__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) Art. 1 comma 1 LO/MI - N. 11 dicembre 2018

“organo ufficiale ENCI”

dicembre 2018

INTERVISTA AL PRESIDENTE • EUROPEA VARSAVIA CANE CORSO • TERRIER • RHODESIAN RIDGEBACK • BASSOTTI


Dalmata. Foto Elena Corselli.

Finalmente sono arrivati... Labrador Retriever. Foto Samantha Franco.


SOMMARIO Intervista al Presidente Rodolfo Grassi Parla l’on. Angelo Ciocca L’Europa più vicina agli allevatori Notizie ENCI Cane Corso. Raduno Mondiale e Campionato Sociale Simona Perugini Terrier. Il Trofeo dei magnifici sette Claudia Palazzuoli

4

42

8 10

44

12

52

16

56

100 Rhodesian Ridgeback 20 Mariavittoria Anzoletti Steinmann Boxer. L’allevamento italiano conquista il Best in Show Fabrizio Censi Europea Varsavia 2018 Claudio De Giuliani La tre giorni dei Malamute Giuseppe Biagiotti I Bassotti sono in gran forma Antonio Palladini I Broholmer tornano a casa Vanda Baldaccini

24

50

60 62

Bastia Umbra. Vince un Pastore Svizzero Bianco Fabrizio Censi Insubria. Poker della cinofilia Rosita Trotti I cinquant’anni della caccia etica Roberto Aguzzoni Gli Spaniel conquistano Lajatico Donato Grimaldi Spinoni e Bracchi sul podio Marco Ragatzu Breton e Starne a Cantalupo Giorgio Bellotti Due giorni fra i Cotorni Marco Ragatzu

26 30 34 38

CHI E DOVE

64 74 80

I successi I club Gli allevatori

ENCI e FCI: stretta collaborazione Nella foto Fabrizio Crivellari, Angelo Pedrazzini e gli uffici con Yves De Clercq

Nei giorni del 19 e 20 novembre, Yves De Clercq, Executive Director FCI, è stato ospite dell’ENCI per una serie di incontri tecnici finalizzati a una migliore interazione dei processi gestionali e informatici dell’ENCI e della FCI. Gli incontri hanno riguardato aspetti del Libro genealogico e le azioni dei kennel club in favore della corretta selezione del cane di razza. Si è anche affrontato il tema della comunicazione della cultura cinofila nei diversi Paesi. De Clercq ha espresso il più vivo apprezzamento per il lavoro che l’ENCI sta portando avanti e che viene ormai riconosciuto unanimemente a livello internazionale.


L’incontro tra Papa Francesco e Dino Muto

Intervista al Presidente L’ENCI al passo coi tempi. Un po’ più avanti per una cinofilia moderna. Il Presidente Dino Muto - e con lui il Consiglio – ne è convinto. Così come diventa stimolante il programma di raggiungere presto nuove frontiere. Il rapporto con le istituzioni è ottimo, le sinergie a livello internazionale stanno confermando il prestigio ed il valore dell’allevamento italiano, tante iniziative promosso dal Consiglio vengono imitate all’estero… Domande e risposte in un colloquio di fine anno che ha il significato di un bilancio, il valore di un programma e vuole essere anche un affettuoso abbraccio di Buon Natale per tutti.

4

Buongiorno Presidente, sei sempre piuttosto restio a rilasciare interviste per I Nostri Cani. Ti abbiamo dovuto inseguire tra i vari impegni… Ritengo che tra i compiti principali di chi amministra l’ENCI c’è quello di ascoltare i cinofili personalmente, di sentire le loro impressioni, i problemi e i gli spunti di riflessione. E c’è anche quello di traghettare l’ENCI verso una dimensione più moderna e al passo con i tempi. Questo incarico può essere svolto a patto che vi sia un interscambio costante e strettissimo con la base associativa, con i Gruppi Cinofili e con le Associazioni Specializzate. Fortunatamente sono coadiuvato, sia come pre-

senza sul territorio sia nelle scelte strategiche, dai Consiglieri dell’ENCI. Persone che si stanno adoperando per la crescita del sistema cinofilo, ciascuno per il proprio settore di competenza e con le proprie caratteristiche. Ecco, in questo contesto considererei l’eccessiva presenza su I Nostri Cani un po’ come una forzatura. Il mio dialogo con i cinofili è quotidiano, serrato e personale. Sia io che i Consiglieri non abbiamo bisogno, tanto per essere chiari, di fare continui passaggi sulla rivista. E cosa c’è di diverso questa volta? Siamo a fine anno e siamo quasi alla fine del mandato triennale. Penso sia un do-


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

Il ministro Gianmarco Centinaio, il presidente Dino Muto e l’onorevole Angelo Ciocca

da parte della Chiesa. Ringrazio i più stretti collaboratori del Santo Padre e quanti hanno permesso di vivere questa emozione intensa. Un momento che non potrò certamente dimenticare. L’incontro con Papa Francesco forse rappresenta la sublimazione di una presenza dell’ENCI sempre più importante anche sul piano istituzionale… Decisamente. Il rapporto con le istituzioni è un tassello che fino a qualche tempo fa mancava. Ma è un tassello decisivo per la crescita dell’ENCI. Non si può pensare di rappresentare il mondo del cane di razza senza avere un’interfaccia importante con le istituzioni. Anche la tutela dei legittimi interessi degli allevatori italiani e del loro duro lavoro passa attraverso un rapporto solido con le istituzioni. Un rapporto incentrato sul rispetto delle competenze. Inutile nascondercelo: viviamo tempi nei quali talvolta è necessario difendere persino la stessa passione per il cane di razza. È facile essere stritolati da meccanismi politici e culturali se non si utilizza l’autorevolezza, guadagnata sul campo dall’allevamento italiano, per difendere la stessa cultura del cane di razza. Ma questa cultura è un tassello importante, a livello planetario, per la difesa della biodiversità di cui tanto si parla, a volte a vuoto, in questi anni.

Il suggestivo incontro a Roma con il Santo Padre. La cinofilia e le istituzioni: una sinergia sempre più importante. Il successo di ENCI WINNER. A Riccione gli stati Generali vere fare il punto della situazione, almeno per grandi linee e nei limiti di un’intervista che certamente non potrà essere esaustiva. Cominciamo con le emozioni. Sappiamo che recentemente hai avuto l’opportunità di incontrare Papa Francesco, in copertina de I Nostri cani abbiamo ricordato l’incontro del Pontefice con il Club

Italiano del San Bernardo… Come ricordato ho avuto questa grande opportunità di incontrare Papa Francesco in udienza con la mia famiglia, in qualità di Presidente dell’ENCI ho portato il saluto di tutti i cinofili offrendo un pensiero di passione e grande speranza. Il tema dell’antropomorfizzazione, un errore più volte ricordato, nel quale non dobbiamo cadere e dove è riposta molta attenzione

Torniamo alle istituzioni, dunque… Oggi il rapporto con il Ministero delle Politiche Agricole e con il ministro Gianmarco Centinaio è chiaro, diretto e rispettoso delle competenze. Un tavolo costantemente aperto per la risoluzione delle problematiche e il miglioramento dell’allevamento del cane di razza. Oltre al ministero vigilante abbiamo un’attività ormai consolidata con il Ministero della Giustizia. L’ultimo sviluppo di questo rapporto è la formazione di unità cinofile per la ricerca di cellulari e subutex (un oppiaceo), in ambito penitenziario. Con il Ministero dell’Ambiente, ISPRA, Federparchi e Legambiente, invece, il rapporto si incentra sull’impiego di unità cinofile in aree di importanza naturalistica finora precluse alle verifiche ENCI. Quanto al Ministero della Salute, poi, abbiamo un loro rappresentante in Commissione Tecnica Centrale con il quale abbiamo lavorato proficuamente anche, ma non solo, sulle tematiche legate all’attività antidoping che sta impegnando l’ENCI. Anche il tema del benessere animale è al centro dei nostri colloqui. Non ultimo il rapporto diretto di collaborazione con le Regioni per coordinare le puntuali esigenze del mondo cinofilo sul territorio.

5


A proposito di istituzioni. Tutti noi ab- conferisce autorevolezza all’intero sistema biamo avuto la percezione di un intensifi- cinofilo. ENCI WINNER, però, è solo un carsi di relazioni anche con la FCI. tassello di un investimento più ampio sulla Si tratta di una percezione giusta. La base cinofilia. di partenza è stata l’organizzazione della Mondiale 2015, ancora oggi il punto di ri- Ti riferisci a Campo Felice? ferimento per quel tipo di evento a livello Anche, ma non solo. Le giornate annuali di internazionale. Il rapporto con la FCI è Campo Felice hanno lo stesso impatto sul strategicamente importante perché le de- settore della cinofilia venatoria che ha cisioni assunte dalla Federazione hanno l’ENCI WINNER su quello espositivo. quasi sempre ricadute sui sistemi nazio- Verifiche zootecniche di altissimo livello nali. Non solo bisogna esserci, dunque, ma fortemente attese dagli appassionati, ma bisogna incidere sulla fase decisionale. anche dimostrazione di capacità organizTroppo volte nel passato si è pensato che zativa, vetrina per l’ENCI e per lo la relazione con la FCI fosse solo una que- Associazioni Specializzate coinvolte. È un stione di rapporti interpersonali: niente di più sbagliato. Come in Il pensiero offerto a Papa Francesco tutte le cose, a fare la differenza sono le idee e il lavoro. Le relazioni di fiducia di cui godo in questo momento, a titolo personale ma sempre come Presidente dell’ENCI, sono importanti, ma sarebbero del tutto inutili se non vi fosse la fase operativa, vale a dire le proposte concrete, la lucidità per risolvere i problemi, la capacità di intravedere quello che succederà. Anche nella relazioni con la FCI, comunque, il sostegno del Consiglio Direttivo è determinante. Se si pensa in termini individuali si commettono errori: la squadra è sempre centrale nel mio progetto. E nella squadra una posizione importante viene ricoperta dagli uffici dell’ENCI, che non solo hanno il compito di concretizzare le linee guida dettate dal Consiglio, ma anche quello di lavorare nella fase istruttoria, determinante per mettere a fuoco le soluzioni migliori da adottare. E questo vale, ovviamente, anche in ambito nazionale. L’ENCI WINNER è una bella vetrina per l’ENCI... Una vetrina? Sì, certamente, ma non solo. Innanzitutto è il momento più alto in Italia delle verifiche zootecniche di carattere espositivo. E uno dei più alti a livello europeo e mondiale. Il livello dei cani è assoluto e l’organizzazione è tale che riusciamo a consentire a tutti gli espositori di presentare nel migliore dei modi i soggetti per il giudizio del ring. L’ENCI WINNER è anche un punto di riferimento per gli espositori italiani (ma abbiamo notato che vengono anche dall’estero) per prendere i migliori spunti di riproporre a casa. Si tratta di un investimento per tutto l’allevamento italiano perché genera percezioni positive e

6

modo per fare conoscere un settore trainante della cinofilia italiana e per costruire importanti sinergie sia tecniche che commerciali. Non è un caso se nell’ultima edizione hanno partecipato, oltre a quelle inglesi, anche le razze da ferma continentali. Ma su questo tipo di investimenti per il sistema ENCI, non si può non considerare anche l’organizzazione del Mondiale Utilità e Difesa che si è svolto in Italia quest’anno. Anche in questo caso si è trattato di una manifestazione di altissimo livello tecnico e organizzativo che ha riscosso un ampio successo internazionale. In questi anni abbiamo anche organizzato

importanti manifestazione per l’Agility, per i retrievers, per i bassotti e per gli spaniels. Questo tipo di eventi devono avere la stessa chiave di lettura del WINNER. A proposito di ENCI WINNER: nel 2019 a giugno, data tradizionalmente occupata dall’evento, c’è l’Esposizione Europea in Austria. Che cosa succederà? La FCI impedisce, giustamente, il sovrapporsi di manifestazioni internazionale con l’europea e la mondiale. E quindi si è pensato di spostare il nostro evento nella seconda parte dell’anno a Verona grazie anche alla collaborazione del Gruppo Cinofilo Veronese. I giorni saranno quelli del 13, 14 e 15 dicembre 2019. In un calendario espositivo molto intenso si è cercato di non danneggiare esposizioni già programmate. Si tratta di un’altra scommessa da affrontare e vincere: Verona è un’esposizione che richiamerà allevatori e appassionati oltre che dall’Italia anche dall’estero e che, per la posizione della Fiera, potrà consentire una maggiore partecipazione del pubblico. Del resto, non ci si deve mai fermare e anche per questo motivo, in accordo con i Kennel di Portogallo, Spagna e Francia abbiamo istituito il titolo denominato Latin Winner che verrà concesso a chi otterrà risultati, nel 2019, a Oporto (gennaio), Madrid (aprile), Parigi (giugno), con la conclusione all’ENCI WINNER di dicembre. Francia, Portogallo e Spagna: si tratta di Paesi amici… Con questi Kennel Club il rapporto di collaborazione è straordinario e le prime sinergie in seno all’Alleanza Latina si stanno vedendo. A parte il circuito espositivo sopra accennato, si stanno sviluppando progetti di lettura delle reciproche banche dati del Libro genealogico. Un sistema integrato che consentirà, per esempio, la trascrizione più agevole di soggetti da un Libro all’altro. Il primo passo del progetto si è sviluppato con la cessione di una quota partecipativa del portale ENCI SHOW alla Société Centrale Canine. L’integrazione è solo all’inizio, ma il Consiglio Direttivo ritiene che si sia trattato di un primo passo significativo. Tutta la FCI può trarre beneficio da una stretta collaborazione dei Paesi dell’Alleanza Latina. Avendo messo a fuoco la necessità di partecipare con lo stand ENCI alle più


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

importanti manifestazioni internazionali, abbiamo anche creato una buona sinergia con i paesi amici: uno stand unico e ben visibile dell’Alleanza latina, come nelle ultime occasioni, ha consentito di condividere i costi e di essere punto di riferimento all’interno della manifestazione, con particolare attenzione alle necessità e problematiche degli allevatori italiani, che hanno potuto trovare un pratico appoggio. Altra novità, dal 2 al 3 febbraio 2019 l’appuntamento è a Riccione con gli Stati Generali della Cinofilia. C’è molta attesa… Un altro esperimento per crescere tutti assieme. Saranno organizzate commissioni sugli argomenti più importanti della cinofilia. Al termine dei lavori sarà compito del Consiglio Direttivo trarre gli spunti giusti da tutto ciò che verrà proposto.

statutari e alle esigenze attuali, Enci Sevizi, controllata al 100% da ENCI, per poter avere uno strumento agile e moderno per entrare con efficacia in settori di interesse cinofilo già molto competitivi. L’obiettivo è ambizioso. In tema di benessere animale? Un argomento centrale. Non mi stancherò mai di dirlo: la selezione del cane di razza deve avere al centro il valore insostituibile del benessere animale. Tra le numerose

Iniziative future? L’ENCI per troppi anni ha delegato compiti che le sono indubbiamente propri. È giunto il momento di riappropriarci del ruolo centrale e insostituibile del nostro Ente a servizio degli allevatori. Tanti sforzi di questi mesi sono stati dedicati da parte del Consiglio proprio a queste tematiche. Anche per questo, abbiamo rimodulato la società Skorpio, dando vita ad una società che rispondesse agli scopi

iniziative, mi preme ricordare il progetto sulle cardiopatie, realizzato con FSA e in particolare con il dr. Bussadori, punto di riferimento per la cardiologia veterinaria a livello mondiale (n.d.R: rimandiamo alla lettura de I Nostri Cani di settembre per i particolari). Utili sono anche stati i convegni di genetica e salute della razze canine che abbiamo realizzato in occasione dell’ENCI WINNER con Dayana Dreger e Elaine Ostrander, luminari statunitensi del settore (n.d.R: i video delle conferenze sono disponibili sui sito dell’ENCI) e presso la sede dell’Ente con Juan Pablo Gutiérrez García, dell’Università di Madrid. Inoltre, la Commissione Tecnica Centrale sta svolgendo un ruolo importante esaminando con l’attenzione necessaria, e sulla base di studi riconosciuti, le diverse problematiche sollevate dalle Associazioni Specializzate per dare indicazioni certe agli allevatori. Ma anche la formazione è importante quando si parla del benessere animale. Il Master dell’Allevatore ENCI, che anche quest’anno ha avuto un centinaio di iscritti, batte incessantemente su questo tasto. Così come le lezioni tenute dai relatori ai corsi di formazione per esperti giudici, che hanno un ruolo fondamentale nella selezione canina. Rodolfo Grassi

augura Buon Natale e Felice Anno Nuovo! 7


Parla l’onorevole Angelo Ciocca, parlamentare europeo

L’Europa più vicina agli allevatori Fra le mie proposte: più tutele per gli operatori del settore, aiuti a chi è colpito da calamità naturali No al commercio illegale di cuccioli, riconoscimento del valore dell’allevamento italiano e sue tutele e possibilità di accesso a contributi o credito agevolati agli allevatori che hanno subito danni per calamità naturali: le risposte a queste ed altre domande specifiche e tutte di notevole importanza saranno presto oggetto di interventi specifici dell’onorevole Angelo Ciocca parlamentare europeo eletto nelle liste della Lega. In un’intervista dettagliata nelle domande e altrettanto precisa nelle risposte che diventano ben più di ipotesi di lavoro, il parlamentare europeo affronta tutti i temi che riguardano la tutela del cane puro e il riconoscimento dell’impegno dell’allevatore, interventi sulle tasse ed in particolare IVA e possibilità di accesso al credito agevolato, da parte degli allevatori riconosciuti. Onorevole, dato il suo interessamento sull’opportunità di abbassare l’IVA sulle prestazioni medico veterinarie, ritiene Lei che si possa intervenire nel merito anche in favore degli allevatori di cani abbassando l’IVA per la vendita dei cuccioli? L’Iva rappresenta un costo aggiuntivo per il consumatore. Ridurla significa dare alle famiglie la possibilità di fare entrare un cucciolo nel nucleo familiare. Un animale funge da collante, tiene unite le famiglie. È importante lavorare a livello comunitario per ridurre questa imposta su determinate categorie. Un cucciolo non può e non deve essere equiparato a un semplice bene o oggetto. Una delle battaglie più importanti dell’ENCI è quella contro l’importazione illegale di cuccioli. Battaglia che l’Ente concretizza anche attraverso la stretta collaborazione con gli inquirenti che svolgono indagini sul traffico. Ritiene che l’Unione Europea possa intervenire con adeguate leggi per aiutare le migliaia di allevatori italiani?

8

Su questo tema sono stato promotore di un’interrogazione europea per disincentivare l’importazione, l’esportazione, la vendita e l’acquisto di animali in violazione delle leggi del paese di origine o transito, sottolineando come l’allontanamento prematuro dei cuccioli dalla mamma comporti un pericolo di vita per questi. La morte di un animale in famiglia rappresenta un dramma. L’Europa deve controllare attivamente i confini per far in modo che i cuccioli clandestini o entrati clandestinamente vengano bloccati. Perché questi non hanno le stesse vaccinazioni, cure mediche e tempistiche di svezzamento utilizzate dai nostri allevatori. A tale proposito, ritiene Lei che il divieto di vendita di cuccioli di cane nei negozi (che dovrebbero limitarsi a vendere attrezzature, mangimi e prodotti per l’accudimento e l’igiene) possa scoraggiare questo traffico illegale? Personalmente ritengo che la vendita dei cuccioli debba essere svolta da professionisti al fine di evitare situazioni di rischio dal punto di vista sanitario e di benessere animale. Per dare il miglior servizio al consumatore e le cure necessarie per i cuccioli. Può spiegare ai Soci dell’Ente la sua iniziativa in merito ai rapimenti dei cani? L’Unione europea legifera sulla circolazione transfrontaliera dei cani ma questo è del tutto inutile se non accompagnato da un coordinamento UE dei registri nazionali degli Stati membri. Occorre colmare questa lacuna per ridurre il fenomeno legato al rapimento dei cani. Ritiene possibile che gli allevatori di cani colpiti da disastri ambientali nel nostro Paese possano avere accesso a fondi europei per la ricostruzione delle strutture e per ripopolare l’allevamento? Si, l’economia, l’indotto e i posti di lavoro sono molto importanti per il nostro Paese

e vanno sostenuti anche a livello comunitario. Per questo la manovra italiana punta sulla crescita. A livello comunitario si stanno scrivendo in questo momento le nuove regole sul quadro finanziario pluriennale europeo 2021 - 2027 e con esso, le rubriche dedicate alle fonti di finanziamento, sarebbe il momento giusto per proporre un’iniziativa simile. A proposito di randagismo, ritiene possibile da parte del governo italiano utilizzare fondi europei per una stabile campagna di sensibilizzazione attraverso i media e i social, affinché la popolazione conosca le responsabilità penali che comporta sia l’abbandono che il maltrattamento dei cani? Da deputato europeo sono convinto che serva una campagna di comunicazione a livello europeo. Su questo punto mi attiverò al più presto per presentare un’interrogazione, chiedendo di utilizzare risorse derivanti da tagli a politiche europee inutili da investire su iniziative di sensibilizzazione. ENCI presta molta attenzione e importanti risorse per la sensibilizzazione verso l’educazione cinofila dei bambini sin dalle scuole elementari. A tale proposito, ritiene Lei che un protocollo didattico (che in Italia non esiste) possa essere d’aiuto nella sensibilizzazione degli alunni delle scuole in merito ai diritti dei cani e ai doveri che le persone debbono mettere in atto per accudirli degnamente? Ritengo che l’ambito scolastico sia fondamentale per una crescita di coscienza dei ragazzi e del futuro della nostra società. Ho già presentato un’iniziativa a livello europeo affinché i fondi statali, dedicati per esempio ad attività extrascolastiche o a corsi di sensibilizzazione degli alunni, vengano esclusi dal patto di stabilità al fine di liberare risorse sulle quali programmare azioni mirate, anche in questa direzione.


