Page 1

THE ITALIAN-CANADIAN MAGAZINE MAILED & DISTRIBUTED IN THE GREATER MONTREAL AREA

LIVING ITALIAN STYLE

Rimini vous attend

A WORLD CUP WITHOUT ITALY

COVER: JACKIE LINA ALEXANDER JUNE / JULY 2018 • VOL.13 • NO.3


2017 ALFA ROMEO GIULIA AWD OUR PRICE: $46,903 LEASE BI-WEEKLY (51 months)

$289* WITH $0 CASH DOWN INCLUDES LEATHER & REMOTE STARTER

OR FINANCE STARTING AT $266 BI WEEKLY!

DISCOVER NOW * Promotion subject to change without notice

PICTURES FOR ILLUSTRATION PURPOSES ONLY

LIVE THE ITALIAN EXPERIENCE VIVEZ L’EXPÉRIENCE ITALIENNE 2018 ALFA ROMEO STELVIO TOUTES LES 2 SEMAINES AVEC $0 COMPTANT

299$* POUR UNE LOCATION DE 51 MOIS

VENEZ LA DÉCOUVRIR * Promotion sujet à changement sans préavis

PHOTO À TITRE INDICATIF SEULEMENT


CONTENTS JUNE / JULY 2018 VOL.13 NO.3 EDITORIAL

It Just Won’t Be the Same. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Semplicemente, non sarà la stessa cosa Sapore d’estate, sapore di sale . . . . . . . . . . . . . . . . . 12

LIFE & PEOPLE

Tribute to Anne Marie D’Amico . . . . . . . . . . . . . . . 14 Tributo ad Anne Marie D’Amico Laisser son entreprise en héritage : entrevue avec Alexandra Dawson . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 Lasciare la propria attività in eredità: intervista con Alexandra Dawson Project Protect : Combating human trafficking in Canada 22

Combattere il traffico di esseri umani in Canada Pina Arcamone : l’urgence d’agir . . . . . . . . . . . . . . . 24 L’urgenza di agire Melissa Kanfi-Davis: So you want to be Italian? . . . . 28 E quindi vuoi diventare italiano?

58

FOOD

Recipe: Grilled Shrimp Over Mediterranean-Style Salsa 30 Ricetta: Gamberi grigliati ricoperti di salsa in stile mediterraneo Recipe: Italian Potato Salad . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 Ricetta: Insalata di patate all’italiana

FASHION . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 LIVING ITALIAN STYLE . . . . . . . . . . . . . 36 DESIGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38

EDITORIAL

PUBLISHER & EDITOR • Tony Zara EXECUTIVE EDITOR • Adam Zara ASSOCIATE EDITOR • Pal Di Iulio TORONTO MANAGING EDITOR • Rita Simonetta MONTREAL MANAGING EDITOR • Marilena Lucci EDITOR-AT-LARGE • Gabriel Riel-Salvatore BUSINESS DEVELOPMENT &

RIMINI

Beach City . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 Città di mare

COMMUNITY AFFAIRS • Carole Gagliardi EDITORIAL ASSISTANT • Vittoria Zorfini

ART DEPARTMENT

Fellini’s Rimini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 La Rimini di Fellini Rimini’s Nightlife . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50 La vita notturna di Rimini

ART DIRECTION & GRAPHIC DESIGN Dave Ferreira

From Russia with Love (and Cash) . . . . . . . . . . . . . . 52 Dalla Russia con amore (e soldi)

PHOTOGRAPHY Giulio Muratori • Daniele Tomelleri Valeria Mitsubata • Luigi Pullano

WORLD CUP

Italy Out But Not Down . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 L’Italia è fuori ma non giù The Great Gigi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58 Il grande Gigi A World Cup Without the Azzurri . . . . . . . . . . . . . 60 I mondiali senza gli Azzurri Victor Montagliani: Soccer Reformer . . . . . . . . . . . 62 Riformatore calcistico

PROOF READERS Rossana Bruzzone • Jennifer Mancini Valentina Basilicata • Marie-Hélène L. Papillon

ARTS & CULTURE

Liana Carbone: Picture Perfect . . . . . . . . . . . . . . . . 64 Una cantastorie visiva Guido Basso: Hitting all the right notes . . . . . . . . . 66 Toccare i tasti giusti Massimo Meo: Leaving his mark on the film industry 68 Lasciare il segno su un film

ADVICE

Father Nicola Di Narzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70 Pasquale Artuso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71

EVENTS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72 We acknowledge the support of the Government of Canada

CONTRIBUTORS

Circulation audited by

TRANSLATORS Stefania Fenocchio • Francesca Pala Claudia Buscemi Prestigiacomo • Marco Florio Anders Jensen

ADVERTISING

ACCOUNT EXECUTIVES Anthony Zara Terry Marziliano

WRITERS

Graeme Carey • Erica Cupido • Danila Di Croce Sal Difalco • Tom DiNardo • Sylvia Diodati Alessia Sara Domanico • Nora Fahmi • Beatrice Fantoni Vanessa Gianfrancesco • Marisa Iacobucci Ayah Victoria McKhail • Julia Pennella • Salim Valji In this summer issue, we pay homage to famed Italian filmmaker Federico Fellini’s hometown of Rimini, a city of sun and sand. With the help of cover model Jackie Lina Alexander, we recreated the essence of la dolce vita, Italian-Canadian style. Photographed by Giulio Muratori. Hair and makeup by Monica De Las Casas Rosati. ON THE COVER

Distribution par / by

Printed by:

Publications Mail Agreement #40981004

9300 Henri-Bourassa West, suite 100, Montreal, Québec H4S 1L5 I Tel.: 514 337-7870 I Fax: 514 337-6180 I e-mail at: info@panoramitalia.com Legal deposit - Bibliothèque nationale du Québec / National Library of Canada - ISSN: 1916-6389


There is simply no better place to celebrate your special occasion at our newly renovated banquet hall. We at Sofia will provide you with unsurpassed comfort and style along with gastronomy and state of the art technology. Our personalized service and professional staff combines new-world innovation and old-world savoir-faire to ensure that your special day receives nothing less than the ultimate experience for you and your guests. Our expanded banquet hall can accommodate up to 750 guests in luxury and comfort. Come and create your life memories with us!

420 av Lafleur, Lasalle, QC

514-363-1333


8

EDITORIAL

IT JUST WON’T BE THE SAME Semplicemente, non sarà la stessa cosa Most of you don’t read this magazine expecting in-depth sports La maggior parte di voi non legge questa rivista aspettandosi dettagliati coverage. Though we never pretend to be experts, once every articoli sportivi. Pur non avendo mai preteso di essere degli esperti, two years, we like to look ahead to the upcoming World or Euro una volta ogni due anni ci piace anticipare i prossimi campionati MonCup, to give casual fans a run-down of what to expect. It’s a diali o Europei, per offrire ai tifosi occasionali una sintesi su i prossimi little different this time around. eventi. Ma questa volta sarà leggermente diverso. Many, including myself, will witness a World Cup without the Molti, me compreso, assisteranno per la prima volta a dei Mondiali Azzurri for the first time. For younger readers, it will be the first senza gli Azzurri. Per i giovani lettori, sarà il primo torneo interinternational tournament without Gianluigi Buffon in a starring role nazionale senza Gianluigi Buffon in un ruolo principale (il suo debutto (his debut was in 2002). è stato nel 2002). by / di ADAM ZARA We pay tribute to Italy’s longtime captain and keeper in In quest’uscita rendiamo omaggio al capitano e portiere di vecthis issue, and rather than the usual anticipatory look towards football’s chia data dell’Italia, e, piuttosto che fare le solite anticipazioni riguardo al grande greatest stage, we take a more introspective approach, as we wonder what palcoscenico calcistico, assumiamo un approccio più introspettivo, interrogandoci went wrong and suggest how to fix it. su cosa non abbia funzionato e suggerendo una soluzione. I’ve watched the Italian national football team play since the age of Guardo giocare la nazionale italiana di calcio dall’età di otto anni e le ho visto eight and have seen them lose exactly 10 tournaments. I’ve also enjoyed perdere per l’esattezza 10 campionati. Ho anche vissuto l’immensa gioia nel the utter joy of watching them win once – 12 years ago in Germany. vederla vincere una volta – 12 anni fa in Germania. One thing I’m certain about is that regardless of your knowledge or Una cosa di cui sono certo è che a prescindere dalla propria conoscenza o interest in the game the rest of the calendar year, you can still absolutely interesse verso questo sport durante il resto dell’anno, si può comunque perdere lose your mind when Italy is playing a do-or-die competitive match. No la testa quando l’Italia sta giocando una partita importante. Semplicemente non other experience elicits the same type of emotion. esiste altra esperienza che susciti un’emozione simile. And it’s not just a game. It’s what brings us together as a community. E non si tratta solo di una par tita. È ciò che ci unisce come comunità. È It’s what makes us pour into the streets by the thousands. It’s what makes ciò che ci fa riversare per strada in migliaia. È ciò che ci fa ridere o piangere. us laugh or cry. It’s what gives us something to talk about with our nonno È ciò che ci dà qualcosa di cui parlare con nostro nonno, a dispetto della despite the difference in generations. It’s what makes us just a little differenza generazionale. È ciò che ci rende leggermente diversi da qualsiasi altro different than any other Canadian. canadese. To many, the golden era of Italian football drew to a close with the Per molti, il periodo d’oro del calcio italiano è giunto al termine con la vittoria national team’s 2006 World Cup win. It signified the culmination of the della nazionale ai Mondiali del 2006. Ha significato il culmine della carriera interinternational careers of many of Italy’s best and brightest, including Del nazionale di molti dei migliori e più brillanti italiani, compresi Del Piero, Totti, Nesta Piero, Totti, Nesta and Inzaghi. e Inzaghi. The decade that ensued was characterized by a slow, drawn out Il decennio che ne è seguito è stato caratterizzato da un lungo e lento decline, with Gian Piero Ventura’s appointment to the Italy bench and Bufdeclino, con l’assegnazione della panchina italiana a Gian Piero Ventura e il fon’s resulting retirement being the final nails in the coffin. Sure, this period conseguente ritiro di Buffon quale ultimo colpo di grazia. Cer tamente, questo was peppered with glimmers of hope at the three European Champiperiodo è stato puntellato da barlumi di speranza nei tre Campionati Europei, onships, where only penalty shoot-outs stopped the Azzurri in 2008 and dove solo i rigori hanno fermato la squadra nel 2008 e nel 2016, e dove infortuni 2016, and where injuries and fatigue got the best of the team in the 2012 e stanchezza hanno avuto la meglio alle finali del 2012. Ma i due Mondiali in questo final. But the two World Cups (2010 and 2014) during this era were lasso di tempo (2010 e 2014) erano presagio di come i giorni gloriosi fossero in abysmal reminders that the glory days were on hiatus until further notice. stand-by fino a nuovo avviso. It’s definitely not easy to muster any optimism when evaluating Non è sicuramente facile essere ottimisti quando si valuta l’attuale pacchetto Italy’s current crop of talent. Without naming names, newly hired coach di talenti dell’Italia. Senza fare nomi, l’elenco del neo nominato allenatore Roberto Roberto Mancini’s roster mostly reads like a selection of good but not Mancini sembra una selezione di giocatori buoni ma non eccezionali, provenienti great players from mid-to-top-tier teams, who mostly play second fiddle da squadre sia di medio che di alto livello, i quali soprattutto hanno un ruolo di to their foreign-born teammates. There is absolutely no comparison to secondo piano rispetto ai loro compagni di squadra stranieri. Non c’è minimathe pre-2007 Italian side. mente paragone con la versione italiana precedente al 2007. For some, the only bright spot on the horizon has been the recalling Per alcuni, l’unica sperenza all’orizzonte è il ritorno di Mario Balotelli, dopo of Mario Balotelli, following a standout season in France’s top league una stagione eccezionale con il Nizza, nella massima serie francese. Il suo tanto with Nice. He makes his long-awaited return after having been exiled atteso ritorno avviene dopo essere stato escluso dalla nazionale sin dai tempi di from the national team since Brazil 2014. The infamous 27-year-old is Brasile 2014. Il famigerato ventisettenne è lungi dall’essere il salvatore assoluto far from being the Azzurri’s all-encompassing saviour, but objectively, degli Azzurri, ma, obiettivamente, è al momento l’unico attaccante della squadra he’s the only striker the team currently has with proven lethal instincts con la giusta cattiveria in campo, in grado di chiudere la partita contro le più grandi against world-class competition. squadre a livello mondiale. The rest of the bunch have another two years to show us Il resto del gruppo ha altri due anni per dimostrarci di essere degno di they are worthy of donning the celebrated blue jersey. They’ll be indossare l’amata maglia azzurra. Proveranno a far il loro gran ritorno al looking to bounce back at the 2020 Euro Cup, the first to be disputed Campionato Europeo 2020, il primo ad essere disputato in 12 città d’Europa, con throughout 12 host cities in Europe, with Rome’s Stadio Olimpico lo Stadio Olimpico di Roma che ospiterà la partita d’apertura. hosting the opening match. Fino ad allora, non si può negare: semplicemente, non sarà la stessa cosa Until then, there’s no denying: it just won’t be the same without them. senza di loro.

Con affetto Adam Zara Executive Editor adamzara@panoramitalia.com


12

EDITORIAL

SAPORE D’ESTATE, SAPORE DI SALE Thank goodness the snow, sleet, cold, ice, wind and rain are far Grazie a Dio, neve, nevischio, freddo, ghiaccio, vento e pioggia sono abenough behind us; we can now admire our blooming gardens and bastanza lontani da noi, adesso possiamo ammirare i nostri giardini fioriti unwind during long holiday weekends. e rilassarci durante i lunghi fine-settimana di vacanza. This summer will be bittersweet for sports fans. We welcome Quest’estate sarà agrodolce per gli appassionati di sport. Dare il the warmer weather, but it’s also a reminder that neither Italy nor benvenuto alle temperature più calde, è anche un ricordarsi che né l’ICanada will play for the 2018 FIFA World Cup in Russia. “No talia né il Canada giocheranno per la Coppa del Mondo FIFA 2018 in Italy, no party,” you wonder? As the community that has brought Russia. “No Italy, no party” si dice. Come comunità che ha portato i fessoccer celebrations to the streets of many Canadian cities, let’s teggiamenti calcistici nelle strade di molte città canadesi, facciamo show our neighbours that we can celebrate with them and their vedere ai nostri vicini che possiamo festeggiare con loro e con le loro squadra del cuore just as they celebrated with us in 1982 and 2006. squadre del cuore come fecero loro con noi nel 1982 e nel 2006. Diby / di PAL DI IULIO Be a fan, participate, choose and adopt a team to support. venta un fan, partecipa, scegli e adotta una squadra da supportare. Cheer for Argentina so that Messi can finally become a messiah in his Facciamo il tifo per l’Argentina così che Messi possa finalmente diventare own country and beat the old Roman maxim: Nemo propheta in patria (No un Messia nel suo paese e contrastare l’antica massima romana “Nemo propheta man is a prophet in his own land). How about rooting for the Cinderella in patria” (Nessuno è profeta nella propria terra). team, Iceland? Or the teams whose jerseys and flags are adding colour Che ne dite di fare il tifo per la squadra di Cenerentola, l’Islanda? O per le and excitement to your block like Portugal, Brazil, Egypt, Algeria, squadre le cui maglie e bandiere aggiungono colore ed emozione al blocco Colombia, Mexico, England, France or Spain. There are tons of options composto da Portogallo, Brasile, Algeria, Colombia, Messico, Inghilterra, Francia to keep “partying Italian style” even o Spagna? without Italy. Ci sono tonnellate di opzioni per I will be cheering for Belgium (my mantenere “la festa in stile italiano” anche “I can’t think about Rimini and wife’s birthplace), Iceland (deserving of senza l’Italia. Farò il tifo per il Belgio (patria di Riccione without being swept up by my support) and Nigeria, where my son mia moglie), l’Islanda (la quale merita il mio is presently working. This soccer season, sostegno) e la Nigeria, dove adesso sta memories of Federico Fellini’s Amarcord think of all the different teams you can lavorando mio figlio. In questa stagione or nostalgic songs by Gino Paoli” root for! calcistica, pensa a tutte le diverse squadre per For those of us who are fans of cui puoi tifare! Toronto FC, it was exciting to watch Per quelli tra noi che sono tifosi del Sebastian Giovinco and company in the Toronto FC è stato emozionante, finché è “Non posso pensare a Rimini o Riccione CONCACAF Champions League while durato, vedere Sebastian Giovinco e la sua it lasted. Victory would have been a fitting squadra nel CONCACAF Champions senza essere travolto dai ricordi di tribute for many local Italian-Canadian League. La vittoria sarebbe stata un Amarcord di Federico Fellini, o dalle soccer clubs, like the Toronto Azzurri. premio adeguato per molti club di calcio They just celebrated 50 years of italo-canadesi come i Toronto Azzurri. I quali canzoni nostalgiche di Gino Paoli” contribution to the GTA soccer scene hanno appena festeggiato i 50 anni di conby producing many champions and tributo alla scena calcistica del GTA, hanno encouraged kids to participate in sports. Grazie e auguri. prodotto molti campioni e hanno tenuto impegnati bambini in un sano pasThis edition features something for everyone. There’s sand and satempo e fuori dalla strada. Grazie e auguri. sea – sapore di sale, sapore di mare. I can’t think about Rimini and Riccione Quest’edizione estiva offre qualcosa per tutti i gusti. Ci sono sabbia e mare without being swept up by memories of Federico Fellini’s Amarcord or – sapore di sale, sapore di mare. Non posso pensare a Rimini o Riccione nostalgic songs by Gino Paoli, Fred Bongusto and music by saxophonist senza essere travolto dai ricordi di Amarcord di Federico Fellini, o dalle Fausto Papetti for un’estate tutta italiana. Of course our Canadian lakes canzoni nostalgiche di Gino Paoli, Fred Bongusto, e dalla musica del sassofonista don’t have the same salty water as the Adriatic coast, but the local beaches, Fausto Papetti per “Un’estate tutta italiana”. sun and music will still set the mood. Sicuramente i nostri laghi canadesi non sono così salati come le coste On April 28, in the gardens of Villa Colombo, the Consul General adriatiche ma le spiagge locali, il sole e la musica daranno la giusta atmosfera. presented a Medaglia d’Oro al Merito Civile to the Italian Fallen Workers Il 28 aprile nei giardini di Villa Colombo, il Console Generale ha consegnato Memorial Project Committee and to Villa Charities, which will take over una medaglia d’oro al merito civile al Comitato per i progetti commemorativi responsibility for the monument. The project is a reminder of a great loss dei caduti italiani e Villa Charities si assumerà la responsabilità della manutenzione and the sacrifice of many who died on job sites while contributing to our del monumento. Il progetto è un omaggio alla grande perdita e al sacrificio degli quality of life in Canada. We humbly honour the more than 1,500 workers italiani morti nei cantieri, contribuendo a migliorare la qualità della vita in Canada. commemorated by the monument and offer coraggio to the families who Onoriamo umilmente più di 1500 lavoratori commemorati dal monumento e suffered the consequences of tragically losing a loved one and breadwinner offriamo coraggio alle famiglie che hanno sofferto le conseguenze della tragica far too early. perdita di una persona cara, o di un capofamiglia scomparso prematuramente. As well, I wish to acknowledge and thank the over 6,000 Canadian Desidero mostrare il mio apprezzamento e ringraziare gli oltre 6000 soldati soldiers who, as part of a force of 93,000, helped liberate Italy in the Italian canadesi che come parte di una forza di 93.000 unità, hanno aiutato a liberare Campaign during the Second World War 75 years ago. They paid the ultimate l’Italia nella campagna italiana, durante la seconda guerra mondiale, 75 anni fa. price, and their remains are in cemeteries from Agira to Ortona to Cassino. Pagarono il prezzo più alto e i loro corpi sono custoditi nei cimiteri da Agira, a Finally, June is Italian Heritage Month, an additional opportunity to Ortona, a Cassino. celebrate Living Italian Style and all things Italian in Canada. Planned Infine, giugno è il mese del Patrimonio Italiano, un'ulteriore occasione per activities can be viewed at www.panoramitalia.com/en/events. celebrare lo stile di Living Italy e tutto ciò che è italiano in Canada. Le attività in On this note, let me wish you all a buona Festa della Repubblica and a programma possono essere visualizzate su www.panoramitalia.com/en/events. happy Canada Day. Approfitto per augurarvi buona festa della Repubblica e un felice Canada Day.

Pace e bene Pal Di Iulio Associate Editor pal@panoramitalia.com


14

LIFE & PEOPLE

A woman with “a generous heart,” who “wouldn’t stop until she went the extra mile for others.” This is the description given by the family of 30-year-old Anne Marie D’Amico who died in a van attack in Toronto’s North York district on April 23, 2018. D’Amico, who worked as an employee at the U.S.-based investment firm, Invesco, was one of nine victims involved in the deadly incident. As family and friends mourned her loss, they remembered her kind nature and genuine desire to help others. “We want everyone to know that she embodied the definition of altruism,” the family said in a statement to the media. D’Amico was recognized for her volunteerism including her work with Tennis Canada and international humanitarian charity, Live Different. She also enjoyed Taekwondo, cooking with her nonna and travelling. TV and radio personality, Devo Brown, got to know D’Amico during two Kiss 92.5 Party Plane trips. On an Instagram tribute video, he describes her as “amazing; the sweetest, nicest person you’ll ever meet. Definitely one of a kind.” In honour of D’Amico and all those affected by the tragedy, the family calls for individuals to foster positivity in the world. “Be better to one another – better by giving and caring more,” they stated. “That is what Anne Marie would have wanted because being better, giving and caring is how she lived.”

TRIBUTE TO ANNE MARIE D’AMICO Tributo ad Anne Marie D’Amico by / di DANILA DI CROCE Una donna con un “cuore generoso” che “non si ferma fino a quando non ha fatto il possibile per gli altri”. Questa la descrizione dei familiari della trentenne Anne Marie D’Amico, morta durante l’attacco col furgone nel distretto North York di Toronto lo scorso 28 Aprile 2018. D'Amico, che lavorava come impiegata presso la società di investimento statunitense Invesco, è stata una delle nove vittime coinvolte nell'incidente mortale. Mentre la famiglia e gli amici piangono la sua perdita, ricordano la sua natura gentile e il suo desiderio genuino di aiutare gli altri. “Vogliamo che tutti sappiano che lei ha incarnato la definizione di altruismo” ha spiegato la famiglia in una dichiarazione ai media. D'Amico è stata riconosciuta per il suo volontariato, che comprendeva il suo lavoro con Tennis Canada e l'organizzazione umanitaria internazionale, Live Different. Si divertiva a Taekwondo, le piaceva cucinare con la nonna e viaggiare. Il personaggio televisivo e radiofonico Devo Brown, ha conosciuto D'Amico durante due viaggi di Kiss 92.5 Party Plane. In un video tributo su Instagram la descrive come:  “Sorprendente, la persona più dolce, più bella che abbia mai incontrato. Sicuramente unica nel suo genere. " In onore di D'Amico e di tutti coloro che sono stati colpiti dalla tragedia, la famiglia invita le persone ad incoraggiare la positività nel mondo. "Essere migliori l'uno con l'altro, dare di più prendersi più cura degli altri", hanno affermato. "Questo è ciò che Anne Marie avrebbe voluto perché essere migliori, donare e prendersi cura degli altri è il modo in cui lei ha vissuto".


ENHANCE YOUR LIFESTYLE

DISPLAY & GARDEN CENTER

DESIGN BOUTIQUE & GARDEN CENTER

PIERREFONDS

SAINT-LAURENT

11409 Boul. Gouin Ouest

2175 Boul. Côte-Vertu

514 684 5051

514 336 8292

www.pepinierepierrefonds.com


16

LIFE & PEOPLE

by / di CAROLE GAGLIARDI On connaît peu le rôle fondamental que jouent les entreprises familiales dans le tissu économique québécois. Pourtant, elles représentent 80 % des compagnies de la Belle Province. Panoram Italia s’est entretenu de l’importance des PME familiales et des défis que pose la planification successorale avec Alexandra Dawson, professeure agrégée à École de gestion John-Molson de l’Université Concordia et spécialiste de l’entreprise familiale. Alexandra Dawson est née à Palerme où elle a vécu et étudié. Elle détient une maîtrise de l’Università degli Studi di Palermo et une maîtrise en Économie de la London School of Economics. Après l’obtention d’un doctorat en Gestion et administration des affaires (Management and Business Administration) de l’Université Bocconi de Milan, elle s’est jointe à l’École de gestion John-Molson de l’Université Concordia en 2009. Professeure émérite, de nombreuses reconnaissances lui ont été attribuées dont le prestigieux Premio Venezia de la Chambre de commerce italienne au Canada, catégorie collaboration académique-scientifique en 2017. La professeure Dawson est directrice du Bureau de consultation des petites entreprises de l’Université Concordia (Concordia Small Business Consulting Bureau).

Si conosce poco il ruolo fondamentale che le imprese a conduzione familiare svolgono nel tessuto economico del Québec. Eppure rappresentano l'80% delle aziende della Belle Province. Panoram Italia ha affrontato il tema dell'importanza delle imprese familiari e le sfide della pianificazione successoriale, con Alexandra Dawson, professoressa associata presso la John Molson School of Business della Concordia University e specialista nell'azienda di famiglia. Alexandra Dawson è nata a Palermo dove ha vissuto e studiato. Ha conseguito un master all’università degli Studi di Palermo ed un altro in Economia alla London School of Economics. Dopo aver conseguito un dottorato in Gestione e amministrazione degli affari ( Management and Business Administration) all’università Bocconi di Milano, è entrata a far parte della John Molson School of Business della Concordia University nel 2009. Professore emerito, ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui il prestigioso Premio Venezia della Camera di Commercio Italiana in Canada, categoria collaborazione accademica-scientifica nel 2017. La professoressa Dawson è direttrice dell'Ufficio di consulenza per le piccole imprese presso la Concordia University (Concordia Small Business Consulting Bureau).

Photos / Vincenzo D’Alto

ALEXANDRA DAWSON


18

LIFE & PEOPLE

Panoram Italia : Quelles sont les plus grandes difficultés que rencontrent les PME familiales ? Alexandra Dawson : Ce sont souvent les mêmes que celles que vivent toutes les petites entreprises, familiales ou pas. Elles ont peu de ressources financières et humaines et ont difficilement accès à de l’information, alors que le monde change vite. Cela comporte des aspects positifs et d’autres négatifs. D’un côté, la PME familiale est plus préoccupée par le bien-être de la famille que par le but de faire de l’argent rapidement. Les valeurs familiales et culturelles y sont généralement partagées, et il y règne un climat de confiance et de respect. C’est ce qui explique pourquoi ces entreprises peuvent avoir une bien meilleure performance que d’autres. Cela dit, le risque est que des conflits personnels se mêlent à des conflits professionnels. Cela peut poser de gros problèmes au moment de la succession, car les conflits créent forcément une mauvaise communication. Cela complique les choses quand vient le temps de planifier l’avenir de l’entreprise.

