Page 1

DOMENICA 19 GENNAIO 2014

Settimanale di Informazione

Distribuzione gratuita - E-mail: info@printinghousesrl.it

1

ANNO XIV - N° 02- DOMENICA 19 GENNAIO 2014

“Terra inquinata, tossica, maleodorante e non solo Cantariello...

Farmacia Zenatto s.a.s Aperta 24 ore su 24 365 giorni l’anno Anche tutte le domeniche e festivi Sempre al servizio del cittadino con cortesia e competenza

Via Naz.le delle Puglie n°9 Casoria (Arpino) Tel. 081.7590590 email. f.zenatto@virgilio.it

OTTICA AURIEMMA

...mai dimenticare Resia, Rhodiatoce, Tubi Bonna, Dyrup, Cutolo Metallorganica, Linvea, Montanino etc..


2

DOMENICA 19 GENNAIO 2014


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

3

NANDO TROISE

IL PD CONTRO IL SUO ASSESSORE………………. E tanto altro

E’ questa un’occasione per aprire un dibattito sulla salute della nostra politica e sui rapporti con il Comune. E così sarà! Verrà scansato l’aspetto polemico e saranno evidenziati i temi di fondo, che non sono affatto sbagliati. Sono partito dalla crisi dei rapporti politici tra le fila dell’opposizione ed anche, purtroppo, all’interno della coalizione di governo. Il Pd, attraverso il gruppo consiliare, ha sfiduciato il suo Assessore Pasquale Tignola; Il segretario di sezione è il medico Pasquale Amoroso. Andrea Capano, UDC, segue con attenzione le vicissitudini del suo partito a livello nazionale, regionale e napoletano. Più disincantato l’Assessore Idv alle Attività Produttive Antonio Lanzano, legato, politicamente, a Boemio e Marrazzo, espressione politica e tecnica del gruppo consiliare composto da Petrone e Bene. Mi sono chiesto se il modello politico casoriano sia ancora valido e, se è giusto e futuribile, che il Pd continui a mantenere il baraccone attuale del centro sinistra a proprio danno e pericolo.

Anche i documenti fatti circolare in città, con moltissime firme, di gruppi in disaccordo tra di loro all’interno della Sezione, dedicata ad Angelo Vassallo, in cui i consiglieri comunali da una parte e gli iscritti da un’altra annunciavano severe critiche tra di loro; Questi partiti non possono più fingere unità di intenti e amori ritrovati (finti!). Così dicasi del Pd e di Tommaso Casillo che “smentivano” le smentite, affermando che non c’è “frattura” tra i democratici e l’ex Senatore ma nel mentre lo facevano, rivendicavano una giusta politica di occupazione degli spazi politici oltre al “governo politico” della Città di Casoria, poi raccontavano che stanno lavorando, per creare una forza politica di centro sinistra che recuperi Sinistra e Libertà e Sinistra Critica; poi, consci della confusione generata, sono in molti a chiederci di organizzare una serie di dibattiti politici in città, nella speranza di dipanare le matasse politiche che Centro Sinistra e il Partito della Libertà stanno generando. Nella coalizione di governo vanno chiariti

i rapporti tra la Giunta ed il Consiglio comunale. Infine, ha conquistato il suo spazio, con cinque consiglieri, l’API, il partito politico di Rutelli, il cui ha leader è l’ex Senatore ed ex candidato Sindaco, Tommaso Casillo, un gruppo confluito nel PD. In concreto, pongo tre problemi: una revisione seria della pianta organica; la riforma del problema acqua; il potenziamento del Settore Entrate. La politica, a Casoria, si regge ancora su due pilastri fondamentali: la legge istitutiva dell’elezione diretta del Sindaco e il Bilancio. La prima ha delegato al Sindaco l’intera materia amministrativa. La seconda è un “pannicello caldo” per adeguarsi all’evoluzione tumultuosa dei tempi. Visto l’andazzo della nostra politica, era certamente un bene che i consiglieri comunali restassero fuori dalla gestione degli Assessorati. Non è stato così come avrebbero dovuto fare nel rispetto degli impegni presi in campagna elettorale. CONTINUA A PAG. 5


4

DOMENICA 19 GENNAIO 2014


DOMENICA 19 GENNAIO 2014 CONTINUA A PAG. 3 In passato gli Assessori chiamati dai banchi del Consiglio Comunale si mettevano in luce maggiormente per gli sperperi di denaro pubblico (basta leggere prima la relazione Ambrosio poi quella della Commissione di Accesso agli Atti Amministrativi). Vanno ricordati i tantissimi contributi a pioggia, poi lo Stadio San Mauro chiuso da 13 lunghissimi anni; la costruzione di una specie di centro polivalente costruito all’interno dello Stadio San Mauro, costato alla collettività casoriana ben 437 milioni delle vecchie lire e mai inaugurato, le migliaia di euro per il museo di arte contemporanea e tantissimi altri sperperi, sempre documentati nella mia, ormai lunghissima, attività giornalistica. Adesso alla guida degli Assessorati ci sono: Pasquale Tignola all’ Ambiente; Valeria Esposito a Bilancio e Programmazione Economica - Tributi; Luisa Marro alla Pubblica Istruzione e alle Politiche Sociali; Antonio Lanzano allo Sviluppo economico ed Attività Produttive e Sport, Sergio D’Anna ai Lavori Pubblici e manutenzione; Tommaso Casillo alla Sicurezza e all’Urbanistica e Mariano Marino al Decentramento ed al Patrimonio Comunale. Ma è anche vero che l’imperfetto modello

5 politico casoriano è unico e che, sentiti gli spifferi, sarebbe bene chiarire i rapporti tra Giunta Municipale e Consiglio Comunale, fissare parametri più equi alla competenza e nella ripartizione del contributo di esperienza di tutti quelli che lavorano al Comune. Sarebbe ora che finisse la mortificazione delle tantissime eccellenze che vi sono all’interno della macchina comunale. L’istituzione dell’elezione diretta del Sindaco non è stata, per Casoria, a scanso di equivoci, un gesto illuminato dei politici ma una precisa, furbesca volontà del legislatore per sminuire la figura del Consigliere Comunale. Il Consigliere Comunale, veniva ritenuto, allora come oggi, l’occupazione del perditempo, degli scansafatiche e di quei personaggi rampanti ed equivoci a caccia di notorietà, di soldi e di voti. Ecco che poi si prende cappello. Infatti, alcuni degli impegni presi da Enzo Carfora al momento della sua elezione, trovano difficoltà ad essere resi attuali o realizzarli, in termine di revisione seria della pianta organica e delle Entrate, nonché un utilizzo serio dei parcheggi a raso nonché una risoluzione completa dei semafori, l’accorpamento dei settori finanziari, le aree dismesse, il mercato ortofrutticolo e tanto altro. Impelagati nelle loro comiche baruffe, i

Via G. Rocco, 2 - 80026 Casoria (NA) Cell. 335.8157475 email. servizitecnicidanna@virgilio.it www.servizitecnicidanna.it

politici, non hanno il tempo di occuparsi della vita aziendale dell’Ente, al quale non riconoscono dignità culturale e peso economico, anche se produce servizi fondamentali per la vita della Città. Volete che pensino ai problemi dei Servizi Tecnologici, alla Pubblica Istruzione, della Sicurezza Sociale? Volete che pensino alla scuola, allo sport, allo Stadio San Mauro, al PalaCasoria, ai centri sportivi ed alle palestre che possono fortificare l’aspetto morale dei giovani. Mi auguro che il dibattito riprenda, in termini seri. E’ comodo cercare di trovare motivazioni sociologiche al degrado di questa Città, con le problematiche che le derivano dall’essere “ex operaia” o definire “apatici”, strafottenti, senza coscienza civile, senza opinione pubblica e senza educazione civica i suoi cittadini, per eludere i problemi che ci sono e non sono più procrastinabili. Questa Amministrazione e questa Giunta Municipale deve farci sapere, magari nel corso di un dibattito, se la vita sociale sia ancora un diritto previsto dal nostro ordinamento, affidandoci alla speranza che questo Sindaco e questa Amministrazione portino fuori dal degrado morale, civile, politico questa Città, che merita rispetto e dignità.


