Issuu on Google+

In

al

nation ter

Magazi

ne

Food Industry

Aisle I/J – booth 039/040.

05 Maggio 2012 Spedizione in abb.to postale -45% Art. 2 comma 20/B Legge 662/96 DCI-TV- Anno 17 N°5 Maggio 2012

en lim

a cn

te w.

ww .it ria

ta


© over-print.it

Bassanina srl · via dell’Artigianato 1 · Mason Vicentino (VI) Italy ph +39 0424.41.13.25 - +39 0424.41.13.26 · fax +39 0424.41.84.55 · info@bassanina.com


Un’azienda, dinamica, flessibile e tecnologicamente avanzata Tekno Stamap attualmente sta sviluppando nuovi prodotti in collaborazione con aziende di primaria importanza mondiale. Ăˆ presente direttamente o indirettamente in quasi tutti i paesi del mondo. Tekno Stamap produce sfogliatrici manuali ed automatiche, mescolatrici planetarie, macchine per la produzione di croissant, linee per la lavorazione di pasta sfoglia, pasta laminata, linee adatte ad un utilizzo in laboratori quali panifici/pasticcerie e nella media industria.


Line for handling, dosing and filling cake, plum cake, muffin, maddalenas on tunnel oven: composed by chains conveyor, plastic material conveyor, spraying units for oil, paper cups denester, volumetric depositors, topping dispensers for sugar, chocolate chips, nuts..., volumetric injector. Depanners: needles, suction or overturned, cooling system - spiral or tower - and handling products to the packaging section.

Line for Pizza topping: composed by conveyor belt in polyurethane or plastic material and units such as dosing depositor able to dose tomato sauce and spots of cheese, garlic, vegetable, tuna cream...; topping dispenser with waterfall or target applicator for cheese, ham, vegetables, mushrooms, olives...; slicers for cutting and distributing pepperoni, salami, mozzarella...; spraying unit for oil and dispenser for oregano.

Alimec, almost 30 years of experience and high technology at the service of good quality


ABBIAMO RAGGIUNTO QUOTA 8000*

* Grazie alla collaborazione di tutti abbiamo venduto 8000 macchine nel mondo * Thanks to everyone’s collaboration we have sold 8000 machines around the world

Via Dell’Artigianato, 10 36034 MALO (Loc. Molina) VI - Italy Tel. +39.0445.637.584 Fax +39.0445.637.592 info@effeduesrl.com www.effeduesrl.com

W E H AV E HIT THE 8000* MARK

Everest 8474mt


METTI A

FUOCO

LE TUE ESIGENZE

Scoprirai che sono le nostre risposte Bassi costi di manuntenzione, efficienza degli impianti, facilità di gestione, flessibilità dei sistemi, ritorno dell’investimento. LITA, che quest’anno festeggia 50 anni di attività, è il partner che al tuo fianco garantisce e mette a disposizione tutta la propria esperienza per raggiungere i tuoi obiettivi.

LITA srl 10046 Poirino (To) - Italy tel.+39 011 94.31.004 fax +39 011 94.31.900 www.lita.to.it email info@lita.to.it


FLOUR POWER

©2012_www.imagination.it

technology for mixing

ESCHER MIXERS srl · 36015 Schio · VI · Italy · Via Lago di Vico, 37 · T +39 0445 576.692 · F +39 0445 577.280 · mail@eschermixers.com · www.eschermixers.com


MAGGIO / MAY 2012

SOMMARIO/CONTENTS

FOOD INDUSTRY

Machinery & Development

Science & Technology

12 22 38 46 48 50 54 68

La Ricerca Scientifica sui probiotici The Scientific Research on probiotics L’innovazione come missione Innovation as mission Il risparmio energetico riguarda tutta l’industria Energy saving is a concern for the whole industry Impegno potenziato Increased effort SmartReflect, l’innovazione del fotoelettrico SmartReflect, as reliable as a light barrier La sicurezza alimentare sempre al primo posto Food safety is always of paramount importance Fromagerie Bell e le nuove teste di controllo Bürkert Fromagerie Bel and Bürkert new control heads Pepperl+Fuchs a SPS/IPC/ DRIVES/Italia 2012 Pepperl-Fuchs at SPS/IPC/ DRIVES/Italia 2012

Marketing & Strategy

26 28 58 62 86 152 158

Roxtec acquisisce Sleev-it Roxtec acquires Sleev-it Soluzioni di machine vision Machine vision solutions Industria alimentare sempre più tecnologica Increasingly technological food industry Come entrare nel mercato indiano Guidelines for the Indian market La sicurezza di processo crea qualità Process safety ensures quality La sostenibilità non è più retorica Sustainability is no longer just a slogan Il gusto della tradizione The taste of tradition

16

Una gestione moderna ed efficiente della centrale termica Up-to-date and efficient management of the boiler room

18

Soluzioni d’acciaio anche per i prodotti delicati Stainless steel solutions also for delicate products

24

Emerson Industrial Automation presenta nuovi display operativi Emerson Industrial Automation introduces new operating displays

30

Il meglio dell’innovazione e della ricerca avanzata The very best of innovation and advanced research

42

Un 2012 ricco di novità made in Camozzi A successful year for innovations “Made in Camozzi”

70 72 132 146 150 162

Deumidificazione dei salumi: il metodo Ghizzoni D. Sausages dehumidification system: Ghizzoni D.’s method Avanguardia ingegneristica Engineering avant-garde Progettati per il successo Designed to succeed CROISTAR... non c’è via migliore di fare croissant CROISTAR... no better way of making croissant Impastatrici Planetarie TEKNO TEKNO Planetary Mixers Robustezza e versatilità Sturdiness and versatility


Sfoglia ! e in l n O ia r a t n e im TecnAl it . ia r a t n e im l a n c e t . w ww

TECNALIMENTARIA Year XVII - n°5 Maggio 2012 Direttore responsabile F. Da Cortà Fumei Direttore editoriale E. Da Cortà Fumei Segreteria di redazione Sabrina Fattoretto Grafica Carlo Borin Pubblicità Megas srl - Treviso Stampa TrevisoStampa srl Direzione e Redazione Editrice EDF Trend srl Via Bianchetti 11, 31100 Treviso – Italy Tel. + 39 0422 410076 Fax + 39 0422 574519 redazione@tecnalimentaria.it info@tecnalimentaria.it www.tecnalimentaria.it Autorizzazione Tribunale di Forlì n. 5 del 19.01.1996 In questo numero la pubblicità non supera il 45% Sped. in abbonamento postale - 45% Art. 2 Comma 20/B Legge 662/1996 DCI-TV

Packaging & Design

94 100 102 106 110

All right reserved. Reproduction in whole or in part without written permission is prohibited. The Publisher is not responsible for any materials, nor for writers’ nor contributors’ expressed or implied opinions.

Ipack-Ima 2012 e le tecnologie conquistano il mondo Ipack-Ima 2012 and the technology that conquers the world

Informativa ex D.lgs 196/03 Ai sensi dell’art.2 comma 2° del Codice Deontologico dei giornalisti si rende nota l’esistenza di una banca dati di uso redazionale presso la sede di Via Bianchetti 11 Treviso. Responsabile del trattamento dati è il direttore responsabile a cui ci si può rivolgere presso la sede di Treviso Via Bianchetti 11 per i diritti previsti dalla legge 675/1996.

F.lli Polli SpA sceglie gli specialisti dell’etichettatura F.lli Polli SpA chose labelling professionals

Associato a:

Semplicemente innovative Simply innovative Un nuovo Presidente per interpack 2014 A new president for interpack 2014

Il packaging nel mondo digitale Packaging in a digital world Un diverso modo di pensare le macchine A different way of thinking machines

Food Industry

Il miglior risultato di sempre The best event result to date

Aisle I/J – booth 039/040.

Europain 2012: la rivoluzione della panificazione e pasticceria Europain 2012: a revolution in baking and confectionery

05 Maggio 2012

.it

ria

ta

Fairs in Italy & in the world

en

The companies presented inside

m

ali

174 175

Vetrina per innovazione ed export A showcase for innovation and export

cn

Performance elevate High-performance results

L’anello di congiunzione The linking bridge

e w.t

Riferimento globale Global benchmark

20 82 126 140

nation ter

Magazi

IMA INDUSTRIES: The Exquisite Factory IMA INDUSTRIES: The Exquisite Factory

About Fairs

ww

118 124

La tecnologia italiana Veripack a Eurocarne 2012 Veripack Italian technology at Eurocarne 2012

al

114 116

Publisher Editrice EDF Trend srl Via Bianchetti 11 31100 Treviso - Italy

In

92

Una nuova sede per Pulsar Industry New premises for Pulsar Industry

ne

90

IN COPERTINA Abrigo SpA Diano d’Alba (CN) www.abrigospa.com


A WORLD

OF SOLUTIONS

FREEZING

COOLING

PASTEURIZING

Tecnopool has been in business for over 30 years and continues to be a leader in the business of designing, manufacturing and installing machinery to deep-freezing, cooling, pasteurizing and proofing food industry products. The systems’ versatility means they can be fitted to existing production lines, even at a later date.

PROOFING

Tecnopool S.p.A. via M. Buonarroti, 81 - San Giorgio in Bosco (Padova) Italy tel. +39.049.9453111 - fax +39.049.9453100

info@tecnopool.it - www.tecnopool.it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

La Ricerca Scientifica sui probiotici Il mondo della ricerca scientifica e le istituzioni confermano gli effetti positivi dei probiotici sulla salute

N

el corso di un Simposio promosso da Nutrition Foundation of Italy con il patrocinio del Ministero della Salute, e tenutosi presso la sede del Ministero, i maggiori esperti nazionali di probiotici hanno confermato l’esistenza di una vasta letteratura scientifica a supporto degli effetti positivi dei probiotici sulla salute umana, nel mantenimento dello stato di benessere dell’organismo. L’uso tradizionale di probiotici in alimenti e integratori in Italia è stato da sempre condiviso ed inquadrato da un punto di vista normativo dal Ministero della Salute, che recentemente ha aggiornato e rivisto le proprie Linee guida sui probiotici: http:// www.salute.gov.it/alimentiParticolariIntegratori/newsAlimentiParticolariIntegratori.jsp?id =1729&menu=inevidenza&lingua=italiano Gli esperti e le Autorità nazionali hanno anche redatto una “Expert Opinion” con cui si richiede formalmente alla Commissione Europea di prendere in considerazione nuove procedure di valutazione scientifica dei dati a supporto delle indicazioni sulla salute relative ai probiotici e di adottare strumenti di valutazione differenti da quelli classicamente impiegati per valutare l’azione dei farmaci. Il Prof. Lorenzo Morelli, Direttore Istituto Di Microbiologia e Centro Ricerche Biotecnologiche, UCSC Piacenza e Cremona, ha dichiarato “L’Expert Opinion presentata oggi ha l’ambizioso obiettivo di portare ad una modificazione del mandato ad EFSA, che tenga conto delle specificità della ricerca sui probiotici, e che permetta all’EFSA stessa un dialogo preventivo e più ampio con le aziende produttrici. In partico-

12

lare il documento sottolinea come il settore dei probiotici, che vede l’Europa leader nella ricerca, sia un settore innovativo e quindi necessiti di una valutazione che di questo tenga conto.” Il Prof. Lucio Capurso (Direttore Generale IFO - Istituti Fisioterapici Ospedalieri, Roma) sostiene che “esiste un innegabile interesse per quest’area di ricerca, dimostrato dal crescente numero di articoli scientifici pubblicati nel Mondo, una media di due al giorno, dove l’Italia è seconda solo agli Stati Uniti, per numero di pubblicazioni. Tuttavia, occorre continuare ad investigare, per fornire ulteriori evidenze sul potenziale benefico di questi microrganismi”. La Professoressa Annamaria Castellazzi (Direttore del Centro Interuniversitario, di Ricerca in Immunità e Nutrizione, Università di Pavia e Bologna) ha aggiunto che “negli ultimi anni si sono moltiplicati gli studi condotti su bambini per valutare gli effetti dei probiotici nella prevenzione e nel controllo delle patologie gastrointestinali acute e croniche. Al tempo stesso si sono ottenuti risultati promettenti nel valutare l’efficacia dei probiotici nel ridurre l’incidenza di manifestazioni allergiche. Per questi motivi sarebbe auspicabile continuare a promuovere la ricerca scientifica e il dialogo tra gli esperti del settore”. I partecipanti al Simposio hanno espresso l’auspicio che le complessità intrinseche nella ricerca sui probiotici non finiscano per precludere il riconoscimento delle importanti valenze di salute che un uso consapevole ed appropriato dei probiotici stessi può portare nella popolazione generale.

FOOD INDUSTRY


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

The Scientific Research on probiotics The world of scientific research and institutions confirm the positive effects of probiotics on health

A

t a symposium sponsored by the Nutrition Foundation of Italy under the patronage of the Ministry of Health, and held at the Ministry headquarters, major national experts of probiotics have confirmed the existence of an extensive scientific literature supporting the positive effects of probiotics on human health, in maintaining the wellbeing of the organism. The traditional use of probiotics in foods and supplements in Italy has always been shared and framed from a regulatory point of view by the Ministry of Health, which recently updated and revised its Guidelines on probiotics: http:// www.salute.gov.it/alimentiParticolariIntegratori/ newsAlimentiParticolariIntegratori.jsp?id=1729 &menu=inevidenza&lingua=italiano Experts and national Authorities have also prepared an “Expert Opinion” with which they formally request the European Commission to consider new scientific evaluation procedures of data supporting health claims regarding probiotics and to adopt assessment tools different from those classically used to assess the effect of drugs. Prof. Lorenzo Morelli, Director of the Institute of Microbiology and Biotechnology Research Center, UCSC Piacenza and Cremona, said: “The Expert Opinion released today has the ambitious goal of modifying the mandate to EFSA, which takes into account the specificities of research on probiotics, and allows EFSA itself a preventive and wider dialogue with manufacturers. In particular, the document stresses that the field of probiotics, which has

FOOD INDUSTRY

Europe as leader in the research, is an innovative sector and therefore requires an assessment that takes account of this”. Prof. Lucio Capurso (IFO General Manager Istituti Fisioterapici Ospedalieri, Rome) argues that “there is an undeniable interest in this area of research, demonstrated by the growing number of scientific articles published worldwide, averagely two a day, where Italy is second only to the United States, in terms of publications amount. However, we must continue to investigate, to provide additional evidence on the potential benefit of these microorganisms”. Professor Annamaria Castellazzi (Director of the Interuniversity Center of Research in Immunity and Nutrition, University of Pavia and Bologna) has added that “in recent years, studies in children have multiplied to assess the effects of probiotics in the prevention and control of acute and chronic gastrointestinal diseases. At the same time, we have obtained promising results in assessing the effectiveness of probiotics in reducing the incidence of allergic reactions. For these reasons, it would be desirable to continue to promote scientific research and dialogue among experts of this field”. Participants to the Symposium expressed the hope that the intrinsic complexities of research on probiotics do not end up precluding the recognition of the important health values ​​that a mindful and appropriate use of probiotics can bring in the general population.

13


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

I pilastri dell’innovazione Passione, internazionalità, ricerca e concretezza sono i pilastri su cui si fonda Industrie Fracchiolla

D

a oltre 40 anni, passione, internazionalità, ricerca e concretezza sono i pilastri su cui la Industrie Fracchiolla S.r.l. costruisce i propri successi. L’azienda è validamente organizzata e può contare su: una forza lavoro composta da 100 dipendenti; uno stabilimento industriale di 20.000 mq; parco automezzi composto da 40 veicoli e 4 autogrù; vasta dotazione di macchinari tecnologicamente all’avanguardia. La Industrie Fracchiolla S.r.l., certificata ISO 9001/2008, è una azienda leader in Italia ed

Serbatoi stoccaggio da 16 mc (Trattamento rifiuti ittici) Destinazione Norvegia Storage tanks, 16 mc (fish waste treatment). Destination: Norway

affermata anche in campo internazionale, specializzata nella progettazione e costruzione di attrezzature ed impiantistica di processo per l’Industria: ChimicoFarmaceutica ed Alimentare: • Acetivinificatore per aceto balsamico Serbatoi di stoccaggio e di processo; • Fermentatori birra; cristallizzatori; Dissolutori; serbatoi di miscelazione (con agitatore) sia riscaldati che refrigerati di qualsiasi capacità per prodotti pastosi, liquidi, semi-liquidi, granulati, prodotti in polvere. L’azienda viene gestita da tre fratelli, oggi affiancati dai loro figli, fortemente motivati a portare avanti e a far crescere l’impresa di famiglia. Prioritari per l’azienda sono il rispetto dei tempi e la tempestiva risposta a tutte le urgenze della propria clientela con un servizio di assistenza tecnica efficiente e qualificato, assicurando gli interventi lavorativi anche nei giorni festivi.

Serbatoi da 20mc collaudato PED PED tested tanks of 20 mc

Acetivinificatori, da 90mc tutti in AISI 316L Vinegar Fermenters 90 mc, fully in stainless steel Aisi 316L

Batteria Serbatoi da 3000-1500-1000hl, realizzati sul posto, finitura BA (a specchio), completi di passerella e scala a chiocciola in acciaio inox Set of tanks of 3000-1500-1000hl capacity, built on site, BA finishing (mirror), complete with gangway and stainless steel spiral staircase

The pillars of innovation Passion, internationalism, research and substance have been the pillars on which Industrie Fracchiolla grounds

F

N.3 Serbatoi 500mc - N.5 Serbatoi 300mc, poggiante su basamento in cemento armato. Destinazione Svezia N. 3 tanks, 500 mc – n. 5 tanks, 300 mc, laying on a concrete basement. Destination: Sweden

14

or over 40 years, passion, internationalism, research and substance have been the pillars on which the company has built its success. Industrie Fracchiolla is masterly managed and can count on: manpower consisting of 100 employees; 20,000 square metre’s industrial facility; Fleet of machines consisting of 40 vehicles and 4 truck cranes Comprehensive range of technologically advanced machines Industrie Fracchiolla Srl, ISO 9001-2008 certified, is a leading company in Italy as well as a well-established reality internationally, specializing in the design and manufacture of process equipment and plants for the Chemical-Pharmaceutical and Food

FOOD INDUSTRY

Industries, as follows: • Fermenters for aromatic vinegar: storage and process tanks • Beer fermenters; crystallizers; dissolution vessels, heated and refrigerated mixing tanks (with agitator) for any capacity, for pasty, liquid, semi-liquid, granulated products and powder products. Today, the company is run by the three Fracchiolla brothers and their sons, who are strongly motivated to develop their family business. Prompt and timely response to all customers’ urgent requirements are the company’s top-priority matters, possible thanks to an efficient and qualified technical assistance assuring interventions also on holidays.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Una gestione moderna ed efficiente della centrale termica I generatori MINGAZZINI sono dotati di componentistica di controllo e sicurezza all’avanguardia, e dispositivi elettronici per la massima sicurezza di funzionamento

L

’attività di ricerca & sviluppo della MINGAZZINI S.r.l. è costantemente focalizzata all’introduzione di soluzioni innovative, per permettere la realizzazione e la gestione moderna ed efficiente delle centrali termiche di qualunque dimensione. Risultato di tale attività sono i generatori MINGAZZINI di ultima generazione, dotati di una componentistica di controllo e sicurezza all’avanguardia, con l’impiego di dispositivi elettronici per la massima sicurezza di funzionamento e la gestione di centrali termiche anche con più generatori in cascata. I generatori sono disponibili anche nella configurazione necessaria ai fini del funzionamento senza supervisione continua per 24-72 ore e/o con un sistema di controllo globale dell’impianto e/o della centrale termica, con dispositivo di controllo elettronico multicanale o PLC. La gamma dei prodotti offerti per quest’ultima funzionalità è ampia e va dalla soluzione più semplice, che prevede l’utilizzo di

un’unità per il controllo multicanale dei processi e dei programmi, a quella più sofisticata, costituita da un vero e proprio sistema di supervisione con possibilità di remotazione per la visualizzazione dei dati del generatore e del bruciatore con PLC e pannello operatore. L’unità per il controllo multicanale, inserita sul quadro di comando, in posizione comoda e visibile all’operatore, con interfaccia utente intuitiva, display a colori e finestre grafiche di consultazione, permette di programmare più canali per l’immediato controllo delle principali funzioni del generatore. Inoltre essa permette la registrazione dei principali allarmi accaduti (lista degli eventi). Il sistema più completo di visualizzazione dati di generatore e bruciatore prevede l’inserimento nel quadro di comando di un PLC, con protocollo d’interfaccia in grado di comunicare con l’eventuale quadro generale di supervisione. Il generatore fornisce al PLC una serie di segnali relativi ai vari stati di funzionamento. Il quadro di controllo contiene inoltre un pannello operatore touch-screen con display a colori LCD, con pagine distinte relative alle principali funzioni di stato, la visualizzazione e lo storico degli allarmi.

Up-to-date and efficient management of the boiler room MINGAZZINI boilers are equipped with up-to-date control and safety components, including electronic devices that guarantee maximum safety in functioning

M

INGAZZINI’s R & D is constantly focused on the introduction of innovative solutions for the design and the efficient management of boiler rooms of any size. MINGAZZINI’s state-of-the-art boilers are the result of such an activity, with their up-to-date control and safety components, including electronic devices that guarantee maximum safety in functioning and heating plant management with two or more boilers in series. The boilers are also available especially configured for operating without continuous supervision up to 24-72 hours and/or with a global control system of the plant or the whole boiler room, using a multi-channel electronic control equipment or a PLC. The product range offered for the latter functionality is wide and goes from the simplest solution, that includes a multi-channel process and program controller, up to the most

16

FOOD INDUSTRY

sophisticate one, that consists in a supervision system with the possibility of remote control, for the display of boiler and burner data, endowed with a PLC and an operator panel. The multi-channel controller, located on the boiler control board, in an easily reachable and visible position, an user friendly interface, a colour display and graphic windows for system control, enables a multi-channel setting for the immediate check of the main boiler parameters. Moreover, it allows the recording of the main alarm events (list of events). The most complete system for displaying boiler and burner data comes with a PLC in the control panel, with interface protocol for the possible connection with the main remote supervision panel. The boiler control panel is also completed with an operator panel, including a touch-screen colour LCD display, with different pages regarding the main running conditions, displaying and recording of alarms.


Š www. corradofrignani.com

MINGAZZINI s.r.l.

Via Egidio Pini, 29/A - 43126 Parma - ITALY - Tel. +39 0521 1880611 - +39 0521 983641 - Fax +39 0521 293547 www.mingazzini.it - email: info@mingazzini.it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Soluzioni d’acciaio anche per i prodotti delicati Molti anni di esperienza, ricerca e sviluppo hanno permesso a PIGO di costruire macchine dalle caratteristiche operative eccellenti

L

’azienda PIGO Srl è uno dei produttori leader al mondo di attrezzature per il congelamento e fornitore di macchinari di processo per la lavorazione di frutta e verdura con una vasta esperienza sia nel congelamento sia nella lavorazione di prodotti ortofrutticoli. Assieme ai propri partners, PIGO ha installato le sue macchine, congelatori a spirale e a letto fluido, in tutto il mondo. I suoi sistemi sono forniti ad aziende in USA, Europa, Africa, Australia e Asia dall’azienda stessa e dai suoi partner industriali.

EASY Freeze SPYRO

T

he company PIGO Srl is one of the world’s leading freezing equipment manufacturers and fruit and vegetable processing equipment suppliers with an extensive experience in both freezing and fruit and vegetables processing. Together with its partners, PIGO has installed its machines, both spiral and fluidised bed freezers, throughout the world. Its systems have been supplied to companies in the US, Europe, Africa, Australia and Asia by the company and its partners in the industry. PIGO Srl has specialized in building freezers with fluidised bed, Easy Freeze, the most suitable for IQF freezing variety of fruits, vegetables and numerous sea, meat and cheese products. PIGO Freezers are built in modular sizes and all components are made entirely of stainless steel, capable to provide perfect IQF product even with work with delicate products like cooked rice, raspberries, etc. All units are completely assembled and tested in the company’s factories prior to shipping to its clients. Units are reassembled upon arrival to clients’ premises by PIGO professional team. Easy Freeze and Easy Freeze Spyro are the result of many years of experience, research and development. PIGO can proudly say that its machines achieve excellent operating

18

PIGO Srl si è specializzata nelle costruzione di congelatori a letto fluido, Easy Freeze, i più indicati per congelare una varietà di frutta, verdura e numerosi prodotti ittici, carne e formaggi. I congelatori PIGO sono costruiti modulari e tutti i componenti sono totalmente costruiti in acciaio inox, capaci di fornire un perfetto prodotto IQF anche con lavorazioni di prodotti delicati, come riso cotto, lamponi, ecc. Tutte le unità sono totalmente assemblate e testate negli stabilimenti aziendali prima della

Anuga FoodTec 2012

Pitting Machine PG103 spedizione al cliente. Dopodiché vengono assemblate da un team di esperti PIGO nella sede del cliente. Easy Freeze e Easy Freeze Spyro sono il risultato di molti anni di esperienza, ricerca e sviluppo. PIGO può orgogliosamente dire che le sue macchine raggiungono caratteristiche operative eccellenti, efficienza energetica e facilità d’uso, che si traducono poi in molti vantaggi e privilegi per l’acquirente. Oltre a Easy Freeze e Easy Freeze Spyro, una delle macchine di punta di Pigo è la denocciolatrice automatica PG 103. Grazie al suo sistema di distribuzione, per un riempimento quasi totale di piastre molto grandi (con frutta), la denocciolatrice PG 103 ha una capacità 50-100% maggiore di ogni altra denocciolatrice nel mercato, per una capacità ottimale di 60 cicli al minuto. L’esperienza dei clienti PIGO conferma che con l’adeguata qualità e preparazione della frutta (pulita, calibrata e con il giusto grado di maturazione) PG 103 lavora con 0,00% di noccioli rimasti. I siti www.pigo.biz e www.pigo.it aiutano ad avere un’idea migliore della produzione PIGO; è possibile inoltre inviare una mail a office@ pigo.biz per avere un’offerta dettagliata e un DVD con molti video delle macchine in funzione. Brevi video sulle macchine Pigo in funzione sono visibili su www.youtube.com, sotto il nome PIGOsrl.

Stainless steel solutions also for delicate products Many years of experience, research and development have enabled PIGO to build machines featuring excellent operating characteristics

Fruit Logistica characteristics, energy efficiency and user friendly, and it comes up with a lot of advantages and privilege to the company’s buyers. Besides Easy Freeze and Easy Freeze Spyro, one of the company’s main machines is automatic pitting machine PG103. Thanks to special distribution system, providing almost 100% filled up plates (with fruit), and extremely

FOOD INDUSTRY

large size of plates, PG103 pitting machine has at least 50-100% higher capacity than any other pitting machine on the market, achieving this capacity with the optimal tact of 60 cycles per min. Experience of all PIGO’s clients confirms work with 0,00% of remained stones when adequate quality and preparation of the fruit (clean, calibrated product with adequate ripeness) is provided. To get a better idea of what PIGO does, please visit the websites www.pigo.biz or www.pigo.it or just send e-mail to office@pigo.biz, they will be very glad to send their detailed offer, and also a DVD with plenty of videos with its machines in the work. Short video clips of PIGO machines in operation are available on www.youtube.com, look for PIGOsrl.


KELLER Italy S.r.l. Tel. 800 78 17 17 • Fax 800 78 17 18 officeitaly@keller-druck.com www.keller-druck.com

Trasduttori di pressione Serie 3 L a 10 L 3L

4L

5L

6L

· 20…200 bar · Ø 9,5 x 4,2

· 10…200 bar · Ø 11 x 4,2

· 10…200 bar · Ø 12 x 4,5

· 50…200 bar

3L

4L

5L

· Ø 13 x 4,5

6L

7L

8L

9L

· 10…200 bar · Ø 15 x 5

· 0,2…200 bar · Ø 17 x 7

· 0,2…200 bar · Ø 19 x 5

8L

7L

9L

PD-9 L

10 L

· 0,1…50 bar · Ø 19 x 15

· 0,1…100 bar · Ø 19 x 15 PD-9 L

10 L

10 L HP

PD-10 L

· 200…1000 bar · Ø 19 x 15

· 0,1…50 bar · Ø 19 x 26 10 L HP

PD-10 L


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

L’anello di congiunzione

SPS/IPS/DRIVES Italia sarà l’anello di congiunzione fra i fornitori di tecnologie e prodotti e i clienti finali

R

ecentemente le attività di SPS/IPC/ DRIVES Italia si sono intensificate e con queste anche gli appuntamenti che vedono coinvolti i principali protagonisti della manifestazione. La consueta collaborazione che caratterizza la progettazione di SPS Italia ha permesso ancora una volta un incontro tra il team SPS e molti rappresentanti delle aziende espositrici alla prossima edizione di maggio. La riunione, tenutasi il 22 febbraio a Milano, ha raccolto oltre cento partecipanti, dimostrandosi un appuntamento fondamentale sia per il team SPS, che ha potuto presentare gli aggiornamenti e l’andamento della manifestazione, sia per gli espositori che, partecipando attivamente al confronto, hanno avuto la possibilità di conoscere approfonditamente gli strumenti e le attività proposte per il prossimo appuntamento. Gli esiti raggiunti finora, come dichiarato da Donald Wich, Amministratore Delegato Messe Frankfurt Italia, sono molto soddisfacenti. Accanto al prestigioso Panel di espositori segnaliamo la multidisciplinarietà rappresentata dal Comitato Scientifico che accoglie accademici delle principali università italiane, responsabili di automazione, di primari utilizzatori finali e di costruttori di macchine, Barilla G. e R. Fratelli, Ferrero, G.D., Granarolo, I.M.A., M.M.D. IT Merck Sharp&Dohme,, Ocme, Officine Meccaniche

20

Giovanni Cerutti, Parmalat, Pirelli Tyre, Sacmi Imola, Sidel, Tetra Pak Packaging Solution, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, CNR- IEIIT, Uni. di Brescia, Uni. di Bologna, Uni. degli studi di Genova, Uni. di Modena e Reggio Emilia, Uni. di Parma, la stessa AnieAssoAutomazione e i recenti affiliati Biesse, Comau, Ilapack Italia, Fameccanica.Data, Magneti Marelli, Selex ElsagFinmeccanica e TEVA PFC. Un secondo appuntamento di incontro si è tenuto il 7 marzo presso il quartiere fieristico di Parma in occasione di una delle riunioni annuali del Comitato Scientifico, in vista della definizione del programma convegni stico per l’edizione 2012. I partecipanti, esponenti di importanti aziende del settore e professori delle principali facoltà universitarie nel campo dell’automazione, hanno avuto modo di esaminare le memorie inviate da alcune delle aziende espositrici. Il Comitato Scientifico ha il compito di selezionare i contributi più interessanti secondo stretti criteri di scientificità e rilevanza, al fine di definirne il programma ed eleggere i vincitori del concorso Scientific Paper Symposium

FOOD INDUSTRY

Award, che saranno annunciati durante la conferenza stampa di apertura e premiati durante la manifestazione. Tra le novità per l’anno 2012 meritano particolare attenzione i nuovi padiglioni espositivi appena ultimati da Fiere di Parma, in grado di offrire spazi ancora più ampi e funzionali. Vengono inoltre proposte nuove aree espositive tematiche incentrate su tre aspetti quanto mai delicati, ma importanti per gli operatori del settore: System Integrator on Demand, CertiSearch e Linking University. Poter contare su una presenza diretta dei System Integrator significa poter offrire l’anello di congiunzione fra i fornitori di tecnologie e prodotti e i clienti finali dando la giusta valenza agli aspetti applicativi. Un evento a “Emissioni Zero” Per l’edizione 2012, SPS/IPC/DRIVES Italia ha avviato un’iniziativa congiunta insieme a Siemens: l’azzeramento delle emissioni CO2 durante tutta la manifestazione. Tutti i consumi prodotti durante SPS/IPC/ DRIVES Italia saranno tenuti in considerazione per valutare le emissioni complessive di CO2 generate. Questa attività permetterà di effettuare una compensazione delle emissione tramite un’adeguata piantumazione. Mantenendo il filone della sostenibilità, quest’anno la ristorazione di SPS/IPC/DRIVES Italia sarà interamente affidata ad Alce Nero, apprezzato produttore di alimenti biologici.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

The linking bridge SPS/IPS/DRIVES Italia will be the link between technology and product suppliers and final clients

T

he 2012 edition of SPS/IPC/DRIVES Italia is buzzing with activity and, hence, also with meetings designed to converge the key protagonists of the event. The usual cooperation that characterizes planning and organizational phases of SPS Italia has once again issued in a meeting between the SPS team and several representatives of exhibitors at the forthcoming event scheduled to be held in May 2012. The meeting organised in Milan on 22nd February counted over one hundred participants, thus ranking as a crucial moment both for the SPS team, that was able to discuss updates on the event and its progress, and for exhibitors who, by actively participating in the debate, had the opportunity to obtain detailed information about the tools and activities proposed for SPS/IPC/DRIVES Italia 2012. The results achieved to date, as stated by Donald Wich, Managing Director of Messe Frankfurt Italia, are highly satisfactory. Besides the prestigious Panel of Exhibitors, one of the event’s highlights is the multidisciplinary Scientific Committee, which counts academicians from leading Italian universities, automation managers, primary final users and machine manufacturers: Barilla G. e R. Fratelli, Biesse, Ferrero, G.D., Granarolo, I.M.A., M.M.D. IT Merck Sharp&Dohme, Magneti Marelli, Ocme, Officine Meccaniche Giovanni Cerutti, Parmalat, Pirelli Tyre, Sacmi Imola, Sidel, Tetra Pak Packaging Solution, TEVA PFC, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, CNR- IEIIT, Uni. di Brescia, Uni. di Bologna, Uni. degli studi di Genova, Uni. di Modena e Reggio Emilia, Uni. di Parma, AnieAssoAutomazione and the recent associates Comau, Ilapack Italia, Fameccanica. Data and Selex Elsag-Finmeccanica. A second meeting between SPS Italia and its partners was held on 7th March at the trade fair District of Parma during one of the yearly meetings of the Scientific Committee, to define the conference programme for the 2012 edition. Participants, members of leading specialized companies and professors of the main universities renown in the field of

areas that are, however, crucial for specialists: System Integrator on Demand, CertiSearch and Linking University. Counting on the direct presence of System Integrators entails having the capacity to link technology and product suppliers with final clients, acknowledging the right degree of importance to applicative aspects. An “emission free” event For the 2012 event, SPS/IPC/DRIVES Italia has launched a joint initiative along with Siemens: to cut down to zero the CO 2 emissions generated during the event. All energy consumption recorded during SPS/IPC/DRIVES Italia 2012 shall be taken into account to assess overall CO 2 emissions generated, in view of compensating for the same by planting an adequate number of trees. Consistently with the trend of sustainability, the catering service for SPS/IPC/DRIVES Italia 2012 will be entirely entrusted to Alce Nero, a well‐known manufacturer of biological foods. automation had the opportunity to study the memories sent by exhibitors. The Scientific Committee will apply scientific and importance-based criteria to choose the most interesting contributions in order to define the programme and choose the winners of the Scientific Paper Symposium Award. Winners will be announced at the opening press conference and the prize‐giving will be held at the Maifest. Innovative features worthy of note at the 2012 trade fair include the new exhibition pavilions: just completed by Fiere di Parma, they have been designed to offer large, highly functional spaces. The event also proposes original theme exhibitions centred on three extremely delicate

FOOD INDUSTRY

21


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

L’innovazione come missione MiniMotor adotta il fotovoltaico e corre nel futuro Green Economy

L

a storia di Minimotor, a partire dal lontano 1965, è contrassegnata dalla continua innovazione di progetto e di prodotto messa in atto attraverso il costante sviluppo dei diversi comparti aziendali. Il segno di tali scelte è ben visibile nell’incremento di automazione nei processi produttivi e, a monte, nell’adozione di tecnologie di progettazione sempre all’avanguardia. Un futuro pieno di energia. Pulita. Recentemente, Minimotor ha completato

l’installazione di un impianto di generazione d’energia elettrica da fonte rinnovabile alimentato da 332 moduli fotovoltaici da 240 W cadauno. L’impianto produrrà oltre il 85% dell’energia annuale necessaria allo stabilimento, fornendo complessivamente circa 90.000 kWh. Nella valutazione preliminare del progetto erano emerse alcune prerogative particolarmente favorevoli, fra le quali l’esposizione degli stabilimenti - che si colloca nelle direzioni Sud e Sud-Ovest - e la conformazione del tetto, completamente piatto; i pannelli fotovoltaici hanno quindi potuto essere installati in condizioni ideali. Distribuiti su due livelli, cui corrispondono rispettivamente i locali dedicati alla produzione e quelli riservati agli uffici, i moduli fotovoltaici ricoprono una superficie totale di 600 mq. La scelta di adottare un impianto fotovoltaico rappresenta per Minimotor un vero e proprio investimento per il futuro; un investimento non soltanto favorito e sostenuto dal governo italiano tramite il Conto Energia ma anche visto con particolare favore dai più importanti gruppi industriali stranieri che, sempre di più, scelgono di collaborare con i produttori internazionali maggiormente attenti al risparmio energetico e al rispetto dell’ecologia. Economia ed ecologia finalmente insieme.

Minimotor ha dimostrato ancora una volta che “investire per il futuro” non è una frase fatta ma, al contrario, un imperativo fondamentale cui deve corrispondere una serie di azioni concrete finalizzate ad innestare un circolo virtuoso. Installando un impianto fotovoltaico, Minimotor è diventata produttrice/utilizzatrice in proprio di energia elettrica da fonte rinnovabile, ed è evidente che l’energia prodotta con questo sistema è un’energia pulita. Se questa scelta non è strettamente economica nell’immediato lo è certamente in prospettiva di qualche anno, mentre i benefici nel rispetto dell’ambiente sono già una positiva realtà – 53.000 Kg. di CO2 all’anno risparmiati. Maggiore potenza per una produzione ad alto rendimento. L’”iniezione di energia pulita” ottenuta dal nuovo impianto fotovoltaico si riflette nelle caratteristiche tipiche della produzione Minimotor: alta potenza e bassi consumi che, insieme, si traducono in un migliore rendimento dei motori. In due parole, una Qualità Totale che costituisce la vera chiave del successo di Minimotor sul mercato nazionale e, sempre di più, su quello internazionale, seguito e servito da una rete commerciale presente in oltre 45 Paesi del mondo.

Innovation as a mission MiniMotor adopts photovoltaic system and embraces the future of the Green Economy

T

he history of MiniMotor goes back to 1965 and is marked by constant design and product innovation through steady development of several company’s departments. Evidence of such choice is the development of production processes and, upstream, the adoption of leading design technologies. A future full of clean energy. MiniMotor has recently installed a power plant from renewable source powered by 332 photovoltaic modules of 240W each. This plant is expected to supply the factory with more than 85% energy it needs, about 90,000 kWh total. During the preliminary stage of the project some particularly favourable prerogatives emerged, such as the factory exposure facing South and South-West, and the configuration of an entirely flat roof. Hence, the photovoltaic modules could be perfectly installed. They have been mounted on two levels, corresponding respectively to the production department and offices, for 600 sq. metres’ total surface.

22

The decision to adopt a photovoltaic plant is for MiniMotor a real investment in the future, not only supported by Italian Government through Conto Energia, but also highly appreciated by the main foreign business groups, which are increasingly interested in cooperating with the international players who are most aware of energy saving and eco-sustainability. Economy and ecology finally together. Once again MiniMotor has proved that “investing in the future” is not just a way of

FOOD INDUSTRY

saying but, on the contrary, a crucial matter that needs combining with some concrete actions aiming to start a virtuous circle. By installing a photovoltaic plant, MiniMotor has become producer/user of energy power from renewable source and it is crystal clear that the energy this way produced is clean. If this choice would not prove to be economic on the short run, it will certainly be such in some years’ time; however, the benefits to the environment are already a reality, with 53,000 Kg of CO2 saved a year. Increased power to a high-efficiency production. The “injection of clean energy” due to the new photovoltaic plant mirrors the typical features of MiniMotor’s production: high power and low consumption, which once combined change into a better motor performance. Summarizing, this is Total Quality representing the real key to MiniMotor’s success in the domestic market and also in international market, steadily growing, assisted by a sales network in over 45 Countries worldwide.


Ingredienti di base per una produzione eccellente.

MINI MOTORIDUTTORI IP 67 CON POTENZE DA 31 A 130 W.

Offrono rendimenti elevati a fronte di consumi ridotti. La massima igienicità è garantita da: • Motore a chiusura totale • Assenza di alette di raffreddamento • Vernice esterna anticorrosione • Oli lubrificanti atossici • Alberi d’uscita e viti in acciaio inox.

MINI MOTOR - Via Enrico Fermi, 5 - 42011 Bagnolo in Piano (RE) - ITALY MINI MOTOR USA - 24-25 46th Street - Long Island City, NY 11103 - USA MINI MOTOR Aandrijftechniek - PO box 42 - 2770 AA BOSKOOP - NEDERLAND MINI MOTOR GERMANY - Alter Kirchpfad 6 - 32657 Lemgo (DL)

www.minimotor.com - info@minimotor.com


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Emerson Industrial Automation presenta due nuovi display operativi Il nuovo display energia è caratterizzato da due nastri trasportatori che operano affiancati e i visitatori possono monitorare visivamente un risparmio energetico in media di oltre il 20%.

I

l nuovo display energia è caratterizzato da due nastri trasportatori che operano affiancati. Uno è munito di acetalica conforme agli standard dell’industria e componenti UHMW, mentre l’altro usa la catena NG con le fasce di guida e le guide Nolu-S. I visitatori possono monitorare visivamente un risparmio energetico in media di oltre il 20%. La scarsità di acqua dolce ha un impatto ancora maggiore in tanti paesi emergenti. Nei prossimi cinque anni si prevede che diversi paesi inizieranno ad importare l’acqua. Il coefficiente d’attrito più basso fornito dai prodotti NG e Nolu-S consente agli impianti di produzione delle bevande ad alta velocità più opportunità per il funzionamento a

secco del sapone tradizionale e della lubrificazione acqua. La maggior parte delle aziende alimentari e delle bevande hanno come obiettivo aziendale la riduzione del consumo idrico. Le operazioni tradizionali con acqua e sapone usano da 4 a 7 volte più acqua nella produzione di quanto ne producono nel prodotto. Passando a secco, gli impianti di funzionamento possono risparmiare denaro sulle spese relative all’acqua, al risanamento dell’acqua e al sapone, migliorando allo stesso tempo la sicurezza dei lavoratori. Emerson presenterà anche un nuovo proto-

tipo della catena a rulli multidirezionale in azione in un display operativo. La 2253RT può essere utilizzata in un sistema per orientare il prodotto verso esigenze specifiche d’etichettatura o d’imballaggio. Può anche deviare il prodotto per passare ai trasportatori per l’accodamento ai camion, smistamento dimensioni e ordinazione e altri requisiti. Il sistema fornisce una nuova efficienza per le operazioni di confezionamento, catalogo e impianti di distribuzione multilinea per il selezionamento in base al cliente o alla posizione geografica. Inoltre, permette di accumulare le linee per consolidare il materiale e ridurre le proprietà di frizione della tradizionale cinghia nera per una manipolazione efficiente. L’Automazione Industriale Emerson, un business all’interno di Emerson, è un fornitore globale di tecnologia che consente guadagni di produttività, efficienza e qualità per i clienti attraverso una gamma di industrie. I suoi prodotti includono alternatori, motori elettrici e azionamenti, dispositivi elettrici di distribuzione e trasmissione di potenza meccanica, l’automazione dei fluidi e soluzioni di giunzione a ultrasuoni. I brand Emerson includono Appleton, ASCO, ultrasuoni Branson, Browning, Control Techniques, KOP-FLEX, Leroy-Somer, McGill, Morse, Numatics, OZ / Gedney, Rollway, Sealmaster e System Plast. Per maggiori informazioni, visitare EmersonIndustrialAutomation.com

Emerson Industrial Automation introduces two new operating displays The new energy display features two conveyors operating side-by-side, and viewers can visually monitor an energy saving that averages over 20%

T

he new energy display features two conveyors operating side-by-side. One is equipped with industry standard acetal and UHMW components, while the other uses NG chain with Nolu-S wear strips and guides. Viewers can visually monitor an energy savings that averages over 20%. Reducing energy costs can have a significant impact on the ability for a company to secure a brands success. Additionally, lowering water consumption is critical to personal and corporate sustainability in many countries. The shortage of fresh water has an even greater impact in many emerging countries. In the next five years it is expected that several countries will begin to import water. The lower coefficient of friction provided by the NG and Nolu-S products allow highspeed running beverage plants more opportunities to run dry versus the traditional soap and water lubrication. Most food and

24

beverage companies have corporate goals for water use reduction. Traditional soap and water operations use 4 to 7 times more water in production than they produce in product. By changing to dry running operations plants can save money in water, water reclamation and soap expense while improving worker safety. Emerson will also showcase a new demo of the Multidirectional Roller Top chain in action in a new operating display. The new 2253 RST Series plastic belting provides logistical flexibility in product handling. The 2253RT can be utilized in a system to orient the product for specific labeling or packing requirements. It can also divert product to crossing conveyors for truck queuing, size and order sorting and other requirements. The system provides new efficiency for packaging operations, catalog and multi-line distribution facilities to sort by

FOOD INDUSTRY

customer or geographic location. It also allows for accumulating lines to consolidate material and reduce the friction properties of traditional black belt for efficient handling. Emerson Industrial Automation, a business of Emerson, is a global technology provider that enables productivity, efficiency and quality gains for customers across a spectrum of industries. Its products include alternators, electric motors and drives, electrical distribution devices and mechanical power transmission, fluid automation and ultrasonic joining solutions. Emerson brands include Appleton, ASCO, Branson Ultrasonics, Browning, Control Techniques, Kop-Flex, Leroy-Somer, McGill, Morse, Numatics, O-Z/Gedney, Rollway, Sealmaster and System Plast. For more information, visit EmersonIndustrialAutomation.com.


¿Qué Ocurre Cuando No Preservamos Los Recursos Naturales del Planeta?

La reducción en el consumo de agua es un objetivo importante para la industria embotelladora alrededor del planeta. Eliminar agua y lubricante de los sistemas de transportadores es un método probado para conseguir este objetivo. System Plast con su vasta experiencia y variedad de productos, permite implementar soluciones en sus transportadores, reduciendo el consumo de agua, energía, ruido y mejorando la eficiencia en su equipo.

Emerson, Emerson. Consider It Solved., Emerson Industrial Automation and System Plast are trademarks of Emerson Electric Co. or one of its affiliated companies. ©2011 Emerson Power Transmission Corp., All Rights Reserved. MCAD11024S • Form 9489S • Printed in USA

Contacte a System Plast México al +52 33 3688 0024 para mayor información visite nuestra página web www.emerson-ept.com

Para más información

@FoodBevSustain FoodBevSustain


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

Roxtec acquisisce Sleev-it

Roxtec acquires Sleev-it

Un ulteriore passo del Gruppo Roxtec nell’ampliamento della propria offerta.

