Page 1


4

Domenica 28 febbraio 2010

AMMINISTRATIVE 2010

Tutti i candidati

COMUNE DI TERMOLI

La flotta dei consiglieri: 541 nomi Candidato sindaco Antonio Basso DI BRINO POPOLO DELLE LIBERTA’ Brienza Michelangelo Ciarniello Annibale D’Auria Michele De Felice Ennio De Fenza Agostino De Guglielmo Fernanda Di Cesare Mario Flaviano Di Lisa Bruno Ferretti Mario Ferrone Francesco Garzarella Bruno Granito Nicandro Giancarlo Leone Luigi Mario Mancini Mario Mariani Maria Assunta Montano Alberto Monti Anacleto Nibaldi Livio Nuozzi Pino Paduano Luciano Fioravante Paparella Antonio Pesce Luigi Recchi Claudio Rinaldi Francesco Graziano Roberti Francesco Sprocatti Ivo Tanassi Nicola Antonio Verini Bruno Vitale Nicola Zara Maria Vincenza

PROGETTO MOLISE Bernando Francesco Boianelli Vincenzo Bucci Alessandro Camaioni Adamo Nicola Ciccone Michela Dambra Leonardo De Simone Franco Di Silvio Fabio Fiardi Francesco Florio Gabriella Franceschini Luigi Iacoponi Roberto Leva Giuseppe Notarangelo Nicola Perfetto Nicola Perilli Domenico Petti Bruno Proietti Fabio Ricca Flora Rinaldi Salvatore Risolo Giovanni Rocchia Giuseppe Tommasiello Graziano Zinni Giuliano Zuccarini Luigi Giacomo Tommaso

IL POPOLO DI TERMOLI PER DI BRINO SINDACO Antonelli Carlo Cannella Giovanni Caprioli Pasquale Cicchetti Maurizio Colacido Donato Calatriano Nicola D’Agostino Vincenzo Di Benedetto Mario Michele Di Giovine Francesco Di Michele Filomena Di Palma Michele Emiliozzi Andrea Ferretti Sergio Ientile Giuseppe Lanzone Basso Lucciola Amleto Mastroberardino Franco Giuseppe Matassa Iolanda Meo Anna Moio Tonino Paolitto Antonio Papalia Carmine Piscitelli Raffaele Ragni Michele Renzetti Michele Giuseppe Santilli Maurizio Simeone Domenico Simpatico Sabrina Troisi Massimiliano Vergallo Giuseppina

UDEUR Alfieri Antonietta Bosco Massimo Buono Francesca Colonna Marilina D’Antonio Isabella Maria D’Aurora Bruno Della Porta Edmondo Di Cesare Domenico Di Claudio Nicola Di Giandomenico Nello Di Lena Nazzario Di Michele Nicolino Di Toro Monia Ferra Pietro Giordano Giovanni Carmine Giuoco Fabrizio Lafratta Paolo Walter Landolfi Antonio Ligorio Giulia Magistrale Antonio Manes Michelangelo Palombo Luigina Pascucci Antonio Petrilli Giuseppe Pinto Marcellino Ragni Giuseppe Re Fernando Sabella Vincenzo Sabelli Alfonso Turdò Luigi

MOLISE CIVILE Ciccoleprè Gianfilippo Biagio Ciliberti Francesco Paolo D’Alessandro Antonio D’Angelo Rocco De Santis Antonio De Santis Maurizio Desiderio Giuseppe Di Fortunato Eliana Lonice Di Marzio Mercurio Pietro Di Marzo Amodio Ferretti Lorenzo Giardino Luigi Grafone Rosario Marinelli Milena Marrano Giuseppe Meale Gianluigi Medulli Attilio Gabriele Mele Antonella Menadeo Gianluca Mennello Antonio Morfeo Antonio Morlacchetti Giuseppe Palena Fabio Pepe Paolo Perricone Stefano

IN COMUNE PER TERMOLI Malerba Nazario D’Arienzo Domenico Ambrosino Maurizio Amoroso Nicolino Baioli Paolo Baranello Giuseppe Caia Francesco Cappiello Adamo Carusillo Emilio Ciccone Gerardo De Marinis Giovanni Giorgio Germele Giuseppe Iovine Melania Ludovico Clemente Massidda Annalisa Merola Andrea Miele Enrico Moscufo Nicola Perilli Domenico Piccolo Salvatore Pintaldi Corrado Ponce Carla Riccio Angelo Selvaggio Sergio Taraborrelli Stefano Valente Roberto Vigiani Andrea

UNIONE DI CENTRO Alfieri Domenico Aufiero Vincenzo Barone Filomena Anna Barone Giuseppe Barone Salvatore Cocomazzi Michele Della Neve Domenico Di Gemmi Giustino Di Lello Luigina Di Martino Patrizia Di Palma Ermanno Di Pinto Ezio Fabrizio Gennaro Farina Angelo Ferrazzano Vincenzo Floro Maria Forcione Nicolino Galasso Luigi Lalli Alessia Lentinio Giuseppe Martella Pasqualino Mininno Raffaele Molinari Bernardino Pinti Costanzo Pracella Benito Matteo Recchi Aureliana Sciarretta Nicola Sfredda Cristian Storto Paolo Totaro Giancarlo

DEMOCRAZIA CRISTIANA Amato Claudio Amoruso Giovanni Basilico Giorgio Bucci Giuseppe Cannone Vincenzo Caserta Luigi Colangelo Dino Colavita Nicola De Luca Maristella De Palma Viviana Di Bitonto Stefania Di Geronimo Gino Di Meo Rossella Di Rocco Loris Di Virgilio Giuseppe Ficca Giovanni Garofano Donato Giagnorio Giuseppe Giorgetta Loris, Lucio Masciantonio Giuseppe Pasquale Donato Pennucci Luigi Antonio Petrucci Sebastian Piermarino Mercurio Porreca Giuseppe Sciarretta Maria Amalia Scorrano Maria Luisa Siciliano Francesco Paolo Travaglini Nicolino Zitti Andrea

ALLEANZA DI CENTRO

LA DESTRA

Spezzano Giuseppe Antonio Castello Angelo De Gregorio Antonella Alfieri Maddalena Colaneri Giuseppe Colella Maurizio Consilvio Emanuela D’Addario Davide D’Agnillo Antonio De Simone Raffaele Degnovivo Annarita Di Palma Lorenzo Ermalosi Francesco Ferrazzano Attilio Iannaccone Giulio Labrozzi Alessio Lococciolo Angelo Marangi Giorgio Marinaro Maria Mascilongo Giacomo Montò Francesca Perna Barbara Porzio Dario Saia Antonio Scagnoli Amelia Scutti Andrea Soprano Diomira

De Gregorio Vincenzo Fasulo Angelo De Gregorio Ivan Reale Antonio Girotti Valerio Legittimo Salvatore Gioia Angelo Tozzi Aurelio Verini Marco Coppola Rosa Leggieri Adriano Mascia Luigi Messineo Salvatore Iasenza Massimo Fraraccio Diego De Gregorio Rocco Salerno Massimiliano La Padula Gennaro Rosario Gesualdi Mauro Tavani Andrea Criasia Emanuele Ionata Fabiana Rossella Mignogna Renato Lovascio Vincenzo Bonaduce Manuel Forni Fernando


Domenica 28 febbraio 2010

AMMINISTRATIVE 2010

5

Tutti i candidati

COMUNE DI TERMOLI Candidato sindaco Filippo MONACO PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA Bontempo Attilio Budano Michele Cardella Domenico Caruso Francesco Casolino Andrea Ciccone Antonio Coscia Simone Del Gatto Vincenzo Di Battista Antonio Di Blasio Antonella Di Lello Maria Del Carmen Di Vito Mariaemma D’Onofrio Salvatore Fascia Fabrizio Frascatore Paolo Fusco Francesco Gianfelice Michele Giuditta Antonio Guarino Gabriele Lapiccirella Antonio Maltese Federica Marini Luigi Ossame Maria Giuseppina Palmieri Antonio Passante Susanna Petrella Gabriele Pisani Domenico Siviero Antonietta Sommella Angelo Vitale Gabriele

LIBERATERMOLI Berardi Antonio Maik Calmo Massimiliano Cannarsa Luca Del Cinque Alberto Di Blasio Giuseppe Di Nucci Gianfranco Di Palma Lorenzo Di Paola Giulia Ganmieri Angelo Limongi Mario Lucarelli Elio Marinucci Paolo Marra Eugenio Mastroberardino Antonella Montanaro Basso Palmieri Luisa Paradisi Daniele Pasqualini Angelo Antonino Pennacchietti Leo Perrotta Milena Petrella Giovanni Petrone Giuseppe Piccoli Pasquale Pistilli Nico Pullerio Francesco Rizza Lara Rosati Francesco Silverio Ettore Sivilla Antonio Tutolo Maria Antonietta

FEDERAZIONE DELLA SINISTRA Agapiti Marcello Barone Gervasio Biondi Serena Cocco David Cuculo Jean-Luc Cupaioli Nicolino D’Alfonso Stella De Sanctis Micaela, Teresa Di Paolo Daniele Di Pardo Adele Di Rado Davide Di Stefano Antonietta Farina Domenico Ganguzzi Stefano Iammarino Silvio Leva Simone Manzo Antonio Mastronardi Vincenzo Paganotto Matteo Palmieri Maurizio Palumbo Rosalba, Teresa Pecorella Gustavo Pescara Antonio Quici Teresa Ruscetti Nicola Russo Giovanni Salerno Luca Roberto Santoro Giuseppe Salome Laura Teonesto Michele

Candidato sindaco Remo DI GIANDOMENICO POPOLARI LIBERALI NEL PDL Amoruso Giovanni Battista Cannarsa Basso Gianfagna Bracone Antonio Cilla Antonio Cinalli Maria Rosaria Monia Corvo Gian Michele Adamo De Gregorio Antonio De Nisi Michele De Palma Vito Di Bona Antonio Di Cienzo Vincenzo Greco Sandro Limongi Vincenzo Maffulli Michele Mezzodì Iolanda Rosetta Mottola Giuseppe Pagliaccio Rocco Panico Francesco Parente Mario Pecorella Alfredo Michele Perfetto Domenico Pretorino Michele Quici Daniela Ragni Tomasina Ramos Prudente Bruno Santoro Giuseppe Valerio Sciarretta Pietro Giuseppe Secchieri Luciano Speciale Giuseppe Antonio Urbano Sandro Raffaele

TERMOLI GIOVANE Silvestri Angelica Astolfo Dario Bevilacqua Marcuccina Daniela Biscotti Giuseppe Checchia Alessandro Cicchini Alessandro Colonna Basso Gabriele Corcione Angela Cremonesi Antonella De Vita Raffaele Degnovivo Antonio Di Nallo Caterina Giordano Donato Greco Salvatore Liccardo Maurizio Lobbozzo Maria Giuseppe Marchegiani Francesco Marinucci Paola Mastrogiuseppe Alessio Mastronardi Pardo Mennella Vincenzo Mucci Giuseppe Occhionero Giancarlo Palmieri Ottaviano Marco Paoletti Sandro Pasquarelli Pietro Petrucci Vincenzo Sabbatinelli Milena Tricarico Maddalena Velko Glori

ITALIA DEI VALORI Antonarelli Marcello Aufiero Arcangelo Campanelli Gabriella Catterino Francesco Ciotoli Valeria D’Amario Benedetto De Lena Giuseppe De Leo Massimo De Tomo Vincenzo Di Blasio Giacomo Mario Gallo Giuseppe Iacampo Gennaro Impalà Francesco Irace Bruno Lattanzi Emanuela Manes Costantino Marolla Cosimo Marra Giovanni Iorio Massimo Morritti Mariangela Murolo Giuseppe Perrotta Pasquale Pilla Domenico Russo Antonio Sforza Piero Marco Viola Maria Sofia Mancinelli Massimo D’Agata Fabrizio Izzi Giuseppe Rapone Anna Gabriella

RIFORMISTI PER TERMOLI Marino Giuseppe Bartolomeo Lucia Battista Pino Benevento Pasquale Bizzarro Luigi Capozzo Raffaele Ciarallo Paola Danese Natalina D’Angelo Antonio Del Sordo Rosalba Di Bona Pasquale Di Cecco Michele Di Lallo Nicola Giannattasio Romina Glave Costantina Katia Lascialandà Maria Micozzi Antonio Petrilli Matteo Salvatore Antonio Bizzarri Pardo Antonio Zvarici Costel

Candidato sindaco Erminia GATTI PARTITO DEMOCRATICO Bellanova Cataldo Berchicci Gennaro Canosa Salvatore Cappella Basso Vittorio Chiorri Pietro Ciaramella Anna Maria Colonna Nicola D’Alessandro Enrico Martino D’Amelio Raffaela Di Biase Antonio Di Campli Sebastiano Di Francia Salvatore Di Iorio Cesare Augusto Di Luzio Donato Di Palma Mauro

Grasso Alessandro Larivera Nino Lorito Giuseppe Marino Domenico Occhionero Giuseppe Pennetta Marcello Petrella Gennaro Piunno Saverio Quaranta Maria Elisabetta Sale Giandomenico Sciarretta Maria Pia Sciarretta Vincenzo Scurti Rocco Franco Tilli Francesca Venittelli Laura

Candidato sindaco Antonio FASCIANO PER IL BENE COMUNE Benvenuto Guerino Bonifacio Giampaolo Cannarsa Nicola Caposiena Michele Catenaro Walter Domenico Chiozzi Giancamillo D’Angelo Marco Della Porta Massimo Della Vella Filippo Di Fabio Marco Di Paolo Liberantonio Emiliozzi Luca Fasciano Domenico Gagliardi Michele Guidotti Antonio

Ligorio Brigida Alberico Irene Marinelli Erika Mautone Antonio Musacchio Nicoletta Orlando Diego Pomponii Maria Setaro Fabrizio Tarantini Guido Testa Pasquale Tridente Debora Trivelli Valerio Giattini Gileno Silvana Tarantini Maria Maglie Luisella


6

Domenica 28 febbraio 2010

AMMINISTRATIVE 2010 COMUNE DI TERMOLI Ecco chi sostiene i cinque candidati sindaci Antonio Di Brino Pdl, Popolo di Termoli, Molise Civile, Udc, DC, Progetto Molise, Udeur, In Comune per Termoli, Adc, La Destra

La città sommersa con 541 consiglieri La popolazione è chiamata a scegliere: la media è un candidato ogni 49 abitanti

Filippo Monaco Partecipazione Democratica, LiberaTermoli, Federazione della Sinistra, Idv, Riformisti per Termoli

Remo Di Giandomenico Popolari Liberali nel Pdl, Termoli Giovane

Un via vai di consiglieri, candidati sindaci e militanti ha caratterizzato la mattinata di ieri, quando sono state consegnate ufficialmente le 19 liste elettorali. Dopo aver raccolto le 175 firme della popolazione necessarie per la validità della lista, finalmente sono stati svelati tutti i nomi degli aspiranti consi-

Erminia Gatti Partito Democratico

Antonio Fasciano Per il Bene Comune

I cinque aspiranti commentano il lavoro svolto

I giochi per la presentazione delle liste sono chiusi. Ora toccherà ai cinque candidati a sindaco spiegare il perché sono scesi in campo. Soddisfatto Antonio Basso Di Brino. “La candidatura mi inorgoglisce- ha dichiarato Di Brino- avere il sostegno di dieci liste è davvero importante. I tanti candidati consigliere hanno già dimostrato che hanno tanta voglia di lavorare. Ho l’appoggio di tante persone. Il mio obiettivo è far uscire Termoli dal buio”. Erminia Gatti, candidata sindaco del Pd, è orgogliosa di presentare una lista con donne al seguito. Nonostante abbia perso per strada l’appoggio di Costruire Democrazia. “Mi candido a sindaco di Termoli – afferma la Gatti - in alternativa a Filippo Monaco che vuole riesumare l’esperienza dell’amministrazione Greco. I cittadini sappiano che Erminia Gatti è fuori dalla grande coalizione trasversale che vede stranamente uniti il centrodestra e la sinistra su alcuni grandi interessi economici”. Filippo Monaco, candidato con 5 liste di centrosinistra si dichiara invece entusiasta di questa esperienza. “I miei candidati – ha dichiarato Filippo Monaco- sono uomini liberi. Sono tutti pronti ad agire per il bene di Termoli”. Il candidato Monaco ha già annunciato di volersi battere contro la realizzazione della centrale nucleare come hanno annunciato anche Antonio Basso Di Brino e Remo Di Giandomenico. “Non mi volevo candidare a sindaco di Termoli- ha dichiarato Di Giandomenico- l’ho fatto per il bene della città adriatica. Ora vorrei che la città di Termoli si rialzasse”. Come tra l’altro dice anche lo slogan delle liste che hanno sostenuto la sua candidatura. Anche Antonio Fasciano è pronto a scendere in campo. “Sono la voce della gente- ha dichiarato- amo Termoli non solo in campagna elettorale e continuerò a battermi per l’ambiente della città anche se non verrò eletto”. Vivip

glieri. Sono cinque i candidati sindaco: Antonio Basso Di Brino, Remo Di Giandomenico, Filippo Monaco, Erminia Gatti ed Antonio Fasciano e 542 i candidati consiglieri. Di Brino è appoggiato da 10 liste (Popolo delle Libertà, il Popolo di Termoli per Di Brino sindaco, Molise Civile, Unione di Centro, Democrazia Cristiana, Progetto Molise, Udeur, in Comune per Termoli, Alleanza di Centro, la Destra), Monaco ha nel suo arsenale 5 formazioni elettorali (Partecipazione Democratica, Liberatermoli, Federazione della Sinistra, Italia

dei Valori, Riformisti per Termoli), Gatti (Partito Democratico) e Fasciano (Per il bene comune) un solo elenco dei candidati, due liste per Di Giandomenico (Popolari Liberali nel Pdl e Termoli Giovane). Gli elettori sono complessivamente 27mila 524 (13mila 397 uomini e 14mila 127donne), divisi in 29 seggi: 7 sezioni in via Volturno ed altrettante in contrada Difesa Grande, 4 nella scuola elementare di via XX settembre, 3 in quella di via Perrotta, stesso numero in via Luigi Sturzo e via Stati Uniti, una nella scuola media in via Gioberti e in viale San Francesco. Sarà compito della subcommissione della Prefettura di Campobasso vagliare la regolarità delle liste, e la loro ammissibilità alle elezioni del 28 e 29 marzo. Al momento sembra che tutte le liste presentate ieri mattina siano in ‘gara’ e potranno giocare il rush finale che si preannuncia ricco di sorprese e colpi di scena. Sarà una ‘battaglia’ politica all’ultimo voto. C.V.

Sopra il segretario Donato Petrosino mentre appone la firma A lato Erminia Gatti e altri candidati consigliere sulle scale del municipio prima della consegna delle liste

A lato i candidati consiglieri La Destra

A destra Giuseppe Ragni e Antonio Malerba


Domenica 28 febbraio 2010

7

Il presidente del Consiglio regionale in viaggio nel Bassomolise per la rivalutazione delle zone interne

Picciano in visita istituzionale a Palata CAMPOBASSO. “Grazie di essere venuto a Palata”. Con questa parole Antonio Staniscia, vicesindaco di Palata ha salutato il presidente del Consiglio regionale, Michele Picciano, in visita istituzionale presso il comune bassomolisano. E’ stata ancora un’occasione per Picciano per confrontarsi con le persone e con le problematiche dei numerosi comuni molisani, soprattutto quelli delle zone più interne. Ad attende-

re Picciano, oltre al vicesindaco, c’era anche il primo cittadino Michele Berchicci che ha ringraziato il presidente per la totale disponibilità che ha sempre dimostrato nei confronti di Palata e dei suoi concittadini. Il sindaco ha fatto presente a Picciano tutti i problemi e le situazioni di disagio che il comune sta vivendo. Dalla viabilità all’autonomia scolastica, sono state molte le tematiche toccate anche dal capogruppo di mag-

gioranza Carmela Fioriti. “La sua visita – ha affermato la Fioriti – possa essere di stimolo in Consiglio regionale per le esigenze del nostro paese”. A concludere il Consiglio comunale è stato lo stesso Picciano: “ringrazio tutti voi per questa calorosa accoglienza che è per me motivo di orgoglio ed emozione. La mia presenza, qui, ha un forte significato che è quello di raccogliere le vostre istanze e farle mie per portare

Il presidente Picciano con il Consiglio comunale di Palata all’esterno le problematiche delle zone interne del nostro Molise.” Un intervento a 360 gradi,

dunque, quello del presidente del Consiglio regionale, che ha abbracciato tutte le tematiche toccate dall’amministrazione

aumentando i riconoscimenti per le visite istituzionali volte al recupero della politica tra la gente.

Sergio Calce eletto al vertice della Flai. “Priorità ai lavoratori”

Cgil, Guglielmo Di Lembo confermato segretario alla Funzione Pubblica L’intervento di Guglielmo Di Lembo di Michele Salvatore CAMPOABASSO. Si è concluso ieri il VI Congresso regionale della Cgil ed è stato eletto il nuovo direttivo con poche sorprese sostanziali. E’ stato infatti riconfermato come se-

L’intervento

Bregantini: la mafia non c’è solo al Sud CAMPOBASSO. La questione della mafia è un problema dell’Italia: è questa la chiave di lettura che monsignor Giancarlo Bregantini, arcivescovo di Campobasso, propone per il recente documento della Cei per il Mezzogiorno. “Il documento – ha spiegato il presule a Radio vaticana - si pone in linea perfetta con tutto il cammino magisteriale di questi vent’anni. La cosa che forse oggi nel documento appare è che la mafia non è più un problema solo del Sud. E forse questa è la chiave di lettura e alla parola intitolazione per un Paese solidale, può essere aggiunto ‘reciprocamente solidale’: la parola reciprocità che appare nettissima nel capitolo terzo. In questa dimensione, quindi, anche la questione della mafia è un problema dell’Italia. Se il mondo culturale, spirituale e politico non coglie che la mafia è un problema di tutti e lo relega alle regioni del Sud – ha continuato Bregantini - la mafia sarà ancora una volta vincente, perché non è più relegata o chiusa dentro schemi localistici. Ormai è purtroppo e tristemente globalizzata. Con tale ottica va quindi letta e se l’Italia intera aiuta il Sud a vincere la mafia, la vincerà anche al Nord, altrimenti se la ritroverà tristemente accresciuta sotto casa. Questa è la lettura nuova rispetto a vent’anni fa”.

gretario alla Funzione Pubblica. Guglielmo di Lembo. Dopo la votazione che si è svolta all’hotel S. Giorgio di Campobasso proprio Di Lembo ha espresso ai presenti e alla stampa le nuove linee che il sindacato intenderà percorrere. “Il nostro programma si basa sull’analisi di questo momento difficile per offrire un’alternativa ai lavoratori – ha dichiarato Di Lembo A loro per primi va la mia massima solidarietà visti ancora i problemi che attanagliano numerose aziende in Molise come la Geomeccanica, l’Ittierre e la Sanstefar tra le più note. Ma se siamo uniti nel sindacato possiamo rappresentare i lavoratori che soffrono di una condizione precaria. Abbiamo eletto oggi (ieri ndr) un direttivo corposo, variegato e ben rappresentato nei vari comparti. E c’è il valore aggiunto di avere in-

nanzitutto la parità tra sessi al nostro interno e un buon numero di giovani. La nostra categoria, infatti, ha fatto passi da gigante e porterò avanti con onore l’impegno che mi è stato rinnovato”. Nel corso della mattinata, in presenza del segretario regionale della Cgil Erminia Mignelli, è stato eletto anche il nuovo segretario della Flai Cgil Sergio Calce. “La mia priorità sarà quella di costruire un progetto per il rilancio della filiera agroalimentare – ha dichiarato il neo segretario della Flai – Invito, per questo, la Coldiretti, la Cia, la Regione e tutte le associazioni a mettere in campo iniziative per superare la crisi del settore agricolo. Il Molise ha le giuste potenzialità ed una vocazione naturale all’economia proveniente dallo sviluppo del mondo rurale. Penso, inoltre, che siano necessari interventi per discutere dello sviluppo della filiera agroalimentare tenendo presente anche la disponibilità dei fondi Por che sono essenziali per il rilancio del settore”.

Impegno della Lembo per un’ipotesi di Codice etico

Donne in “Salute e Sicurezza”

CAMPOBASSO. La consigliera di Parità della Regione Molise Giuditta Lembo fa parte anche del gruppo di lavoro “Salute e Sicurezza” composto da alcune consigliere di Parità che fanno parte della Rete Nazionale delle Consigliere. Nel corso della prima riunione è stato affrontato, nello specifico, l’argomento relativo al “Trattamento Lavorativo del Malato Oncologico”. Partendo dalla considerazione che troppo spesso le donne lavoratrici, che affrontano un percorso di malattia oncologica, non sono a conoscenza delle norme che regolano il trattamento lavorativo proprio e dei familiari che le accompagnano in questo percorso, le consigliere hanno proposto di adottare come riferimento un’ipotesi di Codice Etico di cui è già pronta una bozza e che dovrà essere sottoposto al vaglio

Energia: il bonus gas si riscuote negli uffici postali CAMPOBASSO. E’ partita, a cura di Poste Italiane, la campagna di comunicazione sociale sul bonus gas introdotta dal ministero dello Sviluppo Economico, che si potrà incassare anche nei 97 uffici postali presenti in provincia di Campobasso. L’iniziativa sarà realizzata per conto dell’Autorità dell’Energia e del Gas ed è rivolta ad informare le fasce di cittadini a più basso reddito e le famiglie sulla possibilità di ottenere uno sconto sui costi della bolletta del gas e dell’elettricità e sulle procedure da seguire per ottenere la riduzione. La campagna sarà pianificata nei principali uffici postali ed è prevista dalla convenzione siglata tra l’Autorità dell’Energia e del Gas e Poste Italiane, che ha affidato all’azienda il servizio di pagamento dei bonus e le attività di comunicazione e informazione ai

cittadini per i prossimi tre anni. Poste Italiane curerà le azioni di direct mailing, inviando una comunicazione postale a tutti gli aventi diritto al contributo, e la preparazione di materiale informativo e affissioni all’interno degli uffici postali per pubblicizzare l’iniziativa sociale. Il bonus in denaro sarà versato direttamente da Poste Italiane con bonifico domiciliato anche a favore di quei cittadini che hanno diritto al contributo per il gas e l’energia elettrica ma non hanno un contratto diretto di fornitura come, per esempio, chi riscalda la propria casa con un impianto termico centralizzato. Sarà Poste Italiane, inoltre, a occuparsi di comunicare per posta a tutti gli interessati l’esito della richiesta del bonus gas e del bonus elettrico: se, in pratica, la domanda sia andata a buon fine

oppure non sia stata accettata, motivando le ragioni del rifiuto. Anche gli avvisi relativi al rinnovo del bonus gas saranno sempre inviati dall’azienda per posta. Il bonus gas, introdotto dal Ministero dello Sviluppo Economico e reso operativo dall’Autorità per l’Energia, vale per il metano distribuito a rete e prevede uno sconto annuo del 15% circa (al netto da imposte) a seconda della composizione della famiglia e del tipo di consumo. Ha valore retroattivo a tutto il 2009, per le domande presentate entro il 30 aprile 2010. Per avere informazioni sul bonus ci si può rivolgere al proprio comune, chiamare lo “Sportello per il consumatore” all’800.166.654, o consultare i siti www.sviluppoeconomico.gov.it, www.autorita.energia.it, www.bonusenergia.anci.it.

della Rete. Il Codice, in particolare, pone l’attenzione su alcuni elementi ritenuti fondamentali come l’ampliamento del periodo di comporto dovuto al prolungamento della malattia e delle cure e l’utilizzo di maggiore flessibilità di orario. Tra le iniziative c’è poi la promozione di iniziative di reinserimento nel posto di lavoro dopo il periodo di cura. Troppo spesso infatti le donne lavoratrici che affrontano un percorso di malattia oncologica non sono a conoscenza delle norme che regolano il trattamento lavorativo proprio e dei familiari che le accompagnano in questo percorso. Pertanto il gruppo di lavoro ha portato in evidenza la necessità di un’eventuale applicazione territoriale del Codice Etico anche per quanto concerne la mission del gruppo di lavoro stesso che ha proposto all’intera Rete di formulare un progetto per una campagna di sensibilizzazione e di prevenzione dei tumori femminili e dei diritti delle lavoratrici malate oncologiche. A livello territoriale, dunque, ciascuna consigliera regionale si adopererà per la sottoscrizione di un protocollo d’intesa per la promozione del benessere e della salute delle donne nel mondo del lavoro, da sottoscrivere con tutti i soggetti istituzionali competenti. Tale protocollo dovrà prevedere un’intesa territoriale dei soggetti preposti alla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori per facilitare le persone affette da patologie oncologiche e, in particolare, le donne affette da tumore al seno e uomini con patologie alla prostata, nella scelta di continuare o riprendere l’attività lavorativa mediante formule contrattuali a orario ridotto, e la possibilità di avere prospettive di carriera Le consigliere, inoltre, hanno evidenziato l’importanza di verificare l’idoneità del trattamento pensionistico del periodo di comporto e la reversibilità al co-

niuge superstite per tutelare le vedove da eventuali discriminazioni. Nel documento i firmatari si impegneranno a promuovere iniziative atte ad adottare il Codice Etico, oltre che a livello nazionale, anche nel territorio dove esiste una loro sede periferica. E’ inoltre importante l’attivazione di un sistema di controllo attraverso il ministero del Lavoro per una sua corretta applicazione. Tra gli obiettivi fissati nel protocollo troviamo anche il sostegno delle aziende che intendono adottarlo, la promozione di informazioni di tutte le tipologie di normative ed azioni positive adottate, la diffusione delle buone prassi relative alle iniziative adottate sul territorio ed infine la promozione di un processo culturale che favorisca la presa di coscienza delle esigenze del malato e ne faciliti la diffusione.

