ecosistema unico e particolarmente delicato. 7 agosto Mirabello Sannitico - Prima edizione della Mostra Scambio Auto e Moto d’epoca. I mirabellesi offriranno, inoltre, aperitivi e prodotti locali. 8 agosto San giacomo degli Schiavoni (Cb) - Sagra del Prosciutto. 8 agosto Bojano (Cb) - Sagra del Prosciutto. 8 agosto Guardiaregia (Cb) - “Cammina Molise 2011”. La XVII edizione di “Cammina Molise” attraversa l’Oasi da Guardiaregia a Campochiaro. La terza tappa, organizzata dall’Associazione culturale “La Terra” è dedicata alla natura dell’Oasi WWF. Ospiteremo un tratto del trekking della manifestazione da Guardiaregia a Campochiaro verso San Polo Matese, sul sentiero carsico di Chianetta- Valle Uma- Fonte Francone. Dal 8 al 9 agosto Scapoli (Is) - Seconda edizione delle “Volturniadi”, sfida tra i paesi della Valle del Volturno “a colpi” di giochi popolari. Dal 8 al 10 agosto Termoli (Cb) - Termoli Slow. Giunta alla seconda edizione, da venerdì 8 a domenica 10 agosto torna “Termoli Slow – con passo lento tra i sapori della terra e del mare”, la manifestazione ideata dalla condotta Slow Food di Termoli dedicata alla cultura gastronomica molisana e alla scoperta delle meraviglie della costa molisana. 9 agosto Guardialfiera (Cb) - Dal mattino sul lago “Pentatlon d’agosto”. Corsa campestre, montainbike, canottaggio, tiro con l’arco o lancio del peso. Dal 9 al 10 agosto Pozzilli (Is) - Festa di San Lorenzo Martire e Sant’Antonio da Padova. 10 agosto San Giuliano del Sannio (Cb) - Evento folklorico: IX Rassegna “Incontri” festival internazionale del folklore ore 21.00 in Piazza Libertà. 10 agosto Monteroduni (Is) - La manifestazione:” Come ze magnava’na vota”. 10 agosto Pescolanciano (Is) - Stranezze gastronomiche e spiedini di pecora. Evento a cura dell’associazione culturale “Il girasole”. In serata concerto di musica popolare. 11 e 12 agosto Carpinone (Is) - Festival Internazionale del folklore, programma: apertura festival e Notte della Taranta con i “Sud Folk” (11 agosto ); Festival Internazionale del folklore con gruppi provenienti da Hawaii Cile, Lituania, Kenya, Spagna, Ungheria, Venezuela, Georgia e Italia (12 agosto). 12 agosto Vastogirardi (Is) - Festeggiamento in onore di S.Nicola di Bari con la partecipazione dell’intera giornata del gran concerto bandistico città di Bracigliano provincia di salerno, diretto dal maestro, direttore e concertatore professor Mario Ciervo. 12 agosto Pescolanciano (Is) - 17^ Sagra della Polenta, ore 19:00. Degustazioni di polenta tagliata con il filo, piatto tipico dei pastori della transumanza. In serata spettacolo musicale e serata danzante, a cura dell’associazione “Il Girasole”. 13 agosto Castropignano (Cb) - Visite guidate al Castello D’Evoli e Borgo, ore 10.30. Piazzale Chiesa Madre:”Mercato di prodotti locali e biologici”. 13 agosto Pescolanciano (Is) - Pezzata pescolancianese. MUSICA Fino al 24 luglio Termoli (Cb) - Festival adriatico delle musiche V Edizione, a cura dell’associazione culturale Amici del festival adriatico delle musiche, in piazza Duomo. Programma: 20 luglio- The bad Plus trio (ore 22:00); 21 luglio- Musica classica in cattedrale (22:00); 22 luglio - Fly Trio (ore 22:00); 24 luglio Raphael Gualazzi (ore 22:00). Degustazioni d’arte, ore 18.30, presso belvedere dei fotografi; Poesie in vernacolo con Nicola di Pardo, ore 21.30, presso piazza Duomo; Bad Plus Trio, ore 22.00, presso piazza Duomo. 21 luglio. Fino al 24 luglio Ripalimosani (Cb) - 2° edizione, musical “Notre Dame De Paris”. 24 luglio Petrella Tifernina (Cb) - I Scianari Pizzica (dalle ore 21.00 alle 01.00). 24 luglio Larino (Cb) - Serata musicale “Sommigaudi” in concerto. Dal 25 al 30 luglio Campomarino (Cb) - Campus musicale estivo “Orchestra giovanile”. 25 luglio Ripalimosani (Cb) - Orchestra femminile di Kiev. Teatro Comunale ore 21.30. Dal 25 al 27 luglio Cantalupo del Sannio (Cb) - Ore 21.00 concerto di musica classica “Città di Noicattaro” (25 luglio); ore 21.30 concerto di musica leggera “I Torero”(26 luglio); ore 21.30 Giuliano Palma in concerto. 26 luglio Campomarino Lido (Cb) - “Elena e la Cadillac band” in concerto. 27 luglio Termoli (Cb) - “C’era un ragazzo come me..” trubuto a Gianni Morandi a cura dell’associazione New Harlem. scalinata del folklore ore 21.00. 27 luglio Campomarino Lido (Cb) - “Elvis” cover band in concerto. 29 luglio Bonefro (Cb) - Terza semifinale Bonefro Rock Contest. Ore 22.30, presso Villa Magliano. 29 luglio Campomarino Lido (Cb) - Concerto di musica classica. Dal 29 al 30 luglio Rotello (Cb) - 1° concorso “Band emergenti” concorso a selezione per 12 band del territorio locale. Nel corso delle due serate: ”Sagra degli arrosticini”. Dal 29 al 31 luglio San Giuliano del Sannio (Cb) - Dark Secret Love e Ninive in concerto al San Giuliano Rock Festival presso località Sottobosk. 30 luglio San Giuliano del Sannio (Cb) - Casino Royale “Io e la mia ombra” Tour al San Giuliano Rock Fest. 30 luglio San Giacomo degli Schiavoni (Cb) - Armageddon In The Park Metal Fest VIII Edizione. Ingresso 15 euro (no prevendita), parcheggio e campeggio gratuito, apertura cancelli (ore 17.30), inizio concerti (18.00) Trodden Shame 18.00 - 18.30, The Juliet Massacre 18.45 - 19.15, Endless Pain 19.30 - 20.00, Fingernails 20.15 - 20.55, Natron 21.10 - 21.50, Gama Bomb 22.10 - 23.10, Vader 23.30 - 01.00. 30 luglio Larino (Cb) - Tributo a Renato Carosone:”Tu vuò fa l’americano”. In concerto”New Harlem Band”. 30 luglio Provvidenti (Cb) - “Ristoro dell’Anima” serata Musical-Emozionale dalle 21.30 alle 24.00. Presso il Ristorante - Piatti tipici - Bar “Margia”. 31 luglio San Giuliano del Sannio (Cb) - Massimo Volume in concerto al San Giuliano Rock festival. 31 luglio Casacalenda (Cb) - Concerto di Musica Nuda (Pietro Magoni e Ferruccio Spinetti), alle 21:30 in corso V. Emanuele III. 31 luglio Guglionesi (Cb) - Concerto “Giuliano Palma”. Dal 4 al 13 agosto Campolieto (Cb) - Festival “Note d’estate a Campolieto”. 1 agosto Campomarino (Cb) - Ore 21.30 Lago S.Maria, concerto orchestra giovanile. 2 agosto Campomarino Lido (Cb) - Ore 21.30 in Piazza Falcone “Musica e Balli in Piazza”. 3 agosto Campomarino Lido (Cb) - Ore 21.30 in Piazza A.Mora “The Blues Brothers in Musical”. 4 agosto Riccia (Cb) - La Grande Tribù in concerto.

4 agosto Campomarino (Cb) - Rocco Gitano in concerto. Dal 4 al 7 agosto Riccia (Cb) - Ritorna il RicciaFolkFestival, quattro serate di musica e buona tavola con le specialità gastronomiche riccesi in piazza Umberto I. Programma: La grande Tribù in concerto (4 agosto - ore 21:00); Folklore internazionale con gruppi di Brasile e Argentina (5 agosto - ore 21:00); Lino Cannavacciuolo in concerto (6 agosto - 21:00); Zampo’ gnorchestra in concerto (7 agosto - 11:30 nella Chiesa del Beato Stefano); Folklore internazionale con gruppi di Kenya, Spagna e Italia (gruppo folk Città dei Trulli di Alberobello). 5 agosto Campomarino (Cb) - Ore 21.30 Lago S.Maria “Musica dal vivo”. 5 agosto Portocannone (Cb) - Concerto di Giuseppe “Spedino” Moffa & Co.mpari e Curakanta, alle 21:30 in piazza Skanderberg. Dal 5 al 7 agosto Cercemaggiore (Cb) - Baloma Bikers Festival, Memorial Pippo D’Amico. Programma: (5 agosto) concerto Shiny Diamonds; (6 agosto) concerto Mike Terrana; Carl Palmer; Michael Schenker Group; (7 agosto) estrazione lotteria. In palio una Harley Davidson Sportster Forty Eight 12:00. 6 agosto Vasto (Ch) - Massimo Ranieri (ore 21.30). 6 agosto Campomarino (Cb) - In piazza K. Wojtyla IV festa di piazza con Gigione in piazza. 6 agosto Riccia (Cb) - Lino Cannavacciulo in concerto. 7 agosto Campomarino Lido (Cb) - Ore 21.30 “Brusco & i Roots in the Sky” in Fino all’Alba Tour, a seguire Djset. Dal 6 al 7 agosto Casalciprano (Cb) - Si possa ascoltare il Dj set di Uptown seguito da ottima musica dal vivo con la partecipazione del gruppo locale Mushma e dal gruppo Statuto di Torino. 7 agosto Termoli (Cb) - “Serata Beatles” 2^ edizione. Tributo a John Lennon. Cortile scuola di Piemonte ore 21.00. Proiezione di “Imagine”con le più belle canzoni di John Lennon. 8 agosto Bonefro (Cb) - Bonefro Rock festival. 8 agosto Bonefro (Cb) - Quintorigo “English Garden Tour” alle ore 21.30 presso Fontana della Terra. Dal 10 al 11 agosto Carovilli (Is) - Nuvole,chitarre e note - festival Danilo Ciolli. La manifestazione musicale, nata per ricordare Danilo Ciolli (uno dei quattro ragazzi molisani scomparsi nel sisma abruzzese del 2009) e organizzata dall’Associazione Danilo Ciolli Onlus, giunge alla sua terza edizione. Ospiti delle due serate saranno (10 agosto) Post-it; Marco Notari e i Madame; i Fonokit; i Bud Spencer Blues Explosion; (11 agosto) Roberto Angelini e il Collettivo Angelo Mai; Niccolò Fabi. 11 agosto San Giuliano di Puglia (Cb) - Concerto di Antonella Ruggiero e L’Arcano Patavino, ore 21:30 in Corso V. Emanuele III. 12 agosto Montecilfone (Cb) - Concerto di antonio Forcione Quartet, alle 21:30 in via Fiume. 13 agosto Longano (Is) - Gli Stadio in concerto in Piazza Veneziale. A seguire un grande spettacolo di fuochi pirotecnici e estrazioni lotteria - 1° premio 5.000 euro. 13 agosto Montorio dei Frentani (Cb) - Concerto della BandAdriatica, alle 21:30 in via Roma. 14 agosto Gambatesa (Cb) - Collage in concerto. 14 agosto San Martino in Pensilis (Cb) - Marlene Kuntz in concerto. 15 agosto Santa Maria De Foras (Cb) - Gigione in concerto. 15 agosto Gambatesa (Cb) - Cover di Rino Gaetano “Ciao Rino”. 20 agosto Monteverde di Bojano (Cb) - La Corrida con la partecipazione di straordinari ospiti, presenta: Lucio Perrella. 21 agosto Monteverde di Bojano (Cb) - Raf in concerto. 31 luglio Rotello (Cb) - “Io canto con mamma e papà” II edizione, serata musicale con interpretazione di brani di musica leggera da parte di mamme e papà che si esibiranno con i propri figli. MOSTRE, CINEMA, SFILATE Fino al 9 agosto Termoli (Cb) - Cinemare 2011 - IX Edizione A cura dell’associazione Kimera Cineclub e Circolo del Cinema Lino penna, presso il cortile della scuola media P. di Piemonte (alle 21:30). Fino al 15 settembre Termoli (Cb) - 56° Premio Termoli Mostra nazionale d’arte contemporanea, presso Galleria civica (orario: 10:00 - 12:00 e 20:00 - 24:00). Fino al 15 settembre Termoli (Cb) - Inaugurazione spazi espositivi d’arte contemporanea, a cura dell’Associazione alla cultura in collaborazione con la Fondazione Molise Cultura, in via F.lli Brigida vicol mercato. 23 e 24 luglio Ripalimosani (Cb) - Il Gobbo di Notre Dame, presentato dall’associazione “Ouverture” (ore 21:15). Fino al 4 agosto Termoli (Cb) - Mostra d’arte contemporanea di Nazzareno Serricchio e Cristina Valerio all’Officina Solare, tutti i giorni compreso i festivi dalle ore 21:00 alle 0re 23:00. 30 luglio Termoli (Cb) - Serata Cabaret “Mudu” a cura del’agenzia Molise eventi. Teatro verde ore 21.00. 31 luglio Montagano (Cb) - Eat-In, degustazione enogastronomica nel giardino del polo museale di Faifoli (dalle ore 20:00). 31 luglio Jelsi (Cb) - Premio Internazionale “La Traglia” - Etnie e Comunità 2011. Protagonista di questa edizioni l’Irlanda e le sue tradizioni. Programma: alle 19:30 in piazza Umberto incontro all’Albero della Pace con inaugurazione della ceramica commemorativa sull’Irlanda; dalle 20:30 in via Valiante c/o Taverna Capozio proiezione documentario sull’Irlanda e spettacolo musicale “Mise Eire... Io sono l’Irlanda” di Kay McCarthy Ensemble; presentazione della narratrice irlandese Gearoidin Breathnach e premiazione del Festival delle Tradizioni Gaeliche “Oireachtas na Gaeilge”. Dal 31 luglio al 2 agosto Castel San Vincenzo (Is) - Mercatino di San Stefano per le vie del Centro Storico. 4 agosto Campomarino Lido (Cb) - Ore 21.30, compagnia teatrale “Novità di Paese” in Ladro D’Amore. Fino al 7 agosto Casacalenda (Cb) - Con oltre mille film in concorso da ben 67 paesi del mondo “Molise cinema”, cresce il successo della manifestazione e il suo carattere sempre più internazionale. 7 agosto Termoli (Cb) - Mostra a tema su John Lennon ed i Beatles con esposizione di rarità e mirabilia a cura dell’Official Beatles Fan Club Pepperland, dalle ore 17.00 alle 24.00 presso la scuola Principe di Piemonte. Dal 15 luglio al 9 agosto Termoli (Cb) - IX rassegna di cinema all’aperto. (15 luglio) le notti estive dei corti viventi con 12 corti del Kimera film festival; (16 luglio) Benvenuti al Sud; (17 luglio) Notte Horror con l’Ultimo Esorcismo; (20 luglio) Qualunquemente; (22 luglio) Il sorpasso; (23 luglio) The social network; (28 luglio) Amnesia; (29 luglio) Silvio Forever; (30 luglio) Belvedere; (1 agosto) Imaginaria 2010; (2 agosto) le vacanze di Monsieur Hulot; (5 agosto) Noi credevamo; (6 agosto) Vallanzasca gli angeli del mare; (8 agosto) Le notti estive dei corti viventi con dodici corti del Kimara film festival; (9 agosto) I Vitelloni. 17 e 18 agosto Termoli (Cb) - Spettacolo comico di Enrico Brignano “Sono romano ma non è colpa mia”, presentato in anteprima nazionale al Teatro Verde, ore 21:00.

COMUNICATI - SEGNALAZIONI - INFO: ESTATE.QUOTIDIANOMOLISE@ALICE.IT

5


DOMENICA 24 LUGLIO 2011

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

ANNO XIV - N. 202

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

I medici del Cardarelli dicono che le sue condizioni sono critiche

Grave infortunio sul lavoro La Procura non si ferma Lotta fra la vita e la morte l’operaio marocchino La Procura della Repubblica di Campobasso ha già aperto un fascicolo d’indagine sul gravissimo infortunio avvenuto ieri in contrada Escamare a Riccia. Un operaio edile di 38 anni, di nazionalità marocchina, è ricoverato in condizioni che vengono definite alquanto critiche al reparto Rianimazione del Cardarelli di Campobasso. I medici stanno facendo di tutto per strapparlo a un destino crudele, ma le speranze sono appese a un filo perché le ferite riportate erano troppo gravi, nonostante il tempestivo intervento degli operatori del 118 che lo hanno imme-

diatamente trasferito in ospedale. I carabinieri di Riccia sono al lavoro per ricostruire la dinamica dell’infortunio per redigere l’informativa da consegnare in Procura. Stando ad una prima versione, ancora da accertare, l’uomo sarebbe stato colpito accidentalmente alla testa da un pezzo del ponteggio che stava allestendo e successivamente è caduto dall’impalcatura. Non si sa ancora indossasse o meno l’abbigliamento (casco e scarpe antinfortunio) che gli operai sono tenuti a usare durante le ore di lavoro nei cantieri. Gli stranieri coinvolti in infortuni sui luoghi di

lavoro in questi primi sei mesi sono 41 con il 11,8% sul totale. I romeni sono quasi la metà di tutti i morti sui luoghi di lavoro tra gli stranieri. Nella speranza che l’operaio ferito a Riccia non vada ad allungare questa lista c’è da prendere atto dell’alta incidenza a livello nazionale di questo fenomeno. red.cro.

Arrestato per vecchi debiti con la Legge Un 33enne pugliese domiciliato a Campobasso deve scontare 3 anni e 7 mesi per spaccio di stupefacenti Vecchi debiti con la legge hanno aperto le porte del carcere di via Cavour a un 33enne pugliese domiciliato a Campobasso. L’uomo, originario del foggiano, è stato infatti raggiunto da un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Bari. Dovrà scontare tre anni e sette mesi di reclusione per detenzione e spaccio di stupefacenti, dal momento che la sentenza della Corte d’Appello del capoluogo pugliese è passata in giudicato. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Campobasso, appena ricevuta notifica dell’ordinanza, si sono immediatamente attivati per rintracciare il 33enne con a carico la condanna ricevuta in Appello. Ieri i militari lo hanno individuato e hanno proceduto al suo arresto. Per il “pusher” non poteva che essere disposta la traduzione in carcere, avvenuta intorno alle 15. L’uomo, beccato con la droga in territorio pugliese, era finito al centro delle indagini coordinate dalla Procura di Bari, che aveva avviato un procedimento nei suoi confronti.

Prevenzione furti nell’area urbana La Volante allontana due sospetti Si aggiravano nel cuore della notte con fare sospetto lungo una strada del centro di Campobasso e ai poliziotti che li hanno fermati per un controllo di routine non han-

no saputo dare spiegazioni plausibili sulla loro presenza in quel posto. Vestiti completamente di nero e con ai piedi scarpe da ginnastica, hanno destato l’attenzione

Una pattuglia della Squadra Volante

degli uomini della Volante che pattugliano la città. Due rumeni d’età compresa fra i 20 e 25 anni, domiciliati in provincia di Foggia, sono stati muniti di foglio di via obbligatorio perché dopo il controllo alla banca dati della Polizia sono risultati ‘positivi’. Ovvero avevano precedenti per furti e reati contro il patrimonio negli anni compresi fra il 2009 e 2011. Hanno tentato di cavarsela adducendo una motivazione alquanto incredibile. Agli agenti hanno detto che aspettavano una ragazza, ma alla

3 del mattino lungo via Milano. Addosso non avevano arnesi o strumenti atti allo scasso, ma considerati i precedenti penali è stato necessario disporre un provvedimento di allontanamento. Questo è solo uno dei tanti servizi di prevenzione della microcriminalità nell’area urbana. I poliziotti, ma anche i carabinieri, sono costantemente impegnati in questo genere di attività che oltre a prevenire fenomeni come furti o scippi serve a tenere sotto monitoraggio la città.

Proclamato per il 29 luglio lo sciopero dei Vigili del fuoco L’Unione Sindacale di Base dei Vigili del fuoco ha proclamato lo sciopero nazionale dei Vigili del Fuoco

6

per venerdì 29 luglio. Lo sciopero sarà dalle ore 10.00 alle ore 14.00 e riguarderà tutte le sedi, comprese quel-

le aeroportuali. Dopo aver manifestato con tutti i lavoratori del Pubblico Impiego lo scorso 15 luglio, contro la manovra e l’accordo interconfederale, i Vigili del Fuoco tornano ad incrociare le braccia contro l’arroganza dimostrata dal Ministero degli Interni nei confronti dei lavoratori impegnati nel soccorso tecnico urgente e contro le condizioni in cui versa il Corpo Nazionale. Un Corpo che secondo USB si trova in stato di “liquidazione”: debiti con i fornitori che superano i 30 milioni, mezzi ed attrezzature da terzo mondo; incendi boschivi affrontati ricattando ed obbligando i lavoratori a prestazioni fuori dall’orario di lavoro. Le vessazioni non si

fermano all’obbligo di lavorare 24 ore su 24, con blocco delle ferie e del recupero delle ore prestate in eccedenza: chi si rifiuta viene sottoposto a provvedimento disciplinare. Al contempo, non si pone mano alla carenza di organico, i precari continuano a rimanere tali senza speranze di assunzione, ed i pagamenti dei servizi prestati sono fermi a prima del 2010. Tali problematiche sono inoltre sottoposte ad un costante disdegno, come dimostra il ritardo di un mese e mezzo nella convocazione dell’organizzazione sindacale per le procedure di raffreddamento dello sciopero, procedure che per legge debbono essere attivate entro 5 giorni lavorativi dall’indi-

zione. Per tutte queste ragioni USB chiama tutti Vigili del Fuoco allo sciopero, in

modo da dare un segnale forte e chiaro al Governo ed Ministero degli Interni.

