Issuu on Google+

Registrazione n. 04 del 07/04/2006 Tribunale di Pescara - Sped. in a.p. Ar t. 2 comma 20/C legge 626/96P


partnership [ riservato a 16 partner ] Poster pubblicitario 6x3 mt vostro logo come official sponsor su n. 25 poster 6x3 mt installati su tutto il territorio abruzzese formato sponsor_ 30 x 15 cm stampa_ digitale a colori

Gadget vostro logo come official sponsor su cartellina, borsa e blocco per appunti A4 (copertina) formato sponsor_ 22 x 12 mm stampa_ litografica 4 colori

Backdrop interviste vostro logo su fondale pubblicizzato che accompagna i personaggi durante le interviste, in omaggio vostro logo su pagina partner ufficiali di ABC sulla rivista Abruzzo Impresa formato sponsor_ 25 x 11 cm stampa_ digitale a colori

Backdrop relatori vostro logo in prima fila come official sponsor su fondale pubblicizzato con megaschermo e immagine convention che accompagna il tavolo dei relatori per tutto l’evento formato sponsor_ 40 x 20 cm stampa_ digitale a colori

depliant_pubblicità.indd 4

25-09-2007 10:49:53

1ª Convention delle imprese 22 novembre 2007

partnership [ riservato a 48 partner ] Backdrop relatori vostro logo su fondale pubblicizzato con megaschermo e immagine convention che accompagna il tavolo dei relatori per tutto l’evento

022851-FirmaConc85x60

10-07-2006

16:59

Pagina 1

Concessionaria BMW e MINI

Autoabruzzo

formato sponsor_ 30 x 15 cm stampa_ digitale a colori Via Amendola, 300 - Tel. 085 432511 - SAMBUCETO (CH) Strada Provinciale, 23 - Tel. 0872 57194 - MOZZAGROGNA (CH)

Gadget vostro logo come partner su blocco per appunti A4 (copertina) in omaggio vostro logo su pagina partner di ABC sulla rivista Abruzzo Impresa formato sponsor_ 15 x 8 mm stampa_ litografica 4 colori

Backdrop interviste vostro logo su fondale pubblicizzato che accompagna i personaggi durante le interviste formato sponsor_ 25 x 11 cm stampa_ digitale a colori

M A R I O D I C E S A R E srl

partnership

Energy & Building systems

Backdrop relatori vostro logo su fondale pubblicizzato con megaschermo e immagine convention che accompagna il tavolo dei relatori per tutto l’evento, in omaggio vostro logo su pagina partner


1ª Convention delle imprese Per un nuovo modello di sviluppo un progetto strategico per l’Abruzzo

giovedĂŹ 22 novembre 2007 Grand Hotel Adriatico Montesilvano (Pe) Sala congressi _ ore 15:00


i Partner di

ARCASERVICE ACHILLE PASSERI & FIGLIO S.r.l.

[anno di fondazione 1981] 65129 Pescara Via Marino Carboni, 88 tel. 0871.58511 - fax 0871.5851200 www.passeri.com - e-mail: info@passeri.com

ASSISTENZA TECNICA E MANUTENZIONE IMPIANTI TECNOLOGICI

di D’OLIMPIO MARCO

[anno di fondazione 1990] 65128 Pescara Via Tavo, 206 tel. e fax 085.4464548 e-mail: arca.service@virgilio.it

F.LLI ADEZIO S.n.c.

[anno di fondazione 1963] 66010 Ari (Ch) Via Ponte di Ari tel. 0871.71156 - fax 0871.718211 www.fratelliadezio.it - e-mail: info@fratelliadezio.it

D.D.L. S.r.l.

AD.VENTURE S.r.l.

MARIO ARIZZA

[anno di fondazione 1994] 65122 Pescara Via Ravenna, 3/22 tel. 085.4219183 - fax 085.2058363 www.ad-venture.it - e-mail: info@ad-venture.it

[anno di fondazione 1999] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Via Lungofino, 149 tel. 085.9506199 - fax 085.9506545 www.arealegno.it - e-mail: info@arealegno.it

[anno di fondazione 1965] 66026 Ortona (Ch) Viale Civiltà del Lavoro, 105 tel. e fax 085.9062012

COOPERATIVA GARANZIA FIDI OPERATIVI AGRICOLI REGIONE ABRUZZO

AGRICOLFIDI ABRUZZO S.C.A.R.L.

ARREDO LUCE S.r.l.

AMBIENTE 2000 Coop. Sociale

ATRADIUS

IANNONE S.r.l.

[anno di fondazione 1965] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) c. comm.le Ibisco - C12 tel. e fax 085.950388

AUTOABRUZZO S.r.l.

BCC Abruzzese

AUTOSTAR S.p.A.

[anno di fondazione 2001] 66026 Ortona Via Marina, 25 tel. 085.9061118 - fax 085.9064724 e-mail: mirascar@tin.it

[anno di fondazione 2000] 64026 Roseto degli Abruzzi (Te) Via Brasile, 2 tel. e fax 085.8931328 www.ambiente2000.info - e-mail: info@ambiente2000.info

[anno di fondazione 1957] 65010 Cappelle (Pe) Via Umberto I, 78/80 tel. 085.44741 - fax 085.4470199 www.bccabruzzese.it - e-mail: info@bccabruzzese.it

[anno di fondazione 1990] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) C. Comm. Ibisco 13/14 tel. 085.950583 - fax 085.950100 www.arredolucesrl.it - e-mail: info@arredolucesrl.it

[anno di fondazione 1931] 65100 Pescara viale Pindaro c/o Piazza Accademia tel. 085.690751 - fax 085.691299 www.atradius.it - e-mail: pescara@atradius.com

[anno di fondazione 1978] 66020 Sambuceto (Ch) Via G. Amendola, 300 tel. 085.4325153 - fax 085.4310093 www.autoabruzzo.bmw.it - e-mail: info@autoabruzzo.bmw.it

[anno di fondazione 1976] 65100 Pescara Via Breviglieri, 3 (angolo Via Tiburtina) tel. 085.43219 - 199.770.783 www.fordautostar.it - e-mail: info@fordautostar.it


ubicazione: • nel Comune di Città Sant’Angelo • a 8 km da Pescara

descrizione: • capannoni per commercio all’ingrosso, moduli da 634 mq a 10.000 mq

• a 4 km dall’autostrada A-14 uscita Pescara nord

• capannoni per logistica, moduli da 480 mq a 2.400 mq

centro servizi: • sportello bancario • bar e ristorante • sala conferenze • uffici


i Partner di

CE.DI. S.r.l.

[anno di fondazione 2006] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Po tel. e fax 085.4461668

COCCO FERNANDO S.r.l.

AGENZIA C & G S.r.l.

[anno di fondazione 2000] 66100 Chieti Via dei Marsi, 92 tel. 0871.321728 - fax 0871.334877 e-mail: cgmincone@tiscali.it

COLORIFICIO ARCO S.p.A. [anno di fondazione 1976] 66020 San Giovanni Teatino Via Adige, 1 tel. 085.4462232 - fax 085.4461803 www.colorificioarco.it - e-mail: info@colorificioarco.it

CEIT S.r.l.

COMMER GOMMA S.n.c.

[anno di fondazione 1979] 66013 Chieti Scalo (Ch) Via Custoza, 26/A Tel. 0871.564947 - Fax 0871.565034 www.ceit.it - e-mail: ceit@ceit.it

[anno di fondazione 1973] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) C.da Vertonica - c.c. Ibisco C 13/14 tel. 085.959505 - fax 085.959435 www.coccofernando.it - e-mail: info@coccofernando.it

[anno di fondazione 1975] 65010 Cappelle sul Tavo (Pe) Via Pascoli di Terra Rossa, 96 tel. 085.4471200 (r.a.) - fax 085.4471731 www.commergomma.com - e-mail: info@commergomma.com

Organismo di certificazione di Sistemi e Prodotti

CERTIEURO S.r.l.

[anno di fondazione 2004] 65100 Pescara Via San Marco, 3 tel. 085.4312170 - fax 085.88431149 www.certieuro.com - e-mail: certieuro@certieuro.com

COMPAGNIA TRASPORTI VOLUMINOSI S.r.l.

CAMERANO GUIDO

[anno di fondazione 1976] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Strada Lungofino, 117 tel. e fax 085.95202 e-mail: g.camerano@telematicaitalia.it

CONFINDUSTRIA ABRUZZO

CIAVATTELLA MAGLIERIE S.n.c.

CONFSERVIZI S.r.l.

DE NATURA

CONDOTTE IMMOBILIARE S.p.A. [anno di fondazione 2002]

[anno di fondazione 1976] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) C.da Vertonica - c.c. Ibisco tel. 085.950554 - fax 085.950577 www.ciavattella.com - e-mail: info@ciavattella.com

[anno di fondazione2001] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Via Alzano, 78 tel. e fax 085.960597 - mobile: 3471939305 e-mail: denatura_pe@libero.it

[anno di fondazione 1994] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Aterno, 25 tel. 085.4409074 - fax 085.4465553 www.ctvlogistica.it - e-mail: info@ctvlogistica.it

67100 L’Aquila Nucleo Ind. loc. Campo di Pile tel. 0862.317207 - fax 0862.311929 www.confindustria.abruzzo.it e-mail: info@confindustria.abruzzo.it

[anno di fondazione 1992] 66100 Chieti Via Spezioli, 16 (Theate center) tel. 0871.64499 - 0871.64399 e-mail: confservizisrl@virgilio.it

65013 Città Sant’Angelo (Pe) C.da Vertonica - c.c. Ibisco tel. 085.950165 - fax 085.950165 www.condotte.com - e-mail: condotte@condotte.com


i Partner di

ISTEL IMPIANTI S.r.l.

GEKO s.n.c. di Luca & Marco Gialluca

GLM s.r.l.

[anno di fondazione 1998] 64020 Castellalto (Te) Via Tevere - Castelnuovo Vomano tel. 0861.570321 - fax 0861.570322 www.glmmeccanica.it - e-mail: gml@glmmeccanica.it

TRUBIANO RAPPRESENTANZE

CISI

VISUAL MOVIE di Sem Cipriani

66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Amendola, 312 tel. 085.4308169 - fax 085.4326764 www.istelimpianti.it - e-mail: info@istelimpianti.it

[anno di fondazione 1992] 66043 Casoli (Ch) Zona Industriale Est tel. 0872.9927296 - fax 0872.9927311 e-mail: cisimail@tin.it

66020 S. Giovanni Teatino (Ch) Via Trigno, 37 tel. 085.4461248 - fax 085.4406171 www.gialluca.it - e-mail: info@gialluca.it

65013 Città S.Angelo (Pe) C.da S. Martino, 25/B tel. 335.6415363 - fax 085.96675

[anno di fondazione 2006] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via G. Potenza, 58 tel. e fax 085.4406019 www.visualmovie.it - e-mail: info@visualmovie.it

LA TUA AZIENDA ELLEPI SERRAMENTI s.r.l.

64026 Roseto Degli Abruzzi (Te) Zona Artigianale Autoporto tel. 085.8930793 - fax 085.8930804 www.ellepiserramenti.it e-mail: info@ellepiserramenti.it

LA TUA AZIENDA

CAP - Comune (Prov.) Indirizzo, n. telefono - fax www.sitodellatuaazienda.it

BAZZANA di Maurizio Bazzana 64018 Tortoreto (Te) Ctr. Salino tel. 0861.781084 www.bazzana.net - e-mail: info@bazzana.net

EUROLINE srl

64023 Mosciano S.A. (Te) Via Milano, 83 tel. 085.8062325 - fax 085.8063814 www.euroline-srl.it - e-mail: info@euroline-srl.it

Sii Leader, aderisci all’area partner di Abruzzo impresa CONFIDI ABRUZZO DIREZIONE GENERALE

65100 Pescara Via Raiale, 110 tel. 085.4325070 - fax 085.4317426 www.confidi.abruzzo.it - e-mail: info@confidi.abruzzo.it

info commerciale@abruzzoimpresa.it tel. 085 9508161


w w w . v e g a p r e f a b b r i c a t i . i t

Spazio (e luce) all’ impresa. Con SISTEMA SPAZIO SHED®, Vega Prefabbricati ha esteso il concetto di qualità della vita agli ambienti di lavoro. La copertura ad elementi shed è in grado di garantire la migliore luminosità e il massimo comfort termico ed acustico, a tutto vantaggio di un maggiore rendimento energetico. Negli edifici Vega l’impegno per la qualità della vita è premiato dalla qualità del lavoro.

Contrada Piane Tronto 64010 Controguerra - TE - ITALY

Tel. 0861.89266 r.a. Fax. 0861.89102 e-mail: info@vegaprefabbricati.it


speciale

sommario

pag. 18

primo piano

pag. 50

pag. 15

primo piano

Confindustria Abruzzo

Sviluppo economico, turismo in pole position

l’Abruzzo che produce visto da...

Territorio, infrastrutture e riqualificazione urbana fattori di sviluppo

Università economia

editoriale

pa rte

Rivoluzione Industriale, le macchine che convertono i prodotti in energia

Ripartire dall’uomo

pag. 49

pag. 52


Tempo Reale, leader nella logistica di magazzino

azienda partner

azienda partner

Cocco Fernando, la moda senza limiti e confini

pag. 54

Spinosa Pingue:«Ripartiamo da investimenti e infrastrutture»

pag. 70

eventi

Regione turismo

Turismo, in arrivo 19 milioni di euro per l’innovazione

pag. 56

pag. 73

Piccole e medie imprese, serve un marchio per sfondare all’estero

fiera

convegno

Piccole e medie imprese, uno sportello per chi vuole entrare in borsa

pag. 58

pag. 78

Miracolo a Milano, l’Abruzzo trionfa alla fiera campionaria

fiera

azienda partner

Pantalone S.r.l., un boom lungo 40 anni

pag. 63

pag. 82

Imprese, un modello organizzativo per tutelare le società

fiera

convegno

Delverde: il gusto viaggia in autobus

pag. 65

pag. 84

riconoscimenti

Premio Marketing, trionfo assoluto degli universitari abruzzesi

turismo

Turismo e natura, la scommessa vinta da In Fiera

pag. 66

pag. 86

Soluzioni Software, programmi innovativi al servizio delle piccole e medie imprese editoria

azienda partner

Abruzzo a due velocità, serve uno sviluppo uniforme del territorio

pag. 69

pag. 90


sommario

risorse umane pag.108

ar te

pag. 92

6ª p

NUTRIAMO LA

pag. 95

pag.110

Banca di Credito Cooperativo, nozze d’oro al servizio delle piccole imprese

Fara San Martino, il tesoro nasce dal fiume verde

anniversario

STESSA PASSIONE

enologia

XX EDIZIONE 2007

il paese d’Abruzzo

ORO

Bosco Nestore, brindisi da 110 e lode

De Cecco prepara lo sbarco in borsa

eventi

PREMIO ALLA COMUNICAZIONE DI QUALITÀ PER AGENZIE E UTENTI

Imprese, investire in sicurezza conviene

energia

L’efficienza energetica e gli stili abitativi

pag.112

motori

Ford, la Mondeo diventa station per coccolare gli automobilisti

pag. 96

pag.116

Edimac e Jbc, binomio vincente dall’edilizia all’agricoltura

eventi

Sviluppo, i giovani imprenditori chiedono più collaborazione alla regione

pag.121

Mini Cooper Clubman, sprint e stile automobilistico in tre varianti

pag.123

pag.100

Emas, troppo pochi i bollini blu in Abruzzo

ambiente

DELVERDE INDUSTRIE ALIMENTARI S.p.A. 66015 Fara San Martino • Abruzzo Italy Tel. +39 0872 9951 • Fax +39 0872 994000 www.delverde.it • e-mail info@delverde.it

Sborgia ascensori, l’arte di salire e scendere in pochi secondi

pag.106

pag.125


BMW Serie 5 Berlina e Touring 523i 520d 525i/xi 525d 530i/xi 530d/xd 540i 535d 550i Piacere di guidare

BMW Financial Services: la più avanzata realtà nei servizi finanziari. BMW e

.Incontro al vertice della tecnologia. Consumi (litri/100km) ciclo misto: da 5,9 (520d Berlina) a 14,8 (M5).Emissioni CO2 (g/km): da 158 (520d Berlina) a 357 (M5).

www.bmw.it

A volte, sono le condizioni migliori a rendere le cose straordinarie.

BMW Serie 5 con Value Lease o Maxirata, assicurazione furto e incendio per 2 anni o in alternativa la manutenzione programmata Essential. È un’iniziativa dei Concessionari BMW.

Un esempio di offerta Value Lease Un esempio di offerta Maxirata

Modello 530d Eletta Berlina Modello 530d Eletta Berlina

Prezzo* 48.150 Euro Prezzo** 48.150 Euro

Anticipo

(incluso primo canone) o eventuale permuta

47 canoni

25.039 Euro Anticipo o eventuale permuta 12.280 Euro

da 250 Euro 35 rate

Riscatto finale 15.574 Euro Maxirata finale

da 250 Euro

32.508 Euro

Tasso Leasing

TAEG

4,99% TAN 4,99%

Manutenzione Programmata Essential 4 anni/100.000 Km. * IVA e messa in strada incluse. IPT esclusa. Spese istruzione pratica 300 Euro IVA inclusa. Il piano si riferisce a una durata di 48 mesi/60.000 km. ** IVA e messa in strada incluse, IPT esclusa. Spese istruzione pratica 250 Euro IVA inclusa. Salvo approvazione di BMW Financial Services Italia S.p.A. È un’offerta valida fino al 31/12/2007. Fogli informativi disponibili presso le Concessionarie aderenti.

Concessionaria BMW Autoabruzzo

Via Amendola, 300 - Tel. 085 432511 - SAMBUCETO (CH)

Strada Provinciale, 23 - Tel. 0872 57194 - MOZZAGROGNA (CH)

5,71% TAEG 5,45%


editoriale

RIPARTIRE

DALL’UOMO

G razie! Un ringraziamento sincero a tutti. Per la vostra presenza alla prima convention delle imprese. Il successo è anche merito della vostra partecipazione. Un grazie particolare, e non poteva essere altrimenti, a Confindustria e alla facoltà di economia dell’Università d’Annunzio. E cosa dire di Emma Marcegaglia, vicepresidente nazionale di Confindustria? Archiviato l’evento occorre ripartire, non senza una riflessione. Mi auguro che l’appuntamento sia stato innanzitutto un’occasione di confronto, di dialogo tra soggetti economici, enti, imprese mossi dal gusto di conoscersi e di realizzare. Non per niente questa testata nata un anno e mezzo fa, è stata creata con lo scopo di dare risalto alle aziende locali. Per noi, coordinatori dell’iniziativa, è stata un’ennesima sfida presentata al territorio. Certo un primo passo. Ma bisogna credere essenzialmente nel valore dell’uomo che deve essere aperto e pronto al dialogo, spinto però da certi valori oggi, purtroppo, in ribasso. Le idee le muove l’uomo, ma questi deve avere anche l’umiltà di sapere che rappresenta una piccola espressione dell’universo. Ricordo l’uomo di scienza e fede, Enrico Medi, nato agli inizi del secolo scorso (direttore, tra gli altri, dell’istituto nazionale di geofisica e vice presidente Euratom, nonché deputato nella prima legislatura della repubblica), che è arrivato alla fede utilizzando i numeri della fisica terrestre: «Nella storia dell’universo – diceva - quella umana è racchiusa in un piccolo, semplice fotogramma nel quale ci sono tutti da Giulio Cesare a Cristoforo Colombo a Napoleone. Pensate in un semplice fotogramma, il tempo di un battito d’ali, passa tutta la nostra storia». È un’immagine che porto personalmente sempre dietro quando vedo, con rammarico, la mancanza di dialogo e l’impossibilità di molti di superare certi egoismo fini a se stessi. Credo che si Adriana Settuario - direttore possa crescere solo se l’azione è la risultante di volontà diverse e unite, pronte al confronto costruttivo, al dialogo sincero che mette da parte utopistiche mire private. Un sogno forse, ma l’anelito che spinge a fare, viene dall’uomo, inteso come insieme di copro mente anima. “Se puoi sognarlo puoi farlo” diceva Walt Disney, il papà di Topolino. E ha costruito un impero, ancora inossidabile. Se hai presente il disegno, l’hai già in parte realizzato. Come questa convention realizzatasi grazie alla partecipazione di due punti di riferimento per Abruzzo impresa, Confindustria e l’Università. Senza l’unione delle diverse capacità l’idea non si sarebbe concretizzata. L’input a fare, a confrontarsi e a realizzare dovrebbe essere sostenuta da professionalità, competenza, zelo e anche da voglia di sognare una società migliore in cui siano riconosciute realtà dissimili e a tutti garantita la possibilità di esprimersi. Impegno è quelle cui siamo chiamati ogni giorno per raggiungere un obiettivo che abbia come fine benessere e profitto. Ma per essere tale deve coinvolgere tutta la società e apportare benessere e profitto anche a chi non può, non sa o non riesce più a sognare. Questo il mio augurio per le imminenti festività. In questa sede porgo i saluti ai lettori, collaboratori e a tutti coloro che hanno arricchito le pagine di Abruzzo impresa con i loro interventi. Nell’occasione mi congedo dal mio incarico di direttore responsabile che termina con questo numero. A tutti un lieto anno nuovo.


partnership [ riservato a 16 partner ] Poster pubblicitario 6x3 mt vostro logo come official sponsor su n. 25 poster 6x3 mt installati su tutto il territorio abruzzese formato sponsor_ 30 x 15 cm stampa_ digitale a colori

Gadget vostro logo come official sponsor su cartellina, borsa e blocco per appunti A4 (copertina) formato sponsor_ 22 x 12 mm stampa_ litografica 4 colori

Backdrop interviste vostro logo su fondale pubblicizzato che accompagna i personaggi durante le interviste, in omaggio vostro logo su pagina partner ufficiali di ABC sulla rivista Abruzzo Impresa formato sponsor_ 25 x 11 cm stampa_ digitale a colori

Backdrop relatori vostro logo in prima fila come official sponsor su fondale pubblicizzato con megaschermo e immagine convention che accompagna il tavolo dei relatori per tutto l’evento formato sponsor_ 40 x 20 cm stampa_ digitale a colori

depliant_pubblicità.indd 4

25-09-2007 10:49:53

1ª Convention delle imprese 22 novembre 2007

partnership [ riservato a 48 partner ] 022851-FirmaConc85x60

Backdrop relatori

10-07-2006

16:59

Pagina 1

Concessionaria BMW e MINI

vostro logo su fondale pubblicizzato con megaschermo e immagine convention che accompagna il tavolo dei relatori per tutto l’evento

Autoabruzzo

formato sponsor_ 30 x 15 cm stampa_ digitale a colori Via Amendola, 300 - Tel. 085 432511 - SAMBUCETO (CH) Strada Provinciale, 23 - Tel. 0872 57194 - MOZZAGROGNA (CH)

Gadget vostro logo come partner su blocco per appunti A4 (copertina) in omaggio vostro logo su pagina partner di ABC sulla rivista Abruzzo Impresa formato sponsor_ 15 x 8 mm stampa_ litografica 4 colori

Backdrop interviste vostro logo su fondale pubblicizzato che accompagna i personaggi durante le interviste formato sponsor_ 25 x 11 cm stampa_ digitale a colori

il meglio dell’informazione

partnership

M A R I O D I C E S A R E srl Energy & Building systems

Backdrop relatori vostro logo su fondale pubblicizzato con megaschermo e immagine convention che accompagna il tavolo dei relatori per tutto l’evento, in omaggio vostro logo su pagina partner


1ª Convention delle imprese Per un nuovo modello di sviluppo un progetto strategico per l’Abruzzo

giovedĂŹ 22 novembre 2007 Grand Hotel Adriatico Montesilvano (Pe) Sala congressi _ ore 15:00


1a convention delle imprese

EMMA MARCEGAGLIA CAPITANO D’IMPRESA

Emma Marcegaglia durante il suo intervento alla prima convention delle imprese con i relatori della tavola rotonda


foto di Andrea Straccini


1a convention delle imprese

Successo di partecipazione e di proposte alla prima convention delle imprese

CONFINDUSTRIA CHIAMA, LA REGIONE RISPONDE La vice presidente nazionale Emma Marcegaglia loda il mondo produttivo e striglia i politici: «Noi abbiamo le idee chiare, ma servono tempi certi di intervento»

di Adriana Settuario

U

n successo. Grande partecipazione di pubblico e di invitati. Mondo dell’impresa e politici, così com’era nello scopo. Avvicinare due realtà, anche se non sono mancati “colpi diretti”, ma per fortuna nessuno è andato ko. Così doveva essere. Un dialogo chiaro, senza fronzoli né mezzi termini, com’è il mondo dell’impresa. Così è stato. A scuotere gli animi Emma Marcegaglia, vice presidente nazionale di Confindustria, che ha tessuto le lodi del nostro Abruzzo. Una strigliata a dovere al mondo politico. Dritta al sodo e con una verve e determinazione che la contraddistinguono ha tenuto banco per quasi tre quarti d’ora calamitando l’attenzione di una platea, presente più che mai e che anzi non ha mostrato momenti di cedimenti e stanchezza. Tutti compatti senza abbandonare la sala fino alla fine. Una precisa richiesta: “tempi certi”. «Il problema in questo Paese non è sapere cosa fare, ma come farlo in tempi certi, senza procrastinare all’infinito scelte non più rimandabili, occorre operare oggi, non domani o alla prossima legislatura».

Un merito anche alla puntualità e alla resistenza del governatore Ottaviano Del Turco e dell’assessore alle attività produttive della Regione, Valentina Bianchi: gli unici politici in platea fin dall’inizio pronti a incassare i “colpi” di un Marrollo in strepitosa forma. Richiesta di un immediato confronto per l’avvio concreto di iniziative indispensabili alla crescita del territorio, indicando le priorità, in modo tangibile. Le urgenze, secondo Confindustria, sono un nuovo patto imprese-sindacati per la competitività, la ricerca e l’innovazione, le infrastrutture, l’efficienza energetica, il turismo, la semplificazione amministrativa e in particolare il risanamento finanziario. Puntuale la riposta politica: un sos lanciato da Del Turco: «le organizzazioni di categoria, sindacali e industriali mi diano il loro appoggio a mi aiutino a mettere in piedi una vera politica riformista per vincere le resistenze che incontriamo tutti i giorni». L’assessore Valentina Bianchi ha puntato su alcuni settori: «L’organismo politico e amministrativo deve concentrarsi su alcuni settori veramente efficaci come la formazione, l’innovazione e le infrastrut-


Emma Marcegaglia durante il suo intervento

ture. Noi non possiamo incidere né sul costo del denaro, né certamente sull’energia, ma possiamo contribuire a dare certezza programmatoria e normativa». L’assessore ha poi richiamato tutti gli interlocutori a una maggiore collaborazione: «Noi ci siamo. L’innovazione deve passare forse nel cambiamento del metodo di dialogo tra le parti, ma senza crisi di nervi». E poi quell’appello all’uomo, e non poteva essere altrimenti, della preside di economia, Anna Morgante, non senza aver lanciato due “ganci” sonori diretti al mondo politico, relativamente ai fondi mal impiegati per master richiesti da pochi e mancanza di dialogo e confronto. L’economista Giuseppe Mauro ha sottolineato che, pur in un percorso di crescita complessiva dell’economia regionale, comunque dentro un quadro nazionale, c’è bisogno di una «maggiore tensione ideale sui problemi dello sviluppo e della crescita». Per il professore esiste una preponderanza di un «capitalismo relazionale che deresponsabilizza a fronte di un capitalismo del territorio». Immancabili gli interventi dei sindaci Pasquale Cordoma, primo cittadino di

Montesilvano, e Luciano D’Alfonso per Pescara. Senza dimenticare gli interventi nel dibattito moderato da Pasquale Galante. Sergio Galbiati, presidente di Confindustria L’Aquila: «L’ingrediente di fondo è lo sviluppo della classe dirigente» ha detto riferito ai partiti. Roberto Campo, segretario regionale Uil, ha rivendicato l’autonomia di chi fa impresa «per stare meno a ricasco della politica». Per il mondo bancario erano presenti Giuseppe Del Gesso, direttore amministrativo Locat Gruppo Banca Popolare e Massimo Minolfi, direttore generale Corporate Gruppo Banco Popolare. Entrambi hanno puntato sulla necessità, anche per il mondo della finanza, di investire sul capitale umano. Il convegno, sponsorizzato dalla società Euler Hermes Siac, dei fratelli Gallucci, ha poi lasciato il posto alla conviviale durante la quale sono stati consegnati i riconoscimenti Aquila reale ai dodici volti che hanno contraddistinto le copertine del primo anno del mensile. Diretta televisiva curata dal direttore di Rete 8, Pasquale Pacilio, con puntata dell’Otto volante dedicata all’evento.


1a convention delle imprese

INTERVENTO DI CALOGERO RICCARDO MARROLLO Presidente di Confindustria Abruzzo

A

nome mio e di Confindustria Abruzzo, desidero dare un caloroso benvenuto a tutti i pre-

senti: alle autorità politiche e istituzionali, ai rappresentanti delle espressioni sociali, economiche e culturali intervenute, ed ai relatori tutti. Un grazie sentito va: • al vice Presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, per aver accolto il nostro invito ad intervenire a questo importante appuntamento. Emma è già la seconda volta che ci onora della sua presenza in Abruzzo; • Un altro grazie va al Presidente Ottaviano Del Turco, qui con noi (a breve) per confrontarsi sui temi dello sviluppo regionale; • alla facoltà di Economia dell’Università D’Annunzio, rappresentata dalla Preside Anna Morgante, per il prezioso contributo all’organizzazione di questa giornata; • ed infine alla Rivista Abruzzo Impresa,

ed in particolare al suo direttore generale Fabio De Vincentis ed al Direttore Responsabile Adriana Settuario, con cui mi complimento per lo straordinario successo ottenuto in così poco tempo, e che, nel corso della serata, premieranno, gli imprenditori ed i manager, protagonisti delle prime dodici copertine della Rivista. Si tratta questa, di una iniziativa degna di lode, perché è un riconoscimento a quanti, con il loro impegno e il loro operare quotidiano, costituiscono un modello comportamentale e gestionale. Ed è proprio partendo da quest’ultima considerazione che vorrei introdurre il tema del Convegno. Nella nostra recente presentazione dell’Indagine semestrale sull’Industria abruzzese, abbiamo evidenziato come, nonostante situazioni e contesti avversi, il nostro sistema imprenditoriale, riesca ancora a reagire con vitalità, ai cicli congiunturali più sfavorevoli. Ciò dimostra come le imprese stiano


facendo la loro parte, contribuendo così, alla tenuta del sistema socio-economico, regionale. A fronte dei grandi cambiamenti in atto, negli scenari economici globali, infatti, le imprese hanno assunto nuovi comportamenti, ed elaborato nuove strategie, introducendo, continuamente, gli accorgimenti innovativi necessari, per poter competere, investendo sia in nuove strategie produttive, gestionali e commerciali, sia in competenze e sia in qualità. Ma oggi più che mai, non sono però autorizzati, ottimismi ingiustificati ed ulteriori rinvii, degli interventi di Governo richiesti. Infatti l’impresa, ha bisogno di un contesto ambientale, infrastrutturale, culturale ed amministrativo, in grado di sostenerla ed accompagnarla nella competizione, e quindi, alla politica ed alle Istituzioni, si richiede l’assunzione, responsabile ed urgente, di nuovi comportamenti e di nuovi metodi di governo. Tale esigenza, non riguarda solo la crescita economica delle imprese -per quanto questa sia già, un fattore fondamentale per la creazione di ricchezza e di occupazione - ma anche, lo sviluppo qualitativo dell’intero territorio. Purtroppo la situazione non è più sostenibile, e il rischio, per il nostro paese e per la nostra regione, è di perdere competitività, non solo nei confronti dell’Est europeo e dei Paesi asiatici, ma anche delle altre realtà economiche europee, dove: la pubblica amministrazione è più efficiente e meno costosa, le infrastrutture sono più moderne, il sistema formativo più adeguato alle esigenze della società, le aree industriali più attrezzate e servite, la gestione del territorio e dell’ambiente più oculata, i servizi ai cittadini più efficienti, e via dicendo. Nel nostro sistema invece, ad un aumento dei costi e della pressione fiscale, non corrisponde, una crescita nell’offerta di servizi, e nell’efficienza amministrativa. Questo vale soprattutto per l’Abruzzo, schiacciato tra un meridione, verso cui rischia di arretrare, e un nord più avanzato. Di fatto, tale situazione di svantaggio è ben rappresentata anche dai dati statistici, che dimostrano come l’Abruzzo, nell’ultimo decennio, sia

retrocesso di molte posizioni, rispetto alle altre regioni europee. Su questi temi, Confindustria Abruzzo, da tempo, sta svolgendo una incessante opera di sensibilizzazione, denunciando come purtroppo, si stiano scontando, in termini ormai non più sostenibili, i cosiddetti “costi della politica”, intesi non solo, e non tanto, come costi diretti per il funzionamento delle istituzioni, ma anche, come incapacità di assumere responsabilità, elaborare strategie, e risolvere i problemi reali della società civile. Ecco quindi, il senso del tema del Convegno di oggi. Confindustria vuole un Abruzzo moderno, competitivo, innovativo, e di qualità, intesa quale vantaggio sociale oggettivo, da sostenere e ampliare, come fattore strategico di sviluppo. È necessario iniziare ad affrontare con urgenza una serie di criticità, che vincolano la crescita del territorio, e limitano l’asset competitivo delle imprese. Mi riferisco, in primo luogo, al bisogno di costruire un sistema di relazioni industriali, favorevole alla competitività ed alla crescita, quantitativa e qualitativa, dei livelli occupazionali. L’intento è quello di ricercare e condividere, le soluzioni idonee a rimuovere cause, che frenano nuovi investimenti produttivi. Si deve poi, pervenire alla predisposizione di una provvedimento per la ricerca e l’innovazione, che faccia leva su alcune questioni prioritarie, quali: un maggiore coordinamento fra Università, Impresa e mondo della Ricerca e un rinnovamento del sistema formativo. Ulteriore questione, riguarda la dotazione infrastrutturale, che in Abruzzo è pari al 73% della media italiana. Oltre ai fattori strategici legati alla portualità, alla viabilità, alla logistica ed alle reti telematiche, una particolare attenzione, va rivolta a quei progetti infrastrutturali, che avvantaggiano i comprensori trainanti della regione, quale, ad esempio, il progetto sull’automotive nella Val di Sangro. Le vicende legate, ai continui aumenti delle materie prime energetiche, ed alle difficoltà di reperimento delle stesse, impongono poi scelte, volte non solo, a garantire disponibilità e qualità del servizio, ma anche a sostenere e promuovere progetti imprenditoriali,


1a convention delle imprese

Cambielli Group Edilizia

CHI HA GIÁ DECISO DI ESSERE IN ABC

Cogli il business per dare benessere alla tua azienda

Piastrelle

Idrotermosanitari Condizionamento Arredamento COOPERATIVA GARANZIA FIDI OPERATIVI AGRICOLI REGIONE ABRUZZO

Sede: 65129 PESCARA - Via Fosso Cavone, 26 Tel. 085.4311260 - Fax 085.4311569 E-mail: info.epica@cambielligroup.it www.epicasrl.it

QUALITÁ - SERVIZIO ACCOGLIENZA - TRASPARENZA FILIALI CHIETI Viale Abruzzo, 320 - Tel. 0871 560520 Fax 0871 573386

L’AQUILA Via P.A. Scrivà, 4 - Tel. 0862 313644 Fax 0862 317374

SISTI S.r.l. ISTITUTO CONSULENZE SERVIZI AZIENDALI

SI.RE.A. s.a.s. di Di Lizio Renzo & C.

