Issuu on Google+

ANNO XIV - N. 169

1.00*

MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011 talia ità d’I n U ° 150

* IL QUOTIDIANO DEL MOLISE + IL MESSAGGERO euro 1,00

FONDATO DA GIULIO ROCCO

REGIONE MOLISE - NON ACQUISTABILI SEPARATAMENTE

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

IL QUOTIDIANO DEL MOLISE: IL PRIMO GIORNALE TUTTO MOLISANO

L’evento

Molisani nel mondo, Iorio: onore ai nostri ambasciatori ISERNIA. “In questi dieci anni ho avuto modo di visitare gran parte delle comunità dei molisani all’estero e di considerare la loro preoccupazione per i valori, i principi e per l’identità italiana e

molisana affinchè non venga persa”. A dirlo il presidente della Regione Molise, Michele Iorio, aprendo ieri mattina ad Isernia la IV Conferenza dei molisani nel Mondo.

SERVIZIO A PAGINA 13

Dai microfoni di Radio Vaticana l’arcivescovo tuona: ‘I ministeri al Nord? Un gesto di disprezzo verso il Sud’

‘No al secessionismo della Lega’ Il presidente della Cei Bregantini critica il discorso di Umberto Bossi a Pontida Ultim’ora

Campobasso

Guardia giurata minaccia la compagna con la roncola Denunciato dalla Volante

Calunnia Condannati a due anni

CAMPOBASSO. Un litigio scoppiato per futili motivi, ma che poteva finire tragicamente. E’ successo tutto ieri, verso le 21, a piazza San Francesco. Protagonista una guardia giurata di 56 anni, che ha tentato di uccidere la compagna con una roncola. I due stavano discutendo animatamente per strada quando l’uomo, che stava andando a prendere servizio, ha tirato fuori l’arnese dalla sua auto. Gli abitanti della zona, attirati dalle grida di aiuto della 41enne, hanno immediatamente avvertito le forze dell’ordine. Sul posto sono arrivati prontamente gli uomini della squadra Volante che hanno abilmente immobilizzato il 56enne. Per lui è scattata la denuncia per minaccia aggravata e porto abusivo di arma da taglio.

SERVIZIO A PAGINA 5

CAMPOBASSO. La Cei frena le mire secessionistiche manifestate dalla Lega nel raduno di Pontida. Duro il commento espresso in modo particolare dal presidente della Commissione epicopale italiana, l’arcivescovo metropolita di Campobasso Giancarlo Maria Bregantini, ai microfoni di Radio Vaticana. “Lo spostamento dei ministeri al Nord sono un gesto di grandissimo disprezzo verso il Sud”. SERVIZIO A PAGINA 4

Campobasso. Il presidente ha ufficializzato gli incarichi agli assessori

Provincia, De Matteis assegna le deleghe CAMPOBASSO. Il presidente Rosario De Matteis (nella foto) ha assegnato gli incarichi agli assessori della giunta della Provincia di Campobasso. A Talucci (Udc) la vice presidenza e il bilancio. Lavori pubblici a Di Biase (Adc), pubblica istruzione, pari opportunità e attività produttive a Colaci (Pdl). Importante l’incarico per Micone (Progetto Molise) che avrà il lavoro. Politiche di tutela ambientale e promozione turistica a Tramontano. SERVIZI A PAGINA 3

Lo sport

Campobasso Interrotto il rapporto tra società e staff medico SERVIZIO A PAGINA 24

1


2

Martedì 21 giugno 2011

Il Ministero dell’Economia

CAMPOBASSO. Una protesta per denunciare i ritardi nelle transazioni a favore dei danneggiati da sangue infetto. E’ stata organizzata per oggi a Roma dal Comitato Vittime Sangue Infetto. “Il Consiglio dei Ministri nella riunione del 4 maggio scorso non ha approvato il decreto legge che avrebbe finalmente messo la parola fine alla ‘telenovela’

Oggi il presidio a Roma del Comitato vittime e della FedEmo

Sangue infetto, protesta contro il governo nazionale delle transazioni”, dicono dal Comitato annunciando il presidio dalle 10 alle 13 in via XX Settembre, davanti la sede del Ministero dell’Economia e delle Finanze e il concentramento dalle 16 alle 18 in piazza Montecitorio, sede della Camera dei Deputati. Alla manifestazione aderirà anche la Federazione delle Associazioni Emofilici Onlus. Anche la FedEmo infatti condivide le preoccupazioni di tutte le per-

sone interessate alle misure contenute nel Decreto Legge a favore dei soggetti danneggiati dall´utilizzo di sangue ed emoderivati infetti. “È nostro auspicio – afferma la Federazione – che anche attraverso iniziative di questo genere, si possa giungere quanto prima alla definitiva risoluzione di una vicenda che da troppo tempo attende una risposta equa e concreta”.

Stabiliti i giorni di attività didattica e tutte le festività per il prossimo anno. L’assessore regionale all’Istruzione Filoteo Di Sandro: “Ora non resta che augurare agli studenti buone vacanze”

Calendario scolastico, l’ok della Giunta CAMPOBASSO. Il nuovo calendario scolastico per l’anno 2011/2012 è stato approvato nell’ultima seduta di Giunta Regionale. Il provvedimento giuntale ha stabilito che le lezioni inizieranno il 12 settembre e si concluderanno

il 9 giugno 2012 per le scuole primarie e secondarie di 1° e 2° livello, mentre per quelle dell’infanzia e per tutte le altre istituzioni scolastiche il 30 giugno. Un totale di 210 giorni di scuola, in linea con il D.Lgs 279/94, che potranno essere ridotti al massimo a 209 nel caso in cui la festività del Santo patrono dovesse ricadere in un giorno di prevista attività didattica. Inoltre, assieme alle date stabilite dal Miur che riguardano l’intero territorio nazionale, le scuole resteranno chiuse il 2 novembre, dal 23 dicembre al 6 gennaio (per le vacanze natalizie) e dal 5 al L’assessore 10 aprile per le vacanze Filoteo Di Sandro pasquali.

“L’approvazione del calendario scolastico – ha dichiarato l’assessore regionale all’istruzione Filoteo Di Sandro – è un momento importantissimo ai fini dell’organizzazione delle attività didattiche e dei servizi ad esse complementari. Trattandosi di uno strumento di governo del territorio, ho ritenuto importante controllarlo con i vertici delle istituzioni scolastiche, i rappresentanti di Enti locali e sindacati al fine di coniugare le necessità delle singole categorie con le disposizioni legislative. Non mi resta che augurare a tutti buone vacanze e un ‘in bocca al lupo’ particolare agli studenti per il nuovo anno scolastico”. V.d.T.

La Di Giuseppe ha presentato alcuni emendamenti

Decreto sviluppo, l’Idv attacca i tagli del ministro ‘Gelmonti’ CAMPOBASSO. Emendamenti al decreto sviluppo contro la scuola, il disegno di legge d’iniziativa del governo Berlusconi e che presto sarà votato alla Camera. A presentarli per l’Idv è l’onorevole Anita Di Giuseppe. “La dissennata politica dei tagli del ministro ‘Gelmonti’ – si legge in una nota - ha prodotto e continua a produrre danni che sembrano irreparabili: nel solo Molise, i tagli previsti

sulla carta sono alcune centinaia, tra docenti e ata, ai quali si dovranno aggiungere altre riduzioni di fatto. Rispetto agli anni precedenti, si osserva un drammatico calo negli organici, sforbiciate pari a quasi un migliaio di docenti nelle scuole di ogni ordine e grado. Se si considera che l’ammontare totale degli organici nella nostra regione era pari a circa cinquemila unità nel 2006, si comprende con

amarezza la grave entità del danno”. Per questo motivo, il partito dipietrista sta predisponendo una proposta di legge, che vuole ridisegnare l’organizzazione della scuola partendo dalla primaria fino all’università. “La scuola merita attenzione – sottolinea ancora la parlamentare - e, a nostro avviso, questo Governo le sta invece togliendo risorse vitali”.

La Cgil ha illustrato il decreto legge. Ferranti: deve essere migliorato

Lavori usuranti, scatta la possibilità di andare prima in pensione Lavori usuranti. Da quest’anno scatta la possibilità di andare in pensione con tre anni di anticipo rispetto al limite dell’età pensionabile. Dopo circa venti anni, finalmente, il Governo con un decreto legislativo, l’11 maggio scorso, ha tradotto in legge una norma riconoscendo che non tutti i lavori sono uguali e che per questo devono essere valutati in modo diverso ai fini contrattuali sia previdenziali. Ieri mattina nella sala Giovannitti della Cgil in via Mosca a Campobasso si è parlato proprio del decreto legislativo n. 67 del 21 aprile scorso, entrato in vigore dal 26 maggio, pubblicato sulla G.U. n.108 e che il 30 giugno prossimo dovrà essere notificato coma la cosiddetta ‘Legge sui lavori usuranti’. Nato dall’accordo welfare 2007, il decreto “permette ai lavoratori addetti ad attività particolarmente usuranti di pensionarsi in anticipo rispetto alla generalità dei lavoratori ordinari”, ha spiegato il responsabile nazionale del Patronato Inca Giulia-

Il tavolo della conferenza

no Ferranti. “Si tratta, ovviamente di un primo intervento che deve essere migliorato perché riguarda ancora pochi lavoratori e le risorse previste non sono adeguate per far fronte a tutti i lavori usuranti”, ha detto ancora. La novità riguarda la pensione di anzianità. Bisogna aver maturato 35 anni di contributi ma non sarà indispensabile avere l’età prevista per gli altri lavoratori, ossia 60 anni. Basterà averne 57 ed una quota, la somma di età anagrafica e contributi, pari a 94 e non 96 come prevista per gli altri lavoratori. Chi può ricevere questo beneficio. Ovviamente tutti i lavo-

neficio è necessario che il lavoratore abbia svolto una o più delle attività usuranti per un periodo di tempo pari ad almeno 7 anni negli ultimi 10 di lavoro. La domanda per ottenere il beneficio dovrà essere presentata entro il 30 settembre prossimo all’istituto previdenziale presso il quale il lavoratore che ha maturato i requisiti è iscritto. Dal 2012 il termine di presentazione sarà il 1° marzo di ogni anno. La domanda deve essere corredata da una documentazione che dimostri la sussistenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi.

ratori che svolgono attività definite ‘particolarmente usuranti’. Chi, ad esempio, lavora nelle gallerie, nelle cave, nelle miniere, a contatto con alte temperature, con l’asportazione dell’amianto e i lavori svolti da palombari. Ed ancora, gli addetti al lavoro notturno con almeno 78 notti l’anno o tre ore di lavoro tra mezzanotte e le 5 del mattino per l’intero arco dell’anno, gli addetti alle catene di montaggio, i conducenti di veicoli pesanti adibiti a servizi di pubblico traIl responsabile nazionale sporto di trasporto colletdel Patronato Inca Giuliano tivo. Per godere del beFerranti

Sanità Per Morlacco riunione all’assessorato CAMPOBASSO. Per Mario Morlacco è iniziata la Mario fase di approfondimento dei Morlacco problemi principali della sanità molisana. Il manager originario di Lucera ha fatto tappa ieri mattina a Campobasso per una riunione con i FONDATO NEL 1998 dirigenti dell’Assessorato di via Toscana. DIRETTORE RESPONSABILE: Il nuovo commissario alla GIULIO ROCCO Sanità molisana, nominato dal ministro dell’Economia EDITORE: Giulio Tremonti per collaboITALMEDIA s.r.l. rare con il governatore MiSEDE LEGALE: chele Iorio e con il sub-com- VIA S.GIOVANNI IN GOLFO, 205 86100 CAMPOBASSO missario Isabella MastroSEDE OPERATIVA buono, sta studiando con at- VIA S.GIOVANNI IN GOLFO, 205 tenzione le carte per mettere 86100 CAMPOBASSO in pratica le scelte migliori SITO INTERNET: per il risanamento del comwww.quotidianomolise.it parto. Difficile sapere altro, EMAIL:redazionecb@quotidianomolise.it anche perchè la designazioPubblicità ne del manager pugliese è ITALMEDIA s.r.l. Tel. 0874.484623 arrivata agli inizi di giugno Via S.Giovanni in Golfo e quindi è ancora prematuro Campobasso conoscere le future scelte per EMAIL: commerciale@quotidianomolise.it ‘rimettere in sesto’ il deficit. CENTRO STAMPA Decisioni attese con impazienza visto che in ballo c’è ROTOSTAMPA - LIONI (AVELLINO) il futuro degli ospedali di Registrazione Tribunale di Campobasso N. 157/87 Venafro, Agnone e Larino.


Martedì 21 giugno 2011

3

Campobasso. Tra sorprese e conferme parte il governo di Palazzo Magno. Tutti i commenti degli assessori

Provincia, definite le deleghe della squadra di De Matteis CAMPOBASSO. Il governo di Palazzo Magno può mettersi ufficialmente ‘in modo’. Il presidente Rosario De Matteis ha assegnato gli incarichi ai suoi cinque ‘ministri’ tenendo conto, come riportato ieri in

Interviste a cura di Stefania Potente e Michele Salvatore

Fabio Talucci Vicepresidenza delega al Bilancio Finanza e Tributi CAMPOBASSO. L’Udc, oltre alla delega al Bilancio ha ottenuto, con Fabio Talucci, anche la vicepresidenza della Provincia, un riconoscimento prestigioso per gli equilibri politico territoriali. “Sono molto sod-

disfatto – ha detto Talucci anche perché oltre alla delega al bilancio, ho ricevuto l’assegnazione della vice presidenza, un fattore molto importante a livello territoriale perché, essendo di Petacciato, potrò tutelare il territorio bassomolisano e la costa, perno trainante per tutta la Provincia di Campo-

basso. Ringrazio il presidente De Matteis e tutta la coalizione di centrodestra, rinnovo il mio impegno e la mia disponibilità per il territorio e per i cittadini. Partirò da subito e cercherò di interfacciarmi con la struttura e, in particolar modo con dirigenti che si occupano del settore del Bilancio”.

Luciano Di Biase Lavori Pubblici e Politiche delle Risorse umane Ricognizione del territorio e definizione delle priorità: sono i primi due obiettivi fissati dall’assessore Luciano Di Biase (Adc). “E’ una competenza che ha una valenza territorialmente ampia – commenta – visto che in provincia ci sono 1500 chilometri di strade. In primo luogo, cercherò di conoscere le problematiche sul territorio, programmare e stabilire le priorità compatibilmente alle risorse finanziarie a disposizione. La viabilità, del resto, è un settore importante per via del gran numero di persone che quotidianamente percorre le strade della provin-

cia. Cercherò di assolvere a questo compito con l’esperienza che ho maturato come amministratore (Luciano Di Biase è sindaco di Mirabello, ndr)”. Per quanto riguarda le deleghe alle politiche delle risorse umane e relazioni sindacali, per Di Biase “sono materie nuove, ma onorerò il mandato”. Infine, i ringraziamenti al presidente De Matteis “per la fiducia che mi ha accordato”. Ora “pensiamo a partire con il piede giusto”.

Vertice con Lepore sugli alloggi popolari Iacp CAMPOBASSO. Mentre va delineandosi in via definitiva l’esecutivo di Palazzo Magno, (il 28 giugno si svolgerà una nuova seduta del Consiglio in cui verranno assegnate le deleghe), continuano i lavori e gli incontri ufficiali del neo presidente Rosario De Matteis. Ieri, il commissario dello Iacp, l’Istituto autonomo case popolari, Pierluigi Lepore è andato in visita proprio a via Roma dove, nell’ottica di mantenere sempre aperto il dialogo fra tutti gli

Pierluigi Lepore

organi istituzionali presenti sul territorio, si è parlato della situazione degli alloggi popolari presenti nella Provincia

di Campobasso. E’ convincimento diffuso, infatti, tra i rappresentanti delle diverse amministrazioni che il confronto costante di idee e programmi non può essere eluso se si vuole costruire lo sviluppo globale della regione. In riferimento a questo, De Matteis si è detto disponibile a ricambiare la visita presso la sede dello IACP di via Montegrappa a Campobasso non appena avrà inquadrato la situazione presente in Provincia e gettato le basi per il nuovo lavoro da svolgere.

anteprima dal Quotidiano del Molise, di tre elementi cardine: esperienza, caratteristiche e professionalità. Dopo la firma dei decreti, il ‘capo’ della Provincia di Campobasso ha comunicato le sue decisioni agli assessori ieri sera, durante la riunione di maggioranza. L’Udc piglia tutto. Fabio Talucci, oltre ad essere vice presidente dell’assise di via Roma, avrà un assessorato ‘pesante’: Bilancio e finanze. A questo si aggiunge semplificazione e innovazione amministrativa e sistema informatico. Scontato l’incarico sulle pari opportunità assegnato a Rita Colaci, unica ‘quota rosa’ dell’esecutivo. Senza dimenticare che ha incassato deleghe importanti: pubblica istruzione, attività produttive e sviluppo locale (in cui ha giocato un ruolo importante la vicinanza con l’assessore regionale Vitagliano), tutela dei consumatori e trasporti. Le indiscrezioni trapelate si sono rivelate, invece, giuste per Luciano Di Biase (lavori pubblici e viabilità, politiche delle risorse umane e relazioni sindacali). Un po’ a sorpresa, invece, Alberto Tramontano è stato nominato assessore alle politiche della tutela ambientale, cac-

Il presidente della Provincia De MAtteis

cia e pesca, protezione civile e promozione turistica e ricreativa. Importanti anche le competenze ottenute da Progetto Molise con Salvatore Micone (politiche del lavoro e

della formazione professionale, politiche giovanili, programmazione strategica e politica comunitarie). La ‘macchina’ di Palazzo Magno può ora cominciare a viaggiare a pieno ritmo.

Rita Colaci Attività Produttive e alla Pubblica istruzione CAMPOBASSO. Anche Rita Colaci (Pdl) ha espresso la sua soddisfazione per la delega alle Attività Produttive ricevuta dal presidente De Matteis. “Sono molto soddisfatta – ha detto l’ex presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione - e credo che si possa far bene in tutti gli ambiti al di là della mia esperienza fino ieri nell’ambito delle Pari Opportunità e del sociale. Curerò allo stesso modo tutta la Provincia oltre alla zona di Termoli, la città dove vivo. Là dove ci sarà bisogno del mio intervento per crescere sarò disponibile e non mi tirerò indietro. In ogni caso, sarò al lavoro per tutta la provincia e sarò pronta a suggerimenti e iniziative”

Alberto Tramontano Politiche della tutela ambientale e Promozione turistica

“Sono rimasto piacevolmente sorpreso per le deleghe assessorili che mi sono state assegnate, ma sono particolarmente contento della fiducia che il presidente ha riposto in me”. E’ il primo commento del più

giovane assessore di Palazzo Magno, Alberto Tramontano (Udeur). “Penso - aggiunge - che quello della tutela ambientale sia un settore delicato perché riguarda il benessere e la salute dei cittadini ed è legato ad un’altra delega, quella della promozione turistica. Lavorerò per rilanciare il nostro territorio, che è isolato ma allo

stesso tempo incontaminato. Questo potrebbe diventare un punto di forza”. L’esponente del partito centrista parla “di una sfida importante”. I presupposti per amministrare bene ci sono tutti: “la squadra è unita e il presidente è sempre aperto al dialogo. Sono convinto che potremo lavorare bene”.

Salvatore Micone Lavoro e Formazione Politiche giovanili e comunitarie CAMPOBASSO. Salvatore Micone (Progetto Molise) ha ottenuto la delega al Lavoro e alla Formazione nel nuovo esecutivo di Palazzo Magno. Ecco il suo commento. “Ringrazio il presidente per la fiducia e sono pronto a ripagarlo con disponibilità e impegno sul lavoro. Domani mattina (oggi ndr) sarò al lavoro per rendermi conto della situazione per un primo incontro anche con l’ufficio, i dirigenti e i funzionari per capi-

re le priorità e i principali obiettivi da raggiungere. Sono stato eletto nella circoscrizione di Bojano e ringrazio tutti quelli che mi hanno dato fiducia permettendomi di andare in Provincia, lavorerò comunque per l’ottica dell’intera Provincia e per l’interesse del territorio”.


4

Martedì 21 giugno 2011

Duro il commento del presidente della Cei Bregantini al discorso di Bossi

La Chiesa freni le mire secessionistiche della Lega di Vittoria Todisco “Un gesto di grandissimo disprezzo per il Sud.” E’ il severo giudizio espresso da Monsignor Bregantini nei riguardi del discorso che il ministro Bossi ha tenuto a Pontida. “La Chiesa deve frenare queste mire secessionistiche; la Lega ripete gli errori che rimprovera a Roma” ha detto il presidente della Commissione episcopale della Cei in un’intervista condotta da Alessandro Guareschi di Radio Vaticana; caustico il Vescovo metropolita anche rispetto la pretesa di impegnarsi per trasferire al Nord alcuni ministeri. Proposta che ha fatto indignare l’opposizone

ma che ha destato scompiglio anche tra gli stessi alleati del centro destra. Non è la prima volta che Bregantini esprime un commento severo nei confronti della Lega accusandola di isolare il Nord dal Sud e di accentuare le diseguaglianza che continuano a condizionare il Mezzogiorno. “Al Sud – ebbe a dire Bregantini sempre intervista

Monsignor Bregantini

dalla Radio Vaticana – occorrerebbe una ripresa di dignità e coraggio, in modo da riprendere in mano la propria storia per renderla affrontabile e risolvibile”. Secondo Monsignor Bregantini la questione meridionale la si rimuove ormai da decenni, non la si intende affrontare, perché affrontandola la si renderebbe questione nazionale mentre è più comodo considerarla problema settoriale. Anche l’idea di lasciare che il popolo libico se la sbrighi da solo e risparmiare risorse economiche smettendo di lanciare bombe su Tripoli e annullare le missioni di pace è una provocazione che fa riflettere e sgomenta. Parole pronunciate da Umberto Bossi tra lo sventolio di bandiere con l’effige di San Giorgio. “In realtà – ha detto più volte Bregantini – il

Paese per crescere deve crescere insieme e non si può consentire che il Sud del mondo si impoverisca sempre più”.

Batterio killer, nessun pericolo per il consumo di carni italiane Totaro: ‘Allarmismi inutili ed inopportuni’ “Sono del tutto inutili ed ingiustificati gli allarmismi per il pericolo alla salute procurato dal consumo di carni ed in particolare degli hamburger”. Giancarlo Totaro, medico termolese specializzato in patologia clinica esclude il rischio di contagio da Escherichia coli derivante dal consumo di carne nostrana. In Italia il servizio veterinario di

Il direttore D’Agostino: contrastiamoli con un serio piano di rilancio

Confesercenti: il Carroccio contro il Sud e il Molise, vogliono impoverirci CAMPOBASSO. “La Lega Nord è nemica del Sud e del Molise, e ci vuole ancor più impoverire. Ma invece di sperperare centinaia di milioni in inutili trasferimenti di uomini e strutture ministeriali, produciamo nuova occupazione e altro sviluppo nel Mezzogiorno del Paese.” A lanciare l’allarme è il direttore regionale della Confesercenti, Graziano D’Agostino, seriamente preoccupato per “un futuro nero per l’economia regionale, senza un vero cambiamento”: “Siamo ad un bivio in politica – ha detto D’Agostino -

e quanto emerge dal raduno della Lega, in giro c’è aria di voler ancora “castigare” il Mezzogiorno. Le immagini dei leghisti travestiti da barbari che urlavano oscene invettive contro il Sud, i neri, gli extracomunitari e i rom, e contro la Capitale d’Italia definita “ladrona”, contro una Napoli sporca e mariuola ed una Palermo solo mafiosa, sono solo la punta dell’iceberg. La verità è che Bossi vuole togliere tutte le risorse destinate al Sud, in un Paese che soffre pesantemente la crisi economica e che non può più

permettersi una politica che ci porta fuori i Paesi d’Europa”. Ma il sindacato Confesercenti è ancora pronto a confrontarsi, lasciando aperte le relazioni tra le parti per aumentare la produzione, l’occupazione e lo sviluppo. “Occorre certamente serio piano di rilancio, che dia stabilità ai nostri giovani, al futuro del nostro Paese, alle regioni meridionali – ha aggiunto D’Agostino - “Perché la crisi ha impoverito nel Molise le classi medie ed ha reso più povere le classi popolari, mentre i pochi ricchi hanno speso ancora di

più. Ricordiamo che oggi ci sono gli anziani che non raggiungono 500 euro di pensione e che hanno bisogno di una mano per sopravvivere. Perciò occorre una legge quadro, che dia un sostegno stabile ed equo su tutto il territorio nazionale, perché non ci serve il trasferimento dei ministeri a Nord per da fumo alla base leghista. Noi siamo stufi dei continui ricatti di quei politici che tengono in piedi il governo solo per i propri interessi elettorali, personali e spesso anche economici”. oz

Cinghiali, preoccupazione della Coldiretti per ingenti danni causati alle colture CAMPOBASSO. La Coldiretti del Molise lancia l’allarme per i gravi danni causati dai cinghiali alle colture agricole della regione. Il continuo aumento degli ungulati sta, infatti, provocando grandi perdite economiche

Il presidente Amodio De Angelis

agli imprenditori agricoli molisani. In Molise i cinghiali compiono vere e proprie incursioni nei campi coltivati, distruggendo sia le colture in atto che quelle ‘in anticipazione’ comee ad esempio tuberi e mais. Il problema, più volte segnalato dalla Coldiretti, è causato in gran parte dalla mancata ricostituzione degli Atc (Ambiti territoriali di caccia) che, inattivi a lungo per problemi di natura normativa, di fatto regolamentavano la gestione della caccia alla fauna selvatica. “Per questo – ha affermato il presidente regionale della Coldiretti del Molise,

Amodio De Angelis – auspichiamo una rapida ricostituzione degli Atc in modo da poter gestire al meglio il problema dell’eccessivo numero degli ungulati”. “L’eccessivo aumento dei cinghiali, che per legge deve essere di 2,5 capi ogni 100 ettari, ha poi spiegato il presidente provinciale della Coldiretti di Isernia, Giovanni Monaco, è dovuto anche all’abbandono delle campagne e quindi all’aumento dei terreni incolti, fattore questo che favorisce il proliferare degli stessi. Per questo – gli ha fatto eco il presidente De Angelis - ora più che mai, occorre che gli enti preposti effettuino con urgenza un

censimento dei capi al fine di quantificare le eccedenze e disporne l’abbattimento e la cattura”. Nel corso dell’ultima stagione venatoria, i numerosi abbattimenti di capi non sono stati infatti sufficienti a contenerne il numero sempre crescente. “Tutto ciò – ha concluso il presidente De Angelis – contribuisce ad aumentare il peso della crisi economica sulle spalle degli agricoltori che, pur chiedendo risarcimenti alla Regione, a causa di mancanza di fondi da parte dell’ente, sono costretti ad aspettare tempi biblici per ricevere un indennizzo che non copre comunque l’effettivo danno subito”. red

controllo degli alimenti e delle carni in particolare segue un protocollo di sicurezza estremamente rigoroso. La nostra è una delle normative in materia che prevede maggiori tutele per la salute dei cittadini. Il caso di contagio in Francia che ha coinvolto alcuni bambini è strettamente legato al consumo di hamburger poco cotti. Questo tipo di preparazione, insieme ai

“I prodotti nostrani sono tra i più sicuri”

derivati di lavorazione della carne macinata se consumati poco cotti sono gli alimenti che maggiormente veicolano il batterio escherichia coli e sono stati causa di trasmissione del germe nelle epidemie che in passato hanno coinvolto Canada, Usa, Gran Bretgna e Thailandia. Si tratta di paesi in cui il consumo di questo genere di preparazione alimentare è molto più diffuso che da noi in Italia, non a caso sono fino ad oggi i più colpiti da episodi epidemici. Ad ogni modo bastano semplici regole igieniche per scongiurare ogni rischio di contagio: cuocere la carne in ogni sua parte per tre minuti ad almeno 70 gradi di temperatura.“Gli allarmismi sono del tutto inutili ed inopportuni- scrive il dottor Totaro in una nota alla stampa- perché bastano delle semplicissime regole igieniche come quella di cuocere bene le carni macinate e lavorate per scongiurare ogni tipo di rischio per la salute. Continuiamo pure a mangiare tranquillamente verdura, carni e frutta italiana che sono il cibo più sicuro al mondo”. D.I.