Vigili del fuoco durante un soccorso antincendio (Archivio)


Domenica 24 luglio 2011

Caro Direttore, sul fresco sedile di pietra i ragazzi giocavano a carte. E una mano di briscola ci scappava anche sul muretto, anch’esso in pietra, che circonda villa dei cannoni. Giravano con un sudicio mazzo di carte uomini e giovani, pronti a tirarle fuori a ogni piè sospinto. Ci si giocava il nulla, forse solo il semplice sfottò, il vincitore si gonfiava di ambiziosi progetti fatti solo di parole. Per il Corso, l’altra parte del popolo, dava vita al suo infinito passeggio: sul marciapiedi dei negozi c’erano le persone “fatte” e i notabili, sotto agli alberi la meglio gioventù. Una ragazza del quartiere Cep, tutta seno, sospiri e lentiggini andava avanti e indietro, facendoci impazzire. Se li sentiva e come

La lettera di Gennaro Ventresca

Il pianino automatico i nostri sguardi brucianti che le misuravano i passi e studiavano i giochi delle anche. Passavano così le nostre giornate torride a Campobasso. Con i tavolini del Cafè do Brazil e del Bar Centrale che ospitavano i ceti più agiati che consumavano birre, bibite, e gelati in coppe d’acciaio, dandosi anche un po’ di arie. Stare seduti ai tavoli all’aperto era privilegio di pochi. E chi era lì a sorseggiare un drink e a fumare una sigaretta con il filtro si sentiva una specie di padreterno. La bella stagione veniva

scandita dall’arrivo dal gobbo che spingeva un pianino automatico. La sua donna lo seguiva col bambino al petto; le ingorde labbra succhiavano latte e note di Funiculì funiculà. Toccava alla donna, una mamma tenera e al tempo stesso un po’ sciatta, questuare tenendo il piattello nella mano libera; ogni tanto spettava anche a lui, il gobbo, tenere il piattino; mani di impiegati, di sartine e di povere madri indugiavano nel versare la moneta, cercando con il corpo di strisciare vicino all’uomo che, come tutti i gobbi, secondo il det-

to popolare, portava fortuna. Cantava con voce baritonale quell’uomo, per il corso e nei vicoli del centro storico. Le sue note si alzavano in cielo, con la voce dai suoni gravi, di contralto negli acuti; era un duetto in un a solo che raggrinziva lo spago dei calzolai e inceppava le macchine da cucire delle sartine e che metteva allegria nelle botti delle osterie, mentre i mezzi litri venivano poggiati sulle mensole, con i bicchieri piccoli, con il vetro spesso. Evaporati i pianini a manovella e persino quelli au-

tomatici restano in città sgangherati suonatori che vengono chissà da dove e che soprattutto non sanno suonare. Portano sotto braccio una tromba ammaccata e tengono già pronto il cappello; c’è quello che si è attaccato al petto una squinternata fisarmonica e l’altro che strimpella un’armonica a bocca; tutti chiedono soldi, in nome di un’arte di arrangiarsi, senza conoscere neppure una nota del pentagramma. L’armonico carretto procurava gioia, frammista a una vena di malinconia. La musica era accompagnata

7

anche dagli aspri suoni di un pappagallo, “Loreto”, che su ordine del gobbo, sceglieva con il becco, dal mucchio, una “pianeta”, un piccolo foglietto colorato contenente stampato l’oroscopo, che consegnava all’avventore. Che, a sua volta, ripagava con una moneta e con un sogno. E’ stato sempre difficile rinunciare ad un sogno, sublime scorciatoia per espugnare il territorio dei ricchi. Ora i nuovi musicisti chiedono senza dare, infastidendo spesso il passante, sprovvisti del più piccolo appeal. Mentre il gobbo era diventato un pezzo della nostra storia i nuovi suonatori ambulanti danno la sensazione di essere entrati a gamba tesa nella nostra società. Per questo non sono stati accettati.

Lunedì parte un primo scaglione (400) persone, mentre il giorno dopo parte un altro scaglione in aereo

Un viaggio di fede sul Treno Bianco La sezione molisana dell’Unitalsi comunica i dettagli del pellegrinaggio a Lourdes Dopo i riusciti pellegrinaggi giovani e adulti in polonia, “Sulle orme di Giovanni Paolo II” che hanno coinvolto spiritualmente e culturalmente in due momenti diversi, aprile e giugno 2011, ora L’unitalsi è pronta per

l’appuntamento annuale con la Madonna di Lourdes. Il 25 e 26 luglio i pellegrini partiranno con treno e aereo per vivere tutti i momenti delle apparizioni dell’Immacolata a Bernadette con i “richiami alla conversione, penitenza

Colora la tua Estate Apre il Campus “Colora la tua estate 2011” è il campus estivo organizzato dall’amministrazione comunale tramite il Settore servizi sociali per bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 e i 13 anni, con un’attenzione particolare per i minori diversamente abili, la cui frequenza sarà garantita anche grazie all’affiancamento del personale addetto all’assistenza disabili del Comune di Campobasso e del servizio civile.Il campus si svolgerà dall’11 luglio al 4 settembre, dalle ore 8:30 alle 13:30, con un’interruzione nella settimana di ferragosto, in tre sedi distinte: Fontanavecchia, via Toscana e via Calabria. Ciascuna sede accoglierà un numero massimo di 20 bambini che parteciperanno alle attività in maniere assolutamente gratuita. Per ciascun bambini è prevista inoltre una copertura assicurativa. Le istanze di partecipazione saranno raccolte dal 25 luglio in poi presso lo sportello dei Servizi sociali in via Cavour numero 5.

e preghiera”. Nel contempo le belle e suggestive cerimonie (S. Messa alla Grotta di Massabielle, Via Crucis, Messa Internazionale, Fiaccolata) saranno per tutti anche un’occasione per rinnovare la propria fede purificando il proprio cuore nell’Amore. La partenza del “treno bianco” avverrà da Termoli domani alle 17,10 e

porterà circa 400 persone tra cui malati, diversamente abili e 130 volontari (dame e barellieri). L’aereo partirà da Pescara il 26 luglio alle ore 17,15, portando circa 140 persone. Il tema del pellegrinaggio è il commento della preghiera insegnata da Gesù, ma anche una viva richiesta di attuazione del Suo Regno di giustizia e pace. Respon-

Treno Bianco Unitalsi (Archivio)

La Biblioteca Provinciale rende fruibili gli ‘update’ del suo sito web

La Albino si adegua e si ‘aggiorna’ Anche in piena estate la Biblioteca Provinciale Pasquale Albino di Campobasso, continua a fornire a tutti i propri utenti gli stes-

si servizi di sempre, sia in sede che attraverso il proprio web site all’indirizzo: www.provincia.campobasso.it/ biblioteca Continuano ad

La Biblioteca Provinciale Albino

essere aggiornate le produzioni fruibili online e i servizi per la consultazione e le richieste di proroghe e prestiti di materiale attraverso i cataloghi in rete. In più, da oggi il quinto numero di BiblioTech, la rassegna stampa quindicinale dedicata alle nuove forme di lettura, è disponibile da scaricare gratuitamente all’interno dell’apposita sezione del sito web della Biblioteca provinciale. Una variegata raccolta di articoli apparsi sul web negli ultimi giorni che parlano della nuova linea di eReader in uscita per la Sony, del piano del Go-

verno per l’editoria digitale scolastica, del progetto editoriale Alga e anche dei primi quarant’anni dell’eBook che sono stati festeggiati lo scorso 4 luglio. Insomma, un progetto di diffusione di informazione e contenuti che partendo dalle nuove frontiere dell’editoria digitale, prova a spaziare nei settori direttamente attigui per fornire indicazioni e percorsi di ricerca capaci di stimolare le curiosità di quanti guardano alla Biblioteca Albino e ai servizi che essa offre, come ad una fonte di esperienze culturali a trecentosessantagradi.

sabile del pellegrinaggio è il presidente regionale l’avvocato Giuseppe Colucci che sarà coadiuvato da diversi collaboratori di provata esperienza: Benedetta Potena, responsabile dei barellieri, Mena Mancini, responsa-

bile delle dame e Marco Panella, responsabile della segreteria. I momenti di preghiera, di catechesi e le funzioni religiose saranno guidate da vari sacerdoti coordinati dall’assistente regionale don Rocco Iannacone.

Spina tenta di cambiare volto a Confcommercio (Claudio Pian*) Quando la coerenza e il rispetto delle regole vengono messi da parte, per obiettivi personalistici verrebbe da dire. Strana, ma proprio strana la mail che hanno ricevuto gli iscritti alla Confcommercio della provincia di Campobasso in questi giorni. Così i commercianti da iscritti ad un’associazione di categoria, si sono di colpo ritrovati iscritti, a loro insaputa, ad un partito politico che dovrebbe sponsorizzare il candidato, anzi no il Presidente Paolo Di Laura Frattura nella redazione del programma elettorale per le primarie della sinistra. A Spina vorremmo ricordare che la “P”, non viene utilizzata neanche più per simboleggiare il presidente della Repubblica Italiana, mentre agli iscritti della nobile associazione della Confcommercio diciamo di stare attenti a questi personalismi, visto che gira voce che lo stesso loro presidente potrebbe essere inserito nel famoso listino-gratta e vinci, qualora Frattura risultasse vincitore delle primarie, cosa per la verità assai difficile vista l’aria che tira tra i simpatizzanti della base della sinistra. Ma la domanda che viene spontanea è perché Paolo Spina vuole trascinare nella bagarre delle primarie del centrosinistra, la Confcommercio, un’associazione terza, tradizionalmente apolitica? Sembra che da più parti negli ultimi tempi, numerosi iscritti abbiano chiesto un intervento niente meno che della direzione nazionale di Confcommercio, per valutare i metodi e i modi che Paolo Spina utilizza nel gestire Confcommercio, il malumore monta in provincia di Campobasso e le critiche seppur in taluni casi celate, sono ormai quotidiane. Infine solo per non dimenticare i fatti, vorremmo tornare all’Ottobre 2010, cioè meno di un anno fa, quando alla presenza del suo presidente nazionale Carlo Sangalli, Paolo Spina ringraziò pubblicamente alcuni membri del governo regionale di Michele Iorio, per la collaborazione passata e futura, e sottointeso anche per l’aiuto che essi gli diedero per la sua rielezione, che non era assolutamente scontata. Ma la vita è fatta di ben altro e la gratitudine, come tutti sanno rimane una merce rara. *Vice Coord PdL per la provincia di Campobasso


DOMENICA 24 LUGLIO 2011

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

ANNO XIV - N. 202

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

La vecchia campana si era lesionata. Il sindaco Filomena Zeoli: “Rappresenta la voce del popolo”

Sepino accoglie il nuovo campanone Tanti fedeli hanno assistito alla cerimonia solenne che si è svolta in piazza Prisco SEPINO. Finalmente Sepino ha di nuovo il suo Campanone che ,dopo un periodo di silenzio, dal prossimo ottobre tornerà a scandire la vita della cittadina. La vecchia campana si era lesionata e già da qualche tempo si era deciso di affidarsi alla rinomata fonderia Marinelli per realizzarne una tutta nuova che ha fatto il suo ingresso trionfale in piazza Nerazio Prisco venerdì sera, a bordo di un carro pieno di fiori. Per la presentazione e la benedizione della nuova campana è giunto anche l’Arcivescovo Bregantini che insieme al parroco Don Antonio Arienzale ha sottolineato la solennità di questo momento e il profondo legame che da secoli lega la cittadinanza a questo magico simbolo, che vive la sua massima espressione la notte del 9 gennaio quando i sepinesi si alternano nel far suonare le campane tutta la notte. “E’ stato un momento di lutto quando il 9 gennaio non ha suonato più il Campanone e tutti ci siamo detti , subito ne vogliamo uno nuovo e la gente che mi domandava: quando cominciamo, quando arriva- ha raccontato il parroco Don Antonio Arienzale- Finalmente questo momento è arrivato. Questo interesse , questo legame forte con questo Campanone spiega anche il legame con quello precedente , tutti ci siamo chiesti se sarà come quello di prima e se suonerà alla stessa maniera. Come tutte le cose umane hanno un termine, ci si rinnova , ci si trasforma. Questa campana è stata fatta con le stesse misure della campana precedente, con la stessa nota musicale, del tutto simile alla

8

prima: è arricchita di varie decorazioni , di varie iscrizioni”. La nuova campana è stata posizionata davanti alla chiesa per i giorni di festa .poi resterà a disposizione delle persone che potranno vederla e toccarla per tutta l’estate , fino ad ottobre, quando verrà posizionata sul campanile e farà sentire a tutti i sui gioiosi rintocchi. Un momento solenne sia dal punto di vista religioso che civile visto che è stato il popolo sepinese a finanziare il Campanone così come ha ricordato anche il nuovo sindaco di Sepino, Mena Zeoli: “La piazza così affollata è bellissima ma non poteva essere diversamente, perché abbiamo la Campana di Sepino che rappresenta la voce di questo popolo. Un grazie lo porgo all’Arcivescovo che sempre ci onora e ci delizia con la sua presenza , un grazie alla Regione, rappresentata dall’assessore Vitagliano e un grazie particolare alla famiglia Marinelli. Sono stata alla fonderia con Don Antonio , abbiamo assistito alla colata e vi garantisco la dedizione di questa famiglia è davvero encomiabile, senza di loro oggi non avremmo qui questo grande capolavoro. Ma il ringraziamento più forte va a tutto il popolo di Sepino, perché come 200 anni fa ha voluto stringersi intorno all’esigenza della campana donando quel poco che aveva, che sia stato oro argento o altre cose, anche questa volta dopo 200 anni Sepino ancora ha voluto donare per far sì che la Campana in tempi strettissimi tornasse ad essere posta sul campanile. Per tutti i paesi è importante la campana – ha continuato la sindachessa- per tutti i paesi rappresenta un simbolo e un segno , ma per noi sepinesi sicuramente è di più e lo dimostriamo la notte del 9 gennaio quando siamo tutti svegli ad ascoltare la voce del Campanone e della campana in coro per ascoltare, e siamo lì a commentare chi suona meglio, chi intona me-

glio chi meno:è una cosa che abbiamo nell’anima e pertanto è giusto che in tempi così brevi torni a cantare perché questa voce possa allargarsi alla vallata e donarci serenità pace ,amicizia.” Questo momento storico è avvenuto in occasione dei festeggiamenti in onore della Santa Patrona Santa Cristina che si svolgeranno a Sepino ancora per qualche giorno, 23, 24 e 25 luglio sono i giorni dedicati alla festa patronale in occasione della ricorrenza del martirio.In questi giorni Sepino è meta di fedeli che giungono dai paesi vicini per esprimere la loro fede, per chiedere l’intercessione della Santa o per donare ex-voti a testimonianza di grazie ricevute. Per l’occasione numerosi sono gli emigrati Sepinesi che tornano a venerare S. Cristina. Ad essi sono dedicate le cerimonie del giorno 25, in modo da consentire

una particolare occasione di raccoglimento e devozione. Ma andiamo per ordine, il programma religioso apertosi già da qualche giorno prevede per la giornata di oggi celebrazioni religiose alle 7.00 e a seguire alle 8.00, alle 9.00, alle 10.00, alle 18.00 e alle 19.30, perle 11.00 è stata fissata la solenne celebrazione eucaristica presieduta da Monsignor Angelo Spina , Vescovo di Sulmona Valva, a seguire si terrà la processione della statua di Santa Cristina con la reliquia; in chiesa per tutta la mattinata ci saranno i sacerdoti per le confessioni. Domani ci invece ci sarà la solenne celebrazione eucaristica con gli emigrati, alle 11.00, mentre alle 19.00 la Santa Messa.

Questo pomeriggio come da tradizione ci sarà il concerto bandistico di “ Città di Francavilla Fontana” e della banda di “Città di Noicattaro” che eseguiranno marce sinfoniche dinanzi alla lapide dei caduti ; in serata ci saranno i fuochi pirotecnici in località Guado

Cavalli. L’evento clou del programma civile è stato fissato per domani, in occasione della festa dell’Emigrante, con il concerto di Enzo Avitabile e i Bottari seguito dal suggestivo incendio del Campanile a mezzanotte. DaDo

Cresce la preoccupazione tra i cittadini che vogliono il sottopasso

Ambulanza bloccata al passaggio a livello con urgenza di codice rosso Archivio

E’ rimasta bloccata per più di 10 minuti l’ambulanza al passaggio a livello di Via Cavadini venerdì sera intorno alle 9.00. L’emergenza era un codice rosso per cui grave, tanto che nell’attesa si sono susseguiti attimi di paura e di forte tensione. Le lamentele giungono come sempre dal Comitato Promotore del Sottopasso e questa volt a anche da qualche medico visto che è davvero impensabile rischiare una vita solo per attendere un treno. Dal Comitato l’ennesimo e forte appello affinchè si realizzi l’infrastruttura che andrebbe a risolvere in primis proprio la problematica dei soccorsi e poi il traffico. Anche i cittadini si stanno convincendo sempre più dell’urgenza di quest’opera che tra treni in transito con le barriere aperte e blocchi ai soccorsi,sta diventando un vero e proprio problema per l’intera cittadinanza. Il Comitato lancia un nuovo appello affinchè le promesse fatte non vengano dimenticate e che la via intrapresa anche nei patti con Trenitalia non venga trascurata; un appello dal Comitato in particolare va all’assessore regionale ai Trasporti Luigi Velardi che da sempre ha sostenuto la realizzazione dell’opera nel dare un nuovo slancio alle trattative ed alla progettualità. DD

Il World Music Project alla IV edizione Quest’anno il festival sarà itinerante Il World Music Project, il festival ideato dal direttore artistico bojanese Simone Sala, sta crescendo e per la sua IV edizione ha assunto una forma totalmente nuova rispetto agli anni passati . È un festival di arte e di musica jazz, pop, rock, classico, fusion, flamenco, blues che quest’anno diventa itinerante toccando ben quattro comuni molisani Isernia, Bojano, Colle d’Anchise e Frosolone che hanno firmato un protocollo d’intesa con la Regione e la Provincia; un evento sicuramente nuovo visto che nell’ambito culturale è la prima volta che ciò accade in Molise. Gli anni scorsi la manifestazione si è tenuta esclusiva-

mente a Bojano mentre quest’anno sono previsti ben 200 artisti, 9 giorni di musica su quattro palchi diversi. Il comune capofila della manifestazione 2011 è Isernia e proprio qui verrà presentato l’evento domani. Alla conferenza stampa parteciperanno esponenti politici di tutti e quattro i paesi interessati;per l’area matesina ci saranno gli assessori bojanesi Sabrina Scinocca con delega alla Cultura e Giancarlo Marra, Assessore alle Finanze; con loro Cristian Di Paola, Consigliere Comunale di Colle d’Anchise e ovviamente Simone Sala. DaDo


DOMENICA 24 LUGLIO 2011

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

ANNO XIV - N. 202

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Jelsi. Sarà riproposta il 31 luglio la IV edizione del primio internazionale con la partecipazione di Kay Mc Carthy

La Traglia, protagonista l’Irlanda Intesa vincente fra l’ideatore e direttore artistico Giorgio e l’assessore Marinelli Anche quest’anno, nonostante i drastici tagli di contributi alle manifestazioni (e non solo!), la IV edizione del Premio Internazionale “La Traglia: Etnie e Comunità” si svolgerà regolarmente a Jelsi il 31 luglio. L’intesa fra l’ideatore e direttore artistico Pierluigi Giorgio e l’assessore al Turismo regionale F. G. Marinelli ha ancora funzionato. Per Marinelli, il “Premio La Traglia”, con le sue valenze ed il messaggio di cui si fa portatore -seppur giovane di costituzione- va annoverato tra le manifestazioni cultu-

rali più importanti del Molise. Bisogna segnalare anche il sostegno collaborativo del Comune di Jelsi che crede nella capacità di esportare l’immagine del borgo -come ha già dimostrato con l’arrivo di prestigiosi esponenti da varie Nazioni- anche all’esterno dei confini regionali. Dunque si farà. Certo, con un ridimensionamento da parte della direzione che ridurrà l’assegnazione ad un premio soltanto (nelle precedenti edizioni erano due) che quest’ anno verrà assegnato all’Irlanda e specificatamen-

te al “Festival Internazionale delle Tradizioni Gaeliche” che mirano alla salvaguardia della narrazione nell’antico linguaggio irlandese, ma come nel passato- con uno spettacolo serale non meno magico ed avvincente. La bravissima Kay Mc Carthy renderà ricca d’incanto la performance con la sua voce sublime e con le note celtiche del suo gruppo. Allo spettacolo parteciperà -in veste di narratoreanche lo stesso Giorgio: spettacolo già sperimentato insieme e con successo a Roma e Castel di Sangro nel

passato. Ambasciatrice del Festival Irlandese, giungerà da Dublino la narratrice pluripremiata Geraoidin Breathnach che regalerà agli spettatori un saggio della sua bravura. Quest’anno la manifestazione si svolgerà in Via A. Valiante, davanti alla Taverna Capozio. Ad aggiungere pregio alla serata sarà la consegna del premio ad opera di un vero artista: Fernando Izzi, che ha creato una scultura in ferro di grande creatività, che nei giorni precedenti il 31, verrà esposta nell’androne dell’Annunziata.

L’assessore Marinelli

L’iniziativa è organizzata dalla cooperativa Castrum Monacilionis

Torna ad agosto la manifestazione il ‘Farro sotto le stelle’

Tra le novità di quest’anno una birra speciale e l’abbinamento al tartufo MONACILIONI. Per l’ottavo anno si svolgerà a Monacilioni la manifestazione “Farro sotto le stelle”. L’evento organizzato dalla cooperativa Castrum Monacilionis prevede momenti di degustazione del farro - domenica 7 agosto - prepara-

to in gustosissime ricette, dalla classica zuppa molisana all’esotico taboulè alla tradizionale pastiera. Per gli appassionati della birra una vera novità: birra di farro 100%. Ancora di più l’accoppiata tutta molisana farro & tar-

tufo. II farro, il più antico dei cereali, è una recente riscoperta dell’agricoltura molisana e può rappresentare una valida alternativa alle coltivazioni tradizionali. La richiesta di questo prodotto è in continua crescita sia in Italia che all’estero. Viene commercializzato sia sotto forma di chicchi che sotto forma di farina e pasta. Inoltre viene utilizzato per dolci, crackers e ultimamente per produrre una birra speciale. La positiva attenzione dei consumatori verso questo

gico , l’Arsiam e la Regione Molise hanno avviato numerose ed importanti iniziative per sostenere lo sviluppo di questo cereale e dei suoi prodotti derivati. Nell’occasione sarà possibile visitare l’antico Mulino a palmenti Iosue collocato in un edificio facente parte della rete delle Dimore Storiche Molisane. Questo mulino, inserito in tutte le guide per la qualità delle produzioni, ha funzionato fino agli anni ottanta ed è stato un centro di riferimento per tutti gli agricoltori dell’area.

Monacilioni

prodotto deriva da una sempre maggiore ricerca per alimenti capaci di tutelare la sua salute e di evocare ricordi e tradizioni con conseguenti emozioni intcriori. Un cibo pensato dunque il Farro. La produzione e valoriz-

zazione del Farro Molisano e dei prodotti a base di Farro in Molise sono attivate da due società con interessanti prospettive di sviluppo: la Castrum Monacilionis e la Pantanella di Isemia. L’Università del Molise, il Parco scientifico e tecnolo-

Jelsi. Attualmente vivono nel palazzo ducale Carafa

Presentazione nella sala consiliare del carro realizzato dai migranti Il sindaco del comune di Jelsi Mario Ferocino, il Commissario regionale responsabile del piano di accoglienza migranti per l’emergenza immigrazione dal nord africa arch. Giuseppe Antonio Giarrusso, ed i rappresentanti dell’associazione “Dalla Parte degli Ultimi”, impegnata nell’accoglienza e nell’integrazione dei cittadini migranti, lunedì 25 luglio alle 11 presso la sala consiliare di Jelsi presenteranno agli organi di informazione ed al pubblico il carro in grano realizzato dai migranti attualmente collocati presso

Il sindaco Ferocino

il palazzo ducale Carafa. La costruzione di un carro in grano da parte dei migranti, che sfilerà martedì 26 luglio in occasione della 206^ Festa di S.Anna-Festa del Grano, costituisce un esempio di integrazione e socializzazione che si unisce alla collaborazione già prestata dai migranti al comitato in alcuni momenti della preparazione della Festa. Saranno presenti i presidenti dei comitati Festa del Grano Augusto Passarelli (2008-2011) e Feliciano Antedomenico (2011-2014)

9


DOMENICA 24 LUGLIO 2011

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

ANNO XIV - N. 202

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Beccato un automobilista trovato in stato di ebbrezza

Archivio

Sicurezza, controlli a tappeto dei Carabinieri Si intensificano i controlli dei carabinieri. Durante la scorsa notte, gli uomini della locale stazione dei carabinieri hanno lavorato sodo. Numerose le multe effettuate. Inoltre è stato fermato un conducente in stato di ebbrezza e in più ad un altro conducente è stato inferto il fermo amministrativo in quanto viaggiava senza patente perché ritiratagli in precedenza. Durante l’intera notte gli uomini dell’arma hanno battuto il territorio per prevenzione e per tutelare la sicurezza dei residenti. Azioni che si presume saranno sempre più frequenti in questo periodo estivo quando la vita della comunità è più frenetica.

