Issuu on Google+

OltreRiga - mensile - Ed. Ermes - P.le Giotto 5, 06120 - Perugia - Reg. Trib. di Perugia del 26/03/2010 - n° 20/2010 Anno 4- n° 39 Luglio 2 0 1 3 .

39

ARTBATE. IT Q UANDO L ’ ARTE È DAVVERO ALLA PORTATA DI TUTTI ...

WWW.OLTRERIGA.IT

L’informazione fuori d agli schemi


SOMMARIO 4 6 7 10

13

14 15

CREATIVITÀ E INNOVAZIONE I PUNTI DI FORZA DELLA CRESCITA DI BERLINO

L A M E R K E L E L E N U O V E R E G O L E E U ROP EE EUROPA ALLA TEDESCA? IL MODELLO TEDESCO E LA SUA TRASFORMAZIONE ARTBITE.IT

CRESCE IL MERCATO MONDIALE DEL LUSSO NEL 2013 I FRUTTI DI MARE A SCUOLA DALLA MAMMA “DREAM TEAM”

In copertina Karim Sabbagh, Political scorrect, acrilico su forex, 100x100 cm. (www.artbate.it) OltreRiga - Mensile - Reg. Trib. di Perugia del 26/03/2010, n° 20/2010. WWW.OLTRERIGA.IT - redazione@oltreriga.it DIRETTORE RESPONSABILE: Andrea Checcarelli

IN REDAZIONE: Gabriele Principato, Massimiliano Crusi, Antonella Tozzi IN QUESTO NUMERO

Lucia Rossi, Francesco Diotallevi, Roberta Filippini, Paola Tempone, Gabriele Galatioto, Roberto Sciarrone


CreativitĂ  e innovazione i punti di forza della crescita di Berlino D I G ABRIELE G ALATIOTO


La città di Berlino, dalla caduta del muro nel 1989 ad oggi, ha registrato una importante evoluzione. Infatti da subito dopo il crollo del muro molti produttori della vecchia Berlino Est abbandonarono le loro attività in quanto non potevano competere con i concorrenti occidentali che erano disciplinati dal mercato. La massiccia disoccupazione finora presente, negli anni è stata solo in par te compensata dalla crescita dei posti di lavoro nel settore delle costruzioni e delle infrastrutture, restando per molti a n n i l ’a r e a t e d e sca con un maggior tasso di disoccupati. Un impor tante volano per la crescita di Berlino fu la decisione politica, avvenuta nel 1999, di far diventare Berlino la capitale della Germania proprio per ridare un p o’ d i s t i m o l o e c o n o m i c o a l l a c i t t à , che stentava a crescere e a riprendersi d a l p e r i o d o p o s t- s o v i e t i c o . M i g l i a i a d i dipendenti pubblici, giornalisti e lobbisti si trasferirono quindi a Berlino, e si iniziò allora ad investire anche sulle nuove infrastrutture e su moderne vie di comunicazione. I settori maggiormente in crescita nella città ad oggi sono infatti le comunicazioni, le tecnologie dell’informazione e della co-

municazione, la pubblicità e e il design, trasporti ed ingegneria medica. A Berlino esiste anche il più grande Centro Congressi europeo, e favorisce la crescita del settore turistico, anche congressuale, compar to che ad oggi conta 781 hotel e oltre 125.000 posti letto, e viene visitata da milioni di tur i s t i l ’a n n o , e c h e s e p a r a g o n a t a a l l e altre città europee è la terza città più visitata d’Europa. Molti turisti sono attratti dalle importanti sale da concerto e da tutto il panorama dello scenario musicale che a Berlino è molto sentito anche dal punto di vista artistico. Con oltre 3.400.000 abitanti, è sede di importanti società come Air Berlin e la Deutsche Bahn, la ferrovia statale tedesca, c h e h a s e d e i n u n a m o d e r n i s s i m a Po t sdamer Platz, e la Daimler e la BMW che producono automobili nell’hinterland metropolitano. Impor tante a livello di innovatività e creatività è la presenza di molte ar ti creative e di intrattenimento; il settore della musica, d e l c i n e m a , d e l l a p u b b l i c i t à , d e l l ’a r t e , del design, della moda, dello spettac o l o , d e l l ’e d i t o r i a , d e l l a r i c e r c a e s v i -

Berlino è una città in crescita. Tr a l e p i ù creative del mondo. Va n t a o l t r e 2 2 . 6 0 0 imprese creative, che fatturano ogni anno oltre 18,6 miliardi di euro contribuendo a circa il 20% del PIL della città.

luppo e del sof tware, tutte attività che consentono di fare di Berlino una delle città più creative del mondo, al punto da poter vantare la presenza di oltre 22.600 imprese creative, principalmente piccole e medie imprese, che fatturano ogni anno oltre 18,6 miliardi di euro di fatturato, contribuendo a circa il 20% del PIL della città. Berlino è quindi tuttora una città in for te crescita, in grande espansione, una città attenta alle nuove generazioni, che avrà certamente un ruolo importante per la crescita della società occidentale anche in futuro.


ELEZIONI DI “SETTEMBRE” LA MERKEL E LE NUOVE REGOLE EUROPEE

L a M e r ke l a u n b i v i o . S e

fos s i m o in I tal i a, le e l e zio ni

Grande

C oa l i z i o n e

Pe e r

St e i n b r u e c k , c i s i a n o v e re

GERMANIA A UN BIVIO EUROPA ALLA TEDESCA?

t e d e s c h e d e l 2 2 s e t t e m b re

alternative. La Germania si

m ate i n u n pl e bis c ito. P ro o

p ro va p i ù p ro ba n t e d o p o ,

noto dile mma lanciato da Thom as Mann

M e r ke l ? L a l e a d e r t e d e s c a ,

1989/90, dopo i trattati di

A mbu rgo pare riprop or si oggi. Allora si

s a re b b e ro

subito

trasfor-

contro la cancelliera Angela

t ro va c o s ì d a va n t i a l l a s u a

s’intende,

il

biennio

p e r f a r va l e re l a s u a l i n e a

M a a s t r i c h t e l ’ i n t ro d u z i o n e

s u g l i a l t r i pa r t n e r e u ro p e i

d a va n t i u n a s c e l t a s e c c a : o

“de l ri g o re e d e l l e r i f o rm e ” con argomenti solo in par te

c o n d i v i s i , pa r te d a u n a c e rte z z a : i n E uro pa n o n s i pu ò

decidere nulla senza la Germania, tantomeno contro di

e s s a . L a M e r ke l n o n è a n -

dell’euro. Il Paese tedesco è si impone l’incognita della

massa degli elettori che so-

s te n go no u na l i ne a d i re s i -

n e i p ro s s i m i m e s i . D e ve i n -

radicalismi

a n t i - e u ro p e i ,

e t i c h e t t a ti c o m e p o pu l i s m i,

as s i c u r a n do ch e l ’e u ro è u n

c h e a v e va s e n s o s o l o u n f u t u ro “e u ro peo” come quello che si stava profilando

p e r l a Re p u b b l i c a F e d e r a l e Te d e s c a d i

p i e n o t i to l o n e l c o n s e s s o d e l l e n a z i o n i .

c o n f ro n t o s u l l e n u o v e re -

l o n t a n o e p ro b l e m a t i c o , m e n t re pa r l a re

a l l ’ E u ro pa d e l S u d , o p p u re

gole con i par tner europ ei.

f a t t i f e rm a re l ’a va n z a t a d e i

m i n a to d a l n a z i s m o , c o n r a d i c i s to r i c h e

anche nel II Reich, prendendo coscienza

v i n c e l a l i n e a d e l l a M e r ke l

Grandi sfide le attendono

elettorale.

trattava di uscire dal “buco nero” deter-

A d e n a u e r.

c h e s i a p p re s t a a u n l u n g o

c a m pa g n a

n e l 1 9 5 3 a g l i s t u d e n t i d e l l ’ u n i ve r s i t à d i

s tenza ad ogni concessione

c o ra , u f f i c i al m e n te , e n tr at a

in

E u ro pa te d e s c a o G e r m a n i a E u ro p e a ? I l

R OBERTO S CIARRONE

La

Germania

occidentale,

q u i n d i , s a re b b e t o r n a t a s e m p re p i ù a

A llo ra la riunif icazione era un orizzonte

di potenza per la Germania Ovest era as-

s o l u t a m e n t e i m p ro p r i o . M a a n c h e l ’ E u -

ro pa, qualunque fosse il significato che

s i vol eva dare a quel term ine, era qual c o s a d i m o l to va g o . O g g i , c h i a r a m e n te ,

non è più così. La riunificazione, che

bene irrinunciabile per la

s em brava imp oss ibile, s i è concretizzat a

c o n v i n c e re g l i e l e t t o r i c h e

figlia di quella svolta, i tedeschi oggi

Germania.

Deve,

i n o l t re ,

eventuali

c o r re z i o n i

di

con succe sso. L’attuale politica es tera è

non sono così ignari del loro passato da

ro t t a , c o m e q u e l l e a n n u n -

r i t e n e re p l a u s i b i l e l a r i p re s a d e l s o g n o

e u ro p e a s o n o m o s s e c o m -

s t a n z a re a l i s t i d a d u b i t a re c h e , a l m e n o

n a t i va

l o ro Pa e s e a l s e r v i z i o d i u n a “ i d e n t i t à

ciate dalla Banca centrale

pa t i b i l i c o n l a l i n e a g o v e r in

atto.

A

suo

va n t a g g i o c ’ è l a m a n c a n z a

d i a l te rn at i ve a l l a s u a l i n e a

e alla sua leadership. Non

pa re i n f a t t i c h e n e l c a m p o

s o c i a l d e m o c r a t i c o , g u i d a to d a l l ’e x

m i n i s t ro

della

di una “Europa tedesc a”, m a s ono abba-

a d e s s o , c i s i a l a p o s s i b i l i t à d ’ i n s e r i re i l

e u ro p e a ” c h e n o n s i è r i u s c i t i a c o n s e g u i re . L a c r i s i a t t u a l e d e l r u o l o d e l l a

Germania, quindi, è tutta qui. I tedeschi

non sono convinti che l’Ue abbia in se le

potenzialità per tramutarsi in “Stati Uniti

d ’ E u ro pa ” d i c u i s i pa r l a va a g l i a l b o r i

d e l l ’a v v e n t u r a c o m u n i t a r i a . I c e t i d i r i -

genti tedeschi faticano però a capire che non si può rim anere sen z a d e c i d e re p e r

troppo tempo. Se vogliono salvare i van-

taggi che oggi l’Ue garantisce devono


IL MODELLO TEDESCO E LA SUA TRASFORMAZIONE All’inizio degli anni “2000”,

c h e h a c o n s e n t i to a i l a v o -

derata, dagli analisti più in

sioni tra le più diverse e

l a G e r m a n i a v e n i va c o n s i -

vis ta, il “mala to d’Europa”.

mazione costante a tutti i

shock della riunificazione.

cazione tra i m o d e l l i d i re -

I

p ro b l e m i

di

c a r a t t e re

economico erano molte-

p l i c i : ba s s o t a s s o d i c re -

scita,

alto

tasso

di

f ro n t e

calo

di

un

degli

a

t e n e re

p ro c e s s i

assieme,

di

g l o ba l i z z a -

z i o n e , g l i i m p e r a t i v i s i s te -

m i c i d e l m e rc a t o e q u e l l i

etici della regio ne soc iale, coniugando sapientemente la

necessaria

flessibilità

l ’a re a m e d i t e r r a n e a ( F r a n Italia,

S pa g n a ) ,

si

r i p ro d u c e n e l l a p r a t i c a d i

d i f f e re n t i s t r a t e g i e a d o t tate da sindacati e imprenc re s c e n t e d i f f e re n z i a l e d i tra

le

a re e

e c o n o m i c h e d e l l o s pa z i o

d e l l ’e u ro , c h e p o i è a n c h e

l a r a g i o n e p r i n c i pa l e d e l -

l ’o d i e r n a c r i s i d e l l a m o neta unica. Il modello di “c a p i t a l i s m o

re n a n o”

ri-

sulta in grado di rispondere alle sfide economiche del mercato g l o ba l e m o l to

n e l l ’ u s o d e l l a f o r z a l a vo ro

meglio del modello anar-

f e s a d e l p o s t o d i l a v o ro .

pa e s i d e l l ’a re a m e d i t e r r a -

con la garanzia della di-

R OBERTO S CIARRONE

Deut-

quello

p ro d u t t i v i t à

anche in una situazione ra-

a d i s p os i z i o n e d i t u tte l e élite nazionali

e

“ m o d e l l o t e d e s c o” è r i u -

dicalmente trasformata dai

chie non definite.

Modell

d i t o r i e d è a l l ’o r i g i n e d e l

scito

im mer s a nell e sab bie m obili delle gerar-

il

schland

ammirata e temuta dalle a l t re p o t e n z e e u ro p e e . I l

I l c h e s i g n i f i c a c o n v i n c e re t u t t i g l i a l t r i

rizza

cia,

a

i n v e s t i m e n t i p r i va t i . O g g i

St a t i m e m b r i c h e l a G e rm a nia si metterà

consensuale che caratte-

t ro l l o

l a Germa nia è una nazione

f a s e d i s t a l l o d e l l ’ U n i o n e , s e m p re p i ù

lazioni industriali, quello

c o n f l i t t u a l e d e i Pa e s i d e l -

p re o c c u pa n t e

d e r s h i p d e l p ro g re s s o c o l l ettivo di essa.

l i v e l l i . L’o n t o l o g i c a d i va r i -

d i s o c c u pa z i o n e e u n d e bito pubblico fuori con-

disposte a lavorare per superare l’attuale

c h e h a p ro d o t t o u n a f o r -

U n Pa e s e i n c r i s i c h e n o n riusciva a ris ollevar si dall o

accettare di lavorare per prendere la lea-

r a to r i d i a p p re n d e re m a n -

Pe r q u e s t o m o t i v o , l e r i forme

tedesche

hanno

puntato non sulla moltipli c a z i o n e d e l p re c a r i a t o m a

s u l l a m o b i l i t à i n te r n a d e l l ’ i m p re s a .

Una

mobilità

chico-conflittuale nea.

dei

R OBERTO S CIARRONE


Alla scoperta di un giardino ‘segreto’ “L’Usignolo”, molto più che un lounge bar DI

M ARIA N ICOLE I ULIETTO


QUANDO L'ARTE È DAVVERO ALLA PORTATA DI TUTTI

ARTBITE.IT

DI

ROBERTA FILIPPINI

A r tB ite è un nuovo m odo di conoscere, frui re e acquistare opere d'ar te . Dall 'ide a d i t re g i o -

vani operatori del settore nasce questo sito/vetrina per far conoscere i lavori d i a r t i s t i i n

erba al grande pubbl ico che può così sceg li ere di prom uovere la creati vità con tem p o r an e a

acquistando opere originali a basso costo. Un progetto che merita considerazio n e , ch e p ro-

muove opere d'ar te realizzate con le tecniche più disparate con prezz i per tutte l e ta s c he e che si pone l'obiettivo di democratizzare l 'ar te odierna. Gusto, se mpli cità, inte r a t t iv i t à .

C o m e n a s c e a r t b i te ? A r t b i te è i l p e r f e t to c a s o di studi o di impren -

d i to ria g i ovan il e . I l p ro g e t to nasce dal desider i o d i m e t t e re a f r u t t o c o n o s c e n z e a c q u i s i t e

n e l c a m p o d e l l ’a r t e e d a l l a v o l o n t à d i c re a re

u n m e c c an i s m o n u ovo di circo l azione e acquis t o d e l l a s t e s s a . I l m e rc a t o d e l l ’a r t e v i e n e t ro p p o s p e s s o p e rc e p i t o c o m e u n a m b i e n t e elitario, dagli alti costi. Ar tbite propone invece

a l s u o p u b b l i c o o p e re d ’a r t e n o n s e r i a l i a

p re z z i a c c e s s i b i l i , a l t e r n a t i v e a l l e t e l e p re s t a m pa t e e d a l l e r i p ro d u z i o n i d i s e r i e , c h e

t ro p p o s p e s s o a r re d a n o l e pa re t i d i c a s e p r i va te e s t u d i p rof e s s i o n a l i . L’omologazione del

g u s t o p u ò e s s e re c o m ba t t u t a . I l t u t t o i n u n

am b i e n te i n f o rm a le , q u a l e è A r tB i te , u n a gal le r ia o n l i n e , d o ve i p re z z i sono esposti chia-

ramente, così evitando al pubblico l’imbarazzo

d i e n t r a re in un a g a l l e r i a e chiedere il costo di u n o g g e tto d ’a r te .

Chi è l'ideatore del progetto e da chi è com-

p o s to i l te a m ?

L’ i d e a d i u n p o r t a l e c h e p ro m u o va l ’a r t e a p re z z i a c ce s s i b i l i n a s c e d a Vittoria, trentenne

p i a c e n t i na , a s e g u i to d i un ’esperienza plurienn a le n e l l a d i m e n s i o n e p i ù esclusiva e snob del

m e rc a t o d e l l ’a r t e , o v v e ro l e c a s e d ’a s t a . L e

c o m p ete nz e q u i a c q u i s i te , unite al le tante co-


noscenze personali di ottimi artisti meno co-

nosciuti, ha creato la scintilla di Ar tbite che ha

p o i t ro va t o f o r m a re a l e e c o n s i s t e n t e g r a z i e a l l ’a p p o r t o p rof e s s i o n a l e d e l l ’a m i c o S e rg i o ,

m i l a n e s e , s t o r i c o d e l l ’a r t e e d i E r i c a , p i t t r i c e modenese, prima tester e rappresentante delle n e ce s s i t à d eg l i ar t i s t i ge s t it i.

Q u a l i so n o g l i i n te n t i d i q uesta " vetr ina vir-

tu a l e" ? C h e o b i e t t i v i s i p one?

L’e s p e r i e n z a v i s s u t a f i n o a d o r a c i h a i n s e -

g n a t o c h e i l p u b b l i c o d i A r t b i t e è g i o va n e ,

colto e soprattutto curioso. Lo scopo di Ar-

t b i te è a v v i c i n a r l o a l l ’a r te i n m o d o s pa va l d o ,

n o n s o l o s e g n a l a n d o g l i m o s t re e gal l e ri e , m a

an c h e i n di r i z z a n d o l o a l l ’a c quisto di opere con

l e q u a l i a r re d a re c a s a e m a g a r i d a re i l v i a a d

u na p i cc o l a co l l e z i o n e !

Quali sono le novità di Ar tbite rispetto a

tut ti i si ti che hanno co me scopo la divulga-

zi o n e e l a ve n d i t a d i o p e re d' ar te?

Ar tbite è una realtà giovane che ama ascoltare

il p ro pr i o p u b b l i c o e s o p r attutto i propri ar ti s ti . Ponendos i com e tram i te tra queste due re-

a l t à s i o c c u pa q u i n d i d e l l a p ro m o z i o n e d i

ar tisti che meritano attenzione e consente agli

a c q u i re n t i l ’a c c e s s o a l m e rc a t o d e l l ’a r t e p ro p o n e n d o o p e re c o n va l o r i c h e n o n s u p e r a n o

m a i i 3 0 0 0 E u ro . I l s i to s te s s o è c o s t r u i to a f f i n c h é l ’ u te n te p o s s a s c e g l i e re a q u a l e f a s c i a d i p re z z o a f f a c c i ar s i , s o t to oppure s opra i 500

E u ro . Pe r o g n i o p e r a ve ng ono ripor tate le in -

f o r m a z i o n i t e c n i c h e m a s o p r a t t u t t o l ’e s p e -

r i e n z a , i l v i s s u t o d e l l ’a r t i s t a r i f e r i t o a d o g n i

q u a d ro , p o i c h é l ’a r te è f a t t a a l 5 0 % d i i m m a -

gini e al 50% di emozioni.

Nella pagina a fianco: aChryliko, Trash rabbit, tecnica mista, 50x50x4 cm. In questa pagina Karim Sabbagh, Political scorrect, acrilico su forex, 100x100 cm.


CRESCE IL MERCATO MONDIALE DEL LUSSO NEL 2013 UN RAPPORTO DEFINISCE L’AUMENTO ANNUO DI OLTRE IL +5%

S e c o nd o l a F o n d a z i o n e A l tagam ma, che riunis ce le aziende dell’e ccel -

le n z a i t a l i a n a, i l m e rc a to mo ndiale dei beni di lusso ha superato i 20 0

m i l i a rd i di e uro ne l 2 0 1 2 e crescer à del 5% nel 20 13. Il 2012 conferma

s empre i n testa come hub regionale del luss o, con un m e rc a to ch e h a

r a g g i u n t o 2 , 5 m i l i a rd i d i e u ro n e l 2 0 1 2 . H o n g Ko n g e M a c a o b e n e f i -

ciano dei flussi turistici un tempo diretti più ver so l’Europa, mentre Tai-

pe r i l m e rc a to m o n d i a l e d ei beni di lusso una cresci ta del 10% risp etto

w a n r a l l e n t a i n s i e m e a l l a C o re a d e l S u d , q u e s t ’ u l t i m a p ro va t a d a l l e

primo trimestre 2013 registra però un rallentamento in termini reali, ul-

2012 ha raggiunto un fatturato di 6,3 miliardi di euro e s i p re ve d e u n

a l 2 0 1 1 , s e g n a n do i l te r z o anno consecutivo di crescita a due cif re. Il te r i o r m e n te p e n a l i z z a to d a l l ’a n d a m e n to d e l l ’e u ro c o n t ro l e p r i n c i pa l i

m o n e te e s te re , i n a p pre z z amen to rispetto al 2 012. Il rallentamento dei

continue tens ioni poli tiche. In Medio Oriente i l merc ato d el l u s s o ne l

incremento del 5% a parità di tassi di cambio nel 2013, con una rimonta

di abbigli amento ed accessori su profumi e cosm etici. D u ba i è d ec i s a -

flussi turistici, in par ticolare dal Giappone, condizionerà la crescita del-

mente il cuore del mercato (rappresenta il 30% dell’intera regione), poi-

l o c a l e è a n c o r a l o n t a n o d a u n p i e n o re c u p e ro , a n c h e a c a u s a d e l l ’a u -

principalmente russi, indi ani ed africani.

l’ E u ro pa n e l 2 0 1 3 , s o p r a tt utto nei paesi m editerranei dove il cons umo

m e n to d ei p re z z i . M e g l i o gli Stati Uniti, for ti di un’elevata fi ducia dei

co m p r a tor i c h e s p i n g e i l c onsumo interno. Il Sud Am erica si m ostra in

c h é a t t r a e c o n s u m a t o r i i n t e r n i m a a n c h e a m p i f l u s s i d a l l ’e s t e ro ,

A t r a i n a re i l m e rc a t o s o n o a n c o r a u n a v o l t a g l i a c c e s s o r i , l ’a b b i g l i a mento e l ’hard luxur y, i n par ticolare il segm ento ‘absolu te ’ e i pro d o t t i

c o s t a n te c re s c i t a ( + 1 2 % a t a s s i c o s t a n t i n e l 2 0 1 3 ) s p i n to d a B r a s i l e e

di fasc ia alta (senza logo, m a con materiali preziosi). Cre s c e l a p e l l e t -

d a te l e r i l eva n ti d i f f i c o l t à econom iche nel paese. In par ti colare, i l Bra-

delle scor te del canale. Rallentano anche i cosmetici nonostante la cre-

M e s s i c o , m e n t re s e m p re p i ù b r a n d i n te r n a z i o n a l i l a s c i a n o l ’A rg e n t i n a

sile, grazie agli imminenti mondiali di calcio e ai giochi olimpici, sta atti ra n d o s e m p re d i p i ù l ’ i n teresse dei marchi internazionali. I l ma ggiore

t e r i a . B r u s c a f l e s s i o n e i n v e c e p e r l ’o ro l o g e r i a p e r v i a d e l l a r i d u z i o n e

s c i t a n e i m e rc a t i e m e rg e n t i . L o s t u d i o e v i d e n z i a c o m e t r a i c o n s u m a -

t o r i i l v e ro c a r b u r a n t e d e l m e rc a t o d e l l u s s o s i a r a p p re s e n t a t o d a i

o s t a c ol o d i q u e s to m e rc a to restano le tariffe d’impo r tazione e i dazi .

cos iddetti “HENRY” (consum atori con alti guadagni ma n on an c o r a r i c-

pol iti ca monetari a e l a for te svaluta zione dello yen stanno favorendo il

s ono 10 volte il numero degli ultra-ricchi. Bain sti ma che l e d i m e n s i o n i

G u ard a n do ad O r i e n te , i n Giappone (+5% a tassi costanti nel 2 013 ) la

c o n s u m o i n te r n o , m a s c o r a g g i a n d o i f l u s s i t u r i s t i c i i n u s c i t a . I b r a n d

del lusso faticano ancora a seguire i compor tamenti e le preferenze dei

chi), che pur avendo una soglia di spesa più bassa, nei m e rc a t i m a t u ri d e l m e rc a t o g l o ba l e d e i b e n i d i l u s s o a l 2 0 2 5 s a r a n n o c i n q u e v o l t e

m a g g i o r i d e l l e d i m e n s i o n i r a g g i u n t e n e l 1 9 9 5 . N u o v i m e rc a t i , n u o v i

g i o va n i c o n s u m a tor i i n c o ntin uo m utam ento. I n Cina le per formance di

s e g m e n t i d i c o n s u m a t o r i e u n g r a d o e l e va t o d i d i v e r s i t à n e i g u s t i s i

co s t a n t i) c o n u n a c re s c i t a a due cifre dell’e-com merc e.

consid erazione nel per seguire la giust a s trada per la cre s c i t a .

m e rc a to co n fe rm a no i l tre n d del 2012 nei consumi i nterni (+7% a tassi

N e l l ’a re a A s i a Pa c i f i c o è i l S u d - E s t a t r a i n a re l a c re s c i t a s e g n a n d o u n

+ 2 0 % a t a s s i c o s t a n t i n e l 2 0 1 3 ( 5 , 5 m i l i a rd i d i e u ro ) , c o n S i n g a p o re

c o m b i n a n o p e r c re a re u n n u m e ro m a g g i o re d i va r i a b i l i d a t e n e re i n

DI

G ABRIELE G ALATIOTO


A SCUOLA DALLA MAMMA

CULTURA DELL’ALIMENTAZIONE I FRUTTI DI MARE Con l’arrivo dell’estate e soprattutto delle vacanze la metà di noi se ne va tranquillamente e b e a t a m e n t e a l m a re . V i a p ro n t i a g o d e r s i u n b e l p o’ d i s o l e , l ’a c q u a , l a s a b b i a e s o p ra t t u t to d e l l e be l l i s s i m e mangi ate di pesc e. E c c o s of f e r m i a m o c i u n a t t i m o s u q u e s t o p u nto e d i n par t i c o l a re s u i celeberrimi frutti d i m a re . Q u e s t i s o n o i n f a t t i a l i m e n t i t i p i c i d e l l ’e s t a t e e d e l l e n o s t re va c a n z e a l m a re : m e n t re i n f a tt i u na be l l a m angiata di pesce i n generale riusciamo a farla anche durante l ’a n n o , i n m a n i e r a p i ù c h e s e m p l i c e , p e r i fru tt i d i m a re i l d i s c o r s o è diver s o, prim a di tu tto p e rc h é c ’è l ’ i n d i s c u t ibile necessità che g l i s te s s i s i a n o f re s c h i m a dopo si verificano tu tt a u n a s e r i e d i c o n di z i oni per cui di fatto l i m a n g i a m o s o l a m e n t e a l m a re . A p p rof o n diamo che cosa siano i frutti di mare in modo da gustarceli con un minimo di cognizione di causa.

A ppa r te n go n o a q ue s t a c a tegoria di al imenti q u a li vo n g o l e , c o z z e , o s t r iche, ric ci, calamare t t i , po l ip i , s e p p i e , pate l l e, m oscardini, datt e r i d i m a re . I n e f f e t t i n o n e s i s t e u n a d e f i n i z i o n e b e n p re c i s a c h e p o s s a d a rc i l a c e r te z z a c he u n an i m a l e s i a definito frutto di m a re o m e n o : d o vre b b e ro inf atti ess ere consi d e r a t i f ru t ti d i m a re s o l o i mol lusc hi senza g u s c i o , i m o l l u s c h i a u n a valva e quelli a due va l ve . M a c o n i l pa s s a re d e l te m p o è d i ve n t a t o d i u s o c o m u n e d e f i n i re f r u t t i d i m a re tu tt i g l i al i m e n t i s o p r a c i t ati.

D a l p u n t o d i v i s t a a l i m e n t a re c e r t a m e n t e i f r u t t i d i m a re s o n o m o l t o g e t t o n a t i p e r l e lo ro pro p ri e t à o rg a n o l e t t i che, m entre, nutriz i o n a l m e n t e pa r l a n d o , c o n t e n g o n o u n a d i s c re t a c o n c e n t r az i o n e di p rotei ne (più bassa

comunque rispetto a carne e pesce), sono par ticolarmente ricchi di vitamine (A e B) e di s a l i m i n e r a l i ( c a l c i o , f e r ro , f o s f o ro e s o d i o ) . Non contengono carboidrati, né grassi saturi, m a r i l e va n te è l a c o n c e n t r a z i o n e d i c o l e s te rolo.

La carne di questi animali non è facilmente di g er i bi l e i n quanto i te s s uti s ono pi uttos to fibrosi. Ciò che rende rischioso il consumo di frutti di mare è la loro attività filtratoria: essi i n f a t t i ve n g o n o a c o n t a t to c o n o g n i m i c ro r g a n i s m o o a g e n t e i n q u i n a n t e p re s e n t e i n a c q u a : c o m p o n e n t i c h e n o n p o s s o n o e s s e re eliminati senza un efficace cottura. Consumarli crudi, quindi non rappresenta un com por t ame nto pienamente responsabil e.

N e l c a s o d i i n d i g e s t i o n e d i f r u t t i d i m a re crudi , infatti s i potrebbe incorrere intossica zioni alimentari, che sono tuttavia distinte da e v e n t u a l i a l l e rg i e ( c h e p ro v o c a n o f e n o m e n i anafi la ttici), che si pos sono registrare sin da ba m b i n i . E c c o s p i e g a t o i l p e rc h é d o n n e i n dolce attesa e bambini di soli to vengono accuratamente dissuasi dal mangiare i frutti di mare.

Detto questo, una volta che avete avuto la c e r t e z z a c h e i f r u t t i d i m a re s i a n o f re s c h i e siate ben consapevoli di non dover esagerare, non vi resta che munir vi di olio e limone ed i niziare una bella man giata.

D I F RANCESCO D IOTALLEVI

N a s c e p ro p r i o d a q u e s t e pa ro l e u n' i n i z i a t i va t u t t a i n g l e s e c h e f o rn i s c e a l l e m a m m e b r i t a n niche un pacchetto informativo con consigli da d a re a l l a p ro p r i e f i g l i e . L ' i d e a è d e l v i c e m i n i s t ro a l l a C u l t u r a M a r i a M i l l e r c h e h a v o l u t o m e t te re n e ro s u b i a n c o u n a s o r t a d i g u i d a s u percor si e oppor tuni tà di carrier a p e r l e f i g l i e , s u c o m e f a r e m e rg e re l e l o ro a s p i r a z i o n i e s u c o m e p ro va re a d o r i e n t a r l e e p re m i a r l e . U n a guida che non assurge a rivoluzi o n e , m a ad u n p r i m o pa s s o f o n d a m e n t a l e n e l l u o g o i n c u i o g n u n o d i n o i t ro va l a s u a p r i m a r i a f o r m a zione: la famiglia e, di consegue n z a , l ' e s e m p i o genitoriale. L'obiettivo di quest a i d e a è i n c e ntivare l 'ambiz ion e che per le do n n e h a s e m p re avuto un significato negativo, il contrario della virtù e della modestia. E a 25 anni, nel momemto di ingress o ufficial e nel m o n d o , l ' a u tos t i m a o c e l ' h a i o è t ro p p o t a rd i p e r a v e r l a . N e l l e s t o r i e d i d o n n e d i s u c c e s s o c ' è s e m p re una mamma che ha alimentato la forza interiore della figl ia, sostituen do "atte n t a a q u e l l o che fai" con "tu ce la puoi fare" . E s s e re m a d r i di fem mi ne non è sempl i ce perc h é c i p o r t i a m o ancora di etro un reta ggio di rin u n c e : a l l a c a rriera per i figli, ai propri spazi per il compagno, a l l a va c a n z a p e rc h é c ' è q u a l c u n o d a a c c u d i re . Ques to non vuol di re inneggiare l ' e g o is m o m a i ns egnare ad eserc i tare di ritti le g i t t i m i . E s e s i i n c o r a g g i a u n a p e r s o n a l i t à p i ù a s s e r t i va , l a ba m b i n a d i v e n t a r a g a z z a e p o i d o n n a c h e s a va l e re , s v i l u p pa c o m p e t e n z e , s i s t i m a e n o n cede al ricatto amoroso, tipico delle ragazze di questa generazione. Oggi più ch e n e l pa s s a to, l e n o s t re m a m m a e n o i f u t u re g e n i t r i c i a b b i a m o q u e s to c o m p i to . C o n s e g n a m o a i n o s t r i futuri figli un mondo pericoloso ed è un dovere insegnare ad indossare la giusta armatura. Un'educazione al sentim ento rag i on e vo l e do ve ricordare che l'indipendenza è p o te re c o n t r a ttuale, è trattare alla pari. D ove co l t i va re l ' a m b i z i o n e è l a m i g l i o re p re v e n z i o n e c o n t ro i l fem m inicidio. D I L UCIA R OSSI


DI UN FILM

“DREAM TEAM”

OLIVIER DAHAN, CON JOSÉ GARCIA, JEAN-PIERRE MARIELLE, GAD ELMALEH, OMAR SY, FRANCK DUBOSC, JOEY STARR, RAMZY BEDIA

N o n c ’ è n i e n te d a f are : o rmai i francesi hanno capito che possono girare anche film comici, e n o n s o l o s of i s t i c a te e d i f fi cil i pel licol e intim i s t i c h e. P u tro p p o p e rò , m e mori del detto “ chi la s c i a l a v i a ve c c h i a p e r q uella nuova…”, dopo a v e r i m b ro c c a t o , s e c o n d o l o ro , B e nv e n u t i a l N o rd (l ’o r i g i na le f r a n c e s e , in tendo) eccoli battere l a vi a d el s u c c e s s o f ac ile proponendo una so r t a d i n u o vo F u l l M o n t hy ambientato in una re m o t a i s o l a d e l l a B re t a g n a. N e l f i l m è p re s e n t e t u t t a q u e l l a s e r i e d i s t e re o t i p i c h e l ’ i m m a g i n a r i o d e l f r a n c e s e m e d i o ha costruito intorno alla Francia del Nord, che, n e d e d u c o , a q u e s to pu n to, debba essere davve ro a bi t at a d a z o t i c i u br i aconi e da femm ine ro b u s te e s e m p l i c i o t te . Pe r i l re s to , i l c o p i o n e f a re b b e i m pa l l i d i re u n film di De Sica, se non fosse che si tratta di una pellicola francese, e allora l’umorismo

p l a u t i n o d i v i e n e u n r a f f i n a t o d i v e r t i s se m e n t per cin efili in cerca di svago. I l m o t o re d e l l a v i c e n d a è d i v e n u t o o r m a i t o p i c o : u n p e r s o n a g g i o v i e n e d i ro t t a to a l N o rd p e r m o t i v i va r i ; d o p o l ’ i n i z i a l e s c o n f o r t o , i l p ro t a g o n i s t a c o m i n c i a a d a s s a p o r a re i l g u s to della vit a autentica e ad apprezzare i bizzarri per sonaggi che incontra sul suo cam mino. N e l N o rd d e l l a F r a n c i a l ’a r i a è f i n a , s p e s s o pio ve , insom ma, sembra di stare in Irlanda; le d o n n e h a n n o l e g o t e ro s s e e b e v o n o b i r r a quanto gl i uom ini, ma sono sincere ed affidabili. C i s o n o p o i i c o p ro t a g o n i s t i , n e l l a m a g g i o r pa r te d e i c a s i p e r s o n a g g i i m p ro ba b i l i , ve re e p ro p r i e m a c c h i e t t e , c h e s i a b ba n d o n a n o a s ke t c h d i d u b b i o g u s t o s o l o a l f i n e d i s t r a p pare risate a ripetizi one. In questo ti po di f ilm che tanto piace in Fran-

c i a a d e s s o , p e rò , n o n c ’ è q u e l l a s of f u s a t r i s tezza che animava, per esempi o , F u l l M o n t hy , che us ava l a com icità grassa so l o p e r s te m p e rare temi difficili da digerire, come la cassa integrazione di poveri operai squattrinati, o la d i s p e r a z i o n e d e i pa pà d i v i s i d a l l e m o g l i c h e perd ono tutto, per sino la stima d e i l o ro f i g l i . Francesi, vi chiedo in ginocchio : v i p re g o , a rrestate i l vostro furore ar tistico , s m e t te te l a d i clonare film (che ritenete solo voi) di successo. L a v o l e t e s a p e re l a v e r i t à ? N o n s i e t e d i v e r ten t i, quelli che f an no ride re s o n o g l i i t a l i a n i (quando si i mpeg nano) o gli ing l e s i ! S m e t te te di girare film tutti uguali e tornate alle vecchie pellicole barboso-chic che tanto c i p i a c e va no . Vi riesc ono meglio e ci annoian o d i m e n o . DI

P AOLA T EMPONE



Oltreriga luglio 2013