CAMPOBASSO Via S. Giovanni in Golfo, 1 - Tel. 0874 67742 Fax 0874 65206

VILLAROSA DI MARTINSICURO (TE)

Massimo Paolini Agente Capo

S.S. 16 Adriatica km. 395 - Tel. 0861 758017 Fax 0861 757030

AVEZZANO (AQ) Via Roma, 309 - Tel. 0863 36222 Fax 0863 36222

TERMOLI (CB)

MONDO CAR

Via Corsica, 145/147 - Tel. 0875 726075 Fax 0875 725945

SULMONA (AQ) Via Staz. Introdacqua, 15 - Tel. 0864 212829 Fax 0864 206497

ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE) Via Romania, 2/4 - Tel. 085 8999125 Fax 085 8930227

ISERNIA Via S. Ippolito - Tel. 0865 414029 Fax 0865 414018

CITTÁ SANT’ANGELO (PE) Viale Matrino, 200 - Tel. 085 95161 Fax 085 95291

ROMA Via di Casal Bianco, 200/A - Tel. 06 41294993 Fax 06 41294357

SAN SALVO (CH) C.da Piano S. Angelo, 1 - Tel. 0873 346221 Fax 0873 344406

ORTONA (CH) C.da Cucullo, 5 - Tel. 085 9032551 Fax 085 9032414

SANTA MARIA IMBARO (CH) Strada Prov. della Rocca - Tel. 0872 578880 Fax 0872 579832

LA DISTRIBUZIONE IDROTERMOSANITARIA QUALIFICATA

Ferri Antonello


tesi alla maggiore efficienza ed autonomia energetica, ed all’abbattimento dei costi, anche attraverso, uno smaltimento dei rifiuti finalizzato. Il turismo, è una leva di crescita e di qualificazione del Territorio, finora non ancora valorizzata adeguatamente. Questo, a fronte invece delle grandi potenzialità territoriali della nostra regione, dove si può passare dalla spiaggia alle piste da sci, tra le più belle d’Italia, in soli tre quarti d’ora. E dove possiamo vantare la presenza di ben 4 parchi nazionali. Per lo sviluppo del settore, è però necessaria e non più rinviabile, l’immediata attivazione dei Sistemi Turistici Locali. Altro argomento, è la riforma degli Enti strumentali regionali, delle Agenzie e degli Enti Territoriali di Politica Industriale, ed in particolare, penso ai Consorzi ed ai Distretti industriali. Per non parlare poi, della burocrazia elefantiaca, che rappresenta il principale ostacolo per noi imprenditori, e si traduce in costi esorbitanti per le imprese e per i cittadini tutti. Per cui, si chiedono provvedimenti efficaci, volti da una parte, a snellire e semplificare l’apparato amministrativo e le procedure burocratiche, dall’altra, all’effettiva liberalizzazione dei servizi, a livello Regionale e locale, con la reale applicazione del principio di sussidiarietà orizzontale. Il risanamento del bilancio regionale, per l’Abruzzo, è particolarmente importante, a causa delle maggiori aliquote IRAP e IRES (+1 punto % IRAP rispetto alle altre regioni più “virtuose”) dovute allo “sforamento” della spesa sanitaria. Sappiamo, che la Regione sta lavorando in merito, ma è fondamentale, da una parte che la diminuzione della pressione fiscale costituisca l’obiettivo strategico a breve termine; dall’altra, che la questione sanitaria, non sia una scusante per ulteriori ritardi. Come detto, Confindustria Abruzzo da tempo sollecita la Regione alla soluzione di questi problemi. Proprio un anno fa, dopo un importante confronto pubblico con la Regione, Confindustria Abruzzo si era fatta carico, con un Convegno a L’Aquila, alla presenza del Presidente Montezemolo, di promuovere un Patto per la competitività, che vedesse coinvolti tutti

gli attori della società. In questa logica, di recente, ho voluto chiamare a raccolta, tutte e 16 le Associazioni di Categoria regionali, che hanno condiviso le nostre richieste, volte innanzitutto a richiamare la Regione alla ripresa del dialogo, da troppo tempo assente. Proprio lunedì scorso, ho avuto un incontro con il Presidente Del Turco, che

ci ha assicurato la ripresa del dialogo, su basi concrete e con tempi certi di risposta. Con l’iniziativa odierna, Confindustria Abruzzo intende quindi confermare, il suo impegno per un Patto, che converga verso nuovi modelli, comportamentali e di Governo, più attenti alle esigenze di competitività, del territorio e delle imprese. Il nostro, ormai è un appello, ma devo ripetere: gli imprenditori non sono più disposti a tollerare ulteriori ritardi e inadempienze. Alle Istituzioni e alla politica, ma anche alle Organizzazioni Sindacali, ed al sistema finanziario, chiediamo infine, capacità di Governo e responsabilità: l’Abruzzo, ne ha veramente bisogno. Grazie a tutti.


1a convention delle imprese

CHI HA GIĂ DECISO DI ESSERE IN ABC

Cogli il business per dare benessere alla tua azienda


INTERVENTO DI GIUSEPPE MAURO Economista e professore ordinario di Politica economica dell’Università “d’Annunzio”

R

itengo che l’Abruzzo si trovi in una fase di ripresa economica come viene opportunamente evidenziato tra tre importanti indicatori: il PIL cresciuto nel 2006 dell’1.6%, l’export aumentato di circa 6% e l’occupazione dell’1.2%. Queste tre grandezze testimoniano come la fase di profonda stagnazione, sperimentata nel triennio 2001-2004, sia stata parzialmente superata. Non si dimentichi che nel triennio menzionato il PIL era addirittura diminuito di oltre l’1%, con una caduta superiore a quella fatta registrare nelle altre circoscrizioni regionali e nella media italiana. La ripresa della dinamica economica non è avvenuta tuttavia in maniera omogenea all’interno del mondo imprenditoriale. Le imprese che non hanno colto in tempo i grandi cambiamenti strutturali verificatisi nello scenario economico internazionale, vale a dire che non hanno apportato innovazioni profonde lungo la catena del valore

sono state emarginate oppure espulse dal mercato. Le altre imprese, invece, che hanno avuto la capacità di riposizionarsi sul mercato e di esplorare nuovi orizzonti produttivi hanno retto bene ai mutamenti determinati dal salto tecnologico, che ha reso i punti di riferimento più mobili, dalla globalizzazione che ha comportato il superamento dei tradizionali confini fisici e, soprattutto, dall’accresciuta concorrenza, da attribuire al superamento dei confini economici con l’ingresso nel mercato di nuovi paesi (Cina e India), i quali non solo stanno producendo importanti modifiche negli equilibri mondiali della produzione e della distribuzione della ricchezza, ma anche creando nuove piattaforme manifatturiere a livello mondiale. Tali mutamenti hanno messo in discussione le vecchie identità, i modelli organizzativi e produttivi nonché la performance economica della Regione. Se a tale processo aggiungiamo


1a convention delle imprese

la supervalutazione dell’Euro, che ha determinato una minore competitività su alcuni mercati mondiali, e l’elevatezza del debito regionale che ha comportato l’abbattimento delle risorse finanziarie da trasferire alle imprese e alla crescita economica, allora si comprende fino in fondo quanto sia stato difficile il percorso competitivo del nostro sistema imprenditoriale. Pertanto, il fatto che oggi si registri una leggera ripresa evidenzia le peculiarità del sistema produttivo regionale basato, com’è noto, su un mix produttivo di una non trascurabile rilevanza. Da un lato troviamo infatti la grande impresa che trasmette al territorio continui impulsi innovativi e che genera occupazione ed export; dall’altro si assiste al radicamento e alla diffusione di piccole e medie imprese che, in non poche circostanze, possono essere considerate, abusando di una nota espressione, multinazionali tascabili. Credo che questo sistema di industrializzazione polarizzata e di industrializzazione diffusa costituisca un autentico punto di forza della nostra Regione da valorizzare e dal quale partire per costruire appropriate misure di politica economica. In particolare si ritiene opportuno realizzare un significativo salto di qualità, anche di natura culturale. Si prospetta l’esigenza di passare da un capitalismo relazionale, oggi prevalente, ad un capitalismo del territorio. I contenuti delle due espressioni sono alquanto diversi. Nel primo caso prevalgono le relazioni tra poteri economici e politica, i cui rapporti, in verità, non sempre sembrano approntati a trasparenza e a limpidezza, ma in alcuni casi a forme di evidente collusione. Ciò tende direbbe Michele Salvati, a deresponsabilizzare le imprese e dar vita ad un circuito di protezione e di assistenzialismo. E’ mio convincimento che l’impresa, quella seria, che opera sul mercato assumendosi il rischio imprenditoriale, ha bisogno di altre cose , quali un costo delle materie prime in linea con quello degli altri paesi, buone infrastrutture, minore pressione fiscale e snellezza burocratica. Il capitalismo del territorio invece esalta le caratteristiche endogene del territorio, è in grado di programmare le traiettorie della crescita economica, chiamando a nuove responsabilità

i quattro pilastri del territorio, vale a dire le imprese, le istituzioni, la finanza e il sistema della conoscenza. Se poi il capitalismo del territorio riesce a connettersi con quello delle reti (infrastrutture, sanità, saperi locali e beni collettivi) allora il circuito si chiude e la Regione in tal modo appare in grado di innalzare la capacità propositiva dei soggetti economici e sociali, di verificare le risorse umane e materiali da destinare allo sviluppo e le proiezioni future del territorio in termini di crescita e di livello occupazionale. In questo percorso, particolare attenzione merita l’ analisi delle criticità che l’Abruzzo oggi sembra manifestare e che la crisi degli anni precedenti ha purtroppo evidenziato. Infatti, sembrano affiorare due significative debolezze. La prima riguarda quella ormai nota dell’Abruzzo centrale, dove si sta consumando la fine di un modello di sviluppo esogeno e la caduta verticale degli investimenti extraregionali. Anche gli ultimi dati sull’occupazione e sulla popolazione testimoniano un andamento via via decrescente e una perdita di vitalità di questo vasto territorio interno. Forse è il caso di individuare circuiti alternativi di sviluppo, capaci cioè di esaltare le caratteristiche e le vocazioni dell’area in termini di attratività turistica e culturale. La seconda debolezza riflette la crisi che sta investendo il distretto del tessile abbigliamento, sempre più aggredito dalla concorrenza cinese. I dati sull’export sembrano indicare una caduta della capacità competitiva di questo settore sui mercati internazionali. Il distretto diventa sempre più contoterzista, anche mediante l’utilizzo di manodopera immigrata e il ricorso alla delocalizzazione al fine di abbattere il costo del lavoro per e restare competitivi, sia pure in forma temporanea. Ma il distretto è anche espressione di dinamismo imprenditoriale e di cultura manifatturiera; è un patrimonio di sviluppo endogeno che va tutelato e rafforzato. Ed è proprio in quest’ambito che si stanno affermando, sempre all’interno del distretto, nuove realtà produttive, soprattutto nel comparto della meccanica. Imprese che rappresentano, in aggiunta alle grandi imprese, autentici punti di forza della Regione, che per qualità e capacità


competitiva riescono ad essere competitivi a livello mondiale. Alla luce di queste considerazione è possibile individuare opportune strategie di sviluppo? Mi sembra che le strade da seguire siano essenzialmente due. La prima è di natura teorica e coinvolge il comportamento della politica e delle istituzioni. Al momento il dibattito sembra convergere su due estremi: il richiamo ad un liberismo tout-court e quello, sul versante opposto, che fa riferimento ad uno stato sociale che per contenuti e metodi appare superato dai grandi cambiamenti economici. Nel primo caso è sufficiente richiamare una espressione di un grande pensatore liberale come Luigi Einaudi, quando affermava che il mercato, inteso in

no rispettivamente le infrastrutture, l’innovazione e la finanza d’impresa. I contenuti di tali linee sono abbastanza noti. Mi limito soltanto a dire che l’innovazione deve abbracciare tutta la catena del valore ed in particolare deve interessare le piccole e medie imprese, perché solo così riesce possibile costruire un indotto moderno ed articolato, capace di connettere le grandi imprese con il tessuto molecolare imprenditoriale. Occorre, in definitiva, una nuova tensione ideale sui problemi dello sviluppo. Le previsioni sul 2008 non sono incoraggianti. Crisi finanziaria dei mutui americani, prezzo alle stelle del petrolio e apprezzamento dell’euro sono fattori che potrebbero inaridire la crescita

senso assoluto, soddisfa domande e non bisogni ed è privo di valori umani. Alla stessa maniera il welfare dei decenni precedenti mal si addice ad un’economia post-fordista, alle nuove metodologie produttive, ad una società in continuo cambiamento, ai nuovi modelli di organizzazione aziendale. Occorre invece costruire un percorso basato su mercato-efficienza economica-equità sociale, concentrando l’attenzione più sull’esigenza di aumentare il reddito che, come di solito avviene, sulla sua distribuzione. L’altra strada comporta misure di politica economica a medio ed a breve termine. Le azioni da intraprendere sono essenzialmente tre e riguarda-

economica. Il valore dell’euro appare spropositato, cosi’, come afferma il premio nobel Mundell, mentre, la federal riserve con la sua valuta riesce a gestire i cicli economici a favore dell’economia americana, la BCE subisce con l’euro gli effetti di tale processo, limitandosi a garantire la stabilità dei prezzi. Solo con un più alto profilo ideale sarà possibile affrontare i nodi che oggi la Regione manifesta, in virtù di un pensiero che sappia trasformarsi in moderno, e dove la capacità di operare per innalzare il livello di conoscenza dell’Abruzzo possa costituire l’unico vantaggio comparato di lungo periodo.


LA CONVENTION DELLE GRANDI REALTÀ Fabio De Vincentiis editore della rivista “Abruzzo Impresa”

I

mpegno, serietà, lungimiranza e ricchezza di contenuti. Queste le parole d’ordine durante la prima Convention della Imprese tenutasi il 22 novembre a Montesilvano. Un evento straordinario arricchito dalla presenza e partecipazione di numerosi e prestigiosi protagonisti provenienti da ogni sfera di potere. La sala del Gran Hotel Adriatico gremita di gente, imprenditori, rappresentanti delle istituzioni, bancari e tutti i protagonisti che ruotano intorno al mondo delle imprese, vedere e sentire l’atmosfera di quella grande sala mi ha riempito di orgoglio e soddisfazione. Un impegno senza precedenti per me e per tutti i miei collaboratori che hanno dato veramente l’anima affinché ogni dettaglio fosse al meglio. Obiettivo raggiunto, la 1 convention delle imprese è riuscita nell’intento: dare alla nostra regione tutti gli spunti necessari per la formulazione di una valida strategia economico-gestionale, offrire al mondo imprenditoriale un

pratico e fruttuoso punto di contatto con le istituzioni politiche, con il dinamico ed essenziale mondo universitario e soprattutto una rete di conoscenze e collaborazioni che potesse essere un fondamentale input per la costituzione della giusta sinergia, grazie alla quale creare un progetto strategico per la crescita di tutto l’Abruzzo. L’impegno e la perseveranza dimostrati da tutto il mio staff sono stati davvero ammirabili, per la riuscita di un simile evento tutti i dettagli dovevano essere curati, dagli inviti alla pubblicità, dall’allestimento delle sale al programma della serata, un enorme insieme di elementi tutti ugualmente importanti, anzi fondamentali, affichè la prima Convention delle imprese partisse con tutti i presupposti di un grande evento, strutturalmente e contenutisticamente degno di rappresentare un punto di riferimento per tutta la regione Abruzzo. Fortunatamente, ma preferisco pensare che sia avvenuto per puro merito,


i Partner di www.autoabruzzo.bmw.it

LAVAGGIO PAVIMENTI INDUSTRIALI - APPARTAMENTI - UFFICI

DANELLI S.r.l.

[anno di fondazione 1953]

Via Amendola, 300 - Frazione di Sambuceto - Tel. 085 432511 - SAN GIOVANNI TEATINO (CH) Via Olmo di Riccio, 38/A - Tel. 0872 710214 - LANCIANO (CH) S.S. 17 km 43.085 - Tel. 0862 441620 - L’AQUILA

Concessionaria BMW e MINI

Autoabruzzo

65100 Pescara Via Bovio, 137 tel. 085.388148 - fax 085.27649 www.danelli.it - e-mail: danelli.srl@libero.it

BIENNE S.a.s. di Delli Rocioli Beniamino & C. [anno di fondazione 1999] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Via Crocifisso, 38 tel. e fax 085.960289

OBIETTIVO LAVORO S.p.A. Agenzia per il lavoro

IN FIERA S.r.l.

SIA Servizi Integrati Assindustria S.r.l.

SOTAR S.r.l.

MONTI S.r.l.

PROGER S.p.A.

DI DONATO S.p.A.

GRUPPO MARROLLO

65100 Pescara Via Trilussa, 79/81 tel. 085.42.19.706 - fax 085.42.19.707 www.obiettivolavoro.it e-mail: pescara@obiettivolavoro.it

[anno di fondazione 1991] 66034 Lanciano (Ch) Via Isonzo, 1 tel. 0872.711929 - fax 0872.711934 www.infiera-ecotur.it - e-mail: info@infiera-ecotur.it

IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO SPECIALI

[anno di fondazione 1999] 66100 Chieti - Via F. Viaggi, 7 tel. 0871.3595291 - fax 0871.321605 www.siaservizi.com - e-mail: siaservizi@tin.it

64021 Giuglianova (Te) Via Bompadre, 4 tel. 085.8002170 - fax 085.8007846 www.montisrl.biz - e-mail: montisrl@montisrl.biz

[anno di fondazione 1976] 66020 S. Giovanni Teatino (Ch) Via Salara, 12-13 tel. 085.4460159 - fax 085.4460491 www.didonatospa.com e-mail: info@didonatospa.com

[anno di fondazione 1993] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Bolzano, 16 tel. 085.4463686 - fax 085.4463684 www.sotar.it - e-mail: info@sotar.it

[anno di fondazione 1953] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Po, 99 tel. 085.44411 - fax 085.4441230 www.proger.it - e-mail: proger@proger.it

[anno di fondazione 1955] 66054 Vasto (Ch) Via A. Bafile, 14 tel. 0873.361830 - fax 0873.363287 www.marrollo.it - e-mail: info@marrollo.it

PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE IMPIANTI FRIGORIFERI INDUSTRIALI, TUNNEL DI CONGELAZIONE E MACCHINE ORTOITTICHE

CGFCold di Ceci B. & Ghezzi V. S.n.c.

COMIND s.a.s.

ITS ITALELETTRONICA S.r.l. [anno di fondazione 1995]

TR S.r.l.

[anno di fondazione 1979] 64013 Corropoli (Te) Via J. F. Kennedy, 5 tel. 0861.810026 - fax 0861.856092 www.cgfcold.com - e-mail: info@cgfcold.com

66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Po, 72 tel. 085.4460662 - fax 085.4464324 www.italelettronica.it - e-mail: info@italelettronica.it

[anno di fondazione 1980] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Aterno, 42 - Zona Comm. Dragonara tel. 085.4463060 - fax 085.4463556 www.comind.it - e-mail: info@comind.it

65010 Moscufo (Pe) tel. 085.975036 - fax 085.975832 www.abbigliamentopromozionale.it e-mail:info@abbigliamentopromozionale.it


Ad r i a n a S e t t ua r i o d i re t t r i ce, Fa b i o D e Vi n ce n t i i s, e d i to re e E l e o n o ra Lo p e s, co o rd i n a trice d e l l a te s t a t a “A b r u z zo I m p resa” n e l l e ve st i d i o rg a n i z z a to r i dell’evento

la Convention delle imprese è stata un fruttuoso e voluto punto di contatto tra i protagonisti di tutte le principali sfere economiche politiche e formative della nostra lungimirante regione, una regione che non vuole più accontentarsi di un posto in serie B, ma che desidera ardentemente crescere con grande razionalità e forti strategie economiche, una regione che ha bisogno di esprimere tutte le sue potenzialità poiché ne possiede tante, a partire dai grandi personaggi che la rappresentano per arrivare alla sua invidiabile posizione strategica. Per fare in modo che la meta del progresso venga raggiunta c’è bisogno della partecipazione e della presenza di tutti e sono orgoglioso di poter affermare che questa partecipazione c’è stata, numerosa e sentita. Un coinvolgimento che ha visto grandi nomi avvicendarsi sul palco, nomi che rappresentano il potere economico, quello politico e quello della più alta formazione, persone ammirate e di grande competenza che ringrazio vivamente per la partecipazione e soprattutto per i preziosi contenuti che hanno espresso nel corso degli interventi. Ora tocca a noi, parlo da imprenditore, oltre che da editore, siamo obbligati a tener fede all’impegno promesso, i contatti ci sono stati, la rete di alleanza è ormai stretta, bisogna solo rimboc-

carsi le maniche, lavorare con serietà e molto impegno per un concreto obiettivo comune: lo sviluppo dell’Abruzzo. Abruzzo Impresa sarà il faro di questa alleanza, ci ricorderà gli impegni, ci farà riflettere e ci stimolerà di continuo sui punti focali delle nostre problematiche e sulle questioni su cui si è lungamente dibattuto e cercherà, come sempre, di essere il crocevia di tutti i microcosmi regionali, da quello universitario a quello istituzionale, sempre passando attraverso il varco delle aziende. Non mi resta che rimandare l’appuntamento al prossimo anno, con una Convention ancora più ricca, sicuramente più matura e pronta per accogliere tutti i migliori protagonisti del nostro panorama regionale e nazionale. Un impegno che prendo con grande serietà, con l’augurio di trovare sempre più grinta negli obiettivi che mi pongo e nella fondamentale collaborazione di tutto il mio staff. Concludo ringraziando tutti coloro che sono intervenuti alla Convention, dagli ospiti presenti in sala ai relatori, la loro numerosa e partecipata presenza ha dato grande lustro e valore a tutta l’iniziativa, per questo ad ognuno di loro va la mia personale riconoscenza e l’invito per la prossima edizione.


1a convention delle imprese

photo gallery

I relatori della convention

Pasquale Cordoma

Adriana Settuario

Pasquale Caranfa

Calogero Riccardo Mar

La “Tavola Rotonda�

Anna Morgante

foto di Andrea Straccini, Simone Cerio e Rocco Petrei

Sergio Galbiati

rollo


photo gallery

I relatori della convention

Giuseppe Del Gesso

Pasquale Galante

Valentina Bianchi Roberto Campo

Massimo Minolfi

Luciano D’Alfonso

Giuseppe Mauro

Ottaviano Del Turco

Emma Marcegaglia


1a convention delle imprese

La platea della convention

photo gallery


La platea della convention

photo gallery


1a convention delle imprese

La platea della convention

photo gallery


La platea della convention

photo gallery


1a convention delle imprese

photo gallery

Consegna 1° premio “Aquila Reale”

å

ç

é è

ê

å Valentina Bianchi pre

mia Giuseppe Adolfo De

Mar tino S.p.A. copertina

Filippo De Cecco Fara San

ç Giuseppe Mauro pre

mia Miriam Masciarelli

relli copertina giugno 200

é Alfiero Barnabei pre

Cecco (F.lli De Cecco di

(Azienda Agricola Mascia-

6)

mia Franco Masci (Società

copertina settembre 200

è Paolo Primaver pre

Maggio 2006)

delle Terme S.p.A.

6)

mia Luca Tosto (Walter

ottobre 2006)

ê Pasquale Caranfa pre S.p.A.coper tina novemb

Tosto S.p.A. copertina

mia Antonio Bianchini

re 2006)

(Brioni Roman Style


photo gallery

Consegna 1° premio “Aquila Reale”

ë

í

ì î

ï

ë Mauro Angelucci pre

mia Enrico Toro (Enrico

Toro & C. Distilleria

gennaio 2007) Casauria S.a.S. copertina A. co (Mario De Cecco S.p. premia Gabriele De Cec í Gianbattista Blasetti copertina febbraio 200

ì

7)

Mario Pelino (Co Pasquale Galante premia

marzo 2007)

î Anna Morgante pre

nfetti Pelino S.r.l. coperti

mia Silvio Di Lorenzo (Ho

S.p.A. copertina aprile 200

ï Emma Marcegaglia

nda Italia Industriale

7)

premia Calogero Riccard

Marrollo copertina mag

gio 2007)

o Marrollo (Gruppo

na


1a convention delle imprese

photo gallery

Premio speciale di Abruzzo Impresa ai relatori della Convention

Luigi Di Giosaffatte a premia Emma Marcegagli

Antonio Cappell

e i premia Pasquale Galant

Massimo Minolfi o premia Giuseppe D’Amic

Gennaro Strever premia Sergio Galbiati

Giancarlo Gardellin premia Giuseppe Mauro

Alfredo Leggero premia

Anna Morgante

Dario Mancini premia Valentina Bianchi

Nicola Salvatore premia

Fabio De Vincentiis


Ecco Italia editori

photo gallery

IMPIANTI TECNOLOGICI Impianti di trasformazione e distribuzione dellʼenergia per complessi civili ed industriali, pubblico e privato Automazione industriale e di processi Sistemi integrati di sicurezza contro furto rapina incendio Cablaggi strutturati per fonia e dati Quadri di manovra e controllo Cabine di trasformazione MT – BT Impianti di coogenerazione Impianti di condizionamento Impianti termotecnica MANUTENZIONI Predisposizione di squadre permanenti di manutenzione per complessi industriali

ISTEL IMPIANTI SRL lia editori Le redazioni di Ecco Ita n hanno il giorno della conventio ro di presentato l’ultimo nume “Abruzzo Impresa“ e le nuove riviste “Buono e Bello”

e “Abruzzo Spor t”

V.le D’Annunzio,272 65100 Pescara

Sede legale:

Sede Operativa: Via Amendola, 312 66020 San Giovanni Teatino (Ch) tel.

085 4308169 - fax 085 4326764

www.istelimpianti.it

e-mail: info@istelimpianti.it


La serata di gala

photo gallery


i Partner di

LOGIMA S.r.l.

[anno di fondazione 2004] 63037 Porto d’Ascoli (AP) Via del Lavoro, 34 tel. 0735.753864 - fax 0735.766132 www.logimasrl.it - e-mail: info@logimasrl.it

AZIENDA AGRICOLA MASCIARELLI s.n.c. [anno di fondazione 1981] 66010 San Martino sulla Marrucina (Ch) Via Gamberale, 1 tel. 0871.85241 - fax 0871.85330 www.masciarelli.it - e-mail: info@masciarelli.it

SOSTITUZIONE VETRI AUTO E TIR

L.T.A. ABRUZZO S.r.l.

[anno di fondazione 1994] 66010 Fara Filiorum Petri (Ch) Via S. Eufemia, sn tel. 0871.79789 - fax 0871.706944 www.ltaabruzzosrl.it - e-mail: info@ltaabruzzosrl.it

Masterglass di Letta Ottorino

[anno di fondazione 1997] 65016 Montesilvano (Pe) Corso Umberto I, 590 (int. 74) - Espansione 1 tel. 085.834550 - fax 085.4456174 www.masterglass.it - e-mail: masterglass@inwind.it

confezione abbigliamento maglieria pronto moda

DIEFFE S.r.l.

[anno di fondazione 1969] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Loc. Vertonica - C.c. Ibisco comp. D-3/4/5 tel. e fax 085.950563 e-mail: dieffesrl@yahoo.it

MAXI FOODS S.r.l. [anno di fondazione 1997] 65015 Montesilvano (Pe) Via Danubio, capannone B tel. 085.4684079 - fax 085.4684261 www.maxifoods.com - e-mail: info@maxifoods.com

MACO S.r.l.

[anno di fondazione 1985] 66020 S. Giovanni Teatino (Ch) Via Aterno - Loc. Dragonara tel. 085.4406194 - fax 085.4465923 www.macosrl.com - e-mail: info@macosrl.com

MAZZOCCHETTI LUCIANO [anno di fondazione 1983]

MAR.COM. MEDICALE

MECH ENGINEERING S.r.l.

[anno di fondazione 2000] 65016 Montesilvano (Pe) Via Verrotti, 25 tel. e fax 085.4492556 www.marcomedicale.biz e-mail: vendite@marcomedicale.biz

66100 Pescara Strada Vic. Acquatorbida, 17 tel. 085.4462666 - fax 085.4464075 www.lucianomazzocchettitrasporti.191.it e-mail: info@lucianomazzocchettitrasporti.191.it

65012 Villanova di Cepagatti (Pe) Via Nazionale, 66/A tel. e fax 085.9774182 e-mail: mechsrl@libero.it

[anno di fondazione 2001]

M A R I O D I C E S A R E srl Energy & Building systems

MARIO DI CESARE S.r.l.

[anno di fondazione 1988] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Aterno, 125 - Zona Industriale tel. 085.4460224 - fax 085.4460214 www.dicesare.it - e-mail: info@mariodicesare.it

MEC SYSTEM S.r.l.

[anno di fondazione 2004] 64026 Roseto degli Abruzzi (Te) Via Scozia (angolo Via Norvegia) tel. 085.8932102 / 8999248 - fax 085.8997214 www.mec-system.net - e-mail: mecsystem@mec-system.net

100c, 15m, 75y, 30k

10c, 100m, 100y, 5k

SERVILOG PESCARA S.r.l.

[anno di fondazione 2006] 66100 Chieti PANTONE 7483 Via E. Piaggio, 21 tel. 0871.570212 - fax 0871.570211 PANTONE 1805

MOBILFINO S.r.l.

[anno di fondazione 1973] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Nuc. Ind.le Piano di Sacco, 13 tel. 085.9690145 - fax 085.9690022 www.mobilfino.com - e-mail: infocasa@mobilfino.com


l’Abruzzo che produce visto da... Il direttore di Ance Abruzzo indica la via da seguire per far crescere gli investimenti

TERRITORIO, INFRASTRUTTURE E RIQUALIFICAZIONE URBANA FATTORI DI SVILUPPO Ronconi: «Sì ai progetti di partenariato fra pubblico e privato con i costruttori edili in prima fila»

«I

Fausto Ronconi Direttore ANCE Abruzzo

l settore delle costruzioni è uno degli assi portanti dell’economia italiana (e segnatamente di quella abruzzese), capace di moltiplicare in maniera formidabile investimenti e occupazione e contribuendo alla infrastrutturazione del territorio. In Abruzzo c’è un notevole fabbisogno di infrastrutture correlate con la riqualificazione delle città e finalizzate alla modernizzazione del territorio. Occorrono ingenti investimenti; l’attuale diminuzione di disponibilità di risorse pubbliche ai fini del potenziamento delle infrastrutture può essere compensata con il ricorso a modelli di programmazione concertata degli investimenti, da cercare in accordi, intese, forme di partecipazione tra Istituzioni pubbliche e soggetti privati. Ne discende un’opportunità, già colta in altri contesti nazionali, per la partecipazione dei privati (i costruttori, in particolare) a programmi regionali e locali di potenziamento delle infrastrutture e all’attività di riqualificazione ambientale e urbana. Di qui la necessità di proposte finalizzate alla ristrutturazione funzionale del tessuto e dell’economia urbana, con ricorso a forme di partenariato che convoglino risorse private non solo finanziarie ma anche organizzative, professionali e progettuali. Nell’ambito degli interventi mirati alla riqualificazione del tessuto urbano si chiede che venga riservata particolare attenzione all’edilizia di sostituzione. Sulla sostituzione ai fini dell’adeguamento ai nuovi standard edilizi e ambientali e di sicurezza statica occorre una convergenza sia delle forze imprenditoriali, attraverso forme di incentivo alla “rottamazione” del patrimonio edilizio fatiscente, sia delle componenti più sensibili alle problematiche ambientali che vedono nella sostituzione l’opportunità di recuperare insediamenti urbani ai principi di sostenibilità e di efficienza energetica già adottati nelle principali città europee, senza trascurare la possibilità di adeguare le condizioni statiche degli edifici. Posta in termini assolutamente generali, l’esigenza della sostituzione può interessare tutto il patrimonio edilizio privo di valore storico e ambientale. La sostituzione deve essere intesa come strumento di recupero dell’efficienza del sistema urbano. Su questo terreno potrebbero essere utilizzati i programmi complessi, capaci di governare la trasformazione urbanistica, coniugando operatività e concertazione pubblico/privato. In uno scenario di contrazione dei tradizionali campi di intervento, un nuovo approccio agli interventi di riqualificazione urbana e di dotazioni infrastrutturali può garantire lo sviluppo del settore delle costruzioni e contribuire a un innalzamento della competitività del territorio e della qualità della vita».


pa rte

primo piano

L’evoluzione del lavoro attraverso i secoli: dal Neolitico in Medio Oriente al XVIII secolo in Inghilterra

RIVOLUZIONE INDUSTRIALE, LA SVOLTA DALLE MACCHINE CHE CONVERTONO I PRODOTTI IN ENERGIA La nascita della manifattura e l’applicazione dell’utensile alla macchina gli altri momenti decisivi

di Anna Morgante

L

e macchine convertitrici di energia e la nascita della manifattura Scrive Forbes (1950): «Se l’homo sapiens, l’uomo pensatore, non fosse stato nello stesso tempo anche homo faber, uomo artefice, non sapremmo nulla dell’esistenza preistorica dell’umanità». Infatti le tracce più antiche dell’uomo sono quelle degli utensili e degli oggetti che egli ha forgiato con le proprie mani. Lo studio degli utensili permette di conoscere non solo i cambiamenti formali degli stessi e le diverse tecniche di lavorazione adottate dall’uomo, ma anche l’evoluzione nell’uso dei diversi materiali e, di conseguenza, le scoperte fondamentali dell’uomo nelle epoche preistoriche. Con la realizzazione dei primi utensili di selce, con la scoperta prima (e il controllo poi) del fuoco, con l’invenzione della leva e dell’aratro, l’uomo ha creato, con mezzi empirici, una tecnologia diretta al soddisfacimento dei suoi bisogni materiali. Già in questa fase iniziale, l’uomo ha sentito la necessità di fare meglio e in tempo più breve ed ha cercato di razionalizzare la successione delle attività fisiche ripetitive, necessarie al raggiungimento di determinati scopi pratici. La costruzione dei primi utensili già tradisce la preoccupazione tecnica, cioè la ricerca volta ad ottenere oggetti abbastanza simili, se unico era lo scopo cui erano destinati. La lavorazione dei metalli, iniziata nel Neolitico, provocò modifiche radicali alla struttura sociale ed economica e dette origine alle fiorenti società

del Medio Oriente, dell’Egitto e della Mesopotamia. Il miglioramento delle tecniche agricole, legate all’impiego di utensili di metallo, portò ad un aumento della produttività nel settore primario. Ciò permise di provvedere al mantenimento di un maggior numero di artigiani specializzati, i cui manufatti superarono quantitativamente il fabbisogno della popolazione agricola. Le possibilità di sviluppo delle attività produttive furono per lungo tempo limitate dall’impiego dell’energia animata degli animali e dell’uomo. Nei secoli successivi, l’invenzione della ruota idraulica dette nuovo impulso all’attività produttiva. Il mulino per follare può essere considerato il primo esempio di innovazione tecnica, capace di incidere sulla localizzazione delle unità produttive. Infatti la sua introduzione, intorno al 1086 in Normandia, determinò il trasferimento della manifattura laniera dalle città alle vallate fluviali, dove si poteva utilizzare l’energia idrica. Con la lavorazione moderna dei metalli, che si ritiene abbia avuto inizio nel secolo XIII, e attraverso l’opera di Leonardo da Vinci e dei grandi tecnici del Rinascimento, si realizza l’applicazione dell’utensile alla macchina. Lo sviluppo della meccanica come scienza, ad opera di Galileo, pose le basi per la soluzione di problemi riguardanti la costruzione delle macchine: furono perfezionate quelle esistenti, di cui fu esteso l’uso, e ne furono inventate altre. Per tutto il XVII secolo la maggior parte delle innovazioni fu diretta verso il perfezionamento degli ingranag-


Università Economia

Anna Morgante - preside facoltà Economia Università G. d’Annunzio Chieti-Pescara

gi, per migliorare il rendimento delle macchine idrauliche ed eoliche, tenendo conto delle esigenze crescenti delle officine, in continua espansione. Nel secolo XVII, la rivoluzione borghese favorì l’espansione industriale e il progresso tecnologico: le botteghe artigiane si trasformarono in fabbriche meccanizzate. Di queste trasformazioni la più importante fu quella verificatasi nel settore tessile, che costituì la base di decollo della rivoluzione industriale. Si brevettò la spola volante (J. Key), con la quale una sola persona era in grado di tessere stoffe di qualsiasi lunghezza; la spinning jenny (J. Hargreaves) e il telaio idraulico (J. Arkwright) che aprirono il mercato di massa ai tessuti di cotone. Con l’invenzione (S. Crompton nel 1779), del filatoio intermittente (mule) che combinava il principio del telaio idraulico con quello della spinning jenny, fu possibile lavorare qualsiasi tipo di filato. Ciò permise di aumentare la quantità e di migliorare la qualità dei tessuti di cotone che entrarono in concorrenza con quelli di lino e di seta. L’effetto di queste innovazioni sull’industria del cotone fu triplice: eliminò la strozzatura derivante da un’offerta carente di filato; aumentò l’efficienza produttiva risparmiando lavoro; facilitò la sostituzione del lavoro con capitale e di manodopera specializzata con manodo-

pera non specializzata. Inoltre queste innovazioni consentirono la produzione di merci qualitativamente migliori ad un prezzo che le rendeva vendibili su un mercato di massa. Complessivamente, però, il sistema produttivo era caratterizzato da un elevato impiego della manodopera e da una bassa produttività. Infatti il fattore limitante dello sviluppo dell’industria, così come è intesa oggi, era rappresentato dalle scarse fonti energetiche sfruttabili tecnicamente. Wachsmann (1957) afferma che l’aspirazione dell’uomo, come homo faber, è la creazione e il controllo dell’energia per azionare gli utensili, il cui uso, per lungo tempo, è stato contenuto entro i limiti della forza muscolare sviluppata dal corpo umano. L’uomo «poteva moltiplicare tale fonte di energia mediante sforzi combinati e attrezzature addizionali, quali leve e mezzi per creare moti concentrici, ma non poteva varcare i limiti dell’energia fisica. Così nasce la figura dell’artigiano. Appena l’uomo riuscì a creare artificialmente ed a controllare questa maggiore energia, il pensiero dell’homo sapiens inventò con mezzi scientifici macchine utilizzanti tale energia. Queste condizioni hanno inaugurato l’800, chiamato l’era della rivoluzione industriale».


primo piano

Il presidente del settore per Confindustria Abruzzo individua le priorità da attuare

SVILUPPO ECONOMICO, IL TURISMO IN POLE POSITION Ernesto Paolo Alba: «La legge 135 è valida e merita ulteriori finanziamenti per valorizzare il territorio»

di Ernesto Paolo Alba

I

l turismo costituisce un importantissimo fattore di sviluppo economico di tutto l’Abruzzo e assume un ruolo trainante anche per i settori ad esso collegati direttamente o indirettamente. Questi settori sono quelli che rispondono alle nuove e più promettenti tendenze di sviluppo turistico legate in gran parte alle tipicità e alle tradizioni artigianali, alla valorizzazione di centri storici e dei circuiti minori, ai temi dell’arte, della cultura, della storia, dell’archeologia, dello sport, alla valorizzazione dell’ambiente e delle aree protette.

