Issuu on Google+

the Italian Skydiving Magazine

Nr 5 Anno IX

JOCKERFLY EDIZIONI

September/October 2013

Hayabusa at World Cup by Danny Jacobs


Settembre - Ottobre 2013 HellaHerb 2013 (pag 05) World Games 2013 (pag 09)

Tandem Video with Telescopic Polestick (pag 12) Vector Festival 2013 (pag 19)

www.90percent.it

SummerFest 2013 (pag 23) Campionati Italiani 2013 (pag 30) World Cup 2013 (pag 37) SuperFly Slovacchia (pag 45) 90percent DropZones (pag 48)

Reg. Tribunale di Roma nr 39/2006 del 3 Febbraio

info@90percent.it Stampato da: CREA srl

Direttore Responsabile: Emanuele Bielli

Manoscritti, foto, disegni ed altro materiale inviato, anche se non pubblicati non verranno restituiti. La Redazione ed i singoli Autori non sono responsabili per incidenti o danni causati dall’utilizzo improprio delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Questo è un bimestrale d’informazione sul paracadutismo sportivo, non un manuale d’istruzione. Altresì i singoli Autori sono responsabili legalmente per le notizie riportate negli articoli firmati. Tutte le collaborazioni non sono remunerate salvo in alcuni casi con specifici accordi. Sono riservate le proprietà artistiche, letterarie e scientifiche. Per riproduzioni anche parziali è fatto l’obbligo di citare la fonte.


Pure FreeFly: HellaHerb Anniversary Edition at Beromünster

Nearly 150 skydivers, about 200 drop flights and over 3000 jumps in 7 days – these are the bare and impressive figures for the tenth edition of Paraclub Beromünster's HellaHerb which took place from July 12 to 21. This year's skydiver meet was opened by the Swiss Elite. Selected FreeFlyers joined up with their peers for highest level jumps. As part of the “Swiss Swiss Meet“ Meet the male faction was led by the well-known load organizers Matt Hill, Hill Luis Prinetto and Fabian Ramseyer. Ramseyer Under their guidance, the participants were given the opportunity to execute highly challenging figures in a large formation. Something similar went on in the “Girls Girls Camp“ Camp where FreeFly-World Champion Domitille Kiger and Anna Howerski headed high-quality jump programs. The workshops were aimed at finding and preparing participants for the“Women's Women's Vertical World Record 2013“. 2013 Top load organizers again gladly brought their new FreeFly trends to Beromünster. Contrary to previous years, the influence of wind tunnel training was clearly evident: instead of purely head-down or head-up jumps, the load organizers presented more dynamic jump programs. Noah Bahnson and Dominic Roithmair combined and mixed various FreeFly positions, so that jumps would switch several times from head-up to head-down and to tracing. InJumps, InJumps i.e. jumps away from the airfield, are by now traditionally a part of HellaHerb. Considering the high summer temperature the jumps over Aesch/LU and Nottwil/LU offered the opportunity to cool-off in Lake Hallwil and Lake Sempach. This year's other unique “InJump InJump to the Alps“ Alps led to Romoos in the Entlebuch region. On landing a copious breakfast buffet awaited the skydivers who then returned to Beromünster by way of a helicopter jump. This year's HellaHerb lived up to its motto “Welcome to Bero Vegas“not only because of the corresponding supporting and evening program, but also thanks to the torrid desert heat. Downside of the heat was that due to it the planned jumps from the hot-air balloons had once more to be cancelled. HellaHerb 2014: 2014 From the figures mentioned at the beginning, it is clear that such an anniversary edition is possible only thanks to a strong organizational effort and much volunteer


work. It is thanks to a rough dozen organizing team members, numerous club members and helpers at the airfield that HellaHerb 2013 went off without a hitch. Loads of good memories and innumerable positive feedbacks from skydivers, load organizers and spectators have already initiated the planning stage for next year's event. From July 1720 watch out for “HellaHerb HellaHerb 2014 – Pirates of the Berobbean“. Berobbean Text: Daniel Bürgi Carole Sieber/Dani Bohrer (www.cardan.ch) Fotos:Dany Henschen (www.aeonfly.ch)

www.paraclub.ch

www.hellaherb.ch

Quasi 150 paracadutisti, circa 200 decolli e oltre 3.000 lanci in 7 giorni, sono queste le fredde ma strabilianti cifre della decima edizione di HellaHerb che si è svolta al Paraclub Beromünster dal 12 al 21 Luglio. L’evento di quest'anno è stato aperto dall'élite Svizzera. FreeFlyers selezionati si sono riuniti per eseguire lanci di alto livello. Quale parte del “Swiss Swiss Meet“ Meet il gruppo maschile era seguito dai noti load organizers Matt Hill, Hill Luis Prinetto e Fabian Ramseyer. Ramseyer Sotto la loro guida i partecipanti hanno avuto l'occasione di eseguire figure altamente impegnative in lanci di grande formazione. Allo stesso modo nel “Girls Girls Camp“ Camp delle ragazze, la Campionessa del Mondo di FreeFly Domitille Kiger e Anna Howerski hanno organizzato alcuni lanci di alta qualità. I workshops miravano a selezionare e ad allenare le partecipanti al prossimo “Women's Women's Vertical World Record 2013“. 2013 I migliori load organizers hanno nuovamente portato le loro ultime tendenze nel FreeFly a Beromünster. Contrariamente agli anni precedenti, era più che evidente l'influenza dell'allenamento nel wind tunnel: invece di lanci esclusivamente head-down o head-up, i load organi-


zers hanno proposto lanci più dinamici. Noah Bahnson e Dominic Roithmair hanno combinato e mischiato varie figure di FreeFly, ideando sequenze con numerosi cambi da head-up a head-down e tracing. Gli InJumps, InJumps vale a dire lanci fuori zona, sono ormai una tradizione dell’HellaHerb. Visto il caldo i lanci su Aesch/LU e Nottwil/LU sono stati un'ottima occasione per rinfrescarsi nei laghi di Hallwil e di Sempach. L'altro straordinario lancio di quest'anno è stato lo ”InJump to the Alps“ Alps a Romoos nella regione detta Entlebuch. Una volta atterrati, una grande colazione a buffet ha accolto i paracadutisti che sono tornati a Beromünster saltando dall’elicottero. Questa edizione dell’HellaHerb ha fatto onore al suo motto “Welcome to Bero Vegas“ non solo per le altre attività del programma serale, ma anche per il caldo torrido. Ma il caldo ha avuto purtroppo anche un lato negativo: si sono dovuti disdire i lanci dalla mongolfiera. HellaHerb 2014: dalle cifre riportate è evidente che solo grazie al grande sforzo organizzativo e ai numerosi volontari è stato possibile proporre un'edizione come questa. Grazie a una dozzina di membri del comitato organizzativo, a numerosi soci del paraclub e agli aiutanti che HellaHerb 2013 si è potuto svolgere senza alcun problema. Tanti bei ricordi e innumerevoli feedback positivi da parte degli skydivers, load organizers e spettatori hanno già dato l'impulso per programmare la prossima edizione: HellaHerb 2014 – “Pirates Pirates of the Berobbean“. dal 17 al 20 Luglio ci ritroveremo all’HellaHerb Berobbean Text: Daniel Bürgi Carole Sieber/Dani Bohrer (www.cardan.ch) Fotos:Dany Henschen (www.aeonfly.ch)

www.paraclub.ch

www.hellaherb.ch


World Games 2013 Colombia Jaime Saldarriaga

Curtis Bartholomew from USA is the new World Games Champion for Canopy Piloting! Thomas Dellibac, also from USA, and Pablo Hernandes from Spain followed in the overall results of the combined accuracy, distance and speed events. Athlete of the day” Curtis’ magnificent victory made the “Athlete day at the World Games 2013 - a great honour considering that more than 4000 athletes participate in the games. He was invited by the World Games Organising Committee to come and receive a watch on stage at the World Games cultural centre. Curtis Bartholomew, 27, started skydiving seven years ago and canopy piloting quickly after. His main dropzone is Skydive Deland in Florida. He is the reigning world canopy piloting champion after his victory at the Mondial 2012 in Dubai. “I feel great, there is nothing else like it”, Curtis said just after he was declared as the champion. “The World Games means a lot to me. This competition happens only every four year so to be able to represent my country and be here is really a great thing. The pond and the facilities were really good, we were super close to the crowd so they get to were able to be right in the action. Here in Cali it is 3000 feet above sea level but it is humid. The air conditions are tough, really changing all the time, I never experienced anything like it so it was definitely challenging.” Asked what he thought of the Colombian public, Curtis said: “I love it! We are not used to such a big crowd, and they love it, everyone is asking for pictures and autographs. We have never seen a crowd this big before for sure.”


L’americano Curtis Bartholomew è il nuovo Campione dei World Games per il Canopy Piloting! Thomas Dellibac, sempre dagli Stati Uniti e Pablo Hernandes dalla Spagna lo seguono nella classifica assoluta per i risultati ottenuti nelle gare di Accuracy, Distance e Speed. Athlete of the day” La magnifica vittoria ha fatto eleggere Curtis “Athlete day ai World Games 2013, un grande onore considerando che partecipano ai Giochi più di 4.000 atleti. E’ stato quindi invitato dal Comitato Organizzatore dei World Games a ritirare un orologio sul palco del centro culturale dei Giochi. Curtis Bartholomew, Bartholomew 27 anni, ha iniziato a praticare paracadutismo sette anni fa e si è dedicato al canopy piloting da subito. La sua zona lancio principale è Skydive Deland in Florida. Lui è il Campione del Mondo in carica per il Canopy Piloting dopo la sua vittoria ai Mondiali 2012 a Dubai. "Mi sento benissimo, non c'è nient’altro di simile", ha dichiarato Curtis subito dopo che è stato decretato Campione. "I World Games significano molto per me. Questa competizione viene organizzata ogni quattro anni ed essere stato in grado di rappresentare il mio paese ed essere qui è bellissimo. Il pond e le strutture sono ottimali, eravamo molto vicini alla folla che ha potuto partecipare alle azioni di gara. Qui a Cali siamo a 3.000 metri sul livello del mare, ma è umido. Le condizioni dell'aria sono difficili, con continui mutamenti, non ho mai sperimentato nulla di simile quindi è stato decisamente impegnativo. " Alla domanda cosa pensasse del pubblico colombiano, Curtis ha detto: "Li adoro! Non siamo abituati a un grande pubblico, così appassionato, tutti ci chiedono foto e autografi. Sicuramente non abbiamo mai visto una folla così grande prima d’ora."


Tandem Video with Telescopic Polestick

As a long term vivid cameraman I’ve always been looking for shots from different perspectives. Not only in the super Bigways but in all jumps I can take my camera. Although camerawork is my main disciplines I exercise all skydiving disciplines including being a tandem master. While jumping as tandem master (and not as cameraman) I’ve picked up the Handcam in an early stage to be able to get nice footage for the passengers. It started with a Sony HandyCam in a glove and later with the GoPro. I always felt my arms where too short to get the nicest perspectives. Extending my arm was not possible with the relative bigger HandyCam’s but the smaller and light weight GoPro’s opened the way to jump with a (extandable) Polestick. A few years ago I had seen footage from paragliding (and later from one of my DZ colleague’s that just came back from down under)shot from a longer distance than an arm which I really liked. So I started experimenting myself by initially copying what I had seen. In the beginning just a 12” stick but quickly replaced by a telescopic stick that could be extensioned to ± 46”. After a trial period I found the best configuration for myself. I’m exiting with half the stick length (± 23”). With this length I get the best balance between stable shots and a good distance for a good perspective, not only for the exit but also for the freefall part. During freefall I move around the stick / camera in different positions to get nice angles. Straight front and a little lower to get the face and drogue, 60° front to get the overall view and 60° down to get the DZ as well. After drogue release during opening my camera arm (left) goes down to show the passengers face plus the opening canopy and once the canopy is open I’m holding it straight front to get the spontaneous reaction of the passenger. After opening and flying above the DZ I extend the stick to full length and get some shots from all different directions. On landing I hold the stick extended, sticking up and the camera facing down to get the landing as well. There are several telescopic Polesticks on the market but the one I strongly prefer is the Xshot 2.0 (www.bhphoto.com ) because it has a grove in the rods to prevent the stick, and therefore the camera, from pivoting. There are cheaper sticks which are slightly longer but they’-


ve no grove so on exit or in freefall the camera can turn due to the air flow. My X-shots are extended by myself by about 9” with a piece of carbon pipe from a fishing rod (also used for Airblades) to get a good length for freefall and enough length while extended in full length to get the complete canopy in frame while facing up under canopy. When I lengthened the hand hold part of the Pole stick I also mounted the GoPro remote control at thumb range. Super easy to control the camera and avoiding shaky shots and getting you hand or face in frame when switching on or off. Of course I’ve my altimeter on my other arm. With the rapidly evolving smaller cameras the quality is getting better and better. At present I’m jumping the GoPro 3 Black edition in 2.7K 30P video mode. With this setting it’s very easy to also get high quality pictures in a decent quality (± 4 – 7 Mb) by frame grabbing in the freeMediaplayer VLC (www.videolan.org ). More than sufficient to get poster size pictures. Although the GoPro has the option to shoot 1080P AND pictures, in my experience the higher video quality and grabbing stills afterwards gives a better overall product. It’s probably not a way of tandem jumping for every tandem master but very current tandem masters ( I did about 250 polestick jumps in the past 2 months) can create a super way of filming tandems in a very intimate way. Besides the 2 of us at our DZ filming with polestick we recently got a third tandem master starting with polestick. I don’t think we get much more. Although my heart is still at outside video I’m convinced that filming with a Polestick is a better product for the tandem passenger. Of course the best is to combine outside and inside video into one edited video. Marketing the Polestick option can be complicated for DZ’s because not all tandem masters can or want to jump a Handcam let alone a Polestick. The tandem masters at our DZ that jump Handcam or Polestick take their camera on the jump and show the footage afterwards and give the passengers the option to get the raw footage (€ 50) OR additionally edited video with slowmo and music on a nicely logo printed wristband USB stick. Editing is done, as for the regular outside video, in the super easy program VShortCut (specifically designed by a German skydiver for this kind of editswww.vshortcut.com). The edited version also has the raw footage on a separate folder. Both are accompanied with a manual how to grab high quality stills from the video files by VLC. Henny Wiggers FAI 289735, USPA 226327, 17.000 skydive of which 1.700 tandems


Koos Willemsen

Video Tandem con asta telescopica.

Come ogni appassionato cameraman di lunga esperienza ho sempre cercato nuove e diverse prospettive per i miei scatti, non solo nelle grandi formazioni ma in tutti i lanci in cui utilizzo la mia macchina fotografica. Sebbene quella del video è la mia principale attività, pratico tutte le discipline del paracadutismo tra cui quella del Pilota Tandem. Saltando come Pilota Tandem, non come cameraman, ho cominciato ad utilizzare una Handcam, inizialmente per poter ottenere delle belle riprese dei passeggeri. Ho iniziato con una Handycam Sony montata su un guanto e quindi con la GoPro. Ho sempre avuto la sensazione che le mie braccia fossero troppo corte per poter avere delle prospettive più belle. Estendere il mio braccio non era possibile con la relativamente più grande HandyCam Sony, ma la più piccola e leggera GoPro


mi ha dato la possibilità di saltare con un’asta (polestick) allungabile. Qualche anno fa avevo visto dei filmati di parapendio (e più tardi anche da un mio collega di DZ appena tornato dall’Australia) con riprese da una distanza superiore di un braccio che mi erano piaciuti molto. Così ho iniziato a sperimentare su me stesso, inizialmente copiando quello che avevo visto. In principio con un’asta di soli soli 30 cm subito sostituita da un’asta telescopica che poteva essere allungata fino a 1,20 metri. Dopo un periodo di prova ho trovato quella che per me è la migliore soluzione: salto con l’asta allungata per metà (più o meno 60 cm). Con questa lunghezza ottengo il miglior equilibrio tra riprese stabili e la giusta distanza per una buona prospettiva, non solo in uscita, ma anche nella fase in caduta libera. Durante la caduta libera mi muovo intorno all’asta/telecamera in diverse posizioni per ottenere belle prospettive. Dritto davanti e un pò più basso per riprendere il viso del passeggero e il drogue, a 60° davanti per ottenere la visione d'insieme e a 60° verso il basso per riprendere anche la DropZone. Dopo il rilascio drogue, in apertura, il braccio con la videocamera (a sinistra) scende per riprendere il viso del passeggero con la vela in apertura e a vela aperta tengo l’asta dritto davanti a me per riprendere le reazioni spontanee del passeggero. Dopo aver aperto il paracadute e mentre volo sopra la DZ allungo l’asta per tutta la sua lunghezza per poter ottenere alcune riprese in tutte le direzioni. In atterraggio tengo l’asta estesa, con la videocamera rivolta verso il basso per poter riprendere anche l'atterraggio. Ci sono diversi tipi di aste (Polesticks) telescopiche sul mercato, ma quella che più preferisco è l'X-shot 2.0 (www.bhphoto.com) perché ha un fermo nell’aggancio che impedisce all’asta e quindi alla telecamera, di girarsi. Ci sono aste più economiche che sono leggermente più lunghe ma hanno nessun fermo così in uscita o in caduta libera la telecamera può ruotare a causa del flusso dell’aria. Ho allungato le mie aste X-shot di circa 23 cm con un pezzo di tubo di carbonio di una canna da pesca (di quelle utilizzate per i banner) per ottenere la giusta lunghezza per la caduta libera e una lunghezza maggiore quando è tutta allungata per poter riprendere la vela completamente aperta mentre si vola. Quando ho allungato la parte dell’impugnatura dell’asta ho montato anche il telecomando della GoPro a distanza di 2,5 cm in modo che sia davvero semplice controllare la videocamera ed evitare riprese mosse o della mano o della faccia quando si accende o spegne. Ovviamente ho l’altimetro sull’altro braccio. Con la rapida evoluzione di telecamere sempre più piccole la qualità è sempre migliore. Al momento sto saltando con la GoPro 3 Black edition in modalità video 2.7K 30P. Con que-


sta impostazione è molto facile ricavare anche delle foto di alta qualità decenti (tra i 4 e i 7 Mb) ottenendole dai frame del video con freeMediaplayer VLC (www.videolan.org). E’ più che sufficiente per avere immagini formato poster. Anche se la GoPro ha la possibilità di riprendere a 1080p e scattare fotografie, per la mia esperienza fare un video in alta qualità e quindi ricavarne le foto dà un prodotto complessivamente migliore. Probabilmente questo non è un modo di fare lanci in tandem indicato per qualsiasi Pilota Tandem, ma chi effettua spesso tandem (ho fatto circa 250 lanci con l’asta negli ultimi 2 mesi) può fare bellissimi video in una prospettiva davvero unica. Nella nostra DZ oltre a due di noi che saltano con l’asta recentemente un terzo pilota ha iniziato a fare i tandem in questo modo. Non credo che ci sia bisogno di altri. Anche se il mio cuore batte ancora per il video esterno sono convinto che le riprese con un’asta siano un prodotto migliore per il passeggero tandem. Naturalmente ancora meglio sarebbe poter combinare e montare insieme le immagini di un video esterno con quelle riprese dal PT. Proporre l'opzione del video con l’asta (Polestick) potrebbe essere complicato per la DZ perché non tutti i Piloti Tandem possono o vogliono saltare un Handcam figuriamoci con un bastone! Nella nostra DZ i Piloti Tandem che saltano con la Handcam o la Polestick mostrano ai passeggeri, subito dopo il lancio, le immagini dalla telecamera dando loro la possibilità di decidere se avere il video originale (50 €) o un video montato con musica e slowmotion e caricato su una chiavatte USB a forma di bracciale con sopra stamato il logo della DZ. Il montaggio è realizzato con per un normale video esterno, con un programma davvero semplice da utilizzare: VShortCut, specificamente progettato da un paracadutista tedesco per questo tipo di montaggi (www.vshortcut.com). L’ultima versione salva le immagini originali in una cartella separata, vi è inoltre un manuale su come ricavare le foto di alta qualità dai video con VLC. Henny Wiggers FAI 289735, USPA 226327, 17.000 skydive of which 1.700 tandems


Kuri babylon-freefly.com

The Vector Festival 2013: The French Edition

In true Vector Fest style this year was WAY BIGGER AND BETTER!!!!! Coming in we heard that there would be 2 Beech 99s, a Twin Otter, a Super Caravan and 500 participants all looking for an EPIC time!!! …Luckily we had more World Class International Rock Star organisers than you could shake a stick at. But even still it was either a recipe for a Boogie of a life time or Ultimate Chaos!!!! As we arrived to the drop zone the size of the event hit us. Massive circus style tents to accommodate all the eating, drinking and packing needs of such a massive event. Then we arrived to manifest to find a paper manifest system! No computers, no manifest programme, no jump accounts and no screens. Ultimate chaos was looking like the more likely outcome… But respect to the Drop zone. Chalon pulled out all the stops and filled any gaps in their logistics with raw passion and enthusiasm!!! There were a few setbacks along the way, but somehow they pulled off the paper Manifest system, they found solutions to mechanical issues and managed over 100 loads most days and 9000 skydives over the whole event!!!! There were women’s vertical world record try outs with Anna Howerski and Domi Kiger, Epic Angles in all directions and speeds, vertical jumps of all descriptions and an INSANE Saturday night party with an INCREDIBLE drum dance act and DJ set put on by Fabian of Boogieman!!! Basically MEGA EPIC times and jumps ensured a Boogie of a life time!!!!! Massive thanks to the Chalon Sur SaoneDrop zone team, UPT Vector, Performance designs, Vigil and all the people that made this year’s Vector Festival so AWESOME!!!!!!! Mike Carpenter


Kuri babylon-freefly.com

Nel vero stile del Vector Fest quest’anno l’evento è stato ancora MIGLIORE e GRANDIOSO!!! Avvicinandoci alla data di inizio abbiamo sentito che ci sarebbero stati 2 Beech99, un Twin Otter, un Super Caravan e 500 partecipanti tutti desiderosi di qualcosa di EPICO!!! ...Per fortuna vi era un gran numero di Rock Star, organizer di classe mondiale più di quanto si possa desiderare. Tutto questo poteva essere la ricetta per il miglior Boogie della vita o per un Enorme Caos! Come siamo arrivati alla zona lancio le dimensioni della manifestazione ci hanno colpito. Enormi tende tipo circo erano state approntate per sistemate tutto: il mangiare, il bere, la zona ripiegamento e le esigenze di un evento così imponente. Poi siamo arrivati al manifest per trovare un sistema fatto su fogli di carta! Niente computer, niente software, Kuri babylon-freefly.com


Gustavo Cabana

nessun account dei lanci e senza schermi. L’enorme caos si stava prospettando come l'esito più probabile ...Ma bisogna aver rispetto per la drop zone. Chalon ha risolto i problemi e colmato le lacune nella loro logistica con vera passione ed entusiasmo! Ci sono state un paio di battute d'arresto durante l’evento, ma in qualche modo hanno fatto funzionare il manifest con i fogli di carta, hanno trovato soluzioni a problemi meccanici, gestito oltre 100 decolli al giorno e 9.000 lanci per tutta la manifestazione! Ci sono stati anche i tryouts per il Vertical Wolrd Record femminile con Anna Howerski e Domi Kiger, bellissimi lanci angolati in tutte le direzioni e velocità, salti verticali per tutti i gusti e una INSANA festa al Sabato sera con un’INCREDIBILE danza di tamburi e la musica selezionata dal dj Fabian della Boogieman! Momenti e lanci EPICI e FANTASTICI hanno fatto in modo che questo fosse uno dei miglior Boogie della vita!! Un grandissimo grazie al team di Chalon Sur Saone Drop Zone, UPT Vector, Performance Designs, Vigil e a tutte le persone che hanno reso questa edizione del Vector Festival così impressionante!!! Mike Carpenter Kuri babylon-freefly.com


Gustavo Cabana

Kuri babylon-freefly.com


SUMMERFEST 2013

Skydive Chicago’s Chicago Summerfest boogie had a little bit of everything this year. The week began with a Freak Brother Reunion along with 44-ways organized by Roger Ponce de Leon and TJ Hine. Hine Lots of jumpers came out to see friends from years past and meet new ones while the Twin Otter formation loads turned two and three-point sequentials in the Ottawa skies. The reunion culminated with a banquet dinner on Saturday night followed by live music at the Tiki Hut and dancing until the wee hours of morning. Members of SDC Rhythm XP organized formation skydives all week for every skill level. Mikhail Markine took a turn at organizing advanced groups of 12+ people, while Steve and JaNetteLefkowitz rotated days of organizing small groups as well as larger sequential dives. dives Other fun RW organizers included SDC locals Eric Bambach, Brian Holtz, and Shannon Sweet. Freefliers really kicked it up a notch at this year’s Summerfest. Simon Bones, Bones Ryan Risberg, Risberg Aaron Necessary, Necessary and Tom Baker led the charge by organizing ball jumps, angle dives, sitfly speed stars, head-up and mixed bigways, and pylon races to name a few. Partway through the week, the group put together a successful 15-way head-up Illinois State Record – they even nailed it on their first attempt! Zach Sabel and Jordan Lamach from SkyVenture Colorado were also tearing up during Summerfest, organizing beginner to intermediate level freefly jumps as well as coaching freefliers throughout the boogie. As usual, the SkyVenture CO boys ended the week awarding three lucky jumpers with free tunnel time. The freeflying scene also included a Woman’s Vertical World Record skills camp led by Melissa Nelson. Nelson Over twenty rocking ladies flew in the camp working from exit to breakoff on the skills they will need for the world record jumps coming up in November.

Norman Kent Production


Randy Swallows

Greg Drogaline led a crew of wingsuit organizers throughout the boogie, too, and included a wingsuit docking skills camp for three days. The camp allowed flyers to hone in on their proximity and docking skills with the help of baton pass jumps and other fun docking drills. Jumping is only part of the fun during Summerfest. When the sun goes down, the party cranks up with live music every night and tons of fun nighttime games and activities to keep everyone entertained. This year, the team at SDC added a belly flop contest, disgusting eating contest, and multiple themed parties to the mix as well as a parkour show, and the always popular film fest. The week wrapped up with perfect weather Saturday and Sunday and an epic fireworks show and UFO jump Saturday night. Skydive Chicago would like to thank all of the organizers, vendors, pilots, and jumpers who came out and made this Summerfest incredibly memorable. Randy Swallows


Norman Kent Production

E’ stato organizzato un pò di tutto al Summerfest boogie di quest’anno a Skydive Chicago. Chicago La settimana è iniziata con la Freak Brother Reunion con lanci a 44 way organizzati da Roger Ponce de Leon e TJ Hine. Hine Tanti paracadutisti sono arrivati per ritrovare gli amici degli scorsi anni e per incontrarne di nuovi, mentre le formazioni lanciate dai Twin Otter giravano due o tre punti sequenziali nei cieli di Ottawa. La Reunion si è chiusa Sabato con un banchetto, seguito da musica dal vivo presso il Tiki Hut e balli fino alle prime ore del mattino. I membri degli SDC Rhythm XP hanno organizzato lanci in formazione per tutta la settimana e per ogni livello. Mikhail Markine ha organizzato i lanci di gruppi più esperti con formazioni a 12 e più elementi, mentre Steve e JaNetteLefkowitz hanno alternato giornate in cui organizzare piccoli gruppi alle grandi formazioni sequenziali. Altri divertenti organizzatori locali per l’RW erano Eric Bambach, Brian Holtz e Shannon Sweet. I Freeflier si sono davvero divertiti quest’anno al Summerfest. Simon Bones, Bones Ryan Risberg, Risberg Aaron Necessary e Tom Baker li hanno impegnati organizzando ball jump, salti angolati, sit-fly speed star, bigways head-up e misti, pylon race solo per ricordarne alcuni. Durante la settimana il gruppo ha stabilito il Record di head up a 15 elementi per lo stato dell'Illinois, ci sono riusciti al primo tentativo! Zach Sabel e Jordan Lamach di SkyVenture Colorado


hanno partecipato al Summerfest, organizzando lanci di freefly per principianti e di livello intermedio, nonché freefly coaching per tutto il boogie. Come al solito, i ragazzi di SkyVenture hanno chiuso la settimana regalando a 3 fortunati paracadutisti delle sessioni di tunnel. Per il Freefly c’èra anche lo skill camp per il Woman’s Vertical World organizzato da Melissa Nelson. Nelson Oltre venti ragazze hanno partecipato al camp allenandosi dalle uscite ai fine lavoro, affinando le abilità di cui avranno bisogno durante i lanci del record mondiale di novembre. Greg Drogaline ha guidato una squadra di organizer per le tute alari durante tutto il boogie, incluso un wingsuit docking skill camp su tre giorni del Summerfest. Il camp ha dato l’opportunità ai partecipanti di perfezionare le loro abilità nel volo in formazione e in presa,


Norman Kent Production

con l’aiuto di un testimone da passarsi durante i lanci e altri divertenti esercizi in presa. I lanci sono solo una parte del divertimento durante il Summerfest. Quando il sole va giù, inizia la festa con musica dal vivo ogni sera e tantissimo divertimento, giochi notturni e attività per intrattenere tutti. Quest'anno, il team di Skydive Chicago ha aggiunto un belly flop contest, la gara di cibi disgustosi e tante feste a tema, così come uno spettacolo di parkour e il famoso film festival. La settimana si è conclusa con condizioni meteo perfette per il Sabato e la Domenica, e con un grandioso spettacolo pirotecnico e UFO jump il Sabato notte. Skydive Chicago desidera ringraziare tutti gli organizzatori, le aziende, i piloti e i paracadutisti che hanno partecipato e reso questo Summerfest devvero memorabile.


Norman Kent Production


Campionati Italiani 2013 Elena Piva

I PANIK, PANIK Skydiving Team di Terni: Loris Antonelli, Danilo Pallottini, Daniele Pantano, Massimiliano Piccolo e Massimo Ruggiero (video) hanno conquistato il titolo di Campioni Italiani nella Categoria Rookie, Specialità FCL 4. La stagione agonistica della squadra si è chiusa con un importante e prestigioso risultato. Il Team, che si è costituito soltanto lo scorso anno, è stato capace di una escalation significativa iniziata con la medaglia di bronzo ad un solo punto dalla medaglia d'argento, ai Campionati Italiani del 2012 disputatisi a Fano e proseguita poi con la conquista della medaglia d'argento lo scorso Aprile al World Challenge, gara internazionale del Tunnel di Bedford. Un risultato impensabile nel momento in cui si è deciso di formare la squadra, nata dalla grande passione per il paracadutismo che ci accomuna, un risultato gratificante poiché frutto di grandi sacrifici, di grande impegno e dedizione per migliorare e migliorarsi. I Panik rivolgono un ringraziamento a tutti coloro che hanno sostenuto questo progetto, ai familiari sempre vicini e primi tifosi, al Presidente dell'Associazione Nazionale Paracadutisti d'Italia Sezione di Terni Luciano Pucci, di cui gli atleti sono membri, all'instancabile Team Manager Maurizio Spadini, all'accompagnatore Tonino Zedde.

FCL 4 ROOKIE 1) Panik 2) Gamblers Venice 3) ZeroOttoCinque FCL 4 ESORDIENTI 1) Stand By 2) Delta Team 3) C4 BFU


Karlo

PRECISIONE IN ATTERRAGGIO A SQUADRE 1) Esercito1 2) Esercito2 3) Carabinieri STILE 1) Tresoldi 2) Squadrone 3) Conga COMBINATA 1) Tresoldi 2) Conga 3) Cardinali

Karlo


Piero Tanda

FORMAZIONI A PARACADUTE APERTO 1) Black Kite1 2) Etruria 3) Black Kite2 Non nascondo che era un mio sogno scrivere l'articolo sui campionati Italiani per 90percent (e questo perché solitamente lo fa la squadra vincitrice) ma mai avrei pensato di scrivere un articolo di una gara non disputata! Come noto, infatti, quest'anno le Discipline Artistiche, Artistiche e in particolare il Freefly non si sono disputate per mancanza di squadre iscritte. Cosa dire, rabbia e delusione sicuramente sono state le sensazioni che mi hanno accompagnato nei giorni successivi alla notizia, ma una domanda mi martellava continuamente la testa "Come c***o è possibile che in tutta Italia non ci siano 12 freeflyer che vogliono competere???" Le risposte potrebbero essere tante: non c'è tempo, la FAI costa troppo, è un impegno... E si potrebbe andare avanti con le scuse, ma quello che ci stiamo dimenticando è il segno che ti lascia un'esperienza come quella dei Campionati Italiani. Italiani Qui mi rivolgo sopratutto ai giovani paracadutisti che, forse per timore, non provano un'esperienza agonistica o pensano sia più fico fare fun jump. Ragazzi la competizione è fun jump!!! Ricordo la mia prima gara alla Vertical Fly Cup, avevo 150 salti, mentre salivo in aereo mi ripetevo "non sono fatto per le gare" ma poi, a vela aperta, sentivo la convinzione di poter far meglio al lancio successivo e l'adrenalina che hai SOLO quando pratichi uno sport a livello agonistico. agonistico Fare 20 salti con chi è disponibile in campo, e 20 salti con le stesse persone che puntano al tuo stesso obbiettivo, ha la stessa valenza sul libretto, ma non come crescita sul piano lancistico. Provare per credere! Voglio ringraziare la squadre che avrebbero voluto gareggiare, tutte le persone che ci hanno supportato e sopratutto sopportato, un ringraziamento particolare a Luca Rosa coach insostituibile, alla nostra home drop zone e unico sponsor Skydive Venice un centro dove il paracadutista non è solamente un ticket per riempire un decollo di tandem, ringrazio la mia famiglia e la mia fidanzata per il supporto che non mi ha mai fatto mancare, ringrazio la forza di gravità e mia mamma per avermi fatto così freeflyer!!! Enrico Marangon aka BrainLock


Elena Piva

FCL 4 ASSOLUTI 1) eX3MO 2) Pete Bull 3) Evolution eX3MO e 144 di Ivan Quadrio Tanquilli non è il numero di un telefono erotico, ma solo la sequenza di piazzamenti che in questi ultimi giorni abbiamo collezionato. Circa un mese fa, infatti, gli eX3MO partivano chi da casa chi da qualche DZ per ritrovarsi ancora una volta insieme a Fano per uno stage di 4 giorni messo a disposizione dell’Aero Club Italia. Allenamento in vista della partecipazione alla Coppa del Mondo in programma a metà Agosto, una settimana dopo lo svolgimento dei Campionati Italiani ad Arezzo . L’affluenza delle squadre di relativo quest’anno ai C.I. è leggermente calata rispetto l’anno precedente, un periodo non congeniale (l’ultima settimana di Luglio) e il costo della licenza FAI ancora troppo elevato e non alla portata di tutti, hanno messo un fermo a chi comunque avrebbe voluto partecipare, facendo anche un piccolo sacrificio. Comunque a partecipare ai Campionati Italiani 2013 c’erano 3 squadre di Rookie, 4 squadre di Esordienti e 7 squadre di Assoluti. La vittoria nella categoria Rookie è andata meritatatmente ai PANIK, team di Terni, squadra ormai consolidata che da due anni partecipa a gare nazionali e internazionali.


Secondo posto per GAMBLERS VENICE e terzo posto per la squadra 085 Pescara (l’unica squadra composta interamente da atleti i quali non avevano mai prtecipato ad un campionato prima di quest’anno). Nella categoria Esordienti gli STANDBY Cremona non hanno avuto rivali, infatti hanno dominato la classifica dall’inizio alla fine della gara. La battaglia per il secondo e terzo posto ha visto i DELTA TEAM di Casale Monferrato aggiudicarsi l’argento dopo un bel duello conclusosi con 4 punti di vantaggio sui C4 BFU di Reggio Emilia. Categoria Assoluti: Assoluti eX3MO primi con una media di 18,5 punti leggermente inferiore alle aspettative. I 150 punti finali dopo le 10 manche di gara fanno salire sul gradino n° 2 del podio il team PETE BULLS Cumiana, terzi a 12 punti di distanza gli storici EVOLUTION CREMONA che fino all’ulltmo lancio hanno lottato per guadagnarsi il 3° posto contro gli ENERGY team. E dopo?.... cosa è successo??? È sucesso che gli eX3MO Nazionale Italiana in carica si è messa in macchina e ci siamo fatti la bellezza di 1800 km (A/R) per raggiungere la città Banjaluka, Bosnia. All’arrivo i 42 gradi e un vento caldissimo ci hanno un pà spiazzato, uno scenario decisamente diverso da quello dell’ultima gara internazionale che ci ha visto coinvolti ci ha lasciato “leggermente“ a bocca aperta… la caserma forse in disuso (non si capiva bene) che ha ospitato la Coppa del Mondo non era, come dire, molto accogliente. Ci siamo ritrovati di fronte il nostro vecchio amico Let410, Let410 lo stesso aereo che l’anno scorso ci ha visto coinvolti con l’incidente a Paci quando, durante una manche di gara, è rimasto impigliato ad un piccolo gancio durante un’uscita. Vi lascio immaginare qual’è stata la prima cosa che abbiamo fatto… no niente gesti scaramantici ma solo un approfondito controllo a tutta la struttura della porta. 20 salti (VENTI SALTI contro le centinaia degli altri team) di ambientamento nei giorni precedenti alla gara ci hanno messo in condizione di provare diverse uscite e di trovare un buon feeling tra noi e l’aereo. La Gara: Gara durata 4 giorni è stata una gara dove ha visto alla fine vincitori gli Hayabusa, leader incontrastati dalla prima alla 10 manche. Secondi degli incredibili Russi che con delle ingegnerie di salto incredibili hanno segregato al 3° posto la neo squadra Francese. Noi medaglia di legno con un ottimo 4° posto, posto la soddisfazione di avere in qualche manche dato qualche punto ai primi 3 e la soddisfazione di esserre stati lì vicino a loro in qualche altra manche. La storia è sempre la stessa: loro professionisti che fanno solo quello, Russi 300 salti da Aprile ad Agosto, Francesi 250/300 salti come sopra, Hayabusa circa 200 salti da Maggio. Noi 70 salti e solo 20 da un aereo con porta a sinistra. Ma va bene cosi, avremmo potuto anche non farne quindi meglio 20 che niente meglio 70 che 50 e con questa filosofia abbiamo deciso di attaccare subito, il più possibile nelle prime manche e dimostrare a tutti che anche noi avremmo potuto dire la nostra. La gara per noi è stata comunque fatta di alti e bassi, troppi pochi salti per rendere costante una performance ottimale. In qualche manche abbiamo percepito parecchia energia e anche senza avere il riscontro dei giudici sapevamo che il punteggio sarebbe stato buono, molto vicino ai top team. Alla fine, comunque, grandissima soddisfazione anche se l’estrazione dei lanci di gara (una delle estrazioni ufficiali con più inversioni, ben 6 manche su 10) ha abbassato la media finale con cui avremmo voluto concludere la stagione, 18,3 contro i 20 prefissati. Appena finita la 10 manche, durante il giudizio finale che ufficializzava il nostro 4° posto, abbracci sorrisi e birre tra noi non si facevano desiderare e dopo tanta tensione finalmente la gioia di aver regalato ancora una volta al nostro piccolo ma grande paese una bella soddisfazione. Sentire il calore di tutti voi tifosi appassionati ha dato a noi un grande stimolo e di questo ve ORGOGLIO” ! ne saremo sempre grati. La parola chiave di questa gara per noi è stato “ORGOGLIO Abbiamo iniziato la gara abbracciandoci tutti insieme in un unico cerchio, guardandoci negli occhi… gli stessi occhi che nello stesso cerchio dopo la 10 manche erano pieni di lacrime. GRAZIE ANCORA eX3MO UN ALTRO VIAGGIO E’ STATO FATTO E ALTRI RICORDI INDELEBILI SONO DENTRO DI NOI!

144: 1° CAMPIONATI IALIANI 2013 4° COPPA EUROPA 2013 4° COPPA DEL MONDO 2013


World Cup and European Championships 2013

Bosnia was a great meet, I think many people did not know what to expect from the once wartorn country. Once the epic journey, filled with many border crossing stories was done Baja Luka was like a little Balkan oasis. Friendly people greeted skydivers from around the globe and welcomed them with open arms. Upon arrival to the dz, it was great to see a well organized meet. The classic tent village from all the nations was laid out on the rather large dz. The Artistic Disciplines jumped from a Pilatus Porter and the rest of the disciplines from a Turbo Let. The competition jumps begun on the wed 14 and the artistic disciplines were done by friday 16. It was great to see the jumps from all of the teams. In Freefly the Norwegians (Beserk Freefly) had a supa clean, flowing routine, the Russians had an innovative routine with a few very interesting moves, the French had a clean, technical jump with a touch of freestyle! The final results were France Gold, Russia Silver and Norway Bronze. In Freestyle France stole the show by securing all three places on the podium. AkroBabylon Gold, Solaris Silver, Gymnasky Bronze. A special mention to Yohann Aby from AkroBabylon and ThreeStyle as he became the the first ever competitor to win in freesyle and freefly in the same meet. Yo you are a f***ing machine!!!! I think the thing I will take away from the meet was the experience of a great competition and the memories of a few good nights out in a place that I would never have expected to have such a good time. I wont forget the great Italian restaurant "Leonardo" just outside our hotel where we wined and dined every night, best food in town and the bill was never more then â‚Ź10! Neither will I forget all the local kids asking for our autographs, or the two kids who escorted us 2km back to the dz after an outlanding. Another awesome adventure with great people in an interesting place. Thank you to all the organization competitors and all the supporters who helped make it a successful meet. by Will Penny

FREEFLY 1) France 2) Russia 3) Norway FREESTYLE 1) France1 2) France2 3) France3

Juan Mayer


In Bosnia c’è stata una bella competizione, credo che tante persone non sapessero cosa aspettarsi da questo paese un tempo dilaniato dalla guerra. Una volta terminato il lungo viaggio, attraverso tante storie e tante linee di confine, Baja Luka è stata come una piccola oasi balcanica. Gente amichevole ha accolto a braccia aperte i paracadutisti da tutto il mondo. All'arrivo in drop zone è stato bello vedere che tutto era ben organizzato: il classico villaggio di tende per tutte le nazioni era stato disposto sulla vasta area dell’aeroporto. Le Discipline Artistiche hanno saltato da un Pilatus Porter, le altre discipline dal TurboLet. I lanci di gara sono iniziati Mercoledì 14 Settembre, le discipline artistiche hanno iniziato da Venerdì 16. E’ stato bello vedere i lanci di tutte le squadre. Nel Freefly i Norvegesi (Beserk Freefly) avevano una libera davvero pulita e fluida, i Russi una libera innovativa con alcuni movimenti molto interessanti, i Francesi hanno portato un lancio pulito e tecnico con un tocco di freestyle! I risultati finali sono stati Francia Oro, Russia Argento e Norvegia Bronzo. Nel Freestyle la Francia ha rubato la scena, garantendosi tutti i tre gradini del podio. AkroBabylon Oro, Solaris Argento, Gymnasky Bronzo. Una riconoscimento speciale va a Yohann Aby degli AkroBabylon e ThreeStyle, è stato il primo atleta della storia a vincere nel Freesyle e Freefly durante la stessa competizione. Yo sei una fo***ta macchina!!! Penso che di questo evento non dimenticherò mai l'esperienza di una grande competizione e i ricordi di un paio di nottate in un luogo in cui non mi sarei mai aspettato di poter trascorrere dei bei momenti. Mi dispiacerebbe dimenticare l'ottimo ristorante italiano "Leonardo", appena fuori il nostro hotel, dove abbiamo bevuto e cenato ogni sera, il cibo migliore in città e il conto non è mai stato superiore ai 10 €! Né dimenticherò tutti i bambini del posto che chiedevano i nostri autografi, o due bambini che ci hanno riaccompagnato per due chilometri alla dz dopo un fuoricampo. Un'altra avventura impressionante con belle persone in un posto interessante. Grazie a tutti i concorrenti, all'organizzazione e a tutti i sostenitori che hanno contribuito a rendere questa gara un successo. di Will Penny

4 Way VFS 1) United Arab Emirates 2) France 3) Norway

We've met the French Team 4 Speed twice in the last year, once at the Mondial where we lost by 7 points, and once at the Paraclete tunnel competition, where we lost by 9 points. Since the Mondial, Nexus has changed one player. Rob Jones went from Nexus to the Maktoum freefly team, and Derek Cox came from Maktoum and joined Nexus. After the Paraclete comp, Team 4 Speed also changed a player, and asked Cathy Bouette to join their team. The World Cup is the first competition between us since that change. Nexus started out strong, jumping out to a lead that we never lost. The biggest point difference came during round 4, a very technical dive, where Nexus outscored 4 Speed by 5. We held on through some very strong last couple rounds from them, eventually winning by 9 points. It was great for us to meet them again, have a strong competition, and be able to prevail against them for the first time. We're looking forward to seeing them again soon at the US Nationals in Chicago, as well as the upcoming 4th DIPC (Dubai International Parachuting Championship) in Dubai, UAE. If possible, we want to say a big Thank You for the tremendous level of support we receive from our sponsor Skydive Dubai and His Highness Sheik Hamdan Bin Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, as well as other sponsors Vertical Suits, Larsen & Brusgaard, Mirage Systems, and InFlight Dubai. by Jason Russell


Juan Mayer

Abbiamo incontrato i Francesi Team 4 Speed due volte nell'ultimo anno, una volta ai Mondiali, dove abbiamo perso per 7 punti e una volta alla gara al Paraclete wind tunnel, dove abbiamo perso per 9 punti. Dai Mondiali i Nexus hanno sostituito un loro membro, Rob Jones è passato dai Nexus al team di freefly dei Maktoum e Derek Cox proveniente dai Maktoum si è unito ai Nexus. Anche i Team 4 Speed, dopo la gara la Paraclete, hanno sostituito un componente, chiedendo a Cathy Bouette di entrare in squadra. La Coppa del Mondo è stata la prima competizione che abbiamo disputato dopo questi cambiamenti. I Nexus hanno iniziato in modo deciso, prendendo la testa della classifica e senza mai perderla. La differenza più grande nel punteggio si è verificata al 4° round, un lancio molto tecnico, dove i Nexus hanno distanziato i Team 4 Speed di 5 punti. Nonostante nei loro ultimi round siano andati molto forte abbiamo resistito, alla fine vincendo con 9 punti di vantaggio. E’ stato fantastico per noi incontrarli di nuovo e disputare una bella e combattuta gara, riuscendo a prevalere su di loro per la prima volta. Non vediamo l'ora di gareggiare con loro ancora a breve durante gli USA Nationals a Chicago, così come alla prossima quarta edizione del DIPC (Dubai International Parachuting Championship) a Dubai, Emirati Arabi. Se possibile, vogliamo dire un grande Grazie! per il grandissimo supporto che riceviamo dai nostri sponsor Skydive Dubai e Sua Altezza lo Sceicco Hamdan Bin Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, così come degli altri sponsor Vertical Suits, Larsen & Brusgaard, Mirage Systems e InFlight Dubai. di Jason Russell


Danny Jacobs

FS 8 Way 1) France1 2) Russia 3) France2 FS 4 Way Female 1) France 2) USA 3) Great Britain FS 4 Way 1) Belgium 2) Russia 3) France

The World Cup and European Championship was held in Banja Luka, a city in Bosnia and Herzegovina. The dropzone is an old Military airfield outside the city borders. The organisation brought in two TurboLets and two Pilatus Porters to run the show. Luckily the weather was cooperating during the whole event, with temperatures rising above 35 degrees and mostly blue skies. There were 16 teams competing in 4-way open, 10 teams in the female and 4 teams the 8-way event. Expectations were that NMP PCH Hayabusa (Belgium) would win the 4-way event, event the French National team the 8-way event, and most people expected that the Golden Knights (USA) would take the victory in the female class. The 4-way open didn’t bring any real surprises. Hayabusa won the meet with a lead of 30 points on team Barkli (Russia) and 46 points on the new National team of France. The French team did replace two members after the World Meet in Dubai and are ‘under construction’. The relatively new guys don’t have the experience level and skills yet as the old members, but our expectations are that they will learn quickly and that for the next round in Dubai (Golf Cup) they will be closing the gap step-by-step. The Russian team showed also some good jumps and great skills. The only top-team missing at this year World Cup was Arizona Airspeed (USA). Hayabusa finished the Meet with a 26,7 average and we are quite happy with the results regarding circumstances. We couldn’t train this year before the middle of May and due to bad weather in Europe we just managed to do 250 training jumps before going into this Meet. Our biggest objective was to try to have as less busts as possible. Leaving with 3 busts in total, we are on the right track.


For the 8-way it was very clear who would go home with the gold medals. Nobody could touch the French National Team. Team The Russians took the silver medals and the new line-up from the French team would take the bronze medals. But the girls brought up a great show! show The Golden Knights (USA) competed with the same line-up as during the World Meet in Dubai, the French girls replaced two members and most people thought it would be a walk in the park for the Knights. But it had all the drama that can be created in a Formation Skydiving competition and more. It was as far back as at the World Meet 2003 in Gap when the race for the gold medal required a jump-off round, which still did not break the tie. The highest score of the meet then counts to determine the winner. The French 27-pointer in Round 2 turned out to be the winner of the competition when the two teams could not break the tie in Round 11. Most teams will have a re-match during the Dubai Gulf Cup, in December 2013. Lets hope we will see some more of those hard battles and meanwhile keep training hard! by Roy Janssen Facebook: FS coaching Roy Janssen

Danny Jacobs

La Coppa del Mondo e il Campionato Europeo si sono disputati a Banja Luka, città della Bosnia-Erzegovina. La zona lancio è un vecchio aeroporto militare nella periferia della città. L'organizzazione ha messo a disposizione per lo spettacolo due TurboLet e due Pilatus Porter, per fortuna il meteo è stato buono durante tutta la manifestazione, con temperature superiori ai 35 gradi e il cielo azzurro. Per le Formation Skydiving 4 way c'erano 16 squadre in gara, 10 squadre nella categoria femminile e 4 squadre a 8 elementi. Le aspettative erano che gli NMP PCH Hayabusa (Belgio) vincessero nelle FS 4 way, way la Nazionale Francese l’otto e quasi tutti pensavano che le Golden Knights (USA) avrebbero vinto nella categoria femminile. Le FS 4 way non ha avuto grandi sorprese, gli Hayabusa hanno vinto la gara con un vantaggio di 30 punti sulla squadra Barkli (Russia) e 46 punti sulla nuova Nazionale Francese. Il team Francese ha sostituito due membri dopo il Mondiale di Dubai e sono 'under construction'.


I relativamente nuovi ragazzi non hanno ancora il livello di esperienza e di abilità dei vecchi membri, ma ci aspettatiamo che impareranno velocemente e che per la prossima competizione a Dubai (Golf Cup) colmeranno il divario passo dopo passo. La squadra Russa ha dimostrato grandi capacità in alcuni salti molto buoni. L'unico top-team che mancava a questa Coppa del Mondo erano gli Arizona Airspeed (USA). Gli Hayabusa hanno chiuso la gara con una media di 26,7 e siamo abbastanza soddisfatti del risultato considerando tutte le circostanze. Quest’anno non siamo riusciti ad iniziare gli allenamenti prima della metà di Maggio e a causa del maltempo in Europa siamo riusciti a fare solo 250 salti prima di questa competizione. Il nostro più grande obiettivo è stato quello di cercare di avere meno penalità possibile. Avendo fatto segnare un totale di 3 penalità possiamo dire di essere sulla strada giusta. Per l'8 8 way è stato subito chiaro chi sarebbe andato a casa con le medaglie d'oro. Nessuno poteva eguagliare la squadra Nazionale Francese. Francese I Russi hanno conquistato le medaglie d'argento e la nuova formazione Francese si è aggiudicata le medaglie di bronzo. Ma le ragazze hanno dato un grande spettacolo! spettacolo Le Golden Knights (USA) in gara con la stessa formazione dell’ultimo Mondiale a Dubai e le ragazze Francesi con due nuovi membri: la maggior parte delle persone pensava che per le Americane sarebbe stata una passeggiata. Ma invece c’è stato tutto il dramma che si può vivere solo in una gara di Formation Skydiving. E’ lontano il Campionato del Mondo 2003 a Gap, quando per assegnare la medaglia d'oro è stato necessario un lancio di spareggio che non riuscì, però, a far decretare un vincitore. Il più alto punteggio segnato in gara è stato preso per determinare la vittoria. I 27 punti delle Francesi al 2° round hanno determinato a chi andasse l’oro dopo che le due squadre sono rimaste in parità pur avendo disputato l’11° Round. La maggior parte dei team avranno una rivincita durante il Dubai Gulf Cup, il prossimo Dicembre. Speriamo di assistere ancora a queste gare combattute e nel frattempo continuiamo ad allenarci duramente! di Roy Janssen Facebook: FS coaching Roy Janssen

Danny Jacobs


Danny Jacobs


SuperFly Indoor Skydiving in Slovakia!

Early in the summer, a new attraction in the Tatralandia Aquapark was opened, a unique Indoor Skydiving simulator Superfly Tatralandia. Tatralandia Superfly wind tunnel works on the principle of vertical airflow overcoming earth attraction in the simulator. The heart of the simulator consists of a flight chamber 4.3 metres in diameter and 14 metres high with 5 metres of that height glassed. Many new technologies were used in construction of the tunnel, for example just the fan motors required for the airflow have a total output of no less than 1420 kW and, therefore, a separate transformer station had to be built. The entire simulator equipment is quite large, it is approximately 28 metres high and 30 metres wide just to make the weightless condition really comparable to the real one. These dimensions of the structure would impair the overall appearance of the environment and, therefore, around 14 metres of the structure were buried in the ground, which required intensive excavation works. Final height of the building that can be seen above the ground comprises a bit more than a half of the entire simulator and does not exceed 17 metres. 12 major suppliers took part in the construction itself, 3 000 m3 of concrete and 128 t of steel structures were used and total investments reached EUR 5.3 million. The investor for the project was the company SUPERFLY TUNNEL s.r.o. doing business in the area of tourism with focus on sport and entertainment. In addition to Superfly Tatralandia, they also operate equal simulator in Prague – Skydive Arena.

www.superfly.sk


SuperFly Indoor Skydiving in Slovacchia!

All'inizio dell'estate è stata aperta una nuova attrazione nel Tatralandia Aquapark, un Wind Tunnel per Indoor Skydiving, il Superfly Tatralandia (Slovacchia). Il cuore di questo nuovo Wind Tunnel è costituito da una camera di volo con un diametro di 4,3o metri e un’altezza 14 metri di cui 5 metri in vetro. Molte nuove tecnologie sono state utilizzate per la sua costruzione, per esempio solo i motori necessari per creare il flusso d'aria hanno una potenza totale di non meno di 1420 kW e, quindi, è stata realizzata separatamente una cabina elettrica con un trasformatore. L'intera struttura del tunnel è piuttosto grande, è alta approssimativamente 28 metri e larga 30 metri, solo per poter ricreare le condizione di assenza di peso e di volo davvero paragonabili a quelle reali. Queste dimensioni della struttura sarebbero state troppo invasive per l’aspetto dell'ambiente circostante, quindi, circa 14 metri sono stati interrati, questo ha richiesto degli scavi intensivi. L’altezza finale dell'edificio, che si vede dalla strada, è di poco superiore alla metà dell'intera struttura e non supera i 17 metri. Dodici ditte fornitrici hanno preso parte alla costruzione del tunnel, sono stati utilizzati 3.000 m3 di calcestruzzo e 128 tonnellate di strutture in acciaio, la somma totale degli investimenti ha raggiunto i 5,3 milioni di euro. L'investitore del progetto è la società SUPERFLY TUNNEL sro il cui business è nel settore del turismo con particolare attenzione allo sport e al divertimento. Oltre a Superfly Tatralandia, la società opera anche per un simile wind tunnel a Praga, lo Skydive Arena.

www.superfly.sk


1

Milano

2 5

3 4 6

7

Firenze

8

9

10

Roma

11

13

12

14


1) Accademia di Paracadutismo Aeroporto Cappa SS.31 per Alessandria 15033 Casale Monferrato (AL) Tel (+39) 333 6945488 info@accademiaparacadutismo.it www.accademiaparacadutismo.it facebook: Accademia Italiana di Paracadutismo

2) Sky Team Cremona Aeroporto Migliaro via Bergamo 710 26100 Cremona Tel (+39) 335 6494020 - 335 5388508 www.skyteamcremona.it facebook: Sky Team Cremona

3) Scuola Paracadutistica Veronese Aeroporto Boscomantico 37139 Verona Tel: (+39) 045 565332 - 329 2286808 paracadverona@tiscali.it facebook: Skydive Verona www.paracadutismoverona.it

4) ASD Skydive Venice (ex skydive salgareda) Strada provinciale 59, San Stino di Livenza - Caorle (VE) Tel (+39) 349 5420500 info@skydive-venice.com www.skydive-venice.com facebook: Skydive Salgareda 5) BFU Aeroporto di Reggio Emilia via dell’Aeronautica 42100 Reggio Emilia Tel (+39) 331 8872114 - 348 8714400 info@bfu.it www.bfu.it facebook: BFU dropZone 6) Moli DropZone via Madonna Bottarda 1 40062 Molinella (BO) Tel (+39) 348 4065874 - 348 4065875 flygang@libero.it www.moli-dzone.com facebook: Flygang Moli D-Zone

7) Skydive Pull Out Ravenna Aeroporto di Ravenna via Dismano 160 48124 Ravenna Tel (+39) 3487606262 fax 0544497899 facebook: Pull Out Ravenna info@pullout.it www.pullout.it

8) SP Etruria Arezzo Aeroporto “Col. Pil. Bartolini” via F. Baracca 52100 Arezzo Tel 800178776 - (+39) 331 6893989 Fax 0575 042069 info@paracadutismoarezzo.it www.paracadutismoarezzo.it facebook: Paracadutismo Etruria Arezzo

9) Skydive Fano AS Alimarche Aeroporto di Fano V.le Mattei 50 61032 Fano (PU) Tel (+39) 335 7033318 Fax 0721 8238801 info@skydivefano.com www.skydivefano.com facebook: Skydive Fano

10) Fly Zone Fermo - Atmonauti home Aviosuperficie del Fermano c.da San Marco 63023 Fermo (FM) Tel (+39) 320 4918000 Fax 0734 642156 www.paracadutismo.com info@paracadutismo.com facebook: Fly Zone Fermo 11) CrazyFly Nettuno Aviosuperficie Arma via delle Grugnole Loc. Tre Cancelli Nettuno (Roma) Tel 06 98850024 facebook: Quelli del Crazy Fly www.paracadutismonettuno.it

12) Skydive Sardegna Aviosuperficie del Parteolla 09040 Serdiana - Cagliari Strada Statale 387 km 22.900 Tel (+39) 328 1011233 Fax 1782275697 www.skydivesardegna.it info@skydivesardegna.it facebook: Skydive Sardegna 13) Scuola di Paracadutismo ANPd’I Salerno Casella Postale 183 84100 Salerno Tel (+39) 329 6343287 - 0828 51024 facebook: Skydive Salerno www.skydivesalerno.com

14) AS Sunflyers Tel (+39) 338 2941236 renato@sunflyers.it www.sunflyers.it fecebook: Sunflyers - Paracadutismo in Sicilia


Airki X Basingstoke

Airkix Indoor Skydiving is announcing the opening of its third UK wind tunnel in Basingstoke, Basingstoke Hampshire. Following the introduction of the first tunnel in Milton Keynes in 2005 and Manchester in 2009, Basingstoke is a key strategic location for the brand as it seeks to introduce the South of England to an experience already enjoyed by some 100,000 customers each year. The 14 ft (4.3 mt) diameter, super-smooth wind tunnel for indoor skydiving takes pride of place, but the centre also features additional activities designed for added visitor appeal. All Airkix tunnels are manufactured by American company SkyVenture, SkyVenture with Basingstoke being the 29th tunnel to be made by the company. The idea of flying indoors where the airflow is brought to customers was first tried by the American Military in 1964. In 1982 two vertical wind tunnels opened, one in Tennessee and the other in Las Vegas. The first SkyVenture tunnel opened in Orlando, Florida in 1998. Over five million people worldwide have flown in a SkyVenture manufactured tunnel. Airkix Indoor Skydiving ha annunciato l'apertura della sua terza galleria del vento nel Regno Unito a Basingstoke, Basingstoke Hampshire. Dopo la costruzione del primo tunnel a Milton Keynes nel 2005 e Manchester nel 2009, Basingstoke è in una posizione strategica, fondamentale per l’azienda che cerca di portare nel sud dell'Inghilterra l’esperienza del volo nel tunnel che sperimentano circa 100.000 clienti ogni anno. Con il suo diametro di 14 piedi (4,30 metri), questo wind tunnel con un flusso davvero consistente e pulito è l’attrazione principale, ma il centro dispone anche di attività aggiuntive progettate per un maggior divertimento dei visitatori. Tutti i tunnel Airkix sono prodotti dalla società americana SkyVenture, SkyVenture Basingstoke è il 29° tunnel costruito da questa società. L'idea di volare al chiuso dove il flusso d'aria viene ricreato per gli utilizzatori è stato studiato dai militari Americani nel 1964. Nel 1982 sono stati aperti due vertical wind tunnel: uno in Tennessee e l'altro a Las Vegas. Il primo tunnel SkyVenture è stato aperto a Orlando, in Florida, nel 1998. Oltre cinque milioni di persone in tutto il mondo hanno volato in un tunnel costruito da SkyVenture.



90percent numero 5 anno 2013