Sabato scorso l’assemblea nazionale

Sel spaccato sulla leadership Va ‘in fumo’ anche la riunione con Vendola CAMPOBASSO. Spaccati, paralizzati e in panne ormai da troppo tempo. Questa la condizione in cui naufraga già da prima delle elezioni Provinciali Sinistra ecologia e Libertà. Una situazione paradossale, visto che il partito è senza il suo leader regionale dopo le dimissioni del coordinatore Mauro Natalini (risalenti ai primi giorni di maggio) e nel quale non si riesce a trovare un accordo. Non a caso, nell’ultima assemblea regionale, tra i favorevoli e i contrari al ritorno dell’ex segretario c’è un solo voto di scarto. Una situazione paradossale che alcuni membri molisani del partito avrebbero voluto illustrare all’assemblea nazionale che si è svolta a Roma sabato scorso. Tuttavia, tutto è sfumato a causa di un impegno improrogabile a cui ha dovuto partecipare il presidente di Sel Nichi Vendola. Una nuova convocazione del comitato è prevista nei prossimi giorni, anche se nell’aria serpeggia un certo pessimismo. Secondo alcuni, infatti, una nuova intesa sarebbe impossibile da trovare. Intanto, nonostante tutto, nel partito si pensa anche alle primarie nella coalizione con il Partito democratico e il Psi. E il Sel, nonostante non abbia ancora le idee chiare neanche sul candidato da proporre, pare che uno comunque lo metterà in campo. Staremo a vedere. V.d.T.


MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

ANNO XIV - N. 169

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

L’economia molisana, rilancio soffocato Il testo redatto dalla filiale di Campobasso della Banca d’Italia è stato presentato all’Università del Molise zione intitolata “L’Economia del Molise”.L’evento, svoltosi ieri presso il primo edificio polifunzionale dell’Ateno molisano, ha visto la partecipazione di illustri esponenti del mondo civile e militare tra cui il senatore Michele Iorio, l’assessore GianfrancoVitagliano, l’assessore Aldo De Benedittis, il viceprefetto di Campobasso Paola Galeone, il GeneDa sinistra Bianco, Cannata, Capozza e de Matteis rale dell’Arma

di Giuseppe Di Palo “Il nostro nucleo regionale ha condotto degli approfondimenti che vanno a configurarsi come un contributo di conoscenza da condividere”. Con queste parole, seguite ai saluti

del Rettore dell’Università del Molise Giovanni Cannata, la dott.ssa Giuseppina Capozza – Direttore della Filiale di Campobasso della Banca d’Italia – ha introdotto la conferenza volta a presentare la pubblica-

Il pubblico che ha partecipato all’incontro

dei Carabinieri Gianfranco Rastelli, il Capitano Campione, il Colonnello della Guardia

di Finanza Lucandrea Buffoni ed il comandante Fernando Verdolotti.

Denuncia una donna per furto di assegno, ma è la compagna del suo cliente

Calunnie galeotte, condannati in due Un 65enne aveva accusato due carabinieri di lesioni colpose nei suoi confronti Aveva accusato due carabinieri di lesioni colpose nei suoi confronti, un 65enne residente in un paese della provincia di Campobasso è stato condannato a due anni e due mesi di reclusione per calunnia, pena sospesa. L’avvocato Robustini aveva chiesto l’assoluzione dell’uomo. Nella tesi difensiva esposta al giudice Scarlato il legale ha evidenziato il fatto che non sussistesse il dolo, ossia non c’era la volontà da parte del suo assistito di denunciare i due militari, ma solo di chiarire la sua pozione. Il pm Sale aveva chiesto la condanna a sedici mesi. La difesa sicuramente impugnerà la sentenza. L’episodio risale al settembre 2005, quando un 65enne di un paese della provincia, condannato col patteggiamento per resistenza a pubblico ufficiale durante una lite fra vicini, inviò una lettera destinata ai due rappresentanti delle for-

ze dell’ordine in cui spiegava la sua versione dei fatti (sembra che l’uomo abbia anche denunciato di aver riportato una ferita alla mano). Forse un’accusa di troppo e il 65enne è finito (di nuovo) in Tribunale. La denuncia per calunnia è costata cara anche un uomo di Campobasso, condannato a due anni dal giudice Scarlato. L’uomo, difeso dall’avvocato Piunno, aveva accusato una donna di furto, perchè lei aveva tentato di ritirare un assegno firmato dall’imputato senza che l’uomo, a detta della difesa, conoscesse la “beneficiaria”. Secondo la difesa il titolo di credito era destinato a un suo cliente, il quale avrebbe poi dato l’incarico alla moglie di ritirarlo all’insaputa dell’emissario. L’accusa però contesta il passaggio, sostenendo che la donna era presente con il marito al momento in cui l’assegno veniva firmato. AB

Slot Machines, indagati restano ai domiciliari Il gip rigetta le altre istanze, giovedì i Riesami Operazione ‘Slot Machines’, il gip ha rigettato le altre istanze di scarcerazione presentate dagli avvocati Quaranta e Piunno. Gli indagati F.M., L.L. e G.L. restano ai domiciliari.

I legali molto probabilmente faranno appello. Intanto giovedì verrà discussa davanti al Tribunale del Riesame la richiesta della revoca della misura cautelare per tre dei soggetti in

carcere (al quarto il gip ha negato la settimana scorsa la possibilità di lasciare la casa circondariale di via Cavour). Il Riesame dovrà pronunciarsi anche per uno degli indagati agli arresti domiciliari.

Tre gli argomenti principalmente trattati: le infrastrutture, il Molise a confronto con le altre realtà nazionali ed il lavoro femminile.Al tavolo dei relatori anche Magda Bianco e Pietro De Matteis della Banca d’Italia. “Nel 2010 – spiega la dott.sa Bianco – l’economia del Molise ha mostrato una tenue ripresa distribuitasi su tutti i comparti dell’industria manifatturiera. Tuttavia, le condizioni del mercato rimangono sfavorevoli in quanto l’occupazione (specie quella femminile) è ulteriormente diminuita”. “Il nostro Governo regionale ha dichiarato il governatore Iorio - ha voluto investire importanti risorse per sostenere la ricerca, l’innovazione e l’internazionalizzazione nella consapevolezza che questi elementi sono gli strumenti adatti per accelerare al massimo l’uscita dalla crisi.Le stesse analisi della Banca d’Italiadimostrano che l’economia regionale, nell’ultimo decennio, è cresciuta in termini di Pil e di occupazione rispetto al resto del Mezzogiorno.Certo - conclude il Senatore - la strada è ancora lunga. Non ci si può e non ci si deve accontentare. Dobbiamo fare sistema, dobbiamo continuare a supportare i nostri imprenditori in un virtuoso progetto di qualificazione della propria produzione che possa portare ad un’occupazione sempre più professionalizzata ed ad una presenza più quantitativamente ampia sui mercati delle economie emergenti e, più in generale, in quelle globali”.

Gli arresti di Polizia e Carabinieri

5


6

Martedì 21 giugno 2011

Nelle parole del presule il vero senso della Tenda dell’Adorazione

La tenda dell’adorazione allestita in centro

Corpus Domini, il messaggio del vescovo Bregantini di Ylenia Fiorenza E’ suddiviso in sei “tappe” il messaggio eucaristico dell’arcivescovo di Campobasso, mons. Giancarlo Bregantini, presentato durante la conferenza stampa di ieri mattina. Tappe che ricalcano non solo il punto fermo della spiritualità ma anche “la passione” che la Chiesa, alla maniera di Dio, cerca di vi-

vere per l’uomo. In esso il presule ha voluto descrivere dettagliatamente il senso della Tenda dell’adorazione per la festa del Corpus Domini. Dentro la formula evangelica, il Pastore non fa mancare certo gli stimoli e i moniti, perché dalla lettura traspare esplicitamente che si stratta di un messaggio realizzato su un terreno arduo e insieme

fiducioso, nel tentativo di “riflettere sulla tipicità molisana”, di fronte ad una realtà di progressivo svilimento. Con un rimando costante alla vitalità del “pane chiesto e accolto”, quella che delinea Bregantini è dunque “una fede non staccata dalle cose, che non si ritira dietro le quinte, ma che ha voglia di incidere sulla quotidianità, senza la fretta di stabilirsi su un qualunque approdo, perché è al cuore della città che mira e per questo non può ri-

Prende forma il programma delle festività Il Molisani Song Contest tra le novità Oramai ci siamo. A meno di una settimana dall’atteso appuntamento con la tradizionale festa dei Misteri prende forma il programma delle attività che accompagnano la manifestazione folcloristica preferita dai campobassani. Quest’anno i festeggiamenti raddoppieranno: agli eventi previsti per i Corpus Domini si affiancheranno quelli organizzati in occasione della festa di San Giovanni Battista. Musica e sport in piazza Municipio accompagneranno le celebrazioni che si concluderanno in grande stile con l’atteso concerto gratuito dei Pooh in piazza Prefettura. Dedicata alla fotografia è invece l’iniziativa della Bibliomediateca Comunale. In occasione della settimana dedicata alla sfilata dei Misteri del Di Zinno verrà presentato venerdì 24 giugno e messo in rete attraverso il sito web della struttura www.altrimedia.org un apposito catalogo consultabile online che include oltre 200 tra le foto più significative realizzate nel corso dei precedenti dieci anni del concorso fotografico dell’associazione culturale “Sei TorriTommaso Brasiliano”. Dal primo all’otto luglio nell’atrio del Palazzo comunale sarà possibile ammirare le opere dedicate ai Misteri realizzate dai partecipanti in questa edizione. Da giovedì entreranno nel vivo anche i festeggiamenti in onore di San Giovanni Battista.La manifestazione di devozione religiosa sarà rallegrata anche da spettacoli musicali: il 24 giugno suoneranno i “Cantautori clandestini”, mentre venerdì sarà la volta del festival canoro dei giovani talenti molisani “Molisani song contest” con la

direzione artistica di Antonello Carozza. L’evento è organizzato dall’Ima Molise e dalla Music Academy di Larino e prevede la partecipazione straordinaria di Piero Romitelli (ex componente del duo Pquadro). Una grande vetrina promozionale per i migliori giovani

talenti emergenti del Molise (dai 15 ai 35 anni), ma soprattutto una grande occasione professionale per i partecipanti. Saranno infatti accompagnati sul palco dai musicisti dell’Imam Light Orchestra per dar vita ad uno spettacolo di grande impatto e qualità artistica. D.I.

manere solo incenso”. . E poi la parte più esaltante del suo intervento, “permettere a Dio di diventare, non noi il suo spazio, ma Lui lo spazio in noi, perché venga gettata luce in abbondanza laddove la notte è dolore, dramma, perdizione, abuso, morte”. La Tenda collocata dentro la città parla, infatti, di “silenzio, di gratuità, di spazio di incontro, di riconciliazione e non di fuga dal tempo”. Radunati attorno al mistero dell’Eucaristia, i fedeli sentono Si è spenta mamma Albina, madre dolcissima di Monsignor Giancarlo Maria Bregantini. I molisani si sono lasciati subito conquistare da questa figura di donna che non ha mai smesso il ruolo di madre, rendendo concreta di consigli e incoraggiamenti la sua presenza al fianco del figlio vescovo. E’ stata la persona più fragile e più in vista giunta al seguito di questo vescovo proveniente dalla Calabria; presente, sagace, cordiale, socievole nei modi. Monsignor Bregantini reso ricco dall’amore materno ha profuso altrettanta tenerezza alle persone anziane e ad ogni mamma incontrata con figli piccoli o grandi accanto. In occasione della festa della mamma lo scorso 9 maggio ha rivolto a loro questo messaggio. “Grazie a voi mamme perché ci fate scorgere in tutto ciò che ci circonda un dono da parte di Dio! Vi affido a Maria, Madre Nostra con questi versi a me molto cari:

che l’adorazione prende il sapore di una celebrazione rituale e diviene momento

dell’affermazione della cosiddetta “preghiera contagiosa”. Nel chiudere il suo messaggio, l’arcivescovo ha poi voluto ricordare che “il dono dell’Eucaristia è lo scorrere della carità verso gli ultimi e i dimenticati della società”. Ciò suppone che la leggenda del pellicano che nutre i suoi piccoli col proprio cuore, è incessantemente superata dalla realtà di fede che Cristo, sotto forma di pane, nutre di vita le anime che lo accolgono.

La Diocesi unita al suo Vescovo piange mamma Albina <Dire il tuo nome Maria, è dire che ogni nome di mamma può essere pieno di Grazia>” La signora Albina Odorizzi si è spenta a 91 anni nella sua Denno ieri pomeriggio. Le esequie saranno celebrate domani alle 17,00 nella parrocchia della località trentina. La comunità diocesana si stringe intorno al cuore di padre GianCarlo in questa ora mesta ma piena di speranza cristiana. Nei pensieri di una Madre c’è sempre il figlio. Nel cuore di un figlio batte forte la presenza del volto che gli ha donato la vita. Quando improvvisamene o in una tacita accettazione lei sale al Padre resta il suono dell’amore e la muta presenza.

Lutto

“In ginocchio, decisa, sarai una statua davanti all’Eterno, come già ti vedeva quando eri ancora in vita. Alzerai tremante le vecchie braccia, come quando spirasti dicendo: Mio Dio, eccomi”. L’Editore, il Direttore, la Redazione de “il Quotidiano” con affetto e stima abbracciano Padre GianCarlo nel momento della dolorosa separazione dalla mamma Signora Albina Odorizzi

‘Vecchietti’ raggirati da finti dipendenti Telecom Il processo va avanti Anziani raggirati da persone che si spacciavano per dipendenti Telecom, va avanti il processo. In aula ieri sono stati ascoltati dal giudice Petti una decina delle oltre centocinquanta vittime della truffa contestata, tutte di Campobasso e dei comuni limitrofi. Sul banco degli imputati cinque persone, tre uomini e due donne, di origini campane. I testi dell’accusa, rappresentata dal pm Cirelli, hanno riferito le modalità della frode, consumatasi nel corso del 2008: le ragazze telefonavano i loro “clienti”, quasi tutti anziani, e li informavano che il loro apparecchio telefonico doveva essere sostituito con un altro fornito

dall’azienda. Una tecnica semplice con poche frasi per convincere il proprio interlocutore: il telefono ha problemi di funzionalità, ne mettiamo a disposizione uno migliore. A titolo gratuito. I testimoni hanno raccontato che un fattorino si presentava a casa con il nuovo apparecchio e una “ricevuta” da firmare, giusto per la consegna. Di fatto, invece, si trattava di un contratto, per giunta senza una copia rilasciata al cliente, in cui venivano stabilite le rate bimestrali a carico dei firmatari. Ogni sessanta giorni le vittime si vedevano arrivare bollette aumentate di 169 euro. Inoltre i nuovi telefoni necessitava-

no di una presa Adsl, all’insaputa dei numerosi anziani, spesso, non certo per loro colpa, poco pratici con la tecnologia moderna. A rappresentare le parti civili gli avvocati Roberta Potente, Carlo Santella, Miguel Mastran-

gelo e l’avv o c a t o Giannangeli Il tribunale del foro di Milano. In difesa degli imputati gli avvocati Cagno e Cerbone. Il primo luglio sarà incaricato un perito per trascri-

vere le telefonate fatte alle vittime dalle donne imputate. Il 18 ottobre si procederà con l’esame dei testi del pm.

Gli ‘schiavisti’ si appellano al gip Arrestati dalla Mobile di Campobasso con l’accusa di concorso in tratta di persone e riduzione in schiavitù ai danni di una ragazza bulgara, i tre rom si appellano al gip. Gli avvocati Vincenzo D’Apolito e Federico Liberatore presenteranno questa mattina istanza di revoca delle misure cautelari. Le due donne, madre e figlia, si trovano attualmente nel carcere femminile di Chieti, mentre il

ragazzo è ai domiciliari. Secondo i legali non sussistono più i pericoli di fuga, di inquinamento delle prove e di reiterazione di reato, considerando anche che la querelante si trova attualmente all’estero. Sempre per la difesa in questo modo le due donne, interrogate per rogatoria, potranno essere ascoltate con maggiore praticità dal gip competente, Giovanni Falcione.


Martedì 21 giugno 2011

7

Il Movimento Consumatori offre consulenza ai cittadini che hanno subito danni a causa dei problemi dell’ente.Agiorni sarà convocato un tavolo con le associazioni

Caos alle poste, si pensa ai risarcimenti Il Movimento dei Consumatori offre consulenza e sostegno gratuito a tutti i cittadini che abbiano subito danni economici documentati a causa dei disservizi postali verificatesi all’inizio di giugno. Questo è l’appello di Lorenzo Mozzi, presidente dell’associazione, agli utenti che danneggiati economicamente a causa di un problema di software che ha provocato lo stop totale della linea telematica rallentando le operazioni di pagamento, di ritiro contanti e spedizione pacchi. In tanti hanno “sofferto” in quei giorni a causa di lunghe attese ed estenuanti code agli sportelli. La società ha ora predisposto la

procedura di risarcimento nei casi documentati. “E’ degli scorsi giorni- ha spiegato Filippo Poleggi della direzione nazionale del Movimento Consumatori- la notizia che Poste Italiane convocherà a giorni un tavolo con le associazioni dei consumatori. In quella occasione saranno verificati i singoli casi accertati, quelli che possono oggettivamente valutati e quantificati. Per esempio, se un utente a causa di disservizi ha effettuato un pagamento in ritardo e ha dovuto pagare un surplus, in quel caso il danno potrebbe essere facilmente quantificato”. Gli utenti che ritengono di avere un danno accertato, pos-

Unimol party, l’Ateneo chiude in... bellezza Puntuale come un orologio svizzero, torna anche quest’anno l’Unimol Party, festa di fine anno accademico per salutare amici e professori prima della chiusura estiva delle sedi dell’Università degli Studi del Molise. L’evento, che avrà luogo il 22 giugno presso gli spazi adiacenti alla Facoltà di Economia, è stato organizzato dagli studenti dell’Associazione Universitaria Chi-Rho, mossi dalla consapevolezza che la vita tra le mura del-

l’Ateneo non si riduce a soli corsi ed esami, ma si configura come momento di incontro, di amicizia e di crescita personale (oltre che professionale). L’happening Unimol di quest’anno avrà inizio alle ore 17.00 con la presentazione di una mostra sulla libertà. Seguirà l’apertura degli stand gastronomici prevista per le 20.00. Infine, il concerto di musica popolare del gruppo “I

Buon compleanno Francesco! Sei venuto al mondo trent’anni fa. Oggi qualcosa è cambiato, si toglie il vestito da bambino e si diventa adulto! Auguri di buon compleanno a Francesco da Michele e Samanta e un bacio da Mirko. Un augurio speciale anche dalla redazione de ‘Il Quotidiano del Molise’.

L’Ateneo molisano

Trementisti” chiudera la serata forgiata interamente all’insegna del divertimento e dello stare insieme. Gdp

L’iniziativa mira ad informare gli operatori sociali e di polizia sulle modalità di trattamento delle vittime

Crimine e sicurezza, a luglio il progetto del Laboratorio Access – Against Crime: Care for Elders Support and Security. E’ questo il titolo del progetto, che prenderà il via il prossimo luglio, presentato alla Commissione Europea da parte del Laboratorio italiano di Criminologia insieme all’Unimol, “La Sapienza” di Roma, la Fondazione Santa Lucia, la Regione Lazio, l’IMED, il Ministero dell’Interno francese e le Università di Tryggare (Svezia) e di Maribor (Slovenia). Il progetto mira ad informare gli operatori sociali e di polizia sulle modalità di trattamento ed assistenza delle persone, soprattutto anziane, vittime di azioni criminose così da poter anche ottenere utili notizie e testimonianze per portare avanti le indagini. Grande la soddisfazione espressa dal

Antonio Bontiempo spegne trenta candeline Trenta candeline per Antonio Bontiempo. Auguri per i tuoi 30 anni da parte di tutta la comitiva caraibica... e non solo. Rimani sempre cosi come sei. Ad Antonio un mega augurio anche dalla redazione del Quotidiano del Molise.

sono contattare il Movimento Consumatori rivolgendosi allo sportello aperto il lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 16:00 alle 18:00. Gli interessati sono pregati di attivarsi con urgenza per conPoste (archivio) sentire di valutare la consistenza del problema e decidere di conseguenza se accettare o meno l’invito di Poste Italiane. D.I.

dal sindaco Di Bartolomeo. “Non esiste altra strada che quella della ricerca e della sperimentazione continua in vittimologia - spiega il professor Davide Barba - la mancanza di strutture preposte all’assistenza ed all’accompagnamento delle vittime del crimine impone uno sforzo comune, soprattutto sul versante della formazione e dell’integrazione di competenze e conoscenze che non può prescindere, però, dal preventivo studio della realtà effettiva del fenomeno. Questo finanziamento - conclude il docente - “rappresenta il punto di inizio di una nuova stagione della ricerca nella nostra regione, orientata finalmente alla soddisfazione delle necessità e dei bisogni concreti della gente”. gdp

Auguri Martina L’estate non poteva che cominciare con un sole così splendente, il sole che tu mi dai ogni giorno... Amore mio ecco giunto per te questo primo passo importante della tua vita... Io Sono al tuo fianco e non posso che augurarti infiniti Auguri per i tuoi 18 Anni... Ti amo amore.. Un Tanti tanti tanti auguri


MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

ANNO XIV - N. 169

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Sabato mattina la scoperta: la sua auto e quella del figlio con due ruote bucate

Romano:‘Evitiamo falsi allarmismi’ L’ex vicensindaco esclude atti intimidatori e ringrazia per l’ampia solidarietà

Il consigliere Tonino Romano

“Non è il caso che si creino falsi allarmismi, né ipotesi fuori luogo.” Questo è il commento del consigliere bojanese, del Popolo della Libertà, Tonino Romano in merito a quanto accaduto sabato mattina quando uscendo di casa ha

Il consigliere è sereno, tanto che non ha sporto denuncia... si è limitato solo ad andare dal gommista

trovato bucate due ruote della sua auto e due ruote dell’autovettura del figlio. Si è parlato di atti intimidatori o di una possibile ragazzata che purtroppo ha portato un danno sicuramente economico all’ex vicesindaco che ci ha rimesso di buon mattino le spese per quattro bucature. “Non voglio mettere in giro notizie infondate e sinceramente non voglio nemmeno pensare che sia valida l’ipotesi dell’intimidazione, tanto è vero che non ho sporto nemmeno denuncia sull’accaduto. Certo, abitando al centro la notizia, accaduto tra l’altro di sabato si è diffusa a macchia d’olio e numerosissime persone mi hanno contattato esprimendomi solidarietà. Io ringrazio tutti ma non

Petraroia si rivolge ai sindaci del beneventano

Parco del Matese, pericolo eolico sul versante campano Rivolgendosi al sindaco di Sindaco Floriano Panza di Guardia Sanframodi, in provincia di Benevento, il consigliere regionale Michele Petraroia esprime la sua più viva preoccupazione per il rischio di devastazione ambientale del Massiccio del Matese che è interessato ad una proposta bipartisan di istituzione di un Parco Nazionale presentata da 12 Senatori di tutti gli schieramenti politici. “L’evoluzione del Parco Regionale della Campania in Parco Nazionale comprensivo anche del versante molisano segnerebbe la tutela e la valorizzazione della più ampia area verde incontaminata del Centro-Sud d’Italia – spiega Petraroia -In questo percorso istituzionale occorre unità d’intenti interregionale, capacità di cooperazione e sinergie positive tra Associazioni Ambientaliste, organizzazioni agricole, Enti Locali, Province e Regioni. Chiaramente il Massiccio del Matese va preservato insieme alle aree circostanti e tra queste la meravigliosa Valle Telesina da impianti invasivi dell’eolico selvaggio che ne stravolgerebbero i tratti identitari e ne

8

Archivio

credo sia il caso di preoccuparsi troppo, sono più che sereno.” Per quanto riguarda l’attività politica il consigliere, così come tutta l’assise, si prepara per la prossima settimana alla seduta consiliare che dovrà approvare il bilancio preparato dalla nuova amministrazione. Tonino Romano, ex vicesindaco nonché ex assessore al Bilancio, si è detto pronto ad assumere posizione critica e nei confronti del bilancio preventivo, mentre già conosce quello consuntivo essendo stato lui stesso a stilarlo.