This is a new step in the Roxtec Group’s ambition to broaden its offer

E

E

stende il suo campo di attività nell’ambito della sicurezza dei sistemi di sigillatura Roxtec, azienda svedese leader nei sistemi di sigillatura per cavi e tubi, annuncia l’acquisizione della società britannica Sleev-it Fire Systems Ltd. Roxtec fornisce sistemi di sigillatura per cavi e tubi di diverse dimensioni per una vasta gamma di applicazioni, settori ed industrie. I passaggi Roxtec, sono utilizzati, per esempio, da grandi armatori, studi di progettazione e cantieri navali per garantire la sicurezza e affidabilità nel tempo. Sleev-it fornisce sistemi di sigillatura resistenti al fuoco per tubi in plastica per il settore navale - crociere. L’organizzazione Roxtec, a livello mondiale, renderà questi prodotti disponibili per tutto il settore navale. L’acquisizione rende Roxtec un fornitore ancora più versatile per la sicurezza dei sistemi di sigillatura in ambito navale. “Aggiungiamo alla nostra gamma di prodotti, un vasto knowhow, nonché una serie di sistemi di sigillatura antincendio leggeri per tubi in plastica, soddisfando ulteriormente le esigenze dei cantieri, sia per nuove costruzioni, che per attività di retrofit” spiega Ola Weidenberg, Executive Vice President, Global Marketing di Roxtec.

xtends its field of operation within safety seals Swedish cable and pipe sealing solution provider Roxtec announces its acquisition of UK-based Sleev-it Fire Systems Ltd. Roxtec provides seals for single and multiple cables and pipes of different sizes for a wide range of applications, sectors and industries. Roxtec cable and pipe transit systems are, for example, used by major shipowners, design firms and shipyards in the cruise industry to ensure safety and long-term operational reliability. Sleev-it provides fire penetration seals for plastic pipes for the cruise industry. The globally active Roxtec organization will make these products available to the wider marine community. The acquisition makes Roxtec an even more versatile maritime safety solutions provider. ”We add extensive know-how as well as a range of light-weight fire penetration seals for plastic pipes to our portfolio and will thereby be able to assist shipyards further during new build and retrofit projects,” says Ola Weidenberg, Executive Vice President, Global Marketing of Roxtec.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

Soluzioni di machine vision Le funzionalità delle telecamere BOA continuano a crescere velocemente e in alcune applicazioni assicurano velocità fino a 10 volte più elevate

i

Nspect Express versione 1700, l’ultima release del software per le telecamere BOA di Teledyne Dalsa, rappresentata in Italia da Image S, introduce nuove funzionalità, migliora le prestazioni e offre una facilità d’uso ancora maggiore. Concepite per applicazioni di ispezione automatizzata e assicurazione della qualità, le telecamere BOA offrono soluzioni di machine vision a costi accessibili per gli utenti finali nei più svariati settori industriali. Grazie all’interfaccia del software iNspect Express, utenti con qualsiasi livello di esperienza e competenza possono impostare e implementare soluzioni di visione senza alcuna programmazione di codice. “Le funzionalità delle telecamere BOA continuano a crescere velocemente,” sottolinea Marco Diani, uno dei titolari di Image S. “Questa recente versione del software iNspect Express migliora ulteriormente le prestazioni di BOA nelle attività di ispezione, introducendo al tempo stesso numerose nuove funzionalità richieste da un parco clienti in costante e rapido ampliamento.” iNspect Express 1700 offre, ad esempio, algoritmi ottimizzati per ricerche a 360 gradi, riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) e lettura di codici a barre bidimensionali, oltre

a strumenti di calibrazione avanzati. Queste migliorie assicurano maggiore robustezza e affidabilità, oltre a velocità fino a 10 volte più elevate in alcune applicazioni. Un’altra novità è il nuovo applicativo per PC, che consente di visualizzare le immagini e i risultati di diverse telecamere BOA su un unico schermo. Gli operatori possono così monitorare la produzione, modificare i file di lavoro delle telecamere e consultare lo storico delle ispezioni di tutte le telecamere BOA collegate alla rete locale. Oltre a queste evoluzioni funzionali, il software iNspect Express 1700 ha apportato miglioramenti all’interfaccia utente. Lo strumento di script integrato è stato potenziato con nuove funzioni e un correttore della sintassi; è stato aggiunto un editor di stringhe per semplificare l’implementazione con apparecchiature di terze parti ed è stata implementata la gestione interattiva degli strumenti per assistere gli utenti nella fase di sviluppo del programma. Disponibili in un’ampia gamma di risoluzioni e velocità, le telecamere BOA possono essere integrate facilmente e velocemente in qualsiasi ambiente di fabbrica, grazie a diverse opzioni per l’interfacciamento con l’impianto.

Machine vision solutions The functionality of BOA smart camera continues to advance at a rapid pace and in some applications they provide over 10 times speed improvement

i

Nspect Express version 1700, the latest release of the software for Teledyne Dalsa BOA smart cameras, represented in Italy by Image S, adds new features, improves performance, and offers even greater ease-ofuse. Designed for automated inspection and quality assurance, BOA smart cameras provide cost-effective machine vision solutions for end-users across a broad spectrum of industries. The iNspect Express software interface allows users of all experience levels to setup and deploy solutions with no programming required. “The functionality of our BOA smart camera continues to advance at a rapid pace,” says Marco Diani, member of the board of Image S. “With this latest version of iNspect Express software, we are again improving the inspection performance of BOA, while at the same time incorporating many new features requested by our fast-growing

28

customer base.” iNspect Express 1700 introduces optimized algorithms for 360° search, optical character recognition (OCR) and 2D matrix reading, as well as improved calibration tools. These optimizations provide greater robustness and over 10 times speed improvement in some applications. Also introduced with this release is a new PC-based application for displaying images and results from multiple BOA cameras on the same screen. Operators using this application can monitor production, change job files and review inspection history of any BOA connected to the local network. In addition to these core optimizations, iNspect Express 1700 software includes improvements to the user interface. The built-in script tool has been enhanced with new functions and a syntax checker, a new string editor has been embedded to simplify integration with third

FOOD INDUSTRY

party equipment, and interactive tool management has been implemented to assist users during program development. Available in a range of resolution and speed models, BOA smart cameras can be quickly integrated into the factory enterprise and offer various methods for interfacing on the factory floor.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Il meglio dell’innovazione e della ricerca avanzata Fluidtrans Compomac e Mechanical Power Transmission & Motion Control, appuntamenti di riferimento per potenza fluida, trasmissioni meccaniche e meccatronica

F

luidtrans Compomac e Mechanical Power Transmission & Motion Control non solo i offriranno la possibilità di valutare i componenti e i sistemi più innovativi disponibili sul mercato, grazie alla proposta di aziende altamente rappresentative del comparto, ma, grazie alle Aree dell’Innovazione Applicata, tecnici, progettisti e costruttori di macchine, impianti e sistemi potranno “toccare con mano” esempi applicativi, prototipi e soluzioni. Esempi di eccellenza in mostra Mesap, il Polo della Meccatronica e dei Sistemi Avanzati di Produzione, è uno dei dodici Poli di Innovazione costituiti dalla Regione Piemonte. Tra i progetti messi recentemente a punto con l’ausilio del Laboratorio di Meccatronica del Politecnico di Torino (nonché di alcune aziende operanti in ambito industriale e aeronautico), sarà presentato EHA-INAVICO un sistema di attuazione elettroidrostatica che può trovare

utilizzo in ambiti di attuazione di potenza, automazione, controllo attivo e passivo delle vibrazioni. Sempre a cura del Politecnico di Torino, in collaborazione con Mesap, verranno presentati l’idea progettuale, la metodologia e i risultati ottenuti nell’ambito del progetto APMD. Si tratta di una ricerca condotta in ambito di cuscinetti attivi e passivi a levitazione magnetica per alberi rotanti, che ha portato alla realizzazione di un prototipo che riproduce un mandrino su cinque assi in sospensione magnetica attiva con attuatori a profilo conico controllati con una tecnica di pilotaggio innovativa. FAROS – Framework Automation Real-time Open Source, sempre sviluppato da Mesap in collaborazione con Politecnico di Torino e altri soggetti, è un insieme di moduli hardware e relativo software per lo sviluppo e la prototipazione di sistemi meccatronici complessi caratterizzato dalla completa apertura sia dal punto di vista tecnico che legale (Open Source) che trova applicazioni nei sistemi meccatronici, nella prototipazione attuazioni elettriche e nell’automazione industriale. CNR-Imamoter. Imamoter è l’Istituto di ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) in cui sono confluite tutte le attività di ricerca relative alle macchine agricole e movimento terra. CNR-Imamoter presenta alcune attività di ricerca applicativa, fra cui i risultati di un progetto per la gestione avanzata della cilindrata di pompe oleodinamiche (circuito

chiuso e circuito aperto), scaturita nella prototipazione hardware e software di una piattaforma di comando configurabile per trasmissioni idrostatiche e di una logica flessibile per la compensazione della portata in applicazioni a circuito aperto, con la possibilità di adattare il prodotto a contesti applicativi ed esigenze diverse dell’utilizzatore. Soluzioni per l’energia Realizzato dal Dipartimento di ingegneria meccanica e aerospaziale del Politecnico di Torino e Wave for Energy, spin-off del Politecnico di Torino, ISWEC è un prototipo di sistema di generazione di energia da moto ondoso per la produzione di energia da fonti rinnovabili (in specifico, conversione dell’energia delle onde). Basato su un sistema giroscopico capace di sfruttare la pendenza del fianco dell’onda per produrre energia, è particolarmente indicato per applicazioni in mari chiusi quali il Mediterraneo. Verranno presentati i risultati definitivi anche a seguito di un intenso lavoro di sperimentazione applicata. Sono state sviluppate dal Dipartimento di Ingegneria di Tecnologia dell’Informazione, Elettrica e Navale (DITEN) della Facoltà di Ingegneria di Genova, soluzioni avanzate per l’ interoperabilità di sistemi multibus con diagnostica on line e remota. Si tratta di soluzioni che permettono di integrare su applicazioni diverse (dall’interfaccia uomo/ macchina fino alla supervisione) dati provenienti da sistemi aventi comunicazione su protocolli differenti. Ne consegue una manutenzione e diagnostica integrata nei sistemi e la contemporanea gestione di sistemi multibus, che garantiscono la possibilità di avere per ciascuna parte del sistema di automazione il protocollo di comunicazione che meglio soddisfa ai requisiti del processo da controllare. La possibilità di gestire da remoto la diagnostica delle reti di comunicazione è sicuramente un forte upgrade in quello che sono fino ad oggi le funzionalità di base della manutenzione, che spesso riguarda la parte di campo, ma non l’infrastruttura di comunicazione vera e propria, che nei sistemi di automazione oggigiorno rappresenta lo scheletro essenziale.

The very best of innovation and advanced research Fluidtrans Compomac and Mechanical Power Transmission & Motion Control, the foremost events for fluid power, mechanical transmission and mechatronics

30

FOOD INDUSTRY

F

luidtrans Compomac and Mechanical Power Transmission & Motion Control will not only offer an opportunity to evaluate the most innovative components and systems now on the market, thanks to the exhibits rolled out by leading companies of the industry but, thanks to the Applied Innovation Areas, technicians, engineers and manufacturers of machinery, solutions


and systems will get a chance to verify first-hand how modes of employ of systems and components manufactured by exhibiting companies and top-ranking manufacturers have boosted applications, prototypes and solutions. Excellence lords it over Mesap, the mechatronics and advanced production system pool, is one of the twelve innovation pools based in Piedmont. Its recent achievements, in co-operation with the Polytechnics of Turin (as well as with some companies operating in industry and aeronautics), will unveil EHA-INAVICO, an electro-hydrostatic actuation system which can be employed for power actuation, automation, active and passive vibration control. Still under the aegis of Turin’s Polytechnics and in co-operation with Mesap, the show will display the concept, methodology and results reached in the ambit of the APMD project. This research project focuses on magnetic levitation active and passive bearings for rotating shafts. The prototype achieved reproduces a chuck on five axes in active magnetic suspension fitted with a conical-shaped actuator and controlled through innovating Digital Signal Processing piloting technology (DSP). FAROS-Framework Automation Real-Time Open Source, still developed by Mesap and the co-operation of Turin’s Polytechnics and others, is a set of hardware modules and relative software for the development and prototypation of complex mechatronics systems characterized by open sourcing, both technical and legal, which may be applied to mechatronics, prototypation, electric actuation and industrial automation. CNR-Imamoter. Imamoter is the research institute of the Italian National Research Center (CNR), which deals with research in farming technology and earth-moving machinery. CNR-Imamoter rolls out some of its achievements and, among other things, a project for advanced management of hydraulics displacement pistons (open and closed circuits), triggered through prototypation of hardware and software in a command platform that can be configured for hydro-static transmission and by way of flexible logics for flow regulation. This is applicable to open circuits and may be adapted to applications tailored for different exigencies of the user. Solutions For Energy Developed by Mechanical and Aerospace Engineering Department of the Polytechnics of Turin and by Wave for energy, a spinoff of the Polytechnics of Turin, ISWEC is the prototype of a system for wave motion energy generation for the production of energy from renewable sources and, in particular, waves. Based on a gyroscope system that can use the inclinations of wave sides to generate energy, it is particularly useful for applications on closed seas like the Mediterranean. The final findings of the research presented follow an intense applied experimentation period. The Information, Electric and Naval Department of Engineering and Technology (DITEN) of the Engineering Faculty of Genoa presents advanced solutions for the inter-operativeness of multibus systems with remote online diagnostics. Such solutions enable integration on a range of divers applications (from man/machine interface down to supervision) of data coming from systems having communications under different protocols. As a result, maintenance and diagnostics are integrated in the systems and concurrent management of multibus systems ensures the possibility to have for each part of the automated system the communication protocol that best meets the requirements of the process to be controlled. Remote diagnostic management of communication networks greatly upgrades works that embrace all base functionalities and maintenance, which often concern field area but not the communication infrastructure true and proper, which in today’s automated systems represent the essential backbone.

Soluzioni Food & Beverage Festo, il partner qualificato lungo tutta la catena produttiva: dai processi continui a quelli in zone a contatto con gli alimenti e splash, fino al confezionamento end-line. Tutto da un unico fornitore.

www.festo.it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Giunti a soffietto serie “BK”, torsionalmente rigidi e flessibili L’alto livello di personalizzazione del prodotto permette al giunto a soffietto serie BK di essere una soluzione tecnicamente ed economicamente vantaggiosa

1

L

2

32

a serie di giunti a soffietto “BK” (foto 1) della ditta R + W è stata sviluppata per seguire le sempre più esigenti specifiche tecniche del mercato dell’automazione industriale. Il giunto è composto dai mozzi per il calettamento sugli alberi da collegare e dal soffietto, che assolve il compito di elemento centrale di compensazione. I mozzi sono costruiti in alluminio fino a valori di coppia nominale pari a 80 Nm, oltre, il materiale di fabbricazione è l’acciaio. Il soffietto invece è in acciaio inox ad alta flessibilità. Su richiesta è possibile prevedere la fornitura di giunti interamente costruiti in acciaio inox. Il giunto a soffietto è la soluzione di collegamento in grado di garantire il più alto valore di rigidità torsionale.

FOOD INDUSTRY

L’elevata rigidità torsionale permette infatti una trasmissione della coppia precisa e priva di gioco angolare in quanto la struttura del giunto non si deforma, anche in presenza di elevate sollecitazioni torsionali. Eventuali disallineamenti, degli alberi collegati, in direzione assiale, angolare o laterale vengono compensati dal soffietto metallico che consente al giunto un buon livello di flessibilità laterale. L’elasticità laterale del giunto gli permette di generare forze di reazione molto basse, salvaguardando così la durata degli altri componenti della trasmissione. Questo fattore è estremamente importante nelle applicazioni ad alta dinamica e velocità. Allungando o accorciando il soffietto è inoltre possibile aumentare o diminuire la rigidità torsionale del giunto e la sua capacità di compensare i disallineamenti degli alberi. Il peso ridotto e conseguentemente il basso valore di momento di inerzia di massa è un ulteriore vantaggio offerto da questa serie di giunti. Nella versione con equilibratura di precisione sono raggiungibili velocità di rotazione fino a 50.000 giri/min. Queste caratteristiche permettono al giunto di garantire una trasmissione bilanciata riducendo al minimo la possibilità di generare oscillazioni e vibrazioni. All’interno della gamma dei giunti a soffietto R+W, il progettista potrà trovare una vasta scelta di soluzioni per il calettamento del giunto sugli alberi, associate alla possibilità di ottimizzare procedure e tempi di montaggio del giunto stesso, come ad esempio la versione scomponibile con innesto conico frontale. Le sue caratteristiche prestazionali a la sua ampia gamma fanno del giunto a soffietto serie BK, la scelta più adeguata e più versatile per l’applicazione nei seguenti settori: centri di tornitura, monomandrino e plurimandrino, macchine transfer, fresatricialesatrici, rettificatrici, macchine lavorazione e deformazione lamiera, e automazioni a bordo macchina. L’alto livello di personalizzazione del prodotto in termini di fissaggio sugli alberi, montaggio e gestione dei parametri più importanti quali rigidità torsionale e compensazione dei disallineamenti, permettono al giunto a soffietto serie BK di essere una soluzione tecnicamente ed economicamente adeguata per la motorizzazione degli assi e per il collegamento al motore di strumenti per la retroazione e il controllo. (foto 2)


Limitari di Coppia | Giunti a Soffietto | Serie Mini | Giunti a Elastomero | Allunghe | Giunti Lineari

Bellow couplings Series BK, torsionally rigid and flexible Product high customization enables the bellow coupling of Series BK to stand out as the most technically and economically advantageous solution

SICUREZZA IMMEDIATA ED AFFIDABILE. COME EVITARE COSTI AVARIE E MANUTENZIONI.

T

he BK series (pic. 1) of R+W Italia bellow couplings has been developed to meet the ever demanding technical requirements of industrial automation market. The coupling is composed of the clamping hubs on the shafts to be connected and a bellow, for central compensation. The hubs are in aluminium up to 80 Nm nominal torque and higher in steel. The bellow is made in highly flexible stainless steel. Yet, upon request bellows can be made entirely in stainless steel. The bellow coupling is the right solution to connect rotating shafts able to guarantee the highest torsion rigidity, which grants accurate transmission and no angular backlash since the coupling does not lose its shape even under high torsion stress. Any misalignments between the shafts to be connected, be it axial, angular or lateral, are easily compensated by a metal bellow, which on the other hand gives the coupling a good side flexibility. Side elasticity enables the coupling to generate very low reaction force, so protecting the durability of other transmission components. This feature has remarkable importance in highdynamics and speed applications. By extending and shortening the bellow is possible to increase or decrease its torsion rigidity and its capacity to compensate any misalignment on the shafts. More compact and low moment of inertia are further benefits offered by this line of couplings. In the version with accuracy balancing it is possible to reach rotation speed of up to 50,000 revolutions/min. These features enable the coupling to guarantee balanced transmission, reducing oscillations and vibrations down to the minimum. The R+W series of bellow couplings offers a broad choice of clamping solutions for the hubs on the shafts, solutions to optimize the installation procedure and time of the coupling, such as the modular version with conic frontal coupling. The performance and extensive range offered by the Series BK of bellow couplings make them the best and most versatile solution for the application in the following sectors: Singlespindle and multispindle turning centres; Transfer machines; Moulding-boring machines; Grinding machines; Sheet processing and shearing machines; On-board automations. High customization of shaft setting, setting and management of the most important parameters such as torsional rigidity and misalignment compensation, enables the bellow coupling of Series BK to stand out as the most technically and economically advantageous solution for axes motorization and to connect retrofit and control equipment to the motor. (pic. 2)

CONCENTRATO DI PRESTAZIONI. SERVOMAX ®. COMPATTO, PRECISO, ECONOMICO.

SOLUZIONE UNICA. ASSEMBLAGGIO VELOCE – ALTA PRODUTTIVITÀ.

IL GIUNTO PERFETTO. DA 0,1 A 10.000 NM. R+W Italia Srl. | Tel. 02 262 641 63 | E-Mail: info@rw-italia.it | Internet: www.rw-italia.it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Servire ben caldo! Le termocoperte CAP IT nel settore alimentare, il riscaldamento omogeneo e controllabile

A

lcune materie prime largamente utilizzate nell’industria alimentare richiedono una conservazione a basse temperature, in celle frigorifere che ne impediscano il deterioramento. Tutti i tipi di burro, creme, oli vegetali, salse, per citarne alcuni, subiscono questo trattamento che però addensa o addirittura solidifica i prodotti rendendoli difficili da lavorare. Per poter entrare a far parte del ciclo produttivo occorre quindi riportare gli alimenti a una temperatura più alta, che ne consenta il corretto utilizzo. Uno dei contenitori classici, ampiamente diffuso per lo stoccaggio di molti alimenti è la

cisternetta da 1000 litri realizzata in materiale plastico e su questo tipo di contenitore e sull’esigenza di riscaldarne il contenuto si è concentrata CAP IT, realizzando le sue termocoperte (già ampiamente utilizzate nei più disparati settori industriali) in un formato e con le caratteristiche necessarie all’uso. E’ stato così creato un modello dedicato, una fascia che avvolge l’intera struttura che oltre a rispondere perfettamente alle esigenze di riscaldamento in modo omogeneo e perfettamente controllabile, è realizzato in materiale molto robusto ma leggero al tempo stesso, con chiusure in velcro; tali caratteristiche

consentono il posizionamento anche a un singolo operatore. Due sono i modelli principali disponibili, differenziati a seconda del tipo di controllo di temperatura che si desidera ottenere. Il primo, più semplice, è dotato di un termostato interno che consente di regolare la termocoperta e di portarla al grado desiderato in fase di progettazione e di mantenerlo in modo costante e stabile. Il secondo è invece indicato quando l’esigenza è variare a seconda dei casi le temperature di utilizzo. Dotato di una centralina che monta al suo interno un regolatore digitale preciso e semplice da utilizzare, è un’ottima soluzione per prodotti delicati e/o eterogenei con diverse temperature di lavorabilità. Oltre ai modelli standard per cisternette e fusti, CAP IT realizza anche modelli personalizzati, grazie alla progettazione e alla produzione eseguite al suo interno. Le termocoperte standard hanno un’altezza di 100 cm e una lunghezza di 440 cm; sono realizzate in poliestere resinato idrorepellente; il cavo riscaldante è di tipo PTFE; alimentazione 230Vac 50 Hz; temperatura massima di esercizio 70°C; potenza 3 KW; peso 7 Kg. Prestigiose industrie alimentari, nomi noti del settore, impiegano con successo le termocoperte CAP IT nei loro processi produttivi. L’azienda nata nel ’96 alle porte di Milano, è una realtà d’eccellenza nel mercato internazionale dei dispositivi per la misurazione della temperatura e non solo. Tecnologia, prodotti di altissima qualità, spesso “pezzi unici” studiati sulle specifiche esigenze del cliente portano alla risoluzione dei più svariati problemi là dove il fattore temperatura è determinante. Le termocoperte ne sono un esempio concreto.

To be served hot! CAP IT thermal covers for the food industry, even and controllable heating

S

ome broadly used raw materials of the food industry need being preserved at low temperature, in cooling cells that prevents them from going off. All types of butter, cream, vegetal oil, sauce just to name some but few, undergo this treatment, which on the other hand thickens or even solidifies products making them difficult to be treated. Therefore, to enter the production cycle, we have to keep food at higher temperature for their correct use. A classic container, broadly used to store many foodstuffs, is the little tank with capacity 1000 litres, made in plastic material; CAP IT has focused its attention on this kind of container and the requirement of heating its content. CAP IT has built thermal covers (already wellknown in many different industrial sectors) with format and features according to specific requirements.

34

That is how a dedicated model has been created; a belt wrapping the whole structure that as well as meeting even and controllable heating requirements perfectly well, it is also built in sturdy albeit light material, provided with Velcro closure. Such features enable one single operator to perform the positioning. Two main models are available, according to the temperature control requested. The first model is the simplest, equipped with inside thermostat to regulate the temperature of the cover and set the temperature degree during engineering and keep it stable and constant. The second model is recommended when temperature needs varying depending on the use. Equipped with control board with digital regulation, accurate and user friendly, this is an excellent solution for delicate and/or a heterogeneous group of products requiring different processing temperatures.

FOOD INDUSTRY

In addition to standard models for little tanks and kegs, CAP IT also produces customized models which are engineered and produced in house. CAP IT standard thermal covers are 100 cm high and 440 cm long, are in watertight resin polyester; their heating cable is PTFE type; 230Vac 50 Hz power; running temperature is 70° C max; power 3 KW; weight 7 Kg. Important food industries, well-known in the sector, successfully use the CAP IT thermal covers in their production processes. The company was established in Milan in 1996 and has become an excellence reality in international market of temperature reading devices, and not only. Technology, top quality products, often “unique”, studied upon customer’s specific requirements, solve many and diverse problems where just the temperature is the crucial factor. The thermal covers are real evidence of that.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Affidabilità e prestazioni di alto livello I vibrovagli Vibrowest Vengono progettati per essere completamente adattati alle esigenze della clientela, inserendosi perfettamente in qualsiasi linea di produzione

O

ltre 45 anni di esperienza nella produzione dei vibrovagli, progettazione ottimizzata ed efficiente hanno permesso a Vibrowest di raggiungere l’attuale elevato livello di affidabilità e prestazioni. I vibrovagli possono essere costruiti a richiesta del cliente in acciaio Inox Aisi 316, acciaio Inox Aisi 304, acciaio al Carbonio. A richiesta: certificazione ATEX, procedure FDA, IQ-OQ,GMP.

Nell’industria alimentare, i vibrovagli Vibrowest si inseriscono alla perfezione in tutte le linee e i due modelli più utilizzati sono: Modello MR. Il vibrovaglio circolare modello MR è utilizzato per separare solidi da liquidi o materiali secchi di dimensioni granulometriche fino a 33 micron. Di facile installazione, può realizzare fino a 5 separazioni con reti assemblate in un unico separatore. Il diametro delle reti varia da 440 mm a 1.800 mm. L’anello rete è di facile e veloce sostituzione e può essere corredato di sistemi di pulizia quali: palle, kleeners, starbrush, CIP e l’innovativo sistema a ultrasuoni. Modello VR. Progettati sulla base delle specifiche esigenze, i vagli rettangolari VR sono l’alternative ai vagli circolari, laddove le portate risultano essere elevate. Possono essere costruiti nei diversi materiali, acciaio

inox o al carbonio, per setacciare polveri e granuli di qualsiasi prodotto, fino a 4 separazioni. Sono molto utili nelle eventualità in cui il prodotto debba essere trasportato da un punto all’altro. Semplicità, facilità di manutenzione e affidabilità sono l’arma in più di queste macchine. Applicazioni alimentari Entrambi i modelli, sono applicabili in svariati processi di lavorazione riguardanti la Food Industry. L’azienda applica rigidi standard che prevedono la totale composizione del macchinario in acciaio inox (304 – 316L) parti a contatto comprese, l’utilizzo di una speciale colla alimentare certificata per quanto riguarda il fissaggio della rete e, a seconda delle esigenze della clientela, la saldatura della stessa, in modo da non permettere alcuna contaminazione nel prodotto trattato. I vibrovagli Vibrowest sono fondamentali per la separazione di granuli di tutte le dimensioni, la depolverizzazione, la separazione solido/ liquido e possono processare prodotti secchi o viscosi. Vengono inoltre progettati per essere completamente adattati alle esigenze della clientela, inserendosi quindi perfettamente in qualsiasi linea di produzione, ottimizzandone il processo, semplificando i passaggi e riducendo notevolmente le tempistiche di lavorazione, garantendo un elevato standard qualitativo al prodotto finale.

High-level reliability and performance Vibrowest sieves are tailored to meet customers’ requirements and can be installed in any production facility

V

ibrowest has more than 45 years’ experience in sieving technology. Its machines are extremely durable and reliable, attaining high levels of productivity. Vibrowest can custom manufacture machines incorporating any of the following features: Carbon steel construction; AISI 304 stainless steel construction; AISI 316 stainless steel construction; ATEX certification; FDA IQ-OQ compliant; GMP certification; Stainless steel only contact points; Adhesive or welded points of material contact to meet your requirements. Vibrowest vibrating screens have numerous applications in the food processing, and these are the most commonly used models: MR Model. The MR model has the ability to separate solids from liquids and process dry material. Particle sizes that can be separated are from 51mm to .033mm(400 mesh). Up to 5 separations with 4 screen decks can be

36

integrated in one machine. Standard model sizes are from 440mm to 1,800mm. Ease of installation make the MR an easy addition to your production line. Screen changes are quick and easy. Optional equipment that can be added to handle difficult material or increase throughput include, a ball cleaning system, starbrushes, CIP and an innovative ultrasonic cleaning system. VR Model. VR rectangular sieves are custom manufactured to meet your specifications. VR rectangular sieves are an alternative to a circular screen when high output is required. VR rectangular sieves are available in both stainless and carbon steel. The separation of powders and granules with up to four separations can be accomplished. As an added bonus, the VR rectangular sieve can be used for transporting material from point to point with the added bonus of being able to

FOOD INDUSTRY

separate during the material transport. The VR series of machines are renowned for their simplicity and reliability. Food Applications The Vibrowest Models (specify models) are well suited to a variety of processes in the food industry. The machines are available in grade 304 or 316 stainless steel for uses involving direct contract with foodstuffs. Adhesives certified for food contact are used to affix the mesh. Welded mesh is also available to meet the customers’ needs. Vibrowest sieves perform the functions of dust removal, liquid to solid separation, and dry material separation essential in today’s food processing environment. Vibrowest sieves are custom designed and manufactured to meet your requirements, this insures an easy installation in your production facility. High product throughput, durability, easy maintenance, and long service life are hallmarks of Vibrowest machines. Please contact Vibrowest to discuss your needs, they will offer you solutions.


Passion in vibration

 

   

   





    

 

          

  


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

Il risparmio energetico riguarda tutta l’industria $ $ $$

$

$

$ $ $$

$

$

Un elemento nuovo nel dibattito sulla sostenibilità, e che l’industria alimentare dovrà affrontare, è il concetto di “acqua virtuale”

S

econdo una statistica del Ministero federale per l’alimentazione, l’agricoltura e la tutela dei consumatori il consumo energetico delle aziende produttrici alimentari, in Germania, nel 2009, è ammontato a 217.656 terajoule. Il bilancio dell’industria della trasformazione alimentare, cioè le aziende che trasformano le materie prime agricole negli alimenti che acquistiamo nei supermercati, è stato di 3.552.020 terajoule. Un terajoule equivale a 1.000.000.000.000 joule (un bilione). Un joule equivale a 4,2 calorie circa. È evidente che ogni joule risparmiato o sfruttato meglio significa meno emissioni, meno gas serra, e naturalmente, costi di produzione inferiori. L’industria alimentare tedesca si è già attestata su un alto livello ecologico, anche a causa della severa legislazione ambientale. La consapevolezza ambientale è spiccata. Altrettanto alta è la motivazione per una gestione responsabile delle materie prime agricole e per dischiudere nuove modalità dirette ad incrementare l’efficienza della produzione alimentare. L’industria alimentare punta su continue migliorie, soprattutto per quanto riguarda l’utilizzazione degli ingredienti grezzi. Rientra in questo ambito anche il cosiddetto uso “a cascata” delle sostanze grezze, ovvero un utilizzo esteso su più fasi di lavorazione possibili riducendo così,

38

di fatto, il consumo delle risorse. Ne è un esempio l’utilizzazione dei sottoprodotti e dei residui della produzione alimentare per la produzione di mangime o l’alimentazione degli impianti a biogas. Il risparmio energetico riguarda l’industria Per apetito AG, un’azienda di Rheine specializzata in piatti pronti, la generazione del freddo è molto importante per la preparazione dei piatti surgelati. La apetito genera il freddo con compressori dotati di motore elettrico. L’azienda sfrutta quindi il calore residuo mediante un vasto sistema di recupero del calore. Il sistema fornisce l’intero fabbisogno di acqua calda per le zone di cottura e il fabbisogno di acqua bollente per le operazioni di pulizia. Riscalda inoltre i locali amministrativi della sede aziendale. Altri accorgimenti tecnici, quali camere d’equilibrio supplementari, impianti di refrigerazione con compressori controllati da microprocessori e percentuali in volume, contribuiscono a rendere lo sfruttamento energetico ancora più efficiente. Anche Carlsberg Deutschland è continuamente impegnata ad ottimizzare il consumo energetico. Un vasto sistema di controllo energetico crea trasparenza e sta alla base dell’ottimizzazione. In azienda il sistema rileva e visualizza online il consumo e lo stato di funzionamento

FOOD INDUSTRY

energetico in più di 1.000 punti di misura, consentendo così al personale di intervenire immediatamente in caso di variazioni rispetto ai valori richiesti. Tra i provvedimenti adottati per incrementare l’efficienza energetica è da segnalare la centrale di cogenerazione del birrificio Holsten del gruppo Carlsberg ad Amburgo: mentre il metano viene combusto in una turbina accoppiata a un generatore, l’impianto consente di sfruttare sia l’energia cinetica per la produzione di corrente, sia il calore residuo per la produzione del vapore di processo. Il vapore viene interamente utilizzato nel birrificio per la fabbricazione della birra, mentre l’elettricità serve per alimentare i numerosi motori elettrici del birrificio. L’impianto è quasi sempre attivo in stato ottimale, contribuendo quindi ad un’efficienza ancora maggiore. Per quanto l’acqua abbondi, non basta mai L’ottimizzazione dello sfruttamento delle acque di processo e del trattamento delle acque di scarico può contribuire considerevolmente ad una gestione aziendale oculata. Inoltre, l’industria alimentare, come del resto noi tutti, dipende dall’acqua pulita, perché un qualsiasi alimento per essere prodotto la richiede. Tuttavia buona parte dell’acqua globalmente disponibile non è potabile o utilizzabile, oppure può essere resa fruibile soltanto con un note-


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

vole dispendio energetico. L’industria alimentare perciò già da diversi anni punta attraverso una serie di piccoli passi al risparmio e al recupero dell’acqua. Tali sforzi mirano alla realizzazione di una gestione idrica, energetica e dei flussi dei materiali efficiente e ad integrare la protezione ambientale nel ciclo produttivo attraverso diversi approcci. Fa da battistrada in questo campo la Kellogg a Brema con il suo impianto di recupero dell’acqua industriale, che supera di gran lunga i criteri di ecocompatibilità richiesti dalle autorità. Attraverso un procedimento di condensazione le acque di scarico vengono depurate riducendo il fabbisogno complessivo di 250.000 metri cubi di oltre la metà. L’azienda in Germania ha investito nove milioni di Euro nell’impianto di riciclo dell’acqua di produzione, divenendo un precursore internazionale nel campo del trattamento consapevole delle risorse naturali. Oggi gestisce una delle poche fabbriche di trasformazione dei cereali al mondo dotata di un circuito chiuso delle acque. Nel gennaio 2009 Kellogg ha pubblicato il primo rapporto sulla responsabilità aziendale, fissando come obiettivo inderogabile l’abbassamento del consumo energetico ed idrico totale del 20 per cento entro il 2015, la diminuzione dei gas di scarico inquinanti e la riduzione al minimo dei rifiuti per tonnellata di alimenti prodotti. Un elemento nuovo nel dibattito sulla sostenibilità, e che l’industria alimentare dovrà affrontare, è il concetto di “acqua virtuale”. Tale parametro defini-

$$ $ $

sce la quantità d’acqua contenuta in un prodotto o servizio, o necessaria per la loro preparazione o realizzazione. Il calcolo dell’impronta idrica virtuale di un prodotto o un servizio consente di valutare le condizioni di produzione sotto il profilo ecologico. La coltivazione della frutta in un clima desertico ad esempio richiede più acqua rispetto ad una coltivazione in zone temperate. L’impronta idrica permette inoltre di illustrare le connessioni internazionali in tema di acque. In treno fino alla rampa di carico La logistica alimentare oggi è basata per lo più sull’autotrasporto. Una modalità ancora insostituibile purtroppo per la distribuzione capillare nei supermercati, ma le forniture di grandi quantitativi di merce e delle materie prime si presta invece al trasporto su rotaia. Ad esempio Kraft Foods Deutschland due volte la settimana lancia sulle rotaie il “treno logistico del caffè Jacobs”, che trasporta il caffè grezzo dal porto di Brema fino alla torrefazione di Berlino-Neukölln. Ogni convoglio è formato da 60 container, la lunghezza complessiva è di 510 m e contiene in totale 1.200 tonnellate di caffè grezzo. Con il trasporto ferroviario si evitano 6.500 viaggi su gomma l’anno. Il treno è in funzione da 15 anni e ha consentito di ridurre le emissioni di CO2 causate dal trasporto di due terzi, l’equivalente di 35.000 tonnellate circa. L’ottimizzazione è stata portata avanti anche passando dalle balle d’imballaggio ai cosiddetti container bulk. Ciò consente di trasportare c o n

FOOD INDUSTRY

$

$

ogni container un venti per cento in più di chicchi di caffè. Il container viene rivestito di un cosiddetto “inlet” e quindi riempito con chicchi di caffè sfusi, come un container per merce sfusa. Non mancano esempi di questo tipo nel settore dei prodotti pronti. Il birrificio Warsteiner ad esempio ha fatto costruire un intero terminal ferroviario per container nell’area della fabbrica e Berentzen ha riattivato vecchi binari in buone condizioni presso lo stabilimento di produzione e il magazzino centrale, distante circa 41 km, e può risparmiare in questo modo 5.000 viaggi su strada l’anno. Presto vi saranno possibilità vantaggiose sotto il profilo ecologico ed adottabili di serie anche per la distribuzione capillare. La Daimler AG punta ad esempio sulle tecnologie ibride che recuperano l’energia dissipata in frenata per caricare una batteria agli ioni di litio con raffreddamento ad aria. Un sistema stop-start spegne automaticamente il motore diesel non appena il veicolo rimane fermo per due secondi. Un motore elettrico provvede alla rimessa in moto come pure a fornire il supporto alla trazione in salita. L’energia dissipata in frenata recuperata aumenta l’efficienza del motore dell’undici per cento, le emissioni di CO2 si abbassano dal 10 al 15 per cento. Infine Mc Donald’s fa dei rifiuti una virtù. L’olio di frittura prodotto sul territorio nazionale non è più considerato come una voce problematica dello smaltimento, ma, trasformato in biodiesel, viene utilizzato come carburante per la flotta che rifornisce i ristoranti.

39


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

Energy saving is a concern for the whole industry A new aspect of the sustainability debate that the food industry has to address is that of “virtual water

40

FOOD INDUSTRY


B

ased on statistics from the German Ministry of Food, Agriculture and Consumer Protection, the German food production industry used a total of 217,656 terajoules of energy in 2009. That same year, the food processing industry, which processes raw agricultural materials and turns them into the food we buy at supermarkets, used altogether 3,552,020 terajoules. One terajoule represents 1,000,000,000,000 (i.e. one trillion) joules. One joule is the rough equivalent of 4.2 calories. It’s clear that every joule that is saved or more efficiently used will lead to fewer emissions and greenhouse gases — and of course fewer production costs. Last but not least, due to our strict environmental protection laws the German food industry is already working to very high environmental standards. There is great awareness of environmental issues here. The German industry is just as motivated to deal responsibly with agricultural raw materials and to achieve even greater efficiency in the food production cycle. In particular when it comes to the raw materials used, the food industry continues to seek constant improvement. This includes increasing use of cascade utilisation which aims to employ raw materials as comprehensively as possible across several phases of use, thus ultimately reducing resource consumption. This works for instance by using by-products and residual materials from the food production process in order to create animal feed or to power biogas systems. Saving energy is a concern for the industry For apetito AG, a ready-meal producer based in Rheine, refrigeration is an important key for producing its frozen meals. The company produces cold by using electric motorpowered compressors. Thanks to a comprehensive heat recovery system, the company is able to use the waste heat generated during the cooling process. The system delivers all of the hot water needed for the cooking and steaming areas as well as the hot water used for cleaning the plant. In addition, it heats the company’s administrative offices. Further measures, such as additional airlocks and cooling systems featuring microprocessor-operated compressors and volume ratios, also help to use energy as efficiently as possible. Carlsberg Deutschland is also constantly working on optimising its energy efficiency. The company achieves transparency by using a comprehensive energy controlling system, which is the basis for this energy efficiency optimisation. The system works by having more than 1,000 different points throughout the company that measure energy use and energy-related operating conditions and then visualise these online. This enables employees to react immediately to any deviations from the ideal values. A special measure for increasing energy efficiency is a cogeneration plant being used in the Holsten brewery in Hamburg, which is

owned by Carlsberg. By burning natural gas in a gas turbine connected to a generator, the plant allows the kinetic energy to be used for electricity production and the waste heat to be used for production of process steam. The steam is used up completely for producing beer at the brewery, while the electricity is utilised by its many electric motors. Since the plant is almost always used under optimal operating conditions, even greater efficiency is achieved. There’s a lot of water out there, but not enough Improving the use of process water and waste water treatment in the food industry is another important step toward creating and maintaining a sustainable economy. And like all of us, the food industry is dependent on water since almost no foodstuffs can be produced without

clean water. A majority of global water supplies however cannot be consumed or used — at least without investing a lot of energy in the process. That’s why for many years the food industry has focused on saving and reusing water through several small steps. These steps are to be further developed in conjunction with various integrated approaches in order to achieve efficient management of water, energy and material flow, and ultimately achieve production-integratedenvironmentalprotection. The Kellogg company in Bremen is playing a pioneering role with its recycling plant for domestic water, which clearly exceeds the authorities’ environmental regulations. A special condensation system cleans the accumulated waste water so effectively that the overall water need is reduced by 250,000 cubic metres, i.e. by more than half. Altogether the company has invested approximately nine million euros in the production water recycling plant in Germany, thus taking on a leading global position in terms of responsible management of natural resources. Today it operates one of the world’s few cereals plants using a closed water cycle. In January 2009 Kellogg published its first report on corporate responsibility, in which the company not only made a binding commitment to reduce overall energy and water consumption by 15 to 20 per cent by 2015, but also to cut greenhouse gas emissions and minimize the amount of waste produced per ton of food. Another new aspect of the sustainability debate that the food industry has to address is that of “virtual water”, which refers to the volume of water contained in a product or

FOOD INDUSTRY

service or the amount used to manufacture it. The environmental impact of production conditions can be assessed with the help of a product’s or service’s virtual water footprint. More water is needed to grow fruit in deserts than in temperate climates, for example. In addition, the water footprint makes it possible to depict international water relationships Transport to the loading ramp by train — a clean solution Food is mostly transported by trucks nowadays. Although there is no other way to distribute goods to individual supermarkets, large volumes of products and raw materials can also be transported by rail. Kraft Foods Deutschland, for example, operates a “Jacobs Kaffee Logistics Train” twice a week to bring raw coffee from the port of Bremen to the company’s roasting facility in Berlin’s Neukölln district. Each train is 510 metres long, consisting of 60 containers carrying a total of 1,200 tons of raw coffee. Transporting the coffee by train eliminates 6,500 truck trips per year. In the 15 years of its existence, the train has cut transport-related CO2 emissions by about two-thirds, or around 35,000 tons. Processes were improved further by transporting the coffee in bulk containers instead of bags. As a result, each container can now transport 20 per cent more coffee beans than previously. The bulk containers are completely lined with inlets so that they can be filled to the top with loose coffee beans. Similar systems are also used for finished products. The Warsteiner brewery, for example, has set up a complete container train station at its factory, while the Berentzen company has reactivated old but wellpreserved rails at its production facility, as well as at the central warehouse located 41 km away, enabling it to eliminate 5,000 truck trips per year. Environmentally beneficial alternatives will soon be available for regular use in delivery services as well. Daimler, for example, is using hybrid drive technology to recover brake energy and feed it back into an air-cooled lithium-ion battery. The trucks are also equipped with a start-stop system that automatically shuts off the diesel engine whenever the vehicle is stationary for two or more seconds. An electric motor is used to get the vehicle moving again. The trucks are also fitted with a booster, which is also powered by the electric motor and kicks in whenever the vehicles drive uphill. The recovered brake energy increases the engine’s efficiency by 11 per cent and cuts CO 2 emissions by between ten and 15 per cent. Last but not least, McDonald’s in Germany makes a virtue of necessity when dealing with waste grease. Instead of throwing the used frying fat away, the company turns it into biodiesel that is used to operate the fleet of delivery vehicles which supply goods to the various restaurants.

Source: Kölnmesse press office

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

41


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Un 2012 ricco di novità made in Camozzi Particolarmente ricca la proposta relativa a valvole e isole di valvole e l’ultima nata, la Serie F, garantisce affidabilità e ottimizzazione dei costi

D

a quasi mezzo secolo, Camozzi si occupa di automazione pneumatica, progettando e realizzando componenti e sistemi sempre più evoluti, con lo sguardo sempre rivolto ai massimi benefici per il cliente e l’utilizzatore. Anche quest’anno sono stati sviluppati nuovi prodotti nati per soddisfare esigenze differenti, dalla precisione del micro regolatore proporzionale K8P, alla facilità di installazione delle isole di valvole Serie F, dalle altre prestazioni delle valvole proporzionali AP ai nuovi raccordi C-Food per l’industria alimentare, senza dimenticare le nuove pinze CGSN e CGLN che completano la gamma relativa alla manipolazione. Particolarmente ricca la proposta relativa a valvole e isole di valvole che vede nell’ultima nata, la Serie F, una soluzione in grado di garantire contemporaneamente affidabilità e ottimizzazione dei costi. Questa isola di valvole rappresenta una soluzione all’avanguardia in

La nuova isola di valvole Serie F, grande flessibilità e design compatto The new valve island Series F, high flexibility and compact design

grado di combinare qualità, flessibilità, alte prestazioni e semplicità d’installazione e manutenzione. Le valvole, con passo da 14 mm e modularità singola, sono costruite completamente in tecnopolimero per ridurre al minimo il peso, montano gli elettropiloti della serie K8 ed hanno una portata di 500 Nl/min. Un’altra novità ad alto contenuto tecnologico è il micro regolatore proporzionale K8P che amplia la gamma di prodotti Camozzi con

tecnologia proporzionale. Questo micro regolatore elettronico di pressione nasce dall’esperienza dello sviluppo della valvola miniaturizzata K8 ed è concepito per garantire una eccellente regolazione della pressione, una elevata dinamicità, un’auto-regolazione grazie al segnale di feedback e performance con un basso consumo energetico. Il K8P è sviluppato per regolare piccole variazioni di forza, con tempi di reazione estremamente veloci e ingombri ridotti. La grande esperienza maturata nella progettazione e realizzazione di raccordi ha consentito di ampliare ulteriormente l’offerta di soluzioni dedicate ad applicazioni in settori specifici e particolarmente esigenti, a partire dalla Serie C-Food ideale per applicazioni nell’industria alimentare e dell’imballaggio. Il trattamento “C-Food” che dà il nome alla gamma per il contatto alimentare è una lega intermetallica elettro-depositata molto stabile sostitutiva del trattamento classico di nichel-cromo elettrolitico che soddisfa i limiti imposti dalle attuali normative internazionali applicate alle acque destinate al consumo umano, in particolare della Norma NSF 61 SEZIONE 8-Ph5 Hot Commercial (82°C) che si può considerare il test più rigido di tutta la normativa in materia.

A successful year for innovations “Made in Camozzi” The Camozzi valve range is particularly wide and includes the newest flagship valve island Series F that has been designed to guarantee reliability and minimize costs

S

ince nearly half a century, Camozzi has been operating in the pneumatic automation field, designing and making increasingly advanced systems and components with the orientation toward maximizing benefits for the customers/user. Also this year Camozzi has been developing new products to satisfy different customer’s needs, from the high precision of the electronic proportional micro regulator K8P, to the mounting flexibility of Series F, from the high performance of proportional valves AP, to the new fittings C-Food, besides the new grippers CGSN and CGLN that complete the handling range. The Camozzi valve range is particularly wide and includes the newest flagship valve island Series F that has been designed to guarantee reliability and minimize costs. Series F offers a technically advanced solution combining quality, flexibility and high performance along with simplified installation and maintenance procedures. The valves are made from

42

thermoplastic materials which reduce their weight with version 1 being just 14mm wide. Series K8 electropilots are used with Series F valves enabling flow rates of up to 500Nl/min to be achieved. Another highly innovated new product is the electronic proportional micro regulator Series K8P which enlarges Camozzi’s product range for proportional technology. This regulator, born from the experience in the miniaturized valves Series K8 development, has been designed to guarantee an excellent pressure regulation, high dynamism, a self-regulation thanks to the feed-back signal, as well as good performance with a low energy consumption. The proportional regulator has been developed in order to adjust small changes in strength, with very fast response times and reduced dimensions. Based on Camozzi’s experience in push-in connectors, the new C-Food fittings were born as a new range of fittings especially designed for demanding fields like packaging and food. The particular “C-Food” treatment giving the

FOOD INDUSTRY

Il nuovo micro regolatore proporzionale K8P, alta precisione e ridotti consumi The new electronic proportional micro regulator K8P, high precision and reduced consumption

name to this particular range is a very stable electro-deposited intermetallic alloy replacing the traditional electrolytic nickel-chrome. This particular treatment makes these new fittings suitable for use according to the international standards ruling water for human consumption, in particular the fittings comply with Standard  NSF 61 SEZIONE 8-Ph5 Hot Commercial (82°C) which can be considered as the most severe existing test of these regulations.