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

6

STIMA

STIMACASA

FRANCHISING

CASORIA In

STIMA

IMMOBILIARE

www.stimacasa.it

A S S O C IATO

VENDE

Parco, appartamento ben rifinito, composto da ampio ingresso, soggiorno con cucina a vista, due camere da letto, doppi servizi e lavanderia. Con ampie balconate e posto auto. Euro 185.000

AFRAGOLA C.so

STIMA

Napoli, in piccola palazzina, appartamento composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, due camere da letto, bagno e ripostiglio. Con posto auto e cantinola. Euro 130.000

CASORIA SS. Sannitica, grazioso e luminoso appartamento, AFRAGOLA Centro, in piccola palazzina, app.to con ter-

STIMA

accuratamente ristrutturato e composto da accogliente soggiorno, cucina abitabile, due ampie camere da letto e bagno. Ben rifinito, come nuovo e con posto auto. Euro 160.000

STIMA

razzo a livello, composto da cucina abitabile, due camere da letto, doppio servizio e lavanderia. Ben rifinito, come nuovo e con posto auto Euro 115.000

CASORIA Via Indipendenza, luminoso app.nto composto da AFRAGOLA Via

STIMA

accogliente salone, cucina abitabile, due ampie camere da letto, doppio servizio e ripostiglio. Duplice esposizione, conampiebalconateepostoautoprivato.Euro 185.000

STIMA

Galliano, soluzione semidipendente con all’interno grazioso appartamento ben rifinito di circa 90 mq, con terrazzo di copertura, posto auto e cantinola Euro 175.000

CASORIA Zona

AFRAGOLA Via

STIMA STIMA

STIMA

Gallery, in palazzina signorile, appartamento ben rifinito, composto da ingresso, soggiorno con cucina a vista, due camere da letto, studio, bagno e lavanderia. Euro 185.000

D. Alighieri, soluzione indipendente composta da appartamento posto al piano rialzato di circa 120 mq, con giardino privato, un locale seminterrato di 150 mq e terrazzo di copertura. Euro 180.000

CASORIA Grazioso app.nto ristrutturato e composto da AFRAGOLA Adiacente

STIMA

ampio soggiorno, cucina abitabile, due camere da letto, bagno e lavanderia. Ben rifinito, come nuovo, con duplice esposizione e posto auto Euro 150.000

STIMA

al C.so A. De Gasperi, appartamento composto da ingresso, soggiorno, cucina, due ampie camere da letto e bagno. Con duplice esposizione e posto auto Euro 150.000

CASORIA A ridosso della stazione, appartamento ristruttu- CARDITO

STIMA

rato composto da accogliente soggiorno con ampia cucina a vista, due camere da letto, bagno e lavanderia. Con duplice esposizione e posto auto. Euro 185.000

AFRAGOLA Soluzione

STIMA

indipendente con all’ interno appartamento di 90 mq, con cantinato, terrazzo di copertura, androne e ampio cortile attrezzato con cucina e lavanderia. Euro 360.000

AFRAGOLA A ridosso di C.so A. De Gasperi, appartamento

STIMA

STIMA

In piccola palazzina, grazioso app.to composto da accogliente soggiorno con ampia cucina a vista, due camere da letto, doppio servizio e lavanderia. Ben rifinito, come nuovo, con duplice esposizione Euro 155.000

VILLE E SOLUZIONI INDIPENDENTI Villa valorizzata da ampi spazi esterni, come terrazzi e cortile privato di circa 250 mq, con al suo interno appartamento di circa 140 mq e tavernetta attrezzata

in buono stato, composto da soggiorno con cucina a vista, A pochi passi dal centro, deliziosa Villa articolata due ampie camere da letto, cameretta, doppi servizi e 1/3 su quattro livelli, arricchita da ampi spazi esterni, del cortile, cantinato e terrazzo di copertura. Euro 145.000 con terrazzi e giardino privato. Da non perdere!!!

AFRAGOLA Zona Gelsomino, ampio app.to con terraz- Splendita villa bifamiliare con all’interno due appar-

STIMA

zo a livello di circa 180mq e composto da accogliente salone doppio, cucina abitabile, due camere da letto, doppio servizio, rispostiglio e cantoniola Euro 290.000

tementi di circa 150 mq. cadauno, arricchiti da ampi spazi esterni e terrazzo a livello. Da non perdere!!! Esclusiva Villa bifamiliare valorizzata da ampi spazi

AFRAGOLA C.so A.De Gasperi delizioso app.to ac- esterni, come terrazzi e cortile privato di 350 mq,

STIMA

curatamente ristrutturato con materiale di alto pre- con al suo interno due appartamenti di 140 e 170 mq, gio di 4 vani oltre accessori. Accogliente, moder- oltre a locale cantinato e tavernetta attrezzata. no e ben rifinito. Da non perdere Euro 235.000

Prestigiosa villa su 4 livelli, accuratamente realizzata

AFRAGOLA A ridosso di P.zza Castello, in piccola palaz- con materiale di alto pregio, con piscina privata, giar-

STIMA

zina, appartamento composto da accogliente soggior- dino, patio e tavernetta attrezzata. Una vera rarità. no, cucina abitabile, due camere da letto e doppi servizi. Trattative riservate Con duplice esposizione e posto auto. Euro 120.000

Ag. CASORIA Gallery Shopping Center - Tel. 0817577497 - Fax 0817308691 Ag. AFRAGOLA - Corso Napoli, 31/33 - Tel. 0817577497 - Fax 0817308691


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

7

ANTONIO BOTTA

Il documento, redatto dai referenti dei Comitati Fuochi, contenente gli emendamenti al D.L. 136/2013 sulla “Terra dei Fuochi”

AUDIZIONE, IL 7 GENNAIO SCORSO, ALLA COMMISSIONE AMBIENTE Chiesta l’esenzione dai ticket sanitari per le popolazioni residenti nei Comuni oggetto di sversamenti illegali

Il tavolo di lavoro legale e tecnico – strutturale Coordinamento Comitati Fuochi ha presentato, il 7 Gennaio scorso, alla Commissione Ambiente della Camera, un articolato documento contenente gli emendamenti al D. L. 136/2013 sulla Terra dei Fuochi. In esso si sottolinea che il D. L. in questione è caratterizzato complessivamente da molteplici lacune normative. Si evince, in particolare, che il limite rilevante del Decreto è di voler affrontare la questione ambientale e salubre che coinvolge prevalentemente le zone tra le province di Napoli e Caserta con strumenti straordinari, senza una complessiva visione di insieme e senza una progettualità integrata portatrice di un ripristino ordinario del benessere ambientale e sanitario della predetta zona. Si pone in rilievo che “il dramma che vive la Campania è caratterizzato dalla “Terra dei fuochi” e dalla “ Terra dei veleni”, due situazioni connesse ma ben distinte, determinate entrambe non dai rifiuti urbani, ma dai rifiuti industriali tossici e nocivi per la salute dei cittadini.” “E’ fondamentale” si puntualizza “spegnere i famigerati “roghi tossici”, ma al contempo non ridimensionare ciò che è stato interrato nelle campagne in questi anni, a cominciare dai siti ben noti, accertati da numerose inchieste e ancora in attesa di una reale messa in sicurezza. Il D. L. ha preso, sebbene parzialmente, in considerazione unicamente la questione dei roghi tossici. Ha dimenticato di considerare le condotte generatrici di tali vicende, in primis la filiera della produzione e smaltimenti da parte delle innu-

merevoli imprese che operano in totale regime di evasione”. E’ stato evidenziato, inoltre, dai referenti dei Comitati Fuochi che il Decreto legislativo ha “ignorato che la normativa nazionale è

la presenza di attività illecite di sversamenti di rifiuti speciali nelle proprie zone di competenza e di effettuare interventi di prevenzione e di repressione; altra richiesta è “l’esenzione da ticket sanitari per

monca di un aspetto fondamentale: la trasformazione di tutte le condotte foriere di danni all’ambiente da mere contravvenzioni a delitti, rimarcando anche che nel citato D.L. è stato ridimensionato il ruolo degli Enti locali non solo in ordine all’aspetto economico, ma soprattutto in ordine ai compiti riferiti alla responsabilità della salute pubblica. Pertanto, una delle proposte emendamentali del Comitato Fuochi è quella di considerare “onere del Sindaco, quale primo responsabile della salute pubblica, richiedere presso le Autorità Giudiziarie competenti la documentazione processuale non sottoposta a segreto istruttorio” al fine di accertare

le popolazioni residenti nei Comuni oggetto di sversamenti illegali di rifiuti tossici. Si stigmatizza, poi, che è stato omesso ogni riferimento alle indagini diagnostiche sulla popolazione residente nelle zone colpite dalla peste chimica, da cui si evince una riduzione di due anni nel parametro ISTAT “aspettativa di vita alla nascita” specie per le province di Napoli e Caserta. Infine, “inopportuno appare il ricorso alla delega circa l’utilizzo dell’esercito da parte dei Prefetti delle province campane, invece di privilegiare il ricorso alle forze di pubblica autorità per il monitoraggio, sorveglianza, prevenzione e controllo in sicurezza del territorio”


