__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1


ANGELICA 30 FESTIVAL INTERNAZIONALE DI MUSICA trentesimo anno momento lungo

CENTRO DI RICERCA MUSICALE Stagione 2020 > 2021 settimo anno BOLOGNA, REGGIO EMILIA 11>12 + 18 + 25 SETTEMBRE 8 + 24 OTTOBRE 5 + 27 NOVEMBRE 11 DICEMBRE 2020 1


ANGELICA direzione artistica e organizzativa MASSIMO SIMONINI amministrazione e organizzazione FEDERICO MARGELLI organizzazione e ospitalità ELISABETTA BEDDINI segreteria organizzativa e promozione PAOLA RONDINI ufficio stampa FRANCESCA CECCOLINI produzione, responsabile tecnico, tecnico del suono, documentazione sonora ROBERTO SALVATI assistente alla produzione EMILIANO FENARA, DEBORA BINCI tecnici del suono, documentazione sonora BH AUDIO documentazione fotografica MARGHERITA CAPRILLI, MASSIMO GOLFIERI driver VITTORIA BURATTINI

2


hanno collaborato WALTER ROVERE, LUCA VITALI, MASSIMO PUPILLO, GAETANO LA ROSA, ROBERTO FABBI cura editoriale testi WALTER ROVERE traduzione testi PAOLA CAPATTI corrispondente estero TANOS PAPANIKOLAOU immagine, progettazione grafica MASSIMO GOLFIERI, CONCETTA NASONE

3


4


LUOGHI CENTRO DI RICERCA MUSICALE TEATRO SAN LEONARDO Via San Vitale 63 Bologna TEATRO MUNICIPALE VALLI Piazza Martiri del 7 luglio Reggio Emilia

INFORMAZIONI ANGELICA CENTRO DI RICERCA MUSICALE FESTIVAL INTERNAZIONALE DI MUSICA i dischi di angelica ASSOCIAZIONE CULTURALE PIERROT LUNAIRE Via San Vitale 63/67 - 40125 Bologna 051.240310 info@aaa-angelica.com press@aaa-angelica.com dischi@aaa-angelica.com www.aaa-angelica.com www.idischidiangelica.bandcamp.com 5


interdipendenze (scritto a dicembre 2019 per AngelicA 30 prevista per maggio 2020)

una musica per un momento, un’altra per un altro {[momento (maggio?)]} → e in questi vissuti (momenti) rispondono (attimi di) emozioni, sentimenti in questo insieme (di musiche e di soggetti) ci si prova a spingere un pó oltre (se stessi) attraverso l’ascolto che valica i (nostri) confini per portarci a superare (un pó) qualcosa che ci chiede quel tempo → e qualche volta superare anche quella musica come se non ne avessimo più bisogno, forse ci torneremo ma in quel momento non ci risponde più, è come che non sia più la medicina giusta ci sono musiche più giuste per un tempo e altre per un altro e in questa comprensione forse tutto diventa più naturale, più semplice rappresentare queste musiche tutte insieme nello stesso contesto (AngelicA) le rende ancora diverse, accentua (in queste musiche) aspetti che altrimenti sarebbero più 6


velati e puó regalare altri significati, altri sentimenti sono 30 (anni), sono veicoli (queste musiche) per altra musica, per altre storie legate a quella musica, a quel suono, a un suono se il suono parla anche dell’essere e all’essere e ci puó far vibrare (con quello che comporta e ri-muove) allora una risposta puó stare tra il cercare e il trovare, tra restare aperti verso qualcosa che (ancora) non conosciamo o che va semplicemente svelato a volte sembra sia tutto dentro, a volte il vuoto ci fa ricordare dei tesori nascosti dentro (di noi) come qualcosa di interdipendente → qualcosa che ascoltando (più musiche in profondità) possiamo riconoscere in ognuna di loro tra quello che stai cercando di fare e quello che trovi potrebbe esserci la chiave che risponde a una visione (cosciente o sottointesa) → 7


in questo processo (e passaggio) che comprende anche gli altri (o l’altro) possiamo procedere nel presentarci e presentare, come una fonte a cui attingere musiche interdipendenti che per via aerea (intuizione singola e collettiva, la strada invisibile della comunicazione a piÚ livelli) e culturale (trasmissione del sapere) possono (senza saperlo) essere in stretta relazione, o di dipendenza reciproca se non escono dalla logica strettamente commerciale ecco, cerchiamo di ricordare, cerchiamo di riconoscere - quando - troviamo una chiave che ci apre (verso) mondi sconosciuti o solo dimenticati, è come un (antico?) ciclo di andata e ritorno tra illusione e realtà , confusione e sogno, tra caos e ordine ritrovato grazie a tutti quelli (visibili e invisibili) che hanno aiutato AngelicA a crescere, a restare viva anche quando sembra di essere morti, anche quando gli errori si fanno sentire e anche grazie a questi possiamo trovare altre strade, altre interpretazioni (musicali) delle nostre esistenze 8