I raccordi Super rapidi C-Food, adatti per i settori più esigenti come quello alimentare. The new super-rapid C-Food fittings, suitable for the most demanding fields including Food.


COMUNI CA ZI ON E

LE PIÙ ALTE COMPETENZE, PER OTTENERE SEMPRE E OVUNQUE IL MASSIMO DALL’AUTOMAZIONE.

pneumatici sempre più evoluti. L’orientamento ai massimi benefici per i nostri clienti significa per noi offrire

PLASTIC & RUBBER

MIX

Automazione pneumatica senza confini.

tutte le competenze che permettono di sviluppare soluzioni personalizzate, più efficienti e che portino ad ogni

WOOD WORKING MACHINERY

cliente un vantaggio competitivo nel proprio business. La nostra vocazione internazionale si traduce nella capacità

LIFE SCIENCE

di essere presenti in modo capillare in tutto il mondo, per essere dove operano i nostri clienti.

AUTOMOTIVE

PACKAGING PRINTING & PAPER

Da oltre quarant’anni in Camozzi ci occupiamo di automazione, progettando e realizzando componenti e sistemi

FOOD & BEVERAGE

ELECTRONIC SYSTEMS TEXTILE MACHINERY

Movimento

Camozzi. Air that moves the world.

Controllo

Trattamento

Collegamento

Vuoto

Società del Gruppo Camozzi

www.camozzi.com


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

Una tecnologia orientata al futuro

SEW-EURODRIVE realizza progetti di grande successo impiegando tecnologie innovative

S

EW-EURODRIVE, leader nel settore del F&B, ha realizzato quasi ogni tipo d’impianto con i propri prodotti: dai forni per la panificazione, all’industria dolciaria, prodotti lattiero/caseari, prodotti ittici, alla fabbricazione di bottiglie di ogni tipo, con presenza di sistemi di movimentazione e trasporto interno automatizzati su tutta la linea di produzione. Anche nella parte finale della linea SEW-EURODRIVE è molto presente proponendo soluzioni per nastri di trasporto, packaging e palletizzatori.

SEW-EURODRIVE è in grado di fornire differenti soluzioni per gli ambienti asettici tipici dell’industria alimentare, in grado di soddisfare ogni esigenza applicativa. I suoi prodotti per l’alimentare sono dotati di sistemi di protezione superficiale speciali, resistenti alla corrosione, alla condensa o all’aggressione chimica a partire dal rivestimento OS1 per arrivare fino all’OS4 che è idoneo per ambienti con umidità permanente e grave contaminazione atmosferica o chimica e con regolare pulizia con acqua ed additivi acidi o alcalini.

Future-oriented technology SEW-EURODRIVE makes greatly successful project applying innovative technologies

S

EW-EURODRIVE, leader in the food&beverage sector, has built nearly any kind of plant, such as: bakery ovens, confectionery equipment, dairy products, fish products, bottles of any kind, with fully automated handling and conveying systems for the whole production line. In addition to this, SEW-EURODRIVE also proposes conveyors, packaging and palletizing solutions for end-of-line operations. SEW-EURODRIVE can propose different solutions for aseptic environments typical of the food industry and meet any application requirement. Its products for the food industry are equipped with special surface protection systems that are corrosion, moisture and chemicals resistant, from OS1 to OS4, perfect for areas with permanent humidity, regular acid or alkaline cleaning. SEW-EURODRIVE has recently introduced an innovative solution: HP200 coating, particularly recommended for hygienic and aseptic conveyor systems running in the

44

beverage, dairy and meat facilities, and also for “contact zones” in the food industry. Many other products have been especially studied for the food industry, for instance, the motors of the DAS Series that are not equipped with a fan in order to avoid any air flow to cause bacteria diffusion, and with the Aseptic Plus package, they are provided with OS4 inside coating and KS outside coating, and

FOOD INDUSTRY

Recentemente SEW-EURODRIVE ha proposto una soluzione innovativa: il rivestimento HP200 particolarmente adatto per i sistemi di trasportatori igienici ed asettici nell’industria delle bevande o per le installazioni in caseifici e macellerie oppure per “zone di contatto” nell’industria alimentare. Molti altri prodotti sono stati appositamente studiati per l’alimentare, per esempio i motori della serie DAS, caratterizzati dall’assenza di ventola ovvero con raffreddamento solo per convezione, per evitare che eventuali flussi d’aria causino la diffusione di germi, e col pacchetto Aseptic Plus sono dotati di rivestimento esterno OS4 ed interno KS e grado di protezione IP69K. Altra proposta SEW-EURODRIVE sono i motoriduttori interamente realizzati in acciaio inossidabile. Per quanto riguarda i nastri trasportatori, oltre al tradizionale Movimot, si aggiunge MoviGear dalle caratteristiche eccezionali come la massima categoria di risparmio energetico possibile e inoltre se viene configurato il pacchetto Hygienic Design diventa il prodotto d’eccellenza per le camere bianche. Ultimamente l’azienda ha realizzato con grande successo alcuni interessanti progetti per il fine linea impiegando una tecnologia innovativa. E’ la serie MOVIGEAR®, un prodotto compatto che integra al suo interno: motore brushless a magneti permanenti, riduttore ad assi paralleli ad alto rendimento e tutta l’elettronica per pilotarlo. SEW EURODRIVE sarà presente alla fiera SPS 22/24 Maggio - Parma – pad. 2 stand G 050, con le sue tecnologie più all’avanguardia.

IP69K protection. Further SEW-EURODRIVE’s solution are the motor reducer fully made in stainless steel. As regards, conveyor belts, in addition to traditional Movimot, it is worth highlighting MoviGear drive featuring exceptional features, like the highest energy saving category, and it can also be excellent for white chambers when the Hygienic Design package is configured. The company has also designed some end-of-line solutions with innovative drive technology: MOVIGEAR® is a compact product housing a permanent magnet brushless motor, high-performance parallel axe reducer, drive electronics. SEW-EURODRIVE will be exhibiting its most advanced technology at SPS exhibition, Parma, from 22 to 24 May, Hall 2 – Stand G 050.


SEW-EURODRIVE–Driving the world

Riduzione dei costi?

O incremento della produttività?

Perchè non entrambi? Gli opposti si incontrano: scopri come non devi più decidere tra una cosa e l’altra. SEW-EURODRIVE: 80 anni di competenza e soluzioni dal componente al sistema completo. Noi lo chiamiamo: Drive 360° www.sew-eurodrive.it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

Impegno potenziato DuPont e l’Australian Centre for Plant Functional Genomics estendono la collaborazione a lungo termine

D

uPont e l’Australian Center for Plant Functional Genomics (ACPFG) hanno annunciato di aver esteso la propria collaborazione a lungo termine, con l’obiettivo di aumentare l’attività di ricerca per migliorare la produttività complessiva del frumento, come anche di altre colture. L’ampliamento del programma porta una nuova attenzione nei confronti del miglioramento genetico avanzato dei cereali mediante marcatori molecolari, nella ricerca mirata alla scoperta di caratteri agronomici e nella produzione di semente ibrida di frumento. In aggiunta, la collaborazione continuerà a operare sui caratteri agronomici per aumentare la tolleranza alla siccità e ridurre l’esigenza di concimi azotati nella produzione delle maggiori colture, incluse mais, soia, colza, riso e sorgo. I termini dell’accordo non sono stati resi pubblici. “E’ fondamentale che noi potenziamo il nostro impegno per aumentare la produzione globale di cibo e andare incontro alla domanda della crescente popolazione mondiale,” ha dichiarato Paul Schickler, presidente di Pioneer Hi-Bred, business di DuPont. “ACPFG è un leader di settore nella ricerca e sviluppo del frumento, e questa collaborazione rafforzerà la nostra capacità di rendere disponibili frumenti ad alte rese per gli agricoltori nel mondo.” Pioneer Hi-Bred e ACPFG stanno collaborando dal 2005 per scoprire e sviluppare caratteri in grado di aumentare e stabilizzare le rese in una serie di colture di primaria importanza. L’accordo è stato esteso nel 2010 dopo i continui progressi verso questo obiettivo e la collaborazione include un nuovo focus sul frumento. “Un ruolo chiave per ACPFG è aiutare ad assicurare che gli agricoltori australiani traggano beneficio dagli sviluppi della tecnologia a livello locale e mondiale. La nostra azione si esplica attraverso lo sviluppo di nuove tecnologie lavorando con i migliori team di ricerca e sviluppo,” ha dichiarato Peter Langridge, ACPFG research leader. “Il supporto dei governi federale e del South Australia ci ha permesso di sviluppare notevoli capacità di ricerca. La collaborazione con Pioneer, un leader nella genetica vegetale, ci fornisce l’opportunità di essere incisivi a livello

46

di network agricolo globale e in prima linea nello sviluppo.” Il frumento è la prima coltura in termini di superficie a livello mondiale. E’ l’alimento base per il 35 per cento della popolazione mondiale e rappresenta il 20 per cento del totale delle proteine assunte. Per oltre 40 anni, Pioneer ha prodotto le più importanti varietà di frumento negli Stati Uniti al fine di incrementare la produzione raccoglibile e la stabilità delle rese ed è leader di mercato nel segmento del frumento tenero invernale. DuPont è impegnata nell’aumentare la produzione globale di cibo, dal momento che la popolazione mondiale sta avvicinandosi ai 9 miliardi previsti nel 2050, e recentemente ha annunciato i propri obiettivi per la sicurezza alimentare, come contributo nel rispondere a questa domanda. Questo accordo è un altro esempio della risposta di DuPont alla sfida globale della fame. ACPFG è stato fondato nel 2004 dal governo del Sud Australia e dal governo federale australiano per mezzo dell’Australian Research Council e del Grains Research and Development Corporation. Gli scienziati dell’ACPFG migliorano la tolleranza dei cereali agli stress ambientali quali siccità, calore, salinità e tossicità di certi nutrienti, che sono le principali cause della perdita delle produzioni in termini quantitativi e qualitativi nel mondo e di significativi problemi per i cerealicoltori. La capacità futura di recupero dei sistemi di produzione di cibo di fronte al cambiamento climatico dipenderà dallo sviluppo e commercializzazione di nuove tecnologie. DuPont e l’Australian Center for Plant Functional Genomics (ACPFG) hanno annunciato di aver esteso la propria collaborazione a lungo termine, con l’obiettivo di aumentare l’attività di ricerca per migliorare la produttività complessiva del frumento, come anche di altre colture. L’ampliamento del programma porta una nuova attenzione nei confronti del miglioramento genetico avanzato dei cereali mediante marcatori molecolari, nella ricerca mirata alla scoperta di caratteri agronomici e nella produzione di semente ibrida di frumento. In aggiunta, la collaborazione continuerà a operare sui

FOOD INDUSTRY

caratteri agronomici per aumentare la tolleranza alla siccità e ridurre l’esigenza di concimi azotati nella produzione delle maggiori colture, incluse mais, soia, colza, riso e sorgo. I termini dell’accordo non sono stati resi pubblici. “E’ fondamentale che noi potenziamo il nostro impegno per aumentare la produzione globale di cibo e andare incontro alla domanda della crescente popolazione mondiale,” ha dichiarato Paul Schickler, presidente di Pioneer Hi-Bred, business di DuPont. “ACPFG è un leader di settore nella ricerca e sviluppo del frumento, e questa collaborazione rafforzerà la nostra capacità di rendere disponibili frumenti ad alte rese per gli agricoltori nel mondo.” Pioneer Hi-Bred e ACPFG stanno collaborando dal 2005 per scoprire e sviluppare caratteri in grado di aumentare e stabilizzare le rese in una serie di colture di primaria importanza. L’accordo è stato esteso nel 2010 dopo i continui progressi verso questo obiettivo e la collaborazione include un nuovo focus sul frumento. “Un ruolo chiave per ACPFG è aiutare ad assicurare che gli agricoltori australiani traggano beneficio dagli sviluppi della tecnologia a livello locale e mondiale. La nostra azione si esplica attraverso lo sviluppo di nuove tecnologie lavorando con i migliori team di ricerca e sviluppo,” ha dichiarato Peter Langridge, ACPFG research leader. “Il supporto dei governi federale e del South Australia ci ha permesso di sviluppare notevoli capacità di ricerca. La collaborazione con Pioneer, un leader nella genetica vegetale, ci fornisce l’opportunità di essere incisivi a livello di network agricolo globale e in prima linea nello sviluppo.” Il frumento è la prima coltura in termini di superficie a livello mondiale. E’ l’alimento base per il 35 per cento della popolazione mondiale e rappresenta il 20 per cento del totale delle proteine assunte. Per oltre 40 anni, Pioneer ha prodotto le più importanti varietà di frumento negli Stati Uniti al fine di incrementare la produzione raccoglibile e la stabilità delle rese ed è leader di mercato nel segmento del frumento tenero invernale. DuPont è impegnata nell’aumentare la produzione globale di cibo, dal momento che la popolazione mondiale sta avvicinandosi ai 9 miliardi previsti nel 2050, e recentemente ha annunciato i propri obiettivi per la sicurezza alimentare, come contributo nel rispondere a questa domanda. Questo accordo è un altro esempio della risposta di DuPont alla sfida globale della fame. ACPFG è stato fondato nel 2004 dal governo del Sud Australia e dal governo federale australiano per mezzo dell’Australian Research Council e del Grains Research and Development Corporation. Gli scienziati dell’ACPFG migliorano la tolleranza dei cereali agli stress ambientali quali siccità, calore, salinità e tossicità di certi nutrienti, che sono le principali cause della perdita delle produzioni in termini quantitativi e qualitativi nel mondo e di significativi problemi per i cerealicoltori. La capacità futura di recupero dei sistemi di produzione di cibo di fronte al cambiamento climatico dipenderà dallo sviluppo e commercializzazione di nuove tecnologie.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

D

ES MOINES, Iowa, and ADELAIDE, Australia, Feb. 28, 2012 – DuPont and the Australian Centre for Plant Functional Genomics (ACPFG) announced they have expanded their long-standing research collaboration to increase research scale on improving the overall productivity of wheat, as well as other crops. The expanded program brings a new focus on advanced cereal breeding through molecular markers, discovery research for agronomic traits and hybrid seed production in wheat. In addition, the collaboration will continue working toward agronomic traits to increase drought tolerance and decrease the need for soil-applied nitrogen fertilizer in leading production crops, including corn, soybeans, canola, rice and sorghum. Terms of the agreement were not disclosed. “It’s critical that we increase our efforts to grow global food production to meet the needs of our growing population,” said Paul E. Schickler, president of Pioneer Hi-Bred, a DuPont business. “ACPFG is an industry leader in wheat research and development, and this collaboration will strengthen our ability to bring high-yielding wheat products to farmers worldwide.” Pioneer Hi-Bred and ACPFG have been in collaboration since 2005 to discover and develop traits for yield enhancement and stability in a number of major crops. They extended their agreement in 2010 after continued progress toward this goal and are expanding the collaboration to include a new focus on wheat. “A core role for ACPFG is to help ensure Australian producers benefit from local and international technology developments. We do this through developing new technologies and working with the very best research and commercialization groups,” said Peter Langridge, ACPFG research leader. “The support of the Federal and South Australian governments has allowed us to develop our significant research capability. Collaborating with Pioneer, a leader in plant genetics, provides the opportunity to tap into the global agriculture network and stay at the forefront of development.” Wheat is the largest acreage crop in the world. It is the staple food for 35 percent of the world’s population and represents 20 percent of the total protein intake. For more than 40 years, Pioneer has bred leading wheat varieties in the United States to increase harvestable yield and yield stability, and is the market leader in the soft winter wheat segment. DuPont is committed to increasing global food production as the population approaches 9 billion by 2050, and recently announcedfood security goals to help meet this need. This collaboration is another example of DuPont responding to the global hunger challenge. ACPFG was established in 2003 by the South Australian government and the Australian federal government through the Australian Research Council and the Grains Research and Development Corporation. ACPFG scientists improve cereal crops’ tolerance to environmental stresses such as drought, heat, salinity and nutrient toxicities; major causes of

Increased effort DuPont and the Australian Centre for Plant Functional Genomics expand their long-standing research collaboration

yield and quality loss throughout the world and significant problems for cereal growers. The future resilience of our food production systems in the face of a changing climate will depend upon the development and delivery of new technologies. For more information about ACPFG please visit www.acpfg.com.au. Pioneer Hi-Bred (www.pioneer.com), a DuPont business headquartered in Des Moines, Iowa, is the world’s leading developer and supplier of advanced plant genetics, providing high-quality seeds to farmers in more than 90 countries. Pioneer provides agronomic support and services to help increase farmer productivity and profitability and strives to develop sustainable agricultural systems for people everywhere. Science with Service Delivering Success™. DuPont has been bringing world-class science and engineering to the global marketplace in the form of innovative products, materials, and services since 1802. The company believes that by collaborating with customers, governments, NGOs, and thought leaders we can help find solutions to such global challenges as providing enough healthy food for people everywhere, decreasing dependence on fossil fuels, and protecting life and the environment. For additional information about DuPont and its commitment to inclusive innovation, please visit www.dupont.com.

FOOD INDUSTRY

47


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

SmartReflect, l’innovazione del fotoelettrico che elimina il riflettore Baumer sta lanciando una nuova gamma di prodotti con la tecnologia SmartReflect; affidabile come una barriera

B

aumer sta lanciando una nuova gamma di prodotti con la tecnologia SmartReflect; affidabile come una barriera, ma non necessita né di catarifrangente né di un ricevitore. Con il nuovo sensore fotoelettrico SmartReflect

si può sfruttare direttamente uno sfondo della macchina come riferimento e il sensore rileva con sicurezza l’oggetto, indipendentemente dalla tipologia e colore. Questa innovazione porta molti vantaggi come ridurre i costi dati dal tempo d’installa-

zione meccanica del riflettore, e semplifica agli operatori la calibrazione del sensore. Non serve più insistere con fotocellule a soppressione di sfondo alla ricerca della più corretta inclinazione e taratura ottica quando gli oggetti sono molto lucidi, irregolari, neri e anche trasparenti come film, vaschette, bottiglie… Ora con lo SmartReflect basta un semplice teach-in sullo sfondo e tutto è pronto per essere letto! Un’altro vantaggio è dato dalla procedure di regolazione digitale anche da remoto, semplificando i retrofit delle macchine. In base alle sue esigenze, il cliente potrà scegliere sensori con diverse configurazioni e dimensioni, dai sensori miniaturizzati per l’handling robot fino a prodotti con design igienico IP69K per applicazioni food&beverage e farmaceutico. I nuovi sensori con tecnologia SmartReflect sono ottimizzati per essere usati con riferimenti di acciaio e coprire un campo di lavoro di 800mm.

SmartReflect – As reliable as a light barrier, as straightforward as a diffuse sensor Baumer launches photoelectric sensors with the new SmartReflect technology for absolutely reliable object detection

B

aumer launches photoelectric sensors with the new SmartReflect technology for absolutely reliable object detection. These light barriers recognize objects of any kind and do not require a separate reflector or receiver. The surest type of object detection in the area of photoelectric sensors is the physical interruption of the closed beam of light from a light barrier by an object. In SmartReflect sensors from Baumer, the closed beam of light is formed between the sensor and a part of the machine, for example. Separate reflectors or receivers are unnecessary. The only prerequisite is that a defined background, which can

48

FOOD INDUSTRY

serve as a reference point, be present within the sensing distance of the sensor. Color and material of background and objects are irrelevant for the detection. For different applications with different space requirements the user can select from various sensor configurations. The portfolio ranges from subminiature sensors for automated handling to sensors in hygienic design for the food and beverage industry. These are optimized to stainless steel as the reference and achieve a long range of 800 mm. All SmartReflect sensors excel with a comfortable teach-in and an adjustment mode, which facilitates alignment and setup


Precisione Igienica

Process Instrumentation Sensor Solutions Motion Control Vision Technologies

Process Instrumentation Sensor Solutions MotionBaumer Control dispone Vision Technologies

di un ampia gamma di strumenti ingienici in acciaio inox per l'industria del Food  Beverage : ®ÊManometri, trasmettitori di pressione e pressostati ®ÊTermometri, trasmettitori di temperatura e sonde ®ÊTrasmettitori di livello e livellostati ®ÊTrasmettitori di conducibilità

Baumer dispone di un ampia gamma di strumenti ingienici in acciaio inox per Ulteriori informazioni? www.baumer.com/process l'industria del Food  Beverage : ®ÊManometri, trasmettitori di pressione e pressostati ®ÊTermometri, trasmettitori di temperatura e sonde ®ÊTrasmettitori di livello e livellostati ®ÊTrasmettitori di conducibilità

Ulteriori informazioni? www.baumer.com/process

Baumer Italia S.r.l. · Via Resistenza, 1 · 20090 Assago (MI) · Italia Tel: (+39) 02 45 70 60 65 - Fax: (+39) 02 45 70 62 11 sales.it@baumerelectric.com · www.baumer.com


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

La sicurezza alimentare sempre al primo posto I generi alimentari non sono mai stati così sicuri come oggi, ma la sicurezza richiede investimenti consistenti

I

generi alimentari non sono mai stati così sicuri, vari e di alta qualità come oggi. Tra fatti e percezione pubblica, però, c’è una forbice. E alle aziende non rimane altro da fare che comunicare apertamente, informare obiettivamente e puntare sulle più avanzate e sofisticate tecnologie per la sicurezza alimentare. L’opinione pubblica resta regolarmente sconcertata da singoli casi di sicurezza e igiene alimentare, alcuni dei quali veramente scandalosi. Ultimo è il caso dell’azienda Müller-Brot, presso la quale sono state accertate condizioni igieniche insufficienti, o il caso, più datato, della Harles und Jentzsch, con i suoi grassi contaminati da diossina non ammessi per la produzione di mangimi, ma che essendo stati utilizzati a questo scopo sono stati immessi nella catena alimentare. Difendersi al cento per cento dai produttori che vengono meno ai propri doveri, o agiscono con deliberato proposito criminale, non sarà mai del tutto possibile. Questi fatti gravi ma isolati, vengono però sfruttati spesso per fini politici, per dare prova di capacità d’intervento. Prende il sopravvento, di conseguenza, la tendenza a fomentare lo scandalo, anziché informare e cercare soluzioni basate su conoscenze assodate, mentre i produttori alimentari che lavorano in modo esemplare, ligi alle norme, e che sono per altro la grande maggioranza, devono assistere sostanzialmente impotenti. Non rimane loro altro da fare che passare

50

all’offensiva con informazioni obiettive, tenendo però ben presente che il tema dei generi alimentari viene recepito dall’opinione pubblica con forte coinvolgimento emotivo e in tale forma viene anche rappresentato. In ogni caso le imprese alimentari devono prepararsi ad esami sempre più attenti delle loro attività anche senza un loro intervento diretto, attraverso gli emendamenti della legge sull’informazione al consumatore, i portali online pubblici e privati di valutazione o le denunce pubbliche delle ONG e delle associazioni dei consumatori. Da un recente studio dell’Associazione dell’industria alimentare tedesca BVE (Bundesvereinigung der Deutschen Ernährungsindustrie) e della Gesellschaft für Konsumforschung (GfK) emerge che per il 96 per cento dei consumatori il criterio di scelta più importante è il sapore del cibo, ma seguono a ruota la sicurezza e la salute, piazzati al secondo posto con il 93 percento. I produttori alimentari sono quindi investiti di un compito ben preciso. Armonizzazione delle direttive Le nuove leggi, direttive e decreti e le regolamentazioni più severe in linea generale finora non hanno creato la trasparenza alimentare desiderata. A tale scopo è necessario portare ulteriormente avanti il processo di armonizzazione e unificazione sovranazionale. È dedicata a questo tema ad esempio l’agenda di armonizzazione globale (GHI), istituita nel 2004 dall’istituto americano dei tecnici

FOOD INDUSTRY

alimentari (Institute of Food Technologists, IFT) e dall’Associazione Europea delle Scienze e Tecnologie Alimentari (European Federation of Food Science and Technology, EFFoST), e impegnata nell’armonizzazione mondiale delle norme per la sicurezza alimentare su basi imparziali. L’obiettivo è quello di fornire documentazioni attendibili, scientificamente fondate, con le quali influire sulle vicende politiche mondiali in modo oggettivo e positivo. Sistemi tecnici di controllo In un prodotto non devono trovarsi corpi estranei e le confezioni messe in commercio devono essere impeccabili. Questo va da sé. I sistemi destinati a garantire questo aspetto della sicurezza alimentare evolvono continuamente. Oltre ai metal detector ampiamente diffusi, esistono oggi perfino come “modelli per esordienti” i sistemi di controllo ai raggi X e diversi sistemi di riconoscimento ottico. Le prestazioni di questi ultimi crescono esponenzialmente grazie a telecamere sempre più sofisticate e non si vede una fine alla possibilità d’impiego di tali sistemi. Inoltre, per il controllo alimentare in futuro probabilmente verranno utilizzate anche le onde millimetriche. Ricercatori dell’Istituto Fraunhofer per la fisica ad alta frequenza e le tecnologie radar FHR di Wachtberg hanno sviluppato un apparecchio di scansione dei materiali, il SAMMI (acronimo di Stand Alone MilliMeter wave Imager), il cui ingombro di 50 centimetri in larghezza e 32 in altezza non è maggiore di quello di una compatta stampante laser. Le sostanze non metalliche e non trasparenti non rappresentano un problema per questo scanner. Si presta alla stessa stregua per il controllo dei prodotti e la gestione qualità industriali e per le analisi dei materiali in


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

laboratorio, rendendo visibili perfino differenze minime non rilevabili ai raggi X. A differenza degli scanner a raggi X l’apparecchio ad esempio è in grado di distinguere farciture diverse delle praline o gomme da masticare miste dall’assorbimento simile o identico. Nella scatola del sistema sono alloggiati due dischi rotanti contrapposti, sui quali sono montate un’antenna emittente e una ricevente. Un nastro trasportatore conduce il campione tra le antenne che emettono onde elettromagnetiche ad alta frequenza da 78 GHz. Le diverse zone del campione assorbono il segnale ad intensità variabili. Mediante la differenza di contrasto è possibile visualizzare i diversi materiali del campione con le relative composizioni. I ricercatori puntano ad un ulteriore sviluppo del sistema per adattarlo alle frequenze terahertz di 2 THz. In tal modo oltre a riconoscere strutture differenti, si potranno identificare anche le materie plastiche. Sono in corso i lavori per rendere idoneo tale sensore a onde millimetriche all’impiego nelle linee di produzione industriali. Con l’obiettivo di raggiungere una velocità di produzione di sei metri al secondo.

Nuovi mezzi di analisi Con un altro progetto Fraunhofer, più precisamente dell’istituto per le tecnologie dei corpi solidi modulari EMFT di Monaco, si schiude la possibilità di impiegare per le analisi alimentari nanosensori di nuovo tipo. Per mezzo di sostanze fluorescenti visualizzano il contenuto di ATP delle cellule umane e animali, consentendo così di trarre conclusioni sul ricambio cellulare e quindi sullo stato di salute delle cellule e, conseguentemente ancora, sull’influsso nocivo delle sostanze additivate. Le nanoparticelle rispondono a requisiti molto sofisticati: non sono tossiche per le cellule, hanno una notevole capacità di penetrazione della membrana cellulare e sono addirittura trasportabili esattamente là dove si trova la sostanza da analizzare. I ricercatori stanno sviluppando questo procedimento, concepito originariamente per sostituire i test sugli animali, in vista di altri utilizzi, ad esempio per accertare la qualità e la commestibilità della carne confezionata. A questo scopo sono stati sviluppati nanosensori per l’identificazione della concentrazione di ossigeno e delle amine tossiche.

FOOD INDUSTRY

Per trovare sistemi di identificazione e analisi dei biofilm, soprattutto in parti inaccessibili degli impianti di produzione, diversi istituti di ricerca stanno lavorando allo sviluppo di sensori per biofilm online da utilizzare sul campo, che rispetto ai procedimenti utilizzati finora dovrebbero consentire una valutazione più accurata dei microrganismi presenti e dello stato del ricambio cellulare ed essere in grado, inoltre, di accertare se le superfici negli impianti di produzione sono state modificate dai biofilm. Negli anni prossimi in questo settore nuove possibilità diagnostiche allargheranno l’orizzonte della sicurezza e dell’igiene dei prodotti e degli impianti alimentari. Per terminare, è da tenere presente che nuovi e più vasti sistemi per l’intensificazione della sicurezza alimentare richiedono certamente investimenti più consistenti, che potrebbero riflettersi sui prezzi al consumatore. Tuttavia, già da tempo è partita la corsa di un megatrend di cui non s’intravede la fine: economico, il più economico possibile, è un concetto superato. Per cibi sicuri, prodotti a condizioni equosolidali e sostenibili, i consumatori sono propensi a spendere qualcosa di più.

51


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

Food safety is always of paramount importance Food products were never safer than they are today, and food safety requires significant investments

F

ood products were never safer, more varied, or of such high quality than they are today. Nevertheless, there is a discrepancy between food facts and public perception. The food industry therefore has no other choice but to communicate openly, provide objective information, and rely on high-quality, stateof-the-art safety technologies. The public is repeatedly shocked by isolated cases of food safety and hygiene violations, and some incidents really are scandalous. Examples include the current hygiene scandal at the Müller-Brot baking company and the discovery a little over a year ago of fats contaminated with dioxins at the Harles und Jentzsch chemical company. These fats had not been approved for use in feed production but were in fact added to the products, thereby making their way into the food chain. Ultimately, there can be no hundred per cent guarantee that companies won’t violate their obligations to consumers, or even deliberately commit criminal acts. However, policies are often formulated on the basis of extreme individual cases in order to demonstrate determination to act. This doesn’t put an end to the scandals; it simply increases the tendency to raise a hue and cry rather than promoting a more open flow of information and the development of knowledge-based solutions. The overwhelming majority of exemplary and compliant food manufacturers are virtually powerless to do anything against this. Their only remaining option is to go on the offensive with objective information, while also keeping in mind that food issues are perceived very

52

emotionally by the public and are also presented in this manner by the media. In each case, food producers need to understand that their actions will become more transparent to the public regardless of their owninformation policies. This can come about through changes to consumer information laws, the establishment of public and private online ratings portals, and campaigns by NGOs and consumer organisations. A recent study conducted by the Federation of German Food and Drink Industries (BVE) and the Society for Consumer Research (GfK) found that the taste of food is the most important consideration for 96% of German consumers. Safety and health came in a close second (93%) in the survey, which should therefore be taken seriously and responded to by the industry. Harmonisation of regulations In general, new and more stringent laws, stipulations, directives, and regulations have failed in the past to achieve the desired clarity regarding food safety. For this reason, the trend toward cross-border standardisation and harmonisation should be continued. The Global Harmonisation Initiative (GHI), which was established in 2004 by the Institute of Food Technologists (IFT) International Division in the US and the European Federation of Food Science and Technology (EFFoST), addresses this issue. This impartial initiative promotes the harmonisation of global food safety regulations and legislation. The GHI seeks to disseminate credible, scientifically based information in order to exert an objective and positive influence on food policymaking worldwide.

FOOD INDUSTRY

Technical monitoring measures Foreign substances have no place in food products and packaging must be impeccable and immaculate. There should be no discussion about this matter — and the range of measures geared toward ensuring this aspect of food safety is being continually further developed. The systems now available here include metal detectors, x-ray inspection devices (now also available as “entry-level models”), and various optical monitoring units. The latter will continue to improve as camera technology advances; their possibilities are far from exhausted. Extremely high-frequency waves will also be used in the future to monitor food safety. Researchers at the Fraunhofer Institute for High Frequency Physics and Radar Techniques FHR in Wachtberg, Germany, have developed a material scanner known as SAMMI (Stand Alone MilliMeter wave Imager). The device is only 50 centimetres wide and 32 centimetres high, making it about the size of a compact laser printer. Non-metallic, non-transparent substances present no problems for the scanner, which is suitable for industrial product monitoring and quality control, as well as for material analyses in labs. It also makes visible even the slightest material differences that would escape detection in an x-ray machine. Unlike an x-ray scanner, the SAMMI unit can distinguish between different fillings in pralines, for example, and also isolate different types of gum mixtures that display similar or identical absorption properties. The unit has two rotating discs on opposite sides in its housing. Each disc is fitted with a transmission and reception antenna. A small conveyor belt moves the sample to


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

be examined between the antennas, which transmit electromagnetic waves in the EHF range around 78 GHz. The various parts of the sample attenuate the signal with different intensities, which enables the different material compositions of a sample to be displayed as differences in contrast. The scientists want to upgrade the system for use in the terahertz frequency range around 2 THz in the future. This will enable the device to not only detect different structures but also to identify different types of plastics. The EHF wave sensor is currently being adapted for use on industrial production lines, with the objective of achieving a product speed of six metres per second through the scanner. New monitoring methods Another Fraunhofer project at the Research Institution for Modular Solid State Technologies EMFT in Munich is paving the way for the utilisation of new types of nanosensors for food monitoring. These sensors use fluorescent dyes to make visible the ATP content in human and animal cells, which enables conclusions to be drawn about metabolic activity (i.e. cell health) and thus the damaging effects of certain additives. The nanoparticles used as sensors fulfil the most stringent requirements: They are not toxic to cells, can easily pass through cell membranes, and can also be guided precisely to where the test substance is believed to be. This new technique, which was initially meant to eliminate the need for animal testing, is now being further developed for other applications, such as determining the quality and edibility of packed meats. To this end, nanosensors are now being developed that can identify concentrations of oxygen and toxic amines. Various research institutes are also now working on the development of effective online biofilm sensors for detecting and analysing biofilms in inaccessible parts of production machines especially. These sensors will enable much more detailed assessments of existing microorganisms and their metabolic condition than has been the case with the monitoring techniques used to date. They will also be able to detect changes caused by biofilms to the surface characteristics of production equipment. This new type of diagnostic capability will improve the monitoring of safety and hygiene in food products and food production facilities. In conclusion, it should be stated that new and expanded measures for enhancing food safety will require new investment that can also impact consumer prices. On the other hand, a megatrend has long since begun — and there’s no end in sight to it: Cheap is passé, and consumers are now prepared to pay a little more for safe food produced under fair and sustainable conditions.

FOOD INDUSTRY

53


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

Fromagerie Bell e le nuove teste di controllo Bürkert Bürkert ha fornito a Fromagerie Bell 180 teste di controllo per valvole sanitarie, garantendo affidabilità e sicurezza ottimale

F

romagerie Bell commercializza marchi noti a livello mondiale come La Vache qui Rit, Mini Babybel, Kiri, Leerdammer e Boursin. Nel suo sito produttivo di Cléry-lePetit in Francia, che trasforma annualmente 110 milioni di litri di latte, è stato installato un nuovo impianto per l’arricchimento proteico: Fromagerie Bell ha voluto aggiungere al latte prodotto localmente una quantità extra di proteine, in modo da garantire la qualità ottimale del formaggio prodotto. Ha quindi affidato il progetto a Tetra Pak, che ha scelto Bürkert come partner per la misura e la regolazione dei fluidi: sono state realizzate nuove vasche e i flussi del latte sono gestiti mediante 180 teste di controllo Bürkert tipo 8681 montate su valvole sanitarie, il tutto collegato tramite bus di campo. Le nuove teste tipo 8681 offrono sicurezza di controllo e diagnostica, grazie alla visualizzazione remota della posizione della valvola (aperta/ chiusa/ errore) attraverso segnalazioni ottiche colorate, che possono essere viste da circa 100 metri di distanza. Questa testa è particolarmente adatta all’ambito alimentare, in quanto offre design igienico, livello di protezione IP65/67 e buona resistenza a prodotti chimici. I sistemi di attivazione magnetica brevettati da Bürkert

offrono inoltre un accesso semplice e sicuro alla testa di controllo per la manutenzione preventiva. La testa di controllo 8681 è stata sviluppata da Bürkert specialmente per l’automazione decentralizzata di valvole di processo sanitarie a globo, a sfera e a farfalla e viene usata nell’industria casearia, delle bevande e alimentare, affiancandosi alla gamma ELEMENT di teste di controllo e regolatori di processo. La decentralizzazione della gestione delle valvole di processo offre molti vantaggi: le teste di controllo montate direttamente sull’attuatore semplificano la pianificazione, l’installazione, l’avviamento e la manutenzione, riducendo considerevolmente le connessioni richieste. Il concetto di automazione decentralizzata rende quindi possibile razionalizzare e monitorare facilmente le installazioni, aumentando quindi l’affidabilità operativa generale.

Fromagerie Bel and Bürkert new control heads Bürkert supplied Fromagerie Bel with 180 control heads to be fitted to sanitary valves, providing optimal reliability and safety

F

romagerie Bell markets its five star brands La Vache qui Rit, Mini Babybel, Kiri, Leerdammer, Boursin on five continents. At its Cléry-le-Petit site in France, which processes 110 million litres of milk per year, a new plant to enrich the milk’s protein value was installed: Fromagerie Bel wanted to add an extra protein constituent to the milk collected locally, in order to guarantee consistent quality of the cheese produced. Therefore it has recently approached Tetra Pak, which chose Bürkert as partner in fluid control systems: new vats were built and milk flow is handled by 180 units of control heads type 8681 mounted on sanitary valves, all fieldbus controlled. The new

54

control head type 8681 provides control and diagnostic safety, thanks to the remote visualization of the position of the valve (Open/ Closed/ Error) by colored coding, which can be seen from quite a distance (100 meters). This head is particularly suited to the Food Industry as it offers hygienic design, IP65/67 protection rating and good resistance to chemical products. In addition, Bürkert’s patented magnetic activation system provides easy and safe access to the control head for preventive maintenance. The control head type 8681 was especially developed by Bürkert for the decentralized automation of sanitary globe, butterfly and ball process valves and is used to equip

FOOD INDUSTRY

automation facilities for the dairy, brewery and other food and beverage industries, complementing the Bürkert’s ELEMENT range of control heads and process controllers. The decentralized automation of process valves offers a number of advantages: control heads mounted directly on to the actuator simplify planning, installation, start-up and maintenance by significantly reducing the connections required. The concept of decentralized automation therefore makes it possible to clearly structure and easily monitor the installations, which enhances operational reliability.


Fate di testa nostra!

L’esperienza pluriennale di Bürkert nelle soluzioni per l’Industria Alimentare e delle Bevande ha dato vita alle nuove teste di controllo ELEMENT, ideali per il montaggio diretto su valvole sanitarie a farfalla e a pistone. I controller tipo 8692, 8693 e 8694, con design in acciaio inox, coprono infatti le diverse esigenze di gestione del processo (posizionamento, regolazione) e possono essere impiegati con le valvole sanitarie più diffuse sul mercato. La versione con PID integrato rende il controllo del processo indipendente.

Volete saperne di più? Visitate il nostro sito Internet www.burkert.it o telefonate allo 02 959071.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

Soluzione essenziale Il refrigeratore d’acqua è una soluzione indispensabile nella preparazione degli impasti

I

l risultato di un buon impasto per la produzione di pane e derivati è dovuto ad un’attenta osservanza della temperatura dello stesso; il refrigeratore d’acqua è pertanto un mezzo indispensabile nella preparazione degli impasti, infatti, l’apporto di acqua gelata non permette il surriscaldamento della biga durante la lavorazione. Sempre più spesso l’elevata temperatura della farina che viene stoccata all’interno del

Essential solution A water cooler is an essential solution in dough making

A

good dough for bread and bakery product making derives from accurate temperature of the dough itself; a water cooler is therefore essential equipment in dough making, since the icy water flow prevents the sheers from overheating during processing. Most frequently the high temperature of the four stored in a warehouse or silos, which is very often under the sun, makes it necessary for the operator to use very cold water to get a good result. Lalli Elettronica COOL WATER enables to blast water temperature in very short time, and thanks to a comprehensive range of models it is also possible to use both little water (50 litres) and much water (1000 litres) in less than 1 hour by means of

56

classic accumulation technology or direct continuous exchange, with double stainless steel serpentine for water and cooling gas, with no water accumulation in the tank. The quality materials used and strict compliance with the food legislation in force make the COOL WATER cooling units top-of-the-range machinery in the sector. They are entirely built in stainless steel, including outside coating, tank and evaporator. They are equipped with advanced albeit simple electronics. Tank capacity from 50 to 1000 litres. It is possible to combine them with dosers, and dosing/mixing units for accurate pre-set quantity of water, 9 recipes can be stored, instant reading of water temperature, thermostatic mixing of pipe water and cooled.

FOOD INDUSTRY

laboratorio o in appositi silos allocati all’esterno, ma inevitabilmente sotto il calore del sole, rende necessaria all’operatore l’utilizzo di acqua molto fredda per ottenere un buon risultato. I refrigeratori d’acqua COOL WATER di Lalli Elettronica permettono l’abbattimento della temperatura dell’acqua in breve tempo e grazie ad una grande varietà di modelli danno la possibilità di gestire da piccole quantità di acqua (50 litri) a quantità più considerevoli (1000 litri) in meno di un’ora con tecnologia classica ad accumulo oppure a scambio continuo diretto con doppia serpentina inox per acqua e gas refrigerante senza accumulo di acqua in vasca. La qualità dei materiali e l’accurata osservanza delle disposizioni alimentari rendono i refrigeratori a marchio COOL WATER dei macchinari leader nel settore. Interamente costruiti in Acciaio Inox, dal rivestimento esterno, alla vasca ed all’evaporatore. Dotati di elettronica avanzata ma di semplice utilizzo. Capacità della vasca da 50 litri a 1000 litri. Possibilità di abbinare dosatori e dosatori miscelatori per un dosaggio di acqua con quantità stabilite e precise, memorizzazione di 9 ricette, lettura istantanea della temperatura dell’acqua e miscelazione termostatica dell’acqua di rete e raffreddata.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

Industria alimentare sempre più tecnologica ed internazionale Il mercato italiano delle macchine e degli impianti per i pastifici industriali punta con sempre maggior convinzione all’estero, soprattutto verso i paesi emergenti

S

i è chiusa con successo la 22esima edizione di Ipack-Ima, promossa – tra gli altri - da Assofoodtec, l’Associazione italiana costruttori macchine, impianti, attrezzature per la produzione, la lavorazione e la conservazione alimentare. La fiera internazionale di Milano, ha rappresentato una irrinunciabile vetrina per numerose aziende associate Assofoodtec che lavorano nel settore delle macchine per la pasta e che rappresentano una grossa e vitale fetta del

settore food processing machinery. Le aziende del nostro paese possono vantare, infatti, il primato mondiale per il mercato delle macchine e degli impianti per i pastifici industriali: mercato che punta con sempre maggior convinzione all’estero, soprattutto verso i paesi emergenti. Questi ultimi, soprattutto Cina e India, stanno procedendo speditamente lungo la strada dell’industrializzazione di un settore tradizionalmente artigianale - quello dell’arte bianca

- e stanno mostrando interesse sempre crescente verso gli impianti per la produzione di pasta fresca, che più facilmente si adatta alle tradizioni culinarie asiatiche. “Abbiamo assistito all’inizio di una fase di maturazione di alcuni mercati – sostiene Raffaele Zingrillo di Zindo, azienda associata Assofoodtec - che fino ad ora si erano rivolti alla produzione di pasta secca e di formati classicamente molto conosciuti all’estero, e che oggi sono alla ricerca di prodotti più particolari come i formati regionali, e soprattutto allo stato fresco. Mi riferisco ad aree come il nord Africa ed il sud America, oltre ad i Paesi Arabi. Ma tante richieste sono arrivate anche dai Paesi Asiatici emergenti”. Per soddisfare tutte queste richieste, via via sempre più articolate, le aziende Assofoodtec presenti in fiera hanno dato largo spazio alla presentazione delle ultime tecnologie adottate. Lo sviluppo di impianti tecnologicamente sempre più avanzati garantisce, infatti, l’abbattimento dei costi di produzione a favore di una maggiore qualità del prodotto finito, e l’uso di materie prime alternative: il tutto nell’ottica di una maggiore flessibilità in grado di soddisfare richieste sempre più numerose ed esigenti.

Increasingly technological and International food industry Italian machine and plant market for industrial pasta factories is increasingly turning to foreign markets, above all toward emerging countries

T

he 22nd edition of Ipack-Ima closed chalking up extraordinary success and establishing its leading role for many Assofoodtec member firms working in the pasta machine sector and representing a big and dynamic part of the food processing machinery market. The companies of our Country can in fact boast leading position in the machine and plant market for industrial pasta factories, which is increasingly turning to foreign markets and above all toward emerging countries. To this regard, we notice that China and

58

India have been running the road to industrialization at fast pace, above all their bakery and pasta sector that is known to be traditionally artisan; their growing attention is especially for fresh pasta production plants that can be perfectly adjusted to Asian eating tradition. Raffaele Zingrillo of Zindo, Assofoodtec member, says “We see some markets grow and look for new kinds of pasta, above all fresh regional specialties, whereas they used to be mainly interested in dry pasta and other famous specialties up to some time ago. I am talking about North Africa,

FOOD INDUSTRY

South America, and Arabia. However, considerable demand is also from emerging Asian countries.” To meet this growing and increasingly diversified demand, Assofoodtec member companies present at Ipack-Ima gave much room to their latest technology. The development of technologically advanced plant guarantees production cost lowering, increased quality of finished products, and alternative raw materials. All that within an overall perspective of higher flexibility to meet many and demanding requirements.


www.fbfitalia.it

What we do best are High Pressure Homogenisers.

H

We have already done it more than 3000 times and still keep on doing so.

. .P

o ge m Ho

nizers

A complete range to suit a wide variety of applications and products

FBF Italia S.r.l. Via Are, 2 43038 Sala Baganza (Parma) Italy Phone: + 39 0521 548200 Fax: +39 0521 835179 www.fbfitalia.it info@fbfitalia.it


29th

29a Mostra internazionale della filiera ortofrutticola International Exhibition of the fruit and vegetable industry


SALONE INTERNAZIONALE DELL’IMBALLAGGIO – PARIGI

19 > 22 Nov. 2012

* Tutto ciò che dovete conoscere.

FRANCIA

AVEC/WITH

ULTERIORI INFORMAZIONI?

INNOVATIONS & SOLUTIONS I l v o s t r o p a s s s u w w w. e m b a l l a g e w e b . c o m

Ever y thing you need to KNOW !* Codice: P22050

Saloni Internazionali Francesi S.r.l. – Tel.: 02/43 43 53 26 – Fax: 02/46 99 745 – e-mail: mtajroldi@salonifrancesi.it EMB12FO_Tecnalimentaria_P22050_210x148.indd 1

17/04/12 15:57

Sigillare i cavi è ancora più semplice Roxtec EzEntry™ – sistemi di sigillatura per quadri e armadi PERCHÈ ROXTEC?  Progettazione e    

Sistema Multidiameter™

installazione semplici Sigillatura di cavi precablati Approvato UL/NEMA e IP Meno dime di foratura Adattabile a cavi di diverse misure

Non è necessario tagliare i connettori

Roxtec Italia S.r.l Via Leonardo Da Vinci 25 20060 CASSINA DE PECCHI (MI), ItALy TELEFONO +39 02 959012.1, FAX +39 0295 901240 EMAIL info@it.roxtec.com, www.roxtec.com/it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

Come entrare nel C mercato indiano Il settore food and beverage indiano sta cambiando rapidamente, con un forte impulso alla realizzazione di impianti di food processing

Reparto formaggi al supermercato Le Marché di New Delhi Cheese counter at the Le Marché supermarket in New Delhi

Guidelines for the Indian market C

IBUS 2012, to be held in Parma from 7th to 10th May, strengthened its B2B-orientation. “CIBUS Export Desk” will be dedicated to business meetings between foreign players and export-oriented companies eager to penetrate new markets. Indian market is one of the most appealing one and a lot of firms are assessing its distinctiveness in order to figure out the best way to tackle it. Hence an Indian delegation (from retail and Ho.Re.Ca.) will be attending Indian Desk, a dedicated area

62

located in the Buyers’ lounge where getting in touch with Italian food firms. Beside, a specific workshop with Indian players has been set up for Wednesday 9th May. “Pasta, olive oil and cheese are the most demanded Italian food – claimed Enrico Perego from “Octagona”, a consulting firm dealing with Fiere di Parma in the Indian Desk – but the marketplace is changing, with new flavors and new products: India has a middle-class of 300 million people interested in international food (especially Italian one).