Nel frattempo l’auspicio è che davvero quanto accaduto qualche giorno fa sia solo una ragazzata e che

non ci sia alcun risvolto né politico, né di altro tipo dietro quattro ruote forate. DaDo

Pieno sostegno anche da Costruire Democrazia “A nome mio e del movimento Costruire democrazia, esprimo la mia piena solidarietà e vicinanza al consigliere comunale Antonio Romano e alla sua famiglia, vittime di inqualificabili atti

di natura intimidatoria verificatisi nei giorni scorsi” è quanto afferma il consigliere regionale di Costruire democrazia Massimo Romano. “Tali atti non possono passare inosservati ma, al con-

trario, devono essere assolutamente condannati e denunziati per la salvaguardia della serenità e della comunità bojanese e per la garanzia della privata e pubblica incolumità”.

Grande attesa per il concerto di Enrico Ruggeri

Spinete si prepara ad onorare San Giovanni Battista

segnerebbero il degrado paesaggistico e ambientale. Insieme possiamo costruire un Parco Nazionale che non si limiti a preservare l’ambiente ma diventi laboratorio delle tradizioni rurali, dei riti religiosi, dei costumi popolari, dei beni archeologici e dei prodotti tipici dell’agricoltura e dell’allevamento matesino. Condivido la giusta preoccupazione sull’installazione di centinaia di pale eoliche nella Valle Telesina e sollecito la Regione Campania e la Direzione Regionale dei Beni Culturali della Campania a valutare con attenzione i singoli progetti, anteponendo il rispetto dell’art. 9 della Costituzione e la tute-

la del bene comune sugli interessi di ditte private che perseguono profitti e guadagni con scarse ricadute sociali, occupazionali e di sviluppo complessivo del territorio”. Petraroia si è cosi rivolto per conoscenza anche ai sindaci di San Lupo, San Lorenzo Maggiore , Castelvenere e Cerreto Sannita nonché al Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, all’assessore regionale all’Ambiente della Campania, al presidente della Provincia di Benevento, al presidente Commissione Ambiente Regione Campania e al Direttore Regionale dei Beni Culturali Regione Campania.

SPINETE. Si prepara ai festeggiamenti in onore di San Giovanni Battista la cittadina matesina che da dopodomani omaggerà il Santo Patrono. In realtà la fase religiosa è già iniziata la scorsa domenica, 12 giugno, con la celebrazione di alcune messe e la processione verso il paeEnrico se. Dal 15 ogni pomerigRuggeri gio è stata celebrata la Novena Solenne che verrà celebrata , come da tradizione fino a domani, mentre dopodomani ci sarà la messa Spinete

della Vigilia presso la chiesa di Santa Maria Assunta. Venerdì la Santa messa verrà celebrata alle 8.00 e alle 9.30 presso la chiesa di Santa Maria Assunta, alle 10.30 ci sarà l’Omaggio ai Caduti e alle 11.30 la santa messa verrà celebrata il piazza Largo Fontana seguita dalla processione Solenne in paese. Alle 18.00 ci saranno i Vespri Solenni sempre nella chiesa di Santa Maria dell’Assunta. Il programma civile si aprirà invece giovedì sera con l’orchestra spettacolo “ Danilo’s band”; venerdì, giornata clou dei festeggiamenti ,ci saranno sin dal pomeriggio alle 17.00 i giochi gonfiabili per i bambini, alle 21.30 ci sarà il concerto di Enrico Ruggeri ed alle 23.45 i fuochi pirotecnici. Per la serata di sabato è previsto invece un concerto di musica classica presso la chiesa Santa Maria dell’Assunta


MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

Federalismo fiscale fra riforma ed emergenza al centro della discussione che ha visto a confronto l’Anci, l’Ifel e molti amministratori locail, in particolare sindaci del mezzogiorno. Due giorni per discutere sul meccanismo dei trasferimenti per i comuni come quelli molisan, basati su IVA e popolazione, cioè consumi e peso demografico. “Due riferimenti fortemente penalizzanti per il Molise” sintetizza Fanelli, consigliera nazionale Anci e delegata per le politiche comunitarie, che fornisce in una nota anche i riferimenti normativi puntuali. In particolare ci si è soffermati sull’articolo 11 della legge 5 maggio 2009, n. 42 che al fine di avviare un percorso di restituzione di piena autonomia finanziaria a Comuni e Province, disponela soppressione dei trasferimenti erariali e regionali diretti al finanziamento delle spese di qualsiasi natura. Il decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo municipale, prevede che ai Comuni sia at-

ANNO XIV - N. 169

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

All’appuntamento ha partecipato il sindaco Micaela Fanelli: “Molise penalizzato”

Federalismo fiscale, l’Anci boccia il trasferimento delle risorse ai Comuni tribuita una compartecipazione al gettito IVA e prevede l’istituzione di un fondo sperimentale di riequilibrio per realizzare in forma progressiva e territorialmente equilibrata la devoluzione ai Comuni dei tributi immobiliari. I trasferimenti fiscaliz-

zabili, sulla base di quanto analizzato dalla Commissione per l’attuazione del federalismo fiscale, considerati gli effetti della riduzione delle risorse di cui al decreto legge 78 del 2010, ammontano, per l’anno 2011, a 11.265 mln di euro e, per

Il sindaco Fanelli

l’anno 2012 e seguenti, a circa 11.070 mln di euro. Nel fondo sperimentale di riequilibrio convergono i gettiti redistribuiti ai Comuni. “Di questo, quello che preoccupa di più per noi molisani è che la compartecipazione IVA è distribuita ai singoli Comuni in relazione al territorio su cui si è determinato il consumo che ha dato luogo al prelievo: l’assegnazione avviene sulla base del gettito dell’IVA regionale (non essendo ad oggi disponibile il gettito in ambito provinciale), ed è distribuito in base alla popolazione del comune”. Le modalità di attuazione sono state definite attraverso apposito DPCM e sono state stabilite con decreto del Ministro dell’Interno, previo accordo in conferenza Stato Cit-

tà. L’accordo è intervenuto il 31 maggio 2011. “L’ANCI ha lavorato molto per questo – riconosce Fanelli con accenti positivi e grati - per tenere dentro tutte le esigenze, raggiungendo buoni risultati, che tuttavia non eliminano le criticità per territori come i nostri”. Il Fondo sperimentale di riequilibrio ammonta a 8.376 mln. “In base alle disposizioni normative – conclude Fanelli - quindi al Comune di RICCIA, ad esempio, spettano 230.906 mila euro di compartecipazione IVA e 921.985 di fondo sperimentale di riequilibrio. Un taglio di 165 mila euro. Il pericolo vero è però quello della manovra in vista, con i miliardi di euro in meno paventati per i diversi comparti della Pubblica Amministrazione. Si tratta di 40

miliardi: non vorremmo che per l’ennesima volta il carico di sacrifici si scaricasse quasi interamente sul comparto dei Comuni”. “Quello che non temiamo e che invece chiediamo con forza – prosegue Fanelli – è invece l’applicazione dei criteri di virtuosità. E’ da tempo che l’Anci si oppone ai tagli lineari, in modo che gli enti virtuosi vengano premiati e che i criteri di virtuosità vadano condivisi con i Comuni. Ad esempio, il mio Comune verrebbe fortemente premiato se si prendesse a riferimento il rapporto fra spesa del personale e il totale delle entrate o la capacità di partecipazione al recupero dell’evasione. O anche per le tipologie di investimento avviate per raccolta differenziata ed energie rinnovabili”.

Pietracatella. Una serie di eventi di richiamo a cui parteciperanno i rappresentanti di tante nazioni

Il gruppo La Morgia al ‘Mondial Folkfestival’ La manifestazione si terrà nella città di Galati, in Romania, dal 13 al 22 agosto Dopo il successo della scorsa settimana a Silvi Marina piovono altre occasioni per l’ associazione folkloristica “La Morgia”. Gli orizzonti si allargano tra gli appuntamenti più prestigiosi, tra cui l’invito al Mondial folk festival nella città di Galati – Romania, che gli ormai celebri ballerini raggiungeranno dal 13 al 22 agosto.

Si tratta di un evento importantissimo al quale parteciperanno 30 gruppi provenienti da tutto il mondo; sarà un a vera e propria sfida dove ci sarà da concorrere per l’assegnazione dei primi tre premi mondiali e di 4 premi speciali. Eventi di richiamo che consentiranno ai gruppi di sfoggiare la migliore musica coreografia e tradiziona-

Ospiti Serbia, Venezuela Kenia e Italia

le. Saranno 4 serate intense di emozioni, animate da spettacoli musicali, splendide coreografie, tradizione e autenticità. Un evento importantissimo per noi commenta Ivo Polo, direttore artistico del gruppo locale ma sicuramente un’ esperienza ricca di emozioni. I membri del gruppo che si esibiranno sono pronti a metterci tutta l’energia, le prove le revisioni dello spettacolo continuano interrottamente visto che le uscite in programma sono tante. Con il rientro faranno tappa al folk festival nella città di Trieste e Macerata. Nel frattempo il gruppo e in moto per il 5° Festival Internazionale del Folklore, una manifestazione di ampio respiro che vede di anno in anno il coinvolgi-

Democrazia Cristiana Di Iorio segretario della locale sezione

mento di gruppi provenienti da molte parti del mondo che, sotto la direzione artistica del gruppo folk locale, si esibiranno a Pietracatella il prossimo 7 agosto a partire dalle ore 21 in piazza Santa Maria, in occasione dei festeggiamenti di San Donato. I gruppi ospiti sono: Serbia, Venezuela, Kenia e Italia.

Prosegue l’impegno della sezione riccese della Democrazia Cristiana. E’ Michele Di Iorio il nuovo segretario cittadino di Riccia nominatolo domenica 19 giugno da Giuseppe Monita, membro del direttivo regionale di partito in qualità’ di responsabile di collegio. Secondo quanto dichiarato da Monita Michele ha guadagnato a pieno titolo sul campo la nomina a segretario cittadino. Il cinquantenne, sposato e padre di due figli, è una persona moderata che ha sempre creduto nel partito della Democrazia Cristiana, anche quando quest’ultimo non era piu’ presente sullo scenario politico. “Persona volenterosa, aperta agli altri – ribadisce Monita - dotato di spirito di altruismo e di sacrificio. Michele e’ una persona onesta, trasparente e matura. Sono sicuro che Michele contribuira’ a portare avanti il suo incarico con serietà e professionalità e con il suo impegno contribuirà al sicuro successo della Democrazia Cristiana di Riccia””.

9


MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

ANNO XIV - N. 169

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Domanialle16e30pressolaComunitàMontana“TrignomedioBiferno”

Comunità montana

Seminario partecipativo per la promozione del territorio Seminario partecipativo “ Promozione e gestione unitaria del patrimonio culturale”. La Comunità Montana “ Trigno medio Biferno”, ha organizzato per domani mercoledì 22 giugno, questo seminario, presso la sede di

Piana d’Ischia, con inizio alle 16 e 30. Aprirà i lavori il commissario dell’ente montano, Eldo Fierro. Ci saranno le relazioni su: Il progetto di promozione; il metodo; i materiali disponibili; il passaggio di consegna. Poi gli

mappa della comunità

scenari futuri: il punto di vista degli attori del territorio. Poi ancora le prospettive: con una breve illustrazione del lavoro svolto. Infine, interverranno: l’assessore al Turismo, Franco Giorgio Marinelli; l’assessore al Patrimonio Culturale, Filoteo Di Sandro; il presidente della Provincia di Campobasso, Rosario De Matteis; il presidente Cciaa di Campobasso, Paolo di Laura Frattura. Poi, gli interventi degli attori del territorio, le conclusioni spetteranno all’assessore alla Programmazione, Gianfranco Vitagliano. “ Ogni territorio è speciale - scrive Eldo Fierro nella presentazione dell’evento - Ogni territorio rappresenta, prima di tutto, per chi lo abita, qualcosa di molto più complesso di una semplice superficie caratterizzata dalla presenza di determi-

nati attributi come una popolazione, strade, insediamenti elementi naturali e paesaggisti. Il territorio non è solo il terreno su cui si vive e si lavora, ma ingloba la storia degli uomini che vi hanno abitato e lavorato nel passato e le tracce, materiali ( come modifiche del paesaggio e tipologie costruttive) o immateriali ( come leggende e particolarità linguistiche) con le quali l’hanno segnato. Esso contiene un patrimonio diffuso ricco di dettagli e soprattutto una fitta, densissima rete interrelazioni fra tutti questi elementi. Per questo anche se a prima vista può sembrare simile a tanti altri, ogni territorio è speciale e su questo “ speciale” che la Comunità Montana “ Trigno – medio Biferno” ha inteso puntare attraverso attività di promozione iniziate con il Pit

Promotrice la locale associazione combattenti

Una delegazione fossaltese al raduno nazionale di Monte Zurrone di Agnese Genova FOSSALTO. In occasione della cinquantunesima giornata del ricordo in programma domenica 26 giugno su Monte Zurrone, a Roccaraso, una comitiva fossaltese parteciperà al raduno nazionale. Ogni anno la locale associazione combattenti e reduci di guerra organizza, l’ultima domenica di giugno, un pullman di partecipanti per essere presenti alla cerimonia in provincia dell’Aquila. Particolarmente sentita, soprattutto dai più anziani, la manifestazione dedicata ai 145mila Caduti del secondo conflitto mondiale ai quali non fu possibile dare degna sepoltura. Alla loro memoria viene unita anche quella delle vittime nei tragici eventi seguiti alla catastrofe dell’8 settembre 1943, dei martiri delle Foibe, dei campi di concentramento nazisti e delle missioni umanitarie. Anche quest’anno, in località Aremogna, ai piedi del Sacrario di Monte Zurrone associazioni combattentistiche, patriottiche e d’Arma e di tutte le città decorate al Valor Militare si ritroveranno per celebrare la giornata del ricordo. Il Monumento ai caduti senza croce svetta all’apice di una lun-

10

ga scalinata formata da 283 gradini, un sepolcreto di nomi in luogo delle ossa per sempre disperse, fu voluto dal tenace Colonnello Vincenzo Palmieri, combattente egli stesso e che aveva perso un fratello ufficiale in Jugoslavia ed un cugino disperso in Russia. E a ricordo dei propri cari ma anche di tutti i giovani soldati decise di impegnarsi per costruire sui monti abruzzesi un Sacrario che li ricordasse alle future generazioni. La costruzione del Monumento iniziò nel 1956. Il primo settembre 1961 dalla storica Basilica di Santa Croce di Firenze partì, diretta al Sacrario abruzzese,

l’urna bronzea che conteneva i ruolini (piccoli registri in cui sono segnati i nomi dei militari che formano una colonna in marcia ed il loro compito) di un primo gruppo di 12.500 Ufficiali, Sottufficiali e Soldati, tutti caduti senza croce. Manciate di terra, di sabbia e di mare delle località in cui i valorosi soldati hanno combattuto e spento la propria esistenza, periti nel gelo della Russia, nel fango dell’Albania, nel deserto della Libia si conservano nel Sacrario. Per informazioni circa il programma ed iscrizioni si può contattare il presidente della sezione fossaltese dell’Associazione

Combattenti e Reduci, Domenico Tullo, al seguente recapito 328.2898757.

medio Trigno e portate avanti con l’art. 15 e attraverso la continua ricerca sul proprio territorio che sono nate le mappe della Comunità e la TCard. La mappa –continua Fierro - è un processo di crescita della comunità se fatta nel modo giusto è anche un progetto collettivo, perchè mentre si discute di cosa “conta” sul territorio, emergeranno quasi certamente idee di trasformazioni ( cose da progettare, da ripristinare, da modificare radicalmente). La TCard ha come obiettivo principale quello di creare i presupposti affinché nel territorio, possa nascere un organismo di carattere associativo, finalizzato allo svolgimento di compiti valorizzazione del patrimonio territoriale attraverso l’organizzazione e la qualificazione di un’offerta di fruizione di tipo integrato. Perché allora il seminario partecipativo: per avviare il processo, fornire al territorio gli strumenti di me-

todo, ma lasciare poi ai soggetti una eredità che gli stessi dovranno formalmente attuare in una forma solida e duratura. La finalità è, quindi, quella di consegnare agli attori del territorio quanto prodotto per fornire le basi di un percorso e nello stesso tempo per portare questo progetto all’attenzione dei decisori politici perché lo possano sostenere. Il percorso iniziato dalla Comunità montana – chiude Fierro - che oggi lascia in eredità al territorio, è un elemento importante per il benessere e la vitalità della comunità, perché l’indifferenza nei confronti della propria terra è il primo passo verso il declino economico e sociale; e siccome non si apprezza ciò che non si conosce, la scoperta dei valori dei luoghi, del loro carattere speciale è spesso il passo di una strategia mirata al benessere ed alla vitalità di una comunità locale”.

Contro il provvedimento del Consorzio di Bonifica

Gestione Piana d’Ischia Si ricorre al Consiglio di Stato di Vittorio Scarano Gestione tecnico-amministrativo dell’area industriale di Piana d’Ischia, la Giunta comunale ricorre al Consiglio di Stato. La questione, come è nota, parte da lontano, da quando nel luglio del 1999 veniva stipulata una convenzione tra il consorzio per lo sviluppo industriale di CompabassoBoiano e la comunità montana “Trigno medio Biferno”. Attraverso questa convenzione, appunto, veniva affidata al consorzio la gestione tecnico amministrativa del Pip Piana d’Ischia di Trivento, area che è stata poi inserita nel contratto d’area “ Molise interno”. Dopodichè, c’è stata la revoca totale delle agevolazioni per due opere da realizzare nella zona industriale, così il consorzio di bonifica ha ritenu-

to che non c’erano più le condizioni per tenere in piedi la convezione sopraccitata ed ha deliberato ben due volte la rescissione, la n. 49 del 2009 è la n. 35 del 2010, e Il comune per due volte è di Trivento arrivata puntuale l’ordinanza di sospensione del Tar Molise ( l’ultima n. 66/ 2011) che ha accolto le domande del Comune prodotte dopo le suddette richieste di rescissione. Di fronte a tutto questo, il comune si ritiene parte lesa e la giunta ha autorizzato il sindaco Mazzei a fare ricorso al Consi-

glio di Stato “ avverso l’ordinanza n. 66/2011 del Tar Molise da parte del consorzio industriale CampobassoBoiano”.


ANNO XIV - N. 169

MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973 e-mail: quotidianoiserna@gmail.com

REDAZIONE VIA G. BERTA n. 76 - 86170 ISERNIA

Il sindaco di Pesche chiude via Santa Maria del Bagno e via Nazareth. Parte la petizione per chiederne il completamento

Strada incompleta, scoppia la rivolta Il collegamento tra la città e l’ateneo non è stato asfaltato: disagi per i cittadini Via Santa Maria del Bagno e Via Nazarteh, due delle arterie principali del Comune di Pesche, dall’inizio della scorsa settimana, con Ordinanza del Sindaco sono state chiuse al traffico veicolare. Le due arterie sono tate nei mesi scorsi interessate dai lavori di adeguamento per il collegamento tra Isernia, Pesche e l’Università del Molise che a Pesche ha sede. Del Cantiere, che parte dal Centro Commerciale di Isernia e arriva nel cuore di Pesche si sta occupando il Comune di Isernia. Dopo la celerità con cui sono stati posti in opera i marciapiedi, i residenti si attendevano un celere completamento anche nei lavori di allargamento della strada. Da mesi ormai, invece, la strada è ridotta a letto di un fiume: polvere ogni giorno, tanto da costringere i residenti a tenere chiuse le finestre sempre, sassi che al passare delle autovetture schizzano contro finestre e auto in sosta. Una condizione resa ancora più impossibile dalle abbondanti piogge di questi giorni che ora, tra i sassi hanno scavato vere e proprie trincee tanto da rendere ormai la situazione invivibile e decisamente inaccettabile e la strada assolutamente impraticabile. Il Sindaco di Pesche, dopo opportuna diffida, ha ritenuto opportuno interdire la strada al traffico. Gli interessati, più volte sollecitati hanno detto che non ci sono soldi per completare l’opera. Il Comune di

Verso la svolta la Procura indaga

Bimbo morto al Veneziale I genitori riascoltati negli uffici della Questura Isernia ha problemi nell’approvazione del bilancio. Qualcuno ha anche cominciato a chiedersi: “che fine hanno fatto i soldi stanziati per completare l’opera?”. Finora l’unica risposta è stato il silenzio. Ora però i residenti, stanchi, hanno deciso di alzare la voce. Nei prossimi giorni partirà la raccolta di firme in segno di protesta formale.

Nelle foto la strada interrotta

“E’ ora che qualcuno si accorga in quali condizioni ci costringono a vivere” ci ha detto un residente “andremo fin dove c’è da andare e chi dovrà pagare pagherà, questa situazione ormai è dav-

vero uno scandalo”. Insomma, una vicenda destinata ad un seguito tutt’altro che tranquillo, nella quale, per ora, gli unici a pagare sono stati i cittadini di Pesche. Modestino Mari

Proseguono le indagini della Squadra mobile di Isernia per risalire alle cause della morte di un neonato, avvenuta martedì scorso al Veneziale durante le fasi del parto. Ieri pomeriggio i genitori del piccolo, Vincenzo Neri e Liliana Rodriguez, si sono nuovamente recati in Questura per essere ascoltati dagli investigatori. Un incontro che è servito più che altro a chiarire qualche punto rimasto in sospeso. Non è escluso che nelle prossime ore vengano riascoltati i componenti dello staff presente in sala parto

Ospiterà Balmain e gli altri marchi di punta dell’azienda di Pettoranello

L’Ittierre riparte da Milano Operativa la nuova sede del gruppo nella capitale della moda È operativa a tutti gli effetti la nuova sede di Ittierre a Milano. Il gruppo tessile di Pettoranello del Molise ha lasciato lo storico palazzo di via Serbelloni 1 per traslocare in Viale Piceno 17., nell’edificio che in passato è stato sede del marchio Bottega Veneta.Il nuovo quartier generale dell’azienda molisana ripercorre il lusso sofisticato che è la linea guida di tutti i marchi prodotti dal gruppo. Un elegante edificio di 3.600 metri quadrati su quattro livelli, ognuno dei quali strutturato in un ampio loft in cui

Oggi conferenza stampa in Procura Eolico selvaggio, nuova offensiva della Forestale Oggi conferenza stampa del procuratore capo di Isernia, Paolo Albano, per illustrare i contenuti di una “complessa indagine di interesse ambientale” condotta dagli agenti del Corpo forestale del comando provinciale di Isernia. I dettagli dell’operazione non si conoscono. Sembra, comunque, che gli accertamenti disposti dalla Procura della Repubblica del capoluogo pentro riguardino alcuni impianti eolici disseminati sul territorio provinciale. Già nei mesi scorsi il tandem Procura-Forestale aveva portato a risultati importanti su questo fronte. Alcune strumentazioni utilizzate per la misurazione del vento erano state poste sotto sequestro. Certo è che Albano dimostra di essere sensibile alle tematiche della tutela ambientale.

comunicazione e al press office il building di Viale Piceno darà spazio allo s h o w room in cui verranno preSfilata Pierre Balmain sentate tutte le lila luce enfatizza le collezio- nee attualmente prodotte dalni dei diversi brand. l’Ittierre. Nuovi spazi per gli Come riferisce Milano Fi- allestimenti di C’N’C’ Conanza, infatti, oltre all’ufficio stume National, GF Ferré, la

linea giovane di Fiorucci, Ermanno Ermanno Scervino, Galliano, la linea ecosostenibile AchtIttierre e dalla prossima Primavera-Estate anche la linea diffusion Pierre Balmain. L’alta gamma del prête a porter troverà dunque una nuova valorizzazione nei loft di viale Piceno, che sapranno dare il giusto spazio ad ogni singolo brand sapientemente prodotto dall’azienda molisana con tecniche che da molti anni riescono a coniugare la ricerca delle nuove tecniche industriali con la ricercatezza e l’unicità della produzione artigianale.