8

DOMENICA 19 GENNAIO 2014


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

9

ELIANA GIGLIO

“Chest’è a terr e nisciun…”

Sono anni che si parla della discarica/sito di stoccaggio del Cantariello. Sono anni che si discute più o meno animatamente sulla questione, eppure una soluzione ancora non si è trovata. Ad agosto del 2012 persino il giornale “Avvenire” si è occupato della questione del Cantariello, dopo le varie denuncie/ inchieste giornalistiche di altri quotidiani e televisioni nazionali. Noi di Casoriadue ce ne eravamo occupati lo scorso aprile, quando dopo una riunione con tema “La riqualifica ambientale del Cantariello” si erano incontrati vari esponenti della casa comunale, il presidente del Comitato No Discariche Napoli Nord, il parroco della Parrocchia di San Paolo Apostolo del Parco Verde di Caivano. La settimana scorsa Luca Abete, di Striscia la notizia, ha effettuato un sopralluogo, inchiesta sul sito di stoccaggio. La zona del Cantariello, a cavallo tra le città di Afragola e Casoria, è un sito privato, sul quale più volte Regione e Provincia si sono espressi affermando di non avere competenza a riguardo e rimarcando la competenza dei due comuni limitrofi. L’area fu individuata nel 2001 dal Comune di Casoria per raccogliere i rifiuti della zona in piena emergenza, ed è, ormai, da più di un anno che dai cumuli di rifiuti si alzano fumi irrespirabili, prodotti da un processo di autocombustione a cui sono sottoposte le eco balle che sarebbero dovute essere stabilizzate, e che invece continuano a sprigionare fumi tossici. Un monumento: così lo chiamano all’Avvenire. Un monumento assassino sito tra case, centri commerciali e a ridosso di un campo Rom. Un monumento di novemila tonnellate di rifiuti urbani e rifiuti speciali pericolosi vecchi ormai almeno di una decina di anni. Il Cantariello è una zona difficile da raccontare. Un paesaggio surreale tra ettari di follia. Il cancello di ingresso al sito di stoccaggio, negli anni, è stato più volte rimosso, abbattuto, rubato. Gola graffiata da odori acri, puzza che nelle notti d’estate raggiunge anche zone della città di Casoria lontane, seppur in linea d’aria vicine. Fumate grigie che si alzano dai cumuli

di eco balle sotterrate dalla terra. Sembra una scena di un film, ahimè è tutto reale. Lo sanno bene le persone che vivono nella zona adiacente, coloro che ci passano in macchina per poter andare a prendere lo svincolo della tangenziale. Il Cantariello era usato negli anni novanta dalla Epm, società che gestiva la raccolta rifiuti per Casoria, più che altro come deposito dei camion. È stata usata fino al 2001, quando il commissariato di governo per l’emergenza rifiuti lo trasformò in sito di stoccaggio provvisorio per immondizia proveniente da mezza Campania e iniziò uno sversamento continuo, notte e giorno, che andò avanti per dei mesi. Fino a quando la Epm non sporse denuncia e la magistratura sequestrò il sito di stoccaggio ponendo i sigilli. Fino a giugno del 2012 è rimasto così, senza vigilanza. Alla fine del 2011 lo scenario si rinnova. Cominciano i fumi, che in certi giorni ti fanno pensare di vivere nei pressi di una solfatara. Eppure i fumi sono tutt’altro che sulfurei. La gente ha cominciato a non dormire, un po’ per i miasmi, un po’ per la preoccupazione. Nell’ultimo anno, qualcosa sembrava essersi mosso. La Regione ha inviato a Casoria la Commissione Bonifiche. Le due città limitrofe sono rimaste a guardare. Ad aprile 2013 nel corso della conferenza stampa sulla riqualificazione del Cantariello, sia l’assessore Casillo, che l’assessore all’ambiente Tignola, hanno ribadito e ricordato quanto in realtà si sia fatto per il Cantariello e per il controllo dell’area, non dimenticando che la Regione ha previsto un finanziamento per la bonifica e la riqualifica dell’area. Nel servizio di Striscia la Notizia, Luca Abete, ha affermato che questo finanziamento è già arrivato, ma che nulla si è mosso ed è stato fatto. Ad onor di cronaca, ad oggi, dopo un anno dalla riunione che si tenne nella sede comunale, il Comune di Casoria, così come

quello di Afragola, non hanno ancora visto un solo euro di quel finanziamento di cui si è tanto parlato. Di certo la situazione non è più vivibile. Ogni giorno i media nazionali si interessano e parlano del problema, anche se non proprio di quello del Cantariello, ponendo risonanza su quello che è stato deciso dalle Asl, sugli screening gratuiti per tutti i residenti della Terra dei Fuochi… Il problema vero, quello più grande, è che non necessariamente saremo noi, i giovani di oggi, a subire gli effetti della Terra dei Fuochi. Saranno le generazioni future, quelle che tra dieci/quindici anni, dovranno iniziare a fare i conti con la paura

costante, con gli screening costanti, con tutti i problemi che potrebbero sorgere, con il grande male, quello che sta mietendo vittime su vittime nella famosa Terra dei Fuochi. La speranza è che quanto prima arrivino i soldi che la Regione Campania ha destinato alla bonifica del Cantariello, con i conseguenti carotaggi e le caratterizzazioni per capire cosa si trova tra le circa novemila tonnellate di rifiuti del sito di stoccaggio. Un risultato della dura battaglia che continua a portare avanti il Comitato per la Bonifica del Cantariello. I centri commerciali a ridosso del sito di stoccaggio e i loro direttori si sono schierati a fianco del Comitato per la Bonifica del Cantariello nella loro battaglia. Ci sarebbe poi tanto da dire anche sul campo Rom che sorge a quattro passi dal sito di stoccaggio. Un campo che sorge senza spiegazione né logica: tante baracche, parabole sul tetto, rifiuti sparsi un po’ ovunque, persino sulle due carreggiate che portano all’Uci Cinemas e all’imbocco della tangenziale… un’altra piaga, un altro problema che la città di Casoria si trova a fronteggiare… Tra sito di stoccaggio, campo Rom, Terra dei fuochi , la sensazione è che questa sia diventata “a terr e nisciun…”.