A questa grande potenzialità occorre dare spazio con opportune e moderne scelte legislative in ordine alla regolamentazione e al sostegno del settore. La visione che portò il legislatore, nell’ormai lontano 2001, alla definizione della Legge 135 si basava proprio su un concetto moderno di turismo, orientato tra l’altro alla piena sinergia tra operatori e fra questi e le istituzioni e il territorio. Ad oggi però la Legge 135 attende ancora di essere implementata. Ma sono soprattutto gli operatori che attendono una moderna riconsidera-


zione del settore turismo, La Legge135/2001 mepresupposto fondamenriterebbe una pronta e tale per il riallineamento completa implemendella nostra offerta turitazione attraverso stica in termini di coml’opportuno finanziapetitività sul mercato namento e l’attività legizionale e internazionale. slativa di attuazione, Si tratta da un lato di soprattutto in ordine compiere un passo in alla razionalizzazione e avanti nell’affermazione normalizzazione della della cultura turistica sul normativa turistica . territorio e dall’altro di A questa importante Il presidente di Federturismo di Confindustria Abruzzo - Ernesto Paolo Alba porre in essere gli struazione legislativa si menti legislativi e finandovrebbe affiancare ziari necessari ad una crescita di sisteun urgente e concreto intervento in ma. campo fiscale che, ad esempio, interSolo una logica di sistema, infatti, venga sulla maggiore incidenza delcome ci insegnano casi eccellenti in l’Iva sulle imprese turistiche italiane. Italia e in Europa, può presupporre una L’obiettivo condiviso, insomma, docrescita concreta, solida e duratura vrebbe essere il pieno recupero della dell’offerta turistica locale e un’attenta competitività delle nostre imprese tuvalorizzazione delle preziose risorse di ristiche sul mercato europeo e moncui l’Abruzzo è ricco. diale. La legge 135/2001 si articola in un Gli operatori in questo senso stanno ampio impianto di direttive che vanno da tempo facendo la propria parte anche al di là dell’istituzione dei sisteattraverso importanti interventi di rimi turistici locali anche se, già in quequalificazione dell’offerta. sta prima accezione della normativa, È tempo che anche quella che viene si continuano a incontrare numerose definita la governance del turismo, ai difficoltà burocratiche nella fase di imvari livelli, si allinei a tempi e modalità postazione e riconoscimento degli Stl più consone alla operatività imposta (Sistemi turistici locali). dal mercato.


azienda partner

Nel 1998 l’intuizione vincente di Antonio Di Ienno nella manutenzione di imballaggi industriali

TEMPO REALE, LEADER NELLA LOGISTICA DI MAGAZZINO L’anno prossimo l’attività sarà trasferita nella nuova sede di Mozzagrogna

Antonio Di Ienno imprenditore del gruppo Tempo Reale di Martina Di Sciascio

L

a crescente complessità delle sempre più numerose e articolate funzioni operative richiede alle aziende di compiere scelte cruciali sul piano gestionale e strategico. La necessità di concentrarsi esclusivamente sul core business, manifestatasi in tutta la sua forza già sul finire degli anni ’90, impone ad ogni impresa di ottimizzare, snellendola, la propria struttura organizzativa. Frutto dell’intuizione imprenditoria-

le di Antonio Di Ienno, Tempo Reale opera dal 1998 nella gestione della logistica di magazzino, con l’obiettivo di fornire soluzioni concrete alle problematiche che le aziende affrontano in tale ambito. Come nasce l’idea di una società specializzata nella gestione della logistica di magazzino? «Parlare oggi di esternalizzazione delle attività non core potrebbe apparire ba-


nale, ma appena un decennio fa non lo era affatto. Molte aziende intravedevano i vantaggi di una tale rivoluzione organizzativa, ma non riuscivano, il più delle volte, a sfruttarne appieno le reali potenzialità a causa della difficoltà di reperire partners competenti. Così, affermate realtà imprenditoriali intenzionate a trasferire all’esterno le diverse attività complementari si vedevano costrette a costituire esse stesse delle società satellite a cui delegare queste funzioni collaterali, con un risparmio solo parziale sul fronte delle risorse finanziarie ed organizzative. Fu proprio allora che decidemmo, insieme ad un professionista con una lunga esperienza maturata in una grande azienda del territorio, di impegnarci nel progetto Tempo Reale, gestendo la manutenzione degli imballaggi industriali presso una nota azienda alimentare di portata internazionale, con risultati sin dal principio più che incoraggianti». L’attività storica di riparazione e produzione di imballaggi in legno è stata poi affiancata da tutta una serie di altri servizi. «La manutenzione degli imballaggi industriali ha rappresentato per noi un punto di partenza. Il giudizio positivo del mercato, in termini di soddisfazione della clientela, ci ha poi portato ad ampliare la gamma dei servizi offerti con la creazione, nel 2004, di Innova Sistemi, società dedicata alla gestione integrata della movimentazione di materie prime e prodotti finiti. Si tratta di due attività strettamente collegate, dalla cui sinergia è sorta, nel 2006, Tempo Reale Group, società che può attualmente vantare circa duecento addetti ed un fatturato di cinque milioni di euro». Tempo Reale, un nome che rappresenta un vero e proprio manifesto programmatico. «Le strategie di supply chain sono oggi una leva competitiva di enorme portata. La funzione logistica ha una struttura piramidale: al vertice vi è la progettazione dei modelli di gestione dei magazzini, al centro la fase di previsione dei fabbisogni ed alla base il momento operativo propriamente detto, del quale si occupa Tempo Reale. Il know-how acquisito sul

campo ci ha confermato che i tre momenti sono del tutto interdipendenti e la nostra mission è quella di interagire continuamente con i nostri clienti, secondo una logica di partnership, per assicurare i livelli di servizio concordati. Tutto ciò in “tempo reale”, appunto». Come fate ad essere così “vicini” ai vostri clienti? «Oltre a competenza ed affidabilità, garantiamo ai nostri clienti una presenza costante al loro fianco sull’intero territorio nazionale. Siamo presenti in Abruzzo, Basilicata, Marche, Lazio, Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. La nostra sede operativa di Venezia, in particolare, ci consente di soddisfare tempestivamente le sempre più numerose richieste provenienti dagli insediamenti produttivi del Nord Est». Tutto ciò con una particolare attenzione al sociale. «In Tempo Reale gli aspetti economici e quelli sociali sono da sempre legati a doppio filo, tanto sul fronte della sostenibilità ambientale, un tema di evidente rilevanza nel nostro settore, quanto su quello dell’inclusione sociale, grazie ad una ponderata gestione delle risorse umane. A quest’ultimo riguardo, basti pensare che presso di noi il turnover è estremamente limitato e che molti dei nostri collaboratori sono cittadini stranieri che, grazie ad un lavoro stimolante e gratificante, hanno potuto pienamente integrarsi nella società». Quali sono i progetti futuri per Tempo Reale? «Tempo Reale è per sua stessa natura una società in continuo sviluppo in cui si lavora per rispondere nel modo migliore alle richieste che ci vengono di volta in volta prospettate. Nel prossimo anno, inoltre, completeremo il trasferimento nella nuova sede di Mozzagrogna, su un’area di circa 8000 metri quadrati, di cui 3200 coperti, e in una zona, la Val di Sangro, che già oggi è un vero e proprio baricentro economico e che ci permetterà di servire con ancor più efficienza i nostri clienti».

Foto Concesse da Tempo Reale Group


eventi

Faccia a faccia tra il presidente dei Giovani di Confindustria e Legnini

SPINOSA PINGUE: «RIPARTIAMO DA INVESTIMENTI E INFRASTRUTTURE» Il senatore del Pd: «La Finanziaria 2008 obiettivo primario da centrare»

Fabio Spinosa e il senatore Giovanni Legnini

I

di Massimo Avenali

l comitato regionale dei Giovani imprenditori di Confindustria, capitananti dal nuovo presidente Fabio Spinosa Pingue, ha incontrato nella di Confindustria a Chieti il senatore Giovanni Legnini, relatore della prossima legge finanziaria del 2008. Finalità dell’incontro è stata quella di approfondire i temi economici con colui che attualmente riveste un ruolo rilevante come relatore di maggioranza. Oggetto delle discussioni, in particolare da parte dei Giovani imprenditori abruzzesi, il ruolo che oggi riveste l’Abruzzo, le infrastrutture e le opere necessarie per unificare un territorio che vede ancora differenze per possibilità di vita e crescita, ma anche divari logistici e pratici tra alcune zone fin troppo isolate dell’entroterra e la costa sulla quale costantemente si punta, fatto che crea una forte disparità di attenzione. Presenti alla conferenza, inoltre, il consigliere delegato alle relazioni industriali Francesco Mancini, il presidente Giambattista Blasetti delle PMI Abruz-

zo, l’assessore Giovanni Di Fonzo. Il dibattito ha visto tra gli interventi le parole di Spinosa Pingue, di Giuseppe Ranalli, presidente provinciale Giovani imprenditori di Chieti e del senatore Legnini, i quali, rispettivamente, hanno puntato l’attenzione su problemi legati al territorio e alla politica, spesa pubblica e riorganizzazione degli Enti, Finanziaria 2008 e nuove prospettive per l’Italia. Fabio Spinosa, che nel suo ruolo vede in primis le sorti dell’Abruzzo e le tendenze che coinvolgono la regione nelle forme di investimenti, infrastrutture e politica di rilancio, ha dunque posto l’accento su come i partiti devono imparare a mettersi a disposizione delle istituzioni, degli elettori e dei cittadini tutti, un riavvicinamento serio della politica, concreto. E poi l’impresa, importante negli assetti e nella vita del Paese, la necessità di continuare a fare impresa con lo scopo di portare una società moderna, costruire il nuovo, lanciarsi verso quello che deve divenire

sicurezza e attendibilità in cui bisogna poter credere e crescere. Quindi il discorso del welfare, preponderante, ovvero quel complesso e basilare sistema di norme con il quale lo Stato cerca di eliminare le diseguaglianze sociali ed economiche fra i cittadini, aiutando in particolar modo i ceti meno abbienti. Un discorso vasto sullo stato sociale che si propone di fornire servizi e garantire diritti considerati essenziali per un tenore di vita accettabile come assistenza sanitaria, pubblica istruzione, indennità di disoccupazione, sussidi familiari, in caso di accertato stato di povertà o bisogno, accesso alle risorse culturali (biblioteche, musei, tempo libero), assistenza d’invalidità e di vecchiaia, difesa dell’ambiente naturale. Tutti servizi da garantire ma che gravano sui conti pubblici in quanto richiedono ingenti risorse finanziarie. Ecco allora introdotto il discorso sul prelievo fiscale, in Italia il più alto rispetto all’Europa, in un sistema di tassazione progressivo in cui l’imposta


cresce al crescere del reddito, in un modo che andrebbe rimodulato entro una riduzione delle aliquote, cosa che dovrà giungere anche da progressi nella riduzione delle aree di evasione ed elusione fiscale. E inoltre, la previsione di sgravi contributivi, così come una forte riduzione dei costi della politica unita a una semplificazione amministrativa. In una visione totale, si guarda allora a uno dei nodi fondamentali dell’Abruzzo legato ancora a infrastrutture da realizzare, alla logistica in termini di zone, città, centri industriali che potrebbero decollare ma che sono ancorati a problemi basilari come per gli spostamenti e il trasporto. Nel discorso, attenzione anche per i fondi europei 2007-2013 e un occhio particolare a scardinare il concetto di regione anfibia, che vive sul mare e del proprio rapporto esclusivo con esso, cosa vera e comunque da non sottovalutare ma che troppe volte porta a una mancanza di riferimento con l’entroterra lasciato spesso a sé stesso. Negli interventi di Giuseppe Ranalli, che in primis ha fatto gli onori di casa e che è stato anche moderatore dell’incontro, l’accento è stato posto su Irap, sanità e sul rapporto futuro che vedrà legati Confindustria e politica. Restando su questo argomento, Ranalli ha ribadito che l’attuale iniziativa nasce proprio con la Finanziaria 2008 lasciandosi quindi a una riflessione sulla spesa pubblica che deve essere ridotta in modo intelligente parallelamente a una riorganizzazione degli enti. Incluso l’assoluto depennamento dei privilegi di cui godono i parlamentari e che contribuiscono negativamente sulle casse dello Stato. Giunta la volta del senatore Giovanni Legnini, il tema più a fondo trattato è stato ovviamente il piano della Finanziaria 2008. Il debito pubblico, ormai divenuto insostenibile è allora il primo punto da risolvere, la partenza per attuare i cambiamenti necessari, per avviare riforme e investimenti e avere fondi per farlo. Il dibattito parlamentare tocca un tasto di certo di non facile accordo sulle posizioni rispetto alle ricette per risollevare l’economia del Paese, tra i 5000 e i 7000 gli emendamenti alla passata Finanziaria, 970 quelli emessi già solo dalla sinistra

Foto di Simone Cerio

per il 2007. Anche la tassazione che colpisce le imprese deve vedere una riforma, bisogna far collimare i bilanci, quello “civilistico” e quello “fiscale” devono dunque coincidere. La situazione delle aziende investe poi un atteggiamento che le muove verso la rinuncia ai crediti finanziari e all’ingresso in Borsa con conseguente capitalizzazione. Nella previsione dei passi da compiere, in risalto, il taglio dei costi della politica ma anche la sospensione del ticket (e non l’abolizione), così come una migliore gestione del patrimonio pubblico, la finalizzazione degli impegni presi, la chiusura positiva del progetto Tav con la piena riuscita nella conclusione dei lavori e nei tempi per farlo. Nei punti toccati, ancora, il sistema di centralizzazione degli acquisti, il sistema delle indennità, il problema attualissimo del fabbisogno di energia che può trovare un forte aiuto nello studio e nella realizzazione di modi alternativi per sopperire alla richiesta,

il senatore con Giuseppe Ranalli

ovvero riclassificatori e altre soluzioni in accordo anche con il tema ambiente. Legnini ha affrontato la questione degli Ato, quindi dell’emendamento presentato alla Legge Finanziaria che prevede la soppressione degli ambiti territoriali ottimali, sia per la gestione dell’acqua che per quella dei rifiuti. In conclusione di dibattito ancora un richiamo ai fondi europei, all’assistenza delle imprese che puntano sull’innovazione specie all’interno di ambiti energetici, alla tecnologia per il miglioramento della qualità della vita, al made in Italy, alla tutela e gestione dei beni culturali e infine a Industria 2015, il disegno di legge sulla nuova politica industriale varato dal governo italiano il 22 settembre 2006, le cui previsioni sono state recepite dalla Legge Finanziaria 2007. Industria 2015 stabilisce le linee strategiche per lo sviluppo e la competitività del sistema produttivo italiano del futuro.


fiera

Il vice presidente dei Giovani di Confindustria Pescara lancia un monito alle realtà produttive abruzzesi

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, SERVE UN MARCHIO PER SFONDARE ALL’ESTERO Alessandro Addari: «Bisogna guardare oltre i mercati locali, da seguire l’esempio delle aziende teramane alla fiera di Dubai»

Da sinistra: Simone Simonetti delle Ceramiche Simonetti, Alessandro Addari Vice presidente dei Giovani di Confindustria Pescara e Giustino Di Carlantonio presidente della Camera di Commercio di Teramo

di Alessandro Addari

L

a tematica dell’internazionalizzazione deve sempre più essere considerata come un processo multidisciplinare che coinvolge in particolare il marketing, la comunicazione,

l’organizzazione, la finanza aziendale, il controllo di gestione, la produzione, la qualità. Come testimoniano alcune indagini condotte dall’Ice (Istituto per il commercio estero), delle 181.000 im-


prese esportatrici italiane solo la metà possono considerarsi esportatori abituali, per le altre lo sviluppo all’estero è episodico e poco strutturato, incapace di portare ritorni stabili che giustifichino un radicamento all’estero e un piano di sviluppo, resistendo alle notevoli difficoltà di natura organizzativa, finanziaria e culturale che questo sviluppo spesso comporta. Oggi in mercati internazionali ipercompetitivi, l’approccio deve essere sempre più integrato, pianificato e professionale, al fine di ridurre i costi e i rischi e massimizzare l’efficacia e l’efficienza delle azioni di internazionalizzazione. Inoltre dall’esperienza maturata nel supportare il processo di sviluppo all’estero, in particolare delle Piccole e medie imprese, emerge che qualsiasi attività internazionale dovrebbe essere preceduta dall’elaborazione di un vero e proprio business plan, da condividere tra le varie aree dell’organizzazione, prevedendo un’attenta analisi degli investimenti e dei ritorni attesi nel breve, medio e lungo periodo. In questa fase si dovrà partire dalla consapevolezza dei propri punti di forza e di debolezza per poi analizzare i mercati obiettivo su cui puntare, in ordine di priorità, selezionando i prodotti o servizi da offrire, il piano di comunicazione e le azioni di marketing da intraprendere. Inoltre occorrerà valutare con attenzione la propria potenzialità produttiva, i tempi medi di produzione, la flessibilità degli impianti nonché le possibilità di finanziamento interne ed esterne; da questa analisi preliminare dovrebbe emergere un piano di sviluppo di breve, medio e lungo periodo ad hoc, calibrato in base al potenziale e alle peculiarità di ciascuna azienda. Se da un lato la flessibilità e il tipico fiuto per gli affari dei nostri imprenditori costituiscono importanti punti

di forza delle nostre aziende all’estero, dall’altro si nota un elevato turn over, costituito da imprese che dopo aver tentato di proiettarsi sui mercati internazionali tornano a concentrarsi su quelli nazionali e locali. Tuttavia oggi il fenomeno della globalizzazione deve essere compreso anche da aziende che rivolgono prodotti e servizi sul mercato locale o nazionale, al fine di mantenere la propria competitività sul fronte interno. Un esempio emblematico è costituito da molte aziende del tessile abbigliamento e del mobile, che non hanno investito in un proprio brand e si sono limitate a produrre conto terzi, e che negli ultimi anni hanno subito la pesante concorrenza dei Paesi emergenti, perdendo significative quote di

con testate giornalistiche nazionali e internazionali, nonché azioni congiunte con i propri clienti e fornitori strategici, al fine di far percepire al mercato di riferimento il valore aggiunto delle proprie produzioni. Ad esempio per un’azienda agroalimentare può essere estremamente utile organizzare degustazioni, attraverso un potenziale importatore/distributore di zona o direttamente selezionando un cluster di ristoranti qualificati, garantendo la presenza del responsabile aziendale al fine di far percepire al cliente finale il valore aggiunto delle proprie produzioni. Un’altra strategia per aumentare la competitività è la creazione di partnership con clienti e fornitori, attraverso azioni di co-marketing e attività congiunte di ricerca & sviluppo basate sull’innovazione e sull’affidabilità con il partner. Non bisogna dimenticare le innovative forme di internazionalizzazione che dalla classica ipotesi del “make” or buy”, ossia produrre o commercializzare, si è oggi sostituita quella del “make together”: sviluppo di accordi cooperativi tra imprese, in particolare gli equity agreements (accordi simmetrici), quali le partecipazioni di minoranza al capitale, consorzi e joint venture e i non equity agreements (accordi asimmetrici), licenze, accordi di fornitura, sub fornitura, accordi commerciali, franchising, forniture “chiavi in mano”, cessioni di assistenza. Gli imprenditori e i manager dovrebbero sempre più approcciarsi al mercato globale in maniera proattiva, e chiedersi se dedicano sufficiente tempo ed energie a “leggerFrancesca e Olga Perticara dell’azienda l’Arcolaio ne” le evoluzioni, le minacce e le mercato o essendo costrette alla chiuopportunità, valutare i possibili scenari sura dell’attività. Anche per le piccole e futuri e, di conseguenza, le possibili medie imprese è possibile affermare il strategie da intraprendere. Certamenproprio marchio, privilegiando a costote queste dinamiche sono state colte se campagne pubblicitarie attraverso i dalle aziende che, con il supporto delmass media, azioni mirate nell’ambito la Camera di commercio di Teramo, di fiere, eventi, presentazioni, contatti rappresentata dal presidente Giustino


Perchè

restare nell’ombra?

le aziende d’élite sono con noi... Registrazione n. 04 del 07/04/2006 Tribunale di Pescara - Sped. in a.p. Ar t. 2 comma 20/C legge 626/96P

...e la tua? dai valore alla tua azienda.

sii uno di noi sii un vero leader contattaci

commerciale@abruzzoimpresa.it tel. 085.9508161 www.abruzzoimpresa.it


fiera

Di Carlantonio coadiuvato da Tiziana Fidanza e Silvia Ginaldi, hanno partecipato all’Index 2007 di Dubai, Fiera internazionale dell’arredamento per interni, svoltasi dal 1° al 5 novembre. Le aziende abruzzesi che hanno partecipato sono: la Aran World S.r.l. di Atri, L’Arcolaio S.r.l. di S.Atto, la DMP Electronics S.r.l. di Canzano, la Edilglas di Villa Pavone, la Europlak S.r.l. di S.Atto, la Ceramiche Simonetti di Castelli, la Giplast Group S.r.l. di Giulianova e la Santino e Bruno Iezzoni S.n.c. L’evento, giunto alla 17a edizione, si è svolto nell’area del Dubai international exhibition centre, su una superficie di 61.000 metri quadrati ed ha coinvolto oltre millecinquecento imprese provenienti da più di 57 Paesi e circa 37mila visitatori. Dubai fa parte di una confederazione di sette Emirati Arabi, insieme a Abu Dhabi, Sharjah, Ajman, Ras al Khaimah, Fujairah, Umm al Quwain. L’area registra alti tassi di crescita e i piani di sviluppo delle infrastrutture e dell’edilizia sono in costante incremento, in particolare nel comparto dell’ospitalità. Nel 2006 il numero di camere d’albergo disponibili a Dubai si è attestato su 26.000. A maggio 2006, Dubai Holding ha annunciato un grandioso progetto di sviluppo alberghiero, denominato Bawadi, con 29.000 stanze di lusso. Il governo di Dubai

Foto Concesse dalla Camera di Commercio di Teramo

avrà bisogno di 70.000 stanze entro il 2015 ed ha annunciato la costruzione di 50.000 unità residenziali a partire dal 2007. Negli Emirati Arabi Uniti, in Arabia Saudita, ma anche in Bahrein, Qatar, Oman e Kuwait, si stanno realizzando aeroporti, complessi residenziali, ville, centri commerciali, uffici di altissimo livello e alberghi di lusso. In costante crescita anche i flussi turistici verso gli Emirati Arabi Uniti, attratti anche dai progetti avveniristici: The palm islands, Dubai international city, Burj Dubai, il grattacielo più alto del mondo, The world, costruzione di 300 isole artificiali che riproducono i cinque continenti, Dubai Marina, Jumeirah islands, Hydro-

polis hotel, il primo albergo sott’acqua, Madinat Jumeirah, Dubai festival city e, da ultimo, Dubailand e The mall of the emirates, con all’interno una vera e propria pista da sci. Quello di Dubai è dunque quello che potremmo definire un “learning market”, un mercato che può dare preziose informazioni agli imprenditori per pensare a una penetrazione dell’area medio-orientale e per questo motivo azioni concrete tese a sostenere le imprese nel delicato processo di Internazionalizzazione, come quella intrapresa dalla Camera di commercio rappresentano per le imprese, preziose occasioni da non perdere.

Da sinistra: Vincenzo e Tiziano Romanelli della Aran World Francesco Pomponi della Edilgas


fiera

Grande successo per le aziende della nostra regione alla prima edizione della rassegna dedicata alla soft economy

MIRACOLO A MILANO, L’ABRUZZO TRIONFA ALLA CAMPIONARIA Tradizione e modernità la formula vincente del Centro interno delle Camere di commercio sotto il segno della qualità

L’

Abruzzo trionfa alla prima edizione de “La Campionaria delle qualità italiane, Fiera della soft economy”, svoltasi a Milano dal 22 al 25 novembre scorsi, con la presentazione di uno stand innovativo e di grande originalità. Coordinato dal Centro regionale commercio interno delle Camere di Commercio d’Abruzzo e dall’assessorato regionale alle Attività produttive, lo stand abruzzese ha attirato sguardi e calamitato attenzione grazie a oggetti del genio creativo, del design, della capacità produttiva artigianale e industriale delle imprese che rappresentano il fiore all’occhiello della nostra regione, in Italia e nel mondo. I prodotti erano un mix fra tradizione e modernità, conservazione e sviluppo, sia che si parli di tecnologia industriale che di artigianato artistico, tessile o dell’abbigliamento fino a giungere alla tutela dell’ambiente e alla ricerca scientifica. Oggetti davvero affascinanti e originali, vere e proprie chicche: si parte dalla prima Vespa del 1946 ideata dall’ingegnere abruzzese Corradino D’Ascanio, accanto i due manubri di fibra di carbonio e kevlar e in alluminio realizzati da Cometa Group, e ancora il celebre scooter Sh 300 realizzato da Honda nello stabilimento di Atessa. E poi, l’azienda Roberto Ferrante con

marchio Biancolatte ha esposto una rivoluzionaria maglieria in fibra di latte, Pescocostanzo con lo storico merletto a tombolo, la Brioni con le preziose manifatture sartoriali che da Penne sono conosciute in tutto il mondo. Dai fotomoltiplicatori e “bric” delle sperimentazioni che si svolgono all’interno del Laboratorio di Fisica nucleare sotto i 1400 metri del Gran Sasso si è affiancato il lavoro di Telespazio che dall’altopiano del Fucino guarda il mondo e racconta in un video l’evoluzione dei servizi spaziali, dallo Sputnik ad oggi. E ancora il formaggio pecorino a latte crudo canestrato di Castel del Monte, l’eccellente olio extravergine di oliva monovarietale di Giuseppe Ursini di Fossacesia realizzato con antiche varietà locali, ma con un frantoio di altissima tecnologia; e infine la pregiata ed antica arte orafa e la tradizione della capitale italiana della pasta, Fara San Martino, con le antiche macchine di Cocco e con le trafile in bronzo di Delverde. Niente è stato lasciato al caso, ogni dettaglio curato nei minimi particolari: proiezioni video delle bellezze del nostro territorio, sommelier dell’Ais che hanno servito vini selezionati dall’Enoteca regionale d’Abruzzo, esibizioni delle ricamatrici al tombolo, maestri ceramisti di Castelli e Villamagna e dello chef Ermanno Di Paolo

dell’illustre scuola dei cuochi di Villa Santa Maria. Diversi personaggi illustri dal mondo politico e non solo hanno visitato lo stand abruzzese: il presidente del Senato Franco Marini, il vicepresidente del Consiglio nonché Ministro per i Beni culturali Francesco Rutelli, il ministro per le Politiche agricole Paolo De Castro e il ministro per le Attività produttive Pierluigi Bersani, e ancora Sergio Marchionne, amministratore delegato della Fiat, Alessandro Profumo, presidente di Unicredit, Roberto Scaloni, presidente dell’Eni. Altro elemento di vanto e d’orgoglio per la nostra regione è stato il fatto che la trasmissione di Rai 3 “Ambiente Italia” ha scelto proprio l’area espositiva dello stand abruzzese come scenografia per la diretta svoltasi il 24 novembre. Un riscontro favorevole si è avuto anche dall’incontro organizzato da Assolombarda, al margine della Fiera Campionaria, nel quale sono state evidenziate le potenzialità della nostra regione, e in particolare del distretto della Val di Sangro, definito “un modello di sistema produttivo di subfornitura da prendere ad esempio” e sulle cui imprese conviene investire con fondi di private equity.


i Partner di

MAZDA PESCARA

[anno di fondazione 2000] 65010 Spoltore (Pe) Via Europa - Villa Raspa tel. 085.4159818 - fax 085.4172723 www.mazda.it - e-mail: info@sisti.biz

ITALVERDE

Istituto Paritario Mecenate

JFG JUNIOR FASHION GROUP S.r.l.

INCACONSULT & PARTNERS S.r.l.

SOLUZIONI SOFTWARE S.r.l.

65100 Pescara Via V. Colonna, 8 tel. 085.63339 / 085.63441- fax 085.4510298 www.istitutomecenate.it e-mail: segreteria@istitutomecenate.it

[anno di fondazione 1983] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Po, 107 tel. 085.440681 - fax 085.4406899 www.incaconsult.it - e-mail: info@incaconsult.it

[anno di fondazione 1989] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Str. Vertonica, 1 tel./fax 085.960896 e-mail: italverde2003@libero.it

[anno di fondazione 2003] 66026 Ortona (Ch) C.da Tamarete tel. 085.905141 - fax 085.9051491 www.jfgroup.it - e-mail: info@jfgroup.it

[anno di fondazione 1986 ] 66020 S.Giovanni Teatino (Ch) Via Pietro Nenni, 124 tel. e fax 085.4465221 www.soluzioni-sw.it - e-mail: info@soluzioni-sw.it

CONGLOMERATI INERTI CALCESTRUZZI

INERTI VALFINO S.r.l.

[anno di fondazione 1978] 65010 Elice (Pe) C.da Madonna degli Angeli, 132 tel. 085.9609188 - fax 085.9609746 e-mail: inertivalfino@libero.it

MICRON TECHNOLOGY ITALIA S.r.l.

[anno di fondazione 1998] 67051 Avezzano (Aq) Via Antonio Pacinotti, 5/7 - Nucleo Industriale tel. 0863.4231 - fax 0863.412763 www.micron.com/italy - e-mail: mitinfo@micron.com

distributore prodotti e servizi per l’informatica

INFOMAX S.r.l.

[anno di fondazione 1987] 66026 Ortona (Ch) Via Giro degli Ulivi, 3/b tel. 085.9063838 - fax 085.9066336 www.infomaxsrl.it - e-mail: info@infomaxsrl.it

LASER LAB S.r.l.

INTER SERVICES LEASING

LEONE GABRIELE S.r.l.

[anno di fondazione 1990] 65124 Pescara Via Enzo Ferrari, 37 tel. 085.4222404 - fax 085.4213516 e-mail: info@interservices.it

[anno di fondazione 1994] 66016 Chieti Scalo (Ch) Via Custoza, 31 tel. 0871.564343 - fax 0871.564443 www.laserlab.it - e-mail: mail@laserlab.it

[anno di fondazione 1967] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) C.da Vertonica - c.c. Ibisco F 9/10/11 tel. 085.95165 - fax 085.9508923 www.leonegabrielesrl.com - e-mail: info@leonegabrielesrl.com

TUTTO PER L’IMBALLAGGIO

I.P.R. Industrie Plastiche Riunite 64020 Teramo Via Emilio Rosa, 42 tel. 320.7104036 - fax 0861.588916

LINEA BLU S.r.l.

[anno di fondazione 2004] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Treviso, 13 - Sambuceto tel. 085.4465009 - fax 085.4461108


fiera

All’Anuga di Colonia protagonista la pasta abruzzese

DELVERDE: IL GUSTO VIAGGIA IN AUTOBUS L’azienda di Fara San Martino ha presentato un bus personalizzato con cucina e sala degustazioni

C

on oltre 1.000 espositori su un totale di 6.607 provenienti da 95 paesi, ancora una volta l’Italia si è presentata da protagonista alla Anuga, una delle principali fiere internazionali del food and beverage che si è svolta dal 13 al 17 ottobre scorsi a Colonia. I produttori italiani hanno rappresentato il 16% del totale, al primo posto

l’amministratore delegato di Delverde Leonardo Valenti –, e un bus personalizzato va sicuramente in questa direzione. Abbiamo deciso di presentarlo all’Anuga, per il carattere fortemente internazionale di quest’appuntamento – ha continuato Valenti -. La Delverde qui a Colonia ha confermato la sua vocazione all’export (oltre il 60% della produzione è rivolta all’estero), chiu-

tra gli espositori esteri, e praticamente pari a quelli di casa. Tra le aziende abruzzesi presenti, quella che ha destato il maggiore interesse è stata sicuramente la Delverde di Fara San Martino che ha presentato ufficialmente il suo nuovo bus brandizzato. Si tratta di un mezzo personalizzato unico nel suo genere, che sviluppa 12 metri di lunghezza, attrezzato con cucina e sala degustazioni, che accompagnerà le attività promozionali della Delverde in Italia e all’estero. «L’idea era quella di fornire l’azienda di strumenti di promozione e comunicazione duttili e innovativi - ha dichiarato

dendo alcuni contratti con operatori russi che ci consentiranno di rafforzare la nostra presenza in quell’area». Anuga raccoglie sotto un unico tetto dieci importanti fiere specializzate. E’ un concetto ideato per soddisfare contemporaneamente i bisogni degli

Fo to Co n ce s s e d a D e l ve rd e S.p. A.

espositori e dei visitatori. In questo modo la vasta gamma di prodotti del settore viene presentata ai visitatori in maniera trasparente, strutturata e chiara. «Colonia rappresenta la vetrina migliore per scoprire idee nuove ed innovative, ha dichiarato il direttore marketing della Delverde Pierluigi Picciani, è infatti nota per anticipare tutte le ultime tendenze del settore, e noi portando l’autobus in Germania, abbiamo sicuramente messo a segno un bel colpo attirando l’attenzione e destando curiosità in molti operatori professionali». Delverde ha realizzato il proprio spazio espositivo con l’ “autobus del gusto”, da dove sono state preparate le degustazioni di pasta con l’ausilio dello chef di Villa Santa Maria, Nicola D’Alonzo. Nell’area antistante lo stand, Delverde ha inoltre allestito un percorso didattico sulla storia della pasta, fatto di foto, didascalie, e oggetti simbolo come la trafila in bronzo. «Il consumatore anche qui in Germania -ha continuato Pierluigi Picciani- è sempre più interessato alla qualità dei prodotti, ed è molto attento alla filosofia del “mangiare sano”. La nostra mission – ha concluso Picciani – è quella di fare la migliore pasta con i migliori ingredienti nel pieno rispetto dell’ambiente. Dopotutto il nostro pastificio opera all’interno del Parco Nazionale della Maiella, dal cui massiccio sgorga l’acqua purissima del fiume Verde che arriva direttamente in azienda dove viene miscelata con le migliori semole e lavorate con i segreti dei “mastri pastai”, riuscendo così a realizzare un prodotto di grandissima qualità».


turismo

La società fondata nel 1991 organizza con successo una serie di iniziative promozionali

TURISMO E NATURA, LA SCOMMESSA VINTA DA IN FIERA Ecotur il fiore all’occhiello, Ariaperta, Enotria e pubblicazioni editoriali le altre attività di spicco

Da sinistra: Paolini, Giammarino, Floris e Furleos di Adriana Settuario

L’

Abruzzo incontra la Galizia: realtà rurali simili, accomunate da un’unica anima religiosa. I due Paesi hanno sottoscritto lo scorso 18 ottobre un protocollo d’intesa per potenziare il turismo di entrambi i territori. Da un lato il Gal Portodemouros, (i Gal sono strumenti con cui attingere finanziamenti, ndr.) che riunisce 17 Comuni, guidato dal presidente Maricarmen Furelos, dall’altro il Gal della Marsica, 37 Comuni, con Carlo Floris, e Comune di Lanciano capofila del progetto oltre a partner pubblici e privati. Lo scenario Santiago di Compostela. Una scelta non casuale e che la dice lunga sugli obiettivi della delegazione abruzzese su questo accordo valido fino al 2013. E se la Spagna chiama con Santiago, l’Abruzzo risponde con San Tommaso a Ortona, il Volto Santo di Manoppello, eremi celestiniani,

monastero di san Camillo. Un valido motivo di incontro e possibilità di sviluppare accordi e contatti tra i due Paesi. «L’Abruzzo – ha esordito Enzo Giammarino, presidente Ecotur – ha costruito un progetto teso a commercializzare il prodotto turistico risultato di ricchi giacimenti religiosi. Abbiamo i cammini Tiburtina-Valeria e Flaminiafrentana che nel medioevo portavano i pellegrini a Gerusalemme». Dunque per il presidente di Ecotur la ricetta è facile: riattivare sentieri già esistenti, far riassaporare il gusto dei tratturi, con quella stessa religiosità così palese in Spagna, sperimentata dalla delegazione abruzzese che si è accinta su un tratto del cammino di Santiago, e di cui l’Italia è impregnata. La firma era stata preceduta in mattinata da un protocollo di gemellaggio, presso la fiera del turismo rurale di Sil-


leda, tra la fondazione Semana verde ed Ecotur. «A fare la differenza – per l’assessore provinciale di Pescara, Paolo Fornarola - è l’esperienza irripetibile, l’atmosfera che si respira in posti come l’Abruzzo e la Galizia e i prodotti che si sviluppano intorno al fenomeno del turismo religioso fanno la differenza sul mercato internazionale». L’assessore provinciale teatino, Panfilo Di Silvio ha aggiunto: «Da noi il turismo rurale è strategico per risollevare il settore agricolo, in particolare delle zone interne. La figura dell’agricoltore è da qualche anno una soggetto professionale turistico proiettato anche alla salvaguardia dell’ambiente». Per la responsabile del Gal galiziano, Furelos: «L’importante è fare marketing, commercializzare il territorio. Un milione di pellegrini arriva in Galizia, le nostre offerte devono convinvere a soggiornare». Il sindaco di Lanciano, Paolini ha auspicato «un’unione europea di popoli». Insomma per l’Abruzzo una carta determinante da giocare. L’importante è crederci fino in fondo. Ma non alla maniera italiana, senza intenti partitici da soddisfare. Bisogna crederci come ha fatto la Spagna. Non a caso i piccoli Comuni rurali possono godere tutto l’anno, estate in particolare, della presenza dei pellegrini. «Succede per esempio – ha detto Furelos - che un paesino di poche migliaia di anime ha dovuto aprire strutture pubbliche, perfino le scuole, per dare ospitalità a ventimila pellegrini che in un solo giorno d’state si sono riversati nel paese» . Tradotto significano strutture private e pubbliche che lavorano gomito a gomito, nel rispetto di regole, ambiente e all’insegna della professionalita’ e cortesia. La Galizia offre oltre 500 case rurali, strutture simili ai nostri agriturismo realizzate nel rispetto ambientale, e ostelli pubblici (ce ne sono uno ogni 10 chilometri sui diversi cammini di fede spagnoli) per l’accoglienza gratuita giornaliera sostenuti con fondi regionali. E già un tour operator di Vasto, “Tranne la luna”, ha presentato un catalogo di itinerari religiosi abruzzesi “Ad est di Roma”. A buon intenditor. Foto concesse da InFiera

VENTI PARTNER AL LAVORO PER PROMUOVERE I LUOGHI DI CULTO Comune di Lanciano (ente capofila) Arcidiocesi di Lanciano-Ortona, Chieti-Vasto, Pescara-Penne, Teramo-Atri, Province di Pescara, L’Aquila, Teramo e Chieti Comuni di Ortona, Manoppello, Bucchianico, Orsogna, Sulmona, Vasto, Casalbordino e Chieti, Comunità montana Valle Roveto, Unione dei Comuni Città della Frentania e Costa dei Trabocchi, Abruzzo Promozione Turismo.