La Questura di Isernia

quel pomeriggio. Come noto, per la morte del piccolo sei persone sono state iscritte nel registro degli indagati. Ma nelle prossime ore, anche alla luce dei primi riscontri, il sostituto procuratore Mattei potrebbe prendere qualche decisione. Non è escluso che qualche indagato possa uscire di scena. Mentre appare difficile che altri vengano aggiunti alla lista. Nel frattempo si aspettano i risultati dell’autopsia, effettuata da Lucia Broccoli, medico legale della Sapienza di Roma. L’esame autoptico dovrebbe stabilire con buona approssimazione il momento e le cause del decesso. Ed è ciò che gli avvocati della famiglia Neri, Francesco D’Orsi e Marco Pontarelli, intendono sapere. Nel frattempo va avanti anche l’inchiesta interna aperta dalla Asrem. Anche i vertici dell’azienda sanitaria vogliono sapere se quella morte si poteva evitare e se è stato fatto tutto il possibile per salvare la vita del neonato.

Teatro in carcere Iniziativa del Cast Carcere e teatro: La Compagnia teatrale Cast di Isernia offrirà ai detenuti della Casa Circondariale di Isernia uno spettacolo completamente gratuito. L’appuntamento è per giovedì. La Compagnia si esibirà con la divertente commedia napoletana “O’Scarfalietto” di Eduardo Scarpetta. Da sottolineare come la stessa compagnia sia attiva-

mente impegnata nella conduzione del Laboratorio Teatrale Permanente con i detenuti, importante attività rieducativo-trattamentale interna all’Istituto. A fine anno sarà organizzata uno spettacolo in cui saranno i detenuti stessi del Laboratorio Teatrale a recitare proponendo un primo saggio del loro percorso formativo.

Il carcere di Ponte San Leonardo

11


12

Martedì 21 giugno 2011

Ma il segretario non esclude che il suo partito possa utilizzarle: pronti a recepire qualsiasi proposta del centrosinistra

Primarie, l’Idv bacchetta il Pdl Petrecca: per scegliere il candidato costretti a copiare i metodi dell’opposizione Il segretario cittadino dell’Italia dei Valori, Daniele Petrecca, boccia la proposta del centrodestra di effettuare le Primarie per la scelta del candidato sindaco. Al contempo promuove le iniziative messe in campo dal centrosinistra per ritrovare l’unità e le proposte provenienti dagli agli partiti della sua coalizione. Non escludendo di fatto l’ipotesi delle Primarie interne al centrosinistra. “La maggioranza – scrive Petrecca - chiede le Primarie? Il Pdl è in evidente imbarazzo! Ma non erano uno strumento per sventurati della politica? Il messaggio è chiaro: la maggioranza scricchiola con palese disagio! Non viene altro da pensare a seguito delle indiscrezioni che circolano in città supportate da informazioni raccolte dalla stampa negli ultimi giorni.

Nel riquadro il segretario cittadino dell’Idv, Daniele Petrecca In alto una seduta del Consiglio comunale di Isernia

Melogli – aggiunge Petrecca - sembra ormai avviarsi sul viale del tramonto, recitando i crepuscolari della sua esperienza politica (alla Regione andrebbe solo nel listino?). Dopo dieci anni di passerelle, annunci, proclami e pochissimi fatti significativi per

il capoluogo pentro, che a tratti sembra silente e incapace di reagire. Chi reagisce invece, sottobanco, con manovrette sono i politicanti, e tutti quelli che aspirano alla fascia di primo cittadino o in alternativa ad una assessorato quale avviamento personale spendi-

bile per le prossime regionali. E i problemi della città? Non sono problemi loro! E pensare che sarebbero stati eletti per occuparsene. Ma si, sono più importanti i nomi, incarichi e clientele prima ancora che i programmi e le idee. In tutto questo – continua Petrecca - la maggioranza con alcuni suoi esponenti pensa a chi dovrà succedere a Melogli. Una tristezza unica e dato che i nomi che circolano sono almeno quattro ecco che qualcuno, va a cercare la soluzione nel manuale di istruzione dell’opposizione, ossia chiedere le primarie! Un qualcosa che si commenta da sé e che apre la strada veramente a una stagione nuova dell’amministrazione comunale di Isernia, con un consiglio comunale che si prospetta rinnovato e con molti visi che forse non troveranno più

Palazzo San Francesco. Scontro per la carica di presidente del Consiglio

Testa, consiglieri pronti a sfiduciarlo per prendersi la poltrona Grande fibrillazione in Comune in vista del Consiglio comunale in programma il prossimo ventisette aprile. E non solo per le questioni riguardanti l’approvazione del bilancio consultivo e di quello di previsione. Argomenti questi sui quali, sembra che nelle ultime ore sia stata trovata una “quadratura del cerchio”. A tenere banco sarà, infatti, anche la questione riguardante la presidenza del Consiglio comunale alla quale in realtà ambiscono molti consiglieri che nel corso della legislatura hanno avuto scarsa visibilità e che, occu-

pando, quella posizione sperano di avere una sorta di “slancio” anche in vista delle elezioni comunali. Più di qualcuno, infatti, nelle fila dell’opposizione sarebbe intenzionato a chiedere apertamente le dimissioni dell’attuale presidente Domenico Testa che, nel frattempo, è diventato consigliere regionale. Tuttavia, una ipotesi del genere non sembra essere né nelle intenzioni di Testa né dei vertici del centrodestra che, molto probabilmente, rimanderanno questa questione a dopo l’approvazione del bilancio che, al momento è

la questione prioritaria. Un cambio al vertice dell’assise di palazzo San Francesco, inoltre, rischierebbe di creare altri problemi al sindaco Gabriele Melogli al quale, inevitabilmente, gli verrebbe richiesto a quel punto l’allargamento della giunta per non ingrossare le fila degli “scontenti”.

Domenico Testa

Insomma, nonostante i mal di pancia, almeno fino all’autunno non dovrebbero esserci scossoni.

posto nell’aula consiliare Karol Woityla”. Dopo le critiche al centrodestra Petrecca esamina poi la situazione del centrosinistra isernino non precludendo la strada a nessuna ipotesi, Primarie incluse. “Il centrosinistra ad Isernia – conclude Petrecca - lavora da

un bel pezzo fra mille avversità e pochissime incomprensioni. Ad Isernia il centrosinistra è unito, giovane, in armonia e pronto a solidarizzare con qualsiasi iniziativa venga proposta da partiti o associazioni e movimenti spontanei”.

Sia alla Regione che al Comune

Mentre gli altri parlano Giovancarmine Mancini è già pronto a sfidare tutti Nel centrodestra, nel frattempo mentre si parla delle Primarie, un candidato quasi certo alla carica di sindaco c’è già. Ed è l’attuale consigliere provinciale Giovancarmine Mancini. Il segretario de “La Destra”, che è stato vicesindaco di Isernia fino al 2009, Giovancarmine Mancini sta lavorando già da tempo per mettere su una serie di liste competitive sia alle prossime elezioni regionali di Novembre che alle Comunali. Allo stato attuale delle cose, il leader del Movimento fondato da Francesco Storace non prevede in entrambi gli appuntamenti elettorali “compagni di viaggio”. Dopo essere stato in lizza per le Provinciali di Isernia e per quelle di Campobasso è, infatti, praticamente sicuro di poter ambire a poter rappresentare il suo partito a palazzo Moffa. Il quorum necessario, andando da soli è, secondo Mancini, un traguardo raggiungibile. E, a quel punto, potrebbe giocarsi in piena autonomia anche la candidatura a sindaco di Isernia. Ma in tutto ciò bisogna tener conto anche delle decisioni provenienti dai vertici romani del partito. E, nel caso in cui il nuovo coordinatore nazionale del Pdl, Angelino Alfano e il segretario de La Destra, Francesco Storace, (i due partiti a livello nazionale sono alleati, ndr) riuscissero a trovare un’intesa sulle Regionali in Molise allora per Mancini le cose cambierebbero. E, a quel punto, il suo movimento dovrebbe necessariamente “riallinearsi” al resto della coalizione del centrodestra con Mancini che potrebbe essere, quindi, destinato anche al listino maggioritario. E, solo in questo caso, quindi, le probabilità di una candidatura di Mancini a sindaco del capoluogo potrebbero essere in calo.

Museo della memoria e della storia Giovedì l’inaugurazione della struttura

Una foto del bombardamento di Isernia

Giovedì prossimo, alle 18, sarà inaugurata ad Isernia il Museo Civico “della Memo-

ria e della Storia”. Il Museo comprende tre aree tematiche : il bombardamento del X

Settembre 1943, San Pietro Celestino e il Tombolo di Isernia. Alla realizzazione del Museo hanno partecipato Associazioni e Istituzioni Culturali, la Diocesi di Isernia-Venafro ed esperti ed appassionati di storia locale. La memoria, sia come recupero del passato sia come riflessione sul presente, e la documentazione storica sono elementi costitutivi della cultura della contemporaneità, sia perché vi si radicano le origini e i valori della democrazia, sia perché l’esercizio della memoria, attuato con rigore scientifico, è una pratica essenziale per una cittadinanza consapevole. Un

Gabriele Melogli

ruolo attivo e significativo nella realizzazione della sezione museale sul bombardamento di Isernia e sulla successiva ricostruzione è stato svolto dall’Associazione Scapoli 1943-1944 e dall’architetto Giuseppe Ramunno che hanno assunto il lavoro

sulla memoria e sulla ricerca storica come un vero e proprio servizio pubblico reso ai cittadini di Isernia. La sezione sulla storia di Celestino V è stata curata dal Vescovo monsignor Salvatore Visco, da Don Claudio Palumbo, Fernando Cefalogli e Gabriele Venditti. La sezione dedicata al tombolo di Isernia è stata curata da Maria Stella Rossi e Olimpia Giancola. Un particolare ringraziamento va al Presidente della Pro Loco –Roberto Bucci- per l’impegno profuso a sostegno dell’iniziativa. “Il Comune di Isernia – hanno affermato il Sindaco Gabriele Melogli e il consigliere delegato Pasquale Damia-

Salvatore Visco

ni – si è avvalso di questa preziosa collaborazione ed esperienza per costituire il Museo della Memoria e della Storia, dotato anche di una mediateca con un archivio audio e sonoro, in grado di assicurare la più completa fruizione per il pubblico, gli studiosi e le scuole”.


Martedì 21 giugno 2011

13

Un ricco il calendario di eventi. Oggi e domani previsti incontri anche Campobasso e Termoli

La Regione investe sugli emigranti Ha preso il via a Isernia la quarta conferenza dedicata ai molisani nel mondo Sono arrivati un po’ da tutto il mondo per partecipare alla quarta Conferenza regionale “Molisani nel mondo”: i nostri corregionali dalle Americhe, dall’Australia, dall’Europa si sono ritrovati ieri per dare il via alla quarta edizione di questo importante appuntamento annuale che si concluderà domani. Ricco il cartellone di eventi e di confronto che hanno visto e continueranno a vedere protagonisti le delegazioni giunte in Molise per manifestare tutto l’orgoglio delle proprie origini, ma anche parlare di progetti importanti tra la regione e le comunità molisane disseminate in tutto il mondo. La tre giorni – che si sviluppa tra Isernia, Campobasso, Vinchiaturo, Termoli e Larino – riveste una particolare importanza in virtù della ricorrenza dei 150 anni del-

Un momento del convegno sulle risorse ambientali

l’Unità d’Italia e rappresenta un momento di riflessione sulla nostra storia e sulle prospettive future dell’emigrazione. “Esistono legami forti e vivi con i Molisani che vi-

vono all’estero – sottolineano congiuntamente il Presidente della Regione Molise, Michele Iorio, e il Presidente del Consiglio regionale, Michele Picciano – di cui siamo

orgogliosi e su cui vogliamo investire. Questa manifestazione rappresenta un appuntamento ormai irrinunciabile di confronto tra le istituzioni e i nostri corregionali sparsi nel mondo”. Un’importanza particolare la rivestono sicuramente i progetti legati ai giovani. Già da qualche anno infatti l’associazione sta promuovendo tra le nuove generazioni la conoscenza del territorio. E proprio le risorse ambientali sono state al centro del convegno che si è tenuto ieri pomeriggio presso la sede dell’Università del Molise a Pesche. “Si tratta dell’eredità che dobbiamo lasciare ai nostri giovani – spiega il vicepresidente del consiglio dei Molisani nel Mondo Tony Vespa – è nostro dovere raccontare loro cinquanta anni di storia e di lotte e soprattutto l’origine

della strada che i loro antenati hanno tracciato. Noi siamo i promotori del Molise all’estero, siamo i portavoce di questo bellissimo territorio e siamo noi che dobbiamo mantenere quel legame con le comunità dei molisani che sono in tutto il mondo, creando una rete efficace di scambi culturali, soprattutto tra i giovani, per dare loro l’opportunità di scoprire le proprie radici.” “È un appuntamento straordinario per il Molise – dichiara Michele Picciano, presidente del consiglio regionale – pensate che se nel Molise vi sono 320mila residenti, all’estero ve ne sono 890mila, quindi questo momento di confronto è non solo motivo d’orgoglio ma anche un momento importantissimo per lo sviluppo socio economico della nostra regione, che con il loro contributo

ha una chance in piú di crescita”. Questo appuntamento resta fondamentale per rinsaldare un rapporto con le proprie origini, che altrimenti andrebbe perso. Ancor di più quest’anno la Quarta Conferenza si riveste di “un’edizione speciale”, poiché si inserisce all’interno dei festeggiamenti dei 150 anni dell’Unità d’Italia. “Un’occasione – afferma D’Alete, il vice presidente del Consiglio regionale – per rinsaldare il rapporto con i molisani nel mondo e con le nuove generazioni all’estero, con l’obiettivo di stabilire un doppio canale di comunicazione”. Una manifestazione che rappresenta anche un momento di riflessione sull’importanza della nostra storia, che attraverso le testimonianze dei delegati potrà rivivere nuovamente.

Ad aprire la tre giorni il presidente Michele Iorio

“Grazie alle loro idee cresceremo anche noi” “In questi dieci anni ho avuto modo di visitare gran parte delle comunità dei molisani all’estero. Ho quindi avuto la possibilità di verificare che la loro preoccupazione -che è anche la nostra- è che i valori, i principi e quindi l’identità italiana, molisana, e dei singoli comuni di provenienza non venga persa e non giunga alle nuove generazioni. Partendo da questa considerazione, come Governo regionale abbiamo operato e messo insieme varie iniziative con le Associazioni dei molisani all’estero funziona-

li anche a rendere protagoniste le nuove generazioni per riallacciare un rapporto con la terra d’origine al fine di crescere insieme”. Lo ha detto il Presidente della Regione, Michele Iorio, aprendo in mattinata ad Isernia la IV Conferenza dei molisani nel Mondo. “In passato, ha detto ancora il Presidente Iorio, il ruolo dei nostri corregionali all’estero è stato sicuramente importante per la crescita dell’Italia e del Molise. Basti pensare alle rimesse che hanno contribuito in modo rilevante allo sviluppo del

nostro territorio. Oggi però questi nostri corregionali sono chiamati a svolgere per “la terra natia” un ruolo diverso ma altrettanto strategico. Essi sono i nostri ambasciatori nel mondo. Attraverso loro possiamo porre in essere iniziative comuni di scambio culturale, economico e turistico. Loro ci possono dunque dare quelle basi necessarie alla creazione di nuovi rapporti con l’università ed il sistema delle imprese. Molti progetti sono già stati messi in atto e molti ancora dovranno essere ideati e realizzati. In questi giorni

Il presidente Michele Iorio con i delegati dell’associazione Molisani nel Mondo

discuteremo e ci confronteremo su tematiche importanti anche all’interno del “Consiglio dei giovani molisani nel mondo”. In questa occasione voglio ribadire l’impe-

gno di tutta la Regione Molise a voler perseverare, nella strada già battuta, in un continuo e stabile rapporto con tutti i molisani ovunque essi risiedano. Mi piace pen-

sare ad un Molise di un milione di abitanti, alcuni dei quali vivono fuori dai confini regionali, ma tutti uniti da una comune identità e da forti radici culturali e storiche”.


ANNO XIV - N. 169

MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

VIA G. BERTA n. 76 - TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973

REDAZIONE 86170 ISERNIA

Le procedure per fare domanda d’accesso alla residenza protetta di Agnone saranno aperte in 30 giugno

Disabili, apre il centro Dopo di Noi A un anno dall’inaugurazione la struttura è pronta ad accogliere i primi ospiti di Vittorio Labanca AGNONE. Era stata inaugurata lo scorso anno,in pompa magna col sindaco e presidente della regione, ma di fatto non aveva aperto mai i battenti. Ora è tutto pronto ed accoglierà i primi ospiti a partire dal prossimo 30 giugno. Parliamo della residenza protetta per diversamente abili che non hanno sostegno familiare “Dopo di Noi”. Una vecchia scuola completamente riattata e resa idonea allo scopo in località Secolare ed il concorso dell’Amministrazione Comunale, dell’Ambito Territoriale Sociale, della Società C.A.S.I. Cooperativa Sociale di Isernia. “A partire dal 30 giugno saranno avviate le procedure per l’accesso, quale ospite, alla Residenza Protetta per Persone Diversamente Abili Gravi - comunica l’assessore comunale alle politiche sociali Nunzia Zarlenga- La struttura che ha sede in Contrada S. Onofrio località Secolare, è destinata a persone in condizione di disabilità fisica, cognitiva e sensoriale, prive di sostegno familiare, incapaci di provvedere alla cura di se e del proprio ambiente di vita, di età compresa tra i 18 e i 65 anni. La Residenza Protetta dispone di dieci posti letto destinati all’assistenza residenziale permanente e, in caso di urgenza sociale, anche di assistenza temporanea. Il servizio sarà attivo 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno”. “Per accedere al servizio – fa eco il Coordinatore dell’Ambito di Agnone, Antonio Melone- bisognerà riempire

La residenza protetta Dopo di Noi di Agnone

l’apposita modulistica disponibile presso tutti gli Sportelli di Cittadinanza degli undici Comuni (Agnone, Belmonte del Sannio, Capracotta, Carovilli, Castel del Giudice, Pescopennataro, Pietrabbon-

dante, Poggio Sannita, San Pietro Avellana, Sant’Angelo del Pesco, Vastogirardi) afferenti l’Ambito Territoriale Sociale di Agnone e scaricabile anche dal sito internet www.ambitoagnone.it nella

sezione modulistica, ed indirizzarla al Sindaco di Agnone.La domanda sarà valutata dall’U.V.M. (Unità di Valutazione Multidisciplinare)”. “La Residenza Protetta “Dopo di Noi” – precisa il Presidente della Cooperativa C.A.S.I. Domenico Calleo- garantirà l’assistenza agli ospiti attraverso i seguenti servizi: Assistenza Medica, Assistenza Infermieristica, Assistenza Riabilitativa, Assistenza Tutelare e Socio-Assistenziale, Attività Educative, ricreative e di socializzazione, Servizi di supporto. Esclusivamente per il primo anno di funzionamento della Struttura, è prevista una retta a carico dell’Utente, quantificata

AGNONE. Sono tornati alle prime luci dell’alba di domenica. E sono pronti a ripartire a fine settimana con destinazione Fiumicino Parliamo del gruppo folkloristi-

14

Agnone tel. 0865723216 e della Società C.A.S.I. Cooperativa sociale di Isernia tel. 086529311 che è l’Ente gestore della struttura, oppure consultare il sito internet: www.ambitoagnone.it .

Carovilli. Il consigliere regionale ospite degli appuntamenti politici del Glicine

Alto Molise, serve un centro di ricerca Danilo Leva: bisogna concentrare tutti gli investimenti su un unico progetto CAROVILLI. Per lo sviluppo dell’Alto Molise bisogna puntare su un progetto unitario. L’ideale sarebbe un centro di ricerca. Lo ha affermato il coordinatore regionale del Pd Danilo Leva durante l’appuntamento con la politica regionale organizzato dall’associazione ilGlicine, di cui è presidente Luciano Scarpitti. “Per l’Alto Molise – ha detto rispondendo a una domanda di una cittadina – occorre concentrare gli investimenti, coinvolgendo tutti i comuni, intorno ad un unico progetto che potrebbe essere un centro di ricer-

Leva durante il dibattito a Carovilli

ca”. Il problema più grande, secondo Leva, resta infatti il lavoro: “Abbiamo perso quasi 5.800 posti di lavoro e in quest’ultimo anno la cassa integrazione è aumentata del

300 per cento. Per prima cosa dobbiamo rendere attrattiva la nostra regione per gli investimenti, mettendo da parte gli amici e le aziende decotte e aiutando, con mecca-

Giuseppe De Martino in Puglia con i Dragoni del Molise Giuseppe De Martino

in 400 euro mensili”. Per chi ne volesse sapere di più sono a disposizione gli Sportelli di Cittadinanza dei Comuni dell’Ambito di Agnone tel. 0865723228, dell’Ufficio Assistenza del Comune di

co de I Dragoni del Molise condotti dall’instancabile Giuseppe De Martino, ospiti nella serata e nella nottata di sabato a Fasano insieme con i gruppi: “Coro del Pollino” di Morano Calabro (Cs) e “Uggiano Ferrandinese” di Ferrandina (Mt) hanno dato vita allo spettacolo ���Ritmi e suoni del Mediterraneo”. Con loro gli artisti di strada ed altre attrazioni, ma su tutti i tre-

cento appartenenti alla “Scamiciata”, gruppo storico che rievoca la vittoria dei Fasanesi sui Turchi invasori nella battaglia del 2 giugno 1678. “Un’esperienza davvero bella ed entusiasmante –racconta un assonnato Peppè- in una terra dove abbiamo portato anche Agnone ed il Molise. Non avevo idea cosa fosse la Scamiciata –racconta ancora il responsabile del gruppo

Folk- e neanche che la stessa fosse accompagnata dai sei cortei storici ospiti di Fasano, quali “Le Rocche Raccontano” di Ferentillo (Tr), “La Battaglia tra Turchi e Cristiani di Tollo” (Ch), “Traslazione delle Reliquie di San Vito Martire” di Lequile (Le), “Il Corteo del Balì Carafa” di Putignano (Ba), “Concentus Tempus Saltandi” di Campi Salentina (Le), “Dentice di

nismi automatici, le imprese disposte a fare innovazione”. Sul tema della Sanità il consigliere regionale ha commentato: “Costa molto e cura male, in questo campo la politica deve fare delle scelte, anche dolorose, innanzi tutto eliminando gli sprechi e i doppioni”. Sul tema dei tagli, sollecitato da una domanda avanzata dal pubblico, Leva ha parlato dei tagli agli stipendi dei consiglieri regionali affermando che “nella legge proposta era prevista la riduzione delle indennità, l’eliminazione del vitalizio, e l’eli-

minazione delle spese di rappresentanza che complessivamente arrivano a circa 20 milioni di euro. Il risparmio immediato di 10 milioni poteva essere destinato alla crescita”. Ma la cosa più importante, ha sottolineato il coordinatore del Pd nel proprio intervento a Carovilli, è cambiare il modo di fare politica: “ Dobbiamo contrastare il decadimento culturale della politica, decadimento che si manifesta attraverso il rapporto tra cittadini e politici sempre più di natura personale e clientelare”.

Frasso” di Carovigno (Br). I gruppi partecipanti tramite balli e canti hanno narrato le origini. Da parte nostra –conclude De Martino- abbiamo parlato delle tine di rame, della Ndocciata, delle tradizioni legate alla “serenata” prematrimoniale. Ma anche canti coinvolgenti che ancora una volta hanno portato le centinaia di presenze a cantare con noi. Ma su tutto le campane di Agnone con il carillon suonato davanti a tutti. Cosa questa che ha richiamato diverse telecamere di emittenti locali e nazionali presenti in Puglia.

I Dragoni hanno in programma a breve una trasferta fuori Italia. Ma è ancora tutto top secret. “Ma soprattutto abbiamo in programma i festeggiamenti relativi alle varie attività del Cenacolo Culturale Francescano di cui facciamo parte -conclude De Martinocon i compleanni trentennali dei Dragoni, del mensile L’Eco dell’Alto Molise, della compagnia teatrale Le 4 C ed altre attività dell’associazione come il Presepe Vivente che il 24 dicembre prossimo spegnerà la cinquantaduesima candelina”. V.L.


ANNO XIV - N. 169

MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973 e-mail: redazioneisernia@quotidianomolise.it

REDAZIONE VIA G. BERTA n. 76 - 86170 ISERNIA

Si tratta del filone d’indagini a carico dell’ex sindaco di Venafro, Enzo Bianchi

Piedi d’argilla, domani la sentenza Ma l’ingresso di nuovi testi potrebbe far slittare ulteriormente l’ultimo atto Venafro

Nell’ultima udienza furono ascoltati il Comandante dei vigili urbani di Venafro Giampietri e l’ex capo settore ai lavori pubblici Cutone. Stiamo parlando di piedi d’argilla, filone di indagini a carico dell’ex sindaco di Venafro Enzo Bianchi e il cognato Alessandro Medici. Domani presso il

tribunale di Isernia potrebbe essere emessa la sentenza. Ma potrebbe anche slittare. C’è anche chi dice che occorrerà qualche altra udienza per via di nuovi testi. Insomma si potrebbe spostare la data dell’epilogo finale. Nell’ultima udienza, quella di fine maggio, come detto furono

ascoltati i altri due testi della difesa. Si tratta del comandante della polizia municipale di Venafro Giampietri e dell’ex capo settore ai lavori pubblici presso il comune di Venafro, l’ingegnere Cutone. Al termine delle deposizioni di Giampietri e Cutone, il tribunale decise la nuova data per la discussione finale e la sentenza. L’Udienza conclusiva è stata fissata per il prossimo 22 giugno. Presso il tribunale pentro su questo filone di indagini c’è un corposo malloppo cartaceo e tutto ruota come è noto agli addetti ai lavori, intorno a una serie di intercettazioni che vedono coinvolti non solo gli imputati, ma anche altri testi. In tutte le udienze finora celebrate sono sfilati vari testimoni per arrivare a delineare il

quadro conclusivo di una vicenda che potrebbe conoscere anche risvolti clamorosi. Secondo la ricostruzione del Pubblico Ministero, l’ex sindaco di Venafro, abusando della propria funzione( abuso d’ufficio uno dei reati contestati all’ex primo cittadino)avrebbe fatto pressione perché la ditta del cognato entrasse nei lavori della variante di Venafro. Partirono una serie di denunce. L’accusa avrebbe prodotto un numero considerevole di intercettazioni telefoniche, con centinaia e centinaia di pagine trascritte. L’ex sindaco Bianchi, con una serie di ordini di servizio, del settore competente, avrebbe poi mandato sul cantiere della ditta che stava realizzando la variante Anas, l’Adanti di Bologna, i vigi-

All’evento presente anche il presidente della Provincia Mazzuto

Vallecupa inaugura la sua piazza ...e la frazione fa festa tutto il giorno La data del 19 giugno 2011 passerà sicuramente alla storia per la piccola frazione di Vallecupa. L’Amministrazione comunale, questa volta, è stata di parola regalando alla piccola comunità una piazza funzionale. Grande festa domenica sera con tanto di balli, buffet, canti. Protagonisti in mezzo alla gente amministratori locali, provinciali e regionali. A fare gli onori di casa il sindaco Cotugno e l’assessore alle frazioni Adriano Iannacone. Al taglio del nastro presente anche il presidente della provincia Mazzuto. “ Quella di domenica è stata una

splendida giornata di festa – ha dichiarato entusiasta l’assessore alle Frazioni Adriano Iannacone- . L’inaugurazione della nuova piazza ha rappresentato un momento di aggregazione per tutta la comunità. Desidero ringraziare il comitato per l’impegno profuso nell’organizzare i festeggiamenti, curati e seguiti in ogni minimo dettaglio e perfettamente riusciti con grande gioia di tutti. Sono contento che questa amministrazione sia riuscita a consegnare ai cittadini di Vallecupa una struttura che attendevano da tanti anni e che darà loro l’oppor-

tunità di organizzare eventi e to delle opposizioni che hanmanifestazioni di vario gene- no riconosciuto il buon opere. Creare degli spazi adegua- rato dell’amministrazione nelti significa incentivare le atti- la realizzazione dell’opera. vità locali, culturali e ricreati- Ringrazio di cuore Don Franve. Sono sicuro che i cittadini cesco Ferro e tutta la comunidi Vallecupa con spirito di in- tà di Vallecupa per il calore e traprendenza e grande motiva- la riconoscenza che ci sono zione, come dimostra anche la stati manifestati.” M.F. nascita di un’assoVallecupa ciazione creata ad hoc per gestire la struttura, sapranno ridare slancio alla vita sociale del territorio. Ho apprezzato- conclude Iannacone- anche l’atteggiamen-

Festa della musica, il castello Pandone lascia aperte le sue porte per il consueto appuntamento La Festa della Musica, ovvero una grande manifestazione popolare che si ripete ogni anno il 21 giugno in occasione del solstizio d’estate. Un appuntamento per tutti, amatori e professionisti, che amano esibirsi dinanzi al pubblico. L’iniziativa, nata in Francia nel 1982, è frutto oggi dell’intensa tra i Ministeri della Cultura di Francia ed

Italia e si propone ogni anno praticamente dappertutto, nelle piazze o lungo le strade, in uno spazio qualsiasi o in locali appositi, come pure all’intero di chiese, musei, monumenti, castelli e strutture pubbliche. Chiara la finalità : trasmettere l’arte musicale ad un pubblico il più vasto possibile, favorendo nel

contempo che tutti possano avvicinarsi alla musica. Quest’anno a Venafro l’appuntamento si terrà in serata (ore 20,00) a Castello Pandone, con ingresso gratuito. Si esibirà il coro “Giovanni Brandi” di Vinchiaturo, diretto dal M° Marco Columbro, che proporrà brani di G.P. da Palestrina, Somma, Ethienne e B. Marcel-

lo. L’iniziativa, promossa dalla Direzione Regionale dei Beni Culturali e Paesaggistici del Molise, dalla Soprintendenza BSAE del Molise e dalla Soprintendenza BAP della nostra regione, proseguirà nella stessa serata con la visita guidata di Castello Pandone. T.A.

li urbani per un sopralluogo. Naturalmente tutto risultò a posto e per l’Adanti non si ebbero conseguenze. Secondo fonti attendibili comunque pare che la posizione di Bianchi e di Medici si sarebbero alleggerite, cioè sarebbero caduti alcuni capi di imputazione e per loro potrebbe arrivare anche l’assoluzione. Ma dalle carte in possesso dei giudici, carte che riguardano le intercettazioni, verrebbero fuori anche argomenti molto delicati che ruotano intorno a vicende

amministrative del Comune di Venafro. Si parlerebbe anche di veri e propri affari a danno delle casse comunali, con qualche espressione colorita indirizzata a chi si sarebbe messo di traverso. Pagine e pagine destinate comunque a non avere peso sul procedimento in corso. Tutto questo il 22 giugno, come detto mentre sempre ad Isernia si sta celebrando l’altro filone di indagine che vede coinvolti, tra gli altri, anche l’Eurodeputato Aldo Patriciello.

Una manifestazione di successo

Concerto per un Martirio “Un’iniziativa lodevole per la cultura in città” Mancano le strutture, i servizi ad hoc sono carenti, ma la domanda di arte e cultura di Venafro e dei venafrani è positivamente crescente. Un dato confortante, testimoniato - senza tema di smentite - da “ Concerto per un Martirio “, appuntamento innovativo di letteratura, storia, musica, canto ed arte varia promosso dalla neo associazione “ I Venafrani “ d’intesa col Comitato Feste Patronali 2011 della città, che di fatto ha aperto l’altra sera i festeggiamenti religioso/civili patronali. Piazza Cimorelli, teatro del Concerto, gremita di gente di tutte le età e di diversa estrazione sociale che ha presenziato con entusiasmo e piacere alla serata di storia, musica e canto dedicata ai Santi Martiri Nicandro, Marciano e Daria. “Bisogna adattarsi nelle piazze e sperare nella clemenza del tempo -hanno motivato i promotori dell’ appuntamento- non disponendo in città di servizi e strutture adeguate, quali una sala polifunzionale, un auditorium, una sala per concerti, convegni e quant’altro. Ciononostante la partecipazione popolare è risultata alta, il che conferma la domanda di arte e cultura che Venafro continua ad avanzare ed alla quale le istituzioni pubbliche devono dare risposte doverose ed esaurienti nell’immediato”. Veniamo a “ Concerto per un Martirio “, aperto dalla dotta e circostanziata relazione del prof. Mario Giannini, il quale ha tracciato un interessante excursus dei tempi politici, amministrativi e religiosi dell’Imperatore Diocleaziano (epoca del martirio dei Santi Nicandro, Marciano e Daria venerati a Venafro, 303 d.C.) e proseguito con le applauditissime esibizioni di don Francesco Ferro (arte campanaria) che ha suonato Beethoven ed Armstrong, del duo di giovanissimi Milena Maisto ed Isidoro Grasso (pianoforte e sax) che hanno proposto Back e Morricone, di Antonella Inno (soprano) che ha interpretato Schubert, Bovio, de Curtis, Cardillo, Puccini, Di Giacomo e Costa e di Laura Verrecchia (soprano) che ha cantato brani di Verdi, Rossini, Lehar, Bizet e Di Capua. Il commento finale di un venafrano : “Una iniziativa lodevole, che deve essere una costante dei futuri appuntamenti patronali della città, quale apertura storico/culturale dei festeggiamenti. Non solo a me, ma a tant’altri concittadini piace immaginarla a partire dal prossimo anno dalle ore 21,00, come preludio di celebrazioni, riti ed iniziative civili”. T.A.

15


ANNO XIV - N. 169

MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973 e-mail: redazioneisernia@quotidianomolise.it

REDAZIONE VIA G. BERTA n. 76 - 86170 ISERNIA

L’imbroglio scoperto durante un controllo effettuato dai carabinieri della stazione di Castel San Vincenzo

Truffa, denunciati due campani Avevano falsificato i propri documenti per accedere ai contributi riservati ai residenti

La stazione dei carabinieri di Castel San Vincenzo

CASTEL SAN VINCENZO. Due campani sono stati denunciati dai carabinieri delle locale stazione di Via Colle per aver falsificato i propri documenti al fine di ottenere

l’accesso ad alcuni contributi. I due, infatti, risiedono in un centro della Campania ma avevano deciso di acquistare un’ abitazione in uno dei paesi che ricadono sotto la giuri-

sdizione della stazione dei carabinieri di Castel San Vincenzo. Tuttavia avevano anche studiato un piano che permettesse loro di accedere ad una serie di incentivi riservati però ai residenti in regione. La normativa infatti prevedeva un contributo rilasciato a cittadini residenti in Molise che facessero un particolare tipo di intervento sulle abitazioni. I due, un uomo e una donna, non si sono persi d’animo ed infatti hanno falsificato i propri documenti in modo che fosse chiara la loro residenza in Molise. Tuttavia, durante un controllo ordinario da parte dei militari dell’Arma coordinati dal comandante Corvaglia, è emerso che i documenti esibiti dalla coppia presentavano delle anomalie. A questo punto i carabinieri hanno approfondito le indagini e sottopo-

Due persone sono state denunciate per aver falsificato i documenti

sto la documentazione a scrupolosi controlli, dai quali hanno scoperto il trucchetto messo in piedi dalla coppia attraverso la falsificazione dei documenti che avrebbe permes-

so loro di millantare una residenza in Molise. Immediata, dopo l’accertamento dell’imbroglio, è scattata per i due una denuncia presso l’autorità giudiziaria

competente sul territorio. Purtroppo accade spesso che tra i tanti che si innamorano dell’alta valle del Volturno ci sia qualcuno che tenta di aggirare la legge e di realizzare opere in maniera illegale, abusiva o come n questo caso di compiendo tutta una serie di reati. Procede, perciò, senza sosta l’attività di controllo sul territorio da parte dei carabinieri delle stazione della Valle del Volturno, soprattutto in questi mesi estivi in cui si incrementa il flusso turistico nella zona. In questo ultimo fine settimana infatti, i militari dell’Arma sono stati impegnati proprio in questo tipo di controllo che ha visto i carabinieri accertare la provenienza e l’identità di molte persone che avevano raggiunto le zone più a vocazione turistica della Valle del Volturno. F.C.

Castel San Vincenzo. Progetto realizzato grazie al recupero di alcuni fondi

Il Comune punta al turismo L’Ente realizzerà pannelli turistici per promuovere l’area archeologica CASTEL SAN VINCENZO. Punta allo sviluppo turistico il nuovo corso della politica del piccolo centro ai piedi delle Mainarde. Una serie di piccoli interventi sono stati messi a punto dall’Amministrazione di Cicco per promuovere il turismo sulla zona, attraverso il recupero di somme, che sembravano ormai perse, necessarie alla promozione del proprio territorio. Al Comune di Castel San Vincenzo si sta lavorando per riprendere da dove ci si era fermati al momento del commissariamento. L’intervento in questione riguarda il recupe-

di Danilo Santone Ultimi, intensi giorni di lavoro per gli organizzatori del “1° Raduno 4x4 Alta Valle del Volturno”, che si terrà a Castel San Vincenzo domenica 3 luglio. I soci del club sportivo “I cinghiali delle Mainarde”, in collaborazione con la ProLoco “Pro Mainarde” di Castel San Vincenzo, stanno portando a termine gli ultimi preparativi in attesa della giornata fatidica. Nulla, naturalmente, è lasciato al caso, soprattutto sotto il profilo della sicurezza e della prepa-

18

ro di 10 mila euro che la Giunta Regionale aveva concesso nel 2009 all’amministrazione locale per la realizzazione di segnaletica e pannelli didascalici attraverso i quali promuovere l’area archeologica di San Vincenzo al Volturno. “Con i 10 mila euro del Progetto Interregionale “Itinerari della Fede” – dice il sindaco Domenico Di Cicco – andremo a realizzare alcuni interventi atti alla promozione di quel grande tesoro storicoculturale che è il sito archeologico di San Vincenzo al Volturno. Stiamo pensando ad una cartellonistica che, posta

ad esempio già alle uscite autostradali di San Vittore del Lazio e Pratola Peligna, sollecitino l’interesse di un vasto pubblico, inducendolo a visitare il nostro territorio. Come Amministrazione locale – prosegue il sindaco – crediamo molto nel turismo legato soprattutto alle nostre bellezze ambientali e culturali, le uniche in grado di poter dare un futuro ad un’economia che non ha altre alternative su cui puntare seriamente. D’altronde, non è da tutti poter annoverare nel proprio territorio una enorme ricchezza come gli scavi di San Vin-

cenzo al Volturno, invidiatici soprattutto fuori dall’Italia”. Intanto nell’ultimo Consiglio comunale è stato presentato il Bilancio di previsione per il 2011 ed il pluriennale 20112014 ed è iniziato l’iter di modifica della deliberazione del Consiglio comunale n. 7 del 27 marzo 2010 con la quale in sostanza si impediva la nomina di assessori esterni in seno l’Amministrazione. “Stiamo riprendendo ad amministrare – conclude il primo cittadino – ed il primo, concreto segnale che va in tale direzione è che abbiamo provveduto a pagare un’altra men-

La sede degli scavi di Casel San Vincenzo (foto archivio)

silità pregressa ai dipendenti comunali e a liquidare quei fornitori che vantavano somme per aver erogato servizi e prestazioni durante il periodo

Si scaldano i motori per il primo raduno 4x4 della Valle razione del tracciato che ospiterà il Raduno che presumibilmente richiamerà un gran numero di partecipanti. Circa settanta i chilometri di percorso da affrontare anche in condizioni estreme, dislocati nei territorio

dei comuni di Castel San Vincenzo, Pizzone, Montenero Valcocchiara, Cerro al Volturno, Rocchetta a Voltu-

rno e Scapoli. La carovana attraverserà luoghi particolarmente suggestivi sotto il profilo ambientale, anche alla luce del grande lavoro svolto negli ultimi due mesi dagli organizzatori della manifestazione, che hanno ripulito e reso nuovamente percorribili oltre 150 chilometri di sentieri e di vecchie vie di collegamento. Nel loro tour escursionisti-

co gli amanti dell’off road faranno inoltre tappa al complesso monastico di San Vincenzo al Volturno, uno dei luoghi più importanti e significativi sotto il profilo storico, paesaggistico ed ambientale. Inutile dire che gli organizzatori dell’evento auspicano un gran numero di partecipanti, in maniera da poter raccogliere una somma tale da poter poi realizzare

del commissariamento. Dunque, cose concrete e non chiacchiere come quelle che invece va vendendo qualcuno in giro”. F.C.

una serie di attività ludiche per i bambini. Un plauso, anche per questa ulteriore e bella idea, va pertanto tributato ai soci del club sportivo “I cinghiali delle Mainarde” presieduto da Emilio Fattore. Un gruppo di giovani che, un po’ per scherzo e un po’ per passione hanno iniziato a vedere l’off road come momento di aggregazione, ma anche come strumento per riscoprire contesti ambientali ormai abbandonati e fuori dalla portata anche dei più accaniti amanti del fuori strada tradizionale.


MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

ANNO XIV - N. 169

VIA ANDREA DA CAPUA, 6 - TEL. 0875/707896 - FAX 0875/84242

REDAZIONE 86039 TERMOLI

Anche quest’anno la Capitaneria di Porto ha illustrato il progetto per la salvaguardia di bagnanti e navigatori

Estate tranquilla con Mare sicuro I controlli verrannno svolti da tre motovedette, due gommoni e da pattuglie a terra Estate serena grazie all’operazione della Capitaneria di Porto ‘Mare Sicuro’. L’iniziativa è stata illustrata ieri mattina, nella sede della Capitaneria, dal comandate Raffaele Esposito e dal Sottotenente di Vascello Giorgio Coppola. Come ogni anno all’inizio della stagione estiva, gli uomini della Guardia Costiera hanno dato il via all’operazione Mare Sicuro. La salvaguardia della vita umana in mare, la sicurezza della navigazione e la tutela dell’ecosistema marino, sono priorità e intenti del progetto. La campagna è stata preceduta da una importante opera di sensibilizzazione e divulgazione informativa della nuova ordinanza balneare

varata lo scorso mese di aprile. In seguito si sono svolti

molti incontri tenuti dagli ufficiali della Capitaneria nelle

scuole in cui sono stati illustrate le norme comportamen-

Incidente sulla Ss16, due feriti Tre feriti trasportati al Pronto Soccorso di Termoli a seguito di un incidente stradale. Il sinistro è avvenuto intorno alle 18:30 di ieri, sulla SS16, all’altezza del bivio che conduce a Campomarino e alla

zona industriale. Coinvolte due auto, una Peugeot e una Gip. A causa del forte impatto, che è stato quasi un frontale, tre persone sono state trasportate con codice rosso al San Timoteo di Termoli dal 118 e dalla Misericordia. Si tratta di Le auto coinvolte nell’impatto tre uomini, un 44enne di San Martino, un 39enne di Palata e un 50enne di Portocannone. Dai primi accertamenti medici è stato riscontrato che le loro condizioni di salute non sono gravi, ma è probabile un ricovero di qualche giorno. T.T.

Il direttore tecnico-scientifico dell’Arpa spiega il perché del trasferimento

Chiusura del laboratorio Arpa di Termoli Patroni: servizio più funzionale ed efficiente Il direttore tecnico-scientifico dell’Arpa Molise, il dottor Eduardo Patroni, ha inviato una nota per esprime alcune puntualizzazioni sulla chiusura del laboratorio della sezione di Termoli dell’Arpa Molise, con l’ulteriore intento di rispondere alle prese di posizione in merito pubblicate sugli organi di stampa locale. Di seguito, riportiamo quindi il testo integrale inviato dal dottor Patroni: “Prima di tutto sconcerta il tono usato da chi contrasta la decisione dell’ARPA Molise per esprimere un dissenso che potrebbe risultare anche legittimo, se solo fosse suffragato da una effettiva conoscenza del problema o da una corretta esposizione dei fatti, anche perché nessuno tra chi concorre a questa campagna di disinformazione si è premurato di chiedere ai vertici manageriali dell’Agenzia le ragioni per cui si sia pervenuti alla scelta di riorganizzare i laboratori dei Dipartimenti provinciali dell’ARPA, compreso quello di Termoli. Si percepisce nelle opinioni riportate, tralasciando quelle che molto più malignamente agitano lo spauracchio dell’intervento della magistratura e alle quali si risponderà eventualmente nelle sedi competenti, quanto sia approssimativa la conoscenza del ruolo e delle funzioni che assolve la Sezione Dipartimentale di Termoli nell’am-

bito della organizzazione dell’ARPA, che si cercherà di sintetizzare anche per garantire un’adeguata informazione ai cittadini che risiedono nel Basso-Molise. Il laboratorio della Sezione di Termoli non ha mai avuto un ruolo determinante e strategico all’interno dell’assetto organizzativo dell’ARPA, neppure quando svolgeva compiti di struttura tecnica nel Presidio Multizonale di Igiene e Profilassi, ed ha sempre eseguito un’attività analitica limitata a ben residuali matrici ambientali, in quanto vincolato funzionalmente alla Sede di Campobasso, come stabilito da norme regionali e non da arbitrarie scelte occasionali. Collegare in modo improprio, come è stato fatto da qualcuno, l’assenza di un laboratorio con la mancata tempestività dei controlli ambientali equivale a non conoscere affatto le modalità di intervento sul territorio messe in atto dal personale dell’Agenzia; infatti, è prassi abituale che, non solo nel caso del verificarsi di incidenti che coinvolgono l’ambiente, ma anche all’avvio di campagne di campionamenti - come avvenuto di recente per la ricerca dei trialometani nell’acqua destinata al consumo umano nei comuni costieri - il personale della Sezione di Termoli svolga gli specifici prelievi mentre la struttura laboratoristica della

sede di Campobasso fornisca le risposte analitiche agli Enti ed alla popolazione. La riorganizzazione della Sezione di Termoli, quindi, nasce proprio dall’esigenza di favorire maggiori sinergie e coordinamento tra questa importante struttura territoriale e quelle dipartimentali e centrali dell’ARPA per creare un’effettiva e più funzionale “rete” operativa agenziale; necessità che si è imposta, inoltre, perché il laboratorio della Sezione di Termoli presenta ulteriori elementi di criticità rispetto a quelli appena evidenziati. Questa struttura, infatti, svolge una limitata attività analitica per cui le indagini strumentali più complesse sono effettuate presso i laboratori di Campobasso, con evidenti difficoltà organizzative per il trasporto delle aliquote di campioni; inoltre, per prestazioni analitiche anche di media complessità, le risposte agli Enti o ai privati fanno registrare lunghi tempi di riscontro, dovuti ad un intuibile e laborioso perfezionamento della certificazione di analisi.A queste considerazioni si vanno ad aggiungere anche le carenze

Archivio

strutturali dell’immobile, non di proprietà dell’Agenzia, che ospita il laboratorio della Sezione, che non solo non consentono l’adeguamento delle strutture per l’accreditamento delle prove di analisi, ma non hanno neppure permesso di dotare i locali di una semplice piattaforma elevatrice per facilitare il trasporto dei campioni e delle attrezzature necessarie per i prelievi e per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Inoltre, non è mai stato presente in quella sede personale esperto in ecotossicologia ambientale, in biologia di ambienti fluviali e marini, in analisi di matrici complesse, né sarebbe ipotizzabile l’assunzione di nuovo personale per il noto blocco voluto dal Governo centrale. Come neppure immaginabile sarebbe l’acquisizione o la duplicazione di strumentazione scientifica che risulte-

tali da tenere in mare. “Per ridurre gli incidenti occorre informare la collettività in modo semplice e informale per far acquisire consapevolezza dei principi basilari della cultura nautica e, sottolineando i comportamenti scorretti spinga a modificarli – ha precisato il comandante – Sono quindi gli stessi diportisti, i bagnanti, i fruitori in genere del mare e delle spiagge, che, oltre ad essere i primi destinatari delle attività di controllo che si svolgono lungo i litorali devo-

no diventare elementi attivi e partecipi al rispetto della legalità”. I controlli operativi verranno svolti con tre motovedette, due gommoni e con pattuglie a terra, sia a piedi che automunite. Saranno circa venti i militari coinvolti nel controllo della fascia di mare. L’operazione Mare Sicuro rientra tra le attività istituzionali proprie della Guardia Costiera in sinergia con le altre forze dell’ordine e mira ad effettuare dei controlli “non invasivi ma incisivi ed efficaci”.

Migliorano le condizioni della donna che domenica ha rischiato di annegare E’ ancora ricoverata al reparto di rianimazione del San Timoteo di Termoli la 43enne di Bojano che domenica, spaventata dal fatto che il figlio piccolo si era allontanato dalla riva, si è tuffata in acqua rischiando l’annegamento in mare. La donna era stata subito soccorsa dal 118 e dalla misericordia e trasportata in ospedale. Da ieri sono stati riscontrati lievi miglioramenti, ma la prognosi rimane ancora riservata. rebbe gravosa economicamente, sia in fase di acquisto che di gestione ed assistenza tecnica. Pertanto, la centralizzazione delle attività analitiche presso la nuova sede laboratoristica del Dipartimento di Campobasso, programmata proprio per una maggiore funzionalità delle prestazioni analitiche a livello provinciale, andrà anche ad ottimizzare i tempi di risposta all’utenza, concorrerà a realizzare economie nelle risorse umane e strumentali, favorirà l’attivazione e la gestione del sistema qualità che la vigente normativa obbliga ai laboratori pubblici. La riorganizzazione della Sezione di Termoli seguirà, invece, il percorso di potenziamento dei controlli e dei monitoraggi ambientali, già sperimentato ed attuato presso altre Agenzie regionali, perché quotidianamente si assiste ad un aumento, destinato di sicuro a proseguire, delle richieste di intervento sul territorio e di istruttorie tecniche a fini autorizzativi, come impone la normativa sulle Autorizzazioni Integrate Ambientali, sulla Valutazione di Impatto Ambientale di parchi eolici e fotovoltaici e sulla VAS di piani e programmi regionali. E’ in tal senso che va intesa la conversione dell’Unità Operativa Semplice laboratoristica in quella che si occuperà in maniera specifica della tutela del suolo e

della gestione dei rifiuti nella zona di Termoli, alla quale si affiancheranno più organizzate compagini di controllo della qualità dell’aria e delle emissioni in atmosfera, delle discariche di rifiuti autorizzate o abusive, degli scarichi idrici urbani ed industriali, degli impianti di potabilizzazione, delle acque di balneazione, delle aziende a rischio di incidente rilevante, della protezione della costa, ecc. Tutto questo significa potenziare una struttura di controllo territoriale, già forte della gestione di alcune centraline automatiche per il controllo della qualità dell’aria e dell’acqua, ed aumentare gli interventi in difesa dell’ambiente, qualificando nel contempo la componente tecnico professionale, nell’esclusivo interesse del territorio molisano. L’attuale ed inopportuna campagna di stampa, pertanto, va a contrastare con le concrete soluzioni prospettate dai vertici Agenziali per migliorare la performance operativa della Sezione di Termoli, mentre ogni improvvisata considerazione in merito sembra abbia il solo scopo di fomentare un sentimento di denigrazione per chi assolve ad una pubblica funzione, rivolta solamente a salvaguardare la qualità dell’ambiente, troppo spesso messo a rischio da operatori poco attenti al territorio”.

19


20

Martedì 21 giugno 2011

La proposta nasce grazie alla possibilità di partecipare ad un bando nazionale per la costruzione degli alloggi

Casa dello studente a Termoli I costi saranno a carico per metà dello Iacp e per la restante parte dello Stato Casa dello studente a Termoli. E’ l’iniziativa di cui si è discusso ieri mattina in comune, alla presenza del sindaco Di Brino, alcuni consiglieri e tecnici comunali, l’assessore regionale ai Lavori Pubbilci, Luigi Velardi, il commissario e il direttore generale dello Iacp, rispettivamente Pierluigi Lepore e Lembo. La proposta nasce dalla possibilità di partecipare ad un bando di concorso nazionale che prevede la costruzione di almeno 40 alloggi da adibire a ‘casa dello studente’. Al Comune di Termoli spetterà l’individuazione dell’area, mentre i costi di realizzazione saranno per il 50 per cento a carico dello Iacp di Campobasso e per il restante 50 per cento di spettanza del Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica. “Lo Iacp potrà finanziare al 50% l’iniziativa grazie all’autorizzazione della Regione che consente allo stesso Iacp di destinare parte del denaro ricavato dalla

vendita degli alloggi in un capitolo speciale da preservare esclusivamente per alcuni tipi di progetti, come quello della casa dello studente”, ha detto Lepore, raggiunto da noi ieri al telefono. Inoltre, lo Iacp dovrà occuparsi della progettazione e realizzazione delle abitazioni per gli studenti. L’intero argomento, di notevole interesse, è stato sottoposto dal dirigente regionale, il dottor Castellucci, all’attenzione di tutte le altre parti che dovranno in qualche modo partecipare alla formulazione del master plan per rispondere al bando la

cui scadenza è prevista il 28 luglio prossimo. “Ritengo sia un’ottima iniziativa, di cui avevo parlato anche in campagna elettorale, che accolgo con favore ed interesse. Inoltre, gli alloggi non saranno destinati solo agli studenti, ma anche agli insegnati, ai ricercatori e ai corsisti. Riguardo l’individuazione dell’area in cui si potrebbero costruire gli alloggi, ho delegato il vicesindaco Ferrazzano e il dirigente del settore Lavori Pubblici del comune Belpusli di occuparsene. Un’ idea, di cui abbiamo parlato anche ieri mattina,

Servizio di salvataggio in spiaggia libera e rose antismog lungo la passeggiata

Novità in vista per turisti e balneatori Novità da palazzo Sant’Antonio su ambiente e demanio marittimo. In previsione dell’imminente apertura della “passeggiata” che costeggia le mura del Borgo Antico di Termoli e al

fine di valorizzare tale zona, il Settore Ambiente del Comune comunica che in settimana, verranno rimosse le siepi ivi presenti e sostituite da piante di pregio, in particolare da ‘rose

Caruso: “Disco orario da estendere anche in centro” Disco orario per le strade del centro, Caruso precisa la sua posizione. A seguito di quanto discusso nel corso della seduta della III commissione, avente come ordine del giorno la mozione da me presentata in Consiglio Comunale, sul provvedimento di sosta con disco orario di via Mario Milano, da estendere anche in via F.lli Brigida e in altre strade del centro, il consigliere di mi-

potrebbe esArchivio sere un lotto non ancora utilizzato che si trova dove verranno realizzate le case popolari per gli sfrattati, nel quartiere di Colle Macchiuzzo. Ma questa è solo un’ipotesi, dobbiamo valutare meglio la situazione e velocemente, entro la data di scadenza del bando, per opportunità”, ha invece dinon farci sfuggire questa chiarato il sindaco Di Bri-

noranza Francesco Caruso ha pubblicato una nota in cui fa delle precisazioni a riguardo. “Una prima considerazione - spiega Caruso - riguarda la ratio dell’ordinanza emessa dal sindaco Di Brino, a mio avviso sbagliata, che estende il sistema del disco orario sul lato destro di via Mario Milano, imponendo di fatto un doppio sistema di controllo”. Il consigliere ritiene che “tale

provvedimento vada esteso anche a via F.lli Brigida e a quelle strade del centro che presentino le stesse problematiche riscontrate in via Mario Milano”. Caruso conclude affermando che “l’attuale doppio sistema di controllo per la sosta, ovvero quello a pagamento e quello con disco orario, sia un provvedimento sbagliato ed eccessivamente vessatorio nei confronti dei cittadini”.

antismog’. Questo fiore, così innovativo, resiste alle malattie,

ostacola la crescita dell’erba, non richiede grande manutenzione e aiuta a mantenere pulita l’aria grazie alla capacità di assorbire anidride carbonica. Inoltre, verranno impiantati fiori stagionali nelle principali piazze della città, nel Borgo Antico e sul lungomare nord. L’ufficio Demanio Marittimo del Comune di

no, sentito, ieri, da noi al telefono. T.T. Termoli comunica che, a seguito dell’espletamento delle procedure di gara, il servizio di salvamento per la stagione 2011, da effettuarsi sui tratti di aree demaniali marittime libere con maggior affluenza turistica della costa termolese, è stato affidato in via definitiva alla Società Nazionale di Salvamento, Sezione Guardialfiera, con sede legale in Contrada Fabbricata. Tale servizio sarà effettuato dal 20 giugno al 10 settembre 2011.

La Slow Food ringrazia chi ha partecipato al progetto ‘Mille orti in Africa’ Grande successo per lo “Slow Food Day”, l’iniziativa di beneficenza che si è tenuta a Termoli lo scorso sabato nel 25esimo anno di impegno della Slow Food. Ristoratori e Cantine hanno contribuito alla realizzazione del progetto ‘Mille Orti in Africa’ offrendo, per pochi euro, una cena in piazza Duomo. La Condotta Slow Food Termoli, per tale motivo ringrazia tutti coloro che hanno

lavorato per la riuscita della manifestazione: i ristoratori, le cantine, l’Amministrazione Comunale di Termoli, l’assessorato alla Cultura e la Pro Loco. “Un grazie di cuore a tutti i soci per l’enorme quantità di energie, passione, idee, entusiasmo, creatività, amicizia, intelligenza che hanno messo a disposizione di Slow Food Termoli per realizzare una straordinaria giornata di cui siamo fieri.”


Martedì 21 giugno 2011

Ad illustrare l’iniziativa il sindaco, il vice Di Pinto e il consigliere Finocchio

21

Panorama di Montenero

Travaglini: “Lavorare in sinergia con gli operatori” MONTENERO DI BISACCIA. “Dare maggiore rispondenza alle reali esigenze degli operatori, attraverso una strategia promozionale che abbia una connotazione sempre più sinergica tra la zona a mare e quella urbana”. Prove tecniche di strategia istituzional-aziendale per l’amministrazione di Nicola Travaglini, che in una nota

riassume quanto deciso nell’incontro che si è tenuto la settimana scorsa in municipio. Hanno partecipato, oltre al citato sindaco, l’assessore Giuseppe Di Pinto e il consigliere comunale Marco Finocchio. Dall’altro lato del tavolo gli operatori economici di bar, ristoranti e pizzerie presenti sul territorio comunale. “L’iniziativa – si legge

Soggiorno termale Aperte le iscrizioni MONTENERO DI BISACCIA. Aperte le iscrizioni per il soggiorno termale riservato agli anziani e che come consuetudine si terrà a settembre. In un avviso pubblico, appena affisso dall’amministrazione comunale, tutte le informazioni utili per gli over 65, residenti a Montenero, interessati alla gita. Il soggiorno si terrà anche quest’anno a Castrocaro Terme, località scelta per alzata di mano dagli stessi anziani durante un incontro ad hoc organizzato dall’assessore alle Politiche sociali Gianfranca Marchesani. Il periodo sarà dal 4 al 17 settembre, mentre per le iscrizioni ci sarà tempo dal 21 giugno al 15 luglio. Le domande andranno presentate all’Ufficio di cittadinanza sociale, presso il municipio. Il Comune contribuirà con diecimila euro, facendosi carico anche delle spese per le accompagnatrici. I partecipanti concorreranno alle spese di soggiorno con una quota procapite, il cui ammontare sarà stabilito in sede di giunta comunale, tenendo conto anche del numero complessivo degli aderenti. Potranno partecipare anche i coniugi degli aventi diritto, anche se non ancora sessantacinquenni, pagando l’intera quota. Per ogni chiarimento ci si può rivolgere all’Ufficio di cittadinanza sociale oppure chiamare il numero 0875 929220. CAMPOMARINO. Grande partecipazione di pubblico allo spettacolo teatrale ‘La fortuna con la effe maiuscola’ messo in scena dalla compagnia teatrale parrocchiale di Campomarino. L’evento si è svolto sabato sera, nella sala teatro della chiesa Santo Spirito. appassionati del teatro presenti allo spettacolo hanno apprezzato tra esilaranti risate e momenti di suspense il

nel comunicato - è stata promossa per illustrare i progetti che saranno attivati in vista dell’imminente stagione estiva e le opportunità promozionali che saranno fornite alle categorie interessate; l’amministrazione metterà infatti a disposizione appositi spazi sul sito web istituzionale del Comune di Montenero di Bisaccia, all’interno dei quali potranno essere

pubblicizzati gratuitamente sia i singoli esercizi che le eventuali iniziative che gli operatori vorranno comunicare”. Nell’occasione, inoltre, sono stati illustrati il cartellone dei prossimi eventi estivi e il nuovo “Info point” attivato alla marina di Montenero. Altra iniziativa presentata la tessera della Pro Loco, che ai propri soci permetterà di avere sconti e age-

transiteranno sul nostro territorio, di usufruire di agevolazioni in ogni tipologia di attività commerciale locale. In questo modo potremo veicolare al meglio non solo le nostre attività, ma anche i nostri prodotti”. R.d’A.

Grande successo per la mostra fotografica Uno sguardo al passato GUARDIALFIERA. Chiude la mostra fotografica ‘Uno sguardo al passato’. Sono stati tantissimi i visitatori, tutta la cittadinanza, che hanno appezzato l’allestimento di fotografie storiche dal 1880 al 1960 presso il Fondaco San Carlo a Guardialfiera. La mostra curata dall’associazione ‘Tradizioni guardiesi’ chiude con un bilancio molto positivo in quanto si sono raggiunti pienamente gli obiettivi prefissati. Il percorso originale con 150 fotografie in bianco e nero del formato 30X50, ha per-

messo agli anziani di ricordare aspetti e i momenti

Presenze e applausi per “La fortuna con la effe maiuscola” gruppo che rappresentava con bravura lo spettacolo scritto da Eduardo De Filippo nel 1943 e formata da tre atti. La compagnia, ormai ‘specializzata’ nel rappresentare le commedie di De Filippo, è stata condotta e

volazioni in esercizi commerciali convenzionati, locali e nazionali. “Per il futuro – l’annuncio del sindaco Travaglini – abbiamo in animo di istituire una ‘tessera turistica’ che darà la possibilità, agli ospiti che alloggeranno o

guidata dal responsabile Gino Fiorentino, tra l’altro protagonista della commedia, caratterizzato persino da tratti fisionomici somiglianti al grande Eduardo. Ha interpretato Giovanni Ruoppolo , marito di Cristina in-

terpretata brillantemente da Sonia Caterino. Enricuccio, il loro figlio adottivo, ragazzo monello e non amante del lavoro, è stato interpretato con pura comicità da Franco Romano. Gli altri personaggi sono stati rappresen-

Ingresso mostra

ha dato la possibilità e l’occasione ai giovani di scoprire come vivevano i loro genitori o i nonni. Sono stati proprio i giovani ad essere piu’ entusiasti e meravigliati del percorso fotografico raccolto. La mostra si è svolta con il patrocinio e il sostegno del comune di Guardialfiera e la collaborazione del Centro Studi Molise 2000. Il presidente dell’associazione Trolio Nicola ringrazia tutti cittadini che hanno dato le fotografie e che hanno collaborato per l’allestimento della mostra.

tati da Teresa Ciavarella nella parte della portinaia Concetta, Donato di Vito don Vincenzo, Annamaria – Amalia, Claudio Pantalone nella doppia figura dell’avvocato Manzillo e notaio Bagliuolo, Mino Sorressa – amante di Amalia, Renzo Travaglini – dottor Gervasi, Vincenzo di Gaetano – brigadiere, Danilo Fiorentino – Sandrino, Luisa Regio – Virginia. La sceneggiatura è

stata curata da Luisa Conti, che nella nota di resoconto inviataci ha detto: “Mi preme far conoscere Campomarino anche dal lato positivo: quello bello, pulito, costruttivo, organizzativo, collaborativo che il ‘gruppo parrocchiale teatrale’ della stessa cittadina ha regalato sabato sera ad un folto pubblico presente nella sala Teatro della parrocchia Santo Spirito”.

della vita quotidiana di quanto loro erano piccoli e


MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

ANNO XIV - N. 169

VIA ANDREA DA CAPUA, 6 - TEL. 0875/707896 - FAX 0874/484625

REDAZIONE 86039 TERMOLI

Il Comitato civico torna a denunciare le condizioni in cui è costretto ad operare il nosocomio frentano

Vietri, niente dignità per i pazienti Nei reparti si assiste ad assembramenti di 5 o 6 letti per stanza senza privacy Torna a parlare di sanità il Comitato per la difesa dell’Ospedale Vietri di Larino, nell’ottica delle azioni intraprese dal governo centrale che non hanno risolto le criticità di cui soffre il settore in Molise. “Ha tanto il sapore di un vecchio gioco quello che sta facendo il Governo con il Sistema Sanitario del Molise”. Dopo la nomina del commissario Mastrobuono - sottolinea il Comitato - ecco la nomina di un altro sub commissario, il dottor Mario Morlacco, anch’egli “bruciato” già in partenza. Il motivo è presto detto: ancora una volta il Governo centrale ha mancato di revocare l’incarico al commissario contravvenendo alla propria stessa legislazione (art. 2, comma 84 Legge 191/2009) e violando la Legge 222/2007 che all’art. 2 recita: “Ove la regione non adempia alla diffida di cui al comma 1, ovvero gli

L’ospedale Vetri

atti e le azioni posti in essere, valutati dai predetti Tavolo e Comitato, risultino inidonei o insufficienti al raggiungimento degli obiettivi programmati, il Consiglio dei Ministri, nomina un commissario ad acta per l’intero periodo di vigenza del singolo Piano di rientro, con la facoltà, fra le altre, di proporre alla regione la sostituzione dei direttori generali delle aziende sanitarie locali ovvero delle aziende ospedaliere. La nomina a commissario ad acta è incompatibile con l’af-

fidamento o la prosecuzione di qualsiasi incarico istituzionale presso la regione soggetta a commissariamento. Gli eventuali oneri derivanti dalla nomina del commissario ad acta sono a carico della regione interessata.” (Strano che la Magistratura non rilevi tutte queste irregolarità!). Lo scempio compiuto ai danni degli ospedali di Larino, Agnone e Venafro non hanno prodotto alcun risparmio o razionalizzazione al contrario è di gran lunga aumentata l’inefficienza del

sistema che provoca ulteriore mobilità passiva e stanno aumentando in misura preoccupante i casi di mala sanità: di tutto questo il Comitato pro Vietri era stato facile profeta! La nostra sanità regionale sta regredendo a livelli da terzo mondo: nei reparti si assiste ad assembramenti disumani con 5 o addirittura 6 letti per stanza e non esiste un angolo di privacy, i pazienti già duramente provati dal loro precario stato di salute sono spogliati anche della loro dignità. Per fare un semplice esempio: non è degno di un Paese civile che una donna straziata da una mancata maternità debba condividere lo stesso ambiente con quelle che madri lo sono gioiosamente diventate. Sono, ormai, innumerevoli le situazioni di assoluta mancanza di rispetto per i diritti del malato. Di tutto questo i cittadini hanno già piena consapevo-

lezza! Lo hanno dimostrato ai recenti appuntamenti elettorali. A Larino, dove si è votato per le provinciali, il responso delle urne ha decretato che l’attuale Amministrazione non ha più il consenso della città e l’astensionismo è stato altissimo. Un risultato ben diverso da quello descritto dalla solita Associazione, composta ormai da una sola persona, che stigmatizzando altresì le divisioni della sinistra ha dimenticato di esserne anch’essa l’artefice. E’ stata, dunque, incisiva l’azione del Comitato per la difesa dell’Ospedale “G. Vietri” nel sottolineare la mollezza dell’Amministrazione larinese che ha subito passivamente le penalizzanti decisioni. Prendessero esempio dai Sindaci abruzzesi che nel vedersi chiudere gli ospedali delle proprie città non hanno esitato a presentare ricorsi al

TAR e li hanno visti accolti. Il nostro sindaco, dott. Guglielmo Giardino, invitato dal Comitato a proporre per primo il ricorso al TAR rifiutò di farlo e ne abbiamo pagato tutte le conseguenze. In conclusione è d’obbligo una precisazione: la disparità di organico tra operatori dei pronti soccorsi e operatori del 118 denunciata in un precedente comunicato non è da interpretarsi come un attacco nei confronti di questi ultimi, che pure hanno la nostra stima ed il nostro riconoscimento per il prezioso lavoro che svolgono. L’intento era quello di evidenziare l’incapacità organizzativa della ASREM che determina gravi squilibri facendo insorgere spiacevoli conflitti”. Da indiscrezioni si è appreso che il Comitato pro Vietri sta organizzando un’altra manifestazione pubblica per mantenere alta l’attenzione dei cittadini sul problema.

composte da operatori ed esperti delle singole sezioni, usciranno i rappresentanti ufficiali del Molise per le finali nazionali di Roma. Dalle ore 21.00 lo spettacolo continua con la seconda semifinali per la sezione musica: a contendersi gli altri due posti in palio per la finalissima regionale, saranno in 5 e tutti provenienti dalla provincia Pentra. La serata si concluderà con il live degli Eva Mon Amour ospiti ufficiali della manifestazione. Gli Eva Mon Amour, che già in passato hanno calcato i palchi molisani portando in tour il loro prece-

dente lavoro “La doccia non è gratis”, questa volta ritornano in Molise per presentare il loro ultimissimo lavoro “La Malattia dei Numeri” un Ep prodotto dalla 29RECORDS. Una manifestazione, questa prima edizione del MArteLive Molise, che può considerarsi positiva e promettente, sia sulla base dei numeri dei partecipanti, sia della qualità che fino a questo momento ha contraddistinto l’organizzazione. In attesa della finalissima regionale per la sezione musica, Davide di Bucci e lo staff de IlCasoStanzino Ent invita tutti a partecipare alla semifinale di sabato 25 ad Isernia, per poter ammirare coloro che andranno a rappresentare il Molise nella finale nazionale di Roma.

L’evento prosegue a Isernia il 25 giugno in piazza Celestino V

MArteLive, i vincitori conquistano un posto nella finale regionale Lo spettacolo continua. Si è conclusa con la vittoria di Nancy & the New Nervous Tic di Campobasso e con il secondo posto de La Suonata Balorda di Pietracatella, la prima semifinale del MArteLive che si è svolta sabato sera a Larino, presso il Royal Green Social Music Club, organizzato da Fattore K. Entrambi i gruppi hanno conquistato un posto nella finale regionale.

22

La manifestazione artistica MarteLive che per la prima volta è approdata in Molise, organizzata in un doppio appuntamento, con selezioni su base provinciale, ha ufficialmente i suoi primi finalisti. A Larino hanno partecipato sei gruppi, provenienti da diverse realtà del basso Molise con stili e storie artistiche differenti. La giuria, composta da tre esperti docenti di musica dell’IMAMolise, ha scelto il rock melodico dei Nancy & the new nervous tic e il Folk della Suonata Balorda valutando nel complesso la performance live, la struttura dei brani (testi e melodie) e l’alchimia musicale fra i membri dei singoli gruppi. “Un augurio particolare ai vincito-

ri - si legge nella nota stampa - al pari di un sentito ringraziamento ai partecipanti con la speranza di rincontrarli nella prossima edizione o di poterli ammirare in altre esibizioni live”. Ma il MarteLive continua. Sabato 25 giugno, ad Isernia, in Piazza Celestino V, si svolgerà la seconda semifinale. Organizzata da IlCasostanzino Entertainment concessionario dell’intero “MArteLive Molise”, la serata è realizzata con il patrocinio del Comune di Isernia ed il contributo dei locali: HolzHaus birreria, Kles Five e Alter

Ego. L’appuntamento del 25 rientra nel programma delle festività dei SS Pietro e Paolo promosse ed organizzate dalla Pro Loco di Isernia, che si protrarranno fino al 2 luglio con l’atteso appuntamento della Notte Bianca. Nello specifico, il concorso avrà due momenti artistici distinti. Dalle 17.00 alle 21.00 si svolgerà un doppio concorso al quale hanno aderito 20 fotografi e 6 pittori, provenienti da tutto il Molise, per una selezione che è già finale. Dai verdetti delle due giurie tecniche (una per la fotografia e una per la pittura)


MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

ANNO XIV - N. 169

VIA ANDREA DA CAPUA, 6 - TEL. 0875/707896 - FAX 0874/730606

REDAZIONE 86039 TERMOLI

Il sindaco di Rotello, Antonio Castelli, precisa le modalità per presentare le richieste di ristoro dai danni

Grandinata e risarcimenti Termine al 4 agosto 2011 ROTELLO. Il termine ultimo per presentare la domanda per il risarcimento dei danni dalla grandinata di un anno fa non è l’11 luglio ma c’è stata una proroga al 4 di agosto. Ci tiene a precisarlo il sindaco di Rotello, Antonio Castelli, che dal giorno della calamità sta assicurando il massimo impegno insieme all’amministrazione e alla struttura tecnica comunale per completare le procedure. C’è quindi un altro mese e mezzo di tempo per scaricare, stampare e consegnare dal sito della Protezione Civile regionale tutta la modulistica relativa al ristoro dei danni di una calamità che ha devastato il territorio e Rotello risente ancora le conseguenze. Per il resto non cambiano le procedure come riportato anche sulla pagina di domenica.

“Su disposizione degli Assessori Regionali, Gianfranco Vitagliano e Filoteo Di Sandro, il Dirigente Responsabile del Servizio per la Protezione Civile ha notificato, presso la sede del Servzio per la Protezione Civile, ai Sindaci dei Comuni di Rotello, Palata, Tavenna, Mafalda, Larino e Santa Croce di Ma-

gliano, colpiti dall’evento meteorologico dello scorso 24 luglio, la Deliberazione di Giunta Regionale n. 201 del 21 marzo 2011 con la quale si disciplinano le modalità per la richiesta di contributo per i danni subiti alle strutture ed infrastrutture pubbliche, ai Beni Immobili e Beni Mobili Registrati Privati.

Si invitano pertanto le popolazioni dei Comuni sopra indicati - continua sempre la nota pubblicata sul sito della Protezione Civile regionale - a voler recarsi presso le strutture tecniche comunali al fine di presentare formale domanda di richesta contributo risarcitorio dei danni subiti mediante moduliztica appositamente realizzata. Nello spirito di organizzazione a sistema della protezione civile regionale, le strutture tecniche comunali e la struttura regionale di protezione civile operano congiuntamente al fine di assicurare nella massima trasparenza il riconoscimento del danno subito alle popolazioni interessate”. Il provvedimento della Regione ha stanziato complessivamente quattro milioni e mezzo di euro per l’area che

Il sindaco di Rotello, Antonio Castelli da mesi impegnato per le domande che riguardano il ristoro dei danni provocati dalla grandinata del 24 luglio 2010

è stata interessata dalla violenta grandinata, mentre è stato disposto da subito il trasferimento della somma complessiva di 150mila euro a favore dei comuni di Larino, Mafalda, Palata, Rotello, Santa Croce di Magliano e

Tavenna a copertura delle spese sostenute per fronteggiare le prime necessità. Il sindaco di Rotello, auspica che tutto possa concludersi nei tempi stabiliti e che i cittadini possano ricevere i risarcimenti previsti.