Scattato il fermo amministrativo per un automobilista che viaggiava senza patente e già ritiratagli in precedenza Numerose le multe effettuate Chieste spiegazioni anche sulla vicenda relativa alla caserma della Finanza

Programma triennale delle opere pubbliche, Fierro ‘pretende’ chiarezza

Eldo Fierro

Il capo dell’opposizione, Eldo Fierro, torna sul bilancio di previsione 2011 e focalizza l’attenzione su due argomenti: il programma triennale delle opere pubbliche e lo stanziamento di 10 mila euro per il fitto dei locali ( futuri) della Guardia di Finanza. “ Vista la normati-

va relativa all’inclusione di un lavoro nell’elenco annuale delle opere pubbliche – scrive Fierro - che prevede l’approvazione di studi e di progettazione preliminare e della relativa copertura finanziaria. Vista la delibera della giunta n. 88/2011 avente ad oggetto “ programma

triennale delle opere pubbliche 2011/2013 ed elenco annuale 2011 “ dove sono state inserite due opere: a) lavori di adeguamento dell’acquedotto rurale di euro 5.214. 893,52. b) lavori di consolidamento della Torretta di euro 1.000.000,00 – il consigliere Fierro chiede al Comune - il rilascio di copie della seguente documentazione: 1) gli studi di progettazione preliminare delle due opere dei lavori di adeguamento dell’acquedotto rurale di euro 5.214.893,52 e dei lavori di consolidamento della Torretta di euro 1.000.000,00; 2) gli atti con cui sono stati approvati tali

progettazioni; 3) le corrispondenti coperture finanziarie per la realizzazione degli interventi programmati delle due opere”. Relativamente alla “nascente” caserma della Guardia di Finanza, Fierro aggiunge: “ Tra le tanti voci di uscita del bilancio di previsione 2011 una ha attirato in particolare la mia attenzione: 10 mila euro stanziati per il fitto dei locali della Guardia di Finanza. Non so su quali documenti giuridici si basi tale spesa, e quali accordi siano già intercorsi tra l’amministrazione comunale e la Guardia di Finanza, ma mi chiedo come mai un

Comune che carica i propri cittadini di tasse come animali da soma, dichiarato il dissesto si può permettere di pagare il fitto dei locali da adibire ad uffici per la Guardia di Finanza. Siamo ben lieti dell’onore che ci riserva la Guardia di Finanza, a cui va il nostro sincero ringraziamento, nell’istituire un proprio comando sul nostro territorio, ma non può pensare di accollare al disastrato Comune di Trivento l’onere dell’affitto dei locali, perché l’ente è in uno stato comatoso e le prescrizioni ministeriali per il dissesto finanziario sono ancora in atto e vincolano sia le entra-

te che le uscite. Sembra un paradosso che il governo comunale per risanare il debito aumenti le tasse, intensifichi i controlli per recuperare somme non riscosse e poi elargisca la somma di euro 10 mila, fino al dicembre 2011, per il fitto dei locali quando si potrebbe prevedere soluzioni differenti. Sicuramente – chiude Fierro - si dirà che gli uffici della Finanza porteranno più controllo, più sicurezza, nuove persone che abiteranno a Trivento, ma questo non può valere il fatto che dovremmo pagare somme per affitti di non nostra competenza”.

Il consigliere provinciale e membro della commissione lavori pubblici chiede la messa in sicurezza della Trignina

Statale 650, Corallo scrive all’Anas “Ho raccolto i disagi di chi viaggia. Oltre alla sicurezza, c’è di mezzo lo sviluppo dell’area” La statale 650 è da sempre al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica, visto le condizioni in cui versa e i ricorrenti e relativi fatti di cronaca. A riguardo, il consigliere provinciale, Pasquale Corallo, membro della Commissione Lavori Pubblici, sollecitato dagli automobilisti, ha rappresentato i disagi alle Società Anas, molisana ed abruzzese. La nota è stata inviata per conoscenza anche al presidente della Provincia, Rosario De Matteis. “ In considerazione dell’avanzato stato di deterioramento della Statale 650, meglio conosciuta con il nome di “Trignina” – scrive Corallo - uno dei rami principali della rete viaria della Regione Molise e

10

Pasquale Corallo

Durante il periodo estivo sull’arteria aumenta notevolmente il traffico per il turismo ricadente anche sul confinante territorio della Regione Abruzzo, con la presente si sollecita i lavori di messa in sicurezza, almeno nei tratti

critici e di competenza delle rispettive Società in indirizzo, in special modo quelli di

pertinenza abruzzese. La Statale 650, concepita per un flusso viario oramai supera-

to, in quanto adeguata a criteri progettuali risalenti agli anni ’70/80, di per sé presenta forti limiti infrastrutturali. A questi si aggiungano le precarie e contingenti condizioni del manto stradale, della segnaletica, sia essa orizzontale che verticale, e la pericolosità delle rampe di accesso. Dati di fatto avvilenti e non consoni ad una infrastruttura strategica, quale appunto la Statale 650, destinata al collegamento tra il Litorale Adriatico a quello Tirrenico. Un’ arteria, per di più, demandata ad accogliere le aspirazioni di sviluppo dei territori sui quali ricade: sono tanti i comuni molisani ed abruzzesi, ricchi di bellezze artistiche, naturali, con voca-

zione industriale e turistica, che abbisognano di una viabilità adeguata alle loro esigenze. In aggiunta, la Statale 650 durante il periodo estivo assorbe un notevole traffico di vacanzieri, destinati alle località marittime molisane e abruzzesi. Raccogliendo i forti disagi palesati dagli utenti automobilisti e camionisti – chiude il consigliere Corallo - come innanzi già richiesto si sollecita le Società in indirizzo a prendere immediate e più opportune iniziative per rimediare ad un ingombrante ritardo che fortemente limita la sicurezza degli stessi utenti e che deprime la già lenta crescita socio-economica delle aree attinenti”.


ANNO XIV - N. 202

DOMENICA 24 LUGLIO 2011

TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973 e-mail: quotidianoiserna@gmail.com

REDAZIONE VIA G. BERTA n. 76 - 86170 ISERNIA

Ma dovrà vedersela con un rivale tutt’altro che facile da scavalcare, già primo cittadino negli anni ‘90

Regione, duello Melogli - Testa Il sindaco affila le armi e nomina i fedelissimi nei settori amministrativi strategici La domanda non è se si candiderà, ma con chi si candiderà. Si tratta del sindaco di Isernia, Gabriele Melogli, determinato a fare il grande salto nella politica regionale. Novembre si avvicina e Melogli non vuole farsi sfuggire l’occasione di candidarsi al consiglio regionale, approfittando del valore aggiunto e della rendita di posizione che gli assicura la fascia da sindaco del capoluogo pentro. Ogni casella sta andando al suo posto. Nei settori più delicati di Palazzo San Francesco ha messo uomini di stretta osservanza Melogliana. La punta di diamante è quel Giulio Castiello che ne segue fedelmente le orme da nove anni. Non lo ha mai tradito e i risultati si vedono. Oggi Castiello è il dirigente

Gabriele Melogli

più potente del Comune, molto più di qualunque assessore. Passa tutto per le sue mani, licenze, autorizzazioni, multe, sanzioni e contravvenzioni comprese. Già dirigeva la Polizia Urbana e oggi Melogli gli ha affidato

anche il Suap: un potenziale laboratorio di clientela elettorale che oggi il sindaco sembra avere le intenzioni di far funzionare a pieno regime. Melogli, a questo giro, si gioca tutto. E’ chiaro che il

suo primo avversario si chiama Domenico Testa, presidente del consiglio comunale, sindaco nei lontani anni ’90. Testa attualmente è consigliere regionale e commissario di Sviluppo Molise. Anche lui, come Melogli, ha oliato a dovere la sua potente macchina del consenso. Tra i due la rivalità si taglia col coltello. Non è solo di facciata. In ballo c’è anche un modo diverso di vedere e gestire la cosa pubblica. Melogli più attento alla forma.Testa alla sostanza. Entrambi cavalli di razza della politica isernina si sconteranno e duelleranno fino all’ultimo voto. Per le relative liste di appartenenza, ancora c’è qualche dubbio. Per Melogli si dovrebbero aprire le porte dell’Adc di Pietracupa.

Turdò: saremo presenti per contribuire a una discussione trasparente

Domenico Testa

Con quest’ultimo che andrà sicuramente a fare l’assessore e si dimetterà, Melogli non avrà alcun problema a entrare in consiglio anche se non venisse eletto in prima battuta. Per Domeni-

co Testa, invece, l’opzione più credibile è quella di Molise Civile, dove potrebbe andare a fare il capolista con grosse possibilità di essere eletto in prima battuta. Il duello è già iniziato.

“Un uomo tutto d’un pezzo”

Autovelox, il comitato Pro Trignina L’Udc isernino invitato al Consiglio di Cantalupo ricorda Gasperi

Di Schiavi, Giallonardi e Turdò

CANTALUPO NEL SANNIO. Ci sarà anche il comitato civico Pro Trignina alla seduta del Consiglio comunale che si svolgerà oggi in

paese. Lo comunica il presidente dell’associazione dei cittadini, Antonio Turdò, che informa: il Comitato Protrignina Abruzzo e Molise sarà

a Cantalupo nel Sannio, invitato dagli amministratori per partecipare alla seduta del Consiglio Comunale”. L’ordine del giorno, afferma Turdò nel comunicato inoltrato agli organi d’informazione, “prevede al punto 2 la discussione sull’interrogazione della minoranza ed al punto 4 la voce ‘gestione autovelox’, oltre alle variazioni di bilancio previste e consequenziali alla rimozione dell’autovelox fisso di Cantalupo nel Sannio da parte della Prefetto facente funzioni di Isernia, dottoressa Caterina Valente”. Il Comitato,

sottolinea il presidente, ha deciso di presenziare alla riunione municipale “poiché – scrive nella nota – se necessario si potrà contribuire ad una sana e trasparente discussione sull’utilizzo dei mezzi di controllo elettronici e soprattutto fare chiarezza della nostra posizione sulla sicurezza stradale e la legalità e trasparenza nella gestione degli autovelox in Molise , Abruzzo e tutta l’Italia”. Antonio Turdò informa inoltre che al Consiglio comunale di Cantalupo sarà presente anche Feliciantonio Di Schiavi del CSA Fiadel

Pesche-Carpinone-Pescolanciano Parte il servizio di segreteria in forma associata PESCHE. Servizi di segreteria, i Sindaci dei Comuni di Pescolanciano e Carpinone ed acquisita la disponibilità all’esercizio in forma associata del servizio di Segreteria Comunale. La decisione è stata presa perché, si legge nella delibera di Consiglio comunale, “la gestione dei servizi in forma associata, in particolare dei piccoli comuni, appare la strada naturale che consente di coniugare il principio di efficienza ed efficacia al rapporto costi - benefici e che tra i criteri ispiratori delle convenzioni appare rilevante proprio quello della contiguità territoriale dei comuni”. È stato poi stilato uno schema di convenzione da stipularsi tra le amministrazioni, che disciplini in maniera completa l’espletamento del servizio.

Remo Gasperi

Anche Mimmo Izzi, coordinatore regionali dell’Udc, ricorda la figura di Remo Gaspari, Ministro della Repubblica per ben 16 volte, come figura importantissima da cui prendere esempio e ispirazione. A ricordarlo, insieme a Izzi, anche il coordinatore per i giovani Marco Di Salvo. Commenta Izzi “ un uomo tutto d’un pezzo, un vero democratico Cristiano, è stato esempio nella mia formazione politica, che ho avuto da giovane nelle file della Democrazia Cristiana”. Il leader regionale dei Giovani Marco Di Salvo, ricorda in modo particolare, la sua testimonianza durante il corso di formazione politica dell’UDC tenutasi il novembre scorso a Vasto, dove ha parlato della necessità che i giovani debbano diventare dei politici maturi e coraggiosi, per continuare le numerose battaglie per la tutela e lo sviluppo del territorio di appartenenza. Durante l’omelia Monsignor Bruno Forte vescovo di Chieti - Vasto, ha sottolineato come la “testimonianza del politico cristiano Remo Gaspari” debba essere di “stimolo alla nostra classe politica per rimettere al centro non i problemi della casta, come si dice, ma quelli della gente che non arriva a fine mese, che e’ in cassa integrazione”. Concludono Izzi e Di Salvo “le parole del Vescovo sono sacrosante, la politica deve ritornare a svolgere la sua vera funzione, rivolta ai temi concreti che interessano realmente la società, prendendo come modello la politica vissuta da Remo come vocazione sociale cristianamente ispirata”.

11


12

Domenica 24 luglio 2011

Organico sottodimensionato: la situazione è critica e da Roma si pensa a un concorso per le nuove toghe

Caos tribunale, arrivano due giudici In seguito ai recenti trasferimenti scarseggiano i magistrati in servizio a Isernia Al tribunale di Isernia è allarme rosso: il trasferimento di alcuni giudici ha dato il colpo del kappaò a un organico già carente. La prova si è avuta qualche giorno fa, quando non si trovava un gip (giudice per le indagini preliminari) chiamato a decidere sulla revoca di un obbligo di firma (quello che pendeva su Brunella Notargiacomo, l’infermiera accusata della morte della suocera Iolanda Palladino): il provvedimento è stato firmato da Roberta D’Onofrio, che abitualmente riveste le funzioni di giudice monocratico, oltre che di componente del collegio giudicante. Una situazione davvero critica, quella che si sta vivendo a palazzo di giustizia. A quanto pare anche a Roma se ne sono resi conto. E intendono correre ai ripari. Stando

Il tribunale di Isernia

a indiscrezioni, il Consiglio superiore della magistratura è in procinto di bandire un concorso per ricoprire due posti da giudice a Isernia. Sarebbe una manna per i magistrati che già lavorano nel capoluogo pentro: oggi

non fanno in tempo a uscire dal loro ufficio, che subito devono entrare in quello rimasto scoperto. Le prime avvisaglie sulla carenza di organico si sono registrate a maggio, quando per il gip del tribunale del capoluogo

isernino, Luigi Cuomo, è scattato il trasferimento-promozione alla Suprema corte di Cassazione. È stato così sostituito da Elena Quaranta, ma a quanto sembra al più presto dovrà tornare al suo tribunale di provenienza. Per ora, come detto, ci ha messo una pezza la D’Onofrio, ma anche lei è piena di impegni. Potrà garantire la sua presenza anche nelle prossime occasioni? Difficile dirlo. Certo, da qualche tempo negli uffici del palazzo di giustizia si dice che le funzioni di giudice per le indagini preliminari finirà per svolgerle il giudice Francesco Ferdinandi. Ma il problema non si risolve. Si sposta solo una “pedina” da una parte all’altra della scacchiera. Inevitabilmente restano scoperti altri posti. Negli ultimi tempi, infatti, Ferdinandi presiede il

Nei suoi confronti era stato emesso un mandato di cattura europeo

Convalidato l’arresto al polacco fermato dagli agenti della Mobile Convalidato l’arresto del giovane latitante polacco fermato l’altra sera in un pub di Isernia dagli agenti della Squadra Mobile. Ieri il 26enne è comparso davanti alla Corte d’Appello di Campobasso. Il suo avvocato, Giuseppe Fazio, ne aveva chiesto la remissioni in libertà o in subordine i domiciliari. Il giovane è stato tratto in arresto perché nei suoi confronti era stato emesso un mandato di arresto europeo emanato nel 2009 dall’Ufficio del procuratore generale del Tribunale di Wloszczowa (Polonia). Al 26enne sono conte-

La sede isernina della Questura

stati le accuse di furto, rapina e percosse. Episodi che si sarebbero svolti in Polonia tra il

2004 e il 2005. Pare che il giovane si recasse ad Isernia con una certa regolarità dal mo-

mento che nel capoluogo pentro risiedevano alcuni parenti. La Polizia isernina, venuta a conoscenza del mandato d’arresto attraverso il collaterale Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, ha avviato le indagini. Dopo alcuni mesi di indagine, gli agenti, coordinati dal dirigente Vittorio Di Lalla, lo hanno arrestato in un pub del capoluogo di provincia isernino dopo un lungo pedinamento e un appostamento effettuato da uomini in borghese. L’identificazione è avvenuta negli uffici della Questura isernina, in via Kennedy.

Toghe (foto archivio)

collegio giudicante del tribunale pentro. Tra l’altro in questa sede, qualche mese fa, si è verificato un caso che la dice lunga sui problemi che sta causando la carenza d’organico. Ci riferiamo al processo sul presunto caso di pedofilia a Belmonte del Sannio: poiché il primo collegio (composto da tre giudici) si era già pronunciato su uno dei due imputati, si è astenuto nel secondo caso. Ebbene: alla fine è toccato al presidente del tribunale, Guido Ghionni, mandare avanti il processo. Con tanto di “supplenti” provenienti da Campobasso. Così non si può andare avanti. Si può tirare a campare per un po’, ma prima poi si collassa. E tra un rinvio e l’altro molti processi rischiano di finire in prescrizione. Sono tanti i ruoli da ricoprire in tribunale. Oltre ai quattro giudici che occorrono per i processi ordinari, serve un giudice per le indagini preliminari. E poi c’è da coprire l’altrettanto importante ufficio del giudice per le udienze preliminari. Dove, per intenderci, si decidono i rinvii a giudizio e si celebrano i riti al-

ternativi. Né se la passano meglio al tribunale del Lavoro, dove di recente, se non altro, è arrivato il giudice Battista. Che si è però ritrovato davanti una montagna di procedimenti in sospeso. Nel frattempo si mormora di un possibile trasferimento del pubblico ministero Alfredo Mattei. Per ora è solo una voce, ma l’ipotesi che resti scoperto anche il suo ufficio è tutt’altro che campata in aria. Con l’arrivo dell’estate al tribunale di Isernia si potrà tirare un po’ il fiato. Niente cause, solo urgenze. Ma già a settembre si ricomincia. E se non arrivano almeno un paio di magistrati, saranno dolori. Anche perché nel frattempo è in permesso (e ci resterà per qualche mese) il giudice Maria Luisa Messa. Per tutti questi motivi il Consiglio superiore della magistratura sarebbe intenzionato a intervenire con urgenza. Con un’infornata di nuovi giudici, la macchina della giustizia dovrebbe rimettersi in moto, a Isernia. Diversamente rischia un lungo e preoccupante stop ai box. Per buona pace di indagati e imputati.

Vandra, chiude i battenti stasera la tradizionale sagra del tartufo C’è tempo fino a stasera per non perdere l’appuntamento con il gusto alla tradizionale sagra del tartufo di Vandra, nella frazione di Forlì del Sannio. Ad accogliere i numerosi visitatori nei pressi della struttura sportiva, i componenti del Circolo Valle del Vandra – da quest’anno affiliato all’Acsi Gola Molise – che sono già all’opera per regalare agli ospiti un’altra giornata di tutto gusto. A farla da padrone naturalmente anche stasera sarà il tartufo, preparato nei modi più diversi. I volontari del circolo infatti, sono in piena attività per offrire come sempre il meglio, con la tipica ospita-

lità che li contraddistingue. Sono passati 15 anni dalla prima sagra del tartufo di questa bella e sorprendente frazione di Forlì del Sannio, contraddistinta da un trend sempre in crescita e i motivi sono più di uno: partiamo dal menù, speciale non solo perché a base di tartufo, ma perché ogni cosa è preparata in maniera assolutamente artigianale. Fettuccine rigorosamente fatte in casa contengono tartufo sia nell’impasto che come condimento. Altra cosa: a Vandra non usano surrogato di tubero, ma solo tartufo fresco, macinato nell’olio d’oliva, che è un altro prodotto tipico della zona. Anche la salsiccia contie-

ne tartufo fresco, così come la ricotta. Cosparso su una bella bruschetta calda poi, si lascia assaporare in modo davvero stuzzicante . Per non parlare del pane-pizza, più gustoso che mai ricoperto di tartufo. Nel corso di questi ultimi anni la manifestazione si è fatta apprezzare sempre di più per i piatti in degustazione, ma vi è un altro motivo per cui la sagra del tartufo è diventata un appuntamento imperdibile: la cordialità dei padroni di casa. I vandresi sono estremamente ospitali e hanno la capacità di trasformare una semplice sagra in una vera festa. Conoscerli è come stare in compagnia di amici di

Taglietelle al tartufo

vecchia data. A questo basta ne dell’evento assolutamenaggiungere un’organizzazio- te impeccabile e la ricetta per

una serata all’insegna del gusto è servita.


Domenica 24 luglio 2011 Nuova serie Anno VIII - n. 30

Grande entusiasmo per la proposta del Centro Diocesano Vocazioni

Magnificampot Un’esperienza che cambia In un mondo che rischia di allontanarsi sempre più da Dio e dove l’uomo è sempre più affetto da una grande inquietudine esistenziale, sono felice di poter testimoniare che noi giovani animatori e bambini del campo organizzato dal Centro Diocesano Vocazioni e dall’Ufficio di Pastorale Giovanile che si è tenuto a Capracotta dal 10 al 15 luglio (grazie alla disponibilità del sindaco e del parroco), abbiamo avuto la prova di quanto può essere bella la vita vissuta e nutrita dalla fede e dall’amicizia in Gesù. Divisi in squadre che portavano il nome dei monti della Bibbia in questi giorni abbiamo anche “gareggiato” tra noi ma Credo che ognuno di noi, al di là della vittoria o meno della propria squadra, abbia vinto una piccola-grande battaglia con noi stessi. E abbiamo capito il senso di quella frase che qualcuno ha detto tanti anni fa:”conosci te stesso”. Con l'aiuto di Dio abbiamo “lavorato” molto su di noi aprendo di più il cuore a Lui per diventare persone migliori. Nel corso di questi giorni abbiamo svolto varie attività, ognuna delle quali era legata ad un tema biblico, che ci hanno fatto sperimentare la forza dell'amore che Dio, nonostante tutto, continua a provare per tutti noi. In particolare nelle escursioni che abbiamo fatto, immersi nel silenzio e nella pace che circondano quella natura incontaminata abbiamo avuto l'enorme grazia di contemplare, attraverso le meraviglie del creato, lo splendore del Creatore. I tanti momenti di riflessione e preghiera vissuti insieme ci hanno poi illuminato sulla nostra vita e sul sen-

so che essa ha per noi. Penso che se la conformassimo sempre all'amore di Dio, saremmo straordinariamente felici e riusciremmo a superare le prove (anche le più

ardue) che ogni giorno si presentano a noi. E vivere quella Parola della Scrittura che abbiamo meditato sul “Monte campo”: ”Nulla è impossibile a Dio”.