InFiera InFiera nasce nel 1991 come associazione senza scopo di lucro, promossa dalla Confesercenti, per favorire, nel rispetto dell’ambiente, lo sviluppo dei settori del turismo e dei servizi in genere, in Italia e in particolare in Abruzzo, attraverso la promozione di iniziative finalizzate a favorire la crescita dell’imprenditoria turistica e delle altre attività ad essa connesse, alla luce della primaria esigenza di compatibilità tra sviluppo delle attività e salvaguardia e tutela dell’ambiente. Nel 1995 InFiera si trasforma in s.r.l. e con l’ingresso della Fiavet Abruzzo e Molise nasce la prima società unitaria dei due “mondi” del commercio e del turismo, aderenti a Confcommercio e Confesercenti. InFiera nel corso degli anni si specializza nella fornitura di servizi di consulenza, progettazione e assistenza agli enti pubblici e privati operanti nel settore del turismo. Il know how della società si fonda sul minuzioso e costante studio delle logiche che sottendono alle politiche turistiche nazionali ed internazionali. L’esperienza acquisita e la relationship costruita con il trade e con le principali istituzioni le permettono di realizzare incisive e fruttuose azioni di promotion in Italia e all’estero. Principali eventi organizzati da In Fiera srl: 1991-2007: Ecotur - Nature tourist workshop - è la Fiera e la Borsa internazionale del turismo natura, realizzata in collaborazione con la Regione Abruzzo, Enit (Ente nazionale italiano turismo) e Alitalia; da sedici anni punto di riferimento e business opportunità per quanti promuovono e commercializzano il turismo natura; oltre100 gli operatori della domanda nazionale e internazionale. Nell’ambito delle manifestazioni collaterali di Ecotur c’è il Premio giornalistico nazionale “Gennaro Paone”, giunto alla 7^ edizione. 1996-2007: “Ariaperta”, l’evento strumento per la promozione e la valorizzazione turistica interregionale del comprensorio della Valle del Trigno. Organizzata con il Comune di San Salvo e in collaborazione con le Province di Chieti, Campobasso e Isernia. La vetrina espositiva dei prodotti e dell’artigianato tipico locale si completa con focus di approfondimento sulle potenzialità di sviluppo del territorio. 2002-2007: il turismo attraverso i percorsi della religione, della storia e della cultura, programma di valorizzazione e promozione del ricco patrimonio religioso, storico e culturale dell’Abruzzo, punto cardine della politica turistica regionale, vede il Comune di Lanciano ente capofila. Il programma prevede azioni di promotion all’estero (2003 - Trier Germania, 2004 Fitur - Madrid Spagna, 2005 SMT - Parigi Francia, 2005-2007 SITC - Barcellona Spagna,2005/2007 T&T - Warsavia Polonia, 2006 CBR - Monaco Germania) e il workshop “Turismo religioso-culturale” che si svolge annualmente a Lanciano. 2005-2006: “Enotria” - wine workshop, finalizzato alla valorizzazione della produzione vitivinicola abruzzese e alla promozione del territorio, si pone quale momento privilegiato di business one to one con i buyers esteri che incontrano, nella prestigiosa location del Museo archeologico La Civitella di Chieti, i produttori vitivinicoli regionali. Attività editoriali di In Fiera srl: ideazione e coordinamento editoriale del Rapporto Ecotur sul turismo natura, realizzato in collaborazione con l’Enit, l’Istat, l’Università degli Studi dell’Aquila, la Regione Abruzzo e la Fondazione Abruzzo Europa. Il Rapporto, giunto nel 2007 alla quinta edizione, è uno strumento a supporto di quanti operano in questo particolare segmento turistico perché aiuta a comprenderne le dinamiche e le tendenze che lo caratterizzano, i flussi che muove e l’incidenza economica del turismo natura nel business nazionale e internazionale; ideazione e realizzazione della guida “Percorsi nella Valle del Trigno”, con otto itinerari turistici completi di informazioni dettagliate e aggiornate per il turista più esigente alla scoperta del territorio e delle produzioni tipiche locali; ideazione e realizzazione della guida “Il turismo attraverso i percorsi della religione, della storia e della cultura” che propone percorsi alla scoperta del ricco e suggestivo patrimonio religioso, artistico e culturale dell’Abruzzo. La guida è edita in inglese, francese, tedesco, spagnolo e polacco.


i Partner di

SBORGIA ASCENSORI

[anno di fondazione 2001] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Viale Aldo Moro, 4 tel. 085.4463038 fax 085.4466927 www.sborgia.it - e-mail: info@sborgia.it

DI DOMENICO TINO s.a.s.

[anno di fondazione 1938] 65124 Pescara Piazza Duca degli Abruzzi, 34 - 35 - 36 tel. 085.74400 - fax 085.4712735 e-mail: didomenicotinosas@tin.it

Agenzia Pescara - Chieti

DUE ELLE S.n.c. di Livi Luigi & C.

NRG ITALIA S.p.A. - Divisione Gestetner

GENERAL SIDER ITALIANA S.p.A.

A. B. Film

[anno di fondazione 1980] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Treviso, 4 tel. 085.4462832 - fax 085.4460322 www.dueellecucine.it - e-mail: info@dueellecucine.it

[anno di fondazione 1962] 66013 Chieti Scalo (Ch) Via M. Carboni, 1 tel. 0871.563345 - fax 0871.560959 www.generalsider.com - e-mail: sales@generalsider.com

[anno di fondazione 1871] 65123 Pescara Via L. Muzii, 15 tel. 085.4213020 - fax 085.4221128 www.rossibruno.it - e-mail: info@rossibruno.it

[anno di fondazione 2003] 65127 Pescara Via Dei Sabini, 41 tel. 085.4503987 - fax 085.2309819 www.abfilm.net e-mail: info@abfilm.net

Unione Industriali della Provincia di Pescara

Unione Industriali della Provincia di Pescara

L.A.C.S. s.a.s.

ENRICO TORO & C. Distilleria Casauria s.a.s.

ECOLOGICA ANZUCA S.r.l.

ACN SERVICE s.n.c.

[anno di fondazione 2006] 64034 Castiglione M.R. (Te) C.da Selva tel. e fax 0861.990460 e-mail: acn.01@virgilio.it

HONDA ITALIA INDUSTRIALE S.p.A.

CESAR di Barbarossa Enio & F.lli s.r.l.

PROSPERI ROBERTO [anno di fondazione 1997] 65125 Pescara Via Caravaggio, 340 tel. e fax 085.4712209 e-mail: roberto.prosperi@yahoo.it

[anno di fondazione 1945] 65128 Pescara - Via Raiale, 110 bis tel. 085.432551 - fax 085.4325550 www.confindustria.pescara.it e-mail: info@confindustria.pescara.it

[anno di fondazione 1817] 65028 Tocco da Casauria (Pe) Via Tiburtina, 18 tel. 085.880279 - fax 085.880700 www.centerbatoro.it - e-mail: info@centerbatoro.it

[anno di fondazione 1976] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Strada Lungofino, 189 tel. 085.950091 - fax 085.95009323 www.acquaesapone.com

[anno di fondazione 1976] 65016 Montesilvano sp. (Pe) Via Verrotti, 59 (Espansione 1) tel. e fax 085.835746 e-mail: lacs.pcb@tiscali.it

[anno di fondazione 1994] 66023 Francavilla al Mare (Ch) Via Valle Anzuca, 18/D tel. 085.4917963 - fax 085.4918077 www.ecologicanzuca.it e-mail: info@ecologicanzuca.it

[anno di fondazione 1971] 66040 Piazzano di Atessa (Ch) Zona Industriale tel. 0872.8991 - fax 0872.899400 www.hondaitalia.com


editoria

“Squilibri regionali e crescita economica nell’Unione Europea” è il nuovo libro dell’economista

ABRUZZO A DUE VELOCITÀ, SERVE UNO SVILUPPO UNIFORME DEL TERRITORIO Pino Mauro: «Teramo e Chieti vivono una crescita impetuosa, ma restano troppe aree di criticità che frenano il decollo».

N

ella sala “La figlia di Iorio” della Provincia di Pescara si è tenuta la presentazione del libro di Giuseppe Mauro “Squilibri regionali e crescita economica nell’Unione Europea”. Presenti all’evento l’assessore regionale alle Attività produttive Valentina Bianchi, il neoeletto presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria Abruzzo, Fabio Spinosa Pingue, e Lucio Laureti, professore di Economia internazionale all’Università “d’Annunzio” di Pescara e presidente di Cts Confesercenti Pescara. Giuseppe Mauro, economista e professore ordinario di Politica economica dell’Università “d’Annunzio”, molto conosciuto nel mondo economicofinanziario, che ha già al suo seguito un’ampia bibliografia, ha scritto questo libro con la collaborazione di Andrès Rodriguez. La presentazione si è rivelata come spunto, vista anche la presenza di illustri relatori, per un dibattito sullo stato attuale dell’economia abruzzese. Inizialmente Mauro ha illustrato gli argomenti principali di cui parla nel

libro: l’evoluzione economica mondiale, la necessità della regione di disporre di piccole e medie, ma anche di grandi imprese, la capacità di fare gli investimenti e l’essenziale apertura al commercio internazionale, riportando poi il discorso in ambito territoriale, ha esposto i problemi che l’Abruzzo sta attraversando per la crescita economica. «L’Abruzzo - afferma Mauro - è una regione con caratteristiche divergenti in campo economico, oggi le province di Teramo e Chieti stanno vivendo una crescita impetuosa, ma in generale ci sono ancora tante criticità e l’ingresso della moneta unica europea ad esempio, ha di fatto rallentato la crescita». «La nostra regione dovrebbe, per incoraggiare lo sviluppo locale: risanare i conti pubblici, puntare sulle grandi imprese che sono poi la punta di diamante dell’Abruzzo, rendere attrattivo il territorio e valorizzarlo il più possibile». Laureti, esperto di economia internazionale, ha esposto il problema della internazionalizzazione delle imprese e della diminuzione in Abruzzo degli

Da sinistra: Lucio Laureti, Fabio Spinosa, Valentina Bianchi e Pino Mauro

Foto di Andrea Straccini

investimenti diretti rispetto al 2006. Fabio Spinosa invece ha ripreso il concetto dell’Abruzzo come regione anfibia e del problema delle zone interne discriminate rispetto a quelle costiere. «La regione - afferma Spinosa - dovrebbe assumere la veste di grande città, la politica dovrebbe restituire credibilità alla classe dirigente e sostenerla, cercando anche di spronare l’Abruzzo virtuoso e che produce». La Bianchi ha invece ribadito la necessità di risanare il bilancio della regione. «All’Aquila sono presenti due centri di eccellenza, - conclude la Bianchi - la vera risorsa risiede nel capitale umano, sta nelle capacità delle persone. Per rendere al massimo è necessario un mix di competenza e passione».


azienda partner

Nata nel 1969, l’azienda oggi vanta una struttura di 1500 metri quadrati nel centro commerciale Ibisco

COCCO FERNANDO, LA MODA SENZA LIMITI E CONFINI Presenti i marchi più prestigiosi di abbigliamento, pelletteria, valigeria e accessori

U

na struttura di oltre 1.500 metri quadrati è il cuore pulsante che ingloba oggi l’azienda Cocco Fernando, una sede con servizi centralizzati, organizzata, completa. Lo spazio vede a disposizione ampie vetrine, uffici, parcheggi e una vasta esposizione di prodotti compresi nelle categorie bigiotteria e argento, fermacapelli, profumeria, sciarpe e foulard, cravatte, borse, piccola pelletteria, ombrelli, valigeria, cappelli. La Cocco Fernando vanta marchi all’ingrosso che nel mercato nazionale e internazionale hanno forte presa per nome e qualità. Qui è sicuramente possibile trovare ciò che rispecchia il gusto e le richieste della propria clientela, tutto quel che riguarda gli accessori, tutto ciò che fa riferimento a quella parte di mercato che punta alla ricerca del dettaglio che fa moda, a ciò che contraddistingue sempre più aspetto, personalità, stile di vita, passioni. In tale dimensione va allora collocata la scelta di importanti marchi quali

Rb di Roccobarocco, Mario Valentino e Phard, che si sono affidati alla ditta Cocco per l’esclusiva su Abruzzo e Molise, un fatto che denota il peso che sta assumendo l’azienda nel territorio e non solo. La storia della Cocco Fernando risale al 1969, anno in cui il fondatore, che diede anche il nome all’azienda, aprì l’attività come ditta individuale in un locale di 100 metri quadrati. Successivamente, grazie al lavoro operato nel mercato e alla propria serietà, seguì il passaggio in una struttura ben più grande. Nel 1996 la Cocco Fernando risultò tra le prime a insediarsi nel cen-


tro commerciale all’ingrosso Ibisco, situato a Città Sant’Angelo, complesso in cui tutt’oggi ha sede, a pochi chilometri da Pescara. Un’area commerciale di rilievo in cui diverse grandi imprese hanno base operativa, magazzini, visibilità e da cui si muovono con successo nei rispettivi mercati. Ma l’attività rilevata da Luciano e Carla nel 1984, a seguito della scomparsa del fondatore, riuscì a raggiungere altri risultati oltre alla già consolidata garanzia di competenza e all’ottimo lavoro fatto fino ad allora, verso un ringiovanimento della politica commerciale e un ampliamento del proprio status e quindi della propria solidità economica. Divenuta società, la Cocco Fernando proseguì in una espansione degna di una grande azienda. Le energie convogliate per fare impresa in modo ancora più ottimizzato e dedicato, la gestione maturata con l’esperienza precedente e affinata con i nuovi obiettivi da perseguire, donano adesso quell’immagine che motiva le scelte degli operatori del settore, dei fornitori, della propria clientela. L’inquadratura che ne scaturisce porta una chiave più dinamica che sbocca in un allargamento dei rapporti, in un inserimento di ulteriori settori merceologici come valigeria, pelletteria, foulard in un consolidamento del passato forte nella proiezione per il futuro. Oggi la Cocco Fernando è una realtà in continuo sviluppo, con apprezzamenti da parte di clientela italiana e straniera, con l’esclusività dei propri marchi, la forza della competitività che trova riscontro in quanti la scelgono. Non a caso il motto legato al proprio Fo to d i A n d re a S t ra cc i n i

nome è: “senza limiti e confini”. L’azienda è raggiungibile anche on-line al sito www.coccofernando.it. Lo spazio web, attivo e aggiornato in più lingue per favorire gli scambi oltre territorio, dà l’opportunità di registrarsi al sito, con l’assegnazione di parametri personalizzati per l’accesso che permette all’impresa interessata di navigare anche nell’area riservata, per entrare nei dettagli e acquisire informazioni utili riguardanti gli articoli, i servizi, gli ampi spazi di cui dispone l’azienda e i marchi distribuiti.


Regione/turismo

L’assessore regionale ha presentato la legge 77/2000 destinata a migliorare la ricettività

TURISMO, IN ARRIVO 19 MILIONI DI EURO PER L’INNOVAZIONE Paolini: «Le risorse consentiranno al sistema turistico abruzzese di ricevere una forte spinta»

un momento della conferenza di Adriana Settuario

U

n traguardo. «Una novità storica e irripetibile» è stata definita dal vice presidente della giunta regionale e assessore al turismo, Enrico Paolini, la proposta della giunta regionale per cambiare il turismo abruzzese: «uno choc positivo per il settore che vedrà circolare oltre 19 milioni di euro col de minimis che passa da 100mila a 200mila euro». Illustrati lo scorso 5 dicembre i contenuti del bando per gli interventi a sostegno delle imprese del settore turistico, secondo la legge regionale 77/2000. «La quantità di risorse e la durata del bando – ha continuato Paolini -, relativa a tutto il 2008 e parte del 2009, consentiranno al sistema turistico abruzzese di ricevere una forte spinta e innovazione». La prima novità è la maggiorazione della cifra stanziata: «L’importo – ha spiegato la dirigente del settore, Alba Grossi - deriva da fon-

di di rotazione della legge 50 dell’80, prestiti in fase di ammortamento e altre economie di fondi statali e revoche di fondi pubblici per lavori non effettuati». Chi potrà usufruirne? Le imprese turistiche che svolgono attività di gestione delle strutture ricettive e annessi servizi, enti non profit, imprese che gestiscono stabilimenti balneari, rifugi montani, impianti termali e servizi a supporto dell’attività turistica e del tempo libero. Gli interventi finanziabili sono quelli di nuova ricettività, riconversione e recupero di strutture edilizie per la realizzazione di nuova ricettività, riqualificazione della ricettività esistente, ospitalità per disabili, strutture turistiche non destinate alla ricettività, acquisto arredi, macchinari e attrezzature mobili, impianti tecnologici. L’abbattimento del tasso di interesse sarà totale per iniziative a stabilimen-

ti balneari, escluso la realizzazione di nuovi stabilimenti, per iniziative riferite a imprese in possesso della certificazione di qualità o ambientale, o interventi ricadenti in Comuni interessati dai Giochi del Mediterraneo 2009, esclusa la realizzazione di nuova ricettività e riferite ad interventi localizzati entro i confini delle Comunità Montane. Le domande di ammissioni dovranno essere presentate dalle 8 del 29 gennaio 2008 e non oltre il 29 febbraio dello stesso anno. Il fondo di dotazione sarà ripartito per ambiti territoriali: il 30% sarà destinato alle zone ricomprese nei confini delle Comunità Montane, il 37% ai territori dei Comuni interessati dai Giochi del Mediterraneo 2009 e il 33% alle restanti zone del territorio regionale. Unica condizione per le strutture ricettive: l’obbligo di fornire i dati su presenze e arrivi.


i Partner di

COOP CREDITO

[anno di fondazione 1986] 66100 Chieti Via Spezioli, 16 (Theate center) tel. 0871.402598 - fax 0871.404609 www.coopcredito.it - e-mail: chieti@coopcredito.it

DVF S.r.l.

CVP GROUP S.c.p.A.

[anno di fondazione 2000] 65010 Spoltore (Pe) Via Federico Fellini, 2 - c.c. l’Arca tel. 085.4159814 - fax 085.4174494 www.cvpgroup.it - e-mail: commerciale@cvpgroup.it

UNICAM S.r.l. [anno di fondazione 2006]

PROLEGNO S.r.l.

EDILMET S.n.c.

GB GRAFICA S.r.l. [anno di fondazione 1987]

EDIMAC S.r.l.

DE.AL. S.r.l.

[anno di fondazione 1990] 65010 Elice (Pe) C.da Bastioni, 118 tel. 085.960091 - fax 085.9600960 www.pacfood.it - e-mail: info@pacfood.it

NORDIMPIANTI SYSTEM S.r.l.

DELVERDE INDUSTRIE ALIMENTARI S.p.A.

DF ALLUMINIO S.r.l.

[anno di fondazione 1970] 66015 Fara San Martino (Ch) Zona Industriale Tel. 0872.9951 - fax 0872.994000 www.delverde.it - e-mail: info@delverde.it

[anno di fondazione 1994] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Fraz. Sambuceto - Via Cavour, 59 tel. 085.4465042 - fax 085.4407840 www.paginegialle.it/dfallumin e-mail: dfalluminio@alice.it

ESSE V S.r.l.

EPICA S.r.l.

66010 Pretoro (Ch) Via Cerrani, 48/49 tel. 0871.898428 - fax 0871.898370 www.prolegno.com - e-mail: prolegno@prolegno.com

66013 Chieti Scalo (Ch) Via Mammarella tel. e fax 0871.564572 www.gbgrafica.it - e-mail: info@gbgrafica.it

[anno di fondazione 1996] 66013 Chieti Scalo (Ch) Via Colonnetta, 22/a tel. e fax 0871.577307 www.essev.it - e-mail: info@essev.it

[anno di fondazione 1997] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) C.da Vertonica, c.c. Ibisco Comp. B 5/6 tel. 085.9508177 r.a. - fax 085.9508157 www.dvfcentroufficio.it e-mail: info@dvfcentroufficio.it

65016 Montesilvano (Pe) C.so Umberto I, 372 tel. 085.4491668 - fax 085.4483084

[anno di fondazione 1979] 66013 Chieti Scalo (Ch) Via Marino Turchi - Zona Industriale tel. 0871.565191 / 560387- fax 0871.552438 www.edilmet.it - e-mail: info@edilmet.it

[anno di fondazione 1993] 66020 Sambuceto - San Giovanni Teatino (Ch) Via Po, 17 - Zona commerciale tel. 085.4462641 r.a. - fax 085.4460535 www.edimac.it - e-mail: info@edimac.it

[anno di fondazione 1975] 66013 Chieti (Ch) Via Erasmo Piaggio, 19/A - Zona Industriale Chieti Scalo tel. 0871.540222 - fax 0871.562408 www.nordimpiantisystem.com e-mail: info@nordimpiantisystem.com

[anno di fondazione 1981] 65129 Pescara - Via Fosso Cavone, 26 tel. 085.4311260 - fax 085.4311569 www.epicasrl.it - info.epica@cambielligroup.it


Regione/turismo

LEGGE REGIONALE N. 77/2000 Sintesi OBIETTIVI: In continuità con i contenuti del precedente Programma di attuazione 2005 e con il Piano Triennale Turismo 2006 – 2008, alla cui base vi è il concetto di “qualità come filosofia regionale”, le risorse finanziarie previste dalla L.R. 77/2000, stanziate negli anni 2006 – 2007, saranno destinate ad agevolare gli investimenti effettuati da imprese operanti nel settore del turismo, finalizzati alla crescita qualitativa dell’offerta turistico – ricettiva e dei servizi complementari al turismo. In previsione del grande evento costituito dai Giochi del Mediterraneo 2009, una quota del fondo di dotazione finanziaria del Programma sarà destinata alla realizzazione di strutture turistico – ricettive nei comuni abruzzesi interessati dai Giochi (37%, corrispondete alla percentuale di popolazione ivi residente rispetto al totale regionale). Infine, in considerazione della condizione di “sofferenza” in cui si è trovato il turismo invernale a causa delle condizioni meteorologiche poco favorevoli nel corrente anno, una ulteriore quota del fondo (30%) sarà destinata alla realizzazione di interventi localizzati nei territori all’interno delle Comunità Montane. FONDO DI DOTAZIONE FINANZIARIA: Per l’agevolazione degli interventi previsti dal programma è costituito presso la FIRA un fondo di dotazione finanziaria stabilito in euro 19.079.230,34 per gli anni 2006 – 2007. INTERVENTI FINANZIABILI: Realizzazione di nuova ricettività Riconversione e recupero di strutture edilizie per la realizzazione di nuova ricettività Riqualificazione ricettività esistente Interventi finalizzati all’ospitalità per disabili Interventi su strutture turistiche non destinate alla ricettività Acquisto arredi, macchinari e attrezzature mobili Impianti tecnologici Interventi finanziabili con il programma 2005 (per i soggetti che hanno già presentato domanda ai sensi del bando 2005, che non hanno beneficiato a qualsiasi titolo delle agevolazioni, è ammessa la ripresentazione dell’istanza per la realizzazione di iniziative previste nel precedente programma di attuazione).

TEMPI DI REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI: L’intervento ammesso a finanziamento deve essere iniziato entro un anno dalla data di comunicazione del provvedimento di concessione provvisoria e risultare completo e funzionante entro il termine massimo di due anni.

comuni non dotati di Piano Spiaggia approvato all’atto della presentazione della domanda

SPESE RICONOSCIBILI: Sono riconoscibili le spese per beni durevoli materiali e immateriali necessari alle finalità del programma di investimento proposto, sostenute a far data dal 1° gennaio 2006 per le nuove istanze e dal 1° gennaio 2005 per le istanze già presentate ai sensi del programma di attuazione 2005. La soglia di investimento minimo è fissata in 20.000 euro. SOGGETTI BENEFICIARI: I soggetti beneficiari dei contributi, ai sensi dell’art. 3 della L.R. 77/2000, sono le imprese turistiche (comprese quelle agrituristiche per la sola gestione degli alloggi turistici) che svolgono attività di gestione delle strutture ricettive ed annessi servizi o gli Enti no profit, nonché altre imprese che gestiscono stabilimenti balneari, rifugi montani, impianti termali e servizi a supporto dell’attività turistica e del tempio libero. E’ consentita la presentazione delle domande anche per i soggetti privati che si costituiranno in impresa. All’atto di presentazione della domanda per l’accesso alle agevolazioni di legge, il soggetto richiedente deve dimostrare la piena disponibilità del suolo o dell’immobile oggetto di intervento.

Imprese in possesso della certificazione di qualità (UNI- ISO 9000) o della certificazione ambientale (ISO 14001 o Ecolabel) Interventi, ad esclusione della realizzazione di nuova ricettività, ricadenti nei comuni interessati dai Giochi del Mediterraneo del 2009 Interventi localizzati nei confini delle Comunità Montane A richiesta dell’interessato, il contributo in conto interessi può essere convertito in conto capitale, scontando al valore attuale, al momento dell’erogazione, il beneficio derivante dalla quota interessi.

AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI: Sono concessi contributi in conto interessi per la realizzazione degli interventi, in misura pari all’abbattimento di 2/3 del tasso di riferimento vigente all’atto dell’ammissione al finanziamento, calcolato su un mutuo con ammortamento decennale o quindicinale. Gli aiuti, sono concessi a titolo delle regola “de minimis” e l’importo complessivo accordato ad una medesima impresa, non può superare 200 mila euro su un periodo di riferimento di tre anni. L’abbattimento del tasso di interesse è elevato al 100% nei casi di: Iniziative ammissibili riferite a stabilimenti balneari, ad esclusione della realizzazione di nuovi stabilimenti balneari localizzati in

DOMANDE DI AMMISSIONE: Modalità e termini per la presentazione delle istanze: Le istanze per l’ammissione ai benefici finanziari previsti dalla L.R. 77/2000 (redatte in bollo secondo l’apposito modello) devono essere inoltrate alla Giunta Regionale d’Abruzzo – Direzione Turismo ed attività Sportive – Servizio Incentivazione dell’Economia Turistica – Ufficio Vigilanza e Controllo, V.le Bovio 425 Pescara, a mezzo raccomandata postale con avviso di ricevimento, a partire dalle ore 8.00 del 29 gennaio 2008 e non oltre la data del 29 febbraio 2008. I benefici sono accordati per ordine di presentazione delle domande, fino ad esauri-


i Partner di

PELDO S.a.s. di Giovanni D’Ottavio & C.

PUBLIGRAFIKA S.r.l.

PHARMAPIÚ S.r.l.

PUTIPÚ di CECI SABRINA

[anno di fondazione 1973] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) C.da Vertonica - c.c. Ibisco, comparto C mod. 1/2/3 tel. 085.950579 - fax 085.9500035 www.peldo.it - e-mail: staff@peldo.it

[anno di fondazione 1993] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) c/o Centro Ibisco - Comparti B 14/15 tel. 085.9508120 - fax 085.9508930 www.pharmapiu.com - e-mail: info@pharmapiu.com

PIAZZA DELL’AUTO S.r.l.

[anno di fondazione 1990] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Traiano, 25 tel. e fax 085.4460893 - 085.4465558 www.publigrafika.it - e-mail: info@publigrafika.191.it

[anno di fondazione 1992] 65016 Montesilvano (Pe) Corso Umberto, 139 tel. 085.4452997 - fax 085.4453723 www.putipu.com - e-mail: info@putipu.com

RICAMI & DINTORNI di Marozzi Isabella [anno di fondazione 2005]

65129 Pescara Via Tiburtina, 427 tel. e fax 085.4315313 www.piazzadellauto.com e-mail: info@piazzadellauto.com

PIERANGELO AUTOTRASPORTI S.n.c.

[anno di fondazione 1972] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Aterno, 25 tel. 085.4464808 - fax 085.4464464 www.pierangelotrasporti.it - e-mail: info@pierangelotrasporti.it

[anno di fondazione 2006] 65010 Cepagatti (Pe) Via A. Forlani 70/a tel. 085.974701 www.ricamiedintorni.com - e-mail: info@ricamiedintorni.com

RETE 8 S.r.l.

66013 Chieti Scalo (Ch) Viale Abruzzo, 374 tel. 0871.58731 - fax 0871.5873215 www.rete8.com - e-mail: staff@rete8.com

PREMI SPORT di Palmucci Maria Agnese

RIZZIERO S.r.l.

PROGETTOGGETTO S.r.l.

RTI di Gabriele Federico

PROGETTO INFORMATICA S.n.c.

COOP CITIGAS S.p.A. [anno di fondazione 1978]

[anno di fondazione 1983] 65016 Montesilvano (Pe) Via dei Siculi, 6 tel. e fax 085.4680051 e-mail: palmuc02@palmuccina.191.it

[anno di fondazione 1999] 66020 San Giovanni Teatino Via Amendola, 212 - Sambuceto tel. 085.4326754 - fax 085.4318915

[anno di fondazione 1985] 65126 Pescara - Via D’Avalos, 66 tel. 085.63721-67325 - fax 085.4513827 www.proginf.com - e-mail: progetto@proginf.com

[anno di fondazione 1936] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Via Saline, 1 tel. 085.950495 - fax 085.950494 www.rizziero.com - e-mail: info@rizziero.com

[anno di fondazione 1988] 65122 Pescara Via Ortona, 1 tel. 085.4173593 fax 085.4156824 www.rtiweb.it - e-mail: info@rtiweb.it

64020 Giulianova (Te) Zona Industriale Collenaresco tel. 085.8004326 - fax 085.8004371 www.citigas.it - e-mail: coop.citigas@citigas.it


Regione/turismo

LEGGE REGIONALE N. 77/2000 Sintesi

mento fondi. Le domande delle imprese devono essere sottoscritte dal presidente del collegio sindacale o, in mancanza, da un revisore contabile iscritto nell’apposito registro. Documentazione a corredo della domanda: A corredo della domanda deve essere solidalmente allegata, pena l’invalidità, la seguente documentazione: Scheda tecnica redatta secondo l’apposito modello Dichiarazione di possesso dei requisiti e di impegno, redatte secondo l’apposito modello Progetto preliminare, redatto da un tecnico iscritto all’albo, composto dai documenti tecnici ed amministrativi richiesti. Varianti: Il soggetto beneficiario può richiedere variazioni del progetto, se già ammesso a finanziamento, purchè non comporti la modifica della tipologia e/o della localizzazione inizialmente approvati, fatto salvo il caso previsto per la realizzazione di nuova ricettività. Documentazione a consuntivo: Entro sei mesi dalla data di ultimazione del programma, l’impresa beneficiaria deve trasmettere alla FIRA la documentazione comprovante le spese sostenute per la realizzazione del programma. VINCOLO DI DESTINAZIONE: Il finanziamento del programma comporta

l’imposizione del vincolo assoluto di destinazione turistica sulle iniziative finanziate, per un periodo di tempo pari alla durata dell’intervento regionale e, comunque, non inferiore a 10 anni a partire dalla data di accertamento della puntuale esecuzione dei lavori e/o delle forniture. RIPARTO DELLE RISORSE: Il fondo di dotazione (al netto della quota spettante la FIRA e di quella destinata al fondo di garanzia) è ripartito per ambiti territoriali: 30% alle zone ricomprese all’interno dei confini delle Comunità Montane 37% ai territori ricompresi nell’elenco dei comuni interessati dai Giochi del Mediterraneo 2009 (Pescara, l’Aquila, Chieti, Teramo, Montesilvano, Francavilla al Mare, Lanciano, Avezzano, Roseto degli Abruzzi, Pineto, Miglianico, Manoppello, Bomba, Colledimezzo, Pietraferrazzana, Villa Santa Maria, Pennadomo, Atessa) 33% alle restanti zone del territorio FONDO DI GARANZIA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE: Il 10% del fondo di dotazione finanziaria del programma è destinato al finanziamento di un fondo di garanzia, allo scopo di assicurare una parziale assicurazione ai crediti concessi dagli istituti bancari in favore delle PMI in applicazione della L.R. 77/2000. La garanzia, viene stabilita nella misura del 30% dell’investimento fino a una copertura di euro 260mila.


convegno

Nella sede dell’Unione industriali presentato l’Exchange information point di Pescara, il secondo in Italia dopo quello di Reggio Emilia

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNO SPORTELLO PER CHI VUOLE ENTRARE IN BORSA Un servizio destinato alle società che si avvicinano al mercato dei capitali attraverso la quotazione

di Eleonora Lopes

N

ella sede dell’Unione Industriali di Pescara lo scorso 16 ottobre si è tenuto un convegno per presentare l’Exchange Information Point, la nuova iniziativa per informare e supportare le imprese abruzzesi che vogliono avvicinarsi al mercato dei capitali mediante la quotazione in borsa. L’incontro è stato anche l’occasione per un confronto sul tema della quotazione e dell’apertura ai mercati dei capitali attraverso la tavola rotonda sul tema “Accelerare la crescita delle PMI abruzzesi con la quotazione in borsa”,

D a sinistra: Bianca Fersini, Fabio Ilaqua, Paola Maiorana, Luigi Giannotta e Mauro A ngelucci

alla quale hanno partecipato diversi rappresentanti di tutti gli attori coinvolti nel processo di quotazione quali banche, società di revisione, advisor, studi legali e società di comunicazione. Questo è il secondo sportello in Italia dopo quello inaugurato lo scorso 8 ottobre a Reggio Emilia. Ad aprire i lavori Mauro Angelucci, presidente Unione Industriali di Pescara, poi l’intervento di Luca Lombardo, director mid&small cap markets Bosra Italiana, il quale ha spiegato come accelerare le crescita delle PMI abruzzesi con la quotazione in borsa, poi è stato


Da sinistra: Gabriele Cappellini, Luca Lombardo, Paolo Verna e Franco Gaudenti. In piedi Luigi Di Giosaffatte

il turno di Gabriele Cappelini, direttore generale MPS Venture, in merito al ruolo del private equity, in seguito Luigi Giannotta, head of equity capital markets della Abaxbank. Sono intervenuti anche Paola Maiorana, partner responsabile capital markets, gli advisor Paolo Verna e Franco Gaudenti, entrambi della EnVent srl indipendent Financial advisor, Fabio Ilacqua per Gianni, Origoni, Grippo&parteners, e infine Bianca Fersini come presidente della società di comunicazione Polytems Hir. Il dibattito si è concluso con un dialogo aperto con gli ospiti, numerosissimi, presenti al convegno; segno del forte interesse che ha suscitato il tema di questo incontro nel mondo economico-finanziario abruzzese e non solo. La Borsa italiana è un’istituzione storica che nel 2008 compirà ben 200 anni, il suo obiettivo principale rimane sviluppare i mercati e massimizzarne la liquidità, la traspa-

renza e la competitività. Non dimentichiamo che la quotazione, oltre a creare valore e ad accelerare la crescita delle aziende, oggi è diventata anche una soluzione per: regolamentare il passaggio generazionale, reperire risorse umane sempre più qualificate, dare maggiore visibilità alle aziende

Gilb er to Ferri tra il pubblico del Convegno

e ridurre alcuni costi che impone il fisco. Da questo importante meeting e dall’apertura di questo Exchange Information Point, l’Unione Industriali e in primis il presidente Angelucci si augura e si aspetta un successo che possa esplicarsi nell’eventuale ingresso in Borsa di alcune PMI abruzzesi.


i Partner di

EUROFIL S.r.l.

