Page 1

AltoLazio News Quotidiano Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10 In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE delle Libertà

Direttore Editoriale NICOLÓ ACCAME

p

Viterbo & AltoLazio Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

Anno II N.147 - Mercoledì 22 Giugno 2011 - Euro 1,00

Cronaca

Politica locale

Cronaca

L’Ugl raccoglie un’importante vittoria sindacale

Presunto violentatore assolto dopo cinque anni di processo

A Vignanello passa la variante al Prg grazie a ‘Giubbarivolta’

di Daniele Camilli a pagina 4

di Emanuele Faraglia a pagina 5

di Simona Tenentini a pagina 16

In una lettera aperta la stessa maggioranza critica aspramente l’operato del sindaco

Crisi Pd, anche Angelelli traballa

Zezza, Parroccini e la Palmieri si dissociano dall’inerzia dell’amministrazione EDITORIALE

Il Pd continua a perdere pezzi. Ora anche la ‘roccaforte rossa’ Civita Castellana comincia a mostrare i primi segni di cedimento. E il paradosso è che i velenosi fendenti all’indirizzo del primo cittadino arrivano direttamente dalla sua stessa maggioranza. In una durissima lettera aperta, i consiglieri Antonio Zezza, Patrizia Palmieri e Gianluca Parroccini prendono le distanze dal loro sindaco, Gianluca Angelelli, elencando, una ad una tutte le proposte vagheggiate e mai realizzate dall’attuale amministrazione. A cominciare dalla proposta del dearseni�catore che, nonostante le reiterate richieste, non ha trovato accoglimento tra gli emendamenti al Piano triennale delle opere pubbliche.

Da Marta a Civita C. è inarrestabile l’emorragia nel Pd di Paolo GIANLORENZO Lucia Catanesi, sindaco di Marta, non è una di quelle che le manda a dire. Non solo le dice ma poi, se occorre, “mena”. Così ha fatto con gli impiegati del Partito Democratico qualche giorno fa. Le ha prima cantate e poi suonate di santa ragione sbattendo dietro di sé la porta di un partito da rottamare. “Un caso isolato” ha tuonato qualcuno. Neanche per sogno invece. Altra gente di razza di quel partito, come Antonio Zezza da Civita Castellana, ha scelto una forma diversa di protesta contro quella nomenklatura autoritaria e despota del suo partito ben rappresentata dal “suo” sindaco di Civita Castellana Gianluca Angelelli. Ha partecipato alle primarie, le ha perse, ha contribuito in maniera forte alla vittoria al primo turno del Pd e, nonostante si sia ritrovato fermo al palo, escluso dalla giunta, ha continuato a lavorare per quei cittadini che lo avevavo votato insieme a Patrizia Palmieri e Gianluca Parroccini. Loro, per il momento, faranno il tifo per lo “Yul Brynner” del Pd dai banchi non dell’opposizione ma da quelli dei cittadini. Per il momento ovviamente. Sanno perfettamente che il sindaco ha ancora i numeri per governare e che comunque può contare sul voto dei neocomunisti del Fli. Intanto però, il popolo rumoreggia.

di Simona Tenentini a pagina 17

POLITICA

Marcello Meroi e il tutti a casa

CRONACA - Ancora stop per le maxi inchieste della procura di Viterbo

Rinvii, saltano Mensopoli e Dazio

Un tempo traballava, oggi rischia di chiudere i battenti. Stiamo parlando della maggioranza che governa Palazzo Gentili. Marcello Meroi s’è stufato e dice la verità. La crisi è tutta interna al Pdl. Soltanto che ora rischia di travolgere le istituzioni. Il 24 giugno non solo l’elezione del successore di Camilli. Ma la resa dei conti.

Sarebbero dovuti andare in scena ieri i processi sulle inchieste Mensopoli e Dazio, ma come quella del Cev lunedì scorso, anche queste ultime sono saltate. Nel primo caso ancora non è stato trovato un giudice compatibile per completare la terna giudicante. Una situazione che va avanti da ben cinque udienze, tutte saltate. E intanto il tempo passa tranquillamente.

di Daniele Camilli a pagina 6

dalla Redazione a pagina 3

MOTORI - Dalla Spagna arrivano notizie contrastanti per il Team Althea

TENNIS

Lupino continua a migliorare

Vita dura per i favoriti al ‘Città di Viterbo’

Diciassette punti per Alessandro Lupino, sedici per Carlos Checa. Anche numericamente, il week-end è andato meglio al giovane viterbese nel Mondiale motocross piuttosto che all’esperto spagnolo nella Superbike, vittima di una caduta nella prima manche. Bene Giugliano che ha trionfato ancora nella Superstock, isolandosi in testa al Mondiale.

Proseguono le emozioni ed i colpi di scena nel torneo ITF che si sta disputando sui campi del Tc Viterbo. Qualche altra testa di serie è caduta anche nel corso della seconda giornata che però ha messo in vetrina tre big come Trevisan, Grassi e Giannessi che hanno conquistato l’accesso al turno successivo. Oggi grande attesa per il primo match serale.

di Glauco Antoniacci a pagina 21

di Glauco Antoniacci alle pagine 28 e 29

VASANELLO

Illuminazione pubblica, l’attacco della minoranza di Simona Tenentini a pagina 16

TARQUINIA

L’Università Agraria contro l’abbandono di pineta ed ex caserma di Valeria Sebastiani a pagina 11

ACQUAPENDENTE

Ospedale, chiudono i primi reparti. È allarme sanità sul territorio di Fulvio Medici a pagina 14

TREVIGNANO

Dopo ventisei edizioni la Cittadella del Corto cambia ‘location’ di Sarah Panatta a pagina 10


cronaca viterbese interni

2

������������������

���������

Viterbo & & Viterbo Venerdì1 17 Giugno2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

������

���������� ���������������������������������� ��������������������

������������������������������������ ������������������������������������������������ ������������������������������������������ ������������������������� ���������������������������������������������� ������������������������������������������������� ��������������������������������������������������������������

����������������������������������������������������������������������������������

�������������������������� ��������������������������������������������������


& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

cronaca viterbese

3

Dopo l’ennesimo sul caso Cev, ieri è toccato anche alle udienze su Mensopoli e operazione Dazio

Ancora rinvii e i processi rimangono bloccati L

e imponenti inchieste che ruotano attorno al tribunale di Viterbo nell’ultimo periodo hanno subito un duro stop. Rinvii su rinvii che fanno diventare i processi interminabili. Lunedì è toccato all’inchiesta sul Cev, che è ferma ancora ferma a un punto morto sulla decisione del rinvio a giudizio o del proscioglimento. Ieri, invece, è stato il turno del caso Mensopoli e dell’inchiesta Dazio. Tutti e tre i processi sono stati rinviati a ottobre. L’udienza di lunedì sulla società municipalizzata Cev è stata rinviata a causa degli inderogabili motivi del Gup, che non ha potuto essere presente in aula. Per il caso Mensopoli, invece, la faccenda è ancora più complessa. Quello di ieri mattina è stato infatti il quinto rinvio consecutivo dell’udienza a causa del fatto che non è ancora stato assegnato un nuovo giudice che vada a completare la terna del collegio giudicante. I precedenti o sono stati trasferiti o sono risultati incompatibili con il caso in questione. All’inizio c’era il giudice Michele Romano, trasferito a Roma, sostituito dal magistrato Rita Cialoni, che è risultata essere incompatibile con il processo visto che fu proprio lei a suo tempo a �rmare l’ordine di custodia cautelare per uno degli imputati, Mauro Rotelli. Oltre all’ex assessore ai servizi

sociali del Comune di Viterbo, ad essere accusati di corruzione e turbativa d’asta ci sono anche il dirigente dell’uf�cio ragioneria del Comune, Mario Rossi, e l’amministratrice della società Euroservice Catering, Anna Telesca. Nel corso della prima udienza del processo, avvenuta nel giugno dell’anno scorso, anche il giudice Gaetano Mautone aveva dichiarato apertamente la propria incompatibilità con il

processo, dicendo che in fase di indagine preliminare �rmò un decreto autorizzativo sulle intercettazioni telefoniche. Anche Mautone, quindi, ha chiesto di essere sostituito con un altro giudice. Il problema a questo punto è che al tribunale di Viterbo di giudici non ce ne sono più. Oltre ai due che, per fortuna, possono partecipare al dibattimento non si riesce a trovare il terzo elemento mancante per completare il colle-

gio. La Corte d’Appello aveva assunto l’incarico di nominare un giudice esterno che fosse compatibile con la causa, ma ancora nessun nome è saltato fuori. E’ ormai passato un anno e il processo Mensopoli stenta a prendere il volo. Stesso discorso per un altro processo che sarebbe dovuto andare in scena ieri al tribunale, quello scaturito al termine dell’operazione Dazio e che vede imputate tre persone. Alla sbarra ci sono gli imprenditori Chiavarino, padre e �glio, Domenico e Dario e il funzionario regionale addetto all’ispettorato di polizia mineraria ed energia, accusati rispettivamente di corruzione e concussione. Il quarto imputato, Massimo Scapigliati funzionario del Comune di Viterbo, ha già patteggiato a tre anni. Questo processo, anche se meno degli altri due, ha già subito qualche stop ma perlopiù riesce ad andare avanti. In mezzo a tutti questi rinvii le grosse inchieste del tribunale di Viterbo vanno a farsi benedire, nell’attesa che tutti si presentino all’udienza, vengano trovati giudici compatibili o, magari, sia la giornata buona per ascoltare qualche testimone. Con l’arrivo dell’estate, poi, i processi si bloccano e ci si rivede tutti a ottobre con la speranza che �nalmente qualcosa possa essere cambiato.

Denunciato dalla sua ex compagna ucraina

Sequestro e violenza alla sbarra un cingalese di EMANUELE FARAGLIA

E

’ stato rinviato al 24 gennaio del 2012 il processo che vede come imputato il titolare di un’azienda agricola, un cingalese di 60 anni, accusato di sequestro di persona e tentata violenza nei confronti della sua ex compagna, una donna ucraina molto più giovane di lui. La vicenda è balzata agli onori della cronaca ed è stata catapultata nelle aule del tribunale cittadino ben tre anni fa quando i carabinieri di Capranica intervennero perché allertati dalla trentenne che sosteneva di essere stata rapita dal suo convivente. “In realtà – ha spiegato Fabrizio ballerini, difensore dell’uomo – ci sono diversi elementi che non quadrano: innanzitutto le vie di fuga dalla casa erano numerose e la stessa porta poteva essere aperta dall’interno. Inoltre ci sono dei testimoni che hanno dichiarato di aver visto i due in atteggiamento del tutto normale poco prima del presunto rapimento”. La

storia, insomma, ha tutta l’aria di essere il classico rapporto “interessato” dove lei appro�tta della benevolenza e, forse, dell’ingenuità del proprio compagno per ricevere bene�ci di natura venale. Ipotesi che nella fattispecie viene rafforzata dall’arresto della stessa trentenne per percosse e rapina di 500 euro avvenuto un anno dopo la denuncia proprio ai danni del cingalese. In ogni caso, vista l’incompatibilità del giudice Mautone che ha provocato il rinvio all’anno nuovo, della questione si tornerà a parlare e con ogni probabilità nuovi elementi consentiranno di sviscerare le eventuali ulteriori motivazioni della vittima.


cronaca viterbese interni

2 4

Viterbo & & Viterbo Mercoledì1 22 Giugno2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

Chiedevano a due addette alle vendite di versare 24 euro come quota sindacale

Causa di lavoro, la Bbc concilia e l’Ugl vince di DANIELE CAMILLI

C

ause di lavoro. La BBC srl concilia e l’Ugl vince. Al centro del contendere, un presunto “comportamento antisindacale” della società che gestisce un attività di vendita al pubblico di materiali da hobby e bricolage. La vicenda: chiedevano a due commesse addette alle vendite un importo di 24 euro come costi di esercizio per l’erogazione della quota sindacale. “Quasi una giornata di lavoro, soprattutto oggi che stiamo vivendo una crisi che colpisce soprattutto le famiglie”, ci ha detto Massimo Basili, segretario Ugl terziario che, assieme all’avvocato Anna De Cesare, si è occupato del caso portandolo davanti alla sezione lavoro del Tribunale di Viterbo. “A fronte di una quota sindacale che è percentualmente rapportata allo stipendio, ma nel nostro caso non supera mai i 10 euro”. “Abbiamo più volte scritto alla BBC per chiedere un incontro e delle spiegazioni perché la cifra chiesta alle lavoratrici ci sembrava decisamente eccessiva, quantomeno strana. Anche perché i 24 euro venivano presi solo dalla busta paga

dei nostri iscritti e non da quella dei tesserati di altri sindacati. Ci hanno risposto, ma non incontrato. Insomma, non ci hanno convinto”. Ed è a questo punto che il sindacato ha deciso di portare il tutto dinanzi a un giudice. “Per comportamento antisindacale – ci ha spiegato Basili – e lunedì scorso finalmente la vicenda si è chiusa. L’azienda ha deciso di conciliare e i 24 euro non verranno più imputati”. Soldi che l’Unione Generale del Lavoro ha comunque restituito alle due commesse. Ogni mese. Ogni volta versati. Una storia che finisce qui? Nient’affatto. “Proporremo alla BBC un nuovo incontro – aggiunge il segretario Ugl – e chiederemo il rimborso degli euro che a questo punto le lavoratrici non dovevano”. “Il nostro è un sindacato giovane ma ormai presente ovunque e con cui si deve avere a che fare. Siamo collaborativi e sempre disponibili al confronto. Ma anche disposti a difendere i diritti dei lavoratori. Fino in fondo. E senza escludere, come in questo caso, l’ipotesi di portare il tutto davanti a un Tribunale”. Cosa vi aspettate? “Che simili vicende non si ripetano più”.

Evasione e furto, arrestata 25enne viterbese ad Ascoli C

apita spesso di essere orgogliosi quando a un cittadino della Tuscia vengono riconosciuti dei meriti e sale alla ribalta delle cronache nazionali. Capita, invece, a volte che questi “meriti” diventino motivo di imbarazzo. E’ quanto accade con la storia di una ragazza 25enne, P.B., originaria di Viterbo ma che da qualche anno vive ad Ascoli, arrestata l’altra sera per rapina ed evasione dagli arresti domiciliari. Dietro le azioni criminali della giovane ci sarebbe un problema di droga, che già in passato l’avevano fatta finire nei guai. La 25enne si trovava infatti agli arresti domiciliari perchè beccata dopo un precedente colpo e in possesso di sostanze stupefacenti. Forse sempre a causa della droga e della sua astinenza, P.B. l’altra sera è fuggita dagli arresti domiciliari verso le 22, mettendo in atto un nuovo piano criminale forse neanche troppo pianificato. Appena scesa di casa, infatti, la giovane ha notato le prime vittime: una coppietta di fidanzatini in macchina. Si è avvicinata scaltra e una volta aperta la portiera è scivolata alle spalle dei due. Puntando contro uno dei due giovani un coltello: “Datemi tutto quello che avete!”. La 25enne ha così messo a segno un colpo da 100 euro, ma ancora non bastavano per il suo

scopo, quindi è tornata a scivolare nella notte di Ascoli. Poco più avanti P.B. incrocia una famigliola: un papà insieme a tre bambini, di cui uno in braccio a lui. Le vittime perfette. Anche stavolta arriva da dietro e punta il coltello all’uomo, che aggiunge al bottino altri 50 euro, poi la fuga. Il colpo perfetto se non fosse che le vittime l’hanno vista bene. Hanno visto la felpa scura col cappuccio, così come gli occhiali da sole, indossati nell’oscurità quasi fossero la maschera di un’eroina del male. E, soprattutto, non potevano scordare quella lama, lunga 7 o 8 centimetri, dentellata e forata, il cui moto era scandito dalle minacce. I derubati ci hanno messo poco a chiamare il 113 e a descrivere tutto agli agenti di polizia, che in un baleno hanno fatto due conti e si sono presentati a casa della ragazza. Lei era già tornata nell’abitazione, ma gli agenti erano sicuri che fosse stata lei. Sicurezza resa ancora più evidente quando nella lavatrice hanno trovato la felpa usata per il colpo. La ragazza è stata portata in commissariato, dove i tre rapinati hanno subito riconosciuto la giovane ed è scattato l’arresto. Sulla sua testa ora pendono le accuse di rapina aggravata dall’uso di arma da taglio e di evasione dagli arresti domiciliari. (la)

La lettera di chi ne è stato vittima

Il bullismo è una piaga che tormenta i ragazzi

C La Giovane Italia interroga i cittadini sulla chiusura

Duecento firme per il centro storico P

er chiudere il centro storico di Viterbo scende in campo anche la Giovane Italia, che con uno stand ha raccolto le opinioni e le adesioni dei cittadini in merito alla questione. Un risultato eccellente quello riscosso dai giovani del Pdl, che hanno chiuso con duecento firme pro-chiusura del centro storico viterbese. “Sarà stata l’onda dell’isteria referendaria, ma la consultazione diretta dei cittadini viterbesi sulla chiusura del centro storico si è rivelata un vero successo’’. Ha commentato il direttivo della Giovane Italia al termine del lavoro in piazza. “Circa duecento aderenti al nostro sondaggio - affermano in una nota gli organizzatori del referendum - ci hanno raggiunti in piazza delle Erbe lo scorso sabato, votando e firmando in favore della nostra iniziativa. Ringraziamo quindi tutti coloro che hanno aderito, che si sono fermati a scambiare due chiacchiere con noi e ad illustrarci la loro opinione. Ci teniamo a precisare - proseguono i giovani ita-

liani - che non si è trattato di una presa di posizione del movimento giovanile a favore o contro la chiusura della viabilità, al contrario: la nostra volontà consiste proprio nel tastare il polso della cittadinanza su un tema che, prima di tutto, riguarda i giovani. Noi viviamo il centro storico la sera d’estate, sempre noi che passeggiamo con un drink in mano tra piazza delle Erbe e il Duomo, quindi noi che in prima persona dobbiamo interessarci al destino di questa travagliata vicenda. “Inoltre, la presenza del consigliere Pdl Luigi Buzzi, portavoce in Consiglio Comunale della mozione pro-chiusura, ha contribuito all’intento di mettere in relazione le istituzioni e la gente, spiegando le motivazioni che sottendono la proposta. Dato il riscontro, - conclude il circolo di Giovane Italia Viterbo - stiamo quindi considerando di continuare su questa strada e riproporre l’iniziativa a scadenze determinate, fornendo di volta in volta i risultati dei dati raccolti”.

osa potrebbe provocare il bullismo? Quali conseguenze sulla vita di una persona? Non è semplice dirlo. Soprattutto non spetta a noi farlo. Abbiamo però ricevuto questa lettera, scritta da un vetrallese. Si chiama Alessandro Ferri. Oggi è un uomo che ha superato la trentina. E la sua vicenda si svolge a Vetralla. “Vorrei dire qualcosa, in quanto ne sono stato vittima �n dall’infanzia all’asilo nido, sul fenomeno dilagante che correntemente è de�nito ‘bullismo’. Tale fenomeno non può essere circoscritto al solo ambito scolastico, seppure in età scolare inizi a manifestarsi. Esso è presente, in maniera tacita, nella vita di tutti i giorni, nei più vari settori. Dei miei ricordi porto l’esperienza ancora viva.”. eccola l’esperienza di Alessandro, descritta in ogni minimo particolare. “All’asilo ero lo scherno di tutti: venivo regolarmente picchiato nei bagni da un bambino più robusto di me. Senza contare quelle che prendevo dalle maestre. Alle elementari le cose non andarono meglio. Pochi giorni dopo l’inizio della prima classe, fui oggetto di un vero e proprio agguato poco dopo l’uscita da scuola da parte dei miei stessi compagni di classe. Tornai a casa piangendo e chiedendomi il perché di tutto ciò. A me piaceva e piace tuttora dedicarmi alle letture, studiare ed apprendere. Per farlo però dovevo sopportare angherie e soprusi. Bruciavano le mie penne, strappavano i miei qua-

derni, nascondevano in luoghi celati e sporchi il mio giubbotto, usavano tirarmi cartoccetti inumiditi di saliva e via dicendo. Non mi sono mai occupato di calcio, sport che detesto per vari motivi, e questo era già causa di scherno da parte di chi mi stava intorno, anche fuori dall’ambito scolastico. Comunque, nelle miei esperienze scolastiche sono sempre stato deriso, picchiato, umiliato. I professori non intervenivano mai con decisione per far cessare le prepotenze. Alle scuole superiori, dovevo stare attento anche quando andavo in bagno, perché era facile che mi tirassero gavettoni ed ogni tanto, non erano pieni semplicemente di ‘acqua’. A lungo andare queste esperienze negative e maligne possono provocare nel corso del tempo dei veri e propri traumi, a volte irreversibili, specie nei soggetti più deboli e più sensibili. Bisognerebbe meditare bene su tale argomento, e trovare una risposta valida e risolutiva a questa piaga vera e propria. Anche il ‘nonnismo’ militare è in un certo modo una sorta di ‘bullismo’, e spesso coloro commettono sono gli stessi ‘bulli’ che hanno iniziato alle scuole. La maggior parte di questi soprusi e violenze non vengono nemmeno denunciati dalle vittime, per la paura di ritorsioni da parte dei bulli. Il comportamento dei bulli è una vera e propria forma di delinquenza. Diciamo le cose come sono, chiamiamole col loro nome”. (DanCa)

Rubano nel cantiere di un albergo Spaccio, l’operazione Spider si chiude Due pregiudicati finiscono in manette con la condanna dei quattro imputati

R

ubano all’interno di un cantiere a Monterosi, in manette due pregiudicati. I carabinieri della stazione del comune viterbese, comandati dal maresciallo Della Corte, hanno arrestato due personaggi, già noti alle forze dell’ordine originari di Campagnano, con l’accusa di furto aggravato in concorso, in quanto la pattuglia che svolgeva attività di prevenzione per questo tipo di reati, a seguito di una segnalazione di movimenti sospetti presso il cantiere di un albergo in ristrutturazione, ha sorpreso i due intenti a portar via svariato materiale idraulico e rubinetterie, asportati dall’impianto appena terminato per la realizzazione dei bagni e delle cucine della struttura. I responsabili dopo aver

passato la notte nelle camere di sicurezza, lunedì mattina, dopo il rito direttissimo, sono stati condotti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza che si terrà il prossimo mese, mentre la refurtiva è stata sottoposta a sequestro. Inoltre dovranno rispondere dei danni arrecati alla struttura per portare a compimento la loro “opera”: circa 15mila euro il valore stimato. Più tardi i militari della stessa stazione hanno poi denunciato a piede libero un giovane del posto con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti: presso la sua abitazione i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato circa 15 grammi di marijuana pronti per lo spaccio e tre piante alte circa 30 cm.

S

i è conclusa con una condanna l’operazione Spider dei carabinieri della compagnia di Civita Castellana. Una storia che andava avanti fin dal 2005, anno in cui i militari misero in piedi una complicata rete di indagini per smantellare un’organizzazione criminale dedita allo spaccio e al traffico di cocaina. Negli ultimi giorni il processo è giunto al termine, riconoscendo colpevoli quattro pregiudicati della provincia di Viterbo. Ieri a conclusione dell’operazione i carabinieri sono tornati a Nepi, Civita Castellana, Vignanello e Vasanello per eseguire quattro misure cautelari a carico di alcuni dei responsabili dell’associazione a delinquere smantellata nel 2005. I quattro sono stati

ritenuti responsabili dei reati contestatigli e ora dovranno scontare una pena che va da 1 fino a 5 anni di reclusione in carcere nella casa circondariale di Viterbo.


& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

cronaca viterbese

5

Dopo l’addio a D’Andria il sindacato degli agenti esprime la sua preoccupazione per il futuro

Trasferito il diretto del carcere di Viterbo U

na nuova mazzata sul personale di servizio a Mammagialla, che dopo aver visto il costante sovraffollamento della struttura penitenziaria e la loro drastica riduzione a causa dei pensionamenti che non vengono reintegrati con nuovi elementi, ora vedono andarsene anche il direttore del carcere, trasferito agli uf�ci dipartimentali di Roma. Non bastavano le critiche dell’opinione pubblica, i dtenuti morti e il collega che si è suicidato in servizio. Ora gli agenti della polizia penitenziaria di Viterbo perderanno anche il direttore D’Andria. Per esternare questa loro preoccupazione gli agenti hanno scritto una nota tramite il sindacato ugl polizia penitenziaria. “Il personale, che presta servizio al carcere di Mammagialla, si è svegliato, l’altro ieri, senza direttore. L’Ugl Polizia Penitenziaria, - continua - nel salutarlo, si congratula con il dottor D’Andria, per il nuovo, improvviso e prestigioso incarico acquisito presso gli uf�ci dipartimentali di Roma. Purtroppo, però, deve sottolineare che questo trasferimento, lascia l’istituto Viterbese senza alcuna �gura

Il comportamento di lei non ha convinto

Accusato di violenza sessuale sulla convivente, assolto di EMANUELE FARAGLIA

A dirigenziale chissà per quanto tempo. E ciò accade in un periodo particolare, stante la recente “protesta paci�ca” fatta dai detenuti ivi ristretti, e la richiesta fatta da tutte le sigle sindacali di un incontro con il prefetto di Viterbo, per esporre le problematiche urgenti in tema di sovraffollamento e di grave carenza del personale di custodia. Rammenta anche,

che il periodo estivo è considerato come un “ampli�catore delle problematiche esistenti”, e con�da in un rapido incarico permanente di almeno un’altra �gura dirigenziale”. Oltre ai tanti posti di agente vacanti, per i quali i poliziotti presenti devono subire turni e orari massacranti, ora si dovrà sopportare anche l’assenza di un direttore, che speriamo

verrà nominato al più presto. La situazione a Mammagialla è sempre più drastica e insostenibile, va fatto qualcosa al più presto sia sul versante detenuti, che ormai hanno aderito in massa allo sciopero della fame, sia su quello polizia penitenziaria che è costretta a lavorare in un ambiente particolare e reso ancora più ostile dalla situazione contemporanea.

Da oggi l’ivoriano condannato per l’omicidio Mez inizierà a sostenere l’esame di stato da Mammagialla

Rudy Guede si prepara alla prima prova scritta A

Mammagialla non c’è solo sovraffollamento e problemi, c’è anche chi cerca di uscire con qualcosa in tasca. Qualcuno che condannato a scontare 16 anni di prigione ha deciso di rimboccarsi le maniche e ottenere qualcosa da tutto quel “tempo libero”. Si tratta di Rudy Guede, l’ivoriano già condannato per l’omicidio della studentessa inglesse Meredith Kercher nel 2007 a Perugia. Guede farà infatti parte dei 2500 maturandi che da questa mattina saranno alle prese con la prima prova dell’esame di Stato. L’ivoriano sosterrà la prova direttamente nel carcere di Viterbo, dove si trova da ben tre anni. Per lui l’indirizzo di studio è scienze sociali all’istituto magistrale ‘S. Rosa’. Insieme a Guede per lo stesso omicidio sono già

stati condannati in primo grado Raffaele Sollecito e Amanda Knox, il cui processo d’appello si sta svolgendo in questi giorni. Una svolta all’udienza, inoltre, potrebbe essere rappresentata proprio dall’ivoriano e da alcune sue con�denze che avrebbe fatto in cella a Mario Alessi (condannato per l’omicidio del piccolo Tommy), con il quale condivideva una stanza a Mammagialla. Pochi giorni fa Alessi è stato il teste principale dell’udienza di Perugia, raccontando alla corte la presunta storia vera di Guede, secondo la quale a uccidere la Kercher non furono Sollecito e la Knox, ma lo stesso ivoriano e un suo amico che volevano avere un rapporto sessuale a tre con lei. Durante la violenza qualcosa è andato storto e sarebbero partite delle pugnalate contro Mez. Guede

avrebbe raccontato ad Alessi che lui ha cercato di tamponare il sangue, ma l’amico gli ha detto di smettere, che li avrebbe mandati entrambi in galera. Da parte sua, però, Guede ha detto che la storia di Alessi è completamente falsa e che lui non avrebbe fatto nessuna confessione al compagno di cella.

Una storia che non è destinata a esaurirsi qui, ma che al momento l’ivoriano ha messo da parte per pensare solo allo studio degli esami. Da questa mattina Rudy Guede sarà un maturando insieme ad altre migliaia di studenti, uno dei tanti per una volta, senza essere al centro di nessuna scena. (la)

ssolto per mancanza di prove. Si è conclusa così la vicenda che vede protagonista una coppia di conviventi viterbesi nella quale lui è stato accusato di violenza sessuale per un episodio risalente al marzo del 2006. Ieri il collegio presieduto dal giudice Centaro ha dato ragione agli avvocati difensori Bandiera e Scalabrelli che nelle rispettive arringhe hanno messo in evidenza tutta una serie di incongruità emerse nel corso del processo. Che il giudizio sarebbe stato favorevole all’uomo, d’altra parte, è stato evidente �n dalla requisitoria del pubblico ministero Renzo Petroselli che pur ricordando da un lato l’attendibilità della vittima, essendo il reato consumato all’interno delle mura domestiche come spesso avviene nei reati di violenza tra �danzati, ha dall’altro sottolineato come il comportamento della donna meriti ulteriori indagini conoscitive. In effetti pare accertato che la donna subì percosse e minacce dal facoltoso compagno, tanto da recarsi in ospedale in preda al panico alle sei di mattino cercando una ginecologa che accertasse l’avvenuta violenza. Durante il dibattimento la donna ha dichiarato di non aver trovato una dottoressa in grado di visitarla, mentre dagli atti risulta che proprio in quel giorno al Belcolle era di servizio la dottoressa Virginia Paolone. Vale la pena a questo punto ricordare che dopo aver fatto una richiesta di risarcimento di circa 300mila euro la donna dichiarò di voler ritirare la denuncia. Inoltre i vicini di casa che hanno testimoniato hanno ammesso di aver più volte udito i due litigare, ma non hanno apportato elementi validi che accertassero l’avvenuta violenza. Perentoria, ovviamente, è stata la difesa della donna da parte della dottoressa Claudia Caporossi che ha dissentito da quanto

dichiarato in aula da pm e difesa, affermando che la sua assistita aveva rimesso la querela solo perché pensava che il suo compagno si fosse ravveduto. Pentimento smentito, secondo la versione della dottoressa Caporossi, dallo stesso atteggiamento dell’uomo che avrebbe proseguito con minacce e appostamenti sotto casa della donna. Ma non basta. Il fulcro della questione è stato messo in evidenza dall’avvocato Mirko Bandiera che ha spiegato: “La presunta vittima ha asserito che il compagno era ossessionato dalla gelosia e che per questo non usciva mai di casa. Proprio nella sera in questione, invece, la donna ha dichiarato di essere uscita e al suo ritorno ha affermato di aver subito la violenza. La verità è che ad essere ossessionata era la donna. Ossessionata che la sua storia con l’uomo, dopo un matrimonio �nito male, potesse fallire di nuovo. Terrorizzata dal dover tornare dai suoi ed ammettere ancora una volta un fallimento”. Ancora più incisivo l’intervento dell’avvocato Danilo Scalabrelli che di fronte ai giudici ha così difeso il suo assistito: “Non si può condannare un uomo solo sulla base di una testimonianza così incoerente. Questa persona ha continuato ad avere un atteggiamento freddo nei confronti del signor R. tanto da inviargli un messaggio di scherno del tipo ‘ci vediamo in tribunale, tanti auguri...’. In sostanza l’invenzione è dovuta a motivi economici e sociali, per questo motivo chiedo l’assoluzione perché il fatto non sussiste ed in subordine per insuf�cienza di prove”. Richiesta che è stata accolta dal collegio sulla base di quanto recita l’articolo 530 del codice di procedura penale al secondo comma: “Il giudice pronuncia sentenza di assoluzione anche quando manca la prova che il fatto sussiste, che l’imputato lo ha commesso, che il fatto costituisce reato o che il reato è stato commesso da persona imputabile”.

Nuova vittoria del fronte per il tempo pieno condotto dal consigliere del Pd Ciambella Aveva manomesso il contatore dell’Enel per ricevere energia senza pagare

Concessi altri sei insegnanti alle scuole della Tuscia Rubava corrente elettrica, in manette 37enne tunisino I

eri nuova battaglia per il tempo pieno nelle scuole e nuova vittoria del fronte dei genitori, capeggiati dal consigliere del Pd Luisa Ciambella. Questa mattina, infatti, il consigliere insieme ad una folta delegazione di genitori e sindaci dei comuni della Tuscia che hanno aderito alla campagna per salvare il tempo pieno, si sono recati sotto l’uf�cio scolastico della capitale per consegnare le oltre 5mila �rme raccolte durante questi mesi e per chiedere un incontro con il dirigente

Novelli. ‘’Sono molto soddisfatta dell’incontro con la dottoressa Novelli – ha spiegato il consigliere Ciambella – durante il colloquio io, la presidente del comitato dei genitori dell’Istituto scolastico comprensivo ‘Fantappiè’ Antonella De Cicco e il signor Rosati, segretario amministrativo della scuola primaria di Tarquinia, abbiamo spiegato le ragioni che ci hanno portato ad intraprendere questa battaglia. Lei si è dimostrata attenta e ha capito �n da subito le nostre ragioni – ha continuato Ciambella

– Dopo aver controllato le varie documentazioni siamo arrivati ad un accordo: l’inserimento di ulteriori 6/7 insegnanti”. Secondo Ciambella però, questo tipo di soluzione, non basterebbe a salvare il tempo pieno come si intende per legge, ma a potenziare il tempo prolungato. “Oggi abbiamo avuto conferma che il tempo pieno è morto in seguito ai tagli della riforma Gelmini, ma nonostante ciò noi continueremo a portare avanti la nostra campagna per il futuro della scuola viterbese’’.

I

carabinieri di Capranica hanno arrestato, nella �agranza di reato, un cittadino tunisino 37enne, domiciliato a capranica, perché ritenuto responsabile di “furto continuato ed aggravato di energia elettrica”. I carabinieri del maresciallo Bevilacqua hanno effettuato un primo accertamento sul posto, dove all’apparenza sembrava tutto in regola, nonostante questo decidevano di approfondire la vicenda perché la calotta di protezione del contatore sembrava non �ssata ermeticamente come

gli altri contatori presenti e soprattutto perché il 37enne rilasciava dichiarazioni contrastanti e contradditorie. Così il maresciallo ha deciso di approfondire gli accerta-

menti, contattando il numero verde del servizio commerciale Enel, e grazie all’aiuto dell’operatore di turno, si è appurato che l’utenza risultava già cessata. E’ stato quindi richiesto l’intervento di tecnici enel che hanno effettuato accertamenti speci�ci e hanno confermato i sospetti dei carabinieri. Risultava manomesso il contatore mediante distacco dell’interrutore interno che di fatto interdiva l’automatismo dalla centrale telematica dell’enel. Dopo le formalita di rito, l’uomo è stato portato in carcere.


politica viterbese

6

Viterbo & Mercoledì 22 Giugno 2011 AltoLazio

Il Presidente della Provincia lancia la sua sfida in vista del Consiglio di venerdì prossimo

Meroi...se non passa la nottata di DANIELE CAMILLI

L

’avevamo detto tempo fa. Quella aperta dall’Udc era solo di “carta”. La vera “crisi” è tutta interna al Pdl, si riflette nelle istituzioni che governa e prima o poi rischia di esplodere tra conflitti e scontri a cielo aperto d’ogni tipo. Forse in attesa della caduta di Berlusconi e dell’effetto domino che probabilmente produrrà. “Il Presidente del Consiglio ha rassegnato le dimissioni, esternando un malessere che è proprio, ma che è anche di questa maggioranza e frutto dello stato interno al Pdl non solo locale”. Un filotto RegioneProvincia-Comune? Non lo sappiamo, ma Marcello Meroi ‘sta volta s’è stufato, lo dice apertamente e si prepara all’assemblea provinciale del 24 giugno affilando le armi. Facendo pubblicamente sapere che, se la singolar tenzone tra le correnti non si dovesse risolvere, si va tutti a casa. Venerdì il giro di boa. E la scelta del successore di Piero Camilli assume il sapore di una vera e propria resa dei conti. Highlander, dove però non ne resterà soltanto uno. Perché se la testa del capo cade, esecutivo e maggioranza spariscono nel nulla. Dopo quindici mesi di lavoro, con la “convinzione” – come ha detto Meroi – d’averlo fatto con impegno. Ottenendo pure risultati giudicati importanti. Dal riordino della situazione dei precari alla riorganizzazione del settore. Dall’edilizia scolastica al contenimento della

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Direttore Editoriale NICOLÒ ACCAME Editore Altolazio News srl PresIdente Manfredi Genova Amministratore Delegato

Ferdinando Guglielmotti Iscrizione ROC n. 20469 Servizi grafico-giornalistici forniti dalla Coop. Ed. Gior. e Pol. GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA ROBERTO POMI DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI FULVIO MEDICI Grafici MARIO RAMUNDO Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

Marcello Meroi, Presidente della Provincia di Viterbo spesa fino al rilancio di cultura, turismo e agricoltura. “Ma in particolare, la difesa del ruolo e delle prerogative della nostra Amministrazione verso qualsivoglia altro interlocutore istituzionale, indipendentemente dalle rispettive collocazioni di parte”. Tutto fila, ma niente è in ordine. E nonostante il “buongiorno” descritto dal Presidente, la luce tarda ad arrivare. Anzi, se lo sguardo volge all’orizzonte, allora il buoi è pesto. “Oggi – sottolinea Meroi – nel momento in cui si manifesta la necessità di andare ad eleggere il nuovo Presidente del Consiglio, pare però si ripropongano antichi scenari che, chiarisco subito, non ho in alcun modo intenzione di rivivere. Non posso farlo perché credo alle Istituzioni nel loro significato più profondo, perché penso che esse debbano essere intese al

servizio di chi ci ha chiamato a rappresentarlo, perché avverto e mi meraviglierei di essere il solo a farlo, lo stato di totale distacco tra società e politica ed il legittimo senso di ripulsa che porta sempre di più i cittadini a censurare pesantemente certi comportamenti degenerativi propri del ‘palazzo’”. E chi se ne importa di riti, regole e codici della politica. Perché non è “assolutamente accettabile per chi creda ancora di rappresentare correttamente chi sta fuori di qui, e io questo credo, posticipare ad essi la incombente approvazione di un atto imprescindibile quale è il bilancio di programma. Io credo che i Cittadini non abbiano alcun interesse alle lotte politiche per l’elezione del presidente, per la nomina degli assessori, per la indicazione dei rappresentanti nelle varie strut-

ture pubbliche. Coloro che stanno fuori di qui, e che ci abbiano votato o meno comunque hanno il diritto di giudicarci, attendono da noi concretezza, operatività, impegno, attenzione, buon senso. Tutte caratteristiche che portano risultati, cioè realizzazione concreta del nostro mandato ed adempimento a quell’impegno, politico, ma soprattutto morale, che abbiamo assunto all’atto di candidarci. E l’obbligo prioritario di oggi è quello di fare il nostro dovere di amministratori corretti e responsabili, approvando il bilancio e continuando in questo difficile impegno amministrativo”. “Non ho bisogno di vivere con la politica – incalza Meroi – perché da sempre vivo del mio lavoro. Non ho certo velleità di apparire perché appaio da tempo. Ho iniziato a fare politica a 14 anni; sono stato a 19 anni il più votato tra i 134 candidati alle circoscrizioni; Sindaco di Viterbo a 37 anni; Deputato, ci tengo a sottolinearlo, eletto e non nominato, a 43: credo di aver avuto tutta la visibilità che ho voluto”. “Non devo allinearmi ai comandi del mio partito, perché non ritengo un’organizzazione politica una caserma e poi perché questo partito non mi pare possa dare ordini a qualcuno”. Quindi? “Coscienza e lealtà”. Lealtà, ma anche coscienza. E “ogni ulteriore conseguenza del caso”. Il 24 vedremo. Vedremo se si fanno le valigie o il modo in cui si resta.

La crisi interna solo al Pdl

Smetterla con le possibilità e assumersi le responsabilità

D

ire, fare, baciare. Lettera o testamento. Il Pdl ha detto, fatto e s’è lacerato. Camilli ha scritto lettera e Meroi testamento. Il bacio? Il rischio è quello della morte. Dopo 15 mesi di vita precaria, come quella di chi si pensa d’aver sistemato. In un modo o nell’altro. Oggetto del contendere. Excusatio e accusatio. Manifesta e non richiesta. In �n dei conti, una partita che è semplicemente sfuggita di mano. Il 24 giugno, la resa dei conti. E non importa se si fanno o no le valigie che poi non si faranno. Ciò che conta è il modo in cui si resta. In politica e nelle istituzioni. Marcello Meroi l’ha detto. La crisi “è anche di questa maggioranza e frutto dello stato interno al Pdl non solo locale”. “Non devo allinearmi ai comandi del mio partito – ha poi aggiunto – perché non ritengo un’organizzazione politica una caserma e poi perché questo partito non mi pare possa dare ordini a qualcuno”. Il Popolo della Libertà è al tramonto? Per alcuni dei suoi iscritti – diciamo così – probabilmente sì. Ma cosa si delinea all’orizzonte? Cosa c’è oltre le correnti e componenti di Partito? Sembra poco convincente che tutto ruoti attorno alla scelta di Staccini, Cuzzoli, Bruni, Fracassini. O al dopo Camilli. C’è qualcosa che va ben oltre. La nascita di

un nuovo Pdl (con lo stesso o un altro nome non importa). Un percorso, all’apparenza disordinato, che per la prima volta vede i territori provinciali protagonisti, perché Roma non è più capace di fare sintesi politica ed imporla. Almeno per il momento. “Io, speriamo che me la cavo”. Sembra essere questo l’incipit dell’ultim’ora. Noi, speriamo che siano all’altezza. Perché si butta solo l’acqua sporca e non il bambino. E poi, non c’è alternativa credibile. “Cose da pazzi”, è il �lm che viene in mente. Di Vincenzo Salemme. La scena �nale, in cui chiede la pensione d’invalidità per aver creduto nel comunismo ch’è fallito. Splendida la conclusione. Smettetela “con la storia delle possibilità”…e fate “quello che è nelle” vostre “responsabilità”. (Dan.Ca)

Pierluigi Bianchi commenta l’addio al Pd del sindaco di Marta L’appello fatto dal consigliere Sergio Insogna al sindaco Giulio Marini

“Preoccupante l’uscita della Catanesi” “Gli impianti sportivi non vanno alienati”

Ho letto con preoccupazione la dichiarazione con la quale il sindaco Lucia Catanesi ha annunciato la sua uscita dal Partito Democratico. In questi mesi, altri dirigenti hanno fatto la stessa cosa, ed il Partito è rimasto in silenzio, né alcuna iniziativa è stata assunta”. E’ il commento di Pierluigi Bianchi, membro del direttivo del Partito Democratico provinciale sull’uscita dal movimento del sindaco di Marta, Lucia Catanesi. “È sembrato come se, il venir meno di voci dissenzienti, anziché determinare un impoverimento del partito, sia stato accolto come una liberazione, e quelle poche voci che hanno provato a sollevare il problema, sono rimaste inascoltate o, peggio, tacciate di essere portatrici di interessi di parte. Ma ora la situazione è ancora più grave, perché Lucia Catanesi è stata sempre una grande risorsa, ed i suoi costanti risultati elettorali, ne sono riprova evidente. Spero che Lucia possa tornare sui suoi passi, e chiedo espressamente ai dirigenti provinciali di intraprendere ogni iniziativa utile, af�nché ciò avvenga. Non dovremo mai rassegnarci ad un partito che non sia la casa di tutti i democratici”.

Oggi ho appreso, nella seduta della II Commissione Consigliare, che Lei e la sua Giunta avete intenzione di effettuare l’ alienazione dell’impianto sportivo sito in Loc. S.Barbara, composto di n 4 campi di calcetto e n 2 campi da tennis con annessi spogliatoi. Esiste una delibera �rmata da lei e da tutti gli assessori, anche da quello allo sport (incredibile ), tutti tranne Zucchi, in cui si manifesta questa volontà e si descrivono i beni da alienare”. Sono le parole del consigliere Insogna, che interviene sulla questione dell’alienazione

In piazza per dire no all’arsenico

L

a federazione di Viterbo della USB aderisce all’iniziativa del Comitato “No Arsenico” e venerdì scenderà in piazza insieme ai cittadini, per sollecitare le istituzioni locali ad affrontare il problema dell’arsenico nell’acqua. Per troppo tempo la cittadinanza è stata vittima di colpevole silenzio da parte degli organi preposti alla salvaguardia della salute, nonostante dal 2001 la legge imponesse l’informazione pubblica, e soltanto grazie al rapporto dell’Associazione dei Medici per L’Ambiente

oggi è noto che nella provincia di Viterbo il contenuto di arsenico nell’acqua è abbondantemente superiore ai limiti legalmente stabiliti. Perché si è perso tutto questo tempo? Ormai tutti siamo informati sui gravi danni provocati dalla prolungata esposizione, non possiamo attendere ancora. Riteniamo che sia un diritto di ogni cittadino avere nella propria casa acqua potabile e crediamo sia arrivato il momento di ottenere risposte serie e de�nitive da parte di chi governa questa città.

degli impianti sportivi di Santa Barbara. “Le chiedo di fare un serio atto di ri�essione su questo scellerato atto che priverebbe la Città di Viterbo della proprietà di un impianto di quartiere, inserito tra l’altro in una serie di impianti sportivi comunali che caratterizzano la zona. Non condivido quanto affermato dall’Assessore Fattorini che giusti�ca la vendita con il fatto che la convenzione non produce entrate al Comune essendo il canone stabilito in euro 51,63 con scadenza 26/09/2023. Il timore fondato e concreto è che se si afferma queso principio economico ed amministrativo allora tutte le strutture comunali soggette a convenzione sono a rischio alienazione. Pensate che capolavoro! Io contesto soprattutto una �loso�a, una cultura economica e sociale che emerge da questa maldestra azione di vendita, anzi di svendita, di un impianto sportivo che è patrimonio pubblico, è un messaggio davvero singolare ed in netto contrasto con la necessità di incrementare le strutture sociali e sportive nella Città (tra le altre cose ricordo che il Sindaco nel suo programma elettorale parlava di potenziamento di dette strutture), è in clamoroso con-

trasto con l’immagine che si vuol dare di Viterbo Città Europea dello Sport (anno 2012). Ritengo sia una offesa sociale , sportiva ed umana il fatto di voler procedere a questa alienazione con motivazioni futili, pretestuose e pericolose. Sindaco la invito a metter e in campo tutta la sua passione sportiva, il suo buon senso e la sensibilità che un buon amministratore dovrebbe avere su queste questioni. Riconsideri seriamente la proposta della sua Giunta, ri�etta anche sul fatto che per fare una struttura sportiva di valenza sociale ci vogliono anni, soldi e sacri�ci, essa è un riferimento per l’attività umana, giovanile,amatoriale e ricreativa, ed anche se c’è un gestore che garantisce migliorie pagando solo 51,63 euro e magari investendo per la manutenzione e la gestione dell’impianto, non entro in merito ai guadagni della gestione, questa struttura appartiene ai viterbesi e deve rimanere nelle disponibilità e nel patrimonio comunale. La vostra �nanza creativa, - conclude Insogna - il vostro affannarsi a trovare risorse per �nanziare cosa (ancora non ci è dato di sapere e probabilmente non lo sapete neanche voi ) a volte è davvero roba da marziani!”.


& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

regione lazio

9

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx


2 8

interni provincia di roma

Viterbo & & Viterbo VenerdĂŹ1 17 Giugno2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio VenerdĂŹ


& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

attualità viterbese

9

Torna sabato uno degli eventi più attesi dell’estate con musica, spettacoli e mostre

Tutti pronti alla Notte Bianca di Viterbo G

rande attesa per questo sabato, in cui torna alla grande la Notte Bianca di Viterbo. Sabato 25 giugno, a partire dalle 21, avrà inizio la notte più lunga dell’anno. Gran parte delle iniziative in programma per l’occasione sono state illustrate questa mattina a Palazzo dei Priori dagli assessori alla cultura Enrico Maria Contardo e alle politiche giovanili Daniele Sabatini. Con loro anche gli organizzatori dei vari appuntamenti dislocati nel centro della città. “Il Comune gestisce e coordina l’intera cabina di regia della manifestazione – ha spiegato l’assessore Contardo –. Nel calendario della Notte Bianca abbiamo voluto ospitare e includere anche due manifestazioni consolidate e ben radicate sul nostro territorio come Ludika e Tuscia Film Fest. Tra le varie iniziative, ricordo a San Faustino l’Osteria con musica dal vivo, a piazza del Gesù nella prima serata, animazione e magia intratterranno bambini e famiglie, seguirà la musica della cover band dei Beatles molto apprezzata nella Tuscia e non solo”. “L’assessorato alla Politiche Giovanili – ha spiegato invece l’assessore Sabatini – ha voluto offrire alla Notte Bianca un’attiva collaborazione, promuovendo in diversi luoghi iniziative di grande interesse e soprattutto capaci di attirare l’attenzione dei giovani. In piazza delle Erbe ci sarà spazio per la musica e per lo spettacolo della cabarettista di Mediaset Laura Leo, ma anche per l’esibizione di alcune scuole di danza viterbesi che proporranno coreogra�e di danza moderna, hip pop e zumba. Non mancherà la musica revival anni’70, sempre apprezzata dal pubblico. Presso la chiesa di San Tommaso, aperta per l’occasione in orario notturno, sarà possibile visitare la mostra dedicata al ritrovamento della

tomba di Papa Alessandro IV, mentre Palazzo del Drago, la sede del nostro assessorato alle politiche giovanili e sociali, tornerà a ospitare un altro appuntamento dedicato all’arte. Si tratta questa volta di due mostre, di quadri e specchi, che propongono uno spaccato di vita sociale, dedicato ai nostri artisti”. “Nell’ambito della Notte Bianca – ha spiegato Rosario Terranova per l’associazione Culturale Sociale Siciliana Accussì – l’associazione Accussì vuole rendere omaggio e ricordare la �gura di una grande artista della Sicilia, Rosa Balistreri, che molto ha dato per la promozione della canzone popolare siciliana oltre i con�ni dell’isola. Nell’ambito della serata di sabato, a piazza San Carluccio, verranno lette anche delle poesie, mentre il maestro Giovanni Cernicchiaro accompagnerà la lettura con la sua chitarra. I brani scelti saranno eseguiti da Loredana Tamburino. Non mancheranno degustazioni di prodotti tipici siciliani”. Musica, arte e cultura saranno protagoniste in piazza Verdi con Elettrofaul. “Quest’anno – ha spiegato il patron Sario Ricci – faremo rivivere le emozioni delle sigle dei cartoni animati con gli autori e gli interpreti originali. Ospiteremo per l’occasione, con il patrocinio di Lucca Comics & Games Cartoon Heroes, un grande concerto che vedrà sul palco i musicisti autori delle sigle dei programmi per ragazzi degli anni’80. Nella seconda parte della serata interverrà la speaker radiofonica di Radio Subasio Katia Giuliani. Non mancheranno nomi noti del panorama musicale. Il tutto sarà l’ideale cornice del nostro teatro Unione che per l’intera serata sarà il vero protagonista”. Una serie di eventi saranno gestiti invece da D.E. Events. “Musica motori e sapori saranno gli elementi

che caratterizzeranno i nostri appuntamenti – ha spiegato Alessia Ercoli -. In piazza Martiri d’Ungheria ci sarà il Tuning della Tuscia e del Lazio, un importante appuntamento per gli appassionati di macchine e soprattutto dei formidabili impianti audio e luci che le contraddistinguono. In piazza Unità d’Italia si esibiranno le band Obscura e The 69 Eyes. In piazza dei Caduti verrà allestito il mercatino con articoli di artigianato, antiquariato, modernariato e enogastronomia, il tutto accompagnato dalle cover anni’70. Su via Ascenzi saranno protagoniste le moto Harley Davidson e, in�ne, in piazza del Plebiscito, ci sarà spazio per il grande spettacolo musicale con dj, vocalist e animazione, ma anche per l’esibizione di barman freestyler, campioni italiani di hip pop, nonché l’elezione della ragazza

copertina di Play Tuscia”. In piazza della Repubblica invece quattro realtà imprenditoriali viterbesi, Arqetica, Top Living, il bar Le Iene, Fiore in proporranno White Emotion. “Direttamente dalla trasmissione televisiva Le Iene – hanno spiegato Carlo Ruzzi e il giovane architetto Federico Ciatti – saranno con noi Filippo Roma e Paolo Calabresi. Sarà una serata densa di appuntamenti che si aprirà con l’esibizione di una scuola di arti marziali Aikido del Dojo Tokon e una dimostrazione di karate del Centro Sportivo Politini. Seguirà uno spettacolo di Burlesque proposto dalle ragazze del corpo di ballo Sugar Girls. Fino a tarda notte, si andrà avanti con il dj-set condotto dalla vocalist Francesca Prati e il programma di intrattenimento Night & Day con spettacoli dal vivo, musica e danza”.

Bianchini: “Questo evento dimostra i benefici che può portare la collaborazione con la Comunità Europea”

Prende vita il meeting internazionale dei giovani D

a oggi al 27 giugno si svolgerà a Viterbo il Meeting internazionale dei giovani organizzato dall’Associazione culturale e ludica la “Tana degli Orchi” nell’ambito del programma europeo “Gioventù in Azione”. A presentare l’evento, l’assessore provinciale alla Gioventù Paolo Bianchini insieme al presidente dell’associazione Claudio Bartolini e al vicepresidente Serenella Bove. Cinquanta giovani provenienti dall’Italia, dalla Francia e dall’Ungheria si incontreranno presso la Residenza Nazareth nel centro storico di Viterbo per sviluppare e attuare progetti incentrati sui giovani e la democrazia. I partecipanti si riuniranno, discuteranno fra di loro, si confronteranno, in-

contreranno i rappresentanti istituzionali locali, ripercorreranno la storia dei loro paesi con riferimento allo sviluppo della democrazia in ambito italiano ed europeo attraverso dei workshop tenuti da appositi tutor e incentrati su tematiche speci�che quali la partecipazione alla vita politica, la creatività, il volontariato ecc. E nel tempo libero avranno ovviamente la possibilità di visitare la città. “Questo evento dimostra in maniera inequivocabile come un rinnovato rapporto di collaborazione fra la Provincia di Viterbo e l’Unione Europea generi importanti bene�ci dal punto di vista promozionale e turistico per la nostra città – ha spiegato l’assessore Bianchini – questo meeting internazionale è infatti orga-

Nel match calcistico il neonato team si impone per 4-0 sui Facchini. Molte le autorità intervenute

‘Giochiamo insieme per Abio’. Vince la solidarietà C

ome inizio non c’è male. La squadra del team Abio Viterbo ha, infatti, festeggiato la sua costituzione con una vittoria sui Facchini di Santa Rosa al termine di una gara tiratissima risolta solo con la lotteria dei rigori, terminata con un netto 4 a 0. Si è conclusa in questa maniera la giornata di solidarietà “Giochiamo insieme per Abio” di sabato scorso, 18 giugno,

al campo sportivo del Barco Murialdina. L’iniziativa era stata organizzata dal comitato provinciale C.S.A In per promuovere nella cittadinanza l’attività svolta dall’Associazione per il Bambino in Ospedale Onlus (Abio) di Viterbo fondata il 30 gennaio 2011 per promuovere l’umanizzazione dell’ospedale. Abio è un’associazione di volontari che operano

presso il reparto di pediatria dell’Ospedale di Belcolle in una preziosa attività di sostegno e accoglienza dei piccoli pazienti e delle loro famiglie, al �ne di attenuare i fattori di rischio derivanti dall’ingresso in una struttura ospedaliera. I bambini - Il pomeriggio calcistico ha visto la partecipazione di molte persone, tra le quali i genitori dei bambini delle quattro rappresentative di pulcini (Asd Calcio Tuscia, Asd Barco Murialdina, Gsd Virtus Pilastro e SS Oratorio Villanova) che si sono s�date in un quadrangolare entusiasmante e divertente. Al termine della manifestazione, poi, si è svolta la cerimonia di premiazione alla quale hanno partecipato l’attore Piermaria Cecchini, il calciatore Alessandro Conticchio e la scrittrice Rossana De Marchi, tra l’altro, ospite della prossima edizione di Caffeina il prossimo 12 luglio. “Giochiamo insieme per

Abio”, insomma, è stata davvero una bella giornata resa possibile anche grazie al patrocinio convinto della Provincia e del Comune di Viterbo, della Fondazione Carivit, dell’Ambiente Acli Anni verdi, della Giovane Tuscia, del Coni di Viterbo e del Comitato nazionale italiano Fair play. Un ringraziamento particolare va in�ne al Sodalizio di Santa Rosa per aver aderito all’invito e, quindi, al messaggio di solidarietà che i volontari di Abio rivolgono a tutto il Viterbese. I piccoli pazienti di Belcolle hanno bisogno di affetto e di attenzioni. Chi può, si faccia avanti. NELLE FOTO A sinistra Stefano Chiarabini del team dell’Abio, a destra sopra Mario Andreoli riceve il premio per i Facchini di Santa Rosa e sotto il calcio d’inizio con il “grande” Rodolfo Valentini che con piacere abbiamo rivisto in azione con la formazione dei Facchini di Santa Rosa.

nizzato grazie al contributo dell’Agenzia nazionale Giovani della Commissione Europea, e del Ministero della Gioventù che può contare sul ruolo forte e determinante di Mauro Rotelli, consigliere del ministro Giorgia Meloni. Anche la Provincia naturalmente è parte integrante di questa �liera che, partendo dal territorio arriva �no a Bruxelles offrendo straordinarie opportunità progettuali per la crescita e lo sviluppo del territorio. Questi giovani soggiorneranno per sei giorni a Viterbo e oltre a discutere di come rendere più forte la democrazia e la partecipazione dei giovani alla vita politica e istituzionale, avranno l’opportunità di visitare il capoluogo della Tuscia. Ringrazio l’Associazione “Tana

degli Orchi” per l’ottima organizzazione”. Il presidente Bartolini ha puntato l’attenzione sull’aspetto formativo del meeting: “Siamo riusciti a trasformare il meeting in un evento di livello internazionale perché consideriamo fondamentale il confronto fra realtà nazionali diverse. Siamo davvero contenti di poter ospitare quest’anno i ragazzi ungheresi, visto che proprio l’Ungheria è uno dei paesi europei che ha più lottato per conquistare la democrazia. Mettendo in relazione i differenti percorsi storici che hanno consentito la conquista della libertà e dei diritti, passeremo poi a confrontarci sui metodi migliori per promuovere la partecipazione e la più ampia inclusione sociale”.


provincia di Roma

10

Viterbo & Mercoledì 22 Giugno 2011 AltoLazio

TREVIGNANO - La nuova sede del prestigioso festival si sposta tra Frascati e Rocca Priora

La ‘Cittadella del Corto’ trasloca di SARAH PANATTA

L

e idee soffiano altrove e la cultura le segue, così i piccoli Comuni de-crescono e perdono attrazioni. CAMBIAMENTO RADICALE Giunto alla sua XXVII edizione l’ormai famoso festival di cortometraggi internazionali “La Cittadella del Corto” cambia sia la sede che la direzione artistica. Il festival si sposta da Trevignano, sua sede originaria, che lo ha accolto per anni presso il Cinema Palma, importante centro di produzione e incontro culturale del lago di Bracciano, ai comuni di Frascati e Rocca Priora (ad una ventina di minuti di macchina dalla capitale). Un nuovo gruppo di giovani, sotto i 35 anni, ha preso in mano le redini della kermesse, raccogliendo l’eredità dello storico direttore William Azella, e ha rivoluzionato la linea editoriale verso l’innovazione, puntando, come dicono gli organizzatori, “all’originalità di pensiero e alla qualità del prodotto

cinematografico”. DAL PICCOLO COMUNE ALLE PORTE DI ROMA Non più le sale raccolte ma ariose del Palma ma multisala e grandi scenografie architettoniche. Non più la provincia arroccata nel suo elitario verde, bensì località estive alle porte di Roma, altrettanto suggestive ma logisticamente, forse, più agevoli. Così la manifestazione, che avrà luogo dal 7

al 10 luglio, si rigenera e si rifonde di una nuova sezione dedicata al mondo femminile. Parallelamente alle proiezioni delle pellicole di tutte le sezioni del Festival, che avranno luogo nel cinema multisala Politeama di Frascati, all’interno del Castello di Rocca Priora si terranno le proiezioni dei corti nazionali in concorso e delle retrospettive in programma. Brioso e transdisciplinare il percorso collaterale all’iniziativa, che

prevede conferenze con professionisti dello spettacolo, workshop di sceneggiatura, regia, recitazione e costume negli spazi delle Scuderie della Villa Aldobrandini (Frascati) e del Castello di Rocca Priora. Altra novità sarà il decisivo gemellaggio con la nascente Scuola Provinciale d’Arte cinematografica Gian Maria Volonté, diretta da Daniele Vicari e Valerio Mastandrea.

TRE CONCORSI Il Festival vero e proprio si articolerà in tre parti: 1) un Concorso Internazionale, riservato a cortometraggi che arrivano da ogni parte del mondo; 2) un Concorso Nazionale, riservato ai corti italiani prodotti dal 1° Gennaio 2010; 3) “Heavenly Creatures”, sezione dedicata a cortometraggi nazionali e internazionali realizzati da registe donne (realizzati a partire dal 2009). Un’iniziativa che attira giovani menti e alcune tra le più brillanti maestranze del cinema (non solo di nicchia) italiano ed internazionale. Per Trevignano un’occa-

sione d’oro sprecata, sfumata per diverse ragioni. Certo la virata artistica e il trasferimento del centro direzionale a Roma hanno condizionato drasticamente l’organizzazione dell’evento, come del resto i consueti fattori economici, le sponsorizzazioni e gli appoggi dalle istituzioni locali. Probabilmente una nuova vicinanza e una più osmotica partecipazione dell’amministrazione comunale al respiro culturale del paese favorirebbe Trevignano, e una mediazione diversa da parte delle istituzioni impedirebbe o almeno tamponerebbe le emorragie di vitalità, che si riversano sulla socialità e sul turismo.

L’EVENTO - Un successo l’iniziativa della Banca di Credito Cooperativo

Premiati i talenti locali

di BRUNA DI BERARDINO

L

a premiazione del concorso di disegno indetto in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia che ha coinvolto le quinte elementari delle scuole del territorio, si è conclusa con successo. L’iniziativa, organizzata dalla Banca di Credito Cooperativo, s’inserisce in quelli che sono i principi di socialità, mutualità e bene�cenza della banca stessa. Un grande impulso alla BCC è stato dato dai Comitati Locali che sono organismi composti da soci attivi e rappresentativi delle diverse comunità. Lo spirito che li anima è nato con l’obiettivo di perseguire il miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche del territorio in cui operano. Su queste basi è stato ideato il concorso che ha visto la partecipazione di tanti studenti. Tra i disegni realizzati sono stati scelti quelli più signi�cativi, che saranno utilizzati per realizzare il calendario della BCC del 2012. Il presidente Francesco Gori ha donato una targa ricordo alle scuole che hanno aderito all’iniziativa, mentre

i componenti del Comitato Locale, insieme ai direttori delle �liali delle singole cittadine hanno consegnato un diploma commemorativo ed un libretto di deposito di risparmio, sul quale sono stati accreditati 100 euro. Il signor Luigi D’Antonio e il direttore Camillo Berti, hanno premiato Bertipaglia Nicolò, Gajano Elena, Galanti Maria Vittoria e Piernovelli Matteo della scuola “Tittoni” di Bracciano. Il signor Bruno Ciani con il direttore Fulvio Feliziani, hanno premiato i ragazzi della scuola I. C. Don Milani - Casetta Mattei, di Cerveteri, Luciano Katia, Tavi Ludovica, Vergari Francesco. Le alunne Perilli Angelica, Riccobello Giorgia, Timofte Alexandra, del 1° circolo didattico di Civitavecchia sono state premiate dal signor Mocci Luciano e dal direttore Giampiero Galli. Cioloca Daniel, Di Chio Daniele, Gallozzi Francesca, Passerini Letizia, del 240° circolo didattico di Ladispoli sono invece stati premiati dal signor Francesco Fantozzi e dal direttore Fulvio Feliziani.

Ā‫؀଀؀‬ఀȀ଀ഀĀĀ฀‫؀‬Ȁ

਀଀Ԁ̀ЀȀऀఀഀ฀฀ༀ ༀഀऀȀကȀఀ਀ЀȀ‫؀‬Ѐ̀ഀက̀‫؀‬ЀԀഀᄀᄀሀȀ‫܀‬ఀጀЀ᐀ᔀЀࠀᘀကఀ਀ЀᜀጀᔀЀԀഀᄀЀ‫܀‬ഀ᠀਀ᄀȀऀഀကఀ਀ЀԀ‫؀‬Ѐ ഀ‫᠀਀܀‬Ȁᤀ‫਀؀‬ကഀЀԀഀᄀᄀȀЀᨀ਀ကԀȀᤀ‫਀؀‬ကഀᬀ ကᄀऀऀ Āሀጀ᐀ᄀᔀᘀሀጀᜀऀऀ ᠀ᄀᤀᤀᄀऀऀ ᐀ᘀऀऀ ᨀᘀᤀᬀᄀᰀᴀᘀሀऀऀ ᐀ᘀऀऀ ᠀ᘀḀᘀἀᄀḀᜀ !ᘀᄀᔀЀЀ ᰀᴀḀḀሀἀ !"#$ЀЀ %ᴀḀḀሀἀ##"&"#'ЀЀ "(#"#)*"$ᰀἀḀᴀЀЀ +ᴀ,Ѐ Ḁሀᴀ(ᴀ,-"*"$Ѐ./00ᔀЀ1ἀЀ(#ἀᰀ*"ἀ#$ЀḀἀЀ($ ἀЀ-$ +Ḁᴀ(("&ἀЀ%"Ѐࠀ"ᰀሀऀ#$ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ'ऀ%ἀЀἀ((ᴀ2ᰀἀ,ᴀЀἀЀ+,$2ᴀ##"Ѐ ᴀ%"ἀᰀ#ᴀЀ !ἀᰀ%$ᔀЀἀЀ3+,$2ᴀ##"Ѐᴀ%Ѐ"ᰀ"*"ἀ#"&ᴀЀ%"Ѐ#ᴀ,*"4Ѐ%ἀЀ,ᴀἀḀ"**ἀ,ᴀЀᰀᴀḀЀ#ᴀ,,"#$,"$Ѐ%ᴀ"Ѐ-$ )ᰀ"Ѐ%"ЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀᔀЀȀḀḀ) "ᴀ,ᴀᔀЀ Āᴀ,&ᴀ#ᴀ,"ᔀЀ ᄀἀ%"(+$Ḁ"ᔀЀ ऀἀᰀ*"ἀᰀἀᔀЀ ऀ$ᰀ#ἀḀ#$Ѐ %"Ѐ Āἀ(#,$ᔀЀ ̀ἀᰀ#ἀЀ ऀἀ,"ᰀᴀḀḀἀᔀЀ ఀἀ,5)"ᰀ"ἀЀ ᴀЀ ఀ$Ḁ6ἀᔀЀ +ᴀ,Ѐ ḀᴀЀ 6"ᰀἀḀ"#'Ѐ ᴀЀ -$ᰀЀḀἀЀ,"+ἀ,#"*"$ᰀᴀЀ%"Ѐ(ᴀ2)"#$Ѐ"ᰀ%"-ἀ#ᴀ7

In�ne la scuola Istituto Comprensivo di Manziana ha visto premiati Bancone Andrea, Natali Claudia, Saltalamacchia Chiara, Sbaffoni Alessandro dal signor Luigi D’Antonio e dal direttore Biagio Lisi. Grande soddisfazione è stata espressa anche dagli insegnati dei diversi istituti, che hanno voluto sottolineare l’importanza di tali iniziative come valido strumento educativo e come espressione di cooperazione per la crescita del territorio.

Tentato omicidio e rapina, fermati tre romeni

I

carabinieri della Stazione di Roma Ponte Galeria e quelli della Stazione di Campo di Mare, nel corso di una mirata attività investigativa, hanno fermato tre cittadini romeni di 36, 29 e 21 anni, ritenuti autori di una rapina perpetrata a tre prostitute il 17 giugno scorso, sulla via Aurelia, a Roma all’altezza di Casal Lumbroso. Nel corso di un blitz, scattato in un immobile nelle campagne di Cerveteri per fermare due dei tre rapinatori,

nel vano tentativo d’impedirne l’ingresso è stato esploso un colpo d’arma da fuoco contro i Carabinieri, per fortuna senza riuscire a colpirli. All’esito di una breve colluttazione i due sono stati bloccati. I tre arrestati, tutti con precedenti, sono indiziati, a vario titolo, di rapina, sfruttamento della prostituzione, resistenza a pubblico uf�ciale e tentato omicidio, detenzione di arma clandestina e di documenti d’identità falsi.

ĀȀ̀ЀԀ‫܀؀‬Ȁ̀ࠀऀĀȀ̀̀ȀЀԀ‫؀‬Ѐ‫ࠀ̀؀܀‬Ȁ‫਀؀ऀ܀‬ЀԀ‫؀‬Ѐ

(ᜀἀἀሀᰀᜀऀऀऀ ࠀ᐀" ᄀᔀᘀሀጀᜀ&ऀऀऀ ‫܀‬ᤀἀᰀ"ᔀᘀሀጀᜀऀऀऀ ᜀ Āሀᰀᴀᄀᔀᘀሀጀᜀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀ(ᄀ*"ἀᜀऀ+",,*ᘀ ᄀ&ऀ-ᜀ᐀ᘀ ᘀጀᄀऀ ᬀᰀᜀḀᜀጀἀᘀḀᄀऀᜀऀᰀᘀᄀ,ᘀ*ᘀἀᄀἀᘀḀᄀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀԀᰀἀᜀ&ऀԀἀἀᘀḀᘀἀ.ऀᜀऀ଀ᜀጀᘀऀ "*ἀ"ᰀᄀ*ᘀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀऀ /ሀ*ሀጀἀᄀᰀᘀᄀἀሀ&ऀऀ 0ᘀ*ᄀጀἀᰀሀᬀᘀᄀऀऀ ᜀऀ ,ᜀጀᜀ0ᘀ ᜀጀᔀᄀ ࠀ"ᰀሀ 1ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀ ᨀᘀ ᜀᰀ ᄀ ( ᘀᜀጀἀᘀ0ᘀ ᄀ ᜀ 2ᜀ ጀሀ*ሀ3ᘀ ᄀ ࠀ"ᰀሀ ฀ഀഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀ Ԁᤀᤀᘀᤀἀᜀጀᔀᄀ ᄀ3*ᘀ ᄀጀᔀᘀᄀጀᘀ ࠀ"ᰀሀ ฀ഀഀ%ഀഀഀ&ഀഀ ऀ ऀऀऀ ऀऀऀऀᴀᄀᤀᤀᘀᴀሀ ऀऀऀ ऀ5ᘀᴀᬀሀᰀἀሀ ऀऀऀ ऀऀऀ 4 ऀ %ऀऀऀऀ฀ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ ऀऀऀ ऀऀऀऀऀऀ ᴀሀ ऀ ऀऀऀऀ᐀ᘀऀ ᘀऀऀऀऀ ऀऀऀ ऀᴀᄀᤀᤀ ᰀἀሀऀऀऀ ऀऀऀऀ ऀऀऀ ሀ ऀᘀᴀᬀ ऀऀऀ ऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀऀ"ጀ ऀऀἀሀ ᄀ ऀऀऀ ऀᜀᰀሀ3 ऀऀऀ ऀऀऀ ऀᜀᤀᤀᜀᰀᜀ ऀऀऀ ऀऀऀ ऀऀऀऀᬀሀἀᰀ. ऀऀऀ ऀᬀᰀሀ3ᜀἀἀሀ ᘀᄀᤀ "ጀऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀऀऀऀऀ ऀऀ +ᜀᰀ ᜀ᐀ᘀ,ᘀ*ᜀ6ऀऀ%ऀ ऀऀ !ᘀऀऀऀऀ ᰀᘀ 4%฀ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ% ᐀ᘀऀऀऀ ऀᤀሀᬀᰀᄀᘀጀ᐀ᘀ ᄀἀሀऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀ7"ᜀ**ሀ ऀᤀऀऀ"ᬀᜀᰀᘀሀᰀᘀऀᄀ ऀऀ ऀऀ ऀᰀᘀ !ᘀᜀᤀἀᜀऀ ሀጀऀᘀᴀᬀሀᰀἀᘀ ऀ*ᜀ ऀऀ (ᄀᰀᄀጀጀሀऀᰀᜀᤀᬀᘀጀἀᜀ

ᄀἀЀ +,ᴀ(ᴀᰀ#ἀ*"$ᰀᴀЀ %ᴀḀḀᴀЀ ,"-1"ᴀ(#ᴀЀ %$&,'Ѐ ἀ&&ᴀᰀ",ᴀЀ #,ἀ "#ᴀЀ Ḁἀ Ѐ -$ +"Ḁἀ*"$ᰀᴀЀ %"Ѐ )ᰀ Ѐ 3(-1ᴀ%ἀ4Ѐ -1ᴀЀ " Ѐ ($22ᴀ##"Ѐ "ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"Ѐ#,$&ᴀ,ἀᰀᰀ$Ѐ%"(+$ᰀ"!"ḀᴀᔀЀ)ᰀ"#ἀ ᴀᰀ#ᴀЀἀḀЀ-$ᰀ#ᴀᰀ)#$Ѐ-$ +Ḁᴀ#$Ѐ%ᴀḀ Ѐ!ἀᰀ%$ Ѐ./00ᔀЀ+,ᴀ(($ЀḀἀЀ(ᴀ2,ᴀ#ᴀ,"ἀЀ %ᴀḀḀἀ Ѐ ᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀ ЀĀἀ,"-"&ᔀЀ ("#ἀ Ѐ"ᰀЀ ଀"ἀ Ѐ‫("܀‬$,2" ᴀᰀ#$ᔀ Ѐ890. Ѐ:Ѐ Ā"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀᔀ Ѐἀ+ᴀ,#ἀ Ѐ"ḀЀ Ḁ)ᰀᴀ%;ᔀ Ѐ ᴀ,-$Ḁᴀ%;Ѐ ᴀЀ ЀЀᴀЀЀЀ ᰀ ЀЀ ЀЀ $ᰀ%ἀ*"$ ᨀ ЀЀᴀЀЀḀЀЀЀЀḀЀἀЀЀЀ ЀЀ % ,ᰀᴀ#ЀЀ ЀЀ ("#$ Ѐ "ᰀ#ЀЀᴀЀЀЀ "ḀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀ$ % &ᴀᰀᴀ,%;Ѐ %ἀḀḀᴀЀ $,ᴀЀ <ጀ// Ѐ ἀḀḀᴀЀ $,ᴀЀ 0.ጀᜀ/ᔀЀ $Ѐ -$ᰀ()Ḁ#ἀᰀ ЀЀ ЀЀ#ЀЀጀ ЀЀጀ" "-"& ЀЀ ,ЀЀЀЀ ЀЀᴀ-ἀ ᰀ ЀЀ ===ጀ6$ᰀ%ἀ*"$ ЀЀ ЀЀ,"ጀ ЀЀ $ Ѐ(ЀᴀЀЀ## "Ѐ"ЀЀЀ #Ѐ)##ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ +ᴀ, ЀЀ฀ऀ ЀЀ ऀऀ ฀ ऀЀЀఀഀ ЀЀ ऀऀ ЀЀऀЀЀက89က‫܀‬Ȁ Ѐ>ЀḀ Ѐ ሀЀЀ฀Ѐ฀ ЀЀ4ЀЀЀЀЀ $ ЀЀ Ѐ3Ѐ!ἀᰀ% ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ#ᴀ ᴀ(ᴀᰀ Ѐ+Ѐ,ЀЀЀЀ ᴀЀЀḀЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀ %ᴀᰀ*ἀЀ% Ѐ(Ѐ-ἀ Ѐ%Ѐ"ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ,ЀЀЀЀ "ᰀᴀ ЀЀ ‫؀‬ḀЀЀ#ЀЀЀᴀЀЀЀ ‫؀‬Ѐ($22ᴀ##"Ѐ"ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"ЀἀЀ,"-1"ᴀ%ᴀ,ᴀЀḀሀἀ((ᴀ2ᰀἀ*"$ᰀᴀЀ%"Ѐ6$ᰀ%"Ѐ+ᴀ,Ѐ"ḀЀ6"ᰀἀᰀ*"ἀ ᴀᰀ#$Ѐ%"Ѐ+,$2ᴀ##"ЀЀ,"6ᴀ,"!"Ḁ"Ѐἀ"Ѐ(ᴀ##$,"Ѐ ()%%ᴀ##"ᔀЀ %ᴀ!!$ᰀ$Ѐ "ᰀ&"ἀ,ᴀЀ ḀᴀЀ Ḁ$,$Ѐ ,"-1"ᴀ(#ᴀᔀЀ ᴀ(-Ḁ)("&ἀ ᴀᰀ#ᴀЀ #,ἀ "#ᴀЀ ,ἀ--$ ἀᰀ%ἀ#ἀЀ +$(#ἀḀᴀЀ -$ᰀЀ ἀ&&"($Ѐ %" ,"-ᴀ&" ᴀᰀ#$ᔀЀ"ᰀ%","**ἀᰀ%$ḀᴀЀἀ7 ᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀЀĀἀ((ἀЀ%"Ѐ‫("܀‬+ἀ, "$Ѐ%"ЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀЀ଀"ἀЀ‫("܀‬$,2" ᴀᰀ#$ᔀЀ8?0/?0.Ѐ:Ѐ///@ᜀЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀЀༀ‫ऀ܀‬ᬀጀ ଀ᄀጀ᐀ሀऀఀഀ฀฀ऀ:ऀ ሀጀऀᘀጀ᐀ᘀ ᄀᔀᘀሀጀᜀऀ᐀ᜀ*ऀᤀᜀἀἀሀᰀᜀऀ᐀ᘀऀᄀᬀᬀᄀᰀἀᜀጀᜀጀᔀᄀऀ᐀ᜀ*ऀᬀᰀሀ3ᜀἀἀሀ% Ѐᰀ$ᰀ Ѐ Ѐ ЀᴀЀ ЀЀЀ ЀЀЀ Ѐ"ᰀ%"-ἀ#$ Ѐ ЀЀЀ Ѐ($+,ἀ Ѐ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀᴀḀḀ$ Ѐ5Ѐ ) Ѐ%Ѐ ἀЀЀЀЀЀ ЀЀЀ Ѐ%"&ᴀ,($ Ѐ Ѐ ЀЀЀЀЀ $%$ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ"ᰀ ЀЀ"#ᴀ Ѐ(+ᴀ Ѐ % ЀЀᴀЀЀЀЀЀ ἀᰀ% Ѐ%$ Ѐ ЀḀᴀ Ѐ ЀЀЀ ἀ*"$ᰀᴀЀЀЀ ,ЀЀЀЀ Ѐ Ѐ ЀЀЀЀ-$ᰀ("%ᴀ ᴀ(ᴀЀЀЀЀ"ᰀ ЀЀЀЀ+Ѐ ,ЀЀЀЀ Ѐ က$ᰀ ЀЀ ЀЀЀЀ(ἀ,ἀᰀᰀ$ ,ЀЀ +ЀᴀЀЀЀЀ Ѐ%ἀ#ἀ Ѐ ЀЀЀЀ #ἀЀЀЀ ᴀ%ᴀ#ЀЀЀЀ Ѐ+Ѐ,ЀЀЀЀ ḀἀЀЀЀ ЀἀЀḀЀЀЀЀ ᰀ#ᴀЀЀЀ ЀЀ ᴀЀЀЀЀ ЀЀ ()Ѐ -ЀЀᴀ(("&ἀ #ᴀЀЀЀЀ "ЀЀЀЀ Ѐ(+ᴀ% Ѐ ЀЀ ḀЀЀᴀЀЀЀЀ ЀЀᴀḀ Ѐ5Ѐ) ЀᴀЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ*ἀ ЀЀᴀЀЀᰀ ЀЀ ᰀ Ѐἀ++ Ѐ ἀЀЀ,#ᴀ Ѐ%" Ѐ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ #ЀЀ#Ѐ$Ѐ,ᴀ (ЀᴀЀЀЀЀ Ѐ%ЀᴀЀЀḀЀЀЀЀ ЀЀЀ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀ ἀЀЀ*"$ᰀ" ЀЀ"Ѐ"ᰀ Ѐ% Ḁᴀ Ѐ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ ЀЀᴀᰀ#" ᰀ ЀЀ -$ᰀ#ᴀ ᴀጀ ЀЀ ḀЀЀЀЀ Ѐ+$( Ѐ #ἀ Ѐ#Ѐ"ЀЀЀ !,$ЀЀЀ Ѐ"ḀЀ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ Ѐ6ЀᴀЀЀ%ᴀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ 6ЀЀἀЀ,' ЀЀЀ ἀḀᴀЀ ЀЀ ЀЀ5) Ḁἀ ࠀᴀ,Ѐ #)##"Ѐ "Ѐ -1"ἀ," ᴀᰀ#"Ѐ "ᰀЀ $,%"ᰀᴀЀ ἀḀЀ -$ᰀ#ᴀᰀ)#$Ѐ %ᴀḀЀ !ἀᰀ%$Ѐ ᴀ%Ѐ ἀḀḀᴀЀ ,ᴀḀἀ#"&ᴀЀ +,$-ᴀ%),ᴀᔀЀ "Ѐ ($22ᴀ##"Ѐ "ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"Ѐ +$(($ᰀ$Ѐ,"&$Ḁ2ᴀ,("ЀἀḀḀἀЀ(ᴀ2,ᴀ#ᴀ,"ἀЀ%ᴀḀḀἀЀᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀЀἀḀЀ#ᴀḀᴀ6$ᰀ$ЀᰀጀЀ/᐀AAጀᜀB.<᐀Ѐ:Ѐ/᐀AAጀ.@0᐀.ጀ ᨀ਀ကԀȀᤀ‫਀؀‬ကഀЀĀጀ‫܀‬ጀЀĀ‫؀‬Ā‫؀଀؀‬ఀȀ଀ഀĀĀ฀‫؀‬ȀЀ ‫؀‬ᄀЀࠀ‫܀‬ഀ̀‫؀‬Ԁഀကఀഀ

Ȁ&&ጀЀ଀"ᰀ-ᴀᰀ*$ЀĀἀ--"ἀ2Ḁ"ἀ


& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

litorale viterbese

11

TARQUINIA - L’università Agraria inoltra protesta formale sullo stato di abbandono dell’ex caserma e della pineta

L’Agenzia del Demanio resta a guardare di VALERIA SEBASTIANI

È tempo che l’Agenzia del Demanio si prenda le proprie responsabilità. Ogni anno ci troviamo davanti allo stesso desolante problema legato all’incuria di fondi ed immobili che è chiamata a gestire. Costanti i danni che siamo costretti a subire come confinanti, ora basta. Un comportamento incomprensibile che rischia di essere pericoloso per la pubblica incolumità e per l’igiene pubblica”. Così Pierangelo Conti, vicepresidente dell’Università Agraria, sulle annose questioni: la pineta sita in località San Giorgio, confinante con quella di proprietà dell’Università Agraria, e lo stato di degrado in

cui versa il palazzo ex caserma della Finanza in via della Salute. Entrambe le proprietà appartengono all’Agenzia del Demanio e non all’Università Agraria ma questo la maggior parte della popolazione non lo sa e ritiene l’ente responsabile delle situazioni di abbandono. Un danno di immagine che non trova soluzione. “Abbiamo inoltrato formale protesta nei confronti della predetta agenzia-spiega Conti- La pineta di San Giorgio nella parte demaniale, è priva di difese e facile accesso per campeggiatori irregolari che di fatto danneggiano l’intera area, cumuli di rifiuti e scarichi abusivi sono ormai routine in questo periodo dell’anno, per non parlare

Il 28 giugno concerto della Charlottesville Orchestra

A Santa Maria in Castello musica d’alta scuola

L Sopra, l’ex caserma; sotto, a sinistra, Pierangelo Conti del rischio incendi, l’altrui incuria rischia di mandare in fumo ettari ed ettari di pineta che appartengono a tutti i cittadini di Tarquinia. Una vera emergenza ambientale, vista la vicinanza dell’Oasi delle Saline e delle aree di nidificazione delle “Garzetta”. Peraltro sull’area demaniale è presente fabbricato pericolante, non segnalato e recintato, luogo pericoloso e non di rado oggetto di ricoveri di fortuna. Nonostante sopraluoghi congiunti, richieste di assegnazioni e permuta, silenzio tombale da parte dell’Agenzia del Demanio e ogni anno i soliti problemi nel convincimento sbagliato da parte

dei cittadini peraltro che l’intera area sia dell’Università Agraria. Destino assimilato a quello della ex Caserma della Finanza. Premesso la presenza di animali morti, e ratti nei locali siti in via della Salute, appare preoccupante lo stesso stato dei luoghi e la loro stabilità, compreso quello della cornice ultima testimonianza dell’appartenenza del Palazzo ai Vipereschi. Le lettere sin qui inviate non hanno avuto riscontro, ma urge un intervento risolutore prima che sia troppo tardi,conclude il vicepresidentenon si possono dilapidare simili patrimoni solo perché gestiti in maniera impropria da chi non li conosce”.

a chiesa di Santa Maria in Castello ospiterà martedì 28 giugno, alle ore 21.30, il concerto (ingresso gratuito) della Charlottesville High School Orchestra. L’iniziativa è promossa dall’assessorato allo Spettacolo del Comune di Tarquinia, in collaborazione con la STOP IN ITALY Tour Operator. «Un evento da non L’assessore Giancarlo Capitani perdere. – afferma l’assessore Giancarlo Capitani – Nella in Virginia nel 1982 con otto suggestiva cornice della chiesa musicisti e, sotto la guida di di Santa Maria in Castello gli Laura Mulligans Thomas, spettatori potranno ascoltare cresce �no a raggiungere i 140 le note di altissima qualità membri attuali, con un’eccelsinfonica di un’orchestra che lente reputazione a livello unisce musicisti affermati e nazionale e internazionale, otstudenti universitari di grande tenendo importanti premi in talento. Invito quindi i citta- festival musicali statunitensi dini tarquiniesi a partecipare ed europei: New York, Chicanumerosi». La Charlottesville go, Atlanta, Boston, Orlando, High School Orchestra nasce Dallas, Londra e Vienna.

TARQUINIA - Presentata l’ Infiorata 2011. Il percorso interesserà anche via Mazzini MONTALTO - La Pro Pescia tira le somme della sagra di maggio

Tutto pronto per la lunga notte dei fiori L’asparago? Un business che funziona L

P

er la festa del Corpus Domini torneranno il fascino e la suggestione di “In�orata 2011 – La lunga Notte dei Fiori”. Il programma della nuova edizione è stato illustrato il 20 giugno nella sala consiliare del palazzo comunale dal sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola e dall’assessore al Turismo Sandro Celli. Saranno 17 i gruppi coinvolti nella creazione dei tappeti �oreali, che abbelliranno piazza Giacomo Matteotti, piazza Nazionale, corso Vittorio Emanuele II, via Giuseppe Mazzini (per la prima volta) e piazza Duomo, per il passaggio della processione. Il 25 giugno, dalle ore 18, si svolgerà la selezione e la “capatura” dei �ori e delle essenze vegetali. Dalle ore 21 avrà luogo la riquadratura a terra degli spazi e la creazione dei disegni, a cui seguirà la posa dei �ori �no a tarda notte. Principale novità sarà la presenza in piazza Giacomo Matteotti di un grande mosaico di �ori composto da 17 tessere, ognuna realizzata da un gruppo. «L’In�orata è una delle manifestazioni più caratteristiche di Tarquinia. – ha dichiarato il primo cittadino – La bellezza e la complessità delle opere che saranno esposte dimostra l’impegno e il talento artistico degli in�oratori e la loro voglia di far continuare a vivere una tradizione importante». «Ci aspettiamo una grande af�uenza di pubblico. – ha affermato l’assessore Celli – L’In�orata è un evento che unisce tradizione popolare, folclore e sentimenti religiosi. Fa parte della storia della

Mazzola e Celli consegnano la targa ricordo ai vincitori della precedente edizione; sotto la scultura di Calandrini città ed e’ un momento aggregante imperdibile. Ringrazio tutti i volontari che parteciperanno alla manifestazione e invito tutti i cittadini tarquiniesi a essere presenti sabato sera». Al termine della presentazione il premio vinto nel 2010 dall’associazione Cavalieri della Civita, per il tappeto �oreale più bello, è stato riconsegnato all’Amministrazione, che ha donato una targa ricordo. Lo stesso premio, una scultura raf�gurante una donna con dei �ori in grembo, dell’artista Giovanni Calandrini, sarà nuovamente messo in palio.

’associazione Pro Pescia Romana, che ha organizzato la Sagra dell’asparago verde, tira le somme. La manifestazione culturale enogastronomica, avvenuta il 29 maggio scorso, ha avuto un grande successo. Oltre millecinquecento persone sono giunte a Montalto per l’evento. La sagra, ormai giunto alla sua 8° edizione, rappresenta la massima rassegna cittadina e con i suoi valori civici d’identità territoriale e di valorizzazione delle tradizioni storico-sociali, ha inciso sullo sviluppo socio-economico e culturale non solo di Montalto di Castro, ma anche di tutto il comprensorio. La grande novità di quest’anno è stata l’installazione di un grande stand gastronomico dove si è potuto gustare piatti realizzati con maestria da Nino D’Agostino, professore di cucina e dai suoi allievi dell’istituto alberghiero I.P.S.E.O.A. di Montalto di Castro. Gli studenti hanno preparato per i tre giorni della sagra più di duemila coperti utilizzando ben 500 kg di asparagi freschi, cucinati nei più svariati modi, non ultimo il pane ed il “gelato all’asparago” apprezzati dai turisti presenti. Oltre all’oro verde di

Sopra, la band dei Frozen Flowers; sotto, la locandina dell’evento Montalto, erano presenti prodotti artigianali ed enogastronomici locali e nazionali esposti sulle bancarelle per le vie della cittadina maremmana. Anche la musica ha fatto la sua parte, durante le serate del fine settimana si sono esibiti alcuni gruppi musicali, tra cui “I Doppio Senso” - la cover band di Vasco Rossi - “Le Irritazioni” con la partecipazione di Alina, seconda classificata al festival di San Remo nel 2002 e i “Frozen Flower”. (G.C.)


litorale viterbese

12

Viterbo & Mercoledì 22 Giugno 2011 AltoLazio

MONTALTO - Il ristorante aperto nel 2010 ha ridato vita ad uno degli angoli più belli del centro storico

Con l’Antico Granaio rinasce piazza Guglielmi di GIOVANNI CORONA

N

ella Piazza più antica della cittadina castrense che porta il nome di Felice Guglielmi, all’interno delle mura del castello si erge “L’Antico Granaio”. Il ristorante, aperto nello scorso dicembre 2010, ha ridato vita ad una parte del centro storico, rimasta per troppo tempo lontana dal traffico cittadino. Dopo la rinascita di Viale Garibaldi, ecco dunque rifiorire un altro punto della parte più antica del paese: completamente arredato in

MONTALTO

uno stile tipico del 1400, l’Antico Granaio, con una gestione familiare, si compone di una grande veranda esterna, oltre alle due sale interne –una soppalcata, con un totale di 70 postialle quali si accede mediate una lunga scalinata abbellita da due splendide sfingi. Oltre alla tipica cucina “casereccia maremmana” e alla possibilità di ordinare piatti da asporto, il ristorante offre una grande varietà di piatti di terra, oltre a moltissime specialità di pesce come la rinomata zuppa d crostacei. Questa settimana, in occasione della festa di San Gio-

“Tutti a S. Sisto per cambiare il paese” C

Sopra la veranda esterna dell’Antico Granaio su piazza Felice Guglielmi; sotto, due vedute delle sale interne vanni, all’Antico Granaio verrà riproposta la tradizionale festa romana della “Lumacata”: con un meno fisso, solo su prenotazione ed a soli 20,00 Euro, al cliente verranno serviti un antipasto di terra, le pennette alla boscaiola, e, naturalmente, le lumache con pane tostato, oltre ad acqua, vino e caffè. Il locale è aperto tutti i giorni a pranzo e cena, ad esclusione del lunedì.

’è molta curiosità e attesa in paese per l’incontro che si terrà questa sera, alle 21,00 a S.Sisto. Dopo la conferenza del Pd che è sceso uf�cilamente in campo per preparare una squadra preparata da presentare alle amministrative che si terranno il prossimo anno, è la volta del centro destra. Non si può certo dire che la politica montaltese sia letargica. D’altronde dopo gli ultimi eventi, vedi arresti e denunce, la voglia di fare chiarezza, di esporsi, è tanta sia dall’una che dall’altra parte. “Manca un anno dalle prossime elezioni comunali.si legge sull’invito esteso a tutta la cittadinanza di qualsiasi colore politico, che vede il social network Facebook quale mezzo privilegiato d’informazione- se pensi che la politica non sia far favori all’amico, ma organizzare un territorio per il bene�cio di tutti, se hai voglia di cambiare, se vuoi partecipare alla stesura di un nuovo programma per Montalto e Pescia, se pensi che non possiamo piu’ permetterci di lasciare il nostro paese a chi di mestiere fa solamente il politico, non mancare. Vi aspettiamo, andiamo avanti.”


& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

comprensorio

13

Attraversa la via principale del paese. Non ha nulla di storico ma caratterizza la vita del posto

Vetralla e il mercato del martedì VETRALLA - Biancucci risponde a Postiglioni

di DANIELE CAMILLI

M

artedì, a Vetralla tempo di mercato. La spesa, il gingilletto, calze e lenzuola per fare il bucato. Via Roma, strada storica. Tra tendoni, camion e banconi. Non è Guttuso e nemmeno Gozzano con le piccole cose e soddisfazioni di Nonna Speranza. Neanche il mercato partenopeo e la Porta Portese di Claudio Baglioni. “Spade antiche, quadri falsi e la foto nuda di Brigitte Bardot”. A Vetralla, il mercato segna solo il trascorrere della settimana. Tuttavia attraversalo ha il suo fascino e perché. Nulla d’antico, però. Anche se sullo sfondo il campanile – che non rintocca più le ora – ce ne ricorda alcuni. Medioevo e Settecento soprattutto. È comunque bello passarci in mezzo. Si osserva e si è osservati. Un incedere per alcuni fruttuoso – dipende dagli acquisti – per altri gioioso. Infine il cappuccino al bar e il giornale. La chiacchiera e il pettegolezzo. Del più e del meno. Il mercato a Vetralla. Tra le Piazze della Rocca e Marconi. Avanspettacolo e terra di mezzo. Dove il panino con la porchetta ha cittadinanza anch’esso.

“Nessun aumento delle tasse, anzi...” I n merito alle affermazioni del Consigliere di minoranza Postiglioni, si precisa quanto segue. La revisione e il miglioramento del sistema tributario vanno piani�cati in un periodo di certo superiore al mese intercorso tra l’insediamento dell’Amministrazione Aquilani e le analisi del Consigliere Postiglioni, che appaiono dunque immotivate e pretestuose. È degno di nota rilevare il lapsus memoriae del Consigliere Postiglioni -già membro di maggioranza della passata Amministrazione- che dimentica la contrarietà più volte espressa dall’Assessore Biancucci, a nuovi balzelli gravanti sui contribuenti, come il comodato d’uso ai congiunti. Se la defezione, tra gli altri, del Consigliere Postiglioni non avesse posto termine a quell’esperienza amministrativa, con ogni probabilità l’onere sarebbe stato cassato. Ancor più infondate le osservazioni del Consigliere di minoranza sulla delibera relativa

Vetralla, il mercato del martedì mattina (fotoservizio Daniele Camilli)

all’organizzazione dei Campi Solari. La Delibera del 3 giugno riprende infatti quella Commissariale del 29 marzo, riconfermando semplicemente il servizio al medesimo operatore dell’ anno precedente e per il medesimo importo. Va precisato inoltre che l’introduzione delle fasce di reddito Isee, non si è tradotto in un innalzamento generalizzato delle quote: per le fasce più basse infatti ha prodotto addirittura un abbassamento del contributo a carico delle famiglie. Se il Consigliere Postiglioni ha piani�cato per i prossimi anni una strategia mediatica di opposizione -strategia peraltro immotivata visto la sua presenza all’interno del Consiglio- il rispetto dovuto alla cittadinanza, imporrebbe di evitare la divulgazione di notizie infondate e tendenziose. L’Amministrazione rimane comunque a disposizione della cittadinanza per ogni chiarimento in merito alle questioni oggetto del presente comunicato.

VETRALLA - Antichi sapori, cordialità e scenografie ricercate per Emergency TUSCANIA - A Poggio della Ginestra sono tornate le ruspe

Solidarietà fa rima con bontà Fotovoltaico, al via i lavori I

l primo week-end della rinnovata festa “Fiori alle Finestre e Cene in Cantina” è passato da poco. E già si pensa al gran �nale in arrivo. Nel frattempo ci è parso doveroso soffermarci su uno dei ritrovi meglio ristrutturati ed accoglienti, la Cantina di Compare Gino e Commare Teta, che anche quest’anno destinerà tutto il ricavato ad Emergency. In particolare i proventi serviranno per l’acquisto di valvole cardiache per il centro di cardiochirurgia Salam di Khartoum. Siamo stati nella cantina domenica a pranzo - già si chiamano “cene in cantina”, ma si può mangiare anche di pomeriggio... - e abbiamo potuto constatare un servizio davvero ottimo, rapido e cordiale. Speciali anche le pietanze (pane morbido con zucchine, melanzane e salsa di carne, ovvero antipasto de la comare Cicia, pappardelle al cinghiale, porchetta e insalatina, pastarelle). Se a tutto questo aggiungete la

di VALERIA SEBASTIANI

Due tra i più efficienti camerieri dello staff della Cantina di Compare Gino e CommareTeta: Marco e“l’olandese volante”Carlo particolare ricercatezza degli allestimenti e delle scenogra�e, come le numerose citazioni di grandi del passato su valori universali come la pace, la solidarietà, la

giustizia e la convivenza civile, capirete allora perché un salto dalle parti di Compare Gino e Commare Teta è semplicemente obbligatorio. (ef)

Sono purtroppo di nuovo iniziati i lavori per la costruzione del mega-impianto qui a Poggio della Ginestra. Io e i miei vicini abbiamo ricevuto il buongiorno dal rumore delle molte ruspe e operai presenti sul terreno stamattina, già di buon’ora. -così uno dei membri del comitato Poggio della Ginestra che da mesi sta portando avanti con l’appoggio di altri comitati spontanei tuscanesi e non, e di alcune associazioni, la personalissima battaglia contro l’invasione delle energie fotovoltaiche ed eoliche.- Dopo questo intenso periodo di lavoro per informare la cittadinanza, tenuta all’ oscuro su ciò che stava succedendo nelle nostre campagne, i primi effetti della politica di diffusione del fotovoltaico senza la più minima programmazione stanno prendendo forma. Noi di Poggio della Ginestra siamo i più penalizzati da questa gestione dell’uso delle rinnovabili: siamo gli unici e numerosi cittadini residenti a un passo dal centro abitato a subire un drastico stravolgimento di vita (camion che passano in continuazione, quiete della campagna sostituita da rumori continui ecc.) e deturpamento di paesaggio del posto in cui eravamo abituati a vivere. Fortunatamente nessun’altro grande impianto è vicino quanto questo di Poggio della Ginestra a tante case di

cittadini. Negli altri casi gli impianti sono meno grandi (ad eccezione di quello all’entrata di Montebello), i casali sono sparsi nelle campagne, anche se in acuni casi, il danno sarà altrettanto grave,(sto pensando all’agriturismo dei signori Favale che sarà circondato da pannelli fotovoltaici). L’attenta lettura del progetto presentato dalla Ele energia di Latina a nome dell’Amministratore delegato , Raffaele Nastro e del Capogruppo Arch. Massimo di Nola presenta numerose criticità( elencate in parte nella presente lettera) anche agli occhi di un lettore profano. Come avranno fatto in Regione a non accorgersi delle tante incongruenze? Vogliamo portare a conoscenza l’opinione pubblica di questi gravi fatti che si stanno veri�cando nel nostro Comune

sperando che le Autorità e gli Enti competenti si prendano la briga di veri�care eventuali irregolarità”. Non sono contrari alle energie rinnovabili i residenti di Poggio della Ginestra, soltanto chiedono una piani�cazione seria ed attenta del territorio per scegliere le aree da destinare alle installazioni. Siti che creino il minor danno possibile, a chi abita nelle vicinanze delle aree individuate, ad agricoltori ed allevatori. Le ruspe che sono apparse nuovamente in località Buongiorno, scandiscono velocemente il tempo e presto si assiterà alle prime installazioni di pannelli fotovoltaici. L’evento tanto temuto sta per diventare realtà ma il Comitato non molla. Soltanto le irregolarità denunciate nella lettera potrebbero mettere un freno all’opera in atto.


comprensorio

14

Viterbo & Mercoledì 22 Giugno 2011 AltoLazio

ACQUAPENDENTE - Nell’intero territorio dell’Alto Lazio è ormai ‘Allarme Sanità’

Ospedale, a rischio le urgenze di FULVIO MEDICI

I

l fax di lunedi pomeriggio, inviato dalla direzione generale dell’azienda sanitaria locale di Viterbo e giunto all’ospedale di Acquapendente è esplicito: dal giorno 25 giugno 2011 vengono sospesi i ricoveri ordinari e dal primo luglio si chiude l’unità complessa di chirurgia. A scriverlo è la dottoressa Cirimele, responsabile per Viterbo e provincia degli ospedali. La direzione sanitaria aquesiana ha subito avvisato il personale della struttura e informato il sindaco Alberto Bambini. Lo stupore di tutti ha regnato sovrano per l’intera mattinata di ieri, in particolare sul volto del primo cittadino si coglieva molto poco di quell’ottimismo delle scorse settimane, quando gli incontri con la stessa direzione, avevano lasciato buone speranze in seno al riordino della struttura aquesiana. Inoltre, visto l’appuntamento da tempo �ssato del sindaco con il direttore generale Pipino e la Cerimele per dopodomani (venerdì) lo stesso Bambini non è riuscito

a spiegarsi il perchè di questo improvviso e non concertato provvedimento. Intanto se mai fosse possibile la situazione sta drammaticamente peggiorando: il laboratorio analisi, declassato a semplice punto di prelievo, ha già visto l’addio del responsabile, la dottoressa Riscaldati, per la quale si sono aperte le porte di Belcolle, il provvedimento che in questo caso non ha molto a che fare con il riordino (normativa nazionale) farà perdere qualche posto di lavoro e soprattutto farà aspettare una decina di giorni ai

pazienti per la risposta, che alcune volte può anche contenere l’invito a sottoporsi nuovamente al prelievo per motivi di carattere tecnico. Intanto l’allarme più preoccupante riguarda le urgenze. Con la chiusura dell’unità complessa di chirurgia il destino del pronto soccorso sembrerebbe segnato. Proprio pochi giorni fa il signor Gino è stato ricoverato d’urgenza per un blocco intestinale e operato per scongiurare il peggio, la prontezza dei reparti e l’intervento hanno fatto il resto. Stessa sorte non è stata riservata

al signor Franco, che vittima di un incidente a Latera è giunto al pronto soccorso e per sua fortuna aveva solo la frattura di un braccio, le varie telefonate per trovargli un posto a Belcolle hanno terribilmente segnato ben sei ore di attesa, prima di una risposta affermativa. Se a essere vittima di un incidente fosse stato un giovane del territorio, che cadendo da uno scooter avesse riportato la frequente rottura della milza, se fosse stato di sabato e il reperibile di radiologia gli avesse diagnosticato l’emorragia solo dopo un’oretta dal suo arrivo al ‘primo intervento’ e se il suo trasferimento a Belcolle in piena emorragia fosse stato eseguito dopo circa 20 minuti con l’ambulanza che dopo aver percorso la strada che ci separa dalla struttura viterbese fosse arrivata dopo circa un ora e un quarto al pronto soccorso di Belcolle, sicuramente lì, avrebbe trovato pronta l’equipe di chirurgia, ma forse solo per l’espianto degli organi? Meditate gente, meditate...

ACQUAPENDENTE - Apre la stagione all’anfiteatro

Rugantino ‘de noantri’ La Compagnia teatrale aquesiana “I Retropalco” inaugurerà domani, alle 21.30 la stagione culturale dell’An�teatro Cordeschi con la storica commedia musicale “Rugantino”. Realizzata da Garinei e Giovannini, Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa con la collaborazione artistica di Luigi Magni e musiche di Armando Trovajoli, venne rappresentata per la prima volta al Teatro Sistina di Roma il 15 dicembre del 1962. Il successo della commedia in Italia spinse l’impresario teatrale americano Alexander Cahen a proporla anche in America: dopo alcune serate in Canada, a Toronto, fu rappresentata a Broadway nel febbraio del 1964 (teatro Mark Hellinger) dove per tre settimane registrò il tutto esaurito. Sul palco aquesiano si esibiranno per

l’occasione Manuel Dionisi (Rugantino), Valentina Izzo (Rosetta), Loriano Ronca (Mastro Titta), Serena Tini (Eusebia), Fabrizio Mazzuoli (Gnecco), Roberto Colonnelli (Rubastracci), Enrico Squarcia (Bojetto), Silvia Araceli (Donna Marta), Nico Piersanti (Principe), Dario Cecconi (Cantastorie), Valeriano Brozzoli (Conte), Pino Rubiano (Cardinale), Federico Colonnelli (Ragazzo), Claudia Cingolani (Ragazza). Il coro sarà composto da Francesca Araceli, Tiziana Perruzzi, Margherita Luongo, Claudia Cincolani, Cecilia Rappoli, Silvia Araceli, Alessandro Bacchiorrini, Tiziano Sartucci, Tonino Sbardella. Il corpo di ballo da Alice Speroni, Marika Massella, Alessia Brocchi, Iryna Korin e Federico Colonnelli, costumista Adriana Bainconi, regia e coreogra�e Valentina Izzo.

BOLSENA - Al teatro S. Francesco l’orchestra di Roma e del Lazio

BOLSENA - Mostra di prodotti agroalimentari a fine luglio

D

L

Una serata con Beethoven Cinquanta espositori per ‘Di Tuscia un po’ opo il lusinghiero successo di sabato 18 a Tuscania e di domenica scorsa al Parco della Musica di Roma l’ORLOrchestra di Roma e del Lazio, venerdì si esibirà a Bolsena, alle ore 21,00 al Teatro S. Francesco. L’orchestra ha salutato la ripresa dell’attivita’ dopo quasi due anni di silenzio, presentando un secondo programma. Stasera sarà di scena ad Anzio e domani a Monte San Biagio, prima di chiudere la prestigiosa tournee sabato prossimo a Rieti. Sono in programma tre appassionanti capolavori di Ludwig van Beethoven: l’ouverture Co-

riolano op. 62, una delle opere più rappresentative del periodo eroico del compositore; la Scena ed aria “Ah per�do” op. 65 per soprano e orchestra, un raro caso in cui Beethoven si confronta con los tile dell’opera italiana: infatti il recitativo iniziale è tratto dal dramma per musica Achille in Sciro di Metastasio e la Sinfonia n.1 in Do magg. op. 21, prima delle nove sorelle che costituiscono il più importante corpus sinfonico dell’intera storia della musica Sul podio Giampaolo Bisanti: uno dei direttori italiani emergenti, che ha vinto il Concorso internazionale “Dimitri Mitropoulos” ad Atene, ha già un curriculum denso di successi e in pochi anni ha diretto trentadue titoli operistici e oltre trec e n t o

concerti sinfonici nelle principali città italiane e all’estero, dagli Usa al Giappone. Partecipa al concerto il soprano Francesca Gavarini, che ha esordito giovanissima in un concerto con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e da allora ha partecipato a produzioni operistiche e tenuto concerti in tutto il mondo, accompagnata da direttori quali Claudio Abbado, Carlo Maria Giulini e Daniele Gatti.

e eccellenze della Tuscia protagoniste in una tre giorni all’insegna del sapore e della genuinità: è quanto accadrà il 29, 30 e 31 luglio a Bolsena (VT) in occasione della prima edizione di “Di Tuscia un po’”, la mostra dei Prodotti Agroalimentari di Qualità della Tuscia che si terrà nello splendido paese lacustre. La �era, patrocinata dal Comune di Bolsena, dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Viterbo e dalla Camera di Commercio di Viterbo, si snoderà nel centro storico della cittidadina, dove circa 50 espositori presenteranno le loro produzioni, con la possibilità di degustare ed acquistare le eccellenze agroalimentari del territorio. Comunità Montane, Cooperative e Aziende Agricole, ma anche contadini, ortolani, norcini, mielai, conservieri, casari, tartufai, oliandoli, daranno vita ad un’occasione unica per scoprire le numerose e pregiate specialità locali prodotte e vendute direttamente dalle Aziende

Agricole. Per tutto il periodo della mostra, inoltre, sarà esposta una ricca collezione di vecchi attrezzi e arnesi usati per i lavori nella campagna. Con la “Scuola di Fattoria”, lo spazio dedicato agli antichi mestieri, sarà possibile, invece, conoscere le antiche tecniche di costruzione di utensili e oggetti della vita quotidiana, grazie anche all’esibizione di alcuni contadini che si cimenteranno nelle antiche arti di confezionamento di ceste, sedie e molto altro. In contemporanea della Mostra Mercato, poi, si svolgerà, la manifestazione “Bolsena lago Musicambiente Festival”, che prevede una serie di eventi artistici (musica classica, jazz e teatro) accompagnati da attività di educazione ambientale. Per maggiori informazioni e per poter aderire alla �era è possibile contattare il Centro Commerciale naturale “Vivi Bolsena”(www.vivibolsena .it), oppure chiamare il 338

1496560 o mandare una email a info@orvietocountry.it. La mostra, ad ingresso libero, sarà aperta al pubblico con il seguente orario: venerdì 29 luglio, dalle ore 17.00 alle ore 24.00, sabato 30 luglio: dalle ore 9,00 alle ore 13 ,00 e dalle ore 17,00 alle 24,00 e domenica 31 luglio: dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 17,00 alle ore 24,00. Per tutta la durata dell’iniziativa sarà attivo un servizio di navetta per l’acceso al centro storico con partenza dalle principali aree di parcheggio.

BOLSENA - L’associazione culturale ‘L’opera dei fiori’ impegnata per la valorizzazione e il miglioramento delle infiorate

Solo impegno e volontariato nel realizzare le splendide opere per il Corpus Domini D

ue delle foto pubblicate ieri negli articoli relativi alla festa del Corpus Domini a Monte�ascone ed Acquapendente si riferiscono all’In�orata di Bolsena ed in particolare alle opere di un gruppo che festeggerà quest’anno la sua cinquantesima opera. Questo perché l’in�orata di Bolsena è senza dubbio la più rappresentativa e dovrebbe essere l’ispirazione delle altre del nostro territorio. Nello scusarci per non aver riportato la giusta didascalia alle stesse, vogliamo rendere merito al gruppo che si occupa da anni degli splendidi mosaici di �ori, semi e essenze, che

a Bolsena fanno da cornice alla Festa del Corpus Domini. Questo gruppo, che lavora in Corso della Repubblica, negli ultimi anni ha partecipato alla costituzione di un’Associazione Culturale, l’Opera dei Fiori, che sta realizzando diverse iniziative per far conoscere, valorizzare, e soprattutto migliorare, anno dopo anno, l’In�orata di Bolsena. Una manifestazione, vogliamo ricordare, che è opera di volontari, giovani e meno giovani, che tra dif�coltà di ogni sorta riescono ogni anno a stupire i visitatori con quadri e tappeti di �ori che spesso sono veri “capolavori dell’ef�me-

ro”. Non si può dimenticare che la Festa del Corpus Domini è stata istituita per celebrare il Miracolo di Bolsena, e che l’in�orata ha da sempre contribuito alla solennità della Processione Eucaristica, snodandosi su un percorso chilometrico attraverso le strade della città. Il lavoro dell’in�orata può sembrare banale, invece richiede competenze ed esperienza per dare risultati apprezzabili. La ricerca iconogra�ca, la realizzazione dei bozzetti, la scelta e la raccolta di petali, foglie, semi ed essenze, la composizione e l’accostamento dei colori creano opere di grande pregio solo se sono

guidati da mani esperte accompagnate dall’entusiasmo e dalla collaborazione. L’Opera dei Fiori, che ha aperto anni fa uno spazio web di grande interesse, organizza anche un Concorso Fotogra�co, che quest’anno è giunto alla terza edizione, con partecipazione gratuita e aperto a tutti, per il quale il Comune di Bolsena ha concesso il patrocinio. Il bando è pubblicato in rete: www.bolsena-in�orata.blogspot.c om. La fotogra�a è l’unica testimonianza che rimane nel tempo di tante piccole opere d’arte costate impegno, tempo e fatica.


& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

montefiascone

15

Renato Trapé estremamente soddisfatto per le deleghe assegnategli da Cimarello

“Dobbiamo essere la Spoleto del cinema” di MICHELE MARI

R

enato Trapè è stato nominato assessore alla cultura ed alle politiche ambientali dal sindaco Luciano Cimarello in considerazione soprattutto del suo amore per la città e del suo continuo impegno in campo culturale. Lo abbiamo incontrato mentre si è già attivato, assieme ad altri collaboratori, per allestire la Fiera del Vino. Poche domande a cui ha risposto con brillantezza. La prima: Le deleghe a lei consegnate rispondono alle sue aspettative? L’assegnazione delle deleghe agli assessori costituisce di regola un momento molto delicato nelle amministrazioni locali, a volte elemento di iniziali contrasti come clamorosamente evidenziato nella breve esperienza della giunta Danti. Ciò non è avvenuto per la giunta della quale mi onoro di far parte. Il Sindaco Cimarello si è giustamente preso un congruo periodo di ri�essione al termine del quale ha assegnato le deleghe secondo criteri che hanno tenuto conto di attitudini, professionalità, voglia di fare e di un giusto equilibrio tra consiglieri con una precedente esperienza amministrativa e quelli eletti per la prima volta. Il tutto in uno spirito di squadra che prevede

compiti importanti anche per i membri della maggioranza che non hanno avuto la carica di assessori. Personalmente sono assolutamente soddisfatto delle deleghe ricevute: cultura ed ambiente sono sempre stati al centro dei miei interessi e considero la delega ai ri�uti solidi urbani del tutto in linea con essi: il problema della raccolta e lo smaltimento dei ri�uti è infatti oggi il più grande problema culturale e costituisce una s�da con la quale sarà entusiasmante misurarci. Come si trova nelle vesti di assessore? Io ho già ricoperto per tre anni la carica di assessore al turismo nella amministrazione Fumagalli.

Questo mi ha consentito di conoscere la macchina amministrativa che è molto più complessa di quanto i cittadini possano immaginare; l’emozione non è stata quindi quella della prima volta ma, più della prima volta, avverto la responsabilità per i compiti che ci attendono dopo più di due anni di sostanziale vuoto amministrativo. La giunta Danti, al di là delle valutazioni di carattere personale, non ha avuto il tempo per affrontare i problemi e la lunga esperienza commissariale, pur correttissima, non ha potuto per le sue competenze istituzionali, dare una dimensione politica alle varie problematiche della

nostra comunità. Quali sono i suoi progetti immediati da realizzare? L’impegno prioritario, per motivi temporali, è l’organizzazione della Fiera del Vino; ci stiamo lavorando, coordinati dal Sindaco, con i consiglieri Balestri e Contestabile. C’è poi il nostro impegno di importante supporto all’Est Film Festival, questa manifestazione strategica per il futuro turistico-culturale della nostra città. Dobbiamo assolutamente esserne convinti; non considero utopico pensare di fare di Monte�ascone la Spoleto del cinema. C’è poi tra i giovani una straordinaria effervescenza creativa che dobbiamo mettere a frutto; disperdere questo patrimonio sarebbe un crimine oltre che un irreparabile errore politico. Dobbiamo poi riprendere appieno il nostro impegno nello sviluppo della Via Francigena, anch’essa volano fondamentale per la crescita turistico-culturale non solo della nostra città ma di tutto il territorio della Tuscia. Monte�ascone ha nella persona dell’amica Pepponi in Bartoleschi, la vicepresidenza dell’ Associazione dei Comuni Europei sulla via Francigena; deve quindi giocare un ruolo da protagonista nella vita dell’ Associazione e delle sue iniziative.

Con le piazzole del carpfishing incassati oltre quattro mila euro in pochi mesi

Il Comune investe bene sulla pesca sportiva I

n questi primi mesi del 2011, grazie all’attività di carp�shing sul lungolago, nelle apposite piazzole, sono stati incassati dal Comune oltre 4mila euro. Dal mese di gennaio al mese di maggio sono stati incassati complessivamente 4mila ed 800 euro. Una bella cifra se si pensa che in questi mesi l’attività di pesca sportiva è praticamente ferma. Basti pensare che nel corso dello scorso anno, nonostante tutte le vicissitudini amministrative, l’attività del carp�shing ha fatto incassare al comune di Monte�ascone ben 10mila euro. Una cifra non irrisoria se si pensa che la spesa per costruire le piazzole nel lungolago monte�asconese è costata poche centinaia di euro. I costi sono stati dovuti soltanto per l’installazione della segnaletica indicante il numero della piazzola. Le piazzole operative sul lungolago di Monte�ascone dal novembre 2009 sono ben ventiquattro e sono di due tipi: quattordici “rosse” che sono situate nella zona balneare e non utilizzabili nel periodo estivo; e dieci “verdi” utilizzabili per tutto l’intero anno. Per i residenti delle provincia anche un

privilegio: uno sconto del 50% decisamente non indifferente Ecco le tariffe: per due giorni e una notte 20 euro; per tre giorni e due notti 35 euro; per quattro giorni e tre notti 45 euro; per cinque giorni e quattro notti 55 euro; per sei giorni e cinque notti 65 euro; per sette giorni e sei notti 70 euro in�ne per quindici giorni e quattordici notti 120 euro. Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’uf�cio pesca del Comune di Monte�ascone ai numeri 0761-832048 e 0761-832037 o via e-mail: m.tantillo@comune.monte�ascon e.vt.it e m.agnoletti@comune.mo nte�ascone.vt.it nei giorni dal lunedì al venerdì, dalle ore 09,00 alle 13,00 o al fax 0761-824745. Da ricordare che le piazzole riservate per la pesca al carp�shing, oltre ad essere attive a Monte�ascone, sono attive anche nel comune di Gradoli.. Questi luoghi di pesca riservati sono frequentati, non soltanto dai carpisti laziali o italiani, ma anche e soprattutto dai pescatori stranieri che si trovano

affascinati nel pescare in un lago con un acqua così limpida e con pesci che superano i venti chili e che sono soprattutto perfettamente sani. La tecnica del carp�shing è molto particolare e al tempo stesso molto tecnologica. Infatti i carpisti vantano un’attrezzatura molto costosa. Le canne da pesca sono in carbonio con un’azione, per lo più, parabolico progressiva; i mulinelli robusti con una capienza di �lo che può superare il chilometro di lunghezza. Anche il �lo è particolare: si può usare sia il nylon che il �lo trecciato, ciò più �li intrecciati insieme che porta ad una resistenza all’abrasione eccezionale. Ma l’attrezzatura non �nisce qui. I carpisti vantano anche il cosiddetto rod-pod cioè il picchetto porta canne, di solito in alluminio o in acciaio, che serve per tenere le canne durante l’azione di pesca. Inoltre ci sono i segnalatori acustici che servono per segnalare al pescatore l’abboccata del pesce. Una volta catturata la carpa e portata a riva con l’ausilio

di copiosi guadini, la carpa viene adagiata su un materassino bagnato, detto materassino di slamatura, per essere slamata con tutte le cure del caso. Infatti se il pescatore trova ferite infette, curerà il pesce con speci�ci disinfettanti. Poi il carpista fa le foto di rito, sempre facendo sempre molta attenzione alla livrea ed alla cura della carpa, per poi ributtarla in acqua. Questa tecnica si chiama catch and release, cioè cattura e rilascio. È questa la �loso�a del vero carpista. La tecnica prevede anche l’ausilio di piccole imbarcazioni equipaggiate di ecoscandaglio, per portare le lenze a parecchie centinaia di metri dalla riva. Inoltre la tecnica necessita di un’ imponente pasturazione che viene effettuata con chili e chili di granaglie e pasture. La sessione di pesca non dura una mattina ma diversi giorni per arrivare a varie settimane. Proprio per questo il carpista è equipaggiato anche con tende ed attrezzature da campeggio. Anche l’esca è particolare. Infatti non si usano i semplici vermi, ma si usano delle piccole palline di pastura, chiamata boiles. Queste palline vantano varie misure, a scelta, che vanno dai 10 ai 30 millimetri di diametro ed una miriade di aromi, dal pesce al mais, ai frutti, alla vaniglia, alle spezie. Questa tecnica è nata in Inghilterra negli anni settanta ed è arrivata in Italia negli anni novanta e in questi ultimi anni ha avuto uno strabiliante sviluppo e soprattutto è stata abbracciata dai più giovani. Una realtà che serve a contribuire al rilancio del lungolago e del paese, anche da un punto di vista sportivo. (M.M.)

Servizio di assistenza domiciliare integrata

Le domande entro il 30 giugno

I

l Comune di Montefiascone ha indetto un avviso pubblico per il rinnovo dell’ “albo soggetti accreditati” per l’erogazione del servizio di assistenza domiciliare integrata (Adi) nel distretto socio sanitario Viterbo 1. Le domande dovranno pervenire alla sede comunale di Montefiascone entro le ore 12 del 30 giugno. I plichi con la domanda e la documentazione richiesta, sigillati e controfirmati sui lembi di chiusura, devono recare all’esterno i dati del mittente (ragione sociale, sede legale, codice fiscale e/o partita Iva) e la dicitura “rinnovo Albo Distrettua-

le soggetti accreditati per l’erogazione del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Distrettuale”, per i soggetti già accreditati, ovvero, “nuova iscrizione Albo Distrettuale soggetti accreditati per l’erogazione del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Distrettuale”, per i soggetti non ancora accreditati. Il rinnovo all’Albo Distrettuale dei soggetti accreditati, ovvero, la nuova iscrizione ha validità fino al 31.12.2011. Per tutta la documentazione richiesta si può visitare il sito internet del comune alla voce “bandi e gare”. (M.M.)

Cocktail sotto le stelle all’ombra del municipio

Serata buffet al ‘Mammapappa’

Cocktail all’aperto”. È questa la nuova iniziativa del ristorante-enoteca “Mammapappa” situato in piazza del Plebiscito (sotto il Comune) organizzata dal vulcanico ed attivissimo gestore Angelo Macera. La serata si terrà venerdì 24 giugno dalle ore 20 alle ore 23. Si inizierà alle ore 20 con sedute a rotazione ma c’è la possibilità di utilizzare scalinate e ci sarà un piacevole intrattenimento. Si andrà avanti fino ad esaurimento scorte e chi vorrà potrà prendere più pacchetti completi anche cenare. Saranno degustati

Vino o cocktail e buffet con i migliori prodotti del territorio a soli 5 euro. Inoltre è gradito lo stile hawaiano, soprattutto gonnelline di paglia e collane di fiori. Un’ iniziativa stravagante soprattutto per far conoscere lo stupendo centro storico di Montefiascone. (M.M.)


monti cimini

16

Viterbo & Mercoledì 22 Giugno 2011 AltoLazio

VIGNANELLO - La discussa variante al Prg approvata grazie al voto dello Scilipoti nostrano

Allegrini, il ‘Giubbarivolta’ de noantri di SIMONA TENENTINI

E

lo chiamarono GiubbaRivolta. Così passerà alla storia Franco Allegrini, politico esperto con una militanza ventennale nelle �le del centrodestra che, nell’ultimo consiglio comunale che si è tenuto a Vignanello, forse complice la prima calura estiva, è stato rapito dallo charme del sindaco Grattarola ed è ‘passato all’altra sponda’. Ebbene sì, con il voto di Allegrini, è riuscito a passare il tanto discusso Piano Regolatore che da diverso tempo non riusciva ad essere approvato per la reiterata mancanza del numero legale. Questo è il salace commento rilasciato al proposito dalla minoranza: “Con un sindaco così “decisionista”, una maggioranza “compatta” e “responsabile”, come quella che sta dando bella mostra di sé in questi ultimi tempi, era inevitabile che anche

Vignanello avesse il suo Scilipoti. Non tutti i Vignanellesi sanno quanto sta succedendo ultimamente in Comune …Atti di grande rilevanza che passano con il voto favorevole di soli cinque componenti la maggioranza su dodici, spese folli senza né capo né coda, provvedimenti di estrema importanza per il futuro del paese come la variante al PRG, passato scandalosamente grazie all’aiuto dello Scipiloti nostrano…. Ed è proprio di questo che vogliamo parlare, lasciando ai cittadini il giudizio �nale.. In un clima di bolgia infernale, in una confusione indescrivibile, con la maggioranza ridotta ad un gruppetto di pochi intimi, per lo più anche frustrati e dubbiosi, si è svolto, dopo tre sedute andate a vuoto, il consiglio comunale. Ad esso si è giunti dopo che sono state apportate modi�che sostanziali al regolamento comunale per abbassare il numero previsto per approvare la Variante al PRG. Una

manovra avvilente ed interessata, contro la quale la minoranza ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica. Ma nonostante la “furbata” il sindaco “decisionista “ e la sua maggioranza “compatta e responsabile” non avevano ancora i numeri per andare avanti (c’era bisogno di almeno sei consiglieri presenti sui diciassette assegnati al consiglio e i membri di maggioranza presenti erano appena 5). Ma a sostegno della baracca interviene lo Scilipoti Vignanellese, al secolo il Consigliere Franco Allegrini, eletto in consiglio nelle liste della minoranza, il quale assicura, con la sua presenza, il raggiungimento del numero necessario e consente che �nalmente la fantomatica variante al PRG, dopo sette lunghi anni di lavoro, così fortemente voluta dal Sindaco decisionista e, chissà, forse anche dalla sua compatta e responsabile maggioranza, possa muovere il primo passo di un viaggio che si annuncia brutto

e pericoloso. Intanto teniamoci stretta l’etichetta che ci classi�ca tra i comuni più spendaccioni e irresponsabili d’Italia. Stiamo spendendo cifre folli, realizzando lavori non urgenti che non sono alla portata delle nostre tasche, bruciando quattrini in una maniera vanitosa e dissennata. Eppure il sindaco decisionista e la sua maggioranza dovrebbero sapere che è in arrivo il federalismo �scale e qundi ogni comune dovrà pagare i propri debiti mettendo le mani nelle tasche dei cittadini, non essendo più previsti i trasferimenti statali: ciò signi�ca che saremo noi a dover pagare la montagna di buf� che sta soffocando il Comune di Vignanello. Ecco il biscotto che ci stanno preparando ….tra qualche anno quanto i vignanellesi dovranno amaramente pentirsi di quel bulgaro 85 % di consensi che gli hanno accordato e che viene sbandierato, con preoccupante orgoglio, ad ogni occasione. A meno che al primo cittadino inte-

ressi solo, come tutto fa pensare, essere ricordato come il sindaco che ha realizzato opere utili ed inutili più di ogni altro, lasciando un segno indelebile nella vita del

Paese…. Ma il segno, ahimè per noi, non è quello che lui pensa, ma un disastro economico di ben altra gravità, frutto della tua allegra e disinvolta gestione del potere.”

VASANELLO - Presentata una richiesta scritta con la quale si chiede all’ammministrazione di fare chiarezza su alcuni punti

La minoranza vuole ‘fare luce’ sull’illuminazione S

ui recenti lavori per gli impianti di illuminazione pubblica nelle zone periferiche di Vasanello si moltiplicano le polemiche. I primi dubbi sollevati riguardarono la questione sicurezza: molte segnalazioni infatti riguardarono, qualche tempo fa, l’eccessiva distanza dei pali per i lampioni dal bordo della carreggiata. Una circostanza che, soprattutto dietro una curva, rischia di diventare altamente pericolosa. Per delimitare le buche dove dovrebbero essere sistemati i lampioni, inoltre, vennero usate delle comuni cannucce di bambù, un metodo sicuramente poco ortodosso per tale scopo. In�ne, ma non per ordine d’importanza, è stata criticata l’arbitraria collocazio-

ne dei ‘famigerati’ pali, persino all’interno di alcune proprietà private, senza la necessaria comunicazione e successiva autorizzazione. Insomma, un pasticciaccio locale che non è sfuggito agli occhi vigili della minoranza consigliare. E’ di questi giorni, al riguardo, la richiesta scritta, presentata dal consigliere comunale e capogruppo della lista “Uniti per Vasanello”nella quale quale si chede di fare chiarezza su alcuni punti relativi alla ‘questione illuminazione’. L’amministrazione è chiamata a rispondere su: -quale ditta ha eseguito i lavori di scavo per l’illuminazione delle vie extra-urbane ( strada Palazzolo, strada della

Foto Di Palermo

Calandrella, strada Cardeta, strada di Bagnolo) -Certi�cazione che attesta la regolarità della ditta stessa (DURC) - Quanti lampioni sono stati previsti per ogni strada - Fatture per i lavori della ditta di scavo - Fatture di acquisto lampioni e plinti

- In quale capitolo di Bilancio sono state imputate le spese per i lavori di scavo e per l’acquisto dei materiali Ed, in�ne, se l’installazione rispetta la normativa di sicurezza stradale. Sull’illuminazione, insomma, la minoranza vuole ‘vederci chiaro’. (Sim.Ten.)


comprensorio

& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

17

CIVITA CASTELLANA - In una lettera aperta la maggioranza attacca duramente il sindaco

La giunta Angelelli traballa E

, alla �ne, la bomba è scoppiata. La giunta guidata da Angelelli si è rivoltata contro il suo stesso sindaco, con una lettera al vetriolo sul quale il primo cittadino è chiamato a ri�ettere �rmata Patrizia Palmieri, Gianluca Parroccini e Antonio Remo Zezza. “Caro Sindaco, ricordiamo ancora con emozione la sera del 8 giugno del 2009 quando...hai improvvisato un discorso in piazza Matteotti nel quale il �lo conduttore era: amministreremo insieme! perché insieme con i cittadini si amministra meglio. Ebbene, a distanza di due anni, dobbiamo purtroppo amaramente riscontrare che quelle parole le ha portate via il vento perché non solo non hai amministrato assieme con i cittadini... ma spesso e volentieri non hai amministrato neanche assieme ai Consiglieri Comunali. Questa non è la prima volta che Ti manifestiamo il disagio nostro e soprattutto quello di tanti cittadini che ci hanno e ti hanno votato. Disagio sul metodo, sulle scelte fatte e su alcune, molte, decisioni amministrative. Abbiamo più volte sollecitato con colloqui personali e nel corso di riunioni di maggioranza la necessità di correggere l’azione di governo, ad oggi senza esito. La parola d’ordine in questi due

Gianluca Angelelli

Antonio Remo Zezza

anni di amministrazione è stata “coperti e allineati” con una sistematica azione di emarginazione verso coloro che non si sono prestati a fare gli yes man. Oggi, giunti al giro di boa di questa amministrazione, riteniamo che questo approccio alla gestione della cosa pubblica ed alla politica non è più tollerabile. Pertanto riteniamo corretto far sapere che alcune delle scelte fatte in questi due anni non le abbiamo condivise e non hanno prodotto i risultati sperati: Inasprimento della pressione �scale con l’aumento della TARSU... Rapporti spesso con�ittuali e scarsamente collaborativi con le Associazioni di categoria in particolar modo con il Centro ceramico; Relazioni con le Rappresentanze sindacali interne all’Ente molto con�ittuali basti pensare

alle recenti dimissioni di alcuni rappresentanti sindacali ed addirittura alla dif�da da parte di altri. Finanziamenti elargiti con eccessiva generosità ad Enti ed Associazioni che spesso hanno adottato iniziative totalmente inutili per la collettività; Questione relativa alla proposta di realizzazione di un dearseni�catore che nonostante tutti i nostri tentativi non ha trovato accoglimento tra gli emendamenti al Piano triennale delle opere pubbliche; Questione relativa alle antenne di telefonia per le quali non si è fatta una azione suf�cientemente incisiva per la rimozione dal centro abitato... L’acquisto del nuovo locale da adibire a Farmacia Comunale, che non farà altro che lasciare ai nostri �gli un ulteriore mutuo da pagare. Difesa del Ospedale Andosilla con esiti fallimentari.

Per non parlare di tutta una serie di iniziative che in modo più o meno velato si è cercato di non far decollare o addirittura di contrastare a partire dalla istituzione di un Forum per lo sviluppo economico e l’occupazione che era uno dei punti più quali�canti del nostro programma elettorale. Inspiegabile ed inaccettabile è anche il ritardo con cui dopo un anno, nonostante l’interesse dimostrato da parte di molte aziende, non si è data ancora concreta attuazione al progetto “le Industrie Ceramiche Adottano le scuole”. Non disconosciamo comunque, ed anzi rivendichiamo con orgoglio, che state fatte anche molte cose positive ed utili per i cittadini di Civita Castellana delle quali Ti diamo atto e merito. Per questo ti invitiamo a liberarti dai condizionamenti, e a non temere le voci fuori dal coro, perché spesso sono proprio quelle le più sincere e disinteressate. Insomma caro Sindaco fai in modo che la partecipazione e la democrazia siano reali. Ti ricordiamo che i cittadini di Civita Castellana con il loro voto hanno dato indicazioni precise e consapevoli, non continuare a deluderli ma apriti a tutte le componenti realmente rappresentative. Fai in modo che la volontà popolare sia rispettata.

CIVITA CASTELLANA - “Una somma che si poteva usare per il dearsenificatore”

Farmacia o arsenico? Questo è il dilemma C

ontinua lo ‘spendi e spandi’ dell’amministrazione comunale guidata da Gianluca Angelelli. L’ultima, alquanto criticabile operazione �nanziaria, è stata l’acquisto della farmacia in via Quattro Giornate di Napoli. Costo dell’operazione? Ben 920.000 euro, una somma di tutto rispetto, soprattutto n considerazione del presunto vuoto �nanziario lasciato in eredità dal precedente sindaco Massimo Giampieri, più volte sbandierato dalla giunta attuale. Sul recente acquisto il capogruppo de La Destra, Carlo Angeletti, non ha risparmiato critiche più che giusti�cate: “Che motivo c’era di utilizzare quasi

un milione di euro per un immobile all’interno dell’ex Zanganella quando il Comune già possiede degli immobili in un’area immediatamente adiacente alla zona?” “Non sarebbe stato preferibile - continua Angeletti - usare tale somma per acquistare il tanto decantato dearseni�catore che in realtà sarebbe stato molto più necessario per la cittadinanza?” “Per l’ennesima volta siamo costretti a constatare una scelta opinabile dell’amministrazione che - conclude- mentre dichiara di avere tanto a cuore la salute dei civitonici continua a permettere che i cittadini bevano quotidianamente un’acqua fortemente alterata da elevate concentrazioni di arsenico.” (Sim.Ten.)

Il malcontento, a quanto ci risulta, non riguarda solo il partito Democratico, ma anche altre forze che hanno sostenuto l’attuale maggioranza, rappresentate o no in Consiglio comunale e che hanno manifestato pubblicamente e non, la loro posizione critica nei confronti di molte scelte fatte. Pertanto auspichiamo l’apertura di un confronto per rilanciare con presupposti nuovi l’azione amministrativa e per far si che tutte le componenti che hanno garantito la Tua elezione a Sindaco e l’amministrazione di centro sinistra si sentano realmente coinvolte e rappresentate. Per questo parteciperemo al prossimo Consiglio Comunale se-

dendoci nelle sedie del pubblico, per simboleggiare il nostro voler essere sempre dalla parte dei cittadini; Per il futuro, se non ci saranno palesi segnali di discontinuità, ci sentiremo liberi di sostenere in Consiglio solo quelle iniziative e quei provvedimenti che avremo condiviso pienamente e che daranno concreta attuazione al patto che abbiamo sancito con gli elettori tramite il Programma elettorale. Un Programma elettorale nel quale ci eravamo posti già due anni fa come obiettivo la dearseni�cazione dell’acqua e non certo l’inasprimento della pressione �scale (Tarsu) che in questi giorni stanno sperimentando i nostri concittadini. (S.T.)

SORIANO NEL CIMINO - Ad un mese dall’insediamento

Il sindaco Menicacci incontra i cittadini di SIMONA TENENTINI

M

enicacci ed i suoi ‘raccontano’ il primo mese alla guida del comune di Soriano nel Cimino. L’incontro pubblico, per fare un resoconto della fase iniziale di governo del paese, si è tenuto domenica scorsa e, come sempre, ha registrato un consistente af�usso di persone, interessate a ‘scoprire il calderone’ della precedente amministrazione. E la curiosità è stata largamente soddisfatta, visto che il neo eletto primo cittadino, carte alla mano, ha delineato un quadro molto esaustivo del governo dei suoi predecessori, caratterizzato, in larga parte, da una discutibile gestione economica. Menicacci ha infatti evidenziato come, ad esempio, i fondi destinati alla scuola, uno dei nervi scoperti del paese, siano stati utilizzati, in realtà, per altri scopi, così pure quelli che dovevano essere usati per il parcheggio. Manovre giusti�cate, a tratti

in maniera assai labile, con il pretesto che la giunta voleva evitare di sforare il patto di stabilità. Mano mano che il sindaco proseguiva nella sua dissertazione, i pochi ex amministratori presenti hanno cominciato a dileguarsi alla chetichella. Solo l’intrepido e coraggioso Massimo Boccialoni è rimasto strenuamente a difendere l’operato e le sorti della precedente amministrazione, anche se con scarso successo, visto che Menicacci ha ribattuto, punto per punto, alle inconsistenti tesi del dipendente comunale che, alla �ne, ha dovuto arrendersi all’evidenza di dati incontrovertibili. Al termine dell’illuminante disamina, l’unico segnale di distensione è arrivato dal consigliere di minoranza Eutiziangelo Gentili che, con un atto di vera signorilità, ha stretto la mano all’avversario garantendo, da parte sua, una continua collaborazione per costruire un degno futuro per tutti i sorianesi, indipendentemente dal partito politico in cui si riconoscono.

BASSANO IN TEVERINA - “Un grave atto di irresponsabilità” FALERI - Un mix di celebrazioni civili e religiose

Si dimette il consigliere Russo Feste patronali, si entra nel vivo C

on una lettera all’attenzione del Consiglio Comunale di Bassano in Teverina, il capogruppo di minoranza Vincenzo Russo, candidato sindaco della lista “Progetto Bassano”, ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di consigliere e di capogruppo di minoranza. Già vice sindaco per due mandati sotto la Giunta presieduta da Ugo Sposetti, Vincenzo Russo lascia, quindi, dopo anni l’assemblea comunale senza, per altro, dare spiegazioni per il gesto improvviso quanto ingiusti�cabile. “Questo rappresenti un grave atto di irresponsabilità e mancata sensibilità verso tutti quei cittadini che alle elezioni di due anni fa avevano rite-

nuto la proposta di Governo presentata da Vincenzo Russo valida e si sentivano da lui rappresentati.” ha sottolineato il sindaco Alessandro Romoli in sede di Consiglio Comunale “Non è mai auspicabile che un eletto dal popolo rassegni le proprie dimissioni perché ha il dovere morale di rimanere a dar voce ai propri elettori.” “É il caso di far rilevare che le dimissioni di un candidato sindaco non sono equiparabili a quelle di un consigliere normale perché attengono proprio alla prosecuzione del progetto amministrativo politico che quindi è da considerare fallito.” Quindi un gesto, quello di Russo, che ha lasciato molti

A

dubbi e non trova fondamento alcuno per il modo in cui è stato realizzato. Prende il posto del consigliere dimissionario, Marco Felici, primo dei non eletti della lista “Progetto Bassano”.

Faleri sabato prossimo avranno inizio i festeggiamenti in onore dei Santi Giuliano e Felicissima. Da quando la curia decise, per esigenze pastorali, di creare la seconda parrocchia di Faleri, oltre vent’anni orsono, nacque anche, insieme alla parrocchia, l’associazione Faleri. Un comitato permanente per onorare, i due Santi e, per organizzare i festeggiamenti in loro onore che si protraggono per alcuni giorni tra l’ultima domenica di giugno e la prima di luglio con la tradizionale processione dalla chiesa del Parco Falisco alla grande chiesa abbazia di Santa Maria di Faleri. Poi a seguire si svolgeranno come da programma

varie attività, con giochi popolari e tornei, come quello di burraco; serate danzanti, feste per giovani, stand gastronomici con specialità culinarie, come la famosa sagra della Zucchina in Fiore. Di seguito il programma dell’intero periodo dei festeggiamenti, come detto in onore dei due giovani martiri della cristianità. Giovedì 23 giugno 2011 ore 20,30 apertura stand gastronomici; Venerdì 24 giugno 2011 ore 20,30 “Faleri Rock”, festa dei giovani. Sabato 25 giugno 2011 ore 20,30 apertura stand gastronomici. Domenica 26 giugno 2011 ore 11,00 processione in onore ai Santi protettori San Gratiliano e Felicissima; ore 20,30 apertu-

ra stand gastronomici e tutti in pista con l’orchestra Marco Cimarello Band e scuola ballo di Nepi Social Country.Giovedì 30 giugno 2011 ore 20,30 tutti a cena e a seguire favoloso torneo di burraco con ricchi premi Venerdì 1 luglio 2011 apertura 12 sagra della “Zucchina in Fiore”. Sabato 2 luglio 2011 ore 20.30 negli stand gastronomici si potrà gustare �ori di zucchine fritte all’istante e ballare con il gruppo Adriano Show. Domenica 3 luglio ore 20,30 la sagra entra nel vivo, �no esaurimento dei fritti si mangia e si balla con La Voglia Matta. Sabato 9 luglio II Giornata Moto Break e in serata grande cena e musica rock con i Rockasterzo. (E.M.)


cultura e spettacoli

18

Viterbo & Mercoledì 22 Giugno 2011 AltoLazio

L’attore livornese protagonista questa sera del premio ‘Pipolo’

Paolo Ruffini alza il sipario sul Tuscia Film Fest 2011 di ELISABETTA SORIANO

L

’attore toscano Paolo Ruf�ni aprirà domani a Viterbo l’ottava edizione del Tuscia Film Fest e per l’occasione riceverà il Premio Pipolo Tuscia Cinema. L’evento si svolgerà questa sera alle

21,15 presso il cortile del Museo Nazionale Etrusco Rocca Albornoz di Viterbo e sarà con quest’assegnazione che prenderà uf�cialmente il via il programma estivo della manifestazione cinematogra�ca, che si svolgerà tra le cittadine di Viterbo, Orvieto e Canepina. Il Premio Pipolo Tuscia

Cinema che verrà consegnato al simpatico attore è stato istituito nel 2008 in ricordo della �gura di Giuseppe Moccia, nato proprio nella cittadina viterbese nel 1933. Il premio viene assegnato ogni anno ad una personalità emergente del cinema italiano, indicata dalla stessa

famiglia Moccia e dalla direzione del Tuscia Film Fest. A consegnare il riconoscimento, realizzato dall’artista Massimo De Giovanni, sarà proprio Federico Moccia, affermato scrittore, regista, nonché �glio di “Pipolo”. Prima di Paolo Ruf�ni altre personalità emergenti che lo hanno ricevuto sono state Isabella Ragonese, Valentina Lodovini e valerio Mieli. Dopo la cerimonia di assegnazione del premio, seguirà un incontro con lo stesso Paolo Ruf�ni, e subito dopo la proiezione del �lm “C’è chi dice no”, del regista Giambattista Avellino, che vede protagonista lo stesso Ruf�ni insieme a Paola Cortellesi, Luca Argentero, Myriam Catania e Giorgio Albertazzi. Il conduttore televisivo e attore italiano Paolo Ruf�ni è nato a Livorno il 26 novembre 1978 e ha debuttato nel mondo dello spettacolo come protagonista di spot pubblicitari, quali Kinder Cereali e Olidata, e con il �lm “Ovosodo” di Palo Virzì. Nel 2002diventa uno dei VJ di Mtv Italia, per la quale conduce i programmi “Mtv on the Beach”, “Hitlist Italia”, “Mobile Chart” e “Select”. Nel 2005 lascia la rete musicale e comincia una collaborazione con Max Giusti; partecipa anche come ospite

al talk show demenziale “Bla Bla Bla” con Lillo & Greg e scrive e conduce tre edizioni di “Stracult”, trasmissione di Rai2 sul cinema. Parteciperà a due edizioni di “Matinée” e “Soirée” e nel 2005 arriverà la svolta per la sua carriera con il ruolo da “comprimario da locandina” nel �lm di Aurelio De Laurentiis “Natale a Miami” (con Massimo Boldi e Christian De Sica); nel 2006 bisserà il successo con il �lm campione d’incassi “Natale a New York”, diretto da Neri Parenti. Nel 2007 conduce “Amici Miei” sul canale satellitare Comedy Central, mentre nel 2008 è tra i protagonisti del �lm “La seconda volta non si scorda mai” insieme a Enzo De Caro e Elisabetta Canalis. Nel 2008 si esibisce goliardicamente come corista nel gruppo “La Crus” e diviene a capo dell’Associazione “Nido del Cuculo”, che produce lo

spettacolo “Io? Doppio!”. Sempre nel 2008 entra a far parte del cast del “Quasi Tg” sul canale satellitare FX, e contemporaneamente prende parte anche al programma televisivo “Scalo 76”, trasmesso da Rai2. E’ inoltre protagonista di “Natale a Rio”, “Un’estate ai Caraibi”, “La Prima Cosa Bella”, “Maschi contro Femmine” e “C’è chi dice no”. La serata inaugurale del Tuscia Film Fest sarà preceduta alle 18,30 dalla “prima” del �lm animato “Cars 2 “, che si svolgerà presso il Cine Tuscia Village di Vitorchiano. Presenti alla proiezione in 3D anche i trenta fortunatissimi che hanno vinto un biglietto omaggio per assistere alle avventure di Saetta Mc Queen ed i suoi compagni, partecipando all’ “Operazione Pole Position!”, promosso da Tuscia Film Fest e Cine Tuscia Village.

Sessanta eventi nel quartiere di Pianoscarano, dal 30 giugno al 16 luglio per scoprire il teatro e la letteratura

Torna ‘Senza Caffeina’ la cultura dedicata ai più piccoli

di FORTUNATO LICANDRO

I bambini sono il nucleo della cultura in quanto più ne apprendono da piccoli, più sarà facile ampliarla da grandi”. Con queste parole il presidente della Fondazione Carivit, Francesco Maria Cordelli ha inaugurato la conferenza stampa per la presentazione del programma della seconda edizione di Senza Caffeina, la sezione pomeridiana e serale dedicata ai più piccoli all’interno di Caffeina Cultura, l’evento che si svolgerà nel centro storico di Viterbo dal 30 giugno al 16 luglio. I sessanta eventi proposti per questa edizione si arricchiscono di una nuova location che ospiterà alcuni eventi di tipo letterario: l’antico quartiere di Pianoscarano e più precisamente Piazza Scotolatori e la scalinata di Sant’Andrea. Presenti alla conferenza, tenutasi presso la sede della Fondazione Carivit a Palazzo Brugiotti, anche all’assessore Giovanni Arena ed il sindaco di Viterbo Giulio Marini il quale ha tenuto a sottolineare l’attenzione che la città di Viterbo ha verso i più piccoli cercando di essere sempre più una città a misura di bambino “Ringrazio gli organizzatori per aver proposto un evento di qualità ed importanza per la crescita culturale della città. Viterbo città di cultura non sarà più solo uno slogan, ma diventerà una realtà a tutti gli effetti”. Il programma, illustrato dal direttore artistico di Senza Caffeina Paolo Manganiello e dal direttore organizzativo Chiara Palumbo, sarà così articolato: dal 1° al 16

luglio ogni giorno sarà prevista una parte pomeridiana dell’evento la quale si sdoppierà da un lato con i laboratori creativi, guidati da esperti nell’ambito del teatroeducazione, e dall’altro con l’animazione per bambini coordinata da alcune ludoteche e scuole dell’infanzia di Viterbo. In più, per sviluppare l’educazione all’ascolto e alla lettura, sarà realizzata una sezione dedicata a bambini e ragazzi dai 7 ai 16 anni, dal titolo “Oggi ve lo racconto io!”: dalla scalinata di Sant’Andrea vari autori proporranno la presentazione del proprio libro attraverso attività di laboratorio, giochi, letture sceniche, animazioni e vivaci dibattiti. Un’altra novità è composta dal laboratorio ludico sulla sicurezza stradale per bambini realizzato in collaborazione con la Polizia Stradale di Viterbo comandata da Federico Zaccaria.

Un’edizione 2011 composta di tante novità l’ultima delle quali riguarda la rassegna dal titolo “A teatro con mamma e papà”: per nove sere alle 21 e 30 andranno in scena nove spettacoli di altrettante diverse compagnie provenienti da tutta Italia. Durante le altre sette serate di Senza Caffeina, sul palco di Piazza Scotolatori, l’attrice Vera Anelli presenterà “Tutti Tigrotti” , una lettura a puntate del romanzo di Salgari “Le tigri di Mompracem”, in occasione del centenario della morte dell’autore veronese. Anche quest’anno Senza Caffeina offre un programma rivolto all’educazione e alla scoperta del teatro e della lettura dedicato tanto all’infanzia quanto alla gioventù e, perché no, anche al pubblico adulto.


& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

cultura e spettacoli

19

Parte la decima edizione di ‘FontanonEstate’ la rassegna di musica, teatro, danza e cinema

L’estate romana inizia al Gianicolo Spiagge sicure, lo start up a Ladispoli

Estate sicura”, il progetto realizzato dall’Amministrazione Paliotta, torna ad essere un punto di riferimento anche quest’anno, per la sicurezza e la tranquillità dei bagnanti. Sarà attivo un sistema di salvataggio coordinato sullo specchio d’acqua compreso tra Torre Flavia e Marina di San Nicola. “Come lo scorso anno – ha detto il consigliere comunale e delegato al demanio, erosione e piano di utilizzo dell’arenile, Roberto Garau – sul lungomare Marina di Palo ci sarà una struttura fissa che consentirà ai volontari della Dolphin, che hanno avuto in affidamento il servizio, di potersi meglio coordinare nelle attività di soccorso con gli stabilimenti balneari, la Capitaneria di Porto e le forze dell’ordine. Su progetto presentato dall’Amministrazione Comunale, inoltre, abbiamo realizzato questa struttura, di fondamentale importanza, grazie al finanziamento ottenuto dalla Regione Lazio. E’ importante ricordare che di questo progetto fa parte anche la realizzazione dello scivolo di alaggio sia per le imbarcazioni di soccorso che per quelle private”. “I volontari – ha concluso Garau – avranno a loro disposizione due moto d’acqua con barella rigida, particolarmente versatili per le attività di soccorso in quanto, non avendo l’elica, possono operare in qualsiasi luogo. Inoltre per gli interventi particolarmente impegnativi sono sempre pronti ad entrare in azione un gommone di 8,40 metri con due motori fuori bordo e un gommone di 4,20 metri con motore idro-jet”. Ed anche la governatrice del Lazio Renata Polverini si dice contenta e sodisfatta per l’avvio dell’iniziativa”E’ un progetto serio ed ambizioso che avrà ulteriori sviluppi anche in termini di risorse e che ha come obiettivo di quello di garantire, prevenire e azzerare il rischio di incidenti. C’è inoltre l’aspetto legato agli asset strategici per rilanciare l’economia del Lazio, ovvero il turismo”. (Rob Fra)

PER LE VOSTRE COMUNICAZIONI CONTATTATE opinione.cv@gmail.com redazione@opinioneviterbo.it

di ROBERTA FRASCARELLI

R

oma chiama e la nostra redazione risponde. Siamo stati invitati, lunedì scorso, alla conferenza stampa di presentazione del ricco cartellone della Sedicesima Edizione del FontanonEstate, la storica rassegna culturale della Capitale locata in uno dei centri più suggestivi di Roma: i giardini della fontana dell’Acqua Paola al Gianicolo. Concepita dall’Associazione Culturale Teatro Studio e guidata quest’anno dai direttori artistici Enzo Aronica, Riccardo Barbera e Roberto Della Casa. La manifestazione si ripropone confermando il gradimento ottenuto nel corso degli anni da pubblico e critica per l’eterogeneità delle proposte e la generosità dei contenuti, animando ed arricchendo le lunghe estati romane, accompagnate da temperature climatiche instabili e spettatori diversi�cati. Da ieri all’11 settembre, quasi ogni sera, una kermesse di spettacoli teatrali conditi da

musica, danza e cinema, vedrà esibirsi quasi una cinquantina di compagnie, molte delle quali giovanissime. Fra le novità di quest’anno vi è infatti un ampio spazio dedicato alle nuove leve e alla creatività di artisti in grado di comunicare nuove emozioni e stili attraverso l’originalità di testi e performance. Dal Festival dantesco, �nale del concorso dedicato ai giovani interpreti della Commedia, si passa a drammaturgie inedite messe in scene da nuovi talenti, oltreché virtuosi della musica classica e comici tuttofare. Un grande spazio sarà dedicato al centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia, non solo attraverso la messa in scena di speci�ci testi – tra questi si segnalano il musical Storia nostra all’antica Osteria tratto da Cesare Pascarella (compagnia Attori e Tecnici), uno spettacolo dedicato alle �gure femminili combattenti più signi�cative (Le donne di Garibaldi di Fatima Scialdone) e un’ironica trasposizione della campagna militare italiana nel-

l’ex Unione Sovietica (Li Romani in Russia di Elia Marcelli con Nicola Pistoia – Paolo Triestino - Paola Minaccioni) – ma anche attraverso dei racconti in 5 minuti di micro curiosità sulla nostra storia. Le Spigolature Garibaldine, narrate ogni sera prima di ogni performance, prenderanno infatti spunto dai personaggi che, nella zona del Gianicolo, diedero vita a una delle pagine più esaltanti del Risorgimento italiano: la Repubblica Romana del 1849. Tra le prime teatrali più interessanti lo sguardo è rivolto al Caso Salgari con Massimo Popolizio, a celebrazione dei cent’anni dalla morte del grande romanziere e al De rerum natura di Lucrezio interpretato da Roberto Herlitzka, insieme alla mitologia di Odissea/Penelope con Iaia Forte e a L’In�nito Giacomo, con Giuseppe Pambieri su Leopardi. Spazio anche all’esilarante umorismo di Jurgens con la trasposizione teatrale di Eleuterio e sempre tua sugli sketches radiofonici della coppia Morelli/

Stoppa, alle conversazioni-parodia di Ionesco ne La cantatrice calva di Giancarlo Fares e all’intensità drammatica di Ruggero Cappuccio nel suo omaggio al giudice Borsellino, che condivide lo spazio dedicato al teatro civile con Il viaggio di Nicola Calipari di Fabrizio Coniglio. La rilettura di autori contemporanei internazionali è invece alla base del Pessoa Smoke di Roberta Lena, di Sempre Insieme della scrittrice rumena Anca Visdei (produzione del Teatro Stabile di Genova) e della Teresa di Toni Fornari ispirata a Jorge Amado. Presente anche la musica – da rivisitazioni beatleasiane allo struggente ricordo di Gabriella Ferri in Er core de Roma, con Cristina Cellini, e al pastiche anglo-napoletano di Vittorio Viviani Song o not songs – la danza - con la Gaia del Balletto di Spoleto con Caterina Genta su coreogra�e, tra gli altri, di Luciano Cannito, Renato Greco e Dino Verga – ed il cinema, con la sesta edizione del Cyborg Film Festival. In�ne un sincero omaggio a Daniele

Formica, artista a tutto tondo recentemente scomparso nonché amico, protagonista e sostenitore da anni della rassegna, ricordato attraverso una maratona-performance di molteplici artisti del mondo dello spettacolo. La rassegna si chiuderà l’11 settembre con un doveroso ricordo alla tragedia delle Torri Gemelle in occasione del decimo anniversario dalla strage. Tra tradizione e innovazione FontanonEstate si ripropone così al suo amato pubblico, sfoderando un repertorio diversi�cato ma sempre e comunque all’insegna della qualità.

SE SEI UN CANTANTE O HAI UN GRUPPO MUSICALE E VUOI FARTI CONOSCERE CONTATTA opinionelive@gmail.com redazione@opinioneviterbo.it

OPINIONE LIVE - L’estate caldissima degli Audio Magazine L

i conosciamo eccome, spesso hanno suonato lungo il litorale, nel gruppo la voce blues di Francesco Carusi, nostro concittadino e grande talento, da anni insieme al team di Andrea Cardillo. Gli ‘Audio Magazine’, nascono nell’estate del 2003 dal duo chitarra, voce e percussione formato da Andrea Cardillo, �nalista di Saranno Famosi divenuto poi Amici e Kicco Careddu, anche lui reduce dallo stesso talent show. Subito dopo, in occasione della partecipazione di Andrea all’I Tim Tour 2003 ad Alghero, al gruppo si aggiungono le tastiere di Francesco “Frankie” Carusi e le percussioni di Enrico “Enriquez” Sotgiu. La loro energia manda in visibilio 60.000 persone. La band è quasi al completo: manca solo un bassista. Vittorio “Parola” Longobardi, entra uf�cialmente negli A.M. Come nel calcio, anche nella musica, ci vuole uno “straniero” e gli A.M. arruolano un talentuoso percussionista senegalese: Lamine M’Baye. La band inizia a girare l’Italia in lungo e in largo: dalle piazze più prestigiose ai locali più cool (Smaila’s Roma e Sardegna,

Country Club, Koku, Maranà). Nel 2009 Maurizio Costanzo, già autore con Mario Lavezzi del singolo di Andrea Cardillo “Ma dai”, disco d’oro e vero tormentone estivo nel 2003, ingaggia la band per il suo salotto televisivo. L’anima musicale degli ‘Audio Magazine’ si basa sulla fusione di ogni singolo componente ed è così che, la band, spazia dal pop all’happy music, dalla musica cubana al blues rileggendo brani famosi e trasformandoli in cover personalizzate: un vero e proprio mix di ritmo e adrenalina. Il 24 giugno, le radio italiane avranno in playlist il loro primo singolo ‘Tornerai’, (su etichetta NAR International) e da venerdì 1° luglio in tutti i principali digital store. Inizialmente il brano nasce dalla penna del batterista degli A.M. Kikko Careddu e la protagonista doveva essere la sua ex �danzata. Quando Kikko ha sottoposto il pezzo agli altri componenti, per poco non viene picchiato. Cancellato quindi il nome della “sfortunata” ex, il brano è stato modi�cato ad hoc da tutto il gruppo. Il videoclip di ‘Tornerai’,

girato nella suggestiva cornice di Praia a Mare in Calabria, è un susseguirsi di colori, sapori e atmosfere tipicamente estive. con la regia di Ivana Smudja mentre la produzione è di Francesca Chiappetta. Atte-

sa per il concerto dell’8 luglio alla Scogliera – Sant’Agostino, una delle tappe del ‘Tornerai Summer Tour,’ dove ascolteremo, per la prima volta live, il singolo “Tornerai” . AUDIO MAGAZINE: An-

drea Cardillo (voce e chitarra) Francesco Carusi (voce e tastiera) Kikko Careddu (batteria) Vittorio Longobardi (basso) Enrico Sotgiu (percussioni) e Lamine Mbaye (percussioni). (Rob Fra)


SPORT

� � �

20

RUGBY - Il ct Mallett lo ha chiamato per il raduno della Nazionale

Riccardo Bocchino nella lista degli Azzurri S

ono stati resi noti ieri i 36 giocatori che parteciperanno al raduno in Alta Pusteria, primo atto della marcia che porterà la nazionale azzurra di rugby �no ai Mondiali in Nuova Zelanda. Il c.t. Nick

Mallett ha inserito nella lista dei convocati anche Riccardo Bocchino, il mediano viterbese reduce da una positiva Churchill Cup con la maglia della Nazionale ‘A’ allenata da Guidi e De Carli. Il raduno inizierà il

3 luglio e servirà a decidere gli ultimi sei ‘tagli’, arrivando così alla rosa de�nitiva di trenta atleti che disputeranno i test match con Giappone e Scozia prima di partire per la Nuova Zelanda.

Edizione del 22 Giugno 2011

Redazione sportiva - via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - telefono 0761-346807 e-mail: redazione@opinioneviterbo.it

NUOTO

Si chiude una stagione da incorniciare Il Centro Viterbese settore Propaganda protagonista anche al Trofeo Larus

C

on le �nali del IX Trofeo Larus Mini-Master è andata in archivio la stagione del settore Propaganda degli atleti del Centro Nuoto Viterbese. La manifestazione conclusiva ha posto �ne ad una stagione iniziata a gennaio, proseguita con il suo momento clou nei mesi di marzo, aprile e maggio quando gli impegni agonistici si sono moltiplicati. Grazie ad un impegno costante e profondo, sono arrivati risultati che hanno soddisfatto in pieno sia i ragazzi che il loro tecnico e la società. I primi ‘squilli di tromba’ sono arrivati a marzo, con i Campionati Regionali disputati a Frosinone; in quella occasione c’è stato l’oro di Ilaria Moschini, il grande esordio di Gioia Capati che, alle sue prime gare, si è portata a casa un argento e 2 bronzi, e le medaglie d’argento anche per Alessia Corinti e Luca Coletta. Aprile è stato contrassegnato dalle quali�cazioni alle �nali di Avezzano e da un coinvolgente e pro�cuo mini-collegiale a S. Benedetto del Tronto, poi a metà maggio la squadra, in qualità di unica rappresentativa della provincia di Viterbo, è partita alla volta della Puglia per l’impegno più importante della stagione, la Manifestazione Nazionale di Nuoto per Propaganda che equivale ad un campionato italiano del settore. Anche qui i

ATLETICA - Prestazioni esaltanti di Schertel e Carvetti

Finass e Alto Lazio danno gioie ‘multiple’ O

nuotatori del CNV hanno avuto modo di primeggiare nelle loro categorie: Ilaria Moschini ha vinto ancora l’oro nei 50 rana, Gioia Capati e Matteo Cannata hanno aggiunto due splendidi argenti. Il 22 maggio il Centro Nuoto Viterbese ha preso parte al prestigioso Trofeo di Avezzano e, ancora una volta, il podio non è sfuggito ai giovani talenti della Tuscia: due medaglie d’oro di Corinti e Moschini e il bronzo di Matteo Cannata nei 50 rana. Si è così arrivati alla conclu-

sione rappresentata dalle �nali del Trofeo Larus a Viterbo; Gioia Capati nel dorso e Ilaria Moschini nella rana sono salite sul gradino più alto del podio, Federica Parenti si è aggiudicata la combinata della categoria Assoluti e un ottimo secondo posto nei 50 dorso, gli altri ranisti Alessia Corinti e Matteo Cannata si sono messi al collo un argento e un bronzo e lo stesso Cannata ha vinto un altro argento nello stile libero. Ottime anche le prove di Simone Menditto, Riccardo Bellitto, Elisa Scanu, Chiara Troili,

Marina Scopelliti, Giorgia Piergiovanni, Duilio Cerolini e Giulia Pasqualin a completare un’ottima prestazione di squadra. Ora il gruppo del Centro Nuoto Viterbese può godersi un meritato riposo, anche se il pensiero del tecnico e dei dirigenti; considerando che alcuni atleti raggiungeranno il limite di età ed altri entreranno a far parte del gruppo, l’obiettivo sarà provare a migliorare il medagliere di questa stagione incrementando anche il numero di praticanti di questa splendida disciplina.

ttime notizie per i ragazzi dell’Alto Lazio Colavene ai Campionati di Società di prove multiple; gli atleti si sono s�dati sulle classiche tre prove (60m piani, salto in lungo e lancio del vortex) presso lo stadio della Farnesina a Roma, con la società di Civita Castellana che è riuscita a centrare uno splendido terzo posto. Protagonista di questo exploit è stata Valeria Carvetti che si è piazzata quarta a pari merito nei 60m (corsi in 8”84), seconda nel lungo (4,32m) e nona nel vortex con (29,98m). Sommando i punteggi di ogni gara ha ottenuto 1.916 punti che le hanno assegnato il terzo gradino del podio. Bene anche Martina Turco con 9”47 nei mt 60, 4,15m nel lungo e 32,93m nel vortex che le sono valsi il nono posto appena fuori dal podio. Chiara Marini ha corso i 60m in 9”52, ha saltato 3,73m nel lungo e lanciato il vortex a 23,96m per un

25esimo posto complessivo su 53 partecipanti. Nel settore maschile bene Andrea Ceccani con 9”63 nei mt 60, 3,84m nel lungo e 39,28 mt nel vortex che gli hanno consentito di chiudere in 25esima posizione. Due posizioni più indietro è giunto Federico Marcucci (9”85 nei mt 60, 3,84m nel lungo e 31,87m nel vortex). Un buon risultato anche in vista della seconda prova prevista in autunno. Da applausi anche il comportamento degli atleti della Finass Viterbo, capaci di ottenere 2°,4° e 6° posto sul podio ragazzi. Eleonora Schertel ha fatto ancora meglio, vincendo la gara nella categoria cadette. Queste prestazioni confermano l’ottimo lavoro che le società della Tuscia stanno portando avanti da anni con tanta competenza, facendo una forte promozione dell’atletica leggera che sta costantemente migliorando numeri e qualità del suo movimento.

CONI - Prima settimana in archivio tra i commenti entusiastici dei partecipanti

Grande successo per gli Educamp

G

rande partenza per gli Educamp, ospitati a Riva dei Tarquini dalla struttura sportiva Europing, la pineta adiacente che l’Università Agraria di Tarquinia ha messo a disposizione del CONI di Viterbo. Alla chiusura della prima settimana sono intervenuti anche il Presidente del CONI di Viterbo Livio Treta, l’assessore dell’Università Agraria di Tarquinia Antonio Peparello ed il Direttore dell’Educamp Nuccio Chiossi che hanno toconsegna

a tutti i ragazzi dei diplomi di partecipazione. “Gli Educamp rappresentano - ha affermato Livio Treta nel suo saluto ai giovani partecipanti e ai loro genitori -, i primi centri estivi, organizzati a livello nazionale da CONI e MIUR, a carattere educativo fondati sui valori olimpici. L’offerta multidisciplinare è totalmente �nalizzata al divertimento e alla socializzazione, basandosi su attività motorie svolte all’aria aperta ed attività ludico ricreative differenziate a secon-

da delle varie età. Il progetto è nato dall’esigenza di offrire ai ragazzi un’esperienza ricca di stimoli tesi a potenziare in loro la dimensione sociale ed emotiva attraverso la pratica sportiva rafforzandone gli aspetti globali della personalità”. Il progetto ha riscosso subito l’entusiasmo dei ragazzi che hanno espresso la loro soddisfazione per l’esperienza vissuta assieme agli organizzatori, ai tecnici ed educatori veri elementi chiave dell’intero progetto, garanti dell’approccio educativo �nalizzato alla partecipazione attiva e alla socializzazione nel rispetto delle regole che disciplinano l’attività di gruppo. Sul questionario di gradimento i ragazzi hanno espresso un giudizio �nale ottimo per come hanno trascorso le gior-

nate a contatto della natura, per le attività praticate, per la bellezza del luogo che ha fatto da cornice a tutte le attività, per l’alta qualità del vitto, l’organizzazione impeccabile curata dal Direttore del Centro Educamp, Prof. Nuccio Chiossi,

e per l’alta professionalità dei tecnici e degli educatori. Gli educamp continueranno �no al 23 luglio prossimo di settimana in settimana, scanditi da giornate intense e ricche di esperienze da provare, di cose da imparare in un clima sere-

no di socializzazione e spirito sportivo. I servizi offerti prevedono attività multisportive, attività di animazione, servizio di ristorazione in loco, assistenza sanitaria, assicurazione infortuni, kit di abbigliamento sportivo (3 t-shirt, 2 pantaloncini, 1 cappellino ed uno zainetto) attestati di partecipazione, alloggio. Il costo di partecipazione settimanale, grazie all’intervento economico del CONI e del Ministero dell’Istruzione è di 250 euro, i turni previsti (settimanali da domenica a sabato) sono sei senza alcuna interruzione e sono a numero chiuso. Per le relative informazioni ed adesioni si può telefonare al CONI Provinciale di Viterbo – tel. 0761.344801, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13 oppure al 345/9425030.


� �

sport

SPORT

& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

21

MOTOCROSS

Lupino nel segno dell’ottimismo

Buon dodicesimo posto nel GP di Spagna per il viterbese: “Siamo sulla strada giusta” KART - Il pilota di casa trionfa nel ‘Città di Viterbo’

di GLAUCO ANTONIACCI

A

lessandro Lupino e la sua Husqvarna stanno crescendo; il trend si era visto già nelle precedenti settimane ma è stato confermato anche in Spagna, sul dif�cile tracciato di La Baneza, che ha ospitato la settima tappa del mondiale motocross per la MX2. Diciassette punti, record aggiornato di questa stagione, grazie ad un tredicesimo e un dodicesimo posto; un rendimento costante, solido e impreziosito dalle doti di guida del ‘Lupo’, apparso a suo agio anche su un tracciato nuovo che i protagonisti del campionato mondiale hanno visitato per la prima volta. Partito bene nella prima manche, Lupino ha duellato a centro gruppo cercando in tutti i modi di avvicinarsi alla decima posizione. Il centauro viterbese è stato protagonista di un arrivo quasi in volata, insieme allo spagnolo Butron Oliva e all’olandese Kras, ma ha dovuto soccombere ad entrambi gli avversari terminando tredicesimo con meno di due secondi di distacco dall’undicesima piazza che avrebbe rappresentato il miglior risultato stagionale in una singola manche, uguagliando quanto fatto all’esordio in Bulgaria. Nella seconda prova Lupino è partito male, si è trovato co-

Fabiani inarrestabile A

stretto ad inseguire su un tracciato rovinato dalle precedenti manches e con poco spazio per i sorpassi. L’azzurro non si è certo perso d’animo, anzi ha attaccato a fondo per superare chi lo precedeva ed è riuscito a portare a casa la dodicesima posizione, davanti anche al suo compagno di squadra, l’americano Leib. I diciassette punti ottenuti nelle due manches sono valsi a Lupino la dodicesima piazza nel GP di Spagna e la conferma di avere ora un passo gara all’altezza delle prime dieci posizioni.

Nella classi�ca mondiale il pilota viterbese del team Ricci Racing ha conservato la sua quattordicesima posizione provvisoria, avvicinandosi tuttavia al francese Tixier che lo precede solamente di quattro lunghezze. “Queste ultime tre gare sono andate abbastanza bene - commenta Lupino - anche se c’è stato qualche piccolo problemino alla moto che mi ha impedito di fare ancora meglio. Sul giro andavo bene ma in partenza facciamo ancora fatica e poi diventa dura dover inseguire. Comunque sia-

mo sulla strada giusta, anch’io mi sento meglio sotto il pro�lo �sico rispetto ad inizio anno e se la Husqvarna ci facesse arrivare qualche evoluzione potrei stare sempre fra i primi dieci”. Tra due settimane si gareggia in Svezia, a Uddevalla, dove verrà anche uf�cializzata la presenza del ‘Lupo’ nel team che rappresenterà l’Italia al Motocross delle Nazioni: “La stagione è volata - chiude il centauro viterbese - siamo già a metà e, dopo luglio, sarà quasi �nita. C’è però ancora tempo per crescere”.

sfalto infuocato, non solo per le temperature estive, nella quarta edizione del trofeo karting “Città di Viterbo”. L’evento, ospitato al Circuito Internazionale, ha richiamato moltissimi appassionati sulle tribune dell’impianto per una lunga giornata di gare vissuta tra sorpassi mozza�ato e lunghi duelli. A contribuire a rendere elettrizzante la giornata ci ha pensato anche il particolare regolamento del trofeo, disputato questa volta su gara unica: ogni pilota ha dovuto spingere al massimo senza sbagliare per aggiudicarsi il trofeo. Nella classe regina, la KZ2, i supporters locali hanno potuto applaudire la stupenda prova del campione viterbese Alessandro Fabiani (team CFB) che, grazie al secondo nella pre�nale e ad una �nale condotta in modo esemplare, si è preso il successo e il meritato quanto ambito trofeo. La gara è stato anche un ottimo test in vista della terza prova del campionato italiano che si disputerà il 3 luglio sempre sulle sedici curve del tracciato

AUTOMOBILISMO - Brutte notizie dalla gara di Magione MOTOCICLISMO - Checa cade in Superbike ma il team Althea sorride ugualmente

Prosegue anche nella GT Cup la stagione nera di Gianluca Carboni

A brillare stavolta è Giugliano

P

U

na proprietà matemtaica stabilisce che anche cambiando l’ordine degli addendi, la somma non cambia. Evidentemente è così anche per Gianluca Carboni che, in un 2011 ‘stregato’, ha provato a cercare nuovi stimoli esordendo alla guida di una Ferrari F430 nel Campionato GT Cup, �nendo però per collezionare un altro week-end davvero povero di soddisfazioni. Il campionato Gran Turismo ha fatto tappa sulla pista di Magione e il pilota di Bagnoregio, con il suo compagno di squadra Lorenzo Casè, ha cercato di inserirsi subito in un campionato che, a differenza dei monomarca, vede impegnate vetture diverse e tutte

competitive, dalla Porsche alla Lamborghini alla Ferrari. In gara uno è partito per primo Carboni che ha dovuto fare i conti con la rottura dell’ABS, l’estintore all’interno della vettura ed è stato sul punto di ritirarsi. Ha comunque proseguito, dando il cambio in dodicesima posizione a Casè; la vettura non è arrivata al traguardo, perdendo una ruota all’ultimo giro, ma è stata ugualmente classi�cata al decimo posto. Nella seconda manche è stato Casè ad iniziare la gara ma la sua Ferrari ha avuto problemi ancora all’ABS e, quando è salito in macchina Carboni, un innalzamento eccessivo delle temperature ha consigliato il ritiro. (ga)

arecchi rimpianti dalla Superbike, l’ennesima festa nella Superstock 1000, pur se non tutto è andato benissimo. Forse il Team Althea Racing aveva abituato troppo bene i suoi tifosi, che vedevano costantemente in testa Carlos Checa e Davide Giugliano nelle due categorie, così è stata vissuta come una piccola delusione la domenica di gare in Spagna che ha visto comunque la scuderia di Civita Castellana salire due volte sul podio e portare a casa una bella vittoria. Le notizie più belle sono arrivate dalla Superstock 1000, con Davide Giugliano che ha confermato di essere il numero uno della categoria; il giovane pilota dell’Althea Racing, replicando quanto fatto a Misano, è partito a tutta velocità staccando gli avversari, poi ha gestito la gara resistendo nel �nale al tentativo di riavvicinamento di Zanetti che è terminato alle sue spalle nella classi�ca del gran premio. Solo terzo Petrucci che aveva dominato le prove e appariva come il favorito numero uno alla vittoria. Meno bene sono andate le cose per quanto riguarda Lorenzo Baroni che, mentre stava duellando per la settima piazza, ha accusato un

piccolo problema alla sua Ducati ed è stato costretto a cedere due posizioni, chiudendo nono. Nella classi�ca iridata Giugliano domina a quota 95, Petrucci è staccato già di 26 lunghezze (69) e Zanetti di 27 (68). Baroni è nono con 24 punti. In Superbike Carlos Checa non è riuscito a ripetere davanti ai suoi tifosi le ultime prestazioni che lo avevano portato a quattro vittorie di �la. Melandri e Biaggi avevano dimostrato già nelle prove di essere clienti temibili, così Checa, che nella prima manche era rimasto un po’ addardato rispetto ai due italiani, ha cercato in

ogni modo di recuperare, forzando eccessivamente il passo e �nendo per terra. Dopo lo ‘zero’ della prima manche, nella seconda il pilota iberico ha preferito ridurre i rischi per non compromettere del tutto il vantaggio accumulato in classi�ca. Con Biaggi primo e Melandri secondo, Checa ha terminato sul podio meritandosi comunque 16 punti che gli hanno consentito di limitare i danni rispetto ai suoi due avversari. Ora Checa ha 261 punti e alle sue spalle si fanno sotto Biaggi (218) e Melandri (195). Il 10 luglio si tornerà in pista a Brno. (GA)

viterbese. “Ringrazio innanzitutto mio padre Luciano e il mio motorista Andrea Fravolini – ha detto Alessandro a margine della premiazione – e dedico questa vittoria al grande amico Maurizio Ciccioli, scomparso lo scorso anno”. Alle spalle di Fabiani si è classi�cato l’amico e rivale di sempre Alessandro Giuglietti, mentre il terzo gradino del podio è stato guadagnato da un ispirato Matteo Massatani. Ai piedi del podio, nell’ordine, Francesco Celenta e Dario Capitanio. Nella 125 Italia successo ha arriso a Maria Laura Di Muzio, bravissima a precedere Mauro Moretti, Marco Cardinaletti e i due fratelli viterbesi Pagliai, con Luca (DBM racing team) che ha vinto la s�da in famiglia contro Andrea (team CFB). Da segnalare la stupenda prova dell’altro viterbese Maurizio Casarelli che, dopo aver conquistato la pole e aver dominato gara 1, si è dovuto arrendere alla sfortuna proprio mentre si apprestava a vincere la �nale. Un testacoda negli ultimi giri, complice un problema tecnico, lo ha infatto costretto ad abbandonare la gara, togliendogli una vittoria sicura. La categoria 125 Prodriver ha premiato Carlo Andrea Litta, secondo posto per Gianluca Gentile, terzo Sergio Lattanzi, quarto Vittorio Giordani e quinto Andrea Famiani. Nella classe KF3 Federico Pezzola ha preceduto Carmine Romanucci e Mattia Muzzolon, mentre Nicola Stranieri si è aggiudicato il trofeo nella categoria KF2 e Nazzareno Innocenzi ha fatto altrettanto nella 60 Mini Kart. Per quanto riguarda le categoria ROK, il trofeo nella classe 125 Super ROK è andato a Gianmarco Ercoli davanti a Lorenzo Caponi e Alberto Gnudi. Andrea Elia ha dominato la categoria 125 ROK davanti a Matteo Perugi e Federica Scarscelli, Federico Centioni si è imposto invece nella 125 Junior ROK, lasciandosi alle spalle Gigi Calafato e Leonardo Pulcini. Nella classe 60 Mini ROK bene Cristian Castelli che ha messo in riga Cosimo Papi e Leonardo Piol. Giornata in salita per il team viterbese DBM che, per una volta, non è riuscito a raggiungere gli ottimi risultati ai quali ci aveva abituati. Il team manager Carlo Accattoli ha voluto comunque ringraziare tutta la squadra per l’impegno profuso, promettendo ai tifosi grande spettacolo già dalle prossime competizioni. Non resta ora che attendere il 3 luglio quando il Circuito Internazionale di Viterbo diventerà di nuovo grande protagonista del kart nazionale ospitando la terza prova del Campionato Italiano CSAI Karting.


� �

sport

SPORT

24 22

Viterbo & Mercoledì 22 Giugno 2011 AltoLazio

C ALCIOMERCATO

Perugini, c’è chi dice Corneto e chi Caninese

Botta e risposta tra mister Gufi ed il presidente Morosini sulle sorti del trequartista di GIANLUCA NATOLI

CALCIO SERIE D

I

l Corneto Tarquinia ha tutte le intenzioni di ripetere lo straordinario campionato dell’anno scorso. Nei momenti più difficili erano in pochi a credere nelle capacità della squadra del litorale, poi però i fatti ed i numeri hanno smentito tutti. I rossoblù si sono salvati con un mese di anticipo dalla fine della stagione, dimostrando solidità e compattezza sia dentro che fuori dal campo. “Il segreto vincente dello scorso anno è stato il gruppo –ha dichiarato Gufi- che non si è mai disunito. Adesso stiamo preparando la nuova stagione nell’intento di replicare i risultati passati, anche se conosciamo perfettamente le insidie dell’Eccellenza. La salvezza va conquistata sul campo domenica dopo domenica, affrontando tutte le gare come fossero finali”. Per quanto riguarda il mercato, per ora appare sicura solo la partenza di Cascianelli (l’ufficialità l’1 luglio) con destinazione Grotte di Castro. “La sua è una grande perdita per la squadra. Non sarà affatto semplice trovare un sostituto adeguato sia sul piano delle doti tecniche che su quello delle qualità morali che hanno contribuito al buon umore dello spogliatoio”. Su Bisozzi e Perugini invece tutto ancora appare possibile. E proprio su quest’ultimo si apre così un vero ‘caso’. Il presidente della Caninese

Flaminia, il capitano sta per tornare. Assogna via F Nazareno Gufi Maurizio Morosini ha dato per certo l’arrivo del trequartista del Corneto, malgrado la firma potrà arrivare solo dopo l’apertura del calciomercato di luglio. Gufi è però praticamente convinto del contrario, cioè del fatto che Perugini non si muoverà da Tarquinia: “Conosco benissimo Fabio e da quello che mi risulta difficilmente andrà via. Ha un attività lavorativa molto impegnativa e credo che può conciliarla con il calcio solo rimanendo qui. Non è un ragazzo che va in giro volentieri e non rientra nemmeno nelle sue caratteristiche andare su una piazza che punta a vincere a tutti i costi. Quando arrivi in un nuovo gruppo

Fabio Perugini

Maurizio Morosini sei sotto i riflettori di tutti e hai l’obbligo di ricambiare la fiducia che ti è stata data. Tutto ciò richiede tempo ed energie che Fabio non può spendere. Per qualità tecniche potrebbe giocare in categorie superiori alla nostra, ma lui vive il calcio come divertimento. Vedremo come finirà...”. C’è poi la replica di Morosini: “Perugini arriverà a Canino al 100%. In queste ore stiamo trattando anche Fabrizio Borriello (difensore centrale ex Ladispoli e Civitavecchia). Saranno loro due i nostri primi rinforzi per puntare alla vittoria del campionato. Tengo a ribadire ancora una volta che la Caninese è una società sana ed a

Leonardo Bordo

differenza di molte altre squadre di provincia noi paghiamo regolarmente tutti gli stipendi. Questo ovviamente attira le attenzioni di molti giocatori in cerca di serietà”. Morosini ha avviato diverse trattative con alcuni calciatori considerati fra i migliori della categoria, a testimonianza delle super ambizioni del patron biancoceleste. Tornando ora al Corneto, Leonardo Bordo dovrebbe restare. Malgrado alcune voci di mercato lo diano in partenza, il giocatore ha fatto sapere di trovarsi bene a Tarquinia e quindi di esser pronto a prolungare il sodalizio con il presidente Santori anche per il futuro. Infine c’è Bisozzi, attaccante di peso che ha ricevuto un’offerta da ‘leccarsi i baffi’ dal Ladispoli. In questo momento l’attaccante si trova a Praga per un torneo con il dg rossoblù Ciro Granato ed altri ragazzi della Juniores. Trattenerlo sarà difficile, ma quest’uscita fuori porta potrebbe avergli fatto cambiare idea magari. Il Corneto ripartirà sicuramente dai gemelli del gol Spirito e Giorgi. Il nuovo campo sintetico sarà pronto per i primi di agosto. Ma Gufi precisa: “Abbiamo tutte le intenzioni di dimostrare che non sarà il campo a fare la differenza. Nell’ultima stagione ci siamo sempre allenati su terra e quando ci siamo trovati a disputare partite su impianti d’erba o sintetici non abbiamo affatto sfigurato”.

inalmente in casa Flaminia iniziano ad uscire fuori i primi nomi tra giocatori verso la riconferma e quelli nuovi che presto arriveranno. Ieri pomeriggio verso le ore 17 si è tenuto un importate colloquio tra l’attaccante Mario La Cava (ex Gaeta con 11 gol realizzati in sei mesi) e patron Roberto Ciappici, al termine del quale sono state messe le basi per il ritorno del vecchio capitano a Civita Castellana. Lo scorso dicembre La Cava aveva lasciato la Flaminia dopo essere entrato in rotta di collisione con il diesse Maurizio Manfra. Oggi tutto è cambiato: c’è un nuovo direttore sportivo (Vittorio Giovanale) ed un nuovo allenatore (Bruno Pierangeli). Insomma sono presenti tutte le condizioni per chiudere l’affare: “E’ un ragazzo in cui crediamo molto -ha dichiarato Ciappici- e proprio per questo abbiamo deciso di ricontattarlo. A breve ci darà una risposta. In linea di massima l’accordo è vicino ma ovviamente non è il caso di parlare con certezza prima dell’uscita dei cartellini”. Lo staff civitonico sta portando avanti un lavoro davvero immenso nelle ultime settimane, viste le decine di tattative avviate ed i contatti intrapresi. Ufficiale però è l’addio del portierone Daniele Assogna: “Presto lo chiameremo per comunicargli che non rientra più nel nostro progetto -ha aggiunto Ciappici- abbiamo intenzione di puntare su un calciatore giovane per quel ruolo”. Stefano Scardala è in bilico. Una settimana fa il difensore si è incontrato con Ciappici, senza tuttavia raggiungere un’intesa definitiva. I due si sono presi del tempo per

Mario La Cava pensare e decidere il da farsi. “Ci sono molte cose da valutare per entrambe le parti -ha dichiarato Scardala- ed al momento rimaniamo distanti. Non va risolta soltanto la questione economica. La società deve decidere ancora se tenermi o meno. Io sono disposto a restare, visto che in questi due anni mi sono trovato benissimo, ma come sempre i matrimoni si fanno in due e per ora tutto è fermo. Presto mi vedrò di nuovo con la dirigenza”. A quanto pare nelle ultime ore è calato il gelo fra le parti. Scardala sta aspettando una chiamata della società e la dirigenza attende una risposta di Scardala. Insomma sarebbe bene che qualcuno alzi il telefono per chiarire la questione. L’augurio è che alla fine il buon senso prevalga su tutto e il giocatore resti. Scardala ha infatti dimostrato di essere una pedina importante per la squadra e una sua eventuale partenza lascerebbe un vuoto nel reparto arretrato di non poco conto. (Gia Nat)

NON SOLO MERCATO - Dopo 5 anni Paolo Perandria lascia il Barco Murialdina

Il ds Petri si dimette. Quale futuro per i leoncini? L

a notizia è una bomba ma da tempo era nell’aria e apre degli interrogativi sui quali sarà interessante avere delle risposte.

PETRI SI E’ DIMESSO QUALE FUTURO PER I GIOVANI DELLA VITERBESE Tutti smentiscono, tutti continuano a dire che non è successo nulla ma intanto al 21 giugno del fututo della Viterbese settore giovanile non si sa nulla. Tutto fermo per quanto riguarda quadri tecnici, allestimenti delle squadre, campionati a cui partecipare. E la notizia legata alle dimissioni dal suo incarico da parte di Silvano Petri sa tanto di �ne di un ciclo per un settore che ha lavorato meglio in questi tre anni che negli altri 97 anni e passa della storia della Viterbese. C’è da chiedersi a che pro sia avvenuto l’avvento dei Canovi

(padre e �glio) delegati non si sa bene di chi a dare continuità ad un vivaio che stava muovendosi bene con le proprie gambe e che adesso a parte le loro agente �tte di nomi della provincia di Viterbo calcio baby da Proceno a Monterosi riteniamo che ne sappiano assai poco. Da più parti si vocifera che tutto il movimento verrà trasferito nella capitale e se così fosse (ma non vogliamo crederci) saremmo alla follia generale. Malumore anche tra i vari gruppi di lavoro per certezze che al momento non esistono. Petri ha chiuso con la ciliegina della torta legata all’affare Provenzano al Chievo (con i buoni uf�ci e le conoscenze di Giannoccaro) adesso c’è un silenzio tombale. E sarebbe bello che qualcuno ci dica come stanno effettivamente le cose nel rispetto di chi in questa provincia e dei “prodotti” di

Paolo Perandria questa terra con i quali Petri ha saputo lavorare alla grande. PERANDRIA LASCIA IL BARCO MURIALDINA E da ieri è uf�ciale anche la notizia che Paolo Perandria ha lasciato il Barco Murialdina. Già era stato uf�cializzato il

suo incarico come tecnico della juniores e poi questo passo indietro che lui stesso ci ha comunicato: “E’ un discorso di stimoli, motivazioni , diciamo che al Barco ha registrato un certo appiattimento e non me la sono sentita di rimettermi in gioco con un qualcosa destinato a decollare con dif�coltà”. Cosa resta di questi 5 anni al Barco? “Una esperienza lunga e importante, peccato per la retrocessione subita in questa stagione con il gruppo dei giovanissimi regionali ma non ho nulla da rimroverare ai ragazzi che sono arrivati ai play out. Abbiamo pagato dazio �sicamente”. Prospettive? “Al momento non ho nulla. Vedremo se qualcuno mi chiamerà e se a livello o di prima squadra o di settore giovanile mi verrà proposto qualcosa di interessante”.

DAL 5 LUGLIO LO STAFF DELLA LAZIO LAVORERA’ CON LA FOGLIANESE Bel colpo della Foglianese che dal 4 all’11 luglio avrà a disposizione sui suoi campi i tecnici e preparatori atletici delle giovanili della Lazio e verranno effettuate quindi delle sedute che serviranno a tutto l’ambiente per crescere ulteriormente. La stessa Foglianese ha poi uf�cializzato tutti i suoi tecnici: Prima squadra (Cristiano Giovannini); Juniores Reg. (Alberto Mariani); Allievi

Regionali (Pietro Tarquini); Giovanissimi Reg o elite (Giovanni Scoppa-Alessandro Federico); Allievi Fascia B regionali (Marco Bevilacqua-Sandro La Perna); Giovanissimi Fascia B reg. (Crispino Crispini). CICRAM ALTRO COLPO Non si ferma più il presidente della Cicram Diego Piermattei (nella foto sopra) che ha annunciato nelle ultime ore l’ingaggio dell’attaccante Federico Tanturli, 23 anni, ex Marta e Nuova Sorianese.


� �

sport

SPORT

& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

23

EVENTO

È stata un’emozionante cerimonia di premiazione Lacrime trattenute a stento nel ricordare tanti cari amici e colleghi arbitri venuti a mancare di GIANLUCA NATOLI

V

i riproponiamo oggi nella nostra seconda parte dello speciale ‘70 anni dell’A.I.A Viterbo’ altri interventi della cerimonia di sabato scorso a Palazzo Doria Pamphili (San Martino al Cimino). Oltre ai personaggi del mondo arbitrale hanno preso la parola anche i rappresentanti delle istituzioni. GIULIO MARINI (sindaco di Viterbo) “Come rappresentante delle istituzioni ho a cuore l’impegno e la passione che voi arbitri mettete quotidianamente nel vostro lavoro. I 70 anni non si vedono perchè mantenete una capacità sportiva non indifferente”. GIANMARIA SANTUCCI (Assessore ai Lavori Pubblici) “Complimenti alla sezione di Viterbo per quello che fa nella società. I nostri arbitri non solo fanno bene il loro mestiere, ma sono anche bravi ragazzi. Umberto Carbonari è stato e rimane l’anima di questa sezione. Ha grandi meriti per i successi raggiunti. Abbiamo il dovere di stare vicino agli arbitri emergenti, nella speranza che siano all’altezza dei loro predecessori. Colgo l’occasione per ricordare Katia Pelizzari, la cui mancanza si fa sentire molto nel mondo dello sport che fuori”. SERGIO INSOGNA (consigliere Figc Lazio) “La storia degli arbitri è la storia di tutti. Ognuno di noi da sportivo ha convissuto con loro. Dopo 70 anni lo spirito rimane sempre battagliero. Gli arbitri sono al servizio del calcio. Non va mai dimenticata la funzione sociale di questo sport”.

Treta: “Nel nuovo caso calciopoli gli arbitri non sono stati tirati in ballo. Questa è una categoria sana...” LIVIO TRETA (presidente Coni Viterbo) “Ricordo quando facevo il guardalinee (collaboravo con Carbonari). Non era semplice andare su certi campi dove non sapevi mai bene cosa ti aspettava. Anche oggi le dif�coltà di questo mestiere sono tante, dovute al fatto che tre arbitri se la devono vedere sempre contro 22 giocatori in campo, oltre agli altri che gli sono intorno. Nel nuovo caso calciopoli mi fa piacere sottolineare che non sono stati tirati in ballo gli arbitri. Questo testimonia la grande correttezza della categoria. Senza arbitri non si giocherebbe al calcio”. I PREMIATI Nella fase dedicata alle premiazioni sezionali i primi pensieri sono andati alla memoria di Fausto Scapecchi e Igino Achilli. Il ‘Premio Scapecchi’ (destinato all’arbitro a disposizione dell’Organo tecnico sezionale particolarmente distintosi per meriti tecnico associativi) è stato assegnato al giovane Ruben Celani. Il ‘Premio Achilli’ (riservato al dirigente e/o osservatore arbitrale che si è distinto per i medesimi meriti) è invece stato consegnato al consigliere nazionale Umberto Carbonari. Il “presidentissimo”, come lo chiamano i suoi associati, è stato dapprima un allievo di Igino Achilli e poi il suo successore sullo

scranno più alto della sezione, carica che ha ricoperto per un ventennio. Ecco riportati di seguito tutti i nomi degli arbitri che nella serata di sabato hanno ricevuto attestati di merito associativi per la stagione calcistica 2010/2011: Categoria Giovanissimi: Gabriele Mazzetti, Davide D’Angelo

Categoria Allievi: Alessio Maurizi, Alessio Cannone, Giuseppe Zappia Categoria Juniores: Vincenzo Boccia, Riccardo Delle Monache, Giovanni Printempi, Simone Adriani, Miriam Orecchia Terza Categoria:

Angelo Poli, Renato Mazzi, Giovanni Garofalo Calcio a 5 OTS: Alessandro Scorsino Calcio a 5 OTR: Angelo Ricci Seconda Categoria: Daniele Bellanova, Daniele Catalani, Francesco Oddo

Prima categoria: Claudio Petrella Eccellenza: Gianluca Sili, Alessandro Chindemi Osservatori Arbitrali OTR: Giuseppe Joncoli Assistente OT Nazionale: Rinaldo Menicacci Arbitro OT Nazionale: Emanuele Brodo


� �

sport

SPORT

24

Viterbo & Mercoledì 22 Giugno 2011 AltoLazio

C5 MEMORIAL MINELLA

Colinelli gol ed autogol! Verdetti da Vasanello Ieri sera ultime sfide della prima fase. Avanzano: Bar Chalet, Real Giggi, Cosmo e Cocci Sfranti CALENDARIO PRIMA FASE data

ora

partita

risultato

TEMPLARI - BAR CHALET

3-4

EDILIZIA STRAGAPEDE - LA RIPA

5-5

Q.D.C. - TEAM ZURICH ASSICURAZIONI

4-3

TABACCHERIA BARCAROLI - COSMO TEAM CANEPINESE

4-5

REAL GIGI LA TROTTOLA - ALTERECO

11 - 2

COCCI SFRANTI - FMA TERMOIDRAULICA BARI

3-3

TEAM ZURICH ASSICURAZIONI - EDILIAZIA STRAGAPEDE

3-5

COSMO TEAM CANEPINESE - BAR CHALET

1-2

TEMPLARI - REAL GIGI LA TROTTOLA

2-4

Q.D.C. - COCCI SFRANTI

1-2

LA RIPA - FMA TERMOIDRAULICA BARI

5- 4

ALTERECO - TABACCHERIA BARCAROLI

4-5

COSMO TEAM CANEPINESE - TEMPLARI

3-3

EDILIZIA STRAGAPEDE - COCCI SFRANTI

1-3

TAB. BARCAROLI - REAL GIGI LA TROTTOLA

1-4

LA RIPA - TEAM ZURICH ASSICURAZIONI

9-3

FMA TERMOIDRAULICA BARI - Q.D.C.

4-5

BAR CHALET - ALTEREGO

8-9

TEMPLARI - TABACCHERIA BARCAROLI

4-2

COCCI SFRANTI - TEAM ZURICH ASSICURAZ.

0-0

FMA TERMOIDRAULICA BARI - ED.STRAGAPEDE

3-3

ALTERECO - COSMO TEAM CANEPINESE

1-8

REAL GIGI LA TROTTOLA - BAR CHALET

1-5

LA RIPA - Q.D.C.

8-4

TEAM ZURICH ASS. - FMA TERMO.BARI

3 - 11

TEMPLARI - ALTERECO

6-5

R.GIGI LA TROTTOLA - COSMO T.CANEPINESE

3-1

LA RIPA - COCCI SFRANTI

2-2

ieri sera

Q.D.C. - EDILIZIA STRAGAPEDE

ieri sera

TABACCHERIA BARCAROLI - BAR CHALET

P

enultima giornata della fase di qualificazione al torneo di calcio a cinque “Claudio Minella” di Vasanello ed arrivano i primi verdetti per quanto riguarda le formazioni che approdano ai quarti di finale. Ecco il resoconto della 14esima giornata. GIRONE A Torna al successo il team della Real Giggi La Trottola che batte per 3-1 il Cosmo Team Canepinese. Sfida importante per determinare le posizioni in classifica delle due compagini. Partita molto piacevole non priva di emozioni. Passa subito in vantaggio il Real Giggi la Trottola con Borghesi. Il secondo tempo si apre con l’ espulsione del portiere del Real Carinella per fallo da ultimo uomo ma il team canepinese non ne approfitta e si divora moltissime palle gol per la fretta di segnare. Cosi la squadra sorianese con molta personalita’ riesce a segnare prima con D’Alessio e poi con Micci portandosi sul 3-0. Il gol della bandiera per la squadra canepinese e’ di Ferri. Il team canepinese approda ai quarti come terza del girone mentre il Real Giggi La trottola deve aspettare il risultato del Bar Chalet contro la

Tabaccheria Barcaroli (di questa sera) per comprendere se arriverà al primo o secondo posto del gruppo A. GIRONE B Nel secondo match di lunedì c’è stato il pareggio per 2-2 tra La Ripa Canepina ed i Cocci Sfranti in un match utile per determinare il primo posto del girone. Partita subino in discesa per i Cocci che aprono le danze con Creta ma la reazione della squadra di mister Proietti non si fa attendere e Maiorana ristabilisce subito il risultato di 1 a 1. Poi Colinelli riesce a portare il risultato sul 2 a 1 . Il secondo tempo vede subito i Cocci Sfranti in avanti per poter raggiungere il pareggio che arriva con un autogol di Colinelli. Partita che finisce sul 2 a 2 . La Ripa passa ai quarti come prima del girone b mentre i Cocci si qualificano come secondi. IERI IN CAMPO Ieri sera ultime due sfide della prima fase e griglia dei quarti definiti. Si sono giocati i match tra Q.D.C.-Edilizia Stragapede e Tabaccheria Barcaroli-Bar Chalet. Nell’edizione di domani il resoconto.

GIRONE A REAL GIGGI LA TROTTOLA

12

BAR CHALET

9

COSMO TEAM CANEPINESE

7

I TEMPLARI

7

TABACCHERIA BARCAROLI

3

ALTEREGO

3

GIRONE B LA RIPA CANEPINA

11

COCCI SFRANTI

9

Q. D. C.

6

EDILIZIA STRAGAPEDE

5

FMA TERMOIDRAULICA BARI

5

TEAM ZURICH ASSICURAZIONI

1

Foto Andrea Di Palermo

Cocci Sfranti

La Ripa

C/8 TORNEO CARLO TORRE DI FABRICA - Panificio e La Spaccata in semifinale

È una Sala Giochi da 10 e lode

Panificio Centro Storico

D

opo la sosta per il fine settimana si è ripreso a giocare al torneo di calciotto “Trofeo Carlo Torre, Città di Fabrica”. Ecco quanto avvenuto nei due match disputati lunedì sera. PANIFICIO CENTRO STORICO 4 EDIL PATRIZI INTONACI PICCA 3 Panificio Centro Storico: Casadidio, Rizzo, Paesani, Braccini, Forestiero, Carvetti, Alessi, Federici, Calistri, Censi, Clarioni. All: Fabio Paesani Edil Patrizi/Intonaci Picca: Germani, Randazzo M., Cruciani, Patrizi, Ferrari, Marinelli, Stragapede, Mastrangeli, Campana. All: Patrizi Gianni e Picca Alessandro Reti: Mastrangeli (Ed), Clarioni (Pa), Mastrangeli (Ed), 2 Carvetti (Pa), Paesani (Pa), Stragapede (Ed)..

Il big-match di lunedì tra l’EdilPatrizi/Int.Picca e il Panificio Centro Storico si è risolto a favore di quest’ultimi con il punteggio di 4-3 al termine di 50 tiratissimi minuti. Il Torneo di calciotto “Carlo Torre” ha regalato una partita molto bella e ricca di colpi di scena con l’EdilPatrizi che con questa sconfitta butta via una grossa fetta di qualificazione. Una piccola speranza c’è ancora, ma è legata al risultato di Tabaccheria Evangelisti-Cart. Soldini in programma stasera. In caso di successo, la Tabaccheria staccherebbe il biglietto delle semifinali proprio a scapito della EdilPatrizi. Solo un successo della Soldini, invece, farebbe tornare in corsa la squadra del duo Patrizi/Picca. Il Panificio Centro Storico dl canto suo conquista la semifinale ed il primo posto del

girone dall’alto dei suoi 11 punti in classifica. La partita, seppur priva di molti protagonisti, si è aperta con un gran gol di Mastrangeli che portava la EdilPatrizi in vantaggio. A metà primo tempo Clarioni pareggiava, ma lo stesso Mastrangeli riportava sopra la EdilPatrizi. Nella ripresa una doppietta di Carvetti ribaltava partita e il risultato. Paesani portava il Panificio sul 4-2 grazie ad un eurogol, ma Stragapede riapriva il match con la rete del 3-4. Nel finale la EdilPatrizi aveva l’opportunità di pareggiare in ben tre occasioni ma un po di sfortuna e qualche imprecisione condannava alla sconfitta la squadra di Gianni Patrizi Così nel secondo confronto valido per il girone A, una sfida senza storia. SALA GIOCHI LA SPACCATA 10 CENTRO SPORTIVO DEL TRULLO 0 Sala Giochi La Spaccata: Pula, Ciarrocchi, Nelli, Aramini, Dhimitri, Capparella, Romano, Angeletti, Viola, Ceccarelli, Casali, Piccarozzi, De Luca, Pacelli G., Caiazza, Smacchia, Onofri, Gulino. All. Coletta Cst: Paoletti, Casagrande, San-

toro, De Luca, Berisha, Proietti, Brescia, Giglio, Quintiliani, Agnelli, Mazzei, Galbo, Prezzavento, Antonelli. ALL: Mazzei Reti: 3 Pacelli e Romano, 1 Aramini, Ceccarelli, Ciarrocchi e De Luca. La Spaccata è la seconda squadra quali�cata alle semi�nali del Torneo di calciotto “Carlo Torre” in corso di svolgimento presso il campo sportivo “La Cesa” di Fabrica di Roma. La formazione di Coletta guadagna il primo posto del proprio girone ed attende l’esito del girone B per conoscere la formazione che dovrà affrontare nelle semi�nali. La partita contro il Cst è stato un semplice allenamento con goleada che ha visto protagonista Alessandro Romano, autore di una tripletta, vero e proprio talento sprecato in campo dilettantistico. Il Cst ora mira a conquistare la �nalina dei meno peggio, una sorta di �nale tra le formazioni giunte ultime nei gironi di quali�cazione. La tripletta di Pacelli e le reti di Aramini, Ceccarelli, Ciarrocchi e De Luca de�niscono il quadro delle marcature della serata. (Ermanno Todinini)

Classifica Girone A - Sala Giochi La Spaccata 11; Pasticceria Marco Cafè 7; Calzature Bimbi Tip Tap 3; Ragazzotti 0; Centro Sportivo del Trullo - 1 Classifica Girone B - Panificio Centro Storico 11; Tabacchiera Evangelisti 5; Edil Patrizi/Intonaci Picca e Cartolibreria Soldini 3; Join Caffè Corchiano 2. PROGRAMMA Ed ecco quello che sarà il programma da qui sino al termine della fase di qualificazione. Ieri sera - Per il girone A si è giocato il match tra Calzature Bimbi Tip Tap e I Ragazzotti. Questa sera - Alle 21,30 per il girone B contro tra Tabaccheria Evangelisti e Cartolibreria Soldini. Domani - Sempre alle 21,30 la sfida del girone B tra Join Caffè e Edil Patrizi/Intonaci Picca. Venerdì - Ultimo giorno della fase di qualificazione con due incon-

tri. Alle 20,30 per il girone A match tra Cst Centro Sportivo del Trullo-I Rgazzotti e alle 21,45 ancora per il girone A la sfida tra Pasticceria Marco Cafè e Calzature Bimbi Tip Tap. SEMIFINALI La prossima settimana sarà quella conclusiva della manifestazione. Lunedì 27 giugno - Alle 21,30 semifinale tra la vincente del girone B e la seconda del girone A. Martedì 28 giugno - Alle 21,30 seconda semifinale tra la vincente del girone A e la seconda del girone B. Giovedì 30 giugno - Finalina dei meno peggio Venerdì 1° luglio - L’apoteosi della manifestazione con la finalissima che assegnerà il primo e secondo posto. Al termine del match la cerimonia di premiazione e conosceremo chi si aggiudicherà il Trofeo “Carlo Torre sas” e la cena per 20 persone offerta dalla pizzeria Al Chiaro di Luna in via del campo sportivo a Fabrica di Roma.


� �

sport

SPORT

& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

25

C/5 MEMORIAL BRUNO CENCIARINI

Bar Fuori Mano-Panzer un 3-3 fra giganti La Lokomotiv con la premiata ditta dei fratelli Rossi batte 5-4 il Bar La Villa CALENDARIO PRIMA FASE data

ora

partita

risultato

C) E SO’ MATTE - DEMBELE

8-2

B) CAFFE’ ETRURIA - BLERANA INFISSI

7-5

A) BAR FUORI MANO - CARR. MANTOVANI

6-4

A) PANZER - W LA ZUPPA

8-3

B) COCCHI ELETTRAUTO - BAR CANCELLIERI 2 GPF

4 - 10

C) LOKOMOTIV - I MOVIOLA

4-2

C) BAR LA VILLA - E SO’ MATTE

3-8

A) CARR. MANTOVANI - I NUOVI MOSTRI

5-3

B) ETRURIA MEMBRANE - BLERANA INFISSI

4 - 13

C) LOKOMOTIV - DEMBELE

3-4

A) CARR. MANTOVANI - W LA ZUPPA

5-2

B) CAFFE’ ETRURIA - COCCHI ELETTRAUTO

5-5

A) BAR FUORI MANO - PANZER

3-3

C) BAR LA VILLA - LOKOMOTIV

4-5

oggi

21,00

C) E SO’ MATTE - I MOVIOLA

oggi

22,00

B) ETRURIA MEMBRANE - CAFFE’ ETRURIA

22/06

21,00

A) PANZER - I NUOVI MOSTRI

22/06

22,00

A) BAR FUORI MANO - W LA ZUPPA

23/06

21,00

C) I MOVIOLA - DEMBELE

23/06

22,00

B) BLERANA INFISSI - COCCHI ELETTRAUTO

24/06

21,00

B) BAR CANCELLIERI - CAFFE’ ETRURIA

24/06

22,00

A) CARROZZERIA MANTOVANI - PANZER

26/06

21,00

B) COCCHI ELETTRAUTO - ETRURIA MEMBRANE

26/06

22,00

B) BLERANA INFISSI - BAR CANCELLIERI 2 GPF

27/06

21,00

C/ DEMBELE - BAR LA VILLA

27/06

22,00

A) W LA ZUPPA - I NUOVI MOSTRI

28/06

21,00

B) ETRURIA MEMBRANE - BAR CANCELLIERI 2 GPF

28/06

22,00

C) E SO’ MATTE - LOKOMOTIV

29/06

21,00

C) I MOVIOLA - BAR LA VILLA

29/06

22,00

A) BAR FUORI MANO - I NUOVI MOSTRI

Quarti di finale (3-4 luglio); Semifinali (6 luglio); Finali (8 luglio)

S

uccesso del Lokomotiv contro il Bar La Villa e pareggio per 3-3 nella s�da tra Bar Fuori Mano e Panzer nelle s�de di lunedì sera al Memorial “Bruno Cenciarini” di Blera. Torneo che continua a dimostrarsi avvincente e può ancora succedere di tutto in questa fase di quali�cazione. GIRONE C Successo di misura quindi del Lokomotiv per 5-4 contro il Bar La Villa. Partita avvincente con ribaltamenti continui del risultato. Hanno la meglio i barbaranesi del Lokomotiv, con una superba prestazione dei fratelli Rossi S. e G.P. , autori rispettivamente di un gol e una tripletta, accompagnati da un’altra segnatura da parte di Fortuna Matteo detto “Bolletta”. Per i vetrallesi del Bar la Villa doppiette di Elia Ferri e Maiorana che nel calcio a cinque sta continuano a segnare gol a raf�ca nelle varie competizioni in cui è impegnato. GIRONE A Superbo pareggio per 3-3 nella gara tra Bar Fuori Mano e Panzer che senz’altro è stata sinora la altro la miglior gara di questa fase a girone, tra 2 team attrezzati per la vittoria �nale ed un pareggio scoppiettante. Giocate a ripetizione da entrambe le parti con i campioni vetrallesi del Bar Fuori Mano, protagonisti con Andrea Fà e Puddu ed in gol Barbaranelli, Coppari e lo stesso Puddu. Per gli storici Panzer di Blera un superlativo De Sanctis (1 gol) in cabina di

GIRONE A CARROZZERIA MANTOVANI

6

BAR FUORI MANO

4

PANZER

4

W LA ZUPPA

0

I NUOVI MOSTRI

0

GIRONE B Ugo, Lucio e Sgarretta

CAFFE’ ETRURIA

4

BAR CANCELLIERI 2 GPF ELETTRONICA

3

BLERANA INFISSI

3

COCCHI ELETTRAUTO

1

ETRURIA MEMBRANE

0

GIRONE C E SO’ MATTE

6

LOKOMOTIV

6

DEMBELE

3

I MOVIOLA

0

BAR LA VILLA

0

Roselli, Mantovani e De Sanctis regia, coadiuvato dall’ottimo stato di forma dei bomber Mantovani G.L. e Lazzari Ugo (1 gol), va in rete anche con Boccolini. Alla �ne pareggio giusto e pubblico che si è divertito alla grande.

IERI E OGGI IN CAMPO E al Memorial Cenciarini si continua a giocare senza soste. Ieri sera per il girone C abbiamo avuto E So Matte contro I Moviola e per il girone B la s�da tra Etruria Membrane e

Caffè Etruria. Nell’edizione di domani gli aggiornamenti su questi confronti. Oggi alle 21 per il girone A Panzer contro I Nuovi Mostri e alle 22 per sempre per il girone A Bar Fuori Mano-W La Zuppa.

MEMORIAL FILIPPO AQUILANI - Finale allievi tra biancorossi e N. Sorianese

Colpo di scena e il Pilastro elimina il Pianoscarano (4-2)

V

irtus Pilastro in finale: è questo il risultato della seconda semifinale, dove i ragazzi di mister Grazini, si sono imposti con un perentorio 4 a 2 sui più quotati pari età del Pianoscarano. Derby viterbese molto sentito anche per la presenza in campo di numerosi ex nelle file del Pianoscarano. Prima della gara, i ragazzi di mister Simonetto ostentano una certa sicurezza di poter raggiungere per la seconda volta la finale, ma purtroppo per loro il calcio non è una scienza esatta, e le

Virtus Pilastro

partite si vincono scendendo in campo con l’umiltà ed il sacrificio; così si è presentata la Virtus Pilastro, con un organico ridotto, per malattie ed infortuni, ha interpretato al meglio la partita, cercando di sfruttare al massimo la velocità degli avanti, e facendo barriera in fase difensiva dove il tasso tecnico degli avversari era superiore. PIANOSCARANO 2 VIRTUS PILASTRO 4 Pianoscarano: Capone, Bracon-

cini, Frosolini, Cenci (cap), Stella, Meloni, Cappetti, Ferrara, Carabei, Ricci, Letteriello, Guidarelli, De Grandis, Andreoli, Veruschi. All. Simonetto Virtus Pilastro: Mazzetti, Bottiglieri, Ciancolini, Hallulli, Sambuci, Geronzi L., Schiada, Corradini, Tardani (cap), Persi, Urbani, Rinaldo, Addobbo, Geronzi E.; All. Grazini Arbitro: sig. Delle Monache della sezione di Viterbo Marcatori: p.t. al 5’ Tardani, 15’ Ciancolini, s.t. 17’ Ricci, 25’ Rinaldo, 35’ Frosolini e 40’ Rinaldo. Al primo affondo, la Virtus Pilastro così mette subito in difficoltà gli avversari, con Tardani che brucia Stella e si presenta a tu per tu con Capone trafiggendolo con un preciso diagonale. Gli ospiti, non sembrano preoccupati più di tanto, ed al secondo affondo è Cenci a deviare in rete una conclusione di Ciancolini, spiazzando Capone. A questo punto i ragazzi di Simonetto cercano di raddrizzare la partita, ma l’imprecisione nelle conclusioni e soprattutto l’ eccessivo nervosismo, non gli consentono di andare a rete; da segnalare la traversa colpita da Ricci al 27’, due clamorose azioni,

una per Hallulli solo davanti a Capone colpisce debolmente, ed una per Cappetti, che troppo precipitosamente manda alto sopra la traversa. Nella ripresa forcing degli ospiti, con i padroni di casa in affanno, soprattutto dal punto di vista fisico. Ma ancora una volta è la traversa a salvare Mazzetti al 10’, ma il portiere di casa Mazzetti, si supera in diverse occasioni, salvando il risultato. Ma al 17’ il Pianoscarano accorcia: Persi perde palla nella propria area, cross al centro per Ricci che da breve distanza mette in rete. Il Pianoscarano sente profumo di pareggio, e si scopre troppo in difesa: siamo al 25’ errato disimpegno di Braconcini, che perde palla al limite, Rinaldo è rapido nell’approfittare e mettere in rete. Nuovo capovolgimento di fronte, e questa volta è Frosolini, con un violento diagonale, a battere Mazzetti, per il 3 a 2. Siamo alle battute finali, anche gli ospiti vanno in debito d’ossigeno, e non riescono più ad essere incisivi, e nei minuti di recupero è ancora Rinaldo a fissare definitivamente il risultato sul 4 a 2, con uno splendido eurogol da fuori area. Triplice fischio che mette fine

Tardani e Geronzi (Virtus ad una bella gara, combattuta da ambo le parti e che ha messo a dura prova le coronarie di tutti. Ha vinto la squadra che ci ha creduto di più, si è sacrificata ed ha lottato con le unghie e con i denti fino alla fine; gli ospiti hanno perso la gara per l’eccessivo individualismo e la scarso spirito di gruppo, che spesso attanaglia le squadre più quotate sulla carta come oggi era il Pianoscarano. Da segnalare l’ottimo arbitraggio del signor Delle Monache. (Ran. Ger.) FINALISSIMA Sabato 25 giugno alle 20 avremo la finalissima della categoria allievi tra la Virtus Pilastro e la Nuova Sorianese.

MARCATORI Così nella graduatoria tra i cannonieri degli allievi. 4 reti Federico Corradini. Luca Tardani (Virtus Pilastro); 3 reti: Federico Perazza (Nuova Sorianese); 2 reti Leonardo Flauto (Nuova Sorianese); Lorenzo Urbani (Virtus Pilastro); Dario Mastrogregori, Rinaldo (Virtus Pilastro); Armando Ricci (Pianoscarano) GIOVANISSIMI Ieri sera si è giocata la semifinale tra V.Pilastro e Pianoscarano. Il resoconto nell’edizione di domani. La vincente nella semifinale di sabato alle 17,30 sfiderà il Montefiascone.


SPORT

sport

26

Viterbo & Mercoledì 22 Giugno 2011 AltoLazio

C/8 GINNASI - FRABOTTA

Gelateria Igloo e Immobiliare Bertini avanti con pathos Successi per 4-3 contro Cicram (eliminata) e i boys del Mizzella di mister Nardocci Le sfide di oggi. Di Stefano in vetta tra i bomber. Al Frabotta scatenati i Pulcini 2000 del Civita (3-0 alla V. Cimini) GIRONE A

GIRONE B

GIRONE C

CALENDARIO VALERIO GINNASI data

ora

partita

risultato

EDILTIMBRICO SBA

6

RIST. IL PECCATO

6

OFFICINA CHIRICOZZI

3

CICRAM RONCIGLIONE - CAFFE’ CUBA LIBRE

1 - 3

CAFFE’ CUBA LIBRE

3

IMMOBILIARE BERTINI

6

FALEGNAMERIA SGM LEGNO

3

IMMOBILIARE BERTINI - UNO HOLDING

3 - 1

GELATERIA IGLOO

3

MIZZELLA

0

POL. BASSANO ROMANO

0

EDILTIMBRICO SBA - GELATERIA IGLOO

4 - 1

CICRAM RONCIGLIONE (eliminata)

0

UNO HOLDING

0

AGRITURISMO RIO VICANO

0

MIZZELLA - RIST. IL PECCATO

0 - 6

POL. BASSANO ROMANO - OFFICINA CHIRICOZZI

0 - 1

CICRAM RONCIGLIONE - EDILTIMBRICO SBA

3 - 4

SGM LEGNO - AGRITURISMO RIO VICANO

4 - 1

IMMOBILIARE BERTINI - RIST. IL PECCATO

1 - 4

CICRAM RONCIGLIONE - GELATERIA IGLOO

3 - 4

IMMOBILIARE BERTINI - MIZZELLA

4 - 3

Gelateria Igloo

Immobiliare Bertini

L

unedì sera è ripreso al Comunale di Ronciglione il Torneo Valerio Ginnasi organizzato dalla locale Pro Loco del Presidente Luciano Camilli e dall’Associazione “I Ragazzi del Presidente” della coppia inossidabile Antolini/Passeri. Ecco come è andata. GIRONE A La Gelateria Igloo ha superato la Cicram per 4-3 con le doppiette realizzate da Stella e De Angelis mentre alla Cicram non è stata sufficiente la prestazione tutta cuore del bomber

Di Stefano insieme ai gol realizzati da Mattei e Modanesi per restare in corsa per la qualificazione ai quarti di finale. Per Di stefano resta la soddisfazione di condurre la classifica capocannonieri. Queste le rose delle due formazioni. Ora la Gelateria Igloo si giocherà tutte le carte per proseguire il torneo con i Caffè Cuba Libre, eliminata la Cicram con 3 ko in altrettanti incontri. ASD CICRAM 3 GELATERIA IGLOO 4 Asd Cicram: Soviero Sandro,

CALENDARIO ALDO FRABOTTA data

ora

partita

risultato

VIRTUS CIMINI 2000 - VIGNANELLO 2000

1-0

VIRTUS CIMINI 2002 - C. RONCIGLIONE 2002

1 - 6

VIRTUS CIMINI 2003 - C. RONCIGLIONE 2003

0 - 3

CIVITA CASTELLANA 2000 - C. RONCIGLIONE 2000

0 - 3

CIVITA CASTELLANA A 2002 - CIVITA CASTELLANA B 2002

3 - 3

CIVITA CASTELLANA A 2003 - CIVITA CASTELLANA B 2003

3 - 3

VIRTUS CIMINI 2000 - CIVITA CASTELLANA 2000

0 - 3

ieri sera

VIRTUS CIMINI 2002- C. CASTELLANA A 2002

oggi

20,00

CIVITA CASTELLANA A 2003-V. CIMINI 2003

23/06

18,30

VIGNANELLO 2000 - CIVITA CASTELLANA 2000

23/06

19,30

CIMINA RONCIGLIONE 2002 - C. CASTELLANA B 2002

24/06

20,00

C. RONCIGLIONE 2003-CIVITA CASTELLANA B 2003

27/06

19,30

VIRTUS CIMINI 2000 - C. RONCIGLIONE 2000

28/06

19,30

VIRTUS CIMINI 2002 - CIVITA CASTELLANA B 2002

01/07

20,00

VIRTUS CIMINI 2003 - CIVITA CASTELLANA B 2003

04/07

21,00

VIGNANELLO 2000 - C. RONCIGLIONE 2000

05/07

19,30

CIMINA RONCIGLIONE 2002 - C. CASTELLANA A 2002

06/07

20.30

CIMINA RONCIGLIONE 2003 - C. CASTELLANA B 2003

FINALI 8/07

17,30

Finale Pulcini 2000

8/07

18,30

Finale Pulcini 2002

8/07

19,30

Finale Pulcini 2003

Camedda Aleandro, Lacanus Mafei Marga, Federici Fabio, Marcucci Cesare, Cercola Alessio, Olariu Ionel, Aramini Sesto, Modanesi Marcello, Di Stefano Alessio, Mattei Manuel, Baldini Renato, Mengoni Riccardo, D’Ambrosio Francesco, Clementi Danilo. Dirigente Accompagnatore: Piermattei Diego. Allenatore: Baldini Renato Gelateria Igloo: Patriarchi Mirco, Pacelli Ganluca, Santaroni Simone, Carletti Pietro, Mattei Arcangelo, Stella Simone, Pietraggi Andrea, Esposito Matteo, De Angelis Matteo, Zucci Matteo, Rossi Giulio, Cardhenas Janhio, Bianchini Remo, Caterino Andrea, Boni Gianmarco, Del Nero Samuele. Dirigente Accompagnatore: Mariani Claudio Marcatori: per l’Asd Cicram reti di Modanesi, Mattei e Di Stefano: per la Gelateria Igloo gol di Stella (2) e De Angelis (2). GIRONE B Nella seconda partita prestazione maiuscola dei ragazzi di mister Nardocci presentati dal marchio Mizzella contro le stelle della Immobiliari Bertini. La giovane formazione composta in prevalenza dai campioni Juniores Provinciali della Virtus Cimini ha retto bene il confronto contro giocatori del calibro di Randazzo, Pagano, Colinelli, Petese, Foglietta e Musetti. La differenza fra le due squadre è stata determinata da una sfortunatissima disattenzione difensiva. Mizzella con 0 punti in due incontri e che venerdì giocheranno il tutto per tutto contro

I MARCATORI Questa la classificza aggiornata dei marcatori dopo dieci match della fase di qualificazione. 4 reti - Di Stefano (Asd Cicram) 3 reti - Musetti (Immobiliare Bertini)

PULCINI 2000

CAFFE’ CUBA LIBRE - EDILTIMBRICO SBA

ieri sera

UNO HOLDING - RIST. IL PECCATO

oggi

21,00

POL. BASSANO ROMANO - AGRITURISMO RIO VICANO

oggi

22,00

OFFICINA CHIRICOZZI - SGM LEGNO

24/06

21,00

CAFFE’ CUBA LIBRE - GELATERIA IGLOO

24/06

22,00

UNO HOLDING - MIZZELLA

25/06

21,00

OFFICINA CHIRICOZZI - AGRITURISMO RIO VICANO

25/06

22,00

SGM LEGNO - POL. BASSANO ROMANO

QUARTI DI FINALE

la Uno Holding per provare a entrare nei quarti come terzi classificati. IMMOBILIARE BERTINI 4 MIZZELLA 3 Immobiliare Bertini: Mancinelli Silvio, Pazzielli Diego, Pagano Michele, Colinelli Andrea, Randazzo Alessandro, Gianpietro Focaracci, Calistri Daniele, Masci Riccardo, Petese Roberto, Gentili Andrea, Guarner Andrea, Nencione Maurizio, De Angelis Matteo, Musetti Giovanni, Foglietta Augusto. Dirigente Accompagnatore: Grisaffi Michele. Allenatore: Balzani Massimiliano Mizzella: Nunzi Federico, Ricci Emanuele, Cioccolini Fabrizio, Lupu Costantin, D’Alessio Manuel, Ackrach Abderraim, Pascale Fabio, Francola Luca, Serafini Luigi, Carnevali Matteo, Mariuta Michele, De Dominicis Emanuele, Dhimitri Koljan, Dhimitri Anxelo, Borgognoni Virgilio. Dirigente Accompagnatore: Di Nisio Adelmo. Allenatore: Nardocci Giorgio Marcatori: per l’Immobiliare Bertini un’autorete a favore e gol di Musetti (2) e Randazzo. Per il Mizzella doppietta di Pascale e gol di Ricci.

ieri sera

27/06

21,30

1ª classificata girone A - 3ª ripescata

28/06

21,30

1ª classificata girone B - terza ripescata

01/07

21,30

1ª classificata girone C - 2ª classificata girone A

02/07

21,30

2ª classificata girone B - 2ª classificata girone C

5/07

21,30

6/07

21,30

SEMIFINALI

FINALI 9/07

20,30

TERZO E QUARTO POSTO

9/07

21,30

PRIMO E SECONDO POSTO

2 reti - Mandro, Alò, Fanka e Menichini (EdiltimBrico); Troili E, Mustafà. (Ristorante Pizzeria Il Peccato); Stella, De Angelis (Gelateria Igloo): Pascale (Mizzella); Randazzo (Immobiliare Bertini) 1 rete - Braccini, Smargiassi , Mascarucci (Caffè Cuba Libre)); Pazzielli Pagano (Immobiliare Bertini); Oliva (Uno Holding); Pompei (EdiltimBrico); Esposito (Gelateria Igloo); Arriga, Ruf�ni, Greco, Boccolini (Ristorante Pizzeria Il Peccato); Grimaldi M. (Of�cina Chiricozzi); Federici, Modanese, Mattei (Asd Cicram); Cernetti, Grandicelli, Santini, Litta (Sgm Legno); Tommasetti (Agrit. Rio Vicano); Ricci (Mizzella)

PULCINI 2002

IERI E OGGI IN CAMPO Ieri sera si sono giocati i match del girone A tra Ediltimbrico e Caffè Cuba Libre e del girone B tra Ristorante Pizzeria Il Peccato e Uno Holding. Questa sera alle 21 per il girone C avremo Pol. Bassano RomanoAgriturismo Rio Vicano e alle 22 Of�cina Chiricozzi-Sgm Legno. TORNEO FRABOTTA Proseguono le s�de del torneo giovanile. Lunedì sera netto 3-0 del Civita Castellana 2000 sulla Virtus Cimini. Ieri sera si è giocato il match dei Pulcini 2002 tra Virtus Cimini e Civita Castellana A, oggi alle 20 per i Pulcini 2003 confronto tra Civita Castellana A e Virtus Cimini.

PULCINI 2003

CIMINA RONCIGLIONE

6

CIMINA RONCIGLIONE

3

CIMINA RONCIGLIONE

3

CIVITA CASTELLANA

3

CIVITA CASTELLANA A

1

CIVITA CASTELLANA A

1

VIGNANELLO

0

CIVITA CASTELLANA B

1

CIVITA CASTELLANA B

1

VIRTUS CIMINI

0

VIRTUS CIMINI

0

VIRTUS CIMINI

0


� �

sport

SPORT

& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

27

NEWS DI CALCIO, C5 E C8

Torneo dei Bar, il Maxsim si beve la Tana del Duca Netto 5-1 con tripletta di Nobile e reti di Proietti Ragonesi e Peris. Ieri sera Limbo-Pegaso Cafè. Bassano Romano felice per la ‘Disciplina’

N

ews e approfondimenti del nostro calcio, calcio a cinque e calciotto.

TORNEO DEI BAR DI BAGNAIA IL MAXSIM A VALANGA Che botta per La Tana del Duca nella prima semifnale del Memorial “Enzo Varletta” torneo dei Bar di Bagnaia. Il Maxsim si è imposto per 5-1 con la tripletta di Marco Nobile e le reti di Proietti Ragonesi e di Walter Peris, per gli scon�tti gol di Troili in un match senza storia e comandato in lungo e largo dal Maxsim giunto al suo terzo successo consecutivo. Ieri sera si è giocata la seconda semi�nale tra Il Limbo e il Pegaso Cafè del quale vi daremo il resoconto nella nostra edizione di domani. Torneo dei Bar Rosa - Saranno Il Giardinaio e Maxsim Senior invece a giocarsi la �nalissima del torneo di calcio a cinque dei Bar femminile. Il verdetto è arrivato lunedì sera con il netto successo del Giardinaio per 2-0 contro il Pegaso Cafè e la vittoria per 3-0 del Maxsim Senior contro le Pucciarelle. Ieri sera �nale per il terzo e quarto posto tra Pucciarelle e Pegaso Cafè e per il 1° e 2° posto fra Il Giardinaio e Maxsim Senior. MEMORIAL “CASCIANI BACCANARI”, ROMY E PINK DEVILS IN SEMIFINALE Sono iniziati lunedì sera i quarti di �nale del 4° Memorial “CascianiBaccanari” categoria Juniores. Come da copione, anche se con qualche brivido di troppo, hanno conquistato le semi�nali le squadre di Romy (8-5 alla F.C. Pratarelli) e Pink Devils (6-5 a Dec. Aurora). Due partite combattute, più agonistica la prima, più tecnica la seconda, che ha visto uscire vincitrici le due squadre più dotate da un punto di vista del palleggio e della tecnica individuale. A nulla hanno potuto l’ardore agonistico (delle volte �n troppo esuberante) di F.C. Pratarelli e Dec. Aurora, testimoniato anche dall’alto numero di falli commessi e sanzionati. Nella prima gara da segnalare due ammonizioni pesanti per Romy a Conti e Anzellini (entrambi per proteste), che potrebbero rivelarsi decisive visto che è già scattata la dif�da. In gol per Romy il solito Scopetti (4, 41 totali), De Luca (2), Nelli Riccardo (1) e un autogol; per F.C. Pratarelli Emili Daniele (2), Bernardi (1), Prezzavento (1) e un autogol. Queste le formazioni, Romy: Casavecchia, Nelli, Conti,

Memorial ‘Casciani-Baccanari’, Romy e Pink Devils in semifinale. Libertas Ellera trionfa al torneo di c/5 S. Barbara, domani speciale fotografico. Oggi ‘sorteggio Ortana’ e Coppa per l’Orte Futsal. Zoom sul torneo Ragazzi Anzellini, Scopetti, Lanzi, Mariantoni, De Luca. F.C. Pratarelli: Bongarzone, Martelletti, Emili, D’Abbondanza, Bernardi, Prezzavento, Sanapo. Nella seconda gara i Pink Devils hanno dimostrato ancora una volta di non essere più solo una bella sorpresa, ma una realtà, che potrebbe addirittura andare in �nale. Nessuna ammonizione pesante, ma una grossa paura �nale per la rimonta della Dec. Aurora e il raggiunto bonus dei falli. Alla �ne comunque vittoria e semi�nale raggiunta. In gol Lanciano (3), Borromei (1), Persico (1) e D’Ubaldo (1) per i Pink Devils; Esposito (2), Pedica (1), Topini (1) e Cavalieri (1) per la Dec. Aurora. Così in campo: Pink Devils: Coretti, Borromei, Persico, Lanciano, Emili, Galligani, D’Ubaldo, Dattilo. Dec. Aurora: Paolelli, Pedica, Di Niccola, Topini, Petrelli, Esposito, Bon�glioli, Cavalieri. Ieri sera - Abbiamo avuto gli altri due quarti di �nale tra Fc SaparmThe Club e Siderplast-Deportivo Masticoni. Nell’edizione di domani il resoconto. C/5 LIBERTAS ELLERA SI LAUREA CAMPIONE Pomeriggio di grande festa sui campi della parrocchia di S. Barbara dove si è tenuto l’atto �nale del 1° torneo di calcio a 5 “Asd Libertas Ellera”. Si è giocata la �nalissima tra la Asd Libertas Ellera ed i Blu Tiger terminata 4-3. Partita vibrante ed incerta �no alla �ne, purtroppo segnata per gli scon�tti dall’assenza del fuoriclasse Zair Said (infortunato ma presente a bordo campo ad incitare i compagni). Per i vincitori da segnalare come al solito la prova incisiva di Stefano Maiorana e di Paolo Pecorella ed inoltre la presenza in campo di capitan Angelo Scagnoli. . I due direttori di gara Omar Sabatini e Sergio Belella hanno avuto vita facile nel dirigere una gara all’insegna del fair-play e del bel gioco. La festa poi si è spostata nella palestra della parrocchia, dove è stata effettuata la premiazione alla presenza di diverse personalità tra le quali citia-

La formazione Romy al Memorial Casciani-Baccanari

mo il direttore generale dell’ Ater di Viterbo Ugo Gigli, l’assessore comunale Daniele Sabatini ed il presidente provinciale del Centro Sportivo Nazionale Libertas di Viterbo Roberto Paci�ci (che ha dato il calcio d’inizio della �nale); da segnalare anche la presenza del vice-sindaco Enrico Maria Contardo che per altri impegni non ha potuto presenziare alla premiazione. Chiaramente presente tra gli ospiti in platea il “padrone di casa” padre Vanni al quale gli organizzatori rinnovano i loro ringraziamenti per la sua disponibilità. Prima della premiazione uf�ciale Pierpaolo Laureti ha voluto rendere merito a suo padre Ennio consegnandoli una targa in occasione del 25° anniversario di vita della polisportiva Asd Libertas Ellera, da lui voluta e presieduta per diversi lustri. Inoltre Pierpaolo Laureti ha voluto dare un piccolo riconoscimento a tutte le ragazze della squadra di calcio a 5 femminile del mister Di laura Massimiliano, che pur uscendo scon�tte, hanno dato una bellissima prova di forza e determinazione giocandosi i play off il sabato stesso. Targa anche per Pierpaolo Laureti da parte dell’ amico Sergio, per l’impegno che ha profuso prima e durante tutto l’intero torneo per la sua buona riuscita e di buon auspicio per tutte le altre manifestazioni che la Asd Libertas Ellera organizzerà nei prossimi mesi. I Premiati - Ed ecco tutti i premiati: capocannoniere Stefano Maiorana (Asd Libertas Ellera); miglior giocatore Stefano Caciola (Termoidraulica Laureti); miglior portiere Daniele Nicolai (Blu Tiger); coppa fair-play formazione Aquila; coppa simpatia formazione Idrotermica; giocatore più grande Luciano Camacci (Blu Tiger); giocatore più giovane Paolo Notazio (Termoidraulica Laureti). Inoltre sono stati premiati diversi giocatori che si sono distinti nelle varie formazioni. Questa la classi�ca �nale: 1)° Asd Libertas Ellera; 2° )Blu Tiger; 3°) Accademia del Viaggiatore; 4°) Gsd Ferentum; 5°) Termoidraulica Laureti; 6°) New Team; 7° Idrotermica; 8° Aquila Un ultimo ringraziamento, ma non per importanza, a Michela Alberti per l’impegno ed il tempo che ha dedicato durante tutta la durata del torneo, ma in particolar modo per il tocco femminile che ha dato al ricco buffet che ha accompagnato il momento della premiazione. Grazie Michela. Da lunedì scorso sono scese in campo le formazioni della regione che daranno vita ad un torneo femminile di calcio a 5 in memoria di Katia Pellizzari. Il torneo terminerà domenica 17 luglio. A domani - Nell’edizione di domani speciale fotogra�co sulla premiazione del torneo di c/5 maschile Libertas Ellera. ORTANA OGGI IL SORTEGGIO Ora tutto passa nelle mani della

Premio disciplina per il Bassano Romano dea bendata o se vogliamo rimanere più sul concreto, nelle mani dell’uf�ciale della Figc Umbra che questo pomeriggio, sotto gli occhi delle dirette interessate e del segretario Valerio Branda procederà al sorteggio per de�nire chi saranno le due formazioni tra Chiusi, Gubbio e Ortana che potranno salire in serie C2. Proprio così perché in virtù del 5-1 fatto registrare nell’ultimo match dall’Ortana ai danni del Gubbio, tutte le formazioni hanno chiuso a quota tre punti e una regola a dir poco discutibile della Federazione ha deciso che la promozione sarà casuale e non per meriti sportivi. Ma torniamo alla splendida vittoria di sabato scorso dei biancorossi. Man of the match - Se lo ricorderanno per molto tempo a nella “Città dei Ceri” quel piccoletto con la maglia numero 11 che sabato scorso al “Polivalente”, nel terzo ed ultimo match del girone a 3 all’italiana che doveva garantire due promozioni, grazie ad una prestazione devastante ha letteralmente fatto saltare il banco e distrutto il sogno promozione diretta degli eugubini. Il “piccoletto” in questione risponde al nome di David Fabrizi, da anni capitano, cuore e anima dell’Ortana di calcio a cinque. Molto conosciuto e rispettato per correttezza e qualità tecniche da quasi tutte le compagini umbre, il folletto biancorosso ha sfoderato un prova maiuscola in cui, oltre ad aver realizzato quattro dei cinque gol siglati dagli ortani, ha dato dimostrazione di tutte le proprie qualità in fase difensiva e di come con cuore, grinta e generosità si possono superare tutti gli ostacoli. Applausi per tutti - Non possiamo che applaudire l’ennesima grande prestazione di Francesco Menichetti, il grande lavoro, a volte oscuro, di Daniele Camilli, quello visibile a tutti di Antonio Gammino, che nella ripresa ha letteralmente spaccato in due la difesa umbra, la paratone di Federico Pesciaroli, estremo difensore che con i suoi interventi ha sempre dato sicurezza ai compagni e che sembra destinato a diventare un numero uno in tutti i sensi come portiere di futsal, la quantità sommata alla determinazione di Michele Montanucci e Paolo Romaldini, lo spirito di sacri�cio unito alla tecnica di Simone Carrisi. Il tutto magni�camente diretto dal duo tecnico Impenna-Sciarrini, una coppia af�atata e fondamentale per la stagione dei biancorossi.

ORTE FUTSAL ALTRA FINALE Per coronare l’ennesimo sogno. E’ questo l’obiettivo con cui l’Orte Futsal di mister Roberto Martellino si appresta ad affrontare il San Sisto nel match che assegnerà la Coppa Umbra. Una s�da che chiuderà de�nitivamente la stagione 2010-2011 per il futsal umbro. Ad affrontarsi come detto saranno l’Orte Futsal e l’Orma San Sisto ovvero le due vincitrici della coppa provinciale. Una partita che almeno sulla carta sembra avere come favorita la compagine perugina che ha vinto anche il proprio campionato con uno score di assoluto prestigio fatto di 25 vittorie ed 1 scon�tta. Nonostante i pronostici dicano San Sisto, Sorbara e compagni non hanno nessun tipo di paura forti anche dell’ottima stagione disputata che li ha visti chiudere comunque al terzo posto della regular-season uscendo poi ai play-off dopo aver severamente impegnato l’Ortana fresca vincitrice degli spareggi promozione ed in profumo di serie C2. Tutti convocati - Anche se Giordano Lelli e Simone Filesi non andranno in campo perché infortunati, mister Martellino ha convocato per questa �nale tutta la rosa. Pre partita - Molto concentrato sulla gara ma certamente più rilassato rispetto alla prima �nale coach Martellino. Queste le sue parole alla vigilia del match: “Si torna al “PalaDiVittorio”, il luogo del primo trionfo e questo è già bello. Certo, ad attenderci ci sarà una gara sicuramente complessa ma che cercheremo in tutti i modi di vincere. Sappiamo che il San Sisto è una buonissima squadra ma noi non abbiamo nulla da perdere ed inoltre siamo ben consapevoli delle nostre qualità”. TORNEO RAGAZZI AL CHIANELLO DI RONCIGLIONE ECCO LE ULTIME SFIDE Prosegue il torneo giovanile di calcio a cinque al Chianello di Ronciglione per le categorie Giovanissimi e e Ragazzi. Ecco il quadro delle ultime s�de. Corest-Hakuna Matata 7-4 - Scontro al vertice nel girone A quello tra Corest e Hakuna Matata. La partenza è lampo per i giovani di Bracciano e il risultato parziale, dopo pochi minuti, è sul 2 a 0 con Corest che si trova costretta a rincorrere. La musica cambia quando sale in cattedra Andreoli che con il suo pokeris-

simo ribalta la situazione. Hakuna matata prova a riprendersi ma i gol di Feliziani, Bui e Elmounaour(2) non sono suf�cienti a riagguantare il risultato. Tra i marcatori �nali anche Grandicelli e Lanciano. Il �nale è di 7 a 4 per i campioni in carica di Corest che concludono così il girone con 8 punti, certi della quali�cazione al quarto di �nale, anche se è indubbia la posizione in classi�ca a causa delle restanti gare del girone. A rovinare la festa però c’è l’infortunio del capitano, Marco Manini, �no ad ora colonna portante della squadra, che a seguito di una distorsione alla caviglia probabilmente seguirà dalla tribuna la sua squadra per le restanti gare del torneo. Hakuna Matata invece, quali�cata anch’essa, ha la possibilità di conquistare ancora la testa della classi�ca ma subisce la sua prima scon�tta. Tutto rinviato, per l’assegnazione delle 3 posizioni di vertice, all’ultima giornata. AutoScuola Micozzi-L’Automobile 3-6 - Sempre nel girone A la s�da tra Autoscuola Micozzi e L’Automobile sa di verdetti: i primi, scon�tti per 6 a 3, restano a 0 punti nel girone, ormai eliminati e senza speranza di approdare ai quarti di �nale; i secondi, ancora vittoriosi, in testa alla classi�ca, con la quali�cazione in tasca e non solo. Infatti questo risultato, che porta a 9 punti L’Automobile, da garanzie importanti ai vincitori: qualunque sia il risultato del prossimo scontro diretto tra gli stessi e Hakuna Matata, la squadra di mister Cercola ha la certezza di non poter incontrare i campioni in carica di Corest se non in una eventuale �nale. Inoltre, con lo scontro diretto da giocare, L’Automobile potrà essere un po’ giudice dell’intreccio che il calendario della fase �nale andrà a decretare. Insomma la tripletta di Biviglia trascina i suoi nella più comoda delle situazioni per una squadra che ora punta decisamente ad arrivare �no in fondo. CALCIO: SODDIFAZIONE AL BASSANO ROMANO PER LA “DISCIPLINA” “Protagonisti anche sotto il pro�lo disciplinare”. E’ terminata con un’altra bella notizia la stagione del Bassano calcio. Dopo lo splendido �nale di stagione che ha permesso al team di Santino Marchetti di attestarsi al sesto posto in classi�ca per Pozzoli e compagni è arrivato l’ottimo piazzamento anche per la Coppa disciplina. “Devo fare i complimenti a tutti – ha detto Alfredo Boldorini – per come si sono comportati in campo e fuori. Nonostante gli sforzi sia �sici che psicologici per risalire la china in graduatoria i giocatori hanno interpretato al meglio il nostro credo: la società non è mai stata multata, il campo non è mai stato squali�cato, i dirigenti hanno sempre dato il buon esempio. Dopo averlo vinto nella stagione 2008/2009, esserci andati molto vicini lo scorso anno, anche in questa edizione il Bassano calcio ha fatto parlare di se in senso positivo. “La nostra politica è quella del rispetto dell’avversario e la condivisione con questo dei valori dello sport: con molte società siamo gemellati, con altre ci sono ottimi rapporti di collaborazione, con il Collevecchio, all’ultima giornata, abbiamo dato vita al ‘terzo tempo calcistico’, evento più unico che raro nel mondo del pallone”.


� �

sport

SPORT

28

Bellotti Riccardo 6-4 6-4 Fioravante Enrico 6-1 6-2 Brydolf Patrik 3-6 7-5 6-2 Semrajc Janez 6-1 6-4 Trevisan Matteo 6-2 6-3 Fortuna Claudio 6-3 6-2 Krainik Pavel 6-3 6-4

Maamoun Karim 2-6 6-3 6-2 Sabry Sherif 6-2 4-6 7-5 Simoni Marco 6-0 6-3 Giannessi Aless. 3-6 6-2 6-1 Turini Thales 7-5 6-2 Sinicropi Riccardo 6-4 6-2 Torroni Giulio 5-7 6-4 6-3 Grassi Claudio 7-6 6-4

Viterbo & Mercoledì 22 Giugno 2011 AltoLazio


� �

sport

SPORT

& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

29

TENNIS MASCHILE

Trevisan e Grassi, debutto ok Al secondo turno un derby egiziano e il primo match serale. Domenica la serie C va a Terni di GLAUCO ANTONIACCI

D

Giacomo Vianello

Adam Chadaj

Federico Torresi

opo il terremoto del primo giorno, con l’eliminazione a sorpresa della prima testa di serie Thomas Fabbiano, non sono mancate le sorprese nemmeno nella seconda giornata del trofeo BMW Autopremium/Saggini costruzioni, evento ITF dotato di un montepremi di 10mila dollari che si sta disputando sui campi in terra battuta del Tennis club Viterbo. Il risultato più sorprendente è arrivato con l’eliminazione della testa di serie numero sette, Federico Torresi, costretto alla resa dopo tre ore di battaglia, dall’egiziano Karim Maamoun, proveniente dalle quali�cazioni. L’atleta nordafricano si è imposto per 2-6 6-3 6-2 e, nel secondo turno, darà vita ad un derby egiziano con il connazionale Sabry che ha superato per 7-5 al terzo set Filippo Leonardi. Niente da fare per il viterbese Andrea Aloisi, scon�tto 6/3 6/2 da Claudio Fortuna, e sempre in due set, ma con molta più sofferenza, è arrivata la quali�cazione della testa di serie nunero 2, Claudio Grassi, che piegato per 7-6 6-4 il giovanissimo e talentuoso russo Alexander Zhurbin, uno che promette di salire molto nella classi�ca mondiale. Grande battaglia anche tra due mancini che si sono affrontati sul campo numero 1: da un lato il polacco Adam Chadaj (ex numero 200 del ranking mondiale ), dall’altro il giovane italiano Alessandro Giannessi, testa di serie numero quattro, che ha dovuto far ricorso al terzo set per imporsi 3/6 6/2 6/1 dopo un match che ha strappato applausi al pubblico presente. Vittorie in scioltezza per la testa di serie numero 3 Matteo Trevisan (6-2 6-3 a Capone), per Enrico Fioravante (6-1 6-2 a Russo), e per la testa di serie

La stretta di mano tra Claudio Fortuna e Andrea Aloisi numero 6, lo sloveno Janez Semrajc, che ha prevalso 6-1 64 su Giacalone e stasera disputerà il primo match in notturna del torneo; sul campo centrale, a partire dalle 21, affronterà lo svedese Brydolf in un match che sarà a suo modo storico. Quali�cato anche Giulio Torroni che però ha sofferto più del previsto per avere la meglio su Giacomo Vianello, ripescato come lucky loser dalle quali�cazioni. Il match si è chiuso in tre set con il punteggio di 5-7 6-4 6-3. Nel frattempo i ragazzi del Tennis club Viterbo hanno saputo chi sarà la loro s�dante nella �nale per l’accesso alla serie B maschile. E’ stato infatti il Tennis club Terni ad imporsi contro Treviso, quindi domenica prossima, proprio a Terni, la compagine gialloblù formata da Privato, Aloisi, Cardarelli, Fondi e Censini capitanati dal ‘Davis man’ Davide Sanguinetti, nuovo portabandiera della squadra, cercherà di guadagnarsi la promozione nella categoria superiore.

Karim Maamoun

Luca Fondi


� �

sport

SPORT

30

Viterbo & Mercoledì 22 Giugno 2011 AltoLazio

M OUNTAIN B IKE

Tuia e Folcarelli fanno il vuoto Alla Granfondo Monte Soratte-Trofeo San Luigi Gonzaga si registrano due vittorie di prestigio Ottima prova dei ragazzi del team Lazio cui erano state rubate le biciclette prima della Coppa Italia

S

ono stati Massimo Folcarelli e Maria Adele Tuia, in versione padrona di casa, ad imporsi nella prima edizione della Granfondo Monte Soratte-Trofeo San Luigi Gonzaga, gara di mountain bike che si è svolta a Civita Castellana. Gli organizzatori della Ciclismo Civita Castellana-Cicli Gicabike, società di Giuliano e Pietro Gigante, hanno preparato nei minimi dettagli l’evento valevole come quarta prova del Circuito della Tuscia e della Xcp Cup Mtb Lazio (campionato regionale Point to Point), permettendo agli oltre 150 bikers, provenienti da Lazio e Umbria, di dare vita a gare molto combattute e spettacolari. Due le distanze preparate, la granfondo di 45 chilometri (dislivello 890 metri) tra le zone di Sant’Oreste e Ponzano Romano e il percorso corto di 28 chilometri riservato ad escursionisti, esordienti e allievi. Davanti a questo folto gruppo di bikers, durante il trasferimento ad andatura turistica dalla località di Sassacci, si sono piazzati alcuni componenti della squadra esordienti/allievi di mountain bike del Lazio che aveva subito il furto di dieci biciclette lo scorso 5 giugno, trovandosi costretta a rinunciare alla gara di Coppa Italia giovanile a Farra d’Alpago (Belluno). Alessio Franco (AS Roma Ciclismo), Emanuela Di Lorenzo (Il Biciclo Team New Limits), Ivan Colonnelli, Diego Guglielmetti, Serena Monti, Gleb Baranov, Eros e Daniele Capati (Mtb Grotte di Castro), Paolo Bellucci (Mtb Monte�ascone), Antonio Folcarelli

e Daniele Panzarini (Drake System Nw Sport), diretti dal selezionatore FCI Lazio Massimo Franco, hanno poi gareggiato nel percorso corto di 25 chilometri. Festa grande per la formazione della Moser Cycling Team che ha celebrato i 60 anni di Francesco Moser schierando alla partenza gli atleti Stefano Capponi, Tamara Merolle, Massimiliano e Giorgia Fraiegari con una speciale divisa bianco-rossa. In avvio di gara la rampa di 400 metri ha subito messo a dura prova le gambe degli atleti. Angelo Mirtelli e Daniele Concordia hanno cercato di tenere allungato il gruppo ma allo scollinamento è stato Massimo Folcarelli (Drake System Nw Sport) a passare in testa, seguito da Concordia e Stefano Capponi (Moser Cycling Team). Mirtelli ha invece perso contatto dai primi, una sorte toccata più tardi anche a Capponi, bloccato da

una foratura. Sulla salita verso il gran premio della montagna di Sant’Oreste, Folcarelli ha cominciato a fare la differenza guadagnando 45 secondi sull’ex compagno di fuga Concordia. Alle loro spalle si sono dati battaglia per il terzo posto Angelo Mirtelli (Ciociaria Bike), Gianni Panzarini (Drake System Nw Sport) e il solito Giuseppe Zamparini (Cicli Montanini Alice Ceramica Frw). Folcarelli ha fatto il vuoto ma la corsa al secondo posto si è improvvisamente rianimata; Concordia ha accusato la stanchezza di un avvio troppo sparato e, complice un errore di traiettoria lungo la discesa del Soratte, è stato agganciato da Mirtelli con cui si è giocato la seconda posizione. Mentre Folcarelli è arrivato sul traguardo in perfetta solitudine, passando a braccia alzate con il tempo di 1h37’53” a una media di circa 27 km/h, la volata per la seconda piazza

ha premiato Mirtelli che ha accusato 2’04” di ritardo dal vincitore ma ha preceduto di 1” Concordia. “Il percorso l’ho trovato bellissimo e abbastanza veloce – spiega Massimo Folcarelli al 18.mo successo stagionale - lungo la salita verso il Soratte ho creato quel minimo vantaggio ma nel tratto di ritorno verso Sassacci ho trovato il vento contrario ed era dif�cile fare velocità. Un plauso va ad Angelo Mirtelli che ha fatto un miglioramento notevole e a Daniele Concordia che nelle ultime gare è sempre stato lì davanti. Sabato in Slovenia c’è in palio l’europeo di cross country e spero di tornare con una maglia e una preziosissima medaglia. Sto benissimo ma preferisco vivere le gare domenica dopo domenica”. Folcarelli sarà al via del campionato europeo di cross country a Kranjska Gora in compagnia di altri atleti laziali. Ci saranno infatti

Massimiliano Fraiegari (M4, Moser Cycling Team), Giuseppe Zamparini (M5, Cicli Montanini Alice Ceramica Frw), Paolo Viola (M1, Giant Bikextreme), Gianni Panzarini (M3) e Giuseppe Calò (M2, Drake System Nw Sport). Soddisfatto anche Angelo Mirtelli, preceduto solamente da Folcarelli: “Il secondo posto va benissimo ma non ero così pimpante. Da un paio di giorni sto riposando poco per stare vicino a mia moglie Tecla che partorirà a breve”. “A Nepi ero più brillante ha dichiarato Daniele Concordia - con un percorso un po’ più veloce e avversari diversi. Sono contento lo stesso ma adesso è arrivato il momento per potermi dedicare al cross country in vista del campionato regionale e italiano” . In campo femminile la master woman 1 Maria Adele Tuia, campionessa italiana di ciclocross in carica, è riuscita nell’impresa di aggiudicarsi la

gara proprio di fronte al suo pubblico. La Tuia si è imposta nella granfondo davanti all’atleta di Vetralla Claudia Cantoni (MW2, Nw Sport Cicli Conte Fans Bike) e a Vanessa Buzzanca (MW2, VIII Legione Romana), brava a sof�are il terzo gradino del podio per soli 17 secondi a Tamara Merolle (MW1) della Moser Cycling Team. “La vittoria a casa mia era scontata – afferma Maria Adele Tuia, vincitrice 2 settimane fa della Granfondo Parco del Treja a Nepi – e almeno questo mi rende felice. Purtroppo sono reduce da un incidente in allenamento e non è stato facile per me riprendere a correre e a trovare da subito il ritmo gara. Ho sofferto per i dolori nella parte iniziale e mentalmente non ero ancora entrata in gara”. Nel percorso corto di 25 chilometri si sono messi in luce il campione laziale allievi di cross country Eros Capati (Mtb Grotte di Castro) che ha preceduto il coetaneo Alessio Franco (AS Roma Ciclismo). Al terzo posto l’esordiente Federico Proietti (Asd Soriano Ciclismo) campione laziale di ciclocross nella stagione 20102011. Tra le donne in evidenza l’esordiente Serena Monti (Mtb Grotte di Castro) e le allieve Emanuela Di Lorenzo (Biciclo Team New Limits) e Giorgia Fraiegari (Moser Cycling Team). Alla gara e poi alla cerimonia di premiazione hanno presenziato l’assessore allo Sport del Comune di Civita Castellana, Alessio Alessandrini, e il presidente del comitato FCI di Viterbo Pierangelo Brinchi.

Berni (Liberi Podisti) che ha percorso la distanza in 1h14’. Alle sue spalle, staccata di circa 3 minuti, Nelly Caisaletin della società Lital e al terzo posto Piera Scarsella della Cat Sport di Roma. Tra gli uomini, da quest’anno ammessi alla gara con relativa classi�ca, il successo è andato ad Antonello Pallotta (Bolsena Forum) in 57’40’’ che ha preceduto il compagno di squadra Nazzareno Bertolini (1h01’53”) e Gianpaolo Paolelli della Modelli Ceramici. I responsabili della Asd Ecomaratona dei Monti Cimini

ha ringraziato la Estéè Lauder e la profumeria Fascino che, per il secondo anno, ha promosso la manifestazione sostenendo Beatrice Onlus, in prima linea nella lotta al tumore della mammella. Presente anche il negozio Zona Olimpica, partner ormai costante e molto attento alla pratica sportiva nella provincia di Viterbo ed ora anche a Terni. Fondamentale anche la collaborazione di tutti gli associati dell’Atletica Cimina che hanno af�ancato gli organizzatori nel corso della manifestazione.

PODISMO - Sul duro percorso della Faggeta si impongono Berni e Pallotta

Woman in trail, successo annunciato

U

na folla composta da circa 150 persone, tra podisti, camminatori e baby podisti, ha animato la 2a edizione della Woman in Trail, organizzata dalla a.s.d. Ecomaratona dei Monti Cimini all’interno della Faggeta di Soriano del Cimino. Gli atleti che hanno deciso

di cimentarsi con questa prova hanno potuto godere di una bella giornata di sole e di una temperatura mite, condizioni ideali per correre o semplicemente camminare con un buon passo. Sono intervenuti il neo sindaco di Soriano Fabio Menicacci, l’assessore Luciano

Perugini ed il presidente della pro loco Fausto Bassanelli che hanno avuto parole di elogio ed incoraggiamento nei confronti della manifestazione e per l’associazione organizzatrice; l’obiettivo primario è la promozione del territorio ed in questa direzione si muovono le

iniziative promosse, compresa la Woman in trail. Anche i partecipanti hanno espresso giudizi lusinghieri sulla gara, pur considerando la durezza del percorso di 10 km con 620m di dislivello positivo. Tra le donne ha vinto Rosa


almanacco

& Mercoledì 22 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

31

visitando

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Luca 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE ncora!! Ma proprio non vi date pace eh?..siete davvero insistenti, ma d’altronde siete

21 Aprile - 20 Maggio TORO oi invece al lavoro e ai soldini ci dovete proprio pensare…e non dovete perdere nemme-

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI e chiacchiere e i pettegolezzi sul vostro conto sono all’ordine del giorno, questa Luna insidiosa dal

degli Arieti e quindi sappiamo bene che siete specializzati nel voler buttare giù le porte anche quelle che non si vogliono aprire..però dico io, avete un bellissimo Giove che vi protegge una Venere e un Marte stratosferici..sapete che vuol dire?che dovete dedicarvi alle avventure amorose..che vi dispiace? ..non credo proprio e allora ..ANCORA PENSATE AL LAVORO??

no un minuto del vostro preziosissimo tempo, perché questa Luna meravigliosa in pesci domani se ne va e non vorrei che vi lasciasse a bocca asciutta con la sensazione di aver perso qualcosa di importante.,mi raccomando..con questi pianeti nella vostra casa del denaro potete diventare ricchi, ricchissimi anzi..super ricchi..MUOVETEVI!!

segno dei Pesci ce la sta mettendo tutta per togliervi quella tranquillità e quella gioia che avete dentro ultimamente..ma si sa..siete troppo belli troppo simpatici troppo fortunati..troppo tutto..e il troppo stroppia secondo quelli che sono invidiosissimi di voi..e sono tanti ma voi tenete conto di queste famosissime parole..”NON TI CURAR DI LOR MA GUARDA E PASSA”.

22 Giugno - 22 Luglio CANCRO ’ iniziata la vostra stagione dolcissimi amici del Cancro..la meravigliosa Estate che tanto

23 Luglio - 22 Agosto LEONE randi notizie arrivano a getto continuo su di voi e fanno rapidissimamente il giro del pianeta..siete

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE ggivitrastullate davanti allo specchio alla ricerca del più piccolo difetto che vedete solo.. voi..

vi risveglia e tanto meravigliosamente languidi vi rende si unisce ad un meraviglioso Sole che,avendo finalmente raggiunto la vostra costellazione, vuole dorarvi la pelle, scaldarvi l’animo..e i Signori dello Zodiaco tra pochissimo manderanno anche altri potenti aiuti per ammantare d’oro la vostra strada verso il successo…che sarà SOLIDO E DURATURO

l’argomento preferito di questa torrida estate..tutti aspettano di vedere la vostra trionfante e meravigliosa rentrée..e molti aspettano di vedervi cadere..lo so..è il prezzo del successo!..che siate splendide e bionde star planetarie o nerboruti gladiatori niente cambia e cambierà..ARRIVERETE DI NUOVO PRIMI!!!.. e tutti si morderanno le labbra

quando finalmente vi sentite più belle di Cameron Diaz uscite, andante incontro al mondo con il vostro nuovo conturbante profumo ed ecco che..CLACK!.. Il vostro meraviglioso tacco 12 si incastra su un sanpietrino lasciandovi completamente scalze..beh|?..vi formalizzate? sembrate Brigitte Bardot a Saint Tropez.. SIETE BELLE SCARMIGLIATE E SEXY!!..nonostante gli inconvenienti

23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA uesto Sole in Cancro per un mese intero vi si mette un po’ di traverso causandovi

24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE on posso fare a meno di pensare a voi con un grande senso di invidia..ma non

22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO on voglio smontarvi cari ami ci del sagittario..non è davvero questa la mia intenzio-

un piccolo ma insistente senso di stanchezza..per fortuna che con tutti gli alri pianeti che avete a favore nemmeno lo sentite..ecco, diciamo che questo per voi è il periodo ideale per mettervi finalmente a riposare..possibilmente su una magnifica spiaggia con lettino, frutta fresca, musica soft e massaggi..MA CHE ASPETTATE?..PARTITE!!

per quello che fate perché tutto sommato quando c’è da lavorare parecchio preferite delegare e questo succede spesso e volentieri..il fatto è che avete la rara capacità di convincere tutti coloro che vi stanno intorno a fare quello che dite voi..è inutile.. siete dei veri e propri leader carismatici..figuriamoci con le donne cosa siete capaci di fare..BEATI VOI!!!!

ne anzi sapete benissimo che ho sempre detto e lo ribadisco fermamente che voi quest’anno siete uno dei segni più fortunati ma ci sono de momenti no che significa che dovete stare particolarmente attenti a ciò che accade intorno a voi..in sintesi..i grandi progetti alla fine andranno in porto ma oggi attenzione a chi vi rema contro..INTESI?

22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO er voi continua questa meravigliosa espansione che alla fine dell’anno e anche il prossi-

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO a che meraviglia amici dell’Acquario.. questo secondo giorno di Estate vi risulta partico-

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI uesta Luna nel segno addolcisce il vostro cuore che ultimamente sembra un po’ traballante

mo vi troverà in sella al cavallo vincente con tanto di alloro tra i capelli..oggi però il Sole entra nel segno del Cancro rendendovi un po’ insofferenti a coloro che vi circondano..forse è perché cominciate ad essere fisicamente un po’ stanchi..e allora via con integratori e vitamine…fate di tutto per tirarvi su, ma per carità, non mollate..LA POSTRA IN GIOCO E’ TROPPO ALTA

larmente gradito con questo Sole che risveglia la vostra voglia di apparire al meglio della forma..tra l’altro voi siete tra quelli che possono permettersi di affrontare la prova costume assolutamente certi di vincerla, perché grazie alla vostra alimentazione alternativa fatta di curry, risi indiani e cibi esotici sarete i più ammirati sulla spiaggia..DA VERE STAR!

e con qualche spina.. dovete assolutamente compiere un viaggio all’interno della vostra anima..e cercare finalmente di scoprire, anzi di riscoprire le meraviglie che avete intorno a voi..se guardate bene infatti vi accorgerete che nelle vostre acque non nuotano solo squali e piranha ma anche dei meravigliosi amici che vi proteggono dalle insidie del fondale marino..FIDATEVI DI LORO

A

E

Q

P

BUONGIORNO

Il buongiorno ai lettori dell’Opinione arriva direttamente dagli assidui super-tifosi del Memorial Minella di Vasanello. (Foto Andrea Di Palermo)

V

G

N

L

O

N

M

Q

Bagnaia VILLA LANTE Tipico esempio di sfarzo rinascimentale, è tra i più famosi più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La sua ideazione si deve a Jacopo Barozzi da Vignola. Al suo interno sono presenti due casini di caccia con decorazioni del Cavalier d’Arpino, Raffaellino da Reggio ed Antonio Tempesta. Info: 0761/288008 Barbarano Romano MUSEO ARCHEOLOGICO DELLE NECROPOLI RUPESTRI Il museo conserva reperti di ceramica e bronzei ma anche sarcofagi, obelischi di tufo e altri oggetti che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Info: 0761/414531 0761/414601 Bolsena MUSEO TERRITORIALE DEL LAGO DI BOLSENA Ospitato nella Rocca Monaldeschi della Cervara, possiede una vasta gamma di documentazione sulla storia del distretto vulcanico e le varie fasi insediative sulle sue sponde, che vanno dalla preistoria sino alle più recenti manifestazioni della cultura locale. Info: 0761/798302 0761/798630 0761/798679 Bomarzo PARCO DEI MOSTRI Il famoso parco ideato Jacopo Barozzi da Vignola nel XVI nel quale è possibile ammirare fontane e sculture non ordinarie e consuete. Info 0761/924029 Caprarola PALAZZO FARNESE Realizzazione a pianta pentagonale di Jacopo Barozzi da Vignola. Contiene al suo interno numerosi affreschi di Raffaellino da Reggio, Taddeo Zucchi e Giovanni Antonio da Varese tra i quali anche la stanza delle Carte Geografiche. San Martino al Cimino PALAZZO DORIA PAMPHILIJ Il Palazzo è stato edificato nel XVII secolo presenta suggestivi soffitti a cassettoni decorati. Il palazzo, ricco di decorazioni a fregio, viene spesso adibito a centro congressuale. Info: 0761/291000 Tarquinia MUSEO NAZIONALE ETRUSCO Considerato tra i più importanti in Italia, contiene materiale archeologico di grande rilievo. Info: 0766/856036 Viterbo MUSEO DELLA MACCHINA DI SANTA ROSA Testimonianze dell’attività del Sodalizio e documentazione riguardo al trasporto della Macchina di Santa Rosa. Info: 0761/345157 Vulci PARCO NATURALISTICO ARCHEOLOGICO All’interno del museo sono ospitati i ricchi corredi delle tombe di Vulci, secondo un percorso che dall’epoca più antica (III millennio A.C.) giunge ai reperti archeologici di epoca romana, passando attraverso eleganti vasi etruschi e raffinati vasi greci figurati. Info: 0761/437787 Fabrica di Roma A Falerii Novi, mura etrusco romane del III sec. a.c. e la porta Giove si possono visitare sempre. L’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Falerii del sec.XII da marzo a Novembre i sabati e le domeniche dalle ore 9 alle 13. In altri giorni per gruppi e scolaresche contattare il 0761/ 569101 ufficio cultura.

PREVISIONI METEOROLOGICHE Mercoledì 22 Giugno 2011

Giovedì 23 Giugno 2011

o r e 0 0 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a n o r d / o ve s t a 4 k m / h . Te m p e r a t u r a di 16 °C o r e 0 3 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a n o r d / e s t a 2 k m / h . Te m p e r a t u r a d i 15,1 °C o r e 0 6 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a e s t a 2 k m / h . Te m p e r a t u r a d i 1 4 , 5 °C o r e 0 9 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a e s t a 2 k m / h . Te m p e r a t u r a d i 2 3 ° C o r e 1 2 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a s u d / o ve s t a 5 k m / h . Te m p e r a t u r a di 26,4 °C ore 15 cielo sereno con qualche p i c c o l o c u m u l o s p a r s o e ve n t o d a s u d / o ve s t a 1 1 k m / h . Te m p e r a t u r a di 26,8 °C o r e 1 8 c i e l o q u a s i s e r e n o e ve n t o d a s u d / o ve s t a 8 k m / h . Te m p e r a tura di 25,3 °C o r e 2 1 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a s u d / o ve s t a 8 k m / h . Te m p e r a t u r a di 21,3 °C

o r e 0 0 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a ove s t a 2 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 15,7 °C o r e 0 3 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a s u d a 2 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 1 4 , 5 °C o r e 0 6 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a s u d a 2 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 1 3 , 7 °C o r e 0 9 c i e l o q u a s i s e r e n o e ve n t o d a s u d a 2 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 21,4 °C o r e 1 2 c i e l o m o l t o nu vo l o s o e ve n t o d a s u d / e s t a 4 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 2 4 , 6 ° C o r e 1 5 c i e l o nu vo l o s o e ve n t o d a s u d / e s t a 9 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 28,6 °C o r e 1 8 c i e l o p o c o nu vo l o s o e ve n t o d a s u d / ove s t a 9 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 2 6 , 1 ° C o r e 2 1 c i e l o p o c o nu vo l o s o e ve n t o d a s u d / ove s t a 9 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 2 1 , 5 ° C

FARMACIE

OGGI 22 GIUGNO COMUNALE LA QUERCIA (DIURNO E NOTTURNO) P.ZZA CAMPO GRAZIANO, 37 LA QUERCIA (VT) TEL: 0761-326530 DOMANI 23 GIUGNO FILOSCIA (DIURNO E NOTTURNO) VIA VICO SQUARANO, SNC (VT) TEL: 0761-324188


l'Opinione di Viterbo e Lazio nord - 22 giugno 2011  

22 giugno 2011

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you