in questo viaggio, malgrado le mille (sane - e malsane?) domande non riusciamo a definire tutto, il mistero ci accompagna tra sorpresa e libertà (che viene come consumata rispetto al senso che potrebbe avere) che ci tiene legati a un cammino che a volte non sembra nemmeno il nostro e poi giriamo l’angolo e siamo a casa non festeggiamo → ricordiamo un pó di storia (della musica) e (viviamo) questo tempo e AllorA? → AngELICA (30) Mario Zanzani (6 dicembre 2005): L’utopia di AngelicA è quella di creare un pubblico che apprezza la musica come tale. MASSIMOSIMONINI (dicembre 2019)

9


ping pong in paradiso (scritto ad aprile e giugno 2020 per AngelicA 30 - settembre > dicembre 2020)

cerchiamo di stare dentro a questo tempo era tutto pronto, eravamo pronti, e abbiamo lavorato molto per esserlo → è la macchina di un festival internazionale, non è semplice metterla in moto e prima va costruita → posticipare ha complicato le cose ma è stato necessario per la musica (angelica) sarebbe stato un anniversario con un briciolo di importanza nel mare del tutto, non tanto per festeggiare ma solo per ri-misurare e ri-misurarsi ma gli eventi parlano per noi e ci dicono di un altro tempo, di un’altra qualità del tempo, per prendere altre misure e misura

10


speriamo e cerchiamo sempre qualcosa che vada oltre noi stessi per non fermarci in ciò che non suona bene → la musica ci aiuta, il silenzio anche di più abbiamo ri-progettato A n c o r A (con tutte le variazioni del programma che ha comportato) quello che sarà il Festival Internazionale di Musica (“mmmusicaaA” si legge balbettando, con voglia di “cercasi”) nel suo trentesimo anno: un Festival diffuso che si confonderà (e coinciderà) con la stagione di concerti tra settembre e dicembre 2020 (la) posizione dei pensieri → quello che si muove e fa è quello che non si riesce a esprimere (a parole) MASSIMOSIMONINI (aprile e giugno 2020)

11


12


13


11 + 12 SETTEMBRE VENERDÌ e SABATO ORE 21 CENTRO DI RICERCA MUSICALE TEATRO SAN LEONARDO BOLOGNA

THE MAYFIELD (FRANCIA, GERMANIA, ITALIA) X ° Camille Émaille batteria, percussioni; Gianni Gebbia sax baritono; Cécile Lartigau ondes Martenot; Nicolas Perrin chitarra elettrica, elettronica; Heiner Goebbels pianoforte, pianoforte preparato; Willi Bopp sound designer musiche di THE MAYFIELD residenza & registrazione 10, 11, 12 settembre concerti 11 e 12 settembre a cura di Heiner Goebbels 14


THE MAYFIELD

NATO IN OCCASIONE DELL'OPERA EVERYTHING THAT HAPPENED A ND WOULD HAPPEN DI HEINER GOEBBELS, IL GRUPPO THE M AYFIELD RAPPRESENTA UNA RARA OCCASIONE DI RITORNO PER IL COMPOSITORE ALL'ESTETICA DELLA CREAZIONE COLLETTIVA, CON UN PROGETTO BASATO SU IMPROVVISAZIONI STRUTTURATE, ELABORATE PARITARIAMENTE TRA MUSICISTI DI ESTRAZIONI DIVERSE : LA PERCUSSIONISTA C AMILLE ÉMAILLE VIENE DALLA MUSICA CONTEMPORANEA, CÉCILE L ARTIGAU È UNA VIRTUOSA DELLE ONDES M ARTENOT, NICOLAS PERRIN LAVORA CON L’ELETTRONICA DIGITALE SU UNA CHITARRAMIDI DI SUA CREAZIONE, IL SASSOFONISTA GIANNI GEBBIA È UNA PRESENZA DI SPICCO DELLA SCENA IMPROVVISATIVA INTERNAZIONALE, E IL TUTTO È MIXATO DAL SOUND DESIGNER WILLI BOPP.

