Page 1


PubblicitĂ


PubblicitĂ


PubblicitĂ 3


PubblicitĂ 4


Sommario

Editoriale

Benessere o non Benessere Signore e Signori Le 100 Migliori Spa Italiane

RDM Edizioni Pescara P.IVA 016162440683 Anno 0 - Numero 1 Supplemento gratuito a Dossier Medicina Registrazione Tribunale di Pescara n°1114/7 Agosto 2007 Direttore Responsabile Maurizio Costanzo Redazioni Via S. Cresimata, 1 - Pescara Via V. Viara de Ricci, 43 - Roma

Art Director: Mirco Sanna Progetto Grafico: Marilina Carrara Ricerca Fotografica: Carlo Berinni Redazione

Mauro Passeri Martina Valloreo Isa Choali Luca Amore Carla Di Meo Ighor Masek Simone Diodati Michele Ranalli Davide Santori Luca Serra Maria Poma Marcella Arrese Carlo Pressini

I Parametri di Eccellenza

14

I Luoghi del Benessere

18

l mondo delle Spa visto dalla Bocconi

22

Dal pre-progetto allo start up

24

Acqua Viva & Formule Olistiche

27

Le Parole del Benessere

35

Miti del Jazz Miles Gloriosus

42

Concessione Pubblicitaria Esclusiva

RDM Edizioni Pescara Stampa

La Pieve Poligrafica Villa Verrucchio (Rn)

Matrimioni d’interesse

www.le100migliorispaitaliane.it info@ le100migliorispaitaliane.it La riproduzione anche parziale e sotto qualsiasi forma del materiale contenuto, anche rielaborata e diffusa sotto forma elettronica, è espressamente vietata senza l’autorizzazione scritta dell’editore. Tutti i diritti su testi, manoscritti, materiale grafico e fotografico sono di proprietà dell’editore.

Ela banca salverà il cinema Per convenienza

45

Letture sotto l’ombrellone

47

Le 1000 proprietà

57 61

10 libri da spiaggia dell’olio di Argan Le 100 Migliori Spa Italiane Graduatorie e profili per regione

6

8 12


PubblicitĂ 7


Editoriale di Mauro Passeri

Benessere o non

BENESSERE Amleto e le Spa del Duemiladieci

B

enessere. Parola chiave della società contemporanea.Se ne parla ovunque: sui giornali, in tv, su internet, tra la gente. E nel mondo imprenditoriale, pronto a investire in questa nuova Bengodi, affascinato da tassi di crescita a 2 cifre, così rari nelle fasi di sviluppo, figurarsi in questi tempi di crisi. Ma, quando parliamo di benessere a cosa realmente ci stiamo riferendo? Apparentemente, siamo di fronte ad un concetto dilatabile all’infinito. Partendo dall’alimentazione, passando per i temi legati alla salute, fino alle pratiche di meditazione ascetica, tutto può essere riconducibile al benessere. A questa varietà di interpretazioni, già di per sè in grado di generare malintesi, si somma la grande incertezza - normativa, disciplinare, persino terminologica - esistente tra gli stessi operatori del settore. Che sono spesso i primi a confondere: fitness con wellness, centro estetico o istituto di bellezza con SPA, cliniche per il dimagrimento con stabilimenti termali e così via. Così che sotto la voce centri benessere si trovano spesso catalogate tanto l’hair stylist con cabina estetica, quanto il centro laser anticellulite, il ristorante macrobiotico, la palestra con sauna, il centro tai chi e chissà cos’altro. Attività degne del massimo rispetto, sia chiaro, ma che solo talvolta, e soltanto marginalmente, presentano punti di contatto con il benessere in senso stretto. Basta dare un’occhiata ai principali portali del benessere o alle guide più diffuse

8

del settore per rendersi conto di quanto grande sia la confusione sotto il sole splendente del wellness in salsa italiana. Un mercato che nel nostro paese vale alcuni miliardi di euro e con una crescita che sfiora il 10% non merita questo caos comunicativo. Nella latitanza del legislatore, è stato il mondo dell’impresa a muoversi, commissionando alcune ricerche sul campo, più o meno accurate. La più approfondita, affidata dalla Unipro ai ricercatori della Bocconi, ha cercato di elaborare delle linee guida per stabilire con certezza cosa si intenda per centro benessere e così identificare in maniera definitiva le aziende qualificate a rientrare nella categoria. La ricerca, articolata nel biennio 2008/2009, è giunta a conclusioni che ormai risultano condivise: si definisce centro benessere quella struttura che presenti 2 requisiti fondamentali. Innanzitutto, che abbia al suo interno 3 spazi ben definiti e contigui: Un’ Area Umida - piscine, bagni di vapore, calidarium, etc., un’Area dedicata ai Trattamenti Viso/Corpo e, infine, un’Area destinata al Relax e al ripristino della naturale temperatura corporea. Come secondo requisito, la ricerca individua quello della esclusività - o, quantomeno, della prevalenza. In sostanza, nella struttura così identificata il core business - ossia, l’attività principale, se non proprio l’unica - dovrà essere rappresentato dall’offerta di servizi finalizzati al relax psicofisico e al miglioramento estetico senza alcun intervento invasivo. Si tratta di po-

chi, ma inequivocabili concetti. Per capirci, un Fitness Center di 1000 mq con 100 mq di sauna, bagno turco e cabine massaggio, resta un fitness center, solo più attrezzato e competitivo. I ricercatori vanno anche oltre, puntando ad identificare le Spa, i centri Salus Per Aquam. In sintesi, se la struttura che abbiamo sopra definito centro benessere arriva a possedere una dimensione importante, per volume dell’impianto (oltre 300 mq), numero e ampiezza delle cabine per i trattamenti manuali viso/ corpo, un’area umida molto articolata - piscine termali e non, idromassaggio, talassoterapia, vari ambienti caldi con differenti temperature e umidità, etc. - ecco che abbiamo una SPA: se si trova all’interno di una struttura ricettiva, configurerà una Hotel SPA; collocata in un centro abitato, ma senza l’offerta di soggiorno, prenderà il nome di Day SPA. Si tratta di nozioni poco più che elementari, riconosciamolo. Eppure, c’è voluto del bello e del buono perchè qualcuno si incaricasse di elaborarle. E altra acqua - è più che mai il caso di avvalersi della metafora - dovrà scorrere perchè il rutilante mondo del benessere si convinca ad adottare concretamente quei principi. Ci saranno ulteriori resistenze. Ma, un processo inarrestabile si è ormai messo in moto. Saprà diffondersi rapidamente e in profondità grazie ad un alleato formidabile: il consumatore. Curioso, informato e moderatamente diffidente, ora quando nota l’insegna “ Centro Benessere Parrucchiera Lina” dapprima manda un gemito di disapprovazione. Poi, tira dritto. ♠


PubblicitĂ 9


PubblicitĂ 10


PubblicitĂ 11


Copertina di Martina Valloreo

100

Le

Signore e Signori Migliori Spa Italiane

Una guida, un portale, un magazine, e tante altre cose ancora. Ma, soprattutto, il tentativo di dare una definitiva identità ad un settore, come quello del benessere, letteralmente esploso negli ultimi anni, nonostante il dilettantismo di molti dei suoi operatori e dirigenti ed il caos normativo e di comunicazione che lo governa. Ci sono i migliori centri Spa del paese, ma anche un mondo di notizie, consigli e suggerimenti. Utili agli investitori, a chi lavora nel campo e a quei consumatori di benessere - in vertiginoso aumento - alla perenne ricerca della qualità totale.

G

aleotta fu la ricerca di un cinema dove smaltire la delusione di una visita ad una molto pubblicizzata - ed altrettanto scadente - SPA di una grande città italiana. Lei disse: ”Ecco, vuoi andare al cinema?, trovi ovunque critiche e commenti... (Annuii, pensando alla nostra fidata guida ai ristoranti d’Italia, incollata ai sedili posteriori dell’auto). Lei continuò: “... ci sono vademecum affidabili per tutto, ormai. Possibile che invece per fare un percorso di benessere o un trattamento ai fanghi ci tocchi sempre fare i pionieri? Nemmeno il pc è stato di aiuto, su internet girano solo pubblicità mascherate da guide...” Questo dialogo, per la verità più simile ad un monologo, avveniva circa 3 anni fa e andò avanti per circa venti minuti (lei si sfogava, mentre io che nella mia lunga carriera di esploratore di hammam e bagni termali mi ero imbattuto nelle SPA più sgarrupate come in quelle più lussuose ed esclusive, riflettevo sull’insano paradosso che aleggiava sul benessere italiano). Incapace, in uno dei periodi più floridi della propria economia (che dura ancor oggi e non dà segni di flessione, al contrario), di darsi regole certe, di puntare sulla Qualità, di creare un Osservatorio e, dunque, una guida autorevole, davvero indipendente, in grado di indirizzare il consumatore, aiutando entrambi, imprenditore del benessere e visitatore -tipo, a crescere. Da quella vivace discussione, dunque, sono trascorsi 3 anni. Invano, com’è chiaro. Perchè, se da una parte si continua a riscontrare un interesse (dei media, degli investitori e, soprattutto, della clientela sia attuale che potenziale) mai così elevato, dall’altro manca del tutto una seria catalogazione degli operatori del settore. E non esiste, come per ristoranti, alberghi, aziende dell’ospitalità in genere, una classi-

12

ficazione, una graduatoria. Né su stampa, né on line. A parte il passaparola, non esistono efficaci strategie di comunicazione in tema di benessere, circostanza ha finito per penalizzare proprio i tanti centri che puntano sulla Qualità. Degli ambienti, dei servizi, dei prodotti utilizzati. E che lavorano duramente per offrire ai propri ospiti il meglio. Da questa serie di considerazioni, dal desiderio di coprire questa mancanza strutturale, è nata l’iniziativa che qui viene presentata. Nella prospettiva di migliorare il panorama informativo sulle Spa e semplificare la ricerca dei centri di eccellenza da parte della clientela ha preso dapprima vita il portale Le100migliorispaitaliane.it e ora questo magazine semestrale, completo della guida. Per segnalare tutto il meglio che si muove sotto il cielo del wellness italiano. E dare voce a coloro che provano a contrastare quella confusione normativa, disciplinare, terminologica e, soprattutto, di comunicazione che si è impadronita del mondo del benessere. E che finisce spesso per mettere sullo stesso piano attività del tutto disomogenee, impedendo ad operazioni di alto profilo in questo campo di ottenere l’attenzione che meriterebbero. Nelle pagine dedicate ai “Parametri di Eccellenza” vengono chiariti i criteri di valutazione utilizzati dal gruppo di lavoro incaricato della fase di esame delle strutture e della redazione dei profili relativi alle Spa selezionate. Un gruppo di lavoro composito, formato dalle seguenti figure professionali: uno Spa manager, un architetto e interior designer, un esperto in light engineering, un tecnico progettista in termoidraulica, una naturopata, una direttrice di reparto beauty ed, infine, un grafico pubblicitario e web designer. Le valutazioni espresse sono frutto di una lunga e complessa opera di raccolta di informazio-

ni, visite e analisi delle strutture oggetto di studio. Naturalmente, come sempre avviene in operazioni del genere, anche questa potrà essere oggetto di critiche e contrasti. Che saranno, comunque, i benvenuti, nell’ottica di una dialettica utile alla migliore e più ampia informazione della clientela. Da questa operazione divulgativa, a nostro parere, potranno scaturire grandi benefici per l’intero comparto del benessere italiano, che si vedrà spinto alla ricerca della qualità totale. Ciascun profilo elaborato, com’è ovvio, sarà soggetto al diritto di replica che verrà pubblicato in tempo reale nella pagina web corrispondente, in calce al profilo stesso. Mentre i visitatori avranno a disposizione una specifica area commenti nella quale potranno lasciare le proprie opinioni sugli argomenti trattati. Statistiche costantemente aggiornate terranno conto di opinioni e commenti, che potranno influenzare scelte e posizioni in classifica. Tutte le graduatorie e i relativi indici di valutazione verranno invece aggiornati ogni 6 mesi. ♠


Le Ragioni di una Scelta Sono tante le motivazioni che hanno portato al lancio di questa nuova inziativa. Tra le prime, quella di dare a tutto il mondo del benessere una struttura più solida, migliorandola in uno dei suoi due punti deboli più eclatanti: la Comunicazione (l’altro è quello delle Professionalità, come riconoscono i più recenti studi sul campo, vedi quello della Bocconi citato nell’editoriale del nostro direttore e pubblicato in estratto nelle pag. 32). Noi di 100Best pensiamo che sia possibile dare ulteriore, notevole sviluppo al mercato del benessere attraverso una divulgazione meno approssimativa. Che sia corretta nella terminologia, fedele nelle descrizioni, e dunque attendibile. E che faccia un uso sapiente delle immagini. Un approccio meno complicato alle informazioni e una migliore conoscenza da parte dei consumatori, va da sé, potranno essere di grande impulso a tutto il movimento e alle singole imprese. Che verranno spinte a puntare sulla qualità totale per migliorare i propri servizi ed ampliare il mercato. Noi ci crediamo. Dunque, questo è anche un invito, agli imprenditori italiani del benessere, agli operatori del settore, agli amanti delle SPA, e a tutti coloro che ne sono semplicemente incuriositi. A entrare in contatto, a divenire parte di una comunità più ampia, accomunata dall’interesse, dalla passione per il benessere. Un invito ai primi a presentare le proprie aziende (perché ritenute in linea con i parametri di eccellenza, il report è alle pagine 37), lanciare nuove iniziative e idee. Agli altri a dare giudizi, scambiare opinioni, con equilibrio e intelligenza e partecipazione. Attendiamo il contributo di tutti. di Isa Choali

13


I Parametri

ECCELLENZA I PARAMETRI DI

L’elenco dei principi che hanno ispirato le scelte del gruppo di lavoro incaricato di selezionare le 100 migliori Spa italiane.Vediamo, al di là dei titoli, come si traducono nella vita quotidiana dei centri benessere. Informazioni (estremamente) utili su come organizzare la propria impresa: la struttura, i collaboratori, le relazioni con gli ospiti. Per i centri in via di realizzazione. E per quelli che necessitano di un sapiente restyling.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 14

Informazione & Accoglienza Distribuzione degli Ambienti Comfort delle Cabine e degli Spazi comuni Pulizia e Igiene Preparazione del Personale Armonia degli Interni Numero e Composizione dei Trattamenti offerti Termalismo Stimolazione dei 5 Sensi Rapporto Qualità Prezzo Capacità di Innovazione Soddisfazione del Cliente


Il parametro 1. Informazione & Accoglienza

L ’informazione deve essere precisa e completa ben prima della visita. Brochure, sito web, messaggi pubblicitari devono incuriosire e stimolare, ma soprattutto informare. Chi lavora con qualità non teme il cliente consapevole, al contrario lo apprezza: la sua propensione alla spesa sarà sempre superiore a quella di un ospite distratto. L’accoglienza è un sorriso. Accompagnato, però, dalla capacità di dare risposte puntuali e corrette alle domande, anche le più impegnative. L’incarico di ricevere gli ospiti non va affidato a delle hostess di bell’aspetto e basta, ma a persone che sappiano creare comfort, con una profonda esperienza in materia di benessere. Nei casi di Hotel Spa, reception dell’albergo e della Spa, come è naturale, devono avere ognuna una propria indipendente organizzazione.

serve il medico, è sufficiente uno stato generale di buona salute. Ma questo non deve significare anarchia o assenza di indirizzo da parte del centro. Le operatrici devono saper accompagnare, con discrezione, e controllare, quasi invisibili, l’intera permanenza dei clienti. Quanto alle scelte in listino, queste non possono ridursi a sole poche opzioni. Una Spa di livello alto sa parlare di benessere con fluidità in tante lingue diverse. E troverà sempre quella giusta per comunicare con qualsiasi tipo e costituzione di ospite. Ambienti e manualità devono avere come primo obiettivo l’abbandono del cliente. L’abbandono è il primo reale obiettivo di un centro che si occupi di benessere: quando l’ospite si trova in quello stato di estasi, di completo relax psico-fisico, anche il trattamento più strettamente estetico si sublima, dando risultati altrimenti non raggiungibili.

I parametri 2. 3. e 6. Gli Ambienti

Il parametro 8. I 5 Sensi

O gni Spa deve possedere una sua propria anima. La sua personalità venire fuori fin dal primo contatto. Riconoscibile. Arredi e rivestimenti scelti e realizzati con cura, una architettura della luce (quanto rara) in grado di valorizzare gli ambienti e creare armonia. Cabine trattamenti ampie – anche quelle singole – un buona dose di cabine di coppia e spazi comuni di dimensioni importanti, anche se la scelta del centro di qualità sarà sempre di occuparli con un numero limitato di ospiti contemporaneamente. Centrale è la distribuzione degli ambienti. Camminare per decine di metri, passare porte, superare scale per andare da un punto all’altro del proprio percorso di benessere è caratteristica di molti centri. In particolare di quelli nati senza progettualità o da un team di esperti in altri settori, non nel benessere.

Il parametro 5. La preparazione del personale

L a Spa di alto livello - che non significa nella maniera più assoluta prezzi elevati, irraggiungibilità, lusso fine a se stesso – deve avere un’anima e una filosofia di lavoro. All’interno di metodiche classiche e ampiamente sperimentate, dovrà essere in grado di sviluppare un proprio linguaggio, dei suoi protocolli operativi. Su questi dovrà ulteriormente preparare il proprio team professionale: vanno bene gli specialisti (la riflessologa, l’operatrice shiatsu, etc.) ma nella quasi totalità dei servizi dovrà vigere una intercambiabilità dei ruoli, senza che l’ospite assiduo possa notare differenze sostanziali nelle tecniche di manualità e nella presentazione di ambienti e servizi. L’operatrice di Spa è una figura professionale praticamente inesistente: si tratta, in genere di estetiste e massaggiatrici che hanno maturato esperienze in centri di medio e alto livello, e tuttavia non è sempre così. Come si è già accennato, la preparazione tanto del personale operativo, quanto (diremmo, soprattutto) di quello dirigente, costituisce la principale lacuna del settore. Mancano scuole e insegnanti preparati, anche se qualcosa comincia a muoversi. Almeno nella propria struttura occorre saper creare una squadra. L’operatrice di Spa ha una cultura del benessere superiore. Studia, si aggiorna ed è in grado di dialogare con l’ospite sapendo ciò che dice ed esprimendosi con proprietà di linguaggio.

Il parametro 7. Numero e composizione dei trattamenti offerti

N on è una Spa o un centro di qualità quello che lasci i propri ospiti liberi di entrare e fare quello che gli pare. Per frequentare una Spa, in genere non

L a vera Spa deve saper essere completa. Completezza nel benessere vuol dire capacità di donare relax psico fisico stimolando in maniera equilibrata tutti e 5 i sensi dell’individuo. Aromi, suoni, colori, le mani che sanno sfiorare e pressare, gli infusi di erbe e gli zuccheri nello spazio relax, sono tutti elementi necessari e decisivi. Ciascuno di essi deve concorrere, in misura bilanciata, a creare quello stato di Armonia. Senza dimenticare anche il sesto e settimo senso. Perché nel benessere basta un niente per mandare a rotoli anche la più scrupolosa organizzazione. Un tono di voce appena alterato, un gesto disarmonico, un odore sgradevole, sul momento passato inosservato: quante volte accade di non tornare in un posto apparentemente gradito, senza neppure essere in grado di spiegare perché. I nostri 5 sensi sono stati soddisfatti, ma nel nostro inconscio si è appiccicata una sensazione poco piacevole. Sarà sempre quella decisiva.

Il parametro 9. Il Termalismo

è l’unico opzionale. Anche se una vera Spa, un centro salus per aquam che voglia dirsi prestigioso non può farne a meno. La presenza di principi attivi termali, di diversa origine e composizione, nelle acque e/o nei prodotti utilizzati nelle Spa non è requisito essenziale, anche se molto, molto importante. Il termalismo può essere originario oppure artificiale, in questo secondo caso addizionando alle acque naturali componenti termali provenienti da stabilimenti riconosciuti (anche se questa pratica non è precisamente disciplinata su alcun piano, regolamentare o normativo). La ricchezza e la capacità di produrre immensi benefici per la salute delle acque termali italiane è riconosciuta in tutto il mondo. Anche se molto ci sarebbe da dire su alcune trasformazioni (si pensi alle notevoli modificazioni della temperatura all’origine per favorirne l’utilizzo) che vengono effettuate su questo prezioso patrimonio. Ad ogni modo, la grande capacità produttiva dell’industria del benessere italiana ha avuto origine nel mondo delle terme e sono ancora i centri termali, sotto forma di stabilimenti e grandi alberghi, a capeggiare la lista delle strutture più prestigiose. Un riconoscimento dovuto. Tuttavia, la Spa cittadina – se saprà cambiare registro e investire su qualità e professionalità - è destinata ad insidiare quella supremazia. In primo luogo, perché la sua frequentazione non comporta i trasferimenti e i costi alberghieri della stazioni termali, quasi tutte distanti dai grandi comprensori urbani. E poi, perché (soprattutto) permette una fruibilità costante nel corso dell’anno. Questo è il vero elemento vincente. Ma, bisogna avere le qualità per saperlo sfruttare.

15


PubblicitĂ 16


PubblicitĂ 17


Luoghi del Benessere di Michele Ranalli

Una

é

un dato comune a tutte le ricerche sul campo: esiste in Italia una potenziale domanda di benessere che non ha ancora trovato risposte adeguate, nè in quantità nè sul versante della qualità dei servizi offerti dalle imprese che se ne occupano. Stiamo parlando di numeri elevatissimi. Di fatto: se le Spa alberghiere in Italia sono ancora molto poche - peraltro concentrate solo in alcune aree territoriali - il dato è ancor più drammatico quando si parla di Spa cittadine, le Day Spa. Metropoli come Roma e Milano, città d’arte e grandi destinazioni turistiche come Venezia, Firenze, Bologna, Parma, Rimini, Perugia, Bari, Palermo non hanno, nel cuore della città, una Spa degna di questo nome. Sembra incredibile. I più approfonditi studi nel settore, elaborati da 10 anni a questa parte giungono alla medesima conclusione. In ogni comune con almeno 40mila abitanti, che abbia una buona capacità di attrazione turistica - o che sia al centro di un comprensorio con almeno 70 - 80mila residenti fissi, c’è spazio per una Spa di qualità e di successo. Figurarsi per le città capoluogo o per le mete più conosciute, come quelle viste sopra. Allora, viene da chiedersi, per quale motivo, pur esistendo un mercato potenzialmente tanto ricco,

18

SPA in ogni città

il mondo dell’impresa si è fermato sulla soglia e non si è gettato su questo luccicante Eldorado? Le ragioni sono principalmente due. La prima è che chi “fiuta” l’investimento redditizio spesso non sa da che parte cominciare. Quale progetto, quali servizi, quali professionalità operative? E i prodotti? E il marketing? Le domande sono infinite e solo pochissime aziende in Italia sono in grado di assistere l’imprenditore del benessere, dalla fase del pre-progetto fino a quella dello start up. La seconda ragione è che, una volta avviata l’attività, spesso l’investitore si vede costretto ad occuparsi in prima persona anche dello sviluppo e della gestione operativa dell’azienda: lo Spa Managing è un lavoro delicato che richiede non soltanto un’assoluta competenza nel settore, ma anche una superiore cultura generale. Si può affidare l’incarico ad una figura responsabile, certo: ma va tenuto presente che gli Spa Manager in Italia non sono sufficienti neppure per le poche imprese già esistenti. Chi, per impiantare una Spa, è ricorso al fai da te ha dovuto sperimentare sulla propria pelle gli enormi costi dei disastri provocati. Gli errori nelle fasi iniziali, in questo campo, si pagano salati. E allora? La soluzione intelligente è quella di ricorrere ad una (buona) società di consulenza, capace di affrontare tutti gli aspetti del nuovo

business e di seguire l’attività nei primi mesi di operatività, fino alla naturale stabilizzazione. In Italia ce ne sono.Professionisti che mettono la loro competenza e lunga esperienza a disposizione delle imprese turistico alberghiere che intendano realizzare una nuova area benessere o, più semplicemente, integrare, migliorandolo, un centro già esistente. E, allo stesso modo, provvedono a fiancheggiare quegli imprenditori attratti dal fenomeno Salus per Aquam, intenzionati a portare nelle città il nuovo verbo delle Spa, il messaggio di un rinnovato stile di vita per i propri concittadini e, per sè, l’orgoglio di dirigere un’attività splendida e altamente remunerativa. Da questo numero iniziamo col presentare alcune di queste aziende. Iniziamo con quella di casa, messa su per l’occasione dai professionisti che hanno elaborato tutto il lavoro di ricerca, analisi e stesura dei profili per la graduatoria delle 100 migliori Spa italiane. Alcuni di essi, in precedenza. svolgevano questo tipo di attività individualmente, oppure in piccole strutture, provvedendo ad un lavoro di consulenza solo parziale. Ora c’è un team composito che si occupa di tutti gli aspetti di una Spa, appunto dal pre-progetto alla fase di start up. Nelle pagine 42 e 43 potrete leggere un esauriente servizio su Laboratorio Spa. ♠


La grande capacità produttiva dell’industria del benessere italiana ha avuto origine nel mondo delle terme e sono ancora i centri termali, sotto forma di stabilimenti e grandi alberghi, a capeggiare la lista delle strutture più prestigiose. E tuttavia, la Spa cittadina, se in grado di cambiare registro e investire su qualità e professionalità, è destinata ad insidiare questa supremazia. In primo luogo perché non richiede i trasferimenti e i costi alberghieri delle stazioni termali. E poi perché permette una fruibilità costante nel corso dell’anno.

19


Luoghi del Benessere di Simone Diodati

San Pietro Castel

Terme

Tra modernità e tradizione un borgo quasi millenario cresciuto grazie alla ricchezza delle sue acque termali. Il buon vivere di residenti e ospiti è tra i primi impegni dei suoi amministratori.

S

ulla mitica Via Emilia, edificata dai romani in epoca pre-cristiana per collegare le principali città della regione, vive questo quasi millenario borgo di 20mila anime. Sta tra Imola e Bologna, a pochi chilometri dal capoluogo, del quale, nel tempo, ha condiviso le vicende storiche e politiche. Il suo territorio è, per una parte, di pianura, per l’atra è attraversato da verdi colline, intervallate da valli e calanchi, che le conferiscono una naturale bellezza. Le strade che percorrono questo lembo di Emilia sono un vero paradiso per gli escursionisti, a piedi, in bici. E, soprattutto, in motocicletta, visto che ci troviamo nella regione culto per i motoristi a 2 ruote. Non a caso è nato da queste parti Loris Capirossi, il pilota campione del mondo delle 250 e per anni uomo di punta della bolognese Ducati (attualmente corre in MotoGp per la Suzuki). Da alcuni anni Castel san Pietro è entrata - a pieno diritto, diremmo - a far parte della rete delle Città Slow: una organizzazione di comuni grandi e piccoli, le cui aministrazioni si impegnano ad orientare scelte e decisioni nel rispetto dei principi ispiratori e delle esperienze maturate nel rapporto con la terra e il cibo da Slow Food. Nel tentativo, spesso riuscito, di migliorare la qualità della vita di residenti e visitatori (che è poi la ragione stessa che ha portato alla nascita del movimento fondato da Carlo Petrini). Ma, è soprattutto grazie alla presenza di una benefica acqua termale nel suo territorio che Castel San Pietro può degnamente rappresentare l’eccellenza tra i luoghi italiani del benessere. Già nel 14° secolo si riportavano

20

notizie sulla salubrità delle sue acque. La nascita dello stabilimento termale ci sarà solo alcuni secoli dopo, alla fine dell’800. Passato attraverso le peripezie della storia (e un paio di guerre che da queste parti hanno lasciato una profonda scia di morti e distruzioni), è giunto fino a noi sotto forma di un moderno centro termale perfettamente attrezzato, oggi in mano a privati. Da qualche tempo ha anche completato la sua impostazione integralmente medico-scientifica, con l’apertura dei reparti di Estetica e Benessere. Alle terme di Castel san Pietro le acque sono salsobromo-iodiche e sulfuree. E i gruppi di patologie principalmente trattati sono di tipo respiratorio, vascolare e osteoarticolare. Pure nelle attività più prettamente ispirate al benessere, l’approccio rimane di tipo scientifico. Di rilievo il reparto di riabilitazione motoria, con l’acqua che svolge un ruolo primario e insostiuibile. L’Ospitalità. I circa 20 alberghi della città sono per la maggior parte nei pressi delle Terme e offrono una buona media di servizi a tariffe ragionevoli. Popolazione, manco a dirlo per gli emiliani, dalla sorridente ospitalità e cortesia, attaccata alle tradizioni, eppure pervasa da un gran-

de dinamismo, nelle attività sociali e in quelle economiche. Località facile da raggiungere, con ogni mezzo. A Castel San Pietro Terme si mangia bene e si sta bene. Non serve aggiungere altro. ♠


TERME DI CASTEL SAN PIETRO Acqua sulfurea e salsobromoiodica Malattie otorinolaringoiatriche e delle vie respiratorie, cardiovascolari, reumatiche, ginecologiche, dell’apparato gastroenterico. Terme di Castel San Pietro S.p.A. Viale Terme 1113 Tel. 051/941247 - Fax. 051/944423 Castel San Pietro Terme (Bologna)

Le terme

Santuario del Santissimo Crocifisso Piazza xx Settembre Il Santuario risale al 1750 e ospita un crocifisso miracoloso, oggetto di devozione nel corso della storia. Accanto al Santuario, c’è un caratteristico campanile con 55 campane suonabili con un comando a tastiera e carillon. Il Santuario ospita diversi dipinti e altorilievi nel soffitto, mentre nella sacrestia è conservato un prezioso gruppo della “Pietà” in terracotta.

Dove “Mondino” smise di espiare 15 anni fa, l’8 luglio del ‘95 moriva a Castel San Pietro Edmondo Fabbri ct della Nazionale ai Mondiali d’Inghilterra del ‘66. Una vita segnata dal gol di Pak Doo Ik. Fu un buon giocatore e un allenatore di successo. Almeno fino alla metà degli anni ‘60. Come tecnico, salì alla ribalta del grande calcio portando in soli 4 anni il Mantova dalla serie D alla A. Un’impresa memorabile che nel ‘62 gli valse il Seminatore d’Oro, il premio per il miglior allenatore italiano. Quel risultato lo proiettò quasi naturalmente sulla panchina della Nazionale Italiana di calcio reduce dalla infausta spedizione ai mondiali del Cile, eliminati dai padroni di casa. Quello iniziale alla guida degli azzurri fu un periodo fortunato per Fabbri, caratterizzato da roboanti vittorie (memorabile il 3-0 al Brasile campione del mondo) e solo qualche rovescio. Il suo calcio, ricco di momenti spettacolari e di gol accendeva gli entusiasmi. L’Italia si presentava ai mondiali d’Inghilterra del’66 in grande spolvero. Da più parti era vista come una delle favorite al titolo. Come andò a finire lo sanno anche i sassi. Dopo una vittoria (proprio contro i cileni) e una sconfitta, si arrivò al decisivo match con i nord-coreani, i “ridolini” secondo la definizione dello staff tecnico di Fabbri. Doveva essere una passeggiata, finì con una disonorevole sconfitta per 0-1 e la conseguente eliminazione dal mondiale. In Italia successe di tutto, naturalmente Fabbri venne cacciato dalla federazione e per lungo tempo - come lui stesso più volte raccontò - dovette nascondersi alla rabbia dei tifosi. Quanto avvenne in quella infausta partita non fu, come è chiaro, addebitabile esclusivamente al commissario tecnico. Ci furono chiare responsabilità tanto del suo staff quanto, soprattutto, dei giocatori. Ma, agli occhi degli italiani, Edmondo Fabbri, detto “Mondino” era diventato indegno come allenatore. Quella “macchia” ne perseguito la carriera (e la vita) fino agli ultimi giorni. Tornò ad allenare, vinse anche due coppe Italia con il Torino di Orfeo Pianelli e il Bologna, ma i cori “Corea! Corea!” popolarono sempre i suoi incubi, non solo notturni. Lo sport dà, lo sport prende, come la vita. In tempi molto più recenti ha dovuto prenderne atto, dolorosamente, anche Marcello Lippi. Edmondo Fabbri si spense a Castel San Pietro Terme nel luglio del ‘95. Aveva 73 anni. Edmondo Fabbri

21


Dossier di Luca Amore

Il mondo delle Spa

visto dai ricercatori della

S

pa, beauty farm, centri benessere sono termini che definiscono un comparto in forte crescita e che vengono utilizzati da numerosi operatori con attività estremamente variegate tanto che risulta difficile definire i confini e il valore di tale comparto. Con riguardo alle stime di valore del mercato del benessere, si va dai 708,4 milioni di euro del segmento terme + benessere (4 miliardi di euro considerando l’indotto) secondo i dati Astarea su valori Federterme e Databank 2006, fino ai 10 miliardi di euro per circa 20.000 operatori del mercato dei centri benessere (che esclude invece termalismo e SPA collegate ad hotel) secondo i dati del 2007 a cura di AICEB. Dal significato originario di salus per aquam, a livello internazionale SPA è diventato un concetto di marketing associato a moltissime tipologie di centri (estetici, termali, benessere fino ai semplici solarium con sauna). Negli Stati Uniti sono state censite da International SPA Association nel 2007 oltre 14.600 SPA (divise tra una miriade di categorie: day spa, resort spa, medical spa, dental spa, club spa…) per un valore di circa 9.4 miliardi di dollari cresciuto del 48% dal 2003. Si calcola che in USA il consumo di prodotti e servizi collegati al benessere si collochi al terzo posto tra le attività per il tempo libero. L’Italia è l’unico paese dove per legge il concetto di SPA può essere utilizzato solo in relazione a centri termali o che comunque prevedano l’utilizzo di acque minerali. Gli stabilimenti termali in Italia sono 380, ripartiti

22

fra 170 comuni. E secondo dati Federterme il 72% delle prestazioni termali sono legate a cure mediche e comunque prevedono la presenza di un direttore sanitario. Questa definizione di SPA però esclude tutti i trattamenti non terapeutici ma di benessere (relax, dimagrimento) che sono invece un segmento in forte c rescita. Secondo la ricerca Bocconi, che ha realizzato una mappatura consultando tutti i principali portali benessere e realizzando interviste ai principali operatori del settore, sarebbero 1372 nel 2008 i centri in Italia qualificabili come SPA in una definizione più allargata di centri che dispongono sempre di un’area umida (non necessariamente termale), un’area trattamenti e un’area relax. Di questi, 740 sono qualificabili come SPA associate ad un centro residenziale (hotel, agriturismo o hotel in centro termale) mentre 632 sono qualificabili come day SPA, cioè non associate ad una struttura ricettiva. Delle SPA residenziali il 43% è collegato al termalismo (stabilimenti termali, stabilimenti termali con hotel, stabilimenti termali con agriturismo, hotel termali) mentre il 53% e collegato ad hotel ma, pur avendo un’area umida, non è localizzato in un’area termale (hotel focus SPA, hotel con SPA accessoria). Negli ultimi anni c’è stata un’evoluzione dell’offerta a seguito della migliore informazione e del maggiore interesse della popolazione per il benessere. Che ha determinato un più ampio accesso a cure e trattamenti, prima riservati ad una clientela facoltosa e matura. Così il mercato si

Bocconi

sta segmentando in funzione della capacità di spesa: delle spa in hotel il 61% è a 4 stelle il, 13% a 5 stelle, il 26% sotto le 4 stelle. In termini di target l’offerta è rivolta prevalentemente ad individui (sia uomini che donne) ma un 27% previsto in crescita - è rivolto a famiglie, con trattamenti specifici per bambini. Secondo la ricerca Bocconi la quota delle SPA collegate ad hotel, soprattutto in fascia di mercato medio-alta e alta, è in continua crescita, dal momento che le vacanze si fanno sempre più brevi e frequenti e si desidera ottenere simultaneamente un’esperienza turistica, relax e trattamenti. Secondo gli intervistati quello che farà la differenza nel futuro sarà la localizzazione e la qualità del servizio. La localizzazione è il motivo principale che porta a scegliere una SPA residenziale. E si è notata anche una crescente personalizzazione dell’offerta trattamenti in funzione delle specificità del luogo (es. talassoterapia, vinoterapia, bagni di fieno). Ci si aspetta inoltre un consolidamento e una migliore strutturazione del mercato con la ricerca, oltre che una maggiore chiarezza normativa (esiste una proposta di legge presentata da AICEB per riordinare il settore) insieme ad un incremento della qualità dell’offerta.Nota dolente è al momento la qualificazione del personale che non ha seguito lo stesso sviluppo del mercato e delle esigenze del cliente. Molti operatori auspicano interventi per un definitivo sviluppo della formazione e della professionalizzazione degli operatori del comparto. ♠


708Milioni di Euro il valore di mercato in Italia

“Mappatura e analisi strategica del settore delle Spa in Italia“ è il titolo di uno studio realizzato nell’arco del biennio 2008/2009 dall’università milanese per conto della Unipro, l’associazione delle imprese cosmetiche. Si tratta dell’ultimo, più serio lavoro di ricerca in tema di benessere. Dopo quello effettuato nel 2000 dal Censis, intitolato: “Il Benessere e gli Italiani”. Pur presentando ampi margini di approfondimento, tanto nell’assunzione delle informazioni quanto nell’analisi delle notizie*, la ricerca bocconiana “centra”, insieme alle ragioni di ottimismo, alcune delle fondamentali problematiche che affliggono il settore. Per questa ragione, pubblichiamo qui nuovamente una sintesi di presentazione fatta dagli stessi autori. Riservandoci di dare ampio spazio, nei prossimi numeri del giornale, a grafici e commenti.

*Secondo noi di 100Best il numero dei centri definibili come SPA è notevolmente inferiore al dato della ricerca, in particolare nel caso delle Day SPA.

23


Focus On di Carlo Pressini

Dal Pre-Progetto allo

L

Start Up

aboratorio SPA è una divisione del marchio 100Best, che si occupa di Consulenza e Spa Concept. In sostanza, lavora come struttura di supporto per coloro che intendano investire nel benessere, realizzando impianti di qualità, dalla grande redditività e a costi vantaggiosi. Il gruppo di lavoro a capo della struttura - lo stesso che ha elaborato i dati e fornito i report per le graduatorie delle 100 migliori Spa - è composto da uno Spa manager, un architetto e interior designer, un esperto in light engineering, un tecnico progettista in termoidraulica, una naturopata, una direttrice di reparto beauty ed, infine, un grafico pubblicitario e web designer. Un team in grado, dunque, di affrontare tutti gli aspetti che caratterizzano un centro salus per aquam, dalla filosofia progettuale al posizionamento sul mercato, dalla scelta di partners e fornitori fino alla fase di realizzazione della struttura. Potendo intervenire con differenti

soluzioni di varia entità: dalla consulenza su di un singolo comparto alla operazione “Chiavi in Mano”. Nella loro generalità, i Servizi offerti da Laboratorio Spa sono i seguenti: Sopralluogo della Location e Incontro con i Committenti. Elaborazione di una Concept Spa con la Identificazione della Filosofia Progettuale e la Distribuzione Logistica degli Ambienti. Produzione (o collaborazione alla produzione) di un elaborato contenente il progetto esecutivo, le scelte di interior design, la segnalazione delle aziende attrezzate alla fase realizzativa tanto della struttura quanto dell’area impiantistica elettrica e termo-idraulica, nonchè di tutti i fornitori per la componente strutturale

(piscine, rivestimenti, etc.). Consulenza legale e amministrativa. Analisi di Mercato e fornitura di Business Plan modulato sulle reali potenzialità della nuova iniziativa. Formazione di tutte le figure professionali (dal Management ad Estetiste e Addetti all’Accoglienza) effettuata in loco e/o presso Spa prestigiose. Fornitura di una linea di produzione termale assolutamente originale (per protocolli ed essenze) sia da cabina che da vendita. Supporto nelle scelte marketing oriented e nella comunicazione. Configurazione Web e apertura di un punto per il Commercio Elettronico. Fase di Start Up: presenza costante presso la nuova Spa durante le prime 8-10 settimane di attività. L’assistenza di Laboratorio Spa potrà, dunque, riguardare l’intera operazione o anche un singolo aspetto. Sempre nell’ottica di fornire all’investitore il miglior risultato, in tema di funzionalità, originalità degli interventi e convenienza. ♠

Il Personale e i Prodotti (Termali)

C

ome riconoscono le principali indagini di mercato sul benessere, la preparazione tanto del personale operativo, quanto del management, costituisce una delle principali lacune del settore. Mancano scuole e insegnanti preparati e, talvolta, anche negli ambienti più prestigiosi e ricchi di fascino può capitare di trovare servizi non propriamente all’altezza. La formazione di tutte le figure professionali interessate alla Spa (dalle pulizie all’accoglienza, dalle estestiste allo Spa manager, etc.) è forse il principale punto critico per una iniziativa di successo ed è uno degli snodi centrali del lavoro di consulenza e assisten-

24

za. Sono fondamentali sia la preparazione individuale che la formazione di una squadra. Ricordando che l’operatore Spa, qualunque sia il suo ruolo, ha una cultura del benessere di livello superiore, studia, si aggiorna ed è in grado di dialogare con l’ospite sapendo ciò che dice ed esprimendosi con proprietà di linguaggio. La Spa di alto livello deve avere un’anima e una filosofia di lavoro. All’interno di metodiche classiche e ampiamente sperimentate, dovrà essere in grado di sviluppare un proprio linguaggio, dei suoi protocolli operativi sui quali l’intero team dovrà essere preparato: Laboratorio SPA fornisce all’investitore la piattaforma sulla quale sviluppare

il suo proprio linguaggio, rendendolo unico e riconoscibile. Questo passaggio coinvolge anche la produzione cosmetica: sia in cabina che in vetrina è opportuno presentare una propria linea di prodotti, che rechi il marchio aziendale. Laboratorio SPA dispone di una casa di produzione cosmetica presso la quale elabora - sempre personalizzandola, tanto nella composizione quanto nella texture e nelle profumazioni - differenti linee di cosmesi termale con prodotti esclusivi per Viso, Corpo e Capelli. Oltre ai principi attivi termali, agli estratti vegetali e ai sali del Mar Morto che vanno ad arricchire il complesso delle acque (vasche e piscine). ♠


Un’Attività Remunerativa Sarebbe più giusto dire: un’attività altamente remunerativa. Maggiore rapidità nel recupero dell’investimento rispetto ad altri settori commerciali avanzati, costi gestionali meno onerosi di quanto si possa pensare e, soprattutto, tassi di crescita annuale che sfiorano il 10%, persino in questi tempi di crisi economica diffusa. Dal 2000, anno della prima grande indagine di mercato sul campo (effettuata dal Censis per conto della toscana STB), intolata “Il Benessere e gli Italiani”, davvero poco è cambiato in termini di opportunità di investimento. Il benessere continua ad essere una sorta di Bengodi, di terra promessa dalle grandi rendite, ma attenzione: questo vale esclusivamente per le aziende che investono sulla qualità (che non significa affatto maggiori costi, al contrario) e lavorano duramente e con passione per offrire standard di livello elevato. Inoltre, oggi l’opinione pubblica è infinitamente più matura rispetto a 10 anni fa, sceglie e lo fa con consapevolezza. Puntando al

meglio. Una ragione di più per presentarsi sul mercato attrezzati a soddisfare una clientela esigente, portabandiera di un principio ormai caro a tutti i consumatori, il value for money. Che significa: voglio spendere, ma pretendo in cambio un valore equivalente. Le nuove Spa, pronte a raccogliere successo e lauti guadagni, dovranno tenere bene a mente questo principio se vorranno durare nel tempo. ♠

www.laboratoriospa.it 25


PubblicitĂ 26


Primo Piano di Marcella Arrese

Acqua Viva & Formule Olistiche

Se mai, c’è l’esperto Pronti per la partenza sull’isola deserta? Anche per chi ha scelto rifugi alpini o località più frequentate può essere utile un aiuto immediato nel caso di disavventure cutanee. Il marchio cosmetico Dove mette a disposizione esperti professionisti di salute e bellezza che possono essere chiamati per consulti gratuiti. Pulsazioni cosmetiche Negli States è appena arrivata. Ma l’ultima crema per il contorno occhi di L’Oréal Paris è diversa dalle altre: il suo applicatore è una biglia d’alluminio che pulsa. Utilizzando un sistema di micro-corrente, Collagen Micro-Pulse Eye Cream effettua un massaggio sulla delicata muscolatura e sulla circolazione linfatica della zona. Tra principi attivi e calibrate stimolazioni tonifica e drena, attenuando borse e occhiaia.

«Nel trucco la creatività è come una torta millefoglie: tanti stimoli uno sopra l’altro, che poi si fondono tra loro». Tom Pecheux, direttore creativo del make up di Estée Lauder

27


Primo Piano

28


TRATTAMENTI 3D Le terapie dei monaci itineranti.

Le soluzioni vegetali di bambù, ginger e loto. Ora l’acqua è una risorsa (rispettata) con nuove vocazioni.

29


Primo Piano

L

’acqua è terapeutica. Lo sapevano anche i monaci erranti buddisti che attraversavano l’India e praticavano l’ayurveda a chi non aveva la possibilità di pagare le cure. Ancora oggi, il loro massaggio d’acqua libera il corpo dalle tossine, migliora la circolazione del sangue e, per la sua azione termoregolatrice, è un passaporto climatico per le temperature più calde estive e quelle più fredde invernali. Durante la seduta, di due ore, si utilizzano spugne imbibite, senza però sprechi eccessivi (per info: ayurvedamonacierranti.it). È una riverente attenzione nei confronti di quella risorsa che da qualche anno è stata ribattezzata l’oro blu: una diffusa consapevolezza che si registra anche nei laboratori cosmetici. Sensibili prima di tutto all’efficacia delle sostanze naturali, i ricercatori indagano e scoprono nuovi attivi liquidi. Ultime arrivate sono le acque vegetali organiche messe a punto dallo storico marchio francese Gattefossè, che ha sviluppato un metodo di estrazione che ne ottimizza l’evaporazione a basse temperature. Nascono così gli Original Extract al limone, al riso e zenzero, al kiwi che racchiudono le tracce di vita vegetale più inaccessibili, oligoelementi, sali minerali e oli essenziali idrodispersi. Presentate al congresso del settore sull’innovazione e la ricerca d’avanguardia In Cosmetics, svoltosi da poco a Parigi, queste acque “vive”, così chiamate dagli addetti ai lavori, hanno un’eccellente bioaffinità con la pelle. Le prossime saranno ricavate da mele, bambù e loto. Vegetali biologiche, ossigenate, ionizzate, di sorgente o termali rap-

30

presentano ora un plus per i cosmetici di ultima generazione. E, opportunamente miscelate con oli essenziali e attivi naturali, diventano formule in gel, sieri rinfrescanti e rigeneranti. Anche l’impatto ambientale idrico è diventato motivo di interesse dei laboratori, di monitoraggio e confronto con gli esperti di produzione. «Il nostro obiettivo è dimezzare il consumo di acqua entro il 2015 nei nostri stabilimenti sparsi nel mondo», ha spiegato Jean Paul Agon, amministratore delegato di L’Oréal alla presentazione dell’ultimo Sustainable Development Report. Da cinque anni l’azienda francese è impegnata in questo progetto, in collaborazione con le università di Karlsruhe e di Newcastle, e sta sperimentando metodi alternativi sia per abbattere l’utilizzo d’acqua nella fase di produzione dei cosmetici, sia per alcuni processi di pulizia dove è stata sostituita da getti di vapore a risparmio idrico (sustainabledevelopment. loreal.com). «Negli ultimi otto anni ne abbiamo ridotto del 50% il consumo in tutti gli stabilimenti, incluse le fabbriche italiane di Reggio Emilia, Pomezia e Campobasso», anticipa Renato Sciarrillo, responsabile dei programmi di sostenibilità Procter & Gamble per l’Italia. «Abbiamo anche ideato nuovi sistemi per il risciacquo facilitato di detersivi e di cosmetici». Non è un caso che oggi siano allo studio di molti laboratori detergenti per la pelle e per i capelli che si eliminano con minori quantità di acqua e, dove è possibile, come nel caso dei balsami, formule senza risciacquo. «Una schiuma di sapone abbondante è il principale indice di spreco: per eliminarla è necessario tenere aperto

il rubinetto per più tempo», dice Carla Scesa, docente di Cosmetologia alla facoltà di Farmacia dell’Università di Siena. «Ma ci sono sempre più consumatori attenti che, per esempio, diluiscono i saponi liquidi, un piccolo accorgimento che evita inutili dispendi. Un altro accorgimento: quando si lavano i capelli si può rendere più efficace il risciacquo usando acqua acidulata con il limone». Formule save water d’avanguardia arrivano poi dalle équipe di ricerca. «Un grande risparmio industriale si ottiene grazie ai nuovi emulsionanti che permettono di lavorare a freddo gli ingredienti con un doppio vantaggio: non si usano più fonti idriche per i processi di raffreddamento e in più si mantengono integri i principi attivi, che quindi sono più efficaci», conclude Carla Scesa. Intanto, il tema dell’acqua rientra anche nei workshop di responsible care di cui si parlerà nel corso del prossimo Sustainable cosmetic summit, dal 18 al 20 ottobre a Parigi. La ricerca continua. ♠


1. Con oli essenziali di basilico e cedro, dai sentori rivitalizzanti, e con estratto di ibisco e radice di salsapariglia dalle proprietà antiossidanti e depurative, un’acqua profumata trattante che vaporizzata sul corpo idrata la pelle e allontana la sensazione di fatica: Eau Ressouçante di Clarins - 43 euro. 2. Arricchita con polvere di nocciolo di albicocca, la sua texture in crema massaggiata sulla pelle umida si trasforma in soffice mousse che rimuove meccanicamente le cellule morte, mentre l’estratto di corteccia di salice stimola il rinnovamento cellulare: Exfoliance Corps di Lancôme - 33,50 euro. 3. Un detergente specifico per lenire la pelle arrossata e sensibile anche dopo l’esposizione solare, ricco di aloe vera dall’azione rigenerante e rinfrescante. Una delicata profumazione al tè verde aumenta la sensazione di benessere: Gel Mousse Doccia di Dermon - in farmacia, 8 euro. 4. Con estratti di alghe brune, ricche di iodio e burro di karitè dalle proprietà elasticizzanti. Sfrutta le ore del sonno per ridurre gli inestetismi della cellulite e riattivare il drenaggio dei liquidi, favorito dalla posizione orizzontale del corpo e dal mentolo, che riattiva la circolazione: Snellente Intensivo Notte di Somatoline Cosmetic - 48 euro. 5. Una maschera idratante e particolarmente lenitiva per il viso, da applicare anche tutti i giorni, dopo esposizioni solari o dopo interventi estetici. La sua formula delicata e ricca di principi e ingredienti naturali come cetriolo e ananas, può essere stesa anche sotto la zona perioculare per un effetto drenante: Cucumber Gel Masque di Peter Thomas Roth - 56 euro. 6. Arricchito con acqua distillata rinfrescante e lenitiva di ninfea blu, oligoelementi e vitamine estratti dall’alga nori, ammorbidisce e tonifica la pelle del corpo: Bagnoschiuma Fiore Dell’Onda di L’Erbolario - 8,50 euro.

«Tra i vantaggi delle H2O botaniche, il recupero delle parti più inaccessibili delle piante. Cioè oligoelementi, sali minerali e oli essenziali idrodispersi»

31


PubblicitĂ 32


PubblicitĂ 33


Le Parole del Benessere di Carla Di Meo

34


La parola al

BENESSERE Una vera torre di Babele comunicativa. Da sempre il wellness è oggetto delle interpretazione più fantasiose. Da questo numero prende il via una rubrica che punta a restituire il significato autentico alle parole del benessere.

G

rande è da sempre la confusione sotto il cielo del Benessere. Come già sottolineato dal nostro direttore nel suo editoriale, già il concetto stesso di benessere risulta estremamente elastico e dilatabile. Al punto che spesso si fanno ricomprendere tra le imprese che fanno capo a questa categoria le attività più disparate. In più, non di rado, tra gli stessi operatori del settore girano le interpretazioni più fantasiose sul significato da dare ai termini che definiscono ambienti, servizi, incarichi. Quello che qui, a puntate, si tenterà

di fare, sarà di restituire una interpretazione autentica, un significato ufficiale a ciascuna delle definizioni usate nel campo del benessere. Per agevolare il lavoro dei nuovi, come dei vecchi, operatori e dare al visitatore meno navigato materiale per effettuare scelte davvero consapevoli. Non pretendiamo di stilare una vangelo, nè procederemo noiosamente in ordine alfabetico, ma tratteremo gli argomenti a macchia di leopardo, secondo quelle che consideriamo priorità informative. Buona lettura.

AROMATERAPIA

é

una cosiddetta pratica olistica, ossia punta al riequilibrio del rapporto Corpo/Mente e prende in considerazione l’individuo come un’unica entità armonica, nella quale i disturbi, le malattie sono provocati appunto dallo squilibrio delle relazioni nell’intero organismo. Dici aromaterapia e pensi agli olii essenziali che ne sono al tempo stesso principio ispiratore nonchè fattore indispensabile di realizzazione: l’aromaterapia, infatti, mira ad ottenere quei risultati di cura e prevenzione dei disturbi innescando processi mentali, fisici e spirituali mediante l’uso degli olii essenziali. Questi, altro non sono che le essenze aromatiche presenti in alcune parti della pianta, dalla corteccia alle radici, dalle foglie ai fiori, dalla resina ai frutti. Molti li definiscono l’anima della pianta, anche per via dei complessi procedimenti di estrazione, noti già alle popolazioni pre-cristiane. Sono sostanze altamente volatili anche a temperatura ambiente e regalano una intensa stimolazione olfattiva: già in questo modo sono in grado di donare una generale sensazione di benessere all’organismo. Questo per dire che, stando alla realtà delle nostre conoscenze scientifiche, sarebbe arduo sostenere che l’aromaterapia sia in grado di curare sempre e comunque uno specifico sintomo, una malattia. Mentre è giusto dire che gli olii essenziali possiedono delle proprietà terapeutiche (es. antisettiche, antitossiche, antireumatiche, etc.) e agiscono in un quadro che sempre tende a favorire un sano riequilibrio psico-fisico. Sia in quanto coinvolgono la sfera spirituale (olii dalle note alte, di testa), sia in quanto agiscono sulla sfera emozionale (olii dalle note medie, di cuore), e sia in quanto garantiscono un efficace rilassamento della tensione muscolare (olii dalle note basse), svolgono comunque un’azione positiva sull’organismo che ne esce rafforzato anche a livello immunitario. Due i modi d’uso: esterno, attraverso l’inalazione o l’associazione ai bagni, ai fanghi, ai massaggi, etc.; interno, con assunzione per via orale. Attenzione, niente fai da te: gli olii essenziali, pur non presentando in minime dosi sostanziali controindicazioni, contengono sostanze chimiche attive, e dunque se utilizzati non occasionalmente, necessitano del previo consulto di un fitoterapeuta. Particolarmente, nei casi di donne gravide o soggetti facili alle manifestazioni allergiche. ♠

35


Le Parole del Benessere AYURVEDA

O

ccorrerebbe forse un intero tomo per disquisire in maniera compiuta di Ayurveda. Per alcuni è una scienza medica (la UE la inquadra ufficialmente tra le medicine non convenzionali), per altri è una filosofia di vita, per molti solo un gradevole massaggio. Sintetizzando, potremmo dire che si tratta della via indiana alla salute e al benessere, centrata sull’equilibrio dei dosha ( le energie vitali dell’individuo), dai nomi di Vata, Pitta e Kapha. E’ un sistema dalle origini antichissime (sicuramente pre-cristiane) che si occupa del benessere dell’uomo nella sua complessità, affrontandolo quindi su tutti e tre i piani, fisico, psichico e spirituale. Interviene tanto sulle patologie quanto sul mantenimento di uno stato di salute e armonia. Lo scopo è quello di aiutare i malati a curarsi, e le persone sane a mantenere il proprio benessere e prevenire le malattie. Sarebbe proprio l’eventuale scompenso nella relazione tra i dosha a provocare la “malattia” o il semplice disturbo. Il terapista ayur interviene mirando a ripristinare l’equilibrio, utilizzando manovre sul corpo e composti, prevalentemente erbe. Varie le tipologie di massaggio, tra i quali il più comune prende il nome di Abhyanga. Lo Shirodara, il gesto del versare olio caldo dolcemente sulla fronte, le manovre sui “meridiani”, ampie e rivitalizzanti, e gli stessi olii di provenienza indiana, dal grande potere lenitivo, sono i passaggi essenziali di un trattamento profondamente olistico. Che unisce Corpo e Mente in un legame indissolubile e totalmente armonico. ♠

VINOTERAPIA

Q

uesto termine così fashion nel mondo del benessere odierno racchiude un complesso di trattamenti e pratiche terapiche che fondano la propria efficacia sulle proprietà salutistiche del vino. O, meglio, di alcuni derivati della pianta di vite. Il segreto della vinoterapia, infatti, è racchiuso in quei componenti chiamati polifenoli (flavonoidi, tannini, resveratrolo) che si trovano principalmente nella buccia, nella polpa degli acini d’uva e nei vinaccioli. Le metodiche di applicazione ed utilizzo sono le più svariate. Si va dai gradevoli bagni (nel vino, nel mosto, immersi negli acini) agli scrub, eccellenti. Passando per massaggi, gommage, fanghi, maschere e impacchi, per il viso e per il corpo. Alcuni effetti della vinoterapia sull’epidermide sono immediatamente visibili. Infatti, essa svolge una efficace azione antiossidante sui radicali liberi, che sono i principali responsabili della degenerazione cellulare che conduce all’invecchiamento cutaneo. Inoltre, producono un’azione rigenerante sullo strato epidermico, con il risultato di migliorarne l’aspetto generale. In più, stimolano la microcircolazione sotto-epidermica, garantendo una migliore ossigenazione delle cellule cutanee. Nello specifico, i polifenoli bloccano l’eliminazione di acido jaluronico mentre proteggono le fibre di elastina e collagene, ritardando sensibilmente l’insorgenza delle rughe. La potente azione antiossidante del resveratrolo associata a quella, altrettanto incisiva, del mosto d’uva, ricco di zuccheri e acidi organici, favorisce una profonda idratazione cutanea ed un costante ricambio cellulare. Un pò di linguaggio tecnico per dire, sostanzialmente, che la vinoterapia fa molto bene alla pelle. E all’organismo nel suo complesso. Ottima l’associazione con i sali del mar morto e con fanghi di origine termale, per trattamenti altamente efficaci tanto sul piano estetico (donano una pelle morbida, tonica e luminosa), che su quello del puro benessere fisico ( tra l’altro depurano l’intestino e migliorano la funzione vascolare). Senza contare l’elevata capacità rilassante sia delle “manovre” che delle profumazioni di gran parte dei prodotti utilizzati durante i principali trattamenti di vinoterapia. In calce a questa metodica del benessere, segnaliamo l’ampeloterapia. In questo caso, l’uva si mangia. Se ne assume una certa quantità al giorno, per un certo tempo. Serve a migliorare la diuresi nonchè l’attività intestinale e aiuta vene e capillari. Insomma, è una mela al giorno in salsa chianti. Però, funziona. ♠

36


37


Le Parole del Benessere di Ighor Masek

STONES mitici

No, non state per leggere un pezzo sulle famigerate pietre rotolanti di Mick Jagger and company, ma una presentazione di quei minerali, pietre, cristalli sicuramente meno famosi, ma più naturali - e potenzialmente benefici, utilizzati per quella pratica di medicina alternativa che va sotto il nome di cristalloterapia. Origini, poteri ed efficacia delle pietre più conosciute.

C

’è chi la definisce una pratica curativa, altri la inquadrano tra i fenomeni dispensatori di armonia, altri la bollano come una messa in scena per i gonzi. Di sicuro c’è che la cristalloterapia vanta origini antichissime, diffusa com’era tanto tra le popolazioni meno evolute quanto tra quelle maggiormente civilizzate. Oggi come ieri, il principio ispiratore di questa metodica è il medesimo: ogni cristallo è (sarebbe) dotato di un proprio specifico campo energetico capace di entrare in contatto con il campo magnetico dell’individuo. Stabilito il contatto si eserciterebbe una infuenza positiva sui piani fisico-mentale -emotivo -spirituale, restrituendo equilibrio e, dunque, armonia. E, dunque, salute. I condizionali sono d’obbligo visto lo scarso riscontro scientifico delle pratiche effettuate dai cristalloterapeuti. Tuttavia, è innegabile come il fascino della tradizione di applicare cristalli sulle aree disturbate del nostro organismo, sui punti bloccati, dove l’energia non fluisce liberamente, da secoli non smetta di attrarre schiere di affezionati di tutte le classi sociali. L’idea che una pietra, al collo, in tasca, sulle dita, alle caviglia, possa influenzare positivamente

38

la nostra vita quotidiana, ancor più che una stella o la presenza un animale domestico, affonda nella notte dei tempi. Rappresentò, infatti, per molte popolazioni nel corso della storia, la motivazione primaria, insieme a quella di abbellire il corpo e il viso, della scelta di indossare monili. Tradizione che, nel frattempo, è diventata uno straordinario fenomeno commerciale. Ogni pietra, stando agli esperti nel campo, sarebbe dotata di differenti poteri ed efficacia, presentando anche svariate metodologie di applicazione. Qui andiamo ad esaminare alcuni dei minerali più noti ed utilizzati in cristalloterapia. Ricordando, comunque, che la scelta di buon senso, quando si tratta di terapie naturali come in questo caso, è sempre quella di affidarsi alle proprie sensazioni, all’istinto: nello specifico, se toccando, tenendo in mano una pietra si avvertono conforto, piacere del contatto, sensazioni positive, allora sarà il caso di provare e continuare. Occhio, ci vuole una mente aperta, non influenzabile, ma priva di barriere e pregiudizi. Altrimenti, meglio lasciar perdere subito. Vediamo ora una per una le Vip, le very important pietre dei giorni nostri, sottolineandone (presunti) poteri ed efficacia. ♠


Cristallo di Rocca Principali Giacimenti: Madagascar E’ un costante trasmettitore di energia positiva. Assorbe e filtra le radiazioni. Produce un generale stato di benessere fisico migliorando la circolazione dell’energia. Armonizza Corpo, Mente e Spirito. Stimola la circolazione linfatica e combatte crampi ed allergie. Regola l’appetito.

Quarzo Citrino Principali Giacimenti: Brasile Da molti definita anche pietra della felicità. Infatti, infonde gioia di vivere, conferisce sicurezza, rende dinamici e libera da ossessioni continue. Rasserena lo spirito. Stimola il successo negli affari. Aiuta i processi digestivi e rafforza il sistema nervoso.

Ematite Principali Giacimenti: Brasile La pietra che rappresenta la voglia di vivere. Spinge l’individuo a concentrasi sulla cura di sè e dei propri bisogni. Conferisce dinamismo e grande vitalità. Favorisce il processo di assimilazione del ferro, stimola la produzione dei globuli rossi, aiuta la funzione vascolare e purifica il fegato. Combatte la pressione bassa.

Fluorite

Corniola

Principali Giacimenti: Brasile Fornisce adeguato supporto ai processi di apprendimento, aiuta a sviluppare le capacità logiche dell’individuo. Prepara alla meditazione. Favorisce le attività creative ed esalta il senso di libertà. Rinforza denti e ossa. Combatte le degenerazioni articolari. Stimola la funzionalità del sistema nervoso.

Principali Giacimenti: Brasile Porta gioia nel cuore, conferisce calore umano all’individuo, stimola la socialità, lega fortemente la componente spirituale con quella corporea. Combatte asma, febbre e ferite. Stimola la circolazione sanguigna, sostiene polmoni, fegato, pancreas. Favorisce la rigenerazione dei tessuti. Dà equilibrio agli impulsi emotivi.

Granato

Principali Giacimenti: Sri Lanka e Brasile E’ una pietra protettiva. Agisce con efficacia riducendo la quantità di tossine in circolo nell’organismo ed eliminando gli stress emotivi. Previene l’insicurezza e combatte le cadute di stato d’animo. Concorre a creare armonia negli ambienti di lavoro.

Occhio di Tigre Principali Giacimenti: Birmania Favorisce la concentrazione ed è un potente riequilibratore delle emozioni. Combatte l’asma e la stanchezza degli occhi e svolge una funzione benefica su milza, pancreas e organi digestivi. Aiuta a purificarsi dai falsi desideri e a identificare quelli veri in obiettivi da realizzare. Aiuta a sviluppare autostima e spirito di iniziativa.

39


PubblicitĂ 40


PubblicitĂ 41


Musica

Free di Davide Santori

MILES

GLORIOSUS

Celebrato con una edizione speciale in uscita il 31 agosto il 40ennale di Bitches Brew il doppio album del’70 che segnò il distacco di Davis dalla corrente del jazz tradizionale per abbracciare il nuovo spirito “fusion”.

Q

uanto ci manca, Miles. Sono quasi vent’anni che se n’è andato. La sua musica non ha perduto un grammo della forza suadente, del graffiante lirismo che l’hanno accompagnata per quasi 50 anni di carriera vissuti da protagonista. Ma, è la sua figura di instancabile innovatore, a capo di tutti i processi di cambiamento che hanno scosso fin nel profondo i santuari della musica jazz (e rock) del secondo novecento, a mancarci. In un periodo di grande stagnazione creativa come quello che stiamo attraversando oggi, nel campo musicale - e non solo - la figura di un genio come quello di Davis si staglia imponente, lasciando nei cuori di chi ha amato la sua musica un senso di vuoto ancor più profondo.Prese parte alla rivoluzione del be-bop, interpretò lo scomodo ruolo del sovvertitore delle regole, proponendo come esercizi di stile quelle che sarebbero divenute le nuove correnti filosofiche del jazz moderno, dal cool jazz all’hard-bop fino alle commistioni fusion del jazz rock. Bitches Brew, con i suoi richiami alle origini africane e lo stile marcatamente funky, produsse mal di pancia in serie tra i puristi e i veneratori della tradizione, che non perdonarono a Davis gli “eccessi elettrici”. Miles se ne curò come di una formica su una giacca antracite e realizzò il secondo miglior successo di vendite nella storia per un disco jazz (dopo quello, sempre suo, manco a dirlo, rea-

Miles Davis

42

lizzato con l’immenso Kind of Blue). Ma, forse, era solo una questione di soldi. In effetti, Davis era stato l’unico jazzman del periodo d’oro a riuscire nell’impresa di conciliare la fama del grande artista, e una notorietà da star mondiale, con la fortuna commerciale, le royalties e gli ingaggi da favola. Questo aveva dato fastidio ad alcuni che si consideravano migliori di lui tanto sul versante della composizione che su quello di musicista e band leader. Può darsi che qualcuno di essi non avesse tutti i torti: negli anni 60-70 c’era stata una tale concentrazione di fenomeni del jazz che avrebbe potuto riempire 5 secoli di storia . E, tuttavia, la stella di Miles aveva preso a brillare più forte, e non avrebbe mai più smesso. Ci manca Miles. Ci manca il suo genio e la sua sorprendente presenza live. Quel suo isolarsi sul palcoscenico, un pò mito misantropo, un pò furbo teatrante e gigione. I suoi cenni impercettibili agli altri musicisti, il look da adoratore delle tenebre alternato alle mise vagamente kitsch del periodo versaciano. L’anno prossimo saranno vent’anni che ci ha lasciato. Bitches Brew è una straordinaria occasione per mantenerne vivo il ricordo. Il soffio melodico e scuro e vetroso della sua tromba eclettica corre ancora nel vento. Al contrario del miles, del soldato protagonista della commedia di Plauto, il nostro Miles continuerà a brillare della luce della gloria. Grazie alle emozioni che, anche al millesimo ascolto, le sue note riescono a donarci. ♠


PubblicitĂ 43


PubblicitĂ 44


Free

Cinema

di Luca Serra

E LA BANCA SALVERà IL CINEMA.

Per Convenienza

é già partita l’operazione per il tanto atteso kolossal di Paolo Sorrentino, regista napoletano molto apprezzato all’estero e consacrato dal successo de “Il Divo”.

P

rimo ciak a fine agosto, nelle sale entro la prima metà del 2011. Sono queste le date per il nuovo, attesissimo film di Paolo Sorrentino, che vedrà impegnata una produzione internazionale, composta da alcuni tra i principali producers italiani, come Indigo, Medusa e Lucky Red, oltre che di Francia e Irlanda. Al budget di circa 28 milioni di euro prende parte con una quota del 10% anche il gruppo Intesa-San Paolo e da sola questa notizia è stata in grado, nelle scorse setimane di restituire linfa e vigore all’emaciato cinema italiano, ricco (talvolta) di grande creatività, ma anche perennemente a caccia di risorse, da quando lo Stato ha iniziato a chiudere i rubinetti dei finanziamenti, dopo aver sostenuto per anni, insieme a poche opere meritorie, la vanagloria di tanti pseudoartisti con entrature politiche. E la novità ha acceso ulteriori speranze dopo la dichiarazione d’intenti dell’amministratore delegato del gruppo Intesa , Corrado Passera, avvenute nel corso della cerimonia di presentazione dell’iniziativa: “ Decidere di sostenere il talento non costituisce per il nostro gruppo una novità. L’abbiamo già fatto e sarà una strategia sempre più adottata. Da 2 anni abbiamo una apposita struttura dedicata al cinema. L’impegno finanziario è possibile anche grazie al tax shelter, una legge approvata dal governo Prodi, che accorda benefici fiscali a soggetti non del settore che investono nel cinema. Dopo un lunghissimo iter, la legge sta trovando ora applicazione e ci ha permesso di investire circa 2 milioni e mezzo

di euro, ossia il massimo consentito, in questa operazione nella quale crediamo fortemente”. Il nuovo film di Sorrentino, che ha come titolo provvisiorio “This must be the place” dal nome di un brano dei Talking Heads, narra la storia di un uomo, una rockstar in declino, improvvisamente deciso a trovare il criminale nazista che aveva ordinato l’esecuzione di suo padre. La storia intreccia i due binari, pubblico e privato nella ricostruzione di un mancato rapporto padre-figlio, sullo sfondo delle rovine naziste. Nel ruolo di protagonista il premio Oscar Sean Penn, affiancato da un altro premio Oscar, Frances Mc Dormand, attrice culto dei fratelli Coen (Fargo, Non è un paese per vecchi, Burn after reading), nonchè moglie di Joel Coen. Gli ingredienti per un successo internazionale ci sono tutti. Ma, più del talento degli attori e della maestria di Sorrentino a garantire del successo al botteghino - se non proprio di oscar e palme d’oro a grappoli - è sicuramente la partecipazione all’investimento della prima banca italiana. Una banca (italiana) che ci rimette è un film che dalle nostre parti non è ancora dato di vedere. ♠

Sean Penn

45


Libri

Free di Maria Poma

10 libri da spiaggia I gialli di Lene Kaarberbool e Fulvio Ervas, lo spassoso ritratto di famiglia firmato da Nick Hornby e l’ironia di Debora Villa: le novità editoriali da portarsi in vacanza. Ora non avete più scuse: con le vacanze è arrivato il momento di finire il libro lasciato a metà, e che giace abbandonato sul comodino, accettare il consiglio editoriale di un collega o provare l’ebbrezza di scovare in libreria una perla della narrativa da sfoggiare poi con gli amici. Per facilitarvi la vita, ecco i nostri 10 consigli da mettere, fra costumi e infradito, nelle vostre valigie, per un’estate all’insegna del brivido, dell’eros o di una sana risata. ♠

FREDDA È LA NOTTE di Carlene Thompson (Marcos y Marcos, pp. 352, 14,50 €). Maestra del mistero, la Thompson ci regala un nuovo romanzo pieno di suspence e tensione, dove il lettore non saprà dire con certezza se la bella Blaine c’entri o no con le misteriose morti che la sfiorano. Fino al colpo di scena finale.

IL BAMBINO NELLA VALIGIA di Lene Kaarberbol e Agnete Friis (Fazio, pp. 376, 18,50 €). Nina Borg è una madre svagata e una moglie assente, ma in quanto infermiera della Croce Rossa è anche abituata alle situazioni d’emergenza. Un giorno, un’amica le chiede di prelevare per lei una valigia. Dentro c’è un bambino di tre anni, vivo. Inizia così una lotta per la salvezza che vedrà Nina e il piccolo appesi a una combinazione del caso a cui nessuno crede.

È NATA UNA STAR? di Nick Hornby (Guanda, pp. 73, 10 €). Una donna si ritrova nella casella della posta una videocassetta e scopre che il figlio fa il pornodivo. Da qui si dipana il romanzo di Nick Hornby, costruito su un dialogo a tre capace di disvelare progressivamente i segreti, al limite della farsa, di un’intera famiglia.

FINCHÉ C’È PROSECCO C’È SPERANZA di Fulvio Ervas (Marcos y Marcos, pp. 304, 16,50 €). Torna l’ispettore Stucky in un giallo veneto a sfondo enologico ed ecologico. Il conte Ancillotto viene trovato morto suicida. Perché lo ha fatto? Qualche giorno dopo anche l’ingegner Speggiorin, direttore del cementificio che rilascia miasmi nell’aria, ci resta secco. Chi lo ha ucciso? Stukcy sa che la risposta è nei gas, nel vento, nelle bollicine del prosecco.

46


MA QUALE AMORE di Valeria Parrella (Rizzoli, pp. 123, 15 €). Un scrittrice va in Argentina per realizzare un libro di viaggio, che ben presto si trasforma in un libro d’amore disperato. Sanguigno e sincero, questo libro tratteggia una storia di strazio e abbandono con sottofondo di tango.

L’ULTIMA CORSA PER WOODSTOCK di Colin Dexter (Sellerio, pp. 344, 14 €) è la prima avventura del poliziotto snob Endeavour Morse, inglese fino al midollo e devoto a whiskey e birra. Beniamino del pubblico britannico già dagli anni Settanta (grazie a tredici romanzi e trentatré episodi tv), torna in Italia per i tipi di Sellerio, che ha deciso per fortuna di ripubblicare tutte le sue avventure.

THE BOX di Richard Matheson (Fanucci, pp. 192, 13 €). Da questo racconto è tratto l’omonimo film con Cameron Diaz attualmente nelle sale. Un giorno, alla porta di Norma e Arthur Lewis, giovane coppia con figlio, bussa uno sconosciuto che consegna una scatola di legno con un bottone. Se lo premeranno, i coniugi Lewis riceveranno un milione di dollari, ma da qualche parte, nel mondo, qualcuno morirà...

SICILIA, O CARA di Giuseppe Culicchia (Feltrinelli, pp. 134, 13 €). Culicchia si affida alla memoria e allo sguardo del bambino che è stato per raccontarci una Sicilia come gli fu descritta dal padre e come la vide quando vi giunse la prima volta da Torino. Un viaggio sentimentale, a ritroso nelle proprie radici. Forse un viaggio, come dice il risvolto di copertina, non ancora terminato.

I TERRIBILI SEGRETI DI MAXWEEL SIM di Jonathan Coe (Feltrinelli, pp. 363, 18 €). Perché Maxwell Sim, commesso viaggiatore di prodotti ecologici, viene trovato nudo e ubriaco nella sua auto in Scozia? E com’è arrivato fin lì? Inizia con questi interrogativi il viaggio picaresco dell’antieroe creato da Jonathan Coe attraverso il nostro mondo contemporaneo, dove gli amici su Facebook e le connessioni wireless non salvano dallo smarrimento di ritrovarsi sempre più soli.

AMO UN BASTARDO (MA NON È IL MIO CANE) di Debora Villa (Mondadori, pp. 168, 16 €). L’attrice comica (famosa la sua Patty di Camera Café) disseziona il tradimento raccontando la storia di Alice, milanese, pet sitter e sposata con Richi, che la tradisce con una ragazza più giovane. Ad Alice non resta che rifugiarsi tra le braccia delle amiche. Un romanzo in perfetto stile chick-lit, tra colpi di scena e risate a denti stretti.


PubblicitĂ 48


PubblicitĂ 49


News

Free land Brando’s is

SPA prêt-à-po rter

L

’atollo da sogno nel Sud Pacifico proprietà di Marlon Brando, il mitico attore americano, ospiterà presto un resort di lusso, The Brando. Marlon Brando acquistò l’isola di Tetiaroa, nella Polinesia francese, nel 1965, cercando riposo e relax nella natura. The Brando, che ha iniziato i lavori ed aprirà nel 2011, propone ville e bungalow con piscina privata, Spa e centro fitness, piscina e campi da tennis, e tutte le attività a contatto con la natura, dallo scuba alle visite ai siti archeologici. Inoltre, The Brando sarà ecologico, con attenzione estrema a utilizzare fonti rinnovabili e minimizzare sprechi che impatno l’ambiente.

Celsius X VI II LEDIX Costa 300 mila dollari ed è un cellulare di lusso molto complicato. Battezzato Celsius X VI II LEDIX, ha una sigla la cui estensione ricorda i nomi delle dinastie aristocratiche. Il telefono ha un orologio meccanico integrato nel coperchio, con sistema tourbillon. Ogni volta che l’apparecchio viene aperto o chiuso la riserva di carica aumenta di 180 minuti, fino a un totale di 120 ore. Nel suo corpo molti componenti in titanio, ebano e fibra di carbonio.

50

L

a Spa Idromassaggio portatile è un’idea originale e divertente per un’estate in viaggio: per 999,95 dollari, si può gonfiare in pochissimo tempo la propria vasca, che ha getti potenti per un massaggio efficace, per godersi in ogni momento e in ogni posto un po’ di relax e coccole. Il boiler da 900 watt compreso può aumentare la temperatura dell’acqua di 2 gradi all’ora, con un filtro che pompa ben 2000 litri di acqua all’ora per il ricambio continuo dell’acqua. I 5 getti possono essere direzionati, e sono indicati per muscoli affaticati, tensione, e stimolazione della circolazione. La temperatura dell’acqua è selezionabile dal pannello di controllo touch screen.

The Winner is ... Buy.com è stato venduto alla cifra record di 250 milioni di dollari. Non si tratta, ovviamente, del solo nome di dominio, ma anche dell’impresa che lo gestisce, con sede in California. L’acquisto è stato fatto dalla società giapponese Rakuten, leader nel mercato dell’ecommerce. Con l’operazione, il gruppo, che domina la scena delle vendite online nell’area nipponica e in quelle vicine, mira a reclutare nuova clientela negli altri bacini di sbocco, dove il suo marchio non è ancora noto. L’investimento aiuterà la compagnia ad espandersi a livello globale, sfidando giganti come eBay e Amazon. Rakuten, che vanta ricavi annuali per 3 miliardi di dollari, ha effettuato negli ultimi tempi altri acquisti in ambito internet fuori dal Sol Levante, con l’obiettivo di rafforzare il ciclo espansivo.

Secondo l’indagine annuale stilata da Millward Brown Optimor, i marchi di beni di lusso più potenti economicamente del 2010 resistono nonostante la recessione economica. Ai primi tre posti della classifica di quest’anno, troviamo tre brand tra i più famosi al mondo: Louis Vuitton si colloca in prima posizione, seguito da Hermès e da Gucci. La classifica prosegue con Chanel, Hennessy, Rolex, Moët & Chandon, Cartier, Fendi e si conclude con Tiffany and Co. Non compaiono invece nella top ten marchi come Burberry o Prada, inclusi invece nelle classifiche degli anni scorsi.


ekull

lajo Eyjafjal

For Sale

L

a cenere del vulcano Eyjafjallajoekull non è stata ritenuta dannosa per la salute, è servita ad abbassare le emissioni di CO2 in Europa ed è risultata essere un buon fertilizzante per orti e giardini. Che ne direste se ve la trovaste come ingrediente base naturale nei cosmetici? I giapponesi ci hanno già pensato: la casa di cosmesi Tengen ha fatto delle ceneri del vulcano Sakurajima (Kagoshima) la base dei suoi prodotti di bellezza e igiene per il corpo. Le ceneri sedimentate di un’eruzione avvenuta quasi 400.000 anni fa, bianche e pure, vengono mischiate con olii naturali ed essenze, che finiscono nella produzione di circa 300kg al giorno di prodotti cosmetici per la cura della pelle. I prodotti di Tengen, a base di cenere vulcanica, hanno ricevuto l’anno scorso il premio mondiale per la qualità.

Re Paul

Il polpo Paul doveva andare in pensione, ma continuano a fioccare offerte per tenerlo in attività. Pur di averlo, negli scorsi giorni un gruppo di uomini d’affari spagnoli aveva fatto un’offerta di 30 mila dollari all’acquario di Oberhausen, che lo ospita. Ora è giunta un’altra proposta da una società russa di scommesse, che mette sul piatto 100 mila dollari per il cefalopode. L’obiettivo è farne uno dei 120 dipendenti, per fissare le quote di gioco. In attesa di conoscere gli sviluppi “professionali”, il mollusco si gode il meritato riposo.

L

a Grecia sarebbe sul punto di mettere in vendita o in affitto molte delle sue celebri isole, per tentare di risanare i disastrosi bilanci pubblici e rendere più agevole il rimborso del debito contratto con i partner europei. Uno dei tesori coinvolti nell’operazione potrebbe essere il paradiso di Mykonos, per un terzo di proprietà del governo. Il suo fascino saprebbe attrarre grossi investimenti in strutture destinate al turismo di lusso. I miliardari russi e cinesi sono pronti a cogliere l’occasione. Pare che Roman Abramovich ci stia pensando seriamente, ma la notizia, accreditata dalla stampa britannica, non trova nessuna conferma ufficiale, anzi fioccano le smentite. Qualcuno bolla le indiscrezioni come prive di fondamento.

ArcelorMittal Orbit Una torre in acciaio, alta 115 metri, accoglierà i visitatori in occasione delle Olimpiadi di Londra del 2012. Il traliccio metallico, di taglio scultoreo, avrà un costo di 19 milioni di sterline. La sua progettazione è stata curata da Anish Kapoor, che ha vinto la concorrenza di affermati architetti. A finanziare l’opera provvederà il miliardario Lakshim Mittal, con 16 milioni di sterline. Ecco perché il reticolo porterà il nome delle sue acciaierie. La quota mancante sarà coperta dalla London Development Agency. Il monumento, alto più della Statua della Libertà, vuole diventare il simbolo del dinamismo di una città uscita dalla recessione, come sottolinea il sindaco Boris Johnson. Per il primo cittadino l’effetto sulla skyline della capitale inglese sarà paragonabile a quello della Tour Eiffel su Parigi. Gli ospiti potranno salire fino ai piani alti, in ascensore o con le scale. Dentro ci saranno un ristorante e delle boutique di lusso. Al momento, però, si tratta solo di un plastico e di un elaborato tecnico.

51


News

Free

Una nuova nave di lusso per Quintessentially One Il sogno di ognuno di noi: avere la possibilità di seguire ogni genere di evento esclusivo in giro per il mondo. Dal Festival di Cannes passando per il Gran Premio di Abu Dhabi, essere sempre in prima fila e magari arrivarci a bordo di una bellissima nave. Ora questo è possibile, ma solo se fate parte di una strettissima cerchia di persone che riceveranno un invito a far parte dell’esclusivo club crocieristico creato da Quintessentially One. Il progetto di Quintessentially è affascinate e ambizioso: creare una bellissima e lussuosa nave con, tra le altre, 12 esclusive suite residenziali che verranno messe in vendita, al prezzo di 10 milioni di sterline; la proposta è aperta a dodici ricchi Paperoni che vorranno entrare a far parte di questo esclusivo club. Per tutti gli altri, invece, sarà messo a disposizione un hotel, costruito sempre sulla nave, con camere che avranno un prezzo base per notte di 750 sterline. La lussuosissima nave da crociera, che sarà lunga 220 metri, dotata di ogni genere di lusso e confort e la cui costruzione comincerà nel novembre di quest’anno, il viaggio inaugurale è previsto per l’estate del 2013.

Sneakers Lacoste con logo in platino In esclusiva per FootLocker la seconda collezione di sneakers in una versione lusso con logo di vero platino. Dopo il successo del primo Lacoste Platinum Pack di aprile, FootLocker collabora ancora con il brand francese che mette in vendita le sue sneakers con logo metallico effetto platino. I classici modelli Europa e Graduate arrivano con una nuova versione in pelle premium e morbido suede, nelle varianti di colore bianco e nero, blu sono invece i profili e la scritta che indica il nome del brand. Ma i veri amanti del lusso saranno affascinati dalla versione deluxe con coccodrillo in vero platino, custodita in cassaforte e messa in palio in edizione super limitata. Al fortunato concorrente “basterà” indovinare la combinazione di sblocco di 4 numeri inviando un sms al 483233 o consultando il sito footlocker.eu/. L’esclusiva versione platino del valore di oltre 2mila euro non sarà mai messa in vendita, quindi l’unico modo per ottenerla è partecipare al concorso. Mentre le sneakers del Platinum Pack saranno disponibili solo ed esclusivamente presso FootLocker a partire dall’1 agosto.

L’operaio diventa operatore wellness Dal Perù alle valli bresciane fino alla Polinesia Francese per seguire la propria vocazione. È la storia di Carlos Del Pino, classe 1975, oggi istruttore di Watsu in uno dei più bei paradisi naturali del mondo, l’isola di Bora Bora. Dopo essere arrivato in Italia nel 1992 dal Perù, diplomato a Brescia come perito elettronico e comincia a lavorare come molti coetanei nel settore industriale. Grazie a una serie di fortunate coincidenze, a 23 anni incontra lo Shiatsu, si guarda intorno e approfitta dell’apertura di un bellissimo albergo, il Vigilius, in Alto Adige. Qui Carlos lavora per cinque anni come istruttore di Shiatsu, specializzandosi anche in altre discipline. « Oggi abito in Polinesia Francese, a Bora Bora, e lavoro nella Spa di uno degli alberghi più prestigiosi, il Four Seasons, in condizioni economiche e di vita che non esito a definire molto privilegiate. Sono venuto in Polinesia come operatore del benessere, e ora vivo con Manuela, la mia compagna, che è un’insegnante di Yoga. Anche lei, come me, grazie a una serie di coincidenze casuali, si è trovata a trasformare la sua passione in un lavoro. Un viaggio fortunato, che stiamo percorrendo insieme».

52


Arriva in Toscana la beauty-guru di Madonna Non c’è momento migliore delle vacanze per dedicarsi al benessere del proprio corpo. E per rimetersi in forma le proposte e le trovate piovono a centinaia da Spa, Beauty farm, strutture termali. Una sola, però, offre alle signore che temono di invecchiare la possibilità di sottoporsi allo speciale trattamento all’ossigeno iperbarico scelto da Madonna e, addirittura, per mano del guru della bellezza Michelle Peck, la «facialist» personale della pop star. Dal 21 al 27 agosto, infatti, questo personaggio conteso dalle celebrities dello star system americano sarà ospite speciale nella Spa delle Terme di Saturnia . E lei, la ieratica Peck, sarà pronta a svelare il segreto per avere una carnagione a prova di «red carpet». Chi vorrà sottoporsi all’esclusivo Intraceuticals Oxygen Infusion, potrà farlo direttamente con lei. La Peck è venuta in Italia qualche mese fa, proprio per presentare il trattamento all’ossigeno iperbarico, che veicola acido ialuronico, vitamine e antiossidanti negli strati cutanei profondi. Alle Terme di Saturnia, annunciano, potrà fornire la sua straordinaria «expertise» e parlare del suo segreto ai clienti della Spa più premiata d’Europa. Michelle Peck

Ferrari World Abu Dhabi: conto alla rovescia Inizia il conto alla rovescia per il Ferrariland che aprirà ad ottobre: mancano da oggi 100 giorni all’apertura del parco divertimenti più atteso. Il parco avrà una superficie di 200 mila metri quadrati e sarà interamente indoor, protetto da una copertura rossa a tre punte che ricorda le razze di un volante anche se l’ispirazione di ogni singolo braccio è data dalla scocca della Ferrari Gt , realizzata con più di 12 mila tonnellate di acciaio e che si staglierà nella skyline della città. Grandi emozioni attendono gli appassionati della Ferrari che potranno assaporare la stessa velocità e le stesse accelerazioni di una FormulaUno come dei veri piloti in gara. Il parco di Abu Dhabi punta a inserirsi tra i parchi di divertimento più gettonati del pianeta e sarà sicuramente il più grande al mondo tra quelli indoor. Entusiasmo a Maranello per la nuova creazione e anche Fernando Alonso, Felipe Massa e il ds Stefano Domenicali, nelle settimane scorse, hanno voluto visitare di persona la location del parco scoprendo in anteprima alcune delle attrazioni, tra cui ovviamente la «Formula Rossa». Oltre al «Formula Rossa», saranno molte le attrazioni adrenaliniche del resort.

Milani Cycles, la bici a “Velocità Urbana” Milani Cycles Factory, produttrice di telai unici realizzati a mano in vari materiali, è stata premiata a Londra con il titolo di “Best Ride” per la bicicletta “Velocità Urbana”, inserita nella sua collezione Vintage. Questa due ruote glamour, che unisce classicità e sportività, reinterpreta con gusto i modelli in voga negli anni ‘50, senza perdere di vista le aspettative moderne. La conquista del titolo, assegnato dalla rivista Wallpaper, nasce dallo stile retro, di sapore vintage, che è un misto di classicità e sportività, una rivisitazione dei modelli in voga negli anni ’50. Il celebre magazine di design, moda e lifestyle non ha esitato nella scelta. Destinataria del riconoscimento una due ruote costruita artigianalmente in acciaio (cromo-molibdeno), che si adatta perfettamente ai percorsi delle grandi città, dove la moda della bicicletta sta spingendo sempre di più le “coscienze ecologiche”…e non solo. Lo stile classico di questo oggetto di culto ha conquistato la giuria del Design Award. Una conferma del prestigio, del lusso e della qualità di Milani e del Made in Italy.

53


PubblicitĂ 54


PubblicitĂ 55


PubblicitĂ 56


Primo Piano

1000 proprietà

Le

dell’olio di Argan

L

a popolazione berbera del Marocco Meridionale utilizza da millenni l’olio di Argan per le sue incredibili virtù cosmetiche ed alimentari. L’olio di Argan, o di Argane, viene estratto a freddo dai frutti della pianta di Argania Spinosa, un albero alto da 8 a 10 metri, in grado di vivere anche 150-200 anni in condizioni climatiche difficile. Questa preziosa pianta cresce esclusivamentenella regione del Souss, un triangolo di deserto tra Marrakech, Agadir ed Essaouira affacciato sull’Oceano Atlantico. Essendo una specie in via di estinzione è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Sia per questo motivo sia per il fatto che per ottenerne un litro sono necessari i frutti di 6 alberi di Argania Spinosa e 16 ore di lavoro, l’olio di Argan è uno degli oli più rari e preziosi del mondo. Il suo valore è dato anche dalle numerose proprietà in esso contenute e dalle applicazioni che se ne possono fare per la bellezza e per la salute di capelli e pelle. L’olio di Argan è, infatti, ricco di acidi insaturi e

di Vitamina E che lo rendono un alleato perfetto per idratare, nutrire e proteggere il corpo dalle aggressioni esterne. L’olio di Argan è composta anche da altre sostanze attive importantissime come la Vitamina A, la Vitamina F, l’acido linoleico, l’acido linolenico, gli Omega 3 e gli Omega 6. Questi acidi grassi essenziali svolgono un’azione benefica nei disturbi reumatici e cardiovascolari, migliorano le capacità cerebrali e proteggono i tessuti connettivi. Se usato in modo costante, l’olio di Argan riattiva le funzioni vitali delle cellule, migliora il tono muscolare del viso, attenua la comparsa delle rughe, liscia la pelle, mimetizza le occhiaie e riduce l’irritabilità cutanea . Inoltre, questo olio meraviglioso non contiene sostanze che possono provocare allergie, come nichel, profumi, coloranti e conservanti (naturalmente se non ha subito modificazioni chimiche), e quindi è adatto a tutti. ♠

57


Primo Piano

L’olio di Argan

e le sue virtù cosmetiche

L

‘olio di Argan viene utilizzato anche in campo cosmetico grazie alle sue proprietà antiossidanti, emollienti, idratanti e fortemente elasticizzati. E’ uno degli oli più importanti per il ringiovanimento cutaneo grazie al suo contenuto di Vitamine E e di diversi acidi grassi essenziali. Questo preziosissimo olio, estratto dai frutti della pianta di Argania Spinosa che cresce esclusivamente nel sud del Marocco, viene impiegato da millenni dalle donne berbere come elisir di bellezza. L’olio di Argan nonostante sia molto idratante non è grasso e non unge, cosa che lo rende ancora più sfruttabile in ogni occasione, anche prima di vestirsi. Se usato in modo costante, riattiva le funzioni vitali delle cellule, migliora il tono muscolare del viso, attenua la comparsa delle rughe, liscia la pelle, mimetizza le occhiaie e riduce l’irritabilità cutanea. Di seguito gli ambiti di applicazione dell’olio di Argan per la nostra bellezza: Pelle Contenendo sostanze antiossidanti e acidi grassi essenziali l’Olio di Argan è uno dei migliori rimedi esistenti contro l’invecchiamento della pelle. La protegge contro gli aggressori esterni (sole, metalli pesanti, smog, vento, inquinanti vari tra cui sostanze tossiche inalate, ingerite o assorbite attraverso la cute). Stimola la rigenerazione e l’ossigenazione della pelle.

Dona elasticità e svolge un’importante azione antiage. L’olio di Argan penetra rapidamente nella pelle lasciandola idratata e non unta. Con l’olio di Argan è possibile preparare uno scrub per il corpo aggiungendovi un po’ di sale. Con l’aggiunta di zucchero è invece ottimo per la pelle delle labbra. Le rende morbide e prive di pellicine. Può essere utilizzato per le smagliature prodotte dalla gravidanza. Poche gocce di olio applicate direttamente sulla pelle donano luminosità e morbidezza alla cute. Dopo la doccia bastano 6 o 7 gocce di olio sulla pelle ancora umida facendola assorbire con un delicato messaggio. Aggiungere 6/7 gocce di olio di Argan nell’acqua della vasca da bagno contribuisce alla detersione rendendo la pelle morbida e priva di impurità. L’olio può essere utilizzato anche per la pelle del seno. Massaggiando delicatamente qualche goccia di olio si preserva l’elasticità della pelle, fragile e delicata, del seno. Viso Bastano una goccia al mattino ed una alla sera per combattere efficacemente la formazione di rughe ed ostacolare i processi di invecchiamento cellulare. Poche gocce di olio di Argan prima e dopo la rasatura lasciano la pelle idratata ed evitano le irritazioni.

Apparecchiature e Cosmesi per Istituti di Bellezza e Centri Benessere Viale Abruzzo 444 - Chieti | Tel: 0871-565818 Fax: 0871-552025 | info@fanestetica.it

58

Capelli L’olio di Argan è adatto per i capelli fragili, secchi, sfibrati e privi di lucentezza perché dona loro forza ed idratazione. Alimentando le fibre capillari conferisce ai capelli brillantezza e flessibilità e combatte le doppie punte e l’inaridimento. Per rendere i capelli nutriti e setosi si può scaldare qualche goccia d’olio tra le mani e strofinarlo delicatamente sui capelli ciocca per ciocca. Si deve lasciare in posa per un’ora e poi procedere con il solito lavaggio. Unghie L’olio di Argan cura le unghie fragili proteggendole contro le aggressioni esterne. E’ sufficiente miscelare l’olio con alcune goccie di o.e. di limone massaggiando mani/unghie. Il trattamento deve essere ripetuto regolarmente due volte alla settimana per circa 2 mesi. In questo modo le unghie e le cuticole avranno un aspetto sano e curato. L’olio si può anche applicare sulle unghie ogni sera prima di coricarsi. Massaggi L’olio di Argan viene usato per i massaggi. E’ ottimo come decontratturante muscolare.


Wikipedia

Argania spinosa L’argan o argania (Argania spinosa; anche: A. sideroxylon Roem. & Schult.) appartenente alla famiglia delle Sapotacee, è un albero endemico del Marocco (nelle sue zone sudoccidentali, e in particolare nella pianura del Souss). Il nome argan con cui la pianta è conosciuta corrisponde al nome locale, in lingua berbera (tashelhit) e significa olio. L’argania è un albero dai rami spinosi (da qui l’epiteto spinosa), alto da 8 a 10 metri, assai resistente e che può vivere anche 150-200 anni. È una pianta che si è perfettamente adattata all’aridità del sudovest del Marocco, e la sua sagoma è molto caratteristica: chioma ampia e arrotondata, tronco nodoso, tortuoso e abbastanza corto, formato spesso da più parti intrecciate tra loro. L’argania fornisce un legno molto duro, utilizzato soprattutto come legname da riscaldamento. I fiori, da bianchi a giallo-verdastri, compaiono tra maggio e giugno. Il frutto è una bacca ovale, fusiforme, lunga circa 30 mm, che quando è matura è giallo-bruna e che contiene una noce estremamente dura, al cui interno vi sono tre “noccioli”. Un albero ne produce circa 8 kg all’anno. Le foglie, verde scuro e coriacee, servono di nutrimento a cammelli e capre. Queste ultime non esitano ad arrampicarsi sui rami per brucarle. La popolazione berbera dell’Atlante ha sempre utilizzato l’olio di argan per le sue virtù alimentari e cosmetiche. Come il tè, anche l’olio di argan viene tradizionalmente offerto agli ospiti insieme al miele in segno di ospitalità. Esistono due tipi di olio d’argan, a seconda che i noccioli vengano o meno tostati prima dell’uso. L’olio cosmetico, più chiaro, si usa applicandolo sulla pelle e sui capelli èd è ritenuto efficace contro la caduta dei capelli, gli eczemi, la disidratazione della pelle, ecc. L’olio alimentare, più scuro e dal sapore più forte a causa della torrefazione dei semi, viene utilizzato come olio per condire gli alimenti. È molto nutritivo e costituisce, in minima quantità assieme a mandorle tritate e miele, l’amlu, una pasta molto nutriente tradizionale, consumata per la prima colazione. Il consumo di olio ha anche un profondo significato rituale derivato dalla cultura berbera, come il bagnare la bocca dei neonati con una goccia d’olio, in segno augurale, o offrirlo simbolicamente agli ospiti. Per le rese incredibilmente basse l’olio è molto costoso, salvo una parte minore prodotta e consumata localmente, la produzione specializzata è quasi tutta esportata. La ricercatrice della Università di Rabat, Zoubida Charrouf, ha contribuito in modo sostanziale alle conoscenze scientifiche di quest’olio e degli altri sottoprodotti dell’argan, ed inoltre alla sua estensione al mercato imprenditoriale. Grazie al CRDI (Centro di Ricerca per lo Sviluppo Internazionale, società pubblica canadese), ed anche per effetto della sua attività personale ha operato per fondare le prime cooperative di lavorazione dell’olio di argan, con criteri imprenditoriali, formate e dirette interamente da donne.

59


PubblicitĂ 60


Best

Le 100 Migliori SPA Italiane Graduatorie e Profili

Q

uesta è la classifica delle 100 migliori Spa italiane secondo 100Best, sulla base delle relazioni elaborate dal gruppo di lavoro applicato. Sulle ragioni di una iniziativa che ha comportato una lungo e complesso lavoro di raccolta ed elaborazione di dati, sopralluoghi e analisi, interviste e studi, rimandiamo alla presentazione fatta nell’articolo di copertina “Signore e Signori... Le 100 Migliori Spa Italiane!”, nella quale quelle ragioni vengono esaurientemente motivate. Quello che tuttavia qui ci interessa anticipare è che la un ruolo decisivo per la nascita dell’iniziativa lo ha giocato la grande passione per le Spa, per il benessere nelle sue applicazioni autentiche. Il mondo del benessere oggi è un business che in Italia, con l’indotto, vale alcuni miliardi di euro. Negli ultimi 10 anni (con una crescita forsennata negli ultimi 5) questo mondo ha visto l’ingresso di uno straordinario numero di operatori che si sono affacciati su un mercato prodigo di promesse, attratti dalle sirene che lo dipingono come un settore facile e dai lauti guadagni. Affermazione vera per metà, come ben sanno i veri imprenditori del ramo. Quella nuova classe di investitori, solo per una piccola parte era composta da professionisti esperti e competenti. Per il resto si è molto più spesso assistito a parrucchieri che hanno ampliato il negozio per

“fare anche qualche massaggio”. E poi, solarium con cabina estetica, palestre con sauna e bagni turchi con vapore a palla, viticoltori con annesse tinozze per la vinoterapia, centri dimagrimento sotto l’insegna SPA, e quanto altro ancora. Tutti allegramente riuniti nella categoria “ Benessere “ da sedicenti guide e portali italiani del wellness. E così, quella piccola confusione normativa, disciplinare e terminologica che già preesisteva, si è trasformata in un assoluto caos comunicativo. Che ha finito per mettere sullo stesso piano attività rispettabili, ma del tutto differenti. Impedendo proprio alle operazioni di alto profilo in questo campo di distinguersi ed ottenere l’attenzione che avrebbero meriterato. L’iniziativa di 100 Best mira, con una certa ambizione, ma anche con qualche autorevolezza, a scompaginare questo situazione ormai stagnante e a restituire al mondo del Benessere una dimensione più consona e dignitosa. All’altezza della sua importanza come fattore produttivo nell’intera economia italiana. Uno dei principali strumenti per ottenere questo risultato è ripristinare una Comunicazione chiara, seria e affidabile. Con una normativa comprensibile, regole certe, categorie ben identificate, una terminologia non equivoca. In questo contesto il nostro contributo consiste nel segnalare con forza le tante situazioni di eccellenza presenti nel nostro paese nel campo del benesse-

re. In particolare, in quella che riteniamo la sua manifestazione più prestigiosa, quella delle Spa. Nelle pagine seguenti, raggruppate per regione, sono elencate le 100 migliori Spa italiane, alberghiere e non. Nel report dedicato ai “Parametri di Eccellenza” sono stai già chiariti i criteri di valutazione utilizzati dal gruppo di lavoro incaricato della fase di esame delle strutture e redazione dei profili. Un gruppo di lavoro formato da uno Spa manager, un architetto e interior designer, un esperto in light engineering, un tecnico progettista in termoidraulica, una naturopata, una direttrice di reparto beauty, un grafico pubblicitario e web designer. Crediamo che da questa operazione divulgativa potranno scaturire grandi benefici per l’intero comparto del benessere italiano. Ciascun profilo elaborato, naturalmente, è soggetto al diritto di replica che verrà pubblicato prima on line e successivamente sul magazine, nello spazio in calce al profilo stesso. Lettori e navigatori avranno a disposizione una specifica area commenti presso la quale potranno lasciare le proprie opinioni su tutti gli argomenti trattati. Statistiche costantemente aggiornate terranno conto di opinioni e commenti, che potranno influenzare scelte e posizioni in classifica. Tutte le graduatorie e i relativi indici di valutazione verranno invece aggiornati ogni 6 mesi. Grazie a tutti per l’attenzione.

I punteggi sono espressi in stelle da 1 a 6

61


Best

Abruzzo

62


Best

Abruzzo Baden Baden Qui c’è una storia da raccontare, che dà la misura del mondo delle Spa in Italia. E di quanto, a volte, ci si sorprenda a trovare ciò che disperatamente si sta cercando - competenza, ricerca della qualità, capacità d’innovazione, passione infinita - dove meno ci si aspetti di vederla. Sì, perché, hai voglia di parlare delle grandi risorse di Trentino e Toscana, delle enormi potenzialità delle città d’arte e di quelle metropolitane, delle grandi destinazioni turistiche, charming and relaxing, degli storici stabilimenti termali dalle acque miracolose, delle grandi catene dell’hotellerie internazionale che portano nuove filosofie dell’ospitalità alberghiera. Ma, se poi devi arrivare nella “provincia dell’impero”, in un angolo dell’Abruzzo costiero, per trovare quella che senza dubbio è la migliore Day Spa italiana - e una delle prime in assoluto - questo significa che c’è davvero tanta materia di studio per gli analisti del settore. Baden Baden nasce agli inizi del 2003 come bagno romano & remise en forme. Già frutto di uno studio progettuale avanzato, ha vissuto nel corso degli anni piccoli, ma puntuali interventi di restyling, che ci parlano di una ricerca costante della perfezione. La Spa, 600 metri quadri di paradiso, dispone di una perfettà circolarità degli ambienti: i percorsi di benessere hanno persino un’armonia dinamica, nel pieno rispetto dei tempi del corpo, grazie alla contiguità degli spazi. Area acqua inarrivabile per equilibrio e varietà, con 2 grandi piscine gemelle per l’Idroterapia, dai nomi di Pulchra e Tonica, separate da un Camminamento Kneipp con massaggio plantare per la funzione vascolare: entrambe sono addizionate con principi attivi termali solfato-calcico-magnesiaci ed estratti vegetali rilassanti in una, tonificanti nell’altra.

Baden Baden - Bagno Romano e Remise En Forme Corso Umberto I, 438 65015 Montesilvano (Pe) Tel: 085.4454762 - Tel: 085.4483258 www.badenbaden.it

La terza piscina, di dimensioni superiori, porta il nome di Thalassa e contiene pregiati sali del Mar Morto, per la funzione di osmosi che depura l’intero organismo ed un benefico effetto sull’epidermide, indicata anche per casi di impurità e psoriasi. Fantastico l’idromassaggio disteso a 2 lettini di ampie dimensioni. Rivestimenti in mosaici con toni dell’avorio nelle prime 2 vasche e nel camminamento, in una miscela di smeraldi per la Thalassa. Gli ambienti di calore sono 3: un Rasul dai vapori aromatizzati agli olii essenziali, totalmente bianco in pregiati mosaici, la sauna finlandese e la Domus Aurea, un calidarium di leggero vapore con 4 postazioni disposte sotto idromassaggi a cascata cervicale. Quest’ultimo è un’ambiente dall’impianto tecnologico totalmente originale, progettato e realizzato per la prima volta in assoluto da Baden Baden: non si hanno notizie di bagni di vapore con cascate d’acqua in ambienti chiusi, altrove. Splendido anche nel design e nell’atmosfera misteriosa, con i suoi mosaici nei toni del nero cangiante e le luci che filtrano il pulviscolo d’acqua. Docce d’intervallo disposte ovunque nel centro. Cabine per le manualità viso/corpo ognuna con una propria personalità, molto spaziose, ricche di charme e atmosfera. Divina la Sala Shiatsu, con i grandi futon circondati e separati da veli ed organze, gli aromi degli olii esenziali e le tenuissime luci a conferire mistero e a suggerire un abbandono che non trova ostacoli. Hammam, Sala Fanghi e la nuova cabina, il Tempietto, tutte a 2 lettini riscaldati: si viene avvolti dal tepore, dall’armonia degli ambienti e dalle mani che sanno sfiorare, pressare, donare benessere e bellezza. A proposito di manualità, una nota di merito al nutrito staff, composto da operatrici di grande professionalità e gentilezza, tutte preparate sugli specifici protocolli operativi dell’azienda. Due Sale Relax con attrezzata Tisaneria. Qui persino gli spogliatoi e i corridoi paiono ambienti benessere per il relax che comunicano. Toni di luce e suoni in assoluto equilibrio, da manuale delle Spa. Carta dei trattamenti molto fornita e con una meravigliosa selezione di percorsi di benessere. Tariffe persino vantaggiose, considerata l’altissima qualità dei servizi offerti. Il centro utilizza una propria, eccellente linea cosmetica termale, dalla texture raffinata. Una Spa che è divenuta punto di riferimento per gli appassionati di benessere anche delle regioni vicine. Ai vertici assoluti della categoria.

5 Stelle

La Reserve Hotel Terme La principale stazione termale e il più frequentato hotel terme d’Abruzzo, sulle colline a 50 km da Pescara. Siamo nella valle dell’Orfento, parco nazionale della Maiella, del resto questa è la regione italiana dei parchi. L’albergo La Reserve si integra perfettamente in questo scenario naturalmente selvaggio, con le montagne incombenti. Le sue linee tagliate e i 2 corpi architettonici che principalmente ne compongono la struttura presentano elementi in legno e pietra. Interni particolarmente curati e finestroni a catturare una luce continuamente cangiante e ad affacciarsi su panorami incantevoli. Siamo in un attrezzatissimo centro termale che è anche una Spa. Acque solfuree ricche di elementi benefici, dalla notevole efficacia antinfiammatoria. Il centro benessere dell’hotel dispone di una piscina interna con idromassaggio (ce n’è anche una grande esterna, a terrazza), piscina termale, percorso kneipp, grotte sudatorie a temperature differenziate, sauna e bagno turco. Gli ambienti, pur garantendo un’ottima funzionalità operativa nello sviluppo dei percorsi di benessere, appaiono un pò carenti quanto ad atmosfera e senso di armonia in generale. Un carattere che sembra comune anche alla serie di cabine destinate alle manualità, più in linea con quelle di una Medical Spa. Peraltro, va considerato che la Reserve è un centro che punta molto sulla qualità della produzione termale (in particolare dei fanghi, davvero efficaci) e su quella dello staff che vanta professionisti con una lunga collaborazione con la struttura. E tuttavia, quella morbida accoglienza, quella sensazione di pampering che dovrebbero contraddistinguere gli ambienti della Spa, e condurre l’ospite all’abbandono, qui appaiono distanti, anche per ciò che concerne gli spazi relax. Un peccato, specie se consideriamo il superiore livello qualitativo dello staff della Reserve nelle manualità viso/corpo. E, infatti, la carta dei trattamenti si presenta in una veste di prestigio, con una ricchezza di proposte anche nella versione Day Spa. Comparto delle discipline orientali di primaria importanza, in specie quelle thai e ayurveda. Tariffe nella media del mercato.

La Reserve Hotel Terme Via S. Croce - Caramanico Terme (PE) Tel 085.9239502 - Fax 085.9239510 www.lareserve.it Numero Camere: 72

2 Stelle e 3/4

63


Best

Abruzzo Romantik Hotel Sporting Villa Maria

Romantik Hotel Sporting Villa Maria Località Pretaro - Francevilla al Mare (Ch) Tel 085.450051 - Fax 085.693042 www.sportingvillamaria.it Numero Camere: 87

La mano del progettista si è mossa nell’alveo del buon senso, le linee architettoniche scorrono bene. Ci sono poi alcune cabine per i trattamenti, piuttosto ampie, dagli interni migliorabili quanto a senso armonico. Come già rilevato nell’analisi di altri profili, è fondamentale per una buona Spa che tutti gli elementi presenti al suo interno siano tecnicamente corretti, posizionati nel modo giusto, illuminati (e non) nella maniera ideale per creare un’atmosfera accogliente, rilassante e insieme stimolante. In tal senso, nel Linfa potrebbe essere opportuno rivedere alcune scelte. Carta dei servizi dall’offerta contenuta, ma con una discreta presenza di percorsi benessere, e questo ha un valore positivo. Tariffe per alcuni aspetti vantaggiose, ma nella direzione del value for money. Utilizza prodotti della linea Maria Galland. In definitiva, il Linfa possiede tanta sostanza, ma sembrerebbe mancare di una studiata strategia circa la reale mission della Spa: solo una serie di ambienti benessere per il tempo libero oppure un centro attrezzato per il riequilibrio psico-fisico e la remise en forme? Un elemento di incertezza che, d’altra parte, é risultato comune ad una grande quantità di centri benessere italiani. Fortunatamente, il Villa Maria dispone degli strumenti adeguati per sciogliere questo nodo manageriale ed avviare il Linfa ad un futuro di successi.

2 Stelle 1/2

Hotel Rigopiano

RM

apy y

et therapy,

e - Ninfea

moterapia

e

assaggio

Immersa in un parco collinare di 6 ettari, a circa 1 km. dalla spiaggia, e a 15 minuti di auto dal centro di Pescara, si trova questa struttura dalle linee moderne e dagli ambienti ampi e confortevoli. Turismo congressuale ed eventi, ma anche clientela d’affari e turismo balneare, lo Sporting si caratterizza per la sua versatilità grazie anche all’ampia gamma di servizi offerti in un’atmosfera tranquilla, lieve. Tra questi spicca il nuovo centro benessere dell’hotel, dal nome Linfa. Si caratterizza, principalmente per l’area acqua, con una grande piscina riscaldata interno/esterno con panorama sul mare, numerose le stazioni idromassaggio sia interne che all’aperto. Mosaici e pietra nei toni chiari, sbalzi di livello, stondature a disegnare armonie, la piscina è senza dubbio il momento migliore del Linfa. Anche se il collegamento esterno e gli ampi finestroni non consentono un reale controllo della luce durante il giorno. La Spa si completa con sauna finlandese, bagno di vapore, doccia kneipp e c.d. emozionale, terrazza solarium con spazio relax e, infine, tea corner a concludere i percorsi benessere.

Romantik Hotel Sporting Villa Maria Località Rigopiano - Farindola (Pe) Tel 085.8236401 - Fax 085.8236089 www.hotelrigopiano.it Numero Camere: 45

Reduce da un sapiente restyling che ne ha trasformato le linee architettoniche e ridisegnato gli interni, l’Hotel Rigopiano si è riposizionato sul mercato dell’ospitalità alberghiera dell’Appennino abruzzese, come uno dei più interessanti resort di montagna. Si trova nella fascia pescarese del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, a 1.200 metri di altezza, immerso nel paesaggio montano di Farindola, ma con all’orizzonte il mare dell’Adriatico che si confonde con il cielo. Questa combinazione di opposti si ritrova in tanti elementi caratterizzanti dell’albergo. Nella facciata dell’hotel, negli ambienti comuni, nelle camere e suite si riconosce chiaramente l’incontro tra un mondo che è ancora di forti tradizioni ed un comfort moderno, ispirato dalla continua ricerca della qualità, che non può assolutamente venir meno, pena l’esclusione da un mercato del turismo sempre più esigente, selettivo. E quindi, tanta pietra, legno vivo, ferro battuto a definire una struttura forte, con una sua propria anima; ma anche tante facilities, attenzione e cura del cliente, ricerca continua per adeguare il livello dei servizi agli standard più elevati. Lo sforzo più consistente è stato sicuramente fatto con l’allestimento del nuovo centro benessere, la Spa Gran Sasso. Realizzata in base ad un studio progettuale che si è avvalso di importanti consulenze esterne, ha il suo pezzo di miglior pregio nel design e nell’eleganza della piscina riscaldata interno/esterno, contornata da una serie di vasche a differente idromassaggio e relax corners con confortevoli chaise longue. Accanto, gli ambienti che ospitano bagno turco, sauna, calidarium di vapore aromatizzato e doccia emozionale. Spettacolo di pietra chiara e mosaici con un tocco di elementi classici ad arredare un’area benessere ricca di charme. Andando avanti si trova il reparto beauty che presenta una carta dei trattamenti con grande uso dei prodotti Palazzo Benessere, gruppo Integrèe. Nelle cabine, sempre in stile, in prevalenza manualità della tradizione occidentale, con alcune escursioni nelle culture orientali. Della Spa dell’Hotel Rigopiano si può dire che l’impatto è certamente positivo e che design e stile degli ambienti rappresentano senz’altro il punto di forza del centro. Mentre, una certa perplessità hanno suscitato il metodo operativo e la gestione sul campo della Spa, apparsi poco fluidi, e il reparto trattamenti come distaccato dal resto della struttura. Ma, come sa bene chi si occupa di benessere, è proprio la sapiente integrazione tra area umida e comparto trattamenti (insieme allo spazio relax) che può fare di un un anonimo centro benessere una grande Spa, in definitiva è proprio questo il compito principale di uno Spa Manager. D’altra parte, non si può pensare che quella meravigliosa miscela possa venir fuori sempre al primo colpo: spesso occorrono anni per assemblare opportunamente gli spazi e formare uno staff operativo di elevata professionalità e che sappia lavorare come una squadra. A noi, comunque, il centro benessere dell’Hotel Rigopiano ha lasciato l’impressione di essere in grado, con il tempo, e tanta passione, di raggiungere questo risultato.

2 Stelle e 3/4

64


Best

Basilicata

65


Best

Basilicata Hotel Villa del Mare

Romantik Hotel Sporting Villa Maria Località Pretaro - Francevilla al Mare (Ch) Tel 085.450051 - Fax 085.693042 www.sportingvillamaria.it Numero Camere: 87

Affacciata a strapiombo sul mare di Maratea, lo sbocco lucano sul Tirreno, in una delle più incantevoli insenature del Golfo di Policastro, protetta alle spalle dalle montagne del Parco Nazionale del Pollino, si trova questa costruzione moderna, venuta su con l’intento piuttosto evidente di provvedere ad una migliore qualificazione dell’offerta turistica dell’area. Si tratta, infatti, nel caso in esame, di un territorio splendido dal punto di vista naturalistico. Un entroterra con poderosi rilievi, talora aspri e brulli, altre volte ricoperti da rigogliose leccete. Una costa che si estende per circa 33 km., ricca di paesaggi marini affascinanti, sia sopra che sotto il mare, con fondali che attirano appassionati subacquei da ogni dove. Ma c’è una perla, non sottomarina stavolta, capace di illuminare l’intero scenario del Villa del Mare, e si tratta del centro benessere della casa, la Marine Spa. Compresa l’area fitness, sono 1.000 mq di struttura, particolarmente votati alla Talassoterapia, attraverso una notevole area acqua, rivestita in pregiati mosaici nei toni dell’azzurro, che si muove sinuosa nella principale sala della Spa. Il colpo d’occhio è di quelli che si ricordano, ci sono le anse idromassaggio, i giochi d’acqua, i camminamenti kneipp sui lati, chaise longue e tavolini relax a completare la scenografia da salone delle feste. Tuttavia, non bisogna pensare che si sia mirato solo al bello, ma anche al bene. Soprattutto, mediante l’acqua della piscina, che viene prelevata dal mare del golfo, esattamente di fronte all’albergo, e portata alla temperatura di 36 gradi. La balneoterapia in questa particolare acqua, specialmente se combinata con i trattamenti ai fanghi marini, garantisce una efficace azione di contrasto ad una serie di disturbi reumatici e dermatologici. Inoltre, grazie al processo di osmosi avviato dal sale marino, produce un elevato effetto detossinante sull’intero organismo. Tornando alla composizione della Spa, troviamo i principali ambienti caldi, sauna finlandese e bagno di vapore agli aromi, oltre alla doccia a getto. Al termine del percorso, tea corner con degustazione di infusi. Staff adeguato, ma la carta dei trattamenti presenta un’offerta di servizi piuttosto contenuta, nella quale manca del tutto la sezione dei percorsi di benessere. Troveremmo opportuna anche una maggiore divulgazione, attraverso una più dettagliata e incisiva comunicazione, sia cartacea che on line, dei servizi offerti dalla casa. Tariffe in alcuni casi vantaggiose.

2 Stelle e 3/4

66


Best

Calabria

67


Best

Calabria Altafiumara Resort & Spa Atmosfere tipicamente mediterranee in uno scenario di grande suggestione. Questo è ciò che attende il visitatore all’arrivo nell’Altafiumara Resort, principale complesso alberghiero di questa area della Calabria e, per quanto concerne proprio la componente benessere, dell’intera regione. Ci troviamo nel tratto di litorale denominato Costa Viola, tra Villa San Giovanni e Scilla, a circa 11 Km da Reggio Calabria, in un parco di 10 ettari affacciato sul mare. Qualità dei servizi certificata da un gruppo che opera da 30 anni nel mondo della hotellerie. Tra i tanti offerti dall’Altafiumara, emerge proprio l’area benessere, sia per il livello della struttura in sè, sia per la ridottissima presenza, più volte rilevata da noi di 100Best, di centri wellness nel meridione d’Italia (e non parliamo soltanto di quelli di eccellenza). Un titolo di merito ancora più consistente per chi, come nel caso dell’Altafiumara, accetta la sfida e punta in alto. La Spa, denominata Notos, si sviluppa su 2 livelli, per un totale di circa 800 metri quadri di superficie. Altafiumara Resort & Spa S. Trada di Cannitello - Villa S. Giovanni (Rc) Tel 0965.759804 - Fax 0965.759566 www.altafiumarahotel.it Numero Camere: 128

Nel piano inferiore, il più ricco di ambienti, si trova una notevole piscina interno/esterno, separata da una vetrata, con la vista che può spaziare sul mare immenso, in una immagine carica di sensazioni difficili da dimenticare. Sul patio esterno, solarium naturale con chaise longue. Proseguendo all’interno, hammam in mosaico nero con inserti in dorato, provvisto di vasca e ampia base per il rituale olistico di purificazione, rasul ai vapori aromatici con c.d.cromoterapia e utilizzo di fanghi mineralizzanti. C’è poi un’ area vapori, composta da 3 stanze calde: calidarium a 45° alla luce verde, laconium a 65° con luce arancione e tepidarium a 37° con luce gialla. Al termine del percorso, la sala relax con tisaneria, con poltroncine e chaise longue, circondata da ampie e luminose vetrate che consentono di cogliere il panorama mozzafiato dello Stretto, a picco sul mare della Costa Viola. Il piano superiore è riservato al reparto trattamenti, collegato con l’area umida da un ascensore interno a vetri e da una passerella coperta. Dispone di 2 ampie cabine massaggio e 5 dedicate ai trattamenti estetici. Luminose e arredate con gusto. Così, come elegante e tecnicamente ben realizzata è l’intera Spa, con davvero rari elementi che sarebbero da sottoporre a rivisitazione, come una maggiore fluidità nella gestione diretta a contatto con gli ospiti (informazione e guida della clientela, rispetto dei tempi del corpo nel percorso tra gli ambienti caldi) ed una rilettura della regia luci. Ma, si tratta di dettagli nel cuore di tanta sostanza, offerta con classe e con il consueto calore della gente del sud dallo staff applicato al comparto. Utilizza la propria, efficace linea di prodotti Notos. Tariffe buone, in alcuni casi, molto convenienti. 3 Stelle

68


Best

Campania

69


Best

Campania Crowne Plaza Stabiae Sorrento Coast Nato dalla riconversione di un sito industriale in disuso, il Crowne Plaza si presenta come un edificio dalle linee moderne e uno stile degli interni vagamente minimalista. Si trova al livello del mare, a Castellammare di Stabia, la Città delle Acque, famosa fin dall’antichità per la presenza di 28 sorgenti naturali di acque minerali, diverse per composizione e virtù terapeutiche, che sgorgano dalle pendici del Monte Faito. L’hotel si sviluppa lungo una passeggiata di oltre 300 metri, sul fronte mare, lo splendido mare della penisola sorrentina, ed è suddiviso in due edifici principali. La spiaggia privata e una serie di facilities di livello rendono il soggiorno in questo albergo assolutamente confortevole. C’è una piscina esterna, su di una grande terrazza che guarda il mare, utilizzabile anche d’inverno, grazie ad una particolare semi-copertura. L’area Spa non è di grande superficie, ma complessivamente è ben fatta.

Crowne Plaza Stabiae Sorrento Coast S.S. 145 Sorrentina, Km. 11 - Castellammare di Stabia (Na) Tel 081.3946700 - Fax 081.3946770 www.sorrentocoasthotel.com Numero camere: 150

Lo Spamarine Club, questo il suo nome, è riservato ai tesserati al Centro Benessere del Crowne Plaza Stabiae Sorrento Coast. Tra i suoi ambienti, 2 vasche idromassaggio, con zona relax sui bordi e nell’ambiente piscina: calda acqua di mare per i trattamenti talassoterapici, giochi d’acqua e cascate di benessere; c’è anche una particolare vasca Watsu con stimolazioni in acqua proprie del massaggio shiatsu. Completano la struttura sauna finlandese, bagno di vapore aromatizzato, cabine per i trattamenti benessere sia manuali che con uso di macchinari. Marmi, pietra, abbondante uso di mosaici, legni pregiati a vestire ambienti ben distribuiti, con una buona circolarità dei percorsi. Atmosfera avvolgente, grazie anche al buon dosaggio delle luci, assistenza discreta e al tempo stesso attenta da parte dello staff operativo. Carta dei trattamenti sufficientemente variegata, con una particolare attenzione ai programmi di manualità destinati alla coppia. Utilizza prodotti della linea francese Phytomer, cosmesi talassoterapica. Tariffe leggermente elevate.

2 Stelle e 3/4

Grande Albergo Il Moresco Ci troviamo in una delle zone più esclusive dell’isola, vicino al mare che guarda il Golfo di Napoli, in un teatro di pini secolari. Il corpo dell’albergo è facilmente distinguibile, in linea con il suo nome ha una architettura di derivazione araba e gli arredi dell’area accoglienza mantengono una chiara ispirazione mediterranea. Un bel patio e deliziosi giardini all’interno, con fontane dalle quali zampilla la benefica acqua di Ischia. Camere e suite confortevoli e ricche di servizi, in cui predominano i toni del bianco.Possiede un suo centro termale, con beauty center e palestra, buon collegamento con il ristorante per menù personalizzati, particolarmente per gli ospiti che scelgono un programma integrato di remise en forme. C’è una piscina esterna a 8 incastonata tra le piante tropicali, una coperta, idromassaggio e uno straordinario percorso d’acqua termale all’interno di una sinuosa grotta tufacea, che vale, come si dice, il prezzo del biglietto. Grande Albergo Il Moresco Via E. Gianturco 16 - Ischia (NA) Tel 081.981355 - Fax 081.992338 www.ilmoresco.it Numero Camere: 67

Qui, dove un tempo si impilavano bottiglie di vino (serviva, infatti, come locale cantina), ora ci sono delle cascate d’acqua termale ricca di principi attivi per un percorso balneoterapico di grande suggestione e capacità benefiche. Rivestimenti, preferibilmente in mosaico, sia per l’eleganza, sia per assecondare le tante stondature del design architettonico degli ambienti, al fine di conferire maggiore armonia. Completano il centro sauna finlandese, bagno di vapore aromatizzato, doccia cromatica e piccoli spazi relax. L’area beauty presenta una serie di cabine sufficientemente confortevoli , arredate in stile moderno. Manualità, come è comprensibile, sia della tradizione occidentale che di quella orientale, tanto uso dell’ottimo fango termale locale. Buona l’idea di affiancare un comparto specializzato in trattamenti antiossidanti di Vinoterapia e anche apprezzabile il tentativo (poco frequente nei centri termali tradizionali) di rendere sistemica, attraverso le proposte in menù trattamenti, la connessione tra area benessere e area beauty. Che è esattamente ciò di cui consta una vera Spa. A proposito della carta dei trattamenti, è ben corposa e le offerte sono presentate in maniera chiara. Staff accogliente e di buona professionalità. Tariffe buone, talvolta assai convenienti.

2 Stelle e 3/4

Mirage Day Spa

Mirage Day Spa Via Porta Posillipo 135/D - Napoli Tel 081.7691436 www.miragespa.eu

Una Day Spa nata recentemente dalla passione (e quanta ce ne vuole) di 2 imprenditori napoletani desiderosi di offrire alla propria straordinaria città un punto d’incontro alternativo. Raffinato nelle linee degli interni, con una ricchezza di spunti che solo un profondo, accurato lavoro di interior design può generare. E con tanta sostanza da mettere sul mercato. Un mercato che nel meridione italiano, come abbiamo più volte tristemente rilevato, è davvero povero nell’offerta di benessere, persino nelle sue metropoli. Il Mirage è uno dei primi (per Napoli), eccellenti tentativi di coprire un vuoto che ha, comunque, margini di intervento enormi per chiunque abbia voglia e competenze e investimenti - dall’ottimo rendimento - da mettere in campo. Qui ci si è appoggiati alla ventennale esperienza di Angelo Caroli, e infatti la struttura ospita anche una importante area fitness. Come ben sanno i seguaci di 100Best, Fitness e Spa sono per noi 2 mondi che, diversamente da quanto si crede (e si propaganda), hanno scarsissimi punti di contatto. Salame e salmone sono 2 alimenti, servono a nutrire l’organismo e hanno persino le stesse iniziali. Ma sono 2 cose di origine, gusto, composizione, capacità nutrizionali, etc. totalmente differenti. Chiaro il concetto? Fortunatamente, qui al Mirage, i 2 reparti sono tenuti sufficientemente separati, anche dal punto di vista della politica commerciale. Gli ambienti. Centrale è la bella e sinuosa piscina riscaldata, in pietra e mosaico, con micromassaggi pressurizzati e cascata cervicale. Contornata da graziosi elementi d’arredo e da una serie di confortevoli chaise longue per gli intervalli. Uno spazio hammam finemente curato per la fase di purificazione, con vasca kneipp e docce di differente temperatura a completare la fase coadiuvante del sistema circolatorio. Inoltre, bagno secco con la sauna finlandese. Punto relax con tisane e frutta. L’area trattamenti, anch’essa di ottima finitura, presenta 11 cabine per massaggi (anche di derivazione orientale) e un buon assortimento di trattamenti viso/corpo. Ma il centro concede ai propri ospiti la possibilità di effettuare semplicemente l’ingresso all’area umida. Scelta comprensibile. D’altra parte, sono proprio gli ambienti, al momento, il grande punto di forza di questa elegante Spa. Buona l’assistenza e anche le tariffe dei trattamenti.

3 Stelle

70


Best

Campania Grand Hotel Parker’s Superbamente affacciato sul golfo di Napoli, il Parker’s ha sede in un gran palazzo in stile neoclassico situato nel cuore della città, in uno dei quartieri più esclusivi. Ambienti solenni, ma privi di eccessive rigidità. Camere e suite accoglienti e molto luminose, arredate con gusto e provviste di ogni servizio. Il ristorante, con ottima cucina del territorio, provvede anche a studiare menù personalizzati per gli ospiti che siano alla ricerca di una vacanza all’insegna della più completa remise en forme. Il centro benessere Day Light, che si avvale dell’organizzazione dell’Health Center di Marc Mességuè, è una struttura moderna ed estremamente elegante che, oltre ad un’area fitness firmata Technogym, presenta una serie di ambienti acqua con cascate, idromassaggio e doccia scozzese energizzante. Sauna finlandese e bagno turco con cromo e aromaterapia. Infine, spazio relax mosaicato nei toni del verde, provvisto di servizio tisaneria. Cabine per i trattamenti dai volumi non eccessivi, ma dalle linee eleganti, senza strafare. Vi si praticano prevalentemente manualità della tradizione occidentale, ma non mancano escursioni tra le discipline orientali, in testa l’ayurvedica. Tra le buone notizie, la carta dei servizi presenta una colonna riservata ai percorsi di benessere, anche se riteniamo che con la gli ambienti e lo staff a disposizione, forse si sarebbe potuto osare maggiormente.

Grand Hotel Parker’s Corso Vittorio Emanuele 135 - Napoli Tel 081.7612474 - Fax 081.663527 www.grandhotelparkers.it Numero Camere: 82

Interessanti, peraltro, i contenuti della sezione dedicata alla Vinoterapia, per la quale ci si avvale della propria produzione vinicola. Ma, se il vino va bene, qualche perplessità arriva dall’acqua: l’area acqua del Day Light appare davvero essenziale, sia per le dimensioni che per le caratteristiche degli impianti. Mentre gli altri fondamentali della Spa del Parker’s sono tutti assolutamente positivi. Questo aspetto spinge a ricordare quanto sia raro trovare all’interno delle città, persino delle metropoli italiane, delle vere Spa. Delle strutture come il Day Light, con un management preparato e competente in grado di dare un indirizzo gestionale chiaro e di innovare periodicamente restando nel solco di una tradizione millenaria ancora vincente. C’è una reale povertà di centri benessere di eccellenza dentro le città italiane, ovunque, non solo nel meridione. Questa considerazione finisce per rendere trascurabili, talvolta, anche quelle che potrebbero sembrare delle mancanze strutturali (come nel caso dell’area acqua del Parker’s) che, altrimenti, avrebbero altro peso. Personale gentile, ben preparato sui protocolli operativi della casa. Tariffe secondo standard.

2 Stelle e 3/4

Regina Isabella & Royal Sporting Gioiello dell’ospitalita ischitana, il Regina Isabella nasce negli anni ‘50 grazie alla passione di Angelo Rizzoli che, in pochi anni, ne fa il fulcro di quella mondanità cinematografica internazionale che darà origine al fenomeno della Dolce Vita. Nei primi anni ‘60 la dolce vita balneare passa obbligatoriamente per i maestosi saloni del Regina Isabella. Oggi l’albergo, in ben altri tempi, conserva comunque intatta quell’aura di grandezza, l’immagine di edificio nobile per ospiti che abbiano il dono del savoir vivre, portatori di un fascino avvolto da naturale discrezione. In questo senso, forse, considerando i tempi in cui viviamo, l’hotel svolge persino una funzione alta, riuscendo ad inviare segnali precisi riguardo a stili di vita e modelli di comportamento. La struttura: in posizione dominante sull’incantevole baia di Lacco Ameno, edificio imponente, saloni regali, pavimenti nelle più pregiate ceramiche, lampadari di Murano, sculture, quadri e arazzi da fiaba. Camere e suite con tutti i servizi che l’ospite più esigente potrebbe desiderare. Regina Isabella & Royal Sporting Piazza S. Restituta - Lacco Ameno (Na) Tel 081.994322 - Fax 081.900190 www.reginaisabella.it Numero Camere: 128

Eccellente il ristorante con i pasti serviti sulla veranda di fronte al mare, cose per le quali vale la pena di vivere... Nel corpo dell’hotel c’è spazio per lo stabilimento termale che propone trattamenti riabilitativi e, per quello che ci riguarda, balneoterapia e fangoterapia (quest’ultima altamente consigliata). Oltre che sui bagni termali, il Regina punta molto anche sulla talassoterapia, proposta attraverso le 2 piscine esterne con acqua di mare a differente temperatura. All’interno, una elegante piscina termale, idromassaggio, percorsi kneipp, sauna, bagno di vapore aromatizzato, spazi di distensione a bordo vasca e area relax di fine percorso. Ambienti tutti raffinati e curati nel minimo dettaglio, anche se dalle dimensioni piuttosto contenute. Carta dei trattamenti molto complessa e integrata. Tante soluzioni benessere miscelate con fitness ed interventi medicali. Naturalmente, si tratta di una scelta frutto di attente valutazioni da parte del management, e tuttavia appare un pò disorientante per chi è interessato semplicemente alla Spa: darà molto lavoro, sul piano informativo, alla reception del centro. A tal proposito, non sarebbe inopportuna anche una revisione del sito internet per la sezione Spa, con una esposizione più chiara e approfondita, tanto nei testi quanto nelle immagini relative. Tariffe giuste, degne dell’alta qualità dei servizi offerti da uno staff competente e molto presente. Il centro utilizza una propria, eccellente linea biocosmetica a base di acqua termale.

3 Stelle

71


Best

Campania Continental Terme Siamo nella parte principale dell’isola, all’interno di un parco che si estende per oltre 3 ettari, con una lussureggiante vegetazione esotica. La costruzione, che si caratterizza per lo stile architettonico chiaramente mediterraneo, comprende, oltre alla componente alberghiera, anche il complesso delle Terme Continental, convenzionato con il S.S.N. per cure balneoterapiche, fangoterapiche e inalatorie. Le acque, prevalentemente salsobromoiodiche, sgorgano da una profondità di circa 40 metri, ad una temperatura che oscilla tra i 55 e i 72 gradi. L’albergo è strutturato in linea orizzontale: camere e suite, nelle differenti tipologie, sono distribuite all’interno delle ville disseminate nel parco. Eleganti nel taglio mediterraneo delle facciate e molto confortevoli all’interno, propongono un ventaglio di servizi adeguato alle esigenze di una clientela internazionale. Occupiamoci ora dell’area di benessere termale. Delle 5 piscine del Continental, a parte la Olimpica, le altre 4 sono tutte termali, alimentate dalla sorgente Tifeo che sgorga nei pressi. Continental Terme Via M. Mazzella 74 - Ischia (NA) Tel 081.3336111 - Fax 081.3336276 www.continentalterme.it Numero Camere: 246

Di queste, la Tropicale, temperatura attorno ai 36°, è una piscina termale coperta incastonata come un gioiello purissimo in una serra con piante e fiori, appunto, tropicali. L’altra vasca coperta , la Terapeutica, tra i 38° e i 40°, presenta anche delle cascate d’acqua per l’idromassaggio dorsale. Il resto degli ambienti Spa è occupato da sauna finlandese, bagno di vapore, camminamento kneipp, doccia c.d. emozionale, doccia terapeutica rinfrescante e zona relax. Lineee e rivestimenti degli ambienti ( con una prevalenza di mosaici pregiati) con colonnati, archi e fontane tendono a rievocare le atmosfere del bagno romano: scelta progettuale che qualcuno potrebbe definire scontata e che, invece, noi troviamo assolutamente condivisibile. Tanto per essere chiari: in pochi aspetti della vita umana, come le terme e il benessere, 2mila anni di storia sembrano trascorsi quasi invano. Se, come è vero, siamo ancora qui ad applicare, adattandoli alle nostre conoscenze contemporanee, dei protocolli di cura, prevenzione e distensione psico-fisica elaborati a quel tempo dai nostri predecessori, in ambienti dei quali, ancora oggi, proviamo ad imitare lo stile. Per essere uno stabilimento termale, con acque e fanghi di prim’ordine, il Continental ha il grande merito di non essersi fermato a lucidare l’argenteria di casa, ma di avere elaborato una Spa che, pur senza strafare, presenta una buona media qualitativa in tutti i suoi fondamentali. Carta dei trattamenti da classico centro termale, mancano del tutto i percorsi di benessere. Tariffe buone, in alcuni casi molto convenienti.

3 Stelle e 1/4

Grand Hotel Vesuvio

Grand Hotel Vesuvio Via Partenope 45 - Napoli Tel 081.7640044 - Fax 081.7644483 www.vesuvio.it Numero Camere: 160

Sorto nel 1882 ( su di un lungomare appena creato, e che sarebbe finito nelle cartoline) per volere di un finanziere di origine belga innamoratosi di Napoli e della sua storia. Una meravigliosa vista sul Golfo. Camere e suite eleganti e raffinate, ambienti dell’hotel arredati con gusto, il Vesuvio è da sempre metà di personaggi famosi del mondo del cinema, dell’arte e della vita in genere, che scendono nella città partenopea. E, a proposito del mito di Partenope, il management del Vesuvio ha deciso di intitolare il centro benessere dell’hotel ad un altro luogo a metà strada tra la mitologia e la storia, il Monte Echia, che avrebbe dato origine alla città. Nasce così l’Echia Club, uno spazio fitness e wellness nel corpo dell’albergo, assolutamente in linea con il carattere di ricercatezza ed esclusività che contraddistingue l’intero complesso. La Spa si compone di una piscina coperta, vasca idromassaggio, bagno di vapore aromatizzato, sauna finlandese e spazio relax. L’area acqua, in particolare la piscina coperta, è di ispirazione classica reinterpretata, linee armoniche tanto nel disegno della vasca, quanto nelle murature e anche nei controsoffitti, con pannelli curvi in sovrapposizione. Gli altri elementi, a parte, ovviamente, la sauna presentano prevalentemente rivestimenti in marmi e pietra, con inserti, greche, rosoni, finiture in legno pregiato a rievocare storia e mitologia ancora così presenti nella vita napoletana. Belle le cabine riservate ai trattamenti, sempre con arredi in stile. Illuminazione curata, forse con troppa provenienza dall’alto nella grande piscina. Insomma, una centro di livello. Il management del Vesuvio sembra abbia scelto di utilizzare quest’area più come un Club, uno spazio di prestigio nel quale prendersi cura dei propri clienti in maniera totale, come un completamento, una sublimazione, diremmo, dei servizi alberghieri, più che come una Spa con una sua propria autonomia, personalità, obiettivi chiari, un bouquet di servizi ben definito. Nell’Echia Club c’è uno staff di operatori di grande professionalità che assiste individualmente l’ospite. Le manualità, tra la scuola occidentale e le discipline orientali sono solo alcune, non ci sono proposte specifiche in tema di percorsi di benessere, la proposta di servizi si muove nel solco della tradizione più essenziale. E’ una scelta sicuramente meditata, anche in funzione delle dimensioni, non eccezionali, della struttura. Anche se, a nostro parere, la Spa del Vesuvio avrebbe, per management, ambienti, personale operativo, la capacità di offrire servizi all’altezza della più prestigiosa remise en forme. Comunque, anche nella veste attuale, l’Echia Club raggiunge l’eccellenza che qui documentiamo.

3 Stelle

72


Best

Campania Mezzatorre Resort Spa Una antica torre saracena affacciata sul mare, circondata da un parco di pini e lecci. Così si presenta il Resort Mezzatorre, in uno degli angoli più ricercati e vitali dell’isola d’Ischia. Isola vulcanica, con sorgenti ovunque sul territorio: in quest’area vi sono fuoriuscite d’acqua termale ad alta temperatura anche in mare, dov’è possibile prendere il bagno persino con un clima invernale. L’hotel ha, naturalmente, conservato la sua cornice storica, conferendo però agli interni una natura assolutamente elegante e confortevole. Camere e suite, tra parco e mare, sono tutte molto ampie, luminose e fornite dei servizi essenziali ad una clientela giustamente esigente. Il Mezzatorre si presenta come uno Spa Resort e, dunque, andiamo ad esaminare il suo comparto benessere. All’interno, certo. Ma anche all’esterno, dove dispone di una bella piscina con acqua di mare riscaldata a picco sul golfo e di incantevoli spazi per massaggi e trattamenti all’aria aperta. Dentro, troviamo una grande area acqua, variamente compartimentata, con vasca termale, idromassaggio e idropercorsi.

Mezzatorre Resort Spa Via Mezzatorre 23 - Forio d’Ischia (NA) Tel 081.986111 - Fax 081.986015 www.mezzatorre.it Numero Camere: 60

Variazioni di livello tra le diverse acque, finestroni a catturare la luce esterna e chaise longue sui bordi. Poi, sauna finlandese, bagno di vapore e bagno con c.d. cromoterapia, piccolo spazio con bevande fresche e infusi che dà sull’esterno, relax corners nel parco. Circondate e separate da tendaggi nei toni del bianco, ci sono una serie di cabine per i trattamenti, prediletti quelli effettuati con un fango termale di natura eccellente. E, a proposito di questo, l’insieme della Spa del Mezzatorre dà più l’idea di un centro di benessere termale di tipo tradizionale, più che di una Spa. Intendiamoci, non si tratta affatto di un giudizio di carattere negativo. Con questo si vuole intendere che, se parliamo di Spa, la struttura ne presenta sì gli elementi essenziali, ma le linee degli ambienti, (particolarmente, dell’area acqua e della zona trattamenti al coperto), le luci, le atmosfere del centro, non sono propriamente quelle morbide e rarefatte delle strutture salus per aquam. Ciò che, al contrario, avviene per la componente alberghiera del Mezzatorre, ricca di spunti riconoscibili e di personalità. Comparto delle manualità viso/corpo davvero buono, con utilizzo di linee di prodotti termali. La carta dei trattamenti, di dimensioni contenute, andrebbe incrementata con proposte interessanti in tema di percorsi benessere. Tariffe giuste per l’alta qualità dei servizi forniti. Elevate quelle di alcuni trattamenti viso.

2 Stelle e 3/4

Panta Rei Locale multifunzionale, nato da pochi anni con l’idea di offrire alla clientela fashion dell’isola e ai tanti giovani che la frequentano un’alternativa al mare, allo shopping, al ciondolare in Piazzetta che dominano la vacanza, lunga o breve che sia, in questo luogo affascinante. Ambiente, com’è ovvio, raffinato. Lounge bar, spazio degustazione, un’ampia, splendida terrazza che guarda il mare infinito, dove passare le giornate e le notti a chiacchierare in buona compagnia. Spazio benessere dalle linee moderne con richiami classicheggianti, una piscina riscaldata centrale, fiancheggiata da vetrate che danno su altri ambienti e fronteggiata, a distanza, da una deliziosa lounge area con morbidi sofà e cuscini. Graziosi ambienti con archi e vetrate d’arredo, vasca idromassaggio alle fibre ottiche per la c.d. cromoterapia, bagno di vapore aromatizzato dalle linee pulite, sauna finlandese, relax corners qui e là. Alcune minimaliste cabine per le manualità, dove si effettuano principalmente trattamenti con fanghi al guaranà e maschere di argilla. Carta dei servizi dall’offerta ampliabile.

Panta Rei Via Lo Palazzo 1 - Capri (NA) 081.8378898 - Fax 081.8375681 www.pantareicapri.it

Quanto agli ambienti, nel Panta Rei tutto scorre in maniera lineare. Si vede che c’è stata una progettualità competente, gli elementi essenziali ci sono tutti e sono anche distribuiti in maniera corretta. Ma, in genere, superata questa fase, interviene quella gestionale diretta, sempre pronta a riservare gli ostacoli più insormontabili. Filosofia e obiettivo della struttura, selezione dei prodotti, politica commerciale, comunicazione, composizione dello staff, piano operativo gestionale, day by day, sono solo alcuni momenti fondamentali di questo lavoro. Ora è chiaro, che se il Panta Rei avesse voluto semplicemente stupire l’ospite con una serie di ambienti gradevoli affacciati su di un panorama stupefacente, da utilizzare tra un drink e una tartina per passare un pomeriggio alternativo in un contesto di qualità, avrebbe già ampiamente raggiunto il suo scopo. Mentre una vera Spa dovrebbe essere equilibrata su tutti i fronti: area umida, spazio e staff trattamenti, zona relax. Tutto questo al Panta Rei lo sanno bene. D’altra parte gli orientamenti del management sono assolutamente condivisibili, soprattutto in considerazione dell’apertura stagionale che determina, a cascata, tutte le altre scelte operative. Il Panta Rei è giovane, già affermato e con le carte in regola per una crescita importante come Spa. Del resto, osservando il povero panorama delle Day Spa italiane, non sarebbe proprio il caso di fare gli schizzinosi. Particolarmente, con questo elegante centro, che in una visita all’isola, tra un giro in barca e una passeggiata sulla via Krupp, sarà ben il caso di visitare. E anche di tornare a visitare.

2 Stelle e 3/4

73


Best

Campania Grand Hotel Quisisana

Grand Hotel Quisisana Via Camerelle 2 - Capri (Na) Tel 081.8370788 - Fax 081.8376080 www.quisi.com Numero Camere: 148

Dietro la mitica Piazzetta, all’ingresso di Via Camerelle, la strada dello shopping, nel pieno centro di Capri e, dunque, secondo la filosofia caprese sposata dal jet set internazionale, nel centro del mondo. Qui si erge il Quisisana. A prima vista dà l’idea della Residenza dell’ Ambasciatore in un film di Francis Ford Coppola. Ma, in alcuni tratti, ricorda anche ciò che fu originariamente: la casa di cura per anziani voluta a metà ottocento dal suo fondatore, lo scozzese George S. Clark. In oltre 150 anni di vita, nobili e ricconi europei si sono alternati alla sua guida, oggi saldamente nelle mani di una dinastia caprese fortemente impegnata nelle sorti turistiche della più famosa isola del Mediterraneo. L’albergo si affaccia su di un verdissimo parco privato e presenta una serie di terrazzamenti che guardano lo splendido mare e il quadro di Marina Piccola. Naturalmente, offre tutti i comfort che una clientela esigente possa richiedere, in ambienti estremamente eleganti e con un servizio di alta classe. Tra le facilities, una lussuosa Spa, la QuisiBeauty, nata e sviluppata negli ultimi anni per offrire agli ospiti del Quisisana momenti di relax e remise en forme all’altezza del proprio livello qualitativo nell’ospitalità. La struttura prevede una piscina coperta a sfioramento decorata con motivi capresi, vasca idromassaggio, splendido percorso kneipp ed una area hammam con sauna finlandese (con acquario incastonato in parete), calidarium aromatizzato e percorsi benessere. Ambienti estremamente eleganti, grande uso di mosaici e anche pietra levigata, ingegneria della luce buona quasi ovunque, migliorabile quella della piscina al coperto, condizionata anche dalla finestra di apertura sull’esterno. Cabine ampie e confortevoli, staff davvero accogliente e professionale. Utilizza esclusivamente prodotti di origine naturale. Carta dei trattamenti molto mirata sul versante beauty; ridotta, ma in termini accettabili, su quello salus per aquam. Come già più volte rilevato, la natura dei 2 comparti è quella di essere integrati: il secondo è essenziale alla buona riuscita del primo. Questo è il compito di una vera Spa. Al QuisiBeauty, pur in un contesto di spazi contenuti, hanno tutto ciò che serve - e in quale contesto raffinato - per riuscire a realizzare questo obiettivo.

3 Stelle

Hotel Parco Smeraldo Terme

Hotel Parco Smeraldo Terme Spiaggia dei Maronti - Barano d’Ischia (Na) Tel 081990127 - Fax 905022 www.hotelparcosmeraldo.com

Parafrasando Venditti. Quanto sei bella Ischia... Un’isola che è un mondo. Anche di contraddizioni, certamente, come l’enorme abusivismo edilizio che ne ha caratterizzato l’altrettanto clamoroso sviluppo turistico. Eppure, quanta atmosfera nei suoi giardini, nei parchi termali, nelle stradine e piazzette da borgo marinaro, dai caratteristici caffè ai grandi complessi alberghieri, persino dalle fermate d’autobus con il loro microcosmo di varia umanità fino alle boutique esclusive, ai ristoranti affacciati su di un mare che ha ispirato poeti e artisti, Hollywood e Cinecittà. Un mare come quello della suggestiva Spiaggia dei Maronti sulla quale si affaccia l’hotel che qui presentiamo, il Parco Smeraldo Terme. Circondato da un lussureggiante giardino subtropicale, presenta sul lato che guarda il mare la sua piscina idromassaggio con le acque termo-minerali, mantenuta alla costante temperatura di 33 gradi, grazie alla continua immissione di acqua termale prelevata direttamente alla fonte dove sgorga a 75°C. Camere, manco a dirlo, molto luminose e arredate in stile mediterraneo, con mobili in faggio e artistici pannelli in terracotta. Tra i trattamenti offerti dallo stabilimento termale dell’hotel, balneoterapia, fangoterapia (eccellente), massagi e cure inalatorie. Dalla terrazza piscina si accede direttamente alla spiaggia riservata. Pezzo pregiato del Parco Smeraldo è l’area di benessere termale al coperto, la Corallium wellness zone. Si compone di 2 piscine di taglio moderno, molto eleganti, con i particolari messsi in risalto da una luce adeguata: sono la Isisidae, di grande superficie, temperatura a 33 gradi, con varie stazioni idromassaggio lombari e cervicali; e la Gorgonidae, di dimensioni più ridotte, a 35 gradi, con potente idromassaggio e cascata cervicale. Sui lati, un consistente percorso kneipp a 2 corridoi con massaggio plantare e idromassaggi caldo/freddo situati ognuno ad altezza differente. Si prosegue con le docce emozionali: calda con essenza di maracuja e luce ambrata; fredda con essenza di menta e luce azzurrata. Relax corners sui bordi delle piscine. Con un paio di ambienti caldi, secchi e di vapore, nel contesto, questa Spa sarebbe stata ai vertici della categoria. Comunque, davvero un bel progetto, anche considerando che sull’isola, a fronte di un offerta termale di altissima quantità e qualità, il numero di strutture dell’ospitalità con area benessere attrezzata anche al coperto è davvero limitata. Ottima l’assistenza dello staff, professionale e competente. Carta dei trattamenti, sia termali che di benessere e beauty, molto consistente. Tariffe, come spesso capita ad Ischia, estremamente convenienti.

3 Stelle e 1/4

74


Best

Emilia Romagna

75


Best

Emilia Romagna Helvetia Spa & Beauty

Helvetia Spa & Beauty Piazza Vittorio Veneto 11 - Porretta Terme (Bo) Tel 0534 22214 www.helvetiabenessere.it Numero Camere: 48

Un palazzo dei primi del secolo scorso, da ammirare soprattutto nelle ore serali, quando una illuminazione ben studiata sulla facciata imponente e la caratteristica scalinata che conduce all’ampia terrazza, le conferiscono quell’aria da belle epoque, che poi altro non è che il periodo storico nel quale ha visto la luce. L’hotel, infatti è del 1904 e ha attraversato indenne, ma vivendolo appieno, un secolo di storia e di guerre che da queste parti ha lasciato tracce indelebili. L’albergo ha vissuto, com’è naturale, anche numerose ristrutturazioni. L’ultima delle quali ha comportato anche un decisivo cambio di rotta tanto nella filosofia quanto negli obiettivi di proprietà e management. Con la creazione, all’interno del corpo alberghiero, di una attrezzata Spa (e la trasformazione del livello dei servizi in un 4 stelle superior), il core business si è fortemente inclinato sul comparto Wellness. Elemento centrale di questa Spa è la Grotta naturale che ospita alcuni dei principali ambienti, la biosauna, la sauna finlandese, un grande hammam aromatizzato agli oli essenziali, con panche mosaicate e fibre ottiche sul soffitto, docce emozionali e spazio relax. Si tratta di un ex rifugio antiaereo, al quale si accede attraverso un corridoio nel cuore della montagna - siamo a Porretta Terme, sull’Appennino bolognese, acque sulfuree e salsobromoiodiche - davvero suggestivo con vista sulla piscina. La quale piscina è molto luminosa grazie al soffitto con pareti in vetro che consentono il passaggio della luce naturale. La vasca è di forma rettangolare, con acqua cloruro-sodica portata alla temperatura di 35°, per aprirsi poi in un’ansa perfettamente circolare con area idromassaggio. Lungo la vasca, ancora stazioni idromassaggio e una cascata d’acqua per il trattamento cervicale. Una serie di confortevoli e più moderne cabine per i trattamenti conclude la vera area Spa, alla quale si aggiungono una sezione medicale e una fitness. C’è da dire che la naturalità degli ambienti, con tanta pietra e rocce scavate, conferisce all’insieme dell’area umida una atmosfera calda, suggestiva e anche molto caratterizzante: si tratta di ambienti che non trovi ovunque, per niente artificiali. E’ decisamente un bel punto di partenza. Niente male anche la compartimentazione della piscina, anche se si avverte la mancanza di una seconda vasca con acqua e temperatura differenti. Valido, e facilitato dall’habitat, il controllo delle luci. Professionale l’assistenza dello staff, ma l’ingresso alla sola area Spa può anche avvenire liberamente. Circostanza che, come già altre volte sottolineato, noi di 100Best non amiamo: l’ospite va sempre indirizzato e seguito. Carta dei trattamenti buona, con molte escursioni nelle manualità ispirate alla dottrina ayurvedica. Linea cosmetica con il proprio marchio. Tariffe interessanti.

3 Stelle

Hotel Euroterme Terra di Romagna, ma con notevoli influenze toscane vista la prossimità del confine. Siamo in pieno Appennino, qui si viene prevalentemente in cerca di relax. E oltre che con il fornitissimo ambiente circostante, l’Euroterme riesce a favorire questo benefico processo di distensione mediante il suo proprio centro termale che si pregia della qualifica “super” accordatagli dall’amministrazione regionale. Oltre che alle grandi proprietà di prevenzione e cura delle acque che sorgano dalla sorgente Santa Agnese, questo risultato si deve alla intelligente realizzazione di tutta l’area Spa. Che si compone di un’ampia piscina interna (più una molto scenografica all’aperto), stazioni idromassaggio e cascate d’acqua, idropercorsi, un gradevole bagno di vapore aromatizzato agli olii essenziali, sauna finlandese e grotta sudatoria. Hotel Euroterme Via Lungosavio 2 - Bagno di Romagna (FC) 0543911414 - fax 911133 www.euroterme.com Numero Camere: 254

Buona la scelta di affiancare ai tradizionali format di benessere occidentali i rituali, gli aromi, insomma le atmosfere orientali con una sorta di padiglione autonomo dedicato, appunto, alla Oriental Spa. Il luogo ideale nel quale sperimentare, all’interno di ambienti in stile, trattamenti Ayurveda, Shiatsu e Bio-Thai. Tuttavia, anche se di taglio armonico e ben strutturati, non sono certo gli ambienti a costitutire l’elemento cardine di questa hotel Spa. L’Euroterme è, come suol dirsi, sulla piazza da molti anni, soprattutto grazie ad uno staff di professionisti affiatato ed eclettico. In grado di orientare l’ospite nelle scelte tra le varie proposte della casa. Positivamente varie e numerose, infatti, le proposte in listino, rivolte anche alla clientela non alberghiera. Mediamente buone le tariffe dei singoli trattamenti. Qui e là elevate quelle di alcuni pacchetti.

3 Stelle e 1/2

76


Best

Emilia Romagna Hotel Santoli In pieno Appennino emiliano, da oltre 30 anni, opera questo albergo della famiglia Santoli. Stile moderno, atmosfera familiare, la prima ragione di scelta è la tranquillità che si respira, sia all’interno della struttura che nelle aree circostanti, meta di rigeneranti passeggiate ed escursioni tra laghi e montagne. Seconda ragione: le terme. Le proprietà terapeutiche delle acque sulfuree e salsobromoiodiche di Porretta sono conosciute da tempo immemore e il fatto che l’hotel Santoli sia direttamente collegato, tramite un tunnel interno, al centro termale presso il Parco della Puzzola è una gran bella comodità per gli ospiti desiderosi di cure, prevenzione e svago. Last but not least, c’è una terza ragione per venire al Santoli. E che ci riguarda direttamente: il nuovo centro benessere dell’hotel. Situato nell’attico, al quinto piano dell’albergo, propone principalmente una piscina ricca di stazioni idromassaggio e giochi d’acqua di ogni tipo. C’è poi un’area comprendente sauna finlandese, bagno di vapore, un percorso quanto mai vario di docce c.d. emozionali, cromoterapia, aromaterapia.

Hotel Santoli Via Roma 3 - Porretta Terme (BO) Tel. 0534.23206 - Fax 0534.22744 www.hotelsantoli.com Numero Camere: 48

Più saletta relax con lettini ad acqua e sdraio. Gradevole la tisaneria con camino a parete. La piscina, di taglio originale e accattivante, è molto compartimentata, per offrire una vasta gamma di idromassaggi e giochi d’acqua: una scelta opportuna a condizione di non esagerare con continue accensioni degli impianti, che potrebbero produrre un costante frastuono di sottofondo impedendo un vero relax in acqua. Per quanto concerne le manualità viso/corpo ci si appoggia al centro termale direttamente collegato. Questa potrebbe essere una scelta discutibile, nell’ottica di vantare una Spa di eccellenza. Tuttavia, a parte che tale mancanza sarebbe ampiamente risolvibile, bisogna guardare anche l’altra faccia della medaglia, riconoscendo al management dell’hotel il merito di aver progettato e realizzato un centro di livello nonostante la contiguità con una struttura termale attrezzata di tutto punto. Diciamo, quindi, che l’allestimento di alcune cabine trattamenti nel corpo dell’hotel, con la naturale integrazione dello staff operativo, riuscirebbe a sublimare il già elevato livello di questa Spa. E a rendere, se possibile, ancora più confortevole il soggiorno in albergo.

3 Stelle e 1/2

Grand Hotel Terme della Fratta Ecco un esempio di come deve presentarsi un albergo termale italiano, che voglia risultare credibile. La forma architettonica del complesso priva di sbavature e la facciata così discretamente maestosa, così lontana da qualsiasi idea di superfluo sono davvero un inizio confortante. Se poi a questo si aggiunge la “cornice” di un parco secolare vivo e la grazia medievale del vicino borgo di Bertinoro, sovrastato dalla Rocca imponente, con il contorno protettivo delle dolci colline romagnole, beh, ti accorgi che l’Italia è un paese davvero ancora in grado di stupire il viaggiatore curioso, senza pregiudizi, lontano da tutti i falsi stereopiti del turismo fashion. Nel parco dell’hotel vi sono ben 11 sorgenti dalle quali scaturisce una incredibile varietà di acque, dalle Salse alle Magnesiache e Ferruginose fino alle Arsenicali. Riaperto nel 2007 dopo alcuni anni di indovinato restauro, l’hotel ora propone un centro di benessere termale davvero bello e molto attrezzato. A partire dalla suggestiva piscina principale interna, stazioni idromassaggio, cascate d’acqua e percorsi vascolari di contorno. E poi sauna , grazioso bagno di vapore aromatizzato, le solite docce emozionali, spazi relax arredati con cura. Uso combinato di cromoterapia e musicoterapia. Il centro è convenzionato con il S.S.N. e al suo interno opera una equipe di medici specializzati in varie discipline. Gli ambienti destinati alle manualità viso/corpo sono ampi e sufficientemente armoniosi. La carta dei trattamenti è fornitissima e la qualità dell’informazione alla clientela superiore alla media. Le tariffe sono decisamente buone.

Grand Hotel Terme della Fratta Via Loreta 238 - Bertinoro (FC) Tel 0543.460911 - Fax 0543.460473 www.termedellafratta.it Numero Camere: 65

3 Stelle e 1/2

77


Best

Emilia Romagna Hotel Luna Riccione

Hotel Luna Riccione Viale Ariosto 5 - Riccione Tel 0541.692150 - Fax 0541.692897 www.lunariccione.it Numero Camere: 53

Un elegante, imponente palazzo nel centro storico di Riccione, a cento metri dal mare. Arredato in uno stile moderno estremamente accattivante, con linee pulite fino all’essenziale. Uso di materiali pregiati e arredo d’interni davvero curato fin nei dettagli più particolari. Dispone di facilities da grand hotel ed è molto richiesto sul versante del turismo congressuale. Tuttavia ,il suo fiore all’occhiello, come riconosce nella sua stessa presentazione, è rappresentato dall’area benessere Aqua Spa, aperta anche al pubblico esterno. E’ piuttosto raro trovare una Spa dalle linee moderne e con tanto uso di cristalli e vetri acetati, che sia anche armoniosa e dispensatrice delle giuste atmosfere nei suoi ambienti. In realtà, quello che nella fase progettuale poteva rappresentare un elemento di incertezza, ha finito per diventare il vero tratto caratterizzante dell’Aqua Spa. La sua area acqua, bella e originale, prevede una grande piscina coperta/scoperta con acqua calda a 30 gradi, sormontata da una piramide di vetro. Nei tanti corners della vasca ci sono cascata cervicale, blower, lettini effervescenti, nuoto controcorrente, pozzetti idromassaggio. Sulla piccola piscina esterna, un grazioso percorso kneipp, con camminata sui sassi di fiume e getti idro. La Spa continua con l’area hammam con biosauna, tepidarium, doccia emozionale, bagno turco e fontana di ghiaccio. Una serie di cabine trattamenti, sempre dai tratti moderni, ma che comunicano comfort e relax al momento dell’ingresso. Sala relax con tea corner. Pavimenti in legno, morbidezze di cuscini e futon, tanta luce che filtra attraverso le vetrate disposte ovunque, ma il controllo della luce è accettabile. Carta dei trattamenti con buone proposte e frequenti escursioni, per i massaggi corpo, tra le discipline della tradizione araba e indiana. Quanto ai percorsi di benessere, le proposte si riducono a 3 o 4 opzioni. Ma, almeno nel caso del Luna Riccione, sono presenti. E questa è una bella notizia.

2 Stelle e 3/4

Hotel Belvedere

Hotel Belvedere Viale Gramsci 95 - Riccione (Rn) Tel 0541601506 - Fax 691394 www.belvederewellness.com Numero Camere: 53

Costruzione bianca con linee moderne estremamente accattivanti e una quantità di spunti architettonici che finiscono per attrarre lo sguardo del passante più distratto. Un hotel principalmente destinato alla famiglia con una serie di facilities adatte a soddisfare adulti e bambini, lasciando i primi liberi di godere a fondo la proprie giornate e i deliziosi servizi alberghieri, grazie all’ottimo lavoro della struttura di controllo e intrattenimento dei più piccoli. Ma, la ragione prima della scelta del Belvedere come luogo di vacanza è quella del suo reparto wellness, certamente il più attrezzato in questo tratto della costa adriatica. Dispone di una graziosa piscina riscaldata, di medie dimensioni e dalle linee essenziali, con idromassaggio e illuminazione naturale che filtra dalle ampie vetrate. Il percorso di calore prevede un raffinato bagno di vapore aromatizzato. In pietra ardesia, con il nero che rifulge in mille sfumature, vitale e misterioso. Sauna finlandese in legno di fieno per il bagno secco e suggestiva grotta con sali del Mar Morto per la funzione talassoterapica. Infine, pioggia emozionale, e poi frigidarium e percorso kneipp a completare la funzione vascolare del percorso stesso. Ambienti tutti di buon taglio architettonico, molto curati nel loro elegante minimalismo e con un controllo delle luci appropriato (tranne, a volte, per la piscina che può risultare eccessivamente illuminata dalla luce esterna e l’ormai inflazionatissimo cielo stellato che i centri di prestigio stanno via via eliminando). Fase relax articolata, con un sentiero emozionale da percorrere a piedi nudi e confortevoli chaise longue di contorno per leggere, dormire, sorseggiare una tisana. Cabine per le manualità in linea con lo stile del centro, dove uno staff gentile e competente provvede a massaggi e trattamenti viso/corpo presentati in un menù sufficientemente vario e con buoni motivi di interesse. Tariffe giuste. Il centro utilizza prevalentemente l’ottima linea di cosmesi St. Barth.

3 Stelle

78


Best

Emilia Romagna Mythodea Un ambiente esclusivo. In uno dei palazzi storici più affascinanti di Bologna, nel centro della città. Mythodea, è un centro di circa 600 metri quadri con una sofisticata area benessere integrata da altri servizi per la cura di corpo, viso e capelli. Nel suo Thermarium, una serie di ambienti caldi, tutti di dimensioni medio/piccole, ma dall’eccellente profilo architettonico ed una elegante essenzialità. Tra gli ambienti caldo-umidi troviamo tepidarium, sauna romana e bagno di vapore con prevalenza dei toni chiari, avorio in particolare, pietra e mosaici che riverberano la luce a creare le giuste atmosfere. Una bella sauna finlandese in legno scuro per la funzione di bagno secco. Le docce sensoriali, la fontana di ghiaccio ed il piccolo camminamento kneipp con la loro efficacia stimolante e rinvigorente si alternano ai primi nell’ottica del percorso vascolare. Lastre in pietra sulle pareti, archi a volta e preziosi mosaici sotto il ribollire degli idromassaggi e il tuffo possente della cascata cervicale, questa è la piscina del Mythoidea che chiude l’area umida. Nel relax corner con chaise longue è possibile gustare le tisane della casa. Un buon numero di cabine per le manualità viso/corpo, non molto grandi, ma accoglienti, luminose e di taglio moderno. Uno staff specializzato vi esegue massaggi e scrub delle 2 tradizioni, occidentale e orientale, oltre ad una serie di trattamenti più prettamente estetici con l’ausilio di tecniche e prodotti delle linee Maria Galland e Janus. Specialità della casa, i percorsi di benessere conclusi con taglio di capelli o hair design. A loro modo, altamente rilassanti. Una Spa interessante e graziosa. Tariffe di città, quindi leggermente più elevate della media.

Mythodea Via Porta di Castello, 2/2c Bologna Tel 051.230638 - Fax 051.6561673 www.mythodea.it Day Spa

2 Stelle e 3/4

Comfort Zone Space Una Spa che nasce dall’esperienza Comfort Zone, divisione cosmetica di un’azienda leader nel comparto beauty, distribuita in decine di paesi in tutto il mondo. Siamo a Monticelli, nella provincia parmense stretta tra l’Appennino emiliano e la pianura padana. L’ambientazione è quella di un secolare parco termale, nel quale la struttura è plasticamente inserita e perfettamente integrata grazie alle tecnologie a basso impatto ambientale che sono un must anche nel ciclo di produzione cosmetica della casa madre. La Spa presenta linee molto eleganti. Il taglio degli ambienti è moderno, ma ricco di charme e altamente accogliente, grazie a raffinati tocchi di arredo che conferiscono calore e senso di protezione. La suddivisione è in acqua zone e aria zone. Nella prima troviamo l’area umida con una importante piscina dalle acque termali (quelle di Monticelli sono di 2 tipi, salsobromoiodica e sulfurea), tepidarium, calidarium ai vapori aromatizzati, la doccia Vichy - si tratta di un massaggio manuale completato da gradevoli getti d’acqua sul corpo - e, infine, la water cocoon, la vasca di galleggiamento multiuso. Comfort Zone Space Terme di Monticelli Via Montepelato nord 4 - Monticelli Terme (PR) Tel 05.21659190 www.czspacemonticelli.it Day Spa

In terrazza, il solarium naturale affiancato dall’idromassaggio all’aria aperta, con splendida vista sul parco. Relax corners con tisaneria per le fasi di intervallo e conclusione percorsi ci conducono alla aria zone caratterizzata da una serie di deliziose cabine sempre in stile, per trattamenti viso/corpo/capelli effettuati con l’ottima linea di casa da uno staff estremamente preparato sui protocolli aziendali. Tra i servizi speciali offerti dal centro anche una sezione dedicata alla medicina estetica. La componente beauty, com’è naturale in questo caso, riveste un ruolo prevalente nella struttura. Tuttavia la Spa, pur con un numero di ambienti benessere piuttosto contenuto, è ben fatta e ottimamente assistita. Tariffe adeguate alla qualità dei servizi.

3 Stelle

79


Best

Friuli Venezia Giulia

80


Best

Friuli Venezia Giulia Grand Hotel Duchi d’Aosta Un antico, monumentale palazzo dalle linee mitteleuropee, con un passato da importante casa dell’ospitalità triestina. Mentre la Grande Storia passava da queste parti. Nel centro di una città di incomparabile fascino, di classica e al tempo stesso inconsueta bellezza. L’hotel, dagli ambienti raffinati e ricchi di comfort, dispone di una notevole area benessere, il Thermarium Magnum, aperto esclusivamente agli ospiti dell’albergo. Dispone di una grande piscina, di circa 60 metri quadri, riscaldata a una temperatura che varia stagionalmente, sapientemente illuminata, con cascata cervicale e musica subacquea. La vasca idromassaggio, con diverse stazioni a pressione variabile è tenuta tra i 33 e i 36 gradi. Passando agli ambienti di calore, troviamo uno splendido Razul, il classico bagno di vapore aromatizzato agli olii essenziali, il salinarium, con la cascata ipersalina, panche calde e i benefici effetti delle alghe, il balneum, con la vasca riscaldata oscillante sotto misteriosi giochi di luci e ombre, la rilassante panca in mosaico con il suo tepore avvolgente e la doccia aurea con le piogge tropicali agli aromi e gli effetti della c.d. cromoterapia.

Grand Hotel Duchi d’Aosta Piazza Unità d’Italia 2/1 - Trieste Tel 0407600011 - Fax 366092 www.duchi.eu Numero Camere: 53

Ambienti di sapore classico, ornati da affreschi che riproducono scene della mitologia, decori e greche sui pavimenti, pietra, marmi e mosaici di pregio e una regia luci che ameremmo trovare più di frequente nelle Spa italiane. Un ambiente prestigioso. Che si completa con una sala relax in stile, dove è possibile gustare tisane orientali. Massaggi e trattamenti corpo sono su richiesta. L’obiettivo del management del Duchi d’Aosta, difatti, non sono la remise en forme o il completo riequilibrio psico-fisico. L’intento è, principalmente di offrire ai propri ospiti un centro benessere esclusivo dove ritemprarsi dopo una lunga giornata di lavoro o negli intevalli di un week end culturale nella città. Tuttavia, il Thermarium riesce ad andare oltre le aspettative, rivelando una struttura dalla progettualità originale e con una realizzazione di assoluto prestigio. Merita a pieno titolo l’inserimento nella categoria delle Spa di eccellenza.

2 Stelle e 3/4

81


Best

Lazio

82


Best

Lazio Rome Cavalieri, The Waldorf Astoria Collection Location di assoluto prestigio internazionale, il lusso più esclusivo con uno dei panorami più spettacolari al mondo. A pochi passi dalla maggior concentrazione di opere e monumenti storico artistici di questa terra, possiede camere grandi come appartamenti, letti king size, bagni in travertino, salotti con arredi di grande valore. Senza parlare delle suite, da lasciare a bocca aperta anche il più assiduo frequentatore di destinazioni a la page. Pur nel pieno della città, garantisce la pace e la tranquillità di un buen retiro, grazie soprattutto allo splendido parco in stile mediterraneo che l’avvolge, estendendosi per circa 15 ettari. Una delle perle del Cavalieri è la collezione d’arte che farebbe gola ai principali musei europei, con opere del Tiepolo, creazioni di Gallè, fino alla pop art di Andy Warhol. Altro gioiello è rappresentato dal ristorante La Pergola, un 3 stelle Michelin magistralmente guidato dal celebre chef Heinz Beck. C’è poi la Spa, o meglio, la Grand Spa. Si compone di una piscina interna (ce ne sono altre 3 esterne, aperte solo nei mesi caldi), sormontata da una cupola a vetri che lascia filtrare la luce esterna. Su di un lato, una deliziosa architettura fa da dimora alla cascata d’acqua che si getta nella vasca idromassaggio; su di un altro lato, un sentiero calidarium-frigidarium in pietra, con massaggio plantare, funge da percorso vascolare. Intorno, ravvivate dalla luce e dal tepore di un caminetto in stile, poltrone e chaise longue per intervallare i percorsi.

Rome Cavalieri The Waldorf Astoria Collection Via Alberto Cadlolo, 101 - 00136 - Roma Tel 0635091 - Fax: 06.35092241 www.romecavalieri.it

I quali percorsi si sviluppano negli altri ambienti: 2 saune, per uomini e donne, un hollywoodiano bagno turco all’ametista, 10 cabine per i trattamenti, molto ampie e arredate ognuna con temi differenti, oltre ad una sala relax con tisaneria ed il naturale comfort dei triclinii romani. E, a proposito di questo, tutto l’insieme tende a rimandare alle antiche terme romane, rinvigorite dalle capacità impiantistiche contemporanee e impreziosite dalle grandi doti progettuali, dal talento nell’arredo d’interni dei progettisti del Rome Cavalieri, The Waldorf Astoria Collection. L’area benessere è accompagnata da un ricco centro sportivo con campi da tennis, fitness, percorsi salute all’aperto, tutto seguito da uno staff professionale altamente preparato ed attento alle esigenze individuali di ogni singolo ospite. Molto piacevole, per noi di 100Best, la sensazione di equilibrio che si trova nella Grand Spa, dove la componente Beauty è parte della fase Benessere, e non ne prescinde - spesso, mettendola in secondo piano - come avviene nella gran parte delle luxury spa metropolitane. Non ci stancheremo mai di ripeterlo: la fase benessere prepara e conclude, sublimandolo, qualsiasi trattamento di bellezza, sia viso che corpo. L’area umida, quella relax non sono un riempitivo, ambienti dove semplicemente passare il tempo: sono l’essenza del riequilibrio psico-fisico, il seme dello star bene, del rigenerarsi. Insieme ai trattamenti sono in grado di fare miracoli. Da sostenere con il movimento ed una sana alimentazione. Tutto questo al Rome Cavalieri, The Waldorf Astoria Collection lo sanno e l’hanno realizzato. Carta dei trattamenti bella, buona e con tariffe elevate. Ma qui, cari miei, c’è il value for money: si paga, ma in cambio si ricevono sostanza e tanta, tanta qualità.

3 Stelle e 3/4

Silva Hotel Splendid Congress & Spa A breve distanza dal centro di Fiuggi e a 2 passi dalle Terme, immerso in un bel parco di castagni, si trova questo moderno albergo che fin dalla sua denominazione di Hotel Congress & Spa chiarisce quale sia il suo core business e a quale tipo di mercato intenda rivolgersi. Lasciando da parte il congressista che, comunque, una puntata, pur distratta, nel centro wellness la fa sempre, va detto subito che l’ospite esigente in tema di benessere al Silva Splendid trova senz’altro pane per i propri denti. La struttura, uscita recentemente da un poderoso restyling, dall’estate del 2008 si presenta con il nome di Terme Silva Spa: un impianto che include, appunto, la Spa, Beauty Farm, Sala Fitness e Centro Dimagrimento. Diciamo subito che troviamo splendida l’area acqua, tanto nel disegno architettonico, quanto nella suddivisione degli spazi , come nella scelta dei rivestimenti. La temperatura staziona attorno ai 32 gradi, ci sono vari tipi di idromassaggio, cascate d’acqua e idropercorsi; intorno alla piscina, ampi relax corners con comode chaise longue. L’area umida si completa con biosauna e bagno di vapore aromatizzato alle erbe, frigidarium, grotta con cromoterapia, docce emozionali. Tutti gli ambienti sono spaziosi.

Silva Hotel Splendid Congress & Spa Corso Nuova Italia 40 - Fiuggi (FR) Tel 077.5515791 - Fax 077.506546 www.silvasplendid.it

Legno, pietra e mosaici, giusto dosaggio delle luci, selezione indovinata di aromi e suoni. Sala relax con divanetti intorno al camino e tisaneria. All’esterno c’è anche una grande piscina termale riscaldata, utilizzabile anche in inverno, e la sauna finlandese. Si tratta di una Spa molto elegante. Ora, dopo il restyling, assolutamente integrata con le linee architettoniche dell’hotel, disegnata e condotta da professionisti. Diremmo, anzi, che la Terme Silva Spa sia in grado di rappresentare essa stessa il traino dell’hotel: qui potrebbe essere la ricerca di una Spa di qualità a premiare l’albergo, non viceversa. Ma, si tratta di considerazioni accademiche: il management del Silva, con la recente ristrutturazione, ha chiarito le proprie intenzioni, puntando molte delle chance di successo del complesso alberghiero proprio sul comparto benessere. Completato dalla Beauty Farm e dall’Area Massaggi, con cabine spaziose, e trattamenti viso corpo effettuati con prodotti termali. Numerose le proposte in pacchetto con obiettivo dimagrante. Carta dei trattamenti ampliabile e ulteriormente migliorabile quanto a percorsi di benessere e manualità della tradizione orientale, soprattutto in considerazione dell’ottima disposizione degli ambienti dal punto di vista logistico. Una Spa che si colloca ai primi posti della categoria.