FONDATO NEL 1998 DIRETTORE RESPONSABILE: GIULIO ROCCO EDITORE: ITALMEDIA s.r.l. SEDE LEGALE: VIA MONTEGRAPPA 51/D 86100 CAMPOBASSO SEDE OPERATIVA

VIA S.GIOVANNI IN GOLFO 86100 CAMPOBASSO SITO INTERNET: www.quotidianomolise.it EMAIL:redazionecb@quotidianomolise.it

Pubblicità ITALMEDIA s.r.l. Tel. 0874.484623 Via S.Giovanni in Golfo Campobasso EMAIL: commerciale@quotidianomolise.it

CENTRO STAMPA ROTOSTAMPA - LIONI (AVELLINO) Registrazione Tribunale di Campobasso N. 157/87


DOMENICA 28 FEBBRAIO 2010

ANNO XIII - N. 58

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

Un giovane sui 25 anni minaccia la cassiera e si fa consegnare l’incasso, 400 euro Le indagini della Squadra Mobile porterebbero al mondo della tossicodipendenza

Il bar in cui è avvenuta la rapina

Rapina al bar, spunta il coltello

Rapina in un bar di via XXIV Maggio. Un giovane, sui 25 anni, si è presentato intorno alle 8 e trenta di ieri alla cassa dell’esercizio commerciale. All’apparenza nulla di strano, tant’è che la ragazza ha pensato ad un normale cliente, soprattutto perché è entrato tranquillamente a volto scoperto. Di fatto così non è stato, visto che dalla tasca è spuntato un coltello. ‘Dammi i soldi’ avrebbe ‘consigliato’ alla dipendente impietrita di fronte al gesto del malintenzionato. Senza pensarci ha aperto il registratore e ha consegnato l’incasso, sui 400 euro, al giovane che ha messo in tasca i soldi e si è allontanato a piedi lungo via XXIV Maggio. Cercando di mantenere la calma, la ragazza ha chiamato il 113: sul posto è immediatamente arrivata

una Volante, ma da una primissima ricognizione del rapinatore neppure l’ombra. Ai poliziotti la barista ha cercato di descrivere il balordo, racconto che è continuato negli uffici di via Tiberio dove è stata ascoltata dalla Squadra Mobile che dirige le indagini. Gli inquirenti ora sono alla ricerca del responsabile e sembra già che si lavori lungo una pista ben precisa: quella della tossicodipendenza. In effetti, un rapinatore ‘esperto’ difficilmente avrebbe scelto di colpire in un bar: l’incasso è comunque modesto, soprattutto alle 8 del mattino. Più concreta l’ipotesi di un soggetto legato al mondo della droga e disposto ad accontentarsi di qualche centinaia di euro per recuperare lo stupefacente. Ipotesi al vaglio degli uomini del dirigente Farinacci e coordinati dal sostituto commissario Oriente intenzionati a ricostruire minuziosamente l’accaduRed. Cro. to che presenta ancora qualche lacuna.

Una ‘pantera’ della Squadra Volante

La Volante mette le manette ai polsi di un extracomunitario. Ieri giudicato per direttissima

Immigrazione, 30enne arrestato

Importunavano alcuni clienti all’uscita di un supermercato di via Garibaldi. Fino a quando qualche cittadino stufo delle continue richieste ha chiamato il 113. Giunta sul posto una Volante della Polizia, gli agenti hanno chiesto ai tre extracomunitari di mostrare i documenti. Ovviamente la risposta è stata negativa. A quel punto ai poliziotti non è rimasto altro che girare la segnalazione in Questura dove, tramite il Ced, si è scoperto che le due donne erano state colpite da un decreto di espulsione, mentre sulla testa dell’uomo (un 30enne) ne pendevano addirittura due. Immediato l’arresto. Ieri mattina è stato processato per direttissima: condannato ad un anno di reclusione oltre all’espulsione con accompagnamento coattivo. redcro

A spasso con il ‘fumo’ nelle tasche, nei guai

La Questura

Passeggiava tranquillamente per le strade del centro quando sì è imbattuto negli agenti della Squadra Volante, in servizio di pattugliamento 24 ore su 24 per prevenire e combattere le spaccio di droga. Volto noto alle forze dell’ordine, ha insospettito gli agenti che lo hanno fermato per un normale controllo. Impeccabile il fiuto della polizia che ha portato il giovane a tirare fuori la droga: cinque grammi di hashish. Il ragazzo, di 22 anni, è stato deferito alla competente autorità giudiziaria.

La filiera corta protagonista a Campobasso in Fiera Grande successo di pubblico a ‘Campobasso in Fiera’ che come ogni mese ha portato a Selvapiana un caleidoscopio di merci e sapori. La bella giornata ha premiato gli oltre cento operatori che sono giunti all’alba per la nuova edizione della manifestazione. Tra i settori più valorizzati, certamente l’agroalimentare e l’artigianato artistico. Esprime soddisfazione il presidente della Confesercenti Provinciale, Pasquale Oriente, soprattutto per l’apprezzamento raccolto tra i visitatori, che in migliaia hanno affollato l’area fiera. “Dobbiamo insistere molto sulla promozione della filiera corta – ha dichiarato Oriente – per dare rilievo e spazio alle produzioni locali agroalimentari e artigianali, che esprimono l’ingente patrimonio di conoscenza e sapienza molisana. La microimprenditorialità è la vera ricchezza del Molise, è un asse portante della nostra economia e rappresenta un potenziale di sviluppo importantissimo. Il risultato di oggi ci spinge, dunque, a lavorare an-

8

cora più intensamente in questa direzione”. Anche Anna Valente, presidente dell’Anva, si è detta soddisfatta: “Campobasso in Fiera fa incontrare operatori e pubblico e la presenza massiccia di entrambi ci conforta del grande lavoro svolto fino ad oggi. La manifestazione costituisce una occasione di svago

per i visitatori, una opportunità per le famiglie, ma è anche un momento di confronto e di crescita per gli operatori commerciali. Il nostro ruolo sta proprio nel fare incontrare le diverse esigenze per stimolare il dialogo e individuare nuove strategie per il futuro”.

Auguroni di cuore a Eugenio Astore Oggi vogliamo comunicare ai signori lettori che, in un noto ristorante del capoluogo regionale, si terranno i festeggiamenti per il 60° Anniversario della nascita di un uomo donato dalla natura al volontariato, donato all’umanità per sensibilizzarla alla donazione, regalato a noi, suoi collaboratori, per supportarlo e sopportarlo nella azioni sociali. Una spina nel fianco delle Istituzioni degli Enti comunali, provinciali e regionali. Siamo vicini: alla famiglia, alla moglie Daniela, alla figlia Silvia, alle quali sottrae ore preziose, giornate e settimane intere per donarle all’aiuto degli altri. Oggi, data la ricorrenza, chiediamo al presidente Eugenio Astore di darsi ‘una calmata’, lo chiedono gli Scout, gli Avisini, i tesserati Admo, le Associazioni tutte, i tuoi collaboratori, e soprattutto la tua età! Grazie per come sei, scusa la presa in giro, ma auguroni da tutti noi di cuore.

Una foto scattata ieri mattina

Carabinieri

Denunciato giovane nigeriano Continuava a risiedere tranquillamente nel capoluogo molisano, senza preoccuparsi di stare infrangendo la legge e di soggiornare nella nostra città clandestinamente. Si tratta di U.J, 21enne nigeriano, privo di una fissa dimora, un immigrato clandestino, insomma. È stato fermato ieri dai Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile del Comando Provinciale di Campobasso in via San Giovanni; durante i controlli è venuto fuori che il giovane aveva già ricevuto dal Questore di Campobasso un’intimazione a lasciare il territorio nazionale. Evidentemente non ha ritenuto necessario dare ascolto alla notifica recapitatagli in precedenza. Detto fatto. “Immigrazione clandestina” è il reato per il quale è stato denunciato dai Carabinieri della compagnia locale, che lo hanno subito accompagnato presso gli uffici dell’apposito comando locale. Qui gli è stata notificata una nuova intimazione ad abbandonare il paese entro e non oltre cinque giorni. redcro


9

Domenica 28 febbraio 2010

Il sindaco: ‘Non lasciamo soli i nostri giovani’ L’appello di Di Bartolomeo durante un incontro al ‘Pilla’

di Daniela Iannantuono Si è tenuto ieri presso l’ Istituto Tecnico Commerciale “Leopoldo Pilla” di Campobasso un incontro di sensibilizzazione ed informazione sul tema della tossicodipendenza al quale hanno preso parte, oltre agli insegnati dell’istituto, anche il sindaco di Campobasso Gino Di Bartolomeo e Padre Lino Iacobucci. Gli studenti hanno avuto l’opportunità di ascoltare la dura testimonianza di Carmine, 23 anni, ex allievo del Pilla ed ospite da due anni della comunità di recupero “La Val-

le” fondata da Padre Lino. Il giovane ha raccontato la sua dolorosa storia di tossicodipendenza iniziata quando aveva appena 14 anni. Il suo incontro con la droga è stato, in un primo momento,

piuttosto superficiale e spensierato, ma purtroppo dopo qualche anno la situazione è sfuggita al suo controllo. “Avevo perso lucidità –ha raccontato il giovane- non riuscivo più a distinguere la diffe-

renza tra una sostanza e l’altra. Ero assuefatto alle droghe leggere e pur di sentire un’emozione, una La conferenza di ieri al ‘Pilla’ qualsiasi sensazione sono passato all’uso di eroina. Solo in comunità sono riuscito offrire loro attenzione e soprata riprendere in mano la mia vita tutto amore. e a ricominciare a lottare”. E’ importante che il probleAltrettanto toccante l’inter- ma venga portato alla luce del vento di Gino di Bartolomeo sole. Sono in primo luogo le che ha parlato in veste di padre, famiglie colpite da questo prima ancora che di uomo poli- dramma a doversi esporre, parto. lare, confrontarsi senza vergo“Questi giovani non devono gna” – ha commentato il sindaessere lasciati soli, bisogna aiu- co. Padre Lino Iacobucci ha ractarli, curarli come se avessero contato, inoltre, come questi una qualsiasi altra malattia e ragazzi vadano incontro a sof-

ferenze inimmaginabili e solo dopo aver subito una serie di esperienze devastanti ed umilianti riescano a tornare indietro e a ricominciare a vivere. Ha infine invitato i ragazzi a non escludere ed isolare gli amici in difficoltà e ad essere attivi in prima persona sul fronte della prevenzione alle tossicodipendenze, vigilando attentamente sul problema.

In vista della manifestazione a Roma del 20 marzo il dibattito affronta anche il problema degli abusivismi

Acqua, no alla gestione dei privati

Continuano gli incontri sulla difesa del bene primario e contro la legge 135 Il tavolo della conferenza

di Ylenia Fiorenza Nel recente incontro sulla questione della privatizzazione dell’acqua, che si è tenuto presso la sala conferenze dell’Incubatore imprese sociali di Campobasso, si è a lungo discusso sulla tutela ambientale e sulle possibili soluzioni da proporre per far fronte all’abuso corrente sull’acqua . Un incontro-dibattito sul tema “Il grano che nasce e l’acqua che va è un dono di tutti e padroni non ha”, parole profetiche queste, tratte dal testo di una canzone di qualche anno fa del cantautore Stefano Rosso, e che ora si rivela essere soprattutto una forte spinta per l’innovazione e la crescita sociale. “Ad essere negato e violato è il diritto all’acqua ed è questa, quindi, per tutti i cittadini la sfida più alta da affrontare”, secondo il parere dell’esperto Antonio De Lellis, responsabile della pastorale lavoro nella diocesi di Termoli. “Occorre migliorare progressivamente tutti i modi di formazione - ha aggiunto De Lellis - e tutelare dal punto di vista ambientale e produttivo le nostre risorse all’interno di una cornice normativa efficace e nello stesso tempo idonea a non far diventare i beni comuni merce del cieco profitto delle multinazionali”. Produrre in modo graduale una diffusione su larga scala delle salvaguardie ambientali è stato l’orizzonte illustrato durante questo incontro, ma prima di idealizzare il fenomeno, “è bene - secondo Renato Di Nicola, esponente princi-

pale del Forum Movimenti italiani dell’acqua - riflettere che si tratta innanzitutto di una necessità comune, per sconfiggere la strumentalizzazione dell’acqua che il mondo capitalistico avanza con proposte speculative.” E partendo da una

saggia constatazione, ha continuato De Nicola, che “oggi l’inconveniente più pericoloso è che il privatizzatore non si presenta mai come tale, specie quando si presenta ai governi. Così come le multinazionali che, facendo credere che esse sono in grado di risolvere la crisi, dando liquidità, si presentano oggi come gli unici soggetti che vogliono aiutare i governi a gestire l’acqua. Ma è chiaro che dietro ci sono, invece, interessamenti diversi, e piuttosto perniciosi”. Per far sì che queste opportunità di tutela si realizzino è necessario anche un quadro giuridico, culturale, so-

ciale, educativo coerente ed omogeneo. E’ auspicabile promuovere, anche nella città di Campobasso, un comitato per il referendum abrogativo del decreto legge n. 135/2009 e per sostenere la manifestazione nazionale contro la privatizzazione dell’acqua prevista per il prossimo 20 marzo a Roma. Dal dibattito è emerso che la cultura è uno strumento potentissimo di cambiamento, ma serve una coscienza sociale per abbattere in maniera significativa la “logica privatizzatrice”, quella del profitto, con giovamento di tutto il sistema economico e sociale, dove “le mobilitazioni popolari servono per contrastare tenacemente la politica delle “grandi opere” devastatrici dei territori, perché una gestione privata dell’acqua

legata solo al business, tende a gestire la nostra vita, se pensiamo che il nostro corpo è composto dal 75% di acqua.” Gli eventi attuali testimoniano, in effetti, quanto sia diffusa in ogni settore una attività illegale, che deve essere giustamente repressa. “La sicurezza del potere si fonda sull’ insicurezza dei cittadini”. Lo diceva il grande scrittore siciliano Leonardo Sciascia ed è auspicabile che la realtà possa cambiare, ed essere ribaltata attraverso la sensibilizzazione e l’abolizione di un decreto legge che vuole la privatizzazione del-

l’acqua, dove sia insomma il potere a rendere insicuro chi lo usa per manipolare e strappare la sacralità persino all’acqua, bene comune mondiale,come condizione indispensabile allo sviluppo del Paese. Archivio

Una piazza intitolata al gemmellaggio tra i due paesi ed intese per la nuova edizione

Il Toquinho Toro Festival vola in Brasile Itatiba ‘scalfisce’ il nome del Molise TORO. Giorni di fibrillazione per gli organizzatori del Toquinho Toro Festival. Nel pomeriggio una delegazione spiccherà il volo: direzione Brasile. Il sindaco Angelo Simonelli e l’assessore alla cultura, Amalia Mozzi, partiranno in direzione della terra di Antonio Pecci. Accanto all’incontro con l’artista di origine molisana ed il suo staff, il viaggio ha un sapore tutto culturale. La delegazione torese sarà ospite della città gemellata, Itatiba. La popolazione e l’intera amministrazione brasiliana hanno deciso di sancire la fratellanza culturale con il Comune di Toro intitolando una piazza a questo evento. “Itatiba – Toro, città gemellate” sarà il nome che verrà inaugurato il prossimo 4 marzo. “Un segno tangibile dei rap-

Un momento del Toquinho Toro Festival del 2008 porti, non solo culturali, che stiamo instaurando con il Brasile e soprattutto con Itatiba” ha dichiarato con soddisfazione il sindaco Simonelli. Ma in campo ci sono anche altre iniziative. “Dal 4 al 13 marzo – ci spiega l’assessore alla cultura Moz-

zi – ci sarà una mostra di arte contemporanea a cui parteciperanno, oltre a 10 artisti brasiliani, anche quattro artisti molisani: Dante Gentile Lo russo, Paolo Borrello, Luigi Grandillo e Fausto Colavecchia”. E l’esposizione, per gli amanti dell’ar-

te, verrà poi riproposta a Toro in occasione del Festival dedicato a Toquinho. E a proposito della nuova edizione del grande evento musicale a ritmo di bossanova, il terzo anno potrebbe presentare delle sorprese. Nel 2010, infatti, ricorre il trentennale della morte del grande maestro di Antonio Pecci e fondatore dello stile musicale, Vinicius De Moraes. Per l’occasione il sogno degli organizzatori sarebbe quello di riportare a Toro il grande Toquinho. “Molto dipende anche dal supporto della Regione” confessa Angelo Simonelli. Un supporto che, a quanto pare, è ancora da definire. “Sarebbe il rinnovo di un evento che darebbe lustro all’intero Molise – ci spiega il sindaco di Toro – ma ancora non si conosce la volon-

tà del governo”. Di sicuro, dal 27 luglio al 16 agosto, Antonio Pecci sbarcherà in Italia per il suo nuovo tour. E chissà se, con qualche escamotage, gli organizzatori riusciranno a riportare Toquinho nella sua terra natìa.

Il sindaco Angelo Simonelli


10

Domenica 28 febbraio 2010

Leucosi acuta

Sette bambini colpiti da leucemia linfoblastica La forma acuta linfoblastica si presenta in tre aspetti

A Milano tra dicembre e gennaio a sette bambini è stata diagnosticata la leucemia linfoblastica acuta tre di 6, 8 e 11 anni frequentano la stessa scuola, un’altra ha il fratello che la frequenta mentre altri tre sono di altre zone. Un gruppo formato da esperti della Asl, tecnici della Regione e del Comune, dal corpo docente e da genitori sta esaminando tutti i fattori di rischio, compreso quelli ambientali, legati alla letteratura scientifica sulla malattia. I primi risultati si potranno avere entro un paio di settimane anche se pare che le misurazioni finora, riferite soprattutto a radiazioni o fattori chimici, non si discostino dalla norma. La leucemia linfoblastica acuta è un tipo di leucemia di natura maligna con carattere progressivo.[Colpisce prevalentemente i bambini con un’età inferiore ai 15 anni, la percentuale di incidenza diminuisce invece negli adulti. La FAB, ovvero una collaborazione fra USA, Francia e In-

ghilterra ha portato ad una classificazione della Leucemia acuta linfoblastica fin dal 1976, ritrovandosi 3 forme diverse a seconda della forma dei blasti L1 è la più diffusa .I sintomi e i segni clinici presentano astenia, tachicardia, pallore, emorragie, tosse, dispnea, vomito, cefalea, paraplegia, presenza di linfoadenopatie e epatosplenomegalie. In generale più alto risulta dalle analisi il conteggio dei globuli bianchi nel sangue peggiore è la prognosi. La causa scatenante rimane sconosciuta, anche se mutazioni derivanti da lesioni al DNA sono sicuramente coinvolte. Rimangono invece conosciuti i fattori di rischio che ne aumentano la possibilità di com-

Gentile Dottore, sono terribilmente indignata. Ho letto proprio sul Quotidiano del Molise di domenica scorsa che il mostro del Circeo, che ha colpito anche nel Molise, Angelo Izzo, è riuscito a fare innamorare di se’ una giornalista, e che nel Comune di Velletri sono state già affisse le pubblicazioni del loro imminente matrimonio, il 10 marzo prossimo. Ora mi domando: come può una donna innamorarsi di un soggetto che ha commesso con crudeltà, determinazione e lucidità tre omicidi? (e dico tre soltanto perché la povera Donatella Colasanti riuscì a scampare all’eccidio del Circeo fingendosi morta, altrimenti avrebbero accoppato anche quest’ultima, la cui anima chissà se riposa in pace vedendo dall’Aldilà il destino dei suoi persecutori e soprattutto quello di Izzo!). Quali sono le ragioni che spingono un essere umano a volersi accoppiare con un assassino e a decidere – seppure con quel “piccolo” ostacolo delle sbarre della prigione – di voler condividere il resto della propria vita con un soggetto simile? Cosa può avere da spartire una donna che scrive sui giornali e che supporrei dotata di una certa intelligenza e sensibilità con un essere volgare, orribile, detestabile e probabilmente insano di mente e per di più condannato all’ergastolo? Mi risponde presto, per favore? Credo che siano molti i lettori che gradirebbero una sua opinione su questa storia. Lettera firmata. Gentile Signora, Le rispondo con la velocità richiesta perché in realtà ho ricevuto qualche altra lettera di sgomento relativa al matrimonio del “mostro” che ha sparso sangue anche nel Molise. Ha quindi ragione e perspicacia quando dice che forse sono molti i lettori della mia rubrica che vorrebbero sentire un mio parere. Cominciamo col dire che la rabbia e l’indignazione sorgono intanto perché vediamo il contrasto tra la sofferenza e il dolore incolmabile di tutti i parenti delle vittime di questo criminale – e naturalmente la pietà per le tre donne uccise – e dall’altro lato i sorrisi e i fiori d’arancio che si prospettano tra poche settimane per questo soggetto che non so sinceramente quanto abbia ancora di umano e soprattutto quanto di quello che resta sia psichicamente equilibrato. Ancora, sia-

L’esposizione a sostanze chimiche come il benzene può essere una causa

parsa, come la sindrome di Bloom, e l’esposizione a sostanze chimiche tossiche come il benzene. Questo semplice solvente non agisce come tale, ma necessita della sua conversione metabolica da parte di enzimi del catabolismo ossidativo. Questi derivati sono in grado di formare legami covalenti col DNA. La modificazione apportate sono irreversibili e possono diventare La contaminazione organica con isotopi radioattivi, (specie del fosforo, P32, o del-

lo zolfo, S35) che hanno predilezione per i tessuti a rapido ricambio (come il midollo emopoietico) è stata associata spesso con la comparsa di questo tipo di leucemia. Per diagnosticare la leucemia occorre una semplice analisi ematochimica e una corretta anamnesi sul soggetto, confermata dall’esame del midollo osseo. La prognosi cambia a seconda dei casi, l’età ad esempio incide notevolmente sulla sopravvivenza della persona affetta da tale tipo di leu-

cemia, essa scende notevolmente in soggetti che hanno superato i cinquanta anni. Altri fattori da tenere in considerazione sono la quantità leucocitaria, la morfologia dei blasti e la risposta della persona al trattamento. Negli ultimi anni contro questa forma di leucemia maligna si sono sviluppate terapie che permettono un tasso di sopravvivenza abbastanza considerevole, portando la guarigione dei bambini ad una quasi totalità dei casi. I farmaci utilizzati sono la vincristina, il prednisone e idarubicina o in sostituzione dell’ adriamicina. In combinazione viene anche utilizzata la L-asparaginasi. A

Il diabolico fascino dell’assassino mo sconvolti dal fatto che una giornalista, che si suppone una professionista obiettiva e preparata, si innamori di un pregiudicato colpevole di delitti così efferati, paragonabili al sadismo omicida di cui si sono macchiati tutti i governi totalitari. La mia lettura psicoanalitica di questa vicenda si orienta su due filoni: il primo è relativo a una discutibile e improbabile (ma mai impossibile) redenzione del cattivo da parte dell’amata che si investirebbe in questo caso dell’armatura dell’eroina che vuole redimere il peccatore. L’altra possibilità è che in questa decisione sia nascosta (ma neanche tanto) una antipaticissima mitomania, il che spiegherebbe lo scoop che viene realizzato dalla giornalista stessa che diventa protagonista della sua cronaca, che insomma realizza il servizio della sua vita ottenendo una fama e una celebrità (un po’ nere, per la verità) insperate. Inoltre ho letto che la futura sposa è convinta di poter far riaprire il caso del duplice omicidio di Ferrazzano, ipotesi che pur non essendo un avvocato o un giudice mi sembra assai peregrina e campata in aria, dato che l’imputato si dichiarò reo confesso al processo. Infine esiste anche una ragione che potrebbe portare denaro a entrambi, con esclusive di foto a riviste scandalistiche o di cronaca rosa, memoriali da pubblicare a puntate sulle stesse e forse anche agevolazioni carcerarie generate dal matrimonio. Non dimentichiamo inoltre che se di matrimonio si tratta, non sappiamo come e quando (forse mai) la coppia potrà vivere insieme e dunque potrebbe trattarsi soltanto di qualche comodità da utilizzare, però sempre all’infer-

tale trattamento si sono affiancati altri fra cui la cosiddetta terapia di consolidamento dove i farmaci somministrati sono methotrexate e la citarabina (ARA-C).Il trapianto di midollo con somministrazione in precedenza di etoposide in alte dosi per preparare la persona all’intervento, offre nuove speranze ma essendoci pochi donatori compatibili deve essere utilizzata quando gli altri trattamenti non forniscono esiti. Ultimamente si stanno utilizzando medicinali quali il dasatinib e il milotinib che sono inibitori delle protein-chinasi, ed altri sono in via di speriemntazione preclinica.

