Page 1


Natale in casa Cupiello

di Eduardo De Filippo © 1998, Tappeto Volante srl © per questa edizione Solone srl Tutti i diritti riservati. Collana Eduardo del Filippo, 1 Direttore Editoriale: Nicola Pesce Ordini o informazioni: info@edizioninpe.it Ufficio stampa per il volume: Stefano Romanini ufficiostampa@edizioninpe.it Supervisione: Stefano Romanini Stampato presso Peruzzo Industrie Grafiche SpA nel mese di dicembre 2016 Nicola Pesce Editore (Edizioni NPE) è un marchio in esclusiva di Solone srl Via Aversana, 8 - 84025 Eboli (SA) edizioninpe.it facebook.com/EdizioniNPE twitter.com/NicolaPesceEdit instagram.com/EdizioniNPE


Natale in casa Cupiello di Eduardo De Filippo

adattamento revisione matite chine colori copertina progetto grafico lettering

Paolo Terracciano Angelo Zabaglio Giuseppe Ricciardi Raffaele Marinetti Ivan Cappiello Nigraz Nicola Pesce Valeria Morelli


Sono le 21:30. Il pubblico si affolla davanti al botteghino. Fra un quarto d’ora inizia lo spettacolo. Ecco l’istante nel quale soprattutto sento la responsabilità del mio compito; questa folla è anonima, sconosciuta, esigente. E mai come in questo momento io sono fuori, ancora completamente fuori dal cerchio della finzione. Non mi sento ancora convinto di ciò che devo essere, tra qualche minuto, sul palcoscenico. Mi sento confuso alla folla; e mi sembra che debba anch’io avvicinarmi al botteghino e chiedere un posto per assistere allo spettacolo. Fino a che la luce della ribalta non mi acceca con le sue piccole stelle luminose ed il buio della sala non spalanca il suo baratro infinito, io non prendo, né so, né posso prendere il mio posto nella finzione. I minuti inesorabili mi inseguono. E nella loro corsa mi prendono, mi travolgono, mi spingono verso la porticina del palcoscenico, che si richiude, sorda, alle mie spalle. La barriera è chiusa. Due ritocchi al trucco. Il campanello squilla una prima, una seconda volta. La tela si leva. Ecco le piccole stelle. Ecco il teatro. Ecco l’attore.


Natale in casa Cupiello

Lucarié, Lucarié...

scétate song’ ‘e nnove!

Lucarié scétate song’ ‘e nnove. Pigliate ‘o ccafè.

Ah! song’ ‘e nnove...

7

Lucarié scétate song' ‘e nnove. Lucarie’...


Già si sono fatte le nove! La sera sei privo di andare a letto che subito si fanno le nove del giorno appresso.

Conce’, ti ricordi?

Cuncé, fa freddo fuori?

Hai voglia... si gela.

Conce’, te ne sei andata?

E io me ne sono accorto stanotte. Non potevo pigliare calimma.

Due maglie di lana, scialle, sciarpa… i pedalini ‘e lana... t''e ricuorde, Cunce’, i pedalini che comprasti tu, ca diciste che avevi avuto la combinazione... che era lana pura...

Sto ccà, Lucarie’, sto ccà!

E rispondi! dai segni di vita.

Parla, parla che ti sento.

Cuncé, fa freddo fuori?

‘E pedalini ca compraste tu, che dicesti: “Sono di lana pura”... Cuncé, quella non è lana, t’hanno 'mbrugliata. Tengo i piedi gelati. E poi, la lana pura quando lava si restringe... questi più si lavano più si allargano, si allungano... so’

addiventate ddoje bandiere.

8


Si, Lucarié, fa freddo. Fa freddo! E basta.

Che bella schifezza che hai fatto, Cuncé!

Eh... questo Natale si è presentato come comanda iddio. Co’ tutti i sentimenti...

E già, mo' le facévemo ‘a cioccolata! È nu poco lasco ma è tutto cafè.

Ma perché vuoi dare la colpa al caffè, che in questa tazza non c’è mai stato ?

Ti sei svegliato spiritoso?

Non ti piglià collera Cuncé. Tu sei una donna di casa e sai fare tante cose. Per esempio, ‘a frittata c’ ‘a cipolla, come la fai tu non la sa fare nessuno. È una pasticceria. Ma ‘o ccafè non è cosa per te.

E nun t’ ‘o piglià... tu a chi vuoi affliggere.

Concetta fa freddo fuori?

Non lo sai fare e non lo vuoi fare, perché vuoi risparmiare. Col caffè non si risparmia. È pure la qualità scadente: questa puzza ‘e scarrafone.

9


Cuncè, ma che t’avess' data 'na mazzata ‘ncapa? Fa freddo c’amma fa...

Uh mamma mia... Sì. Fa freddo! E’ capit’ che fa freddo? Fa freddo! Fa freddo! Fa freddo!

E’ Natale… Questo Natale si è presentato...

Come comanda iddio! Questo pure l’avete detto!

Pure questo? E va be’ l’avevo già detto che male ci sta?

‘O presepio addò sta? Llà, llà, nessuno te lo tocca. Quest’anno faccio il più bel presepio di tutti gli altri anni. Pastorella, ‘o terzo piano, ha detto che lo fa pure lui il Presepio. Mi ha detto: “facciamo la gara”. Sta fresco... lo voglio far rimanere a bocca aperta. Ho fatto pure i disegni, i progetti. Voglio fare una cosa nuova: sopra ci metto tutte casette novecento... Concé, ‘a colla l’hai scarfata?

