Issuu on Google+

OltreRiga - mensile - Ed. Ermes - P.le Giotto 5, 06120 - Perugia - Reg. Trib. di Perugia del 26/03/2010 - n° 20/2010 Anno 4- n° 44 Dicembre 2 0 1 3 .

44

L’informazione fuori d agli schemi

WWW. O LT R ER IGA . IT


sommarIo 4

museum – assocIazIone DI VolonTarIaTo per un' arTe alla porTaTa DI TuTTI

7

I paesI emergenTI Del prossImo boom economIco

8

FIrsT DaTe gra ssI b u o n I e c aT TIVI

9

l’uomo è cIò che mangIa

11

I paesI balTIcI , un mare InTerno nella sTorIa DI lungo perIoDo la capITale conTesa FIrenze capITale e DIsorDInI DI TorIno

13

Fenome-marquez pIu' Del prImo rossI

15

chIarImenTI sull’aumenTo Dell’IVa al 22% la VIa laTTea e I pIaneTI sImIlI alla Terra

OltreRiga - Mensile - Reg. Trib. di Perugia del 26/03/2010, n° 20/2010. www. OlTReRiga . iT - redazione@oltreriga.it DIreTTore responsabIle: Andrea Checcarelli In reDazIone: Gabriele Principato, Massimiliano Crusi, Antonella Tozzi In quesTo numero

In copertina “The end”

Lucia Rossi, Roberta Filippini, Gabriele Galatioto, Roberto Sciarrone, Francesco Diotallevi


MUSEUM – A SSociAzionE

di

V olontAriAto

PER UN' ARTE ALLA PORTATA DI TUTTI N e l X X I s e c o l o è q u a s i pa r a d o s s a l e p e n s a re che, nonostante la nascita dei grandi poli della contemporaneità e la modernizzazione di tutti i ser vizi, gli ausilii e tecnologie museali, rim a n e f re q u e n t e i l p ro b l e m a d i u n a f r u i z i o n e democratica e univer sale dell’ar te. Nella general e s i tuaz i one di s tal l o che ri guarda i l nos tro pa e s e e i b e n i c u l t u r a l i , f o r t u n a t a m e n t e e s i s t o n o d e l l e re a l t à c h e a g i s c o n o c o n t ro c o r rente. A l cune di ques te nas cono propri o dal l a f e rm a c o n v i n z i o n e c h e i l n o s t ro s t r a o rd i n a r i o pa t r i m o n i o a r t i s t i c o e c u l t u r a l e è u n a r i c chez z a che va non s ol o pres er vata m a i ncenti vata e m es s a a di s pos i z i one di tutti , cercando soluzioni, metodologie e iniziative che poss ano ai utare anche i s oggetti pi ù debol i o con capaci tà fi s i che, ps i chi che e s ens ori al i ri dotte a d a v v i c i n a r s i a l l ’a r t e . S e l a p e rc e z i o n e d i un’opera va i ntes a com e un proces s o m ental e s ol l eci tato per l o pi ù dai s ens i che ci perm ettono di s copri re, conos cere, s vi l uppare l a nostra personalità e la nostra conoscenza del m ondo, va i ntes o che tutto ques to è pos s i bi l e anche in un soggetto privo di una di queste capaci tà s ens ori al i . I n ques ti pochi concetti è

r a c c h i u s a l a s f i d a e l a f i l o s of i a d e l l ’A s s o c i a zione di volontariato Museum, costituita a

Rom a nel 1 9 9 4 e da anni i m pegnata nel l a di f f u s i o n e p re s s o i d i s a b i l i d e l r i c c o pa t r i m o n i o culturale italiano ancora oggi difficilmente f r u i b i l e d a pa r te d i q u e s t a c a te g o r i a d i c i t t a di ni . Dalla sua fondazione M u s e u m o p e r a i n re gime di convenzione col Comune di Roma, la Sovrintendenza dei Beni Culturali ed è att i va nei p r i n c i pa l i m u s e i e s i t i a rc h e o l o gici della città. Il suo f i n e è l a p ro m o z i o n e umana e sociale delle vari e di s abi l i tà, s i a fi s i che che psichiche, attrave r s o l a co no s ce nz a d e l l ’a r t e e l a p ro m o zione della cultura ad essa connessa; collab o r a i n o l t re c o n t u t t e le associazioni dei disabili, con le scuole di ogni ordi ne e grado i n c u i s o n o p re s e n t i r a gazzi con handicap, con l’Università La Sap i e n z a e c o n l a Te r z a U n i v e r s i t à d i Ro m a . H a e f f e t t u a to n e l te m p o c o r s i d i f o r m a z i o n e p e r vol ontari e di s abi l i , vi s i te gui date as s i s ti te, l ab o r a t o r i d i t e a t ro e d i m a n i p o l a z i o n e d e l l a c re t a ; h a re a l i z z a to p ro g e t t i d i d i d a t t i c a s p e ci al e m ul ti di s ci pl i nari e ha prodotto, i n ri l i evo e in braille, tutto il materiale didattico indis pens abi l e ai non vedenti per poter conos cere l’urbanistica, l’architettura, la scultura e la pitt u r a . Pa r t i c o l a re a t t e n z i o n e è s t a t a d a t a a l l e v i s i te s peci al i per non vedenti e i povedenti . E’ infatti luogo comune ancora molto diffuso

c re d e re c h e u n s o g g e t t o n o n v e d e n t e n o n possa conoscere un’opera d’ar te, esplorarla ed entrarci in sinergia. Vivere a contatto con ques t a g r a ve d i s a b i l i t à t i f a i n c re d i b i l m e n te s c o p r i re c o m e m o l t i l i m i t i n a s c a n o p e r e s s e re sfidati e superati: la privazione di un senso im-

por tante come la vista non necessariamente i m p e d i s c e l o s v i l u p p o d i q u e s to p ro c e s s o c o gnitivo e conoscitivo che genera la fruizione del l ’ar te s e l a rappres entaz i one i m m agi nati va, s u p p o r t a t a d a i c a n a l i a l te r n a t i v i ( a c u s t i c i , o l fattivi, tattili) e da richiami analogici e sines te t i c i , s u p e r a l a p u r a c o n o s c e n z a te m a t i c a e perm ette l a ri el aboraz i one autonom a del m es s aggi o ar ti s ti co. L’a t t i v i t à c h e M u s e u m p o r t a a va n t i c o n i s u o i v o l o n t a r i i n c l u d e va r i e t i p o l o g i e d i v i s i t e , es plorazioni e conos cenze dell’im m ens o patri-