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

10 GIANLUCA GRIMALDI

Intervista all’assessore Antonio Lanzano

Antonio Lanzano, assessore con numerose deleghe (allo sport, attività produttive e affari generali dell’ente), ci parla delle ultime svolte in ambito commerciale e sportivo, di quello che è stato realizzato e di quanto sarà fatto in questo nuovo anno. Ad ottobre, in un incontro col rappresentante dell’Ascom Michele D’Anna, ha proposto la costituzione di un Centro Commerciale Naturale. Può parlarci delle conseguenze positive di tale progetto? In realtà, stiamo parlando di qualcosa che non ha ancora trovato piena concretizzazione. E’ ovvio che i benefici economici sarebbero innumerevoli anche in virtù di una sinergia tra i vari enti commerciali. Non possiamo ancora dire quanto ci vorrà per attuare tale progetto. Qual è l’attuale situazione dei 160 lavoratori cassaintegrati dell’ex Carrefour, chiuso da ormai più di tre anni? Ci sono segnali di svolta circa il rilancio del centro commerciale? Come assessorato abbiamo rapporti frequenti con i lavoratori. Ci siamo impegnati in modo da favorire anche la cassa integrazione per il nuovo anno. In relazione all’acquisizione del centro commerciale, siamo probabilmente a un punto di svolta: ci sono, infatti, alcuni imprenditori interessati al rilancio del centro. Ciò ci è stato confermato anche dalla Banca Nazionale del Lavoro, proprietaria dell’immobile. Ora spetta alle parti direttamente interessate definire i dettagli; noi, come Comune,

possiamo solo creare un ambiente favorevole alle trattative. Ad ottobre, il Consiglio Comunale ha approvato un emendamento che sottrae alcuni fondi allo sport e li destina alla “verifica del livello di inquinamento delle grandi aree dismesse del territorio di Casoria”. Da assessore con delega allo sport, è stato d’accordo con tale intervento? Se lo scopo è migliorare la vivibilità di Casoria, ben vengano tali interventi volti a rendere servizio a un bene comune. Inoltre, non si tratta di un grave danno al settore dello sport che necessita più di passione e dedizione che di fondi. Recentemente ho presentato una proposta di deliberazione alla Giunta finalizzata alla indizione di una gara pubblica allo scopo di individuare un nuovo affidatario del Palacasoria (Palazzetto dello sport). In realtà, molti sono restii ad affidare la gestione della struttura a terzi. Quale sarebbe la soluzione migliore per rilanciare una struttura tanto importante e renderla una risorsa? E’ stato stabilito che ci sarà una gara pubblica per l’individuazione del soggetto affidatario. E’ importante che la gara sia gestita dalla stazione unica appaltante e che si svolga nel rispetto dei criteri di legalità e trasparenza. Questa è la soluzione migliore così come emersa dai dibattiti in Consiglio Comunale. Lei ha chiesto di riservare una percentuale dei fondi stanziati per le ZFU (zone franche urbane) per le imprese di nuova costituzione e ha chiesto alla

Regione il finanziamento di un intervento di videosorveglianza. Come si sta muovendo il suo assessorato? I fondi sono stati disposti dal Ministero dello Sviluppo Economico per vari Comuni, tra cui Casoria, per un valore di 14 milioni e mezzo. Ho chiesto lo stanziamento del 30% dei fondi per agevolare le nuove imprese in modo da migliorare il commercio e, più in generale, la vivibilità della nostra città. Sto predisponendo un ufficio ad hoc, nel settore commercio, con personale idoneo nel fornire tutte le informazioni utili ed assistere l’utenza nel richiedere l’accesso a tali fondi. In particolare, può essere richiesta una somma fino a 200.000 euro in sgravi contributivi fiscali. Solo a Febbraio, il Ministero fornirà tutti i dettagli tecnici su come richiedere tali risorse. Nel frattempo, abbiamo chiesto alla Regione di coadiuvarci nella videosorveglianza perché il tutto avvenga nel rispetto della legalità. Quali sono le sue proposte circa la rivalutazione dello sport nella città di Casoria? Sto insistendo molto nella promozione di progetti sportivi nelle scuole elementari per sensibilizzare anche i più giovani circa i benefici dell’attività fisica. Molti progetti prevedono un supporto tecnico che sia di ausilio agli studenti e all’insegnante. Altre iniziative saranno, il primo febbraio, una corsa campestre nello stadio comunale e l’indizione di un torneo calcistico tra squadre di oratori parrocchiali.

PER LA TUA PUBBLICITA’ CHIAMA AL 3384356954 Sono aperte le iscrizioni per l’anno 2013-2014


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

11

LUIGI ESPOSITO

La squadra 2003 della Luigi Vitale vince il Torneo di Natale! Di questo e altro ancora ce ne parla mister Silvestro! Il “Torneo di Natale Categoria 2003” si è giocato presso il campo sportivo di San Nicola la Strada. Le squadre intervenute sono state la locale Sannicolese, la Casertana, la San Marco Trotti, la Maceratese, la Vitulazio e la Luigi Vitale. Proprio quest’ultima si è resa protagonista di una piccola grande impresa, aggiudicandosi in maniera indiscussa il titolo di reginetta. Allenatore dei giovanissimi vincitori è Clemente Silvestro, al quale noi di Casoriadue abbiamo proposto una breve intervista. Mister, innanzitutto ci parli di questo torneo: l’organizzazione, il livello agonistico e la vittoria. “È stata prima di tutto una grandissima giornata di sport! La manifestazione è stata organizzata dal presidente Desiato, numero uno della Sannicolese. Il torneo è stato davvero molto equilibrato, con ogni formazione che ha dato il massimo affrontando le avversarie con grande caparbietà. Questo di per sé già un importante test per i miei ragazzi, vincere poi è stata la ciliegina sulla torta! Aggiungo, oltretutto, con piacere che il capocannoniere è stato uno dei nostri, Giuseppe Giacometti. Veramente una giornata indimenticabile!”. Un’esperienza che, al di là poi del risultato, serve anche alla loro maturazione sportiva e personale “Senza alcun dubbio! Confrontarsi con altri ragazzi aiuta a formarsi per il futuro. La condivisione anche del momento sportivo è caratterizzante per i ragazzi di questa età. Poi la loro crescita sta anche nel gioco del pallone. Per esempio, noi che siamo abituati al sintetico abbiamo giocato su un campo in erbetta naturale non in perfette condizioni soprattutto per le forti piogge che ci sono

state nel periodo del torneo: questa nuova esperienza ha fatto sì che loro imparassero anche a muoversi e a far girare la palla su un terreno diverso”. Per un allenatore che emozione è osservare i progressi dei propri giocatori e, soprattutto, vederli vincere? “Vedere i miei ragazzi che crescono pian piano è fantastico! Devo dire che all’inizio del torneo ero un po’ scettico, non pensavo alla vittoria non per presunti demeriti dei miei ma per le condizioni avverse del campo di gioco. Loro invece mi hanno stupito, hanno saputo gestire la situazione e a fare davvero delle grandi prestazioni. Sono stati i migliori! Vedere i frutti del proprio lavoro, in questo modo, è un’emozione indescrivibile!”. Prima di diventare mister, cosa faceva? E per il futuro cosa ha in programma? “Ero anche io un calciatore come loro. Le mie esperienze nel calcio che conta sono iniziate a sedici anni, quando ho debuttato con la maglia bianco viola del Casoria di Lojacono in Serie C2. Sono cresciuto nel team dove c’erano anche Fusetti, Bencivenga, Masoni. In seguito, sono passato in squadre, Ischia e Massafra. Non sono più tornato qui fino ad oggi, quando ho sposato il progetto della Scuola Calcio Luigi Vitale. Le società così sono realmente significative e un giorno vorrei aprirne una tutta mia: questo sarebbe il sogno da realizzare per il mio futuro!”. I suoi metodi di allenamento e formazione quali sono? “Derivano indubbiamente anche dai miei

trascorsi nel mondo del pallone. Personalmente credo che dagli otto anni compiuti un ragazzo possa già essere istruito per giocare sui campi più grandi. Però quello che voglio comunicare a tutti gli allievi è di pensare al calcio come puro divertimento e intrattenimento, senza intravederlo come mezzo di

fama e successo. Pochi riescono veramente a sfondare nel panorama perciò non ci si devono mettere grandi aspettative e desideri di trionfo. Il primo pensiero è la gioia e il piacere di giocare! Che non dimentichino poi lo studio per le attività ricreative: devono creare le basi della loro cultura ed educazione in questi anni!”. Alla Luigi Vitale come si trova? Si sente di darle un voto? “Mi trovo benissimo! Il mio voto è sicuramente alto. La società è sempre in crescita!”. Avete altri progetti in programma, altri tornei ai quali partecipare? “Con ogni probabilità, a giugno, esattamente nei giorni 26, 27 e 28, saremo sempre con la Sannicolese in Abruzzo per un torneo organizzato stavolta dalla FIGC. Per ricevere l’invito, forse sono stati tutti impressionati in positivo dal nostro successo!”. In chiusura, le chiedo un augurio che vuole fare ai suoi giovanissimi allievi “Auguro a tutti di divertirsi perché quello, ripeto, è e deve essere il primo pensiero. Poi, sarebbe bello e mi renderebbe orgoglioso del mio operato se qualcuno di loro entrasse nel calcio che conta. Lo auguro ad ognuno di loro col cuore. Ma che ricordino: ci vogliono tanti sacrifici, bisogna lavorare sodo ogni giorno e continuare a credere in se stessi e nei proprio sogni!”.