CONVOCAZIONE ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI Ai sensi dell’art. 9, commi 4, 5 e 6 dello Statuto Sociale, si comunica che l’Assemblea dei Soci dell’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana è convocata in Milano presso l’hotel Michelangelo Via Scarlatti n. 33 tel 02/67551 alle ore 20,00 di mercoledì 24 Aprile 2019 in 1° convocazione ed il giorno 25 Aprile 2019 nello stesso luogo alle ore 11,00 in 2° convocazione. L’Assemblea è valida in prima convocazione quando siano presenti o rappresentati almeno la metà dei voti spettanti alla totalità dei Soci; l’Assemblea sarà valida in seconda convocazione qualunque sia il numero dei Soci presenti o rappresentati. ORDINE DEL GIORNO Parte Ordinaria 1. Relazione del Presidente sulla gestione dell’anno 2018; 2. Relazione del Collegio dei Sindaci al Bilancio Consuntivo 2018; 3. Approvazione variazioni al Bilancio di Previsione 2018; 4. Approvazione del Bilancio Consuntivo 2018; 5. Programma Generale dell’attività dell’Ente nel 2019; 6. Approvazione del Bilancio di Previsione 2019; 7. Elezione 11 membri del Consiglio Direttivo di cui cinque Soci Allevatori eletti da questi ultimi e sei eletti dai Gruppi Cinofili e dalle Associazioni Specializzate; 8. Elezione di un componente effettivo ed uno supplente del Collegio dei Sindaci; 9. Elezione di tre componenti effettivi e due supplenti della Commissione di Disciplina di 1^ Istanza; 10. Elezione di tre componenti effettivi e due supplenti della Commissione di Disciplina di 2^ Istanza. VERIFICA POTERI DI VOTO, COMUNICAZIONI AI SOCI ALLEVATORI E COLLETTIVI Possono partecipare con diritto di voto soltanto i Soci in regola con la quota sociale 2019. In caso di impossibilità a partecipare ai lavori assembleari, i soci Allevatori ed i Presidenti dei Gruppi Cinofili e delle Associazioni Specializzate potranno far pervenire la loro delega entro le ore 17,30 del 23 aprile 2019 alla sede ENCI di V.le Corsica 20 in Milano fax 02/70020323, secondo quanto disposto ai commi 4 e 5 dall’art. 10 dello Statuto Sociale e secondo le modalità che seguono. I Soci in possesso di deleghe dovranno presentarsi presso la sede sociale ENCI di Milano in V.le Corsica 20 – martedì 23 aprile 2019 dalle ore 10,30 alle ore 17,30 per il controllo della validità delle deleghe. Non sono ammesse correzioni o cancellazioni sulle deleghe ne è consentito ad un socio delegato di trasferire le proprie deleghe ad un altro socio. Inoltre: - saranno accettate le deleghe trasmesse a mezzo fax se redatte sulla cartolina di convocazione; - se le deleghe vengono redatte su modulo diverso dalla cartolina dovranno essere accompagnate dalla fotocopia del documento di riconoscimento del delegante; - verranno accettate tutte le deleghe, ancorché non registrate nei termini contenuti nella convocazione, se pervenute alla sede sociale ENCI sopradetta, c/o la Commissione Verifica Deleghe, entro e non oltre le ore 17,30 di martedì 23 aprile 2019; - non saranno accettate le deleghe trasmesse anche a mezzo fax dopo le ore 17,30; - l’indicazione del codice fiscale del delegante è sempre obbligatoria. Per i soci Allevatori Le quote associative dei soci Allevatori pervenute alla sede sociale dell’ENCI dopo il 16 aprile 2019, saranno convalidate soltanto se effettuate con pagamenti in contanti o con altri mezzi a copertura garantita. Le quote Socio Allevatore pagate presso i Gruppi Cinofili/Delegazioni saranno convalidate se effettuate e regolarizzate verso ENCI, entro lunedì 22 aprile 2019. Per i Gruppi Cinofili/Associazioni Specializzate di razza I Gruppi Cinofili/Associazioni Specializzate di razza devono aggiornare i propri associati e regolarizzare il versamento delle quote all’ENCI utilizzando il programma “Gestione Soci” entro lunedì 22 aprile 2019. Il pagamento deve essere effettuato mediante carta di credito. In virtù dell’art. 8.1 lett. C del Regolamento di attuazione dello Statuto Sociale ENCI, il numero dei voti spettanti al Socio Collettivo viene calcolato in relazione ai propri associati, aggiornati da quest’ultimo sino a tre giorni prima della data dell’Assemblea, ossia fino al 22 aprile 2019. I Soci inseriti dopo tale termine, quindi dal 23 aprile 2019, non concorreranno al computo dei voti spettanti al Socio Collettivo. Il Presidente Espedito Muto REGOLAMENTAZIONE DELLE LISTE Le liste devono essere depositate a mano presso la sede dell’ENCI V.le Corsica n. 20 in Milano entro le ore 17,30 di venerdì 22 febbraio 2019. Il deposito dovrà essere effettuato dal capolista o da persona dallo stesso delegata per iscritto. Della documentazione presentata all’ENCI verrà rilasciato verbale di consegna controfirmato dal depositario. All’ENCI dovrà pervenire l’originale della lista, sottoscritta dal capolista, compilata preferibilmente utilizzando l’apposito modulo distribuito dall’ENCI (1), a mani o reperito sul sito, unitamente all’originale o al fax delle dichiarazioni di accettazione delle singole candidature sottoscritte dai candidati (2). Il tutto dovrà essere accompagnato dalle sottoscrizioni dei Soci Allevatori e/o dei Soci Collettivi a sostegno di ogni lista (3). Le firme di sostegno possono essere raccolte anche a mezzo fax utilizzando preferibilmente, anche in questo caso, gli appositi moduli (3), forniti come sopra detto, e comunque compilati tenuto conto di quanto previsto agli artt. 12.1, 12.6 e 12.7 del regolamento di attuazione unitamente all’indicazione del numero della tessera associativa dell’ENCI, e sempre accompagnati dalla copia del documento di identità. Sia i candidati che i Soci sostenitori delle Liste dovranno essere in regola con il versamento della quota associativa dell’anno 2019 al momento della sottoscrizione della Lista. MODULISTICA DA UTILIZZARE PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE La modulistica da utilizzare (1) (2) (3) per la presentazione delle liste dei candidati al rinnovo delle cariche sociali dell’ENCI sarà disponibile sul sito www.enci.it. Le liste sono predisposte secondo quanto previsto dal Regolamento di attuazione approvato dall’Assemblea dei Soci ENCI il 21-22 Aprile 2006 e ratificato con D.M. n. 21909 del 28 Giugno 2006. (art. 12.1; 12.2; 12.3; 12.4; 12.5; 12.6; 12.7) PUBBLICAZIONE DELLE LISTE “Non meno di trenta giorni prima dell’assemblea, verificata a cura degli uffici dell’ENCI la regolare presentazione delle liste e l’eleggibilità dei singoli candidati, tutte le liste ammesse e i relativi programmi vengono pubblicati sull’organo dell’ENCI e sul sito web”. “L’elezione dei componenti del Consiglio Direttivo avviene sulla base di liste mentre quella dei componenti del Collegio dei Sindaci e delle Commissioni di disciplina avviene mediante il meccanismo della votazione di candidati presentati direttamente in assemblea.”


Notizie ENCI VINCITORE TROFEO ENCI MONTAGNA 2018 DESIANENSIS ASTRO

setter inglese

LO11133722

Prop. Pederiva Alessandro

Il Premio speciale denominato “Trofeo Allevamento” viene assegnato al titolare dell’affisso “DEL MONTE GUGLIELMO” di Caldinelli Giancarlo, avendo conseguito i maggiori risultati con almeno due dei propri soggetti nelle prove del Trofeo ENCI Montagna 2018.

VINCITORE TROFEO PAOLO CICERI 2018 HARIETTE DEL MONTE SULUBIO

Epagneul breton femmina

LO1266453

Prop. Gianesini Mauro

In base al vigente regolamento, poiché il vincitore del Trofeo è un soggetto di sesso femminile, il premio previsto per la miglior femmina viene assegnato al cane di sesso opposto: ZICO DI S. CATERINA DEL SASSO

Cane da ferma tedesco a pelo corto

LO137884

Prop. Gatti Germano

VINCITORE TROFEO SALADINI PIASTRI 2018 DESIANENSIS ASTRO

Setter inglese

LO11133722

Prop. Pederiva Alessandro

LO12138915

Prop. Caldinelli Giancarlo

Miglior soggetto di sesso femminile Trofeo Saladini Pilastri 2018 REA DEL MONTE GUGLIELMO

Setter inglese

ALBO D’ORO TROFEO ROMANO SALADINI PILASTRI ANNO 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 10

NOME SOGGETTO NELSON DELLE VEDUTE EX AEQUO: NELSON DELLE VEDUTE / VARA DELLA CERVARA VARA DELLA CERVARA MAGIA DEL TIRSO ASSO DINGO DELL’ACQUA FREGIA LOI MAIA DELL’ONDA MARINA MEA MEA AFTER EDBEL BRUT AFTER VOLO DI CROCEDOMINI BONIEK BONIEK PO PO BONIEK RINALDO DEL PIZZO STELLA ARIS RED RAS SCARI TILÒ EVA DI CROCEDOMINI CORA DELLA REGINA DEL BOSCO COWBOY DE ABEL ET CAINS ALEX MARS OD SLJUKA TRAVEL MARS OD SLJUKA TRAVEL HOLLIWOOD DESIANENSIS ASTRO

RAZZA/SESSO setter inglese maschio setter inglese maschio pointer inglese femmina pointer inglese femmina setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese femmina setter inglese femmina setter inglese femmina setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese femmina setter inglese femmina setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio setter inglese maschio

PROPRIETARIO Rivolta Carlo Rivolta/Macchiavelli Macchiavelli Claudio Barbero Cristina Vaglio Pietro Trapletti/Tartari Rui Della Bella Edoardo Trapletti Antonio Trapletti Antonio Coti Zelati Giuseppe Della Bella Edoardo Coti Zelati Giuseppe Breda Giuseppe Cavaglià Bartolomeo Cavaglià Bartolomeo Cossali Pietro Cossali Pietro Cavaglià Bartolomeo Pensa Domenico Sacristani Giulio Pironio Mauro Pensa Domenico Bonzi Antonio Grosso Gianfranco Giorgi Giacomo Vacca Giovanni Guette Jean Michel Tzimpis Christos Esposito Giovanni D’Alessandris Umberto Esposito Giovanni Pederiva Alessandro


Notizie ENCI INTEGRAZIONE ARTICOLO 8 NORME TECNICHE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA Su impulso dell’Ufficio Centrale del Libro genealogico, con delibera del Consiglio Direttivo e con il parere conforme della Commissione Tecnica Centrale, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, con D.M. n° 31369 del 13 novembre 2018 ha integrato l’articolo 8 delle Norme tecniche del Libro genealogico del cane di razza, inserendo il paragrafo f) concernente il deposito del campione biologico per tutti i cani per i quali vi è già l’obbligo del deposito del campione biologico ai paragrafi a), b), c), d) ed e). Pertanto, a partire dal 1 gennaio 2019, all’atto della registrazione del Modello A (denuncia di monta e nascita) è necessario aver provveduto al deposito del campione di materiale biologico presso un Laboratorio riconosciuto dall’ENCI per tutti i cani accoppiati con i soggetti di cui ai punti sottoelencati: a) riproduttori ammessi alla riproduzione selezionata; b) stalloni che hanno prodotto più di 5 cucciolate; c) stalloni usati in inseminazione artificiale; d) stalloni esteri in Italia in stazione di monta; e) campioni nazionali, internazionali ed esteri di bellezza e/o di lavoro La modifica alla norma è stata implementata allo scopo di accrescere ulteriormente i controlli da parte dell’ENCI sulla veridicità delle dichiarazioni fornite all’atto della denuncia di cucciolata, considerando in particolare i cani che hanno maggior significato per la selezione.

PROVE PER RAZZE DA FERMA ZARA (CROAZIA) CAC CACIT Si pubblica il calendario delle prove a starne per razze da ferma continentali ed inglesi, organizzate dalla Dalmatinski Pas Zadar, per le quali l’ENCI ha concesso il rilascio di qualifiche italiane a Zara (Croazia), che si svolgeranno dal 10 al 22 dicembre 2018, in base al seguente programma:

DATA 10 dicembre 2018 11 dicembre 2018 12 dicembre 2018 13 dicembre 2018 14 dicembre 2018 15 dicembre 2018 17 dicembre 2018 18 dicembre 2018 19 dicembre 2018 20 dicembre 2018 21 dicembre 2018 22 dicembre 2018

TIPOLOGIA Continentali Continentali Continentali Continentali Continentali Continentali Inglesi Inglesi Inglesi Inglesi Inglesi Inglesi

QUALIFICHE qualifiche Italia qualifiche Italia qualifiche Italia qualifiche Italia qualifiche Croazia qualifiche Croazia qualifiche Italia qualifiche Italia qualifiche Italia qualifiche Italia qualifiche Croazia qualifiche Croazia 11


Giovani Campioni Mondiali Cane Corso con i giudici Pietro Paolo Condo’, Roberto Tavola e Serafino Bueti

CANE CORSO anche da Cina, Brasile, America

Raduno Mondiale e Campionato Sociale Nei giorni 15 e 16 settembre Presso l’Hotel Fattoria La Principina a Grosseto si sono accesi i riflettori sulla razza fiore all’oc­ Il Presidente ENCI Dino Muto

12

chiello della cinofilia nazionale: il Cane Corso. L’appuntamento con il consueto Raduno dell’Anno e Campionato sociale

SACC si è arricchito quest’anno di un altro importante evento: il Primo Campionato del Mondo Cane Corso, frutto della attività della Mondial Corso, Società nata proprio un anno fa nello stesso luogo ed in occa­ sione della medesima circostanza, con l’intento di riunire tutte le Società ufficial­ mente riconosciute per la tutela della razza Cane Corso nei diversi Paesi del mondo. E anche quest’anno importanti eventi colla­ terali, quali l’incontro tra il Presidente ENCI Dino Muto e il Commissario Straordinario SACC Barbara Zanieri con le Delegazioni estere e le sezioni italiane, hanno impreziosito la manifestazione, a dimostrazione che il ”mondo” del Corso non si esaurisce intorno ad un ring, ma si arricchisce e completa con tavoli di di­ scussione e confronto. In totale, presenti ben 13 Delegazioni Estere, in rappresen­ tanza di Paesi anche molto lontani, come il Brasile e la Cina che già presenti lo scorso anno, hanno nuovamente onorato la ma­ nifestazione con la loro partecipazione, e new entry come l’America. La nostra Penisola era invece ben rappresentata dalle sezioni, alcune anche di recente isti­ tuzione, ma tutte ugualmente animate da grande spirito di coesione e forte volontà propositiva. I 311 cani iscritti nelle due manifestazioni ben sottolineano e incoro­ nano il successo anche in termini nume­


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

Foto di gruppo con Dino Muto, Barbara Zanieri e le Delegazioni del Cane Corso Club del Mondo

Nella due giorni, 311 iscritti

I Giovani Campioni Sociali SACC 2018 con i giudici Alberto Vergara e Pedro Bispo (P) che assieme a Massimo Inzoli hanno giudicato il Campionato Sociale SACC 2018

rici di un evento particolarmente sentito da tutti i “corsisti” nazionali, e che sempre più attrae quelli provenienti dai Paesi stra­ nieri. Il sabato si è svolto il Raduno del­ l’anno; sotto l’attento vaglio degli Esperti Giudici Alberto Vergara (I) per i maschi, Bispo Pedro Ivo (P) per le femmine e Massimo Inzoli (I) per Juniores e giovani. Sono stati incoronati Scirocco Sangue Magnifica BOB e Apriori Best Sensatsiya BOS; Leonia Best Giovane e Miglior Testa, Urban dei Grausi Best Juniores, Quarona dell’Impero Maya Best Puppy, Reason

Your Luck Iz Dinastii Chempionov Best Veterani. La domenica invece per la prima edizione del Campionato del Mondo Cane Corso la terna di Esperti Giudici chiamati ad assol­ vere il difficile compito della scelta com­ prendeva: Pietro Paolo Condò (I) per i maschi, Roberto Tavola (I) per le femmine e Serafino Bueti (I) per Juniores e Giovani. Crixus Res Landes, già BOB nello scorso Raduno dell’anno, ha conquistato il titolo di BOB Campione Mondiale; Tosca degli Elmi BOS Campionessa Mondiale, Leonia

Campione Mondiale Giovani femmine e Miglior giovane, Levante dell’Impero Maya Campione Mondiale Giovani maschi e Reason Your Luck Iz Dinastii Chempionov Campione Mondiale veterani. Giornate intense, da cui sono emerse im­ portanti conferme e spunti di riflessione: l’allevamento del cane Corso gode di ot­ tima salute: non solo la qualità media dei soggetti iscritti a catalogo era elevata, ma è risultata anche estremamente numerosa la partecipazione alla classe campionato, a dimostrazione degli sforzi degli allevatori italiani verso la selezione di soggetti ri­ spondenti a criteri non solo estetici ma anche di salute e funzionalità nelle prove di lavoro. Fondamentale mantenere alta l’attenzione sulle teste, vero capolavoro del made in Italy, ma altrettanto importante lavorare su tronchi, dorsali e costruzioni che permettano al nostro Cane Corso di riappropriarsi di quel movimento felino ed elegante che altrettanto tipicamente fa parte del patrimonio della razza. Un grazie a tutti coloro che hanno reso queste gior­ nate uniche: agli Esperti Giudici, che an­ cora una volta hanno dimostrato coerenza e precisione nelle scelte compiute, a tutti gli espositori ed allevatori italiani e stra­ nieri, che già vedono e sempre più identifi­ cano questo appuntamento come il più importante in assoluto per la razza, al Commissario SACC Barbara Zanieri, per

13


Momenti dei giudizi nei ring

aver ricostruito e dato forma ad un “mondo del Corso” sempre più vicino ad appassio­ nati ed allevatori, iniziando un cammino di miglioramento e di promozione i cui

frutti sono oggi sotto gli occhi di tutti, e al Presidente ENCI Dino Muto per la sua co­ stante presenza, a dimostrazione della vi­ cinanza e importanza che l’Ente Nazionale

della Cinofilia Italiana accorda alla regina tra le razze del nostro panorama cinofilo nazionale. Simona Perugini


Cairn Terrier HJOHOO’S AIN’ THAT LOVING HJO

Il Trofeo dei magnifici sette Il trofeo SIT (Società Italiana Terriers) denominato “Bello & Bravo”, svoltosi il 7 ottobre scorso e giunto alla sua terza edizione, ha riscosso anche quest’anno un notevole successo di partecipazione. È una manifestazione dedicata ai soli terriers da tana; si svolge nella durata di un week end ed elegge un vincitore conteggiando il punteggio ottenuto fra un Raduno di bellezza, giudicato rigorosamente da specialisti di terriers ed una Prova in Tana A e Tana A modificata per razze scozzesi. Entrambe le prove, di bellezza e lavoro, sono valide per i rispettivi campionati italiani di specialità. Al termine delle 2 competizioni, viene decretato il migliore per ogni razza contendente e, in base ai punti ottenuti, viene stilata una graduatoria anche fra le razze partecipanti, ottenendo così il nome del terrier vincitore finale. Credo di non dovermi smentire affermando che non esista manifestazione simile in nessuna parte d’Europa e che quello che rende esclusivo il Trofeo, sta nel fatto che ogni singolo soggetto iscritto concorre e sfida contemporaneamente i partecipanti della propria razza e quelli delle altre razze contendenti, in un duello virtuale appassionante e di grande valore tecnico. A riprova di quanto appena detto, in tutte le edizioni passate come in questa, i primi quattro classificati sono risultati essere Campioni di Bellezza e Campioni di Lavoro delle proprie razze. Il trofeo 2018 si è svolto sulle meravigliose colline fiorentine, rese regali dai colori dell’autunno, le quali, date le grandi tradi­ zioni venatorie toscane, sono state la per­ fetta cornice di una sfida durata due giorni e che solo al tramonto di domenica 15 ot­ tobre, è stata in grado di celebrare il suo

16


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

Classifica finale Trofeo “Bello & Bravo” 1° (punti 24) JONU’S JR DR. KING SHULTZ Jack Russell Terrier (m) Allev. e pr. Federico Giovannetti 2° (punti 20) OMELETTE DI SOPRAVENTO Parson Russell Terrier (m) Allev. Giuliana Furbatto Pr. Gabriele Stagi 3° ex equo (punti 16) TRAGOPUS GRETA Deutscher Jagd Terrier (f)

Allev. Gianvico Locatelli Pr. Gianvico Locatelli 3° ex equo (punti 16) QUINARIUS HIGH AS A KITE Scottish Terrier (m) Allev. Claudia Palazzuoli Pr. Loredana Petriccione 4° (punti 14) BADGERBECK PLUTO Border Terrier (m) Allev. Lisa Jenkins Pr. Vanessa Dalla Valle

5° (punti 12) HJOHOO’S AIN’T THAT LOVING HJO Cairn Terrier (f) Allev. Elisabeth Theodorsson Pr. Nicoletta Guia Ravera 6° (punti 10) STROZZAVOLPE ME LA TIRO DEL BOSCO MAGICO Fox terrier a pelo ruvido (f) Allev. Marco Calonaci Pr. Cristina Zeni

Jack Russell Terrier JONU’S JR DR. KING SHULTZ

17


Scottish Terrier QUINARIUS HIGH AS A KITE

Fox Terrier a pelo ruvido STROZZAVOLPE ME LA TIRO DEL BOSCO MAGICO Parson Russell Terrier OMELETTE DI SOPRAVENTO

18


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

I confronti nelle meravigliose colline fiorentine hanno visto la presenza di 170 Terrier. Molta partecipazione e tanto agonismo nell’incantevole due giorni

vincitore nel piccolo Jack Russell Terrier JONU’S JR DR KING SHULTZ. Venendo alla cronaca, con 170 iscritti al Raduno, circa 60 alla Prova in Tana con 7 razze partecipanti, l’evento ha ulterior­ mente migliorato lo score precedente, a dimostrazione che la gara appassiona e che il prestigio della vittoria è ambito da molti. I giudici del Raduno sono stati Albert Cuthberson dall’Inghilterra,allevatore storico di Border Terrier per giudicare appunto i Border e i Parson Russell Terrier, Giuseppe Messina dalla nostra bella Sicilia, specialista di Jack Russell Terrier e Hans Grutner dalla Germania per le razze rimanenti. Mentre Rocco Tango, bassottista di lunga militanza, ha giudicato tutte le prove di lavoro del giorno successivo. Così nel tardo pomeriggio della domenica, dopo aver trascorso una giornata in allegria e convivialità, il Direttivo del Club, ha premiato i sette vincitori delle razze partecipanti che hanno dimostrato di essere davvero grandi interpreti di una competizione assolutamente degna della proverbiale tempra di Terriers e terrieristi. Claudia Palazzuoli

Deutscher Jagd Terrier TRAGOPUS GRETA Border Terrier BADGERBECK PLUTO

19


BOB-Miglior Veterano 8-10 anni e Trofeo RRCI per il Miglior Maschio BOS e Trofeo RRCI Miglior Femmina

Miglior Testa

100 Rhodesian Ridgeback Lo scorso 6 ottobre 2018 presso l’Agriturismo La Cassinazza ad Orsenigo, ha avuto luogo la Venticinquesima edizione del Raduno annuale di razza del Rhodesian Ridgeback Club d’Italia. Cento i soggetti iscritti che sono stati giudicati dalla giudice ed allevatrice signora Elisabeth Storey (UK), titolare dell’affisso: “Kiromol Rhodesian Ridgebacks”. Qualche sporadica goccia di pioggia non ha ostacolato lo svolgimento della gara, che si è dipanata in modo fluido e sereno nell’arco dell’intera giornata, favorita da

20

un clima ancora mite da fine estate. L’alto numero di soggetti iscritti nelle classi baby e juniores ha allietato l’atmosfera e qualche momento di intensa ed autentica commozione ci è stato regalato con la proclamazione del “Miglior Veterano Over 11”: Ch.Haramakhis Wisdom Farah, e con la sfilata, al termine della manifestazione, di alcuni dei soggetti riaffidati attraverso il Servizio Rescue del Club. Simbolicamente ad uno di loro la giudice, signora Storey, ha consegnato una targa in nome di Riccardo Cesini, giovane sportivo

appassionato della razza, scomparso improvvisamente lo scorso anno e la cui famiglia, ha in sua memoria sostenuto il Rescue RRCI. Al termine della giornata, come di consueto, ha avuto luogo la cena sociale nelle sale dell’Agriturismo La Cassinazza e il giorno successivo la giudice, signora Elisabeth Storey, ha tenuto un interessante seminario sullo standard di razza e sulla sua interpretazione. Mariavittoria Anzoletti Steinmann


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

CAC Femmine

CAC Maschi

Al Raduno di Orsenigo, in Brianza, grande festa per una razza in continua crescita Miglior Juniores

Miglior Giovane

21


La giudice Liz Storey dice che… Sono stata molto onorata dell’invito a giudicare la Venticinquesima Edizione del Raduno nazionale del Rhodesian Ridgeback Club d’Italia e ringrazio il direttivo per aver scelto me come giudice di questo prestigioso evento, svoltosi nel magnifico agriturismo La Cassinazza, ad Orsenigo un luogo perfetto per i nostri RR, con la sua ospitalità alberghiera, un bellissimo ampio ring e la piacevolissima atmosfera! Ritengo che i vostri RR siano di una qualità molto elevata, con particolare riferimento alle proporzioni degli arti posteriori con una forte impronta e delle belle muscolature, molto spesso associate a corrette articolazioni tibio-tarsiche, quindi corretti garretti. Unitamente al molto ben definito tono ed eccellente rapporto muscolo-schelettrico delle parti. Questa zona del posteriore costituisce il motore propulsivo dei nostri RR quindi deve essere potente: molti dei soggetti da me giudicati sono risultati eccellenti sotto questo aspetto. Anche le linee dorsali superiori erano nel complesso molto d’effetto, stabili e ben definite. Il movimento era accattivante, soprattutto in quei soggetti con un buon allungo nell’anteriore, seguito da una coordinata spinta dal posteriore. Ho riscontrato anche belle teste in tipo ed omogenee, ben definite e ben colorate senza essere eccessive, cosa che personalmente apprezzo molto. Mi congratulo con voi perché ho giudicato veramente dei bellissimi esemplari! Devo dire che il Vostro Club è particolarmente generoso con la quantità di premi per i vincitori. Al mio arrivo non ho potuto fare a meno di notare una meravigliosa serie di premi e trofei in mostra; un raduno di un Club è sempre un evento speciale e credo che dei premi speciali lo rendano ancora più indimenticabile. Sono rimasta stupita del modo in cui il Club è riuscito a far filare tutto liscio, nonostante l’esposizione sia durata molte ore, principalmente perché c’erano veramente degli esemplari favolosi, ma anche perché io voglio sempre dedicare la stessa quantità di tempo e di attenzione ad ogni cane e, se c’è un giovane cucciolo che è un po’ insicuro, allora preferisco dedicargli un po’ di tempo. è facile spingere un Ridgeback oltre quella linea sottile che c’é tra divertimento e risentimento. Questa razza ha la memoria lunga. Quindi se qualcosa va storto e a loro non piace, se lo ricorderanno! Ringrazio tutti per la pazienza e per aver resistito tutta la giornata! La competizione per la “Miglior Testa” e la “Miglior Cresta” sono iniziative uniche che da noi non si fanno, ma che invece ritengo siano davvero utili; gli altri Club dovrebbero prendere esempio e proporre classi come queste.