[anno di fondazione 1993] 64035 Castilenti (Te) C.da Cancelli, 11 tel. 0861.99971 - fax 0861.999493 www.eurofil.it - e-mail: eurofil@eurofil.it

GIANSANTE AUTO S.r.l. 66013 Chieti Scalo (Ch) Viale Benedetto Croce, 538 centralino 0871.54531 www.giansanteauto.it

[anno di fondazione 1949]

Attrezzature e personale per il monitoraggio atmosferico e di sicurezza

EASY CAR S.p.A.

65124 Pescara Via Enzo Ferrari, 123 (stazione f.s.) numero verde: 800.93.92.93 tel. e fax 085.2059319 www.easycaritalia.it - e-mail: pe1@easycaritalia.it

Servizi Integrati di Sicurezza S.r.l.

[anno di fondazione 2000] 65010 Spoltore (Pe) Via Mare Adriatico, 72/E tel. 085.4971521 - fax 085.4973121 www.sisworld.net - e-mail: info@sisworld.net

Attrezzature e personale per la tutela ambientale ed il trattamento delle acque

LANGUAGES FOR COMMUNICATION

SIVAM S.r.l.

ECOLOGICAMENTE

[anno di fondazione 2004] 65010 Villa Raspa di Spoltore (Pe) Via Italia, 1/A tel. e fax 085.4159445 www.ecologicamente.org e-mail: info@ecologicamente.org

Verlicchi Casoli srl

STUDIO CHIMICO LAVALLE Dr. LUIGI

GRUPPO TASSO S.p.A.

M2MARINUCCI S.r.l.

[anno di fondazione 1987] 66023 Francavilla al Mare (Ch) Via Nazionale Adriatica Nord, 57/B tel. 085.4911991 - fax 085.4913453 www.m2marinucci.it - e-mail: info@m2marinucci.it

HONEYWELL TURBO TECHNOLOGIES

CONFETTI PELINO

COLTIVATORI DIRETTI TOLLO S.c.a.a.r.l.

[anno di fondazione 2006] 65127 Pescara Viale Pindaro, 23 - Piazza Accademia tel. 085.4516231 www.languagesforcommunication.it e-mail: info@languagesforcommunication.it

[anno di fondazione 1988] S.P. Lungofino, km 3 65013 Città Sant’Angelo (Pe) tel. 085.9508170 - fax 085.9508916 www.luigilavalle.org - e-mail: info@luigilavalle.org

[anno di fondazione 1783] 67039 Sulmona (Aq) Via Introdacqua, 55 tel. 0864.210047 - fax 0864.32323 www.pelino.it - e-mail: pelino@pelino.it

[anno di fondazione 1995] 65010 Spoltore (Pe) Via Mare Adriatico, 72/F tel. 085.4972130 - fax 085.4973667 www.sivam.com - e-mail: sivam@sivam.com

[anno di fondazione 1997] 66043 Casoli (Ch) Zona Ind. est tel. 0872.992111 - fax 0872.992154 www.verlicchi.it - e-mail: verlicchicasoli@verlicchi.it

66041 Atessa (Ch) C.da Saletti - Zona Ind.le Val di Sangro tel. 0872.8844 - fax 0872.8844230 www.tasso.it e-mail: tasso@tasso.it

[anno di fondazione 1991] 66041 Atessa (Ch) Zona Industriale Saletti tel. 0872.891614 - fax 0872.889015 www.honeywell.it

[anno di fondazione 1962] 66010 Tollo (Ch) Via Don Morosini, 104 tel. 0871.961117 - fax 0871.961595 e-mail: tolloccdd@tin.it


convegno

A TU PER TU CON I PROTAGONISTI DELLA TAVOLA ROTONDA

Mauro Angelucci, com’è nata la collaborazione tra Unione Industriali e Borsa Italiana? «L’istituzione di questo servizio per gli imprenditori l’ho fortemente voluto sin dall’inizio della mia elezione; l’ho sempre considerato tra i punti più importanti lanciati dal mio programma. E’ fondamentale avvicinare le imprese di piccola e media dimensione presenti sul territorio ai mercati finanziari per cercare di creare opportunità di crescita e aumentare la competitività del sistema nel suo complesso, per questo è nata la necessità di una collaborazione con Borsa Italiana che sì è ufficializzata con questo importantissimo convegno». Quali sono i servizi che offrirà questo sportello? «Questo sportello, presso la sede di Confindustria Pescara, che ci tengo a ribadire è il secondo in Italia, offrirà incontri one to one con le aziende e qualsiasi tipo di informazione di cui l’imprenditore abbia bisogno,nonché la consultazione di volumi disponibili presso la nostra sede. È un’importante novità che rappresenta sicuramente un valore aggiunto per la provincia di Pescara e racchiude una componente progettuale fondamentale: è necessario che l’imprenditore riceva tutte le informazioni in merito ad un’eventuale ingresso in Borsa, affinché si senta cautelato e nello stesso tempo indirizzato e consigliato da Borsa Italiana nel suo percorso». Fo to d i A n d re a S t ra cc i n i

Luca Lombardo, conosce la realtà imprenditoriale del nostro territorio? «La conosco molto bene, anche per merito della nascita dell’Exchange information point qui a Pescara. Ho rilevato che ben 63 società (società competitive, redditizie e non indebitate) possono potenzialmente quotarsi in borsa e, di queste, 15 sono assolutamente quotabili. Il mio è un messaggio culturale, la quotazione in Borsa in qualsiasi regione è sinonimo di crescita, competitività, salute e dinamicità del sistema economico-finanziario e del tessuto industriale. Questa convenzione con Pescara è nata con lo scopo di sensibilizzare le imprese e di accompagnarle nella valutazione dell’opportunità della quotazione». Crede che le PMI abruzzesi siano pronte all’ingresso in borsa? «In passato le PMI non erano interessate alla quotazione, vedevano la Borsa come qualcosa di irraggiungibile e di adatto solo alle grandi aziende, oggi invece sono costrette a causa della competitività a crescere; in più la quotazione regolarizza il passaggio generazionale di cui oggi si parla tanto e ottiene risparmi fiscali. Non dimentichiamo che la Borsa opera anche con le piccole realtà di cui la vostra regione ad esempio è molto ricca ed è uno strumento potente ed efficace che crea un valore che ha uno sviluppo duraturo nel tempo. All’estero molte piccole società sono entrate in Borsa da anni, aderendo ad un progetto globale

di crescita dimensionale, culturale e di visibilità». Luigi Giannotta, come si concretizza la presenza della banca nell’eventuale ingresso in borsa di un’azienda? «Al contrario del passato, la maggioranza delle società quotate, oggi sono PMI, gli investitori credono fortemente in questo progetto e il nostro compito è quello di rassicurarli per trovare un giusto riscontro economico, ma anche una grande visibilità. La Borsa è diventata un motore di crescita anche grazie alla tutela e alla presenza costante della banca di riferimento che deve: assistere la società nella scelta nel team di progetto, definire l’equity story e sovraintendere ogni attività preparatoria all’offerta». Qual è nello specifico il ruolo della sua banca? «La AbaxBank è una giovane banca d’investimento, nata 7 anni fa, con il fine di soddisfare le molteplici esigenze di aziende e investitori istituzionali, supportati da un’attività di ricerca estremamente qualificata e focalizzata sull’analisi dei mercati e in particolare delle PMI italiane. Conquistare la fiducia di imprenditori e azionisti è importantissimo, la nostra funzione rimane comunque di vigilanza e di tutela».


azienda partner

PANTALONE S.R.L., UN BOOM LUNGO 40 ANNI L’impresa partner privilegiata di grandi aziende inaugura la nuova sede di Chieti Scalo con una serata di gala

Massimo e Piero Pantalone con il p a d re Vi n ce n zo

P

er capire cosa va a determinare la vita di un’azienda è utile partire dalle sue radici, dare uno sguardo al suo storico, analizzare i punti deboli e i punti forti che hanno portato un’attività a essere quello che oggi è. In questo specifico esempio si tratta infatti di lavoro, orgoglio e ambizione, di una grandezza che deve tutto a se stessa: elementi, questi, che non possono che portare a qualcosa di rilevante. Vincenzo Pantalone fonda nel 1977 la sua azienda che nasce come officina meccanica generica rivolta alla manutenzione industriale, lavora per conto di grandi aziende che favoriscono una crescita nella consapevolezza delle proprie possibilità. Imprese come Agip, Snam ed Enel si affidano alla Pantalone

per i propri lavori, il contatto diretto con i cantieri, con i luoghi di lavoro fanno realizzare al titolare vari aspetti determinanti in un ambiente così duttile e mutevole, veloce nei suoi cambiamenti, tra questi, in luce si pone senza dubbio l’aspetto difficoltoso della reperibilità dei materiali. In una situazione in cui la determinazione risulta essenziale, così come il coraggio di saper prendere decisioni e rimodulare il proprio ambito, azioni importanti fanno sì che si arrivi a una evoluzione della propria posizione mettendo in moto l’azienda: la Pantalone si immette dunque nel commercio nel mondo del piping. Parallelamente si attua un ampliamento della gamma dei prodotti trattati e dei settori forniti. Con l’ingresso in azienda dei figli Piero e Massimo, ecco nascere nel 2001 la Pantalone srl, sempre più rivolta alla perfezione, al rapporto con il cliente, alla realizzazione del suo pieno soddisfacimento, alla soluzione delle richieste e dei bisogni che vengono di volta in volta riportati nei rapporti di lavoro, il tutto senza mai perdere di vista sia le esigenze più ampie sia quelle più particolari. Una visione completa, aperta, professionale, ha fatto sì che nel corso degli anni sia stato possibile approntare un servizio valido sia nel La vettura del pilota Francesco Si n i


La nuova sede di Pantalone S.r.l.

diversificato che nello specifico, investendo settori interessati all’operato della Pantalone Srl, che vanno dal nautico all’industriale/impiantistico, dall’alimentare al chimico/farmaceutico. Per i prodotti, gli esempi si riscontrano nella commercializzazione di lamiere, tubi, valvole e raccorderia varia con un magazzino ampio, rifornito, sempre a disposizione che conta più di 50.000 articoli, in un mix di materiali che non manca alle necessità più comuni dei clienti. Con certificazione UNI EN ISO 9001:2000, la Pantalone Srl si attesta anche per conformità ai requisiti della norma per i sistemi di gestione per la qualità, la trasparenza e la serietà mettono quindi un marchio di garanzia per quel che concerne l’attività dell’azienda sempre più leader nel suo settore e attenta ai movimenti del mercato, ai cambiamenti che coinvolgono l’ambiente esterno e che si legano alla sua stessa attività, alle soluzioni innovative che maturano l’ampliamento continuo dei materiali trattati. A coronamento dei risultati raggiunti e di quanto ancora si sta realizzando, la Pantalone srl ha festeggiato, con una giornata speciale, il lavoro fin qui fatto. Lo scorso 20 ottobre, nella nuova sede di Chieti Scalo, l’azienda ha organizzato una grande festa con il fine di conoscere personalmente tutti i clienti che per l’occasione sono accorsi da tutta l’Italia. Una sede moderna e funzionale, tanta passione per i dettagli e i servizi, una mentalità

I l te a m a l co m p l e to d e l l a Pantalone S.r.l.

attenta a curare ogni aspetto, hanno così determinato un evento che si è tradotto in un successo di pubblico, con più di 400 partecipanti e una interessante escursione in questo importante settore dell’economia. Un po’ come in un viaggio alla scoperta di un mondo, la possibilità di visitare i magazzini, avere un quadro visivo e

Alcuni invitati alla serata di gala

concreto dell’opera dell’azienda e degli articoli che propone ha reso ancora più particolare e apprezzabile tale realtà. Niente è stato lasciato al caso, ottima la presenza di hostess e steward, di personale preparato e qualificato per rispondere a domande e accompagnare nelle visite gli ospiti, e del celebre pilota Francesco Sini, così come l’aria di festa respirata con un intrattenimento dal sapore spagnolo a ritmo di flamenco e un gradito buffet finale. A conclusione dell’evento è salito sul palco il team della Pantalone al completo per ringraziare tutti gli ospiti.

Foto concesse da Pantalone S.r.l.


convegno

La responsabilità amministrativa al centro del convegno organizzato da Confindustria Pescara

IMPRESE, UN MODELLO ORGANIZZATIVO PER TUTELARE LE SOCIETÀ Corruzione, truffa e falso in bilancio i reati più frequenti commessi dai dipendenti

Da sinistra Fusco, Di Geronimo, Catenacci, Pagliuca e Paolini di Eleonora Lop es

N

ella sede dell’Unione Industriali di Pescara lo scorso 5 ottobre si è svolto il convegno sul tema “Responsabilità amministrativa delle imprese: il modello organizzativo delle società”, organizzato dall’Unione Industriali di Pescara e dallo studio legale Paolini. Il mondo delle imprese sta attraversando un periodo particolarmente difficile, sono diverse le problematiche inerenti la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per specifiche tipologie di reato commesse dai propri amministratori e dipendenti, come ad esempio corruzione, truffa, frode informatica, falso in bilancio, illegale ripartizione degli utili, aggiotaggio. Tra i primi convegni in Italia a trattare nello specifico questo tema, l’appuntamento di Pescara ha visto l’apertura dei lavori da parte del co-organizzatore, l’avvocato Lucrezio Paolini, consulente carta dei servizi U.I.PE in materia di responsabilità amministrativa delle società. Al dibattito sono intervenuti ospiti

di fama nazionale: Mauro Catenacci, professore di Diritto penale all’università di Teramo, in merito ai modelli di organizzazione e la colpa di organizzazione; Paolo di Geronimo, giudice del tribunale di Chieti, sul modello organizzativo nelle piccole imprese; Eugenio Fusco, sostituto procuratore del Tribunale di Milano, che ha ampiamente parlato delle misure cautelari che un’impresa deve necessariamente prendere per non esporre la società

Nicola G i a m p a o l o


alla responsabilità degli illeciti prodotti da amministratori o dipendenti; l’avvocato Nicola Giampaolo che ha portato un case history di un’azienda pubblica regionale. Gli ultimi casi giudiziari giunti alla ribalta delle cronache hanno fatto comprendere l’importanza di adottare un modello organizzativo che abbia la funzione di separare la responsabilità amministrativa e salvaguardare così l’impresa. La dotazione del modello consente una gestione rigorosa e attenta e ci obbliga ad agire con senso deontologico di responsabilità, con il fine di raggiungere un sistema di qualità globale in termini di produttività, efficienza, trasparenza e tutela. Il decreto legislativo n° 231 dell’8 giugno 2001 introduce nel nostro ordinamento il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per specifiche tipologie di reato commesse dai propri amministratori e dipendenti, questo è uno degli interventi più importanti e innovativi per l’intero settore imprenditoriale ed economico.

Lucrezio Paolini Fo to d i A n d re a S t ra cc i n i

Lucrezio Paolini, Come si delinea il profilo delle aziende dal punto di vista della gestione della legalità? «L’odierno scenario è quello di una competizione imprenditoriale sempre più difficile da gestire per le aziende le quali devono misurarsi non solo con la propria capacità di penetrazione dei mercati, ma anche con i rischi di responsabilità penali cui potrebbero andare incontro in caso di illeciti da parte dei propri amministratori o dipendenti; si evince quindi un’esigenza di tutela da parte della proprietà». È per questo motivo che avete proposto questo convegno? «Certo! E non solo: in qualità di consulente in materia della 231 e di privacy presso l’U.I. di Pescara ho ritenuto di informare gli iscritti su quelle che sono le potenzialità di un Decreto legislativo di cui si parla poco e che invece è uno strumento strategico e importante per la salvaguardia della qualità del sistema di controllo interno. In tale scenario l’Unione Industriali di Pescara nelle figure del presidente Angelucci e del direttore Di Giosaffatte ha mostrato particolare lungimiranza e sensibilità nei confronti di una tematica che necessita di approfondimento e, come prevedo, di aggiornamento continuo. Approfondimento che per noi è stato possibile grazie all’adesione al convegno da parte di relatori qualificati e di grande esperienza». Quindi adozione del modello organizzativo quale strumento di tutela dell’azienda... «Il provvedimento, che è in parziale attuazione della Legge delega del 29 settembre 2000 numero 300 che a sua volta ha recepito la convenzione OCSE varata nel 1997 a Parigi, ha introdotto in Italia il concetto di responsabilità amministrativa dell’azienda per reati commessi da persone fisiche che operano in nome e per suo conto e, in ogni caso, nel suo interesse. Il Decreto legislativo 231 consente non solo alle società, ma anche agli Enti a partecipazione pubblica di adottare un sistema organizzativo interno che definisca processi, attività, funzioni, sistemi di controllo e delega. Tale sistema si esplicita in un processo investigativo preliminare che si può definire di “Due Diligence” che permette la

formalizzazione di procedure e percorsi standardizzati in grado di delimitare competenze, responsabilità e poteri di sorveglianza: unica difesa contro eventuali assedi penali!» Altri Paesi europei come si comportano in materia? «La responsabilità amministrativa degli Enti ha già trovato una soluzione normativa in altri Paesi che hanno recepito la Convenzione di Parigi; mi riferisco, ovviamente alla Francia, poi Svezia, Finlandia, Irlanda, Olanda, Portogallo, Danimarca e Regno Unito. Per quanto riguarda un sistema organizzativo “ad hoc”: a livello internazionale esistono alcuni riferimenti quali le FSG (Federal Sentencing Guidelines), nonché i diversi Compliance Programs. A livello nazionale si può fare riferimento alle “linee guida per la costruzione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ex Decreto legislativo n° 231/01” e relativa appendice pubblicate da Confindustria». Come rispondono le aziende a questa opportunità? «C’è ancora molto da lavorare per sensibilizzare i potenziali fruitori. La Finanziaria 2005 sembrava in grado di dare nuovo impulso all’adozione dei modelli della 231/2001, in quanto subordinava l’accesso a finanziamenti pubblici al possesso di modelli organizzativi conformi. Tuttavia, in un secondo momento, l’adempimento è stato sospeso in questi termini in quanto ritenuto troppo impegnativo per le aziende per forzarne l’adozione obbligatoria. Comunque, anche se non è prevista l’obbligatorietà è il mercato stesso che richiede sempre più la garanzia dell’adozione del modello». In tale ambito quali sono i possibili sviluppi futuri? «Attuale oggetto del Decreto è la disciplina dei reati contro la pubblica amministrazione e dei reati societari. Una più ampia attuazione della 231 potrà estendere i principi ad altri ambiti quali i reati ambientali ed i reati commessi in violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro. Lo scenario abruzzese, dinamico e vitale ha bisogno, pertanto, dell’applicazione di questi strumenti di tutela per garantire un efficiente sviluppo scevro quanto più possibile da rischi.


riconoscimenti

Vincitori Ivonne Biviano, Vincenzo Pietrocola e Paolo Santachiara della facoltà di Economia della “d’Annunzio”

PREMIO MARKETING, TRIONFO ASSOLUTO DEGLI UNIVERSITARI ABRUZZESI Il progetto vuole esaltare la creatività italiana attraverso un canale televisivo ad hoc

di Massimo Avenali

N

ell’ambito della diciannovesima edizione del Premio Marketing con tema “Il caso RAI”, che ha visto la sua nascita nella città di Roma, un grande successo è andato a un team formato da studenti universitari della facoltà di Economia di Pescara. La competizione nazionale, finalizzata a mettere in risalto le doti e le conoscenze dei nuovi laureandi, in particolare nel campo dell’Economia, ha visto una finale a tre, raggiunta dopo una selezione effettuata tra vari studi e proposte pervenute da squadre di tutte le Università italiane. Il premio della Società Italiana di marketing (Sim), che nello specifico si prefiggeva la realizzazione di un piano di marke-

Foto di Simone Cerio

ting per la creazione di un canale televisivo a pagamento per la televisione statunitense, è stato assegnato da una prestigiosa giuria composta da esperti di marketing e rappresentati dell’azienda RAI. Vincitori della finale sono stati proprio i ragazzi della facoltà di Economia di Pescara (Università degli Studi di Chieti-Pescara “Gabriele d’Annunzio”) Ivonne Biviano, Vincenzo Pietrocola e Paolo Santachiara che con il loro progetto hanno sbaragliato i competitori e si sono aggiudicati l’importante occasione rappresentata da Master in Marketing da frequentare in tre Università italiane di prestigio. Sarà quindi per loro possibile approfondire ulteriormente le materie relative alle


I vincitori del concorso

discipline nelle quali si stanno formando, nonché instaurare rapporti diretti con il mondo dell’economia e con gli operatori che lavorano a stretto contatto con questo campo. L’esperienza darà altresì modo di confrontarsi con altri atenei, studenti di altre culture provenienti di fatto da Università non soltanto italiane, ma anche straniere. Merito di questo traguardo raggiunto, che aprirà certamente le porte a nuove conoscenze e possibilità, oltre che a donare prestigio alla facoltà di Economia, appartiene agli studenti che si sono dedicati al progetto, che hanno investito conoscenze, competenze e idee. Ma non solo. Un duro lavoro di base ma anche una dedizione del pro-

fessor Andrea Prencipe, che guarda da sempre a competizioni costruttive e importanti per la crescita degli studenti; un premio che torna a rivestire il nome della facoltà di Economia di Pescara che già nel 2003 vinse grazie a un lavoro con tema “Il caso Vespa” e che vide tra gli studenti anche Lorenzo Spinosi, lo stesso che oggi come tutor ha seguito i neovincitori insieme a Daniele Di Vittorio. Altro punto, quindi, per capire questo raggiungimento è la preparazione che si è incentrata su seminari tematici, case study e reportistica mensile sul working progress degli elaborati, tasselli fondamentali che hanno mantenuto alto interesse, entusiasmo e spirito di collaborazio-

Da sinistra: Alessandro Rasetta, Andrea Prencipe, Vincenzo Pietrocola, Paolo Santachiara, Ivonne Biviano, Lorenzo Spinosi e Daniele Di Vittorio


Xxxxxxxx


Un momento della cerimonia

ne. In ultimo, ma non per importanza, l’apporto del dottor Alessandro Rasetta che ha curato i dettagli per la realizzazione dell’esposizione finale. Ivonne Biviano, che con Vincenzo Pietrocola e Paolo Santachiara ha conquistato il Premio Sim, spiega: «L’ingresso in un mercato variegato e complesso come quello televisivo americano non può essere affrontato come la semplice realizzazione di un progetto, come il raggiungimento di una meta. Per essere in grado di veicolare su se stessi le attenzioni di un pubblico sazio di ogni qualsivoglia tipo di intrattenimento si deve avere la presunzione di voler creare un desiderio generazionale di attaccamento al canale, si deve convincere il telespettatore ad entrare in un nuovo mondo, come se stesse per entrare in un sogno. Noi intendiamo realizzare tutto questo creando un bisogno diffuso tra i telespettatori americani: il bisogno di italianità». Alle affermazioni di Ivonne si aggiungono quelle di Vincenzo, che specifica come «il concetto di italianità nel progetto messo a punto sia stato applicato più che altro al modus operandi in una visione di italian style. La strategia ha un fondo caratterizzato da una identità italiana che si abbraccia con la vita, la cultura, le attese del popolo americano; si mira anche a combattere idiosincrasie che purtroppo hanno accompagnato e tutt’ora accompagnano la figura dell’italiano tipo. Il progetto ha quindi posto le basi e le

strategie per la creazione di un canale televisivo denominato Rainbow, che appunto sia in grado di inglobare i fini che si presuppongono e la mission vera e propria di dar vita a qualcosa che investi in una nuova immagine e cultura del Bel Paese». A Paolo qualche dettaglio sulla strategia Italianità: «Ruolo importante spetterà infatti alla RAI International che curerà un restyling più fresco, coinvolgente e giovane, affiancando al proprio nome gli obiettivi di Rainbow. Determinanti saranno le azioni di Guerrilla Marketing e Permission Marketing e il supporto di un sito internet (www.rainbow.com) e l’impiego di programmi di CRM e di Win-Back». Si può di certo affermare che il riconoscimento attraverso l’assegnazione del Premio Sim ha colto un gruppo fervente, attento, preparato, un team che fa sperare bene per questo e altri progetti e per come si sta muovendo qualcosa di concreto all’interno degli atenei italiani. Ovvero la materializzazione di eventi, premi, occasioni, che necessitano di nuovi stimoli e nuove idee di pari passo con la necessità degli stessi studenti universitari, per competenze attinenti al campo economico, di trovare sbocchi che li coinvolgano sempre più nel mondo del lavoro e del marketing, visto che proprio questo è il settore che determina gran parte del successo o dell’insuccesso di una realtà imprenditoriale o di una qualsiasi impresa.


azienda partner

Una vasta gamma di funzioni gestionali a disposizione nella filiale di Pescara

SOLUZIONI SOFTWARE, PROGRAMMI INNOVATIVI AL SERVIZIO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Gianmauro Cecchini responsabile commerciale della filiale di Pescara di Soluzioni Software

P

er le piccole e medie imprese, la scelta di un programma gestionale è un momento delicato e non privo di insidie. È importante, quindi, affidarsi a una “software house” in grado di affiancarle ancor prima dell’acquisto, con un servizio di consulenza mirato a comprendere le esigenze dell’azienda. Soluzioni Software vanta un forte know-how nella consulenza, progettazione e realizzazione di software dedicati alla media e alla piccola impresa. Importante, dunque, capire quali sono gli elementi distintivi e i punti di forza di questa consolidata realtà. Chi è Soluzioni Software? “Siamo una società di software presente sul mercato italiano da venti anni – spiega Gianmauro Cecchini, Resp.

commerciale della Filiale di Pescara di Soluzioni Software – ed operiamo essenzialmente nel segmento del software gestionale per le medie e piccole imprese. Proponiamo soluzioni specifiche per i mercati manifatturiero ( meccanico, elettronico, alimentare ), consumer goods e dei servizi. Qual è la vostra mission? Fare prodotti di qualità e tecnologicamente evoluti, supportando la loro implementazione nelle aziende nostre clienti con una consolidata metodologia. Riteniamo fondamentale affrontare l’implementazioni del software gestionale in un’ottica di progetto, perché un prodotto “calato” in un’azienda senza un idoneo progetto è destinato a non centrare gli obiettivi. I nostri consulenti seguono il progetFoto concesse da Soluzioni Software


Carta

to non solo dal punto di vista tecnico. La nostra è una consulenza operativa, volta a risolvere tutte quelle problematiche che una persona esperta solo di programmazione non è in grado di risolvere. Con le piccole imprese, è poi importante far capire loro l’importanza del servizio. Molte di esse tendono infatti a interessarsi più della cosiddetta “scatola” (il prodotto) e a dare meno importanza al servizio. Qual è il valore aggiunto dell’offerta di Soluzioni Software? Senz’altro la grande esperienza maturata collaborando con primarie realtà italiane. Portiamo l’esperienza di aziende che hanno utilizzato, con successo, i nostri prodotti. Questo perchè la nostra attività non si limita solo all’implementazione di un software, ma al coordinamento di un progetto che ha l’obiettivo di portare valore all’azienda in tempi e costi accettabili. Come si compone l’offerta commerciale? La nostra offerta commerciale è erogata attraverso due business units che si indirizzano ad altrettanti segmenti di mercato. La prima business unit, sviluppa e distribuisce AdApta, soluzione ERP per la media impresa italiana, operando con un approccio “prodotto+progetto”, che completa una qualificata offerta standard con un progetto complessivo di servizi professionali efficienti erogati

A rc h i v i a z i o n e

O g g ettistica

Scrittura

secondo una metodologia consolidata. La seconda business unit è dedicata all’implementazione di SAP Business One. Siamo Gold Partner , questo importante riconoscimento di SAP certifica le competenze e soprattutto premia i numerosi progetti realizzati con il massimo successo. Quali sono i punti di forza di Soluzioni Software? Oltre alla flessibilità ed all’adattabilità dei nostri prodotti e della nostra consulenza, un importante punto di forza è sicuramente il presidio di specifici mercati verticali per affrontare problematiche gestionali diverse con prodotti, processi e servizi più adeguati ed efficaci e, non da ultimo, garantendo ai clienti risparmio di tempo e costi. Quali sono gli ambiti a cui le PMI sono maggiormente interessate? I mercati instabili e la congiuntura economica non favorevole hanno portato anche le PMI a diventare maggiormente sensibili rispetto ai temi del controllo di gestione. Per questo c’è maggiore attenzione nei confronti dei sistemi analitici di controllo dei costi e di analisi della redditività. Diventa inoltre sempre più importante per le PMI lavorare con un partner tecnologico in grado di supportarle in quella che è la continua evoluzione da una parte delle loro necessità dall’altra della tecnologia e degli strumenti informatici.

Una veduta dell’azienda

EVIDENZIATORI “Flash one”

CALCOLATRICE “Digy one”

PERFORATORE “Trieste”

CUCITRICE “Venezia”

CORRETTORE ROLL “Cover up”

AUTOADESIVI removibili “Memo day”

CARTELLINE IN MANILLA CON ALETTE “Brera”

BUSTE P.U. “Volo” leggere e pesanti, lisce e goffrate

RACCOGLITORI “Avantgarde” d. 5-8

CARTA “Data Print” 80 gr/mq inkjet laser copier e fax

tel. 085 9508177 - fax 085 9508157

www.dataoffice.biz info@dataoffice.biz


pa rte

energia

L’EFFICIENZA ENERGETICA E GLI STILI ABITATIVI

I

n quest’ultima sezione viene proposta una correlazione tra gli esiti dell’indagine e l’osservatorio makno sull’abitare Housing Evolution (edizione 2006). In particolare viene proiettata la dimensione della consapevolezza delle tematiche dell’efficienza energetica (misurata sull’indicatore semplice della conoscenza/informazione) con i diversi stili abitativi. Come si può notare dalla mappa finale

le aree di conoscenza si muovono nelle zone più evolute degli stili abitativi, dove nei prossimi anni si registreranno le maggiori dinamiche del mercato immobiliare. Infatti il 5% delle famiglie che nei prossimi tre anni hanno intenzione di acquistare una casa sono concentrate in questi stili abitativi, particolarmente sensibili ai temi dell’efficienza energetica.

HOUSING EVOLUTION Housing Evolution è l’innovativa ricerca Makno sulle case degli italiani, gli stili e l’evoluzione dell’abitare. Si tratta di una ricerca “integrata”, che si e avvale di differenti approcci metodologici e tecnici e di differenti competenze, sensibilità ed expertise. La ricerca si articola su un’indagine quantitativa condotta su un campione rappresentativo delle famiglie italiane (3mila casi) attraverso interviste personali della durata media di 60 minuti.

Gli otto stili abitativi definiscono le tipologie di altrettanti modi di vivere la casa: otto “abitanti” diversi in cui è possibile riconoscersi.

LA CASA COMMODITY LA CASA COMMODITY

Housing Evolution È uno stile “sfumato” nelle caratteristiche socio-

demografiche e soprattutto poco coinvolto nella relazione con la propria casa (in genere in un piccolo condomino). Trova comunque in essa l’espressione della propria individualità. Sono tra i meno propensi ad apportare cambiamenti nella ÂHousing Evolution è l’innovativa ricerca Makno sulle case degli italiani, gli stili e casa. l’evoluzione dell’abitare.

13 % LA CASA OFFICINA 13%La casa è il luogo che rispecchia le “mie abitudini

ÂSi tratta di una ricerca “integrata”, che si e avvale di differenti approcci metodologici e tecnici, e di differenti competenze, sensibilità ed expertise.

di vita”, e quello vi faccia dentro. Più facili da in-

nella provincia del su sud, LAricerca CASsiAarticola OFFsu ICun’indagine INAcontrare ÂLa quantitativa condotta unmostrano campione con la propria abitazione (generalmente una villetta morappresentativo delle famiglie italiane (3.000 casi) attraverso interviste personali della durata media di 60 minuti. nofamiliare) un buon grado di coinvolgimento e propensione ad apportare cambiamenti alla casa, soprattutto con nuovi elettrodomestici.

11 % 11 %

59


LIGURIA

21,0% 19,4%

EM ILIA ROMAGNA FRIULI VENEZIA GIULIA CAMPANIA

13,2% 10,9%

14

LA CASA TANA

Poco coinvolti nella loro piccola casa (e poco propensi a migliorarla), è vissuta come un rifugio personale ma anche familiare, più spesso nel loro ambiente preferito (la camera da letto). Tipicamente single anziani con basso livello di scolarizzazione. 12%

12 % Insoddisfatti e in cerca di una casa ideale vivono CA ASTA LA L CA AS ENDA l’attuale come (temporaneo) rifugio della propria FOCOLARE individualità. L’ambiente preferito della casa è la LA CASA TANA loro camera, per le tecnologie presenti in essa, per l’atmosfera e la tranquillità che la caratterizzano. Giovani (soprattutto maschi), spesso studenti universitari, residenti nelle cittadine del centro-sud Italia.

15 % 6 % 1 2 %Al centro della vita domestica pongono la soLA CASA BUNKER LA CASA TENDA LA CASA FOCOLARE

cialità familiare e vivono la casa (ampie villette o bi-familiari) come luogo di ritrovo della famiglia (spesso giovani coppie dallo status medio-alto). Sono i più propensi a cambiamenti all’interno dell’abitazione, nei mobili, negli spazi, nei materiali e nei colori. 15%

18 % 165% %Più che ad un’espressione di stile, vedono la casa (di cui sono tra i meno soddisfatti) come un rifu-

LA CASA BUNKER gio, aperto solo a pochi intimi. Single (accentuazione di anziani residenti al nordovest), basso status sociale e bassa scolarizzazione.

18% Tra gli ambienti preferiscono la cucina e il sog-

LA CASA FORUM LA CASA FORUM

giorno, espressione di casa come posto di lavoro, in cui riescono a fare agevolmente tante cose utili, ma anche casa da mostrare agli ospiti perché venga apprezzata (e quindi propensi a suoi miglioramenti). Casalinghe meridionali, molto coinvolte e le più soddisfatte della loro casa (in genere ampia).