Panoram Italia: quali sono le maggiori difficoltà riscontrate dalle PMI di famiglia? Alexandra Dawson: Spesso sono le stesse di tutte le piccole imprese, familiari o meno. Hanno poche risorse finanziarie e umane e hanno difficoltà ad accedere alle informazioni, mentre il mondo cambia rapidamente. Questo comporta aspetti positivi e negativi. Da un lato le PMI di questo tipo si interessano più al benessere della famiglia che a fare soldi velocemente. I valori familiari e culturali sono generalmente condivisi e c'è un clima di fiducia e rispetto. Ecco perché queste aziende possono ottenere risultati migliori rispetto alle altre. Detto ciò, il rischio che si corre è che i conflitti personali si mescolino ai conflitti professionali. Il risultato è che ci siano gravi difficoltà al momento della successione per via di una cattiva comunicazione tra le parti. Questo complica le cose quando arriva il momento di pianificare il futuro dell’azienda.

PI : Les entrepreneurs ont-ils encore aujourd’hui beaucoup de difficulté à laisser leurs enfants prendre la relève ? AD : Oui, c’est un défi personnel très difficile. Le fondateur qui a bâti son entreprise de toutes pièces refuse souvent de s’arrêter et s’oppose à tout changement. Mais s’il veut que son entreprise lui survive, il doit savoir s’ouvrir à l’autre génération. À ce sujet, les statistiques sont éloquentes : sur 100 entreprises familiales, les deux tiers passent à la deuxième génération, 13 % à la troisième et 4 % à la quatrième. Donc, on perd beaucoup d’entreprises au fil des successions. La planification successorale est fondamentale pour assurer la pérennité de l’entreprise. Il faut prévoir de 8 à 10 ans pour mener à terme une passation des pouvoirs équilibrée. Une transition graduelle est essentielle pour que le transfert des propriétés familiales se fasse progressivement, et qu’y participent aussi bien les jeunes que leurs parents, sans négliger la clientèle, les fournisseurs, la banque et les employés. On ne travaille pas qu’à l’interne.

PI: Ad oggi per gli imprenditori è difficile lasciare la propria attività in mano ai figli? AD: Sì, si tratta di una sfida personale molto difficile. Il fondatore che ha creato la propria impresa da zero, spesso non riesce a farsi da parte e si oppone a qualsiasi cambiamento. Ma per fare in modo che l’azienda prosperi anche in futuro, bisogna lasciare spazio alle nuove generazioni. A tale proposito le statistiche parlano chiaro: su 100 imprese a conduzione familiare, due su tre passano alla seconda generazione, il 13% alla terza e il 4% alla quarta. Vuol dire quindi che si perdono molte imprese al momento della successione. Pianificare questo momento è fondamentale per assicurare longevità all’azienda. Occorrono dagli 8 ai 10 anni per un passaggio di consegne bilanciato. Una transizione progressiva è essenziale per il trasferimento graduale della proprietà familiare, coinvolgendo sia i giovani che i genitori, senza trascurare clienti, fornitori, banche e dipendenti. Bisogna pensare anche al mondo che ruota al di fuori dell’azienda.

PI : On prévoit que d’ici 2023, plus de 60 000 entrepreneurs prendront leur retraite. Qu’adviendra-t-il de leurs entreprises ? AD : Certaines ne survivront pas et cesseront leurs activités, car elles dépendent strictement de leur propriétaire. D’autres seront vendues ou fermées, mais beaucoup pourront continuer. Toutefois, seuls 25 % de ces entreprises familiales feront un plan d’affaires pour l’avenir. Les entrepreneurs sont tellement occupés qu’ils n’ont pas le temps de planifier, et il est personnellement difficile de s’avouer que l’on vieillit et que le temps est venu de passer le flambeau. Peu d’entrepreneurs vont chercher de l’aide, car ils travaillent souvent seuls et n’ont pas l’habitude de demander conseil ou de faire confiance aux autres. Ils se tourneront plutôt vers leur comptable, même si leurs enfants sont souvent très instruits et pourraient leur apporter une vision différente.

PI: Si prevede che entro il 2023, oltre 60 000 imprenditori andranno in pensione. Cosa succederà alle loro aziende? AD: Alcune di queste non sopravviveranno perché sono strettamente dipendenti dal loro proprietario. Altre saranno vendute o chiuse, ma molte altre andranno avanti. Tuttavia, solo il 25% di queste imprese familiari realizzerà un business plan per il futuro. Gli imprenditori sono così impegnati che non hanno il tempo di pianificare, ed è difficile ammettere che si sta invecchiando e che è giunto il momento di passare il testimone. Pochi cercano aiuto perché spesso lavorano da soli e non sono abituati a chiedere consigli o ad affidarsi ad altri. Si rivolgeranno invece al loro commercialista, anche se i loro figli sono spesso molto istruiti e potrebbero portare loro una prospettiva diversa.

PI : Comment se préparer pour assurer la relève de son entreprise ? AD : On pense souvent aux entrepreneurs qui doivent réfléchir à l’avenir de leur entreprise, mais il faut aussi préparer les jeunes. Ils ont étudié, ils ont de nouvelles idées et ils sont ouverts sur le monde. J’insiste auprès de mes étudiants afin qu’ils soient proactifs s’ils veulent prendre la relève. Il est souvent difficile d’avoir cette conversation avec leurs parents, mais les jeunes doivent faire preuve d’initiative et de détermination. Certains repreneurs ont d’ailleurs formé un réseau de fils et de filles d’entrepreneurs dans le but d’échanger et de s’entraider. Ils se rencontrent, se rendent compte que les autres vivent les mêmes défis qu’eux, et cela leur donne de la force, car la force vient de la connaissance.

PI: Come ci si prepara a rilevare la propria attività ? AD: Spesso si pensa che gli imprenditori debbano pianificare esclusivamente il futuro della loro azienda, ma bisognerebbe anche preparare i giovani. Hanno studiato, hanno nuove idee e sono aperti al mondo. Esorto i miei studenti a essere propositivi se vogliono prendere il comando. Spesso è difficile affrontare questa conversazione con i genitori, ma i giovani devono mostrare iniziativa e determinazione. Alcuni hanno formato una rete di figli e figlie di imprenditori per scambiarsi consigli e aiutarsi a vicenda. Si incontrano e si rendono conto che gli altri stanno affrontando le stesse sfide, e questo dà loro la forza che viene dalla conoscenza.

PI : Comment faire la transition de son entreprise avec succès ? AD : Il faut bien renseigner les entrepreneurs, car si les valeurs familiales et les traditions sont souvent un grand avantage, elles peuvent devenir un obstacle majeur dans la croissance d’une entreprise. Sans changement, sans innovation, il n’y a pas d’avenir possible. Les entrepreneurs se réjouissent généralement du fait que leurs enfants se joignent à l’entreprise, mais les considèrent alors souvent comme des clones qui agiront et penseront exactement comme eux. Il faut planifier une transmission sur plusieurs années pour éviter les affrontements.

PI: Come eseguire correttamente la transizione della propria attività? AD: Bisogna essere ben informati perché, mentre i valori e le tradizioni familiari sono spesso un grande vantaggio, possono diventare anche un grosso ostacolo alla crescita del business. Senza cambiamenti, senza innovazione, non c'è futuro. Gli imprenditori generalmente apprezzano il fatto che i loro figli si uniscano alla compagnia, ma spesso li considerano come cloni che agiranno e penseranno esattamente come loro. È necessario pianificare la trasmissione dell’azienda in diversi anni per evitare scontri.

EN BREF 56 % des petites entreprises du Canada sont établies en Ontario et au Québec 99,7 % des entreprises du Québec sont des PME qui rapportent plus de 40 % du produit national brut 97,9 % d’entre elles ont moins de 100 employés 1,8 % d’entre elles ont entre 100 et 499 employés On les retrouve principalement dans les secteurs traditionnels de l’agroalimentaire, de la construction, de la restauration et du commerce de détail.

IN BREVE Il 56% delle piccole imprese in Canada ha sede in Ontario e Quebec Il 99,7% delle imprese del Quebec sono PMI che guadagnano più del 40% del prodotto nazionale lordo Il 97,9% di esse ha meno di 100 dipendenti L'1,8% di esse ha tra 100 e 499 dipendenti. Appartengono principalmente ai settori tradizionali: agroalimentare, edilizio, della ristorazione e della vendita al dettaglio.


20

ADVERTORIAL

GROUPE ATLANTA INC. IS CELEBRATING ITS 40TH ANNIVERSARY by / di CAROLE GAGLIARDI Photo / Groupe Atlanta Inc.

Operated in Saint-Léonard, Groupe Atlanta Inc. is a family-owned business whose door and window products have stood out for four decades thanks to exceptional quality and elegant designs. The dedicated Spezio family, owners of the company founded in 1978, pride themselves on continually seeking out new and innovative technology and aesthetics. “Here at Groupe Atlanta, we do everything in our factory – from design to manufacturing,” explains company president Joe (Giuseppe) Spezio. “We concentrate

Groupe Atlanta's recent residential project Photo / Vincenzo D’alto

Groupe Atlanta employee hard at work in the warehouse

on R&D investments to maintain our standing at the cutting edge of technological advancement and ENERGY STAR compliance.” Following Joe Spezio around his warehouse, where all of Groupe Atlanta’s products are manufactured and stored, one cannot help but admire the entrepreneur’s attention to detail – his stamp of approval extends to every door and window in production. Unlike other retailers, Groupe Atlanta products are fabricated in-house – there’s no middle man. “When you come here,

you buy an all-Atlanta product; direct from the manufacturer,’’ describes Joe Spezio, as he goes on to explain the importance of ensuring that all products bearing his name are of the highest quality possible. “I need to know everything about the products; that is how I can make them better,” he adds. Joe Spezio and his wife, Rosie, took over ownership of Groupe Atlanta Inc. in 1999. Today, the business includes their two sons Domenic and David, who are in charge of new projects and retail business respectively, as well as 50 other employees, ranging from administration to production to installation. Groupe Atlanta caters to private and commercial clients (and many of the major building contractors in Montreal). Its expanding line of products features aluminum, hybrid and PVC windows, doors and patio doors. As part of their product line-up they also supply garage doors, railings and gates, stairs, balconies and awnings. “Today people have better knowledge of products and are more informed,” notes Joe Spezio. “They want the best quality at an affordable price.”

The quality you get at Groupe Atlanta isn’t limited to their products – great care and professionalism is apparent at the installation level too. Using only the best products and experienced installers, the company ensures satisfaction from the purchasing process all the way through to fitting it in your home. As an industry leader, the company continues to be ahead of the game and keeps up with new trends and industry requirements. Groupe Atlanta Inc. has built its reputation on quality and originality, on highly-competitive prices and unbeatable customer service. “From the bottom of our hearts we want to thank our loyal customers and employees that followed us throughout the years. You have made us what we are today.”

contact@aatlanta.ca (514) 326-7888 8330 Rue Pascal-Gagnon Montreal, QC. H1P 1Y4

Photo / Vincenzo D’Alto

From left: Pino Romano, Kosta Armaos, Nicola Di Franco, Joseph Spezio, Rosie Spezio, Domenic Spezio, David Spezio


22 LIFE & PEOPLE

En plein moi 100% ESS ENT IE LLE

COMBATING HUMAN TRAFFICKING IN CANADA Combattere il traffico di esseri umani in Canada by / di BEATRICE FANTONI

modedeviecollection.com

A made-in-Canada partnership between banks, police forces and the national financial watchdog agency is helping fight human trafficking by tracking suspicious financial transactions. “It’s all about doing your part,” says Joseph Mari, a senior manager in the Bank of Montreal’s antimoney laundering financial intelligence unit and a lead organizer on Project Protect. Human trafficking touches many industries – transportation, tourism, banking – so everyone has a duty to help the authorities, Mari says. The initiative was launched in December 2015 to raise awareness about the connection between human trafficking and money laundering and to increase banks’ reporting to the Financial Transactions and Reports Analysis Centre of Canada (FinTRAC). Banks’ antimoney laundering departments report suspicious financial activity, which points out possible human trafficking to FinTRAC, which in turn analyzes and, if necessary, shares the information with law enforcement agencies. Project Protect’s organizers include representatives from Canada’s major banks, police, tech companies, non-profit groups and the federal public safety agency. Banks are in a perfect position to help spot human trafficking because they can detect suggestive patterns in financial transactions. The potential warning signs include frequent cash withdrawals or deposits in the middle of the night; frequent purchases of plane, train or bus tickets in short time spans; or multiple hotel bookings on the same date. Mari says banks are already required to report other types of suspicious transactions, such as possible money laundering or financing of terrorist activity, so Project Protect fits within that existing mandate. “It’s about trying to become better at what we do.”

Una relazione, creata in Canada, tra banche, forze di polizia e un’agenzia di vigilanza finanziaria nazionale, sta studiando la tratta di esseri umani attraverso il rilevamento di transazioni finanziarie sospette. “Si tratta di fare ognuno la sua parte” dice Joseph Mari, direttore capo dell’unità di intelligence finanziaria antiriciclaggio della Bank of Montreal e uno degli organizzatori principali di Project Protect. Il traffico di esseri umani coinvolge diversi ambiti: trasporti, turismo, banche; quindi, dice Mari, ognuno ha il dovere di aiutare le autorità. Project Protect fu lanciato nel dicembre 2015 per sensibilizzare alla connessione tra il traffico di esseri umani e il riciclaggio di denaro e per incrementare le segnalazioni bancarie al Financial Transactions and Reports Analysis Centre of Canada (FinTRAC). Le divisioni antiriciclaggio delle banche segnalano attività finanziarie sospette che puntano alla possibile tratta di esseri umani a FinTRAC, che a sua volta analizza e, se necessario, condivide le informazioni con le forze dell’ordine. Tra gli organizzatori di Project Protect ci sono rappresentanti delle più importanti banche canadesi, polizia, aziende tecnologiche, enti senza scopo di lucro e l’agenzia federale della sicurezza pubblica. Le banche sono in una posizione perfetta per aiutare ad individuare tali traffici perché possono rilevare andamenti interessanti nelle transazioni bancarie, asserisce Mari. Il potenziale segnale di allarme riguarda i frequenti prelievi di denaro o i versamenti nel mezzo della notte; acquisti ravvicinati di biglietti aerei, treni o bus in tempi ristretti o molteplici prenotazioni di alberghi allo stesso tempo. Mari afferma che le banche sono già obbligate a denunciare altri tipi di transazioni sospette, come un possibile riciclaggio di denaro o finanziamenti di attività terroristiche, per cui Project Protect si inserisce in questo meccanismo preesistente.“Si tratta di provare a fare meglio di ciò che già facciamo” dice Mari. Michel Bourque, comandante del Servizio di Polizia di Montreal, dice che è un vantaggio per la sua squadra.


LIFE & PEOPLE 23 Commander Michel Bourque of the Montreal Police Service says his team has benefitted from the project. Since the information provided by FinTRAC is collected via an existing legal mechanism which respects privacy laws, investigators don’t have to apply for warrants or court orders to obtain it. Project Protect has helped the Toronto Police Service’s human trafficking investigations immensely, says Detective Sergeant Nunzio Tramontozzi, who is in charge of the human trafficking enforcement team at the Toronto Police Service. Because there’s no paper trail in the human trafficking industry, the financial information can help corroborate victim testimony, he says. The victims – mostly women and girls born and raised in Canada, some as young as 13 – are moved around the country by their traffickers, Tramontozzi says. If a victim can recall where and when she or her trafficker made certain bank deposits, the police can then check that statement against the financial information. Thanks in part to FinTRAC reports and a tip from Crime Stoppers, Toronto Police investigated, arrested and charged two people in an international human trafficking investigation last year. Police followed the money and uncovered a trafficking ring that lured women from Portugal to Canada with false promises of clerical jobs and then forced them into the sex trade upon their arrival in Toronto. Tramontozzi says investigators were able to see that some $3 million had been laundered through bank accounts. They located the massage parlours, identified the people associated with the trafficking and got the victims the help they needed. Project Protect has caught the eye of jurisdictions abroad because of its unique approach. Mari and others from the Project Protect team have met with, or made presentations to, the Vatican Pontifical Academy of Social Sciences, the FBI, Mexican Federal Police, the Organization for Security and Co-Operation in Europe and even INTERPOL. Mari says he’s really taken aback by how many people across sectors have rallied around a cause like human trafficking. Reporting has increased significantly year after year, he adds. “We definitely have a much bigger impact this way than working in a silo approach.”

Poiché le informazioni fornite da FinTRAC sono raccolte tramite un meccanismo legale esistente che rispetta le leggi sulla privacy, gli investigatori non devono richiedere mandati o ordini dal tribunale per ottenerle. Project Protect ha aiutato grandemente il Servizio di Polizia di Toronto nelle indagini sul traffico di esseri umani, afferma Nunzio Tramontozzi, Sergente Detective della Polizia di Toronto, incaricato di rafforzare la squadra che contrasta il traffico di esseri umani. Dal momento che non esiste un tracciato cartaceo sull’attività di tale tipo di traffico, le informazioni finanziarie possono aiutare a rinforzare le testimonianze della vittima, afferma. Le vittime, per la maggior parte donne e ragazze, nate e cresciute in Canada, alcune giovani dell’età di 13 anni, sono portate in giro per il paese dai loro trafficanti, dichiara Tramontozzi. Se una vittima può ricordare dove e quando lei o il suo trafficante effettua certi versamenti bancari, la polizia può successivamente controllare quell’estratto conto confrontandolo con le informazioni finanziarie. Grazie, in parte, ai rapporti di FinTRAC e ad una soffiata di Crime Stoppers, l’anno scorso la Polizia di Toronto ha indagato, arrestato e accusato due persone in un’indagine internazionale sul traffico di esseri umani. La polizia ha seguito il denaro e smascherato un giro di trafficanti che adescava donne dal Portogallo al Canada con false promesse di lavori e poi, una volta arrivate a Toronto, le ha costrette al mercato del sesso. Tramontozzi afferma che gli investigatori sono stati in grado di scoprire che circa 3 milioni di dollari erano stati riciclati attraverso conti bancari. Hanno localizzato i loro “centri massaggi”, identificato le persone immischiate, si sono occupati delle vittime e hanno aiutato chi ne aveva bisogno. Project Protect, grazie al suo particolare approccio, ha ottenuto l’attenzione delle giurisdizioni estere. Mari e gli altri del gruppo di Project Protect si sono incontrati o hanno fatto una relazione alla Pontificia Accademia Vaticana delle Scienze Sociali, alla FBI, alla Polizia Federale Messicana, all’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione Europea e anche all’ INTERPOL. Mari afferma di essere davvero meravigliato di quante persone, in tutti i settori, si siano mobilitate attorno ad una causa come quella della tratta degli esseri umani. Le denunce sono aumentate in modo significativo, dice. “Abbiamo decisamente un impatto maggiore in questo modo di quello che avremmo in un approccio singolo.”


24

LIFE & PEOPLE

by / di CAROLE GAGLIARDI

Réseau Enfants-Retour, l’urgence d’agir À l’entrée des locaux du Réseau Enfants-Retour à Montréal, un petit ourson bien calé dans un siège de l’ancien Forum de Montréal tient un bâton de hockey autographié par Max Pacioretty. Cet ourson est la mascotte de cet organisme à but non lucratif, symbole de l’espoir des parents. « Une maman dont les enfants étaient portés disparus depuis six ans ne possédait plus qu’un vieux toutou en peluche en souvenir d’eux », me raconte Pina Arcamone, directrice du Réseau. « C’était tout ce qui lui restait. Chaque Noël, elle installait l’ourson sous le sapin et lui lisait le même poème de Clement Clarke Moore, ’Twas the Night Before Christmas. Six ans et demi après leur disparition, les cofondatrices du Réseau Enfants-Retour ont retrouvé le papa, qui vivait en Californie avec les enfants. Lors de leur rapatriement au Québec, la maman avait apporté le petit ourson dans l’espoir qu’ils s’en souviennent, et ils ne l’avaient pas oublié. » Le Réseau Enfants-Retour a été fondé en 1985. Il est l’unique organisme qui se consacre à la prévention et à la recherche d’enfants disparus au Québec, explique Arcamone. « Nous ne sommes pas des enquêteurs. Notre rôle est la prise en charge de la famille, et nous travaillons en collaboration avec les corps policiers. Parfois les parents nous confient des informations qu’ils ne leur diront pas, de crainte d’être jugés; nous nous chargeons alors de les communiquer aux enquêteurs afin de faciliter la recherche. On explique aussi aux parents pourquoi ils doivent se soumettre au test du polygraphe. On doit d’abord les écarter comme suspects pour travailler sur les véritables pistes. Ce qui nous importe, c’est de donner une réponse aux familles, bonne ou mauvaise, car il leur faut une réponse. C’est inimaginable de vivre sans réponse jour après jour, avec l’espoir. Les proches vivent souvent une grande détresse. Une part de notre travail est de leur rappeler de prendre soin d’eux, de s’entourer de gens aidants et d’accepter leur soutien, car on ne sait pas combien de temps va durer la recherche. La grande majorité des disparitions sont résolues dans les premiers jours, mais il en reste qui ne le sont pas. » Les médias sociaux ont été d’importants vecteurs de changement dans la recherche d’enfants disparus. La disparition le 31 juillet 2007 à Trois-Rivières de Cédrika Provencher, une fillette de neuf ans dont les restes ont été retrouvés

Réseau Enfants-Retour, l'urgenza di agire

All’entrata degli uffici del Réseau Enfants-Retour di Montreal, un piccolo orso è seduto su una sedia dell’antico Forum di Montreal, con una mazza da hockey autografata da Max Pacioretty. Questo orsetto è la mascotte dell’organizzazione senza scopo di lucro, simbolo della speranza dei genitori. “Una mamma i cui figli erano scomparsi sei anni prima, non aveva che un vecchio orsetto di peluche come ricordo” racconta Pina Arcamone, direttrice del Réseau Enfants-Retour. “Era tutto quello che le restava”. Ogni Natale, metteva l’orsetto sotto l’albero e gli leggeva la stessa storia di Clement Clarke Moore, T’was Night before Christmas. Sei anni e mezzo dopo la loro scomparsa, le cofondatrici Réseau Enfants-Retour, ritrovarono il papà che viveva in California con i figli. Quando furono ricondotti in Quebec, la madre portò il peluche sperando che se ne ricordassero, e loro non l’avevano mai dimenticato.” Réseau Enfants-Retour è stato fondato nel 1985. È l’unica organizzazione totalmente dedicata alla prevenzione e alla ricerca dei bambini scomparsi in Quebec. Pina Arcamone precisa: “Non siamo degli investigatori. Il nostro compito è quello di prenderci cura della famiglia e lavoriamo in collaborazione con le forze dell’ordine. A volte i genitori ci danno delle informazioni che non fornirebbero mai alla polizia per paura di essere giudicati. Noi poi le passiamo agli investigatori per facilitare la ricerca. Spieghiamo anche ai genitori il perché debbano sottoporsi prima al poligrafo: bisogna in primo luogo scartarli come sospetti, per proseguire poi le ricerche su altre piste. Quello che vogliamo, è dare le risposte ai famigliari: che sia buona o cattiva, bisogna dare una risposta. È impensabile vivere ogni giorno senza avere un riscontro, nella speranza ma anche con una grande angoscia. Una parte del nostro lavoro è di ricordargli di prendersi cura di loro, di circondarsi di persone che siano d’aiuto e di accettare il loro sostegno, perché non si sa quanto durerà la ricerca. La maggior parte delle scomparse si risolvono nei primi giorni, ma non è sempre così.” I social media sono stati un importante motore di cambiamento nella ricerca dei bambini scomparsi. La sparizione di Cedrika Provencher, una bimba di 9 anni i cui resti sono stati trovati il 31 luglio 2007 a Trois-Rivieres, ha segnato la svolta per la ricerca. Questa tragedia ha sottolineato l’importanza di agire nel corso delle prime ore che seguono le scomparse, e ha contribuito all’evoluzione del metodo di lavoro della polizia. Ma ad oggi ci sono più sparizioni? “No” spiega Pina Arcamone, “la situ-

Photos / Vincenzo D’Alto

PINA ARCAMONE


Graduates of the Year 2018

Send us your graduation pictures! Please submit your picture by visiting www.panoramitalia.com clicking on “Magazine” followed by “Graduates of the year.” You can also submit by mail to 9300 Boul. Henri-Bourassa O, Suite 100, Ville Saint-Laurent, Quebec, H4S 1L5 Include the graduate’s name, institution, and field of study. Cost is $55 Deadline: July 10, 2018 Pictures will appear in the

August/September issue

GET A

FREE 3-YEAR SUBSCRIPTION! If you upload your photo online.


26 huit ans plus tard, fut un moment charnière pour la recherche. Cette tragédie a fait ressortir l’importance capitale d’agir au cours des premières heures qui suivent une disparition et a contribué au changement des méthodes de travail des policiers. Y a-t-il aujourd’hui plus de disparitions qu’avant ? Non, m’explique Arcamone. « La situation est stable, mais alarmante. Au Canada, on signale 45 000 enfants disparus chaque année, dont 7 000 au Québec; près de 90 % de ces disparitions concernent des jeunes en fugue, de 10 à 15 % sont des enlèvements parentaux, et 1 % sont des enlèvements criminels, les plus rares mais les plus difficiles à résoudre. » Une collaboration rapide et efficace entre les autorités et les personnes concernées est la clé de la réussite. Autrefois, les familles étaient tenues à l’écart, mais on sait aujourd’hui qu’il est fondamental d’informer les parents et de les impliquer dans la démarche. Mai marque le mois des enfants disparus, et en 1986, le 25 mai a été proclamé la Journée nationale des enfants disparus au Canada. Cette année, une soixantaine de pays ont célébré les victoires et salué les différentes actions entreprises pour prévenir

LIFE & PEOPLE

azione è stabile ma allarmante. In Canada ci sono 45000 segnalazioni di scomparse all’anno, in Quebec pressapoco 7000. Per circa il 90% di queste sparizioni, si tratta di giovani in fuga, il 10-15% sono rapimenti da parte dei genitori e l’1% sono sequestri criminali, i più rari ma i più difficili da risolvere.” Una collaborazione rapida ed efficace tra le parti coinvolte, è la chiave per il successo. Prima le famiglie erano tenute fuori, oggi sappiamo che è fondamentale informare i genitori e coinvolgerli nelle indagini.” Maggio è il mese dei bambini scomparsi e dal 1986, in Canada, il 25 maggio è la giornata nazionale dedicata a questa causa. Quest’anno, una sessantina di paesi celebrano le vittorie e le varie iniziative per prevenire questo fenomeno. “In questa giornata si vogliono ricordare i bambini che mancano all’appello ed anche il coraggio dei genitori; il 25 maggio simboleggia inoltre il nostro impegno nel non fermarci mai nella ricerca,” precisa Pina Arcamone.

“Ce qui nous importe, c’est de donner une réponse aux familles, bonne ou mauvaise, car il leur faut une réponse. C’est inimaginable de vivre sans réponse jour après jour, avec l’espoir.” “Quello che vogliamo, è dare le risposte ai famigliari: che sia buona o cattiva, bisogna dare una risposta. È impensabile vivere oogni giorno senza avere un riscontro, nella speranza ma anche con una grande angoscia.”

les disparitions d’enfants. « Cette journée veut que l’on se souvienne des enfants qui manquent à l’appel ainsi que du courage des parents. Elle symbolise aussi notre engagement de ne jamais cesser les recherches », précise Arcamone. Concertations internationales, activités de sensibilisation, reprises de certains dossiers non résolus sont des éléments mis de l’avant par de nombreux pays, qui trouvent ainsi leur façon de rendre hommage aux disparus. « Nous travaillons actuellement sur un dossier qui remonte au 21 octobre 1954, date à laquelle Clifford Sherwood a disparu, à l’âge de neuf ans. Soixante-quatre ans plus tard, le dossier est toujours ouvert. On pense qu’il a été victime d’un enlèvement parental et qu’il serait encore en vie. Tout est possible ! » Après plus de 24 ans à la direction du Réseau, Arcamone n’a rien perdu de sa fougue ni de sa combativité. « J’ai vécu une enfance heureuse. Nous n’étions pas riches, mais nous étions bien. Il est inacceptable qu’un adulte puisse vouloir séduire des enfants, leur voler leur enfance, leur innocence… C’est horrible, ce n’est pas le monde dans lequel les enfants devraient se développer. Moi et mon équipe sommes toujours animés par ce désir de créer un monde meilleur pour les enfants. » Le 25 mai, une nouvelle application, SIGN4L, a été lancée par le Réseau Enfants-Retour. Elle permet aux parents de conserver un profil et une photo à jour de leurs enfants sur leur portable afin d’avoir à portée de main les informations nécessaires en cas de disparition. Le Réseau Enfants-Retour est un OSBL financé par des activités de financement et par des dons de fondations et de donateurs privés (www.reseauenfantsretour.ong).

Le consultazioni internazionali, le attività di sensibilizzazione e la ripresa di alcune questioni irrisolte, sono elementi proposti da ciascun paese, attraverso cui rendere omaggio a chi è scomparso. "Attualmente stiamo lavorando su un caso del 21 ottobre 1954, quando Clifford Sherwood scomparve all'età di 9 anni. 64 anni dopo il file è ancora aperto. Si ritiene che sia stato vittima del rapimento dei genitori e che sia vivo. Tutto è possibile!” Dopo oltre 24 anni alla direzione dell’associazione, Pina Arcamone non ha perso la sua passione né il suo spirito combattivo. "Ho avuto un'infanzia felice, non eravamo ricchi ma stavamo bene. È inaccettabile che un adulto possa voler sedurre i bambini, derubarli della loro infanzia, la loro innocenza, è orribile, non è il mondo in cui i bambini dovrebbero crescere. La mia squadra ed io, siamo sempre guidati dal desiderio di creare un mondo migliore per i bambini". Il 25 maggio una nuova applicazione chiamata SIGN4L, è stata lanciata dalla rete di restituzione dei bambini. Permette ai genitori di mantenere un profilo e un'immagine aggiornata dei loro figli sui loro computer, in modo da avere le informazioni di cui hanno bisogno in caso di scomparsa. The Children's Return Network o Réseau Enfants Retour, è un'organizzazione no-profit finanziata attraverso attività di raccolta fondi e donazioni da fondazioni e donatori privati. www.reseauenfantsretour.ong.


Versa un ristorno di 1,435,000$ ai suoi membri. Totale distribuito fino ad oggi, 33,464,731$

Mariano De Carolis e Robert Guerriero in compagnia dei rappresentanti degli organismi della comunità

In piedi; Massimiliano Bernardo, Raffaele Di Lillo, Serge Branconnier, Mariano De Carolis, Michael Di Grappa, Nick Panetta Seduti; Fiore Fonda, Claude Gobeil, Lorraine Parent Stiplosek, Robert Guerriero, Anna Cortina, Carmine Mercadante

Robert Guerriero, Presidente del Consiglio Francesco D’Arelli, Direttore dell’Istitution Italiano di Cultura Mariano De Carolis, Direttore generale

La Cassa popolare Desjardins Canadese Italiana presenta il resoconto delle attività finanziare relative all'anno 2017. L'attivo totale al 31 dicembre 2017 si attesta a 1,044,400 000$. • Totale prestiti: 893 milioni di dollari • Totale depositi: 957 milioni di dollari • Totale volume d’affari: 1,8 miliardi di dollari • Utile al netto delle imposte: 9,9 milioni di dollari La pubblicazione di questi straordinari risultati offre ai dirigenti l’occasione per ringraziare i membri della loro fiducia. Quest'anno, gli eccellenti risultati ottenuti durante l’esercizio finanziario terminato il 31 dicembre 2017 permettono alla Cassa Popolare Desjardins Canadese Italiana di ridistribuire un ristorno totale di 1 435 000 $; ogni membro qualificatosi riceverà una quota proporzionale agli interessi pagati o riscossi. Questo è solo uno dei grandi vantaggi di essere membri della Cassa popolare Desjardins Canadese Italiana ! Diventa membro della Cassa anche tu! Come fare? Semplice! Basta aprire un conto presso uno dei suoi nove centri-servizi. Inoltre, la valuta Euro è sempre disponibile in qualunque succursale. La Cassa popolare Desjardins Canadese Italiana continua ad incoraggiare le iniziative locali e ad offrire il suo sostegno monetario agli organismi di beneficenza della comunità, perché nell'impegno sociale della Cassa si realizza uno dei capitoli importanti della sua missione di cooperazione attiva.

(514) 270-4124

"Essere generosi richiede gesti concreti. È nostro proposito dimostrare tutta la nostra solidarietà nei confronti della collettività, in quanto la cooperazione costituisce la ragion d'essere della Cassa popolare Desjardins Canadese Italiana. Sono stati fatti sforzi importanti per organizzare e partecipare ad attività di raccolta fondi; alla voce di bilancio “Doni e sponsorizzazioni”, infatti, nel 2017 i contributi hanno raggiunto i 115 372 $; in altre parole, il nostro supporto agli organismi comunitari è reale e costante.” - Mariano A. De Carolis, direttore generale

Il supporto finanziario offerto dalla Cassa dimostra alla comunità il vantaggio di essere una cooperativa. Diversi organismi e fondazioni che operano in vari settori, quali i servizi di assistenza, l'istruzione, la cultura, il tempo libero e lo sport, possono confermare la stretta collaborazione fra la collettività e la Cassa popolare Desjardins Canadese Italiana. Scegli chi parla la tua lingua, scegli la Cassa popolare Desjardins Canadese Italiana.

Avanti...insieme!

SEDE CENTRALE 6999 boul. St-Laurent, Montréal www.desjardins.com/caissecanadienneitalienne Follow us on


28

LIFE & PEOPLE

by / di LAURA GUZZO

So you want to be Italian? Considering Italy’s enormous influence on history and culture, it’s no wonder so many people of various backgrounds are ardent admirers of all things Italian. In this issue, Panoram Italia spoke with one such admirer: Melissa Kanfi-Davis, whose background is Jewish-Canadian with French and Moroccan roots. The founder and owner of interior design firm Olive & Neon has loved Italy for decades and says the country has even helped inspire her work.

E quindi vuoi diventare italiano?

Data l’enorme influenza esercitata dall’Italia sulla storia e sulla cultura, non c’è da meravigliarsi che persone di origine diversa ammirino con fervore tutto ciò che è italiano. In quest’uscita, Panoram Italia ha fatto due chiacchiere con una di loro: Melissa Kanfi-Davis, di origine ebraico-marocchina. Fondatrice e proprietaria dell’azienda di design d’interni Olive & Neon, da decenni è innamorata dell’Italia e sostiene che il Bel Paese l’aiuta a trovare l’ispirazione anche nel lavoro.

Panoram Italia: When did you first become enamored of all things Italian and why? Melissa Kanfi-Davis: I took my first trip to Italy when I was 18 years old, as part of a larger European tour. Although I visited very touristy places, I knew that it was a country worth re-visiting in more depth. It was years later, during my honeymoon in Italy that I really came to appreciate all that the country has to offer.

Panoram Italia: Quando ti sei innamorata di tutto ciò che è italiano e perché? MK: Ho visitato l’Italia per la prima volta all’età di 18 anni, nell’ambito di un viaggio in Europa. Pur avendolo visto, sapevo che si trattava di un Paese che valeva la pena esplorare più a fondo. È stato anni dopo, durante il mio viaggio di nozze, che ho davvero apprezzato tutto ciò che il Paese aveva da offrire.

PI: What was your favourite experience when you last visited Italy? MK: My favourite experience also happens to be my scariest experience in Italy. One evening, my husband and I decided to venture on foot to the outskirts of Sorrento for dinner at a restaurant we had researched. Not only did we get lost but we also played chicken with tour buses as we walked along the sidewalk-free winding roads. Tired, disoriented and with much hesitation on my part, my husband convinced me to veer off to a side street that seemed to endlessly spiral downhill into what seemed to be a residential area. I thought all hope was lost when, at the very bottom of the hill, we stumbled upon a quaint seaside restaurant. It turned out our mistakes led us to a hidden gem where the food was delicious, the wine was overflowing (to ease my frazzled nerves) and the view was beyond special.

PI: Qual è stata la tua esperienza preferita durante il tuo ultimo viaggio in Italia? MK: La mia esperienza preferita in Italia ha coinciso con la più terrificante. Una sera, mio marito ed io abbiamo deciso di avventurarci a piedi nei sobborghi di Sorrento per cenare in un ristorante che avevamo ricercato. Non solo ci siamo persi, ma abbiamo anche rischiato la vita a causa dei pullman turistici che si muovevano nella direzione opposta alla nostra lungo le stesse stradine tortuose prive di marciapiede. Eravamo stanchi, disorientati; benché fossi titubante, mio marito mi ha convinta a deviare su una strada secondaria che sembrava un’infinita discesa a spirale verso quella che appariva come una zona residenziale. Pensavo che non avessimo più speranze quando, alla fine della collina, ci siamo imbattuti in un caratteristico ristorante sul mare. Ne è risultato che il nostro errore ci aveva portati in un tesoro nascosto dove la cucina era deliziosa, il vino traboccava (per calmare i miei nervi a pezzi) e il panorama era molto più che speciale.

PI: If you could live in an Italian city, which would you choose and why? MK: During the first leg of our honeymoon trip, we stayed at a quaint boutique hotel on the rolling hills of Montefollonico in Tuscany. If I had to pick, I would skip the big city and open up an agriturismo in a quiet rural area like Montefollonico.

PI: Se potessi vivere in una città italiana, quale sceglieresti e perché? MK: Durante la prima parte della nostra luna di miele, abbiamo soggiornato in un caratteristico alberghetto di lusso sulle colline sinuose di Montefollonico in Toscana. Se dovessi scegliere, eviterei una le grandi città ed aprirei un agriturismo nella tranquillità della campagna, in una zona come Montefollonico.

Photo / Anisha Patel

MELISSA KANFI-DAVIS


LIFE & PEOPLE

29

“I’ve never eaten as well as I did in Italy; I could eat Italian food for breakfast, lunch and dinner for the rest of my life.” “Non ho mai mangiato tanto bene quanto in Italia; potrei mangiare all’italiana a colazione, pranzo e cena per il resto della mia vita. PI: If you were a famous Italian personality (dead or alive) who would you like to be? MK: I like the person I have become and wouldn’t want to be anyone else! That said, I do greatly admire the work of Arianna Lelli Mami and Chiara Di Pinto, the founders of Studiopepe, an interior design studio. Their creativity and use of color in interior design is unparalleled and has inspired me in some of the designs I’ve done for clients.

PI: Se fossi un famoso personaggio italiano (morto o vivo), chi vorresti essere? MK: Mi piace la persona che sono diventata e non vorrei essere nessun altro! Detto ciò, ammiro profondamente i lavori di Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto, fondatrici di Studiopepe, uno studio di decorazione d’interni. La loro creatività e l’uso del colore nella loro decorazione d’interni non hanno eguali e mi hanno ispirata per alcune progettazioni fatte per i miei clienti.

PI: What is one element your cultural background shares with the Italian culture? MK: A strong sense of family. Friends will come and go, but families will be there for you through thick and thin. Growing up, my parents were very involved in my life, and only now do I recognize the magnitude of all they have done for my brother and I over the years. It is only natural that we do the same for them as they grow older and begin needing our support.

PI: Qual è un elemento in comune tra la tua cultura d’origine e quella italiana? MK: Lo spiccato senso della famiglia. Gli amici vanno e vengono, ma la famiglia ci sarà sempre per te, nella buona e nella cattiva sorte. Crescendo, i miei genitori erano molto coinvolti nella mia vita e solo oggi mi rendo conto della portata di tutto ciò che hanno fatto per me e mio fratello nel corso degli anni. È naturale che facciamo per loro lo stesso, adesso che cominciano ad invecchiare ed hanno bisogno del nostro sostegno.

PI:What is one element of the Italian culture that you most appreciate? MK: It’s all about the food – hands down. I’ve never eaten as well as I did in Italy; from Roman pizza, to spaghetti cacio e pepe in Montepulciano and seafood on the Amalfi coast, I could eat Italian food for breakfast, lunch and dinner for the rest of my life.

PI: Qual è un aspetto della cultura italiana che apprezzi maggiormente? MK: È tutta una questione di cibo – senza ombra di dubbio. Non ho mai mangiato tanto bene quanto in Italia; dalla pizza romana agli spaghetti cacio e pepe a Montepulciano, ai frutti di mare sulla costiera amalfitana, potrei mangiare all’italiana a colazione, pranzo e cena per il resto della mia vita.

PI: What is one Italian product (made-in-Italy) that you own? MK: That would have to be my Gaggia coffee machine – it makes the best coffee ever!

PI: Quale prodotto italiano (made in Italy) possiedi? MK: La mia caffettiera Gaggia – che mi prepara il miglior caffè!


30

FOOD

SUMMERTIME FLAVOURS Sapori estivi by / di VANESSA GIANFRANCESCO

Grilled Shrimp Over Mediterranean-Style Salsa Gamberi grigliati ricoperti di salsa in perfetto stile mediterraneo

(serves 6 porzioni)

These giant grilled shrimp are the perfect accompaniment to a Mediterraneanstyle salsa made from sweet garden tomatoes, salty olives, fresh herbs and pungent olive oil. This easy recipe works as the main dish for a light meal or gluten-free appetizer.

I Gamberi grigliati sono il perfetto accompagnamento per la salsa in stile mediterraneo a base di pomodori dolci, olive salate, erbette fresche e olio d’oliva pungente. Si tratta di una ricetta facile, ideale da servire come piatto principale per un pasto leggero, e come antipasto senza glutine.

Ingredients / Ingredienti Shrimp / Gamberi

Ingredients / Ingredienti Mediterranean-Style Salsa / Salsa in perfetto stile mediterraneo

• 12 large shrimp, peeled and deveined (I love the U10) / gamberi grandi pelati. Togliere anche il filamento nero (adoro quelli U10)

• 1 tbsp lemon zest / cucchiaio di scorza di limone

• 1 tsp salt / cucchiaino di sale

• 2 cups cherry tomatoes, quartered / tazze di pomodorini, tagliati in quattro

• ¼ cup extra virgin olive oil / tazza di olio extravergine d’oliva

• 1 lemon, juiced (reserve) / succo di un limone (mettere da parte)

• ½ cup Kalamata olives, pitted and chopped / tazza di olive Kalamata, denocciolate e spezzettate

• Salt and pepper to taste / Sale e pepe a piacimento

• ¼ cup olive oil / di tazza di olio d’oliva

• ½ avocado, diced / avocado a cubetti

• ¼ cup basil, thinly sliced / tazza di basilico, finemente tagliato


FOOD

31

Nobody wants to spend hours in the kitchen on a warm summer day – especially when we get so few of them. These flavour-packed recipes are quick and easy to make, saving you a little extra time to soak up that oh-so-precious sun.

Nessuno vuole passare ore in cucina in una calda giornata estiva – specialmente quando ce ne sono così poche. Queste saporitissime ricette sono veloci e facili da preparare: così, potremo concederci un po’ di tempo per godere del preziosissimo sole. Directions In a bowl, mix together the shrimp, lemon zest, salt and olive oil. Toss to coat and marinate in the fridge for 1-2 hours. In a separate bowl, prepare the salsa by combining the cherry tomatoes, avocado, Kalamata olives, extra virgin olive oil and basil. Season with salt and pepper. Be sure to make this right before serving to ensure that the avocado stays bright

Preparazione

Photos / Daniele Tomelleri

In una ciotola unite i gamberi alla scorza di limone, sale e olio d’oliva. Mescolate bene il tutto e riponete in frigo a marinare per 1-2 ore.

In una terrina a parte, preparate la salsa unendo i pomodorini, l’avocado, le olive Kalamata, l’olio extravergine d’oliva e il basilico. Condite con sale e pepe. Assicuratevi di fare questo passaggio subito prima di servire, in modo che l’avocado resti di un bel verde acceso. Diversa-

and green. Otherwise, you can make the salsa and add the avocado at the very end. Warm your indoor or outdoor grill to mediumhigh heat. Grill the shrimp about 3 minutes per side or until cooked through. Remove from the grill, douse with the reserved lemon juice and place over the salsa.

mente, potete preparare la salsa mediterranea e aggiungere l’avocado alla fine.

Preriscaldate la griglia, in casa o all’aperto, a temperatura medio-alta. Grigliate i gamberi per circa 3 minuti per parte o finché non saranno ben cotti. Togliete dalla griglia, innaffiate con il succo di limone precedentemente preparato e farcite con la salsa.


32

Italian Potato Salad Insalata di patate all’italiana

FOOD

( serves 4-6 porzioni )

This classic dish gets an Italian makeover with the inclusion of quality olive oil, fresh herbs, garlic and lemon juice. It’s perfect for a summertime BBQ because it pairs well with just about anything, from meats to fish to sandwiches.

Questo piatto classico assume uno stile italiano quando aggiungiamo olio d’oliva, erbette fresche, aglio e succo di limone. Ideale per un barbecue estivo, si abbina bene praticamente con tutto, dalla carne al pesce ai panini.

Ingredients / Ingredienti • 6 large Yukon gold or russet potatoes, peeled / patate Yukon o Russet grandi, pelate

• ½ cup fresh parsley, finely chopped / tazza di prezzemolo fresco, finemente tagliato

• ½ cup good quality olive oil / tazza di olio d’oliva di buona qualità

• 1 tbsp fresh oregano, finely chopped / cucchiaio di origano fresco, finemente tagliato

• 2 litres chicken stock / litri di brodo di pollo

• 2 cloves garlic, minced or grated until it resembles a paste / spicchi d’aglio, sminuzzati o grattugiati in modo che diventino una crema

• ½ cup fresh scallions or green onions, finely chopped / tazze di scalogno o cipolle verdi, finemente tagliati

• 1 lemon, zested / la scorza di un limone

• 1 tbsp salt / cucchiaio di sale

• 1 tsp freshly cracked pepper / cucchiaino di pepe macinato fresco

• ½ cup freshly grated Parmigiano Reggiano / tazza di Parmigiano Reggiano grattugiato fresco


FOOD

33

Directions Cut the potatoes into 1½ inch cubes. If you are doing this in advance, be sure to keep them in water until you are ready to cook them to prevent them from turning brown. In a large pot, add in the potatoes and cover with cold chicken stock. If the potatoes are not covered with stock, simply compensate with water. Bring to a boil, add salt and cook on high heat for 10 minutes. Poke the potatoes with a knife to make sure that they are cooked. Once they are, strain the potatoes. In a bowl, combine the olive oil, garlic, parsley, scallions or green onions, oregano, lemon zest, salt and pepper. Add in the cooked potatoes and toss with the olive oil mixture (it is perfectly normal if the potatoes mash slightly). Sprinkle with Parmigiano Reggiano. Taste to make sure that there is enough seasoning before serving. Serve warm or cold. This salad can be stored in the fridge for up to three days.

Preparazione

Tagliate le patate a cubetti di 1½ pollici. Se le tagliate in anticipo assicuratevi di tenerle in acqua finché non sarete pronti a farle cuocere in modo che non diventino scure.

Mettete le patate in una grande pentola e ricopritele di brodo di pollo freddo. Se il brodo non basta a coprirle, aggiungete acqua. Fate bollire, unite quindi il sale e fate cuocere per 10 minuti a fuoco alto. Con la punta di un coltello verificate che le patate siano cotte, quindi scolatele.

In una ciotola mescolate l’olio d’oliva, l’aglio, il prezzemolo, lo scalogno o le cipolline, l’origano, la scorza di limone, il sale e il pepe. Unite le patate cotte e condite con la salsa all’olio d’oliva (è del tutto normale che le patate si schiaccino leggermente). Cospargete di Parmigiano Reggiano. Assaggiate per assicurarvi che ci sia condimento a sufficienza prima di mettere in tavola. Si può servire calda o fredda. Questa insalata si conserva benissimo in frigo per tre giorni.


34

FASHION

Di Carlo Couture

PUT ON A SHOW Dare spettacolo by / di ALESSIA SARA DOMANICO

Special occasion wear, whatever the occasion Through her new ladies’ evening-wear collection, designer Antoinette Di Carlo of Montreal-based gown and bridal brand, Di Carlo Couture, explains, “I want to tell a story with my designs, and the best way to do so is to combine different colours, layering effects and beadwork to create delicate and original pieces.” In fact, the story is of utmost importance when it comes to formal wear. If we all opened our closets and perused our stock, we’d be able to recount a series of stories: Why did we need it? Where did we find it? Why did we choose it? Where did we wear it? Why have we kept it? Eveningwear is special, and with the right accessories and alterations we can continue to revel in its splendour for years to come. For those starting a new and exciting social chapter this season, we’ve collected a few cues to get you on your way. Di Carlo’s latest collection features strong pops of color including bright yellow, periwinkle and metallic influences. Each bespoke gown is one-of-a-kind with hand-finished details encompassing Di Carlo’s acute attention to detail. (The brand’s famous Canadian clientele include Jessica Mulroney, Cheryl Hickey and Sophie Grégoire-Trudeau.) Boho chic and flouncy dresses are also highlights for the ladies, especially in the summer, when romance and lightness are key.

Abbigliamento da cerimonia, qualunque essa sia

“Voglio che i miei modelli raccontino una storia e il modo migliore per farlo è quello di combinare diversi colori, effetti a strato e decorazioni di perline per creare pezzi delicati ed originali,” spiega Antoinette Di Carlo, stilista di una marca di abbigliamento da sera ed abiti da sposa di Montreal. Di fatto, la storia ha un’importanza enorme per quanto concerne l’abbigliamento da cerimonia. Se tutti noi aprissimo i nostri armadi e dessimo un’attenta occhiata a ciò di cui disponiamo, saremmo in grado di raccontare una serie di storie. A cosa ci serviva? Dove l’abbiamo trovato? Perché l’abbiamo scelto? Dove l’abbiamo indossato? Perché lo conserviamo? L’abbigliamento da sera è particolare e con gli accessori giusti e le opportune modifiche possiamo continuare a sfoggiarne lo splendore per anni. Per quelli che in questa stagione cominciano una nuova ed elettrizzante avventura in società, abbiamo raccolto un paio di spunti per indirizzarvi sulla strada giusta. L’ultima collezione di Di Carlo presenta colori a forti tinte compreso il giallo brillante, il pervinca e sfumature metalliche. Ogni gonna su misura è unica nel suo genere, con particolari dettagli rifiniti a mano che testimoniano l’estrema attenzione al dettaglio di Di Carlo. (Fra i clienti della famosa marca canadese vi sono Jessica Mulroney, Cheryl Hickey e Sophie Grégoire-Trudeau.) Punto forte per le signore sono anche i vestiti a balze, stravaganti e chic, soprattutto in estate, quando romanticismo e leggerezza fanno da elemento chiave.


FASHION

35

“Evening wear is special, and with the right accessories and alterations we can continue to revel in its splendour for years to come.” “L’abbigliamento da sera è particolare e con gli accessori giusti e le opportune modifiche possiamo continuare a sfoggiarne lo splendore per anni.”

Canali

Upscale gypsy-inspired Etro comes back this season with plenty of patterns in its iconic paisley to set you apart. Max & Co. – Max Mara’s special sub-brand dedicated to young women – remains a firm favourite for go-to summer outfits for special day events, like swanky garden parties. Switching gears to the gents, the Roman house of Brioni is always smart, classic black tuxedos to elegant suits in earthier palettes. The Spring/Summer 2018 collection, featuring a dapper Harvey Keitel in its campaign, affirms soft yet decisive masculinity with its menswear pieces combining the brand’s sartorial wealth with a contemporary appeal. A sand-coloured jacket paired with a cornflower blue shirt and navy tie spell out guest wear perfection. Ermenegildo Zegna has gone decidedly casual chic this season with a more relaxed silhouette in light textures and earth tones. Retro checked patterns inspired by Brit flair are on offer this season from the likes of Canali and Salvatore Ferragamo, the latter also being a great option for formal shoes. The Neapolitan house of Isaia, considered by many to be among the top players in Italian menswear, rang in its 60th anniversary with a colourful offer in sapphire, burnt sienna and coral, proposing a mix of bright shades for the top and light cream trousers – pure class.

L’esclusivo stile gypsy di Etro ritorna quest’estate con una vasta gamma di fantasie nel suo iconico motivo cashmere, per distinguervi nel modo giusto. Max & Co. – speciale marchio del gruppo Max Mara dedicato alle giovani donne – resta il prediletto a cui rivolgersi per l’abbigliamento estivo in occasione di eventi speciali, come eleganti feste in giardino. Spostando l’attenzione sugli uomini, la casa romana di Brioni è sempre un ottimo punto di partenza, dal classico smoking nero agli abiti eleganti in una palette di tonalità più calde. La collezione primavera/estate 2018, nella cui campagna troviamo un elegante Harvey Keitel, è l’affermazione di una mascolinità delicata ma al contempo decisa, con capi iconici che uniscono la ricchezza sartoriale del marchio ad un fascino contemporaneo. Una giacca color sabbia abbinata a una camicia blu fiordaliso e una cravatta blu navy sono segno inequivocabile di un invitato perfetto. Questa stagione, Ermenegildo Zegna si muove decisamente verso il casual chic, con silhouette più delicate in tessuti leggeri e le tonalità terrose. Fantasie retrò ispirate dal fascino inglese del check sono ciò che offrono per questa stagione stilisti del calibro di Canali e Salvatore Ferragamo. Quest’ultima firma peraltro, rappresenta un’ottima alternativa per un paio di scarpe eleganti. La casa di moda napoletana Isaia, considerata da molti tra le migliori per la moda maschile italiana, ha celebrato il proprio sessantesimo anniversario con un’offerta variopinta in color zaffiro, terra di Siena bruciata e corallo, proponendo un mix di tonalità vivaci per la parte superiore e pantaloni di un tenue color crema a controbilanciare il look – classe pura.

2440 Boulevard Chomedey, Laval, QC H7T 2X3

Tel : (514) 773-6464


Photography by Daniele Tomelleri Makeup by Jennifer Low Location: Haven Creative Space (7080 Alexandra, Little Italy)

Christina Rosaria Macedo

Occupation: Director of operations at getready.io and part-time food blogger at withherapron.com Age: 30 Generation: Second Dad from: Porto, Portugal Mom from: Rose (Cosenza), Calabria Raised in: RDP Speaks: English, French, Italian

Who do you speak Italian to? Nonni Passion: Making pasta Goal in life: Encourage more girls to get into the tech industry and teach everyone that home cooking isn’t scary! What’s your typical lunch? Taralli and almonds – anything on the go Your best dish: My pizza, best in Montreal Best Italian neighbourhood: RDP Your favourite Italian-Canadian expression: “La vita è troppo breve per mangiare e bere male.” Main difference between first generation and second/third: Italian food fusions! Italian sausage poutine anyone?

Who is your role model? My dad. He taught me to cook and that no dream is too big if you work hard at it. Most important family value: Suppers should always be eaten as a family. Do you identify as Italian-Canadian or Canadian-Italian? Canadian-Italian What does Panoram Italia represent to you? Community, support and connection. In each edition you get to learn about our community’s accomplishments and feel connected. Best memory growing up ItalianCanadian: Making bread and pasta with my nonna after school

36

LIVING ITALIAN STYLE

Andrea Fernando Roberto Mocella

Nickname: Drea Occupation: Merchandising assistant at Jack Victor Ltd. Age: 30 Generation: Third Dad’s side from: Guardia Lombardi (Avellino), Campania Mom’s side from: Grotteria, Reggio Calabria & Roccacasale (l’Aquila), Abruzzo Raised in: Laval Speaks: English, French, Italian

Who do you speak Italian to? Nonni Passion: Menswear Goal in life: Success in business, success in family and a lifetime of happiness What’s your typical lunch? Any form of meat and veggies Your best dish: My cheese-filled whisky bacon burgers cooked strictly on a charcoal grill Best Italian neighhourhood: St-Laurent Your favourite Italian-Canadian expression: As my dad says, “Un biccherino di vino e pensa alla salute!”

Who is your role model? My old man Most important family value: Work ethic Do you identify as Italian-Canadian or Canadian-Italian? Italian-Canadian What does Panoram Italia represent to you? The continuity of Italian culture from generation to generation Best memory growing up ItalianCanadian: Those typical Sunday lunches with food and laughs


LIVING ITALIAN STYLE

37

Laura Saviano

Occupation: Senior Treasury Analyst at Manulife Age: 32 Generation: Second Dad’s side from: Grumo N. (Napoli), Campania Mom’s side from: Santa Lucia del Mela (Messina), Sicilia Raised in: NDG/Côte St-Luc Speaks: Italian, English, French Who do you speak Italian to? My kids, my mom, my aunts and uncles Passion: Solving math and logic puzzles Goal in life: Be happy and make the best of things even when times are difficult. What’s your typical lunch? Leftovers from the night before Your best dish: My chicken Alfredo Best Italian neighhourhood: Little Italy – specifically Dante Street Your favourite Italian-Canadian expression: “Ma chi me l'ha fatto fare!?” Main difference between first generation and third: Preserving the Italian language is harder in the third generation Most important family value: Honesty and respect Do you identify as Italian-Canadian or Canadian-Italian? Italian-Canadian What does Panoram Italia represent to you? It’s a community magazine that I can relate to, keeping the Italian culture alive in the younger generation. Best memory growing up Italian-Canadian: Spending summer vacations in Italy with all my extended family

BRING YOUR OWN WINE 3 private event rooms available for up to 100 guests

Cucina

KOUZINA

I TA L I A N

&

GREEK

CUISINE

JOIN US FOR LUNCH OR DINNER AND YOU CAN

WIN A TRIP FOR 2 TO

ITALY OR GREECE * Details in restaurant Draw : September 15 2018 *50$ minimum for 2 persons (before taxes)

1551 Notre-Dame St W, Montreal,QC H3C 1L2 • 514.935.5050

www.cucinakouzina.ca


38

DESIGN

SUSTAINABLE AESTHETIC Estetica sostenibile

Novacolor

by / di ALESSIA SARA DOMANICO

Must-haves you can feel good about

I must-have che non ci fanno sentire in colpa

Close to 500,000 visitors descended on the 2018 edition of Milan’s Salone del Quasi 500.000 visitatori sono giunti al Salone del Mobile 2018 di Milano. Importanti Mobile design fair. Local and international brands from the industry converged personalità locali e internazionali del mondo del design si sono riunite per mostrare to show what they had to offer, with the most interesting propositions al mondo ciò che avevano da offrire. Alcune delle proposte più interessanti hanno being repurposed materials to outfit our interiors. It visto un riadattamento di materiali che spesso non illustrates how design is becoming more conscious viene preso in considerazione quando si decide di and accountable and seeks to promote sustainabilrinnovare gli interni. Questo mostra come le idee in ity. With more and more buyers looking to estabfatto di design stiano diventando più consapevoli e lish themselves as “green businesses,” ecological responsabili in un’epoca in cui si cerca di promuovere no longer means sacrificing style – it just means soluzioni che rispettino il pianeta. Sempre più acquirenti better practice. vogliono affermarsi come “imprese green”, ecologico “Sustainability is an integral part of the non significa più sacrificare lo stile – ma semplicemente culture at Plart Design and drives a continuous impiegare pratiche migliori. improvement process,” explains Samer Ababneh, “La sostenibilità fa parte integrante della cultura commercial director of the company, whose di Plart Design ed guida un continuo processo di products are designed and manufactured in Italy miglioramento,” spiega Samer Ababneh, direttore out of polyethylene. This non-toxic type of plastic commerciale della compagnia, i cui prodotti in polietiis 100% recyclable, eco-sustainable, shock and UV lene vengono progettati e fabbricati in Italia. Si tratta di Alessi - Pick-Up Side Table resistant and can sustain temperatures from -60°C un tipo di plastica riciclabile al 100%, eco-sostenibile, to 80°C. Catering to retail and professional cusresistente agli shock e ai raggi UV, e che può soptomers as well as large-scale residential projects, portare temperature da -60°C a 80°C. Al servizio del their line of indoor and outdoor products include commercio al dettaglio e dei professionisti, si occupa pots, seating, lamps, tables and lighting. “All of our altresì di progetti residenziali di grandi proporzioni production plants are equipped with solar panels offrendo una linea di prodotti da interni ed esterni che so that we use renewable energy throughout the comprende vasi, sedie, lampade, tavoli e illuminazione. manufacturing process,” says Ababneh. “Tutti i nostri stabilimenti di produzione dispongono di One of their key collections Kimere, is a pannelli solari, cosicché possiamo utilizzare energia collaboration with designer Omar Roda, from the rinnovabile durante tutto il processo di produzione,” Cracking Art movement, renowned for its revoludice Ababneh. tionary use of plastic materials. Alessi has always Kimere, una delle loro collezioni principali, e una been a design house that has supported forwardcollaborazione con il designer Omar Roda del thinking designers that experiment in alternative mamovimento Cracking Art, rinomato per il suo uso di terials. Gabriele Rosa’s original and practical materiali plastici. Alessi è sempre stato un marchio solutions for the brand such as the thermoplastic che ha dato voce a designer all’avanguardia, che Plart Design resin “Twisted” measuring jug features a spiralsperimentano con materiali alternativi. Tra le soluzioni


DESIGN

39

shaped graduated scale inside it making it quick and pratiche e originali di Gabriele Rosa per il marchio c’è easy to read the quantity it contains by looking in “Twisted”, la caraffa graduata in resina termoplastica con from above. all’interno una scala graduata a forma elicoidale che perDanish designer Jakob Wagner’s Pick-Up for mette di leggere la quantità contenuta. Alessi proposes two separate functions in a single Il Pick-Up del designer danese Jakob Wagner object: a side table and a magazine stand. The per Alessi racchiude due diverse funzioni in un unico round table top, made of white thermoplastic maoggetto: un tavolino e un por tariviste. Il tavolino terial with a matte finish, has a large ergonomic rotondo, di un materiale termoplastico bianco con una cavity at its center allowing the object to be easily finitura opaca, possiede un ampio incavo ergonomico al gripped. centro che permette una facile presa dell’oggetto. Emilia-Romagna-based company Novacolor, Novacolor, situata in Emilia Romagna e rinomata a credited worldwide for their high-end architeclivello mondiale per gli esclusivi colori e vernici per tural color and paint coatings, understands the applicazioni architettoniche, è consapevole della scarsità scarcity of the planet’s resources and calls for new delle risorse del pianeta e propone nuove strategie di strategies in industrial production. “Our connecproduzione industriale. “Il nostro legame con la sostenition with sustainability goes back over two decades bilità risale a oltre due decenni fa, quando abbiamo Novacolor when we completely eliminated the use of solvents eliminato completamente l’uso dei solventi dalla nostra from our production and implemented organic produzione e implementato prodotti biologici e rispetand environmentally friendly products. Today, new tosi dell’ambiente. Oggi, le nuove tecnologie e le nuove technologies and new raw materials allow us to be materie prime ci permettono di essere più sostenibili more sustainable but also more attractive to our ma anche più attraenti per il cliente finale”, dice Roberta final customer,” says Roberta Vecci, director of Vecci, direttrice marketing presso Novacolor. Hanno rivisimarketing at Novacolor. They have revisited their tato i loro processi produttivi grazie ad un accordo con production process thanks to an agreement with la compagnia chimica canadese BASF, il cui sistema Canadian chemical company BASF, whose BioBiomass Balance offre vernici più sostenibili riducendo mass Balance system offers more sustainable le emissioni di CO2 in favore di risorse rinnovabili dalle paints by reducing CO2 emissions in favour biomasse. Queste ultime sono composte da materiali of renewable resources. Biomass is made up of organici, generalmente rifiuti alimentari, che possono Alessi materials of biological origin, generally food waste, essere modificati attraverso vari processi per ottenere which can be modified through various processes to obtain fuels or eleccarburanti o energia elettrica e termica. tric and thermal energy. Mentre tutti questi processi innovativi continuano a favorire la relazione As these innovative processes continue cultivating the relationship tra sostenibilità e creatività, siamo cer ti di vedere un design di interni etico between sustainability and creativity, ethical interior design will become farsi sempre più strada negli spazi pubblici e aziendali, e speriamo anche nelle more prevalent in public and corporate spaces and, hopefully in homes. nostre case.

r i s t o r a n t e

r o m a n o

777 rue de la commune ouest | montréal (qc) H3C 1Y1 | 514.392.1568


42

RIMINI

Città di mare Ville de plage by / di NORA FAHMI

Rimini is ready and waiting With its 15 kilometres of white-sand beaches and hundreds of bars, restaurants and nightclubs, the coastal city of Rimini is a favourite destination for sunbathing families and globetrotting youngsters looking for a party. Located in the northern region of Emilia-Romagna, the city has always embodied “La Dolce Vita,” which is no small wonder since it’s the birthplace of legendary Italian director Federico Fellini. Rimini’s beguiling charm and status as one of the largest beach resorts in all of Europe continues to attract visitors from around the world.

Rimini è pronta e vi aspetta

Con i suoi 15 chilometri di distese di sabbia bianca e centinaia di bar, ristoranti e locali notturni, la città costiera di Rimini è una delle destinazioni predilette delle famiglie che amano prendere il sole e dei giovani giramondo in cerca di divertimento. Situata nella regione settentrionale dell’Emilia-Romagna, la città incarna da sempre “La Dolce Vita”, il che non stupisce dato che si tratta della città natale del leggendario regista italiano Federico Fellini. Il prestigio e il fascino accattivante di Rimini quale una delle maggiori località balneari d’Europa continuano ad attrarre visitatori da tutto il mondo.

Rimini vous attend Étant donné ses 15 kilomètres de plage de sable blond et ses centaines de bars, restaurants et boîtes de nuit, la ville côtière de Rimini est une destination prisée à la fois des familles et des jeunes globetrotteurs qui cherchent à faire la fête. Située dans le nord de la région de l’Émilie-Romagne, Rimini a toujours incarné la dolce vita – ce qui ne surprend pas lorsqu’on sait qu’elle est le lieu de naissance du célèbre cinéaste Federico Fellini. Le charme inhérent de la ville et le fait qu’elle soit l’une des principales stations balnéaires d’Europe continuent d’attirer chaque année de nombreux visiteurs du monde entier.

Photo / M.Migliorini

BEACH CITY


RIMINI

43

Beach please! “Don’t expect to find that little romantic corner of hidden beach that no one knows about. Here, it’s rows of long chairs as far as the eye can see!” laughs Silvia Fortuna, Rimini resident and ex-waitress at the famous Coconuts nightclub. “But this is also why Rimini is so appealing. It is the perfect place for those who like things made simple. You have a long white sand beach with all the services you need. Not to mention the food and drinks are great everywhere,” she continues. Although there are some free access areas to the beach, most of the stretch is divided into privately operated numbered sections known as bagni. Each offering a wide range of services and facilities: from loungers and umbrellas to tennis courts and fully-equipped gyms. Alongside these bagni, beachgoers can choose from a plethora of hotels, restaurants and cafés. “A typical day in Rimini usually means heading to the bagno of choice for a morning tan, having a succulent piadina for lunch, bathing and playing sports in the afternoon, followed by dinner and an evening seafront passeggiata,” says Fortuna. Indeed, with such a broad variety of options of food, beach establishments and accommodations, Rimini has truly perfected the art of easy beach holidaying for every taste and budget. The shallow waters, constant presence of lifeguards and kid-friendly activities make Rimini especially attractive to families with small children. But the city’s energetic club scene also entices the younger local and international travelers who have plenty of options to enjoy an exciting night on the town until the wee hours of the morning. “That’s why this place is so special. Age doesn’t matter here … there is a Rimini for everyone,” declares Fortuna.

La spiaggia, per favore! “Non aspettatevi di trovare quell’angolino romantico di spiaggia nascosta di cui nessuno è a conoscenza. Qui, c’è una distesa di sdraio a perdita d’occhio!” ride Silvia Fortuna, di Rimini ed ex cameriera del famoso locale Coconuts. “Ma è anche per questo che Rimini affascina così tanto. È il luogo ideale per quelli che amano le cose fatte in modo semplice. C’è una lunga spiaggia di sabbia bianca con tutti i servizi di cui hai bisogno. Per non parlare di quanto eccellenti siano cibo e bevande ovunque” continua. Con una distesa di 15 chilometri di fine sabbia bianca, Rimini è forse la località balneare più famosa d’Europa. Seppur ci siano alcuni accessi liberi, gran parte del tratto è diviso in sezioni numerate gestite da privati e note come “bagni”. Ognuno offre un’ampia gamma di servizi e strutture: dalle sdraio a gli ombrelloni, dai campi da tennis alle palestre completamente attrezzate. Oltre agli stabilimenti, i turisti possono scegliere tra una pletora di alberghi, ristoranti e caffè. “Una giornata tipica a Rimini prevede di solito una puntata al bagno preferito per abbronzarsi al mattino, pranzare con una succulenta piadina, nuotare e fare sport nel pomeriggio, il tutto seguito, di sera, dalla cena e da una passeggiata sul lungomare” dice Fortuna. Per cui, con un’offerta così ampia di cibo, stabilimenti balneari e sistemazioni, Rimini ha davvero perfezionato l’arte di andare in vacanza al mare in modo semplice, per tutti i gusti e per tutte le tasche. L’acqua bassa, la presenza costante dei bagnini e le attività rivolte ai bambini fanno di Rimini un posto particolarmente attraente per le famiglie con figli piccoli. Ma il vivace ambiente dei locali in città alletta anche i giovani del luogo e i viaggiatori stranieri, i quali hanno a disposizione numerose alternative per godersi un’emozionante serata in città facendo le ore piccole. “Per questo motivo è un posto tanto speciale. L’età non conta qui… c’è una Rimini per tutti,” dichiara Fortuna.

Tous à la plage ! « N’espérez pas trouver ce petit coin de plage romantique que personne ne connaît. Ici, les rangées de chaises longues s’alignent à perte de vue ! », s’esclaffe Silvia Fortuna, une résidante de Rimini et ancienne serveuse à la célèbre boîte de nuit Coconuts. « Mais c’est aussi ce qui contribue au charme de Rimini. C’est l’endroit idéal pour tout ceux qui aiment se simplifier la vie.Vous y trouverez une longue plage de sable et tous les services qu’il vous faut. Sans oublier de la bonne nourriture et des boissons délicieuses. Que demander de plus ? » Avec ses 15 kilomètres de plage, Rimini figure parmi les destinations balnéaires les plus connues d’Europe. Bien qu’il existe quelques endroits accessibles gratuitement, l’ensemble de la plage est divisé en établissements privés pourvus de sections numérotées communément appelées bagni. Ces installations offrent une foule de services tels que des chaises longues et des parasols, des courts de tennis et des gymnases entièrement équipés. Parallèlement aux bagni, les amateurs de plage ont l’embarras du choix en matière d’hôtels, de restaurants et de cafés. « Une journée typique à Rimini consiste habituellement à se diriger au bagno de son choix pour un bain de soleil matinal, à manger une succulente piadina pour le lunch, à s’adonner à la baignade et au sport pendant l’après-midi, à dîner dans un bon restaurant puis à faire une passeggiata sur le rivage en fin de soirée », explique Fortuna. L’eau peu profonde, les sauveteurs omniprésents et les activités pour enfants font de Rimini un endroit tout indiqué pour les familles, alors que le milieu très actif des discothèques attire des jeunes gens de la région et d’ailleurs qui souhaitent faire la fête jusqu’au petit matin. « C’est ce qui rend cet endroit si spécial. L’âge n’a pas d’importance, ici… tout le monde y trouve son compte ! », assure Fortuna.


44 Après-sun history lesson Rimini is also a city for history buffs. The picturesque Ponte di Tiberio connects the city centre to the colourful old town of Borgo di San Giuliano. The maze of narrow cobblestone streets, charming hidden places and Fellini-inspired murals that now characterize the area’s scenic setting, were once simple fishermen’s quarters and the poorest area of the city. Also worth a peek: the majestic Arch of Augustus. Built with the same white Istrian stone as the Ponte di Tiberio, the Arch stands proudly at the southern end of Rimini’s main road, Corso di Augusto. Visit the Museo della Città and marvel at the imposing collection of Roman mosaics. Finally, Rimini’s most important church, the Tempio Malatestiano, is a beautiful example of Renaissance architecture that transports visitors back to a time when the powerful Malatesta family ruled the territory.

Dopo il sole, lezioni di storia Rimini è anche una città per gli appassionati di Storia. Il caratteristico Ponte di Tiberio collega il centro della città con il colorato paesino di Borgo di San Giuliano. Il labirinto di stradine lastricate, gli affascinanti luoghi nascosti e i murales ispirati a Fellini che oggi caratterizzano lo scenario dell’area, erano un tempo umili quartieri di pescatori nonché la zona più povera della città. Una visita la merita altresì il maestoso Arco di Augusto. Costruito con la stessa pietra d’Istria del Ponte di Tiberio, l’Arco si erge fiero nell’estremità meridionale della strada principale di Rimini, Corso Augusto. Visitate il Museo della Città per ammirare la grandiosa collezione di mosaici romani. Infine, la chiesa più importante di Rimini, il Tempio Malatestiano, è un meraviglioso esempio di architettura rinascimentale che trasporta i visitatori indietro nel tempo, all’epoca in cui la potente famiglia dei Malatesta governava sul territorio.

RIMINI

Leçon d’histoire d’après-soleil Les amateurs d’histoire apprécieront sans doute une visite dans le coloré centre historique de Borgo di San Giuliano, relié au centre-ville de Rimini par le pittoresque pont de Tibère (ponte di Tiberio). Ce labyrinthe de ruelles pavées, de petites places cachées et de bâtiments parés de murales inspirées des films de Fellini abritait auparavant un quartier de pêcheurs parmi les plus pauvres de la ville. L’arc d’Auguste est aussi digne d’intérêt. Construit avec les mêmes pierres blanches d’Istrie que celles du pont de Tibère, il trône fièrement à l’extrémité sud de la rue principale de Rimini, le Corso di Augusto. Une visite au Museo della Città vous permettra d’admirer notamment une impressionnante collection de mosaïques romaines. Finalement, l’église la plus importante de Rimini, le temple Malatesta (Tempio Malatestiano), est un parfait exemple d’architecture de la Renaissance et illustre bien l’époque pendant laquelle la ville était sous l’égide de la puissante famille Malatesta.

Photo / Paritani

Spiagge Rimini


46

“Here, it’s rows of long chairs as far as the eye can see!”

EMILIA-ROMAGNA

RIMINI

Rimini

San Marino

“Qui, c’è una distesa di sdraio a perdita d’occhio!”

« Ici, les rangées de chaises longues s’alignent à perte de vue ! » Nearby sightseeing Just a short drive or bus ride from Rimini are a number of captivating neighbouring sites. Located just over 10 kilometers away, trendy Riccione has also made a name for itself as a popular beach resort – seducing fans of fancy aperitifs and overthe-top nightclubs. The youngsters of Rimini will gladly head to Riccione for similar beach facilities but with an even more extravagant club scene. Much like Rimini, Riccione’s restaurant and accommodation options are plentiful. Mainly concentrated along the streets of Viale Dante and Viale Ceccarini, this is where most of the action happens, not to mention shopping. In a country where beach time is taken so seriously, Rimini and nearby Riccione have become a reference point for a comfortable and relaxing vacation. Simply put, they have it all. And all of it is just waiting for everyone!

Cosa vedere nelle vicinanze A breve distanza da Rimini, in macchina o con l’autobus, ci sono una serie di località affascinanti. Situata a poco più di 10 chilometri di distanza, la modaiola Riccione si è fatta una reputazione come famosa località balneare – seducendo gli appassionati degli aperitivi trendy e dei nightclub d’eccellenza. I giovani di Rimini si recano volentieri a Riccione per trovare infrastruttre balneari simili ma uno scenario più stravagante per quanto concerne i locali. Proprio come a Rimini, a Riccione c’è un’ampia offerta di ristoranti e sono prevalentemente lungo Viale Dante e Viale Ceccarini. È qui che si concentra tutto il movimento per non parlare dello shopping. In un Paese in cui il tempo in spiaggia è sacro, Rimini e la vicina Riccione sono diventate un punto di riferimento per una vacanza comoda e rilassante. Per farla breve, c’è di tutto. E tutto questo vi aspetta!

Visites à proximité De nombreux sites intéressants se trouvent à quelques minutes en voiture ou en autobus de Rimini. Située à environ 10 kilomètres, la très branchée Riccione bénéficie elle aussi d’une réputation enviable à titre de destination balnéaire, séduisant les mordus de cocktails de luxe avec ses nombreuses boîtes de nuit extravagantes. Tel Rimini, Riccione compte quantité de restaurants et d’hôtels, concentrés surtout le long des rues Viale Dante et Viale Ceccarini, réel cœur de l’action de la ville. Dans un pays où la plage est une religion, Rimini et Riccione s’affichent comme des références incontournables. Si l’idée d’y assister vous enchante, sachez que la grand-messe se déroule tout l’été !


48

RIMINI

San Giuliano, Rimini

FELLINI’S RIMINI La Rimini di Fellini by / di SAL DIFALCO

Famed director paid cinematic homage to birthplace “Life is a combination of magic and pasta,” observed iconic Italian film director Federico Fellini – perhaps an inadvertent but accurate summary of his aesthetic throughout his four decades of movie making. Uniquely blending gritty realism and lyrical fantasy, Fellini (1920-1993) created some of the most arresting visual images ever projected on the silver screen, inspiring a generation of directors like Woody Allen, Andy Warhol and Martin Scorsese as well as cinephiles around the world. Joining Rome’s Cinecittà in 1940 – once Europe’s largest film studio – the Rimini-born director found his métier in the Eternal City. His screenplay for Roberto Rossellini’s Rome, Open City (1946) was nominated for an Oscar. He followed this up with a succession of his own filmic masterpieces, garnering worldwide acclaim. Rome had become so integral to Fellini’s work it was inevitable that he treated it in a film. In many respects, his exuberant filmmaking approach found its fullest expression in Roma (1972), memorializing the kitschy working-class entertainment of the Mussolini era and steeped in the indelible sights and sounds of the Roman streets. No surprise then that he belongs as much to the city’s artistic identity as, say, a Michelangelo. “In Rome, Fellini found the big personalities and larger-than-life vitality he relished,” explains Alberto Zambenedetti, an assistant professor with the Cinema Studies Institute at the University of Toronto. “He loved Rome.” While the carnival of Rome appealed to Fellini’s love of spectacle and caprice, his soul forever remained rooted in the humbler Adriatic airs of Rimini. One of his earliest masterpieces, I vitelloni (1953), about shiftless young men in a dead-end seaside town, represents his most direct and realistic treatment of Rimini, while Amarcord (1973) – a dreamlike evocation of the sights and sounds of Fellini’s childhood – is his most poetic. “Certainly all of Fellini’s films emerge from two polarities: Roma and Rimini,” says Marco Leonetti, manager

Il celebre regista ha reso omaggio alla sua città natale nei suoi film

“La vita è un insieme di magia e pasta,” ha osservato l’iconico regista italiano Federico Fellini – un riassunto forse casuale ma accurato della sua estetica nel corso dei suoi 40 anni come regista. Avendo singolarmente unito crudo realismo e fantasia lirica, Fellini (1920-1993) ha creato immagini visive tra le più straordinarie mai proiettate sul grande schermo, ispirando una generazione di registi quali Woody Allen, Andy Warhol e Martin Scorsese, nonché i cinefili di tutto il mondo. Nel 1940 arriva a Cinecittà – un tempo lo studio cinematografico più importante in Europa – il regista originario di Rimini scoprì il proprio mestiere nella Città Eterna. La sua sceneggiatura di Roma, città aperta (1946) di Roberto Rossellini fu nominata agli Oscar. Ha proseguito poi con una serie di capolavori cinematografici, ricevendo lodi a livello mondiale. Roma era diventata un elemento così essenziale nel lavoro di Fellini, che era impossibile non sceglierla come oggetto di un film. Per molti versi, il suo approccio esuberante verso il cinema ha visto la sua massima espressione in Roma (1972), una commemorazione dell’intrattenimento kitsch della classe operaia all’epoca di Mussolini, immersa negli indelebili luoghi e suoni delle strade romane. Non sorprende dunque che egli appartenga all’identità artistica della città nella stessa misura di Michelangelo. “A Roma Fellini ha trovato le grandi personalità e la vitalità straordinaria che amava,” spiega Alberto Zambenedetti, assistente universitario presso il Cinema Studies Institute dell’Università di Toronto. “Amava Roma.” Se da una parte la predilezione di Fellini per lo spettacolo e il capriccio subiva il fascino degli ambienti stravaganti di Roma, la sua anima è rimasta sempre ancorata alla più umile aria di Rimini. Uno dei suoi primi capolavori, I vitelloni (1953), che tratta di giovani uomini inetti in una città di mare senza prospettive, simboleggia la sua più diretta e realistica analisi di Rimini, mentre Amarcord (1973) – un’evocazione onirica dei luoghi e dei suoni dell’infanzia di Fellini – rappresenta quella più poetica. “Sicuramente tutti i suoi film emergono da due polarità: Roma e Rimini” dice Marco Leonetti, manager della Cineteca Comunale di Rimini. “La sua città natale rappresenta il centro poetico


RIMINI

49

of the Cineteca Comunale in Rimini. “His hometown plays the important poetic centre of his films both in ones directly referencing Rimini and in films set in other places, and particularly the studio films. No matter what subject or theme he explored, Rimini always remained his touchstone.” Zambenedetti agrees that Rimini had an unmistakable influence on all of Fellini’s films. “It imprinted him like a duckling,” he says. “He left it behind but never left it. If Rome became the language and architecture of his senses, Rimini represented the architecture of his dreams and memories.” “Rimini was integral to his interior landscape,” says Leonetti. “And its influence on his films extends beyond, say, its realistic depiction in I vitelloni and the more mythological tribute of Amarcord.We see flashes of Rimini – any seaside scenes, for instance, clowns and other circus performers – and hear the cadences of Rimini in almost every movie. Amarcord was shot in the Cinecittà studios; Fellini recreated Rimini in the studio, filtered through his imagination.” Leonetti goes on to add that many recurring themes in his movies such as the coast, the circus, lust, sin and the Catholic Church reflect his experience of Rimini. “The more he retreated into his studio,” says Zambenedetti, “the more he withdrew into his interior landscape of memory: the words, gestures, sounds, smells of food and body. And his films represent the outer projection of that inner world. Rimini was always present, and no matter where he went or made films it shadowed him.” In contrast to the more constrictive realism of the 1950s, Fellini later plumbed this rich inner landscape to find stories he would customize in the studio. I vitelloni, for instance, still maintains a realistic dynamic in contrast with Amarcord, 20 years removed. But the superficial difference between his early neo-realist films and his later visual extravaganzas fades upon closer inspection. Fellini, the former caricaturist, was never far from flights of fancy. “Remember,” says Zambenedetti, “that I vitelloni was shot through the eyes of a satirist who couldn’t help but caricature even an ostensibly neorealistic film. Capriccio (whim) rules his work, and charmingly shades even his view of Rimini.” 2020 will mark the 100th anniversary of Fellini’s birth, with celebrations and festivities planned for Rimini’s Grand Hotel (Fellini’s choice of lodging in Rimini), the refurbished Fulgor Cinema (where he saw his first movies) and the Museo Fellini.

dei suoi film, sia quelli che fanno riferimento diretto a Rimini che quelli ambientati altrove, ed in particolare i film girati in studio. Indipendentemente dall’oggetto o dal tema esplorato, Rimini è sempre rimasta il suo punto di riferimento.” Zambenedetti concorda sull’influenza inconfondibile che Rimini ha esercitato in tutta l’opera di Fellini. “Lo ha segnato profondamente,” dice. “Se n’è andato, ma non l’ha mai lasciata veramente. Se Roma è diventata la lingua e l’architettura dei suoi sensi, Rimini ha rappresentato per lui la dimensione onirica e dei ricordi.” “Rimini era parte integrante del suo mondo interiore,” dice Leonetti. “E la sua influenza sui film si estende oltre, diciamo, il ritratto realistico de I vitelloni e il più mitologico tributo di Amarcord. Si vedono scorci di Rimini – le scene girate vicino al mare, i clown e altri artisti circensi – e si avvertono i ritmi della città in quasi tutti i film. Amarcord è stato girato negli studi di Cinecittà; Fellini ha ricostruito Rimini in studio, filtrandola attraverso la sua immaginazione.” Leonetti continua aggiungendo che molti altri temi ricorrenti nei suoi film, quali la costa, il circo, la passione carnale, il peccato e la chiesa cattolica rispecchiano la sua esperienza di Rimini. “Più si ritirava nel suo studio,” sostiene Zambenedetti, “più si rifugiava nel suo mondo interiore di ricordi: le parole, i gesti, i suoni, i profumi del cibo e del corpo. E i suoi film rappresentano la proiezione esterna di quella intima realtà. Rimini era sempre presente e lo seguiva indipendentemente da dove andasse o da dove girasse i film.” In contrasto con il più restrittivo realismo degli anni ’50, Fellini sondava questo ricco universo per ricavarne storie che avrebbe poi realizzato in maniera personale in studio. I vitelloni, ad esempio, conserva ancora dinamiche realistiche a differenza di Amarcord, nonostante sia più vecchio di 20 anni. Tuttavia, la differenza superficiale tra i suoi film neo-realisti e i suoi successivi film stravaganti a livello visivo si affievolisce ad un esame più attento. Fellini, l’ex caricaturista, non è mai stato lontano dai voli di fantasia. “Va ricordato,” dice Zambenedetti, “che I vitelloni è stato girato attraverso gli occhi di un autore satirico che non poteva fare a meno di creare una caricatura persino di un film apparentemente neo-realista. Capriccio domina la sua opera e cela delicatamente la sua stessa visione di Rimini.” Il 2020 segnerà il centesimo anniversario della nascita di Fellini, con celebrazioni e festeggiamenti in programma al Grand Hotel di Rimini (dove Fellini amava soggiornare), al ristrutturato Cinema Fulgor (dove egli guardò i suoi primi film) e al Museo Fellini.


UN LUOGO ECCEZIONALE

50

RIMINI

IN OMAGGIO ALLA VITA

Situato sul magnifico cimitero di Notre-Dame-des-Neiges, il più prestigioso del paese, permette di rendere omaggio alla vita in modo davvero personalizzato.

Rimini, Notte Rosa

La vita notturna a Rimini by / di SYLVIA DIODATI

The Italian city that never sleeps

IL CENTRO FUNERARIO CÔTE-DES-NEIGES OFFRE: - 2 cappelle - 9 saloni - 5 sale ricevimento - 200 posti auto - facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici I servizi offerti dal Centro Funerario Côte-des-Neiges sono accessibili e si adattano a tutte le esigenze

IN OMAGGIO ALLA VITA

Teresa Di Palma Melchior 514 342.8000

4525, chemin de la Côte-des-Neiges Montréal

In Rimini, the night is always young. Those ready for fun gravitate to the shore-lined city, where DJs travel from afar to headline its legendary hotspots. Beach festivals, parties and special events keep the party hopping into the early morning hours during busy summer months. “Rimini’s commercial appeal has always been very wide,” says Luigi Sanese, the marketing manager of Carnaby Club on Via Brindisi in the downtown core. “Unlike other parts of Italy, it’s a city where the night hours feel like ‘normal time’ to hang out and meet friends.” While that holds appeal for visitors from all over the world, Sanese notes that in the summertime the majority of his patrons are Eastern European university students eager to experience fun and adventure, Italian style. Carnaby Club has been open to party for the past 50 years. “My father, Ennio, founded the club in 1968, when Rimini nightlife was focused on clubs, dancing and parties,” says Sanese. The popular discoteca (disco) has evolved throughout the years as trends changed through the ’80s. “In the beginning it was just a basement … [a place] to throw Sunday afternoon parties with some university friends – a couple of painted lightbulbs and a few bottles of beer,” explains Sanese. “Bands were popular at that time, so there was a lot of live music.” The club expanded soon after when three partners joined ownership, keeping the legendary basement cavern a part of the attraction.

La città italiana che non dorme mai

A Rimini, la notte è sempre giovane. Chi è pronto a diver tirsi gravita verso la città costiera, dove i DJ giungono da lontano a fare da attrazione principale nei leggendari locali alla moda. Durante i frenetici mesi estivi, i festival in spiaggia, le feste e gli eventi speciali fanno proseguire il diver timento fino alle prime ore del mattino. “Rimini ha da sempre un fortissimo richiamo commerciale,” afferma Luigi Sanese, responsabile marketing del Carnaby Club in via Brindisi, nel cuore del centro. “A differenza di altre parti d’Italia, si tratta di una città dove le ore notturne sembrano quelle “normali” in cui passare il tempo e incontrarsi con gli amici.” Seppur ciò costituisca un’attrattiva per i turisti da tutto il mondo, Sanese fa notare che in estate la maggioranza dei suoi clienti sono studenti universitari dell’Europa dell’Est desiderosi di provare il divertimento e l’avventura all’italiana. Il Carnaby Club apre al divertimento da 50 anni. “Mio padre, Ennio, ha fondato il locale nel 1968, quando la vita notturna di Rimini s’incentrava sui club, i locali da ballo e le feste,” dice Senese. La famosa discoteca si è evoluta, con il cambiare delle tendenze nel corso degli anni ’80. “All’inizio era solo un seminterrato … [un luogo] in cui organizzare feste con i colleghi universitari la domenica pomeriggio – un paio di lampadine colorate e qualche birra,” spiega Sanese. “A quei tempi erano in voga i gruppi, per cui c’era tanta musica dal vivo.” Il locale si è presto ingrandito quando tre soci si sono uniti, mantenendo la leggendaria caverna del seminterrato quale parte dell’attrazione.

Photo / Riccardo Gallini

RIMINI’S NIGHTLIFE


RIMINI

p

51

In contrast to the nightlife in other popular cities, Sanese says Rimini is a relatively safe place to party. Club owners provide shuttle buses to securely transport patrons to their destinations during the early hours of the morning, when city buses don’t run. “We organize to meet groups at pick-up locations on the beach or boulevard and make frequent runs to take them back to their hotels or wherever they are staying or as close as possible,” he explains. Sanese believes that the “quality of the food and hospitality from the locals” is what sets Rimini apart from other famous coastal hotspots in Europe, such as Spain’s popular party island, Ibiza. Another big difference between Rimini and Ibiza, according to Life Club owner Thomas Agostini, is the cost. Although both destinations share a reputation for a vibrant late-night party scene, he points out that “Rimini is inexpensive compared to other coastal cities, with many bars, pubs and clubs for guests to party.” Life Club has two dance floors, and clubbers can choose from a variety of activities including a hot tub and mechanical surfboard ride. “Every night we have a different theme party and special guest DJs,” says Agostini. Popular DJs that have headlined events at the famed club include Afrojack, Nicky Romero, Chuckie, Ryan Marciano, Quintino and Don Diablo. For visitors who prefer to enjoy the city’s nightlife without hitting the clubs, Rimini has plenty to offer. “During the summer season there are no official closing hours in Rimini,” says Laura Belli, general manager of the city’s popular Hotel Monica. “Shops are open from early morning to late evening without a break; bars and restaurants are always open.” Rimini has been dubbed “Italy’s Miami Beach” for its energetic nocturnal bustle. One of the largest and most anticipated events is La Notte Rosa (The Pink Night) that takes place every July. The all-night festival dazzles vacationers as the entire Adriatic coastline is illuminated in pink and features concerts, shows and fireworks showcasing the seaside city’s exuberant hospitality. “In ancient times, over 2,000 years ago, we were a crossing point in central Italy for Roman travellers,” Sanese says proudly. “Maybe it’s because it’s in our DNA to host visitors that we do it well. The people here are always warm and welcoming, day and night.”

In contrasto con la vita notturna di altre famose città, Sanese dice che Rimini è un posto relativamente tranquillo in cui far festa. I proprietari dei locali mettono a disposizione dei clienti dei bus navetta per riportarli in sicurezza alle loro destinazioni alle prime ore del mattino, quando non circolano gli autobus municipali. “Organizziamo l’incontro con i gruppi in punti di raccolta in spiaggia o lungo il viale e facciamo frequenti viaggi per ricondurli nei loro alberghi, dovunque soggiornino o nelle più immediate vicinanze,” spiega. Sanese crede che la “qualità del cibo e dell’ospitalità da parte della gente del luogo” sia ciò che distingue Rimini da altre famose località costiere alla moda in Europa, come la rinomata isola del divertimento spagnola, Ibiza. Altra grande differenza tra Rimini e Ibiza, secondo il proprietario del Life Club, Thomas Agostini, è il costo. Sebbene entrambe siano conosciute per la vivacità della vita a tarda notte, sottolinea che “Rimini è economica rispetto ad altre città costiere, con molti bar, pub e locali in cui i clienti possono far festa.” Il Life Club ha due piani e i clienti possono scegliere tra una serie di attività, compresa una vasca idromassaggio e un giro su un surf meccanico. “Ogni sera abbiamo una festa a tema diversa e DJ tra gli ospiti speciali,” dice Agostini. Tra i famosi DJ, attrazione principale in occasione di eventi presso la rinomata discoteca, vi sono : Afrojack, Nicky Romero, Chuckie, Ryan Marciano, Quintino e Don Diablo. A quei visitatori che preferiscono godersi la vita notturna della città senza andare in discoteca, Rimini ha molto da offrire. “Durante la stagione estiva non ci sono orari di chiusura ufficiali,” dice Laura Belli, direttrice generale del famoso Hotel Monica. “I negozi sono aperti dal mattino presto a tarda sera, senza interruzione; i bar e i ristoranti sono sempre aperti.” Rimini è stata soprannominata “la Miami Beach d’Italia” per via del suo vivace viavai notturno. Uno degli eventi più grandi ed attesi è La Notte Rosa che si tiene ogni luglio. Il festival, che va avanti per tutta la notte, affascina i turisti con l’intera costiera adriatica illuminata di rosa, i concerti, gli spettacoli e i fuochi d’artificio che mettono in mostra l’esuberante ospitalità di questa città di mare. “Anticamente, più di 2.000 anni fa, eravamo un punto di passaggio nell’Italia centrale per i viaggiatori romani”, dice orgoglioso Sanese. “Forse l’abbiamo nel DNA il senso d’ospitalità verso i visitatori. Le persone sono sempre calorose ed accoglienti, giorno e notte.”

AUTHENTIC Greek Cuisine JOIN US FOR LUNCH OR DINNER AND YOU CAN

WIN A TRIP FOR 2 TO ITALY OR GREECE *

Details in restaurant Draw : September 15 2018 *50$ minimum for 2 persons (before taxes)

BRING YOUR OWN WINE ENJOY OUR BEAUTIFUL TERRASSE! PRIVATE ROOMS AVAILABLE

restaurantpetros.ca


52

RIMINI

Piazza Cavour, Rimini

FROM RUSSIA WITH LOVE (AND CASH) Dalla Russia con amore (e soldi) by / di ALESSIA SARA DOMANICO

An affair of sea, shopping and investment Standing inside Rimini’s Federico Fellini International Airport on a summer’s day, you start to see a trend on the arrivals board: Nordwind from Moscow, NordStar from Moscow, I-Fly from Moscow, Rossiya from Moscow, Red Wings from St. Petersburg, Ural Airlines from Moscow, Red Wings from Moscow, Aeroflot from St. Petersburg. Sure there’s an occasional arrival from London, Luxembourg or Warsaw, but they are markedly outnumbered by the sea of chartered and commercial routes from Mother Russia. So why are Russians flocking to this coastal Italian city? The current eco-political instability in certain areas of Eastern Europe might have something to do with it, turning these travellers away from their traditional destinations like Egypt, Israel and Madagascar. Instead, they are opting for the comfort and sanctuary of Rimini’s affordable seaside resorts, great shopping and, not to mention, one of Italy’s most iconic cuisines – the Cucina Emiliana. With cheap chartered flights from Moscow and St. Petersburg, Rimini is quickly becoming one of Russia’s most popular gateways to il bel paese.

Una storia di mare, shopping e investimenti

All’Aeroporto Internazionale Federico Fellini di Rimini, in un giorno d’estate, si inizia a riscontrare un trend sui tabelloni degli arrivi: Nordwind da Mosca, NordStar da Mosca, I-Fly da Mosca, Rossiya da Mosca, Red Wings da San Pietroburgo, Ural Airlines da Mosca, Red Wings da Mosca, Aeroflot da San Pietroburgo. Certo, occasionalmente ci sono arrivi da Londra, Lussemburgo o Varsavia, ma sono così pochi che si perdono nel mare di voli privati e commerciali in arrivo dalla Madre Russia. Ma perché i russi affluiscono in gran numero in questa città costiera italiana? L’instabilità economicopolitica di certe zone dell’Europa orientale potrebbe essere uno dei fattori per cui questi viaggiatori si sono allontanati dalle loro mete tradizionali, quali l’Egitto, Israele e il Madagascar. Optano altresì per il comfort e l’accoglienza degli abbordabili resort costieri di Rimini, lo shopping straordinario nonché una delle più iconiche cucine d’Italia – la cucina emiliana. Grazie a economici voli privati da Mosca e San Pietroburgo, Rimini sta diventando rapidamente una delle destinazioni più gettonate del bel paese. Dato l’elevato numero di turisti russi nelle spiagge di Rimini, la gente del posto ha ribattezzato


RIMINI

Photo / Gilberto Urbinati

N

53 With so many Russian tourists summer-mingling on Rimini beaches, the locals have even declared the month of June Il Ferragiugno as this is when most Russian tourists come to their shores for vacation. The Italians famously take their leaves of absence during August (Ferragosto). “The restaurant I frequent at the beach has a menu in both Italian and Russian,” says Matteo Pizzi, from Bologna, who spends every summer in nearby Riccione. However, Russian tourists aren’t just interested in Rimini’s menus, but also its beaches. While the private real estate market has gone stagnant following sanctions on Russian investment, the commercial beachfront is another matter altogether. The famous Lido beach establishments, which usually host a small bar/restaurant and rent sun loungers and umbrellas for an often hefty fee, are actually owned by the state and leased to businesses. “While the lease can at times last for decades on end, they do come up for tender. Russian parties already have their names down on the list to snatch them up,” explains Pizzi. In terms of shopping, Rimini is a mix of big shopping centres, small boutiques and famous shopping streets like Corso d’Augusto, Tre Martiri square, via Garibaldi and via Gambalunga where big brand names can be found. There are also a few outlet centres in Rimini, including one run by Max Mara Group 15 kilometers outside of the city centre and another operated by luxury footwear brand Sergio Rossi (a Russian favorite) north of Rimini in Savignano sul Rubicone (FC). “Russians have a penchant for fashion and luxury brands and are especially interested in local specialties and products that are made in Italy,” says Cinzia, who works at a boutique in Rimini. “We have quite a few Russian clients that come to us every year. Shopping is a main event in their day, usually before lunch. They typically come in a group and take over the shop. The men will make themselves at home on the sofa, with other shopping bags full of their purchases, asking us for advice on restaurants and their wives will model various ensembles. It is very rare that they won’t purchase something. Some shoppers are more reserved, while others will ask for our opinions as they value an Italian’s taste.” Inevitably, it is that Italian flair and lifestyle that keeps its neighbours to the East coming back for more.

“ferragiugno” questo periodo in cui la maggior parte dei visitatori russi, si reca qui per le vacanze. Gli italiani fanno le ferie tipicamente ad agosto (da qui il nome Ferragosto, che indica, in particolare, il 15 del mese). “Frequento un ristorante sulla spiaggia che ha il menu in italiano e in russo,” dice Matteo Pizzi di Bologna, che trascorre ogni estate nella vicina Riccione. Comunque, i turisti russi non si interessano soltanto all’aspetto gastronomico della città, ma anche alle spiagge. Se da una parte il mercato immobiliare privato è diventato stagnante in seguito alle sanzioni sugli investimenti russi, il fronte mare commerciale è tutta un’altra questione. I famosi lidi privati, che normalmente hanno un piccolo bar-ristorante e che affittano sdraio e ombrelloni a tariffe esorbitanti, sono in effetti di proprietà dello stato e dati in affitto ad attività commerciali. “Se i contratti di locazione possono durare per decenni senza interruzione, i lidi vengono talvolta messi in vendita. Molti russi hanno già iscritto il loro nome sulla lista e sono pronti ad accaparrarseli,” spiega Pizzi. Quanto allo shopping, Rimini è un mix di grandi centri commerciali, piccole boutique e celebri vie dedicate allo shopping come Corso d’Augusto, Piazza Tre Martiri, Via Garibaldi e Via Gambalunga, dove si possono trovare le grandi firme. Ci sono anche gli outlet a Rimini, tra cui uno gestito dal Gruppo Max Mara a 15 chilometri dal centro città e un altro amministrato dal marchio di calzature di lusso Sergio Rossi (uno dei preferiti dai russi) a nord di Rimini, a Savignano sul Rubicone (FC). “I russi hanno una propensione per la moda e le firme di lusso e sono particolarmente interessati alle specialità e ai prodotti locali fatti in Italia,” dice Cinzia, che lavora in una boutique a Rimini. “Abbiamo numerosi clienti russi che vengono a trovarci ogni anno. Lo shopping è una delle attività principali della loro giornata, di solito prima di pranzo. In genere arrivano in gruppo riempiendo il negozio. Gli uomini si accomodano sul divano con borse piene dei loro acquisti, e chiedono consigli su dove mangiare, mentre le mogli provano i vestiti. È raro che se ne vadano senza comprare qualcosa. Alcuni sono più riservati, altri invece vogliono il nostro parere in quanto apprezzano il gusto italiano.” E i nostri vicini di casa dell’est continuano a venire a frotte, inevitabilmente attratti dall’eleganza e dallo stile di vita italiani.

HGREGOIRE NISSAN Will always make the difference, Guaranteed!

MICHAEL GIOIA 4299 Desserte Nord Autoroute 440 Laval, QC www.chomedeynissan.com

General Manager 450.682.4400 Parliamo Italiano Open Saturdays

4540, Boulevard Robert-Bourassa Laval, QC www.nissanvimontlaval.com


54

WORLD CUP

Photo / Shutterstock

ITALY OUT BUT NOT DOWN L’Italia è fuori ma non giù by / di GRAEME CAREY

National team has an opportunity for positive change

La Nazionale ha un’occasione per cambiare in meglio

“I was totally devastated. I couldn’t believe it. I still don’t,” says Anthony Falato – member of Club Juventus Gaetano Scirea di Montreal – describing how Italy fans around the world felt after the team failed to qualify for the World Cup for the first time since 1958. “I wake up sometimes thinking it was all a bad dream, but the reality is we failed to achieve something that should have been a walk in the park.” With four titles (tied for second for most of all time) and a win just three tournaments ago, Italy is considered one of the most dominant teams in World Cup history. So how could they have fallen so far, so fast?

“Ero completamente distrutto. Non potevo crederci. Ancora non posso,” sostiene Anthony Falato – socio del Club Juventus Gaetano Scirea di Montreal – nel descrivere come si sono sentiti i tifosi dopo la mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali, per la prima volta dopo il 1958. “A volte mi sveglio e penso sia stato solo un brutto sogno, ma la verità è che non siamo riusciti a raggiungere qualcosa che sarebbe dovuto essere facile come una passeggiata al parco.” Con quattro titoli (a pari merito al secondo posto assoluto nella classifica di tutti i tempi) e una vittoria appena 3 campionati fa, l’Italia è considerata una delle squadre più vincenti nella storia della Coppa del Mondo. Quindi, come sono potuti cadere così in basso, così velocemente?


WORLD CUP

55

What went wrong? According to Marco D’Onofrio, Football Italia writer and host of Stereo Serie A, the answer is simple: Giampiero Ventura. “The former Torino manager received a lot of criticism during his time on the Azzurri bench, and rightfully so,” D’Onofrio says of Italy’s skipper. “He demonstrated on numerous occasions that he lacked vision for the future and wasn’t sure what the identity of his team going forward would be.” Falato also feels the manager is largely responsible for the team’s poor performance, citing Ventura’s lack of success in Serie A.Yet he places some of the blame on the players as well. “First and foremost,” he says, “there was a lack of depth and talent.” But D’Onofrio is willing to give the players a break, since they were mismanaged from the start. “Look no further than the curious case of Napoli’s Jorginho as evidence,” he says. “Over the course of two years, Ventura adamantly refused to call him up because he didn’t believe he had the characteristics to play in his system – despite proving himself as one of the best maestros in the Italian top flight.” The only question now is what must Italy do in order to improve going forward?

Cosa è andato storto? Secondo Marco D’Onofrio, giornalista di Football Italia e conduttore di Stereo Serie A, la risposta è semplice: Giampiero Ventura. “L’ex allenatore del Torino ha ricevuto molte critiche durante il periodo trascorso sulla panchina degli Azzurri, e a ragion veduta,” dice D’Onofrio del commissario tecnico. “Ha dimostrato in numerose occasioni di mancare di una visione per il futuro e non era sicuro riguardo a quella che sarebbe stata l’identità della squadra andando avanti.” Falato pensa inoltre che l’allenatore sia ampiamente responsabile per la pessima prestazione della squadra; in par ticolare, cita l’assenza di successi di Ventura nella Serie A. Ma attribuisce par te della colpa anche ai giocatori. “Innanzitutto,” sostiene “c’era carenza di spessore e talento.” Ma D’Onofrio è disposto a offrire un’attenuante ai giocatori, dato che sono stati mal gestiti sin dall’inizio. “Basti pensare al curioso episodio di Jorginho del Napoli. “Nel corso di due anni, Ventura si è rifiutato con testardaggine di convocarlo perché riteneva che non avesse le caratteristiche per giocare nel suo modulo – nonostante avesse dimostrato di essere uno dei migliori talenti italiani.” Rimane solo da chiedersi cosa debba fare l’Italia per migliorare d’ora in avanti.

What needs to change Just two days after the team’s final qualifying match against Sweden, Ventura, who had been manager for less than two years, was sacked. In his place, Luigi Di Biagio took over in an interim role until this May, when Roberto Mancini was named Italy’s latest skipper. Mancini brings with him not just coaching experience, but playing experience, as well. Prior to managing in Serie A, the Premier League, and, most recently, the Russian Premier League, Mancini made 424 appearances for Sampdoria and represented Italy in international play for more than a decade. But in order for the team to truly improve, Falato says it will take more than just a coaching change. He believes the whole program could use a shakeup. “The game is different now,” he says, pointing out that the glory days of Baggio, Del Piero and Totti are long gone. “Today’s players must adapt and fight to honour the Azzurri jersey.”

Cosa bisogna cambiare Appena due giorni dopo la partita di qualificazione finale della squadra contro la Svezia, Ventura, che era stato manager per quasi due anni, è stato mandato via. Al suo posto è subentrato ad interim Luigi di Biagio in un ruolo provvisorio fino a questo maggio, quando Roberto Mancini è stato nominato commissario tecnico. Mancini porta con sé non solo una grande esperienza come allenatore ma anche come giocatore. Prima di allenare in Serie A, la Premier League e più recentemente, la Premier League Russa, Mancini ha collezionato ben 424 presenza con la Sampdoria e ha rappresentato l’Italia all’estero per oltre un decennio. Ma per far sì che la squadra migliori davvero, secondo Falato ci vorrà molto più di un semplice cambio d’allenatore. Per lui una bella scossa è quello che serve. “Il gioco è diverso ora” sostiene, sottolineando il fatto che i giorni gloriosi di Baggio, Del Piero e Totti sono passati da un pezzo. “I giocatori di adesso devono adattarsi e lottare per rendere onore alla maglia azzurra.”

Four Season Pool • 2 Gyms • 2 Social Rooms • 3 Acres of Garden • Indoor Parking • Across Bus Terminal & Future Light Rail

VenturaCondos.ca • 514 697-5454 • info@VenturaCondos.ca Model Condo: 355 Brunswick Blvd. Pointe-Claire (Facing Fairview Shopping Center)


56

WORLD CUP

“The talent is there, but as with any successful team it needs to be properly utilized.” “Il talento c’è, ma, come per ogni squadra di successo, deve essere utilizzato nel modo opportuno” One way they can adapt is by developing young talent and, luckily, there’s no shortage of that. “The talent is there, but as with any successful team it needs to be properly utilized,” D’Onofrio says. “Serie A is riddled with top Italian players and could do some serious damage in the coming years if they are pointed in the right direction.” In good company At the very least, Italy is in good company. Several other big teams, including the Netherlands, USA and Chile, also failed to qualify which D’Onofrio sees as “further proof that the game is continuing to develop across the globe.” But plenty of powerhouses still remain, including Spain, D’Onofrio’s pick to win it all this year. “Julen Lopetegui has an embarrassment of riches to select from that not only include young stars like Isco and Marco Asensio, but also experienced veterans like Andrés Iniesta and Sergio Ramos,” he says. As for Falato, he still plans to watch this summer, even though his team won’t be competing. “I’m a football fanatic,” he says, adding that he’ll be rooting for Argentina because they have two Juventus players. “This will be my first, and hopefully last, stress-free World Cup.”

Una possibile soluzione è quella di formare giovani talenti di cui, per fortuna, non c’è carenza. “Il talento c’è, ma, come per ogni squadra di successo, deve essere utilizzato nel modo opportuno,” dice D’Onofrio. “La Serie A pullula di bravi giocatori italiani e non indirizzarli bene potrebbe rivelarsi un grosso danno negli anni a venire.” In buona compagnia Quantomeno, l’Italia è in buona compagnia. Altre grandi squadre, incluse l’Olanda, gli Stati Uniti e il Cile, non si sono parimenti qualificate, cosa che D’Onofrio considera “prova del fatto che questo sport si stia evolvendo in tutto il mondo.” Ma rimangono numerose squadre forti, inclusa la Spagna, la favorita di D’Onofrio per la vittoria di quest’anno. “Julen Lopetegui ha l’imbarazzo della scelta, che include non solo giovani stelle come Isco e Marco Asensio, ma anche veterani come Andrés Iniesta e Sergio Ramos,” sostiene. Per quanto riguarda Falato, ha ancora in programma di seguire i Mondiali quest’estate, anche se la sua squadra non gareggerà. “Sono un fanatico del calcio” sostiene, aggiungendo che tiferà per l’Argentina dato che vi giocano due calciatori della Juventus. “Questi saranno i miei primi, e spero ultimi, Mondiali senza stress”.


YOU CAN NOW SHOP ONLINE AT

WWW.MILANOFRUITERIE.COM THE BEST ITALIAN PRODUCTS IN MONTREAL FAITES VOS ACHATS EN LIGNE À

WWW.MILANOFRUITERIE.COM LES MEILLEURS PRODUITS ITALIENS À MONTRÉAL

FRUITERIE MILANO VOTED MONTREAL’S BEST ITALIAN GROCERY STORE for the 3rd year by Panoram Italia readers

Come and visit us! Celia and Mario Zaurrini

FRUITERIE MILANO 6862 St Laurent, Montréal, QC H2S 3C7 • (514) 273-8558

www.fruiteriemilano.com


58

WORLD CUP

“He’ll be in the same breath as Dino Zoff, and I think he’ll be remembered as one of the greatest because he won so much.” “Sarà sullo stesso piano di Dino Zoff, e penso che verrà ricordato come uno dei migliori dato che ha vinto così tanto.”

THE GREAT GIGI Il grande Gigi by / di TOM DINARDO

The illustrious career of Gianluigi Buffon

L’illustre carriera di Gianluigi Buffon

Considered one of the greatest goalkeepers Italy has ever produced, Gianluigi Buffon’s professional debut at 17 years old has become the stuff of legend. While serving as backup goalie for Parma in 1995, he was called up by then-manager Nevio Scala to replace starter Luca Bucci in a game against AC Milan. The match ended in a scoreless draw, with Buffon stopping attempts from Ballon d’Or winners Roberto Baggio and George Weah. The keeper’s flawless performance against Milan (who would go on to win the Serie A title that year) left an impression on Italian soccer fans. Even Dino Zoff – the famed goalie for the Italian 1982 World Cup team – praised the young man after the match, saying he had “never seen a debut like Buffon’s for the personality and quality he showed.” Carmine Isacco, master coach at York University and technical director of Vaughan Soccer Club in the Greater Toronto Area, remembers watching Buffon train at the Nottawasaga Inn Resort in Alliston, Ontario the summer prior, when Parma came to Toronto to play exhibition matches. “The great thing about Buffon is that he started so young that everything he did was instinctual,” says Isacco, who played goalkeeper himself at the university and professional level. “A lot of people mimic the way he moves, the way he shot-stops and his footwork.” By the 1996-97 season, Buffon was permanently named the starting goalkeeper for Parma. He went on to win the Coppa Italia and UEFA Cup with the Emilian side in 1999.

Il debutto professionale a 17 anni di Gianluigi Buffon, considerato oggi uno dei migliori portieri italiani, è diventato leggenda. Nel 1995, quando era portiere di riserva del Parma, l’allora allenatore Nevio Scala lo chiamò a sostituire il titolare Luca Bucci in una partita contro l’AC Milan. L’incontro finì con un pareggio senza reti, con Buffon che parava i tiri dei vincitori del Pallone d’Oro, Roberto Baggio e George Weah. L’impeccabile performance di Buffon contro l’AC Milan, che avrebbe poi vinto il campionato di serie A di quell’anno, impressionò i tifosi del calcio italiano. Persino Dino Zoff – il famoso portiere della nazionale italiana dei Mondiali del 1982 – elogiò il giovane Buffon dopo la partita, dicendo di “non aver mai visto un debutto come quello in termini di personalità e qualità mostrate.” Carmine Isacco, primo allenatore alla York University e direttore tecnico del Vaughan Soccer Club della Grande Area di Toronto, ricorda di aver assistito all’allenamento di Buffon al Nottawasaga Inn Resort ad Alliston, in Ontario, l’estate precedente, quando il Parma venne a Toronto per giocare delle partite amichevoli. “La cosa bella di Buffon è che ha cominciato quand’era talmente giovane da fare tutto d’istinto,” dice Isacco, egli stesso portiere sia all’università che a livello professionale. “In molti emulano il suo modo di muoversi, il suo stile nelle parate e il suo gioco di gambe.” Nella stagione del 1996-97, Buffon diventa definitivamente titolare del Parma. Vince la Coppa Italia e la coppa UEFA con la squadra emiliana nel 1999. Nel 2001, si unì alla Juventus per 52 milioni di euro, divenendo così il portiere


WORLD CUP

59

più pagato di tutti i tempi. In totale ha vinto 10 In 2001, he joined Juventus for 52 million campionati di serie A con i bianconeri, due dei quali euros, making him the highest paid goalkeeper at vennero tolti al club per via dello scandalo di the time. In total, he won 10 Serie A titles with the calciopoli, e quattro titoli di Coppa Italia. Bianconeri, two of which were stripped from the Durante questo periodo, ha avuto inoltre un ruolo club because of the calciopoli game-fixing scandal, decisivo nella vittoria dell’Italia nei Mondiali del 2006, la and four Coppa Italia titles. During that time, he quarta per gli Azzurri. L’anno scorso, è stato nominato also played an integral role in Italy’s 2006 World Miglior portiere FIFA all’età di 39 anni. “Buffon è una Cup victory – the fourth all-time for the Azzurri. leggenda in Italia e anche nel mondo perché fa parte Last year, he was named the Best FIFA Goalkeeper della scena calcistica globale da oltre 20 anni,” dice at the age of 39. “Buffon is a legend in Italy and l’attaccante cagliaritano del Montreal Impact Matteo around the world because he has been part of Mancosu, il quale ha giocato per il Bologna F.C. e il Carpi the global soccer scene for over 20 years,” says F.C. prima di unirsi all’Impact nel luglio del 2016. “Oltre Cagliari-born Montreal Impact forward Matteo ad essere un portiere eccezionale, è un grand’uomo.” Mancosu, who played for Bologna F.C. and Carpi Nell’ottobre 2017, il portiere ha annunciato che, F.C. before joining the Impact in July 2016. molto probabilmente, si sarebbe ritirato dal calcio “Besides being an amazing goalkeeper, he is a internazionale dopo la Coppa del Mondo 2018. great man.” Sembrava aver confermato il suo ritiro dagli In October 2017, the keeper announced he Azzurri dopo una devastante sconfitta 1-0 contro la would most likely retire from international football Svezia, che gli ha impedito di essere il primo giocatore following the 2018 World Cup. He appeared to a partecipare a sei tornei di Coppa del Mondo. confirm his retirement from the Azzurri after a dev“Peccato che la mia ultima partita ufficiale abbia astating 1-0 aggregate elimination loss to Sweden, coinciso con la mancata qualificazione ai Mondiali,” ha which deprived the legendary keeper of being the ammesso in lacrime dopo la partita. Tuttavia, da allora first to feature in six World Cup tournaments. “It’s Buffon ha giocato l’ultima volta con la nazionale italiana a shame my last official game coincided with the in due amichevoli contro failure to qualify for the l’Argentina e l’Inghilterra nel World Cup,” admitted “He’ll be in the same breath as marzo 2018. a tearful Buffon after L’unico titolo che gli the match. He however Dino Zoff, and I think he’ll be è sempre sfuggito nella joined the Italian remembered as one of the greatsua carriera è quello national team for two est because he won so much.” della Champions League. La final international Juventus è arrivata alle finali friendly matches against del 2015 e del 2017, ma ha Argentina and England perso in entrambe le occain March 2018. “Sarà sullo stesso piano di Dino sioni contro il Barcellona e The only title that Zoff, e penso che verrà ricordato il Real Madrid, rispettivahas eluded him throughcome uno dei migliori dato che mente. out his career is the Quest’anno, la parteciChampions League. ha vinto così tanto.” pazione della Juventus alla Juventus made it to the Champions League è finita in finals in 2015 and 2017 maniera controversa. Dopo il 3-0 contro il Real but lost both times to Barcelona and Real Madrid, Madrid da parte dei Bianconeri nella seconda di due respectively. partite dei quarti di finale, l’arbitro inglese Michael This year, Juventus’s run at the Champions Oliver ha fischiato un fallo a favore dell’attaccante del League ended in controversy. After a 3-0 comeback Real Madrid Lucas Vázquez, concedendo alla squadra against Real Madrid by the Bianconeri in the second un calcio di rigore al terzo minuto di recupero. match of a two-game quarterfinals series, English Quando Buffon ha contestato con collera la referee Michael Oliver called a foul on Real Madrid scelta, Oliver ha mostrato il cartellino rosso al portiere forward Lucas Vázquez and awarded the team a e lo ha espulso dalla partita. Cristiano Ronaldo ha penalty kick in the third minute of added time. calciato il rigore e ha segnato contro il portiere di When Buffon angrily protested the call, Oliver riserva Wojciech Szczesny, gave the keeper a red card and ejected him from annullando le speranze della Juve di avanzare. the game. Cristiano Ronaldo took the penalty kick Dopo la partita, Buffon è finito su tutti i titoli di and scored against backup goalkeeper Wojciech prima pagina per aver detto che Oliver aveva “un Szczesny, ending Juve’s hopes of advancing. After bidone dell’immondizia al posto del cuore.” “In quella the game, Buffon made headlines when he said situazione Buffon, con la sua passione, non ha saputo Oliver had a “rubbish bin where his heart should controllarsi, come sarebbe accaduto a chiunque di noi be.” “In that situation, Buffon, being so passionate, del resto, mostrando semplicemente il suo lato umano was not able to control himself in the same way we e che anche lui può commettere degli errori. Questo would not have been able to, showing he is just a non toglie che ciò che ha fatto in tutti questi anni sia human who can make mistakes. That does not incredibile,” dice Mancosu. change the fact that what he has been doing in all Il 19 maggio 2018, Buffon ha ufficialmente these years is incredible,” says Mancosu. giocato la sua ultima partita con la maglia della JuvenOn May 19, 2018, Buffon officially played his tus, pochi giorni dopo aver vinto la Coppa Italia contro final match in a Juventus jersey, mere days after l'AC Milan, chiudendo in bellezza con la squadra e winning the Coppa Italia against AC Milan, and portando a casa il suo ultimo scudetto. Nella sua conclinching his final scudetto with the team. In his ferenza stampa di addio, il portiere ha lasciato la porta farewell press conference, the keeper left the door aperta ad opportunità future, e le ipotesi abbondano open to future opportunities, and speculations still ancora su un potenziale contratto in un'altra squadra abound about a potential contract with another Eueuropea. “Sarà sullo stesso piano di Dino Zoff, e ropean top team. “He’ll be in the same breath as penso che verrà ricordato come uno dei migliori dato Dino Zoff, and I think he’ll be remembered as one che ha vinto così tanto” secondo Isacco “Quando of the greatest because he won so much,” according parliamo di Gigi Buffon, a mia madre, settantasettenne, to Isacco. “When we talk about Gigi Buffon, my si illuminano gli occhi perché sa bene cosa lui 77-year-old mother’s eyes light up because she rappresenti.” knows what he represents.”


60

WORLD CUP

I Mondiali senza gli Azzurri by / di GRAEME CAREY

Toronto Tifosi find ways to cheer on For many Italian-Canadians, the World Cup is about more than just soccer. It’s about a sense of community and taking pride in your ethnicity. For Jose Bertoli, lifelong Italia fan and coach of the Woodbridge Soccer Club U16 Girls Team, it’s also about making memories. “I have two favourite memories,” he says. “The first is 1982 when Italy defeated West Germany. It was really the first time feeling that passion for the Azzurri, watching the game and celebrating the win at my house with family and the entire neighborhood. The second is the 2006 victory over France. This time I had the opportunity to celebrate with my three children, my wife and family just like my father did back in 1982. Full circle.” But there will be no new memories made this summer, as the four-time champions failed to qualify for the World Cup for the first time in 60 years. For Bertoli – and likely many others – he still plans to watch, but it won’t be quite the same. “The excitement isn’t there yet,” he says. Instead of Italy he’ll be rooting for Mexico, since he’s half-Mexican, but he’s quick to point out where his true allegiance lies. “It’s always been Italia,” he says. “I grew up with the majority of my friends being Italian and living in an Italian neighborhood. You can’t hold back that passion and emotion watching the Azzurri play.” Fans aren’t the only ones who will be affected by Italy’s absence at the World Cup. Businesses and restaurants in the Little Italy district enjoy surges in customers during the games, with thousands showing up in 2006 to celebrate the team’s last title. “Little Italy has always been soccer central for the World Cup,” according to Maria Galipo of Sicilian Sidewalk Café. It’s been at the corner of College Street and Montrose Avenue since 1959, the year after the last time Italy failed to qualify. “It’s wonderful to see how everyone comes

I tifosi di Toronto trovano comunque il modo di tifare

Per molti italo-canadesi, i Mondiali non sono semplicemente calcio. Hanno a che fare con il senso di appartenenza ad una comunità e l’orgoglio per le proprie radici. Per Jose Bertoli, da sempre tifoso dell’Italia ed allenatore della squadra di calcio femminile under 16 del Woodbridge Soccer Club, si tratta anche di creare ricordi. “Sono due i miei ricordi preferiti,” dice. “Il primo è quello del 1982, quando l’Italia ha sconfitto la Germania dell’Ovest. È stata la prima volta in cui ho provato davvero una forte passione per gli Azzurri, l’emozione nel guardare la partita, celebrare la vittoria a casa mia assieme alla mia famiglia e all’intero vicinato. Il secondo è la vittoria del 2006 contro la Francia. In questo caso ho avuto l’opportunità di festeggiare con i miei tre figli, mia moglie e la mia famiglia, proprio come aveva fatto mio padre nel 1982. Si è chiuso il cerchio.” Ma non ci saranno nuovi ricordi quest’estate, dato che i quattro volte campioni, per la prima volta dopo 60 anni. Per Bertoli – come per molti altri – pur avendo in programma di seguire le partite, non sarà esattamente la stessa cosa. “Non si sente ancora quella frenesia,” afferma. Invece che per l’Italia, tiferà per il Messico, essendo per metà messicano, ma precisa immediatamente a chi si sente fedele. “Sempre all’Italia,” dice. “Sono cresciuto in mezzo ad amici prevalentemente italiani e in un quartiere italiano. È impossibile trattenere la passione e l’emozione nel vedere gli Azzurri giocare.” Ma i tifosi non saranno i soli a soffrire la mancata partecipazione dell’Italia ai Mondiali. Attività commerciali e ristoranti di Little Italy godono di frotte di clienti durante le partite, come le migliaia presentatesi nel 2006 per festeggiare l’ultima vittoria della squadra. “Little Italy è da sempre per il calcio un punto d’incontro durante i Mondiali,” afferma Maria Galipo del Sicilian Sidewalk Café. Il locale si trova all’angolo tra College Street e Montorose Avenue dal 1959, l’anno seguente all’ultima mancata qualificazione dell’Italia. “È stupendo vedere come

Photo / shutterstock

WORLD CUP WITHOUT THE AZZURRI


WORLD CUP

61

tutti si ravvivino, socializzino e seguano appassionatamente la squadra preferita alive, socializes and passionately follows their favourite team right through to fino alla fine. I torontoniani sono decisamente appassionati di calcio, soprattutto the end. Torontonians are definitely passionate about their soccer, especially gli italiani. Il che è ottimo per le attività commerciali – non solo per la nostra ma Italians. And this is great for business – not just our business but for all the per tutte.” businesses.” Ma quest’anno, non essendoci in gara l’Italia, il quartiere rischia di perderci But with Italy not competing this year, the neighbourhood stands to lose in euforia – e affari – rispetto agli anni precedenti. Tuttavia, Galipo non se ne out on the excitement – and business – from years past. Still, Galipo’s not too preoccupa molto. “Assolutamente no,” afferma. “Si appassionano tutti per i worried about it. “Definitely not,” she says. “Everyone is passionate about Mondiali. Anche se l’Italia non ce l’ha fatta, c’è World Cup soccer. Even though Italy did not ancora un’audience incredibile. I tifosi continuano make it, there is still an incredible following. “Everyone is passionate about World Cup ad interessarsi al gioco – quest’anno tiferanno Those fans still get into the game – they’re just soccer. Even though Italy did not make it, semplicemente per qualcun altro.” rooting for someone else this year.” Per quel che la riguarda, Galipo sosterrà per For her part, Galipo will be rooting for there is still an incredible following. Those Portogallo e Brasile, ognuno dei quali gode di una Portugal and Brazil, both of whom have large fans still get into the game – they’re just grande rappresentanza nella Little Italy. “Per me, representations in Little Italy. “For me, it’s all rooting for someone else this year.” è solo una questione di entusiasmo,” afferma. about the excitement,” she says. “If either of “Sarò contenta qualora l’una o l’altra dovessero these teams make it to the end, I’ll be happy. arrivare alla fine.” They know how to have fun.” Con o senza gli Azzurri, quest’anno il Sicilian With or without the Azzurri, Sicilian Side“Si appassionano tutti per i Mondiali. Anche Sidewalk Café ha in programma di festeggiare il walk Café still plans to celebrate the tournament se l’Italia non ce l’ha fatta, c’è ancora campionato. “Come sempre, trasmetteremo le this year. “As always, we will be featuring the un’audience incredibile. I tifosi continuano partite dei Mondiali su maxischermi sia all’interno World Cup games on big screens both indoors ad interessarsi al gioco – quest’anno che all’esterno,” dice.“E quest’anno sarà cer taand outdoors,” she says. “And this year it will definitely be a dynamic part of the Taste of Little tiferanno semplicemente per qualcun altro.” mente una componente vivace del Taste of Little Italy Festival.” Si tiene in concomitanza con l’inizio Italy Festival.” It runs concurrently with the start del campionato, dal 15 al 17 giugno. of the tournament, from June 15 to June 17. Per quanto quest’estate i tifosi siano delusi di non potere tifare per la As disappointed as fans are about not being able to cheer for their team propria squadra, resta molto da guadagnare da queste celebrazioni. “La gioia this summer, there’s still a lot to take away from the festivities. “The enjoyment che proviene dal cameratismo con gli amici, i colleghi e gli estranei che condiviyou get from the camaraderie with friends, colleagues and strangers who share dono la stessa passione per il calcio,” dice Bertoli. “Sentire i bambini commentare the same hunger for soccer,” says Bertoli. “Listening to the kids talk about one una delle partite che hanno seguito e scorgere il loro entusiasmo. È il modo in of the games they watched and seeing their excitement. It’s how communities cui le comunità si aggregano e si riuniscono, inorgogliendosi nel rappresentare il come together and unite, taking pride in representing their country.” proprio Paese.” Besides, there’s always 2022 to look forward to. Since Italy last failed Dopotutto, c’è sempre la speranza per il 2022. Da quando l’Italia ha perso to qualify for the World Cup, they have won two titles and appeared in two alle qualificazioni per i Mondiali, ha vinto due titoli ed ha giocato altre due finali. other finals.

I

OUR NEWEST ACQUISITION. WE ARE HERE TO MAKE THE DIFFERENCE.

FRANK BERGON VP OF FIXED OPERATIONS 450.668.1650 Parliamo Italiano • Open Saturdays

1950 Boulevard Chomedey, Laval, QC. H7T 2W3

www.infinitilaval.ca


62

WORLD CUP

FIFA president Gianni Infantino and Victor Montagliani

Riformatore calcistico by / di SALIM VALJI

A talk with CONCACAF president Victor Montagliani

Una chiacchierata con il presidente del CONCACAF Victor Montagliani

Since assuming the presidency of CONCACAF in 2016, Vancouver native Victor Montagliani has, among other things, attempted to rebrand the union after several scandal-plagued years. In May he took some time to chat with Panoram Italia about his roots, the upcoming World Cup, and the future of Canada’s men’s national team. The interview has been edited for length and clarity.

Da quando ha assunto la presidenza del CONCACAF nel 2016, il nativo di Vancouver Victor Montagliani ha, sopra ogni cosa, adempiuto a riformare il sindacato dopo i molteplici scandali degli ultimi anni. A Maggio ha concesso una chiacchierata a Panoram Italia riguardo le sue origini, sugli imminenti Mondiali di Calcio, e sul futuro della squadra calcistica maschile del Canada. L’intervista è stata modificata per questioni di lunghezza e chiarezza.

Panoram Italia: How prevalent was Italian culture for you growing up? Did you speak the language? Victor Montagliani: Actually it was the first language I learned. I didn’t speak English until I was six years old. It’s my mother tongue and still to this day, I speak Italian better than I speak English. It was, and still is, a big part of my life.

Panoram Italia: Quanto è stata influente la cultura italiana durante la tua crescita? Hai mai parlato italiano? Victor Montagliani: In realtà è stata la prima lingua che ho appreso. Non ho parlato inglese fino all’età di sei anni. È stata la mia lingua madre e rimane tale fino ad oggi, parlo l’italiano meglio dell’inglese. Era, e resta, una grossa parte della mia vita.

PI: What was it like to grow up in an Italian family? VM: I grew up in a traditional Italian household where only Italian was spoken in the house. You’d wake up in the morning and there would be Italian radio on with music and political debate. It was a very Italian community in East Vancouver and East Commercial Drive. I obviously still retain it to this day.

PI: Com’è stato crescere in una famiglia italiana? VM: Sono cresciuto in una famiglia italiana tradizionale dove in casa si parlava solo italiano. Potevi svegliarti la mattina e trovare una radio italiana trasmettere musica o dibattiti politici. Era una comunità veramente molto italiana in East Vancouver e East Commercial Drive. Ovviamente mi porto dietro questo retaggio ancora oggi.

PI: You’ve previously mentioned that Italy not making the World Cup could be a good thing. Why is that? VM: I think the silver lining would be that [the Italian Football Federation] would need to have an introspective on how they develop players. It’s obvious that Serie A has dropped behind other leagues, so I think it’s an opportunity for them to look at how they do the business of football back in Italy.

PI: Precedentemente hai detto che la mancata qualificazione dell’Italia ai mondiali potrebbe essere una buona cosa. Come mai? VM: Io penso che il risvolto positivo sia che [la Federazione Italiana Calcio, n.d.a.] potrebbe cogliere l’occasione per analizzare il modo in cui si fanno crescere i giocatori. È ovvio che la Serie A sia rimasta indietro rispetto alle altre leghe (calcistiche, n.d.t.), perciò credo sia un’opportunità per loro di osservare come facciano business calcistico in Italia.

PI: What’s the effect of not having Italy at the World Cup? Do you think people won’t tune in because Italy isn’t playing? VM: I don’t think so from a branding perspective. But I think from a traditionalist or romantic perspective, obviously not having Italy there has a bit of an impact. The truth of the matter is that even if they’d qualified, I’m not sure they would have been favoured to go past the group stage.

PI: Qual è l’effetto di non avere l’Italia ai Mondiali? Pensi che la gente non li seguirà perché l’Italia non gioca? VM: Non credo sia una questione di bandiere. Penso che i Mondiali catturino l’attenzione in tutti i Paesi. Ma io la vedo da un punto di vista romantico e tradizionalista, ovviamente non avere l’Italia produce un certo impatto. La verità dei fatti è che anche se si fossero qualificati, non sono sicuro sarebbero stati favoriti per passare il primo girone.

Photos / CONCACAF

SOCCER REFORMER


WORLD CUP

63

PI: Canada’s men’s team has slipped in recent years. What needs to happen for Canada to improve and take a step forward? VM: I think what will change the program is the announcement of the start of a Canadian league (Canadian Premier League) which starts next spring with eight original clubs. With Canada having its own league, I think that will lead to better success for the national team. PI: What’s coach John Herdman’s biggest challenge in rebuilding the men’s program? VM: It’s trying to get everyone working with the new league and working with the stakeholders to get everyone going in the same direction. PI: It’s been a couple of years since the FIFA corruption scandal. How do you look at FIFA today? Is it a changed organization? VM: It is a changed organization in a lot of ways. From a compliance and regulation standpoint, I think it’s regulated more than any stock exchange in the world. The reality is that the changes need to happen at a cultural level. PI: What are the challenges regarding the 2026 World Cup joint bid by the United States, Canada and Mexico? VM: These three countries have done other things together, especially the U.S. and Canada. From a logistical standpoint, there are no challenges. These countries have put on events. It’s just convincing voters that it’s the right choice to make. PI: A couple of cities, including Vancouver and Chicago, have withdrawn from the 2026 bid. Do you think that FIFA perhaps demands too much in infrastructure and tax breaks from cities for the right to host the World Cup? VM: There are 23 cities that have had no challenges with any of the demands. To be honest, a lot of those things are discussed after the fact. This is no different than any other event that happens, whether it’s the Olympics or the World Junior Hockey Championships. I’m sure that there are always incentives put in by the organizers. It’s much ado about nothing.

PI: La squadra di calcio maschile canadese è un po’ scivolata negli ultimi anni. Di cosa ha bisogno il Canada per migliorare e fare un passo avanti? VM: Ritengo che ciò che cambierà le cose è l’annuncio della nascita della lega canadese (Canada Premier League) che debutterà la prossima primavera con otto squadre originali. Per il Canada avere una propria lega, penso conduca ad un miglior successo per la squadra nazionale. PI: Qual è la sfida più grande per il mister John Herdman nel ricostruire la squadra? VM: Sta cercando di far sì che tutti lavorino alla nuova lega e lavorino con gli investitori, in modo tale da andare tutti nella stessa direzione. PI: Sono passati un paio d’anni dallo scandalo per corruzione della FIFA. Come guardi la FIFA oggi? È un’organizzazione diversa? VM: È un’organizzazione totalmente cambiata sotto molti aspetti. Dal punto di vista della normativa e dei regolamenti, trovo sia molto più regolamentata di una qualsiasi borsa valori al mondo. La realtà è che i cambiamenti devono avvenire a livello culturale. PI: Qual è la sfida riguardo i Mondiali di Calcio 2026 proposta da Stati Uniti, Canada e Messico insieme? VM: Queste tre nazioni hanno fatto altre cose insieme, specialmente Stati Uniti e il Canada. Da un punto di vista logistico, non ci sono sfide. Questi paesi hanno già creato eventi. Devono semplicemente convincere i votanti che è la scelta giusta da adottare. PI: Un paio di città, inclusa Vancouver e Chicago, hanno ritirato la loro candidatura per il 2026. Tu ritieni che la FIFA chieda troppe infrastrutture ed agevolazioni fiscali alle città per ospitare i Mondiali? VM: Ci sono 23 città che non hanno avuto nessun problema con nessuna richiesta. Ad essere onesti, molte di queste cose sono discusse a posteriori. Non c’è alcuna differenza con gli altri eventi organizzati, come ad esempio le Olimpiadi o il Campionato Mondiale di Hockey Giovanile. Sono sicuro che ci saranno sempre incentivi da parte degli organizzatori. È solo tanto rumore per nulla.


64

ARTS & CULTURE

PICTURE PERFECT Una cantastorie visiva

Goddess of Desire

Bambi

Break New Ground

Photo / Daniele Tomelleri

Adriane

Liana Carbone in her studio

Barista

by / di SARA GERMANOTTA

Liana Carbone’s focus on creativity and community In the summer of 2016, Liana Carbone took a trip to Italy that changed her life. The then 25-year-old and her husband decided to visit il bel paese in an effort to reconnect with their Italian origins. “Anthony and I are both ItalianCanadian and we wanted to experience our roots together for the first time,” explains Carbone. “What Italy reflected back to me is the incredible creative and cultured heritage I am a part of.” Carbone took her Nikon D7000 digital camera along with her on the trip. She says she spent much of her vacation photographing the people and places she encountered along the way from Venice to Rome. She would edit her photos on the train rides between cities, posting them to her social media feeds and emailing them to friends and family. “Walking around with my camera, I really felt like it was an extension of my soul,” says the 27-year-old. “Having my camera allowed me to notice the beauty of the country on a way deeper level. I noticed the paint peeling off the walls in Venice, all the little details in peoples’ faces and on everyday objects.”

Liana Carbone si concentra su creatività e comunità

Nell’estate del 2016, Liana Carbone ha fatto un viaggio in Italia che le ha cambiato la vita. L’allora venticinquenne e il marito avevano deciso di visitare il bel paese con l’obiettivo di riconnettersi alle proprie origini italiane. “Anthony ed io siamo entrambi italiani e volevamo esplorare le nostre radici insieme e per la prima volta,” spiega. “Ciò che l’Italia mi ha trasmesso è l’incredibile patrimonio culturale e creativo di cui faccio parte.” Carbone ha portato in viaggio con sé la sua macchina digitale Nikon D7000. Dice di aver trascorso gran parte della sua vacanza a fotografare le persone e i luoghi incontrati lungo il tragitto da Venezia a Roma. Revisionava le foto durante i percorsi in treno tra le varie città, postandole sui feed dei social media ed inviandole via e-mail ad amici e parenti.“Andare a spasso con la mia macchina fotografica, me la faceva davvero percepire come fosse un prolungamento della mia anima,” afferma la ventisettenne. “Avere con me la fotocamera mi consentiva di cogliere più a fondo la bellezza del Paese. Notavo i muri scorticati di Venezia, tutti i piccoli dettagli nelle facce delle persone e negli oggetti quotidiani.”


ARTS & CULTURE

65

Carbone describes her camera lens as an anchor that grounds her in the moment and allows her to fully engage with the people and places around her. It was a feeling she’d never experienced before, and it was enough to persuade her to quit her day job in digital marketing and pursue her dream of becoming a photographer. “I wasn’t convinced how pure and intense my passion for photography was until I went on this trip. Although I was being creative and working with creative people, I had a thirst to be creative on a deeper level. During our trip to Italy I decided that I just had to do this full-time.” Carbone, who holds a bachelor of arts in communications, is a self-taught photographer and director who describes herself as a “visual storyteller.” Her portfolio encompasses everything from stylized high fashion glossies to stunning landscapes and beautiful detail photography. “My intention is to share some truth and beauty in my images,” explains Carbone. “Even if they are not always conventionally beautiful, they are revealing an awareness of the processes of challenge, expansion, liberation and growth.” Beyond being a successful photographer, Carbone is also the brainchild behind Montreal’s creative communal hub, Haven – a production studio that gives local artists the opportunity to create and workshop in a unique setting. Carbone also shares a passion for wellness and she envisions Haven as a place where she can bring all these elements together in a way that allows creatives to connect and collaborate. “I wanted a space where I could create my work and I could host events that would allow me to fuse my passion for photography and wellness. I wanted a place where those two worlds could live together,” says the photographer. “For me, art and wellness practices like yoga and meditation are connected.” With its white walls and bright, open concept, Haven is where local artists and entrepreneurs can bring their creative visions to life. “Montreal really needed this space,” says Carbone. “If you go to places like New York or Los Angeles, these kinds of fusion wellness spaces are very common. I couldn’t find that here so I created it.” Coerced by the allure of Italian society after her trip or calling from inside her all along, Carbone seems naturally purposed to chaperon creativity onto the scene and create from it a stronger sense of community. “It’s really cool to be able to bring people together, believe in each other and create opportunities. It’s like creating a tribe. We’re all growing together.”

Carbone descrive le lenti della sua macchina fotografica come un’ancora che la blocca in un preciso istante, consentendole di connettersi appieno con le persone e i posti che la circondano. Era una sensazione mai provata prima, ed è stata abbastanza da convincerla a lasciare il proprio lavoro nell’industria del marketing digitale e inseguire il sogno di diventare una fotografa. “Non sono stata certa di quanto la mia passione per la fotografia fosse pura e intensa finché non ho fatto questo viaggio. Sebbene fossi una creativa e lavorassi con creativi, ero assetata di creatività a un livello più profondo. In occasione del nostro viaggio in Italia ho deciso che dovevo semplicemente dedicarmici a tempo pieno.” Carbone, che possiede una laurea umanistica di primo livello in comunicazione, è una fotografa e regista autodidatta che si descrive come “cantastorie visiva”. Il suo portfolio comprende di tutto, dalle stilizzate riviste d’alta moda ai paesaggi stupendi alla fotografia dai dettagli meravigliosi. “Il mio intento è quello di condividere bellezza e verità nelle mie immagini” spiega. “Anche se non sono sempre belle in senso convenzionale, rivelano una consapevolezza dei processi di sfida, sviluppo, liberazione e crescita.” Oltre ad essere una fotografa di successo, Carbone è inoltre la mente dietro al centro creativo comunitario di Montreal, Haven – un laboratorio di produzione che offre agli artisti locali l’opportunità di creare e presentare in un contesto unico. Carbone condivide inoltre una passione per il benessere e immagina Haven come un luogo in cui poter far confluire tutti questi elementi in un modo che consenta ai creativi di entrare in contatto e collaborare. “Volevo uno spazio in cui poter sia realizzare i miei lavori che ospitare eventi che mi consentissero di unire le mie passioni per la fotografia e il benessere. Volevo un universo in cui quei due mondi potessero convivere” dice la fotografa. “Per me, arte e attività di benessere come lo yoga e la meditazione sono collegate.” Con le sue pareti bianche e il luminoso ambiente unico, Haven è il luogo in cui gli artisti locali e gli imprenditori possono dar vita alle proprie visioni creative. “Montreal aveva veramente bisogno di uno spazio così,” afferma Carbone. “Se vai in posti come NewYork o Los Angeles, questo tipo di ambienti benessere fusion sono molto comuni. Non ne trovavo, quindi l’ho creato.” Spinta dal fascino della società italiana dopo il suo viaggio o da una sua personalissima vocazione da sempre, Carbone sembra realmente determinata a portare la creatività in scena e a dar vita a partire da essa ad un più forte senso comunitario. “È molto bello poter riunire le persone, credere gli uni negli altri e creare opportunità. È come formare una tribù. Cresciamo tutti insieme.”

STANDA REFRESH YOUR HOME DECOR FOR LESS THAN YOU’D THINK!

3253 Rue Fleury Est, Montreal, H1H 2R4 www.standa.ca Follow us on


66

ARTS & CULTURE

“These gigs took me to Vegas, New York and Los Angeles. It was like hitting the big time.” “Queste esibizioni mi portarono a Las Vegas, New York e Los Angeles. È stato come aver raggiunto il massimo.”

Photo/ Istvan Nyikos

HITTING ALL THE RIGHT NOTES

Toccare i tasti giusti by / di GIANFRANCO CICIRELLO

Musician Guido Basso keeps doing what he loves “I never imagined I was going to be a trumpet player. My older brother Pasquale bought me a trumpet for Christmas and told me I was going to play in his band. I remember telling him that I didn’t want to play the trumpet. ‘I’m Italian,’ I said. ‘I want to play the accordion,’” recalls Guido Basso with a chuckle. Since being gifted his first trumpet at age nine, the Montreal-born musician has performed with the greatest of jazz musicians and became a legend in his own right. For over 20 years, he was a member of the Rob McConnell and the Boss Brass band. Born in 1937, Basso grew up in the Petite-Patrie district on the outskirts of Little Italy. His father hailed from Rapallo and his mother from Foggia. “I’ve always been proud of my Italian roots. My mother always cooked more than we could eat, and that’s how we made friends with the other neighbourhood kids,” remembers Basso. “After an afternoon brawl, we’d all go over to my house. We would yell, ‘It’s time to eat!’ Food was the bringer of the truce. And that’s how we all became friends.”

Il musicista Guido Basso continua a fare ciò che ama

“Non immaginavo che sarei diventato un trombettista. Mio fratello maggiore Pasquale mi regalò una tromba per Natale e mi disse che avrei suonato nella sua band. Ricordo di avergli detto che non volevo suonare la tromba. ‘Sono italiano, ’ gli dissi. ‘Voglio suonare la fisarmonica, ’ ” ricorda sorridendo Guido Basso. Da quel giorno in cui, a 9 anni, ricevette in dono la sua prima tromba, il musicista montrealese si è esibito con i maggiori musicisti jazz ed è diventato una leggenda a pieno titolo. Per oltre 20 anni ha fatto par te della Rob McConnell and the Boss Brass band. Nato nel 1937, Basso è cresciuto nel distretto della Petite-Patrie nella periferia di Little Italy. Il padre originario di Rapallo e la madre di Foggia. “Sono sempre stato fiero delle mie origini italiane. Mia madre cucinava sempre più di quanto potessimo mangiare ed è così che facemmo amicizia con gli altri bambini del quar tiere,” ricorda Basso. “Dopo una zuffa pomeridiana, ce ne andavamo tutti a casa mia. Gridavamo: ‘È ora di mangiare!’ Il cibo era messaggio di pace. E fu così che diventammo tutti amici.”


ARTS & CULTURE

67

The composer, conductor and arranger studied at the Conservatoire de Musique du Québec à Montréal. Besides being an impresario of the trumpet, Basso also plays the flugelhorn and harmonica. He formed his first band at the age of 11, playing for just nine dollars a weekend. At 15, he started playing the Montreal nightclub scene. “I looked mature for my age but I was still a minor in a club,” says Basso. “People started recognizing me, and I’d keep getting jobs.” The musician eventually earned what he describes as his big break. He crossed over to the famed Saint-Laurent Boulevard club scene, playing amongst west-end musicians at the popular El Morocco. The renowned venue attracted the likes of Edith Piaf, Tony Bennett and Sammy Davis Jr. “It was big name entertainment,” Basso recalls. “They had an eight-piece band and I got to be the trumpet player. I was 17 at the time. It was exciting. I was impressionable. I was amazed.” It was during this period that American singer Vic Damone invited Basso to join his band. Basso went on the road for two years. Then came a call to work in a band with singer Pearl Bailey and her husband Louis Bellson. “These gigs took me to Vegas, New York and Los Angeles,” says Basso. “It was like hitting the big time.” In 1960, Basso moved to Toronto and began work as a studio musician. A few years later, he became the music director for various CBC television programs, a post he held until the mid 1970s. He also organized big bands for Dizzy Gillespie and Benny Goodman. Over the years, the recipient of the Order of Canada has collaborated on countless productions and recorded dozens of pieces as leader or member of several bands, including two albums – Turn Out The Stars in 2000 and again in 2003 for Lost In The Stars – for which he won Juno awards for Best Traditional Jazz Album. Basso has no intention of slowing down or even retiring. In fact, he was asked to assemble an orchestra for two of the major acts in this year’s Toronto Jazz Festival: on June 23 he will be backing musician Seal and on June 28 he will head the band playing with Aretha Franklin. “As long as my health is there I’ll continue doing what I’ve always loved doing. I also stress this to aspiring young musicians: whether you play the trumpet or the accordion, love the music, listen to as much as possible and retain.”

Il compositore, direttore d’orchestra e arrangiatore ha studiato al Conservatoire de Musique du Québec a Montreal. Oltre ad essere un fenomeno della tromba, Basso suona anche il flicorno soprano e l’armonica. Mise su la sua prima band all’età di 11 anni, suonando per appena nove dollari alla settimana. A 15 anni, cominciò ad esibirsi nei locali notturni di Montreal. “Sembravo maturo per la mia età ma rimanevo comunque un minorenne all’interno di un locale,” dice Basso. “La gente cominciò a riconoscermi e continuai a ricevere lavori.” Infine il musicista si guadagnò quella che lui descrive come la sua “grande occasione”. Passò ai locali della rinomata Saint-Laurent Boulevard, suonando con i musicisti del west-end al popolare El Morocco. Il rinomato locale attirava artisti del calibro di Edith Piaf, Tony Bennett e Sammy Davis Jr. “Era uno spettacolo con nomi importanti,” ricorda Basso. “Avevano un gruppo di otto componenti ed io diventai il trombettista. All’epoca avevo 17 anni. Ero impressionato. Stupefatto” Fu allora che il musicista americano Vic Damone lo invitò ad unirsi alla sua band. Basso andò in giro per due anni. Dopo arrivò una chiamata per lavorare in una band con la cantante Pearl Bailey e il marito di Louis Bellson.“Queste esibizioni mi portarono a Las Vegas, New York e Los Angeles,” dice Basso.“Era come aver raggiunto il massimo.” Nel 1960, Basso si trasferì a Toronto e cominciò a lavorare come musicista in uno studio di registrazione. Dopo pochi anni, divenne direttore musicale per vari programmi televisivi della CBC, una posizione che occupò fino alla metà degli anni ’70. Inoltre, mise su gruppi per Dizzy Gillespie e Benny Goodman. Nel corso degli anni, oltre ad aver ricevuto il premio dell’Ordine del Canada, ha collaborato con innumerevoli produzioni ed ha registrato dozzine di brani come leader o componente di vari gruppi, compresi due album – (Turn Out The Stars) nel 2000 e di nuovo nel 2003 per Lost In The Stars – per i quali si è aggiudicato il premo Juno per il miglior album jazz tradizionale. Basso non ha intenzione di rallentare o di ritirarsi. Di fatto, gli è stato chiesto di mettere su un’orchestra per due dei maggiori spettacoli del Toronto Jazz Festival di quest’anno: il 23 giugno accompagnerà il musicista Seal e il 28 giugno dirigerà la band che suona con Aretha Franklin. “Finché avrò salute continuerò a fare ciò che ho sempre amato fare. Lo dico anche per gli aspiranti musicisti: che suoniate la tromba o la fisarmonica, amate la musica, ascoltatela più che potete e fatela vostra.”

Order Online!

Open Monday to Saturday Since

1965

Products of Quebec – Grain fed – Air chilled

Summer is Here!

Chicken • Turkey • Quail • Guinea Fowl • Duck • Goose • Pheasant • Pigeon Rabbit • Hare • Lamb • Venison • Bison • Wild Boar • Organic Chicken & Turkey Roasts • Smoked Cold Cuts • Homemade Sausages • Meat Pies • Foie Gras • Smoked Salmon Rillettes • Terrines • Gluten-Free and Lactose-Free Hotdogs Free delivery for all purchases of $50 or more (Montreal)

514.843.6652 www.LVGF.ca

116 Rue Roy est. Montréal Qc.


68

ARTS & CULTURE

by / di MONA’A MALIK

Making a mark on big-budget films While working at visual effects company Framestore in Montreal, 27-year-old Italian-Canadian artist and line producer Massimo Meo spent months racing to complete work on Marvel’s Deadpool 2, in theatres this past May. With a shortened deadline, the challenge of artistic excellence intensifies, as do the 70-80-hour work weeks. This work ethic won Framestore’s visual effects department an Oscar earlier this year for Blade Runner 2049, the neo-noir science-fiction sequel to the 1982 cult film. “My producer on Deadpool was the visual effects producer on Blade Runner, and we are one humongous family of a company,” explains Meo. “It’s awesome to see your colleagues be part of something in that way. It’s also a weird experience because as a kid you watch the Oscars half-pretending that you won one.” As a line producer, Meo enjoys being involved with the intricate changes made to scenes, assessing what is possible given imminent deadlines. He is in constant conversation with clients and artists: “We receive client calls about what they want to create and we receive what they’ve filmed – whether they want to redo roads and break down a bridge or destroy a building. My job is to manage and schedule the calendar for the project across all departments.” It was only five years ago, while Meo was completing his film studies program at Concordia University, that he started contacting people in L.A., Vancouver, and Toronto, trying to get his foot in the door of the film industry. He got his first break at visual effects and animation company Mikros, where he worked on various projects, from the art department to the 3D movie experience. He then made the move to Framestore

Lasciare il segno su un film dal budget elevato

Una sorta di maratona durata mesi quella dell’artista e line producer italo-canadese Massimo Meo per ultimare i lavori su Deadpool 2. Il 27enne impiegato presso la compagnia di effetti visivi Framestore di Montreal ha sperimentato in prima persona la pressione di una scadenza ridotta; mentre la sfida dell’eccellenza artistica si fa più intensa, così anche si fanno intense le settimane lavorative di 70-80 ore. Grazie a questa etica del lavoro, il dipartimento effetti visivi di Framestone ha ottenuto un Oscar quest’anno per Blade Runner 2049, il seguito neo-noir di fantascienza del film cult del 1982. “Il mio produttore di Deadpool era il produttore degli effetti visivi di Blade Runner, e siamo una compagnia che è come un’enorme famiglia,” spiega Meo. “È incredibile vedere i tuoi colleghi far parte di qualcosa in questo modo. È anche un’esperienza strana perché da bambino guardi gli Oscar facendo finta di vincerne uno.” Come produttore, Meo ama essere coinvolto nelle intricate modifiche apportate alle scene, valutando ciò che è possibile fare date le scadenze imminenti. Comunica costantemente con clienti e artisti: “Riceviamo chiamate da clienti relativamente a ciò che vogliono creare e riceviamo ciò che hanno filmato – può essere che vogliano rifare le strade e buttare giù un ponte o demolire un edificio. Il mio lavoro è di organizzare e gestire il calendario per il progetto in tutti i dipartimenti.” Solo cinque anni fa, quando stava terminando il corso di cinema alla Concordia University, Meo ha iniziato a stabilire contatti in L.A.,Vancouver e Toronto nel tentativo di entrare nell’industria cinematografica. Ha avuto la sua prima opportunità presso Mikros, una compagnia di effetti visivi e animazione, dove ha lavorato a diversi progetti nell’ambito del dipartimento artistico e dell’esperienza dei film in 3D. È poi passato a Framestore iniziando come coordinatore degli effetti visivi ed è stato promosso a line producer dopo meno di un anno. In seguito ad una rapida ascesa in un campo difficile,

Photo / Despina Ioa

MASSIMO MEO


ARTS & CULTURE

69

starting off as a visual effects coordinator. He was promoted to line producer within a year. After a rapid rise in a difficult field, Meo says, “In this industry, you need to prove yourself constantly because so many people want the job.” Family is also a big part of Meo’s life and has close connections to his artwork. His mother (whose family hails from Avellino as well as Caserta) and his father (with roots in Caserta and Latina) encouraged their son’s talents. “Both of my parents nurtured the idea of the arts being important,” he says. “My mom painted [with oils] when I was a kid… I went into it 100%.” He remembers painting murals in elementary school and backdrops in his high school gymnasium. “It’s something I just did – experimenting. My paintings now are ink and acrylic on fabrics and transparent silks, it’s an evolution of me playing as a kid, continuously enjoying art and finding new ways to be creative.” Meo continues to work on his artistic process, evolving through life experiences that help him understand emotion onscreen and in art: “The type of films and art I want to make now are more grounded in me as a person.” He has hopes to one day direct a big budget film and has several projects in the works, including collaborations and his own short films. As a painter, he is represented by the gallery Subject Art, and would one day like to hold a solo exhibition. There is also a feature film looming, eight years in the making: “My main feature is a passion project. It’s about the memories of a family home after a mother passes away – and it’s based on my aunt.” It would be the “biggest goal and relief, a very therapeutic thing to finish it… I want to share it with other people that hopefully will understand why it was so important for me.” Until then, he continues to love the intensity of his work at Framestore. Highlights of the job include working with a dedicated, artistically-brilliant team, and projects like Fantastic Beasts and Where to Find Them, an eightmonth endeavour, that involved developing the creature Niffler and intricate New York City scenes. “When I was 15, I would never have dreamed I would have a credit on Fantastic Beasts,” he marvels. “As a huge Harry Potter fan it was one of the biggest joys for me to work on the film. It’s the kind of job you dreamed of as a kid.”

Meo dice:“In questa industria devi costantemente dimostrare quanto vali, perché sono in tanti a volere questo lavoro.” La famiglia ha un ruolo importantissimo nella vita di Meo ed è strettamente legata al suo lavoro artistico. Sua madre (la cui famiglia proviene da Avellino e Caserta) e suo padre (originario di Caserta e Latina) hanno incoraggiato i talenti del figlio.“Tutti e due i miei genitori hanno sempre sottolineato l’importanza dell’arte”, sostiene.“Mia madre dipingeva [ad olio] quando ero bambino ... e io mi ci sono buttato a capofitto.” Ricorda di quando ha dipinto dei murales alla scuola elementare e gli sfondi della palestra della sua scuola superiore. “ È qualcosa che facevo e basta – sperimentavo. I miei dipinti ora sono ad inchiostro e acrilico su tessuti e seta trasparente. Rappresentano la mia evoluzione dai tempi in cui giocavo da piccolo, continuamente immerso nel piacere dell’arte e sempre alla ricerca di modi nuovi per essere creativo.” Meo continua a lavorare al suo estro artistico, evolvendosi attraverso esperienze di vita che lo aiutano a comprendere le emozioni sullo schermo e nell’arte: “Il tipo di film e arte che desidero fare è ora più consolidato in me come persona.” Spera di poter un giorno dirigere un film dal budget elevato e ha molti progetti in programma, tra cui varie collaborazioni e i suoi cortometraggi personali. Come pittore, è rappresentato dalla galleria Subject Art e vorrebbe un giorno avere una sua mostra personale. C’è anche un film che si profila all’orizzonte, a cui sta lavorando da otto anni. “Si tratta di un progetto che è una passione. Parla dei ricordi legati ad una casa di famiglia dopo la morte della madre – ed è basato su mia zia.” Secondo Meo sarebbe il suo “più grande obiettivo e sollievo – e ultimarlo avrebbe un effetto terapeutico.” “Voglio condividerlo con altri nella speranza che comprendano perché è così importante per me,” aggiunge. Per ora continua ad amare l’intensità del suo lavoro a Framestore. Fra gli aspetti più significativi della sua occupazione, lavorare con un team scrupoloso e brillante a livello artistico e realizzare progetti come Fantastic Beasts and Where to Find Them (un’impresa di otto mesi che ha comportato la realizzazione della creatura Niffler e intricate scene a New York). “Quando avevo 15 anni, non avrei mai immaginato che il mio nome potesse comparire nei titoli di coda di Fantastic Beasts,” si meraviglia. “Da grandissimo fan di Harry Potter quale sono, lavorare al film è stata per me una delle gioie più grandi. È il tipo di lavoro che sogni di avere da bambino.”

ÉCO DÉPÔT CÉRAMIQUE

Visit our showroom first! The largest showroom in Quebec with on-site designers CERAMIC • PORCELAINE • NATURAL STONE • VANITY • MOSAICS

LAVAL 1111, AUTOROUTE 440 OUEST 450 667-1166

MONTRÉAL 8710, rue PASCAL-GAGNON 514 323-8936

RIVE SUD 3555, boul. TASCHEREAU 450 678-9191

Proudly serving you for over 40 years

www.eco-depot.ca


70

ADVICE

PORTARE DIO IN VACANZA Tutto è in suo potere. Egli potrebbe infatti cambiare situazioni, guarire Siamo già giunti al periodo dell’estate, che spesso è sinonimo di malattie, fermare le guerre, nutrire i bambini nei paesi in via di sviluppo, etc. vacanze per molti di noi. Infatti, questo è quasi sempre il momento Ma questo modo di fare è piuttosto il suo modo straordinario, cioè non meno occupato dell’anno; i giovani hanno terminato la scuola, le abituale. Il comportamento ordinario di Dio si esprime piuttosto nel rispetto parrocchie diminuiscono le loro attività e in Canada ci sono le vacanze della costruzione. Insomma, un intervallo in cui abitualdella nostra libertà e nell’infondere la pace profonda nei nostri cuori. Mi mente ci è dato un tempo di riposo per approfittare al massimo viene spontaneo questo passaggio dell’Antico Testamento: possibile del caldo e del bel tempo. «Ecco, il Signore passò. Ci fu un vento impetuoso e gagliardo da spaccare i monti e spezzare le rocce davanti al Signore, ma il Signore I più fortunati viaggeranno fuori del paese. Chi andrà in Italia, non era nel vento. Dopo il vento ci fu un terremoto, ma il Signore non chi in altri paesi per scoprire un po’ di più il nostro pianeta ricco di NICOLA DI NARZO era nel terremoto. Dopo il terremoto ci fu un fuoco, ma il Signore non di posti diversi e meravigliosi. C’è chi potrebbe andare fuori, ma preferisce stare a casa tranquillo ed approfittare di quanto ha già era nel fuoco. Dopo il fuoco ci fu il mormorio di un vento leggero. Come con sé qui. Insomma, varie oppor tunità, varie possibilità, ma sempre vacanze l'udì, Elia si coprì il volto con il mantello, uscì e si fermò all'ingresso della caverna. Ed saranno per la maggior parte di noi. ecco, sentì una voce che gli diceva: «Che fai qui, Elia?». (1 Re, 11-13) Perché questo passaggio? Perché ci rivela Dio in modo meraviglioso. Dio E questo momento dell’anno spesso lo prepariamo in anticipo. Chi lo sogna da mesi, chi sopporta il proprio lavoro aspettando solo questo momento per infatti non sta negli eventi spettacolari ma nel vento leggero che quasi non liberarsi dallo stress, chi ha già preparato una lista di cose da fare o ha amici da invitare. notiamo. Ed allora, questo passaggio biblico ci ricorda una cosa fondamentale: il Ma spesso il più dimenticato in questo tempo off, è il nostro caro Buon Dio. profeta Elia fu capace di riconoscere Dio perché viveva in relazione continua con Lo pensiamo durante l’anno per chiedergli sostegno, lo pensiamo nei momenti Lui, ma il riconoscere Dio non è una cosa facile senza un legame fisso. Sembra astratto quello che vi sto dicendo adesso, ma ha un senso molto di difficoltà per implorare aiuto, lo pensiamo nei momenti di tristezza per invocare confor to. Ma come mai lo dimentichiamo nei momenti di gioia e di riposo? profondo! Se io cerco, nonostante le mie debolezze, le mie mancanze, le mie Mistero! Ma la nostra relazione con Dio si deve sviluppare anche quando non povertà, una relazione sincera con Dio, allora nei momenti difficili della vita, nei siamo a casa, anche quando siamo fuori dal paese, anche quando abbiamo tempo momenti di disperazione, in quei momenti nei quali vorrei che Dio facesse grandi per riposare e fare altro. cose, grandi miracoli per salvare un mio caro, o darmi un certo lavoro, o non Anzi, per dirvi la verità, la nostra relazione con Dio non dovrebbe mai essere farmi perdere qualcosa, forse nell’accorgermi che il miracolo non è accaduto, non basata sul chiedere, sul vedere Dio come un mago che può cambiare le nostre mi verrà di ribellarmi contro di Lui, ma piuttosto diventerà naturale sentirlo nel realtà quotidiane come gli pare. Non dovremmo pensare a Lui solamente nei piccolo vento e capire che per tutto quel tempo Egli stava con me e che qualcosa momenti in cui le cose vanno male e cerchiamo soluzioni magiche ai nostri ha fatto. Sono sicuro che in ogni situazione qualcosa fa, ma non sempre come problemi. La relazione con Dio è piuttosto un cuore a cuore quotidiano, nel quale vorremmo noi. sviluppiamo una comunione profonda con Lui. Insomma, portiamo Dio con noi, nelle nostre vacanze, nel nostro quotidiano Mi potreste dire adesso: ma che cosa stai dicendo? Che significa stare in e così la magia tanto desiderata avverrà. Ma in modo diverso, con lo scoprire che comunione con Dio? Ebbene, la prima cosa che voglio dire è che Dio può tutto. in tutto ed in tutti possiamo trovare Dio!


ADVICE

71

SEPARAZIONE O COMUNIONE DEI BENI? QUESTO È IL DILEMMA! Il Codice Civile italiano del 1942, disponeva all’art.159 che, il regime matrimoniale legale dei coniugi, applicabile cioè in mancanza di apposita convenzione matrimoniale, era quello della “separazione dei beni” La riforma del 20 settembre 1975 ha ribaltato tale impostazione, prevedendo la “comunione dei beni” come regime legale, qualora non vi fosse una diversa convenzione stipulata a norma dell’art. 162 cod.civ.it. La nuova disciplina ha trovato applicazione audi Pasquale Artuso, tomatica soltanto per le coppie sposatesi dopo l’entrata Attorney in vigore della legge di riforma sopracitata, mentre, una norma transitoria (art. 228 della legge 19-5-1975 n. 151) ha previsto un periodo di pendenza di due anni, con decorrenza dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale delle Repubblica Italiana, prorogato successivamente, fino al 15 gennaio 1978, nel quale uno dei coniugi o entrambi potevano manifestare una volontà contraria in un atto pubblico, ricevuto da notaio o da un ufficiale dello stato civile del luogo in cui fu celebrato il matrimonio o presso un qualsivoglia consolato italiano nel mondo, per mezzo di annotazione sui registri deputati a tale incombenza. Nicola e Beatrice convolarono a nozze, nel lontano 1968, nella città di Roma, senza aver stipulato alcuna convenzione matrimoniale, pertanto in regime di “separazione dei beni”. Nel 1970, insieme ai loro figli, Flaminia e Virginia, emigrarono in Canada, dove coronarono il loro sogno di successo e fortuna in questo grande ed ospitale Paese. Nel 2014, Nicola, nel frattempo divenuto uno dei più grandi imprenditori edili nazionali, s’innamora della bellissima e giovanissima Brigitte, sua segretaria personale, al che, Beatrice, reagisce con collera e sdegno, dichiarando una guerra legale al marito Nicola. A prescindere dai beni oggetto del patrimonio familiare, che sono, per legge, suddivisi a metà, Nicola è proprietario esclusivo di beni immobili, per un controvalore di circa 122.000.000,00 di dollari. Gli avvocati di Beatrice ritengono che, in virtù della legge italiana, i due coniugi siano sottoposti al regime matrimoniale della “comunione dei beni”, non avendo la coppia apportato modifiche, al loro “status”, nei tempi previsti

dalla legge (termine di scadenza 15 gennaio 1978) e, conseguentemente, la loro cliente può vantare un diritto di proprietà, corrispondente al 50%, sul valore immobiliare sopramenzionato. Al contrario, i legali di Nicola, rappresentato dal nostro studio, confutano tale tesi, affermando che, il nuovo regime matrimoniale italiano del 1975 (comunione dei beni) non riguarda i soggetti emigrati prima di tale data, ciò, in virtù di uno dei principi legali informatori dell’ordinamento giuridico canadese e quebecchese in particolare, che sancisce la cosiddetta “Teoria della pietrificazione”, per cui una coppia che emigra in Canada, reca con sé anche il suo regime matrimoniale vigente al momento dell’espatrio, senza che vengano assolutamente considerate, giuridicamente, eventuali modifiche successive al suddetto regime apportate dal sistema legislativo straniero disciplinante il loro matrimonio. Nicola, alla luce di quanto evidenziato, potrà dormire sonni tranquilli con la sua Brigitte. Questa rubrica legale contiene un’informazione giuridica generale e non sostituisce i consigli di un avvocato, che terrà conto delle particolarità del vostro caso. Lo studio legale Pasquale Artuso ringrazia il Notaio Damiana Cavallaro per la sua collaborazione e si avvale di corrispondenti in tutte le regioni d’Italia, coordinati dallo Studio Fallerini.

Pasquale Artuso Avvocato di Fiducia Consolato Generale d’Italia Caroline Francoeur Avvocatessa Valérie Carrier Avvocatessa

Julie Therrien Avvocatessa Steven Campese Avvocato Mathieu Di Lullo Avvocato Natasha Scarano Avvocatessa

T.: 514.259.7090

Pierre Fugère Avvocato - diritto criminale e penale Joseph W. Allen Avvocato dal 1976 diritto dell’immigrazione on. Antonio De Michele Giudice in pensione

F.:514.256.6907

artmars@securenet.net Complexe Le Baron, 6020, rue Jean-Talon Est, bureau 630 Montréal (Québec) Canada H1S 3B1


72

EVENTS Photos / Thierry Dubois

DES GENS ET DES ÉVÉNEMENTS

carole.gagliardi@panoramitalia.com

par / di CAROLE GAGLIARDI

L’ÉDITEUR DE PANORAM ITALIA, TONY ZARA, NOMMÉ CAVALIERE DELLA STELLA D’ITALIA

Tony Zara a toujours été un ardent défenseur de l’italianité au Canada. Il affirme fièrement que sa plus grande passion a toujours été de promouvoir la langue et la culture italienne auprès des Canadiens d’origine italienne afin qu’ils puissent maintenir en vie leur culture pour les générations à venir. C’est d’ailleurs ce qui a poussé le PDG d’Accent Impression à fonder le magazine Panoram Italia, une revue dédiée à la promotion de l’identité italienne au Canada. Bien qu’il ait vécu hors du bel paese pratiquement toute sa vie, Zara demeure toujours très proche de l’Italie et tout particulièrement de son village natal de Guglionesi, dans la région du Molise. Il occupe d’ailleurs depuis plusieurs années le poste de président de la Federazione delle Associazioni Molisane del Québec. « Tony Zara est une figure emblématique de la communauté italo-canadienne du Québec. C’est pourquoi le gouvernement de l’Italie a décidé de lui conférer cet honneur en lui remettant la grande distinction de Cavaliere della Stella d’Italia, » a déclaré Marco Ricardo Rusconi, consul général d’Italie à Montréal, lors de la remise des honneurs. Zara a célébré cette importante reconnaissance avec une soixantaine d’amis et membres de sa famille au Club 357C, lors d’un cocktail organisé par l’homme d’affaires et philanthrope Salvatore Guerrera, président de Sajo, et son épouse Diane. Selon Salvatore « Tony Zara a su démontrer depuis plusieurs années son profond attachement et son amour pour l’Italie à travers la publication du magazine Panoram Italia et grâce à son implication dans la relance de la Federazione Molisana. » Créé en 2011, l’Ordre de l’Étoile d’Italie (Ordine della Stella d’Italia), a pour objectif de souligner le travail remarquable d’individus d’origine italienne qui s’efforcent de promouvoir leur héritage italien de manière exceptionnelle dans le monde. Très ému lors de la réception de cet honneur, Zara en a profité pour inviter tous les acteurs de la communauté italienne du Canada à soutenir cette merveilleuse culture et à transmettre ses valeurs à tous leurs enfants et petits-enfants.

Tony Zara et Salvatore Guerrera

Consul Marco Ricardo Rusconi présentant l’honneur

Jonathan Guerrera

Diane Guerrera


EVENTS

73

Anthony Zara Nadia Alberga, Sal Parasuco et Clara Gentile Grassi

Nick Di Tempora, Carole Gagliardi et Tony Loffreda

Joe Panzera et Adam Zara

Angela Zara

TONY ZARA, EDITORE DI PANORAM ITALIA, NOMINATO CAVALIERE DELLA STELLA D’ITALIA Tony Zara è da sempre un grande difensore dell’italianità in Canada. Afferma con orgoglio che la sua più grande passione, è sempre stata quella di promuovere la nostra lingua e cultura tra i canadesi di origine italiana al fine di mantenerla viva per le generazioni future. Questo è quello che ha spinto il CEO di Accent Impression a fondare Panoram Italia Magazine, una rivista dedicata alla promozione dell’identità italiana in Canada. Sebbene abbia vissuto praticamente la maggior parte della propria vita fuori dal bel paese, Zara è ancora molto vicino all’Italia e in particolare al suo paese d’origine Guglionesi, in Molise. Per diversi anni ha ricoperto la carica di presidente della Federazione delle Associazioni Molisane in Quebec. “Tony Zara è una figura emblematica tra gli italo-canadesi del Quebec. È per questo che il governo italiano ha deciso di conferirgli questa onorificenza nominandolo Cavaliere della Stella d’Italia” ha dichiarato Marco Riccardo Rusconi, Console generale d’Italia a Montreal, al momento della consegna. Zara ha celebrato questa importante occasione con una sessantina di amici e familiari, al Club 357C per un cocktail party organizzato dall’imprenditore e filantropo, Salvatore Guerrera presidente di Sajo, e con sua moglie Diane. Secondo Salvatore: “Tony Zara ha dimostrato, negli anni, il suo profondo attaccamento e amore per l'Italia con la pubblicazione della rivista Panoram Italia e attraverso il suo coinvolgimento nella rinascita della Federazione Molisana.” Creato nel 2011, l’Ordine della Stella d’Italia ha lo scopo di valorizzare l’incredibile lavoro di chi si impegna a promuovere il patrimonio italiano in modo eccezionale nel mondo. Al momento della consegna dell’onorificenza Zara, molto emozionato, ha colto l’occasione per invitare tutta la comunità italiana in Canada a sostenere questa meravigliosa cultura e a trasmetterne i valori ai figli e ai nipoti.

Tommy Alberga, Vince Tassone et Tony Di Guglielmo

{WIN

SUBSCRIBE TO AN

Winnings in the form of a 24 month free lease

{

www.dessourcesalfaromeo.com

ALFA ROMEO STELVIO

$20,000 value Contest Start: December 1, 2017

Deadline: November 5, 2018

Draw: November 12, 2018 Must be 18 years or older

Subscribe to the magazine online at www.panoramitalia.com

or fill out the subscription envelope provided within for your chance to win!


74

EVENTS

Photos / Jimmy Hamelin

1.

MCLAREN MONTREAL

Photo / Gilgamesh Polux

In October of last year the McLaren Dealer network opened its third dealership in Canada, ‘McLaren Montréal’ in Laval, and Panoram Italia was there to cover the festivities. Nino and Renato De Cubellis are the owners of McLaren Montréal. They come from a family with an automotive background dating back to the early 70’s, having dealt mainly with luxury brands. This June, McLaren Montréal is about to celebrate their first Grand Prix (in Montréal) as an open dealership in Québec and the team couldn’t be more thrilled! McLaren Montréal’s Sales Director, Charles St-Roch, comments “McLaren’s DNA is racing. So to have our dealership in a Grand Prix destination, let alone one as renowned as Montréal, is very exciting for all of us. We have a unique destination to welcome our clients and the brands clients from around the Globe to visit and experience the Grand Prix festivities with us.” McLaren Montréal services Eastern Canada and Ottawa. The dealership offers a full range of McLaren Super Car models, including the critically-acclaimed Sports Series.

3.

2.

4.

Photo / Gilgamesh Polux

1. (From left) Nino De Cubellis, Charles St-Roch (sales director), Riccardo Cardillo (aftersales manager), Villio R De Cubellis (social media manager), Renato De Cubellis 2. McLaren MTL group shot 3. Renato and Nino De Cubellis 4. Charles St.Roch with Rachid Badouri


EVENTS

75

5.

6.

FLASHBACK TO THE GRAND OPENING 7.

9.

On October 3rd, 2017, an exclusive grand opening celebration was held for private guests. The event, which featured an elegant outdoor scotch lounge, included a short performance by International Comedian Rachid Badouri and was animated by a surprise celebrity DJ revealed to be JoJo Flores. Short speeches were made by Nino & Renato De Cubellis (McLaren Montréal), Tony Joseph (President, McLaren North America), and Chris Pfaff (President of McLaren Canada).

8.

10.

Photo / Anthony Melloti

5. The De Cubellis family 6. Chris Pfaff with Nino and Renato De Cubellis 7. David De Cotis (deputy Mayor of Laval) with Nino and Renato De Cubellis 8. Ted Bird with Nino and Renato De Cubellis 9. Charles St. Roch (Sales Director) 10. (From left) David Paulozza – VP Groupe Montoni, Renato De Cubellis, David De Cotis, Dario Montoni - President Groupe Montoni, Nino De Cubellis, Villio De Cubellis.


76

A ssur E xperts Tina Ciambrone & Associés Damage Insurance Firm • Auto insurance • Home insurance

• Business insurance • Bonds

EVENTS

RENCONTRE AVEC L’ACTEUR DAVIDE CHIAZZESE L’acteur m’avait donné rendez-vous dans un resto du Vieux-Montréal, entre une répétition de la pièce Hosanna, de Michel Tremblay, et une représentation le soir même au théâtre Centaur de Successions, de Michaela Di Cesare, où il interprétait Enzo. Deux rôles diamétralement opposés pour le talentueux acteur d’origine sicilienne, diplômé en théâtre du Collège John Abbott en 2010. Davide Chiazzese se destinait pourtant à des études en sciences. Après le décès de son père à l’adolescence, il décide de renouer avec sa passion pour le théâtre. Depuis, il enchaîne les rôles en anglais et en français. L’acteur est de la distribution d’Hosanna, une pièce phare de Tremblay créée en 1973 dans laquelle il interprète Cuirette, le copain homosexuel débridé d’Hosanna, le personnage principal. Il a joué ce rôle une première fois en 2015, la salle était petite, les réactions ont été élogieuses, et la pièce a remporté quatre prix. Chiazzese a d’ailleurs été sacré l’un des Montréalais les plus « hot » et un héros pour la communauté LGBT. « C’était un énorme défi, j’étais à demi nu sur scène… J’étais plus jeune et vulnérable, mais j’ai appris beaucoup sur l’homme et l’artiste que je suis. Aujourd’hui, j’aborde ce rôle avec plus de maturité et d’expérience. » Successions est une pièce intense émotivement. Hosanna l’est tout autant, mais est dotée en plus d’une charge sexuelle omniprésente liée à une histoire d’amour entre deux hommes. « Oui, la première répétition a été difficile, mais je suis passionné, je suis sensible et je suis italien ! Et j’embrasse tout ça à la fois. And I celebrate that! » Hosanna met en vedette Eloi ArchamBaudoin et Davide Chiazzese. Mise en scène de Mike Payette. Au Centaur jusqu’au 10 juin : www.centaurtheatre.com.

Monica Di Pasquale

President

Damage insurance broker

Photo / Jaclyn Turner

Tina Ciambrone

Tel: 514.381.7411 Cell: 514.909.0240 t.ciambrone@assurexperts.qc.ca

NEW LOCATION 4886 Jarry Est, Saint-Leonard, Qc. H1R 1X9

LAWYER & MEDIATOR

• NEGOTIATION • FACILITATION • SOLUTIONS

Davide Chiazzese et Eloi ArchamBaudoin dans une scène de la pièce Hosanna

INCONTRO CON L’ATTORE DAVIDE CHIAZZESE

CONFLICT RESOLUTION THROUGH MEDIATION IN ALL MATTERS: • Family mediation • Civil & commercial mediation • Labour mediation

438.939.4728 vflegalmediation.com info@vflegalmediation.com

Ci diamo appuntamento in un ristorante nella vecchia Montreal, tra una prova generale dell’opera teatrale Hosanna di Michel Tremblay, e una rappresentazione in serata di Successions di Micaela Di Cesare, in cui interpreta la parte Enzo al Théâtre Centaur. Due ruoli diametralmente opposti per il talentuoso attore di origine siciliana. Nonostante si sia diplomato al Théâtre du Collège John Abbott nel 2010, Davide Chiazzese era destinato agli studi in scienze. Alla scomparsa di suo padre quando era ancora un adolescente, decise di tornare alla sua vera passione, il teatro. Da allora ha ottenuto facilmente ruoli, passando dall’inglese al francese. Porterà in scena Hosanna, l’opera più importante di Tremblay scritta nel 1973, dove interpreta Cuirette, il compagno imprevedibile di Hosanna. Era il 2015 quando per la prima volta ha rivestito i panni di questo personaggio, la sala era piccola, le recensioni entusiastiche e lo spettacolo ha vinto 4 premi. Chiazzese è stato inoltre nominato uno dei montrealesi più “hot” ed è considerato un eroe per la comunità LGBT. “È stata una grande sfida, ero semi nudo sul palco… Ero più giovane e vulnerabile ma ho capito molto sull’uomo e l’artista che sono. Oggi mi confronto con questo ruolo con più maturità e più esperienza.” Succession è stato emotivamente intenso e Hosanna lo è stato anche di più, una carica sessuale onnipresente benché si tratti di una storia d’amore tra due uomini. “Sì, la prima rappresentazione è difficile ma ci metto passione, sono sensibile e sono italiano! E celebro tutto questo!” Hosanna con Eloi ArchamBaudoin et Davide Chiazzese come protagonisti, messa in scena di Mike Payette, al Théâtre Centaur fino al 10 giugno. www.centaurtheatre.com


EVENTS

Gestion de copropriétés

Peu importe vos défis de gestion, nous serons là pour vous guider.

77

Nos services • Gestion complète ou à la carte

UTOPIE RADICALI AU CENTRE CANADIEN D’ARCHITECTURE Utopie Radicali est une exposition sur la création d’un nouveau mouvement architectural radical qui s’est développé à Florence entre 1966 et 1976, une époque riche en bouleversements sociaux. L’exposition rassemble le travail de 9999, d’Archizoom, de Remo Buti, de Gianni Pettena, de Superstudio, d’UFO et de Zzigurat, artistes et groupes iconoclastes du milieu radical florentin qui ont créé une nouvelle vision de l’architecture ayant profondément influencé l’évolution des arts à l’échelle mondiale. D’abord dévoilée au Palazzo Strozzi à Florence, Utopie Radicali est présentée pour la première fois en Amérique du Nord au Centre canadien d’architecture (CCA). L’exposition regroupe plus de 300 objets, des pièces originales comme des vêtements, des tissus, des lampes, du mobilier, des photos et des maquettes. Des objets repensés, des espaces de vie réinventés, de nouveaux modèles sociaux exempts de contraintes formelles sont issus de cette vision artistique inspirée du pop art. L’exposition est divisée en six sections – Pop, Azione, Disco, Città, Natura et Luna –, où sont abordés les thèmes Pop Radical, Actions urbaines, La Discothèque comme lieu de production, une Architecture immatérielle, l’Échelle humaine,Visions urbaines, la Nature comme matériau et l’Espace déployé. Le matériel d’archives provient de musées internationaux et des collections privées des protagonistes. Utopie Radicali est présentée au CAA jusqu’au 7 octobre 2018. L’exposition est organisée par la Fondazione Palazzo Strozzi, la Fondazione CR Firenze et l’Osservatorio per le Arti contemporanee. Le CCA est un centre international de recherche et un musée fondé par Phyllis Lambert en 1979. Il est un chef de file dans l’avancement du savoir et des débats sur l’architecture.

• Gestion administrative • Gestion financières • Gestion d’entretien

Valéry Couture Présidente

• Service d’urgence 24 / 7

Diplômée de l’université McGill, Gestion de copropriété, propriétaire d’un parc immobilier, gestionnaire d’immeubles et de copropriétés depuis 25 ans.

condostrategis.ca

Nos valeurs

La saine gestion et ses valeurs sont fondamentales pour notre société. Tous nos mandats de gestion de copropriété sont administrés selon les principes de saine gestion. Notre équipe pourra vous conseiller dans la langue de votre choix: Français, Anglais, Italien, Portugais et Espagnol.

Our Values

Governance and values are fundamental to our society.

All our condominum management mandates are administered according to the principles of sound management. Our team will advise you in the language of your choice: French, English, Italian, Portuguese and Spanish.

Saremo Lieti Di Lavorare Con Voi!

Contactez nous dès aujourd’hui ! 7735, boul. Provencher Montréal (Québec) H1S 2S9 Téléphone : 514.508.6987

info@condostrategis.ca

Archizoom, Safari, Poltronova, 1968 Modular sofa.

UTOPIE RADICALI, AL CENTRE CANADIEN D’ARCHITECTURE

Utopie Radicali è un’esposizione sulla creazione di un nuovo movimento di architettura radicale che si è sviluppato a Firenze tra il 1966 e il 1976, un’epoca caratterizzata da forti cambiamenti sociali. La mostra riunisce le opere di 9999, Archizoon, Remo Buti, Gianni Pettena, Superstudio, Ufo e Zzigurat, artisti e gruppi iconoclasti del mondo fiorentino che hanno creato una nuova visione dell’architettura che ha profondamente influenzato l’evoluzione delle arti nel panorama mondiale. Utopie Radicali, precedentemente inaugurata a Palazzo Strozzi a Firenze, è stata presentata per la prima volta nell’America del Nord presso il CCA. L’esposizione riunisce più di 300 oggetti, pezzi originali come vestiti, tessuti, lampade, mobili, fotografie e riproduzioni. Oggetti e spazi abitativi reinventati, nuovi modelli sociali privi di vincoli formali nascono da questa visione artistica ispirata alla Pop Art. La mostra è divisa in sei sezioni: Pop, Azione, Disco, Città, Natura e Luna con le tematiche Pop Radical, Actions Urbaines (Azioni Urbane), La Discothèque comme lieu de production (La Discoteca come luogo di produzione), Architecture immatérielle (Architettura Immateriale), l’Échelle Humaine (la Scala Umana),Visions Urbaines (Visioni Urbane), la Nature comme Matériau (la Natura come Materiale), l’Espace Déployé (lo Spazio Organizzato). Il materiale d'archivio proviene da musei internazionali e collezioni private degli artisti. Utopie Radicali, al Centre Canadien d’Architecture fino al 7 ottobre 2018. L’esposizione è stata organizzata dalla Fondazione Palazzo Strozzi, la Fondazione CR Firenze et l’Osservatorio per le Arti contemporanee. Il CCA è un centro internazionale di ricerca e un museo fondato da Phyllis Lambert nel 1979. È una figura di punta nella divulgazione del sapere e nei dibattiti sull’architettura.


78

EVENTS

GRAND GALA PARFUMS ET SAVEURS DE LA SICILE DE LA CCIC La Chambre de commerce italienne au Canada a reçu ses membres, collaborateurs, partenaires et amis lors de la 27ième édition du Gala annuel de la CCIC qui s’est déroulé au prestigieux Fairmont Le Reine Elizabeth. La Sicile, ses parfums, ses saveurs ont été célébrés dans une atmosphère inégalée de grandes réjouissances et de raffinement grâce à la magie et la passion du chef invité Pino Cuttaia, 2 étoiles Michelin, dont le menu était intitulé Per le scale di Sicilia. Le Grand Gala s’est déroulé sous la présidence d’honneur de monsieur Guy Cormier, Président et chef de la direction du Mouvement Desjardins. Carmine D’Argenio, chef de la direction de BMW-Mini Laval a assuré avec sa prestance habituelle, la présidence du comité organisateur.

Centre de Décoration

St-Léonard

Carmine D’Argenio, Président du comité organisateur; Claudio Taffuri, Ambassadeur d’Italie à Ottawa; Robert Guerriero, Ex-Président du c.a. Caisse populaire Desjardins canadienne italienne; le chef étoilé Michelin Pino Cuttaia; Guy Cormier, Président et chef de la direction du Mouvement Desjardins; Michelina Lavoratore Directrice Services aux particuliers et développement des affaires; Mariano De Carolis, Directeur général CPDCI

Carmine D’Argenio Président comité organisateur, Danielle Virone Directrice générale Chambre de commerce italienne au Canada et le chef Pino Cuttaia

At-home consultation services: Bedding Curtains Shades Moldings Wallpaper Ceramics Tony Catania - Owner

7101, Jarry Est, Anjou 514-255-1644 www.decorstleonard.com

Le chef étoilé Michelin Pino Cuttaia à l’œuvre

GRAN GALA DELLA CCIC AL SAPORE DI SICILIA La Camera di commercio italiana in Canada ha ospitato i suoi membri, collaboratori, partner e amici per la 27esima edizione del Gala annuale della CCIC nel prestigioso Fairmont Le Reine Elizabeth. La Sicilia, i suoi profumi, i suoi sapori sono stati celebrati in un’atmosfera incredibile, di grande gioia e raffinatezza grazie alla magia e alla passione dello chef ospite della serata Pino Cuttaia, 2 stelle Michelin, il cui menu si chiamava Per le scale di Sicilia. Il Gran Gala si è svolto sotto la presidenza onoraria di Guy Cormier, Presidente e Amministratore delegato del gruppo Desjardins. Carmine D’Argenio, CEO di BMW-Mini Laval e presidente del comitato organizzatore, ha garantito la riuscita della serata.


Panoram Italia Montreal June/July 2018  
Panoram Italia Montreal June/July 2018