22

Miglior Veterano over 11

BOB-MIGLIOR VETERANO 8-10 ANNI E TROFEO RRCI PER IL MIGLIOR MASCHIO WA KISHUJAA DAKARI All.re Pohlmann Olaf Propr. Winkler Markus BOS E TROFEO RRCI MIGLIOR FEMMINA HARMAKHIS WISDOM AURORA FOSCA Allev. e pr. Venturelli Sara MIGLIOR GIOVANE HARMAKHIS WISDOM ABSOLUTE ORO Allev. e pr. Venturelli Sara


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

Miglior Baby

Miglior Cresta

MIGLIOR VETERANO OVER 11 HARMAKHIS WISDOM FARAH Allev. Venturelli Sara Pr. Marazzi Giordano

MIGLIOR JUNIORES CHARMER PENNY PURPLE ROSE Allev. Nicolini Chiara Pr. Veronese Jimmy

MIGLIOR CRESTA HARMAKHIS WISDOM AWARE NUSH Allev. Venturelli Sara Pr. Rogantini Daniela

MIGLIOR BABY BLACK FOREST BASH Allev. Marini Elena Pr. Marini Elena

MIGLIOR TESTA BLACK FOREST BASH Allev. Marini Elena Pr. Marini Elena

CAC MASCHI ZACAPA RON THOR Allev. Marzotto Cristiana Pr. Arnaboldi Luca CAC FEMMINE HARMAKHIS WISDOM AWARE NISHA Allev. e pr. Venturelli Sara

23


A Malmoe in Svezia il Campionato Mondiale Atibox

Giada dei Centurioni vincitrice del Best in Show

e Best in Show (Miglior Soggetto Assoluto del Campionato). “Giada” aveva già vinto l’anno scorso in Slovacchia il medesimo titolo riservato ai “Giovani”, confermando con merito una brillante stagione sportiva dove ha rac­ colto consensi unanimi per le sue qualità di tipo, distinzione, femminilità e armonia generale che la distinguono sul ring. Complimenti al suo allevatore Corrado Gerardi, al suo staff ed al proprietario Silvio di Nezza che hanno creduto e lavo­ rato bene su questo giovane soggetto, pun­ tando sulle sue qualità, non solo ma piaz­

L’allevamento italiano conquista il Best Oltre 500 soggetti da 30 Paesi per un appuntamento con la storia della razza Anni fa sarebbe stato difficile pronosticare la riuscita di un Campionato Mondiale ATIBOX, con una considerevole presenza di iscritti e di tante persone, in un Paese così lontano da noi sotto molti punti di vista; invece debbo affermare che questa edizione svedese ha raccolto molti con­ sensi: complessivamente promossa. Positiva perché in primis ha dimostrato (se ce ne fosse ancora bisogno) che questo manifestazione è talmente affascinante, che i boxeristi sono disposti ad affrontare qualsiasi tipo di viaggio pur di partecipare. Di anno in anno si aspetta questa occa­ sione per esserci, in qualsiasi modo, in qualsiasi veste. A costo anche di pesanti sacrifici. Questo ci dà la misura e la sensa­ zione di quanto abbia preso la mente ed il cuore dei boxeristi. È la prima volta che un Atibox di Morfologia è stato organizzato in Scandinavia, e preci­ samente a Malmoe in Svezia. Avendoci giudicato qualche anno fa il Campionato dell’Anno del Boxer Club Svedese, e avendo qualche conoscenza dell’alto livello della cinofilia scandinava, non avevo dubbi sulle loro capacità: eccel­ lente organizzazione generale, program­ mazione degli eventi, precisione degli orari, curata pubblicità sui media e social, ottima location, con ring molto ampi e con buon fondo erboso, qualche dettaglio di

24

minor importanza un po’ inferiore alle aspettative, ma nel complesso quasi per­ fetta questa macchina organizzativa, con particolare merito a tutto il comitato orga­ nizzatore, che ha seguito con concentra­ zione e meticolosità la parte riservata al ring d’onore, sobrio ma ben addobbato, e che soprattutto ha funzionato a meraviglia rispettando protocollo e tempi. Incantevole la location della cena di gala, con un tramonto mozzafiato; ben curata, elegante, con cibo di ottima qualità. ASPETTO TECNICO: Ottimo risultato nu­ merico in termine di Paesi rappresentati : 30, considerevole risultato assoluto di Boxer iscritti: 510. L’Italia come sempre del resto, è stata fra le nazioni con più Boxer presenti ben 49, dietro solo alla Svezia, Paese organizzatore con 81 soggetti, e quasi al pari della Germania con 53. L’Italia con una partecipazione numerica­ mente encomiabile, vista la posizione geo­ grafica del Paese ospitante, ha raggiunto risultati interessanti con diversi soggetti e soprattutto è riuscita con un soggetto di allevamento e proprietà italiane a raggiun­ gere il gradino più alto del podio. Giada dei Centurioni, femmina tigrata plu­ rititolata, oltre a vincere il titolo di Campionessa Mondiale Atibox di Morfologia per le femmine tigrate adulte, è stata decretata Miglior Femmina Assoluta

zando molto positivamente anche altri importanti soggetti. Grazie a questi risultati, a cui se ne accom­ pagnano molti altri, ottenuti da validissimi soggetti di allevatori ed espositori nostrani, l’allevamento italiano raccoglie un risul­ tato di primissimo piano che lo colloca al top del boxerismo internazionale. Il ring è una “palestra eccezionale” e an­ drebbe integrato con contatti, scambi di opinioni con colleghi di altre nazionalità, con esperti allevatori, e partecipazioni a seminari e corsi. Questa straordinaria manifestazione non è solo competizione, ambizione di vincere titoli, pubblicità; ma un veicolo, uno stru­ mento di verifica, di controllo, di atten­ zione ai problemi tecnici, per cercare di migliorare, di pianificare al meglio l’alleva­ mento ed ottenere risultati sempre più soddisfacenti. Giada, la tigrata italiana, come ho già detto, si è comportata bene, valorizzando le sue qualità nella presentazione e nei vari spa­ reggi. Tipo, distinzione, femminilità, ar­ monia e solidità nella costruzione, sono per me i suoi punti di forza; si è espressa molto bene ed è arrivata fino in fondo me­ ritatamente, regalando agli italiani pre­ senti una grossa soddisfazione ed un titolo così importante. Fabrizio Censi


1° BEST IN SHOW Dalmata DALMINO VOODOO VISION di Zeljka Halper Drazic

eccezionale sia nelle cene ufficiali che nei lunch in fiera ma, soprattutto, dal punto di vista tecnico tutto è filato liscio grazie a ring steward ben preparati ed ad adeguate procedure informatiche. Circa 15.700 sog­ getti all’esposizione europea e quasi 7.000 alla esposizione del Giubileo: questi i nu­ meri dell’evento 2018 che qualifica l’Espo­ sizione Europea di Varsavia la più grande tra tutte le edizioni di sempre.

LA LOCATION Il Centro Espositivo di Varsavia, è il più grande centro internazionale di esposizioni e conferenze in Polonia e in Europa cen­ trale, dedicato all’organizzazione di fiere, congressi, conferenze ed eventi commer­ ciali. Il Ptak Warsaw Expo si trova alla peri­ feria della città ed offre agli espositori ed al pubblico ben 143.000 metri quadrati di spazio espositivo in sei padiglioni e 500.000 metri quadrati di superficie esterna, che possono essere utilizzati per mostre ed eventi all’aperto. Si trova a 10 minuti di auto dal più grande aeroporto internazionale del Paese e a 15 minuti in auto dal centro di Varsavia. Tutto questo ha permesso lo svol­ gimento di un evento unico dove espositori,

Europea Varsavia 2018 1° BIS Coppie del giovedi Nova Scotia Duck Tolling Retriever dell’Allevamento Whymark’s

26

La mia passione cinofila che ormai da quasi cinquanta anni mi spinge ad essere parte attiva in questo bellissimo mondo delle ve­ rifiche zootecniche, mi ha portato ad essere costantemente presente nelle varie edizioni mondiali ed europee a partire dal 2007. Questa edizione 2018 rappresenta un alto grado di perfezione raggiunto da un Kennel Club Nazionale nell’organizzare questo ge­ nere di eventi, sicuramente a livello di espo­ sizione europea mentre, per quanto ri­ guarda le esposizioni mondiali, posso senz’altro affermare senza tema di smentita che l’Esposizione Mondiale di Milano resta il punto di riferimento per il futuro per questo tipo di manifestazioni. Dal punto di vista degli espositori possiamo dire che tutto è filato alla perfezione: dai parcheggi, vicinissimi ai ring, alla disloca­ zione degli stessi posizionati in hall diverse che dividevano in modo perfetto i due avve­ nimenti, ovvero l’Esposizione Europea da quella del Giubileo. Pulizia ovunque, show steward posizionati in varie location nei padiglioni che aiutavano gli espositori ed i visitatori in difficoltà. Per quanto riguarda noi giudici non posso che mettere in evidenza un’accoglienza

Greyhound Sobers Vagabond di Pavlina Lorencova-Nowacki


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

1° BIS Junior gruppo 10 Irish Wolfhound Pendragon Della Bassapavese di Antonia Turini

1° classificato Junior gruppo 4 Bassotto standard p/d Juliana Tinto da Casa Amarela di Annaluce Saletti

Oltre 15.700 partecipanti. Importanti risultati degli allevatori italiani che si sono distinti nel Ring d’Onore giudici, organizzatori e pubblico hanno po­ tuto godersi appieno, con serenità e tran­ quillità, questo evento .

IL BEST IN SHOW Il Main Ring era localizzato al lato estremo del quartiere fieristico, vicino anche agli stand commerciali che come al solito erano numerosi. Un Ring d’Onore abbastanza ampio che offriva da un lato due tribune separate dallo spazio riservato invece alle autorità, ai giudici ed al comitato organizza­ tore. Due maxi schermi aiutavano gli spet­ tatori a seguire meglio le varie fasi dei giu­ dizi e ad apprezzare maggiormente i vari eventi­spettacoli che si sono succeduti nelle quattro giornate dell’expò che era possibile Bassotto nano Queenlord Skinny Love p/d di Valentina Barcella 2° classificato gruppo 4

seguire anche da casa in streeming. I pre­ring, a detta degli espositori e dei colleghi giudici che hanno avuto l’onere e l’onore di giudicare i raggruppamenti, erano spaziosi e ben gestiti, dando così quella tranquillità necessaria ai cani ed ai proprietari di attendere il loro turno. L’unico neo, sono state qualche colonne di troppo che diminuivano la visione otti­ male a chi stava sulle tribune ed a quelli presenti nell’area VIP.

LA NOSTRA PARTECIPAZIONE L’Italia che alla mondiale in Amsterdam aveva perso le prime posizioni, arretrando al quinto posto, questa volta si è ricollocata al terzo posto, dopo Polonia e Russia, nella Labrador Retriever Loch Mor Only You di Mara Basilico 2° classificato gruppo 8

classifica delle nazioni più rappresentate. Molti i titoli vinti dai nostri connazionali che ben si sono piazzati anche nel Ring d’Onore con il 2° posto nel settimo rag­ gruppamento del Bracco Italiano Polcevera’s Ponente di Gabriella Segato; nel decimo raggruppamento con il 2° posto dell’allevamento Sobers con il Greyhound Sobers Vagabond di Pavlina Lorencova­Nowacki; nei Bassotti, 2° posto nel raggruppamento per il Miniature Dachshund Wire­haired Queenlord Skinny Love di Valentina Barcella e nel gruppo otto, 2° posto per l’allevamento Loch Mor con il Labrador Retriever Loch Mor Only Bracco Italiano Polcevers’ Ponente di Gabriella Segato 2° classificato gruppo 7

27


Jack Rassell Terrier 3° BIS coppie del venerdì. Pr. Sergio Nasti & Alex Ancona

STELLE ITALIANE Piccolo Levriero Italiano Lady Godiva dei Raggi di Luna CACIB F e 4° posto raggruppamento levrieri All. e pr. Allevamento dei Raggi di Luna

PRECISAZIONE • Si comunica che non è stato possibile acquisire i risultati ufficiali dei CACIB italiani per allevamento e/o proprietà in quanto al momento non resi disponibili dal Kennel Club Polacco. • L’accesso alla rubrica Successi all’Estero è per le razze di origine italiana che abbiano ottenuto il CACIB e per i soggetti italiani per allevamento e/o proprietà di tutte le altre razze che abbiano ottenuto piazzamenti nel RING D’ONORE. Inviare a redazione@enci.it

Volpino italiano Quartz del Colle degli Ulivi CACIB M Allev. Roberto Francini. Pr. Adrian Acebillo Lopez

Cane da pastore maremmano abruzzese Magara di Santamaria. Giovane Campionessa Europea BOS. Allev. e pr. Alfonso Cosentino Cane da pastore pastore maremmano abruzzese Donna di Fiori di Selva Spina CACIB F Allev. e pr. Anna Albrigo

28

You di Mara Basilico. Da segnalare anche il 1° posto nel BIS Coppie dei Nova Scotia Duck Tolling Retriever dell’Allevamento Whymark’s nella giornata di giovedì e il 3° posto del Jack Rassell Terrier del venerdì, pr. Sergio Nasti & Alex Ancona. Per il Junior BIS del gruppo 10, al 1° posto l’Irish Wolfhound Pendragon Della Bassapavese di Antonia Turini, mentre per il gruppo Junior 4, al 1° posto lo Standard Dachshund Wire­haired Juliana Tinto da Casa Amarela di Annaluce Saletti. Grande soddisfazione, quindi, per tutta la cinofilia italiana che sempre riesce a pri­ meggiare in questi contesti internazionali. Il vincitore del Best in Show è risultato es­ sere il Dalmata Dalmino Voodoo Vision di Zeljka Halper Drazic. I giudici italiani presenti alla manifesta­ zione erano: Francesco Cochetti, Fabrizio La Rocca, Ferdinando Asnaghi, Marco Marabotto che ha avuto anche l’onore di giudicare il Gruppo 9 ed il sottoscritto. L’ENCI sempre presente, come nelle ul­ time edizioni di questi importanti avveni­ menti della FCI, a riprova dell’acquistato valore che la nostra cinofilia ha recuperato a livello internazionale. Uno stand insieme agli amici francesi, portoghesi e spagnoli, tutti facenti parte dell’Alleanza Canina Latina, unione creata da poco per curare maggiormente gli interessi cinofili comuni dei sopracitati Paesi. Uno stand sempre pieno di visitatori che hanno avuto anche la possibilità di confrontarsi con il Presidente Dino Muto e con il Consigliere Clemente Grosso. Claudio De Giuliani (Fotoservizio di Tommaso Urciuolo) Lagotto Romagnolo Artemisia Gentileschi CACIB F. Allev. Giovanni Pedrazzini. Pr. Franca Leporati


Dog bike

Il tradizionale appuntamento del Club a Pesaro

La tre giorni dei Malamute Prove sportive tra la montagna e il mare per mettere in luce il rapporto tra cane e conduttore e le caratteristiche di razza. Un centinaio i soggetti presenti Fantastico week-end all’insegna della passione per i nostri meravigliosi Alaskan Malamute, di paesaggi mozzafiato e la gioia di stare insieme con il solo obiettivo di divertirsi. Questo è quello che è stata la 7° edizione del SWD “Mare & Monti” organizzata a Pesaro presso Baia Flaminia, dalla Sezione Alaskan Malamute del Club Italiano Razze Nordiche (CIRN) Anche il tempo ci ha sorriso con tre giornate piene di sole che ha riscaldato la presenza di tanti appassionati arrivati da tutte le parti d’Italia invadendo la location con un centinaio di Malamute. Il Resort “Baia Flaminia”, ospitale ed accogliente, ha avuto i primi arrivi già dal giovedì in tarda mattinata. Nel frattempo, Salvataggio in acqua

30

parte dello staff del Seram era già al lavoro per preparare, di fronte all’hotel, un percorso per il traino dei carrelli, monopattini e mountain-bike, un’area dedicata all’educazione, un percorso di dog trekking dai 7 ai 14 chilometri ed un area attrezzata con gazebi e punto ristoro per i partecipanti. Il sabato mattina era tutto pronto, alle 9.00, dopo le iscrizioni, si parte per il dog trekking. Si forma una fila lunghissima che comincia a percorrere la strada Panoramica per raggiungere il ristorante “Gibas” e congiungersi con altri partecipanti per poi proseguire per i sentieri del Parco Naturale S. Bartolo godendosi un panorama da favola: verde del parco, colline, mare ad est, monti ad ovest. A metà percorso, mentre i

nostri Malamute potevano dissetarsi, i partecipanti si sono potuti rifocillare con delle buonissime torte artigianali. Al ritorno, dopo aver percorso circa 14 km in mezzo alla natura, siamo stati accolti con un pranzo meraviglioso: prelibatezze della cucina locale ci hanno ristorato e ricaricato. Nel pomeriggio la simulazione di salvataggio in acqua non ha visto l’intervento della Capitaneria di Porto di Pesaro per le cattive condizioni del mare ma la brava “Luna”,-Glory days Del Biagio un bell’ esemplare femmina di Malamute, ha dato vita ad un esempio di salvataggio gettandosi in acqua, con il suo conduttore Edoardo Meridiani, per trainare a riva il


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

Le premiazioni dei vari sport praticati durante la tre giorni di Pesaro

Dog trekking

Serata di festa

figurante che si è prestato ad essere salvato. La giornata di sabato è terminata con la cena sociale presso il Resort Baia Flaminia. Durante la cena tutti i Malamuttari, entusiasti di questa giornata, si sono scambiati opinioni sui loro cari “cagnoloni”. La domenica mattina, rifocillati da un buon riposo, sono riprese le attività e si è effettuata la gara di triathlon organizzata su tre prove: una parte di percorso con il monopattino trainato dal cane, una parte di corsa con il cane agganciato e la terza parte, grazie a Giovanna Nussdorfer che ha arricchito questa specialità rendendola più interessante e competitiva, la prova educativa e di agility. Tutti i concorrenti, conduttori e cani, non si sono risparmiati ed hanno dato vita ad una vera competizione molto combattuta, che ha attirato l’attenzione ed ha divertito i tanti spettatori presenti e che ha decretato i vincitori. Da segnalare infine la presenza del Sindaco di Pesaro Matteo Ricci e dell’Assessore all’Operatività Enzo Belloni che con la loro visita hanno portato un valore aggiunto alla manifestazione sottolineando come questo evento rientri di diritto, per l’importanza mediatica, fra gli eventi dell’estate Pesarese complimentandosi con gli Organizzatori e tutto il popolo dei “Malamuttari”. Grazie per le riprese della TV Regione Marche e TV2000 abbiamo avuto la possibilità di condividere l’evento Mare & Monti 2018 con tutta la Regione. Giuseppe Biagiotti

31


Si informa che è stata stipulata una convenzione tra ENCI e Salmoiraghi & Viganò che prevede sconti per l’acquisto di occhiali da vista, occhiali da sole e lenti a contatto a favore di tutti i tesserati ENCI e dei loro familiari. La convenzione è già valida per l’anno in corso e durerà anche per tutto il 2019. Tutti i dettagli sono consultabili anche sul nostro sito all’indirizzo www.enci.it/servizisoci

UNA REGISTRAZIONE CHE APRE UN MONDO DI VANTAGGI

PER USUFRUIRE DELLA CONVENZIONE SALMOIRAGHI & VIGANÒ Digitare il sito: https://www.convenzionisalmoiraghievigano.it/; Digitare su REGISTRATI ORA e compilare i relativi campi; Alla voce Codice Azienda, inserire il codice ID fornito dalla propria azienda: 10244 Digitare REGISTRATI; Inizio della navigazione all’interno del portale. Funzione SCARICA COUPON Scarica il coupon dell’offerta riservata, stampalo e presentalo nei negozi S&V (o mostralo dal proprio smartphone o tablet) Funzione TROVA IL NEGOZIO per individuare il negozio S&V di maggiore comodità

La Convenzione è valida in tutti i punti vendita Salmoiraghi & Viganò


Campionato Sociale Amici Bassotto Club

I Bassotti sono in gran forma

BIS Campionato Sociale

Lo scorso 10 Novembre si è tenuto a Cesena il gran finale del Campionato Sociale dell’Amici Bassotto Club, l’evento più sentito tra i bassottisti italiani. Per gli organizzatori è stato un po’ un ritorno alle origini: dopo un paio d’anni in cui il Campionato Sociale si era spostato prima a Montichiari e poi a Firenze, il Club è ritornato in qualche modo alle buone vecchie abitudini, con questo Campionato Sociale 2018, organizzato nella prima decade di novembre, alla Fiera di Cesena rieletta come location preferita. Come sempre, la sera prima si è tenuta la cena sociale a favore di tutti i soci e giudici presenti alla manifestazione. Un bel momento di convivialità e allegria, che viene sempre molto apprezzato dai soci dell’ABC. La manifestazione, perfettamente riuscita, è stata coadiuvata oltre che dal Club e dai suoi Consiglieri, anche dall’amico e socio Roberto Rossi che attivamente ha fatto in modo che la giornata espositiva si svolgesse al meglio. Sponsor della manifestazione, la Royal Canin che da qualche anno segue il nostro Club. 165 i Bassotti presenti alla manifestazione: un buon numero, considerando i diversi appuntamenti in concomitanza nello stesso week end, anche se bisogna ammettere un lieve calo rispetto allo scorso anno. Ciò non ha comunque impedito ai giudici

34

designati per l’arduo compito, di avere soggetti di qualità nelle nove razze. I Giudici, quattro e da diversi Paesi europei, con una radicata cultura cinofila erano: - Maurizio Baria dall’Italia, giudice noto I signori giudici

ai molti, già giudice del Campionato del Mondo WUT nel 2015 in Belgio, e allevatore di bassotti a pelo corto, ha giudicato i bassotti standard e kaninchen a pelo duro; - Veronica Chrpova dalla Repubblica


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

BIS Coppie

Presenti 165 esemplari delle 9 razze. Esperti internazionali prevenienti da quattro Paesi Ceca, allevatrice di bassotti a pelo corto e whippet, componente del team tecnico della Wut (Welt Union Teckel) ha giudicato i bassotti nani a pelo corto e a pelo lungo; - Andreas Tornau dalla Germania, allevatore di bassotti a pelo lungo, giĂ giudice di diverse edizioni del famoso Bundessieger tedesco, ha giudicato i bassotti standard e kaninchen a pelo corto; - Perttu Stahlberg dalla Finlandia, allevatore di bassotti a pelo lungo, giĂ  giudice del Gruppo 4 alla Mondiale di Milano del 2015, ha giudicato i peli lungo standard e kaninchen e i nani a pelo duro.