Lucarié, io adesso mi sono alzata. Se mi date il permesso di vestirmi per andare a fare la spesa, bene, e se no ci sediamo e ci mettiamo agli ordini di Lucariello.

Ecco pronto, andiamo a squagliare la colla, così stamattina mangiamo colla! Quando viene Natale è un castigo di Dio! Colla, pastori... puzza ‘e pittura!

Non l’hai squagliata ancora? E io aieressera che te dicette? “Domani mattina, appena ti svegli, prima di fare il caffè, squaglia la colla, perché se no non posso lavorare e il Presepio non è pronto per domani”.

Tummasì, Tummasì Scétate ca song’ ‘e nnove. io lo so che stai svegliato, è inutile che fai finta di dormire.

Sei vecchia Cunce’! Ti sei fatta vecchia!

10


Susete! È meglio ca nun te dongo retta, se no ci facciamo la croce a prima matina. E questo vuoi fare! Vedete se è possibile; nu cetrulo luongo luongo che dorme fino a quest’ora! io, all’età tua, alle sette e mezza saltavo dal letto come un grillo per accompagnare mio padre che andava a lavorare. Lo accompagnavo fino alla porta, ci baciavo la mano... perché allora si baciava la mano al genitore... poi mi coricavo un’altra volta.

E a chesto pienze, a zupp’ ‘e latte, ‘a cena, ‘a culazione e 'o pranzo.

Susete e va’ t’ ‘o piglia' dint’ ‘a cucina ca nun tiene ‘e serviture, he’ capito?

Ca’ sta ‘a colla... io nun capisco che ‘o faie a ffà, stu Presebbio. Na casa nguaiata, denare ca se ne vanno... e almeno venisse bbuono!

‘A zuppa ‘e latte

Non viene neanche bene.

E già come se fosse la prima volta che lo faccio! io sono stato il padre dei Presepi... venivano da me a chiedere consigli... mo' viene lui e dice che non viene bene.

Se non me la portate dentro il letto non mi soso.

No, tu ti sosi, se no ti faccio andare a coricare all’ospedale.

A me non mi piace.

Questo lo dici perché vuoi fare il giovane moderno che non ci piace il Presepio... il superuomo. il Presepio che è una cosa commovente, che piace a tutti quanti...

A me non mi piace. Ma guardate un poco, mi deve piacere per forza?

11

Sùsete! Hai capito sùsete? ‘A zuppa ‘e latte!

Alzati, bello di mammà, alzati!


Embè, si le porte ‘a zuppa

‘e latte dint’ ‘o lietto ve mengo ‘a coppa abbascio a tutte e Quello due! Lo stai crescendo per la galera!

mo si alza!

È incominciato il telegrafo senza fili.

Pasqualino si è alzato?

‘A zuppa ‘e latte!

Alzati, bello ‘e mammà. Ti lavi tanto bello, e mammà intanto ti prepara nu bello zuppone.

Embè, mo' te mengo ‘a colla nfaccia.

Niente affatto. ‘O zuppone s’ ’o va a piglià in cucina. Che l’hai presa per una serva, a tua madre? Tua madre non serve!

Sì, sì, si è alzato quello scocciante di tuo fratello! Cu’ nu raffreddore che ha tenuto, s’e’ fidato e sta na settimana a letto.

E sapete se si veste? Giesù, e che jesce annuro?

S’è alzato? E sapete se esce? E si capisce, ‘o mese ‘e dicembre esce senza cappotto?

Si. Ha detto che si vuole fare una passeggiata, perché dopo la febbre che ha avuto vo’ piglià nu poco d’aria e poi si ritira.

No, dico... sapete se si vuole mettere il cappotto?

Ma pecchè? Che d’è?

No, niente. io dicesse che è meglio se non esce. Può essere che piglia la ricaduta.

Lucarié, è permesso?

12


Meglio, meglio... un poco debole.

Come ti senti?

Vieni, Pasqualì, entra.

Me credevo proprio ca te passave Natale dint’ ‘o lietto. il polso è buono.

Buongiorno, donna Concetta.

Buongiorno.

infatti voglio uscire. Arrivo fino al Banco Lotto e torno.

La lingua, guardami la lingua.

Donna Concé, non ho potuto trovare le scarpe mie.

È pulita, è pulita. mo' devi stare a sentire a tuo fratello: mangia forte, carne al sangue e vino rosso; e fatti delle passeggiate ’a parte ’o mare. Così si fa pure una pulizia nella stanza. È stata sette giorni chiusa... Hai capito. Concé: una bella pulizia! Sì, sì.

Ma tu quando ti coricasti dove le mettesti? Addò l’aveva mettere, Lucarié? Sotto il letto.

E ‘e vulite ‘a me?

Non le voglio da voi, ma io sono stato a letto sette giorni con la febbre e ho domandato se le avete viste.

Non c’è niente, donna Concé: le scarpe sono sparite. Domandate a Nennillo...

Nun accumminciammo! io non ero il tipo che mi vendevo le scarpe sue! S’ha vennuto ‘e scarpe.

E vedete bene che là stanno.

13


Profile for Edizioni NPE

Natale in casa Cupiello  

Eduardo De Filippo (1900-1984), riconosciuto universalmente come uno dei più grandi artisti ed intellettuali del Novecento, è stato autore d...

Natale in casa Cupiello  

Eduardo De Filippo (1900-1984), riconosciuto universalmente come uno dei più grandi artisti ed intellettuali del Novecento, è stato autore d...

Advertisement