Scrivete all’indirizzo e-mail: no. Sullo stato psichico di Izzo mdcaruso@virgilio.it mi sembra che si siano espressi Amedeo Caruso ogni molti eminenti Colleghi e per- settimana vi risponderà tanto non credo di avere nulla esclusivamente su quedi nuovo da aggiungere. Sarei sta rubrica. curioso di capire le motivazioni di questo innamoramento dalla viva voce della sposina. Infine devo far presente che nella storia della criminalità esistono molti esempi di donne che scrivono lettere d’amore e si dichiarano pronte a sposare dei criminali, come è avvenuto per Charles Manson, il pluriomicida di Bel Air, quello che ordì la strage americana dove fu uccisa la moglie di Roman Polanski, Sharon Tate. Questo è appunto il diabolico fascino dell’assassino, che scatena spesso nell’altro sesso un irresistibile desiderio di incontro, che altro non è però che la voglia di confrontarsi col male, senza alcuna sicurezza di avere le armi o il coraggio per affrontarlo. Come sempre la psicoterapia potrebbe aiutare a migliorare le cose, non soltanto in questo caso paradossale, ma anche lasciandosi consultare da coppie che hanno qualche difficoltà preliminare non così grave. Per il momento suggerirei di ammirare invece i paladini che si battono per la pace e che cercano di aiutare tutti i fratelli e le sorelle bisognose di questa Terra in ogni modo possibile, e che non hanno bisogno di pubblicità perché gli angeli non la desiderano. Cordialmente


DOMENICA 28 FEBBRAIO 2010

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

ANNO XIII - N. 58

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Lotta a due per Cercepiccola e San Giuliano del Sannio. A San Polo Matese la battaglia vede 4 condottieri

Prende il via la campagna elettorale Tre i comuni interessati dalle amministrative, otto i candidati sindaco in lizza Così come preannunciato, da all’occhio è venerdì fino a ieri mattina alle quello del con12.00sono state presentate le li- sigliere regioste elettorali, per le prossime ele- nale Rosario zioni comunali del 28 e 29 De Matteis che marzo.Tre i comuni dell’area essendo sanmatesina che vedranno l’avvi- giulianese vuocendarsi di nuove figure guida le ribadire la o perché no il bis per i sindaci sua presenza e di Cercepiccola e San Polo Ma- la sua vicinantese, che sono al primo manda- za alla cittadina to e si ripropongono per il se- d’origine; in condo. fondo alla lista Due le liste presentate e San “ Uniti costruGiuliano del Sannio, due quelle iamo il futuro”, di Cercepiccola e ben quattro per abbiamo anche San Polo Matese. il vicesindaco Ma andiamo con ordine a San san giulianese Giuliano del Sannio i due can- Varriano. Andidati sindaci sono Angelo Ce- gelo Codagnofaratti ed Angelo Codagnone: ne invece è il Cefaratti a capo della lista “ Uni- medico di San Michele Simiele ti costruiamo il futuro” e Coda- Giuliano del candidato sindaco gnone con “ San Giuliano nel Sannio che già a Cercepiccola cuore”. prima dell’era Due personalità molto note in Losito ha occupaese che si contenderanno giu- pato la poltrona del primo citta- chi, stamente la poltrona di Rosario dino e torna alla ribalta con nuonella parte superiore del priLosito, l’attuale sindaco, Cefa- vi proponimenti ; il simbolo mo, di colore giallo, reca la scritratti si propone in continuazio- proposto da “San Giuliano del ta di colore bianco San Giuliane dell’operato svolto sinora Cuore” è composto da due cer- no; nello stesso, alla parte infedall’amminiriore, di colore verde, insiste la strazione Losiscritta di colore bianco nel cuoIl Municipio di to, alla quale re. Cercepiccola spesso lo abbiaIl secondo cerchio, interno, è mo visto affiandi colore azzurro con sfumatucato per iniziara partendo dal basso, più chiative e manifera a più scura verso l’alto stazioni di ca;all’interno del predetto, trorattere socioculturale che hanno dato lustro alla cittadina. L’attuale sindaco sangiulianese si ricandida tra le fila del gruppo Cefaratti come consigliere,ma un altro nome noto che salta

Tonino Spina candidato sindaco a San Polo Matese viamo al centro un cuore di colore rosso con linee, nella parte superiore di colori bianco e verde; sui lembi superiore del cuore, troviamo due cerchi, giallo quello di sinistra e verde quello di destra. Nella parte inferiore del cuore, insiste un disegno di colore blu raffigurante le due torri del campanile. A Cercepiccola c’è invece la possibilità che si continui con l’attuale linea di governo ovvero sia proprio l’atSan Polo Matese

Angelo Cefaratti candidato sindaco a San Giuliano del Sannio tuale sindaco Michele Simiele a restare in carica. Simiele è a capo della lista “ La Piazza” alla quale si è contrapposta “ La forza delle idee” capeggiata da Marco Spensieri. Un po’ più combattuta è la situazione a San PoloMatese, dove per qualche tempo si è parlato di una lista e alla fine ne sono state presentate ben quattro. Si è contornato di giovani volti l’attuale sindaco Tonino Spina che, per il suo secondo mandato è alla guida della lista “ Insieme per San Polo Matese” alla quale si contrappongono “ Insieme si vince” capeggiata da Cosimo Pedicini, la lista n°

Il Comune di San Giuliano del Sannio 3“Rinnovamento” che propone come candidato sindaco Giuseppe Pompeo Santillo e per finire la lista “Giovani per San Polo Matese” guidata da Carmine Bianchini. Si è aperta così la campagna elettorale, ieri le liste sono state presentate alla Prefettura che per il momento non ha dichiarato alcuna incongruenza; auguriamo pertanto a tutti una buona e leale campagna elettorale. DaDo

Si concorrerà per il IV Trofeo “Città di Campobasso” e per la prima edizione sponsorizzata dalla Provincia

Pinocchio sulle piste per uno Slalom Gigante Campitello presenta gare di sci per tutte le età

Una giornata all’insegna della sana competizione quella che vedrà oggi sulla piste di Campitello Matese grandi e piccoli sciatori contendersi trofei, premi e qualificazioni.

Difatti proprio per oggi lo Sci Club Campitello Matese di Campobasso, con il patrocinio del Comune di Campobasso e della Provincia di Campobasso, ha organizzato con l’approvazione del Comitato Regionale Molisano della FISI una gara di slalom Gigante, valida come qualificazione regionale Giovani e Senior, e Regionale Master m.f.; la gara

sarà disputata sulla pista denominata “ex Chierroni n. 4” . Alla società che avrà totalizzato il maggior punteggio relativamente agli atleti presenti

nelle prime tre posizioni per ogni categoria , incluso le categorie partecipanti al Pinocchio sugli sci sarà assegnato il IV° trofeo “Città’ di Campobasso”;

i punteggi saranno assegnati come segue: 1° classificato punti 10; 2° classificato punti 7; 3° classificato punti 4. Per il calcolo dei punteggi si farà riferimento alla classifica ufficiale d’arrivo. A parità di punteggio sarà vincitrice la società con il maggior numero d’iscritti. In caso di ulteriore parità si procederà al sorteggio. All’atleta con il miglior tempo assoluto del gruppo Children (categorie Allievi e Ragazzi) maschile e femminile, sarà attribuito il I° trofeo “Provincia di Campobasso”, offerto dall’Assessorato allo Sport della Provincia di Campobasso. Sulla stessa pista

lo Sci Club Campitello Matese , ha organizzato anche la 19° Selezione Zonale del 28° “Pinocchio sugli sci” la gara dedicata ai piccoli sciatori in erba. Ieri c’è stato il sorteggio dell’ordine di partenza presso la sede del Comitato Molisano alla presenza della Giuria e dei rappresentanti delle Società; L’orario di partenza della gara sarà fissato dalla giuria con il I° comunicato, e comunque, non avverrà prima delle ore 8.30. Anche le condizioni climatiche sembrano favorevoli allo svolgimento delle gare per cui oggi in tanti a Campitello oltre a sciare potranno ammirare lo stile e la bravura dei partecipanti.

11


DOMENICA 28 FEBBRAIO 2010

ANNO XIII - N. 58

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Gambatesa. “Mi meraviglia la contrarietà ad una simile iniziativa che mira a garantire la sicurezza di tutti”

Telecamere, il sindaco tuona a favore del sì

Emilio Venditti: sono venuto a conoscenza delle contestazioni attraverso i blog A breve anche il comune di Gambatesa si doterà di un efficiente sistema di videosorveglianza notturno. A deciderlo la giunta comunale. “A chi danno fastidio le telecamere che l’amministrazione vuole installare in paese?” Si chiede il primo cittadino di Gambatesa che spiega: “Sono venuto a conoscenza delle contestazioni attraverso i blog e mi meraviglia la contrarietà ad una simile iniziativa che mira invece a garantire sicurezza e maggiore tranquillità ai cittadini, ostacolando non solo le azioni dei malviventi ma monitorando ogni tipo di attività che si svolge nel centro delpaese, nelle villette e per le strade”. Determinato il sindaco nel suo intento, probabilmente anche per evitare che negli spazi pubblici si rinvengano oggetti pericolosi, come le siringhe usate. Non capisce il perchè della donmanda: “la popolazione è informata a dovere sulle norme

Il sindaco Emilio Venditti

sulla tutela della privacy? Nè comprende perchè si sottolinea la mancanza di una disciplina specifica in materia.

“L’idea - ribadisce Venditti è nata per garantire una maggiore sicurezza e sorveglianza pubblica durante le ore nottur-

ne. L’obiettivo è di monitorare e scoraggiare gli atti vandalici che negli ultimi anni si sono susseguiti in paese con una certa frequenza. Attraverso l’utilizzo dei nuovi impianti di sicurezza si potrà tenere sottocontrollo alcune zone centrali, favorire inoltre una maggiore reperibilità di prove in caso di reati verso cose o persone e di intervento immediato. Le telecamere saranno installate in punti strategici, considerati ad alto rischio nelle ore notturne come via Vittorio Veneto, piazza Municipio, parte di via Nazionale. Le telecamere riusciranno a monitorare le zone interessate grazie al sistema di rotazione a 360° che permette di metterle in collegamento diretto con li gruppo della Polizia Municipale per poter effettuare un intervento repentino qualora fosse necessario. Una scelta davvero condivi-

S. Elia a P. Promosso dall’Associazione Genitori e Ministero del Lavoro

sibile quella delle cam di sicurezza perché assicurano maggiore tranquillità all’interno del territorio urbano. Dopo le cam di sicurezza automatiche e senza fili, dal Regno Unito arrivano le telecamere con megafono che lanciano segnali d’allarme e richiami all’ordine pubblico sempre al fine di contenere il fenomeno della microcriminalità e dei cosiddetti “comportamenti antisociali”. Prevengono, osservano e controllano gli atteggiamenti anti-

sociali, a discrezione dei poliziotti che, con dei megafoni, richiamano all’ordine i passanti: vi stiamo guardando, rispettate le norme. L’impiego delle telecamere di sicurezza è vastissimo ormai anche in Italia. Le applicazioni sono molteplici: dal controllo del territorio e del traffico fino alla prevenzione del crimine. Molto apprezzato dalla popolazione anche il piano delle ronde previsto per la sicurezza delle strade.

Il primo cittadino reagisce alle polemiche in circolo su internet e spiega le motivazioni dell’amministrazione RICCIA

Incontro-dibattito Alcolismo: al via il seminario per la prevenzione della piaga sociale sull’emancipazione

Promuovere la cultura del “ben-essere” sociale, sensibilizzando ed informando le famiglie su un fenomeno sempre più diffuso ai giorni nostri. Questo l’obiettivo prioritario del progetto Sperimentale di Volontariato “Alcolismo minorile e giovanile: per una rete di prevenzione e di ascolto”, elaborato dall’Associazione dei Genitori di S. Elia a Pianisi e realizzato con il contributo del Fondo nazionale per il Volontariato Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali nel rispetto della Direttiva nazionale 2007 Legge 266/91. Il convegno di lancio e gli incontri con alunni e docenti nelle scuole di S. Elia a Pianisi e Pietracatella prima, con i genitori e le famiglie successivamente, hanno segnato l’avvio del progetto. Prima di ripartire con le attività programmate per le ulteriori fasi, l’Associazione dei Genitori ritiene necessario illustrare con un seminario di approfondimento, che si terrà 6 marzo alle ore 10 presso i locali della scuola dell’Infanzia i risultati conseguiti, lo stato dell’arte dei lavori realizzati finora dal gruppo operativo permanente e gli obiettivi specifici futuri. L’intento è quello di sollecitare una partecipazione sempre più considerevole delle famiglie e un opportuno ed adeguato coinvolgimento dei rappresentanti istituzionali e del privato sociali per fornire risposte concrete.

12

Ad aprire l’incontro il presidente del consiglio regionale Michele Picciano. Sarà l’occasione per intitolare l’associazione dei Genitori alla giovane mamma Marilina Tartaglia, che ne ha ispirato la nascita e le attività. Seguirà l’intervento della dirigente scolastica, Giovanna Fantetti; di Giovanna De Cerce, Angelica Romanelli del Sert di Campobasso, di Anna Morsella dell’associazione Carità per l’uomo e del parroco di S. Elia a Pianisi, padre Timoteo D’Addario. Tra i relatori anche Angelo Percopo, direttore generale ASReM, l’assessore alle Politiche Sociali, Angela Fusco Perrella, l’assessore alla Programmazione, Gianfranco Vitagliano. La chiusura è stata affidata a Sabina Polidori del Ministero del Lavoro e membro dell’Osservatorio Nazionale del Volontariato. Attraverso la realizzazione di questa idea progettuale si intende gettare il seme per un fruttuoso impegno educativo, partendo dalla famiglia e nell’ottica di un oculato accompagnamento dei ragazzi nelle fasi particolarmente delicate della crescita. L’intento è anche quello di informare, sensibilizzare e formare i cittadini su un fenomeno che si sta diffondendo in maniera sempre più considerevole. In prospettiva guardiamo alla

creazione di luoghi ed occasioni di incontro per i giovani. La validità della proposta ha avuto riscontro attraverso l’adesione dell’ASReM di Campobasso, dell’Istituto Comprensivo di S. Elia a Pianisi, del Sert di Campobasso, dei comuni della zona, dell’Associazione Carità per l’Uomo, legata alla Diocesi di Campobasso, della parrocchia e della Comunità Montana del Fortore. “L’iniziativa vede particolarmente impegnati i volontari che vogliono conti-

nuare a costruire qualcosa di concreto attraverso il progetto “Per una rete di prevenzione e di ascolto”. I dati ufficiali e di riferimento sono stati forniti dai servizi territoriali e dalla ricerca Fenice, effettuata dalla Caritas Italiana e dal Centro di Coordinamento Interregionale Abruzzo-Molise-Puglia, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Campobasso-Boiano, Diocesi di Termoli-Larino, Diocesi di Lucera-Troia e Diocesi di Trivento.

Per l’ occasione sarà intitolata l’associazione alla giovane mamma Marilina Tartaglia

femminile

“Diamo significato alla festa della donna!” Con questo slogan sabato 6 marzo 2010 alle ore 10 nell’auditorium della scuola media Federico Ciccaglione l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Micaela Fanelli, insieme all’Istituto Omnicomprensivo scolastico, ha organizzato un incontro-dibattito finalizzato ad analizzare le condizioni dell’emancipazione femminile. Nel corso della giornata saranno inaugurate le classi primavera: un aiuto concreto per le donne. L’amministrazione comunale e l’Istituto Omnicomprensivo hanno infatti ottenuto il finanziamento della nuova realtà scolastica statale che rappresenta una tappa fondamentale per l’emancipazione della donna. Dopo i saluti del sindaco Micaela Fanelli, di Mariapina Vassalotti assessore alle Politiche Sociali e di Annamaria Pelle, dirigente dell’Istituto Omnicomprensivo, si svolgerà la tavola rotonda che sarà moderata dalle giornaliste Michaela Marcaccio, giornalista di “Nuovo Oggi Molise” e Leonardina Cardellicchio, giornalista de “Il Bene Comune”. Le giornaliste intervisteranno le donne impegnate in politica: l’onorevole Sabrina De Camillis, l’assessore regionale Angela Fusco Perrella, Giuditta Lembo,, consigliera di Parità Regionale, Annamaria Macchiarola ,consigliere provinciale. Il dibattito proseguirà con il mondo del lavoro in rosa: Concetta Pietrunti, donna imprenditrice si soffermerà sulle difficoltà di chi non rinuncia a lavorare pur essendo donna. Seguirà la significativa testimonianza di Anna Caccavale dell’Associazione Iris Onlus che da anni, dopo aver vissuto la malattia in prima persona, svolge la sua attività di volontariato accanto alle donne malate di tumore. Al dibattito non poteva mancare una mamma, riccese doc, Maria Giovanna Di Domenico, che racconterà la sua vita dopo la nascita di Giulia. Il dibattito chiuderà guardando al futuro e, per le nuove generazioni, interverranno due giovani studentesse riccesi: Giada Reale del Liceo Scientifico di Riccia e Valentina Tronca dell’Istituto Professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente di Riccia.

Interverranno: Sabrina De Camillis Angiolina Fusco Perrella Annamaria Macchiarola


DOMENICA 28 FEBBRAIO 2010

ANNO XIII - N. 58

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

Gino Donatelli, responsabile territoriale della Coldiretti, sarà uno dei 20 concorrenti del gioco con i pacchi di Rai Uno. Per il molisano l’avventura, speriamo positiva, parte il 14 marzo prossimo

‘Affari Tuoi’ ospita Trivento Gino Donatelli

Alla puntata di “Affari tuoi”del 14 marzo prossimo, il rappresentante del Molise sarà un triventino. Gino Donatelli, responsabile territoriale della Coldiretti, parteciperà come concorrente al seguito programma della rete ammiraglia della Rai. Una bella notizia che in qualche modo onora l’intera comunità trignina ( e anche quella di Limosano, essendo Donatelli originario di questo comune). Il famosissimo “ Gioco dei pacchi”, con conduttore il bravo Max Giusti, inchioda al teleschermo milioni di telespettatori ogni sera. Fa letteralmente sognare gli italiani, non solo chi gioca direttamente, mettendo in palio ben 500 mila euro ogni sera. Sono 20 i concorrenti che sperano, prima o poi, di aprire il magico pacco, contenente l’ambito premio. Il gioco lanciato da Bonolis e poi condotto da Pupo, dietro le quinte, o meglio, dietro il filo del telefono, nasconde il temutissimo “dottore”, è lui che gestisce il gioco, facendo proposte, a volte indecenti e truffaldine, ai concorrenti. Facciamo un grosso in bocca al lupo a Gino Donatelli, con la speranza che possa avere la fortuna dalla sua parte. Faremo tifo da questa parte del teleschermo. V.Sc.

A Roccavivara spunta la terza compagine con 6 donne su 9 consiglieri. Una poltrona per 3 anche a Casalciprano

Elezioni, 9 aspiranti per tre sindaci

Sulla terna dei candidati a Pietracupa, due liste sono targate Polizia penitenziaria di Vittorio Scarano Spunta le terza lista a Roccavivara. Vanno in maggioranza gli

agenti di Polizia Penitenziaria a Pietracupa. Tre liste anche a Casalciprano. Per i Comuni chiama-

Furto in villa Beccati due romeni SAN BIASE. Presi con le mani nel sacco due ladri romeni. Intorno alle ore13 di ieri, la coppia di malviventi proveniente da Francavilla, si è intrufolata in una proprietà privata di contrada Vignale, nonostante i residenti fossero in casa. Stavano caricando sul loro furgone grigio chiaro, una mola ed un trapano ed alcuni altri attrezzi da lavoro. Ma l’intervento dei carabinieri, coordinati dal comando di Bojano, ha fatto saltare il piano: i due romeni sono stati presi con le mani nel sacco ed assicurati alla giustizia. Anche il questo caso gli uomini dell’arma hanno garantito la sicurezza dei residenti, intervenendo tempestivamente. Oltre alla stazione di Torella del Sannio e di Sant’Angelo Limosano, è stata interessata anche la pattuglia di Trivento, perché si temeva che i ladri scappassero lungo la strada della vicina contrada di Codacchi. L’ultimo furto in paese si è registrato poco prima di natale. Sconosciuti hanno svaligiato una nota salumeria del posto, per poi fuggire con l’unico scuolabus in dotazione al Comune. Il mezzo è stato ritrovato qualche settimana dopo, in provincia di Foggia, abbandonato in un dirupo.

ti al voto delle amministrative da mezzogiorno di ieri è iniziata ufficialmente la campagna elettorale. Tutte rispettate le anticipazioni date su queste colonne nell’uscita di venerdì 26 febbraio. A Roccavivara sono tre le liste, una guidata dall’ex consigliere regionale, Domenico Di Lisa, denominata “ Insieme per Roccavivara”. Poi c’è quella con candidato sindaco Mauro Tufilli, de-

nominata “ Roccavivara per tutti”. Infine, la terza lista, uscita un po’ a sorpresa, è guidata da Gianluca Di Lisa ed ha un nome che è tutto un programma: “ Movimento civico partecipazione e libertà onestà e coerenza”. Il sindaco Franco Antenucci, dopo due mandati consecutivi, ha dovuto lasciare la poltrona da sindaco, candidandosi da consigliere nella lista di Domenico Di

Roccavivara

Lisa. L’ex minoranza si ritrova, invece, sotto il nome di Mauro Tufilli, mentre la novità è la lista di Gianluca Di Lisa, nata per dare un taglio alle politiche del passato. Una lista innovatrice con sei candidate donne su 9 aspiranti consiglieri. A Pietracupa, come dicevamo, sono due le liste formate da agenti di Polizia Penitenziaria contrapposte a quella “autoctona” denominata “ Insie-

me per Pietracupa” e guidata da Camillo Santilli: “ Il Faro” con candidato sindaco Giovani Santilli, e “ Unione per il Paese” con candidato sindaco D’Addario Gianluca. Infine, anche a Casalciprano sono tre le liste: “Crescere insieme” con Eliseo Castelli, ininea con il sindaco uscente, “Sosteniamo il futuro” con Domenico De Cesare e “ Insieme si può” con Aldo Di Giacomo.

Pietracupa

Aiuti per il pagamento dell’affitto Domani ultimo giorno per le richieste

Il comune di Trivento

Scade domani il bando pubblico per gli aiuti a chi abita in case in affitto. Tra i requisiti per poter accedere al concorso, la titolarità di un reddito complessivo annuo del nucleo familiare inferiore o uguale alla somma di euro 11.985,22 corrispondente all’importo di due pensioni minime Inps rispetto al quale l’incidenza del canone di lacazione sia non inferiore al 14%; ovvero imponibile non superiore ala somma di euro 13.591,84, determina dirigenziale della Giunta regionale, con incidenza del canone di locazione rispetto al reddito annuo imponibile del nucleo familiare non inferiore al 24%. Per informazioni rivolgersi presso l’ufficio competente di Piazza Cattedrale.

13


ANNO XIII - N. 58

DOMENICA 28 FEBBRAIO 2010

TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973 e-mail: redazioneisernia@quotidianomolise.it

REDAZIONE VICO I° ALFERIO n. 2 - 86170 ISERNIA

Il senatore: vediamo la sinistra cosa vuol fare. Se ha voglia di risolvere il problema o bloccare solo l’attività dell’ente

Provincia, Sorbo si mette di traverso

Ulisse Di Giacomo propone la giunta a 9, ma lui è pronto a fare un nuovo ricorso “Mazzuto componga una giunta con nove assessori inserendo una donna. L’inserimento di una rappresentante femminile darebbe anche uno slancio in più all’attività amministrativa”. Questo l’appello lanciato dal coordinatore regionale del Popolo della Libertà, Ulisse Di Giacomo per risolvere l’impasse in cui si trova la Provincia di Isernia a causa della sentenza del Tar Molise che ha azzerato l’esecutivo di via Berta per l’assenza di donne. “Ritengo che tutta questa situazione che si è venuta a creare – ha aggiunto il senatore – rischia di paralizzare l’attività della Provincia. L’unica soluzione è, quindi, a mio giudizio quella di inserire una donna nell’esecutivo, allargando la Giunta. Portare il numero dei consiglieri da otto a nove – ha sottolineato il senatore – è possibile. Infatti, il Tar con la sua decisione è entrato nel merito, superando per questo anche le norme previste dallo Sta-

tuto. Questa soluzione potrebbe essere anche l’occasione giusta per vedere quali sono i veri obiettivi della sinistra: ossia se vuole effettivamente, come dice, tutelare i diritti delle donne oppure se mira soltanto a paralizzare l’attività dell’ente di via Berta. E se ha a cuore veramente i diritti delle donne – ha concluso Di Giacomo – dovrebbe aderire a questa proposta magari votando in Consiglio anche una deroga allo Statuto per ampliare il numero degli assessori”. Alle parole di Di Giacomo hanno fatto seguito nel giro di poche ore le dichiarazioni del capogruppo di Sinistra e Libertà, Antonio Sorbo, che ha bocciato questa proposta. “Mi sorprende – ha risposto Sorbo - che il senatore Di Giacomo, politico di livello nazionale visto che siede in Parlamento, non sappia che l’autonomia statutaria della Provincia, per quanto riguarda la fissazione del numero degli assessori, è

Il palazzo dela Provincia In alto Ulisse Di Giacomo A destra Antonio Sorbo limitata dalla legge. In particolare dall’articolo 47 del D.lgs 267/2000 il quale al comma 1 sancisce che “La giunta comunale e la giunta provinciale sono composte rispettivamente dal sindaco e dal presidente della provincia, che le presiedono, e

da un numero di assessori, stabilito dagli statuti, che non deve essere superiore a un terzo, arrotondato aritmeticamente, del numero dei consiglieri comunali e provinciali, computando a tale fine il sindaco e il presidente della provincia”. Essendo in to-

tale 24 i consiglieri assegnati che salgono a 25 computando il presidente, alla Provincia di Isernia – ha continuato Sorbo possono essere nominati al massimo 8,3 assessori che, con l’arrotondamento aritmetico diventano semplicemente 8. Una modifica statutaria che accogliesse lo stravagante suggerimento del senatore Di Giacomo sarebbe illegittima e ci costringerebbe ad una ulteriore impugnativa dinanzi alla magistratura amministrativa (e non solo), senza contare che ben difficilmente otterrebbe l’obbligatorio parere di legittimità da parte degli organi preposti. Sicuro, quindi, che nessun aumento del numero degli assessori sarà previsto dall’Amministrazione provinciale, non fosse altro perché sarebbe “fuorilegge”, vorrei lanciare un suggerimento a Mazzuto: non perda altro tempo in un contenzioso che lo vedrebbe inesorabilmente soccombente, non spenda altri soldi pubblici per com-

battere una battaglia persa, ma ottemperi subito a quanto previsto dall’ordinanza del Tar Molise. La legge vale per tutti e le decisioni della magistratura vanno rispettate. Infine – ha concluso Sorbo - mi preme comunicare che nei giorni scorsi ho inviato una segnalazione alla Procura della Corte dei conti circa il conferimento dell’incarico all’avvocato Umberto Colalillo di rappresentare la Provincia nei procedimenti amministrativi riguardanti la ormai nota questione della mancata presenza delle donne nella giunta provinciale. Senza entrare nel merito delle indubbie capacità professionali del prof. Colalillo, la Giunta provinciale, a mio avviso, non avrebbe dovuto affidare tale incarico esterno con aggravio di costi per l’Amministrazione, in quanto dispone, nel proprio organico, di strutture e personale idonei per effettuare la prestazione richiesta all’esperto esterno”.

A Pozzilli Passarelli non si ricandida. Duello Cicerone-Epifanio a Sesto

PUNTI DI VISTA

Comunali, parte la sfida

Caso Huscher, Muccio: tutti litigano e nessuno pensa alla salute dei pazienti Presentate le liste per le amministrative in sei comuni della provincia “Qui non si tratta di schierarsi con l’uno o con l’altro gruppo, ammesso che gruppi ci siano. Qui si tratta di cambiare prospettiva e di metterci al posto del cittadino, del malato e dell’uomo di strada. Chi ha bisogno di assistenza e si rivolge fiducioso a quelle professionalità, a quei medici nelle cui mani ripone la propria vita, la propria salute e quella dei propri cari, non si può che rimanere sconcertati. E’ possibile che rispetto a chi soffre ci siano questi giochi di potere, queste assurde zuffe per la poltrona, questo squallido teatrino che nulla ha a che fare con la missione altissima del medico? E’ possibile che un Primario come il Prof. Huscer di fama che valica i confini della nostra città Molise e dell’Italia, anziché dedicarsi ai suoi pazienti, sia costretto da una illogica provincialissima e assai squallida congiura, alimentata da gelosie, piccole ambizioni e ossequio servilismo al potere, a impegnarsi a respingere gli attacchi a colpi di carta bollata, che stanno assumendo sempre più i colori del grottesco? E’ possibile che chi sia al vertice della sanità molisana, anziché prendere atto della sentenza del Giudice del Lavoro e ridare ai malati quella tranquillità e quella sicurezza che deriva dall’avere punti di riferimento certi in professionalità riconosciute e invidiate in mezzo mondo, mettano altra carta bollata al fuoco delle polemiche

14

Giovanni Muccio nella speranza che l’incendio divampi? Chissà come starà rivoltandosi nella tomba Ippocrate e che cosa penserà di tutto questo squallido teatro sulla pelle dei poveri cittadini molisani e non che hanno bisogno Giovanni Muccio di cure?” Guerriero Sannita

Presentate ieri mattina a mezzogiorno le liste per le elezioni amministrative nei sei Comuni della Provincia di Isernia chiamati al voto il prossimo 28 e 29 marzo. Si tratta di Acquaviva di Isernia dove saranno in quattro a sfidarsi per la carica di sindaco: Melichino Petrocelli con la lista “Uniti per Acquaviva”; Giampaolo Finzi con “Avanti per vincere”; Stefano Di Cristofaro con “Crescere Insieme”; Elio Merolillo con “Rinascita Meridionale. La stessa cosa avverrà a Roccasicura dove in lizza ci saranno: Fabio Milano con la lista “Per Roccasicura”; Angelo Campanelli per “In continuità con lo sviluppo”, Franco

Mercone con “Rinascita meridionale” e Giulio Mariani con “La Civetta”. Addirittura cinque le liste presentate a Montenero Val Cocchiara. A contendersi la fascia di sindaco saranno: Giuseppe Centofanti con “Liberi di Volare”; Marco De Simone con il

movimento “Fascismo e libertà”; Roberta Orlando con “Democrazia e libertà”; Riccardo Lancini e Carlo Di Nicola con “Montenero in Comune”. Tre, invece, gli sfidanti a Pozzilli: Guido Ferri con “Riviva Pozzilli – per un futuro sereno”; Nicandro Tasso con “Uniti per

Pozzilli” e Stefania Passarrelli con “Un paese in Comune-Stefania sindaco”. Da evidenziare come in questo caso il sindaco uscente Paolo Passarelli ha deciso di non ripresentarsi. Due le liste presentata rispettivamente a Sessano del Molise e a Sesto Campano. A Sessano esce di scena il sindaco Corrado Altieri che non si è ricandidato e a sfidarsi saranno solo: Mario Mancini con “Mancini per Sessano” e Gabriella Petrollini con “Un’idea per Sessano”. A Sesto, invece, si riproporrà nuovamente il duello tra Renata Cicerone che si presenta con la lista “Uniti per Rinascere” e Antonio Epifanio che capeggia la lista “Nuovi Orizzonti”.

slocato il Pantheon greco nelle coloratissime atmosfere Glam anni ’70 e ’80, senza tuttavia rinunciare ai richiami pop offerti dagli anni ’40 e ’50. Parafrasando moltissime icone del novecento, l’atmosfera visuale di “Orfeo agli Inferi!” si configura come una sintesi dell’intera

grafica novecentesca, filtrata attraverso la lente del ventunesimo secolo. La realizzazione dei costumi e delle scenografie punta a sfruttare mezzi e materiali moderni ed antichi, senza paura del trash e del ridicolo e senza timore di utilizzare i colori anche in accostamenti inusuali.