BIS Giovani

A fine giornata, nelle diverse razze, sono risultati vincitori dei BOB i seguenti cani: Bassotti standard a pelo corto: Zenzero di Turboland All. Niccolini Antonella pr. Cecconi Chiara Bassotti standard a pelo lungo: Evrain Easter Siamon All. Raab Vaclan prop. Giannini Daniela Bassotti standard a pelo duro: Italia della Val Vezzeno All. e prop. Allev. della Val Vezzeno Bassotti nano a pelo corto: Gorgo del BIS Gruppi BIS Juniores

35


CAMPIONI SOCIALI NOME DEL CANE

TAGLIA

Zenzero di Turboland

Corto

Ma Quando Arrivano le Russe Gang della Parda Evrain Easter Siamon

Standard

Shakespeare della Val Vezzeno Jaguar Xke di Silvallegra

Corto

Gorgo del Clan Bassotti Janet della Canterana

Nano

QueenLord Magnificent Swallow Tail Cyberdachs Mini Zappa Dargon boy del Wanhelsing

Corto Kaninchen Duro

Vogliosa del Wanhelsing

Clan Bassotti All. e prop. Allev. del Clan Bassotti Bassotti nano a pelo lungo: Sensatsia Pitera Veresk All. Spitsa Oxana prop. Giacinti Claudio Bassotti nano a pelo duro: QueenLord Uranus Sky King All. e prop. Barcella Valentina Bassotti kaninchen a pelo corto: Cyberdachs Mini Zappa All. Tibor Kis

Lungo Duro

Queenlord Skinny Love Kurzebeine ms Von Bright Moonlit Night

Lungo Duro

Italia della Val Vezzeno

Sensatsia Pitera Veresk

PELO

SESSO

ALLEVATORE

PROPRIETARIO

Maschio

Antonella Niccolini

Cecconi Chiara

Femmina

Pardini Chiara

Pardini Chiara

Maschio

Raab Vaclav

Giannini Daniela

Maschio

Palladini Antonio

Palladini Antonio

Femmina

Palladini Antonio

Palladini Antonio

Maschio

Frigoli Cristina

Frigoli Cristina

Femmina

All.to Del Clan Bassotti

All.to Del Clan Bassotti

Maschio

Oxana Spitsa

Giacinti Claudio

Femmina

Giannini Daniela

Giannini Daniela

Maschio

Barcella Valentina

Barcella Valentina

Femmina

Barcella Valentina

Barcella Valentina

Maschio

Kis Tibor

Martini Paola

Femmina

Tae-Hwan Kim

Gambelli Arianna

Maschio

Pascarella Gabriel

Pascarella Gabriel

Femmina

Pascarella Gabriel

Pascarella Gabriel

prop. Martini Paola Bassotti kaninchen a pelo lungo: Agatha All. e prop. Corti Francesca Bassotti kaninchen a pelo duro: Dargon Boy del Wanhelsing All.e prop. Pascarella Gabriel Nel pomeriggio sono stati premiati tutti i Campioni Sociali e i Giovani Campioni Sociali, di cui di seguito troverete l’elenco.

Nel ring d’onore Andreas Tornau ha giudicato il Best in Show dei Gruppi di Allevamento, dove l’Allevamento della Val Vezzeno è stato decretato vincitore, e il Best in Show Puppy (3-6 mesi), dove al primo posto si è piazzato BigbentheVictoriaLord (kaninchen a pelo lungo, all. Claudio Giacinti e prop. Sandra Roxana Pulawska), seguito da ChesterfieldHereallLord (nano a pelo

GIOVANI CAMPIONI SOCIALI NOME DEL CANE

TAGLIA

SESSO

ALLEVATORE

PROPRIETARIO

Maschio

All.to Volscidachs

All.to Volscidachs

Femmina

Alessia Soldani

All.to Turbodach

Femmina

Giuseppa Piazza

Giuseppa Piazza

Maschio

Gabriel Pascarella

Gabriel Pascarella

Femmina

Antonio Palladini

Stefania Parodi

Maschio

Gloria Maffei

Gloria Maffei

Femmina

All.to Turbodach

All.to Turbodach

Maschio

Francesca Corti

Francesca Corti

Maschio

Valentina Barcella

Valentina Barcella

Femmina

Gabriel Pascarella

Gabriel Pascarella

Corto

Femmina

Emanuel Merolle

Maria E.Trapanese

Kaninchen Lungo

Femmina

Francesca Corti

Francesca Corti

Duro

Femmina

Alessandra Barghigiani

Costanza Cinelli

Volscidachs Marco van Basten

Corto

Turbomelinda Dorata del Fico d’India

Standard

Golden Boy del Wanhelsing Coles dell’Antica Torre

Corto

Turbodach Amaranta QueenLord Uranus Sky King Goldengirl del Wanhelsing Volscidachs Pina in Outfit Stripes Agatha Edelwaisssantoregolo

36

Lungo Duro

Birra Beltaine della Val Vezzeno

Aramis

PELO

Nano

Lungo Duro


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

lungo, all. e prop. Claudio Giacinti), e da Venezia dell’Ombra Pazza (standard a pelo lungo, all. e prop. Morena Perego). Veronica Chrpova ha giudicato il Best in Show Coppie, vinto dalla coppia di standard a pelo duro (proprietario Allevamento della Val Vezzeno), a seguire la coppia di standard a pelo lungo (prop. Morena Perego), e al terzo posto la coppia di standard a pelo corto (proprietario Arianna Gambelli). La giudice ha poi giudicato il Best in Show Juniores, che ha visto il nano a pelo corto Keep Calm n Watch me di Silvallegra (all. e prop. Cristina Frigoli), salire sul gradino più alto del podio. Al secondo posto Desideria dell’Antica Torre (kaninchen a pelo corto, all. e prop. Gloria Maffei), e Kenia del Clan Bassotti (bassotto nano a pelo duro, all. e prop. All.to Clan Bassotti) Maurizio Baria ha giudicato il Best in Show Working Dogs, ring d’onore riservato a tutti i cani risultati primo eccellente con CAC nella classe lavoro: non si può negare che questa sia una classe davvero molto importante per una razza da lavoro come i bassotti. Al primo posto si è classificato lo standard a pelo duro Lux del Palatino Violina (all. e prop. Annaluce Saletti), che ha preceduto lo standard a pelo lungo Cristoforo Colombo del Fico d’India (all. Giuseppa Piazza, prop. Morena Perego), e lo standard a pelo corto Wi Fi della Maga (all. e prop. Monica Feri). Il Giudice Baria ha poi giudicato anche il Best in Show Giovani, dove ha decretato vincitore il kaninchen a pelo duro Edelwaisssantoregolo (all. Alessandra Barghigiani, prop. Costanza Cinelli), al secondo posto lo standard corto Turbomelinda (all. Alessia Soldani, prop. All.to Turbodach), e lo standard a pelo duro Golden Boy del Wanhelsing (all e prop. Gabriel Pascarella). Perttu Stahlberg è stato incaricato di giudicare il Best in Show del gran finale. Il podio è stato dominato dai bassotti a pelo duro, dove il nano QueenLord Uranus Sky King (all. e prop. Valentina Barcella), si è piazzato al primo posto ed è risultato vincitore anche del Trofeo Challenger Rio Negri. A seguire, il kaninchen a pelo duro Dargon Boy del Wanhelsing (all. e prop. Gabriel Pascarella), e lo standard a pelo duro Italia della Val Vezzeno (all. e prop. All.to della Val Vezzeno). Calati i riflettori su questa giornata, intensa ma di grandi soddisfazioni per bassotti e allevatori, il Club si appresta ad affrontare gli ultimi impegni dell’anno espositivo con la speciale di Roma e il Raduno di Natale di Erba e invita i propri soci all’appuntamento con il campionato sociale per il 2019! Antonio Palladini

BIS Puppy

BIS Veterani

BIS Working

37


Sosta in riva al mare del Nord

In Danimarca Raduno Mondiale con 215 iscritti

Auto stracolme di cani, ciotole, crocchette, guinzagli, giocattoli vari e, se restava ancora un po’ di spazio, pure qualche capo di abbigliamento per gli accompagnatori umani. Tutto questo per affrontare il lungo viaggio che ci separa da Gudme, luogo della manifestazione, e che ci ha portato a macinare circa 4.000 km di strade, autostrade e quattro confini valicati. Mezza Europa attraversata. Ancora una volta dunque, e non senza qualche punta di nostalgia per i bei momenti vissuti, ci troviamo a raccontare le avventure della ‘pic-

I Broholmer tornano a casa L’annuale meeting dei Broholmer in Danimarca è diventato per noi possessori e fans di questo meraviglioso cane una festa da non perdere. Lo scorso agosto infatti, come da tradizione, nella cornice da Il Castello di Egeskov

38

favola dei giardini del castello di Broholm (costruito nel ’600), si è tenuto, il 25 agosto, il Raduno Mondiale di razza e, prima volta nella storia, l’evento era valido anche ai fini del campionato FCI/DKK.

cola spedizione Italiana’ nella terra d’origine di questi meravigliosi molossi. Record storico di presenze: con 215 iscritti, mai si erano visti tanti Broholmer tutti insieme! Dopo due giorni di viaggio, con tappa forzata in Germania , siamo finalmente giunti nell’isola di Funen. La splendida location, situata tra boschi e mare del Nord, non ha lasciato indifferenti neppure i nostri beniamini a quattro zampe che hanno chiesto con una certa insistenza, di perlustrare prati e bagnasciuga. Una gradevole passeggiata di gruppo in quel meraviglioso contesto si è così rivelata una soluzione vincente per superare lo stress del lungo viaggio e propedeutica ad una notte di meritato riposo. Sveglia quindi all’alba del venerdì, vigilia dell’evento, per dedicare l’intera giornata al relax e alla scoperta della verdissima campagna danese piena di affascinanti e austeri castelli, nell’attesa dell’incontro cosmopolita con il mega barbeque che si sarebbe tenuto nella serata, a base di buon cibo innaffiato con l’ottima birra locale e tanti amici “ritrovati”. Il sabato è arrivato velocemente e una marea di cani e persone si è incontrata nel parco del Castello, quello di Broholm, a Gudme, come detto inizialmente. Il team italiano, composto da 7 splendidi esemplari, tutti nati in Italia, ha avuto modo di


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

Al centro Prinsesse Fylla

Nell’omonimo castello sfilano esemplari da tutto il mondo. La rappresentanza italiana si fa onore A sinistra Alfred

incontrare e conoscere molti nuovi amici provenienti da Germania, Finlandia, Norvegia, Svezia, Polonia, Austria oltre, naturalmente, a quelli danesi. La gara è stata molto avvincente e i nostri esemplari, nelle rispettive classi, numerosissime di concorrenti, hanno riscosso successo, ancora più prezioso perché espresso da 3 giudici (dei soli 11 abilitati dal DKK) specializzati nella razza Broholmer. Cominciando dalla classe Puppy, giudicata da Lisbet Utke Ramsing, le tre piccole “debuttanti”, si sono fatte valere ricevendo grandi complimenti e bellissimi giudizi. Prinsesse Hlyn della Stirpe di Fengur Allevatore e proprietario Vanda Baldaccini; Prinsesse Skadhi della Stirpe di Fengur Allevatore Vanda Baldaccini, poprietario Raffaella Nigro Prinsesse Ydalir della Stirpe di Fengur Allevatore e proprietario Vanda Baldaccini, la prima Broholmer di mantello nero nata in Italia (ne esistono solo un centinaio al mondo).

per la riproduzione Allevatore e proprietario Vanda Baldaccini Classe Veterani Giudice Marianne Birte Baden Alfred: 1° ECC Miglior Veterano Maschio. 3° Miglior Maschio Expo - Certificato Qualità CK - Pr. Maria Rubina Pica Ultima meravigliosa sorpresa, un invito, presentato in carta pergamena, per una cena e un pernottamento da trascorrere al Castello dove ha vissuto tutta la sua vita Niels Frederick Sehested (1813-1882) Conte di Broholm; la persona che ci ha “regalato” quel cane che ora chiamiamo Broholmer!

Dana II della Stirpe di Fengur a destra

Siamo orgogliosi per i risultati ottenuti dai Broholmer italici e dunque! Vanda Baldaccini La panoramica del ring

Al giudizio di Birgit Seloy Classe Giovani Prinsesse Fylla della Stirpe di Fengur. ECC 7° posto Allevatore e proprietario Vanda Baldaccini Classe Intermedia Prinsesse Thora della Stirpe di Fengur: ECC 4° posto Allevatore Vanda Baldaccini, p roprietario Nicole Tolman Classe Libera Dana II della Stirpe di Fengur. ECC 9° posto - aggiudicandosi uno dei requisiti

39


DOPPIA ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE CAC CACIB

SABATO 2 FEBBRAIO 2019 GRUPPO CINOFILO VERCELLESE

DOMENICA 3 FEBBRAIO 2019 GRUPPO CINOFILO BIELLESE

VERCELLIFIERE – CARESANABLOT (VC) Strada Vecchia per Olcenengo 10/11

DOMENICA 03 FEBBRAIO 2019 RADUNO CANE DA PASTORE D’OROPA MOSTRE SPECIALI: BORDER COLLIE CHALLENGE ANGELA CIPOLLA AL MIGLIOR TERRANOVA Giuria consultabile sul sito WWW.MIGLIOREDIRAZZAREPORT.EU - ENCISHOW.IT 1° CHIUSURA 3 GENNAIO 2019 - 2°CHIUSURA 13 GENNAIO 2019 Il pagamento dovrà essere effettuato tramite Bollettino Postale C/C n° 85371136 Assegno Bancario intestato a Gruppo Cinofilo Biellese Via Bengasi, 5 – 13900 Biella Telefono 015 20877 - Tel/fax 015 8491729 ON LINE: www.miglioredirazzareport.eu - Encishow.it Iscrizioni non accompagnate da relative importo saranno cestinate senza alcun preavviso OBBLIGATORIO IL LIBRETTO DELLE QUALIFICHE E VACCINAZIONE ANTIRABBICA POSSIBILE CONTROLLO ANTIDOPING


E X P O

BEST IN SHOW CACIB BASTIA UMBRA 1° LUNGORESINA DOM ROCK PASTORE SVIZZERO BIANCO di A. Maria Severini 2° DARGON BOY DEL WANHELSING BASSOTTO KANINCHEN a pelo duro di Gabriel Mario Pascarella 3° FRANCINI’S ENIGMA COCKER SPANIEL INGLESE di Angela Francini

CACIB BASTIA UMBRA

VINCE UN PASTORE SVIZZERO BIANCO Oltre 1.500 iscritti e 10.000 visitatori hanno caratterizzato il successo della due giorni, con uno sguardo al sociale

I

l Gruppo Cinofilo Perugino con l’edizione 2018 del CACIB di Bastia Umbra caratterizzata per il terzo anno dalla formula adottata di compartecipazione nell’ambito dell’evento

42

“PERUGIA PET”, è riuscito a confermare l’alto livello dell’evento cinofilo che continua ad essere una delle poche “classiche” Internazionali svolte su due giorni. Il successo con oltre 1500 iscritti e 10.000 visitatori ed i brillanti risultati tecnici ed economici, ripagano degli sforzi effettuati. Il Presidente dell’ENCI, Dino Muto anche quest’anno ci ha voluto onorare della Sua presenza, sostenendo l’importanza di questo connubio come mo-

RAGGRUPPAMENTI BASTIA UMBRA 6-7/10/2018 GRUPPO Ê 1° LUNGORESINA DOM ROCK PASTORE SVIZZERO BIANCO Pr. Severini A.Maria GRUPPO Ë 1° TATATATIRA GIDDY BLOSSOM DOBERMANN NERO FOCATO Pr. D’Atanasio Alessandra GRUPPO Ì 1° ROSE MAGIC GIRL ORTIS LADY SARA AMERICAN STAFFORDSHIRE TERRIER Pr. Frisina M. Rosaria GRUPPO Í 1° DARGON BOY DEL WANHELSING BASSOTTO KANINCHEN A PELO DURO Pr. Pascarella Gabriel Mario GRUPPO Î 1° OF POMS FOREVER JIIGEN SPITZ NANO DI POMERANIA Pr. Paganelli Raffaella GRUPPO Ï 1° AMMIRABEL ERIC BEAGLE Pr. Turba Riccardo GRUPPO Ð 1° OLIMPIA WEIMARANER Pr. Pasqui Rossella GRUPPO Ñ 1° FRANCINI’S ENIGMA COCKER SPANIEL INGLESE Pr. Francini Angela GRUPPO Ò 1° KAIT KLASSIK JUPITER BOSTON TERRIER Pr. Limongiello Maurizio GRUPPO Ó 1° ARA DI GIOVE CILICIA WHIPPET Pr. Tannozzini M.Teresa


E X P O

BIS GRUPPI 1° Terrier nero russo Allevamento LISANDER 2° Alani blu Allevamento DELLA LUCE TRANQUILLA 3° Shiba Inu Allevamento DEL BIAGIO

BIS GRUPPO 9 1° Boston Terrier KAIT KLASSIK JUPITER di MAURIZIO LIMONGIELLO 2° Pechinese FURRYBLISS TOPAZ di GIORGIO ALFIERI 3° Barbone grande mole bianco EDERA-B DELLA VALLE DEGLI GNOMI di LATEA GHEORGHE CATALIN

BIS GRUPPO 4 1° Bassotto kaninchen a pelo duro DARGON BOY DEL WANHELSING di GABRIEL MARIO PASCARELLA 2° Bassotto nano a pelo corto HEARTBEATS DI SILVALLEGRA di CRISTINA MARIA FRIGOLI 3° Bassotto standard a pelo lungo SAKURA RUDE’S di ANNALISA NICOLINI

dello di strumento per lo sviluppo e la promozione della cinofilia su vasta scala sociale. Grazie agli allevatori e alle molte Associazioni Specializzate che hanno contribuito sia concedendoci valide “Mostre Speciali”, che con numerosi Raduni di razza che hanno interessato sia visitatori che addetti ai lavori per tutto il pomeriggio del sabato. Un impegno coordinato con il Club Italiano Razze Nordiche, il Club del Lagotto, il Club Spaniel, il Retriever Club e lo Schnauzer Club, e grazie al professionale apporto del gruppo dei commissari di ring guidati da Roberto Rocchetti. Il sabato mattina è progredito con un afflusso ordinato e diluito nel tempo, grazie alla suddivisione fra orario di inizio dell’Internazionale e quello dei Raduni. Internazionale che ha visto i Gruppi 1 , 3, 6, 7, e 10. La domenica è stata dedicata come da tradizione ai Gruppi 2, 4, 5, 8 e 9 con le Speciali Bassotti , Alani, Spitz Shar Pei, Leonberger e alle razze Chihuahua e Bouledogue Francese. Giuria ampia e di fama internazionale, oltre agli italiani, e quasi

totalmente rinnovata rispetto all’anno precedente. Il ring d’onore rinnovato esteticamente in questi ultime edizioni, ha accolto negli spalti delle tribune un numerosissimo pubblico entusiasta di tifare per i propri beniamini. Non è mancato uno spazio riservato alla Pet Therapy o ad attività connesse, che il Gruppo Cinofilo Perugino considera fondamentali e formative nella Società di oggi. Quest’anno, l’Assessore alla Sanità della Regione Umbria, Dott. Barberini, ci ha onorato della sua presenza illustrando una importante iniziativa legislativa a favore dei proprietari di animali che si trovano ricoverati in ospedale e potranno ricevere, in determinati reparti e seguendo le normative di legge vigenti, la visita dei propri animali domestici.. Il finale dell’Expo ha visto il Best in Show Assoluto. Fra gli applausi del numeroso pubblico il giudice Pier Luigi Buratti ha determinato il podio che ha visto al 3° posto un Cocker spaniel inglese nero, al 2° un Bassotto a pelo duro ed al 1° lo statuario Pastore Svizzero Bianco. Fabrizio Censi

43


E X P O

BEST IN SHOW SEDRIANO 1/11/2018 1° A MIDSUMMER NIGHT DREAM GJKENNEL’S Pastore Australiano PR. LOVATI GABRIELLA EBE PAOLA 2° ANGEL’S PHOENIX HEART ATTACK Bullmastiff PR. PAVESI FRANCESCA 3° POLCEVERA’S PONENTE Bracco italiano b/a PR. SEGATO GABRIELLA

CACIB BUSTO ARSIZIO

POKER DELLA CINOFILIA Campioni a confronto nel tradizionale appuntamento a Malpensa Fiere

L

a festa di Halloween e la ricorrenza di Ognissanti da qualche anno ormai per la regione “insubrica” coincidono con uno degli appuntamenti cinofili più importanti a livello internazionale, quello appunto dell’Insubria Winner Circuit, fiore all’occhiello del Gruppo Cinofilo Provinciale di Varese,

44

RAGGRUPPAMENTI CACIB SEDRIANO 1/11/2018 GRUPPO Ê 1° A MIDSUMMER NIGHT DREAM GJKENNEL’S Pastore Australiano PR. LOVATI GABRIELLA EBE PAOLA GRUPPO Ë 1° ANGEL’S PHOENIX HEART ATTACK Bullmastiff PR. PAVESI FRANCESCA GRUPPO Ì 1° PAPERMAN ATLANTIS Lakeland Terrier PR. SCHONEBERG F.W. GRUPPO Í 1° YUPPI DU DEL TOCAI S/L Bassotto standard p/l PR. BRENTEGANI SERGIO GRUPPO Î 1° CHUCKY Samoiedo PR. BARBAN MARCO GRUPPO Ï 1° ICECREAM VAN TUM-TUM’S VRIENDJES Petit Basset griffon vendéen PR. HUIKESHOVEN GWEN GRUPPO Ð 1° POLCEVERA’S PONENTE Bracco italiano b/a PR. SEGATO GABRIELLA GRUPPO Ñ 1° FRANCINI’S INNUENDO Cocker Spaniel Inglese PR. FRANCINI ANGELA GRUPPO Ò 1° HIRO DEL CELESTE IMPERO Chin PR. GIRALDI TOMMASO GRUPPO Ó 1° SOBERS XTRAVAGANZA Greyhound PR. ALLEV. SOBERS BIS GIOVANI 1° TURBOMELINDA Bassotto, standard p/c PR. ALLEV. TURBODACH BIS JUNIORES 1° SONIARYKIEL DEL BORGHINO Saluki PR. GALLIANO LEONARDO BIS VETERANI 1° QUATTRO VOM LEHHOF S/L Bassotto standard p/l PR. ALLEV.DEL TOCAI BIS R. ITALIANE 1° POLCEVERA’S PONENTE Bracco italiano b/a PR. SEGATO GABRIELLA


E X P O

BEST IN SHOW DESIO 2/11/2018 1° A MIDSUMMER NIGHT DREAM GJKENNEL’S Pastore Australiano PR. LOVATI GABRIELLA EBE PAOLA 2° ABSOLUTE MANN SEAWORLD Whippet PR. PAVESI FRANCESCA 3° HARMAKHIS WISDOM AURORA FLOYD Rhodesian Ridgeback PR. MONZA FLAVIO

RAGGRUPPAMENTI CACIB DESIO 2/11/2018 GRUPPO Ê 1° A MIDSUMMER NIGHT DREAM GJKENNEL’S Pastore Australiano PR. LOVATI GABRIELLA EBE PAOLA GRUPPO Ë 1° ANGEL’S PHOENIX HEART ATTACK Bullmastiff PR. PAVESI FRANCESCA GRUPPO Ì 1° TORUM’S CAIRO FRED Kerry Blue Terrier PR. TASSELLI ROBERTO GRUPPO Í 1° LOST ON YOU DEL WANHELSING Bassotto, nano a pelo duro PR. PASCARELLA GABRIEL MARIO GRUPPO Î 1° AYREK DART CHIEFTTAIN AT KUMATOMO Akita americano PR. RUPCIC FRAN GRUPPO Ï 1° HARMAKHIS WISDOM AURORA FLOYD Rhodesian Ridgeback PR. MONZA FLAVIO