FOOD INDUSTRY

ibus 2012, a Parma dal 7 al 10 maggio, ha accentuato il suo profilo di fiera delle aziende per le aziende. Lo spazio del “Cibus Export Desk” sarà tutto dedicato agli incontri tra gli operatori stranieri e quelle aziende alimentari che progettano di aumentare la propria quota di export ed, eventualmente, avvicinarsi a nuovi mercati. Quello indiano è uno dei più interessanti, ma non sono poche le aziende che si interrogano su modalità e vantaggi di entrata in quella realtà commerciale. Per questo una delegazione di operatori indiani (provenienti dal retail e dall’Horeca) sarà presente all’Indian Desk, uno spazio dedicato situato nei pressi della Buyers’ Lounge, pronta a dialogare con le aziende italiane interessate. E’ stato anche organizzato un workshop con la presenza degli operatori indiani nella mattina di mercoledì 9 maggio. “I prodotti italiani più richiesti in India sono: pasta, olio d’oliva e formaggi – spiega Enrico Perego della società di consulenza “Octagona” che ha collaborato con Fiere di Parma per l’Indian Desk – ma il mercato si sta aprendo ulteriormente a nuovi gusti e nuove tipologie di prodotti, non dimentichiamo che esiste in India una classe media di almeno 300 milioni di persone attratte dal cibo internazionale ed italiano in particolare”. Una fascia piuttosto giovane, con molti individui sotto i 40 anni, aperta agli stili di vita occidentali, ma ancorata alla tradizione vegetariana dell’India (il 65% della popolazione indiana è vegetariana). Il settore food and beverage indiano sta cambiando rapidamente con un forte impulso alla realizzazione di impianti di food processing che possano ridurre la piaga dello spreco dei prodotti vegetali (il 30% di essi si deteriorano per cattiva conservazione e carenze dell’industria di trasformazione). L’altra novità è rappresentata da una forte espansione della rete del retail che può fungere da ‘ambasciatrice’ dei prodotti del food made in Italy.

Food and beverage industry is changing fast toward new food processing plants A pretty young segment, with many people under 40, open to western lifestyles but tightly linked with Indian vegetarian tradition (65% of Indian population is vegetarian). Food and beverage industry is changing fast toward new food processing plants in order to reduce the huge problem of vegetable waste (30% is being deteriorated by a bad storage and a lack in processing industry). The other news is a big enlargement in the retail-network, an important stakeholder when marketing Made in Italy food.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

L’ultima novità in casa Nord-Lock: il bullone combi bolt Il bullone Nord-Lock combi bolt unisce ingegnosamente la comodità e la convenienza di un bullone all’eccellenza del sistema unico di bloccaggio a camme delle rondelle Nord-Lock

I

l bullone combi bolt offre numerosi vantaggi in caso di applicazioni piccole o difficili da raggiungere, nelle quali è complicato montare componenti separati o dove la caduta di parti della giunzione può causare serie difficoltà o ritardi. “Per i nostri clienti che devono gestire applicazioni di massima sicurezza, potersi affidare a soluzioni forti e sicure, che minimizzino i rischi di errore e aumentino l’affidabilità del processo di serraggio, è più di una chiave per il successo, è una necessità!”, dice Maxime Thonnerieux, Direttore R&D e

Performance Services di Nord-Lock International AB. “Dopo aver esaminato il cedimento di centinaia di giunzioni bullonate, possiamo dire che nella maggior parte di questi casi la causa era dovuta all’assenza di una rondella, a difficili condizioni di montaggio o all’utilizzo errato dei prodotti. Con il bullone Nord-Lock combi bolt forniamo al nostro cliente una soluzione affidabile e conveniente”, aggiunge Maxime. Se i processi di manutenzione, riparazione e revisione sono svolti in contesti in cui può essere problematico avere molti pezzi sciolti da montare, o nei quali la mancanza o l’errore di montaggio di una rondella può mettere in serio pericolo tutte le operazioni, il bullone Nord-Lock combi bolt è la risposta giusta. Con il bullone Nord-Lock combi bolt voi potrete: • Garantire un montaggio più rapido del prodotto, grazie ai componenti preassemblati e pre-lubrificati • Ridurre lo svitamento causato da errori umani, come per esempio un montaggio errato • Semplificare il montaggio di elementi di dimensioni molto ridotte • Manutenere e riparare in modo più semplice, veloce e sicuro anche in condizioni critiche o di difficile accesso • Garantire condizioni di avvitatura più sicure, avendo il controllo sia sulle rondelle sia sul bullone • Semplificare l’inventario e risparmiare sui costi di logistica, grazie al minore numero di articoli • Semplificare e velocizzare lo smontaggio (soprattutto da fori alesati). Questo nuovo prodotto offre una soluzione anche ai clienti che stanno cercando di razionalizzare o di ridurre al minimo il numero di componenti da inventariare e movimentare. Un bullone Nord-Lock combi bolt avvitato non può allentarsi da solo.

The latest in Nord-Lock: the new combi bolt The Nord-Lock combi bolt cleverly combines the convenience of a combi bolt with the superior locking capacity of Nord-Lock’s proven wedge locking washers

T

he combi bolt brings numerous advantages to small or hard to reach applications where it is tricky to mount separate components or where dropping bolt parts can cause serious difficulties and delays. ‘For our customers dealing with highly secured applications, relying on a strong and trusted solutions, minimizing the risk of error and leveling up the reliability of the joining process is more than a key to success. It’s a necessity’ – says Maxime Thonnerieux, Director Performance Services and R&D. ‘Having investigated several hundred of bolted joints failures, I can tell that the major part of these failures occurred due

64

to absence of a washer, difficult joining conditions, or inadequate product use. With the Nord-Lock combi bolt we bring our customer a solution that is reliable and cost-efficient’ – adds Maxime. If MRO is performed in settings where having a number of loose parts is problematic and incorrectly mounted or forgotten washers can put all operations in jeopardy, the Nord Lock combi bolt is an answer. With the Nord-Lock combi bolt you are able to: • Ensure faster product assembly, thanks to pre-assembled and pre-lubricated parts • Decrease failures related to human error; incorrect mounting or neglecting putting on the washers

FOOD INDUSTRY

• Facilitate product assembly with very small sizes • Maintain and repair in either difficult surroundings or areas of limited access faster, easier and safer • Ensure secured tightening conditions by having the control on both washer and screw • Facilitate inventory and logistical savings due to reduced item numbers • Make disassembly faster and easier as loose washers can be difficult to remove (especially from counter bore holes). The new product offers a solution to customers seeking to generally rationalize or minimize part count for inventory and logistics. A tightened Nord-Lock combi bolt cannot loosen by itself.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Pfannenberg Italia presente all’SPS/IPC/DRIVERS Pfannenberg Italia esporrà alla fiera SPS/IPC/DRIVERS di Parma, stand C 64, con l’obiettivo di illuminare il panorama della componentistica elettromeccanica

S

ulla scorta della pluriennale esperienza maturata a Norimberga, Pfannenberg Italia ha scelto di prendere parte alla seconda edizione italiana della fiera SPS/IPC/DRIVERS, che si terrà nel pad. 2 delle Fiere di Parma, dal 22 al 24 maggio 2012. Il pubblico italiano conosce e apprezza l’azienda soprattutto per le soluzioni relative alla gestione termica dei quadri elettrici.

Questa volta però l’attenzione sarà interamente concentrata sui dispositivi di segnalazione acustica e luminosa e, in particolare, sulla nuova linea di sirene PATROL. Prestazioni più sicure, installazione rapida e

una più conveniente gestione delle risorse: efficiente e potente, PATROL attraversa gli ostacoli e riduce il numero di dispositivi necessari. Nella versione combinata con luce flash, poi, incrementa ulteriormente la propria efficienza e le prospettive di abbattimento dei costi. “Se da un lato abbiamo raggiunto una buona penetrazione sul territorio italiano per quanto riguarda i prodotti dedicati alla gestione termica degli armadi elettrici (condizionatori, riscaldatori, ventilatori con filtri, igrostati, termostati, scambiatori di calore) e i refrigeratori per i processi industriali (chiller), nel prossimo triennio vogliamo puntare sui dispositivi di segnalazione acustica e luminosa, per i quali siamo meno noti ma consapevoli di offrire una qualità imprescindibile quando si parla di sicurezza”, afferma Nevio Lombardi, Direttore Commerciale di Pfannenberg Italia srl. La presenza fieristica sarà quindi interamente dedicata all’esposizione dell’intera gamma signaling: luci flash, lampeggianti, a LED, fisse, a specchio rotante, con funzionamento monitorato, di ingombro, di sicurezza SIL/PL , torrette luminose e indicatori a pannello, ma anche sirene, sirene con flash, sirene SIL/PL, sirene vocali, altoparlanti, buzzer con montaggio a pannello e segnalatori antideflagranti ATEX. Pfannenberg sarà presente anche con un secondo obiettivo, quello di trasmettere un segnale di ottimismo in questo momento congiunturale: “Pfannenberg Italia ha registrato negli ultimi anni un trend di crescita costante che ci ha permesso di ampliare il nostro team. Abbiamo assunto 2 nuove figure nell’ultimo trimestre 2011 e ne accoglieremo altre 2 nei prossimi 3 mesi, nell’intento di fornire il miglior servizio possibile ai nostri attuali clienti e continuare a crescere” - dice Annarita Amadei, Responsabile New Business Development.

Pfannenberg Italia at SPS/IPC/DRIVES Pfannenberg Italia will exhibit at SPS/IPC/DRIVERS of Parma, stand C 64, with the goal of bringing light to the electronic equipment sector

B

acking on its extensive experience gained in Nurnberg, Pfannenberg Italia has decided to take part in the second Italian edition of SPS/IPC/DRIVES event, from 22 to 24 May 2012, at Hall 2 - Parma Fairgrounds. Italians know and appreciate this company especially for its thermal management solutions for electric control boards. However, on this occasion the company will be focusing on acoustic and visual signalling devices and in particular on the new PATROL sounder series. Safer performance, faster installation and more advantageous resource management: PATROL is efficient and powerful, goes through obstacles and reduces the number of equipment required. When combined with a flashlight, the sounders of the PATROL

66

series increase further their efficiency and cost lowering. “If on the one hand we have reached good penetration into Italian market as regards thermal management of electrical enclosures (cooling units, heaters, filterfans, thermostats, heat exchangers) and chillers, on the other hand, in the next three years we are going to focus on signalling devices, for which we are less known in the market although we know we can offer utmost quality when it comes to safety matters”, says Nevio Lombardi, Pfannenberg Italia Sales Manager. The presence at this exhibition will be fully devoted to exhibiting the whole signalling device range: flashlights, LEDs, fix lights, rotating mirror lights, monitored function

FOOD INDUSTRY

lights, obstruction lights, SIL/OL safety lights and light towers, as well as sounders, sounders with flash, SIL/PL sounders, vocal sounders, speakers, buzzers with panel installation, and ATEX blast-proof alarms. Pfannenberg will participate at the Parma event also with the goal of infusing some optimism in a special economic moment like this: “In recent years, Pfannenberg Italia has grown constantly and could enrich its team with two new figures in the final three-month period of 2011, and 2 new ones are going to reach the company in the next 3 months. The company’s target is both providing its customers with the best possible service, and developing itself constantly”, says Annarita Amadei, New Business Development Manager


SIGNALING TECHNOLOGY

pATROL

La nuova generazione di allarmi acustici 100 – 105 – 110- 120 db

Disponibile anche nella versione combinata con Luce Flash più

SiCURO

più

FACiLE

più

CONVENiENTE

Installazione senza possibilità di errore Assemblaggio e montaggio in meno di 1 minuto Efficiente e potente (attraversa gli ostacoli!) abbatte il numero di allarmi richiesti

Per informazioni Pfannenberg Italia srl info@pfannenberg.it - www.pfannenberg.it Via la Bionda, 13 - 43036 Fidenza (PR) - Tel +39.0524.516700


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

Pepperl+Fuchs a SPS/IPC/DRIVES/ Italia 2012 Pepperl+Fuchs si prepara a presentare al mercato gli ultimi nati tra i suoi sensori a ultrasuoni

I

n occasione dell’ormai prossima edizione del SPS/IPC/DRIVES ITALIA, alle fiere di Parma dal 22 al 24 maggio prossimi, Pepperl+Fuchs si prepara a presentare al mercato gli ultimi nati tra i suoi sensori a ultrasuoni. Questa grande finestra sul mondo dell’automazione industriale italiana, sarà il palcoscenico ideale per il lancio della nuova serie F77, la gamma di ultrasuoni più piccoli della categoria. Delle dimensioni pari ad una moneta da 2 euro, questa soluzione nasce con il prestigioso obbiettivo di colmare il gap della tecnologia ultrasonica

Pepperl-Fuchs at SPS/ IPC/DRIVES/Italia 2012

O

n the occasion of the forthcoming edition of SPS/IPC/DRIVES ITALIA Fair, that takes place at Fiere di Parma on 22-24th May, Pepperl-Fuchs will show you its latest portfolio of ultrasonic sensors, focusing especially on the new smallest series F77. This generation of ultrasonic sensors in miniature design covers objects to the nearest millimetre and detects even the most difficult materials such as reflective objects; it has also a rated capacity up to 400mm wide and a very short blind zone (10 mm) for space-restrictive area. SPS/IPC/DRIVES ITALIA Fair is a great occasion for Pepperl-Fuchs to re-launch the well-known gamma of BERO products,

68

FOOD INDUSTRY

per le applicazioni con ingombro ridotto. Di poco superiore dimensionalmente ad una caramella, questa nuova gamma è dotata di una portata nominale estesa fino a 400mm e presenta l’enorme vantaggio di disporre di alcune versioni con zona cieca pari a 0mm. Avrete modo di assistere al rilancio del blasonato logo BERO attraverso le evoluzioni intercorse in questi 2 anni, introdurremo infatti una gamma completa di ultrasuoni con interfaccia IO-link e programmazione semplificata grazie ad un’intuitiva pulsantiera. Per ultimo Pepperl+Fuchs non è solo ultrasuoni, in questo anno ricorre infatti il 20 anniversario dal lancio del blasonato sistema d’indeficazione I-dent Control; andrà dunque a presentare le ultime centraline a 4 canali con interfaccia Ethercat e la nuova versione con standard di connessione specifico per l’automotive AIDA. Come nella passata edizione l’azienda riproporrà l’attività “Play industrial Automation” che Vi permetterà, giocando con l’automazione, di toccare con mano la qualità dei prodotti Pepperl+Fuchs e con un po’ di fortuna di aggiudicarvi alcuni simpatici gadget. Queste sono solo alcune delle novità disponibili, per conoscere tutte le altre Pepperl+Fuchs vi aspetta numerosi allo stand E 052 – Pad. 2.

Pepperl-Fuchs will show you its latest portfolio of ultrasonic sensors

the ultrasonic sensors with IO-Link Interface and an intuitive control panel to simplify the planning. But Pepperl-Fuchs is even more than just ultrasonic sensors! This year is the 20th anniversary of the launch of the I-Dent Control System: the latest 4-channel units with EtherCAT Inteface and the new version with standard connection specific for automotive AIDA will be shown at the Fair. As in the last edition, Pepper-Fuchs present again the successful activity called “Play Industrial Automation”, a great chance for everybody to test and experience most of the Pepperl-Fuchs products. Come and visit Pepper-Fuchs at stand E 052 – Hall 2.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Deumidificazione dei salumi: il metodo “salvatempo” Ghizzoni D. La rotazione più veloce dei prodotti diminuisce la necessità di spazio in cui allocare gli stessi nel periodo della stagionatura

U

na lavorazione innovativa, per un processo antico come la stagionatura degli insaccati, non può che essere descritta partendo da una variabile indispensabile ed essenziale, una parola-chiave attorno alla quale prende forma il principio vincente nel processo Ghizzoni D.: il tempo. Tutti coloro che lavorano le carni per la produzione di salumi sanno perfettamente che il

tempo è il segreto dell’inimitabile gusto di ogni prodotto buono e genuino, ma costringe ad una notevole limitazione della capacità produttiva annuale di ogni salumificio. Una riduzione della variabile temporale fino a 5 volte inferiore al tempo utilizzato nell’ essiccatoio tradizionale è ciò che si ottiene nell’apposito macchinario brevettato Ghizzoni D., attraverso l’applicazione del processo in

Inizio trattamento / Start

Dopo 12h: calo peso 6,8% 12 h later: weight loss 6,8%

Sausages dehumidification system: Ghizzoni D.’s “time-saving” method

A

n innovative treatment for an old process as the sausage seasoning is, cannot but be described starting from an essential pre-requisite, a key-word strategy to which the winning principle of Ghizzoni D.’s process applies: time. All those who are processing meat into sausages, perfectly know that time is the secret of the incomparable taste of each and any genuine product, but brings about considerable restrictions in the yearly production capacity of every cold meat processing plant. A reduction of the timing, with savings up to 5 fold lower than the time required by traditional dryers, is what can be obtained with the special patented equipment Ghizzoni D., through the application of the process within a controlled and standardized environment.

70

Considerable energy saving is the first undoubted advantage: as a matter of fact, this solution enables to remove and replace the traditional dehumidification equipments with heat convectors and refrigerator condensers, necessary in this processing stage. In the same way, time reduction also has an impact on the pre-seasoning and seasoning stage, by drastically reducing them. At a final comparison, Ghizzoni D.’s “timesaving” method also becomes a real “spacesaving” method: as a matter of fact, the quicker rotation of products reduces the allocated space needed for the same during the seasoning period, which is an undeniable advantage from an economical point of view. Another winning aspect, in this delicate process, deriving from the usage of Ghizzoni D.’s patented equipment, concerns a second key point of the process: quality.

FOOD INDUSTRY

ambiente controllato ed uniformato. Primo, indubbio vantaggio che se ne trae è quello di un notevole risparmio energetico: questa soluzione, infatti, elimina e sostituisce gli impianti di deumidificazione tradizionali con termoconvettori e condensatori frigoriferi, necessari in questa fase della lavorazione. Questa prima riduzione di tempo va ad impattare, con analoghe modalità, anche sulla fase della pre-stagionatura e della stagionatura, riducendole drasticamente. Ad un raffronto finale, il metodo “salvatempo” Ghizzoni D. diventa anche un vero e proprio metodo “salvaspazio”: la rotazione più veloce dei prodotti, infatti, diminuisce la necessità di spazio in cui allocare gli stessi nel periodo della stagionatura, innegabile vantaggio dal punto di vista economico. Un altro aspetto vincente, in questo delicato processo, derivante dall’utilizzo dell’impianto brevettato Ghizzoni D., riguarda un secondo punto cardine della lavorazione: quello qualitativo. I pezzi stagionati con il nuovo metodo rivelano un cuore perfettamente compatto, senza sfesature e infiltrazioni interne, mentre esteriormente l’aspetto, la consistenza, il colore e l’uniformità del pezzo rimangono identici a quelli riscontrati nella lavorazione tradizionale. La modalità sopra descritta, infatti, non altera in alcun modo la carica batteriologica presente e necessaria nel prodotto: con il metodo Ghizzoni D., la prolificazione dei batteri è inibita nella fase iniziale, mentre successivamente la deumidificazione risulta uniforme nell’intero pezzo che si sta trattando. L’utilizzo del metodo Ghizzoni D. nella produzione degli insaccati porta quindi vantaggio competitivo in termini di volumi e perciò di vendite, salvaguardando, ad un tempo, la qualità è la genuinità dei nostri prodotti famosi nel mondo.

The quicker rotation of products reduces the allocated space needed for the same during the seasoning period The meat pieces seasoned with this new method are perfectly compact in the centre, show no separation and internal infiltrations, whereas the outer appearance, texture, colour and uniformity of the pieces are identical to those obtained with the traditional process. As a matter of fact, the above-described procedure in no way modifies the bacterial charge present and necessary in the product: with Ghizzoni D.’s method, the bacterial proliferation is inhibited during the initial stage, whereas, the dehumidification subsequently turns out to be uniform in the whole processed meat piece. The usage of Ghizzoni D.’s method in the production of sausages therefore leads to economical advantages in terms of volumes and hence of sales, at the same time safeguarding the quality and authenticity of our products famous all over the world.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Gas di qualità Attraverso il marchio Gourmet Messer Italia offre una gamma completa di gas e miscele

M

esser Italia ha recentemente certificato il suo Sistema di Gestione della Sicurezza Alimentare secondo il nuovo schema di certificazione FSSC 22000 sviluppato dalla Foundation for Food Safety Certification. Tale certificazione consente di attuare un Sistema Aziendale di Gestione della Sicurezza Alimentare in grado di definire tutti i pericoli che “ragionevolmente” possano manifestarsi lungo la filiera, tenendo in considerazione tutti i processi. Lo schema rappresenta uno strumento ancora più avanzato rispetto a quelli fino ad oggi disponibili unendo l’approccio specifico dei sistemi di gestione, la metodologia HACCP e le linee guida PRP dettagliate. Tale schema di certificazione si va ad integrare alla certificazione UNI EN ISO 9001:2008 già in possesso dell’azienda. Messer Italia sviluppa continuamente nuove applicazioni per l’industria alimentare e offre una gamma completa di gas e miscele identificati attraverso il marchio Gourmet. Non solo gas per il confezionamento, ma anche un servizio a 360° che va dalla consulenza per la determinazione delle miscele più idonee per ogni prodotto fino alla verifica dei risultati ottenuti.

Quality gas Messer Italia offers a full line of gas and mixtures under the Gourmet brand

M

esser Italia has recently certified its Food Safety Control System according to the new certification scheme FSSC 22000 developed by Foundation for Food Safety Certification. This certification enables to carry out a Company Food Safety Management System to select all dangers that “reasonably” occur throughout the chain, keeping all processes into close consideration. The scheme combines the specific approach of management systems and the HACCP method with the detailed PRP guidelines, thus standing out as the most advanced tool. Such certification scheme completes Messer Italia’s UNI EN ISO 9001:2008 certification. Messer Italia constantly develops new applications for the food industry and offers a broad range of gases and mixtures under the Gourmet brand. Not only gas for packaging, but also an all-round service ranging from the selection of the most suitable mixtures for each product right to the control of the results achieved.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Avanguardia ingegneristica Moderne attrezzature e progettazione di ultima generazione si fondono con lo spirito di innovazione che da sempre caratterizza l’azienda

L

’azienda Cuomo opera nel settore delle progettazione e produzione di macchinari per l’industria conserviera e dell’imballaggio dal 1964. Il successo che i macchinari CUOMO hanno riscosso nel mercato ha permesso all’azienda di raddoppiare più volte il volume d’affari e di emergere come uno dei maggiori leader del settore, attivo in 4 continenti attraverso vendite dirette o tramite agenti che operano localmente. La produzione aziendale include: linee di

produzione scatole e linee per l’industria conserviera, linee per capsule e coperchi, specialmente progettati per soddisfare le piccole, medie e grandi aziende. Sono tutti progettati e prodotti secondo gli standard ISO. Inoltre, è anche disponibile una vasta gamma di pezzi di ricambio. L’azienda è attrezzata con le più moderne attrezzature e centri elettronici di lavoro; con rettificatrici, torni, carroponte, una sala per il trattamento a caldo e assemblaggio. La progettazione dell’ultima generazione di

macchinari ha permesso all’azienda di poter affrontare problematiche tecnologiche complesse di settori quali quelli degli imballaggi metallici e delle capsule metalliche twist-off, con spirito di innovazione e tecnologie all’avanguardia. I clienti dell’azienda sono seguiti sempre, dal contratto ai problemi quotidiani che potrebbero incontrare, grazie ai tecnici aziendali specializzati che viaggiano ovunque ci sia bisogno.

Engineering avant-garde Modern equipment and state-of-the-art engineering combine with the spirit of innovation that has always been characterizing the company

T

he company Cuomo has been working in the design and production of metal packaging and food processing machinery since 1964. The market success of CUOMO machinery has enabled the company to double its turnover and stand out on the market as one of the major players of the sector, operating on four continents through both sales departments and representatives who work locally. The company’s production range includes

72

the following: can making and food processing lines for food, twist-caps and lids/ends, especially designed to satisfy small, medium and big companies. They are all designed and produced according to ISO quality standard. Moreover, Cuomo can also supply its well-known wide range of spare parts. The workshop is equipped with the most modern tools and electronic working centres; with grinding machines, lathes, overhead cranes, a heat treatment room

FOOD INDUSTRY

and an assembly shop. The engineering of state-of-the-art machinery has enabled the company to deal with complex technological issues concerning sectors such as metal packaging and metal twist-off capsules, with spirit of innovation and cutting-edge technology. Customers are always cared for, from the deal to the daily problems they may encounter, thanks to the company’s skilled technicians who travel wherever needed.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Controllo della qualità Il sistema di ispezione modulare PACKVISION è progettato e costruito, sia a livello software che meccanico, interamente da Italvision

I

TALVISION è un’azienda leader nella costruzione e vendita di sistemi d’ispezione automatici per il confezionamento alimentare, mentre PACKVISION è il suo sistema d’ispezione modulare per il controllo qualità sia per contenitori termosaldati per alimenti che per il confezionamento in generale. Packvision permette i controlli su: • Presenza di impurità nella saldatura di vaschette alimentari.

• Centratura o correttezza serigrafica di stampa sul film. • Presenza o difettologia del bar-code. • Presenza di marchi-bollini-etichette sia nella parte superiore che inferiore della confezione. • Ammaccature confezioni. • Difetti estetici in generale. PACKVISION è progettato e costruito (sia a livello software che meccanico) interamente da Italvision, quindi permette all’azienda di adeguare la macchina ad ogni singola esigenza del cliente. L’utilizzo di telecamere a colori ad alta velocità, computer industriale ad alte prestazioni su piattaforma 64 bit QuadCore, permettono l’ispezione in continuo direttamente sulla linea. Il Software è estremamente potente, ma semplice ed intuitivo grazie all’utilizzo di un monitor Touch Screen; il sistema viene messo in produzione in brevissimo tempo. L’archivio storico dei lotti di produzione rende l’operazione di cambio prodotto immediata. L’utilizzatore può decidere a suo piacimento, con semplici operazioni, la dimensione minima e massima del difetto, la zona d’ispezione ed i parametri per il controlli estetico. Il controllo in remoto, permette la gestione di più linee da un’unica

postazione. Facilita eventuali interventi di assistenza, sia in termini di diagnostica che di configurazione. Le caratteristiche sistema sono: Sistema di calcolo con computer industriale ad alte prestazioni; -Sistema di acquisizione con n°2 telecamere tri-lineari a colori ad alta risoluzione (2048 pixel per linea/colore); Illuminazione a Led; Rete ethernet per assistenza remota; Possibilità di gestire fino a 6 tipi di scelta. L’utilizzo del sistema porta i seguenti benefici: Aumento degli standard qualitativi; Riduzione dei costi operativi; Controllo costante ed uniforme nel tempo; Aumento della capacità produttiva; Gestione di più linee con lo stesso operatore.

Quality control Modular vision system PACKVISION is fully designed and manufactured (software and mechanics) by Italvision

L

eader company ITALVISION manufactures and sales automatic vision systems for food packaging operations, and PACKVISION is its modular vision system for quality control of heatsealed food trays and packaging in general. Packvision is recommended in the following control operations: • impurity in food tray sealing • centring and correct serigraphic film printing • presence or possible defects of bar-codes • presence of brands-seals-labels on the upper and lower parts of the package • damaged packages • general defects

74

PACKVISION is fully designed and manufactured (software and mechanics) by Italvision, which enables the company to tailor the machine to customers’ requirements. The use of high-speed colour cameras, high-performance industrial computer on 64 bit QuadCore platform allow the steady inspection directly on the line. The Software. Very powerful but simple and intuitive thanks to a Touch Screen monitor, the system is put in production in very short time. The historical file of production batches makes the product change immediate. The user can decide through simple operations, the minimum and maximum defect sizes, the inspection area and the parameters for

FOOD INDUSTRY

aesthetical control. The remote control allows managing many lines from one station only. It makes any diagnostic or configuration operation easier. The use of this system allows: Highperformance system of calculation by industrial computer; Acquisition system with 2 high-resolution (2048 px by line/colour), colour, tri-linear cams; Led lighting; Ethernet for remote assistance; Possibility to manage up to 6 types of choices. This system offers the following benefits: Increased qualitative standards; Reduced operational costs; Steady and uniform control during time; Increased productive capacity; Management of many lines by the same operator.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Torri di raffreddamento

B

oldrocchi T.E. Srl, parte del gruppo Boldrocchi Srl, tra i più attivi nel settore dello scambio termico e della ventilazione industriale, produce torri di raffreddamento industriali, metalliche, con ventilatori assiali in aspirazione. Le apparecchiature, adatte a raffreddare da pochi m³/h di acqua fino a qualche migliaio, possono essere fornite sia completamente assemblate (anche con dimensioni adatte per inserimento in open-top), sia, nelle versioni di maggior dimensione, totalmente smontate, da rimontare in cantiere (con o senza l’assistenza di un montatore aziendale). La rete di distribuzione acqua senza ugelli spruzzatori, ma con distributori non intasabili in acciaio inossidabile, la possibilità di installare sia il riempimento tipo Film (varie geometrie) sia un originale e collaudato riempimento di tipo Splash (adatto fino a oltre 100°C) sono comuni a tutte le torri di raffreddamento aziendale e ne fanno delle apparecchiature particolarmente affidabili e per questo apprezzate da tutta la clientela industriale dell’azienda Boldrocchi. Le torri evaporative di Boldrocchi sono pulibili e sanificabili, per piccole e grandi utenze, flessibili e affidabili anche con acque contenenti acidi grassi o sostanze organiche. Per esigenze specifiche è disponibile la versione in acciaio inossidabile Aisi 304 oppure Aisi 316. Per richieste d’offerta o per richiedere informazioni visitare il sito aziendale www.btetorri.com e compilare il modulo di richiesta, l’azienda risponderà con sollecitudine.

Cooling towers

B

oldrocchi T.E. Srl is a company of Boldrocchi group, one of the most active groups in the sector of heat exchange and industrial ventilation; Boldrocchi T.E. Srl produces industrial metal cooling towers with axial suction fans. Boldrocchi’s towers, suitable for cooling water from a few cubic meters/hour up to some hundred, can be supplied both fully assembled (also with the suitable size for open-top insertion) and disassembled to be re-assembled on site (with or without the assistance assembler) for bigger versions. Water distribution system without spray nozzles but with stainless steel non-clogging distributors, the possibility to install Film type filling (various geometries) and original and tested Splash type filling (for over 100° C) are features of all Boldrocchi’s cooling towers whose particular reliability make them highly appreciated by all its industrial customers. Boldrocchi’s cooling towers are also cleanable and sanitizable suitable for small and big users, flexible and reliable even with waters containing fat acids or organic substances. In addition to this, it is also available a stainless steel version in Aisi 304 and Aisi 316 for any specific requirements. The company invites to visit its website www.btetorri.com and fill in the information form for any offer and information you might need. The company will promptly contact you.

BOLDROCCHI T.E. Srl Via degli Artigiani, 5 - 20853 – BIASSONO (MB) - ITALY Tel. 039 4980020 - Fax 039 2324676 btetorri@btetorri.com - www.btetorri.com


Passato, presente e futuro nella lavorazione del latte e del formaggio

PORZIONATRICE DA BANCO

ROCK 18

Novità per il taglio fresco del banco formaggi

ROCK 22

ROCK 16 ROCK 20 SEZIONATORE ELETTRICO

ROCK 16

PORZIONATRICE SEMI-AUTOMATICA

ROCK 20

ROCK 21

STAZIONE PROGRAMMABILE DI PORZIONATURA A ROCCIA

ROCK 22

STAZIONE INTEGRATA ROCK 21

PULITRICE/SBIANCATRICE AUTOMATICA PER PREPARAZIONE FORMA ALLA GRATTUGIA

Per estrazione cuore e divisione forma in due metà o in n/dischi Via Quintino Sella, 21/A - 43125 Parma - Italia - T. 0521.982381 - F. 0521.994866 - www.caseartecnica.it. Società a socio unico. Cap. Soc. 10.400,00 I.V. - Registro Imprese PR 1527 - r.e.a. PR 157766 - P.I. 00976580340


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

Sistemi di controllo di alta precisione Schubert & Salzer Control Systems GmbH produce tecnologie per il controllo e l’intercettazione di qualsiasi fluido

S

chubert & Salzer Control Systems GmbH è un’azienda tedesca, che ha sede nel cuore della Baviera, a Ingolstadt. La sua storia ebbe inizio oltre 100 anni e la sua è una lunga storia di successo; a testimoniarlo sono le prestigiose referenze che di Schubert & Salzer Control System GmbH ne hanno fatto un prodotto standard di capitolato. La produzione aziendale prevede: • Valvole di controllo a disco scorrevole auto lappante DN15- DN250 Tale valvola prevede lo scorrimento di un disco mobile rispetto ad uno fisso, attraverso un attuatore a membrana o a pistone. I vantaggi che se ne deducono sono ingombro e peso ridotto, unità disco mobile intercambiabile con relativo coefficiente di portata variabile, percentuale di perdita di carico ridotta (<0,0001% del KVS ad una temperatura >200°C), eccellente grado di precisione e velocità, basso consumo di energia. • Valvole a settore sferico DN25 - DN 300 Sono progettate per gestire applicazioni con fluidi “difficili”, impuri e molto viscosi. L’attuazione è pneumatica o elettrica e, grazie alla rangeability che questa valvola è in grado di offrire (300:1), si possono soddisfare i più disparati progetti, laddove è richiesto un alto indice di precisione.

High-precision control technology Schubert & Salzer Control Systems GmbH creates control and detection technology for any fluid

S

chubert & Salzer Control Systems GmbH is a German company headquartering in the heart of Bavaria, at Ingolstadt. The company’s history begun more than 100 years ago and it can boast a long successful history, as witnessed by the well-known names that have included its products in their specifications.

78

The company production includes the following: • Self-lapping Sliding gate valve DN15 – DN250 This kind of valve consists in a moving disk with respect to a fixed one, through either a membrane or piston actuator. The advantages offered are: minimum space and weight, interchangeable operating unit with variable coefficient value, extremely low leakage rate (< 0.0001% of the KVS value at >200°C), outstanding positioning ratio and speed, low energy consumption. • Ball Sector Valves DN25 – DN300 The Ball Sector Valve has been especially designed to handle arduous duties, slurries and viscous fluids. With pneumatic and electrical actuators, this valve is the best choice for very precise control (300:1), and can meet various requirements, where high precision is requested.

FOOD INDUSTRY

• Valvole on/off e di controllo asettiche, igieniche, a diaframma e schiacciatubo DN6 – DN65 Se il requisito necessario è la purezza e la precisione di controllo, la riposta è la valvola sterile 6020 e 6021. Ha il corpo interamente in AISI 316L, una rugosità <0,8 µm (opzionale <0,2 µm) e tenute in EPDM, Silicone o Fluoraz (per alte temperature). I corpi sono CIP e SIP, specifici ad evitare la contaminazione da batteri. Per fluidi critici gestiti in open/closed loop, la risposta invece è la valvola a diaframma oppure la schiacciatubo. Le valvole rispettano tutte le norme in vigore, hanno certificato EHEDG ed approvazione FDA. • Seat valve DN8 – DN80 Le valvole on/off sono estremamente affidabili, e garantiscono una vita media nell’ordine di milioni di cicli. Possono essere prodotte in acciaio inox, bronzo, o in altre varianti con o senza corpo ad angolo e svariati tipi di connessione. L’attuatore può essere pneumatico oppure motorizzato. Le consegne avvengono normalmente in 2-3 settimane. Per urgenze, l’azienda è in grado di evadere la fornitura in pochi giorni. Schubert & Salzer Control Systems GmbH è presente in oltre 40 paesi nel mondo e il suo sito è www.schubert-salzer.com

• Seat Valves and aseptic, hygienic, diaphragm and pinch valves DN6 – DN65 When pureness and control accuracy are requested, the sterile valve 6020 and 6021 is the right answer, with stainless steel Aisi 316L, roughness <0,8 µm (or <0,2 µm as optional) and EPDM, Silicon and Fluoraza (for high temperatures) sealing. The valve body is in CIP or SIP as to avoid bacterial contamination. For any arduous fluid in open/closed loop, the best solution is the diaphragm or pinch valves. They comply with all the norms in force and are EHEDG and FDA certified. • Seat Valve DN8 – DN80 On/off valves are highly reliable and grant millions of cycles. They can be in stainless steel or bronze, other types, with or without angle body and various connection standards. The actuator can be either pneumatic or motorized. Deliveries are usually carried out in 2-3 weeks, which can turn into a few days in case of urgent matters. Schubert & Salzer Control Systems GmbH is present in over 40 Countries worldwide and more information can be found on www.schubert-salzer.com


"alvole  automa+che  on/o0  e  a  modulazione  di   portata6  con  o7uratore  speciale  breve7ato  a   disco  scorrevole.   Affidabilità  e  precisione  “  Made  in  Germany  “     nel  controllo  di  fluidi.       "alvole  speciCche  per  i  seguen+  se7ori  E       ²  Produzione  acciaio  e  leghe   ²  Produzione  pneuma+ci   ²  Gintura  e  tra7amento  tessu+   ²  Produzione  di  bevande  e  birra   ²  Produzione  di  alimentari   ²  Produzione  di  gomma  e  plas+ca   ²  Applicazioni  chimiche   ²  Applicazioni  Harmaceu+che   ²  Gra7amento  acIue  JreflueK   ²  Automo+ve   ²  Costruzioni  navali   ²  Energia  e  Gas   ²  Estrazioni  minerarie   ²  Produzione  della  carta   ²  Produzione  e  tra7amento  del   cemento   ²  Nmpian+  speciali    

 


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

F

Friulinox offre soluzioni tecnologiche per l’industria alimentare

riulinox ha sviluppato l’armadio di stagionatura NORCINO per gestire la corretta ed uniforme stagionatura di salumi, in qualsiasi stagione dell’anno, indipendentemente dalla temperatura esterna e dalle condizioni atmosferiche, in grado di gestire fino a 100 kg. di salumi freschi. Il tempo di stagionatura varia dalla pezzatura e dalle ricetta dei salumi, da 5 a 30 giorni. Il NORCINO è dotato di un controllo semplice, facile da regolare da parte dell’operatore e si presta per l’esposizione e la vendita al dettaglio delle specialità alimentari.  La funzione di ricambio d’aria assicura la stagionatura e il mantenimento ideale dei salumi, che assumono un aspetto genuino e sano, mediante la formazione di una sottile ed omogenea patina di muffa bianca sulla superficie esterna, stimolando l’interesse del consumatore.

L’armadio di stagionatura NORCINO gestisce la corretta e uniforme stagionatura dei salumi, in qualsiasi stagione dell’anno

ARMADIO STAGIONATORE / MANTENITORE - SEASONER / HOLDER CABINET

Consente l’utilizzo di 10 climatizzazioni diverse di stagionatura, ognuna programmabile con 6 microclimi diversi per ottenere le fasi di: - stufatura - asciugatura - stagionatura - mantenimento

allows to use 10 different seasoning climate controls, each one programmable with 6 different microclimates, to obtain the following phases: - stifling - drying - seasoning - holding

First, quality.

Friulinox offers technological solutions for the food industry The seasoner cabinet NORCINO controls the best salami seasoning, at any time of the year

80

FOOD INDUSTRY

F

riulinox has developed the seasoner cabinet NORCINO for handling the best seasoning of “salamis” at any time of the year, independently from outside temperature and weather conditions, up to 100 kg. of product. The total seasoning cycle can last from 5 to 30 days, according to the dimension and to the ingredients of the products. The NORCINO seasoning cabinet is equipped with a simple control, easy to programme and is also suitable as a display cabinet, for promoting the sale of gastronomic specialities. The air-exchange function assures the ideal holding of the products, which acquire a genuine and attractive look, due to the formation of a white, thin and even mildew on the outside surface, which stimulates the interest of consumers.


friulin x is specialized in manufacturing Blast Chillers and Blast Freezers

for whatever gastronomic, confectionery or bakery specialities.

According to the Customer’s production requirements, Friulinox can elaborate the right solution for the correct treatment of food, in the respect of the cold chain and of the HACCP regulations. Friulinox is distinguished for the capacity to develop special solutions for every Customer, to:

A

dapt the performances of the appliances to the specific specialities, by modulating the air-flow, so to preserve the original humidity of the products (Friulinox Patent);

First, quality.

D esign and manufacture the panels and dimensions of the Blast Chillers

and Blast Freezer Tunnels, according to the dimensions of the trolleys and to the production rate of each Customer, according to four different insulation thicknesses (80, 100, 120 and 150 mm.) and custom made doors;

P rovide suitable remote condensing units, with particular

technological solutions such as double stage compressors and inverters;

S upply HACCP monitoring systems, to assure the close control of all proceedings and preserving the food safety;

Deliver the exclusive ZETA LINE Control and Automatic Washing Device (Friulinox Patent) for complete sanitation of the appliances.

friulin x

è specializzata nella produzione di abbattitori di temperatura e congelatori per ogni specialità del settore gastronomia, pasticceria e panificazione. Conforme alle richieste del cliente, Friulinox elabora la giusta soluzione per un corretto trattamento degli alimenti, sempre rispettando la catena del freddo e delle regole HACCP. Friulinox si distingue per la sua capacità di sviluppare soluzioni speciali per ogni singolo cliente per: .

Adattare le performance delle apparecchiature alle specialità modulando il getto d’aria, mantenendo l’umidità originale del prodotto (Brevetto Friulinox);

Progettare e produrre i pannelli e le dimensioni degli abbattitori di

temperatura e tunnel di congelazione a seconda delle dimensioni del carrello e del ritmo di produzione di ciascun cliente, secondo i quattro spessori di isolamento (80, 100, 120 e 150 mm) e porte personalizzate;

F

ornire unità di condensazione a distanza con particolari soluzioni tecnologiche, come ad esempio i compressori a doppio stadio e inverter;

F

ornire sistemi di monitoraggio HACCP per assicurare un accurato controllo di tutte le procedure e per preservare la sicurezza alimentare;

Spedire gli esclusivi ZETA LINE Control e Automatic Washing Device

(Brevetto Friulinox) per una completa sanificazione delle apparecchiature.

friulin x

- Ali Spa

Via Treviso, 4 - 33083 Taiedo di Chions (PN) ITALY

tel. +39 0434 635411 fax +39 0434 635414 e-mail: info@friulinox.com website: http://www.friulinox.com


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

Vetrina per innovazione ed export A Eurocarne cresce l’attenzione per le tecnologie e i materiali di imballaggio e confezionamento

O

ltre 300 espositori, per il 30 per cento provenienti dall’estero, parteciperanno ad Eurocarne, il Salone triennale internazionale delle tecnologie e prodotti per la lavorazione, conservazione, refrigerazione e distribuzione delle carni, organizzato da Veronafiere insieme con Ipack-Ima Spa dal 24 al 27 maggio prossimi. Con una missione: ridare slancio ad un comparto che vale circa 30 miliardi di euro nella sola produzione italiana di carni. Inoltre, a livello di tecnologie, dall’ultima indagine condotta dall’Osservatorio economico IpackIma Spa, è emerso che il 2011 si è chiuso con un buon andamento del fatturato per il comparto «Meat»: il 38 per cento delle aziende intervistate ha segnalato un aumento del proprio fatturato e il 50 per cento non ha subito variazioni. Il 2011, inoltre, ha registrato una crescita delle esportazioni e – anche per l’anno in corso – le prospettive sono di ulteriore consolidamento dei flussi oltreconfine. Innovazione ed internazionalizzazione Eurocarne è una della manifestazioni più importanti a livello mondiale per l’innovazione del settore, che per l’edizione 2012 festeggia i primi 25 anni con importanti novità, a partire da una forte internazionalizzazione, sia fra gli espositori che fra le delegazioni in visita. Sono infatti attesi oltre 100 buyer da missioni

82

- organizzate anche con la collaborazione di Ice - provenienti dall’America Latina (Argentina, Brasile, Perù, Uruguay), Europa Centro Orientale (Russia, Ucraina, Polonia, Croazia, Slovenia, Ungheria), Medio Oriente (Emirati Arabi Uniti, Iran, Arabia Saudita), bacino del Mediterraneo (Turchia, Egitto, Tunisia e Marocco). Questo oltre ai tradizionali flussi dei principali Paesi dell’Unione europea. Spostando la lente sugli espositori presenti, Eurocarne abbraccia l’intera filiera delle carni bovine, suine, ovine, caprine, avicole e cunicole. Analizzando l’offerta merceologica, il 26 per cento degli espositori rappresenta gli impianti, le macchine e le attrezzature per lavorazione e la trasformazione delle carni; il 22 per cento delle aziende iscritte rappresenta il segmento delle tecnologie e dei materiali di imballaggio e confezionamento (in forte espansione rispetto all’edizione precedente); il 17 per

FOOD INDUSTRY

cento è rappresentato da impianti e macchine attrezzature per la macellazione; il 13 per cento da aziende di additivi e materiali; il 7 per cento sono impianti e sistemi di refrigerazione; attrezzature e materiali per l’igiene ambientale sono il 6 per cento delle imprese presenti, così come gli espositori di sistemi e attrezzature di controllo etichettature e pesatura; presenti anche aziende dedicate agli allestimenti, arredamenti e piccole attrezzature per punto vendita. Il «Meat District» e i convegni Eurocarne 2012 non sarà soltanto una vetrina importantissima per il business, ma anche un evento di approfondimento e di aggiornamento su importanti tematiche legate a consumi, mercati, nuovi trend, normative e tutte le tematiche di più stretta attualità. Fra gli eventi collaterali in programma, il 24 maggio Assica (Confindustria) presenterà la ricerca «Meno sale, meno grassi, più salute. Nuovi valori per i salumi italiani»; il 25 maggio, Mark Up – Gruppo Sole 24 Ore parleranno di «Innovazione come volano di sviluppo del reparto carni nel retail». Nello stesso giorno è previsto il convegno su «Carni fresche: maturazione, lavorazione, distribuzione»; la Società italiana di medicina Veterinaria preventiva di Roma toccherà il tema legato ai «Sottoprodotti e sicurezza alimentare». Sabato 26 maggio spazio al seminario «L’origine delle carni va in etichetta: dalla carne bovina in poi».


