Page 1

Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

Comunità religiosa Sacra Famiglia

1

Centro educativo e scuola piano offerta formativa

pof

centro Educativo e Scuola santa Paola Elisabetta Cerioli

PRIMA PARTE

Scelte educative SECONDA PARTE

Percorsi formativi

2


2004, 16 maggio la nostra Fondatrice, madre di tanti figli privati di futuro e di famiglia, è diventata santa. Ella ci conduce alla Santa Famiglia di Gesù, Giuseppe e Maria per indicarci la strada dell’Educare. PRIMA PARTE

Scelte educative SECONDA PARTE

Percorsi formativi

fascicolo 1 Progetto educativo della Congregazione fascicolo 2 La Scelta educativa (I parte) Percorsi formativi (II parte) fascicolo 3 Pianificazione scolastica (III parte): pof – Scuola dell’infanzia A pof – sezione Primavera B Pof - Scuola primaria pof –Scuola secondaria

s. Paola Elisabetta Cerioli

PIANO GENERALE POF

2


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

INTRODUZIONE

3

Cari genitori, cari docenti e tutti voi educatori: in questo Piano dell’Offerta Formativa (=pof) si tratta di noi e del nostro futuro. Si tratta di noi come docenti perché, attraverso la relazione scolastica, attrezziamo i figli affidati a ‘giocare la bella avventura della vita’. Si tratta di noi come genitori perché, nella relazione familiare, facciamo loro intuire la ‘verità bella e semplice della vita’. Infine si tratta di noi come religiosi perché, nella relazione educativa che stabiliamo nel nostro Centro educativo e Scuola, offriamo uno spazio promettente di crescita. Insomma si tratta di noi perché il nostro futuro e l’avvenire della civiltà dipendono soprattutto dalla qualità della relazione educativa e scolastica che riusciamo a far crescere con i figli che frequentano il nostro Centro educativo, la nostra Scuola. È ormai improcrastinabile un patto educativo tra religiosi, docenti e genitori per un futuro promettente dei nostri figli. 1 – EDUCARE, LA SFIDA DEL FUTURO. Educare è difficile. Lo sperimentiamo tutti i giorni! Tuttavia come genitori, docenti, religiosi non possiamo abdicare al compito di educare, al compito cioè di rispondere davanti ai figli di un’immagine vera e buona della vita. Quindi se educare è difficile, è altrettanto bello e gioioso perché non c’è gratificazione più bella che (vedere) crescere figli, uomini e donne. Un figlio, la sua storia vale l’universo intero! Il compito di educare stenta a diventare una vera occupazione, un laboratorio di vita nel quale confrontarsi con altri genitori. Infatti se la pre-occupazione per i figli alimenta apprensione e dubbi nei genitori, ciò non riesce a istruire comportamenti effettivi, per far sì che cresca nel genitore quella fiducia immediata e spontanea che dovrebbe avere nella sua opera educativa.


Oggi c’è bisogno di occuparsi non solo materialmente dei nostri figli attraverso cibo e casa, scuola e vestito, cose e svaghi; ma anche più spiritualmente, cioè interrogandosi su quale speranza propiziare, quale futuro immaginare e vivere con loro! Nonostante le fatiche, come educatori intuiamo che la nostra stessa vita esprime agli occhi dei figli un messaggio; intuiamo che da quel messaggio dipende, per una parte determinante, la loro futura visione della vita. Per questo, anche se difficile, non vogliamo venir meno al compito di educare, non smettiamo di ricercare spazi e tempo nei quali, attraverso il percorso della conoscenza (sapere) arrivare a piccoli passi e con ferma costanza, alla verità di sé e della vita, alla sua bellezza e alla sua promessa. Nelle cui pieghe scoprire traccia di un mistero, di un Altro che tutto sostiene e prende tra le sue mani: Dio, il padre. 4 s. Paola Elisabetta Cerioli

2 - LA NOSTRA SCUOLA E L’EDUCARE. Come religiosi della Sacra Famiglia, dalla lunga e sedimentata esperienza educativa e scolastica, raccogliamo le attese, le sfide educative e il desiderio dei genitori di avere luoghi positivi, costruttivi, solari entro cui far crescere i propri figli attraverso un Centro educativo che comprende una scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria e, per il futuro, speriamo una scuola superiore. Educhiamo e facciamo scuola con la collaborazione di docenti che condividono i nostri ideali. Il compito di educare e di istruire l’abbiamo ricevuto dalla nostra Fondatrice, S. P. E. Cerioli, che è stata una madre di quattro figli; e dalla buona tradizione dei religiosi che ci hanno preceduto nella Congregazione della Sacra Famiglia. Custodiamo e facciamo crescere il sogno di prenderci cura delle giovani generazioni che si affacciano -timide e spavalde, sicure e spaventate, sazie e povere- alla porta della vita, del futuro. Un tempo ci prendevamo cura dei figli ’orfani’ soprattutto della civiltà bergamasca e bresciana, oggi accompagnamo i figli della civiltà occidentale –per lo più ‘orfani di padre e di Dio Padre’- ad aprire cuore, mente e mani ad un senso promettente della vita e ad interessarsi del vasto mondo di altri bambini e ragazzi sfruttati, minacciati e abbandonati, in Afri-


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 5

ca come in America Latina. I nostri Centri educativi stanno diventando sempre più luoghi di formazione delle coscienze e del sapere che fermenta la vita. Come religiosi della Sacra Famiglia sappiamo che la scuola ha un compito didattico, ma anche valenze educative, non solo perché trasmette valori, ideali, fede, ma perché introducendo ad una visione etica e religiosa dell’apprendimento culturale (visione simbolica), apre obiettivamente a questo livello, dove avviene la disposizione libera di ogni alunno di fronte alle istanze supreme della vita. Educare alla vita e alla speranza: questo è il nostro progetto che realizziamo principalmente attraverso la Scuola. Un figlio trascorre nella nostra Scuola i più delicati e importanti della sua esistenza: infanzia, fanciullezza, adolescenza. Ha esplicitato in modo molto chiaro l’idea di educazione per i religiosi e per coloro che li coadiuvano nella loro azione il Capitolo generale della nostra Congregazione: «Educare secondo lo stile cerioliano è propiziare presso la coscienza dell’altro (bambini, adolescenti, giovani, tutti) che la vita è così bella che val la pena di essere vissuta e spesa per un ideale. La nostra Fondatrice, la Santa Paola Elisabetta, considera l’educare come una ‘seconda creazione’. Ci sollecita così a ricordarci il carattere generativo (una seconda nascita) e il profilo religioso (la creazione di Dio) di ogni relazione. (…) L’educazione cerioliana per tutti e per chi è senza avvenire (cura dei poveri con l’educazione) è il nucleo centrale del Carisma e come tale segna tutta l’azione pastorale Sacra Famiglia».

3 - EDUCARE INSIEME: FAMIGLIA, RELIGIOSI, DOCENTI. La necessaria scelta educativa del nostro Centro e Scuola coinvolge nell’opera educativa famiglia, religiosi, docenti e territorio. Per cui la Scuola che ogni giorno cerchiamo di realizzare si costituisce su questi pilastri: il primo, una conoscenza che, oltre che favorire una cultura generale, apra all’altro, faccia cioè intuire la vita come un prezioso dono da spendere per ideali promettenti (solidarietà); il secondo, un metodo di studio che attrezzi per la vita (imparare ad imparare); il terzo, una buo-


na alleanza con le famiglie perché l’opera educativa risulti il più efficace per i figli e, per i genitori, sia occasione per decifrare il mondo che i loro figli stanno vivendo.

6 s. Paola Elisabetta Cerioli

4 - ’QUESTO’ PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA - POF La sfida dell’educazione, nel vivace contesto della nostra tradizione educativa, si è tradotta in un progetto educativo (cf fascicolo 1) e, nella sua traduzione, che è questo strumento del piano dell'offerta formativa (po.f.) è il documento con il quale ogni scuola dichiara la propria identità, offrendo alle famiglie degli alunni uno strumento di conoscenza dell'Istituto. Esso è inoltre il mezzo attraverso cui si armonizzano gli interventi educativo-didattici della scuola stessa, sulla base della costituzione italiana e dei programmi ministeriali. Il Piano dell'Offerta Formativa è deliberato dal Collegio dei docenti per ciò che attiene gli aspetti formativi, didattici e pedagogici, dal Consiglio di Istituto per le finalità generali e organizzative. L’originalità che questo strumento riveste è dovuta al doppio legame che lo vede collegato: da un lato alla riconosciuta autonomia dell’Istituzione scolastica; dall’altro alla logica del curricolo. La riforma, che la nostra Scuola ha anticipato in alcune delle sue parti, ha operato un autentico cambiamento di paradigma culturale, dove si modifica sostanzialmente il rapporto tra Centro e Scuola. Scompaiono i programmi nazionali e si impongono i curricoli elaborati localmente dalla scuola: il curricolo sta all’autonomia come il programma nazionale stava al centralismo del sistema scolastico. Una delle principali caratteristiche della scuola del curricolo è l’aderenza alla realtà sociale entro la quale la scuola opera e l’attenzione particolare all’alunno. La didattica è chiamata a concepirsi situata in un contesto sociale, economico e culturale non generico, e l’attenzione alla situazione di partenza degli alunni rappresenta il primo passo della progettazione curricolare. I docenti sono perciò chiamati a dialogare con la comunità sociale ed il curricolo viene a costituire il vestito su misura della scuola.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 7

Per cui anche la nostra Scuola dell’Infanzia, Primaria, Secondaria si avvale dell’autonomia (D.P.R. n. 275/1999), cioè della libertà di iniziativa al fine di rendere il servizio educativo più rispondente alle esigenze degli allievi e delle allieve, delle famiglie e del territorio. Questo pof è suddiviso in tre parti: nella prima parte SCELTA EDUCATIVA presentiamo l’ideale e i valori a cui si ispira il progetto del CENTRO EDUCATIVO E SCUOLA ‘SANTA PAOLA ELISABETTA CERIOLI’ in definitiva l’orizzonte entro cui si colloca la nostra opera educativa e scolastica. La seconda parte riguarda i PERCORSI FORMATIVI e considera la traduzione dei valori con percorsi curricolari ed extracurricolari. La terza parte riguarda la PIANIFICAZIONE SCOLASTICA nell’individuazione delle soluzioni di carattere organizzativo e didattico. Per evidenziare il carattere unitario della nostra Scuola presenteremo i progetti del POF della Scuola dell’Infanzia (materna), della Scuola Primaria (elementare) e della Scuola Secondaria (media). Fondamento di tutto questo è il progetto educativo di Congregazione (cf fascicolo 1). 5 - CONCLUSIONE Vorremmo che questo strumento diventasse per genitori, docenti ed educatori una mappa per educare e insegnare nel nostro Centro educativo e Scuola. Ci accompagni la nostra Fondatrice: il suo messaggio educativo, la sua maternità|paternità spirituale, la sua gioia di vivere nei luoghi che lei ha solo immaginato (i nostri centri educativi), insomma il suo stile, sia per noi un modo per diventare sempre più autenticamente uomini e donne anche attraverso il mestiere di docenti, genitori ed educatori. Ci sono buone ragioni per continuare ad educare e a ‘fare Scuola’ sotto lo sguardo materno della nostra Fondatrice. p. Antonio Consonni, Superiore locale Dirigente Scolastico, Preside Secondaria, Direttore Infanzia p. Luca Ghirardelli, Direttore Secondaria p. GianLuca Rossi, Direttore Scuola Primaria fra Franco Giassi, Collaboratore con tutta la Comunità religiosa Sacra Famiglia

Festa degli Angeli Custodi, 2 ottobre 2010


PRIMA PARTE

scelta Educativa l’ideale e i valori a cui si ispira il progetto del Centro educativo e Scuola santa Paola Elisabetta Cerioli

1. CONGREGAZIONE SACRA FAMIGLIA. LINEE ESSENZIALI 1. L’ideale di una madre: Santa Cerioli 2. La Congregazione che custodisce l’ideale 3. Frammento dell’ideale: la nostra scuola

3. IL TERRITORIO DI ORZINUOVI & DINTORNI 1. Le agenzie educative del territorio 2. Le esigenze del territorio 3. Il rapporto con il Comune 4. LA STRUTTURA 1. Lo spazio. 2. Le strutture & la piscina 3. Il servizio di trasporto La prima parte SCELTA EDUCATIVA presenta l’ideale e i valori a cui si ispira il progetto del CENTRO EDUCATIVO E SCUOLA in definitiva l’orizzonte entro cui si colloca la nostra opera educativa e scolastica. Infatti come ogni buon architetto, prima di progettare, considera l’ambiente, il terreno, la cultura su cui vorrà edificare, così è necessario conoscere gli ideali che sostengono la nostra azione educativa. Considereremo perciò la Congregazione religiosa che gestisce la scuola, la qualità relazionale delle famiglie e dei figli che frequentano il nostro Centro educativo, il territorio dove la scuola sorge ed opera.