GRUPPO Ð 1° UBOLD Kurzhaar PR. MELONI ALBERTO GRUPPO Ñ 1° VIVI LA VIDA LOCA DEL FATALBECCO Lagotto romagnolo PR. TOTHNE’ BARCSI ERIKA ANETT GRUPPO Ò 1° GENESHA GUD LAK REY Pechinese PR. MISHIN GRIGORII GRUPPO Ó 1° ABSOLUTE MANN SEAWORLD Whippet PR. PAVESI FRANCESCA BIS GIOVANI 1° DRAGO Bull Terrier taglia normale PR. MARZIANI SALVATORE BIS JUNIORES 1° SONIARYKIEL DEL BORGHINO Saluki PR. GALLIANO LEONARDO BIS VETERANI 1° QUATTRO VOM LEHHOF S/L Bassotto, standard p/l PR. ALLEV. DEL TOCAI BIS R. ITALIANE 1° CINECITTA’ RENE BITORAJAC Maltese PR. RULLI JLENIA

BIS JUNIORES DESIO 2/11/2018 1° SONIARYKIEL DEL BORGHINO Saluki PR. GALLIANO LEONARDO 2° O BELLA CIAO DI CASA MAINARDI Bassotto, standard p/d PR. ALLEV. GROTTA MAFALDA 3° HARMAKHIS WISDOM ASATIRA PERLA Rhodesian Ridgeback PR. GARAVAGLIA PAMELA

45


E X P O

BEST IN SHOW BUSTO ARSIZIO 3/11/2018 1°ABSOLUTE MANN SEAWORLD Whippet di FRANCESCA PAVESI 2° IRON MAN DEL WANHELSING N/D Bassotto, nano a pelo duro di PIERRE PAUL CAMILLERI 3° CHUCKY Samoiedo di MARCO BARBAN

GRUPPO Ê GRUPPO Ë GRUPPO Ì GRUPPO Í GRUPPO Î GRUPPO Ï GRUPPO Ð GRUPPO Ñ GRUPPO Ò GRUPPO Ó BIS GIOVANI BIS JUNIORES BIS VETERANI BIS R. ITALIANE

46

RAGGRUPPAMENTI CACIB BUSTO ARSIZIO 3/11/2018 1° IKRAN BLACK OF ANCIENT MULBERRY Pastore Australiano PR. RAUCH VERONICA 1° ANGEL’S PHOENIX HEART ATTACK Bullmastiff PR. PAVESI FRANCESCA 1° TORUM’S CAIRO FRED Kerry Blue Terrier PR. TASSELLI ROBERTO 1° IRON MAN DEL WANHELSING N/D Bassotto nano p/d PR. CAMILLERI PIERRE PAUL 1° CHUCKY Samoiedo PR. BARBAN MARCO 1° ICECREAM VAN TUM-TUM’S VRIENDJES Petit Basset griffon vendéen PR. HUIKESHOVEN GWEN 1° POLCEVERA’S PONENTE Bracco italiano b/a PR. SEGATO GABRIELLA 1° ZAHIRCOCKER DREAM TEAM MORGAN FREEMAN Cocker Spaniel Inglese PR. FERRARA ALESSANDRA 1° PRIMO CAVALIERE 1 MILLION Boston Terrier PR. PANTANI ELENA 1° ABSOLUTE MANN SEAWORLD Whippet PR. PAVESI FRANCESCA 1° FAT PUPPYS MADE TO BE MINE Bulldog PR. RIBAS ANDREA 1° READY TO ROCK SHEN TE CHOWS Chow Chow PR. URCAN ANDREA 1° CABAKA’S BOBBIE OF STORM CAT Samoiedo PR. MORESCHI BARBARA LUCIA MANUELA 1° CINECITTA’ RENE BITORAJAC Maltese PR. RULLI JLENIA

Delegazione ENCI. Un appuntamento no-stop che, quest’anno, ha avuto inizio giovedì 1° Novembre, festività di Ognissanti, per terminare con l’evento clou di tutta la settimana, Insubria Winner 2018, l’Expò Canina di Varese, domenica 4 Novembre. Si può affermare, a tutto diritto e senza esagerare, che la manifestazione ha ormai assunto una dimensione planetaria. Basti pensare che, dei circa 5000 soggetti iscritti, in rappresentanza di tutte le razze riconosciute, oltre 500 arrivavano dall’Estero e che, tra questi, numerosi sono stati i concorrenti provenienti da nazioni molto lontane (Cina e Russia) o, addirittura, d’oltreoceano (Filippine, Argentina, Venezuela). Data l’esperienza positiva degli ultimi anni, “Insubria Winner”, divenuta da tempo un appuntamento immancabile per la cinofilia mondiale, si è “gemellata” anche quest’anno con altre tre importanti Esposizioni Internazionali, quella di Busto Arsizio, di Desio e di Sedriano, eventi scaturiti dalla fattiva collaborazione con gli omonimi Gruppi Cinofili, molto attivi ed efficaci sul territorio. Un risalto particolare va dato anche quest’anno ai “Raduni” dell’Insubria Winner Circuit, con circa 700 soggetti a catalogo, numero mai raggiunto in precedenza, in rappresentanza di 15 gruppi di razze, sotto l’egida di altrettante Associazioni Specializzate, dove la parte del “leone”, numericamente parlando, l’hanno fatta come avviene ormai abitualmente i Bassotti. L’Expò Canina di Varese, da più di un decennio ormai “Insubria Winner”, rappresenta da molti lustri un appuntamento fisso per gli “addetti ai lavori” e per gli appassionati, nascendo da una tradizione di oltre mezzo secolo di cinofilia. Dalla prima edizione, che risale al 1952, denominata “Prima Fiera Mercato del Cane”, ad oggi, sono stati peraltro fatti enormi progressi. L’ambizioso progetto del Gruppo Cinofilo Provinciale di Varese si


E X P O

BEST IN SHOW VARESE 4/11/2018 1° PAPERMAN ATLANTIS Lakeland Terrier PR. SCHONEBERG F.W. 2° POLCEVERA’S PONENTE Bracco italiano b/a PR. SEGATO GABRIELLA 3° BLUE JEANS BOY DI SELVASPINA Cane da pastore scozzese Shetland PR. ALBRIGO ANNA

RAGGRUPPAMENTI CACIB VARESE 4/11/2018 GRUPPO Ê 1° BLUE JEANS BOY DI SELVASPINA Cane da pastore scozzese Shetland PR. ALBRIGO ANNA GRUPPO Ë 1° ANGEL’S PHOENIX HEART ATTACK Bullmastiff PR. PAVESI FRANCESCA GRUPPO Ì 1° PAPERMAN ATLANTIS Lakeland Terrier PR. SCHONEBERG F.W. GRUPPO Í 1° LOST ON YOU DEL WANHELSING Bassotto nano p/d PR. PASCARELLA GABRIEL MARIO GRUPPO Î 1° CHUCKY Samoiedo PR. BARBAN MARCO GRUPPO Ï 1° AMMIRABEL ERIC Beagle PR. TURBA RICCARDO GRUPPO Ð 1° POLCEVERA’S PONENTE Bracco italiano b/a PR. SEGATO GABRIELLA

GRUPPO Ñ 1° FRANCINI’S ENIGMA Cocker Spaniel Inglese nero PR. FRANCINI ANGELA GRUPPO Ò 1° SENORIO DE CARTHAGO KING OF ETERNITY Bouledogue francese PR. RAMBERTI FRANCESCO GRUPPO Ó 1° AZAMOUR MANDE’ MASSEAU Azawakh PR. BOTTAGISIO PIETRO BIS GIOVANI 1° DRAGO Bull Terrier taglia normale PR. MARZIANI SALVATORE BIS JUNIORES 1° REBELLE DI MONTE TONICO Australian Cattle Dog PR. BALESTRA CRIMILDE BIS VETERANI 1° THE WAVES’ SONS NEWFONDLANDS KNICKERBOCKERS Terranova PR. CORNA ELISA BIS R. ITALIANE 1° ISHTARAN DEI LUPERCALI Cane da pastore bergamasco PR. MARIANI CARNELLI MARIA ADELE EMY

BIS GRUPPI VARESE 4/11/2018 1° Zwergschnauzer nero PR. CORTEGGIANI ROBERTO 2° Shiba PR. ALLEV. DEL BIAGIO 3° Bovaro del Bernese PR. ALLEV. STARRY TOWN

47


E X P O

BIS RAZZE ITALIANE BUSTO ARSIZIO 3/11/2018 1° CINECITTA’ RENE BITORAJAC Maltese di RULLI JLENIA 2° POLCEVERA’S PONENTE Bracco italiano, bianco-arancio di SEGATO GABRIELLA 3° FREUD Cane da pastore maremmano abruzzese di GIANNONE FILIPPO ROSALIO

è sviluppato infatti fino ad assumere una dimensione veramente internazionale con l’“approdo” a “Malpensa Fiere”, centrando l’obiettivo di far diventare questa manifestazione un riferimento a livello mondiale per la cinofilia, oltre che un appuntamento zootecnico fisso per allevatori ed espositori italiani e stranieri. È diventato ormai immancabile per “addetti ai lavori” e appassionati cinofili lo spettacolo, unico nel suo genere, del “Ring d’Onore” e del “Best in Show” di Insubria Winner, invidiatoci dai Kennel Club di tutto il mondo, con canovacci “mozza-fiato” che si rinnovano ad ogni anno. Rosita Trotti Consigliere Gruppo Cinofilo Provinciale di Varese, Delegazione ENCI

BIS INSUBRIA WINNER 2018 1° PAPERMAN ATLANTIS Lakeland Terrier PR. SCHONEBERG F.W.

BIS VETERANI VARESE 4/11/2018 1° THE WAVES’ SONS NEWFONDLANDS KNICKERBOCKERS Terranova di CORNA ELISA 2° NICE SOPHIE VON DE WILDENHAYN Bovaro del Bernese di BUSSO ELISA 3° QUATTRO VOM LEHHOF S/L Bassotto, standard a pelo lungo di ALLEVAMENTO DEL TOCAI

48


Dino Muto e Silvio Marelli presenti all’incontro Federcaccia

A Pieve Santo Stefano (AR) la finale Trofeo Sant’Uberto

I cinquant’anni della caccia etica Una caccia etica nei confronti dell’uomo e del selvatico, che esalta il valore dell’ambiente, attenta alla sicurezza. Questo il progetto, dalla vision alla mission, che nel 1968, con felice intuizione, la dirigenza della Federazione Italiana della Caccia, allora una delle maggiori Federazioni (forse la prima per numero di tesserati) all’interno del Coni, mise prima sulla carta e immediatamente dopo sul campo. L’azione venatica col cane da ferma o da cerca, assurta a disciplina sportiva con il Regolamento S. Uberto, ha fatto conoscere la vera essenza della caccia all’interno del mondo sportivo del Coni per oltre trent’anni (la FIdC ne esce nel 2000). Questa mission continua grazie all’impegno della Federcaccia che ogni anno puntualmente la rappresenta anche a livello mondiale. I cinquant’anni del Sant’Uberto sono stati festeggiati la sera del 10 novembre scorso a Sansepolcro (AR), presso la sala convegni dell’Antico Borgo de’ Romolini, in concomitanza con la finale del campionato italiano 2018. Durante la serata sono stati consegnati riconoscimenti ai familiari di Luigi Renzi, grande promotore del Trofeo, e di Polo Leporatti il quale, durante la sua presidenza in FIdC, sostenne con grande determinazione l’affermazione del Trofeo

50

a livello mondiale. Sono trascorsi dunque cinquant’anni durante i quali, attraverso le innumerevoli prove organizzate, la qualità del cacciatore viene giudicata valutando la sua attenzione alla sicurezza, la sua abilità, la sua efficienza e il lavoro con il suo ausiliare. In questi cinquant’anni l’impegno della Federcaccia è stato costante per far radicare e crescere la formula del Sant’Uberto in modo continuo sia in Italia che all’estero. Non è un caso se da appena pochi anni meno, quaranta per la precisione, viene disputato il Campionato Mondiale insieme a quello di Caccia Pratica, coinvolgendo una ventina di nazioni, con concorrenti e ausiliari provenienti da buona parte dell’Europa, nel solco dei valori della caccia nel suo complesso: legalità, etica e soprattutto sicurezza. E soprattutto sulla sicurezza si è soffermato il presidente nazionale della FIdC, Gianluca Dall’Olio, nel corso del suo intervento di saluto all’apertura della serata che ha visto presenti la presidenza nazionale della FIdC, i presidenti regionali della FIdC, il presidente dell’ENCI Dino Muto, il vice-presidente dell’ENCI Sivio Marelli, rappresentanti delle Autorità locali e alcuni giornalisti del settore cinofilovenatorio. L’altro aspetto evidenziato è il rapporto fra l’uomo e il cane che si esprime

attraverso la disciplina del Sant’Uberto. Un rapporto che negli anni è cresciuto facendo crescere in parallelo l’attenzione e la cultura verso il cane di razza, quindi con riflessi positivi sulla cinofilia nazionale. Come il presidente dell’ENCI, Dino Muto, ha sottolineato durante la serata, questa disciplina ha un forte collegamento con la cinofilia e fa riflettere su quanto la cultura cinofila abbia potuto fare progressi anche grazie a competizioni che hanno un obiettivo non solamente agonistico ma anche di promozione di un corretto addestramento nonchè di comportamento etico nei confronti della selvaggina e dell’ambiente. Anche all’osservatore esterno non sfuggirà infatti che, in non pochi casi, la stessa coppia cacciatore-cane del Sant’Uberto si ritrova nel concorso di caccia per cani da ferma o spaniel. E questo la dice lunga sul livello di preparazione al quale oggi tende la maggior parte dei concorrenti. La finale del 50° Trofeo Sant’Uberto si è disputata sui terreni della zona cinofila di Collacchioni (Pieve Santo Stefano – AR), una delle “culle” della cinofilia italiana, gestita con fervente passione da uno dei fondatori del Sant’Uberto e tuttora una figura chiave di questa disciplina, Domenico Coradeschi, giudice Sant’Uberto e segretario del Comitato organizzatore dei


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

Domenico Corradeschi segretario del Comitato organizzatore

Il Trofeo Sant’Uberto, disciplina che la Federazione Italiana della Caccia ha ideato e promosso in un’ottica di correttezza e di sportività venatoria, ha compiuto cinquant’anni. Grande la festa per la ricorrenza. Presenti il presidente Dino Muto e il vice Silvio Marelli

Il presidente Federcaccia Gianluca Dall’Oglio

Campionati del Mondo. Dal punto di vista canino, interessante notare come nelle classifiche finali siano rappresentate a “largo spettro” le razze da caccia, dal Setter inglese al Cocker passando per il Kurzhaar e lo Springer, sintomo di una disincantata considerazione sulle potenzialità delle varie componenti del pianeta cane da parte dei concorrenti. Peraltro “cronicamente” assenti nell’arco di tutto il Trofeo, “regolarmente” da anni, le nostre razze nazionali, probabilmente in conseguenza all’ottica che vede attributo delle razze inglesi e continentali estere una cerca più veloce e più estesa, quindi un più rapido e più ampio sfruttamento del terreno ai fini della prova. Sono queste del resto le razze maggiormente diffuse anche per la comune pratica venatoria. Oggi però si osservano in prove di caccia pratica spinoni e bracchi italiani dal trotto molto “sciolto e dinamico” (lasciamo le definizioni tecniche agli Esperti Giudici) che oltre ad avere un’ottima rispondenza sul terreno della caccia quotidiana, avrebbero “moderne” caratteristiche idonee al tipo di competizione. Chissà se qualcuno avrà voglia di sperimentare e buttare il cuore oltre l’ostacolo. Ma soprattutto dovranno essere etica, sicurezza e ambiente ad improntare la caccia e la cinofilia venatoria del terzo millennio, e il Sant’Uberto continuerà ad esserne messaggero. Roberto Aguzzoni

Sant’Uberto 2018 Classifica finale Al termine dei due giorni di prove, che hanno visto impegnati i concorrenti prove­ nienti da tutto il Paese, queste le classifiche finali del Trofeo Sant’Uberto 2018: ASSOLUTI 1º Mariliano Mazzoleni con Abacan, s.i. 2º Alessandro Brizzi con Evita, spr 3º Massimo Torelli con Ziko, k LADIES 1ª Anna Violo con Uranio, s.i 2ª Elvira Laurenti con Lola, s.i. 3ª Claudia Dei con Ella, eb VETERANI 1º Marco Benvenuti con Star, cock 2º Franco Gensini con Ares, s.i. 3º Vittorio Canduzzi con Biba, s.i. UNDER 30 1º Norman Rota con René, spr 2º Stefano Fais con Ga, s.i. 3º Personeni Carlo Alberto con Kira,s.i. Al termine della prova è stato assegnato anche il Trofeo in memoria di Ivo Angeli, offerto dalla famiglia, che è andato a Marco Benvenuti.

51


I vincitori del Derby Neck del Rotmik e Jesperinensi’s Dunga con la giuria. Da sx: Mauro Lenti, Valter Crippa, Tiziano Pavolettoni, Massimo Gentili, Franco Abati, Donato Grimaldi, Fiorino Battaglia

Il Derby nei terreni de “Il Colle”

Gli Spaniel conquistano Lajatico I presidenti dei Gruppi Cinofili coinvolti nell’organizzazione del Derby. Da sx: Alessandra Pelini, Betti Bucalossi, Serena Donnini. A seguire: il consigliere ENCI Angela Francini, il presidente Springer Spaniel Club Davide Celada, il presidente ENCI Dino Muto, il presidente Club Italiano Spaniel Maria Pia Pasquali, il presidente regionale della Toscana Riccardo Soderi, Barbara Corsini e Massimo Dinelli

52


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

I vincitori del Derby. Da sx: Jesperenensi’s Dunga , Springer Spaniel, con il conduttore Davide Celada e l’allevatore Paolo Cereda. Il Cocker Spaniel Inglese Neck del Rotmik con l’allevatore Michele Rota e il conduttore Cristian Marcellino

Dino Muto alla premiazione dei vincitori del Derby

Presenti alla manifestazione il presidente Dino Muto e il consigliere Angela Francini. Importanti risultati tecnici e per ultimo ma non meno importante Massimo Ripanucci, titolare dell’Azienda di cui sopra, per la cura e l’attenzione del territorio di varia natura vegeta-

IM PO RT AN TE

Credo che il Derby sia la prova più importante ed ambita della cate­ goria giovani, una sorta di vetrina in affac­ cio sul futuro della razza. Scrivere il nome di Jasperensi’s Dunga sul gradino più alto del podio degli Springer è stata una gratificazione enorme, che ripaga i tanti sacrifici fatti in questi mesi, soprattutto per recuperarla dal brut­ to infortunio che la coinvolse a dicembre 2017. Questo risultato, giunge a coronamento di una stagione per noi sempre in crescendo, fra risultati e certificazioni, ciò che veramente mi fa piacere è l’aver conseguito questi riconoscimenti praticamente con tutti i giudici dell’area spaniel, che ringrazio soprattutto per le considerazioni e le critiche sempre costruttive che ci hanno permesso di crescere e migliorarci. Davide Celada

TR AG UA RD O

Jaspariensi’s Dunga

della manifestazione, l’accoglienza che dal sabato è stata riservata agli esperti giudici, al personale dell’ENCI, al personale addetto per i controlli antidoping, al delegato Vettori, che ha gestito con sapienza e professionalità tutto ciò che era suo compito,

UN

Il Derby 2018 si è corso a Lajatico in provincia di Pisa, terra sempre benigna e feconda per la cinofilia Spaniel e non solo. I terreni dell’Azienda Faunistica il Colle sono l’ideale per tastare le qualità naturali dei nostri cani. La sistemazione logistica

53


tiva utile alle verifiche zootecnicehe delle nostre razze. La presenza del presidente dell’ENCI Dino Muto, del consigliere Angela Francini, del presidente del Consiglio Regionale Riccardo Soderi e dei Presidenti dei Gruppi Cinofili Toscani, hanno impreziosito ancora di più la manifestazione, confermando la giusta sinergia fra le parti, consolidando ancora di più quella condivisione di intenti instauratasi fra i cinofili e i vertici dell’Ente che sta crescendo sempre di più. Tre batterie di Springer Spaniel e una di Cocker Spaniel Inglesi a catalogo. Al barrage degli Springer sono approdati con CAC i vincitori delle tre batterie:

Batteria Springer. Da dx: 1° Jesperenensi’s Dunga cond. Davide Celada, 2° Gregorio di San Fabiano cond. Mario Rossi, 3° Aaron del Bona cond. Pier Domenico Baldini

UN DERBY DA RICORDARE Nelle suggestive colline del volterrano, si è svolto il Derby Spaniel 2018. Il maltempo che in quei giorni ha tormentato gran parte dell’Italia è stato clemente ed ha concesso lo svolgimento della più importante ed attesa prova dell’anno in una riserva ben preparata ed altrettanto organizzata. Degli otto cocker partecipanti alcuni erano già conosciuti avendo avuto occasione di distinguersi in precedenti prove di lavoro, per altri è stato un vero debutto. Tutti hanno dimostrato di avere le potenzialità per una brillante carriera. Ringrazio Il Presidente dell’ENCI Dino Muto ed i Presidenti dei Gruppi Cinofili di Pisa, Grosseto, Arezzo, Lucca, Poggiponsi che si sono uniti ai due Club Spaniel per festeggiare un importante giornata. Maria Pia Pasquali Presidente Club Italiano Spaniel

• Aaron del Bona allevato da Carlo Villani, proprietario e conduttore Domenico Baldini • Gregorio di S. Fabiano allevato da

SPANIEL SEMPRE PIÙ SU Angela Francini, consigliere ENCI, dice: “è stata una manifestazione importan­ te che ha una volta ancora confermato i grandi progressi della razza. Di questo se n’è reso conto e si è felici­ tato con i partecipanti il presidente Dino Muto che ha sottolineato anche la partecipazione dei responsabile dei Gruppi Cinofili della Toscana. Nonostante i progressi, le razze hanno bisogno dell’impegno di tutti”.

GRANDI PROSPETTIVE

Batteria Cocker Spaniel Inglese. Da sx: 1° Neck del Rotmik cond. Cristian Marcellino, 2° Pier del Bona cond. Pier Domenico Baldini, 3° Mettle cond. Marco Benvenuti, in compagnia di Marco Villani e Michele Rota

54

Il Derby è l’appuntamento più impor­ tante per i giovani e gli allevatori ed una volta ancora ha dimostrato quanto sia atteso e quale sia il suo successo. L’alto livello raggiunto è la conferma delle qualità di razze che continuano a guadagnare favori non soltanto fra i cinofili. Vincere per la seconda volta è stato per me una grande emozione. Cristian Marcellino


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

Domenico Coradeschi, proprietario e conduttore Mario Rossi • Jasparensi’s Dunga allevata dal Paolo Cereda, proprietario e conduttore Davide Celada. La giuria del barrage, formata da tutti gli esperti giudici e da me presieduta, all’unanimità ha proclamato vincitore del Derby 2018 Jaspariensi’s Dunga di Davide Celada. La batteria dei Cocker Spaniel Inglesi, giudicata dall’esperto giudice Franco Abati è stata vinta da Neck del Rotmic condotto da Cristian Marcellino. Festa doveva essere e festa è stata. Questo è il vero senso del Derby. È questo quello a cui aspiriamo. Il Derby è il termometro dell’evoluzione della razza, è la prova dove il conferimento dei valori assoluti (qualifiche) deve essere considerato fondamentale e prevalente. Ben vengano le tante qualifiche di eccellenza. La giornata di festa cinofila, perfettamente riuscita, si è conclusa con una bella tavolata e un brindisi per tutti. Viva il Derby e viva gli Spaniel. Donato Grimaldi (Foto Francesca Meliota)

Angela Francini e Dino Muto

Neck del Rotmik

55


La squadra di Spinoni Italiani vincitrice della Coppa Italia

Grande partecipazione alla Coppa Italia Continentali

Spinoni e Bracchi sul podio La più importante manifestazione zootecnica a squadre, riferita a tutte le razze continentali tutelate da un Club, ha vissuto la sua diciottesima edizione, e per il secondo anno direttamente sotto l’egida dell’ENCI.