San Giuliano di P. Giovedì alle 18 assemblea pubblica con i cittadini per fare il punto sulle azioni del Comune

Provvisionali, lettera aperta di Barbieri Il primo cittadino e l’amministrazione vogliono chiarire tutti gli aspetti del problema SAN GIULIANO. Giovedì alle 18, nell’aula polifuzionale del complesso “Angeli di San Giuliano” l’amministrazione terrà un’assemblea pubblica per informare e fornire chiarimenti sulla problematica relativa al pagamento delle provvisionali in favore delle parti civili costituitesi nel procedimento penale aperto a seguito del crollo della scuola “Jovine” il 31 ottobre 2011. Il sindaco, Luigi Barbieri, ha rivolto una lettera a tutta la cittadinanza sull’argomento: “Cari concittadini, sappiamo tutti che la nostra Comu-

Luigi Barbieri

nità è stata profondamente provata dal terremoto, e da quel triste momento che ci ha sottratto una parte del nostro futuro strappandoci gli affetti

più cari, non c’è stato giorno che non siamo stati chiamati a sostenere prove di ogni genere. La dignità, la forza di volontà, il desiderio di non vanificare la perdita dei nostri ”Angeli”, e perché no, anche il confronto a volte duramente accentuato dalla disperazione di combattere contro nessuno per finire di combattere tra noi stessi, ci ha dato comunque la forza di superare (spero di poter dire nel migliore dei modi) quegli ostacoli che si sono quotidianamente frapposti nel lungo e difficile cammino che la Comunità è stata costretta

a percorrere, suo malgrado, per risollevarsi e riprendere a vivere, ma senza dimenticare. Il Comune, ovviamente, quale centro di imputazione e di rappresentazione degli interessi pubblici, in tutti questi anni ha svolto e svolge, con gli Organi che lo hanno rappresentato e rappresentano, un ruolo centrale e nevralgico, essendo chiamato a tutelare gli interessi di tutti, e quindi della Comunità intera. Ma lo svolgimento di tali funzioni non è certo agevole o semplice, vista la complessità e l’intreccio del-

Una costellazione speciale a Santa Croce per festeggiare i 18 anni di Martina SANTA CROCE. Come gocce di diamante stilate da un cielo coperto sei entrata a far parte del firmamento Tu, una costellazione in continuo movimento. 18 sono le stelle che formano il tuo viso nell’immensa volta celeste che hai condiviso tra milioni di persone a cui hai donato un sorriso. Ora avrai una nuova dimensione da esplorare cancella i dubbi e la paura che ti fa provare poiché so che il tuo cuore ti saprà guidare. E se alla fine arrivi a pensare che gli anni dopotutto sono solo ore è perché finalmente riesci anche tu a capire che l’età non conta per te che sarai sempre la Migliore. Adesso che sei “maggiorenne”, devi vivere la vita ogni giorno con la stessa gioia e felicità di oggi. Auguri mamma e papà, Cecilia, Simona, Gianmarco, Maria e Rita.

le vicende e dei rapporti giuridici sorti nel tempo, e diventa addirittura impossibile quando mancano le risorse e gli strumenti indispensabili per la tutela degli interessi e dei diritti giuridicamente rilevanti, e nulla può la rabbia e la sensazione di impotenza avvertita dall’amministratore che vorrebbe risolvere ogni cosa. Di fronte a questo scenario, la cosa più importante è dare a tutti una “corretta e precisa informazione”, allo scopo di collocare ogni problematica nel suo alveo naturale e di rendere tutti edotti delle motivazioni che sono alla base di atti e di decisioni che il Comune ha preso e dovrà prendere. I problemi di maggior rilievo che in questa fase il Comune sta affrontando sono il completamento della ricostruzione delle opere pubbliche e private, per raggiungere l’obiettivo del rientro di tutta la Comunità nel paese, ed il pagamento delle provvisionali e delle spese legali riconosciute alle parti civili costituitesi nel procedimento penale aperto a seguito del crollo della Scuola. In merito a quest’ultimo problema, il Comune è tenuto ad assumere atti e comportamenti nella qualità di “Responsabile Civile in solido”

(cioè responsabile unitamente agli altri 5 condannati), ed il Consiglio Comunale già si è interessato della problematica nelle sedute del 29. 11.2010 e dell’8.06.2011. Nel ribadire che gli intenti e la volontà dell’Amministrazione Comunale sono quelli di tutelare i diritti di tutti i cittadini, nessuno escluso e senza alcun pregiudizio del principio costituzionale della parità di trattamento, come atti e fatti dimostrano ampiamente, siete tutti invitati all’incontro pubblico che avrà luogo giovedì 23 giugno, alle ore 18,00 presso la sala polifunzionale del nuovo Complesso Scolastico “Angeli di San Giuliano”, sede in cui avrò la possibilità di dare informazioni e chiarimenti sui problemi esposti e sulla loro possibile evoluzione nell’immediato futuro, ed ogni chiarimento su quanto verrà ritenuto di dover conoscere, anche in relazione ad altre problematiche. Intanto allego al presente invito una prima nota informativa della problematica più sentita, vale a dire il pagamento delle provvisionali, in favore delle parti civili costituitesi, e delle spese legali” ha concluso Barbieri nella lettera aperta.

23


ANNO XIV - N. 169

MARTEDI’ 21 GIUGNO 2011

REDAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL 0874/484623 - FAX 0874/484625

Venerdì arriva la Covisoc. L’ex Carannante allenerà il Neapolis

Lupi-Di Stefano divorzio sancito

Le storie di Corona, Ambrosi, Lupo e Armanetti di Gennaro Ventresca

Il dottore: “Scelta consensuale. Non c’era accordo sulla gestione sanitaria” CAMPOBASSO. “Non abbiamo trovato l’accordo sulla gestione sanitaria”. E’ questo il motivo dell’addio dello staff medico al Campobasso. A dirlo è direttamente il dottor Angelo Di Stefano, fino a qualche settimana fa coordinatore dell’equipe rossoblu. Ma come sottolinea lo stesso ortopedico del capoluogo, “si tratta di un ‘divorzio’ consensuale. Lasciatemi dire che finalmente potrò fare il tifoso a tempo pieno…”. Insomma, nessuna voglia di fare polemiche da parte del dottor Di Stefano, il quale con il suo staff ha svolto il suo lavoro in maniera professionale e gratuita. L’inghippo? La richiesta, non accolta dalla società, di un budget, anche minimo, che garantisse le spese necessarie per portare avanti con la massima serietà la parte sanitaria. Di Stefano: “L’obiettivo era quello di

correggere i pochissimi errori commessi la scorsa stagione dal punto di vista gestionale. La società non è stata disposta in tal senso ed è liberissima di farlo: amici più di prima, non c’è problema”. Intanto, tutto tace sui versanti squadra e ritiro. Anche perché il 24 (venerdì) ci sarà la visita della Covisoc che si esprimerà sugli adempimenti ai quali dovrà adeguarsi la società entro il 30, data ultima per l’iscrizione al prossimo campionato. Ex. Roberto Carannante è il nuovo allenatore del Neapolis Mugnano. L’ex trainer del Campobasso ha firmato per la società di Moxedano per la stagione 2011/ 2012, con tanta voglia di riscatto dopo il bruciante esonero subito nel capoluogo molisano dopo solo sette giornate di campionato. Ricordiamo che Carannante fu sostituito da Vincenzo Co-

sco dopo la sconfitta interna contro il Trapani e due punti conquistati in sette match giocati. Prima di Campobasso, esperienze sulle panchine di Puteolana, Ariano, Pomigliano e Atletico Trivento, dove ha vissuto la sua avventura più felice, sfiorando i playoff in serie D. In bocca al lupo, mister Carannante. F.d.S.

Angelo Di Stefano

Catanzaro, la nuova società vuole il ripescaggio in Prima

Una fase di gioco di Catanzaro-Campobasso

Il Catanzaro è pronto a rilanciarsi con un progetto ambizioso. L’obiettivo del nuovo gruppo imprenditoriale è quello di riportare nel giro di un triennio i calabresi in serie B. A testimonianza delle ambizioni ci sarebbero già pronti 600mila euro da destinare alla fidejussione per il ripescaggio in Prima Divisione dove per il ruolo di diesse è già stato bloccato Gianni Rosati, mentre per la panchina la prima scelta è Roberto Cevoli che nella giornata di venerdì ha incontrato i possibili nuovi dirigenti catanzaresi.

Di Stefano esulta con il gruppo

Ma tutto potrebbe essere rivoluzionato da calcioscommesse e Covisoc

Rossoblu inseriti nel raggruppamento B? In attesa degli sviluppi del calcio scommesse (penalizzazioni) e delle segnalazioni della Co.Vi.Soc. (ripescaggi) ecco gli organici dei campionati di 1ª e 2ª Divisione della Lega Pro per la stagione 2011/2012. C’è da sottolineare un dettaglio non da poco: l’organico della Seconda divisione (attualmente composto da 90 società) dopo le mancate iscrizioni scenderà probabilmente da 54 a 40 club, suddivisi in due gironi da 20:

24

Seconda Divisione: Aprilia, Arzanese, Avellino, Aversa Normanna, Bellaria, Borgo a Buggiano, Brindisi, Campobasso, Canavese, Casale, Catanzaro, Cavese, Celano, Chieti, Cosenza, Crociati Noceto, Cuneo, Ebolitana, Entella, Fano, Fondi, Gavorrano, Giacomense, Giulianova, Isola Liri, L’Aquila, Lecco, Mantova, Matera, Melfi, Milazzo, Montichiari, Monza, Neapolis, Paganese, Perugia, Poggibonsi, Prato, Pro Patria, Pro Vercelli, Re-

nate, Rodengo Saiano, Sambonifacese, San Marino, Sangiovannese, Sanremese, Santargangelo, Savona, Sudtirol, Ternana, Treviso, Valenzana, Vibonese, Vigor Lamezia. Per quanto riguarda il girone dei Lupi, potrebbero esserci due ipotesi: 1) girone C o 2) girone B. 1) Arzanese, Avellino, Aversa Normanna, Brindisi, Campobasso, Catanzaro, Cavese, Cosenza, Ebolitana, Fondi, Isola Liri, Matera, Melfi, Milazzo, Neapolis, Pa-

ganese, Vibonese, Vigor Lamezia. La seconda ipotesi vedrebbe l’inserimento dell’Aprilia assieme alle altre laziali nel raggruppamento C e il Campobasso nel girone B. 2) Bellaria, Borgo a Buggiano, Campobasso, Celano, Chieti, Crociati Noceto, Fano, Gavorrano, Giacomense, Giulianova, L’Aquila, Perugia, Poggibonsi, Prato, San Marino, Sangiovannese, Santarcangelo, Ternana.

Lunghe notti luminose, sogni impossibili, stadi belli come fiabe, splendidi giocatori in campo, con i muscoli scolpiti come i bronzi di Riace, e sulle tribune fanciulle con le cosce lunghe. Toglietegli tutto al tifoso, ma non spezzategli un sogno. Mi chiedo: ma c’è spazio per i sogni a Campobasso? Faccio quasi fatica a pensare anche a un sogno di inizio estate, con il clima denso di sospetti che aleggia intorno ai calci d’angolo. *** Quegli stadi pieni e quelle lacrime cocenti di fine partita. I protagonisti che hanno fatto festa; gli sconfitti racchiusi nel loro dolore. Sfociato, come nel caso di Salerno, in una guerriglia urbana. Perché hai voglia a metterci di mezzo il sentimento: i cafoni resteranno sempre cafoni. Ho visto in tv un pezzo del successo (insperato) della Juve Stabia a Roma, contro l’Atletico, a cui sarebbe bastato un pareggio per salire in B. Mi è tornato prontamente in mente quell’indigesto spareggio dei lupi con il Sora. Chiuso miseramente da un gol di Campanile su rigore e il pareggio mancato dallo sciagurato Augliera, a pochi minuti dal termine. Anche in quel dopo partita ci fu ammuina fuori dallo stadio. Perché i tifosi sono troppo tifosi e non sanno accettare la sconfitta. Come imporrebbe lo sport che assegna vincitori e vinti. *** A guidare l’attacco della Juve Stabia, tornata in B dopo 60 anni (c’è speranza, quindi anche per il Campobasso) c’era Corona, da me ribattezzato, nell’anno della resurrezione, Re Giorgio. Ricordate? Si scrisse e si disse in tv che il Campobasso, appena rientrato, per decreto, in Lega Pro, stava studiando le mosse per riportare il palermitano in rossoblu. Visti i costi Gigi Molino lasciò perdere. Buon per Corona che è andato a vincere un altro campionato. Peggio per noi che ci siamo dovuti sorbire Visconti, per il quale si è acceso addirittura un contenzione con il Bari, a gennaio, per strappare la comproprietà. E così non ci resta che riaffacciarci alla finestra che guarda al passato, per ritrovare qualche goccia rossoblu in giro per i campi che contano. *** Nella sfida romana c’era in campo un altro nostro ex, il portiere Ambrosi che ha vinto tre campionati negli ultimi cinque anni. Ambrosi incappò in una stagione grigia proprio a Campobasso. Tecnicamente completo e fisicamente formidabile, da somigliare a Peruzzi, Ambrosi in quegli anni subiva ogni giorno il confronto con il fratello, lo straordinario attaccante che segnava gol a ripetizione e che faceva coppia con Mascara. L’Adelmo, gran conoscitore di calcio, aveva visto bene anche con il portiere, senza però prevedere la sua stagione scialba. *** Restando in tema di ex, c’è da segnalare la firma del contratto con la Samp da parte di Fabio Lupo, in veste di direttore sportivo. All’ex terzino del Francavilla che Aggradi portò in Molise, assieme al “rosso” Donatelli, tocca il compito di ricostruire l’ex squadra di Cassano, per riportarla in A, dopo l’inaspettata retrocessione. *** Intanto, resto dell’idea che non ci sia miglior posto di Campobasso per fare il ritiro pre-campionato. La pensò così anche l’Adelmo che scelse come sede alberghiera Le Cupolette e come campo di allenamento San Giuliano, in mezzo a un bel bosco. Nel pretenzioso tentativo di far perdere chili al capitano Armanetti, a fine allenamento il giocatore, scortato da Peppe D’Elia, tornava in albergo di corsa. Facendo circa dieci chilometri. Ma non dimagrì affatto. Forse perché aveva trovato la scorciatoia per accedere in cucina. gennaroventresca@gmail.com


Martedì 21 giugno 2011

Via libera al nuovo testo dello Statuto federale. L’Assemblea straordinaria, riunita ieri a Fiumicino, ha approvato la maggior parte delle modifiche proposte dall’apposita Commissione e approfondite nel corso dell’ultimo Consiglio federale. 1) L’approvazione di tutte le modifiche necessarie per l’adeguamento ai principi fondamentali del Coni. 2) Modalità di elezione del Presidente Federale. Per le candidature sarà sufficiente l’accreditamento anche da parte di una sola componente senza limitazioni relative al numero dei candidati. 3) Previa verifica da parte della Commissione di garanzia, torna in capo al Consiglio federale la nomina degli Organi di Giustizia sportiva e della CO.VI.SO.C., la cui

25

Nasce il Dipartimento della Lnd permanenza in carica è stata prorogata al 30 giugno 2012. 4) Varato l’adeguamento della quota percentuale per le elezioni del Presidente Federale al terzo mandato: la modifica prevede l’innalzamento al 66% del livello di consenso. In caso di mancata elezione alla seconda votazione,

la candidatura viene automaticamente ritirata. 5) Trasformato in Dipartimento della Lega Nazionale Dilettanti, dopo un lungo commissariamento, il Comitato Interregionale. Nasce il Dipartimento di Beach Soccer. Altre modifiche riguardano i regolamenti elettorali

di Aia, Aic, Aiac e Lnd, il visto di conformità attuale e la clausola compromissoria. Tre gli emendamenti sui quali non è stato trovato l’accordo: modalità di nomina dei vice presidenti federali, trasformazione della Divisione Calcio Femminile in Dipartimento della Lnd, com-

posizione del Comitato di Presidenza. La votazione si è conclusa alle ore 14: al momento del voto erano presenti 220 delegati su 304 aventi diritto. Nel corso dell’Assemblea, presieduta da Pasquale de Lise, si sono succeduti gli interventi di tutti i rappresentanti delle componenti: dopo l’apertura da parte del presidente della Figc Abete, sono intervenuti il vice presidente vicario e presidente della Lnd Tavecchio, il vice presidente e presidente della Lega Pro Macalli, il presidente dell’Aia Tommasi, il presidente della Lega di Serie A Beret-

ta, il presidente dell’Aiac Ulivieri e il presidente dell’Aia Nicchi. Presenti anche il vice presidente federale Albertini, il presidente della Lega di serie B Abodi e, in rappresentanza della Uefa, il direttore delle competizioni Marchetti. PROSSIMI CONSIGLI FEDERALI – Abete annuncia: “Faremo due consigli federali: il 28 giugno parleremo della riforma dei campionati, il 5 luglio metteremo all’ordine del giorno tutto il pacchetto relativo ai vivai e agli extracomunitari. Ne ho già parlato con il presidente Beretta”.

Dopo la festa di fine stagioneora si inizia a pensare al prossimo torneo per ben figurare

Montaquila, una bella stagione Dalla Seconda alla Prima, giocando da possibile vincitrice del campionato Il Nuovo Montaquila, squadra guidata da Mr. Cerrone, ha giocato nel campionato di Prima Categoria durante la stagione appena conclusa. La formazione al termine della stagione è riuscita a piazzarsi al terzo posto in classifica, a sei lunghezze dalla vincitrice del titolo, la Cerrese, e a soli due punti dalla seconda in classifica, la Virtus Pozzilli. Durante la stagione degli undici di mr. Cerrone hanno giocato un gran campionato, con grandi soddisfazioni, ma altrettante delusioni che sono comunque servite per pretendere di più dalla rosa. Mr. Cerrone ha saputo ben gestire i suoi ragazzi, stando loro vicino nei momenti di difficoltà e congratulandosi con loro dopo delle belle prestazioni. Durante il campionato possiamo ricordare ad esempio il poker inflitto alla Donkeys Agnone, ma subìto dal Ciorlano e dalla Cerrese, quest’ultima però con la rosa dimezzata per infortuni e squalifiche. Da ricordare anche lo strabiliante 4-3 conquistato contro un ostico Montenero e al secco poker inflitto al Colli al Volturno. Ma i migliori risultati sono stati la cinquina con la quale è stata travolta la formazione del Valle Agricola e la fantastica sestina che ha travolto il Miranda. Al termine di questo campionato abbiamo contattato telefonicamente mr. Cerrone, anche dirigente della compagine. Mr. Cerrone, mi fa un sunto del campionato appena terminato?

Mister Cerrone

Non posso che dire che la stagione appena terminata è stata una delle migliori che abbia mai vissuto. L’annata è stata decisamente positiva con la mia rosa che ha saputo fare propri tanti risultati, conquistando punti preziosi. Che impressioni mi può dare sulle varie squadre? Devo dire che quest’anno, la Prima categoria, almeno il girone A, è stato difficilissimo da giocare. Ci sono state le diverse compagini con altissimi potenziali, contro le quali non era possibile fare nessun pronostico. Anche quella meno favorita diveniva su campo un difficile ostacolo. Per questo non abbiamo mai sottovalutato nessun match, scendendo in campo con l’obiettivo primario di studia- Il Nuovo Montaquila re volta per volta gli avversari, senza dare nulla per scontato. Tra le varie squadre comunque quella che più mi ha colpito, nonostante la sua posizione in classifica, è stata la formazione del Pagliarone. Sembrerebbe strano quello che sto dicendo, ma basti pensare che nelle due partite della stagione la prima si è chiusa con un sofferto pareggio per 2-2, mentre nella partita del girone di ritorno abbiamo vinto solo per 2-1. Ha deluso le mie aspettative la formazione del Civitanova, la quale ha chiuso la stagione soltanto a metà classifica. Da dire infatti che ad inizio della stagione le squadre accreditate alla vittoria finale del campionato erano la Cerrese, la Virtus Pozzilli, e anche il Civitanova. Alla fine soltanto le prime due hanno onorato i pronostici chiudendo al primo posto e al secondo posto. La sua squadra come si è presentata ad inizio stagione? La mia squadra è arrivata dalla scorsa stagione come neo promossa, affrontando per la prima volta la massime delle tre categorie regionali. Il mercato dell’estate 2010 ha portato ad effettuare degli acquisti che ci hanno permesso di portare da noi i vari Bianco, Sferra, Angelone che hanno

sin da subito saputo fare squadra e riuscendo ad entrare abbastanza facilmente negli schemi dell’allenatore. La forza di questa squadra è stata sempre confermata. Questo lo ha dimostrato il fatto che per l’intero anno il Nuovo Montaquila è sempre stato tra i primi tre posti. Ciò che ci ha reso felici inoltre è stato il fatto di essere stati in grado di giocare un campionato del genere senza svenarci dal punto di vista economico. In che senso? Intendo dire che sin dall’inizio della stagione ci siamo prefissati di non spendere eccessivamente e di poter far fronte agli impegni della Prima Categoria, senza chiudere la stagione indebitati fino al collo. Questo obiettivo è stato raggiunto, per somma felicità del tesoriere della Società. Ora quali progetti? Dopo la bella festa di fine stagione di domenica ora pensiamo alle cose serie e puntiamo ad incontrarci con la dirigenza e la presidenza per mettere in chiaro gli obiettivi da raggiungere e soprattutto come raggiungerli e se si potranno onorare eventuali impegni. Quindi dopo aver chiarito questo si potrà considerare anche a com approntare la futura rosa.


26

Martedì 21 giugno 2011

La formazione guidata da mister Pracella ha chiuso il torneo di Prima al secondo posto

Frentania, peccato per i playoff Il presidente Leombruno si rammarica per aver fallito quest’obiettivo La Frentania, una delle squadre che ha disputato il campionato di Seconda Categoria, girone D, ha chiuso la stagione piazzandosi al secondo posto. Nonostante la bella e soddisfacente gestione dell’intero torneo, però, non ha centrato due obiettivi. Il primo, quello della conquista del campionato, seppur inaspettato nella possibilità di concorrerci, è venuto meno man mano che il Castelmauro, vincitore dello stesso, ha aumentato il suo vantaggio dalla diretta inseguitrice. L’altro centro mancato è stato quello della qualificazione alla finale dei playoff. In particolare dobbiamo ricordare che proprio i playoff sono stati una nota negativa nella stagione della Frentania. La prima partita, quella di andata, si è chiusa infatti con la vittoria per 3-2 in favore della compagine delle Acli Campobasso Calcio, le quali, nel match di ritorno si sono imposte di misura confermando la qualificazione parzialmente acquisita nella prima gara. Durante la stagione invece possiamo ben dire che la formazione di mr. Pracella ha davvero ben figurato, mettendosi in evidenza in un campionato che ha dato del filo da torcere un pò a tutte le formazioni partecipanti. Abbiamo avvicinato il presidente della Frentania, Sig.Leombruno, il quale ci ha espresso le sue idee sulla sua formazione e sulla stagione che si è da poco conclusa. Sig.Leombruno, quali sono le sue impressioni sulla stagione appena finita? La mia squadra ha giocato un campionato davvero entusiasmante, ricco di soddisfazioni. I miei ragazzi non si sono tirati indietro a nulla, scendendo in campo sempre con l’obiettivo di ben figurare e di fare risultato per portare a casa i tre punti ogni domenica messi a disposizione. L’unica nota negativa è stata la mancata qualificazione alla finale dei playoff, per la quale avevamo davvero fatto dei pensieri di possibile conquista.