17 7% %Nella casa (da poco acquistata) cercano soprat1 LA CASA TEATRO tutto la funzionalità (e la casa rispecchia e si defi-

LA CASA TEATRO

8% % 8

nisce sulle loro abitudini). Gli ambienti che preferiscono sono la cucina e il soggiorno. Laureati (con una accentuazione femminile), adulti (45-54enni) e residenti nelle grandi città, status medio-alto. Vivono in famiglie numerose.

Muovetevi alla grande. S.p.A.

Barbuscia

Concessionaria Mercedes-Benz

S.p.A.

PESCARA - Via Tiburtina, 141 INFOLINE: 085/43201 barbuscia@barbuscia.it Sabato aperti tutta la giornata.


i Partner di

ADRIATICA SERVICE S.r.l.

CONCORDE S.r.l.

AUTOTRASPORTI ERASMO CORRADO

CAPRARA COSTRUZIONI S.r.l.

BARBUSCIA S.p.A.

[anno di fondazione 1932] 65129 Pescara Via Tiburtina, 141 tel. 085.52247 - fax 085.52240 www.barbuscia.it - e-mail: barbuscia@barbuscia.it

BANCA CARIPE S.p.A.

BERNOCCHI INFISSI S.a.s.

CASITALIA S.r.l.

[anno di fondazione 2006] 65016 Montesilvano (Pe) Corso Umberto I, 491 tel. 085.4459921 - fax 085.4450624 e-mail: massimo.toscano.adserv@concessionaria.renault.it

[anno di fondazione 1986] 64030 Villa Bozza di Montefino (Te) Via Fontana, 26 tel. 0861.996418 - fax 0861.996108 www.erasmotrasporti.it - e-mail: info@erasmotrasporti.it

[anno di fondazione 1979] 66010 Torrevecchia Teatina (Ch) Via Fondovalle Alento, Km. 3.300 tel. 0871.362526 - fax 0871.362510 e-mail: info@bernocchiinfissi.it

65126 Pescara Via M. Polo, 73 tel. 085.64154 - fax 085.64433 www.concordeairsea.it e-mail: info@concordeairsea.it

[anno di fondazione 1988] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Via XXII Maggio 1944, 62 tel. 085.959689 - fax 085.9500843 info@capraracostruzioni.191.it

[anno di fondazione 1871] 65100 Pescara Corso Vittorio Emanuele, 102 tel. 085.37251 - fax 085.3725349 www.bancacaripe.it - e-mail: info@bancacaripe.it

[anno di fondazione 2002] 66010 Giuliano Teatino (Ch) Loc. Arenella, 1 tel 0871.71129 - fax 0871.718881 www.casitalia.biz - e-mail: casagiulia@casitalia.biz

Sicurezza Informatica Web Designer Ser vizi Web Web Hosting

Info Web Consulting

BIOCOPERTURE S.r.l. [anno di fondazione 2005] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) C.da Vertonica tel. e fax 085.96629 e-mail: biocoperture@virgilio.it

Professional Web Solutions

[anno fondazione 2002]

www.infowebconsulting.it Professional Web Solutions

[anno di fondazione 2002] cntr. Casali, 181 tel. 085.847123 - fax 085.8470895 65010 Nocciano (Pe) cntr. Casali, 181 tel. 085.847123 - fax 085.8470895 www.infowebconsulting.it 65010 Nocciano (Pe)

BIZARRIE

[anno di fondazione 2006] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Via S. Feliciani, 1 tel. e fax 085.96606 www.bizarrie.it - e-mail: info@bizarrie.it

CA TECHNOLOGIES AND COMMUNICATIONS

BRIONI ROMAN STYLE S.p.A.

CALDORA VINI S.r.l.

[anno di fondazione 1945] 65017 Penne (Pe) Via Fonticoli Nazareno tel. 085.82171 - fax 0085.8279200 www.brioni.com - infobrioni@brioni.it

[anno di fondazione 2006] 65022 Bussi sul Tirino (Pe) - Via L’Aquila, 29 tel. e fax 085.980131 e-mail: friccioni@libero.it

[anno di fondazione 2004] 66026 Ortona (Ch) Via Civiltà del Lavoro tel. 085.9063651 - fax 085.9067389 www.caldoravini.it - e-mail: caldora@caldoravini.it


novità

Il consiglio di amministrazione dell’azienda di Fara San Martino ha dato l’ok all’unanimità per l’ingresso nel mercato azionario

DE CECCO PREPARA LO SBARCO IN BORSA Un Gruppo con 120 anni di storia, con 780 dipendenti in organico, che esporta in 87 Paesi

Fi l i p p o A ntonio D e Cecco

D

opo una serie di notizie nell’aria già da tempo, giunge ora l’ufficializzazione dell’entrata in borsa del gruppo alimentare De Cecco, società che vanta una strutturazione e una storia ormai consolidata che nasce 120 anni fa e che vede oggi una crescita che ha portato a un organico di 780 dipendenti e all’esportazione in ben 87 Paesi. Dati importanti, questi, dai quali gli investitori non possono prescindere e che vedono un impegno a 360 gradi rispetto alla tradizione, alle tecnologie produttive, alle certificazioni di prodotto, così come rispetto a eventi rilevanti come la partecipazione a forum sull’agroalimentare e sulla qualità, all’istituzione di premi e a molto altro. Il Gruppo De Cecco è infatti attivo nella produzione e commercializzazione di pasta di semola e pasta all’uovo di qualità superiore e di altre specialità alimentari, tra cui olio extravergine, polpa e passata di pomodoro e sughi pronti. La filosofia su cui si basa l’azienda riesce quindi a concedere il giusto apporto di fiducia, questo ha altresì convinto il Consiglio di amministrazione dei F.lli De Cecco di Filippo S.p.A a deliberare l’avvio delle procedure preliminari per

Giusepp e A ristide D e Cecco

la quotazione in Borsa della società. In questo contesto, il conferimento degli incarichi speciali riguardo l’assistenza in fatto di organizzazione societaria e procedimento di ammissione a quotazione a Lazard & Co. S.r.l. (advisor finanziario) e allo studio Bonelli Erede Pappalardo (consulente legale nell’ambito del progetto di quotazione). Il Consiglio di amministrazione di La Fara dei F.lli De Cecco di Filippo S.p.A, a capo del Gruppo De Cecco - tra i leader italiani nel settore e simbolo della gastronomia “Made in Italy” nel mondo - si è infatti riunito il 5 novembre nella sede sociale di Fara San Martino (Chieti). La scommessa, che vede un passo determinante per il futuro dell’azienda, dimostra dunque basi solide, si proietta ancor di più nel futuro mirando a divenire una realtà capace di sfidare il mercato con più risorse a disposizione. Pronti a tale passo i tre amministratori delegati al vertice Filippo Antonio De Cecco (anche amministratore delegato), Giuseppe Aristide De Cecco e Saturnino De Cecco. Dal lavoro svolto per giungere a tale decisione, presa all’unanimità grazie anche all’operato di Luigi Prospetti Foto concesse da De Cecco S.p.A.

S aturnino D e Cecco

incaricato di seguire il dossier quotazione, docente di Economia politica a Milano, si dovrà innanzitutto procedere con l’osservanza delle procedure che controllano il mercato borsistico e l’avviamento alle attività preliminari, circa il processo di ammissione alla quotazione del Gruppo presso il mercato telematico azionario (comparto in cui vengono negoziati diritti d’opzione, obbligazioni convertibili, warrants e azioni o quote di OICR quotati in Borsa) organizzato appunto da Borsa Italiana S.p.A. che, come noto, si occupa della gestione e del funzionamento della Borsa valori di Milano (ossia del mercato finanziario italiano), al fine di promuoverne lo sviluppo e di massimizzarne la liquidità, la trasparenza, la competitività e l’efficienza. Il prossimo passo è l’assemblea degli azionisti, convocata per il 4 e il 5 dicembre prossimi che sarà chiamata a pronunciarsi sulle delibere consiliari assunte il 5 novembre 2007, rispettivamente in prima e seconda convocazione, che sarà quindi chiamata a pronunciarsi sulle delibere consiliari assunte in data 5 novembre.


anniversario

L’istituto di credito di Cappelle sul Tavo festeggia i 50 anni dall’inizio dell’attività

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO, NOZZE D’ORO AL SERVIZIO DELLE PICCOLE IMPRESE Dai primi 44 soci agli attuali 3000, da una a nove filiali con un patrimonio di 28 milioni di euro

L

a Banca di Credito Cooperativo Abruzzese-Cappelle sul Tavo il 14 ottobre ha festeggiato il suo cinquantesimo compleanno e continuerà con una serie di importanti manifestazioni che si concluderanno nel 2008. La banca nasce nel 1957, quando 44 agricoltori, artigiani, piccoli commercianti e altre persone decidono di dare vita alla Cassa rurale e artigiana di Cappelle sul Tavo. Allora il patrimonio versato fu di sole 348.000 lire. Di lì a poco, il 2 febbraio 1958, arriva l’autorizzazione ufficiale della Banca d’Italia per l’apertura dello sportello: inizia così ufficialmente il cammino della Cassa Rurale e Artigiana di Cappelle sul Tavo.

I soci, da 44 che erano, oggi sono diventati quasi 3000, le filiali sono passate da una a 9, il patrimonio effettivo ammonta a 28 milioni di euro. Nel 1994 la Cassa Rurale diventa Banca di Credito Cooperativo; nel 1998 arriva la fusione, per incorporazione, con il Credito Cooperativo di Cepagatti, mentre nel 2000 è la volta dell’ex Banca Adriatica di Credito Cooperativo. Quest’ultima fusione ha consentito un allargamento della presenza della BCC nella città di Pescara, con uno sportello situato in una zona nevralgica e l’ingresso di una sostanziosa compagine sociale, che promette una crescita significativa sia patrimoniale sia commerciale. Le variazioni che

Il presidente della BCC Abruzzese Cappelle sul Tavo Luigi Iachini Bellisarii durante il 50° anniversario


La serata di gala per i festeggiamenti del 50° anniversario della BCC

si sono susseguite nel tempo hanno rappresentato, come immagine verso l’esterno, l’impegno della Banca a divenire, in prospettiva, un punto di riferimento anche per comunità che attualmente non rientrano nella zona di competenza, senza, peraltro, mai rinunciare alla connotazione localistica che qualifica da sempre l’operatività di una Banca di Credito Cooperativo. Il processo di crescita della Banca di Credito Cooperativo Abruzzese è continuato con l’apertura delle filiali di Collecorvino nel 2004 e due anni dopo di Montesilvano Sud. Oggi la BCC di Cappelle sul Tavo aderisce al Fondo Centrale di Garanzia, struttura con funzione di copertura nei confronti dei depositanti; ed è guidata dal Presidente Luigi Iachini Bellisarii, già docente di Letteratura italiana alla Facoltà di Lettere dell’Università di Chieti e dal Direttore Generale Carlo D’Angelantonio. La BCC, pur conservando la propria autonomia, fa parte di un sistema

composto da organismi che assicurano integrazione, sinergie ed economie di scala sia nel comparto associativo sia in quello tecnico-operativo. Alla base del sistema si collocano le Banche di Credito Cooperativo, aggregate a livello territoriale nelle Federazioni locali che, a loro volta, costituiscono a livello nazionale la Federazione italiana. Applicando il principio della sussidarietà, la singola BCC opera in parte in proprio, in parte utilizzando il lavoro e i prodotti predisposti dagli organismi di livello superiore. In merito al bilancio semestrale 2007, i dati molto positivi confermano un trend in assoluta crescita. Per la redditività l’utile netto è stato pari a 1.498 mila euro, con una crescita di quasi il 9% rispetto al 2006; e il risultato netto di gestione, escluse le componenti economiche straordinarie, è stato di 1.442 mila euro, con una crescita del 53% rispetto allo scorso anno. Il margine di intermediazione è risultato pari a 6.262 mila euro, con un incremento


anniversario

Lo staff al completo della BCC durante il meeting di Parigi

del 19% rispetto al 2006. Per quanto riguarda i dati patrimoniali, gli impieghi alla clientela hanno raggiunto nel 2007 i 182 milioni di euro, con un aumento del 2,5% rispetto allo scorso anno e il totale tra la raccolta diretta e quella indiretta è risultato pari a 317 milioni di euro. La mission della BCC si ispira ai principi tradizionali del movimento del credito cooperativo e sono il localismo, la mutualità e la solidarietà. A testimonianza dell’eccellenza di questa banca, nel giugno del 2007 l’Eurispes, l’Istituto di studi politici economici e sociali ha

inserito la BCC Abruzzese-Cappelle sul Tavo nel 2° Rapporto sull’eccellenza in Italia. Presentato alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, il Rapporto ha censito cento casi di successo del sistema Italia, esperienze istituzionali e imprenditoriali spesso poco note al pubblico. La Banca di Credito Cooperativo ha infatti incarnato, secondo le sue tradizioni, i principi che ispirano il rapporto Eurispes e cioè la storia, la dimensione d’impresa, la capacità d’innovazione, i processi organizzativi, l’efficienza e i servizi offerti al cittadino.

Bcc: convegni, concerti e feste popolari nel programma dei festeggiamenti Le varie manifestazioni per il cinquantesimo compleanno della Banca di Credito Cooperativo sono ufficialmente iniziate lo scorso 14 ottobre con la Festa del Socio, un incontro conviviale al Palacongressi d’Abruzzo di Montesilvano, dove si sono ritrovati tutti coloro che in questi anni hanno contribuito in vari modi a favorire il successo e la crescita della Banca. Il 2 febbraio 2008, invece, cinquantenario dell’autorizzazione della Banca d’Italia, si terrà un convegno nella sala “De Cecco” della Regione Abruzzo, a Pescara, sul tema “Il ruolo di una banca locale in un contesto sempre più globale”, moderato da Alan Friedman. Seguirà nel pomeriggio l’inaugurazione della rinnovata filiale di Pescara Porta Nuova. Il 2 aprile successivo i festeggiamenti proseguiranno con un concerto di musica classica tenuto dal Maestro Luigi Piovano al teatro Circus di Pescara. Nel mese di maggio, infine, le celebrazioni termineranno con una grande festa popolare a Cappelle sul Tavo, chiusa da uno spettacolo pirotecnico.

Foto concesse da BCC


Il direttore generale Carlo D’Angelantonio: «L’obiettivo è radicarci sempre più sul territorio»

BCC, L’ORGOGLIO DI ESSERE UNA BANCA LOCALE Il presidente Luigi Iachini Bellisarii: «Grazie ai miei predecessori che hanno posto le basi per una crescita continua» di Eleonora Lopes

L

a parola al Presidente Luigi Iachini Bellisarii e al Direttore Generale Carlo D’Angelantonio che spiegano i segreti della crescita della Banca di Credito Cooperativo.

Presidente Iachini, che eredità ha ricevuto dai presidenti che l’hanno preceduta? «Nel 1958 fui eletto primo Presidente del Collegio Sindacale ed ero tra i soci fondatori dell’allora Cassa Rurale e Artigiana di Cappelle sul Tavo. In un certo senso faccio parte da sempre di questa grande famiglia. Il primo Presidente fu Piacentino Di Michele, che gettò le basi Foto di Andrea Straccini

di una banca nata da pochissimo e che aveva solo 44 soci; poi ci fu Pompilio Di Clemente che la diresse in un periodo di assestamento e progressivo sviluppo e infine il mio predecessore, Domenico Ranalli, colui che è riuscito a predisporre e avviare la realtà attuale. Devo dare atto e mostrare riconoscenza a tutti i soci passati, alla saggezza e alla lungimiranza dei presidenti che mi hanno preceduto e che hanno reso possibili i successi di oggi». Quali obiettivi sono previsti per il futuro? «Per la nostra banca abbiamo cercato tutti di fare del nostro meglio, dal Consiglio di Amministrazione e dal Collegio Sindacale al Direttore Generale, al Vice Direttore Generale e al validissimo personale che oggi opera nei vari sportelli e negli uffici di sede. Tutto il team è fondamentale per il raggiungimento di qualsiasi traguardo. Il nostro obiettivo è di espanderci con prudenza e di continuare a consolidare e sviluppare al massimo l’economia del nostro territorio. Ci tengo a ribadire che la crescita della banca in campo economico resta nel patrimonio della banca stessa; e che anche gli investimenti effettuati rimangono nella zona di competenza: tutto questo è poi il vero segreto della forza , della differenza e della necessaria esistenza della nostra banca». Direttore D’Angelantonio, come si presenta l’attuale realtà della sua banca? «Noi non pretendiamo di essere una banca grande, ma una grande banca nel senso della qualità e dell’efficienza, e che soddisfi al massimo i bisogni e le necessità dei nostri clienti. Questi appar-

tengono quasi esclusivamente al mondo delle piccole imprese, che ci auguriamo possano diventare medie o grandi anche grazie al nostro ausilio. Il nostro obiettivo è di radicarci al massimo sul territorio, pur rimanendo sempre una banca locale. Non dimentichiamo che la nostra zona è densamente popolata e gli sportelli sono in continuo aumento. Oggi le BCC sono le ultime vere banche locali rimaste in Abruzzo. Il nostro interesse è di migliorare la cultura del socio, e questo è intuibile anche dai festeggiamenti in grande stile che si stanno svolgendo per il cinquantesimo compleanno della BCC».

Il direttore generale Carlo D’Angelantonio


forum

Le proposte abruzzesi nate durante gli incontri di Confindustria a Capri

SVILUPPO, I GIOVANI IMPRENDITORI CHIEDONO PIÙ COLLABORAZIONE ALLA REGIONE Il presidente Spinosa: «Gli Enti locali possono aiutarci nel ridare slancio all’economia del territorio»

L

Le importanti giornate di Capri organizzate da Confindustria hanno visto la presenza di diversi personaggi determinanti nella politica italiana, così come negli assetti socioeconomici del Paese. Tra questi, per citarne solo alcuni, Matteo Colaninno, Franco Marini, Daniele Capezzone, Maurizio Gasparri, Antonio Bassolino, Massimo D’Alema, Carlo De Benedetti, Raffaele Bonanni, Giovanna Melandri, Giuliano Amato, Luca Cordero di Montezemolo. Fra i molti interventi, è certamente giusto citare alcuni passaggi del discorso tenuto dal presidente del Senato, Franco Marini che, attraversando la storia dell’Italia, ha richiamato da subito la Costituzione nell’articolo 41, affermando con chiarezza che “l’iniziativa economica privata è libera”. Concetto ancora più largo e profondo perché non si limita all’impresa, ma si

apre ad ogni possibile forma di azione economica, dando valore e rilievo, appunto, alla capacità di iniziativa. Luca Cordero di Montezemolo ha parlato di sicurezza, di classe dirigente, di risorse, di riforma elettorale che deve garantire il cittadino nelle sue scelte: «L’Italia, nonostante qualche progresso recente, continua a essere in fondo alle graduatorie che valutano le condizioni del fare impresa: siamo al 53esimo posto secondo l’ultima classifica della Banca mondiale. E siamo caduti al 107° posto per la capacità di attrarre investimenti dall’estero». La ricetta per risollevare le sorti dell’economia italiana, individuando tra i problemi principali l’obsolescenza delle infrastrutture e il problema nella crescita della produttività, consiste in primis nel ridurre la spesa pubblica, nel riqualificarla e nell’avviare quel circuito virtuoso “meno tasse, meno spesa, più

investimenti”. E ancora, dal discorso di Carlo De Benedetti interessante la chiusura del suo intervento in una visione globale: «Dall’impresa alla società, dunque, dalla società alla politica, dalla politica alle istituzioni. C’è tutto un sistema di rete che va in parte costruito, in parte reimpostato. All’interno dei nostri confini, prima, e poi fuori in Europa. E dall’Europa al mondo. È un lavoro enorme, tutto da fare. E va fatto insieme. Se Cina e India hanno riaperto la grande via della seta, noi dobbiamo riaprire mille strade e mille connessioni che uniscano in un sistema virtuoso le tante piccole Italie e l’Italia e il mondo. Dobbiamo farlo mettendoci ciascuno un pezzetto del proprio lavoro e del proprio talento. Senza la tentazione di dire: noi imprenditori siamo già ok, ora tocca ad altri». Fabio Spinosa durante un’intervista a Capri


LA PAROLA AI PRESIDENTI di FABIO SPINOSA PRESIDENTE GIOVANI INDUSTRIALI DI CONFINDUSTRIA ABRUZZO «Le linee guida di questa Presidenza Regionale non possono prescindere dal proficuo lavoro e, soprattutto, dal metodo che ha contraddistinto negli ultimi anni l’azione del nostro Comitato regionale e dei Gruppi territoriali, improntato alla piena condivisione delle scelte e al totale coinvolgimento delle quattro Presidenze territoriali. I Giovani imprenditori avvertono l’insopprimibile esigenza di recitare un ruolo da protagonisti nello sviluppo del proprio territorio. Non vogliono limitarsi ad un’esperienza circoscritta alla amministrazione, “sic et simpliciter”, della propria azienda. Consapevoli, tuttavia, che la crescita e lo sviluppo della regione non possono prescindere dalle capacità progettuali dei diversi stakeholders della comunità. L’intera programmazione della Presidenza sarà “caratterizzata” dalla presenza costante di alcuni Valori. In primis, il rispetto dell’impegno assunto con i colleghi circa la durata del mandato: sarà un mandato parziale rispetto ai canonici tre anni. Tempi e modalità verranno condivisi, senza creare alcuna frizione e saranno, sicuramente, sufficienti a caratterizzare e contraddistinguere, con valori e tematiche a me peculiari , la presidenza di cui assumo il mandato. Un’ altra idea cardine che ispirerà e condizionerà il lavoro di questa Presidenza è quella di operare affinché l’Abruzzo, si connoti, pur nel rispetto delle varie entità geografiche che ne compongono il sostrato civile e culturale, quale entità globale unica, caratterizzata da un comune patrimonio, da un diffuso e partecipato “idem sentire”, da una grande comunione morale ed ideale. L’Abruzzo come un unicum. Non possiamo permetterci più il “lusso” di avere una Regione “anfibia”, una parte sopra il livello dell’acqua, una sotto. Urge un riequilibrio. Anche perché la parte in ritardo frena quella competitiva. E togliendo finalmente, ad alcune comunità, l’alibi delle zone interne che le porta a giustificare tutto. Una moderna Città/Regione che superando la cultura delle piccole rivendicazioni di quartiere e gli sciovinismi di altri tempi, ponga finalmente fine agli sprechi , ai doppioni , al proliferare di presidi pubblici ed uffici che, senza riverberarsi in migliori servizi per i cittadini, appesantiscono la macchina burocratica e fanno correre la spesa pubblica. Il complesso dei servizi erogati dalla pubblica amministrazione non può più esercitare un ruolo di freno ma deve necessariamente tradursi, attraverso la costruzione di un territorio “business friendly”, in un autentico fattore propulsivo delle iniziative imprenditoriali. Dobbiamo osare e subito. Rifiutando, ad esempio, la “trappola della strumentalizzazione” che ci porta a stare zitti nei confronti delle proposte meritevoli di plausi se provengono da ns. interlocutori, partiti politici, amministratori o qual si voglia semplicemente per il rischio di essere strumentalizzati

e/o accomunati in toto al proponente. La risposta all’antipolitica sta nel riempire di qualità, di classe dirigente i tanto vituperati partiti, da troppo, troppo tempo in crisi; i partiti sono gli strumenti costituzionalmente deputati a fare sintesi delle istanze delle comunità e non sporadici movimenti capitanati da colui che urla di più tra coloro che strillano. Un’attenzione particolare sarà dedicata alla diffusione della cultura d’impresa, alla diffusione della cultura della libera iniziativa, sancita dalla Carta Costituzionale ma troppe volte boicottata ed osteggiata nel nostro Paese. “Work day” sarà la giornata organizzata dal Movimento per portare fisicamente i figli, spesso ignari del lavoro dei genitori, alla fabbrica, all’ufficio dove lavorano il proprio papà o la mamma. Miglioreremo, più di quanto non fosse già stato fatto, la comunicazione all’interno del sistema. Il nostro Movimento si farà promotore di un evento con periodicità annuale, denominato “Progetto Koinè”, ispirato alla finalità di mettere in rete le giovani eccellenze del territorio e per “contaminarsi” a vicenda. Mi piacerebbe avvicinare ancora di più il mondo dell’impresa all’arte, alla pittura, alla cultura, alla musica, al teatro, al cinema, stimolando magari la nascita di tanti “Mecenati” che si prefiggono l’intento meritorio e commendevole di valorizzare e promuovere, con riferimento alla realtà giovanile, le migliori espressioni del panorama artistico e culturale della nostra regione. In un mercato in cui la competitività si misura anche in termini di “social responsability”, l’investimento in cultura rappresenta un momento di visibilità sempre più importante ed assume un ruolo strategico per l’impresa che per “comunicare” sceglie l’evento culturale piuttosto che la mostra e/o il premio letterario. Con l’ausilio di alcuni autorevoli ospiti di respiro nazionale affronteremo temi di attualità anche fuori dal sistema strettamente micro e macro economico, quali la centralità della famiglia la eliminazione degli sprechi e sperperi della pubblica amministrazione, la riforma costituzionale per la costruzione di uno stato moderno, il ruolo dell’architettura e dell’urbanistica nel migliorare sia l’immagine estetica che la qualità della vita delle città, il riordino delle autonomie locali. È assolutamente imprescindibile che noi Giovani Imprenditori non abbandoniamo la battaglia per il cambiamento e non desistiamo da quella insopprimibile volontà di essere protagonisti nel fare e nell’agire concreto che segna la nostra connotazione essenziale e che, consentitemi di dirlo, non senza una punta di orgoglio, costituisce quel rigoglioso sostrato di iniziative ed intraprese sul quale si fonda gran parte dell’economia di questo nostro Paese. Nella consapevolezza, però, che il sogno di un paese migliore non potrà rimanere a lungo nei cassetti delle nostre imprese.»


forum

di FEDERICA CHIAVAROLI PRESIDENTE G. I. DI CONFINDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI PESCARA Il convegno di Capri a cui hanno aderito anche quest’anno, numerosissimi, i Giovani imprenditori di Confindustria della provincia di Pescara testimonia la voglia di condividere i grandi temi di natura economica e politica che ci coinvolgono come imprenditori e come cittadini. Al tempo stesso, l’evento di Capri rappresenta un prezioso momento di incontro e condivisione con altre realtà e altri imprenditori, provenienti da ogni parte d’Italia. Un momento per fermarsi a riflettere sul presente per pensare al futuro e condividere progetti e attività, al fine di rafforzare sempre più lo spirito e la consapevolezza di appartenere ad un unico grande gruppo, quello dei giovani imprenditori, che ogni giorno si confrontano con un Paese straordinario, ricco di risorse e al tempo stesso, di contraddizioni, come l’Italia. Proprio in questa occasione abbiamo avuto il piacere di rincontrare un amico, nonché l’attuale vice presidente nazionale dei Giovani imprenditori di Confindustria, Cleto Sagripanti, che abbiamo invitato al nostro incontro conviviale di novembre denominato “A cena con...”, una iniziativa che è una preziosa occasione di incontro con personaggi del mondo della politica, dell’economia e naturalmente con altri imprenditori, sempre nell’ottica del confronto e della condivisione. L’incontro è preceduto dal Consiglio direttivo in cui interviene un altro personaggio di spicco del panorama imprenditoriale, Luca Margaritelli, amministratore delegato dell’omonimo Gruppo italiano, creatore del brevetto “Listone Giordano” e detentore del marchio “Merker”. Il convegno di Capri è stata anche un’occasione per sviluppare nuove sinergie, proprio in quei giorni è nata l’idea di avviare nuove attività, coinvolgendo territoriali di altre province in Italia. L’obiettivo è di individuare e approfondire tematiche di interesse comune, conoscere esperienze, idee e casi aziendali di Giovani imprenditori che operano in altri contesti, ampliando ulteriormente i flussi di informazione all’interno dei nostri gruppi. Questo progetto rappresenta una naturale evoluzione di quanto già avviato in seno al Gruppo Giovani imprenditori di Pescara, con i cosiddetti “Direttivi itineranti”, svolti direttamente nelle nostre sedi aziendali, che abbiamo aperto a tutti i Giovani imprenditori iscritti al Gruppo, che si aprono con la presentazione delle attività imprenditoriali del collega che ci ospita, per poi trattare le tematiche all’ordine del giorno. Queste iniziative rappresentano una importante occasione per conoscere più da vicino le realtà aziendali e i progetti futuri di altri imprenditori, passi fondamentali per ragionare nell’ottica della rete e del “fare sistema”. Naturalmente non mancano momenti conviviali che generalmente seguono le nostre riunioni, e a proposito di momenti ludici non possiamo non citare la magica atmosfera di Capri che ha ispirato scrittori, poeti, musicisti da tutto il mondo, un’occasione per stare insieme uscendo dai ruoli, per dedicare un po’ di tempo a se stessi, nella splendida e coloratissima cornice caprese.


di GIUSEPPE RANALLI PRESIDENTE G. I. DI CONFINDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI All’interno della straordinaria cornice dell’Isola di Capri sede storica del Meeting, Confindustria Chieti G.G.I. ha organizzato la propria nutrita delegazione per supportare, conoscere, approfondire le tesi dei Giovani Imprenditori alla vigilia della Legge Finanziaria ed avviare un processo di attenzione al tema della competitività dell’Impresa nella nuova era globale. Presente anche l’ Assessore regionale alle Attività Produttive Valentina Bianchi in veste di relatore nel Convegno sull’ Energia “Sviluppo consapevole”. Diversi sono stati gli argomenti affrontati dai relatori: Libertà economica, occupazione, diritti negati nel Mezzogiorno, l’ Italia dell’antipolitica e la forza delle Istituzioni. A tutti è parso evidente, comunque, la necessità di avviare una nuova fase per le Riforme per supportare la crescita delle Imprese italiane e sostenere i processi di internazionalizzazione. Il tema dell’energia è stata riconosciuta una tematica di forte attualità e vera “ arma di dominio internazionale”. In tale contesto, oltre alla necessità di avviare un forte progetto di riforme e di riorganizzazione della “macchina pubblica”, soprattutto in tema di riduzione dei costi della pubblica amministrazione, si è colta l’occasione di avviare un ragionamento sul “Tema Abruzzo”. Gli enormi costi della politica, gli alti costi salariali, previdenziali, pensionistici, rimborsi, accessori ecc cui sono destinatari i consiglieri regionali rappresentano anomalie di sistema che allontanano sempre più la partecipazione generale alla condivisione della vita civica, creando una “classe privilegiata”. La Sanità, la riforma e razionalizzazione degli Enti strumentali regionali, problematiche connesse ai costi dell’energia, il potenziamento delle infrastrutture e la diminuzione della pressione fiscale rappresentano le emergenze per le quali manca, ad oggi, una concertazione costante e costruttiva. Tali Temi sono spesso riconosciuti prioritari, ma, non si ha il coraggio di modificare, innovare, riorganizzare. Come una moderna azienda le aspettative della rappresentanza sono indirizzate verso queste emergenze per le quali è auspicabile una partecipazione ai processi di trasformazione ma non a convocazioni ad operazioni già definite. Nel frattempo il nostro sistema produttivo perde di competitività, si prospettano nuovi rincari ovvero nuove pressioni fiscali e nuove difficoltà e sacrifici per le imprese e per i cittadini. Gli attuali percorsi per l’ approvazione della Finanziaria nazionale e del Bilancio regionale ci aiuteranno a comprendere meglio quanto siano riconosciuti e tutelati l’impresa ed il cittadino dalla politica, quanto la stessa sappia tramutare le istanze e garantire la rappresentatività delle esigenze generali. Riteniamo doveroso mantenere alto il rispetto verso le Istituzioni e verso la Politica ma è auspicabile che le stessa sappia tradursi meglio nelle aspettative della collettività. Valentina Bianchi con i giovani industriali al convegno di Capri


di MAURO BARNABEI PRESIDENTE G. I. DI CONFINDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI TERAMO Scenario sempre suggestivo quello di Capri che ha visto anche quest’anno una forte partecipazione al tradizionale convegno dei Giovani imprenditori di Confindustria. Durante il convegno sono stati trattati gli argomenti di più stretta attualità e importanza per il Paese: fisco, spesa pubblica, trasparenza e soprattutto libertà d’impresa, tema questo che dava anche il titolo all’evento. Numerosi i relatori che hanno incentrato il loro intervento proprio sulla libertà d’impresa, a iniziare dal collega presidente del Comitato interregionale del Mezzogiorno, Luigi Costanza, che ha sottolineato l’ultimo posto dell’Italia tra i Paesi avanzati, per la libertà economica. Dato, questo, sicuramente preoccupante che a mio avviso è determinato principalmente dai numerosi veti burocratici e politici che bloccano le nostre iniziative economiche, dalla mancanza di realizzazione di infrastrutture e, sicuramente, dai recenti episodi legati alla criminalità organizzata, ritornata prepotentemente “in auge”. Mi sento, in proposito, di rivolgere un plauso ai colleghi della Sicilia che con coraggio hanno allontanato dal Sistema chi sta al gioco della malavita organizzata. Il presidente Matteo Colaninno ha esposto una interessante relazione, come sempre incisiva e puntuale, richiamando la classe politica ad un realismo che - troppo spesso - viene dimenticato. Sono rimasto particolarmente colpito dall’intervento di Paolo Mieli, direttore del Corriere della Sera, che ha scosso la platea sostenendo che il Paese ha bisogno di riforme da fare subito, invitando il Governo, qualora non si riesca a farle in tempi brevi, a prendere coscienza della situazione e lasciare il campo per dar vita a nuove elezioni. In tal senso, Mieli ha citato l’esempio della Germania che, a fronte di un risultato elettorale sul filo di lana, ha dato vita ad una coalizione per affrontare e risolvere - da una posizione di forza - i problemi del Paese. Personalmente, l’intervento che ho atteso maggiormente è quello del presidente Montezemolo che, puntualmente, mi infonde carica e fiducia. Le mie aspettative non sono andate deluse, il presidente ha evidenziato come il Paese si trovi nella necessità di una politica di tagli e riqualificazione della spesa che certamente aiuterebbe ad abbattere il debito ed a liberare risorse per il futuro. Il presidente ha, inoltre, richiamato l’attenzione della platea sulla necessità di modernizzazione del Paese, ponendo tra le priorità la semplificazione del sistema fiscale per le piccole imprese, un programma di infrastrutture, una nuova legge elettorale e la soppressione di Enti e società pubbliche create solo per distribuire posti. Sono convinto che le nostre imprese hanno fatto e continueranno a fare la loro parte, tornando a crescere, ad essere competitive, a investire in tecnologia e innovazione, ma tutto ciò non basta se il sistema Paese continuerà a vivere in una condizione di arretratezza e di immobilismo. Il convegno di Capri ha lanciato messaggi importanti. La speranza è che non si perda altro tempo prezioso. I presidenti G.I. delle province abruzzesi


ambiente

Gli scarsi incentivi frenano le imprese nell’adesione al regolamento europeo per la certificazione ambientale

EMAS, TROPPO POCHI I BOLLINI BLU IN ABRUZZO Nella nostra regione effettuate solo 21 registrazioni, Italia in ritardo su altri Paesi comunitari di Riccardo D’Alessandro