Le prove si sono svolte a Pian di spino ed a Forlì. Incaricato di coordinare la manifestazione il consigliere Giancarlo Passini, che con la fattiva collaborazione del Gruppo Cinofilo di Forlì, ha portato a ter-

Giancarlo Passini presenta la giuria della Coppa Italia 2018

56

mine la manifestazione mantenendo alti i valori tecnici ed organizzativi. Dalle prime edizioni, partecipate solamente dalle razze più rappresentate numericamente nel nostro Paese, oramai da


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

Giancarlo Passini alla premiazione del Bracco Italiano Trento vincitore del Titolo Individuale della Coppa Italia 2018

COSÌ IL COORDINATORE GIANCARLO PASSINI RACCONTA LA COPPA ITALIA Su incarico dell’ENCI ho avuto l’onere e l’onore di coordinare questa importan­ tissima manifestazione che vede impe­ gnate tutte le razze e tutte le Società Specializzate che le tutelano. Dieci rappresentative a confronto sui terreni di Pian di Spino, zona ENCI, ben gestita dal Gruppo di Forlì, coadiuvati dai noti e bravissimi collaboratori. Sicuramente, dovremo valutare di orga­ nizzarla almeno 2 settimane prima, al fine di avere maggiori terreni a dispo­ sizione, in quanto anche qui l’agricoltura corre veloce nelle sue lavorazioni propo­ nendoci molti terreni arati. Nulla ha però inficiato il risultato, anzi, forse ne ha reso ancor più probante l’a­

spetto tecnico. Il nuovo regolamento, inerente alla prova a selvatico abbattuto, ha dato il risultato sperato?? Per me ha risposto alle annose proble­ matiche che si sono poste per anni, poi... se ci saranno proposte da valutare ci saranno sicuramente le sedi istituzio­ nali per discuterle. Mi è sembrato anche di percepire un clima sereno, e i tanti ringraziamenti ricevuti mi fanno pensare che ho perce­ pito bene!! Rinnovo i ringraziamenti a tutti anche a nome dell’ENCI e i complimenti per i risultati che ne sono usciti.

Assegnati i titoli a squadre e individuale. Nella “palestra” di Pian di Spino giuria d’eccellenza e selvaggina autoctona Brigante Griffone Korthals cond. Benedetta Costanzi

alcuni anni si è consolidato un incremento di partecipazione che ne vede in scena ben dieci tutelate da nove Associazioni specializzate riconosciute dall’ENCI. Al termine delle due giornate caratterizzate da verifiche funzionali quali la prova su selvaggina naturale CAC/CACIT, (la prima semplice, seguita dal quella del secondo giorno con brevetto di riporto a freddo) e la prova di riporto dall’acqua profonda, affiancate da quella morfologica, ne consegue nel distinguo la designazione della migliore del momento: la razza Spinone italiano vince a squadre la Coppa Italia 2018. Il premio individuale viene invece ottenuto dal Bracco italiano Trento. Una vittoria tutta Tricolore che non si limita solamente alle due prestigiose razze da ferma italiane, aggiungendo valore alla nostra selezione, punto di riferimento nel mondo. Nel tempo, siamo partiti con gli Epagneul Breton, Kurzhaar, Bracchi italiani e Spinoni, affiancate negli anni dai Drahthaar e Korthals per arrivare ai Bracchi francesi, Vizsla, Weimaraner e, ultimamente, ai Borbonesi. Queste razze numericamente inferiori si sono avvicinate in punta di piedi, con il piacere di partecipare

57


e la volontà di acquisire maggiori nozioni ed esperienza ed oggi sono presenti con soggeti degni di doverosa considerazione, in virtù delle eccellenti qualità di stile e venatiche che l’evento in argomento tende a mettere in evidenza, rappresentando un importante valore aggiunto. Si sono fatti molti passi in avanti nella selezione zootecnica e tali razze oggi non temono come un tempo il confronto con le “vecchie” molto utilizzate dal cacciatore italiano. Lo testimonia il fatto che in una graduatoria di punteggi gli Spinoni sono seguiti in ordine da Bracchi francesi, (già vincitori in due occasioni), Weimaraner, (una volta detentori del titolo individuale) Kurzhaar, Bracchi italiani, Drahthaar, Epagneul breton, Korthals, Vizsla e Borbonesi. Tra di loro otto razze hanno classificato almeno, (in ordine crescente) un cane durante le prove di lavoro e quasi tutte si sono aggiudicate ottimi punteggi nella prova di riporto dall’acqua profonda, (in ordine dai Presentazione per il libro sull’Epagneul Breton

Vizsla nella prova in acqua

vaggina non è mancata e sufficienti sono state le occasioni di incontro, considerando sopratutto che tali condizioni permettono solamente a coloro che posseggono un forte bagaglio di esperienza venatoria di riuscire nell’intento. Si è sussurrato che qualche occasione in più non avrebbe guastato ma, anche alla

luce della percentuale dei classificati che si evince intorno al 27%, (media che si raggiune normalmente nelle prove di lavoro) non si può asserire che la selvaggina è mancata. Il gruppo di Pian di Spino che gestisce questa zona cinofila ENCI si adopera in modo serio, tenuto conto della vastità e tiBracco Francese in acqua

bracchi francesi i migliori seguiti da epagneul breton, kurzhaar e via via a scendere sino ai korthals). A tutto ciò si aggiunge l’importante e strettamente legata verifica morfologica che attesta l’alto grado qualitativo di eccellenza della totalità dei cani, tra i quali spiccano Drahthaar, Weimaraner e Bracchi italiani. Detto ciò si evince chiaramente che l’obiettivo che si erano prefissati i fondatori di questa vetrina annuale per i continentali viene raggiunto: la tutela e l’incentivazione alla selezione di queste razze, focalizzando le peculiarità che le caratterizzano in quanto cani da ferma. Ecco chi vince: la cinofilia, il serio lavoro che tutti gli appassionati stanno svolgendo da anni, l’ENCI che coordina e sovraintende tutto ciò insieme alle Associazioni specializzate di razza che di anno in anno si impegnano per questi obiettivi. Pian di Spino si è rivelata nuovamente severo banco di prova: terreni molto impegnativi, impervi in alcune zone , caratterizzati da varia vegetazione e lavorati. La sel-

58


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

pologia del terreno, oltre alla presenza di altro tipo di selvaggina, (grande densità di ungulati) che sicuramente non favorisce ma limita la presenza di starne e fagiani. Dobbiamo osservare che gli ampi prati di erba medica ed erbai si sono presentati con altezze ai limiti e che, dove lavorati, in alcune zone erano veramente “tabula rasa”. Il corpo giudicante indicato dall’ENCI era composto da Gianmario Barzanò, Mario Di Pinto, Francesco Francaviglia, Daniele Gaddini, Giorgio Gaggero, Alfio Guarnieri, Claudio Lombardi, Alvaro Mantovani, Alberto Modonese e Marco Ragatzu, i quali hanno esaminato le cinque batterie dove erano distribuiti i cinquantotto cani a catalogo. A Lombardi affidata la verifica morfologica mentre a Ragatzu, Barzanò e Gaddini quella del riporto dall’acqua profonda. Delegato ENCI Michele Pizzuto. Durante le relazioni non sono mancate le menzioni per alcuni cani che, pur non riuscendo a classificarsi, hanno dato modo di mostrare eccellenti qualità di potenziale venatorio e di stile di razza, sopratutto per Vizsla, Weimaraner e Borbonese. Per quanto concerne invece chi ha ottenuto qualifiche è doveroso ricordare quelli che ne sono stati capaci nelle due giornate consecutive: primo tra loro Trento, Bracco italiano di Marieke Hamakers, conduttore Danilo Rebaschio, vincitore dell’individuale che ha ottenuto due 1° Eccellente, seguito dal Bracco francese Feal di Antonio Malpeli , conduttore Omar Mariani e dal Kurzhaar Lola condotta dal proprietario Stefano Littamé che guadagnano entrambi un 1° MB ed un 1° Eccellente. A questi si accoda anche il Weimaraner Powershot C’Altair condotta dalla proprietaria Martina Magnani che ottiene una qualifica di 3° MB ed un CQN, anche lui due volte all’incontro. Ogni anno la Coppa Italia, trattandosi di occasione durante la quale sono presenti tutte le Associazioni di razza, i rispettivi presidenti, molti allevatori e conduttori, rappresenta anche momento di confronto culturale cinofilo: l’edizione 2018 si pregia dell’incontro per la presentazione del libro sull’Epagneul breton “Allegro con brio”, scritto da Valeria Merighi e Giancarlo Passini ed edito da Edizioni Altea. Gli autori hanno descritto alla numerosa platea il contenuto del testo avvalendosi anche dell’intervento del dott. Paolo Piccinini e del dott. Giuseppe Atti che hanno collaborato alla stesura per la parte scientifica. Ebbene, un evento zootecnico ben riuscito e ancora una volta con importanti risultati. Marco Ragatzu (fotoservizio Erica Recchia)

Weimaraner Achille cond. Giovanni Ali

Mutine de la Benigouse. Borbonese cond. Moroni

La squadra di Bracchi Francersi 2° classificata Coppa Italia 2018

59


Notevoli risultati tecnici nel Trofeo Bruzzone

Bruzzone è stato un grande cinofilo, un pioniere della razza Breton, allevatore con affisso “della Galatea”, componente per anni del consiglio direttivo del CIEB, che gli ha riconosciuto la carica di presidente onorario. La signora Angela, la sua meravigliosa compagna di vita, e collaboratrice nell’allevamento, purtroppo quest’anno no ha potuto presenziare alla manifestazione, ma come sempre a messo a disposizione della delegazione CIEB di Genova, un bellissimo piatto in ceramica da donare al miglior soggetto del raduno La manifestazione si è articolata in due giorni di prove DOC designate dall’ENCI e in un Raduno nazionale. Il giorno 8 settembre prova riservata ai continentali, il giorno 9 prova riservata agli Epagneul Breton con CAC/CACIT in palio e nel primo pomeriggio un Raduno nazionale valevole per il Campionato di bellezza, il tutto si è svolto a Cantalupo Ligure, nella bella riserva di caccia gentilmente concessa dal dott. Claudio Macchiavelli, una riserva che anche a causa di una stagione secca, ha reso ancora più difficile il lavoro dei cani presentati, con starne, pernici e fagiani di eccellente qualità, e solo pochi soggetti con grandi capacità hanno saputo realizzare punti validi. Il Presidente del Club, Andrea Tureddi,

Breton e Starne a Cantalupo La delegazione CIEB di Genova, anche quest’anno ha voluto ricordare la memoria del grande cinofilo bretonista Aldo

Bruzzone, con la settima edizione del trofeo a lui dedicato. Ai più giovani, voglio ricordare che Aldo

presente alla manifestazione, si è complimentato con Enrico Bixio e la sua equipe per la perfetta organizzazione, per i terreni

Un momento dell’Esposizione

60


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

Dopo un agguerrito barrage, la terna giudicante, formata da Bellotti, Gaddini e Sassarini, ad unanimità assegna il CACIT a Mito con­ dotto da Lascialfari e la riserva ad Atina condotta da Tureddi. Le qualifiche e classifiche complete si possono trovare sul sito www.epagneul.net.

TROFEO ALDO BRUZZONE

PROVE SU SELVAGGINA NATURALE PER LE RAZZE DA FERMA SPECIALE EPAGNEUL BRETON DI CANTALUPO LIGURE (AL) DEL 9 SETTEMBRE 2018 1° Batteria esperto giudice Bellotti Giorgio 1° Ecc.CAC/CACIT Mito cond. Lascialfari 2° Ecc. Mondo Od Postara cond. Lascialfari (soggetto estero) 2° Batteria esperto giudice Gaddini Daniele 1° Ecc. CAC Yago cond. Boschi 2° Ecc. Nando cond. Boschi 3° Ecc. Tico di Marco­Giorgio cond. Boschi 3° Batteria esperto giudice Sassarini Danilo 1° Ecc. CAC Schumy cond. Calcinai 2° Ecc. Ghirò cond. Bignotti 3° Ecc. Camogliensis Megan cond. Bò 4° Batteria esperto giudice Bixio Enrico 1° Ecc. CAC ris. CACIT Atina cond. Tureddi 2° Ecc. 1^ R/CAC Elit del Garincos cond. Tureddi 3° Ecc. Milito cond. Tureddi ESPOSIZIONE SPECIALE EPAGNEUL BRETON Giudice Amelia Scarafone MASCHI bianco arancio Campioni 1° Ecc. Rooney prop. Albanesi Cesare Lavoro 1° CAC Ago pr. Fabbri Marco

Libera 1° R/CAC Metz di Val Grossa pr. Preto Andrea Intermedia 1° CAC Millav di Val Grossa pr. Preto Andrea FEMMINE bianco arancio Libera 1° R/CAC Mabel pr. Bertoglio Franco Intermedia 1° CAC Mimi di Val Grossa pr. Preto Andrea Lavoro 1° CAC Atina pr. All.to di Massaciuccoli Giovani 1° ECC Annet pr. Crotti Angelo MASCHI altri colori Campioni 1° ECC BOB Juan Carlos della Piave Antica pr. Begali Giordano Libera 1° MB Edu pr. Fabbri Marco Giovani 1° MB Diamond di Poggio Sanremo pr. Lorini Paolo Veterani 1° ECC Daimo pr. Campanile Orazio FEMMINE altri colori Campioni 1° ECC BOS Camogliensis Megan pr. Bò Danilo Libera 1° CAC Margot Della Piav e Antica. pr. Pivato Gianfranco

Il TROFEO BELLO E BRAVO assegnato in base alla somma dei punti della prova di lavoro e dell’esposizione è stato vinto da Atina dell’allevamento di Massacciuccoli. Il TROFEO ALDO BRUZZONE è stato assegnato a Juan Della Piave Antica di proprietà dell’omonimo allevamento.

La prova nella splendida “riserva” in Liguria. Scaltri selvatici hanno selezionati i concorrenti più bravi e per la selvaggina (veramente selvatica). La stessa considerazione è stata fatta dagli esperti giudici, che nelle relazioni, hanno sottolineato la qualità dei soggetti presentati, dei terreni, definiti eccezionali, che mettono in risalto solo ed esclusivamente soggetti di eccelse qualità e con un’ottima preparazione. Ho potuto constatare, giudicando i due giorni di prova, la grande validità dei terreni e della selvaggina ed ho elogiato tutti quei soggetti che hanno terminato il turno in crescendo, pur non incontrando e meritandosi il richiamo.

Giuria pronta per il barrage

Testo e foto di Giorgio Bellotti

61


Nino La Barbera alla premiazione di Benny con i giudici, il conduttore, i collaboratori e il dr. Mario Candore

Importanti risultati tecnici delle prove in Sicilia

Due giorni fra i Cotorni

Il riconoscimento a Gemma di Scornavacche

62

Si sono svolte in Sicilia le prove su selvaggina di montagna il 3 e 4 novembre 2018, nei Demani Forestali di Monte Pecoraro, Monte Palmeto e Montagna Longa, che sovrastano Palermo e dominano austeri il meraviglioso Golfo di Castellammare. L’organizzazione è a cura del Gruppo Cinofilo Trinacria e Associazione Beccacciai e Perniciai, che hanno giovato della collaborazione del Gruppo Cinofilo Marsalese, Consiglio Siciliano C.P.A.C.S., Club Italiano Bracco Francese e Kurzhaar Club Italiano delegazione Sicilia. Solamente un soggetto delle razze continentali e una manciata di coraggiosi inglesi in una batteria, si impegnano per il V° Trofeo “Alectoris Graeca Whitakeri” e concorrono anche al II° Trofeo ENCI “Alectoris Graeca”. Sensazionali scenari e terreni impervi, caratterizzati da rocce e rara, bassa vegetazione, che però ospitano oggi come un tempo una buona densità di scaltre cotorne: nel confronto diretto e sotto gli attenti occhi spalancati degli attoniti osservatori, è Benny, il Pointer di Lombardino che riesce nell’intento su tutti e guadagna l’ambito V° Trofeo trinacriano, concorrendo anche in lista per quello ENCI. Pur volendo sottolineare l’aspetto tecnico della manifestazione corre anche la necessità di rimarcare quanto ha caratterizzato queste prove. Un tempo le coturnici siciliane, (Alectoris graeca whitakeri), popolavano abbondantemente queste montagne e le prove venivano svolte abitualmente al fianco di quelle a beccacce, configurandole come le uniche discipline verso le quali i cinofili del luogo ponevano la loro attenzione. Parliamo di quelle che si svolgevano negli anni ‘80 e ‘90 a Castelbuono, (nell’odierno Parco delle Madonie), della settimana internazionale cinofila di Sicilia a Cesarò, (ora Parco dei Monti Nebrodi) e quella di Monte Inici a Castellammare del Golfo. Dopo un periodo di pausa dovuto alla diminuzione nei numeri di questa specie, un gruppo di appassionati ha deciso di adoperarsi affinché le “pirnici” tornassero a popolare e riprodursi su questi sassosi terreni. Istituzioni e volontari delle varie associazioni cinofile e di cacciatori si sono impegnati con interventi di protezione e salvaguardia. Il Comando del Corpo Forestale di competenza territoriale ha messo a disposizione alcuni uomini per vigilare i confini di questa incredibile estensione. La prova di lavoro coordinata e diretta da Antonino La Barbera e Michele Pizzuto ha permesso di constatare le potenzialità e le effettività dei cani al test, fruendo della possibilità di reperire magnifiche cotorne. La quasi totalità dei soggetti verificati si è dimostrata dotata di evidente esperienza


i nostri

Cani

Anno 64 num. 11 dicembre 2018

Benny in azione

Rivisto, (addirittura in due richiami), non ha fortuna e le pernici sentite cantare nell’ultima fase non vengono reperite. Da rimarcare anche la bella prestazione messa in atto dal Setter Gemma di Scornavacche: anche lei non è “alla prima”, è nota e non solamente in questa disciplina, ma purtroppo, malgrado turno e richiamo con bellissima prestazione, non approfitta di una cotorna sul finire. Al di là delle classifiche, questo tipo di prova permette indiscutibilmente di verificare importanti ed insostituibili potenzialità in quei cani che, bene allevati e preparati, si dimostrano con naturalezza in quanto cacciatori, aspetto che costituisce strumento per focalizzare e verificare la selezione zootecnica del cane da ferma e del suo benessere. Ma Cinisi non è stata occasione e teatro

La conferma del “ritorno” dei preziosi selvatici per il Trofeo ENCI “Alectoris Graeca” e per il Trofeo “Alectoris Graeca Whitakeri”

Gemma in azione

per gli aspetti che caratterizzano questa nota di concorso: preparazione atletica ed equilibrio, potenza olfattiva e sagacia, mentalità spiccate e grande autonomia nel collegamento, questo voluto e curato da entrambe i lati, conduttore e cane, spiccato senso dell’habitat e del selvatico. Qualità non diffusissime e apprezzate considerevolmente. L’unico continentale, giudicato da Francesco Francaviglia, non riesce nell’intento durante un lungo turno pur dimostratosi all’altezza del compito con sufficienti mezzi. Gli inglesi, verificati nella batteria di

Antonino La Barbera e Marco Ragatzu, vedono invece un differente epilogo, nel quale solamente uno riesce a concretizzare la classifica: si tratta di un Pointer al guinzaglio di Giovanni Lombardino, Benny, che ottiene il 1° Eccellente in classifica il sabato con due punti all’attivo. La domenica il bianco arancio si ripete con un turno caratterizzato da palese decisione e bene nella nota, addirittura superiore a quello del giorno prima. Impegnatissimo, collegato, con belle aperture e evidente metodo, conclude mantenendo lo stesso ritmo ma senza incontrare.

dove il cane era l’unico protagonista, non solo verso di lui si sono poste le attenzioni durante i turni: “MyEnci”, l’applicazione messa a disposizione degli esperti giudici, ha permesso di svolgere le opere di censimento per le coturnici siciliane. Un tangibile contributo che la cinofilia si onora di offrire per la tutela della fauna selvatica, con l’istantanea comunicazione della presenza e la precisa allocazione di coppie e, o branchi, avvistati nell’occasione e notificati direttamente all’ISPRA. Dati utili e necessari per monitorare quel lavoro che si sta adoperando nella Regione Sicilia, (non solo per le pernici ma anche per le beccacce). A testimonianza dell’importanza e del gradimento di questo progetto era presente alla manifestazione anche il dr. Mario Candore, Dirigente Generale presso il Dipartimento regionale dello sviluppo rurale e territoriale, il quale, apprezzando sia il lato cinotecnico che quello faunistico e ambientale, ha riconfermato la sua totale disponibilità all’approfondimento di quei progetti che uniscono la tutela del territorio a quella cinofila. Una terra viva che vibra di iniziative e progetti futuri, caratterizzata da indimenticabile storia cinofila e speranza per un sempre più brillante futuro, contraddistinto da argomenti cinofili e culturali per la salvaguardia del cane di razza ma con l’attenzione e le risorse anche all’habitat ed alla fauna selvatica. Marco Ragatzu

63


successi all’estero

RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI

ACCESSO ALLA RUBRICA BEST IN SHOW: 1°, 2°, 3° classificato (compresi Coppie, Gruppi, Giovani, Veterani) RAGGRUPPAMENTO: 1°, 2°, 3° classificato RADUNI E SPECIALI DI RAZZA: BIS: 1°, 2°, 3° - BOB-BOS 1° classe campioni, libera, intermedia, lavoro, giovani, veterani

INDICARE nome del cane, razza, luogo e data expo, classifica, giudice, allevatore, proprietario. Le inserzioni incomplete, verranno cestinate Inviare a redazione@enci.it I NOME DEI CANI, ALLEVATORI E PROPRIETARI DEVONO CORRISPONDERE AL LIBRO GENEALOGICO. LA REDAZIONE NON È RESPONSABILE DI EVENTUALI ERRORI DAL NUMERO DI DICEMBRE SOLO RISULTATI OTTENUTI DOPO IL 30 DI GIUGNO 2018 CRUFTS 2018 Accesso alla rubrica per i soggetti di allevamento e/o proprietà italiana che abbiano ottenuto il 1° posto nella classe d’appartenenza, oltre a BOB-BOS e risultati nel Ring d’Onore

VESTIGIA FLAMMAE MYRANDA & LONDON Cavalier King Charles Spaniel Expo di Osijek (HR) 16/9/18 3° BIS Coppie Giudice Gyorgy Tesics Allev. Silvia Caldarera, Valter Visintini Proprietaria Cosetta Lanfritto

64

MOVIDA BY NIGHT DELLA KALESA Cocker Spaniel Inglese Expo di Gjilani (RKS) 4/9/18 1° classificato gruppo 8 Giudice Sanja Vretenicic

Expo di Gjilani (RKS) 5/9/18 1° classificato gruppo 8

Giudice Sanja Vretenicic Allevatore Giuseppe Saieva Proprietario Giulia Luisa Chelo

DOOGE Rottweiler Raduno di Nùrberg (D) 29/7/18 1° Working class

Giudice Peter Frederick Allevatore Attilio Sparano Proprietario Giuseppe Camputaro

ROYAL WEIM BABY ONE MORE TIME Weimaraner Expo di Lendava (SLO) 15/9/18 1° classificato gruppo 7 Giudice Vojko Pirher Allevatore Dario Raimondi Cominesi Proprietario Luigi Ingrosso

BLUE BLOOD PRINCESS BIANCA Volpino Italiano Speciale di Gradiska (BHI) 2/9/18 BOB