Umberto Petrocelli porta a Roma lo spettacolo Orfeo agli Inferi Approda a Roma direttamente dal Molise lo spettacolo “Orfeo agli Inferi!”. Sarà in scena fino al 28 febbraio presso il teatro “Salauno” (Piazza di Porta San Giovanni), proprio dietro la Scala Santa. “Orfeo agli Inferi!” ripropone la spregiudicata commedia musicale “Orphée aux Enfers” di Offenbach in chiave moderna e scanzonata. Visivamente e musicalmente ispirato alla scena Glam Rock anni ’70/ ’80, “Orfeo agli Inferi!” porta in scena un tripudio di suoni, luci

e colori in assoluta libertà all’insegna della grafica pura. Un catalogo di creatività ed arte poptrash in musica. La realizzazione di questo progetto ha coinvolto un gran numero di giovani che, sotto il nome di “Aoisland Productions”, hanno lavorato in perfetta sintonia e allegria impegnandosi nella creazione di suoni ed immagini originali e scoppiettanti. Punti forza dell’opera sono, appunto, le musiche e l’impianto grafico/visionario costruito attraverso le

scene ed i costumi, in parte progettati da zero ed in parte riportati alla luce scavando tra i banchi dei mercatini vintage, nostalgici della moda del tempo che fu e che con il loro stile a dir poco singolare. Uno spettacolo, dunque, giovane, ricco di colpi di scena e tutto da scoprire. “Orfeo agli Inferi!” è un’ideazione dell’isernino Umberto Petrocelli (in arte Umi Del Mare). Alle scene, ai costumi ed alla regia c’ha pensato lo stesso Umberto Petrocelli, che ha tra-


Domenica 28 febbraio 2010

15

Francesco Grande propone consulenze personalizzate per un look sempre al passo con i tempi

Gf, ti mette in testa idee e stile

Stasera a Isernia apre un nuovo negozio per acconciature uomo-donna Inaugura oggi a Isernia Gf Acconciature uomo - donna. Stasera alle 18 in via Carlomagno ci sarà una festa molto speciale per l’inizio di una nuova avventura imprenditoriale nel capoluogo pentro. Il che, di per sé, è già una bella notizia, considerati i tempi. Se poi ci si aggiunge che il titolare del nuovo negozio è Francesco Grande, un ragazzo di 29 anni già molto conosciuto in città per la sua esperienza e professionalità, il piacere raddoppia. Dopo una lunga esperienza maturata nel settore, nonostante la sua giovane età, Francesco deciso di offrire i suoi servizi in un locale tutto suo. Ed è bellissimo: accogliente e moderno. A predominare nelle tonalità è il bianco che rende l’atmosfera del salone molto elegante. Ma qual’è la forza di questo nuovo centro? Un istituto di bellezza per i capelli dove non si offrono solo i classici servizi di taglio, piega e colore, ma un vero e proprio studio di consulenza per il proprio look.

mo e la donna moderni deve avere sempre un certo stile. Non può essere anonimo, e cosa più importante deve adattarsi al viso. E’ importante che vengano usati i giusti prodotti per modellare, ammorbidire, scompigliare, rendere lucenti e proteggere i capelli. In generale - dunque - non vanno trascurati mai, ma trattati con prodotti specifici. C’è un altro buon motivo per “affezionarsi” a Gf Acconciature uomo-donna: sempre aggiornato e attento a tutto ciò che fa tendenza, Francesco Grande Francesco infatti, prima di procedere alle realizzazione dell’acconciatura, ama chiacchierare con i propri clienti per capire fino in fondo i segreti della personalità di ognuno rappresentandola al meglio attraverso le sue creazioni. Ed è particolarmente bravo come visagista: ad ogni faccia il suo capello. Del resto “noi siamo un po’ i capelli che portia-

mo”. Un altro punto di forza è il “piano anticrisi” che il titolare ha messo in campo per il lancio della sua attività: “tra i miei clienti ci sono molti giovani – spiega Francesco Grande – quindi le disponibilità economiche sono limitate ed io voglio andare incontro proprio a loro applicando prezzi convenienti, per tutte le tasche. Oltre a promozioni speciali sui prodotti”.

E chi meglio di un giovane può dare dei suggerimenti in fatto di look ad un altro giovane? Naturalmente nel suo salone c’è posto anche per chi più giovane non è ma vuole continuare a sentirsi tale, con i suoi ottimi consigli per apparire sempre in forma smagliante. “Lunghi o corti, i capelli sono un biglietto da visita – spiega Grande - il taglio di capelli perfetto per l’uo-

Il 29enne di Macchia ha studiato nelle migliori accademie italiane

Unisce tradizione e modernità Dagli zii ha imparato il mestiere, a Londra si è specializzato

Grande, di nome e di fatto. Francesco, titolare del nuovo negozio di acconciature uomo/ donna è cresciuto tra forbici e spazzole e la sua inclinazione verso questa arte gli ha regalato già fama e successo. Conosciuto come il nipote di Lino e Tonino, acconciatori storici a Isernia, dopo 11 anni di attività svolta nel negozio degli zii - ai quali Francesco deve tutto e che non smetterà mai di ringraziare - ha deciso che era giunto il momento di camminare da solo. Ma prima di farlo ha voluto fare anche altre esperienze, come quella a Londra, dove è rimasto per un anno a lavorare in un famoso studio di bellezza e dove ha imparato altri segreti del mestie-

Francesco Grande re. Si è formato nelle migliori accademie d’Italia, ha scelto di unire l’esperienza su campo a

studi specifici, per diventare un professionista completo. E ci è riuscito brillantemente, diven-

tando un vero e proprio consulente di stile. Per dare sfogo alla sua creatività ha scelto di rivolgersi ad un pubblico giovane, ma la “mano” acquisita in questi oltre 10 anni di lavoro gli ha permesso di accontentarne una fetta molto più grande di mercato. Insomma, anche le signore lo adorano. Poi, il fatto che si rivolga in egual misura agli uomini e alle donne, lo fa spaziare come vorrebbe. Ventinove anni, faccia pulita, abituato da sempre a lavorare sodo, Francesco ha grinta a sufficienza per affrontare questa nuova sfida, felice di aver potuto realizzare il suo sogno che è quello di vivere coltivando la più “grande” delle sue passioni.

non perde mai di vista la salute; come tutto il resto del nostro corpo, anche i capelli hanno bisogno di tante cure. E purtroppo, anche loro risentono di un regime alimentare sbagliato, della mancanza di attività fisica, soprattutto dello stress. Cosa fare per evitare spiacevoli sorprese? Seguire una dieta sana, mangiare cibi ricchi di vitamina A e B, lavarli in media due volte a settimana usando balsami e prodotti specifici, possono essere utili consigli. Per informazioni 0865 299432.

TENDENZE

Tornano di moda i tagli anni ‘80 Prima o poi questo lungo inverno finirà e a primavera si sa, la voglia di rinnovarsi si fa sentire più che mai. Si intensificano gli esercizi in palestra, si pensa al guardaroba e al look. Allora, cosa “ci metteremo in testa” per la bella stagione? L’imperativo sembra essere “capelli corti, femminili ma soprattutto acconciature grintose”, ma il via libera al classico bob, cioè il caschetto - che potrà però essere interpretato in tanti modi, regolare, asimmetrico, scalato - e alle frange ondulate. Molto trendy anche le particolari acconciature corte che gli inglesi chiamano “pixie coupes”. Si tratta di capelli corti, appunto, leggermente scalati o con dei ciuffi che vengono portati attaccati alla testa. Questa stagione i capelli insomma saranno giocosi e ribelli. E il colore? I rossi vanno scaldandosi di pari passo con la stagione, avvicinandosi all’ambra e alle tonalità cannella e rame che danno luce e la riflettono. L’intensità è più sottile, e i rossi più naturali come prugna e susina si pastellizzano in morbidi tonalità estive. Il bruno, può essere l’accento perfetto per un viso baciato dal sole, sono di moda morbidi tocchi di toffee caramellizzato, distribuiti delicatamente attraverso i capelli per un look organico e naturale. Per quanto riguarda il biondo, tutto parla di diffusione delle tonalità - le highlights sono fluide e morbide con tocchi vaniglia e crema fresca, mentre i biondi più caldi sono bellissimi in tonalità nido d’ape e sciroppo. E “lui”, cosa avrà in testa per essere “in”? Per gli uomini vedremo molto più movimento naturale, piuttosto che i tagli dritti e perfetti che abbiamo visto la stagione scorsa. Quindi molti ricci e texture, acconciature perfette per un look estate “rilassato”. Un altro trend che probabilmente vedremo tornare sarà l’influenza anni ’80, con una frangia lunga e pesante e i lati e dietro la testa un taglio corto. Tagli corti con la frangia o con un ciuffo lungo sono ancora ‘in’ per la stagione calda 2010 dunque, ma c’è una novità. Mentre i tagli da donna si accorciano, i capelli per l’uomo diventeranno davvero molto lunghi. E per lunghi si intende che superano la lunghezza delle spalle. Qualcuno sussurra addirittura che si potrebbe far ricorso alle extensions per l’uomo. Un segno dei tempi!


ANNO XIII - N. 58

DOMENICA 28 FEBBRAIO 2010

VICO I° ALFERIO n. 2 - TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973

REDAZIONE 86170 ISERNIA

Pescolanciano. Beccate dai carabinieri una 45enne e una 69enne, entrambe di origini campane

Fanno spesa con soldi falsi, denunciate Due pregiudicate avevano acquistato alimenti con banconote contraffatte PESCOLANCIANO. Avevano fatto shopping con banconote false, denunciate due malviventi campane. L’episodio è avvenuto l’estate scorsa ma solo ora, dopo una lunga attività investigativa, i militari dell’Arma sono riusciti ad identificare le due pregiudicate. Le donne avevano spacciato banconote false da cento euro in due negozi di Pescolanciano. Una volta entrate all’interno degli esercizi commerciali, le due campane avevano acquistato diversi generi alimentari. Arrivate alla cassa hanno tirato fuori dal portafogli banconote false da cento euro ed hanno ricevuto come resto soldi autentici. Non è servito tanto ai gestori dei due negozi per accorgersi del raggiro. Ma le donne subito dopo sono sparite nel nulla facendo perdere le tracce. Così si sono rivolti ai Carabinieri della locale stazione che, grazie anche all’ausilio dei militari del-

AGNONE

Il popolo di internet scende in campo in difesa dell’ospedale

l’Arma Campana, hanno iniziato una serie di indagini per identificare le due truffatrici. Sono

Lavori per un milione di euro

Ditta di Capracotta realizza strada in Abruzzo tra Sulmona e Pacentro

CAPRACOTTA. Una ditta capracottese si è aggiudicata i lavori per la realizzazione di un’importante arteria stradale abruzzese, fondamentale per lo sviluppo dell’area di Sulmona. Dall’inizio dei lavori, consegnati lo scorso 18 febbraio alla ditta Fratelli Di Menna che, come detta, è di Capracotta. Ci vorranno circa centottanta giorni per l’allargamento della strada provinciale 112 dell’Ancinara, che collega Sulmona a Pacentro. Il primo lotto dei lavori, per un importo di 512mila euro consentirà di allargare la carreggiata da 5 a otto metri, per un tratto di due chilometri. Il secondo lotto, già finanziato per altri 500mila euro, consentirà di estendere, entro l’anno prossimo, gli stessi lavori su altri due chilometri di strada. Il progetto e i fondi sono della Provincia, che detiene la competenza della strada. “Si tratta di un intervento molto importante – ha detto la presidente della Provincia dell’Aquila, Stefania Pezzopane – visto che si tratta di una strada sia di percorrenza, che di valore turistico, dal momento che porta al parco”. “Abbiamo fatto un lavoro condiviso con i vari enti e i cittadini – ha spiegato Pio Alleva, assessore provinciale alla viabilità – in modo da fare un lavoro il più possibile completo, che comprendesse anche i vari sottoservizi, fognature e cavi vari”.

una 45enne ed una 69enne residenti nel basso Casertano. Entrambe già note alle forze

dell’ordine per altri reati. Ora le due malviventi dovranno rispondere del reato di spendita dolosa di banconote false alla Procura della Repubblica di Isernia. Ed è questo uno dei tanti fatti di cronaca avvenuto negli ultimi dodici mesi in Alto Molise. Fatti di cronaca che vedono protagonisti soprattutto i malviventi campani che hanno individuato nell’area montana della provincia di Isernia un territorio fertile per le loro razzie. Non a caso i controlli delle forze dell’ordine sulle strade montane sono sempre più assidui.

AGNONE. Il popolo di Internet scende in campo per difendere l’ospedale “San Francesco Caracciolo di Agnone”. In queste ultime ore su Facebook sono nati come funghi gruppi dedicati al presidio altomolisano. L’intento è uno solo: dire no al ridimensionamento del presidio. No anche alla trasformazione dell’ospedale in poliambulatorio. E proprio il popolo del noto social network per i prossimi giorni potrebbe organizzare una manifestazione davanti al Caracciolo. Anche diversi amministratori locali hanno aderito ai gruppi. La battaglia per salvare il San Francesco Caracciolo, dunque, si dovrà combattere anche su internet.

Approvati diversi progetti riguardanti Agnone e i paesi limitrofi

Dall’Unione dei Comuni Trigno-Sinello fondi per produrre energia pulita Presto prenderanno il via progetti riguardanti la produzione di energia pulita in Alto Molise. Lo rende noto l’associazione dei Comuni Trigno-Sinello. “Lo sportello Unico per le attività produttive del “Trigno-Sinello” non conosce crisi”. E’ quanto afferma, in una nota, l’ufficio stampa del comune di San Salvo (Chieti). “I procedimenti conclusi nel 2009 sono stati 245, contro una media di 239 tra il 2005 e il 2008. Gabriele Marchese, sindaco di San Salvo e presidente dell’associazione dei Comuni del TrignoSinello, si e’ dichiarato particolarmente soddisfatto “perché – dice – in un anno di crisi come il 2009 c’e’ stato un aumento di

richieste di insediamento o ampliamento di imprese. Questo fa ben sperare per il futuro del territorio e ci porta a pensare che si potrebbe avere presto un aumento dell’occupazione”. In particolare il 18 per cento degli interventi sono avvenuti per at-

tività artigianali, il 17 per attività industriali, il 10 in attività agricole, il 14 in attività turistico-ricettive, il 23 nei servizi e il 18 per cento per le attività commerciali. Quest’anno la Pilkington e’ stata autorizzata per 4 interventi: la realizzazione di

Scio Anch’io, grande successo per la manifestazione

CAPRACOTTA.Grande successo per “Scio Anch’io” – Prima Giornata Provinciale sulla neve”. Ai piedi degli impianti di risalita Monte Capraro si

16

sono ritrovati ieri mattina, per dar vita ad una manifestazione che, nel cuore e nella mente degli organizzatori – Provincia di Isernia, Comune e Pro-

Loco di Capracotta, Ascos, Unitalsi, Pastorale Giovanile e Scio Anch’io Onlus – intende diventare un punto fermo nel panorama degli eventi dedicati ai diversamente abili. Un punto fermo che, come affermato dall’assessore provinciale alle Politiche Sociali Mimmo Izzi e dal sindaco di Capracotta Antonio Monaco, dovrà servire a spalancare le porte al mondo degli sport invernali a coloro i quali, per alcune sfortunate situazioni, non possono condur-

re una vita “normale”, vedendosi così precluse anche le più piccole gioie della vita come appunto poter andare sugli sci. Tutto questo, però, anche grazie alla portentosa macchina organizzatrice che si è messa prontamente in moto per questo particolare evento, e di questo va dato merito al Comune ed alla Pro-Loco di Capracotta, oggi sarà possibile. Tutor di eccezione, pronti a prendere per malo coloro i quali hanno il diritto di sentirsi “uguali”, i mae-

stri di sci alpino e di fondo delle due Scuole di Capracotta che hanno immediatamente dato la loro disponibilità. Tutti assieme hanno trascorso una bella giornata, all’insegna dell’amicizia, della solidarietà e perché no, dello sport, cercando di gettare le basi perché qui, in Altissimo Molise, si possa creare un centro dove il diversamente abile può praticare gli sport legati alla neve, ma anche tonificare il proprio spirito in un contesto ambientale di grande bellezza.

un locale serigrafia, l’installazione di una nuova linea e forno di tempera, l’installazione di due nuovi forni. “Come si nota aggiunge Marchese – l’industria locale da’ segno di vivacita’ operativa e di precisa intenzione di consolidare il suo ruolo nella produzione di settore, investendo svariate decine di milioni di euro in questo momento di crisi”. Gli interventi si sono spalmati nel territorio di Molise e Abruzzo. Sia per numero che per importanza si sono concentrati nei comuni più grandi: Vasto, San Salvo, Casalbordino e Cupello (Chieti), Agnone e Trivento. Investimenti importanti relativi alla produzione di energia rinnovabile si stanno effettuando in vari centri del Molise, sia per quanto riguarda il fotovoltaico che l’eolico. Altri interventi sono stati autorizzati per quanto riguarda la ricettività complessiva del territorio, la realizzazione di trabocchi e il miglioramento delle strutture balneari. E’ stata autorizzata, inoltre, la variante per l’ampliamento del porto turistico di San Salvo che prevede 70 nuovi posti barca. Da ricordare inoltre il recupero di un fabbricato a Vasto per l’istituzione di un Centro Diurno per l’autismo, gia’ realizzato, alcuni centri zootecnici ad Agnone, vari opifici nel campo agricolo a Cupello, la ristrutturazione di un Centro vacanze a Casalbordino, una cantina vinicola a Vasto.


ANNO XIII - N. 58

DOMENICA 28 FEBBRAIO 2010

TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973 e-mail: redazioneisernia@quotidianomolise.it

REDAZIONE VICO I° ALFERIO n. 2 - 86170 ISERNIA

In settimana incontro decisivo per le sorti dell’azienda. Mascio: subito un altro Consiglio monotematico

Geomeccanica, cig a rischio

I sindacati chiedono alla proprietà maggiore chiarezza sugli ammortizzatori di Marco Fusco Ma il consiglio comunale, sulla vicenda della Geomeccanica, non doveva rimanere convocato in seduta permanente? La domanda se l’è posta il consigliere di maggioranza Michele Mascio che nei giorni scorsi ha inviato una nota al sindaco Cotugno perché convochi l’assise civica per parlare solo di Geomeccanica. “ Sarebbe doveroso riportare in Consiglio Comunale il problema che assilla i lavoratori della Geomeccanicascrive Mascio-Se non altro per fare il punto della situazione e dimostrare loro che tutto il Consiglio non si è dimenticato della condizione in cui, loro malgrado, si sono ritrovati. E per dare conferma che quanto detto nelle precedenti riunioni dell’Assise cittadina non era stato, da parte di qualcuno, solo per accaparrarsi qualche applauso, simpatia o consenso. Sarebbe cosa dovuta convocare l’Assemblea al più presto e fare il punto della situazione. ” Sul ta-

volo del sindaco e del presidente del consiglio Palumbo dunque giunge questa richiesta da sottoporre alla conferenza dei capigruppo che proprio nei prossimi giorni si riunirà per decidere la data del consiglio comunale richiesto dai sette con-

Polemiche sui sampietrini

Centro storico asfaltato L’idea non piace alla Soprintendenza

Via per Dentro, via del Carmine, come via Pretorio, ovvero asfaltate? L’idea piacerebbe a parecchi inquilini di Palazzo Cimorelli ed a tanti residenti del centro storico stanchi di dover fare i conti con un manto stradale pieno di buche e dislivelli che lo rendono sempre più pericoloso. Ma questa soluzione, di certo, fanno presente gli addetti ai lavori, non troverebbe il consenso della Soprintendenza, che in epoche diverse ha già detto non ai lavori di rimozione dei sampietrini. Un diniego, questo, che non verrebbe digerito oggi da molti amministratori di maggioranza. Le condizioni pessime di molte strade interne, imporrebbero l’utilizzo dell’asfalto per evitare che i sanpietrini si stacchino dal suolo ad ogni pioggia. Moltissime strade che portano verso la parte vecchia della città, sembravano esser state bombardate. Buche profonde e larghe, ancor più insidiose perché piene d’acqua, sono sparse lungo la percorrenza di importanti assi viari della rete principale. “Queste stradine- ci dichiarano alcuni cittadini che abitano nei pressi della chiesa del Cristo- la cui manutenzione spetta al comune, sono percorse da numerosi veicoli, soprattutto motocicli e rappresentano un pericolo gravissimo per lo stato in cui si trovano. Quando piove, poi, la situazione diventa ancora più drammatica perché le buche si trasformano in pericolosissime trappole per automobilisti ma anche per noi poveri pedoni.” Insomma una vicenda che l’Amministrazione comunale dovrebbe affrontare di petto. Occorre nel centro storico una diversa tipologia di pavimentazione? Oppure sistemare continuamente i sanpietrini che alle prime piogge, scoppiano letteralmente causando non pochi problemi ai residenti? Delle due l’una: o il comune mette in conto le risorse per salvaguardare e conservare i sanpietrini, oppure cambiare cubetti tendendo al risparmio. M.F.

18

siglieri di minoranza per altre questioni. Intanto novanta lavoratori continuano la loro protesta e non si spostano di un solo centimetro dallo stabilimento ubicato lungo la statale 85. La proprietà attende risposte dalle Istituzioni. L’esposizione debi-

toria della fabbrica è di tutto rispetto ma ora tutti attendono l’annunciato confronto tra la proprietà e i sindacati. Nel frattempo si rincorrono le voci su altri possibili acquirenti. Ma per il momento si tratta solo di voci e nulla più. La verità è che le sorti future della fabbrica e dei novanta lavoratori sono compromesse. Ancora non si capisce se questi operai avranno gli ammortizzatori sociali e se si vedranno riconosciuti la proroga della cig. I sindacati continuano a sperare che la regione possa trovare risorse nuove bussando alla porta del Governo Nazionale. Ma c’è anche chi vorrebbe sapere di più sulla gestione delle risorse pubbliche messe a disposizione dalla regione negli anni passati. Si tratta di circa 4 milioni di euro che avrebbero dovuto garantire una nuova stagione di sviluppo e di competitività sul mercato internazionale della Geomeccanica. Ma da tutte le parti si chiede di non guardare al passato e di la-

vorare per il futuro della storica fabbrica venafrana che rappresenta un’eccellenza nel suo settore, per il Molise e l’Italia. In

gioco ci sono le sorti future di quasi cento famiglie del venafrano. Questo conta molto di più di ogni polemica e dietrologia.

CARABINIERI

Alla guida ubriachi Due denunce I carabinieri di Venafro hanno sorpreso alla guida un automobilista con un tasso alcoolemico altissimo, superiore a 2,5 grammi per litro. L’uomo fermato non era nuovo a reati del genere. Infatti dopo un’accurata ricerca via telematica, i carabinieri hanno scoperto che il giovane fermato aveva già la patente sospesa come conseguenza di precedente analoga denuncia. Questa volta oltre alla segnalazione giudiziaria per guida in stato di ebbrezza al guidatore è stata anche sequestrata l’autovettura. Un altro conducente, un trentaduenne campano, è stato invece sorpreso alla guida sotto l’effetto di droghe, cosa risaltata immediatamente all’attenzione dei carabinieri della pattuglia e successivamente accertata presso l’ospedale Santissimo Rosario di Venafro. Stessa sorte del precedente denunciato con segnalazione all’autorità giudiziaria e sequestro del veicolo. Ancora una volta passano per Venafro automobilisti che guidano sotto l’effetto dell’alcool e di sostante stupefacenti, in spregio al codice della strada. M.F.

“Nessuno può portarci via il martire, è il simbolo della nostra città”

San Nicandro non si tocca I venafrani replicano alle scritte apparse ad Isernia sul patrono

di Tonino Atella “Non mischiamo il sacro col profano e lasciamo stare i Santi”. Così, in sintesi, una tranquilla ma puntuale missiva pervenuta da Venafro dopo il “furto” verbale del Martire, questa volta per fortuna solo con una scritta spray - “San Nicandro è biancoceleste” - tracciata all’esterno del palazzetto dello sport isernino quasi sicuramente da un giovane tifoso del capoluogo, forse per dire che il capoluogo faceva suo anche San Nicandro dopo aver preso tant’altro a Venafro. Il “furto” ha ugualmente fatto sorridere i venafrani, comunque soddisfatti per la particolare attenzione rivolta dagli isernini al loro Protettore, il cui

esempio di vita, di fede e di sacrificio è stato tale da essere oggi il Patrono dell’intera Diocesi . “Comprendiamo benissimo - si legge - che anche ad Isernia ci sia piena consapevolezza della notevole figura del nostro Martire, tant’è il tentativo di “sottrarcelo”. Del resto siffatta attenzione nei confronti di San Nicandro da parte di Isernia non la si sta scoprendo certo oggi. Infatti l’indimenticabile avvocato isernino Mario Di Nezza,

strenuo assertore della Pentria in luogo dell’inviso Mòlise (con l’accento sulla o, dalla pronuncia dello stesso professionista), in qualità di Presidente anni addietro della Commissione Municipale per la nuova toponomastica isernina, volle insignire San Nicandro dell’ altissimo attestato sociale, civile e religioso, scegliendolo quale “ primo Venafrano, per acclarata rilevanza storica, sociale, culturale e di fede, a meritare l’inclusione del proprio nome

nella nuova toponomastica del Comune d’Isernia”. Ed oggi nel capoluogo pentro c’è per l’appunto Via San Nicandro ! Da questo però - affermano i venafrani dopo il “furto” del loro Martire con lo spray - a voler addirittura asserire che il nostro Santo sia biancoceleste, appare un po’ esagerato. E’ sì il Patrono della nostra comune Diocesi, e di tanto siamo felicissimi, ma la storia lo attribuisce a Venafro, dove sono custoditi i suoi resti dai quali si è poi affermato il cristianesimo nell’intero territorio dell’antico Sannio. Perciò permettete che resti prevalentemente venafrano, senza tentare pur simpatiche appropriazioni indebite a fini sportivi”.

I cittadini dicono no all’abbattimento del Pilla L’idea di abbattere la struttura che ospita l’Istituto Leopoldo Pilla per poi realizzare un nuovo polo scolastico, a Venafro non piace proprio a nessuno. La vicenda relativa alla scuola media ritorna dunque prepotentemente di attualità dopo i risultati delle prove di vulnerabilità dell’Università di Cassino. Nella lunga e dettagliata relazione dell’ateneo cassinate, c’è la soluzione al problema. La struttura di via Maiella chiusa all’indomani del sisma del 6

aprile dello scorso anno, con interventi mirati potrebbe essere recuperata. Si tratta di interventi strutturali importanti per rendere l’edificio scolastico a norma soprattutto sotto il profilo di sicurezza sismica. Qualcuno comunque continua a parlare di abbattimento, ma questa ipotesi, che è la più estrema, sembra essere scartata dall’Assessore alla Pubblica Istruzione Benedetto Iannacone. La decisione di abbattere la scuola, esporrebbe comunque docenti ed alunni ad

un rischio abbastanza concreto, quello cioè di rimanere sostanzialmente privi di una scuola per lungo tempo. Perplessità che sarebbero state avanzate anche dalla preside della scuola media che si sarebbe espressa per una soluzione atta a ripristinare l’esistente, operando affinché la struttura fosse messa in totale sicurezza. Questo significherebbe un risparmio economico di non poco conto e tempi molto più celeri. Il fattore tempo, infatti, non deve essere assoluta-

mente sottovalutato in quanto è opportuno ricordare che studenti ed insegnanti del Pilla, attualmente, sono sistemati in ben tre posti diversi: presso l’Istituto Giordano, la Guardia di Finanza e la nuova sede di via Osmisda. Con gravi disagi per l’utenza. M.F.