S

ettecentocinquanta. Un dato apparentemente insignificante che indica quanto poco sia stato fatto finora per far decollare il regolamento europeo Emas, la certificazione di qualità ambientale, nel territorio nazionale. La prima registrazione Emas in Italia è datata 18 dicembre 1997 ed oggi, a distanza di ben 10 anni, risultano solo 750 registrazioni. Troppo poche! Ecco che questo dato comincia ad assumere significato e cioè che non si può affatto parlare di successo. C’è ancora molto da lavorare e da migliorare. L’appello ad incentivare e a promuovere la diffusione di Emas nelle imprese è stato il tema centrale del primo convegno regionale svoltosi venerdì 16 novembre al Palauniverso di Silvi Marina. L’evento organizzato dall’Arta (Agenzia regionale per tutela dell’ambiente) è servito per valutare, assieme al contributo di esperti appartenenti ad organizzazioni istituzionali e di categoria, i nuovi possibili interventi da attuare per favorire l’Emas nel territorio. Il convegno, coordinato dal direttore generale di Arta Abruzzo,Gaetano Basti, è stato supportato dal contributo di numerosi autorevoli relatori fra i quali figuravano Franco Caramanico, assessore all’Ambiente della Regione Abruzzo, Paolo Piacentini, capo segreteria tecnica del Ministero dell’Ambiente, Antonio Sorgi, direttore parchi, territorio, ambiente ed energia della Regione Abruzzo, Vincenzo Parrini, responsabile settore accreditamento Emas dell’Apat, Francesco D’Alessandro, delegato per le Politiche ambientali di Confindustria Abruzzo, e molti altri ancora. Il regolamento europeo 761/2001 Emas è un sistema di ecogestione volontario al quale possono

aderire tutte le organizzazioni, pubbliche e private, che dimostrano di possedere una forte sensibilità a favore dell’ambiente. Dall’applicazione di Emas scaturiscono inoltre numerosi vantaggi in termini finanziari, competitivi e di fiducia. Tuttavia poco o nulla è stato fatto per incentivare le organizzazioni ad accogliere volontariamente il progetto. Se proviamo ad analizzare le cause riconducibili a questo mancato successo notiamo che le imprese lamentano la mancanza di strumenti concreti e necessari per avvicinarsi ad Emas. Ad oggi sono ancora troppo pochi gli “elementi di vantaggio” che dovrebbero consentire ad un’impresa di compiere la scelta decisiva per aderire ad Emas. Il legislatore si è fermato a quelli introdotti dal Testo unico ambientale (abbattimento delle garanzie finanziarie per la spedizione transfrontaliera dei rifiuti, maggiore durata delle autorizzazioni ambientali integrate, ecc), ma non è ancora sufficiente! I provvedimenti finalizzati alla valorizzazione di Emas non possono essere circoscritti solo a quelli citati. E’ necessario ampliare i settori nei quali si possono trovare i margini per una ricaduta positiva ed incentivante per le imprese che decidono di introdurre questo sistema di ecogestione comunitario. Gli strumenti di incentivazione che le imprese propongono non si individuano necessariamente nei soli fondi - che non sempre da soli riescono a produrre i risultati sperati - ma in elementi legislativi concreti come la credibilità nell’eccellenza, sgravi fiscali, riconoscimenti, attenzioni ed anche semplificazioni amministrative per le aziende che scelgono di intraprendere


Riccardo D’Alessandro consulente ambientale - gruppo Galeno

certi percorsi. Se vengono a mancare i riconoscimenti le imprese preferiscono rinunciare, non compiendo un importante salto di qualità che, tra l’altro, produrrebbe vantaggi notevoli. Ma come si presenta lo scenario attuale? Sicuramente il quadro che abbiamo di fronte è “poco attraente”. Tuttora a frenare la diffusione di Emas sono molteplici fattori: le ISO 14001, - più facili da ottenere e inoltre di valenza internazionale - gli sforzi e la complessità per potersi registrare Emas, la scarsa attenzione delle autorità per chi è registrato Emas, le risorse finanziarie che, indubbiamente, incidono non poco su chi sceglie di aderire ad Emas. Con queste motivazioni si spiega l’esiguo numero di registrazioni Emas in Italia nell’arco di un decennio (21 in Abruzzo, il dato fa riferimento alla fine di settembre). In questo senso dunque occorre lavorare ed è importante, oltre che necessario, il contributo di tutti gli interlocutori. Anche le pubbliche amministrazioni e la Regione sono chiamate a svolgere un ruolo attivo. La Regione deve in quest’ottica fornire i necessari input legislativi (semplificazioni, vantaggi fiscali, riconoscimenti, ecc) affinché le imprese possano vedere Emas come una scelta vantaggiosa, utile, non più limitante e di intralcio come appare oggi. L’assunzione di responsabilità da parte delle imprese in materia di tutela ambientale è ben chiara e costituisce da tempo uno dei principali temi promossi da Confindustria Chieti. Torniamo a ribadire che dal

2002 il Gruppo Giovani imprenditori di Chieti ha posto come principio guida del proprio manifesto il perseguimento di uno sviluppo raggiungibile attraverso un equilibrio tra le esigenze dell’economia della società e dell’ambiente. Sulla base di questo convincimento nel 2003 i Giovani imprenditori di Chieti hanno sollecitato, in collaborazione con la facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Pescara e la Provincia di Chieti, una proposta di legge regionale per favorire l’integrazione delle certificazioni ambientali delle aziende attraverso l’adozione di semplificazioni amministrative, agevolazioni economiche e agevolazioni in materia di gare d’appalto a favore delle imprese certificate. Nel febbraio 2003, il Consiglio provinciale di Chieti ha condiviso la sollecitazione approvando una proposta di legge regionale di iniziativa provinciale. Tale proposta ad oggi non risulta tuttavia ancora approvata dal Consiglio regionale né sono note le sue intenzioni circa il destino della proposta. A questo proposito dispiace constatare che la nostra Regione stenta ancora ad incentivare il desiderio espresso dal mondo produttivo di una crescita in armonia con la filosofia dello sviluppo sostenibile. In questo quadro confortano alcuni - ma non sufficienti - segnali positivi provenienti dalla Regione che ha sta destinando 1 milione e 400 mila euro ai comuni abruzzesi nell’ambito del Piano triennale ambientale per sostenerli nel conseguire la registrazione Emas. Tuttavia ciò non basta. Perché non sono state previste incentivazioni anche per le imprese? Come spunto potremmo citare la legge della Regione Toscana n° 55/2004 che ha previsto per i periodi d’imposta 2005, 2006 e 2007 agevolazioni per le aziende toscane ecocertificate. Si tratta di una legge regionale che in sostanza ha introdotto agevolazioni per le imprese registrate Emas del tutto analoghe a quelle proposte da Confindustria nel 2003. C’è ancora molto lavoro da svolgere. Un proverbio cinese afferma: “Se non cambiamo direzione è probabile che finiremo per arrivare esattamente dove siamo diretti”. Se applichiamo il proverbio al regolamento Emas, nella nostra Regione, ci aspetta un futuro poco lusinghiero.


risorse umane

In aumento le aziende che hanno affrontato con successo la gestione del problema

IMPRESE, INVESTIRE IN SICUREZZA CONVIENE Meno spese legali, assicurative e sanitarie tra i benefici economici più rilevanti

di Martina di Sciascio

Liberi di rischiare. Rischio e sicurezza. A prima vista, queste due cose non possono convivere: o ti assumi i rischi, oppure scegli la sicurezza. Come imprenditore devi assumerti dei rischi; è necessario per far crescere la tua azienda. Ma per poterti concentrare sui tuoi affari, devi poter controllare il rischio. Con Atradius puoi, facendo coesistere rischio e sicurezza, perfettamente. Con oltre 75 anni di esperienza nella gestione del credito a livello mondiale, Atradius è una delle maggiori compagnie di assicurazione del credito al mondo. Atradius sostiene le imprese come la tua con un’ampia gamma di servizi: dall’assicurazione del credito alle fideiussioni, sino al recupero dei crediti, aiutandoti a bilanciare rischio e sicurezza. Da oggi, puoi sentirti libero di rischiare e di contattarci all’800.343400.

I

l tema della sicurezza sui luoghi di lavoro è da sempre al centro di un acceso dibattito tra parti sociali e rappresentanti del mondo imprenditoriale. La presunta contrapposizione tra l’attenzione per la salute dei lavoratori e le esigenze di produttività delle aziende, tuttavia, non è altro che il retaggio di una visione distorta di un problema che le statistiche peraltro confermano esistere. Nelle imprese, sollevare questo argomento suscita sempre una certa preoccupazione, dato che esso evoca innumerevoli obblighi normativi e organizzativi il cui adem-

www.atradius.it

www.atradius.it

Viale Pindaro - Complesso Accademia - 65127 Pescara info: 085 67219 - 085 690751

foto archivio

pimento sembra rallentarne l’attività. Questa, però, è soltanto una delle due facce della medaglia: la Sicurezza sul lavoro (Ssl), infatti, costituisce un vero e proprio investimento e, in quanto tale, i costi ad essa associati vanno raffrontati ai ricavi, immediati e prospettici, che possono conseguirne. Il management deve comprendere appieno i vantaggi di un efficace sistema di gestione della Ssl, poiché solo così potrà farsi promotore di una vera


SPECIALISTI NEI SERVIZI PER LO SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO.

Martina Di Sciascio responsabile Worknet spa - filiale di Lanciano

e propria cultura della sicurezza, ancor più importante oggi che i mutati legami contrattuali tra datore di lavoro e lavoratori comportano un aumento dell’impegno mirato ad ottenere adeguati standard di sicurezza. Ciò richiede, evidentemente, un’analisi costibenefici. Sul fronte delle passività della Ssl vanno annoverati costi fissi quali le spese per l’implementazione e la manutenzione del sistema di sicurezza e prevenzione, quelle per l’acquisto e la messa in opera dei dispositivi di sicurezza individuali e collettivi, gli oneri assicurativi, le probabili ripercussioni sull’organizzazione dell’attività lavorativa. A questi vanno poi aggiunti i costi variabili rappresentati dalle ore perse per infortunio o malattia, le spese sanitarie e quelle sostenute nell’ambito di eventuali contenziosi, nonché le ricadute negative in termini di immagine nei confronti dei diversi stakeholders. Per quanto concerne i ricavi di una illuminata gestione della Ssl, invece, questi consistono fondamentalmente in risparmi sulle voci di costo citate: la diminuzione dei premi assicurativi che deriva dal contenimento di eventi fortuiti, la minore incidenza del fenomeno dell’assenteismo, la riduzione delle spese sanitarie e di quelle legali, la comunicazione di un’immagine positiva in un periodo in cui si fa un gran parlare di responsabilità sociale di impre-

sa. Un ritorno economico forse ancor più rimarcabile, sebbene più arduo da quantificare, è però quello legato alla maggior produttività di lavoratori che, in un contesto più salubre e rassicurante, saranno senza dubbio maggiormente motivati. Non tutti gli incidenti sono evitabili, ma i dati evidenziano come la gran parte di essi sia imputabile al mancato rispetto di basilari procedure di sicurezza, a testimonianza del ruolo cruciale della responsabilizzazione alla sicurezza. Non è sufficiente, dunque, comunicare al lavoratore quali siano i comportamenti corretti, ma è necessario indurlo ad adottarli coscientemente, così come non basta soffermarsi sulle colpe, ma è imprescindibile analizzare le cause. Strumenti quali la cartellonistica e i tradizionali mezzi comunicativi sono solo parzialmente efficaci e devono dunque essere integrati da incontri finalizzati a illustrare e discutere i risultati raggiunti, da periodici briefings formativi e da dimostrazioni pratiche. È questo il compito a cui sono chiamati, in azienda, i responsabili della sicurezza, così che la sicurezza sul lavoro possa mutare da puro elemento di costo a reale fattore di successo e realizzare un proficuo equilibrio tra i fabbisogni economico-produttivi dell’impresa e le esigenze sociali di chi vi lavora.

WorkNet AGENZIA PER IL LAVORO

LE NOSTRE FILIALI: LANCIANO DEL VERDE Via del Verde 66034 LANCIANO (CH) Telefono: 0872.714666 Fax: 0872.49773 ATESSA Zona Piccola Industria, Settore B-C/da Saletti 66041 ATESSA (CH) Telefono: 0872.888129 Fax: 0872.888135 L’AQUILA XX SETTEMBRE Via XX Settembre 67100 L’AQUILA (AQ) Telefono: 0862.414322 Fax: 0862.422484 PESCARA Viale D’Annunzio 65100 PESCARA (PE) Telefono: 085.692300 Fax: 085.691675 TERAMO Viale Crucioli 64100 TERAMO (TE) Telefono: 0861.252854 Fax: 0861.255540


enologia

Festa e riconoscimenti a Nocciano per la storica cantina fondata nel 1897

BOSCO NESTORE, BRINDISI DA 110 E LODE Un Magnum e un Montepulciano d’Abruzzo gli ultimi prodotti lanciati sul mercato dall’azienda vinicola

di Massimo Avenali

I

sentori di una terra che diventano nettare di qualità e tradizione, generazione dopo generazione. Questo è da oltre un secolo, ovvero dal 1897, la Bosco Nestore che produce vino in Abruzzo, fedele alla tradizione e all’amore per questo prodotto che ha fatto della Cantina una importante azienda che sposa qualità e gusto. In onore del 110° anniversario della nascita, all’interno di una magnifica location che richiama sapori, terra e cultura per il vino, si sono attuati quindi i festeggiamenti per celebrare questo evento, importante non solo per l’azienda in sé, ma anche per l’evoluzione stessa del territorio abruzzese. È infatti dai vigneti coltivati sui Colli Innamorati di Pescara che la storia della Cantina ha avuto inizio con il fondatore Giovanni, con la cura e l’impor-

tanza che si addice a un vino che nel tempo ha raggiunto notorietà in tutto il mondo. Il Montepulciano d’Abruzzo, ricercato e sempre più apprezzato in un ambiente caratterizzato da concorrenza pressante, è a livello nazionale e ancor più a internazionale che si è dovuto confrontare con le realtà emergenti in diverse parti del mondo. Eppure la determinazione e la consapevolezza delle proprie possibilità, così come l’umiltà, hanno portato la Cantina a ottenere notevoli traguardi. Presente nelle maggiori guide, la Cantina Bosco Nestore non dimentica di coltivare né i propri vigneti né la cultura, necessaria affinché il prodotto possa essere presentato, ma anche capito. All’interno del piccolo Museo del Vino, ricavato nei sotterranei della odierna Cantina di Nocciano, oggi è possibile


Giovanni Bosco con i figli Nestore e Stefania e i suoi nipoti

ritornare indietro negli anni, fare un salto nella parte più vera di quelle che sono state le origini che determinano l’attuale successo. Gli antichi macchinari conservati al suo interno catturano il visitatore, lo portano in un tempo assoluto tra sentori di raffinatezza e genuinità. Qui l’osservatore anche poco avvezzo al mondo enologico non può che perdersi e stanziarsi, per qualche attimo, e gustare la tradizione attraverso gli odori e le mura dei sotterranei della stessa Cantina di Nocciano. In un esempio della serietà e dell’impegno che la famiglia Bosco mette da ormai 5 generazioni, ecco nascere anche un nuovo grande vino in due diverse versioni: il “110 Anniversario” Magnum e il “110” Montepulciano d’Abruzzo, in commercio da novembre. Le caratteristiche di quest’ultimo prodotto che può ora essere apprezzato da tutti vede le basi nella coltivazione di uve Montepulciano d’Abruzzo nelle colline di Nocciano, nei vigneti a filari de “La collina”. La cornice che determina la riuscita di un vino così importante si realizza nella bassa resa per ettaro (80 q/He), nell’ottima esposizione che godono i vigneti e nella composizione del terreno ghiaioso-calcareo. La nobilitazione del vino si raggiunge infine con la conservazione dello stesso in barrique di rovere francese per ben 30 mesi e con il successivo affinamento di oltre un anno in bottiglia. Ecco dunque che le caratteristiche ci parlano di un vino dal colore rosso rubino intenso dalle lievi sfumature aranciate, con presenza di ampi senfoto concesse da Cantina Bosco

tori di confettura di more e mirtilli, di profumi speziati di noce moscata e vaniglia. Al gusto si presenta invece caldo e avvolgente, morbido al palato, ma ancora con una leggera vena astringente che proprio con l’affinamento in bottiglia si va ad attutire. Ottimo, a parte che con carni rosse e selvaggina, anche come vino da meditazione. A completare questi risultati e questa passione, anche l’attestato consegnato dall’assessore regionale all’agricoltura, Marco Verticelli, alla famiglia Bosco, nell’ambito dei festeggiamenti del 110° anniversario, per il costante contributo dato alla vitivinicoltura abruzzese in oltre un secolo.


il paese d’Abruzzo

L’insediamento longobardo decisivo nella crescita del borgo alla fine del VI secolo d.C.

FARA SAN MARTINO, IL TESORO NASCE DAL FIUME VERDE La purezza delle acque è il segreto delle attività industriali sorte a metà dell’Ottocento Fara San Martino è un piccolo borgo della provincia di Chieti, le sue origini sono strettamente legate alla Majella la cui morfologia, con la ricchezza di sorgenti e grotte, ha reso vivibile il territorio sin dalle origini dell’uomo. Nel periodo italico, tutta la vallata, tra l’Aventino e il Medio-Sangro, era insediamento dei Carricini, ovvero la più piccola delle tribù sannitiche. Con l’avvento dell’epoca romana e una profonda trasformazione politica e sociale questi territori divennero di competenza del municipio di Cluviae, l’attuale località Laroma di Casoli. Ricerche archeologiche conducono oggi a interessanti scoperte: la civiltà italica e la società romana privilegiarono infatti, per un loro insediamento, la valle del fiume Verde, così come accadde con il popolo longobardo sin dalla fine del VI secolo dopo Cristo. Nell’Alto Medio Evo, invece, nuclei di popolazioni capeggiati da guerrieri si mossero dal Nord Europa verso l’Italia, Abruzzo compreso. Si arriva dunque all’origine del nome di questa località: il viaggio longobardo verso la Majella è un vero marciare, in germanico

Una veduta suggestiva di Fara San Martino

“fahren”. Con il tempo l’individuazione strategica di siti adatti per soste temporanee lascia il posto alla volontà di insediamenti stabili. Il termine “fahren”, ovvero viaggiare, si evolve in “fara”, ovvero gruppo sociale legato da vincoli di parentela, insediato stabilmente in un luogo. A proposito di rarità naturalistiche e capolavori umani, l’importanza della montagna della Majella è altissima. Padre dei Monti per Plinio il Vecchio, montagna madre per gli abruzzesi, alto, imponente, selvaggio, gruppo montuoso, fa parte di diritto del patrimonio mondiale dei Parchi Nazionali. Geograficamente è costituito da quattro grandi individualità orografiche: la Majella, ampio e compatto massiccio calcareo che vanta la sua vetta maggiore nel Monte Amaro (2793 metri), il Morrone, il Porrara e i Monti Pizzi, con le valli e i piani carsici che fra esse si interpongono. Il Parco Nazionale, per posizione geografica, per asprezza, vastità e imponenza, per il rigore e la mutevolezza climatica, racchiude al suo interno la parte più pregevole e rara del patrimonio nazionale di bio-


diversità. Leit motiv della vita quotidiana di Fara, fin dalle sue origini, è tutt’oggi il fiume Verde con le sue acque pure e incontaminate al di sotto degli strati di roccia calcarea che emergono solo a valle presso l’area turistica delle sorgenti. Questo costituisce la più importante risorsa idrica e forza energetica anche per molti altri paesi che costellano la vallata del Sangro-Aventino. Legato allo sviluppo delle economie locali, il paesaggio sonoro e multisensoriale del fiume Verde è anche accessibile turisticamente attraverso vari itinerari di semplice interesse o di didattica ambientale. A questo si affianca quello agricolo, il versante collinare ha l’aspetto tipico della campagna pedemontana. Il suo reticolato rurale si forma su un terreno misto di argilla e ghiaia, con estesi uliveti e boschetti di alberi di noci e mandorle. Salendo inizia, invece, il bosco di querce e càrpini, specie arboree proprie del clima temperato ma tendenzialmente mediterraneo. Nel paesaggio industriale troviamo che, spinta da un forte senso per l’imprenditorialità, la società farese, storicamente legata alle proprie risorse naturali, ha sviluppato una serie di attività produttive e di lavorazione delle materie prime: lungo il corso del fiume e in sinergia con esso l’industria tessile, le centrali idroelettriche e i moderni pastifici. Sulla scia dell’esperienza dello sfruttamento delle acque per il lavoro di cardatura da parte dei lanifici artigianali, nascono a Fara, verso la metà dell’800, i primi opifici. Inizia così la sperimentazione della produzione di pasta alimentare che da forma artigianale, nell’arco di poco più di 100 anni, si è trasformata, con De Cecco e Delverde, in una attività industriale prestigiosa in tutto il mondo. L’industria alimentare a Fara si caratterizza oggi per avanguardia tecnologica, alta produttività e qualità: Fara è considerata da molti la “capitale della pasta” con le isole industriali dei pastifici che la fanno primo polo occupazionale del comprensorio. Da citare invece, entrando nel paese, le due porte. La prima è Porta da Piedi (di cui oggi non resta traccia), ossia l’accesso più antico all’originario borgo fortificato, risalente al XIII secolo. Foto concese dal comune di Fara san Martino

L’analisi della sua posizione permette però di individuare lo spostamento dell’insediamento umano di Fara da una zona più a valle a un progressivo incastellamento verso una zona più alta. Attraverso l’originario Ponte del Re in cui confluivano le strade dell’insediamento a valle, ovvero “Via del Fosso” e “Via della Fonte” si giungeva in un belvedere, dove, in passato, sorgeva la piccola chiesa cinquecentesca del “Nome di Gesù” con l’annesso hospitale realizzato nella casa “palizzata” di Bernardino Lanuto. In essa era presente nel 1614 il quadro de La Circoncisione di Tanzio da Varallo, ora custodito nella parrocchiale San Remigio: in essa, infatti, si svolgeva la “Festa della Circoncisione”. L’altra porta è invece Porta da Capo, tutt’oggi visibile, con il suo arco a tutto sesto, impreziosito da una lunetta affrescata (1810) con l’immagine della Trilogia sacra: Madonna Addolorata, Sant’Antonio, Sant’Emidio. Sul semipennacchio destro è scolpito poi lo stemma di Fara, ovvero l’intreccio della mitra con il pastorale. Curiosità: gli affascinanti meandri del Borgo fortificato di Fara paiono rappresentare la materializzazione della pittura di Escher, come nel vorticoso susseguirsi di scalinate che, sfidando ogni legge fisica, sembrano quasi attratte verso l’alto da una forza irresistibile. Particolarità, questa, colta appunto dal pittore durante un suo soggiorno in Abruzzo e a Fara, divenuto soggetto di una sua opera omonima attualmente dispersa in giro per il mondo, ma ampiamente riprodotta. Per ulteriori approfondimenti: www.farasanmartino.net Tratto dal portale del Comune di Fara san Martino: www.farasanmartino.net


il paese d’Abruzzo

IL SINDACO TAVANI: «NON SOLO PASTA MA ANCHE TURISMO E TERZIARIO» di Massimo Avenali

Quanto influiscono e quali benefici apportano la presenza di aziende come la De Cecco e la Delverde? «È indubbio che tutta la economia di Fara San Martino da quasi un secolo e mezzo si è fondata sull’operosità e sull’ingegno degli imprenditori locali, a partire da lanifici e tessiture che lungo il Fiume Verde e a ridosso della montagna hanno iniziato la fortuna del paese, proseguita poi con la consacrazione mondiale di un’azienda come la De Cecco che del paese sicuramente è parte integrante ed essenziale nel suo tessuto socio-economico. La nascita poi di Delverde negli ultimi anni ‘60 - sempre ad opera di un illuminato imprenditore di Fara San Martino - non ha fatto altro che proseguire la tradizione - anche se con alterne vicende - e consacrare il binomio Fara San Martino/Pasta come indissolubile. Sono aziende grandi, importanti e leader di mercato, che hanno dato un’occupazione consolidata ad almeno cinque generazioni di faresi e di lavoratori che giungono da tutto il comprensorio. L’ho detto in occasione della crisi societaria di Delverde brillantemente superata: Fara San Martino sarebbe

Antonio Tavani

un altro paese, completamente diverso senza i suoi pastifici, ed il merito oltre che agli imprenditori va riconosciuto a tante generazioni di pastai e operai faresi che ai pastifici hanno dato il massimo del impegno e della professionalità». Su cosa si basa l’economia di un piccolo paese come Fara San Martino, a parte i noti nomi della pasta? «È chiaro che considerato il quadro appena descritto, rimane ben poco, ma c’è una discreta attività di commerciale e terziario, alcune attività turistico-alberghiere con presenze significative a livello regionale, un indotto dai pastifici in termini di servizi di logistica che si è sviluppato in decine di cooperative ed imprese altrettanto affermate. Non va infine dimenticato che Fara San Martino ha il piacere di ospitare altri due opifici alimentari che con prodotti innovativi e/o di nicchia si sono affermati negli anni come leader dei loro mercati di riferimento (Pastificio Artigianale Cocco e Gnocchificio Bioalimenta)».


motori

L’ultima nata della Casa statunitense punta tutto sulla qualità delle prestazioni e delle rifiniture

FORD, LA MONDEO DIVENTA STATION PER COCCOLARE GLI AUTOMOBILISTI

N

asce per soddisfare le esigenze e, perché no, anche i vizi dei suoi clienti più affezionati, e per far questo si affida a presenza stradale, funzionalità e soprattutto al nuovo stile che risponde al nome di “Kinetic Design”. E’ giusto sottolineare come la nuova Ford Mondeo Station sia figlia di una concezione innovativa di business, che se non altro si pone in controtendenza rispetto al trend attuale: una gestione improntata sulla “qualità

al prezzo della qualità”, una strategia finalizzata all’efficienza e al successo, nonostante una concorrenza sempre più agguerrita sotto il profilo del costo dei materiali. Elegante e sportiva, la Mondeo Station vuole quasi “coccolare” il conducente, mettendolo a proprio agio nell’abitacolo e regalandogli un piacere di guida mai visto prima. Comfort, flessibilità e dotazioni di lusso non vanno a intaccare lo spazio del bagagliaio, in piena armonia con il


nuovo design. Eccolo il tanto atteso linguaggio “Kinetic”, che fa riferimento ad alcune caratteristiche riconoscibili: linee tese e dinamiche che disegnano la silhouette della carrozzeria; superfici avvolgenti e fiancate pronunciate; passaruota marcati, alta linea di cintura e infine un’elegante soluzione stilistica del finestrino sul montante posteriore. Partendo dall’analisi dell’elegante frontale, è evidente il richiamo allo stile Mondeo, dettato da angoli smussati e incavi profondi tra la sommità del cofano e gli spoiler anteriori. Una linea di taglio decisa scorre poi dal bordo marcato del parafango anteriore lungo i fianchi della vettura. Al di sotto di questi la superficie si estende in basso, sotto i pannelli inferiori, per assicurare al veicolo una presenza stradale dina-

mica. Ma il Kinetic Design agisce anche all’interno della Mondeo con materiali e finiture di alta qualità. L’abitacolo, concepito come il top nella categoria, ha l’obiettivo di massimizzare il benessere di guida e la sicurezza di chi è al volante. E i risultati sono davvero soddisfacenti. In più, la concezione visiva degli interni, con riferimento agli strumenti digitali, incide concretamente sul piacere di guidare questa vettura: merito di un grande schermo centrale Lcd, con grafiche completamente a colori, posizionato tra i principali strumenti analogici di fronte al guidatore. Così è sin troppo facile viaggiare, visto anche il rapporto della macchina con l’asfalto: il ritmo di guida è “a lunga gittata”, ideale soprattutto per tragitti non certo ordinari. Ma la macchina risulta molto duttile anche in città, con i suoi 4,80 metri circa di lunghezza. E se è forte la voglia di staccare la spina dalla routine cittadina, la Mondeo Station sembra fare proprio a tal caso: viaggiare comodi e coccolati non è da tutti, è solo per i cultori Ford. Provala subito nelle concessionarie Autostar di Pescara eChieti


Edimac _ Edimac e Jcb, binomio vincente dall’edilizia all’agricoltura Autoabruzzo _ Mini Cooper Clubman, sprint e stile automobilistico in tre varianti Sborgia Ascensori _ Sborgia ascensori, l’arte di salire e scendere in pochi secondi

la visibilità giusta al momento opportuno può trasformare la tua novità in una performance da protagonista. Contattaci per inserire gratuitamente la tua novità in Abruzzo magazine. tel: 085.9508161 _ fax: 085.9508157 _ e-mail: redazione@abruzzoimpresa.it


i Partner di

WIRE TEK di Mucci Lorena & C. s.a.s.

TEKNIMPIANTI S.r.l.

BRUNO MAZZOCCHETTI Photographer

OVREMA ESTINTORI s.a.s.

D.P.G. S.r.l.

[anno di fondazione 2000] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Giuglio Cesare, 3 tel. 085.4465268 - fax 085.4407431 www.dipanfilogianfilippo.com e-mail: di_panfi@virgilio.it

MANZONI S.r.l.

eData S.r.l.

[anno di fondazione 2000] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Roma, 10 tel. e fax 085.4460257 www.e-data.it - e-mail: info@e-data.it

DANIVA S.r.l.

SICUR SERVICE Maravalle S.r.l.

CONSORTE LEASING

D’AMBROSIO s.a.s.

WORKNET S.p.A.

[anno di fondazione 2003] 66011 Bucchianico (Ch) Via Piane, 9 tel. 338.5653825 - fax 0871.382895 www.wiretek.eu - e-mail: info@wiretek.eu

[anno di fondazione 1975] 65126 Pescara - Via D’Avalos, 151 tel. e fax 085.63286 www.brunomazzocchetti.it e-mail: info@brunomazzocchetti.it

[anno di fondazione 1987] 65122 Pescara - Via Firenze, 52 tel. e fax 085.293133 - 085.295172 r.a. www.sicurservicemaravalle.it e-mail: info@sicurservicemaravalle.it

[anno di fondazione 1991] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Strada Lungofino - c.c. Ibisco comp. B/8 tel. 085.9506217 - fax 085.9500073 www.dambrosiosas.com e-mail: info@dambrosiosas.com

[anno di fondazione 1998] 66030 Arielli (Ch) S.S. Marrucina tel. 0871.938858 - fax 0871.930664 www.teknimpianti.it e-mail: info@teknimpianti.it

[anno di fondazione 1969] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Cavour, 67 tel. 085.4463688 - fax 085.4466745 e-mail: ovremaestintori@virgilio.it

[anno di fondazione 1992] 67031 Castel di Sangro (Aq) Via Ponte Nuovo, 52 tel. e fax 0864.840302 e-mail: centrostudi.manzoni@tin.it

[anno di fondazione 1999] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Strada Lungofino - c.c. Ibisco comp. C 19 tel. e fax 085.959192 www.daniva.eu - e-mail: info@daniva.eu

[anno di fondazione 1984] 65016 Montesilvano (Pe) Via Verrotti, 206 tel. 085.4451870 - fax 085.4483351 www.consorteleasing.com e-mail: info@consorteleasing.com

[anno di fondazione 1998] 66034 Lanciano (Ch) Via Del Verde, 93 tel. 0872.714666 - fax 0872.49773 www.worknetspa.it - e-mail: lanciano@worknetspa.it

MONDO CAR

MONDO CAR S.r.l. [anno di fondazione 2006] 66013 Chieti Scalo Via Tiburtina tel. 0871.574752 - fax 0871.574027 e-mail: info@mondocarsrl.it

PUNTO NAVE Marine Service S.r.l. [anno di fondazione 1987] 66026 Ortona - Zona Artigianale tel. e fax 085.9066616 www.sicurservicemaravalle.it e-mail: info@sicurservicemaravalle.it


Edimac e Jcb, binomio vincente dall’edilizia all’agricoltura JCB è un marchio presente in più di 150 Paesi nel mondo e una società che vanta una gamma completa di apparecchiature e macchine che vanno dall’edilizia industriale all’agricoltura, alla manutenzione dei terreni. Macchinari, quindi, che comprendono escavatori, pale gommate, movimentatori telescopici, dumper articolati, carrelli elevatori, fastrac, minipale, microescavatori, terne e molto altro. Punti di forza del successo sono però, oltre alla garanzia di prodotti qualitativamente elevati, anche un’etica, uno spirito e una identità che vanno oltre e portano i risultati che ormai sono evidenti. Solo le imprese di successo scelgono oggi di distribuire il marchio JCB, dal momento che questo è sinonimo di azienda mondiale che da oltre 60 anni ha una fitta rete di concessionari e officine che soddisfano sempre le richieste del cliente, il tutto in modo tempestivo e affidabile. Nell’iniziativa partita dal 2005 di offrire sempre più i suoi ricambi originali, venendo incontro quindi a un abbassamento dei prezzi e di conseguenza a un vantaggio per gli utenti finali, la JCB offre presso i concessionari di zona propri articoli che comprendono filtri (progettati per ot-

timizzare le prestazioni della macchina), perni e boccole (in lega d’acciaio temprata, lavorati a caldo per avere la massima resistenza, dato che durante l’impiego della macchina sono queste parti a sostenere lo sforzo maggiore), olii (formulati secondo lo standard JCB per garantire la migliore protezione), batterie (con la gamma JCB Powermaster alte performance, elevate prestazioni alla partenza, elevata tolleranza di carico, lunga durata e affidabilità), vetri (grande robustezza e pronto per il montaggio sulla macchina senza l’aggiunta di costi e manodopera), grasso (ampia gamma di cartucce grasso originale specificatamente formulata per le macchine JCB, tra cui JCB MPL_EP, che ha una formula al litio ideale per le diverse applicazioni di ingrassaggio, e JCB HP che offre prestazioni elevate, affidabilità termica ed è ideale per applicazioni che richiedono notevole protezione per cuscinetti, boccole e sistemi ad alta movimentazione). JCB è distribuito da EDIMAC Srl, Macchine Edili Stradali Via Po, 17 – 66020 Sambuceto – San Giovanni Teatino (Ch) Tel. 085.4462641 – Fax 085.4460535 www.edimac.it - info@edimac.it


i Partner di

AUTOMAZIONI INDUSTRIALI APPLICAZIONI CONTROLLI NUMERICI FORMAZIONE VENDITA ED ASSISTENZA

SAPI S.r.l.

[anno di fondazione 1989] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Aterno, 83 Tel. 085.4461045 r.a. - Fax 085.4461046 www.sapisrl.com - e-mail: info@sapisrl.com

SEM INDUSTRIALE S.r.l.

SASTE S.r.l.

[anno di fondazione 2001] 67051 Avezzano (Aq) Via Mazzini, 52 tel. 0863.21314 - fax 0863.21312 www.sastesrl.it - e-mail: info@sastesrl.it

MEDIANET S.r.l.

SAVINI S.r.l.

[anno di fondazione 1973] 64035 Castilenti (Te) Zona Industriale Cancelli, 10 tel. 0861.999225 - fax 0861.999244 www.savini.it - e-mail: info@savini.it

SETRA S.r.l.

Dr. SCIARRA ROSSANO

SFERA S.r.l.

[anno di fondazione 1987] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Aterno, 18 tel. 085.4465888 - fax 085.4465892 www.sem-industriale.it - e-mail: info@sem-industriale.it

[anno di fondazione 1995] 66020 S.Giovanni Teatino (Ch) Via V. Emanuele, 32/40 tel. 085.4464015 - fax 085.4463031 www.gruppo-medianet.it e-mail: medianet@gruppo-medianet.it

[anno di fondazione 1988] 66026 Ortona (Ch) C.da S. Elena - Zona Industriale tel. 085.9032026 - fax 085.9032027 e-mail: dilullo.setra@tiscali.it

Perizie Assicurative e Consulenze Tecniche

[anno di fondazione 1994]

65124 Pescara Via Sella di Corno, 46 tel. e fax 085.4171231 e-mail: rossano.sciarra@virgilio.it

[anno di fondazione 2003] 65016 Montesilvano (Pe) Corso Umberto I, 372 Tel. 085.4458839 r.a. - Fax 085.4483084 www.sferapescara.it - e-mail: posta@sferapescara.it

SEA FACTOR S.r.l.

SO.C.C.A.M. S.r.l.

SEA IMPIANTI - DI GIACINTO S.n.c.

SO.DI.FARM. S.r.l.

SITVAL PESCARA S.r.l.

SORGENTE SANTA CROCE S.p.A.

