Page 1

OltreRiga - mensile - Ed. Ermes - P.le Giotto 5, 06120 - Perugia - Reg. Trib. di Perugia del 26/03/2010 - n° 20/2010 Anno 4- n° 42 Ottobre 2 0 1 3 .

42

WWW.OLTRERIGA.IT

L’informazione fuori d agli schemi


4 7 8 9 10 11

12

15 16

17

SOMMARIO

PA L I O D E S A N M I C H E L E

LA CRESCITA DELL’E-COMMERCE NEL FASHION SYSTEM NEL 2012 "RICHI", CI SEI PIACIUTO. PORTA TUTTA LA FORMULA 1 AL CINEMA! L’INTREPIDO “DA DONATELLO A LIPPI. OFFICINA PRATESE” 2 0 1 3 , L’A NN O D E L L E S O D D IS FA Z I O NI P E R L A S AGR A D E L FAG I O LO D I C AV E ANDROID KITKAT INSTAGRAM: IL SORPASSO

FANATICI DELLA LINEA? NUOVI RIMEDI DALLA RETE

LA GROENLANDIA SI SCIOGLIE NUOVI STUDI PUBBLICATI DA NATURE GEOSCIENCE IL FRANCHISING RESISTE AL DEBUTTO OFFERTE 'GREEN' EXPO 2015 C’È ANCHE IL REGNO UNITO L’INVERSIONE DEI CAMPI MAGNETICI DEL SOLE AZIONI QUOTIDIANE

LASCIATE RIPOSARE IN PACE DE ANDRE' QUANDO PARLATE DI BRUNETTA UN’ISOLADI PLASTICA MINACCIA IL MEDITERRANEO

OltreRiga - Mensile - Reg. Trib. di Perugia del 26/03/2010, n° 20/2010. WWW.OLTRERIGA.IT - redazione@oltreriga.it DIRETTORE RESPONSABILE: Andrea Checcarelli

IN REDAZIONE: Gabriele Principato, Massimiliano Crusi, Antonella Tozzi

In copertina “Piovono pietroni”

IN QUESTO NUMERO

Lucia Rossi, Roberta Filippini, Paola Tempone,

Gabriele Galatioto, Roberto Sciarrone, Giulia Tozzi


PALIO DE SAN MICHELE

50 anni di passione, di storie da scoprire,

di emozioni da raccontare N o n è f a c i l e r a c c o n t a re u n a m a n i f e s t a z i o n e

c o m e i l Pa l i o d e S a n M i c h e l e , g i u n t o q u e s t ' a n n o al l a s u a c i n q u an t u nesim a edizio ne. Si

p o t rebb e c o m i n c i a re c o l dire che non si tratta

d i u n c l a s s i c o Pa l i o do ve corrono i cavalli, nè

di una rievocazione storica. In effetti questa

f e s t a , c h e c o l o r a t u t t i i m e s i d i s e t t e m b re l a c i tt à d i B a s ti a U m b r a è u n pò una storia a sé.

Q u a t t ro r i o n i r a p p re s e n t a t i c i a s c u n o d a u n s i m b o l o e d u n c o l o re s i s f i d a n o s u t re p ro v e p e r a g g i ud i c a r s i u n a m b i to stendardo, il Palio

appunto. Sfilata (o meglio spettacoli teatrali in

p i a z z a a t e m a l i b e ro d o v e d o m i n a n o f a n t a s i o s e s c e n o g r a f i e , a t t o r i , ba l l e r i n i , f i g u r a n t i ,

c o s t u m i , l u c i e m u s i c h e a c o l o r a re u n a s c e n a m a g i c a ) , G i o c hi ( n at i da i f am osi "giochi senza

fro n t i e re" ) e L iz z a ( s t a f f e t ta 4 x 400) anim ano i cuori dei rionali. I dieci giorni effettivi di

f e s t a t ro va n o i l l o ro n a t u r a l e c o m p l e t a m e n to nelle quattro Taverne dove ottimi cibi e lunghe

se ra te f i no al l ' a l ba f a n no diver tire mi gli ai a di g i o va n i e n o n s o l o . M a i l Pa l i o è u n a re a l t à

v i va e i n c re d i b i l m e n t e a t t i va t u t t o l ' a n n o e

r a c c o n t a re q u e s t o m o n d o c o s ì r i c c o e c o m plesso, originale ma al tempo stesso legato

a l l e t r a d i z i o n i c o m e i l Pa l i o d i S a n M i c h e l e è c o m p i to a s s a i a rd u o .

Per va l o ri z z a re l a m e m o r i a di una festa che ha

o rm a i s u p e r ato i l m e z z o s eco lo di vita è nata

l' i d e a d i u na p u b bl i c a z i o n e: non si tratta so lo

d i u n l i b ro c he r i pe rc o r re le tappe più si gnifi -

c a t i ve d i u n l u n g o v i a g g i o m a u n ve ro e p ro prio catalogo illustrato di momenti di storia v i s s u t a e d i c re s c i t a p e r q u e s t a c i t t à . E c o s ì ,

dopo la mostra che lo scorso anno celebrava attraver so un ricco apparato i c o n o g ra f ic o e

l a r a c c o l t a d e i Pa l i i l ' e d i z i o n e d e l c i n q u a n -

tesmo (1962-2012), è stato ufficialmente

p re s e n t a t o i l 5 s e t t e m b re i l l i b ro c h e s u g -

gella questo impor tante tragu a rdo .

Tutti i bastioli che am ano la f e s t a p o t r a n n o

r i p e rc o r re re s f o g l i a n d o l o a n n i d i v i t a r i o n a l e , d i a t t i m i v i s s u t i c o n pa r t e c i pa z i o n e ,

sudore, gioia, lacrime, sorrisi. Potranno rive-

dere foto d'archivio dove m agar i r ic o n o s ce re i

p ro p r i o f a m i l i a r i o a m i c i c h e h a n n o f a t t o l a

storia della festa, leggere gli inter venti di per-

s one che il Palio l o hanno visto c re s c e re n e gl i

anni o incredibilmente scoper to di recente. Un ca ta lo go che può fare inv i dia a p u b b l i c a z i o n i

d i b e n a l t re re a l t à , c o s ì c o m e q u e s t a m a n i f e s t a z i o n e p u ò , a n z i m e r i t a , d i f a r s i c o n o s c e re

e d a p p re z z a re s u pa l c o s c e n i c i d i s c a l a n a z i o -

nale.

Em ozio ne unica res ta però vivere q u e s t a e s pe-

rienza, da protagonista o da se m p l i c e s p e t t atore curioso che non può non rimanere colpito

da tutte l e sfide, le comples se d i ve r s i t à , l a c arica e la voglia di fare di una città che vive e si a n i m a i n m o d o s t r a o rd i n a r i a m e n t e u n i c o , u n

paesaggio culturale e um ano ch e tr a p e l a f o r te

e c a r i c o d i s i g n i f i c a t i a n c h e d a l l e pa g i n e d i questo volume .

E allora quale miglior modo di scoprirlo se non par tendo dai passi più sugg e s t i v i ?

" Pa r t o , a r r i v o e s c o p ro u n p i c c o l o b e l l i s s i m o

pa e s e , u n a s t u p e n d a p i a z z a a l l u n g a t a e d i

f ro n t e a l l a f a c c i a t a d i u n a c h i e s a a n t i c a u n a tribuna gigantesca che la sera si empie di

gente entusias ta e soprattutto u n o s p e t t a c o l o

grandioso, che chiamano "Sfilata", e mi do-

mando come mai io non abbia mai sentito parl a re d e l Pa l i o d e S a n M i c h e l e d a t o c h e , c o n o s c e n d o l o , h a i l d i r i t t o d i e s s e re f a m o s o

quanto il Palio di Siena..." (Pre f a z i o n e . L e s f i l a t e d e l Pa l i o d e S a n M i c h e l e a t t r a v e r s o g l i occhi di Sof ia Scandurra)

"Se abbiam o sempre creduto ch e i l Pa li o f o s s e


q u a l c o s a d a r i c o rd are s o l o attraver so le fotog r a f i e e l e i m m a g i n i , d e v o d i re c h e c i s i a m o

s ba g l i a t i . I l Pa l i o de S a n Michele è fatto anche

e soprattutto di contentuti, di storie da rac-

c o n t a re f i g l i e d e l t e m p o t r a s c o r s o , d i a n e d d o t i , d i cu r io s i t à c h e l o i m pre ziosiscono e che

l o re n d o n o v i vo . " ( C o l o r i c he uni sc ono, col ori c he d i v i d o n o di G i a n l u c a Falcinelli)

"Il Palio de San Michel e è una festa for te e ag-

g re g a t i va , c o i n vo l g e n te i n tutte le sue spec ifi -

cità, dalle opulenti Sfilate ai Giochi, dalla

t r a s c i n a n t e L i z z a , a l l a g a s t ro n o m i a n e l l e Ta ve rn e ; e s s a c o n s o l i d a i l n ostro senso di appart e n e n z a a l t e r r i t o r i o , f a v i v e re e s p e r i e n z e

irripetibili che lasciano tracce luminose da

conser vare nell'album dei ricordi preziosi. Essa

è f i g l i a d i B a s t i a e n e r i a s s u me tutta l 'esse nza,

p or t a i n s é u n D N A c a r i c o di element i struttu-

rali por tanti che conducono la nostra cittadina a d e s s e re i l f u l c ro p u l s a n te e c a t a l i z z a to re d i

q u e s to m e r a v i g l i o s o m o n d o rionale, ri cco, vi t a l e e c re a t i vo . " ( U n a m e m o r i a s o c i a l e c o n d i -

v i s a d a c o n s e g n a re a l l e g e n e r a z i o n i f u t u re d i

D an i e l a B r u n el l i )

"E' un sistema per fettamente costruito, capace

di produrre, senza regole standardizzate e luo-

g h i c o m u n i , i l p ro p r i o m o do di es sere bastiol i, f o n d e n d o i n a s s o l u t a a r m o n i a q u a t t ro f o r t i

componenti: ar te, teatro, spor t e gastronomia.

Tu t t i a t t o r i e s p e t t a t o r i d e l l a p i ù s u p e r ba

o p e r a d ' a r t e d i c u i B a s t i a U m b r a p o s s a va n t a r s i : I l Pa l i o d e S a n M i c h e l e . " ( C o n c l u s i o n i . Tem p o di . . . Pal i o d i S a r a St angoni)

R OBERTA F ILIPPINI

PALIO DE SAN MICHELE

50 ANNI DI PASSIONE - BASTIA UMBRA A cura di Sara Stangoni Futura Edizioni, 2013.

www.paliodesanmichele.it


LA CRESCITA DELL’E-COMMERCE NEL FASHION SYSTEM NEL 2012 UNA RICERCA MOSTRA UN AUMENTO A DOPPIA CIFRA RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE

La crescita dei consumatori che hanno acquistato almeno una volta on-

lin e u n p ro d o tto di m o d a è aumentata di circa 1.000.000 nel cor so del l’ultimo anno, arrivando alla considerevole cifra di 9 milioni di per sone,

con un incremento del 14,5% rispetto al mese di ottobre del 2012. Que-

s e r va to r i o C a r t a S i h a r i s c o n t r a to u n a u m e n to d e l l e t r a n s a z i o n i s u p e -

riore al 2 5,5% ris petto allo stesso periodo del 2012; una pa r te i m p or-

t a n t e d i q u e s t o f a t t u r a t o , i n g r a n d e c re s c i t a , è s t a t a q u e l l a re l a t i va

all’acqui sto da devices mobili, che se per gli altri compar t i è s u p e ri o re

s t i s o n o i d a t i p r i n c i pa l i c h e e m e rg o n o d a l l ’ i n d a g i n e c o n d o t t a d a

al 10%, nell a moda arriva ad essere superiore al 18%.

Ita l i a n o , ch e re c e n te m e n te ha presentato tali dati durante l’even to “Di -

mande mirate relative alla maggiore comprensione dell’eventuale “plus”

H um a n H i g h w a y p e r N e tc o mm, il Consor zio del Com merc io Ele ttroni co

g i ta l Fas h i o n ”, u n pu n to d ’incontro periodico sul l’e-com merce di m oda

nel nostro Paese. Rober to Liscia, presidente di Netcomm in aper tura del

convegno ha sottolineato che la moda ad oggi è uno dei settori più impor tanti nel processo di sviluppo e crescita dell’e-commerce in Italia; la

m o d a i n f at t i, d o po s e r v i z i e turismo, è il ter zo settore più cerca to ad

a c q u i s t a to o n - l i n e . E ’ i n a t to u n c a m b i a m e n to d i m e n t a l i t à t r a l e i m -

D urante l’ap puntamento di cui sopra, sono st ate anche p o s te d el l e d o-

presente all’interno del canale on-line rispetto al canale tradizionale. E’

emer s o che il web viene scelto principalmente per la com o d i t à, p e rc h é presenta un offer ta più ampia, è più conveniente e conse n te d i t ro vare

con maggior s em plici tà e rapidità quello che si cerca. Il n e g o z io f i s i c o

i nvece è perc epito come m igliore a livello di assis tenz a e s e r vi z i o cu-

s to m i z z a to . Pe r q u a n to r i g u a rd a i s i n g o l i p ro d o t t i , l a b o r s a d a d o n n a

p re s e d e l f a s h i o n s y s te m , che ad oggi sono sempre più incl in i a racco-

risulta essere l’ar ticolo più idoneo ad essere acquistato nel canale elet-

m u l t i c a n a l i t à s e m p re p i ù a c c e n t u a t a . A l i v e l l o e u ro p e o l ’e - c o m m e rc e

Altro impor tante aspetto toccato nel cor so dell’evento è quello relativo

g l i e re

la

sfida

del

c o m m e rc i o

digitale,

ampliandosi

verso

una

business2consumer ha avuto una grande crescita nel 2012, superiore al

19 % . I n I t al i a p u r t ro p p o a ncora si riscontra un ritardo rispetto ai princi pa l i Pa e s i d e ll ’ U E , i n q ua nto tra le prime 25 azi ende di e-com merc e

eu ro p e e , n on c o m pa re n es suna so cie tà italiana. I t assi di cresci ta i ta-

liani sono comunque analoghi ai tassi di crescita europei, se non anche

su p e r i o r i , p ro p r i o a c a u s a del gap che m an m ano si sta colmando. L’os-

tro nico.

allo sviluppo delle nuove professionalità, delle figure specifiche quali lo s tore ma nager e il web m arketing man ager, oltre che un cu s to m e r c are

efficiente, che devono sapientemente essere affiancate a tecniche di ot-

tenimento ad aumento della fiducia del consumatore (b l i n d t r us t ) c o n una serie di ser vizi e comm odities.

DI

G ABRIELE G ALATIOTO


L’INTREPIDO

"RICHI", CI SEI PIACIUTO.

PORTA TUTTA LA FORMULA 1 AL CINEMA!

UN FILM DI

Recensione poco obiettiva, poco cinematografica, molto "appassionata" sul Film "Rush" (regia di Ron Howard).

Con Rush un appassionato di automobilismo e di Formula 1 entra in trance emotivo-godereccia dopo pochi istanti e ne esce quando arrivano i titoli di coda. Anzi, non ne esce proprio. Vorresti che la storia continui. Vorresti che con il tramonto della rivalità Hunt-Lauda, il focus del regista si sposti improvvisamente altrove. Su un'altra partenza, su un'altra pista. Su un Senna, su un Prost, su un Nuvolari, uno Schumacher. Su un Villenueve. Per questo ho una richiesta da fare a Ron Howard: mi devi fare altri film sulla Formula 1. Mi sei piaciuto, anche se parlando di Lauda hai tenuto pochissimo in considerazione sia Luca di Montezemolo che, soprattutto, Enzo Ferrari. Si avverte la sacralità della figura del "Drake", ma parlando di Formula 1, specie in anni in cui la Ferrari era vincente, l'hai sfiorata fin troppo di sfuggita. Però sei stato straordinario nel rendere piacevole il film, la storia, sia a chi è appassionato di Formula 1, sia a chi non ha mai visto un gran premio neanche in televisione. Per questo, a nome di tutti gli appassionati, ti commissiono i seguenti topic da sviluppare. Il triangolo PiquetProst-Senna tra l'inizio degli anni '80 e la metà degli anni '90 (con sporadici inserimenti della variabile impazzita Mansell e la genesi del fenomeno Schumi); il duello Schumacher-Hakkinen; l'epopea di Jim Clark e Graham Hill; Juan Manuel Fangio e la Formula 1 degli albori; la storia di Frank Williams, l'uomo che ha espresso

la sua ammirazione per Enzo Ferrari cercando in tutti i modi di vincere più mondiali costruttori di lui (arrivando a riuscirci). Raccontaci gli anni di Hamilton, Massa, Alonso, Raikkonen e dell'ascesa della lattina volante di Vettel. MA SOPRATTUTTO: Raccontaci il fenomeno, il mito di Gilles Villenueve ed il suo rapporto con Enzo Ferrari. Raccontaci di quando vinse a Montecarlo con un bidone di macchina "turbo", contro auto aventi motori aspirati nell' '81. Raccontaci delle macchine sfasciate il primo anno in Ferrari. Raccontaci di quando arrivò terzo in Canada con l'alettone che stava staccandosi. Raccontaci delle ruotate a Digione con Arnoux nel '79, quello si, il duello in pista più famoso della storia dell'automobilismo. Un duello che nel cuore degli appassionati è valso molto più di un campionato. Raccontaci di quando arrivò primo tenendosi 5 piloti dietro di lui, tutti più veloci di lui, per una cinquantina di giri, che tagliarono il traguardo tutti racchiusi in meno di 1'5'', a Jarama, in Spagna, nel 1981. Raccontaci della Ferrari da Mondiale dell'82, di Imola, del tradimento di Pironì, dello schianto di Zolder. Insomma, della leggenda di Gilles Villenueve. Sei un buon regista, ma sei comunque sempre ricordato per essere stato l'amico sfigato di Fonzie. Anche la signora Cunningham preferiva Fonzie a te. Riscattati: diventa il regista della Formula 1, passa alla storia per questo. Io sono con te, hai cominciato benissimo. Continua a deliziarci così.

A NDREA C HECCARELLI

GIANNI AMELIO

So no tornata a casa, triste e scon solata, dopo la v i s i o n e di q u e-

s t o f i l m , c h e n i e n t e l a s c i a n e l l o s p e t t a t o re , s e n o n t a n t a a m a -

re z z a m i s t a a d u n s e n s o d i i m p o t e n z a d i f ro n t e a d u n s i s t e m a sbagliato, ali enante, ad un m eccanism o annichil e n te c h e m u o ve

l e sue pedine (che siamo noi) sullo sfondo di una c i t t à ( M i l a n o )

grigia, gelida e sen za anim a. Il protagonista, A nto n i o Pa n e , a s s u rg e a s i m b o l o d e l l ’ i t a l i a n o s o g n a t o re e i n t e l l e t t u a l e f a t t o a pezzi dagli i ngranaggi di un paese in piena crisi, c h e n o n r ie s c e

a garantire ai suoi cittadi ni l’inalienabile diritto a l l a vo ro e a l r ispe tto della dignità um ana; questo Antonio, dunqu e , è u n a s p e -

cie di all egoria del precario medio, che salta di lavo ro i n l a vo ro

alla ric erca di una stabili tà (economica e socia le) c h e , s e m b r a d i

capire, in Italia non arrriverà mai. Intorno a questo per sonaggio,

poi, girano una serie di macchiette stereotipate grottesche e de-

primenti: il camorrista sfruttatore e senza scrupo li , l ’ i n d u s t r i al e

d e l N o rd a p pa re n t e m e n t e o n e s t o l a v o r a t o re m a i n re a l t à i m merso nella malavita fino al collo, il figlio talentuoso ma tor-

m e n t a t o d a f re q u e n t i a t t a c c h i d i pa n i c o , l ’a m i c a d i b u o n a fam iglia ribell e, depressa e, infine, suicida. La con c l u s i o n e , p o i ,

che vede A ntonio, qualche tempo dopo, minatore i n A l ba n ia , è

davvero la ciliegina sulla tor ta: non poteva cer to mancare il moti vo del ‘cer vello’ in fuga, unito all a sempreverd e re to r i c a s u g l i

immigrati. Un film noioso, deprimente, che s’illude di lasciare un

messaggio pos iti vo agli spettatori, cui invece res t a s o l o l ’a m a ro

i n bocca; avre mm o bisogn o di s torie che parlino d i u n ’ I t a l i a c h e può e deve ris oll evar si, e non che indugino com e s e m p re s u l l e

piaghe che affliggono il nostro paese. E poi dicia m o c e l o : A l banese nei panni di un maestro sognatore è davvero, davvero poco cred ibi le.

P AOLA T EMPONE


“DA DONATELLO A LIPPI. OFFICINA PRATESE”. PRATO MOSTRA LE SUE BELLEZZE DI

R OBERTO S CIARRONE

P r a to d a s c o p r ire , o r i s c o prire. La m ostra “Da Donatello a Lippi. Officina pratese” (dal 13 s e t te m b re a l 1 3 g e n n a i o ) è u n p e rc o r s o a f f a s c i n a n t e n o n s o l o n e l l a p ro d u z i o n e a r t i s t i c a d e l Q u a t t ro c e n t o , m a d i v e n t a p u re u n' o c c a s i o n e pe r an da re a l l a s c o p er ta di ogni angolo. Ro b e r to B e n i g n i ave va g i à esaltato la bel lezza d e i v i c o l i e d e l l e p i az z e d i Prato, con “Berlin g u e r t i vo g l i o b e n e ” e po i “Johnny Stecchino” (1 9 9 1 ) , d o ve l a c i t t à è r a p presentata con i colo r i c a l d i de l l a To s c a n a p i ù tradizionale. Oggi, la c i t t à , s i s ve l a i n t u t te l e sue bell ezze di centro l e g a to a l l a s to r i a d a u na par te, e ai tessuti dall’altro. Ad iniziare da palazzo Pretorio, sede d e l l ’e s p o s i z i o n e , m o n u m e n t o s i m b o l o n e l l a p i a z z a p r i n ci pa l e , l a c ui r i aper tura (dopo anni di restauro) coincide con l’inaugurazione della m o s t r a . Og g i i l re s t a u ro ( a ssu merà la sua defi n i t i va c o n f i g u r a z i o n e a p r i m a v e re 2 0 1 4 c o n l' a pe r t u r a a l p u b b l i c o d e l l a coll ezione perman e n t e ) h a r i p o r t a t o a l l ’a n t i c o s p l e n d o re g l i s te m m i d e i p o d e s t à a f f re s c a t i a l l e pa re t i e d i m e r a v i g l i o s i s of f i t t i l i g n e i d i p i n t i , t r a i p i ù b e l l i d e l l a re g i o n e . Pe r f e s t e g g i a re l a r i a p e r t u r a d e l pa l a z z o , d a l l ’ 1 1 a l 1 3 va i n s c e n a l a ra s s e g na “ P r a to p e r Tr E ”. Un’anteprima in mu s i c a a d i n g re s s o l i b e ro e una grande fest a per tutti. L’ar te contemporanea ha il suo sfogo per l e v i e d e l c e n t ro s t o r i c o d o v e s o n o d i s s e m i n a te o p e re d i a r t i s t i va r i . V icino al palazzo com u n a l e s o n o p o s ti i l a vo r i Gres Nero di Carlo

Z auli e Grande tor so di Giuseppe Guargaglini. I n P i a z z a D u o m o s i h a D o r m i t i o V i rg i n i s d i Emili o Greco, mentre all’ interno dell a Bas il ica di Santo Ste fano è ospitato l ’a ltare e l’ambone di Ro ber t M orris. Da non perdere una vi sita al f a m o s o C e n t ro d ’a r t e c o n t e m p o r a n e a L u i g i Pecc i, costrui to su progetto dell’architetto razio nali st a fiorentin o Italo Gamberini, che raccoglie i capolavori di ar tisti degli ultimi 30 anni, fra cui Michelangelo Pistolet to e Mim mo Paladino. Anche il Museo del tessuto, gioiello d i a rc h e o l o g i a i n d u s t r i a l e d e l X I X s e c o l o s i tuato all’interno della cerchia muraria medie vale della città, pur raccontando il passato di una città che ha fatto della tessitura il suo bi glietto da vis ita, dedica una par te delle sale al m o d e r n o . I l M u s e o p re s e n t a , i n a n te p r i m a r i sp etto all a loro diffusione commercial e, i tes s u t i p i ù i n n o va t i v i p ro d o t t i d a l l e a z i e n d e d e l d i s t re t t o . E v i s t o c h e l e s t of f e va n n o t o c c a t e con mano, non manca un percor so tattil e tra i vari tipi di fila ti, naturali e no, e l a loro lavo r a z i o n e . L e i s p i r a z i o n i ? A r r i va n o a n c h e d a Cin a, I ndia e Giappone. Di grande interesse è anche il nucleo rinascim entale di tessut i ricam a t i e t e s s u t i s a c r i ( v e l l u t i , l a m pa s s i , d a m a schi, bordi figurati, tovaglie perugine). Inoltre, l a c o l l e z i o n e a c c o g l i e t e s s u t i a rc h e o l o g i c i , contemporanei ed etnici, m acchinari antichi e boz zetti d’ar tista. Insomm a Prato svela le sue bellezz e, da non perdere.

2013, l’anno delle soddisfazioni per la Sagra del Fagiolo di Cave di Foligno

Ebbene s ì, perché finalmente d o p o u n a l u n g a

attesa, ci sono stati riconosciuti il duro lavoro

e l a u n i c i t à c h e c i d i s t i n g u o n o n e l te r r i to r i o .

I l n o s t ro l e g u m e è s t a t o r i c o n o s c i u t o c o m e

prodotto tipo umbro e potremo co s ì ga r a n ti re agli acquirenti che i fagioli comprati dai nostri

p ro d u t t o r i c o n s o r z i a t i , re p e r i b i l i p re s s o i l o -

cali della Sagra, sono quelli veri. Non è solo

u n a q u e s t i o n e d i v e r i d i c i t à d e l p ro d o t t o , m a anche di qualità. I fagioli con il marchio infatti

v e n g o n o p ro d o t t i s e c o n d o r i g i d e n o r m e c h e

assicurano l a biologic ità dello s te s s o .

L a S a g r a a n c h e p e r q u e s t ’a n n o a v r à l u o g o i l

s econdo ed il ter zo fine settima n a d i ot to b re , ovvero i giorni 1 1, 12 13 e 1 8, 1 9 e 2 0 .

G IULIA T OZZI


INSTAGRAM: IL SORPASSO

ANDROID KITKAT

Boom degli utenti attivi del social network dedicato alla condivisione di foto

LA NUOVA FRONTIERA

DEL MARKETING TECNO-ALIMENTARE

No, non è uno scherzo: dolciumi e caramelle nella storia dei nomi di Android: Ice Cream, Sandwich, Jelly Bean e ora anche il KitKat. E per la prima volta nella storia un sistema operativo prende il nome di un marchio registrato, un pò come se Apple scegliesse i gelati per identificare le versioni degli OS, proponendo un iOS Calippo, o Microsoft optasse per le salse con un Windows Phone Calvé. La prossima versione dell'os mobile di Google si chiamerà “Android Kitkat”, in onore della famosa barretta di cioccolata e wafer prodotta da Nestlé. Lo ha annunciato il colosso alimentare elvetico con un comunicato. Sicuramente si tratta di una originale operazione di marketing che lega due marchi tra i più conosciuti dal grande pubblico di consumatori a livello mondiale. Ma che cerca di evitare di farsi etichettare come sponsorizzazione e pubblicità pagata, visto che i responsabili delle due società, interpellati dalla Bbc, hanno fermamente negato che nell’accordo sia prevista una qualsivoglia contropartita pecuniaria:

Google non riceverà somme da Nestlé, e tantomeno viceversa. Ma la portata mediatica dell’operazione è enorme e crea un precedente appetibilissimo per tutti gli uffici marketing del mondo. Ad ogni modo, lo scambio c’è, eccome. Se da un lato il gigante di Mountain View legherà al prodotto dedito alla cioccolata elvetico il nome del sistema operativo per smartphone più diffuso al mondo - proprio oggi le stime della società idc gli attribuiscono il 75,3 per cento del mercato mondiale 2013 - dall'altro Nestlé ricambierà inserendo l’immagine del simbolo di Androidsu oltre 50 milioni di confezioni di KitKat. Inoltre produrrà una serie limitata di KitKat proprio con la forma del suddetto pupazzetto. “Per Android non avremmo potuto immaginare un nome più adatto di quello che fin dalla sua creazione è stato lo snack al cioccolato preferito dalla squadra di sviluppatori”, ha affermato Marc Vanlerberghe, direttore del marketing di Android. Soddisfazione anche da Nestlé: la direttrice del marketing Patrice Bula ha affermato che c'è “Entusiasmo per questa partnership”. Per il giudizio della comunità di utenti Android sulla bontà non dello snack ma della nuova versione del sistema operativo bisognerà attenderne il rilascio, ormai atteso a breve. Cellulari da mangiare.

R OBERTO S CIARRONE

S i a m o a l s o r pa s s o . I n s t a g r a m , s o -

fuori degli Stati Unit i , s e g n o c h e i l

sione di foto, e adesso anche di

t i vo . I n s t a g r a m - a c q u i s t a to l ’a n n o

c i a l n e t w o r k d e d i c a to a l l a c o n d i v i -

r i ba l t a m e n t o g e o g r a f i c o è d e f i n i -

b re v i v i d e o , s t a p e r s u p e r a re Tw i t -

scor so da Facebook per un mili ardo

ad oggi. 50 milioni di utenti attivi

ormai uno dei veicoli attraverso i

t e r. S o n o 1 5 0 m l n g l i u t e n t i a t t i v i ,

guadagnati solo negli ultimi sei

mesi. Anche sulla scia delle nuove funzioni video e dei grandi eventi planetari, dall'Egitto alla Siria, dalle g u e r re

agli

eventi

di dollari tra contanti e azioni - è

quali il mondo si rac c o n t a . E s i m o s t r a d a p ro s p e t t i va i n a s p e t t a t e e

p e r q u e s t o p o p o l a t i s s i m e . L a p ro -

g re s s i o n e

è

mondani, illustrati in

tempo

inequivocabile:

scorso

febbraio

lo

gli

u te n t i a t t i v i e r a n o

re a l e

stati 100 milioni.

dagli scatti degli

Cifra tonda dalla

appassionati.

q u a l e s i p e n s a va

d u e pa s s i , e n t ro

avrebbe faticato a

Mentre Twitter è a

che

Instagram

l'anno

a r r i va

la

staccarsi. E invece

zione

sociale

e

e r a n o g i à a r r i va t i

pubblicità. Rivolu-

appena a giugno

dei linguaggi co-

municativi: è Instagram

a t o c c a re q u o t a

130 milioni. Cin-

a

d o c u m e n t a re l a n o s t r a

quotidianità. Dalle frivolezze assolute

più

più

quanta milioni in negli

ultimi

sei

mesi, in salita del 15 per cento ri-

ai grandi eventi che se-

s petto a s essa nta gio rn i f a . E ' ve ro :

a l m e n o a g i u d i c a re d a l r i t m o c l a -

g i u n g i b i l e . M a Tw i t t e r - l o s n o d o

gnano il cor s o del pianeta. E for se,

moroso a cui ha marciato il network

i n v e n t a t o d a Ke v i n Sy s t ro m n e g l i

u l t i m i s e i m e s i , s o n o s t a t i p ro p r i o

questi

ad

alimentarne

il

boom:

d a l l e n u o v e p ro t e s t e e g i z i a n e a g l i

ultimi, drammatici sviluppi in Siria.

Il dato è infatti inequivocabile: la

piattaforma ha toccato i 150 milioni

di utenti attivi al m ese. Non basta: o l t re i l 6 0 p e r c e n t o p o s t a a l d i

Facebook ne ha 1,15 m i l i a rd i . I r r a gdelle notizie planetarie - è per

e s e m p i o d i e t ro l ’a n g o l o : 2 0 0 m i l ioni di utenti attivi. P u r s e n z a c o ns i d e r a re

il

solito

discorso

sul

diverso uso che le persone fanno

dei propri profili, Ma r k Z u c ke r b e rg

s ta vincendo la sua s c o m m e s s a . M a s i s t a a n c h e c re s c e n d o i n c a s a u n t e m i b i l e c o n c o r re n t e . " S i a c h e s i

d o c u m e n t i n o l e p ro te s te i n E g i t to ,


c he s i co n di v i d a i l v i a g gi o della vita negli Usa o si scattino #petselfiez, cioè foto di animali, questa comunità

c o n ti n u a a s o r p re n d e rc i o gni giorno g r az i e al l a vo s t r a c re a t i v i t à, il senso

d’a v ve n t ur a e l ’ u n i c a pro s pe ttiva del

m o n d o" h a n n o s c r i t t o d a l q u a r t i e r

g e n e r a le di I n s t a g r a m c o mment ando l e n u o v e , s o r p re n d e n t i s t a t i s t i c h e .

Ta n t i i m o t i v i d e l s u c c e s s o . F r a q u e -

s t i s e n z ’a l t ro u n ’ i r re s i s t i b i l e e v o l u z i o n e d e l l i n g u a gg i o , c h e ha por tato

s e m p re l o s c o r s o g i u g n o , m e s e f o n -

FANATICI DELLA LINEA? NUOVI RIMEDI DALLA RETE

della

Q u a l ’ è l ’ u l t i m a f o to c h e a v e te p o s t a to s u u n s o -

tre e i 15 secondi. Il nuovo strumento

mozzafiato? Una vostra foto scattata apposita-

damentale,

a l l ’ i n t ro d u z i o n e

p os s i b i l i t à d i g i r are bre v i vid eo tra i

ci torna utile perfino in ottica pub-

blicitaria: celebrità, marchi e brand si

cerca smen tisce questo lu ogo comun e .

mente per il profilo? Un manicaretto appena sfor-

I due professori, per comprendere cosa accade nel

nato? Se l’ultima è la risposta esatta, sappiate che

sono infatti lanciati a capofitto, dopo

a v e t e a p p e n a c o n t r i b u i t o a l “ f o o d p o r n ”, c h e

opportunità. Anche la Nasa ha ini-

i q u a l i è s e m p re p i ù c re s c e n te i l n u m e ro d i p e r -

foto e video. Nulla, insomma, sembra

vir tualmente con il resto del mondo, cerchiamo di

q u a l c h e d u b b i o i n i z i a l e , s u l l e n u o ve z i a t o d a p o c h i s s i m o a p u b b l i c a re

b l o c c a re l o s t r a r i pa n te p e rc o r s o d e l social

fotografico

più

diver tente

sone che prima di consumare il pasto lo condivide

dolci. Alla fine sono stati ser viti degli arachidi. Le

capirne le conseguenze.

metà degli utenti, per esempio, uti-

University pubblicata recentemente sul “Journal of

p e r i l ro b o t t i n o v e rd e è s t a t a r i l a -

sciata nell'aprile 2012. Ancora: il lan-

cio

di

Hipstamatic

Oggl,

appena

qualche mese fa, non sembra aver p ro d o t t o

nessuna

p re o c c u pa z i o n e

n e l to p m a n a g e m e n t d i M e n l o Pa r k .

Le s t r a teg i e d i m a r ke ti n g pubblicita-

ri o s o n o p ro n te : è te m p o di far frutt a re u n s o c i a l n a t o p e r c o n d i v i d e re

e m o z i o n i m a , co m e a c c e de i n questi

c a s i , p ro n to a m o n e t i z z a re l ’e n o r m e su c c e s s o r i s c o s s o .

R OBERTO S CIARRONE

h a n n o re c l u t a t o 2 3 2 p e r s o n e p e r va l u t a re f o t o -

g r a f i e r i g u a rd a n t i c i b o , d a n d o a d m e t à d i l o ro

A nche se questo fenomeno ci potrà s em brare un

l i z z a u n d i s p o s i t i v o A n d ro i d . L’a p p

cer vello di chi visua lizz a questo tipo d i i m m a g i n i ,

ormai impazza sulla rete. Tralasciando i motivi per

s u l l a p i a z z a e c h e h a c a va l c a t o l a

moda dei filtri fotografici: quasi la

p e t i z i o n e a f a r n e d i m i g l i o r i , m a i n re a l t à l a r i -

cial network? Tu e lui che vi baciate? Un panorama

p ò o s s e s s i v o , u n a r i c e rc a d e l l a B r i g h a m Yo u n g

d e l l e f o t o d i p i e t a n z e s a l a t e e a l l ’a l t r a m e t à d i

p e r s o n e c h e a v e va n o o s s e r va t o c i b i s a l a t i n o n e r a n o a s s o l u t a m e n t e i n v o g l i a t e a m a n g i a re g l i

a r a c h i d i , c o m p ro va n d o c h e s o l o g u a rd a n d o d e i

piatti salati gi à avevano saziato la l o ro vo g l i a di cose s alate, senza realmente consum a rn e .

Co nsu me r Psychology”, ci svela che guardare i m -

M a i l s e n s o d i s a z i e t à , s p i e g a E l d e r, n o n g i u n g e

zione di sazietà. Praticamente l’ultima novità in

darne un numero sostanziale.

magini relative al cibo in realtà aumenta la sensafatto di diete.

Ryan Elder e Jeff Lar son, autori dello studio, spie-

gan o c h e gu a rdare u n n u m e ro c o ns i s te n te di f o t o g r a f i e d i p i e t a n z e e m a n i c a re t t i i n d u c e i l

cer vel lo a compo r t ar si come se le avesse già as saggiate, inibe ndo il des iderio di mangiarle real -

d o p o a v e r v i s t o u n pa i o d i f o t o , b i s o g n a g u a r I n o g n i c a s o p o t re b b e d i v e n t a re u n ’o p p o r t u n i t à concreta di resistere a cer ti piatti ip e rc a l o r i c i ch e di sicu ro non fanno bene né per la li n e a , n é p e r i l

benesse re del corpo. In effetti Jeff L ar s o n s u g g er i s c e c h e , s e s i h a u n ’o s s e s s i o n e p e r u n c i b o i n

pa r t i c o l a re l a “c u r a v i s i va ” p o t re b b e d a re o t t i m i

me nte.

risultati.

Di primo acchitto questo sembra impossibile,

N on ci resta quindi che postare l a p ro s s i m a f o to .

vista l a mole di fotografie di piatti che appaiono

giornalmente in rete e che suscit ano non solo la

gola di chi le visual izza ed anche una cer ta com -

A NTONELLA T OZZI


la gROEnlandia si sciOgliE nuOvi studi Pubblicati da natuRE gEOsciEncE Di

r oberto s ciarrone

U n nuovo s tudi o, pubbl i cato s u N ature G eos ci ence, s tabi l i s ce che non è s ol o i l c l i m a , c h e s i r i s c a l d a , a f a r s c i o g l i e re i g h i a c c i d e l l a G ro e n l a n d i a . A t r a s f o r m a re l e g e l i d e p l a c c h e , a n c h e d a l ba s s o , s a re b b e l a g r a n d e q u a n t i t à d i cal ore che prov i ene dal m antel l o terres tre. È ques ta l a concl us i one a cui è arrivato lo studio, in base a dati elaborati d a l g r u p p o d i r i c e rc a i n t e r n a z i o n a l e I c e G e o H e a t . St a n d o a g l i s c i e n z i a t i , i l c a l o re r i l a s c i a t o d a l l e p rof o n d i t à d e l pianeta gioca un ruolo determinante n e l l o s c i o g l i m e n to . Q u e s to e f f e t to , s a re b b e d o v u to a l l a c o n f o rm a z i o n e d e l l a l i tos fera, l o s trato rocci os o del l a Terra, pa r t i c o l a r m e n t e s o t t i l e i n q u e l l a re gione. Ennesimo allarme, quindi, legato alla riduzione dei ghiacciai in Groenlandi a. N el 2 0 1 2 s i era s taccato un i ceberg grande com e Manhattan, l a noti z i a non pa s s ò i n o s s e r va t a , s i c u r a m e n t e p e r l ’ i m m a g i n e s u s c i t a t a d a l l ’a rd i t o pa r a gone più che per “reali” preoccupazioni p e r l ’a m b i e n t e . O g n i a n n o , a l t re s ì , s i s cioglie ghiaccio pari a 60 m ilioni di piscine olimpioniche. La calotta glaciale del l a Groenl andi a perde, ogni 1 2 m es i , 2 2 7 m i l i a rd i d i t o n n e l l a t e d i g h i a c c i o , contri buendo di 0 ,7 m i l l i m etri al l ’i nnal z am ento degl i oceani (che s al gono nel com pl es s o di ci rca 3 m i l l i m etri l ’anno). A n c h e i l t e r re n o h a i l s u o r u o l o . L a

c o m p re n s i o n e d i t u t t i g l i e l e m e n t i chi ave del l o s ci ogl i m ento del l a cal otta d e l l a G ro e n l a n d i a r a p p re s e n t a q u i n d i fondamentale per lo sviluppo dei possibili scenari futuri. Gli attuali modelli uti l i z z ati per com prendere e prevedere l o s ci ogl i m ento di ques ti ghi acci hanno f i n o r a t r a s c u r a t o i l c a l o re c h e s i s p r i g i o n a d a l t e r re n o . S e c o n d o i l g r u p p o i nternaz i onal e di ri cercatori , l a par ti col are conform az i one geol ogi ca del terri torio giocherebbe un ruolo chiave nello s c i o g l i e re i g h i a c c i a n c h e d a l ba s s o . Qui ndi s i tratterebbe di una vera e pro p r i a “ a z i o n e c o m b i n a t a ”. L a c o m b i n a z i o n e d i p re s s i o n e e s e rc i t a t a d a l l o s trato di ghiaccio e lo s trato par ticolarm e n t e s o t t i l e d i l i t o s f e r a ( d i c i rc a 7 0 chilometri) permetterebbe le condizioni per uno s ci ogl i m ento anche del l a bas e d e l l a c a l o t t a . S e c o n d o i r i c e rc a t o r i , i l modello re a l i z z a t o c o m p re n d e n d o anche questi aspetti combacerebbe pienamente con i valori di scioglimento reg i s t r a t i n e g l i a n n i . I n s o m m a , n e l l ’a n n o 1 0 0 0 d.C . l ’avventura vi chi nga fu faci l i tata dall’innalzamento delle temperat u re d e l p e r i o d o c a l d o m e d i e va l e , cosicché i drakkar, le agili imbarcazioni scandinave, poterono solcare i mari del n o rd a l r i pa ro d a n u m e ro s i a c c i d e n t i a t m o s f e r i c i e r a g g i u n g e re l a " t e r r a verde" di G roenl andi a. C he s i a l a vol ta di una nuova “era verde”? Ci auguriamo di no.

il fRanchising REsistE al dEbuttO OffERtE 'gREEn' La crisi non ferma il franchising che del 2% negli ultimi tre anni , i l “s ettore” oggi val e 2 3 m i l i ardi di euro (l '1 ,2 % d e l P i l ) e h a re g i s t r a t o u n i n c re m e n t o d e l 4 % d i m a rc h i presenti in Italia. Il settore si prepara a metter si in mostra con l a 2 8 /a edi z i one del S al one del F ranchi s i ng, organi z zato da Rds con Fiera Milano, mediante molti debutti e off e r t e ' g re e n' d a l l ' 8 a l l ' 1 1 n o v e m b re a F i e r a m i l a n o c i t y. A nche ques t'anno i nfatti , accanto ai grandi m archi tradi zionali ci saranno aziende debuttanti, tra le quali domin e r a n n o l e of f e r te ' g re e n' , c o m e f o r m a t p e r a u to l a va g g i rispettosi dell'ambiente, fast food vegano e bar ecologici. I l P res i dente di Rds & C om pany e res pons abi l e del S al one d e l F r a n c h i s i n g , A n to n i o F o s s a t i h a d i c h i a r a to " Tr a i 9 4 0 m archi i n franchi s i ng pres enti i n I tal i a, è i nteres s ante no t a re a l f i a n c o d e i g r a n d i m a rc h i u n f e r m e n t o d i p i c c o l e i ni z i ati ve i n s ettori di ni cchi a che com e tal i prem i ano l 'i n novaz i one, l a creati vi tà e l a capaci tà di ges ti one del l 'atti vi tà e del bus i nes s " , m ettendo i n evi denz a anche i l buon trand a l i vel l o occupaz i onal e: "s ono ol tre 1 9 0 m i l a l e persone che lavorano nel franchising. Un dato sostanzialm ente cos tante nel l 'ul ti m o tri enni o" . Di

M assiMiliano c rusi

EXPO 2015 c’è anchE il REgnO unitO Il Regno Unito conferma la propria presenza ad Expo 2012 ed il numero di partecipanti ufficiali all’Esposizione Universale di Milano cresce a 135. Quella britannica e' un'adesione molto attesa con un sapore particolare in quanto la prima edizione dell'Esposizione Universale si e' tenuta a Londra nel 1851. L'annuncio è di pochi giorni fa, proprio in concomitanza con l'International Participants Meeting di Expo Milano 2015, dimostrazione della fiducia e dell'apprezzamento che i Paesi del mondo stanno dando al progetto italiano. Il Commissario Unico per Expo Milano 2015, Giuseppe Sale ha dichiarato: "Siamo molto felici che il Regno Unito abbia deciso di essere presente. Un grazie particolare al presidente del Consiglio Enrico Letta, al ministro degli Esteri Emma Bonino e al Governo tutto che ci manifestano quotidianamente il loro sostegno piu' sincero".

F rancesco D iotallevi


Alla scoperta di un giardino ‘segreto’ “L’Usignolo”, molto più che un lounge bar DI

M ARIA N ICOLE I ULIETTO


L’ INVERSIONE DEI CAMPI S PETTACOLO BOREALE

MAGNETICI DEL

Il S o l e c a m b i a d i p o l ar i t à ogni 11 anni circ a, quando si è al culmi ne di o g n i “c i c l o s o l a re ”. U n c i c l o solare è un periodo di temp o dell a durata di 11 anni durante il quale si ha dapprima un aumento (picco) e poi una d i m i n u z i o n e d e l n u m e ro d i m a c c h i e s o l a r i c h e s i o s s e r va n o s u l l a s u p e r f i c i e d e l l a s t e l l a . I n q u e s t o m o m e n t o s i a m o a m e t à c i rc a ( q u i n d i si a m o a l c u l m i n e ) de l 2 4 m o ciclo solare da che si è iniziato a s tudiarli e d è i l m o m e n to i n c ui l a “dinamo mag netica interna” del Sole si riorg a n i z z a d a n d o o r i g i n e a l l ' i n ve r s i o n e . I l p ro c e s s o c h e p o r t a a l c a m b i o d i p o l a r i t à è c o m p l e s s o m a m o l to a f f a s c i n a n te . A c c a d e o g n i 1 1 a n n i , m a n i e n te pa n i c o : l a Te r r a n o n h a m a i a v u to p ro b l e m i , a s s i c u r a n o g l i s c i e n z i a t i d i St a n f o rd . I l p ro c e s s o s i c o m p l e t e r à e n t ro u n m e s e . L ' e ve n to , s p i e g a n o g l i e s p e r t i , f a pa r te d e l c i c l o n a t u r a l e d e l S o l e , d i c ui s e g na l a m e t à . I l f e n omeno non avviene i n m aniera regolare, ma si h a p r i m a l ’ i n v e r s i o n e d e l p o l o N o rd , c h e è g i à r i p o s i z i o n a t o , m e n t re q u e l l o S u d s t a c a m b i a n do a poco a poco. D urante il proc esso la radiazione magnetica solare, che si stende come un foglio ben oltre Plutone, t e n d e a 'r a g g r i n z i r s i ' . " Q u e s t o - s p i e g a i l c o m u n i c a t o d e l l a St a n f o rd U n i v e r s i t y - p o r t a a u n a m i g l i o re s c h e r m a t u r a d e l n o s t ro p i a n e t a d a i r a g g i c o s m i c i " . I n o l t re , q u e s to f e n o m e n o p ro vo c a u n a va r i a z i o n e d e l l'intensità del campo magnetico, che determina tutti quei fenomeni che fa n no par te d e ll a c o s i d d e t ta “attività s olare”: le m acchie fotosferiche , i f l a re ( b r i l l a m e n t i ) , e i c a m b i a m e n t i d e l ve n to s o l a re . I n g e n e re g l i e f fetti del campo magnetico sulla Terra includono, soprattutto nei periodi

S OLE

d i m a s s i m a a t t i v i t à , l e a u ro re p o l a r i , l e i n t e r f e re n z e e l e i n t e r r u z i o n i delle comunicazioni radio e dell'elettricità. Gli astronomi ritengono che l'attività della nostra stella - la cui attività cambia di continuo la stessa s t r u t t u r a d e l l ’a t m o s f e r a e s te r n a a l l a Te r r a - h a a v u to u n r u o l o f o n d a me ntale nella formazione ed evoluzi one del sistema so la re . Pe r c ui c at a s t rof i s t i e c o r re n t i a p o c a l i t t i c h e va r i e s i e t e a v v i s a t i : a l m a s s i m o potremo tutti godere di s plendide aurore boreal i! Per i p i ù f o r t u n at i , a volte, durante l’apparizione di un’aurora, si possono udire suoni che som i g l i a n o a s i b i l i . S i t r a t t a d i s u o n i e l e t t rof o n i c i , u n f e n o m e n o c h e s i può manif estare, sebbene molto pi ù raramente, anche d u r a n te l ’a p parizione di bolidi. L’origine di questi suoni è ancora non chiara, si ritiene c h e s i a d o v u t a a p e r t u r ba z i o n i d e l c a m p o m a g n e t i c o te r re s t re l o c a l e c a u s a te d a u n ’a u m e n t a t a i o n i z z a z i o n e d e l l ’a t m o s f e r a s o v r a s t a n te . M a d o v e s i p o s s o n o a m m i r a re l e a u ro re b o re a l i ? L a N o r v e g i a è u n b u o n punto di par tenza.

R OBERTO S CIARRONE


AZIONI QUOTIDIANE Fa c i l i , i m m e d i a t e e a p o r t a t a d i mano. Secondo gli esperti, per s t a r b e n e ba s t e re b b e ro p i c c o l i e s e rc i z i c h e , c o n d i t i c o n l a g i u s t a dose di distacco e una punta di i ro n i a , p o s s o n o a i u t a re a v i v e re m e g l i o e , ch i s s à , m a ga r i a nche pi ù a l u n g o . P ri m o c o ns i g l i o , s i ngingin in the shower ma anche in macc hi n a o i n b i c i o i n m o to . Cantare m i g l i o r a l ' u o m o re e r i d u c e l o s t re s s : s o n o q u e s t i g l i e f f e t t i d e l " c a n t a c h e t i pa s s a " c o m e re g o l a a u re a p e r s d r a m m a t i z z a re l a ro u t i n e d i t u t t i i g i o r n i . Pe r c h i h a buon fiato, lo stesso suggerimento p u ò es s e re m e s s o i n pr a ti c a anche camminando. Cer to, la dose di iron i a d o v r à a b b o n d a re m a c a m m i n a re v e l o c e i n v e c e d i c o r re re è i l secondo consiglio per una vita mig l i o re no n c h é l ' e s e rc i z i o aerobico p i ù s e m p l i c e e s i c u ro p e rc h é , c o m e s o s te n go n o g l i e s p e r ti, camm i n a re m a l e è p i ù d i f f i c i l e c h e c o r re re m a l e . S e p o i s i c o n t i n u a s u l l a s c i a d e l b e n e s s e re , d a l l ' h a p p y h o u r s i pa s s a a l l ' h e a l t y h o u r : i l pa s s o è p i ù b re ve e piacevo l e d i q u an to s i po s s a c redere; la so l u z i o n e i n f a tt i è p un t a re su vini d i q u a l i tà , ce n t r i f u g at i , s u cchi bio ac c o m pa gn a t i d a a pp e t i z e r di parm i g l i a n o , p i n z i m o n i c re a t i v i e popcorn gourmet. Poi arriva il momento al brain running,l'allenam e n to ce l e b r a l e . A l c u n i a u torevoli s t u d i s o s t e n g o n o c h e p r a t i c a re una lingua straniera sia una g r and e f o rma d i g i n na s t i c a cogni-

t i va . E p u ò e s s e re m o l t o d i v e r tente, sopratutto se la sfida non è sul solito inglese. Il segreto è farlo al m odo dei bamb ini, ripetendo le pa ro l e a v o c e a l t a s e n z a v e rg o n a di sbagliare l a pronu ncia. Un'altra re g o l a d ' o ro s a re b b e q u e l l a d e l l'ordine. Si dice infatti che sarebbe u n' o t t i m a s t r a t e g i a p e r n o n a f f o gare nel caos, prender si cura delle propri e cose come m odo per dar si va l o re e d a c c re s c e re l ' a u t o s t i m a . Va l o re p e r s è s t e s s i c h e pa s s a anche per l'orologio. Via insonn i e p i g ro n i : o r a g i u s t a p e r a n d a re a l e t t o e p e r s v e g l i a r s i . I l n o s t ro o ro l o g i o i n t e r n o a n d re b b e a s s e condato il più possibile e ciò port e re b b e i n e q u i l i b r i o a n c h e i l nosteo sis tem a ormo nale. E poi, a c o m p l e t a re l a r i c e t t a , l a pa r t e d e l l e p u b b l i c h e re l a z i o n i . M e g l i o se a tavola e s eguendo quello che gli es per ti definiscono come i l par a d o s s o f r a n c e s e . A f a re l a d i f f e re n z a s a re b b e i l m o d o i n c u i s i mangia. I francesi, tendono a farlo a t a v o k a e i n b u o n a c o m pa g n i a . Chiaccherando, gustando tutto con es trema calma e senza ingoz zarsi. Quindi, cantatina sotto la docci a, ordin e, due chiacchiere i n lingua straniera e un aperitivo bio s a re b b e ro l e re g o l e p e r c o n q u i s t a re u n a l o n g e v i t à a p o r t a t a d i mano. Provare per credere.

L UCIA R OSSI

L’INTREPIDO

UN FILM DI

GIANNI AMELIO

So no tornata a casa, triste e scon solata, dopo la v i s i o n e di q u es t o f i l m , c h e n i e n t e l a s c i a n e l l o s p e t t a t o re , s e n o n t a n t a a m a re z z a m i s t a a d u n s e n s o d i i m p o t e n z a d i f ro n t e a d u n s i s t e m a sbagliato, ali enante, ad un m eccanism o annichil e n te c h e m u o ve l e sue pedine (che siamo noi) sullo sfondo di una c i t t à ( M i l a n o ) grigia, gelida e sen za anim a. Il protagonista, A nto n i o Pa n e , a s s u rg e a s i m b o l o d e l l ’ i t a l i a n o s o g n a t o re e i n t e l l e t t u a l e f a t t o a pezzi dagli i ngranaggi di un paese in piena crisi, c h e n o n r ie s c e a garantire ai suoi cittadi ni l’inalienabile diritto a l l a vo ro e a l r ispe tto della dignità um ana; questo Antonio, dunqu e , è u n a s p e cie di all egoria del precario medio, che salta di lavo ro i n l a vo ro alla ric erca di una stabili tà (economica e socia le) c h e , s e m b r a d i capire, in Italia non arrriverà mai. Intorno a questo per sonaggio, poi, girano una serie di macchiette stereotipate grottesche e deprimenti: il camorrista sfruttatore e senza scrupo li , l ’ i n d u s t r i al e d e l N o rd a p pa re n t e m e n t e o n e s t o l a v o r a t o re m a i n re a l t à i m merso nella malavita fino al collo, il figlio talentuoso ma torm e n t a t o d a f re q u e n t i a t t a c c h i d i pa n i c o , l ’a m i c a d i b u o n a fam iglia ribell e, depressa e, infine, suicida. La con c l u s i o n e , p o i , che vede A ntonio, qualche tempo dopo, minatore i n A l ba n ia , è davvero la ciliegina sulla tor ta: non poteva cer to mancare il moti vo del ‘cer vello’ in fuga, unito all a sempreverd e re to r i c a s u g l i immigrati. Un film noioso, deprimente, che s’illude di lasciare un messaggio pos iti vo agli spettatori, cui invece res t a s o l o l ’a m a ro i n bocca; avre mm o bisogn o di s torie che parlino d i u n ’ I t a l i a c h e può e deve ris oll evar si, e non che indugino com e s e m p re s u l l e piaghe che affliggono il nostro paese. E poi dicia m o c e l o : A l banese nei panni di un maestro sognatore è davvero, davvero poco cred ibi le.

P AOLA T EMPONE


LASCIATE RIPOSARE IN PACE DE AND RE' QUANDO PARLATE DI BRUNETTA N o n n e p o s s o p i ù d i ve d e re la

l e b u o n e i n t e n z i o n i , c h i re -

ve r s o pa r a go n i c o n l a c a n z one

O s s i a n o i / vo i n o rm a l i , a l t i p i ù

fi gura di B runetta deri sa attra"I l g i u d i c e" d i D e A n d rè .

p r i m e e c h i c re a f r u s t r a z i o n e . d i B r u n e t t a , t r a l e a l t re c o s e .

Av e t e m a i r i f l e t t u t o s u l c o n -

L u n g i d a Fa b e r, i n v i t a s u a ,

cetto della frase finale della

nati sociali, quali sono (causa

in causa "non conoscendo af-

vo l e r p re n d e re i n g i ro e m argi -

l' i n c i v i l t a ' d e ll a s o c i e t à s te ssa)

l e p e r s o n e d i ba s s a s t a t u r a .

Anzi. Egli, in tutto l'album da cui viene tratta la canzone,

canzone quantomai chiamata fatto la statura di Dio" ?

F o s s e s t a t o v i v o , D e A n d rè

a v re b b e s i c u r a m e n t e pa r l a t o

o s s i a " N o n a l d e n a ro , n e' a l -

non in termini entusiastici di

al c u n i as p e t ti d e ll a c o n te m po-

s c o rd a n t i c o n l e s u e , s e n z a

d e g l i e m a rg i n a t i , d e i d i v e r s i ,

sua altezza. Di cer to non per

evidentemente) colpevolizza-

di

in ultima analisi, anche del li-

c a t o , c a p i t o ; a v re b b e f a t t o l a

l'amore ne' al cielo", attraversa ra n e i t à vi s t a da l p u nto d i vista

c o n u n e v i de nte ( n o n p e r tutti

zi o n e d e l l a s o c i e t à . C o l p e vole, v o re c h e i va r i p ro t a g o n i s t i ,

ispirati alla raccolta di poesie "A n to l o g i a d i S p o o n R i ve r ", di

Brunetta, per le sue idee di-

p e rò m e n z i o n a re n e m m e n o l a i ro n i z z a re s a rc a s t i c a m e n t e s u lui.

Pe r

quello,

anzi,

lo

a v re b b e pa r z i a l m e n te g i u s t i f i tara all'arroganza di Brunetta,

al suo fer vore, fomentato pro -

p r i o d a t u t t e q u e s t e p re s e i n

Edgard Lee Masters. Non vuole

g i ro g r a t u i t e , f a t t e a s p ro p o -

matto (non a caso nel titolo

"chi e' senz a peccato scagli la

c e r t a m e n t e c o l p e v o l i z z a re i l

s i t o . Pa r a f r a s a n d o i l b i b l i c o

c ' e' l a p o s t i l l a " d i e t ro o g n i

prima pietra", si potrebbe con-

tico, il dottore che voleva gua-

l a s t a t u r a d i D i o p re n d a p u re

s c e m o c ' e' u n v i l l a g g i o" ) , l ' o t r i re i c i l i e g i o i l s u o n a t o re

Jones. Meno che meno il pov e ro

malato

di

c u o re .

Si

schiera evidentemente dalla

pa r te d e g l i e m a rg i n a t i c a n t a t i e s u o n a t i , a n c h e d a l l a pa r t e

del nano, del giudice. Di Brun e tta . D e A n d rè c ro c e f i g g e chi infrange i sogni, chi mortifica

c l u d e re d i c e n d o " c h i c o n o s c e

i n g i ro t u t t i i n a n i . B r u n e t t a comp reso".

A NDREA C HECCARELLI

UN’ISOLA DI PLASTICA MINACCIA IL MEDITERRANEO Nuove proposte per scongiurare il pericolo

N e avevamo già parlato tem po addiet ro . U n ’ i s o l a d i p l a s t i c a , “ i l s e t t i m o c o n t i n e n t e ”, d i d i m e n s i o n i e n o r m i g a l l e g g i a n e l l ’ O c e a n o Pa c i f i c o d a a l meno un decennio. A inquietare, però, l e nostre vacanze, è l’ultim o rappor to del monitoraggio effettuato da Gol etta Verde , Legambiente, e dall’Ac cad e m i a d e l L e v i a t a n o s u o l t re 3 . 0 0 0 c h i l o m e t r i d i t r a t t e m a r i n e . P re s i i n considerazione i rifiuti galleggianti p i ù g r a n d i d i 2 5 c e n t i m e t r i . I l re c o rd s p e t t a a l T i r re n o c e n t ro - m e r i d i o n a l e con 13,3 detriti ogni chilom etro quadrato, contro i 5 ,1 del Tirren o centrosettentrionale, i 2,1 della tratta Livorno-Basti a e i 2,4 della tratta Fiu m i c i n o - Po n z a . M a q u a l i s o n o , n e l l o s p e c i f i c o i d e t r i t i c h e “g a l l e g g i a n o” tristemente nei nostri mari: buste, b o t t i g l i e , c a s s e t t e d i p o l i s t i ro l o . I l M e d i t e r r a n e o è u n m a re d i p l a s t i c a . Stando all ’accer tamento statistic o effettuato, il 94 % dei macro rifiuti galleggianti nel Tirreno è plastica quindi. Come detto, non è un problema s olo i taliano. Il Programm a ambiente delle N a z i o n i U n i te ( l ' U n e p ) c a l c o l a c h e l a plastica rappresenti dal 60 all'80% del t o t a l e d e i r i f i u t i i n m a re , c o n p u n t e d e l 9 0 - 9 5 % i n a l c u n e re g i o n i . E n e l Pacifico, tra le Hawaii e la California è emerso un settimo continente: un c o n t i n e n te d i p l a s t i c a , u n ’ i s o l a s pa z z a t u r a a g g re g a t a n e l c o r s o d e i d e c e n n i d a l g i o c o d e l l e c o r re n t i , d a l l a p o t e n z a d e l v o r t i c e s u b t ro p i c a l e d e l N o rd Pa c i f i c o . S f u g g e n d o a i r a d a r della nostra attenzione quotidiana, par te dei 300 milioni di tonnellate di p l a s t i c a p ro d o t t i o g n i a n n o s i d à a p puntamento al largo delle coste ame ricane, nella più grande discarica

galleggiante del pianeta. Adesso quindi anche nel Med i te rr a ne o s i s c o pre che questa i ndesi d e r a ta p re s e n z a è m o l t o d i f f u s a . Pe r r i d u r re i d a n n i (con il passare dei decenni si formano coriandoli di plastica che vengono scambiati per cibo dagli abitanti del mare andando così a seminare disastri l u n g o l ' i n t e r a c a t e n a a l i m e n t a re ) n e l cor so del convegno su l l e b i o p l as t i c h e organiz zato a Roma d a l Kyo to C l u b s i è pro posto di allarga re l ’e s p e r i m e n to i talia no di bando dell e ve c c h i e b u s te di plast ica. L’Italia fin o al 2 0 1 0 e ra i l primo paese europeo pe r c o n s u m o d i sacchetti di plastica usa e getta, con u n a p e rc e n t u a l e d i c o n s u m o pa r i a l 2 5 % d e l t o t a l e c o m m e rc i a l i z z a t o i n Europa, e solo grazie a l l ’e n t r a t a i n v i g o re d e l ba n d o s u g l i s h o p p e r n o n bio degradabili ha rido t to q u e s t a p e rcentuale. Tra l’altro lo s f o r z o i t al i a n o nel campo delle biopl a s t i c h e s i s t a r ivelando un caso da m a n u al e d i g re e n e c o n o m y : s i a m o a r r i va t i p r i m a d e g l i a l t r i a l l a te c n o l o g i a , a b b i a m o l e g i f e r a to p r i m a , a b b i a m o l a p o s s i b i l i t à d i r i l a n c i a re u n i n t e ro s e t t o re e c o n o m i c o . Tu t t o q u e s t o c i p o r t a a r i f l e t t e re . S p e r a n d o c h e l a c o s c i e n z a ambientale di ogni singolo cittadino p o s s a f e r m a re q u e s t ’ i s o l a d i p l a s t i c a che sta cresce ndo e c h e , d r a m m at i c am e n t e , p o t re b b e c o s t i t u i re u n ’a l t r a re g i o n e , m e n o a t t r a e n t e e m o l t o i n quietante, del nostro Pa e s e .

R OBERTO S CIARRONE


Ottobre oltreriga 2013  

OltreRiga Ottobre 2013

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you