L’ultimo giorno abbiamo concluso con uno spettacolo, animato da tutti i partecipanti (attraverso la danza, il canto, la recitazione e la scenografia) per cercare di far conoscere e riassumere al nostro Vescovo (venuto per l’occasione a portarci il suo saluto), al parroco di Capracotta, Don Elio Venditti (cordiale e molto accogliente) e ai tanti genitori e parenti convenuti, i momenti più importanti di questo magnifico campo e il significato profondo che esso ha avuto per noi. E dare così gloria a Dio per averci benedetto. Alla fine del campo siamo tornati a casa stanchi ma felici di aver fatto un'esperienza che di sicuro ha cambiato la nostra vita. Ciao a tutti e arrivederci all'anno prossimo!!!

Costretti a mangiare radici, mentre si spendono milioni

Tra calciomercato e morti per fame don Paolo Scarabeo In questi giorni in cui nel nostro ricco occidente impazza il calciomercato, giorni in cui si spendono e si spandono milioni di euro per spostare un calciatore da un club ad un altro, un racconto del Corriere della sera ci mette di fronte alla cruda realtà di migliaia di persone costrette nel deserto a cibarsi di radici come capre, con una sola prospettiva: morire di fame. Scene dall’altro mondo: la lunga coda è silenziosa: nessuno sorride, nessuno scambia una parola, nessuno sgomita. Lì, in fila, c’è il migliaio di somali in fuga che ogni

mattina, dopo aver passato il confine con il Kenya, e camminato per altri 80 chilometri, si ammassa in cerca d’aiuto davanti agli uffici dell’Unhcr, l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati a Dadaab, in Kenya. I campi di Dadaab si sono gonfiati a dismisura e ora hanno superato quota 400 mila. La gente che arriva è completamente esausta e aspetta pazientemente il suo turno accucciata sul terreno sabbioso, sotto i raggi del sole, che a mezzogiorno sono cocenti. La registrazione all’Onu è un traguardo miracoloso: vuol dire finalmente un po’ di cibo, acqua, cure mediche e un giaciglio. Issa è scheletrico ma riesce ad alzarsi in piedi da solo per parlare. Nel suo villaggio, Haqable, coltivava mais e pomodori: «Tutto è andato distrutto racconta -. Non c’era più acqua, non potevamo irrigare e le piante si sono seccate» . E i dieci figli avuti dalle due mogli? «Alcuni sono morti, non so quanti. Gli altri non so dove siano. Haqable è controllata dagli shebab. Mi hanno rubato quel poco che era rimasto. Non ho potuto fare altro che scappare qui. Sono arrivato nel-

la notte». Issa ha camminato senza sosta per 15 giorni: «Ho mangiato arbusti e radici, come le capre» . Quando sta per finire di parlare insorge un altro rifugiato che l’apostrofa in somalo e gli intima: «Non parlare male degli shebab. Racconti solo bugie» . Meglio allontanarsi per evitare coltellate. I tre campi intorno a Dadaab infatti non sono propriamente dei posti sicuri. Davanti al cancello che porta a una grande tenda dell’Unhcr a Ifo, in un’altra fila i rifugiati, qui già da qualche mese, accoccolati per terra, attendono paziente. «Aspettano che qualcuno gli dia un lavoro - spiega Maria Li Gobbi, cooperante dell’Avsi, che lavora a Dadaab da anni -. È così tutti i giorni». Pochi minuti dopo un uomo uscito dal cancello urla al megafono in somalo: «Oggi non c’è lavoro per nessuno. Andate pure via» . Sui volti già martoriati della gente esplode la disperazione. Gli occhi si abbassano sofferenti. Nessuno guarda più in faccia lo straniero che fa domande. Tutti si alzano e si allontanano senza pronunciare una parole. Ahamed Mohammud viene da Buale dove faceva il pastore. «In due

SERVIZIO DELLA PAROLA Rubrica di Commento alla Parola a cura di Annamaria del Prete

Va, vende tutto e compra quel campo

La sapienza che proviene da Dio ed è orientata alla salvezza costituisce il messaggio della Liturgia di questa domenica. Perdere tutto per guadagnarla, vendere tutto per acquistare il tesoro nascosto, la perla “di grande valore” . La Liturgia di questa domenica ci coinvolge nella sorpresa di trovare un tesoro nascosto, una perla preziosa. Il cuore è in subbuglio, non si pensa ad altro che a organizzare tutto per poterlo acquistare. Occorrono molti soldi. Vendiamo tutto quel che abbiamo, anche quelle piccole cose che ci appaiono indispensabili. Vale la pena; la nostra vita cambierà… Gesù usa queste due parabole per rivelarci il valore inestimabile del Regno dei Cieli. E’ fonte di vita eterna e, fin da ora, certezza di essere amati e desiderati. E’ difficile crederci perché non è definibile con i nostri schemi. Per credervi, per “incontrarlo” occorre “un cuore capace di ascoltare” , docile alla Parola di Dio che ci guidi alla Verità. Lo chiede Salomone al Signore con una supplica che si apre con una professione di fede nella presenza di Dio nella sua storia come in quella del padre Davide: “Mio Dio, tu hai fatto regnare il tuo servo al posto di Davide mio padre”. La memoria di come il Signore ha accompagnato Davide nelle sue imprese spinge il giovane re a fissare lo sguardo su quelle meraviglie alzandolo dai propri piccoli bisogni. Si affida, così, al Dio fedele che conosce i bisogni dell’uomo prima ancora che glieli ponga dinanzi. Salomone capisce che riuscirà nella difficile impresa sotto la guida del Dio della storia e sceglie di “ascoltarlo”. Riconosce che l’ascolto è il primo indispensabile servizio di chi è chiamato a governare e ad assumere decisioni giuste e sagge. L’ascolto della Parola di Dio, che si apre all’ascolto dei bisogni del popolo, è fondamentale per un re e lo è anche per ogni cristiano. E’ la Parola di Dio che ci guida alla scoperta del tesoro nascosto e dona il coraggio di “vendere tutto” per acquistarlo. Non si tratta di un distacco stoico o di un atteggiamento sprezzante nei confronti delle cose, ma di una valutazione “sapienziale” che permetta il giusto uso delle ricchezze, impedendo che si trasformino in passioni che opprimono i nostri cuori, deviandoli dall’Incontro che dona la vera ricchezza. mesi - racconta - le mie 45 vacche sono morte. Ho lasciato mia moglie incinta e un figlio. Non so dove saranno ora. La zona è infestata dagli shebab. Temevo che mi volessero ammazzare da un momento all’altro». La sensazione è che la gente fugga più dalla guerra che dalla fame. Probabilmente la carestia ha fatto saltare le ultime remore a quanti erano rimasti in Somalia convivendo con la violenza quotidiana; non ce l’hanno fatta più e sono partiti. Forse per tentare di evitare un esodo massiccio i capi de-

gli shebab avevano annunciato di voler riammettere nel loro Paese le organizzazioni umanitarie cacciate qualche anno fa, ma dopo che martedì l’Onu ha dichiarato la catastrofe umanitaria in due regioni della Somalia, Bakol e Basso Shebelle, ieri il portavoce degli shebab, Ali Mohamud Rage, da Mogadiscio ha ribadito che le agenzie sono bandite dall’ex colonia italiana. Non serve aggiungere molto. Nasceranno squadre fortissime per le prossime per il prossimo anno. E intanto, Caino grida ancora.

13


ANNO XIV - N. 202

DOMENICA 24 LUGLIO 2011

VIA G. BERTA n. 76 - TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973

REDAZIONE 86170 ISERNIA

La denuncia dell’Anci: è saltata la norma ‘salvacassa’ e sono ora a rischio gli stipendi dei dipendenti

Tagli, l’Alto Molise verso il consorzio I Comuni saranno a breve costretti a ricorrere alla gestione unificata dei servizi I comuni altomolisani al di sotto dei mille abitanti, che sono la maggioranza delle 52 municipalità del territorio, stanno lavorando per unificare i servizi. L’Anci denuncia tra l’altro nella manovra è saltata la norma cosiddetta “salva cassa” dei Comuni e questo mette addirittura a rischio il pagamento degli stipendi dei dipendenti e il rispetto dei contratti”. Uniti, costeranno di meno e avranno ancora servizi indispensabili per la popolazione, ma i pesantissimi tagli agli Enti Locali che saranno messi in atto con la manovra Tremonti recentemente approvata, creeranno una situazione di enorme difficoltà, per cui occorrono soluzioni drastiche. Altrimenti, gli enti saranno destinati a “fallire”, restando del tutto privi di reali risorse. Lo

Nella foto, in evidenza, l’area dell’Alto Molise

impongono la legge finanziaria ed il patto di stabilità, ma la situazione è difficile. In pratica, tre o quattro comuni dovranno abituarsi ad avere un solo agente di polizia locale, un solo ufficio elettorale e d’anagrafe, un

unico servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani, per risparmiare. Cambiano dunque le misure sul patto di stabilità interno dopo l’emendamento del Senato, recepito dal maxiemendamento che ha ottenuto il via libera con

la fiducia. E viene inserito “un coefficiente di correzione connesso alla dinamica nel miglioramento conseguito dalle singole amministrazioni rispetto alle precedenti con riguardo ai parametri” per i comuni virtuosi. Eliminato dai criteri di virtuosità il rapporto tra spesa in conto capitale finanziata con risorse proprie e spesa corrente, arrivano incentivi ai Comuni che privatizzano. Sia per le privatizzazioni già fatte che per quelle future, attraverso una specifica sul parametro delle dismissioni di partecipazioni societarie. Le Autonomie bollano come insostenibile la manovra . “E’ fortemente iniqua perché va a colpire ancora una volta i Comuni che in questi anni hanno dimostrato di fare meglio di altri comparti nel contenimento del debito pub-

I piccoli comuni sempre più colpiti dai tagli

blico”, ha ricordato l’Anci Molise. “Il taglio del 35% del fondo di riequilibrio è l’antitesi del federalismo che con l’impatto della manovra possiamo dire che è ormai finito. Per non parlare poi della “pseudo modifica” del patto

di stabilità. Il nostro giudizio non può che essere negativo, e dopo anni di battaglie da parte dell’Anci, le ultime modifiche rappresentano briciole, che di fatto annullano ogni possibile beneficio per i Comuni”. Ag.Roc.

L’assessore esprime soddisfazione per la decisione del Ministero del Turismo I vigili raccomandano prudenza

‘Ndocciata premiata a Roma, Attademo Calabroni e api sottolinea: la manifestazione va tutelata invadono le case AGNONE. La ‘Ndocciata premiata a Roma tra le manifestazioni folcloristiche più significative d’Italia, l’assessore comunale al Turismo, Giouseppe Attademo, esprime la propria soddisfazione per l’evento. A divulgare la notizia è il sito d’informazione on line Altomolise.net, che riporta le dichiarazioni rilasciate dall’assessore agnonese in merito alla vicenda. “Ancora una volta Agnone – afferma Giuseppe Attademo dalle pagine web di Altomolise.net - sale alla ribalta nazionale per la sua peculiarità che deve essere esaltata anche a livello regionale. Credo che l’assessorato al turismo regionale si impegnerà, pur in un momento di crisi come questo - prosegue l’amministratore - a tutelare per gli anni a venite tale evento che travalica i confini regionali ed assume un carattere nazionale, un evento da preservare nel tempo”. A scegliere la ‘Ndocciata tra i riti più suggestivi d’Italia è stato il Ministero del Turismo, e le motivazioni sono state illustrate in una missiva inoltrata al Comune d’Agnone e alla Pro loco a firma del ministro Michela

14

Giuseppe Attademo (foto Altomolise.net)

Vittoria Brambilla. Nella lettera del ministro è infatti sot-

tolineato che: “Nel corsodell’evento saranno premia-

te le manifestazioni della tradizione italiana che si sono maggiormente distinte proprio per la capacità di mantenere vivo il folclore del proprio territorio, pur rinnovando le rappresentazioni tradizionali, adeguandole al mutamento dei tempi e trasformandole in attrattori turistici in grado registrare una più ampia e crescente partecipazione”. Giovedì 28 luglio una delegazione del Comune di Agnone, insieme al presidente della Pro Loco Giuseppe Marinelli, sarà presente a Roma per partecipare alla manifestazione.

AGNONE. Invasione di api e calabroni in paese. numerosi gli interventi effettuati nel corso delle ultime settimane dai Vigili del fuoco della locale stazione. I Vigili invitano la cittadinanza ad evitare di cercare di rimuovere i nidi da soli. In queste circostanze, spiegano dalla stazione di Agnone, è sempre meglio contattare telefonicamente i Vigili del fuoco e chiedere il loro intevrento. I popmpieri dispongono infatti della necessaria attrezzatura per rimuovere i nidi in completa sicurezza e proce-

dere successivamente alla bonifica dell’area per evitare successive infestazioni.

storia gli ha dato ragione. Oggi il Caseificio “La Treccia” ha raccolto questo testimone ed è fiero di continua-

re nella tradizione con gli accorgimenti e nel rispetto delle norme Cee ed igienico sanitarie.

Nido di calabroni

Frosolone, alla Tana dell’Orso la festa del caseificio La Treccia FROSOLONE. Appuntamento con il sapore a Colle dell’Orso con la Festa del caseificio La Treccia. L’evento si svolgerà oggi presso il ristorante La Tana dell’Orso. L’ideatore della manifestazione è Luigi Di Maria, titolare del ristorante, che ha voluto questa manifestazione per promuovere un prodotto tipico del territorio quale il caciocavallo, di

ottima qualità e molto apprezzato anche se poco pubblicizzato. Nel corso della festa si cercherà anche di stabilire il record della treccia più lunga del mondo: il primo anno si è iniziato con un primato di 64 metri per raggiungere nel corso degli anni la bellezza di 783,60 metri. Oggi la Festa della Treccia vuole continuare a promuovere il territorio ed i prodotti

caseari, perciò ci saranno degustazioni dei derivati del latte, al fine di dare maggior risalto alle capacità dei nostri pastori quali protagonisti e custodi di una tradizione che si perde nella notte dei tempi. L’apprezzamento sempre maggiore nei loro prodotti ricompensa i loro sacrifici, perchéhanno continuato a custodire la tradizione e mai come in questo momento la


ANNO XIV - N. 202

DOMENICA 24 LUGLIO 2011

TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973 e-mail: redazioneisernia@quotidianomolise.it

REDAZIONE VIA G. BERTA n. 76 - 86170 ISERNIA

Il primo cittadino sarà uno dei candidati della squadra che sosterrà il governatore uscente

Regionali, il Pdl lancia Cotugno Maggioritario o proporzionale: tutto dipenderà dall’accordo Iorio-Patriciello di Marco Fusco tadino, prima facente Inizia la corsa per uno funzione e poi eletto scranno a Palazzo Moffa. Le democraticamente dal regionali in programma per popolo venafrano nella fine dell’anno, stanno già le ultime amministraagitando il mondo politico tive del 2008. Giovalocale e regionale. Dal fron- nissimo in politica, te venafrano arriva la prima ora vuole prendere il conferma a quando scritto da treno delle regionali tempi non sospetti dal Quo- che per tutti come si sa tidiano: i vertici regionali del passa una sola volta. partito di Berlusconi, per la Un posto nella lista prossima scadenza elettora- PDL dunque sarà rile che avrà addirittura anche servato a Cotugno, valenza nazionale, come questo è poco ma siMichele Iorio dato politico, punteranno curo. Tutto questo decisamente sul sindaco di quali conseguenze Venafro Nicandro Cotugno. avrà per la politica locale e, no” beh a quel punto doMaggioritario o proporzio- in modo particolare, per vrebbe prendere il posto di nale poco importa. Cotugno l’amministrazione locale? E’ un candidato venafrano, in sarà uno dei candidati della presto detto. Secondo indi- questo caso di Mario Pietrasquadra che sosterrà il Go- screzioni tutto passerebbe cupa che andrebbe sul provernatore uscente Michele per un accordo tra Michele porzionale. Certo è inimmaIorio. Iorio e Aldo Patriciello. Se ginabile che Cotugno e PieLa macchina organizzati- a Cotugno dovesse essere ri- tracupa possano essere colva pro – Cotugno potrebbe servato un posto nel “listi- locati, entrambi nel listino. Ci sarebbe la giusta repartire veramente anazione di altri candidazitempo. Nicandro ti di altre zone del MoCotugno, secondo inlise. Se Cotugno dodiscrezioni, sarebbe vesse finire dunque nel pronto per questa listino, a quel punto nuova sfida, dopo esscatterebbe per così sere stato protagonista dire “l’opzione Patrinegli ultimi venti anni ciello” per la scelta del nell’amministrazione nuovo sindaco di Vecomunale, ricoprendo nafro. In buona sostanun po’ tutte le cariche, za il successore di Nida semplice consigliecandro Cotugno sarà re di maggioranza un uomo di fiducia di (solo per qualche Patriciello. Da giorni mese sotto il governo Aldo tra gli esponenti di guidato da Enzino Ot- Patriciello maggioranza si discutaviano) a primo cit-

te intorno a questo tema e le posizioni sembrerebbero divergenti da amministratore a amministratore. Certo, la scesa in campo di Cotugno coinvolgerebbe, in toto, tutta l’amministrazione che sarebbe chiamata a una sorta di partecipazione corale per le elezioni del primo cittadino, senza divergenze di sorta. “Fare squadra” direbbe qualcuno per raggiungere il risultato finale, ossia la conquista di uno scranno al consiglio regionale da parte di Cotugno. La candidatura del sindaco di Venafro va letta anche sotto un’altra ottica. IL PDL vuole anche in Molise rinnovare qualcosa e puntare decisamente su chi ha sempre dimostrato fedeltà e disponibilità. Il presidente Michele Iorio non farebbe affatto fatica a far passare la candidatura Cotugno perché, è bene ricordarlo, il primo cittadino della quarta città del Molise, non ha mai cambiato casacca. Chi in Molise può vantare un simile risultato? Veramente in pochi. Da Forza Italia nel lontano 1994 al PDIL con la nuova stagione inaugurata dal Premier Berlusconi prima delle elezioni politiche del 2008.

In molti sono convinti che bisogna intervenire al più presto

Restyling a piazza Vittorio Veneto Ecco l’idea per rilanciare il centro storico E’ l’idea di tanti a Venafro : ridisegnare e rifare piazza Vittorio Veneto, là dove sono situati il Monumento ai Caduti di tutte le guerre e gli uffici municipali e vi si svolge parte dei mercati ambulanti infrasettimanali, per disporre finalmente di un’ampia ed accogliente piazza nel cuore antico della città con la quale rivitalizzare, rilanciandolo, il centro storico di Venafro sotto il profilo sociale, culturale, economico e civile. Idea geniale che ha uno scopo ben preciso: innanzitutto approntare un ampio ed accogliente spazio libero nella Venafro antica e quindi fruire di una piazza interamente funzionale, al contrario dell’attuale stato delle

cose che tra dislivelli vari, marciapiedi ed alberi impedisce di disporre di una piazza completamente sfruttabile per manifestazioni, spettacoli, incontri, iniziative sociali e quant’altro. Il tutto nel centro storico, ai piedi del Palazzo di Città e della monumentale Torre Medievale, ossia nel cuore del rione Mercato, nome che deriva proprio dalle attività commerciali ed artigianali ambulanti che vi si tengono settimanalmente. Vediamo allora da vicino il da farsi su Piazza Vittorio Veneto, secondo le idee più diffuse. Innanzitutto vanno rimossi dalle posizioni attuali gli alberi d’inizio ‘900 sistemati al centro della piazza per posizionarli

ai lati della stessa, in modo da non ostruire spazi e visibilità. Sempre ai lati sono in molti a vedervi panchine, qualche fontanino, aiuole e verde per abbellire e conferire all’area un piacevole colpo d’occhio. Ma soprattutto vanno eliminati gli attuali dislivelli tra le strade carrabili che attraversano la piazza (e che continueranno regolarmente a farlo) e gli ampi spazi ai lati, in modo da avere un unico livello della piazza stessa. Per la transitabilità dei mezzi su gomma basterà apposita segnaletica orizzontale. Solo allora si disporrà di una piazza Vittorio Veneto finalmente ampia, accogliente, senza ostacoli e senza barriere, sulla quale sarà possi-

bile promuovere di tutto : dagli spettacoli culturali alle manifestazioni civili, dagli appuntamenti ricreativi alle iniziative artistiche, didattiche, sportive e quant’altro. Il tutto, è bene sottolinearlo ancora una volta, nel cuore del centro storico di Venafro, ossia là dove mancano oggi gli spazi vitali per vivere e promuovere l’economia. L’idea è certamente fattibile e condivisibile, soprattutto nell’ottica di dotare la città di una piazza spaziosa, accogliente e gradevole nel cuore dei quartieri antichi. Uno spazio funzionale per riaprire finalmente il centro storico venafrano alle iniziative umane ed all’economia che ne deriva. T.A.

Oggi tutto questo ritorna veramente utile per Cotugno che è sempre stato a fianco del presidente Iorio e non a caso ricopre incarichi di primo piano nel partito a livello provinciale e regionale. Insomma ci sarebbero tutte le condizioni per la candidatura Cotugno.

L’ultima parola, naturalmente, spetterà al Coordinatore regionale del PDL, il senatore Ulisse Di Giacomo. Ma tutto sembra convergere verso un unico risultato: la candidatura di Nicandro Cotugno in quota PDL per il collegio di Isernia. Chi vivrà, vederà.

L’ombra delle elezioni in primavera

E parte il toto-sindaco per la successione Qualcuno potrebbe parlare di fantasiose ricostruzioni giornalistiche, ma a Venafro è già partito il toto-sindaco con tanto di lista di papabili candidati alla carica di primo cittadino. Ma andiamo per ordine. Si dà per scontata la candidatura alle prossime regionali( leggi in pagina ndr) del sindaco Nicandro Cotugno. Una eventuale elezione a Palazzo Moffa del sindaco di Venafro, comporterebbe lo scioglimento del consiglio comunale e indizione di nuove elezioni. Elezioni che potrebbero tenersi la prossima primavera (aprile 2012 al più tardi secondo fonti autorevoli). Chi sarà dunque il candidato forte del centrodestra in grado di ricevere il testimone di Nicandro Cotugno? Se dovesse arrivare l’accordo Iorio-Patriciello, beh spetterà a quest’ultimo fare il nome del candidato alla carica di primo cittadino. In pool position partirebbe l’ex sindaco Vincenzo Cotugno, cognato di Patriciello e che ha ricoperto già la carica di sindaco per un breve periodo, prima di essere defenestrato da alcune sentenze per incompatibilità. Ma ci sarebbe anche qualche alternativa. Quale? E’ presto detto. E si va direttamente verso un altro candidato forte, Enzino Bianchi. Anche Bianchi è stato sindaco e ha avuto la stessa situazione di Vincenzo Cotugno perché anche Bianchi fu dichiarato incompatibile da una sentenza. Certo sono solo ipotesi, come è una ipotesi la possibile riproposizione di Angelamaria Tommasone candidata alla carica di primo cittadino alle ultime elezioni comunali con la lista di Patriciello. Sul suo nome ci sarebbero comunque delle riserve perché la chance l’ha avuta e l’ha persa, politicamente parlando. Un nome forte potrebbe essere anche Chiara Capobianco, attuale vice sindaco. Su Capobianco potrebbe esserci anche il sì di Patriciello. Un nome che potrebbe creare la giusta sintesi tra le varie anime che popolano il centrodestra a Venafro. E, soprattutto, metterebbe d’accordo Iorio e Patriciello. Ma se l’accordo dovesse saltare, cosa succederebbe? E’ presto detto. La maggioranza che sostiene Cotugno sarà chiamata ad esprimere un nome per la carica più alta all’interno del parlamentino locale. Benedetto Iannacone? Sull’attuale assessore al bilancio potrebbero esserci le giuste convergenze. La sua esperienza amministrativa sarebbe una garanzia per tutti ma la sua candidatura andrebbe a rompere una tradizione che si perde nella notte dei tempi. Quale ? Il sindaco di Venafro è stato sempre di Venafro e non delle frazioni. Iannacone è di Ceppagna. A Venafro, ve lo possiamo garantire, si guarda pure a questo. Ma sul nome di Iannacone potrebbero puntarci in tanti. Intanto il Quotidiano è in grado di anticipare qualche altra novità. Si starebbe guadagnando la fiducia del sindaco uscente e dei vertici del PDL Angelo Petrecca, già consigliere e assessore al comune di Venafro, fratello dell’attuale assessore ai lavori pubblici Claudio Petrecca. Angelo Petrecca potrebbe essere la carta vincente per Cotugno. Una persona moderata, stimata da tutti e di mentalità aperta. Il totosindaco dunque è appena cominciato e non mancano già le sorprese. Non resta che attendere gli eventi per saperne di più ma la corsa alla successione di Nicandro Cotugno è già partita. Una poltrona che fa gola a molti. M.F.

