Page 1

NUMERO 8, QUINDICINALE APRILE ‘11

GOSSIP Mi vendo al miglior Offerente!

PIN UP & BURLESQUE ISSUE

STRATEGIE Lo ami? Tamponalo! PERSONAL SHOPPER Combinazioni vincenti (low cost)

SWEET DREAMS Quando i sogni Parlano di te

MEN’S CORNER ANDROLOGIA Tutto quello che c’è da sapere sull’intervento chirurgico di allungamento del pene

BELLEZZA 17 MITI DA SFATARE

CALCIO Champions League 2010/2011: Barcellona-Manchester United, sfida tra regine. FITNESS Allenati al parco

1


35

REVOLUTION SHOOTING

Pin up & Burlesque issue

REVOLUTION Aprile

t n e t n Co

ZOOM STRATEGIE 7. Lo ami? Tamponalo! 8. A tavola con amici: fai colpo con il buffet 10. Ventre piatto? Non “mangiare” aria. 11. LOVE STRATEGIES: Fatti furba, distinguiti dalla massa! GOSSIP / PEOPLE 14. Io, lei e l’alcolismo 15. Mi vendo al miglior offerente BEAUTY & SALUTE 16. 12 cosmetici per un make-up da urlo 19. Applica i

punti luce nei punti giusti

20. HAIR: 17 luoghi comuni da sfatare 27. Punture di insetti: Anche loro preferiscono l’estate 2 Impara a combatterli


MODA 29. PERSONAL SHOPPER: Combinazioni vincenti … low cost REVOLUTION SHOOTING 35. Pin-Up & Burlesque issue (Antonella M. & Elisabetta J.) SESSO 42. La pillola anticoncezionale non influisce sulla vita sessuale GLI SPECIALI DI REVOLUTION 44. SWEET DREAM: Quando i sogni parlano di te ... Ti insegniamo a leggerli 47. Scopri se sei cerebrale, emotiva, intuitiva o fisica … Analizza le iniziali del tuo nome 49. PSYCOTRAINING RIVOLUZIONARIO: Entra in contatto con te stessa … Non mancare alla lezione di sano egoismo! 52. Ottimizza i tempi: scarica TweetDeck … noi l’abbiamo fatto!

3


CUCINA 53. A tavola con Revolution VIAGGI 54. Qual è il colore dei tuoi viaggi EVENTI 56. Eventi Bologna e dintorni 57. Evento Roma in evidenza 58. La sagra della patata no vella

MEN’S CORNER

CALCIO 10/2011: 0 2 e u g a e L s n 60: Champio ited, sfida n U r te s e h c n a Barcellona-M tra regine. SALUTE ello che c’è u q o tt u T : IA G 62. ANDROLO to chirurgico n e rv te n ’i ll u s da sapere del pene to n e m a g n u ll a i d Cause e . a c ti e n e g ro d n 64. Calvizia A cure IN FORMA nati al parco e ll A : SS E N IT F . 6 6

4


zoomstrategie Lo ami? Tamponalo! L‟abbiamo messo ai voti ed è stato approvato da ben 74 ragazze su 100. La strategia di conquista che si aggiudica il podio, è il “tamponade in love”… Chi non l‟ha sperimentata ha promesso che lo farà presto mettendo a dura prova il proprio coraggio a scapito dell‟ indesiderata timidezza.

E T S

t a l i c n i

V P TE

S Y PB

2

PEDINALO

E se proprio non ti nota, pedinalo! Scopri le sue abitudini. Dove lavora, dove va in palestra, quali posti frequenta spesso. „Memorizza‟ l‟ora in cui esce e le strade che percorre. Mi raccomando però … non farti scoprire!

3

a z z e d i m i

TAMPONALO

Un giorno in cui sei libera da impegni, mettiti alla guida della tua auto e percorri la strada che abitualmente fa. Cerca di non perderlo di vista e in coda (magari al semaforo) tamponalo leggermente. Scendi immediatamente dall‟auto e domanda scusa mortificata, ti dirà che non è successo nulla di 5 preoccupante … a quel punto accenna un sorriso e offrigli un caffè per farti perdonare.

1

VERIFICA LE INTENZIONI

Prima di passare al “TAMPONADE IN LOVE” è consigliabile farsi altrimenti notare. Se proprio devi iscriverti in palestra e abitate nella stessa città … vai alla sua! Diversamente, chiedigli l‟amicizia in face book e spunta un ‟mi piace‟ ai suoi post ogni tanto … ti noterà sicuramente! Questi ed altri mezzi ti aiuteranno a sconfiggere gradualmente la timidezza lasciando che le cose avvengano con naturalezza.


FASHION PHOTO GRAPHY Supplemento N째 8 di Revolution dedicato alla fotografia di moda ed ai suoi massimi esponenti. Editoriali, portfoli, grandi nomi, interviste, gergo fotografico, tecniche di ripresa, post-produzione, garage fotografico, piccoli e grandi segreti dello scatto perfetto e tanto altro ancora ...

DISPONIBILE IL 10 MAGGIO ONLINE! NON PERDERTI IL PROSSIMO ! APPUNTAMENTO

IL MAGAZINE VICINO AL TUO MONDO 6

!


n o c S I B l i i a F . n o i t u Revol o r e m u n o t s e u q e h c n A ! a i p p o si sd FOTO di DANIELE FLORIO MODELLA: ILARIA PIRRI STILISTA: ANTONELLA MARTINO MUA: ELISABETTA JIRITANO

DIRETTORE RESPONSABILE BARBARA BASSO

REVOLUTION è una rivoluzionaria rivista multimediale con cadenza quindicinale e attenta ai contenuti. Un progetto editoriale fresco, giovane e dinamico che si propone di lanciare e promuovere artisti emergenti ma non solo. Moda, gossip, real life, design, arte, tendenze sono solo alcuni dei contenuti di questo nuovo e utile progetto … da cliccare, gustare, stampare e condividere con chi vuoi.

GRAPHIC E ART DIRECTOR SANTINA BARBA COLLABORANO Roberta Basso, Santina Barba, Paola Rapari, Enrica Belli, Kevin Miller, Andrea Speziale, Paolo Meneghetti, Fabio Rigoni, Francesco Bacco, Giorgia Scarpa, Letizia Maestri SI RINGRAZIANO Daniele Florio, Antonella Martino, Elisabetta Jiritano, Ilaria Pirri, Elisabetta Notte, Natsha89, Giancarlo Iovine, Giacomo Burco

PUBBLICITA’: Per la tua pubblicità sul magazine o sul sito contattaci all’indirizzo marketing@revolutionmag.eu

7

NETWORK: Seguici anche su TWITTER O FACEBOOK


Buona parte del successo di alcuni villaggi turistici è dovuta al tavolo del buffet che viene allestito per gli ospiti, i quali hanno così il vantaggio di scegliere tra le proposte, ciò che più desiderano. Una cena organizzata in questo modo, quando gli invitati sono molti e non è possibile sistemarli tutti attorno ad una tavola, permette di risolvere in modo simpatico il problema con minore fatica per la padrona di casa, perlomeno durante la cena, quando tutto è ormai organizzato. Il tavolo verrà apparecchiato in modo che tutti possano girarvi intorno per prendere ciò che preferiscono o, secondo i casi, addossato alla parete. Su una credenza o su qualsiasi altro piano d’appoggio troveranno posto impilati, tutti i piatti necessari, i bicchieri, le posate, i tovaglioli di carta, le bottiglie di acqua ed il vino con relativi levatappi.

m o o z

Molto importante anche in questo caso è il colpo d’occhio che gli ospiti avranno della tavola. Una bella tovaglia, ben stirata, una composizione di fiori che non dia fastidio all’esposizione delle vivande oppure un enorme cesto di frutta preparato artisticamente con qualche fiore inserito qui e la, potrà rappresentare la macchia di colore dominante della scena. Preparate poi un contenitore con pane e crakers, stuzzichini di vario genere da poter mangiare facilmente

a l o v a At

CIOTOLA IKEA 13 X 6 CM: CIOTOLA SKYN 16 X 8 CM: 6 COPPE OBLIQUE 3 PZ: 16,9

ie g e t stra

8

GLI ATTREZZI DEL MESTIERE


senza che gli invitati siano costretti ad acrobazie. Un primo piatto caldo (pasta al forno, gnocchi alla parigina, crepes alla béchamel, risotto ecc) verrà portato al momento, quando gli ospiti avranno terminato di prendere gli aperitivi, e verrà distribuito nei piatti dalla padrona di casa aiutata da una persona volenterosa. Anche nella scelta del secondo piatto ricordatevi sempre di preparare qualcosa che si possa agevolmente mangiare in piedi (pollo alla cinese che è già pretagliato, spiedini e così via) senza un tavolo a cui appoggiarsi.

n o c a

1,99 € 6,99 € 99 €

n o c o colp

Il buffet, se avete una grande terrazza, o un giardino nella casa delle vacanze, potrà anche essere organizzato all’aperto e avrà in questo caso un tono rustico. Una grande tavola appoggiata su due cavalletti ricoperta da un tessuto a quadrettini comperato al mercato oppure da una tovaglia di carta, dei piatti allegri e poco fragili o anche dei colorati piatti di carta con tovagliolini assortiti. Tutto sarà allestito sulla tavola:

t e f f u il b

i a F : un grande cesto pieno di verdure già lavate e pronte da i c i m a

mangiare ( sedani, carote, rapanelli, cipollotti, insalate belga a quartini), una minestra fredda tipo il gaspacho o un minestrone di riso già pronto in piccole scodelle, pane rustico, salami, un bel pezzo di formaggio grana, bottiglie di vino e un bel canestro di frutta. Anche se la cena (o la colazione) è in piedi, prevedete un numero sufficiente di sedie o dei cuscini da mettere per terra.

9


zoomstrategie OMEOPATIA

“LYCOPODIUM”.

Ventre piatto? Non “mangiare” aria!

A volte può capitare che lo stomaco si riempia di aria e che si metta a “brontolare” nei momenti meno opportuni e che tutto l’addome risulti gonfio e pesante. I rimedi omeopatici indicati in questo caso sono il “CARBO VEGETALIS” e il

Il primo è indicato quando il gonfiore si presenta soprattutto nelle ore serali e notturne e migliora con le eruttazioni. Le persone che traggono giovamento da questo rimedio di solito non amano il burro, il latte e i cibi grassi e salati. Il secondo rimedio ( lycopodium ) è adatto quando il gonfiore si manifesta nel tardo pomeriggio, a partire dalle quattro e si protrae fino all’ora di cena. In questi casi è di sollievo alleviare la morsa dei vestiti, allentandosi la cintura o slacciando il primo bottone dei pantaloni. Le persone che soffrono di questo disturbo di solito non sono particolarmente attive, ma al contrario amano il tranquillo trantran quotidiano, senza scossoni imprevisti.

10 10


GIES STRA TE LOVE

Fatti furba istinguiti D dalla massa E’ un errore ricorrente e sempre più spesso causa di rottura di legami che si credevano indissolubili … “rilassarsi troppo” ai primordi di una relazione stabile è una mossa che si deve assolutamente evitare se si tiene al proprio compagno. Ecco cosa non devi fare:

INDOSSA SEMPRE UN FILO DI TRUCCO QUANDO SIETE INSIEME ED ANCHE IN CASA

te lo diciamo senza mezze misure

“LEGGEREZZA ” E’ LA PARO LA CHIAVE: NON PERDERLA DI VISTA! SII ALLE GRA, PROPOS ITIVA E DINAM ICA.

TI HA O D N A U Q E LE” COM O V IE C O S “ HE LE II C S O S S E P S E . ACCAD A T IU C S O N O C RSI NON A L O IS D A O AN RROE COPPIE TEND . IA R E S A F TORIA SI S A L A N E P P A TE NE E H C A IM R P ’ RA RE:.SI ANNOIE O! RENDA CONT

11


“COMPOSTEZZA” ED “ELEGANZA” NON VANNO TR ASCURATE. STRAFORGARSI E AB BANDONARE LE BUONE MANIERE, NON E’ DI SICURO U NA BUONA MOSSA

O! CHIUDI LA PORTA DEL BAGN ITAGLIATI IL VA BENE SCIOGLIERSI MA R L’INIZIO AL . A’ IT M TI IN TO EN M O M O TU NTO UN IU G AG R ER AV I D A’ ER R B M SE ON E’ COSI’ N A M E” EM SI N “I O D AR U TRAG NTO CHE … PRESTO SI RENDERA’ CO AFFASCIFORSE “NON SEI PIU’ TANTO ANZE! ST O C IR C E AT IN M ER ET D IN NANTE”

IN NON CHIUDERTI PO E L O C R A F R E P A CAS INA RIL L E R A ON PIAT C N I A A S R A A I F T E R T IA N G E G M ATTE HE INIZIAL C O L L E U Q PUOI : X N E O E N U S O T E R L L E A C I O T D SPET EMENTE E M R O N E ’ A R E S E CERE, DOPO TI P N HA. O N E H C E P L O C I O STESSO L IA C C A F I U L ADDOSSARE A LU E LASCIA CH E I IC M A N O C I QUINDI, ESC

PER GEA SI E H C : O R O V LA O TU NON LASCIARE MAI IL O PROBLEMA, R ST O V N U D A E N IO Z LU MANTIEN LOSIA O LA SO A D LO O I SEMPR U R IL . E R A FA D TA A R R E ’ E IL TUIU P A O LT E SC P E’ LA U N T A O M ’ DI VISTA DIRE PER UN PO D A ’ A TR O P SI TI ANC ” TE H N A D E QUAN “BA N U E M O C ’ D A R LUI TI VED TE D’ACC O NON SIEPRESTO TI SCOCCERA’ E ORDO: A CUI TI IN E LT O V LE LI O V E R E M GLI U N U IN . A O IT MINI PIA PARASS CCIONO ULLA” N R A F N O “N I D D ’ A R O E LE C C NNE DE RINFA TERMINA TE! 12


’ a t i c i l b b u p a u per la t n o i t u l o v e R i l sceg e o c i m a n i d , e n a v o i g , o c s e r f e l a i r i o t t i u d n e e t o n t o t c i a o t n e Il proge t t a , o t t u t soprat

!

IT . G A M N O LUTI O V E R @ ETING

MARK

13


Si firma “anonimo” dopo avermi raccontato per ben quattro pagine in word, una fetta della sua vita. Racconta di un’ infanzia infelice, di una madre giovane e immatura, di un patrigno che non riusciva ad amarlo. “Non sarà ne il primo ne l’ultimo”, mi dico … ma condividerla con i lettori mi è parsa una buona idea. Un ulteriore insegnamento che aiuta ad apprezzare maggiormente quello che abbiamo. Qualche taglio qua e là ma il testo e la sostanza rimane inalterata. Vi lascio alle sue

Io, lei e l’alcolismo bellissime parole:

“porto il cognome di mia madre perché mio padre non volle riconoscermi. Conservo i segni di un’ infanzia infelice perché il mio patrigno non volle accettarmi. Mi picchiava, mi offendeva e mi lasciava interi giorni senza mangiare. Mi puniva per cose mai fatte e per bugie mai dette. Mi obbligava a sedere a tavola perché dovevo guardare come i suoi figli mangiavano. Io non li odiavo, anzi … loro tentavano di passarmi il cibo senza farsi vedere. Erano eccezionali. Andai via di casa all’età di 17 anni, mi trasferii il più lontano possibile. Volevo odiare mia madre per aver permesso tutto questo ma neanche questo riuscivo a fare. Solo in alcuni momenti ERO IO … quando mi attaccavo alla bottiglia! Le gridavo il mio rancore. Le raccontavo il male che LEI mi aveva fatto tacendo … Sai cosa fu peggio? Più bevevo, più ero sincero. Più ero sincero, più bevevo … mi autopunivo perché non avevo il fegato di combattere i fantasmi del mio passato. Sono cresciuto affogando i miei dispiaceri nell’alcol. Ho sposato una donna e abbandonato mio figlio. Mi sono crogiolato nel dolce far nulla, lasciando che fosse mia madre a pagare le mie bollette … in fondo era arrivato il momento di prendersi cura di me. Insomma, ho trattato mio figlio come lui trattava me. Oggi è finita. Dieci anni di cura, un buon terapista per amico e un’abbondante autoanalisi delle mie esigenze presenti e aspettative future … sono un neonato. Mi guardo indietro e mi ripeto che tutti sbagliano … lui, lei, io. Ho perdonato lui. Ho perdonato lei … ho perdonato me stesso” A cura di Giorgia Scarpa 14

GOSSIP PEOPLE


Mettere in vendita il proprio corpo “virtualmente”. Verrebbe da porsi un interrogativo: a chi potrebbe interessare? Eppure non è così. A quanto pare, tra ricariche e pochi euro, accreditati direttamente sulle carte prepagate delle giovani prestatrici di servizi in rete, c’è chi promette molto di più e c’è chi, addirittura, paga alla “sua musa” un vero e proprio salario … più aumentano le prestazioni extra, più aumentano le cifre salariali. Abbiamo avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con Natasha89 che a giudicare dal suo account, dovrebbe avere poco più di 18 anni. Le prime parole di Natasha sono state:

Mi vendo al miglior offerente

“Tutto avviene nella massima discrezione e riservatezza. Loro sanno cosa possono chiederci e ognuna di noi offre solo determinati spettacoli … quindi il cliente sa esattamente cosa siamo disposte a fare e non può chiedere di più. Inoltre se vogliamo possiamo coprire il viso o semplicemente non inquadrarlo in cam, ma ovvio che potresti perderci molti soldi così. L’importante io credo è che non si sappia chi sei, il tuo nome e da dove vieni … io infatti mi chiamo Natasha”

A queste parole mi sono sorte subito due domande: 1) Come fa Natasha a non dire di dov’è? Ergo. Come si svolgono le conversazioni allora? 2) Se ogni ragazza sceglie le sue prestazioni, lei quale servizio o spettacolo offre? Ecco le sue risposte: 1) Assolutamente non parlo e non mostro il mio volto. Basta togliere l’audio ed il gioco è fatto. Quello che lui desidera, può dirmelo (io ascolto) o se preferisce, può scriverlo. Io utilizzo skype per chi mi cerca. 2) I miei servizi sono tanti. Mi mostro tutta, mi tocco, ansimo. A qualcuno bastava anche solo questo per pagarmi. Spesso mi chiedono foto istantanee … IO: cioè e perchè??? NATASHA: scattare una foto con la cam come extra per ricordarsi di quel momento. In questo caso, pagano extra 15