Giudice Paula Heikkinen-Lehkonen Allevatore Stefania Prandin Proprietario Cinzia Vicini


successi all’estero

RIVARCO LAMBADA Whippet Speciale di Amsterdam (NL) 10/8/18 1° Cl. Libera

Giudice Michael Howgate Allevatore e propr. Gaetano Turrini

BORN TO WIN BALI Volpino Italiano Speciale di Gradiska (BHI) 2/9/18 BOS

Giudice Paula Heikkinen-Lehkonen Allevatore Stefania Prandin Proprietario Cinzia Vicini

ALFRED Broholmer Raduno di Broholm-Gudme (DK) 25/8/18 BOS Veterani Giudice Marianne Birte Baden Allevatore Karin Schimidt Proprietario Maria Rubina Pica

WINALMIK’S THE SENTINEL Pastore Belga Malinois Speciale di Amsterdam 11/8/18 BOB Giudice Piskay Allevatore Allev. Winalmik’s Proprietario Gian Luigi Spinelli

FIRECROSS AMUSING SUNRISE Staffordshire Bull Terrier Expo di Lendava (SLO) 15/9/18 2° classificato gruppo 3

Giudice Gorazd Gregor Namestnik. Allevatore e propr. Lisa Garavaglia

EMOTION DEL PICCOLO JIGO Alano fulvo Raduno di Lollar (D) 28/7/18 1° classificato Best in Show Giudice C. Habig Allev. e propr. Allev. del Piccolo Jigo

65


successi all’estero

DIAMOND KEIRON LUPI DEL NORD Cane Lupo Cecoslovacco Expo di Sarajevo (BIH) 14/7/18 3° classificato gruppo 1

Giudice Umit Ӧzkanal Allevatore Allev. I Lupi del Nord Proprietario Laura Masserdoni

IPANEMA DELLA BAIA AZZURRA Alan o nero National d’Elevage di Neuvic (F) 16/9/18 ECC 1° Cl. Intermedia Giudice. G.Perosino Allevatore Patrizio Donati Proprietario Gianmaria Furini 66

JOSEPH DEL BIAGIO Alaskan Malamute Expo di Macon (F) 2/9/18 1° classificato gruppo 5

Giudice Christian Leneuf Allevatore Giuseppe Biagiotti Proprietario Maurizio Pizzolato

GUAPA DELLA BAIA AZZURRA Alano tigrato National d’Elevage di Neuvic (F) 16/9/18 3° classificato Best in Show Giudice A. Korozs Allevatore Patrizio Donati Proprietario Giuliani Paolini

WINALMIK’S POP ROCKS Pastore Belga Malinois Nazionale d’Allevamento di Aubigny (F) 25/8/18 1° ECC Cl. Intermedia Giudice Dugue’ Allevatore Allev. Winalmik’s Proprietario Giorgio Onorini

IPPON DELLA BAIA AZZURRA Alano blu National d’Elevage di Neuvic (F) 16/9/18 ECC 1° Cl. Intermedia Giudice J. Walsh Allevatore e propr. Patrizio Donati


successi all’estero

I BRAVI RAGAZZI EASY RIDER Bullmastiff Speciale di Amsterdam 11/8/18 BOB

Giudice Navarro Guisado Allevatore e proprietario Nadia Furlon

PAMIR DEL PIERVEZ Zwergpinscher Club Show di Illmensee (D) 9/9/18 BIS Giovani Maschi

Giudice Stefanie Freitag Allevatore e propr. Allev. del Piervez

ELFI DEL PIERVEZ Zwergpinscher Clun Show di Illmensee (D) 8/9/18 BOS

Giudice Edith Schoen Allevatore e propr. Allev. del Piervez

GREAT SOUL DEL PICCOLO JIGO Alano fulvo Clubsiegerschau di Paderborn (D) 9/9/18 CAC VDH Cl. Campioni Giudice M. O´Sullivan

Grenzlandschau di Steinbach am Glan (D) 19/8/18 1° classificato Best in Show Giudice H. Kliebestein

Raduno EuDDC Show di Zofingen (CH) 2/9/18 CAC Cl. Campioni

Giudice Francisco Vázquez López Allev. e propr. Allev. del Piccolo Jigo

DRAGONJOY LOVE SONG Welsh Corgi Pembroke Expo di Split (HK) 26-27-28-29/7/18 1° BIS Veterani 2° BIS Veterani 3° BIS Veterani 2° classificato gruppo 1

Giudici Ozan Belkis, C. Stefanescu, Mile Aleksosk, H. Kamisato Allevatore e propr. Allev. Dragonjoy

HEROE’S DREAMS IMPECCABILE Zwergschnauzer bianco Expo di Leipzig (D) 25/8/18 2° classificato gruppo 2

Giudice Peter Farrell Allevatore e propr. Salvatore Romano 67


successi all’estero

DAIANA IZ MIRA GREZ Alano blu Club Show di Zofingen (CH) 2/9/18 1° Cl. Giovani

Giudice Lisbeth Mach Allevatore Olga Pavlova Proprietario Svetlana Zubchenko

I BRAVI RAGAZZI BARCELONA MONTSERRAT Bullmastiff Raduno di Amsterdam (NL) 10/8/18 BOB Cl. Veterani

Giudice Navarro Carmern Guisado Allevatore Nadia Furlon Proprietario Paola Montemurro

BENEDICT & DAIANA IZ MIRA GREZ Alano Blu Club Show di Zofingen (CH) 2/9/18 3° BIS Coppie

Giudice Lotte Jorgensen

Raduno Anniversary Winner di Donaueshingen 5/8/18 BOB

Giudice Lisbeth Mach Proprietario Svetlana Zubchenko Allevatore O.Pavlova e I. Chebanova

NIGHTWISH-N DEL CASTELLO DELLE ROCCHE Alano nero Raduno di Holbach (D) 15/7/18 CAC Cl. Giovani Giudice Regina Bachmann Allevatore e propr. Alberto Malaguti 68

ZUCCHEROAVELO DEL COLLE FOLIGNATO Piccolo Levriero Italiano Raduno di Donaueschingen (D ) 4/8/18 4° classificato Best in Show

Giudice Vittorio Passerino Allevatore e propr. Simona Micarelli

THE MAGICIAN MARCELLO MASTROIANNI Alaskan Malamute Expo di Lipica 2 (SLO) 7/10/18 2° classificato gruppo 5

Giudice Zaferino da Silva Allevatore e proprietario Franco Tozzi

DELPHINIUMS VOULEZ VOUS Flat Coated Retriever Raduno Retrievers di Hallbergmoos (D) 8/8/18 BOB Giudice Birgit Pfeifer Allevatore Thina Johansson Proprietario Lucia Scarpa


successi all’estero

ZUPPETTA DEL COLLE FOLIGNATO Piccolo Levriero Italiano Raduno di Donaueschingen (D) 4/8/18 BOS Giudice Lotte Jorgensen

Raduno Anniversary Winner di Donaueshingen (D) 5/8/18 CAC ZAGABRIA DI TORRE SAN FRANCESCO Alano nero Nationale d’Elevage di Neuvic (F) 6/9/18 CACS

Giudice Vittorio Passerino Allevatore e propr. Simona Micarelli

Giudice Guido Perosino Allevatore e propr. Giuliano Paolini

ALL ABOUT MOLIÈRE FULFILLED MY SOUL Barbone grande mole grigio Speciale di Amsterdam (NL) 10/8/18 BOS

Giudice Marianne Slooijer Allevatore Andrea Veitova. Proprietario Francesca Romana Ioghà

THE MAGICIAN PHILIPPER COURT CHATRIER Alaskan Malamute Speciale di Lipica (SLO) 6/10/18 BOS

Giudice Franz Krenn Allevatore e propr. Allev. The Magician

MAIKO NO KUROTAMA DEL CASTELFALCINO Shiba Inu Club Show di Lipica (SLO) 6/10/18 BOS Giudice Peter Harsanyi Allevatore Allev. del Castelfalcino Proprietario Martina Lagasio

NAIRA-A DEL CASTELLO DELLE ROCCHE Alano arlecchino Nationale d’Elevage di Neuvic (F) 16/9/18 ECC 1° Cl. Giovani Giudice Andras Koroz Allevatore Alberto Malaguti Proprietario Sabrina Botto

69


successi all’estero

UMBRIA JAZZ DEL COLLE FOLIGNATO Piccolo Levriero Italiano Raduno di Donaueshingen 5/8/18 BOS

Giudice Vittorio Passerino Allevatore e propr. Simona Micarelli

INDIACAN INDIANA JONES GREATEST ADVENTURE Cao de Agua Speciale di Lipica (SLO) 6/10/18 BOB Giudice Duško Piljević Allevatore Emanuela Fabrizia Palmegiano Proprietario Enrica Campisi

JDEDMONTONDYLANDOG Nova Scotia Duck Tolling Retriever Speciale Retriever di Polhov Gradec (SLO) 1/9/18 BOB Giudice Sven Slettedal Allevatore Alessia Ferrari Proprietario Egle Golisano 70

KOUROS SIAMO SOLO NOI Levriero Afgano Speciale Levrieri di Dolsko (SLO) 8/9/18 1° classificato Best in Show Giudice Veronika Chrpovà Allevatore Simona D’Andrea Proprietario Paolo Bandini

JUPITER CAINE, PESCA, BUCK Volpino italiano Expo di Lipica (SLO) 6/10/18 3° BIS Gruppi Giudice Julija Aidietiene Allevatore e proprietario Eva Barbieri

AKEMI RIJEKA NAOMI Cane Lupo Cecoslovacco Expo di Sarajevo 15/7/18 3° classificato gruppo 1 Giudice Tamas Jakkel Allevatore Laura Queirolo Proprietario Laura Masserdoni


successi all’estero

KISS ME AGAIN NINA Welsh Corgi Pembroke Speciale di Lipica (SLO) 7/10/18 CAC

Giudice Ann IngramMostra Allevatore e propr. Jesse Margarete

LOVE Cao de Agua Speciale di Lipica (SLO) 6/10/18 BOS Giudice Duško Piljević Allevatore Paolo Bacchilega Proprietario Enrica Campisi

REGINA DI CUORI DELL’ANTICA ETRURIA Volpino italiano Speciale di Razstava Psov (SLO) 6/10/28 1° BIS Veterani Giudice Peter Harsanyi Allevatore Andrea Leonini Proprietario Eva Barbieri

ROYAL FOX ROAD NEWTON APPLE STORY Jack Russell Terrier Expo di Gradiska (BIH) 1/9/18 2° classificato gruppo 3

Giudice Paula Heikkinen-Lehkonen Allevatore Anne Joucan Renard Proprietario Allevamento Aikiwa

PHOEBE DU DEMON DOG Zwergpinscher Bundessieger di Tulln (D) 30/9/18 BOB

Giudice Martina Heger Allev. e propr. Allev. Du DeMon Dog

PARALLEL UNIVERSE DU DEMON DOG Zwergpinscher Bundessieger di Tulln (D) 30/9/18 BOS

Giudice Martina Heger Allev. e propr. Allev. Du DeMon Dog 71


successi Italia

RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI

ACCESSO ALLA RUBRICA A PARTIRE DAL 1° GENNAIO 2017 1° classificato del Raggruppamento, compresi Coppie, Gruppi, Giovani e Juniores in Esposizioni Internazionali in Italia. 1°, 2°, 3° classificato del Best in Show generale INDICARE nome del cane, razza, luogo e data expo, classifica, giudice, allevatore, proprietario. Le inserzioni incomplete, verranno cestinate Inviare a redazione@enci.it I NOME DEI CANI, ALLEVATORI E PROPRIETARI DEVONO CORRISPONDERE AL LIBRO GENEALOGICO. LA REDAZIONE NON È RESPONSABILE DI EVENTUALI ERRORI DAL NUMERO DI DICEMBRE SOLO RISULTATI OTTENUTI DOPO IL 30 DI GIUGNO 2018

ARIMMINUM IRYS L’ESPRIT DU LOUP Cane Lupo Cecoslovacco Expo dì Frosinone 15/9/18 1° classificato gruppo 1 Giudice Aleksoski Mile Allevatore Sarka Matrasova Proprietario Laura Scaglia

72

CHESTER DE POMPADOUR & FARFALA DE POMPADOUR Papillon Expo di Bergamo 23/9/18 1° BIS Coppie Giudice F. La Rocca Allevatore Zuzana Nouzakova Proprietario Barbara Mascherpa

I BRAVI RAGAZZI NOTHING ELSE Bullmastiff Expo di Frosinone 15/9/18 1° classificato gruppo 2 Giudice Sebastian Harnick Pl Allevatore Nadia Furlon Proprietario Paola Montemurro

SOLCHECCO CARLOTTA PAPEROTTA Chihuahua p/l Expo di Catania 8/9/18 1° classificato gruppo 9

Giudice Paolo Lovaglio Allevatore e propr. Simonetta Stampigi

GREAT SOUL DEL PICCOLO JIGO Alano fulvo Expo di Lecco 22/9/18 1° classificato gruppo 1 Giudice F. Porta

Expo di Bergamo 23/9/18 1° classificato gruppo 1

Giudice M. Franzetti Allev. e propr. Allev. del Piccolo Jigo


successi in italia

LISANDER EXPLOSION OF BEAUTY Terrier Nero Russo Expo di Chiaravalle (AN) 4/8/18 1° classificato gruppo 2

Giudice Roberto Schill Allevatore Marco Galli Proprietario Luciano Enrico Campi

LISANDER EXPLOSION OF BEAUTY & LISANDER HABANERA AT ROBROYD & LISANDER HIGH CLASSICO AT ROBROYD Terrier Nero Russo Expo di Chiaravalle (AN) 4/8/18 1° BIS Gruppi Giudice Paolo Tartaro Allevatore Marco Galli Proprietari Luciano Enrico Campi, Maria Concetta Rauco, Marco Galli

MAGELLAN GO TESSAIGA & REIKA NO TAMAHIME GO TESSAIGA Shiba Expo di Roma 16/9/18 1° BIS Coppie

Giudice Nataletti Allevatore e proprietario Allev. Tessaiga

SUMO ARADIA Akita Americano IDS Pescara 30/9/2018 1° classificato Gruppo 5

Giudice Carla Molinari Allevatore Sara Muscianese Proprietario Gianfranco Sportelli

TEODORA LA SIGNORA DEI 100 CANI Bolognese Expo di Lecco 22/9/18 1° classificato gruppo 9 Giudice Arianna Giorgi Allevatore e propr. Antonella Berto

FAUSTOLO DI SANTAMARIA Pastore Maremmano Abruzzese Expo di Ragusa 29/7/18 1° classificato gruppo 1 Giudice Gianni Fulgenzi Allevatore Alfonso Cosentino Proprietario Allev. di Santamaria

73


C L U B SOCIETA’ ITALIANA BASSET HOUND ROMA - RADUNO 16/9/18 Giudice Valerio Nataletti MASCHI Campioni LORD BYRON DELLA TERRA DEI TEMPLARI - ECC 1 Pr. Enrica Masini Allev. della Terra dei Templari Libera NON PLUS ULTRA DELLA TERRA DEI TEMPLARI R/CAC Pr. ed allev. All. della Terra dei Templari TERRA D’ORFILI HUGO A MIDSUMMER NIGHT’S DREAM - ECC 2 Pr. Elio Gagliardi allev. Antonella Bonacossa Intermedia KUORII LIME Eccellente 1 CAC BOB Pr. ed allev. Maddalena Tranchina

Roma. PERDINDIRINDINA BOB giovani

Roma. BOB e BOS

74

ARIPIJO FIATO E PARTO ECC 2 Pr. ed allev. Susanna Deotti Giovani PERDINDIRINDINA DELLA TERRA DEI TEMPLARI ECC 1 JBOB Pr. Francesco Tremul allev. All. della Terra dei Templari Juniores FRANKIE GOES TO HOLLYWOOD DEL BASSRANCH MP 1 Pr. Emanuela Tocchio allev. Roberta Spagnoli FEMMINE Libera LE BAISER DU DRAGON Eccellente CAC BOS Pr. Francesca Ghezzi allev. Umberto De Santis CAMILLA OLIMPIA MINERVA MCGRANITT Eccellente R/CAC Pr. Francesco Tremul allev. Mara Giacometti Intermedia ALTEA BIRIBO’ ECC 1 Pr. ed allev. Susanna Deotti BUFFOBASS SIENA ECC 2 Pr. Enrica Masini allev. Maria Akindinova Giovani EMMA BOVARY JUNIOR DEL BASSRANCH ECC 1 Pr. Emanuela Tocchio allev. Roberta Spagnoli RADUNO S.I.BAS DI OSTIGLIA 30/9/2018 GIUDICE MARIANO GALAN ZANCAJO MASCHI CAMPIONI 1° ECC BOS. CAMPIONE DI CLUB LORD BYRON DELLA TERRA DEI TEMPLARI Pr. ENRICA MASINI. Allev. DELLA TERRA DEI TEMPLARI 2° ECC CALVIN KLEIN BOHEMIA HORRIDO Pr. EVA CERNOHUBOVA All. IVA CERNOHUBOVA LIBERA 1° MBNON PLUS ULTRA DELLA TERRA DEI TEMPLARI Pr. e All. ALLEVAMENTO DELLA TERRA DEI TEMPLARI 2° MB GASTONE JR Pr. BORGHETTO ALICE All. BERTE’ PIER LUCA INTERMEDIA 1° MB BASSSCOTT SPARTACO Pr. CINZIA DE VINCENZO All. GILIOLA NEGRO GIOVANI

Ostiglia. Il giudice On. Mariano Galan Zancajo 1° ECC JBOB CAMPIONE DI CLUB ARIPIJO FIATO E PARTO - Pr. e All. SUSANNA DEOTTI 2° MB PERDINDIRINDINA DELLA TERRA DEI TEMPLARI Pr. FRANCESCO TREMUL All. ALLEVAMENTO DELLA TERRA DEI TEMPLARI JUNIORES 1° P IDEFIX DANTE NELLE NIELLA Pr. PIRRO PAOLO All. CROW TERRANCE JOSEPH 2° P ER PELOTAZO OLEA BULL’S Pr. MARIA SIGNORELLI All. ALLEVAMENTO OLEA BULL’S BABY MASCHI 1° MP MAMMA MIA THE MUSICAL ON BRODWAY DELLA TERRA DEI TEMPLARI Pr. e All. ALLEVAMENTO DELLA TERRA DEI TEMPLARI FEMMINE CAMPIONI 1° ECC BOB CAMPIONE DI CLUB BASSSCOTT IF YOU WANT YOU CAN FRANCINE Pr. e All. NEGRO GILIOLA 2° ECC BORN IN BENTIVOGLIO LENORA Pr. GRETA BADODI All. SELVAGGIA BENTIVOGLIO LIBERA 1° CAC BUFFOBASS SIENA Pr. ENRICA MASINI All. AVSYANNIKOVA M.M

Ostiglia. BOB


C L U B partecipanti che con la loro presenza hanno reso la giornata speciale. Grazie di cuore a tutti. SOCIETÀ ITALIANA BASSET HOUND C/O ANDREIS NICOLA VIA SAN CESARIO 12/A 25075 NAVE (BS) Tel. 338 7474629 Fax. 030 2535392

Ostiglia. BOS

ASSOCIAZIONE CINOFILA CANI DA LAVORO SU BESTIAME LO SHEEPDOG È ANCHE BELGA L’ITALIA SUL PODIO DELLA “BELGIAN SHEPHERD’S HERDING CUP” Sono partiti dall’Italia in sei con sette cani, la nostra squadra nazionale era la più numerosa tra le otto rappresentative che hanno preso parte alla quarta edizione della Belgian Shepherd’s Herding CUP, dedicata alle quattro varietà del Pastore Belga, che si è disputata dal 19 al 21 ottobre scorso in Repubblica Ceca, a Libhošť.

Un’esperienza che è stata resa possibile grazie al lavoro di Noemi Podestà, presidente del C.L.B. (Cani da Lavoro su Bestiame, associazione nazionale affiliata ENCI e FCI), coadiuvata da Valentina Tamagno, affiliata al Lupo Nero, campo di addestramento per sheepdog di Cassine, in provincia di Alessandria. È stato infatti possibile, grazie al loro impegno, selezionare una squadra di appassionati, che si è rivelata da subito molto affiatata. Questi i componenti della spedizione azzurra in Repubblica Ceca: Pier Paolo Bruscuglia con Ch Happy Night Dancer di Torre D’Arese Tony Contartese con la multi Ch Temperamental Unred Marta Dellepiane con Mila- G dell’Alta via Pierangelo Ferrari con Ch Zerolandia-G dei Baci di Dama Fosco Fioravanzi con Herriot di Colfosco Noemi Podestà con Aron-G e con Guernica-G dell’Alta via Nonostante fosse la prima volta che l’Italia partecipava a questa competizione, i componenti della squadra sono riusciti da subito a fare gruppo, grazie anche al sostegno di chi non era presente (Paola D’Ambrosio, Valentina Tamagno, Laura Vassallo), con effetti molto positivi nelle performance effettuate durante la competizione, nonostante le condizioni avverse del tempo e un campo da gara difficilmente accessibile. Al termine delle prove, che comprendevano percorsi di pastorizia di crescente difficoltà, la nostra squadra

Ostiglia. J BOB 2° ECC CAMILLA OLIMPIA MINERVA MCGRANITT Pr. FRANCESCO TREMUL All. M.GIACOMETTI INTERMEDIA 1° R/CAC ALTEA BIRIBO’ Pr e All. SUSANNA DEOTTI 2° ECC TERRA D’ORFILI GRANDE IDA Pr. e All. ANTONELLA BONACOSSA GIOVANI 1° ECC CAMPIONE DI CLUB ACCIPICCHIA DELLA TERRA DEI TEMPLARI Pr. e All. ALLEVAMENTO DELLA TERRA DEI TEMPLARI 2° ECC DAJANE ROSS BY DIVINA Pr. e All. MARIA SIGNORELLI MIGLIOR COPPIA LORD BYRON DELLA TERRA DEI TEMPLARI BUFFOBASS SIENA Pr. ENRICA MASINI MIGLIOR GRUPPO LORD BYRON DELLA TERRA DEI TEMPLARI NON PLUS ULTRA DELLA TERRA DEI TEMPLARI PERDINDIRINDINA DELLA TERRA DEI TEMPLARI ACCIPICCHIA DELLA TERRA DEI TEMPLARI Il Consiglio Direttivo S.I.Bas ringrazia: l’On. Giudice Mariano Galan Zancajo, per aver condiviso con noi una splendida giornata, onorandoci con la sua disponibilità nel valutare i soggetti presenti ed esponendo con chiarezza l’interessante seminario sulla razza; l’Azienda Gheda mangimi che ogni anno sponsorizza l’evento; la famiglia Cannas, che tutti gli anni si presta ad aiutarci nell’organizzazione; il Segretario Nicola Andreis che con le sue sculture ha arricchito i numerosi premi in palio; la Socia Greta Badodi, che ha messo in palio le splendide coccarde; i fotografi Paola Bellani e Dario Busata, sempre pronti ad immortalare i partecipanti con attenzione ai dettagli; , tutti coloro che attivamente hanno contribuito al lavoro di segreteria,alla lotteria e infine tutti i

La squadra italiana

La premiazione di Happy Night Dancer di Torre D’Arese condotta dall’esperto Pier Paolo Bruscuglia

75


C L U B nazionale non si è infatti scoraggiata, piazzandosi al terzo posto nella classifica a squadre dietro a Ungheria e Polonia (ma davanti alla Francia, da sempre punto di riferimento per gli appassionati della razza). Risultati che hanno dimostrato ulteriormente quanto il pastore belga italiano possa avere, oltre alle qualità estetiche (diversi i campioni di bellezza presenti in squadra), anche doti da lavoro su bestiame. Una soddisfazione per tutto il gruppo, cui si sono aggiunti i riconoscimenti ottenuti dalla meravigliosa Ch Happy Night Dancer di Torre D’Arese che, condotta dall’esperto Pier Paolo Bruscuglia, ha vinto sia come miglior Groenendael, sia come Campione Assoluto della Belgian Shepherd’s Herding CUP 2018, avendo primeggiato nella più avanzata delle classi, la terza, grazie a un punteggio finale più alto di tutti i concorrenti. Un’esperienza meravigliosa sotto tutti i punti di vista, che i partecipanti hanno intenzione di ripetere il prossimo anno, consapevoli dei miglioramenti da compiere, in modo da ripresentarsi più forti, e provare così la scalata agli altri gradini del podio, nonostante in Italia siano pochissimi i campi dove si pratica il Traditional Style dedicato a razze che non siano Border Collie, e di conseguenza sia molto difficile allenarsi. Chissà che vittorie come queste non possano essere un incentivo per creare nuove realtà. Sonia Serafini ASSOCIAZIONE CINOFILA CANI DA LAVORO SU BESTIAME c/o Beretta Alessia - Via Cassanese Nord 14/B 20060 Truccazzano (MI) Tel. 334-9766905 segreteria@clbdog.com

Per la prima volta in un Raduno quattro Volpini Italiani rossi, tutti dell’Allevamento di Roccascura

ASSOCIAZIONE TECNICA AMATORI VOLPINO ITALIANO GRANDE EVENTO 2018 ATAVI / UMAVI Il 16 settembre 2018 ha avuto luogo a Porto Viro (Rovigo) il preannunciato Raduno ATAVI e di Campionato UMAVI (Unione Mondiale Associazioni Volpino Italiano, cui aderiscono 17 Nazioni). Quest’ultimo titolo onorifico veniva posto in palio per la terza volta. Il primo evento si svolse nel 2014 in Polonia, mentre il secondo fu organizzato a Milano nel 2015 in occasione dell’esposizione mondiale.