X CON LA COLLABORAZIONE DI LA FRANCIA IN SCENA, STAGIONE ARTISTICA DELL’INSTITUT FRANÇAIS ITALIA / AMBASCIATA DI FRANCIA IN ITALIA, CON IL SOSTEGNO DELLA FONDAZIONE NUOVI MECENATI

° CON LA COLLABORAZIONE DEL GOETHE-INSTITUT MAILAND 15


• HEINER

GOEBBELS

GIANNI GEBBIA (PH: MASSIMO GOLFIERI)

16


ÉMAILLE (PH: FRANCK BROUILLET)

NICOLAS PERRIN

ROHAN DE SARAM (PH: ROSEMARY DE SARAM)

• CAMILLE

CÉCILE LARTIGAU

17

WILLI BOPP


18 SETTEMBRE VENERDÌ ORE 21 CENTRO DI RICERCA MUSICALE TEATRO SAN LEONARDO BOLOGNA

AGNESE TONIUTTI SUBTLETY CONCERT (ITALIA) PRIMA EUROPEA

Lucia Dlugoszewski (STATI UNITI, 1925-2000) Exacerbated Subtlety Concert (Why Does a Woman Love a Man?) Part I - Part II - Part III - Part IV (1997, rev. 2000) PRIMA EUROPEA per timbre piano Giancarlo Cardini (ITALIA, 1940) Terza fantasia, ad Agnese Toniutti (2018) per pianoforte Agnese Toniutti pianoforte musiche di Lucia Dlugoszewski, Giancarlo Cardini a cura di Agnese Toniutti 18


FRANCES-MARIE UITTI THIS (STATI UNITI/OLANDA) PRIMA ITALIANA §

Frances-Marie Uitti violoncello di alluminio, elettronica musiche di Frances-Marie Uitti a cura di Frances-Marie Uitti

§ CON IL SOSTEGNO DELL’AMBASCIATA E DEL CONSOLATO GENERALE DEL REGNO DEI PAESI BASSI 19


AGNESE TONIUTTI

PIANISTA

DEDITA A PROGETTI

DI RICERCA-PERFORMANCE SU REPERTORI

CONTEMPORANEI

NOVECENTO, AGNESE TONIUTTI HA PENSATO QUEE DEL STO

RECITAL

ATTORNO

AL

SUBTLETY, TRA-

CONCETTO DI

DUCIBILE SIA IN DELICATEZZA CHE ZONA

SOTTIGLIEZZA ; NON

QUELLA

APPARISCENTE

DEL VIVERE, PIÙ VICINA AL LIMITE CHE AL CENTRO, AL SILENZIO CHE AL FRASTUONO,

ALL’ASCOLTO CHE AL PROCLA-

MA, DOVE SI NASCONDONO GERMOGLI DI POESIA.

QUALITÀ DELLA MUSICA DEL PENSIERO

-

UNA - E

CHE HANNO

IN COMUNE SIA L'AMERICANA

LUCIA DLUGOSZEWSKI CHE IL COMPOSITORE E PIANISTA FIO RENTINO GIANCARLO C ARDINI, ESPLORATORI DI UNIVERSI SONORI E LIMITI POETICI MOLTO DIVERSI, MA AUTENTICAMENTE PROPRI. 20


AGNESE TONIUTTI (PH: ALBERTOMORETTI.IT)

LUCIA DLUGOSZEWSKI (ERICK HAWKINS AND LUCIA DLUGOSZEWSKI PAPERS, MUSIC DIVISION, LIBRARY OF CONGRESS) 21

GIANCARLO CARDINI (PH: ALBERTOMORETTI.IT)


FRANCES-MARIE UITTI

L A VIOLONCELLISTA FRANCESM ARIE UITTI HA COLLABORATO CON IL GOTHA DEI COMPOSITORI

CONTEMPORANEI

E

HA SPINTO IL SUO STRUMENTO VERSO NUOVI TERRITORI, PROGETTANDONE VERSIONI ELETTRICHE E APPLICAZIONI ELETTRONICHE,

O

SVILUPPANDO

TECNICHE ESECUTIVE INEDITE,

COME L’UTILIZZO DI DUE ARCHI IN UNA SOLA MANO CHE LE CONSENTE DI CREARE ACCORDI A

4, 3 E 2 PARTI MANTENENDO

LIBERA LA MANO SINISTRA PER MODULARLI.

THIS È STATA COM-

POSTA PER IL SUONO PECULIARE DI UNO STRUMENTO UNICO NEL SUO GENERE, UN VIOLONCELLO DI ALLUMINIO RISALENTE AGLI ANNI

20. UTILIZZANDO

I DUE

ARCHI COME ENTITÀ SEPARATE, LE VOCI VENGONO ENFATIZZATE ATTRAVERSO L’USO DI ELETTRONICA IN TEMPO REALE.