DOMENICA 28 FEBBRAIO 2010

ANNO XIII - N. 58

VIA ANDREA DA CAPUA, 6 - TEL. 0875/707896 - FAX 0874/484625

REDAZIONE 86039 TERMOLI

Il larinese conquista la sesta edizione della campionato regionale organizzata dall’Arsiam

Gara di potatura: gli olivi premianoVizzarri Al secondo posto il diciassettenne D’Ambra dell’Istituto Tecnico Agrario ROTELLO. Larino si conferma terra di potatori dell’olivo. Dopo la vittoria di Michele Ricci nel 2009, alla sesta edizione del Campionato regionale di potatura dell’olivo allevato a vaso policonico a trionfare è Giovanni Vizzarri. La manifestazione si è tenuta ieri, 27 febbraio, ed è stata organizzata dall’Arisam (Agenzia Regionale per l’Innovazione e lo Sviluppo dell’Agricoltura nel Molise) con il patrocinio della Presidenza del Consiglio Regionale del Molise, della Provincia di Campobasso, dell’Associazione Pro Loco di Rotello e sponsorizzata dalle aziende Sacom, Elep, Pellenc Italia, Di Propezio carburanti, RM macelleria aziendale, macchine agricole Di Palma, Vivaio Verde Molise, materiali enologici e oleari Michele Di Liello, Vivaio Frentana

Flora. Classe 1964, Giovanni Vizzari vive a Larino fin dalla nascita dove lavora nella sua azienda agricola e questa mattina ha conquistato il titolo regionale di potatura dell’olivo nella kermesse che si è svolta a Rotello presso l’Azienda Perrotta. Al secondo posto si è classificato Giovanni D’Ambra, studente dell’Istituto tecnico agrario di Larino che nel prossimo mese di settembre compirà la maggiore età. Erano dieci i ragazzi della scuola frentana che hanno preso parte alla manifestazione. Un binomio, quello tra Arsiam e scuole che si sta rivelando sempre più vincente e costruttivo per il futuro della manifestazione e dell’intero settore agricolo molisano. Al terzo posto si è classificato Ettore Di Lena di Larino, e dalla stessa città frentana provengono an-

che quarto, quinto e sesto classificato: Pardo Di Tommaso, Antonio Di Lena e Michele Ricci (campione regionale e nazionale 2009). Questi sei potatori molisani prenderanno parte alla manifestazione nazionale che si terrà il 12 e 13 marzo a Monto- Giovanni Vizzarri poli di Sabina (in provincia di Rieti). La classifi- saggio generazionale in un laca finale è stata redatta con le voro che tanto può dare a queclassifiche stilate dai giudici sta terra. Al termine delle gare, Barbara Alfei, capo panel del- presso il ristorante “Il Ristoro” l’Assam (Agenzia Servizi Set- di Rotello, si è tenuta la premiatore Agroalimentare Marche), il zione alla presenza del presiprofessore Davide Neri (Uni- dente dell’Arsiam Emilio Orversità di Ancona) e il profes- lando, i consiglieri regionali sore Sebastiano Delfine (Uni- Pangia e D’Alete, il sindaco versità del Castelli e il responsabile delMolise). Alla l’ufficio olivicoltura dell’Arm a n i f e s t a - siam Maurizio Corbo. Grande zione ha par- soddisfazione da parte degli ortecipato (fuo- ganizzatori per la buona riusciri concorso) ta della manifestazione. L’apanche l’undi- puntamento, a questo punto è ricenne Ales- mandato al Campionato naziosandro Di nale del 12 e 13 marzo a MonLena, figlio topoli di Sabina che assegnerà di Antonio il trofeo “Forbici d’Oro”. Il che ha chiuso Molise sarà rappresentato da sei al quinto po- potatori, compreso il campione sto: è il sim- regionale 2010 e il campione bolo del pas- nazionale uscente Ricci.

Operazione dei militari

Ritrovata un’auto rubata a Sora I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Larino hanno rintracciato un’autovettura Audi A 6 risultata rubata a Sora (FR) lo scorso 11 febbraio ai danni di un 59enne del luogo. L’automezzo è stato immediatamente restituito al legittimo proprietario. A Casacalenda i Carabinieri della locale Stazione, indagando sul furto avvenu-

to all’interno del circolo culturale “A.C.S.I.” con sede a Provvidenti ,denunciato lo scorso 25 febbraio, dove era stato rubato materiale vario per un valore di oltre 2000 euro, hanno denunciato per “ricettazione” M.F.A., 56enne residente a Casacalenda, nell’abitazione del quale i militari hanno rinvenuto, a seguito di perquisizione, tutta la refurtiva.

Il sindaco Marco Gagliardi “Non mantiene gli impegni ringrazia a nome della città E’ uccel di bosco” il comandante dei Carabinieri Il Comitato pro Vietri tuona contro Percopo

Il Comitato per la difesa dell’ospedale Vietri di Larino, continuando la sua azione di stimolo e di collaborazione con gli organismi responsabili della sanità, è costretto, suo malgrado, ad intraprendere nuove iniziative rivolte a denunziare una “voluta indifferenza da parte del Direttore Generale dell’Asrem Angelo Percopo, il quale, in occasione di diversi incontri, aveva rilasciato dichiarazioni (o promesse) di precisi impegni riguardanti un “nuovo corso” sul

20

funzionamento dei servizi essenziali del Vietri. Impegni che in questi ultimi mesi ha quasi del tutto disatteso adducendo giustificazioni fragili e contraddittorie. Infatti aveva esordito promettendo di rendere virtuosa la sanità molisana, ma ai fatti concreti si è dileguato come “uccel di bosco”, adottando la tecnica del “rinvio sine die”e assicurando nel contempo un “ottimo piano di rientro”. Di fronte a un simile comportamento il Comitato chiama in causa an-

che l’amministrazione comunale di Larino che, in posizione di attesa, è in tutt’altre faccende affaccendata, in un momento in cui i più potenti fanno il loro gioco a sicuro danno dell’ospedale Vietri. Intanto il Comitato si è già mobilitato ed ha predisposto eclatanti forme di protesta organizzando per la prossima settimana (5-6marzo) un incontro aperto a tutta la cittadinanza con la probabile partecipazione di un autorevole esperto in materia di riorganizzazione sanitaria. Si ricorda a tutti che i cittadini del Basso Molise vivono una difficile situazione di disagio che nasconde aspetti drammatici e subdoli. Se la sanità è gravemente “malata” è colpa di coloro che hanno causato lo spreco con l’uso improprio del denaro pubblico, danneggiando il Molise e tutta l’Italia. “La casa brucia!”. Occorre intervenire subito”.

CASACALENDA. Riceviamo e pubblichiamo la lettera di ringraziamenti del sindaco di Casacalenda, Marco Gagliardi, al Comandante dei Carabinieri. “Egregio Signor Comandante, ho appreso dagli organi di stampa delle brillanti operazioni che nei giorni scor-

si, insieme ai Suoi uomini della Stazione di Casacalenda, ha portato a termine. Già in passato avevo avuto modo di apprezzare le Sue capacità investigative che hanno consentito di assicurare alla Giustizia qualche malcapitato delinquente di passaggio per la nostra cittadina. A nome dell’in-

tera Amministrazione Comunale e di tutti i Cittadini di Casacalenda voglio manifestare a Lei, e a tutti i militari della Sua Stazione, i più sentiti ringraziamenti per il lavoro che svolge, in silenzio, e che ci dà la possibilità di vivere in un paese tranquillo. Grazie di cuore, buon lavoro”.

Le spoglie di Celestino V in arrivo alla Basilica Cattedrale E’ previsto per questa sera alle 21 l’arrivo delle reliquie di papa Celestino V, il papa del “gran rifiuto”, nella Basilica Cattedrale di Larino. Prima di arrivare nella città frentana le spoglie del papa faranno sosta a Montorio nei Frentani. Da qui poi si recheranno in processione fino alla cattedrale di San Pardo. Per tutto il mese di marzo le reliquie del santo, contenute in una teca, potranno essere visitate dai fedeli.


DOMENICA 28 FEBBRAIO 2010

ANNO XIII - N. 58

VIA ANDREA DA CAPUA, 6 - TEL. 0875/707896 - FAX 0874/730606

REDAZIONE 86039 TERMOLI

Pino Montagano, Massimiliano Vaccaro e Rosario Eremita candidati alla carica di primo cittadino

Bonefro tornerà ad avere un sindaco

Sono tre le liste presentate nel centro del cratere commissariato dal giugno 2009 di Fabrizio Occhionero BONEFRO. L’unico comune del cratere commissariato tornerà presto ad avere un sindaco e un’amministrazione. Sono infatti tre le liste in campo per il rinnovo del Consiglio municipale di Bonefro. Tre rispetto all’unica presentata un anno fa che non riuscì a raggiungere il quorum previsto con un singolo candidato. E questa lista, quella capeggiata da Pino Montagano, informatore farmaceutico di 35 anni, ci riprova con una squadra leggermente cambiata. E’ stato il primo a presentare gli elenchi insieme a un altro candidato alla carica di sindaco, il giovane Massimiliano Vaccaro. Due liste, la prima riconferma il nome “Giovani Bonefrani” e l’altra “Stretta di mano” che sembrano andare sulla stessa direzione già protocollate nella serata di venerdì al segretario comunale, il dottor Primiano. Una doppia proposta, presentata prima che altri prendes-

Rosario Eremita “Le ali per Bonefro” sero la scelta definitiva, che conferma la volontà di mettersi in gioco nel paese commissariato dal giugno 2009. Montagano è alla sua seconda “candidatura” mentre Vaccaro alla prima esperienza. Ma ieri mattina ha sciolto le riserve anche Rosario Eremita che ha presentato una lista dal nome ambizioso “Le ali per Bo-

Massimiliano Vaccaro Pino Montagano “Stretta di mano” “Giovani Bonefrani” nefro”. In un comunicato, diffu- gioco pronti e disponibili a con- tiva politica regionale che non so nel primo pomeriggio, si rac- frontarci con chiunque vuole la- ha favorito la ripresa economichiudono i motivi della discesa vorare per migliorare la vita del- ca dopo il drammatico evento. Pur essendo lista civica non siain campo. “Non è stato facile, la collettività. Il simbolo sintetizza anche il mo neutrali né al disopra delle ma ce l’abbiamo fatta - si legge nella nota - come è possibile in- nostro progetto. La dicitura Le- parti. Ci collochiamo esplicitamenfatti immaginare un nuovo com- Ali per Bonefro racchiude e missariamento per il proprio quello che vuole essere il nostro te nel centrosinistra sia per i nopaese senza reagire? È’ stata modo di agire e il desiderio di stri trascorsi e sia per i valori di questa la molla che ci ha spinto veder rifiorire un centro disa- riferimento. È senza maschera a mettere su la lista e metterci in strato dal terremoto e da una cat- che ci presentiamo agli elettori

Sabusco, Sabetta, Porro e Pece “aspirano” alla guida del municipio

Montelongo, poker elettorale Quattro squadre in lizza ma in paese i giochi sembrano già fatti

MONTELONGO. Poco meno di quattrocento abitanti e quattro candidati alla carica di sindaco. E’ questa la situazione che si registra a Montelongo, il paese delle cinque contrade. Da una visione “superficiale” sembra un’assurdità ma se si analizza più a fondo il quadro si dovrebbe capire il perchè. Il sindaco uscente, Nicolino Macchiagodena, non si ripropone come capolista ma è presente nel gruppo di continuità amministrativa. L’attuale vicesindaco ed ex primo cittadino, Giuseppe Sabusco, primario della Divisione di Malattie infettive del-

Giuseppe Sabusco, vicesindaco uscente ed ex primo cittadino vuole tornare alla guida di Montelongo

l’ospedale “Cardarelli” di Campobasso, sarà il candidato della lista “Per Montelongo”. Una lista di continuità alla quale “contribuisce” - se si può

AUGURI

Buon compleanno Tracy Antignani SANTA CROCE. Una persona speciale, bella dentro e fuori, che sa stupire ogni giorno con il suo stile e che non si ferma mai perché ama la vita. Oggi la splendida Tracy Antignani compie gli anni. Per lei gli auguri più affettuosi dai genitori, dalla sorella e Tonino, e un augurio molto particolare da Yayo.

usare questo termine - quella denominata “Uniti per Montelongo” e guidata da Remo Sabetta. Due squadre con molte affinita, dunque.

Poi ci sono due liste che sono composte da candidati “forestieri”. Da un lato c’è Antonio Porro, con il gruppo “Verso la libertà” e dall’altro c’è Vincenzo Pece con “Liberi di volare”. Tra queste quattro liste, con i relativi componenti e i motivi che hanno spinto e candidati a scendere in lizza, i cittadini di Montelongo potranno scegliere il loro futuro sindaco. Se invece i giochi sembrano “fatti”, nel senso che non ci sarà una vera e propria competizione, appare chiaro come andranno le cose tra le cinque contrade del piccolo centro dei monti frentani. Fa.Oc.

sapendo che il popolo è stanco di sentire promesse, parole vuote e soprattutto di vedere persone che come banderuole girano addirittura prima ancora che cambi il vento. È con la gente e per la gente che vogliamo lavorare e perciò con fiducia ci sottoporremo al giudizio che verrà fuori dal segreto delle urne. Chi sceglie noi sa che non compra a scatola chiusa”. Questo il comunicato della lista di Rosario Eremita. Ora, è aperta la campagna elettorale. Non sarà una semplice raccolta di voti ma una vera e propria competizione, come è giusto che sia in un paese dove manca il sindaco e c’è un commissario nominato dalla Prefettura di Campobasso. Dopo l’esperienza di Tullio Perrotta, la fase di “ordinaria amministrazione”, Bonefro tornerà ad avere un sindaco. A prescindere da tutto, sono tre i candidati alla carica di sindaco con le rispettive liste. Ai cittadini l’ultima parola.

PROVVIDENTI

Tre le proposte nel borgo L’assessore Fucito, Alfonso e Frasca PROVVIDENTI. Conta circa duecento abitanti, è uno dei centri più piccoli del Molise e ora si prepara a rinnovare il Consiglio comunale. Sono tre le liste in corsa alle amministrative di Provvidenti, dove figurano anche candidati nati in Canada e in Brasile. L’assessore uscente, Salvatore Fucito, guida la lista “Bene Comune” menSalvatore tre Mario Alfonso è al tiFucito mone della squadra “Per Provvidenti”. C’è pure una terza lista, composta da non residenti che ha scelto Alessandro Frasca con il simbolo “L’altra Provvidenti”. Il sindaco uscente, Angelo Petrilli, a conclusione del mandato, ha deciso di non ricandidarsi nemmeno come consigliere. Questo il quadro delle tre proposte nel borgo terremotato. Fo

Morrone, un lumicino di speranza per trovare vivo Luigi Mastromonaco

MORRONE DEL SANNIO. Si affievoliscono sempre di più le speranze di trovare ancora in vita Luigi Mastromonaco, l’anziano di 89 anni di cui si sono perse le tracce ormai da tre giorni. Le ricerche in contrada San Martino e nelle zone circostanti sono continuate anche ieri. Impegnati i Vigili del Fuoco, la Forestale, i Carabinieri, il Soccorso alpino e diversi volontari. Quasi cinquanta persone che hanno setacciato di nuovo tutta

l’area impiegando un elicottero e pure un cane di razza bloodhound, addestrato per riconoscere il percorso seguito da una persona annusando oggetti personali. Sarebbero due le piste individuate dal segugio - gli spostamenti - ma di Luigi Mastromonaco non c’è proprio traccia. Le ultime persone che l’hanno visto hanno detto che doveva consegnare un agnello. Dell’uomo sono state trovate le scarpe, ma secondo il racconto

di alcuni, avrebbe indossato degli stivali gialli per portare il capo di allevamento. E proprio un colore così vivace qual è il giallo non è stato avvistato nemmeno dall’elicottero che si è alzato più volte spingendosi anche verso i boschi. Che cosa potrebbe essere successo all’anziano? Non è chiaro. Ci sono le ipotesi e purtroppo non fanno sperare anche se tutto può succedere. Se le ricerche hanno dato esito negativo l’agri-

coltore non potrebbe essersi allontanato di troppo a piedi. Si pensa quindi a un malore, a un disorientamento, chissà. La zona è impervia e piena di anfratti. Ci sono scarpate e altri fossi dove Luigi Mastromonaco potrebbe essere scivolato mentre tornava a casa. Intanto le ricerche riprenderanno anche oggi, domenica e poi bisognerà aspettare le decisioni del magistrato. La famiglia sta vivendo momenti di angoscia. Fa.Oc.

21


ANNO XIII - N. 58

DOMENICA 28 FEBBRAIO 2010

REDAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

LA SFIDA...

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL 0874/484623 - FAX 0874/484625

All’andata gli abruzzesi si aggiudicarono il match grazie al gol dell’ex Partipilo Il tecnico La Cava carica la squadra per il riscatto

Tra i pali tornerà dal 1’ Trinchera (dopo 5 mesi di assenza)

Ferrentino ‘sorpassa’ Murano nel ruolo di mezza punta

“Cuore e carattere: così si batte il Casoli” di Franco de Santis CAMPOBASSO. “Chi si ferma è perduto”. Chissà quante volte in questa settimana questa frase (made Principe de Curtis, ndr) avrà gironzolato nella testa GIRONE F LE GARE IN PROGRAMMA 24^ giornata Atl. Trivento - RC Angolana Centobuchi - Recanatese Chieti - Bojano Civitanovese - Atessa VdS Elpidiense C. - Morro d’Oro Luco Canistro - Santegidiese Miglianico - OI. Agnonese N. Campobasso - Casoli Real Montecchio - L’Aquila Classifica Santegidiese 45 Atessa VdS 44 Civitanovese 43 L’Aquila 43 Atl. Trivento* 41 Chieti 39 38 Ol. Agnonese 35 Campobasso Recanatese* 31 31 Bojano** Casoli 29 Luco Canistro 27 Centobuchi 27 Morro d’Oro 23 Miglianico 23 R.C. Angolana 20 Elpidiense C. 12 Real Montecchio 9 * punti di penalizzazione Prossimo turno (7/03) Atessa VdS - Chieti Bojano - Elpidiense Cascinare Casoli - Luco Canistro L’Aquila - Centobuchi Morro d’Oro - N. Campobasso Ol. Agnonese - Civitanovese Recanatese - Atl. Trivento RC Angolana - Miglianico Santegidiese - Real Montecchio

22

di Sergio La Cava. Sarebbe strano il contrario: il momento più delicato della stagione rossoblu è in atto, ed entrerà nel vivo oggi pomeriggio, quando alle 14.30 si rinnoverà l’appuntamento con le gare interne. A Selva Piana l’ospite di turno è il Casoli di Pasquale Logarzo. La grinta da ritrovare. E’ vero, lo svantaggio, dopo parecchio, è tornato a salire sia sul primato che sui playoff. Ma con undici giornate ancora da vivere, si può dire che una vittoria renderebbe ancora incandescente la lotta in un campionato ‘strano’ e senza padroni assoluti. Tanto vale provarci, naturalmente a partire dalla sfida agli abruzzesi, che vanno affrontati e magari

battuti con un’arma ‘letale’: la determinazione. Il tecnico dei Lupi scuote i suoi ‘prescrivendo’ la medicina che risolleverebbe morale e classifica: “Dobbiamo ritrovare lo spirito vincente, quello che abbiamo dimostrato di possedere ad Agnone.

Osvaldo Casapulla

DAGLI ALTRI CAMPI

In vetta è scontro diretto tra Civitanovese e Atessa

CAMPOBASSO. La prima della classe Santegidiese, dopo lo 0 a 0 di domenica scorsa imposto dall’ottimo Trivento, prova a tornare alla vittoria. L’ostacolo odierno, però, non è certamente dei più comodi da saltare: bisognerà affrontare, infatti, il Luco Canistro, rafforzato e caricato dagli ultimi risultati positivi. Ma c’è uno scontro diretto importante in vetta: la Civitanovese di Jaconi sfida l’Atessa Val di Sangro di Giandonato. Pensate, i rossoblu marchigiani non perdono dalla gara di andata con gli abruzzesi, cioè da 17 giornate. Potrebbe approfittarne L’Aquila, impegnata sul campo del Real Montecchio, ormai a 11 punti dalla zona playout. Derby nelle Marche tra il Centobuchi (vittorioso nel recupero di mercoledì scorso) e la Recanatese, che ha quattro punti sulla zona ‘pericolo’. Un match da vincere a tutti i costi quello che vedrà opposte l’Elpidiense Cascinare e il Morro d’Oro: la prima si gioca le ultimissime chance di agguantare i playout, la seconda è a caccia della zona salvezza, che però è distante quattro lunghezze.

La voglia di battere l’avversario deve essere tanta: bisogna far capire subito che noi siamo il Campobasso e non abbiamo certamente paura del Casoli, pur rispettandolo”. Insomma, concentrazione e carica agonistica sembrano essere quelle giuste. Così all’andata. Un gran gol dell’ex di turno Damiano Partipilo regalò il successo ai gialloblu nel mese di novembre. Partita piuttosto equilibrata, decisa da un errore di distrazione della difesa. Fu il secondo ko consecutivo in trasferta della gestione Paolucci, quarto in totale. Ma sull’incontro pesò il gol annullato a Covelli nel primo tempo, apparso regolare. Acqua passata, in un torneo che ha riservato diversi episodi contrari ai Lupi. Situazione infortuni e acciacchi. Frank Maglione e Albino Fazio i due squalificati. Non ci saranno né Gallicchio né Cordua, e salterà la partita odierna anche Castiello. Murano non è al meglio e molto probabilmente andrà in panca, così come Iannitti. I nodi sembrano essersi sciolti con il primo tiepido sole che sa tanto di primavera. E così, tra i pali a distanza di quasi cinque mesi tornerà titolare Mirko Trinchera (’90, due presenze all’attivo). Linea difensiva: la coppia Minadeo-Follera proverà a tappare i buchi per vie centrali. Larghi sulle fasce ci saranno Ricci (’91) e Gargiulo (’89), il quale pare aver vinto il ballottaggio con De Santis. Nel cuore del centrocampo Casapulla e Gennarelli (’89) a ‘spezzare’ le trame e rilanciare l’azione, Coquin e Todino penseranno a cavalcare le corsie di appartenenza. Ferrentino (’90) sarà il ‘compagno di viaggio’ di

POSTA CELERE Caro Presidente Di Cristinzi, le rivolgo qualche domanda. Perché il nostro campionato di Eccellenza è formato quasi sostanzialmente da giocatori che vengono da altre regioni? Eccetto i fuori quota. E poi: perché anche gli allenatori provengono da altre regioni? Almeno quelli che guidano le squadre che puntano a vincere. Colpa dei dirigenti poco oculati o di un livello tecnico ancora basso, malgrado oltre dieci anni di autonomia calcistica? (ge.ve.)

Giuseppe Todino

Covelli. L’arbitro è il signor D’Albore di Caserta. Le previsioni meteo promettono bene: nonostante l’ultima delusione, è atteso un buon numero di tifosi.

Juniores. I lupetti infilano il tris con l’Atessa: in gol Formisano (2) e Leccese. Toccata quota 39 punti anche grazie alla vittoria nel recupero de L’Aquila.

Un doveroso grazie a Gigino Carnevale di Gennaro Ventresca “Articolo quinto: ha ragione chi ha vinto”. Lapalissiano. O no? Noi, quindi, abbiamo torto. Meglio lasciar stare le polemiche, tanto a cosa servirebbero? Tuttavia mi sia consentito tornare indietro nel tempo, per fare un po’ di chiarezza. E qualche precisazione. Più volte ho scritto che solo tre presidenti hanno vinto a Campobasso: Nucciarone, Molinari e Berardo. A cui dovrei aggiungere Luigi (Gigino) Carnevale, medico di base di provate capacità professionali. Nel campionato 1971-72 i rossoblu militano in Promozione campana (l’attuale Eccellenza) e arrivano secondi, alle spalle della Sessana, con una formazione di soli ragazzi nostrani (Carlozzi, Scorrano, Palladino Roberto, Scalabrin, Grimani, Romano, Palladino Nicola, De Libero, De Matteis, Di Soccio e Insogna. Allenatore Landolfi). Ma la promozione è unica e bisogna aspettare un eventuale ripescaggio. Che non arriva, per mancanza di posti. A nulla valgono neppure le promesse dei capi della Lega di Firenze. Bisogna rassegnarsi a un altro anno tra i Dilettanti. Ma una mattina il presidente Gigino Carnevale riceve una telefonata da un certo Lo Schiavo, un bidello di Avellino, sedicente direttore sportivo, ma a tutti gli effetti faccendiere: il Vallo Diana, un centro del salernitano, Polla, vuole vendere il titolo di D. Carnevale dopo aver accertato la veridicità della notizia, si fionda per cercare i soldi. Viene indetta una riunione nella sede della Unione Sportiva (sotto la tribuna), a cui partecipa anche il sindaco, il democristiano Franco Nucciarone. Si trovano in un batter baleno 17 milioni (con l’autotassazione e con il coinvolgimento di alcuni costruttori), per pagare la liquidazione al presidente campano Ritorti. E il Campobasso torna in D, da dove era uscito due anni prima per differenza reti e il peso di un illecito sportivo, che gli sarebbe costata una penalizzazione di 8 punti da scontare l’anno dopo, in cui sul campo arrivò secondo, alle spalle della Barrese che poi avrebbe rinunciato. Facendo spazio alla Pro Salerno che avrebbe negli anni ceduto il titolo alla Cavese che inizialmente prese il nome di Pro Cavese). Da storico rossoblu non potevo far passare sotto silenzio la generosità di Carnevale e degli amici che gli stettero vicino. Come mi è sembrato giusto rimarcare il ruolo dell’avvocato Franco Nucciarone che dopo aver sostenuto la cordata Carnevale a trovare i 17 milioni (erano bei soldi), rilevò la presidenza, riaccendendo il tifo rossoblu, con l’avvento di Angelillo alla guida tecnica della squadra che l’anno dopo (1975) salpò in serie C (unica, senza C2). Mi sono ripromesso di ritornare sull’argomento, visto che la maggior parte dei tifosi della Nord, a quei tempi, non erano neppure nati. Per questo sarà bene dare loro qualche notizia in più sulle contorte storie campobassane. Chiudo con una domanda: ma come mai a Campobasso, negli anni Settanta, riuscivamo con poche lire a fare una squadra da primato con ragazzi del posto che si facevano onore sui campi campani, mentre ora non c’è una sola squadra di Eccellenza molisana formata a elementi locali?


Domenica 28 febbraio 2010

23

All’Acquasantianni ‘sbarca’ l’abbordabile Angolana. Perde la Juniores di Rienzo

Trivento, vigilia turbolenta Ieri sono stati messi fuori rosa Viglione e Ciafardini per motivi disciplinari di Giose Trivisonno Ieri Ciafardini e Viglione sono stati allontanati dalla squadra per motivi disciplinari. La società tiene il più stretto riserbo sui dettagli della faccenda. Carannante non avrà a disposizione i due terzini. La gara. Il Trivento cerca all’Acquasantianni un successo che potrebbe portare la formazione gialloblu sul podio. Contro la Renato Curi Angolana sarà una partita da prendere con le molle: ci vorrà molta attenzione per avere la meglio sulla squadra di mister Marcangeli che, dopo aver acciuffato in extremis un buon pareggio contro il Chieti, cerca la continuità di risultati in casa di un’altra big. L’Angolana dovrà rinunciare a Bassano per squalifica e a D’Orazio per infortunio. Rispetto alla gara scorsa, però, tornano a disposizione Fideli e Pomposo. La classifica dei neroazzurri è deficitaria, sono al terz’ultimo posto, ma la squadra abruzzese è ancora in corsa per la lotta salvezza e quindi di

certo non mancheranno le motivazioni. In attacco il tandem offensivo dovrebbe essere composto da De Matteis e Pagano, entrambi autori di un gol nel 2-2 con il Chieti. All’Acquasantian-

ni, dunque, arriverà una squadra con la voglia di lottare per smuovere la classifica, il Trivento è più forte ma lo deve dimostrare sul campo. La partita sarà diretta dal Sig. Loiodice di Matera.

