Page 1

N째3 Anno I Maggio 2009 Edizioni Paracule

ALLARME DEMOCRATICO dittatori, processi e leggi truffa

Fenomeno immigrazio ne Repression i in corso

Diario di bordo Comincia il viaggio di Alfredo Sgarlato

Video tutorial Guida ai corsi online


http://docs.google.com/Doc?id=dgdpgkm_577d6gwmdgb&hl=en


SOMMARIO Visita il nostro sito: http://www.movimentoparaculo.org

Editoriale Gheddafi. Il dittatore amico di Giovanni Pili. .....................................................pag.4

Prima pagina Clandestini rispediti in libia di Ilia. ....................................................................pag.6 Mills? Mai sentito nominare di Giovanni Pili. .....................................................pag.8 Forse non ce ne siamo accorti di Andrea De Luca. ...............................................pag.9 Sri Lanka: migliaglia di persone in fuga Ass. Popoli Minacciati. .........................................pag.11

Seconda pagina Tre gradi di giudizio su Montanelli di Alfredo Sgarlato. ..............................................pag.13 Diario di bordo Di Alfredo Sgarlato. .............................................pag.14 Le parole sono importanti di Renato Provvidera. .........................................pag.16 Dal porcellum alla brace di Andrea De Luca. .............................................pag.18 Il comune di Milano cancella la commissione anti Mafia di Francesco Amato. ...........................................pag.19 I potenti censurano la rete di Andrea De Luca. .............................................pag.20

Focus Tecnologia interiore e informatica di Francesco Amato. ...........................pag.21 La sindrome di Sjogren di Andrea De Luca. .............................pag.22 Video tutorial di Den7. ..............................................pag.23 Chrome, Firefox, lExplorer di Francesco Amato. ...........................pag.24

Sport Rassegna della settimana calcistica di Claudio Bulandbul. .........................pag.26

Rassegna pop Un pazzo di Alfredo Sgarlato. ............................pag.28 Silco Parodic Art # 1 di Silco. ..............................................pag.29


Gheddafi Il dittatore amico di Giovanni Pili

Links

http://ansa.it/opencms/export/

http://www.lexpressiondz.com

http://www.amnesty.it/Rapport


Mi chiedo se ne sentisse davvero il bisogno il nostro Presidente del Consiglio, di chiamare Gheddafi a Roma, per farci dare, lui a noi, una lezione di democrazia. Presentatosi all’aeroporto, il dittatore libico esibisce una foto in bianco e nero che dovrebbe – secondo lui- mortificarci. Una foto che riguarda l’esecuzione o l’assassinio di un indipendentista libico per mano dei fascisti. Lui pretende scuse, si è auto convinto che tramite Berlusconi il popolo italiano gliele abbia concesse. Evidentemente esistono motivi per cui questo dittatore ritenga Berlusconi un suo collega, infatti, da per scontato che tramite la sua persona il popolo agisca all’unisono … per fortuna esiste in Italia ancora la mania di non pensarla come Berlusconi. Ed è un miracolo che Gheddafi non sia arrivato a profanare il nostro Parlamento, una ventata di orgoglio e di dignità deve aver colpito in corner i nostri rappresentanti. Gheddafi fa la vittima, e vuole insegnarci il rispetto dei popoli. Ma chi è Gheddafi? Vediamo una piccola carrellata delle sue “opere”: Il 26 Agosto del 1969 con un colpo di stato Gheddafi prende il potere instaurando una dittatura nel suo paese, pensa bene di inaugurarla cacciando tutti gli italiani, (1971) privandoli delle loro case e dei loro beni, costringendoli ad “espatriare” in Italia. Si trattò di circa 30.000 persone. E’ curioso che non si sia parlato di questo: 150 MLN A ESULI ITALIANI E VISTI PER TORNARE IN LIBIA - Gli italiani espulsi dalla Libia nel 1971, dopo che il colonnello Gheddafi prese il potere con un colpo di Stato che detronizzò re Idriss, potranno tornarvi con Visto turistico, ma anche per lavoro o altre finalità. Agli esuli dalla Libia si riconosce un indennizzo complessivo di 150 milioni da corrispondere nella misura di 50 milioni l'anno dal 2009 al 2011. (fonte ANSA) Forse non si è voluto mettere a disagio Gheddafi, mentre ci faceva a noi la ramanzina. Gheddafi ieri sera ha ricordato anche il colonialismo francese in Algeria, il dittatore libico evidentemente dimentica i 53 detenuti algerini internati nel suo paese, con condanne che si basano su semplici illazioni. Fin qui poca roba … diamo un’occhiata invece all’ultimo rapporto di Amnesty International riguardo i crimini perpetrati da Gheddafi durante la sua dittatura: “Le libertà di espressione, associazione e riunione sono soggette a stringenti limitazioni, in un clima caratterizzato dalla repressione del dissenso e dall'essenza di ONG indipendenti a difesa dei diritti umani. Rifugiati, richiedenti asilo e migranti hanno continuato a essere detenuti a tempo indefinito e maltrattati.” Questa è la persona con cui noi ci stiamo accordando per trovare una soluzione al fenomeno dell’immigrazione clandestina. Una soluzione “finale” oserei dire. “Il governo non ha tollerato critiche o dissenso” continua il rapporto di Amnesty “coloro che esercitano pacificamente i loro diritti alle libertà di espressione e di associazione possono incorrere nella pena di morte”. Questo è l’amico di Berlusconi … poi scopriremo che abbiamo frainteso. Ce ne scusiamo in anticipo. Ma non è tutto, perché nel rapporto di Amnesty si legge anche che “Sono pervenuti persistenti rapporti di tortura e altri maltrattamenti di migranti, rifugiati e richiedenti asilo in stato di detenzione; a questi ultimi non è stata fornita protezione, come richiesto dal diritto internazionale sui migranti”. Secondo D’Alema, ad accogliere Gheddafi – persino in Parlamento- non c’è niente di male. Evidentemente la strategia del PD per sopravvivere (più che per vincere) è quella di imitare il berlusconismo, anziché contrastarlo, come si richiederebbe ad una opposizione sana. Ma tra la brutta copia e l’originale alla fine la gente sceglierà sempre la seconda opzione. Credo che se non si possa fare opposizione nemmeno in circostanze come queste, dove si stende il tappeto rosso e si tratta da grande amico uno dei peggiori dittatori del mondo, è la fine … si è toccato veramente il fondo.


Clandestini rispediti in Libia: qual'è il punto? di Ilia

Su questa vicenda dei clandestini respinti c’è qualcosa che non quadra. Ne parlano da 3 giorni i giornali, sottolineando le pesanti critiche che il nostro paese starebbe ricevendo dalla comunità internazionale, in particolare dal consiglio di Europa, secondo cui l’azione italiana metterebbe in dubbio il rispetto dei diritti umani, e le convenzioni internazionali come quella di Ginevra. Fini afferma invece che così non è, anche se poi argomenta che bisognerebbe cercare di distinguere tra coloro che hanno diritto all’asilo politico, e non respingerli, e gli altri da respingere senza esitazione. L’articolo però non approfondisce più di tanto il contrasto tra il governo italiano e la comunità internazionale, dando quasi l’impressione che alla fine il dissenso non sia molto forte, concludendo con alcune affermazioni di Frattini secondo cui il parere ostile all’Italia era prevedibile, ma anche qui senza approfondire. Frattini cerca di giustificare il comportamento del governo con le statistiche e cerca di ammorbidire la posizione invitando l’alto commissariato dell’Onu ad aprire un ufficio ad hoc in Libia affinché i clandestini in transito possano chiede direttamente asilo politico. Fine! L’articolo non fa alcuna riflessione critica che permetta al lettore di riflettere e provare a farsi un’opinione che non sia necessariamente quella di avallare l’azione del governo italiano, o meno, a seconda del proprio colore politico. Invece riflessioni da fare ce ne sono. La prima è che in Libia i clandestini non possono chiedere asilo politico, altrimenti le parole di Frattini non si spiegano. Questo mi viene inoltre confermato da un articolo, trascurato dalla stampa italiana, sulla stessa questione, sull’Herald Tribune di venerdì scorso, in cui si cita Bruce Leimsidor, professore di legge per l’immigrazione all’università di Venezia: “Mandare potenziali beneficiari dello stato di asilo politico verso un paese come la Libia, che non ha rttificato il trattato di Ginevra, è una violazione di ogni diritto umano sancito dagli accordi in seno alla comunità Europea”. Ecco il punto quindi; non è il respingimento dei clandestini, ma il farlo verso un paese che non da garanzie sul modo in cui tali clandestini verranno trattati. A parer mio, si dimostra un certo egoismo nel cercare di disfarsi di un “impiccio” come quello dell’immigrato clandestino, potenziale rifugiato politico, senza porsi il problema verso quale paese viene mandato, e come verrà trattato. L’importante è scaricare la patata bollente. Certo alcuni diranno che se l’Italia non facesse così continuerebbe ad essere, vista la sua posizione


geografica, invasa dai clandestini. Alla fine è solo una questione di scegliere tra priorità personali ed umanità. In ogni caso è da sottolineare il modo superficiale e approssimativo, senza alcuna forma di pensiero critico, in cui questa vicenda è stata trattata dalla nostra stampa, alquanto indicativo della poca libertà di stampa nel nostro paese, come affermato recentemente dall’agenzia indipendente americana Freedom House, di cui ho trattato in un precedente post.


Mills? Mai sentito nominare! di Giovanni Pili. Apprendiamo con un certo imbarazzo, non solo che a seguito dell'ennesimo attacco interessato alla magistratura, Berlusconi potrebbe essere oggetto di indagini da parte del CSM, ma anche delle recenti dimissioni del presidente della camera dei comuni inglese, per via dello scandalo degli eccessivi rimborsi ai deputati, quest'ultima notizia è imbarazzante perchè, come è ben noto, cose simili in Italia non succedono, non perchè siano mancate le occasioni, ma perchè manca proprio l'etica necessaria e un certo senso di dignità verso il paese e gli elettori. Tornando alla guerra ai magistrati, il togato Mario Fresa fa sapere che "in caso di nuovi attacchi all'autonomia e indipendenza della magistratura il Csm sará costretto ad aprire l'ennesima pratica a tutela delle funzioni giudiziarie". In Inghilterra come in altri paesi ci si fa processare, in Italia no, qui c'è il lodo Alfano che protegge le prime quattro cariche dello stato a tal punto che, queste possono pure inveire contro giudici o nemici politici nella totale impunità, come dimostra l'ultima campagna elettorale in Sardegna, vero esempio di violazione della parcondicio e di denigrazione dell'avversario, il quale non ha possibilità di difendersi querelando il diffamatore. Tutto parte dal caso Mills, vedi la sentenza in Pdf. Il Giudice Nicoletta Gandus, (militante della sinistra estrema, secondo Berlusconi) ha emesso la sentenza che riconosce Mills colpevole di aver accettato tangenti da Silvio Berlusconi. Da notare che, la Gandus presiedeva un collegio di giudici ... forse il nostro Premier si confonde con la trasmissione che va in onda in una delle sue reti TV, "forum" dove effettivamente vediamo solo un giudice di pace. Quindi dobbiamo concluderne che, o la Gandus avrebbe minacciato con la pistola i membri del suo collegio, oppure ha pienamente ragione il CSM a prendere provvedimenti per tutelare l'indipendenza del potere giudiziario. "Questo è solo l'ultimo dei processi che mi sono stati cuciti addosso" dice il Premier "In totale più di 100 procedimenti, più di 900 magistrati che si sono occupati di me e del mio gruppo, 587 visite della polizia giudiziaria e della guardia di finanza, 2560 udienze in 14 anni, più di 180 milioni di euro per le parcelle di avvocati e consulenti. Dei record davvero impressionanti, di assoluto livello non mondiale ma universale, dei record di tutto il sistema solare". Impressionante davvero ... qui le cifre si allargano, adesso i magistrati bolscevichi diventano 900 ... quasi mille! Davvero un record notevole se teniamo conto del fatto che, questi novecento magistrati hanno dovuto sostenere un concorso, limitato solo a coloro i quali si erano

laureati col voto di 105. Nonostante gli sforzi di Veltroni prima e Franceschini dopo, a non cedere alla tentazione di strumentalizzare politicamente i volumi di materiale probatorio, accumulato da questi novecento togati – tra questi possiamo aggiungere anche Paolo Brosellino eccovi un’intervista fatta pochi giorni prima di essere as Berlusconi proprio non riesce a non far parlare di se, del suo passato e della sua vita privata, prima con le veline, e in questi giorni con una nuova perla giudiziaria. Chi è causa del suo male, pianga se stesso.


Forse non ce ne siamo accorti di Andrea De Luca

“Non amano l’acqua, molti di loro puzzano perché tengono lo stesso vestito per molte settimane. Si costruiscono baracche di legno ed alluminio nelle periferie delle città dove vivono, vicini gli uni agli altri. Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti. Si presentano di solito in due e cercano una stanza con uso di cucina. Dopo pochi giorni diventano quattro, sei, dieci. Tra loro parlano lingue a noi incomprensibili, probabilmente antichi dialetti. Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l’elemosina ma sovente davanti alle chiese donne vestite di scuro e uomini quasi sempre anziani invocano pietà, con toni lamentosi e petulanti. Fanno molti figli che faticano a mantenere e sono assai uniti tra di loro. Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, violenti. Le nostre donne li evitano non solo perché poco attraenti e selvatici ma perché si è diffusa la voce di alcuni stupri consumati dopo agguati in strade periferiche quando le donne tornano dal lavoro. I nostri governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel nostro paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, attività criminali”. La relazione così prosegue: “Propongo che si privilegino i veneti e i lombardi, tardi di comprendonio e ignoranti ma disposti più di altri a lavorare. Si adattano ad abitazioni che gli americani rifiutano pur che le famiglie rimangano unite e non contestano il salario. Gli altri, quelli ai quali è riferita gran parte di questa prima relazione, provengono dal sud dell’Italia. Vi invito a controllare i documenti di provenienza e a rimpatriare i più. La nostra sicurezza deve essere la prima preoccupazione”. Tratto da una relazione dell’Ispettorato per l’Immigrazione del Congresso americano sugli immigrati italiani negli Stati Uniti, Ottobre 1912. Fonte: Rainews 24


Beh, non dico che bisogna fare di tutta l'erba un fascio... ma se noi siamo stati trattati così, poichè, a quanto pare, non facevamo molto per farci amare, esattamente come succede oggigiorno con qualche straniero spesso etichettato come rom, magari questo può esserci utile per evitare di "dichiarare guerra" all' ONU e all'Europa. Magari evitare di essere anticostituzionali, data la quantità di clandestini che emigrano per chiedere asilo politico e che non sono ladri, stupratori o quant'altro, ma diligenti lavoratori (che conosco di persona e grazie alle loro fatiche ora sono in regola) potrebbe farci sembrare un po' più intelligenti. Ma si sa, la massa è ignorante e spesso anche il singolo. E quando il singolo si diletta un cose non troppo belle o pulite, e la massa lo sostiene, il tutto potrebbe diventare un problema. Un grosso problema. l caro De André diceva: “E se nei vostri quartieri tutto è rimasto come ieri, senza le barricate senza feriti, senza granate, se avete preso per buone le "verità" della televisione anche se allora vi siete assolti siete lo stesso coinvolti. E se credete ora che tutto sia come prima perché avete votato ancora la sicurezza, la disciplina, convinti di allontanare la paura di cambiare verremo ancora alle vostre porte e grideremo ancora più forte per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti, per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti.” Quanto tempo ancora dovrà passare per far si che De Andrè diventi obsoleto? Mi spiego meglio: quanto tempo dovrà passare, dato che ne è passato, prima che qualcuno cominci a capire che questa cosa va avanti da troppo tempo? Che forse è ora di cambiare?


Sri Lanka: migliaglia di persone in fuga Associazione per i popoli minacciati / Comunicato stampa

Sri Lanka: migliaia di persone in fuga La Cina fomenta l'escalation del conflitto in Sri Lanka Bolzano, Göttingen, 23 aprile 2009 In considerazione dei tragici avvenimenti in corso in Sri Lanka, l'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) accusa la Cina di fomentare l'escalation di violenza nello stato asiatico e di rendersi quindi corresponsabile della morte di migliaia di profughi vittime della guerra civile. L'accusa dell'APM scaturisce dalla mancata approvazione di una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU sul conflitto in corso in Sri Lanka, fallita a causa del veto cinese. La politica cinese di bloccare iniziative internazionali volte alla pace in Sri Lanka e di fornire contemporaneamente armi allo stato insulare contribuisce all'escalation di violenza e rende la repubblica Popolare Cinese corresponsabile delle violenze in corso. La Cina ancora una volta dimostra quanto poco contino i diritti umani per la propria politica che evidentemente mira unicamente al perseguimento dei propri interessi senza alcuna disponibilità ad assumersi responsabilità di politica internazionale. Nel corso della seduta straordinaria del Consiglio di Sicurezza di mercoledì, la Cina si è rifiutata ad aderire alla richiesta di un immediato cessate il fuoco. Secondo il rappresentante cinese, la tregua permetterebbe la riorganizzazione del movimento delle Tigri Tamil. Così il Consiglio di Sicurezza si è visto costretto a chiedere una tregua unilaterale per le il movimento delle Tigri, mentre al governo singalese ha potuto chiedere unicamente il via libera per gli aiuti e i soccorsi alla popolazione civile ancora intrappolata nella regione. Pechino rifiuta qualsiasi iniziativa internazionale che miri a una soluzione del conflitto con l'argomento che si tratterebbe di un'ingerenza nelle questioni interne singalesi. Di fatto però la Cina continua da anni ad intromettersi nel conflitto fornendo armi all'esercito dello Sri Lanka fino ad essersi profilata come il suo più importante fornitore di armi. Molti degli strumenti da guerra usati dall'esercito singalese nel conflitto con il movimento Tamil sono infatti di produzione cinese, come ad es. i jet da combattimento Jian-7, i radar JY-11-3D e i

Links utili:

www.gfbv.it/2c-stampa

http://docs.google.com


missili terra-aria usati dall'esercito singalese. Nell'aprile 2007 il governo dello stato insulare ha firmato un accordo con l'impresa cinese Poly Technologies che prevede la fornitura di armamenti per un costo di 37,6 milioni di dollari. L'accordo prevedeva tra le altre cose anche la fornitura di 70.000 granate per l'artiglieria, di bombe, mitragliatrici e di modernissimi equipaggiamenti per la marina. Senza le armi fornite dalla Cina, il governo dello stato insulare non avrebbe potuto ottenere tutti i successi militari ottenuti contro il movimento Tamil nel gennaio 2009, rendendo l'avvio di serie trattative più facile e probabile. La Repubblica Popolare Cinese è il maggior paese donatore dello Sri Lanka, e sostiene il governo di Colombo con elargizioni che annualmente ammontano a circa un miliardo di dollari USA. Con grandi programmi di sviluppo quali la costruzione del nuovo porto della città di Hambantota che probabilmente verrà ultimato nel 2010, la Cina si è anche profilata come il maggior partner d'affari asiatico dello Sri Lanka.


Tre gradi di giudizio su Montanelli di Alfredo Sgarlato

Politicamente corretto: Montanelli è stato il portavoce di un mondo di cui non faccio parte. La piccola borghesia del nord-est. Il caso mi fece nascere in una famiglia di aristocratici e artisti della Magna Grecia (non è un merito o una colpa. È andata così). I miei valori e le mie idee sono diverse e distanti. Politicamente scorretto: Un tranquillo professore di Padova, Toni Negri disse che “lo stato borghese si abbatte e non si cambia”. Fu processato come mandante morale delle brigate rosse. Montanelli disse che il comunismo va combattuto con ogni mezzo. Perché non fu processato come mandante morale delle stragi fasciste? In fondo combattevano il comunismo. O di tangentopoli? Craxi diceva che loro dovevano rubare per competere coi comunisti che prendevano i soldi dall’URSS. Politicamente scorrettissimo: La sinistra è il bordello, la destra il manganello. Io li ho provati tutt’e 2 e ho buoni ricordi solo del primo. perciò turatevi il naso e votate per la sinistra. Parole dette da Montanelli negli ultimi giorni di vita. E, detto tra noi, uno che arriva a 90 anni ad un concetto a cui io sono arrivato a 15 non mi sembra così in gamba.


Diario di Bordo Data astrale 15.06.20.09 di Alfredo Sgarlato

13/05/09 Che tempi! Che tempi signora mia che tempi! uno non può manco prendere a martellate 2 pensionati che arrivano due extracomunitari clandestini a fermarlo ... dove andremo a finire! 14/05/09 Happy birthday Buon compleanno a Cate Blanchett la più brava attrice del mondo (ovviamente non si dice l'età). 15/05/09 Quelle notizie che si trovano in piccolo nelle ... ... ultime pagine; a Rossano (CZ) un prete cerca di violentare ragazza sul bus. Pensate se era un rumeno ... 16/05/09 Election fever a Morterone, vicino a Lecco i candidati sono 34. I votanti 32. 17/05/09 Statistiche Gli stipendi italiani sono i più bassi dei paesi OCSE ( anche 40% in meno). capezzone: colpa del governo prodi. e io che credevo che al governo ci fosse berlusconi! 18/05/09 Confusioni Il Times si scusa: ha scambiato berlusconi con dio penso non sia l'unico.


21/05/09 Chiamare le cose col loro nome I politici italiani sono razzisti? fascisti? o solo una massa di IMBECILLI? chiamiamoli col loro nome: IMBECILLI (cosa dite, sono troppo buono? e si è un mio difetto). Gaber E vedo bambini giocare ... in fila li portano al mare... non sanno se ridere o piangere batton le mani.

22/05/2009 Citazione. Anche i valori migliori, se considerati assoluti, possono portare al sonno della ragione. (Alessandro Galante Garrone) 24/05/2009 Dibattito. Gasparri: sto parlando di letteratura. Tutti noi con Vendola: ma vaffan ... 25/05/2009 Di buone intenzioni ... L'inventore della plastica era un ecologista convinto. Pensava che la sua scoperta avrebbe fatto finire lo sterminio degli animali per procurare l'avorio. Rivelazioni. Incredibile scoperta: fu la mafia a uccidere Mauro Rostagno nel 1988. Chi l'avrebbe mai detto? 27/05/2009 Discorsi. Maroni: grazie a noi da una quindicina di giorni gli sbarchi di clandestini sono diminuiti. Milioni di disoccupati, cassintegrati, precari, pensionati al minimo tirano un sospiro di sollievo. Discorsi 2 Durissimo discorso del Cardinale Bagnasco sulla situazione sociale. Un discorso ancora piÚ duro fu di fatto la pietra tombale sul governo Prodi. Da alcuni anni la CEI fiancheggia quasi apertamente la destra. Non lo sapevano come sono? Cioè puttanieri padronali e razzisti? Ora raccolgono quanto hanno contribuito a seminare. Bagnasco, abbi rispetto almeno per te stesso.


Le parole sono importanti di Renato Provvidera

Cullato dall'ispirazione della notte, ieri facendo un selvaggio zapping tra i canali, mi sono imbattuto nel programma piu' illuminante della nostra TV di stato... Porta a porta. Fantastico! Lo zerbino degli dei, Bruno Vespa, ha cercato in maniera mirabile di parare il culo al suo datore di lavoro per tutta la durata della trasmissione, fino a quando, alle sue spalle, non e' comparsa una frase che mi ha scosso fin nelle viscere: "16 anni di processi, sempre assolto" Col cazzo, signori e signore. Non sono un avvocato, ma se le parole e la lingua italiana hanno ancora un peso, l'assoluzione e' cosa ben diversa dalla "prescrizione", dall' "amnistia" e dalla "depenalizzazione" di un reato. Riporto di seguito un sunto dei processi di "mens nana in corpore nano": 2 amnistie (falsa testimonianza P2 e falso in bilancio Macherio); * 1 assoluzione dubitativa (corruzione Gdf, falso bilancio Medusa); 1 assoluzione piena (corruzione giudici Sme-Ariosto); 2 assoluzioni per depenalizzazione del reato da parte dello stesso imputato (falsi in bilancio All Iberian, SmeAriosto); ** 8 archiviazioni (6 per mafia e riciclaggio, 2 per concorso in strage); 6 prescrizioni (finanziamento illecito a Craxi con All Iberian; falso in bilancio Macherio; falso in bilancio e appropriazione indebita Fininvest; falso in bilancio Fininvest occulta; falso in bilancio Lentini; corruzione giudiziaria Mondadori); 3 processi in corso: Telecinco (falso bilancio, frode fiscale, violazione antitrust spagnola), caso Mills


(corruzione giudiziaria), diritti Mediaset (appropriazione indebita, falso bilancio, frode fiscale), SaccĂ (corruzione); 1 indagine in corso (istigazione alla corruzione di alcuni senatori). * Amnistia : e' una causa di estinzione del reato e della pena, e consiste nella rinuncia, da parte dello Stato, a perseguire determinati reati. Si tratta di un provvedimento generale di clemenza, ispirato, almeno originariamente, a ragioni di opportunita' politica e pacificazione sociale, ma a volte degenerato nella prassi in strumento di periodico sfoltimento delle cause pendenti e anche delle carceri. In poche parole, viene trovato colpevole ma viene graziato dalla pena. ** Depenalizzazione : consiste nel trasformare illeciti penali in illeciti amministrativi.

italianimbecilli.com


Dal porcellum alla brace di Andrea De Luca

Il prossimo 21 e 22 giugno l'Italia si troverà ad un bivio. Democrazia o Regime. Con questo referendum, che è uno degli strumenti più democratici, si sta offrendo al popolo l'arma giusta per suicidarsi. Si vuole cambiare la la legge elettorale, e fin qui siamo tutti d'accordo, perchè l'autore stesso di questa legge, Calderoli, l'ha definita Porcellum. Quindi questa legga va cambiata, ma va cambiata in meglio, non in peggio. Con questo referendum si vogliono abrogare determinati articoli, arrivando a configurare uno scenario politico in cui due soli partiti fanno il bello e il cattivo tempo. Viene danneggiato il pluralismo, con l'abolizione delle coalizioni. E cambia quindi anche il premio di maggioranza, che andrà alla lista che prenderà più voti. Così, per esempio, un partito che prende il 25% dei voti, può aspirare ad occupare il 55% dei seggi in parlamento. In pratica in questo modo si consegna il paese a Berlusconi e al Pdl per un tempo indefinito. Questo aspetto ha chiaramente una matrice fascista, che può portare alla deriva il sistema democratico. In più, rimane il sistema delle liste bloccate senza ripristinare le preferenze. Quindi sono tanti i motivi per cui dire NO a questo referendum.


Il comune di Milano cancella la commissione anti mafia di Francesco Amato

Grazie a Primularossa per la segnalazione. Leggo su questo articolo del "Corriere" che il comune di Milano ha cancellato ieri la commissione incaricata di vigilare su possibile ingerenze mafiose nell’ambito di Expo 2015. Questa commissione sembra fosse completamente delegittimata, dato che non aveva nessun reale potere d’indagine. Prefetto, questore e magistratura non hanno avuto infatti nessuna partecipazione all’interno. Ora però mi chiedo: se si mette in piedi una commissione e poi non le si danno i poteri inerenti il suo mandato, cosa la si crea a fare? E perchè una volta creata, il prefetto stesso la definisce illegittima togliendole ogni senso? Ma il vero problema non è solo questo, che potrebbe avere comunque un senso. Quello che mi chiedo, il dubbio che mi sono fatto venire è il seguente: perchè invece di cancellarla non le sono stati attribuiti gli opportuni poteri? Questo credo sia il vero problema. Che un affaire come quello di Expo 2015, con gli appalti milionari che lo contraddistinguono, possa essere un ovvio punto d’attrazione e confluenza di interferenze criminali non credo sia un segreto per nessuno. E allora perchè mettere in piedi una commissione senza alcun potere per poi addirittura eliminarla, anzi che, come mi verrebbe naturale pensare, metterne in piedi una legittima che potrebbe essere un efficace strumento di prevenzione? Mah… chissà!!!


I potenti censurano la Rete di Andrea De Luca

L’attacco finale alla democrazia è iniziato. Berlusconi e i suoi sferrano il colpo definitivo alla libertà della rete per metterla sotto controllo. Qualche giorno fa nel voto finale al Senato che ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (disegno di legge 733), con un emendamento del senatore Gianpiero D’Alia (UDC), è stato introdotto l‘articolo 50-bis, “Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet“. In pratica se un qualunque cittadino che magari scrive su un blog dovesse invitare a disobbedire a una legge che ritiene ingiusta, i provider dovranno bloccarlo. Questo provvedimento può obbligare i provider a oscurare un sito ovunque si trovi, anche se all’estero. Il Ministro dell’interno, in seguito a comunicazione dell’autorità giudiziaria, può disporre con proprio decreto l’interruzione dell'attività del blogger, ordinando ai fornitori di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine. L’attività di filtraggio imposta dovrebbe avvenire entro il termine di 24 ore. La violazione di tale obbligo comporta una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50.000 a euro 250.000 per i provider e il carcere per i blogger da 1 a 5 anni per l’istigazione a delinquere e per l’apologia di reato, da 6 mesi a 5 anni per l’istigazione alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico o all’odio fra le classi sociali. Si stanno dotando delle armi per bloccare in Italia Facebook, Youtube, il blog di Beppe Grillo e tutta l’informazione libera che viaggia in rete e che nel nostro Paese è ormai l’unica fonte informativa non censurata. Vi ricordo che il nostro è l’unico Paese al mondo, dove una media company, Mediaset, ha chiesto 500 milioni di risarcimento a YouTube. Vi rendete conto? Obama ha vinto le elezioni grazie ad internet? Chi non può farlo pensa bene di censurarlo e di far diventare l’Italia come la Cina e la Birmania. Gli unici media che hanno fatto rimbalzare questa notizia sono stati Beppe Grillo e qualche altro blog. Nessun altro media ne ha parlato. Fate girare questa notizia. E’ in gioco davvero la democrazia.


Tecnologia interiore e informatica: Meccanica mentale di Francesco Amato Quando avevo 12 anni, mio padre mi mise davanti ad un terminale remoto (per l’epoca all’avanguardia) collegato con un mainframe IBM. E’ stato lì che mi ha rovinato, perchè da allora non ho mai smesso di studiare i computer. Qualche anno dopo, quando iniziai a studiare la natura interna del sistema umano, mi resi conto di quanto fosse in realtà stretto il parallelismo tra sistemi informatici e la mente umana. Cosa logica peraltro, considerato che i primi sono stati e vengono tutt’ora modellati proprio sugli schemi meccanici umani. La nostra psicologia, le nostre reazioni emotive, quando non strutturate o dirette con cognizione di fatto, rispondono agli stimoli esattamente come un computer: meccanicamente. La mente umana è binaria, tanto quanto quella informatica. Poco importa che il nostro cervello possieda una struttura tridimensionale; la mente ordinaria non può fare a meno di funzionare in termini di “si” o “no”. Fortunatamente però l’uomo ha qualcosa in più rispetto alla macchina. Peccato che, nonostante quello che la maggioranza di noi ritiene, questo qualcosa sia solo a livello potenziale. Una possibilità che, se non adeguatamente sviluppata, rimarrà tale senza speranza. Mi guardo intorno in questi mesi, leggendo sui giornali, su internet e tutte le fonti di informazione che mi capitano tra le mani, che non è quasi possibile trovare qualche informazione “vera”, che non sia stata cioè artefattamente posta in un ambito distorto o distorsivo, quando addirittura non si tratti di informazione falsa. I recenti episodi della febbre suina, o nuova influenza che dir si voglia , ad esempio rappresentano bene quello che intendo dire. E’ evidente la distorsione della verità di quello che realmente è accaduto. Oppure la vicenda di Giuliani e dei suoi studi sulla previsione dei terremoti; prima era uno stronzo, poi le università gli sono andate dietro. Ma la denuncia appioppatagli da Bertolaso and Co. è ancora lì che gli pende addosso. Alla fine però, basta che i media smettano di parlare di un episodio anche grave, come quelli precedenti, perchè la massa piano piano si riaddormenti, disinteressandosi della faccenda. Questo è un esempio veramente becero, mentre a quanto posso osservare, la manipolazione della pubblica opinione in realtà viene condotta con grande maestria ed attenta pianificazione da coloro che possono. Questo è possibile perchè le reazioni umane ordinarie sono meccaniche e come tali prevedibili e parametrizzabili, e pertanto gestibili, allo stesso modo in cui si programmano le reazioni di un processore alla presenza di dati da elaborare. Ma la presenza di una meccanica a livello della psiche umana, oltre a rappresentare un punto debole, può essere vista anche come un enorme vantaggio. Se la nostra mente e le nostre reazioni possono essere programmate dall’esterno infatti, questo significa che anche noi abbiamo la possibilità di fare altrettanto su noi stessi. Occorrono però due elementi per poterlo fare. Il primo è l’essere disposti ad accettare ed ammettere che, senza un’opera assidua sulla nostra mente, essa è completamente meccanica e come tale totalmente “automatica”. Il secondo è imparare il corretto linguaggio di programmazione per il nostro scopo. Occorre quindi riconoscere prima uno stato di impotenza in cui ci troviamo e poi andare alla ricerca di quei principi che consentono di ovviarvi. Il che, come disse il bardo, è pur sempre qualcosa.


La sindrome di Sjogren di Andrea De Luca

Sono venuto a conoscenza dal blog di Silvano di una terribile sindrome. Diffondete il più possibile. Grazie. Di questa sindrome di Sjongren non ne avevo mai sentito parlare sino ad un paio di sere fa, quando un amico ha raccontato a me e ad altri che sua moglie ne era affetta. E' una sindrome terribile, gravemente invalidante, e praticamente sconosciuta. Le persone che ne sono colpite hanno bisogno di un'assistenza continua, che allo stato è delegata ai famigliari e ai volontari. Per questo mi permetto di fare un appello ai miei amici di blog ed anche ai visitatori occasionali per diffondere la conoscenza di questa sindrome. Se potete pubblicate questo post nei vostri blog, o linkatelo o segnalatelo affinchè il maggior numero di persone vengano a conoscenza di questa malattia e magari si giunga ad una maggiore sensibilizzazione delle istituzioni sanitarie. Brevemente, qui sotto ve ne elenco i principali sintomi: La Sindrome di Sjogren è una grave patologia degenerativa sistemica fino ad oggi poco conosciuta ma è un problema sociale. Non è guaribile; provoca secchezza degli occhi, bocca, aggredisce pancreas, fegato, cuore, stomaco, apparato osteoarticolare, cardiovascolare e può associarsi a malattie autoimmuni quali, artrite reumatoide, sindrome fibromialgica, les, vasculiti, tiroidite di Hashimoto, o degenerare in linfoma, ecc. Sede A.N.I.Ma.S.S. - Malati Sindrome di Sjongren, via S.Chiara, 6 - 37129 Verona Tel./fax 045 9580027 – Cell. 333 8386993

Links utili: http://31canzoni.blogsp

http://www.bresciareum

email animass.sjogren@fastwebnet.it

http://www.animass.org


Youtube è il famosissimo sito di condivisione video, creato appunto per permettere a una persona di condividere un proprio filmato con un'amico o parente lontano. Col passare del tempo però i contenuti del sito si sono ampliati e ormai contiene di tutto, dai filmini familiari, videoclip musicali, trailer cinematografici ecc. Una cosa però che non tutti forse sanno è che su youtube si possono trovare una valanga di videotutorial. Molti dei miei amici mi domandano incuriositi come faccio a fare i fotomontaggi oppure mi chiedono di spiegargli come possono fare determinate cose o quali programmi utilizzare per un determinato scopo. Anche in questi casi però può tornare utile youtube: se provate ad esempio a cercare “Photoshop”1 oppure "Gimp!"2 (potente programma di grafica open source) vi appariranno una lista di videotutorial, in italiano o inglese, che vi spiegheranno come utilizzare i programmi tramite esempi pratici: ci sarà quello che spiegherà l’interfaccia del programma,3 quello che spiegherà come togliere le rughe ai volti o graffi nelle foto,4 come rimuovere gli occhi rossi nelle foto,5 oppure quello che insegna a creare i glitter, ovvero quelle imagini che contengono una piccola animazione.6 Chi possiede un sito o un blog può ad esempio cercare “header blog” e gli appariranno diversi video che spiegano come realizzare una testata (o altri elementi) da inserire nel proprio blog oppure sito.7 I videotutorial possono essere utili anche per capire quale programma è più indicato acquistare. Mettiamo che si voglia iniziare a fare del montaggio video ma non si sa quale programma utilizzare. Basta cercare quali programmi ci sono e vedere su youtube come funzionano, in modo di capire quale è più indicato per le nostre esigenze: i professionali Adobe Premiere Pro8 e Final Cut pro;9 Oppure i più semplici e meno costosi Pinnacle Studio,10 Magix Video Deluxe,11 Ulead Media Studio12 e iMovie.13 Ovviamente esistono anche videotutorial anche per molti altri programmi, tipo excel,14 word15 ecc... e perfino video che spiegano come personalizzare il proprio profilo su myspace16 o facebook.17 Non dimentichiamo la parte hardware: bisogna sostituire i componenti del pc, magari aumentare la ram? Si va su youtube e si cerca “ram upgrade”,18 magari specificando la marca o il modello.19 Io mi son limitato a presentare alcuni esempi nel mondo dei computer ma su youtube si trovano una miriadi di filmati di ogni argomento (o quasi): installare un autoradio, imparare a suonare uno strumento,20 come proteggere l’orto in inverno21 ecc... PS.: molti videotutorial saranno in inglese ma anche se non si parla la lingua sono comprensibili, oppure se si vuole si può sempre studiare l'inglese su youtube.22

Legenda:

1. http://www.youtube.com/results? 2. http://www.youtube.com/results? 3. http://www.youtube.com/watch?v 4. http://www.youtube.com/watch?v 5. http://www.youtube.com/watch?v 6. http://www.youtube.com/watch?v 7. http://www.youtube.com/watch?v 8. http://www.youtube.com/results? 9. http://www.youtube.com/results? 10. http://www.youtube.com/results? 11. http://www.youtube.com/results? 12. http://www.youtube.com/results? 13. http://www.youtube.com/results? 14. http://www.youtube.com/results? 15. http://www.youtube.com/results? 16. http://www.youtube.com/results? 17. http://www.youtube.com/results? 18. http://www.youtube.com/results? 19. http://www.youtube.com/watch?v 20. http://www.youtube.com/results? 21. http://www.youtube.com/watch?v 22. http://www.youtube.com/results?se


Chrome, Firefox, I Explorer Delatori a confronto

di Francesco Amato Sono i tre Browser più diffusi e sono tutti e tre bravissimi a farsi i cavoli nostri. Difficile evitarlo. Quindi secondo me alla fine tanto vale usare quello che ci rende più semplice la vita in rete. Parlo ovviamente del mondo Windows. Su quello Mac, Safari e Firefox la fanno da padroni già da molto tempo (e peraltro spiano anche lì). Dovendo gestire alcuni siti e blog (compreso questo), mi sono trovato ad avere installati contemporaneamente IE6 sul portatile e IE7, Chrome e Firefox sul fisso. Essendo arrivato a conoscerli piuttosto bene tutti e quattro ho pensato di scrivere questo post sull’argomento, per operare un confronto basandomi su alcuni aspetti: Velocità di esecuzione, violabilità del codice, motore di rendering, possibilità di personalizzazione e presenza di funzioni per spiare l’utente (dette anche spyware). Il motore di rendering è la componente fondamentale per un browser, perchè è quella funzione o meglio quell’insieme di funzioni che determinano la velocità con cui un sito viene visualizzato (correttamente). A questo proposito occorre tenere presente che detta velocità non dipende solo dal browser, ma anche dal sito stesso. Molto spesso i plugin di ADS, ovvero la pubblicità che ormai impesta qualunque website, sono quelli che inchiodano tutto. Questi annunci infatti vengono generati in modo dinamico da server esterni al sito visitato e quando questi server rallentano o sono intasati ecco che la pagina visualizzata tende in alcuni browser a bloccarsi a metà, in altri proprio a non cominciare neppure, in altri ancora a generare blocchi vari. La violabilità del codice è la conseguenza di errori di programmazione, molto spesso voluti, tali per cui il browser può eseguire codice malevolo e violare appunto l’integrità del sistema su cui è in esecuzione. La possibilità di personalizzazione è la presenza dei cosiddetti “plugin“, ovvero programmi che vengono installati in appositi spazi e che il browser riconosce come estensioni delle sue funzioni di base. Infine lo Spyware è rappresentato da funzioni o sottoprogrammi, eseguiti all’insaputa dell’utente e che hanno il compito di trasferire a servizi di raccolta esterni (legali o meno) il maggior numero possibile di informazioni sull’utente e le sue abitudini in rete. Cominciamo da IE6. Purtroppo la percentuale di utenti che non ha ancora cestinato questa immondizia è ancora piuttosto elevato. IE6 ha il motore di rendering più lento e peggio scritto in assoluto. Non gestisce correttamente le immagini semi trasparenti (il formato PNG, per intenderci) e a causa di una porcata commerciale delle tante messe in atto da Microsoft, richiede un’autorizzazione particolare ogni volta che deve eseguire un script Activex (ecco perchè spesso tocca cliccare su un riquadro per attivarlo). Ha il codice più pieno di buchi in assoluto e le


tante patch messe in atto da Microzozz in questi anni lo hanno reso ormai ingestibile. Se avete ancora IE6 installato e attivo aggiornatelo, farete un enorme favore a voi stessi e agli altri. Internet Explorer 7 e 8. Risolvono il problema del rendering grafico e delle trasparenze, ma non tutti gli altri. In più, all’avvio aprono una decina di connessioni TCP, alcune puntate verso MS, altre verso Google, anche se non avete ancora digitato nulla. Passi per gli aggiornamenti, ma qualcuno mi spiega perchè dovrebbe venire aperta una connessione UDP verso localhost e poi diversi tunneling verso altri IP tutti di Googe e MS che scompaiono misteriosamente dopo pochi secondi? Il peso per ogni sessione o finestra varia da 26 Mb a più di 80. Google Chrome Niente da dire sulla velocità di rendering, è una scheggia assoluta. Nessun plugin per ora disponibile, però alla fine è l’eseguibile più leggero. A parte pochi casi particolari, indubbiamente il browser con meno casini. Ovvio che invece per quanto riguarda la privacy della navigazione, visto il nome del produttore, non c’è da aspettarsi molto. Mozilla Firefox Ragionevolmente veloce nel rendering, è dotato di una serie di estensioni opzionali in continua crescita, con la possibilità di fare di tutto, dal client FTP alle uova sode. Per quanto riguarda la privacy, meglio lasciar perdere. A volte, se iniziate a digitare un indirizzo sulla barra vedrete che sembra inchiodarsi. Diretta conseguenza delle comunicazioni con non si sa bene chi, riguardo quello che state digitando, praticamente in tempo reale. Voi non avete ancora finito di scrivere e lui sta già spargendo la voce ai quattro venti. A parte questo, il neo più grosso è costituito dall’occupazione di RAM. Praticamente non scende mai sotto i 130 Mbyte per sessione, anche a plugin disabilitati. Eseguibile pesante e anche pedante, a meno che non si disattivino gli aggiornamenti automatici.


Rassegna della se di Claudio Bulandbul. Un pezzo obbligatoriamente corto, come sapete i campionati sono tutti finiti.. Almeno quelli che contano. Poco fa stavo parlando con alcuni amici, quelli del calcetto. Loro sono veramente ‘malati’: mi raccontavano che attualmente stanno giocando le scommesse sui campionati scandinavi… francamente mi sembra un po’ troppo. Seppur appassionatissimo, ritengo sia più che opportuno staccare un attimo la spina quando è il momento per poi riassaporare gli eventi veramente succulenti. In ogni caso, come vi scrivevo la settimana precedente, Lippi e Casiraghi hanno diramato le convocazioni per i rispettivi tornei. Almeno sulla carta, soprattutto l’under è chiaramente favoritissima. Penso sia una delle rose più competitive di sempre riguardo la storia della nostra nazionale giovanile. Il problema da affrontare per loro sarà fondamentalmente: 1. Saper concretizzare ciò che come spiegavo apparentemente pare evidentissimo, la loro superiorità soprattutto a livello qualitativo…. 2. Una certa concorrenza piuttosto agguerrita comunque, penso che il torneo dovrebbe esser particolarmente valido ed il clima sicuramente fresco favorirà il bel giuoco. Per quanto concerne le convocazioni ufficializzate da Lippi io mi trovo ancora una volta pienamente in sintonia con il suo ‘credo’ e dopo la sperimentale amichevole di Pisa ritengo giusto chiamare e credere in Montolivo, Gilardino e altri. La settimana scorsa avevo scritto di D’Agostino e Pazzini, poi non sono stati convocati ma saranno tutti papabili più avanti insieme ad altri come Brighi, il recuperato Aquilani, magari anche qualche vecchietto come Inzaghi, ecc… Sono convinto che quando sarà il momento anche Alessandro Del Piero farà parte dei 23. In fase di pronostico Confederation Cup, penso che per gli azzurri sarà un attimino difficile vincere il torneo.. Anche gli alibratori mi ‘sostengono’ indicando la Spagna e poi il Brasile come favorite. Io continuo a credere in una vittoria verdeoro, anche se l’Italia non è affatto inferiore. Trattasi di una competizione strana, non sono amichevoli ma neanche gare importanti come ad esempio le qualificazioni ai prossimi mondiali. E sappiamo bene che la nostra nazionale, come il nostro popolo, riesce a dare il meglio quando si tratta di dentro o fuori a livello di massimo agonismo mondiale. Tornando all’under, mi spiace che mister Casiraghi non sia ancora riuscito a vincere una competizione perché l’immagine che propone del suo staff sia a livello tecnico e tattico ma anche per come si propone ai media è di altissimo livello. Ovviamente parlo d’immagine ma se consideriamo i fatti, l’Italia under 21 è configurata tatticamente molto bene, calcio d’attacco… come piace a me… Casiraghi sa perdere con onore e accettare le sconfitte con uno stile encomiabile e sa assumersi le proprie responsabilità senza mai scadere nel vittimismo piangendosi addosso. Ora adotta un 4-3-2-1 ma è molto camaleontico e come ripeto attacca con decisione. E’ un predestinato e vincerà presto! Io sicuramente tiferò per lui. Sapremo fra poco chi retrocederà in prima divisione fra Rimini e Ancona, i marchigiani sembrano attualmente messi peggio ma la cosa sembra interessare poco… se non ai tifosi delle due squadre. Certo più seguiti invece i primi risultati dei play per un posto in a: ed ecco la prima sorpresa! Il Grosseto ha battuto il Livorno 2-0 ed ora tutti si chiedono se i grandi favoriti del campionato di b, oltre che di questo derby toscano, getteranno la spugna ed insieme ad essa un’intera stagione sempre lì davanti ma mai con la convinzione giusta. L’altra partita è molto equilibrata e a Brescia i padroni di casa saranno favoriti se non altro dopo il risultato dell’andata: 1-1, ma io credo ancora nell’Empoli e sicuramente la gara sarà equilibratissima. L’Empoli in ogni caso ha una rosa molto valida ma si sono svegliati troppo tardi, avrebbero potuto benissimo visti i giocatori passare in a direttamente… sarà una frase fatta… comunque la serie b è veramente molto dura per chi non ci è particolarmente abituato. Come prevedevasi la finale per un posto in b sarà Padova-Pro Patria e


ttimana calcistica il Benevento ce la possa fare. Vi ricordo che il Cesena ed il Gallipoli sono già promosse in b. Una bellissima finale fra Como ed Alessandria in seconda divisione (fra l’altro mi piacerebbe vedere almeno una partita visto che giocheranno dalle mie parti) e grande sorpresa nel girone meridionale, dove ancora una volta il Catanzaro non è riuscito a centrare la promozione! Con la beffa che i cugini del Cosenza hanno vinto il campionato e la prossima stagione giocheranno in prima divisione. Ci sono state molte gare delle nazionali per le qualificazioni ai prossimi mondiali ma tutto abbastanza nella norma: spicca la debacle della Svezia che ha perso in casa il derby scandinavo contro la lanciatissima Danimarca per 1-0, l’Olanda che come succede spesso fa un solo boccone di tutte le avversarie anzitempo per poi però perdersi nella fase finale, mentre nel girone sudamericano il Brasile ha steso l’Uruguay con un secco 4-0! L’Argentina di Maradona se continuerà a giocare con la difesa a 3 non combinerà mai nulla di buono ed infatti ha faticato tantissimo ad aggiudicarsi la gara casalinga contro la Colombia per 1-0. Mi è anche capitato di vedere qualcosa di veramente scadente: Bolivia-Venezuela 0-1... Gara e calcio d’altri tempi… anzi anti-calcio! Attendiamo dall’Africa la Costa d’Avorio che, oltre a giocare i mondiali nel proprio continenti se si qualificheranno, dispongono di parecchi buoni giuocatori i quali militano tutti in Europa praticamente e la maggior parte in Inghilterra. Ad ora escluderei l’Argentina e l’Italia… ma si rinforzeranno avanti… la Francia se non cambia molto entro un anno è da paura… e non è affatto sicura della qualificazione… l’Inghilterra può essere una favorita ma restano le solite due della Confederation e cioè Spagna e Brasile in pole position per la vittoria finale. Ma manca ancora ancora tanto tempo e intanto diamo un’occhiata anche ai campi del Sudafrica. Per questo la manifestazione che a breve prenderà il via sarà comunque interessante. La prossima settimana forse riuscirò a scrivervi qualcosa in più, per poi chiudere a fine mese. Del mercato meglio non fare citazioni, penso che fra giornali e trasmissioni se ne parli fin troppo. Kakà al Real, Ibra al Barca… solite cose… Ah, il Palermo ha vinto sorprendentemente il campionato italiano primavera con un gol praticamente allo scadere e quindi 10 al Siena… ma c’è altro che bolle in pentola….


Un pazzo di Alfredo Sgarlato "Non sono pazzo! Fatemi uscire di qui! Non sono pazzo!" gridava l’uomo pallido e grassoccio chiuso nella stanza imbottita e avvolto nella camicia di forza. Due uomini lo osservavano da dietro lo specchio unidirezionale. Un uomo allampanato in giacca e cravatta e con gli occhiali spessi entrò nella stanza. "lo dica pure lei, non sono pazzo..." ripeté il prigioniero. "si, lo so, non si preoccupi" rispose il nuovo arrivato "mi racconti come è cominciato". "Vede dottore, la mia vita procedeva su un binario morto. Volevo qualcosa di nuovo, qualcosa che mi desse un brivido. Sa, io sono sempre stato il prototipo del bravo ragazzo, e sentivo dentro di me una mancanza... volevo compiere una trasgressione, ma qualcosa che nessuno avesse mai fatto..." "Non ha pensato al sesso estremo?" chiese il dottore "mi stupisce, da uno come lei, una banalità simile! Il sesso è la cosa più normale che esista! In un modo o nell’altro lo fanno tutti, magari solo con la fantasia... ma cambia la forma, non la sostanza" . "Vedo che lei non ha mai nemmeno fatto uso di droga..." "ma dottore! La droga non è una trasgressione, è un suicidio..." "...e non poteva appassionarsi a qualche idea strana, proibita...?" "dottore, ma in che mondo vive! Ormai in internet circola di tutto... e ha mai sentito cosa urlano negli stadi? Idee proibite, tz!" L’uomo si distese e si raccolse per un momento nei suoi pensieri, poi ricominciò a raccontare. "Un giorno guardai il calendario e notai un giorno segnato. Allora ebbi l’illuminazione. Avevo trovato il gesto sublime, quello che mi avrebbe reso diverso da tutti gli altri. Vede, io me la cavo con la matematica, e mi sono fatto sempre le dichiarazioni dei redditi da solo. Quando ho compilato la cartella dell’ IVA, ho aumentato un po’ la cifra, non di tanto, e poi sono uscito dalla banca felice. Avevo fatto quello che nessuno avrebbe mia osato fare! Avevo pagato più tasse del dovuto!!! Continuai così, ogni volta ritoccavo un pochino la dichiarazione dei redditi, guadagno bene, posso permettermelo, e poi era il gesto che contava... finché non mi hanno scoperto". "Lei è veramente pazzo- disse lo psichiatra- ma se ha fiducia in me posso aiutarla..." "Ma in fondo quest’uomo non è pericoloso" commentò il primo osservatore; "non pensa, caro presidente, che potrebbe essere persino di buon esempio?" "Mi consenta, monsignore" rispose il secondo "so che questi discorsi non le sono graditi, ma deve pur ammettere che la droga e la prostituzione sono la maggiore fonte di reddito per alcune nazioni. E poi, se passasse il messaggio che possono esistere vere trasgressioni, dove andremmo a finire?" "Ha ragione, presidente. Deve sparire".


Silco Parodic Art # 1 Opere di SILCO Riparte la rubrica Rassegna Pop & dintorni con la presentazione di questo artista sardo. Pittore, fumettista e scrittore. I suoi pennelli sono i pixel informatici. IL GERME DELLA SPERANZA VUOLE ANDARE IN VACANZA.

LA REGINA ODEVNON CON UN OPERA DI SILCO SENZA TITOLO

DOPO UNA TESTATA ALLO SPECCHIO LA PRINCIPESSA ONAB DOPO LA MUTAZIONE

LA PRINCIPESSA ONAB PRIMA DELLA MUTAZIONE


http://docs.google.com/Doc?docid=dgdpgkm_578c5pj4jf5&hl=en


IL METODO KATZENBERG

Segui le appassionati alle improponibili lezioni del prof. Joseph Katzenberg

http://movimentoparaculo.blogspot.com/search/label/metodo%20katzenbe


MBM - Monkey Business Movement - Maggio 2009  

news, politica, cronaca, arte, cultura,

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you