22


•

FRANCES-MARIE UITTI 23


25 SETTEMBRE VENERDÌ ORE 21 CENTRO DI RICERCA MUSICALE TEATRO SAN LEONARDO BOLOGNA

CONTAGIOUS (GERMANIA, GIAPPONE) ° PRIMA ITALIANA

[]

Sabine Ercklentz tromba, elettronica; Andrea Neumann inside piano, mixer; Mieko Suzuki giradischi, CD musiche di CONTAGIOUS a cura di Massimo Pupillo

° CON LA COLLABORAZIONE DEL GOETHE-INSTITUT MAILAND [] CON IL PATROCINIO DELLA FONDAZIONE ITALIA-GIAPPONE E DEL CONSOLATO DEL GIAPPONE IN ITALIA 24


CONTAGIOUS

CONTAGIOUS

È UN TRIO CHE

LAVORA SU UNA COSTANTE TENSIONE CREATIVA FRA SPERIMENTAZIONE

D’AVANGUAR-

DIA E DANCE ELETTRONICA.

LA

DJ

MIEKO SUZUKI

E DUE

VOCI INNOVATIVE DELLA SCEBERLIA NDREA NEUMANN E SABINE ERCKLENTZ, SI DEDICANO ALLA SCOPERTA DI NUONA

IMPROVVISATIVA

NESE,

VI SPAZI ESTETICI ATTRAVERSO UN

RECIPROCO

CONTAGIO

MUSICALE.

SACCHEGGIANDO LE RECIPROCHE SFERE MUSICALI, LE FANNO PROPRIE E SI SCAMBIANO I RUOLI : SULLO SFONDO DI FRAGILI TRAME SONORE I BATTITI DIVENGONO UDIBILI, E RITMI ACCATTIVANTI IMPLODONO IN FRAMMENTI DI RUMORE CHE SI TRASFORMANO POI IN UN FLUSSO DI TRANCE.

SUONI

AUTONOMI

DIVENGONO BALLABILI, I RITMI SI FANNO TRASPARENTI.

25


•

ANDREA NEUMANN, MIEKO SUZUKI, SABINE ERCKLENTZ (PH: UDO SIEGFRIEDT) 26


27


8 OTTOBRE GIOVEDÌ ORE 21 CENTRO DI RICERCA MUSICALE TEATRO SAN LEONARDO BOLOGNA

CHRISTINE ABDELNOUR + MAGDA MAYAS The Setting Sun Is Beautiful Because Of All It Makes Us Lose (FRANCIA, GERMANIA) PRIMA ITALIANA X

Christine Abdelnour sax alto; Magda Mayas pianoforte musiche di Christine Abdelnour, Magda Mayas

X CON LA COLLABORAZIONE DI LA FRANCIA IN SCENA, STAGIONE ARTISTICA DELL’INSTITUT FRANÇAIS ITALIA / AMBASCIATA DI FRANCIA IN ITALIA, CON IL SOSTEGNO DELLA FONDAZIONE NUOVI MECENATI 28


OWL MILLE FEUILLE (NORVEGIA) PRIMA APPARIZIONE ITALIANA

Karl Bjorå chitarra elettrica, elettronica; Signe Emmeluth sax alto, elettronica musiche di Owl

presentazione dei dischi di Abdelnour/Mayas e Owl editi da SOFA MUSIC (Oslo) a cura di Luca Vitali

CON LA COLLABORAZIONE DELLA REALE AMBASCIATA DI NORVEGIA, KULTURRÅDET - ARTS COUNCIL NORWAY, MUSIC NORWAY 29


CHRISTINE ABDELNOUR + MAGDA MAYAS

M AGDA M AYAS E CHRISTINE A BDELNOUR, DI ORIGINI LIBANESI MA UNA BASATA A BERLINO E L'ALTRA IN FRANCIA, SONO DUE PERSONALITÀ DI SPICCO DELL’ATTUALE SCENA DELLA TA .

MUSICA

UNA

SASSOFONISTA, TRAMBE

IMPROVVISA-

PIANISTA E L'ALTRA HANNO

CONDOTTO

EN-

RICER-

CHE INTENSIVE SUI RISPETTIVI STRUMENTI,

CHE

RIESCONO

A FAR SUONARE COME UNA RAFFINATA

COMBINAZIONE

DI SUONI ACUSTICI ED ELETTRONICI

MALGRADO

NON

FACCIANO ALCUN USO DI EFFETTI ELETTRONICI.

LA

LORO

MUSICA SI MUOVE COME UN SOLO VOLGE

ORGANISMO

E

L’ASCOLTATORE

COINCON

UN COSTANTE FLUSSO D’IDEE E COLORI BASATO SULLA LORO ABILITÀ DI ASCOLTARSI E CAPIRSI A VICENDA .