At Eurocarne, growing attention on technologies and packing/packaging materials

th

et

e

e

m

. t a

25°

DITION

SILVER E

me

A showcase for innovation and export

M

ore than 300 exhibitors (30% international) will attend Eurocarne (www.eurocarne.it), the triennial International Exhibition of Meat Processing, Conservation, Refrigeration and Distribution Technologies and Products organised by VeronaFiere together with Ipack-Ima SpA scheduled next 24-27 May. With a particular mission: stimulate new impetus in a field worth about 30 billion euros as regards Italian meat production alone. Moreover, as regards technologies, the latest survey conducted by the IpackIma SpA Economic Observatory suggests that 2011 closed with a good trend for turnover in the “Meat” field: 38% of companies interviewed mentioned an increase in turnover and 50% remained stable. 2011, moreover, saw growth in exports and prospects are for further consolidation of this trend in 2012. Innovation and internationalisation Eurocarne is one of the most important events in the world for sector innovation and the 2012 edition celebrates the first 25 years of the event with important innovations, beginning with strong internationalisation involving exhibitors and visiting delegations alike. In short, more than 100 buyers are expected through trade missions - including those organised in collaboration with ICE - from Latin America (Argentina, Brazil, Peru, Uruguay), Central-Eastern Europe (Russia, Ukraine, Poland, Croatia, Slovenia, Hungary), Middle East (United Arab Emirates, Iran, Saudi Arabia) and the Mediterranean area (Turkey, Egypt, Tunisia and Morocco). This result joins traditional flows from the main countries in the European Union. And as regards exhibitors, Eurocarne covers the entire field with beef, pork, sheep, goat, poultry and rabbit meat. Analysis of the trade offering indicates that 26% of exhibitors are involved in plant, machinery and equipment for processing meat; 22% of companies attending operate in the technologies and packing/ packaging materials segment (with significant expansion compared to the previous edition); 17% for plant, machinery and equipment for slaughtering/butchering; 13% of companies deal with additives and materials; 7% focus on refrigeration plant and systems; equipment and materials for environmental hygiene are on show by 6% of companies present, as also for exhibitors of labelling and weighing control systems and equipment; there are also companies dedicated to set-up, furnishing and minor equipment for points of sale. The “Meat District” and conventions Eurocarne 2012 will not only be an extremely important showcase for the business but also an event for analysis and updates involving important topics covering consumption, markets, new trends, standards-regulations and many other aspects of major current interest. Collateral events scheduled include Assica (Confindustria) on 24 May, presenting the research titled: “Less salt, less fat, more health. New values for Italian cured meats”; On 25 May, Mark Up – Gruppo Sole 24 Ore will discuss “Innovation as a flywheel for development on the retail meat field”. The same day sees a convention dealing with “Fresh meat: maturing, processing, distribution”; The Italian Veterinary Preventive Medicine Society of Rome will discuss themes associated with “By-products and food safety”. Saturday 26 May provides space for the seminar: “The origin of meat must be indicated in labels: From beef onwards”.

Eurocarne 2012 ha i numeri giusti per sviluppare nuove occasioni di business e per mettere tanta carne al fuoco sulle evoluzioni del settore. È l’evento dove incontrare espositori qualificati, scoprire nuove tecnologie, materiali e prodotti all’avanguardia. Una fiera sempre più ricca di novità, un punto di incontro con convegni, dimostrazioni e tavole rotonde su un settore in costante evoluzione. Vieni a scoprire Eurocarne 2012. Meet the meat, meet your market.

Risparmia tempo! Acquista il biglietto online www.eurocarne.it

25° Salone Internazionale delle Tecnologie per Lavorazione, Conservazione, Refrigerazione e Distribuzione delle Carni

Verona 24-27 maggio 2012 Fiera di Verona, ingresso “Cangrande”- Viale del Lavoro, 8

Orari: 9.30 - 18.00 - 27 maggio: chiusura 17.00 Organizzata da:

Promossa da:

Con il supporto di:

Segreteria Organizzativa: Ipack-Ima spa Corso Sempione, 4 - 20154 Milano - Italy - tel +39 023191091 - info@eurocarne.it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Soluzioni sempre più competitive AIR LIQUIDE offre la sua gamma di gas compatibili con gli alimenti e soluzioni complete che garantiscono qualità, igiene e sicurezza

N

el settore delle carni diventa sempre più importante l’attenzione che gli operatori devono porre nella scelta di partner e fornitori che siano in grado di garantire non solo prodotti di alta qualità ma anche di saper innovare e proporre soluzioni sempre più competitive. Per questo motivo AIR LIQUIDE si pone al fianco dei propri clienti per affrontare queste sfide attraverso la sua gamma di gas ALIGAL compatibili con gli alimenti, e complete soluzioni che garantiscono la qualità, l’igiene, la sicurezza e l’ottimizzazione del processo produttivo.

ALIGAL Line Linea ALIGAL

Le principali applicazioni possono essere così identificate: La Surgelazione Criogenica che mediante l’utilizzo di apparecchiature criogeniche consente di surgelare ogni tipologia di prodotto garantendo la massima rapidità, flessibilità ed il rispetto delle caratteristiche organolettiche originarie. Nei prodotti come gli hamburger, parti porzionate, risulta essere l’applicazione ideale anche per le elevate potenzialità produttive orarie. La Termoregolazione, che mediante il controllo della temperatura nella fase di macinazione e miscelazione degli impasti, permette una riduzione significativa della proliferazione batterica e dei fenomeni ossidativi per facilitare le successive operazioni di produzione. Il Confezionamento in Atmosfera Protettiva (MAP) mediante l’utilizzo di miscele di gas dedicate, permette di allungare notevolmente la shelf life dei prodotti mantenendone al contempo le qualità organolettiche originarie evitando così lo sviluppo di muffe, cattivi odori e fermentazioni anomale. Tra le principali miscele utilizzate, l’Aligal 49, ad alto

tenore di ossigeno, che nelle carni rosse permette il mantenimento del colore rosso, dovuto principalmente alla presenza di elevate quantità di ossiemoglobina. La Depurazione delle Acque Reflue Aspal Clean, che integrato nell’impianto di trattamento reflui mediante l’utilizzo di Ossigeno, permette un aumento della capacità ossidativa del comparto biologico, riducendo il consumo energetico, ed il processo ASPAL SLUDGE che, integrato nella fase di depurazione biologica, permette una sensibile riduzione della produzione di fanghi di supero, con conseguente riduzione dei costi di smaltimento degli stessi. Il Trattamento delle acque primarie di processo – Aspal Clean per l’eliminazione dall’acqua di composti indesiderati e di cattivi odori e sapori mediante l’utilizzo di ozono. AIR LIQUIDE dispone di un’ampia gamma di soluzioni e servizi, e grazie all’esperienza maturata anche in collaborazione con i propri clienti, garantisce nel settore dell’industria delle carni la professionalità e l’affidabilità di un partner leader nel settore.

Increasingly competitive solutions AIR LIQUIDE offers its series of gases suitable for food and complete solutions assuring quality, hygiene and safety

I

t is increasingly important for the operators of the meat sector to select sound partners and suppliers able not only to guarantee highquality products but also to innovate and propose increasingly competitive solutions. That is why AIR LIQUIDE works closely with its customers to deal with these challenges, through a series of ALIGAL gases suitable for

food, and complete solutions assuring quality, hygiene, safety and optimization of the production process. The main applications can be summarized as follows: Cryogenic Freezing. Through cryogenic equipment, it is possible to freeze any product and guarantee maximum speed, flexibility and respect of the product organoleptic characteristics. In foodstuff such as hamburgers and portioned products, this has proved to be ideal for its high hourly throughput. Thermal regulation. Through temperature control during the mincing and mixing phases, it is possible to significantly reduce bacterial proliferation and oxidation, and ease the following production operations to come. Modified Atmosphere Packaging (MAP), through dedicated gas mixture, enables to remarkably extend product shelf-life and keep the original organoleptic characteristics unaltered, thus avoiding any mould, smells and anomalous fermentation. Aligal 49 is one of the

Tunnel di Surgelazione/Raffreddamento Freezing/Cooling tunnel

84

FOOD INDUSTRY

main gas mixtures used, with high oxygen content giving red meat its usual red colour, mainly due to its high content of oxyhaemoglobin. Waste Water Depuration. Aspal Clean, when integrated into the sewage treatment plant through the use of Oxygen, enables to increase oxidation capacity in the biologic area, thus reducing energy consumption. ASPAL SLUDGE, when integrated into the organic depuration process, enables to reduce sensibly the surplus sludge production and consequently its disposal costs. Process primary water treatment. Aspal Clean eliminates water from unwelcome compounds, as well as smells and bad tastes, by means of Ozone. AIR Liquide offers a comprehensive range of solutions and services; thanks to its experience gained also in cooperation with its customers, it can guarantee the meat sector the professionalism and reliability characterizing a leading partner.


Air Liquide con la gamma Aligal Carne risponde alle esigenze del settore proponendo soluzioni complete capaci di soddisfare le diverse necessità delle aziende nella lavorazione delle carni. La vasta offerta comprende gas, apparecchiature, applicazioni e servizi che consentono alle aziende clienti di ottenere elevate prestazioni operando in tutta sicurezza e garantendo qualità, freschezza e igiene nei processi produttivi. • Surgelazione Criogenica; • Termoregolazione; • Confezionamento in atmosfera protettiva (MAP); • Depurazione acque reflue Aspal Clean.

Le vostre priorità sono anche le nostre.

La qualità è servita. AIR LIQUIDE ITALIA SERVICE S.r.l. Via Capecelatro, 69 - 20148 Milano - Tel. 02 4026.1 - Fax 02 48704368 www.airliquide.it Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Air Liquide Italia S.p.A.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

La sicurezza di processo crea qualità Automatizzare e al tempo stesso produrre prodotti realmente artigianali: sembra impossibile, eppure è fattibile grazie ai procedimenti delicati offerti dalle tecnologie avanzate

L

a lavorazione della carne per commercializzarla come prodotto fresco o surgelato o sotto forma di salumi costringe le aziende sia artigianali che industriali a far fronte ad una serie di richieste complesse: varietà merceologica, forniture puntuali alle catene di distribuzione, massima qualità e freschezza nonché sicurezza alimentare e standard igienici assolutamente garantiti. Le imprese subfornitrici sono continuamente impegnate nel perfezionamento delle loro offerte e prestazioni per riuscire a soddisfare un ventaglio di esigenze così articolato. Inoltre, oggi l’assortimento della merce, e per di più fresca e facilmente deperibile, deve essere sempre presentato al completo e in quantità sufficienti. Non sarebbe possibile fornire tali prestazioni senza un efficiente supporto informatico e senza catene del freddo sicure. Il quadro si complica ulteriormente se si considera la tendenza verso prodotti pronti per l’uso e confezioni più piccole. Automatizzare e al tempo stesso produrre prodotti realmente artigianali: sembra impossibile, eppure è fattibile grazie ai procedimenti delicati offerti dalle tecnologie avanzate. Vemag Maschinenbau per esempio offre una macchina a costruzione modulare, costituita da insaccatrice sotto vuoto, tritacarne e dispositivo di separazione, e completata da sagome specifiche per i

86

singoli prodotti, formando così nell’insieme un impianto personalizzabile per la produzione di articoli convenience, ad esempio polpettine di carne e crocchette. Grazie al cambio rapido di pochi pezzi è possibile lavorare una vasta gamma di prodotti di forme e dimensioni diverse. In questo modo è possibile produrre anche insaccati. Soluzioni di processo ideate per la formatura automatica su più corsie, dunque di prodotti coestrusi, vengono offerte anche da Albert Handtmann. Una formatrice sofisticata abbinata alla precisione di porzionatura permette di ottenere una distribuzione perfetta della massa interna ed esterna. Oggi anche il confezionamento è automatizzato, perciò è particolarmente importante che le forme e i pesi di ogni singolo prodotto siano costantemente precisi. I moderni tritacarne a tecnologia avanzata offrono una produttività molto elevata e consentono di ottimizzare al tempo stesso le caratteristiche organolettiche e la qualità dei prodotti grazie al trattamento molto delicato delle materie prime. Le sollecitazioni meccaniche sono estremamente ridotte, le operazioni di taglio più delicate e le fasi di processo più brevi, inoltre,il ghiaccio è sostituito dal vuoto spinto o dall’azoto. Sono tutte misure che migliorano la consistenza delle masse e quindi l’immagine del prodotto. La tendenza generale verso lotti di produzione ridotti con cambi di design più frequenti

FOOD INDUSTRY

comporta interventi di pulizia più intensivi. I criteri di progettazione igienica, ai quali si attiene oggi non solo un numero crescente di aziende, ma le stesse imprese contribuiscono al loro sviluppo, sono alla base di una pulizia più semplice e più efficiente e della riduzione del consumo di acqua, energia, detergenti e disinfettanti, oltretutto con risultati migliori. Ad esempio la Weber Maschinenbau punta su una linea di prodotti progettata interamente su un medesimo criterio igienico. Le affettatrici di nuovo sviluppo dell’azienda consentono di serrare, rilasciare e prelevare con facilità i pezzi addotti, mentre la scatola di alimentazione, sigillata con particolari guarnizioni, soddisfa i massimi requisiti igienici. Inoltre, la migliore conduzione del prodotto attraverso l’impianto consente di lavorare quantitativi maggiori in tempi più brevi e di deporli con precisione sulla linea di porzionatura. Kilia per i suoi cutter non punta solo sulla tecnologia, ma anche su materiali innovativi. Il materiale utilizzato per queste macchine può competere con l’acciaio, soprattutto per le sue caratteristiche ammortizzanti, che sono ideali, perché anche alle altissime velocità – fino a 6.000 giri al minuto – assicurano un funzionamento silenzioso e omogeneo e una lunga durata di vita della macchina. Questo materiale si distingue, inoltre, per le sue eccellenti proprietà igieniche che facilitano notevolmente le operazioni di pulizia.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

Oggi è possibile maneggiare e confezionare con cura e in condizioni igieniche prodotti a base di carne non uniformi, ovvero di forme e volumi diversi, anche senza interventi manuali. Mediante robot raccoglitori dotati di pinze dalle sagome personalizzate è possibile afferrare una gran varietà di prodotti in modo affidabile, rapido e preciso e deporli nella confezione nella posizione desiderata. Un’altra soluzione targata Weber gestisce con precisione e in modalità completamente automatizzata la porzionatura, grazie a un sistema video integrato di identificazione delle porzioni. Ciò consente di rettificare le posizioni dei prodotti e di ruotarli a piacere. Viene anche effettuata una cernita automatica degli articoli difettosi e di quelli che richiedono un’ulteriore lavorazione. La porzionatrice si presta ad essere abbinata con affettatrici e confezionatrici di diversi costruttori offrendo ampi margini di integrazione in impianti esistenti o nuovi. La carne e i salumi vengono forniti spesso in vaschette. I costruttori di queste tecnologie di packaging però non si concentrano più solo sul settore ad alte prestazioni. Diversi costruttori molto noti, come ad esempio Multivac, puntano in misura crescente su vaschette di dimensioni più piccole, ma non per questo meno performanti in quanto a sicurezza, igiene, comfort e versatilità. In questo modo è possibile produrre sul posto e in funzione della domanda le confezioni di alta gamma per prodotti freschi e pronti come quelle utilizzate solitamente nei banchi dei prodotti freschi dei supermercati o delle macellerie. È in continua crescita la richiesta di piccoli lotti di confezioni termoformate sotto vuoto e in atmosfera modificata per il

banco dei prodotti surgelati. In questo modo anche le tavole calde e le aziende di catering possono servirsi di confezioni di una qualità che non ha niente da invidiare a quella offerta dalle grandi sigillatrici automatiche per vaschette. I processi e le materie prime nell’industria della carne devono essere monitorati e documentati con trasparenza lungo tutta la filiera produttiva. A questo scopo esistono sofisticate soluzioni specifiche di settore che sotto forma di sistemi ERP (Enterprise Ressource Planing) rendono l’intero processo programmabile e sempre accessibile, mantenendo sotto controllo tutti i dati relativi alla provenienza e alle caratteristiche delle materie prime. Anche nella confezione però tutto deve essere perfetto ancor prima che venga istradata verso il cliente. Le aziende oggi richiedono perciò sistemi di

controllo che permettano un’identificazione certa non solo dei metalli, ma anche della plastica o dei frammenti di vetro, in modo da identificare ad esempio corpi metallici estranei nelle confezioni metalliche o schegge di vetro nei barattoli di vetro. Bizerba per rispondere adeguatamente a queste esigenze punta tra l’altro su un flessibile sistema di controllo a raggi X perfettamente integrabile nelle linee di produzione aziendali. È in grado di scoprire tutti i corpi estranei dal potere assorbente ai raggi X superiore o inferiore a quello del prodotto stesso. Ad esempio metalli, vetro, ceramica, pietre, PVC o gomma. I sistemi a raggi X si prestano però anche per verificare eventuali errori dei prodotti o pezzi mancanti all’interno delle confezioni. La direttiva UE 1999/2/CE consente l’impiego dei sistemi a raggi X perfino per il controllo degli alimenti biologici.

Process safety ensures quality Using automation for production while also producing authentic, handmade products; that sounds contradictory, but it isn’t, thanks to gentle processes with modern machines

T

he processing of meat into fresh and frozen meat, and also into meat and sausage products, poses a number of complex challenges for industrial producers and those who process by hand: product variety, punctual operation of the trade’s supply chain, ensuring the highest standards of quality and freshness as well as stringent guarantees of food safety and hygiene. In order to meet all of these requirements, the companies in the supplier industry are constantly working to improve their product ranges and services. In addition, today it is imperative to always have the entire range of goods available in the quantity that is needed, even when it comes to fresh products that spoil easily. It’s a job that couldn’t be done without the help of high-performance computer technologies and seamlessly secure cold chains. And then there is the trend towards smaller, convenience-oriented products and packaging units.

Using automation for production while also producing authentic, handmade products — it sounds contradictory, but it isn’t, thanks to gentle processes with modern machines. Vemag Maschinenbau, for example, offers a modular system consisting of a vacuum filler machine, grinding and separation equipment and a product-specific forming module, which is an individual system producing convenience products in the form of meatballs, croquettes or rissoles. A small number of parts that can be quickly changed makes it possible to realise a wide spectrum of form and size variants. And the system can also be used to produce filled meat products. Processing solutions for multi-lane automatic forming of filled — i.e. “coextruded” — products are also offered by the Albert Handtmann company. By means of precise portioning and an advanced forming device, they ensure perfect distribution of the inner and outer product mass and high-volume

FOOD INDUSTRY

production. Given that packaging processes are also automated today, a high degree of consistency in the forming and weighing of each individual product is becoming increasingly important. Modern grinding systems make it possible to achieve optimal sensory properties and product quality despite fast processing, because they are much gentler on raw materials. This ranges from reduced mechanical stress to gentler cutting processes and shorter process steps to the use of high vacuum technology or nitrogen instead of ice - all measures that result in a far superior composition of the product. One result of the general trend towards smaller batch sizes and more frequent changes of the products being processed are also more demanding requirements in terms of cleaning the equipment. The fundamental standards of hygienic design, which more and more suppliers are not only meeting but also

87


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

further developing, is the foundation for easier, more efficient cleaning and for more economical use of water, energy, and cleaning and disinfecting materials — while also delivering better results. The company Weber Maschinenbau, for example, applies a comprehensive concept for the hygienic design of the products in its line-up. The company’s newly developed slicers make it easy to tighten, loosen and remove product feed components, and the specially sealed product-feed housing satisfies the most stringent hygiene requirements. An improved product feed system also makes it possible to gently process larger quantities in less time and to then deposit them precisely on the portioning belt. The Kilia company relies on not only technology, but also on advanced materials to produce its cutters. A new material used in the devices is able to compete with stainless steel and has ideal damping properties that ensure quiet, steady operation and long service life despite maximum speeds of up to 6,000 rpm. The material also has outstanding hygiene characteristics that make cleaning much easier. Even the careful handling and packaging of non-identical, or individually formed meat products under hygienic conditions can be done today without having to perform manual tasks. Robot-supported pickers, for example, use grippers that are individually configured for a product’s specific structure to securely, quickly and precisely grasp many different

88

kinds of objects and then place them in the desired position in the package or container. Another solution from Weber precisely and automatically controls the transfer of individual portions, using an integrated camera system to determine the position of the portions. This makes it possible to correct the positioning or to turn portions to a desired angle. Flawed products or those that require follow-up processing, are automatically sorted out. The possibility to combine the slicers and packaging machines of many companies ensures flexibility when integrating equipment into existing and new systems. Many meat and sausage products are placed in trays for delivery. The suppliers of the packaging technology used for this no longer concentrate only on the high-performance segment. When it comes to tray packaging, renowned machine manufacturers like the company Multivac are relying more on models that are smaller but sacrifice nothing in terms of essential features such as safety, hygiene, convenient operation and multifaceted capabilities. This allows the production of high-quality freshness packs and packaging like those used in supermarkets or butcher shops, on site and as needed. Demand for vacuum and MAP thermoformed packaging in small volumes for the refrigerated counter is growing constantly. This gives snack bar operators and catering companies access to packaging qualities equal to what a large automatic tray sealer provides.

FOOD INDUSTRY

All processes and raw materials in the meat industry must be monitored and thoroughly documented throughout the entire production process. This is done by means of sophisticated solutions that are tailored to the needs of the sector. Known as ERP (enterprise resource planning) systems, these solutions make it possible to plan and understand the process from start to finish while maintaining an overview of all data concerning the origin and characteristics of the raw materials. But everything in the package itself must be correct before it can be sent on its way to the customer. That’s why producers today want inspection systems that reliably detect not only metal, but also plastics or glass particles and can thus also find metallic foreign objects in metal containers or glass splinters in jars. In order to meet these requirements, the company Bizerba, for example, uses an X-ray inspection system that companies can flexibly integrate into their production lines. The system detects all foreign objects that absorb X-rays better or worse than the surrounding product does. These objects or substances include metals, glass, ceramics, stones, PVC and rubber. And X-ray systems can also be used to check for certain product flaws and missing package contents. The EU directive 1999/2/EG authorises the use of X-ray systems even for inspecting organic food products.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

PACKAGING DESIGN

&

Una nuova sede per Pulsar Industry: più spazio all’integrazione

Qualità ed efficienza grazie alla piena integrazione fra meccanica, automazione e informatica

P

ulsar Industry ha da poche settimane trasferito le proprie attività nella sua nuova sede, più grande e funzionale, dove 50 progettisti e tecnici meccanici, elettronici e informatici lavorano a stretto contatto per individuare e sviluppare le migliori soluzioni in grado di soddisfare anche le richieste dei clienti più esigenti. Pulsar Industry ha nell’integrazione fra le diverse discipline il suo principale punto di forza. Fin dalle prime fasi di prevendita vengono schierati in campo a fianco dei commerciali, tecnici di provata competenza nell’ambito della produzione industriale, del confezionamento e della logistica, con particolare riferimento al settore alimentare, territorio di elezione delle applicazioni della Pulsar Industry. I “compiti” che i commerciali e i tecnici di prevendita portano a casa, vengono affrontati dall’Uffico Tecnico allo scopo di individuare la soluzione ideale, tenendo conto da subito di tutte le implicazioni di tipo mecca-

nico, così come delle necessità dei dispositivi di automazione, dal robot antropomorfo più sofisticato al semplice sensore, e dell’interazione con i sistemi software di controllo e gestione. Le soluzioni individuate in fase di studio vengono severamente analizzate dal punto di vista del ritorno di investimento e solo se in grado di far risparmiare all’impresa committente, vengono effettivamente proposte per essere realizzate. Non serve a nulla infatti, una sofisticata soluzione

automatica che non si ripaghi in un tempo decisamente ridotto, anche se magari molto elegante. Lo scopo dell’introduzione di sistemi automatici nei processi produttivi è far recuperare marginalità, qualcosa che col tempo si è andata sempre più assottigliando, ma che oggi è diventato fattore determinante prima di tutto per la sopravvivenza e in secondo luogo per lo sviluppo delle imprese. Pulsar Industry ha ben chiaro questo obiettivo primario dei suoi clienti e ne fa il suo proprio obiettivo primario. Per questo dispone di tecnici di provata esperienza nelle rispettive discipline e li mette in condizione di lavorare con la massima collaborazione e integrazione. Per i clienti di Pulsar Industry disporre di un fornitore in grado di progettare, realizzare e assistere nel tempo tutte le componenti di soluzioni tecnologicamente avanzate significa garanzia di qualità e, non secondario, investimenti più contenuti.

New premises for Pulsar Industry: more room to integration Quality and efficiency thanks to full integration of mechanics, automation and IT technology

A

few weeks ago, Pulsar Industry moved its activity to new bigger and functional premises, where 50 mechanic, electronic and IT engineers and technicians work closely to find and develop the best solutions to meet the requirements of even the most demanding customers. Pulsar Industry’s main point of strength lays in the integration of the different disciplines. Since the early pre-sales steps, the company’s commercial staff work closely with the technicians boasting sound knowledge of

90

industrial production, packaging and logistics, with special regard to the food sector, which is main area of Pulsar Industry applications. The tasks that both the commercial staff and pre-sales technicians bring home are then dealt by the Technical Department with the goal of finding the best solution, always taking into consideration all the mechanic consequences they may have, as well as the possibility of installing automation devices, fromthemostsophisticatedanthropomorphous robot down to the simplest sensor, and interactive ability with control and management software systems. The solutions to find at the study stage are thoroughly analysed from the economical points of view and proposed for installation provided that they can definitely help the purchaser save money. In fact, a sophisticated and maybe really good-looking automatic

FOOD INDUSTRY

solution would be quite useless if it cannot be paid off on the short run. The goal of introducing automatic systems into production processes is gaining on marginality, which was greatly diminished in the past years but today it has become a fundamental factor for the company to survive firstly and develop secondly. Pulsar Industry focuses on this paramount goal of its customers and sets it as its own top-priority target. This is the reason why at Pulsar Industry highly skilled technicians with extensive knowledge of their disciplines work and are given the best cooperation and integration. To Pulsar Industry’s customers trusting a provider able to design, build and service all aspects of technologically advanced solutions means a guarantee of quality and, last but not least important, less expensive investments.


Pad. 2 Stand C3

Pulsar Industry srl Via G. Falcone, 7 - 41057 Spilamberto (MO) Italy Tel: 059 781359 - Fax: 059 785517 - info@pulsar-industry.it

www.pulsar-industry.it


PACKAGING DESIGN

&

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

La tecnologia italiana Veripack a Eurocarne 2012

Flexi

L

’esperienza Veripack garantisce un’elevata qualità dei propri impianti per tutte le esecuzioni richieste nei vari settori alimentari, in particolare nel campo delle carni fresche e trasformate, nei salumi a tranci o affettati. L’impiego di materiali e componenti di alta qualità (100% Made in Italy), l’interagibilità con tutti gli accessori necessari ed un accurato design (che elimina punti di deposito dello sporco) consentono un’assoluta igiene e sanificabilità. La consulenza, fornita in fase di progettazione, ed il Customer Service completano l’offerta Veripack.

Impianti di Termoformatura La gamma di termoformatrici Veripack comprende quattro modelli: Entry, Freedom, Flexi e Progress che presentano alcune caratteristiche costruttive comuni come l’utilizzo estensivo dell’acciaio INOX e componentistica di alto livello (Festo, Siemens etc.), le pannellature laterali rimovibili e semplici da estrarre, il design concepito per massimizzare l’utilizzo degli spazi disponibili e per permettere la pulizia e sanificazione degli impianti con efficacia; particolare attenzione viene rivolta al software per il controllo e la regolazione dell’impianto, intuitivo e di semplice utilizzo tramite un pannello touch-screen. Ormai consolidati i cambi rapidi in formatura ed in saldatura che, con sistemi a cassetto e movimentazioni pneumatiche o meccaniche, permettono di abbattere drasticamente l’intervento manuale e conseguentemente i tempi per cambiare i formati, esigenza ormai imprescindibile da una produzione flessibile sempre più richiesta.

Veripack, azienda italiana produttrice di impianti automatici per il confezionamento alimentare sottovuoto o in atmosfera modificata, esporrà ad EUROCARNE 2012 la sua consolidata gamma di termoformatrici e termosaldatrici Impianti di Termosaldatura Le termosaldatrici Veripack, ideate per ottenere affidabilità, resistenza e performance, si adattano perfettamente a tutti gli ambienti di lavoro, soprattutto i più aggressivi. Tutti i modelli sono stati concepiti per ridurre al minimo la manutenzione e facilitare i cambi di formato o stampi, riducendo al minimo l’utilizzo di utensili. La piccola termosaldatrice automatica Focus semplice ed affidabile, dispone di una struttura in acciaio INOX ed alluminio anodizzato che la rende robusta e resistente a tutte le sollecitazioni. Le termosaldatrici automatiche Vision e Panorama, strutturate in Acciaio INOX con una dinamica di movimento che garantisce elevati regimi produttivi, sono indistruttibili, adatte ad aziende con volumi produttivi medio/alti e linee di produzioni semi o totalmente automatiche. Il modello Vision è totalmente in Acciaio INOX incluso lo stampo, risulta unico nel suo genere.

Veripack Italian technology at Eurocarne 2012 Veripack, Italian producer of automatic vacuum or MAP food packaging plants, will be exhibiting its well-known range of thermoforming and tray-sealing machines at the forthcoming Eurocarne 2012

V

eripack’s experience guarantees highquality plants for all performances requested in the various food sectors, in particular in the fresh and processed meat, and sliced salami field. The use of high-quality materials and components (100% made in Italy), interaction with all necessary equipment and accurate design (that eliminates all dust deposit) enable absolute hygiene. Consulting service during the design phase and Customer Service complete Veripack’s offer. Thermoforming plants The Veripack range of thermoforming machines consists of four models: Entry, Freedom, Flexi and Progress. All of them have some common features such as: stainless steel construction and high-level components (Festo, Siemens, etc.), easily extractible removable side panels, design to maximize room available and ease

92

Focus

efficacious cleaning, maintenance and a user-friendly interface touch-screen panel. Highly appreciated changes of format in the forming and sealing stations, draw systems and either pneumatic or mechanic movements, enable to dramatically reduce manual operations and time for changeovers, which has become essential feature to increasingly required flexible production. Tray-sealers machines Veripack tray-sealing machines, designed for high reliability, sturdiness and

FOOD INDUSTRY

Vision

performance, can be installed in any work environment, also and above all the most hazardous ones. All the models have been designed to reduce maintenance down to the minimum and ease change of formats or moulds, thus reducing the number of tools used. The small-sized automatic tray sealer Focus is simple and reliable, with stainless steel structure and anodized aluminium which make it sturdy and stress resistant. Automatic tray-sealers Vision and Panorama, with stainless steel structure and such dynamics to guarantee high throughput, are indestructible and therefore suitable for companies with medium/high capacity productions, with semi or full automatic production lines. The model Vision is fully stainless steel, mould included, and is unique of its kind.


Veripack. Supera i più severi controlli.

25° Salone Internazionale delle Tecnologie per Lavorazione, Conservazione, Refrigerazione e Distribuzione delle Carni

Verona 24-27 maggio 2012

Visit us at: pad. 4 - stand F3

QUALITÀ ASSOLUTA

AFFIDABILITÀ

USABILITÀ

SICUREZZA

FINITURE E DETTAGLI

STANDARD INTERNAZIONALI

ELEVATE PRESTAZIONI

IGIENE E SANIFICABILITÀ

Tutti i sistemi Veripack (100% Made in Italy) garantiscono la perfetta conservazione dei prodotti alimentari e soddisfano le richieste della clientela più esigente. Ottenendo e rispettando la certificazione e il sistema di qualità ISO 9001, tutta l’attività produttiva avviene nel rispetto dell’ambiente e secondo gli standard previsti dalla normativa ISO14000.

PROGRESS

info@veripack.it - www.veripack.it


PACKAGING DESIGN

&

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

Ipack-Ima 2012 e le tecnologie conquistano il mondo Ancora una volta IPACK-IMA ha confermato la sua leadership in Europa e la capacitĂ  di intercettare la domanda mondiale

Altech

Kosme

Krones Tecnopool

Lita

Smi Group Pavan

Pizeta

94

PE - Packlab

FOOD INDUSTRY


PACKAGING DESIGN

&

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

Golfetto Sangati

Cidiesse

Cusinato

S

Brovind

Baumer Italproject

G. Mondini

i è chiusa la 22esima edizione di IPACK-IMA, mostra triennale di macchine, tecnologie e materiali per il processo, confezionamento, packaging e logistica. La manifestazione, ancora una volta, ha confermato la sua leadership in Europa con il 60% di visitatori dal vecchio Continente e registrato un forte aumento di buyer esteri, altamente profilati, con elevato potere d’acquisto, provenienti dai paesi emergenti (40%). Un risultato reso possibile grazie all’identificazione mirata dei potenziali visitatori, attraverso le 9 business community di riferimento che Ipack-Ima ha messo in atto. Sono oltre 54.000 i visitatori totali, di cui il 25% esteri provenienti in particolare dall’Asia, Africa e Americhe. “Nei padiglioni di fieramilano, che ha ospitato 1.300 aziende, il 35% da 35 Paesi esteri, si è respirato un clima molto positivo – ha affermato Guido Corbella, amministratore delegato di Ipack-Ima Spa – la soddisfazione da parte degli espositori è dovuta soprattutto al flusso di visitatori esteri, al di sopra delle attese soprattutto in termini qualitativi”.“La nostra più grande soddisfazione – aggiunge Corbella – è quella di aver dato risposte concrete agli investimenti dei nostri espositori che si sono tramutate in trattative importanti. Ipack-Ima gode di buona salute e contribuisce, in modo significativo, alla spinta del business dei nostri clienti”. In ottica internazionale si muove anche l’accordo con Expo 2015 SpA, che vedrà IPACK-IMA farsi ambasciatrice nelle fiere internazionali del tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” che caratterizzerà l’esposizione universale. L’edizione 2015 della rassegna sul packaging verrà spostata a maggio proprio per farla coincidere con l’evento che attirerà nel capoluogo lombardo milioni di persone da tutto il mondo. “La nostra non è solo vetrina, bensì un momento di sintesi di un percorso che si snoda lungo i tre anni che dividono un’edizione dall’altra, durante i quali incontriamo gli imprenditori del settore, promuoviamo l’evento nelle rassegne internazionali e studiamo le novità - commenta Guido Corbella. In

Moriondo

FOOD INDUSTRY

Eurosicma

Alit

Techno-D

Pamoco

95


PACKAGING DESIGN

&

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

Tecalit

Re Pietro

R+W

TMG Impianti

Robino & Galandrino

96

questi cinque giorni abbiamo registrato migliaia di incontri tra i nostri produttori e gli operatori internazionali e posto le basi per un rafforzamento delle opportunità di collaborazione negli anni a venire”.  Una conferma in tal senso arriva dalla sigla di un accordo con UNIDO (l’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale)  ed East African Community, che darà vita alla prima fiera del packaging e del processo agroalimentare nell’Africa dell’Est, nel 2014. L’intesa è stata annunciata a margine della Conferenza internazionale “Enhancing Food Safety and Food Security in Africa”. L’Africa è leader nella produzione agroalimentare, ha il 60% di terreni non ancora coltivati di tutto il mondo ed è l’area del pianeta meno colpita da inquinamento del terreno: tre condizioni che ne fanno l’area con le maggiori potenzialità di sviluppo in campo agricolo nei prossimi anni, con la possibilità quindi di fornire cibo e bioenergia al mondo intero. Ma il risultato potrà essere realizzato solo con l’impiego di tecnologie e tecniche di management che aiutino ad abbattere gli sprechi e aumentare la produttività, attualmente presenti solo in Occidente. “Siamo stati i primi a intercettare le potenzialità di questo mercato e siamo orgogliosi di aver siglato un’intesa che contribuirà allo sviluppo sostenibile dell’area con un’operazione che potrà risultare vincente per tutti”, chiude Corbella.

Cama

Borghi

Cartomac

Tiesse Robot

Italpast

Colombo

Rosa Catene

FOOD INDUSTRY


PACKAGING DESIGN

&

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

Mix

Mazzetti

La Parmigiana

Praxair

Essegi

Vibrowest

Pneumax

Ceia

Nord-Lock Imeco

Vomm

Etipack

Sima

PRO-Tech Italia

FOOD INDUSTRY

Wam Group

97


PACKAGING DESIGN

&

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

Ipack-Ima 2012 and the technology that conquers the world I

pack-Ima, the three-yearly exhibition of machinery, technology and materials for processing, packaging and material handling. Once more, the event established its role as the leading trade show in Europe: 60% of visitors came from the Old Continent and there was a remarkable increase in international high-profile buyers from emerging countries (40%) having strong decision-making power. Such outstanding results were brought about by carefully targeting specific visitor groups through the 9 main business communities created by Ipack-Ima. Total visitors exceeded 54,000; 25% were from outside of Italy and particularly from Asia, Africa and the Americas. “The fieramilano exhibition halls hosted 1,300 companies, 35% of which from 35 countries around the world. The atmosphere was optimistic – says Ipack-Ima Spa CEO Guido Corbella. “Exhibitors’ high satisfaction rates result from the massive flow of international visitors, who exceeded all expectations in terms of qualification and professionalism”. “What we are most proud of – adds Corbella – is to have enabled our exhibitors to get ample return on their participation investment and establish important business partnerships. Ipack-Ima enjoys excellent health and significantly contributes to boosting our clients’ business.”

Once again, Ipack-Ima established its role as the leading trade show in Europe and gave furather proof of its ability to cater to global market needs Abrigo Capitani

Imanpack System Plast

Pohling

98

FOOD INDUSTRY


PACKAGING DESIGN

&

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

Concetti

Umbra Packaging

Sarp

Ricciarelli

PFM

Italvision

FOOD INDUSTRY

At the global level, one more success reaped by the exhibition is the agreement with Expo 2015 SpA. It involves IPACK-IMA as ambassador of the EXPO 2015 * theme “Feed the Planet, Energy for Life” at major global trade shows. The 2015 edition of the packaging exhibition has been rescheduled for May in order to overlap it with the great global event, which will draw millions of people from all over the world to Milan. “Our exhibition is not just a simple product showcase: is it the peaking event of a path that runs through the three year interval between one edition and the next, during which we meet businesspeople from the industry, promote the show in international events and explore market news – comments Guido Corbella. “Over five exhibition days we registered thousands of meetings between Italian manufacturers and global industry players; we also paved the way for more business and partnership opportunities over the coming years”.  Ipack-Ima’s key role is also reflected by the momentous agreement with UNIDO (the UN agency for industrial development)  and the East African Community, which in 2014 will  give rise to the first food packaging and processing exhibition in East Africa. The agreement was announced during the international conference “Enhancing Food Safety and Food Security in Africa”. Africa is leader in food production, holds 60% of the world’s unfarmed land and has been least affected by soil pollution. These three conditions make it the world region with the highest agricultural growth potential over the next years. Africa thus has the chance to provide food and bioenergy for the entire planet. However, this goal can be achieved only through the use of technology and management approaches that reduce waste and increase productivity, currently only available in the West. “We are the first to appreciate the huge potential of the African market and we are proud of this agreement, which will contribute to Africa’s sustainable growth and will bring substantial benefits to all parties involved.” concludes Corbella

99


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

F.lli Polli SpA sceglie gli specialisti dell’etichettatura Per le proprie linee di confezionamento, F.lli Polli S.p.A. sceglie i vantaggi di avere come fornitori due aziende appartenenti allo stesso gruppo

P

er le proprie linee di confezionamento, l’azienda F.lli Polli S.p.A. ha scelto i vantaggi di avere come fornitori due aziende appartenenti allo stesso gruppo: stessi gruppi autoadesivi, stessa formazione del personale e stock ricambi comuni ad

P.E. LABELLERS – Executive

entrambe le tipologie di macchine prodotte. Grazie ad un ampio magazzino ricambi P.E. LABELLERS e PackLab sono infatti in grado di assicurare maggiore disponibilità e reperibilità dei pezzi, garantendo tempistiche di consegna tempestive. Per l’azienda Polli, P.E. LABELLERS, leader mondiale nella progettazione e costruzione di macchine etichettatrici, ha fornito un’etichettatrice combinata, per alte velocità (30.000 bph), che utilizza contemporaneamente due tecnologie: colla a freddo e autoadesivo. I gruppi colla a freddo installati presentano caratteristiche strutturali e concettuali molto avanzate: robustezza, durata e affidabilità, grazie all’impiego diffuso di materiali a bassa usura. La stessa cosa vale anche per i gruppi autoadesivi. Tutti i parametri sono regolabili dal pannello di controllo con la possibilità di memorizzare fino a 200 etichette diverse. La sincronizzazione delle stazioni con il

PACKAGING DESIGN

&

carosello dell’etichettatrice è totalmente automatica e accurata al punto che anche durante le fermate di emergenza con contenitori in fase di etichettatura non viene prodotto alcuno scarto per applicazioni fuori tolleranza. Come per tutti i modelli di etichettatrici P.E. LABELLERS, i cambi formato sono rapidi e senza l’utilizzo di utensili. Packlab è una società facente parte del gruppo P.E. LABELLERS specializzata nella produzione di sistemi di etichettatura in autoadesivo, in grado di fornire soluzioni ad hoc per soddisfare qualsiasi necessità di applicazione, vantando un elevato numero di referenze a livello mondiale. Per la linea vasetti “Polli”, PackLab ha fornito due etichettatrici lineari autoadesive idonee all’applicazione di etichette parziali o avvolgenti su contenitori cilindrici, con produttività fino a 9.000 pezzi/ora. La tecnologia altamente avanzata e la modularità delle etichettatrici PackLab garantiscono una notevole precisione di applicazione, anche in presenza di brusche variazioni della velocità di produzione, al fine di potersi agevolmente adattare alle svariate necessità di utilizzo. Grande vantaggio delle etichettatrici lineari PackLab è l’assenza di attrezzature per formati differenti che garantisce un considerevole risparmio per quei clienti che devono etichettare contenitori di diverse forme e dimensioni. www.pelabellers.it – www.packlab.it

F.lli Polli SpA chose labelling professionals PackLab - Wing

F

.lli Polli S.p.A. chose to enjoy the benefits of having two suppliers belonging to the same Group, for its packaging lines, since this means exactly the same self-labelling units, the same personnel’s level of preparedness and spare parts common to both types of manufactured machines. Thanks to a well-stocked spare parts warehouse, P.E. LABELLERS and PackLab are in fact in a position to ensure the best availability and traceability of the various parts, as well as an immediate delivery of the latter. P.E. LABELLERS, a leading company specializing in both design and manufacture of labelling machines, has supplied F.lli Polli S.p.A. with a combined labeller suitable for high speed labelling (30,000 bph), which adopts two technological methods, at the same time: cold glue & self-adhesive adhesive technology. The installed cold glue units show state-of-

100

For its packaging lines, F.lli Polli S.p.A. chooses the benefits of having two suppliers belonging to the same Group the-art properties from a structural and conceptual point of view, i.e. solidity, reliability and long life, thanks to the utilization of low wear materials. This applies also to selfadhesive units. All the parameters can be adjusted from the control panel and it is possible to store up to 200 different labels. The synchronization of the stations to the labeller carousel is fully automatic and very accurate, insomuch that, even during emergency stops and containers in labelling phase, no rejection is produced in case of out-of-tolerance applications. As on all the other P.E. LABELLERS models, changeovers are carried out quickly and without tools. Packlab is a company belonging to P.E. LABELLERS Group, which specializes in manufacturing self-adhesive labelling machines and is in a position to provide its

FOOD INDUSTRY

customers with ad hoc solutions, in order to meet any application need. PackLab boasts references all over the world. As to “Polli” pickle jars, Packlab has supplied two linear self-adhesive labellers suitable for applying partial or wraparound labels onto cylindrical containers, output up to 9,000 pieces/hour. State of the art technology and modularity of PackLab labelling machines allow a remarkable precision in application to be achieved, even in case of sudden production speed changes, in order to meet even demanding customer needs. No specific equipment for different formats is a considerable advantage of PackLab linear labellers that allow customers to remarkably save time while labelling containers of different size and shape. www.pelabellers.it – www.packlab.it


grafica: www.atlantideadv.it

&

dal 1974

LINEARI

ROTATIVE

Grazie ad una vasta gamma di etichettatrici rotative P.E. Labellers e lineari autoadesive PackLab vi offriamo le migliori soluzioni di etichettatura per qualsiasi forma e dimensione, per qualsiasi velocità, per qualsiasi prodotto, con tutte le tecnologie a disposizione:

Colla a freddo

Colla a caldo

Autoadesivo

CHOOSE THE SPECIALIST

Roll-fed

Sistemi Print & Apply

P.E. LABELLERS S.p.A - pelabellers@pelabellers.it - www.pelabellers.it PACKLAB SRL - info@packlab.it - www.packlab.it


PACKAGING DESIGN

&

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Semplicemente innovative ATLANTA propone macchine progettate per fornire al mercato delle macchine semplici, innovative ed economiche

A

TLANTA è un’azienda specializzata nella produzione di macchine confezionatrici per l’industrie alimentari, bevande, brik, alimenti per animali, detergenti, lubrificanti e prodotti per cura personale. La gamma di macchine wrap-around e termoretraibili di ATLANTA si è affermata, nel mondo, grazie alle prestazioni, alle diverse gamme di prodotti confezionati, all’efficienza, all’affidabilità e alla bassa manutenzione. L’azienda attualmente presenta le seguenti serie di macchine:

• Il wrap-around GIOTTO, in grado di confezionare fino a 50 cartoni al minuto. • La fardellatrice ECOFARD, per il confezionamento fino a 100 cicli al minuto. • La fardellatrice OPALE, per il confezionamento fino a 50 cicli al minuto • La fardellatrice AMBRA, per il confezionamento fino a 30 cicli al minuto • La macchina COMBI che è l’unione tra la fardellatrice e l’avvolgitrice cartoni. Sono disponibili diversi tipi di fardellatrici che possono avvolgere con solo film, falda e film, vassoio e film o solo vassoio. Il film può essere stampato.

Ambra

Le serie di fardellatrici Ambra e Opale sono state progettate per fornire al mercato delle macchine semplici, innovative ed economiche. Grazie alla semplicità le macchine di queste serie si prestano molto ad essere costruite in acciaio inox per settori alimentari come ad esempio il lattiero caseario per la produzione di latte, yogurt, ecc. oppure per la produzione di imballaggi di confezioni di aceto o sale. I benefici chiave di tutti questi modelli di macchine sono i cambi formato facili e veloci, uniti all’estrema facilità d’uso degli operatori. E’ inoltre possibile variare le dimensioni dei prodotti da lavorare in pochi minuti senza dover cambiare pezzi formato e senza l’uso di utensili. L’esperienza del personale ATLANTA garantisce la soluzione ottimale alle sfide del confezionamento.

Giotto

Simply innovative Atlanta proposes machines that are designed to supply customers with simple, innovative and economical machines

A

tlanta is a specialized company engaged in the production of packaging machines for food, beverage, pet food, brik, detergents, lubricants and personal care products. The extensive range of wrap-around case packers and shrink wrapping machines from Atlanta has established them in the marketplace thanks to performance, versatility, efficiency, reliability and low maintenance. The company now produces the following machine ranges: • The wrap-around GIOTTO, can pack up to 50 cases per minute. • The Shrink Wrapper ECOFARD, for

102

packing up to 100 cycles per minute. • The Shrink Wrapper OPALE, for packing up to 50 cycles per minute • The Shrink Wrapper AMBRA, for packing up to 30 cycles per minute • The COMBI machine which is a union of a shrink wrapper and a wrap around case packer. All Atlanta shrink wrappers can be specified to run film only packs, with pad and film, with tray and film or just tray. Print registered film is an affordable option. The Ambra and Opale ranges of shrink wrappers had been designed to supply customers with simple, innovative and economical machines.

FOOD INDUSTRY

Thanks to the simplicity of design, the Ambra and Opale series machines can be constructed of stainless steel for food sectors such as dairy production of milk, yogurt, etc.. or for the packaging of corrosive substances such as vinegar or salt. Key benefits of all these models are fast and easy format changes, combined with operational convenience. Product changes take only a few minutes and can be completed without the use of tools or change parts. ATLANTA’s experienced staff ensures the optimum solution to any packaging challenge.


ATLANTA S.r.l. - Via Verde 7/b - 40012 Calderara di Reno, Bologna - Italy Tel. +39 051 722792 - Fax +39 051 721630 - info@atlantapackaging.eu - www.atlantapackaging.com


When you struggle for security, you should guarantee the maximum level of protection.

You don’t need too much words to explain DEMO’s STOMMPY® The only Bumper Protection System that maintains its promises in providing security in work environments. PROTECTION for your staff and facilities from damages caused by the movement of automotives inside your plants. HYGIENE: thanks to the non-toxic material utilized in production and to the care taken in assembling the components. SAVING the cost of extraordinary maintenance activities; thanks to the high-performance of our protection systems.

STOMMPY® could bend but can never break, in full security!


White

unit I adv

Yellow

Via C. CarrĂ  44 Corte TEGGE - Reggio Emilia Infoline 0522 944 316 info@demo.re.it Experience, professionalism, engineering, a solution tailored to your needs. In collaboration with prestigious Italian universities, DEMO P.A. designs, manufactures and markets a complete range of solutions designed for guaranteeing the maximum safety possible for all work environments, with maximum attention to the regulations governing sanitary environments.

Discover the complete range of our solutions www.demo.re.it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

PACKAGING DESIGN

&

Un nuovo Presidente per Interpack 2014 Il nuovo Presidente di interpack è Friedbert Klefenz, Presidente della divisione Packaging Technology della Robert Bosch GmbH

F

riedbert Klefenz, Presidente del board della divisione Packaging Technology della Robert Bosch GmbH, è il nuovo Presidente della interpack, eletto all’unanimità nel corso della prima riunione del comitato consultivo della fiera per l’interpack 2014. Le cariche di vicepresidenti vanno a Christian Traumann, amministratore delegato della MULTIVAC Sepp Haggenmüller GmbH & Co. KG, e Bernhard Borgardt, amministratore delegato della Ostedruck Bernhard-J. Borgardt GmbH & Co. KG e Presidente dell’Associazione Europea dei trasformatori delle materie plastiche (European Plastics Converters – EuPC) nonché membro del comitato esecutivo delle associazioni IK (Associazione dell’industria degli imballaggi e dei film plastici) e GKV (Associazione centrale dell’industria per la trasformazione della plastica). Con la seduta costitutiva del comitato consultivo della principale manifestazione internazionale per il settore del packaging e dei processi industriali correlati inizia la fase dei preliminari concreti e dell’orientamento strategico in vista della fiera. “La posizione di primo piano dell’interpack è da ricondurre, non da ultimo, alla valida e costruttiva collaborazione con il comitato

consultivo della fiera. Gli stretti contatti con il settore costituiscono la base per un’impostazione finalizzata alle esigenze degli espositori nonché dei visitatori”, ha commentato Werner Matthias Dornscheidt, Presidente del Consiglio

di amministrazione della Messe Düsseldorf. Due dei temi già decisi per il programma quadro dell’intepack 2014 sono l’Innovationparc Packaging (IPP) accentrato sull’argomento Save Food nonché il Metal Packaging Plaza. L’IPP 2014 vedrà la collaborazione fra designer di packaging e industria alla ricerca di soluzioni intelligenti che contribuiscano alla riduzione delle perdite internazionali di beni alimentari. Il Metal Packaging Plaza, dopo la prima edizione organizzata in occasione dell’interpack 2011, sarà nuovamente punto d’incontro del settore internazionale degli imballaggi metallici e delle principali industrie complementari. Soprattutto il tema Save Food è stato accolto con manifesto favore dai membri del comitato consultivo di interpack. “Nei prossimi anni, il settore del packaging sarà caratterizzato da una globalizzazione in costante aumento. Ciò implica anche un ravvicinamento ancora più spiccato fra macchine e sistemi da un lato e il fronte degli imballaggi dall’altro. SAVE FOOD è l’opportunità di dare prova della sostenibilità del packaging su scala internazionale – sia in termini di tecnologie che di materiali”, ha sottolineato Klefenz nel suo discorso inaugurale come Presidente di interpack.

A new president for Interpack 2014 The new interpack President is Friedbert Klefenz, Chairman of the Managing Council of the Packaging Technology Division of Robert Bosch GmbH

F

riedbert Klefenz, Chairman of the Managing Council of the Packaging Technology Division of Robert Bosch GmbH, is the new interpack President. He was unanimously elected President at the first meeting of the interpack 2014 Advisory Council. The positions of Vice President are held by Christian Traumann, Managing Director of MULTIVAC Sepp Haggenmüller GmbH & Co. KG, and Bernhard Borgardt, Managing Director of Ostedruck Bernhard-J. Borgardt GmbH &Co. KG, President of European Plastics Converters (EuPC) and board member of Industrievereinigung Kunstoffverpackungen e.V. (German Plastics Packaging Industry Association) and theFederation of the German Plastics Processing Industry. The constitutive meeting of the Advisory

106

Council of the world’s most important event for the packaging sector and the related process industries marks the start of the phase of preparing the specific themes of the fair and of its strategic orientation. “Interpack owes its prominent position not least to the excellent and constructive cooperation with the Advisory Council. Thanks to its close contacts with the sector, the fair accurately targets the needs of exhibitors and visitors alike,” says Werner Matthias Dornscheidt, President and CEO of Messe Düsseldorf. Two of the already approved themes of the programme accompanying interpack 2014 are the Innovationparc Packaging (IPP) on the subject of Save Food and the Metal Packaging Plaza. At the IPP 2014, packaging

FOOD INDUSTRY

designers and industry will come together to work on intelligent solutions to help reduce global food loss. After its premiere at interpack 2011, the Metal Packaging Plaza will again be a point of convergence for the international metal packaging sector and the associated supply industry. The subject of Save Food was expressly welcomed by the members of the interpack Advisory Council. “In the coming years, the packaging sector will be strongly affected by growing internationalisation. This also implies an even closer meshing of machines and systems with packaging materials. SAVE FOOD is the chance to demonstrate the sustainability of packages – in terms of technology and materials – on the international level,” Klefenz underlined in his inaugural address as interpack President.


Umbra Packaging

UPS adv af design

Serie INOX

Una filosofia di lavoro una scelta che guarda lontano A philosophy of work, a choice which looks to the future

Umbra Packaging S.r.l.

PACKAGING SYSTEMS PRODUCTION

Viale dei Pini, 46/48 IT-06081 Petrignano di Assisi (PG) Tel. +39.075-809780 Fax +39.075-80978127 www.umbrapackaging.it


Heating up the food & bever age business in saudi ar abian hospitality industry May 26th - 27th 2012 InterContinental Riyadh, KSA www.kingdomhotelexpansion.com

Exhibitor profiles Hotel equipment suppliers

Food suppliers

Catering equipment

Uniforms & apparel

Food and drink equipment

Bedding

Restaurant & Café equipment

Room service equipment/mini bars

Tableware

Tents/marquees/awnings/canopies

Hotel amenities

Refrigeration and related equipment

Hygiene products

Laundry equipment and products

Halal General food Bakery & Confectionery Cheese & dairy Juices Fruit drinks Frozen food Food packaging

Health & wellbeing Meat & poultry Organic foods Regional & speciality food Seafood Gourmet Food processing Dairy processing

Key facts about Saudi hospitality and catering market: • 255,000 hotel rooms by 2020 • 88 million visitors by 2020

• 2.3 million jobs by 2020 • Largest Arab food importer

• US$ 13,066 million consumer expenditure

• US$ 453.1 million value of food services

Panel dscussions • Saudi's Food & Beverage Trends (Fast, Value, Quality & Customer Service) • The Evolving Consumer Creates Foodservice Opportunities

Keynotes • Beyond the Counter - 21st Century Ordering and Payment Solution • Blow Away the Competition with “WOW” Service • Importance of purchasing in Food & Beverage • Restaurant Concepts and Kitchen Designs • Creating Menus for the Future

Attending buyers include: • F&B Directors • • • • •

Executive Chefs Rooms Division heads Housekeeping Directors Operations Directors Hotel Owners

• Purchasing Managers • Project Managers • General Managers

For more information please contact: Madhukar Dudda, Marketing Manager Email: madhukard@naseba.com | Tel: +9714 367 1383

Keynote presentations

Panel discussions


THE EXQUISITE FACTORY.

We are IMA Industries. A group of companies made up of hundreds of people working in close synergy, each one of them with their own skills and specialization, to project, manage and produce complete lines for the packaging of tea, coffee and confectionery, and for the processing and packaging of dairy, convenience food, bakery, confectionery and cosmetics. Every single company is a landmark in its own field. Together, all of them form a worldwide leader in terms of innovation, capability of rapidly meeting the market’s requirements and reliability of the final product. All of this is guaranteed by the 50-years experience of the IMA Group, of which IMA Industries is a part. Take a seat in our factory, and taste the IMA Industries solutions. We are sure you’ll find them EXQUISITE.

www.ima-industries.com

FISPAL TECNOLOGIA 2012 São Paulo, Brasil - June 12-15 Stand B114


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

IMA INDUSTRIES: The Exquisite Factory Qualità di prodotti e servizi davvero unici, anzi … squisiti

E

’ questo uno dei principi fondamentali che da sempre guida il Gruppo IMA, da oltre cinquant’anni leader nel settore delle macchine automatiche, e sul quale si basa la filosofia di business di IMA Industries, il settore dedicato al processo e al confezionamento di prodotti alimentari, cosmetici e toiletries. IMA Industries comprende divisioni e aziende protagoniste riconosciute nei mercati in cui operano: Tea & Coffee Division per il confezionamento di tè, erbe e caffè in sacchetti filtro

110

e cialde; Gima S.p.A. per il confezionamento di tè e caffè in capsule, di chewing gum e caramelle in pack innovativi, e per elevata tecnologia d’assemblaggio; Corazza S.p.A. in linee per dadi da brodo, burro e formaggini di vario formato; Stephan Machinery GmbH nel processo di latticini, cibi pronti e prodotti dolciari; BFB Division con la sua vasta gamma di macchine per il fine linea; Revisioni Industriali S.r.l. per macchine di seconda mano perfettamente revisionate. Ognuna di essa ha sempre offerto le proprie soluzioni ad alto livello qualitativo e tecnologico, ma ora, sotto IMA Industries, queste aziende sono parte di un Gruppo capace di offrire soluzioni e servizi davvero completi ed integrati, grazie alle forti sinergie create fra i vari reparti strategici ed operativi. Da qui prende vita “The Exquisite Factory” il leitmotiv che presenta il gruppo come un insieme di persone, ognuna con le proprie peculiarità, che operano insieme per un unico obiettivo: fornire soluzioni integrate di altissima

FOOD INDUSTRY

qualità, fino ad essere definite “squisite”. Attraverso il minisito dedicato www.exquisitefactory.ima-industries.com potrete entrare nella “factory” e conoscere da vicino ogni società e divisione presentate negli spot video da alcuni dipendenti che in questo caso sono diventati attori per rappresentare e far conoscere al mondo chi opera quotidianamente all’interno del Gruppo. L’impegno e la passione citati negli spot, sono i veri sentimenti che guidano le oltre 800 persone di IMA Industries, di cui più di 300 ingegneri e tecnici, nel progettare e realizzare macchine e servizi efficienti, sempre all’avanguardia ed affidabili per la massima soddisfazione del cliente. IMA Industries si caratterizza per un ottimo rapporto diretto con la clientela in tutto il mondo, offrendo peraltro una capillare rete di assistenza tecnica per essere vicino alle realtà produttive del cliente. Sul sito www.ima-industries.com scoprirete una vasta gamma di soluzioni per il processo ed il packaging, insieme al contatto più idoneo a rispondere tempestivamente alle vostre esigenze di mercato. IMA Industries alla Fispal Tecnologia 2012, San Paolo, Brasile - 12-15 giugno 2012 Vi aspetta allo Stand B114 IMA Industries esporrà alcune macchine innovative alla Fispal Tecnologia 2012: sarà anche l’occasione per incontrare il suo staff e scoprire la sua ampia gamma di soluzioni in grado di rispondere a tutte le esigenze dell’industria alimentare. Stephan Machinery esporrà un modello della gamma Universal Machine (UMSK 24E) che copre quasi tutte le funzioni relative alla produzione di formaggio lavorato, prodotti pronti e dolciumi: dalla miscelazione al taglio, dall’emulsificazione alla ventilazione a vuoto, dalla produzione a caldo al raffreddamento. La gamma Universal Machines è disponibile da 2.5 fino a 170 litri e ha un’importante caratteristica comune: la versatilità. BFB Division esporrà una CP18, incartonatrice automatica idonea per l’inserimento di astucci singoli e fardellati in cartoni o tray preincollati di dimensioni standard. La macchina è estremamente accessibile e compatta grazie alla struttura a balcone ed è indicata per il settore alimentare. La CP18 raggiunge una velocità di produzione di 10 cartoni/minuto. Non perdete le novità IMA Industries in esposizione… e la possibilità di conoscere tutte le sue soluzioni! Per ulteriori informazioni, visitate il nuovo sito di IMA Industries www.ima-industries.com


THE EXQUISITE FACTORY. “Traditional tastes available every day with our stock cube packaging lines.”

FISPA L TECNO

14 tand B1 S 5 1 2 LOGIA 2012 - São Paulo, Brasil - June 1

Cooking the old-fashioned way often takes a lot of time, but sometimes the traditional tastes can be savoured in just a few minutes. In the instance of stock cubes, we can relish high-quality stock whenever we want, particularly if they are prepared by our machines. Corazza, the IMA Industries’ company specialising in the manufacturing of complete packaging lines for paste and pressed soup cubes. Take a seat in our factory, and taste the IMA Industries solutions. We are sure you’ll find them EXQUISITE.

www.ima-industries.com CORAZZA S.p.A. • corazza@corazza.it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

IMA INDUSTRIES: The Exquisite Factory T his is one of the fundamental principles that has always guided the IMA Group, world leader in automatic machines for fifty years, and on which it bases the business philosophy of IMA Industries, the sector dedicated to the processing and packaging of food products, cosmetics and toiletries. IMA Industries includes divisions and companies that are recognised as leaders within their individual markets: Tea & Coffee Division for packaging tea, herbs and coffee in filter bags and pods; Gima S.p.A. for packaging tea and coffee in capsules, chewing gum and sweets in innovative packs, and for the high level of assembly technology; Corazza S.p.A. specialised in lines for soup cubes, butter and processed cheese in various formats; Stephan Machinery GmbH for processing dairy products, convenience food and confectionery; BFB Division with its wide range of end of line machines; and Revisioni Industriali S.r.l. for perfectly overhauled second-hand machines. Each of these companies has always offered its solutions with a high level of quality and technology, but now, under IMA Industries, they are part of a Group capable of offering comprehensive and integrated solutions and services, thanks to the synergy created between the various strategic and operative departments. This is where the “The Exquisite Factory” comes into play. It is the leitmotiv that presents the Group as a coherent set of people, each with their own peculiarities, working together towards a shared goal: to provide top quality, integrated solutions that can even be described as “exquisite”. Through the dedicated mini-site www. exquisitefactory.ima-industries.com you can enter the “factory” and get to know each company and division in the short films starring employees, who have chosen to represent their company and familiarise the world with the people working at the Group. The commitment and passion shown in the films are a testament to the sentiment of the over 800 people at IMA Industries, including over 300 engineers and technicians, who design and manufacture efficient machines and services that are always cutting-edge and reliable for maximum customer satisfaction. IMA Industries has an excellent direct relationships with its clients throughout the world, offering a far-reaching technical support network to meet every customer’s production requirements. At the website www.ima-industries.com you will discover a wide range of processing and packaging solutions, together with all the contact information you will need to meet your market requirements promptly and efficiently.

112

PACKAGING DESIGN

&

Quality products and truly unique, even exquisite, services

IMA Industries at Fispal Tecnologia 2012, Sao Paulo, Brasil - June 12-15, 2012 Welcoming you to stand B114 IMA Industries will exhibit some innovative machines at Fispal Tecnologia 2012: a chance to meet its staff and discover more about its wide range of solutions to meet all the requirements of the food industry. Stephan Machinery will exhibit a model of the Universal Machine range (UMSK 24E) which handle almost all the tasks involved in the production of processed cheese, convenience products and confectionary: from mixing and chopping, emulsifying and vacuum deaeration to heating and cooling. The Universal Machines are available for batch sizes from 2.5 up to 170 ltr. and all share one important characteristic: versatility. BFB Division will exhibit the CP18, an automatic case packing machine suitable for introducing single or bundled boxes into pre-glued standard sized cartons or trays. The machine is extremely accessible and compact thanks to its balcony structure and is indicated for the food industry. The CP18 reaches a production speed of 10 cartons/minute.

FOOD INDUSTRY

Don’t miss IMA Industries innovative machines on display… and the chance to know more about its solutions! For further information, please visit IMA Industries new website www.ima-industries.com


THE EXQUISITE FACTORY. “Now at last you can say “cheese!” with our processing and packaging machines.”

FISPA L TECNO

B114 5 - Stand 1 2 1 e n u J LOGIA 2012 - São Paulo, Brasil -

With cheese like that, at last you can smile. And you can keep on smiling when you place your production in our hands. IMA Industries’ companies have been operating in the dairy products’ sector for years. In particular Stephan is known worldwide for its processing machinery and its turnkey, complete plants and automated solutions, whereas Corazza is the major global supplier of complete dosing and packaging lines for fresh and processed cheese. Take a seat in our factory, and taste the IMA Industries solutions. We are sure you’ll find them EXQUISITE.

www.ima-industries.com CORAZZA S.p.A. • corazza@corazza.it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > SCIENCE & TECHNOLOGY

PACKAGING DESIGN

&

Il packaging nel mondo digitale L’effetto del packaging: il ruolo della confezione in cartone nella valutazione dei media fornisce per la prima volta numeri e fatti sull’efficacia del cartone rispetto ad altri materiali

Il packaging nel mondo digitale” è destinato ad essere uno degli argomenti più discussi nel mondo del packaging nei prossimi anni. Più informazioni, pubblicità e acquisti si sposteranno su Internet, più radicali saranno i cambiamenti nel comportamento dei consumatori e più importante diventerà il packaging sia come decisivo rappresentante dei prodotti nel mondo reale che, e soprattutto, come veicolo di marketing per il prodotto e per il marchio. Il packaging come mezzo di comunicazione: una rivoluzione copernicana Una delle cose di cui si parlerà di più al

congresso Pro Carton sarà indubbiamente la presentazione dello studio “L’effetto del packaging: il ruolo della confezione in cartone nella valutazione dei media” condotto da Pointlogic International Media Consultants. I primi risultati dello studio danno l’idea dell’enorme potere che il packaging può assumere in termini di vendite e pubblicità di marchi e prodotti. Per la prima volta sono a disposizione fatti e numeri che ci parlano dell’efficacia dei vari canali di comunicazione, numeri che ci costringono a discutere del ruolo delle confezioni in cartone come nuovo strumento di marketing. Testare soluzioni pratiche al momento Nell’ambito della mostra concomitante i partecipanti del congresso potranno eseguire prove pratiche con soluzioni che guardano al futuro, avendo così l’opportunità di esplorare i prossimi sviluppi e di osservarne le conseguenze per il mercato del packaging. La dimostrazione delle applicazioni GS1 promette di essere particolarmente illuminante: utilizzando uno scaffale interattivo, infatti, i visitatori del congresso potranno testare le soluzioni digitali

al momento. L’azienda GS1 sarà presente con i propri consulenti provenienti da Inghilterra e Germania. Lo scaffale contiene più di 70 prodotti sui quali è possibile accedere a informazioni generiche e nutrizionali attraverso varie applicazioni mobili. I dati sono direttamente forniti dai proprietari dei marchi e vengono presentati in modo coerente. La mostra che farà parte del congresso è attualmente nelle sue ultime fasi di allestimento (per informazioni aggiornate www.procarton.com e link “Congresso”). Design e collaborazione in network all’Award Party All’Award Party, la premiazione che avrà luogo nella serata del 18 aprile, verranno presentati la 15ª edizione dei premi Pro Carton/ECMA e i premi internazionali Pro Carton Design, oltre al premio speciale del Presidente. Il Pro Carton/ECMA Award viene consegnato alle soluzioni che sono già state messe in funzione sul mercato e che hanno dato prova di essere sia efficaci che sostenibili. Il premio Pro Carton Design rende invece omaggio alle idee più giovani che non sono state ancora realizzate ed apre una finestra creativa sul futuro. Gli ospiti possono aspettarsi una serata diversificata con la presentazione dei premi, un momento gradevole di intrattenimento, un cocktail e una cena a buffet, e tante occasioni di incontro per avviare future collaborazioni.

Packaging in a digital world The packaging effect: the role of cartons in media evaluation, gives numbers and facts on the efficacy of cartons in comparison with other media for the first time

T

he topic – “Packaging in a digital world” – will be a major focus for the packaging supply chain over the coming years. The more information, advertising and purchasing that moves to the Internet, the more radical the changes in consumer behaviour, the more important the packaging: as the decisive ambassador for products in a real world, but especially as a marketing medium for the product and brand. Packaging as the medium: a quantum leap One of the Pro Carton congress highlights will no doubt be the presentation of the study “The packaging effect: the role of cartons in media evaluation” by Pointlogic International Media Consultants. First results of the study give an impression on the tremendous power of packaging in terms of sales and advertising for products and

114

brands. For the first time, numbers and facts will be available on the efficacy of different communication channels: these numbers will dictate discussing the role of cartons as marketing instrument anew. Testing practical solutions on the spot Participants at the congress will be able to try future-oriented solutions hands-on in the accompanying exhibition – an opportunity for exploring coming developments and their consequences for the packaging market. The demonstration of GS1 applications promises to be especially revealing: using an interactive shelf, visitors to the congress will be able to test digital solutions on the spot. GS1 will be present with consultants from England and Germany. The shelf contains more than 70 products, where general and

FOOD INDUSTRY

nutritional information can be accessed via various mobile applications. The data is provided directly by the brand owners and presented in a uniform manner. The exhibition at the congress is presently being given the final touch (for up-to-date information see www.procarton.com under “Congress”). Design and networking at the Award Party At the Award Party on the evening of 18. April, the 15th Pro Carton/ECMA Awards and the International Pro Carton Design Awards as well as the special award of the president will be presented. The Pro Carton/ ECMA Award honours solutions which have already been put into practice on the market as they are both effective and sustainable. The Pro Carton Design Award also pays tribute to young, as yet unrealised ideas and opens a creative window into the future. Guests can expect a diversified evening with the presentation of the awards, an enjoyable showtime, cocktails and a flying dinner with plenty of opportunity for networking.


YF003N

FD 50 KG

MD 400÷500 KG

P A L L E T T I Z Z A Z I O N E

www.tiesserobot.it

P

A

C

K

A

G

I

N

G

CLERICI & ASSOCIATI - BRESCIA

ZD 130÷250 KG

PALLETTIZZAZIONE & PACKAGING. UN GIOCO DA ROBOT. Soluzioni dedicate alla pallettizzazione ed al packaging. Robot competitivi per costi, flessibilità e affidabilità ed una rete di integratori qualificati, rappresentano la risposta ideale alle vostre esigenze di automazione. Via Isorella, 32 • 25010 VISANO (Brescia) ITALY • tel. + 39 0309958621 • fax + 39 0309958677 • tiesserobot@tiesserobot.it

TH 1÷20 KG

BA 2÷20 KG


PACKAGING DESIGN

&

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Un diverso modo di pensare le macchine Uno motto che sintetizza lo spirito che spinge i progettisti PI-MEC a ricercare e proporre soluzioni diverse e sempre all’avanguardia

L

a PI-MEC, fondata nel 1982, è nata come studio di ricerca e di progettazione di macchine e impianti per i diversi settori dell’industria alimentare, farmaceutica e del beverage. Molti progetti sono stati oggetto di brevetto in parte ceduti a clienti, mentre altri riguardanti macchine ed applicazioni speciali sono di proprietà PI-MEC. Oggi la PI-MEC si propone come azienda flessibile, competente ed affidabile nel progettare, costruisce e commercializza le macchine a proprio marchio realizzandole su misura per ogni esigenza del cliente.

A questo proposito è stato coniato un nuovo slogan “un diverso modo di pensare le macchine” che sintetizza lo spirito che spinge i progettisti nel ricercare e proporre soluzioni diverse e all’avanguardia rispetto all’attuale stato dell’arte. Sinonimi di PI-MEC sono anche solidità e affidabilità delle proprie macchine. Una di queste è la riempitrice volumetrica, meccanica o elettronica, per bottiglie e vasi in vetro o plastica. La macchina, brevettata, è stata progettata per evitare la formazione di bolle d’aria in fase di riempimento. Altre innovazioni sono state realizzate per la produzione di sughi, come la dosatrice volumetrica lineare. Questa macchina è dotata di un particolare mescolatore all’interno del

serbatoio, progettato per mantiene l’omogeneità del prodotto con pezzi di varia natura. Altra macchina speciale realizzata per il settore della trasformazione del pomodoro e dei sughi è la macchina per inserire spezie in foglie, tipo basilico, oppure in bacche, tipo peperoncino, all’interno di bottiglie, vasi o barattoli, in modo completamente automatico, per il confezionamento di passata rustica o sughi. La PI-MEC realizza anche macchine riempitrici a livello del tipo sottovuoto o leggero vuoto o a caduta, macchine per dosare aromi naturali in pezzi, in modo da coprire l’intera gamma di riempitrici per il settore alimentare e dell’olio. La PI-MEC possiede anche brevetti per la costruzione di colmatrici sottovuoto, in particolare il sistema di colmatura della macchina è costituito da una valvola brevettata che evita il consumo del liquido di governo e consente di avere una considerevole riduzione dei costi di manutenzione rispetto alle altre macchine. La colmatrice può essere abbinata a una riempitrice per prodotti solidi in pezzi come: verdure, frutta e carne. Oltre alle macchine riempitrici, oggi La PI-MEC è in grado di fornire ai propri clienti linee complete mantenendo la qualità che l’ha contraddistinta.

A different way of thinking machines A motto that summarizes the spirit that drives PI-MEC engineers to find and propose different and advanced solutions

P

I-MEC, established in 1982, has always been designing and manufacturing machines and plants for the different sectors of the food, pharmaceutical and beverage industry. Many projects have been patented and then sold to customers, while others, on machines and special applications, have remained PI-MEC property. PI-MEC proposes itself as a flexible, skilled and reliable company able to design, build and trade machines tailored to customers’ specific requirements. That is why PI-MEC created the new motto “a different way of thinking machines”, which summarizes the spirit that drives the company’s engineers to find and propose

116

different and advanced solutions. Further synonyms for PI-MEC machines can also be sturdiness and reliability. One of these is the volumetric filler, mechanical or electronic, for glass or plastic bottles and jars.  The machine, patented, has been designed to prevent the formation of air bubbles during the filling stage. Other innovations have been made for the production of sauces, such as the linear machine for volumetric dosing. This machine is equipped with a special mixer inside the tank, designed to maintain the homogeneity of products containing pieces of various kind. Another special machine designed for the processing of tomato sauce and spices is

FOOD INDUSTRY

the machine to place leaves, like basil, or berries, like pepper, into bottles or jars, fully automatic, for packaging  of cut or rustic sauces.  PI-MEC also owns patents for the manufacture of vacuum fillers, in particular the filling system of the machine is provided with a patented valve to avoid the consumption of the liquid and offers remarkable reduction of maintenance costs on other machines. The filling machine can be combined with a filler for solid products in pieces, such as: vegetables, fruit and meat. As well as filling machines, PI-MEC can also provide its customers with complete lines at the same top quality that has always characterized it.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Riferimento globale

PACKAGING DESIGN

&

La Abrigo si propone come punto di riferimento globale per l’automazione robotizzata applicata all’industria alimentare, nel campo del taglio a ultrasuoni e in quello del packaging

D

al 1979, anno della sua fondazione, l’azienda ha basato la sua crescita sulla soddisfazione dei propri clienti, dai quali viene percepita più come un partner che come un fornitore. Nella Abrigo convivono infatti l’impostazione familiare, attenta alle esigenze dei clienti piccoli, medi e grandi che siano, e la spinta verso l’internazionalizzazione che si è concretizzata con la fondazione, nel 2005, della sede nordamericana in Ontario, Canada, e con l’ingresso nei mercati del Medio Oriente, dell’Est Europeo e del Nord e Sud America. Suoi settori di riferimento sono quello del cioccolato, dei prodotti da forno, dei prodotti congelati, il caseario, il dolciario; senza dimenticare il non-food, dove la flessibilità delle soluzioni robotizzate ha permesso di acquisire clienti di alto livello. • Taglio ad ultrasuoni La specializzazione propria di Abrigo nel taglio ad ultrasuoni in ambito alimentare tramite i sistemi robotizzati Flexcut e le macchine Multras deriva dalla lungimiranza che ha spinto l’azienda ad applicare questa tecnologia a partire dagli anni ’90. I sistemi di taglio e porzionatura sono stati ingegnerizzati per poter operare tagli su prodotti rotondi, quadrati, rettangolari o a fila conti-

118

nua. Livelli di sanitizzazione elevati, possibilità di auto-pulitura delle lame, possibilità di taglio ad inseguimento per grandi produzioni, teleassistenza, completa programmabilità del tipo di taglio e massima versatilità di utilizzo sono parole chiave nel descrivere i sistemi. L’elevata modularità ne ha permesso infatti l’applicazione in diversi ambiti produt-

FOOD INDUSTRY

tivi, rendendolo capace di adattarsi alle piccole realtà bisognose di una prima automazione di processo come ai grandi gruppi operanti nel settore food a livello mondiale. Multras, Flexcut 1, Flexcut Plus e Flexcut Multi sono oggi soluzioni consolidate e utilizzate dalle aziende leader nella produzione di torte, pasticceria, snacks, prodotti da forno in generale. • Alimentazione macchine incarto primario Lo stretto legame con realtà produttive di primo piano, alla costante ricerca di soluzioni per abbattere i costi di manodopera e i problemi igienico-sanitari legati alla manualità, ha permesso ad Abrigo di sviluppare in questo settore una forte conoscenza. Nonostante non costruisca macchine di incarto primario, Abrigo realizza i sistemi di alimentazione automatica di una ampia tipologia di esse. Le soluzioni robotizzate sono state applicate ai più disparati sistemi di confezionamento del prodotto nudo: confezionatrici in flowpack, incartatrici per cioccolato, termoformatrici, incartonatrici ed astucciatrici sono l’ideale campo di applicazione dei sistemi dotati di visione artificiale. Sono in grado di operare su prodotti in arrivo alla rinfusa, individuarli, orientarli e depositarli all’interno delle macchine confeziona-


PACKAGING DESIGN

&

trici. L’ufficio R&D è in costante processo di innovazione degli strumenti di presa e questo fa delle celle robotizzate Abrigo una soluzione flessibile e modulare, permettendone l’uso su un’ampia varietà di prodotti, dal bakery al caseario, dagli affettati al dolciario. • Packaging secondario Abrigo ha sviluppato una gamma di soluzioni completa per le diverse modalità di packaging secondario e fondo linea richieste dal mercato, tenendo conto delle esigenze di clienti che debbano lavorare a ciclo continuo sulle 24 ore. I sistemi Robovision sono celle dotate di robot ad alta velocità guidati da visione artificiale, pensati per situazioni in cui il prodotto in arrivo alla rifusa debba essere collocato all’interno di confezioni, assicurando precisione di posizionamento, velocità d’azione e, per realtà operanti in situazioni di camera bianca, ridotti ingombri ed alti livelli di sanitizzazione. Sistemi innovativi e consolidati le linee di inscatolamento di buste a fondo piatto, robotizzate anch’esse, in grado di ricevere contemporaneamente i flussi in uscita da due imbustatrici e svolgere tutte le operazioni necessarie: formatura della scatola, riempimento, compensazione delle disparità tra i flussi delle due linee, controllo della completezza delle scatole e chiusura delle stesse. Abrigo produce inoltre isole di inscatolamento di prodotti in uscita da macchine

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

confezionatrici in flowpack, o in generale prodotti in arrivo in fila unica ad alta velocità. Si tratta di sistemi che ricevono i prodotti in fila, li distanziano correttamente facendoli confluire all’interno di un ordinatore a doppio motore brushless; questo prepara il corretto numero di prodotti per consentire l’operazione di pick and place da parte del robot. Completano la linea le formatrici di scatole e i sistemi di chiusura delle stesse. Tutti i sistemi Abrigo sono equipaggiabili con attrezzature ausiliarie per l’ottenimento di una linea completa di packaging: ink-jet, etichettatrici, controlli di qualità con pesatrici, metal detector e sistemi di visione. • Depanning / Confezionamento Bakery Il trasferimento della tecnologia robotica nel settore del bakery ha prodotto soluzioni che vanno oltre il semplice depanning. Unendo l’esperienza nella progettazione degli strumenti di presa alla flessibilità dei robot a 4

FOOD INDUSTRY

assi, la Abrigo ha sviluppato sistemi che prelevano un elevato numero di unità di prodotto (muffins, cup-cakes, tarts o simili) dalla teglia, ne variano le posizioni e le reciproche distanze durante il trasferimento in modo da raggiungere la configurazione richiesta dal package e li depositano direttamente nel package stesso. Questo può essere costituito da shells in plastica o in cartoncino, disimpilate o formate da attrezzature accessorie; il tutto con possibilità di rapidi cambio formato. All’interno di questi sistemi possono essere integrate attrezzature di aziende partner per realizzare farciture, glassature e decorazioni. Completa questi sistemi la movimentazione e la gestione delle teglie piene e vuote.

119


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Global benchmark Abrigo is proposed as a global benchmark for robotic automation applied to the food industry, in the field of ultrasonic cutting and packaging systems

S

ince 1979, the year of its foundation, the company has based its growth on the satisfaction of its customers, from which it is perceived more as a partner than as a supplier. In fact, in Abrigo coexist family approach, attention to small, medium or big customers needs, and the impulse toward internationalization that has been concretized with the foundation in 2005 of the North American headquarters in Ontario, Canada, and with the development in the markets of the Middle East, Eastern Europe and North and South America. Its areas of competence are chocolate, baked goods, frozen products, dairy, confectionery; are also to be mentioned the non-food, where the flexibility of robotic solutions has allowed to gain great customers. • Ultrasonic cutting The specialization of Abrigo in ultrasonic cutting in food industry using the Flexcut robot systems and Multras machinery is derived from the foresighting vision that drove the company to apply this technology since the 90 ‘s. The cutting and portioning systems have been engineered to operate cuts on round products, squared, rectangular or in continuous row. High level of sanitization, auto-cleaning blades, tracking mode cutting for great productions, tele-assistance, complete programmability of the cut type and maximum versatility of

120

utilization are key words in describing these systems. The high modularity has allowed its application in different areas of production, making it capable of adapting to the needs of an initial automation process in small companies as well as in major groups actives in food production worldwide. Multras, Flexcut 1, Flexcut Plus and Flexcut Multi are now consolidated solutions used by leading companies in the production of cakes, pastries, snacks and generally baked goods. • Feeding of primary packaging machines The close connection with international productive realities and the constant search for solutions to reduce labour costs and sanitation problems related to manual work, allowed Abrigo to develop in this sector a strong know-how. Though it do not build the primary packaging machines, Abrigo makes automatic feeding systems for a wide range of them. Robotised solutions have been applied to the most diverse nude product packaging systems: flowpack machines, wrapping machines for chocolate making, thermoforming

FOOD INDUSTRY

PACKAGING DESIGN

&

machines, cartoning machines are the ideal field of application of artificial vision systems. They are able to operate on randomly incoming products, locate them, guide them and place them inside the packaging machines. The R&D Office is in a constant innovation process regarding gripper tools and this makes robotic Abrigo cell a flexible and modular solution, allowing the use on a wide variety of products, from the bakery to the dairy, from meats to confectionery. • Secondary Packaging Abrigo has developed a complete range of solutions for the different ways of secondary packaging and end-line required by the market, taking into account the needs of customers who are working on continuous 24 hours full rounds. Robovision systems are modular cells equipped with high-speed robots driven by artificial vision, designed for situations in which the randomly incoming product should be placed inside packages, ensuring precise positioning, action speed and, if operating in cleanroom situations, reduced footprint and high level of sanitization. Innovative and consolidated systems are the boxing lines of flat-bottomed bags, with robots, capable of receiving 2 outbound streams simultaneously from two bagging machines and perform all the necessary tasks: forming the box, filling it, compensation of the disparity between the two lines, and control of completeness and closure of the boxes themselves. Abrigo also produces boxing islands from outgoing products coming from packaging machines in flowpack, or general products arriving in single high speed row. These systems receive products in a row, distancing themselves correctly within a dual brushless motor-assisted and positioning products into sorters; it prepares the correct number of products to allow the operation of pick and place by robot. The line is completed by box-maker and sealing systems. All systems are suppliable by Abrigo with auxiliary equipment for the production of a complete line of packaging: ink-jet, labelling, weighing and quality checks, metal detectors and vision systems. • Depanning / Bakery Packaging The implementation of robotic technology in the field of bakery has produced solutions that go beyond the simple depanning. Combining the experience in designing gripping tools to the flexibility of the 4 axies robot, Abrigo developed systems that take a large number of product units (muffins, cup cakes, tarts or similar) from trays, vary position and distances between them during the transfer in order to achieve the required configuration of package and depositing them directly into the package itself. This can consist of shells made of plastic or paper, denested or made by auxiliary equipment; all with the possibility of rapid format change. Within these systems can be integrated equipments by partner companies to fill, icing and decorate. These systems are completed by the management and the handling of full and empty trays.


Aisle I/J â&#x20AC;&#x201C; booth 039/040.


Handling? Feeding? Packaging? Sandwich or Plain?

Edge or Stack?

Fold or Flow pack?

&

the answer! we make sandwich, we feed, we pack AS YOU NEED!

• Sandwich machine model Sama: 1,2,3,4 rows available • Automatic portion feeder: volumetric and counting solution available • Horizontal packaging machine: Euro 88, Eurofold

Eurosicma S.p.A. • Via Michelangelo Buonarroti, 4/6 • 20090 Segrate (Mi) • Italy • Tel. +39 02 218961 www.eurosicma.it • e.mail: sales@eurosicma.it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Performance elevate Soluzioni per il confezionamento di prodotti da forno: il coinvolgimento di Eurosicma

Eurofold Machine Model combined with Automatic Portion Feeder Volumetric Version, for biscuits on edge in X-fold style

F

ondata nel 1965, Eurosicma è un’azienda italiana specializzata nella progettazione e nella realizzazione di macchine automatiche ad alte performance per il confezionamento orizzontale. Il portfolio dell’azienda comprende movimentazione, alimentazione, confezionatrici e linee automatiche per i settori dolciario, prodotti da forno, cosmetico e farmaceutico. Alla fiera Hispack a Barcellona, Eurosicma espone il modello di confezionatrice Eurofold abbinata al Porzionatore Automatico Volumetrico. Questa combinazione rappresenta un risultato vincente della collaborazione con Eurotekna, una delle società del Gruppo Eurosicma, fondata nel 2008. Tale sistema di alimentazione rappresenta la soluzione più efficiente per la manipolazione di biscotti sia secchi che farciti; è completamente servo motorizzato e in grado di raggiungere una velocità di 25 cicli al minuto. Grazie alla collaborazione con Eurotekna, il Gruppo Eurosicma offre soluzioni personalizzate per la farcitura e il confezionamento, sia in stile flow che fold, di biscotti e cracker farciti.

124

Eurosicma ha sviluppato un sistema di alimentazione ideale per prodotti particolarmente difficili da gestire come per esempio merendine con forma irregolare, barrette appiccicose e torroncini. L’HSF8, High Speed Feeder and Timing System, è in grado di gestire ad elevata velocità, il flusso di prodotti in ingresso alla confezionatrice esercitando una pressione molto bassa e accuratamente monitorata tra i prodotti stessi e, se richiesto o necessario, solo attraverso l’impostazione di parametri specifici, può inoltre evitare qualsiasi contatto tra di essi. Eurosicma realizza anche specifici dispositivi da abbinare agli alimentatori tradizionali multi-nastro. L’STF, Side Transfer System, ad esempio, rappresenta la soluzione più adatta per il confezionamento di wafer. Il sistema è completamente servo motorizzato e permette il trasferimento dei prodotti dall’alimentatore multi-nastro alla catena della confezionatrice. È inoltre disponibile la versione tecnologicamente più avanzata: l’SSTF, Soft Side Transfer Feeder che, disponendo di un ulteriore servo motore, è in grado di alimentare la catena seguendone il movi-

FOOD INDUSTRY

mento. Entrambi i sistemi di alimentazione possono essere forniti in versione doppia con l’unità di taglio ed eventualmente quella di auto-pulizia. La gamma di applicazioni Eurosicma include anche il confezionamento di paste istantanee, sia fritte che non. Tali linee possono essere equipaggiate di funzione “no cake no seasoning bag” e di un sistema dotato di telecamera 3D per il rilevamento e la relativa selezione del singolo prodotto con forma irregolare. Per raggiungere performance elevate, Eurosicma ha studiato e sviluppato interamente il sistema di alimentazione delle bustine che è in grado di tagliarle e posizionarle sui prodotti, pronti poi per essere confezionati. L’alimentatore è totalmente integrato nel sistema di controllo della confezionatrice e possono essere forniti fino ad un massimo di tre sistemi di alimentazione per macchina. Iniziando l’attività con 30 dipendenti, Eurosicma conta oggi 150 membri e oltre 4000 macchine istallate e assistite in più di 80 paesi del mondo. Eurosicma espone a Hispack 2012 Barcellona. Pad. 3, Stand C357.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

High-performance results Wrapping solutions for the Bakery Industry: Eurosicma’s commitment

High-performance packaging line complete with Carton Feeder from reel for products coming in rows to be packed in flow pack style

F

ounded in 1965, Eurosicma is an Italian company specialized in designing and manufacturing high-performance horizontal automatic machines. Its portfolio includes moving, feeding, wrapping machines and automatic lines for the confectionery, bakery, cosmetic and pharmaceutical sectors. At Hispack fair in Barcelona, the company will exhibit the Eurofold Machine Model connected with the Automatic Portion Feeder Volumetric Version. This combination represents a successful result of the collaboration with Eurotekna Company, a member of Eurosicma Group since 2008. This kind of feeding system is the most efficient solution to handle both dry and sandwich biscuits; it is completely servo-motorized and capable of reaching a speed of 25 cycles per minute. Thanks to the collaboration with Eurotekna, Eurosicma Group can also offer turnkey equipment for making sandwich biscuits and crackers with a direct connection to flow or fold wrapping machines.

Eurosicma has developed a completely pressureless high-performance feeding system, specially designed to handle difficult products such as small cakes with irregular shapes, sticky bars and nougats. The HSF8, High Speed Feeder and Timing System, can handle products with an extremely low and monitored pressure and, if required or needed, only through parameters setting, can also avoid any contact between the products. Eurosicma has created special feeding applications to add to the traditional multi-belt feeders. For example, the STF, Side Transfer Feeder, is the most suitable solution to wrap wafers. The system is completely servo-motorized and allows the transfer of products from the multi-belt feeder into the chain of the flow wrapper. The most advanced version of the STF is also available: the SSTF, Soft Side Transfer Feeder, having an additional servo motor, is able to feed the chain following its movement. Both the devices can be supplied also in twin version and eventually

FOOD INDUSTRY

with the self-cleaning cutting unit. The company’s range of applications includes the wrapping of instant noodles, both fried and made out of rice. Such packaging lines may be equipped with “no noodle no seasoning bag “ automatic systems and a 3D camera for the detection of the single no-regular shape cake in the row. To achieve high-performance results, Eurosicma studied and entirely developed the Sachet Feeder System that cuts the seasoning bags coming from strips and place them on the noodle cakes, ready then to be wrapped. The feeder is totally integrated in the control system of the wrapper and applications up to three independent feeding systems per wrapper are available. Starting as a small company with 30 employees, Eurosicma counts today 150 members with over 4000 machines installed and assisted in more than 80 countries worldwide. Eurosicma will exhibit at Hispack 2012 in Barcelona, Stand C-357, Hall 3.

125


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

Il miglior risultato

di sempre AnugaFoodTec 2012 si posiziona come la più importante fiera delle tecnologie alimentari dall’approccio globale

L

a sesta edizione di AnugaFoodTec 2012, terminata a Colonia dopo quattro intense giornate di attività espositiva, ha conseguito il miglior risultato di sempre, consolidando così considerevolmente la sua posizione di fiera leader internazionale delle tecnologie per la produzione di alimenti e bevande. Con più di 42.000 visitatori da 131 paesi, AnugaFoodTec vanta una crescita dell’affluenza del 25 per cento circa. “Per gli operatori dei settori interessati AnugaFoodTec è stata un successo pieno. La fiera è puntata sull’industria alimentare internazionale e privilegia temi proiettati nel futuro quali la sicurezza alimentare, la sostenibilità e lo sfruttamento efficiente delle risorse. Tale impostazione ha consolidato l’importanza e la forza propulsiva di AnugaFoodTec quale piattaforma leader per il business, le tecnologie e il know-how di tutto il comparto alimentare”, chiosano Katharina C. Hamma, Direttrice della Koelnmesse GmbH, e il Dr. Reinhard Grandke, Direttore generale della Società tedesca per l’agricoltura DLG (Deutschen LandwirtschaftsGesellschaft). AnugaFoodTec per gli operatori di tutti i settori dell’industria alimentare è l’unica manifestazione al mondo basata su una visione dall’approccio globale, estesa a tutte le materie prime, orientata all’ingegneria di processo e non a determinate categorie merceologiche e, quindi, a tutti i processi di trasformazione lungo le filiere della produzione alimentare. Anuga FoodTec è una manifestazione realizzata dalla Kölnmesse insieme alla Società Tedesca per l’Agricoltura DLG. Oltre 42.000 operatori sono venuti ad AnugaFoodTec da 131 paesi per informarsi sui temi cardine della trasformazione, dell’imballaggio e della sicurezza alimentare. Ciò corrisponde ad un aumento di visitatori del 25 per cento circa sulla manifestazione precedente. Anche la partecipazione estera è cresciuta del 16 per certo raggiungendo una quota del 58 per cento. In particolare sono aumentati i visi-

126

tatori provenienti dall’Europa orientale, soprattutto dalla Russia, dall’Ucraina, dalla Repubblica Ceca e dalla Polonia, nonché dalla Turchia. È stato registrato anche un considerevole incremento dei buyer venuti ad AnugaFoodTec dall’Asia, da menzionare in particolare Cina, Giappone, Tailandia e India.

Gli espositori di AnugaFoodTec sono rimasti favorevolmente colpiti soprattutto dall’alta qualificazione e internazionalità dei visitatori e hanno riferito di aver condotto ottimi colloqui con responsabili decisionali di alto rango. Molti interlocutori si sono presentati presso le aziende fin da subito con richieste per

Della Toffola

AVE Technologies

Sacmi

Cft

IMA Industries

Galdi

FOOD INDUSTRY


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

progetti specifici lasciando intravedere fruttuosi business nel periodo postfieristico. Il sondaggio tra i visitatori di AnugaFoodTec ha riconfermato la validità dell’impostazione cross over. Oltre l’83 percento dei visitatori intervistati ha valutato l’offerta espositiva di AnugaFoodTec come molto buona/buona. AnugaFoodTec vanta inoltre una cresciuta di oltre il dieci per cento degli espositori. A Colonia hanno mostrato le loro innovazioni e soluzioni tecniche 1.334 aziende da 41 nazioni. È cresciuta anche del cinque per cento la partecipazione estera, salita a oltre il 50 per cento. I tre temi conduttori di AnugaFoodTec 2012: Hygienic Design, automazione e sostenibilità. Il trend “Hygienic Design” è stato il filo conduttore dell’intera manifestazione e ciò è un chiaro indice dell’importanza del tema dell’igiene e conseguentemente della sicurezza alimentare. Con l’avanzata dell’automazione e delle tecnologie integrate è chiaro che i riflettori non sono più puntati sul singolo processo produttivo ma sulla sua integrazione in processi di produzione globali. Sul tema della sostenibilità molti espositori hanno presentato soluzioni dirette a razionalizzare lo sfruttamento delle risorse impiegate come pure a rendere più economica la gestione di alcune risorse che stanno diventando sempre più scarse quali l’energia e l’acqua potabile. Promosso dalla DLG un vasto programma di eventi veramente speciali ha ripreso e accompagnato i temi di tendenza fornendo ai visitatori soluzioni concrete su questioni di attualità e futuri sviluppi. Sono stati premiati quest’anno con il prestigioso International FoodTec Award 18 progetti per l’innovazione presentati alla AnugaFoodTec. Otto innovazioni hanno ricevuto l’oro dell’International FoodTec Award e dieci l’argento. La plastica biologica, le confezioni biodegradabili e nuove idee per il packaging, questi i temi trattati da “FutureLab”, una rassegna speciale molto seguita lanciata dalla AnugaFoodTec in collaborazione con la Köln International School of Design. Suddivisi in più gruppi di lavoro gli studenti dei corsi di design elaboravano nuove idee per il confezionamento di alimenti e bevande sviluppando sul posto bozze di progetti. La rassegna speciale “Robotik-Pack-Line 2012” ha illustrato le potenzialità offerte ai produttori di alimenti e bevande dalla robotica. I temi visualizzati: confezionamento igienico della carne fresca, imballaggio secondario e pallettizzazione di generi alimentari e modalità igieniche di riempimento di alimenti liquidi. La prossima edizione di AnugaFoodTec si terrà dal 24 al 27 marzo 2015.

Omac

Ing. A. Rossi

Pigo

G. Mondini

Fenco

Fbf

FOOD INDUSTRY

127


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

128

Zacmi

Di Zio

PFM

Ghizzoni

Gea

ICF Welko

FOOD INDUSTRY


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

The best event result to date Anuga FoodTec 2012 positions itself as the food industry’s most important comprehensive technology trade fair

T

he sixth Anuga FoodTec 2012, which closed its doors after four intensive trade fair days in Cologne, posted its best event result to date, and so impressively extended its top position as the internationally leading technology trade fair for the food and beverage industry. Anuga FoodTec’s visitor numbers grew by around 25 per cent, totalling more than 42,000 trade visitors from 131 countries. “Anuga FoodTec was a complete success for the participating sectors. The trade fair’s clear focus on the international food industry in conjunction with the pioneering topics such as food safety, sustainability and resource efficiency has sustainably extended the importance and momentum of Anuga FoodTec as the leading business, technology and know-how platform for the global food

Pietribiasi

Farck

industry,” was the conclusion drawn by Katharina C. Hamma, Chief Operating Officer of Koelnmesse GmbH, and Dr. Reinhard Grandke, Director General of the DLG (German Agricultural Society). Anuga FoodTec is the only event in the world that provides all sectors of the food industry with a process-oriented and cross-sector view covering all raw materials of the complete process chain for the production of food and beverages. Anuga FoodTec is organized by Koelnmesse and the DLG. More than 42,000 trade visitors from 131 countries came to Anuga FoodTec to inform themselves about the core topics of food processing, food packaging and food safety. That represents an increase of approximately 25 per cent in comparison to the previous event. At the same time, the proportion of

OMB

Fbl

FOOD INDUSTRY

visitors from abroad increased by 16 per cent to its current 58 per cent. The numbers of visitors from eastern Europe — especially from Russia, Ukraine, the Czech Republic and Poland — and from Turkey, increased in particular. Considerably more specialist buyers from Asia — in particular from China, Japan, Thailand and India — also visited Anuga FoodTec. The exhibitors at Anuga FoodTec were particularly impressed by the quality and internationality of the trade visitors, and reported extremely good discussions with high-level decision-makers. Many of the partners in these discussions approached the companies with questions about concrete projects, so that extremely promising post-fair business is to be expected. The visitor survey at Anuga FoodTec

Ind. Fracchiolla

Velo Acciai

129


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

IFind

Protec

Priamo

Rg Strumenti

Velo

Ceia

130

FOOD INDUSTRY

confirmed the strength of the crossover concept. The results showed that more than 83 per cent of the visitors surveyed evaluated the product range at Anuga FoodTec as very good or good. Exhibitor participation in Anuga FoodTec also grew by more than ten per cent. 1,334 suppliers from 41 countries presented their technical innovations and solutions in Cologne. At the same time, foreign participation increased by five per cent to more than 50 per cent. The three central topics at Anuga FoodTec 2012 were hygienic design, automation and sustainability. The trend towards hygienic design ran through the entire trade fair and so underlined the importance of the topic of hygiene and thus food safety. Increasing automation and system integration emphasize that the individual process itself is of relatively less importance than its integration in overall production sequences. In the area of sustainability, numerous exhibitors presented solutions for increasing resource efficiency, whether by means of an improved utilization of the materials used or a more economical approach to increasingly scarce resources such as energy and drinking water. Organized by the DLG, the trend topics were tackled and accompanied by a comprehensive, unique supporting programme which provided visitors with concrete solutions to current questions and future developments. The renowned International FoodTec Award was presented to 18 Anuga FoodTec innovation projects. Eight innovations received the International FoodTec Award in Gold, ten in Silver. Bio-plastics, biologically degradable packaging and new packaging ideas were the topics at the widely acclaimed special show “FutureLab”, which was initiated by Anuga FoodTec together with the Köln International School of Design. Design students working on site in several working groups developed innovative ideas and draft designs for food and beverage packaging “live”. The special show Robotik-Pack-Line 2012 demonstrated the potential that robotics offers for manufacturers of food and beverages. The special show presented the hygienic packaging of fresh meat, the secondary packaging and palletising of food and the hygienic filling of liquids. The next Anuga FoodTec will be held from 24th to 27th March 2015.


Tel. +39 049 9470475 - Fax +39 049 9470111


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Progettati per il successo Alto livello di ingegnerizzazione, qualità del prodotto e ottimo rapporto qualità-prezzo sono le caratteristiche chiave dei prodotti Milk Italy

M

ilk Italy è specializzata negli impianti per la lavorazione del latte e di tutti i suoi derivati. Milk Italy viene costituita dopo una consolidata esperienza trentennale maturata presso alcune delle aziende più rinomate nel settore lattiero caseario. Milk Italy produce una linea completa per la lavorazione del latte, dalla sua forma cruda

e/o dal latte in polvere. Gli impianti aziendali sono principalmente progettati per produrre: latte pastorizzato, latte UHT, yogurt, Laban, formaggio, panna e panna gelata, impianti per latte in polvere, burro e margarina (da olio vegetale). I punti di forza dell’azienda sono: alto livello di ingegnerizzazione delle soluzioni proposte; conoscenza e esperienza in questo settore;

qualità del prodotto offerto; servizio e assistenza clienti; ottimo rapporto qualità-prezzo. Milk Italy segue il cliente dalla fase iniziale, in modo tale da capire le sue specifiche necessità, fornire un servizio di consulenza, fino alla completa installazione dell’impianto. Inoltre, Milk Italy fornice anche garanzia in loco. Milk Italy propone soluzioni di produzione per piccole necessità da 150 l/h fino a 40.000 l/h di latte. Grazie alla somiglianza degli impianti e delle attrezzature, l’azienda produce anche unità per succhi, gelato e unità per il processo di pastorizzazione delle uova. L’esperienza maturata in molti mercati internazionali ha permesso all’azienda di acquisire importanti conoscenze sui prodotti e sulle tecniche di lavorazione locali dei prodotti lattiero caseari. Oltre al mercato dell’Europa centrale, l’azienda conosce particolarmente bene i seguenti mercati: Paesi dell’Europa dell’Est e Russia, Africa, Medio Oriente; Sud America. Per maggiori informazioni consultare il sito www.milkitaly.com, e scrivere a info@milkitaly.com. contattate l’azienda direttamente così da studiare la miglior soluzione alle vostre necessità.

100% Made in Italy

Mini dairy plant Mini laiterie

www.milkitaly.com

Designed to succeed High engineering level, quality and excellent ratio quality/price are the key features of Milk Italy products

M

ilk Italy is specialized in plants to process milk and all its by-products. Milk Italy has been established after a strong thirty-year experience gained in some of the major dairy firms. Milk Italy produces complete units for processing the milk starting from Raw and/ or Powder Milk. The company’s plants are mainly designed to produce: Pasteurised milk; UHT milk; Yoghurt; Laban; Cheese; Cream & Iced Cream; Powder milk plant; Butter & Margarine (from vegetable oil). The company’s strength points are: High engineering level of the solutions proposed;

132

Knowledge and experience in this industry; Quality of product offered; Customer care and Customer support; Excellent ratio quality/price. Milk Italy follows the client from the beginning, in order to understand his specific needs and to propose its advise, until the start-up of the plant. Milk Italy can also provide warranty on site. Milk Italy has production solutions from the small needs 150 lt./h up to 40.000 lt./h of milk. Due to the similarity of the plants and the equipment, it also makes units for juices, ice-cream and units for eggs pasteurisation process.

FOOD INDUSTRY

The experience gained on many international markets has enabled the company to have remarkable knowledge of products and local dairy production techniques. In addition to this Central Europe markets, the company also operated very-well also in the following markets: East European Countries & Russia; Africa; Middle East; South America Please check the following web-site: www.milkitaly.com - Please write to info@milkitaly.com  Please contact the company directly in order to study the best solution for your needs.


Ice cream · Gelato · Margarine · Margarina · Fresh Pasteurised Milk · Latte Fresco Pastorizzato Cream · Crema · U.H.T. Sterilized Milk · Latte Sterilizzato U.H.T. · Cheese · Formaggio

©2012_www.imagination.it

Pasteurizing units | Unità di pastorizzazione

Mini dairy plant | Mini-impianto lattiero-caseario

MILK ITALY ESCHER MIXERS srl

36015 Schio (VI) Italy Via Lago di Vico, 37

T +39.0445.576.692 F +39.0445.577.280

info@milkitaly.com www.milkitaly.com


Established 1992 – 21st Edition

17 - 20 September 2012

Expocentre • Moscow • Russia

Where the world of food meets

RUSSIA

Partner Country Thailand

www.worldfood-moscow.com


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Soluzioni tecnologiche, innovative e all’avanguardia Impianto VWS Italia per il trattamento delle acque reflue del settore alimentare

V

eolia Water Solutions & Technologies Italia è l’azienda italiana della divisione tecnologica VWS di Veolia Water, leader mondiale nella fornitura di impianti e soluzioni per il trattamento delle acque, appartenente a Veolia Environnement, operante in tutto il mondo. La gamma completa di soluzioni tecnologiche,

innovative ed all’avanguardia che spaziano dalle unità standard, anche integrabili in impianti già esistenti, agli impianti chiavi in mano, rende VWS Italia il partner di fiducia per i clienti del comparto industriale. VWS Italia offre soluzioni tecnologiche per i più svariati settori industriali. In particolar modo, grazie alla vasta conoscenza del ciclo produt-

Innovative and state-of-the-art technological solutions

V

eolia Water Solutions & Technologies Italia is the Italian subsidiary of VWS technological division of Veolia Water, world leader in water treatment solutions, part of Veolia Environment that operates worldwide. The full range of innovative and state-of-the-art technological solutions, from standard units to be also integrated in existing plants, to turnkey

136

plants, makes VWS Italia a sound partner to customers of the industrial sector. VWS offers technological solutions to many different sectors. On account to its extensive knowledge of the production cycle of the F&B sector, VWS has supplied a turnkey depuration plant to an important dairy company present in the domestic and international markets for forty years. The customer’s production factory is one of the most advanced in Italy and can guarantee throughput of over 1,000 ton/day of milk, milk by-products, special products, fruit juices and beverages. This customer needed to face increased quantity of effluent water to be purified, with entry COD levels equal to 2000 mg/l, thus doubling the capacity of the existing plant. The new plant, to treat 6000 mc/day, consists of the following solutions for the “water line”: aerated/homogenization balance to reduce the picks of organic loads in specific processing;

FOOD INDUSTRY

tivo del settore F&B, VWS Italia ha fornito un impianto di depurazione chiavi in mano per un’importante azienda del comparto lattiero caseario, presente sul mercato italiano ed internazionale da quarant’anni. Lo stabilimento produttivo del cliente è fra i più moderni in Italia e ad oggi garantisce una capacità produttiva di oltre 1.000 tonnellate di prodotto al giorno nei comparti latte e derivati, prodotti speciali, succhi di frutta e bevande. L’esigenza del cliente era di far fronte ad un aumento della portata d’acqua reflua da depurare, avente valori di COD in ingresso pari a 2000 mg/l, giungendo così al raddoppio dell’impianto di depurazione esistente. L’impianto fornito, in grado di trattare 6000 mc/giorno, si compone di soluzioni per la “linea acqua” quali bilanciamento aerato/ omogeneizzazione per smorzare i picchi di carico organico di determinate lavorazioni; regolazione di portata per un corretto dosaggio dei reagenti e una maggior efficienza dei processi biologici; denitrificazione, nitrificazione, ossidazione per l’abbattimento della carica inquinante disciolta; sedimentazione/chiarificazione finale per decantazione; flottazione finale per un effluente privo di solidi in sospensione e per l’abbattimento di un eventuale COD residuo del tenore di fosforo; filtrazione su tele come ulteriore trattamento per ridurre i solidi sospesi; unità di ultraflottazione IDRAFLOT™ per la separazione delle sostanze grasse o oleose e dei solidi sospesi, che supera i tradizionali sistemi di flottazione grazie all’innovativa soluzione di modularità progettuale, in grado di favorire la miscelazione dell’acqua lungo l’intera struttura della macchina. Veolia Water Solutions & Technologies Italia, accettando la sfida per la salvaguardia dell’ambiente, è impegnata nella continua riduzione delle emissioni di CO2 delle proprie tecnologie e offre ai propri clienti Carbon Footprint Assesment personalizzati.

VWS Italia’s plant for effuent water treatment for the food sector capacity regulation for correct dosing of the reagents and increased efficiency of biologic processes; denitrification, nitrification, oxidation for abating the dissolved pollutant charge; final sedimentation/clarification; final flotation for effluents with no solids in suspension, and reduction of any possible residual COD of phosphorus content; cloth filtration as a further treatment to reduce solids in suspension; IDRAFLOT™ ultra-flotation unit to separate fat or oily substances as well as solids in suspension, which surpasses traditional filtration systems thanks to an innovative design modularity that eases water mixing along the whole machine structure. By taking the challenge of environment protection, Veolia Water Solutions & Technologies Italia has committed itself to reducing CO2 emissions from its own technologies and then offering its customers customized Carbon Footprint Assessments.


Se

rv ice

alu |V

e| s Re po

ns ibi lity

Soluzioni e tecnologie per l’industria alimentare e delle bevande • IDRAFLOT™: flottatori DAF di nuova generazione ad elevatissimo grado di addensamento e chiarificazione • IDRASCREEN™: sgrigliatori compatti autopulenti ad alta capacità La soluzione ottimale per tutti i settori in cui è necessaria la separazione dei solidi dall’acqua.

www.veoliawaterst.it info@veoliawaterst.it

Service: Consulenza | Analisi chimiche Assistenza tecnica | Parti di ricambio, di consumo e prodotti chimici Hydrex™ Manutenzione | Noleggio di unità mobili AquamoveTM


WTS_advertisment_245x325_TRACC.indd 1

2/22/2012 16.19.19


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

Europain 2012:

la rivoluzione nel mondo della panificazione e pasticceria Da qualche anno, panificazione e pasticceria stanno vivendo una vera e propria evoluzione, per proporre delle offerte di qualità che si possano adattare alle nuove attese della clientela

D

al 3 al 7 marzo scorso, Europain 2012 ha accolto 82 690 operatori del settore che hanno potuto scoprire le innovazioni di circa 800 espositori su un superficie espositiva di 68 000 mq. Da qualche anno, la panificazione pasticceria sta vivendo una vera e propria evoluzione, per proporre delle offerte di qualità in tema di ristorazione rapida, che si adattano alle nuove attese della clientela. SuccessFood, insieme a Europain, ha rafforzato questa evoluzione strategica. I grandi concorsi del salone hanno svelato inoltre nuovi talenti, come i candidati giapponesi, vincitori della Coppa del Mondo della Panificazione e del Mondiale delle Arti Dolciarie, e Thibaut Ruggeri, che rappresenterà la Francia al Bocuse d’Or Europa. La Coppa Europa, Selezione della Coppa del Mondo di Pasticceria, ha eletto il Regno Unito. Le cifre di Europain parlano chiaro: 770 espositori sui 2 saloni, di cui 33% d’internazionali, su

una superficie espositiva totale di 68 000 mq; 82 690 operatori provenienti da 143 paesi, di cui il 71% Francesi e il 29% d’internazionali, con una progressione del 7,2 % del numero di visitatori rispetto al 2010, e 16 nuovi paesi visitatori top 10 dei paesi visitatori – esclusa la Francia : Belgio, Italia, Spagna, Germania, Paesi Bassi, Brasile, Stati Uniti, Russia, Svezia, Regno Unito, Portogallo 265 giornalisti di cui il 54% d’interna-

TECNOPOOL

140

FOOD INDUSTRY

zionali; 97 000 visite del sito web in un mese, per 848 000 pagine visitate, e 19 Trofei e Innovazioni Europain, 7 Collezioni Intersuc. L’offerta espositori riflette il mercato Europain ha riunito tutta l’offerta più rappresentativa del settore panificazione: panificazione artigianale e industriale, pasticceria, il punto vendita, Intersuc per lo zucchero e il cioccolato, il gelato, e non poteva mancare la formazione con la Rue des Ecoles. La prima edizione di SuccessFood inoltre, all’interno di Europain, ha dimostrato tutta la sua coerenza: quando i modi e i momenti di ristorazione evolvono e le abitudini alimentari cambiano, le professioni della ristorazione e della panificazione devono adattarsi a questi cambiamenti. In questo contesto, gli operatori della ristorazione hanno potuto trovare in fiera gli strumenti per reinventare la propria offerta, per rispondere ad una concorrenza sempre più forte ed per incrementare il proprio fatturato.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

D’altronde, gli espositori hanno proposto degli stand accoglienti e gli incontri con i visitatori sono stati più conviviali e fruttuosi. Visitatori di tutte le professioni e provenienti da tutti i paesi In progressione del 7,2% rispetto al 2010, i visitatori si sono ben ripartiti nei cinque giorni di Europain a differenza dell’edizione precedente. La circolazione dei visitatori nelle corsie è stata fluida grazie alla nuova planimetria del salone. Tutte le professioni erano rappresentate, i visitatori internazionali hanno rappresentato un terzo dei visitatori totali, provenienti soprattutto dall’Europa, ma anche da Paesi Extra Europa come Sud America e Asia. La Rue des Succès. Su una superficie espositiva di 1000mq, i visitatori hanno potuto scoprire a “grandezza naturale” i concept di successo in panificazione e ristorazione: Maison Eric Kayser – Le Fournil de Pierre – Louise – Lucien et la Cocotte – la Fédération des Entreprises de Boulangerie et Pâtisserie Françaises – Cothécho, concept bar di Métro – Padaria Brasileira. Con animazioni live, gli espositori della Rue des Succès hanno offerto dei riferimenti indispensabili a coloro che desiderano sviluppare la propria attività, o esportare i concept presentati in fiera. La Rue des Ecoles. Dedicata alla formazione, la Rue des Ecoles ha accolto le migliori scuole di panificazione, pasticceria, ristorazione. Insegnanti e esperti hanno condiviso il proprio savoir-faire con i futuri studenti e le loro famiglie, per creare delle  “vocazioni” e trasmettere la passione per la professione. Le aziende francesi e internazionali hanno inoltre potuto identificare le migliori scuole per rafforzare e sviluppare le competenze dei loro team. Novità e Innovazioni Tra le oltre 200 novità presentate in fiera, fondamentali per lo sviluppo del mercato,  i Trofei dell’Innovazione Europain 2012 hanno premiato una ventina di espositori, in due categorie: attrezzature e prodotto. I visitatori hanno potuto scoprire queste innovazioni tecniche sullo spazio Innovazioni e Novità all’ingresso del salone, e sugli stand degli espositori dove era possibile assistere a numerose dimostrazioni, in particolare per le attrezzature di panificazione industriale.

ESCHER MIXERS

ESCHER MIXERS

BASSANINA

BASSANINA

EUROPA

EUROPA

PRAXAIR

FOOD INDUSTRY

141


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

Europain 2012:

a revolution in the world of baking and confectionery For some years the bakery and confectionery sector has experienced a real revolution in order to propose high-quality solutions meeting the clients’ new expectations

B

etween 3 and 7 March, Europain 2012 welcomed 82690 visitors, who were able to discover innovations by almost 800 exhibitors in an exhibition area of 68 000 m². The last few years have seen a veritable revolution in the bakery-confectionery sector, with the frontiers between fast food premises and traditional sales points dissolving, a strategic tendency that was underlined by the decision to hold SuccessFood and Europain side-by-side. Finally, the major contests in the various salons unearthed new talents such as the Japanese teams, winners of the Bakery World Cup and of the International Confectionery Art Competition, and Thibaut Ruggeri, who will represent France at the Bocuse d’Or Europe event. The European Cup, selection for the “Coupe du Monde de la Pâtisserie” has crowned the United Kingdom. Key figures speak volumes about Europain’s success: 770 exhibitors on both shows of whom 33% from abroad; total exhibition area of 68 000 m²; 82690 visitors from 143 countries, 71 % French visitors, 29 % from abroad (+7.2% vs. 2010) and 16 new visiting countries, top 10 countries in terms of visitors (France excluded) Belgium, Italy, Spain, Germany, Netherlands, Brazil, USA, Russia, Sweden, United Kingdom, Portugal, and 265 journalists, of whom 54 % from abroad; web response 848 000 (e.g. number of visitors to different web pages) = 97 000 visitors on the website within a month, 848 000 pages seen; 19 Europain Innovations Trophies, 7 Collections Intersuc. Exhibitors provide an accurate reflection of the market Europain brought together a representative cross-section of the baking sector as a whole: craft and industrial bakeries, pastries, shops, Intersuc for sugar and chocolate, ice-cream, and of course training with La Rue des Écoles (Schools street). In addition, the decision to hold the first SuccessFood exhibition alongside Europain proved an extremely pertinent

142

choice. As patterns of consumption evolve and eating habits change, the restaurant and bakery sectors must break down their respective barriers. In this setting, professionals in the restaurant sector have been successful in finding ways of reinventing their products and services so as to combat increasing competition and develop their businesses. The flow of visitors at Europain was reorganised for the first time, with much more fluid movement in the aisles thanks to a new salon layout and to more even distribution of visitors over the whole five days of the event. Visitors from all trades and all countries With a 7.2 % growth versus 2010, visitors have appreciated a freely flowing along the aisles thanks to the new floor plan of the exhibition. All trades were there, international visitors accounting for 1/3 of the audience mainly coming from Europe but also overseas from South America or Asia.

The Road to Success An exhibition area of 1000m² allowed visitors to view a show case of winning concepts in baking and novel restaurant sites: Maison Eric Kayser, Le Fournil de Pierre, Louise, Lucien et la Cocotte, la Fédération des Entreprises de Boulangerie et Pâtisserie Françaises, Cothécho - the Métroconcept bar -, and a Brazilian bakery (Padaria Brasileira). With live presentations, exhibitors in the Road to Success offered vital pointers for those seeking either to develop their activities or to take the concepts presented at the salon develop them abroad. La Rue des Ecoles Devoted to training, the Schools Street has gathered the best schools for bakery, pastry and catering. Trainers and experts have shared their knowhow with students and their families to arouse vocations and transmit the passion of job. French and foreign companies have also been able to identify the best training centers to strengthen and develop their staff’s skills. Novelties and Innovations Among the 200 novelties presented at the trade show, key parts to the market growth, Europain Innovation trophies were awarded to some 15 exhibitors in the two separate categories of Materials and Products. Visitors were able to discover these innovations, displayed on the innovations and new products area close to the show entrance as well as on the stands where many demonstrations took place, especially in the industrial bakery sector.

LO GIUDICE FORNI LO GIUDICE FORNI

FOOD INDUSTRY


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > ABOUT FAIRS

STARMIX - FLAMIC

FLAMIC

STARMIX

TEKNO STAMAP

SIGMA

TEKNO STAMAP SIGMA

FOOD INDUSTRY

143


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

MR Professional, la linea per fare la differenza Escher Mixers presenta una gamma di impastatrici a spirale con vasca estraibile con modelli da 80 a 500 kg. di capacità

E

scher Mixers presenta la Linea MR Professional, una gamma di impastatrici a spirale con vasca estraibile con modelli da 80 a 500 kg. di capacità. Bloccaggio e rotazione  vasca - brevettato Il nuovo sistema conico di bloccaggio e  movimentazione della vasca sorpassa tecnicamente i  sistemi tradizionali in quanto utilizza un accoppiamento conico tra  macchina e carrello. La chiusura del carrello avviene tramite un albero conico che salendo autocentra e porta in posi-

zione di lavoro la vasca.  Il cono è comandato idraulicamente e si innesta sotto alla vasca mantenendo  una pressione costante durante l’utilizzo,  eliminando qualsiasi possibilità di slittamento e di usura. La rotazione della vasca è data dall’albero conico che garantisce un numero costante di giri vasca. Il sistema di trazione risulta silenzioso e privo di giochi meccanici. Sistema di cambio rapido utensili Escher Mixers ha sviluppato un sistema di

aggancio e sgancio degli utensili totalmente manuale grazie al quale  l’operatore  può togliere,  agevolmente ed in sicurezza, l’utensile in uso e sostituirlo con un altro in pochi secondi.  In aggiunta alla spirale, esiste la possibilità di avere utensili di forma e caratteristiche  diverse che possono anche essere sviluppati in accordo con le esigenze del cliente. La possibilità di utilizzare diversi tipi di utensili dà versatilità di impiego alle impastatrici Escher Mixers.

MR Professional, the line to make the difference Escher Mixers presents a range of spiral mixers with removable bowl consisting of models from 80 to 500 kg dough capacity

E

scher Mixers presents the MR Professional Line, a range of spiral mixers with removable bowl consisting of models from 80 to 500 kg dough capacity. Bowl locking and motion - patented The new taper bowl locking and motion  system is technically superior to the traditional systems as it utilizes a taper coupling to join the machine and the trolley. The trolley is locked by means of a taper shaft that, as it ascends, centres the bowl

144

and moves it into the working position. The hydraulically controlled cone engages under the bowl, maintains constant  pressure during use and eliminates any possibility of slippage or wear. The taper shaft gives rotating motion to the bowl and guarantees a constant number  of bowl revolutions. The motion system is noiseless and free of mechanical play. Quick change system for the tools Escher Mixers has developed a tool mounting and release system that is

FOOD INDUSTRY

completely manual which means that operators can remove, easily and safely, the tool in use and replace it with another one in just a few seconds. Escher can design tools with specific shapes and characteristics to suit customers’ needs. The possibility of using different types of tools makes the company’s mixers even more versatile.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

CROISTAR... non c’è via migliore di fare croissant La fantasia di realizzare nuovi tipi di croissant dolci o salati senza mai perdere di vista la qualità

C

roissant e non solo con ripieni cremosi, solidi o in fetta, dolci e salati. La fantasia di realizzare nuovi tipi di croissant dolci o salati senza perdere di vista la qualità: CROISTAR, la soluzione di ALBA & Teknoservice che stavate cercando. Grazie a molti anni di esperienza, la tecnologia e, soprattutto, alla passione nel migliorare di continuo il croissant, ALBA ha sviluppato questo innovativo gruppo per croissant destinato a diventare un punto di riferimento nel settore.

CROISTAR avvolge il vostro croissant di piccole, medie o grandi dimensioni con la stessa cura delle vostre mani, dandovi con la sua velocità il tempo per pensare a nuovi prodotti. La vostra arte nell’arrotolare il croissant ha preso forma con CROISTAR. Punto di forza è il rapporto peso/farcitura. Il modo di arrotolare che la rende unica nel suo genere permette di ospitare nel cuore del croissant una quantità di ripieno fino ad ora irraggiungibile: alcuni nostri clienti hanno farcito oltre 20 g di marmellata.

CROISTAR: una piccola industria per la produzione di croissant farciti composta da un gruppo calibratore con controllo sincronizzato della tensione della pasta, da una taglierina a ghigliottina che consente le più svariate misure, da un sistema computerizzato che ordina i triangoli per alimentare l’avvolgitrice mentre una dosatrice sincronizzata dosa la quantità di ripieno da voi desiderata senza nessun gocciolamento. L’avvolgitrice prende con cura il triangolo e in 0,4 secondi lo arrotola sfiorandolo appena per rispettare il duro lavoro di sfogliatura della pasta. CROISTAR non mette limiti al tipo e alla quantità di ripieno proprio come desideri: creme, marmellate, cioccolato, formaggio, wurstel, prosciutto, ripieni dolci o salati, liquidi, solidi o in fetta: con CROISTAR siete liberi di inventare. CROISTAR è il vostro partner ideale per produrre croissant ripieni di qualità usando la vostra arte. Per maggiori informazioni contattate il nostro ufficio tecnico commerciale, per poterla non solo sognare ma provare. www.albaequipment.it sales@albaequipment.it

CROISTAR... no better way of making croissant Imagination for making new sweet and salty croissants without ever forgetting quality

S

weet or savory fillings, creams, jams, chocolate bars, spinach, cheese, ham and spices, the new ALBA CROISTAR does it all. All you need to do is add your imagination to deliver whatever your customer wants. CROISTAR, the solution by ALBA & Teknoservice for what you were looking for. Thanks to many years of experience, the technology and our passion for the croissant, ALBA has developed this new machine destined to become a benchmark in its market.

146

The CROISTAR can produce from very small to large filled croissants with a unique auto curling system that is low tension with high precision. You can say it is better than handmade. Another special feature of the machine is the auto dosing that allows you to deposit up to 20 gr of filling setting new standards for filled croissants. The CROISTAR is a compact design which includes a gauging unit with synchronized dough tension control, precision guillotine cutting, triangle placement, dosing and curling all computer controlled for optimum

FOOD INDUSTRY

results. For filled croissant of any size, the CROISTAR is your ideal solution. CROISTAR does not put a limit to the kind and the quantity of filling you desire: it is your ideal partner to produce high-quality filled croissants with your art. For more details, contact our technical and sales department. www.albaequipment.it blanksales@albaequipment.it


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Ecopower… si fa in quattro per soddisfare le tue esigenze!

I

l suo metodo di riscaldamento è un sistema costituito da resistenze elettriche installate sopra e sotto le camere di cottura. Questo assicura al forno una costante ed eccellente distribuzione del calore e una straordinaria stabilità dopo l’infornamento. Il risultato è una cottura equilibrata, stabile ed omogenea ad ogni livello, che conferisce sviluppo di prodotto, fragranza e morbidezza. Una cottura che aiuta a mantenere l’aroma del prodotto e ne prolunga la conservazione. L’indipendenza termica delle camere consente l’utilizzo delle stesse a gradazioni differenti per cuocere contemporaneamente prodotti diversi. La linea EcoPower è indicata per le pasticcerie, panifici e produzione di pane nei centri commerciali ed è una soluzione alternativa nel caso dell’impossibilità di installare i forni alimentati a gas o gasolio.

La sua elasticità termica, con la possibilità di un rapido aggiustamento della temperatura, permette di passare alla cottura di diverse tipologie di prodotti (pane, pasticceria, pizza,). EcoPower trasforma in calore tutta l’energia che richiede, senza nessuna dispersione. Ogni camera è costruita in acciaio inox ed è servita da vaporiere indipendenti. Queste, per conformazione tecnica e materiali ad alto rendimento utilizzati, permettono l’immediata espansione del vapore che si spinge all’interno della camera di cottura. Le bocche di infornamento, in acciaio inox e cristallo temperato, sono predisposte per l’utilizzo degli appositi tappeti di infornamento e sfornamento. Il pavimento in speciale impasto ad alto rendimento termico e alta resistenza meccanica, è conforme agli impieghi alimentari. La dimen-

sione interna delle camere dipende da quante bocche di inforna mento e costituito il forno. EcoPower può essere dotato di 2, 3 oppure 4 bocche di infornamento. Il sistema di intelligenza energetica “I.E.” adottato da EcoPower garantisce il raggiungimento del SET POINT di temperatura impostato in modo graduale. Permette di non discostarsi dalle temperature scelte. Il vantaggio e ridurre al minimo le oscillazioni di temperatura provocate dai sistemi tradizionali tra un’infornata e l’altra. Circa 50 volte al secondo un evoluto sistema elettronico controlla lo stato della camera e solo dove serve, fornisce più o meno energia alle resistenze del cielo o della platea mantenendo continuamente l’equilibrio termico su tutta la superficie di cottura. La Bassanina pensa a risparmiare sui consumi proponendo una alternativa alle solite fonti di energia. Nello stesso tempo vuole fondere il concetto di risparmio con eco sostenibilità. Ecco perche la Bassanina propone la versione di forni rotativi e a tubi con l’applicazione di bruciatori alimentato a pellet. I vantaggi sono che i costi di consumo energetico si riducono notevolmente e si riduce drasticamente l’emissione del gas di combustione in uscita dal bruciatore. Nasce dall’esigenza di fornire al mercato un prodotto di compatte dimensioni e capace di produrre pasticceria e riscaldare prodotti precotti e surgelati. L’AIRPOWER è un forno elettrico termo ventilato adatto a carrelli fino a 45x80 cm. Particolarmente indicato nei supermercati e nelle rivendite di prodotti cotti o precotti e surgelati. Airpower si distingue nella sua categoria per la robustezza e le prestazioni. Viene sempre fornito con comandi digitali con programmi e sistema di economizzazione per automaticamente riduce il consumi energetici fino a un terzo del valore nominale.

I

ts heating method is a system consisting of electric heating elements installed above and below the baking chambers. This ensures a constant, excellent distribution of heat to the oven and an extraordinary stability after loading. The result is balanced, stable and uniform baking at all levels, that enhances the volume, fragrance and softness of the product. A baking system that helps maintain the aroma of the product and preserve its shelf life. The independent heating of the chambers makes it possible to operate them at various temperatures to bake different products simultaneously. The EcoPower line is suitable for pastry shops, bakeries and bread shops in shopping centres and it is an alternative solution for situations where gas or diesel oil fired ovens cannot be installed. The oven's thermoelasticity, with the possibility of quick temperature adjustments, allows you to pass easily from one baking requirement to another (different product types such as bread, pastries, pizza,…). EcoPower transforms all the energy it requires into heat without any dispersion. The chambers are made of stainless steel and each chamber has an independent steam generator. The technical conformation and high performance materials used in the chambers permit immediate expansion of the steam that forces its way into the baking ovens. The stainless steel and hard-

148

Ecopower… it works for four to satisfy your needs! ened glass loading apertures can be used with the special loading and unloading conveyors. The baking deck is made of a special high thermal efficiency and high mechanical resistance compound for use with foodstuffs. The internal dimensions of the chamber depend on the number of loading apertures included in the oven. EcoPower can be constructed with 2, 3 or 4 loading apertures. The oven features programmable digital equipment. The Declaration of Conformity in compliance with the applicable European Directives accompanies the machine. The “I.E.” intelligent energy system” adopted by EcoPower guarantees that the temperature SET POINT is reached gradually. It prevents any deviation from the selected temperatures. The advantage is that it reduces the temperature oscillations provoked by traditional systems between one loading and the next, to a minimum. Approximately 50 times per second an advanced electronic system controls the status of the chamber and supplies more or less energy to the heating elements on the ceiling and bottom, but only where necessary, to maintain a continual thermal balance over the entire baking surface.

Bassanina aims at saving on running costs and proposes an alternative solution to the usual energy souces. At the same time, it also wants to combine the concept of saving with eco-friendliness. That is why Bassanina proposes the versions of rotary and tube ovens with pellet-fed burners. The advantages deriving are remarkably reduced energy consumption and reduced gas emission released by the burner. It comes out from the intention to provide the market with a compact-sized product able to produce confectionery products and heat precooked and deep-frozen food. AIRPOWER is a air-heating electric oven suitable for trays the size up to 40x80 cm. especially recommended for supermarkets and stores selling cooked or cooked first and deep-frozen then products. It stands out from its category thanks to its sturdiness and performances. Airpower is usually provided with digital control with economy programme and system in order to automatically reduce energy costs down to one third of nominal value.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Impastatrici Planetarie TEKNO Le nuove impastatrici planetarie TEKNO sono uno strumento robusto, flessibile e affidabile

L

e Impastatrici Planetarie TEKNO sono utilizzate nelle medie e grandi produzioni. Offrono notevoli doti di robustezza e praticità unite ad un basso costo di esercizio e ad una manutenzione inesistente. L’estrema versatilità ne permette un impiego sia in laboratori di pasticceria sia nell’industria che necessiti di uno strumento flessibile e affidabile. Infatti la produzione che si può ottenere con l’utilizzo di queste macchine varia dagli impasti montati agli impasti consistenti. Le planetarie permettono di effettuare cicli di lavoro assolutamente precisi e costanti grazie alle impostazioni elettroniche del tempo e alla velocità, inseribili anche con

macchina in movimento. L’utilizzo dei numerosi utensili facilmente intercambiabili garantisce un mescolamento delicato, graduale ed omogeneo di miscele con diverse caratteristiche e consistenza (pasta per biscotti, prodotti per farcitura, mousse, creme ed altri prodotti da montare a neve). Le caratteristiche del motore ad elevata potenza e coppia sono: • Trasmissione in acciaio speciale al nichelcromo molibdeno in bagno d’olio • Protezione termica motore • Pannello controllo a 24 V. • 3 velocità oppure 4 velocità e velocità variabile elettronica • Timer

I modelli Tekno 80/100/120, con potenza rispettivamente 5,5 kW e 7,5 kW, presentano le seguenti caratteristiche: • Vasca montata su ruote con sollevamento motorizzato • Utensili in acciaio inox • Disimpegno totale vasca La loro potenza varia a seconda del modello: tk 80 per 5,5kW; tk 100 per 7,5 kW; tk 120 per 7,5 kW Le macchine sono dotate di pannello di comando Tekno SP41, dotato di timer con segnalazione emergenza, pulsanti per sollevamento vasca (optional Tk40-60) e pulsanti di variazione di velocità a mezzo inverter. Caratteristiche tecniche La struttura e costituita da un corpo in carpenteria d’acciaio, da una griglia protettiva in acciaio inox ed un coperchio della testata in materiale plastico speciale termoformato anti-urto. I vari cinematismi sono realizzati in acciaio speciale, mentre gli ingranaggi di trasmissione sono costruiti in acciaio al nichel-cromo-molibdeno alloggiati in bagno d’olio in una fusione in ghisa meccanica e sono rettificati per sopportare le più elevate sollecitazioni provocate da turni di lavoro prolungati. Tutte queste attenzioni rendono la meccanica robusta, affidabile e silenziosa. Particolare attenzione e stata posta nelle norme di sicurezza. La solida griglia di protezione e dotata di un particolare sistema di sollevamento e bloccaggio in posizione aperta. La macchina e dotata di un sistema di arresto accelerato dell’utensile. Allo spegnimento della macchina la rotazione dell’utensile viene autofrenata entro i parametri previsti dalle norme di sicurezza CE.

TEKNO 120

TEKNO SP4I Pannello di comando dotato di: timer con segnalazione emergenza, pulsanti per sollevamento vasca (optional Tk40-60), pulsanti di variazione di velocità a mezzo inverter Control panel with: timer, emergency status leds, inverter speed control and electric bowl lifting (optionalTk40-60)

150

FOOD INDUSTRY


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

TEKNO Planetary Mixers The new TEKNO planetary mixers are sturdy, flexible and reliable equipment

T

he TEKNO Planetary Mixers are specifically designed for medium and high production capacities. Particularly notable with these units is the heavy duty design. Not only attractively priced, but the machines require minimal to no maintenance. The versatility of the TEKNO series mixers allows to utilize the machine in both bread and pastry applications which require flexibility and durability. As a testament to its versatility, the TEKNO Series Planetary Mixers are optimally suited to process doughs ranging from dense pastry and breads, to light whipped creams and custards. The design and features of the TEKNO Series Planetary Mixers allow to carry out very precise work cycles. One of the main features contributing to precise operation is the electronic control panel. The panel allows the operator to control mixing time. Use of the various mixing tools, which are easily and quickly changed, guarantees gentle, gradual and homogenous mixing characteristics with doughs, creams and mousses of diverse consistencies. The features of the high power and torque motors are: • Transmission gears constructed of nickelchrome-molybdenum stainless steel working in oil bath • Thermal overload of motor • Electric control 24 V. • 3 speeds or 4 speeds and electronic variable speed • Timer The models Tekno 80/100/120, for 5,5 kW and 7,5 kW respectively, feature the following characteristics: • Bowl on wheels with motorized power lift • Stainless steel tools • Bowl removal without removing tool These machines are provided with a Control Board Tekno SP41 with timer, emergency status LEDs, inverter speed control and electric bowl lifting (optional TK40-60).

Technical Characteristics The structure is composed of a durable stainless steel carpentry. The safety grid is constructed of stainless steel and the head section is covered by specially thermoformed shatter proof plastic safety cover. The various inner drive components are constructed of a durable and unique stainless steel, while the transmission gears are constructed of stainless steel nickel chrome molybdenum, working in oil bath, and rectified to support heavy and prolonged work cycles. The special attention paid to mechanical fortitude makes this machine exceptionally quite and robust. Particular attention has also been paid to the incorporated safety features. The safety grid itself, when raised, does not allow for function of the machine, at the same time, it is maintained in the up position till the operator releases it. The machine is endowed with a special tool arresting system. Once the machine is turned off, the rotation of the mixing tools immediately cease.

TK 80/100/120 Rimozione rapida vasca senza estrazione utensile. Sollevamento vasca elettrico Fast bowl removal without removing tool. Electric bowl lifting

TEKNO 80

FOOD INDUSTRY

151


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

La sostenibilità non è più retorica

Le aziende dolciarie puntano sempre più spesso sull’utilizzo di materie prime provenienti da gestioni sostenibili, quali cartoni di qualità certificata, plastica biologica e confezioni a basso impatto ambientale

E

ntro il 2013 Migros vuole ridurre del dieci per cento l’inquinamento ambientale prodotto dalle confezioni dei suoi 250 prodotti più venduti. Il nuovo corso è già iniziato con cartoni per il latte a lunga conservazione prodotti con legno proveniente da foreste a gestione sostenibile e certificati FSC, come segnalato in un recente comunicato. È una riprova del fatto che la sostenibilità da tempo non è più vuota retorica: riguarda tutti e sul mercato riusciranno a sussistere solo le aziende che producono su base sostenibile e fabbricano prodotti sostenibili. Un compito molto impegnativo per l’in-

152

dustria degli imballaggi. Oltre alla trasformazione delle confezioni cartonate Migros ha comunicato anche di voler rinunciare alle confezioni doppie, ridurre in generale la quantità di materiale impiegato e incrementare le quote di riciclaggio là dove la migrazione non incide. D’altra parte è anche vero che continuano ad andare forte le confezioni elegantemente rifinite. Specialmente nel settore dolciario. Al punto vendita lo smercio dei dolciumi viene continuamente stimolato e incrementato con confezioni originali dalle decorazioni raffinate. Indipendentemente dall’articolo, i

FOOD INDUSTRY

fabbricanti di confezioni e contenitori per dolciumi tengono sempre pronte particolari varianti per i prodotti dei loro clienti. E negli ultimi anni la varietà di forme e materiali è in continua crescita. Ce n’è per tutti i gusti: confezioni per piccoli e grandi lotti, per single, grandi famiglie e campagne promozionali. Il materiale di confezionamento con le sue finiture sollecita tutti i sensi, deve invogliare il consumatore all’acquisto. La categoria merceologica delle gomme da masticare offre un ottimo esempio dell’efficacia della differenziazione merceologica. Il format della scatola richiudibile si è definitivamente affermato sul mercato e dal suo lancio detiene stabilmente una consistente quota di mercato. Congiuntamente con nuovi product concept la scatola richiudibile crea il valore aggiunto. Secondo i dati dell’Ufficio federale di statistica la produzione dolciaria nel 2010 in termini quantitativi è cresciuta del 2,9 per cento a 3,7 milioni di tonnellate. In termini


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

valore è stata registrata una crescita del 3,9 per cento a 12,6 miliardi di Euro, raggiungendo così di nuovo il livello del 2008. L’incremento del fatturato è da ricondurre principalmente agli aumenti dei prezzi delle materie prime. Nei supermercati i dolciumi oggi vengono presentati coinvolgendo il consumatore facendogli provare sensazioni emozionanti. Rewe a Dortmund-Körne, riferisce la rivista Lebensmittel Praxis, ha allestito addirittura un reparto dolciario “multidimensionale”. In collaborazione con l’azienda, alcuni importanti produttori del settore hanno progettato un cosiddetto concept di marche di ancoraggio, attualmente in fase pilota. Le delizie dolci vengono proposte con tutta la loro varietà cromatica e merceologica in un’atmosfera gradevole, accompagnata da un sottofondo sonoro – in modalità appunto “multisensuale”. È una valorizzazione dell’assortimento dolciario, perché il consumatore condotto dalle percezioni sensoriali viene attirato in un mondo emozionante. E il commercio se ne avvantaggia. Molte aziende dolciarie puntano già da anni e deliberatamente su confezioni molto elaborate e, da qualche tempo, anche multidimensionali. Il motivo è evidente: dalla ricerca “Shopper am POS”, condotta nel 2006 da IRI e Pro Carton, risulta che per il 45 degli intervistati la confezione è un particolare indicatore di qualità di un dolciume. Meno del 30 per cento degli intervistati era di questo avviso per il riso, il muesli o il detersivo. Nel comparto dolciario quindi la confezione è determinante ai fini della scelta d’acquisto. Sempre dalla ricerca sopra citata risulta che un consumatore su cinque è disposto a pagare un sovrapprezzo per il maggior onere di imballaggio. Colgono i vantaggi supplementari di ordine estetico o pratico soprattutto le donne. Tra gli acquirenti più giovani è sufficiente un vantaggio supplementare interessante per giustificare il sovrapprezzo, come ad esempio nel caso delle scatole per gomme da masticare (contenitori di raccolta). Le confezioni per dolciumi sono già multidimensionali: la sola funzionalità non è più sufficiente, devono anche sollecitare i sensi. In occasione delle festività quali Natale o Pasqua i prodotti vengono venduti in confezioni che offrono sensazioni uniche al tatto, o che emettono suoni particolari oppure fanno sentire una canzone all’apertura del contenitore. Fanno tendenza da anni. Secondo Pro Carton con tali confezioni i prodotti sono commerciabili a prezzi superiori anche del 160 per cento rispetto agli standard di riferimento. La finitura del packaging tuttavia non è in contraddizione ad un’altra tendenza, quella dell’aspirazione alla sostenibilità. Aziende leader nel campo della carta decorativa di alta qualità e dei supporti da esposizione personalizzati adesso offrono anche carte e adesivi basati su materie prime rinnovabili. I materiali disponibili biodegradabili e compostabili secondo la norma DIN EN 13432:2000 sono carte lucide, opache e metallizzate argento. Sono a base di cellulosa e amido. Tutti i materiali sono dotati del marchio

154

“compostabile” e sono per uso alimentare. Inoltre, hanno eccellenti proprietà di barriera, si prestano per la sigillatura e sono resistenti all’acqua. Oltre a carte e adesivi di materie prime rinnovabili per la laminazione della carta i produttori di materiali da imballaggio utilizzano adesivi esclusivamente a base di acqua. Nel campo delle confezioni di vendita glamour le innovative verniciature UV regalano lucentezza e fascino catalizzando gli sguardi dei consumatori. E quanto più è esclusivo il design, tanto maggiore sarà l’attenzione suscitata dalle confezioni iridescenti di forte richiamo negli scaffali. A differenza del passato, adesso sono anche sostenibili. Le aziende dolciarie sono saltate su questo treno già da qualche tempo: il cioccolato Milka della Kraft Foods circola sul mercato in confezione flow-pack, richiudibile e senza

FOOD INDUSTRY

la carta argentata finora indispensabile da tempo. Ritter Sport ha puntato fin dal 1991 su un packaging monomateriale completamente riciclabile in polipropilene. Ma anche gli sforzi inizialmente descritti diretti a differenziare i prodotti hanno scatenato la concorrenza ecologica: le scatole delle gomme da masticare pesano la metà dal loro lancio sul mercato nel 2006. Inoltre Wrigley ha tolto alla gomma da masticare Orbit l’involucro di carta. Adesso Orbit viene proposta solo ancora in pellicola. Con un risparmio annuo di carta pari a 300 tonnellate. Ma è solo l’inizio. Sono in fase di test altri materiali riciclabili e le aziende dolciarie puntano sempre più spesso sull’utilizzo di materie prime provenienti da gestioni sostenibili, quali cartoni di qualità certificata, plastica biologica e confezioni a basso impatto ambientale.


www.imagination.it

Semplicità, Affidabilità, Qualità

Simplicity, Reliability and Quality

Italpan sas - 36010 Zanè (VI) - Via Pasubio, 170 - Tel. 0445 314.236 - Fax 0445 314.237 - info@italpan.com

www.italpan.com


Sustainability is no longer just a slogan Confectionery manufacturers are increasingly using sustainably produced raw materials, including certified grades of carton, bio-plastic and CO2-neutral packaging

B

y 2013 Migros plans to reduce the environmental impact of the packaging of the 250 most commonly sold products by 10 per cent. Migros has already begun to switch over its UHT milk cartons, and a recent press release states that these cartons now bear the FSC label and are made of wood from forests cultivated in an environmentally compatible manner. This shows that sustainability is no longer just a slogan, but instead affects us all. Only companies that produce in a sustainable manner and manufacture sustainable products will be able to survive on the market in the future. The packaging industry has to make great efforts to meet this challenge. In addition to switching its cartons, Migros states that it wants to dispense with packaging within packaging, as well as generally reduce the amount of material it consumes and increase the share of recycled material in areas where migration doesn’t play a role. In spite of this development, refined packaging continues to be in demand, especially in the confectionery segment. The sale of confectionery is improved time and again at the point of sale by extensively decorated consumer packaging featuring clever concepts. The packaging industry always has the right packaging variant available for its customers’ products, no matter what the contents. The variety of shapes and materials has further increased in recent years. The packaging mix leaves almost no wish unfulfilled nowadays, providing the right solution for everything from small-batch articles to mass produced products as well as from single portions to family-size packages or promotional items. Refined packaging seeks to affect all of a consumer’s senses in order to encourage him or her to buy the product in question. The chewing gum

156

segment shows how much the packaging material helps to differentiate products. Re-sealable containers have become the standard kind of packaging for chewing gum, accounting for a continuously high share of turnover ever since they were introduced. In combination with new product concepts, re-sealable packaging creates added value. According to Germany’s Statistical Office, the amount of confectionery produced in the country rose by 2.9 per cent in 2010, to 3.7 million tonnes. In terms of value, confectionery production increased b y 3.9 per cent to ¤12.6 billion, thus rising back up to the level of 2008. The increase in turnover is mainly due to higher raw material costs. Buying confectionery in supermarkets has become a fascinating experience. Lebensmittel Praxis reports that the Rewe shop in Dortmund-Körne even has a “multi-dimensional” confectionery department. Leading confectionery manufacturers worked together with Rewe to create an “anchor brands concept”, which has now been implemented for the first time in a pilot project. In this concept, the sweet products are presented in all of their variety and diversity in pleasant surroundings and accompanied by music - the result is a multi-sensual experience. This upgrade of the confectionery range ensures consumers are guided by their senses and practically pulled into the new world of experience. The trade is now introducing this concept as well. Many confectionery manufacturers have been purposefully using lavishly designed packaging for many years, and this packaging can also be multidimensional. There is an obvious reason for this: In 2006, the “The Shopper at the POS” study by IRI and Pro Carton showed that packaging was a strong indicator of confectionery quality for 45 per cent of the

FOOD INDUSTRY

people surveyed. However, less than 30 per cent of the respondents thought that this was also the case with rice, muesli, or detergent. Packaging therefore plays a decisive role in the sale of confectionery. According to the study just mentioned, one in five consumers is willing to pay more for more lavish packaging. Women, in particular, want aesthetic or practical added value. Younger groups of buyers are willing to pay higher prices if they benefit from interesting features that create added utility, as is the case with the aforementioned chewing gum containers (in the form of multi-functional containers, for example). Today’s confectionery is multi-dimensional, meaning it has to be more than just functional, and target the senses. For holidays such as Christmas and Easter, products are sold by means of packaging that has a unique feel or produces sounds or music when opened. This trend has been in full swing for years. According to Pro Carton, such packaging allows products to cost up to 160 per cent more than comparable standard items. However, this refinement does not run counter to another trend: sustainability. Leading paper refiners and manufacturers of individual presentation products are now also offering film and adhesives made of renewable raw materials. The biodegradable films that can be composted in accordance with DIN EN 13432:2000 include shiny and matte films as well as silver-metallized ones. They are made from cellulose or starch. All of the films bear the “compostable” label and can be used for food. They also have good barrier properties, can be used as sealants, and are stable in water. In addition to employing films and adhesives made of renewable raw materials, packaging manufacturers are exclusively using waterbased adhesives to laminate films. Innovative UV paints are making the stars and starlets of sales packaging bright and glamorous in order to attract consumers’ attention. The more exclusive the packaging design, the more the glitzy highlights will grab people’s attention on the shelf. But unlike in the past, this is now often done in a sustainable manner. The confectionery industry jumped on the sustainability bandwagon some time ago. Kraft Foods, for example, is offering Milka chocolate in Flowpack packaging, which can be resealed and no longer contains aluminium foil. Since 1991, Ritter Sport has been using a fully recyclable single-material packaging made of polypropylene. However, the efforts to differentiate chewing gums mentioned above also triggered an environmental “arms race”, which has caused the chewing gum containers to lose half of their weight since they were first introduced to the market in 2006. In addition, Wrigley has eliminated the paper wrapper of its Orbit stick chewing gum. The gum is now only packaged in a foil, thus saving 300 tonnes of paper per year. But this is just the beginning, because additional recyclable materials are currently being tested for use as packaging. Confectionery manufacturers are increasingly using sustainably produced raw materials, including certified grades of carton, bio-plastic and CO2-neutral packaging.