Ma cosa è mancato nelle gare dei playoff? In effetti la squadra ha affrontato questi spareggi con una preparazione atletica non certo delle migliori. Ciò principalmente è stato dovuto al fatto che la formazione ha appreso della matematica conquista del secondo posto, e quindi dei playoff, già da diverse giornate, con la conseguenza che è iniziato un calo della concentrazione per le ultime partite della stagione. L’effetto è stato quello di aver affrontato questi playoff non essendo in grado di poter essere all’altezza, dal punto di vista atletico, delle Acli Campobasso Calcio. E’ per questo motivo che non posso certo negare come la formazione di mr. Cianci abbia meritato decisamente la finale. Sig. Leombruno, in ordine alle varie compagini, quale l’ha colpito maggiormente? E quale l’ha delusa? Guardi, tra le varie squadre che hanno militato nel girone, una in particolare mi ha colpito davvero tanto. Si tratta

Frentania

del Castelmauro, ossia della compagine che ha vinto il campionato. La stessa si è infatti dimostrata essere una squadra ben compatta, molto dinamica e con un gioco molto veloce in grado di mettere facilmente in difficoltà gli avversari. Mi sono dovuto ricredere sulla squadra della Fiamma Larino, la quale pensavo potesse giocare un campionato più da protagonista. Pensavo che potesse infatti puntare anche alla vittoria del campionato. Ma comunque l’aver conquistato il terzo posto non è stato certo il fallimento di una stagione, anzi. In vista della prossima stagione, può darmi qualche notizia sugli obiettivi prossimi? A breve è previsto un Consiglio direttivo in seno alla Società sportiva. Questo avrà come principale obiettivo quello di mettere le prime basi su quanto si dovrà programmare in vista del prossimo campionato. Io punterei per prima cosa a considerare da vicino i ragazzi che tutt’ora militano nelle squadre giovanili. Per noi le giovani leve sono alla base di un calcio fresco e ricco di prestanza atletica. Questo infatti è un fattore decisamente importante per poter ben figurare in un incontro. Inoltre dovremo risolvere l’eventuale problema dell’allenatore. Dovremo infatti capire se mr. Pracella vorrà o potrà allenare ancora la squadra della Frentania. Una certezza su tutte c’è: potremmo finalmente giocare su un campo di gioco del tutto nostro e soprattutto potremmo allenarci anche di sera. Infatti il Comune ha terminato i lavori per l’illuminazione del campo permettendoci ora di poter giocare davvero in casa e a non doverci recare dagli amici di Chiauci che ci hanno gentilmente prestato il campo sportivo nella stagione appena conclusa.

Al Campionato nazionale della coreografia

Ginnaste campobassane: grande coreografia Le portacolori della Gymnasium Club Termoli in evidenza Ilenia Pasquale in azione durante l’esercizio con il cerchio

Podio del Trofeo Internazionale (Ilenia Pasquale,Daniela Fagliarone ed Alessia di Rosa)

Palmares eccezionale per le ginnaste Campobassane portacolori della A.S.D.Gymnasium Club Termoli. Nazioni partecipanti e Classifica VI° Trofeo Internazionale di Ginnastica Ritmica: FINLANDIA Jarvenpaa ASTRAKHAN (Russia) Specialized Sports School of Olimpic Reserve - POLONIA MKS Dabronka, Poznan - MESSICO Academia Excel, San Nicolàs UCRAINA Sport Club Spar-

tak, Lusk UCRAINA SC Osvita, Kherson BOSNIA ERZEGOVINA GK Olimp, Sarajevo A S D Taekwondo Club, Latina G.R.S.ASD Cames, Sestri Levante(Genova) e ASD Gymnasium Club(Cb) . Medagliere: Categoria Senior Specialità Cerchio Ilenia Pasquale 2da Class.

La premiazione Fantasma dell’Opera con il Presidente Nazionale Borroni

” ” Daniela Fagliarone 4ta Class. ” Clavette Daniela Fagliarone 2da Class. ” Nastro Ilenia Pasquale 1ma Class. Categoria Allieve II Fascia

Specialità Nastro Laura Pistilli 3za Class. Categoria Allieve I Fascia Specialità Palla Alessia Di Rosa 3za Class. XX Campionato Nazionale della Coreografia, Interna-

tional Gym e Festa Europea della Coreografia: Partecipanti 26 gruppi in rappresentanza delle Nazioni citate sopra oltrechè Italiane. Primo gradino del Podio come miglior lavoro coreografico per la Squadra campobassana della Gymnasium in pedana con: Il Fantasma dell’Opera Veronica Iavasile, Carola Canella, Sara di Cristofaro,

Alessia Di Rosa, Laura Pistilli, Daniela Fagliarone nelle vesti del Fantasma e la mitica Ilenia Pasquale. Felici e soddisfatte per quest’ultima impresa che fa ben sperare nel prossimo futuro, con i complimenti del Presidente Paolo Borroni, che ha reso possibile questa bellissima esperienza con un’organizzazione, come sempre, magistrale unendo nel nome dello sport tante Nazioni lontane in un’unica grande festa nella splendida cornice del Parco Fucoli e del PalaMontePaschi di Chianciano.


Martedì 21 giugno 2011

27

Sabato il saluto dopo la conquista della B con la Promoservice Cimauno

L’addio al calcio a 5 di Roberto Bellomo Sabato 25 giugno a Campobasso c’è un appuntamento con il grande Futsal, calcio a 5 di altissimo livello. Dalle ore 17 presso la stupenda palestra del CUS – Facoltà di Economia, l’evento è l’addio al calcio a 5 giocato di Roberto Bellomo, universale campobassano che, a quarant’anni, ha chiuso la carriera con la Promoservice Cimauno, squadra neo promossa in serie B. Bellomo ha guidato la sua formazione campobassana verso una promozione storica, il modo migliore per chiudere una carriera ricchissima di successi e soddisfazioni. Roberto Bellomo rappresenta il calcio a 5 molisano, è forse uno degli atleti regionali di calcio a 5 più conosciuti al di fuori dei confini molisani. La sua lunga carriera nel futsal inizia nel 1998 con il Cus Molise: sono anni di gloria per tutto il movimento regionale e campobassano, Bellomo è un protagonista in B e in A2. Dal 2006 al 2008 è stato un perno dell’Isernia C5 (serie B), l’anno successivo ha giocato con la Chaminade sempre nella serie cadetta. Nella stagione 2009/10

ha giocato con la Futsal in C1, mentre quest’anno ha iniziato con l’Aesernia ed ha chiuso con la Promoservice Cimauno. Al quadrangolare di sabato sono attesi dei giocatori di valore assoluto. Parteciperanno, infatti, la Five Molise, una rappresentativa dei migliori giocatori molisani guidata dal tecnico Nicola De Lisio, la Promoservice Cimauno 2010/ 11, l’ultima squadra ufficiale di Bellomo, le Vecchie Glorie CUS, formazione composta da tutti quei giocatori che hanno scritto la storia di questa disciplina in Molise, e il CUS Chieti. Quest’ultimi meritano una sottolineatura a parte: i teatini militano in serie A2 e schiereranno giocatori di valore assoluto come Junior, Campione d’Italia con il Fas Montesilvano e varie volte capocannoniere a1 nonché giocatore della Nazionale Brasiliana, Gustavo Neri (Pesaro A2), Marcio Moratelli (Cus chieti A2 - campione d’Europa con Caserta nel 2003), Di Muzio, Marcelo Silva, Bordignon e tanti altri. Direttori di gara saranno gli arbitri

Bellomo

molisani del Gruppo Libertas. Si tratta di un appuntamento da non perdere, per omaggiare Roberto Bellomo e godersi uno spettacolo allo stato puro.

La SS Pietro e Paolo a Coverciano La Scuola Calcio adriatica in Toscana nel weekend scorso per il terzo ‘Grassroots Festival’ Sono intervenuti il presidente del Settore Giovanile e Scolastico Rivera e Don Luigi Ciotti

Gianni Rivera

Sabato e domenica, nel Centro Tecnico di Coverciano, si è svolto il 3° Grassroots Festival, la due giorni dedicata al calcio di base organizzata dal Settore Giovanile e Scolastico della FIGC. Sabato è stata la giornata del Convegno “Respect: calcio e legalità” al quale sono intervenuti, Gianni Rivera presidente del Settore Gio-

vanile e Scolastico della FIGC, Don Luigi Ciotti – presidente e fondatore di “Libera”, Mark Milton – consulente UEFA, Stefano D’Ottavio – responsabile dell’Area Tecnica FIGCSGS e Barbara Benedetti – coordinatore della Commissione Attività Scolastica SGS-FIGC). Domenica,invece, giornata dedicata interamente ai

circa 1500 ragazzi e ragazze delle scuole calcio che si sono riversati sui campi del Centro Tecnico. Le prime a scendere in campo, sono state le 16 squadre femminili vincitrici del Torneo Regionale “Giovani Calciatrici”. In contemporanea dieci squadre di Scuole di Calcio a 5 provenienti da diverse regioni italiane hanno svolto esercitazioni tecnico – tatti-

che. A seguire sono scesi in campo i ragazzi diversamente abili dell’ASD Totti Soccer School di Roma. Infine, nel pomeriggio, è stata la volta delle 21 scuole calcio partecipanti al “Sei Bravo a… scuola di Calcio” che si sono affrontate in partitelle 7 contro 7. A rappresentare il Molise, insieme al Coordinatore Federale Regionale del Setto-

re Giovanile e Scolastico Luigi Valente e al Delegato all’Attività di Base Gianfranco Mastrogiacomo, c’erano i ragazzi della Scuola Calcio San Pietro e Paolo di Termoli, accompagnati dai tecnici, che si sono guadagnati la finale regionale della manifestazione, superando i pentri della Scuola Calcio San Leucio. Per i ragazzi termolesi

questa è stata la seconda esperienza a Coverciano, dal momento che si sono aggiudicati anche la scorsa edizione della finalissima del “Sei bravo a… Scuola di calcio”. Tra l’altro nel corso della manifestazione di domenica il team del San Pietro e Paolo di Termoli ha ottimamente figurato, battendo anche la Scuola Calcio Federale di Catania.


28

Martedì 21 giugno 2011

Partecipano gli alunni di età compresa tra i cinque e i quattordici anni L’iniziativa è stata estesa a 14 province

Educamp, festa a Campomarino Dopo l’ottimo riscontro della prima settimana, continua il progetto del Coni di Campobasso Dopo lo straordinario successo riscosso nella prima settimana, ha preso il via la seconda settimana del camp estivo organizzato dal CONI di Campobasso all’Happy Family Village di Campomarino. Anche quest’anno, per il secondo consecutivo, il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca ed il CONI Nazionale hanno promosso il Progetto “Educamp – Scuole aperte per ferie”, centri estivi scolastici e sportivi per gli alunni di età compresa tra i 5 e i 14 anni

Essere nella storia di una gara che conta quasi centodieci anni di vita non è una soddisfazione che capita tutti i giorni, soprattutto se su quelle stesse strade si sono confrontati piloti del calibro di Vincenzo Lancia e Felice Nazzaro. Fabio Emanuele è riuscito nella grande impresa di vincere lo slalom Susa Moncenisio, gara difficile su un percorso molto tecnico e guidato, Il driver della Campobasso Corse, al volante dell’Osella Pa 9, continua così la sua corsa in testa al campionato italiano di specialità che lo vede sempre più leader dopo quattro tappe. In Piemonte il nostro portacolori è stato autore di una gara d’attacco ed è riuscito a mettere subito in difficoltà i rivali più accreditati, Piotti e Villani (entrambi su Osella Pa 9). Dopo aver chiuso al primo posto la ri-

con l’obiettivo di diffondere, attraverso la pratica di attività motoria, il concetto di sport inteso come strumento fondamentale di crescita personale e collettiva. Elemento distintivo del progetto è l’offerta di attività sportiva

multidisciplinare finalizzata non alla competizione

agonistica ma al divertimento e alla socializzazione. L’iniziativa, realizzata con successo la scorsa estate in 6 province italiane, quest’anno è stata estesa a 14 sedi tra cui Campobasso. Il Comitato presieduto da Antonio Rosari ha organizzato un campus con formula residenziale della durata di due settimane (la prima si è svolta dal 12 al 18 giugno e la seconda, cominciata ieri, terminerà il 25 giugno) riservato agli studenti della scuola primaria, delle classi 4^ e 5^ che hanno attuato il Progetto di Alfabetizzazione Motoria. I 50 alunni della prima settimana hanno passato il testimone ai 53 alunni della seconda settimana che avranno anch’essi l’opportunità di praticare diversi sport (calcio, pallavolo, pallacanestro, tennis, ginnastica, nuoto, vela, equitazione)

Automobilismo: la Susa Moncenisio incorona Fabio Emanuele cognizione e la prima salita ufficiale, Emanuele ha fatto registrare il miglior tempo (176.9) anche nella seconda manche ma ha dovuto scontare la partenza anticipata.. E’ toccato così a Piotti prendere lo scettro parziale con il molisano saldamente in testa nell’assoluta. Nel terzo e ultimo tratto cronometrico il campobassano ha accusato problemi alle gomme che non gli han-

no consentito di rendere al massimo. Il miglior tempo è quello di Piotti che però prende un birillo

e deve scontare la penalità. Emanuele ferma i cronometri a 177.8 peggiorando così il tempo precedente. La vittoria è comunque in pugno e un altro passo verso il grande traguardo è stato fatto. Secondo, come detto, Piotti e terzo Villani. “Vi n c e r e questa gara mi ha reso particolarmente felice – spiega all’arrivo il pi-

Il presidente Rosari e la coordinatrice Calcagnile

sotto l’attento controllo di educatori sportivi laureati in scienze motorie, uno ogni 10 partecipanti, con un docente esperto supervisore della programmazione delle attività e con un gruppo di animatori che organizzerà i momenti non sportivi. Vero valore aggiunto offerto dagli Educamp: un contesto ludico educativo sicuro, unico nel suo genere per la qualità e la competenza della struttura organizzativa e per il personale altamente qualificato.

Il contributo richiesto alle famiglie è a parziale copertura dei costi di realizzazione e comprende, oltre alla partecipazione alle attività sportive e di animazione in programma, copertura assicurativa, vitto e alloggio e un kit di abbigliamento composto da t-shirt, pantaloncini e cappellino. La seconda settimana si concluderà sabato con la consegna dei diplomi di partecipazione ai 53 protagonisti molisani dell’Educamp 2011.

lota locale – qui si sono confrontati i grandi campioni del passato ed essere affiancato a loro nell’albo d’oro della kermesse è qualcosa di molto bello. Mi fa enormemente piacere che su queste strade ci sia da stasera anche un po’ di Molise. E’ stata una

bellissima manifestazione – continua Emanuele e ho trovato in Piotti un avversario valido e leale. Confrontarsi con lui è stato molto bello”. Nella speciale classifica per scuderie, la Campobasso Corse ha chiuso al secondo posto.

Ieri a Termoli la 2^ tappa del circuito beach tennis Ieri a Termoli, nello stabilimento balneare ‘Le Dune’, si è svolta la seconda tappa del circuito Beach tennis ‘Le Dune’. Sono state diciotte le coppie di partecipanti che si sono affrontate per otto ore di gioco. Ad assiste alle partite un folto pubblico. La seconda tappa è stata vinta dalla coppia, di San Salvo, Piermattei - Paravia dopo aver disputato la gara contro il duo Di Gregorio - Sambrotta. Di seguito la classifica: Fortunato-Bevilacqua punti 220; Guarino - Occhionero p. 180; Piermattei-Paravia p. 140; Langiano-D’Orio p. 120; CiacciaCiarlariello p. 100; Sticca-Cristaldi p. 100; Di Gregorio-Sambrotta p. 100; Bianco-Zarrilli p. 80; D’attilio-D’Attilio p. 60; Germanese-Nardone p. 60; Cutrone-Armellin p. 60; PotenaMastandrea p. 60; Pini-D’attilio p. 60; Annese-Annese p. 40; Ponzo-La Fratta p. 40; De Socio-Spina p. 40.


Martedì 21 giugno 2011

29

Sesto raduno Fiat Cinquecento Si svolgerà il 3 luglio a Campobasso l’appuntamento con le storiche Fiat

Il Club 500 di Campobasso riaccende i motori. Dopo il successo delle precedenti edizioni, il prossimo 3 luglio le mitiche Fiat, favoloso pezzo di storia del nostro Paese, torneranno sull’asfalto del capoluogo per un altro appuntamento, il sesto dalla nascita del club. “Siamo certi di poter offrire una giornata indimenticabile – dice il presidente Giuseppe Luisi - e non solo per l’attenzione sempre crescente nei confronti di un’auto che non è intenzionata a passare di moda. La gente ha voglia di scoprire posti nuovi e la nostra città, la nostra regione, lo sono. I raduni del Club 500 rappresentano uno strumento formidabile per farlo. Iscriversi è semplice. Il modulo è reperibile all’indirizzo e-mail club500campobasso@libero.it oppure telefonando ai numeri 0874.698519, 333.422.22.79 e 333.189.75.21.

Il tutto dovrà essere riconsegnato entro le 22 del 1 luglio”. Allineamento delle 500 alle ore 7.30, partenza alle 11.30 da Piazza Vittorio Emanuele II. Qui a rombare saranno non

Ha già collaborato con Giannini Francesco Sacchinelli sarà il vice allenatore della Geotec

IL PROGRAMMA ore 07.30 Inizio iscrizioni raduno – allineamento auto ore 11.30 Partenza da Piazza Vittorio Emanuele per la passeggiata turistica ore 12.00 Arrivo comune di Ripalimosani (CB) - rinfresco ore 13.00 Rientro a Campobasso ore 13.45 Arrivo presso il “Centrum Palace Hotel”– Via Giambattista Vico Campobasso

solo vetture “molisane”, ma anche quelle di equipaggi provenienti da regioni limitrofe. Dunque una domenica alla riscoperta della città e dei suoi immediati dintorni. La carovana, dopo la passeggiata turistica lungo le strade di Campobasso, viaggerà infatti alla volta di Ripalimosani. Il rientro non sarà certo la fine della festa, che continuerà a tavola, dalle 13.45, al “Centrum Palace Hotel”. ISCRIZIONI Da effettuarsi su apposito modulo reperibile facendone richiesta all’ indirizzo e-mail: club500campobasso@libero.it oppure ai seguenti numeri: 0874.698519, 333.422.22.79, 333.189.75.21. Il modulo, una volta compilato, dovrà essere spedito entro e non oltre le ore 22.00 del giorno 1 luglio 2011 via e-mail all’indirizzo club500campobasso@libero.it oppure tramite posta presso: “CLUB 500 CAMPOBASSO” c/o Luisi Giuseppe, via Liguria, 55 – 86100.

di Camillo Pizzi ISERNIA. Come annunciato da Il Quotidiano, sarà Francesco Sacchinelli l’assistente allenatore della Geotec Isernia. Umbro, il tecnico ha già collaborato con il nuovo coach

Nuoto: buon piazzamento per la Asd Mediterraneo nel circuito del Super master

dei biancoazzurri Romano Giannini con la formazione del Terni in B/2. Nella passata stagione è stato il secondo prima di Pupo Dall’Olio e poi di Roberto Fant nella Sir Safety Perugia. Ora è pronto a tuffarsi in questa nuova esperienza. “Dopo la positiva stagione a Terni, che ha dato vita ad una bellissima amicizia, sono contento di affrontare questa nuova avventura con Giannini. La sua forte motivazione ha caricato anche me: penso si possa fare molto bene. Da sempre – afferma Sac-

chinelli – Isernia è nota per aver lanciato giovani atleti, ma anche giovani tecnici. Questa potrebbe essere la volta di una coppia di allenatori”. Francesco Sacchinelli N e i giorni scorsi Sacchinelli è re un primo contatto con stato ad Isernia in compa- l’ambiente e conoscere la gnia di Giannini per prende- sua nuova società.

Gli altri movimenti di mercato in A2: Giosa torna a Castellana

Dopo la bella notizia arrivata dalla classifica Nazionale del Circuito Super Master,105° posto su 332 società con solo 11 atleti in Squadra. Ci si prepara per i Campionati Italiani Master che si svolgeranno ad Ostia il 26 Giugno 2011 presso la piscina olimpionica. Questi gli atleti che difenderanno i colori sociali dell’ASD Nuoto Mediterraneo: M25 Casciotto Ciro M55 Casciotto Fortunato, M60 Quarta Vincen-

zo, M 40 Castelli Enrico, Canale Sandro, Mascilongo Salvatore, Quarta Cristian tutti nei 50 stile. Il Presidente Casciotto Fortunato e tutto CD, ringrazia sia gli Atleti che la responsabile Master “Carrino Anna Maria”, che è riuscita a consolidare questo gruppo ricordando che il nostro motto è: “NUOTIAMO ma DIVERTENDOCI”, aspetta fiducioso i risultati positivi.

Alessandro Giosa

ISERNIA. Sarà l’ex-Geotec Alessandro Giosa uno dei centrali della “corazzata” Castellana Grotte. Giosa, autore di una ottima stagione in Molise, ritorna dunque nella sua Puglia dove ha disputato ben dieci dei quindici campionati di serie A che fanno parte della sua carriera, potendo così riavvicinarsi a casa e alla sua famiglia. Dopo il palleggiatore Pinelli, il Volley Segrate attinge ancora nella formazione dello scorso anno del Club Italia ingaggiando il libero Nicola Pesaresi, scuola-Lube Macerata. Molto giovane anche la diagonale di riserva palleggiatore-opposto del Loreto che dal vivaio dei campioni d’Italia del Trentino Volley ha messo sotto contratto l’alzatore Gianpio Aprea e l’opposto Michele Morelli, freschi reduci dallo scudetto conquistato nella Junior League. Cam.Piz.


30

Martedì 21 giugno 2011

Hammers Rugby: la manifestazione è stata organizzata in memoria di Antonio D’Altorio Teatro dell’evento il Vecchio Romagnoli di Campobasso

Grande successo per ‘Un saluto a Tonino’ Ha riscosso un grande successo, organizzativo e di pubblico, “Un saluto a Tonino”, il pomeriggio di rugby organizzato sabato al vecchio Romagnoli Campobasso dalla locale società degli Hammers in collaborazione con la San Mauro Torino. La manifestazione, fortemente voluta per ricordare Antonio D’Altorio, ha permesso a tanti campobassani di seguire dal vivo la disciplina sportiva della ‘palla ovale’, in forte ascesa di consensi in Italia. E anche sul campo l’Hammers Rugby ha fatto una bella figura, perdendo sì ma con scarti risicati contro le squadre della San Mauro. La partita dei ‘grandi’ è terminata sul punteggio di 21-17 in fa-

vore dei piemontesi premiati, a parità di mete (tre) realizzate dai due quindici, dalla maggiore precisione nei cal-

ci: tre trasformazioni su tre centrate dalla San Mauro, una sola dalla Hammers. I padroni di casa, dopo essere andati in svantaggio dopo pochi minuti, hanno ribaltato il risultato prima con una meta di Marco Ferella e poi con un’altra a firma di Igor Maddalena, trasformata da Michele Pepe. All’intervallo, i rossoblù erano dunque in vantaggio per 12-7. Nel secondo dei due tempi da 25’, la San Mauro si è nuovamente riportata in vantaggio con le altre due mete (più le rispettive trasformazioni). A pochi minuti dal termine, Michele Tambrurro ha riaperto la partita realizzando la meta del 21-17, dopodichè i campobassani hanno chiuso la partita in attacco, arrivando a pochi metri dalla possibile meta del sorpasso. Gli under 16 sono stati invece sconfitti per 49-31 ce-

dendo nel finale, dopo essere stati anche in vantaggio ad un certo punto della gara. In precedenza, la manifestazione era stata aperta da una minipartita a metà campo tra le squadre under 12 di Campobasso e Ripalimosani, terminata in parità per 7-7. E’ seguita la premiazione, alla quale hanno presenziato l’assessore regionale alle politiche sociali Angiolina Fusco Perrella e l’assessore comunale allo sport Pasquale Colarusso. Presenti anche i presidenti dei comitati regionali di Piemonte e Campania della Fir (Federazione italiana rugby), Franz Mauthe von Degerfeld e Gennaro De Falco ed il tecnico federale Crescenzo Vigliotti, docente all’Università del Molise, mentre a bordo campo, durante le partite, è stata

notata la presenza del numero uno del Coni Molise, Guido Cavaliere. A chiusura della giornata, l’immancabile terzo tempo tra canti, balli e birre in un clima di goliardia ed amicizia tra le due squadre. Il tutto per ricordare il campobassano Antonio D’Altorio, scomparso prematuramente otto mesi fa dopo aver dedicato buona parte della sua vita al rugby prima come giocatore e poi come dirigente della San Mauro (da lui presieduta per sette anni) e del Comitato regionale Piemonte della Fir. Grande soddisfazione è

stata espressa alla fine della manifestazione da tutti i componenti della delegazione piemontese, che in mattinata avevano anche visitato il centro cittadino soffermandosi in particolare sul Museo dei misteri. Visibilmente emozionata anche la maestra Ortensia D’Altorio, sorella di Antonio, presente a bordo campo. “Un saluto a Tonino” è stato patrocinato dalla presidenza del Consiglio regionale, dalla Protezione civile Regione Molise, dalla Provincia di Campobasso, dal Comune di Campobasso, dal Comune di San Giovanni in Galdo, dall’Ente provinciale del turismo di Campobasso, dalla Croce Azzurra Molisana e dall’Iis Pertini. Per la riuscita della kermesse, è stato poi fondamentale anche l’apporto degli sponsor.


Giudiziaria

‘Racket’ delle slot Negata la libertà CAMPOBASSO. La decisione del gip Falcione per tre degli indagati ai domiciliari. Giovedì il Riesame. SERVIZIO A PAGINA 6

Campobasso

Corpus Domini Il programma prende forma SERVIZIO A PAGINA 6

Agnone

Disabili Apre il centro Dopo da noi AGNONE. Ad un anno dall’inaugurazione il centro è pronto ad accogliere i primi ospiti. Presto le procedure per fare domanda. SERVIZIO A PAGINA 14

Campobasso

Economia molisana, lievi segnali di ripresa SERVIZIO A PAGINA 5

Istruzione

Calendario scolastico Ok della giunta Ma ora è vacanza SERVIZIO A PAGINA 2


Quotidiano del molise