Page 1

Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:43 AM Page 1

THE ITALIAN-CANADIAN MAGAZINE MAILED TO HOMES IN THE GREATER MONTREAL AND OTTAWA AREAS

LIVING ITALIAN STYLE

2017 ITALIAN

WINE GUIDE NELLA BELLA

VERONA

LINO

SAPUTO ENTREVUE EXCLUSIVE

COVER / LA COPERTINA: TONY CARPINTERI OCTOBER /NOVEMBER 2017 • VOL.12 • NO. 5

www.panoramitalia.com


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:43 AM Page 2


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:43 AM Page 3


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:43 AM Page 4


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:43 AM Page 5


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:43 AM Page 6


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 7


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 8


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 9


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 10

CONTENTS OCTOBER / NOVEMBER 2017 VOL.12 NO.5 Forty Years of Language Legislation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Quarant’anni di legislazione linguistica A Salute to Wine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 In omaggio al vino

EDITORIAL

Tony Carpinteri: Un brin de toscane en gaspésie . . . . . . . . . 16 Tony Carpinteri: Portando il sole della Toscana a Gaspésie

LA COPERTINA

18

Lino Saputo: Always do better . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Lino Saputo: Sempre fare meglio Kassandra Sofonio: Geology’s rising star . . . . . . . . . . . . . . . . 26 Kassandra Sofonio: Astro nascente della geologia Feeding the Soul. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 Nutrire l’anima Searching for La Dolce Vita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 In cerca della Dolce Vita Georges Gaucher: So you want to be Italian? . . . . . . . . . . . . 36 Georges Gaucher: E quindi vuoi diventare italiano?

LIFE & PEOPLE

Italians in Hamilton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 Italiani a Hamilton Italians in Trois-Rivières . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40 Italiani a Trois-Rivières

ITALIANS IN CANADA

FASHION . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 LIVING ITALIAN STYLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 DESIGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 Dans la belle Vérone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 Nella bella Verona A Wine Lover’s City. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 Una città per gli amanti del vino Recipe: Risotto with Amarone and Mushrooms . . . . . . . . . . 54 Ricetta: Risotto All’Amarone e Funghi Recipe: Pandoro Bread Pudding. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 Ricetta: Pudding di briciole di Pandoro

48

VERONA

Enrico Colantoni in Bad Blood . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58 Sergio D’isanto makes a musical life in Montreal . . . . . . . . . 60 Sergio D’isanto si dedica alla musica a Montreal

ARTS & CULTURE

56

Azione di grazia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62 Quando il testamento è impugnato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63

ADVICE

Love for the Beautiful Game . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64 Amore per il bel gioco

SPORTS

EVENTS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66

Cover photo by Laurie-Edwidge Cardinal

WRITERS

Graeme Carey • Gianfranco Cicirello • Erica Cupido Agata De Santis • Jonathan De Sua • Sal Difalco Daniela Di Stefano • Alessia Sara Domanico • Nora Fahmi Carole Gagliardi • Sara Germanotta • Vanessa Gianfrancesco Marco Giovanetti • Laura Guzzo • Sabrina Marandola

Circulation audited by

In our August/September issue, Panoram Italia published a cover photograph of the carved sculpture of Giovanni Caboto. The sculpture was created by the late Guido Casini, a well-known Italian-Canadian artist based in Montreal.

EDITORIAL

ART DEPARTMENT

PUBLISHER & EDITOR • Tony Zara EXECUTIVE EDITOR • Adam Zara ASSOCIATE EDITOR • Pal Di Iulio MANAGING EDITOR • Rita Simonetta EDITOR-AT-LARGE • Gabriel Riel-Salvatore BUSINESS DEVELOPMENT & COMMUNITY AFFAIRS • Carole Gagliardi

ART DIRECTION & GRAPHIC DESIGN Dave Ferreira PHOTOGRAPHY Vincenzo D’Alto • Allen McInnis Anisha Patel • Daniele Tomelleri

ADVERTISING

ACCOUNT EXECUTIVES Anthony Zara Terry Marziliano Distribution par / by

Publications Mail Agreement #40981004

CONTRIBUTORS

PROOFREADERS Christelle Saint-Julien • Rossana Bruzzone Valentina Basilicata • Marie-Hélène Papillon TRANSLATORS Stefania Fenocchio • Athena Mellor Claudia Buscemi Prestigiacomo • Anders Jensen Printed by:

514.337.7870 www.accentimpression.com Montreal, Québec, Canada

9300 Henri-Bourassa West, suite 100, Montreal, Québec H4S 1L5 I Tel.: 514 337-7870 I Fax: 514 337-6180 I e-mail at: info@panoramitalia.com Legal deposit - Bibliothèque nationale du Québec / National Library of Canada - ISSN: 1916-6389


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 11


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 12

12

EDITORIAL

FORTY YEARS OF LANGUAGE LEGISLATION Quarant’anni di legislazione linguistica 2017 has been a doozy for Canadian taxpayers; the celebrations of Il 2017 è stato impegnativo per i contribuenti canadesi; le celebrazioni Canada’s 150th and Montreal’s 375th anniversaries have resulted per il 150esimo anniversario del Canada e il 375esimo di Montreal in billons in federal, provincial and municipal spending with mixed sono risultati in spese federali, provinciali e municipali miliardarie, con opinions and results. opinioni e risultati diversi. While some anniversaries are cause for fanfare and patriotic face Mentre alcuni anniversari sono motivo di fanfare e face painting patripainting, others come and go with a sense of resigned ambivalence ottici, altri vanno e vengono con un senso di fatalista ambivalenza o nostalor nostalgic accomplishment, depending on which side of the fence gico traguardo, a seconda da quale lato della staccionata uno si trovi. Mi one stands. I’m referring in this instance to the 40th anniversary of riferisco ad esempio al 40esimo anniversario della Legge 101 del Québec Quebec’s Bill 101 – the Charter of the French language, enacted to – la Carta della lingua francese, promulgata a difesa del primato della lingua by / di ADAM ZARA protect the primacy of the language of Molière in Quebec. di Molière in Québec. There are those who believe the law directly catapulted Toronto ahead of Ci sono quelli che credono che la legge abbia direttamente catapultato Toronto Montreal as Canada’s metropolis, with head office after head office relocating davanti a Montreal come metropoli canadese, con lo spostamento di una sede centrale down the 401 throughout the late 70s and 80s.There are others who deem that dopo l’altra lungo l’autostrada 401, durante la fine degli anni ’70 e gli anni ’80. Ci sono language laws were only a very small contributor to the exodus, along with many altri che ritengono che le leggi linguistiche abbiano contribuito solo minimamente all’eother factors such as the opening of the Saint-Lawrence Seaway in 1959. sodo, assieme a molti altri fattori, quali ad esempio l’apertura del canale navigabile del In a recent opinion piece published by the Montreal Gazette, lawyer San Lorenzo nel 1959. Julius Grey writes that, with the hindsight of 40 years, though the Bill definitely In un recente articolo di opinione, pubblicato dalla Montreal Gazette, l’avvocato unnecessarily contributed to a rise of tensions between communities, it is not Julius Grey scrive che, con il senno di 40 anni dopo, sebbene la Legge 101 abbia sicuraunfathomable to presume that proponents of the law were right on the mente ed inutilmente contribuito ad accrescere le tensioni tra le comunità, non è assurdo principle of protecting French. “It made no sense for commercial signs to be ritenere che i sostenitori della legge avessero ragione, in linea di principio, a voler proin English only,” he writes, “and legislating the obligation to advertise and teggere il francese.“Non aveva senso che le insegne commerciali fossero solo in inglese,” announce in French was both reasonable and just.” scrive, “e regolamentare l’obbligo di pubblicizzare e fare gli annunci in francese era sia And yet, as polarizing as this topic has been throughout its history, there ragionevole che giusto.” is nothing more nauseatingly boring for this 30-something-year-old and a E tuttavia, per quanto l’argomento sia stato molto controverso nel corso della sua majority of his peers – Anglo and Franco alike – than the prospect of reading storia, non c’è nulla di più disgustosamente noioso per uno sulla trentina e la maggior through another article or listening to another speech either calling for the parte dei suoi coetanei – anglofoni o francofoni che siano – della possibilità di dover Bill’s strengthening, or proposing its dissolution. leggere un altro articolo o ascoltare un altro discorso che miri a rafforzare il decreto As Grey writes: “The tensions of the 1970s have largely disappeared and legge o che ne proponga lo scioglimento. there is far more social integration.” Montreal Anglophones, Francophones Come scrive Grey: “Le tensioni degli anni ’70 sono decisamente scomparse e c’è and Allophones who were raised in the nineties and beyond, want to learn as molta più integrazione sociale.” Gli anglofoni, i francofoni e gli allofoni di Montreal, cresciuti many languages as possible, because it just makes good sense. Young Anglos negli anni novanta o dopo, vogliono imparare quante più lingue possibile, semplicemente see it as a no-brainer to master French as citizens of a majority-French perché ha molto senso. I giovani anglofoni non considerano un problema padroneggiare province, and statistically, young Francos are increasingly bilingual because, il francese poiché cittadini di una provincia a maggioranza francese, e, statisticamente, i why not learn the most spoken language in North America? Old battles have giovani francofoni sono sempre più bilingui considerato che, perché non parlare la lingua given way to common sense. più parlata del Nord America? Vecchie lotte hanno ceduto il passo al buon senso. In another opinion piece published by the Gazette this past August, In un altro articolo di opinione pubblicato dalla Gazette lo scorso agosto, l’uomo businessman Giuliano D’Andrea reminds of the bilingual school system d’affari Giuliano D’Andrea ricorda il sistema scolastico bilingue, sviluppato prevalentedeveloped largely for Montreal’s Italian immigrant community in the ‘50s and mente per la comunità italiana di immigrati negli anni Cinquanta e Sessanta. I genitori ’60s. Italian parents insisted that their children command both official italiani insistevano affinché i loro figli avessero padronanza di entrambe le lingue ufficiali, languages, “and wanted no part in the simmering debates between language “e non volevano partecipare ai dibattiti che ribollivano tra gli attivisti linguistici,” scrive. activists,” he writes. “One need only recall the St-Leonard riots of 1969, as “Bisogna solo ricordarsi delle rivolte di St-Leonard del 1969, e delle proteste a metà well as the protests in the mid-1970s against Bill 22, the precursor to Bill 101.” degli anni ’70 contro la Legge 22, antesignana della Legge 101.” Then like today, Italian-Canadian parents wanted nothing more than to Allora come oggi, i genitori italo-canadesi non volevano nient’altro che fornire ai give their children all the language tools necessary to succeed in life – full stop. propri figli tutti gli strumenti linguistici necessari per riuscire nella vita – punto. With this in mind, and our current reality taken into account, D’Andrea Tenendo questo a mente, e presa in considerazione la nostra realtà attuale, promotes the idea of a single school system in Montreal to replace the various, D’Andrea promuove l’idea di un unico sistema scolastico a Montreal che rimpiazzi i vari redundant school boards that dot the island. Such a system “would have provveditorati in esubero che puntellano l’isola.Tale sistema “userebbe il francese quale French as the majority language of instruction, but would also have an principale lingua d’istruzione, ma avrebbe anche un importante settore in inglese,” proimportant segment in English,” he proposes. “The goal would be to produce pone. “L’obiettivo sarebbe quello di avere diplomati che non solo padroneggiano graduates who not only master both languages, but who also integrate into a entrambe le lingue, ma si integrano all’interno di una comunità culturale non segregata community culture that is not segregated along linguistic lines.” in confini linguistici.” Not only would this system benefit by pooling all educational resources, Questo sistema non beneficerebbe soltanto del raggruppamento di tutte le risorse thereby saving taxpayers millions in bureaucratic waste, it would also serve to pedagogiche, risparmiando in tal modo ai contribuenti milioni di sperperi burocratici, harmonize our communities. “If our children are expected to play together, ma renderebbe anche più armoniose le nostre comunità. “Se ci aspettiamo che i nostri grow up together and work together, why can we not educate them together?” figli giochino insieme, crescano insieme e lavorino insieme, perché non istruirli assieme?” D’Andrea asks. chiede D’Andrea. But with all idealistic solutions to age-old stalemates, cynics would advise Ma a dispetto di tutte le soluzioni idealistiche e gli stalli secolari, i cinici consiglierebagainst holding one’s breath for a breakthrough. “The challenge will be how bero di non aspettare con ansia che arrivi una svolta. “La sfida sarà quella di trovare il to have this idea heard as it struggles for attention against those who see every modo di far dare ascolto a quest’idea che stenta ad attirare l’attenzione, contro quelli alternative idea as a threat,” concludes D’Andrea. “Too often ideas get nipped che considerano ogni piano alternativo una minaccia,” conclude D’Andrea. “Troppo in the bud by institutional interests more comfortable with being perceived as spesso le idee vengono stroncate sul nascere dagli interessi istituzionali, più a proprio victims rather than innovators.” agio nel ruolo di vittime piuttosto che di innovatori.” Je partage ton avis Monsieur D’Andrea.

Je partage ton avis Monsieur D’Andrea.

Con affetto Adam Zara Executive Editor adamzara@panoramitalia.com


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 13


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 14

14

EDITORIAL

A SALUTE TO WINE In omaggio al vino Summer is gone. Tomato sauce season has ended. It’s October – L’estate è finita e così anche la stagione del sugo di pomodoro. the time when a young man’s and woman’s fancy turns to È ottobre, un tempo in cui i pensieri di giovani uomini e donne si thoughts of wine. rivolgono al vino. Wine – the nectar of the gods – has been around since the Già menzionato in documenti storici della Cina, Mesopotamia earliest dates of recorded history from China, Mesopotamia and e non solo, il vino, il nettare degli dei, esiste sin dai tempi più antichi. beyond. The Greeks and Romans even had their own gods for Presso i Greci e i Romani vi erano addirittura divinità associate alla winemaking and grape harvest: Dionysus and Bacco. Wine also produzione di vino e alla vendemmia: Dioniso e Bacco. Il vino ha un plays a central role in Judaism (in the kiddush ceremony) and ruolo fondamentale anche nell’ebraismo (nel rito del Kiddush) e nel Christianity (as part of the Eucharist). cristianesimo (durante l’eucarestia). But vino has also been associated with a hedonistic lifestyle, È stato anche associato ad uno stile di vita edonistico, per lo by / di Pal Di Iulio at least by men, who are the traditional winemakers. Well, the meno dagli uomini, tradizionalmente i principali produttori di vino. times they are a changin’… Ma i tempi stanno cambiando… Women aren’t only drinking more wine, they’re also making it in Ontario Le donne, non solo consumano più vino ora, bensì lo producono in Ontario and marketing it around the world. This issue features just one such example e lo commercializzano in tutto il mondo. La storia di due sorelle che gestiscono of two sisters who operate a successful winery in Niagara-on-the-Lake. un’azienda vinicola di successo a Niagara-on-the-Lake che presenteremo in Canadians of Italian heritage have questo numero, è solo uno dei tanti been the prime consumers and promotesempi. ers of homemade wine (how many times I canadesi di origine italiana sono i have you bragged about your mamma’s “Italian-Canadians have also been principali consumatori e promotori del or your nonna’s wine? Exactly!) vino fatto in casa (quante volte vi siete instrumental in promoting wine for Italian-Canadians have also been vantati del vino della mamma o della instrumental in promoting wine for nonna? Appunto!). market; they’re leaders in the creation market; they’re leaders in the creation Gli italo-canadesi hanno anche and development of the Canadian wine and development of the Canadian wine avuto un ruolo determinante nella industry and culture from Gaspésie to promozione commerciale del vino; sono industry and culture from Gaspésie to Niagara to the Okanagan Valley in leader nella creazione e nello sviluppo Niagara to the Okanagan Valley in British Columbia. della cultura e dell’industria vinicola This country remains a top concanadese, dalla Gaspésie a Niagara alla British Columbia.” sumer of imported red wine, mostly Okanagan Valley nel British Columbia. from Italy and France. Questo paese rimane un grande The changing times also dictate consumatore di vini rossi importati printhat while more of us are enjoying wine, cipalmente dall’Italia e dalla Francia. Il “Gli italo-canadesi hanno anche avuto fewer of us are making homemade wine, mutare dei tempi fa sì che, mentre più preferring instead to buy it bottled in persone consumano vino, meno persone un ruolo determinante nella promozione local wine juice or mosto-making and lo producano in casa e preferiscano commerciale del vino; sono leader nella distribution centres. Yet, there are still comprarlo imbottigliato in centri di some ardent wine-lovers out there who distribuzione di mosto e succo d’uva. Ci creazione e nello sviluppo della cultura e make vino at home, thereby continuing sono ancora, tuttavia, grandi amanti del dell’industria vinicola canadese, dalla our immigrant fathers’ passion and vino che lo fanno in casa, continuando hard work. così la passione e il duro lavoro dei nostri Gaspésie a Niagara alla Okanagan Valley This issue also features the Verona padri immigrati. In questo numero pararea of Veneto, which is famous for art, leremo anche di Verona, in Veneto, che è nel British Columbia.” culture, food and, of course, wines. It’s famosa per l’arte, la cultura, il cibo e nateven more famous for being a place of uralmente i vini, ma soprattutto per eslove and romance thanks to Shakesere il luogo simbolo dell’amore e di speare’s Romeo and Juliet. tutto ciò che è romantico, grazie a Wine is good and salutary when enjoyed in moderation. It’s an integral Romeo e Giulietta di Shakespeare. part of the Mediterranean diet, which uses local and fresh products. And all Il vino è buono e salutare se consumato con moderazione. È par te wine winemakers have their secrets. This makes me think of my late uncle who integrante della dieta mediterranea, che si compone di prodotti freschi e locali. liked wine more than food – and not necessarily in moderation. With a twinkle E tutti i produttori hanno i loro segreti. Mi ricordo del mio defunto zio che in his eye, and a bicchiere in his hand, he once called to me during the feast of amava il vino più del cibo – e non necessariamente con moderazione. Lo San Martino (November 11) when “ogni buon mosto è vino” and shared his sguardo scintillante e il bicchiere in mano, mi chiamò durante la festa di San secret with me. With his index finger in front of his lips, he whispered to me, Martino (l’11 novembre) quando “ogni buon mosto è vino”, e mi svelò il suo “Il vino si puo` fare anche con l’uva.” segreto. Con l’indice sulle labbra, mi sussurrò: “Il vino si può fare anche con l’uva.” Pace e bene Pal Di Iulio Associate Editor pal@panoramitalia.com


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 15


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 16

16

LA COPERTINA

photos / Laurie-Edwidge Cardinal

UN BRIN DE TOSCANE EN GASPÉSIE Portando il sole della Toscana a Gaspésie par / di AGATA DE SANTIS Par une belle soirée d’été,Tony Carpinteri et sa femme Renée sont attablés dans leur salle à manger entourés de 12 invités. Les convives sont impressionnés par le repas traditionnel méditerranéen qu’on leur prépare sous leurs yeux. Plus tôt, tout ce beau monde participait à une visite guidée du vignoble Carpinteri et de sa villa toscane. On promet aux invités une goutte de grappa alors que le repas de plus de six heures, où le vin du domaine coulait à flots, tire à sa fin. Ces joyeux lurons ne se trouvent pas en Italie, mais au beau milieu de la Gaspésie. Plus précisément dans la municipalité de Saint-Ulric, à près de quatre heures de route de Québec, dans le Vignoble Carpinteri. Dix ans plus tôt, alors qu’il revenait d’Italie à bord d’un vol d’Alitalia, Carpinteri a feuilleté un magazine dans lequel était publié un article sur un chef de renommée internationale qui avait décidé de s’acheter une villa en Toscane et de la transformer en hôtel-boutique. « Je me suis aussitôt tourné vers ma femme pour lui dire que c’est exactement ce que nous devions faire ! » Comme le couple n’avait pas de villa toscane à rénover, il a décidé de s’en faire construire une. Le chantier s’est prolongé pendant deux ans sur les onze hectares et demi de champs de fraises que Carpinteri s’était procurés trois ans plus tôt et qu’il a par la suite convertis en vignoble. Aujourd’hui, la propriété compte 12 énormes serres, qui abritent pas moins de 6 000 pieds de vigne en plus des 13 000 autres plants résistants au froid répartis sur le domaine. Les serres ont nécessité un investissement de plus de 300 000 $, mais permettent maintenant au domaine de cultiver des variétés européennes, dont le cabernet sauvignon et le merlot, qui autrement ne résisteraient pas à la rigueur des hivers québécois. La villa toscane de style XIXe compte six chambres, une salle de réception pouvant accueillir 120 personnes, un cellier, une salle de dégustation ainsi qu’une boutique où l’on peut se procurer des produits italiens. Cette année, une fois les vendanges terminées, le vignoble entend produire 40 000 bouteilles : une belle progression par rapport aux 28 000 flacons obtenus un an plus tôt. Pas mal pour un Sicilien arrivé au Canada avec seulement quelques sous

In una piacevole serata estiva, Tony Carpinteri e sua moglie Renée sono seduti attorno alla grande tavola di famiglia con 12 ospiti. Questi sono in estasi per la tipica cena mediterranea preparata proprio dinnanzi ai loro occhi. Hanno appena concluso un tour privato della cantina Carpinteri e della tenuta in stile toscano. Gli è stata promessa anche una grappa fatta in casa alla fine della cena di sei ore. E il vino! Dal vigneto dell’oste arriva una quantità infinita di vino. I fortunati ospiti non sono in Italia. Si trovano in Gaspésie. Più precisamente, a Saint Ulric – 4 ore di macchina nord-est di Québec City, proprio lungo Route 132, presso la Vognoble Carpinteri. Dieci anni fa, a bordo di un volo Alitalia di ritorno dal Bel Paese, mentre consultava una rivista italiana di bordo, Carpinteri si è imbattuto sul profilo di un cuoco molto famoso che aveva deciso di acquistare una villa in Toscana e di convertirla in un boutique hotel. “Mi sono girato verso mia moglie e le ho detto: ‘Dovremmo farlo!’” La coppia non possedeva una villa antica da ristrutturare in Toscana, per cui se l’è costruita. Ci sono voluti due anni per costruire la villa sul terreno che Carpinteri aveva acquistato tre anni prima. Al momento dell’acquisto, gli 11,5 ettari di terreno erano ricoperti da campi di fragole. Carpinteri li ha convertiti in un vigneto. Oggi, Vignoble Carpinteri ospita 12 serre lunghe 200 piedi (61 metri) nelle quali crescono 6.000 vigne, più altre 13.000 vigne che crescono nel vigneto. Le serre – investimento di oltre 300.000 dollari per l’imprenditore – permettono la vendemmia delle uve europee, come Cabernet Sauvignon e Merlot, che altrimenti non resisterebbero al rigido inverno canadese. Nei vigneti all’esterno vengono coltivate viti adatte al clima del Québec. La villa toscana di Carpinteri, con lo stile del XIX secolo e sei camere, offre anche una sala ricevimenti con una capienza di 120 persone, una cantina, una sala degustazione e un negozio di prodotti italiani. Dopo la vendemmia di quest’anno, Vignoble produrrà 40.000 bottiglie di vino all’anno. Fino allo scorso anno, se ne producevano annualmente 28.000. Niente male per un siciliano arrivato in Canada a 19 anni, con pochissimi soldi e senza alcuna prospettiva immediata di lavoro. Suo fratello lo aveva con-


Montreal V OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 17

EXTRA VIRGIN OLIVE OIL FIRST COLD PRESSED Olives 100% hand-picked in Nocellara del Belice (Trapani), Sicily Very low acidity (0.22%)

One of the finest you’ll ever taste!

3L

1L

750ml

Available at: Cataldi Fresh Market - Woodbridge • Berchicci - Montreal • Milano Fruistore - Piccola Italia Montreal La Baia dei Formaggi - Montreal • Italian Centre Shop - Edmonton / Calgary • Cioffi’s Meat Market - Burnaby

www.veratrima.com


Montreal OCT/NOV 1-18 2017-10-05 9:44 AM Page 18

18

en poche et aucun emploi en vue alors qu’il n’avait que 19 ans. C’est son frère qui l’a convaincu à l’époque de venir le rejoindre à Montréal. Il lui a même payé son billet d’avion. Mais le séjour de Carpinteri à Montréal fut de courte durée. Alors qu’il cherchait du travail, Carpinteri a décidé d’accompagner son frère lors de ses livraisons aux quatre coins de la province. Carpinteri trouva finalement un boulot dans une pizzéria de Montmagny. « En Italie, bien sûr que je mangeais de la pizza, mais je n’avais jamais appris à la faire. C’est donc au Québec qu’on m’a initié à ça », raconte-t-il. En 1972, Carpinteri a repris les rênes d’une pizzéria de Matane, alors en faillite, située rue Saint-Pierre : la Italia Pizzeria a tout de suite eu le vent dans les voiles. Peu de temps après, Carpinteri a décidé de diversifier ses activités en offrant aux Gaspésiens des produits fins jusqu’ici difficilement accessibles hors des grands centres. C’est ainsi qu’a démarré l’entreprise Gaspésien. Aujourd’hui, la société, désormais gérée par Enrico, le fils aîné de Carpinteri, emploie près de 175 personnes et produit près de 25 000 kilogrammes de charcuterie par semaine. Et tout indique que la prochaine génération de Carpinteri suivra les traces de son patriarche. Tony Carpinteri explique fièrement que sa plus grande petite-fille étudie présentement l’œnologie au Niagara College, en Ontario. Mais le parcours de rêve de cet entrepreneur chevronné s’est toutefois buté sur quelques embûches. En 2014, la Société des alcools du Québec (SAQ) a accusé le Vignoble Carpinteri d’utiliser des concentrés de raisins en provenance d’ailleurs pour faire son vin. La même année, la SAQ est allée jusqu’à suspendre le permis d’alcool du domaine et a séquestré pour près de 240 000 $ de marchandises. Carpinteri a porté l’affaire devant les tribunaux et, un an plus tard, un verdict rendu par deux juges le blanchissait en levant toutes les sanctions pesant contre lui et en obligeant la SAQ à lui remettre les bouteilles confisquées. Le tribunal lui a d’ailleurs levé son chapeau en écrivant que les accusations de la SAQ ne reposaient sur aucune preuve tangible et que « l’implantation d’un vignoble à Saint-Ulric par M. Carpinteri mérite de l’admiration et le soutien à cet entrepreneur ». Cet amer épisode explique sans doute pourquoi Carpinteri affirme qu’il ne vendra jamais ses vins à la SAQ. En fait, il n’en a pas besoin. Lors des mois d’été, le Vignoble Carpinteri accueille chaque jour des centaines de visiteurs. Son hôtel-boutique compte une liste d’attente de deux ans.

LA COPERTINA

vinto a raggiungerlo a Montreal e gli aveva persino pagato il volo. La permanenza di Carpinteri a Montreal sarebbe stata di breve durata. Mentre cercava un’occupazione, accompagnava suo fratello a fare le consegne in tutto il Québec. Non c’è voluto molto prima che trovasse lavoro in una pizzeria di Montmagny, in Québec. “In Italia la pizza la mangiavo, ma non l’avevo mai fatta. Ho dovuto imparare a farla in Québec,” scherza. Nel 1972 Carpinteri ha rilevato una pizzeria che stava per fallire su Rue Saint-Pierre nella cittadina quebecchese di Matane. L’Italia Pizzeria ha avuto successo da un giorno all’altro. Non molto tempo dopo, Tony ha scorto l’opportunità di espandere la propria attività rendendo accessibili per la gente di tutta la regione di Gaspésie vari prodotti di salumeria non reperibili al di fuori dei grandi centri metropolitani. Ed è così che è nata Gaspésien. Oggi, la compagnia –gestita adesso dal figlio maggiore di Carpinteri, Enrico – dà lavoro a 175 persone e produce mezzo milione di libbre di affettati alla settimana. E sembra che la generazione futura dei Carpinteri continuerà a seguire le orme di Tony. Questi si vanta orgoglioso che la propria nipote maggiore studi la produzione del vino al Niagara College dell’Ontario. Il sogno di Tony ha trovato alcuni ostacoli lungo la via – come capita in ogni impresa. Nel 2014, la Régie des alcools du Québec ha sostenuto che Vignoble Carpinteri per fare il vino usasse uve concentrate acquistate altrove. Quell’anno, la Régie ha sospeso la licenza di Carpinteri e gli ha sequestrato bottiglie di vino per un valore di 240.000 dollari. Carpinteri ha portato la Régie in tribunale. Un anno dopo, due giudici del tribunale lo hanno scagionato, ordinando il ritiro della sospensione e la restituzione delle bottiglie confiscate. Il tribunale, nella sentenza, ha di fatto aggiunto tanto di cappello a Carpinteri. I giudici hanno scritto che non solo la Régie non aveva supportato le proprie accuse con prove concrete, ma anche che “l’implantation d’un vignoble à Saint-Ulric par M. Carpinteri mérite de l’admiration et le soutien à cet entrepreneur.” (“La coltivazione di un vigneto a Saint-Ulric da parte del signor Carpinteri merita ammirazione e il sostegno a questo imprenditore.”) È forse alla luce di questo triste episodio che Carpinteri dice che mai venderà i suoi vini attraverso SAQ. In realtà, non ne ha bisogno. Nei mesi estivi, Vignoble Carpinteri accoglie centinaia di visitatori al giorno. Nel suo boutique hotel c’è una lista d’attesa di due anni.


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:47 AM Page 19


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:47 AM Page 20

20

LIFE & PEOPLE

par / di CAROLE GAGLIARDI

Toujours faire mieux Alors qu’il fuit les médias, monsieur Emanuele (Lino) Saputo, fondateur de Saputo, a gracieusement accordé l’entrevue exclusive qui suit à notre collaboratrice Carole Gagliardi. Dans un magnifique bureau où il n’y a pas d’ordinateur – « Je préfère le contact direct du papier, du téléphone et des gens » –, Lino Saputo a été d’une grande générosité et d’une grande sincérité. Rencontre avec un homme inspirant, un philanthrope et un immense entrepreneur à l’aube de sa retraite. Panoram Italia : Lorsque vous avez lancé Les Fromages Saputo, en 1954, vous imaginiez-vous déjà à la tête d’une entreprise qui rayonnerait sur le Québec, le Canada, le monde ? Lino Saputo : Pas du tout. Mon père est arrivé au Canada en 1950 et deux ans plus tard, il a fait venir sa famille. Quand je suis arrivé à la gare et que j’ai vu mon père, mon cœur s’est serré. Il avait 45 ans, il avait perdu sa dignité, c’était affreux. Pour moi, mon père était un grand homme d’affaires en Italie. Alors, quand je l’ai vu comme ça, défait, j’ai décidé de lui redonner ce qu’il avait perdu. J’ai décidé de lui redonner sa dignité. Deux jours après mon arrivée, j’ai trouvé du travail chez Fantino et Mondello, dans la charcuterie italienne. J’ai eu la chance de travailler dans la fabrique et auprès de M. Fantino comme aide-commis de magasin. J’ai travaillé fort, six jours par semaine. En 1954, deux ans plus tard, j’avais amassé assez d’argent pour ouvrir une petite fromagerie, semblable à celle que mon père avait en Sicile. Donc, avais-je une vision nationale ou internationale ? Non, j’avais 15 ans, je voyais mon père travailler dans la construction alors qu’il était commerçant. Je me suis mis dans la tête de permettre à mon père de redevenir l’homme qu’il était. Avec 500 $ en poche et une bicyclette, nous avons ouvert Giuseppe Saputo e Figli Enregistré. C’était en septembre 1954. Je l’ai fait à l’insu de mon père, car lui craignait d’ouvrir un commerce dans un nouveau pays, avec une nouvelle façon de faire, une autre langue. Mais moi, j’ai insisté et persisté. J’ai la tête dure. Nous étions trois : moi, mon père et ma mère. C’était difficile, je n’avais que 17 ans, mais je voulais tellement réussir. J’ai tout fait pour réussir. PI : Monsieur Saputo, quelles sont selon vous les qualités essentielles pour réussir en affaires ? LS : D’abord, il faut bien connaître ce que l’on fait. Même si on a beaucoup de difficultés, si on y croit, on doit persister et continuer. Tous les matins, pendant toutes ces années, je me demandais ce que je pouvais faire pour m’améliorer. Vous savez, il y a des gens qui ont du succès et qui s’en vantent. Ça ne m’est jamais arrivé. Au contraire : chaque jour, je me demande encore ce que je peux faire de mieux. Mais le vrai grand secret, c’est de savoir s’en-

Fare sempre meglio

Sebbene sia piuttosto riservato con i media, il fondatore della Saputo, Emanuele (Lino) Saputo, ha gentilmente concesso quest’intervista esclusiva alla nostra collaboratrice, Carole Gagliardi. Nel corso della loro chiacchierata in un ufficio sontuoso e senza computer, Saputo si è mostrato affabile e schietto. “Preferisco mantenere contatti diretti attraverso la carta, il telefono e la gente,” ha confessato. Riportiamo qui di seguito il nostro incontro con un imprenditore affascinante e stimolante, appassionato filantropo ed agli albori di una ben meritata pensione. Panoram Italia: Quando nel 1954 ha lanciato Les Fromages Saputo, si era mai immaginato di gestire un giorno un’azienda che avrebbe conquistato non solo il Québec e il Canada, ma il mondo? Lino Saputo: Per niente. Mio padre è venuto in Canada nel 1950 e due anni dopo ha richiamato la sua famiglia. Quando sono arrivato alla stazione dei treni ed ho visto mio padre mi è sprofondato il cuore. Aveva 45 anni ed aveva perduto la propria dignità, è stato terribile. I miei ricordi di mio padre in Italia erano quelli di un grande uomo d’affari. Quindi, quando l’ho visto in quel modo, abbattuto, ho deciso di restituirgli ciò che aveva perso. Ho deciso di restituirgli la sua dignità. Due giorni dopo il mio arrivo, ho trovato un’occupazione da Fantino and Mondello, nella salumeria italiana. Ho avuto la fortuna di lavorare nella fabbrica e con il signor Fantino come addetto alle vendite. Lavoravo sodo, sei giorni alla settimana. Nel 1954, due anni dopo, avevo abbastanza soldi per aprire un piccolo caseificio, simile a quello che mio padre aveva in Sicilia. Dunque, avevo in progetto di espandermi nei mercati nazionali ed internazionali? No, avevo 15 anni. Vedevo mio padre lavorare nell’edilizia pur essendo stato un commerciante di successo. Mi sono prefissato di aiutarlo a tornare ad essere il grand’ uomo che era stato. Con 500 dollari a nome mio e una bicicletta, abbiamo aperto la Giuseppe Saputo e Figli Inc. Era il settembre del 1954. L’ho fatto senza che mio padre lo sapesse, perché lui aveva troppa paura di aprire un’attività in un Paese in cui le persone agivano in un modo che non gli era familiare e in una lingua straniera. Ma ero tenace e persistente. Sono un testardo. Eravamo in tre: mio padre, mia madre ed io. È stato difficile. Avevo solo 17 anni, ma volevo assolutamente farcela. Ho fatto di tutto per poter sfondare. PI: Signor Saputo, quali pensa siano delle qualità essenziali per avere successo negli affari? LS: Innanzitutto, bisogna conoscere ciò che si fa. Anche quando si affrontano enormi sfide, se si crede in ciò che si fa, è importante persistere e continuare. Ogni mattina, durante tutti quegli anni, mi chiedevo in che modo potessi migliorarmi. Sa, ci sono persone che hanno successo e se ne vantano. Non sono mai stato questo tipo. Al contrario, ogni giorno continuo a chiedermi cosa potrei

photos / Allen McInnis

LINO SAPUTO


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:47 AM Page 21

LIFE & PEOPLE

21

tourer de gens meilleurs que soi. Je n’ai pas fréquenté l’école longtemps, j’ai fait l’école du travail, mais je me suis entouré des meilleurs parmi les meilleurs, et cela m’a permis de m’améliorer.

migliorare. Ma il vero segreto sta nel circondarsi di persone migliori di sé stessi. Non ho frequentato la scuola a lungo. Piuttosto, ho imparato da me a lavorare sodo, circondandomi dei migliori tra i migliori, il che mi ha consentito di perfezionarmi.

PI : Y a-t-il eu un moment où vous avez perçu que l’entreprise allait devenir aussi importante ? LS : Vous savez, les premières années ont été très difficiles. J’ai dû trouver un autre emploi pour injecter de l’argent dans notre entreprise. Je suis allé voir M. Fantino pour lui demander si je pouvais distribuer ses produits la fin de semaine, et je faisais aussi des livraisons pour plusieurs épiceries de Montréal avec mon petit camion. Je travaillais de six à sept jours par semaine, 20 heures par jour, j’ai tout fait pour bien réussir : j’avais été tellement marqué à mon arrivée lorsque j’avais vu l’état dans lequel mon père était. J’ai monté une petite usine, j’ai acheté de l’équipement et ensuite, je suis allé voir mon père et je lui ai dit : « Papa, lundi, on commence à travailler ensemble dans notre propre entreprise. » Mon père était mon idole ; j’admirais aussi mon frère Franco. Ensuite, tout s’est fait graduellement. Je suis un innovateur, un entrepreneur, et lorsque j’ai constaté que les produits que les Italiens aimaient n’étaient pas offerts à Montréal, nous les avons fabriqués. Puis, j’ai découvert la pizza américaine à New York, une pizza épaisse qui se coupait en pointes. J’ai ramené l’idée à Montréal, et la première pizzeria de Montréal, King of the Pizza, a commencé à l’offrir. Je suis devenu le fournisseur de produits alimentaires pour la pizza. Au cours des années 1960, on distribuait les ingrédients, surtout la mozzarella, à Montréal, puis ailleurs au Québec, ensuite en Ontario, dans l’est du Canada, puis partout au Canada. J’étais sur la route et c’est moi qui ouvrais ces marchés. Nous avons ensuite acheté des usines à Mont-Laurier, à Maskinongé et en Ontario, puis nous nous sommes étendus au Canada tout entier. Aujourd’hui, plus de 38 % du lait transformé au Canada provient de mes usines. Nous sommes le plus important transformateur de lait au Canada, le numéro deux aux États-Unis, le numéro trois en Argentine et en Australie.

PI: C’è stato un momento in cui ha cominciato a immaginare che la compagnia stesse raggiungendo il successo che ha oggi? LS: Sa, i primissimi anni sono stati molto difficili. Ho dovuto cercare un altro lavoro per continuare a investire soldi nella nostra azienda. Sono andato dal signor Fantino e gli ho chiesto se potevo distribuire i suoi prodotti nel fine settimana. Allo stesso tempo, con il mio furgoncino facevo le consegne in diversi negozi di alimentari di Montreal. Lavoravo sei-sette giorni la settimana, 20 ore al giorno. Ho fatto tutto quello che potevo per riuscire. All’arrivo a Montreal, ero rimasto profondamente scosso nel vedere ciò che era diventato mio padre. Ho messo su una piccola azienda, comprato i macchinari, sono andato da mio padre e gli ho detto: “Papà, da lunedì, cominciamo a lavorare assieme nella nostra azienda.” Mio padre era il mio idolo; ammiravo molto anche mio fratello Franco. Piano piano ogni cosa si è messa al suo posto. Sono un innovatore, un imprenditore. Per cui quando ho notato che a Montreal non era possibile acquistare i prodotti più amati dagli italiani, siamo semplicemente arrivati alla conclusione di produrceli da soli. Poi sono andato a New York e ho scoperto la pizza americana – una pizza spessa tagliata a fette. Ho importato l’idea, e la prima pizzeria di Montreal, King of Pizza, ha aperto ed ha cominciato a proporla. Sono diventato un fornitore di ingredienti per pizza. Negli anni ’60, distribuivamo gli ingredienti, in particolare la mozzarella. Abbiamo cominciato a Montreal, poi in tutto il Québec e successivamente in Ontario, nel Canada orientale e infine in tutto il Canada. Ero io quello che andava in giro per inserirsi in tutti questi mercati. Dopodiché abbiamo comprato degli impianti a Mont-Laurier, a Maskinongé e in Ontario, prima di espanderci nel resto del Canada. Oggi, oltre il 38% dei prodotti del latte in Canada proviene dai nostri impianti. Siamo la maggiore azienda di trasformazione del latte del Canada, la numero due negli Stati Uniti, la numero tre in Argentina e in Australia.

PI : Quels sont vos souvenirs les plus heureux ? LS : Il y en a plusieurs. D’abord, ce fut lorsque j’ai vu que mon père était à nouveau heureux au travail. Puis, en 1957, lorsqu’on a construit notre première usine à Saint-Michel, et en 1966, lorsqu’on a bâti la deuxième. Et

PI: Quali sono i suoi ricordi più belli? LS: Ne ho molti. Innanzitutto, quando ho visto mio padre entusiasmarsi nuovamente per il lavoro. Poi, nel 1957, quando abbiamo costruito la nostra prima fabbrica a Saint-Michel e quando nel 1966 abbiamo costruito la seconda. Quando ho


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:47 AM Page 22

22

LIFE & PEOPLE

lorsque j’ai rapatrié tous mes frères et sœurs – nous étions sept enfants – pour travailler ensemble dans notre usine de 1957 à 1966. Et bien sûr, lorsque j’ai rencontré mon épouse, Mirella. Elle m’a aidé énormément.

richiamato tutti i miei fratelli e sorelle dall’Italia – eravamo sette figli – per lavorare tutti insieme in fabbrica dal 1957 al 1966, è stato stupendo. E naturalmente, quando ho incontrato mia moglie, Mirella, che mi ha aiutato tanto.

PI : Votre souvenir le plus douloureux ? LS : Carole, on ne doit pas se le cacher… Rappelez-vous que je suis arrivé d’Italie, de la Sicile, du petit village de Montelepre, le village natal d’un bandit très connu, Giuliano, une espèce de Robin des Bois devenu hors-la-loi. Après la guerre, les temps étaient durs, le blé était contrôlé, et les villageois manquaient de nourriture. Devant cette injustice, Giuliano s’est mis à voler du blé pour le redistribuer. Il s’est fait saisir son sac de blé une première fois, puis une deuxième fois, et la troisième fois, il a abattu un policier et est devenu un fuori legge, un hors-la-loi. Alors il a commencé à soutirer de l’argent aux riches pour le distribuer aux pauvres. C’était en 1946. Donc, nous, nous arrivons au Canada, nous sommes Siciliens, et on commence à avoir du succès. Dans l’esprit de certaines personnes, on ne pouvait pas avoir de succès sans faire partie de la mafia. Moi, j’ai toujours dit : « Je ne peux pas être condamné par association. » Oui, je connais beaucoup de gens, mais jugez-moi à mes actes. Je travaille fort, je suis généreux, j’ai créé beaucoup de richesse et d’emplois. Mais pour certaines personnes, un Sicilien qui réussit, c’est louche. Moi, dans l’adversité, je performe encore mieux. Si je sais que vous avez tort, je vais m’assurer de vous en convaincre. Chaque fois que les journaux sortaient des choses sur moi, je les appelais et je leur disais que c’était une injustice. Cela m’a fait mal, très mal, mais je dois dire que cela m’a rendu encore plus fort, et le temps m’a donné raison. En 1972, j’ai eu le plus gros défi à relever, mais cela m’a réveillé. Il y a eu une perquisition dans mon usine, des policiers sont venus y inspecter l’hygiène. Mais il n’y avait personne du bureau d’hygiène parce que ceux-ci savaient que la police voulait me faire mal. Je l’ai su ensuite. Le temps a passé et m’a donné raison. N’oubliez pas qu’à la fin des années 1980, la Banque Nationale m’a invité à siéger à son conseil d’administration. Lorsqu’une institution comme celle-là vous offre un tel poste, croyez-moi, elle a fait ses devoirs et n’invite pas n’importe qui. Cela m’a énormément aidé à effacer ce nuage qui planait au-dessus de nous.

PI: Il suo ricordo più doloroso? LS: Carole, non dobbiamo ignorarlo… Sono venuto dall’Italia, dal paesino siciliano di Montelepre. Era il luogo di nascita del famoso bandito Giuliano, una sorta di Robin Hood diventato un fuorilegge. Dopo la guerra, erano tempi duri, la distribuzione del grano era controllata e la gente del paese non aveva cibo a sufficienza. Alla luce di questa ingiustizia, Giuliano cominciò a rubare il grano per ridistribuirlo. I suoi sacchi di grano gli vennero confiscati una prima volta, poi una seconda, e alla terza volta sparò a un poliziotto diventando un fuorilegge. Dopodiché, cominciò a rubare i soldi ai ricchi per darli ai poveri. Era il 1946. Quindi, siamo venuti in Canada. Siamo siciliani e stiamo semplicemente avendo successo… Nella mente di alcuni, non è possibile che uno abbia successo senza appartenere alla mafia. Ho sempre detto: “Non mi puoi condannare per associazione di idee.” Sì, conosco molte persone, ma giudicatemi per favore in base alle mie azioni. Lavoro sodo. Sono generoso. Ho creato benessere e molti posti di lavoro. E tuttavia, per alcune persone, un siciliano di successo è un personaggio losco. Ma dinnanzi a tale contrarietà, mi comporto ancora meglio. Se so che hai torto, faccio in modo di fartene rendere conto. Tutte le volte in cui i giornali mi hanno dato addosso, li ho chiamati per dir loro che stavano commettendo un’ingiustizia. Mi feriva molto, ma devo dire che mi ha reso più forte e che il tempo mi ha dato ragione. Il 1972 è stato la mia sfida maggiore, ma mi ha fatto svegliare. La polizia ha perquisito la mia fabbrica. Dicevano di fare un’ispezione per problemi igienici, ma nessuno tra di loro apparteneva al dipartimento d’igiene e le persone di quell’unità sapevano che la polizia intendeva macchiare la mia reputazione. Allora l’ho capito. Il tempo è passato ed alla fine mi ha dato ragione. Non dovremmo scordarci che alla fine degli anni ’80, la National Bank mi ha invitato a far parte del consiglio di amministrazione. Quando un’istituzione come questa offre questo tipo di incarico, mi creda, ci ha studiato sopra. Non invita chiunque. Questa nomina mi ha aiutato enormemente a diradare la nube di sospetto che ci aleggiava sopra.

“J’ai reçu beaucoup du Canada ; jamais je n’oublierai tout ce que j’ai reçu. Redonner un peu de ce que l’on a reçu, c’est important ; tout le monde devrait le faire.”

“Il Canada mi ha dato moltissimo; gliene sarò per sempre grato. È importante ripagare un poco per il successo raggiunto in Canada; dovrebbero farlo tutti.”

PI : Il est important pour vous que vos enfants suivent vos traces ? LS : Ma fille, Nadia, est différente des garçons. Elle voulait être une bonne mère et s’occuper de l’éducation de ses enfants. Cela la rend heureuse et c’est ce qu’elle a choisi. J’ai toujours dit à mes enfants : « Faites ce que vous voulez, mais faites-le bien, soyez les meilleurs. » Mes deux garçons me font honneur, ils travaillent avec passion ; pas pour l’aspect financier de la chose, mais parce qu’ils ont le sens des responsabilités. Lino a été choisi pour me succéder, Joey a été choisi pour gérer toutes les autres entreprises satellites. On ne peut pas avoir deux chefs dans une même entreprise. Normalement, c’est l’aîné qui prend la relève du père, mais chacun a une personnalité et des talents différents. Vous savez, je n’ai pas nommé Lino seul, car un père peut parfois manquer d’objectivité. Pour éviter de commettre des erreurs, j’ai choisi cinq membres de mon conseil d’administration et je leur ai donné les noms de 10 candidats. Leur rapport a été unanime : Lino était le meilleur. Mais ils m’ont imposé une condition : que je ne le protège pas comme un père protège son fils. Ils m’ont dit : « Si vous le laissez faire, il sera excellent, mais vous ne devez pas intervenir. » Et cela m’a ouvert les yeux. Ils m’ont aidé à mieux voir les choses et j’ai appris à me taire. En 2004, lorsque Lino Jr. est entré en poste, l’actif de Saputo était de 3,5 milliards. Il est aujourd’hui de 11 milliards : cela veut tout dire de son talent et de ses capacités. Depuis, nous avons eu seulement trois rencontres père-fils, qui se sont déroulées à la maison, et au cours desquelles on a discuté de certaines choses qui n’allaient pas. Cela nous a aidés.

PI: È importante per lei che i suoi figli seguano le sue orme? LS: Mia figlia Nadia è diversa dai ragazzi. Voleva essere una brava madre e dedicarsi all’educazione dei suoi figli. Questo la rende felice ed è ciò che ha scelto. Ho sempre detto ai miei figli: “Fate ciò che volete, ma fatelo bene e siate i migliori.” E i miei due figli mi onorano con la loro passione verso il lavoro – non per il tornaconto economico, ma perché sentono un profondo senso di responsabilità. Lino è stato scelto come mio successore, e Joey per gestire tutte le altre nostre aziende satellite. Non si possono avere due capi in una compagnia. Normalmente è il più anziano a succedere al padre, ma i figli hanno personalità e doti differenti. Sa, non è stata soltanto mia la decisione di nominare Lino come successore, perché a volte un padre manca di obiettività. Per evitare errori, ho coinvolto cinque componenti del mio consiglio di amministrazione e ho dato loro una lista di dieci possibili candidati. La loro conclusione è stata unanime: Lino era la scelta migliore. Ma hanno imposto una condizione, che non avrei protetto Lino come un padre protegge suo figlio. Mi hanno detto: “Se glielo lasci fare, sarà eccellente, ma non dovresti interferire. Questo mi ha aperto gli occhi. Mi hanno aiutato a vedere le cose in modo più chiaro e ho imparato come mettermi da parte. Nel 2004, quando Lino Jr. è subentrato, il valore della Saputo ammontava a 3,5 miliardi di dollari. Oggi vale 11 miliardi di dollari. Ciò la dice lunga sulle sue doti e abilità. Da allora, abbiamo avuto solo tre incontri padre-figlio, tutti a casa, durante i quali abbiamo discusso alcuni aspetti dell’azienda che non stavano andando molto bene. Questo ci ha aiutati.

PI : Vous faites partie de la génération d’hommes pour qui le travail est un mode de vie alors qu’aujourd’hui, les jeunes hommes veulent s’impliquer davantage auprès de leur famille. Qu’en pensez-vous ? LS : Aujourd’hui les gens ont beaucoup d’outils à leur disposition, ce qui facilite énormément leur travail. À mon époque, il n’y avait pas d’ordinateur, tout était fait, calculé et recalculé à la main. De nos jours, on change un chiffre et le tour

PI: Lei appartiene a una generazione di uomini per i quali era il lavoro l’aspetto distintivo della loro vita, mentre oggi i giovani preferiscono essere più coinvolti nella vita delle loro famiglie. Che ne pensa? LS: Oggi la gente ha a disposizione molti più strumenti che rendono il lavoro più semplice. Ai miei tempi, non c’erano computer; ogni cosa era fatta, calcolata e ricalcolata a mano. Oggigiorno, basta cambiare un numero ed è tutto fatto.


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:47 AM Page 23

MICHAEL GIOIA

FRANK BERGON

Great Service, Great coffee,

Guaranteed better price! Try us, we won’t disappoint MICHAEL GIOIA General Manager 450.682.4400

4299 Desserte Nord Autoroute 440 Laval, QC www.chomedeynissan.com

2 NEW DEALERSHIPS IN CHOMEDEY AND VIMONT, LAVAL TO SERVE YOU BETTER Parliamo Italiano • Open Saturdays

FRANK BERGON General Manager 450.668.1650

4540, Boulevard Robert-Bourassa Laval, QC www.nissanvimontlaval.com

4299 Desserte Nord Autoroute 440 Laval, QC

4540, Boulevard Robert-Bourassa Laval, QC


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:47 AM Page 24

24

LIFE & PEOPLE

est joué. Je crois qu’avec la passion, c’est possible, mais il faut que le temps donné au travail soit exclusif. Nos femmes ont souffert énormément. Vous savez, je n’allais à la maison que trois soirs par semaine, car je voyageais pour ouvrir des usines. Aujourd’hui, les femmes ne tolèrent pas ce que ma femme a toléré : nous vivons à une autre époque, tout comme nos parents, qui ont vécu et travaillé différemment. Mais il faut travailler fort et toujours donner son maximum.

PI : Vous avez déclaré n’avoir eu qu’un seul patron dans toute votre vie, votre femme Mirella. LS : C’est vrai. Je vous ai parlé des problèmes que j’ai connus à une certaine époque : ma femme est celle qui m’a toujours encouragé à continuer et à ne pas écouter les gens. Elle m’obligeait à sortir. Elle a été un atout extraordinaire. Non seulement Mirella est-elle ma compagne et la mère de mes enfants, elle est aussi la personne qui m’a relevé lorsque j’étais à terre. Elle m’a donné la tranquillité d’esprit qui m’a permis de travailler sans souci. Elle a été la compagne idéale. Mirella a fait un travail formidable avec les enfants, elle leur a inculqué de bonnes valeurs. Et quand les enfants sont arrivés autour de l’âge de 17 ans, elle m’a demandé de l’aide et tous les samedis matins, on faisait des « meetings d’homme à homme ». Il ne fait aucun doute que, sans Mirella, je n’aurais pas pu faire tout ce que j’ai fait. PI : Beaucoup de jeunes entrepreneurs nous lisent ; j’ai envie de vous demander de leur livrer quelques conseils essentiels pour réussir en affaires. LS : Premièrement, lorsque vous entreprenez quelque chose, assurez-vous d’être dans le bon domaine, celui que vous aimez et que vous maîtrisez. Sachez ce que vous voulez faire et surtout, persévérez, persévérez : il ne faut surtout pas abandonner la partie lorsqu’une difficulté survient. PI : Pourquoi est-ce si important pour vous de redonner à la société ? LS : Nous avons créé la Fondation Mirella et Lino Saputo en 1979 afin de venir en aide aux enfants malades et handicapés. Par la suite, on a élargi notre objectif et maintenant, on veut changer des vies, avoir un effet réel dans la vie de certaines personnes. Vous savez, j’ai connu des moments très difficiles à cause de certaines personnes mal intentionnées qui, plutôt que de bâtir, ont choisi de détruire. Je n’ai pas oublié cela. J’ai reçu beaucoup du Canada ; jamais je n’oublierai tout ce que j’ai reçu. Je suis ici depuis l’âge de 15 ans, il y a 65 ans que je vis ici, et j’ai créé Saputo il y a 63 ans. Redonner un peu de ce que l’on a reçu, c’est important ; tout le monde devrait le faire. Vous savez, on n’emporte pas sa fortune avec soi lorsqu’on meurt. PI : Quels sont vos projets pour les prochaines années ? LS : Pour le moment, je gère le portefeuille de mes petits-enfants et de certains membres de ma famille. Je suis ouvert à ceux et celles qui ont besoin de mes connaissances. La Fondation Mirella et Lino Saputo a mis du capital de risque à la disposition d’entrepreneurs qui ne réussissent pas à obtenir de financement des banques. Si je peux aider des gens, particulièrement de jeunes immigrants qui ont de la bonne volonté et un excellent projet, cela me rendra fier et heureux. Je veux changer des vies, faire en sorte que ces gens deviennent des atouts pour la société en créant des emplois et de la richesse. PI : Vous est-il arrivé de faire le bilan de tout ce que vous avez fait ? LS : Je me prépare à écrire un livre et, lorsque je regarde en arrière, je vois défiler ma vie, de 1954 à 2017, et je me dis : « Cela ne se peut pas… comment ais-je pu faire tout cela ? » Initialement, ç’a été difficile, mais j’ai eu beaucoup beaucoup de plaisir, et je dois vous dire que si c’était à recommencer, je ne changerais absolument rien. Vous savez, mon année la plus difficile a été 1972 : il y a eu beaucoup d’adversité. Malgré cela, nous avons continué de croître, j’ai ouvert des marchés. Je n’ai jamais arrêté.


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:47 AM Page 25

LIFE & PEOPLE

25 Credo che con sufficiente passione sia possibile, ma il tempo dedicato al lavoro deve essere esclusivo. Le nostre mogli hanno soffer to enormemente. Sa, andavo a casa solo tre notti alla settimana, perché ero sempre in viaggio per aprire nuovi impianti. Per le donne di oggi è inaccettabile quello che ha fatto mia moglie. Viviamo in un’altra epoca, proprio come i nostri genitori, che vivevano e lavoravano in un modo differente. Ma dobbiamo lavorare duro e impegnarci sempre al massimo.

PI: Lei ha detto che nella sua vita ha avuto solo un capo: sua moglie Mirella. LS: Esatto. Le ho detto di tutti quei problemi che ho avuto nello stesso periodo; mia moglie è stata quella che mi ha sempre incoraggiato ad andare avanti e a non dare retta alle critiche. Mi ha imposto di lottare per me stesso. È stata una risorsa straordinaria. Mirella non è solo la mia compagna di vita e la madre dei miei figli, è anche colei che mi riporta a terra quando sono alla deriva. Mi ha sempre trasmesso la serenità di cui avevo bisogno per risolvere i problemi senza preoccupazione. È stata una compagna ideale. Mirella ha anche fatto un gran lavoro con i figli, infondendo in loro i migliori valori. E, quando i figli avevano circa 17 anni, mi ha chiesto di aiutarla; ogni sabato mattina avevamo incontri “da uomo a uomo”. Non c'è dubbio che, senza Mirella, non avrei potuto raggiungere ciò che ho conseguito. PI: Molti giovani imprenditori leggono la nostra rivista: avrebbe un buon consiglio che li aiuti ad avere successo nei loro progetti? LS: Innanzitutto, quando ci si avventura in qualcosa, bisogna assicurarsi di essere nel settore giusto, quello che si ama e che si domina. Bisogna sapere cosa si vuole fare e, soprattutto, perseverare, perseverare, perseverare; non abbandonare il campo da gioco quando sorgono le difficoltà. PI: Perché è così importante per lei ripagare la società? LS: Nel 1979 abbiamo creato la Mirella and Lino Saputo Foundation per aiutare i bambini malati e disabili. Poi abbiamo ampliato il centro della nostra attenzione; adesso vogliamo cambiare vite, avere un effetto concreto sulla vita di alcuni. Sa, ho attraversato alcuni momenti davvero difficili per colpa di individui malintenzionati che, piuttosto che costruire, hanno scelto di distruggere. Non l’ho dimenticato. Il Canada mi ha dato moltissimo – e gliene sarò per sempre grato. Sono qua dall’età di 15 anni. Sono qui da 65 anni e ho creato la Saputo 63 anni fa. È importante ripagare un poco per il successo raggiunto in Canada – dovrebbero farlo tutti. Sa, non ci si può portare le proprie ricchezze appresso quando si muore. PI: Che progetti ha per i prossimi anni? LS: Per adesso sto gestendo gli investimenti dei miei nipoti e di alcuni della mia famiglia. Sono disposto a dare una mano a chi vuole far uso della mia conoscenza. La Mirella and Lino Saputo Foundation mette capitali di rischio a disposizione di imprenditori che le banche rifiutano di finanziare. Poter aiutare la gente, soprattutto i giovani immigrati, di buona volontà e con grandi progetti, mi rende orgoglioso e felice. Voglio cambiare vite ed aiutare gli altri a diventare risorse per la società, creando lavoro e benessere. PI: Ha mai fatto un resoconto di tutto ciò che ha raggiunto? LS: Mi sto preparando a scrivere un libro. Quando mi guardo indietro, vedo il mio vissuto, dal 1954 al 2017, e mi dico: “Non può essere… come ho potuto metter su tutto questo? ” Nei primi anni è stato difficile, ma mi sono comunque divertito tanto. Le devo confessare che se dovessi rifare tutto da capo, non cambierei una sola cosa. Sa, il mio anno più duro è stato il 1972: ci sono state tante avversità. Nonostante questo, abbiamo continuato a crescere e ad aprire nuovi mercati. Non mi sono mai fermato.


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:47 AM Page 26

26

LIFE & PEOPLE

by / di GRAEME CAREY

Geology’s rising star A new theory about the formation of the Earth’s crust is making headlines around the world, and one of the scientists behind it is Laval’s own Kassandra Sofonio. Sofonio, 22, attended Saint Paul Elementary School and Vincent Massey Collegiate before earning a Health Science DEC from Dawson College and a bachelor in Earth and Planetary Science from McGill University. While at the latter, she teamed up with professor Don Baker to develop a groundbreaking theory on the formation of the Earth’s crust. “Our hypothesis was based on the idea that the prevalent bombardment of giant impacts on the surface of the early Earth created a steam atmosphere that lasted on the order of 1 Ma,” says Sofonio. “This provided a favourable environment for the dissolution of material after an impactor ejects debris into the upper atmosphere. This material would then chemically react with the surrounding steam atmosphere, cool and fall back to the surface as a ‘silica rain.’ We called this mechanism ‘aerial metasomatism.’” In layman’s terms, Sofonio and Baker provide strong evidence to suggest that some of the Earth’s crust came from material that fell from the sky, contrary to the traditional belief that it was formed from within. To prove their theory, Sofonio says they “conducted various experiments that mimicked the conditions during the early Earth. The results were encouraging and provided evidence that aerial metasomatism indeed has the potential to form crustal nuclei.” On top of helping us better understand how the Earth came to be formed, Sofonio and Baker’s findings could aid in the search for other habitable planets. “In the search to find exoplanets that may harbour life, we look for planets that have characteristics similar to our own,” Sofonio

Astro nascente della geologia

In tutto il mondo sta facendo notizia una nuova teoria sulla formazione della crosta terrestre, e uno degli scienziati dietro a questa è proprio Kassandra Sofonio di Laval. Sofonio, 22 anni, ha frequentato la Saint Paul Elementary School e il Vincent Massey Collegiate prima di conseguire un DEC in Scienze della salute al Dawson College e una laurea di primo livello in Scienze della Terra e planetarie alla McGill University. Mentre frequentava quest’ultima, si è unita al professor Don Baker per sviluppare una teoria rivoluzionaria sulla formazione della crosta terrestre. “La nostra ipotesi si basava sull’idea che l’intenso bombardamento da parte di giganteschi impatti sulla superficie della Terra primordiale avesse creato una persistente atmosfera ricca di materia in sospensione dell’ordine di 1 mA,” dice Sofonio. “Questo ha dato origine a un ambiente favorevole alla dissoluzione del materiale, in seguito alla proiezione di detriti, provenienti dall’impatto, nell’alta atmosfera. Questo materiale avrebbe dunque reagito chimicamente con la circostante atmosfera di materia in sospensione, raffreddandosi e ricadendo sulla superficie sotto forma di ‘pioggia di silice’. Abbiamo chiamato questo meccanismo ‘metasomatismo aereo’.” In parole povere, Sofonio e Baker forniscono valide prove per suggerire che parte della crosta terrestre derivi da materiale piovuto dal cielo, contrariamente alla convinzione tradizionale per cui la formazione sarebbe avvenuta sulla stessa. A supporto della loro teoria, Sofonio dice che “hanno condotto vari esperimenti che ricreavano le condizioni presenti ai tempi della Terra primordiale. I risultati sono stati incoraggianti ed hanno fornito evidenze alla teoria che il metasomatismo aereo abbia dunque il potenziale per creare il nucleo della crosta.” Oltre ad aiutarci a capire meglio come la Terra sia arrivata a formarsi, le scoperte di Sofonio e Baker potrebbero essere d’aiuto nella ricerca di altri pianeti vivibili. “Cercando di trovare esopianeti sui quali la vita sia possibile, cerchiamo pianeti che abbiano caratteristiche simili al nostro,” spiega Sofonio. “Si crede che la vita sulla

photo / Daniele Tomelleri

KASSANDRA SOFONIO


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:47 AM Page 27

LIFE & PEOPLE

27

explains. “It’s believed that life on Earth started when the environment began to settle, soon after the events our research focused on. Therefore, by furthering the understanding of the early Earth’s evolution, we will have a better guide to identify likely candidate planets that may harbor life.” Barely out of university, Sofonio has already made a name for herself in the scientific community. Her findings have garnered attention from various media outlets, including CBC News and The Science Times, among others. According to her, all that recognition has come with “a combination of disbelief and gratification.” She explains, “When I decided to undertake the project, I recognized that it was extremely interesting and had great potential, but I never thought it would get the attention that it did. However, after all the painstaking hours spent on experiments, analysis and researching literature, it’s extremely satisfying to see the theory receive recognition.” Sofonio’s paternal grandfather is from Pola (belonging to Italy before the Second World War and then becoming part of Croatia in 1991), and her mother’s family hails from Caserta and Treviso. She stresses the importance of family in helping her become the person she is today. “I definitely think my Italian-Canadian upbringing has influenced me throughout my life. This is most notably seen through my grandmother. Not only has she kept me in touch with my roots, but she has always given me an immense amount of love and support throughout every step of my life.” Thanks to her work at McGill, upon graduation Sofonio was chosen to attend The Student Industry Mineral Exploration Workshop (SIMEW), a two-week workshop in Sudbury organized by Prospectors and Developers Association of Canada (PDAC) that assembles the top geoscience students across Canada. From there, she was hired by Montreal-based mining company Osisko and began working as a core logging geologist for an exploration project up north. Going forward, Sofonio hopes to explore the different job opportunities available to a geologist, such as a production or exploration geologist. “I also envision spending some time going abroad and volunteering for humanitarian causes,” she says. “This has always been a goal of mine since I was a young girl.”

Terra abbia avuto inizio quando l’ambiente ha cominciato a stabilizzarsi, subito dopo gli eventi sui quali si incentra la nostra ricerca. Pertanto, continuando a comprendere l’evoluzione della Terra primordiale, avremo una migliore linea guida per identificare possibili pianeti candidati su cui sia possibile la vita.” Appena uscita dall’università, Sofonio si è già creata una reputazione all’interno della comunità scientifica. Le sue scoperte hanno richiamato l’attenzione di svariati organi di stampa, inclusi CBC News e The Science Times, tra gli altri. Secondo lei, tutto questo riconoscimento giunge con “una combinazione di incredulità e gratitudine.” Spiega: “Quando ho deciso di intraprendere questo progetto, riconoscevo che fosse estremamente interessante e con un grande potenziale, ma non ho mai pensato che avrebbe attirato su di sé tutta quest’attenzione. Ciononostante, dopo tutte le ore trascorse a lavorare scrupolosamente sugli esperimenti, le analisi e a ricercare letteratura, è estremamente soddisfacente constatare che venga dato credito alla teoria.” Il nonno paterno di Sofonio è di Pola (appartenente all’Italia prima della Seconda guerra mondiale e successivamente divenuta parte della Croazia nel 1991), e la famiglia materna viene da Caserta e Treviso. Sottolinea l’importanza della famiglia nell’aiutarla a diventare la persona che è oggi. “Penso sicuramente che la mia formazione italo-canadese mi abbia influenzata nel corso della vita. Questo è avvenuto soprattutto attraverso mia nonna. Non solo mi ha tenuta in contatto con le mie radici, ma mi ha sempre donato un’immensa quantità di amore e supporto in ogni momento della mia vita.” Grazie al suo lavoro alla McGill, al momento della laurea Sofonio è stata scelta per partecipare al The Student Industry Mineral Exploration Workshop (SIMEW), un seminario di due settimane a Sudbury organizzato dalla Prospectors and Developers Association of Canada (PDAC) che riunisce i migliori studenti in geoscienze di tutto il Canada. Da lì, è stata assunta dalla compagnia mineraria Osisko, di base a Montreal, ed ha cominciato a lavorare come geologa esperta di corelogging in un progetto di ricerca al Nord. In futuro, Sofonio spera di fare altre esperienze lavorative aperte a un geologo, come ad esempio quelle di geologo di produzione o esplorazione. “Immagino anche di trascorrere un periodo di tempo all’estero e di fare volontariato per cause umanitarie” dice. “È stato sempre uno dei miei obiettivi sin da piccola.”


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:47 AM Page 28

28

LIFE & PEOPLE

Nutrire l’anima

The soup kitchen runs each Saturday and is filled with people from various ethnic and religious backgrounds.

by / di SARA GERMANOTTA The Good News Chapel is not your typical church. For starters, it’s housed in an industrial-looking building on Couture boulevard in St-Leonard with lime green accent walls and a congregation hall that looks more like a modern-day auditorium than a traditional place of worship. But the folks who run this ministry are spreading a message that is millennia-old. Stefano Gesualdi is the senior pastor of the Good News Chapel: “Our predominant interest as a church is the Gospel and telling people that Jesus saves,” explains Pastor Steve. “But Jesus taught that there has to be actions behind that message.” Gesualdi’s congregants have taken this message to heart and put their beliefs into action by launching a soup kitchen. The venture began in 2011 with a handful of volunteers and an ad in the community newspaper, but it’s turned into a Saturday staple for many in the community who need a hot meal and a place to go. Donato Milanese has been a member of the Good News Chapel since 1959, when it was known as the Italian Pentecostal Christian Church of Montreal. The church has existed in Montreal since the 1920s and was originally located on Fabre street in the Rosemont-La-Petite-Patrie neighbourhood. Milanese came up with the idea for a soup kitchen because he had a passion for cooking and wanted to put it to good use. He says the immediate goal of the soup kitchen is to fill people’s stomachs, but the real pay-off for him is the relationships that are being built between the church and the community it serves. “We had a lady that came in one Saturday and said, ‘I just wanted you to know that I buried my daughter yesterday and I needed a hug,’” says the 58-year-old. “Some people tell me that they don’t come here for the food, but for the companionship. This is something that you cannot get anywhere else. We want people to know that they’re not alone.” On this particular Saturday, the church’s dining room is set with pink tablecloths and small vases of yellow flowers. There are young children running around the tables and being rocked in strollers. The room is filled with people from various ethnic and religious backgrounds. Pastor Steve says the

La Good News Chapel non è la tipica chiesa. Tanto per cominciare, ha come sede un edificio industriale su Couture Boulevard a St-Leonard dai muri con accenti verde lime e una sala dove si radunano i fedeli che assomiglia più ad un auditorium moderno che a un tradizionale luogo di culto. Ma il messaggio che diffondono coloro che gestiscono questa comunità religiosa è millenario. Stefano Gesualdi è il pastore senior della Good News Chapel: “Come chiesa il nostro interesse predominante è il Vangelo e comunicare alla gente che Gesù ci salva,” spiega il Pastore Steve. “Ma Gesù ci ha insegnato che il messaggio deve essere supportato dalle azioni.” I membri della congregazione di Gesualdi hanno preso il suo messaggio seriamente e hanno trasformato il loro credo in azione con l’introduzione di una mensa popolare. L’iniziativa ha preso il via nel 2011 con un gruppetto di volontari e un annuncio sul giornale locale, ma è presto diventata il pasto del sabato per i bisognosi della comunità, che trovano qui cibo caldo e un posto dove andare. Danato Milanese è membro della Good News Chapel dal 1959, quando era nota come la Chiesa Cristiana Pentecostale Italiana di Montreal. La chiesa esiste fin dagli anni ’20 ed era situata in origine su Fabre Street nel quartiere Rosemont-La Petite-Patrie. Essendo appassionato di cucina e volendo fare buon uso delle proprie abilità, Milanese ha avuto l’idea della mensa popolare. Lo scopo immediato della mensa è di riempire lo stomaco della gente, ma la vera ricompensa per lui sono i rapporti che si vanno instaurando tra la chiesa e la comunità che questa serve. “Un sabato è arrivata una signora e ha annunciato: ‘Volevo solo dirvi che ieri ho fatto il funerale a mia figlia e ho sentito il bisogno di un abbraccio’”, dice la donna 58enne, asciugandosi le lacrime dagli occhi. “Alcune persone mi hanno spiegato che vengono qui non per il cibo ma per la compagnia. E questo non lo si può trovare da nessun’altra parte. Vogliamo che le persone sappiano che non sono sole.” Questo sabato ci sono tovaglie rosa con piccoli vasi di fiori gialli sui tavoli della sala da pranzo della chiesa. Ci sono bambini che corrono attorno ai tavoli e altri che vengono cullati nei passeggini. La sala è piena di gente di diverse nazionalità e credo religioso. Il Pastore Steve dice che la mensa della Good News

photo / Vincenzo D’Alto

FEEDING THE SOUL


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:47 AM Page 29

LIFE & PEOPLE

29

Good News soup kitchen is open to everyone. “We have a lot of new immigrants living here in St-Leonard,” explains Gesualdi. “We have a lot of people from Algeria who come here, North Africans, people from the Middle East. There are a lot of Haitians living in the area as well. We cater to the seniors and there are some newborns here as well.” Today’s menu includes stuffed tomatoes, zucchini, potatoes and hamburgers as well as dessert. Amal Boudarene is here with her three young children. The 39-year-old, who comes from Algeria, says the soup kitchen has become a second home for her and she has come to rely on the church like family. “As a new immigrant to Canada, I had nothing,” says Boudarene. “The people here fed me, helped me find a home, and helped me get through a very difficult pregnancy.” The Good News Chapel’s recipe for building relationships with the community seems to be working. While attendance at many churches is in decline, Pastor Steve says there are about 500 people who attend his Sunday services every week. The soup kitchen has been such a success, volunteers decided to start a food distribution service as well. Gesualdi says the church hands out food baskets to 150 families in the community every two weeks. “That’s the kindness of God and that’s the whole reason we’re doing this,” explains Pastor Steve. “We’re not doing this to expand our church or get more people in the seats. The experience itself is the reward.”

è aperta a tutti. “Ci sono molti nuovi immigrati qui a St-Leonard,” spiega Gesualdi. “Tante persone dall’Algeria, dal Nord dell’Africa e dal Medio Oriente. Ci sono anche molti haitiani che vivono in questa zona. Soddisfiamo le esigenze degli anziani e tra noi ci sono anche dei neonati.” Il menu di oggi include pomodori ripieni, zucchine, patate, hamburger e anche il dolce. Amal Boudarene è qui con i suoi tre figli piccoli. La 39enne dall’Algeria dice che la mensa è diventata come una seconda casa per lei e che può contare sulla chiesa come se fosse la sua famiglia. “Quando sono arrivata in Canada come immigrata non avevo nulla” racconta Boudarene. “La gente qui mi ha dato da mangiare, mi ha aiutato a trovare casa e mi ha sostenuto durante una gravidanza molto difficile.” La ricetta della Good News Chapel per instaurare rappor ti con la comunità sembra avere successo. Mentre in molte chiese la partecipazione dei fedeli è in declino, il Pastore Steve riferisce che ci sono circa 500 persone che par tecipano ai suoi servizi domenicali ogni settimana. La mensa popolare si è rivelata un tale successo che i volontari hanno deciso di avviare un servizio di distribuzione del cibo. Gesualdi dice che la chiesa consegna ceste di cibo a 150 famiglie della comunità ogni due settimane. “Si tratta della bontà di Dio ed è questo il motivo per cui lo facciamo,” spiega il Pastore Steve. “Non lo facciamo per ingrandire la nostra chiesa o aumentare il numero di presenze durante i servizi. L’esperienza stessa è la ricompensa.”

“The venture began in 2011 with a handful of volunteers and an ad in the community newspaper, but it’s turned into a Saturday staple for many in the community who need a hot meal and a place to go.”

L’iniziativa ha preso il via nel 2011 con un gruppetto di volontari e un annuncio sul giornale locale, ma è presto diventata il pasto del sabato per i bisognosi della comunità, che trovano qui cibo caldo e un posto dove andare.

Standa HAS IT ALL FOR LESS THAN YOU’D THINK!

3253 Rue Fleury Est, Montreal, H1H 2R4 www.standa.ca Follow us on


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:48 AM Page 30

30

LIFE & PEOPLE

SEARCHING FOR LA DOLCE VITA In cerca della Dolce Vita by / di DANIELA DISTEFANO

Young Canadians moving to Italy for new experiences

Giovani canadesi si trasferiscono in Italia per fare nuove esperienze

In 2015, more than 100,000 Italians chose to move abroad for opportunities in places like Germany, France and Canada. It’s a 6.2% increase from the previous year, with those aged between 18 and 34 accounting for a third of all emigrants, according to the Fondazione Migrantes’ Italians in the World report released in 2016. This rise in emigration, particularity among Italian millennials, is described as a brain drain. With young, educated Italians struggling with high unemployment rates, many look overseas for opportunities; but at a time when young Italians are so eager to leave, some Italian-Canadians are bucking the trend and moving to the country their parents and grandparents left. Daniel Di Micco is an Italian-Canadian living and working in Rome. The 30-year-old Montreal native moved in 2016 to manage a location of his uncle’s chain of home goods stores. “It was always something I had in mind,” says Di Micco, who studied business marketing at Concordia University. “I seriously began to consider moving when I worked for Air Canada and was visiting Italy often, and I knew there was opportunity through my mother’s family in Lazio.” Working for a family business means Di Micco is immersed in it all: learning about sales, how to run the business and communicating with suppliers. “I’m still learning, especially how to translate expressions and industry terms, but Google Translate helps.” The retail store hours are long and the salary probably less than he could make working full-time in Canada, but Di Micco has no regrets about his decision. “I don’t have much free time, but it’s easy to make friends in Rome as there are many people living here from other parts of Italy and other countries,” says Di Micco who has Italian citizenship through his father. “I don’t miss the weather back home, but I do miss my

Nel 2015 più di 100.000 italiani in cerca di opportunità hanno scelto di trasferirsi all’estero in paesi come la Germania, la Francia e il Canada. Si tratta di un incremento del 6,2% rispetto all’anno precedente; quelli di età compresa tra i 18 e i 34 anni rappresentano un terzo di tutti gli emigrati, secondo il rapporto 2016 “Italiani nel Mondo” della Fondazione Migrantes. L’emigrazione in crescita, particolarmente tra gli italiani del 21esimo secolo, viene definita “fuga di cervelli”. Tra i giovani italiani istruiti che lottano contro la disoccupazione, molti considerano altri paesi per maggiori opportunità. Tuttavia, se da una parte i giovani italiani sono così desiderosi di partire, ci sono italo-canadesi che si oppongono a tale tendenza e si trasferiscono nel paese che i loro genitori e nonni hanno lasciato. Daniel Di Micco è un italo-canadese che vive e lavora a Roma. Il 30enne originario di Montreal si è trasferito nel 2016 per gestire un punto vendita della catena di negozi di casalinghi dello zio. “È una cosa che ho sempre avuto in mente di fare,” dice Di Micco, che ha studiato business marketing all’università Concordia. “Ho iniziato a valutare seriamente di trasferirmi quando lavoravo per AirCanada e viaggiavo spesso in Italia, e quando ho saputo che ci sarebbe stata un’opportunità tramite la famiglia di mia madre nel Lazio.” Lavorare per un’attività a conduzione familiare è un’esperienza totalizzante per Di Marco: apprende strategie di vendita, come gestire l’attività e come comunicare con i fornitori. “Sto ancora imparando, specialmente quando si tratta di tradurre espressioni e termini settoriali, ma Google Translate aiuta.” Gli orari del negozio al dettaglio sono impegnativi e la retribuzione è probabilmente inferiore a quanto potrebbe guadagnare lavorando a tempo pieno in Canada, ma Di Micco non si pente affatto della sua decisione. “Non ho molto tempo libero ma è facile fare nuove amicizie a Roma. Ci sono molte persone che vivono qui ma che provengono da altre parti d’Italia o da altri paesi,” dice Daniel, che ha acquisito la cittadinanza italiana tramite il padre. “Non mi manca il clima

T


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:48 AM Page 31

LIFE & PEOPLE

L

31

canadese, ma la famiglia, l’ordine e l’organizzazione del Canada, quelli sì che mi family and the order and structure in Canada – it’s definitely something mancano – è sicuramente qualcosa che è carente in Italia e ho dovuto imparare lacking in Italy and I had to learn to exercise a lot of patience with things ad armarmi di pazienza quando si è trattato per esempio di richiedere i documenti like getting my work and medical papers.” medici e lavorativi.” Di Micco says he’s not sure if he’ll be staying long-term, but he’s Di Micco dice di non sapere se rimarrà a lungo, ma per ora si gode happily enjoying the lifestyle and culture he made the move for. “Italians allegramente lo stile di vita e la cultura, motivi per cui ha deciso di trasferirsi. very much live day-by-day and it’s my mentality. I’m taking it one day at “Gli italiani vivono alla giornata e anch’io ho questa mentalità. Vivo ogni giorno a time, living in the moment and enjoying the little things – even the 40 con spensieratezza, assaporo il presente e apprezzo le piccole cose – inclusi i degree weather.” 40 gradi di temperatura.” That energy and zest for life Italians are so well-known for is what L’energia e l’entusiasmo che contraddistinguono gli italiani – è questo che Roberto Arcieri and Pamela Rubano are hoping to bring back to Canada Roberto Arcieri e Pamela Rubano sperano di riwhen they return to Montreal after two years portare in Canada al momento del loro rientro a living and working in Florence. “Walking to “That desire to take a risk and learn Montreal, dopo aver vissuto e lavorato due anni a the bar down the street for an espresso Firenze. “Andare a piedi al bar sotto casa per un before work, travelling on the weekends, the and experience life in a new country espresso prima del lavoro, fare gite fuori porta nei view of the Duomo from our apartment – is what we all have in common.” fine settimana, la vista del Duomo dal nostro apit’s what we’re going to miss most,” says partamento – questo è ciò che ci mancherà di più,” Rubano, 25. dice Rubano, 25 anni. The couple left searching for life experience “Quel desiderio di rischiare, imparare e La coppia è partita in cerca di un’esperienza and personal growth after university and can di vita e di crescita personale dopo l’università e sympathize with young Italians. “I can see provare a vivere in un altro paese è ciò simpatizza con i giovani italiani. “Capisco perché why they’re leaving with the economy being che ci accomuna tutti quanti.” vogliono partire, considerando la precarietà what it is and how tough it is to get a good dell’economia e le scarse possibilità di trovare un paying job. They’re looking for a new life like buon lavoro. Cercano una nuova vita come i nostri nonni quando questi sono partiti our grandparents were when they left for Canada,” says Arcieri, 26. per il Canada,” sostiene Arcieri, 26 anni. “Ci riteniamo fortunati ad aver fatto questa “We’ve been lucky to have this experience, but we’re going home to set esperienza, ma torneremo a casa a mettere radici e consolidare la nostra carriera.” our foundation and establish our careers.” Arcieri e Rubano, entrambi in possesso della doppia cittadinanza, sono cresciuti Arcieri and Rubano, who have dual citizenship, both grew up with a con un forte senso di riconoscenza per il loro retaggio e hanno sempre parlato strong appreciation for their heritage and always talked about wanting to del loro desiderio di fare l’esperienza di vivere all’estero. Roberto per primo ha experience living abroad. Arcieri came first to complete courses at the completato i corsi alla European School of Economics ed è stato assunto per uno European School of Economics and then got an internship at a luxury stage presso una casa di moda di lusso a Firenze. Poco dopo Pamela lo ha raggiunto fashion brand in Florence. Rubano followed shortly after to work at the per lavorare presso la scuola. “I nostri nuovi amici italiani ci domandano school. “The Italian friends we’ve made constantly ask us why we left continuamente perché abbiamo lasciato il nostro paese e l’eventuale possibilità di home and are curious about the opportunity to move to Canada,” Rubano trasferirsi in Canada li incuriosisce,” dice Rubano. “Quel desiderio di rischiare, says. “That desire to take a risk and learn and experience life in a new imparare e provare a vivere in un altro paese è ciò che ci accomuna tutti quanti.” country is what we all have in common.”

TEAM JOE PETTINICCHIO POINTE-AUX-TREMBLES (MTL)

YOU PAY

ONLY

1.95% COMMISSION* WHEN I FIND YOUR BUYER *Certain conditions apply

ST. VINCENT DE PAUL (LAVAL)

OWNERS OF 6 PLEX OR MORE LOOKING TO SELL? CONTACT TEAM JOE PETTINICCHIO WE HAVE QUALIFIED BUYERS. Triplex

Centris # 13111065

RIVIÈRE DES PRAIRIES (MTL)

Quintuplex semi-detached • Centris # 21493457

ST. VINCENT DE PAUL (LAVAL)

GIUSEPPE (JOE) PETTINICCHIO CHARTERED REAL ESTATE BROKER / AEO

Semi-detached cottage • Centris # 23203330

Tel: 450 663 9595

Lavish Lot adj. to Val des Arbres • Centris # 9062916

www.lexim.ca

A MEMBER OF


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:48 AM Page 32

32

ADVERTORIAL

CONDOS AQUABLU Beyond luxury living photos / Fahri Yavuz

but I appreciate the emphasis the Italians Looking for the modern conveniences of put on quality design and I wanted to condo living in a more suburban setting? replicate that throughout the project,” Condos Aquablu reads like a dream wish list says Garabedian. of amenities. 70% of units are priced at under From its prime waterfront location in $1 million, with many priced within the Sainte-Dorothée section of Laval – the $400-$500,000 range, making the strategically located close to downtown Aquablu lifestyle accessible to a wide Montreal and the airport, as well as to local range of buyers. restaurants and services in the booming core Garabedian began in luxury property of Laval – to its stunning European interior, development with the Domaine des Berges to 24-hour concierge service, Aquablu has project, which created an environment that left no stone unturned in its quest for what attracted some of the most luxurious it refers to as ‘ultra luxury.’ homes in Laval, many valued at over Phase 2 of the project – slated for deliv$3 million each. “We took the ‘if you build ery in the fall of 2019 – will have 21 storeys, it, they will come’ approach,” he says. “We with 130 units ranging in size from 880 to knew the market for luxury living existed; 5,000 square feet. Each unit is designed to we just had to prove it. One of the things maximize the building’s south-facing orienwe did was to enhance the environmental tation, which provides spectacular views of Aquablu developer John Garabedian with Nicholas Salvatore, project manager appeal of the area. We did this by clearing the Rivière des Prairies and offers sunlight out the existing marshland and creating a man-made lake that connects to all day long. the nearby river, allowing access to local aquatic life and giving residents an The project has 32 different layouts, which ensures something for asset they would not have had otherwise.” everyone. Units will have 10- or 11-foot ceilings with floor-to-ceiling windows That precedent allowed Garabedian to produce one of Aquablu’s most and can be combined and customized according to buyers’ tastes. The terrace impressive features: the development of nearly 1,000 feet of previously and penthouse units on the top five floors will be completely unique, with no inaccessible shoreline along the Rivière des Prairies that connects to a two units alike. Every unit also boasts a sizeable balcony and a direct view of 143-kilometre Oka/ St-Hilaire bicycle path and new park, all of which are the water with glass on glass corners. accessible to everyone. Regardless of which model you choose, you’ll get the full Aquablu With Phase 1 nearly completely sold out, units in Phase 2 are going experience: each unit boasts luxury features including frameless glass shower, quickly, attracting buyers from across Montreal and outside of Quebec. “This doors from Italy, Poggenpohl kitchen cabinetry from Germany, heated combination of waterfront location that is equally accessible to local amenities bathroom floors, and built-in appliances. Options also include Gaggenau and the city is a rarity and once it’s gone, it can’t be replicated,” says appliances. “It’s not European design, it’s actually European,” says Aquablu Garabedian. “It’s a great place to live and a great investment for any buyer.” developer John Garabedian. “Our materials, such as the tiles, doors, appliances and cabinetry are imported directly from Europe, rather than presented as European design and produced in China or North America.” And the list of amenities goes on: two outdoor swimming pools and hot For more information, tubs, an outdoor lounge area with private island cabanas, a heated indoor pool, visit www.aquablu.ca hot tub, sauna, gym and massage room, as well as a large reception lounge with kitchen for private events that connects to an outdoor terrace. ‘The Cube,’ a PAVILLON DE PRÉSENTATION 108, three-story glass enclosure sitting in front of Phase 2 will feature a yoga and CHEMIN DU BORD-DE-L’EAU, SAINTE-DOROTHÉE Pilates studio with panoramic water views, a lounge for a sunset cocktail, and a 514.654.AQUA (2782) | DÉVELOPPEMENT ground floor games room complete with golf simulator. “I may not be Italian, GARABEDIAN INC.


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:48 AM Page 33


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:48 AM Page 34

34

ADVERTORIAL

PROVIDING QUALITY ITALIAN PRODUCTS FOR 50 YEARS

photo / Vincenzo D’Alto

Nick De Cicco, chief of operations at IRIS Importing & Distributing Inc.

Family-run IRIS Importing & Distributing Inc. celebrates milestone by / di GIANFRANCO CICIRELLO Bringing the flavours of Italy to millions of customers across the country is the cornerstone of IRIS Importing & Distributing Inc., a Quebec family-owned company that celebrates its 50th anniversary this year. Throughout the years, the wholesale and retail distributor of fine Italian products, which also services restaurants and major supermarkets, has been guided by passion and dedication. “I am of the mind that no matter what you do in life, if you like what you’re doing… your day will pass by quickly,” says Nick De Cicco, chief of operations Antonio, Nick and Angela De Cicco at IRIS. The multigenerational family company includes his brother Vito, their sister Rosanna and parents Antonio and Angela De Cicco, in addition to Nick’s daughter Angela and his nephew Nicolas. The seed was planted in 1961 when Nick, Vito and Rosanna’s father, Antonio De Cicco, left his hometown of Sannicandro di Bari in Bari, Apuglia, to establish himself as a new Italian-Canadian immigrant in Montreal. As a young man building a new life in Canada and doing what was necessary to support his family, De Cicco held various jobs from building television frames for the Marconi company to selling soap door to door. “The priority was that there was food on the table,” Nick De Cicco points out with pride.

Iris Importing & Distributing Inc. is located at: 9821 av Lausanne, Montréal-Nord 514-324-5935 email: contact@irisimport.com www.irisimport.com

As time went on, his father decided to make the jump to a more retail-centred business, where he secured contracts with local, independent Italian gourmet shops in one of Montreal’s renowned landmarks, Little Italy. In 1967, IRIS was born. Nick De Cicco was just eight-years-old when the company was formed. When he went to work in the family business, he quickly learned the ropes and throughout the decades he’s helped turn it into a national enterprise. The company’s products are now Nick and Vito De Cicco available at various grocery stores such as Euromarché, Intermarché, IGA, Loblaws and Metro. “The goal is to keep educating a new and diverse clientele,” explains De Cicco. “We aim to be ambassadors of different regions of Italy and we want to emphasize all aspects of Italy’s regional plates. From the north to the south of Italy, I believe that our product line complements any recipe.” IRIS Importing & Distributing’s priority is providing the best tastes from Italy’s precious regions. The two highly sought-out brands at IRIS are Granoro and Loison. Granoro offers a wide variety of pasta products to meet everyone’s needs. Loison, (in operation since 1938) has been hailed for its line of panettone. IRIS also offers a variety of other premium Italian brands that include Antica Torroneria Piemontese, De Carlo, Gentile, Giannini, Golia, La Pugliesina Gourmet Inc., Moncafè, Pasticceria Le Logge, Panealba, Perfetti Van Melle, Strega Alberti, Tesori Mediterranei and Toschi Vignola. “At IRIS, you are guaranteed to enjoy the true colours of the quality that we offer,” says De Cicco. “We are always on the lookout for aesthetically pleasing products. It’s also important to make the products come alive. All chefs or home cooks should be able to bring a creative spin to their dishes. Our products guarantee quality.”


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:48 AM Page 35


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:48 AM Page 36

36

LIFE & PEOPLE

photo / Anisha Patel

GEORGES GAUCHER by / di LAURA GUZZO

So you want to be Italian? Considering Italy’s enormous influence on history and culture, it’s no wonder so many people of various backgrounds are ardent admirers of all things Italian. In this issue, Panoram Italia spoke with one such admirer: Georges Gaucher, general manager of a real estate firm.Though he may be able to trace his francophone roots back several generations, Georges Gaucher could easily be mistaken for Italian. Appassionato by the cuisine, incantato by the language, he is a renaissance man in the tradition of many an Italian. He has traveled to Italy numerous times, becoming more enamoured with each visit. Now in his early 60s, he’s embarking on learning Italian with the goal of spending some of his retirement in Tuscany, soaking in the culture, taking cooking classes and sampling great wines.

Quindi vuoi essere italiano?

Data l’enorme influenza esercitata dall’Italia sulla storia e sulla cultura, non c’è da meravigliarsi che persone di origine diversa siano fervide ammiratrici di tutto ciò che è italiano. In quest’uscita, Panoram Italia ha fatto due chiacchiere con uno di loro: Georges Gaucher, direttore generale di un’agenzia immobiliare. Sebbene possa far risalire le proprie origini francofone a molte generazioni addietro, Georges Gaucher potrebbe facilmente essere scambiato per italiano. Appassionato della cucina, incantato dalla lingua, è un uomo poliedrico, come per tradizione molti italiani. È stato in Italia molte volte, innamorandosene sempre di più ad ogni visita. Adesso, sulla sessantina, si è avventurato nell’apprendimento dell’italiano con l’obiettivo di trascorrere parte degli anni della pensione in Toscana, per immergersi nella cultura, seguire corsi di cucina e degustare vini pregiati.

Panoram Italia: When did you first become enamoured of all things Italian and why? Georges Gaucher: It’s been an ongoing passion for most of my adult life. I’ve been lucky to have friends of Italian origin who introduced me to the food and the wines – a great way to make lifelong friends, by the way! I even once had a tailor who would sing the praises of the famous Vitale Barberis Canonico fabrics, and who helped me recognize what went into a good suit: something Italians seem to know almost intuitively.

Panoram Italia: Quando è cominciato questo tuo amore per tutto ciò che è italiano e perché? Georges Gaucher: È una passione che dura da gran parte della mia età adulta. Ho avuto la fortuna di avere amici di origine italiana che mi hanno fatto conoscere la cucina e i vini – peraltro un ottimo modo per stringere amicizie che durano una vita! Un tempo avevo addirittura un sarto che decantava i famosi tessuti Vitale Barberis Canonico, e che mi aiutava a riconoscere in cosa consistesse un buon abito: qualcosa che gli italiani sembrano individuare quasi d’istinto.

PI: If you could live in an Italian city, which would you choose and why? GG: You mean I have to choose? I love Bologna for its culture and intellect. I’d also love to spend time in Milan or in any small town on the Amalfi coast.

PI: Se potessi vivere in una città italiana, quale sceglieresti e perché? GG: Vuoi dire che devo scegliere? Amo Bologna per la sua cultura e la sua attività intellettuale. Mi piacerebbe anche trascorrere del tempo a Milano o in qualunque cittadina della costiera amalfitana.

PI: If you were a famous Italian personality (dead or alive), who would you like to be? GG: I’d choose Silvio Berlusconi from a purely voyeuristic perspective; a character like that could only exist in Italy! I could also handle being Roberto Benigni or Gianni Agnelli, who turned Fiat into a global force.

PI: Se fossi un famoso personaggio italiano (vivo o morto), chi vorresti essere? GG: Sceglierei Silvio Berlusconi sotto un punto di vista prettamente voyeuristico; un personaggio come quello potrebbe esistere solo in Italia! Potrei anche scegliere di essere Roberto Benigni o Gianni Agnelli, che ha trasformato la Fiat in una potenza mondiale.


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:48 AM Page 37

LIFE & PEOPLE

37

PI: Complete this statement: Italy is: GG: La dolce vita. I know it sounds like a cliché and I’m sure that the day-to-day realities of living there would give me a stark reality check, but from the outside it’s just the most easy-going place, with an appreciation for life, love, family and food that you don’t find anywhere else. PI: What’s one element from your culture that you share with Italian culture? GG: There are lots of parallels between French-Canadians and Italians. Historically, there was always religion and the focus on families. But personally, I’d have to go with food. I was lucky to have a mother who taught me how to cook and who instilled a love of food. I carry it with me to this day. I love to cook and I love to share a meal with the people I care about. It’s the best way to bring people together – and Italians have totally mastered it.

PI: Completa quest’affermazione: l’Italia è… GG: La dolce vita. Lo so che suona come una frase fatta e sono sicuro che il vivere quotidiano mi farebbe fare i conti con la dura realtà, ma dall’esterno è semplicemente il più tranquillo dei luoghi, con una passione per la vita, l’amore, la famiglia e il cibo introvabile in nessun altro posto.

“There are lots of parallels between French-Canadians and Italians. Historically, there was always religion and the focus on families. But personally, I’d have to go with food. I was lucky to have a mother who taught me how to cook and who instilled a love of food.” “Ci sono molti parallelismi tra i franco-canadesi e gli italiani. Storicamente, da sempre la religione e il focalizzarsi sulla famiglia. Ma personalmente, direi il cibo. Ho avuto la fortuna di avere una madre che mi ha insegnato a cucinare e che mi ha trasmesso l’amore per il cibo.”

PI: What’s one aspect of the Italian culture that you most appreciate? GG: Style. Italians are masters at pulling off effortless fashion. I remember being at the Galleria Vittorio Emanuele II in Milan years ago and seeing a woman – she must have been about 70. She was one of the most stylish people in the place and carried herself with such style and class.

PI: Qual è un aspetto che la tua cultura ha in comune con la cultura italiana? GG: Ci sono molti parallelismi tra i franco-canadesi e gli italiani. Storicamente, da sempre la religione e il focalizzarsi sulla famiglia. Ma personalmente, direi il cibo. Ho avuto la for tuna di avere una madre che mi ha insegnato a cucinare e che mi ha trasmesso l’amore per il cibo. Me lo porto dietro ancor oggi. Amo cucinare e mi piace condividere i pasti con le persone a cui tengo. È il modo migliore per far aggregare le persone – e gli italiani in questo sono dei maestri.

PI: Qual è uno degli aspetti della cultura italiana che apprezzi di più? GG: Lo stile. Gli italiani sono dei maestri nel risultare alla moda senza alcuno sforzo apparente. Ricordo una donna vista anni fa – avrà avuto una settantina di anni – mentre mi trovavo alla Galleria Vittorio Emanuele II a Milano. Era una delle persone con più stile sul posto e si muoveva con una classe ed un’eleganza uniche.


Montreal OCT/NOV 19-38 2017-10-05 9:48 AM Page 38

38

ITALIANS IN CANADA

ITALIANS IN HAMILTON Italiani a Hamilton by / di SAL DIFALCO It probably didn’t occur to the average Italian immigrant disembarking from a long train ride in Hamilton’s CN Railway James Street Station that it was the only example of Beaux Arts architecture in an otherwise grim industrial city. Many had left a shattered, postwar Italy hungry and broken, hoping to find work in Hamilton’s steel mills or factories, as well as an opportunity to rebuild their lives. The train station’s architectural articulation may not have been foremost on their minds but it would, in time, become the fulcrum and metaphoric piazza of their nascent community. Hamilton’s North End, the neighbourhood surrounding the CN station, was gritty and rough, even inhospitable, but rents were cheap and the immigrants settled there in numbers. This Italian invasion, particularly in the 1950s, profoundly affected not only James Street, but the entire city of Hamilton, injecting vitality into a stagnant zone vacated by English, Scottish and Irish residents who had moved on to more affluent neighbourhoods. It didn’t take the Italians long to make that neighbourhood and stretch of James Street North their own, opening grocery stores, barbershops, bakeries and café-bars. All Souls Church on nearby Barton Street gave Catholic services in Italian. The neighbourhood became known as Little Italy, and then Corso Racamulto, in homage to the Sicilian town from which some 10,000 of Hamilton’s Italian immigrants hailed. According to the most recent Canadian census data, Hamiltonians of Italian descent number some 72,000 and comprise the fourth largest ethnic group behind English, Scottish and Irish. An estimated 30,000 of the Italians are from Sicily. “Italians have contributed to the very fabric of Hamilton,” says Nick Zaffiro, 87, whose parents came from Racalmuto in the early 1920s. Zaffiro, a lawyer, made his own pioneering contributions to the city, partnering with John Agro in 1949 to co-found one of Hamilton’s most prestigious and influential law firms. “The Italian community has thrived and prospered in Hamilton,” Zaffiro says, “not only as contractors and builders, but also as lawyers, doctors, accountants, educators and politicians.” This, despite serious impediments. During the Second World War, Zaffiro’s father, like so many Italian immigrants, was interned. “But my father, by then a Canadian citizen, never criticized the government. He knew he wasn’t a threat but understood the precaution.” Rather than gripe about bygone injustices, Zaffiro stresses that opportunity awaited those who persevered. “The great equalizer was

In arrivo a Hamilton alla CN Railway James Street Station dopo un lungo viaggio in treno, l’immigrato italiano medio non aveva probabilmente notato che l’architettura di tale stazione era l’unico esempio di belle arti in una città per il resto cupa e industriale. Molti, affamati e abbattuti, avevano lasciato un’Italia post-bellica in rovina nella speranza di trovare lavoro nelle acciaierie o nelle fabbriche di Hamilton. L’architettura della stazione ferroviaria non sarà cer to stato il loro pensiero principale, ma sarebbe col tempo diventata il fulcro e la piazza simbolo della loro nascente comunità. Il North End di Hamilton, il quartiere a ridosso della CN station, era degradato e malfamato, persino inospitale, ma gli affitti erano economici e gli immigrati si stabilirono qui in gran numero. L’ “invasione” italiana, particolarmente negli anni ’50, ha avuto un impatto profondo non solo su James Street, ma su tutta la città di Hamilton, apportando vitalità ad una zona stagnante, abbandonata dai residenti inglesi, scozzesi e irlandesi che si erano trasferiti in quartieri più agiati. Entro breve, gli italiani avevano fatto proprio quel quartiere e quel tratto di James Street North, aprendo supermercati, botteghe di barbiere, panetterie e bar. Alla chiesa All Souls nella vicina Barton Street si celebrava la messa in italiano. Il quartiere prese il nome di Little Italy, e poi di Corso Racamulto, in omaggio alla città siciliana da cui provenivano circa 10.000 degli immigrati italiani di Hamilton. Secondo i dati del più recente censimento canadese, gli hamiltoniani di origine italiana ammontano a circa 72.000 e rappresentano il quarto gruppo etnico più esteso dopo inglesi, scozzesi e irlandesi. Fra gli italiani, approssimativamente 30.000 vengono dalla Sicilia. “Gli italiani hanno contribuito allo stesso tessuto sociale di Hamilton,” dice Nick Zaffiro, 87 anni, i cui genitori arrivarono da Racamulto all’inizio degli anni ’20. Zaffiro, avvocato di professione, ha apportato il suo contributo innovativo alla città mettendosi in società con John Agro nel 1949 e fondando uno dei più prestigiosi e influenti studi legali di Hamilton. “I membri della comunità italiana hanno prosperato e progredito a Hamilton,” sostiene Zaffiro, “non solo nel settore edile, ma anche in qualità di avvocati, dottori, commercialisti, educatori e politici.” E lo hanno fatto malgrado seri impedimenti. Durante la seconda guerra mondiale, il padre di Zaffiro, come tanti altri immigrati italiani, è stato internato. “Ma mio padre, all’epoca già cittadino canadese, non ha mai criticato il governo. Sapeva di non rappresentare una minaccia ma ha compreso che le precauzioni erano necessarie.” Invece di lamentarsi delle ingiustizie passate, Zaffiro sottolinea che le opportunità attendevano coloro che perseveravano. “Il grande livellatore è stato l’istruzione,” dichiara.


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 39

ITALIANS IN CANADA

39

education,” he says. “Italians have made inroads into every aspect of Hamilton life,” says Pat Mostacci, 49, executive director of Villa Italia and vice chair of Festitalia Hamilton, a well-attended annual celebration of Italian culture and heritage. “After the Second World War, opportunities for work in the foundries keyed the community’s initial successes. But education allowed for full integration and participation.” Anthony Macaluso, 37, vice-principal of Cardinal Newman High School in Hamilton, and the chair of Festitalia, echoes Mostacci’s conclusion. “Many immigrants came over uneducated,” he says, “but almost universally convinced that education as well as hard work was paramount – a belief that continues to resonate.” Although Little Italy was always a warm and inviting place, the Italians had no wish to be ghettoized and spread out into the wider city. Like the English, Scots and Irish before them, they sought bigger and better houses to live in as they prospered and moved on. That said, Hamilton’s Little Italy has never lost its heart. Today it anchors a revitalized and vibrant downtown art and café scene – the haunt of artists, hipsters, bohemians and newer immigrants. The CN Station still stands in all its Beaux Arts grandeur. Now a National Historic Site, it was rebranded in 2000 as LIUNA Station after the Laborer’s International Union of North America (appropriately enough) bought and transformed it into an events centre with catering facilities. And the Italian spirit remains as strong as ever in this steel town. “We may not be Italian-born,” concedes Mostacci, “but we’re made with Italian parts. And it’s important we pass on our cultural legacy to the next generation of Hamiltonians: our food, music, language and commitment to family.”

“Gli italiani hanno fatto passi avanti in tutti i settori della vita di Hamilton,” afferma Pat Mostacci, 49 anni, direttore esecutivo di Villa Italia e vice presidente di Festitalia Hamilton, una celebrazione annuale per la cultura e il retaggio italiani, che registra sempre una grande affluenza. “Dopo la seconda guerra mondiale, le opportunità di lavoro nelle fonderie hanno rappresentato il successo iniziale della comunità. Ma l’istruzione ha consentito una completa integrazione e partecipazione.” Anthony Macaluso, 37 anni, vice preside della scuola secondaria superiore Cardinal Newman di Hamilton, e presidente di Festitalia, ribadisce le conclusioni di Mostacci.“Molti immigrati sono arrivati senza istruzione,” dice, “ma accomunati dalla quasi universale convinzione che l’istruzione e il duro lavoro erano fondamentali – una convinzione che è valida ancora oggi”. Nonostante il carattere accogliente e affascinante di Little Italy, gli italiani non volevano essere ghettizzati e iniziarono così a trasferirsi in altre parti della città. Come avevano fatto gli inglesi, gli scozzesi e gli irlandesi prima di loro, cercarono case più grandi e più belle in cui vivere, prosperare e fare strada. Detto ciò, Little Italy non ha mai perso il suo cuore pulsante. Situata nel centro della città, è oggi una zona vibrante e dinamica ricca di arte e di caffetterie – un luogo per artisti, hipster, bohemien e nuovi immigrati. La CN Station è ancora lì in tutta la sua magnificenza. Oggi sito storico nazionale, le è stato giustamente dato il nome di LIUNA Station dopo che la Laborer’s International Union of Nor th America l’ha acquistata e trasformata in un centro eventi con strutture adibite al catering. E lo spirito italiano rimane forte come non mai nella città dell’acciaio. “Anche se non siamo nati in Italia,” dichiara Mostacci,“abbiamo origini italiane”. Ed è fondamentale che tramandiamo il nostro retaggio alle generazioni future di hamiltoniani: il nostro cibo, la nostra musica, la nostra lingua e la nostra dedizione alla famiglia.”

“It’s important we pass on our cultural legacy to the next generation of Hamiltonians: our food, music, language and commitment to family.”

“È fondamentale che noi tramandiamo il nostro retaggio alle generazioni future di hamiltoniani: il nostro cibo, la nostra musica, la nostra lingua e la nostra dedizione alla famiglia.”

ÉCO DÉPÔT CÉRAMIQUE

Visit our showroom first! The largest showroom in Quebec with on-site designers CERAMIC • PORCELAINE • NATURAL STONE • VANITY • MOSAICS

LAVAL 1111, AUTOROUTE 440 OUEST 450 667-1166

MONTRÉAL 8710, rue PASCAL-GAGNON 514 323-8936

RIVE SUD 3555, boul. TASCHEREAU 450 678-9191

Over 40 years experience

www.eco-depot.ca


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 40

40

ITALIANS IN CANADA

ITALIANS IN TROIS-RIVIÈRES Italiani a Trois-Rivières by / di SABRINA MARANDOLA Like many members of Quebec’s Italian community, Lina De Rossi grew up in Montreal and Laval. But when she had children of her own, she didn’t want them growing up in the hustle and bustle of a busy urban centre. In 2000, De Rossi packed up everything – and with her four children in tow – she moved to Quebec’s Mauricie region in the small town of SaintStanislas (about 40 kilometres north of Trois-Rivières). Her backyard is a wooded area that spans about 1.5 kilometres. There’s a nearby river and spring water runs through the pipes in her home. “Living in Montreal would maybe be easier because there is a big Italian community, but then that would mean living in the city. I prefer tranquility.” But De Rossi missed all things Italian and made it her mission to meet others from the community. “There aren’t many Italians here, but over the years I have found people who know Italian. I made a group of friends and once in a while, we get together and enjoy speaking Italian.” The latest available figures from Statistics Canada show just how much of a challenge it must have been for De Rossi to meet other Italians. In the city of Trois-Rivières alone, there are only about 900 people who identify as Italian. For the entire Mauricie region, that number is less than 1,800. That's only 0.6% of the entire Italian community in the province. For De Rossi, speaking the language wasn’t enough. She wanted to spread her culture and traditions – all things ingrained in her since she was a child who spent her summers with her aunt in Torino. “I would see her do her groceries every day and buy fresh products at the market. There was a bakery right next door and when I would go out, I would smell the wonderful scents of warm bread. The food had that special taste and it stayed with me.” Those vivid memories prompted De Rossi to open up a bakery called Jardin d’Olympe, where she made fresh bread and other Italian foods. “They were products that people never saw before. It was hard at first. Just to make people taste something new, it was complicated. They weren’t open to it.” But De Rossi would set up kiosks at festivals and public markets to make people try her products, which are all made fresh and by hand. “I am the only one in the province that has all these conditions: made by hand, made fresh that day and made with spring water,” De Rossi says. Today, De Rossi's Jardin d’Olympe has expanded to two locations – one in Saint-Stanislas and another in Shawinigan – and her ever-popular grissini breadsticks (she makes four types) are even delivered all the way to Montreal’s Jean-Talon Market. De Rossi isn't the only one in the Mauricie trying to spread her italianità. Giovanni Saliceti has been living in Trois-Rivières for 40 years. He first

Come molti membri della comunità italiana del Quebec, Lina De Rossi è cresciuta a Montreal e a Laval. Ma quando ha avuto i suoi di figli, non ha voluto che crescessero nel trambusto di un trafficato centro urbano. Nel 2000, De Rossi ha impacchettato tutto e, con i suoi quattro figli al seguito, si è trasferita nella regione di Mauricie in Québec, nella cittadina di Saint-Stanislas (circa 40 chilometri a nord di Trois-Rivières). A farle da giardino c’è un’area boschiva che si estende per circa un chilometro e mezzo. C’è un fiume nelle vicinanze e nelle tubature di casa sua scorre acqua di sorgente. “Forse sarebbe più semplice vivere a Montreal perché c’è una grande comunità italiana, ma allora significherebbe dover vivere in città. Preferisco la tranquillità.” Ma a Lina mancava tutto ciò che era italiano e per questo si è prefissata di trovare altri membri di quella comunità. “Qui non ci sono molti italiani, ma nel corso degli anni ho conosciuto gente che parla l’italiano. Ho creato un gruppo di amici e di tanto in tanto ci riuniamo e ci divertiamo a parlare l’italiano.” Le ultimissime cifre ripor tate da Statistic Canada mostrano quanto dev’essere stato difficile per De Rossi incontrare altri italiani. Nella sola città di Trois-Rivières, sono circa 900 le persone che si considerano italiane. Nell’intera regione di Mauricie, quella cifra è inferiore a 1.800. Vale a dire, solo lo 0,6% di tutta la comunità italiana della provincia. Ma a Lina non bastava parlare la lingua. Voleva diffondere la propria cultura e le tradizioni – tutto ciò che le era stato instillato sin da quando, bambina, trascorreva le estati da sua zia a Torino. “Ogni giorno le vedevo fare la spesa e comprare prodotti freschi al mercato. Accanto a casa sua c’era un forno e quando uscivo sentivo sempre il profumo meraviglioso del pane caldo. Il cibo aveva quel sapore unico che mi è rimasto dentro.” Questi ricordi nitidi hanno indotto De Rossi ad aprire il forno Jardin d’Olympe, nel quale prepara pane fresco ed altri cibi italiani. “C’erano prodotti che la gente non aveva mai visto prima. All’inizio è stata dura. Era complicato anche solo far assaggiare ai clienti qualcosa di nuovo. Non erano aperti.” Ma Lina allestiva bancarelle nelle sagre e nei mercatini pubblici affinché la persone provassero i suoi prodotti, tutti freschi e fatti a mano. “Sono la sola nella provincia a rispettare tre condizioni: fatto a mano, fresco di giornata e preparato con acqua sorgiva,” spiega. Oggi, il Jardin d’Olympe di De Rossi si è allargato con due sedi – una a Saint-Stanislas e un’altra a Shawinigan – e i suoi popolarissimi grissini (ne fa di quattro tipi) vengono addirittura consegnati fino al Mercato Jean-Talon di Montreal. De Rossi non è l’unica a cercare di diffondere la propria italianità nella regione di Mauricie.


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 41

ITALIANS IN CANADA

41

Giovanni Saliceti vive a Trois-Rivières da 40 anni. Inizialmente era immigrato immigrated from Italy to Montreal, but his job ultimately brought him to Troisdall’Italia a Montreal, ma poi il lavoro lo ha portato a Trois-Rivières dove vive da alRivières where he’s been living ever since. “There was an Italian community lora. “C’era una comunità italiana, ma molto dispersiva. C’è stata una doppia immibut it was very dispersed. There was a double-immigration: the first wave was grazione: la prima ondata precedente alla Prima guerra mondiale – venivano per before the First World War. They came to Mauricie to work on construction lavorare nell’edilizia o nei boschi come taglialegna; poi la seconda ondata successiva sites or to work in the woods as lumberjacks. Then the second wave was after alla Seconda guerra mondiale negli anni ’50,” dice Saliceti. “Per cui qui ci sono prevathe Second World War in the ’50s,” Saliceti says. “So the Italians here today are lentemente italiani di terza generazione. I loro nonni o genitori si trovavano qui, ma mostly third-generation. Their grandparents or parents were here, but they erano tutti sparpagliati.” were all spread out.” Nel tentativo di riunire la comunità As a way to unite the Italian comitaliana nella vasta regione di Mauricie, munity in the vast Mauricie, Saliceti “It’s a beautiful city on the river, one Saliceti era diventato l’uomo di punta became the point man to organize an hour and 15 minutes from Montreal. It nell’organizzazione della Sagra di annual Ferragosto festival every Ferragosto che si teneva ogni anno. August. “The goal was also to make would be a wonderful discovery to get in “L’obiettivo era anche quello di far sperimore people experience the Italian your car on a Sunday morning and come mentare a più persone la cultura italiana culture – to reunite the few Italians that – di riunire i pochi italiani che eravamo, we were, but above all to make the Italby for a stroll.” ma soprattutto di far conoscere ancor di ian culture even more known,” he says. più la nostra cultura,” spiega. Paid for by the city, the festival in Sovvenzionata dalla città, la sagra a Trois-Rivières included three days of Trois- Rivières consisteva in tre giorni di celebrations featuring Italian artists, “È una bella città sul fiume, a un’ora e 15 minuti festeggiamenti con artisti italiani, musicisti e musicians, chefs from Italy cooking da Montreal. Fareste una bellissima scoperta se cuochi provenienti dall’Italia che cucinavano local dishes, Fiats and Ferraris to piatti tipici, e poi Fiat e Ferrari per citarne name a few. vi metteste in macchina una domenica mattina alcuni. La sagra di Ferragosto è durata The Ferragosto festival ran as per venire a farvi una passeggiata.” finché le casse della città hanno potuto perlong as the city’s coffers could afford metterselo – dal 2006 fino al 2012. it – from 2006 until 2012. Saliceti è onorato di averla potuta orSaliceti is honoured he got to ganizzare ogni anno. “Sono un tipo che, pur vivendo lontano dall’Italia, se l’è sempre organize it every year. “I am someone who, even living far away from Italy, portata nel cuore. Anche se lontani, quando non si tagliano i ponti con la madrepahas always carried Italy in his heart. Even if we are far, if you don’t cut ties tria, è sempre possibile fare cose meravigliose.” with the motherland, you can still do many wonderful things.” Invita anche gli italo-montrealesi a visitare Trois-Rivières. “È una bella città sul He also invites Italian-Montrealers to visit Trois-Rivières. “It’s a fiume, a un’ora e 15 minuti da Montreal. Fareste una bellissima scoperta se vi beautiful city on the river, one hour and 15 minutes from Montreal. It would metteste in macchina una domenica mattina per venire a farvi una passeggiata.” be a wonderful discovery to get in your car on a Sunday morning and come by for a stroll.”


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 42

42

FASHION

“This season is all a throwback to retro looks with elephant leg pants, belted and long coats.” “Per questa stagione si registra un ritorno al passato, a uno stile retrò con i pantaloni a zampa di elefante e i cappotti lunghi con la cintura,.”

WARM-UP

WARDROBE Più & Più

by / di ALESSIA SARA DOMANICO

Trendsetting winter styles from Italy

Dall’Italia gli stili invernali che dettano la moda

With the weather doing all sorts of crazy things, designers have come up with plenty of different ways to take on winter 2017. Our Italian friends always seem to have the best of the pickings, so we grabbed our pen and pad and headed out on a fact-finding mission. When it comes to an abundance of winter options, Brunello Cucinelli is notorious for having upwards of 100 pieces per collection. His Milan showroom features the cream of the crop, especially in menswear where he effortlessly mixes classic blazers with sporty sheepskin-lined winter coats and lace-up leather shoes with bootcut pants. This is a fashion house that doesn’t just offer prêt-à-porter but all of its own accessories too, from leather weekend getaway bags to shoes, jewellery and scarves. Across the pond, our first stop is Boutique Made in Italy on Samson boulevard, in Laval. The shop imports upscale women’s fashion, accessories and cocktail dresses and offers a personalized shopping service for commercial social or televised events. “Innovative, glamorous and dynamic,” this is how co-owner Anna Maria Parisi describes the latest collections in store as she walks us through the upcoming trends for the season which pick up on hues of red, blue grey, bordeaux and mustard yellow. Plaid leather, vintage floral top dresses and shiny fabrics also feature strongly. “This season is all a throwback to retro looks with elephant leg pants, belted and long coats,” she shares. One of the brands

Con il clima che offre di tutto di più, gli stilisti si sono inventati tanti modi diversi per affrontare l’inverno del 2017. I nostri amici italiani sembrano avere sempre le scelte migliori, per questo ci siamo armati di penna e blocchetto e siamo andati a verificare di persona. Quando si tratta di abbondanza in tema di alternative per l’inverno, Brunello Cucinelli è noto per presentare oltre 100 pezzi a collezione. Il suo showroom di Milano rappresenta il non plus ultra, soprattutto per l’abbigliamento uomo nel quale abbina facilmente giacche classiche a cappotti invernali in shearling, e scarpe stringate in pelle a pantaloni bootcut. Si tratta di una casa di moda che non offre solamente abiti prêtà-porter ma anche tutta una serie di accessori, dalle borse leisure in pelle alle scarpe, i gioielli e le sciarpe. Al di qua dell’oceano, la nostra prima tappa è la Boutique Made in Italy su Samson boulevard a Laval. Il negozio importa abbigliamento femminile esclusivo, accessori, abiti da cocktail e offre un servizio shopping personalizzato in occasione di eventi commerciali, sociali o televisivi. “Innovative, alla moda e dinamiche” è così che la co-proprietaria Maria Parisi descrive le ultimissime collezioni presenti in negozio mentre ci parla delle nuove tendenze per la stagione, che si basano sulle tonalità del rosso, del grigio-blu, del bordeaux e del giallo senape. Altra forte presenza sono la pelle con motivo scozzese, i vestiti vintage con motivo floreale e i tessuti lucidi. “Per questa stagione si registra un ritorno al passato, a uno stile retrò con i pantaloni a zampa di elefante e i cappotti lunghi con la cintura” ci dice. Uno dei marchi in magazzino, Più & Più, è quello che


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 43

FASHION

43

in stock, Più & Più, particularly reflects these trends with its elegant trousers, cream-colored coats and winter-appropriate dresses. The Italian brand PINKO has captured many a foreign affection. At its outpost in downtown Montreal’s Les Cours Mont Royal, we got a first look at the new collection that expresses femininity through three focal points: a comeback of the street concept of pop culture, wide shoulder silhouettes and jackets that mark the waistline and opulence hallmarked by decorations, prints, ruches, elements and accessories that enrich even the most everyday looks. There are four themes to pick from for your winter 2017 persona: Royal Navy, Military, Pretty Vamp and British Tartan.

Brunello Cucinelli

rispecchia maggiormente queste tendenza, con pantaloni eleganti, cappotti color panna e vestitini adatti all’inverno. Il marchio italiano PINKO si è conquistato l’affetto di molti stranieri. Al suo avamposto situato a Les Cours Mont Royal nel centro di Montreal, abbiamo dato un’occhiata alla nuova collezione, la cui femminilità si esprime attraverso tre punti chiave: un ritorno allo street concept della cultura pop, spalle larghe e giacche che sottolineano il girovita, e un’opulenza firmata da decorazioni, stampe, ruches, elementi ed accessori che arricchiscono persino i look più giornalieri. Sono quattro i temi tra cui scegliere per lo stile invernale 2017: Royal Navy, Military, Pretty Vamp and British Tartan.

Pinko

Più & Più


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 44

Photography by Daniele Tomelleri Makeup by Jennifer Low

Stefano Mazzone

Nickname: Stef Occupation: CEO of Forex Horsemen Inc. Age: 21 Generation: Second Dad from: Mammola, Reggio, Calabria Mom from: Roccamontepiano, Chieti, Abruzzo & Montelongo, Campobasso, Molise Raised in: Montreal Speaks: English, Italian, French Who do you speak Italian to? My grandparents and Italian family members Passion: Trading currencies Goal in life: To wake up every morning and be able to do anything I want. What’s your typical lunch? A panino with spicy salami, mozzarella di bufala and hot peppers Your best dish: My caprese salad Best Italian neighhourhood: St-Leonard Your favourite Italian-Canadian expression: “Ciao buddy” Who is your role model? My nonno Palmerio

44

Location: Parc Baldwin

Main difference between first generation and second/third: First generation Italians don’t plant rooftop gardens. Most important family value: Honesty Do you identify as Italian-Canadian or Canadian-Italian? Canadian-Italian What does Panoram Italia represent to you? A legit way of getting to know about the Italian community in Montreal. Best memory growing up ItalianCanadian: Going to the Pompeii feasts to watch the fireworks with my nonni.

LIVING ITALIAN STYLE

Amanda Casavant

Nickname: Ama Occupation: University student and sales representative Age: 24 Generation: Third Dad’s side from: Castelgrande, Potenza, Basilicata Mom’s side from: Castelmezzano, Potenza, Basilicata Raised in: Laval Speaks: English, French, Italian Who do you speak Italian to? Grandparents, family, mother, cousins, friends Passion: Health and fitness Goal in life: To become an advocate for my generation and positively impact people. Typical lunch: Salad or veggies with some sort of protein on my weekdays. On weekends I like to have homemade gnocchi and some fresh pastries (my favourite) for my cheat meals. My best dish: Seafood pasta... I love seafood more than anything. Best Italian neighbourhood: St-Michel. I grew up at my nonna’s in Montreal-North.

Who is my role model: I’ve had different role models throughout my life. In the past year, on my journey to Miss Universe Canada, I’ve really admired Siera Bearchell, who was Miss Universe Canada 2016. She didn’t have the typical “body type” of a pageant delegate but displayed remarkable confidence and taught me that beauty radiates through confidence. What does Panoram represent to you? It reminds us of our culture and where we came from. Best memory growing up being Italian-Canadian: My nonna and I used to wake up early to make ricotta pizza together.


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 45

LIVING ITALIAN STYLE

45

Alessandro Di Vito

Nickname: Alex Occupation: Web designer Age: 24 Generation: Second Dad from: Carpineto Sinello, Chieti, Abruzzo Mom from: Napoli, Campania Raised in: Gissi, Chieti, Abruzzo Speaks: Italian, English Who do you speak Italian to? My family and friends Passion: Wine and fashion Goal in life: To become a successful business person. What’s your typical lunch? Pasta Best Italian neighhourhood: St-Leonard Your favourite Italian-Canadian expression: “Mo mign” Who is your role model? Myself – in 10 years Most important family value: Honour and respect Do you identify as Italian-Canadian or Canadian-Italian? Italian-Canadian What does Panoram Italia represent to you? How it engages younger and older generations in the Italian community. Best memory growing up Italian-Canadian: Making taralli with my nonna.


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 46

46

DESIGN

Palazzetti Group Oslo fireplace

by / di ALESSIA SARA DOMANICO

Warm up this winter with cool fireplaces There are few luxuries more indulgent than a roaring fire to curl up to on a bitter winter’s day. Maybe you’ve got a fixer-upper home with an old fireplace to refurbish or want to work out a whole new installation. There are no restrictions to where a fireplace can be built, from the bathroom to the kitchen. And when it comes to materials, the options are countless – from stone and brick to marble and glass. We took a survey of the latest and greatest to see what the best options are. When deciding on a fireplace for your home, consider purpose, interior design, maintenance and repair. What function will the fireplace serve? Will it be your main source of heating, or will it be a more decorative piece? The design and style of your home is another element to think about. If your home has a more modern and minimal aesthetic, a sleek contemporary design may be the best fit. If you have a lot of vintage or antique pieces in your home, or if the architecture of your home is historic, highlight these features with a more classic fireplace design. Different types of fireplaces require different types of maintenance and upkeep. For instance, an electric fireplace has different cleaning requirements than a gas or wood fireplace. Before committing to a particular style, make sure you understand all the necessary maintenance to keep your fireplace clean and safe. In terms of cutting edge technology, we sought out Palazzetti Group, whose jaw-dropping fireplaces are designed to fit just about anywhere from the centre of a living room, to an angle between two adjoining rooms. With three generations spanning over 60 years, this Pordenone, Italy-based outfit operates four special production lines where they work across thermal, marble, natural stones and cement. Their research and development focuses on sustainability, something that is highlighted by their O2Ring technology, which

Caminetti Montegrappa

Meravigliosi camini per riscaldarci questo inverno

Sono pochi i lussi tanto appaganti quanto un fuoco scoppiettante, davanti al quale raggomitolarsi in una rigida giornata d’inverno. Magari avete una casa che ha bisogno di qualche lavoretto, con un vecchio camino da rinnovare o volete un impianto del tutto nuovo. Non ci sono limiti sull’ubicazione nella quale costruire un camino, dal bagno alla cucina. E per quanto riguarda i materiali, le possibilità sono infinite – dalla pietra e i mattoni al marmo e il vetro. Abbiamo fatto una ricerca sugli ultimissimi e più belli, per vedere quali siano le opzioni migliori. Quando scegliete un camino per casa vostra, considerate lo scopo, l’arredamento interno, la manutenzione e le riparazioni. Quale sarà la funzione del camino? Sarà la vostra principale fonte di calore o sarà più che altro un elemento decorativo? Il design e lo stile di casa vostra saranno altri elementi di cui tenere conto. Se la linea è piuttosto moderna e minimalista, la scelta migliore potrebbe ricadere su un elegante stile contemporaneo. Se in casa ci sono molti pezzi vintage o antichi, o se l’architettura è storica, enfatizzate queste caratteristiche con un camino di tipo più classico. Camini diversi richiedono una diversa assistenza e manutenzione. Per esempio, il camino elettrico necessita di un tipo di pulizia differente rispetto a quelli a gas o a legna. Prima di scegliere uno stile in particolare, assicuratevi di capire il tipo di manutenzione necessario a mantenere pulito e sicuro il vostro camino. In termini di tecnologie innovative, abbiamo dato un’occhiata al Gruppo Palazzetti, i cui camini strabilianti sono progettati per adattarsi pressoché ovunque, dal centro del salotto all’angolo tra due camere attigue. Con tre generazioni in attività da oltre 60 anni, il gruppo di Pordenone, con sede in Italia, offre quattro speciali linee di produzione, nelle quali si lavorano pietre termiche, marmoree, naturali e cemento. Da loro, ricerca e sviluppo si incentrano sulla sostenibilità, un qualcosa messo in evidenza dalla tecnologia O2Ring, descritta


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 47

DESIGN

47

they describe as a world-class innovation to overcome the problem of fine dust. A purification system for combustion fumes that, combined with other technologies makes wood and pellet heating a very high environmental compatibility solution, was developed over five years in collaboration with the University of Trieste. It’s ideal for those geographic areas where legal provisions restrict the use of biomass. For arguably the most practical of all fireplaces, our last stop is to international manufacturer Caminetti Montegrappa, which takes its name from its location at the foot of Monte Grappa in Vicenza – an area once rich in quarries and dedicated to the extraction of marble. Nowadays, Caminetti Montegrappa is well-known for its capacity to offer state-of-the-art appliances, especially pellet-burning, that can substitute or integrate domestic heating systems, guaranteeing maximum efficiency and long duration, high performance and low emissions. The Pellet-Burning Closed Fireplace complete with a side door opening uses a system of forced convection. In layman’s terms, this very whizzy fireplace can then be covered with cladding to make it a top-notch heat generator but also an attractive addition to the home.

Igne Ferro

come un’innovazione di prim’ordine per aggirare il problema delle polveri sottili. Nel corso di cinque anni hanno sviluppato, in collaborazione con l’Università di Trieste, un sistema di purificazione dei fumi di combustione, che assieme ad altre tecnologie rende il riscaldamento a legna e a pellet una soluzione altamente compatibile con l’ambiente. È l’ideale per quelle zone geografiche in cui le disposizioni di legge limitano l’utilizzo di biomasse. Per quello che è probabilmente il più pratico di tutti i camini, ci siamo fermati in ultimo dal produttore estero Caminetti Montegrappa, il cui nome trae origine dalla sua ubicazione alle falde del Monte Grappa a Vicenza – una zona un tempo ricca di cave e dedicata all’estrazione del marmo. Oggi la Caminetti Montegrappa è ben nota per la sua capacità di offrire dispositivi all’avanguardia, soprattuto a pellet, che possono sostituire o andarsi a integrare gli impianti di riscaldamento della casa, garantendo massima efficienza e lunga durata, alte prestazioni ed emissioni ridotte. Il Caminetto Monoblocco a Pellet con porta ad anta usa un sistema di aria calda ventilata. In parole povere, è dunque possibile rivestire questo caminetto sofisticato e renderlo non solo un’eccellente fonte di calore, ma anche un’affascinante aggiunta alla casa.

Caminetti Montegrappa

Igne Ferro

Four Season Pool • 2 Gyms • 2 Social Rooms • 3 Acres of Garden • Indoor Parking • Across Bus Terminal & Future Light Rail Solid concrete construction with vast windows, large balconies, open concept living areas, comfortably sized bedrooms with walk-in closets and walk-in kitchen pantries

VenturaCondos.ca • 514 697-5454 • info@VenturaCondos.ca Model Condo: 355 Brunswick Blvd. Pointe-Claire (Facing Fairview Shopping Center)


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 48

48

VERONA

DANS LA BELLE VÉRONE Nella bella Verona par / di NORA FAHMI

Une ville d’amour, de musique et d’architecture « Deux familles, égales en noblesse, dans la belle Vérone, où nous plaçons notre scène » : ainsi débute le prologue de la célèbre histoire d’amour de Roméo et Juliette. La magnifique toile de fond de ce drame romantique écrit par le fameux dramaturge William Shakespeare attire bien sûr son lot de visiteurs intrigués par ce couple maudit. Mais cette ville italienne, si romantique soit-elle, a beaucoup plus à offrir qu’un bouquet de roses. Avec son architecture saisissante et sa succulente gastronomie, la ville des amoureux s’affiche comme un incontournable si vous planifiez de vous aventurer autour de Milan ou de Venise. La Piazza delle Erbe « La Piazza delle Erbe est un endroit élégant, branché et très vibrant… c’est le cœur de Vérone ! Et c’est le coin idéal pour prendre l’apéro », affirme Francesca Rossi, une guide touristique originaire de la ville. En effet, ce square entouré d’une admirable architecture médiévale accueille un marché public le jour et se transforme le soir en point névralgique où sortir avant d’aller souper. « Il faut dire que sur cette remarquable place publique se retrouvent certains des plus beaux édifices de la ville, dont l’hôtel de ville, dominé par la Torre dei Lamberti, la tour la plus haute de Vérone, le Palazzo Maffei, la maison Mazzanti – sans oublier la magnifique fontaine qui trône en son centre. »

Una città d’amore, musica e architettura “Due famiglie, di pari nobiltà, nella bella Verona s’apre la nostra scena…” Tali erano le parole d’apertura della tanto amata storia di Shakespeare sui due sfortunati innamorati, Romeo e Giulietta. Poiché palcoscenico di uno dei lavori più importanti scritti dal celebre drammaturgo,Verona è ancor oggi visitatissima da chi desidera lasciarsi incantare da tutto ciò che ha a che fare con Romeo e Giulietta. Ma questa romantica città italiana ha molto altro da offrire. Dall’incantevole architettura alla succulenza della cucina locale, la città dell’amore è senza dubbio una tappa obbligatoria quando si visitano i dintorni di Milano e Venezia. Piazza delle Erbe “È elegante, alla moda, piena di vita…è il cuore della città! È il principale punto d’incontro per l’aperitivo serale,” dice Francesca Rossi, guida turistica veronese. Meraviglia architettonica, la piazza è di giorno sede di un meraviglioso mercato di prodotti freschi, che di sera, prima di cena, si trasforma nel punto di ritrovo per eccellenza. “Ma va anche detto che è in questa piazza che si trovano edifici maestosi come il municipio sormontato dalla torre più alta di Verona, la Torre dei Lamberti, per non parlare poi di Palazzo Maffei, delle case Mazzanti e della fontana al centro.” Piazza Brà e l’Arena di Verona Piazza Brà, che prende il nome dalla parola tedesca breit – che significa largo – è di fatto una delle piazze più grandi d’Italia. Costeggiata da caffetterie, ristoranti


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 49

VERONA

49

La Piazza Brà et les arènes de Vérone La place Bra tire son nom du mot allemand breit, qui signifie large, et est en effet un des plus grands squares d’Italie. Étant donné ses nombreux cafés, restaurants et pubs, c’est l’endroit parfait où siroter un verre. La Piazza Brà attire d’importantes foules lors du festival d’opéra de Vérone, un festival de renommée internationale qui se déroule pendant les mois de juillet et août dans les Arènes de Vérone. Construit au 1er siècle avant notre ère, cet amphithéâtre romain merveilleusement préservé accueille jusqu’à 15 000 spectateurs chaque année lors de cette célébration à ciel ouvert de la musique lyrique. La Vérone de Shakespeare Impossible de visiter Vérone sans faire un crochet par le balcon de Juliette ! Prendre un égoportrait près du fameux balcon des Capulet, reconstitué dans les années 1930, ou avec la statue de bronze de Juliette s’avère désormais un incontournable. La Casa di Giulietta (maison de Juliette) abrite aussi un musée ouvert au public. « Bien des gens se procurent des billets uniquement pour se faire prendre en photo sur le balcon », explique Rossi. La maison de Roméo se trouve tout près, à pied, mais il n’est pas possible de la visiter. Les amoureux de la pièce de Shakespeare se font généralement un devoir de visiter la tombe de Juliette, située dans un ancien monastère, lui aussi converti en musée – le musée des fresques de G.B. Cavalcaselle. La basilique de San Zeno Maggiore Sans doute l’un des exemples les plus saisissants d’architecture romane en Italie, la basilique de San Zeno a été construite entre le 10e et le 12e siècle et est dédiée au saint patron de Vérone, saint Zénon. La rosace centrale, épousant la forme d’une roue de fortune, est particulièrement intéressante. L’intérieur de l’édifice regorge de sculptures, de peintures et de fresques de toutes sortes en plus d’accueillir un spectaculaire autel.

e pub, l’attività da prediligere qui è quella di rilassarsi davanti a un long drink. Durante il Verona Opera Festival, che si tiene a luglio e ad agosto, Piazza Brà attira una gran folla. L’evento, famoso in tutto il mondo, si tiene nell’Arena di Verona, situata all’interno della piazza. Costruito nel I secolo a.C., ogni anno il leggendario anfiteatro romano mantenutosi perfettamente ospita fino a 15.000 spettatori agli spettacoli di musica lirica all’aperto. La Verona di Shakespeare Oh Verona, è impossibile visitarti senza fermarsi al balcone di Giulietta! È d’obbligo un selfie vicino al famoso balcone, aggiunto al palazzo dei Capuleti negli anni ’30, o vicino alla statua in bronzo di Giulietta. La Casa di Giulietta è diventata un museo aperto al pubblico. “Molti comprano il biglietto solo per farsi fotografare sul balcone!” dice Rossi. Una breve passeggiata por ta alla casa di Romeo, ma essendo di proprietà privata, non è possibile visitarla. Per gli amanti dell’opera shakespeariana è importante visitare la tomba di Giulietta situata all’interno di un monastero convertito in museo: il Museo degli Affreschi di ‘G.B Cavalcaselle'. Basilica di San Zeno Maggiore Probabilmente uno dei migliori esempi di architettura romanica in Italia, la Basilica di San Zeno Maggiore fu costruita tra i secoli X e XII e dedicata al santo patrono di Verona, San Zeno. Un particolare degno di nota è il suo rosone centrale, a forma di ruota della fortuna, che adorna una facciata già meravigliosa di per sé. Il suo interno è pieno di gioielli: sculture, dipinti, affreschi e un meraviglioso altare. La Cattedrale di Verona Un altro esempio raffinato di architettura romanica è il Duomo di Verona, dedicato alla Beata Vergine Maria. L’esterno della cattedrale risalente al XII secolo è


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 50

50

VERONA

Arena di Verona

La cathédrale de Vérone Également de style roman, le dôme de Vérone est consacré à la Vierge Marie. La cathédrale, qui date du 12e siècle, propose une façade impressionnante et un intérieur tout aussi remarquable. Ses fresques monumentales datant du 16e et du 17e siècle et ses nombreux trompe-l’œil valent à eux seuls le détour : un endroit à ne pas manquer lors de votre séjour dans la ville. Castelvecchio Castelvecchio est une imposante forteresse gothique du 14e siècle érigée par la famille Scaligeri afin de protéger la ville pendant son règne. Ce château à l’architecture épurée possède sept tours et un donjon et forme un complexe composé de quatre bâtiments séparés. On y trouve aujourd’hui le musée de Castelvecchio, qui propose aux visiteurs une jolie série de sculptures et de peintures.

« Construit au 1er siècle avant notre ère, cet amphithéâtre romain merveilleusement préservé accueille jusqu’à 15 000 spectateurs chaque année lors de cette célébration à ciel ouvert de la musique lyrique. »

“Costruito nel I secolo a.C., ogni anno il leggendario anfiteatro romano mantenutosi perfettamente ospita fino a 15.000 spettatori agli spettacoli di musica lirica all’aperto.”

Arche scaligere Si le style de la forteresse Castelvecchio est tout en retenue, il en est autrement du complexe funéraire des Scaligeri, décoré d’innombrables fioritures gothiques. Ce complexe d’une importance artistique indéniable exprime à lui seul l’étendue de l’influence de cette famille sur la ville aux 13e et 14e siècles. À deux pas de la Piazza delle Erbe, les cinq monuments funéraires s’élèvent devant la charmante église de Santa Maria Antica, qui vaut elle aussi le détour.

notevole quanto il suo interno. I meravigliosi affreschi del XVI e del XVII secolo e i trompe-l’œil ad ogni angolo della cattedrale sono semplicemente incantevoli. Il duomo dovrebbe essere sulla lista dei posti da vedere di qualsiasi turista. Castelvecchio Imponente fortezza di architettura gotica, risalente al XIV secolo, rappresentava per la nobile famiglia Scaligeri il suo modo di difendere la città nel corso della propria egemonia durante il Medio Evo. Il castello, ai cui par ticolari è stata rivolta poca attenzione, è solo una semplice struttura geometrica con sette torri, un torrione e quattro edifici separati. Oggigiorno, ospita il Museo Castelvecchio nel quale sono esposti impor tanti sculture e dipinti.

Arche Scaligere Se Castelvecchio manca un pò di creatività, ci sono in compenso gli elaboratissimi elementi gotici del complesso funerario degli Scaligeri. L’importanza della loro egemonia durante i secoli XIII e XIV è decisamente evidenziata da questo sfarzoso sfoggio artistico. Proprio accanto a Piazza delle Erbe, i cinque monumenti funebri si ergono davanti all’affascinante chiesetta di Santa Maria Antica, alla quale vale la pena di dare un’occhiata.


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 51


Montreal OCT/NOV 39-52 2017-10-05 9:50 AM Page 52

52

VERONA

Una città per gli amanti del vino by / di MARCO GIOVANETTI Among all the Italian wine cities, Verona is one of the most important. In fact, vines have always dotted the surrounding territory and were an important aspect in the life and work of thousands of vine growers and wine estates. The city shares a strong bond with wine country. Aristocratic families had nearby summerhouses in the Amarone wine region, and much of the city’s buildings were built with stone from the Valpolicella quarries. The wine region of Valpolicella stretches in two directions – west towards Lake Garda, at the historic heart of this very traditional wine region, and east, where younger, more modern winemakers are making their mark. Valpolicella only makes red wines and, although its reputation suffered in the past as the kind of cheap wine you would order in a pizzeria, today it’s producing some of Italy’s best wines. A testament to the importance of wine in Verona is the yearly wine fair Vinitaly. This International Wine and Spirits exhibition is the most

Tra tutte le città vinicole italiane, Verona è una delle più importanti. Infatti, da sempre le vigne puntellano il territorio circostante e hanno rappresentato un aspetto importante della vita e del lavoro di migliaia di viticoltori ed aziende vinicole. La città ha un forte legame con la regione enologica. Le famiglie aristocratiche avevano le loro tenute estive nei pressi del territorio dell’Amarone, e gran parte degli edifici in città erano costruiti con pietre provenienti dalle cave della Valpolicella. La regione vinicola della Valpolicella si estende in due direzioni – a Ovest verso il lago di Garda, nel cuore storico di questa tradizionalissima regione, e verso Est, dove viticoltori più giovani e moderni stanno lasciando il segno. La Valpolicella produce soltanto vino rosso e, sebbene in passato abbia soffer to di una reputazione che lo considerava un tipo di vino economico, di quelli che si ordinerebbero in pizzeria, oggi offre uno dei migliori vini. Una prova dell’importanza del vino a Verona è data dalla fiera annuale Vinitaly. Questo salone internazionale dei vini e distillati è l’evento più importante

photo / Gabriel-Riel Salvatore

A WINE LOVER’S CITY


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:52 AM Page 53

VERONA

11:18 AM Page 1

53

“The city shares a strong bond with wine country. Aristocratic families had nearby summerhouses in the Amarone wine region, and much of the cities buildings were built with stone from the Valpolicella quarries.” “La città ha un forte legame con la regione enologica. Le famiglie aristocratiche avevano le loro tenute estive nei pressi del territorio dell’Amarone, e gran parte degli edifici in città erano costruiti con pietre provenienti dalle cave della Valpolicella.” important event for the wine sector in Italy and one of the most important in the world. Both a trade fair (with 150,000 international operators looking to connect with wineries for distribution and sale) and retail event (lots of tastings open to the public, gala dinners and activities), Vinitaly is a paradise for wine lovers. During the fair, the squares in the historic centre come alive thanks to its many wine parties. Verona is also a city with a very vibrant dining scene. The city’s elegant rustic restaurants feature extensive wine lists, vast selections of grappa and other liqueurs and superb pastas that will make you forget your waistline for a night and explore the culinary scene with abandon. Here are three of my favourite restaurants to start your gastronomical journey: • Bottega del Vino If you’re a wine lover, this is the place to be. This restaurant/wine bar boasts a cantina of 80,000 wines and their cuisine is market-focused, serving the freshest of local ingredients. • Osteria del Duca Said to be the house of the Montagues, this characteristic 13th-century medieval structure serves simple yet well-executed dishes. Expect pasta with fresh tomatoes and eggplant or a grilled steak with rosemary. • Osteria del Bugiardo This quiet osteria, whose name means “the liar,” is one of the hippest Verona restaurants and wine bars in the city, serving simple local dishes, fresh salami, cheese and pasta. Even if you’re not a wine expert, a wine tour in Verona’s wine producing areas will be an unforgettable experience, allowing you to discover a millenary territory full of history, culture, legends and of course, excellent wines. Here are some of the best wine tour operators: • BK Wine Tours (www.bkwinetours.com). BK offers a weekly tour package to the major wine appellations. In their package, they include hotel accommodations, transport as well as winery visits (three per day) and high-end gastronomic lunches. A must for the passionate wine lover. • Viator (www.viator.com). This operator specializes in bicycle and Vespa wine tours. If you love the outdoors as well as wine, this is a good fit. They can also accommodate personalized private tours. • VenetoTours (www.theothersideofvenice.com). This operator focuses on small group walking tours (four hours) to Prosecco and Valpolicella.

riguardo il vino in Italia ed uno dei più rilevanti al mondo. Fiera campionaria (con 15.000 operatori internazionali che cercano di entrare in contatto con le cantine vinicole per la distribuzione e la vendita), ma anche evento per la vendita al dettaglio (con numerose degustazioni aperte al pubblico, cene di gala e attività), Vinitaly è un paradiso per gli amanti del vino. Durante questa fiera, le piazze del centro storico prendono vita grazie alle numerose feste. Verona è anche una città con un vivace panorama gastronomico. I ristoranti della città, rustici ma eleganti, offrono ampie car te dei vini, una vasta scelta di grappe ed altri liquori, nonché eccezionali piatti di pasta che per una sera vi faranno dimenticare del girovita ed esplorare il panorama culinario con abbandono. Per cominciare il vostro tour gastronomico, eccovi tre dei miei ristoranti preferiti: • Bottega del Vino Se siete appassionati di vino, è questo il posto per voi. Questo ristorante/wine bar vanta una cantina con 80.000 vini e una cucina incentrata sul mercato, che serve gli ingredienti locali più freschi. • Osteria del Duca Si dice che questa caratteristica struttura medievale del XIII secolo, in cui si servono piatti semplici ma ben preparati, sia stata la casa dei Montecchi. Aspettatevi pasta con il pomodoro fresco e le melanzane o una bistecca ai ferri con il rosmarino. • Osteria del Bugiardo Questa tranquilla osteria è uno dei ristoranti e wine bar più di tendenza di Verona, dove si servono semplici piatti tipici, salame fresco, formaggio e pasta. Anche se non si è esperti di vino, un tour nelle zone di produzione di Verona sarà un’esperienza indimenticabile, che farà scoprire un territorio millenario ricco di storia, cultura, leggende e corsi sui vini pregiati. Ecco alcuni tra i migliori operatori del turismo enologico: • BK Wine Tours (www.bkwinetours.com). BK offre un pacchetto per un giro di una settimana tra le maggiori denominazioni vitivinicole. Il loro pacchetto include la sistemazione in albergo, i trasferimenti, le visite alle cantine (tre al giorno) e pranzi di altissima qualità. Un must per l’appassionato di vino. • Viator (www.viator.com). Quest’operatore è specializzato nei tour dei vigneti in bicicletta e in vespa. Se oltre al vino vi piace stare all’aria aperta, questo è quello che fa al caso vostro. Organizzano anche tour privati personalizzati. • Veneto Tours (www.theothersideofvenice.com). Quest’operatore si focalizza su tour a piedi (quattro ore) a piccoli gruppi per il Prosecco e il Valpolicella.

6873, Plaza St-Hubert, Montréal, Québec

514.276.1360 www.italmoda.ca


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:52 AM Page 54

54

VERONA

Sapori di Verona by / di VANESSA GIANFRANCESCO

RISOTTO WITH AMARONE AND MUSHROOMS Risotto All’Amarone e Funghi (Serves 4-6 porzioni) With risotto all’amarone, Verona has combined its affinity for risotto with its love for prize-winning wine, for which the region is well-known. Amarone della Valpolicella imparts an exceptional purple colour and depth of flavour. I put a twist on this traditional recipe with my risotto all’amarone e funghi by adding in earthy mushrooms, Parmigiano Reggiano and serving it over radicchio leaves. When it comes to knowing when to add more liquid, my trick is to use a wooden spoon to draw a line down the middle of the pan. If the rice doesn’t join together, add more chicken stock. The best part about this recipe: I get this hardy meal on the table in less than 25 minutes!

Con il suo risotto all’amarone, Verona ha creato un connubio tra la propria affinità per il risotto e il suo amore verso quel vino vincente per il quale la regione è ben nota. L’amarone della Valpolicella rivela un colore eccezionalmente viola e un gusto intenso. La mia ricetta, risotto all’amarone e funghi, apporta una variazione a quella tradizionale con l’aggiunta di funghi grossolani, Parmigiano Reggiano, ed è servito su foglie di radicchio. Quando si tratta di capire quale sia il momento di aggiungere più liquido, il mio trucco è quello di marcare una linea al centro, sul fondo della casseruola. Se il riso non si ricongiunge, aggiungete più brodo di pollo. La parte migliore di questa ricetta: è un piatto gustoso che servo a tavola in meno di 25 minuti!

photos / Daniele Tomelleri

THE TASTES OF VERONA


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:52 AM Page 55

VERONA

55

Preparation Bring the stock to a simmer over mediumhigh heat. Then cover and keep warm.

Ingredients / Ingredienti • 4-6 cups chicken stock / brodo di pollo • 2 tbsp of olive oil / cucchiai di olio di oliva

Warm the olive oil in a large sauté pan over medium heat. Add the pancetta and cook until golden brown. Add the onion and sauté until translucent (about 4 minutes). Stir in the garlic.

• 6 slices of pancetta, diced / fette di pancetta a dadini

• 1 cup finely chopped onion / cipolla finemente tritata • 2 garlic cloves, minced / spicchi di aglio, tritato

• 1 ½ cups vialone nano rice / vialone nano

• 2 cups Amarone della Vallpolicella wine / vino

• 1 cup of assorted mushrooms / funghi assortiti

• ½ cup grated Parmigiano Reggiano, plus more for garnish / Parmigiano Reggiano grattugiato, più un pò per guarnire • 3 tbsp unsalted butter / cucchiai di burro non salato

• ¼ cup parsley, finely chopped / prezzemolo, tritato finemente

Add the rice and cook until toasted (2-3 minutes). Deglaze the pan with wine and allow it to reduce to about half. Ladle in just enough chicken stock to cover the rice. Use a wooden spoon to make sure the rice is not stuck to the edges. Simmer over medium-high heat until the liquid is absorbed.

On a flat dinner plate, arrange a radicchio leaf, then place some of the risotto on the leaf and let the rest spill over. Garnish with parsley, chives and some extra virgin olive oil.

Preparazione Far sobbollire il brodo a temperatura medio alta. Quindi coprirlo e mantenerlo caldo.

Ripetere la procedura altre due volte.Quando si aggiunge per l’ultima volta il liquido, unire anche i funghi. Una volta che il riso è cotto in base alle vostre preferenze (se non lo è, basta semplicemente aggiungere più liquido) rimuovere dal calore ed aggiungere il Parmigiano Reggiano e il burro. Mescolare finché si sciolgono. Condire con sale e pepe nero.

Riscaldare l’olio d’oliva in una grande padella per friggere a temperatura media. Aggiungere la pancetta e lasciar cuocere finché dorata. Aggiungere la cipolla e rosolare finché diventa trasparente (4 minuti circa). Aggiungere l’aglio.

Quindi unire il riso e lasciar cuocere finché tostato (2-3 minuti). Deglassare la padella con il vino e lasciarlo ridurre di circa la metà. Con un mestolo versare il brodo di pollo fino a coprire il riso. Utilizzare un cucchiaio di legno per assicurarsi che il riso non si attacchi ai bordi. Sobbollire a temperatura medio alta fino all’assorbimento del liquido.

• ¼ cup chives, finely chopped / erba cipollina, finemente tritata

• Salt and freshly ground black pepper / sale e pepe nero macinato fresco • 4-6 radicchio leaves / foglie di radicchio

Repeat the process twice more. When you add the liquid for the last time, stir in the mushrooms as well. Once the rice is cooked to your liking (if it’s not, simply add more liquid) turn off the heat and add the Parmigiano Reggiano and butter. Stir until the butter is melted. Season with salt and black pepper.

Order Online!

Su un piatto piano, adagiare una foglia di radicchio, quindi mettere un po’ del risotto sulla foglia lasciando che il resto fuoriesca. Guarnire con prezzemolo, erba cipollina e dell’olio extra vergine di oliva.

Open Monday to Saturday

Since

1965

Products of Quebec – Grain fed – Air chilled Chicken • Turkey • Quail • Guinea Fowl • Duck • Goose • Pheasant • Pigeon Rabbit • Hare • Lamb • Venison • Bison • Wild Boar • Organic Chicken & Turkey

Fall is here! Grain Fed Turkey • Roasts • Stuffing • Gravy • Meat Pies Foie Gras • Smoked Salmon • Rillettes • Terrines Free delivery for all purchases of $50 or more (Montreal)

514.843.6652 www.LVGF.ca

116 Rue Roy est. Montréal Qc.


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:52 AM Page 56

56

VERONA

PANDORO BREAD PUDDING Pudding di briciole di Pandoro (Serves 6-8 porzioni) When it comes to desserts, Verona lays claim to the world-famous Pandoro, a golden-coloured cake traditionally gifted and enjoyed during the Christmas season. In my family, we always end up with so many that we had to find creative ways to use them up after the holidays. I’m sharing one of my favourite family recipes: Pandoro Bread Pudding!

Quando si tratta di dessert, Verona rivendica il suo famosissimo Pandoro, dolce color oro che viene tradizionalmente regalato e assaporato durante il periodo natalizio. Nella mia famiglia, ce ne rimangono sempre talmente tanti che abbiamo dovuto trovare un modo creativo per usarli dopo le festivitĂ . Condivido con voi una delle ricette preferite della mia famiglia: il Pudding con briciole di Pandoro!


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:52 AM Page 57

VERONA

57

Ingredients / Ingredienti • 1 Pandoro (about 1-1.5 lbs) / (circa 1-1.5 lbs) • 8 large eggs / uova grandi • 2 egg yolks / tuorli

• 1 ½ cups 35% whipping cream / panna liquida al 35%

• ½ tsp cinnamon / cucchiaino di cannella

• 2 tbsp vanilla extract / cucchiai di estratto di vaniglia

• ¼ cup powdered sugar / zucchero a velo

• 1 ½ cups whole milk / latte intero

• ½ tsp almond extract / cucchiaino di estratto di mandorle

• ¾ cup sugar / zucchero

Preparation Preheat oven to 350°F. Cut Pandoro into 1-inch cubes. In a large bowl, whisk together the eggs, whipping cream, whole milk, vanilla extract, almond extract, cinnamon and sugar. Preparazione

Preriscaldare il forno a 350°F

Tagliare il pandoro in cubetti da 1-inch

In una grande ciotola, mescolare assieme le uova, la panna liquida, l’estratto di vaniglia, l’estratto di mandorle, la cannella e lo zucchero.

Grease a 9x12 baking dish (at least 2 inches high). Arrange the pandoro cubes in the baking dish, making sure the corners are filled. Pour the mixture over the pandoro. Let stand about 15 minutes until the liquid is mostly Ungere una teglia da forno 9x12 (alta almeno 2 inches). Sistemare i cubetti di pandoro nella teglia, assicurandosi di coprire gli angoli.

Versare il mix sul pandoro. Lasciar riposare per circa 15 minuti finché gran parte del liquido viene assorbito. Mescolare delicatamente di tanto in tanto per assicurarsi che

absorbed. Gently toss from time to time to make sure the cubes are filled with liquid. Place in the oven uncovered for about 45-50 minutes or until the middle is set and the top is golden. Cool. Sprinkle powdered sugar over top. tutti i cubetti siano inzuppati di liquido.

Infornare senza coprirlo per circa 45-50 minuti o fino a quando il centro è stabile e la par te superiore dorata. Lasciar raffreddare. Spolverare con lo zucchero a velo.


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 58

58

ARTS & CULTURE

photo / CityTV

IN by / di ERICA CUPIDO

Actor stars in crime series about Vito Rizzuto With his familiar face and lengthy list of credits, Enrico Colantoni occupies a special space in show business. A successful working actor, Colantoni, 54, has disappeared into roles on memorable TV hits like Just Shoot Me, Veronica Mars and Flashpoint. This fall – the performer and father of two – stars in Bad Blood, a drama based on the life and crimes of Montreal mob boss Vito Rizzuto and his clan. He plays negotiator Bruno in the true crime series, which is inspired by the book Business or Blood: Mafia Boss Vito Rizzuto’s Last War by Antonio Nicaso and Peter Edwards. “It was a guilty pleasure,” Colantoni says of playing an Italian-Canadian on screen. “It was the first time I got to really use my hands. It was so much fun to be able to channel my cousins and uncles.” Mobster life is very much about family for Vito and his cohorts. Still, unlike his own father – who had been a prominent member of the Sicilian mob – Vito is adamant about keeping his son, Nicolo Jr., away from a life of crime. “I don’t want you to be a boss,” he tells him in a scene. “I want you to be a CEO.” When it comes to mob dramas, it’s difficult to ignore the benchmark set by The Sopranos. A decade after the critically acclaimed series ended, Colantoni and his cast mates are hoping to leave their mark on the genre. “I love the gangster genre,” Colantoni says, adding that he was initially unaware that some of the characters in Bad Blood are based on real people. “You always hear about people in New York, and [I now] realize how much the Rizzutos had to do with that.”

Uno dei volti della serie su Vito Rizzuto

Con il suo volto familiare e la sua lunga filmografia, Enrico Colantoni occupa un posto speciale nel mondo dello spettacolo. Attore di successo, Colantoni, 54 anni, ha interpretato alla perfezione ruoli in memorabili serie TV come Just Shoot Me,Veronica Mars e Flashpoint. Quest’autunno, l’attore e padre di due figli sarà uno dei protagonisti di Bad Blood, la serie televisiva basata sulla vita e sui crimini del boss mafioso di Montreal Vito Rizzuto e del suo clan. Interpreterà il ruolo del negoziatore Bruno in questa serie poliziesca basata su fatti reali, ispirata al libro Business or Blood: Mafia Boss Vito Rizzuto’s Last War di Antonio Nicaso e Peter Edwards. “È stato una sorta di piacere proibito,” confida Colantoni a proposito dell’interpretare un italo-canadese sul piccolo schermo. “Per la prima volta ho potuto usare le mani. È stato davvero divertente poter impersonare i miei cugini e i miei zii.” La vita del gangster è strettamente legata alla famiglia per Vito e la sua schiera. Diversamente da suo padre – che era stato un prominente membro della mafia siciliana – Vito è determinato a tenere suo figlio lontano dalla criminalità. “Non voglio che tu diventi un boss,” gli dice in una scena. “Voglio che diventi un CEO.” Quando si tratta di serie drammatiche sulla mafia è difficile non confrontarsi con The Sopranos. Dieci anni dopo la fine della acclamata serie TV, Colantoni e il suo cast sperano di lasciare il segno in questo genere cinematografico.“Amo il genere gangster,” dice, aggiungendo di non essersi reso conto inizialmente che alcuni dei personaggi di Bad Blood sono ispirati a persone reali.“Si sente sempre parlare di certa gente a New


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 59

ARTS & CULTURE

59

The series was filmed in Sudbury, Ontario and in Montreal, the city where the action unfolded in real life. Recognizable areas like the Old Port and Rizzuto’s Cartierville neighbourhood are featured. The distinctly Canadian story wasn’t the only thing that drew Colantoni to Bad Blood. He also jumped at the chance to work alongside his costar, Sons of Anarchy’s Kim Coates. The pair met at the 2013 Canadian Screen Awards (Canada’s combined honours for homegrown film and TV), where Coates presented Colantoni with a prize for his work on Flashpoint. Both actors said they hoped to work together in the future. “So when the time came, he was true to his word,� says Colantoni. “He’s absolutely wonderful: a leader and a true talent.� Born in Toronto to immigrants from Italy’s Abruzzo region, Colantoni says the work ethic his parents instilled in him has helped him stand out as a performer. “I bring a working-class mentality to what I do,� he says. “The greatest thing that I cannot separate myself from is the sense of integrity that my parents brought to Canada with them. I really do think that my success is because I brought that work ethic to my auditions and meetings. Everybody I met knew that they could somehow rely on me.� After 30 years in front of the cameras, Colantoni knows how valuable mentorship can be to an aspiring actor. Whether he’s on set as a director or at an event as guest of honour (Colantoni was presented with the Independent Leader Award at this year’s Vaughan Film Festival), he’s focused on supporting the next generation. “I tell my kids that they can be anything. They have me as a reference; they don’t think it’s peculiar to want to be a filmmaker, an actor or a writer.� As he continues to keep busy both in front of and behind the camera, Colantoni says he’s as motivated as ever. If he’s not playing a role, he’s probably thinking about his next one. “I don’t gravitate toward cottage country. I don’t fish. I don’t sit on a boat,� says the star, who splits his time between L.A. and Toronto. “I love going into the city to see plays. I need to act and think creatively.�

York, e [ora] mi rendo conto di quanto i Rizzuto avessero avuto a che fare con tutto ciò.â€? La serie è stata girata a Sudbury, in Ontario, e a Montreal, la cittĂ dove i fatti sono realmente accaduti. Nella serie compaiono zone note come il Vecchio Porto e Cartierville, il quartiere di Rizzuto. La storia spiccatamente canadese di Bad Blood non è stata l’unica cosa ad aver attratto Colantoni. Non ha voluto perdere l’occasione di lavorare con il suo coprotagonista Kim Coates di Sons of Anarchy. I due si sono conosciuti nel 2013 al Canadian Screen Awards (premio canadese per film e televisione locali), dove Coates ha assegnato a Colantoni un premio per la sua performance in Flashpoint. Entrambi gli attori hanno espresso il loro desiderio di lavorare insieme in futuro. “E quando il momento è arrivato, ha mantenuto la sua parola,â€? dice Colantoni. â€œĂˆ assolutamente eccezionale: un leader e un vero talento.â€? Nato a Toronto da genitori immigrati dall’Abruzzo, Enrico sostiene che l’etica del lavoro che i suoi genitori gli hanno trasmesso lo ha aiutato ad affermarsi nel mondo dello spettacolo. “Applico la mentalitĂ  della classe operaia a ciò che faccio,â€? dice. “La cosa piĂš importante da cui non posso separarmi è il senso di integritĂ  che i miei genitori hanno portato con loro in Canada. Sono veramente convinto che il mio successo sia dipeso dall’aver applicato quell’etica del lavoro ai provini e alle riunioni. Chiunque mi incontrasse sapeva, in qualche modo, di poter fare affidamento su di me. Dopo 30 anni davanti alle telecamere, Colantoni sa quanto sia importante la guida di un mentore per un aspirante attore. Da essere sul set come regista o ad un evento come ospite d’onore (Colantoni ha ricevuto l’Independent Leader Award quest’anno al Vaughan Film Festival), i suoi sforzi sono rivolti a sostenere la generazione futura. “Dico ai miei figli che possono essere ciò che vogliono. Hanno me come riferimento; non pensano che sia strano voler diventare registi, attori o scrittori.â€? Continuando a tenersi occupato davanti alle telecamere e dietro, Colantoni dice di essere piĂš motivato che mai. Quando non è impegnato nell’interpretazione di un ruolo, probabilmente sta pensando al prossimo. “Non gravito attorno al cottage. Non vado a pescare. Non sto seduto in barca,â€? dice l’attore, che divide il suo tempo tra L.A. e Toronto. “Amo andare a teatro in cittĂ . Ho bisogno di agire e pensare in modo creativo.â€?

),)&-'#,%&##$(%&%$#( INTRODUCING

INTRODUCING

GABRIELE DI IORIO &(/&!'((&$ &

$699,000 795 rue Muir, Saint-Laurent, apt. 1603 | #&!*+')$#$  (2 )!!-&#$*( (# &"'('&%& #'%$(' 

SOLD AT A RECORD PRICE PER FOOT*

$399,850 255 rue des Papillons, Saint-Calixte | '+(&&$#( &"($((+( !&&#/#''"#('('$##&!- (2!$( 

SOLD AT 99% OF ASKING PRICE

514.267.8596 gdi@sothebysrealty.ca For consistent, quality service and integrity, call Gabriele Di Iorio, specializing in both high end residential homes and revenue generating commercial investment assets. Get a free consultation today!

Rue Sainte-Famille, Plateau | &"($#$#)()!!($#&  $&%&$&%&$%&(-+($)(&$&&'&*%& ##(&' 

Rue dÂ’Osaka, Terrebonne | &"($#$+(%& #'%$('#&( &$&&$###&!!("#('##)()!!&#.'%& 

Per un servizio di qualitĂ e una valutazione gratuita, potete chiamarmi direttamente a 514-267-8596.

sothebysrealty.ca Independently owned and operated. Real estate agency.


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 60

UN LUOGO ECCEZIONALE

60

ARTS & CULTURE

IN OMAGGIO ALLA VITA

photo / Luigi Capasso @Zoomlab

La sua posizione eccezionale sul magnifico cimitero Notre Dame des Neiges, il più grande del paese, vi dà la possibilità di rendere omaggio alla vita in modo davvero personalizzato.

MARCHING TO BEAT OF HIS OWN DRUM by / di GIANFRANCO CICIRELLO

Sergio D’isanto makes a musical life in Montreal

IL CENTRO FUNERARIO CÔTE-DES-NEIGES: - 2 cappelle - 9 saloni - 5 sale da ricevimento - 200 parcheggi interni - raggiungibile facilmente con I mezzi pubblici

I servizi offerti dal Centro Funerario Côte-des-Neiges sono accessibili e si adattano a tutte le esigenze.

IN OMAGGIO ALLA VITA

514 342.8000

4525, chemin de la Côte-des-Neiges Montréal

Four years ago, Sergio D’isanto decided to take a sonic leap across the Atlantic Ocean. The Italian native, who was studying at the Conservatorio di Perugia in Umbria, became so enthralled by a conversation he had with some friends that he “just knew” Montreal was the place to be as an aspiring musician. “I became friends with some ItalianCanadians from Montreal who were vacationing in my hometown,” explains the 27-year-old musician. “They spoke excitedly about the city: a city open to the promotion of the arts, music and world-renowned festivals where many successful artists from all disciplines called home.” Six months after arriving in Canada, D’isanto decided to immigrate. “Apart from the total experience as an Italian immigrant living in the city of Montreal, I wanted to become fully immersed in the culture of this country,” he explains. He also wanted to join a band: The Steady Swagger. The eclectic Montreal band was formed eight years ago by co-founders Mat Lacombe (double bass and vocals) and Pi Cutler (guitar and vocals). “Sergio didn’t really speak French or English at the time,” says Lacombe, “but he quickly became a good fit with the band. In fact, we shot a video clip together without Sergio even having had played a live show with us yet. The video for “Barrel of Rum” currently has 50,000 views on YouTube.” The Naples-born musician, whose family moved to Perugia when he was a one-year-old, spent his formative years studying the arts at the Conservatorio. The curriculum included music, sculpture and ceramics. He played classical guitar

Sergio D’isanto si dedica alla musica a Montreal

Quattro anni fa, Sergio D’isanto ha deciso di compiere un atto di fede per la musica attraversando l’Oceano Atlantico. D’isanto, italiano di origine, studiava al Conservatorio di Perugia in Umbria, quando una conversazione con alcuni amici lo ha affascinato a tal punto da renderlo “semplicemente sicuro” che Montreal sarebbe stata la città ideale per un aspirante musicista. “Ho fatto amicizia con alcuni italo-canadesi in vacanza nella mia città natale,” spiega il musicista 27enne. “Hanno parlato con entusiasmo di Montreal: una città aperta a promuovere le arti, la musica e festival rinomati in tutto il mondo; una città che molti artisti di successo in tutte le discipline chiamano casa.” Sei mesi dopo il suo arrivo in Canada, D’isanto ha deciso di immigrare. “A parte l’esperienza di immigrato italiano nella città di Montreal, volevo immergermi completamente nella cultura di questo paese,” spiega. Voleva anche unirsi ad un complesso musicale: The Steady Swagger. L’eclettico gruppo di Montreal si è formato otto anni fa grazie ai co-fondatori Mat Lacombe (contrabbasso e voce) e Pi Cutler (chitarra e voce). “All’epoca Sergio praticamente non parlava l’inglese o il francese,” dice Lacombe, “ma si è presto inserito bene nel gruppo. Tant’è vero che abbiamo realizzato un video clip insieme senza che Sergio avesse ancora suonato con noi in un’esibizione live. Il video “Barrel of Rum” ha attualmente 50.000 visualizzazioni su YouTube.” Nato a Napoli e trasferitosi a Perugia con la famiglia all’età di un anno, D’isanto ha studiato le arti al Conservatorio. Facevano parte del curriculum musica, scultura e arte ceramica. Ha suonato la chitarra classica per 10 anni. All’età di 14 anni ha iniziato a studiare e a suonare la batteria, lo strumento che suona con i The Steady Swagger.


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 61

61

photo / Insolite Photographie

over

E

x pyears erienc

for 10 years. At the age of 14, he began studying and playing drums, the instrument he plays as part of The Steady Swagger. The band has been crafting its unique style of folk storytelling grounded in a solid rock and roll foundation. The combination of progressive rock and jazz and blues infusions has created a unique genre of high intensity baritone-voicefuelled pirate shanties. Coming off of a 50-day tour of Italy and France to promote their latest album VOL III, the trio is basking in a renewed success. “We were so happy with the reception we received wherever we played,” recalls D’isanto. “The crowds were just enjoying themselves, just being happy with our music. It made me think about what I wanted to do

Il gruppo ha creato il proprio stile di storytelling folk basato su solide fondamenta di rock and roll. La combinazione di rock progressivo e infusioni di jazz e blues è risultata in un genere unico di canti marinareschi estremamente intensi, alimentati da voci baritonali. Terminato un tour di 50 giorni in Italia e Francia per promuovere il loro ultimo album VOL III, il trio si sta godendo un altro successo. “Siamo stati contentissimi di come siamo stati accolti dovunque abbiamo suonato,” ricorda D’isanto. “Le folle di spettatori si divertivano, apprezzavano la nostra musica. Questa bella avventura mi ha fatto riflettere su che cosa vorrei raggiungere a livello personale. Quando mi sono trasferito in Canada, pensavo di portare con me la mia esperienza italiana da condividere con tutti. Quando

e

ARTS & CULTURE

I

“When I moved to Canada, I thought about bringing the Italian experience with me to share with everyone. When I went back to Italy, I brought my newfound Italian-Canadian experience to show everyone.” “Quando mi sono trasferito in Canada, pensavo di portare con me la mia esperienza italiana da condividere con tutti. Quando sono tornato in Italia, ho portato con me e mostrato a tutti la mia nuova esperienza italo-canadese.” on a personal level. When I moved to Canada, I thought about bringing the Italian experience with me to share with everyone. When I went back to Italy, I brought my newfound Italian-Canadian experience to show everyone.” This outlook came naturally to D’isanto, and he praises the Italian community in Montreal for greeting him with open arms. “They were generous from the first day I arrived,” he says. Despite this, D’isanto acknowledges the plight of many immigrants who came before him. “When the immigrants from all countries came here long ago… they knew about the difficulties. They knew there would be challenges being in a new country. We have to be that way to everyone that is new here. They did it for me and I will do it for someone else.” Besides being a full-time musician working on various projects, D’isanto still finds the time to teach music to students of all ages. But his band remains his priority and his passion. “The Steady Swagger is more than a band. Mat and Pi are like family. Through music we share thoughts, problems, moments and a marriage of joy.”

sono tornato in Italia, ho portato con me e mostrato a tutti il mio nuovo bagaglio italo-canadese.” Quest’atteggiamento è stato naturale per D’isanto ed egli è profondamente grato alla comunità italiana di Montreal che lo ha accolto a braccia aper te. “Sono stati generosi dal primo giorno che sono arrivato,” dice. Ciononostante, D’isanto è consapevole delle dure situazioni in cui si sono trovati molti immigrati prima di lui. “Quando gli immigrati di diversi paesi sono venuti qui tanto tempo fa… sapevano che ci sarebbero state difficoltà. Sapevano che vivere in un altro paese avrebbe comportato nuove sfide. Dobbiamo essere così con tutti quelli che sono nuovi qui. Quello che hanno fatto per me, io lo farò per gli altri.” Oltre ad essere un musicista a tempo pieno impegnato in vari progetti, D’isanto trova anche il tempo di insegnare musica a studenti di tutte le età. Ma il gruppo rimane la sua priorità e la sua passione. “The Steady Swagger è più di un gruppo. Mat e Pi sono come la mia famiglia. Attraverso la musica condividiamo pensieri, problemi, attimi e un’unione felice.”

Gianfranco Palmitano

C.: 514.889.8183

514.353.6677 Tony Ranellucci • Mauro Ranellucci Representatives :

Now open! Come visit the new showroom at: 4465 boul. des Grandes-Prairies Montreal, QC www.interquebec.ca RBQ: 5732-3628-01


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 62

62

ADVICE

AZIONE DI GRAZIA… Siamo giunti al periodo della fine delle raccolte e qui in Canada e negli viviamo in situazioni di stress costante e vediamo sempre più numerosi casi Stati-Uniti, abbiamo sempre festeggiato questo momento con una festa di depressioni o di tristezza e di scoraggiamento. Davanti a questa realtà, il ormai nota in tutto il mondo: cioè la festa del Thanksgiving. Questa “mindfulness” ci vuole incoraggiare a vivere a pieno il momento presente ricorrenza è oramai diventata un giorno di ferie da noi, niente più o quasi, prestando attenzione al nostro corpo, al nostro ambiente, agli odori, ai suoni, e negli Stati-Uniti è una vera e propria festa dove ci si abbuffa! Sembra ai colori. Insomma, in altre parole, ci ricorda l’importanza della contemquasi che siamo in tanti ad aver dimenticato il fatto che il Thanksgiving sia plazione. È una pratica proposta ed ispirata dal buddismo che circola in questi nato in un contesto cristiano onnipresente in cui sentivamo il bisogno di ultimi anni, ma non dobbiamo dimenticare che è una pratica anche molto fermarci e prendere il tempo di ringraziare Dio per quanto ci dà nella cristiana. Pensiamo solo a San Francesco di Assisi che sapeva chiamare il sole sua bontà e nella sua clemenza. È oramai diventata più importante la “fratello” e la luna “sorella”, senza parlare della natura e degli uccelli! Questo di Nicola Di Narzo festa di Halloween! atteggiamento di “ammirazione”, di contemplazione, ci È ovvio che con il progresso della scienza e delle permette di sostare nella nostra corsa quotidiana per tecnologie con le quali otteniamo risultati che erano, in prendere il tempo di riconoscere quanto abbiamo, un passato non molto remoto, inaspettati, siamo più quanto siamo, quanto c’è intorno a noi. Ed una volta che abbiamo preso coscienza di tutto ciò, come non essere propensi a dimenticare Dio o per lo meno a non pencolmi di gratitudine e azioni di grazia! sarci e a non ringraziarlo così tanto come nel passato. È Ci vuole dunque un tempo di silenzio, di medipurtroppo un dato di fatto che ci ricordiamo più volentazione o di orazione, per cominciare a vedere cose tieri di Dio quando le cose vanno male, quando abbiamo nuove, o per meglio dire, vedere le cose con uno sguardo malattie incurabili o calamità naturali disastrose. Quando le cose vanno bene, la salute c’è, i soldi non mancano, i nuovo. Quante persone testimoniano del fatto che dopo membri della propria famiglia stanno bene, a che cosa ci aver iniziato una tale pratica, hanno preso coscienza dei propri errori, dei propri problemi e che col tempo sono servirebbe di prendere il tempo di ringraziare Dio? riuscite anche a trovare soluzioni? Tanti sono i personaggi In realtà, è un discorso che va al di là di questo. Viviamo in un mondo frenetico dove gli impegni sono sempre più grandi ed importanti noti che hanno integrato la meditazione nel loro quotidiano e che ne sperimentano i e ci manca spesso il tempo di fare quanto vorremmo. Oserei dire che questi due punti frutti. Insomma, non ci vuole un dottorato in teologia per imparare a fare silenzio… ci sono collegati perché nel correre quotidiano abbiamo dimenticato l’importanza del vuole solo la volontà. Basta cominciare con pochi minuti ed aumentare col passare delle vivere, dell’apprezzare quello che vediamo e che ci circonda. Oramai siamo spesso fissati settimane. Fermarsi per ammirare quello che ci circonda, per ringraziare Dio, diventerà sui nostri cellulari, sui nostri computer, non prendiamo il tempo di apprezzare un non più una ricorrenza annuale, o non più un gesto tipico di circostanze particolari, ma tramonto o i fiori dell’estate, o tanto meno i frutti della terra… allora perché e quando un atteggiamento, un modo di vivere, un modo di essere. Pensiamo spesso ai santi come ad esempi irraggiungibili, ma molti di loro hanno ringraziare Dio? Non sto facendo accuse, ma una presa di coscienza attraverso la quale mi auguro dovuto imparare a pregare ed a fare silenzio. Per pregare si inizia spesso con formule, che possiamo trovare assieme una soluzione. In questi ultimi anni sentiamo molto parlare ma si comincia a contemplare quando si resta senza parole. Ecco l’azione di grazia più di “mindfulness”, cioè del vivere nel momento presente. Ci accorgiamo del fatto che completa: rimanere a bocca aperta, senza parole davanti alle meraviglie di Dio!

"Ci vuole dunque un tempo di silenzio, di meditazione o di orazione, per cominciare a vedere cose nuove, o per meglio dire, vedere le cose con uno sguardo nuovo.”


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 63

ADVICE

63

QUANDO IL TESTAMENTO È IMPUGNATO Negli ultimi anni il nostro studio legale ha rilasciato consulenze alla numerosa clientela che richiedeva di impugnare il testamento di un genitore, oppure di ricevere un mandato di rappresentanza dai successibili per opporsi alle richieste altrui. La capacità di testare, dovuta all’età, è una delle cause più frequenti di Pasquale Artuso, d’impugnazione. Accingiamoci, perAttorney tanto, a evidenziare la normativa di legge e la giurisprudenza più recente dei tribunali. Gli articoli 703 e seguenti del Codice Civile del Québec determinano la natura e la forma testamentaria, nonché la capacità di testare. La normativa codicistica presume che ogni persona maggiore d’età possieda la capacità richiesta per dettare o redigere le ultime volontà testamentarie, la quale viene presa in considerazione nel momento stesso della dettatura o redazione. Quali sono i motivi di impugnazione testamentaria? Quelli che vengono più frequentemente invocati dinanzi al tribunale sono: 1) la capacità di testare del “de cuius”; 2) la captazione d’eredità, ossia il raggiro colpevole posto in essere per indurre qualcuno a disporre per testamento in proprio favore; 3) i vizi formali del testamento; 4) il testamento redatto congiuntamente a un’altra persona; 5) l’indegnità a succedere degli eredi.

Per quanto concerne il primo motivo, i tribunali hanno chiaramente riconosciuto la presunzione della capacità di testare in seno ad ogni persona adulta. Pertanto, il fatto che un individuo anziano non possa provvedere ai propri interessi, perché incapace d’intendere e volere, viene meno. Salvo addurre una o più prove “prima facie”, con indizi gravi, precisi e concordanti che mettano in dubbio questa presunzione. Quindi un semplice dubbio, o un’ipotesi, non sono sufficienti per inficiare la validità di un testamento. Una volta che queste prove “prima facie” sono ammesse dal tribunale, la persona che desidera far riconoscere la validità del testamento deve, a sua volta, dimostrare la capacità d’intendere e volere del testatore. Difatti, per impugnare un testamento non è necessario provare in modo assoluto l’incapacità d’intendere e volere del testatore nel momento stesso della redazione, bensì è sufficiente accertarne l’esistenza prima e dopo. Vige un principio molto importante per cui il testamento è nullo se il testatore non abbia potuto comprendere o avere una cognizione adeguata dell’atto posto e che non abbia potuto valutarne la por tata e le conseguenze. Diversi clienti ci hanno posto una domanda di grande interesse: come porre gli accorgimenti necessari affinché, dopo il decesso, il testamento non venga impugnato o, in subordine, l’impugnazione sia meno efficace possibile? Consigliamo di redigere il testamento dinanzi ad un notaio di fiducia del quale avete già usufruito per altri servizi professionali, ciò non eviterà un’eventuale impug-

nazione, ma sarà comunque più difficile, giacché si dovrà dimostrare il falso in atto pubblico. Ancora un altro accorgimento da prendere: qualora il testatore abbia dei problemi di salute al momento della redazione del testamento, si può richiedere al medico di fiducia un’attestazione concernente la capacità d’intendere e volere. Questa rubrica legale contiene un’informazione giuridica generale e non sostituisce i consigli di un avvocato, che terrà conto delle particolarità del vostro caso.

Pasquale Artuso Avvocato di Fiducia Consolato Generale d’Italia Caroline Francoeur Avvocatessa

Julie Therrien Avvocatessa

Natasha Scarano Avvocato

Steven Campese Avvocato

Pierre Fugère Avvocato - diritto criminale e penale

Mathieu Di Lullo Avvocato

Valérie Carrier Avvocatessa

T.: 514.259.7090

Joseph W. Allen Avvocato dal 1976 diritto dell’immigrazione

F.:514.256.6907

artmars@securenet.net Complexe Le Baron, 6020, rue Jean-Talon Est, bureau 630 Montréal (Québec) Canada H1S 3B1


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 64

64

SPORTS

LOVE FOR THE BEAUTIFUL GAME Amore per il bel gioco by / di JONATHAN DE SUA

Serie A fan clubs share their passion It’s no secret that soccer fans are among the most passionate. Serie A fans, however, are a cut above the rest. Their fierce allegiance and dedication to their beloved teams is only matched by their loyalty to their team fan clubs. And Montreal is home to several of these organizations, most of which are affiliated and recognized by their respective official teams. “We’re a social, family-oriented fan club,” says James Infantino, president of Club Juventus Gaetano Scirea di Montreal. “Being a part of it is an opportunity to meet friends, interact with members and participate in numerous activities.” Giulio Cavallaro, president of Club Napoli Canada (Montreal division), is of the same mind. “Being a member is similar to the feeling of being in a ‘circolo,’ as they say in Italy. There’s a thrill and excitement – we really get into it. It’s also a chance to maintain the culture of our region and our love for the sport.” Members of Serie A team fan clubs include everyone from first and second generation Italian-Canadians to non-Italians alike and age groups range from elementary school children to septuagenarians. Clubs often hold viewing parties, open to all ages, ethnicities and sexes – often in conjunction with one another. Members receive official items such as member cards, scarves, posters and calendars, but the true appeal is meeting their heroes. Since these clubs are officially recognized, members get the opportunity to meet with visiting Serie A soccer players. Clubs even organize trips to Italy so members can watch the beautiful game among thousands of other die-hard fans. “We religiously travel to Italy to watch Juventus play,” says Infantino, adding that the fan club is planning a group trip in the near future.

I fan club della serie A parlano della loro passione

Non è un segreto che i tifosi di calcio siano tra i più appassionati. I supporter della serie A, tuttavia, sono una spanna sopra gli altri. Il loro grandissimo attaccamento e la devozione verso la squadra del cuore è paragonabile solamente alla loro fedeltà verso i club dei tifosi della loro squadra. E a Montreal sono tanti i fan club della serie A, molti dei quali sono affiliati o riconosciuti dalle rispettive squadre ufficiali. “Il nostro è un fan club ricreativo e per tutta la famiglia,” afferma James Infantino, presidente del club Juventus Gaetano Scirea di Montreal.“Farne parte offre l’opportunità di incontrare gli amici, di interagire con i soci e di partecipare a numerose attività.” Giulio Cavallaro, presidente del Club Napoli Canada (divisione di Montreal), è della stessa opinione. “Esserne membro dà la stessa sensazione di essere in un circolo, come si dice in Italia. C’è eccitazione ed entusiasmo – ci lasciamo trasportare. È anche un’opportunità per preservare la cultura della nostra regione e il nostro amore per lo sport.” I soci dei fan club di serie A coinvolgono indistintamente tutti, dagli italo-canadesi di prima e seconda generazione ai non italiani, e la fascia d’età va dai bambini delle elementari ai settuagenari. I club ospitano spesso serate per assistere alle partite, aperte a ogni età, etnia e genere – spesso in collaborazione con un altro club. I membri ricevono merchandising originale come tessere di iscrizione, sciarpe, poster e calendari, ma la vera attrattiva è incontrare i loro beniamini. Essendo ufficialmente riconosciuti, ai membri viene offerta l’opportunità di incontrare calciatori e squadre della serie A in visita. I club organizzano addirittura viaggi in Italia così che i loro soci possano guardare “il bel gioco” tra migliaia di altri fan irriducibili.“Organizziamo scrupolosamente trasferte in Italia per guardare la Juventus giocare,” dice Infantino, aggiungendo che il fan club oganizzerà un viaggio di gruppo nell’immediato futuro.


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 65

SPORTS

65

A BREAKDOWN OF SOME OF MONTREAL’S MOST PROMINENT SERIE A FAN CLUBS Uno specchietto di alcuni dei fan club di serie A più importanti di Montreal

Club Napoli Canada – Montreal

Roma Club Montreal

President / Presidente: Giulio Cavallaro Founded in / Fondato nel: 2010 Members / Iscritti: 200 Age range / Fascia d’età: 6-90 Activities / Attività: Viewing parties and an annual party / Eventi per la visione delle partite e una festa annuale. Facebook: Club Napoli Canada

President / Presidente: Jos Recine Founded in / Fondato nel: 2003, registered with UTR in 2013 Members / Iscritti: 150 Age range / Fascia d’età: Mostly under 40 / Prevalentemente sotto i 40 anni Activities / Attività: Invited to watch Roma practice, live streaming during RAI game coverage, Christmas Party, year-end party / Inviti a guardare l’allenamento della Roma, trasmissione in diretta delle partite in onda sulla Rai, festa di Natale, festa di fine anno. Facebook: Roma Club Montreal

Milan Club Montreal President / Presidente: Marcello Furgiuele Founded in / Fondato nel: 1980s, re-launched in 2016 Members / Iscritti: 96 Age range / Fascia d’età: Mostly 25-40, although they have a 100-yearold member / Prevalentemente 25-40 anni, ma vanta anche un socio di 100 anni. Activities / Attività: Weekly podcast and viewing parties with other clubs / Podcast settimanale e eventi per la visione delle partite assieme ad altri club. Website: milanclubmontreal.com

Club Juventus Gaetano Scirea di Montreal President / Presidente: James Infantino Founded in / Fondato nel: 1978 Members / Iscritti: 230 Age range / Fascia d’età: 18-85 Activities / Attività: Game viewing, annual banquet, scudetto party and golf tournament / Visione delle partite, banchetto annuale, festa dello scudetto e torneo di golf. Facebook: Club Juventus Gaetano Scirea di Montreal


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 66

66

EVENTS

DES GENS ET DES ÉVÉNEMENTS

carole.gagliardi@panoramitalia.com

par CAROLE GAGLIARDI

LA SEMAINE ITALIENNE 2017 La 24e édition de la Semaine italienne s’est déroulée du 4 au 13 août dans plusieurs arrondissements de Montréal, ainsi qu’à Laval pour la première fois, avec la Sicile comme région vedette. Comme à l’habitude, l’événement comportait plusieurs spectacles de chants et de musique, des concours d’art et de gastronomie, des projections de films, des expositions de voitures et de produits made in Italy, en plus de son traditionnel défilé de mode Moda Sotto le Stelle et de son opéra à ciel ouvert consistant cette année en la Cavalleria Rusticana de Pietro Mascagni – des activités qui en font un incontournable de la saison estivale à Montréal. Le Congrès national des Italo-Canadiens, organisme responsable de l’événement, célèbre cette année ses 45 ans. « Promouvoir la richesse culturelle et le savoir-faire de la communauté italo-canadienne fait partie de notre mission, et nous croyons que la Semaine italienne répond à cet objectif », a déclaré le président, Antonio Sciascia. Quant au maire de Montréal, Denis Coderre, il a déclaré : « Sans la communauté italienne, prospère et festive, Montréal ne serait pas la même. » Porte-parole de la Semaine italienne pour la troisième année consécutive, l’interprète Marco Calliari, qui est né au Québec, n’a jamais oublié ses racines italiennes. Au contraire, elles lui ont servi de moteur créatif tout au long de sa carrière. Pour lui, « la Semaine italienne met en lumière la beauté de l’Italie au moyen de l’art, de la musique, de la gastronomie et des activités culturelles présentées au grand public ». L’édition 2017 de la Semaine italienne a remporté un immense succès. La directrice générale de l’événement, Josie Verrillo, affirmait que « selon une étude menée l’année dernière, nous estimons à 507 600 les visites à la Semaine italienne 2017, soit une croissance d’achalandage d’approximativement 10 % annuellement ». C

Gestion de copropriétés

Peu importe vos défis de gestion, nous serons là pour vous guider. We will be there to guide you through all your management challenges.

Nos services Our services

• Gestion complète ou à la carte Complete / à la carte Management

• Gestion administrative Administrative services

• Gestion financières Financial Management

• Gestion d’entretien

Valéry Couture Présidente

Maintenance

• Service d’urgence 24 / 7 Emergency service

Diplômée de l’université McGill, Gestion de copropriété, propriétaire d’un parc immobilier, gestionnaire d’immeubles et de copropriétés depuis 25 ans.

condostrategis.ca

Nos valeurs

La saine gestion et ses valeurs sont fondamentales pour notre société. Tous nos mandats de gestion de copropriété sont administrés selon les principes de saine gestion. Notre équipe pourra vous conseiller dans la langue de votre choix: Français, Anglais, Italien, Portugais et Espagnol.

Our Values

Governance and values are fundamental to our society.

All our condominum management mandates are administered according to the principles of sound management. Our team will advise you in the language of your choice: French, English, Italian, Portuguese and Spanish.

Saremo Lieti Di Lavorare Con Voi!

Contactez nous dès aujourd’hui ! 7735, boul. Provencher Montréal (Québec) H1S 2S9 Téléphone : 514.508.6987

info@condostrategis.ca

La 24esima edizione della Settimana italiana si è svolta dal 4 al 13 agosto scorso in diversi angoli di Montreal e, per la prima volta, a Laval. Quest’anno, la Sicilia è stata protagonista attraverso spettacoli di canto e musica, la sfilata di moda Sotto le Stelle, l’opera Cavalleria Rusticana, i concorsi d’arte e di gastronomia, la proiezione di film, le esposizioni di auto e attraverso la presentazione di prodotti made in Italy. Le molte attività testimoniano come la Settimana italiana sia diventata un appuntamento imperdibile delle attività estive di Montreal. Il Congresso nazionale degli italo-canadesi, l’organismo responsabile dell’evento celebra quest'anno il suo 45esimo. “Promuovere la ricchezza culturale e il saper fare della comunità italo-canadese fa parte della nostra missione e noi crediamo che la Settimana italiana risponda a quest’ obiettivo” ha dichiarato il presidente, Antonio Sciascia. Quanto al sindaco di Montreal, Denis Corderre, ha dichiarato che “senza la comunità italiana, prosperosa e gioiosa, Montreal non sarebbe la stessa.” Por tavoce per il terzo anno consecutivo, l’interprete Marco Calliari, che è nato in Québec, non ha mai dimenticato le sue radici italiane. Al contrario, gli sono servite da motore creativo durante tutto il corso della sua carriera. Ha dichiarato: “La Settimana italiana 2017 mette in luce la bellezza dell’Italia attraverso l’arte della musica, della gastronomia e delle attività culturali presentate al grande pubblico.” La Settimana Italiana 2017 ha riscosso un grande successo anche quest’anno, la temperatura era dalla nostra parte. “Secondo uno studio condotto lo scorso anno, stimiamo 507.600 visite alla Settimana italiana 2017, una crescita annuale approssimativa del 10%” ha dichiarato la direttrice generale Josie Verrillo.


A

Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 67

EVENTS

2017-09-21 2:53 PM Page 1

A ssur E xperts

67

Tina Ciambrone & Associés Cabinet en assurances de dommages

• Assurance auto / Auto insurance

• Assurance des entreprises / Business insurance

• Assurance habitation / • Cautionnements / Home insurance Bonds

Monica Di Pasquale

Tina Ciambrone

Damage insurance broker

President

Tel: 514.381.7411 Cell: 514.909.0240 Courtier en assurance de dommages t.ciambrone@assurexperts.qc.ca

2607, rue Fleury Est Montréal QC H2B 1L8

CDMTL.C

LE PRIX DES MEILLEURS CANNOLI DÉCERNÉ À LA PÂTISSERIE ST-MARTIN

Les cannoli sont le dessert sicilien le plus célèbre. Traditionnellement, ces pâtisseries étaient préparées pendant la période du carnaval, mais elles sont maintenant consommées toute l’année. Nommé cannolo pour sa forme allongée semblable à celle d’une pipe, ce péché mignon fut rapidement popularisé aux quatre coins de l’Italie. Le dimanche 13 août dernier, une dégustation de cannoli a été organisée dans la Petite-Italie lors des festivités de la Semaine italienne. Des pâtissiers émérites ont participé au concours visant à primer les meilleurs en ville. Le public était invité à déguster les délicieux dolci siciliani, préparés par des pâtissiers chevronnés qui ont redoublé d’ardeur pour l’occasion. Le concours était animé par l’humoriste Joe Cacchione en présence d’un jury composé par Frank Cavallaro, météorologue pour CBC Montréal, Davide Bazzali, chef-ténor propriétaire du restaurant Il Bazzali, Nonna Maria, star de YouTube et des médias sociaux, et Antonio Giorgi, animateur au réseau TLN. Bravo aux pâtisseries participantes, Dolce Sapore, Del Sole, Pâtisserie St-Martin, Café Milano et Pâtisserie Firenze, et tantissimi auguri au grand gagnant, la Pâtisserie St-Martin de Laval.

I cannoli sono il dolce siciliano più celebre. Tradizionalmente, veniva preparato durante il periodo di Carnevale, ma hanno avuto un tale successo che ora vengono consumati durante tutto l’anno. Il nome “cannolo” deriva dalla sua forma allungata, simile a quella di una pipa, e si è diffuso rapidamente in tutt’Italia. Domenica 13 agosto scorso, una degustazione di cannoli è stata organizzata nella Piccola Italia durante la Settimana italiana. I pasticceri hanno partecipato al concorso per ottenere il primo posto per il miglior cannolo. Il pubblico è stato chiamato ad assaggiare i deliziosi dolci siciliani, preparati dai pasticceri esperti che per l’occasione hanno intensificato il loro impegno. Il concorso è stato presentato dall’attore comico Joe Cacchione in presenza di una giuria composta da Frank Cavallaro, metereologo, CBC Montreal, Davide Bazzali, chef tenore, proprietario del ristorante Il Bazzali, Nonna Maria, star di youtube e dei social media e d’Antonio Giorgi, presentatore della rete TLN. Bravi i pasticceri partecipanti Dolce Sapore, Del Sole, Pâtisserie St-Marin, Café Milano e Pâtisserie Firenze. Tantissimi auguri al vincitore, La Pâtisserie St-Martin à Laval.

Redéfinez votre mode de vie Redefine your lifestyle Armoires de cuisine et salles de bain sur mesure Custom kitchen and bathroom cabinets

• Estimation gratuite à domicile • Expérience personalisée • Rénovation clé en main

• Free in home estimate • Personalized service • Turn-key renovation

514.442.9057 • CDMTL.CA


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 68

Centre de Décoration

68

St-Léonard

EVENTS

LUISA MINIACI-DI LEO Lorsque Luisa Miniaci s’est mariée, elle souhaitait avoir plusieurs enfants. Malheureusement, il en ira autrement, et Luisa devra attendre 15 ans et subir quatre fausses couches avant d’avoir son premier fils en 1987. Souffrait-elle d’infertilité ? Était-ce son mari ? Elle voulait savoir. Il est vrai qu’au cours de sa jeunesse elle a été atteinte d’une quantité anormalement élevée d’infections urinaires et rénales, mais soignée par la cipro, un puissant médicament, tout est finalement rentré dans l’ordre. Son médecin l’a incitée à passer des examens précis. « J’ai subi une batterie de tests, et un an et demi plus tard, j’ai enfin obtenu le diagnostic. J’ai su que j’étais atteinte de la maladie polykystique des reins (MPR), une maladie pour laquelle il n’existe pas de guérison et qui risque de mener à l’hémodialyse et ensuite à la transplantation rénale, si l’on trouve un donneur compatible.

De plus, j’ai su que chacun de mes enfants avait une chance sur deux d’en être atteint. » Ébranlée par ce diagnostic et sachant que la maladie est héréditaire, Luisa a fait de cette épreuve la bataille de sa vie. Elle s’est engagée dans la Fondation canadienne de la MPR et en a fondé la division de Montréal en 2014. Elle organise Marchons pour vaincre la MPR, la plus importante activité de la Fondation. Depuis sa création en 1993, la Fondation canadienne de la MPR a amassé plus d’un million de dollars pour financer la recherche et soutenir les familles vivant avec la maladie polykystique des reins. À Montréal, la marche organisée par Luisa Miniaci-Di Leo s’est déroulée le 17 septembre dernier au parc Dollarddes-Ormeaux. Vous pouvez faire un don pour contribuer à la recherche d’un traitement pour vaincre la maladie à endpkd.ca/walk.

At-home consultation services: Bedding Curtains Shades Moldings Wallpaper Ceramics Tony Catania - Owner

7101, Jarry Est, Anjou 514-255-1644 www.decorstleonard.com

De g. à d., le conseiller municipal de Dollard-des-Ormeaux, Morris Vesely, le ministre des Finances du Québec, Carlos Leitão, et le député fédéral de Pierrefonds – Dollard, Frank Baylis avec Luisa Mimiaci-Di Leo lors de la Marche 2016.

Quando Luisa Miniaci si è sposata, desiderava avere molti bambini. Sfortunatamente, è andata diversamente e Luisa dovrà attendere 15 anni e sopportare 4 aborti prima di avere il primo figlio nel 1987. Soffriva di infertilità? Era suo marito? Voleva sapere. È vero che nel corso della sua giovinezza era stata colpita da un’enorme quantità di infezioni urinarie e renali, ma era stata curata con un potente farmaco, CIPRO, e tutto era tornato in ordine. Sarà il suo medico che la incoraggerà ad affrontare esame specifici. “Mi sono sottoposta ad una serie di test e un anno e mezzo dopo ho finalmente avuto la diagnosi. Sapevo di avere la malattia renale policistica (MPR), per la quale non esiste una cura e che probabilmente porterà alla emodialisi e poi al trapianto di reni, se si trova un donatore compatibile. Sapevo inoltre che ognuno dei

miei figli poteva esserne colpito.” Scossa da questa diagnosi e sapendo che la malattia è ereditaria, Luisa ne ha fatto la battaglia della sua vita. È entrata a far parte della Fondazione Canadese de la MPR è ha fondato nel 2014 la sezione di Montreal. Organizza La Marche annuale per sconfiggere il PKD, la più importante attività della fondazione. Fina dalla sua creazione nel 1993, la Fondazione canadese MPR ha raccolto più di un milione di dollari per finanziare la ricerca e sostenere le famiglie che convivono con la malattia policistica dei reni. A Montreal La Marche organizzata da Luisa Miniaci di Leo si è svolta il 17 settembre scorso al parco Dollard-desOrmeaux. Potete fare una donazione aiutare la ricerca a trovare un trattamento per vincere la malattia su: endpkd.ca/walk

UNE SOIRÉE EN L’HONNEUR DE STEFANO DI GIOVANNI Maria Di Giovanni a rencontré Stefano, son mari, en 1965. « Ce fut un coup de foudre », raconte-t-elle. Ils se sont mariés en 1968 et ont eu deux enfants, Sonia et Frank. Leur vie se déroulait tout simplement, comme tant d’autres. « Stefano a toujours été en excellente santé. Nous allions danser tous les week-ends. Puis, il y a une dizaine d’années, j’ai constaté de légers changements d’humeur chez lui. Il ne voulait plus aller danser, un soir, il s’est mis à répéter sans cesse une même phrase, 20 fois en 10 minutes. Je le voyais déraper tout doucement. Il m’a fallu beaucoup d’insistance pour que le médecin accepte de lui faire passer des examens. Les résultats se sont révélés catastrophiques. Le médecin m’a dit : “À partir d’aujourd’hui, tu n’as plus de mari, tu as un troisième enfant.” Stefano a vécu à la maison jusqu’à ce qu’il en vienne à adopter un comportement agressif. Il vit maintenant au Centre Dante adjacent à l’Hôpital Santa Cabrini. Mon mari était un homme doux, très sociable, un homme intelligent, il était ingénieur électrique, un métier où le cerveau est beau-

coup sollicité. Il n’accepterait pas de se voir dans cet état, c’est sûr ! » Les dégénérescences fronto-temporales apparaissent généralement à un âge plus précoce que la maladie d’Alzheimer (entre 45 et 65 ans) et touchent les hommes autant que les femmes. Les personnes qui en souffrent ont des pertes soudaines de mémoire ou des changements de comportement et elles éprouvent de la difficulté à parler ou à se mouvoir. Les dégénérescences fronto-temporales touchent principalement le lobe frontal et le lobe temporal du cerveau, qui sont associés à la personnalité et au comportement. Il y a quatre ans, Maria Di Giovanni a décidé de donner un sens à la détresse qui l’affligeait. Elle organise depuis un événementbénéfice annuel. Cette année, Maria, Sonia et Frank Di Giovanni organisent la quatrième édition d’Une soirée en l’honneur de Stefano Di Giovanni, qui aura lieu le samedi 4 novembre à 18 h à la salle de réception Le Chateaubriand. Les profits seront entièrement versés à la Société Alzheimer de Montréal. Pour faire un don visitez le www.alzheimer.ca.


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 69

EVENTS

69

SONIA BENEDETTO CANTA A NEW YORK Le festival de musique italienne est de retour au Master Theater (Millennium) de Brooklyn. Le concours de chant promu par le Ministero degli Affari Esteri e della cooperazione Internazionale, et organisé par l’Associazione Culturale Italiana di New York, en est à sa 10e édition et continue à offrir une tribune aux chanteurs d’origine italienne du monde entier. Cette année, Montréal était représentée pour la première fois par la chanteuse d’origine molisane Sonia Benedetto, ancienne animatrice de l’émission Insieme, qui a interprété pour l’occasion sa chanson L’Anima. PI: Comment es-tu parvenue à participer au festival? SB: Grâce au Com.It.Es qui a organisé la soirée Progetto Premio ProArte auquel j’ai participé. Bien que je n’aie pas gagné ce soir là, ça m’a donnée la possibilité de me qualifié au festival de New York. PI: Comment c’est déroulé le concours? SB: Nous étions 11 concurrents et j’étais l’unique canadienne. C’était la première fois qu’un montréalais participait au concours. Un rêve pour moi, vraiment. J’ai livré une performance devant une foule de plus de 1000 personnes avec ma chanson L’Anima écrite par Vincenzo Capasso et Giovanni Mobila. C’est une pièce pop-classique. J’étais très émue, même si ce n’était pas la première fois que je chantais devant un public aussi important. C’était une émotion positive et très motivante. Il y avait une belle énergie dans l’air et je me suis donnée à fond et j’ai senti que le public a vraiment apprécié. PI: Quels sont tes projets suite à ce concours? SB: J’aimerais présenter ma pièce L’Anima à Montréal et pouvoir la chanter devant public. La musique est l’expression de notre âme et exprime ce que ce que nous sommes réellement. Ceux qui l’écoute le ressentent et ça c’est déjà une grande victoire.

MARBLE & STONE POLISHING

Il Festival della Musica Italiana è tornato al Master Theater (Millennium) di Brooklyn. La gara canora, promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della cooperazione Internazionale, organizzata dall’Associazione Culturale Italiana di New York, è già alla sua decima edizione e continua ad offrire un importante palcoscenico ai cantanti italiani e provenienti da tutto il mondo. Quest’anno anche Montreal ha avuto la sua prima rappresentante: Sonia Benedetto, di origine molisane che da sempre coltiva i suoi talenti, ha anche condotto il programma televisivo Insieme per 5 anni, e poi è arrivata la grande possibilità di partecipare al Festival con il suo inedito L’Anima.

PI: Come sei riuscita a partecipare al Festival? SB: Attraverso il Com.It.Es che ha organizzato la serata Progetto Premio ProArte a cui ho partecipato. In quell’occasione ho portato la mia proposta italo-canadese che però non mi ha fatto vincere quella sera ma mi ha dato una possibilità, quella di candidarmi al Festival di New York.

PI: Raccontaci un pò della serata a New York SB: Eravamo 11 concorrenti ed ero l’unica rappresentante dal Canada ma non solo. Ho rappresentato per la prima volta la città di Montreal. E già questo per me era un sogno. Mi sono esibita davanti ad un pubblico di oltre mille persone con il mio inedito L’Anima, scritto da Vincenzo Capasso e Giovanni Mobilia. È un brano pop-classico. L’emozione era tanta anche se non era la prima volta che mi esibivo davanti ad un pubblico così vasto. Ma era un’emozione positiva, di quelle che ti danno la grinta e la forza. C’era una bella energia nell’aria e alla fine mi sono lasciata andare e ho davvero dato l’anima e questo il pubblico lo ha apprezzato.

• We polish marble, stone and concrete. • We restore and repair what others cannot. • Plus - we do it all with the ‘no mess’ system.

A

514.777.7797 www.777-7797.com 12:22 PM Page 1

PI: Dopo questa importante esperienza, che progetti hai? SB: Vorrei presentare il mio inedito a Montreal e cantarlo dal vivo. La musica è espressione dell’anima, esprime quello che abbiamo nel profondo e chi ascolta lo percepisce e questa è già una grande vittoria.

UNA SERATA IN MEMORIA DI STEFANO DI GIOVANNI

Maria di Giovanni ha incontrato Stefano, suo marito, nel 1965. “È stato un colpo di fulmine immediato”, racconta. Si sono sposati nel 1968 e hanno avuto due bambini, Sonia e Frank. La loro vita si svolge in tutta semplicità, come tante altre. “Stefano è sempre stato in ottima salute. Andavamo a ballare tutti i fine settimana. Poi, una dozzina di anni fa, ho notato un leggero cambiamento d’umore in lui, non voleva più ballare, una sera, si è messo a ripetere senza sosta una frase, sempre la stessa, 20 volte in 10 minuti… Lo vedevo perdere il controllo della sua mente a poco a poco. Ho dovuto insistere molto perché il medico accettasse di fargli fare degli esami, diceva che non era necessario. Poi, il risultato è stato catastrofico. Il medico mi ha detto: a partire da oggi non hai più un marito, hai tre bambini.” Stefano ha vissuto in casa fino a quando non ha sviluppato un comportamento aggressivo. Ora vive al Centro Dante, adiacente all’Ospedale Santa Cabrini. Mio marito era un uomo dolce, molto socievole e intelligente, era ingegnere elettronico, un mestiere dove il cervello

è molto sollecitato. Non avrebbe mai accettato di vedersi in uno stato simile, questo è sicuro!” La malattia della demenza frontotemporale appare generalmente ad un’età più precoce che la malattia di Alzheimer (dai 45 ai 65 anni) e tocca gli uomini e le donne. Le persone che hanno questa forma di malattia hanno un’improvvisa perdita di memoria o manifestano cambiamenti nel compor tamento, hanno difficoltà a parlare o a muoversi. Le demenze frontotemporali toccano principalmente il lobo frontale temporale del cervello, che è associato alla personalità e al comportamento. Da 4 anni Maria Di Giovanni ha deciso di dare un senso all’angoscia che l’affliggeva. Da allora organizza un evento di beneficienza annuale. Quest’anno Maria Sonia e Frank Di Giovanni organizzano la quarta edizione di Una serata in onore di Stefano Di Giovanni. I proventi saranno interamente versati alla Società Alzheimer di Montreal. Appuntamento sabato 4 novembre alle ore 18 a Le Chateaubriand. Fate una donazione a: www.alzheimer.ca.

8330 Pascal Gagnon, St-Léonard, Qc H1P 1Y4 F (514) 326-1635

T (514) 326-7888

contact@groupeatlanta.ca www.groupeatlanta.ca

MEMBRE DE L’APCHQ • LlC. R.B.Q.: 1750-6148-39


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 70

70

EVENTS

MONTRÉAL LA VILLE LA PLUS HEUREUSE SELON ROSSANA BRUZZONE Rossana Buzzone est née à Gènes en Italie. Il y a 4 ans l’enseignante au style coloré et original ressent un urgent besoin de changement. Elle s’envole à Florence pour écrire, méditer, se détacher de son quotidien et s’inscrit à un atelier de peinture où les émotions dictent la créativité. Elle y fait la rencontre d’un artiste-peintre montréalais. « Je venais de compléter le chemin de Compostelle, j’étais dans un grand bouleversement intérieur et je cherchais à me redéfinir. Le peintre et son épouse m’ont invité à Montréal. J’ai senti une très forte intuition qui me disait d’y aller, que c’était là le changement tant attendu ». Rossana prend une année sabbatique et bagages en mains, débarque à Montréal, c’était le 22 octobre 2013. « Je ne connaissais pas Montréal mais cet appel était si intense que je devais y répondre. J’ai constaté à quel point à Montréal les gens sont facilement accessibles. Je me suis rapidement fait de nombreux amis, j’ai participé à un grand nombre d’activités et j’ai développé un tas de contacts. Je me suis rappelée que lorsque j’étais enseignante, j’invitais mes élèves à noter à chaque jour des événements qui les rendaient heureux. Cela était formidable et avait un immense impact positif sur leur vie. J’ai décidé d’offrir des ateliers basés sur ce concept, se rappeler d’événements heureux et les partager, l’essence même du bonheur selon moi. J’ai travaillé auprès des personnes âgées et de gens d’affaires. Puis, constatant les résultats positifs sur la vie de ces gens, et comme Montréal sem-

blait ouverte à cette approche quelque peu originale, il m’est venu l’idée de créer #Mtllaplusheureuse, un projet où il était possible de partager des moments de bonheur et célébrer cette ville magnifique et accueillante. J’ai donc présenté le projet à Je fais Mtl, un mouvement citoyen qui rassemble 215 projets visant à donner un nouvel élan à Montréal. Avec mes collaborateurs Franck Billaud et Christian Wirth, nous avons organisé un rendez-vous au Chalet du Mont-Royal, le site le plus symbolique et le plus approprié pour cette célébration d’amour ». Les gens se sont présentés nombreux et guidés par Rossana, ils ont décrit leur sentiment d’appartenance, ils ont crié Montréal est la ville la plus heureuse au monde! Le projet de documentaire #Mtllaplus heureuse associé à l’événement public a atteint l’objectif de recueillir les témoignages des amoureux de la ville quel que soit leur provenance, leur statut social, leur âge ou encore leur condition sociale. Les capsules sont disponibles sur Facebook. Rossana en a diffusé 150, soulignant ainsi l’anniversaire du Canada. Surnommée la Dame Sourire de Montréal, elle poursuit cette nouvelle étape de sa vie à Montréal et entend bien y rester puisque le 1er juillet dernier la sympathique Rossana est devenue résidente permanente. « Je ne suis pas toujours rigolote mais la joie est selon moi quelque chose que l’on acquiert et que l’on doit cultiver afin que les moments difficiles soient moins noirs ».

photos / Mikael Theimer

Rossana Bruzzone au Chalet du Mont Royal

Des participants à #Mtllaplus heureuse

MONTREAL, LA CITTÀ PIÙ FELICE SECONDO ROSSANA BRUZZONE

Rossana Bruzzone è nata a Genova, in Italia. Quattro anni fa l’insegnante dallo stile colorato e originale sente un’urgente necessità di cambiamento.Vola a Firenze per scrivere, meditare, staccarsi dal suo quotidiano e si iscrive ad un atelier di pittura dove le emozioni guidano la creatività. Lì incontra un artista, un pittore montrealese. “Ero appena tornata dal cammino di Compostella, vivevo un turbamento interiore e cercavo di ridefinire me stessa. Il pittore e sua moglie mi hanno invitata a Montreal. Ho sentito una forte intuizione che mi diceva di andare, che questo era il cambiamento tanto atteso.” Rossana ha preso un anno sabbatico e bagagli alla mano è sbarcata a Montreal, era il 22 ottobre 2013. “Non conoscevo Montreal ma questa chiamata era così forte che dovevo rispondere. Ho constatato fino a che punto a Montreal la gente sia facilmente accessibile. Mi sono rapidamente fatta numerosi amici, ho partecipato ad un gran numero di attività e ho sviluppato una fitta rete di contatti. Mi è venuto in mente di quando ero insegnante, e invitavo i miei allievi ad annotare ogni giorno degli eventi che li rendevano felici. Questo era formidabile ed aveva un immenso impatto positivo sulla loro vita. Ho deciso di offrire dei seminari basati su questo concetto: ricordare eventi felici e condividerli, è l’essenza stessa della felicità secondo me. Ho lavorato con gli anziani e con gli uomini d’affari. Poi, constatando i risultati positivi sulla vita della gente, e come Montreal sia aperta a questo approccio piuttosto originale, mi è venuta l’idea di creare il progetto

#Mtlaplusheureuse, dove è stato possibile condividere dei momenti di felicità e celebrare questa città magnifica ed accogliente. Ho quindi presentato il progetto a Je fais Mtl, un movimento cittadino che raccoglie 215 progetti per dare un nuovo impulso a Montreal. Con i miei collaboratori Franck Billaud e Christian Wirth abbiamo organizzato un appuntamento allo Chalet du Mont Royal, il luogo più simbolico e più appropriato per questa celebrazione d’amore.” Le persone si sono presentate numerose e, guidate da Rossana, hanno descritto il loro senso d’appartenenza, e hanno gridato Montréal est la ville la plus heureuse au monde! Il progetto di documentario #Mtllaplusheureuse associato all’evento pubblico ha raggiunto l’obiettivo di raccogliere le testimonianze degli amanti della città qualunque sia la loro origine, il loro stato sociale e la loro età. I video sono disponibili su Facebook. Rossana, da dicembre 2016 ad oggi, ne ha realizzati più di 150, sottolineando così l’anniversario del Canada. Soprannominata la Dame Sourire de Montréal, prosegue questa nuova tappa della sua vita a Montreal e intende restare visto che il 1º luglio scorso la simpatica Rossana è diventata residente permanente. “Non sono sempre una burlona, ma la gioia è a mio parere qualcosa che si acquista e che deve essere coltivata, in modo che i momenti difficili siano meno neri.”


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 71


Montreal OCT/NOV 53-72 2017-10-05 9:53 AM Page 72

Profile for Panoram Italia

Panoram Italia Montreal Oct/Nov 2017  

Panoram Italia Montreal Oct/Nov 2017