15


ANNO XIV - N. 202

DOMENICA 24 LUGLIO 2011

TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973 e-mail: redazioneisernia@quotidianomolise.it

REDAZIONE VIA G. BERTA n. 76 - 86170 ISERNIA

Il sindaco in un incontro con la stampa traccia un bilancio dei primi due anni di attività amministrativa

Niente Regionali per Iannarelli Il primo cittadino di Cerro rinuncia alla corsa elettorale per ‘salvare’ il suo Comune di Floriana Carracillo CERRO AL VOLTURNO. È un fiume in piena il sindaco Iannarelli nell’incontro con la stampa che ha organizzato presso il municipio cittadino. Lo scopo dell’incontro è quello di tracciare un bilancio di questi primi due anni di mandato e di tracciare le linee guida dei prossimi impegni che vedranno impegnati l’amministrazione comunale. Molti ed interessanti i punti toccati dal sindaco, innanzitutto la situazione economica dell’ente. Nell’ultimo consiglio comunale c’è stata l’approvazione del bilancio, ma anche l’attestazione della presenza di molti debiti che ammontano a 393 mila euro, che il primo cittadino conta di risanare al più presto. “per il prossimo sei agosto ho intenzione di convocare un nuovo consiglio comunale con lo scopo appunto di riconoscere i debiti fuori bilancio e di provvedere in quella sede anche a illustrare come questi saranno coperti dal comune con fondi per 373 mila euro. Altri soldi devono poi rientrare dai tributi che abbiamo scoperto potrebbero fornire al comune una ulteriore boccata di ossigeno e dare la sicurezza matematica della totale copertura del debito I debiti che esistono ad oggi al comune provengono dalla vecchia gestione, io – ha detto il sindaco – non ho intenzione di dichiarare il dissesto comunale ne tanto meno di accrescere la situazione debitoria. Il mio impegno sarà quello di far quadrare i conti ricorrendo al recupero dei tributi non versati e arrivando anche a stipulare degli accordi con i creditori per risolvere in maniera rapida le questioni senza creare ulteriore aggravio per le casse comunali. Inoltre ho con-

ferito mandato per l’accertamento dell’esistenza di altri debiti verso il comune, per i quali procederemo al riconoscimento e alla fine alla loro estinzione. Poi, il sindaco ha parlato dell’avvenieristico progetto della realizzazione del centro commerciale, idea tutt’altro cha accantonata “i contatti con gli imprenditori sono ancora in corso anche se possiamo ormai dire di essere giunti ad una svolta. Tuttavia, la crisi ha leggermente rallentato il corso degli eventi e gli investimenti in questa direzione ma rallentare non significa bloccare. Il centro commerciale verrà comunque realizzato sul territorio comunale, inoltre –ha spiegato ancora il sindaco – sto intessendo contatti sempre più concreti con altri imprenditori del mondo dell’artigianato lo sviluppo di un’area industriale presso la località convento at-

Il sindaco Iannarelli durante l’incontro con la stampa

traverso la realizzazione di piccole industrie artigianali”. Altro argomento importante toccato da Iannarelli riguarda i lavori pubblici “quando due anni fa mi sono insediato non erano presenti progetti ne in fase di realizzazione ne tanto meno in corso di finanziamento per tanto mi sono dovuto impegnare per riuscire ad

ottenere importanti aiuti per portare a termine una serie di lavori sul territorio, come ad esempio gli spogliatoi del campo sportivo, i lavori presso il cimitero, ma anche per quanto riguarda il dissesto idrogeologico di molti punti del territorio comunale. Inoltre abbiamo richiesto il finanziamento di altri importanti

progetti come per esempio l’ultimazione dei lavori al campo sportivo la realizzazione della piazza Sedati per la quale ci siamo impegnati per ottenere il finanziamento prima assegnato e poi revocato. Inoltre stiamo lavorando per mettere in sicurezza la sede dell’istituto comprensivo. In questo momento –ha detto il sindaco – posso già annunciare che dal prossimo settembre la scuola di cerro avrà una classe in più scendendo quindi ad una sola pluriclasse. Molti sono i lavori che vorremo realizzare e tutti entro i prossimi mesi ci”. Altra nota dolente che ha visto Iannarelli sotto attacco in più occasioni riguarda il concorso indetto dal comune per il vigile urbano “abbiamo avuto una serie di problemi in seguito alla sparizione del regolamento comunale sui servizi, per la quale è stata presentata

una regolare denuncia. Immediatamente abbiamo redatto un nuovo regolamento e adesso siamo in attesa che i legali ci facciano sapere come procedere per il concorso ovvero se è necessario emettere un nuovo bando o informatre i tantissimi candidati alla selezione della emanazione del nuovo regolamento comunale. Appena saremo in possesso di queste informazioni procederemo secondo la legge. Iannarelli poi parla delle prossime elezioni regionali per le quali il primo cittadino cerrese è stato più volte invitato a scendere in campo, Iannarelli ha escluso a priori questa possibilità “sono troppo impegnato a risolvere le questioni legate al mio comune che a causa di precedenti amministrazioni sta attraversando periodi difficili. Cerro adesso ha bisogno di me e del mio impegno per rinascere”.

Scapoli. Lunedì la conferenza stampa alla presenza del Governatore Iorio

Una Zampogna per il 150°dell’Italia Pezzo unico per celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale SCAPOLI. Si terrà lunedi la conferenza stampa di presentazione della XXXV edizione

della mostra mercato festival internazionale della Zampogna. Presso la Sala di Rappre-

sentanza della Camera di Commercio di Isernia, alla presenza del Governatore della Regione Molise Michele Iorio, dell’assessore regionale al turismo Franco Giorgio Marinelli, del presidente della provincia di Isernia Luigi Mazzuto, del presidente della camera di commercio Luigi Brasiello, di Pietro Campellone, Presidente dell’Ente Provinciale per il Turismo di Isernia..Saranno inoltre presenti, Renato Sparacino, Sindaco di Scapoli, Antonietta Caccia, Presidente dell’Associazione Culturale “Circolo

della Zampogna”, Graziano D’Agostino, Commissario della Pro-Loco Scapoli, Angelo Ricci, Sponsor privato della manifestazione. Durante la conferenza stampa sarà presentato nel dettaglio il programma della manifestazione e anche una speciale Zampogna dedicata al 150° Anniversario dell’Unità di Italia, prodotta in pochi esemplari unici, dal Maestro Artigiano Umberto Di Fiore. L’apertura degli stands è prevista per venerdì 29 luglio dalle ore 18.00. Dalle ore 21.00 sono previsti inoltre i concerti di allievi del-

la scuola di zampogna e ciaramella di Scapoli, e di altri artisti che riempiranno di note e musica la tre giorni scapolese. Durante tutta la durata della manifestazione saranno aperti gli stands di artigianato, editoria, strumenti musicali, gastronomia.Sabato 30 e domenica 31 è disponibile il servizio navetta dal parcheggio adiacente l’albergo ristorante “Volturno” ,a soli 10min dal centro di Scapoli. L’amministrazione e gli organizzatori stanno lavorando pre raddoppiare il successo degli scorsi anni. Flori.Ca

Alla festa di Sant’Anna Pozzilli, attesa in paese per il concerto di Ivana Spagna

L’Allegra compagnia incanta il pubblico di Castel San Vincenzo

POZZILLI.Altro buon “colpo” degli organizzatori della Festa di Sant’Anna a Pozzilli (25 e 26 luglio prossimi), dopo quelli messi a segno negli anni precedenti relativamente a personaggi della canzone italiana. Martedì sera (ore 22,00) sul palco prospiciente la chiesa parrocchiale dedicata a S. Caterina canterà infatti la notissima interprete della musica leggera italiana, Ivana Spagna. Un personaggio importante quindi dello spettacolo per una ricorrenza assai attesa come quella di Sant’Anna. La cosa è destinata a ripetersi nuovamente quest’anno grazie all’esibizione di Ivana Spagna, che sul palco di Pozzilli riproporrà i suoi più famosi successi degli ultimi anni, tra cui “Gente come noi” e tant’altro. T.A.

CASTEL SAN VINCENZO. Grande successo venerdì sera in paese per il ritorno sulla scena de “l’allegra compagnia”. Il gruppo, formato da giovani del luogo, è tornato ad esibirsi in divertentissimi siparietti portando sul palco stralci di vita quotidiana naturalmente riveduti e corretti dagli infaticabili autori. L’iniziativa, nata per gioco, sta diventando una bella realtà per

18

Nella foto Ivana Spagna

Nella foto il cast dell’Allegra Compagnia

i ragazzi di Castel San Vincenzo. Tanto l’impegno dimostrato dal gruppo dalla redazione dei testi alla relizzazione dei

costumi e delle scenografie. ottima la risposta del pubblico che risponde entusiasta agli inviti


DOMENICA 24 LUGLIO 2011

ANNO XIV - N. 202

VIA ANDREA DA CAPUA, 6 - TEL. 0875/707896 - FAX 0875/84242

REDAZIONE 86039 TERMOLI

L’assalto ai camion portavalori e il traffico illegale di armi e droga, i possibili usi dell’arsenale rinvenuto

Sequestro di armi, caccia ai complici Gli inquirenti stanno verificando se sono coinvolti anche dei termolesi Continuano le indagini collegate al maxi-sequestro di armi rinvenute nella Daewoo Lanos nascosta nel garage di via Mazzini. I nodi da sciogliere sono numerosi e diversi. Chi ha potuto procurare quella fessura nella saracinesca con la fiamma ossidrica? Forse qualcuno che si era accorto che stava accadendo qualcosa di strano e molto pericoloso e che ha voluto dare un segnale, un allarme. Oppure la fessura è stata procurata per fare uno ‘sgarro’ agli utilizzatori del garage, a Ferrazzo, per farli acciuffare. Se così fosse, ci sono riusciti, almeno in parte. Non si esclude nemmeno l’ipotesi che sia stato qualche ‘frequentatore abituale’ del garage intento a rubare la cocaina presente al-

l’interno, di cui, al momento della scoperta dell’arsenale da parte della Polizia, ne è stata trovata solo una discreta quantità. Non c’è dubbio sulla pericolosità e sul legame con la ‘ndrangheta di tutto quell’inquietante arsenale. L’arresto di Felice Ferrazzo, 56enne ex capo dell’omonimo clan di Mesoraca nel crotonese ne è la conferma. Nonostante fosse collaboratore di giustizia dal 2000 ha continuato il gioco sporco fino alla notte tra giovedì e venerdì, fino a quando è stato arrestato a Milano, dopo le scoperte della Polizia di Termoli e Campobasso. La Daewoo Lanos verde dove è stato rinvenuto l’ingente armamentario pare sia di una donna dell’Ecuador, luogo dove anche

il figlio di Ferrazzo, Eugenio (arrestato a maggio con la moglie a San Salvo perchè gestiva una raffineria di cocaina) viveva prima di divenire residente a Campomarino. Il garage pare sia di proprietà della suocera di un poliziotto,

Le armi

dato in affitto da anni ad un termolese. Termolese che a questo punto potrebbe essere uno dei complici dell’ ex capo clan. Il foro è uno dei punti di partenza delle indagini insieme all’enorme quantitativo delle armi e soprattutto la tipologia delle stesse. L’armamentario ritrovato e ora sequestrato, che consiste in kakalashnicov, mitragliette, fucili a pompa, pistole, molte di queste vere e proprie armi da guerra, caricatori, silenziatori, centinaia di cartucce fanno pensare ad azioni criminali delle piu’ spieta-

Mario Di Luzio era originario di Montenero ma viveva da anni nelle Marche

Muore travolto da un camion durante un’uscita in bicicletta di Rossano D’Antonio MONTENERO DI BISACCIA. Nel quartiere di via Valentina bastava aspettare il suo ritorno per farsi sistemare porte, finestre, tapparelle, serrature ecc. Perché Mario Di Luzio era un falegname in pensione. “Era”: il tempo imperfetto corrisponde tragicamente alla realtà da ieri mattina, quando il 73enne ha trovato la morte sulla Statale 16 in territorio di Fermo. Abitava da anni nelle Marche, precisamente a Porto Sant’Elpidio, dopo essere rientrato dalla Svizzera, ma era originario di Montenero. Il destino ha voluto che finisse i suoi giorni a bordo del mezzo che solo chi pratica lo sport del pedale sa quanto è possibile amare. Si trovava sulla sua bicicletta da corsa Mario, intorno alle 9.45 di ieri mattina. Aveva appena imboccato una rotatoria sulla Statale Adriatica quando un camion lo ha colpito scaraventandolo a terra. L’autista non si è accorto di nulla, tant’è che alcuni passanti lo hanno inseguito per avvisarlo. A quel punto il conducente del camion ha subito fatto marcia indietro per vedere cos’era accaduto. Purtroppo per il ciclista non c’era più niente da fare: il suo cuore aveva smesso di battere e a nulla è servito anche l’intervento dell’eli-ambulanza. Mario Di Luzio lascia la moglie e un figlio. Tornava molto spesso a Montenero, inconfondibile a bordo della vecchia Opel Ascona, esemplare ormai quasi unico, ma perfettamente funzionante. Anche nel centro basso molisano praticava ciclismo e perciò era cono-

sciuto dagli altri amanti di questo sport. Raccontava sempre di essere tesserato con la società “Berdini”, che conta ben sessanta iscritti. Lui era uno di loro, tant’è che è stato subito identificato dopo l’incidente grazie alla tessera sportiva della Uisp. E c’era la falegnameria, mestiere praticato per una vita e che era diventato un piacevole hobby. Chi lo conosceva gli chiedeva di aggiustare la maniglia, di riverniciare una porta o una finestra. Mario era sempre disponibile e gentile. Ora non tornerà più in quella casetta di via Valentina, quartiere che si trova a duecento metri dal centro di Montenero. Da poco aveva iniziato anche a usare il computer e aveva un profilo su Facebook. Solo quattro le foto finora pubblicate sulla sua pagina e due in particolare attirano l’attenzione. Una è di diversi anni fa, è con la moglie e sono tutti e due vestiti da carnevale. Nell’altra, intitolata la mia passione, è a bordo della sua bicicletta da corsa. Forse è la stessa sulla quale ha perso la vita ieri mattina.

te. Ma è ancora da accertare di che tipo. Ferrazzo in passato è stato il vertice di una ‘ndrina specializzata nel traffico di armi, soprattutto dalla Svizzera. Questo fa pensare che Termoli sia stata una base, un deposito, per tutte quelle armi da rivendere illegalmente, nel circuito internazionale. Un posto tranquillo, insospettabile. I filoni principali sembrano quindi almeno tre: il traffico illegale e internazionale di armi, il traffico di droga, gli assalti ai camion porta valori. Ma si sta anche verificando se quelle armi siano state utilizzate per stragi o uccisioni. Forse quelle utilizzate durante la strage di Duisburg, in Germania, avvenuta il 15 agosto del 2007. Vennero uccise 6 persone, davanti il ristornate italiano ‘Da Bruno’ di proprietà del calabrese Sebastiano Strangio, anch’egli tra le vittime. La stra-

ge avvenne per mano di esponenti della ‘ndrangheta, probabilmente ad opera delle famiglie delle ‘ndrine dei Nirta e degli Strangio contro quella dei Pelle-Vottari. Sul posto vennero ritrovati 70 bossoli dei proiettili sparati per uccidete e che uccisero le vittime. Per il momento le indagini sono state estese su tutto il territorio nazionale. Partendo dalla piccola città costiera. Cercando eventuali complici del posto. Come avrebbero fatto Ferrazzo e i suoi uomini a muoversi liberamente in un posto che non conoscevano? Il termolese che aveva in affitto il garage ed altri concittadini complici potrebbero averli aiutati. Cresce quindi anche una certa inquietudine, un sottile terrore tra i residenti della zona ma anche tra i termolesi per quanto accaduto che ha lasciato tutti nello sconcerto. Je.Di

Forte scontro in via Milano, in ospedale due donne Forte scontro in via Mario Milano. E’ avvenuto poco prima dell’una della notte tra venerdì e sabato a Termoli. Coinvolte una Ford, con a bordo due giovani, fratello e sorella (il primo alla guida, la donna sul sedile passeggeri anteriore), e una Croma con a bordo un uomo alla guida e sua moglie accanto. La Ford proveniva da via Mario Milano quando si è scontrata per causa ancora da accertare con la Croma che veniva da via Adriatica. Il traffico è stato interdetto per circa 45 minuti. Sul posto la Polizia e il 118 e la Misericordia che hanno trasportato le due donne in ospedale. Le loro condizioni non sono gravi.

Inaugurato lo spazio espositivo per il Premio ‘Città’ di Termoli’ Al via la “LVI Mostra Nazionale Premio Città di Termoli 2011”. Organizzato dall’assessorato alla Cultura, in collaborazione con la Regione Molise- Fondazione Molise Cultura per conto della quale era presente Sandro Arco, il Premio quest’anno è stato curato da Lorenzo Canova e celebra anche la lunga storia “di un’iniziativa nata da un’intuizione di La Penna, che capì la necessità si puntare sull’arte moderna” come ha ricordato Montano. Nella presentazione, Cocomazzi ha ribadito che la scelta di affiancare le opere in concorso con alcune storiche “rivela l’intreccio tra passato e futuro, facendo trapelare una continuità nell’arte. Il nostro è un popolo che ha saputo

fare della sua cultura un volano di conoscenza nel mondo”. E infatti Canova ha confermato che il Premio è ben noto nel resto d’Italia e anche per questo è stato importante arrivare all’inaugurazione, ieri sera, dello spazio espositivo per le opere che, nel corso degli anni, hanno partecipato al concorso ed ora hanno finalmente una collocazione permanente, inaugurata ieri, anche se ancora in forma ‘provvisoria’. I locali in via Fratelli Brigida si apprestano a diventare la sede di un museo dell’arte contemporanea tra i piu’ importanti del centro sud e, come ha affermato Gianfranco Morese “le strutture si adegueranno, però questa è la perla della città’”. P. C.

19


20

Domenica 24 luglio 2011

Sulla spiaggia si rivive la guerriglia con i francesi. Tanti i presenti

La base francese

Gli inglesi attaccano Termoli Momenti emozionanti in città leoniche, con trincee, cannoni e tende, per far rivivere la storia, come durante la mattinata, tra la polvere da sparo, i rumori e le urla dello scontro, anche con un caduto tra le fila dei francesi. e domani al Parco comunale saranno impegnati in un vero e proprio war game.

La base inglese

Termoli è invasa: per tre giorni si rivive lo sbarco della Marina Inglese, con un’ottantina di figuranti dell’Associazione Rievocazione E Storia che hanno indossato i panni dei combattenti della Royal Navy e dell’esercito Franco Napoletano, sotto la cui tutela si trovava, all’epoca, Termoli. Lungo le strade del centro sembrava di trovarsi su un set cinematografico, vedendo passare componenti in divisa dei due schieramenti, sentendo dare ordini in francese e in inglese, tra il rullo dei tamburi francesi e le note inconfondibili delle cornamuse inglesi. I passanti si sono fermati, hanno scattato foto, si sono interrogati e, incuriositi, hanno chiesto proprio ai figuranti cosa stesse accadendo e gli attori si sono fermati con tutti, per raccontare una fase della nostra storia che spesso non ricordiamo, cioè i ripetuti attacchi inglesi alle nostre coste. In fila ordinata in marcia, o mischiati tra la folla, hanno attirato sguardi e domande. Come ci avevano detto gli stessi attori, il risultato della manifestazione si vede negli occhi dei bambini, spalancati per la sorpresa. Ieri mattina uno ha deciso di unirsi ai militari, arrivando alla manifestazione con il suo fucile di

plastica e, mentre gli inglesi andavano via, respinti dai difensori, ha urlato di L’attacco aspettarlo e dargli il tempo di raggiungerli. Un altro, in braccio al padre, gli ha chiesto “perché si sparano, non lo sanno che non si fa la guerra?”. Dopo la cerimonia d’onore venerdì sera, gli ‘inglesi’ hanno preso possesso della città con canti e musiche. Ieri durante la mattina e il pomeriggio, hanno inscenato due azioni distinte; ieri sera c’è stata una ricostruzione dello sbarco e degli scontri con le truppe franconapo-

Lo scontro tra le due truppe

Una passione che richiede impegno, “come tutti gli hobby”, secondo uno dei partecipanti, ma che li porta in giro per il mondo a rievocare le gesta degli inglesi. Il loro è anche un impegno molto serio, che richiede prove e, per chi impersona i militari, un vero e proprio addestramento e il conseguimento del porto d’armi. E anche un lavoro di ricerca storico, nella ri-

costruzione dei costumi e delle armi, come i cannoni che ieri pomeriggio hanno campeggiato nel porto, ricostruiti fedelmente. Il Litorale nord di Termoli ieri sera ha ospitato di nuovo uno sbarco Nelle parole de-

gli organizzatori, arrivati da tutt’Italia e dall’estero, non si nasconde la gioia di partecipare a questi eventi e la speranza di poterli ripetere, ancora, specie per il bicentenario dell’attacco del 1813. P.C.

Un soldato morto durante la battaglia

La musica jazz del ‘The Fly Trio’ incanta piazza Duomo Gremita piazza Duomo per la terza giornata del Fe-

stival dell’Adriatico che si è svolta venerdì in un caloroso borgo antico. Anche questa serata, che ha avvicinato tantissimi appassionati di musica, nonchè numerosi turisti e passanti, ha lasciato senza parole. La serata ha visto l’esibizione del gruppo americano The Fly Trio. I tre musicisti, che durante la loro carriera hanno collaborato a progetti musicali eccellenti con artisti di grande calibro, hanno incantato il pubblico con la loro musica Jazz riscuotendo successo e suscitando emozioni nei presenti. Nel

corso della serata un momento è stato dedicato a Nicola Di Pardo, noto poeta termolese, che con le sue poesie in vernacolo ha re-

galato un soffio di lirica agli spettatori. Insomma, un Festival che ogni anno conferma le aspettative dei termolesi. S.G The Fly Trio


Domenica 24 luglio 2011

21

Le associazioni ‘Kimera’ e ‘Lino Lapenna’ hanno organizzato la proiezione con il regista Manfredonia

Un po’diTermoli in Qualunquemente Alla realizzazione del film hanno collaborato due giovani termolesi e un imprenditore “Il paese rischia la legalità”: è già in questo allarme il senso di “Qualunquemente”, negli stereotipi di una calabriameridione-italietta ancorata all’evasione fiscale, ai poteri paralleli, ai giornalisti asserviti al padrone. Nel film, la politica è un dare-avere per sistemare parenti e amici, un parco giochi per sfogare i pruriti, ma è anche una guerra tanto seria da far sacrificare qualsiasi cosa, anche le più sacre, all’obiettivo da raggiungere. Da questo punto di vista, la storia è, in certi tratti, di una durezza agghiacciante e di una amarezza profondissima. Di questo e del saperlo raccontare con un sorriso, anche se amaro, si è discusso venerdì sera, grazie ai circoli ‘Kimerafilm’ e ‘Lino Lapenna’ che hanno organizzato la proiezione della pellicola, al A seguito delle difficoltà economiche in cui molti cittadini termolesi si sono venuti a trovare, il Gruppo di Minoranza di Centro Sinistra ha messo, nero su bianco, una mozione urgente da presentare al prossimo consiglio comunale sottolineando che “le difficoltà investono soprattutto le giovani generazioni e le famiglie già consolidate, al punto questo di mettere in discussione la coesione sociale”. Tenedo poi in considerazione che “per attenuare il grave stato di disagio sono stati già presi dei provvedimenti a livello nazionale, regionale e locale molto spesso non coordinati tra di loro e in ogni caso insufficienti, parziali e temporanei quali ad esempio: il ricorso alla cassa integrazione straordinaria, la

termine della quale si è potuto discutere con Giulio Manfredonia, regista del film. Introducendo il dibattito, Fabio Mastropietro ha messo in luce la valenza didattica della satira, capace di svelare le bugie dei potenti. “Rimane l’amaro in bocca per l’attualità del film”, ha continuato, anche se la storia è costruita su paradossi e, è stato ripetuto in più occasioni, non è parodia della cronaca, nonostante a volte la realtà sia andata oltre ogni fantasia cinematografica. Infatti il regista ha confermato che

uno dei punti di forza di “Qualunquemente” è il suo essere risultato trasversale rispetto agli schieramenti politici: il personaggio, nato per essere surreale, a tinte quasi fumettistiche, è stato riconosciuto di volta in volta somigliante all’avversario politico di turno, tanto di destra quanto di sinistra, a riprova che “vizi privati e pubbliche virtù” non hanno bandiere. ‘Castigat ridendo mores’: la stira corregge i costumi deridendoli, ma è tanto più potente l’effetto se l’ironia è riconoscibile non solo a

Il regista (secondo da destra) durante la discussione dopo la proiezione

livello nazionale, ma anche locale, com’è avvenuto con l’opera di Manfredonia. A quanto pare le elezioni pullulano di Cetto La Qualunque e dei suoi scherani un po’ ovunque. E nel film c’è un po’ di Termoli, non solo per i legami personali del regista con la cittadina molisana, ma anche perché sono stati coinvolti, oltre a Vincitorio che ha fornito la sua linea di occhiali, due giovani termolesi: Pierfrancesco Citriniti, assistente alla regia, al quale Manfredonia ha affidato, talvolta, la macchina da presa e Salvo Di Falco, addetto al casting. Manfredonia, cresciuto tra pellicole e luci, perché nipote del regista Comencini, si è reso disponibile ad una conversazione a proposito del lavoro con gli attori, della bella collaborazione di vecchia data con Albanese e dei progetti futuri, della possibilità di realiz-

Difficoltà economiche per i giovani, la minoranza stila una mozione per il prossimo Consiglio dilazione dei ratei di mutuo, il ricorso per le imprese a nuove forme di garanzia al credito e agli istituti di credito, il sostegno al pagamento del canone di affitto per le famiglie in difficoltà; nella straordinarietà della situazione, il nostro ruolo di amministratori locali ci obbliga ad intraprendere, per quel che ci compete, provvedimenti urgenti sulla nostra azione di bilancio e di promozione di altre iniziative in concertazione con altri enti ed istituzioni”, i consiglieri Paolo Marinucci, Daniele Paradisi, Filippo Monaco, Antonio Russo, Giacomo Mario Di Blasio, Francesco Caruso ed Antonio Giuditta, chiedono al Sindaco Basso

Antonio Di Brino e tutta la Giunta comunale di “presentare i seguenti provvedimenti attraverso una serie di atti amministrativi straordinari che intervengano sul bilancio: provvedimento straordinario di esenzione totale dell’addizionale comunale sull’IRPEF per i cittadini che si sono trovati in condizione di cassa integrazione straordinaria e successivamente in mobilità, aumento sino all’aliquota massima dell’addizionale per le persone che hanno complessivamente un reddito annuo superiore ai 66 mila euro. Le valutazioni dovranno comunque tenere conto dei parametri patrimoniali e finanziari di carattere familiare se-

condo i conteggi ISEE. Detta applicazione tiene conto del d.lgs. n. 360/98. Valutazione dei ruoli Irpef comunali in concorso con l’ufficio delle entrate e per avviare lotta all’evasione. Riduzione totale dell’addizionale comunale sull’energia elettrica per gli intestatari contrattuali che sono componenti di quelle famiglie che si trovano nelle condizioni di cui al punto 1 primo paragrafo; riduzione tariffaria dei servizi erogati a livello comunale: retta scuole materne, retta asili nido, trasporto scolastico, mensa scolastica, acquisto materiale educativo e formativo; inserimento nelle tariffe di acqua, depurazione e tarsu

zare una prossima opera in Molise, rispondendo ad un pubblico incuriosito e attento, a cui non è sfuggito uno dei messaggi portanti: La Qualunque vince, nonostante l’illegalità, l’ignoranza, la volgarità, perché tutti si adattano a lui,

in un gioco di colori che si traduce in un appiattimento al livello “ancestrale, quasi animalesco” che non ha più nulla del bene comune ed è solo un modo per tirare avanti, avendo di mira il tornaconto personale. P.C.

Nasce la Sind.A.Co, associazione di commercianti che vogliono ridare vita alle proprie attività Nove commercianti hanno deciso di concretizzare le proprie idee fondando una nuova associazione: la Sind.A.Co. Un’iniziativa che vuole rispondere alla tanto discussa situazione di crisi economica partorendo tante occasioni di lavoro per dare nuovo vigore ad un settore che ormai risulta essere in evidente difficoltà. Maniche rimboccate, dunque, dallo scorso 30 giugno, giorno in cui la novella associazione ha visto la luce. Un’importante occasione anche per rispondere alle numerose chiusure di attività commerciali verificatesi negli ultimi tempi nella città costiera.“Ri... prendiamoci il nostro futuro”. E’ questo il motto che con grinta i nove commerciati sono pronti a gridare a squarcia gola prima di scendere in campo per ridare nuova linfa vitale alle proprie attività, figlie delle loro fatidi ruoli tariffari agevolati per che e dei loro sacrifici. “L’asgli intestatari contrattuali che sociazione – spiega del Presisono componenti di quelle fa- dente Tonio Cuculo – ha come miglie che si trovano nelle scopo quello di riunire tutti gli condizioni di cui al punto 1 imprenditori commerciali, tuprimo paragrafo; istituire un ristici, artigianali e l’intero tavolo di concertazione con le tessuto economico di Termoli organizzazioni del commer- e di tutto il Basso Molise. Orcio e le attività commerciali mai siamo consapevoli che bi(soprattutto le grandi distribu- sogna agire in prima persona. zioni) in modo da trovare le Le delegazioni, le organizzamodalità, in modo permanen- zioni e persino le istituzioni te, per la costituzione di un pa- fino ad oggi non sono riuscite niere di prodotti “di uso ne- ad innescare nessun processo cessario e quotidiano” che ab- per migliorare la situazione atbia prezzi scontati e accessi- tuale dei commercianti e noi bili per quelle famiglie che si abbiamo deciso di riunirci per trovano nelle condizioni di cui affrontare il problema e ceral punto 1 primo paragrafo; care la giusta e definitiva soTutte queste tematiche, do- luzione. Vedere una città turivranno essere confrontate con stica come Termoli che perde le organizzazioni sindacali, le fonti principali di attività territoriali e quelle di rappre- economica è un segnale forte sentanza aziendale per costru- che deve raggiungere tutti i ire una base comune di lavo- settori”. ro. gdp


Non ce l’ha fatta l’avvocato di Larino Nino Carnevale Caprice. E’ spirato ieri pomeriggio al San Timoteo

Cade dallo scooter, muore 55enne Era stato operato d’urgenza: le sue condizioni erano apparse da subito critiche di Naide Fiscarelli Non c’è stato nulla da fare per salvare la vita di Serafino Carnevale Caprice, per tutti Nino, noto avvocato di Larino di 55 anni, coinvolto in un incidente nella notte tra venerdì e sabato sulla statale 87, vicino al bivio per Ururi. Il suo cuore ha smesso di battere ieri pomeriggio intorno alle 18, dopo ore di agonia trascorse nel reparto di Rianimazione dell’ospedale San Timoteo di Termoli. Troppo gravi le ferite riportate in seguito al terribile impatto avvenuto intorno all’una e mezza di notte, mentre a bordo del suo maxi scooter, stava facendo ritorno nella sua abitazione in via Giulio Cesare.

Arrivato al bivio di Ururi, a causa forse di un malore o semplicemente della stanchezza, ha perso improvvisamente il controllo del mezzo che stava guidando. Il terribile impatto contro i cartelli stradali lo ha sbalzato dalla sella, facendolo finire in un campo circostante. E’ stato un passante a vederlo di lì a poco

Troppo gravi le ferite riportate dopo l’incidente

e a chiamare i soccorsi. Sul posto anche la Polizia Stradale di Larino che ha effettuato i primi rilievi. L’uomo è stato trasportato immediatamente al Pronto Soccorso dell’ospedale Vietri di Larino, dove è arrivato intorno alle 2 e trenta. Ma i medici si sono accorti subito che le sue condizioni erano gravi: l’impatto gli aveva provocato un trauma cranico, una perforazione del torace e varie fratture alle costole. Il paziente aveva bisogno di essere rianimato. Ma

come è noto, il reparto di Rianima- Nino Carnevale Caprice zione al Vietri purtroppo non è stato mai attivato e così il paziente è stato immediatamente trasferito al San Timoteo. Qui è stato sottoposto ad un intervento d’urgenza e ricoverato nel reparto di Rianimazione. I medici non hanno mai sciolto la prognosi, valutando le sue condizio- anche la carica di presidente ni molto gravi. Fino al tragi- della Commissione Tributaria co epilogo di ieri pomerig- di Isernia e di insegnante di gio. Dopo aver lottato contro diritto all’Istituto Alberghiela morte per parecchie ore, ro di Termoli. Nino Carnevale si è arreso. L’avvocato lascia una moOl tre ad essere un brillante avvocato, che si occupava di cause penali e civili, Nino Carnevale Caprice, ricopriva

Il dolore immenso dei collaboratori e degli amici di una vita

Il collega più vicino: “Ho sperato fino all’ultimo che si salvasse” E’ stato accanto a lui e vicino ai parenti, dall’inizio alla fine della sua agonia in ospedale. E’ il giovane collega ed il collaboratore a lui più vicino. Lavora presso lo studio legale larinese di Nino Carnevale Caprice in via Giulio Cesare. La vicinanza nel lavoro ha fatto nascere una sincera

amicizia tra i due. E’ stato uno dei primi a sapere della sua morte, mentre era in attesa di notizie al San Timoteo. Il dolore per la perdita naturalmente è molto forte e non trova le parole per esprimerlo. Ma è possibile immaginare come si sente chi ha perso una guida forte nel lavoro ed al tempo

stesso un amico. Costernato, addolorato ed attonito. “Non ce l’ha fatta”, sono state queste le sue uniche parole. Insieme alla famiglia aveva sperato fino all’ultimo che potesse salvarsi. Affranti anche gli amici di una vita, come il dottor Rino Trivisonno, che ci ha gentilmente concesso la foto

che abbiamo pubblicato in apertura. Una foto che lui stesso gli aveva scattato, proprio di recente.

Il ricordo di chi gli voleva bene

glie, un fratello e una sorella. Gli amici e i colleghi di lavoro si stringono attorno alla famiglia, colpita dal grave lutto. Di fronte ad una morte tragica il silenzio ed il dolore sono le uniche risposte sensate. Eppure una domanda assilla le menti di chi ha assistito fino all’ultimo Nino Carnevale: forse il tempo trascorso per il trasferimento alla Rianimazione del San Timoteo gli è stato fatale? Se fosse stata disponibile la Rianimazione al Vietri le cose sarebbero andate diversamente? Nessuno potrà sciogliere questo dubbio, ma è atroce.

Il presidente D’Errico: amici sin da ragazzi Musacchio: un lavoratore

Non può che lasciare tanta amarezza e disorientamento l’improvvisa scomparsa di Serafino Carnevale, anche in coloro che lo consideravano un collega di lavoro e nello stesso tempo un grande amico. “Sono costernato – ha affermato il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Larino, Marco D’Errico, a poche ore dalla tragica notizia – ci conoscevamo da quando eravamo ragazzi. Con lui c’era un ottimo rapporto, parlavamo di tutto, anche di politica. Grande persona, è sempre stato un uomo impegnato in senso civile”. Al dolore dei colleghi si unisce il segretario del Consiglio dell’Ordine, Nicolino Musacchio, per il quale Serafino era “un grande amico, un ottimo lavoratore e un vero uomo di cultura”. “Mancherà a tutti – ha detto – lo ricorderemo per la sua brillantezza e vivacità”.


DOMENICA 24 LUGLIO 2011

ANNO XIV - N. 202

VIA ANDREA DA CAPUA, 6 - TEL. 0875/707896 - FAX 0874/730606

REDAZIONE 86039 TERMOLI

“Promuovere gli eventi estivi caratterizzanti per dare corpo a una concreta offerta turistica e ricettiva”

Stop ai campanilismi: Comuni amici Per la prima volta gli assessori alla Cultura fanno rete con le manifestazioni Stop ai campanilismi, spazio alla rete di manifestazione tra i centri del territorio. Non era mai successo, ma questa volta si muove un primo passo concreto. Gli assessori alla Cultura dei comuni di Bonefro (Claudia Lalli), Colletorto (Michelina Spina), Larino (Massimo Starita), Montelongo (Domenico DeMichele), Rotello (Antonietta Campolieti), San Giuliano di Puglia (Antonietta Ritucci) hanno deciso di fare squadra e presentano per la prima volta un programma unico delle attività culturali estive denominato Eca, Eventi Comuni Amici. Un cartellone ricco di eventi che pone come obiettivo la qualificazione delle proposte culturali e ricreative e la valorizzazione delle risorse paesaggistiche, artistiche e culinarie.

Bonefro, uno dei paesi coinvolti nel progetto

Questi i principali obiettivi che hanno motivato l’azione comune: “Intendiamo, affermano i giovani assessori, promuovere gli elementi caratterizzanti del nostro territorio per dar corpo ad una concreata offerta turistica, riscoprendo potenzialità a volte nascoste e a

volte non conosciute a pieno. E’ il primo passo di un percorso che mira ad unire le forze e le risorse per migliorare la qualità dei servizi ai cittadini nel rispetto della tipicità insieme all’amore per la nostra terra”. Dunque cinque giovani assessori che tornano ad inve-

stire nel settore della cultura con un progetto ambizioso teso a creare sistemi culturali in rete e in grado di attirare turismo di nicchia con eventi di qualità e di varia natura. Il programma parte il 19 luglio con “Frammenti di Teatro” rassegna interregionale di teatro dialettale nel comune di Colletorto, nel fantastico scenario di Villa Zappone nel comune di Larino il 21 e il 22 luglio si svolgerà la manifestazione di CORTinCentro, concorso nazionale cortometraggi, a Rotello invece il 28-29 luglio la prima edizione del “Concorso band emergenti”. E ancora, dal 5 al 19 agosto nel Comune di Montelongo si possono degustare i piatti della nostra terra con “Le serate enogastronomiche delle Contrade”, 8-9-10

Il corso di San Giuliano di Puglia Diverse le iniziative inserite nella rete dei paesi del territorio con i loro assessori

Bonefro tornerà ad essere la terra del Rock con la manifestazione “Bonefro Rock Festival”, il 12 agosto il comune di San Giuliano di Puglia ospiterà il concerto di Antonella Ruggero (Progetto Passaggi Sonori) e tanti

altri appuntamenti. Un estate ricca di eventi dunque che ci vedrà spettatori di molte interessanti manifestazioni visitando e riscoprendo le ricchezze e l’ospitalità dei nostri Comuni Amici.

La struttura apre con una mostra molto significativa ideata da Luigi Mastrangelo

PM2: parte il centro espositivo di Bonefro Il vicesindaco, Claudia Lalli: “Un progetto ambizioso che coniuga tradizione e modernità” BONEFRO. Il 7 Agosto a Bonefro apriranno le porte del nuovo “Palazzo Maucieri Museum”. Una struttura espositiva che nasce nei locali del vecchio orfanotrofio comunale. “E’ un progetto ambizioso e importante per la nostra comunità – afferma Claudia Lalli, assessore alla cultura – avremo una struttura ampia, capace di accogliere in maniera coordinata sia gli elementi della nostra tradizione artistica e culturale sia opere della contemporaneità“. Già dal marchio che identificherà la struttura si evin-

ce questa doppia dinamica che tende a coniugare tradizione e innovazione. La struttura verrà denominata attraverso un acronimo scientifico: PM2 “anche sul lato della comunicazione – continua l’assessore Lalliabbiamo voluto dare un imprinting molto contemporaneo mantenendo però il nome tradizionale del palazzo. PM2 assomiglia alla formula scientifica dell’energia, può apparire come una sigla economica, ha gli standard della modernità ma in sè porte il nome del nostro antico

Nei locali del vecchio orfanotrofio del paese prende forma una proposta eccezionale benefattore Maucieri, cui è giusto continuare a rendere omaggio. Con il centro espositivo ci poniamo l’obiettivo

di far parlare la tradizione con l’innovazione”. L’inaugurazione, prevista per il 7 agosto, alle 21 e 30

vedrà la mostra d’arte contemporanea “Cover” ideata da Luigi Mastrangelo. “Coniughiamo, - continua l’as-

Colletorto, dieci anni fa la scomparsa del parroco don Giovanni Vecere COLLETORTO. In paese lo ricordano tutti anche se poco si è fatto per ricordarlo. Dieci anni fa don Giovanni Vecere, sacerdote benemerito, raggiungeva la Casa del Padre. Per tanti anni è stato parroco di Colletorto, al centro della vita della comunità parrocchiale, di un intero paese. Numerose le attività promosse, sostenute da don Giovanni:

24

dalle tante tradizioni legate ai riti religiosi, alla radio Angioina, alla Pia Unione (che porterà il suo nome), alla “Buona Parola”, il giornalino che ancora oggi raggiunge duemila famiglie nel mondo e rappresenta l’unico legame cartaceo tra Colletorto e il mondo. Attività a parte, don Giovanni è stato una persona buona, generosa, disponibile, di certo non è andato d’accor-

do con tutti, come le esperienze raccontano, ma senza troppe interpretazioni, ha rappresentato una delle poche persone che hanno davvero fatto qualcosa per il paese. Nessun dubbio su questo e i ricordi, tra mille episodi, parlano per chi non vuole sentire. Anche una semplice telefonata dal quel 730226 verso le tante case per fare gli auguri di compleanno rientrava in un

modo di fare di un sacerdote unico. Monsignore, il “titolo” che precedeva il suo nome e cognome. Se quel busto donato dalla comunità della Casa del Fanciullo di Imola resta un segno lasciato da chi lo ha conosciuto all’inizio del suo servizio, la comunità di Colletorto deve fare qualcosa in più per ricordare il suo impegno. Anche una strada, come qual-

cuno disse all’indomani della scomparsa in un Consiglio comunale.

Don Giovanni Vecere sacerdote benemerito di Colletorto

sessore alla cultura- con questa mostra d’arte, che sarà il fulcro contenutistico per il centro espositivo permanente, il legame di Bonefro con il rock. La mostra, ideata da Mastrangelo, infatti traspone nell’arte visiva un principio proprio della musica contemporanea. In questo modo creiamo sinergie con i vari elementi culturali della nostra comunità”La sera dell’inaugurazione prevede anche un concerto musicale e la partecipazione attiva dello sponsor “Promotour Service Molise” con servizi legati all’intrattenimento.


ANNO XIV - N. 202

DOMENICA 24 LUGLIO 2011

REDAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL 0874/484623 - FAX 0874/484625

Martedì si parte per il ritiro di San Gregorio Magno

Il 4-3-3 di Provenza è quasi disegnato All’appello mancano un difensore e un esterno destro CAMPOBASSO. A due giorni dalla partenza per il

ritiro di San Gregorio Magno, il Campobasso è ormai fatto per circa l’ottanta per cento dell’organico. All’appello mancano ancora un difensore centrale senior e un esterno alto a destra. E potrebbe arrivare anche un altro centrocampista. In attesa di Nicola vedere all’opeProvenza ra la squadra

nelle prime amichevoli stagionali, proviamo a disegnare la formazione rossoblu con il 4-3-3 di Provenza. Tra i pali l’ex Salernitana Rino Iuliano è chiamato a dare quel pizzico di esperienza al reparto arretrato. Come detto, manca un centrale che possa affiancare il classe ‘92 Fatticcioni: la trattativa con Gritti (ex Pergocrema) sembra riaperta e la firma potrebbe giungere nelle prossime ore. Sugli esterni potremmo vedere Samuele Modica a destra e Roberto Masullo a sinistra (o il ‘93 Esposito).

Il trio di centrocampo sarà guidato dall’ex Lazio Alberto Quadri, il quale sarà impiegato alla ‘Pirlo’, cioè da regista basso davanti alla difesa. Ai suoi fianchi Diego Cenciarelli e Marco Giannattasio. Infine l’attacco: Provenza ha dichiarato di volere a tutti i costi un’ala destra, ma in quel ruolo attualmente ci sarebbe Todino che sembra dare sufficienti garanzie. Il ‘condor’ Balistreri dovrà recitare il ruolo del ‘cecchino’, l’ex Gela Simone D’Anna è pronto a dargli una mano fattiva.