8 s. Paola Elisabetta Cerioli

2. FIGLI E FAMIGLIE DI OGGI 1. Il contesto sociale in cui opera la Scuola 2. Le famiglie della nostra Scuola 3. I figli di oggi, figli di sempre: fanciulli, bambini, ragazzi


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 9

1. LA CONGREGAZIONE SACRA FAMIGLIA. LINEE ESSENZIALI 1. L’ideale di una madre: Santa Cerioli Il tragitto della vita di santa Paola Elisabetta Cerioli è la realizzazione di un ideale: esprimere maternità, creatività, generosità prima verso i suoi figli e dopo la perdita dei figli propri, verso i figli degli altri, poveri e senza avvenire. E rintracciare in tutto questo il compiersi della ‘volontà di Dio’. Come ciascuno di noi nasce in una famiglia che lo accoglie e in un paese che gli insegna l’«abc» della vita, così la storia di Costanza -questo è il nome di battesimo della nostra Fondatrice prima di chiamarsi suor Paola Elisabetta- ha avuto come teatro il paese di Soncino, un paese della pianura cremonese. Nasce il 28 gennaio del 1816, in una famiglia ricca, in un bellissimo palazzo, tra suppellettili preziose, ori e attenzioni. Dalla madre la figlia impara, piano piano, ad aprire gli occhi e il cuore sui bambini poveri e orfani, e si commuove davanti a tanta infelicità, domandandosi: «perché nel mondo c’è tanta ingiustizia?» Leggeva le storie di personaggi illustri, ma soprattutto studiava la bibbia. I genitori, quando si presentò il conte Gaetano Busecchi, vedovo di Maria Teresa Tassis, per chiedere Costanza in sposa, vedendolo formato di qualità morali ed artistiche ineccepibili, la concessero in sposa, passando sopra l’età matura (58 anni) e la vedovanza. Costanza lo trattava tuttavia con molta dolcezza e sollecitudine. La vita familiare di Gaetano e Costanza fu presto allietata e benedetta dalla nascita di quattro figli: Francesca Maria Teresa (1836); Carlo Alessandro Francesco (1837); Raffaele Gaetano (1838) e un ‘angioletto’ senza nome (1842). Tra i figli, tutti morti prematuramente, Costanza ebbe una particolare predilezione per Carlo: buono, solare, capace di stabilire amicizie. Erano bellissime le sere che passavano a guardare le stelle e ad immaginare quando sarebbero stati lassù, con Dio. Carlo


10 s. Paola Elisabetta Cerioli

però, dopo essere stato in Collegio, morì di tisi, giovanissimo, il 16 gennaio 1854. La mamma lo considerava un Angelo (cioè un Messaggero) per il suo carattere dolce e fermo, ma anche perché prima di morire le aveva detto: «Dio ti darà altri figli. Non rattristarti!». Dopo il figlio, nel Natale dello stesso anno, morì anche il marito. Lei si trovò sola, senza più il calore di una famiglia, con un ingente patrimonio da gestire e in un incerto futuro. «Io non sapevo più che cosa fare di me: girando per ogni dove del palazzo, ogni cosa mi ricordava il mio caro figlio Carlo: tutto mi affliggeva». Sono queste le parole sconsolate di Costanza nella sua solitudine, senza alcun conforto se non in Maria Addolorata. Trovò in una nuova confidenza in Gesù -morto per amore, vissuto a Nazaret nella Santa Famiglia- lo spunto per dare un senso alla sua solitudine. Come tanti papà e tante mamme di oggi che hanno perso il loro figlio in un incidente, per malattia o perché si è allontanato dalla fede, Paola Elisabetta guardando a Maria, comprese il suo strazio di madre, ma anche la grazia di diventare nuovamente ‘madre’ di altri figli; pensando a Giuseppe e alla sua Famiglia si sentiva protetta e al sicuro. Più forti, sempre più insistenti riecheggiavano nel suo cuore le parole del figlio: «Il Signore ti farà di nuovo madre». Così il suo nuovo cammino partito dalla Croce, passando attraverso Nazaret dove Gesù aveva vissuto nella sua famiglia, approdò alla vita dei figli orfani, ‘senza avvenire’ della sua terra: lì apprezzò la vita quotidiana e la storia d’ogni giorno. Lì imparò ad aprire il suo cuore al mondo, soprattutto ai bambini orfani. Dopo due anni di solitudine e dopo un corso di esercizi spirituali vissuti intensamente, Costanza si sentì come rasserenata. Quando il giorno 7 gennaio dell’anno 1856 aprì il portone del palazzo ad una bambina orfana della campagna di Comonte e l’accolse nella sua casa, dopo averla rivestita, datole da mangiare, e dopo averla custodita per giorni e poi per anni, si ricordò di suo figlio. Paola Elisabetta morì il 24 dicembre 1865, ma la sua maternità creativa continua ancora oggi.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

2. La Congregazione che custodisce l’ideale

11

Dal piccolo gesto di accoglienza di una bambina orfana nacque la Congregazione dei religiosi (4 novembre 1863) e delle religiose (8 dicembre 1862) della Sacra Famiglia che, evangelizzando attraverso l’educazione, continuano il sogno di madre Paola Elisabetta Cerioli: fare del mondo la famiglia di Dio, dove genitori ed educatori fossero come un ponte verso la paternità e maternità di Dio. La comunione di intenti di ideali, di prospettiva tra religiosi e religiose doveva essere come Maria e Giuseppe per Gesù luogo affettivamente di grande intensità per potere sperimentare la bellezza della vita e della storia: essere cioè padri e madri (‘spirituali’) per tutti i figli che ci vengono affidati, ma soprattutto di coloro che non hanno avuto la possibilità di sperimentare la gratificante paternità e maternità di un padre e di una madre, unico accesso per scoprire la paternità e maternità più grande di Dio. Era il 4 novembre quando nasceva a Villacampagna di Soncino (Cremona) l’Istituto maschile della Sacra Famiglia: proprio nel giorno della memoria di S. Carlo Borromeo, ricordo immediato del figlio Carlo. A Comonte c’era un palazzo patrizio circondato dalle abitazioni dei contadini addetti ai lavori della proprietà terriera dei Tassis. A Villacampagna, invece, piccolo villaggio dipendente dalla grossa e storica borgata di Soncino, c’era un grosso cascinale -il tipico cascinale della pianura padana- di proprietà dei Cerioli, passato in eredità a Costanza. Gli inizi furono difficili, sotto la prova del fuoco: si vide allora di quale forza e coraggio erano pieni sia la Fondatrice sia Giovanni Capponi, primo fratello della Congregazione. E si vide ancora di quanto pratico affetto circondarono l’opera il Vescovo di Bergamo mons. Speranza e mons. Valsecchi, che presero a cuore la direzione generale dell’Istituto, avendo al fianco il fedelissimo Giovanni Capponi. La prova diventò ancor più grande quando nel 1865, appena due anni dopo la fondazione, la Fondatrice morì , lasciando una Comunità ancora agli inizi costituita da quattro Fratelli e da una decina di Orfani.


Il Capitolo generale del 2001 ha ribadito alcune idee fondamentali della nostra esperienza. Per evangelizzare, dobbiamo innanzitutto lasciarci evangelizzare dalla Parola di Dio, dal carisma e dalla vita dei poveri. Evangelizzare ci rimanda dunque alla nostra conversione personale, come operai del vangelo. Evangelizzare educando è stato lo slogan sintetico della nostra esperienza educativa. «Il nostro essere mandati ad evangelizzare i poveri» (Lc 4,18) passa inesorabilmente e primariamente nell’impegno a formare le coscienze delle giovani generazioni, che il loro avvenire; destinato, comunque, ad interazione planetaria. In questo senso l’educazione appare soprattutto come la forza più potente ed efficace in grado di fornire l’accesso per tutti alla cittadinanza terreste in una comunità planetaria.

12 s. Paola Elisabetta Cerioli

Nel 1868 si potè realizzare il desiderio della Fondatrice di portare nella Diocesi di Bergamo –e precisamente a Martinengo nel Convento dell’Incoronata- anche la sede dell’Istituto maschile. L’ingresso solenne dei religiosi a Martinengo avvenne ai primi di dicembre alla presenza di mons. Speranza e di don Luigi Palazzolo. Nonostante i generosi sforzi, gli anni successivi furono caratterizzati da notevoli difficoltà tanto da far temere una repentina chiusura dell’Istituto stesso agli inizi del nostro secolo. Il nuovo direttore don Angelo Orisio, mandato dal Vescovo Guindani perché provasse a rivitalizzare l’Opera ormai agonizzante con il prevosto di Leffe, don Davide Mosconi, come collaboratore, lavorarono a riordinare l’Istituzione e a farla progredire. Il 19 marzo 1986 la Congregazione dei Religiosi approvava definitivamente le Costituzioni e riconosceva la Congregazione di Diritto Pontificio. Dal 1925 la Congregazione svolge la sua missione nei confronti dei minori anche a Orzinuovi. Dapprima con un orfanotrofio e poi con il passare del tempo con un Collegio, oggi con un Centro educativo e Scuola apprezzati su tutto il territorio.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

3. Frammento dell’ideale: la nostra scuola

13

Le tappe che hanno portato alla costituzione del nostro Centro educativo e Scuola santa Paola Elisabetta, da tutti conosciuto come Andreana sono queste: 1921, 23 settembre: don Giuseppe Musletti, nativo di Orzinuovi e parroco di Ovanengo, esprime il desiderio di lasciare tutto il suo patrimonio alla Congregazione della Sacra Famiglia perché venga aperto, possibilmente nel Comune di Orzinuovi, un Orfanotrofio per raccogliere, allevare e istruire ed educare orfani poveri 1925, 11 novembre: a nome e per conto della Congregazione della Sacra Famiglia, padre Francesco Tomasoni con fratel Giovanni Capister, due suore e un gruppo di ragazzi, prende possesso della Possessione Landriana. 1926: l’Istituto Andreana s’avvia ad accogliere circa 35-40 ragazzi che hanno frequentato le prime classi elementari a Martinengo e la classe quinta a Villacampagna. Impegnati nell’attività agricola, i giovani migliori seguono i corsi di scienze agrarie e zootecnica tenuti dal prefetto d’agraria fratel G. Capister. 1932-33: viene avviata la Scuola Agraria serale. Fratel Omobono Pezzoli insegna agraria e zootecnia, mentre il maestro Branchi e il professor Gardoni cultura generale. 1941, giugno: i dieci allievi migliori vengono inviati ad Orzinuovi per sostenere gli esami del Secondo Corso presso il Regio Corso d’Avviamento Professionale di Tipo Agrario. 1946, ottobre: riapre la Scuola di Avviamento serale con l’istituzione del Terzo Corso. 1954, 8 settembre: viene inaugurato il nuovo grande padiglione con dormitorio, refettorio e officina meccanica agraria. 1955-56, ottobre: l’Istituto Andreana accoglie anche ragazzi esterni che hanno terminato il ciclo elementare, come convittori o semi convittori per il periodo scolastico che frequentano il corso triennale di Avviamento Professionale Industriale. 1957, ottobre: approntate nuove aule, la palestra e il laboratorio, l’Istituto Andreana ottiene l’autorizzazione ad ospitare una