30


MAGDA MAYAS (PH: STEFFIE WEISMAN)

CHRISTINE ABDELNOUR (PH: CRISTINA MARX) 31


OWL

STRUMENTISTI STIMATI EMERSI NEL FERTILE CLIMA CREATIVO

DELLA

SCENA

DELLA

MUSICA JAZZ E IMPROVVISATA

TRONDHEIM (NORVEGIA), K ARL BJORÅ E SIGNE EMMEDI

LUTH HANNO TROVATO NELLA FORMULA DEL DUO IL MODO PIÙ EFFICACE PER SVILUPPARE NUOVE FORME E SONORITÀ TRAMITE L'APPLICAZIONE DI TECNICHE STRUMENTALI ESTESE COMBINATE ALL’ELETTRONICA.

DALLA SUA FONDAZIONE NEL 2016, OWL È DIVENTATO UN FORUM CREATIVO PER ELABORARE CONVERSAZIONI COSTRUTTIVE

RIGUARDO

ALLA

MUSICA E AI SUOI PARAMETRI.

IL CONCERTO PRESENTATO AD A NGELIC A È IL RISULTATO DEL LORO LAVORO NEGLI ULTIMI DUE ANNI, CULMINATO CON LA

PUBBLICAZIONE

D’ESORDIO

DEL

MILLE FEUILLE SOFA MUSIC. 32

CD SU


KARL BJORÅ

SIGNE EMMELUTH 33


24 OTTOBRE SABATO ORE 20.30 TEATRO MUNICIPALE VALLI REGGIO EMILIA

SHALOMA LOCOMOTIVA ORCHESTRA 42 + 1 (ITALIA, GERMANIA) ( PRIMA ASSOLUTA

)

Mirco Mariani voce, pianoforte preparato, chitarra noise Francesco Bianconi voce; Mauro Ermanno Giovanardi voce; Gilda voce Paolo Fresu tromba, flicorno, elettronica; Peter Pichler Trautonium; Luigi Savino GRP sintetizzatore modulare A4, Elka synthex; Massimo Simonini theremin preparato 34


Mirko ‘Marcello’ Monduzzi chitarra elettrica, mellotron; Alfredo Nuti chitarra elettrica, chitarra synth, Arturia Matrixbrute; Diego Sapignoli batteria, percussioni Orchestra dell’Emilia-Romagna Arturo Toscanini + La Toscanini NEXT Roberto Molinelli direttore musiche di Mirco Mariani arrangiamenti per orchestra di Domenico Caliri progetto commissionato da AngelicA

( ) UNA COPRODUZIONE DI ANGELICA - FESTIVAL INTERNAZIONALE DI MUSICA, FESTIVAL APERTO - FONDAZIONE I TEATRI DI REGGIO EMILIA, FONDAZIONE ARTURO TOSCANINI; CON IL SOSTEGNO DI REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSESSORATO ALLA CULTURA 35


SHALOMA LOCOMOTIVA ORCHESTRA 42 + 1

A PARTIRE DAL 2014 ANGELICA HA PRODOTTO E COMMISSIO NATO AL MUSICISTA E COMPOSITORE MIRCO M ARIANI, POLIEDRICO SPERIMENTATORE DELLA FORMA- CANZONE

(SASATURNO, E XTRA LISCIO, FWORA JORGENSEN) PROGETTI SPECIALI DI VARIAZIONE, ESTENSIONE E NUOVI ARRANGIAMENTI DEL REPERLUTI DA

TORIO DELLE FORMAZIONI DA LUI FONDATE.

CON SHALOMA LOCOMOTIVA ORCHESTRA 42+1, PER LA PRIMA VOLTA, UNA SELEZIONE DI CANZONI TRATTE DA TUTTE LE SUE PRODUZIONI SARANNO ESEGUITE INSIEME A UN’ORCHESTRA

DI

31

ELEMENTI,

CHE SI AFFIANCHERÀ AD ALCUNI COLLABORATORI ABITUALI DI

M ARIANI

E UN RICCO PAR-

TERRE DI OSPITI NAZIONALI E INTERNAZIONALI : TRA CUI I

36


FRANCESCO BIAN(BAUSTELLE) E M AURO ERMANNO GIOVANARDI (L A CRUS), LA TROMBA /FLICORNO PIÙ ELETTRONICA DI PAOLO FRESU E IL VIRTUOSO DI TRAUTONIUM PETER PICHLER . CANZONI SCOMPOSTE (E RICOMPOSTE) PER 42+1 MUSICISTI. UN INCONTRO-SCONTRO TRA LA CLASSICITÀ DELL' ORCHESTRA E IL SUONO IMPALPABILE DI STRUMENTI FUORI DALL’ORDINARIO. A RRANGIATORE OSPITE PER LA CANTANTI CONI

COMPAGINE ORCHESTRALE SARÀ

DOMENICO CALIRI (SPECCHIO ENSEMBLE, CAMERA LIRICA), GIÀ DIRETTORE MUSICALE DI

ANOSWALD E

IMPORTANTI PROGETTI DI GELIC A CON JOHN

FRED FRITH. IL FESTIVAL APERTO (REGGIO EMILIA) E ANGELICA (BOLOGNA), INSIEME, SONO RIUSCITI A DARE FORMA A UN “SOGNO”: DOPO TUTTO UNA “VISIONE” DI QUALE MONDO FA PARTE ? 37


•

MAURO ERMANNO GIOVANARDI (PH: SILVA ROTELLI) 38


MIRCO MARIANI (PH: PIETRO BONDI)

FRANCESCO BIANCONI

PAOLO FRESU (PH: ROBERTO CHIOVITTI) 39


LUIGI SAVINO

40

GILDA (PH: MANUEL PALMIERI)


MASSIMO SIMONINI (autofotone, 2020)

PETER PICHLER (PH: EDWARD BEIERLE)

41


MIRKO MARÇEL MONDUZZI

ALFREDO NUTI 42


•

DIEGO SAPIGNOLI (PH: ANGELA ANZALONE)

43


44

•

ROBERTO MOLINELLI (PH: LUIGI ANGELUCCI)


45

ORCHESTRA DELL’EMILIA-ROMAGNA ARTURO TOSCANINI (PH: LUCA PEZZANI)

LA TOSCANINI NEXT •

DOMENICO CALIRI (PH: CATERINA DI PERRI)


5 NOVEMBRE GIOVEDÌ ORE 21 CENTRO DI RICERCA MUSICALE TEATRO SAN LEONARDO BOLOGNA

REMO DE VICO & SLAPS ORCHESTRA La Notte in cui Herschel scoprì Encelado PRIMA ASSOLUTA

Remo De Vico live electronics, nastro; Mariagaia Di Tommaso clarinetto; Massimo Palermo sintetizzatori modulari; Alessandro Rizzo live electronics; Dario Della Rossa sintetizzatori; Stefano Cinnirella clarinetto basso; Alessandra Ciniglia violoncello; Rosario Emanuele Filella violino musiche di Remo De Vico a cura di Gaetano La Rosa 46


SLAPS ORCHESTRA

IL

PROGRAMMA DI

IN CUI

HERSCHEL

LA NOTTE ENCE-

SCOPRÌ

LADO ATTRAVERSA I PRIMI DIECI

R EMO DE SLAPS OR-

ANNI DI ATTIVITÀ DI

VICO

E DELLA SUA

CHESTRA.

MELODIE CHE DELL’INFLUENZA

RISENTONO NOISE,

UNA

COSTANTE RICERCA TIMBRICA CHE ARRIVA A INGLOBARE PERSINO LO SCANDIRE RITMICO,

COSTRUZIONI E DISGREGAZIONI STRUTTURALI.

MUSICA

CON-

CRETA, SOUNDSCAPES AMBIENTALI, ELETTRONICA CONTEMPO-

RANEA E L’ESPRESSIVITÀ LIBERA E

VIOLENTA

DELL'IMPROVVI-

SAZIONE CONDOTTA E IMBRI-

GLIATA DALL’USO DI NOTAZIONI NON CONVENZIONALI, SI IN-

TRECCIANO PER RACCONTARE STORIE SCI-FI, MONDI DISTOPICI

E GIOIOSI ALLO STESSO TEMPO, IMMAGINI SINESTETICHE CHE CI TRASPORTANO IN UN DELICATO DELIRIO.

47


REMO DE VICO • •

MARIAGAIA DI TOMMASO

48

STEFANO CINNIRELLA


REMO DE VICO • •

MASSIMO PALERMO 49


ALESSANDRO RIZZO

DARIO DELLA ROSSA 50


51

EMANUELE FILELLA

ALESSANDRA CINIGLIA


27 NOVEMBRE VENERDÌ ORE 21 CENTRO DI RICERCA MUSICALE TEATRO SAN LEONARDO BOLOGNA

APARTMENT HOUSE APARTMENT HOUSE AT 25 PLAY JIM O’ROURKE AND MORE (INGHILTERRA) // PRIMA ASSOLUTA

Jim O’Rourke (STATI UNITI, 1969) 12 Dollars is A Lot (2020) ; versione per quartetto d'archi e nastro PRIMA ASSOLUTA Luiz Henrique Yudo (GIAPPONE/BRASILE, 1962) A Quartet for Palladio (1998); per quartetto d'archi PRIMA ITALIANA Joseph Kudirka (STATI UNITI, 1978) 21st Century Music (2008); per trio d'archi PRIMA ITALIANA