[anno di fondazione 1985] 65126 Pescara Viale Vespucci, 188 tel. 085.4554355 - fax 085.4516230 e-mail: seafactorsrl@virgilio.it

[anno di fondazione 1999] 64025 Pineto (Te) Via V. Alfieri, 10 tel./fax 085.9495281 e-mail: pirfeliceluciano@virgilio.it

[anno di fondazione 1986] 66100 Chieti Via E. Piaggio, 21 tel. 0871.560249 - fax 0871.575597 www.sitvalsrl.it - e-mail: dematteis@sitvalsrl.it

[anno di fondazione 1982] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) C.da Vertonica tel. 085.960721 - fax 085.96675 e-mail: c.trubia@tin.it

[anno di fondazione 1976] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Adige, 5 tel. 085.4461437 - fax 085.4461192 www.sodifarm.it - e-mail: info@sodifarm.it

[anno di fondazione 1969] 67050 Canistro Terme (Aq) - Loc. Cotardo tel. 0863.97941 - fax 0863.979481 www.acquasantacroce.it - e-mail: info@acquasantacroce.it


022851-FirmaConc85x60

10-07-2006

16:59

Pagina 1

Concessionaria BMW e MINI

Autoabruzzo Via Amendola, 300 - Tel. 085 432511 - SAMBUCETO (CH) Strada Provinciale, 23 - Tel. 0872 57194 - MOZZAGROGNA (CH)

Mini Cooper Clubman, sprint e stile automobilistico in tre varianti MINI CLUBMAN è il nuovo volto di MINI, le tre versioni presentate sono la COOPER, la COOPER S e la COOPER D, rispettivamente motorizzate con un quattro cilindri benzina da 1598 cm3 e 120 CV, un quattro cilindri turbo a benzina da 1598 cm3 e 175 CV e un quattro cilindri turbodiesel da 1560 cm3 e 109 CV. La nuova nata in casa MINI mantiene da subito le caratteristiche che da sempre vanta, ovvero un ottimo rapporto tra meccanica, guidabilità e sicurezza, decisa nella sua precisione e divertente al tempo stesso nel misto, con risposte di grande reattività alla guida del pilota che può certamente uscire compiaciuto e soddisfatto dalla scoperta di un nuovo gioiello a quattro ruote. Come sempre curata nei dettagli, mix di classe, forza e sportività, la MINI CLUBMAN vede anche importati eventi per avvicinare il pubblico alla prova e coinvolgerlo nelle iniziative che già stanno avendo luogo. MINI CLUBMAN apre infatti le porte a serate uniche e irripetibili, in momenti fatti su misura per gli ospiti e immersi in un connubio di design, arte e musica. Presso lo Show Room MINI in via G. Amendola 300 a Sambuceto (CH), già andati in scena l’anteprima del 3 novembre che ha visto la prima presentazione della vettura e le giornate del 10 e 11 novembre in cui in forma ufficiale e con l’apertura a tutto il pubblico la MINI ha fatto il suo ingresso nel

mondo dei motori. Per l’occasione, in risalto lo spirito creativo che ha voluto lo Show Room MINI trasformato in un laboratorio fatto di arte e di cioccolato. Una mostra denominata HOT ROAD, ha infatti visto la partecipazione di artisti contemporanei, trattasi di un evento riguardante una selezione di artisti emergenti italiani che offre loro la possibilità di presentare le proprie opere e dialogare con il pubblico, il tutto in prossimità del lancio sul mercato della MINI CLUBMAN. I nomi coinvolti in questa splendida occasione sono stati Giuseppe Restano, Damir Niksic, Fabrizio Tropeano, Tobias Bernstrup. Una cioccolateria allestita sempre all’interno dello Show Room ha nel contempo deliziato gli ospiti con creazioni di dolci di cioccolata in vari gusti e invenzioni esclusivamente realizzati al momento. Anche per questa idea, ispirazione è stata presa dal fatto che nella gamma dei nuovi colori della MINI CLUBMAN è presente anche “hot chocolate”, da qui quindi il dolce connubio e la felice riuscita. In attesa di ulteriori eventi il personale dello Show Room della Concessionaria MINI Autoabruzzo resta sempre a disposizione per dare ulteriori possibilità di domandare, sapere, provare. Per info: Concessionaria MINI Autoabruzzo Srl - Via G. Amendola, 300 – Sambuceto (Ch) - Tel. 085.4325140 www.autoabruzzo.bmw.it


i Partner di

CAFFE’ MOKAMBO - DI NISIO S.r.l.

ORMI COMPUTERS S.r.l.

MPIM di MARIO PAPARELLA

OTTICA L’IRIDE di Cipressi Antonella

[anno di fondazione 1972] 66013 Chieti Scalo (Ch) Via Papa Leone XIII, 34 tel. 0871.565699 - fax 0871.561699 www.mokambo.it - e-mail: info@mokambo.it

[anno di fondazione 1986] 66020 Sambuceto (Ch) Via Chiacchiaretta, 37 tel. 085.4461210 - fax 085.4460236 www.mpim.it - e-mail: mario@mpim.it

[anno di fondazione 1980] 66020 Sambuceto di San Giovanni Teatino (Ch) Via Aterno, 83/85 tel. 085.4461002 (4 linee r.a.) - fax 085.4461003 www.ormi.it - e-mail: sales@ormi.it

[anno di fondazione 1983] 66013 Chieti Scalo Via Colonnetta, 23 tel. e fax 0871.562628 e-mail: otticaliride@interfree.it

Massimo Paolini Agente Capo

NADIR di Di Nardo Di Maio Gabriele

Massimo Paolini - Sara assicurazioni

NEW AID SOC. COOP. ARL ONLUS

PAPER PLAST S.n.c. [anno di fondazione 1979]

[anno di fondazione 1988] 65013 Città Sant’Angelo Vico Ghiotti, 04 tel. e fax 085.969268 e-mail: newaid@libero.it

65016 Montesilvano Via Egitto, 14 tel. 085.4683939 - fax 085.4684041 www.paper-plast.it - e-mail: info@paper-plast.it

NUOVA BULLONERIA S.r.l.

[anno di fondazione 1992] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) C.da Vertonica - c.c. Ibisco (F/6) tel. 085.9506218 - fax 085.95387 e-mail: nuovabul@nuovabulloneriasrl.191.it

PARKOPY [anno di fondazione 1996]

FASHION PROJECT S.r.l.

PATTARA CONSULTING s.a.s.

OPIFER S.r.l.

PAVONI AUTO S.r.l.

[anno di fondazione 1979] 65010 Cappelle sul Tavo (Pe) Contrada Fiume Tavo, 71 tel. e fax 085.4470840 r.a. e-mail: gabdinar@tin.it

66020 S. Giovanni Teatino (Ch) Via V. Emanuele, 32/40 tel. 085.4464015 - fax 085.4463031 www.fashionprojectsrl.it e-mail: segreteria@fashionprojectsrl.it

[anno di fondazione 2003] 65020 Rocca Morice (Pe) Via Collarso, 48 www.opifer.it - e-mail: info@opifer.it

[anno di fondazione 1968] 66100 Chieti Piazza Garibaldi, 3 tel. 0871.323095 - fax 0871.347316 www.sara.it - e-mail: ag6220@saraagenzie.it

65127 Pescara Viale Pindaro, 39/41 tel. e fax 085.4549448 e-mail: parkopy@virgilio.it

[anno di fondazione 1996] 66023 Francavilla al Mare (Ch) sede operativa: Via Bachelet, 4 tel. e fax 085.817361 e-mail: alessiopattara@libero.it

65128 Pescara Via Raiale, 293 tel. 085.52400 - fax 085.53565 www.pavoniauto.it - e-mail: info@pavoni.toyota.it


Sborgia ascensori, l’arte di salire e scendere in pochi secondi Montacarichi, piattaforme elevatrici e scale mobili le altre produzioni di qualità Sborgia Ascensori si occupa di progettazione, realizzazione, manutenzione, ristrutturazione di ascensori, montacarichi, piattaforme elevatrici e scale mobili. L’azienda è un concetto di valore, innovazione, ricerca stimoli e offre una competenza riguardo a conoscenza e tecnologia, al fine di garantire al cliente il pieno soddisfacimento delle proprie richieste, dato che, in un mercato globale, è proprio la qualità del servizio e lo stare al passo con i tempi che costruiscono il successo. L’esperienza, quindi, fa sì che la realizzazione sia concepita in modo corretto per la totale sicurezza del consumatore. I prodotti offerti sono il risultato della collaborazione con industrie italiane al primo posto nella produzione di componenti per ascensori, montacarichi e piattaforme. Tale cooperazione permette di coniugare l’apporto di grandi industrie tecnologicamente e qualitativamente all’avanguardia, al servizio personalizzato ed efficiente che è in grado di garantire. Un occhio di riguardo anche per gli accessori, ad esempio pulsantiere, combinatori GSM e dispositivi di sicurezza, senza dimenticare anche l’aspetto unito al comfort che il prodotto deve avere

per sposare affidabilità a gusto e scelte ottimali. Tra i servizi ultimi messi a disposizione, in un’ottica di ottimizzazione della prestazione offerta in linea con la tranquillità che deve attorniare l’utente finale, dal primo agosto 2007 è stato attivato il nuovo numero verde 800985311 (24 ore su 24) per la segnalazione di eventuali guasti. Novità sempre degli ultimi mesi del 2007 è l’importante certificazione UNI EN ISO 9001: 2000 ottenuta dall’organismo TUV CERT, ma anche la realizzazione di “Unico”, l’ascensore elettrico senza locale macchine, con trazione ad argano gestito da inverter VVVF e con motore Gearless. Nei dettagli, la gamma prevede una portata che va da 370 a 900 Kg, una velocità da 0,63 a 1,6 m/s e una potenza nominale che parte da 2,5 Kw (anche monofase) e, riguardo l’estetica, l’ampia possibilità di scelta dei dettagli per personalizzarlo come più si gradisce e renderlo, appunto, unico in assoluto. info: Sborgia Ascensori Viale Aldo Moro, 4 – S. Giovanni Teatino (Ch) Tel. 085.4463038 – Fax 085.4466927 www.sborgia.it - info@sborgia.it


i Partner di

Agenzia Generale Euler Hermes Siac Di Pescara [anno di fondazione 1927] 65122 Pescara - C.so Umberto, 94 tel. 085.4214443 - fax 085.4227223 www.eulerhermes.com e-mail: ag_gen_pescara@eulerhermes.com

FERRI S.r.l.

EUROFLORA S.r.l.

[anno di fondazione 1982] 66013 Chieti Scalo (Ch) Via Penne, 37-39 tel. 0871.565569 - fax 085.565180 e-mail: euromaa@virgilio.it

FERRO BATTUTO DI PRINZIO S.r.l.

EVANGELISTA LIQUORI S.n.c.

FIDES TRADING S.r.l.

EXTRA GROUP

F.lli DE CECCO di FILIPPO FARA SAN MARTINO S.p.A [anno di fondazione 1887]

[anno di fondazione 1907] 66020 Sambuceto di San Giovanni Teatino (Ch) Via Mazzini, 133 tel. e fax 085.4462801 www.evangelistaliquori.com - e-mail: info@evangelistaliquori.com

[anno di fondazione 2000] 65010 Collecorvino (Pe) C.da Case Bruciate - Zona Industriale tel. 085.8208175 - fax 085.8208007 www.extragroup.it - e-mail: extra@extragroup.it

[anno di fondazione 1902] 65128 Pescara Via Raiale, 305 tel. 085.43061 - fax 085.4313392 www.gruppoferri.com - e-mail: info@gruppoferri.com

[anno di fondazione 1856] 66010 Fara Filiorum Petri (Ch) Via Sant’Eufemia tel. e fax 0871.70172 www.diprinzio.it - e-mail: rdipri@tin.it

[anno di fondazione 1966] 66030 Arielli (Ch) Via s.p. Marrucina, 3 tel. 0871.938671 / 085.432461 fax 0871.930329 / 085.4314959 www.fidestrading.it - e-mail: info@fidestrading.it

66015 Fara San Martino (Ch) tel. 0872.9861 - fax 0872.980426 www.dececco.it - e-mail: dececco@dececco.it

TRASPORTI ITAL-P.A.D. S.r.l.

F.LLI DI DONATO S.a.s.

FARNESE VINI S.r.l.

[anno di fondazione 1999] 66026 Ortona (Ch) Via dei Bastioni - Castello Caldora Tel. 085.9067388 - Fax 085.9067389 www.farnese-vini.com e-mail: farnese@farnese-vini.com

F.lli DI NINO S.n.c.

FAS TRASPORTI S.r.l.

FREE S.r.l.

65125 Pescara (PE) Via Naz. Adriatica Nord, 563 tel. 085.470701 - fax 085.4718054 www.italpad.it - e-mail: italpad@tin.it

[anno di fondazione 1973] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Po, 69 tel. 085.444471 - fax 085.44447210 www.fastrasporti.com - e-mail: info@fastrasporti.com

[anno di fondazione 1986] 65013 Marina di Città Sant’Angelo (Pe) Via Mulino del Gioco, 48 tel. 085.950509 - fax 085.959790 www.didonatosas.it - e-mail: info@didonatosas.it

[anno di fondazione 1960] 65010 Spoltore (Pe) C.da Fontevecchia, 69 tel. 085.413146/47 - fax 085.4155023 www.dinino.it - e-mail: dinino@dinino.it

[anno di fondazione 2003] 65015 Montesilvano - Via Verrotti, 142 tel. 085.4451749 e-mail: free_srl@libero.it


i Partner di

VISUAL ADV. di Marcello Starinieri

2M SERVICE S.r.l. [anno di fondazione 1998] 64025 Pineto (Te) Via C. Colombo, 4 tel. 085.9493662 - fax 085.9495363 www.2mservice.it - e-mail: info@2mservice.it

TEMPO REALE GROUP

ART LEGNO GARDEN di Gianni Colangelo

[anno di fondazione 2006] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via G. Potenza, 58 - Sambuceto tel. e fax 085.4406019 www.visualadv.it - e-mail: info@visualadv.it

66034 Lanciano (Ch) Corso Roma, 34 tel. 0872.724399 - fax 0872.702378 www.temporealegroup.com e-mail: info@temporealegroup.com

[anno di fondazione 1991] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Strada Lungofino, 53 tel. e fax 085.959747 www.artlegnogarden.it - e-mail: info@artlegnogarden.it

architettura del paesaggio realizzazione piscine concessionario esclusivo SCP Italy Busatta

VOMANO LEGNO di Marrone Aurelio

[anno di fondazione 1991] 64020 Castelnuovo Vomano (Te) Via Foscolo, 60 tel. e fax 0861.508080 www.vomanolegno.it - vomanolegno@vomanolegno.it

WALTER TOSTO SERBATOI S.p.A.

[anno di fondazione 1962] 66013 Chieti Scalo (Ch) Via Erasmo Piaggio, 72 tel. 0871.5801 - fax 0871.564101 www.waltertosto.it - e-mail: info@waltertosto.it

PAESAGGIO PROSSIMO S.r.l. [anno di fondazione 2005] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Strada Lungofino, 53 tel. e fax 085.959747 www.paesaggioprossimo.it e-mail: info@paesaggioprossimo.it

ITALBANDIERE Group

[anno di fondazione 1985] 64020 Villa Vomano (Te) S.s. 150 km 21, 90 tel. 0861.329566 - fax 0861.319516 www.paginegialle.it/ITALBANDIERE e-mail: a richiesta per contatto

WTC ABRUZZO S.r.l.

BUGARD S.r.l.

Az. Agr. ZANOTTI

[anno di fondazione 1996] 65100 Pescara Via Aterno, 61 tel. 085.4460224 - fax 085.4460214

CONFIDI MUTUALCREDITO S.c.

JUDI MOBILI

GEODIS ZÜST AMBROSETTI S.p.A.

[anno di fondazione 2006] 65127 Pescara Viale Pindaro c/o Condominio “P.zza Accademia” tel. e fax 085.6921092 www.wtcpescara.com - e-mail: info@wtcpescara.com

64023 Mosciano S. Antangelo (Te) Zona Industriale - C.da Ripoli tel. 085.8072236 - 085.8072247 - fax 085.8072237 www.judi.it - e-mail: info@judi.it

[anno di fondazione 2004] 65125 Pescara Strada Colle Scorrano tel. 085.4171329 - fax 1782708128 www.bugard.com - e-mail: info@bugard.com

[anno di fondazione 1977] 65122 Pescara Via Ravenna, 9 tel. 085.429661 - fax 085.42966218 www.mutualcredito.it - e-mail: info@mutualcredito.it

[anno di fondazione 1906] 66100 Chieti - Via Turchi, 20 tel. 0871.552696 - fax 0871.575569 www.zust.it - e-mail: adelsa.scuccimarra@zust.it


i Partner di

SO. SE. A [anno di fondazione 1997]

UFER S.r.l.

STYLE PARQUET di Roberto Ciabarra

LUCIANO TRAVAGLINI S.r.l. [anno di fondazione 1976]

Susa S.p.A.

[anno di fondazione 1949] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Strada Prov. Lungofino, 187 tel. 085.9500778 - fax 085.9508781 www.susa.it - e-mail: susape@susa.it

Università d’Annunzio - facoltà di economia

T&D S.r.l.

[anno di fondazione 2001] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Via Lungofino, 187 - c.c. Ibisco mod. B/12 tel. 085.959283 - fax 085.9507155 www.tditcompany.it - e-mail: info@tditcompany.it

VALMUSIC S.r.l.

SPINOZZI COSTRUZIONI S.r.l.

VDS

TORACCHIO S.a.s.

[anno di fondazione 1990] 66013 Chieti Scalo (Ch) Via Maestri del Lavoro, 16 tel. 0871 562580 - fax 0871 562572 www.toracchio.it - e-mail: info@toracchio.it

rag. ERNESTO VIANELLO S.p.A.

TUBI S.p.A.

DMP Electronics S.r.l. [anno di fondazione 1978] 64020 Canzano (Te) Via Maestri del Lavoro, 1 tel. 0861.2046 fax 0861.232000 www.dmpelectronics.com - e-mail: info@dmpelectronics.it

66010 Ripa Teatina (Ch) C.da Arenile, 62 tel. 0871.399041 - fax 0871.399298 e-mail: sosea@sosea.com

[anno di fondazione 2002] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) C.da Fonte di Moro, 29 tel. e fax 085960542

64100 Teramo Via della Resistenza, 42 tel. 0861.413383 fax 0861.222364

[anno di fondazione 1984] 66020 Sambuceto (Ch) Via Po, 82 - Zona Industriale tel. 085.440041 - fax 085.4461731 www.tubi-spa.it - e-mail: info@tubi-spa.it

[anno di fondazione 2004] 64023 Mosciano Sant’Angelo (Te) Zona Artigianale C.da Ripoli tel. 085.8072030 - fax 085.8071633 e-mail: ufer@ttweb.it

66041 Atessa (Ch) Zona Industriale B tel. 0872.88411 - fax 0872.895023 www.travaglinigroup.it e-mail: info@travaglinigroup.it

[anno di fondazione 1965] 65127 Pescara Viale Pindaro, 42 tel. 085.4537626 - fax 085.4537628 www.unich.it - e-mail: preconom@unich.it

[anno di fondazione 1998] 65012 Villanova di Cepagatti (Pe) Via Nazionale, 66 tel. 085.9774538 - fax 085.9772059 www.valmusicgroup.com - e-mail: info@valmusicgroup.com

[anno di fondazione 1987] 65010 Santa Teresa di Spoltore (Pe) Via Circolare, sn tel. 085.4971946 - fax 085.4973849 www.vdsproduction.it - e-mail: vds@vdsproduction.it

[anno di fondazione 1932] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Po, 71 tel. 085.4461133 - fax 085.4461173 www.vianello.com - e-mail: vianello@vianello.com


Perchè restare nell’ombra? Sii uno di noi, sii un vero leader. Noi ci siamo in Abruzzo impresa, e tu? • A.B. Film • Achille Passeri & Figlio srl • ACN service snc • Acqua & Sapone • Adezio snc • Adriatica Service srl • Ad.Venture srl • Agricolfidi Abruzzo scarl • Ambiente 2000 coop. soc. • Anteprima - Iannone srl • API Pescara • Arca Service di D’Olimpio Marco • Arco Ricerca ass. • Area Legno - D.D.L. srl • Arizza Mario • Arredo Luce srl • Art Legno Garden di Gianni Colangelo • Atradius • Autoabruzzo srl • Autoepi srl • Autostar spa • Autotrasporti Erasmo Corrado • Barbuscia spa • Bazzana di Maurizio Bazzana • BCC Abruzzese Cappelle sul Tavo • Bernocchi Infissi snc • Bienne sas • Biocoperture srl • Bizarrie • Brioni Roman Style spa • Bruno Mazzocchetti Photographer • Caldora Vini srl • Caprara Costruzioni srl • Colaprico srl • Confezioni Mario De Cecco spa • Banca Caripe spa • Casa Giulia - Casitalia srl • Ca Technologies and Communications • CDO Adriatico • CE. DI. srl • C & C snc

• C & G srl • Ceit srl • Centro studi Manzoni srl • CertiEuro srl • CG di Camerano Guido • CGFCold di Ceci B. & Ghezzi V. snc • Ciavattella Maglierie snc • Cisi • Cocco Fernando srl • Colorificio Arco spa • Coltivatori Diretti Tollo Scarl • Comind sas • Commer Gomma snc • Compagnia Trasporti Voluminosi srl • Confetti Pelino • Confidi Abruzzo • Confidi Mutualcredito sc • Confindustria Abruzzo • Confservizi srl • Condotte Immobiliare spa • Consorte Leasing • Coop Citigas spa • Coop Credito • Costruzioni Spinozzi srl • CVP group scpa • D’Ambrosio sas • Danelli srl • Daniva srl • Dap Matic srl • Data office • DE.AL. srl - Pacfood • De Natura • Delverde spa • DF Alluminio srl • Di Domenico Tino sas • Dieffe srl • DMP Electronics srl • D.P.G. Srl • Due Elle cucine snc • DVF Centro ufficio • Ecologica Anzuca srl


• Ecologicamente • eData srl • Edilmet snc • Edimac srl • Editrice Cel - distr. Galli & Di Matteo • Effemme srl • Epica srl • Euler Hermes Siac ag. gen. Pescara • Ellepi Serramenti • Eurofil srl • Euroflora srl • Euroline srl • Evangelista Liquori snc • Extra group • Farnese Vini srl • Fas Trasporti srl • Fashion Project srl • Ferri srl • Ferro Battuto Di Prinzio srl • Fides Trading srl • F.lli De Cecco di Filippo spa • F.lli Di Donato sas • F.lli Di Nino snc • Formica Services srl • Free srl • Gaeta Moda srl • GB Grafica srl • GDM srl • Gelsumini srl • GLM srl • Banca Generali spa • Geko snc • General Sider Italiana spa • Geodis Züst Ambrosetti spa • Giansante auto srl • Globo srl • Gruppo Galeno • Gruppo Innovare • Gruppo Marrollo • GTM srl • Hermes sas • Honeywell Turbo Technologies • ICSA srl • Incaconsult srl

• Inerti Valfino srl • In Fiera srl • Infomax srl • info Web Consulting • Inter Service Leasing • IPR Industrie Plastiche Riunite • Istel Impianti • Italbandiere Group • Italverde di Padovani Gianni • ITS Italelettronica srl • JFG Junior Fashion Group srl • Judi kitchens • L.A.C.S. sas • Languages for Communication • La Panoramica • Laser Lab srl • Leone Gabriele srl • Linea Blu srl • Logima srl • L.T.A. Abruzzo srl • Maco srl • Mar.Com Medicale • Mario Di Cesare srl • Azienda Agricola Masciarelli snc • Master Glass di Letta Ottorino • Maxi Foods srl • Mazda Pescara • Mazzocchetti Luciano trasporti • Mecenate Istituto Paritario • Mech Engineering srl • Mec System srl • Medianet srl • Micron Technology Italia srl • Mobilfino srl • Monti srl • Moscone - Neon Jolly snc • Caffè Mokambo - Di Nisio srl • Mondo Car srl • MPIM di Mario Paparella • M2 Marinucci srl • Nadir di Di Nardo Di Maio Gabriele • New Aid scarlonlus • NRG Italia spa • Nuova Bulloneria srl

Dai visibilità alla tua azienda, sarà un sicuro successo e un crescente

tel. 085.9508161 _ fax 085.9508157 _ commerciale@abruzzoimpresa.it _


• Obiettivo Lavoro spa • OCM srl • OLSV Italia srl • Opifer srl • Ormi Computers srl • Ottica L’Iride srl • Ovrema estintori sas • Paesaggio Prossimo srl • Pantalone srl • Paolini Massimo - ass. Sara • Paper Plast snc • Pattara Consulting sas • Pavoni Auto • Peldo sas • Pharmapiù srl • Piazza dell’Auto srl • Pierangelo Autotrasporti snc • Pizza d’Abruzzo Doc • Pro Legno srl • Premi Sport • Proger spa • Progettoggetto srl • Progetto Informatica snc • Publigrafika srl • Pubblivision arl • Punto Nave marine service srl • Putipù di Ceci Sabrina • R & D di Marozzi Isabella • Rete 8 srl • Rizziero srl • RTI di Gabriele Federico • Safra sas • Sapi srl • Saste srl • Satam Viaggi • Savini srl • Sborgia Ascensori • Sciarra Rossano snc • Sea Factor srl • Sea Impianti - Di Giacinto snc • Sem Industriale srl • Servimar srl • Servilog Pescara srl • Setra srl

ritorno di immagine.

_ www.abruzzoimpresa.it

• Sfera srl • SIA Servizi Integrati Assindustria srl • Sicur Service Maravalle srl • Sis srl • Sisti srl • Sitval Pescara srl • Sivam srl • So.C.C.A.M. srl • Sochil Verde srl • So.Di.Farm srl • Soluzioni Software srl • Sorgente Santa Croce spa • SO. SE. A. srl • Sotar srl • Studio Chimico Lambda • Style Parquet di Roberto Ciabarra • Susa spa • Tasso spa • Tempo Reale Group • T & D srl • Top Services srl • Toracchio sas • Trasporti Ital-P.A.D. srl • Trubiano Rappresentanze • Tubi spa • Ufer srl • Unione Industriali della Prov. Pescara • Università d’Annunzio Facoltà di Econimia • VDS Production srl • rag. Ernesto Vianello spa • Verlicchi Casoli srl • Visual adv. di Marcello Starinieri • Visual Movie di Sem Cipriani • Volcas Production srl • Walter Tosto Serbatoi spa • Wire Tek sas • WorkNet spa • Wtc Abruzzo srl • Zanotti Az. Agr. • Unicam srl • 2M service srl


i Partner di

DAP MATIC S.r.l. [anno di fondazione 2006]

LA PANORAMICA

SAFRA s.a.s.

[anno di fondazione 1979] 65016 Montesilvano (Pe) Via Verrotti, 46 bis tel. e fax 085.4452609 e-mail: safra2000@tele2.it

SATAM VIAGGI

ARCO RICERCA

[anno di fondazione 2006] 65020 Alanno (PE) Via Madonna del Carmine, 245 tel. 0871.561740 fax 0871.404035 www.arcoricerca.it e-mail: info@arcoricerca.it

OSLV Italia S.r.l.

SISTI S.r.l.

[anno di fondazione 1991] 65010 Spoltore (Pe) Via Europa - Villa Raspa tel. 085.4159259 - fax 085.4174445 www.volvo.it - e-mail: sisti@sisti.biz

C & C S.n.c.

AUTOEPI S.r.l.

65129 - Pescara Via della Torretta, 12 tel. 085.4312345 - fax 085.4313693 www.autoepi.citroen.it - e-mail: autoepi@citroen.it

EFFEMME S.r.l. [anno di fondazione 2002] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Via Colle delle More, 5 tel. e fax 085.9506417 e-mail: effemmesrl@tiscali.it

SI.RE.A. s.a.s. di Di Lizio Renzo & C.

Associazione Regionale Pizzerie e Pizzaioli

MARIO DE CECCO S.p.A.

Formica Services S.r.l.

65100 Pescara Via Tiburtina, 383/7 tel. 085.4312292 - cell. 338.5024150

[anno di fondazione 1821] 66013 Chieti Scalo (Ch) Via Avezzano, 48 tel. 0871.561039 - fax 0871.572672 www.gruppoitas.it e-mail: agenzia.chieti@gruppoitas.it

[anno di fondazione 1963] 66020 Sambuceto di San Giovanni Teatino (Ch) Via P. Nenni, 55 tel. 085.44451 - fax 085.4445227 www.dececco.net - e-mail: mail@dececco.net

[anno di fondazione 1948] 66100 Chieti Via Picena, 52 tel. 0871.344969 - fax 0871.346507 www.gruppolapanoramica.it e-mail: info@gruppolapanoramica.it

[anno di fondazione 1982] 65121 Pescara Via Chieti, 39/41 tel. 085.4210733 - fax 085.378140 www.gruppolapanoramica.it e-mail: satamviaggi@tin.it

[anno di fondazione 1980] 64026 Roseto degli Abruzzi (Te) C.da S. Lucia tel. 085.8090100 - fax 085.8090357 www.oslv.com - e-mail: info@oslv.com

[anno di fondazione 1996] 66054 Vasto (Ch) Via Trieste, 5 tel. 0873.365055 - fax 0873.375068 www.teknomec.it - e-mail: info@teknomec.it

[anno di fondazione 2000] 66034 Lanciano (Ch) Via F. Masciangelo, 26 tel. 0872.719317 - fax 0872.717631 e-mail: info@stelladabruzzo.it

66020 San Giovanni Teatino (Ch) tel. 085.4406152 - fax 085.4407910 www.formicaservices.it e-mail: info@formicaservices.it


Mensile di informazione alle imprese

Anno 2¡ n. 10 - novembre/dicembre 2007 Registrazione n. 04 del 07/04/2006 Tribunale di Pescara Sped. in a.p. Art. 2 comma 20/C legge 626/96PE

Direttore responsabile: Coordinatore generale: Collaboratore di redazione: Editore: Art director: Ufficio Grafico: Ufficio Fotografico: Controllo: Responsabile pubblicit‡: Impaginazione: Stampa:

Adriana Settuario Eleonora Lopes Massimo Avenali Fabio De Vincentiis Marcello Starinieri Vincenzo Sulpizio Andrea Straccini, Simone Cerio Danilo Martorelli Fabio De Vincentiis DVF srl D'Auria spa

hanno collaborato a questo numero:

Calogero Riccardo Marrollo, Giuseppe Mauro, Fabio De Vincentiis, Fausto Ronconi, Anna Morgante, Ernesto Paolo Alba, Alessandro Addari, Fabio Spinosa, Federica Chiavaroli, Giuseppe Ranalli, Mauro Barnabei, Riccardo D’Alessandro, Martina Di Sciascio. web:

www.abruzzoimpresa.it e-mail:

redazione@abruzzoimpresa.it commerciale@abruzzoimpresa.it grafica@abruzzoimpresa.it indirizzo:

DVF srl - Strada Lungofino - C.c. Ibisco Comp. B 5/6 - 65013 Citt‡ S. Angelo (Pe) tel. 085 9508161 - fax 085 9508157

I dati relativi ai lettori sono utilizzati esclusivamente ai fini della spedizione postale, l’editore garantisce riservatezza al trattamento dei dati ai sensi dell’art. 13 del D. leg. 196/2003 Il lettore può richiedere gratuitamente la rettifica dei dati scrivendo a DVF srl c.da Vertonica - 65013 Città S. Angelo (Pe)

Abruzzo impresa desidera facilitare e razionalizzare la pubblicazione di articoli che possono essere inviati da tutti i lettori. La redazione, pertanto, ritiene utile rendere manifeste quelle norme editoriali che saranno il criterio di base per la selezione degli articoli. [1] Il testo deve essere redatto in prosa semplice e chiara e deve essere accompagnato da una dichiarazione firmata dall’autore/autori nella quale si attesti che l’articolo è originale, che non è già stato inviato ad altra rivista e che non è stato pubblicato in precedenza. [2] I lavori devono pervenire alla redazione di DVF srl nella stesura definitiva (non saranno accettate modifiche successive) completi di nome, cognome, qualifica professionale, indirizzo, telefono, codice fiscale e firma dell’autore/i. [3] Gli argomenti da trattare sono quelli riportati dal sommario. [4] Le didascalie e le illustrazioni dovono avere un chiaro richiamo al testo. [5] La Direzione si riserva di apportare al testo e alle illustrazioni le modifiche di forma e/o di sostanza che riterrà opportune, sottoponendole alla preventiva autorizzazione dell’Autore. A tal proposito, per facilitare la correzione delle bozze, gli autori devono fornire il loro indirizzo completo. Gli articoli accettati sono pubblicati gratuitamente. La cronologia della pubblicazione degli articoli è di competenza della direzione. [6] La proprietà letteraria spetta all’editore e l’autore/i e richiedendo la pubblicazione dei propri articoli su Abruzzo impresa, implicitamente accettata la possibilità che la rivista pubblichi, sia integralmente sia parzialmente, lo stesso lavoro e/o una traduzione di esso su altre pubblicazioni italiane o straniere. [7] Gli Autori che compogono il testo con un computer sono pregati di inviare anche il relativo dischetto. É inoltre possibile inviare i testi per posta elettronica. I Testi dattiloscritti corredati da dischetto devono essere inviati alla redazione di DVF srl Strada Lungofino - C.c. Ibisco comp. B 5/6 - 65013 Città S. Angelo (Pe) Italia. Coloro i quali preferiscono inviare i testi attraverso la posta elettronica, possono utilizzare la casella: redazione@abruzzoimpresa.it ©Copyright DVF srl - Pescara Italia Tutti i diritti riservati. Manoscritti e foto inviati al giornale, anche se non pubblicati, non si restituiscono.

insieme per essere leader


i Partner di

GAETAMODA S.r.l.

[anno di fondazione 2005] 65126 Pescara Via Chiarini, 226 tel. 085.62292 - 085.4510501 -fax 085.67072 e-mail: guidogaeta@studiogaeta.it

GLOBO S.r.l.

SOCHIL VERDE S.r.l.

GRUPPO GALENO

64023 Mosciano Sant’Angelo (Te) Via Manzoni - Zona Artigianale Ripoli tel. 085.8071558 - fax 085.8071658 www.sochilverde.it - e-mail: info@sochilverde.it

[anno di fondazione 1976] 66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Po, 2 - Sambuceto tel. 085.444451 - fax 085.4460249 www.globoceramiche.com - e-mail: info@globoceramiche.com

[anno di fondazione 1977] C.da Tamarete 66026 Ortona (Ch) tel. 085.9039063 - fax 085.9032510 www.galenoweb.it - e-mail: info@galenoweb.it

ARTICOLI TECNICI UTENSILERIA PRODOTTI PER L’INDUSTRIA ANTINFORTUNISTICA

GDM S.r.l.

[anno di fondazione 2004] 64035 Castilenti (Te) C.da Pavignano, 19 tel. 0861.993543 - fax 0861.993554 www.gdmsrl.net - e-mail: info@gdmsrl.net

GRUPPO INNOVARE

66020 San Giovanni Teatino (Ch) Via Aterno, 9/b tel. 085.4465170 - fax 085.4465652 www.gruppoinnovare.it - e-mail: info@gruppoinnovare.it

Mobili per ufficio - Pareti attrezzate e divisorie per ufficio

GELSUMINI S.r.l.

[anno di fondazione 1890] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Strada Lungofino - c.c. Ibisco comp. C/8 tel. 085.950525 - fax 085.9506775 www.gelsumini.it - e-mail: info@gelsumini.it

GTM S.r.l.

BANCA GENERALI S.p.A.

[anno di fondazione 1997] 65122 Pescara Via Milano ang. Via Trento tel. 085.441341 www.bancagenerali.it e-mail: pescara@pf.bancagenerali.it

O.C.M. S.r.l.

HERMES s.a.s.

[anno di fondazione 1982] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Via Lungofino - c.c. Ibisco tel. 085.9506345 - fax 085.9506594 e-mail: hermesriocci@libero.it

ICSA S.r.l.

GIOTTO S.r.l. [anno di fondazione 1998]

ECCO ITALIA S.r.l.

64020 Scerne di Pineto (Te) Via dei Pastai - Zona Industriale Tel. 085.9462146 - Fax 085.9461445 www.gtmsrl.com - e-mail: info@gtmsrl.com

[anno di fondazione 2002] 66010 Torrevecchia Teatina (Ch) Via Fondo Valle Alento, 72 tel. 0871.362503 - fax 0871.362633 www.ocm-ribaltabili.com e-mail: info@ocm-ribaltabili.com

ISTITUTO CONSULENZE SERVIZI AZIENDALI

65129 Pescara Piazza Salvador Allende, 27 tel. 085.57191 - fax 085.57462 www.gi8.it - info@gi8.it

[anno di fondazione 1988] 66016 Guardiagrele (Ch) Loc. Giardino tel. 0871.84744 - fax 0871.801436 e-mail: a.colasante@studioicsa.it

[anno di fondazione 2007] 65013 Città Sant’Angelo (Pe) Strada Lungofino c.c. Ibisco comparti B 5/6 tel. 085.9508161 - fax 085.9508157 www.eccoitalia.it - e-mail: info@eccoitalia.it


Ancora più tranquilli. Con Barbuscia.

Tre anni di garanzia su tutta la gamma Mercedes. Un anno di tranquillità in più ve lo offriamo noi. E’ un’iniziativa di Barbuscia. Per maggiori informazioni sulle condizioni e sui termini di operatività della garanzia rivolgetevi ad una delle nostre sedi.

S.p.A.

Barbuscia

S.p.A.

Concessionaria Mercedes-Benz

PESCARA - Via Tiburtina, 141 - Tel. 085/43201 - Fax 085/4320205 LANCIANO - S.S. 524 Km. 5 Mozzagrogna - Tel. 0872/579090 - Fax 0872/578057

INFOLINE: 085/43201 - barbuscia@barbuscia.it

Sabato aperti tutta la giornata.


Novembre-Dicembre 2007