14 s. Paola Elisabetta Cerioli

sezione staccata dell’Avviamento Professionale Industriale Statale di Orzinuovi. 1960, 1 ottobre: l’Istituto Andreana ospita una sezione coordinata dell’Istituto Professionale Industria e Artigianato “Moretto” di Brescia (I.P.S.I.A.), l’antica Scuola Tecnica. 1963-64: soppressa la Scuola d’Avviamento Professionale, l’Istituto Andreana ospita una sezione staccata della nuova Scuola Media Unica di Orzinuovi. 1974, 1 settembre: il complesso scolastico dell’Andreana ospita la sezione staccata dell’Istituto Tecnico “Don Primo Mazzolari” di Verolanuova. 1989, 13 maggio: il decreto ministeriale concede il riconoscimento legale alla Scuola Media “P.E.Cerioli” con decorrenza dall’anno scolastico 1988-89. Il Ministero della P.I. riconoscerà lo status di Scuola Media Paritaria con decreto 28 febbraio 2001. 2000, 14 settembre: autorizzata dal Dirigente Scolastico del Circolo Didattico di Orzinuovi, s’avvia la Classe Prima della Scuola Primaria ‘P.E.Cerioli’. Con decreto 27 febbraio 2003 il M.I.U.R. riconosce lo status di Scuola Primaria Paritaria. 2003, 11 settembre: avvio del primo anno della Scuola dell’Infanzia “P.E.Cerioli”. 2005, Con decreto 28 novembre il M.I.U.R. riconosce lo status di Scuola dell’Infanzia. 2005, gennaio: inizio lavori di ristrutturazione della Piscina. 2006, 2 ottobre: avvio del C.I.S. / Consiglio d’Istituto della Scuola per custodire e far crescere la continuità e la collaborazione tra religiosi, docenti, genitori delle tre sezioni della Scuola. 2007, 2 ottobre: avvio del movimento delle famiglie per l’Educazione e la Famiglia.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 15

[ Perché la nostra Scuola si chiama Andreana ? ] Generalmente, i cascinali della pianura padana prendevano denominazione dal cognome della famiglia proprietaria, oppure da una particolare emergenza naturale: un dosso, un bosco, una pianta, …. Verso la metà dell’800, il gruppo familiare Gossalli-Moretti-Legnani fa costruire sul Campo La Vigna, posto nella contrada della Madonnina dell’Oglio, una vasca per la macerazione del lino, fibra allora molto richiesta sul mercato lombardo. Per utilizzare una derivazione della Roggia Mezzarola, la struttura viene interrata tanto da richiedere una scaletta in mattoni per accedervi. È così infossata da richiamare le buie androne dei centri urbani, il che le merita la denominazione di L’andruna, che si estende al terreno che la ospita e più tardi alla cascina che su di esso nel 1881-83 vi farà costruire il proprietario Enrico Salini, nativo di Soncino e farmacista in Milano. Per la prima volta, nella mappa catastale del 1898 la Cascina Landruna è ufficialmente segnalata come Cascina Landriani, evidente interpretazione burocratica dell’indecifrabile toponimo originario. Per altre fantasiose contaminazioni popolari, di qui seguirà Cascina Landriana e finalmente L’Andreana.


2. FIGLI E FAMIGLIE DI OGGI 1. Il contesto sociale in cui opera la Scuola

16 s. Paola Elisabetta Cerioli

Il Centro educativo e Scuola santa Paola Elisabetta Cerioli sorge nella bassa bresciana, al confine con il basso bergamasco e l’alto cremonese. Il Comune è quello di Orzinuovi, paese con più di 8000 abitanti, immerso nel verde della pianura. Le tre aree di confine comportano oggi un ruolo marginale nel contesto socio-economico e politico delle tre province di appartenenza. Tuttavia la ricchezza di sorgive e fontanili hanno permesso lo sviluppo di una rigogliosa agricoltura con la formazione di una classe agraria particolarmente intraprendente e tradizionalista. Lo sviluppo economico del secondo dopoguerra ha prodotto il rapido trapasso da un’industria di trasformazione (filanda e caseifici) ad una di servizio e di integrazione delle produzioni e dei complessi produttivi urbani. Accanto ad una vasta serie di attività commerciali stanziali e itineranti, s’è andata negli ultimi anni affermando una fitta rete di attività produttive autonome e di insediamenti della grande distribuzione. Ne consegue una realtà economica varia ed eterogenea che permette l’assorbimento sia degli esuberi agricoli che del settore industriale, mentre non presenta problemi di riduzione occupazionale il settore dell’artigianato tradizionale e d’innovazione. Sotto l’aspetto economico, quindi, l’area gravitante attorno alla Scuola registra uno scarso livello disoccupazionale. L’intraprendenza degli abitanti, garantendo un livello di benessere al di sopra della media nazionale, promuove una particolare attenzione alle scelte educative dei figli per due ragioni: la necessità di una scuola che supplisca alla scarsa disponibilità di tempo da dedicare ai figli e l’opportunità di garantire loro una preparazione adeguata per un inserimento nel mondo del lavoro per un futuro professionalmente più qualificato e socialmente gratificante. In un raggio di 30 KM dalla scuola


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 17

vive una popolazione di oltre 80.000 persone. A livello sociale è fenomeno sempre più rilevante la rottura dei nuclei familiari e le esperienze di fallimenti matrimoniali. Un fenomeno molto rilevante negli ultimi anni è la forte presenza di extra-comunitari, dapprima costituita da maschi adulti alla ricerca di lavoro, ora da interi gruppi familiari con relativa presenza di bambini.

2. Le famiglie della nostra Scuola Le famiglie che portano i loro figli al nostro Centro e Scuola vivono un buon clima familiare e sono sostanzialmente unite, anche se molte vivono la ferita dell’incomprensione, del disagio, della separazione, clima non certo favorevole alla riuscita scolastica. Ancora più rilevante il disagio che si registra dove i figli vivono situazioni di rottura familiare spesso seguite da forti tensioni tra i due genitori. Il bambino viene spesso conteso dalle due parti più come segno di vittoria sull’ ex coniuge che come scelta educativa nei confronti del minore. Si sta imponendo un nuovo modello di ‘vivere la famiglia’, che registra il modello di tutta la civiltà occidentale. Dal modello ‘figli con genitori’ si sta passando al modello ‘coppia con figlio’. In altre parole: la relazione filiale appare più solida del rapporto spesso instabile tra i coniugi e dunque la famiglia si va costituendo anzitutto in funzione del figlio. Come dire che i matrimoni (e le convivenze) si rompono con una certa facilità, ma i bambini restano. Nella stragrande maggioranza dei casi sono gli uomini che con colpevole disinvoltura smettono di fare i padri, lasciando i loro (ex) figli non solo senza affetto, ma quasi sempre anche senza i mezzi necessari per vivere dignitosamente. Il clima delle famiglie di oggi è definito da due profili: essa è privata ed affettiva. Privata, nel senso di sistematicamente sequestrata rispetto a quei sistemi di scambio sociale, ai quali si affida la vita pubblica; a differenza di quella tradizionale nel-


la quale era il centro a procedere dal quale prendeva forma ogni rapporto sociale. Affettiva, nel senso che ingrediente del legame familiare, anzi tendenzialmente esclusivo, diventa appunto l’affetto. Questi due tratti della figura della famiglia rendono assai arduo il compito educativo, perché predispone lo spazio per la lievitazione della figura materna, attraverso l’oscillazione dei due comportamenti quali la rassicurazione incondizionata e il cosiddetto ricatto affettivo. Per educare tuttavia è necessario che il bambino guadagni progressivamente la percezione di uno sfondo, di un modo dunque più grande del suo rapporto con la madre, entro il quale soltanto quel rapporto trova la sua misura e la sua verità. A quel mondo più grande deve rimandare il rapporto stesso tra genitori e figli; in quel mondo esso deve cercare i criteri che consentono di vivere in maniera responsabile.

s. Paola Elisabetta Cerioli

Le famiglie che scelgono il nostro Centro educativo e scuola appartengano a questo contesto sociale, culturale ed economico. Tuttavia le ragioni sono molto variegate: ci sono famiglie che portano i loro figli al nostro Centro educativo e Scuola per la condivisione di una comune prospettiva ideale della vita: cristianamente impostata e saggiamente caratterizzata. Pur nella sua spiccata laicità, la scuola rimane fortemente connotata dalla sua definizione religiosa. Tuttavia la scuola è qualificata significativamente dal suo essere scuola cattolica. Ci sono, invece, famiglie che scelgono la scuola perché entrambi i genitori lavorano. Esso appare senza dubbio uno dei motivi che spinge le famiglie a scegliere un’istituzione che permette una custodia qualificata del bambino per l’intera giornata. La motivazione, spesso ben esplicitata al momento dell’iscrizione, permette di recuperare il senso della collaborazione della scuola con la famiglia, non in senso vicario, sostitutivo, ma nello spirito di un’alleanza costruttiva. Queste ragioni non impediscono alla nostra proposta di farsi propositiva e interpellante la coscienza dei genitori.

18


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 19

3. I figli di oggi, figli di sempre: fanciulli, bambini, ragazzi Le età della vita dei figli di cui ci occupiamo sono l’infanzia con i bambini della scuola dell’Infanzia, la fanciullezza con i bambini della Primaria, l’adolescenza con i ragazzi della Secondaria (e, speriamo in futuro, la giovinezza con una scuola Superiore). Queste età della vita sono quelle ‘primarie’, ‘basilari’, ‘paradigmatiche’ nelle quali è concentrato il senso dell’esperienza umana tutta. Le acquisizioni realizzate in ciascuna di queste età non si oppongono a quelle dell’età precedente, piuttosto le riprendono in un’ottica progressivamente più larga. Inoltre ciascuna età rimanda alla successiva e dispone ad essa. Ogni età della vita non è soltanto fase provvisoria e caduca di un processo, prefigura invece l’immagine dell’intero, dunque la verità della vita tutta. Lo svolgimento delle età assume la forma di una progressiva ripresa di significati già presenti nell’età precedente. Ci pare utile rilevare le caratteristiche di ogni età, prima di considerare gli eventuali ‘disagi’, per capire anche il compito assegnato alla nostra istituzione. L’INFANZIA è metafora per dire il senso della vita. L’aspetto più qualificante dell’età infantile è la meraviglia. La madre nei suoi gesti rivela obiettivamente una verità cosmica: Non temere, figlio mio, non sei solo in questa rischiosa avventura della vita. Tutti saranno buoni con te, tutte le cose ti saranno propizie, se tu stesso sarai fedele all’alleanza. L’esperienza effettiva di questa età è dunque momento indispensabile per accedere al senso della vita. L’agire della madre e del padre mirano consapevolmente a dischiudere alla verità, al senso, alla speranza: a ciò deve mirare soprattutto la qualità complessiva del loro rapporto reciproco. Lo stupore che suscita la presenza del figlio, la sorprendente capacità della madre di rispondere alle sue attese, molto prima che siano espresse, rivelano il profilo religioso, la densità religio-


sa di tale età. Come dire: riconosci che il padre e la madre assumono nella tua vita la figura di primi e insostituibili interpreti del Padre che è da sempre e per sempre, che solo può dare la vita senza fine; riconoscilo sempre, e non soltanto fino a che sei piccolo e la cosa appare ai tuoi occhi del tutto ovvia.