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

12 IMMACOLATA CASTRONUOVO

La crisi dell’imprenditoria artigiana napoletana vista dai Fratelli D’Alessandro, maestri della bigiotteria artigianale In ambito di profonda recessione, che non vede vie d’uscita, abbiamo incontrato i Fratelli Antonio e Luigi D’Alessandro, due grossi esponenti dell’imprenditoria artigianale campana, fondata dal padre nel 1906; rispettivamente classe 1938 e 1936, i Fratelli D’Alessandro vantano un’esperienza ed una presenza nel settore della bigiotteria artigianale, da circa settanta anni; tuttavia, la nostra intervista raccoglie lo sfogo di un imprenditore che, da autorevole impresa con una forza lavoro di circa venti dipendenti, si ritrova, oggi, costretto a lavorare ancora per poter sopravvivere ad un’impietosa crisi, che ha messo in ginocchio l’intero settore dell’artigianato, locale, nazionale, e forse, internazionale. In particolare il Sig. Antonio D’Alessandro lamenta come, “con l’avvento dei cinesi, tutta la manodopera mondiale, e con essa l’artigianato mondiale, è andata distrutta, perché non si può competere con il costo della manodopera da loro offerto; è una concorrenza sleale. Noi siamo dei vecchissimi artigiani, ed abbiamo dovuto alzare le mani davanti a questa concorrenza; se io faccio un

articolo che dovrei vendere a 5 euro, loro lo vendono a 25 centesimi, come si può combattere? Questa storia vale per me e per l’intero artigianato mondiale. Noi abbiamo cominciato la nostra attività con un locale di 28 metri quadri e siamo passati a 1.200 mq. nel centro di Napoli, con una manodopera di circa 20 operai, che ho dovuto licenziare tutti perché il costo della manodopera non si poteva combattere. La vera crisi mondiale, secondo il mio punto di vista, da vecchio imprenditore, è nella venuta degli asiatici, in particolare dei cinesi; pensi che mio figlio aveva 83 negozi a dettaglio, sotto la mia guida, ha dovuto chiuderli, perché non si può combattere questa concorrenza in nessun modo.Se i politici non affrontano questo problema, la crisi non si sanerà mai: mi rivolgo proprio a Voi politici, se non fate qualcosa, come hanno distrutto me e mio figlio, e penso così come centinaia di artigiani napoletani, vedete un po’ i calzolai, i guantai, sono scomparsi, perché non si può proprio combattere; io penso che voi politici dovreste riflettere su questa cosa, e fare qualcosa, per salvare il Paese, dovreste prendere

dei grossi ed importanti provvedimenti; e questo è un problema non solo a livello europeo, ma mondiale. I cinesi, con il sottocosto della manodopera offerta, ci hanno uccisi; lo Stato, con le tasse sempre più grosse e gravose, ci sta uccidendo; bisogna che si prendano dei seri provvedimenti: le nostre finanze sono controllate dallo Stato, ma i cinesi no! Non vengono mai controllati, mentre noi artigiani siamo sempre stati vessati dalle tasse, sempre sotto la lente dì ingrandimento dello Stato. Lascio ai politici le loro valutazioni e decisioni in merito, altrimenti questa crisi non finirà mai.. Lei pensi che io, all’età di 75 anni, dopo aver lavorato per 70 anni, dall’età di cinque, sono costretto a lavorare ancora per sopravvivere, perché, dopo tanti anni di duro lavoro, mi ritrovo a percepire una pensione di 214 euro: è impossibile viverci, no? Laddove per tutti i contributi che mio fratello e dio abbiamo versato nel corso degli anni per i nostri dipendenti, ci ritroviamo a dover ancora lavorare, perché non abbiamo una pensione che ci consenta di vivere dignitosamente dopo aver dato tanto allo Stato.

Grazie che mi date la possibilità di dire come la penso, un’opportunità che aspettavo da tanto.” Questo, lo sfogo e l’amarezza di un imprenditore che ha vissuto un passato di tutto rispetto, e che da alcuni anni vive un presente ai margini della precarietà; un artigiano raffinato, che ha ancora tanto da offrire, data la maestrìa del suo prezioso lavoro, che alla veneranda età di settantacinque anni è costretto a lavorare ancora per vivere, con tutti i disagi inevitabilmente legati al tempo che avanza. Una crisi che da cinque anni attanaglia il Nostro Paese, così come tutti i Paesi dell’Eurozona, resa ancor più devastante dalla eccessiva pressione fiscale che, nel corso degli ultimi anni, si è fatta sempre più pachidermica. Secondo i dati riportati dal Censis, “il 2013 si chiude con la sensazione di una dilagante incertezza sul futuro del lavoro”, e, non c’è dubbio, il nuovo anno si aprirà con eguale se non maggiore preoccupazione, senza soluzioni di continuità. La gente scende in piazza, si coalizza, non ce la fa più: e lo Stato che fa?!? Resta a guardare.


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

13

SARA AURIEMMA

Al via la campagna di sensibilizzazione di ANMIL ‘’E’partita la campagna di sensibilizzazione contro gli infortuni domestici ed a sostegno delle famiglie, con prima data il 10 gennaio 2014, presso la Basilica pontificia di S.Antonio di Padova in Afragola, ‘In difesa della vita’, sostenuta dall’ANMIL, Associazione nazionale mutilati ed invalidi del lavoro in collaborazione con l’Associazione musicale ‘Estri armonici’ il cui coro è stato diretto dal M.ro Aminta De Luca, presidente dell’associazione e dai M.ri Susanna De Luca pianista, e M.ro Ciro Formisano, violinista. L’evento è stato patrocinato dall’Asl Napoli 2 Nord e dalla sede regionale INAIL di Napoli. Presenti il presidente dell’ANMIL Dott. Raffaele Ievolella, il Direttore Regionale dell’ INAIL, Dr. Emiddio Silenzi e le project Managers la Dott.ssa Anna Spisto e la Dott.essa Armida Vitale, personalità che hanno voluto fortemente sottolineare l’importanza dell’evento, atto a concretizzare ancora una volta tutti gli sforzi a favore di donne vittime di violenze per mano dei propri compagni, o per via di infortuni domestici anche per semplici banalità. ‘’Abbiamo voluto organizzare l’evento per ricordare che le donne rivestono oggi più che mai un ruolo importante, poiché come la Vergine Madre sono innanzitutto madri e vanno rispettate come tali. I

fatti di cronaca parlano chiaro: sempre più spesso infatti le donne ma anche i bambini, proprio perché più fragili nella società sono vittime di infortuni domestici non accidentali, provocati da uomini rudi e poco rispettosi di questa figura così importante. Quindi l’evento è a favore di esse, ma anche un auspicio per la salvaguardia di innocenti vite. Si stima infatti che gli infortuni domestici ammontino a circa 200.000 in tutta Italia e riguardano spesso anche gli uomini, che sono dediti alla famiglia e presenti come padri e mariti. Ma il picco di brutalità più elevata si registra in Campania, con svariati casi al giorno, e riguardano anche anziani che vivono soli. La campagna dunque è fondamentale per cercare di ricordare anzitutto quanto sia importante il nucleo familiare propriamente detto che va tutelato per quanto possibile, ed il modo migliore per farlo concretamente è sia prevenire gli infortuni domestici, ed al contempo assicurandosi poiché obbligatorio. In via più generale, solleciatiamo i presenti di denunciare chiunque sia a conoscenza di casi di violenza sui più deboli (proteggiamo i bambini e le madri specie sequeste sono casalinghe) anzitutto alle forze dell’ordine. Inoltre a supporto delle famiglia bisogna ricordare che esistono nelle asl dei centri di ascolto, per quanti sono stati