Scelte. Carannante deve rinunciare a giocatori importanti come Voria (ultimo turno di squalifica) e Guglielmi. Resta infortunato il solo Luigi Palumbo, mentre sarà assente anche Monaco di Monaco che ha subito una lunghissima squalifica di 8 giornate. In settimana non si sono allenati al meglio Ferrara e Bernardi a causa dell’influenza ma sono pienamente recuperati e saranno della partita. Anche Gallo ha saltato qualche seduta per rispondere presente alla convocazione in Nazionale under 18 dilettanti: il centrocampista classe ’92 è motivatissimo e ci tiene molto a festeggiare con il Trivento la Na-

zionale e la fascia di capitano che gli è stata assegnata. Carannante utilizzerà il solito 4-3-3. Fra i pali gioca Quintigliano, la difesa è la stessa della scorsa settimana con Scudieri a destra, Ferrara a sinistra e la coppia centrale formata da Varchetta e Spagnuolo. Oggi va difeso anche il primato della miglior difesa del campionato (insieme con quella della Recanatese). A centrocampo il tecnico sembra intenzionato a riproporre Leone nel ruolo di centrale con Gallo e Corradino in mediana. In questo modo Carannante recupera un posto per un senior in attacco: così tornerà Nicola Chicco al centro dell’attacco sostenuto ai lati da Borrelli e Bernardi. Questa sembra l’ipotesi più probabile ma ci sono delle possibili varianti dato che alcuni giocatori scalpitano per trovare spazio: Vacca è uno di questi ma ci sono anche Pentrelli e Ferreyra che possono rappresentare soluzioni alternative. Tenendo conto della regola degli under se ci dovesse

essere spazio a centrocampo per Ferreyra, allora in avanti sarà inserito un giovane scelto fra Pentrelli (al posto di Chiccco) o Vacca ( per Borrelli). In ogni caso sarà un Trivento che proverà a partire subito forte nel tentativo di mettere in sicurezza la partita, durante il match Carannante darà spazio alla panchina in base all’esigenze della gara. La filosofia è sempre la stessa: il gruppo e gli equilibri tattici prima di tutto, ci sarà spazio per tutti in questo finale di campionato, l’importante è che tutti credano in un solo obiettivo. Juniores. Il Chieti ha battuto il Trivento per 0-1. Una brutta sconfitta per la squadra di Rienzo che, pur rimanendo capolista, adesso è ad un solo punto dalla squadra teatina. Con questo risultato si riaprono incredibilmente i giochi al vertice del campionato. Il gol vittoria è arrivato a metà ripresa, il mister dei molisani Rienzo è furioso con l’arbitro per un rigore non concesso e per un gol annullato al Trivento.

Olympia Agnonese, occhio Bojano a Chieti per l’impresa al Miglianico. Agovino rilancia Djallo partirà titolare? Ciarlariello al centro della difesa Farina dovrà rinunciare a Panico, Desiderio e Carrino

di Felice Pettograsso Sarà vera partita quella che questo pomeriggio i biancorossi disputeranno all’ “Angelini” contro i neroverdi del Chieti. Il match odierno presenta numerose in insidie, e per il valore degli avversari e per l’ambiente caldo che i bojanesi troveranno in terra abruzzese. Ad ogni modo la l’allenatore bojanese, Francesco Farina, ha posto ai suoi uomini un imperativo categorico: tornare a far punti lontano dal “Colalillo” e riprendere la serie di risultati utili consecutivi dopo lo splendido successo ottenuto sette giorni fa nel derby contro i cugini del Campobasso. Un eventuale successo equivarrebbe per i biancorossi a centrare la decima vittoria stagionale in campionato e, pertanto, mettere una seria ipoteca sulla salvezza diretta ed anticipata in serie D. Contro i teatini, comunque, ci sarà da soffrire perché gli uomini di mister Vivarini hanno conquistato solamente un punto nel-

le ultime due partite e quindi hanno la necessità di riprendere il cammino verso la zona playoff, vero obiettivo stagionale della compagine teatina. Farina, sarà costretto a fare a meno del terzino destro, classe 88’, Nunzio Panico, appiedato per un turno in settimana del giudice sportivo e non potrà contare sul terzino Fabio Desiderio, oramai un infortunato di lunga data. A complicare la situazione relativa al parco juniores disponibile per la linea difensive si aggiunge anche l’assenza dell’altro terzino sinistro in età di lega, vale a dire Giovanni Carrino che è stato vittima di un problema muscolare in settimana. Rispetto al derby con i cugini rossoblù, quindi, appare probabile che il tecnico biancorosso finisca per optare per una difesa più esperta, spostando in posizione di terzino destro Sergio Ruggieri, con il confermato tandem di centrale costituito da Gioffrè e Bearzotti, ed impiegando il classe 90’, Giovanni Sacco, nel ruolo

Djallo di terzino sinistro, in sostituzione dell’infortunato Carrino. A centrocampo confermati gli junior Michele Altieri, nel ruolo di intenditore, e Dario Rendente in posizione di mediano metodista mentre potrebbe essere impiegato, sin dal primo minuto il guineano Djallo, match-winner dell’ultimo derby contro i rossoblù del Campobasso, schierato al posto di Francesco Grillo, pronto tuttavia a dare il suo contributo in corso di partita. Dietro all’unica punta di ruolo agiranno il fantasista Armando Iaboni e, sulla sinistra, anche la seconda punta, classe 90’, Claudio Raucci. Dirigerà il match odierno contro il Chieti l’arbitro brindisino Gianluigi Di Stefano che sarà coadiuvato dagli assistenti Carlo Del Vecchio e Luca Mattani di Barletta.

Il Miglianico ha più bisogno di punti dell’Olympia Agnonese ma l’Olympia Agnonese è una squadra superiore al Miglianico. Sono queste due frasi a fornire una chiave di lettura per la partita di oggi pomeriggio. La differenza in campo la faranno le motivazioni e la voglia di vincere delle due squadre. La formazione granata insegue la salvezza, con 38 non è ancora matematico ma ci manca veramente poco. In caso di vittoria, infatti, l’Olympia potrebbe ritenere acquisito in primo traguardo stagionale, la permanenza in serie D. Il mister Agovino cerca un riscatto dopo il pareggio contro l’Elpidiense della scorsa settimana. Il tecnico degli altomolisani sa bene tutte le difficoltà a cui va incontro, conosce la forze delle squadre disperate che sono all’ultima spiaggia. Formazione. Ci sono ancora dei dubbi legati all’undici iniziale che saranno risolti solo nella mattinata di oggi. Pezone giocherà in porta. In difesa ci sono delle situazioni particolari: Pifano sarà in campo ma, dopo una settimana senza allenamenti in cui ha fatto uso di antibiotici, appare un po’ debilitato e non al top della condizione. Il terzino sinistro sarà Litterio. Il dubbio che attanaglia Agovino è per il ruolo di centrale di difesa in coppia con il sicuro Pesce Rojas: Scampamorte o Ciarlariello? Il primo si è conquistato il ruolo da titolare, ma Ciar-

lariello resta comunque un giocatore validissimo che adesso è a completa disposizione del tecnico. Il ritorno in campo potrebbe servirgli per recuperare anche motivazioni e voglia. Agovino pensa molto all’aspetto psicologico dei giocatori, vedremo quali saranno le scelte. Per il resto la formazione è praticamente fatta: a centrocampo ci sarà come di consueto Siciliano al centro con Tammaro e Di Lullo in mediana. Anche in avanti c’è la conferma del tridente senior composto da Di Vito, a sinistra, Alleruzzo, a destra, e Aquaro nel ruolo di attaccante centrale. Proprio Aquaro sta segnando a raffica negli ultimi tempi e da lui ci si aspetta molto in termini di finalizzazione. In panchina ci saranno degli elementi che potrebbero entrare a partita in corso: il neo allenatore Baratto, capitan Orlando, il giovane Vitale e Raffa. Arbitrerà l’incontro il Sig. Colarossi della sezione di Roma 2. Juniores. La squadra di mister

Ciarlariello Menna ha vinto facilmente sul campo de L’Aquila con un secco 1-3. Nel primo tempo è protagonista Raffa, autore di una doppietta, allo scadere gli abruzzesi accorciano le distanze. Il terzo gol granata porta la firma di Sica allo scadere della ripresa. L’Agnonese è sempre in corsa per un posto nei playoff.


24

Domenica 28 febbraio 2010

La formazione di Precali chiude la gara in otto uomini (63’) e il Cb 1919 non infierisce

La Frentana Larino inciampa sull’arbitro Guarino Campobasso 1919 Frentana Larino

3 0

CAMPOBASSO 1919: De Rosa sv ( 76’ Bellomo sv), Morena R. 6.5, Morena N. 6.5, Pignataro 6.5, Cinquino 6.5, Murazzo 6.5, Di Chiro 6.5, Tedeschi 7 ( 65’ Vena sv), Vignone 6.5, Vinciguerra 7, Del Zingaro 6 ( 62’ Fuso sv). ALL.: Lozzi 7 FRENTANA LARINO: Antenucci 5.5, Amabile 6, Bracone 5.5, Napolitano 5, Lapiccirella 5, Abbruzzese 6, Avallone 6, Jevoli 6, La Torre 5 8 70’ Caruso sv), D’Ettorres 5 ( 80’ De Janni sv), Lemma 6 ( 75’ Di Lena sv). ALL.: Precali 5 ARBITRO: Guarino di Torre del Greco 7 Assistenti: Santoro 6.5 e Maratea 6.5 di Termoli MARCATORI: 19’ Pignataro, 38’ Vinciguerra, 63’ Tedeschi. Note. Espulsi: 25’ Napolitano, 48’ Avallone, 63’ Bracone. di Alfonso Sticca CAMPOBASSO. Forse è anche inutile chiedersi il perché. La sconfitta della Frentana Larino viene consumata negli atteggiamenti dei singoli. Rilievo fatto nel dopo gara dall’allenatore: “Troppo nervosismo. Non è la prima volta che rimaniamo in inferiorità numerica. Ora dobbiamo ricompattarci e scongiurare lo scivolone nella zona playout”. Indicativi le dichiarazioni di Precali che accusa più del dovuto la sconfitta con il Campobasso 1919, non per i tre punti lasciati sul sintetico dell’antistadio, ma in previsione di una ipotetica formazione da schierare nelle prossime partite. Per il Campobasso 1919 non è finita. A prescindere dai tre punti incassati, dopo un digiuno di alcune giornate, la formazione campobassana dovrà ancora soffrire per ottenere la salvezza. Ma ora in casa del Campobasso 1919 si guarda al futuro con maggiore fiducia per la nota positiva espressa nella prima mezzora di gioco: voglia di combattere e saper soffrire senza reagire a qualche colpo proibito ricevuto, guardando all’obiettivo

L’1-0 di Pignataro

che doveva essere consumato. Vittoria era segnata, e vittoria è stata. Ma la gara non è stata facile da comprendere, soprattutto sul piano dell’atteggiamento violento di alcuni calciatori del Larino. Le provocazioni di Napolitano e Lapiccirella non hanno sortito gli effetti sperati. Anzi, gli ‘atti’ fuori dal regolamento del calcio si è ripercorso sulla formazione frentana che alla fine ha chiuso la gara in otto uomini. L’arbitro Guarino di Torre del Greco. Lo ricorderanno a lungo i tifosi bianconeri, lo ricorderanno a lungo Napolitano, Avallone e Bracone. Tre espulsioni in appena trenta minuti, perché al terzo cartellino rosso il Campobasso 1919 si è fermato. Non si è giocato più. Si è assistito alla lenta agonia del Larino che oltre a rimetterci i tre punti ci ha rimesso anche la

Per i rossoblu match in discesa dopo gli affondi di Pignataro e Vinciguerra e la superiorità numerica

Il raddoppio di Vinciguerra

Il Monti Dauni allunga sulle inseguitrici Un gol di Cuttano manda ko la Maronea Maronea Monti Dauni

0 1

MARONEA: Sarni, Vassalli, Michilli, Petti, D’Angelo M., D’Angelo G., Di Girolamo, Lattanzio, Moscufo R., Speranza D. (Moscufo F.), Larivera S. (Desiato) ALL.: Cordisco MONTI DAUNI: Stango, Cuttano, Priore, Chiappinelli, Cardone, D’Emilio, Di Corcia (Mastrodonato), Gerardi (Ruotolo), Di Virgilio (Scarano), Cirillo, Troisi ALL.: Chiarella MARCATORE: 65’ Cuttano PALATA. La Maronea incassa il secondo ko consecutivo di misura, questa volta ad opera della capolista Monti Dauni, sempre più prima, e sempre più con la promozione in tasca. Ma la classifica non inganni: i ventinove punti di scarto a vantaggio dei pugliesi non si notano, almeno in questa occasione. Gli uomini di Cordisco, infatti, giocano una gara generosa, forse troppo condizionata dagli assenti e dagli inevitabili limiti offensivi. Il copione, però, viene eseguito egregiamente per oltre un’ora. Si parte con il Monti Dauni costantemente proiettato nella metà campo avversaria, con un possesso palla che risulta però ineffica-

Le proteste dei bianconeri a fine gara contro Guarino di Torre del Greco

L’esultanza di Donato Vinciguerra dopo la realizzazione del momentaneo 2-0 in favore dei rossoblu

ce in termini di occasioni da rete. L’unica, nel corso della prima frazione, capita su palla inattiva al 28’: angolo pennellato di Cirillo, D’Emilio sembra risolvere la mischia ma il pallone sbatte sulla traversa per il rammarico ospite. Chiuso in parità un primo tempo avaro di occasioni, la Maronea inizia ad accarezzare il sogno dello 0-0 in condizioni decimate. L’incantesimo si spezza solamente al 65’, sull’invenzione di un Cirillo unico ispiratore dell’abulica manovra dei boys di Chiarella. Il fantasissta trova un passaggio geniale per l’inserimento di Cuttano, la difesa si lascia trovare scoperta, e per il numero due diventa un gioco da ragazzi infilare sul secondo tentativo ravvicinato che anticipa anche il difensore Michilli. Incassato il colpo che frantuma il disegno iniziale, i locali provano il tutto per tutto con lo spostamento in avanti di Michilli e Petti per sfruttare meglio le possibili situazioni da fermo. Nei restanti venticinque minuti, però, merita annotazione solamente un contropiede di Larivera bloccato brillantemente dal positivo D’Emilio. Troppo poco per greare grattacapi alla solida capolista. Il Monti Dauni, a testimonianza di ciò, si limita a controllare senza problemi l’ennesimo successo di misura della stagione, contro una Maronea che si giocherà, dal prossimo turno, una salvezza difficile. Gli scontri diretti casalinghi potrebbero fare la differenza.

faccia. I dirigenti non hanno digerito l’atteggiamento avuto in campo di alcuni giocatori e, i provvedimenti non tarderanno ad arrivare, anche se dovranno fare la conta degli assenti. La partita è iniziata secondo i canoni di due squadre che si temono. Nessuno osa scomporsi più di tanto. Si cerca di conquistare il predominio del centrocampo e il possesso della palla. La prima vera azione pericolosa, di marca campobassana, si registra quando il cronometro segna il 19minuto. Del Zingaro lanciato da Tedeschi si porta la palla sull’out sinistro e mette in ansia il difensore frentano Abbruzzese che riesce a deviare la palla in angolo. Su susseguente angolo nasce una mischia in area del Larino e Pignataro è il più lesto di tutti a spingere la sfera oltre la linea di porta. Il gol non viene digerito dalla formazione frentana che reagisce in modo scomposto. La mischia in area del Larino mette ko il difensore Murazzo colpito da Lapiccirella. Da qui le prime proteste della panchina campobassana, che continuano quando Tedeschi lontano dal gioco viene colpito da Napolitano, ma questa volta il colpo proibito non sfugge al direttore di gara richiamato anche dall’assistente: cartellino rosso per il centrocampista frentano. Il Larino si disunisce e prima dello scadere della prima frazione di gioco viene punito da Vinciguerra ( decimo gol per lui ) che approfitta di una disattenzione generale della difesa bianconera. La ripresa non si presenta nei migliori dei modi per la formazione di Precali che dopo appena tre minuti di gioco rimane in nove per la doppia ammonizione di Avallone. Con il doppio vantaggio e in superiorità numerica il Campobasso 1919 gioca in scioltezza e il baby Vignone non sfrutta al meglio il lancio dalle retrovie che taglia tutta la difesa del Larino e presenta l’attaccante solo davanti al portiere Antenucci. Il gol è rimandato di pochi minuti: Di Chiro si porta sul fondo e serve su un piatto d’argento a Tedeschi la palla del tre a zero. Sul terzo gol per il Campobasso 1919 Bracone ha un diverbio con il direttore di gara che reagisce mostrando per la terza volta il cartellino rosso. La gara praticamente si chiude al 63minuto. Poi più nulla, solo fraseggi a centrocampo che nel gioco del calcio non si sposa.

Promozione 23^ giornata Casale Riccia Roseto D. De Sisto Fornelli Maronea 0 Monti Dauni 1 Pol. Gambatesa Oratoriana P. Cercemagg. Cb Calcio Rin. Bussese Roccarav. Roccasicura Isernia P. Santeliana Lupi Molinaro

Squadre Monti Dauni Roccasicura Oratoriana Cercemag. Roccarav. L. Molinaro Fornelli R. Bussese Gambatesa Cb Calcio Roseto Santeliana C. Riccia Isernia P. Maronea De Sisto

P 50 40 40 38 32 32 32 32 30 30 26 25 21 19 18 15

G 23 22 22 22 22 22 22 22 22 22 22 22 22 22 23 22

V N P Gf Gs 15 5 3 37 18 11 7 4 32 21 10 10 2 31 20 10 8 4 28 19 9 5 8 40 29 9 5 8 46 37 9 5 8 30 31 10 2 10 23 25 6 12 4 28 29 7 9 6 16 17 7 5 10 34 33 6 7 9 30 39 4 9 9 17 27 4 8 10 25 33 5 3 15 22 41 4 3 15 24 44

Prossimo turno (7 marzo) C. Riccia-Pol. Gambatesa Cb Calcio-Roccasicura Fornelli-Rin. Bussese L. Molinaro-P. Cercemagg.

Monti Dauni-D. De Sisto Oratoriana-Maronea Roccaravindola-Santeliana Roseto-Isernia P.


Domenica 28 febbraio 2010

25

Girone B: al Sant’Angelo Limosano la sfida salvezza. Pari tra Roccamandolfi e Matrice

Sampietrese, tris ad Agnone

Pacitto, Violo e Vacca stendono i Donkeys. Ciorlano corsaro a Pozzilli pietro che realizza così al sua doppietta personale.

di Stefano Troilo Girone A Donkeys Agnone-Sampietrese AGNONE. Sul sintetico del “Civitelle”, la seconda della classe serve il tris ai Donkeys e si prepara al meglio in ottica scontro diretto contro il Sessano, in programma domenica 7 marzo. Ad Agnone aprtita mai in discussione, con Mulattieri che va vicino al gol al 28’ e al 45’, dopo aver servito a Pacitto il pallone del vantaggio al 32’, evitando, prima del cross, un fallo laterale che sarebbe stato a favore dei padroni di casa. Al 65’ Violo realizza il secondo gol campano: al termine di una bella azione personale, fredda Labbate con un preciso diagonale da destra. Al 78’ ci pensano i neo entrati a chiudere i conti: Vacca realizza, ben imbeccato da Aurilio. Joyland Matesina-S. Leucio Acquaviva SAN POTITO SANNITICO (CE). La Joyland è la formazione più in forma del momento nel raggruppamento A. Non fa eccezione la sfida contro il San Leucio Acquaviva di mister Mezzanotte. La partita è stata sempre nelle mani dei campani, che al 20’ si portano in vantaggio con Colapietro, servito da Di Baia.Dieci minuti dopo arriva il raddoppio dei biancoblu di Pezzullo: Faella supera di testa l’estremo difensore pentro Miela, trasformando in rete un calcio di punizione dalla trequarti.Secondo tempo sulla falsa riga della prima frazione, con la Joyland che serve il tris al 75’, grazie a Cola-

Donkeys Agn. Sampietrese

0 3

Virtus Pozzilli-Ciorlano POZZILLI. Colpaccio del Ciorlano al Comunale di Pozzilli: i ragazzi di Vessella vincono 3-1. Al 4’ i campani rompono gli indugi: è Scotto di Vetta a portare in vantaggio i suoi di testa, su preciso cross di Di Stefano. La Virtus di Giannini accusa il colpo e 20 minuti dopo incassa lo 0-2. Rampone, lanciato sul filo del fuorigioco, non si fa pregare a realizzare il gol del doppio vantaggio per il Ciorlano. Nella ripresa la Virtus Pozzilli prova a riorganizzarsi e subito arriva la rete che dimezza lo svantaggio: la realizza l’attaccante marsicano Paciotti al 48’. Il Ciorlano non si vuole far raggiungere e continua le sue sortite offensive, anche in dieci uomini (espulso per doppia ammonizione Cambio al 60’). Il 3-1 lo firma Faccenda su calcio di rigore.La massima punizione è statqa concessa al Ciorlano dal signor Felice di Campobasso per una trattenuta ad Eric, attaccante ospite, in area gialloblu. Girone B Sant’Angelo Limosano-Ferrazzano SANT’ANGELO LIMOSANO. L’importante scontro salvezza tra la formazione di Testa (ieri squalificato e quindi non in panca) e quella di Marone arride a quest’ultima che coglie un vitale successo casalingo, infliggendo al Ferrazzano un risultato pesan-

Joyland Mat. S. Leucio Acq.

3 0

DONKEYS AGN.: Labbate, Fusaro, Bianchini, Del Papa, Rossi, Marcovecchio L.,. Appugliese, Di Pasquo (55’ Di Primio), Latino, D’Ottavio, Mastronardi (50’ Di Tullio). ALL.: Bucci SAMPIETRESE: Farina, D’Agostino, Fuoco (20’ Rotondo), Ventre, Dolce, Brunetti, Mulattieri, Pacitto (77’ Aurilio), Violo, Vettese (69’ Vacca), Minghilla. ALL.: Iannarelli ARBITRO: Spensieri di Campobasso. MARCATORI: 32’ Pacitto, 65’ Violo, 78’ Vacca

JOYLAND MAT.: Di Lullo, Bottone, Iannotta (Troisi), Cioffi, Faella (Dell’Ungaro), Isacco, De Tato, Spinosa D., Colapietro, Spinosa I., Di Baia (Giuliano). ALL.: Pezzullo S.LEUCIO ACQ.: Miele, Centracchio, De Vito, De Iorio, Tedeschi, Tartaglione, Serricchio, Mezzanotte, Giammattei, Giancola, Corbo. ALL.: Mezzanotte ARBITRO: Gallo di Campobasso. MARCATORI: 20’ e 75’ Colapietro, 30’ Faella.

Virtus Pozzilli Ciorlano

Oratino Hermes Toro

1 3

VIRTUS POZZILLI: Del Riccio, Izzi (46’ Sardo), Lanni (70’ Valvona), Iannacone, Martellino, Pezza M., Fella D., Paolucci, Santaccione (75’ Pezza A.), Monaco, Paciotti. ALL.: Giannini CIORLANO: Marcaccio, Di Stefano, Cambio, Placella, Furno, Caramanna, Porreca, Rampone (75’ Ciorlano), Faccenda, Scotto di Vetta (70’ Iemma), Eric. ALL.: Vessella ARBITRO: Felice di Campobasso. MARCATORI: 4’ Scotto di Vetta, 24’ Rampone, 65’ rig. Faccenda

0 1

ORATINO: Fatica F., Santoro (80’ Picciano), Iafelice, Fatica L., Fatica A., Farinaccio, Moscato, Cipullo, Iannone, Tarasco, Puzo (70’ Berardo). ALL.: De Socio HERMES TORO: Caruso, Antonucci, Evangelista, Cirelli, Biello, Parziale D. (Mastropietro), Abiuso, Di Domenico, Parziale M., Liberatore (Caputo), Piunno (Colledanchise). ALL.: Tucci ARBITRO: Maddonni di Isernia. MARCATORI: 80’ Di Domenico

Il Sant’Angelo Limosano

te non tanto nello score ma per quanto riguarda l’economia del campionato. All’8’ i padroni di casa prendono le misure: Marone coglie una traversa clamorosa. Al 15’ i gemelli del gol di Sant’Angelo Limosano portano in vantaggio i loro. E’ Fabio Caserio a servire a Del Gobbo, che realizza in diagionale, il pallone dell’1-0. Caserio ha un’occasione per portare i padroni di casa sul 2-0 ma la sciupa. Il gol arriva al 52’: Del Gobbo ricambia il favore e imbecca Caserio che questa volta non sbaglia, il 2-0 si materializza così. Il Ferrazzano dal canto suo, non smette di crederci ma riesce sol ad accorciare grazie a Marandola, in gol al 72’, dopo un inserimento in area di rigore avversaria. Roccamandolfi-Matrice MACCHIAGODENA. Il Roccamandolfi di Pinelli chiude il ciclio terribile che lo ha visto contrapporsi nell’ultimo mese alle prime quattro della classe con un buon pari colto in casa contro il Matrice. Pinelli si è dimostrato soddisfatto per la prova offerta, stesso discorso per Bagnoli che recrima solo per un’occasione clamorosa sprecata dai suoi a tempo scaduto. A detta di entrambi i mister la partita è stata ben giocata da entrameb le compagini e il pari finale sostanzialemnte giusto.I gol: Piergiacomo Pinelli al 25’ ribatte in rete un suo stesso tiro respinto da Saviano, dopo essersi liberato di un paio di avversari in area del Matrice. Il pareggio degli ospiti lo realizza Sorenti che fredda Colardo su punizione: direttamente sotto il sette il tiro a giro del centrocampista di Bagnoli.

Oratino-Hermes Toro ORATINO. L’Oratino non riesce ad uscire da un periodo buio che lo sta vedendo sconfitto spesso e... malvolentieri. Primo tempo appannaggio dell’Oratino, seconda frazione per gli ospiti, con la differenza che l’Hermes Toro concretizza la superiorità mostrata nei secondi 45 minuti e fa sua la contesa grazie alla zuccata vincente di Domenico Di Domenico, che risolve una mischia furibonda in area avversaria al 79’. L’Hermes Toro nel primo tempo si era visto annullare per fuorigioco un gol di Mario Liberatore, apparso ai più in posizione regolare.

Mister Mercurio Tucci dell’Hermes Toro

Roccamandolfi 1 Matrice 1

S. Angelo Lim. Ferrazzano

2 1

ROCCAMANDOLFI: Colardo, Zuccarino, Iannnitelli A., Lombardi, Del Riccio, Iannitelli E., Pinelli P., Bertone, Pinelli A., Pinelli G., Pinelli L. ALL.: Pinelli MATRICE: Saviano, Domenegetti, Brunetti, Esposito, Capuano, Del Zingaro, Di Rienzo (46’ Dato), Sorenti (75’ Santoro), Cannavina, Lese (60’ Cinelli), Fiorilli. ALL.: Bagnoli ARBITRO: Cicchini di Termoli. MARCATORI: 25’ Pinelli P., Santoro

S.A. LIMOSANO: Perrazziello, Ciarlariello, Amore (75’ Di Paolo Ant.), Di Paolo S., Caserio D., Di Paolo Ang., Greco, Fracasssi, Marone (46’ Donatelli), Del Gobbo, Caserio F. (90’ Di Paolo And.) ALL.: Marone FERRAZZANO: Albanesi, Finocchio, Silvaroli (Ventresca), Giordano, Battista, Marandola, Ricciardo (Laudati), Paranza, Nardelli (Fiorilli), Di Stefano, Villani. ALL.: Testa ARBITRO: Pizzi di Termoli. MARCATORI: 25’ Del Gobbo, 52’ Caserio F., 72’ Marandola


26

Domenica 28 febbraio 2010

Amatori Petacciato, poker al Campomarino. La Bacigalupo sbanca l’Antistadio al 94’

Montenero, 1-1 a San Martino Adriatici avanti con Costica. Li raggiunge Abbiuso a 20’ dal termine di Stefano Troilo

Campomarino si conclude 4-1, con il gol della bandiera messo a segno da Di Meo.

Girone C A.C. Petacciato-Campomarino PETACCIATO. Su uno svarione degli ospiti al 15’ Luongo porta in vantaggio l’Amatori

Petacciato. Alla ripresa delle ostilità il Campomarino rimane di fatto negli spogliatoi e i biancorossi ne approfittano realizzando il 2-0 con Consiglio da fuori area, il tris con Zancu al 50’, e servendo il poker con Di Lello un minuto dopo. La peggior partita stagionale del

A.C. Petacciato 4 Campomarino 1

F. Folgore 1 Bacigalupo R.T. 2

San Martino Ol. Montenero

A.C. PETACCIATO: Potalivo, Tufilli, Berchicci, Consiglio, Della Neve (80’ Della Penna), Pantalone, Casalanguida, Zancu, Luongo (75’ Borgia), Di Lello, Felice (60’ Sciarretta). ALL: D’Angelo CAMPOMARINO: De Laurentis, Bello, Bevilacqua, Di Sisto, Porzio, Mbeti (55’ Bombace), Flocco, Di Meo (40’ Pavone), Menna, Gaspari, Di Carlo, Glave L. (55’ D’Amico). ARBITRO: Mariano di Campobasso. MARCATORI: 15’ Luongo, 46’ Consiglio, 50’ Zancu, 52’ Di Lello, 80’ Di Meo

F.FOLGORE: Iannaccone, Russo (75’ Moffa), Federico, Padulo, Testa A., Testa P., Cornacchione (55’ Palladino), Pietrantonio, Di Toro, Santaniello, Scauzilli (75’ Trotta). ALL.: Mastrogiacomo BACIGALUPO R.T.: Pavarese, Quici, Pittà, De Filippis, Bucci, Mancini Canosa, Malatesta, Grimani, Letto, Bennucci. ALL.: Melchiorre ARBITRO: Boriati di Isernia. MARCATORI: 40’ rig. Letto, 55’ Pietrantonio, 94’ Bucci

SAN MARTINO:Fieramosca, Di Monte, Gianvito, Fortunato, Sassano, Colabella, Esposito M., Carluccio, Sforza, Abbiuso, Gasbarro. ALL.: Garofalo OL.MONTENERO: Di Bona, Borrelli E., Ricciuti (17’ Catalli), Dragani, Catalano, Fratangelo, Gentile, Borrelli L. (47’ Di Pinto), D’Aulerio, Benedetto (59’ Matassa), Costica. ALL.: Campofredano ARBITRO: Mastronardi di Isernia. MARCATORI: 40’ Costica, 69’ Abbiuso

San Martino-Olimpia Montenero SAN MARTINO IN PENSILIS. Campofredano perde tre uomini per infortunio: Ricciu-

1 1

ti, Borrelli L. e Benedetto nella ripresa sono costretti ad abbandonare il campo. Prendono il loro posto rispettivamente capitan Catalli, Di Pinto e Matassa. Al 25’ occasionissima per i padroni di casa: Di Bona sventa su Abbiuso compiendo un vero e proprio miracolo. Dopo 5 minuti sono gli ospiti ad anadare vicini al vantaggio ma D’Aulerio spreca incredibilmente. Al 40’ l’olimpia passa grazie a Costica che devia in rete una punizione dalla trequarti battuta da Gentile. Il San Martino perviene al pari grazie a capitan Abbiuso al 69’, abile a sfruttare un’incertezza di Di Bona. Occasionissima per il San Martino allo scadere. Fiamma Folgore-Bacigalupo R.T. CAMPOBASSO. Dopo il danno (rigore per gli ospiti molto generoso), la beffa (gol del ko a tempo scaduto). Si può riassumere così il match perso dalla Fiamma Folgore presso l’Antistadio, ennesimo di una serie sfortunata. Gioisce la Bacigalupo, in gol con Letto dal dischetto e Bucci di testa. Per la Fiamma gol di Pietrantonio su calcio piazzato e innumerevoli occasioni, su tutte quelle di Di Toro, che prima coglie il montante e poi spara alto da pochi passi.

Carovilli corsaro in casa del Nuovo Vinchiaturo grazie al ‘regalo’ del portiere locale

Successi per Montaquila e Pettoranello La prima e la seconda del girone A non deludono. Il Valle Agricola strapazza il Conca Casale di Alessandro Ramacciati GIRONE A N. Montaquila - Diavoli Rossi ROCCARAVINDOLA. La seconda in classifica centra ancora un volta il successo, questa volta contro i Diavoli Rossi, lasciando così ancora una volta inalterato il divario dalla prima in classifica. La prestazione dei ragazzi locali non è piaciuta a mr. Ciccone che ha criticato dei suoi giocatori principalmente il secondo tempo, durante il quale i suoi giocatori hanno lasciato troppi spazi agli ospiti, regalando agli stessi diverse occasioni molto ghiotte. L’incapacità di infilare la palla in rete, ha evitato così alla fine al N. Montaquila di pareggiare.

Mignano però è stato davvero un avversario degno di nota che ha dato filo da torcere ai locali. Infatti, soprattutto nel primo tempo, i ragazzi di mr. Petruccio hanno complicato molto il gioco dei ragazzi di mr. Razza. Dopo aver chiuso la prima frazione di gioco a reti inviolate, nella ripresa, in soli cinque minuti, il Pettoranello ha segnato i due gol utili per la vittoria. Verso la fine del match Real Mignano ha accorciato le distanze fermando il risultato sul 2-1.

primo tempo sul 4-0, nel secondo tempo sono arrivate le altre due reti che hanno chiuso i nove centri della partita. Da segnalare infine il rigore sbagliato e un gol annullato al Conca Casale.

Pettoranello - Real Mignano PETTORANELLO. La prima in classifica non perde occasione di liquidare ancora una volta la compagine avversaria. Il Real

Valle Agricola - Conca Casale VALLE AGRICOLA (CE). Valle Agricola lascia aperte molte ferite alla formazione molisana che rientra a casa con un punteggio davvero pesante. Un 9-1 che dimostra quanto sia stato facile per la compagine campana conquistare i tre punti. Nel primo tempo, però, si è potuto vedere un Conca Casale meglio messo in campo, riuscendo anche a rendersi pericoloso. Dopo aver chiuso il

N. Vinchiaturo Carovilli Calcio A 5 VINCHIATURO. Il Carovilli supera di misura il Nuovo Vinchiaturo di mr. Nardacchione. La sfortuna ha dato davvero fastidio al team locale che è stato costretto a subire la rete della partita per via di una uscita poco felice del portiere. Il primo tempo ha visto le due squadre non andare oltre lo 0-0, ma

nella ripresa è stato il team di mr. Caccioppolo a trovare il centro. L’errore del portiere locale non ha visto il Nuovo Vinchiaturo in grado di rimediare allo svantaggio facendo rimediare alla formazione di casa ad un altro ko.

N. Montaquila Diavoli Rossi

Pettoranello Real Mignano

Valle Agricola Conca Casale

N. Vinchiaturo Carovilli

2 1

N. MONTAQUILA: Di Cristofaro, Pornaschella P. (90’ Pornaschella A.), Volpe, Cuzzone, Cimorelli D., Faralli, Ricci V., Staffieri G. (46’ D’Andrea), Tomasi, Rossi M., Staffieri L. (60’ Cimorelli P.). ALL.: Ciccone. DIAVOLI ROSSI: Massaro, Esposito, Serricchio, Faralli, Cipollone, Cristinzio, Silvestre, Matteo, Aurisano, Delli Carpini, Guerrero. ALL.: Di Costanzo. MARCATORI: 3’ Staffieri L., 50’ Faralli, 60’ (rig.) Rossi M.

2 1

PETTORANELLO: Ricci, Montano S., Del Monaco, Malatesta, Cortese C., Cortese V. (75’ Stasi), Montano D., Di Giovanni, Mastroianni, Pace (55’ Toto), Fardone (80’ Lubrano). ALL.: Razza. REAL MIGNANO: Santangelo, Mecaroni, Giaquinto A., Ciarella, Pinelli, Iannuccilli, De Sisto, Masiello D., Masiello R., Silia, Caporaso (60’ Petruccio). ALL.: Petruccio. MARCATORI: 65’ D Giovanni, 70’ Pace, 85’ Silia.

9 1

VALLE AGRICOLA: Fetta A., Michelino, Papi (50’ Landi M.), Landi R., Pisaturo, Nicodemo, Pezzullo A. (70’ Pezzullo Giu.), Pezzullo Ang. (30’ Pezzullo G.), Tartaglia, Riccio, Landi B. ALL.: Matteo. CONCA CASALE: De Luca, Valerio, Di Tommaso, Palumbo, De Angelis, Giannini, Zecchino, Tognarelli, Franchitti, Dalla Palma, Fetta. ALL.: Caccioppolo. MARCATORI: 5’ Pezzullo A., 10’ Pezzullo Ang., 12’, 55’ e 60’ Landi B., 20’ Pisaturo, 45’ De Angelis, 50’ Pezzullo G. 70’ Landi M., 80’ Riccio.

0 1

N. VINCHIATURO: Marra G., La Selva (65’ Stabile), D’Aquila, Nardacchione (30’ Terranova), Di Rienzo, Paoletti, Venditti M., Pistilli (65’ Marra A.), Iacobucci, Primiani, Venditti G. ALL.: Nardacchione CAROVILLI: Ciarlone, Di Giacomo, Testa San., Scarola, Di Falco, Testa S., Cerulli, Tomassini, Di Frangia C., D’Andrea, Di Frangia W. ALL.: Di Frangia. MARCATORI: 65’ Di Frangia.


Domenica 28 febbraio 2010

27

Poker di Ripabottoni e Acli Cb, il Munxhufuni vince in rimonta sul San Giuliano. Morgia ok

A segno le prime della classe

Successo casalingo del Campodipietra, colpo esterno per il Real Termoli di Alessandro Ramacciati e Michele Moffa GIRONE C Acli Cb - Carlantino CAMPOBASSO. Le Alci Cb non sfigurano dinanzi ai propri tifosi, ribaltando il risultato che dopo soli tre minuti di gioco li vedeva sotto di una rete. Il Carlantino infatti, dopo aver realizzato la rete del momentaneo 1-0, ha subìto il pareggio e il 2-1 a causa di due errori in difesa, non perdonatoi dai locali. Nella ripresa gli schemi di gioco negli ospiti sono saltati e così la continua ricerca del pareggio ha lasciato spazi aperti ai giocatori delle Acli, che così hanno trovato le altre due reti del poker. Campodipietra - Endas Cb CAMPODIPIETRA. Il Campodipietra ha vinto contro i ragazzi dell’Endas Cb guidato da mr. Pensiero. Il primo tempo ha visto le azioni più rilevanti del match, visto che verso la mezz’ora ci sono state le due reti in favore dei locali, trovate anche grazie a due svarioni difensivi dell’Endas, puntualmente, sfruttati dal bomber a disposizione di mr. Sbrocca,De Lucrezia. Nella ripresa l’Endas ha rinforzato il suo comparto d’attacco riuscendo a trovare anche il gol del 2-1 con Cefaratti, ma a porre il sigillo al match è stato infine Di Renzo che ha segnato il 3-1.

mentato le scelte dell’arbitro, tra le quali quella che ha annulato un gol e quella che non ha concesso un calcio di rigore, all’89’, che sarebbe stato il gol del possibile pareggio in extremis. Il Morgia comunque ha meritato la vittoria, dando una bella prova di sè e giocando davvero molto bene. L’amarezza per i locali quindi non disconosce la migliore prestazione degi ospiti. GIRONE D Cil Castellino - Real Termoli CASTELLINO DEL BIFERNO. Il Real Termoli batte un buon Castellino e tiene saldamente in mano lo scettro di capolista. Il primo tempo non offre grandi emozioni, con molte giocate individuali e pochi tiri in porta; diversa la situazione nella ripresa con maggiore concretezza da parte delle due contendenti. Al 60’ Lanzone, neo entrato, sblocca il risultato e porta in vantaggio i termolesi; il Castellino resta in dieci per espulsione e il Real Termoli ne approfitta per chiudere la gara: poco dopo l’altro neo entrato Delli Quadri trova il tap-in vincente e insacca la rete dello 0-2: un calcio di rigore tirato sul palo viene ribadito in rete dal calciatore termolese.

Riccia - Morgia RICCIA. Secondo la formazione locale del Riccia, un arbitraggio davvero discutibile ha costretto il team locale ad uscire sconfitto dal proprio terreno di gioco, proprio dinanzi ai propri tifosi. Mr. Geremia e i suoi hanno la-

Divinus San Giacomo - Petrella SAN GIACOMO DEGLI SCHIAVONI. Il San Giacomo vince contro un Petrella molto rimaneggiato (cinque infortunati) e raggiunge temporaneamente la seconda posizione. Partono forte i locali ma concretizzano solo alla mezz’ora quando Colonna riesce ad avere ragione della difesa ospite. Nella ripresa il Divinus è più concreto e porta a casa il successo con lo scatenato Colonna che realizza altre due

Acli Cb Carlantino

Campodipietra Endas Cb

4 1

3 1

Il Campodipietra

reti; il Petrella crea qualche buona occasione, ma Pellilli fa buona guardia e concede agli avversari solo la rete di Di Lallo che vale il 3-1. Munxhufuni-Giov. S. Giuliano di Puglia MONTECILFONE. Bel colpo del Munxhufuni che batte in rimonta il S. Giuliano e guadagna punti preziosi in chiave salvezza. Immediato vantaggio locale con Cianfagna, pronta la replica degli ospiti che pareggiano con Camillone e vanno in vantaggio con Marcucci; il S. Giuliano prima del riposo fallisce altre occasioni da rete, che peseranno molto nel consuntivo della partita. Nella ripresa i locali fanno propria la gara: al 50’ pari di Liscia e lo stesso calciatore poco dopo sigla il 3-2 dal dischetto; ad arrotondare il risultato ci pensano Ierbs al 65’ e il neo entrato D’Amario al 75’. Real Larino - Montecilfone LARINO. Successo all’inglese per il Real

Riccia Morgia P.

0 1

Larino che si proietta tra le “grandi” del girone. Gara molto equilibrata nel primo tempo, che termina a reti bianche, mentre nella ripresa i frentani stringono i denti ed hanno la meglio sugli ostici avversari: al 60’ Corbo sblocca il risultato, seguito poco dopo da Fabozzi che raddoppia; per i larinesi anche una traversa e una rete annullata. Team Colletorto - Ripabottoni COLLETORTO. Con il poker sul Team Colletorto il Ripabottoni fa...tredici: tante le vittorie del team di mister Petrecca che continua a nutrire ambizioni di alta classifica.La buona volontà non basta ai locali per frenare il gioco degli avversari che vanno in rete una prima volta al 25’ (Sauro) e poi replicano in rapida successione con una doppietta di Petrone. Nella ripresa, a risultato praticamente acquisito, i ritmi calano leggermente, ma Petrone è incontenibile e mette a segno la terza rete personale, che vale il definitivo 0-4.

Cil Castellino Real Termoli

0 2

ACLI CB: Delli Quadri, Frezza, Lommano, De Lisis M. (75’ Dispensa), Vitale, De Lisis R., Ricciardi, Brunetti (20’ Di Iorio), Iammarone (60’ Tramontano), Levratti A, Sagrafena. ALL.: Ricciardella. CARLANTINO: Savastano G., Minotti, Coscia, Laccone, D’Onofrio, Savastano A., Petti (70’ Pozzuto), Genovese R., Genovese G., Polzelli (50’ Pece (80’ Marino)), Marziano. ALL.: Pisani. MARCATORI: 3’ Laccone, 30’ Frezza, 40’ Levratti, 60’ e 80’ Sagrafena

CAMPODIPIETRA: Tizzani, Basile, Quercio, Presutti, Di Biase, Passariello, Cefaratti, Miozzi (60’ Gammiero), De Lucrezia, Di Stefano, Mignogna (70’ Cristofaro). ALL.: Sbrocca. ENDAS CB: Gulinello, Valle, Iosue A. (65’ Graziano) Carrelli (50’ Romanella), Germanese, Amorosa, Carlozzi, Iosue L., Cipullo, Di Renzo, Maddaloni. ALL.: Pensiero MARCATORI: 30’ e 35’ De Lucrezia, 60’ Cefaratti, 75’ Di Renzo.

RICCIA: Geremia, Napoletano, Mancini, Santone, Moccia, Mignogna P., Amorosa, Di Iorio, Mignogna E., Ciocca M., Ciocca A. (60’ Tronca). ALL.: Geremia. MORGIA: D’Amico, Tomassone (70’ D’Elia), Santopolo A., Passarelli, De Marco, Cordone, Spineti, Maselli, Pasquale, Santopolo G. (80’ Santopolo F.), Iamartino. ALL.: De Marco. MARCATORI: 80’ Spineti.

CIL CASTELLINO: Stanziano, Di Bona (De Vivo), Fratangelo P., De Lisio, D’Ascenzo, Petrucci (Baranello), Gianfagna, De Santis, Fratangelo L., Angiolillo (Borrelli), Pastò. ALL.: Di Fabio. REAL TERMOLI: Lacerenza, Bucci, Paggiotta, Di Labbio, Macrellino, Russo, Plescia (Delli Quadri), Gentile (Rinaldi), Defenza, Marchese, Iezzi (Lanzone). ALL.: Rinaldi. MARCATORI: 60’ Lanzone, 65’ Delli Quadri.

Divinus S.G. Petrella

Munxhufuni G.S. Giuliano

Real Larino Montecilfone

T. Colletorto Ripabottoni

3 1

DIVINUS SAN GIACOMO: Pellilli, Micco (D’Angelo), Di Vito, Selvaggi, Tilli, Arielli, Rosati, Di Giulio, Colonna (Traglia), Pietropaolo, Di Marzio (Di Vincenzo). ALL.: Mancini. PETRELLA: Marinelli, Palladino, Simpatico A. (Zampini), Capocefalo, Gianfrancesco, Di Nardo, Savastano L., Garofalo M., Mìky, Di Lallo E., Di Lallo G. ALL.: Viglione. MARCATORI: 30’, 47’ e 65’ Colonna, 75’Di Lallo G.

5 2

MUNXHUFUNI: Di Lisio, Cianfagna ,Ierbs, Manes Ang., Manes Ant. (Liscia, D’Amario), Genova D., Nuozzi (Carlini), Amoroso, Cingolani, Maurizio,Colella. ALL.: Cieri. GIOVENTU’ SAN GIULIANO DI PUGLIA: Zampino, Occhionero G. (Occhionero E.), Scirocco, Gigliola, Di Palma, Manzo, Santoianni (Topolino), D’Alesio, Camillone, Marcucci, Cerri (Di Rosario). ALL.: Aloia. MARCATORI: 5’ Cianfagna, 20’ Camillone,30’ Marcucci, 50’ e 60’ (rig.) Liscia, 65’ Ierbs, 75’ D’Amario.

2 0

REAL LARINO: Bibbò, De Notariis I, Sedile, Vincelli, Granatieri (Verratti), Angelozzi M., Priore (Fabozzi), Spidalieri (De Notariis II), Corbo, Angelozzi V., Sivilla. ALL.: Pardo Angelozzi. MONTECILFONE: Coccitti, De Santis, Salvo, Ferrara, Sacchetti, Altaripa, Desiderio, Santini, Rocci, Santini R., De Angelis. ALL.: Gizzi. MARCATORI: 60’ Corbo, 70’ Fabozzi.

0 4

TEAM COLLETORTO: Paradiso, Barbieri, Archidiacono, Mastrantonio, Liberatore, De Simone, Zarrelli, Gallo, Archidiacono. RIPABOTTONI: D’Amico (Sauro), Stanziano, Cristofaro R., Silvestro (Buccigrossi), Vannelli, Cristofaro D., Sciscente S. (Gioia), D’Addario, Petrone, Sauro, Sciscente M. ALL.: Petrecca. MARCATORI: 25’ Sauro, 33’ 40’ 65’ Petrone.


28

Domenica 28 febbraio 2010

Il Mirabello supera il Difesa Grande con il punteggio di 2-0. Bene Petacciato e Sabatella

Agnonese di misura a Miranda Le Acli vincono 5-2 ma vanno in difficoltà contro un buon Miletto di Giose Trivisonno

con Enrico D’Alessio che firma così la sua personale doppietta.

Acli Cb - Miletto CAMPOBASSO. Vincono le Acli ma che fatica contro un ottimo Miletto. Nel primo tempo la squadra di mister Liberatore chiude bene gli spazi e si difende con ordine, passando in vantaggio con il gol di Minotti su punizione. Le Acli hanno la fortuna di trovare il gol del pareggio prorpio allo scadere del primo tempo con Giannubilo. Nella ripresa cambia la musica: il tecnico campobassano D’Elia modifica l’assetto della squadra inserendo forze fresche. Arriva il 2-1 con il solito Giannubilo (autore di 4 reti) che sfrutta una ingenuità difensiva degli ospiti. Il Miletto, però, ha da recriminare per un rigore non concesso che avrebbe potuto cambiare l’andamento della gara. Sono invece i campobassani a portarsi sul 5-1 con l’ultimo gol che porta la firma del neo entrato Palmiero. La rete del 5-2 di Minotti (doppietta) è un capolavoro: sombrero ai danni di un avversario e un bel tiro da fuori area. E’ stata una bella gara fra due squadre ben messe in campo, le Acli hanno sudato, il risultato appare eccessivo per gli ospiti. Mirabello Calcio-Difesa Grande GAMBATESA. Il Mirabello vince 2-0 contro il Difesa Grande sul campo neutro di Gambatesa. Un gol al 5’, su una ingenuità difensiva, spezza l’equilibrio della partita a favore della formazione di mister Di Fabbio. Fioccano occasioni da entrambe le parti, con due traverse colpite dal Mirabello ed una clamorosa (rimbalzo sulla linea) per il Difesa Grande. In evidenza i portieri di entrambe le formazioni, autori di buone parate. La gara è stata equilibrata e ben giocata, piacevole nonostante i pochi gol segnati. Il raddoppio dei padroni di casa, infatti, arriva solo nel finale di secondo tempo

Acli Cb Miletto

Miranda Fr. - Olympia Agnonese MIRANDA. Vittoria di misura per l’Olympia Agnonese sul campo del Miranda. Buon primo tempo degli ospiti che tuttavia non riescono a concretizzare le azioni da gol per gli ottimi interventi del portire pentro Domenico Melalagno. Più equilibrato il secondo tempo con azioni pericolose di entrambe le squadre. Passano i granata con Di Lullo, ma la partita resta aperta ecombattuta. Sopratutto nei minuti finali, infatti, Il Miranda fa pressing ma non riesce a trovare il pareggio: prima una grossa occasione con Fraraccio che, a tu per tu con il portiere, sciupa tutto. Allo scadere una punizione da buona posizione di Gatta finisce sulla barriera e spegne le residue speranze dei padroni di casa. Per la squadra di Fusaro si tratta di un’importantissima vittoria esterna che tiene il morale alto in casa granata. Petacciato-Boys Jelsi TERMOLI. Fra Petacciato e Jelsi è stata una partita nervosa e cattiva. Tanti infortunati soprattutto nelle fila del Jelsi il cui mister è stato costretto a sostituire 3 giocatori a metà gara. Il primo tempo si è chiuso con il punteggio di 00, con gli ospiti che hanno reclamato per due rigori non concessi. Nella ripresa il Petacciato è riuscito a segnare nei primi minuti, per poi dilagare fino al punteggio finale di 5-0. I Boys Jelsi hanno chiuso la partita in dieci uomini perchè Carlo D’Amico è stato colpito da una brutta gomitata al naso da Iovine e a fine gara è stato accompagnato in ospedale. Le condizioni del giocatore non destano preoccupazione.

Il Petacciato

San Leucio Acq. -Sabatella ISERNIA. Il Sabatella espugna il campo della San Leucio Acquaviva. Partita blanda che si è giocata su ritmi bassi, il Sabatella ha chiuso la gara nel primo tempo con due reti siglate nei primi 25 minuti. Il primo gol porta la firma di Mignona che segna dopo aver saltato in dribbling un paio di avversari. Il raddoppio è di Genovese che si coordina molto bene su un cross da destra e segna di testa. I padroni di casa provano a tornare in gara ma il lungo possesso palla non si concretizza in reali pericoli per il Sabatella. Ad inizio ripresa arriva il gol dell’1-2, la gara si riapre e ci sono più occasioni dato che i pentri cercano il pareggio ma gli ospiti sono sempre pericolosi in contropiede. Tuttavia il risultato non cambia e ad esultare sono gli uomini di Ricciardelli.

5 2

ACLI CB: Colia, Iasevoli (Stinziani), Pistilli (Vitale), Sabella, Caruso, Cerio, Antoniani (Di Lisio), De Vivo (Iovine), Di Biase, Magnotta (Capelletti), Giannubilo (Palmiero). ALL.: D’Elia. MILETTO: Prezioso, Pace, Costanzo, Iacobucci (Di Sisto), Sabatino, Priolo, Pitoscia (Celima), Gianfagna (D’Ercole), Trombetta, Minotti, Zentena. ALL.: Liberatore. MARCATORI: 4 Giannubilo, Palmiero, 2 Minotti (Mil.)

Giovanissimi

Il Difesa Grande batte per 1 a 0 la San Leucio Difesa Grande-San Leucio TERMOLI. Il Difesa Grande ha vinto contro il San Leucio nell’anticipo della 4 giornata di ritornodel campionato ragionale Giovanissimi. Un primo tempo equilibrato terminato con il punteggio di 0-0 con i padroni di casa che hanno cercato con più insistenza il gol trovando sulla loro strada il portiere Veneziale, autore di parate decisive. A metà ripresa è arrivato il gol decisivo di Di Martino, il San Leucio non è riuscito a tornare in partita pur cercando la via del pareggio.

Difesa Grande 1 San Leucio Acq. 0 DIFESA GRANDE: Vescio, Pasciullo, Colella, Pangia, Ambrosino, Palombo, Vitullo (Cordisco), Carpino, Di Martino, Di Palma, Stafa. ALL.: Perricone. SAN LEUCIO ACQ.: Veneziale, Petraroia, Cifelli, Marinaro, Castaldi, Guglielmi, Mucciardi, Di Perna A. (Corrado), Di Perna F., Ciocchi. ALL.: Boragine. MARCATORI: Di Martino.

Il Mirabello

Mirabello Calcio 2 Difesa Grande 0

Miranda Frat. Ol. Agnonese

0 1

MIRABELLO CALCIO: Lisella, Rauso (D’Alessio D.), Di Marzo A. (Narducci), Di Giglio (Filiberti), Reale, Corona, Di Corpo (Di Mario), Riccitelli (Niro A.), D’Alessio E. (Di Biase), Ferrarese, Niro D. (Centritto). ALL.: Di Fabbio. DIFESA GRANDE: Giannino, Tufilli, Ferreri, De Gregorio, Cipolletti, Ciccone, Colafabio (Pasquarelli), Plescia E., Ciarrocchi, Plescia M., Vhrapi. ALL.: Perricone. MARCATORI: 2 D’Alessio E.

MIRANDA FRENTANA: Melalagno D., Corbo (Tagliente), Melalagno R., Tamasi, Marcaccio, Zarlenga (Cambio), Errico, Gatta, Viespoli (Mancini), Fraraccio, Venditti. ALL.: Di Somma. OLYMPIA AGNONESE: Esposito, Masciotra, Di Stefano, Magnatta, Orlando, Scampamorte, Patriarca, Stampone (Ciccorelli), Leomanni (Meccia), Di Lollo L. (Di Toro), Di Lollo R.. ALL.: Fusaro. MARCATORI: Di Lollo Ruggero.

Petacciato Boys Jelsi

5 0

PETACCIATO: D’Adamo, Casalanguida, Trivelli, Socci, Del Gesso, Iovine, Mucci, Di Benedetto, Parente, Mariotti, Casolino. ALL.: De Pascalis. BOYS JELSI: Testa, Cianciullo R. (D’Amico G.), D’Amico, Vena, Di Florio, Santella G., Cianciullo P. (Valiante), Santella W. (Petraroia), Michilli, Zappone, Santella A. (Capozzi). ALL.: D’Amico.

San Leucio Acq. 1 Sabatella 2 SABATELLA: Vassalotti, Felice, Mignona D., Del Zingaro, Evangelista, Manocchio, Ciccotelli, Mignona R., Di Criscio, Perrella, Genovese. ALL.: Ricciardelli. MARCATORI: Genovese (S), Mignogna R. (S).