All’età della vita ’facile’ dell’infanzia –facile perché si è come portati, assistono le risorse naturali- segue L’ADOLESCENZA. L’adolescenza è un’età nella quale il soggetto deve decidere di sé. Per operare quella scelta occorre affidarsi ad un’autorità, dunque, ad un padre più che umano. La minaccia massima alla nostra libertà non viene certo oggi nei paesi occidentali dalla miseria e dalla costrizione, viene invece dal difetto di evidenza dell’autorità, che sola consente il dono della vita. Nell’adolescenza si manifesta una legge che pure dovrà esse-

20 s. Paola Elisabetta Cerioli

LA FANCIULLEZZA appare tra tutte le età della vita come la più felice e, insieme, anche la più feconda. La meraviglia è il tratto caratterizzante anche l’età della fanciullezza. Il fanciullo conosce la meraviglia della corrispondenza quasi magica dela realtà alla sua iniziativa: essa genera una sorta di euforia. In questa età si produce -o quanto meno, dovrebbe prodursi– l’apprendimento della legge, intesa nel suo profilo di regola di vita. La sintesi del reale rimane ferma per tutte le successive età: essa rimane per sempre una sorta di mito fondatore della vita dell’adulto. La sintesi felice realizzata nella fanciullezza è immagine e prefigurazione della sintesi che egli dovrà perseguire lungo il cammino della vita. La fanciullezza è figura preziosa della vita buona; ed è figura essenziale per conoscere e realizzare quello che è buono in ogni stagione della vita. Fa parte della vita buona la qualità di non essere dominata dalla ricerca di sé, ma dalla dedizione a ciò che appare degno: ‘che sapore ha una vita non spesa? Non solo: in questa stagione sono realizzate molteplici esperienze di consuetudine con il grande mondo, le quali rimarranno per sempre tracce preziose per trovare la figura della vita adulta.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 21

re ricercata come qualificante per rapporto alla vita umana tutta: la vita non è possibile se non nel segno della libertà! L’uomo nasce senza scegliere, ma non può vivere se non a questa precisa condizione, di riprendere la prima nascita mediante la sua scelta libera. Nel processo dell’adolescenza (Blos) distingue quattro fasi tipiche. Il suo schema sembra suggerire con efficacia le linee essenziali secondo le quali si svolge il processo dell’adolescenza: preadolescenza; prima adolescenza; adolescenza vera e propria; tarda adolescenza. Di fronte alle varie fasi della vita, i nostri bambini e i nostri ragazzi quali ‘problemi’ vivono? I profondi mutamenti che segnano la società della cultura contribuiscono a plasmare l'identità dei figli di oggi. La frammentarietà, il bombardamento di informazioni, la fragilità emotiva, l’instabilità sono alcuni dei tratti che caratterizzano la loro vita di oggi. A livello cognitivo c’è da registrare un’elevazione delle conoscenze possedute da parte del bambino, ma una maggior difficoltà ad organizzarle e a gestirle in situazione, una difficoltà da risolvere, i problemi a coniugare il livello cognitivo con quello emotivo. Ecco perché abbiamo adottato il metodo dell’imparare ad imparare! A livello socio-educativo si registra una sempre più preoccupante nuclearizzazione della famiglia con relativo isolamento dal contesto sociale e incapacità per il minore di aprirsi alla dimensione sociale. La fragilità di riferimenti valoriali, uniti al poco tempo a disposizione della coppia per stare con il bambino porta spesso ad affidare le cure nei primi anni di vita o ai nonni o ad agenzie che sostituiscano le famiglie. Ecco perché l’alleanza con le famiglie!


3. IL TERRITORIO DI ORZINUOVI & DINTORNI 1. Le agenzie educative del territorio Le Scuole del Comune di Orzinuovi relativamente alla Scuola sono così strutturate: > SCUOLA DELL’INFANZIA: statale (a Coniolo, frazione di Orzinuovi); comunale (Garibaldi); privata (Canossiane); > SCUOLA PRIMARIA: STATALE > SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO: STATALE

Iniziative a favore della famiglia e, in particolare, dei minori sono gestite dalla Parrocchia e dalle Amministrazioni comunali del territorio. - La parrocchia di Orzinuovi nell’anno 2004 ha aperto un Centro di consulenza per la persona, per la coppia, per la famiglia rivolto alle parrocchie della Zona Pastorale ‘beata Stefana Quinzani’ (….). Il Centro, di dichiarata ispirazione cristiana, è nato dal cuore delle Parrocchie, è animato da una Associazione di volontariato ed opera nel rispetto delle norme di legge italiane, offre assistenza a tutti senza distinzione di razza, lingua e religione.

s. Paola Elisabetta Cerioli

> SCUOLE SUPERIORI STATALI con vari indirizzi di studio: . Liceo scientifico . Liceo PNI (piano nazionale informatica) . Liceo linguistico . Istituto tecnico commerciale IGEA . Istituto per geometri tradizionale + sperimentazione . IPSIA . Istituto tecnico industriale a indirizzo informatico

22


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 23

- Le Amministrazioni comunali del territorio –attraverso la cooperativa sociale ‘La Nuvola’- si propone con due iniziative: Genitorialità, con la quale si riflette sul ruolo di genitori, sui loro dubbi, domande e incertezze. Il servizio ‘sportello Genitori’ gestito dall’équipe psicopedagogica della cooperativa è rivolto a tutti i genitori, indipendentemente dall’età del proprio figlio. Con l’iniziativa dell’Affido si afferma che ‘ogni bambino ha diritto ad una famiglia’ (legge 149/2001) con l’intento di costruire insieme un gruppo di famiglie disponibili all’affido o appoggio di minori che vivono momenti di disagio. L’iniziativa è rivolta a tutti. I Comuni che gestiscono tale iniziativa fanno parte dell’Ambito 8 (Orzinuovi, Barbarica, Borgo S. Giacomo, Brandico, Corzano, Dello, Lograto, Longhena, Maclodio, Mairano, Orzivecchi, Pompiano, Quinzano, San Paolo, Villachiara) Nella tabella riportata a pagina seguente sono indicati i paesi di provenienza dei bambini della nostra scuola.


s. Paola Elisabetta Cerioli

territorio

Roccafranca Rudiano Castelcovati

Scuola e Centro educativo Santa Paola Elisabetta

Pompiano Scarpizzolo S. Paolo Barbariga Borgo S. Giacomo Travagliato Trenzano AcquaLunga

VillaCampagna

cremona

Soncino Isengo

24

brescia

Ludriano

Comezzago-Cizzago

Orzivecchi

Dello

Brandico

T. Casaglia

Lograto

Zurlengo Coniolo


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

2. Le esigenze del territorio

25

Ogni territorio attraverso i suoi abitanti e i loro bisogni esprime delle esigenze particolari. Per quanto riguarda l’educazione dei figli si avverte la necessità di strutture per bambini dai 0 ai 3 anni; di agenzie che si occupino dei bambini extracomunitari; di riduzione del disagio giovanile e di nuovi indirizzi per le Scuole superiori.

3. Il rapporto con il Comune Il rapporto con il Comune di Orzinuovi è buono. Sono in atto varie forme di collaborazione: un contributo per ogni alunno della Scuola dell’Infanzia residente e un contributo annuo per progetti didattico-formativi, un progetto scolastico da presentarsi all’inizio di ogni anno scolastico, inserito nel piano di diritto allo studio (legge regionale 1980); organizzazione capillare con il comune di residenza dei bambini per il recupero dei costi dei libri scolastici; Giocoestate.


4. LA STRUTTURA DEL CENTRO EDUCATIVO E SCUOLA 1. Lo spazio Il Centro educativo e Scuola è inserito nel contesto naturale del Parco dell’Oglio. È vicino al Santuario e al Centro scolastico polivalente superiore G. Cossali. Il complesso è arricchito dalla presenza di una bella piscina.

2. Le strutture Scuola dell’Infanzia - 4 sezioni Aule con bagni | 4 sezioni Spazio gioco Esterno Spazio gioco Interno

Scuola Primaria - sezioni A e B Aule | 10 su due piani Bagni Aula Docenti Aula Educatori Spazio GIOCO Infermeria

Scuola Secondaria - sezioni A B C Aule | 9 Bagni Aula Docenti Aula Educatori Spazio GIOCO Infermeria

s. Paola Elisabetta Cerioli

Mensa

26


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

Spazi Comuni Interni

La Casa è antisismica. È colorata. Funzionante secondo le normative statali.

27

Spazi Comuni Esterno

Segreteria Biblioteca Laboratorio Informatica Laboratorio MultimedialeMusica Laboratorio Scienze Laboratorio Arte Palestra Piscina Mensa BAR

Campi di Calcio | 6 Campo Pallavolo Campo Pallacanestro Campo Calcetto Spazio Giochi Bambini

Chiesa dedicata alla Santa Famiglia Piazzale La Casa è accogliente per le feste di compleanno, per le cresime e per le prime comunioni. La Casa ospita anche i ritiri dei bambini e dei ragazzi con le loro famiglie che si preparano alla cresima e alla prima comunione


3. La piscina La Scuola, per l’attività scolastica di Motoria, utilizza la ristrutturata piscina. Questa struttura possiede tre vasche e un acquascivolo. Una di queste vasche è dedicata interamente ai bambini, mentre un’altra, in inverno viene ricoperta per i corsi rivolti alle famiglie. In estate vengono utilizzati gli spazi verdi a disposizione, costituiti da tre campi dal calcio più un parco dedicato al relax. La piscina inoltre possiede un bar attrezzato, un campo da beach volley. Associazione polisportiva dilettantistica Andreana - Sacra Famiglia A. P. D. Andreana - Sacra Famiglia

s. Paola Elisabetta Cerioli

via Milano 81 - 25034 Orzinuovi . BS tel. 030—94.39.34 www.andreana.it piscine@andreana.it

28


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

5. Il servizio di trasporto: i BUS

29

La nostra Scuola per un servizio più qualificato alle famiglie e ai loro figli offre un servizio BUS. Per vivere il viaggio verso Scuola o verso Casa come momento educativo di amicizia e di dialogo indichiamo queste regole di comportamento. Il non rispetto di queste regole necessarie per un buon viaggio e per l’incolumità degli studenti può portare alla rescissione del contratto. PATTO STUDENTI, FAMIGLIA E SCUOLA PER IL VIAGGIO IN BUS PAPÀ E LA MAMMA LEGGONO AL FIGLIO 1. Rispetta le regole comuni della buona educazione, con il saluto e il dialogo agli amici di viaggio, all’autista e all’educatore. Se sei più grande prenditi cura dei più piccoli. IL

2. Quando c’è un problema rivolgiti immediatamente all’educatore: su ogni BUS è garantita la sua presenza. 3. All’inizio dell’anno ti viene assegnato un posto, di cui sei responsabile e che dovrai tenere fino a nuova indicazione. 4. È VIETATO durante il viaggio: > alzarsi dal tuo posto, per motivi di sicurezza; > urlare, dire parolacce, mettere i piedi sui sedili; > usare il cellulare, nel cui caso verrà ritirato; > consumare cibi o bere, masticare ‘gomma’… 5. Se non rispetti queste regole: > per prima cosa sarai richiamato presso la famiglia con una lettera del Direttore; > nel caso non migliorassi, verrai sospeso dal servizio BUS per 1 o + giorni, in base alla gravità. Nel tal caso saranno i genitori ad accompagnarti a scuola; > se non dovessi cambiare, mettendo a repentaglio l’incolumità dei tuoi amici, ci sarà la sospensione definitiva dal servizio BUS; 6. Eventuali danni arrecati al BUS verranno prontamente risarciti dopo aver informato tempestivamente la famiglia.


SECONDA PARTE

percorsi formativi traduzione dei valori con percorsi curricolari ed extracurricolari 1. UNA COMUNITÀ CHE ‘TESTIMONIA’ E APPRENDE 1. La scuola dell’infanzia, primaria, secondaria oggi 2. La scuola Sacra Famiglia 3. Docenti: padri, madri, figli 2. STILE EDUCATIVO 1. Sullo stile della Santa Famiglia 2. Educatori paterni: paternità spirituale 3. Educatori materni: seconda creazione 4. Educatori come l’Angelo

4. GLI ASSI FONDANTI 1. Obiettivi generali del processo formativo

La seconda parte riguarda i PERCORSI FORMATIVI. Considera la traduzione dei valori con percorsi curriculari ed extracurriculari. Studiato e analizzato l’ambiente si gettano le fondamenta e si innalzano i pilastri strutturali: sono i pilastri educativo-didattici. Si definisce, cioè, che cosa si intende per scuola oggi e quali sono, a partire dal progetto educativo la didattica dell’imparare ad imparare, la convivenza solidale, l’alleanza con la famiglia.

s. Paola Elisabetta Cerioli

3. LA SCUOLA. I PILASTRI DEL PROGETTO 1. La didattica dell’imparare ad imparare 2. Alleanza educativa con la famiglia 3. La convivenza solidale

30


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

1. UNA COMUNITÀ CHE ‘TESTIMONIA’

31

E APPRENDE

1. La Scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria oggi La storia della nostra Scuola, con una presenza sul territorio fin dal 1925, testimonia l’esercizio di una creatività e di una professionalità progettuale e organizzativa dell’educazione e delle azioni didattiche, che sono divenute una ricchezza anche per la Comunità civile e per la Chiesa, in un contesto di pluralismo dei modelli scolastici e formativi. La progettazione dell’offerta della nostra Comunità educativa è mediata da modelli educativi e didattici, che rispondono ad una visione antropologica ispirata all’umanesimo cristiano della tradizione cerioliana. Le nostre scelte educative di fondo sono indicate dal Ministero della Pubblica Istruzione, con originalità derivanti dall’autonomia. Ma quali sono gli obiettivi che la riforma indica per ogni fase del tempo scolastico? La Scuola dell’infanzia concorre all’educazione e allo sviluppo affettivo, psicomotorio, cognitivo, morale religioso e sociale delle bambine e dei bambini e ne promuove la potenzialità di relazione, autonomia, creatività e apprendimento nella prospettiva di una formazione armonica e integrale. Essa costituisce il primo gradino del progetto di formazione e autocostruzione che la persona disegna lungo tutto il corso della vita e la sua frequenza va assicurata a tutti. Per questo è valorizzato il tempo dell’accoglienza, in modo personalizzato e a ‘farsi carico delle emozioni loro e dei loro familiari’. Più di altre dimensioni, le attività sono lo sfondo pedagogico inespresso che determina la validità del contesto di vita, il suo clima sociale, affettivo relazionale e delineano i tratti di tutta la scuola.


Lo spazio scolastico è varietà infinita di dimensioni, oggetti, simboli, suoni che disegnano uno scenario dove si svolge una parte rilevante dell’esistenza infantile. È luogo della socializzazione di bambine e bambini, ma è anche quello dove essi prendono coscienza che esiste lo spazio degli altri che va rispettato. Sono da considerare inoltre i piani personalizzati delle attività educative; la rimodulazione dei tempi; la riorganizzazione delle sezioni.

La Scuola Secondaria. La Scuola Secondaria di primo grado, attraverso le discipline di studio, è finalizzata alla crescita delle capacità autonome di studio e al rafforzamento delle attitudini all’interazione sociale; organizza ed accresce, anche attraverso l’alfabetizzazione e l’approfondimento nelle tecnologie informatiche, le conoscenze e le abilità, anche in relazione alla tradizione culturale e alla evoluzione sociale, culturale

32 s. Paola Elisabetta Cerioli

La Scuola Primaria è l’attuale scuola elementare. Al termine della scuola dell’infanzia, il bambino frequenta la scuola Primaria. Il termine ‘primaria’ possiede diversi significati, ampiamente illustrati nelle indicazioni nazionali per i piani di studio personalizzati (documento tecnico di accompagnamento al D. M. n. 100/2002). Li riassumiamo brevemente. La scuola Primaria è tale perché realizza il primo approccio col mondo della cultura; è il luogo in cui ci si abitua a perseguire la vera natura del conoscere, che è quella di costruire concetti, nessi e significati, collegando tra loro i dati dell’esperienza. Intervenendo a neutralizzare gli ostacoli di natura personale, ambientale e sociale capaci di bloccare lo sviluppo, favorisce le condizioni dell’uguaglianza educativa fra allievi e allieve. Inoltre è tale perché propone per prima alle giovani generazioni la pratica della convivenza civile; infine, merita di essere chiamata così perché, perseguendo il camino iniziato nella famiglia e nella scuola dell’infanzia, aiuta l’allieva e l’allievo nella costruzione e nel rafforzamento della propria identità personale.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 33

e scientifica della realtà contemporanea. È caratterizzata dalla diversificazione didattica e metodologica in relazione allo sviluppo della personalità dell’allievo; cura la dimensione sistematica delle discipline; sviluppa progressivamente le competenze e le capacità di scelta corrispondenti alle attitudini e vocazioni degli allievi; fornisce strumenti adeguati alle prosecuzione delle attività di istruzione e di formazione; introduce lo studio di una seconda lingua dell’Unione Europea; aiuta ad orientarsi per la successiva scelta di istruzione e di formazione (Decreto legislativo, ai sensi della legge 28 marzo 2003, n. 53)

2. Il centro educativo e Scuola santa Paola Elisabetta Il Centro educativo e Scuola è una Comunità che ‘testimonia’ e ‘visibilizza’, nella sua dinamica complessiva, che la vita è bella e merita di essere vissuta e impegnata; e che la vita di ciascuno è determinata dall’apertura ad un senso, ad un oltre, a Dio, che dà significato e sapore a tutto. Questo orizzonte di senso viene testimoniato attraverso ogni docente, religioso e famiglia per il proprio ruolo specifico, e concorre a costruire l'orizzonte culturale, spirituale e religioso dell'intera comunità scolastica. È compito particolare dei Docenti condividere e trasmettere autorevolmente i principi e i valori educativi fondamentali della scuola. La comunità scolastica è composta dall'Ente gestore, dagli insegnanti, dagli educatori extra-scolastici, dai genitori e, soprattutto, dagli alunni. Quali sono le attese della Congregazione perché la nostra Scuola si definisca sempre più come Sacra Famiglia, sia nella sua vicenda e programmazione scolastica, sia nel suo clima generale? Immaginiamo la Scuola che vorrebbe la nostra Fondatrice se fosse qui oggi tra noi.


3. Docenti: padri, madri, figli

2. La scuola ‘Sacra Famiglia’ è come un padre… che attrezza per il futuro risvegliando speranza, una fede. Un padre tuttavia è necessario perché il bambino non si chiuda nella semplice soddisfazione del bisogno della relazione fusionale con la madre. Nel bisogno è inscritta la necessità ‘di altro’. Un padre apre il figlio al futuro, libera dal peso insistente dei bisogni per far baluginare un’ulteriorità, un di più ‘del vestito e del cibo’ nella sua vita. Nella ‘civiltà senza padre’ – che ‘ruba’ ai figli il futuro; figli senza una disciplina e ordine interiore, che attrezza per l’avventura della vita (come un musicista gli anni del conservatorio o per un calciatore il tempo dell’allenamento); figli senza forza di battersi (e morire) per un ideale - questo compito è quello più originale e più nuovo che noi potremmo tenere in considerazione. Anche la Fondatrice aveva intuito che ‘senza padre’ non si diventa umani, cioè donne e uomini, e per questo motivo le sue figlie orfane le aveva poste sotto la protezione premurosa

34 s. Paola Elisabetta Cerioli

1. La scuola ‘Sacra Famiglia’ è come una madre… che si prende cura dei bisogni (affetti, istruzione, socialità) dei bambini e dei ragazzi Una madre è tutta ‘protesa’ verso il figlio. Esplicitamente lo si vede quando ella aspetta un figlio: non solo i pensieri, il cuore, ma anche il corpo si adatta e si protende verso il nuovo nato. Come se il futuro (figlio) si impossessasse di lei. Fin dall’inizio una madre sa quali sono i bisogni di suo figlio: essere nutrito ed essere vestito, essere amato e attrezzato di un’identità, essere istruito e aprirsi agli altri. La nostra Fondatrice ci ricorda che come una madre siamo noi per i bambini e i ragazzi affidati, come madre che si prende cura del bisogno di istruzione e insieme d’amore. È il passo più semplice, la cosa più istintivamente spontanea per chi ha il compito di educare. Tuttavia non ci si può fermare al bisogno.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 35

di un padre che ha saputo indicare al figlio la stella polare, la casa della vita, l’amore: è Giuseppe, il padre di Gesù. La nostra Fondatrice ci ricorda che come un padre siamo per i bambini e i ragazzi affidati, come padre che –pacificato dentro- orienta il bisogno verso il desiderio, verso il futuro. È un passo un poco più difficile perché siamo poco abituati, ma il più importante. Che bello vedere un figlio quando impara a muovere i primi passi, ma che felicità per un padre e una madre (educatore) vederlo muovere autonomamente i passi nella vita con la segreta consapevolezza che c’è un destino buono; che la vita (Dio) non lo tradirà mai anche quando venisse colpito e ferito da tutte le parti; che potrà confidare nella buona alleanza di Dio! E che bello per noi –religiosi, docenti, educatori- sapere che, attraverso la Scuola, stiamo attrezzando questi figli per la traversata della vita, pur tra conflitti, dubbi, domande! 3. La scuola ‘Sacra Famiglia’ è come un figlio… che guarda oltre il proprio sé: gli altri, il cielo, la bellezza della vita. Una scuola è come un figlio, il proprio figlio. Rimane impossibile vivere l’insegnamento solo come un lavoro, perché chi si ha di fronte non sono cose, ma bambini e ragazzi, storie, con i loro sogni e le loro ferite. E… si stabilisce necessariamente una relazione. In ogni relazione accade qualcosa che è più grande di noi, oltre noi. In ogni relazione accade la magia, l’incanto, la meraviglia della vita e l’interpellazione della propria libertà. E la vita diventa sempre più umana nella misura in cui – tenendo fermi gli ideali (i valori) ‘patiti’- ci lasciamo interpellare, dolcemente inquietare, mettere in discussione dai nostri ragazzi. Consideriamo questi bambini, questi ragazzi come figli che – come uno specchio- rivelano a tutti noi frammenti della nostra identità, ma altresì amiamoli come figli che si stanno allenando per ‘imparare il mestiere di vivere’. Non chiedono docenti amici, co-educatori, simpaticoni; ma padri e madri ‘spirituali’, nel senso di indicare sensi e significati della vita. Tra essi il privilegio è per coloro che più fanno fatica, più si


4. Il paradigma, la cifra educativa che definisce, perciò, la nostra Scuola, è la vita familiare, che visibilizza la struttura dell’anima (ego, es, superego) come si è manifestato nella vicenda della Santa Famiglia. Nella sua storia, proprio perché paradigmatica, ci fa intravedere quale è la direzione, il filo rosso del nostro comune compito educativo. È, del resto, lo stesso tragitto che ha percorso la nostra Fondatrice: dalla sua vicenda familiare (sposa a 19 anni con Gaetano, madre di 4 figli, lutto e vedova) ha riletto la sua vita nella storia della Santa Famiglia, per farlo diventare modello educativo di grande efficacia, per di più di figli e di figlie che erano orfani. Non stiamo forse vivendo la sua stessa storia? Non c’è in giro una moltitudine di figli orfani di significati che reclamo testimoni coraggiosi?

36 s. Paola Elisabetta Cerioli

isolano, più hanno paura. In essi, in particolare, Dio abita! Consideriamo, inoltre, che anche i docenti crescono come figli, nel senso di costruire un legame con i religiosi della Sacra Famiglia che guidano questa Scuola. Ciò che differenzia la nostra Scuola da una azienda o da una scuola statale è proprio questa presenza che ricorda (cerca di ricordare) la presenza di Colei che ha iniziato questa Istituzione! Quanto più cresce la collaborazione, la sintonia, i legami tra docenti e religiosi; quanto più si affrontano, si gestiscono e si vivono gli inevitabili problemi, tanto più l’insegnamento e l’educazione dei figli affidati diventerà efficace e a tutti noi il compito affidato diventerà un desiderio rinnovato. La nostra Fondatrice ci ricorda questo compito bellissimo e prezioso dell’educare con queste parole: «Guardate dunque quale impegno ed alacrità dovete avere con la vostra educazione. Se non incorro in uno sproposito, direi che si tratta nientemeno di dare alle vostre figlie e ai vostri figli una seconda creazione più eccellente della prima. Fratelli e sorelle carissimi: vedete la grandezza della vostra missione? Possiate conoscerla e rilevarne tutta l'importanza per adempierla con generosità, con amore e con costanza ».


