Page 1

Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 1

THE ITALIAN-CANADIAN MAGAZINE MAILED & DISTRIBUTED IN THE GREATER MONTREAL AREA

LIVING ITALIAN STYLE

BABIES OF THE YEAR BENVENUTI A SAN MARINO

COVER: MASSIMO, MATILDA AND ALFREDO RAPONE FEBRUARY / MARCH 2018 • VOL.13 • NO.1

www.panoramitalia.com

LA FIGURE CHANGEANTE DU PÈRE ITALO-

CANADIEN


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 2

2017 ALFA ROMEO GIULIA LEASE BI-WEEKLY FOR

249$ WITH $1,995 CASH DOWN FOR 39 MONTHS 16,000 KM INCLUDED PER YEAR

DISCOVER NOW

PICTURES FOR ILLUSTRATION PURPOSES ONLY

LIVE THE ITALIAN EXPERIENCE VIVEZ L’EXPÉRIENCE ITALIENNE 2018 ALFA ROMEO STELVIO

269$ TOUTES LES 2 SEMAINES AVEC 1,995$ ACCOMPTE COMPTANT POUR UNE LOCATION DE 39 MOIS 16,000 KM INCLUS PAR ANNÉE

DÉCOUVREZ MAINTENANT PHOTO À TITRE INDICATIF SEULEMENT


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 3


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 4


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 5


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 6


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 7


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 8

CONTENTS FEBRUARY / MARCH 2018 VOL.13 NO.1 EDITORIAL

The Evolution of Fatherhood . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 L’evoluzione della paternità It’s the Weather . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 È il tempo

44

LA COPERTINA

Tel père et non tel fils . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

BABIES OF THE YEAR . . . . . . . . . . . . . . . . 16 LIFE & PEOPLE

Baby tips and tricks . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 Consigli e trucchi per il bebè Patrizia Bortoluzzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 21st century amore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 L’amore nel 21esimo secolo Back to shape the future . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 Indietro per forgiare il futuro Cristina Ciurli

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30

EDITORIAL

FOOD

Recipe: Carnival lasagna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 Ricetta: Lasagne di Carnevale Recipe: Crispy Sugar Fritters with Ricotta Sauce . . 36 Ricetta: Croccanti frittelle allo zucchero con salsa di ricotta

FASHION . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 LIVING ITALIAN STYLE . . . . . . . . . . . . . 40 DESIGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42

PUBLISHER & EDITOR • Tony Zara EXECUTIVE EDITOR • Adam Zara ASSOCIATE EDITOR • Pal Di Iulio MANAGING EDITOR • Rita Simonetta EDITOR-AT-LARGE • Gabriel Riel-Salvatore BUSINESS DEVELOPMENT & COMMUNITY AFFAIRS • Carole Gagliardi EDITORIAL ASSISTANT • Vittoria Zorfini

ART DEPARTMENT

SAN MARINO

Bienvenue dans la république de Saint-Marin . . . . . 44 Benvenuti a San Marino A museum lover’s city . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 Città per gli amanti dei musei Visit to Piazza della Libertà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50 Visita a Piazza della Libertà Soccer underdogs . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 Forti a … perdere

ARTS & CULTURE

The Association of Italian-Canadian Writers . . . . . 54 L’Associazione degli scrittori italo-canadesi Housewares maker Alessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 Il marchio di prodotti per la casa Alessi

ART DIRECTION & GRAPHIC DESIGN Dave Ferreira PHOTOGRAPHY Vincenzo D’Alto • Daniele Tomelleri Giulio Muratori

CONTRIBUTORS

PROOF READERS Rosanna Bruzzone • Valentina Basilicata Jennifer Mancini • Marie-Hélène L. Papillon TRANSLATORS Claudia Buscemi Prestigiacomo Stefania Fenocchio • Athena Mellor

ADVERTISING

ADVICE

Father Nicola Di Narzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58 Pasquale Artuso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59

ACCOUNT EXECUTIVES Anthony Zara Terry Marziliano

WRITERS

SPORTS

Joey Saputo’s Bologna FC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60 Il Bologna FC di Joey Saputo

EVENTS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62

Circulation audited by

Distribution par / by

Publications Mail Agreement #40981004

Eve Aaron • Graeme Carey • Mark Curtis Gianfranco Cicirello • Jonathan De Sua Danila Di Croce • Alessia Sara Domanico Nora Fahmi • Sara Germanotta • Vanessa Gianfrancesco Laura Guzzo • Claudia Buscemi Prestigiacomo

Cover photo by Vincenzo D’Alto

Printed by:

514.337.7870 www.accentimpression.com Montreal, Québec, Canada

9300 Henri-Bourassa West, suite 100, Montreal, Québec H4S 1L5 I Tel.: 514 337-7870 I Fax: 514 337-6180 I e-mail at: info@panoramitalia.com Legal deposit - Bibliothèque nationale du Québec / National Library of Canada - ISSN: 1916-6389


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 9


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 10

10

EDITORIAL

THE EVOLUTION OF FATHERHOOD L’evoluzione della paternità When selecting a cover concept, we at the magazine go by two Quando scegliamo l’idea per la copertina, noi della rivista seguiamo due simple rules: highlight a person or a subject that is meaningful as regole semplici: mettere in risalto una persona o un argomento sensato well as timely, and be original – do something we haven’t done ed attuale, ed essere originali – occuparci di qualcosa che non abbiamo before. Since February is synonymous with babies of the year at the ancora trattato. Dato che febbraio qui in redazione è sinonimo di magazine, we figured why not highlight a little-mentioned, unsung “neonati dell’anno”, ci siamo detti: perché non mettere in evidenza pillar of the family unit: the modern-day dad. un pilastro del nucleo familiare, poco menzionato e celebrato, quale il As explained in our cover story by collaborator Laura Guzzo, papà moderno? whether a stay-at-home or work-all-day-and-take-over-after-supper Come spiegato nella nostra storia di copertina della collaboratrice type, 21st century fathers are participating in child-rearing like never Laura Guzzo, che si tratti del tipo “a tempo pieno” o di quello “lavoro by / di ADAM ZARA before. Let me preface this by pointing out that our research and tutto il giorno e do il cambio dopo cena”, i padri del XXI secolo sources more specifically paint a picture of a recent Canadian (and perhaps partecipano all’educazione dei figli come mai prima d’ora. Tutto ciò, premesso che la wider North American/Western European) urban reality, rather than a nostra ricerca e le nostre fonti nello specifico ritraggono l’immagine di una recente worldwide generalization. realtà urbana canadese (e forse più ampiamente nordamericana e dell’Europa I would say my own experience as the father of a two-year-old definitely occidentale), piuttosto che una generalizzazione globale. falls within the standard description of what a 30-something working dad Direi che la mia esperienza personale come padre di un bimbo di due anni looks like in 2018. On a typical weekday, for instance, he works eight or nine rientra decisamente nella descrizione del modello del papà sulla trentina e lavoratore hours (if not longer) and commutes for nearly two more; he runs errands on del 2018. Durante un tipico giorno feriale per esempio, lavora otto, nove ore (se the way home and helps with dinner and the subsequent cleanup; he non di più) e fa il pendolare per circa altre due ore; al ritorno, sbriga le faccende e changes a diaper and participates in dà una mano con la cena e le conseguenti the child’s nighttime routine. By the pulizie; cambia il pannolino e partecipa time the little one falls asleep, both alle attività serali del bambino. Quando parents are too pooped to function befinalmente il piccolo si è addormentato, yond flipping through Netflix. Oh, the entrambi i genitori sono troppo esausti per joys of parenthood! andare oltre una carrellata su Netflix. Oh, And it’s true there’s much to say gioie dell’essere genitori! about how far men have come in the È vero, perlatro, che c’è tanto da dire span of a couple generations. For censul lungo percorso compiuto dagli uomini turies, a man’s duty involved keeping nel giro di un paio di generazioni. Per secoli, the family fed, safe and sheltered. After il compito di un uomo prevedeva sfamare accomplishing those three things, it la famiglia, proteggerla e tenerla al riparo. was not frowned upon to come home Una volta adempiuto a queste tre cose, non and not lift anything except a fork veniva biasimato per il fatto di tornare a and knife. Today, men are not only casa e non alzare un dito, salvo che per expected to participate in all facets of usare forchetta e coltello. Oggi, non solo ci family life and household duties, by si aspetta che gli uomini partecipino a tutti and large, they also feel it to be normal gli aspetti della vita familiare ed ai doveri di and fair. casa, ma questi, in linea di massima, lo With that said, judging by my considerano per di più normale e giusto. immediate surroundings – and generDetto ciò, a giudicare dalle mie ally speaking – it’s safe to assert that conoscenze strette – e in generale – è moms still play the largest role in the possibile affermare che le mamme svolgono family when it comes to child rearing. ancora un ruolo predominante nell’eduMy wife chose to work part-time in cazione dei figli. Mia moglie ha scelto di order to be more present for our son, lavorare part-time per essere più presente and like any good mom, her foremost per nostro figlio e, come accade per ogni concern in life is how to get as much brava mamma, la sua maggiore preoccufood into that tiny body of his as pospazione nella vita è trovare in ogni singolo sible at every waking moment. I pretty much act as her trusty sidekick. momento il modo di riempire il più possibile di cibo quel corpicino. Il mio incarico è As our society matures, and a father’s role in the household continues to pressoché quello di assistente di fiducia. evolve, we inevitably come to certain realizations. One of the nagging Mentre la nostra società matura, e il ruolo di padre in famiglia continua ad inconveniences of having everything equal and fair in the relationship is that, evolversi, giungiamo inevitabilmente a certe conclusioni. Una delle fastidiose seccature well, it’s actually impossible to quantifiably divide tasks down the middle. My di quest’assoluta equità dei rapporti è che, beh, risulta praticamente impossibile own anecdotal evidence suggests that it’s counterproductive to keep score of quantificare e dividere a metà gli incarichi. La mia esperienza personale suggerisce che a partner’s contributions and point it out as soon it drops below the 50% mark. è controproducente tenere il conto del contributo del compagno e farlo Ladies, give your man a break every now and then! Fellas, spoil the woman of presente non appena scende al di sotto del 50%. Signore, concedete ai vostri compagni your life more often than you do! una tregua di tanto in tanto! Amici, coccolate la donna della vostra vita più spesso! No matter how you slice it, raising a child is hard. We men now realize Comunque la mettiate, crescere un figlio è dura. Noi uomini adesso ce ne this more than ever before. While some among us inevitably moan and groan rendiamo conto più che mai. Anche se alcuni di noi inevitabilmente se ne lamentano about it – “Countless centuries as kings of the house and it had to be OUR – “Innumerevoli secoli a fare i re della casa e c’è voluta la NOSTRA generazione a generation to screw it all up!” – most have already grown past that stage. rovinare tutto!” –, la maggioranza ormai non ci pensa su nemmeno due volte. Dare Helping out or taking charge at home is no longer optional and that’s the una mano o prendersi cura delle cose di casa non è più facoltativo, ed è giusto così. way it should be. It also makes us appreciate what our mammas and Inoltre, ci aiuta ad apprezzare infinitamente di più ciò che le nostre mamme e nonne nonnas did for us infinitely more. hanno fatto per noi.

“Today, men are not only expected to participate in all facets of family life and household duties, by and large, they also feel it to be normal and fair.”

“Oggi, non solo ci si aspetta che gli uomini partecipino a tutti gli aspetti della vita familiare ed ai doveri di casa, ma questi, in linea di massima, lo considerano per di più normale e giusto. “

Con affetto Adam Zara Executive Editor adamzara@panoramitalia.com


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 11


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 12

12

EDITORIAL

IT’S THE WEATHER È il tempo As I write this between La Befana celebrations and American Mentre scrivo, tra la festa della Befana e la giornata americana dedMartin Luther King Day, I feel like I can’t take bad news icata a Martin Luther King, sento di non essere più in grado di riceanymore! First came the fires followed by the mudslides in vere brutte notizie! Prima gli incendi seguiti dalle inondazioni in California. Then the cold winds, snow and ice hit the Northeast California. Poi i venti gelidi, la neve e il ghiaccio che hanno colpito il courtesy of an arctic vortex. Nord-Est, gentile concessione di un vortice artico! Across the world the #METOO movement is being challenged In tutto il mondo il movimento #METOO è messo alla prova by the French #MOIAUSSI response, but with a different accent. dalla risposta francese #MOIAUSSI, ma dai toni diversi. In the USA, the Republicans are battling the Democrats; North Negli Stati Uniti, i Repubblicani sfidano i Democratici; il leader Korean leader Kim Jong-un is threatening American President nordcoreano Kim Jong-un minaccia il presidente americano Donald Donald Trump and vice versa. Trump e viceversa. Si nutrono speranze che Oprah possa volersi by / di Pal Di Iulio There are hopes that Oprah might want to join the presidential unire al palcoscenico presidenziale, e il Presidente Trump dice: “Fatti opera stage, and President Trump says, “Bring it on” to his once favourite sotto” a colei che un tempo era stata la sua favorita come vice presidente. choice for vice president. Martin Luther King un tempo parlava di una montagna e di un “sogno”. Martin Luther King talked about a mountain and having a “dream.” Altri parlano di “paesi cesso”. Others are talking about “s***hole” countries. Le Hawaii sono vittima di un’ erronea allerta missilistica; la gente soffre e Hawaii is the victim of a mistaken ballistic missile alert, while people il mondo si preoccupa e nutre dubbi sulla reale emergenza. around the world suffer, worry and have doubts about a real emergency. Io sto avendo delle difficoltà a mantenere la traccia nel gioco delle sedie, I am having trouble keeping track of the musical chairs game on a potensul potenziale affondamento dell’“Andrea Doria” tra i movimenti dei Cinque tially sinking “Andrea Doria” between the movements of the stars and the Stelle e i desideri di “Rendiamo di nuovo grande l’Italia” mentre il Bel Paese si “Make Italy Great Again” wishes as il bel paese gears up for the election on prepara alle votazioni del 4 marzo. March 4. Le Olimpiadi di Pyeongchang del 2018 vedranno la partecipazione della The Pyeongchang 2018 Olympics will have North Korea participating Corea del Nord, ma non della Russia. Ai Mondiali FIFA in Russia ci sarà la Russia and not Russia. The FIFA World Cup in Russia will include Russia but not Italy ma non l’Italia o il Canada. or Canada. Le altalenanti negoziazioni sul NAFTA si svolgono a rotazione in vari luoghi, The wavering NAFTA negotiations are being held in rotating venues with con molti finti touchdown conclamati, ma nessun Paese ha ancora segnato. Che lots of fake touchdowns claimed, but no country scoring yet.What comes “afta” succederebbe senza il NAFTA? if no NAFTA? In Canada, il nostro Primo Ministro si è messo a visitare i campi di hockey In Canada, our prime minister has taken to visiting small-town hockey e i municipi delle piccole città in tutto il Paese, come in un tour de force WWE arenas and town halls across the country like a WWE tour de force with a mike, con microfono, pettine e specchio. comb and a mirror. In Ontario, siamo alla legale resa dei conti provinciale di Brown contro In Ontario, it’s the Brown vs. Wynne legal provincial showdown. After the Wynne. Dopo l’aumento del minimo salariale, perfino alcuni franchising Tim raising of the minimum wage, some Tim Horton’s franchisees are brewing more Horton stanno ribollendo più del caffè. than just coffee. A Toronto, i commercianti su King Street e gli utenti dei trasporti pubblici In Toronto, King Street merchants and public transit riders are complainsi lamentano della Toronto Transit Commission anche se la TTC si è estesa a ing about the Toronto Transit Commission even though the TTC travelled the Ovest attraverso il passaggio a nord-ovest degli immigrati italiani ed oggi porta west by north-west route of the Italian immigrants that now takes you all the direttamente fino al centro di Vaughan. way to Vaughan City Centre. Più vicino a casa mia, infuria la battaglia in corso da un anno per “Salvare Closer to home for me, the yearlong battle to “Save Columbus Centre” il Columbus Centre”. Mi sto confondendo tra chi vuole salvarlo, per quanto rages on. I am getting confused as to who wants to save it, for how long and tempo e sul cosa farci una volta in salvo. Il Comitato di Villa Charities vuole riwhat to do with it once saved. The Villa Charities Board wants to save the centre qualificare il luogo e costruire un edificio a uso congiunto con il Provveditorato by redeveloping the site and building a joint-use facility with the Toronto cattolico di Toronto, per ospitare la nuova Accademia Dante Alighieri e reinCatholic District School Board to accommodate the new Dante Alighieri ventare il campus del Columbus Centre per le generazioni future. Le forze di Academy and a reimagined Columbus Centre campus for future generations. “salvezza” C.A.S.A. vogliono che la grandiosità del Columbus Centre rimanga The C.A.S.A. “save” forces want to keep Columbus Centre great as it is. tale e quale. The local Lawrence Avenue and Dufferin Street lawn signs indicate many I cartelli sui prati tra Lawrence Avenue e Dufferin Street indicano che molti may want to leave it as is. Yet sadly, many more either do not understand the vogliono mantenerlo così com’è. Tuttavia purtroppo, tanti altri, perché non comredevelopment being proposed or the development has not been made clear; prendono il risanamento proposto o perché il progetto di sviluppo non è stato they do not care or are silent on the matter, while the majority of “community” chiarito, non sono interessati o fanno silenzio al riguardo, mentre la maggioranza is fast moving beyond the ’hood and the debate. What are the ramifications for della “comunità” è già andata oltre il dibattito. Quali sarebbero le conseguenze the next five years, or 10 years or even for the next generation if the redevelopper i prossimi cinque, dieci anni o anche per la generazione futura, se si attuasse ment happens? What are they if it does not happen? When will this debate end? il piano di riqualifica? Quando avrà fine questo dibattito? Ci saranno presto Will there be less posturing and more transparency, clarity and goodwill soon? meno apparenza e maggior trasparenza, chiarezza e buona volontà? In my own household, the questions are different.“It’s January. How do A casa mia, ci si pone domande diverse: “È gennaio. Come facciamo a fare we make sausage, sopressata and prosciutto now that the ones who have made la salsiccia, la soppressata e il prosciutto, adesso che quelli che li hanno fatti per it for generations are no longer with us?” generazioni non sono più con noi?” As I struggle to find my way around all of these conundrums, my wife Mentre mi sforzo di trovare la mia soluzione a tutti questi rompicapo, mia pinpoints the real reason behind my malaise: “It’s the weather, caro!” moglie rintraccia la vera ragione dietro al mio malessere: “È il clima, caro!” Ah, yes it’s true. I’ve been cooped up, reading too many newspapers, Ah, sì, è vero. Mi rinchiudo, leggo troppi quotidiani, bevo troppi caffè e having too many espressos and watching too much TV. Real, fake or alternative guardo troppa TV. Le notizie vere, false o alternative mi fanno venire il mal di news gives me a headache, and makes us all worry too much. testa e ci preoccupano troppo. My thoughts turn to a musical Beach Boys’ remedy: “Key Largo, I miei pensieri si rivolgono a un rimedio musicale dei Beach Boys: Montego, baby why don't we go…” “Key Largo, Montego, baby why don't we go?” Of course, Valentine’s Day is coming up. Love and chocolate, sand and Certo, sta arrivando San Valentino. Amore, sabbia, mare, sole, cioccolata e sea and vitamin D will make us all feel better. vitamina D ci faranno sentire meglio. Pace e bene Pal Di Iulio Associate Editor pal@panoramitalia.com


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:03 AM Page 13


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:04 AM Page 14

14

LA COPERTINA

TEL PÈRE ET NON TEL FILS by / di LAURA GUZZO

La figure changeante du père italo-canadien

Photo / Vincenzo D'Alto

Le fait que la paternité soit en train de changer n’est plus un secret pour personne. Un papa qui pousse une poussette, change une couche ou aide son enfant à faire ses devoirs aurait semblé presque impossible il y a 50 ans alors qu’aujourd’hui, c’est la norme. Dans les cultures plus traditionnelles, comme celle des Italo-Canadiens, les vieux stéréotypes associés aux rôles des hommes et des femmes ont longtemps été maintenus. Beaucoup se souviennent d’avoir été élevés par une mère au foyer ou d’avoir été gardés par leurs nonnas. Papa a peut-être été une figure d’autorité – « Attends que ton père rentre à la maison ! » –, mais au quotidien, en matière d’éducation, il n’était souvent qu’une note de bas de page. Aujourd’hui, il est normal que les deux parents travaillent à temps plein. Selon les données de Statistique Canada, la participation des femmes à la main-d’œuvre a considérablement augmenté depuis la Seconde Guerre mondiale. En 2015, plus de 80 % des femmes canadiennes âgées de 25 à 54 ans étaient salariées, comparativement à 20 % en 1950. Mais ce ne sont pas que les changements démographiques liés au travail qui ont causé cette transition. Ces dernières décennies, de plus en plus d’hommes veulent s’impliquer davantage dans l’éducation de leurs enfants.

Il nuovo ruolo del padre italo-canadese

Alfredo Rapone à son domicile avec ses jumeaux Massimo et Matilda.

Inverser les rôles Prenez par exemple Carmine Isacco et sa femme, un couple de Markham, en Ontario. Ces parents de trois enfants (âgés de cinq, six et huit ans) ont décidé d’inverser les rôles et de rompre avec la tradition pour les élever. « Ma situation est un peu différente, car nous avons fondé notre famille sur le tard », explique l’homme de 47 ans. « C’est pourquoi je savais que je souhaitais participer activement dans leur éducation et que j’ai décidé de demeurer à la maison avec eux. On ne les a même pas envoyés à la garderie : ils étaient à temps plein avec moi. J’ai même appris à préparer moi-même de la nourriture pour bébé ! » Isacco, qui est coach du programme de soccer féminin et masculin à l’UniversitéYork, explique qu’il a grandi dans un climat italien traditionnel. « J’ai été élevé par ma mère et par ma grand-mère, qui habitait avec nous. Mon père rentrait le soir et nous saluait, mais les responsabilités parentales journalières incombaient aux femmes. Ce n’est pas sa faute. On ne s’attendait tout simplement pas à ça de la part des hommes à l’époque. Leurs rôles étaient d’aller travailler et d’être les pourvoyeurs de leur famille. C’est ainsi que cette génération a été élevée. J’éprouve un immense respect pour tous les efforts que ma mère et ma grand-mère ont déployés pour nous élever, ce qui m’a peut-être influencé dans ma décision d’être plus présent pour mes enfants. » Trouver l’équilibre Pour Alfredo Rapone, de Rivière-des-Prairies, être présent est une question de choix et de sacrifice. L’homme de 36 ans et sa femme travaillent tous les deux. Il est le propriétaire d’une compagnie de sécurité informatique. Sa femme est actuellement en congé de maternité et s’occupe de leurs jumeaux de 17 mois. « Elle s’occupe en bonne partie des tâches ménagères, car elle est maintenant à la maison, mais lorsque je rentre du travail, c’est moi qui prends la relève. Nous avons décidé d’avoir un foyer avec deux salaires et nous avons convenu de diviser les tâches. C’est une question d’équilibre. J’ai ma propre entreprise et je travaille beaucoup, mais j’ai tout de même fait le choix d’être là pour mes enfants, même si ça signifie parfois travailler jusqu’à minuit une fois qu’ils sont au lit. » Enfant, ses deux parents travaillaient et il a été témoin des efforts de coordination et des sacrifices nécessaires pour gérer une famille quand les deux parents travaillent. « Les tâches étaient divisées également. Mon père participait beaucoup : les repas, la discipline et j’en passe. Il s’implique aussi aujourd’hui avec ses petits-enfants. J’ai bénéficié, disons, d’un modèle plus actuel. La seule différence, c’est que mon père était un vrai Mussolini, bien qu’un tantinet plus clément… Il est beaucoup plus souple avec mes enfants ! »

Non è un segreto che la paternità sia cambiata. Cinquant’anni fa sarebbe stato quasi impensabile sentire di un papà che spinge un passeggino, che cambia un pannolino o che aiuta nei lavori domestici. Oggi è praticamente la norma. Nelle culture tradizionali, come quella italo-canadese, i vecchi stereotipi di genere sono stati mantenuti e rafforzati per generazioni. Molti di noi ricordano di essere stati allevati da mamme casalinghe o accuditi dalle nonne. I papà erano una presenza rara – “Aspetta che tuo padre torni a casa!” – ma quando si trattava del compito quotidiano di crescere i figli, erano spesso una figura di contorno. Oggi, è comune che entrambi, madri e padri, abbiano un lavoro a tempo pieno. Secondo Statistics Canada, la partecipazione delle donne alla forza lavoro è cresciuta in modo considerevole dalla Seconda guerra mondiale. Nel 2015, più dell’80% delle donne canadesi di età compresa tra 25 e i 54 anni faceva parte del mercato del lavoro, rispetto ad appena il 20% del 1950. Ma non è solo un cambiamento nella demografia del mondo del lavoro a provocare questo cambio di direzione. Negli ultimi decenni abbiamo assistito alla presenza di uomini che vogliono svolgere un ruolo sempre più attivo nella crescita dei propri figli.