Source: Kölnmesse press office

MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY


20842 Besana Brianza -


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

Il gusto della tradizione Pastificio Gaetarelli compete direttamente con l’industria della pasta fresca e si differenzia da questa grazie al plus della produzione artigianale e la lavorazione a mano

D

alla fantasia e dalla cura nella ricerca di ricette originali nascono le “Caramelle al Salmerino affumicato” pasta all’uovo ripiena del Pastificio Gaetarelli, create con la preziosa e specializzata collaborazione della Troticoltura Armanini. I fratelli Gaetarelli, che dal 1964 producono pasta fresca all’uovo lavorata a mano, hanno messo a punto una ricetta unica, “sfruttando” le eccellenze del settore ittico d’acqua dolce: trota, salmerino delle Alpi e lavarello del Lago di Garda. Il risultato è un prodotto che, attraverso il ripieno a base di pesce, esalta la delicatezza dell’impasto. Le “Caramelle al Salmerino affumicato” conciliano palato e benessere, territorio e qualità, artigianalità e servizi, in sintonia con le linee guida della sperimentazione di nuovi gusti amalgamati secondo i saperi delle diverse realtà territoriali. La presentazione ufficiale del nuovo prodotto, che farà parte della linea “Chef delle Alpi” dei F.lli Armanini, è avvenuta nell’ambito del Vinitaly 2012, dove è stato possibile degustare in anteprima le Caramelle al salmerino affumicato Armanini, arricchite da una lacrima di Uliva, olio extra vergine d’oliva DOP del Garda. Le Caramelle di pasta all’uovo sono destinate ai quei consumatori che amano una cucina di qualità in termini di materie prime utilizzate e di originalità. Come tutti i prodotti del Pastificio Gaetarelli sono realizzate senza conservanti, senza coloranti e senza alcun tipo di esaltatore di sapidità. Un incontro tra

158

tradizioni, che può rappresentare un forte elemento di promozione del territorio, dei suoi prodotti e delle tradizioni culinarie, in questo caso Lombarde e Trentine, in continuità con la mission del Pastificio Gaetarelli fortemente focalizzata sulla promozione dei prodotti locali. Pastificio Gaetarelli produce pasta fresca all’uovo lavorata a mano, utilizzando materie prime di assoluta qualità e un metodo di lavorazione che si ispira alla migliore tradizione artigianale. Dalla fantasia e dalla cura quasi maniacale nella ricerca di ricette originali, che esaltino le peculiarità degli ingredienti utilizzati, nascono i prodotti del Pastificio Gaetarelli. Il brand Pastificio Gaetarelli ha un posizionamento medio-alto, considerando come valori le variabili “prezzo-qualità”. Dal punto di vista della modalità di produzione, l’azienda ha come diretti concorrenti i laboratori artigianali che producono qualità e, nei confronti di questi, presenta il vantaggio competitivo dell’igiene-sicurezza. Dal punto di vista del mercato di vendita, Pastificio

FOOD INDUSTRY

Gaetarelli compete direttamente con l’industria della pasta fresca e si differenzia da questa grazie al plus della produzione artigianale e la lavorazione a mano. Una caratteristica differenziante, che al contempo rappresenta un vantaggio competitivo di Pastificio Gaetarelli, è rappresentata dalle ricette e dal sapore dei singoli prodotti, espressioni della cucina locale e della tradizione più antica. Legame col territorio e la tradizione locale, impegno per l’eccellenza, artigianalità, evoluzione continua e macchina a servizio dell’uomo sono i valori che reggono l’operato di Pastificio Gaetarelli. Azienda Agricola Troticoltura Armanini, attiva dal 1963 nelle sedi di Storo, Biacesa e Tremosine, alleva nei propri stabilimenti i migliori esemplari di trote e salmerini delle Alpi. L’intero ciclo produttivo è seguito e controllato internamente in ogni fase; l’azienda segue inoltre i propri prodotti della lavorazione fino al confezionamento ed alla commercializzazione.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

The taste of tradition Pastificio Gaetarelli competes with the fresh pasta industry, but it stands out on account of its artisan production and handmade products

C

reativity and accurate search of original recipes combines to make egg pasta “Caramelle al salmerino affumicato” (smoked char candies), proposed by Pastificio Gaetarelli in cooperation with trout-breeding firm Armanini. The Gaetarelli brothers, who have been making egg pasta since 1964, have recently perfected a unique recipe thanks to the excellence of the fresh water fish sector: trout, char of the Alps and manger of the Garda Lake. The product resulting from this fish mix is all the more enhanced just by the delicacy of the stuffing. “Caramelle al Salmerino affumicato” are excellent to the palate and for the health, and combine territory with quality, and handicraft with services, in line with the test of new tastes resulting from the tradition of different realities of the territory. The new product, as part of the F.lli Armanini “Chef delle Alpi” line, was presented during the recently closed Vinitaly, where the F.lli Gaetarelli pasta candies stuffed with Armanini smoked char could be tasted with just a drop of PDO extra virgin olive oil of the Garda Lake.

The egg pasta candies are thought for consumers loving quality food and looking for quality ingredients and original recipes. Alike all other Pastificio Gaetarelli products, the new Caramelle are made with no preservatives, colouring and sapidity exalter. A combination of different traditions that is expected to be an efficacious means of promotion of the territory, its products and culinary tradition, within Pastificio Gaetarelli’s mission strongly focussing on the promotion of local products. Pastificio Gaetarelli hand makes fresh egg pasta with top-quality raw materials following a production method drawing from artisan tradition. From the fantasy and almost obsessive search for original recipes to enhance the peculiarity of the ingredients used, Pastificio Gaetarelli creates its original products. Pastificio Gaetarelli brand ranks medium-high in the market, considering Price and Quality variables. From the production method point of view, the company directly competes with artisan workshops producing quality, but it can offer greater hygiene-safety competitive advantage. From the sales market point of view, Pastificio Gaetarelli directly competes

FOOD INDUSTRY

with the fresh pasta industry, but it stands out on account of its artisan production and handmade products. Further differentiating feature, which is also a competitive advantage, is the recipes and the taste of each product, expressing local cuisine and most ancient tradition. A differentiating feature, which is also a competitive advantage, is the recipes and the taste of each product, expressing local cuisine and most ancient tradition. The company has been producing fresh egg pasta since 1964 only with total-quality ingredients and a processing methods based on craftsmanship tradition. Bond with territory and local tradition, Commitment to excellence, Handicraft, Continuous evolution and Machines serving men have always been Pastificio Gaetarelli’s value ruling the company’s activity. Azienda Agricola Troticoltura Armanini, established in 1963 and seated in Storo, Biacesa and Tremosine, breeds the best trout and chars of Italian Alps. Every phase of the whole production cycle is accurately controlled, from processing, packaging and commercialization.

159


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Linee Multiproduttive La Parmigiana

D

al 1949 La Parmigiana dedica particolare attenzione ai piccoli e ai medi pastifici artigianali che producono pasta di alta qualità con diversificazione di prodotti e di ingredienti e utilizzano gli essiccatoi statici per particolari processi di essiccazione. In quest’ottica, La Parmigiana ha sviluppato e ottimizzato le linee multiproduttive completamente automatiche con capacità da 200 a 450 kg/h. Queste linee sono state studiate per soddisfare diversi mercati e quindi le esigenze sia dei produttori artigianali della tradizione Italiana di altissima qualità che dei produttori di formati speciali a livello mondiale. Le linee guida de La Parmigiana sono da sempre: affidabilità, flessibilità, automazione e non per ultimo risparmio energetico.

Affidabilità: è garantita dall’utilizzo di materiali e componenti di primissima qualità, studiati per una lavorazione giornaliera di 24 h. La progettazione viene effettuata totalmente all’interno dell’azienda da un team di ricercatori/progettisti di decennale esperienza. Tutto questo garantisce una macchina affidabile e di lunga durata. Il servizio post-vendita è garantito da personale specializzato e supportato da teleassistenza via modem. Flessibilità:tutte le linee sono e possono essere studiate per la produzione di più formati. La stessa linea può produrre pasta corta, lunga, speciale e una vasta gamma di formati derivati da pasta sfoglia: nidi, fiammiferi, pasta lunga stesa su telai, lasagne, falde e matasse. Automazione: il grado di automazione può variare a seconda delle richieste del cliente e può arrivare alla gestione di tutta la linea con 1 solo operatore.

La Parmigiana ha sviluppato e ottimizzato le linee multiproduttive completamente automatiche, con capacità da 200 a 450 kg/h, studiate per soddisfare diversi mercati L’automazione è gestita da un PLC centrale che ne regola tutti i processi e sincronismi. Si può ottenere un elevatissimo livello di automazione aggiungendo agli elementi base della linea: • Alimentazione automatica degli sfarinati • Premiscelatore automatico “Volumix”per il dosaggio di tutti gli ingredienti • Alimentazione automatica dei telai • Disimpilatore/de-paletizzatore dei carrelli con telai • Impilatore automatico con acceleratore e unità di pre-impilo dei telai • Macchina per lo svuotamento automatico dei telai con pasta essiccata • Robot per la movimentazione automatica delle canne per pasta lunga. Risparmio energetico: I consumi di tutte le macchine sono stati ottimizzati in modo tale che i consumi medi rispetto alle tecnologie di vecchia generazione sono diminuiti del 30%.

La Parmigiana multi-production lines La Parmigiana has developed and optimized new fully automated multi-production lines, for capacity ranging from 200 to 450 kg/h, designed to meet diverse market demands

S

ince 1949, La Parmigiana has dedicated particular attention to small and medium artisan pasta factories which produce high-quality pasta, often diversify production and ingredients, and use static drying technologies for particular drying processes. With this perspective, La Parmigiana has developed and optimized the new fully automated multi-production lines for capacity ranging from 200 to 450 kg/h. These lines have been projected to meet diverse market demands of both the craftsmen producing the highest quality traditional Italian pasta and the worldwide producers of special pasta. La Parmigiana’s guidelines have always been: reliability, flexibility, automation and last but not least, energy saving. Reliability is guaranteed by highest quality materials and components, tested to

160

perform 24/7. A complete in-house design is carried out by the company’s researchers/ engineers who boast many years of expertise. All of this assures reliable and durable technologies. After-sales assistance is guaranteed by the specialized personnel support and a modem or VPN connection. Flexibility: all lines are projected for production of more pasta categories. The same line can produce short, long and special pasta as well as a broad range of different kinds of sheet derived pasta, such as: Bird nest pasta; Krajanka – traditional polish soup pasta; Long pasta spread on trays; Lasagna; Folds and coils. Automation: the level of automation can vary according to customer’s requirements. Generally, one operator can control a whole line. Automation is controlled by central PLC (Programmable Logic Controller) managing

FOOD INDUSTRY

all processes and devices. A very high automation level is possible by adding the following to basic elements: • Flour automatic feeding • Automatic pre-mixer “Volumix” for electronic-volumetric dosing and pre-mixing of all ingredients • Trays automatic feeding • Un-stacking/de-palletizing machine for trolleys with trays • Automatic stacker with accelerator and pre-stacking unit • Automatic empting machine for trays with dry pasta • Automatic handling robot for long pasta sticks Energy saving: Consumption of all the machines has been optimized, resulting in 30% less energy consumption compared to the old-generation technologies.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

Robustezza e versatilità Grazie alla scelta dei materiali più appropriati Z.matik garantisce robustezza e semplicità d’uso in ogni tipo di macchina Nuova Sede

L

’azienda Z.matik, recentemente trasferita nel nuovo sito produttivo di Arre (Padova), vanta un’esperienza trentennale nella produzione di macchine per panifici e pasticcerie, in particolare di sfogliatrici manuali, gruppi per croissant, tavoli da lavoro, planetarie, impastatrici e rulli di taglio in acciaio Aisi 304. Grazie alla scelta dei materiali più appropriati Z.matik garantisce robustezza e semplicità d’uso in ogni tipo di macchina. La funzionalità, la robustezza, la semplicità d’uso sono elementi essenziali delle Macchine Sfogliatrici Z.matik, la cui versa-

tilità permette l’impiego in piccoli e medi laboratori. I materiali impiegati e la minima manutenzione necessaria per un buon risultato fanno della sfogliatrice Z.matik un valido ed economico collaboratore. Il modello 500L e tutti i modelli della Serie 600 possono essere forniti con un motore a due velocità. Le sfogliatici Z.matik possono essere fornite in vari modelli partendo da quelle da banco modello SF500BN, SF500BL (500x500, 500x750) a quelle con basamento modello SF500N, SF500L (500x750, 500x1000), seguite da quelle SF600N, SF600L, SF600LT

(600x1000, 600x1400 e 600x1400 con stazione di taglio). Il modello SF600LT permette di poter laminare la pasta come in una sfogliatrice normale e quando si è portato la pasta allo spessore desiderato, abbassare i rulli di taglio per poi tagliare qualsiasi forma ad esigenza del cliente. Tutte le Sfogliatici Z.matik sono disposte di piani estraibili, doppio comando (pedale e bilanciere) cilindri diametro 80 mm e apertura 47 mm. A richiesta le Sfogliatici Z.matik possono essere fornite in acciaio inox 304 ed inoltre si può applicare il motore a 2 velocità o inverter ad esigenza del cliente. Il gruppo modello GC 200, costruito interamente in acciaio Inox AISI 304, è progettato per ottenere ottimi risultati nella produzione di croissant. Il nastro di pasta arrotolato al mattarello viene adagiato sul piano di entrata, due dischi laterali rifilano la pasta e gli sfridi cadono nell’apposito contenitore. La pasta viene laminata dai cilindri calibratori per ottenere un prodotto omogeneo nel peso e per attaccare i pastelli permettendo di lavorare in continuo. Tagliati in due tempi i triangoli vengono distanziati e convogliati automaticamente all’avvolgitrice che arrotola il prodotto come fosse fatto a mano.

GC 200 unit

Sturdiness and versatility Thanks to an accurate selection of the most suitable materials, Z.matik guarantees sturdy and user friendly machines

T

he company Z.matik, recently moved to the new production facilities in Arre, Padua, can certainly boast thirty-year experience in the production of machinery for the bakery and pastry sectors, in particular of manual pastry machines, croissant pastry machines, working tables, planetary machines, mixing machines and cutting rolls, in stainless steel Aisi 304. Thanks to an accurate selection of the most suitable materials, Z.matik can guarantee sturdiness and user friendliness in any kind of machines. Functionality, sturdiness and user friendliness are just the essential elements in all Z.matik pastry machines, whose versatility enables to adapt them to small- and medium-sized producers’ any work requirement. The material used and minimum maintenance for optimum results make Z.matik puff pastry machines a

162

valuable asset to any confectionery shop. Model 500L and all Models of the 600 range can alternatively be supplied with two-speed motors. Z.matik puff pastry machines can be supplied in various models, such as: bench puff pastry machines, models SF500BN and SF500BL (500x500 and 500x750), puff pastry machines with basement, models SF500N and SF500L (500x750 and 500x1000), followed by SF600N, SF600L and SF600LT (600x1000, 600x1400 and 600x1400 with cutting station). The model SF600LT enables to laminate the dough as if with a traditional puff pastry machine; once the sheets of dough have the thickness requested, lower cutting rolls are lowered to cut the sheets in any shape upon customer’s requirement. All Z.matik puff pastry machines are equipped with extractible layers, dual cylinder control

FOOD INDUSTRY

Sfogliatrice – Sheeting machine

(pedal and compensator), of 50 mm diameter and 47 mm opening. Upon request, Z.matik puff pastry machines can also be in stainless steel 304 and equipped with a dual speed motor or inverter according to the customer’s requirements. The GC 200 unit, entirely made in stainless steel Aisi 304, has been designed to get excellent results in croissant production. The sheet of dough rolled with a rolling pin is laid on the feed table. Two side disks trim the dough and the waste falls into a special container. The dough is rolled by gauging cylinders to assure uniform weight, and the dough sheets are joined together to enable continuous machining. The triangle-shaped dough is cut in two stages, separated and conveyed automatically to the curling unit that rolls up the product as if it were done by hand.


SZ 507 Sfogliatrice Dough Sheeters

Da oltre 30 anni macchine per la lavorazione della pasta sfoglia

SZ 507 BL Sfogliatrice da banco Bench Sheeters

For over 30 years Puff pastry processing machines GC 2000 Gruppo automatico croissant Croissant automatic group Saremo presenti a:

PAD B6 Stand B6-385

SF 600 L Sfogliatrice Dough sheeter

TL300-I Tavolo da lavoro modello TL300-I pi첫 avvolgitrice singola per croissant modello AVV200 Workbench model TL300-I with croissant single curling machine Model AVV200

Z-MATIK Via Fiesso, 4 35020 - Arre (PD)

Tel: +39 049 95 999 35 Fax: +39 049 95 014 82

www.zmatik.com info@zmatik.com

export manager: basso@intercom.it Tel: +39 0322 836126


Visualizza sul cellulare il nostro catalogo in PDF (è visibile da qualsiasi telefono cellulare o smartphone munito di un apposito programma di lettura QR reader). / View on the cell phone our pdf catalogue (visible by any phone or smartphones equipped with a special program QR reader).

Vitella S.r.l.

Schio (VI) ITALY +39 0445 575262 info@vitellasrl.com

vitellasrl.com


Approved Event


Logiudice Forni lavora nel campo della panificazione da oltre 50 anni. Abbiamo creato forni ed impastatrici sempre più competitivi a livello tecnologico ma soprattutto sempre più facili da usare. La produzione in continuo aumento e i prodotti sempre più affidabili sono il nostro prestigio sul territorio nazionale ed internazione ed il frutto di questo impegno. Logiudice Forni has been manufacturing bakery machinery and equipment for over fifty years, supplying clients all over the world with increasingly competitive and easy-to-use, high-technology ovens, machinery and systems.

Gemma

Premium

The effort we put into creating these high – quality products is rewarded by the considerable prestige enjoyed by our clients at both the national and international levels and by the constant growth of our production.

Via Madonna Pellegrina, 29 37047 – San Bonifacio VR – Italy Phone +39 045 61 80126 Fax. +39 0442 49 0444 e-mail: info@logiudiceforni.com web: www.logiudiceforni.com

Energy con pala

Hall 5 – Stand 5V108

Stream

Technology and evolution


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MACHINERY & DEVELOPMENT

OM STILL: la fusione che cambia il mondo della logistica La fusione fra OM Carrelli Elevatori e STILL è la naturale evoluzione del percorso iniziato nel 2010 con la partnership fra il marchio italiano e quello tedesco

L

a fusione fra le due società rappresenta la naturale evoluzione del percorso iniziato nel 2010 con l’annuncio della partnership fra il marchio italiano e quello tedesco. L’integrazione consentirà ai clienti di beneficiare della rete di vendita più solida e capillare in Italia e di attingere da un catalogo prodotti ancora più ampio e completo

“Per tutto il 2011 – ha spiegato Ettore Zoboli, CEO di OM STILL – abbiamo lavorato con impegno all’integrazione delle strutture operative e della rete di vendita e assistenza delle due società, ricevendo positivi feedback da clienti e dealers. La fusione ci consentirà ora di valorizzare ancora di più l’offerta di prodotti e servizi dedicati ai nostri clienti in Italia, fornendo notevoli vantaggi alle loro organizzazioni. Intendiamo così consolidare e rafforzare ulteriormente la nostra posizione di leadership di mercato in Italia.” Con la fusione le due aziende opereranno in Italia con il nuovo logo OM STILL e, soprattutto, un’unica gamma di prodotti, tutti caratterizzati da una nuova livrea. La nuova gamma sintetizza il meglio dell’offerta di OM e STILL, che è composta da numerosi prodotti ma anche da servizi avanzati, come la gestione remota delle flotte a noleggio o i programmi di manutenzione personalizzati. Complessivamente, la gamma OM STILL conta oltre 60 modelli: dai carrelli controbi-

lanciati elettrici e termici fino a 8t ai transpallet manuali, dai complessi carrelli trilaterali per magazzini intensivi ai trattori. È inoltre importante sottolineare che, oltre a disporre di un’offerta completa e vasta come mai prima d’ora, grazie alle sinergie derivanti dalla fusione, l’azienda è oggi in grado di offrire ai clienti servizi di progettazione dei magazzini ed integrazione con le principali soluzioni di automazione del magazzino. Grazie alla fusione, i clienti OM STILL possono inoltre beneficiare della più solida e capillare rete di vendita e assistenza presente sul territorio italiano, una struttura che può contare su 6 filiali, 52 concessionari, 700 Tecnici di Assistenza e 130 Funzionari Commerciali. Ulteriori informazioni sono disponibili sul nuovo sito internet www.om-still.it che, oltre a fungere da vetrina dell’offerta OM STILL, sarà la prima fonte di notizie sulle novità tecnologiche e di prodotto, proponendosi come punto di riferimento per clienti, dealers e mondo della logistica in generale.

OM STILL: the merge changing the world of logistics The merge of OM Carrelli Elevatori and STILL is the natural evolution of a partnership started in 2010 between the Italian and German brands

T

he merge of the two companies is a natural evolution of a course started in 2010 with the partnership between the two Italian and German names. Their merge enables customers to benefit a sounder and more widespread sales network in Italy and have an even more comprehensive product range available. Mr. Ettore Zoboli, the CEO of OM STILL, explains “In 2011 we worked very hard to integrate the operation areas, sales network and assistance service of the two companies, and got positive feedback from customers and dealers alike. The merge is going to further enhance the range of products and services for our customers in Italy, giving their companies remarkable advantages. This way, we intend to cement and reinforce further our market leadership in Italy.” On account of the new merge, the two companies are going to work in Italy under the

170

common brand OM STILL, and above all with a unique range of products, all featuring the new brand name. The new product range consists of the best OM and STILL products and advanced services, such as: remote control of hired machines and customized maintenance programmes. As a whole, OM STILL range consists of 60 models: from electric or thermal

FOOD INDUSTRY

counterbalanced trucks of up to 8 ton capacity, manual transpallets, trilateral trucks for heavy duty environments and tractors. It is also important to highlight that thanks to the synergies deriving from the merge not only does the company offer a comprehensive range of products, but it also offers its customers warehouse engineering service and integration with the main warehouse automation solutions. This merge enables OM STILL customers to benefit a sounder and more widespread sales and assistance network in Italy, accounting for 6 branches, 52 dealers, 700 assistance technicians and 130 commercial operators. Further information is available on the new website www.om-still.it, an overview on OM STILL products, technological and products news to become a benchmark for customers, dealers and generally the world of logistics.


Sempre i primi

Una squadra ancora più forte Con 6 filiali, oltre 50 Concessionari esclusivi e più di 700 officine mobili per l’assistenza OM STILL dispone della rete più capillare d’Italia. Una gamma di prodotti e di soluzioni in grado di rispondere sia alle esigenze del magazzino delle piccole e medie aziende che alle necessità delle grandi realtà intralogistiche. Più scelta, più servizio e più assistenza: da oggi potete guardare alla nostra organizzazione con occhi diversi.


MAGGIO 2012 > FOOD INDUSTRY > MARKETING & STRATEGY

Scoprire la semplicità dell’integrazione Il quarto Summit Annuale Kingdom Hotel Expansion Summit (KHES) ospiterà Schneider Electric e le sue soluzioni di controllo energetico

S

chneider Electric, specialista globale in controllo energetico, parteciperà al quarto Summit annuale Kingdom Hotel Expansion Summit (KHES) a Riyadh, presso l’Intercontinental Hotel, il 26 e 27 maggio 2012. Quale solution provider leader nell’industria alberghiera, Scheider Electric mostrerà a proprietari e operatori come nell’industria alberghiera si possano raggiungere risparmi considerevoli, aumentare la produttività e beneficiare dalla semplicità dell’integrazione. Ottenere risparmi sostenibili Il settore ricettività saudita si propone di raggiungere, entro il 2020, 255.000 camere d’albergo, per 2.3 milioni di nuovi posti lavoro e 88 milioni di visitatori previsti. Una delle maggiori sfide dell’industria alberghiera è mantenere le sue strutture proficue senza dover sacrificare il livello di soddisfazione degli ospiti. I prodotti e servizi Schneider Electric sono soluzioni di controllo energetico invisibili che aiutano ad offrire agli ospiti un soggiorno più confortevole, aumentare l’efficienza operativa e il guadagno dell’hotel.

I miglioramenti su scala dell’energy management hanno confermato un risparmio fino al 30% su costi energetici e un rendimento positivo del capitale investito in soli sei mesi. Le soluzioni sostenibili di Schneider Electric sono facili da operare, aggiungono logica al sistema per ridurre lo spreco di manodopera, e attivamente mantengono e controllano i sistemi più complessi. Le caratteristiche di soluzioni energetiche semplici da portfolio completano l’integrazione, che permette all’hotel l’ottimizzazione di operazioni che solitamente sono frammentate, e create efficienza esponenziale di lavoro e sistema. Scoprire la semplicità dell’integrazione Schneider Electric aiuta a controllare le condizioni e le richieste più diverse, con semplice eleganza. Le soluzioni edilizie intel-

ligenti integrano comfort e sicurezza con sistemi di prenotazione e finanziari che coprono il controllo totale di tutta la gamma delle operazioni svolte dalla struttura. Oggi l’integrazione offre molto di più di un semplice aiuto, infatti aiuta a pianificare il domani. Con l’open system approach di Schneider Electric i progetti futuri di espansione o rinnovamento potranno essere facilmente integrati con la parte edilizia. Il mercato GCC è il più importante per Schneider Electric e l’Arabia Saudita ha supportato un certo numero di catene alberghiere internazionali con grandi appuntamenti e una serie di operazioni già in essere che stanno avendo sempre maggior riscontro. Inoltre, con i viaggi di carattere religioso e d’affari che stanno crescendo esponenzialmente e un governo intenzionato a sviluppare il mercato turistico interno, le operazioni e la forte presenza nel territorio hanno reso Schneider Electric uno dei partner d’eccellenza dell’industria alberghiera, aiutando a rendere il soggiorno degli ospiti più confortevole, le operazioni più efficienti e le strutture più proficue.

Discover the simplicity of integration The fourth annual Kingdom Hotel Expansion Summit (KHES) will present Schneider Electric and its energy management solutions

T

he global specialist in energy management Schneider Electric will participate in the fourth annual Kingdom Hotel Expansion Summit (KHES), which is scheduled to be held at the Intercontinental Hotel in Riyadh on 26-27 May 2012. As a leading solution provider for the hotel industry, Schneider Electric will demonstrate to owners and operators how the lodging industry can achieve sustainable savings, boost productivity, and benefit from the simplicity of integration. Achieving sustainable savings By 2020, the Saudi Arabian hospitality sector aims to encompass 255,000 hotel rooms, which will create 2.3 million jobs and help cater to the estimated 88 million visitors. A major challenge for the lodging industry is to keep these properties profitable without sacrificing guests’ satisfaction levels. Schneider Electric’s products and services are seamless energy management solutions that assist in offering guests a more

172

comfortable stay, increase operational efficiency and the hotel’s profitability. The scalable energy management enhancements are proven to deliver up to 30 per cent savings on energy costs and a positive ROI in as fast as six months. Schneider Electric’s sustainable solutions are easy-to operate, add logic to systems to reduce wasted manpower, and proactively maintain and manage the most complicated systems. The portfolio features simple energy solutions to complete integration, which allows a hotel to streamline traditionally fragmented operations and create exponential employee and system efficiencies. Discover the simplicity of integration Schneider Electric helps manage disparate conditions and demands with simple elegance. Intelligent building management solutions integrate comfort and security with reservation and financial systems to provide comprehensive control over the full-range of hotel operations.

FOOD INDUSTRY

Integration does more than help today. It helps plan for tomorrow as well. With Schneider Electric’s open systems approach, future expansion or renovation projects can be easily integrated with the building management system. Schneider Electric’s largest market in the GCC, Saudi Arabia has supported since 2009 a number of international hotel chains with major operations, as well as groups with existing operation that are expanding their footprint. Furthermore, with both religious and business travel set to grow exponentially, and a government drive to develop the domestic tourism market, Schneider Electric’s operations and strong presence in Saudi Arabia have positioned the company as the leading partner for the lodging industry, helping make guests more comfortable, operations more efficient and hotel properties more profitable.


ASTA ONLINE Per ordine della società Alfred Paulsen GmbH & Co. KG

DECAFOOD nomina Direttore Commerciale Gianfranco Domeniconi

NOWKA

Im Neuen Felde 94 - 29525 Uelzen (± 90 km da Amburgo)

Macchine per la produzione di conserve alimentari

Gianfranco Domeniconi è entrato a far parte dello staff di DECAFOOD, azienda italiana ai primi posti nel mercato della distribuzione food & beverage nei canali Horeca e Superhoreca. Gianfranco Domeniconi, con lunga esperienza nel settore alimentare e della ristorazione, dichiara “DECAFOOD è un’azienda affascinante e dinamica con grandi potenzialità di crescita, un portafoglio di prodotti innovativi e di qualità e un forte spirito di squadra. Fattori che mi hanno indotto ad accettare questo incarico con entusiasmo”. “Con l’ingresso di questa figura professionale” commenta Massimiliano De Martino, Presidente di DECAFOOD, “affidiamo la Direzione Commerciale a uno stimato professionista del settore che conosce profondamente i meccanismi competitivi e i players del mercato”. Tra i compiti di Gianfranco Domeniconi ci sarà il coordinamento dei capi area e della rete di distributori su tutto il territorio nazionale, l’ottimizzazione della gestione commerciale, lo sviluppo delle vendite in tutti i canali con un focus particolare sulla grande distribuzione e il canale dei grossisti.

DECAFOOD appoints Gianfranco Domeniconi as Commercial Manager Gianfranco Domeniconi has become part of the DECAFOOD staff, Italian lead company of the food & beverage market, in the Ho.Re.Ca. and SuperHo.Re.Ca. channels. Gianfranco Domeniconi, boasting long experience in the food and catering sectors, says “DECAFOOD is an interesting and dynamic company having great growth potentiality, innovative and high-quality product portfolio, and great team spirit. These factors persuaded me to accept this position.” DECAFOOD’s President Massimiliano De Martino says “With this new professional figure, we have enriched our Commercial Management with a highly-regarded professional man who knows competition process and market players very well.” Gianfranco Domeniconi will be in charge of coordinating area managers and dealer network in Italy, streamlining trade management, developing sales in all channels with special attention to large-scale retail trade and the wholesale dealer market.

3 LINEE DI RIEMPIMENTO

, 5 l, 3/1, 580-1062 ml; 3 LINEE DI LAVORAZIONE ORTAGGI tra l’altro bieta rossa, cavolo rosso, crauti e prodotti crudi;

MACCHINE RIEMPITRICI

tra l’altro dosatrice automatica “Quiel” VAB3 (2009), 3 Stazioni di riempitura; riempitrice ad infusione “Quiel” VFD2 (2009); riempitrici multi-camera “Niko”; 3 riempitrici (rotative) ad alta produttività “Niko”; 5 riempitrici “Engler” Schume; 4 riempitrici sotto vuoto/per infusione “Niko”, “Engler”; tamponatrici rotanti “Niko”; 3 macchine di infusione; MACCHINA TAPPATRICE “Zalkin” CA5/360 NG (2009); 5 orlatrici per lattine tra l’altro “Lanicio”, “Pano”, “Angelus” e “Niemsch”; 3 pastorizzatori, Lunghezza ca. 16-18 m; ± 5 scottatrici;

± 20 AFFETTATRICI

9x “Urschel” tra l’altro: TRS 200, DC, 5x “Herbort”, 4x “Jung”, “Niko”; pelatrice rotativa “Sormac” e “Limas”; pelatrice; diraspatrice “EME” Supra E10 (2009), 5 macchine fresa-torsolo; 4 defogliatrice; 4 vasche di lavaggio; 5 lavatrici a impulsi; 2 lavatrici a tamburo;

6 MACCHINE ETICHETTATRICI “Langguth”

(2009), “Krones”, “Anker”; 2 linee di confezionamento tra cui. “Meypack”; scanner a raggi x “Rayonics”; 5 (de-) pallettizzatore; nastro trasportatore; coclea; ± 20 Elevatori; Caldaia; Carrello elevatore; Pompe, etc.;

OFFERTE ONLINE FINO A Giovedì, 31 MAGGIO, Chiusura dalle ore 14.00 Visite: 23 e 24 Maggio dalle 9.00 alle 16.00 FOTO / Catalogo sul sito internet

www.TroostwijkAuctions.com


Indice / Index • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

ABRIGO Ricca di Diano d’Alba (CN) Air Liquide Milano Alba & Teknoservice Villafranca Padovana (PD) ALIMEC Torrebelvicino (VI) Altech Bareggio (MI) Atlanta Calderara di Reno (BO) Bassanina Mason Vicentino (VI) Baumer Italia Assago (MI) Boldrocchi Biassono (MI) Bürkert Cassina De’ Pecchi (MI) Camozzi Brescia CAP IT Passirana di Rho (MI) Caseartecnica Bartoli Parma Colombo Pietro Oggiono (LC) Cuomo F.lli Nocera Inferiore (SA) Demo Protezioni Antiurto Corte Tegge (RE) Effedue Malo (VI) Emballage Parigi Escher Mixers Schio (VI) Essegi 2 Galliera V.ta (PD) Eurasia Packaging Istanbul Eurocarne Milano Europain Parigi Eurosicma Segrate (MI) FBF Italia Sala Baganza (PD) Festo Assago (MI) Fipan S. Paolo, Brasile Flamic Marano Vicentino (VI) Fluidtrans Compomac Milano FoodIst Istanbul FoodTech Istanbul Istanbul Friulinox Taiedo di Chions (PN) G.Mondini Cologne (BS) Ghizzoni D. Felino (PR) IMA Industries Ozzano dell’Emilia (BO) Images Mariano Comense (CO) Industrie Fracchiolla Adelfia (BA) Ing. A Rossi Parma Ipack-Gida Istanbul Italpan Zanè (VI) Italvision Scandiano (RE) Keller Italy Milano La Parmigiana Fidenza (PR) Lalli Elettronica Guidonia (RM) LITA Poirino (TO) Logiudice Forni S. Stefano di Zimella (VR) Macfru Cesena Mafex Casablanca Makro Labelling Marmirolo (MN) MAS Massanzago (PD) Messer Italia Settimo Torinese (TO) Milk Italy Schio (VI) Mingazzini S. Pancrazio (PR) MiniMotor Bagnolo in Piano (RE) Modern Bakery Mosca Moriondo Besana (MI) Novapan Cividino di Castelli Calepio (BG) OM Still Lainate (MI) Omac Rubiera (RE) P.E. Labellers Porto Mantovano (MN) PackLab S. Giorgio (MN) Pepperl+Fuchs Cornate d’Adda (MB) Pfannenberg Fidenza (PR) PIGO Caldogno (VI) Pimec Engineering Parma Pulsar Industry Spilamberto (MO) R+W Italia Sesto S. Giovanni (MI) Re Pietro Gaggiano (MI) Roxtec Italia Cassina de Pecchi (MI) SEW Eurodrive Solaro (MI) Sigep Rimini Sigma Torre Casaglia (BS) Sigma 3 Beinascso (TO) Starmix Marano Vicentino (VI) Summit Riyadh Riyadh System Plast Telgate (BG) Tecnopool S. Giorgio in Bosco (PD) TeknoStamap Grisignano di Zocco (VI) Tiesse Robot Visano (BS) Troostwijk Auktionen Colonia Ulmex Saonara (PD) Umbra Packaging Petrignano di Assisi (PG) UPAKOVKA KIEV Veolia Zoppola (PN) Veripack Cislago (VA) Vibrowest Limbiate (MB) Vitella Schio (VI) WAM Cavezzo (MO) World Food Moscow Mosca Z.matik Arre (PD)

Pagg. I di Cop, 118-121 Pagg. 84-85 Pagg. 146-147 Pag. 3 Pag. 4 Pagg. 102-103 Pagg. II Cop., 148 Pagg. 48-49 Pag. 75 Pagg. 54-55 Pagg. 42-43 Pagg. 34-35 Pag. 77 Pag. 149 Pagg. 72-73 Pagg.104-105 Pag. 5 Pag. 61 Pagg. 7, 144 Pag. 131 Pag. 138 Pagg. 82-83 Pagg. 140-143 Pagg. 123-125 Pag. 59 Pag. 31 Pag. 166 Pag. 11 Pagg. 30-31 Pag. 76 Pag. 164 Pagg. 80-81 Pag. 89 Pag. 70 Pagg. 109-113 Pagg. 28-29 Pagg. 14-15 Pag. 63 Pag. 122 Pag. 155 Pag. 74 Pag. 19 Pag. 160 Pagg. 56-57 Pag. 6 Pag. 169 Pag. 60 Pag. 176 Pag. III di Cop. Pag. 135 Pagg. 71 Pagg. 132-133 Pagg. 16-17 Pagg. 22-23 Pag. 145 Pag. 157 Pag. 167 Pagg. 170-171 Pag. 27 Pagg. 100-101 Pagg. 100-101 Pagg. 68-69 Pagg. 66-67 Pagg. IV Cop, 18 Pag. 116-117 Pagg. 90-91 Pagg. 32-33 Pag. 161 Pagg. 26, 61 Pagg. 44-45 Pag. 168 Pag. 153 Pagg. 64-65 Pag. 2 Pagg. 108, 172 Pagg. 24-25 Pag. 10 Pagg. 1, 150-151 Pag. 115 Pag. 173 Pagg. 78-79 Pag. 107 PAG. 26 Pagg. 136-137 Pagg. 92-93 Pagg. 36-37 Pag. 165 Pag. 139 Pag. 134 Pagg. 162-163


Fairs in Itaolryld & in the W

FIERE / FAIRS

2012

21/25 gennaio

29 gen./1 feb.

8/10 febbraio

25/28 febbraio

28 feb./3marzo

SIGEP Rimini Salone internazionale della pasticceria, panificazione e gelateria

PROSWEETS Colonia Mostra internazionale industria dolciaria

FRUIT LOGISTICA FRESH CONEX Berlino Salone internazionale dell’industria agroalimentare

MIA-SAPORE Rimini Mostra Internazionale di tecnologie alimentari

IPACK-IMA Milano

3/7 marzo

25/27 marzo

25/27 marzo

26/29 marzo

27/30 marzo

EUROPAIN Parigi Salone internazionale della panificazione, pasticceria, pastificazione

FOODEX Birmingham Salone internazionale per l’industria alimentare e delle bevande

BIE Birmingham Salone internazionale della panificazione e pasticceria (BAKING INDUSTRY EXHIBITION)

ALIMENTARIA BARCELONA Barcellona Salone internazionale dell’industria alimentare e delle bevande

ANUGA FOODTEC Colonia Salone int. delle tecnologie per l’industria alimentare e delle bevande

18/21 aprile

8/11 maggio

8/12 maggio

10/12 maggio

15/18 maggio

CHINAPLAS Shanghai Salone internazionale dell’industria della plastica

FLUIDTRANS COMPOMAC Rho, Milano Salone internazionale dell’automazione e strumentazione

PLAST Rho, Milano Salone internazionale delle materie plastiche e della gomma

BAKERY CHINA Shanghai Salone internazionale della panificazione e pasticceria

HISPACK Barcellona Salone internazionale del confezionamento

15/18 maggio

22/24 maggio

24/27 maggio

12/15 giugno

21/24 giugno

BTA Barcellona Salone Internazione delle tecnologie alimentari

SPS/DRIVES/ITALIA Parma Salone internazionale dell’automazione industriale.

EUROCARNE Verona Salone Internazionale tecnologie lavorazione carne

FISPAL S. Paolo Brasile Salone Int. dell’industria alimentare e delle bevande

EXPO PACK Città del Messico Salone internazionale del confezionamento

17/20 luglio

18/20 luglio

11/13 settembre

16/21 settembre

18/21 settembre

FIPAN S. Paolo Brasile Salone internazionale della panificazione e pasticceria

PROPAK CHINA Shanghai Salone internazionale delle tecnologie di processo e confezionamento per l’industria alimentare.

FOODTEC INDIA

IBA Monaco Salone internazionale delle tecnologie per la panificazione, pasticceria e pastificazione

TECNOFIDTA Buenos Aires Salone internazionale delle tecnologie alimentari

23/25 settembre

23/25 settembre

25/27 settembre

26/28 settembre

26-28 settembre

INTERMEAT Düsseldorf Salone internazionale per la lavorazione e il confezionamento della carne

INTERMOPRO / INTERCOOL

FACH PACK Norimberga Salone Internazionale del packaginge imballaggio

MACFRUT Cesena Mostra internazionale delle tecnologie per l’agroalimentare

ANNAPOORNA WORLD FOOD Mumbai Salone Internazionale industria alimentare

21/25 ottobre

21/25 ottobre

27/30 ottobre

28/31 ottobre

19/22 novembre

SIAL Parigi Salone Internazionale dell’alimentazione

IPA Parigi Salone Internazionale di tecnologie per l’industria alimentare

PA.BO.GEL. Roma Salone internazionale tecnologie per la panificazione pasticceria e pasta fresca

PACK EXPO Chicago Salone Internazionale tecnologie del packaging

EMBALLAGE Parigi Salone Internazionale tecnologie per il confezionamentoe l’imballaggio

Düsseldorf Salone internazionale per l’industria lattierocasearia e della refrigerazione

DAIRY UNIVERSE SWEET & SNACKTEC PACK EX

Mumbai Salone internazionale delle tecnologie alimentari e del packaging

Mostra internazionale dell’industria del packaging, di processo, dell’industria dolciaria e della pastificazione


MODULARITÀ, FLESSIBILITÀ E PRATICITÀ

Macchine etichettatrici da 1.000 a 36.000 bottiglie/ora

Makro Labelling srl Via Don Doride Bertoldi, 91 • 46045 Marmirolo (Mantova) Italy Tel.: + 39 0376 1872203 • Fax: + 39 0376 1872197 • info@makrolabelling.it • www.makrolabelling.it


PIGO srl Via Pontaron 30, 36030 Caldogno (VI), Italia

Tel: +39 0 444 90 57 09 Fax: +39 0 444 90 97 78 e-mail: info@pigo.biz

www.pigo.biz

EASY Freeze

The Art of

EASY Freeze SPYRO

Freezing & Processing

Complete solutions for Fruit & Vegetable Processing

Deaeration & Fruit Processing Solutions


TecnAlimentaria Food Industry - Maggio_May 2012