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 37

[sulla competenza richiesta] Tra professionalità (competenza professionale dei docenti) e disposizione interiore (competenza umana e spirituale dei docenti) esiste uno stretto legame, che vorremmo approfondire, proprio per il bene dei figli che ci vengono affidati! Il clima è quella sensazione di bene, costituito, per noi, dalla sintonia sempre più profonda tra comunità religiosa e corpo docente e famiglie (1); dal legame tra docenti e ragazzi | bambini, legame costruttivo e ‘pacificante’ (2); dall’alleanza educativa con le famiglie, da realizzare con tenacia (3); dal vivere la Scuola come un laboratorio sull’educare nelle sue diverse facce e in relazione all’esperienza cristiana (4), aperto al territorio.


2. STILE EDUCATIVO 1. Educatori filiali: sullo stile della Santa Famiglia

38 s. Paola Elisabetta Cerioli

Da Gerusalemme dove ha scoperto di quale incandescenza è l'amore di Dio, santa Paola Elisabetta risale a Nazaret dove scopre la paternità di Dio nella figura di Giuseppe e la maternità di Dio nella persona di Maria. Nella scelta dei bambini poveri con la condivisione materiale della loro vita, l’esistenza della Cerioli si sposa definitivamente con la nuova maternità che deve rigenerare la vita degli oppressi ed abbandonati dopo averne scelta in forma di condivisione la stessa condizione. Perché il servizio ai poveri non fosse solo un'opera benefica (filantropia) o riempimento di un bisogno (ricatto affettivo), santa Paola Elisabetta Cerioli qualifica molto la vita comune. E perché la fede non fosse solo cosa dell'anima, Ella passa dal riferimento a Gesù e alla sua Famiglia al compito che suscita e ‘ordina’ tale modello: «imitare le virtù che risplendettero nelle auguste Persone della Santa Famiglia», vincendo i vizi che abitano il cuore dell'uomo. Le virtù indicate dalla Cerioli che favoriscono l’identità cristiana sono la semplicità e l'umiltà: «Semplicità e spontaneità: ecco il vostro spirito e da questo mai dipartitevi. Predicate col buon esempio che farete cosa migliore e più durevole frutto». Molte sono le virtù, ma in radice esse si riconducono all'unica virtù che è quella della fede, dell'obbedienza. Si diventa semplici e caritatevoli vincendo i vizi contrari come la disobbedienza di Adamo, l'invidia (e la gelosia) di Caino, la bugia del Male. Anche se oggi si parla poco di virtù sentiamo tutti la necessità di diventare un poco più buoni, piuttosto che immaginarci buoni, vincendo i vizi. Non possiamo scordare gli esiti dell'ira, dell'avarizia, della sessualità deviata, che ci impediscono di essere pienamente noi stessi.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

2. Educatori paterni: paternità spirituale

39

Risalendo a Nazaret santa Paola Elisabetta Cerioli scopre la paternità di Dio nella figura di san Giuseppe (mentre la maternità di Dio nella persona di Maria). L’importanza di Giuseppe è in relazione al compito e alla sua consegna di essere il ‘padre’ per Gesù, in cui abbiamo sperimentato la rivelazione della paternità di Dio. Quando Paola Elisabetta ha incominciato questa fraternità religiosa della Sacra Famiglia non ebbe dubbi a ‘consacrarla’ a S. Giuseppe. Il riferimento a lui fu quasi spontaneo: Giuseppe è il simbolo per lei del padre, della provvidenza, della maturità. È sotto la sua protezione che ha posto la vita e la storia delle sue figlie orfane, tanto da chiamarlo ‘padre delle nostre orfane’ e, loro, ‘figlie di S. Giuseppe’ nella ‘seconda vita’ che vivranno nella nuova famiglia. Noi facciamo più fatica ad avere questo spontaneo e consistente riferimento come lo ha avuto lei. È evidente la forte presenza della figura di Giuseppe e la forte distanza dalla nostra vita. Per comprendere il nostro compito educativo rimane insostituibile riferirsi alla figura di Giuseppe. Per ricordare Giuseppe ogni mattina noi religiosi recitiamo la preghiera alla Santa Famiglia, che contiene una invocazione a lui. L’invocazione recita così: «Giuseppe, il padre, ci aiuti a far dipendere la nostra paternità da quella di Dio perché possiamo disporci ad ascoltare, rassicurare e orientare coloro che ci sono affidati». Riconosciamo, così, all’inizio di ogni giorno, il compito di essere padri e la necessità che lui interceda perché non ci dimentichiamo che la nostra paternità, dipenda da quella di Dio perché, come Lui, «ascoltiamo, rassicuriamo, orientiamo» coloro che ci sono affidati. Una interpretazione ebraica della figura di Giuseppe lo considera come l’uomo dei rotoli: quindi un rabbino della sinagoga. La tesi, molto suggestiva e suffragata da dati scientifici, ci permette anche di capire la ricchezza della sapienza biblica di Gesù.


3. Educatori materni: seconda creazione

La 'seconda nascita' è tema ripreso nella contemporaneità dalla scienza psicologica per indicare il passaggio, nella vita degli individui, dal tempo dell'infanzia al tempo dell'età adulta: tra un prima -rappresentato dal mondo del bambino, in cui si è come portati in braccio, ma l'espressione figurata ha anche il valore più profondo del tempo in cui tutto necessariamente è dovuto- e un dopo in cui ci si deve identificare, assumere un'identità etica, sessuale, sociale, risolvere l'Edipo, accettare la fragile umanità. La 'seconda nascita' dovrebbe avvenire con il tempo dell'adolescenza in cui si sceglie di vivere quello che si è. Per crescere necessariamente occorre imparare, imitare. Ma imparare ed imitare non sono mai la ripetizione di parole, atteggiamenti, gesti presi a prestito dagli altri. E' necessario questo passaggio dell'imparare ciò che è vero, ciò che sta al fondo. «Nessuno può sperare di educare dando semplicemente dei buoni principi e delle istruzioni accurate. Educare

40 s. Paola Elisabetta Cerioli

Siamo anche educatori materni. Santa Paola Elisabetta ha incontrato Maria ai piedi della croce: seconda nascita per lei, come lo fu per Maria. Parliamo di 'seconda nascita' per indicare l'esperienza di conversione di Paola Elisabetta, perché ci pare essere complementare a quell’altra espressione che ella utilizza per indicare la qualità della relazione educativa. Ella la indica alle sue religiose come una 'seconda creazione': «Guardate dunque impegno, ed alacrità che dovete avere. Sì tratta nientemeno di dare alle vostre Figlie -direi, se non corro in uno sproposito - una seconda creazione». L'espressione viene usata una sola volta, ma esprime sinteticamente la qualità della sua azione educativa: nell'educare c'è un rapporto diverso rispetto a quello che esiste tra una madre e un figlio e tuttavia di quel rapporto mantiene il senso profondo del ‘far nascere’, del ‘dare la vita’, del ‘far esistere’. Proprio come Dio nella creazione, che fonda -con le cose e con l'uomo- un rapporto di alleanza, di differenza, una relazione asimmetrica.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 41

significa sempre, anche, proporsi all'imitazione» (P. A. Sequeri). Questi due passaggi (essere educati all'appropriazione della vita ed essere educati all'appropriazione della fede) trovano una figura esemplare e una idealità concreta nella considerazione della vita di Paola Elisabetta.

4. Educatori come l’Angelo custode Che cosa significa per la Fondatrice che religiosi, docenti, genitori siamo Angeli e che lo dobbiamo diventare sempre più per i figli affidati? Chi è l’Angelo? L’etimologia greca ce ne rivela l’identità: l’angelo è il messaggero, cioè colui che porta un messaggio. Da parte di chi? Un messaggio è sempre dato un altro, da un Altro. Che messaggio annuncia, quale è il suo contenuto? Questo messaggio ricorda qualcosa di sostanziale: la vita e la fede. L’Angelo inoltre è presente e assente. È vicino e lontano. Proviamo a immaginare questa simbologia applicata ai docenti e ai genitori, perché insieme ad ogni genitore condividiamo il compito di messaggeri della promessa della vita. La S. Paola Elisabetta Cerioli ci ricorda che istruire è tenere vivo il senso della meraviglia, della ricerca, della scoperta. Il tarlo di un insegnamento abitudinario compromette la trasmissione di un sapere che deve farsi ‘sapore’ della vita. Infatti fare scuola non comporta unicamente trasmettere un sapere culturale, scientifico: tutti stiamo facendo esperienza di come, attraverso il sapere, passa il sapore della vita, il sapore che noi stiamo dando o non dando alla vita. Occorre crescere in questa attitudine della meraviglia perché i nostri bambini/ragazzi ce lo ricordano e perché anche noi viviamo la scuola non solo come un oneroso compito. È dal senso della meraviglia che nasce l’esperienza che ciascuno di noi ha un Angelo che lo custodisce, che lo accompagna nell’avventura della scuola e della vita.


La nostra Fondatrice ha stimolato i bambini a pregare il proprio Angelo custode, abituandoli così a comprendere che nella vita non tutto è nelle nostre mani, dipendente dalle nostre decisioni e dalla nostra volontà. Inoltre aver coltivato dentro di sé la vicinanza e l’affetto per un Angelo custode permette al bambino di farvi ricorso nei momenti di dolore e di sofferenza, in occasioni di separazioni più o meno brusche, anche solo temporanee, dalle persone e dalle cose che ama.

Chi è questo Angelo, alla fine? Sono tutti coloro che si ‘prendono cura’. Ecco i religiosi e le religiose, ecco i docenti, ecco il papà e la mamma. Una bellissima della nostra Fondatrice sintetizza tutta questa prospettiva. «L'Angelo Custode, che vuol dire Angelo Guardiano ci è stato dato dalla divina provvidenza dal momento della nostra nascita per essere con noi un tenero ed affezionato Amico. Esso ci guida e ci preserva dai pericoli, ci tiene lontane le tentazioni e le cadute, fa’ sentire al nostro cuore la sua voce soave in quell’ispirazione al bene, in quell’eccitamento ad una buona e generosa azione, come fa provare ripugnanza ed orrore al male,

42 s. Paola Elisabetta Cerioli

Per tutti questi motivi potrebbe risultare utile questa attività: costruite insieme al vostro bambino un piccolo quadretto dove avrete disegnato o incollato l’immagine di un angelo e di fianco applicate la foto del bambino. Intitola te il quadretto ‘il mio Angelo Custode’. Tutte le mattine invitate il vostro bambino a raccontare al suo Angelo custode tutte le cose che farà nel corso della giornata. Tutte le sere ripercorrete le cose belle della giornata con il vostro bambino e al termine ringraziate l’Angelo Custode che le ha rese possibili.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 43

rimorso e pentimento dopo la colpa. Esso fa di più ancora: accoglie le nostre preghiere, le porta e le presenta a Dio, tiene ‘registrato’, come si dice, il bene che facciamo, per presentarlo poi un giorno al Gran Giudice, e non ci lascia ed abbandona se non dopo d'averci condotti e restituiti nel grembo di Dio. Carissimi guardiamoci dall'ingratitudine verso l'Angelo; l'ingratitudine degrada l'Uomo, ed è indegna d'un cuore ben nato. In avvenire ricordiamoci con più premura ed attenzione del nostro buon Angelo, ed incominciamo da questo momento». Nel tempo dei legami ossessivi e nevrotici (pensiamo all’apprensione delle madri nell’accudire i loro figli, che non hanno più spazi in cui ‘giocar-si’ anche sbagliando); ma anche dei legami superficiali e freddi (pensiamo la fatica di gestire i fallimenti – nell’amore, nel lavoro, nelle amicizie- sembra che tutto crolli…) questa immagine, questo paradigma dell’Angelo ci permette di comprendere alcune cose vere della vita di relazione, e quindi di quella relazione privilegiata che si stabilisce con i bambini e i ragazzi della scuola. L’incoraggiamento più esplicito che madre Paola ci rivolge è questo: siete come Angeli. Essere messaggeri vuol dire ricordarci che abbiamo personalmente una speranza per la vita dei figli, e non viviamo dunque nell’ottica troppo angusta del sentirsi bene o del sentirsi ‘realizzati’, come si dice. La seconda condizione è che questa speranza abbia la consistenza non di una semplice opinione personale, ma di una lettura responsabile del grande mondo, nel quale il figlio è in ogni caso chiamato a vivere. I genitori offrono di fatto testimonianza della speranza -che


Vogliamo essere presenti alla vita dei nostri bambini e ragazzi: c’è una relazione per il compito istruttivo, ma passano mondi, si costruiscono legami, che non possiamo sottovalutare: la maestra è la maestra, primo ponte verso il mondo, diverso dalla famiglia, e per un ragazzo un docente è colui che offre i primi spunti per immaginare il proprio futuro, per dare un senso alla vita. Siete di fatto i primi ‘idoli’ dei vostri ragazzi, perché assumiamo comunque ai loro occhi la consistenza impegnativa di interpreti dell’ordine cosmico. Come i genitori, anche noi docenti, offriamo di fatto testimonianza ai figli molto prima di saperlo e volerlo. Lo sappiamo o non lo sappiamo, lo vogliamo o non lo vogliamo, assumiamo comunque ai loro occhi la consistenza impegnativa di interpreti dell’ordine cosmico. Assumiamo questa consistenza, non in forza delle nostre convinzioni, ma grazie ad una legge per così dire ‘naturale’. Quello che noi diciamo e facciamo

44 s. Paola Elisabetta Cerioli

rende la vita avventura promettente e persuasiva- ai figli molto prima di saperlo e volerlo. Lo sappiano o non lo sappiano, lo vogliano o non lo vogliano, essi assumono comunque ai loro occhi la consistenza impegnativa di interpreti dell’ordine cosmico. Assumono questa consistenza, non in forza delle loro convinzioni, ma grazie ad una legge per così dire ‘naturale’. Quello che essi dicono e fanno non assume agli occhi dei figli il senso da loro stessi deciso, ma un senso decisamente più grande e anche più vero. Questo senso potranno apprendere essi stessi, e anzi dovranno apprendere, attraverso l’esperienza effettiva del rapporto con i figli. Anche in questo modo prende consistenza la verità: il figlio; non è il risultato di un progetto fatto dai genitori; è invece un dono che viene dall’alto, e costringe i genitori stessi a rinascere dall’alto. I genitori saranno all’altezza del compito? Sapranno onorare quella promessa che, senza averne precisa percezione previa, hanno fatto al figlio mettendolo al mondo, e poi attraverso tutte le cure dispiegate nei suoi confronti in età precoce?


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 45

non assume agli occhi dei bambini e dei ragazzi il senso da noi stessi deciso, ma un senso decisamente più grande e anche più vero. Questo senso potranno apprendere essi stessi, e anzi dovranno apprendere, attraverso l’esperienza effettiva, anche scolastica, con i figli. Anche in questo modo prende consistenza la verità che ogni figlio non è solo un prodotto è invece un dono che viene dall’alto, e costringe i docenti stessi a rinascere dall’alto. Come docenti saremo all’altezza del compito affidato? Sapremo onorare questa promessa?


3. SCUOLA. I PILASTRI DEL PROGETTO 1. La didattica dell’imparare ad imparare La nostra Congregazione ha codificato la sua proposta educativa e scolastica su tre pilastri: > il primo, un metodo di studio che attrezzi per la vita, imparare ad imparare; > il secondo, una buona alleanza con le famiglie per unire risorse per la crescita dei figli e per creare ‘reti di vita’ tra famiglie; > il terzo, una conoscenza che apra all’altro, faccia cioè intuire la vita come un prezioso dono da spendere per ideali promettenti (solidarietà, crescita di coscienza culturale). Questi ‘pilastri’ sono riaffermati dalle ultime riforme della Scuola italiana (Berlinguer, Moratti, Fioroni, Gelmini).

Con la nuova organizzazione scolastica della settimana corta abbiamo valorizzato l’opera del docente, che assume per intero il processo formativo dell’alunno, programmando e sviluppando un curricolo –una disciplina scolastica- dove si dispiegheranno l’insegnamento, le esercitazioni, le prove, le interrogazioni, i compiti- in cui si dispiegano oltre all’insegnamento e alle interrogazioni, anche i laboratori, i compiti, lo studio. Il docente, oltre all’insegnamento, promuove la sua opera qualificata nell’apprendimento dell’alunno. Ciò comporta anche un modo diverso di vivere la scuola da parte dell’alunno. Egli, cioè, sarà molto più legato di quanto

46 s. Paola Elisabetta Cerioli

La didattica dell’imparare ad imparare pone al centro la metodologia, facendola diventare una vera e propria disciplina, guidata dall’insegnante: acquisire una metodologia di approccio al sapere è obiettivo irrinunciabile della scuola di oggi. Dalla Scuola dei programmi si passa così alla Scuola delle competenze, che comporta un cambiamento molto significativo nel modo di fare scuola da parte del docente e nel modo di vivere la scuola da parte dello studente.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 47

non lo sia ora, al proprio insegnante per ciò che concerne l’imparare (ascoltare, dialogare, elaborare) e soprattutto per ciò che concerne l’imparare ad imparare (metodo, esercitazioni, produzioni, sintesi). La scuola non è semplicemente tempo dell’autoapprendimento mediante testi indicati e lezioni assegnate, ma organizzazione a servizio del conoscere dello studente. La qualità di tale organizzazione ha come indicatori, tra gli altri, proprio la competenza nella pianificazione personale e personalizzata nel tempo. Ciò comporta evidentemente un cambiamento molto significativo nel modo di fare scuola da parte degli insegnanti in quanto, assumendosi per intero il processo formativo dell’alunno, programmano e sviluppano un curricolo . La didattica si preoccupa di sviluppare gradualmente una autonomia e una responsabilità nella gestione dell‘apprendimento dell’alunno al fine di favorire nel soggetto una abilità sostanziale. I veri docenti, educatori e professionisti dell’apprendimento, sono coloro che nelle ore di lezione offrono allo studente e alla classe il tempo per imparare i contenuti, acquisire ed esercitare abilità, svolgere compiti, ripassare per un’interrogazione, preparare per una verifica. Dunque per l’attuazione del nuovo obbligo di istruzione gli insegnanti saranno chiamati ad adottare un approccio ‘per competenze’. Attraverso lo studio dei linguaggi, dei saperi della matematica, delle scienze e delle tecnologie, del campo storico-sociale, gli studenti devono infatti imparare non solo specifici contenuti disciplinari, ma anche e soprattutto a comunicare, risolvere problemi, interpretare l’informazione, individuare i collegamenti e le relazioni, collaborare e partecipare, saper apprendere anche da soli, fruire del patrimonio artistico, scegliere il proprio futuro. Sanno che il sapere vero è quello che si è capaci di utilizzare in contesti diversi e imprevedibili e che la comprensione consiste nel collegare, mettere insieme, far interagire tra loro le diverse nozioni. Sanno anche che oggi il vero risultato è l’im-


parare ad imparare la curiosità, gli strumenti, il metodo per farlo. Perciò non si lasciano imbrigliare da presunte differenze o opposizioni tra conoscenze e competenze.

La famiglia non è più chiamata a ‘svolgere i compiti’, ma a responsabilizzare l’alunno nell’espletamento del suo compito fondamentale di studente.

48 s. Paola Elisabetta Cerioli

> In questo processo nuovo la questione dei compiti si affronta, dunque, in modo diverso da come si è fatto fino ad ora. Di fatto i bambini/i ragazzi non dovranno più fare obbligatoriamente dei compiti a casa ma, liberamente (a secondo della situazione concreta della famiglia), potranno (dovranno) esercitarsi, approfondire o portare a migliore acquisizione le proprie cognizioni e i propri compiti per misurarsi nella propria capacità di responsabilità e di espressione di sé, per preparare più compiutamente impegni, interrogazioni o verifiche, per soddisfare la propria esigenza di curiosità culturale e sociale. Insomma, se i ragazzi dimostreranno iniziativa, partecipazione e interesse per tutto ciò che faranno a casa con l’aiuto e il sostegno della famiglia o degli educatori verranno premiati; se, invece, non si adopereranno, non sfrutteranno una grande opportunità di crescita e di sviluppo, ma non verranno per questo penalizzati con brutti giudizi o con notazioni di alcun genere. La scelta di non gravare sulle famiglie il peso delle inadempienze scolastiche di casa dei figli, non deve essere considerata una rinuncia da parte nostra (genitori, gestori e insegnanti) al profilo più alto possibile della nuova didattica, bensì una risposta concreta alle esigenze delle famiglie


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

2. Alleanza educativa con la famiglia

49

La Scuola costituisce un ambiente ricco di risorse. Oltre alla Comunità religiosa, i docenti, gli alunni, c’è quella la Famiglia. La scuola nella sua dimensione educativa, istruttiva e comunitaria, oltre che prendersi cura della crescita di ogni alunno, fa crescere gradualmente una alleanza fattiva con la famiglia, la quale diventa costruttiva di valori e cultura della scuola stessa. La scuola fa crescere quest’alleanza educativa con la famiglia attraverso:

> Coinvolgendo la famiglia fin dall’iscrizione del figlio a sentirsi parte della Scuola attraverso un patto educativo che faccia emergere la passione della vita e, per coloro che sono cristiani, la condivisione della prospettiva di fede; > la SCUOLA X LA FAMIGLIA come momento di formazione [in primavera]; > FESTE: INZIO, NATALE/PASQUA, FINE ANNO SCOLASTICO CON una disponibilità di tempo e di energie ove emerga la disponibilità e l’empatia; > le GIORNATE DI CONDIVISONE E DI SPIRITUALITÀ nei tempi di Natale e Pasqua per una crescita cristiana della Famiglia; > Il sostegno per le difficoltà familiari ed economiche > Sostenendo la Solidarietà > Condividendo l’Ideale della Casa_Famiglia > Partecipazione ai momenti istituzionali della Scuola (CIS, Consiglio di Classe, Assemblee genitori) > gruppo FAMIGLIE per il soccorso dei bisogni ‘materiali’ e ’spirituali’ a partire dal Capitolo generale 2006


alle famiglie   

50 s. Paola Elisabetta Cerioli

Ogni figlio, ogni figlia impara l’arte di vivere e di essere feli‐ ce, dentro le quo diane e vitali relazioni familiari. Questo è  il messaggio che ‐nel bene e nel male‐ ci narrano i vostri figli  facendo la Scuola.  Come  possiamo  come  papà  e  mamma  tenere  vive  alcune  priorità  nell’educazione dei nostri  figli,  in ques   tempi così  cri ci e di bombardamento di proposte?  Vogliamo portare i figli a vivere le priorità: amare sé; amare  gli altri; amare Dio come ci ha insegnato Gesù.  Come possiamo far passare certe priorità se io prima non le  vedo e non le vivo?  Dovreste essere voi genitori a chiedere a noi di aiutarvi nel  cammino di decifrare la vostra vita.    Come punto prospe co la dimensione educa va:    > percorso biblico‐spirituale: io, tu, noi, Dio    > percorso familiare: LUI e LEI    > percorso educa vo: Noi genitori e Figlio


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

3. La solidarietà

51

Il nostro Centro educativi sta diventando sempre più luogo di formazione delle coscienze e del sapere teorico che fermenta la vita. Attraverso la solidarietà i bambini / i ragazzi si aprono all’altro, alle questioni della globalizzazione; approfondiscono temi riguardanti i rapporti tra i popoli nel mondo intero, le cause della povertà e dello sfruttamento dei paesi sottosviluppati, le incongruenze del cosiddetto mondo industrializzato; affrontano i grandi temi della pace, della tutela dei diritti della persona umana, specie se infantile e della giustizia. L’obiettivo della disciplina è di far prendere coscienza delle cause del sottosviluppo e di fare chiarezza sui troppo spesso disconosciuti rapporti di subordinazione dei paesi poveri nei confronti dei paesi ricchi; quindi, di suscitare l’impegno a ricercare e mettere in pratica, nel quotidiano, forme di un uso equo e solidale delle risorse. > Nella memoria grata della maestra Elisa –sostenitrice della Solidarietà presso la Scuola- e della figlia Asia abbiamo istituito ufficialmente il fondo di Solidarietà ed Educazione [fondo Elisa] per i figli ‘senza avvenire’. Ai genitori abbiamo scritto questa lettera proge o FONDO DI SOLIDARIETÀ ED EDUCAZIONE [ un fiore di Elisa ]  una proposta per aprire la mente e il cuore    Cari  genitori,  uno  dei  segni  con  i  quali  vogliamo  ricordare  questo  Natale  2008  è  l’avvio  ufficiale  del  F    S    E .  Come  Comunità religiosa che anima e ges sce il Centro educa vo e la Scuola S. P.  E. Cerioli ‐con la collaborazione delle famiglie e di ogni persona di ‘buona  volontà’‐  vogliamo  con nuare  a  far  crescere  una  ‘fraternità  universale’;  solidarizzando  con  le  famiglie  che  vivono  situazioni  di  fa ca  economica,  aprendoci alla solidarietà con i figli/e del Brasile e dell’Africa, dove i nostri  confratelli con poche risorse ges scono Scuole.  