L’ORGANICO ROSSOBLU Portieri Rino IULIANO (1984, Salernitana) Luigi SPLENDIDO (‘92, di proprietà) Francesco FALCONE (‘91, Angri)

Marco DE SOUZA (‘93, di proprietà) Emanuele CALAMAIO (‘91, di proprietà) Attaccanti Pietro BALISTRERI (comproprietà con la Ternana)

Difensori Alessio FATTICCIONI (‘92, Fiorentina) Carmine ESPOSITO (‘93, Juventus) Samuele MODICA (‘91, Livorno) Roberto MASULLO (‘92, Salernitana) Pierluigi SCUDIERI (‘90, di proprietà) Donato POSILLIPO (‘89, di proprietà) Centrocampisti Alberto QUADRI (‘83, Chernomorets Burgas) Diego CENCIARELLI (‘92, Fiorentina) Marco GIANNATTASIO (‘91, Reggina) Gianfranco FASSARI (‘92, Reggina) Cosimo FORGIONE (‘92, Reggina) Daniele CIRILLO (‘90, Salernitana) Albino FAZIO (‘90, di proprietà) Esterni d’attacco Simone D’ANNA (‘90, Fiorentina) Giuseppe TODINO (‘85, di proprietà) Andrea SIVILLA (‘86, di proprietà)

Lega Pro: Tricarico alla Paganese L’Avellino ingaggia Noschese La Paganese comunica di aver ingaggiato il difensore Pietro Sicignano, classe 1988, e di aver trovato l’accordo con il centrocampista Andrea Tricarico, nato a Cetraro nel 1983. Altro colpo di mercato messo a segno nella giornata di ieri dal Melfi. E’ stato infatti ufficializzato l’acquisto in compartecipazione dalla Sampdoria del centro-

campista, classe 1991, Nicola Muratore, già capitano della Primavera nella squadra blucerchiata. L’Avellino si è assicurato le prestazioni di Michael Noschese, esterno di centrocampo classe ’91. Il giocatore, la passata stagione 7 reti in 31 gare con la Civitanovese in serie D (girone F), è cresciuto con le giovanili del Cesena dove ha giocato

per nove anni ricoprendo il ruolo di punta. La Vigor Lamezia ha ufficializzato l’arrivo dall’Alessandria del difensore Andrea Tomassoni, classe ‘92. Per lui un contratto fino a giugno 2012. Intanto, a Cava de’ Tirreni, è corsa contro il tempo per la colletta in vista dell’iscrizione nel campionato di Eccellenza.

Brandoni preparerà il Trivento L’Atletico Trivento prende a titolo temporaneo dal Pescara il portiere classe ‘92 Gabriele Celi. Nella passata stagione è stato in prestito al Pisoniano, squadra d’Eccellenza laziale. Inoltre la società gialloblu ha deciso di puntare sul preparatore atletico Walter Brandoni, ex Campobasso lo scorso anno e già partner di mister Agovino ad Agnone.

I capelli di Paolucci e la tristezza di Cosco di Gennaro Ventresca Delle volte si sbaglia. Si prendono delle cantonate. Meglio ammetterlo. La mia cantonata si chiama Selva Piana. Nel senso di stadio, non certo di contrada, verso la quale nutro solo simpatia e confidenza, vista la vicinanza a casa mia. Dal momento che sono passati 26 anni e nessuno si è sognato di dare un nome allo stadio, per comodità lo continuiamo a chiamare con il nome della contrada dove sorge. Anche per non riaprire la vecchia polemica: Romagnoli o Scorrano? Ma lasciatemelo dire: ma dove vogliamo andare se non è bastato più di un quarto di secolo per dare il nome a un impianto? *** Molti anni fa avevo spiegato ai miei (tanti) telespettatori di Telemolise l’urgenza di costruire un nuovo stadio, per meglio cavalcare il successo della nostra squadra, guidata con padronanza da Tonino Molinari che aveva in mente la dotazione delle strutture sportive nel capoluogo, in vece di quelle malandate che c’erano ( e ci sono). *** Quando Molinari una sera ci convocò con una semplice telefonata nell’elegante sede di via De Attellis per mostrarci il disegno del nuovo stadio non stemmo nella pelle. E ci mettemmo a sognare, riempiendolo di gol e di gente quello stadio che pensavamo dovesse essere solo il punto di partenza per arrivare chissà dove. Ricordo che la notte, per la felicità, feci fatica a prender sonno. Così dal giorno dopo non ci fu spazio televisivo dedicato allo sport che non utilizzassi per sensibilizzare l’opinione pubblica a parteggiare per la costruzione del manufatto. Feci lo stesso sui giornali che ospitavano i miei scritti, compreso CB GOAL, il primo foglio da stadio, costruito assieme a Liberato De Filippis, a i tempi di Gigino Falcione che ospitava le caricature di Tonino Perrone. In tanti mi vennero dietro, compresi gli amministratori comunali che votarono all’unanimità. *** Come sono lontani quei tempi: ultimamente il nostro stadio vive momenti di profonda tristezza non solo per i modesti risultati della nostra squadra, ma principalmente per le mutilazioni che è costretto a subire, per ridurre la sua capienza da 26mila posti ai 4.000 di oggi, imposti dal decreto Pisanu. Come dire che il nostro impianto, per ragioni di sicurezza e di alti costi gestionali è stato ristretto di sei volte e mezzo. E i posti che sono rimasti bastano e avanzano non solo per questo campionato, ma anche per quelli successivi. Perché non se ne parla di rivedere il gran calcio che per noi molisani deve essere considerato una costosa e unica parentesi. *** Attraverso i miei canali d’informazione di cui disponevo mi sono messo a cantare le lodi prima di Falcione e poi di Molinari, tralasciando di esaminare la realtà. Senza pormi neppure per un attimo il problema: ma in una città di appena 50 mila abitanti a cosa può servire uno stadio capace di mettercene dentro contemporaneamente una metà? I calci d’angolo mi avevano annebbiato la vista. Succede così anche ai giocatori di casinò e a quelli che hanno preso l’abitudine di farsi le canne e di mettersi a sniffare. Ci sono certe cose che ti fanno andare di testa. E io, lo ammetto, andai fuori di testa, ubriacandomi ogni giorno di più del mio Campobasso. *** Passeggiando sulla riva, in direzione Pescara, ho appena incrociato l’allenatore Paolucci. Teneva in braccio un bel bambino (figlio o nipote?) e sfoggiava una pettinatura da far invidia a Beckham, contenente anche una spruzzata di mesces. Era felice l’ex allenatore rossoblu, per aver trovato una squadra di Lega Pro, dopo una stagione passata a fare il disoccupato. Da tempo non ho avuto il piacere di incontrare Vincenzino Cosco che aspetta fiducioso di trovare una squadra (L’Aquila?). La vita è strana: non sempre premia le persone più meritevoli.

25


26

Domenica 24 luglio 2011

Si vorrebbe concretizzare la proposta lanciata dal manager Antonio Arcaro

Venafro, idea polisportiva Prende piede la possibilità grazie a un gruppo di imprenditori di Marco Fusco L’idea Polisportiva non è nuova per l’ambiente sportivo venafrano. E’ già presente nei programmi della “Scarabeo calcia a 5” ma ora si vuole aprire un nuovo ciclo, a beneficio di tutte le società e associazioni che praticano le varie discipline sportive su tutto il territorio venafrano . E’ quella idea che ha portato a un recente tavolo di confronto Antonio Arcaro, uno dei più accreditati manager a livello nazionale. Un’idea che non si vuole far cadere nel vuoto. Ed ecco che un gruppo di imprenditori è pronto a dare concretezza a questo progetto targato Arcaro. La causa sarà sposata da subito dall’Amministrazione comunale e questa volta a condurre le operazioni sarà direttamente il sindaco di Venafro Nicandro Cotugno. “Sarei disponibile a mettere a disposizione della comunità la mia esperienza per portare avanti il discorso della polisportiva, atteso che da qui a poco la città di Venafro potrebbe contare su nuovi impianti sportivi. Se riuscissimo a concretizzare questa idea, beh i vantaggi sarebbero per tutti, anche sul piano economico ed occupazionale”. Queste le prime dichiarazioni di Antonio Arcaro intorno a questa possibilità che sta prendendo piede. L’Amministrazione comunale di Venafro dovrebbe mettere a disposizione tutti gli impianti cittadini, favorendo così la nascita di questo nuovo soggetto pronto a garantire un servizio di grande ricaduta sociale. Dal calcio al calcio a 5, dal basket alla pallavolo, dal tennis all’atletica, al nuoto passando anche per altri sport cosiddetti minori. Una polisportiva con una logica aziendale per “governare” i nuovi processi. Una po-

lisportiva che sappia creare sintesi tra tutte le anime che popolano lo sport in genere a Venafro. Pensate: a breve la città di Venafro sarà dotata di un impianto di ultima generazione. Stiamo parlando della costruenda piscina comunale in località Capanna. E ancora: stanno andando avanti i lavori per la nuova palestra e un auditorium presso il liceo classico in via del Carmine. E non è finita. A pochi chilometri da Venafro, a Pozzilli per la precisione., domani il gruppo Scarabeo presenterà il progetto esecutivo del nuovo Palasport, un’altra mega struttura che sarà a servizio di unì’intera area a ridosso della provincia di Caserta. In più la città ora può disporre della palestra del “Giordano”, ampia e ben attrezzata. Campetti dislocati su più punti, lo stadio “Marchese del Prete” e il palazzetto dello sport in via Pedemontana. Il gruppo di imprenditori pronto a sostenere l’idea della polisportiva, vorrebbe lavorare da subito intorno a un’idea pilota . E lo farà con un gruppo ristretto che per tutta l’estate lavorerà su un progetto da presentare in grande stile a settembre o prima della fine dell’anno. L’improvvisazione, il dilettantismo nel portare avanti le società sportive, saranno messi al bando. Investimenti certi per arrivare a rispondere compiutamente a quanto scritto nel sito della regione Molise, assessorato allo sport: “La Regione Molise promuove l’attività sportiva e diffonde un’idea rinnovata di sport incentrata sulla socializzazione, sullo “stare insieme”, e sul benessere individuale e collettivo. L’impegno della Regione è volto alla realizzazione di una pratica sportiva educativa, che rappresenti un contributo rilevan-

te allo sviluppo dell’individuo, che concorra alla formazione di una personalità armonica ed equilibrata e che ponga le basi per un’apertura a valori più alti quali la cultura, la partecipazione sociale e la promozione dello sviluppo dei Riccitiello con Gabrirele Scarbeo cittadini. Le poe l'imprenditore D'Appollonio litiche promosse dalla Regione in questo ambi- raccontando il Molise, la sua to mirano da sempre ad una gente, le sue tradizioni e che promozione sportivo-turistica valorizzi le risorse paesaggiche esalti i valori dello sport stiche ed ambientali, di soste-

gno all’occupazione e allo sviluppo economico e sociale del territorio. Tali obiettivi sono perseguiti attraverso:la costru-

zione, l’ampliamento, l’attrezzatura ed il miglioramento di impiantistica sportiva; la sponsorizzazione di attività sportive e di organismi sportivi che partecipano a manifestazioni e a campionati nazionali o internazionali nonché interregionali; contributi, incentivi e finanziamenti alle società, agli enti e alle associazioni sportive per la realizzazione di manifestazioni ed eventi volti alla diffusione della pratica sportiva” . Tutto questo si vuole fare a Venafro, così come si fa già in altre parti della regione. Una sfida nuova che Arcaro ha voluto lanciare e che ha trovato già terreno fertile.

Contributi, emessi i mandati ‘provvisori’ Al Campobasso 70mila euro dalla Regione Finalmente ci siamo! Proprio così. La Regione, settore assessorato allo sport, sta liquidando i contributi per la stagione passata, contributi riconducibili alla legge 7 del 2001, a tutte le società aventi diritto per le attività agonistiche svolte e certificate. La pratica ha suscitato tante polemiche, per la lungaggine burocratica e addirittura qualcuno parla di settembre come liquidazione certa. A sconfessare chi mette in giro queste voci destabilizzanti ci pensa la dottoressa Petrollini, dirigente capo del settore di competenza, che ha lavorato sodo per arrivare a liquidare prima della parentesi agostana, tutte le pratiche che giacevano da quasi un anno. “Ora possiamo dire a voi del Quotidiano che avete seguito passo passo le vicissitudini del mio ufficio, che abbiamo appena emesso i mandati provvisori. Quelli definitivi ovviamente li emetterà la ragioneria ma ora è tutto sistemato.” Il procedimento dunque è stato chiuso, non manca più nulla. Notizie che giungono direttamente da Palazzo Moffa e che sicuramente saranno accolte da tutte le piazze molisane interessate allo sport, con grande soddisfazione. Società, presidenti e dirigenti di squadre possono così tirare un bel sospiro di sollievo. A Venafro, sul fronte calcistico, come tutti sanno, con questi soldi si salverà un’intera stagione. Almeno si spera… La legge numero 7 è stata rifinanziata con qualche soldino in più rispetto al passato. Sono stati scelti nuovi criteri per la distribuzione dei fondi alle squadre che hanno presentato domanda secondo quanto prevede la legge. C’è stato da stabilire il quantum per il Campobasso calcio e il quantum per le squadre che disputano il campionato interregionale

di serie D (Bojano, Agnone, Trivento, Venafro e Capriatese ndr). Lo scoglio più difficile che è stato superato è quello dell’ultima legge finanziaria che vieta, di fatto, agli enti locali di poter sponsorizzare eventi sportivi. La giunta regionale così è stata costretta per così dire a trovare un’escamotage per parlare di contributi e non i sponsorizzazioni. Una nuova delibera, nuove sedute di giunta e così si è arrivati a fine luglio. Si è riusciti ad attenere questo risultato, grazie all’azione del presidente della giunta regionale Michele Iorio che ha la delega allo sport. Grazie a Iorio sono state superate tutte le difficoltà in tempi ragionevolmente brevi. Ma quando otterranno le squadre di calcio dalla regione con la legge 7? E’ presto detto. In tutto, solo alle squadre di calcio sono stati assegnati contributi per circa 428 mila euro. E così, in base ai nuovi criteri, al Campobasso calcio del patron Capone sono stati assegnati ben 70 mila euro. Alle squadre che hanno disputato il campionato di serie D, precisamente: Venafro, Agnone, Bojano, Trivento e Capriatese, sono stati assegnati 30 mila euro. Cifre importanti come si vede, soldi che rappresentano per molti manna dal cielo! I contributi, poi, sono stati assegnati anche società di altri sport: pallavolo calcio a 5, bascket, tennis tavolo, calcio femminile. Si va da un massimo di 20 mila euro a un minimo di 3 mila euro. Alla Volley Isernia, vista l’importanza del campionato, sono stati assegnati 50 mila euro. Una distribuzione a pioggia dunque che salva tante situazioni societarie. Almeno è questa la sensazione che si registra tra gli addetti ai lavori. Soldi insomma benedetti da tutti! M.F.


Domenica 24 luglio 2011

27

Il tecnico Mauro Ponsanesi parla anche di conferme: “Cinque o sei pronti a restare”. In pole position ci sono Lemma e il portiere Grassi

Frentana Larino, colpo Consolazio Accordo ormai raggiunto tra l’attaccante e la società bianconera Primi importanti movimenti di mercato per la Frentana Larino. La società bianconera, incassate le pesanti partenze in avanti dei vari Di Cicco, Imparato e Anaclerio, aveva l’urgente compito di trovare un centravanti capace di realizzare quel bottino di reti utile per la salvezza. Ecco quindi la scelta di Consolazio, già noto al campionato di Eccellenza molisano con la casacca del Montenero, e la scorsa stagioneimpegnato al To r r e maggior e (Prom o zione pugliese). Un giocatore voluto da Ponsanesi, ed in linea con il progetto tecnico-finanziario della so-

Mister Ponsanesi

cietà bianconera, disposta a costruire un organico competitivo, badando anche alle spese. Lo stesso tecnico ex Cliternina ha accolto positivamente l’arrivo dell’attaccante. “Siamo ai dettagli per il suo arrivo, contiamo di ufficializzarlo ad inizio settimana per portarlo poi in ritiro. Rispetto allo scorso anno ci stiamo muovendo con criterio, senza fretta, consapevoli del fatto che c’è da rinforzare l’organico tenendo i conti in ordine. Consolazio è la scelta più appropriata, ci darà sicuramente una mano viste le partenze nel reparto offensivo”. Ma il mercato della squadra bianconera non si ferma all’acquisto dell’attaccante. Interessa un centrocampista di qualità, individuato come

Michele Lemma

rinforzo fondamentale per la prossima stagione, oltre ad un buon lotto di riconferme da ratificare nei prossimi giorni. L’organico è attual-

mente formato da soli otto giocatori, pochi per Ponsanesi. “Il tempo non manca, ma è chiaro che nella prossima settimana dovremo

dare un forte scossone sul piano delle conferme. Alcuni giocatori sono partiti, altri invece dovrebbero restare in modo tale da avere un organico numericamente pronto per il ritiro. A questi si aggiungeranno gli juniores più interessanti della zona, che stiamo monitorando da vicino, e un centrocampista di qualità capace di impostare il gioco nella zona nevralgica del campo”. Perse quattro pedine titolari dello scorso anno, si lavora per la permanenza in bianconero del portiere Grassi e dell’altro centravanti Lemma, che hanno già raggiunto un accordo di massima con la società. Scongiurato, almeno per loro, il pericolo di una partenza prematura. ville

La società campobassana continua ad essere protagonista del mercato

Lupi Molinaro, ecco Pistilli e Vena Dal Trivento e dall’Aurora Ururi giungono due rinforzi di spessore per mister Barometro Stefano Vena

“Puntiamo ad una salvezza tranquilla, cercheremo di toglierci delle soddisfazioni”. Le parole di Massimo Barometro non avevano lasciato dubbi: i Lupi Molinaro, alla prima esperienza in Eccellenza dopo il trionfale cammino dello scorso anno, intendoMister Di Lena

Un solo acquisto ufficiale, quello di Marcello Corazzini, ha movimentato il mercato in entrata del Termoli.

Storia di venti giorni fa, tant’è che la tifoseria giallorossa comincia a far sentire i primi mugugni per un piano

no recitare un ruolo da outsider nel massimo torneo regionale, puntando forte sull’organico passato e su acquisti mirati. Il primo in ordine di tempo è arrivato tra i pali con l’ingaggio del portiere Domenico Aceto; a seguire, la dirigenza campobassana ha sondato il terreno per numerosi giocatori, riuscendo a stringere in maniera definitiva con il terzino Pistilli (proveniente dall’Atletico Trivento e fortemente voluto da Barometro) e il jolly offensivo Vena, lo scorso

anno protagonista di una buona stagione con la casacca dell’Aurora Ururi, giunta al settimo posto. Due rinforzi di spessore che consentono al tecnico di Secondigliano di disporre di una rosa varia e ricca qualitativamente, senza dimenticare i nuovi colpi in arrivo. Sono monitorati, infatti, almeno altri tre giocatori: si tratta di Quaranta (Miletto), il tornante Paolo Di Chiro, richiesto però anche dal Termoli e nelle ultime ore trattato dal Campobasso 1919 per una riconferma, e dell’at-

taccante Vinciguerra, anch’egli ad Ururi nell’ultima stagione. Quest’ultimo sembra il più abbordabile per costi e concorrenza, e non è escluso che all’inizio della prossima settimana i campobassani decidano di sferrare l’attacco decisivo. ville

Gennaro Pistilli

Termoli, regna l’incertezza. L’unico acquisto ufficiale è quello di Corazzini acquisti che tarda a decollare. Prima l’interessamento per Esposito, che però non è sfociato in una vera e propria trattativa allo stadio finale; a seguire i sondaggi per la coppia in uscita dalla Turris Veron-Marinelli, ma anche in questo caso tanto interesse e pochi fatti concreti. Infine la situazione inerente a Minotti, l’attaccante ex Aurora Ururi che piace al tecnico Paolo Di Lena: il Termoli ha offerto un contratto, rifiutato dal giocatore per la troppa distanza economica. La dirigenza non ha fatto ulteriori tentativi, lasciando di fatto l’obiettivo. Nelle ultime ore (oltre alla riconferma dell’attaccante

Fabrizio Polzella, goleador della passata stagione) c’è

stato l’avvicinamento al tornante del Campobasso 1919 Corazzini

Paolo Di Chiro. Non sono mancate anche in questo caso le difficoltà, dovute al pressing della società del capoluogo, e alla concorrenza dei Lupi Molinaro, che avrebbero cercato con maggiore insistenza il giocatore. Il Termoli non è affatto fuori dai giochi ma, in linea con le ultime mosse di mercato, non ha ancora sferrato l’attacco definitivo all’esperto giocatore richiesto da Di Lena. I prossimi giorni saranno decisivi a riguardo: ci sono i rinforzi promessi al tecnico da ingaggiare, e restano da sistemare alcuni elementi della scorsa stagione rimasti in bilico e in attesa di una telefonata da parte della dirigenza. ville


28

Domenica 24 luglio 2011

Il Roccamandolfi è una delle società in attesa dei verdetti sui ripescaggi Neroverdi nella prossima serie cadetta molisana?

Mister Sebastiano Pinelli (Roccamandolfi)

di Stefano Troilo CAMPOBASSO. Ad un passo dalla vittoria dei playoff è ora vicina a conquistare il sogno-Promozione. Attende con impazienza (e speranza) il verdetto federale in materia di ripescaggi atteso per domani il Roccamandolfi. I neroverdi pentri hanno recitato per tutta la stagione 2010/2011 il ruolo di inseguitrice della lepre Campodipietra nel gruppo B di Prima categoria. La compagine di mister Sebastiano Pinelli non è riuscita a fermare

Pinelli: “La nostra passione al di là della categoria”

i rossoblu e, come spesso capita a chi giunge secondo, si è vista poi sfumare il sognopromozione anche ai playoff. Dopo la semifinale vinta con il San Giuliano del Sannio, il Roccamandolfi ha perso la doppia finale dal Macchia Valfortore (società già ripescata in Promozione). Alla vigilia della decisione federale sulla richiesta di ripescaggio dei neroverdi, abbiamo sentito il tecnico Sebastiano Pinelli. Pinelli, il rammarico per non aver vinto i playoff è

maggiore in queste ore di attesa? “Il rammarico c’è indubbiamente, se avessimo vinto gli spareggi saremmo già stati ripescati nella serie cadetta regionale. Ci è mancata in quella doppia sfida un po’ di fortuna, questo senza nulla togliere al Macchia Valfortore con il tecnico del quale, Antonio Insogna, c’è stima reciproca. Proprio alla vigilia dell’atto conclusivo della stagione, abbiamo perso per infortunio due pedine importanti quali Lopa e Lufrano. La soddisfazione enorme per aver disputato una stagione super rimane e, personalmente, mi inorgoglisce il traguardo della vittoria della vittoria della Coppa Disciplina, essendo tra l’altro un’ottima discriminante a nostro favore nella griglia dei ripescaggi. Attendiamo con impazienza questo verdetto, se Promozione sarà, festeggeremo alal grande perché tutto il paese si merita una vetrina del genere e questi ragazzi splendidi potrebbero crescere ulteriormente. Ci sono due società in bilico in Eccellenza (Oratoriana Limosano e Aurora Ururi, ndr) e questo po-

trebbe innescare un effetto domino. In caso contrario, ripartiremo dalla categoria che quest’anno ci ha visti protagonisti, con lo stesso entusiasmo e la stessa voglia di fare un campionato di vertice”. I progetti futuri cambieranno in base alla categoria in cui sarete inseriti? “Dalla Prima alla Promozione cambiano molte cose, dalle spese economiche alla

regola degli under e della juniores obbligatoria pena multa pecuniaria. Una cosa è certa, qualunque sarà il nostro destino, il Roccamandolfi non stravolgerà la rosa, continuando a puntare sull’ossatura che in questi anni ci ha regalato tante soddisfazioni. Il nostro unico handicap è non disporre di un terreno di gioco in paese, ma per fortuna abbia-

mo trovato una bella struttura e grande ospitalità a Santa Maria del Molise. Siamo ad un tiro di schioppo e, o Prima categoria o Promozione, giocheremo anche l’anno prossimo lì. Aspettiamo il verdetto con serenità, non cambierà nulla a livello di passione, una cosa è certa però: il nostro paese e questi ragazzi meriterebbero un’esperienza del genere”.

Il Roccamandolfi

Il Comprensorio Calcio Vairanese, campione in carica della Molise Cup, sogna il ripescaggio in Promozione

Grieco: “Puntare sui giovani paga” Il tecnico dei campani illustra il progetto del sodalizio gialloverde, da anni in prima linea nei settori giovanili Il Comprensorio Calcio Vairanese

CAMPOBASSO. Un titolo prestigioso lo ha già conquistato a Pettoranello piu’ di un mese fa ed è ora in attesa del verdetto federale sulla domanda di ripescaggio in Promozione, che arriverà nella giornata di domani o al massimo in quella di martedì. Parliamo del Comprensorio Calcio Vairanese. La giovane compagine campana, in prima linea nei settori giovanili, si è distinta

nella stagione 2010/2011 nel girone A di Prima categoria dove ha conquistato il quinto posto con 56 punti in 30 partite e, dopo essersi fermata alle semifinali playoff perse con la Virtus Pozzilli, si è presa la soddisfazione di vincere la Molise Cup (battendo in finale la corazzata Campodipietra per 2-0 dopo i tempi supplementari sul terreno di gioco di Pettoranello del Molise).

Dopo la Sampietrese nel 2010, per il secondo anno consecutivo si aggiudica quindi la Molise Cup una formazione campana (tiratina d’orecchie per le compagini molisane). Il Comprensorio Vairanese dopo la ciliegina sulla torta di una stagione esaltante attende ora la decisione federale in materia di ripescaggi. I gialloverdi hanno inoltrato la domanda per rientrare nella griglia del-

le squadre di Promozione per il 2011/2012. Abbiamo sentito il tecnico dei campani, Achille Grieco. Mister Grieco, che clima si respira nell’ambiente vairanese in attesa della decisione prevista per l’inizio della settimana entrante? “C’è la carica giusta, siamo in fibrillazione. Se sarà Promozione gioiremo e ci metteremo subito a lavoro. Se non sarà così, il nostro progetto continuerà con lo stesso zelo. La politica societaria è insita nel nostro nome: vogliamo valorizzare i giovani del comprensorio vairanese. La nostra juniores può pescare in una vasta area dove si possono scovare tanti giovani talenti. La dirigenza della prima squadra ragiona nella stessa maniera, infatti abbiamo già ingaggiato degli juniores molto promettenti: Arena ex Roccaravindola e Santonastaso e Romano provenienti dal Vairano Scalo. Uniti a questi, il gruppo solido che è partito dalla Terza categoria e ora sogna la Promozione. Nel frattempo valorizziamo il vivaio cercan-

do di inculcare ai ragazzi i va- tuito non lo ha fatto rimpianlori giusti che valgano anche, gere nonostante era fermo da e soprattutto,a l di fuori del un anno e non poteva allenarsi con continuità per motivi di rettangolo verde”. S.T. Grieco, torniamo sulla vit- lavoro”. toria della Molise Cup. Le forze psicoMister Achille Grieco fisiche portate via (C.C.Vairanese) dalla coppa hanno inciso sul campionato? “Inevitabilmente arrivati alle fasi finali della Molise Cup e, avendo accumulato un gap matematicamente incolmabile con le fuggitive Cerrese e Virtus Pozzilli, ci siamo “buttati” sulla coppa. Abbiamo anche fatto un richiamo di preparazione specifico per dare il meglio nelle fasi finali della coppa. Ha pagato tutto ciò e siamo felicissimi della vittoria conquistata a Pettoranello. Ci è mancato per infortunio bomber D’Aniello nello sprint finale, ma Pollio che lo ha sosti-


Domenica 24 luglio 2011

29

La formazione di Caputo sta dominando la corsa a tappe su strada

Corrimolise al giro di boa La Nuova Atletica Isernia in testa seguita da Ama ed Avis La Nuova Atletica Isernia primeggia nel Corrimolise 2011. La formazione guidata da Agostino Caputo, sta letteralmente dominando la corsa a tappe su strada giunta ormai alla terza edizione e capace di catalizzare l’attenzione di tutti gli appassionati del fondo anche per la bellezza dei percorsi e delle località toccate. Quest’anno, la competizione si snoda su un circuito di ben diciannove tappe, corse in vari centri della regione (Venafro, Campobasso, San Pietro Avellana, Limonano, Pesche, Castellino, San Giacomo degli Schiavoni, Roccasicura, Cantalupo, Carovilli, Villacanale, Petrella Tifernina, Miranda, Isernia, Tappino-Altilia, Termoli), con una puntatina in Abruzzo (Castel di Sangro). Sin dalla prima tappa – domenica scorsa è

stata corsa l’ottava a Pesche – gli atleti della NAI hanno imposto la propria supremazia a livello di équipe, accompagnata da diverse affermazioni in campo individuale. Come squadra, la NAI guida la classifica non 6876 punti, precedendo AMA Campobasso (5014) e AVIS Campobasso (3835), mentre le altre società seguono a distanze più consistenti. Tra le performaces, si segnalano quelle di Armando Romano (NAI) che, con 271 punti in 7 gare, guida la classifica della categoria MM35, seguito da Mariano Perrella (A.P. Castellino, 226 punti in 6 gare) e Domenico Giangrande (Atletica Venafro, 210 punti in 7 gare), di Nicola Volpacchio (AVIS CB) primo tra gli MM40 con 275 punti in 7 gare, tallonato da Gino Fiorucci (Amatori Li-

mosano, 246 punti 7 gare) e Leonardo Lella (AMA CB, 214 punti 8 gare), di Marciano Pilla (Atletica Venafro) capoclassifica degli MM45 (236 punti, 6 gare) davanti a Remo Bernardo (NAI, 169 punti, 6 gare) e Ferdinando Di Franco (A.P. Castellino, 142 punti, 5 gare). Combattuta anche la categoria MM50, con il primo, Claudio Novelli (AVIS CB), che distanzia di alcuni punti (250 contro 231) l’immediato inseguitore, Giovannino Vendittelli (A.P. Castellino), ai quali si accoda Paolo Barone (AMA CB, 215 punti), tutti con sette gare. Tra gli MM55, Silvio Marro (NAI, 150 punti) precede il proprio presidente, Agostino Caputo (138) e Gianfranco Canu (AVIS CB), nonostante una gara in meno (4 contro 5). Dominio assoluto di Agosti-

no Cipolla (NAI) nella categoria MM60: ha vinto tutte le gare a cui ha partecipato (7) raggranellando ben 279 punti, distanziando il secondo, Amedeo De Simio (Virtus Campobasso, 228 in 6 gare) e Giuseppe Lombardi (A.P. Castellino, 253 punti, 7 gare), i quali, però, sono tutt’altro che intenzionati a demordere. Armando D’Aguanno (Atletica Venafro), conduce la classifica degli MM65 con 282 punti, risultato di una regolarità impressionante nelle 8 gare finora disputate, ma non è da meno Rocco Catolino (Runners Termoli) che, con una gara in meno, ha collezionato ben 273 punti: terzo è un altro atleta della società termolese, Piergiorgio Brini (188 punti, 5 gare). L’intramontabile Benito Grieco (AMA CB), guida la catego-

ria dei ‘meno giovani’, MM70, con 304 punti in 8 gare, davanti al compagno di squadra Leonardo Manna (269 punti, 7 gare) e Domenico Tomasso (Amatori Limonano, 75 punti in 2 gare). Tra gli amatori (categoria TM), primo Angelo Iademarco (Sporting Petrella, 197 punti in 5 gare), secondo Giuseppe Olive (NAI, 182 punti, 5 gare) e terzo Angelo Gallaccio (Atletica Venafro, 170 punti, 6 gare). La corrispondente categoria femminile, TF, è guidata da Arianna Di Pardo (NAI, 240 punti, 6 gare, tutte vinte, dietro alla quale si sta mettendo in luce Krasmira Zlatancheva (Atletica Venafro) che segue a 231 punti, mentre più distanziata è Daniela Perrella (NAI, 215 punti), con lo stesso numero di gare. Nelle altre categorie, Lina

Già cento gli atleti che prenderanno parte alla manifestazione

San Giacomo sotto le stelle: quante iscrizioni per la gara di domani... Le iscrizioni sono tante come lo è l’attesa e la voglia di rivivere le stesse emozio-

ni che hanno caratterizzato le precedenti edizioni della manifestazione.

Partirà domani l’ottava edizione della gara podistica interregionale San Giacomo Sotto le Stelle , organizzata dall’associazione sportiva dilettantistica Runners Termoli con il Patrocinio della Regione Molise – Assessorato allo Sport, il Comune di San Giacomo degli Schiavoni e la FIDAL Comitato Regionale Molise. La gara che si svolge grazie all’accoglienza del piccolo Comune alle porte della città adriatica, è diventata una classica dell’estate per la presenza degli atleti provenienti da molte regioni. Nell’ultima edizione furono oltre 200 gli atleti giunti

al traguardo della gara competitiva ma la cosa che più colpì fu la massiccia presenza dei bambini che si sfidarono nelle gare brevi a loro dedicate. Gli organizzatori stanno lavorando per gli ultimi preparativi e le iscrizioni hanno già superato le cento unità con gruppi provenienti dall’Abruzzo, Campania, Puglia e Toscana. Per la cronaca nel 2010 la gara fu vinta da IAMONACO Giuseppe dell’Avis Campobasso e NOVELLI Ilaria CUS Molise. Il raduno è fissato alle ore 17,30 in via Roma nel pieno centro cittadino ed è questa una delle novità dell’edizio-

La Virtus Campobasso è grande a Molfetta al Meeting nazionale assoluto Allo stadio comunale P. Poli, il giorno 21 luglio si è disputato il 19° memorial Sofia Abbattista – Meeting Nazionale Assoluto M/F. I portacolori della blasonata società giallo-blu hanno stupito per l’ennesima volta, portando a casa un tesoro di risultati sempre splendenti, specchio dell’ottimo lavoro d’allenamento a cui essi si sottopongono con dedizione. Sui 1500 metri categoria Allievi, ottime prove, ragionate e proficue, condotte da Lorenzo Buonviaggio (nono posto con il nuovo personale di 4:39.3) e Giu-

seppe Di Paola (dodicesimo, anche lui ha abbondantemente “rifatto i connotati” al suo personale stoppando il cronometro a 4:58.7). I riflettori (non solo figurativi poiché nel frattempo si era fatta sera) si sono allora spostati sui 400 metri. Paolo Di Tosto, categoria Juniores M, ha percorso il giro di pista senza strafare, recuperando una posizione nell’ultimo rettilineo e arrivando 4° nella sua batteria: il responso è 58.92, tempo ancora perfettibile. Anche Angela Di Domenico ha affrontato i 400, giun-

gendo 5^ nella serie con 1:18.50. Il riccioluto “senatore” della Virtus, Manuel Colangelo, si è cimentato nei 3000 siepi: buon quarto posto col tempo di 10:30.21 per lo Junior giallo-blu. È il momento della marcia: nei 5 km, categoria Allieve, troviamo la straordinaria prestazione di Francesca Rossodivita, che già nella prima gara della stagione aveva agguantato con facilità il minimo per gli Italiani, ora è addirittura riuscita, con una prova magistrale, a migliorarsi di più di un minuto: il tempo di

27:26.44 è assai soddisfacente, e la colloca sul terzo gradino del podio. Nella stessa gara Giulia Venditti profonde impegno costante, e alla fine eccola arrivare ottava col crono di 33:47.31. Infine, complimenti a Luca Vecchione, marciatore di estrema professionalità, stavolta sfortunato durante l’improba gara dei 10 km poiché colpito incolpevolmente da dolori di varia natura. La determinazione e lo spirito agonistico sono qualità che l’atleta ha sempre puntualmente dimostrato di possedere, a prescindere

Anna Falcone (A.P. Castellino, 7 gare, 253 punti, precede Anna Bornaschella (Atletica Venafro, 6 gare 253 punti) e Clorinda Monaco (NAI, 5 gare, 190 punti) (MF35); Enrica Tetrarca (NAI, 4 gare, 144 punti), conduce su Rosalba Monachese (Termoli Athletics, 2 gare 80 punti) e Annarita Scioli (NAI, 2 gare 177 punti) (MF40); Angela Costantiniello (Runners Termoli) guida la classifica MF40 con 239 punti in 7 gare, seguita da Daniela Pellegrino (NAI, 158 punti, 4 gare) e Kamelia Ianeva (AMA CB, 155 punti, 4 gare). Nelle categorie MF50 e MF55, è lotta a due rispettivamente tra Consuelo Di Tommaso (AVIS CB, 160 punti, 4 gare) e Antonella D’Aimmo (Runners Termoli, 75 punti 2 gare) e Caterina Gargano (AVIS CB, 79 punti, 2 gare) e Fernanda di Fiore (NAI, 78 punti, 2 gare), mentre Angiola Petrella dell’AMA CB ha totalizzato 160 punti in 4 gare della categoria MF60. Prossimi appuntamenti, sabato 23 luglio con la settima edizione della ‘Correndo Castellino’ e domenica 24 luglio con l’ottava edizione di ‘Correndo sotto le stelle’ a San Giacomo degli Schiavoni.

ne 2011 oltre ad un percorso interamente rivisto e rinnovato per un totale di 9,8 km divisi in quattro giri da 2450 metri e con un dislivello minimo che varia da 169 a 188 metri s.l.m.. La partenza delle gare brevi, riservate ai più piccoli, sarà data alle 18,00 mentre

per quanto riguarda la gara clou della serata, avverrà alle 19,30. Le iscrizioni potranno essere effettuate sul posto fino ad un ora prima di ogni singola gara per le non competitive mentre per la competitiva potranno avvenire tramite fax 0825-1800869 oppure 0875-702460 o em a i l iscrizioni@garepoditiche.it entro le ore 12,00 del 23.07.2011. Ulteriori informazioni sul sito www.runnerstermoli.it o tramite mail a runnerstermoli @virgilio.it .

dal responso cronometrico. L’impressione è ottima, i tecnici Andrea Piscopo e

Dino Mucci “incassano” positivamente tutti questi buoni elementi.


30

Domenica 24 luglio 2011

Alla competizione di Pietracatella hanno preso parte ben 40 bocciofile

Campionato di bocce femminile ‘Bar Panorama’ Serata di festa quella dello scorso 18 luglio, offerta dalla Ditta “SINCE 2005 s.n.c. – SOCIETA’ TURISTICA MOLISE di De Marco Giovanni & C.” Titolare del Bar Gelateria “PANORAMA”, sulla splendida Piazza “Belvedere” del Paese, si sono svolte le Finali relative ad uno stupendo e vivacissimo Campionato Femminile Anno 2011 di bocce a squadre, al nuovo campetto per bocciofili del Bar “Panorama”. Alla competizione hanno preso parte ben quaranta bocciofile, suddivise in die-

ci squadre composte da quattro giocatrici ciascuna. Per ogni partita scendevano in campo tre giocatrici, la quarta era in panchina e a discrezione del Direttore Tecnico di ogni squadra, poteva giocare in qualsiasi momento, con una sostituzione!... Ogni incontro era diretto da un Arbitro Ufficiale (Filippo Di Marzio, Passarelli Angelo, e Maselli Fernando). Il Campionato è stato strutturato in due Gironi di cinque squadre: “Girone A” e “Girone B”, giocato all’italiana con tutti gli in-

contri tra le squadre e una classifica finale di campionato. Per ogni girone “A” e “B”, si sono classificate le prime quattro squadre. Si sono svolti quindi i quarti di finale con eliminazione diretta, le semifinali e poi le finali di stasera: qualificazione del 3° e 4° posto giocate dalle Squadre “ALFA RANGER” e “FOR EVER FORGIA”, vinta dalla prima; e finale 1° e 2° posto dalle Squadre “LE MORE E UNA ROSSA” e “CIUPA GIRL” vinta dalla seconda. La manifestazione ha animato le serate estive di luglio con grande allegria e spensieratezza, in uno splendido scenario di pubblico, di ironie e sana competizione, divenendo al tempo stesso un mo-

mento di aggregazione sociale e confronto sportivo tra tante splendide donne e un pubblico molto divertito e motivato! Nella prima fase del torneo si sono alternati match di buon livello a match di livello inferiore, in quanto molte giocatrici non erano allenate e hanno partecipato soprattutto per far parte attiva di un’iniziativa sportiva rivelatasi molto divertente! Non sono mancate sorprese e polemiche, per quelle squadre, che pur avendo giocatrici di buon livello, non sono arrivate in finale!... Altra novità di quest’anno è stata la sponsorizzazione di alcune squadre partecipanti al campionato. Nella fase finale del Torneo (quarti di finali), invece, il

livello della competizione è salito in modo progressivo, raggiungendo un discreto standard di gioco; nella finale contesa tra due teams composti rispettivamente da: (Pasquale Patrizia, Pasquale Monia, Pasquale Maria Antonietta e D’Amico Donatella) e (D’Amico Giusy, Guarrera Valentina, Murena Annalucia e Brijani Delijan) è stata espressa una alta qualità di gioco e competizione sportiva. Il Torneo è stato vinto dal team: Pasquale Patrizia, Pasquale Monia, Pasquale Maria Anotietta e D’Amico Donatella, plauso ed onore alle vincitrici!… Campionesse dell’anno 2011!... E un grazie anche alla “SINCE 2005 s.n.c.” che ha

ospitato con grande attenzione e disponibilità, nel suo Bar, il Torneo. Un ringraziamento va anche agli Arbitri del Campionato, che hanno saputo dirigere con scrupolosità e precisione ogni incontro, nel pieno rispetto delle regole!… Un saluto particolare va rivolto ad un meraviglioso e affollato pubblico presente ogni serata: allegro, generoso di applausi ed ironico, per ogni giocata durante le partite!... Con un tifo alle stelle!... Iniziative come queste, oltre ad animare le calde serate estive e vacanziere della “Morgia”, diventano, momenti di gioia, simpatia, comunicabilità e visibilità nell’ambito della nostra comunità, per tante splendide donne!...

Molinaro APescopennataro il primo Memorial Stasera la finale trofeo di mountain bike Organizzato dall’Asd Ares in collaborazione con il Centro nazionale sportivo Libertas e asd Libertas gruppo arbitri molisani.

Si corre questa mattina a Pescopennataro il 1° Trofeo Mtb Altissimo Molise. Si tratta di una gara di mountain bike specialità del cross country valevole come prova unica di campionato regionale. Il ritrovo dei partecipanti è previsto per le ore 8.00 presso il parco ‘L’Abete Bianco’, un’area attrezzata per pic-nic immersa in una incontaminata natura tra il verde degli abeti secolari. Possono partecipare tutti gli atleti tesserati per l’anno 2011 sia con la FCI che con altri enti come l’Udace, la Uisp, ed altri. Per gareggiare è fatto ob-

bligo l’uso del casco rigido protettivo e la quota di iscrizione è fissata in dieci euro effettuando la preiscrizione

OPEN A CLASSIFICA AL 3° TURNO Pos Pts NAME 1 9.0 Gaponenko Inna 2 9.0 Ikonnikov Vyacheslav 3 9.0 Mirzoev Azer 4 7.0 VALSECCHI Alessio 5 7.0 Kizov Atanas 6 7.0 GROMOVS Sergejs 7 6.0 Dragojlovic Andjelko 8 6.0 Mrdja Milan 9 6.0 Kunin Vitaly 10 6.0 Ljubisavljevic Zivoj

e in dodici euro la mattina fino a un quarto d’ora dalla partenza prevista alle 10.00. Il percorso, costitui-

Archivio

to da un anello di sette chilometri e mezzo, si snoda lungo il tracciato della pista di sci di fondo, brecciato ed asfalto da ripetere più volte a seconda della categoria di appartenza. I primi tre classificati assoluti e i primi tre di ogni categoria compresa quella femminile riceveranno come premio trofei e coppe, mentre un ricco pacco-dono sarà distribuito agli altri atleti. La rassegna è organizzata dal comune di Pescopennataro, dalla Provincia di Isernia, dalla Federazione Ciclistica Italiana, da Bike Store di Isernia e Sessan Bike.

Altieri service gas 5 Marcatori: 2 Borruto Cristian – 1 Colombaro Silvio, 1 Lombardi Marcelo – 1 autorete Elettropiù 4 Marcatori: 1 Polzella Fabrizio, Bellomo Roberto, Berardini Massimiliano, Passarelli Cristian Colim 3 Marcatori: 1 Minotti Alessandro, Caserio Fabio, De Simio Vincenzo Panificio Fratamico 9 Marcatori: 3 Florea Lucian – 2 Lattanzio Roberto, Petti Luca – 1 Antenucci Luca – 1 autorete Arbitro degli incontri sig. Griguolo Finale questa sera ore 21.30 Altieri Service Gas – Panificio Fratamico

Scacchi. Oggi il gran finale per il trofeo ‘Città di Campobasso’. Ieri il 3° turno di Tiziana Castelli CAMPOBASSO. Sabato 23 luglio, ore 9.30, nella cornice del Convitto Nazionale “Mario Pagano”, entra nel vivo il 18° Torneo Internazionale di Scacchi, organizzato dal Circolo Scacchi “Monforte”. Concluso il 2° turno nella serata di venerdì, puntuale è stato l’avvio del 3° turno, al termine del quale si sono cominciate a delineare le classifiche. Il punteggio è stato attribuito nel modo che segue: 3 punti per la vittoria, 1 per il pareggio e 0

per la sconfitta. La categoria di gara “Open A”, vede in testa, con 9 punti, l’ucraina Gaponenko Inna, il russo Ikonnikov Vyacheslav e Mirzoev Azer, quest’ultimo proveniente dalla Repubblica dell’Azerbaijan. Tuttavia, per punteggio Buchholz, che è un particolare metodo di spareggio del mondo scacchistico, si attesta prima l’ucraina Gaponenko, che ha già conseguito il titolo di Maestra Internazionale, titolo che richiede almeno 2400 punti ELO. La categoria di gara “Open B”, vede prevalere, con 9 punti e per punteggio Buchholz, il bergamasco

I momenti delle sfide

Rizzuti Pasquale, in possesso del titolo di Candidato Maestro che richiede il raggiungimento della soglia di 2000 punti ELO. La categoria di gara “Open C”, riser-

vata ai giocatori con meno di 1500 punti ELO, vede al primo posto, con 9 punti e per punteggio Buchholz, il beneventano Alessandro Zimbardi.


Pietrabbondante

Le iniziative per tutelare il sito archeologico PIETRABBONDANTE. L’assessore Vitagliano (foto) ha assicurato: “Metteremo a sistema tutte le iniziative” SERVIZIO A PAGINA 3

Termoli

In vetrina l’arte dei pittori italiani SERVIZIO A PAGINA 19

Bojano

Ambulanza bloccata al passaggio a livello BOJANO. Per dieci minuti un’ambulanza è rimasta bloccata al passaggio a livello più volte contestato dai cittadini. SERVIZIO A PAGINA 8

Termoli

La Marina inglese all’assalto Rivissuto il periodo napoleonico SERVIZIO A PAGINA 20


Il quotidiano del Molise del 24 luglio 2011