4 Stelle

83


Best

Lazio Crowne Plaza Rome St. Peter’s Hotel & Spa Circondato dai 4.000 metri quadri del parco di Villa Doria Pamphili, si trova questo grande albergo destinato ad una clientela desiderosa di visitare Roma, restando al di fuori del caos cittadino. Utilizzando il servizio navetta dell’hotel, in pochi minuti, si raggiunge San Pietro o Piazza di Spagna che si trovano a 3 - 4 km. di distanza. Servizi da grand hotel ed un’ampia scelta anche nella ristorazione con 2 ambienti - uno estremamente elegante, l’altro informale - che propongono soluzioni per ogni esigenza, in alta qualità. Lo spazio benessere misura 900 mq, dei quali una buona parte sacrificati al fitness. La vera area wellness, la St. Peter’s Spa, comprende un bagno romano con un’ampia piscina riscaldata, area idromassaggio, sauna finlandese, bagno di vapore in pietra, vari tipi di doccia, aromatizzata, nebulizzata fredda, etc., grotta zen. La sala relax è a bordo della grande piscina (ce n’è anche una esterna, aperta solo in estate): chaise longue e divanetti alla luce e al tepore di un bel caminetto perfettamente integrato. Crowne Plaza Rome St. Peter’s Hotel & Spa Via Aurelia Antica 415 - Roma Tel 06.66420 - Fax 06.6637190 www.crowneplazaromehotel.com Numero Camere: 306

Ampie e confortevoli le cabine per i trattamenti viso/corpo: numerose le proposte in menù, buona la qualità e l’efficacia delle manualità (ma, vengono usate anche macchinari) eseguite da uno staff professionale. Presente anche un’offerta di trattamenti, maggiormente integrabile in un programma di percorsi benessere, con massaggi al cioccolato, ai piedi, oltre a quelli ispirati alle discipline orientali, thai e ayurveda in particolare. Gli ambienti benessere sono eleganti nel loro stile minimalista, puliti e curati. Di una certa complessità il controllo della luminosità nell’area acqua, con i grandi finestroni che lasciano filtrare la luce esterna, talora compromettendone la morbida atmosfera. Auspicabile l’allestimento di una vera area relax al chiuso, distaccata dalle altre attività, ovattata. Per conferire un maggior senso di protezione e completare il quadro armonico dell’insieme. Elementi imprescindibili in un centro benessere di eccellenza. Nota di merito: la maggior attenzione dedicata all’area Spa, rispetto alla componente Beauty, in genere prevalente nei luxury hotels metropolitani.

3 Stelle

Hotel de Russie Pregiatissimo articolo della collezione Rocco Forte, il De Russie è rinato a nuova vita una decina d’anni orsono, grazie ad un poderoso restyling. Location altamente strategica e affascinante, tra Piazza di Spagna e Piazza del Popolo ma, una volta nel c.d. giardino segreto, sembra di essere alcune miglia distanti dal caos della città , tanta è la quiete e il senso di discrezione che si respira al suo interno. Il giardino, termine quanto mai riduttivo, altro non è che un maestoso percorso verde che si estende fino al Pincio, oggetto anche questo di una importante operazione di recupero che ne ha salvaguardato tutti gli elementi naturalistici di maggior pregio. Quanto alla Spa, è riservata ai soli ospiti dell’hotel ed è centrata su di una grande area piscina riscaldata, ricca di spazi idromassaggio, getti d’acqua, percorsi, tutta rivestita in pregiati mosaici e contornata da salottini e chaise longue. Hotel de Russie Via del Babuino 9 - Roma Tel 06.382881 - Fax 06.32888888 www.hotelderussie.it Numero Camere: 122

Ci sono, inoltre, sauna finlandese e bagno di vapore aromatizzato, spazi per il recupero della temperatura corporea dove sorseggiare tisane e bevande naturali, ed un buon numero di eleganti, finemente arredate cabine per i tanti trattamenti viso/corpo offerti dalla casa. Come spesso avviene nei luxury hotels, particolarmente in quelli delle metropoli italiane, l’offerta è molto incentrata sul modello city beauty farm, piuttosto che su quello di Spa esclusiva. Con una distribuzione degli ambienti salus per aquam così ben fatta, sarebbe stato interessante trovare anche una sezione dedicata ai percorsi di benessere nel menù dei servizi. In conclusione, della Spa del de Russie ci sono piaciute molto le atmosfere e l’armonia degli ambienti, gli interni in genere e la sua area acqua in particolare. Staff di grandi cordialità e capacità professionali. Tariffe appropriate alla struttura, alla qualità dei prodotti e all’efficacia dei trattamenti.

3 Stelle

84


Best

Lazio Grand Hotel Palazzo della Fonte Sulla sommità di una collina che è quasi montagna (siamo a 750 metri slm) e che sovrasta la vallata nei pressi di Roma, immerso nel verde di un lussureggiante parco di 8 ettari, c’è questo austero edificio in stile liberty, costruito nel 1912, meta, in passato, di grandi personaggi della storia che venivano a passare le acque in questa stazione dalle terme oligominerali presso la mitica fonte Bonifacio VIII. L’albergo ha subito nel tempo varie, sapienti ristrutturazioni che lo hanno portato, nei giorni nostri, ad essere uno dei pochi centri di ospitalità 5 stelle lusso nell’Italia centrale, al di fuori di Roma. Dall’hotel si accede direttamente al centro benessere, aperto dal ‘90. Il centro dispone di 2 piscine, di cui una interna riscaldata, vasca idromassaggio, sauna finlandese, bagno di vapore aromatizzato e spazi relax sia interni che all’aperto. Tuttavia, la principale mission della Spa del Palazzo della Fonte, sta nel comparto beauty, per il quale è stata predisposta una serie di cabine all’interno del Medical Beauty Center. Grand Hotel Palazzo della Fonte Via dei Villini 7 - Fiuggi (FR) Tel 07755081 - Fax 506752 www.palazzodellafonte.com Numero Camere: 153

Uno staff altamente professionale ne segue da vicino l’andamento. Naturalmente, vi sono anche trattamenti puramente di benessere olistico, sia di tradizione occidentale che orientale, particolarmente di derivazione ayurvedica. Naturalmente, la scelta beauty ha la meglio su quella spa, tanto per la disponibilità di spazi e comfort degli ambienti, quanto per il numero degli addetti. Ad ogni modo, pur se di dimensioni contenute, il centro è molto grazioso e curato, e permette uno sviluppo assolutamente completo dei percorsi benessere.Carta dei trattamenti con numerose proposte per la bellezza e la salute di viso e corpo. La struttura utilizza una propria linea cosmetica di alta qualità, ma dai prezzi piuttosto elevati.

2 Stelle e 3/4

Hotel Ambasciatori Basta un semplice sguardo alla struttura per capire subito che l’Hotel Ambasciatori è come uno di quei grandi attori capaci di recitare su qualsiasi palcoscenico, cambiando repertorio, personaggi, timbrica della voce e movimenti del corpo senza dare alcun segno di difficoltà. Sostenuto dalla straordinaria cornice naturale che lo circonda, Fiuggi e le sue preziose acque termali, l’Ambasciatori riesce, di volta in volta, ad essere destinazione di un week-end lontano dal mondo, meta congressuale, location di eventi e vernissage, salone delle feste per matrimoni e affini, luogo dell’unica vacanza dell’anno per i c.d. workaholics e tante altre cose. La sua versatilità la leggi negli ambienti maestosi, nei dettagli strutturali, nella sua vocazione, ma anche nel suo modo di porsi sul mercato, giocando sapientemente su più tavoli le proprie preziose carte. Tra queste, l’asso di cuori è sicuramente rappresentato dal centro benessere che prende il nome di Tangerine Spa. Un complesso wellness dalla qualità progettuale superiore alla media. Con una cura degli interni fatta non aggiungendo, bensì togliendo elementi superflui. Ed una gestione del gioco di luci ed ombre, scelta dei punti luce e dei colori delle stesse nelle quali si vede con chiarezza la mano di professionisti. E’ sufficiente dare un’occhiata alla piscina riscaldata a 32 gradi, con il percorso idroterapico, per immaginare come potrà essere tutto il resto. Il resto è rappresentato da un ampio bagno di vapore aromatizzato agli olii essenziali, biosauna, frigidarium, labirinto della pioggia. Ambienti davvero deliziosi, nei quali l’ospite è accompagnato da uno staff premuroso: la disposizione del management è di rendere la permanenza degli ospiti il più possibile “individuale”, cercando di offrire insieme il bello e l’efficace. Tra le cabine, ricordiamo quella con vasca di sospensione Nuvola, l’hammam, più quelle di tipo più tradizionale per le manualità viso/corpo. Molto elegante e confortevole la sala relax, con luci ambrate che incorniciano le morbide chaise longue. Carta dei trattamenti molto ampia, con una bella sezione dedicata ai percorsi di benessere. Tra i massaggi corpo, anche quelli della tradizione orientale, particolarmente indiana. Tariffe buone, leggermente elevate per i trattamenti viso.

Hotel Ambasciatori Centro Congressi e Spa Via dei Villini 8 - Fiuggi (Fr) Tel 0775.514351 - Fax 0775.504282 www.albergoambasciatori.it Numero Camere: 86

3 Stelle e 3/4

85


Best

Liguria

86


Best

Liguria Grand Hotel Antiche Terme Siamo a qualche km dal valico di Ventimiglia, la Costa Azzurra, nei pressi dell’abitato di Pigna, un importante borgo medievale che ha conservato intatte quelle caratteristiche architettoniche. Qui si trova anche l’unica stazione termale della Liguria, con un’acqua sulfurea particolarmente pregiata che sgorga a 31 gradi di temperatura dalla sorgente che porta il nome della Madonna Assunta. La presenza di acqua termale e il fascino della lussureggiante vallata che domina il territorio favorirono la nascita di questo complesso termale composto dallo stabilimento, dall’hotel e dall’area benessere. Gli ambienti si distinguono per la raffinatezza e la cura riservata agli interni. Prevalenza di marmi e legni pregiati, calore e armonia. La Spa prevede una sola piscina interna (più 2 all’aperto), bagno di vapore aromatizzato, sauna finlandese, hammam, kneipp, cabine per massaggi e trattamenti ai fanghi termali davvero efficaci. Il controllo medico precede, in genere, la sessione dei trattamenti. Internamente al complesso si trova anche un comparto di medicina estetica.

Grand Hotel Antiche Terme Regione Lago Pigo - Pigna (IM) Tel 018.4240010 - Fax 018.4240949 www.termedipigna.it Numero Camere: 96

Non è che ci sia molto da dire su questa struttura che non sia stato già detto per altri prestigiosi centri termali. I prodotti (qui della linea Terme di Pigna) presentano una texture di ottima qualità e risultano davvero efficaci. Lo stesso valga per i trattamenti. Gli ambienti Spa, pur se con una ridotta varietà strutturale nel reparto umido, ci sono tutti. Anche se, in talune circostanze, appaiono utilizzati più nel ruolo di scenografico contorno che in quello di protagonisti a tutto tondo della fase di riequilibrio e remise en forme. Talvolta, essi sembrano detenere un minor peso in confronto all’attenzione e alla cura riservata alla componente trattamenti in genere, a quelli con i fanghi in particolare.. Sarebbe davvero improvvido dimenticare che la profonda capacità di relax psico-fisico degli ambienti Spa è unica nel sublimare l’efficacia di qualsiasi trattamento, anche il più blando. Ad ogni modo, il management del Terme di Pigna ci sembra troppo preparato ed esperto per incorrere in un simile errore di valutazione. Atmosfera degli ambienti e assistenza del personale sono certamente all’altezza delle pur esigenti aspettative della clientela. Carta dei trattamenti ampia e ricca di proposte interessanti. Tariffe giuste.

2 Stelle 3/4

87


Best

Lombardia

88


Best

Lombardia Bulgari Hotel & Spa Portabandiera del lusso, ambasciatore del made in Italy più esclusivo, quante potrebbero essere le definizioni per questo brand di eccellenza che tiene alto il nome dell’Italia nel mondo. Tra le molteplici iniziative imprenditoriali che recano il marchio Bulgari, un ruolo di rilievo è stato assegnato a quelle della ospitalità alberghiera, con l’apertura di 2 case, una a Milano, l’altra nell’isola di Bali. La struttura milanese, situata nel cuore economico-culturale della città, tra via Montenapoleone, via della Spiga, la Scala e l’accademia di Brera, è circondata da un giardino privato di 4mila metri quadri. I ritmi frenetici della vita metropolitana e le mille nevrosi del traffico cittadino appaiono distanti anni luce da questa oasi tranquilla e di prestigio. Ambienti esclusivi, ma tutt’altro che gelidi, grande equilibrio tra design contemporaneo e comfort , anche grazie all’utilizzo di elementi naturali, come teak e legno di quercia, capaci di creare atmosfere calde e accoglienti. Camere spaziose, arredi superbi e servizi di livello, in grado di colpire anche il visitatore più distratto e sfuggente.

Bulgari Hotel & Spa Via Privata Fratelli Gabba 7/B - Milano Tel 02.8058051- Fax 02.805805222 www.bulgarihotels.com

Tra questi una Spa di grande fascino, centrata su di una spettacolare piscina con pareti a vetrate che lasciano filtrare la luce naturale. Durante il giorno i raggi del sole illuminano i mosaici in oro che rivestono la vasca creando atmosfere altrove irripetibili. L’hammam con i suoi intensi toni di verde sembra un luccicante smeraldo al collo di una bella donna: l’ambiente, destinato alla fase di purificazione olistica di provenienza orientale, presenta panche nei marmi più pregiati illuminate dalla c.d. cromoterapia. I vapori sono ricchi degli aromi sprigionati dalla combinazione del calore con gli oli essenziali. Nelle cabine destinate alle manualità, confortevoli e finemente arredate, vengono offerti massaggi e trattamenti viso/corpo di grande efficiacia. Staff altamente professionale e attento alle esigenze individuali degli ospiti anche in un ottica di remise en forme, effettuata in collaborazione con l’attrezzato reparto fitness e la cucina dello chef Elio Sironi che propone varie, superbe combinazioni. Tariffe adeguate alla qualità dei servizi. Naturalmente, per lo stile che rappresenta, questa struttura meriterebbe di stare ai vertici della categoria. Tuttavia, la mancanza di un’area acqua differenziata e il numero piuttosto contenuto di ambienti di calore hanno impedito la collocazione prestigiosa che le competerebbe e che, come hotel, le viene assegnata. La Spa è riservata agli ospiti dell’albergo

3 Stelle

Relais sul Lago Siamo panoramici sul lago di Varese, in realtà al centro di quella che viene definita la regione dei laghi. L’albergo è di concezione moderna e con un ristorante ben quotato. La Spa si chiama La Fonte e dispone di n. 2 bagni di vapore differentemente aromatizzati, sauna, una piccola vasca idromassaggio con cascata d’acqua ed una piscina a 34 gradi fornita di nuoto controcorrente. Progettazione e realizzazione della struttura che definiremmo basic, ispirate ad una linea minimalista, tendente all’essenziale. Nel caso specifico, i risultati possono essere più o meno apprezzabili, ma, comunque, si tratta di una scelta che ha il doppio vantaggio di essere compatibile con l’idea di Spa e di evitare di introdurre elementi superflui che rendono spesso disarmonici e poco accoglienti i luoghi del benessere. La carta dei servizi non si presenta particolarmente complessa, ma c’è una buona sezione dedicata alle discipline ayurvediche. Nell’area trattmenti, il centro utilizza prodotti delle linee Phytomer per le manualità a base di fanghi ed alghe, World of Beauty per i massaggi e la cura del corpo, Solimè e Remedia per erbe officinali ed essenze. La struttura, anche se con dimensioni contenute, sia in termini assoluti che di varietà di ambienti, si presenta gradevole e capace di produrre buoni risultati sul fronte del riequibrio psico-fisico. Con un maggiore sforzo sul piano del management potrebbe ottenere miglioramenti davvero consistenti. Coraggio!

Relais sul Lago Via Macchi 61 - Varese Tel 0332310022 - Fax 0332312697 www.relaissullago.it Numero Camere: 62

2 Stelle e 1/2

89


Best

Lombardia Grand Hotel Terme di Sirmione Ci troviamo nell’area più suggestiva del basso lago, lungo la caratteristica penisola di Sirmione, nei pressi della Rocca Scaligera. L’acqua delle terme di Sirmione è salsobromoiodica, quindi con grandi proprietà antinfiammatorie e ideale nella prevenzione delle affezioni alle vie aeree. All’interno dell’hotel c’è l’Aquaria Club che offre un parco termale con piscine e giochi d’acqua, un’area fitness, un comparto di medicina (anche estetica) e, per quello che qui ci interessa, anche vasca termale coperta, sauna con spazio relax e una serie di cabine per trattamenti viso/corpo. Come avviene nella gran parte delle stazioni termali, anche qui viene privilegiata la parte strutturale all’aperto.

Grand Hotel Terme di Sirmione Viale Marconi 7 - Sirmione (Bs) Tel 030.9904922 - Fax 030.9199066 www.termedisirmione.com Numero Camere: 57

Tuttavia, lo spazio interno è ben organizzato, il personale preparato e i trattamenti risultano efficaci. Naturalmente, pur essendo in presenza di una struttura assolutamente meritevole dell’inserimento in catalogo, non si può non rilevare quanto all’abituale frequentatore di centri benessere risultino mancanti alcuni degli elementi che qualificano una Spa a livelli di assoluta eccellenza. Ma, il panorama italiano nel settore, come sanno ricercatori e conoscitori del fenomeno, è quello che è. L’Aquaria Club riesce ad andare oltre la classica offerta termale. Non è poco, e di questo bisogna riconoscergli l’indiscutibile il merito. La carta dei trattamenti e ampia e presenta una buona varietà di proposte, ben equilibrate. Tariffe adeguate ai servizi offerti e alla tipologia dell’impianto.

2 Stelle e 3/4

Hotel Principe di Savoia Siamo dentro Milano, in un palazzone monumentale in stile belle epoque, con atmosfere che rimandano al primo ‘900. Un luogo di prestigio, con un arredo d’interni che appare un insieme composto da tante piccole opere d’arte da osservare nei dettagli. La Spa della casa si chiama Club 10 e occupa tutto l’ultimo piano dell’edificio per circa 1000 mq. Tuttavia, questo spazio è quasi interamente destinato all’area fitness; a quella benessere sono destinati meno di 300 mq. Allora, si dirà, se manca uno dei requisiti essenziali di una Spa (che dovrebbe avere volumi superiori ai 300 mq), perchè l’inserimento in questo elenco? In primo luogo perchè sono così rare le Spa cittadine (la struttura si apre anche agli ospiti esterni all’hotel) che tenere fuori anche quelle poche di qualità non aiuta la diffusione del fenomeno: c’è un gran bisogno di (buone) Spa nelle città, e nelle grandi metropoli in particolare. Hotel Principe di Savoia Piazza della Repubblica 17 - Milano Tel 02.62301 - Fax 02.6595838 www.hotelprincipedisavoia.com Numero Camere: 401

In secondo luogo, perchè nel poco spazio disponibile è stato fatto un lavoro eccellente, con un’area umida ben attrezzata che comprende una splendida piscina, vasca idromassaggio, sauna finlandese e bagno di vapore. Poi, ci sono 5 cabine per trattamenti viso/ corpo. Come in gran parte delle Fitness Spa (la solita contraddizione in termini già in altre occasioni evidenziata), l’area relax diventa un after gym con il bar, uno spazio decisamente meno intimo e riservato, che serve bevande di ogni tipo, non solo infusi e tisane. La carta dei trattamenti è piuttosto contenuta e l’offerta dei servizi andrebbe forse comunicata con una maggior efficacia divulgativa. Comunque, la struttura, pur nelle sue dimensioni ridotte, si rivela di qualità e produce ottimi risultati sul piano del riequilibrio psicofisico. Tariffe in linea con il mercato, con la prestigiosa location, e con la non trascurabile caratteristica di essere nel centro città. Nel centro di Milano.

2 Stelle e 1/2

Hotel Lac Salin Location di alta montagna, albergo dalle linee moderne e dagli interni accoglienti, impatto positivo. La Spa si chiama Mandira. L’albergo la presenta per 900 mq, ma una bella fetta se la ipoteca l’area fitness che di sicuro, almeno per noi, Spa non è. Gli elementi essenziali ci sono tutti: piscina con giochi d’acqua, sale di vapore aromatizzate, sauna finlandese, percorso vascolare. La Sala Relax è arredata anche con letti ad acqua. L’ambiente è minimalista, ma con una misura di stile. Pulito e ordinato. Sugli elementi di luce, come spesso avviene per tantissimi centri, si potrebbe migliorarne la modulazione. L’Area Beauty, con 5 cabine dove si eseguono le manualità viso/corpo è staccata dall’area umida, ma non distante.

Hotel Lac Salin Spa & Mountain Resort Via Saroch 496 - Livigno (SO) Tel 0342.996166 - Fax 0342.996914 www.hotel-lacsalin.it

L’hotel presenta anche, per la coppia, una Spa Suite: noi di 100Best non le amiamo perché nel concetto di Spa entra anche la socializzazione che l’idea di Spa Suite invece cancella ab origine. Tuttavia, questo ambiente del Lac Salin è davvero grazioso e ben fatto, con bagno di vapore, biosauna, minivasca e spazio relax. Carta dei trattamenti ampliabile, tariffe accettabili. Considerazione finale: il management ha sicuramente mestiere e buone idee, difatti il Lac Salin entra a pieno titolo tra le Spa di eccellenza. Tuttavia, per fare di un resort uno Spa Resort occorrerebbe un pò di più di tutto. Soprattutto, in termini di ambienti benessere e di proposte in listino

2 Stelle e 3/4

90


Best

Lombardia Park Hotel Imperial Siamo nel Garda settentrionale, quello che presenta gli scorci paesaggistici più suggestivi di tutto il lago. Di poco sopraelevata rispetto all’acqua si trova questa casa che è un resort 5 stelle ma con un approccio per niente snob, anzi familiare e accogliente. La Spa è un gioiellino di circa 500 mq che prende tanta luce dall’esterno grazie alle ampie vetrate. L’insieme si presenta morbido e lineare con una piscina di ampiezza sufficiente, sauna finlandese, ambienti caldo umidi con bei rivestimenti in mosaico, cascate d’acqua, il tutto spesso avvolto da una soffice atmosfera orientale, grazie a musiche etniche e profumi speziati. Va detto, è una Spa adeguata, senza la pretesa di essere top class o innovativa a tutti i costi. Il Centro Tao che vi trova ospitalità si occupa di armonizzare questa particolare filosofia (mira ad abbinare la longevità fisica con la crescita spirituale) con le manualità su viso e corpo. L’assistenza del personale è di buon livello. Mentre la carta dei trattamenti si presenta con dimensioni piuttosto contenute. Andrebbe integrata con dei percorsi di benessere adatti a sfruttare le ottime risorse salus per aquam che la struttura è in grado di esibire. Le tariffe sono adeguate per i trattamenti corpo, leggermente alte per quelli viso.

Park Hotel Imperial Via Tamas 10 - Limone sul Garda (Bs) Tel: 0365.954591 - Fax 0365.954382 www.parkhotelimperial.com Numero Camere: 61

3 Stelle

Resort L’Albereta Ci troviamo in Franciacorta, sul lago d’Iseo, in un resort 5 stelle ricavato da una dimora padronale dell’800. Location di grande prestigio. La Spa è firmata Henri Chenot e si chiama Espace Vitalité. Il centro ha dimensioni importanti, con i suoi 1400 mq suddivisi tra 2 livelli ed è arredato in maniera elegante, con volumi morbidi e linee tondeggianti che tendono all’abbraccio e infondono sicurezza. L’edificio è studiato e si vede. Lo staff è competente, preparato e molto attento alle esigenze individuali, come è naturale per una struttura votata alla filosofia Henri Chenot. Del resto, primario obiettivo del centro Espace Vitalité è di far ritrovare aI propri ospiti il vigore fisico insieme all’equilibrio e alle energie soggette a blocchi. Tutto questo attraverso una serie di attività, tra le quali la rieducazione alimentare svolge un ruolo di assoluta preminenza. In definitiva, il contesto appare quello di una Medical Spa (i 2 termini, per noi di 100Best un pò vanno d’accordo e un pò si contrastano). E, dunque, il comparto trattamenti - insieme alla fase del controllo dell’alimentazione - sembra avere la meglio sulla componente salus per aquam. Tuttavia, la Spa ha una sua forza e un’altrettanto chiara personalità. Le acque (molto gradevole la piscina con 5 stazioni idromassaggio, che affaccia sul parco) e gli ambienti caldi sono estremamente curati e l’insieme risulta gradevole e con una adeguata gestione operativa. La tisaneria, come è ovvio, è di livello superiore. Come pure le tariffe, peraltro assolutamente corrispondenti all’altissima qualità dei servizi offerti.

Resort L’Albereta Via Vittorio Emanuele II 23 - Erbusco (Bs) Tel 030.7760550 - Fax 030.7760573 www.albereta.it Numero Camere: 57

3 Stelle e 1/2

Rizzi Spa Line Siamo a Boario, nel regno delle acque solfato-calcico-magnesiache: quanto benefiche per la salute della pelle e non solo. Anche qui, come altrove, la grande opportunità del termalismo ha finito col generare una lunga fase di immobilismo (“abbiamo l’acqua, che altro ci serve?”). Questa situazione ha per lungo tempo impedito la creazione di ambienti adeguati, stimolanti, capaci di attrarre una clientela meno sprovveduta, non soltanto quella a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Il Rizzi Aquacharme è sicuramente il tentativo meglio riuscito di voltare pagina. Un centro moderno, costruito con criteri architettonici corretti, scegliendo l’essenziale, ma curandolo nei particolari. La piscina è gradevole e ricca di spunti. Gli ambienti caldi hanno personalità - come il bel bagno di vapore con la c.d. cromoterapia - e sono tarati al punto giusto. La sala relax si chiama Relax Lounge, e infatti ricorda più un dopo palestra che uno spazio per il recupero della temperatura corporea dopo trattamenti e ambienti di calore. D’altra parte, è un pò tutto il centro a marcare la contiguità con l’Area Fitness. Rizzi Spa Line Via G. Carducci 5/11 - Boario Terme (Bs) Tel: 0364.531617 - Fax 0364.536135 www.rizziaquacharme.it Numero Camere: 86

Ma, come ben sanno i seguaci di 100Best, per noi fitness e wellness, diversamente da quanto si crede e si vuol far credere, sono due discipline con scarsissimi punti di contatto. Chiaro che un struttura alberghiera di livello deve presentarli entrambi. Badando bene, tuttavia, a non creare miscele prive di senso ed efficacia, buone solo a fare scenografia. La struttura è ampia, 750 mq, disposta su 2 livelli, con l’area cabine e lo spazio relax tutti concentrati al primo piano: va bene per quanto concerne la fase relax di fine percorso, ma alcuni trattamenti istituzionali in una Spa dovrebbero essere effettuati in luoghi prossimi agli ambienti caldi, con gli intervalli tra l’uscita dall’uno e l’ingresso nell’altro ridotti al minimo. Carta dei servizi di dimensioni contenute, comunque equilibrata. Tariffe nella media del mercato. Un centro interessante, da visitare.

3 Stelle

91


Best

Lombardia Grand Hotel Bagni Nuovi Siamo nel Parco Nazionale dello Stelvio, in un’area termale tra le più ricche. Lo stile liberty dell’hotel è autentico ed elegante. Si tratta, in realtà di 2 alberghi direttamente collegati ai bagni termali originari, ma nei quali sono stati effettuati interventi intelligenti e misurati per rendere le acque maggiormente utilizzabili e per attrarre una clientela esigente, cosa che - come si è già sottolineato nella stesura di altri profili - raramente è avvenuto proprio nelle stazioni termali più celebrate. Qui troviamo un caleidoscopio di piscine sia coperte che totalmente aperte. Attraenti, anche se contenuti, spazi in grotte di collegamento, idromassaggi di ogni tipo e pressione, saune e bagni di vapore a differenti temperature e umidità, tutto presentato in maniera armonica. Valida anche l’ingegneria delle luci. Grand Hotel Bagni Nuovi Strada Statale dello Stelvio - Bormio (SO) Tel 0342.910131 - Fax 0342.918511 www.bagnidibormio.it Numero Camere: 74

Sale relax interne e all’aperto. La chicca è rappresentata dalla grotta sudatoria. Percorrendola si giunge fino alla sorgente naturale nel cuore della montagna. Se proprio volessimo trovare un’imperfezione, bisognerebbe sottolineare che durante il percorso negli ambienti termali, gli ospiti spesso si autogestiscono durata delle permanenze e passaggi da un ambiente all’altro. Un maggior controllo sul giusto rispetto dei tempi del corpo, particolarmente nel percorso tra gli ambienti di calore, sarebbe auspicabile. Ottima l’iniziativa del c.d. Maestro del Benessere, un evento quotidiano nel quale gli ospiti vengono informati in maniera approfondita circa le pratiche termali. Carta dei trattamenti buona, offerta di servizi ben bilanciata e tariffe accettabili.

3 Stelle e 1/2

Monticello Spa & Fit

Monticello Spa & Fit Via S. Michele 16/D - Monticello Brianza (Lc) Tel: 039293051 www.monticellospa.it Day Spa

Siamo alle porte di Milano, in una struttura multifunzionale, 5mila metri quadri con spazio fitness e area wellness. Grandi dimensioni, ma anche ricerca della qualità. La Spa Monticello, infatti, si è affermata come un sicuro punto di riferimento in tema di benessere, in un’area territoriale molto vasta, nella quale il serbatoio della potenziale clientela, ce lo dicono le ricerche sul campo, mostra numeri di assoluto valore. Ciò che manca sul mercato, lo andiamo dicendo da anni, è un’offerta adeguata, da qualunque punto di vista la si voglia osservare. Paradossalmente, ciò che spesso costituisce il cruccio dell’imprenditore, ossia la presenza costante di mercati sui quali collocare i propri prodotti o servizi, qui trova un tavolo rovesciato. Il mercato esiste, mostra numeri e tassi di crescita incredibili. Ma, dopo avere sperimentato una serie infinita di operazioni velleitarie e pressappochiste, stavolta vuole vedere le carte, prima di scegliere. Le carte del Monticello sono buone. La struttura, pur con un’ambientazione da moderno centro sportivo, lontana dalle atmosfere morbide e rarefatte delle oasi benessere, presenta un comparto umido gradevole, caratterizzato da un’area acqua dalle grandi superfici, sia all’aperto che all’interno. Acque vive, perché arricchite e rivitalizzate grazie al sistema Grander, con cascate e turbinii che creano un piacevole idromassaggio, sotto una luce naturale che filtra costantemente dalle grandi vetrate. L’idromassaggio continua anche in una piccola vasca sopraelevata rispetto alla grande e sinuosa piscina interna. Il mondo degli ambienti di calore presenta spunti interessanti, particolarmente nei locali destinati all’hammam, spazioso e scenografico, e alla sauna di erbe e fieno, davvero graziosa. Nella sezione denominata Calore e Tepore, naturalmente, c’è anche la sauna finlandese, con il contorno di docce aromatiche e di reazione, fontana di ghiaccio e un camminamento kneipp con massaggio plantare. Due aree relax, una meditativa con lettini ad acqua ed una panoramica, più un luminoso locale tisaneria e bevande, contribuiscono solidamente alla fase del relax psico-fisico degli ospiti. La struttura si completa con il comparto delle manualità viso/ corpo (nel centro si trova anche una sezione medicale con terapisti di medicina tradizionale e naturopati), ben assistita dallo staff applicato. Carta dei trattamenti piuttosto essenziale, con varietà di opzioni destinate alla coppia. Tariffe buone.

2 Stelle e 3/4

92


Best

Lombardia Cascina Scova A pochi minuti dal centro di Pavia, in quella che era una vecchia cascina lombarda, trasfigurata come una cenerentola in un Relais con centro wellness, dai tratti eleganti, e ricca di elementi naturali, legno e pietra, a creare ambienti accoglienti, pieni di calore. 31 camere e 8 suite, spaziose e confortevoli, affacciate su 3 ettari di parco con un’ampia piscina esterna. Sale per congressi ed eventi. Tranquillità, finalmente i ritmi di una vita naturale. Ma, il valore assoluto di Cascina Scova è sicuramente nella sua Spa, dove trova accoglienza anche la clientela esterna al resort. Regina del centro è l’armoniosa piscina interna, con pregiati rivestimenti in mosaico, dotata di nuoto controcorrente, anse idromassaggio ad aria e acqua, e cascata cervicale. Intorno, per gli intervalli o la conclusione dei percorsi benessere, una serie di chaise longue e relax corners dove degustare tisane e infusi. Una parete vetrata lascia libera la vista sul parco e consente alla luce esterna di filtrare: il contesto risulta affascinante in alcuni momenti del giorno, con particolari tagli di luce o quando fuori c’è la neve. In altri momenti, il mancato controllo del’illuminazione rischia di togliere un pò di atmosfera all’intero ambiente. Il comparto di calore prevede il bagno secco della sauna finlandese, il bagno di vapore aromatizzato ed una panca di calore. Ambienti caldi, temperati dalla presenza di una doccia emozionale e di una cascata di ghiaccio per un’alternanza caldo/freddo che stimoli adeguatamente la funzione vascolare. Cabine massaggio dai tratti moderni, arredate con gusto, dove uno staff preparato accoglie l’ospite per tutte le manualità offerte dalla casa. Che presenta una carta dei trattamenti corposa e piuttosto varia. Il reparto beauty utilizza la linea di prodotti cosmetici di Villa Paradiso, presso la quale le operatrici Spa vengono anche preparate. Nel centro è presente, inoltre, una sezione dedicata alla medicina estetica. Tariffe generalmente buone ed equilibrate.

Cascina Scova Cityspa Resort Via Vallone 18 - Pavia Tel 0382.413604 - Fax 0382.476328 www.cascinascova.it Numero Camere: 39

3 Stelle

Impero degli Dei Una delle prime Day Spa a tentare di aprire un nuovo mercato del benessere in Lombardia. Si trova a Brescia, in città, a non molta distanza dalle vie del centro. Si tratta di una struttura integrata, visto che presenta anche un attrezzato solarium e spazio coiffeur. Il suo core business è, comunque, il benessere, offerto in una serie di ambienti eleganti e raffinati, dal taglio architettonico davvero intrigante ed una capacità di accostamento dei colori che non si trova di frequente. Un sapiente lavoro di interior design e - ogni tanto succede - anche di controllo dell’illuminazione, sia naturale che artificiale, in grado di conferire agli ambienti le giuste atmosfere, mettendo in risalto i particolari armonici e creando immagini rarefatte con giochi di luci e ombre. Il centro dispone di tutti gli elementi essenziali di una Spa: lo sottolineiamo, perché le già poche Day Spa italiane di livello spesso presentano una qualche carenza strutturale. Qui, pur essendoci un’area acqua contenuta - una sola piscina - è tutto l’insieme che si muove in una dimensione di totale equilibrio. Un insieme composto, appunto, da una vasca idromassaggio con acqua riscaldata, contornata da confortevoli chaise longue per gli intervalli relax. Bagno di vapore aromatizzato agli olii essenziali, 2 saune finlandesi, docce scozzesi, sala relax ed una serie di cabine per massaggi, sia tradizionali che etnici, oltre che trattamenti estetici viso corpo. Buona l’assistenza effettuata da uno staff professionale e accorto. Tariffe interessanti, convenienti per i massaggi corpo. Una Day Spa di buon livello che, con un miglior uso degli strumenti di comunicazione, potrebbe raggiungere risultati ancora più confortanti.

Impero degli Dei Via Orzinuovi 77 - Brescia Tel 030.2092318 www.imperodeglidei.it Day Spa

2 Stelle e 3/4

93


Best

Marche

94


Best

Marche Grand Hotel Michelacci In tema di benessere risulta davvero singolare la situazione che vive una delle più belle e complete regioni italiane, le Marche. Terra di mare pulito e colline tra le più dolci e suggestive del nostro paese, città d’arte, e con un grande fermento economico ma in un contesto tranquillo anche per via di una buona distribuzione delle ricchezze. Una regione dove ancora si vive bene. E che per questi motivi, ed altri ancora, è in grado di attrarre un flusso turistico sufficientemente costante nel corso delle stagioni. Eppure, nelle Marche, quanto a Spa di eccellenza ( ma anche non...) troviamo un vuoto di offerta preoccupante, tanto nelle Hotel quanto nelle Day Spa. Questo, nonostante le ricerche effettuate sul campo distinguano chiaramente un importante serbatoio di potenziale clientela già a partire dai residenti. Certo, questa è una situazione che abbiamo riscontrato in molte zone d’Italia, anche del settentrione. E tuttavia, mai in dimensioni così ampie in una sola regione. Ad oggi, il più serio tentativo di uscire da questo stato di stagnazione è stato effettuato dalla più prestigiosa casa di Gabicce Mare, ossia la Romagna in terra di Marche. Siamo infatti al confine, a un passo c’è Cattolica, e il Grand Hotel Michelacci, una delle poche case aperte tutto l’anno, si staglia con il suo imponente edificio proprio davanti al mare, visibile da tutte le camere. Spazi comuni eleganti, sistemazioni confortevoli e luminose, servizi da vero 4 stelle. La Spa Maison d’O si trova in un apposito edificio. Interni e arredi di ispirazione orientale con lo sguardo rivolto all’India. La struttura dispone di un’ampia piscina coperta - ce ne sono anche 3 all’aperto - con acqua riscaldata, stazioni idromassaggio, nuoto controcorrente e cascata cervicale. Il percorso degli ambienti di calore prevede sauna finlandese, un bagno di vapore aromatizzato, in mosaico nei toni dello smeraldo, entrambi temperati dalla doccia delle meraviglie e dal percorso kneipp. Carta dei trattamenti piuttosto ricca di manualità viso e corpo sempre di derivazione orientale, ayurvedica in testa. Buona l’assistenza dello staff operativo. Accettabili le tariffe. Complessivamente, una interessante iniziativa. Che, con tanta passione e duro lavoro, potrà dare risultati di rilievo.

Grand Hotel Michelacci P.zza G. Unità d’Italia 1 - Gabicce Mare (Pu) Tel 0541.954361 - Fax 0541.954544 www.michelacci.com Numero Camere: 180

2 Stelle e 1/4

95


Best

Piemonte

96


Best

Piemonte Grand Hotel Nuove Terme La Spa dell’albergo porta l’originale nome di Beauty Farm. ma si tratta di un centro di tutto rispetto sia per le dimensioni - circa 1000 mq - sia per il termalismo. Le acque sono catalogate salsobromoiodiche, quindi utili contro le affezioni respiratorie, come coadiuvanti nelle terapie antinfiammatorie e per un migliaio di altre funzioni. Si tratta di una vera Spa, dotata di una grande piscina termale con giochi d’acqua, bagno di vapore, saune a differente temperatura, frigidarium, sala relaxe e cabine trattamenti sia singole che per coppia. In alcuni spazi la scelta architettonica vuole rinviare in maniera piuttosto chiara alle antiche terme romane. Tuttavia, tanto i rivestimenti (particolarmente quelli intorno alla grande piscina), quanto la scelta dei colori e soprattutto quella delle luci tradiscono una progettualità ormai superata. Come dire, va tutto bene, gli ingredienti ci sono, le professionalità pure, ma manca il guizzo, l’ambiente che ti cattura e ti avvolge. Grand Hotel Nuove Terme Piazza Italia 1 - Acqui Terme (Al) Tel 0144.58555 - Fax 0144.329064 www.grandhotelacquiterme.it

Ti stordisce fino a che ti abbandoni e ti lasci manipolare senza opporre alcun freno: cos’altro è, se non questo, il benessere? Come spesso avviene nelle stazioni termali, dove ci si adagia sul grande potere delle acque e non si investe su tutto il resto, la Beauty Farm dà l’idea di un posto dal quale esci soddisfatto, ma nel quale non e certo che tornerai. Un sapiente, ma non oneroso, restyling potrebbe fare di questa già buona struttura un centro leader. La carta dei trattamenti è un pò ridotta, ma le fangoterapie sono da consigliare. I prezzi lievemente sopra la media.

3 Stelle

Relais San Maurizio La Spa Caudalie del Relais San Maurizio ha mosso i suoi primi passi nel 1993, puntando a ricreare, in un’area del Piemonte più sensibile al richiamo francofono, le atmosfere e i benefici effetti del primo centro di vinoterapia al mondo, nato nella Spa di Bordeaux. Dalla scoperta delle grandi capacità del vino, meglio, dei polifenoli della vite, di combattere l’invecchiamento dell’organismo, chi meglio di un piemontese avrebbe potuto interpretare il Messaggio Antiossidante proveniente da questa pianta e da un frutto, l’Uva, già così generosi con l’uomo? L’interpretazione che ha saputo darne il Relais San Maurizio è a suo modo minimalista ed elegante. L’edificio è ricavato da un monastero del ‘600 è tutto ciò che è venuto dopo ha sapientemente seguito quella linea di stile. Dunque, pietra. Ma anche legno e mosaici, i passaggi dei vari ambienti sono armonici, non banali. La bella piscina ha intorno a sè sauna, bagno di vapore, hammam e area relax. Spazi misurati, certo, ma basta una gestione adeguata degli ingressi e l’atmosfera non si guasta. Noi di 100Best non amiamo le mini piscine da 2 posti (in realtà, le mini piscine tout court), ma il Bain Barrique, il bagno caldo con vinaccia, va provato, così come l’idromassaggio agli estrati di vite rossa. Tutti orientati alla funzione antiossidante i trattamenti presenti in una carta adeguata. Staff professionalmente preparato, ma è preferibile rimanere sull’offerta standard del centro, evitando di richiedere manualità non presenti nel menù dei servizi. Il centro utilizza prodotti della linea Caudalie.

Relais San Maurizio Loc. S. Maurizio - 12058 S. Stefano Belbo (Cn) Tel 0141.841900 - Fax 0141.843833 www.relaissanmaurizio.it Numero camere: 33

2 Stelle e 3/4

97


Best

Puglia

98


Best

Puglia Grand Hotel Kalidria & Thalasso Spa Innanzitutto, complimenti per il coraggio. Bisogna avere un bel fegato per aver aperto in questa zona dell’Italia del sud una Hotel Spa con un centro benessere integrato di oltre 3.500 metri quadri. Particolarmente, in un’area territoriale come questa della provincia tarantina, poco pompata dalla propaganda turistica dei principali tour operators e in una regione che, in tema di destinazioni per le vacanze, mette al primo posto tra i suoi gioielli ben altre mete. Il Grand Hotel Kalidria è una Thalasso Spa. Con un’area alberghiera composta da 2 piani che si aprono ad anfiteatro e fronteggiano una vasta riserva naturale di pini d’Aleppo. Camere e suite sono sufficientemente ampie e confortevoli, predominano i toni del bianco. La lunghissima spiaggia dell’hotel è bagnata da una mare pulito, bandiera blu, ed è lambita da 16 ettari di splendida macchia mediterranea. Per raggiungerla si percorre un suggestivo sentiero che fiancheggia il fiume. Il centro benessere si compone di una grande superficie interno/esterno che, oltre ad ospitare l’area Spa, presenta anche un’attrezzato spazio fitness, sala medica, solarium ed altri servizi accessori.

Grand Hotel Kalidria & Thalasso Spa Loc. Principessa s.s. 106 km 466 Castellaneta M. (TA) Tel 800.255.330 - Fax 099.8204950 www.kalidria.it Numero Camere: 110

Quanto alla Spa, per la talassoterapia utilizza l’acqua del proprio mare: c’è una piscina esterna sempre riscaldata a 34 gradi, una grande area acqua interna con una serie di differenti percorsi. Si tratta di dimensioni importanti, davvero poco frequenti, a meno che non si parli di centri termali di lunga tradizione. Continuiamo con gli ambienti: ci sono hammam, sauna finlandese, una serie di cabine con vasca per idro-cromoterapia, tisaneria e varie sale relax. Inoltre, abbiamo 14 cabine per tecniche di massaggio e rilassamento, 19 cabine per trattamenti estetici viso/corpo, più altre 15 per trattamenti talassoterapici a base di alghe marine. Con volumi di spazio così generosi forse sarebbe stato possibile pensare anche ad una diversa organizzazione e distribuzione degli ambienti, ad esempio prevedendo una continuità dell’area acqua interna con quella esterna, anche ai fini di una maggiore fruibilità della piscina all’aperto nei mesi freddi. Oppure, dando maggior forza all’area umida, con l’aggiunta di 1 o 2 ambienti caldi. Ad ogni modo, va riconosciuto che, anche così, nel Kalidria la sostanza è davvero tanta. Basti pensare all’area acqua interna, dal design moderno. Un circuito d’acqua dal colpo d’occhio notevole. Staff operativo di livello, con una direzione medica importante. Buona l’integrazione con l’area fitness e anche con il ristorante, per assicurare un percorso di remise en forme integrale agli ospiti che intendano scegliere quel programma. Carta dei trattamenti dall’offerta ampia e variegata. Tariffe interessanti. In conclusione: un centro importante per i motivi esposti ad inizio profilo. Ma con possibilità di miglioramento molto, molto consistenti.

2 Stelle e 3/4

San Giorgio Resort & Spa In quello che, in origine, era un convento, luogo di preghiera e meditazione delle suore di Santa Maria di Leuca, in un parco ornato da piscine e fontane, sorge questo affascinante resort. A qualche km. da Otranto, Lecce e Gallipoli, in un Salento oramai dominato, sul piano dell’ospitalità turistica, da splendide masserie recuperate, questo hotel, ricco di personalità, trova il suo proprio spazio grazie ad una struttura fuori dal comune e ad una notevole offerta di servizi, qualitativamente eccellenti. Nel corpo dell’edificio sono state ricavate 18 camere, ciascuna di esse differente per volume e disegno d’interni. Le suite si trovano nella torre di guardia che fronteggia il vecchio chiostro, sistemazione di puro fascino. Nella zona centrale, un caratteristico ristorante con cucina del territorio. Ma, la perla del San Giorgio è rappresentata dalla sua Spa, davvero intrigante e ricca di calore. Prende il nome di “Calidarium”, i suoi ambienti ruotano intorno ad un piscina coperta riscaldata dalla ottima progettualità, con uso di materiali pregiati, una serie di vetrate in stile vagamente arabo, alte colonne in pietra a proteggere l’ambiente, discretamente separandolo dagli altri spazi del centro. Di contorno alla piscina, camminamento kneipp e vasca idromassaggio.

San Giorgio Resort & Spa Str. Provinciale Collepasso - Cutrofiano (Le) Tel 0836.542848 - Fax 0836.541609 www.sangiorgioresort.it Numero Camere: 18

Proseguendo, troviamo sauna finlandese, bagno di vapore aromatizzato agli olii essenziali, in pietra e mosaici, oltre alle immancabili docce emozionali. La sala relax con annessa tisaneria si propone ad intervallare o concludere i percorsi di benessere: qui l’interno andrebbe leggermente corretto, così come la scelta della luce. L’area trattamenti si compone di cabine in stile mediterraneo, non particolarmente ampie, ma ben tenute. Per la verità, l’intera Spa si presenta bene, pulita e con una buona organizzazione di base: lavorando su di un numero di clienti contenuto, tende a seguire ogni ospite individualmente, con programmi di remise en forme che coinvolgono anche il reparto fitness e la cucina. Carta dei trattamenti piuttosto essenziale, ma questo a volte può essere un dato positivo. Interessante l’offerta di percorsi di benessere giornalieri e massaggi della tradizione orientale. Tariffe nella media. Una buona Spa, nel meridione d’Italia sono davvero pochine, per questo un quarto di punto in più.

3 Stelle

99


Best

Sardegna

100


Best

Sardegna Forte Village Resort Fondata dai Fenici, poco distante da Cagliari, Santa Margherita di Pula è divenuta, nel corso degli anni, anche grazie alla operazione della famiglia Forte, una delle destinazioni più prestigiose dell’isola. Il Forte Village Resort è il risultato dell’accorpamento di ben 7 alberghi distribuiti su 25 ettari di vegetazione mediterranea che, già di per sè, garantisce un habitat formidabile. Differenti tipi di camere e suite, una galleria infinita di servizi, una sorta di città vacanze con la qualità alberghiera che il marchio Forte è in grado di comunicare anche su palcoscenici internazionali. La Spa del resort è, in realtà, un centro talassoterapico coordinato dall’equipe del dott. Angelo Cerina, un maestro nel campo. E, infatti, nel comparto della Talassoterapia è in grado di competere, per livello degli ambienti ed efficacia dei trattamenti, con i più attrezzati centri stranieri, francesi in particolare. Il contributo dell’equipe del Forte alla ricerca sul tema è stato di aver differenziato tanto la temperatura delle diverse acque quanto il suo contenuto salino: questo attraverso l’arricchimento delle acque stesse con Olio di Mare, un’acqua marina naturale ad altissima concentrazione di magnesio. Per favorire il processo di osmosi (espulsione di tossine ed impurità dall’organismo e assorbimento di minerali e sostanze benefiche) del quale beneficiano tutti i tessuti del corpo. Che torna depurato, con un aspetto luminoso, una muscolatura più tonica: forte e flessuoso.

Forte Village Resort Santa Margherita - Pula (Ca) Tel 070.92171 - Fax 070.921246 www.fortevillageresort.com Numero Camere: 776

Le Thermae del Forte si compongono di 6 piscine, delle quali 5 con acqua del proprio mare a temperatura decrescente, da 35 a 25 gradi, ognuna con proprie peculiarità e idromassaggi di differenti tipo e pressione. La sesta vasca, ai principi attivi dell’aloe, completa il percorso insieme all’utilizzo di una sauna e di un bagno turco ricostruito sul modello dei mosaici di Nora, la città fenicia poco distante dal resort. Nell’aria essenza di’eucalipto, al centro una meravigliosa fontana di marmo da cui sgorga acqua freschissima. Infine, la più recente creazione delle Thermae, un percorso kneipp all’interno del giardino che fiancheggia la grande vasca: un percorso di circa 20 metri che alterna zone di acqua calda e fredda. Con una superiore efficacia drenante, visto che si tratta di acqua ad alta densità salina. Il percorso termina nella penombra dello spazio relax. La giornata di salute e benessere si conclude nella caratteristica tisaneria, sorseggiando infusi accompagnati dal miele di fiori della Sardegna. Da questo profilo si evince chiaramente che più che di una Spa in senso stretto, si tratta di un centro di benessere talassoterapico, seppure tra i più qualificati in Europa. Mancano alcuni degli elementi che maggiormente contraddistinguono una Spa (ambienti comuni al coperto, varietà strutturale, un comparto dedicato ai percorsi di benessere, etc.). E, tuttavia, per dirla semplicemente, sono più le cose che ci sono rispetto a quelle mancanti. E il livello qualitativo, tanto della struttura nel suo insieme, quanto della staff - medicale e wellness - provvedono a cooptare le Thermae del Forte Village nell’elenco di eccellenze che qui trattiamo. Carta dei trattamenti puramente consequenziale all’obiettivo talassoterapico, con alcune varianti nella direzione delle discipline orientali. Tariffe nella norma.

3 Stelle

T Hotel Osservando lo skyline di Cagliari, da qualunque punto di osservazione si guardi, occorre un attimo per inquadrare la torre svettante del T Hotel, a 62 metri di altezza. Un’avveniristica costruzione di 15 piani, primo frutto di un progetto di riqualificazione di un’area della città, che prevede la realizzazione di un Parco della Musica con il Teatro Lirico, spazi di arte contemporanea e laboratorio teatrale, aree verdi con fontane e giardini. Un’avventura imprenditoriale che è anche un omaggio alla città. Ben rappresentata da questo imponente complesso alberghiero, destinazione privilegiata per le classiche vacanze di mare in Sardegna, ma anche meta di viaggi d’affari, incentive e congressi, oltre che straordinaria location per la realizzazione di eventi. Ambienti comuni dell’hotel, camere e suite di taglio moderno, con interni di essenziale eleganza. Numerose le facilities, tra le quali ha una posizione di assoluto rilievo la Spa di casa. Biglietto da visita della T Spa è il suo Acqua Journey: un percorso dall’elevato potere rilassante, che passa, innanzitutto, attraverso la grande piscina idroterapica provvista di cascata cervicale e idromassaggi di ogni tipo. Nei pressi, bagno di vapore aromatizzato agli olii essenziali, docce emozionali, oltre a quelle di c.d. cromoterapia.

T Hotel Via Dei Giudicati n.66 - Cagliari Tel 070.47400 - Fax 070.474016 www.thotel.it Numero Camere: 207

Ad intervallare o concludere il percorso, area relax con tisaneria. Non si tratta, come si vede, di un’area umida dalla grande varietà di ambienti. Tuttavia, l’insieme risulta assolutamente gradevole nonché tecnicamente ben realizzato. Meglio, sempre, avere una limitata quantità di elementi, ben fatti e distribuiti in maniera equilibrata, con il giusto rispetto dei tempi del corpo ( nel passaggio da un ambiente all’altro e nella somministrazione di calore), piuttosto che un’accozzaglia di tante cose assemblate alla rinfusa e gestite senza un programma operativo. Nella Ritual Zone, l’area della Spa destinata alle manualità, una serie di confortevoli cabine ed uno staff preparato accolgono gli ospiti che possono selezionare tra una carta dei servizi variamente assortita. Una decina di massaggi, anche della tradizione ayurvedica, e trattamenti viso/corpo disciplinati in base ai protocolli della Comfort Zone, della cui eccellente linea cosmetica fa uso il comparto beauty della T Spa. Tariffe mediamente buone. Una Spa giovane, per la quale non è difficile prevedere, con massicce dosi di passione, lavoro e creatività, un futuro luminoso.

2 Stelle e 3/4

101


Best

Sicilia

102


Best

Sicilia Kempinsky Hotel Giardino di Costanza La prima scelta in Italia del prestigioso marchio Kempinsky Hotels & Resorts. Uno dei più esclusivi simboli della hotellerie internazionale ha scelto la Sicilia quale teatro naturale per la propria avventura imprenditoriale nel nostro paese, legando una tradizione alberghiera riconosciuta nel mondo alle bellezze e ai costumi della Sicilia occidentale. Ci troviamo a Mazara del Vallo, la Porta dell’Oriente, le sue coste fronteggiano l’Africa settentrionale. Un luogo dove miti e storie di mare si intrecciano in uno scenario romanzesco. Mazara è stata nei secoli una porta aperta al passaggio dei popoli che hanno civilizzato la terra, fenici, arabi, normanni, greci. Ciascuno di essi ha lasciato tracce evidenti e forse non appare un caso se anche l’approdo in questa zona della Sicilia di un grande operatore dell’ospitalità porti un nome straniero. L’hotel si trova al centro di una campagna di uliveti e vigneti, nei pressi dei famosi vitigni di Marsala, vicino alla magnifica ‘Via del Sale’, con i suoi mulini a vento e le saline bianche lungo la laguna. Poco distante c’è lo splendido sito archeologico di Selinunte. Il Kempinsky è punto di partenza per escursioni di tipo naturalistico e culturale praticamente infinite.

Kempinsky Hotel Giardino di Costanza Via Salemi Km 7,100 - Mazara del Vallo (Tp) Tel 0923.675000 - Fax 0923.675876 www.kempinsky.com Numero Camere: 91

L’hotel prende il nome di Giardino di Costanza in onore di uno dei personaggi più amati e ricordati dal popolo siciliano tra le tante dominazioni subite: Costanza d’Altavilla, regina di Sicilia intorno alla fine degli anni 1.000 e madre dell’imperatore Federico II. L’albergo, accogliente fin dalla sua forma architettonica, è circondato da 10 ettari di lussureggiante parco mediteranneo ed è caratterizzato da ambienti molto eleganti, pieni della luce che solo in questa terra si riesce a trovare. Spiaggia privata per i bagni di sole. Cucina e cantina di livello, tante opportunità per il tempo libero. Tra queste si segnala la bella Spa dal nome Nakhlah che porta il marchio Daniela Steiner, dove si coniugano decenni di esperienza internazionale nel comparto Beauty con le atmosfere mediterranee e le opportunità offerte dal territorio. Ambienti caldi, ricchi di armonia e molto curati. Sauna finlandese, una notevole piscina coperta, oltre a quelle esterne, con idromassaggio e vetrate sull’esterno, una vasca con alta concentrazione salina con il contorno di lettini massaggio a completare il percorso benessere. Relax corners all’interno come all’aperto. Pulizia delle linee e arredi raffinati. Una carta dei trattamenti viso/corpo completa, con uno staff preparato e tariffe nella norma. Negli oltre 2.000 metri quadri del centro trova spazio anche una grande area fitness, oltre alle sale reiki e yoga. Pur non presentando una grandissima varietà di ambienti, sia per quelli di calore che per l’area acqua interna, si tratta di una Spa di interessante livello qualitativo. Sicuramente suscettibile di grandi miglioramenti, sempre restando nel solco del bel progetto originario.

2 Stelle e 3/4

103


Best

Toscana

104


Best

Toscana Green Park Resort Al centro della costa toscana, quasi equidistante da 2 città ricche di storia, come Pisa e Livorno, lungo una riviera di circa 10 km. si trova Tirrenia. La combinazione di mare e rigogliosissima pineta mediterranea che caratterizza la località è la stessa che ospita anche il Green Park Resort. Una secolare pineta di 5 ettari, gli edifici mimetizzati nel verde, una spiaggia che conserva un che di selvaggio con le sue naturali dune di sabbia, questo è lo scenario della nostra casa. Che si distingue anche per le ville che contengono camere e suite, ognuna differente, ma sempre ricca di materiali e tessuti di gran pregio. Cuore pulsante del resort è il nuovissimo centro benessere, completo di spazio fitness e centro salute. L’area Spa è di grande interesse perchè combina in maniera sapiente una interpretazione moderna con le atmosfere classiche del Bagno Romano. Oltre ad una grande piscina scoperta con idromassaggio, ce n’è un’altra all’interno con pietra e mosaici, con una serie di anse, idromassaggi, giochi d’acqua e percorso vascolare, chaise longue per brevi intervalli relax.

Green Park Resort Via dei Tulipani 1 - Calambrone (Pisa) Tel: 0503135711 - Fax 384138 www.greenparkresort.com Numero Camere: 148

Un bel progetto, senza dubbio. La luce naturale che penetra dai finestroni che danno sui giardini risulta comunque ben controllata da una intelligente disposizione di punti luce all’interno. Ci sono poi la sauna finlandese ed un bagno di vapore aromatizzato in marmo, pietra e mosaici dal taglio architettonico superbo. Una serie di cabine per le manualità viso/corpo in linea con il resto del centro, vale a dire molto accoglienti nella loro armonia, profumate di essenze e con i giusti toni di luce. Vi opera uno staff organizzato, attento alle più particolari esigenze di ogni singolo ospite. Al termine dei percorsi si fa sosta in una raffinata sala relax cromaticamente tranquillizzante con le sue miscele di blu e ambra: le morbide chaise longue dove gustare infusi e la rilassante vista sul giardino portano dritti tra le braccia di Morfeo. In conclusione, va dato merito a tutti coloro che hanno preso parte alla fase progettuale della Spa, di avere elaborato una struttura che, pur mancando di alcuni elementi, particolarmente nell’area umida, proprio per la sua progettualità avanzata, si propone come pietra di paragone per le tante nuove iniziative allo studio in fatto di architettura del benessere. Per il resto, la Spa è giovane e le risorse umane al suo interno appaiono idonee a garantire quell’ulteriore salto di qualità che riteniamo ormai prossimo. Carta dei trattamenti molto ampia, con offerta di (quasi) tutte le principali manualità. Tariffe ben assortite.

3 Stelle

Terme di Saturnia Dici: Terme di Saturnia. E trovi che tutti ne hanno sentito parlare almeno una volta. Anche chi chi non sa nulla di termale e benessere o non ha mai praticato un trattamento. E’ una prova chiara che il marchio funziona, che il marketing è stato efficace, che la linea di cosmesi termale che ne porta il nome ha avuto buona diffusione, garantendo un ottimo ritorno pubblicitario. Non che ce ne fosse un gran bisogno, perchè la struttura in travertino è imponente, l’architettura (e lo spazio acqua) delle piscine all’aperto, magnifica, l’organizzazione dello staff professionale curata nei particolari, i dintorni meravigliosi. E tuttavia, nella sua ormai lunga vita, il Terme di Saturnia ha vissuto alterne fortune: lunghi periodi di successi intervallati da momenti di caduta nell’apprezzamento della clientela. Ha vissuto anche dei cambi di proprietà e management che hanno spezzettato una continuità di lavoro sul campo, essenziale se si mira a risultati di valore assoluto. Oggi, il Terme di Saturnia, ritrovato l’antico splendore, ha ripreso anche il proprio ruolo di leader in termini di benessere termale e beauty farming. Ridando forza anche ad una località, quella di Saturnia, colline della bassa Toscana, ideale per chi cerca la tranquillità, ma è anche curioso da un punto di vista storico-naturalistico.

Terme di Saturnia Spa & Golf Resort Via della Follonata - Saturnia (Gr) Tel 0564.600111 - Fax 0564.601266 www.termedisaturnia.it Numero Camere: 140

Senza contare i benefici effetti delle acque sulfuree della zona: una sorgente si trova proprio all’interno del resort. Quanto all’area Spa, dispone anche di sauna, bagno turco, idromassaggio e idropercorsi, ma la sua forza è principalmente nei trattamenti effettuati in cabine ampie e molto eleganti nel loro look minimalista. Infine, c’è Blackrose, il frutto dell’innovazione negli ambienti targata Terme di Saturnia. Si tratta di una sorta di Spa privata, estremamente elegante e raffinata con i suoi toni di nero riverberati da tenui luci azzurrate. Ci sono acqua, vapori, atmosfera. Mani che sanno sfiorare, pressare e donare piacere, armonia. Un ambiente rimarchevole, che ha finito per conferire ulteriore valore all’intero complesso. Linea cosmetica dalla texture raffinata. La carta dei trattamenti vira più verso i servizi da beauty farm che da Spa, ma è comunque contrassegnata da una buona offerta. Tariffe nella media.

3 Stelle e 1/2

105


Best

Toscana Terme Villa Borri Spa

Terme Villa Borri Spa Via Galilei 34 - Casciana Terme (Pi) Tel 0587.644644 - Fax 0587.644630 www.villaborri.com Numero Appartamenti: 22

Una vecchia casa padronale del ‘700 con tutti i suoi annessi riportata a grandi fasti grazie ad un recupero misurato e intelligente. Così un rudere di fattoria si è trasformato in una bella Spa residenziale che beneficia, inoltre, delle grandi proprietà terapeutiche dell’acqua termale di Casciana, sulle colline pisane, che sgorga dalla sorgente alla temperatura costante di 37,5 gradi. L’acqua Mathelda, chiamata così per storie (o leggende) legate alla permanenza della Contessa Matilde di Canossa nell’area, è in prevalenza solfato-calcica, ed è quindi molto utilizzata nelle terapie di contrasto ad artrosi e reumatismi di varia natura. In quello che, originariamente, era il frantoio dell’antica fattoria è stato realizzato un percorso di differenti piscine con acqua termale, di dimensioni piuttosto contenute, eppure tutte molto curate e di stile. Fino al fiume termale che si apre nel bel parco di Villa Borri. Completano l’area umida un hammam, una serie di docce emozionali e la fabbrica del ghiaccio. Fiore all’occhiello del centro il gruppo delle 12 cabine riservate ai trattamenti. Molto calde, ampie e ricche di atmosfera, alcune di esse presentano mura in affreschi sapientemente recuperati e sono riscaldate e illuminate dal fuoco di caminetti d’epoca. Un contesto di grande suggestione. Bravi! Molta classe anche nella sala relax, con affreschi e confortevoli chaise-longue, nella quale degustare tisane e infusi. Con una maggiore varietà di ambienti di calore nella struttura ed un lieve ampliamento dell’offerta trattamenti, che comunque presenta una interessante sezione dedicata all’Oriente con manualità di derivazione shiatsu, ayurveda etc., potrebbe figurare senza dubbio tra le prime Spa italiane. Tariffe assolutamente buone.

3 Stelle e 1/4

Villa San Paolo Hotel Tirare su un elegante resort con una importante area Spa - di oltre 1000 mq - tra le dolci colline senesi di San Gimignano è probabilmente quanto di più semplice e, al tempo stesso, complicato possa esservi per un imprenditore del ramo ospitalità. Semplice, perchè il contesto è quanto di più suggestivo si possa trovare per una operazione del genere, con una cornice naturale, com’è quella di San Gimignano, ricca di storia e natura, con parchi secolari, uliveti e un’architettura toscana che il mondo invidia. Complesso, in quanto rendersi omogenei a questa realtà richiede studio, passione, amore per le cose fatte bene, una grande conoscenza del proprio mestiere. Diciamo subito che il Villa San Paolo è riuscito pienamente in questo intervento, tanto con la componente alberghiera, accattivante, moderna, pur nel rispetto dei luoghi e della tradizione, e, per quello che più strettamente ci riguarda, con il suo attrezzato complesso benessere, dal nome di Irispa. Villa San Paolo Hotel Str. Prov per Certaldo - San Gimignano (SI) Tel 0577.955100 - Fax 0577.955113 www.villasanpaolo.com Numero Camere: 78

Con 2 grandi piscine (ma quella panoramica all’aperto è solo estiva), disegnate e distribuite in maniera davvero armonica. Un’area umida molto articolata (sauna, bagno di vapore, aromarium toscano, cascate calde e fredde, etc.) realizzata con uso sapiente di materiali - tanta pietra levigata, mattoncini - finiture di pregio e una qualche attenzione in più del consueto per i giochi di luci ed ombre. Area relax disseminata tra interno ed esterno, quella all’aperto è nel giardino di olivi secolari. Particolare cura è stata riservata alla composizione dei percorsi di benessere, e questo, com’è noto, a noi di 100Best piace molto. Superbe le manualità in hammam così come i massaggi effettuati con l’olio d’oliva prodotto nella zona: buono a tavola, eccellente, per come nutre e ammorbidisce la pelle, nei trattamenti. Carta dei servizi con tante buone proposte e a tariffe giuste, alcune molto convenienti. Nell’insieme, una Spa molto gradevole. Dove ci si sente bene.

3 Stelle e 1/4

Evo Benessere Una Day Spa cittadina che, in realta, è un centro di benessere integrato dalla presenza di un’attrezzata Area Fitness, completata da un ‘Health Bar che serve entrambi i comparti in qualità di spazio relax e socializzazione. L’intera struttura rivela, tanto nella facciata quanto negli interni, una scelta progettuale di design, in grado di garantirne la riconoscibilità, senza indulgere negli eccessi che, spesso, caratterizzano simili interventi architettonici. Esterno ed interni di buon impatto evocativo, grazie alla scelta di materiali naturali, principalmente il legno nelle sue varie forme, e poi pietra e mosaici in vetro per una miscela ricca di fascino. L’area umida del thermarium, cuore del centro, presenta 2 vasche con idromassaggi di vario tipo, bagno di vapore aromatizzato, sauna finlandese, biosauna agli aromi e frigidarium per l’alternanza caldo/freddo in funzione vascolare. Evo Benessere Via Rodolico 236 - Pistoia Tel 05731941595 - Fax 1941596 www.evobenessere.com Day Spa

Vasche e ambienti di dimensioni contenute, ma tecnicamente di eccellente fattura e con rivestimenti adeguati a creare l’habitat per un corretto relax psico-fisico. Cabine per le manualità sufficientemente spaziose, sempre con elementi in legno, per un’offerta di servizi che svaria dai percorsi spa e benessere ai numerosi trattamenti viso/corpo coordinati da un staff specializzato. Tariffe complessivamente buone. Una struttura originale e di livello interessante che, per quanto concerne la componente Spa, può crescere ulteriormente.

2 Stelle e 3/4

106


Best

Toscana Fonteverde Natural Spa Resort Uno a volte si chiede: ma cosa avrà mai di più la Toscana rispetto alle altre regioni italiane per riuscire ad attrarre un turismo sempre più di qualità, e a crescere nello stesso momento in cui gli altri competitors si trovano in difficoltà? Poi, finisci per imbatterti in questo resort 5 stelle nato su di un sontuoso portico mediceo fatto costruire nel 1605 da Ferdinando primo de’ Medici. E, all’improvviso, tutto appare chiaro. Un luogo di vacanza esclusivo nato su di una sorta di reliquia della storia ( e nel pieno rispetto di essa), senza mai cadere nel cattivo gusto che spesso caratterizza questo genere di operazioni. Al contrario, con stile. Eleganza. La località è termale di quelle buone, San Casciano dei Bagni, acque solfato-calcico-magnesiache che sgorgano a 42 gradi. Il panorama è quello delle colline senesi della Val d’Orcia: l’Unesco ha dichiarato questo territorio Patrimonio dell’Umanità. Serve altro? Nel caso, c’è un’attrezzatissima Spa termale unita al corpo dell’hotel da un collegamento diretto: vi si accede dalle camere, in accappatoio. Fonteverde Natural Spa Resort Via Terme 1 - San Casciano dei Bagni (SI) Tel 0578.57241 - Fax 0578.572200 www.fonteverdespa.com Numero Camere: 78

Dispone di 7 piscine, di cui 2 coperte e una terza, la Bioaquam in versione interno/esterno, che presenta 22 diversi tipi di idromassaggio, oltre ad una vista mozzafiato sulla valle. Completano la struttura: sauna finlandese, bagno di vapore, stufa e idropercorsi. Imponente il comparto medico-estetico, mentre per la funzione di benessere psico-fisico si fa ampio ricorso a naturopatia e fitoterapia. In più, oltre alla medicina tradizionale e a quella naturale, c’ è anche spazio per le discipline orientali, meditative e di manipolazione. L’insieme è notevole. Difficile trovare passaggi a vuoto e, comunque, nessuna eventuale sbavatura potrebbe mettere in discussione l’eccellente lavoro fatto sia in sede di progettazione e allestimento che in fase di comunicazione e strettamente operativa. La carta dei trattamenti è comprensibilmente corposa, con 2 sezioni dedicate anche alle discipline orientali e alle manualità di tradizione mediterranea con uso di raffinati olii d’oliva. Utilizza una propria, ottima linea di cosmesi termale. Le tariffe sono secondo le aspettative. Un autentico leader tra gli Spa resorts.

5 Stelle

Tombolo Talasso Resort Si tratta di un’antica colonia estiva, trasformata nei primi 2000 in un resort 5 stelle da un gruppo di operatori toscani innamorati della propria terra. Siamo in piena Costa degli Etruschi, area di immensa, selvaggia bellezza. Nei pressi troviamo Bolgheri, con la sua oasi faunistica di straordinario rilievo naturalistico e, percorrendo la vicina Strada del Vino, si attraversano i terreni nei quali si trova il meglio della produzione vinicola italiana e, quindi, mondiale. L’albergo, molto elegante, ha una splendida posizione sul mare ed è circondato da una fitta pineta che lo accompagna fino alla spiaggia privata. La scelta di puntare sul benessere, sulla Spa, ha ispirato il progetto fin dai suoi primi passi, non è intervenuta successivamente - con tutti gli ostacoli che ne seguono - come è avvenuto per molti resort in Italia. E così, fin dall’inizio è stata fatta una scelta chiara anche sul taglio da dare all’intero impianto: si è deciso di puntare sulla talassoterapia, ma non attraverso acque termali saline o uso di prodotti importati, ma utilizzando l’acqua del proprio mare.

Tombolo Talasso Resort Via del Corallo 3 - Marina di Castagnet Carducci (LI) Tel 0565.74530 - Fax 0565.744052 www.tombolotalasso.it Numero Camere: 96

Le 5 piscine di acqua marina che ornano la grotta che le ospita - così come le vasche e le docce - sono alimentate, appunto, con acqua del tirreno toscano captata, attraverso un sistema impiantistico, a circa 900 metri dalla costa, e successivamente riscaldata a differenti temperature. La struttura si completa con 2 saune con vista sull’esterno, un bagno di vapore impreziosito da mosaici e docce aromatizzate, e, infine, la sala relax davvero confortevole e ben assistita. Il colpo d’occhio, all’ingresso nella Grotta delle Acque è davvero suggestivo. Si entra in un contesto che, per il taglio ambientale e la tipologia della proposta benessere, possiede una sua chiara personalità, difficilmente riscontrabile altrove. Quanto alla filosofia del centro, la talassoterapia è un’eccellente soluzione. La scelta di acqua di mare anche. C’chi sostiene che in un complesso di tale rilevanza sarebbe stato opportuno progettare anche vasche con acque di origine e natura differenti, nonchè sistemi di approccio al relax psico-fisico di tipo diverso. Questo, secondo la scuola di pensiero che sostiene che la Spa di assoluta eccellenza dovrebbe presentare un’offerta sufficientemente ampia (di ambienti, servizi, etc); la direzione e lo staff operativo dovrebbero poi farsi carico di misurare questa offerta, calibrarla sui propri ospiti. Considerazioni accademiche sulle quali si potrebbe aprire un dibattito. Di certo, al momento, c’è che il profilo del Tombolo Talasso si presenta ampiamente positivo. La carta dei trattamenti è sufficientemente consistente e a tariffe interessanti. Manualità e assistenza di livello.

3 Stelle e 1/4

107


Best

Toscana Adler Thermae Spa & Wellness Resort

Adler Thermae Spa & Wellness Resort Strada Bagno Vignoni 1- San Quirico d’Orcia Tel 0577.889000 - Fax 0577.889999 www.adler-thermae.com Numero Camere: 90

Se già possiedi una bella e funzionale Hotel Spa. Se già vieni considerato nell’ambiente un centro leader. Se questa struttura leader si trova già su un territorio dallo scenario incantevole, com’è quello delle Dolomiti di Ortisei. Se già hai tutto questo, ma tutto questo non ti basta e vuoi portare la tua conoscenza, la tua esperienza nel wellness, la tua metodologia di lavoro anche altrove. Per raggiungere, persino migliorare, quei livelli di eccellenza e divenire ancora più popolare, bene, bisogna dire che la scelta della Toscana, da parte del management dell’Adler Resort, come regione nella quale realizzare questo obiettivo, è quanto di più naturale, persino scontato ci si potesse attendere. Sono poche le regioni italiane che possano offrire un panorama territoriale completo, con mare, montagne, fiumi e laghi, dolci colline e natura ancora incontaminata. E città d’arte. Pensandoci bene, forse nessuna. E se scegli la Toscana, naturalmente ti vai a insediare in Val d’Orcia, nel senese che, casualmente, è un’area che per le sue bellezze è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Poi, quando sei in questo scenario naturalistico impareggiabile, selezioni quale location della tua nuova, meravigliosa Hotel Spa un’ antica villa rurale, semplicemente bellissima. E allora, non serve ricordare che tutte le camere e le suite, spaziose e ricche di comfort affacciano sulla splendida vallata; che la Spa si compone di un’amplissima serie di strutture, dalle piscine interno/esterno all’ area idromassaggio, da un’area umida variegata e complessa come poche in Italia ( calidarium alle erbe, bagno etrusco ai vapori salini, sauna finlandese sul lago, grotta ai vapori, rasul per trattamenti all’argilla, suggestivo bagno salino sotterraneo), allo spazio relax su due livelli, anche con letti ad acqua. Con un tocco e una raffinatezza esemplari. Nei rivestimenti, nelle luci, nella scenografia di ogni singolo ambiente. Nè vale ricordare la competenza e il savoir faire di uno staff sempre pienamente all’altezza della situazione o la carta dei trattamenti persino esageratamente fornita e con tariffe del tutto equilibrate. E’ proprio tutto l’insieme che funziona. E che con questo secondo centro, dopo l’Adler Sport altoatesino, è diventato un marchio di fabbrica. Il marchio Adler Spa. Pienamente meritevole delle 5 stelle.

5 Stelle

Bagni di Pisa

Bagni di Pisa Largo Shelley 18 - San Giuliano Terme (Pi) Tel 050.88501 - Fax 050.8850401 www.bagnidipisa.com Numero Camere: 80

Completa, con i resorts di Grotta Giusti e Fonteverde, il trittico delle strutture che fanno capo alla STB, Società delle Terme e del Benessere. Basterebbe un tale biglietto da visita per rendere quasi superflua la redazione di questo profilo. Stiamo parlando della compagnia leader in Italia nel settore degli Spa Resorts. In un mondo come quello del benessere, cresciuto nel nostro paese a ritmi quasi ossessivi negli ultimi 10 anni è piuttosto frequente imbattersi in pressappochismo, poca competenza, scarsa qualità. E, l’operazione di 100Best, detto nel modo più semplice, tende proprio a questo obiettivo: separare in maniera netta l’eccellenza italiana nelle Spa da quel magma di operazioni dilettantesche e velleitarie. Che, spesso, grazie ad una comunicazione confusionaria e poco autorevole, finiscono per contaminare i migliori progetti, dando vita ad un tutto indistinguibile. Di positivo c’è che questo aspetto rende ancora più piacevole il momento in cui si incontrano dei veri professionisti. Che hanno dato ottima prova di sè anche in passato, prima di occuparsi dei 3 gioielli che abbiamo richiamato. Ultimo dei quali è, appunto, il Bagni di Pisa. In origine (parliamo della metà dell’800), la struttura fungeva da residenza del Granduca di Lorena. Solo di recente è stata riportata a grandi fasti grazie ad una complessa operazione di recupero che ne ha conservato la magnificenza e lo stile, tanto nella facciata quanto negli interni. La location è a San Giuliano Terme, nel pisano, acque solfato-calcico-magnesiache che sgorgano intorno ai 40 gradi. Convenzione con il S.S.N. La Spa: davvero suggestiva la Grotta dei Granduchi, un bagno di vapore naturale, intorno ai 38 gradi, arricchito dalla presenza di una vasca di acqua termale. Ci sono poi 2 differenti piscine (una all’aperto) che sono dei veri esercizi di stile, idromassaggi vari, sauna, bagno turco, hammam, sale di distensione con cromoterapia. Ambienti, va da sè, molto curati nell’allestimento e con un dosaggio delle luci correttamente equilibrato. Assistenza dello staff puntuale e attenta, ben collegata sia al nutrito comparto medico che al ristorante, per i programmi di completa remise en forme. Carta dei trattamenti con ottime proposte - anche in tema di manualità orientali della tradizione vedica - programmi benessere articolati nelle offerte più varie. Tariffe, per alcuni servizi, leggermente elevate.

3 Stelle e 3/4

108


Best

Toscana Grotta Giusti Terme Hotel Una villa ottocentesca immersa in un parco secolare è già un bell’inizio. Se poi questa signorile residenza, ricca di tutti i comfort, si trova anche in un’area termale particolarmente interessante per la sua tranquillità, per l’ineguagliabile cornice naturalistica che la contraddistingue e, soprattutto, per la ricchezza delle acque minerali sature di elementi solfato-calcico-magnesiaci, diventa chiaro che ci troviamo in uno spazio nato e sapientemente ristrutturato per offrire benessere allo stato puro. E poi. E poi c’è la grotta che dà il nome al resort. Una grotta millenaria, un dono della natura costellato da stalattiti e stalagmiti, che si estende per oltre 200 metri. E’ attraversata da uno specchio d’acqua termale (l’acqua esce dalla sorgente a 34,5 gradi): nei 50 minuti di permanenza, si viene avvolti dai vapori benefici che sono diffusi al suo interno. Essi svolgono una efficace azione terapeutica, particolarmente per il miglioramento della funzione respiratoria e come fattore coadiuvante nelle terapie antinfiammatorie. Ma ciò che è predominante dal momento dell’ingresso (si raggiunge la grotta direttamente dall’hotel) fino al termine della rigenerante sosta in questo ambiente unico e carico di suggestioni, è la sua funzione di relax psico-fisico.

Grotta Giusti Terme Hotel Via Grotta Giusti - Monsummano Terme (PT) Tel 0572.90771 - Fax 0572.9077200 www.grottagiustispa.com Numero Camere: 64

Con il lento crescere della temperatura aumenta il piacere, riprende vita la relazione mente/corpo fino al senso di totale abbandono. Bellissimo. Dopo, naturalmente, c’è anche tutto il resto: a partire da una nuova piscina termale all’aperto, con un’area acqua di 750 mq, grande e scenografica cascata, più idromassaggi di vario tipo, idropercorsi, oltre ad uno spazio relax, recentemente allestito, più ampio e confortevole. Lo staff operativo che supervisiona l’andamento del centro è assolutamente professionale è attento alle particolari esigenze del singolo ospite, anche con una buona consulenza sul percorso alimentare. La carta dei trattamenti è molto fornita, anche in versione day spa. Un centro leader. Naturalmente, occorrerà continuare ad innovare. Ma questo il management di Grotta Giusti lo sa bene.

4 Stelle

Villa Undulna Siamo nelle terme della Versilia. Che danno, peraltro, anche il nome alla nuova, buonissima linea cosmetica di Villa Undulna, frutto della combinazione di acqua termale e torba naturale. La location è all’interno di un parco, a pochi passi dal mare ed è un albergo strutturato in più edifici che evocano signorili dimore per gentiluomini e gentildonne di campagna. Il nome si deve alla locale sorgente Undulna, dalla quale sgorga un’eccellente acqua salsobromoiodica, che richiama la ninfa cantata dal D’Annunzio nell’Alcyone. Anche qui, come spesso avviene nelle stazioni termali, più che una Spa in senso stretto, troviamo un centro termale attrezzato anche per percorsi di benessere. Che, lo ricordiamo una volta di più, sempre necessitano dei 3 irrinunciabili must: un’area umida, locali per trattamenti viso/corpo e spazio relax. Dal corpo centrale dell’hotel, attraverso un apposito tunnel sotterraneo, è possibile accedere alle 2 grandi piscine termali riscaldate a differenti temperature, di cui una con idromassaggio diffuso. Villa Undulna Viale Marina 1 - Montignoso (Ms) Tel 0585.807788 - Fax 0585.807791 www.villaundulna.com Numero Camere: 44

Queste hanno copertura mobile, per cui sono utilizzabili anche nel periodo invernale. Ci sono poi sauna finlandese e bagno di vapore, mentre per la funzione relax si è orientati più ad utilizzare gli spazi nel parco che quelli al coperto. In effetti, gli ambienti chiusi sono essenziali, quasi spartani. Nella gran parte dei centri termali italiani prevale ancora l’idea che dare una dimensione medicale della struttura possa comunicare agli ospiti un maggior senso di sicurezza e serietà. Già da alcuni anni, tuttavia, ha preso piede un diverso tipo di orientamento, che privilegia gli ambienti, puntando a creare atmosfera e senso ovattato di protezione e di c.d. pampering attraverso la cura degli interni, l’uso di elementi naturali nei rivestimenti ed un sapiente utilizzo delle fonti di luce .Per produrre fin dall’inizio quel senso di benessere, di abbandono, che si è dimostrato essenziale anche per la migliore efficacia dei trattamenti estetici. Da questo punto di vista l’Undulna, secondo noi di 100Best, potrebbe aprirsi, con investimenti davvero contenuti, a soluzioni strutturali e scelte d’interni che conferirebbero all’intero centro una posizione di assoluto rilievo nel panorama del benessere italiano. La sostanza c’è, ed è tanta, questo è già un punto di partenza formidabile. Carta dei trattamenti ben fornita, tariffe nella media, leggermente elevate per alcuni servizi.

2 Stelle e 3/4

109


Best

Trentino Alto Adige

110


Best

Trentino Alto Adige Hotel Fanes Una delle migliori espressioni di incontro tra la tradizionale ospitalità sudtirolese e i moderni standard alberghieri. L’Hotel Fanes si muove su di un sentiero colludato, costantemente aggiornandolo con quanto di meglio si possa offrire ad un’ospite sempre più informato e, dunque, esigente. Il caratteristico edificio che ospita l’albergo si trova in una posizione panoramica esclusiva, dalla quale domina il paese di San Cassiano, in Alta Badia. Location assolutamente tranquilla e piena di sole (guarda a sud), con vista mozzafiato sulle montagne e il contorno di boschi di larici e prati proprio al di sotto del massiccio di Fanes. Territorio, ca va sans dire, incantevole, inserito nel comprensorio sciistico “Dolomiti Superski” con piste uniche al mondo. Dall’hotel ci si muove direttamente per passeggiate guidate, escursioni e bike tours. I servizi alberghieri sono di alta quantità e qualità. In tema di benessere, basterebbe a certificarla la presenza dell’hotel nel circuito Belvita, il marchio che riunisce le migliori Spa alberghiere dell’Alto Adige. Hotel Fanes Peceistr. 19 - San Cassiano (BZ) Tel 0471.849470 - Fax 0471.849403 www.hotelfanes.it

Si cominicia dall’esterno, dove il delizioso giardino con piscina, anche con acqua salata, e la sauna alpina all’aperto invitano al relax e ai bagni di sole. Passando alla vera Spa, troviamo un mondo di ambienti caldi secondo il tipico modello altoatesino: sanarium, sauna in legno di cirmolo, dagli infiniti effetti benefici, bagno di vapore agli aromi, bagno e idromassaggio di acqua salina. Oltre che la piscina all’aperto, con acqua calda, utilizzabile anche in inverno, c’è un’ampia piscina coperta, con ansa idromassaggio, terrazzini relax con tavolini e chaise longue. Ampie vetrate che lasciano filtrare una splendida luce naturale, anche se, alla sera, con una illuminazione più controllata, alcuni elementi architettonici dal design un pò datato vengono messi in secondo piano e la piscina acquista sinuoso fascino e mistero. Proseguendo, troviamo una delle più belle aree relax mai visitate, provvista di un caminetto delizioso, letti ad acqua e veduta esterna. Assolutamente incantevole. Se questa non bastasse, ci sono anche un tea corner e una veranda relax panoramica. Cabine graziose, ricche di elementi in legno dal tradizionale design locale, assistite da uno staff gentile e professionale. Propone una carta dei trattamenti molto ampia, con massaggi, bagni, impacchi e pacchetti speciali finalizzati ad un programma di remise en forme completo. Nel menù dei servizi avrebbe potuto trovare spazio anche una sezione dedicata ai percorsi di benessere, che figurerebbero splendidamente in una Spa dalla logistica di ambienti e dalla qualità complessiva riscontrate nel Fanes. Tariffe giuste. Una Spa di alto livello, da visitare.

3 Stelle e 1/2

Quellenhof Resort Ci troviamo nella più grande località della Val Passiria. Chi nutre passione per le attività sportive, non potrebbe fare scelta migliore. D’estate, gite in canoa, rafting, cavalcate nella natura, escursioni sulle cime delle montagne e anche un campo da golf a 18 buche. In inverno, sci alpino, di fondo, oppure snowboard nei vicini comprensori sciistici di Pfelders/Plan e Racines-Passo Giovo. Il complesso turistico che qui presentiamo si compone dell’originario Hotel Quellenhof e del più recente, maestoso Parkresidenz Quellenhof, situato alle spalle. Nei pressi, altri alberghi della catena guidata dalla famiglia Dorfer. Il Quellenhof Resort è una destinazione moderna ed esclusiva, con un panorama di servizi assolutamente completo, davvero arduo riuscire a trovare un “buco” nell’offerta tra i vari menù: sportivo, escursionistico, culturale, d’intrattenimento, gastronomico. E, soprattutto, di benessere. Perché, come dichiara il management nella stessa presentazione della casa, il resort è stato concepito “per soddisfare le esigenze degli ospiti più pretenziosi in tema di beauty e wellness!”. Questo è parlar chiaro, ma qui non si tratta solo di parole. Visto che la scelta è poi stata di realizzare una nuova costruzione, con una Spa, comprensiva di una importante area fitness, distribuita su 3 piani, per un totale di 5mila metri quadri dedicati al benessere. Un piano intero, quello interrato, è riservato al mondo delle saune.

Quellenhof Resort San Martino in Val Passiria (BZ) Tel 0473.645474 - Fax 0473.645499 www.quellenhof.it

Vi troviamo una sequenza di ambienti di calore di ogni tipo: sauna alle erbe, finlandese, tirolese con un mulino ad acqua gorgogliante, bagno di vapore aromatizzato, laconium e cabina ai raggi infrarossi. Le saune sono tutte belle e ricche di personalità ma, è proprio in generale che qui al Quellenhof si notano grande attenzione ai dettagli e una vera passione per questo lavoro. Che spinge a migliorarsi. E, di conseguenza, a fare le scelte giuste. Sempre sul piano interrato, anche una zona relax per intervallare i tempi di sosta negli ambienti caldi o magari concluderli degustando infusi alle erbe. Al primo piano, invece, si passa in rassegna il raffinato reparto beauty, dallo stile orientale, gradevole perchè privo di eccessivi orpelli. Una scelta di interni motivata anche dalla buona offerta, nel menù trattamenti, di manualità di ispirazione ayurvedica e shiatsu. Come sempre avviene nelle Spa del Sudtirolo, vasta gamma anche di bagni e impacchi, con soluzioni aromatiche di ogni genere. Al piano superiore, una notevole piscina coperta con idromassaggio integrato (senza dimenticare che l’area acqua del Quellenhof include anche piscine e idromassaggi all’aperto), oltre ad una magnifica area relax arredata con letti ad acqua. Come risulta evidente dalla esposizione di questo profilo si tratta di una Spa di assoluto spessore sia per l’ampiezza delle opzioni praticabili, sia per l’elevato livello qualitativo tanto degli ambienti quanto delle professionalità impiegate nella struttura. Come, del resto, attesta l’inserimento nel circuito Belvita, che raccoglie l’elite delle Spa alberghiere dell’Alto Adige. L’unico obiezione, se vogliamo, potrebbe essere rappresentata proprio dalla suddivisione in più livelli che, talvolta, potrebbe ostacolare una vera integrazione tra i servizi collocati su piani diversi, particolarmente nell’ottica dei percorsi di benessere. Obiezione, comunque, sufficientemente contrastata dalla presenza sia di alcuni ambienti umidi che di spazi relax su tutti e 3 i livelli del centro. Che utilizza prodotti di numerose linee, tra le quali Maria Galland e St. Barth. Tariffe generose, in alcuni casi davvero convenienti.

4 Stelle

111


Best

Trentino Alto Adige Hotel & Residence Dorner

Hotel & Residence Dorner Lagundo (BZ) Tel 0473.443309 - Fax 0473.443091 www.hotel-dorner.it

Siamo a Lagundo, a un soffio da Merano, principale destinazione turistica dell’area, con la quale esiste un secolare legame. La città, da molti conosciuta per una famosa birra prodotta negli stabilimenti della sua frazione Foresta, vanta anche una buona offerta in termini di ospitalità alberghiera, della quale l’Hotel Dorner è senza dubbio il principale esponente. La location è in Sudtirolo e tuttavia, diversamente da quanto avviene di frequente, tanto le linee dell’edificio, quanto i suoi interni sono maggiormente orientati su uno stile moderno più che tipicamente altoatesino. E lo stesso giardino, che funge da habitat naturalistico alle molte facilities all’aperto che l’hotel mette a disposizione dei suoi ospiti (bar, piscina, spazi relax, etc.) è di tipo mediterraneo. Ma, la magnifica vista panoramica, le montagne sullo sfondo, quelle sì, sono le Dolomiti. Anche la Spa Aquana presenta un taglio progettuale moderno, con l’utilizzo di molti elementi naturali. Pur non essendo di dimensioni eccessivamente consistenti, si compone degli ambienti essenziali ad un centro benessere qualificato ed è studiata per consentire agli ospiti di seguire i tempi del corpo, particolarmente per ciò che riguarda la distribuzione logistica degli ambienti di calore. Che sono 3: una sauna finlandese, una bio alle erbe medicinali ed un bagno di vapore aromatizzato agli oli essenziali. La piscina in mosaico, con ansa idromassaggio, colonnati di arredo e relax corners con chaise longue di contorno, viene illuminata dalla luce naturale attraverso le grandi vetrate ad arco e i finestroni che conducono in giardino. E, dunque, il suo look acquista fascino nelle ore serali, quando un miglior controllo dell’illuminazione sottolinea le linee stondate e conferisce all’intero ambiente maggiore armonia. Possibilità di scelta per lo spazio relax di fine percorso, nei pressi del caminetto o nella suggestiva sala con i letti ad acqua dove degustare infusi di frutta e tisane. Le manualità viso/corpo sono su richiesta e la carta dei trattamenti risulta un pò essenziale. Del resto, anche in questo accogliente hotel, ciò che conta principalmente è mettere a disposizione della clientela una serie di ambienti benessere adatti a generare un profondo relax e così contribuire alla mission alberghiera: offrire ai propri ospiti, con l’ausilio di differenti metodiche, una vacanza rigenerante. L’Hotel Dorner, anche attraverso questa graziosa Spa, vi riesce pienamente.

2 Stelle e 3/4

Hotel Schneeberg

Hotel Schneeberg Masseria 22 - Racines (BZ) Tel 0472.656232 - Fax 0472.656383 www.schneeberg.it

Siamo dinanzi al primo, il più importante hotel di una piccola catena composta da 3 strutture, tutte situate nel Sudtirolo. L’Hotel Schneeberg Resort & Spa si trova in Val Ridanna, con vista sulle Alpi dello Stubai, in un territorio che ha vissuto la grande epopea delle miniere, particolarmente d’argento. Una serie di edifici nel caratteristico stile locale, interni molto spaziosi, camere e suite ricche di luce naturale, buona cucina, uno staff di persone gentili e premurose, animazione sportiva, d’intrattenimento e miniclub per bambini. Si capisce che lo Schneeberg è un hotel dalla proposta che definiremmo ecumenica, per sportivi ma anche per famiglie, per gli appassionati della montagna ma anche per chi è alla ricerca di un completo relax psico-fisico. Oltre 5.000 metri quadri di benessere possono bastare? Questa, infatti, è la dimensione della struttura che ospita la Spa, nella quale struttura, peraltro, trovano spazio anche altri servizi, come fitness, coiffeur, e altri. L’offerta, come si comprende, è assolutamente variegata e i 3 mondi ai quali lo Schneeberg ci introduce, quello acquatico, delle saune e degli spazi relax sono talmente ricchi di differenti opzioni da necessitare un’importante lavoro divulgativo al professionale staff di operatori che si occupa di informazione e assistenza. Dalla piscina coperta con paesaggio roccioso e luce naturale (oltre che lampade subacquee e dicroiche a soffitto), alla vasca idromassaggio a cielo aperto (sulla terrazza), al percorso kneipp; dal bagno salino al calidarium, passando per una interminabile serie di saune, finlandese, bio agli oli essenziali, “Vitarium”, etc. Dalla notevole disponibilità di ambienti caldi ai vapori aromatizzati: rasul, bagno turco, cabina ai vapori, sauna di vapore, con il refrigerio di docce aromatizzate e grotta di ghiaccio. Fino alle generose zone relax, con ampi letti o chaise longue e fornitissima tisaneria. Ambienti, per la verità molto omogenei, lievemente datati nel design, con una scelta di rivestimenti nella quale predomina l’uso di mosaici in vetro per le piscine e i bagni di vapore. A parere di alcuni, con un’area benessere di queste dimensioni, poteva esserci lo spazio per sperimentare altre soluzioni di interior design. Punti di vista. Le cabine per le manualità sono in linea con lo standard architettonico della struttura: al loro interno trattamenti viso (linea cosmetica di Maria Galland) e corpo con massaggi anche della tradizione ayurvedica. C’è anche - ed è un vero sollievo - nella sezione detta dei trattamenti speciali, un piccolo comparto dedicato ai percorsi di benessere. Questo sì, sarebbe davvero opportuno poterlo ampliare, sfruttando le enormi potenzialità del centro. Quanto alla comunicazione, non sarebbe male integrarla con una più ampia e dettagliata divulgazione circa la struttura e i servizi offerti. Tariffe giuste, per alcune voci, convenienti.

3 Stelle e 1/4

112


Best

Trentino Alto Adige Hotel Excelsior L’indirizzo internet è myexcelsior.com e il management dell’hotel (tradizione familiare, come quasi ovunque nella produttiva industria dell’ospitalità dell’Alto Adige), non poteva elaborare un nome più adeguato. Perché, fin dal momento dell’ingresso in questa dolce struttura delle Dolomiti della Val Badia, ci si sente padroni del proprio tempo, in uno spazio soave e accogliente, finalmente liberi, come a casa. Ma immersi in un paesaggio da sogno, ciò che soltanto poche destinazioni al mondo come le Dolomiti sono in grado di presentare. Senza contare l’interminabile serie di offerte per impiegare al meglio il proprio tempo libero, inclusa quella di non fare assolutamente nulla ( un nulla che nutre lo spirito e alleggerisce il cuore), in un habitat naturalistico che muta nel corso dell’anno e non finisce di stupire anche il frequentatore più assiduo. Gli ambienti comuni, le camere, il ristorante, le tante facilities, d’accordo, ma il pezzo pregiato dell’hotel è rappresentato dalla sua Spa, il Castello di Dolasilla, dal nome della mitologica principessa delle Dolomiti, leggendaria eroina sudtirolese.

Hotel Excelsior Via Valiares 44 - San Vigilio di Marebbe (BZ) Tel 0474.501036 - Fax 0474.501655 www.myexcelsior.com Numero Camere: 49

L’edificio, che unisce in maniera armonica i 2 corpi principali dell’albergo, si struttura su 5 piani occupati da una serie di ambienti benessere riservati alle donne, agli uomini e alla coppia, nel format di Private Spa (e di cui le Spa Suite rappresentano una ulteriore evoluzione) che negli ultimi tempi sta prendendo molto piede nella filosofia alberghiera occidentale ma, che noi di 100Best, pur apprezzando, non amiamo particolarmente, perché impedisce del tutto l’elemento della socializzazione, componente oggi trascurata e, tuttavia, “centrale” del benessere nella storia e, secondo noi, anche oggi. Ci sarà modo di ritornare sull’argomento. Restando al Dolasilla, ovviamente ci sono anche tanti spazi comuni, particolarmente nel mondo degli ambienti di calore, a partire dalla sauna finlandese, per arrivare a quella molto ampia in larice, passando per il più temperato sanarium (max 60 gradi e con un più elevato livello di umidità). E, a proposito di ambienti umidi, nell’Aurona, con bei mosaici sui toni del sabbia, (temperatura intorno ai 45° e 100% di umidità ) si viene avvolti dalle essenze primaverili delle malghe del Fanes: pino mugo, rosa selvatica, cirmolo e profumi silvestri, mentre nel Sole, il bagno di vapore salino, il respiro incontra una carezza benefica di infinita dolcezza. Ad intervallare o preparare il percorso degli ambienti di calore, il Tepidarium, con i suoi lettini caldi. Il giusto refrigerio tra docce primaverili e cascate rinfrescanti, situate accanto. Lè Vert è la piscina panoramica provvista di giochi d’acqua e stazione idromassaggio, molto suggestiva nelle ore serali, quando un miglior controllo della luce ne fa risaltare il sinuoso fascino. Vasche idromassaggio riscaldate, di cui una all’esterno sotto un cielo notturno cinematografico. 2 aree relax con letti ad acqua o con chaise longue e tea corners concludono una struttura che è divenuta meta importante per i vacanzieri sulle Dolomiti, a caccia di un complesso benessere integrato (c’è anche un’attrezzata area fitness). Carta dei trattamenti molto ampia e ben bilanciata, avremmo semplicemente aggiunto degli specifici percorsi di benessere con manualità ai sali e ai fenoli, anche in omaggio ai magnifici vigneti che si incontrano lungo le strade dolomitiche che conducono a San Vigilio di Marebbe. Staff organizzato e molto professionale, tendenza ad offrire uno standard da Beauty Farm. Ingresso agli ambienti comuni libero per gli ospiti dell’hotel. Per il resto, tariffe convenienti.

3 Stelle e 1/2

Hotel Castel Per dire di quanto sia totale la sensazione di benessere che questa casa lascia nel visitatore a tutti i livelli, confessiamo che, persino nel riesame della documentazione, delle relazioni al riguardo, e nella stesura di questo profilo ci siamo sentiti bene. La vista di una struttura esclusiva, ma la tempo stessa accogliente, con camere luminose, spaziose e dotate di tutti i comfort, l’odore dei vigneti circostanti e degli aromi diffusi negli interni, la dolce cortesia dello staff, molto presente e vigile, la scelta di gusto con i 2 qualificati ristoranti dell’albergo. Ma, in definitiva, è proprio tutto l’insieme che entra in diretta sintonia, in una sorta di abbraccio olistico, anche con il visitatore più distratto. Il Castel si trova in posizione dominante rispetto a Merano, su di un pendio rivolto a sud. Zona davvero tranquilla, con una veduta spettacolare sulla città e sul parco naturale del Tessa. Saltiamo a piè pari tutte le belle (ma conosciutissime) notizie riguardanti Merano, la sua storia, il fascino dei suoi palazzi, gli scorci stupefacenti dei dintorni e dell’intera vallata, le terme dagli innumerevoli effetti benefici.

Hotel Castel Vicolo dei Castagni 18 - Merano Tel 0473.923693 - Fax 0473.923113 www.hotel-castel.com Numero Camere: 44

Si potrebbe parlare per ore, ma ora dobbiamo occuparci della Spa della casa, denominata Carpe Diem. E qui si tratta sul serio di cogliere l’opportunita di una struttura dedicata al benessere che non è semplicemente accessoria all’hotel, per offrire la classica pausa relax del dopo pista o dopo qualcosa in genere. E’ un centro qualificato per il benessere psico-fisico e la remise en forme, in grado di vivere di vita propria perchè si presenta equilibrato nei 3 capisaldi che sostengono insieme una vera Spa: l’area umida, il comparto dei trattamenti e lo spazio relax. Il Castel ottiene questo obiettivo attraverso una elegante piscina coperta con vista sull’esterno e luce naturale, una lunga serie di bagni e ambienti caldi ( secchi, ai vapori aromatizzati, salini, con differenti temperature ed umidità): sono le saune tradizionali, il Serail, il Belle Epoque o il Cleopatra. Oppure l’Hammam, il Laconium. Tutti ambienti, a parte lo splendido Serail, logisticamente ravvicinati nell’ottica dei percorsi di benessere, in uno spazio che successivamente si apre sulle 2 eccellenti aree relax con tisaneria, una interna, l’altra all’aperto, quest’ultima provvista anche di un percorso per il massaggio plantare. Non ci cono particolari rilievi da fare, tranne che per la luminosita dello spazio piscina, da controllare, e per la mancanza di un’area acqua di maggiori dimensioni e differente natura delle sostanze benefiche al suo interno. Circostanza che avrebbe proiettato la Spa del Castel ai vertici assoluti della categoria. Gli ambienti presentano linee e rivestimenti di pregio con i giusti tagli di luce ed una complessiva immagine di eleganza. Lo stesso valga per le 5 cabine trattamenti, spaziose e ricche di charme. Per le sue manualità utilizza prodotti delle linee Biodroga e Futuresse, nel menù dei trattamenti anche una bella sezione dedicata all’Ayurveda. Tariffe adeguate alla qualità dei servizi. Una Spa creata e gestita da professionisti.

3 Stelle e 1/2

113


Best

Trentino Alto Adige Croce Bianca - Leisure & Spa Hotel

Croce Bianca - Leisure & Spa Hotel Strada Roma 3 - Canazei (TN) Tel 0462.601111- Fax 0462.602646 www.hotelcrocebianca.com Numero Camere: 45

Una storia alberghiera che prende avvio nella seconda metà dell’800, questa del Croce Bianca di Canazei, e che oggi ci consegna una delle principali imprese dell’ospitalità della Val di Fassa. Siamo nel capoluogo del comprensorio ladino (18 comuni situati nella provincia di Trento), tra maestosi gruppi dolomitici e le cime della Marmolada e del gruppo del Sella tutt’intorno. L’hotel è in stile tipicamente ladino, tanto nella facciata e negli interni comuni, quanto nelle camere e suite, e persino nel centro benessere. La Spa del Croce Bianca si chiama Vivenes e, pur non avendo volumi molto ampi, riesce a contenere una lunga serie di ambienti benessere, grazie ad un progetto che ha sapientemente eliminato elementi dispersivi. Una vasca idromassaggio, il camminamento kneipp, un mondo delle saune variegato, con finlandese, alle erbe, bio. E poi, bagno di vapore aromatizzato, thermarium , con il conforto di doccia tropicale e nebbia fredda, relax corners per intervallare o concludere i percorsi. Assoluta prevalenza di arredi in legno, e tanta pietra naturale e mosaici in vetro, al fine di creare un’atmosfera calda e accogliente. La Spa Vivenes viene più fequentemente interpretata come un dopo qualcosa: una escursione tra le montagne, le dolci fatiche sulle piste da sci, un’intensa attività sportiva, etc., pittosto che come un centro di benessere per il riequilibrio psico-fisico o una remise en forme integrale. Difatti, gli ospiti dell’albergo hanno libero ingresso a praticamente tutti gli ambienti sopra riportati. Lo staff che supervisiona il comparto è professionale e gentile e si occupa di una carta dei trattamenti anche di una certa complessità, con tariffe appetibili. In conclusione, si tratta di un centro gradevole e dalle giuste atmosfere che, peraltro, avrebbe ben altre opportunita se disponesse di un’area acqua più complessa. Con piscine di volume superiore, temperature e sostanze benefiche differenti al suo interno.

2 Stelle e 1/4

Alpin Wellness Hotel Kristiania

Alpin Wellness Hotel Kristiania Via S. Antonio, 18 - Cogolo di Pejo (TN) Tel 0463.754157 - Fax 0463.746510 www.hotelkristiania.it

Quante cose racchiuse in una sola destinazione turistica. Siamo in Val di Sole, tra piste da sci che attraggono appassionati da ogni dove e una montagna incantata così ricca di scorci naturalistici e sentieri da esplorare che non si esauriscono mai. E siamo anche a Pejo, dove la madre terra racchiude due fonti di acqua minerale tra le più pregiate, con un attrezzato stabilimento termale posto a circa 1.400 metri di altitudine. La nostra meta è l’Hotel Kristiania, una specie di istituzione da queste parti, principale struttura residenziale della valle, a Cogolo di Pejo, che è anche il centro delle attività sociali, economiche e culturali della città. Nel cuore delle Dolomiti, tra il profilo del Sassolungo e lo sguardo dominante del gruppo del Sella, in una posizione tanquilla, favorita da un clima soleggiato, si staglia questo imponente edificio, con un corpo principale e vari edifici di contorno. Atmosfera cordiale, ambienti accoglienti, quella sensazione di tranquillità fuori dal mondo che in Trentino quasi ovunque si riesce a respirare. Camere di differenti ampiezza e stile, predominanti legno e toni del bianco, a rendere ancora più personalizzata la vacanza degli ospiti. Servizi tutti di buon livello, con uno staff guidato con mano sicura da un management esperto. Che, da qualche anno, anche con un profondo intervento di restyling, ha deciso di puntare in maniera decisa sul comparto benessere, ponendolo al centro della propria proposta alberghiera. La Spa Acquaviva si compone di un’area acqua con piscina coperta riscaldata con vista sull’esterno, tanta luce naturale dai finestroni, graziosi relax corners tutt’intorno, da vasche idromassaggio e cascate, camminamento kneipp e docce vitalizzanti. Poi, il reparto ambienti di calore con la sauna pietra fuoco, quella del contadino, bagno rasul con mosaici e design ottomano, alle erbe alpine e, infine, nebbia fredda. Vari spazi relax, con ampi letti o chaise longue, arredati in stili diversi, e annessa tisaneria. All’aperto, vasca idromassaggio calda con osservatorio privilegiato sulle montagne circostanti, sauna esterna, spazio relax ai bordi del biolago dall’acqua cristallina. Cabine per i trattamenti viso/corpo seguite da uno staff giovane e preparato; c’è anche uno spazio ayurveda per lo Shirodara e le altre manualità della tradizione indiana. Nel suo insieme, la Spa Acquaviva è un ambiente molto accogliente e, soprattutto, ben distribuito ai fini del relax psico-fisico. Pensato, e vissuto, anche come rifugio defatigante dopo le energie spese sulle piste. Da rivedere la regia luci, alcune aree risultano eccessivamente luminose. Per il resto, la struttura appare assolutamente adeguata a raggiungere gli obiettivi che si è data. Carta dei trattamenti buona, così come le tariffe. La Spa utilizza una linea di prodotti con il proprio marchio.

3 Stelle

114


Best

Trentino Alto Adige Romantik Hotel Santer Ci troviamo a Dobbiaco, nelle Dolomiti dell’Alta Pusteria, in una cornice naturale che ormai è quasi superfluo descrivere: oggi le Dolomiti sono conosciute in tutto il mondo e considerate un patrimonio dell’umanità, non soltanto altoatesino o italiano. Dobbiaco, poi, è una destinazione affascinante non soltanto per la sua posizione, ma anche per il suo dinamismo culturale. E la sua splendida chiesa barocca è, probabilmente, tra le più interessanti dell’intera regione L’hotel della famiglia Santer è esattamente quello che ci si attende di trovare: un posto familiare, caldo e accogliente, di medie dimensioni e con un’atmosfera tranquilla. Tra i tanti servizi - di buona qualità - offerti dalla casa, quello della Spa è sicuramente il più prezioso. Dopo l’ultimo restyling, infatti, questo comparto sembra quasi vivere di vita propria rispetto all’albergo, come se improvisamente si fosse elevato di grado rispetto allo standard generale delle facilities. Romantik Hotel Santer Via Alemagna 4 - Dobbiaco (BZ) Tel 0474.972142 - Fax 0474.972797 www.hotel-santer.com Numero Camere: 55

Il centro si presenta nello stile consueto delle strutture alberghiere dell’Alto Adige, con un’area acqua di tipo tradizionale, piscina coperta, idromassaggi, vasca kneipp, il solito (per le abitudini locali), variegato mondo degli ambienti di calore, con cabina a infrarossi, sauna bio a 30 gradi con aromi, bagno al fieno, sauna finlandese, fontana di ghiaccio e bagno turco aromatizzato agli olii essenziali. Le cabine, alcune delle quali riservate alle coppie, sono ampie e conformi allo stile dell’intera struttura. Che presenta nella carta dei servizi prevalentemente manualità della tradizione occidentale. Grande l’offerta di bagni e impacchi, al fieno, alle erbe, etc., per i quali si utilizza pure il soft pack. Anche la Spa del Santer rivela la natura familiare della conduzione, con uno staff quantitativamente contenuto, ma operativo nel centro da anni e in grande confidenza con buona parte della clientela di ritorno. Elemento che in molte occasioni si è rilevato vincente. Tariffe buone per i massaggi corpo, nella media per il resto del listino.

2 Stelle e 3/4

Hotel Tevini Siamo in Val di Sole. Qui, in mezzo a montagne maestose, verdi boschi e panorami incantevoli, tra il Parco nazionale dello Stelvio e quello Naturale Adamello Brenta trova spazio questo grazioso albergo della famiglia Tevini. L’hotel è al centro di tutto: piste fantastiche, escursioni per borghi rurali e passeggiate senza fine nella natura, sport di montagna e non, e garantisce con la sua atmosfera tranquilla una vera vacanza rigenerante. Alla quale contribuisce in maniera sostanziale la nuova Spa “Goccia d’oro”: l’Hotel Tevini, del resto, è uno dei maggiori esponenti del circuito Vita Nova, formato da una serie di alberghi della regione, nei quali si praticano programmi di benessere davero completi, attraverso il movimento, la cura del corpo e la fase relax. Si tratta, in buona sostanza, di un tentativo di dare una certificazione di qualità all’offerta benessere di una certa area territoriale del Trentino, richiedendo standard qualitativi di livello a coloro che ne intendano far parte. Hotel Tevini Val di Sole - Commezzadura (Tn) Tel 0463.974985 - Fax 0463.974892 www.hoteltevini.com

Inziativa lodevole, ce ne fossero altre del genere. La Spa è molto equilibrata: presenta un’offerta differenziata, tanto nell’area acqua con una piscina con le isole idromassaggio sulle estremità, piccole vasche idromassaggio di contorno, insieme alle panche riscaldate e alle chaise longue per un intervallo relax nei pressi. Più avanti, un’area a semicerchio ospita le armoniose cabine per i trattamenti. C’è poi la romantica Grotta “Botton d’Oro”, luogo ideale per il massaggio embrionale in acqua e momenti di distensione in uno spazio che comunica un senso di protezione. Gli ambienti di calore si presentano sotto forma di 2 saune, una finlandese e una bio con essenze di erbe aromatiche e c.d. cromoterapia, ampio bagno di vapore sui toni del rubino e grotta del ghiaccio con nebbia fredda. C’è un filo di sana moderazione che lega tutti questi ambienti: nessuno di essi tende a prevalere sull’altro, la miscela si presenta omogenea. E lo stesso avviene con le 2 aree relax, entrambe con tisaneria, di conclusione percorso. La Narciso, più spaziosa, ad anfiteatro, con il ruscello d’acqua e luci giuste; la Primula, di taglio più squadrato, con confortevoli letti ad acqua. Offerta di trattamenti viso e corpo molto ampia, tanto spazio anche per i percorsi di benessere sia individuali che di coppia. Staff professionale, gentile e molto attento. La sensazione piacevole, qui al Tevini, è che il valore dell’offerta di benessere dell’hotel sia superiore alle normali aspettative della clientela: è questa la vera goccia d’oro. Il centro utilizza prodotti di varie linee, principalmente Guinot-Mary-Cohr e Pevonia. Tariffe interessanti.

3 Stelle

115


Best

Trentino Alto Adige Alpin Garden Wellness Resort Siamo nella parte nord-occidentale delle Dolomiti, in quella che è forse la località più attraente tra le 3 che si trovano in Val Gardena, Ortisei. Qui, in una posizione panoramica molto tranquilla, immerso nel verde, si trova l’Alpine Garden Wellness Resort. Si tratta di un delizioso albergo, con le linee architettoniche tipiche delle costruzioni dell’Alto Adige, e con un arredo d’interni che miscela elegantemente vari stili, dal classico al moderno, passando per il liberty. Questo, anche a testimoniare la storia recente dell’hotel, che ha subito numerosi restyling evolutivi che l’hanno portato in pochi anni a trasformarsi da piccolo garnì a importante wellness resort 5 stelle. L’area benessere, dal nome Kleopatra, in stile egiziano, è stata allargata a 2 piani con più di 1000 mq di centro benessere, ampia zona fitness inclusa. La Spa si compone di una piscina esterna riscaldata a 34 gradi con vista sul Sassolungo e vasca idromassaggio, più una piccola piscina interna. Alpin Garden Wellness Resort Via J. Skasa 68 - Ortisei Tel 0471.796021 - Fax 0471.796601 www.alpingarden.com Numero Camere: 21

C’è poi il solito, fantastico mondo delle saune, tipico delle migliori spa altoatesine: qui abbiamo sauna salina, secca finlandese, panoramica a 90° (con bella vista sul giardino), sauna alpina e bio-aromatica ( con la c.d. cromoterapia). Differenti, com’è ovvio, le temperatura e le relative umidità, oltre alle innumerevoli funzioni benefiche. Infine, a completare l’area umida, una serie di bagni: di vapore aromatizzato, orientale, alpini di vario genere e hammam. Sala relax con chaise longue su morbide moquette, più tisaneria. Cabine per le manualità di taglio moderno e carta dei trattamenti di buon livello sia quantitativo che qualitativo. Grande, come è buona consuetudine di questi luoghi, l’offerta di bagni e impacchi. Tariffe, tutto sommato, contenute.

2 Stelle e 3/4

Deluxe Hotel & Spa Resort Alpenpalace Siamo in Alto Adige, Valle Aurina, sud delle Alpi, dove l’incontro con le correnti d’aria provenienti dal Mediterraneo è riuscito a creare incroci paesaggistici e una vegetazione altrove introvabili. L’albergo si apre su di un parco di 3 ettari, all’interno del quale si trova un delizioso giardino barocco con caratteristiche fontane zampillanti. Camere e suite sono ognuna differente dall’altra nella forma, nei colori e nei materiali naturali utilizzati per arredarle. Gli interni sono caldi, eleganti e ricchi di atmosfera. E poi ci sono 2mila metri quadrati di Spa, tra interno ed esterno. All’interno si trovano un’ampia piscina con cascata, getti zampillanti e idromassaggio, una piscina salina nella quale fluttuare leggeri, accanto alla quale si staglia una particolare parete ad alta gradazione salina. Si tratta, in quest’ultimo caso, di un’ambiente nel quale, comodamente distesi, si respira aria salmastra: in sostanza, un vero trattamento talassoterapico, nel quale l’acqua termale salata viene nebulizzata mentre lentamente scorre su di una parete di pruno selvatico, per la migliore funzionalità dell’apparato respiratorio. Deluxe Hotel & Spa Resort Alpenpalace San Giovanni in Valle Aurina (BZ) Tel 0474.670 230 - Fax 0474.671 156 www.alpenpalace.com

Continuando, arriviamo al classico, variegato mondo delle saune che si trova quasi ovunque in Alto Adige, con i modelli tirolese e alle erbe, oltre al bagno salino, di vapore aromatizzato e il più mite laconium. Dopo il calore, docce rivitalizzanti e fontana di ghiaccio. Senza dimenticare che, all’aperto, nel giardino wellness, temperato da un sentiero di pietre calde, si trovano la piscina riscaldata e l’idromassaggio, particolarmente godibili al mattino presto e sotto le mille stelle del cielo notturno altoatesino. Otto cabine per trattamenti viso/corpo eseguiti da uno staff di operatori in grado di indirizzare al meglio le scelte degli ospiti. Fine percorso con una sala relax con tisaneria davvero bella, ampia e confortevole. E’ un dato da sottolineare ancora una volta: quasi esclusivamente negli alberghi dell’Alto Adige è possibile trovare degli ambienti relax così “giusti”. Molto di frequente, o gli si dedica poca attenzione oppure li si riempie di arredi chic, con il risultato di renderli freddi, poco accoglienti. In conclusione, pur presentando alcune scelte nei rivestimenti e negli arredi interni che potrebbero apparire un pò datate, la Spa dell’Alpen Palace va ad occupare una bella posizione tra le Spa di eccellenza. Carta dei trattamenti con un panorama di offerte ampio, anche in tema di percorsi di benessere. Utilizza prevalentemente prodotti della linea svizzera La Prairie. Tariffe nella media.

3 Stelle

116


Best

Trentino Alto Adige Alpenhof Hotel Facciata da chalet di montagna, panoramica sulle Dolomiti e vista sul bel parco che fronteggia l’hotel. L’’Alpenhof sembra promettere ciò che in effetti manterrà, ossia un soggiorno tranquillo, estremamente riposante: lunghe passeggiate, un pizzico di sport e, per quello che qui ci interessa, una buona immersione nelle attività wellness e fitness, grazie ad una ben strutturata area Spa e alla piccola palestra. Oltre alla piscina open air ce n’è una al coperto. In più, una grotta con acqua salata, a corredo dei trattamenti thalasso. Il mondo delle saune è, come di consueto per queste aree, piuttosto ricco: finlandese, al fieno, alle pietre, queste ultime in versione biosauna, con temperatura che staziona intorno ai 55 gradi. il bagno di vapore è aromatizzato alle erbe alpine. La sala relax è ampia, correttamente illuminata e ben servita, forse solo lo stile risulta un tantino incerto, con riferimenti stilistici ed elementi d’arredo che spaziano tra il moderno e l’imperiale romano. La sequenza di ambienti va dritta al sodo, senza squilli di trombe e rulli di tamburi. Se si guarda alla sostanza, bisogna dire che gli spazi sono tutti ben tenuti e l’assistenza del personale appare sempre puntuale e calda. Interessante la carta dei trattamenti con largo uso, nelle manualità su corpo e viso, di prodotti del territorio (erbe, latte, aromi, etc.). Molti servizi sono inclusi nel costo camera e, per quelli alla carta, le tariffe sono buone.

Alpenhof Hotel Valle d´Anterselva - Rasun di Sotto (BZ) Tel 0474.496451 - Fax 0474.498047 www.hotel-alpenhof.info Numero Camere: 34

2 Stelle e 3/4

Panorama Hotel Taljoergele In Val Ridanna, nella provincia di Bolzano, si trova questo grazioso hotel, con un numero contenuto di camere e molte suite spaziose ed estremamente confortevoli. Una scelta di comfort che si ritrova anche nella Spa che ricopre un ruolo centrale nella dinamica dell’hotel e nella vita degli ospiti. La piscina all’aperto è utilizzabile anche d’inverno e vi è un collegamento diretto tra le acque esterne e quelle interne. Lo sviluppo, i rivestimenti e l’illuminazione dell’ampia vasca interna potrebbero apparire di concezione un pò superata, e tuttavia l’insieme risulta di buona tecnica progettuale e assolutamente apprezzabile. Il mondo delle saune (finlandese, bio agli infrarossi, ai vapori aromatizzati agli olii essenziali) è, come sempre in Alto Adige, molto curato. Due piccole grotte, una di ghiaccio e una terapeutica Kneipp rinvigoriscono e, in alternanza con gli ambienti di calore, sostengono la funzione circolatoria. Davvero suggestive le affacciate della sala relax sulla maestosa Val d’Isarco ed interessante l’idea dei lettini relax al fieno per i trattamenti anti reumatici. Però, al termine dei percorsi è sempre opportuno ricorrere alla sala relax vera e propria. Infatti, è’ solo il caso di ricordare che Corpo e Mente, alla fine della permanenza nell’area umida o al termine dei trattamenti, andrebbero lasciati in pace. La temperatura corporea deve ritrovare il suo equilibrio e il pensiero, come pure gli occhi, riposare. E, a questo proposito, si segnala che l’illuminazione della sala, particolarmente quando le vetrate lasciano filtrare la luce esterna, andrebbe sapientemente rimodulata. La carta delle manualità viso/corpo, così come lo staff, risultano adeguati. Le tariffe, equilibrate.

Panorama Hotel Taljoergele Obere Gasse/Ridanna 14 - Racines (BZ) Tel 0472.656225 - Fax 0472.656440 www.taljoergele.it Numero Camere: 40

2 Stelle e 3/4

Wellness Hotel Schgaguler 1.400 mq di area benessere sono già un bell’inizio. Particolarmente, in un albergo con solo 25 camere! Vuol dire che la dimensione benessere è assolutamente centrale. E, del resto, siamo in Alto Adige, la regione italiana che vanta il maggior numero di Spa di eccellenza. Quasi superfluo, dunque, rilevare che nello Schgaguler, gli ambienti sono ben distribuiti e differenziati tra loro. La Spa segue le linee moderne e minimaliste (detto in senso più che positivo) dell’albergo, ma dentro c’è tutto quello che serve: dalla piscina coperta panoramica alla vasca con lettini massaggio. Dalle docce aromatiche alla pioggia tropicale fino alla grotta dell’acqua gelata. Il mondo delle saune, manco a dirlo per un centro del sud Tirolo, è particolarmente curato, come in genere tutta l’area umida. L’idromassaggio all’aperto (utilizzabile anche d’inverno) permette agli ospiti un bagno emozionante in faccia allo Sciliar che si staglia fiero con i suoi oltre 2.500 metri proprio lì, davanti a voi. Nel c.d. Melmarium è stato realizzato uno spazio benessere votato alle pratiche orientali della cura del corpo. Molto buono il dosaggio delle luci. L’assistenza è fornita in modo professionale e con tanta discrezione da uno staff all’altezza della situazione. La carta delle manualità viso/corpo è molto orientata, come solitamente avviene in Alto Adige, ai trattamenti con uso di erbe e decotti. Tariffe nella media del mercato. In due parole, una Spa da tenere in alta considerazione.

Wellness Hotel Schgaguler Via Dolomiti 2 - Castelrotto/Kastelruth (BZ) Tel 0471.712100 - Fax 0471.712200 www.schgaguler.com Numero Camere: 25

3 Stelle e 1/4

117


Best

Trentino Alto Adige Adler Spa & Sport Resort

Adler Spa & Sport Resort Via Rezia 7 - Ortisei (BZ) Tel 0471.775000 - Fax 0471.775555 www.adler-dolomiti.com Numero Camere: 110

Siamo in Alto Adige, nella regione italiana che è al top in fatto di benessere, non solo per l’alto numero di strutture presenti nell’area e per la sua tradizione, ma soprattutto per la passione e la ricerca della qualità riservata a questo comparto. E, in questa regione che brilla di eccellenze, ci troviamo nella struttura che da anni ricopre, con pieno merito anche secondo noi di 100Best, il ruolo di centro leader. Non è, chiariamolo subito, solo un riconoscimento alla sua storia (l’Adler nasce nel 1990 e, fin dagli esordi, dedica molta parte delle sue risorse ed energie allo sviluppo dell’area Spa con un format talmente ben riuscito da essere esportato in un’altra regione campione come la Toscana). C’è di più. C’è che in 20 anni di attività l’Adler ha continuato ad investire e a rendere le proprie performance sul campo sempre più efficienti, lavorando sugli ambienti, sulle professionalità e anche sul marketing, per meglio posizionarsi sul mercato. Il resort si trova nel centro di Ortisei in un grande, meraviglioso parco. L’area benessere si chiama Dolasilla ed un nome è stato dato anche al comparto acqua, l’Aguana. Il centro, che ovviamente è strutturato come interno/esterno, è distribuito su 3 livelli principali: in ciascuno di questi 3 piani dell’edificio, insieme alla Sala Fitness e al Comparto Medico, vi sono sempre degli ambienti Spa. In uno scenario che può, dunque, essere di solo wellness, oppure di benessere integrato da attività fisica e/o supporto medico scientifico. Per la descrizione dei numerosi ambienti Spa, così come della superaccessoriata carta dei trattamenti, si rimanda al sito ufficiale dell’hotel. Nella sua presentazione, l’Adler Spa garantisce di unire il meglio delle tradizioni di tutto il mondo in un’offerta benessere professionale e completa: dall’Ayurveda allo Zen stretching, da antichi segreti curativi ai metodi Spa più innovativi, dai trattamenti Alpin Spa con i prodotti della propria linea di biocosmesi “Dolomites”, fino al Vital Aging, un nuovo percorso olistico orientato ad un benessere globale e duraturo. E’ naturale che in una struttura di tale complessità, con volumi tanto ampi ed un menù trattamenti così variegato, qui e là possano presentarsi anche delle imperfezioni. Ma, l’Adler è come una grande scenografia, un’opera d’arte che va guardata in una visione d’insieme. E qui si tratta davvero di una prima visione. Da non perdere. Tariffe in linea con l’elevata qualità dei trattamenti.

5 Stelle

Belvita Hotel Adria Merano. Forse la destinazione italiana più evocativa del termine benessere inteso come remise en forme, ritorno ad uno stato psicofisico accettabile attraverso i 3 pilastri che sovraintendono al raggiungimento di questo obiettivo, ossia il Movimento, l’Alimentazione e i Trattamenti. Detto così, niente di più semplice. Poi, bisogna fare i conti con la realtà. Ad ogni modo, qui a Merano, in un bel palazzo ottocentesco circondato da giardini e piante secolari, 3 generazioni di famiglia testardamente provano (spesso riuscendovi) a realizzare i sogni dei loro ospiti. Lo fanno anche con la Spa della casa, provvista di vasca coperta con cascata e idro, sauna finlandese, bagno salino di vapore, aromarium, pediluvio kneipp e vasca di immersione fredda.

Belvita Hotel Adria Via Gilm 2 - Merano (BZ) Tel 0473.236610 - Fax 0473.236687 www.hotel-adria.com Numero Camere: 45

La cura della proprietà più che all’allestimento degli ambienti - di buona tecnica progettuale e tuttavia migliorabili nelle atmosfere - è andata al comparto dei trattamenti e alla rieducazione alimentare attraverso una consulenza medica specifica su ogni problema. Fino a raggiungere quella dimensione individuale che è alla base della efficacia nel tempo di tutte le pratiche di remise en forme, a qualunque disciplina esse siano ispirate. Una particolare attenzione viene riservata anche ai trattamenti per il viso e a quelli per il seno con utilizzo dei prodotti delle linee Maria Galland e Piroche Cosmétique. L’area umida e quella del relax sono, dunque, appena un passo indietro rispetto a quella delle manualità viso/corpo. Occorre fare attenzione a non rendere questo apparente sbilanciamento ancora più marcato: la fase salus per aquam è assolutamente determinante per la migliore efficacia dei trattamenti beauty, non ci stancheremo mai di ripeterlo. Una disarmonia (nella struttura, nelle professionalità, persino nelle scelte in listino) non è mai auspicabile. Rappresenta sempre, e soltanto, un ostacolo alla buona riuscita di qualsiasi progetto benessere. Per fortuna, qui il marchio Belvita fornisce ampie garanzie nel senso di una corretta filosofia e applicazione dei principi Spa. Il centro è riservato alla clientela dell’hotel. Le tariffe, per alcuni trattamenti, appaiono leggermente elevate.

3 Stelle

118


Best

Trentino Alto Adige Vigilius Mountain Resort Progetto dell’architetto Matteo Thun, già coinvolto in altre importanti realizzazioni in campo di benessere. Gli ingredienti per la realizzazione della struttura sono tutti naturali, legno, pietra, argilla e vetro. La location si trova ad un’altezza di 1.500 metri. Area benessere molto elegante e misurata, questo va detto subito. Si presenta su 2 livelli: al piano interrato lo spazio massaggi e bagni di fieno, più l’area relax di intervallo e fine percorsi; al piano terra, sauna finlandese, piscina in versione interno/esterno, bagno di vapore, solarium e spazio per i trattamenti spa. I legni, i rivestimenti, le ampie vetrate che permettono di godere della natura circostante. Componente architettonica e interior design, tutto è studiato e realizzato con una cura che altrove è difficile riscontrare. La piscina interno/esterno è magnificente, non c’è dubbio. Una Spa che si presenti con questo biglietto da visita, non può che riscuotere successo. Vigilius Mountain Resort Monte San Vigilio - Lana (BZ) Tel 0473.556600 - Fax 0473.556699 www.vigilius.com Numero Camere: 41

Ma, alla fine è proprio con i migliori che si diventa più esigenti. E, dunque, per passare da una dimensione di Spa di assoluta eccellenza a quella di centro leader, in questo caso occorrerebbe presentare una superiore varietà di ambienti, con almeno un altro tipo di acqua (vasca tutta interna - anche per trovare la giusta luce - , differenti temperatura e sostanze al suo interno, stazioni idromassaggio di vario genere e pressione, etc.) e anche un altro locale di calore, ricco di atmosfera e personalità. Questi rilievi sono dovuti principalmente alla considerazione che la Spa del Vigilius ha un tale impatto sia evocativo che di pura sostanza, nella sua fase iniziale, da creare grandi aspettative anche negli ospiti più abituali. E’ quindi opportuno essere pronti a dare risposte adeguate anche nel corso del successivo sviluppo del sentiero benessere. Ciò non toglie che siamo di fronte ad uno Spa Resort di assoluto livello. La carta dei trattamenti, sostanzialmente, lascia molto liberi gli ospiti di assemblare percorsi e trattamenti a loro piacimento. In ogni caso la scelta e ampia e l’assistenza più che buona. Tariffe giuste.

3 Stelle e 1/2

Goldener Adler Hotel Se l’alta Val d’Isarco ha il suo capoluogo in Bressanone, la parte bassa di questa valle incantevole trova la sua migliore e più centrale espressione nella città medievale di Chiusa, Klausen. Detta anche la “cittadina di Durer”, per via della lunga frequentazione che ne fece ai primi del ‘500 il pittore e matematico di Norimberga, e come fecero nei secoli seguenti tantissimi artisti europei. Chiusa oggi presenta la più gradevole passeggiata cittadina della zona ed è soprattutto punto di partenza per una serie di destinazioni di enorme impatto naturalistico, e non solo: le Alpi Sarentine, le valli di Luson, Funes, Gardena, Tires, Ega, che conducono alle Dolomiti, e l’altopiano di Castelrotto con l’Alpe di Siusi. Occorre sicuramente più di una visita, di una vacanza settimanale per apprezzare le infinite bellezze paesaggistiche del territorio. Dunque, ad occuparsi di ospitalità in quest’area, si parte avvantaggiati. E il Goldener Adler sfrutta bene questo boost iniziale con una struttura che ha nella facciata e negli interni i consueti richiami asburgici che frequentemente si trovano negli edifici altoatesini. Camere e suite molto luminose, spaziose e ricche di comfort. Una buona accoglienza e la capacità di offrire relax e tranquillità ai propri ospiti sono i principali obiettivi che il management dell’hotel si è dato: risultati che raggiunge grazie al mestiere e alla dedizione delle donne e degli uomini che operano al suo interno.

Hotel Goldener Adler Piazza Fraghes 14 - Chiusa Klausen (BZ) Tel 0472.846111 - Fax 0472.846234 www.goldeneradler.it

Una consistente parte nelle fortune dell’hotel ha anche il rinnovato centro benessere. Che si presenta con una piccola, ma graziosa vasca idromassaggio contornata e sormontata da dipinti che riproducono scene di storia e mitologia. Di fianco, le piccole isole del percorso kneipp, sempre in stile bagno romano, con rivestimento in mosaici sui toni del blu. Docce c.d. emozionali, sauna finlandese e bagno turco aromatizzato concludono, insieme ad una spaziosa e fornitissima sala relax, gli ambienti benessere. Le cabine per i trattamenti, che avvengono esclusivamente su richiesta (non sono presenti nella carta programmi e percorsi di benessere che li contemplino in maniera organica) presentano un design e arredi omogenei al resto del centro. Assistenza gentile e tanta discrezione. Sostanzialmente, anche nel caso dell’Aquila di Chiusa, come in altri, si tratta di una Spa concepita più come una serie di ambienti defatiganti after skiing che come struttura votata al relax psico-fisico e alla remise en forme in maniera integrata.Come già rilevato per altri centri, anche qui la mancanza di un’area acqua di dimensioni importanti, con piscine di tipo, temperatura e contenuto di sostanze benefiche differenti, impedisce di posizionare questa affascinante Spa ai livelli più elevati della graduatoria. Tuttavia, l’insieme si fa apprezzare e, torniamo a sottolinearlo perché è un aspetto per niente trascurabile, dà un fondamentale contributo alla realizzazione della mission aziendale.

2 Stelle e 3/4

119


Best

Trentino Alto Adige Dolce Vita Hotel Preidlhof

Dolce Vita Hotel Preidlhof San Zeno-Str. 13 - Naturno Tel 0473.666251 - Fax 0473.666105 www.preidlhof.it

Quante cose in un solo grande albergo. Ma questo del Preidlhof è solo uno dei tanti simboli dell’ospitalità altoatesina che si continua a portare ad esempio come soluzione ideale per fare turismo nel nostro paese. Management familiare, scelta chiara degli obiettivi da perseguire, sfruttamento dell’habitat naturale effettuato in maniera responsabile (e, dunque, ambientalismo), certificazioni di qualità (di quelle reali, niente fuffa), integrazione con le altre realtà turistiche del territorio, al bando le miopie dovute a gelosie e invidie, ma tendenza ad associarsi, laddove opportuno, in nome del più sano pragmatismo. E del buon senso. L’hotel che qui trattiamo ha tutte queste caratteristiche, e molte altre ancora. Ambienti e servizi di qualità superiore, meravigliosi giardini e terrazze panoramiche, romantici scorci ovunque, non a caso il principale obiettivo della sua studiata comunicazione sono proprio le coppie. Che, come i camosci sulle Dolomiti (...), trovano nel Preidlhof il loro habitat naturale, seguite e coccolate da uno staff attento, con persone deliziose. La Spa, rinnovata nel corso degli anni, oggi si compone di un’area acqua, tra esterno ed interno, di oltre 400 metri quadri, con cascate e stazioni idromassaggio di differente tipologia e pressione. Intorno, fantasia di pioggerelline profumate e percorsi kneipp. Il classico mondo delle saune sudtirolese conta almeno 8 ambienti di calore: dalla Schwarzbrenner, sauna posta accanto alla piscina mediterraneo all’aperto, alla sauna alle pietre e a quella con gli infrarossi. Poi ci sono quelle a diversi livelli di vapore e temperatura, come tepidarium, calidarium, bagno alle essenze di fiori e bagno turco aromatico. Un reparto di calore preceduto e seguito da relax corners e contornato da ambienti freddi e fontana di ghiaccio. Le saune, come anche alcune piscine in determinati orari del giorno, sono zona nudista. La principale area relax si trova nel Padiglione di Sole, denominazione ispirata dalla luminosita dell’ambiente, un’oasi di vetro che dà sul giardino mediterraneo. Materassi ad acqua , infusi e tanta, tanta pace. E’ difficile elencare uno ad uno tutti gli elementi che compongono questa Spa di livello, ad ogni passaggio spunta qualcosa di bello, di buono, di intrigante. I materiali sono ricercati e il taglio architettonico delle singole strutture molto equilbrato. La distribuzione degli ambienti, particolarmente di quelli di calore, tende a rispettare i tempi del corpo e a favorire la funzione vascolare. Gli ospiti dell’hotel possono accedere liberamente al centro, ma questo non significa ridurre la Spa ad una serie di stanze per il benessere. Risulta chiaro che qui c’è una struttura in grado, per organizzazione e professionalità competenti, di offrire un programma completo finalizzato al riequilibrio psico fisico, così come alla remise en forme. Anche attraverso un comparto fitness attrezzato e una consulenza alimentare appropriata. Approccio olistico ai mille e più trattamenti presentati nella carta. Tariffe giuste. Una Spa che finisce per mantenere più di ciò che promette.

3 Stelle e 1/2

Golf & Spa Resort Andreus

Golf & Spa Resort Andreus Kellerlahne 3 - San Leonardo (Bz) tel 0473.491330 - Fax 0473.491331 www.andreus.it Numero Camere:76

A soli 15 minuti di auto dalle tentazioni di Merano, in mezzo al Parco Naturale del Gruppo di Tessa, circondato e protetto dalle Alpi dello Stubai e dai Monti Sarentini, con un panorama unico di montagne e ghiacciai, tra escursioni naturalistiche e culturali, con la disponibilità di uno dei golf 18 buche più belli e meglio attrezzati dell’Alto Adige. Ma, chi se ne importa?! Sì, chi se ne importa. Perché, quando possiedi una Spa come quella dell’Andreus, 5.000 metri quadri di puro stile, fascino, calore e altissima capacità professionale, con un ambiente assolutamente completo e ricco di equilibrio, personalmente, non ci sono alternative che tengano. E’ così raro trovare una Spa di questa quantità e qualità che sarebbe delittuoso, almeno per noi, perdere tempo in altre occupazioni. Il resort è maestoso e il legno vivo, in tutte le sue forme, è il suo profeta. A creare una dimensione di calore e protezione, anche grazie ad influenze architettoniche derivanti dalle tradizioni orientali sulla vivibilità degli ambienti. In tutto il resort, nelle piscine, nelle acque potabili si trova L’”Acqua Grander”, un’acqua ri-vivificata che produce effetti benefici sull’organismo. E, a proposito di piscine, l’area acqua riscaldata, con collegamento interno/esterno, è fantastica. Circondata da pietra naturale e legno ovunque, con chaise longue e relax corner con divanetti a farle da corona . Dà un’idea di grandezza, e non si tratta solo di dimensioni. Idromassaggi di ogni tipo, docce a cascata, rivitalizzanti, percorsi kneipp. Il mondo degli ambienti caldi, con una sauna panoramica mozzafiato, sauna finlandese, alle erbe, bagno turco salino, calidarium di vapore aromatizzato agli oli essenziali, pediluvio con idromassaggio. E in ogni spazio benessere, sale relax di ogni tipo: panoramica, con lettini ad acqua, nel giardino esterno, tutte confortevoli e ottimamente assistite, con possibilità di lettura, infusi alle erbe, bevande fresche. Le cabine trattamenti, grandi come camere, della giusta luminosità, ospitano una serie infinita di servizi benessere e beauty per il viso e il corpo, effettuati da uno staff all’altezza di un centro così esclusivo. In prevalenza, prodotti delle linee Alpienne e St.Barth. Una piccola citazione per le Spa Suite. Come si sa, noi di 100Best non le amiamo, per ragioni più volte documentate. Tuttavia, queste dell’Andreus sono delle vere Spa in miniatura e non la consueta scenografia di benessere che molto di frequente si trova negli alberghi italiani. Qui c’è anche tanta sostanza e l’insieme risulta piacere allo stato puro, con prezzi anche accessibili. In conclusione, raramente abbiamo trovato ambienti benessere così curati nei dettagli, e una nota di merito va ai progettisti che hanno sapientemente distribuito gli spazi e a quelli che si sono occupati dell’interior design. Complimenti, stupendo lavoro! Il management della Spa ha saputo restare a quei livelli di eccellenza. Cosa che non era per niente facile.

4 Stelle e 1/2

120


Best

Trentino Alto Adige Park Hotel Mignon Un’oasi verde nel cuore di una città verde e affascinante come Merano. Il Park Hotel Mignon & Spa è parte di una piccola catena, guidata con ferma dolcezza da una famiglia matriarcale che ha attraversato decenni di storia dell’ospitalità alberghiera meranese. Qui non siamo nel tipico resort altoatesino ai piedi delle montagne incantate, bensì nel centro della città. Eppure, pare di essere in un altrove senza tempo, tale è il senso di protezione, di pace che si respira nel resort. Sia dentro che all’aperto, anche una lunga serie di ambienti benessere, per un totale di 1.200 metri quadri di vera Spa. L’area acqua si compone di una piscina coperta, collegata con quella esterna, vasca con acqua salina provvista di lettini e getti idromassaggio. Il classico, incantevole mondo delle saune altoatesino, con sauna finlandese, l’aromarium ai vapori aromatizzati, il bagno thalasso ai vapori salini e la splendida sauna tropicale, con il completamento della grotta di ghiaccio. Pietra, legno, vetrate divisorie, illuminazione curata e arredi floreali d’autore contrassegnano questo elegante comparto. Sala relax d’atmosfera, con il crepitio della legna che arde in camino e lo sguardo che si posa sul laghetto esterno nel giardino di rose e magnolie. Cabine per le manualità assistite da uno staff delizioso che propone una carta dei trattamenti con interessanti proposte viso/corpo. Tariffe corrispondenti alla qualità dei servizi offerti, piuttosto buone per i massaggi. Una Spa di livello, garantita dal marchio Belvita.

Park Hotel Mignon Via Grabmayr 5 - Merano Tel 0473.230353 - Fax 0473.230644 www.hotelmignon.com

3 Stelle

Dolce Vita Hotel Jagdhof Siamo tornati in Val venosta, il frutteto d’Europa, a 2 passi dal Parco dello Stelvio e a poca distanza da Merano. Laces è uno dei territori più soleggiati dell’intero Alto Adige ed anche il più ricco di castelli, dunque meta privilegiata di vacanze ed escursioni da ogni dove. Qui si arriva e da qui si parte per una serie infinita di viaggi nella natura, verso l’incanto delle Dolomiti, o in direzione delle mille destinazioni storico artistiche che questa regione gelosamente custodisce. Trovandosi in questa posizione privilegiata, qualche locale professionista dell’ospitalità avrebbe potuto cadere in tentazione e iniziare a dormire sugli allori. Smettendo di innovare e investire per la migliore qualità di ambienti e servizi da offrire alla clientela turistica. Ma, chi conosce le genti di questi luoghi, la loro tradizionale e molto professionale ospitalità alberghiera, sa bene che questo non sarebbe stato possibile. E, un esempio chiaro di quanto andiamo dicendo ci è dato proprio dall’Hotel Jagdhof. Dolce Vita Hotel Jagdhof Via Signori 15 - Laces (Bz) Tel 0473.622299 - Fax 0473.623590 www.jagdhof.it

Una casa di grandi tradizioni, con un numero di camere e posti letto contenuto, ma con una struttura benessere dalle superfici davvero importanti degno di un resort dalle grandi capacità ricettive. Una notevole area acqua, con una piscina all’aperto tra le rocce, di acqua riscaldata, ed una coperta, a 30 gradi, aprono la Spa in una dimensione di grande suggestione. Spettacolare il mondo delle saune, disposto su 2 piani, con grotta aromatica, laconium, bagno alle erbe, grotta per inalazioni, bagno ottomano, sauna tirolese, stufa per il bagno di fieno, docce tropicali, nebbia fredda ed altro ancora. Una sala relax elegante e dalle morbide atmosfere, con letti ad acqua riscaldata e vista panoramica per le pause di permanenza così come per il recupero della temperatura corporea al termine dei percorsi di calore. Nell’area trattamenti, un caleidoscopio di emozioni, a partire dal Tempio di Bellezza di Venere, il comparto che prevede ayurveda, shiatsu e altre manualità di derivazione orientale. Per passare, poi, alla selezione di bagni e impacchi, ai differenti aromi, sempre molto ampia e variegata qui nel sud Tirolo. Tutto avviene in cabine spaziose e accoglienti sotto lo sguardo attento e la manualità sopraffina di uno staff specializzato. Le operazioni benessere, nonostante la distribuzione su più livelli, scorrono in maniera fluida, c’è una grande organizzazione di base e si vede. Grazie anche ad ambienti caldi e ricchi di atmosfera che pongono fin da subito l’ospite in quella condizione di abbandono, ideale per una permanenza gradevole ed una migliore efficacia dei trattamenti. Carta dei servizi ricca di proposte, con offerte equilibrate e tariffe mediamente buone. Una Spa di livello che, infatti, figura nel circuito di eccellenza dei Belvita Hotels. Un altro marchio di qualità, qualora non bastasse già tutto il resto.

3 Stelle e 1/4

121


Best

Trentino Alto Adige Hotel Spol

Hotel Spol Via Dala Gesa, 245 - Livigno (So) Tel 0342.996105 - Fax 0342.970048 www.hotelspol.it

L’Hotel prende il nome dal fiume che scorre per metà del suo tratto nella valle di Livigno, per l’altra metà nella Engadina svizzera. E difatti, l’Hotel Spol è un gioiellino incastonato nel cuore del cuore della Valtellina, a Livigno, tra il parco nazionale svizzero e quello dello Stelvio. Tirato su negli anni ‘50 dal progenitore della famiglia Silvestri che oggi ne è alla guida, è arrivato fino a noi con il suo stile architettonico valligiano, accogliente, con tanto legno ovunque, dagli ambienti comuni alle camere e suite, calde e piene di luce.Con uno standard di servizi certificato dal marchio Charme & Relax che riunisce piccoli ma raffinati alberghi, selezionati per buon gusto, qualità dei servizi e location tranquilla e rilassante. Esattamente come lo Spol, dove natura, relax e divertimento trovano il proprio giusto habitat. L’albergo, a 2 passi dagli impianti e dalla pista ciclabile è il punto di partenza ideale per lo sci, le passeggiate, le escursioni in bicicletta. E anche per lo shopping, trovandosi esattamente di fronte all’avvio della zona pedonale, passerella delle boutique duty free. Direttamente accessibili anche le piste pedonale e ciclabile. Ma il suo pezzo forte è il centro benessere “Al Laghèt”. L’ambientazione scelta è quella di un tipica località dell’Engadina, inserendo nelle presunte abitazioni tutti gli ambienti della Spa. Seguendo i principi della bioclimatologia, ci sono i bagni caldi, con il calidarium di vapore aromatizzato, la sauna tirolese e la pioggia tropicale calda agli aromi con c.d. cromoterapia. Tra i bagni freddi, il frigidarium, docce rinfrescanti agli aromi e percorso kneipp a 2 settori per un miglior beneficio vascolare. Si arriva quindi al Laghèt, il lago piscina dall’acqua riscaldata, contornato da pietre di fiume e provvisto di nuoto controcorrente, cascata rigenerante e vasca idromassaggio. Per concludere, il tepidarium, che è in sostanza la sala relax della Spa, con l’aromaterapia che scaturisce dagli oli essenziali. L’insieme risulta assolutamente gradevole, anche se nella piscina alcuni elementi sembrerebbero poco adatti a creare atmosfera e il controllo della luce da rivedere. Buoni gli altri ambienti e confortevoli le cabine per i trattamenti, con una ricca proposta di bagni e impacchi, ma anche di percorsi di benessere. E questa, per noi di 100Best, è sempre una gran bella notizia. Brave le operatrici e, tutto sommato, buone la tariffe.

2 Stelle e 3/4

Palace Merano Trovandoci a Merano, la location è quanto di più straordinariamente prevedibile: un bell’hotel in stile romanticamente neo-classico, immerso in un parco ricco di flora variegata. L’Espace Henri Chenot che abita al suo interno è anche il principio ispiratore di tutte le attività alberghiere. La vita degli ospiti è scandita dalle regole della nuova filosofia di Chenot, la biontologia che, come già avviene per alcune discipline orientali, mira alla individuazione degli squilibri energetici che possono, di volta in volta, provocare intolleranze, dolore, obesità e altro. Ci si depura attraverso la rieducazione alimentare, si osservano regole, si praticano trattamenti. E, come d’incanto, si perde peso. Ma, parliamo della Spa. Pur non essendo apparentemente centrale nel sistema Chenot, al contrario svolge un ruolo di primaria importanza, fondamentale per la buona riuscita del percorso depurativo. Palace Merano Espace Henri Chenot Via Cavour 2 - Merano Tel 0473.271000 - Fax 0473.271100 www.palace.it Numero Camere: 105

La struttura si compone di una elegante piscina coperta, oltre ad un’altra all’aperto, nel parco, vasca termale e kneipp, bagno di vapore a mosaici, sauna finlandese, vari tipi di docce rigeneranti e aromarium. Le sale destinate ai trattamenti, com’era lecito attendersi, sono consone a quelle di una Medical Spa (una scelta comprensibile ma con la quale, lo abbiamo dichiarato già nel corso di altri profili, non ci troviamo concordi) e c’è anche un comparto di medicina estetica. I trattamenti sono effettuati con prodotti della casa. Lo spazio relax è in stile moderno. Dunque, anche nel Palace Hotel la Spa si afferma come elemento essenziale di un centro che, per come è strutturato e seguito, ha sicuramente pochi rivali in Italia. Certo, in un’ottica Spa alcuni ambienti potrebbero risultare algidi, ma qui siamo in un Health Resort, e il benessere salus per aquam deve fare gioco di squadra con altri mezzi per realizzare la complessa mission aziendale. Ma anche in questo ruolo di gregario la Spa di casa riesce a fare una gran bella figura. Carta dei trattamenti amplissima ed ecumenica, ossia per viso, corpo, capelli e organismo nella sua totalità. Tariffe elevate, ma in linea con l’esclusività dei servizi.

3 Stelle

122


Best

Trentino Alto Adige Vital Hotel Erica Ci troviamo nella provincia di Bolzano, in assoluto la più ricca di Hotel Spa in Italia e con un livello medio qualitativo che non trova eguali nel nostro paese. Si tratta di tradizione, certo. Ma, anche, riconosciamolo, di una maggiore conoscenza del mestiere, di un’analisi più approfondita su quelli che sono gli orientamenti del mercato dell’ospitalità italiana ed internazionale. Di una superiore capacità di interpretare i dati delle ricerche in tema di benessere. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. E se anche un resort come l’Erica, davvero grazioso ed accogliente, con ambienti ricchi di atmosfera, ma con soltanto 30 camere, può presentarsi sul mercato con una Spa di tutto rispetto tanto per le dimensioni quanto per l’alta qualità dei servizi offerti, non bisogna poi stupirsi se, anche in tempi difficili per il turismo, si trovano aziende che non soffrono la competitività e addirittura aumentano i propri volumi di reddito. Detto questo, passiamo ad esaminare la struttura della Spa. Che dispone di una piscina interna ampia e, anche se con linee un pò datate, ben strutturata (c’è anche la piscina all’aperto). L’area umida prosegue poi con sauna finlandese e bio-sauna alle erbe, bagno di vapore aromatizzato, tepidarium e camminamento kneipp. Spazio relax di dimensioni contenute al termine dei percorsi benessere. Ambienti armonici, ricchi di calore. Sensazioni positive. Lo staff professionale è competente ed in grado di offrire una vasta gamma di trattamenti viso/corpo, con una notevole attenzione alle esigenze individuali, particolarmente nei programmi settimanali di remise en forme. E con l’ulteriore vantaggio di un rapporto qualità/prezzo eccellente. I prodotti maggiormente utilizzati sono della linea cosmetica Maria Galland.

Vital Hotel Erica Via Principale 17 - Nova Ponente (Bz) Tel 0471/656517 - Fax 616518 www.erica.it Numero Camere: 30

2 Stelle e 3/4

Romantik Hotel Turm Nella presentazione dell’hotel si sottolinea il carattere esclusivo di questa casa ai piedi delle Dolomiti dello Sciliar, come un perfetto connubio tra tradizionale cordialità altoatesina, charme internazionale ed elegante atmosfera. Niente di più vero, ma si può anche andare oltre, tanti sono i tesori custoditi nel Turm. Che passano attraverso ambienti alberghieri ricchi di suggestione, con le antiche volte ad arco ed un design moderno circondato da mura antiche. Una collezione di opere d’arte composta da circa 2mila elementi, tra i quali vi sono lavori di Picasso, Kokoschka, Klimt. Un ristorante con annessa eccellente cantina che miete da anni premi al gusto e all’ospitalità. La vicinanza - a soli 5 minuti - di un Golf 18 buche di notevole richiamo. E, tanto per non farsi mancare nulla, un centro benessere di grande armonia strutturale e con un’accoppiata - carta dei servizi + staff operativo - capace di grandi performance dal punto di vista dell’efficacia dei trattamenti e della creazione delle giuste atmosfere. Che si ritrovano a partire dalla piscina interno/esterno, con la vasca idromassaggio al coperto collegata con l’area acqua all’aperto; e poi nella teatrale grotta di sale provvista di lettini relax, nella suggestiva sauna alle pietre e nella serie di ampie cabine con vasca (sia da 1 che da 2 persone, come quella dell’Imperatore) dove provare l’emozione di bagni e massaggi e impacchi dalle infinite fragranze e dalla straordinaria capacità benefica. Tra gli altri, si fa molto apprezzare quello per 2 al vino, seguito dal massaggio all’olio di vinacciolo su di un letto di pietra calda. Molto richiesti anche quelli al fieno. Tendenza ad utilizzare prodotti del territorio, non soltanto per la cucina, ma anche per bagni e massaggi corpo. Carta dei trattamenti ben provvista anche nella sezione dedicata al viso, per i quali si fa uso della linea di cosmesi Guinot Paris. Staff molto disponibile e ricco di attenzioni. Tariffe nella media del mercato. Complessivamente, una struttura di grande equilibrio e dalle piacevoli sensazioni.

Romantik Hotel Turm Piazza Chiesa 9 - Fiè allo Sciliar (Bz) Tel 0471.725014 - Fax 0471.725474 www.hotelturm.it

3 Stelle

123


Best

Umbria

124


Best

Umbria Hotel Benessere Villa Fiorita Beauty Farm & Centro Benessere Diciamo subito che questo vuol essere più un premio al coraggio, alla voglia di fare che sicuramente ha ispirato l’operazione che ha portato alla luce il nuovo centro benessere dell’Hotel Villa Fiorita di Foligno. Un premio all’’intraprendenza, certamente. Che ci dà anche lo spunto per ricordare che la Spa non è soltanto un progetto che vive di elementi concreti, ma anche, diremmo soprattutto, di sensazioni, spunti evocativi, atmosfere, equilibrio. E, dunque, è sempre sconsigliabile ricorrere ad eccessi, sotto qualsiasi forma, che potrebbero spezzare quel sottile equilibrio sul quale corre una Spa di eccellenza, e che la distingue da tutto il resto. Non sarà offrendo tanto nella speranza di accontentare tutti che si raggiungerà il successo. Una vera Spa deve sempre possedere una propria personalità chiara e distinguibile ed essere in grado di porsi come guida per le scelte degli ospiti. Detto questo, passiamo ad esaminare la nuova struttura del Villa Fiorita, inaugurata di recente. Dove troviamo una piscina centrale, con acqua riscaldata, completa - come da presentazione dell’hotel - di 4 lettini massaggianti, 4 cascate con relativo massaggio cervicale, 1 geyser centrale con illuminazione led e fontana, 2 postazioni con massaggi glutei e massaggi plantari, 1 percorso Kneipp.

Hotel Benessere Villa Fiorita Via del Lago 9 - Foligno (PG) Tel 0742.681326 - Fax 0742.681327 www.hotelvillafiorita.com Numero Camere: 40

Sui lati, 2 maxischermi a parete diffondono immagini in tema con brani ispirati alla musicoterapia. C’è poi una vasca idromassaggio ravvivata da giochi di luci colorate e intermittenti di c.d.cromoterapia. Il centro continua con l’area docce emozionali, in eleganti mosaici di Murano, a proporre idromassaggi al mango, nebbia al mentolo, contrasti caldo/freddo, e altro ancora. Piccolo bagno di vapore nei toni del bianco e dell’azzurro, sauna finlandese e sala relax ( quest’ultima francamente un pò spoglia in termini di arredo e completezza dell’ambiente) con vista sull’esterno, completano la prima parte. Infine, il reparto beauty “L’Altopiano”, con alcune cabine in stile etnico, a sovraintendere alle manualità viso/corpo attraverso un programma di massaggi e trattamenti abbastanza variegato, con diverse escursioni nelle discipline orientali. Tariffe nella media, buone quelle dei trattamenti anticellulite ai fanghi. In sintesi, secondo noi si tratta di una struttura che avrebbe molto per crescere, e anche rapidamente. Ma, dovrebbe farlo principalmente eliminando taluni elementi superflui, piuttosto che aggiungendo. E riequilibrando - con tocchi di mestiere, nessun particolare investimento - ambienti che in genere sono già provvisti della necessaria sostanza. Questi, del resto, non sono che alcuni dei compiti di un bravo Spa Manager.

2 Stelle

125


Best

Valle D’Aosta

126


Best

Valle D’Aosta Mont Blanc Hotel La Spa dell’albergo si chiama La Mine du Bien Etre e, nonostante la sua conformazione tradisca gli oltre 15 anni di età, se la gioca ancora bene con alcun centri ultramoderni tirati su senza progettualità. E’ importante che la Spa abbia un proprio nome, una sua chiara identità, distinta da quella dell’albergo che la ospita. Aver colto questo aspetto - ancora oggi ignoto a molti grandi alberghi nel 1994, depone positivamente nei confronti dei creatori di questo centro. Particolare il disegno architettonico della piscina che si staglia a dominare e, sicuramente, a proteggere la permanenza degli ospiti nella struttura.Che dispone, con buona qualità, degli elementi essenziali di una Spa - idromassaggio, sauna, bagno di vapore ed un numero importante di cabine per le manualità viso/corpo. Buono il collegamento tra l’area Spa e quella esterna, attraverso il c.d. percorso in grotta. Una serie di passaggi di ambienti che termina con l’idromassaggio nella piscina all’aperto, ammirando le cime del Bianco. Le 9 cabine trattamenti sono arredate in modo sobrio ma sufficiente a garantire una rapida distensione a chi vi fa ingresso. Ampia e di sicuro interesse la carta dei servizi, anche se, vista l’interessante produzione vinicola della zona, si vorrebbe trovare una serie di proposte di bagni e manualità in vinoterapia. La struttura del listino e la scelta di adottare il sistema A.E.G. (analisi estetica globale) ci dice, inoltre, che l’area benessere fa un pò da secondo violino a quella beauty. Ecco, in ogni Spa, particolarmente in quelle di eccellenza, sarebbe importante trovare un rapporto di sano equilibrio tra gli elementi che la compongono: area umida, spazio relax e comparto trattamenti. E’ la squadra che deve funzionare, non un suo singolo elemento a discapito degli altri, saremmo in presenza di qualcosa di diverso da una Spa. Le tariffe della Mine sono interessanti. Il centro utilizza la cosmesi di Maria Galland.

Mont Blanc Hotel Village Località La Croisette, 36 - La Salle (AO) Tel 0165.864111 - Fax 0165.864119 www.montblanchotel.it

2 Stelle e 1/2

Hotel Hermitage Siamo a Cervinia, in un resort 5 stelle, associato dal 1994 al marchio internazionale Relais & Chateau. Serve altro? In effetti, in un solo rigo avremmo esaurito il profilo di questo grande chalet guidato dalla famiglia Neyroz. Una costruzione dalle linee architettoniche tradizionali, molto pulite, con gli interni rivestiti in legno scuro a connotare un’atmosfera protettiva, di puro relax. Si trova ai piedi del Cervino, dove gli impianti sciistici sono collegati con quelli di Zermatt, sul versante svizzero, e con quelli di Valtournenche, a formare un unico comprensorio con oltre 350 km di piste, il Matterhorn Ski Paradise. Con il bel tempo trova spazio il Golf Club del Cervino, a 18 buche, uno dei campi più alti al mondo, con i suoi 2050 metri di altitudine. Nei pressi, il tracciato pratica per lo sci di fondo. Camere eleganti e spaziose. Servizi di classe, anche per ciò che riguarda l’area benessere. La Spa non è molto grande nè presenta una serie infinita di ambienti, ma è un vero gioiellino, con una piscina interna riscaldata di forma sinuosa, con tanto legno e pietra d’intorno e una deliziosa terrazzina relax con lettini e chaise longue. Idromassaggi alimentati da un’acqua pura di montagna che arriva dritta dalle sorgenti del Cervino.

Hotel Hermitage Breuil Cervinia (Ao) Tel 0166.948998 - Fax 0166.949032 www.hotelhermitage.com

Un ambiente di tono esclusivo. Ci sono poi una sauna finlandese con vetrate ed un bagno di vapore aromatizzato agli oli essenziali, con inserti in mosaico. Nelle cabine per i trattamenti, di taglio moderno e con una bella luce all’interno, assistiti da uno staff competente, vengono eseguiti massaggi e trattamenti di cosmesi con prodotti delle linee La Prairie e St. Barth. La carta dei servizi non è di particolare complessità, le tariffe rientrano nella media. Come si intuisce, la Spa dell’Hermitage fa parte di quelle strutture di prestigio nate con l’obiettivo di offrire ai propri esigenti ospiti ambienti benessere di livello adeguato per il dopo sci o quale alternativa alle altre attività di tempo libero. La profonda funzione di riequilibrio psico-fisico, connaturata alle vere Spa, così come quella di remise en forme, per la quale la Spa rappresenta un elemento insostituibile, qui rimangono un pò sullo sfondo. Anche se il centro dell’Hermitage, avrebbe le carte in regola, per struttura - con qualche lieve integrazione - e professionalità operative, di mirare assai più in alto.

3 Stelle

127


Best

Veneto

128


Best

Veneto Hotel Caesius Thermae Spa Alla fine degli anni ‘90, i dirigenti dell’Europlan mandano ad esaminare l’acqua di una fonte che sgorga su un proprio terreno a Bardolino. Il responso è altamente positivo: termale e particolarmente ricca di sostanze benefiche per la pelle e l’organismo. E così, scalcinati capannoni affacciati su questo meraviglioso angolo del lago di Garda, la Riviera degli Olivi, in pochi anni si trasformano in un moderno e confortevole albergo, con una Spa ampia e molto attrezzata. All’interno c’è un’armoniosa piscina di 200 mq portata alla temperatura di 33 gradi, con un camminamento, una vasca idromassaggio, sauna finlandese, bagno di vapore, n. 6 c.d. docce emozionali, un corridoio di moderne cabine per i trattamenti e una sala riposo con bevande e infusi. Linee morbide in un contesto di grande armonia. Si vede chiaramente che la Spa è stata progettata da professionalità competenti. Tuttavia, per chi, come noi di 100Best, ne ha viste tante, la struttura appare fin troppo simile ad alcuni format già visti in alcune grandi fitness gym di città e in altri wellness centre meno prestigiosi del Caesius Thermae.

Hotel Caesius Thermae Spa Via Peschiera 3 - Bardolino (Vr) Tel 045.7219100 - Fax 045.7219700 www.hotelcaesiusterme.com Numero Camere: 185

D’altra parte, questo è il prezzo da pagare quando, come accade di frequente, il management alberghiero, almeno nella fase iniziale, manca delle necessarie competenze in materia di benessere ed è quindi costretto ad affidare tutta la parte programmatica, dalla progettazione allo sviluppo, dallo start up alla produzione della linea cosmetica, a consulenze esterne. Ad ogni modo, superata la prima fase di crescita, con le sue connaturate difficoltà, ora la Spa lavora in maniera fluida. Nella carta dei servizi viene illustrata un’ampia gamma di trattamenti viso/corpo. Che sono presentati in maniera chiara e realizzati da uno staff preparato. Ampio spazio è stato dato alle discipline ayurvediche (lo stesso ristorante dell’hotel le dedica una sezione, tra i menù speciali). Le tariffe sono mediamente buone.

2 Stelle e 3/4

Grand Hotel Terme Siamo nel centro del Bacino Termale Euganeo. La presenza di un’acqua tanto ricca di sostanze benefiche, in un territorio così ampio ha segnato profondamente le sorti di un comprensorio che include Abano, Galzignano e Montegrotto. In quest’ultimo, proprio ai piedi dei Colli Euganei, si trova il Grand Hotel Terme, di recente ristrutturato e reso, secondo il nostro privilegiato osservatorio, ancor più godibile. Alla sua storica area termale, è stato, via via nel tempo, aggiunto un complesso di spazi benessere che ne hanno completato l’offerta tradizionale e reso la qualità dei servizi all’altezza dell’eccellenza che qui si vuole rappresentare. Il Centro termale per la fangoterapia e bagni d’ozono si trova direttamente ai piani. L’acqua termale salsobromoiodica che nutre anche il fango maturo arriva da una profondità tra i 3 e i 4mila metri, e sgorga da sorgenti proprie. L’hotel è convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale per trattamenti di fango-balneoterapia per la cura delle patologie croniche dell’apparato locomotore. La vera area Spa si compone di 2 grandi piscine interno/esterno tra loro comunicanti, tenute tra i 34 e i 36 gradi, complete di stazioni idromassaggio. Poi, la grotta sudatoria, idropercorsi, docce c.d. emozionali, hammam, sala relax e una buona serie di spaziose cabine per l’ampia gamma di trattamenti offerti dalla casa. Tutto è (sufficientemente) a portata di mano. La Maison de Beauté viene presentata come diretta da esperti del settore, e questo si vede. La carta dei trattamenti, come detto, è molto provvista, anche per quello che riguarda i massaggi. Forse manca solo una certa varietà di offerta nei percorsi benessere (che, nei centri termali, sono spesso visti come figli di un dio minore). Peraltro, la casa punta molto sulle applicazioni al fango maturo, e non senza ragione: la qualità del prodotto è superba e l’efficacia dei trattamenti è visibile fin dal primo giorno. Tariffe prevalentemente nella media, talora buone. Insomma, un centro di livello.

Grand Hotel Terme Viale Stazione 21 - Montegrotto Terme (PD) Tel e Fax 0498911444 www.grandhotelterme.it Numero Camere: 107

3 Stelle

129


Best

Veneto Terme di Galzignano Resort Il Terme di Galzignano Spa & Golf Resort è un complesso di 4 hotel indipendenti, tutti collocati all’interno di un parco di 35 ettari. Il grande e confortevole Majestic, il Green Park, gioiellino country-style, lo Splendid e, infine, lo Sporting, con vista sul green per gli appassionati golfisti. Siamo a Galzignano, in una delle più attrezzate stazioni termali italiane, e dunque ciascun hotel dispone di un proprio stabilimento termale. Tutti gli ospiti del Resort hanno a disposizione 8 piscine termali (2 sono sportive) coperte e scoperte, aree idromassaggio e giochi d’acqua, percorsi vascolari. E poi c’è il Revital Centre & Spa, un centro integrato di cicrca 800 mq nel quale sono condensati Fitness, Relax, Area Beauty e Spa. Come frequentemente avviene nelle stazioni termali italiane, non vi è una vera Spa. Sono presenti gli spazi e i servizi, e anche lo staff adeguato, ma il contesto appare alquanto dispersivo. Terme di Galzignano Resort Viale delle Terme 22 - Galzignano Terme (Pd) Tel 049.9195555 - Fax 049.9195250 www.galzignano.it Numero Camere: 414

In buona sostanza, nella Revital, le molte attività differenti (sport, fitness, benessere) sono assemblate come se dovessero essere l’una il complemento dell’altra, il risultato è che non c’è una vera linearità nel percorso salus per aquam. Detto questo, come abbiamo più volte ripetuto, noi di 100Best mai penseremmo di escludere i più importanti stabilimenti termali dall’elenco delle 100 migliori Spa. Non solo per la loro storia e per quanto hanno saputo fare per il benessere italiano, ma anche - come nel caso del Galzignano Resort - per i risultati prestigiosi che sono in grado di dare. Di più, per l’attenzione e la passione che sanno mettere nel loro lavoro e per le enormi potenzialità di sviluppo. Che in questo caso, con 4 hotel e tanto spazio disponibile, sono ancora superiori. Le ottime acque salsobromoiodiche di Galzignano potrebbero fare miracoli anche in questo senso... Carta dei trattamenti senza fronzoli, tariffe molto buone.

2 Stelle e 3/4

Hotel Metropole

Hotel Metropole Via Flacco 99 - Abano Terme (PD) Tel 049.861900 - Fax 049.8600935 www.gbhotelsabano.it Numero Camere: 167

Si tratta di un interessante (e molto ambizioso) tentativo di coniugare due tradizioni, due storie, stili di di vita, filosofie. Discipline millenarie, da molti visti come rette parallele vengono improvvisamente miscelate con programmi che, secondo alcuni maestri del benessere si pongono - talora superandoli - ai limiti della blasfemia. In realtà, mettere insieme i principi della balneoterapia e della fangoterapia già cara ai nostri predecessori della Roma Imperiale con il pensiero filosofico indiano che permea tutte le manifestazioni di ispirazione ayurvedica, è meno bizzarro - e anche molto meno complesso - di quanto potrebbe apparire a prima vista. Se è vero che il benessere cosiddetto termale è il campo nel quale il progresso ha lasciato ben poche tracce ( molti protocolli sono ancora quelli di 2mila anni fa, aggiornati), va detto che proprio la commistione di generi è stata la molla che ha fatto crescere molte discipline e sivluppato il fenomeno delle Spa. D’altra parte, quanto spesso ormai accade di trovare affiancato al medico tradizionale il naturopata o il terapista ayur. Comunque, questo piano di discorso è troppo complesso per essere affrontato in questa sede. Qui ci interessa l’Hotel Metropole che con la sua Oriental Thermal Spa ha tentato l’esperimento. Il complesso si trova in un caratteristico padiglione, all’interno di un grande parco tropicale. Dominano le acque, con 4 piscine termali, delle quali però una sola, la Delphinus a 36 gradi, è al coperto. Comunicante con un’altra vasca termale esterna, Idra, a 35 gradi. Gli ambienti caldi sono in Grotta e in Sauna. Probabilmente, considerati i volumi di spazio disponibili e la qualità della struttura, si sarebbe potuto ampliare il comparto di calore con ulteriori soluzioni (calidarium, tepidarium, etc.). Il taglio degli ambienti e delle cabine è decisamente orientale (ci sono anche camere d’albergo arredate in stile). Tuttavia, suscitano un pò di perplessità l’interior design e la scelta di taluni elementi d’arredo: il consueto fascino dello stile orientale viene fuori un pò a tratti e ne risente l’armonia dell’insieme. Molto ampia, e di qualità, la carta dei servizi, con proposte anche della tradizione cinese e tibetana. Tutti i trattamenti sono realizzati da uno staff professionale assolutamente preparato. Ottimo il rapporto qualità/prezzo.

3 Stelle

130


Best

Veneto Hotel Cristallo Cortina, la perla delle Dolomiti, la regina del Cadore. Il suo nome già di per sè evoca lusso e piacere allo stato puro. Poi ci si imbatte in questo imperioso, ultracentenario edificio che ospita il Cristallo Reconditioning and Beauty Hotel e si scopre che immaginario e realtà a volte si sovrappongono, identificandosi. Lo stile armonicamente neoclassico, l’eleganza dei decori e delle stoffe (delle vere opere d’arte nel loro genere), la maestosità degli ambienti ne fanno giustamente un resort esemplare ed esclusivo nella molto competitiva industria dell’ospitalità. E il benessere? Beh, qui bisogna necessariamente partire dalla magnificente piscina coperta ad emiciclo affacciata sulle Tofane. Un vero gioiello di grazia ed raffinatezza. Poi ci sono l’Hammam, il Termarium e il Relaxarium. L’area Spa è distribuita su 2 livelli, per un volume complessivo di circa 1.600 mq che però comprendono anche l’ampio spazio destinato al FitWell Club. Tutto il programma dei trattamenti è stato affidato agli esperti del Transvital Swiss Beauty Center. Hotel Cristallo Via Menardi 42 - Cortina D’Ampezzo (Bl) Tel 0436.881111 - Fax 0436.870110 www.cristallo.it Numero Camere: 73

Come riportato nello stesso promo dell’hotel, il Cristallo è un luogo dove charme, comfort, professionalità, cura, ricerca scientifica, tecnologia e una pluralità di servizi wellness di alto livello danno vita ad una proposta incantevole. La consulenza degli svizzeri della Transvital, com’è ovvio, incide in misura rilevante sulle scelte e sugli obiettivi del management. La componente Trattamenti & Manualità ha chiaramente la meglio sugli altri fattori che compongono la Spa. Il suo peso specifico è superiore, grazie anche alla presenza nel team operativo di personale esperto addestrato presso la casa madre, in grado di realizzare trattamenti anti ageing di sicura efficacia. Uso di sostanze assolutamente naturali, manualità dalla tecnica sopraffina e programmi personalizzati sono il marchio di fabbrica. Che funziona. Se proprio intendessimo trovare una sbavatura, potremmo dire che siamo di fronte ad una Spa di eccellenza alla quale basterebbe incrementerare la varietà degli ambienti caldi e la ricchezza benefica del comparto acqua per ulteriormente rafforzare il proprio prestigio di centro leader. Tariffe moderatamente elevate, ma siamo a Cortina. E siamo al Cristallo.

3 Stelle e 3/4

Boscolo Hotel Maggior Consiglio Uno dei frutti pregiati della lunga esperienza firmata Boscolo Hotels, primario gruppo dell’hotellerie italiana, con propaggini internazionali in alcune delle principali capitali europee. Il Boscolo Hotel Maggior Consiglio si trova a Treviso, città che negli ultimi 30 anni ha conosciuto un enorme sviluppo sociale ed economico, che l’ha trasformata da paesone veneto interessante solo per le ville palladiane e gli edifici di architettura medievale disseminati sul suo territorio, a principale polo industriale del nord est, città business oriented, e dunque meta di un costante turismo d’affari. A questo nuovo, consistente flusso di visitatori ( quelli che, in genere, si definiscono uomini di mondo) andavano garantiti ambienti e servizi di livello superiore, in grado di concorrere con gli standard europei più elevati. Il Maggior Consiglio non è altro che la risposta adeguata a quelle esigenze. L’hotel mette a disposizione dei propri ospiti gli spazi e la tecnologia più adatti agli incontri di lavoro senza dimenticare quanto sia determinante tenere d’occhio ciascuna delle tante dimensioni del benessere.

Boscolo Hotel Maggior Consiglio Via Terraglio 140 - Treviso Tel 0422409411 www.boscolohotels.it

Le camere spaziose e confortevoli, l’ottima cucina del territorio e, soprattutto, il Centro Benessere Isola. Oltre ad un’attrezzata area fitness, comprende una Spa dominata dalla monumentale piscina con cascata cervicale e aree idromassaggio, sauna finlandese, bagno di vapore agli olii essenziali ed elementi temperati di contorno a completare il comparto umido. Relax corners dove intervallare o concludere la permanenza nel thermarium, anche sorseggiando una tisana. Pure nel caso dell’Isola, come già rilevato per altri profili, non abbiamo a che fare con una struttura dalla grande varietà di componenti nè - tranne che per la piscina - con ambienti di dimensioni importanti. Tuttavia, la tecnica di realizzazione delle varie unità si rivela corretta e preceduta da uno studio progettuale estremamente approfondito. I rivestimenti degli interni, con materiali naturali, pietra e mosaici, forniscono le giuste atmosfere ed un essenziale senso di protezione a coloro che vi si trovano. Il comparto beauty & trattamenti dispone di accoglienti cabine. Grande richiesta di massaggi rilassanti per lo scioglimento della tensione muscolare, ma la carta dei servizi presenta complessivamente una buona varietà di soluzioni. Staff appropriato e tariffe nella media. Una Spa interessante, con ampi margini di crescita.

2 Stelle e 3/4

131


PubblicitĂ 132


PubblicitĂ 133


PubblicitĂ 134


PubblicitĂ

Le Cento Migliori Spa Italiane  

Le migliori cento spa italiane selezionate, catalogate e commentate.

Advertisement