52 s. Paola Elisabetta Cerioli

Il FONDO raccoglie le numerose inizia ve di Solidarietà e di Amicizia che si  sono svolte in ques  anni nel nostro Centro Educa vo con la collaborazio‐ ne dei bambini e dei ragazzi, ma anche con il vostro prezioso aiuto di fami‐ glie e di tan  altri amici che condividono l’ideale di un mondo fraterno.    FONDO DI SOLIDARIETÀ ED EDUCAZIONE  Sull’esempio della nostra Fondatrice, S. P. E. Cerioli che ha scelto di educa‐ re figli e, tra tu , ha scelto i più abbandona , anche noi scegliamo l’educa‐ zione  e  la  Scuola  come  luogo  di  crescita  dei  figli,  facendoci  vicini  a  tu   come  educatori,  sopra u o  ai  bambini  e  ai  ragazzi  che  non  possono  ‘sostenere’ la loro presenza nella nostra Scuola.   CHE COSA È ?  > Il FONDO sos ene le famiglie che non possono contribuire appieno alle  spese per la Scuola del figlio, della figlia.  > Il FONDO sos ene Borse di Studio per i bambini dell’Africa e del Brasile,  nei Centri educa vi dove lavorano i religiosi della Sacra Famiglia.  > Il FONDO sos ene proge  di Solidarietà nella Scuola e nell’Africa / Brasi‐ le perché siamo sempre più consapevoli che il risca o di un popolo inco‐ mincia dalla cura della Educazione e della Scuola.       ?  >  La  COMUNITÀ  RELIGIOSA  con  l’esercizio  del  suo  ministero:  ogni  anno  stanzierà un contributo prendendolo dal suo servizio apostolico.  >  Le  FAMIGLIE  DELLA  SCUOLA  che  sono  sensibili  alla  Solidarietà  e  sanno  che ‘il mare è formato di tante piccolissime gocce’.   > Gli AMICI che credono nel valore dell’Educazione e che il migliore inves ‐ mento  per  il  futuro  di  una  società  è  la  crescita  dei  loro  figli  e  dei  figli  di  tu .                 ?  > Compilando la richiesta in segreteria e accompagnandola con l’ISEE fami‐ liare (Situazione Economica Equivalente).  > La Comunità religiosa, in base alle risorse stanziate all’inizio di ogni anno  scolas co e al numero delle richieste, erogherà il benefit.  > Alla famiglia verrà comunicata la possibilità di beneficiare del contributo  entro il mese di se embre.  >  A  maggio  di  ogni  anno  scolas co,  una  le era  inviata  a  tu e  le  famiglie  indicherà i contribu  che sono sta  versa .                                           Cari  genitori,  ora  che  arriva  Natale,  crediamo  che  un modo per onorare la nostra fede in Gesù e la nostra speranza della vita  sia  quello  di  lasciarsi  interpellare  da  questa  proge o.  Dal  cielo  la  nostra  Fondatrice vi ascol  in tu e le vostre domande e desideri. p. Antonio con  la Comunità religiosa  23 gennaio 2010– festa della Fondatrice 


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

53

 F

1 > Contributo libero, in Segreteria della Scuola 2 > Versamento bancario: BCC Pompiano e Franciacorta C/C Bancario 019000190629 ‐ IBAN: IT  22  B  08735  54850 019000  190  629 Congregazione Sacra Famiglia ‐ via Milano 81 ‐ 25034 Orzinuovi BS causale | Solidarietà ed Educazione 3 > CCP – In memoria di Elisa – C/C 424242 Congregazione Sacra Famiglia ‐ via Incoronata 1 ‐ 24057 Mar nengo BG

fondo di solidarietà ed educazione [un fiore di Elisa] Bancarella dell’Infanzia Lotteria della Santa della Scuola Secondaria Avvento/Quaresima della Primaria x Sostegno delle Adozioni a Distanza che rinnoviamo ogni anno X Attività educative e formative all’Italia e all’Estero x la costruzione della Casa Famiglia ad Orzinuovi come commissione del CIS gestita da un comitato resoconto annuale della raccolta e delle spese x la Scuola Laboratorio della Solidarietà Corso sulla Solidarietà Giornate della Solidarietà


4. GLI ASSI FONDANTI. 1. Obiettivi generali del processo formativo

Gli obiettivi generali del processo formativo che la riforma indica come prioritari sono:

□ Attenzione a creare e a far crescere uno stile relazionale e operativo basato sull’empatia e sulla prossimità tra le componenti tutte della scuola al fine di creare un clima familiare, sereno e nel contempo produttivo; □ Valorizzare l’esperienza del bambino e del ragazzo. I bambini e i ragazzi che entrano nella Scuola hanno già maturato concettualizzazioni intuitive, parziali e generali, che impiegano per spiegare tutti i fenomeni che incontrano; anche quelli più complessi. La Scuola si propone, anzitutto, di apprezzare il patrimonio conoscitivo, valoriale e comportamentale ereditato dal bambino e di dedicare particolare attenzione alla sua considerazione, esplorazione e discussione comune. Ciò comporta anche di dsplicitare le idee e i valori presenti nell’esperienza. □ Dalle idee alla vita: il confronto interpersonale. La Scuola sem-

54 s. Paola Elisabetta Cerioli

Il patrimonio della nostra scuola è questo: > La continua revisione e aggiornamento del progetto “imparare ad imparare” ; > La considerazione e la valorizzazione dello studente come soggetto attivo del processo di apprendimento; > L’azione didattica capace di motivare gli studenti, di farli agire, riflettere, partecipare; > La diffusione di una cultura della collaborazione tra docenti come sostegno importante alla professionalità e come via per realizzare “l’impresa comune dell’educare”; > La costruzione di un coinvolgimento delle famiglie, cercando strade nuove capaci di sostenere la scuola e le fatiche degli apprendimenti degli studenti; > La solidarietà come finestra sul mondo che aiuti i ragazzi stessi a leggere la realtà del mondo con le sue povertà;


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 55

pre in stretta collaborazione con la famiglia si propone di arricchire sul piano analitico e sintetico la «visione del mondo e della vita» dei bambini e dei ragazzi, di integrare tale visione nella loro personalità e di stimolarne l’esercizio nel concreto della propria vita, in un continuo confronto interpersonale di natura logica, morale e sociale che sia anche affettivamente significativo. In questo senso, tutte le maturazioni acquisite dai fanciulli vanno orientate verso la cura e il miglioramento di sé e della realtà in cui vivono, a cominciare dalla scuola stessa, e verso l’adozione di «buone pratiche» in tutte le dimensioni della vita umana, personale e comunitaria. □ Attenzione alla qualità dei processi didattici attivati attraverso attività di riflessione, di progettazione e di verifica della pratica didattica; di ricerca e produzione di materiali, di formazione e di servizio; □ Attenzione alla verifica-valutazione dei processi formativi attraverso l’elaborazione di criteri e strumenti interni di rilevazione, confronto, valutazione delle competenze acquisite dagli alunni; □ Attenzione da parte degli insegnanti alla quantità e alla qualità dei compiti assegnati, tenendo conto della gradualità e della maturazione di un’autonomia personale per favorire l’espressione creativa e qualificante di sé; □ Attenzione alla costruzione di un rapporto di corresponsabilità educativa e di partecipazione alla vita della Scuola da parte dei genitori; □ Attenzione alla continuità del processo formativo attraverso il raccordo con la Scuola media del Centro. □ La diversità delle persone e delle culture come ricchezza. La Scuola utilizza situazioni reali e percorsi preordinati per far acquisire ai fanciulli non solo la consapevolezza delle varie forme, palesi o latenti, di disagio, diversità ed emarginazione esistenti nel loro ambiente prossimo e nel mondo che ci circonda, ma anche la competenza necessaria ad affrontarle e superarle con autonomia di giudizio, rispetto nei confronti delle persone e delle culture coinvolte, impegno e generosità


personale. Parimenti, essa porta ogni allievo non solo alla presa di coscienza della realtà dell' handicap e delle sue for

□ Praticare l’impegno personale e la solidarietà sociale. La Scuola

I docenti della scuola utilizzano il valore formativo delle discipline e la specificità delle attività proposte, per realizzare opportunità formative miranti a far acquisire, consolidare e sviluppare: □ la flessibilità come disponibilità a cambiare e a innovare; □ l’analisi di punti di vista diversi e delle varie realtà socioeconomiche e culturali come approccio alle altre culture; □ la consapevolezza dei propri limiti e delle potenzialità come contributo al processo di maturazione dell’identità personale; □ la padronanza di saperi, di linguaggi e delle tecnologie più diffuse; □lo spirito partecipativo come capacità di lavorare con gli altri; □ la dimensione dell’autocritica come capacità di autovalutarsi.

56 s. Paola Elisabetta Cerioli

opera, quindi, in modo che gli alunni, in ordine alla realizzazione dei propri fini ed ideali, possano sperimentare l'importanza sia dell'impegno personale, sia del lavoro di gruppo attivo e solidale, attraverso i quali accettare e rispettare l'altro, dialogare e partecipare in maniera costruttiva alla realizzazione di obiettivi comuni. In questo senso, trova un esito naturale nell'esercizio competente di tutte le “buone pratiche” richieste dalla Convivenza Civile a livello e in prospettiva locale, nazionale, europea e mondiale. □ In conclusione, il percorso complessivamente realizzato nella Scuola promuove l’educazione integrale della personalità dei bambini e dei ragazzi, stimolandoli all’autoregolazione degli apprendimenti, ad un’elevata percezione di autoefficacia, all’autorinforzo cognitivo e di personalità, alla massima attivazione delle risorse di cui sono dotati, attraverso l’esercizio dell’autonomia personale, della responsabilità intellettuale, morale e sociale, della creatività e del gusto estetico.


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria

VALIDITA’

57

Il presente P.O.F. approvato dal Collegio Docenti per la parte didattica in data _2 MAGGIO 2010 e dal CIS per la parte organizzativa in data _16 MAGGIO 2010 resta in vigore fino a quando non venga espressamente modificato o da una delibera degli organi competenti o da una comunicazione del Dirigente Scolastico basata su motivazioni urgenti di ordine tecnico. Il progetto annuale verrĂ rivisto ogni anno.


58

s. Paola Elisabetta Cerioli


Scuola paritaria dell’Infanzia, primaria e secondaria 59

centro Educativo e Scuola Santa Paola Elisabetta Cerioli via Milano 75 25034 Orzinuovi Brescia tel. 030-94.10.36 fax. 030-99.40.462 andreana@andreana.it

i responsabili    p. Michelangelo Moioli  Superiore generale    p. Antonio Consonni   Dirigente Scolas co  Preside Secondaria  Dire ore Scuola dell’Infanzia    p. Luca Ghirardelli  Dire ore Scuola Secondaria    p. GianLuca Rossi   Dire ore  Scuola Primaria    fra Franco Giassi  Collaboratore 


60

centro Educativo e Scuola santa Paola Elisabetta Cerioli

s. Paola Elisabetta Cerioli

Sacra Famiglia / andreana

Scelte formative  

Scelte formative

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you