A cura di Giorgia Scarpa


€ 40

€ 34 € 11 € 13

€ 23

€ 17

€ 15 € 15

€ 12 € 21

€ 36

12 cosmetici 16


LISTA PRODOTTI Massage Cream: Filler Collistar Prep Prime Eyes: M.A.C. Cosmetics Mascara: Collistar Eyespencil: Shiseido Beige – Collistar Glitter Black EyesShadow: Lancome – ShuUemura Fondation: YSL taintparfaitoilfree Concealer: Make up fourever n°2 Mascara eyebrown: Anastasia Brows Blush: Nars Cosmetics – Saint BarthSuouth beach Prep Prime Lips: M.A.C. Cosmetics Lipstick: Clinique Powder: Stephane Marais

i per un TRUCCO DA URLO! 17


TUTORIAL GREY & BLACK MAKE UP Come sempre, prima di iniziare il nostro trucco di oggi, puliremo a fondo la pelle, operazione necessaria per dare luminosità all’incarnato con CRÉALINE H2o di BIODERMA. Contorno occhi filler di COLLISTAR e passeremo subito il Prep Prime eyes di MAC, per garantire una maggior tenuta al trucco dell’occhio. Piegheremo le ciglia, e stenderemo una dose abbondante di mascara nero assoluto (COLLISTAR…) sopra e sotto che ci darà ancora più profondità allo sguardo. Con un kajal nero intenso – tipo Feline, sempre MAC COSMETICS - inizieremo a delineare l’occhio con una bordatura all’interno della rima palpebrale inferiore e soprattutto superiore. Con una matita nera Glitter – COLLISTAR – marcheremo la palpebra mobile fino alla piega dell’occhio, sfumandola (vedi anche video). Creeremo, una linea decisa, anche nella rima esterna inferiore dell’occhio, allungandone leggermente la forma verso l’esterno e non verso l’alto. Con un pennello a punta tonda fisseremo la nostra linea appena disegnata con un ombretto nero iridescente ShuUemura. Nella zona centrale della palpebra mobile e nell’angolo interno inferiore dell’occhio, stenderemo un ombretto grigio metallizzato – Lancome – 305 per creare il “punto luce. Dopo aver steso un velo di fondotinta, faremo le correzioni, occhiaie, ali del naso e zone labiali. Questa operazione ci garantirà maggiore “luminosità” – per effetto ottico – al volto e avremo anche creato i “chiaro-scuri” che rendono un volto “tridimensionale”. Inoltre, con un mascara appositamente studiato Anastasia - schiariremo le sopracciglia di due toni per mettere in risalto maggiormente il “taglio” dell’occhio. Un velo di cipria trasparente ed il fard in crema color albicocca, daranno un tocco di leggerezza. Per le labbra infine, dopo aver steso il Prep Prime Lips – a base siliconica – di Mac potremmo scontornare le labbra con una matitona morbida leggermente più chiara del colore della pelle fissare la correzione con un po’ di cipria e mettere il rossetto, in questo caso ho usato un tono color senape - che sarà scelto con cura soprattutto nella sua texture. A cura di Letizia Maestri MUA 18 Video tutorial: YOUTUBE Photo Reynolds


luce nei punti giusti Una lettrice: ciao Elisabetta mi chiamo Chiara B. e vorrei sapere cosa sono e come applicare sul viso i punti luce. Quando valutiamo un viso per truccarlo il primo accorgimento da tenere presente è che la nostra visione ideale della luce deve essere a 45 gradi, perché con questo tipo di inclinazione avremo l’esatto parametro di valutazione in luci ed ombre proprie. Andiamo quindi ad applicare un illuminante sulle zone del viso già illuminate dalla luce. Gli illuminanti esistono in diverse formule, possiamo trovare prodotti compatti o in polvere libera, liquidi, e in crema. Consiglio i prodotti compatti o in polvere libera per una pelle grassa, mentre i prodotti liquidi e cremosi per una pelle più secca. Per quanto riguarda i colori possiamo ad esempio utilizzare un correttore bianco, ma stando attente a prendere una piccola quantità di prodotto da sfumare bene, altrimenti l’effetto macchia è assicurato. Oppure potete applicare un fondotinta che sia in crema o un fluido con una gradazione più chiara del fondotinta che usate abitualmente. Ma perché applicare dei punti luce e su che zone del viso applicarli? I punti luce (colori chiari) illuminano, distanziano, elevano, danno un effetto di ingrandimento della zona truccata; a differenza delle ombre (colori scuri) che danno profondità, smussano ed eliminano; i correttori scuri stesi ai lati del viso lo assottigliano, sulle palpebre le infossa. Con la fusione dei chiaro scuri andiamo a plasmare, modellare, evidenziare, ricreare e modificare le zone del viso. Per dare al viso un aspetto luminoso e tridimensionale applichiamo l’illuminante su quelle zone del viso che sono già illuminate in modo naturale dalla luce, quindi subito sopra gli zigomi sfumando verso le tempie, sul naso sfumando verso la fronte, tra il naso e la connessura labiale, sul mento, nell’angolo interno dell’occhio per ravvivare lo sguardo e sotto l’arcata sopraccigliare. Consiglio sempre di prendere piccole quantità di prodotto e magari di aggiungerlo man mano che si trucca e soprattutto di sfumare bene. Il trucco deve essere armonia nella forma e nel colore. 19

DI ELISABETTA NOTTE MUA

applica i punti


i l l e Cap p o T al

20

17


FINALMENTE PUOI FUGARE TUTTI I TUOI DUBBI

7

i n u m o c i h g o lu e r a t a f da s 21


Tagliare i capelli rende più forti e li fa crescere di più

1 FALSO

Il capello non è come un albero che potiamo per irrobustirlo. Il taglio allontana soltanto una parte di cellule morte, quindi non incide sulla radice, la zona in cui il capello cresce. Forse questa credenza deriva dal fatto che, eliminando la parte più vecchia, e quindi più rovinata del capello, la chioma acquista un aspetto sano e più folto. Solo nel caso di una vera e propria rasatura, il taglio “a spazzola” per intenderci, si è visto che il capello cresce più velocemente. E’ un po’ come se il taglio trasmettesse ai balbi il segnale di velocizzare la crescita. I capelli però non diventano ne più forti ne più folti. Sole e acqua di mare fanno bene alla forfora

2

FALSO & VERO

Si è notato che chi si espone a giuste quantità di raggi ultravioletti riesce a sconfiggere la forfora ritardandone l’eventuale ritorno. Il sole va comunque preso con parsimonia perché, se fa bene al cuoio capelluto, altrettanto non si può dire per il fusto dei capelli, che vanno protetti utilizzando prodotti che contengono filtri solari. A proposito dell’acqua salata, invece, non esistono conferme sul fatto che possa limitare la produzione della forfora. 100 colpi di spazzola al giorno rendono i capelli più sani

3 FALSO

Le spazzolate, soprattutto se troppo energiche e troppo lunghe, sfibrano la cuticola (la parte più esterna del fusto) fino a spezzare il fusto. Questi danni sono ancora più marcati spazzolando o pettinando i capelli bagnati. Il segreto di una pettinatura senza danni sta in movimenti delicati e veloci. Scegliete solo spazzole morbide con setole naturali e pettini con denti non troppo stretti, meglio se in legno. I materiali naturali, infatti, elettrizzano meno il capello. In ogni caso sarebbe meglio preferire il pettine alla spazzola. 22


Le stagioni influiscono sulla caduta dei capelli

4

VERO

In primavera e in autunno è normale notare una maggiore caduta dei capelli. Questo è un fenomeno è dovuto a una specie di muta che avviene in molte specie di animali, ma che coinvolgono anche gli uomini. Per fortuna questo fenomeno è ridotto negli uomini, si limita a un ricambio stagionale. Lo notiamo perché sul pettine e nel lavandino restano un maggior numero di capelli. La caduta stagionale è normale, caratterizza tutta la testa e rallenta da sola, non richiedendo nessun intervento curativo. Questo fenomeno è causato dagli ormoni che, in base alle variazioni di temperatura e al variare del numero di ore della luce, fanno scattare il meccanismo del ricambio. Lavarsi spesso la chioma fa male

5 FALSO

I capelli non vanno lavati solo quando sono sporchi e comunque con detergenti non troppo forti. Non è assolutamente vero nemmeno il fatto che, lavando i capelli troppo spesso, questi cadano di più. I capelli che cadono durante il lavaggio sono quelli che sono nella fase telogen, cioè alla fine del loro ciclo di vita e che cadrebbero comunque. Bigodini ed elastici fanno male ai capelli

6 FALSO & VERO

Tutto dipende dalla tensione che si imprime alle chiome. Se l’elastico, il fermaglio o i bigodini mettono troppo in tensione i capelli e troppo a lungo, questi ne soffrono. Si rischia di strapparli anche quando si fanno trecce e chignon troppo stretti. Naturalmente ciò non significa che non si possano raccogliere i capelli o avvolgerli sui bigodini: basta usarli con prudenza cercando di non mettere mai in tensione le radici. I cappelli sono dannosi per le chiome

7 FALSO

Se si limitano a poggiare sul capo consentendo una buona traspirazione non compromettono la bellezza della chioma, a patto però, che non vengano indossati per troppe ore. 23


Tingersi i capelli è pericoloso

8 VERO & FALSO

I maggiori rischi che si corrono sono la sensibilizzazione e l’irritazione del cuoio capelluto, l’alterazione e la frattura del fusto dei capelli. D’altra parte, però, alcuni studi sembrano aver dimostrato che il colorante più usato nelle tinture non provoca problemi se utilizzato nella concentrazione adatta. Per sapere se si è allergici a una tintura basta fare il test

9 FALSO

Questi test vengono eseguiti da alcuni parrucchieri mettendo un po’ di tintura a contatto della pelle della cliente, ma non sono in grado di fornire alcun responso certo. Le reazioni allergiche, infatti, spesso compaiono solo molte ore dopo. Per un controllo attendibile bisognerebbe tenere il cosmetico a contatto della pelle per almeno due o tre giorni. L’ henné colora e ristruttura il capello

10 VERO & FALSO

Serve a dare una colorazione rosso-bruna ai capelli. Questo prodotto, estratto dalla radice di una pianta indiana, non è assolutamente dannoso a patto che si tratti di un vero henné, una sostanza che non copre i capelli binachi, ma dona riflessi ai capelli. L’henné, pur essendo un prodotto naturale, non è in grado di portare sostanze nutritive ai capelli rinforzandoli.

Gli shampoo per bambini non bruciano gli occhi

11

FALSO

Nonostante esistano prodotti a bassissima azione irritante, non esiste alcun prodotto in grado di garantire che non si determini l’irritazione degli occhi.

24


Gli impacchi di tuorlo d’uovo e midollo di bue non servono a nutrire il capello

12 VERO

Si tratta di vecchi rimedi ancora oggi utilizzati. Non esistono studi scientifici che provino l’efficacia di questi trattamenti. Possono essere considerati come dei balsami fatti in casa

I capelli delle donne sono diversi da quelli degli uomini

13 FALSO & VERO

Dal punto di vista anatomico sono uguali, ma nella forma sono piuttosto diversi. Quelli femminili sono più grassi, più belli e crescono più in fretta. L’effetto positivo sulla bellezza e sulla salute dei capelli è dovuto agli ormoni femminili.

I capelli dei bambini sono più sani di quelli degli adulti

14 VERO

Sono più forti, il sebo non è mai eccessivo, la pelle della testa è generalmente più sana. La loro struttura è tale da sopportare meglio il calore del phon. Questo però non significa che devono essere maltrattati: se sono più forti è anche perché hanno vissuto di meno e quindi subito meno aggressioni dall’esterno.

L’acqua della piscina fa male ai capelli

15 VERO

La colpa è del cloro, che si può legare alla cheratina danneggiandola. Nelle piscine pubbliche e nei grandi alberghi, però, la quantità di cloro in genere è nei limiti consentiti e non comporta rischi per i capelli. I pericoli maggiori si corrono nelle piscine private dove la disinfezione dell’acqua spesso viene fatto in modo eccessivo. In ogni caso è sufficiente sciacquarsi bene dopo il bagno per evitare qualsiasi conseguenza.

25


Lo smog nuoce ai capelli

16 VERO

Recenti studi scientifici hanno dimostrato che nei giorni in cui l’inquinamento atmosferico è più alto i capelli soffrono. Gli agenti inquinanti, infatti, si depositano disgregando i legami chimici che tengono unite le cellule di cheratina: in parole povere i capelli perdono tutta la loro lucidità, si rompono e cadono.

Alcuni farmaci possono far cadere i capelli

17 VERO

I più dannosi sono i farmaci contro la depressione, gli antimalarici e alcuni antibiotici. Hanno un’azione negativa sulle cellule del bulbo e possono portare a un blocco del ciclo vitale del capello facendolo cadere.

? e r a g u f i o u v e h c i b b e l u d o i m e r i Ha n r o f i t e i ! i c t i r v e i p s e Scr i r t s o n i e d i n o i z u sol 26


P

UNTURE DI INSETTI. IMPARA A COMBATTERLI!

Un italiano su quattro ha il terrore delle punture, ma anche di imbattersi in ragni e scarafaggi. Stando ai dati diffusi da una ricerca di mercato condotta da Ipsos per conto di una delle più popolari case produttrici di insetticidi (Raid Automatic), un uomo italiano su quattro è infatti terrorizzato da zanzare e insetti vari. E’ arrivato il momento di capire le cause e imparare a curarci da soli.

Sono eruzioni cutanee che possono anche molto dolorose e fastidiose, provocate dalla puntura di un insetto (come api, vespe ma anche ragni o scorpioni).

COME SI MANIFESTANO Le punture di insetti, come zanzare, vespe, api e tafani, provocano rossore, prurito e la comparsa di un ponfo, dovuto a una reazione da parte dell’organismo nei confronti delle sostanze iniettate nella pelle da parte degli insetti.

LE CAUSE La puntura può essere provocata da un semplice morso ( come quella di un ragno ) oppure l’insetto può avere lasciato il suo pungiglione nella pelle, cosa che avviene nel caso delle api o delle vespe. La reazione è comunque provocata dal veleno dell’insetto responsabile.

POMATA SENZA CONRTISONE COSTO € 4,80 OTTIMAMENTE RECENSITO REPERIBILE IN FARMACIA COME PRODOTTO DA BANCO AUTOMEDICANTE 27


C

URARLE DA SOLI Certo non si tratta di situazioni particolarmente serie: le punture sono destinate a risolversi spontaneamente in qualche giorno. Per facilitare questo processo, però, è possibile applicare prodotti che limitano il gonfiore e il prurito. E’ vietato grattarsi.

Per quanto riguarda le punture di zanzara, che di solito provocano un arrossamento e un rigonfiamento minore di quelle procurate da altri insetti, è sufficiente applicare una o due volte al giorno le apposite pomate antistaminiche, oppure gli spray contenenti ammoniaca. La parte va comunque lavata con acqua e sapone neutro, evitando i prodotti troppo detergenti che la potrebbero irritare ulteriormente. Se invece si è stati punti da insetti più “feroci”, come le vespe e le api, è importante estrarre il pungiglione: prima bisogna passare sulla pelle un po’ di ammoniaca, che favorisce l’allargamento dei pori, e poi bisogna procedere all’estrazione con una pinzetta, facendo ,molta attenzione. Dopodiché, si possono applicare le specifiche creme calmanti, antistaminiche o cortisoniche.

Quando può trattarsi di una reazione allergica In alcuni sporadici casi la puntura d’insetti, specialmente delle api e delle vespe, può dare luogo ad una reazione allergica: in pratica, l’organismo reagisce in maniera esagerata al contatto con il veleno di questi animali. Ecco i sintomi che devono mettere in allarme, la cui comparsa deve spingere la persona a recarsi al più vicino pronto soccorso: 1. comparsa di rigonfiamenti e arrossamenti in parti del corpo diverse da quelle punte dall’insetto, 2. ingrossamento del pomfo successivo all’applicazione delle pomate calmanti, 3. difficoltà respiratorie e collasso.

28


LA MODA IN VETRINA:

i n o i z a n i b m o C i t n e c n i V t s o c w Lo

personal shopper

cosa, come e dove compare secondo Enrica Belli

29


MIRANDA Guess Eyewear € 128,00 SITE Ampia e molto elegante. Con sottogonna in tulle. Lunghezza ca. 98 cm, lavabile in lavatrice. 100% poliestere. € 29,90 BONPRIX

Realizzata in similpelle. € 8,90 BONPRIX

Pregiato top in stile impero. Due strati di stoffa all'altezza del seno con bella arricciatura per un look elegante. € 29,90 BONPRIX

La tomaia è in raso. La fodera in ecopelle con sottopiede pelle, fondo tunit, tacco 10 cm e plateau interno fasciati . € 49,90 SCARPE&SCARPE 30


Street style

31


Moderna maglia a righe con maniche super ampie. Lunghezza ca. 66 cm. 50% viscosa, 50% poliestere (jersey). € 19,90 BONPRIX

Minigonna trendy con dettagli decorativi. Lunghezza ca. 48 cm. 97% cotone, 3% elastan. € 24,90 BONPRIX

Borse Louis Vuitton, la Mahina Solar € 25 (Mercatino Bologna)

Ci vuol poco a ridare vita a una maglietta in tinta unita! Questa cintura elastica è larga ben 10 cm e ha grossa fibbia in similpelle. Per portarla bassa ti consigliamo di ordinare una taglia in più. Misura = girovita in cm. € 11,90 BONPRIX

Molto sexy, fascetta pitonata, suola in look anticato, tacco alto 8 cm. Tomaia in similpelle, suola in gomma. € 32,90 BONPRIX

32

GUESS € 96 SITE

GUESS € 135 SITE


young style

33


Stivaletto con lacci. Tacco alto 9,5 cm, gambale largo 14 cm e alto 12 cm. Tomaia in similpelle. € 29,90 BONPRIX

Borsa «Giulia» €12,90 BONPRIX

Modello della linea Rainbow con piccole maniche a raglan e ampio scollo rotondo. Materiale morbidissimo. € 19,90 BONPRIX

Décolleté € 29,90 BONPRIX

VAR

IAN

TE

GbyM Sun (Guess) € 159,00 GUESS

Collana a più fili lunga ca. 90 cm € 9,90 BONPRIX

Leggings in similpelle € 14,90 BONPRIX

34


REVOLUTION SHOOTING

Pin Up & Burlesque Issue

PHOTO: Daniele Florio STYLIST: Antonella Martino MUA: Elisabetta Jiritano MODEL: Ilaria Pirri

35

S

tili molto diversi anche se collegati con gli eventi storici del tempo, fanno parte di un periodo in cui società e moda hanno un grande cambiamento ‌ una completa rivoluzione!


Il Burlesque: non solo uno spettacolo … ma stile di vita. Arte pure! Si afferma e si diffonde attraverso i musical, nei tristi periodi della guerra allo scopo di allietare le giornate e gli animi dei soldati e marinai lontani dalle proprie case. Una rappresentazione sexy ( assolutamente non volgare ) e in chiave ironica, della donna già allora “troppo moderna”. Uno stile scandalistico per i tempi che correvano. Ma che tra balze, trasparenze, pizzi e piume, si diffuse a macchia d’olio conquistando il pubblico maschile e anche femminile. Ancora oggi il burlesque rappresenta uno stile a cui rifarsi … tanti i teatri e più in generale gli eventi, che lo mettono in scena. Per questo shooting ho fatto lo stesso, creando un abito da cameriera sexy … casalinga ma estremamente femminile (proprio come nel burlesque)

3636


37


E L Y T S PIN UP

38


Dal burlesque al Pin-un, il passaggio è breve. Ci troviamo nel periodo del dopoguerra (fine anni 50') e ci si dedica più alle innovazioni portate dall'America, compreso il nuovo stile per il cinema. Di fatto le Pin-Up erano le icone femminili più ammirate e seguite sul grande schermo. Attrici americane come Bettie Page, detta "La Regina", alle nostrane Sofia Loren e Gina Lollobrigida, che portarono nel quotidiano un nuovo modo di vestire. Lo stile Pin-Up prende dal Burlesque l'intimo più raffinato, gonne più corte e corpi più in evidenza e soprattutto porta nel mondo reale la moda degli SHORTS, pantaloncini molto corti e sgambati, abbinati a camicette legate in vita o con fiocchi vistosi. Stile semplice ma raffinato dove anche i colori prendono una nuova vita., più brillanti e di contrasto, accessori coordinati e nastri abbinati tra i capelli. Questo è stato il mio spunto: una camicia dalla stoffa e dal taglio leggero e raffinato in raso con fiocco laterale che prende posto rispetto al colletto classico accompagnata da Shorts di intimo e come di consueto per le vere Pin Up calze autoreggenti in evidenza, cinta rossa in vita a contrasto che riprende trucco e nastro fra i capelli. Sexy e allegro, vivace. A cura della STYLIST 39

Antonella Martino


TUTORIAL TRUCCO (MARYLIN MONROE) VISO: Assicurarsi che non vi siano residui di trucco, in tal caso rimuoverli totalmente. Stendere una base per make up su tutta la superficie del viso e sulle labbra applicare del balsamo specifico. Passiamo alla stesura del fondotinta con una spugnetta in lattice o no latex, in base alla tipologia del fondotinta scelto in secondo il tipo di pelle. Andare a coprire con l’uso di correttori le eventuali imperfezioni. Con l’utilizzo di colori in crema, nello specifico un giallino molto chiaro ed un marrone caldo, si vanno a creare dei chiaroscuri che andranno a ricreare le proporzioni del viso, mettendo in risalto anche gli zigomi. Fissare il tutto con cipria bianca in polvere o polvere di riso, attraverso l’utilizzo di un piumino, esclusa la palpebra superiore e le labbra. SOPRACCIGLIA: Definire le sopracciglia e nel caso ce ne fosse bisogno riempire gli eventuali vuoti, attraverso l’uso o di una matita specifica o con l’utilizzo di un eye-liner cake. OCCHI: Sulla palpebra mobile e appena sotto l’arcata sopraccigliare si applica un colore molto chiaro in crema, può essere utilizzata una comune matita. Nella piega naturale, applicare un colore in crema sul marrone caldo, non troppo scuro, e sfumarlo. Andare a fissare il tutto con ombretti in polvere. Definire il contorno degli occhi con una leggera bordatura nella palpebra inferiore con una matita marrone sfumata, in modo che risulti quasi impercettibile. Superiormente invece, con un eye-liner netto tracciare una linea, che termina, nella parte esterna, con una piccola “codina”. Applicare il mascara nero sulle ciglia superiori e marrone su quelle inferiori. Applicare infine le ciglia finte, o a ciuffetti, se si vuole avere un effetto più naturale o intere per dare più profondità allo sguardo.

40


LABBRA: Dopo aver applicato precedentemente un balsamo specifico, si va a delineare il contorno delle labbra arrotondandone la forma, con una matita rossa e comunque dello stesso colore del rossetto. Si applica il rossetto che deve avere una consistenza lucida e brillante. Per aumentarne la durata, tamponare con un piumino e della cipria e poi dare un’ulteriore passata di rossetto. FARD: Stendere il fard le cui tonalità devono essere affini al resto del make up, quindi in questo caso di tonalità calde, come un arancio o un marrone delicato. Stenderlo in modo da far risaltare lo zigomo.

Tutorial realizzato a cura della MUA Elisabetta Jiritano

41

Sono Elisabetta Jiritano, una ragazza di 25 anni e vivo a Roma da 12 anni. Mi sono diplomata nel 2005 come Tecnico della Moda, qualifica che mi ha permesso di lavorare presso un atelier di abiti da sposa per due anni. Dopodichè ho deciso di riprendere gli studi e mi sono iscritta all’università Facoltà di lettere corso in Lingue e sono prossima alla laurea! Il make up però è sempre stato nel mio cuore ed è da sempre la mia più grande passione e così nel 2009 ho iniziato il corso presso l’accademia di trucco cine-teatrale Studio13 a Roma. Ho avuto modo di entrare a conoscenza di ogni tipo di tecnica di make up, ed è stato incredibile. Già durante il percorso formativo in accademia ho avuto modo di iniziare a fare esperienze, come per lo spettacolo teatrale “King Cymbeline” tra le cui protagoniste aveva la top model italiana Mariacarla Boscono. Successivamente cortometraggi vari, e dopo due giorni dalla qualifica di truccatrice, giungo 2010, ho iniziato a lavorare presso il Teatro dell’Opera di Roma, esperienza a dir poco favolosa. Poi per caso ho iniziato a lavorare nell’ambito della fotografia e da quel giorno non mi sono più fermata e mi sono appassionata sempre di più al set fotografico. Ho avuto modo di lavorare con molti fotografi e di spostarmi anche fuori dalla mia regione per poterlo svolgere. Che dire amo questo lavoro alla follia e posso dire di aver trovato la mia strada.

Elisabetta Jiritano


La questione è tuttora piuttosto controversa visto che, statistiche alla mano, circa l’ 80% delle donne che assumono regolarmente la pillola afferma di non notare alcun calo di desiderio, il 10% pensa di aver ottenuto un miglioramento della vita sessuale, mentre il rimanente 10% sostiene di aver perso interesse per il sesso.

Gli specialisti ritengono che un eventuale calo del desiderio sessuale conseguente all’assunzione della pillola sia dovuto agli estrogeni che essa contiene, sia pure in minima quantità. Gli estrogeni, detti anche “ormoni femminili”, hanno infatti la caratteristica di agire direttamente sulla libido (impulso sessuale) attenuandola. D’altra parte, è un dato di fatto che il

LA PILLOLA E L A N O I Z E C Circa l‟ 80% delle donne che ANTICON assumono regolarmente la pillola INFLUISCE E T N E M A V I T afferma di non notare alcun calo NEGA E L A U S S E S A T del desiderio e alcun mutamento SULLA VI ? A N N nella risposta sessuale O D A N U DI ( eccitazione e orgasmo )

42


numero di estrogeni contenuto è talmente basso da risultare pressoché ininfluente. Pare quindi che i problemi sessuali legati all’uso della pillola siano più che altro di natura psicologica: alcune donne infatti hanno così paura degli effetti di questo contraccettivo sulla sessualità da concretizzarli; altre invece, pur assumendo la pillola per propria scelta, paradossalmente non riescono più a provare piacere vivendo un rapporto sessuale non più a rischio di gravidanza.

Si pensa infatti che , nella maggior parte dei casi, la pillola abbia un’influenza negativa sulla sessualità nel momento in cui nasce nella donna il conflitto tra la volontà, tradotta in pratica, di usare la pillola e il desiderio inconscio di concepire un bambino. Viceversa, per molte altre donne il fatto di non dover più preoccuparsi di una gravidanza indesiderata aumenta il desiderio e la risposta sessuale. A questo proposito pare anche che alcune donne siano riuscite a raggiungere l’orgasmo per la prima volta solo dopo aver iniziato a fare uso della pillola.

nel prossimo numero di Revolution ...

DOPO L’ISTERECTOMIA E’ DIFFIILE AVERE UNA NORMALE VITA SESSUALE

43


SWEET DREAM:

quando i sogni parlano di te 44 44


Se si sta ancora soffrendo per il distacco, sognare di essere ancora tra le loro braccia può avere solo uno scopo consolatorio. La psiche attua questo trucco per dare un po’ di sollievo a se stessa. Se, invece, è passato molto tempo dalla separazione o, comunque, non si soffre più, è possibile che il sogno simboleggi il desiderio di innamorarsi di nuovo, con lo stesso entusiasmo di un tempo.

Sognare l‟ex fidanzato/a, marito, moglie

Simboleggia lo scambio affettivo. Se è tanto significa che si è appagati dalla propria vita di relazione, se è poco può segnalare che il proprio partner non è ancora generoso, aperto, protettivo come si vorrebbe. Per alcuni autori il denaro indica invece l’energia vitale: più se ne vede, più se ne possiede e viceversa

Sognare di possedere del denaro

Sognare di essere nudi indica l’apertura verso gli altri senza maschere ne artifici e ipocrisie. Se ci si vergogna non si è ancora pronti a mostrarsi al mondo, se invece il sogno suscita allegria e serenità, significa che si è giunti ad un punto di evoluzione mentale che consente di essere se stessi ovunque. Sognare altre persone nude, può significare fortissimo desiderio di creare rapporti più intimi, più affettuosi e meno formali.

Sognare di esser nudi o che altri lo siano 45


Sognare di essere in barca accompagnati o soli

Sognare uno zingaro

Sognare di portare un anello

Una barca vuota indica voglia di spezzare la quotidianità . Vedersi in barca con una persona di sesso opposto, indica il desiderio di fare l’amore con qualcuno protettivo. Se si è soli, esprime rimpianto per l’epoca infantile e, in particolare, per le cure materne. Simbolo ricorrente di chi da bambino si è sentito trascurato dalla madre.

Simboleggia il lato più inaffidabile di se stessi. Vederli può essere un invito all’ autocontrollo, provare disagio trovandoseli di fronte può suggerire che non si a posto con la propria coscienza.

Simboleggia l’amore eterno e la volontà di rimanere fedeli per sempre alla persona che si ama. Solo se l’anello non è di materiale prezioso oppure è brutto e opaco, significa che il rapporto di coppia che si sta vivendo ha un futuro incerto.

46


Scopri se sei cerebrale, emotiva, intuitiva o fisica … Analizza il tuo nome e individua il tuo profilo. E‟ sufficiente tener conto solo della prima lettera del nome e quella del cognome.

CEREBRALE: A-G-H-J-L-N-P Influenzano la persona dal punto di vista razionale e mentale

EMOTIVE: B-I-O-R-S-T-X-Z Guidano l’emotività

INTUITIVE: C-F-K-Q-U-V-Y Determinano una propensione per l’estro, per l’inventiva, per la creatività

FISICHE: D-E-M-W Esercitano un influsso su gli aspetti più materiali e concreti della vita

ORA VOLTA LA PAGINA, PRENDI A RIFERIMENTO SEMPRE SOLO LE INIZIALI DEL TUO NOME E COGNOME E LEGGI NEL DETTAGLIO IL SEIGNIFICATO DELLE DIVERSE LETTERE. 47


A: B: C: D: E: F: G: H: I: J: K: L: M:

Creazione, guida, direzione, autorità, senso del comando Relazione, unione, rapporto di coppia, sentimentalismo

Estroversione, comunicazione

Stabilità, concretezza, efficienza

Curiosità, attivismo, desiderio di sapere, conoscere e di fare

Immaginazione, sogno, illusioni, speranze Tendenza a stare da soli, a isolarsi, Desiderio di emergere, di avere successo, separazioni

Instabilità emotiva, tensioni

Creatività, inventiva

Autorità , forza

Riflessione, analisi

Lavoro, operatività, impegno, cambiamento

N: O: P: Q: R: S: T: U: V: W: X: Y: Z:

Mutamenti, energia

Sentimenti, emozioni

Solitudine, sogni, illusioni

Forza, poca stabilità

Tensione, tanta emotività

Fantasia, immaginazione, agitazione

Successo, spiritualità Repressione, tentazione, tensione

Sogno, desiderio di evadere, stabilità

Poca costanza, instabilità

Instabilità emotiva, despressione

Dubbio, incertezza

materialismo

48


PSYCOTRAINING RIVOLUZIONARIO

Entra in contatto con te stessa … Non mancare alla lezione di sano egoismo

49

FOTO DI MARCELLO RAPALLINO


Circa l‟ 85% delle donne si dice favorevole all‟emancipazione femminile, ma solo il 17% ne ha inteso il vero significato e messo in pratica. La restante parte preferisce sacrificare se stessa e la carriera (e più in generale il lavoro) pur di mettere al primo posto il compagno e le sue esigenze. In questo piccolo manuale,saranno svelati piccoli segreti per “ricercare se stesse, prendere coscienza delle proprie facoltà e anteporsi, quand‟è giusto, al proprio compagno”. STEP 1: PONITI DEGLI OBIETTIVI Siediti, fai un bel respiro e conta fino a 10 (e se non dovesse bastare … conta fino a 100). Una donna stressata e oberata di impegni potrebbe essere più pungente di ape con il proprio compagno se presa dall’isteria del momento. Quindi conta! Ora che sei rilassata, apri la tua mente (se è il caso: sogna). Scava nei tuoi ricordi come se fossi un esploratore: chi volevi essere da piccola? Chi volevi diventare da grande? Bene. Ora che hai rievocato i ricordi, “attualizzali” … cerca di “riportare in vita” quei desideri. Ritrova la forza d’animo e l’entusiasmo che solo un adolescente, ancora fuori dalla spirale delle ingiustizie, sa esternare. Forse non potrai diventare medico, se questo era il tuo sogno. Forse potranno mancarti i titoli per farlo. Ma puoi ancora diventare quella donna indipendente che incarnavi nel medico.

STEP 2: UN PASSO ALLA VOLTA Ora hai degli obiettivi, sei in grado di riconoscerli e desideri fermamente raggiungerli. Sembra essere tutto più chiaro ora … “vuoi la tua indipendenza!” Qualcosa però ti destabilizza … hai paura, sei confusa e ti senti anche un po’ stupida. Ti domandi se quello che desideri sia troppo, se sia troppo tardi per averlo, ma non è così. Essere una perfetta donna di casa, una brava compagna ma anche una donna indipendente, non è chiedere troppo. L’indipendenza non è un traguardo, ma un diritto che ci appartiene fin dalla nascita … quindi, non puoi pensare di avanzare pretese su cose che già possiedi. Devi solo capire questo e renderti conto che comunque sia, dal momento che hai sopraffatto per troppo tempo le tue esigenze con quelle del tuo compagno, il processo di “liberazione della tua persona”, deve snodarsi lentamente e con un po’ di pazienza. La fretta non porta mai a nulla di buono. Rischierai solo di affannarti prima del tempo, non sortire l’effetto desiderato nel tuo compagno, 50 (che duplicherà le sue pretese) sbagliare tutto e domandare “tu scusa a lui”


STEP 3: SII AUTONOMA Comincia dalle piccole cose: dalle bollette che magari andava a pagare lui, alla passeggiata del cane che puoi fare da sola, passando per l’acquisto di un auto che ti darà maggiore autonomia. Cerca un hobby, un lavoro o qualsivoglia passatempo che ti conceda momenti di relax e ti impegni durante il giorno. E’ statisticamente provato che restare sempre chiusa in casa porta all’esaurimento del sistema nervoso quanto ( se non di più) la degenza ospedaliera (in quest’ultimo caso infatti, funge da calmante, la consapevolezza di doversi curare).

STEP 4: PARLANE CON LUI E’ necessario ora che anche lui venga a conoscenza dei tuoi desideri, che li metabolizzi e li condivida con te. Non è necessario che li accetti … Lui non deve accettare i vostri desideri, semmai deve accettare i vostri cambiamenti che potrebbero destabilizzarlo (SOLO i primi tempi). Sii chiara, senza mezze misure e non aver alcun timore nel mettere a nudo la tua persona. Non preoccuparti dell’importanza che lui possa dare alle tue esigenze. Se credi che siano giuste per te, dovranno esserlo anche per lui ( e se ha titubanze, remore, dubbi, preconcetti e pregiudizi … se li tenga per lui o al massimo invitalo a dirti la sua,avendo cura della scelta delle parole). Parti dal presupposto che un uomo che si fa beffe di te, delle tue esigenze, o non ti ascolta, rimanda, sbuffa, si distrae … ha già troppa poca considerazione di te. In quel caso, chiudi immediatamente il discorso e fai conto che gli abbia detto tutto e che lui ne era entusiasta … imparerà ad accettare i cambiamenti quando ci si troverà di fronte e capirà che alla prossima, sarà meglio ascoltarti. Richiama la sua attenzione con le buone o con le cattive.

STEP 5: SEI PRONTA Facciamo il punto della situazione. Hai una lista dei tuoi desideri, sei consapevole del fatto che il cambio deve avvenire gradualmente, hai trovato un hobby o un lavoro che ti calza a pennello e ne hai parlato con lui ( in quest’ultimo caso hai anche constatato la sua considerazione che ha per te e le tue esigenze). Direi che sei pronta a fare l’ultimo passo che chiamerei “chi mi ama mi segua”. Ama e goditi la tua libertà e indipendenza. Fa attenzione però a non trascurare troppo i tuoi affetti (e il tuo compagno) … anteporsi quand’è giusto e non sempre ed in ogni caso. Il rapporto di coppia rappresenta il giusto compromesso tra il dare e l’avere … non perderlo di vista mai! Non lasciare mai che altri decidano per te. Non decidere mai per loro.

51


k c e d t e e w t a c i r a c s : i p m e t i a z z i ottim

! o t t a f o m a i b b a ‟ l i No

Aggiornare simultaneamente lo status su tutti i social networks non è più un problema se si scarica questo leggerissimo e utile programma che si chiama TweetDeck. Noi l’abbiamo testato per fornirvi maggiori garanzie e pare che sia un vero portento: nessun limite alla lunghezza del post, possibilità di allegare file multimediali (video, foto) ed un solo click per condividerlo con tutti i vostri amici. L’aggiornamento non è in tempo reale (per i social diversi da twitter) ma questo rappresenta il male minore a fronte del risparmio energetico e temporale che vi offre questo strumento assolutamente free. Non vi resta che collegarvi a questo link (QUI) ed effettuare il download. Una volta installata l’applicazione non vi resta che configurarla aggiungendo i permessi nei social a cui siete iscritti.

CURIOSITA’ Si vocifera che twitter abbia acquistato di recente, tweetdeck allo scopo di chiuderlo. A marzo infatti, Ryan Sarver (direttore piattaforme twitter) si era detto contrariato a client alternativi come questo. Ora che tweetdeck è nelle mani di twitter quali sorti seguiranno per questo celebre client multipiattaforma e multiservizio.

52


Cucina … A

tavola con Revolution Brownies ai lamponi

PER I BROWNIES 75 G di cioccolato fondente 75 G di burro 2 uova 180 G di zucchero di canna 100 G di farina bianca “00” 100 G di gherigli di noce 60 G di lamponi

PREPARAZIONE Sciogliete il burro e il cioccolato a bagnomaria. A parte sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo. Unite delicatamente il burro e il cioccolato, versate la farina setacciata, le noci tritate e il cioccolato a pezzi e mescolate bene tutto. Imburrate uno stampo rettangolare per i brownies e versate il composto. Aggiungete i lamponi, premendoli uno a uno nella pasta. Cuocete in forno a 150°C per 40 - 45 minuti. Lasciate raffreddare su una griglia. Tagliate a quadretti e servite i brownies ai lamponi dopo averli lasciati intiepidire.

MINUTI PREPARAZIONE: 20 MINUTI COTTURA: 50 DIFFICOLTA’: MEDIA VINO: LEVERANO BIANCO PASSITO

53


Viaggi ... Qual

è il colore dei tuoi viaggi A cura di Paola Rapari

Tra nozze reali, matrimoni che iniziano a diffondersi così prepotentemente, ci sembra giusto oggi trattare di un colore molto passionale e sicuramente indicato in questo periodo dell’anno: il ROSSO FUOCO. Il rosso è il colore più vibrante e coinvolgente dello spettro, comunica impeto, passione, slancio, velocità, gioia, successo e potere (non a caso William si è sposato indossando una bellissima giacca rosso fuoco). Il ROSSO simbolo d’amore, fuoco, sangue, resistenza e aggressività è estremamente stimolante per il sistema nervoso: come un’iniezione d’adrenalina. Inoltre esso esprime forza e dinamismo, comunica un’idea di energia e coraggio e dimostra una forte fiducia e sicurezza di sé. Quando una donna ad esempio indossa un vestito di colore rosso, forse non immagina che sicuramente l’aiuterà a far aumentare il battito cardiaco del suo accompagnatore, un mezzo quindi per conquistarlo con più facilità (pensateci

se volte catturare il vostro uomo, magari per una serata romantica). Proprio per questo molto spesso i politici durante dei dibattiti e discorsi preferiscono indossare una cravatta di questo colore, così tanto per conquistare la folla. Un altro effetto del rosso è quello, guardandolo, di attivare le ghiandole salivari mettendo appetito e inducendo a mangiare più in fretta: ora avete capito perché la maggior parte dei fast food hanno questo colore nelle loro insegne o locali. Tornando ai viaggi, in Cina il rosso è il colore della fortuna, usato sia per gli abiti da sposa che per le cerimonie “dell’uovo rosso”: la benedizione dei bimbi appena nati. Ora, pensando alle possibili mete per gli amanti di questo colore, ipotizziamo che possano andar bene: - MAROCCO - MARRAKECH: città internazionale piena di energia e calore: mura, giardini e palazzi, custodiscono una cultura spumeggiante tra la tradizione dei suk e l’avanguardia dei lounge bar di tendenza; 54


- AUSTRALIA: nell’immaginario collettivo questo è sicuramente un continente dal cuore rosso, una natura aspra, spiagge da urlo e città a misura d’uomo; - SPAGNA – ANDALUSIA E ISOLE: una terra l’Andalusia che, con la sua magia araba insita nelle mosche di Cordoba, nei castelli reali a Siviglia e Granada, sicuramente coinvolge e appassiona il turista che si reca in queste zone. Ovviamente anche le isole, frenetiche e ricche di movida, rispecchiano queste caratteristiche e sono le mete predilette degli amanti di questo colore. - ITALIA - ROMA: già, la città eterna ricca di storia, monumenti e di inestimabile bellezza, stimola sicuramente il sistema nervoso del turista, infondendo una forte iniezione di adrenalina a chi si reca nella nostra amata capitale. Anche il carattere allegro e folkloristico dei romani è una carica di energia che affascina ogni visitatore. Pertanto, per le sue caratteristiche, mai colore fu più azzeccato per identificarla. Concludiamo dicendo che, se siete delle persone passionali e il rosso è il vostro colore, sicuramente una puntatina in una di queste città vale proprio la pena farla!!! A noi non resta che auguravi buon viaggio e al prossimo numero!

55


MUSICA GIANNA NANNINI AL FUTURSHOW STATION DI BOLOGNA Il 18 maggio 2011 Gianna Nannini torna alla Futurshow Station con l' "Io e Te Tour" 2011, 15 tappe nelle principali piazze italiane prima di approdare, in estate, all’estero, che fa seguito all'uscita del nuovo album Io e Te, pubblicato su etichetta Sony Music a due anni di distanza dal successo di Gianna Dream – Solo i sogni sono veri (400 mila copie vendute solo in Italia).

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI Futur Show Station 051/755933 www.futurshowstation.com

DJ SET IL PARTO DELLE NUVOLE PESANTI A VILLA SERENA (12/5/11) “Magnagrecia” è il nuovo album de Il parto delle nuvole pesanti uscito qualche giorno fa. Un progetto che segna una ulteriore evoluzione della band dallo stile ” etno-autorale” a quello “rock world music”, con inedite timbriche elettro – acustiche. L’album è ricco di suoni originali e crudi, ancestrali e futuristici insieme, prodotti con gli strumenti che più appartengono alla storia della band. Ne citiamo alcuni: percussioni, cajon, fisarmonica, tamburelli, chitarre, mandolini. I testi, cantati anche a più voci e e spesso in lingue o dialetti diversi, non tralasciano i temi di attualità come lo spopolamento dei piccoli centri con dispersione di comunità e perdita di culture, la mafia, l’ambiente, il viaggio, il diritto alla terra, alla vita e alla morte e raccontano storie di paesi abbandonati, rovine, viaggiatori, poveri, umili, naufraghi, profughi, emarginati, emigranti ed immigrati, nelle diverse forme che assumono nello spazio e nel tempo.

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI Villa Serena Via della Barca, 1, Bologna 051/6154447 www.vserena.it

IN COLLABORAZIONE CON EVENTI-BOLOGNA. IT 56


2night.it

( evento in evidenza )

Vapore, Massaggi E Aperitivo Al Blanco Urbanspa Dal martedì al giovedì nel mese di Maggio l'offerta Spa Mid-Week del Blanco Urbanspa Un maggio di piaceri infrasettimanali al centro benessere ristorante e lounge bar Blanco di via Tuscolana con l'offerta Spa Mid-Week. Più di un chilometro quadrato dedicato al benessere del corpo e dello spirito, con una cucina mediterranea di alto livello e un giardino d'inverno che viene sfruttato come una lounge area per aperitivo e happy hour. Ogni martedì, mercoledì e giovedì del mese di maggio potete godere di un lungo pomeriggio di relax e gusto con un Percorso Acqua e Vapore e una session allo Spa Massage seguiti da un aperitivo con abbondante e ricercato buffet. Si parte dalle 17,30 con i trattamenti per il corpo per passare all'happy hour fra le 19,30 e le 21; un happy hour arricchito dal Sultan menu, un'ampia degustazione di sfizi della casa: dai felafel ai gamberi in tempura, dai bocconcini di pollo con uva sultanina, pinoli tostati e pomodori secchi allo spiedo di gamberi e calamari, tutte ricette salutari che vengono condite da frutta, tè verde e cocktail analcolici ad hoc (l'Harem e il Mille e una Notte). Un'occasione ideale per andare a scoprire i tanti segreti del Blanco, molto più di una semplice Spa. L'offerta Spa Mid-Week vale martedì, mercoledì e giovedì al costo di 60 euro. BLANCO URBANSPA Via Tuscolana 892 - Roma info: 0676968656/800404040 martedì, mercoledì e giovedì dalle 17,30 alle 22,00

IN COLLABORAZIONE CON 2NIGHT. IT ( EVENTO IN PRIMO PIANO A ROMA) 57


Sagra della patata novella ( evento Campano in evidenza )

Giunge alla sua IX edizione l’evento Campano più atteso dell’anno: “La Sagra della Patata Novella”. L’evento si snoderà in diverse serate che vanno dal giorno 26 al 29 Maggio 2011. Intento primario della Sagra è la valorizzazione e degustazione dei piatti tipici del territorio agronolano preparati dagli chefs del posto e avente un unico ingrediente in comune, la patata novella (unica vera protagonista della stessa). Ad allietare le serate con balli, musica e animazione, ci saranno comici, gruppi folkloristici, gruppi teatrali, scuole e, nella sua prima edizione, le ragazze che sfileranno in passerelle per contendersi il titolo di Miss Novella . Il concorso di bellezza che mira a sensibilizzare l’ambiente della moda locale ed a coinvolgere giovani provenienti da ogni luogo, avrà luogo il giorno 27 Maggio con la partecipazione straordinaria del magazine Revolution . L’evento è svolto in collaborazione con enti di beneficenza ai quali sono destinati i proventi delle serate. EVENTO GESTITO DA: Associazione Ambiente Azzurro onlus agronolano

… o i g g a M 9 2 l a 6 ! e 2 r l a c a n D a m n o N

LUOGO: Marigliano (NA) in via San Francesco DATE ESPOSIZIONE STAND E SERATE: 2627-28-29 Maggio c.a.

EVENTO CAMPANO IN EVIDENZA ORGANIZZATO DALLA ASS. AMBIENTE AZZURRO 58


MEN’S CORNER

CALCIO 010/2011: 2 e u g a e L s n io 60: Champ nited, sfida U r te s e h c n a -M Barcellona tra regine. SALUTE llo che c’è e u q o tt u T : IA G 62. ANDROLO to chirurgico n e rv te n ’i ll u s re da sape del pene di allungamento a. Cause e c ti e n e g ro d n A 64. Calvizia cure IN FORMA nati al parco 66. FITNESS: Alle 59


Calcio - Champions League 2010/2011: Barcellona-Manchester United, sfida tra regine. A cura di Andrea Speziale

Sarà una finale di Champions ad alti livelli quella che vedrà contrapposte le due squadre più forti del mondo: il Barcellona e il Manchester United: le due regine d'Europa. Due scuole calcistiche differenti, due modi di intendere il calcio, due stili di gioco; un solo traguardo: la vittoria. Da un lato ci sono i blaugrana di Messi: una squadra costruita per dare spettacolo e per esaltare il pubblico, che in Spagna ha dominato la Liga e che in Europa non si è fermata di fronte a nulla; dalla parte opposta ci sono i red devils inglesi: un gruppo compatto, una squadra di uomini più che di campioni, fusione di vecchio e nuovo, con Rooney e Giggs che la possono far volare in alto. Ma questa gara è anche qualcosa di più, è una rivincita. Infatti nel 2009 queste due formazioni si erano già scontrate proprio nella finale di Champions. Allora gli inglesi erano largamente favoriti, mentre gli spagnoli iniziavano a mostrarsi come la nuova superpotenza del calcio. E alla fine vinse il Barcellona con il risultato di 2-0. E adesso benché Ferguson dica il contrario, il Manchester vuole riprendersi quel trofero che gli fu strappato due anni fa. Ma esaminiamo bene questa Champions League che è stata per molti versi anomala.

All'inizio della fase ad eliminazione diretta infatti notiamo che le sedici squadre presenti rispecchiano le gerarchie europee: ci sono quattro inglesi, tre italiane e tre spagnole, due francesi e due tedesche e le aggiunte di una squadra danese e di una ucraina. Le sorprese però cominciano dal turno successivo e continuano fino alla semifinale. Infatti nessuna italiana (né l'Inter campione uscente, né la Roma vicecampione d'Italia, né il Milan che attualmente guida la Serie A) riescono ad arrivarci. Stessa sorte tocca ai nostri cugini francesi: infatti sia il Lione che l'Olimpique Marsiglia vengono eliminati durante gli ottavi. A sorpresa invece avanzano formazioni poco blasonate a livello europeo: lo Shaktar e il Tottenham che arrivano fino ai quarti estromettendo Roma e Milan, e, soprattutto, lo Schalke 04 che dopo aver superato a sopresa Valencia ed Inter arriva addirittura in semifinale. 60


E proprio le semifinali rispecchiano il nuovo ordine calcistico europeo: Spagna, Inghilterra e Germania sono adesso le nazioni che praticano il miglior calcio; mentre l'Italia è ridotta ad osservare da lontano. La gara più attesa è naturalmente Barcellona-Real Madrid, il “clasico”, che vede affrontarsi le due migliori squadre spagnole (la Liga potrebbe ridursi a un confronto tra queste due sole formazioni). All'andata vincono i blaugrana per 2-0 con una doppietta del solito Messi. Ma il risultato passa in secondo piano perché il tecnico delle merengues, Mourinho, in conferenza stampa fa delle dichiarazioni shock arrivando ad insinuare che la squadra di Guardiola venga favorita dagli arbitri (di cui fa anche i nomi) in Europa e che tutte le squadre che affronta siano penalizzate. Non si è fatta attendere la squalifica del portoghese e nemmeno la denuncia dei catalani. Nell'altro incontro il Manchester è passato agevolmente contro uno Schalke che non ha saputo reggere all'urto dei diavoli rossi. Le reti sono venute dai giocatori più rappresentativi della squadra: Giggs e Rooney. Le partite di ritorno sono state una pura formalità: il derby spagnolo è terminato con un pareggio per 1-1 (e con il lieto ritorno in campo di Abidal da poco operato per un tumore), mentre lo United in versione “riserve” ha affondato i tedeschi con un 4-1 che non lascia spazio a polemiche.

Ed ora si affronteranno le due formazioni migliori del torneo nella spelndida cornice del nuovo Wembley Stadium. Il giovane Guardiola contro l'espertissimo Sir Alex Ferguson, i giovani del vivaio catalano contro la vecchia guardia inglese, la tecnica contro la tattica, Messi contro Rooney. Barcelona-Manchester United. E che vinca il migliore!

61


REVOLUTION INFORMA ANDROLOGIA

Tutto quello che c’è da sapere sull’ intervento chirurgico di allungamento del pene

62


Un interrogativo che affligge molti uomini. Un movente psicologico che li spinge a ricorrere a metodi sempre più invasivi per la propria salute. La dimensione del pene, pare esser diventato uno dei tanti/troppi motivi di ricorso alla chirurgia o peggio, a metodi fasulli che hanno solo uno scopo, quello commerciale. Abbiamo intervistato il Dottor Giancarlo Iovine e gli abbiamo posto delle domande allo scopo di fugare ogni dubbio in merito all’ allungamento del pene chirurgico. R: Allungamento del pene: qual è la fascia d’età maggiormente interessata a quest’ intervento? G.I: Prima, ancora prima della “nascita” di un intervento chirurgico di allungamento, il ricorso ad altri metodi era pressoché nullo, forse per scetticismo. Allora, a rivolgersi all’andrologo, erano soprattutto giovani. Direi 25/35 anni. Oggi, con l’estensione della chirurgia a questa tipologia di problema (che problema non è se non nel caso rarissimo di micropene), la fascia d’ età è lievitata sensibilmente, interessando anche uomini più maturi. Direi 25-45 anni.

R: E restando in tema di misure: di quanti centimetri potrebbe allungarsi con l’intervento? G.I: Almeno di 2 ma non più di 3

R: Quali sono le motivazioni che generalmente riferiscono in un colloquio con l’andrologo? In quali casi lo sconsigliate o viceversa? G.I: Le motivazioni assumono sempre una “veste” diversa, ma la sostanza resta la stessa: inadeguatezza. Sono più i motivi psicologici a spingerli a rivolgersi a noi e solo raramente, vantano problemi veri come il caso suddetto del micropene e dell’obesità. In questi ultimi casi, come in quelli di “epispadia, ipospadia grave, estrofia vescicale ecc”, indichiamo come possibile l’intervento. Viceversa lo sconsigliamo vivamente.

R: Le va di spiegarci in cosa esattamente consiste l’intervento e quali sono i rischi? G.I: Si tratta di un intervento delicatissimo che prevede l'asportazione del grasso del pube, la plastica di allungamento della cute del pube e la sezione del legamento sospensore. La degenze ospedaliere è di un giorno salvo complicazioni e il paziente deve assolutamente astenersi dall’avere rapporti sessuale nei 10 giorni successivi (almeno io ne consiglio 10). Per quanto riguarda i rischi, preferisco essere controcorrente e dire al mio paziente che “il gioco non vale la candela” … un allungamento di 2 cm non mi sembra sufficiente per sottoporsi ad un intervento così delicato. Comunque sia, per fornire una risposta alla vostra domanda, i rischi possono essere molteplici come non e vanno dall’ematoma alla retrazione della cicatrice. Nei casi più gravi, all’impotenza (ecco perché è sempre un bene affidarsi a mani davvero esperte)

R: Appunto. Vorrei rimanere sul punto un attimo e chiederle: quando si può parlare di micropene? G.I: Come dicevo i casi di micropene sono rarissimi. Le dimensioni in questo caso possono anche essere di soli 2 centimetri.

R: Cosa determina un micropene? G.I: E’ quasi sempre determinato da una mancanza di testosterone (ormone maschile) nell’organismo. In questo caso, e solo in questo caso, lo specialista andrologo dopo aver accertato con esami del sangue, che effettivamente il disturbo ha un origine ormonale, prescrive massicce dosi di testosterone (in alternativa alla chirurgia) che quasi sempre producono discreti e talvolta buoni risultati.

63


In Italia 8 milioni e mezzo di uomini intorno ai 40 anni lamentano seri problemi di calvizie. Questo processo di caduta e non ricrescita si instaura, però, soltanto nelle persone predisposte, perché dipende dal corredo cromosomico. In parole povere, questo tipo di calvizie è la risultante di fattori ormonali e genetici. In pratica, esiste una vera e propria predestinazione alle calvizie che non può essere battuta in anticipo. Non esiste infatti, almeno per il momento, una tecnica o un farmaco in grado di trasformare il nostro patrimonio ereditario.

Il diidrotestosterone è un prodotto tossico per il bulbo. Questo processo è la causa più importante dell’alopecia androgenetica.

TUTTI I RESPONSABILI Oltre agli ormoni, nell’alopecia androgenetica di tipo ereditario interferiscono diversi altri fattori. Vediamo quali sono:

1) I RECETTORI NERVOSI DEI BULBI HANNO UNA CONFORMAZIONE SBAGLIATA

Ma scopriamo insieme quali sono le cause delle calvizie androgenetiche. Prima di tutto “GLI ORMONI”. Il testosterone viene trasformato in diidrotestosterone, per opera di un enzima.

E

E I Z I V CAL

OG R D N

2) I LINFOCITI (ANTICORPI) ATTACCANO LE CELLULE CHE

A C I T NE

A

64

A

US A C :

E R U EC


PRODUCONO MELANINA INDE BOLENDO IL SISTEMA IMMUNITARIO.

CONOSCIUTA ANCHE COME CALVIZIE EREDITARIA ED E’ LA PIU’ DIFFUSA CAUSA DI PERDITA DEI CAPELLI. AFFLIGGE L’80% DEGLI UOMINI SOPRA I 60 ANNI, MA I SUOI EFFETTI SI FANNO ENTIRE MOLTO PRIMA, ANCHE INTORNO AI 20 ANNI.

3) I BULBI INTERROMPONO LA LORO ATTIVITA’ A COMANDO DI UN GENE GIA’ RESPONSABILE DEL SOPRAVVENIRE DI CISTI OVALICHE NELLE DONNE

CURE Ne abbiamo parlato anche nel primo numero e lo ribadiamo in questo. Per risolvere la calvizie ereditaria, oggi i dermatologi possono contare sull’uso di farmaci (soprattutto l’ormai noto Minoxidil) che in molti casi riescono a interrompere, o per lo meno a limitare, la caduta dei capelli, ritardandola. Questo avviene nel 90% dei casi. Comunque, anche se quelli caduti non ricrescono, si ha un netto miglioramento della struttura dei capelli che diventano più grossi, più belli. Nel rimanente 10%, le stesse cure sono state in grado di far rispuntare i capelli, chiome folte e sane come prima che iniziassero a diradarsi, e non una semplice perluria. Purtropo questa è un’eventualità molto rara, perché nell’alopecia androgenetica è difficile che i bulbi morti riprendano vita. Non si conosce la ragione di queste differenze nei risultati. Gli esperti però ritengono che tutto dipenda dal fatto che ogni persona risponde in modo diverso e soggettivo al farmaco.

65


FITNESS: ALLENATI AL PARCO Con l’avvicinarsi dell’estate ci si pone sempre più spesso il problema “tempo”. Per chi lavora fino a tardi sera poi, il problema diventa un dilemma e ci si domanda com’è possibile tenersi in forma e preparasi per l’estate. Trascurando per un attimo “i fanatici della bellezza” che una mini palestra ce l’hanno in casa e non hanno alcuna sorta di problema, ci dedichiamo oggi a chi si ricorda dell’ esistenza di queste grosse strutture dove allenarsi, solo pochi mesi prima della stagione estiva. In questo ultimo caso e per chi ha poco tempo a disposizione da dedicare alla bellezza, abbiamo ideato, con i consigli di un personal trainer (Giacomo Burco di Napoli) un semplice circuito che esercita tutti i muscoli in breve tempo e da poter effettuare anche all’aperto con un po’ di inventiva e l’ausilio di qualche oggetto da strumentalizzare per la corretta esecuzione degli esercizi. Il circuito ideato è finalizzato ad un allenamento costante e giornaliero. I risultati non tarderanno a mostrarsi.

PRIMA DI TUTTO RISCALDATE I MUSCOLI CON 30 MINUTI DI CORSA. PASSATE POI AI PIEGAMENTI SULLE BRACCIA ( 3 SERIE X 15 PIEGAMENTI CON PAUSA DI UN MINUTO TRA GLI STESSI )

TRAZIONI ( 3 SERIE X 15, CON PAUSA DI UN MINUTO TRA GLI STESSI ) AIUTATEVI CON UNA SBARRA O UN ELASTICO

PIEGAMENTI SULLE GAMBE ( 3 SERIE X 15 PIEGAMENTI CON PAUSA DI UN MINUTO TRA GLI STESSI )

CRUNCH ( 3 SERIE X 15, CON PAUSA DI UN MINUTO TRA GLI STESSI ) 66


Revolution si sdoppia ancora e diventa un mensile! REVOLUTION TI RISERVA IMPORTANTI NOVITA’ . NUOVE INTERESSANTI COLLABORAZIONI, UN NUOVO PORTALE DALLA GRAFICA PROFESSIONALE E TANTE NUOVE FUNZIONI, UN BLOG DEDICATO ALLE NOSTRE LETTRICI, E SOPRATTUTTO … RESTA CON REVOLUTION E LO SCOPRIRAI! INTANTO NON MANCARE ALL’APPUNTAMENTO DEL 10 MAGGIO. MANCANO SOLO 2 GIORNI AL NUOVO E INTERESSANTISSIMO NUMERO DI REVOLUTION DEDICATO ALLA FOTOGRAFIA DI MODA! 67


68

Profile for Gloss Magazine

Revolution Magazine N° 8  

Il magazine che non parla di Vip! Vi ricordiamo che il giorno 10 Maggio sarà online lo speciale dedicato alla fotografia di moda ... Non man...

Revolution Magazine N° 8  

Il magazine che non parla di Vip! Vi ricordiamo che il giorno 10 Maggio sarà online lo speciale dedicato alla fotografia di moda ... Non man...