vittime di incidenti nelle proprie case. Per avere informazioni su come assicurarsi basta recarsi presso un Caf o anche presso un patronato Anmil, dove personale competente e cordiale fornirà assistenza gratuita e consulenza particolareggiata. Opuscoli informativi e quant’altro fanno il resto. Il territorio campano è poi tappezzato di caf che sono accanto alle famiglie; nella zona di Afragola per esempio segnaliamo uno di recente apertura presso il parco.S. Antonio. A collaborare con il patronato Anmil sono presenti anche le associazioni delle federcasalinghe, dislocate su tutto il territorio nazionale. Anmil è poi supportato, come ben si sa, dall’ INAIL. Concludo, sperando che i canti natalizi proposti possono essere d’auspicio affinchè si possano costruire in un futuro famiglie sane e affinchè una sana informazione possa sviluppare nelle coscienze al fine di ridurre così il numero di vittime inutili” ha terminato la Dott.essa Vitale. Il tema del concerto tenutosi nella basilica infatti è per lo più vertito su canti dalla classica ispirazione natalizia (da Handel a Frisina, da Ortolani a Gruber) volti a ricordare l’importanza della centralità del nucleo familiare, che nel periodo natalizio culmina nel simbolo natalizio mondiale e cristiano della Sacra Famiglia e volti a

sottolineare ancore una volta l’importanza vitale della donna, come madre che si dedica alla cura della famiglia. Sono seguiti intermezzi solistici del Duo Ariò M.ri Valeria Cappuccio (soprano) e Mario Addone (chitarrista), del trio di giovani artisti P.Pelella, Alessandro Caro (tenore), e M.ro Luigi Esposito (chitarrista), e del Mro Aminta De Luca, che hanno deliziato i presenti proponendo canti a tema di musica sacra e del classico napoletano. Il Dott. Emiddio Silenzi ha aggiunto: ‘’Non trascurate per distrazione ed incuria le vostre case, i luoghi in cui siete abituati a trascorrere più tempo, poiché spesso ciò può condurre a veri e propri drammi. Siate prudenti, controllate il vostro impianto elettrico, i fumi della vostra caldaia, le vostre automobili e denunziate massivamente quanti non adempiano al proprio dovere poiché salvate la vita di altri e la vostra. Prevenite, prevenite e non stancatelo mai di ripeterlo ad amici e parenti. Cooperate poiché tutti hanno diritto a vivere una vita lunga e di qualità”. Il prossimo appuntamento, in diffusione, sponsorizzato anche dai Lions, è previsto a Napoli il 31 gennaio presso la basilica della Madonna del Carmine, sempre la sera Ricordiamo l’importanza nazionale dell’iniziativa, a favore della vita per l’appunto


14

DOMENICA 19 GENNAIO 2014


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

15

GIUSEPPE MASCIOLI

APPUNTAMENTI COL LIBRO 4° INCONTRO DELLA RASSEGNA CULTURALE Lunedì 20 gennaio, “La fabbrica della parola” di Raffaele Urraro sarà protagonista degli APPUNTAMENTI COL LIBRO, rassegna di alto livello culturale. Il testo è un vero e proprio viaggio nel mondo dell’ars poetica, attraverso le opere di grandi poeti accreditati dalla tradizione letteraria; è un vero e proprio scrigno di preziosi suggerimenti e di riflessioni, indispensabili per chi ama scrivere, per studenti e docenti. Il 12 dicembre, invece, è stata la poesia a incantare la Biblioteca di Casavatore, sede della rassegna. Chi pensa che la poesia sia più difficile da comprendere rispetto alla prosa, è stato del tutto smentito perché Giuseppe Vetromile con “PERCORSI ALTERNATIVI”, Raffaele Urraro con “ERO IL RAGAZZO SCALZO NEL CORTILE”, Daniele Capuozzo con “UN RAGAZZO CHE NON C’È”, attraverso splendidi versi, intensi, personali, coinvolgenti, hanno commosso a più riprese adulti e giovani.

Due generazioni di poeti, dunque, lontane nel tempo, ma vicine per sensibilità, si sono confrontate, rivelando differenti modi espressivi ma analoga intensità emotiva. L’atmosfera è stata resa ancora più magica dalle tele di Stefania Ianniello, ex alunna del Gandhi, reduce da “personali” di grande successo, che ha esposto disegni e quadri, ammirati da tutti. “Il poeta, riesce a tradurre in versi il suo mondo interiore, rendendo oggettiva e fruibile la soggettività, esplicitando sensazioni e paure che si annidano nel profondo dell’anima di noi tutti ma che l’uomo comune non riesce ad esprimere altrettanto chiaramente.”: ha affermato la prof.ssa Vittoria Caso nella sua bella relazione. Altrettanto applauditi sono stati “DONNE IN CARNE E OSSA” di Luisa Bossa, ad ottobre, che focalizza situazioni difficili e problematiche vissute da 5 donne, vittime di condizionamenti culturali e persistenti pregiudizi; “MISTERI , SEGRETI E

STORIE INSOLITE DI NAPOLI” di M. Ponticello e A. Palumbo, a novembre, che indaga nel cuore delle leggende

mento, il 20 gennaio con “La fabbrica della parola” di R. Urraro a Casavatore, sempre nella Biblioteca, alle 17.30.

partenopee. “Questo del 12 dicembre è stato uno degli eventi più belli, organizzato dalla prof.ssa Caso”: hanno affermato il Sindaco Sannino, l’Ass. P.I. D’Esposito, il neovicesindaco D’Antò. Graditi ospiti l’Ass. P.I. di Casoria prof. ssa Marro, assieme ai docenti delle scuole di Casavatore e Casoria, al Prof. De Rosa, dirigente ISIS Torrente. E’ certamente da non perdere il 4° appunta-

Ma non finisce qui… Daniele Capuozzo, sedicenne vincitore del Premio Internazionale NUX – GIOVANI TALENTI 2012, ha pubblicato la sua seconda silloge di poesie “Ritratto di una sconosciuta” e “Clarae Musae”, Associazione culturale fondata dalla prof.ssa Vittoria Caso, col patrocinio del Comune di Casoria, la presenterà a Casoria, il 30 gennaio, Biblioteca Comunale.


16

DOMENICA 19 GENNAIO 2014


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

17

LUIGI IPPOLITO

Stefano Osti, ex dirigente Siena, ci racconta la sua grande carriera nel mondo del calcio! Per iniziare, le chiedo di parlarmi del suo curriculum così per conoscerla meglio. “Ho iniziato giovanissimo, precisamente all’età di diciassette anni, quando nel settore giovanile del Grosseto fui scelto dall’allora segretario generale Sergio Canuti per sostituire una persona all’interno della segreteria. Avevo passato l’età per giocare negli allievi e lui ebbe questa intuizione. Così ebbe inizio la mia carriera! Sono stato lì fino al ’79, poi dal 1980 al 1987 sono stato al Siena tra C1 e C2. Negli anni successivi ho viaggiato molto: ricordo le esperienze a Sorrento, a Bologna con l’ottavo posto in classifica che consentiva all’epoca l’accesso alla Coppa Uefa, poi a Modena e a Terni. Successivamente, un ritorno straordinario a Grosseto e poi un altro ancora a Siena nel 2003, dove rimasi a lavorare fino al 2012: in quell’anno ho abbandonato volontariamente per divergenze con membri della società”. Adesso di cosa si occupa? “Attualmente ho deciso di prendermi un anno sabbatico, sia per riposarmi perché questo lavoro richiede molto impegno e io l’ho svolto per circa trent’anni di fila, sia per questioni

familiari che hanno richiesto attenzioni più importanti tali da allontanarmi dal calcio. Ho anche rifiutato alcune proposte di lavoro proprio per sistemare il tutto, ma entro primavera dell’anno prossimo credo che potrò rientrare. Il calcio fa parte della mia vita e non è possibile abbandonarlo!”. Al rientro, vorrebbe mantenere la sua carica o cambiarla? Ha preferenze anche per le società in cui lavorare? “Mi piacerebbe avere sempre lo stesso incarico, non mi piace intraprenderne un altro completamente diverso come invece molti altri fanno nel mondo dello sport. Per quanto riguarda le società a me va bene tutto, non guardo la categoria. Basta che ci sia un progetto davvero importante e che mi stimola”. Un suo ritorno al Siena è possibile? “Assolutamente no con questa dirigenza! Ci sono persone all’interno della società che non fanno al mio caso e che non rientrano nel mio modo di vedere le cose. Con la città e l’ambiente sportivo della stessa ho un ottimo rapporto però, ci tornerei volentieri e nulla è da escludere, a patto che non ci siano le persone con cui sono in contrasto!”. C’è qualche episodio che

porta più di tutti nel cuore? “Ce ne sono un paio. Innanzitutto l’inizio, quando ho preso consapevolezza che questo sarebbe stato il mio lavoro. Poi, nel ’95 sempre con il Grosseto, quando fui chiamato CONTINUA A PAG. 19