Il Giudice del Raduno Roger Barenne con alcuni Volpini Italiani bianchi Lo so che non è bello celebrarsi, ma non posso esimermi dal ringraziare il Coordinatore dell’UMAVI Antonio Crepaldi che ha saputo coinvolgere l’Amministrazione Comunale di Porto Viro (il cui Vicesindaco Doriano Mancin è da sempre appassionato allevatore cinofilo) organizzando nella stessa giornata e nello stesso luogo due importanti eventi come il no-

Giudici e organizzatori alla cerimonia inaugurale

76

stro e il Campionato ATIMANA, l’Associazione internazionale dei club del Mastino Napoletano. Il giorno precedente, al mattino, ha avuto luogo l’incontro tra i President Umavi, mentre il pomeriggio è stato dedicato al convegno tecnico organizzato dall’UMAVI sul tema: “situazione e prospettiva del Volpino Italiano nel mondo”. Relatori del Convegno -di cui riassumo i contenutierano Antonio Crepaldi, Massimo Fiorini ed io, con successivi interventi di Pia Kristiansen e Siiri Seesvaara nei rispettivi ruoli di Junior President della Danimarca e della Finlandia. È emerso che l’attuale momento epocale della razza vede, nella varietà bianca, soggetti complessivamente di buon tipo, pur dovendo porre attenzione a mantenere i prescritti rapporti cranio-muso. La variabilità genetica -cardine di un corretto sistema di allevamento- rimane un problema sempre di attualità e viene seguita con attenzione l’immissione riproduttiva di soggetti capostipiti RSR di sicura “provenienza rustica”. A questo proposito viene ricordato che il Certificato di Tipicità deve essere assegnato a soggetti in possesso dei cardini essenziali del tipo, e cioè il colore appropriato, la taglia corretta e senza tare gravi quali la microdontia o la mancanza di denti. È zootecnicamente errato, oltreché improduttivo, riconoscere come tipici cani di scarso interesse per la razza. Da evitare assolutamente l’immissione di soggetti di razze affini. Questa prassi fu attuata in un passato non troppo remoto con risultati e conseguenze non certo esaltanti. Il numero delle iscrizioni ai Registri Genealogici si mantiene costante e questo favorisce un monitoraggio appropriato della situazione globale. La PLL (lussazione primaria del cristallino) è stata riscontrata, per il momento, solo nella varietà bianca ma è ormai circoscritta a pochissimi soggetti. Il test genetico deve essere sempre prudenzialmente effettuato. La taglia deve essere oggetto di costante attenzione selezione correttiva, perchè è noto che sia le razze nane che quelle giganti tendono sempre alla taglia media. Tra i cardini del tipo del Volpino Italiano figura la coda il cui futuro portamento è già ipotizzabile nel cucciolo neonato: essa deve essere correttamente inserita nella groppa, avere la giusta lunghezza e un adeguato spessore.


C L U B Si è poi discusso ampiamente sull’iniziativa intrapresa dall’ATAVI per il riconoscimento ufficiale della varietà nera. Il Consiglio dell’ENCI aderendo alla richiesta, ha incaricato l’ATAVI di interloquire con il Consulente scientifico dell’ente dr. Stefano Marelli. A seguito di una riunione avvenuta alla fine di luglio 2018 presso la sede dell’ENCI, alla presenza del Direttore Tecnico Angelo Predazzini, tra il Consulente scientifico e i rappresentanti dell’ATAVI, lo stesso Marelli ha predisposto un Progetto di Ricerca per attuare un’analisi biometrica genetica e genomica della popolazione di Volpino Italiano Nero. Riporto uno stralcio del documento inoltrato dall’Atavi al Consiglio Direttivo dell’ENCI dove si rileva tra l’altro che «Il Volpino Italiano è una razza caratterizzata da una consistenza di popolazione molto ridotta; Risultano presenti sul territorio nazionale delle sottopopolazioni rustiche che costituiscono una riserva genetica di indubbio valore zootecnico. La richiesta di inclusione nei libri genealogici Enci dei soggetti appartenenti alla razza Volpino Italiano nella varietà a mantello nero, ha portato la Commissione Tecnica Centrale, e quindi il Consiglio Direttivo, a richiedere all’Associazione Specializzata di Razza di presentare un progetto di ricerca finalizzato a valutare la popolazione di Volpino Italiano Nero. L’analisi della popolazione prevede un approccio multidisciplinare che riunisce una valutazione morfologica basata sulla biometria, una analisi con marcatori microsatelliti (panel ISAG) al fine di valutare la biodiversità e la struttura genetica della popolazione in esame e infine, sui soggetti identificati dopo precedenti screening, una analisi del genoma per approfondire ulteriormente il livello di indagine genetica molecolare e confrontare la popolazione nera con quella in banca dati analizzata con pannelli densi (>-140K) di marcatori SNPs. Si valuterà inoltre la necessità di testare i soggetti identificati come potenziali riproduttori per il loci del colore con particolare riferimento al locus S (pezzatura). I soggetti individuati come potenziali riproduttori potranno inoltre essere testati per la mutazione causativa della PLL (Primary Lens Luxation)». Il Raduno di morfologia svoltosi il 16 settembre ha avuto pieno successo sia numerico che qualitativo: 47 soggetti -di cui ben quattro nella varietà rossa- e otto in Classe Rsr, di cui tre rossi. Roger Barenne giudicava tutte le Classi e colori ad eccezione della Classe Rsr affidata ad Antonio Crepaldi. Positiva l’impressione di Barenne che ha riscontrato una buona qualità globale del tipo, penalizzando opportunamente i difetti riscontrati. Nel complesso la qualità media si mantiene buona. Si è notato qualche raro soggetto con testa un po’ allungata e questo va a detrimento del corretto rapporto cranio-muso. Al termine del Raduno sono stati visionati (identificati e descritti mediante apposita scheda) alcuni soggetti neri e alcuni di essi (una decina) possono risultare di un certo interesse per il progetto di recupero prima citato. Altri soggetti neri sono già stati individuati in varie zone dell’Italia e, una volta completato il censimento iniziato, tutta la documentazione inerente verrà trasmessa all’ENCI. Mi preme sottolienare lo spessore tecnico dell’evento valorizzato dall’interesse e dalla sportività di tutti i partecipanti. Fabrizio Bonanno ASSOCIAZIONE TECNICA AMATORI VOLPINO ITALIANO C/O BONANNO F. VIA GERBIASCO 58/2 21020 Mercallo dei Sassi (VA) Tel. 0331-968894 bonanno@triplaw.it http://volpinoatavi.it /

SOCIETÀ ITALIANA COLLIES MOSTRA SPECIALE ROUGH COLLIES Treviso - 1° settembre 2018 Settembre non è il mese ideale per esporre una razza a pelo lungo, e questo lo so bene, sia come espositore che come giudice ! Nonostante questo, un bel numero di collies si sono presentati alla M.S. di Treviso del 2 settembre, molti, quasi tutti, in “manto estivo”. Una ragione in più per focalizzare il mio giudizio su tipo e costruzione, lasciando in second’ordine le condizioni del mantello.

BOB Enjoy Your Life Blue della Cambianella La R.CAC e R.CACIB è andata alla vincitrice della classe intermedia, una deliziosa tricolore che si è imposta per la sua grande tipicità nonostante la condizione “molto estiva” del mantello. Tra le Giovani Femmine vinceva una bella blue merle, già giudicata a Erba in classe juniores, affermando così tutte le sue potenzialità già intuibili in giovane età, risultata poi anche Miglior Giovane nello spareggio col maschio.

BOS Everybody Needs Somebody nero della Cambianella A distanza di quasi un anno dall’ultimo Raduno giudicato a Erba, devo confermare il buon andamento della razza in Italia. Quei difetti diffusi un tempo nei collies, come la debolezza dei posteriori e il movimento poco dinamico, si vedono sempre meno. C’è ancora da lavorare sulla taglia e sul dimorfismo sessuale, soprattutto nei maschi. Come l’anno scorso a Erba, ho trovato ancora qualche maschio troppo piccolo e con scarsa impronta mascolina, il collie maschio è un cane di sostanza e deve ritrovare la sua taglia ideale e non brancolare ai limiti inferiori... Il miglior maschio, vincitore della classe libera, era un cane di taglia e di sostanza, senza per questo perdere in distinzione, qualità indispensabile in questa razza, movimento corretto e ottima impronta da pastore. Anche il vincitore della classe intermedia, risultato R.CAC e R. CACIB, nonostante la sua giovane età, univa sostanza e distinzione e già un’ottima impronta mascolina. I Giovani Maschi ancora molto immaturi. Nella libera Femmine spiccava sopra tutte una bellissima blue merle che racchiudeva in perfetta armonia tipo, costruzione e una grande classe, una cagna di sostanza e nello stesso tempo di grande femminilità.

1 ECC GIOVANI Maschi Swarowsky di Cambiano

77


C L U B SHAR PEI CLUB ITALIANO

1 ECC Miglior Giovane Roba Incredibile Blu di Cambiano Alla fine nello spareggio per il Migliore di Razza si presentavano due cani adulti di altissimo livello, entrambi non brillavano per le condizioni di mantello, ma per la loro grande tipicità, ben marcato il dimorfismo, perfetta l’espressione di razza e la tipicità nel movimento. Vinceva la femmina per la sua straordinaria presenza di ring. Anna Albrigo SPECIALE DI TREVISO 1/9/2018 Giudice Anna Albrigo MASCHI Libera 1 CAC CACIB BOS Everybody Needs Somebody nero della Cambianella All. e Prop. Cambianella 2 ECC What a Feeling della Collina dei Ciliegi All. Galdelli Prop.Cesoni 3 ECC Sunny Day di Cambiano All. Cambiano Prop. Pirazzini Intermedia 1 R/CAC R/CACIB Not In My Name di Cambiano All. Cambiano Prop. Rota Giovani 1 ECC Swarowsky di Cambiano All. Cambiano Prop. Del Sere 2 ECC Beldones Azzaro All. Beldones Prop.Romelli 3 ECC Tentazione Blu di Cambiano All. Cambiano Prop. Mariabelli Libera 1 CAC CACIB BOB Enjoy Your Life Blue della Cambianella All. Cambianella Prop. Romelli 2 ECC Brooklyn Blue Ciaravalle All. e Prop. Ciaravalle 3 ECC Quel Blu dipinto nel Blu All. e Prop.Galdelli FEMMINE Intermedia 1 R/ CAC R/CACIB Giuly’s Dreams Made in Italy All e Prop. Cuccu 2 ECC Bright Brigitte All.e Prop. Masetto Giovani 1 ECC Miglior Giovane Roba Incredibile Blu di Cambiano All. Cambiano Prop. Celestini

78

1 R/CAC e R/CACIB Giuly’s Dreams Made in Italy 2 ECC Gaia Earth Goddess of The Windy Lands All. Furlan Prop. Celestini 3 ECC Becky in Gold della Verde Scozia All. Lassini Prop. Cattaneo SOCIETÀ ITALIANA COLLIES C/O CAZZANIGA VIA PIETRO BIANCHI 28 27049 STRADELLA (PV) Regione: LOM Tel. 0385-245615 segreteriacollies@virgilio.it http://www.societaitalianacollies.com/

BOB E BOS GRANAROLO NELL’EMILIA

RADUNO GRANAROLO NELL’EMILIA 09/09/2018 FEMMINE BABY 01 MP MIGLIOR BABY HANYANG LA ISLA BONITA All.re e Prop. All. Hanyang di Piatti 02 MP BLACK MUSCK FUJIKO All.re e Prop. All. Black Musck di Vago A JUNIORES 1 MP MIGLIOR JUNIIORES PEI ATTENTION GLORIOUS GELATO All.re Thorjo Anna e Prop. All. Hanyang di Piatti GIOVANI 1 ECC BLACK MUSCK SPLENDIDA FOLLIa All.re Black Musck di Vago Prop. Tognetti N. INTERMEDIA 1 ECC NEVADA DELLA VALLE DEL BELICE All.re All. della Valle del Belice di Tarantolo Prop. Salvadori P. LIBERA 1 ECC CAC B.O.S. NELLY FURTADO I DRAGONI ORIENTALI All.re All.to I dragoni orientali di Bergagna Prop. Giulia Frate 2 ECC RIS. CAC BLACK MUSCK BLACK RAPSODY All.re e Prop. All. Black Musck di Vago A CAMPIONI 1 ECC CH LOOKINGTHEMOONIT’SGOODTOBEINLOVE All.re e Prop. Foroni Valentina VETERANI 1 ECC BEST VETERANI CH HONEY MOON I DRAGONI ORIENTALI All.re All. I Dragoni Orientali di Bergagna Iolanda e Prop . Foroni Valentina RADUNO GRANAROLO NELL’EMILIA 09/09/2018 MASCHI BABY 1 MP BLACK MUSCK GOOD VIBRATION All. re All. Black Musck di Vago Prop. Daveri 2 MP HANYANG EXPRESS YOURSELF All.re e


C L U B Prop. All. Hanyang di Piatti GIOVANI 1 ECC MIGLIOR GIOVANE KHAMBALIQ ITALIAN TALENOT All.re All. Khambaliq di Pizzamiglio Prop. Faresin S 2 ECC BLACK MUSCK JOHN TRAVOLTA All.re All. Black Musck di Vago Prop. Colombo S 3 ECC BLACK MUSCK BILLY ELLIOT All.re All. Black Musck di Vago Prop. Penati D INTERMEDIA 1 ECC BEST INTERMEDIA CAC BLACK MUSCK REAL EMOTION All.re All. Black Musck di Vago Prop. Colombo S CAMPIONI 1ECC B.O.B. BLACK MUSCK SHAKESPEARE All.re All. Black Musck di Vago Prop. Daveri 2 ECC DANNY ROSE I DRAGONI ORIENTALI All.re All. I Dragoni Orientali di Bergagna Iolanda e Prop. Salvador Edward INSUBRIA WINNER’S 4/11/2018 MASCHI CAMPIONI 1° CACIB BOS BLACK MUSCK SHAKESPEARE All Vago Ambrogio - Prop Daveri Gabriele 2° ECC EL YOC KAI All Biondi de Ciabatti Ilaria Prop Bergagna Iolanda LIBERA 1° CAC R/ CACIB BLACK MUSCK REAL EMOTION All Vago Ambrogio - Prop Colombo Stefano 2° R /CAC JADE EAST WHAT IF I AM FAR FROM HOME All Anders and E.Minne - Prop Anders and E.Minne L.B. GIOVANI 1° ECC BLACK MUSCK JOHN TRAVOLTA All Vago Ambrogio - Prop Colombo Stefano 2° ECC KHAMBALIQ ITALIAN TALENOT All Pizzamiglio Isabella - Prop Faresin Sonia JUNIORES 1° MP BOB PUP BLACK MUSCK GOOD VIBRATIONS All Vago Ambrogio - Prop Daveri Gabriele

BOB E BOS INSUBRIA WINNER FEMMINE CAMPIONI 1° ECC HAVANA DELLA TORRE VENTIMIGLIA All Biondo Salvatore - Prop Bergagna Iolanda 2° ECC LOOKINGTHEMOONIT’SGOODTOBEINLOVE All Foroni Valentina - Prop Foroni Valentina LIBERA FEMMINE 1° CAC CACIB BOBJADE EAST SUPERGIRLS DON’T CRY. (2°RING ONORE) All Anders and E.Minne L.B. - Prop Anders and E. Minne L.B. 2° R/CAC BLU DIAMOND FOR BLACK MUSCK All Marson Elisa - Prop Vago Ambrogio 3° ECC NELLY FURTADO I DRAGONI ORIENTALI All Bergagna Iolanda Prop Frate Giulia

GIOVANI FEMMINE 1° ECC BOB GIO PEI ATTENTION GLORIOUS GELATO All Thorsjo Anna Prop Piatti Silvia 2° ECC BLACK MUSCK SPLENDIDA FOLLIA All Vago Ambrogio - Prop Tognetti Nelita VETERANI FEMMINE 1° ECC BOB VET HONEY MOON I DRAGONI ORIENTALI All Bergagna Iolanda Prop Foroni Valentina SHAR PEI CLUB ITALIANO C/O DAL ZOTTO LAURA VIA NORCEN 31 32034 PEDAVENA (BL) Tel. 0439303270 - Alt. 3292117313 Fax 0493006989 segreteria@sharpeiclub.it http//www.sharpeiclub.it

RICONOSCIMENTO A GIORGIO FREZZOTTI Giorgio Frezzotti, Maresciallo nel lavoro, maresciallo nella vita di ogni giorno e in cinofila. Di sicuro e con orgoglio posso affermare di essere stato insieme a Giorgio uno dei soci fondatori del Gruppo Cinofilo Maceratese condotto da quasi 50 anni sempre in accordo e in perfetta armonia. Questa è stata la vera forza del gruppo! Giorgio, si è sempre distinto per la capacità di organizzare e lavorare divertendosi ma sempre con esemplare professionalità raggiungendo quasi ogni anno un incredibile numero di soci che si aggirano sempre dai 1300 ai 1500 in coerenza col suo motto: “le cose c’è da farle bene altrimenti meglio non farle”. In occasione della Esposizione Nazionale di Macerata, lo scorso settembre, insieme ai giudici, espositori e tantissimi amici con i quali ha condiviso una lunga carriera, abbiamo pensato di offrirgli un giusto riconoscimento attribuendogli l’onorifico titolo di senatore e decano della cinofilia maceratese. A consegnare la spilla dell’ENCI è intervenuto lo stesso presidente Dino Muto. Sandro Pacioni

Giorgio Frezzotti, alla dx di Dino Muto

79


Recensioni ORGANO UFFICIALE DELL’ENCI Ente Nazionale della Cinofilia Italiana n. 11 dicembre 2018 – Anno 64° DIRETTORE RESPONSABILE: Fabrizio Crivellari UFFICIO STAMPA E PUBBLICHE RELAZIONI: Rodolfo Grassi REDAZIONE: Renata Fossati PROPRIETÀ ED EDITORE: ENCI Milano HANNO COLLABORATO: Roberto Aguzzoni, Mariavittoria Anzoletti Steinmann, Vanda Baldaccini, Giorgio Bellotti, Giuseppe Biagiotti, Fabrizio Censi, Claudio De Giuliani, Rodolfo Grassi, Donato Grimaldi, Claudia Palazzuoli, Antonio Palladini, Simona Perugini, Marco Ragatzu, Rosita Trotti ENCI IN INTERNET: www.enci.it informazioni: info@enci.it soci: soci@enci.it segreteria: segreteria@enci.it libro genealogico: lg@enci.it expo: expo@enci.it prove: prove@enci.it redazione: redazione@enci.it biblioteca: biblioteca@enci.it REDAZIONE, PUBBLICITÀ: 20137 Milano - Viale Corsica 20 Tel. 02/7002031 Fax 02/70020323 IMPAGINAZIONE GRAFICA: Studio DOD design - Massa Lombarda (RA) STAMPA: ELCOGRAF S.p.A. Via Mondadori 15 37131 Verona

Megan Rix IL CANE CHE ARRIVÒ PER NATALE Edizioni Piemme Voci Quello di Megan e Ian è il matrimonio di due anime gemelle. Sono una coppia complice e innamorata, e presto si accorgono che manca solo un bambino a coronare la loro felicità. Bambino che però tarda ad arrivare. Mentre aspettano che il miracolo si compia, cominciano a collaborare con un’associazione che addestra cani destinati ad aiutare persone non vedenti e disabili. Sono cani eccezionali, pazienti ed efficienti, che sanno spegnere le luci, aprire e chiudere le porte e assistere in mille modi le persone a loro affidate, oltre a essere compagni affettuosi. Il compito di Megan e Ian è di accogliere i cuccioli per alcuni mesi e di occuparsi della prima fase della loro educazione, per poi restituirli al centro per la fase successiva di addestramento. È così che prima Emma poi Freddy entrano nella loro casa come un raggio di sole. Separarsi da loro dopo mesi però è un dolore immenso, e Megan al secondo addio capisce che è arrivato il momento di adottare un cucciolo a tempo pieno. Con il Natale che si avvicina e un vuoto sempre più grande da colmare, Megan spera che un cane tutto loro arrivi a completare la famiglia...

Federica Rossini IL NATALE DI CHLOÈ Il Libro del Cuore Edizioni Un racconto dove i cani parlano e gli umani si sentono un po’ randagi. La storia di una cagnolina dalla strada all’ amore. Un po’ fiaba, un po’ speranza per sorridere e credere in un mondo migliore

SPEDIZIONE PER L’ITALIA E PER L’ESTERO: ELCOGRAF S.p.A. Via Mondadori 15 37131 Verona PUBBLICITÀ: Greentime S.p.A. Via San Gervasio 1 40121 Bologna Tel. 051/223327 info@greentime.it - www.greentime.it La quota associativa dei Soci Allevatori è pari a euro 51,65 e dei Soci Aggregati a euro 5,00; ai soli fini postali, euro 2,00, sono da considerarsi quale quota di abbonamento alla rivista.

La Direzione non si assume alcuna responsabilità sulle inserzioni pubblicitarie inoltrate senza bozzetto, sulle quali, peraltro, si riserva di operare eventuali tagli al testo, compatibilmente con lo spazio prenotato. Articoli e fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. La responsabilità per i contenuti e le opinioni espresse negli articoli pubblicati è esclusivamente degli autori In copertina: Jack Russell Terrier. Foto Tommaso Urciuolo Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 3639 Pubblicazione riservata ai Soci dell’Ente Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

82

Ingela P. Arrhenius DOVE SEI SIGNOR CANE? Edizioni APE Un libro da colorare dedicato ai bambini con immagini curiose e divertenti.

Lorenzo Cerici IL LIBRO CANE Editore Minibombo Una piccola guida interattiva per imparare a prendersi cura del cane. Un modo divertente per insegnare ai bambini le cure di cui i cani hanno bisogno.


Bracco e Pointer. Foto Franca Loreti.

Border Collie. Foto Roberta Moltrer.

... i bei giorni della neve Lapinporokoira. Foto Roberta Rigo.

Cane da pastore scozzese. Foto Guido Albinola.


Bassotti a pelo lungo. Foto Alice Buccomino.

Cane da pastore maremmano abruzzese e Cane lupo di Saarloos. Foto Sophie Gobert.

Profile for ENCI - Ente Nazionale Cinofilia Italiana

I Nostri Cani - dicembre 2018  

I Nostri Cani - dicembre 2018

I Nostri Cani - dicembre 2018  

I Nostri Cani - dicembre 2018

Profile for enci

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded