Page 1

L’ÉPTA Occitano Val Pellice Concorso « Una Storia al giorno – Uno storio për jouërn » Autore : Enzo Negrin Ar chaut, di d’la crota, Parsê Velh a plava crapilhe stà s’na bancha dër parquet d’bosc. La crapilhe la z’ère për la chabre, përqué rèn anase përdù, e Parsê Velh a l’aribava ëncara a èse utìle fazënt a qui chit travalhot nuious quë pà neun avia veulha d’fâ. Bènc a fazia acò a beuicava d’cò soc i fazië li mi-inà chit qui gilavë ënt la crota dapé d’la vache e la chabre: ma li mi-inà i së stoufiavë vite d’gilâ e i an coumënsà a tardinhâ lou Reire-Parsê për qu’a li couitësse na storia. Ma Parsê Velh a l’avia pà gaire veulha d’butase tourna a couitâ la mèima storia e aloura à l’à pënsà d’moustâ ai mi-inà a couitâ l’épta. “Ma qu’ella l’épta? “a l’à subit mëndà un di chit qu’ërèn tuchi aquì a l’aviroun dër velh. “L’è na manira për sabê sampe, onhi journ, l’aje d’la luna” “E qu’ma s’faila?” “Oh, l’è pas difisile. Chà sabê lou numbre d’l’épta d’l’an que nou soun, jounta-li lou numbre dër mes e peui aquél dër journ...” “Peustu pà fâ n’ëzëmpi?” i mëndë li mi-inà. Tu a razoun, parelh l’è pù fasile da capî” a li rëspound Parsê Velh. “Aloura, fazëma lou cas d’ënqeui, li 24 d’junh, qu’è d’cò lou journ d’Sin Jan.


L’EPATTA Al caldo, nella stalla, Bisnonno sbucciava le castagne di scarto seduto su una panca del palchetto di legna. Le castagne erano per le capre, cosicché nulla andasse sprecato. E Bisnonno si rendeva ancora utile svolgendo quei piccoli lavoretti noiosi che nessuno aveva voglia di fare. Mentre faceva quello sorvegliava anche le attività dei bambini più piccoli che giocavano nella stalla vicino alle vacche e le capre: ma i bambini si stufavano presto di giocare e cominciano a stuzzicare il Bisnonno perché raccontasse loro una storia. Ma Bisnonno non aveva molta voglia di ricominciare a raccontare la stessa storia e allora pensò di insegnare ai bambini il calcolo dell’epatta. “Ma cos’è l’epatta?”chiede subito uno dei ragazzini che erano tutti attorno al vecchio. “È un metodo per sapere sempre l’età della luna” “E come si fa?” “Oh, non è difficile. Bisogna conoscere il numero dell’epatta dell’anno corrente, aggiungervi il numero del mese e infine quello del giorno…” “ Non puoi farci un esempio?”chiedono i bambini “Hai ragione, prendiamo il giorno in cui siamo, il 24 giugno,che è anche il giorno di San Giovanni.


Lou numbre d’l’épta per lou 2012 l’è lou 6, e a së troba ën na manira coumplicà quë vë spiegou peui n’aoute vièje. Ar numbre 6 chà juntali aquél fis d’ohni mes: mars 0, abril 1, mai 2, junh 3, Iulh 4, oust 5, sëtembre 6, otobre 7, nouvëmbre 8, dëzembre 9, jëni 0, blî 1. Li numbre i soun a quilli aquì përqué un tén couit qu’l’an a coumënsa për la luna da la prima, qu’l’a vor dire dr més d’mars e quë jëni e blî isoun (1)0 e (1)1” “E la luna soc joum i à aloura ënqeui?” i vourië sabê li chit. “Couitëma ënsem: 6 l’épta d’l’an 2012, 3 për junh, 24 për ënqeui, butëndli tuchi ënsem l’a fai 33”. “Aloura i à 33 journ” “No, lé pà finì, da que numbre 33 chà chavalî 30 e la li rèsta 3. Doupeui quë la luna i à soun prumî cart a 7 journ, luna piena a 14-15 journ, darî cart a 21 journ e 30 journ cant i touma e nh’à pa jì ënt ër sièl, vist quë nouzaouti nouz’an troubà 3, qué aje i ourè nosta luna li 24 d’junh dër 2012?” “I è jouve, i à pà ëncara 7 journ” I diê tuchi ënsem li buru a l’aviroun. “Braou, ou z’avè capì la manira d’sabé l’aje d’la luna” dì Parsê Velh. “Sì, ma qu’nou sérv-la saberou?” “Aloura, chà quë vou sapie qu’un viéje la li aviâ pà ni compiuter ni televisioun e un aviâ bëzounh d’avê d’ëndicasioun për tuchi li travalh qu’un aviâ da fâ ën campanha”. “Peus-tu douna nou quërc ëzëmpi së tu poe?” “E bèn, a luna vëlha, qu’la vor dire qu’i aie d’mai d’14-15 journ, chà talhâ lou bosc, li pél, piantâ la trifoure, stoupâ lou vin e sëmnâ toute z’ourtouralhe qu’l’a van sout tèra. Oub la luna jouve la sëria melh fâ z’ënte e sëmnâ z’ourtouralhe qu’l’a creisë fora d’la tèra”. Li mi-inà i an coumënsà a gilâ ën couitënt li difrënt aje qu’la luna ouriâ sëgount li journ d’l’an, për ëzëmpi li journ qu’i èrë niësù. E bene qui gilavë Parsë Velh a s’è ëndurmì e a sunhava... d’anâ s’la luna!


Il numero dell’epatta per il 2012 è 6, si calcola in un modo complicato che spiegherò un’altra volta. Al numero 6 bisogna aggiungere quello fisso di ogni mese: marzo 0, aprile 1, maggio 2,giugno 3, luglio 4, agosto 5, settembre 6, ottobre 7, novembre 8, dicembre 9, gennaio 0, febbraio 1. I numeri sono questi perché tengono conto che l’anno lunare comincia in primavera, cioè nel mese di marzo che gennaio e febbraio sono (1) 0 e (1) 1” “ E la luna che età ha oggi allora?”vogliono sapere i ragazzini. “Calcoliamo insieme: 6 per l’epatta dell’anno 2012, 3 per giugno, 24 per oggi, ma sommandoli tutti otteniamo 33” “Allora ha 33 giorni” “no, non è completo, dalla cifra 33 occorre togliere 30 e rimane 3. Dato che la luna ha il suo primo quarto a 7 giorni, luna piena a 14 – 15 giorni, ultimo quarto a 21 giorni e 30 giorni quando torna e non si vede in cielo, dato che noi abbiamo ottenuto 3, che età avrà la nostra luna il 24 giugno 2012?” “È giovane, non ha ancora 7 giorni” gridano tutti insieme i ragazzini intorno. “Bravi, avete capito il metodo per conoscere l’età della luna” dice Bisnonno “Sì, ma cosa ci serve saperlo?” “Allora, dovete sapere che un tempo non c’erano i computer o la televisione e occorrevano indicazioni per tutti i lavori da fare in agricoltura” “Puoi darci qualche esempio per favore?” “Ebbene,a luna vecchia, cioè che abbia più di 14-15 giorni, occorre tagliare la legna, i capelli, piantare le patate, tappare il vino e seminare tutti gli ortaggi che crescono sotto terra. A luna giovane sarebbe meglio eseguire gli innesti e seminare gli ortaggi che crescono fuori terra” I ragazzini cominciano a giocare calcolando le diverse età che la luna avrebbe in base ai giorni dell’anno, ad esempio le date in cui erano nati. E mentre loro giocavano Bisnonno si addormenta e sogna… di andare sulla luna!

L'epatta  

L'epatta racconto

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you