John Lely (INGHILTERRA, 1976) Meander Section (2019) ; per quartetto d'archi PRIMA ITALIANA 52


Julius Aglinskas (LITUANIA, 1988) "..." (2016); per quartetto d'archi e nastro PRIMA ITALIANA

Julius Eastman (STATI UNITI, 1940-1990) JoyBoy (1974) ; per quattro strumenti PRIMA ITALIANA

Jim O’Rourke (STATI UNITI, 1969) String Quartet and Oscillators 1 & 2 (1990) ; per quartetto d'archi e oscillatori PRIMA ITALIANA

Apartment House: Gordon MacKay violino; Mira Benjamin violino; Bridget Carey viola; Anton Lukoszevieze violoncello, computer, iPad musiche di Jim O’Rourke, Luiz Henrique Yudo, Joseph Kudirka, John Lely, Julius Aglinskas, Julius Eastman a cura di Walter Rovere

// CON IL PATROCINIO DEL BRITISH COUNCIL 53


APARTMENT HOUSE

FONDATO NEL 1995, A PARTMENT HOUSE È UN ENSEMBLE DI ORGANICO E STRUMENTAZIONE FLESSIBILI, IL CUI REPERTORIO SPAZIA DALL'AVANGUARDIA STORICA A GIOVANI ESORDIENTI, AL RECUPERO DI OPERE E AUTORI DIMENTICATI. L A SERATA CHE NE CELEBRA I 25 ANNI DI CARRIERA SPAZIA SU COMPOSITORI DI ESTRAZIONI DIVERSE NATI NEGLI ANNI '60, '70 E '80 (YUDO, KUDIRKA, LELY E AGLINSKAS), E SU UN OMAGGIO A UNA FIGURA IN PIENA RISCOPERTA, JULIUS E ASTMAN ; OLTRE METÀ CONCERTO È DEDICATA A

JIM O'ROURKE,

CON LA PRIMA

ASSOLUTA DI UN BRANO ARRANGIATO APPOSITAMENTE PER L'EN-

SEMBLE, E UN LUNGO LAVORO PER ARCHI E OSCILLATORI, NATO COME OMAGGIO A

SCELSI

MA

DAL POTENTE IMPATTO SONORO PIÙ AFFINE AL PRIMO

YOUNG. 54

L A MONTE


APARTMENT HOUSE

JIM O'ROURKE 55


56

JULIUS EASTMAN •

JOSEPH KUDIRKA


57

JULIUS AGLINKAS

JOHN LELY

LUIZ HENRIQUE YUDO


11 DICEMBRE VENERDÌ ORE 21 CENTRO DI RICERCA MUSICALE TEATRO SAN LEONARDO BOLOGNA

ROBERTO DANI SOLO (ITALIA)

Roberto Dani batteria preparata musiche di Roberto Dani a cura di Roberto Dani

58


JULIEN DESPREZ ACAPULCO REDUX (FRANCIA) X

Julien Desprez chitarra elettrica, luci, effetti musiche di Julien Desprez a cura di Julien Desprez

X CON LA COLLABORAZIONE DI LA FRANCIA IN SCENA, STAGIONE ARTISTICA DELL’INSTITUT FRANÇAIS ITALIA / AMBASCIATA DI FRANCIA IN ITALIA, CON IL SOSTEGNO DELLA FONDAZIONE NUOVI MECENATI 59


ROBERO DANI

MUSICISTA

AUTODIDATTA,

CHE

ATTRAVERSATO

HA

ESPERIENZE COME LA BAND ROCK-PROGRESSIVE

DOLL,

DEVIL

LAVORI PER IL TEA-

TRO CONTEMPORANEO E LA DANZA, E COLLABORAZIONI PRESTIGIOSE COME QUELLE

STEFANO BATTAGLIA ECM R ECORDS, L’ENSEMBLE SENTIERI SELVAGGI O L'AMERICANA A NNETTE PEACOCK, ROBERTO DANI CON SU

PRIVILEGIA NEGLI ULTIMI ANNI LA RICERCA SULLA DIMENSIONE DEL SOLO PER BATTERIA PREPARATA : "UNA RIFLESSIONE A PARTIRE DAL SILENZIO" SULL’IMPROVVISAZIONE E I CONFINI TRA LA MUSICA IMPROVVISATA E LA MUSICA SCRITTA, CHE INDAGA LE RELAZIONI TRA CORPO, SPAZIO E SUONO.