Centro Diagnostico Ferrara

Chimica clinica Ematologia Batteriologia Immunologia Citologia

LABORATORIO ANALISI SALUS

Aut. n. 97 del 10/06/2011

Dott. Raimondo Ferrara

Direttore Sanitario

Istologia Dosaggi ormonali Markers epatici e tumorali Dosaggio farmaci Diagnostica allergologica

Via Principe di Piemonte 131 - 80026 CASORIA palazzo di vetro a 200 mt. da Tufano elettrodomestici 80026 Casoria (Na) - E-mail: salus.casoria@alice.it

Per info e prelievi domiciliari - Tel. 081 7585776 - 081 19189297


18

DOMENICA 19 GENNAIO 2014


DOMENICA 19 GENNAIO 2014 SEGUE DA PAG. 17 dal sindaco per evitare alla squadra il fallimento: essendo originario di quella città, per me fu un compito di grande onore e fu una grande soddisfazione riuscirci insieme ad altri grandi colleghi conterranei. Sono ancora più fiero di me se penso che, grazie anche al mio lavoro, ora i biancorossi sono una delle realtà più belle della Serie B. come dimenticare poi gli anni delle nove salvezze di fila, dal 2003 al 2012, coi bianconeri di Siena, giocandocela nei più grandi stadi d’Italia con le formazioni più forti?! Bellissima emozione!”. Lei è legato molto a Siena, ma c’è un’altra città che l’ha affascinata sia per bellezza che per passione calcistica? “L’altro posto che mi ha colpito è Sorrento. Lì, oltre ad aver visto un luogo fantastico, ho incontrato persone splendide che sento ancora! La gente lì mi ha fatto sentire bene, accogliendomi come uno di famiglia.” C’è qualche ex collega o ex calciatori in particolare con cui ha rapporti molto stretti? “Ho stretto grandissima amicizia con alcuni giocatori del vecchio Bologna di Maifredi: Eraldo Pecci, Renato Villa, Marco de Marchi, Paolo Stringara. Un gruppo di ragazzi semplici che ho davvero apprezzato. A quei tempi, il calcio era un ambiente davvero diverso da quello di oggi dove i giocatori stringono meno amicizie e pensano più ai soldi, o dove fanno parlare di sé per altre questioni non

19 inerenti allo sport. Comunque io con quegli ex calciatori, che ora hanno altri impieghi, mi sento ancora e ci scambiamo informazioni o opinioni”. C’è qualche rimpianto che si porta dentro? “Non c’è mai la controprova che se si fosse fatta una scelta al posto di un’altra le cose nella tua vita sarebbero andate in maniera diversa. Per questo io non ho alcun rimpianto, ma sono fiero del mio percorso. Forse un rammarico c’è, ma non mi riguarda in maniera diretta: mi dispiacque quando il presidente Corioni cedette il Bologna nel ’91 per acquistare il Brescia, squadra della sua città d’origine. I rossoblù poi fallirono e quello fu un dolore per me!”. Il calcio italiano ultimamente si fa sentire purtroppo più per le vicende giuridiche. Cosa ne pensa? “Col Siena le ho vissute direttamente, quando venimmo anche penalizzati per la vicenda delle intercettazioni fra Carobbio e Gervasoni. Le cose ultimamente non sono cambiate, sui giornali si sentono sempre le stesse cose, stessi processi, nuove persone coinvolte. Anche se devo purtroppo aggiungere che quando le vicende colpiscono altre società più importanti le cose cambiano decisamente … I tempi della giustizia civile e penale sono lunghi rispetto a quella sportiva che, a volte per rispettare i tempi del calcio e dei suoi meccanismi, affretta i giudizi commettendo alcuni errori. Io spero che tutte le procure facciano al meglio il loro

lavoro e che lo sport non venga ammazzato da queste notizie ma continui ad essere un momento di festa per tutti”. In questi anni, grazie anche ai suoi trascorsi, ha visto più peggioramenti o miglioramenti nel calcio? “Non posso dirlo con certezza. Certo è che le squadre, anche per la crisi economica, hanno investito molto di più sui giovani talenti del nostro Paese. Prima c’era una massiccia ricerca di stranieri che garantivano più ingressi per l’immagine che a livello competitivo. Ora si punta molto sugli emergenti italiani e la serie cadetta, grazie anche al lavoro del presidente Andrea Abodi, è diventata una vera vetrina di piccoli campioni. Ad esempio, il Napoli deve ringraziare Zeman per aver lanciato Insigne nel Pescara e averlo reso quel che è oggi! La Nazionale Under 21 di Luigi Di Biagio pesca il 75% dei suoi elementi in B. forse la Lega Pro sta perdendo un po’ quest’occasione …”. In chiusura, un aneddoto speciale che vuole condividere con noi di Casoria2. “Il ricordo degli ex presidenti del Siena Danilo Nannini, padre della famosa cantante Gianna, e Paolo De Luca. Il primo riuscì a tenere la squadra nonostante ci fossero pochissimi soldi e a vincere un campionato inaspettatamente, visto che l’anno precedente si era sull’orlo del fallimento; il secondo riuscì a creare una seconda famiglia grazie al club: un’armonia irripetibile e che non ho mai visto altrove!”.


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

20

1 e 2 FEBBRAIO 2014 PESCASSEROLI (NEVE) EURO 90.00

23 FEBBRAIO 2014 CARNEVALE A PUTIGNANO EURO 20.00

16 FEBBRAIO 2014 ROCCARASO CON COLAZIONE AL MATTINO EURO 15.00

22/23 E 24 FEBBRAIO 2014 CARNEVALE A VIAREGGIO EURO 150.00 1/2 e 3 MARZO 2014 CARNEVALE A VENEZIA EURO 190.00

PROGRAMMAZIONE “TUTTO IN BUS 2014” PROSSIMAMANTE I NUOVI INERARI

09 MARZO 2013 SAN MICHELE ARCANGELO E SAN GIOVANNI ROTONDO EURO 45.00

email: iviaggidelleoncino@yahoo.it Tel-081.7576847 Fax-081.0145895 LAGO DI GARDA SICILIA ISOLA D’ELBA Via Principe di Piemonte n° 34 - 80026 Casoria (NA) LOURDES MEDJGORIE


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

21

DANIELA ABBATE

Preghiera e educazione ai valori della vita: triduo per la Beata Cristina Brando e incontro con gli studenti In occasione della festa liturgica della Beata Madre Cristina Brando, fondatrice della congregazione delle Suore Vittime Espiatrici di Gesù Sacramentato di Casoria, la Madre Generale, Suor Carla Di Meo e l’intera comunità hanno organizzato un triduo di preparazione, che ha avuto inizio ieri, sabato 18 Gennaio con il concerto pomeridiano “Dolci Note” diretto dal maestro Michele Polese nella chiesa del S.S. Sacramento. Le attività continueranno oggi pomeriggio alle 17:00. Al termine dell’Adorazione Eucaristica e dei Vespri, infatti, padre Giuseppe Sannino celebrerà la Santa Messa. Per concludere, domani 20 Gennaio, giorno della ricorrenza, dopo la recita del Santo Rosario e dei Vespri, don Nunzio D’Elia, postulatore della causa di canonizzazione della Beata Cristina Brando presiederà la celebrazione Eucaristica. Un’occasione per ritrovarsi nella gioia e nella preghiera, per celebrare l’Innamorata dell’Eucarestia. Le stesse sensazioni, unite a curiosità e a momenti di riflessione sono state vissute nei giorni scorsi dagli studenti del Liceo, i quali hanno sperimentato la novità di un incontro particolare, quello con alcuni giovani sacerdoti appartenenti alla congregazione dei “Servi del Cuore Immacolato di Maria”. Attraverso la loro testimonianza diretta i ragazzi hanno avuto modo di riflettere sui temi fondamentali della vita di ciascun uomo, indipendentemente dal credo religioso. Il tema delle giornate formative è stato “l’importanza della vita”, focalizzandosi sul senso ad essa attribuito dai tempi difficili in cui vivono i giovani. Le riunioni con i ministri di Dio hanno spronato gli studenti a porre domande, le quali hanno innescato un dibattito stimolante, trasparente ed efficace, scevro da ipocrisie e falsi timori. La chiarezza del confronto e la tematica affrontata sono stati elementi di raccordo

