Issuu on Google+

RAPPORTO ASSOCIAZIONI 13

Venerdì 30 marzo 2012 il Giornale

A PIEDI NEL PARCO

IMPOSIZIONE FISCALE E NUOVE NORMATIVE

Quella strada sull’Antola verso lo storico «rifugio» Dal Collegio dei Geometri creato un gruppo di lavoro per la riqualificazione di questo importante tracciato a quota 1500 Paolo De Lorenzi* Nel novembre2011il Parco NaturaleRegionaledell'Antola,tramite il presidente Roberto Costa ed il direttore Antonio Federici, ha contattato il Collegio per proporre una collaborazione relativamente alla stesuradiunostudioperlariqualificazione della strada comunale Bavastrelli Monte Antola, che è uno dei tracciati più conosciuti e frequentati per raggiungere il Nuovo Rifugio Parco Antola. IlCollegiohaaderitodibuongrado all'iniziativa, che è figlia di altre instaurate negli ultimi anni con il Parco,tralequaliquellarelativaall' annuale concorso riservato alle scuolemedie,perlapubblicizzazione della nostra Categoria. È stato quindi creato un gruppo di lavoro dicuifacevanoparteoltreachiscrive i colleghi Franco Garbarino, DanielNuvoloneeRaulThea,che,gratuitamente, hanno prestato la propriaoperaprofessionaleperlaredazionedituttiglielaboratigraficinecessarial Parco per lasuccessiva richiestadi contributi per ilfinanziamento delle opere. Lastradainquestione,èbenesottolinearloascansodiequivoci,èutilizzata esclusivamente dal gestore delRifugiodelMonteAntolaedaalcuniproprietarideiterrenilimitrofi periltagliodellalegnaedèinterclusa quindi, a tutti gli altri utenti. Si trattadell'anticastradaComunale, denominata «Bavastrelli - Monte

IMMAGINI del Parco dell’Antola Antola»,che dallafrazione di Bavastrelli in comune di Propata ad una quotadicirca1.000mt.slm,conduce alla «Casa Antola», dove sorge il vecchio«RifugioMusante»-oggidismesso; la zona è di grande pregio ambientale,edilnuovoRifugioParco Antola è uno dei più frequentati dell'intero Appennino Ligure. In particolare, l'intervento progettato è stato limitato al tratto fino al nuovo«Rifugio Parco Antola», posto ad unaquotadicirca1.460mt.slm,per

un tracciato della lunghezza di circa ml. 3.820 ed un dislivello di circa mt. 535. L'area interessata risulta, per la parteverso l' abitato di Bavastrelli e fino alla intersezione della strada conilrioBuccaiusaallaquotadicirca mt. 1.170 slm, caratterizzata da antichiterrazzamentiuntempoutilizzatipercolture prativeeforaggere ed attualmente impiegati per il pascolo di bovini. Dalla quota 1.170 e fino alla quo-

GEOMETRI E MERCATO

I Corsi di una formazione continua impegno costante dell’Associazione È ormai evidente che viviamo in un'epoca nella quale l'industria e la ricerca portano sul mercatocontinueinnovazioniimpensabiliancheintempirecenti.Leleggielenormativesono in continua evoluzione. La specializzazione diventa indispensabile anche per il professionistachenonpuòpiùpensareessereuntuttologoingradodirisolvere tuttiiproblemiche gli vengono prospettati. Le professioni hanno recepito (o stanno recependo) questa realtà sempre più pressante con l'istituzione della Formazione Professionale Obbligatoria, forse non ben chiara a tutti ma chiarissima ai Geometri, segnatamente al CollegioProvincialeGeometrieGeometriLaureati diGenova ilquale è statosperimentatore perdueannidiquestainiziativaeche,dall'anno 2010 (entrata in vigore dell'obbligatorietà della Formazione Continua) tramite il suo braccio operativo, l'Associazione Geometri, proponecircanovantaeventiformativiannui, in aumento, sui più svariati argomenti riguardantiisettoridisuacompetenza,spessodigradimento anche da parte di altri tecnici a volte laureati i cui Ordini non prevedono ancora l'obbligatorietà formativa . La Formazione Continua riveste per la committenza un'importanza oggi ancora sconosciutaallastessa,offrendolapossibilitàdisapereaprioriseiltecnicodaincaricarehasufficiente esperienza nella materia eciò può costituire un rafforzamento di quel rapporto fiduciario che va ad instaurarsi tra cliente e professionista. Al termine di ogni evento formativo viene rilasciatoalgeometra,edindistintamenteatuttiipartecipanti, unattestato difrequenzasullo specifico argomento trattato che lo stesso non