Domenica 28 febbraio 2010

29

Magic Isernia superata di misura dal Fontegreca: decisiva la marcatura di Buccieri nel finale

Pari tra Fossalto eVinchiaturo Gara molto accesa che si è conclusa con ben due espulsi per parte di Michele Moffa Fossalto Calcio - Vinchiaturo FOSSALTO. Pareggio con una rete per parte al termine di una gara piuttosto “cattiva”: quattro in complesso i cartellini rossi estratti dall’arbitro, due per squadra. Dopo un primo tempo senza grossi scossoni, nella ripresa le due squadre provano a sferrare il colpo per mettere ko gli avversari: ci riesce prima il Fossalto Calcio che al 50’ passa in vantaggio con D. Bagnoli, bravo a superare Massimo Puzo, ma i ragazzi del Vinchiaturo non si arrendono e prima del triplice fischio del direttore di gara insaccano il gol che vale il pareggio con Stefano Pistilli che infila la sfera nella porta difesa da Marinoni. Magic Isernia - Boys Fontegreca ISERNIA. Gara bella e ricca di emozioni quella giocata tra Magic Isernia e Boys Fontegreca; entrambe le formazioni partono con

il piede giusto e cercano di centrare il bersaglio: ci riescono i campani al 20’ che sbloccano il risultato con Trito. Buona la reazione della formazione isernina che non molla la presa e prima pareggia con Fiorda alla mezz’ora e poi si porta in vantaggio poco prima del termine della prima frazione di gara. La ripresa procede sugli stessi ritmi, con un sostanziale equilibrio nel possesso palla e nelle occasioni da rete; al 60’ l’equilibrio viene di nuovo raggiunto anche sul piano del risultato, con Calleo che sigla la marcatura del momentaneo 2-2. Nella parte finale la gara si fa tirata, le due contendenti non si accontentano del pari e premono sull’acceleratore, ma è la formazione dei Boys Fontegreca a veder premiati i propri sforzi: negli ultimi minuti Buccieri trova il varco giusto e riesce ad infilare la palla alle spalle di Scungio, regalando un prezioso e sudato successo alla squadra di mister Calleo.

Fossalto Calcio 1 Vinchiaturo 1

Magic Isernia B. Fontegreca

2 3

FOSSALTO CALCIO: Marinoni, Moricone, Bagnoli E., Bagnoli D., Mastrangelo, Gallo, Vergalito, Ciccarella, Ciarlariello (Santoro), Ciarmela (Amorosa), Di Toro. ALL.: Santoro. VINCHIATURO: Puzo M., Ferri, Lanzillo L., Marra (Testa), Pistilli S., Marino, Lanzillo G., Migliore, Renzi F. (Martelli), Pagliarulo M. ALL.: Puzo. MARCATORI: 50’ Bagnoli D., 60’ Pistilli.

MAGIC ISERNIA: Scungio, Corrado, Gentile, Moscato, Pitisci, Fiorda, Montano, Carotenuto, Maurillo, Pitisci, Del Castello. ALL.: Veneziale BOYS FONTEGRECA: Cuculo, Cenami, Iemma C., Di Gregorio, Russo (Ricci), Altieri F., Buccieri D., Barone A. (Calleo), Maddalena G. (Gagliardi), Vincoli G., Trito. ALL.: Calleo. MARCATORI: 20’ Trito, 30’ Fiorda, 40’ Carotenuto, 60’Calleo, 90’ Buccieri.

Prova maiuscola del quintetto venafrano che espugna il parquet di Altamura con un netto 7-4

Scarabeo, ritorno al successo GG Pellegrino messo al tappeto

GG Pellegrino Scarabeo

Calcio a 5 - Serie B

4 7

GG PELLEGRINO: Zeverino, Moramarco, Pometti, Di Marino, Sardone, Palasciano, Basile, Maiullari, Milton, Laterza, Rezo, Palasciano, Di Benedetto. ALL.: Mascolo. SCARABEO: Tomei, Bosco, Cimino, Valvona, Moreira, Esposito, Peluso, Natala, Benincasa, Terenzi, Palumbo, Plancella. ALL.: Terenzi-Triano. MARCATORI: 2 Bosco, Natale, Benincasa, Moreira, Valvona, Peluso. ALTAMURA. Torna al successo la Scarabeo in una delle gare più delicate per la zona salvezza. Tre punti che cancellano la prestazione opaca dei venafrani di sette giorni fa quando in Molise è arrivato il Manfredonia a fare bottino pieno: in terra pugliese è stato il quitetto guidato da Terenzi e Troiano ad aver ragione nel confronti di uno Sporting Pellegrino mai davvero pericoloso. Buona la partenze del quintetto molisano che trova subito la cattiveria agonistica giusta per attaccare gli spazi e creare occasioni da reti. Eppure, malgrado la buona mole di gioco creata, sono proprio i padroni di casa a rompere il ghiaccio e mettere a segno il vantaggio. Ma la risposta della Scarabeo è servita su un piatto d’argento quando è Benincasa a perforare le retrovie locali. La Scarabeo continua a viaggiare a mille e il vantaggio è cosa fatta con Moreira. La formazione di Altamura cerca di reggere il colpo riequilibrando le sorti dell’incontro ma il quintetto venafrano ha la voglia e i mezzi per tornare in avanti. A salire in cattedra è Bosco che lascia la firma sulla sua personale doppietta consentendo alla Scarabeo di chiudere la prima frazione di gioco sul 2 a 4. Al ritorno dagli spogliatoi, il pressing pugliese non riscuote il successo cercarto anzi è sempre la Scarabeo a recuperare e

22^ giornata Barletta Olimpiadi C5 Manfredonia Dep. Matera F. Matera Giovinazzo GG Pellegrino Scarabeo R. Molfetta Sp. Ortona Sp. Modugno Loreto Apr.

4 4 8 5 6 7 4 7 4 1 4 5

Riposa: A. Pescara

Squadre A. Pescara R. Molfetta Loreto Apr. S. Modugno Olimpiadi Sp. Ortona Dep. Matera F. Matera Scarabeo C5 Manfred. Barletta A. Giovinaz. GG Pellegr.

P 47 43 39 32 32 30 29 29 22 20 19 18 11

G 20 20 20 21 20 21 20 21 21 20 20 20 20

V N P Gf Gs 15 2 3 90 55 13 4 3 82 51 12 3 5 98 57 10 2 9 96 82 9 5 6 71 69 8 6 7 82 76 9 2 9 81 83 8 5 8 76 79 6 4 11 70 85 5 5 10 56 75 5 4 11 73 88 4 6 10 72 109 3 2 15 47 85

Prossimo turno (6 marzo) A. Giovinazzo - Barletta Adr. Pescara - Sp. Modugno Dep. Matera - GG Pellegrino Olimpiadi - C5 Manfredonia

Loreto Apr. - F. Matera Scarabeo - Real Molfetta Riposa: Sp. Ortona

Moreira ripartire con veemenza. La formazione molisana, infatti, mette al sicuro il tre punti quando Natale, Valvona e Peluso firmano l’allungo fino al 2 a 7. Negli ultimi minuti a poco serve l’ultimo arrembaggio dello Sporting Pellegrino che riesce a mettere a segno solo l’ultima marcatura. Un ritorno al successo imporLa Scarabeo Venafro tantissimo per la Scarabeo, questo il commento a fine gara di Luca Terenzi, capitano-allenatore del quintetto biancoazzurro: “ Abbiamo disputato una buona partita. Era importante che ci fosse la reazione soprattutto mentale della squadra dopo la brutta battuta d’arresto subita sabato. Questi tre punti ci volevano, erano fondamentali contro una squadra che, come noi, lotta per la salvezza finale. Sabato prossimo arriverà la seconda della classe. Loro hanno bisogno di punti per restare aggrappati alla prima piazza ma noi non pos-

Bosco siamo permetterci di lasciare punti per strada. Sarà una bella sfida”.


30

Domenica 28 febbraio 2010

Mezzo passo falso della Chaminade contro l’Isernia. Aesernia-Futsal Cb, gol e spettacolo

IlTorre Magliano spicca il volo Capolista irresistibile contro il Bonefro liquidato con un netto 9 a 3 Michele Marro della Torre Magliano

equilibri in campo. In uno ‘Sturzo’ infuocato, infatti, l’Isernia accorcia ancora per il 4 a 3 poi un contestatissimo tiro libero messo a segno da Laurelli vale il pareggio finale. Futsal Aesernia-Futsal Campobasso ISERNIA. Se le danno di santa ragione Aesernia e Futsal Campobasso dando vita ad uno degli scontri più belli della stagione. Partenza a mille dei pentri che trovano il doppio vantaggio con Salamone e Valletta poi il pari è servito grazie alle reti di Cioccia e Camarda. L’Aesernia torna a far male con Pompeo ma la risposta campobassana è affidata a Giannotti per il parziale di 3 a 3. L’ultimo guizzo della prima parte di gara è di Valletta per il 4 a 3 che manda tutti negli spogliatoi. Ripresa ancora molto avvincente: è sempre Valletta a gonfiare la rete ma Brunetti accorcia nuovamente. Il nuovo allungo è firmato da Ferretti e Sala ma è ancora Giannotti a tenere vive le speranze campobassane per il 7 a 6. Ultimi minuti incandescenti: la Futsal Campobasso rischia il tutto per tutto l’Aesernia si dimostra squadra cinica e quadrata chiudendo la pratica con la tripletta di Valletta.

di Alessandra Potente Bonefro-Torre Magliano BONEFRO. Un Bonefro irriconoscibile si piega ad una Torre Magliano irresistibile che surclassa i diretti avversari con un netto 3 a 9 e spicca il volo visto il pari della Chaminade. Partenza perfetta da parte dei ragazzi di Sanginario: un gran gol di Buongusto apre le danze poi il raddoppio di Marro e il tris firmato da Iantomasi arrivato alla scadere di primo tempo. Black out del Bonefro anche al rientro dagli spogliatoi quanto è sempre la capolista a perforare le maglie difensive locali arrivando fino allo 0 a 5. Squillo dei padroni di casa su questo risultato con Lalli e Rea ma le due marcature dei padroni di casa non riaprono i giochi visto che è ancora il quintetto ospite a fare il bello e il cattivo tempo e a spegnere il fuoco locale. I gol sono sempre firmati da Marro e Iantomasi con la collaborazione di Passarelli fino alla nona rete che vale il definitivo ko per il Bonefro.

Bacigalupo-Arcadia CAMPOMARINO. Si spartiscono l’intera posta in palio Bacigalupo e Arcadia al termine di una gara giocata a suon di gol. Prima frazione di gioco in mano all’Arcadia che passa in vantaggio con Borzellega, D’Achille e Caddeo poi l’unico squillo locale arriva quasi allo scadere con Tronca. Bacigalupo trasformata al rientro dagli spogliatoi: è subito 5 a 3 grazie alle reti di Maiorino, Boccardi e Tronca. L’Arcadia si risveglia dal sonno e capovolge nuovamente l’incontro con Borzellega, Fratangelo e Riccio fino al 5 a 7 che sembra chiudere la contesa. Ma la doppietta di Tronca sul finale di gara regala almeno un punto alla Bacigalupo.

Chaminade-Isernia CAMPOBASSO. C’è solo tanto rammarico in casa Chaminade per questo pari arrivato quasi allo scadere al cospetto di un Isernia comunque molto ordinata. Primo tempo da manuale dei campobassani che aprono con Cavaliere, Terriaca e Cavallo fino al 3 a 0 che chiude la prima parte di gara. La risposta pentra arriva solo a metà ripresa quando tocca a Laurelli siglare la doppietta che riapre la pratica. Sul 3 a 2 tiro libero sbagliato da Vitale per l’Isernia che poteva valere il momentaneo pareggio. E’ Di Rienzo, invece, su punizione a silglare il nuovo allungo della Chaminade poi l’espulsione di Santella cambia gli

Termoli-Capracotta TERMOLI. Non vanno oltre il pareggio Termoli e Capracotta al termine di un match vivo malgrado il risultato. Partenza a tutta birra degli altomolisani che con Ciolfi passano in vantaggio. Cinque minuti più tardi ed è una punzione di Rios a ristabilire la parità. Il Termoli prova a fare la partita ma un palo di Di Gennaro e una traversa di Rios mandano tutti

Aesernia Futsal Cb

Bacigalupo Arcadia

10 6

7 7

negli spogliatoi con il parziale di 1 a 1. I padroni di casa provano a pigiare il piede sull’acceleratore ad inizio ripresa quando tocca all’estremo difensore del Capracotta fare gli strordinari su Di Gennaro, Riso e Mancini, ma nel momento di maggior pressing adriatico è il Capracotta ad avere l’opportunità di portare a casa l’intero bottino grazie ad un fulminante contropiede di Ciolfi su cui Dakoli ci deve mettere una pezza.

Calcio a 5 - Serie C1 23^ giornata Aesernia 10 Futsal Cb 6 Bacigalupo 7 Arcadia 7 Bonefro 3 Torre Magliano 9 Chaminade 4 Isernia 4 Edly 3 Frentana Larino 2 Pietrabbondante 7 All Blacks 3 PS Cimauno 5 Pl Fuorigioco 0 Termoli 1 Capracotta 1

Squadre T. Magliano Chaminade Bonefro F. Aesernia Isernia Pietrabbond. Futsal Cb Edly Arcadia Fr. Larino Termoli All Blacks Bacigalupo Capracotta PS Cimauno Pl Fuorigioco

P 59 56 50 46 42 36 31 29 27 25 25 25 23 20 19 16

G 23 23 22 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 22 23 23

V N P Gf Gs 19 2 2 111 39 18 2 3 108 55 16 2 4 103 68 14 4 5 128 81 12 6 5 91 76 11 3 9 97 86 9 4 10 103 117 9 2 12 82 97 8 3 12 114 121 7 4 12 92 105 8 1 14 82 99 8 1 14 97 116 7 2 14 104 131 6 2 14 86 134 6 1 16 79 105 5 1 17 63 110

Edly-Frentana Larino TERMOLI. Non manca all’appuntamento con la vittoria l’Edly in questo scontro diretto con il Larino. Gara molto equilibrata, malgrado il risultato in favore dei padroni di casa, che si apre con il vantaggio frentano siglato da Benigni. Gli adriatici devono aspettare qualche minuto per farsi pericolosi in area frentana ma la risposta arriva repentina prima con Bardita che Prossimo turno (6 marzo) segna il pari poi con Romano che capovolge il risultato prima del thè All Blacks - Bacigalupo Futsal Cb - Pietrabbondante negli spogliatoi. Ad inizio ripresa è Fr. Larino - Pl Fuorigioco il Larino a farsi subito vivo dalle Arcadia - Bonefro Isernia - PS Cimauno parti di Del Grande ma è ancora Capracotta - Chaminade Torre Magliano - Termoli Bardita a punire la retroguardia Edly - Futsal Aesernia bianconera colpendo in contropiede. Il Larino cerca di rialzarsi, la risposta arriva con di un Pietrabbondante che surclassa i diretti avverVaranese che, però, colpisce il palo. Ancora Varane- sari soprattutto sul piano fisico. E’, infatti, il sodalise qualche minuto più tardi da tiro zio del capoluogo a dover gettare la spugna viste le libero ma la sua conclusione è sette reti messe a segno dalla squadra di Barile per il fuori. L’ultimo squillo biancone- finale di 7 a 3. ro arriva con Lozzi che, da tiro P.S. Cima Uno-Fuorigioco libero, sul finale firma il 3 a 2 ma CAMPOBASSO. Porta a casa con l’intera posta l’Edly è brava a reggere all’ultiin palio il Cima Uno che torna a sperare dopo la premo assalto degli ospiti. stazione di oggi e dopo i risultati maturati. Partenza Pietrabbondante-All Blacks a mille dei padroni di casa che aprono i conti con PIETRABBONDANTE. Al- Sassano per poi raddoppiare grazie alla rete di Calungo del Pietrabbondante che fa iazzo. E’ comunque il Cima Uno a fare la gara nel suo l’incontro con gli All Blacks primo tempo con una Fuorigioco che cerca solo nel soprattutto nella seconda parte di finale di spingere ma il tiro libero battuto da Minielgara. Primo tempo molto equili- lo termina fuori. Pressing dalla Fuorigioco nei primi brato: a passare per due volte in minuti della ripresa quando è mister Amodio a covantaggio sono i padroni di casa mandare il portiere avanzato, ma nel miglior moma la pronta risposta campobas- mento ospite è Caiazzo a trovare il guizzo in controsana arriva con la doppietta di De piede per il tris. La Fuorigioco cerca di non disperaRosa. E’ ancora De Rosa ad ini- re ma con il portiere avanzato è tutto facile per i pazio ripresa a calare il tris per gli droni di casa incassare con Di Sarro. Ultima marcaDino Di Sarro All Blacks e timbrare l’allungo tura di giornata affodata a Vallillo per il definitivo 5 (PS Cimauno) ma dopo il 2 a 3 inizia la rimonta a 0.

Bonefro 3 Torre Magliano 9

Chaminade Isernia

4 4

FUTSAL AESERNIA: Tomeo, Sala, Lollis, Valletta, Salamone, Passarelli, Santoro, Eliseo, Piacci, Lombardozzi, Pompeo, Ferretti. ALL.: Matticoli. FUTSAL CB: Camarda, Brunetti, Gabriele, Grignoli, Barile, Giannotti, Cioccia, Trivisonno, Toscano. ALL.: Paolantonio. ARBITRI: Ricci di Isernia e Ricciuto di Campobasso. MARCATORI: 6 Valletta, Salamone, Sala, Pompeo, Ferretti, 3 Giannotti (C), Camarda (C), Brunetti (C), Cioccia (C).

BACIGALUPO: Di Vito, Tronca, Santoianni, Boccardi, Muccillo, Paolucci, Maiorino, De Benedictis. Graziaplena. ALL.: Tronca. ARCADIA: Perazzelli, Sallustio, Caddeo, Riccio, Borzellega, Giuditta, D’Achielle, Aquilano, Pupillo, Fratangelo, Merluzzo, Marotta. ALL.: Di Gennaro. ARBITRI: Tagliente e Salvatore di Isernia. MARCATORI: 4 Tronca (B), 2 Maiorino (B), Boccardi (B), 2 Fratangelo, 2 Borzellega, Caddeo, D’Achille, Riccio.

BONEFRO: Madonna, Di Stefano, Primiano, Rea, Lalli, Di Salvio, Fantetti, Tavone R., Tavone G., Buscio, Di Iorio. ALL.: Eremita. TORRE MAGLIANO: Coccia, D’Alauro, Iantomasi, Buongusto, Rosati, Gianfelice, Santarelli, Passarelli, Izzo, Marro, Rosati M., Apicella. ALL.: Sanginario. ARBITRI: Telesca e Spensieri di Campobasso. MARCATORI: Lalli (B), Rea (B), Di Salvio (B), 4 Iantomasi, 3 Marro, Passarelli, Buongusto.

CHAMINADE: Coppola, Cascone, Petardi, Di Rienzo, Santella, Cavaliere, Cavallo, Terriaca, Risciti, Palumbo. ALL.: Gianrusso. ISERNIA: Visco, Scarabelli, Cutone, Vitale, Rossi, D’Alberto, Zarlenga, Nuosci, Iacovino, Laurelli, Ciotola. ALL.: Nini. ARBITRI: Pangia di Termoli. MARCATORI: Cavaliere, Terriaca, Cavallo, Di Rienzo, 3 Laurelli Iacovino.

Edly Fr. Larino

Pietrabbondante 7 All Blacks 3

PS Cimauno Pl Fuorigioco

Termoli Capracotta

PIETRABBONDANTE: Riccitiello, Di Pasquale, Giuliani, Iadisernia, Bruno, Ianicelli, Di Salvo, Santagata, Polidori, Di Tata A., Di Tata G. ALL.: Barile. ALL BLACKS: Durante, De Michele, Di Salvio, Montanaro, Saviante, De Amicis, De Michele M., Brunetti, De Rosa. ALL.: Baranello. ARBITRI: Di Pilla di Isernia e Alberti di Campobasso. MARCATORI: Bruno, Di Salvo, 2 Polidori, 2 Ianicelli, Di Tata A., 3 De Rosa (A).

PS CIMA UNO: Pietrunti, Di Sarro, Pietrunti F., Di Nardo, Sassano, Caiazzo, Manes, Vallillo, Aceto, De Simio, Piscopo, De Cesare. ALL.: Sassano. FUORIGIOCO: Di Lella, Armanetti, Pasqualone, Perrotti, Miniello, Bocchetti, Civerra, Ciccone A., Campa, Marmorale, Bonasera, Ciccone F. ALL.: Amodio. ARBITRI: Izzo di Isernia e Iacobucci di Campobasso. MARCATORI: Sassano, 2 Caiazzo, Di Sarro, Vallillo.

3 2

EDLY: Del Grande M., Del Grande G., Bardita, Mazzei, Fiorelli, Pecorari, Romano, Caruso, Didodo, Pennella. ALL.: Del Grande. FRENTANA LARINO: Mastrogiuseppe, Daiprà, Benigni, Miozza, Ziccardi, Montanaro, Varanese, Lozzi, Franzini. ALL.: Di Lisio. ARBITRI: Matticoli di Isernia e Del Rosso di Campobasso. MARCATORI: 2 Bardita, Romano, Benigni (F), Lozzi (F).

5 0

1 1

TERMOLI: Dakoli, Della Porta, Di Girolamo, Ricciuti, Forcella, Mancini, Rios, Di Gennaro, Zinni. ALL.: Dakoli. CAPRACOTTA: Di Bucci, Paglione M., Carbnevale G., Paglione F., Ciolfi, Di Nucci P., Di Nucci G., Sozio, Fiadiano S., Carnevale V. ALL.: Sozio-Paglione. ARBITRI: Potena di Isernia e Di Lembo di Campobasso. MARCATORI: Ciolfi (C), Rios (T).


Domenica 28 febbraio 2010

31

Volley, serie A2. I toscani stazionano al quartultimo posto e vengono da sei sconfitte consecutive

L’Isernia sfida la Quasar Massa Nuova gara casalinga per i pentri

Pino Lorizio

Una nuova partita casalinga per la Katay Geotec Isernia, che in questo “nuovo” scorcio di campionato ha fatto del Pala Fraraccio la sua fortezza. Oggi arriva la Quasar Massa Versilia, formazione al quart’ultimo posto della classifica a sole due lunghezze di distanza dai biancoazzurri, reduce da una striscia negativa di sei sconfitte consecutive e soli 2 punti raccimolati in altrettante gare perse al tie break. Non per questo, la squadra ora allenata da Georghe Cretu, che ha rilevato 10 giorni fa il posto di Luca “Bazooka” Gantagalli, ha meno motivazioni degli isernini. A proposito di motivazioni, sarà una gara particolare per diversi ex, in primis per Pino Lorizio, con il quale i toscani hanno vinto il campionato in B1 e al quale sono ancora molto legati, a lui si aggiungono i due martelli Spescha e Bertoli (figlio del famoso “mano di pietra”) che hanno militato tra

Basket, serie C dilettanti. C’è voglia di rivalsa post ko

le fila pentre rispettivamente nel 2005 e nel 2008. Domani in campo il mister rumeno potrà contare sul sestetto base, che vede il regista Torre in diagonale con l’opposto brasiliano Rodriguez, sulle bande i martelli Spescha e Bratoev, al centro Fiori e Ivanov, e su Prandi, il libero. Dal canto suo Lorizio potrà contare sul roster al completo, con entrambi i palleggiatori pronti a scendere in campo all’occorrenza, da definire durante la rifinitura chi partirà dal primo set. Di certo le opzioni al coach non mancano, potendo schierare con un

doppio cambio la coppia Piovarci-Saglimbene per Pambianchi-Janusek o Maly, senza contare poi, sugli elementi del sestetto base che vedono oltre al capitano Oro, di nuovo in gran forma, al centro Salgado e Cacchiarelli libero. PUBBLICO - Oggi il palazzetto si vestirà di bianco azzurro, palloncini colorati decoreranno il palasport e verranno distribuiti ai più piccoli in concomitanza con la giornata per la sensibilizzazione verso le malattie rare patrocinata dalla Lega Volley Serie A. Inoltre per l’occasione è

previsto l’ingresso gratuito fino a 15 anni. E’ previsto un buon afflusso di pubblico per sostenere la squadra bianco azzurra. UNDER 18 – Domani alle 15.00 ghiotto anticipo importante incontro di campionato anche per la Katay Geotec Under 18 che affronta la Tonno Calipo Vibo Valentia nella seconda giornata della seconda fase del campionato. Calabresi primi in classifica a 9 punti insieme alla M.Roma, e molisani secondi a 3 lunghezze e dunque intenzionati a fare il possibile per tentare l’aggancio.

Serie B d’Eccellenza femminile

La Martino Group cerca Torna alla vittoria la Women’s di riprendere la marcia Buona prova delle campobassane

“E’ stata una settimana un po’ turbolenta- attacca coach De Florio-, abbiamo accusato il colpo della sconfitta di Ascoli, ci aspettavamo tutti un’altra prestazione, un altro atteggiamento dopo le buone cose del derby. C’è molto rammarico, soprattutto per i risultati che sono arrivati dagli altri campi che potevano rimettere tutto in discussione per i primi posti, così non è stato e c’è stata un po’ di tristezza; l’unica cosa che potevamo fare era abbassare la testa e lavorare duramente per prepararci alla sfida di domani”. Stato d’animo descritto alla perfezione dall’allenatore

della Martin Group Virtus Termoli che fotografa la situazione all’interno dello spogliatoi, ma che guarda già avanti, come è giusto che sia, ed il futuro si chiama Globo Giulianova, squadra nona con un record pari tra vittorie e sconfitte (10-10). “La cosa più importantecontinua De Florio- è non subire il contraccolpo psicologico, dobbiamo portare a casa i due punti assolutamen-

WOMEN’S BK CB 68 GYMNASIUM CE 60 (12-12) (32-25) (50-44) Women’s Cb: Lombardo 11, Anastasio 20, Ciminelli 12, De Rosa 8, Scoglia 7, Giugliano, Babini, Gianfagna 10, Pirosanto, Caporicci. ALL.: Ladomorzi Gymnasium Caserta: Gallo 17, Bargigli 14, Del Gaudio 13, Nuzzo 4, Romano 5, Iuliano 5, Natale S. 2, Sarcinelli, Pastore ne, Guastaderro ne. ALL.: Natale G. di Alessandro Correra Ritorna a vincere la Women’s Basket CamCoach De Florio te, e per farlo è necessaria quella cattiveria agonistica che ci è mancata una settimana fa. Ci troveremo di fronte una squadra giovane con un paio di elementi di esperienza, molto veloce e che corre tantissimo, mi ricorda un po’ Pescara come tipologia di squadra. Dovremmo essere bravi a leggere i loro continui cambi difensivi, ma soprattutto essere consapevoli che nessuna partita è scontata e quindi dare sempre il 100%”. Le due bocche da fuoco da tenere d’occhio sono il goriziano Bradoit un’ala piccola da oltre 18 per serata, e la guardia teramana Wu, che viaggia a più di 13 punti; attenzione anche a Cannavina (10,8 +5), per lui, ripese doc, è un derby sentito. Una Martino Group al completo cerca il riscatto quindi per riprendere la strada verso la migliore posizione playoff.

pobasso nella prima giornata di ritorno della poule promozione del girone D, avversaria di turno il fanalino di coda Gymnasium Caserta, partita che si è giocata davanti ad un gran numero di spettatori che sono rimasti entusiasti della prestazione fornita dalle campobassane. Gara che nel primo quarto è caratterizzata da molti errori al tiro come dimostra il primo finale che vede il punteggio in parità a quota 12. Lombardo e socie danno un piccolo strappo nel secondo quarto piazzando un breack di 20 a 13 e chiudendo avanti all’intervallo lungo di 7 punti. Nel terzo periodo le Casertane di mister Natale rispondono colpo su colpo alle campobassane e riescono a chiudere la terza frazione in svantaggio solo di 6 punti. È nell’ultimo periodo che le ragazze di coach Ladomorzi chiudono definitivamente il match, infatti grazie all’aggressività che le ha sempre contraddistinte piazzano un parziale di 16 a 2 in sei minuti e mezzo portandosi sul 6646 quando mancano tre minuti e mezzo, e qui che le lupette convinte della loro vittoria calano vistosamente e permettono alle campane di avvicinarsi ma solo per rendere il passivo meno vistoso, chiudendo la gara sul 68-60. Alla fine dell’incontro coach Ladomorzi ci ha detto: “Ci Portavamo un po’ di scorie della partita Portici, che ci siamo scrollati di dosso, dopo un buon inizio non siamo riusciti a dare il breack decisivo in questa partita che è vissuta di strappi, solo nell’ultimo quarto abbiamo piazzato il breack decisivo che ci portato sul +20 w li abbiamo controllato”. Sul proseguo del campionato ci ha detto: “Ogni partita è una storia a sé, ora ne mancano quattro e per noi sono quattro finali , adesso noi cercheremo di vincerle tutte per avere il miglior piazzamento possibile in vista dei payoff”. Fabio Ladomorzi


quotidianomolise  

il primo giornale tutto molisano

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you