Ribaltare la situazione Prendiamo Carmine Isacco, per esempio. Questo papà di Markham con tre figli (di cinque, sette ed otto anni), e sua moglie hanno scelto di ribaltare la tradizione quando è giunto il momento di decidere come avrebbero cresciuto i propri figli. “La mia situazione è un po’ diversa, considerato che abbiamo messo su famiglia un po’ più avanti nella vita,” dice il quarantasettenne. “Forse per questo sapevo di voler essere più coinvolto nella crescita, per cui ho deciso di rimanere a casa con loro. Non li abbiamo nemmeno mandati al nido – c’ero io, a tempo pieno. Ho persino imparato da solo a preparare gli omogeneizzati da zero!” Isacco, allenatore capo del programma di calcio della York University, che supervisiona sia la squadra maschile che quella femminile, dice di aver ricevuto una formazione italiana di tipo tradizionale. “Sono stato allevato da mia madre e da mia nonna, che viveva con noi. Mio padre tornava a casa la sera e diceva ciao, ma il lavoro dei genitori era a carico di mia madre. E non è colpa sua. Non ci si aspettava che gli uomini fossero coinvolti nel bagnetto serale, nell’ora della nanna e cose così. Compito dell’uomo era di guadagnare i soldi per sostenere la famiglia. È questo ciò che conosceva quella generazione. Provo un grandissimo rispetto per l’impegno che mia madre e mia nonna ci hanno messo per crescermi, cosa che potrebbe anche aver influenzato la mia decisione di essere così partecipe.” Fare in modo che funzioni Per Alfredo Rapone, di Rivière-des-Prairies, essere partecipi è solo questione di scelta e sacrificio. Il trentaseienne e sua moglie lavorano entrambi. È il proprietario di una compagnia di sicurezza elettronica. Sua moglie è al momento in maternità, per prendersi cura dei loro gemelli di 17 mesi. “Adesso molte delle faccende domestiche ricadono sulle sue spalle perché è a casa, ma una volta rientrato, le do il cambio. Scegliamo di avere un doppio reddito e di dividerci il lavoro. Non sarebbe giusto altrimenti. Posseggo la mia azienda e lavoro molte ore, ma voglio lo stesso essere presente nella vita dei miei figli, anche se questo significa lavorare fino a mezzanotte dopo averli messi a dormire.” I miei genitori lavoravano quando ero piccolo, poi ho capito cosa comporti gestire una famiglia quando sia la madre che il padre hanno un’occupazione fuori casa. “Si trattava davvero di una distribuzione equa dei compiti. Mio padre era sempre coinvolto: cene, educazione, qualunque cosa. Adesso dà persino una mano con i nipoti, per cui ho vissuto un’impostazione più moderna. L’unica differenza è che mio padre era come Mussolini – solo un po’ più clemente. È molto più indulgente con i miei figli!”


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:04 AM Page 15

LA COPERTINA

15

Dans le feu de l’action Avec trois filles de moins de trois ans, incluant des jumelles, Lucio Baruffa n’avait pas d’autre choix que de se retrousser les manches et de plonger dans l’action. « Quand on additionne changer les couches, faire à manger, jouer, donner le bain et coucher les enfants, ça devient très exigeant », explique ce papa de 41 ans originaire de Dorval, qui dirige la division de transport d’une entreprise en démarrage basée à Montréal en plus d’être copropriétaire d’une garderie. « Avec trois filles en bas âge, on n’y échappe pas. C’est pratiquement impossible d’y arriver seul. » Un monde sépare la façon dont Baruffa a été élevé et celui de ses filles. « Mon père était un papa typiquement italien », se souvient-il. « Il ne participait pas vraiment aux tâches lorsqu’on étaient bébés, mais a graduellement mis la main à la pâte au fur et à mesure qu’on vieillissaient. Je me rappelle qu’il travaillait constamment. C’était différent à l’époque. Cette génération cherchait encore à construire quelque chose de stable. La génération de nos grands-parents s’est établie ici et devait à tout prix travailler pour survivre. Lorsqu’est arrivé le tour de la génération de mes parents, ces derniers cherchaient essentiellement la stabilité. Maintenant que nous sommes mieux établis et plus solides, grâce à leurs sacrifices, nous avons le loisir de passer plus de temps avec nos enfants. Les mœurs ont aussi évolué. Je me demande parfois si un homme qui aurait voulu changer la couche de ses enfants il y a 50 ans aurait pu l’admettre à ses amis ! » Baruffa ajoute qu’il se trouve chanceux d’être témoin d’une belle évolution chez son père, qui prend aujourd’hui son rôle de nonno très à cœur. « C’est étonnant de regarder mon père agir en tant que grand-papa. C’est lui qui imposait la discipline quand nous étions jeunes, mais avec mes enfants, il est complètement différent. Je n’ai jamais vu autant de paquets de croustilles et de bonbons au chocolat passer entre les mains de cet homme-là. C’est fou ! » En fin de compte, avoir des papas plus présents peut aussi aider les enfants d’une autre manière. « Les enfants ont besoin de voir que les hommes et les femmes peuvent tous les deux s’occuper d’eux et se séparer les tâches équitablement », assure Isacco. Par chance, explique-t-il, la seule chose qui n’a pas changé dans la communauté italo-canadienne, c’est l’amour inconditionnel que les parents vouent à leurs enfants. « Nos parents vivaient pour leurs enfants, tout comme nous. » Rapone abonde dans le même sens : « Une famille forte est le plus beau cadeau que l’on puisse donner à ses enfants. Ça leur donne une longueur d’avance dans la vie. »

Al centro di tutto Con tre figlie sotto i tre anni, due delle quali gemelle, Lucio Baruffa non ha avuto scelta se non quella di rimboccarsi le maniche ed essere par tecipe. “Tra cambi di pannolino, pappe, gioco, bagnetto e l’ora della nanna, il ritmo è decisamente frenetico,” dice il quarantunenne residente a Dorval, che al momento gestisce la divisione trasporti di una start-up con sede a Montreal. È anche comproprietario di un nido per l’infanzia. “Ed essendo tutte e tre così piccole, non hai altra scelta se non quella di aiutare. Da solo non riesci a farcela. È un modo completamente diverso da quello in cui Baruffa è stato allevato. “Mio padre era il tipico padre italiano,” spiega. “Non era granché partecipe quando eravamo molto piccoli, ma gradualmente lo è diventato un pò di più quando siamo cresciuti. Mi ricordo che lavorava costantemente. Era diverso allora – quella generazione stava ancora cercando di creare una certa stabilità. La generazione dei nostri nonni è arrivata qua e doveva lavorare per sopravvivere. I miei genitori, poi, si sono impegnati a costruire delle fondamenta solide. Adesso che siamo più avviati e sicuri, grazie ai loro sacrifici, abbiamo il privilegio di trascorrere più tempo con i nostri figli. Aiuta anche il fatto che gli atteggiamenti si siano evoluti. A volte, mi domando se, 50 anni fa, un uomo che avesse voluto cambiare un pannolino, avrebbe mai potuto ammetterlo con gli amici!” Baruffa aggiunge che è for tunato a poter assistere all’evoluzione di suo padre, adesso nel ruolo di nonno molto affettuoso. “È stranissimo osservare mio padre come nonno. Con me era l’educatore, ma con i miei figli è completamente diverso. Non ho mai visto così tanti pacchetti di patatine e cioccolatini giungere dalle mani di quell’uomo – è una follia!” Alla fine avere più papà partecipi può risultare benefico per i figli in vari modi. “I bambini hanno bisogno di vedere che gli uomini e le donne possono provvedere alla famiglia e contribuire in modo equo” dice Isacco. Per fortuna, prosegue, l’unica cosa che non è cambiata all’interno della comunità italo-canadese è l’amore incrollabile dei genitori verso i loro figli. “I nostri genitori vivevano per i loro figli e lo stesso vale per noi.” Rapone concorda: “Una famiglia forte è il miglior regalo che si possa fare ai propri ragazzi. Li predispone a una vita di successo.”

over

Gianfranco Palmitano

e

E

x pyears erienc

C.: 514.889.8183

514.353.6677 Representatives :

Tony Ranellucci • Mauro Ranellucci

Now open! Come visit the new showroom at: 4465 boul. des Grandes-Prairies Montreal, QC www.interquebec.ca RBQ: 5732-3628-01


Montreal Feb / March 1-16 2018-02-08 10:04 AM Page 16

16

BABIES OF THE YEAR

I neonati dell’anno 2017

1-Ariella Maria Elisabetta February 7, 2017 Candice Adams & David Barbiero

2-Karissa Sienna Jolina Addesa Fischback April 10, 2017 Kayla Addesa & James Fischback

3-Liana Bologna October 16, 2017 Amanda Souza & Gerardo Bologna

4-Adriano Mario Mazzotta February 9, 2017 Melissa Spidalieri & Elio Mazzotta

5-Siena Alessandra Subrani February 7, 2017 Tanya Luongo & Franco Subrani

6-Noah Martucci October 7, 2017 Helene Sem & Domenic Martucci

7-Dante Maggio August 22, 2017 Cristina Argento & Joel Maggio

8-Kiara Lillo April 8, 2017 Jennifer Ricciuti & Giancarlo Lillo

9-Matteo Caruso January 24, 2017 Zoila Velazquez & Matteo Caruso

10-Mila D'Abramo July 4, 2017 Daniela Colafabio & Joe D'Abramo

11-Raffaele Andrea Marcone February 5, 2017 Sabrina Zito & Domenico Andrea Marcone

12-Elissa Gabriela Piazza May 6, 2017 Carolina Vera & Bobby Piazza

13-Theo A. Akrivos April 2, 2017 Vanessa Bridgman & Stephane Akrivos

14-Alessio Joseph Caruso May 17, 2017 Amanda Mazzanti & Matthew Caruso

15-Silvio Dante Biscotti July 26, 2017 Layla Callaghan & Marco Biscotti

16-Luca Russo July 31, 2017 Jasmine Pollice & Johnny Russo

17-Mila Margaret Cappello July 24, 2017 Melissa Villeneuve & Joey Cappello

18-Adriano Rossi April 1, 2017 Katherine Calabretta & Jason Rossi

19-Carlo Andreas Feliz Dominguez August 19, 2017 Carmelina Paci & Carlos Feliz Dominguez

20-Luca Kastrantas January 23, 2017 Laura Vena & Billy Kastrantas

21-Damiano Meglio June 11, 2017 Ida Iovanna & Patrizio Meglio

22-Fabiano Enea June 22, 2017 Christina Guido & Luca Enea

23-Ella Iannuzzi July 4, 2017 Josie D'Adamo & Tony Iannuzzi

24-Abigail Marie Miccoli March 27, 2017 Nadia Baratta & Pietro Miccoli

25-Luca Verrecchia March 27, 2017 Cynthia Antonucci & Jordan Verrecchia

26-Luca Petrino February 9, 2017 Sonia Ciccone & Franco Petrino

27-Savannah Caruso July 6, 2017 Felicia Spadafino & Andrew Caruso

28-Savannah Costantino August 5, 2017 Michelle Marchese & David Costantino

29-Mila Patton February 10, 2017 Chanelle Iacampo & Jason Patton

30-Victoria Teresa Ciocca January 1, 2017 Marie-JosĂŠe Lamy & Raffaele Jr Ciocca


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:05 AM Page 17

I NEONATI DELL’ANNO

17

I neonati dell’anno 2017

31-Mario Di Menna June 24, 2017 Ourania Kukolis & Gianmarco Di Menna

32-James Palermo February 25, 2017 Louisa Iacobacci & Giovanni Palermo

37-Adriano Lipari May 7, 2017 Sarah Tazi & Francesco Lipari

38-Adriano Iannetta June 7, 2017 Maria Verrillo & Antonio Iannetta

33-Alessia Massimetti January 9, 2017 Melissa Wood & Michael Massimetti

39-Luca Lefebvre October 17, 2017 Tina Di Biasio & Alain Lefebvre Jr

34-Ariana Rebelo Taraborelli August 5, 2017 Kelsy Duarte Rebelo & Daniel Taraborelli

40-Matteo Marra March 8, 2017 Laura Rigatuso & Achille Marra

35-Vittoria Addesso September 9, 2017 Lina Vincelli & Vince Addesso

41-Luca Giovanni Ruggi April 26, 2017 Amanda Borsellino & Marco Ruggi

36-Livia Baratta July 28, 2017 Michela Panzera & Phillip Baratta

42-D’angelo Benjamin Tirone November 2, 2017 Joanna Broccolini & Alessandro Tirone


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:05 AM Page 18

43-Mirko Jon Girosan June 3, 2017 Tania Tassone & Jason Girosan

49-Leo Magnus Raffael Bernardi May 11, 2017 Geraldine Anania & Nerio Bernardi

55-Aviana Sabbatino September 28, 2017 Anna Alvaro & Joey Sabbatino

44-Bridget Francis Murphy D’alesio October 29, 2017 Kate Murphy & Anthony D’alesio

45-James Michael Massitti January 11, 2017 Christina Masella & Vincent Massitti

46-Giuliano Riccio October 20, 2017 Kimberly & Alessandro Riccio

47-Lorenzo D’Elia May 17, 2017 Amélie Racine & Michele D’Elia

48-Leonardo Cono D’Elia June 16, 2017 Julie-Anne Moreau & Maurizio D’Elia

50-Leo James Knecht December 12, 2017 Christina Arciero & Jarred Knecht

51-Caralina Sofia Di Criscio October 29, 2017 Jennifer Sacco & Michael Di Criscio

52-Tessa Missori August 9, 2017 Sabrina Di Iorio & Massimo Missori

53-Isabella Maria Moshopoulos February 21, 2017 Melanie Nardozza & Alex Moshopoulos

54-Jordano Caccese October 18, 2017 Sofia Parvin & John Caccese

56-Valentina Di Benedetto August 4, 2017 Mara Nazzari & Marino Di Benedetto

57-Isabelle Giovanna Carlomusto July 14, 2017 Julia McGoldrick & Steven Carlomusto

58-Violeta Bascao Pepe February 9, 2017 Caroline Bascao & Filomeno Pepe

59-Liana Arya Namur March 24, 2017 Andrea Abdelhay & Edward Namur

60-Chiara Gattuso December 14, 2017 Lina & Stefano Gattuso

T A S E T O V R U O Y T S CA

A C . N A I L A T I F O T S E B . W WW R U O N I S T L U S E R R O F K O LO E U S S I 8 1 0 2 APRIL/MAY

8 1 20

POLLS CLOSE MARCH 19, 2018 ANSWER OUR SURVEY FOR YOUR CHANCE TO WIN A 250$ AMAZON GIFT CARD


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:05 AM Page 19

61-Milana Maria Grosso January 29, 2017 Natale & Franco Grosso

62-Leonardo Bisceglia March 31, 2017 Daniela Frabasile & Paolo Bisceglia

63-Gabriella Bisceglia June 9, 2017 Irina Ionescu & Giancarlo Bisceglia

67-Stella Vavougios October 14, 2017 Linda Varacalli & Stavros Vavougios

68-Mia De Felice May 8, 2017 Nadia Tamburro & Laurent De Felice

69-Vienna Pace August 12, 2017 Maria Cristina Pace

72-Milena Adriana Cicora August 5, 2017 Loredana Romanelli & Giulio Cicora

73-Sofia Sarbanis April 24, 2017 Vanessa Mastromonaco & Angelis Sarbanis

74-Haley Lauren Browne November 27, 2017 Daniella & Ryan Browne

64-Antonio Domenico De Sua June 7, 2017 Anastasia Nardelli & Anthony De Sua

65-Valentina Mambro May 25, 2017 Vanessa A Ferrara & Carlo Mambro

70-Rocco Bruno & Stefano Anthony Ranieri August 21, 2017 Sophia Amendola Ranieri & Anthony Ranieri

75-Leonardo Giliati August 27, 2017 Lina Maiolo & Stefano Giliati

76-Leonardo Lepage September 12, 2017 Laura Trozzo & David Lepage

66-Tessa Nella Galardo July 8, 2017 Amanda Ennis & Mark Galardo

71-Mirella Iannetta December 26, 2017 Vittoria Presta & Giorgio Iannetta

77-Spiros Dellaportas May 6, 2017 Stephanie Settino & Dionisios Dellaportas


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 20

78-Julius Donato Cimino 79-Gabriella Valeria Lawandi May 2, 2017 February 7, 2017 Cristina Oliveira Gameiro & Carla Valerio & Matthew Cimino Ramy Lawandi

80-Zara Rossi August 13, 2017 Melissa Cannavino & Mike Rossi

81-Francesca Perretta June 15, 2017 Marilena Verrillo & Antonio Perretta

82-Raffaele Paci December 11, 2017 Amanda Malagisi & Liborio Paci

83-Elisa Rose Testani February 3, 2017 Elaine Mandanici & Rino Testani

84-Clara Anna Maddalena 85-Alexya Parent Marcanio May 11, 2017 May 7, 2017 Amalia Lavoratore & Marie-Josée Parent & Eric Maddalena Anthony Marcanio

86-Tiago Carvalho November 26, 2017 Natasha Berry & Sebastien Carvalho

87-Emilia Russello July 4, 2017 Sylvia Ciccarelli & Joseph Russello

88-Cassandra Recine May 20, 2017 Melisa Nestore & Christopher Recine

89-Stefano Tirone June 7, 2017 Amanda Cerilli & Luciano Tirone

93-Stella Valentina Girard November 1, 2017 Melissa Paris & Jonathan Girard

94-Dante Amato August 18, 2017 Vanessa Antonacci & Vincenzo Amato

95-Emilio Bruno Charbonneau February 28, 2017 Sabrina Lucifero & Olivier Charbonneau

90-Eva Perluzzo August 27, 2017 Marie-Eve Lefebvre & Tony Perluzzo

91-Jonathan Lorenzo April 7, 2017 Maria Melillo & Giorgio Palermo

92-Francesca Paola Fabrizio August 23, 2017 Sonia Cunsolo & Tony Fabrizio

96-Emmanuella Di Niro October 13, 2017 Geneviève N. Roberge & Michelangelo Di Niro

97-Eviana Rose Zampini August 26, 2017 Carmy Ippolito & Johnny Zampini

98-Gabriella Sansalone March 16, 2017 Antonietta Cotugno & Carmelo Sansalone

99-Emilia Carlino October 19, 2017 Josie Fragapane & Mario Carlino

102-Bianca Marie Guarraggi November 21, 2017 Julie Vitolla & Girolamo Guarraggi

103-Jacob Ardaya September 15, 2017 Giuseppina Corbo & Michael Ardaya

104-Lea Louisa Ferrara December 19, 2017 Mirella Del Greco & Michelino Ferrara

105-Valentina Teresa Attivissimo June 15, 2017 Nadia Oppedisano & Joey Attivissimo

106-Jordano Marcotte May 6, 2017 Cinzia D’Angelo & Frederic Marcotte

107-Julian Massimo Dumont March 6, 2017 Christine Romanelli & Jonathan Dumont

108-Alexander Jarrouche June 29, 2017 Melania Cartillone & George Jarrouche

109-Bridget Diana D’Alesio October 29, 2017 Kate Murphy & Anthony D’Alesio

110-Serina Ann Luigina Benton October 13, 2017 Christina Torino Benton & Danny Benton

111-Gienna Maria Buccella April 8, 2017 Giuseppina Primiano & Paolo Buccella

112-Luca Novoa Martino November 3, 2017 Laura Aranda & John Martino

113-Giuseppe Guglielmo February 17, 2017 Jennifer Zinicola & Angelo Guglielmo

100-Alessandro Carmelo Garone July 14, 2017 Claudia Garone

101-Alessio Isaac Tortorici July 18, 2017 Claudia Calderon & Giuseppe Tortorici


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 21

114-Liana Sara Di Iorio September 14, 2017 Melissa Miglialo & Gabriele Di Iorio

115-Antonino Libertella June 6, 2017 Tania Elisio & Johnny Libertella

120-Victoria Rose Fronte October 24, 2017 Serena & Mike Fronte

121-Michael Andrea Chiappetta August 4, 2017 Lisa & Andrea Chiappetta

126-Anna Lara Bertolotti September 4, 2017 Nadia DeGiorgio & Luis Bertolotti

127-Samantha Ida Serrecchia September 2, 2017 Lisa & Alan Serrecchia

116-Anabella Lucia Marziliano June 13, 2017 Andrew & Vanessa Marziliano

117-Savana Esposito March 22, 2017 Andrea Honiges & Daniel Esposito

122-Vincenzo Aloia-Pannia 123-Catarina Flavia De Feo July 19, 2017 July 11, 2017 Cara Galluzzo & Cristina & Peter Aloia-Pannia Anthony De Feo

128-Julian Monti October 9, 2017 Andrea Quintero & Paul Monti

129-Daniel Francesco Caputo August 12, 2017 Ivana & Anthony Caputo

118-Gabriel Vincent Gareri September 30, 2017 Daniela & Christopher Gareri

119-Elliott Sofia Mendicino Sanelli October 16, 2017 Andria Mendicino & Domenic Sanelli

124-Mia Valentina Falconi August 15, 2017 Julie & Luca Falconi

125-Sophia Rachel Aloisio November 2, 2017 Christie McPhee & Edward Aloisio

130-Noah Nicola Bevacqua February 15, 2017 Jackie & John Bevacqua

131-Cecilia Maria Santi April 4, 2017 Amanda & David Santi


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 22

22

LIFE & PEOPLE

BABY TIPS AND TRICKS Consigli e trucchi per il bebè by / di DANILA DI CROCE

Old world advice versus modern standards New parents are often overwhelmed with the multitude of responsibilities that come with their little bundle of joy. When they seek help from family members of an older generation, that advice tends to be based on traditional practices. This sometimes leads to frustration when it conflicts with current knowledge offered by pediatricians. But tips and tricks from the older generation don’t always have to clash with the new. Parents can borrow from old world techniques and modern methods when caring for their baby. Upon the birth of her two daughters, born three years apart, 45-yearold Erica Davoli quickly learned that her mother’s support could be more stressful than soothing at times. The two often disagreed about how to care for the babies. “It was tough,” says Davoli. “My mother would suggest things for me to do to help calm my daughters when they were cranky, but often-times what she said contradicted what I read or what my pediatrician suggested.” For example, Davoli’s mother advised giving the babies some water in order to “clean them out.” While this may sound harmless, Torontobased pediatrician Dr. Angelo Simone warns that this could actually be quite dangerous: “If you give babies too much water you can actually cause low sodium level in the blood, known as hyponatremia.” Another tradition Davoli dismissed was cutting her daughters’ hair short in order to strengthen it. Carol Anne Skorvaga and Sarah Baker, birth and postpartum doulas in Mississauga, find this suggestion common within many different cultures: “We have various clients who practice this tradition. While there is no substantial evidence that supports the belief that a baby’s hair will grow back thicker or healthier, it’s a relatively harmless practice.” How about wrapping babies in cloth in order to ensure their legs grow straight? Teresa Febbruario, 72, recalls this practice well. “In the olden days, babies were wrapped up in a mummy-like fashion from the chest down to keep their limbs straight. I remember my mother wrapping my sister and she did it to me as well.” These mothers didn’t realize that

Vecchi consigli versus metodi moderni

I neo-genitori si sentono sopraffatti dalla moltitudine di responsabilità che i nuovi nati compor tano. Se si rivolgono in cerca di aiuto ai familiari della generazione precedente, troveranno che i loro consigli sono basati su pratiche tradizionali. Il fatto che talvolta questi contrastino con ciò che attualmente sostengono i pediatri genera frustrazione. Ma i suggerimenti e i trucchi della generazione passata non devono necessariamente scontrarsi con i nuovi. Nell'allevare i figli, i genitori possono adottare sia le tecniche del passato che i metodi moderni. Quando le sue due figlie sono nate, a tre anni di distanza l’una dall’altra, la 45enne Erica Davoli ha capito subito che il sostegno di sua madre poteva essere a volte più stressante che altro. Le due erano spesso in disaccordo su come accudire le bambine. “È stata dura,” dice Davoli. “Mia madre mi dava consigli su come calmare le mie figlie quando facevano i capricci, ma spesso ciò che lei diceva era in contraddizione con quanto leggevo o con ciò che il mio pediatra suggeriva.” Per esempio, uno dei consigli della madre di Davoli era di dare alle bambine dell’acqua per “ripulirle.” Per quanto possa sembrare innocuo, il dottor Angelo Simone, pediatra di Toronto, avver te che questo potrebbe essere pericoloso: “Se si dà troppa acqua ai bambini piccoli, si può causare loro un abbassamento dei livelli di sodio nel sangue, noto come iponatriemia.” Un’altra tradizione che Davoli ha scartato è quella di tagliare i capelli corti alle sue figlie allo scopo di rinforzarli. Carol Anne Skorvaga e Sarah Baker, doule per il percorso perinatale a Mississauga, trovano che questo suggerimento sia comune in molte altre culture: “Abbiamo vari clienti che praticano questa tradizione. Pur non essendoci prove che dimostrino che i capelli di un bambino ricrescerebbero più folti e più sani una volta tagliati, si tratta di una pratica tutto sommato innocua. E che dire di fasciare i nuovi nati con un panno per assicurarsi che le gambe gli crescano dritte? Teresa Febbruaio, 72, ricorda bene quest’usanza. “In passato, i bebè venivano fasciati a mo’ di mummia dal petto in giù per mantenere dritti i loro arti. Ricordo che mia madre fasciava mia sorella e l’ha fatto anche con me.” Queste madri non si rendevano conto che tale pratica poteva in effetti danneg-


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 23

LIFE & PEOPLE

23

giare la salute di loro figli. “Secondo l’Hip Dysplasia Institute, l’abitudine di this practice could actually be quite detrimental to their babies’ health. fasciare un bambino con dei panni o con una coperta potrebbe effettivamente “According to the Hip Dysplasia Institute, the practice of binding a baby causare displasia,” avverte Baker. in cloth or blanket could actually cause hip dysplasia,” Baker warns. Anche se i consigli della nonna possono sembrare completamente superati, While it may seem like nonna’s advice is completely out of date, don’t non ignorateli del tutto. La madre di Davoli e quella di Febbruaio credevano che discount her just yet. Both Davoli’s mother and Febbruario’s mother immergere il ciuccio nello zucchero fosse utile a calmare i bambini. believed that dipping a pacifier in sugar would provide a calming effect. Il dottor Simone, che insegna anche alla facoltà di medicina all’Università di Dr. Simone, who also teaches in the faculty of medicine at the UniToronto presso il campus di Mississauga, dice che questi trucchi antichi hanno versity of Toronto (Mississauga Campus), says these old tricks have some una qualche validità: “È dimostrato validity: “There is good eviche lo zucchero ha un effetto caldence that sugar has a sooth“When it comes to raising baby, it’s a good idea mante sul cervello del bebè.” Rivela ing effect on the baby’s brain.” inoltre che soluzioni ad alto conHe further reveals that high to consider using safe and proven traditional tenuto di glucosio vengono di fatto glucose solutions are in fact practices as well as modern ones.” utilizzate negli ospedali. “Queste used in hospitals. “[These sovengono date ai bambini al Trillium lutions] are given to babies at [Health Centre] per sedarli Trillium [Health Centre] in durante le procedure,” spiega. order to sedate them during “Quando si tratta di allevare un figlio, è bene Davoli ha inoltre smesso procedures,” he explains. di dare ascolto ai consigli della Davoli also tuned out her adottare sia pratiche tradizionali, sicure e madre secondo cui la camomilla mother’s suggestion of to use collaudate, che metodi moderni.” servirebbe ad alleviare i disturbi di chamomile tea to ease her stomaco delle bambine e il latte di daughters’ upset stomachs as asina avrebbe proprietà benefiche. Tuttavia, il dottor Simone sta dalla parte della well as her mother’s suggestion that donkey’s milk would be beneficial for nonna ancora una volta: “La camomilla è spesso consigliata per i the girls. However, Dr. Simone sides with nonna once again: “Chamomile bambini che soffrono di coliche,” fa notare. “Per quanto riguarda il latte di asina, tea is often recommended for babies that are colicky,” he points out. “In è ottimo in quanto nutriente e molto simile al latte materno. Era molto diffuso regards to donkey’s milk, it’s an excellent source of nutrition and very in epoca romana, e persino Ippocrate, il padre della medicina, ne parlò close to breast milk. It was very popular during the Roman times, even molto bene.” Hippocrates, ‘the father of medicine,’ spoke highly of it.” Quando si tratta di allevare un figlio, è bene quindi adottare sia pratiche It seems then that when it comes to raising your baby, it’s a good idea tradizionali, sicure e collaudate, che metodi moderni. “Ci sono state volte in cui to consider using safe and proven traditional practices as well as modern i suggerimenti di mia madre sono stati d’aiuto,” dice Davoli. “Penso che si tratti ones. “There were definitely times when my mom’s suggestions helped,” in sostanza di trovare un equilibrio.” Davioli says. “I think it’s all about finding balance.”


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 24

24 LIFE & PEOPLE

PATRICIA BORTOLUZZI par / di CAROLE GAGLIARDI

La chirurgienne qui donne une nouvelle vie aux enfants Patricia Bortoluzzi est chirurgienne spécialisée en chirurgie plastique reconstructive cranio-maxillo-faciale auprès des enfants et des jeunes adultes âgés de 24 ans ou moins et atteints d’anomalies complexes du visage et de la voûte crânienne. Elle se spécialise aussi en chirurgie labiopalatine, en microchirurgie, en chirurgie de réanimation faciale chez les enfants dépourvus du nerf leur permettant de sourire et en chirurgie pour enfants brûlés. Elle pratique depuis 1992, à l’hôpital Sainte-Justine à Montréal. Patricia Bortoluzzi n’était pas destinée à devenir chirurgienne. Ses parents, des immigrants italiens arrivés au Québec au cours des années 1950, étaient très peu scolarisés, et la famille immédiate ne comptait aucun médecin. Mais Patricia Bortoluzzi, élève modèle et travaillante – mais qui se défend d’avoir été une « nerd » –, désirait devenir pédiatre. Armée des valeurs que ses parents lui ont inculquées, soit l’intégrité, une bonne dose d’humilité, un sens de la famille et surtout, la conviction que tout peut s’acquérir en travaillant fort, elle a poursuivi son rêve et s’est inscrite en médecine à l’Université de Montréal. Au cours de ses études, elle a croisé des gens et des médecins extraordinaires qui l’ont influencée dans le choix de sa spécialité, si bien que, même si elle s’en croyait initialement incapable, elle a opté pour la chirurgie plastique pédiatrique et cranio-maxillo-faciale. « C’est passionnant. C’est un travail manuel minutieux qui me convient parfaitement. Les résultats sont immédiats, et on peut avoir une vie de famille équilibrée. » Patricia Bortoluzzi répare les erreurs de la nature dont souffrent ses jeunes patients. Depuis 1999, elle donne une deuxième chance aux enfants qu’elle opère et qui autrement auraient une vie sociale difficile, voire impossible. Les opérations sont infiniment délicates, précises et complexes. La chirurgienne agit comme une magicienne qui sait calculer, déplacer, replacer et corriger les éléments déficients de l’anatomie de ses patients. Le curriculum vitæ de la Dre Bortoluzzi est impressionnant. Ses collaborations au sein de comités scientifiques et médicaux sont nombreuses et ses publications également. Professeure de clinique agrégée, elle est directrice de la clinique crâniofaciale au Centre hospitalier universitaire Sainte-Justine depuis 1997. Elle a été directrice du programme de chirurgie plastique de l’Université de Montréal de 2009 à 2013 et présidente de la Société canadienne des chirurgiens plasticiens en 2012. En 2007, à l’instar d’autres chirurgiens spécialisés en pédiatrie, Patricia Bortoluzzi effectue une première mission humanitaire en Amérique du Sud avec l’organisme Smile Network. « Je suis devenue instantanément accro. Pou-

Il chirurgo che dona nuova vita ai bambini

Patricia Bor toluzzi è specializzata in chirurgia plastica ricostruttiva craniomaxillo-facciale per bambini e giovani adulti di 24 anni o meno, con anomalie facciali e craniche. È inoltre specializzata in chirurgia labiopalatine, microchirurgia, chirurgia di rianimazione facciale per bambini privi del nervo per sorridere e chirurgia per bambini ustionati. Pratica dal 1992 all’ospedale Sainte Justine di Montreal. Patricia Bortoluzzi non era destinata a diventare chirurgo. I suoi genitori, immigrati italiani arrivati in Quebec nel corso degli anni ’50, avevano pochissima istruzione, e in famiglia nessuno era medico. Ma Patricia Bortoluzzi, studente modello e lavoratrice – ma che si difende dicendo di non essere stata un “nerd” -, desiderava diventare pediatra. Armata dei valori che i suoi le avevano trasmesso, l’integrità, una buona dose di umiltà, il senso della famiglia, e soprattutto, sapendo che tutto è possibile lavorando sodo, ha perseguito il suo sogno e si è inscritta a medicina all’Università di Montreal. Nel corso dei suoi studi, ha incontrato persone e medici straordinari che l’hanno influenzata nella scelta della sua specializzazione, anche se inizialmente pensava di non essere capace, ed ha optato per la chirurgia plastica pediatrica e craniomaxillo-facciale. “È appassionante. È un lavoro manuale minuzioso che si adatta a me perfettamente. I risultati sono immediati e si può avere una vita privata equilibrata.” Patricia Bortoluzzi ripara gli errori della natura di cui soffrono i suoi giovani pazienti. Dal 1999 ha dato una seconda possibilità ai bambini che opera e che altrimenti avrebbero una vita sociale difficile o impossibile. Le operazioni sono infinitamente delicate, precise e complesse. Il chirurgo agisce come un mago che sa calcolare, spostare, riposizionare e correggere le parti danneggiate dei suoi pazienti. Il curriculum vitae della Dottorressa Bor toluzzi è impressionante. Le sue collaborazioni nelle commissioni scientifiche e mediche sono numerose così come le sue pubblicazioni. È professore clinico associato, e direttrice della clinica craniofacciale presso il Centro ospedaliero universitario Sainte-Justine dal 1997. È stata direttore del programma di chirurgia plastica all'Université de Montréal dal 2009 al 2013 e presidente della Canadian Society of Plastic Surgeons nel 2012. Nel 2007, insieme ad altri chirurghi pediatrici, Patricia Bortoluzzi ha fatto la sua prima missione umanitaria in Sud America con Smile Network. "Ne sono diventata immediatamente dipendente. Essere in grado di incidere direttamente sull’esistenza di un bambino che non avrebbe mai avuto questa opportunità, vederlo passare da una vita di abbandono ad una vita completa-


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 25

LIFE & PEOPLE 25 voir toucher directement la vie d’un enfant qui n’aurait jamais eu cette possibilité, le voir passer d’une vie de négligence à une vie tout à fait normale, savoir qu’on a contribué à cela, c’est grisant ! » Les opérations ne requièrent pas d’équipement médical sophistiqué. Patricia Bortoluzzi part quatre fois par année, pendant une ou deux semaines, parfois avec son conjoint, parfois avec ses enfants, Alexandra et Mackenzie. Elle opère de jeunes patients atteints de malformations labiopalatines, mais sa contribution dépasse l’acte médical. Patricia Bortoluzzi me raconte l’histoire de David, qui a fait un voyage de 12 heures, dont quatre heures de marche, pour se faire opérer. David, cet enfant que les villageois fuyaient, a réintégré son village et on le surnomme « le miraculé » ! Il y a aussi cette dame de 72 ans, au visage sillonné de rides profondes, à qui le mari refusait l’accès à l’opération. Elle s’est rendue à la clinique une fois son mari décédé. « Je préfère mourir sur une table d’opération plutôt que de continuer de vivre avec cette fente », a-t-elle dit à la Dre Bortoluzzi. Certains nourrissons sont à risque, car ils ne peuvent pas s’alimenter convenablement. Bortoluzzi et son personnel doivent alors enseigner aux mamans comment les nourrir jusqu’à ce qu’ils soient en âge de subir l’opération. L’entrepreneur Jeffrey Speak, le conjoint de Bortoluzzi, est son plus grand admirateur. « J’ai réussi grâce à Jeff, je lui dois beaucoup », raconte-t-elle. Touchés par les besoins criants des enfants et par la collaboration toute particulière d’une bénévole du nom de Tessa, Patricia et Jeffrey ont organisé une campagne de financement à leur domicile le 7 décembre dernier et ont amassé 480 000 $ en une seule soirée pour construire la clinique TESS UNLIMITED au Guatemala. Cette clinique permettra de doubler le nombre de missions humanitaires par année, le faisant passer à 12. Elle sera dotée de deux salles opératoires et de nouveaux appareils à la fine pointe de la technologie. Les médecins pourront alors effectuer chaque semaine de 20 à 25 opérations chacun. « Nous pourrons opérer dans de meilleures conditions, les mêmes qu’au Québec. » La chirurgienne entend poursuivre son travail et son engagement humanitaire pendant de nombreuses années encore. La famille voyage régulièrement un peu partout à travers le monde, tout particulièrement en Italie, où elle possède une villa jouissant d’une vue imprenable sur le lac de Côme. « En plein milieu du salon trône une photo de mon père, décédé à l’âge de 56 ans, en souvenir de cet homme formidable qui m’a permis d’être celle que je suis devenue. »

mente normale, sapere di aver contribuito a questo, è esaltante!’’ Le operazioni non richiedono attrezzature mediche sofisticate. Patricia Bortoluzzi parte quattro volte l'anno, per una o due settimane, a volte con suo marito, a volte con i suoi figli, Alexandra e Mackenzie. Si occupa di giovani pazienti con malformazioni labiopalatine, ma il suo contributo va oltre la procedura medica. Patricia Bor toluzzi mi racconta la storia di David, che ha fatto un viaggio di 12 ore, di cui quattro a piedi, per farsi operare. David, il bambino da cui gli abitanti del paese fuggivano, si è reintegrato ed è stato soprannominato "il miracolo"! C'è anche questa signora di 72 anni il cui volto è attraversato da profonde rughe, il marito ha rifiutato l'accesso all'operazione. Quando morì, la signora andò in clinica. "Preferirei morire su un tavolo operatorio piuttosto che continuare a vivere con il labbro leporino." disse alla dottoressa. Alcuni bambini sono a rischio perché non possono nutrirsi correttamente. Bor toluzzi e il suo staff devono quindi insegnare alle mamme come dar loro da mangiare finché non sono abbastanza grandi da subire l'operazione. L'imprenditore Jeffrey Speak, il marito di Bortoluzzi, è il suo più grande ammiratore. "Sono riuscita grazie a Jeff, gli devo molto," dice. Colpiti dalle enormi necessità dei bambini e dalla speciale collaborazione di una volontaria di nome Tessa, Patricia e Jeffrey organizzarono una campagna di raccolta fondi a casa loro il 7 dicembre scorso e hanno raccolto in una sera $ 480.000 per costruire TESS UNLIMITED in Guatemala. Questa clinica raddoppierà il numero di missioni umanitarie all'anno, arrivando a 12. Sarà dotata di due sale operatorie e di nuovi dispositivi all'avanguardia. I medici saranno quindi in grado di eseguire ogni settimana dalle 20 alle 25 operazioni ognuno. "Saremo in grado di operare in condizioni migliori, come nel Quebec. " Il chirurgo intende continuare il suo lavoro e il suo impegno umanitario per molti anni a venire. La famiglia viaggia regolarmente in tutto il mondo, soprattutto in Italia, dove ha una villa con una vista mozzafiato sul Lago di Como. "Nel mezzo del soggiorno c'è una foto di mio padre, che è morto all'età di 56 anni, in memoria di questo grande uomo che mi ha permesso di essere quella che sono diventata. "

I

OUR NEWEST ACQUISITION. WE ARE HERE TO MAKE THE DIFFERENCE.

FRANK BERGON VP OF FIXED OPERATIONS 450.668.1650 Parliamo Italiano • Open Saturdays

1950 Boulevard Chomedey, Laval, QC. H7T 2W3

www.infinitilaval.ca


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 26

26 LIFE & PEOPLE

21ST CENTURY AMORE L’amore nel 21esimo secolo by / di SARA GERMANOTTA

Technology revolutionizes how we find love Mike Garofalo is looking for love. The 48-year-old construction worker from Montreal says he outgrew the club and bar scene about 10 years ago, so he decided to give online dating a shot. “I wanted to try something different, something new,” explains the divorced father of one. “I’m looking for a serious, longterm relationship. But the online scene is not easy. People are not always what they seem to be in their profiles.” Garofalo says he’s tried several online dating sites over the years, including Match.com, Tinder and Vancouver-based Plenty of Fish. He is not alone. According to the 2016 Statistics Canada census, there are more than 14 million singles in Canada – and a lot of them are turning to technology to meet their romantic match. A Léger Marketing survey has found 36% of Canadians between the ages of 18 and 34 use online dating. Laura Bilotta is a Toronto-based matchmaker, radio host and author of the new book Single in the City: From Hookups & Heartbreaks To Love & Lifemates:Tales & Tips To AttractYour Perfect Match. Bilotta says the online dating scene has exploded in the last few years and she’s noticed an increase in the number of Italian-Canadians who are wading into the internet dating pool. “There is no longer a stigma attached to online dating like there was 10 or 15 years ago. I’m seeing many Italian-Canadians, despite coming from a very traditional culture, setting up online profiles,” explains the 47-year-old. “Italians are so proud of their culture so you always know right away who’s Italian. They have usernames like Italian Stallion,” she laughs. Although Bilotta says online dating is no longer seen as taboo, it hasn’t made finding love any easier. “Technology can be overwhelming, and there are so many options out there that people forget that finding a mate is about more than just looking at a picture and swiping left or right,” she says. “It’s also creating this paradox of choice because people feel as though there are so many options, they’re afraid to commit to one person because they think the grass is greener on the other side.” It’s a conundrum Mike Garofalo is familiar with. “I am seeing three or four different girls right now,” admits Garofalo. “I’m just weighing my options.” Sophia Taglienti is the owner of a Montreal-based production and pro-

La tecnologia rivoluziona il modo in cui troviamo l’amore

Mike Garofalo cerca l’amore. Il 48enne operaio edile di Montreal dice che ormai da dieci anni non gli interessa più frequentare le discoteche e i locali, e così ha deciso di provare gli incontri online. “Volevo tentare qualcosa di diverso, di nuovo,” spiega Mike, divorziato e padre di un figlio. “Cerco una relazione seria, a lungo termine. Ma il dating online non è facile. Le persone non sono sempre come appaiono nei loro profili.” Garofalo dice di aver sperimentato parecchi siti di incontri online nel corso degli anni, tra cui Match.com, Tinder e il Plenty of Fish di Vancouver. Non è solo. Secondo il censimento di Statistics Canada ci sarebbero più di 14 milioni di single in Canada – e molti di loro ricorrono alla tecnologia per trovare la dolce metà. Secondo un sondaggio di Léger Marketing, il 36% dei canadesi di età compresa tra i 18 e i 34 anni utilizza i siti di dating. Residente a Toronto, Laura Bilotta è organizzatrice di incontri, conduttrice radiofonica e autrice del nuovo libro Single in the City: From Hookups & Heartbreaks To Love & Lifemates: Tales & Tips To Attract Your Perfect Match. Bilotta dice che negli ultimi anni gli incontri online sono cresciuti rapidamente e ha notato un aumento nel numero di italo-canadesi che esplorano la possibilità di trovare un partner tramite internet. “Non esiste più da già 10 o 15 anni lo stigma degli incontri online. Ho notato tanti italo-canadesi creare profili online, nonostante la loro cultura molto tradizionale,” spiega la 47enne. “Gli italiani sono particolarmente fieri della loro appartenenza, quindi si sa subito chi è italiano. Hanno nomi utente come Stallone Italiano,” ride. Il fatto che gli incontri online non siano più considerati tabù, non significa che trovare l’amore sia più facile, sostiene Bilotta. “La tecnologia può essere travolgente e ci sono così tante opzioni a disposizione che la gente dimentica che trovare un partner è qualcosa di più che guardare semplicemente delle foto e cliccare di qua e di là,” dice. “Crea inoltre l’imbarazzo della scelta. Le innumerevoli opzioni rendono gli utenti restii ad impegnarsi con una persona, per paura che poi ne venga fuori una migliore.” È un dilemma che Mike Garofalo conosce bene. “Sto uscendo con tre o quattro ragazze diverse attualmente,” ammette Garofalo. “Valuto le varie opzioni.” Sophia Taglienti è proprietaria di uno studio di produzione e promozione a Montreal. Ha creato profili su diversi siti, tra cui Plenty of Fish,Tinder e OkCupid. Gli


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 27

LIFE & PEOPLE 27

incontri online non sono per i deboli di cuore, sostiene. “Ho cancellato molti dei motion company. She’s created profiles on several sites, including Plenty of miei profili online perché ricevevo un sacco di messaggi arroganti e inappropriati da Fish, Tinder and OkCupid. She says online dating is not for the faint of heart. uomini che avevano soltanto secondi fini. Ho dovuto prendere le distanze per un “I’ve deleted a lot of my online profiles because I was getting so many rude po’ perché mi sono sentita sopraffatta,” spiega la 23enne. and inappropriate messages from men who just wanted to hook up. I had to Bilotta definisce questa come una delle trappole del mondo degli incontri take a break because it was overwhelming,” explains the 23-year-old. online. “La tecnologia ha creato una Bilotta says this is one of the sorta di cultura dell’incontro in cui pitfalls of the internet dating “According to the 2016 Statistics Canada census, le persone mirano solo ad andare a world. “This technology has crethere are more than 14 million singles in Canada – letto con qualcuno senza creare una ated a hook-up culture where connessione reale,” spiega. “Credo people are just jumping into the and a lot of them are turning to technology to meet che molte persone non sappiano sack without creating a real contheir romantic match.” giocare al gioco degli incontri online, nection,” she explains. “I think a e il risultato è che si sentono inaplot of people don’t know how to pagate. Inviare messaggi come “Sei play the online dating game, and “Secondo il censimento di Statistics Canada ci sexy” non è il modo per instaurare it’s leaving them feeling unfulsarebbero più di 14 milioni di single in Canada – una connessione con qualcuno.” filled. Sending a message like e molti di loro ricorrono alla tecnologia per Sebbene Taglienti e Garofalo ‘You’re hot’ is not a way to make non abbiano ancora raggiunto a connection with someone.” trovare la dolce metà.” quello che cercano, ci sono molti Although Taglienti and italo-canadesi che hanno trovato l’amore attraverso il mondo virtuale. Garofalo may not have found what they’re looking for yet, there are many Adriano* di Montreal ha conosciuto sua moglie ad un evento di incontri che Italian-Canadians who are finding romance via the virtual world. aveva trovato su internet. Il 52enne si era iscritto al sito di dating Lavalife, ma dice di Adriano* is a Montrealer who met his wife at a speed dating event he aver trovato l’intera esperienza decisamente superficiale. Gli serviva di più di una learned about online. The 52-year-old had signed up to the Lavalife dating site, foto di profilo per stabilire una connessione. “ È difficile essere attratti da una foto but he says he found the whole experience to be very superficial. He needed soltanto. L’interesse è legato al modo di fare e di esprimersi di una persona, al more than an online profile picture to make a connection. “It’s hard to be linguaggio non verbale,” dice. “A mio avviso, è una triste realtà che la persona della attracted to just a picture. Attraction comes from seeing a person’s mannerisms, tua vita potrebbe essere lì ma che la si ignori cliccando altrove in un sito di incontri how they talk, body language,” he says. “I find it a sad reality that the person online.” of your life might be out there but you click past them on a dating site.” Anche secondo Bilotta basarsi esclusivamente su una foto di profilo è alquanto Bilotta agrees that relying solely on a profile picture is quite superficial. superficiale. Dice che è importante soffermarsi a leggere ciò che le persone She says it’s important to actually read what people write in their profiles. “And scrivono. “E bisognerebbe anche investire nella creazione di profili che siano ben people should also invest in creating profiles that are well-thought out and progettati e genuini,” dice Bilotta. “Le relazioni si costruiscono sulla base di genuine,” says Bilotta. “Relationships are built on having similar interests and interessi e idee in comune. Non limitatevi a guardare una foto e a dire “sì!” oppure ideas. Don’t just look at a picture and say ‘yea’ or ‘nay’. Read their profiles; give “no.” Leggete i loro profili; dategli una possibilità. Sarete sorpresi da chi vi potrebbe them a chance. You’ll be surprised at who you might resonate with. You have colpire. Bisogna esporsi e non nascondersi dietro lo schermo di un computer.” to be vulnerable and not hide behind a computer screen.” *Adriano has asked us not to use his last name to protect his privacy.

* Per la privacy, Adriano ci ha chiesto di non indicare il suo cognome.

For All Your Formal Events, Look Fabulous For LESS!

3253 Rue Fleury Est, Montreal, H1H 2R4 www.standa.ca Follow us on


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 28

28

LIFE & PEOPLE

BACK TO SHAPE THE FUTURE Joseph Vitantonio

Indietro per forgiare il futuro by / di LAURA GUZZO

Leading the next generation at former high school Teaching is often described as a calling but ironically it wasn’t Joseph Vitantonio’s first choice of profession. “I originally wanted to be a veterinarian,” says the 38-year-old principal of Lester B. Pearson High School in Montreal North, one of the largest English-language high schools in eastern Montreal. “But when I was 16, I began volunteering at the Don Bosco Youth Leadership Centre in nearby Rivière-des-Prairies and got hooked. I spent the next 10 years working there as a camp animator, camp coordinator and then as the camp’s assistant director. This inspired me to continue to help shape the lives of young people through teaching.” Despite catching the teaching bug, he continued to pursue his veterinary dreams, studying animal science at McGill University and graduating in 2001 with a bachelor’s degree. In 2005, he made the permanent leap to teaching, earning a degree in Education from McGill and teaching math and science at John F. Kennedy High School, also in the city’s east end. “Getting to work with the kids was great.You really get to see the impact of your work on a day-to-day basis,” he says. “I feel a responsibility to be a champion for each of my students, which is why I knew that once I got into education, I wanted to move into administration to be able to have an even bigger influence.” Luckily for him, a job as vice-principal at John F. Kennedy was available, but so were the issues that come along with it. At the end of his first year as vice-principal, an inspection revealed asbestos in the school’s ventilation room, putting the entire school at risk of serious illness. Rising to his first administrative challenge, he was part of the team who organized and orchestrated an emergency move of the entire school into a neighbouring high school – all in one night. “Hectic is the only word to describe it!” he says. While the asbestos removal and renovations continued, Vitantonio continued to focus on daily activities and on the school’s future. By the time the students moved back to the original building a year later, he had organized a new improvement committee for the school.

Alla guida della generazione futura nella vecchia scuola superiore

L’insegnamento è spesso descritto come una vocazione, ma paradossalmente per Joseph Vitantonio non si trattava della prima scelta professionale. “All’inizio volevo fare il veterinario,” dice il preside trentottenne dell’istituto superiore Lester B. Pearson di St-Leonard, la più grande scuola inglese della zona est di Montreal. “Ma quando avevo 16 anni, cominciai a fare volontariato al Centro giovanile Don Bosco nei pressi di Rivière-des-Prairies e ne rimasi rapito. Ho trascorso i 10 anni successivi a lavorarci come animatore, coordinatore del campo e poi come assistente del direttore. Ciò mi ha ispirato a continuare a contribuire a forgiare le vite dei giovani attraverso l’insegnamento.” Piuttosto che lasciarsi contagiare dal ‘virus’ dell’insegnamento, ha continuato a inseguire il sogno di fare il veterinario, studiando Scienze animali alla McGill University e conseguendo una laurea di primo livello nel 2001. Nel 2005, si è lanciato definitivamente nel mondo della scuola, prendendo una laurea in Scienze dell’educazione alla McGill e insegnando matematica e scienze alla John F. Kennedy High School, anch’essa nella zona est di Montreal. “Poter lavorare con i ragazzi è stato strepitoso. Si ha davvero l’opportunità di vedere nel quotidiano l’impatto che ha il proprio lavoro,” afferma. “Sento la responsabilità di dover essere un campione agli occhi di ogni mio studente, motivo per cui sapevo che, una volta occupatomi d’istruzione, sarei passato all’amministrazione per essere così in grado di esercitare un’influenza ancor maggiore.” Per fortuna, era disponile la posizione di vice-preside presso la John F. Kennedy, ma l’incarico portava con sé notevoli difficoltà. Alla fine del suo primo anno in veste di vice-preside, un’ispezione ha rivelato la presenza di amianto nel sistema di ventilazione della scuola, esponendo l’intero istituto al rischio di malattie serie. All’altezza della sua prima sfida gestionale, ha fatto parte del gruppo che ha organizzato e diretto un trasferimento d’emergenza presso una scuola superiore vicina – il tutto in una notte. “‘Frenetico’ è l’unico termine per descrivere l’accaduto!” afferma. Mentre veniva rimosso l’amianto e continuavano i lavori di ristrutturazione, Vitantonio continuava a concentrarsi sulle attività giornaliere e sul futuro della scuola. Quando, un anno dopo, gli studenti sono rientrati nel loro edificio originario, lui aveva già organizzato un nuovo comitato per il miglioramento.


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 29

LIFE & PEOPLE

29

“The teachers and I worked with a consultant to help develop a support centre for students with special needs. We also initiated new pedagogical strategies which led to better success rates, especially in science and history where students’ scores doubled from the year before – and all in a transition year,” he recalls. These examples of leadership were not lost on the school’s administration, and in 2014 he was promoted to principal after the former principal retired. Before long, he was recruited by the much larger Lester B. Pearson High School – a job that came with its own significant challenges. “The school had a history of high administrative turnover – not exactly the easiest environment to come into, especially as a young principal,” he says, “I had to prove myself and my vision for the school to the staff pretty quickly.” He got to work immediately, working with the guidance counsellor and LGBTQ students to open its first gender-neutral bathroom. He also worked to develop an alternative to detention, where students use their detention time to give back to the school through teacher-led tutorials and to improve services for special needs students. Though at just 38, he doesn’t fit the stereotype of the sage, elder principal, he doesn’t see his age as an obstacle to doing good work. “There are many challenges to being a principal in general, but I don’t feel like they are specific to being young,” he says. “I work hard and take my role extremely seriously and that allows me to be able to get through the challenges that come with the job. It can be a bit difficult to prove yourself when you’re younger than your staff but it’s definitely worth the effort when you see the impact you can have on the students.”

“Gli insegnanti ed io abbiamo lavorato con un consulente per contribuire a sviluppare un centro di sostegno per studenti con bisogni speciali. Abbiamo inoltre avviato nuove strategie pedagogiche che hanno portato ad una migliore percentuale di successo, soprattutto in scienze e storia, nelle quali i punteggi degli studenti sono raddoppiati rispetto all’anno precedente – il tutto durante un anno di transizione,” ricorda. Questi esempi di leadership non si sono dispersi nell’amministrazione scolastica e nel 2014 è stato promosso a preside dopo il pensionamento del predecessore. In breve tempo, è stato assunto dalla ben più grande Lester B. Pearson High School –, un lavoro che portava con sé notevoli sfide. “La scuola aveva un trascorso di elevato turnover nell’amministrazione – non era esattamente il più semplice degli ambienti in cui inserirsi, soprattutto come giovane preside,” afferma. “Dovevo dimostrare piuttosto rapidamente quanto valessi e la mia visione per la scuola e per il personale.” Si è messo immediatamente all’opera, lavorando con la guida del consigliere e gli studenti LGBTQ per aprire il suo primo bagno di genere neutro. Ha inoltre lavorato allo sviluppo di un’alternativa alla classica punizione, per far sì che i ragazzi si mettano al servizio della scuola, attraverso tutorial con gli insegnanti e per migliorare i servizi per gli studenti con bisogni speciali. Sebbene ad appena 38 anni non rientri nello stereotipo del preside saggio, anziano, non ritiene che la propria età sia un ostacolo per lavorare bene. “Sono molte le sfide nell’essere preside in generale, ma non credo ce ne siano di specifiche per chi è più giovane,” dice. “Lavoro sodo e prendo il mio incarico con la massima serietà ed è questo che mi consente di essere capace di superare le difficoltà nel mio lavoro. Può risultare un po’ difficile dimostrare di essere all’altezza quando si è più giovani del proprio personale, ma ne vale indubbiamente la pena una volta visto l’impatto che si può avere sugli studenti.”

“I feel a responsibility to be a champion for each of my students.”

“Sento la responsabilità di dover essere un campione agli occhi di ogni mio studente”

L

TEAM JOE PETTINICCHIO

YOU PAY

ONLY

1.95% COMMISSION* WHEN I FIND YOUR BUYER *Certain conditions apply

Duvernay (Laval)

Centris# 19525447

Beautiful turnkey cottage with classical decor & quality finishing

Saint-Vincent-de-Paul (Laval)

4 bedrooms on the upper floor

Spacious divisions, living room with cathedral ceilings

OWNERS OF 6 PLEX OR MORE LOOKING TO SELL? CONTACT TEAM JOE PETTINICCHIO WE HAVE QUALIFIED BUYERS. GIUSEPPE (JOE) PETTINICCHIO CHARTERED REAL ESTATE BROKER / AEO

Very large lot adjacent to Val des Arbres. Ready to build. Peaceful and prestigious neighborhood.

Tel: 450 663 9595

Centris# 9062916

www.lexim.ca

A MEMBER OF


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 30

30 LIFE & PEOPLE

Photo / Anisha Patel

CRISTINA CIURLI by / di GIANFRANCO CICIRELLO

Deciphering the Genomic Code As a young girl, Cristina Ciurli had grand aspirations of becoming an actress when she grew up. When her parents enrolled her at the Conservatoire de Lasalle to study theatre, the self-proclaimed introvert suddenly had an epiphany of dramatic importance. Although her career path took the Montreal born Ciurli to perform on the scientific stage instead, she credits her training in the thespian arts as a major asset. “I may have been contemplative when I was younger but I was in no way your typical shy girl,” explains Ciurli. “Learning to perform in front of audiences allowed me to gain the confidence I needed. I love being in front of a room full of my peers presenting a new study we are helping to work on.” Ciurli is senior program manager at Genome Quebec, where the immunologist is responsible for the scientific and budgetary monitoring of a portfolio of major research projects managed by the organization. “Genomics is the study of the genetic information of all living things. It is like a code embedded in all DNA,” she says. “The information garnered from genomics is the key to bringing forth innovations throughout a great many scientific sectors.” The Quebec agency working with federal and provincial partners have made many important strides in the last 10 years. Their main objective, among others, is to procure funds to contribute to the advancement of diagnosing and treating disease. Through genomics, scientists and researchers also design effective screening tools for illnesses such as heart disease and certain forms of cancer. Ciurli’s role also extends to the monitoring of 15 major research projects funded by Genome Quebec/Canada. These programs range from $1 million to $13 million (totaling approximately $53 million) in strategic areas such as human health, forestry and environment. “I truly believe what we are doing is for the benefit of the greater good. It is the next logical step in modern medicine. If one researcher’s project can save one life, then the end goal is on its way to being achieved.”

Decifrare il codice genomico

Da ragazzina Cristina Ciurli aspirava a diventare nientemeno che attrice quando sarebbe cresciuta. Quando i genitori la iscrissero al Conservatorio di Lasalle per studiare teatro, Cristina, che si autodefinisce introversa, ebbe improvvisamente una folgorazione di grandissima importanza. Sebbene la sua carriera l’abbia portata ad esibirsi sul palcoscenico della scienza, Cristina, nativa di Montreal, considera la sua formazione nelle arti teatrali un grande vantaggio. “Quando ero più giovane ero sì riflessiva, ma non ero certo la tipica ragazza timida” spiega Ciurli. “Imparare ad esibirsi di fronte a un pubblico mi ha dato la sicurezza di cui avevo bisogno. Amo stare di fronte ad una sala piena di colleghi e presentare un nuovo studio che stiamo contribuendo a sviluppare.” Ciurli è senior program manager presso Genome Quebec, dove l’immunologa è responsabile della supervisione scientifica e budgetaria del portfolio di importanti progetti di ricerca gestiti da Genome Quebec. “La genomica è lo studio delle informazioni genetiche di tutti gli organismi viventi. È come un codice integrato nel DNA,” dice. “Le informazioni acquisite attraverso la genomica sono la chiave per creare innovazioni in moltissimi settori scientifici.” L’agenzia del Quebec, insieme con i partner federali e provinciali, ha fatto grandi passi avanti negli ultimi 10 anni. Il loro principale obiettivo, tra gli altri, è di procurare i fondi per contribuire al progresso di diagnosi e cura delle malattie. Grazie alla genomica gli scienziati e i ricercatori progettano inoltre efficaci strumenti di screening per patologie come le malattie cardiovascolari e certe forme di cancro. Le responsabilità di Ciurli si estendono poi al monitoraggio di 15 importanti progetti di ricerca finanziati da Genome Quebec/Canada. Questi programmi vanno da 1 a 13 milioni di dollari (per un totale di circa 53 milioni di dollari), in aree strategiche quali la salute umana, le scienze forestali e l’ambiente. “Sono profondamente convinta che ciò che facciamo sia per servire un fine più grande. È il prossimo passo logico nella medicina moderna. Se il progetto di un ricercatore può salvare una vita, significa che siamo sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo finale.”


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 31

LIFE & PEOPLE 31 According to Ciurli, genomic study has been in exponential growth for at least the last decade, yet there is more to consider. “We will need to advance our knowledge and incorporate new technologies into our growing bio-economy. Canada and Quebec are blessed with great resources. It is only natural that we preserve and sustain them all in conjunction with human health issues.” The post-doctorate’s passion for her work becomes quite evident with a review of her professional profile. From 1986 until 1998 she studied at the Université de Montréal earning a BSc, MSc and a PhD. Beyond her studies, Ciurli’s experience at Genome Quebec is recognized as having a proven track record of building and developing business relationships. She is also considered to be an exceptional doctoral life scientist with extensive research experience. “My colleagues and I are quick to identify priorities and resolve the underlying issues involved. I have to be motivated, versatile, focused and organized with every research program,” she says. Ciurli’s zeal and commitment are a testament to the admiration for the pioneers that came before her. “As a young woman, I chose this discipline even though I knew it would be difficult. I was always in need to prove myself, but then the confidence came. It was thanks to those courageous women and men that I made the choice to lend a helping hand to those that will be the next generation of scientists.” To all the women marching on the journey to fulfill their dreams, Ciurli emphasizes the following metaphor: “No matter what your goal is … pursue it with passion. Don’t let go. Stage fright is just a passing phase. If you are motivated and work hard, the stage curtains will then open up and your audience will embrace you.”

Secondo Ciurli la genomica è cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi dieci anni come minimo, ma c’è altro da considerare. “Dobbiamo approfondire le nostre conoscenze e incorporare nuove tecnologie nella nostra crescente bioeconomia. Il Canada e il Quebec sono fortunati ad avere notevoli risorse. È naturale che tutte queste vadano preservate e supportate nell’ambito delle questioni relative alla salute umana.” La passione della ricercatrice per il suo lavoro emerge chiaramente se esaminiamo il suo profilo professionale. Dal 1986 al 1998 ha studiato all’Università di Montreal e ha conseguito una laurea di primo livello, una laurea specialistica e un PhD. Oltre ai suoi studi, l’esperienza di Ciurli presso Genome Quebec è riconosciuta per avere una comprovata lista di risultati nell’instaurare e sviluppare rappor ti commerciali. È inoltre considerata una straordinaria scienziata di scienze naturali con una lunga esperienza nella ricerca. “I miei colleghi ed io siamo in grado di identificare rapidamente le priorità e risolvere i relativi problemi sottostanti. Devo essere motivata, versatile, concentrata e organizzata in ogni programma di ricerca,” dice. Lo zelo e l’impegno di Ciurli testimoniano la sua ammirazione per i pionieri che l’hanno preceduta. “Da giovane, ho scelto questa disciplina pur sapendo che sarebbe stata dura. Sentivo sempre il bisogno di mettermi alla prova, ma alla fine la fiducia in me stessa è arrivata. È stato grazie ai coraggiosi uomini e donne che hanno deciso di dare una mano a quella che sarebbe stata la generazione futura di scienziati.” A tutte le donne che intraprendono il percorso per realizzare i propri sogni, Ciurli si rivolge con la seguente metafora: “Qualunque sia il vostro sogno, perseguitelo con passione. Non arrendetevi. La paura da palcoscenico è solo una fase passeggera. Se siete motivate e lavorate sodo, il sipario si aprirà e il vostro pubblico vi accoglierà a braccia aperte.”

“The information garnered from genomics is the key to bringing forth innovations.” “Le informazioni acquisite dalla genomica sono la chiave per creare innovazioni”


Montreal Feb / March 17-32 2018-02-08 10:06 AM Page 32


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:07 AM Page 33


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:07 AM Page 34

34

FOOD

Photos / Daniele Tomelleri

CARNIVAL CELEBRATION Festeggiando il Carnevale by / di VANESSA GIANFRANCESCO

Lasagne di Carnevale

Carnival Lasagna (Serves 4-6 porzioni) If the exhilarating energy that fills the air during the Venice Carnival is not enough to entice you, I can guarantee you will be mesmerized by the scent of all the festive foods lining the streets. These recipes will recreate the food at the festival right in your own home! When I imagine a carnival, I immediately think of bright, colourful and special dishes – this lasagna is just that. Layers of pasta and creamy ricotta sauce are topped with a fabulous tomato sauce and melted cheese. It’s the perfect way to celebrate. Note: This lasagna can also be made with mini meatballs. Check out the online recipe at panoramitalia.com

Se l’esilarante energia che si respira nell’aria durante il Carnevale di Venezia non basta a coinvolgervi, sarete senz’altro rapiti dal profumo di cibo che si sparge per le strade. Con queste ricette potrete ricreare a casa l’aspetto culinario di questa festa! Quando immagino il carnevale, penso subito a piatti speciali dai colori vivaci – e queste lasagne sono proprio così. Strati di pasta e ricotta cremosa con sopra una deliziosa salsa di pomodoro e formaggio fuso. Un modo perfetto per festeggiare. Nota: Queste lasagne si possono anche fare con le polpettine. Leggi la ricetta online su panoramitalia.com

Ingredients for tomato sauce / Ingredienti per la salsa di pomodoro • ¼ cup of olive oil / di tazza di olio d’oliva

• 1 white onion, finely chopped / cipolla bianca tagliata finemente • 3 garlic cloves, minced / spicchi d’aglio tritati

• 1 fresh sprig of rosemary / rametto di rosmarino fresco • 1 can of crushed tomatoes (my favourite are San Marzano) / lattina di pomodori pelati a pezzi (i San Marzano sono i miei preferiti) • 1 jar of passata or tomato puree / vasetto di passata di pomodoro

• 2 cups water / tazze d’acqua

• ½ cup of parsley, chopped / tazza di prezzemolo tritato

• 6-8 hand-torn fresh basil leaves / foglie di basilico fresco spezzettate a mano • 2 cups heavy cooking cream / tazze di panna da cucina


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:07 AM Page 35

FOOD

35 You will also need / Servono inoltre

Ingredients for the ricotta sauce / Ingredienti per la salsa di ricotta • 450g package ricotta / confezione di ricotta

• 1 cup grated Parmigiano Reggiano / tazza di Parmigiano Reggiano grattugiato • 2 eggs / uova

• ¼ cup parsley, finely chopped / di tazza di prezzemolo finemente tritato • Salt and pepper to taste / Sale e pepe a piacimento

• 1 package ready-to-use lasagna / confezione di lasagne pronte all’uso • 2 cups shredded mozzarella / tazze di mozzarella a listarelle

Preparation for the tomato sauce In a sauté pan, warm the olive oil and add the onion and rosemary. Cook until the onions are translucent, then add the garlic and cook until golden. Add the crushed tomatoes, the passata and water. Let it simmer on low for 15-20 minutes. Add the salt and pepper to taste along with the hand-torn basil leaves. Remove the sprig of rosemary. Cool the sauce. Puree the sauce using a hand mixer or blender. Add the cream and set aside.

Preparazione della salsa di pomodoro In una padella per friggere scaldare l’olio di oliva e aggiungere la cipolla e il rosmarino. Cuocere finché la cipolla sarà traslucida, aggiungere quindi l’aglio e rosolare finché dorato. Unire i pomodori a pezzi, la passata e l’acqua. Far sobbollire a fuoco basso per 15-20 minuti. Aggiungere il sale e il pepe a piacimento insieme alle foglie di basilico spezzettate a mano. Togliere il rametto di rosmarino. Far raffreddare la salsa. Passare la salsa con un mixer o un frullatore. Aggiungere la panna e mettere da parte.

Preparation for the ricotta sauce In a bowl, combine the ricotta, Parmigiano Reggiano, eggs, parsley, salt and pepper. Cover and set aside in the fridge until you are ready to use it.

Preparazione della salsa di ricotta In una ciotola unire la ricotta, il Parmigiano Reggiano, le uova, il prezzemolo, il sale e il pepe. Coprire e riporre in frigorifero fino al momento dell’utilizzo.

Preparation for the lasagna In a casserole dish (9 x 13 inches), spread a layer of tomato sauce. Then, add a layer of pasta followed by more tomato sauce, then a layer of ricotta sauce. Top with mozzarella cheese. Repeat the process 3-5 times depending on how deep your casserole dish is. Cover with aluminum foil and place in the oven. Bake for 35-40 minutes, or until the pasta is fully cooked. Remove from the oven and let sit for 10 minutes before cutting.

Preparazione delle lasagne In una teglia da forno (9 x 13 pollici) fare uno strato di salsa di pomodoro. Aggiungere quindi uno strato di pasta seguito da altra salsa di pomodoro e poi uno strato di salsa di ricotta. Cospargere infine di mozzarella. Ripetere questa operazione 3-5 volte in base alla profondità della teglia. Coprire con carta stagnola e infornare. Cuocere in forno per 35-40 minuti, o finché la pasta sarà completamente cotta. Togliere dal forno e lasciar riposare per 10 minuti prima di tagliare.


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:07 AM Page 36

36

FOOD

Crispy Sugar Fritters with Ricotta Sauce Croccanti frittelle allo zucchero con salsa di ricotta (Serves 4-6 porzioni) No carnival is complete without a little something sweet! Traditionally, these frittelle line the walkways along Venice’s streets and pastry shops. As much as I love the simple sugar-coated fritters, I added a twist by filling them with chocolate. Enjoy this modern take on Venetian fritters. Il Carnevale non è completo senza qualcosina di dolce! Queste frittelle si trovano lungo i marciapiedi che fiancheggiano le strade di Venezia e nelle pasticcerie. Per quanto io ami le semplici frittelle ricoperte di zucchero, ho aggiunto un tocco in più con una farcitura al cioccolato. Assaporate questa versione moderna delle frittelle veneziane.

Ingredients for fritters / Ingredienti per le frittelle

Ingredients for the ricotta sauce / IIngredienti per la salsa di ricotta

• 1 package of store-bought puff pastry / pacco di pasta sfoglia confezionata

• 450g package ricotta (remove from the fridge 30 minutes before using) / confezione di ricotta (togliere dal frigorifero 30 minuti prima dell’uso)

• 1 cup Nutella / tazza di Nutella

• ½ cup granulated sugar / tazza di zucchero granulato • 2 cups vegetable oil / tazze di olio vegetale

• ¾ cup powdered sugar / di tazza di zucchero a velo • ½ ½ tsp cinnamon / cucchiaino di cannella

• 2 tbsp vanilla extract / cucchiai di estratto di vaniglia

• ¼ cup sliced almonds to garnish / di tazza di mandorle a lamelle per guarnire


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 37

FOOD

37

Preparation Place the ricotta cheese, powdered sugar, cinnamon and vanilla in a bowl. Using a hand mixer, whip the ingredients until smooth. Cover the bowl and place in the fridge until you need to use it. In a small Dutch oven, warm the vegetable oil to 360°F. The best way to ensure the oil is the correct temperature is to measure with a frying thermometer. Roll out the puff pastry on a floured surface to about ½ an inch thick. Then, cut out circles using a cookie cutter. Spread the Nutella in the centre and top off with another piece of dough. Pinch all the edges of the dough, making sure they are properly sealed. Place in the oil and cook until golden and then flip to cook the other side. (Do not crowd, as this will make the temperature drop) Remove from the cooking oil and place on a dish lined with paper towels. Immediately sprinkle with granulated sugar. Add dollops of ricotta cheese on a serving platter and place a fritter on each dollop. Garnish with sliced almonds.

Preparazione Unire la ricotta, lo zucchero a velo, la cannella e la vaniglia in una ciotola. Sbattere con un mixer gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio. Coprire la ciotola e riporre in frigorifero fino al momento dell’utilizzo. In una piccola pentola di ghisa scaldare l’olio vegetale a 360°F. Il modo migliore per assicurarsi che l’olio abbia raggiunto la giusta temperatura è utilizzare un termometro per frittura. Stendere la pasta sfoglia su una superficie infarinata fino ad ottenere uno spessore di circa ½ pollice. Ricavare quindi dei cerchi usando uno stampino per biscotti. Spalmare la Nutella nel centro e mettere sopra un altro pezzo di impasto. Premere bene tutto intorno, assicurandosi che sia ben chiuso. Adagiare nell’olio e cuocere finché dorato, quindi capovolgere e cuocere dall’altro lato. (Evitare di mettere troppe frittelle insieme nell’olio perché questo provocherà un abbassamento della temperatura.) Toglierle dall’olio di frittura e sistemarle in un piatto foderato di carta da cucina. Cospargerle subito di zucchero granulato. Aggiungere su un vassoio una cucchiaiata di ricotta e adagiarvi la frittella. Guarnire con le mandorle a lamelle.

RIEN NE VAUT LA SATISFACTION DE VENIR SOI-MÊME À BOUT DES TÂCHES LES PLUS DURES. C’est ici que nous intervenons. Les machines de la Famille Kubota sont précisément conçues pour vous aider à relever n’importe quel défi, petit ou grand. Pour en savoir davantage, visitez-nous en ligne.

La “famiglia” Kubota!

Andrew Franceschini Kubota Montréal Cellulaire : 514-347-0202

18980 Trans-Canada Baie-d'Urfé, Québec H9X 3R1

kubotamontreal.com


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 38

38

FASHION

Gallo

Calzedonia

SOCK IT TO ME Calze a pennello by / di ALESSIA SARA DOMANICO

Hottest trends from toe to thigh

Le maggiori tendenze dalla punta dei piedi in su

The art of sock knitting may have its origins in 17th century Great Britain, but it would be the Italian town of Castel Goffredo in Lombardy that would truly take the reins. Known as the città della calza, literally “sock city,” Castel Goffredo put itself on the map in the Roaring ’20s when women finally got to show off their gams in short flapper dresses, and men of a certain class spent their money on the finest silk, cashmere and wool blends. Today, that “sock city” has some 600 calzifici, or sock makers. When you stop and think about it, some of the greatest names in hosiery are either of Italian origin or produce their wares in Italy. Florentine Emilio Cavallini is arguably the most famous Italian name in the industry today. His iconic chunky fishnets, printed patterns and shimmery fabrics have stood the test of time; after 40 years, his eponymous brand continues to thrive. This season, we are loving his lace bodysuits and tweed leggings. Walking down any Italian high street, you’re bound to find at least one Calzedonia – the small, but functional one stop shop is formatted for all your day-to-day hosiery needs, from colourful collants, to push-up leggings and playful ankle socks. The cooler months are their prime time as they switch stock to swimwear during the summer. This season the brand has a set of versatile hosiery that can pair well with any footwear from sneakers to pumps. Their exclusive “Special Edition” consists of six tights and a selection of socks that really emphasize the craftsmanship that goes into these models. The sheer black with black polka dots is their must-have, as America’s sweetheart Julia Roberts

L’arte di fare le calze avrebbe avuto origine nel XVII secolo in Gran Bretagna, ma sarebbe stata la città italiana di Castel Goffredo in Lombardia a prenderne davvero le redini. Nota come la “città della calza”, Castel Goffredo ha fatto la sua comparsa nei ruggenti anni ’20 quando finalmente le flapper, nei loro abitini corti, poterono mettere in mostra le gambe, e gli uomini di una certa classe sociale spendevano i propri soldi in raffinate calze di seta, cashmere e misto lana. Oggi, questa ‘‘città della calza’’ conta circa 600 calzifici. Se ci si sofferma a pensarci, alcuni dei nomi più importanti nella calzetteria sono di origine italiana o appartengono a marchi che producono i propri articoli in Italia. Quello di Emilio Cavallini, fiorentino, è oggi indubbiamente il nome italiano più famoso nel settore. Le sue popolari calze a rete pesanti, i tessuti stampati e setificati resistono al passare del tempo; dopo 40 anni, il proprio eponimo marchio continua a fiorire. In questa stagione, ci piacciono tanto le sue tute in pizzo e i leggings tweed. Percorrendo qualunque importante via italiana, si è destinati a imbattersi almeno in un punto vendita Calzedonia – un negozietto piccolo e funzionale concepito per soddisfare le esigenze quotidiane, dai collant colorati ai leggings push-up, ai simpatici calzini. I mesi più freddi sono quelli d’alta stagione, dato che in estate l’inventario si sposta sui costumi da bagno. Per questo periodo, il marchio offre una serie di calze e calzini versatili che ben si prestano ad ogni tipo di scarpa, dalle sneaker alle décolleté. La loro esclusiva “Edizione Speciale” consiste in sei collant e una selezione di calze che mettono in risalto la maestria che richiedono questi modelli. Un must sono quelli neri a pois, con la “fidanzatina d’America” Julia Roberts a fare da


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 39

FASHION

39

“Some of the greatest names in hosiery are either of Italian origin or produce their wares in Italy.” “Alcuni dei nomi più importanti nella calzetteria sono di origine italiana o producono i propri articoli in Italia.”

models them in the brand’s new campaign. There is also plenty for the guys, with dandy patterned knee socks and Spiderman sneaker socks for the weekend or a night in with the PlayStation. For modern finery at an accessible postal code, head to Lyla, a high-end, ready-to-wear and lingerie boutique located in the heart of Outremont, Montreal. “Our hosiery section consists of a large selection of Wolford products, both timeless classics and indispensable basics, as well as trendy styles,” explains Stephanie Macpherson, a spokeswoman for the shop. “We also carry the eternally classic Philippe Matignon in all the essential colours and the fun and sexy Trasparenze hosiery line in a variety of styles.” While not Italian, the Austrian Wolford brand has become synonymous with luxe hosiery. With a look ahead to spring, the inspiration for its latest collection is Glam Rock with faux leather accents, variations on nets, rivets and silver accents. We particularly fancied the matte opaque Emily tights with a laser-cut quote featured along the length of the back leg in lieu of a back seam – très original!

testimonial per la nuova campagna del marchio. C’è anche un’ampia offerta per gli uomini, con i calzini lunghi dalle belle fantasie e quelli corti con Spiderman per i fine settimana o una serata davanti alla Play Station. Per abiti raffinati e moderni ad una distanza abbordabile recatevi da Lyla, boutique di intimo ed abiti confezionati d’alta qualità situata nel cuore di Outremont, a Montreal. “Il nostro reparto calze offre una grande selezione di prodotti Wolford, sia classici senza tempo e indispensabili modelli di base, che modelli di tendenza,” spiega Stephanie Macpherson, portavoce dell’azienda. “Vendiamo inoltre le intramontabili Philippe Matignon in tutti i colori e una varietà di tipi della linea di calze Trasparenze, divertente e sexy.” Anche se non italiano, il marchio austriaco Wolford è diventato sinonimo di calze di lusso. Dando uno sguardo alla primavera, la sua ultimissima collezione si ispira al Glam Rock, con dettagli in pelle ecologica, varianti delle calze a rete, rivetti e particolari in argento. Ci piacciono in modo speciale i collant opachi coprenti Emily Tights con una frase ritagliata con tecnologia laser in lunghezza sul retro, al posto di una cucitura – très original!

Calzedonia


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 40

Photography by Daniele Tomelleri Makeup by Jennifer Low

Franco Palmitano

Nickname: Frank Occupation: Co-owner of Group Pareti Age: 32 Generation: Third Dad’s side from: Fondachelli-Fantina (Messina), Sicily Mom’s side from: Macchiagodena (Isernia), Molise Raised in: St-Leonard Speaks: English, French and Italian Who do you speak Italian to? Nonna

Passion: Watches Goal in life: Achieving success

personally and professionally.

What’s your typical lunch?

Anything at Beniamino Your best dish: My Sunday sauce

Best Italian neighhourhood: St-Leonard

Your favourite Italian-Canadian expression: “Non mangiare da solo” Main difference between first generation and second/third: Keeping traditions and values alive.

40

Location: MediSpa Mont-Royal

Who is your role model? My grandfather

Most important family value: We eat at 6 p.m.

Do you identify as ItalianCanadian or Canadian-Italian? Italian-Canadian

What does Panoram Italia represent to you? A collection of Italian culture, living and style (past and present).

Best memory growing up ItalianCanadian: Family get-togethers

Want to take part in one of our photoshoots? Submit your profile to: www.livingitalianstyle.ca

LIVING ITALIAN STYLE

Marisa Viglione

Nickname: Mars Occupation: Freelance artist/business management Age: 28 Generation: Second Dad’s side from: Petrella Tifernina (Campobasso), Molise Mom’s side from: Montreal Raised in: Montreal Speaks: English, French, Italian

and some Mandarin

Who do you speak Italian to?

Family members and my friends in Italy Passion: Art, fashion, music and anything to do with animals Goal in life: To travel as much as possible.

What’s your typical lunch? A salad

Your best dish: Anything my nonna taught me.

Best Italian neighhourhood: St-Leonard

Your favourite Italian-Canadian expression: “Vai piano che ho

fretta”

Main difference between first generation and second/third: Technology

Who is your role model? My parents

Most important family value: Loyalty and respect

What does Panoram Italia represent to you? It unifies our community while preserving our Italian heritage and culture.

Best memory growing up Italian-Canadian: Family gatherings

every Sunday afternoon for nonna’s home cooked meals.


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 41


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 42

42

TAKE A SEAT

DESIGN

Kartell Louis Ghost

Accomodatevi by / di ALESSIA SARA DOMANICO

The most desirable thrones A well-crafted chair has the power to improve our posture, take a load off after a weary day and look attractive in its chosen setting. Whether you’re looking for an aesthetic darling for a kitchen table or office, or a stylish seat to sink into, read on for some stellar choices to start with. Milan-based brand Kartell is regarded as the international heavyweight when it comes to coupling high design (through collaborations with some of the most renowned names in the art, architecture and industrial design) with comfort, thanks to their Italian artisan know-how. The Kartell catalogue boasts some all-time best hits whose classic yet modern personalities stand the décor test of time. French designer Philippe Starck is behind the brand’s most iconic, recent collections. The resounding star among these is arguably Louis Ghost, which adds a touch of elegance and irony with its evanescent and crystalline appearance. This transparent armchair is made with a single mold injected with polycarbonate. A minimalist homage to the baroque Louis XV style, the seat is available in matte, glossy, transparent and coloured polycarbonate including smoke grey, white, black, straw yellow, sunset orange, ice blue, and crystal green. It is stable, durable, shock and weather resistant and can also be stacked six high. The Masters chair, also by Starck, is the winner of multiple awards in the design world. It is a powerful tribute to three symbolic chairs that have been re-read and re-interpreted. The unmistakable silhouettes of the “Series 7” by Arne Jacobsen, the “Tulip Armchair” by Eero Saarinen and the “Eiffel Chair” by Charles Eames are fused into one. Made of metallic modified polypropylene, the Masters is light, practical and stackable and can be used outdoors as well. One of Kartell’s latest designs is the Piuma (feather) seat designed by Piero Lissoni, whose name reflects its ultra light weight. The chair is an exclusive in the world of industrial design; measuring just a few millimeters thick (2 mm max), it is the first time that a material containing carbon fiber has been injection molded. For those who just want to recline and watch hockey in style, we found the perfect chair on a recent visit to Montreal’s luxury furnisher Design

I troni più invitanti

Una sedia ben fatta ha il potere di migliorare la postura, di farci rilassare dopo una giornata impegnativa e di risaltare nel posto assegnatole. Che siate alla ricerca di un gioiello d’estetica per il tavolo della cucina o per l’ufficio, o di una sedia alla moda nella quale sprofondare, continuate a leggere per conoscere alcune opzioni stupende dalle quali cominciare. Il marchio milanese Kartell viene considerato un peso massimo a livello internazionale quando si tratta di conciliare un design d’eccellenza (attraverso la collaborazione con alcuni dei nomi più famosi nel design artistico, architettonico e industriale) con il comfort, grazie al proprio know-how artigianale italiano. Il catalogo Kartell vanta alcuni dei migliori pezzi in assoluto, le cui personalità classiche seppur moderne reggono alla prova del tempo in fatto di arredamento. Dietro alle recenti e iconiche collezioni del marchio vi è lo stilista francese Philippe Starck. La strepitosa star, tra tutte,è probabilmente la Louis Ghost, che grazie al suo aspetto evanescente e cristallino aggiunge un tocco di eleganza ed ironia. Questa poltroncina trasparente è creata con un’iniezione di policarbonato in un unico stampo. Omaggio minimalista allo stile barocco Luigi XV, la sedia è disponibile in matte, lucido, trasparente e colorato, in fumé chiaro, bianco, nero, giallo paglierino, arancione chiaro, verdeazzurro e verde trasparente. È stabile e resistente, a prova di urti ed agenti atmosferici, impilabile fino a sei pezzi. La sedia Masters, anch’essa di Starck, è vincitrice di vari riconoscimenti nel mondo del design. È un acuto omaggio a tre sedie-simbolo, rilette e reinterpretate. Le inconfondibili silhouette della “Serie 7” di Arne Jacobsen, la “Tulip Armchair” di Eero Saarinen e la “Eiffel Chair” di Charles Eames si fondono in un pezzo unico. Realizzata in polipropilene modificato di metallo, la Masters è leggera, pratica, impilabile e può anche essere utilizzata all’esterno. Uno degli ultimissimi modelli della Kartell è la sedia Piuma di Piero Lissoni, il cui nome riflette il suo peso ultraleggero. La sedia è un prodotto esclusivo nel mondo del design industriale; con uno spessore di pochissimi millimetri (massimo 2 mm), rappresenta la prima volta in cui un materiale contenente fibra di carbonio viene stampato ad iniezione. Per quelli che vogliono solamente mettersi comodi e guardare la partita di hockey con classe, abbiamo trovato la sedia ideale durante una recente visita al


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 43

DESIGN

43

Kartell Masters

American Leather Comfort Recliner®

Kartell Piuma

Louis George. Made just how you like it, the high-tech and ergonomic American Leather Comfort Recliner® is a solid one-piece armchair available in eight styles, with additional customization options on the back, base and legs. With independent back and footrest operation, you can recline without engaging the chaise-style ottoman or give your feet a lift without adjusting your back. The weight-balanced mechanism moves smoothly with you, almost effortlessly, with no need to push on the arms. When it comes to fabric, “you can choose from hundreds of color and texture options, from family-friendly microfibers to beautiful chenilles, or natural classics to nubby layered wovens,” explains Glen Asfour, sales manager at Design Louis George. Sounds like the perfect present ...to yourself!

lussuoso negozio di mobili di Montreal, Design Louis George. Creata proprio come piace a voi, la Comfort Recliner® di American Leather, ultra tecnologica ed ergonomica, è un unico pezzo robusto, disponibile in otto modelli, con ulteriore possibilità di personalizzazione dello schienale, della base e dei piedi. Avendo funzionalità indipendenti dello schienale e del poggiapiedi, è possibile reclinarla senza coinvolgere la seduta dell’ottomana o sollevare i piedi senza modificare lo schienale. Il meccanismo di peso bilanciato si muove agevolmente assieme a voi, quasi senza sforzo, e senza bisogno di far leva sui braccioli. Per quanto riguarda i tessuti, “potrete scegliere tra centinaia di colori e trame, dalla microfibra adatta alla famiglia a una bella ciniglia, dai classici naturali ai tessuti multistrato ruvidi con trama a intreccio,” spiega Glen Asfour, direttore vendite da Design Louis George. Sa proprio del regalo ideale…per se stessi!

Four Season Pool • 2 Gyms • 2 Social Rooms • 3 Acres of Garden • Indoor Parking • Across Bus Terminal & Future Light Rail

VenturaCondos.ca • 514 697-5454 • info@VenturaCondos.ca Model Condo: 355 Brunswick Blvd. Pointe-Claire (Facing Fairview Shopping Center)


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 44

44

SAN MARINO

Photos / @visitsanmarino

Guaita, la première tour

BIENVENUE DANS LA RÉPUBLIQUE DE SAINT-MARIN Benvenuti a San Marino par / di NORA FAHMI

Petite mais fière De majestueuses forteresses, de dramatiques éperons rocheux, de pittoresques rues pavées, des forêts luxuriantes… vous ne serez pas les premiers à vous éprendre de la beauté et du charme unique de la plus ancienne république et cinquième des plus petits pays du monde : Saint-Marin. Ne couvrant que 61 kilomètres carrés, ce micro-État aux multiples facettes attire chaque année des légions de touristes. Fièrement indépendante et jouissant d’une position enviable à proximité de l’Adriatique, Saint-Marin est limitrophe des régions de l’Émilie-Romagne et des Marches. Plusieurs choisissent d’ailleurs Rimini, haut lieu balnéaire des Marches, comme pied-à-terre à partir duquel y organiser une visite. Le service d’autocar reliant les deux endroits permet en effet d’entreprendre facilement une escapade d’un jour dans la petite république, située à quelque 20 kilomètres.

Piccola ma fiera

Fortezze maestose, dirupi mozzafiato, amene stradine lastricate di pietre, foreste lussureggianti…Un tripudio di bellezza e fascino è ciò che caratterizza la più antica repubblica indipendente, nonché il quinto stato più piccolo al mondo: San Marino. Con un’estensione di appena 61 chilometri quadrati, ogni anno il carattere sfaccettato del paese attira schiere di turisti. Fiero della sua indipendenza e con una posizione invidiabile vicino alla costa adriatica, confina con l’Emilia-Romagna e le Marche. A circa 20 chilometri da Rimini, sono in molti a scegliere la vivace località balneare come base per visitare questa minuscola repubblica. Di fatto, il regolare servizio di autobus che collega le due rende la gita possibile.


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 45

SAN MARINO

45

De modeste église à patrimoine mondial de l’UNESCO Le fondateur et patron éponyme de Saint-Marin se serait réfugié au sommet du mont Titano afin de fuir les persécutions religieuses dont souffrait son peuple en Dalmatie, son pays natal. La ville et la capitale de Saint-Marin ont depuis beaucoup prospéré autour de la modeste église qu’il a érigée autour de l’an 300. En 2008, lors de la session du comité de l’UNESCO tenue à Québec, il a été établi que le centre historique de Saint-Marin et le mont Titano figureraient sur la prestigieuse liste des sites du patrimoine mondial : tout un honneur pour un aussi petit territoire ! Parmi les nombreuses églises à visiter, la basilique de Saint-Marin s’avère incontournable. De style néoclassique, le bâtiment date de 1836 et contient une urne dans laquelle les reliques du saint patron sont conservées.

Da chiesetta a sito Patrimonio Mondiale dell’UNESCO Si dice che il fondatore e patrono di San Marino sia l’omonimo santo, un tagliapietre dalmata fuggito alle persecuzioni religiose e che trovò rifugio in cima all’irto ed aspro colle del Monte Titano. La città e capitale San Marino fiorì attorno all’umile chiesa da questi costruita. Nel 2008, in occasione della riunione del Comitato UNESCO a Québec, è stato deciso all’unanimità di inserire il centro storico di San Marino e il Monte Titano nella prestigiosa lista dei siti Patrimonio dell’Umanità – un notevole riconoscimento per un territorio così piccolo! Ricca di belle chiese da visitare, la più affascinante è probabilmente la Basilica di San Marino. Edificata nel 1836 in stile neoclassico, le reliquie del Santo sono custodite in un’urna al suo interno.

Une douce passeggiata Les nostalgiques aimeront déambuler dans les étroites rues enchanteresses qui parsèment le centre historique de Saint-Marin, lové au sein d’impressionnantes fortifications médiévales. Du haut de ses 750 mètres, la ville offre aussi de nombreux panoramas à couper le souffle. Trois majestueuses tours de guet trônent fièrement sur la crête des trois pics du mont Titano. Facilement accessibles, elles sont reliées par un sentier qui épouse le dénivelé des environs. La plus ancienne et la plus connue, Gaita, remonte au XIe siècle. La deuxième, Cesta, date du XIIIe siècle et s’élance vers le ciel du plus haut des sommets du mont Titano. Elle contient un musée dédié au saint patron où l’on trouve aussi une collection de 1 550 armes fabriquées du Moyen Âge à nos jours. La troisième tour, Montale, juchée sur le plus petit pic du mont Titano, a été achevée au XIVe siècle. Fermée au public, elle est ainsi beaucoup moins courue des hordes de touristes et se présente comme l’endroit idéal pour profiter avec calme de l’incroyable vue qu’offre Saint-Marin. Après avoir apprécié ce triptyque médiéval, plusieurs se laisseront volontiers tenter par les offres alléchantes des boutiques hors-taxe du centre historique. Sacs à main, lunettes de soleil, jouets de toutes sortes et répliques d’armes en tout genre figurent parmi les achats les plus populaires.

Una piacevole passeggiata Le anime vaganti possono godersi una passeggiata per le meravigliose stradine strette che caratterizzano il centro storico di San Marino, situato in cima al Monte Titano. Le imponenti mura medievali in pietra fanno per l’appunto da palcoscenico a una passeggiata decisamente pittoresca. A 750 metri sopra il livello del mare, non mancano panorami mozzafiato da cui rimanere incantati. Appassionati di torri: San Marino non vi deluderà! Dalle tre rocche del Monte Titano s’innalzano con fierezza tre imponenti torri. Facilmente accessibili, sono collegate mediante un percorso che si estende lungo il colle. La più antica e famosa, Guaita, risale all’XI secolo. La seconda, Cesta, fu eretta nel XIII secolo e si trova sulla rocca più alta del Monte Titano. All’interno della torre, un museo in onore del santo patrono mette in mostra un’importante collezione con oltre 1550 armi che vanno dall’epoca medievale ai giorni d’oggi. La terza torre, Montale, si affaccia sulla rocca più piccola del Monte Titano. Edificata nel XIV secolo, è chiusa al pubblico. Essendo decisamente meno affollata, da qui si possono ammirare in tutta serenità delle vedute spettacolari. Dopo aver esplorato le tre affascinanti torri, molti amano immergersi negli acquisti esentasse nella pletora di negozi stravaganti che delineano le viuzze del centro storico.Tra i prodotti più venduti si trovano borse, occhiali da sole, giocattoli di ogni sorta e riproduzioni di armi.


Villa Angiolina

Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 46

4646

SAN MARINO

Molise B&B

Palais Public

If you plan on visiting Molise this year why not make Villa Angiolina B&B your home base? Located on the outskirts of Guglionesi, a few minutes to the beautiful Adriatic Sea and the city of Termoli.

Les châteaux La République de Saint-Marin est composée de neuf villes ou castelli (châteaux), et sa figure emblématique est sa capitale, Saint-Marin. Les huit autres bourgs possèdent chacun leurs atouts, qui sauront plaire aux visiteurs plus aventureux. Blottie au pied du mont Titano, la ville marchande de Borgo Maggiore possède un centre historique lui aussi reconnu par l’UNESCO. Une télécabine la relie d’ailleurs à Saint-Marin. Place aux traditions En tant que république indépendante, SaintMarin compte sa propre milice. Les effectifs de la Guardia di Rocca, vêtus d’élégants uniformes rouge et vert, sont très en vogue lors des mois d’été lorsqu’ils performent la relève de la garde devant le Palazzo pubblico, le siège du gouvernement. Cette cérémonie colorée se déroule toutes les 30 minutes. Un autre événement d’intérêt anime le centre historique de Saint-Marin durant le mois de juillet : les giornate medioevali (les journées médiévales). Le cœur de la ville prend alors des allures de bourg médiéval et se remplit de musiciens et d’artisans en plus d’offrir une foule d’activités pour les festivaliers – une fête colorée et savoureuse qui dévoile au grand jour les splendeurs historiques de la plus ancienne république du monde.

I castelli La Repubblica consiste in nove città o castelli. La più importante è, ovviamente, la capitale San Marino. Le altre otto, tuttavia, hanno ognuna qualcosa da offrire al visitatore curioso che ha più tempo a disposizione. Quelli che desiderano evitare gli itinerari più battuti opteranno senza dubbio per la scoper ta dell’antica città di mercato di Borgo Maggiore ai piedi del Monte Titano. Grazie al suo centro storico inserito tra i siti UNESCO Patrimonio dell’Umanità, alle sue chiese e monumenti, primeggia nella lista delle cose da vedere. Borgo Maggiore e il centro di San Marino sono collegati da una funivia. Un luogo di tradizioni Essendo una repubblica indipendente, San Marino ha la sua (piccolissima!) Forza Armata. La Guardia di Rocca, con la bella uniforme rossa e verde, è popolare in particolare nei mesi estivi, in occasione dell’eccezionale cerimonia per il cambio della guardia a Palazzo Pubblico, sede del governo nazionale. L’evento, coloratissimo, si tiene ogni mezz’ora. Altra ricorrenza degna di nota che ha luogo nel centro storico di San Marino durante il mese di luglio, sono le Giornate Medioevali. In quest’occasione, il centro diventa un villaggio medievale in cui i visitatori vengono intrattenuti con musica, laboratori di artigianato ed attività divertenti. Festino di colori e sapori, è l’occasione perfetta per scoprire la repubblica più antica del mondo.

For more information:

514 941-2370 info@panoramitalia.com

Villa Angiolina, Molise

Basilique de Saint-Marinus


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 47


Montreal Feb / March 33-48 2018-02-08 10:08 AM Page 48

48

SAN MARINO

Photos / shutterstock

A VISIT TO PIAZZA DELLA LIBERTÀ Visita a Piazza della Libertà by / di EVE AARON

Culinary and shopping delights The pulse of the city of San Marino is located in Piazza della Libertà. Housing the Palazzo Pubblico (the state’s parliament), Piazza della Libertà is an intersection of political, commercial and gastronomic activity with plenty of hustle and bustle. Having left Italy behind, a visitor to San Marino has fortunately not left behind Italian cuisine; an abundance of osterie, trattorie and ristoranti in and around the piazza offer a chance to taste the region’s specialties. Massimo Agospini, owner of one of the town’s most frequented restaurants, Ritrovo Dei Lavoratori, vouches for the gastronomic richness of the piazza: “While Piazza della Libertà is the heart and centre of everything, including tourism and politics, the presence of the restaurateur plays an important contribution to the character of this central area.” Agospini emphasizes the value of food as a part of the region’s identity and chooses to zero in on the peculiarities of the local cuisine, working with ingredients like white truffles, veal and even snails. He explains, “While many of the dishes blend in with those typical to Emilia-Romagna, firm traditions distinguish the flavours and subtleties of Sanmarinese cooking.” Beyond the food, Piazza della Libertà also serves up a bevy of artisanal boutiques. Shoppers in San Marino will quickly notice the distinctiveness of the shopping scene here: not only are items tax-free and thus much cheaper

Delizie culinarie e dello shopping

Il cuore della città di San Marino si trova in Piazza della Libertà. Sede del Palazzo Pubblico (palazzo del governo), Piazza della Libertà è il posto in cui le attività politiche, commerciali e gastronomiche s’intersecano in un continuo andirivieni. Una volta lasciata l’Italia alle spalle, il visitatore di San Marino per fortuna non rinuncia alla cucina italiana; le osterie, le trattorie e i ristoranti che abbondano tutt’intorno alla piazza offrono l’opportunità di assaporare le specialità della regione. Massimo Agospini, proprietario di uno dei ristoranti più frequentati della città, il Ritrovo dei Lavoratori, fa da garante per la ricchezza gastronomica della piazza: “Se Piazza della Liber tà è il cuore e il fulcro di tutto, compresi turismo e politica, la presenza dei ristoratori contribuisce non poco al carattere di questa zona centrale.” Agospini enfatizza il valore del cibo come parte dell’identità regionale e vuole concentrarsi sulle peculiarità della cucina locale, ricorrendo a ingredienti come tar tufi, vitello e persino lumache. Spiega: “Seppure molti dei piatti si combinino con quelli tipici dell’Emilia-Romagna, solide tradizioni si contraddistinguono per i sapori e le delicatezze della cucina sammarinese.” Oltre al cibo, Piazza della Libertà offre anche un gran numero di botteghe d’artigianato. I clienti noteranno immediatamente la particolarità dei negozi locali: non solo i prodotti sono esentasse, e quindi molto più economici dei prodotti italiani fortemente tassati, ma qui è pure consentita la vendita delle armi da fuoco.


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 49

SAN MARINO

49

than highly-taxed Italian products, but strange differences in laws, such as those on gun control, have allowed for the liberal sale of weaponry. It is possible to purchase anything from a large gun to a medieval sword, and many of the shops here are devoted solely to this theme. However, there are plenty of tamer goods for sale such as jewelry, ceramics, fabrics and lace. The Casadei family owns and runs one of these businesses – Klepto Gioielli – which produces and sells fine jewelry closely connected, in its signature look, to the region. “We like to work with gems into which we engrave symbols of San Marino, such as the city’s three medieval towers or Monte Titano, the hill on which the city was built,” explains Michele Casadei, a second-generation partner in the business. Casadei notes that, in general, local artisans no longer totally define the piazza and its character, as so many bigger businesses have opened there, but he does add “those who have remained continue to take inspiration from their location.” Klepto is similar to neighbouring workshops in which both the production and marketing unfold in one space. This conjunction of laboratory and shop is a classical arrangement for the craftsmen of small medieval towns and gives the buyer a sense of the product’s immediacy and authenticity. Piazza della Libertà is a gathering place, a feast for the eyes and home to an eclectic collection of curiosities. It is a symbol of the city itself.

È possibile acquistare di tutto, da una pistola di grosso calibro a una spada medievale, e molti dei negozi locali si dedicano esclusivamente a questi articoli. Tuttavia, in vendita ci sono molti prodotti meno ‘‘avventurosi’’ come gioielli, ceramiche, tessuti e merletti. La famiglia Casadei possiede e gestisce una di queste attività commerciali – Klepto Gioielli – che produce e vende alta gioielleria strettamente legata, per quanto concerne lo stile, alla regione. “Ci piace lavorare con gemme sulle quali incidiamo i simboli di San Marino, come ad esempio le tre torri medievali o il Monte Titano, il colle sul quale è stata edificata la città,” spiega Michele Casadei, socio di seconda generazione dell’attività. Casadei sottolinea che, in generale, gli ar tigiani locali non definiscono più del tutto la piazza e il suo carattere, dato che sono state aperte molte grandi attività commerciali, ma aggiunge che “quelli che sono rimasti continuano a trarre ispirazione dalla loro ubicazione.” Klepto è simile alle botteghe vicine, in cui produzione e marketing si sviluppano in uno spazio unico. L’unione tra laboratorio e bottega è un’organizzazione tipica degli artigiani delle piccole città medievali e trasmette all’acquirente la sensazione dell’immediatezza ed autenticità del prodotto. Piazza della Liberta è un punto di incontro, una delizia per gli occhi e sede di un’eclettica collezione di curiosità. È simbolo stesso della città.

“Piazza della Libertà is an intersection of political, commercial and gastronomic activity with plenty of hustle and bustle.”

“Piazza della Libertà è il posto in cui le attività politiche, commerciali e gastronomiche s’intersecano in un continuo andirivieni.”


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 50

50

SAN MARINO

Photos / Goffredo Taddei

Museo di Stato

“The ancient Republic of San Marino is a treasure chest of history, architecture, antiquity and culture.” “L’antichissima Repubblica di San Marino è uno scrigno di storia, architettura, antichità e cultura.”

Filatelia e Numismatica

A MUSEUM LOVER’S CITY Città per gli amanti dei musei by / di CLAUDIA BUSCEMI PRESTIGIACOMO Situated on the slopes of Monte Titano, the ancient Republic of San Marino is a treasure chest of history, architecture, antiquity and culture. Whether you’re planning a long stay or a brief trip, the local cultural institutes offer interesting museums for visitors of all ages. Here are a few not to be missed.

Adagiata sulle pendici del monte Titano, l’antichissima Repubblica di San Marino è uno scrigno di storia, architettura, antichità e cultura. Che si tratti di un lungo soggiorno o di una breve gita, gli istituti culturali locali offrono ai visitatori interessanti proposte museali per ogni età. Eccone alcune da non perdere.

The State Museum First established in the second half of the 19th century inside the old Palazzo Valloni, the museum moved to Palazzo Pergami-Belluzzi in 2001. It’s a simple 17th century structure in line with the old Republican palaces, situated in Piazza del Titano in the heart of the old city. The museum was launched in 1865 thanks to a collection of archaeological finds discovered in the San Marino area as well as donations of paintings and objects from illustrious figures who, driven by their admiration for the oldest republic in the world, followed the example of Count Luigi Cibrario, consultant of the Republic and minister of the Kingdom of Italy. With 40,000 annual visitors, the museum offers a permanent exhibition as well as entertaining activities and temporary shows. The 5,000 pieces owned and safeguarded by the museum are distributed on various levels and subdivided by typology and chronology. In general, they retrace highlights of history and local culture, ranging from archeology to numismatics (coincollecting) to painting – to which the whole of the first floor is dedicated. “One of the most important parts of the museum is the original piece of the Domagnano treasure,” says Paolo Rondelli, director of the institute of museums. “The treasure, recovered halfway through the 19th century within the Republic territory, ended up on the antique market due to a lack of protection laws at the time,” he continues. “As well as in San Marino, original pieces are now found at the British Museum, the Louvre, Abu Dhabi, Nuremberg and the Metropolitan in New York.”

Il Museo di Stato Istituito originariamente nella seconda metà del XIX secolo all’interno dell’antico Palazzo Valloni, nel 2001 è stato trasferito a Palazzo Pergami-Belluzzi, sobria struttura del XVI secolo in linea con gli antichi palazzi della Repubblica, situato in Piazza del Titano, cuore del centro storico. Il museo ebbe origine nel 1865 grazie al raggruppamento di reper ti archeologici rinvenuti nel territorio di San Marino, nonché alle donazioni di dipinti ed oggetti da parte di personaggi illustri che, spinti dall’ammirazione verso la Repubblica più antica del mondo, seguirono l’esempio del conte Luigi Cibrario, consulente della Repubblica e ministro del Regno d’Italia. Ai suoi 40.000 visitatori annui, il museo offre, oltre all’esposizione permanente, attività di animazione e mostre temporanee. I 5.000 pezzi custoditi sono distribuiti su vari livelli e suddivisi per tipologia e cronologia. In generale, ripercorrono momenti salienti della storia e della cultura locale e vanno dall’archeologia alla pittura – a cui è dedicato tutto il primo piano – alla numismatica. “Di grande impor tanza la riproduzione scientifica con criteri archeologici del “tesoro di Domagnano”, di cui si custodisce anche un pezzo originale,” spiega Paolo Rondelli, direttore degli istituti museali. “Il tesoro, ritrovato a metà del XIX secolo nel territorio della Repubblica, quando non c’erano ancora leggi di protezione, finì sul mercato antiquario.” – continua – “I pezzi originali ora si trovano, oltre che a San Marino, al British Museum, al Louvre, ad Abu Dhabi, a Norimberga ed al Metropolitan di New York.”


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 51

SAN MARINO

51

The Philatelic and Numismatic Museum The Philatelic and Numismatic Museum – currently being renovated and due to re-open in 2019 – has a particular importance considering that San Marino is highly valued by collectors from all over the world. “The new museum project will surprise visitors because of the presence of objects and works that, though not specifically coins and stamps, are related to them,” explains Rondelli. The first set of stamps dates back to 1877 and depicts the official emblem of the Republic; the plumes symbolize an independence from constraints, reflecting the history of the Republic. Through the issue of new stamps dedicated to events and important figures, the Republic conveys its own history and culture. Some examples include those dedicated to the founder of the country, Saint Marinus, or those celebrating Garibaldi’s escape when Garibaldi, his wife Anita and a small army found refuge within the region. The numismatic history of San Marino began in 1862 when the new Kingdom of Italy authorized the Republic to mint its own currency on the condition that it had the same “title and weight” as the Italian one. That rule is still respected with the Euro, even though it is not part of the European Union. The first piece dates back to 1863 and is a white-gold copper coin worth five cents.

Museo Filatelico e Numismatico Il Museo Filatelico e Numismatico, attualmente in ristrutturazione e la cui riapertura è prevista per il 2019, ha una par ticolare valenza, considerato che San Marino è particolarmente apprezzata dai collezionisti di tutto il mondo. “Il nuovo progetto museologico probabilmente sorprenderà i visitatori per la presenza di oggetti e opere che, pur non essendo specificatamente monete e francobolli, sono ad essi correlati,” spiega Rondelli. La prima serie di francobolli risale al 1877 e raffigura lo stemma ufficiale della Repubblica, con le tre “penne”, simbolo dell’indipendenza da vincoli che ben riflette la storia della Repubblica. Attraverso l’emissione di nuovi francobolli dedicati ad avvenimenti o personaggi illustri, la Repubblica trasmette la propria storia e cultura. Si pensi a quelli dedicati al fondatore del Paese, San Marino, o a quelli celebrativi dello “scampo garibaldino”, quando Garibaldi, la moglie Anita e un piccolo esercito trovarono rifugio all’interno del territorio. La storia numismatica ebbe invece inizio nel 1862, quando il neo Regno d’Italia autorizzò la Repubblica a coniare una propria moneta, con la clausola che avesse lo stesso “titolo e peso” di quella italiana. Regola tuttora rispettata con l’euro, pur non facendo parte dell’Unione europea. Il primo pezzo risale al 1863 ed è una moneta biancoazzurra di rame del valore di cinque centesimi.

The Museum of Curiosities The Museum of Curiosities, established in 1989 from a private collection, is an excellent stop for lovers of eccentricity. Situated in the historic centre, it has 100 pieces exhibited including “curious news, objects and characters gathered to amaze, stimulate, teach and entertain the public,” according to Cristina Ginesi, curator and supervisor of the museum. An example of the curiosities you may find are “a 17th century rocking bath that, thanks to its shape, creates a movement of water not dissimilar to the modern-day whirlpool,” she explains. Also present in this bizarre collection are flytraps in various shapes and models – worn in 1700 to counteract the lack of personal hygiene – and a 17th century shower, both pumping and spilling water from above and below to make a shower and bidet at the same time. In short, with traps, nose clocks and wooden baby diapers, the name of the museum is certainly accurate.

Museo delle curiosità Il Museo delle curiosità, nato nel 1989 da una collezione privata, è un’ottima tappa per gli appassionati dell’eccentrico. Situato nel centro storico, mette in mostra 100 pezzi, “oggetti, notizie e personaggi curiosi, raccolti per stupire, stimolare, insegnare e divertire il pubblico,” afferma Cristina Ginesi, curatrice e responsabile del museo. Tra le curiosità troviamo ad esempio “una vasca da bagno a dondolo del XVII secolo che, grazie alla forma particolare, creava uno spostamento d'acqua simile all' odierno idromassaggio,” continua. Fanno inoltre par te della bizzarra collezione trappole per pulci, di varie forme e modelli, indossate nel 1700 per contrastare la carenza di igiene personale ed una doccia del XVII secolo, a pompa e doppia fuoriuscita dell’acqua, dall’alto e dal basso, per fare contemporaneamente doccia e bidet. Insomma, fra trappole, orologi a naso e pannolini da bambino in legno, il nome del museo risulta decisamente azzeccato.

Order Online!

Open Monday to Saturday Since

1965

Products of Quebec – Grain fed – Air chilled

Buona Pasqua

Chicken • Turkey • Quail • Guinea Fowl • Duck • Goose • Pheasant • Pigeon Rabbit • Hare • Lamb • Venison • Bison • Wild Boar • Organic Chicken & Turkey Roasts • Fondue Meats • Homemade Sausages • Meat Pies Foe Gras • Smoked Salmon • Rillettes • Terrines Free delivery for all purchases of $50 or more (Montreal)

514.843.6652 www.LVGF.ca

116 Rue Roy est. Montréal Qc.


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 52

52

SAN MARINO

“Their unwillingness to give up, combined with their everyman spirit, has endeared them to football fans around the world.”

“Con la loro riluttanza ad arrendersi unita allo spirito di gente comune che li caratterizza, si sono fatti apprezzare da tifosi di calcio di tutto il mondo.”

Forti a … perdere

Mirko Palazzi

by / di GRAEME CAREY

San Marino’s national team refuses to quit In the world of football, there is perhaps no greater underdog story than the San Marino national team, which has been described by many as the worst national side in the history of the game. Located on the Italian peninsula, San Marino is less than 24 square miles in size making it the fifth smallest country in the world. In 145 matches, their football team has only won once, beating Lichtenstein 1-0 in a friendly game in 2004. Since their first official match in 1990, Sammarinese players have scored just 23 goals while letting up 634. Still, not everyone thinks they’re worthy of the title of worst team ever. “They’re obviously among the worst teams out there, but it’s important to keep things in perspective,” says Carlo Campo, senior soccer editor at theScore.com. “San Marino is a microstate with a population of approximately 33,000 and a place where only footballers who are completely Sammarinese can represent the national team. Passports aren’t issued on sporting merit. As a result, its national team isn’t composed of professional players.” In fact, most San Marino players hold everyday jobs on the side, ranging from youth soccer coach, to furniture shop employee, to hospital office worker. Current defender Fabio Vitaioli is a full-time bar owner when he isn’t on the pitch. “The charm of San Marino’s national team is that the squad comprises working-class footballers,” says Campo. “It’s not uncommon to see an accountant on the pitch, or a shop worker, student, factory worker, lawyer or office clerk.” That’s not to say that San Marino hasn’t had talented players, like Mirko Palazzi, who played for Rimini from 2010-13, or Massimo Bonini, who appeared in nearly 300 matches for Juventus and was named the greatest

La squadra nazionale di San Marino non molla mai Protagonista di quella che è forse la più grande storia di perdenti nel mondo calcistico, la squadra nazionale di San Marino è stata descritta da molti come la peggiore squadra nazionale nella storia di questo sport. Situato nella penisola italiana, San Marino, che si estende per meno di 24 miglia quadrate, è il quinto paese più piccolo al mondo. In 145 partite, la sua squadra di calcio ha vinto soltanto una volta 1-0 contro il Lichtenstein, in una partita amichevole nel 2004. Dalla loro prima partita ufficiale nel 1990, i giocatori sammarinesi hanno segnato solo 23 goal a fronte dei 634 subiti. Tuttavia, c’è ancora qualcuno che non li ritiene degni del titolo di peggior squadra in assoluto. “Sono ovviamente una tra le peggiori squadre ma è impor tante considerare le cose dalla giusta prospettiva,” dice Carlo Campo, senior editor della sezione calcio al theScore.com. “San Marino è un microstato di circa 33,000 abitanti e un luogo dove solo calciatori totalmente sammarinesi possono rappresentare la squadra nazionale.” Difatti, la maggior parte dei giocatori del San Marino fa anche altri lavori, che vanno dall’allenatore di squadre giovanili al commesso in un mobilificio all’impiegato in ospedale. L’attuale difensore Fabio Vitaioli è proprietario a tempo pieno di un bar quando non è in campo. “Il fascino della squadra nazionale di San Marino consiste nell’essere formata da calciatori della classe lavoratrice,” dice Campo. “Non è raro vedere sul terreno di gioco un commercialista o un commesso, uno studente, un operaio, un avvocato o un impiegato.” Ciò non toglie che San Marino abbia giocatori di talento, come Mirko Palazzi, che ha giocato al Rimini dal 2010 al 2013, o Massimo Bonini, presente in quasi 300 partite alla Juventus e nominato miglior giocatore nella storia di San Marino dalla Federazione Sammarinese Giuoco Calcio nel 2006. Ma il cal-

Photos / FSGC

SOCCER UNDERDOGS


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 53

SAN MARINO

53

player in San Marino history by the Sammarinese Football Association in 2006. But by far the most accomplished player is Andy Selva, who is responsible for more than a third of the team’s total goals. “Selva is something of a hero in San Marino,” says Campo. “He’s the team’s all-time top scorer with eight goals, one of which came in the team’s only victory. There’s also David Gualtieri, who scored what was – at the time – the fastest ever goal in a World Cup qualifying, drawing blood just eight seconds into a game against England.” But these bright spots have been few and far between for the Sammarinese who, until 2014, were tied for dead last in FIFA World Rankings for several years in a row. (They’ve since clawed their way up to 204 out of 206, narrowly edging out countries like Anguilla and Tonga). In 2006, they set the record for worst defeat in European Championship qualifying play by losing 13-0 to Germany. Despite their disadvantages, San Marino continues to field a team year in and year out knowing full well they’ll probably lose. Their unwillingness to give up, combined with their everyman spirit, has endeared them to football fans around the world. But not everyone loves an underdog story. Some have argued that San Marino has no business being on the same pitch as top national teams. In 2016, after an 8-0 blowout in a World Cup qualifier, members of Germany voiced their frustration at having to play against San Marino, with Bayern Munich club executive Karl-Heinz Rummenigge going so far as to say, “San Marino has got nothing to do with professional football.” “San Marino’s reputation is mixed,” says Campo. “Some question whether they should be allowed to compete in qualifying campaigns alongside Europe’s best, while others believe they have the same right as anyone else to play at the highest level. It depends who you ask. My opinion is that they should be there as long as there’s a desire to improve.” Whether you think they’re an inspirational underdog story or the laughing stock of the football world, San Marino shows no signs of quitting. Their last match was in October 2017, a 5-0 loss to Czech Republic in World Cup qualifying.

ciatore di gran lunga più affermato è Andy Selva, autore di più di un terzo dei goal totalizzati dalla squadra. “Selva è come un eroe a San Marino,” racconta Campo. “È da sempre il capocannoniere, con otto reti realizzate, di cui una segnata durante l’unica vittoria del team. C’è poi David Gualtieri, che realizzò quello che era all’epoca il goal più veloce in assoluto durante le qualificazioni al Mondiale, segnando a soli otto secondi dall’inizio della partita contro l’Inghilterra.” Ma queste note positive sono state sporadiche per i sammarinesi che fino al 2014 si sono piazzati ultimi nella Classifica Mondiale della FIFA per parecchi anni consecutivi.” (Da allora hanno a fatica risalito la classifica per raggiungere la posizione di 204 su 206, sconfiggendo per un pelo paesi come Anguilla e Tonga). Nel 2006 hanno stabilito il record di peggiore sconfitta nelle qualificazioni al Campionato europeo, perdendo 13-0 con la Germania. Nonostante gli svantaggi, San Marino continua, anno dopo anno, a schierare in campo la propria squadra, ben consapevole che probabilmente perderà. Con la loro riluttanza ad arrendersi unita allo spirito di gente comune che li caratterizza, si sono fatti apprezzare da tifosi di calcio ovunque nel mondo. Ma non tutti amano le storie di perdenti. Alcuni sostengono che San Marino non sia all’altezza di giocare con squadre nazionali di alto livello. Nel 2016, dopo una partita di qualificazione al Mondiale vinta a mani basse dai tedeschi con il risultato di 8-0, membri della Germania hanno espresso la loro frustrazione per aver dovuto giocare contro San Marino, con il dirigente del Bayern Monaco KarlHeinz Rummenigge che è persino arrivato a dire: “San Marino non c’entra niente con il calcio professionistico. “Le opinioni sulla reputazione di San Marino sono contrastanti,” riferisce Campo. “Alcuni mettono in discussione il fatto stesso che gli venga concesso di competere nelle campagne di qualificazione a fianco delle migliori squadre europee, altri credono che abbiano lo stesso diritto di chiunque altro di giocare ai più alti livelli. Dipende a chi lo si chiede. A mio avviso, è giusto che vi partecipino purché ci sia il desiderio di migliorare.” Che la si consideri una storia di perdenti da cui trarre ispirazione o lo zimbello del mondo calcistico, il San Marino non molla. La loro ultima partita è stata nell’ottobre 2017 e hanno perso 5-0 con la Repubblica Ceca nelle qualificazioni al Mondiale.

N

GREAT SERVICE. OUR PRIORITY IS YOUR SATISFACTION. TRY US, WE WON’T DISAPPOINT.

4299 Desserte Nord Autoroute 440 Laval, QC www.chomedeynissan.com

MICHAEL GIOIA General Manager 450.682.4400 Parliamo Italiano • Open Saturdays

4540, Boulevard Robert-Bourassa Laval, QC www.nissanvimontlaval.com


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 54

54

ARTS & CULTURE

The Association of Italian Canadian Writers (AICW) was founded in 1986 to promote Italian culture in Canada by lending a voice to writers.

STORIES WORTH TELLING Storie da raccontare by / di GRAEME CAREY

Centre de Décoration

St-Léonard

At-home consultation services: Bedding Curtains Shades Moldings Wallpaper Ceramics Tony Catania - Owner

7101, Jarry Est, Anjou 514-255-1644 www.decorstleonard.com

The Association of Italian-Canadian Writers Since 1986, the Association of Italian Canadian Writers (AICW) has promoted Italian culture in Canada by lending a voice to writers. “The ItalianCanadian community represents a significant part of Canadian multicultural society,” says Maria Cristina Seccia, president of the AICW and lecturer in Italian Studies at Bangor University in the UK. “I think that the literary works by Canadian authors with Italian origins are a precious source to understand and appreciate the value of Canadian multiculturalism and to reflect, more broadly, on issues like cultural diversity and intercultural dialogue.” The AICW currently has more than 100 members from all over Canada, including Michael Mirolla, a novelist, short story writer, poet and playwright. His writing has earned him awards and recognition, including the Bressani Literary Prize, given out by the Italian Cultural Centre “to honour and promote the literary work of Canadian writers of Italian origin or Italian descent.” If not for the AICW, his career might not have been possible. “Before the AICW came into being, it was very difficult for Italian-Canadian voices to be heard,” says Mirolla. Born in Jelsi, Campobasso, he moved to Montreal when he was four and now lives near Toronto. “There were no anthologies of Italian-Canadian writing, no presses that published Italian-Canadian writing (other than with a sense of tokenism), no literary analysis or criticism of Italian-Canadian writers and a lack of historical placement of such writers within the fabric of Canadian literature.” To promote its members and Italian culture, the AICW regularly hosts events throughout the country. Every summer, they celebrate Italian Heritage Month with their “Books & Biscotti Literary Series,” which includes public readings in Vancouver, Toronto and Montreal, among other places.

L’Associazione degli scrittori italo-canadesi

Dal 1986, l’Associazione degli Scrittori Italo-Canadesi (AICW) promuove la cultura italiana in Canada, dandole voce. “La comunità italo-canadese rappresenta una parte significativa della società multiculturale canadese,” afferma Maria Cristina Seccia, presidente dell’AICW e docente di Italianistica alla Bangor University nel Regno Unito. “Penso che le opere letterarie degli autori canadesi di origine italiana siano una fonte preziosa per comprendere ed apprezzare il valore del multiculturalismo canadese e per riflettere, a più ampio raggio, su problematiche quali la diversità e il dialogo interculturali.” L’AICW conta al momento più di 100 soci in tutto il Canada, compreso Michael Mirolla, romanziere, autore di racconti brevi, poeta e drammaturgo. La sua opera gli ha fatto meritare premi e riconoscimenti, incluso il Premio Letterario Bressani, assegnato dal Centro culturale italiano “per onorare e promuovere le opere letterarie di scrittori canadesi di origine o discendenza italiana.” Se non fosse stato per l’AICW, la sua carriera non sarebbe stata possibile. “Prima dell’esistenza dell’AICW, era molto difficile far ascoltare le voci degli italocanadesi,” sostiene Mirolla. Nato a Jelsi, Campobasso, si è trasferito a Montreal all’età di quattro anni ed oggi vive vicino a Toronto. “Non c’erano antologie di scritti italo-canadesi, né pubblicazioni (al di là di qualche minima concessione simbolica), né analisi letterarie o critiche di scrittori italo-canadesi: la collocazione storica di tali autori all’interno della produzione letteraria canadese era carente.” Per promuovere i propri membri e la cultura italiana, l’AICW organizza regolarmente degli eventi in tutto il Paese. Ogni estate, celebra l’Italian Heritage Month con la “Books & Biscotti Literary Series,” che comprende letture pubbliche a Vancouver, Toronto e Montreal, tra le altre. In occasione del Blue Metropolis Festival di Montreal il prossimo aprile, lancerà l’antologia per il


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 55

ARTS & CULTURE

55

At the Blue Metropolis Festival in Montreal this April, they will be launching a 30th anniversary anthology, which will feature the work of over 100 writers, from emerging members of the community to founders of the AICW. In 2012, the AICW – in collaboration with Accenti Magazine and Guernica Editions – received a grant from Canadian Heritage for a publishing project on the internment of Italian-Canadians during the Second World War, which led to a series of articles, events across Canada and the publication of two books on the subject. “The AICW has done a great job at bringing ItalianCanadian writers’ voices together and making them heard,” says Seccia. “Organizing international conferences and publishing literary and critical anthologies are just a couple of examples of how the AICW has promoted Italian-Canadian writing for over 30 years in Canada and beyond.” Mirolla believes it’s important to promote Italian-Canadian writers for several reasons: “They have something important to say about Canada and its relationship to its various ethnic identities. They present and represent an alternative voice to the Canadian literary canon as they come from their own unique perspective and experience. Their individual voices add to the universality of Canadian literature and it is the first step towards abandoning the hyphenation that haunts writers with plural/multiple identities.” Members aren’t required to deal directly with Italian-Canadian themes in their work, but their shared ethnicity is nevertheless present in everything they do. “Today, many of us do not write about our heritage,” says Licia Canton, former president and executive director of the AICW, who has volunteered with the non-profit organization for over two decades. “But we are well aware that we come from a people who left the familiar to establish a home among foreigners. In my case, I write stories that may have a connection to my heritage, but I also write stories that don’t have markers of my heritage.” What matters most is that their stories are heard, because as Umberto Eco wrote in The Island of the Day Before, “To survive, you must tell stories.” For Italian culture – or any other culture for that matter – to survive in Canada, the people who represent it must tell stories. “For many of us, being a member of the AICW is the way we remain connected to our heritage,” Canton says. “It’s also a way of acknowledging that it was through the AICW that we first obtained some recognition and visibility.”

trentesimo anniversario, che presenterà le opere di oltre 100 scrittori, dai membri emergenti della comunità ai fondatori dell’AICW. Nel 2012, l’AICW – in collaborazione con Accenti Magazine e Guernica Editions – ha ricevuto una sovvenzione da Canadian Heritage per un progetto editoriale sull’internamento degli italo-canadesi durante la Seconda guerra mondiale, che ha portato a una serie di articoli, eventi in tutto il Canada ed alla pubblicazione di due libri sull’argomento. “L’AICW fa un ottimo lavoro nel riunire e far ascoltare le voci degli scrittori italo-canadesi,” afferma Seccia. “L’organizzazione di conferenze internazionali e la pubblicazione di antologie letterarie e critiche sono solo un esempio di come l’AICW promuova gli scritti italo-canadesi da oltre 30 anni, in Canada e altrove.” Mirolla crede che la promozione degli scrittori italo-canadesi sia importante per vari motivi: “Hanno qualcosa di rilevante da dire riguardo al Canada ed al suo rapporto con le varie identità etniche. Presentano e rappresentano una voce alternativa al canone letterario canadese, in quanto provenienti dalla propria unica esperienza e prospettiva. Le loro voci individuali si aggiungono all’universalità della letteratura canadese e rappresentano il primo passo verso l’abbandono di quel trattino che tormenta gli scrittori di identità svariate.” Ai soci non è richiesto di trattare nelle loro opere temi espressamente italo-canadesi, ma la loro identità condivisa è comunque presente in tutto ciò che fanno. “Oggi, molti di noi non scrivono della propria eredità culturale,” dice Licia Canton, ex presidentessa e direttrice esecutiva dell’AICW, volontaria all’interno dell’organizzazione no-profit da oltre vent’anni. “Ma siamo tutti ben consci che veniamo da un popolo che ha abbandonato il familiare per metter su casa tra stranieri. Nel mio caso, scrivo storie che potrebbero avere una qualche relazione con il mio lascito, ma ne scrivo anche altre che non hanno traccia del mio retaggio.” Ciò che più conta è che le loro voci vengano ascoltate, perché, come scrisse Umberto Eco ne L’isola del giorno prima, “Per sopravvivere, bisogna raccontare storie.” Per la cultura italiana – o qualunque cultura, del resto – per sopravvivere in Canada, la gente che la rappresenta deve raccontare storie. “Per molti di noi essere un membro dell’AICW è un modo per mantenere un legame con la nostra eredità culturale,” dice Canton. “Significa anche riconoscere che è stato attraverso l’AICW che abbiamo ottenuto per la prima volta stima e visibilità.”


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 56

56

ARTS & CULTURE

“We strongly believe that design has to create feelings and emotions.” “Crediamo fermamente che il design debba suscitare sentimenti ed emozioni.”

Anna G. Corkscrew

THE MAIN INGREDIENT L’ingrediente principale by / di MARK CURTIS

Housewares maker Alessi focuses on design For companies like Italy’s Alessi, design is their reason for being. Established almost a century ago, Alessi is internationally renowned for its housewares designs by acclaimed architects and designers such as Alessandro Mendini, Aldo Rossi and Philippe Starck. “Design is not a spice we use at the end of the recipe to make it more tasty,” says Matteo Alessi, president of his family company’s American operations. “It is the main ingredient of what we’re preparing.” Matteo Alessi’s great-grandfather founded the family firm in 1921 in Crusinallo, a village of Omegna in Piemonte. The housewares manufacturer is still based there, about an hour northwest of Milan, though the company’s facilities have grown about tenfold in the ensuing decades. Matteo Alessi and Paolo Cravedi, the company’s managing director for the U.S. and Canada, were in Toronto recently and spoke with Panoram Italia. “We believe in timeless design,” Cravedi says. “We don’t believe in loading new customers with product that you will find obsolete after a year.” Alessi’s housewares – everything from corkscrews and cutlery to sauce pans and steamers – are designed in styles ranging from very serious to seriously playful. On the serious side is Alessi’s first-ever coffee maker, the 9090, designed by the late German architect Richard Sapper. Debuting in 1979, the 9090 features a minimalist design of polished stainless steel that is anything but minimalist in its manufacturing. “It takes more than 120 different steps of production to make [the 9090] the way it is,” Matteo Alessi says. “Of course, we could have changed some angles here and there in order to save steps of production and cost, but it would’ve been a different object. The fact that this coffee maker is in the permanent exhibition at the MoMA [Museum of Modern Art] in New York is a testament that it is really a piece of art.” Italian architect Aldo Rossi’s La Conica espresso maker for Alessi is another serious take on this essential household appliance. Rossi’s design suggests a miniature tower building. It’s made of stainless steel with a copper base. On the playful side is a design such as Alessandro Mendini’s Anna G corkscrew, perhaps the most recognized single item in Alessi’s 3,000-product

Il marchio di prodotti per la casa Alessi s’incentra sul design

Per aziende come l’italiana Alessi, il design è la ragione d’essere. Fondata circa un secolo fa, l’Alessi è famosa in tutto il mondo per il design dei suoi prodotti per la casa ideati da famosi architetti e stilisti come Alessandro Mendini, Aldo Rossi e Philippe Starck. “Il design non è una spezia da aggiungere alla fine di una ricetta per renderla più saporita,” sostiene Matteo Alessi, che presiede alle attività in America dell’azienda di famiglia. “È l’ingrediente principale di ciò che prepariamo.” Il bisnonno di Matteo Alessi fondò l’azienda nel 1921 a Crusinallo, una frazione di Omegna, in Piemonte. Il produttore di articoli per la casa ha la sua sede ancora lì, a circa un’ora a nord-ovest da Milano, sebbene gli impianti aziendali si siano decuplicati nel corso dei decenni. Matteo Alessi e Paolo Cravedi, direttore generale della compagnia per gli Stati Uniti e il Canada, si trovavano di recente a Toronto ed hanno fatto due chiacchiere con Panoram Italia. “Crediamo nel design senza tempo,” dice Cravedi. “Non ci interessa presentare ai nuovi clienti un prodotto che dopo un anno risulterà obsoleto.” Gli articoli per la casa Alessi – dai cavatappi alle posate, dalle casseruole alle pentole a vapore – sono ideati con stili che vanno dal molto austero al veramente scherzoso. Sul versante serioso si trova la prima caffettiera in assoluto, la 9090, ideata dal defunto architetto tedesco Richard Sapper. Presentata nel 1979, la 9090 possiede un design minimalista in acciaio inox lucido, la cui manifattura è tutt’altro che minimalista. “Ci vogliono più di 120 passaggi differenti nella produzione per renderla [la 9090] così com’è” afferma Matteo Alessi. “Ovviamente, avremmo potuto cambiare qualcosina qui e lì per risparmiarci qualche passaggio e costo, ma sarebbe diventato un oggetto diverso. Il fatto che questa caffettiera faccia parte della mostra permanente del MoMA [Museo d’Arte Moderna] di New York dimostra che si tratta davvero di un’opera d’arte.” La caffettiera La conica creata per Alessi dall’architetto italiano Aldo Rossi è un’altra versione seria di questo prodotto per la casa. Il design di Rossi ricorda una torre in miniatura. È realizzata in acciaio inox con una base in rame. Sul versante giocoso troviamo per esempio il design del cavatappi Anna G di Alessandro Mendini, probabilmente il pezzo unico più conosciuto dei 3.000 prodotti

Photos / Courtesy of Alessi

9090 Espresso Coffee Maker


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 57

ARTS & CULTURE

57

catalogue. Whimsy and elegance are combined in the del catalogo Alessi. Stravaganza ed eleganza si combinano design that features a smiling female figurine in a long in un design che raffigura una donna sorridente in abito dress. There’s even a male companion, Alessandro lungo. C’è persino il compagno di Anna G, Alessandro M – M – a self-portrait of the designer, naturally. un autoritratto del designer, naturalmente. Another playful item in the Alessi catalogue is the Altro pezzo scherzoso all’interno del catalogo Alessi Juicy Salif juicer by French designer Philippe Starck. è lo spremiagrumi Juicy Salif del designer francese Resembling a squid or a spider, the juicer’s long aluPhilippe Starck. Simili a quelle di una seppia o di un ragno, minum legs actually provide the space to place a drink le lunghe gambe in alluminio offrono spazio a sufficienza per glass directly below the juicer. posizionare un bicchiere direttamente al di sotto dello One of Alessi’s recently introduced collections is spremiagrumi. Extra Ordinary Metal, a collection of baskets, centreUna delle collezioni presentate di recente da Alessi è pieces and trays made of brass, a salute to the comExtra Ordinary Metal, un assortimento di cestini, centropany’s origins as a manufacturer of brass and tin tavola e vassoi realizzati in ottone, un omaggio alle origini sheeting. Two years in development, the brass series updell’azienda come produttrice di lamine d’ottone e stagno. dates an ancient Etruscan method of creating texture Dopo due anni di sviluppo, la serie in ottone reinterpreta on the individual pieces, and surface patterns are inun’antica tecnica etrusca utilizzata per creare una trama su spired by the recurring proportions (known as “the pezzi individuali, e i grani della superficie si ispirano agli golden ratio”) found in nature. equilibri ricorrenti (noti come “rapporto aureo”) in Natura. Although Alessi products are occasionally disconSebbene alcuni prodotti Alessi vengano occasionaltinued, many are in production for decades. The oldest mente sospesi, molti rimangono in produzione per decenni. Juicy Salif design in continuous production is the Bombé coffee and Il design più antico in costante produzione è il servizio da tea service set designed by Matteo Alessi’s grandfather, Carlo, in 1945. tè e caffè Bombé ideato dal nonno di Matteo Alessi, Carlo, nel 1945. Since the 1970s and under the direction of Alberto Alessi, Matteo’s uncle, Sin dagli anni ’70 e sotto la direzione di Alberto Alessi, zio di Matteo, l’azienda the family firm has focused on being an intermediary between fine art and dedi famiglia si impegna a fare da intermediaria tra le belle arti, il design e il mercato, sign and the marketplace, in effect bringing relatively affordable art objects to effettivamente offrendo oggetti artistici relativamente economici a un grande a mass audience. More than 50 Alessi products are in museum permanent colpubblico. Più di 50 prodotti Alessi sono esposti all’interno di collezioni permalections worldwide, and in 2016 the company sold about 300,000 units of those nenti di musei di tutto il mondo, e nel 2016 la compagnia ha venduto circa acclaimed designs, such as Sapper’s 9090 coffee maker. Alessi receives about 300.000 pezzi di quei design acclamati, come ad esempio la caffettiera di Sapper 450 unsolicited proposals each year from architects and designers, from stu9090. Ogni anno, Alessi riceve circa 450 proposte non richieste da architetti e dents to seasoned professionals. “It’s not just about the aesthetics of the proddesigner, da studenti a professionisti avviati. “Non si tratta solo dell’estetica del uct,” Matteo Alessi says. “We strongly believe that design has to create feelings prodotto,” dice Matteo Alessi. “Crediamo fermamente che il design debba and emotions.” suscitare sentimenti ed emozioni.” Whether it’s the admiration for the rigour behind a coffee maker design Che si tratti dell’ammirazione per il rigore del design di una caffettiera o di un or a kitchen utensil that has a whimsy that expresses your personality, these utensile da cucina la cui stravaganza esprime la propria personalità, queste connespersonal connections can help elevate good design to great design. sioni personali aiutano a fare di un buon design un design grandioso.


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 58

58

ADVICE

QUARESIMA, LA ‘SUSPENSE’ CRISTIANA E se la quaresima è un cammino di conversione, le rinunce Ogni anno ci ritroviamo in questo momento liturgico. Ricordiamo il devono restare in questo contesto. Non serve privarmi del cioccolato, tempo del deserto, ben quaranta giorni, che fece Gesù prima di del caffè, dei dolci, della panna, se in realtà non è per mettermi in iniziare ufficialmente il suo ministero pubblico. Per noi diventa un cammino verso Dio! I sacrifici sono inutili se poi diventano, inconsciaperiodo durante il quale facciamo memoria degli avvenimenti anteriori alla sua passione, alla sua morte ed alla sua risurrezione; di mente, uno strumento per vantarmi. conseguenza, diviene un tempo di penitenza di rinunce, di ‘‘mea culpa’’. Mettersi in cammino verso Dio, intraprendere un percorso di conversione è una cosa personale che nessuno può giudicare o capire Mi ricordo che alcuni anni fa, avevo fatto un patto con dei ragazzi della parrocchia. Dovevamo smettere di bere caffè durante veramente, perché si tratta di un’intesa tra Dio e sé stessi. In altre parole, è un percorso interiore nel quale siamo invitati a scoprire la tutto il tempo della quaresima. Mamma mia, che idea che ho avuto! di NICOLA DI NARZO Chi avrebbe pensato che il caffè fosse una dipendenza così grande. presenza di Dio in noi e negli altri e ad intraprendere trasformazioni Io bevevo massimo 4 espresso al giorno, ma mi ci è voluta una setautentiche e profonde. timana prima di svegliarmi, un’altra per elaborare il lutto, un’altra per accettare che In questo senso, ci sono tante cose che possiamo offrire per la quaresima a stavo facendo questo sacrificio per il mio bene, una quarta per realizzare che al mio Dio e che ci aiuterebbero nel nostro cammino di conversione. Prima di tutto del caffè gli volevo bene e finalmente il giorno di Pasqua ho bevuto un doppio espresso, tempo! Si, perché è impossibile intrattenere una relazione con qualcuno senza temendo che oramai il mio cuore non lo avrebbe più retto. Sembrava veramente dargli del tempo. Prendiamo spazi di silenzio, momenti nei quali smettiamo di risorto il mio destino! Potevo finalmente sentirmi sveglio al mattino! pensare, fermiamo il fiume di parole che ci è proposto dalle varie devozioni e ci Insomma, facendovi sorridere un pò vi volevo far capire che credo profonda- mettiamo semplicemente in ascolto. All’inizio sarà difficile, alcune cose ci verranno mente nelle rinunce che diventano salvatrici per noi, e che ci aiutano a crescere. in mente, cose che vorremmo non affrontare o addirittura abbandonare. Sono Queste sono difficili ed impegnative. Ma c’è un rischio profondo, un rischio vero. Lo forse questi gli animali selvatici di cui parla il Vangelo (cf. Marco 1, 12-15) quando aveva visto San Francesco. Infatti, il poverello di Assisi, dopo la sua conversione aveva Gesù va nel deserto? Queste passioni interiori, questi elementi di noi stessi che fatto una di quelle quaresime all’antica proprio! Penso avesse mangiato solamente ci fanno paura? Chissà, ma vale la pena di ascoltare e di offrire a Dio quello che pane e acqua per quaranta giorni. Il problema apparve il trentanovesimo giorno: si vediamo e sentiamo. Se questo nostro esercizio di silenzio e di ascolto viene fatto con sincerità, accorse che stava diventando orgoglioso della sua impresa. Cosa fece? La sera prima di terminare, si abbuffò davanti ai fratelli. Era un modo suo per fare vedere ai frati allora credetemi, troveremo tante rinunce possibili, tante vie di conversioni. che in realtà non ce l’aveva fatta. Aveva capito insomma che i sacrifici possono Queste non ci devono scoraggiare, al contrario, ci devono spronare ad affidarci rapidamente diventare motivo di fierezza e così distoglierci dallo scopo iniziale. più intensamente all’Amore infinito di Dio. Così, vivremo insieme una quaresima E allora dobbiamo farle le rinunce, o no? Il tempo di quaresima a che serve se vera e sincera nella quale non parleremo più di cioccolato o di caffè, per non a questo? In realtà, quello che ci viene proposto è un cammino di conversione! carità! Ma nella quale rinunceremo a cose vere: magari giudizi, forse critiche e La conversione avviene nel giorno in cui aderisco personalmente alla mia fede, ma bugie, comportamenti falsi, mancanze di amore. Ma questo, ognuno di noi lo deve si verifica pure ogni qualvolta mi accorgo di cose che nella mia vita non sono scoprire. coerenti con il Vangelo, e devono essere corrette. È un’inversione di direzione, un cambiamento profondo di orientamento. Buona Quaresima!


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 59

ADVICE

59

[

THE HONOURABLE ANTONIO DE MICHELE, RETIRED JUDGE OF THE COURT OF QUEBEC BECOMES SENIOR COUNSEL FOR THE LAW FIRM ARTUSO AND ASSOCIATES “ The former Judge of the Court of Quebec of Montreal, Honourable Antonio De Michele joins the law firm Pasquale Artuso and Associates. ”

[

The former Judge of the Court of Quebec of Montreal, Honourable Antonio De Michele joins the law firm Pasquale Artuso and Associates located at Complexe Le Baron in SaintLéonard, as Senior Counsel. Mr. De Michele retired from the Court of Quebec on December by Pasquale Artuso, 31, 2016. Prior to his retirement, Attorney he was a judge of the Court of Quebec at the Montreal Courthouse from 1995 to 2016. Mr. De Michele was called to the Bar in 1975 and quickly founded his own firm where he practiced in civil law. He was a lawyer specializing in commercial and corporate law and practiced mainly in banking law and construction law. In September 1986, he was appointed a judge of the Canadian Human Rights Tribunal, a position he held until 1992. Mr. De Michele was subsequently appointed judge of the Court of Quebec on June 7, 1995, where he presided over the civil chamber. Throughout his career as a judge, he conducted a large number of judicial recounts in electoral matters. Judge De Michele also participates in the University of Montreal Faculty of Law’s “Tribunal

École” and, using his experience in commercial and corporate matters, he teaches business law to future lawyers at the École du Barreau in Montreal. In addition, Justice De Michele actively participated in a training committee for Chinese judges. The social implication of Judge De Michele has never been denied. The law firm of Pasquale Artuso & Associés with more than 30 years of practice is proud to welcome Mr. De Michele among them.

Pasquale Artuso Avvocato di Fiducia Consolato Generale d’Italia Caroline Francoeur Avvocatessa Valérie Carrier Avvocatessa

Julie Therrien Avvocatessa

Natasha Scarano Avvocatessa

Steven Campese Avvocato

Pierre Fugère Avvocato – diritto criminale e penale

Mathieu Di Lullo Avvocato

T.: 514.259.7090

Joseph W. Allen Avvocato dal 1976 diritto dell’immigrazione

F.:514.256.6907

artmars@securenet.net Complexe Le Baron, 6020, rue Jean-Talon Est, bureau 630 Montréal (Québec) Canada H1S 3B1


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 60

60

SPORTS

MOVING CLOSER TO GOALS Più vicini a raggiungere gli obiettivi by / di JONATHAN DE SUA

Saputo’s Bologna FC on the right track Since joining MLS in 2012, Joey Saputo has led the Montreal Impact to relative success, including becoming the first Canadian team to reach the CONCACAF Champions League Final. In 2014, Saputo’s consortium acquired Bologna FC 1909 of the Serie A. For the Impact, this acquisition holds both short and long-term implications. As TSN’s Joey Alfieri explains, “It’s affected the Impact in a relatively positive way; there aren’t a lot of teams in MLS who can say they’re partnered with a team from the first division of a major league in Europe. It’s brought the Impact players like Matteo Mancosu and Blerim Džemaili.” Being associated with Bologna means the Impact can benefit from being loaned or transferred talented players at various points of transition in their careers. The Impact also benefit from the developmental resources of a team from a world-class league, sometimes sending players to train in Bologna. Alfieri continues, “I’ve been to practices where Roberto Donadoni, legendary Italian winger and current Bologna manager, was present and available for the Impact coaching staff to pick his brain.” As for Bologna FC, when Saputo took over as chairman in 2014, fans lauded him as its saviour. The team had previously been relegated to Serie B and was suffering financially, but Saputo brought monetary as well as administrative stability. Among his notable moves was signing manager Roberto Donadoni in 2015, whose vision brought confidence and helped Bologna finish the season 14th out of 20. He also invested in the club’s arena, Stadio Renato Dall’Ara, which was built in 1927 with a seating capacity of 38,279. It seemed both the Impact and Bologna FC were headed in the right direction with Saputo at the helm, much to the delight of both passionate fan bases hungry for success and wistful about their respective city’s previous glory. Parallel to the Montreal Impact’s disappointing 2017 season was one of stagnancy for Bologna FC, falling to 15th in Serie A. This result, along with conflict looming around the prospect of a new stadium, has some speculating that the honeymoon may be over between Bologna fans and Joey Saputo. A

Il Bologna FC di Saputo è sulla buona strada

Da quando si è unito alla MLS nel 2012, Joey Saputo ha condotto la Montreal Impact ad un relativo successo, compreso il fatto di essere la prima squadra canadese a raggiungere la finale di Champions League della CONCACAF. Nel 2014 il consorzio di Saputo ha acquisito il Bologna FC 1909 di Serie A. Per la Impact, ciò comporta implicazioni sia a breve che a lungo termine. Come spiega Joey Alfieri del TSN, “ha influito in maniera relativamente positiva; non ci sono molte squadre nella MLS che possono dire di essere associate ad un team di Serie A di una delle principali leghe d’Europa. Ha portato alla Impact calciatori come Matteo Mancosu e Blerim Džemaili.” Essere associati al Bologna significa che l’Impact può beneficiare del prestito o del trasferimento dei giocatori talentuosi in diversi momenti di transizione delle loro carriere. La Impact può inoltre trarre vantaggio dalle risorse di sviluppo di una squadra di serie A, mandando talvolta dei calciatori ad allenarsi a Bologna. Alfieri continua: “Sono stato ad allenamenti dove Roberto Donadoni, leggendaria ala italiana e attuale manager del Bologna, era presente e disponibile a dare consigli agli allenatori della Impact.” Quanto al Bologna FC, quando Saputo è entrato in carica come presidente nel 2014, è stato acclamato dai fan come il loro salvatore. La squadra era stata precedentemente relegata alla Serie B e aveva sofferto a livello finanziario, ma Saputo ha apportato stabilità non solo economica ma anche amministrativa. Tra le sue mosse degne di nota c’è quella di aver ingaggiato il manager Roberto Donadoni nel 2015, la cui visione ha portato fiducia ed ha aiutato il Bologna a finire la stagione 14esimo su 20. Ha inoltre investito nello Stadio Renato Dall’Ara, costruito nel 1927 con una capienza di 38.279 spettatori. Sembrava che la Impact e il Bologna FC fossero nella giusta direzione con Saputo al comando, per la gioia dei tifosi appassionati di entrambe le squadre, desiderosi di successo e nostalgici della gloria di cui le loro rispettive città avevano goduto in passato. Parallelamente ad una deludente stagione 2017 per la Montreal Impact, il Bologna FC ne ha avuta una stagnante scivolando in 15esima posizione in Serie A. Tale risultato, unito all’incombente conflitto in merito alla possibilità di un nuovo stadio, ha portato a speculare sul fatto che la luna di miele tra i tifosi del Bologna e


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 61

SPORTS

61

prevalent issue in modern sports is the question of who should assume the responsibility of building a new stadium. Should a city foot the bill for billionaire owners? Unlike the NHL and NFL recently, Serie A doesn’t suffer from cities being held ransom under the threat of relocation. However, this does little to quell the dissatisfaction of frustrated fans now learning of a potential dispute over the stadium. According to Alessandro Mossini of the Corriere di Bologna, “The current relationship between fans of the Rossoblu and Joey Saputo is still one of gratitude. He invested in the team as well as the stadium.They were in Serie B and Donadoni brought them to the middle of the standings. His visits to Bologna aren’t frequent, but when he does come he is open with the fans, and they appreciate it. Of course, as with any fan base, they expect improvement beyond being in the middle of the standings – something which they expect within the next few years. In that regard, the last season may not have ended ideally but it’s not considered a disappointment.” With the question of the stadium up in the air, some fear Joey Saputo could sell the team – a decision which would not only negatively affect Bologna FC but the Montreal Impact as well. Mossini remains confident that a deal will be struck, and that Bologna FC still have time to stay on track and reach success in the Serie A. “For next season, Bologna should definitely make the effort to improve the quality of their team in order to jump from finishing in the middle of the standing to finishing in the latter part of the top 10. Part of their objectives should include closing the issue of the stadium, as well as securing a deal for TV rights. ”

Joey Saputo fosse giunta al capolinea. La questione relativa a chi debba assumersi la responsabilità di costruire un nuovo stadio è un argomento diffuso negli sport moderni. Dovrebbe essere la città a pagare il conto di proprietari milionari? Diversamente da quanto è accaduto recentemente alla NHL e NFL, la Serie A non è vittima di città tenute in ostaggio con la minaccia di un trasferimento. Questo, in ogni caso, poco contribuisce a sedare il malcontento di tifosi frustrati, ora consapevoli di un potenziale conflitto riguardo allo stadio. Secondo Alessandro Mossini del Corriere di Bologna,“il rapporto attuale tra i tifosi rossoblu e Joey Saputo continua comunque ad essere di gratitudine. Ha investito sia nella squadra che nello stadio. Erano in Serie B e Donadoni li ha fatti salire a metà classifica. Le sue visite a Bologna non sono sempre frequenti ma quando viene, il suo atteggiamento con i tifosi è schietto e loro lo apprezzano. Certamente, come tutti i tifosi, si attendono miglioramenti che vadano oltre il piazzarsi a metà classifica – e se li aspettano nel giro di pochi anni. In quel senso, pur non essendo la scorsa stagione finita in maniera ideale, non è da considerarsi una delusione.” Con la questione dello stadio non ancora ben definita, alcuni temono che Joey Saputo possa vendere la squadra – decisione che avrebbe un impatto negativo non solo sul Bologna FC ma anche sulla Montreal Impact. Mossini si dice fiducioso che si troverà un accordo e che il Bologna FC avrà tempo di andare avanti nella giusta direzione e raggiungere il successo in Serie A. “Per la prossima stagione il Bologna deve senz’altro prefiggersi come obiettivo quello di migliorare la qualità della propria squadra al fine di rimontare in classifica e puntare a concludere non a metà classifica ma tra le ultime posizioni delle top 10.Tra gli altri obiettivi, dovrebbero poi risolvere la questione dello stadio e raggiungere un accordo per i diritti televisivi.”

“The current relationship between fans of the Rossoblu and Joey Saputo is still one of gratitude.” “Il rapporto attuale tra i tifosi rossoblu e Joey Saputo continua comunque ad essere di gratitudine.”


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 62

62

A ssur E xperts Tina Ciambrone & Associés Damage Insurance Firm • Auto insurance • Home insurance

• Business insurance • Bonds

EVENTS

DES GENS ET DES ÉVÉNEMENTS

carole.gagliardi@panoramitalia.com

par / di CAROLE GAGLIARDI

LAURA SANTINI À LA GALERIE D’ART DU PARC

Tina Ciambrone

Monica Di Pasquale

President

Damage insurance broker

Tel: 514.381.7411 Cell: 514.909.0240

Laura Santini est sculptrice et pratique son art dans un atelier aux abords du canal Lachine depuis plus de 20 ans. Elle a exposé dans de nombreuses galeries au Canada et en Italie, et compte parmi les propriétaires de ses œuvres une liste considérable de collectionneurs privés et d’entreprises internationales. Si l’artiste est surtout connue pour ses bronzes, elle réalise aujourd’hui des œuvres à partir d’objets familiers recyclés. « Les choses communes et familières m’attirent. » Ces objets qu’elle collectionne depuis des années, elle les ramasse un peu partout dans les rues de Montréal et à l’Armée du Salut. Elle les transforme, les peint, les empile et les assemble selon l’inspiration du moment et selon l’espace dans lequel sa création sera exposée. Son langage artistique est résolument moderne, et il se dégage de certaines de ses œuvres un message sociétal très fort. C’est le cas de HELP, où des mannequins usagés de femmes et de petites filles sont assemblés tel un message de détresse, une œuvre féministe qui sera exposée prochainement à la Galerie d’art du Parc à Trois-Rivières. « Je veux redonner un peu de gloire aux objets du passé. J’accumule des fers à repasser, des lames de rasoir ayant appartenu à mon grandpère, des plantes, des pièces de voitures. C’est incroyable tout ce qu’on peut trouver. J’ai toujours eu une passion pour les objets du passé, ils me fascinent. J’aime aussi observer le vieillissement des matériaux, car tout change dans la vie, les œuvres aussi. » La femme est élégante, ses œuvres, débridées. « C’est vrai, il y a chez moi deux femmes : une plus conventionnelle, la mère et épouse, et l’autre, l’artiste éclatée. En atelier, je peux exprimer ma créativité. » Les œuvres de Laura Santini sont exposées à la Galerie d’art du Parc à Trois-Rivières www.galeriedartduparc.qc.ca du 18 février au 25 mars 2018.

t.ciambrone@assurexperts.qc.ca

2607, rue Fleury Est Montréal QC H2B 1L8

LAWYER & MEDIATOR

• NEGOTIATION • FACILITATION • SOLUTIONS Laura Santini stringendo la sua opera HELP

LAURA SANTINI ALLA GALERIE D’ART DU PARC

CONFLICT RESOLUTION THROUGH MEDIATION IN ALL MATTERS: • Family mediation • Civil & commercial mediation • Labour mediation

438.939.4728 vflegalmediation.com info@vflegalmediation.com

Laura Santini è scultrice e pratica la sua arte in uno studio vicino al canale Lachine da più di 20 anni. Ha esposto in numerose gallerie in Canada e in Italia e tra i proprietari delle sue opere conta una lista considerevole di collezionisti privati e di imprese internazionali. Se l’artista è soprattutto conosciuta per i suoi bronzi, oggi realizza opere a partire da oggetti familiari, riciclati. “Gli articoli comuni e familiari mi attraggono.” Questi oggetti che lei colleziona da più anni, li ha presi un pò ovunque per le strade di Montreal e all’Armée du Salut. Li trasforma, li dipinge, li impila e li assembla secondo l’ispirazione del momento e a seconda dello spazio dove la sua creazione sarà esposta. Il suo linguaggio artistico è decisamente moderno ed emerge da alcune sue opere un messaggio sociale molto forte. È il caso di HELP, dove i manichini usati di donne e bambine sono assemblati formando un messaggio di aiuto, un’opera femminista che sarà esposta prossimamente alla Galerie d’art du Parc a Trois-Rivières. “Vorrei restituire un pò di gloria agli oggetti del passato. Accumulo dei ferri da stiro, delle lame di rasoio appartenute a mio nonno, delle piante, dei pezzi di automobili. È incredibile tutto quello che si può trovare. Ho sempre avuto una passione per gli oggetti del passato, mi affascinano. Amo anche osservare l’invecchiamento dei materiali, perché tutto cambia nella vita, anche le opere.” La donna è elegante e le sue creazioni sono incisive. “È vero, dentro di me convivono due donne: una più convenzionale, la madre e la sposa, e l’altra, l’artista esplosiva. All’atelier posso esprimere la mia creatività.” Le opere di Laura Santini sono esposte alla Galerie d’art du Parc a Trois-Rivières www.galeriedartduparc.qc.ca dal 18 febbraio al 25 marzo 2018.


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 63

EVENTS

63

C

Gestion de copropriétés

Peu importe vos défis de gestion, nous serons là pour vous guider.

Nos services • Gestion complète ou à la carte

SUCCESSIONS, DE MICHAELA DI CESARE, AU THÉÂTRE CENTAUR

• Gestion administrative • Gestion financières • Gestion d’entretien

Michaela Di Cesare est à la fois comédienne et dramaturge. Fille unique d’immigrants italiens du sud, elle est diplômée de l’Université Concordia en création littéraire et a obtenu sa maîtrise en théâtre à l’Université de Toronto. Michaela écrit sur ce qu’elle connaît le mieux : sa famille, son entourage. Estce difficile d’exposer la réalité quotidienne des siens devant eux ? « Bien sûr, il a été très difficile pour ma mère de voir ma première pièce, 8 Ways My Mother Was Conceived. Je suis fière de mes origines, c’est pourquoi je m’y intéresse autant. Il est parfois pénible de voir sa propre réalité exposée devant soi, la vérité fait mal, elle déclenche parfois la colère, mais je n’écris pas pour choquer, j’écris pour raconter. » Michaela raconte qu’avant, elle s’excusait continuellement pour ses propos. « J’étais vulnérable et peu sûre de moi. Aujourd’hui, j’ai appris à ne pas donner trop d’importance aux autres et à croire en moi. » SUCCESSIONS, son œuvre la plus récente, propose une saga familiale racontant la vie de deux frères italo-canadiens de deuxième génération. L’aîné est un avocat ambitieux et carriériste et le cadet préfère s’amuser et profiter de la vie. Après la mort soudaine de leurs parents, ils se revoient au domicile familial, une vieille demeure négligée, remplie de souvenirs et de secrets. Que feront-ils de cette maison ? « Pour la première fois, je suis enfin entièrement produite par un théâtre et une équipe formidable. J’espère poursuivre cette collaboration et être proche de ma communauté, je veux qu’elle m’accepte. Je souhaite poursuivre mon travail d’écriture et j’aimerais bien sûr toucher un plus grand auditoire, par exemple à la télé… Oui, écrire pour la télé… » SUCCESSIONS (en anglais), au théâtre Centaur du 10 avril au 6 mai 2018 avec Davide Chiazzese, Carlo Mestroni, Gita Miller et Tara Nicodemo.

Valéry Couture Présidente

• Service d’urgence 24 / 7

Diplômée de l’université McGill, Gestion de copropriété, propriétaire d’un parc immobilier, gestionnaire d’immeubles et de copropriétés depuis 25 ans.

condostrategis.ca

Nos valeurs

La saine gestion et ses valeurs sont fondamentales pour notre société. Tous nos mandats de gestion de copropriété sont administrés selon les principes de saine gestion. Notre équipe pourra vous conseiller dans la langue de votre choix: Français, Anglais, Italien, Portugais et Espagnol.

Our Values

Governance and values are fundamental to our society.

All our condominum management mandates are administered according to the principles of sound management. Our team will advise you in the language of your choice: French, English, Italian, Portuguese and Spanish.

Saremo Lieti Di Lavorare Con Voi!

Contactez nous dès aujourd’hui ! 7735, boul. Provencher Montréal (Québec) H1S 2S9 Téléphone : 514.508.6987

info@condostrategis.ca

SUCCESSIONS, DI MICHAELA DI CESARE, AL TEATRO CENTAUR Michaela Di Cesare è sia attrice che drammaturga. Figlia unica di immigrati italiani del sud, si è diplomata all’Università Concordia in Creazione letteraria e si è laureata in teatro all’Università di Toronto. Michaela scrive su quello che conosce meglio: la sua famiglia, il suo ambiente. È difficile esporre la realtà quotidiana dei suoi davanti a loro? “Sicuro, è stato molto difficile per mia madre vedere il mio primo spettacolo, 8 Ways My Mother Was Conceived. Sono fiera delle mie origini, è per questo che mi interessano tanto. A volte è doloroso essere faccia a faccia con la propria realtà, la verità fa male, a volte scatena rabbia ma non scrivo per shoccare, scrivo per raccontare.” Michaela spiega che prima si scusava sempre per quello che scriveva. “Ero vulnerabile e un pò insicura. Oggi ho imparato a non dare troppa importanza agli altri e a credere in me.” SUCCESSIONS, il suo spettacolo più recente, propone una saga familiare che racconta la vita di due fratelli italo-canadesi di seconda generazione. Il più grande è un avvocato ambizioso devoto alla carriera e il più giovane invece preferisce divertirsi e godersi la vita. Dopo la morte improvvisa dei loro genitori, si incontrano di nuovo nella casa di famiglia, vecchia e trascurata, piena di ricordi e segreti. Cosa ne faranno? “Per la prima volta sono finalmente e interamente prodotta da un teatro e da una compagnia formidabile. Spero di continuare questa collaborazione e di essere vicino alla mia comunità, voglio che mi accetti. Voglio continuare il mio lavoro di scrittura e vorrei naturalmente raggiungere un pubblico più ampio, ad esempio in TV ... Sì, scrivere per la TV ... "

SUCCESSIONS (in inglese), al teatro Centaur dal 10 aprile al 6 maggio 2018 con Davide Chiazzese, Carlo Mestroni, Gita Miller e Tara Nicodemo.


Montreal Feb / March 49-64 2018-02-08 10:10 AM Page 64

Panoram Italia Montreal Feb/Mar 2018  
Panoram Italia Montreal Feb/Mar 2018