m o n i o a r t i s t i c o ro m a n o . Tr a l e m o l t e p l i c i of f e r te d u e i n pa r t i c o l a re c o s t i t u i s c o n o i l f i o re al l ’occhi el l o di ques ta as s oci az i one perchè ri guardano da un l ato i l m us eo pubbl i co pi ù anti co del m ondo, nonché ful cro del l a rom ani tà anti ca e pres ente, ov vero i Mus ei C api tol i ni i n P i az z a del C am pi dogl i o e l ’al tro pol o è i l cent ro d e l f u t u ro , i l M u s e o d e l l e A r t i d e l X X I s e colo (MAXXI), luogo di sperimentazione e prima istituzione dedicata interamente alla creati vi tà contem poranea. Prima punta di eccellenza sono i Musei Capito l i n i c h e l ’A s s o c i a z i o n e M u s e u m , c o n i l s u p por to econom i co del C om une di Rom a, del l a Re g i o n e L a z i o e d e l l ’A s s o c i a z i o n e A m i c i d e i M u s e i , h a d o t a t o d i u n a m a p pa d e l l a p i a z z a del C am pi dogl i o, dei pros petti dei Pal az z i C ap i to l i n i , d i u n a c a m pa t a d e l Pa l a z z o d e i C o n s e r va t o r i completa dei pa r t i c o l a r i architettonici, del modellino del Palazzo Senato r i o a p r i b i l e e d e s p l o r a b i l e i n te rn a m e n te , d i una tavol a es pl i cati va del l ’affacci o al F oro, di t a v o l e p l a n i m e t r i c h e re l a t i v e a i t re p e rc o r s i per non vedenti, descritti e illustrati nei ris p e t t i v i t e s t i s t a m pa t i i n n e ro e b r a i l l e , d e i m o d e l l i n i d e l M a rc o A u re l i o e d e l l a Ve n e re E s q u i l i n a , n o n c h è d i ri p ro d u z i o n i i n ri l i e vo d i grandi e cel ebri s tatue e dei di pi nti i n P i nacoteca. P re s s o i l M A X X I i n v e c e è g i à s t a to s p e r i m e n tato con s ucces s o un percor s o che prevede l o sviluppo delle conoscenze dirette e delle comp e t e n z e i n m e r i t o a l l ’a r t e e a l l ’a rc h i t e t t u r a contemporanee. Proprio per questa sua natura di luogo di incontro straordinariamente democrati co e di nam i co, i l percor s o (s otto l a s uperv i s i o n e d e l l a Re s p o n s a b i l e d e l D i pa r t i m e n t o Educaz i one, D ott.s a Stefani a Vanni ni ) prevede u n a p r i m a e s p l o ra z i o n e d e l l ’e d i f i c i o e d e l l ’a rc h i te t to c h e l ’ h a p ro g e t t a to , Z a h a H a d i d , c o n l ’aus i l i o di tavol e tatti l i e s chede i n brai l l e appos i tam ente s trutturate i n col l aboraz i one con gl i es per ti del l ’as s oci az i one Mus eum . Tal e nec e s s a r i a i n t ro d u z i o n e a l l o s pa z i o m u s e a l e nasce dallo scopo di mediare la complessità di u n ’a rc h i t e t t u r a n o n t r a d i z i o n a l e , o l t re o v v i a -

mente alla possibilità di tas tare con m ano l e i m ponenti mura di cemento facci a a vi s ta che com pong o n o l e pa re t i d e l m u s e o . La seconda fase prevede la conoscenza di due istallazioni permanenti del MAXXI di cui sono stati p ro d o t t i d u e p l a s t i c i , c o l locati nelle immediate vic i n a n z e d e l l ’o p e r a s t e s s a , selezionati per il modo in cui defi ni s cono l o s paz i o e p e r l e q u a l i t à e s p re s s i v e : S c u l t u r e d i l i n f a e Wa l l Drawing# 375. Sculture di linfa di Giuseppe Penone è u n ’ i n s t a l l a z i o n e m o n u m e n t a l e d o v e i l pa v i m ento i n m arm o e l e pareti i n cuoi o evocano l a c o r t e c c i a d i u n a l b e ro , a l c e n t ro d e l l ’a m bi ente v i è un totem i n l egno che conti ene l a re s i n a / l i n f a , m a t e r i a v i t a l e p e r e c c e l l e n z a : s i t r a t t a d i u n ’o p e r a s t r a o rd i n a r i a m e n te f u n z i o nale a questa tipologia di percor si multisensor i a l i . L’o p e r a d i Pe n o n e m e r i t a u n ’a t t e n z i o n e pa r t i c o l a re p ro p r i o p e r l a s u a c a r a t t e r i s t i c a

c o m p l e s s o te s s u to d i i n f o rm a z i o n i o l f a t t i ve e tatti l i . Wall Draw in g# 3 7 5 del l ’ar ti s ta s tatuni tens e S ol LeW i tt è un affres co i n chi na acquere l l a t a c h e r a f f i g u r a t re s o l i d i g e o m e t r i c i , re a l i z z a t i s u u n g r a n d e m u ro n e l l a h a l l d e l m us eo. I l m odel l o ri produce i grandi s ol i di i n rilievo facendo percepire l’imponenza e la materi al i tà del l ’opera. I deare, credere, s uppor tare progetti di ques ta n a t u r a è i l p r i m o pa s s o v e r s o q u e l l a c re s c i t a di datti ca e di vul gati va di cui neces s i ta l a cul tura nos trana. Per i nfo: http://www.as s m us eum .i t/

R obeRta F ilippini

Nella pagina a fianco: in alto Giuseppe Penone, Sculture di l i nfa, MA XXI . I n bas s o i l B eato A ngel i co, “Vis ita tat t ile at t raver so l’es plo raz io n e di u n a tavo la in

evocati va di uno s paz i o natural e coi nvol gente e per l a pos s i bi l i tà offer ta di frui re l ’opera att r a ve r s o p i ù s t i m o l a z i o n i s e n s o r i a l i . E s s a p u ò es s ere i nf atti , dopo l ’es pl oraz i one del m odel l i no, percepi ta percorrendo l o s paz i o del l ’am biente in cui è allestita, attraverso un

r ilievo r ealiz z ata s u disegn o di Mu seu m in o cc as io n e d e l l a m o s t ra s u l B e a t o A n g e l i co a i M u se i C a p i t o l i n i nel 2009”. In questa pagina: piano terra, “Disegno in r ilievo della pian ta del pian o t erra del MAXXI s tam p at o co n la min o lta”. I n bas s o, S o l LeW it t , Wal l D rawi ng# 3 7 5 , MA XXI .


Alla scoperta di un giardino ‘segreto’ “L’Usignolo”, molto più che un lounge bar DI

M ARIA N ICOLE I ULIETTO


I paesI emergentI del prossImo boom economIco L’area aSeaN,

ceNtro deLLa maggiore creScita ecoNomica futura

fino ad oggi si è parlato di BricS, ovvero di Brasile, russia, india, cina e Sud africa, quali Paesi in grado di superare in termini percentuali la crescita rispetto a tutti gli altri Paesi del Pianeta. oggi invece questi Stati soffrono un calo di prestazioni non indifferente. già all’inizio dell’anno si è avuto un calo della crescita, che è avvenuta in modo brusco in Brasile e india, ben visibile anche in cina, e a seguire c’è stato il segnale della fed americana che ha dichiarato un cambio della politica monetaria americana. ed ecco che da allora i capitali finanziari hanno smesso di muoversi verso i mercati emergenti. in questi mercati finora c’erano stati una serie di fattori chiave che avevano permesso la crescita: questi erano principalmente: aumento della popolazione, fertili terre arabili che facevano crescere il settore agricolo, affluenza di capitali internazionali, migrazione dalle campagne alle città -che ha consentito l’aumento quasi automatico della produttività-, la riallocazione delle risorse da settori stagnanti a settori più dinamici e da imprenditori in proprio e imprese pubbliche a imprese private anche straniere. oggi qualcosa sta cambiando. La cina crescerà di oltre il 7,5% come promesso dalle stime, ma vi sono comunque delle difficoltà evidenti, in india l’inflazione è arrivata ad essere quasi al 10% e questo non rassicura gli investitori esteri, mentre il Brasile sta cercando di ristabilire la crescita nella seconda parte dell’anno in corso. La russia infine ha un veloce invecchiamento della popolazione e l’industria non ha ancora svolto quel salto qualitativo necessario all’evoluzione dell’economia del Paese. in questo quadro economico si inseriscono una serie di Paesi che tutti insieme -ad oggi- non riescono nemmeno a raggiungere il volume economico della cina, ma il loro successo futuro è praticamente certo ed apre nuove prospettive per l’economia mondiale, e quindi anche per quegli imprenditori italiani che sono alla ricerca di nuovi mercati in cui espandersi. L’area

che è maggiormente interessata a questo sviluppo futuro è l’area asean (association of South-east asian Nations) è quella che comprende indonesia, malesia, filippine, Singapore, thailandia, Brunei, Vietnam, Laos, Birmania e cambogia. mentre indonesia e thailandia stanno soffrendo a causa dell’incertezza economica internazionale, che causa una stagnazione dell’esportazione delle principali materie prime, in malesia la crescita del Pil è in linea con le previsioni, dal +21% degli investimenti dell’anno scorso si è passati ad un +9,3% solo nel primo semestre nel 2013. L’area thailandese è in grande fermento per via della ricostruzione con nuove tecnologie dopo le frequenti alluvioni che colpiscono l’area. Si creano nuovi posti di lavoro, e i salari aumentano, se si hanno le giuste qualifiche. Per questo in malesia i consumi delle famiglie aumentano del 7,4% rispetto all’anno scorso, e del 5,1% in indonesia. Nelle filippine la crescita dell’economia è in atto soprattutto grazie al settore delle costruzioni e del boom dei servizi di business process outsourcing. in Vietnam invece le sofferenze bancarie pesano e la ristrutturazione delle imprese pubbliche in linea sui nuovi modelli occidentali stenta, e per questo la crescita prevista non è superiore al 5,3%. Spostandosi verso l’america Latina, c’è da registrare una crescita del messico, dovuta al cambio del vertice politico che porta con se 95 impegni economici, tra cui riforme in materia di politica, economia e sociale, tra cui una vera riforma del mercato delle telecomunicazioni, del lavoro e della scuola. esistono quindi -anche in questo contesto economico globale non favorevole -delle importanti aree di sviluppo, di crescita e di avanzamento dell’economia e, grazie alla globalizzazione dei mercati, anche i Paesi della “Vecchia europa” potranno beneficiare di una crescita se riusciranno ad inserirsi in queste realtà, con le proprie piccole-medie e grandi industrie di ogni Paese. G abriele G alatioto


Grassi

First date il look ideale da primo appuntamento La mia gonna é troppo corta? E se inciampo sui tacci, o peggio ancora sono più alta di lui? Meglio scarpe basse...ma se poi sembro troppo bassa? Ansia da primo appuntamento. Tipica, perché in pochi istanti si pensa di giocare il tutto per tutto. Eppure non è così. Prima regola di bellezza é guardarsi allo specchio, osservarsi e concentrarsi su un solo e unico pensiero: siete già perfette e bellissime così. E se ci sono dei difettucci per quelli soccorre l'abito perfetto. Sì, perché non siete voi quelle al banco di prova ma è lui e se cambiate prospettiva, tutto sembrerà più semplice. Seconda regola di bellezza: sentirsi a proprio agio. Quindi banditi tacchi troppo alti da "barcollo ma non mollo", una gonna troppo stretta da crisi respiratoria o scollature mozzafiato da attirare gli sguardi altrui tranne che del vostro lui. Terza regola, scegliere un capo amico: l'abito preferito, la décolleté che vi slancia ma non ingoffa o il ciondolo portafortuna. L'attitudine giusta sarà fondamentale e vestire i propri panni farà la differenza. Poi, quesito fondamentale: il dove si va, perché tutto varia a seconda della location. Ad esempio, un branch che fa molto "conosciamoci meglio" promuove un outfit composto da camicia, felpa, skinhead e un paio di tronchetti. Sopra, in alternativa blazer o montgomery e that's it. La cena, invece, richiede un vestitino o una gonna con blusa e magliocino leggero nelle nuance che donano di più. Gli accessori, femminili ma non adolescenziali: un bel paio di orecchini o una collana non troppo vi-

stosa che illumina. E poi, sempre un pizzico di ironia che conquista ma anche la sensualità fa la sua parte. E se invece l'invito è per un party? Il vestito corto, in seta o jersey, semplice ma con qualche dettaglio grintoso e ben accessoriato, è un classico. La schiena e il collo sono una parte del corpo molto seducente: anche solo una spallina che scivola diventa amo per i pesci. Alert: i capi antiuomo. Ecco alcuni grandi classici da evitare al primo appuntamento: i boyfriend jeans che non lasciano intravedere le forme e cadono letteralmente addosso. Le tute, gli harem pants, i fermagli eccessivi tra i capelli, i gioielli borchiati e appuntiti che possono ferirlo. E last but not least: gettate dalla finestra la biancheria della nonna;lasciate perdere mutandoni e lingerie d'antan che fanno tanto Casa nella Prateria. Ora che avete il look giusto, fate un bel respiro è tirate fuori i vostri accessori irresistibili: occhi dolci e un bel sorriso che,supportati da un buon completo, fanno la differenza.

l ucia r ossi

b u o n i e c at t i v i

Pa r l i a m o s e m p re d i q u e l l o c h e f a

ro l o e a l t re s o s t a n z e a l l ' i n t e r n o

b e n e e p o c o c i s i a m o s of f e r m a t i

d e l l e a r t e r i e , l a c a u s a p r i n c i pa l e

s u quel l o che fa veram ente m al e;

del l e m al atti e cardi ache).

m a d a v v e ro n u l l a d i r a d o a c c e n ni am o a quel l e s os tanz e che pos -

B i s ogna però cons i derare che ci ò

sono

male,

che è nocivo per la salute non è

d i p e n d e d a l l a l o ro c o n d i z i o n e i n

l'assunzione di grassi saturi, ma

far

bene

e/o

far

un determ i nato m om ento. E’ que-

l'eccesso di grassi saturi nella

s to i l cas o dei gras s i (l i pi di ) che a

dieta. Infatti una cer ta quantità di

s econda che s i ano s aturi od i ns a-

grassi saturi è necessaria all'orga-

turi hanno delle conseguenze dia-

nismo: il consiglio classico dei

m e t r a l m e n t e o p p o s t e s u l n o s t ro

n u t r i z i o n i s t i è d i l i m i t a re l ' a p -

organi s m o.

por to di gras s i s aturi al 1 0 % del l e calorie totali assunte con la dieta.

I grassi vengono divisi in saturi ed insaturi a seconda della loro com-

I grassi monoinsaturi hanno ge-

posizione chimica. I grassi animali

neralmente

(burro, lardo, strutto) contengono

sono delle eccezioni) un effetto

(come

v e d re m o ,

ci

gras s i preval entem ente s aturi e s i

benefi co s ul l a s al ute: ad es em pi o

trovano s otto form a s ol i da a tem -

s o n o u t i l i p e r a b ba s s a re i l c o l e -

peratura ambiente. Gli alimenti

s te ro l o L D L ( c a t t i v o ) e c o n t r i b u i -

che sono:

contengono formaggio,

grassi

saturi

latte

i n t e ro ,

panna, burro, carni fres che e trattate gras s e, l a pel l e, i l gras s o del p o l l a m e , i l l a rd o , l ’o l i d i pa l m a e l ’ol i o di cocco.

scono

ad

a l z a re

quello

HDL

(buono). I gras s i m onoi ns aturi i nol tre s ono piuttosto stabili ed hanno il dupl i ce vantaggi o di cons er var s i facilmente e di essere resistenti alle

I gras s i i ns aturi (ol i ) s i trovano i n

al te tem perature: gl i ol i che con-

o l i v e g e t a l i , i n g r a n pa r t e d e l l e

tengono

nocciole, nelle olive, negli avo-

grassi

cado e nei pesci grassi come il

q u i n d i e s s e re u t i l i z z a t i p e r f r i g -

salmone.

gere.

A

temperatura

am-

b i e n t e , a p pa i o n o l i q u i d i . C o n t r i buiscono

all'innalzamento

dei

val o ri d e l c o l e s te ro l o c at t i vo (m a anche di quello buono, per fortuna) e s ono i n par te res pons abi l i della formazione delle placche aterom atos e (accum ul i di col es te-

p re va l e n t e m e n t e monoinsaturi

acidi

possono

I n s o m m a s p e r i a m o d i e s s e re s t a t i chiari su chi sono i “buoni” e i “catti v i ”, voi l o avete capi to?

F rancesco D iotallevi


L’ u o m o è c iò c h e m a n gia O megliO è dOve mangia F ras i cel ebri a par te, non pos s i am o non aver notato com e ul ti m am ente, i l ci bo e l ’ar te cul i nari a nel l a s ua m as s i m a es pres s i one, s i ano di ventati per m ol ti un chi odo fi s s o. L’i ndus tri a tel evi s i va in pr imis , s ta al i m entando con un num ero es ponenz i al e di program m i di cuci na ques ta frenes i a per i cuochi cos i detti s tel l ati , chef i m probabi l i , cri ti ci , m aes tri nel l ’ar te del l a pas ti cceri a, vere e propri e rubri che per m as s ai e, e tutti i ti pi di cu ci na che è quas i i m probabi l e i m m agi nare: dal f in ger fo o d al ci bo da s trada, dai pi atti a k i l om etro z ero al l a fi l os ofi a f u s io n e vi a di cendo. I l ci bo è s em pre s tato central e nel l a nos tra cul tura, non m angi am o s ol o per nutri rci , m a anche per es pri m ere com e s i am o, cos a pens i am o, qual i s ono l e nos tre i deol ogi e, m a anche per s peri m entare, provare, conos cere etc. I n ques to vor ti ce cres cente di os s es s i one da ci bo anche i l m ercato del l a ri s toraz i one deve adeguar s i : c’è chi ri s truttura, chi apre ri s toranti di s us hi al l ’ul ti m a m oda e chi ol trepas s a ogni confi ne. N on è di cer to una novi tà che al m ondo es i s tono ri s toranti s travaganti , m a s e ul ti m am ente s i am o arri vati a vederl i i n una t o p t en , vuol di re che hanno conti nuato a prol i ferare. E al l ora qual i s ono i ri s toranti pi ù s trani al m ondo? I o vi pres enterò una m i a per s onal e s el ez i one. h o s p i ta L i s R e s ta u R a n t - R i ga - dove cam eri eri e cuochi s ono ves ti ti da

soLo

i nferm i eri e i ci bi hanno l a form a di al cune par ti del corpo. C hi vuol e

al m odi co prez z o di 2 5 0 € a per s ona!

peR due

- Vacone, Rieti - piccolo, caldo e accogliente, solo per due

può m angi are con l a cam i ci a di for z a i m boccati da una cam eri era! t R e e p o d d i n i n g - Thai l andi a - s os pes o s u un al bero, cos trui to i n bam bù naked sushi - Los Angeles - sushi ser vito sul corpo di una modella nuda, che potrete s cegl i ere s ul m enù.

con l a s truttura di un ni do d’uccel l o, a s ei m etri di al tez z a, dove i l cam eri ere s i m uove s crobati cam ente s u una z i p l i ne. A ffrettatevi a preno tare, ci s ono s ol o quattro pos ti .

R o b ot R e s ta u R a n t - B angkok - tutto è com puteri z z ato e i l cam eri ere è u n ro b o t . . . s a r à c o n te n to i l p ro p r i e t a r i o c h e n o n d e ve pa g a re i c o n t r i -

s’

buti ! ! P.s . anche i cuochi s ono robot.

nate dal t o u c h sc r een e i pi atti arri veranno al tavol o attraver s o uno s ci -

m o d e R n t o i L e t - K aohs i ung C i ty, Tai wan - arredam ento bagno per i l ri -

di cibo che sfreccia ver so i tavoli. Nonostante la modernità potete con-

s torante dove puoi m angi are da un water, i tovagl i ol i s ono a f orm a di

ti nuare a gus tare pi atti ti pi ci tedes chi : carne, patate fri tte, rafano, s e -

rotol o di car ta i gi eni ca e l ’oggetti s ti ca ri chi am a quel l a che s ol i tam ente

nape etc.

b a g g e R s - N ori m berga - anche qui è tutto com puteri z z ato, voi ordi -

vol o. N el l ocal e i nfatti , tubi m etal l i ci s i i ntrecci ano creando autos trade

potres te trovare nel bagno di cas a vos tra. I nti m o! Per chi udere i n bel l ez z a… R i s to R a n t e

c o n L e to m b e

- I ndi a - è una s tanz a dove s i pos s ono gus tare

dolci e the e dove è proprio il caso di dire che si va a cena con il mor to!

a L i c e R e s ta u R a n t - To k y o - i l t o p p e r c h i è a p pa s s i o n a t o d i A l i c e n e l Paes e del l e Meravi gl i e. Tutto ri chi am a i l cel ebre l i bro e car tone: car te

R i s to R a n t e

in pRigione

- Vo l t e r r a - n e l c a rc e re d i m a s s i m a s i c u re z z a

da gi oco, l i bri , taz z e, e l ’i m m ancabi l e l abi ri nto.

nel l a F or tez z a Medi cea control l ati a vi s ta da torri di av vi s tam ento, te l ecam ere di s i curez z a, m ura al ti s s i m e e guardi e carcerari e.

di

A ntonellA t ozzi


I P a e s I B a lt I c I ,

un mare Interno

n e l l a s to r I a d I l u n g o P e r I o d o I Pa e s i B a l t i c i , re p u b b l i c h e molto lontane geograficamente dall’Italia ma più vicine, culturalmente, di quanto si p e n s i . I l n u o v o l i b ro d i G i o va n n a M o t t a I l B a l t i c o , u n mare interno nella storia di l u n g o p e r i o d o r i p e rc o r re , a t traver so numerosi e diversi contributi, la ricca essenza storica e culturale d e i Pa e s i c h e s i a f facciano su Mar Baltico. Il l i b ro , edito da N u o va C u l t u r a , r i p e rc o r re l e f a s i p r i n c i pa l i della storia delle t re re p u b b l i c h e , d i vise e unite nei secoli a seconda della dominazioni politiche e degli i n f l u s s i c u l t u r a l i . O l t re a l l a r i levanza di carattere scientifico il volume si pone come u n ’o p e r a d a l s a p o re d i v u l g a t i v o p e r t u t t i g l i a p pa s s i o n a t i d i s t o r i a e d e l l e c u l t u re . C o s ì l e s ugges ti oni pos s ono es s ere m ol te e com prendere non s ol o l e s tori e naz i onal i m a anche l e complesse interazioni fra Pa e s i , c o n n e s s i e d i v e r s i . Tr a d i z i o n e , l i n g u a , re l i g i o n e , m i tologia, c o n c o r ro n o a ricostruire la genesi dei popoli baltici attraverso indizi che nel tempo ne definiscono l’identità, spesso mortificata dagli attacchi delle forze esterne, m o s s i d a Pa e s i f o r t i c o m e l a Svez i a, l a Pol oni a, l a R us s i a, l a

Germania, che si contendono una pos taz i one s trategi ca nel l ’a re a n o rd e u ro p e a . I s e g n i evi denti del l e di fferenti dom i naz i oni del i neano un contes to dens o dal l e m ol te s ugges ti oni e l as ci ano l a l oro i m pronta s u quel m are “i nterno” i n cui , nel tempo, si afferma il d e s t i n o d e g l i St a t i indipendenti del Baltico. I saggi qui r a c c o l t i p e r m e t to n o di s egui re nel l a s tori a di l ungo peri odo le ar ticolate vicende d e l l ’a re a ba l t i c a e d e i pa e s i c h e c o n essa interagiscono. D a n i m a rc a , E s t o n i a , Finlandia, Germania, L e t t o n i a , L i t u a n i a , Po l o n i a , R u s s i a e Sv e z i a c o s t i t u i s c o n o u n o s pa z i o c o m u n e p e r l e r a g i o n i d e l l a p o l i t i c a , d e l l a re l i gione, del c o m m e rc i o . N e l l ’a n a l i s i d e l “s i s t e m a ba l ti co” l a s i nergi a di m ol te di s ci pline aggiunge ricchezza alla r i f l e s s i o n e s t o r i c a s u l l a Pe n i s o l a s c a n d i n a va , s u l l a D a n i m a rc a c o n l e s u e i s o l e , s u l l ’ E u ro pa c e n t r a l e e o r i e n tale, tutte ugualmente rileva n t i n e l c o n t a t t o c o n i l B al ti co.

R obeRto S ciaRRone

la caPItale contesa FIrenze caPItale e dIsordInI dI torIno Fontainebleau, 1 5 s e t t e m b re 1 8 6 4 , o re 1 5 . N i g r a , a m ba s c i a t o re ital i a n o a Pa r i g i , Pe p o l i , a m ba s c i a t o re italiano a P i e t ro b u rg o e amico di Napoleone III e Drouyn De Lhuys, minis tro degl i Es teri frances e, s i gl ano l a C o n v e n z i o n e d i S e t t e m b re . A n t o nello Battaglia, autore de La capitale co n t esa, Fir en z e, Ro ma e la Co nven zione di Settembre (1864) ci porta s u b i t o a l c u o re d e l l a c o n t ro v e r s i a . L’a c c o rd o , r a g g i u n t o d o p o t re a n n i d i t r a t t a t i v e a l t a l e n a n t i , p re v e d e va l a s m o b i l i t a z i o n e f r a n c e s e d a Ro m a e i l p ro g re s s i v o a v v i c e n d a m e n t o del l e truppe i m peri al i con un corpo di vol ontari cattol i ci . L’I tal i a doveva t u t t a v i a g a r a n t i re l ’ i n d i p e n d e n z a e l a s i c u re z z a d e i t e r r i t o r i p o n t i f i c i e s ’ i m p e g n a va a t r a s f e r i re l a c a p i t a l e da Tori no a F i renz e. L’am bi gui tà del l ’a c c o rd o m e t t e va e n t r a m b i i Pa e s i nel l a condi z i one di ri tenerl o un s ucc e s s o d i p l o m a t i c o . Pa r i g i r i t i r a va l e t r u p p e p e rc h é g i u d i c a va l o s p o s t a m ento di capi tal e com e l a defi ni ti va ri nunci a i tal i ana a Rom a, m entre per i di pl om ati ci di V i ttori o Em anuel e I I , s i trattava di un avvi ci nam ento progres s i vo al l ’urbe e l ’i ni z i o di una s o l u z i o n e pa c i f i c a d e l l a Q u e s t i o n e Rom ana. La guarni gi one trans al pi na – inter venuta e insediatasi, su richi es ta di P i o I X , nel l a tarda pri m avera del 1 8 4 9 – i ni z i ava a tornare i n Francia. A seguito della Conven-

z i o n e , u n a c o m m i s s i o n e m i l i t a re – cos ti tui ta dai general i di corpo d’arm a t a – f u i n c a r i c a t a d i s t u d i a re i l n u o v o a s s e t t o s t r a t e g i c o - m i l i t a re della Penisola alla luce dello spostam ento di capi tal e. I n pros s i m i tà del 150° anniversario dalla Convenzione, il volume ricostruisce – con l ’a u s i l i o d e i D o c u m e n t i D i p l o m a t i c i Italiani e degli incar ti custoditi pres s o l ’A rchi vi o del l ’U ffi ci o Stori co del l o Stato Maggi ore del l ’ Es erci to e presso la biblioteca del Centro di Sim u l a z i o n e e Va l i d a z i o n e d e l l ’ E s e r ci to di C i vi tavecchi a – l e com pl i cate trattati ve d’accordo e l ’el aboraz i one delle nuove strategie militari ital i ane.

R obeRto S ciaRRone


FENOME-MARQUEZ

nel 1999, il "tanto agognato" rivale Biaggi (de-

credo che ques ta s tagi one, par ti ta a raz z o con

ri s o da anni , ve l a ri cordate " C l audi a S k i ffer" ,

l a ba t t a g l i a i n n o t t u r a c o n t ro M a rq u e z ( p u r

PIU' DEL PRIMO ROSSI

l a bam bol a gonfi abi l e con l a qual e Ros s i per-

s e m p re d i e t ro a l l u n a re L o re n z o ) , m a p ro s e -

corse il giro d'onore al Mugello, per deridere il

g u i t a e f i n i t a p o i c o n u n a s t a g n a z i o n e p ro -

IL PILOtA SPAgNOLO, AL DEbUttO NELLA

d i v i s m o d i B i a g g i , c h e a l l ' e p o c a u s c i va c o n

gres s i va ver s o l e ben m eno es al tanti battagl i e

Naomi Campbell; questo accadde nel 1997,

c o n i va r i C r u tc h l o w, B r a d l ( p e n a l i z z a to d a l l a

MOtOgP, SI AggIUDIcA IL tItOLO. NEANchE

VALENtINO ROSSI AVEVA FAttO

q u a n d o Ro s s i c o r re va i n 1 2 5 , s i a c c i n g e va a

moto non ufficiale; dategli la moto di Pedrosa,

v i n c e re i l s u o p r i m o m o n d i a l e m e n t re B i a g g i

v i a c c o rg e re te i n p i e n o d i q u e l l o c h e s a f a re )

a v e va g i à p o r t a t o a c a s a m o n d i a l i i n 2 5 0 e d

e B auti s ta, ne s ono l a conferm a.

UN ROSSI chE SEMbREREbbE ES-

e r a i l " m i t o n e g a t i v o" d a d e t ro n i z z a re ) s o p r a

H a vo l u to l a s c i a re l a Ya m a h a a f i n e 2 0 1 0 ( s o -

SERE ORMAI DEStINAtO AD UN DEcLINO

u n a Ya m a h a l o n t a n i s s i m a d a l l ' e s s e re q u e l l a

spinto da una nazione intera), ha voluto la Du-

che Ros s i , con l e s ue doti di col l audatore, ha

cati,

YAMAhA hA

f a t to d i v e n t a re n e g l i a n n i a v e n i re ; u n Ke n n y

s n a t u r a n d o l a ( c i h a r i m e s s o a n c h e i l n o s t ro

UN DEcLINO DI StILE,

Rober ts regolare si, ma mai veloce abbastanza.

c o n t e r r a n e o , l ' i n g e g n e re d i C a s t i g l i o n d e l

B a r ro s e M c C o y, d u e c a va l l i pa z z i , c a pa c i d i

L a g o , F i l i p p o P re z i o s i , pa s s a t o d a g e n i o a i

gare da i ncorni ci are, m a al trettante da di m en-

t e m p i d i C a p i ro s s i e St o n e r, a b ro c c o p o c h i

tANtO.

chE NEMMENO IL RItORNO IN SAPUtO ARREStARE.

OLtRE chE DI RISULtAtI...

ha

voluto

c a m b i a re

la

Ducati,

ti care. Ques ti erano gl i avver s ari da battere.

mesi fa), ha rivoluto la Yamaha, le ha prese co-

M a rq u e z i n v e c e h a a v u t o u n n e m i c o i n c a s a

s t a n te m e n te d a L o re n z o , a r r i va n d o g l i d a va n t i

Il primo anno nell'allora massima categoria del

com e Pedros a, non vel oci s s i m o, m a gi à di per

la domenica solo quando quest'ultimo si era

m o t o c i c l i s m o , l a 5 0 0 , Va l e n t i n o Ro s s i e b b e a

s e pi ù tem i bi l e del C ri v i l l e pos t-m ondi al e, al -

i n f o r t u n a t o i l v e n e rd ì a n t e c e d e n t e a l l a g a r a .

disposizione la miglior moto del lotto, ossia la

l o r a c o m pa g n o d i Ro s s i . I n p i ù h a d o v u t o

A des s o, di com une accordo con l a Yam aha, ha

Honda uffi ci al e, con al l e s ue di pendenz e i l m i -

avere la meglio su un Lorenzo strepitoso, forse

f a t t o s i c h e v e n i s s e a l l o n t a n a t o d a B u rg e e s ,

glior team del lotto, ossia quello capeggiato

i l m i gl i or Lorenz o che s i s i a vi s to i n Moto gp.

dopo che s e l 'era por tato anche i n D ucati (gi à

da B urgees , eredi tato da Mi ck D ohaan, Wayne

C o n q u e s t o t i t o l o , M a rq u e z , s e p r i m a n o n s e

questa, una prima forma di sfiducia nei con-

G a rd n e r e F re d d i e S p e n c e r. Va l e n t i n o v i n s e i l

l 'era guadagnata, l a Honda uffi ci al e, ha col to

fronti del l a s truttura i tal i ana).

s u o p r i m o g r a n p re m i o n e l l a c l a s s e re g i n a a

al volo l'occasione ed ha avuto un killer in-

Quando successe un incidente in cui Rossi, sci-

metà stagione, ne vinse due in tutto ed il

s ti nct, propri o del cam pi one, che non tutti al

vol ando, travol s e e fece cadere anche Stoner,

m o n d i a l e a n d ò a l l ' a n o n i m o Ke n n y Ro b e r t s j r

p o s t o a v re b b e ro a v u t o . B a s t a a p r i re i l i b r i d i

ad inizio stagione, nel 2011, l'autraliano (al-

s u S uz uk i . Non cer to un pi l ota fenom enal e, s u

s t o r i a e g u a rd a r s i a l pa s s a t o . L ' e s e m p i o d e l

l o r a a l l a H o n d a ) s i p re s e n tò n e l b ox D u c a t i e

u n a m o t o n o n a l t re t t a n t o f e n o m e n a l e e d i

pri m o anno di Ros s i i n 5 0 0 è ecl atante.

gli disse: "la tua ambizione supera il tuo ta-

c e r t o i n f e r i o re a q u e l l a c h e g u i d a va Ro s s i . I l

Si è guadagnato, comunque, la fiducia della

l e n to" . D i c e r to i l t a l e n t u o s o c a n g u ro , d e g n o

s econdo pos to fi nal e di Val enti no nel l a cl as s i -

Honda, sul campo, vincendo il mondiale.

e re d e d e l l a t r a d u z i o n e " a u s s i e" d e i va r i G a r -

fica finale, fu accolto da tutti come un risul-

Quello che ha dimostrato di non averne, per

dner e Doohan, non ha mai brillato per solidità

t a t o s t r a o rd i n a r i o , a l d e b u t t o n e l l a c l a s s e

g u i d a re u n a m o to u f f i c i a l e , l a m o to p i ù c o m -

em oti va di nanz i a Ros s i negl i anni precedenti ,

regi na.

petitiva del lotto, è Daniel Pedrosa che, se non

ma con quel gesto esemplificò l'inversione

M a rq u e z , p u r e s s e n d o a r r i va to a g u i d a re u n a

avesse la Repsol alle spalle, a quest'ora guide-

evidente nei rappor ti di forze tra i due cam-

Honda ufficiale non essendosela guadagnata

rebbe l a D ucati cl i enti (o for s e tornerebbe ad

pi oni del m ondo. Stoner s i s enti va, a ragi one,

del tutto s ul cam po (v i s to che i n Moto 2 l e ha

es s ere com pagno di s quadra di D ovi z i os o nel

i n quel m om ento, un pi l ota m i gl i ore di Ros s i e

p re s e s p e s s o d a B r a d l s o p r a t t u t t o , m a a n c h e

te a m u f f i c i a l e , r i n v e rd e n d o u n a t r a l e c o p p i e

ne des cri s s e l o s tato d'ani m o i n m ani era per-

da Iannone) a parità di esperienza ha fatto più

pi ù m edi ocri s chi erate dal l 'Honda nel l a s tori a

fetta. E tutti i cam bi di team , di m oto, di fi l o-

di Rossi, al primo anno nella top class. Anzi, ha

del l a Moto gp, m a anche nel l a 5 0 0 ).

s of i a , s o n o t e s t i m o n i a n z a d e l l ' i n s of f e re n z a

fatto m ol to pi ù di Ros s i .

Va l e n t i n o Ro s s i ? L ' i n c i d e n t e d e l M u g e l l o n e l

ro s s i a n a d i n a n z i a l l ' i n e s o r a b i l e s c o r re re d e l

Ro s s i a l l o ra l o tt a va u n C ri v i l l e i n c ri s i d ' i de n -

2 0 1 0 credo che abbi a s egnato i n vi a defi ni ti va

tem po, che gl i ha pres entato davanti av ver s ari

ti tà, appagato dopo l a conqui s ta del m ondi al e

l ' i n i z i o d e l l a s u a pa r a b o l a d i s c e n d e n t e . E

p i ù a g g u e r r i t i , m a c h e g l i h a a n c h e f a t t o pa -


propri a i nferi ori tà di fronte a Ros s i .

g a re i l c o n t o d i s c e l t e s ba g l i a t e . N e s s u n o

pi ù for te, a vi ncere com e e pi ù di pri m a. P ur-

vuol e s m i nui re i l tal ento di Ros s i , m a è i ndub-

troppo non è s tato cos ì , i l des ti no ha m or ti fi -

Ros s i -B i aggi -Mel andri . Mol te vol te è s tato un

bi o che per l ui l a v i ta s por ti va, nei pri m i anni

cato

o rd i n e d ' a r r i vo d i u n g r a n p re m i o d e l l a M o to

di carri era, s i a s tata anche agevol ata da degl i

a d d i r i t t u r a a n c o r p i ù c h e c o n l a "s e m p l i c e"

G p, anni fa. Oggi è una s ucces s i one di 3 pi l oti

avver sari che non passeranno di cer to alla sto-

mor te di Marco Simoncelli, togliendo un pezzo

i t a l i a n i c h e h a n n o d i m o s t r a t o d i a v e re u n a

il

motociclismo,

lo

sport

italiano,

r i a d e l m o t o c i c l i s m o . U k a w a , B a r ro s , B i a g g i ,

d'anima al talento più puro che abbia espresso

cosa in comune, un difetto: non saper perdere.

G i b e r n a u , M e l a n d r i , l o s te s s o C a p i ro s s i . H o p -

i l n o s t ro m o t o c i c l i s m o n e g l i u l t i m i 5 0 a n n i .

E d a t i f o s o d i Ro s s i , q u e s t o , n o n m e l o s a re i

k i ns , A be, m a anche Hayden, capace i n un'oc -

D opo G i acom o A gos ti ni , i ns om m a.

m a i a s p e t t a t o d i d o v e r l o c o n s t a t a re . E s a r à

c a s i o n e a n c h e d i ba t t e r l o e d i s of f i a rg l i u n

P ro s e g u e n d o n e l l a d i s a m i n a d e l l a c r i s i i n c u i

c o s ì a n c h e s e i l p ro s s i m o a n n o d o v e s s e s t r a -

m ondi al e che Ros s i gettò al l e or ti che da s ol o

vi ve Val enti no, non s i può tras curare un al tro

v i n c e re i l m o n d i a l e , c o m e r i u s c i va a f a re n e l

n o n o s t a n t e g l i a i u t i n i i n v o l o n t a r i d i Pe d ro s a

aspetto caratteriale. Rossi ha sempre detto che

p r i m o q u i n q u e n n i o d e g l i a n n i 2 0 0 0 . C i c re d o

(che in un'occasione stese pure il compagno di

S chum acher non gl i s tava s i m pati co, fi n dal l e

p o c o , m a p o t re b b e a n c h e s u c c e d e re . Re s t e -

s quadra am eri cano). U n m ondi al e s precato al -

sue prime vittorie a fine anni '90 in 125. La sua

re b b e ro c o m u n q u e q u e s t i a n n i v i s s u t i c o n

l ' u l t i m a g a r a , n o n r i u s c e n d o a p o r t a re a c a s a

os ti naz i one nel correre e nel prendere batos te

p o c a a u t oa n a l i s i e p o c a u m i l t à . D o t i c h e

u n m i s e ro p i a z z a m e n t o , c a d e n d o q u a n d o s i

dai pi ù gi ovani , pi ù s cal tri , for s e anche pi ù ta-

avrebbero ai utato non poco Ros s i nel l 'approc-

trovava nella settima posizione che gli sarebbe

lentuosi, di cer to più inclini al rischio, non

ci ar s i al m egl i o al l e gare, non s ol o nel vi vere

bas tata per por tare a cas a i l s es to i ri de cons e -

avendo ni ente da perdere m a s ol o un m i to da

a l m e g l i o l e s c o n f i t t e , m a a n c h e a c e rc a re d i

c u t i v o . I l s i s t e m a m e d i a t i c o c h e c i rc o n d a l a

i n c r i n a re , è l a s te s s a c h e h a d i m o s t r a to i l p i -

t i r a re f u o r i i l m e g l i o d a s e s t e s s o e d a c h i

M o t o g p i n I t a l i a , d i q u e l 2 0 0 6 r i c o rd a " i 5

l ota tedes co di F orm ul a 1 ri s pettando tutti e 3

aveva i ntorno.

punti rubati da El i as al l 'Es tori l " (com e s e far s i

gl i anni di contratto con l a Mercedes , quando

fregare da Elias, non fosse anch'essa una colpa

e r a c h i a ro c h e d e l l o S c h u m i d e l l a l e g g e n d a

da attribuire a Rossi, invece che un motivo per

ferrari s ta, erano ri m as ti s ol o i col ori del cas co

c o va re r a n c o re n e i c o n f ro n t i d e l p i l o t a s pa -

o poco pi ù. Ros s i as s oci ava s pes s o i l carattere

gnol o), quando i l pi ccol o s pagnol o, dopo una

d i S c h u m a c h e r a q u e l l o d i B i a g g i , p e r q u e s to

dura l otta, s trappò l a pri m a pos i z i one a Ros s i

l i "s o p p o r t a va p o c o" . I n ve c c h i a n d o , e v i d e n te -

(Hayden s i i m pos e per 5 punti , m a a Ros s i s a-

m ente, s i è ri trovato i n l oro. Odi ava, per cos ì

re b b e ba s t a t o a p pa i a re l o s t a t u n i t e n s e , p o -

d i re ( n e a n c h e t a n to , v i s to c h e c o n B i a g g i n e i

te n d o va n t a re s u u n m a g g i o r n u m e ro d i g r a n

p r i m i a n n i d e l l a 5 0 0 , è a r r i va t o a d u n c e r t o

prem i vi nti . 5 punti s ono propri o l a di ff erenz a

punto anche alle mani in un dopo gara), ma

che s us s i s te tra i l pri m o ed i l s econdo pos to).

odi ava l a proi ez i one di s e s tes s o i n l oro, for s e

Quando poi s ono s al i ti d' es peri enz a e di con -

i d i f e t t i c h e e g l i s t e s s o v e d e va i n s e , p ro i e t -

vi nz i one nel propri o tal ento Stoner e Lorenz o,

tandoli e "colpevolizzandoli" negli altri, a que-

per i l " dottore" l a v i ta s i e' di gran l unga com -

s t o p u n t o . H a a v u t o m o l t e re a z i o n i s i m i l i d i

p l i c a t a . S e n z a a l c u n d u b b i o , l a pa r a b o l a d i -

f ro n t e a l l e s i t u a z i o n i c h e l a c a r r i e r a g l i h a

scendente della "medaglia di legno 2013", visti

p o s to d i f ro n te ; h a r i s e n t i to B i a g g i , o r a te l e -

i s u o i i n n u m e re v o l i q u a r t i p o s t i i n a n e l l a t i , è

croni s ta, pal es ando un feel i ng anni fa i m pen-

s tata i ncenti vata dal dram m a del l a s com par s a

s a b i l e . C h e i l m i g l i o r p o s t o p e r Ro s s i a l

d e l l ' a m i c o - r i va l e S i m o n c e l l i , i n u n i n c i d e n t e

m om ento s i a quel l o di tel ecroni s ta di fi anco a

che l o ha v i s to protagoni s ta, che l o ha cer ta-

B i a g g i ? F o r s e . . . M a g a r i , p r i m a d i a r r i va re a

m e n t e p ro va t o n e l l ' a n i m a . N e l l o s p i r i t o , d i

t a n t o , u n pa i o d i m o n d i a l i i n S u p e r b i ke i o l i

uomo e di motociclista, molto più di quello

f a re i , t a n t o p e r r i ba d i re a M e l a n d r i c h i s i a i l

c h e i l s u o f a re g u a s c o n e e s p e n s i e r a t o d a -

più for te pilota italiano degli ultimi 15-20

rebbe a vedere. Chi non avrebbe voluto vedere

a n n i , v i s t e l e i n n u m e re v o l i "s t o r i e" c h e q u e -

u n Va l e n t i n o g u i d a t o a n c h e d a l S i c , t o r n a re

s t ' u l t i m o h a i n v e n t a t o p e r n o n a c c e t t a re l a

di

A ndreA C heCCArelli


CHIARIMENTI SULL’AUMENTO DELL’IVA AL 22%

LA VIA LATTEA E I pIANETI SIMILI ALLA TERRA LA SCOpERTA DEgLI ASTRONOMI CALIfORNIANI

Pianeti

C om m erci al i s ti e cons ul enti del l avoro, vi s ta l a com pl es s i tà d e l l o S p e s o m e t ro , s t a n n o s o l l e c i t a n d o G o v e r n o e A g e n z i a d e l l e E n t r a te a r i n v i a re l a s c a d e n z a , f i s s a t a a l 1 2 o 2 1 n o ve m b re . I l D e c re to S e m p l i f i c a z i o n e F i s c a l i ( D l 1 6 / 2 0 1 2 ) i n t ro d u c e n d o c o r p o s e n o v i t à l e g i s l a t i v e s u l l e o p e r a z i o n i ri l evanti ai f i ni del l a com uni caz i one I VA , rei ntroducendo di fatto il vecchio elenco clienti-fornitori, ha complicato di fatto tal e adem pi m ento. I cons ul enti , i nol tre, ev i denz i ano c h e l o St a t u to d e l C o n t r i b u e n te o b b l i g a l ’A m m i n i s t r a z i o n e a m ettere a di s pos i z i one gl i s trum enti neces s ari per adem pi ere agl i obbl i ghi i n tem po uti l e. Per ques to m oti vo non è p o s s i b i l e p re v e d e re a d e m p i m e n t i p r i m a d i 6 0 g i o r n i d a l l a e n t r a t a i n v i g o re o p u b b l i c a z i o n e d e i re l a t i v i s t r u m e n t i ( s of t w a re ) e d è p e r q u e s t o c h e s i c h i e d e d i p o s t i c i pa re l a s c a d e n z a n e l r i s p e t to d e l s u d d e t to te r m i n e . C o n s i d e r a n d o c h e l a d a t a d i r i l a s c i o d e l s of t w a re è s t a t a i l 2 5 o t to b re , i c o m m e rc i a l i s t i c h i e d o n o c h e t a l e o b b l i g o v e n g a s p o s t a to , v i s ta l a paus a natal i z i a, al 2 0 1 4 . di

M assiMiliano C rusi

quanti?

nudo. Per gl i es per ti , s apere che una

Dove? Spesso queste domande hanno

simili

alla

Te r r a ,

s tel l a s u ci nque os pi ta un pi aneta s i -

i n t e re s s a t o g l i e s p e r t i , s c i e n z i a t i d i

m i l e al nos tro è s coper ta dav vero i m -

tutte l e agenz i e s paz i al i e as tronom i -

por tante

che, ma anche semplici curiosi e ap-

m i s s i oni e per progettare i futuri te -

pa s s i o n a t i d i “ m o n d i l o n t a n t i ”. N e l l a

l es copi che avranno l 'obi etti vo di os -

Via Lattea una stella su cinque ne

s e r va re i n m o d o d i re t t o i m o n d i

os pi terebbe uno. Li chi am ano “s os i a”

p o t e n z i a l m e n t e i n g r a d o d i o s p i t a re

d e l n o s t ro p i a n e t a , e s t a n d o a l l e u l -

l a v i t a . L a n c i a t o n e l 2 0 0 9 , Ke p l e r

per

p ro g r a m m a re

nuove

ti m e s coper te pare s i ano pi ù com uni

aveva l’obiettivo di cercare pianeti si-

d e l p re v i s t o . A l p u n t o c h e i l 2 2 %

m i l i a l l a Te r r a m e n t re t r a n s i t a va n o

d e l l e s t e l l e pa r a g o n a b i l i a l S o l e p o -

davanti alla loro s tella. Tra le 150.000

t re b b e o s p i t a re u n m o n d o s i m i l e a

s tel l e os s er vate i n quattro anni nel l a

quello in cui viviamo noi. La scoper ta,

costellazione del Cigno, sono stati in-

p u b b l i c a t a s u l l a r i v i s t a d e l l ’A c c a d e -

d i v i d u a t i o l t re 3 . 0 0 0 c a n d i d a t i p i a -

m i a d e l l e S c i e n z e d e g l i St a t i U n i t i

neti. Molti di questi sono ben più

P n a s , s i d e v e a l g r u p p o c o o rd i n a t o

grandi del l a Terra, quas i tutti gi ganti

d a l l ’a s t ro n o m o G e of f re y M a rc y, d e l -

gas s os i com e G i ove. Ora i ri cercatori

l ’ U ni ver s i tà del l a C al i f orni a, a B e rke -

hanno analizzato tutti i transiti os-

l e y. I r i c e rc a t o r i h a n n o a n a l i z z a t o

s e r va t i d a Ke p l e r i n to r n o a s te l l e s i -

tutti i dati raccolti in quattro anni dal

mili

t e l e s c o p i o Ke p l e r d e l l a N a s a , c h e

p ro g e t t a t o d a g l i s t e s s i a u t o r i s c o -

però è di venuto i ns er vi bi l e l o s cor s o

prendo che i pi aneti rocci os i com e l a

al

Sole

con

un

algoritmo

maggio a causa di un guasto al si-

Terra nel l 'uni ver s o potrebbero es s ere

s t e m a d i p u n t a m e n t o . Tu t t a v i a i n u -

per sino più numerosi dei giganti gas-

m eros i dati prodotti da Kepl er hanno

s o s i . I l f u t u ro d e l l ’ u m a n i t à p o t re b b e

c o n t i n u a t o a f o r n i re r i s u l t a t i : d u e

e s s e re i n u n a l t ro p i a n e t a , n o n l o n -

p i a n e t i “s o s i a ” d e l l a Te r r a , i n f a t t i ,

tano dal nos tro!

erano già stati individuati lo scorso apri l e, m a ora l e i nform az i oni pi ù rec e n t i i n d i c a n o c h e u n a s te l l a s u c i n q u e d i q u e l l e f i n o r a s c o p e r te e s s e re simili al Sole abbia un pianeta delle dimensioni della Terra e con una temp e r a t u r a s u p e r f i c i a l e f a v o re v o l e a l l ' a c q u a a l l o s t a to l i q u i d o e a l l a v i t a . S econdo i ri cercatori l a s tel l a pi ù vi ci na che abbi a un pi aneta s i m i l e al l a Terra si trova a soli 12 anni luce di dis t a n z a e p u ò e s s e re v i s t a a d o c c h i o

r oberto s Ciarrone



Dicembre oltreriga 2013