avrà difficoltà a mostrare in caso di richiesta. Ugualmenteciascunprofessionistasaràingrado di affiancare un collega che egli sa essersi specializzato in una determinata materia. Come lo Stato impone ai Coordinatori della Sicurezza per i cantieri temporanei e mobili un aggiornamento di quaranta ore ogni cinque anni, pena l'interdizione da questa attività, così il semplice cittadino può chiedere al suopotenzialeincaricatodidimostrareessere aggiornato sulla materia che dovrà trattare. Nonsecondarioedimportanteèancheilcostodellaprestazione,speciedopol'abolizione dei minimi tariffari, qualche volta proposta in terminiminimiappetibiliperchidevesostenere la spesa ma tali da non garantirgli un buon risultato. È questo un argomento di difficile controllo stante l'intervenuta abolizione dei minimitariffarichehannoliberalizzatoilmercato.Vuoipercarenzadilavoro,vuoipercrearsi un parco clienti, vuoi per motivi pubblicitari,negliultimitempisonoapparsisusitispecializzati annunci di prestazioni professionali a tariffe irrisorie che, a chi conosce la materia, pongono la domanda su come sia possibile operare seriamente e compiutamente senza andareinrimessa;unesempiopertutti.Ilvenditorediunimmobileèobbligatoapresentare al notaio la certificazione energetica, così con aggravio di costo dell'operazione ed interesse allaminorspesapossibile.L'attivitàcheilprofessionista incaricato deve svolgere consiste in un sopralluogo con rilievo dell'immobile, verifica ed annotazione delle sue caratteristiche (tipologia di murature, serramenti, dati sull'impianto di riscaldamento, ecc.) per poi trasferire i dati rilevati su un programma della

tadicirca1.400mt.slm,lastradapiega in direzione nord e sale ripida percorrendounazonaprivadivegetazionecaratterizzatadaevidentiaffioramentideicosiddetticalcaridel monte Antola. Dalla quota di circa 1400 circa slm, la strada si inoltra in una folta faggeta e con un ampio semicerchioversoovest,risaleilcontraffortemeridionaledelmonteAntola,fino a raggiungere la zona oveè stato realizzatoilRifugioParcoAntolaalla quota di mt. 1460 slm. Èstatoeseguitoquindiunsopralluogo lungo la strada in questione, grazie alla collaborazione di Marco Carraro, dirigente dell'Ente Parco Antolache cihaillustrato lecriticità elepossibilisoluzioniperunariqualificazionenelrispettodell'ambiente circostante tuttora incontaminato e come detto di grande pregio. Allo scopo di verificare la correttezza del tracciato riportato sulle mappecastastaliesullaCartaTecnicaRegionale,conl'ausiliodiunGps palmare,èstatofattounrilievodell' attuale percorso, rilevando in due puntilieviscostamentidovutiamovimentifranosiverificatisineglianni passati. Sono state scattate numerose foto e realizzate infine 36 sezioni trasversali. Èstatoquindiredattouncomputo metrico estimativo il cui costo complessivo ammonta a circa 280.000 euro. * geometra

12 MAGGIO A VILLA BOMBRINI

Giornata della solidarietà per la Lega fibrosi cistica L'Associazione Geometri di Genova è composta da geometri professionisti dediti all' attivitàdicategoriae,soprattutto,allaSolidarietà. Nel corso della sua storia quasi ventennale,l'Associazione ha realizzato esostenuto molteplici iniziative importanti anche oltre i confini nazionali. A puro titolo d'esempio cito la supervisione alla costruzione di un edificio sociale nella città Serba di Aleksinac,incollaborazioneconCaritasEmergenze Liguria; ed ancora, in collaborazione con il Patriarcato Di Gerusalemme, lo studio dell'ampliamento delle strutture ricettive della Chiesa Parrocchia dell'Annunciazione a Beit Jala, nei pressi di Betlemme. Quest'annogliassociatihannosentitol'esigenzadicreareuneventochepotessericorrereannualmente:LAGIORNATADELLASOLIDARIETA'. Quindi con la Pro Loco di Cornigliano, il 12 Maggio presso Villa Bombrini, dalleore18,00sinoatardasera,cisiritroverà per trascorrere qualche ora in allegria con l'intento di contribuire alla causa della Lega Italiana Fibrosi Cistica.

Regione ed invio telematico del certificato, conassunzionediresponsabilitàtramitelafirma digitale; per ciò non può essere richiesto uncostoinferioreai300Euromasisonoverificaticasineiqualivendonopropostionorarianchedi 50 Euro.Di ciò si è resa conto la Regione Lombardialaqualehadecisocontrolliatappeto per tutte le certificazioni svolte al di sotto di un certo importo. Geom. Mauro Mattei

Come applicare bene l’Imu anche a tutti i fabbricati rurali Inquest'ultimo periodo sonostate numerose le novità normativee proceduralilegate allanuova imposizione fiscale sugli immobilisia ruraliche civili, in particolare sono state quasi totalmente eliminate le agevolazioni riservate al mondo agricolo. Dal1gennaio2012èstataintrodottalanuovatassasuifabbricatichiamataImu, Imposta municipale unica, che si applica anche ai fabbricati rurali sia abitativi che strumentali. GliexfabbricatiruralistrumentaliavrannolacategoriaD10eun'aliquotaperilcalcolodell'impostaridotta.Nonsonoprevisteagevolazioniparticolaripergliexfabbricatiruraliadusoabitativoaiqualisiapplicherannole eventuali agevolazioni ordinarie previste per le abitazioni civili. Laleggenumero214del22/12/2011all'articolo13comma14-terprevedeche«tuttiifabbricatiruraliiscrittinelcatastodeiterreni,conesclusione diquellichenoncostituisconooggettodiinventariazioneaisensidell'articolo 3, comma 3, del decreto del Ministro delle Finanze 2 gennaio 1998, n. 28,devonoesseredichiaratialcatastoediliziourbanoentroil30novembre 2012».Lanormaègeneraleeriguardaquindiancheifabbricatipossedutio utilizzati da soggetti che possiedono i requisiti per il riconoscimento della ruralità (art. 9 D.L. 30 dicembre 1993, n. 557). Entro il prossimo 18 giugno i possessoridifabbricatidovrannoversareilprimoaccontodellanuovaimpostaImu. Sei fabbricati non sono stati ancora censiti al catastofabbricati dovranno utilizzare una rendita presunta sulla base della rendita di unità immobiliarisimili già iscritte al catasto. La scadenzaper l'accatastamento deifabbricatiruraliprecedelascadenza per il versamento del saldo in modo da poter utilizzare come baseimponibilelarenditacatastale rivalutata. Isoggetti,che purpossedendoi requisiti di ruralità (Legge numero133 del30/12/1933), hannocostruzioni iscritte al catasto fabbricati devono entro il 30 giugno 2012 presentare la variazione per l'iscrizione dei fabbricati abitativi nellacategoriaA6eperifabbricati strumentali nella categoria D10. Questaprocedura prevedela presentazione di una istanza con autocertificazione. Questa norma è statapredispostainseguitoall'orientamentodellaCorteCostituzionalein meritoaricorsipromossidaalcunicomunichepretendevanoilpagamentodell'Icianchedaicoltivatoridiretticheavevanoimmobilicensitiall'urbano. Sièstimatocheintuttal'Italiasianocirca3milioniilnumerodeifabbricatiruralichedovrannoessereiscrittialcatastodeifabbricati.Diquestimolti sono fabbricati abbandonati e inabitabili da anni. L'articolo 3, comma 2, letterab) del DM 2 gennaio 1998, n. 28 prevede che in tali situazioni questi immobili possano essere censiti senza rendita, nella categoria fittizia F/2, (costruzioniinidoneeadutilizzazioniproduttivedireddito,acausadell'accentuato livello di degrado). Lo stesso articolo 3, al comma successivo, elenca una serie di immobili chenon vannoaccatastati, amenoche nonabbiano«ordinaria autonoma suscettibilità reddituale»: a) manufatti con superficie coperta inferiore a 8 mq; b)serreadibiteallacoltivazioneeprotezionedellepiantesulsuolonaturale; c) vasche per l'acquacoltura o di accumulo per l'irrigazione dei terreni; d) manufatti isolati privi di copertura; e)tettoie,porcili,pollai,casotti,concimaie,pozziesimili,dialtezzautile inferiore a 1,80 metri, purché di volumetria inferiore a 150 metri cubi; f)manufattiprecari,prividifondazione,nonstabilmenteinfissialsuolo. Se sono accessori a una o più unità immobiliari ordinarie, gli immobili indicatialle letterea) ed e),e quelliindicati allaletterac)che sianorivestiti con un «paramento murario», dovranno essere iscritti in catasto. LeunitàF2collabentisonoquindicostruzioninonabitabiliononagibili ecomunquedifattononutilizzabili,acausadidissestistatici,difatiscenza o inesistenza di impianti, ovvero delle principali finiture ordinariamente presentinellacategoriacatastalecuil'immobileècensibileedintuttiicasi nei quali la concreta utilizzabilità non è conseguibile. L'AgenziadelTerritoriodiGenovahaconcluso,allafinedel2011,l'attribuzionedellarenditapresuntaaifabbricatifotoidentificatiperiqualiilproprietariononavevaprovveduto,entroitermini,all'accatastamentooall'inviodellacomunicazionedovemotivaval'esenzionedall'obbligodidichiarazione. Per queste particelle permane l'obbligo, per i soggetti interessati, di presentazione, tramite i professionisti incaricati, delle dichiarazioni di aggiornamento(tipomappale-docfa);inalternativaprovvederàinsurroga l'Agenzia del Territorio. Geom. Fabio Crovetto


Ilgiornale20120330