con il progetto formativo di quest’anno promosso dalla Dirigente Scolastica, suor Giocondina Ciervo, dal titolo:“ Con i valori nel tuo zainetto… Incontro alla Vita”. Infatti, i sacerdoti hanno introdotto tematiche collegate al valore della solidarietà, della

risposte a quesiti di natura più complessa. Si è proseguito con la discussione di argomenti che spesso trovano spazio nel mondo giovanile, come il satanismo, gli esorcismi e tutto ciò che ruota intorno al male. In questa occasione, con estrema disponibilità

preghiera e della vita, argomenti che non hanno lasciato gli alunni indifferenti, soprattutto per la modalità con cui essi venivano esposti: “con amore e per amore”. Alessandra, una studentessa di quinta liceale, così commenta l’evento: “ Frate Aldo ci ha posto varie domande sulla vita, portandoci alla semplice conclusione che Dio ci ama e ci ha messi al mondo perché per ciascuno di noi Egli ha una missione…. ci ha dato la libertà di scegliere ed anche quando scegliamo di allontanarci da Lui, Dio non ci abbandona: sono verità bellissime, che troppo spesso dimentichiamo…”. Durante gli incontri due sacerdoti Fra’ Massimiliano e frate Andrea hanno dato testimonianza della loro storia vocazionale. Ancora una volta non è mancata la partecipazione degli alunni, curiosi di ricevere

e con determinazione, i frati hanno affermato che, purtroppo, queste tematiche sono affrontate con troppa leggerezza. Quello che può apparire come la sceneggiatura di un film è invece realtà, spesso generata da un gioco subdolo e per questo da non sottovalutare. Al termine, i sacerdoti hanno ribadito l’importanza delle fede in Dio, dai cui trarre la forza per sconfiggere ogni male. La semplicità con cui i religiosi hanno interagito con i loro interlocutori ha lasciato un segno tangibile in questi ultimi, che hanno riscoperto la bellezza dell’appartenere al popolo di Dio, un popolo che ha bisogno dei giovani, così come lo sono Aldo, Andrea e Massimiliano, i tre consacrati che hanno parlato ai ragazzi con il loro stesso linguaggio, quello di Dio, d’amore e di vita.


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

22

e non solo.... Anche GPL

Chevrolet TRAX Tua a €16.800,00 • FULL OPTIONAL • 2 TAGLIANDI GRATUITI • RATE A PARTIRE DA € 140,00 AL MESE

TRAX

Chevrolet SPARK Tua a €7.500,00 • CLIMA - SERVOSTERZO • 5 PORTE • RADIO CD/MP3 • FINANZIAMENTO A TASSO ZERO

Anche GPL

SPARK

FIAT PANDA LOUNGE CON € 8.800,00 FULL OPTIONAL ANTIRAPINA

Prezzo auto semestrale

2 ANNI DI ASSICURAZIONE FURTO INCENDIO E RAPINA RATE DA EURO 80 AL MESE SU TUTTA LA GAMMA 10 ANNI DI FURTO INCENDIO E RAPINA Panda

VIA A. DIAZ, 91/93 - CASORIA (NA) - WWW.AUTODIAZ.IT - TEL 081.540.26.43 IMMAGINE X SCOPO ILLUSTRATIVO SU TRAX LTZ FWD 1.7 DIESEL CONUMO CICLO COMBINATO (L/100KM)4.5 EMISSIONI DI CO2 (G/KM)120 PREZZO CON AUTO DA ROTTAMARE, SPARK LTZ 1.2 BENZINA CONSUMO CICLO COMBINATO (L/100KM)5.1 EMISSIONI DI CO2 (G/KM)119, PANDA LOUNGE 1.2 BENZINA CONSUMO CICLO COMBINATO (L/100KM) 5,5/5,2/5,2-EMISSIONE CO2 (G/KM) 120/120/120


DOMENICA 19 GENNAIO 2014

23

Parafrasando la più nota poesia di Baudelaire “Dopo la cattura dell’albatro, grande uccello marino, i marinai si divertono con chi prima svolazzava con le sue grandi ali libero nel cielo. Il re dell’azzurro, che poco prima era cosi bello, diventa comico, brutto e goffo, perché deriso e bloccato nei movimenti! Il Poeta è come lui, principe delle nubi che sta con l’uragano e ride dei fulmini; ma sulla terra è un esule a cui gli scherni impediscono di spiccare il volo”. Questo scriveva Baudelaire nella seconda metà dell’800. Nel moderno i marinai sono sostituiti dai gabbiani,simbolo della mediocrità, uccelli sempre più numerosi in città alla ricerca di cibo su cumuli di spazzatura e, chiaramente, meno sontuosi dell’albatro. Essi imperversano nel cielo, impedendo all’albatro, simbolo del vero poeta,di spiccare il volo: se non decolla questo uccello anche la poesia muore, sfociando nella banalità e nella mediocrità. La lirica lascia al lettore la possibilità di dare un’identità precisa alla metafora dei gabbiani…! Spleen nouveau Estraneo tra la gente, nei boulevard chiassosi, mimesi del nulla mescolato all’indecenza, riverso la mia bile in questi versi rabbiosi: saranno cancellati presto dall’indifferenza. L’alloro e la corona per vivande e sovrani, morta è la gloria dell’inchiostro eterno, in questi cieli cupi svolazzano i gabbiani: per l’albatro non c’è più spazio nel moderno. Non potrà aprir le ali e cadrà sul fondale, non si potrà rialzare e perciò verrà sepolto, la vera poesia è finita con Montale, stracciate queste nere lacrime di uno stolto. Ritorna il mio pensiero all’uomo che Carjat immortalò irrequieto come un diavolo afflitto. Egli mise su carta la sua infelicità: io scriverò già conscio di essere sconfitto.

Charles Baudelaire immortalato dal fotografo Carjat. “ [..] irrequieto come un diavolo afflitto […]”

ALLEGRETTO - TUCCI AVVOCATI CIVILE - MATRIMONIALE - CANONICO (nullità di matrimonio presso i Tribunali Ecclesiastici) Via Milano, 24 - 80021 Afragola (NA) Cell. 3209723980 - 3333000896

E’ questo il tuo primo compleanno piccolo Christian Favara...... Sorridi a quest’anno, a chi ti ha visto crescere ogni giorno, al tuo papà e ad ogni suo ritorno, alla tua mamma tua gioia infinita, ai tuoi nonni, agli zii, ai cuginetti, alla vita!BUON COMPLEANNO AUGURI Ad Antonio Carratturo...Che sia il più bel compleanno di quelli fino ad ora trascorsi, e il primo di tanti, tantissimi altri sempre piu’ fantastici, pieni di felicità e desideri esauduti. Tra una lacrima e un sorriso i nostri migliori auguri di Buon Compleanno accompagnati da un Bacio! Auguroni da tutta la famiglia

Lutto

Terracciano Domenico,

06-04-1952 18-12-2013 “Un uomo muore solo quando viene dimenticato da tutti, e tu, padre, vivrai per sempre nei nostri ricordi”. A un mese dall’infausto evento, lo ricordano la moglie, i figli, il genero, e tutti i cari. Autorizzazione del Tribunale di Napoli n. Reg. 5116 del 28/02/2000

Editore CASORIA DUE s.a.s Direttore Responsabile: Ferdinando Troise Stampa: PRINTING HOUSE - CASORIA Tiratura 7000 copie. Distribuzione gratuita. Questo numero è stato chiuso il 16 21GENNAIO FEBBRAIO 2014 2013 Impaginazione Grafica di Giuseppe Mascioli Direzione, Redazione, Amministrazione e Pubblicità Via Capri, 2 - 80026 Casoria (NA) - Tel./Fax 0817597271 email: info@printinghousesrl.it


24

DOMENICA 19 GENNAIO 2014

Casoria2 web  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you