60


• ROBERTO

DANI (PH: FABIO MACIS)

| ROBERTO DANI • ROBERTO

DANI (PH: GABRIELE GROTTO) 61


JULIEN DESPREZ

‘ACAPULCO R EDUX’

È UNA

PERFORMANCE PER UN MUSI-

CISTA, CHITARRA ELETTRICA E SISTEMA DI LUCI.

ATTRA-

VERSO IL LAVORO SUI PEDALI E L’ISPIRAZIONE DEL TIP-TAP,

JULIEN DESPREZ

HA SVILUP-

PATO UNA TECNICA UNICA CHE TRASCENDE I CONFINI DELLA CHITARRA, CREANDO UN NUOVO STRUMENTO CHE PARE FONDERSI CON UNA BATTERIA O UN ORGANO UMANO

UNO STRUMENTO IN

CONTINUA EVOLUZIONE, CHE VA OLTRE LA PRATICA STRUMENTALE PER EVOCARE UNA DANZA.

METTENDO

SUONO,

SPAZIO E LUCE SULLO STESSO PIANO, IL FULCRO DELLA PERFORMANCE È LEGGERMENTE DISLOCATO E LE PROSPETTIVE SI MOLTIPLICANO. ROTTURE, SHOCK SIASI NATURA

TENSIONI, – DI QUAL-

– CREANO UNO

SPAZIO-TEMPO SINGOLARE.

62


•

JULIEN DESPREZ (PH: SYLVAIN GRIPOIX) 63


64


65


66


BIGLIETTI CONCERTI BOLOGNA 11 + 12 SETTEMBRE 15 € • ridotto 10 €

18 + 25 SETTEMBRE 8 OTTOBRE 5 + 27 NOVEMBRE 11 DICEMBRE • 8 € • ridotto 5 € ridotto studenti dell’UNIVERSITÀ DI BOLOGNA e del CONSERVATORIO DI MUSICA “G. B. MARTINI” DI BOLOGNA • ai possessori della CARD CULTURA verrà applicato uno sconto di 2 € sul biglietto intero (eccetto concerto del 24 ottobre a Reggio Emilia) • per

la biglietteria apre 30 minuti prima dell’orario del concerto www.boxerticket.it

prevendita www.ticketone.it • e punti vendita TicketOne

ATTENZIONE POSTI LIMITATI secondo le normative attuali si raccomanda l’acquisto dei biglietti in prevendita

BIGLIETTI CONCERTI REGGIO EMILIA

24 OTTOBRE 20 e 15 € • ridotto 5 € (under 20)

TEATRO MUNICIPALE VALLI 0522.458811- info@iteatri.re.it - www.iteatri.re.it 67


CORO AN G

ICO

PIC C

EL

O

LO

10 LABORATORIO CORALE DI RICERCA PER BAMBINE/I E RAGAZZE/I DAI 5 AI 15 ANNI DAL 15 SETTEMBRE 2020 A MAGGIO 2021 TUTTI I MARTEDÌ, DALLE 17.15 ALLE 18.30 DIECI ANNI DI CANTI E DI INVENZIONI MUSICALI SONO PRONTI A INCIDERSI NEI SOLCHI DEL PRIMO DISCO DEL PICCOLO CORO ANGELICO! PARTECIPATE CON NOI68A QUESTA AVVENTURA!


m a LA SCUOLA DI MUSICA ANGELICA (PER TUTTE LE ETÀ) VUOLE INCORAGGIARE UN'EDUCAZIONE E UNA COMPRENSIONE MUSICALE EMOZIONALE TESA A RIMUOVERE I CONFINI E A OFFRIRE UNA VISIONE PIÙ AMPIA DEL PROCESSO CREATIVO E DELLA SUA ESPRESSIONE SCUOLA DI MUSICA RICONOSCIUTA DALLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA informazioni e iscrizioni: t 340.5941213 - 051.240310 scuolaaa@aaa-angelica.com • www.aaa-angelica.com

m a lo Piccoo Cor gelico An

DE

O

STA GC I M O A N2N0 2 1 IONE 2 0 2 0 / 69


ASSOCIAZIONE CULTURALE PIERROT LUNAIRE è parte di

con il sostegno di

FONDAZIONE FRANCO - ITALIANA PER LA CREAZIONE CONTEMPORANEA

ITALIA

70


con la collaborazione di

con la collaborazione di

con il patrocinio di

con la collaborazione di

con la collaborazione di - media partner

con la partecipazione di - media partner

71


finito di stampare ad agosto 2020 tipografia Nuova Grafica Imola (BO)

72


Profile for AngelicA Festival

AngelicA 30 - Festival Internazionale di Musica  

AngelicA 30 - Festival Internazionale di Musica  

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded