Page 1

����������

p

������������������������������������������������������������� �������������� ���������� �������������������������� �������������������

���������������������SABATO 9 GIUGNO 2012

Anno III N. 129 - Euro 1,00 �����������������������

���������������������������������������� Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO

Poltiica

Imu e riforma delle province il Pd propone la propria ricetta di Emanuele Faraglia

Cultura & Spettacolo

Attualità

Presentata in Provincia la ricerca “Sbarre dentro e fuori dal carcere”

Per la Giornata Nazionale dell’Adsi dimore e giardini storici aperti al pubblico

di Sabrina Morbidelli

Servizio

a pagina 5

a pagina 6

a pagina 6

Per il Procuratore generale Alberto Pazienti si è trattato di overdose: “basta con ricostruzioni fantasiose”

Manca, un caso solo giornalistico “Attilio Manca è stato ucciso da un’overdose di eroina mista a tranquillanti. Nessun indizio, per quanto labile, suffraga l’ipotesi dell’omicidio di ma�a ipotizzata dai familiari. Le indagini sono state complete e minuziose. Non c’è alcun elemento che sia stato trascurato o sottovalutato”. Così, nel corso di una conferenza stampa, il procuratore capo di Viterbo Alberto Pazienti e il pubblico ministero Renzo Petroselli, titolare dell’inchiesta sulla morte dell’urologo siciliano in servizio nell’ospedale cittadino, avvenuta l’11 novembre 2004, hanno rintuzzato punto per punto quanto affermato dalla madre di Attilio, Angela, dal fratello Gianluca e dal loro legale, avvocato Fabio Repici, che a distanza di pochi giorni hanno criticato aspramente l’operato della procura viterbese, intervenendo alle trasmissioni “Servizio Pubblico” di Michele Santoro e “Chi l’ha visto?” di Federica Sciarelli.

Servizio a pagina 3

FABRICA DI ROMA

CASO BIRINDELLI

Anche Renata Polverini Attivo l’ambulatorio ascoltata dal Pm Siddi di assistenza nascite

Servizio

Secondo quanto riporta la pagina della cronaca di Roma del Corriere della Sera e soprattutto da quanto confermato dal capo della Procura Pazienti la Governatrice del Lazio Renata Polverini sarebbe stata ascoltata ieri in Procura sulla vicenda che coinvolge l’assessora Angela Birindelli. “Dall’assegnazione dei fondi per lo sviluppo agricolo – si legge sul Corriere della Sera – alla partecipazione della Regione Lazio a Vinitaly, Salone internazionale del vino. La governatrice Renata Polverini è stata ascoltata come persona informata dei fatti dai magistrati di Viterbo”.

a pagina 15

CIVITA CASTELLANA

Andosilla, fiduciosi per le sorti future Servizio a pagina 15

MONTEFIASCONE

Servizio a pagina 3

Non tutte le urgenze dei cittadini prima erano così importanti La sezione Viterbo “Città de La Destra” torna a sottolineare che il consigliere comunale Maurizio Federici, attraverso la sua delega alle “piccole grandi cose”, è sempre a disposizione della cittadinanza per ricevere ogni tipo di segnalazione per cercare di essere di aiuto a risolvere quei piccoli problemi che spesso, soprattutto per gli anziani e le fasce più deboli, diventano a volte insormontabili soprattutto per chi le subisce o ne patisce. Ad esempio una buca sotto casa, piccoli problemi di igiene urbana, atti di vandalismo che deturpano la città, l’urgenza di poter usufruire dei servizi cimiteriali durante la chiusura d’orario al pubblico. Cose che spesso passano inosservate e che inducono il cittadino a sentirsi trascurato nella sua quotidianità. Ogni segnalazione, in un tempo massimo di cinque giorni, garantisce il consigliere Federici, riceverà una risposta positiva o negativa, a fronte di un interessamento immediato presso l’assessorato di competenza. Maurizio Federici è sempre raggiungibile al 328.8135954, la mail cui indirizzare le segnalazioni è m.fede@yahoo.it Che dire, intanto una delle poche iniziative vere degli ultimi mesi di questa amministrazione.

di Michele Mari a pagina 13

ACQUAPENDENTE

La Regione dimentica la Riserva di M.Rufeno? di Fulvio Medici a pagina 14

SPORT - Le cronache e gli eventi della provincia

C

Pugilato

Ecco i “Messaggeri della Ricerca”

Calcio Ultimo atto per una Caninese “Eccellente”

Di Luisa si prepara per il “Carnera”

Vela Domani si disputa ilTrofeo intitolato a Schirripa

Servizio a pagina 19

Servizio a pagina 20

Servizio a pagina 18

Redazione Via Piave, 8 - 01100 Viterbo - Centralino 0761.1890827 - Fax 0761.1890811 E-Mail: redazione@opinioneviterbo.it


Sabato 9 Giugno 2012

cronaca

Viterbo & AltoLazio

3

MAFIA - Sconfessati tutti coloro che, dietro la morte del giovane urologo siciliano, avevano disegnato inquietanti scenari malavitosi

Come da noi anticipato Manca morì per overdose “

Attilio Manca è stato ucciso da un’overdose di eroina mista a tranquillanti. Nessun indizio, per quanto labile, suffraga l’ipotesi dell’omicidio di ma�a ipotizzata dai familiari. Le indagini sono state complete e minuziose. Non c’è alcun elemento che sia stato trascurato o sottovalutato”. Lo ha dichiarato, nel corso di una conferenza stampa, il procuratore capo di Viterbo Alberto Pazienti e il pubblico ministero Renzo Petroselli, titolare dell’inchiesta sulla morte dell’urologo siciliano in servizio nell’ospedale cittadino, avvenuta il 11 novembre 2004. La procura di Viterbo ha poi rintuzzato punto per punto quanto affermato dalla madre di Attilio, Angela, dal fratello Gianluca e dal loro legale, avvocato Fabio Repici, che a distanza di pochi giorni hanno criticato aspramente l’operato della procura viterbese, intervenendo alle trasmissioni ‘Servizio Pubblico’ di Michele Santoro e ‘Chi la visto?’ di Federica Sciarelli. “Non abbiamo mai scritto o detto - hanno detto i due magistrati - che il dottor Manca si sia suicidato. Sulla base dei riscontri, abbiamo sostenuto che è deceduto per un’overdose di eroina e farmaci. Non è vero che non abbiamo fatto rilevare le impronte digitali sulle due siringhe trovate nella sua abitazione. Le impronte digitali ci sono, ma su una super�cie troppo limitata per risalire a chi le abbia lasciate. Dall’autopsia non e’ risultato che avesse il setto nasale rotto ne’ sul cadavere sono stati trovati segni di violenza”. La massiccia emorragia avuta da Manca è perfet-

tamente compatibile con la morte da overdose. L’eroina hanno sottolineato i magistrati - e un potente vasocostrittore che provoca quel tipo di fenomeno”. Alla domanda su perché per tre volte consecutive è stata chiesta l’archiviazione del fascicolo, mentre ora c’è un’indagata per cessione di droga e omicidio colposo per morte a seguito di cessione di droga, hanno risposto: “E’ stata la procura distrettuale antima�a di Messina che, a seguito di un esposto presentato dal legale dei Manca, ha individuato che gli avesse fornito l’eroina. Quando ci sono stati trasmessi gli atti, abbiamo indagata la donna romana per quei reati. Nei confronti degli altri cinque indagati, tutti siciliani, nemmeno la procura messinese ha trovato alcun elemento’. In merito alla telefonata che il medico avrebbe fatto alla madre dalla costa azzurra, proprio nel periodo in cui il boss ma�oso Bernardo Provenzano si trovava a Marsiglia (Francia) per farsi operare di cancro alla prostata, il procuratore capo e il Pm hanno spiegato: “Quella telefonata non risulta dai tabulati. La madre sostiene che sia stata fatta sparire. Ma non c’è nessuna prova in tal senso”. Il supplemento d’indagini, il quarto della serie, disposto dal Gip su richiesta dei Manca, si e’ concluso con la richiesta di cinque archiviazioni delle posizioni di cinque uomini di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) e un avviso di conclusioni delle indagini, che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di Monica Meleti residente a Roma.

E’ finita la pacchia per coloro che sfruttavano la sua morte E

ra anni che sulla storia di Attilio Manca era stata messa la parola �ne. Al dolore, legittimo, dei genitori, si era associato quello dei soliti sciacalli che con le storie ad affetto speculano e cercano sempre di trarfne pro�tto. Piccoli scrittori di periferia che dall’oggi al domani si improvvisano i “Saviano de noantri” e scrivono libri sulla ma�a ipotizzando chissà quali scenari. Per rendere le cose più ef�caci e vendere magari quelle due o tre copie in più sono disposti a tutto. Basti pensare, ad esempio, a tale Daniele Camilli che ha scritto un libro sulla “Ma�a a Viterbo” e dove un capitolo o anche più ha trattato il caso Manca. E’ stato completamente sconfessato, non poteva essere altrimenti, dal Procuratore Capo Alberto Pazienti. Pagine e pagine di inchiostro degne dei più fantasiosi libri di �abe. Dal signore degli anelli a Peter Pan. Insomma un’accozzaglia di notizie prive di ogni fondamento ma che, messe insieme, potevano suggestionare qualcuno.

A parte che secondo il nostro modesto avviso quel libro non ha mai suggestionato nessuno perché privo di ogni riferimento a fatti e persone. Scopiazzato qua e la senza capo e né coda che invitabilmente prima o poi si sarebbe dovuto confrontare con la verità della Procura della Repubblica di Viterbo che lo ha, in larga parte, sconfessato. Pace all’anima dello scrittore

Anche le parti civili chiedono la conferma dell’ergastolo per i “fidanzati diabolici”

Per Paolo e Ala si prospetta una nuova condanna

S

i è svolta l’altra mattina a Roma la seconda udienza del processo in Corte d’assise d’appello a carico di Paolo Esposito ed Ala Ceoban, i due amanti diabolici condannati in primo grado all’ergastolo per il duplice omicidio di Tatiana Ceban (compagna del primo e sorella del secondo) e la �glia adolescente Elena, misteriosamente scomparse il 30 maggio 2009. L’appello era iniziato il 22 maggio scorso, quando il procuratore generale Alberto Cozzella aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado, sposando in todo la tesi accusatorio del sostituto Renzo Petroselli, titolare del fascicolo aperto il primo giugno di tre anni fa. “E’ stato un omicidio preparato, studiato a lungo; non un allontanamento volontario”, aveva detto il pg durante la requisitoria. “Ala è

una giovane priva di scrupoli che arriva in Italia e accalappia l’uomo della sorella. Paolo a me appare un ostaggio di questa avventuriera. Ci sono elementi suf�cienti per affermare che Esposito è il burattino di Ala: è lui che materialmente compie il duplice omicidio ma entrambi – aveva concluso Cozzella sono responsabili e meritano la condanna all’ergastolo”. Durante la seduta di ieri, come previsto, è stato il turno delle parti civili. A prendere la parola l’avvocato Luigi Sini, legale di Elena Nekifor (madre di Tatiana ed Ala), e la collega Claudia Polacchi, che rappresenta la piccola Erika (la �glia che Esposito ha avuto otto anni fa dalla moldava). I legali, ricostruendo tassello dopo tassello tutta la fase delle indagini preliminari e il processo di primo grado,

hanno chiesto la conferma della sentenza emessa il 13 maggio 2011 dal presidente della Corte d’assise viterbese, Maurizio Pacioni. Ieri mattina alle 9,30 si

Camilli alle prese con presunte minacce di morte da parte di ma�osi che, secondo le sue dichiarazioni, temono le sue inchieste sul nulla, la città di Viterbo volta pagina e chiude uno dei capitoli più chiacchierati e, allo stesso tempo, infondati della sua storia contemporanea. Adesso sarebbe opportuno invece capire il perché certi “sciacalli” dell’informazione non solo letteraria ma anche dell’avvocatura

si siano avventurati in argomenti così complessi ed articolati. Riguardando indietro nel tempo stupiscono le dichiarazioni, a dir poco sprovvedute dell’avvocato Giacomo Barelli che dovrebbero essere attenzionate sia dal presidente dell’ordine degli avvocati di Viterbo Sini ma anche a livello nazionale. Per farsi propaganda politica non si può e non si deve in alcun modo strumentalizzare la morte di nessuno né tantomeno quella di un giovane medico che, purtroppo, ha �nito i suoi giorni nel peggiore dei modi e non certo imputabili a seconde mani. Chi si è reso arte�ce di questo scandalo, al di là dei familiari che, inevitabilmente e giustamente hanno avuto tutti i diritti di non arrendersi ad una morte così assurda, dovrebbero rispondere personalmente davanti ad un giudice terzo. Perché lo hanno fatto? Per farsi pubblicità? Per cercare verità già scritte? Per un tornaconto personale o, ancor peggio, per farsi una facile pubblicità? Se così fosse qualcuno dovrebbe pagare. SALATO...

Sfiorata tragedia a Montalto di Castro Cade cancello, grave bambina di soli tre anni

aprirà la terza udienza con le arringhe degli avvocati Enrico Valentini e Mario Rosati, legali di Esposito. La sentenza d’appello è prevista per il 13 giugno.

Denunciato 32enne marocchino per atti osceni a Prato Giardino U n 32enne di origini marocchine è stato denunciato dagli uomini dell’uf�cio prevenzione della Questura per atti osceni in luogo pubblico. L’altro giorno, infatti, la volante interveniva a Pratogiardino dove era stata segnalata una persona intenta a compiere atti osceni di fronte ad alcune ragazze sedute su una panchina. Una delle giovani, mante-

nendo la calma, ha chiamato il 113 richiedendo l’intervento della polizia facendo così scappare il ragazzo. La fuga del giovane è durata poco perché gli uomini della polizia nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciarlo, portarlo in questura per l’identi�cazione e denunciarlo a piede libero. Adesso si cercherà di capire se la persona fermata sia stata arte�ce di altre azioni simiili.

U

na bambina di 3 anni, d’origine polacca, residente a Montalto di Castro, in provincia di Viterbo, è rimasta ferita in modo grave cadendo dal cancello della sua abitazione, sul quale si era arrampicata mentre giocava con un’amichetta. È stata trasportata d’urgenza in autoambulanza al policlinico Gemelli di Roma, dove è stata ricoverata in prognosi riservata. Secondo quanto si è appreso avrebbe riportato un violento trauma cranico. All’inizio,

le sue condizioni non sembravano gravi, tanto che i sanitari del 118 che l’hanno soccorsa le avevano assegnato il codice giallo. Ma nel volgere di un paio d’ore sono notevolmente peggiorate. I medici dell’ospedale di Tarquinia, dove era stata trasportata, hanno così disposto il suo trasferimento nel reparto di neurochirurgia del policlinico capitolino. Sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.


cronaca

4

Viterbo & AltoLazio

Sabato 9 Giugno 2012

CASO BIRINDELLI- Il sostituto Siddi ha chiesto lumi alla presidente della Regione Lazio

La Procura ha ascoltato la Polverini A

nche la governatrice del Lazio Renata Polverini ha avuto l’onore di conoscere la Procura della Repubblica di Viterbo. Il sostituto procuratore Siddi ha ritenuto necessario chiamare anche il massimo esponente della Regione Lazio per capire se le accuse di Battistoni nei confronti dei nostri giornalisti e soprattutto dell’assessore Angela Birindelli, da lui stesso designata, fossero fondate. Da quel poco che è trapelato, oltre alla cordiale ospitalità che le è stata riservata dal capo della Procura della Repubblica di Viterbo Alberto Pazienti: “Le abbiamo offerto dell’acqua fresca e per aspettarla siamo stati chiusi dentro quasi tutti visto che l’unico telecomando disponibile non l’avevamo a portata di mano”. Nulla più dunque. Il Corriere della Sera, come al solito ben informato, ha avanzato l’ipotesi che Siddi possa aver chiesto lumi sui Psr e su come sia stata organizzata la �era di Verona “Vinitaly” dall’assessora di Bolsena. Proprio ieri mattina abbiamo incontrato il consigliere regionale “tascabile” del Pdl Francesco Battistoni a spasso

per il centro in compagnia della dirigente della Provincia di Viterbo Mara Ciambella. Un volto teso e preoccupato per le ultime clamorose uscite del dinamico politico che cerca, dall’alto della sua statura politica di imporsi in una città che, più passa il tempo e più lo ri�uta. L’aver messo in dif�coltà il Pdl, il sindaco Giulio Marini, l’assessore regionale Angela Birindelli, il cercare forzatamente lo scontro per ottenere spazi dove trovare una situazione stabile perenne l’ha inviso alla gran parte dei politici che già lo vedevano poco af�dabile e sempre dedito alla ricerca spasmodica di uno stipendio politico. Sui Psr (piani di sviluppo rurale) probabilmente ha potuto rispondere poco in quanto sono gli uf�ci decentrati a fare il lavoro e decidere chi può accedere al �nanziamento e l’ammontare dello stesso. Per quanto riguarda il Vinitaly idem,

L’avvocato Massimo Meloni in prima linea “contro” le banche

I mutui fondiari per consilidare il debito sono nulli? ’ fatto noto che le banche , quando una aziende ha conti “tesi” per scoperto di conto E corrente , viene invitata dalla banca a consolidare il debito mediante concessione di un mutuo ipotecario, sulla abitazione,sul capannone ecc. Spesso vengono richieste an-

dif�cilmente un presidente di Regione può essere a conoscenza di tutto anche di questi piccoli dettagli altrimenti più che un essere umano sarebbe più simile ad un computer di Steve Jobs. La fronda nei confronti di Marini è stata potata. Quella nei confronti di Battistoni sta pian piano montando in quanto, voce sempre più diffusa, che lo vede tra sagre ed inaugurazioni sempre meno impegnato per gli agricoltori laziali. Contento lui, contenti tutti.

che le �deiussioni dei mutuati. Ebbene secondo l’avv.Massimo Meloni tali operazioni sarebbero viziate da nullità , essendo simulate .E diverse sono le cause partite per sentire dichiarare nullo il contratto di mutuo. Il perché è sinteticamente detto. Lo scopo del mutuo è dare un �nanziamento. La banca, viceversa, con la operazione di mutuo non concede (nuove) somme di denaro , ma sostituisce il vecchio debito con uno nuovo. Ottenendo anche ipoteca sui beni immobili. Così violando anche la par condicio creditorum in caso di fallimento. Essendo carente la causa del contratto (il mutuo appunto) perché lo scopo non è di dare quattrini, ma consolidare il debito otenendo ipoteca , detto contratto sarebbe nullo per simulazione . Così si è pronunciato già il tribunale di Latina ;la Corte di Appello di Brescia e la Cassazione. Analogo è il caso del mutuo con scopo legale. La banca , per erogare un �nanziamento sempre mirato a consolidare il debito già esistente, nel contratto di mutuo indica uno scopo .esempio: costruire un capannone. Ebbene se quel capannone non viene realizzato perché il denaro erogato va a coprire altri buchi, il contratto è nullo per simulazione. Questo dice anche la Cassazione con una sentenza del 2012 . Da aggiungere che quando viene dichiarato nullo il mutuo, anche la ipoteca viene dichiarata nulla ; così le �deiussioni .Il tribunale di Latina ha addirittura condannato la banca a restituire le somme versate quali rate del mutuo, essendo la banca senza titolo. In questo momento in cui i piccoli e medi imprenditori rispondono con i propri beni alle dif�coltà del mercato , la notizia riveste carattere di estremo interesse.

Oggi sarà inaugurata una mostra di foto e documenti inediti

La Banca di Credito Cooperativo festeggia i 110 anni di attività di ELISABETTA GIOVANFORTE

P

er festeggiare i 110 anni di attività della Banca di Credito Cooperativo, già Cassa Rurale, oggi pomeriggio alle ore 18.00, verrà inaugurata una mostra di foto e documenti inediti dal primo Presidente Nazareno Casini all’attuale, Giuseppe Ginnasi. Tra i documenti un enunciato post prima guerra mondiale da cui si evince che la Cassa Rurale era parte integrante dell’economia della cittadina reclutando il vino presente sul territorio facendone da calmiere dei prezzi. Tra gli oggetti in mostra l’urna per le votazioni del Consiglio d’amministrazione a scrutinio segreto e le prime calcolatrici meccaniche. La mostra farà da corollario alla presentazione del libro “La Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione 110 anni di fedeltà al territorio” scritto dal professor Sandro Altissimi attuale Vice Presidente dell’Istituto “La ricerca fatta di documenti e testimonianze di ieri e di oggi, spiega le ragioni di 110 anni di positiva attività e giusti�ca la sicurezza per risultati futuri attesi da una banca nata a Ronciglione per iniziativa di dodici cittadini che non erano banchieri, ma che da esperti e saggi coltivatori della terra, seppero mettere a frutto l’impegno assunto di far fruttare il piccolo capitale che i primi soci costituirono con una lira a testa”, ha dichiarato l’autore. Il libro sarà presentato dal dottor Renzo Trapppolini che ne ha curato la prefazione puntando sulle potenzialità che la BCC riveste sul territorio : “La BCC di Ronciglione la sua parte l’ha fatta ed ha le potenzialità organizzative di af�dabilità ed umane per farla ancora”. L’introduzione, curata dall’attuale Presidente Giuseppe Ginnasi, narra l’evuluzione delle Casse Rurali “dopo Leone XIII, che sollecitò lo sviluppo del movimento cooperativo con l’enciclica Rerum Nova-

rum, si capì che l’economia dovesse avere un �ne, ...le nostre cooperative di credito sono nate nel momento in cui non ci si è chiesto come guadagnare di più, ma come far sì che la tecnica produttiva compresa quella bancaria potesse servire a preparare nuove generazioni “. In 110 anni la Bcc di Ronciglione vanta ben dieci �liali discolate tra Ronciglione appunto, Sutri, Nepi, Fabrica di Roma, Corchiano, San Martino al Cimino, Soriano nel Cimino, Caprarola, Bassano Romano e Campagnano di Roma e 1.700 soci. Tra gli interventi, attesissimo quello del dottor Giulio Pizzi, Direttore Generale dell’Istituto


Sabato 9 Giugno 2012

politica

Viterbo & AltoLazio

5

Il Pd propone la propria ricetta per rendere meno difficoltoso il lavoro degli amministratori locali

“Ancorare l’Imu all’Isee e dare più libertà ai Comuni”

di EMANUELE FARAGLIA

La s�da del governo locale. Dalla riforma delle Province all’Imu”. Questo il titolo dell’iniziativa del Pd in occasione dell’assemblea provinciale degli amministratori svoltasi ieri pomeriggio presso la Sala conferenze della Provincia di Viterbo. Prima dell’assemblea vera e propria il segretario provinciale Andrea Egidi, il consigliere regionale Giuseppe Parroncini, la responsabile del Forum delle autonomie locali Lina Novelli, il deputato Marco Causi ed il vicecapogruppo in consiglio Alvaro Ricci hanno focalizzato l’attenzione sulle tematiche di maggior impatto sull’operato degli amministratori. Lina Novelli ha aperto la discussione mettendo in evidenza che quella in essere è la prima iniziativa del genere per fornire agli amministratori locali un sistema di risposte alle tante questioni sollevate dalla nuova imposta sulla casa: “Di fatto i Comuni, che devono far fronte

a minori trasferimenti da parte dello Stato, devono tenere in considerazione anche entrate da parte dell’Imu inferiori a quelle relative all’Ici. Ed i tagli statali diventano tagli che i Comuni devono effettuare sui servizi al cittadino oppure comportano adeguamenti della tariffa Imu e dell’imposta addizionale Irpef. Le amministrazioni, attente ai bisogni della comunità, vogliono avere anche proposte af�nché le funzioni delle province siano mantenute anche in vista della riforma in arrivo”. Successivamente a prendere la parola è stato l’onorevole Marco Causi: “L’Imu è un’imposta sperimentale e per noi del Pd va modi�cata. Il governo Monti ha preso in considerazione per l’elaborazione di questa imposta la proposta del decreto Calderoli: il primo grande difetto è che non c’è scarto signi�cativo per i proprietari di immobili a disposizione che in qualche caso arrivano a risparmiare. Il secondo difetto è il sistema di detrazione: 200 euro più 50 per ogni �glio

a carico uguale in tutta Italia ci sembra poco equo. Noi come Pd abbiamo proposto delle modi�che: innanzitutto bisognerebbe dare più liberta ai Comuni, inoltre si dovrebbe ancorare l’Imu all’Isee, così come lo era la vecchia Ici. E’ vero che molti immobili si concentrano sul 40% delle famiglie, ma ci sono moltissimi proprietari con reddito bassi, per questo credo che da qui a dicembre molti si troveranno in dif�coltà nel pagare le rate. Inoltre

l’Imu a nostro avviso dovrebbe �nanziare completamente i Comuni, anche se comunque un fondo perequativo nazionale deve esistere. La buona notizia è che il Governo nella Commissione Bicamerale non più di dieci giorni fa ha accettato di lavorare in questa direzione anche se naturalmente una riforma adesso è impossibile, se ne riparlerà nel 2013. Di certo ci sarà un fortissimo monitoraggio per veri�care quanto paventato da molti sindaci, ovvero

delle previsioni di introito minori rispetto a quanto formulato dai tecnici del governo. Dalle ultime analisi è risultato che sul patto di stabilità molti Comuni hanno risparmiato più del dovuto, questo rafforza il nostro convincimento che i primi cittadini siano responsabili, ma si deve al contempo registrare un crollo degli investimenti da parte delle amministrazioni”. Maggiormente centrato sul federalismo �scale l’intervento dell’onorevole Parroncini: “Le Regioni hanno sempre meno dallo Stato ma sempre più autonomia. Chiaramente il federalismo �scale è legato al riassetto istituzionale per farlo si deve puntare all’eliminazione degli sprechi e all’ef�cienza della pubbliche amministrazioni. In quest’ottica le Province sono gli enti di prossimità che devono gestire le risorse, mentre la Regione deve programmare. Purtroppo per quanto riguarda la Regione Lazio si va nella tendenza opposta con un tentativo di riappropriarsi di numerose competenze che rischiano di

riproporre l’immagine del sindaco che si deve recare a Roma con il cappello in mano...”. Alvaro Ricci ha invece posto l’accento su alcune criticità come la necessità di revisionare le zone catastali e le varie classi�cazioni delle abitazioni, così come sarebbe opportuno per Viterbo censire le aree edi�cabili: “Da alcuni calcoli è risultato che ci sarebbero maggiori introiti di circa un milione di euro”. “Consentire ai nostri sindaci, ultimo baluardo della democrazia, di fare il proprio lavoro attraverso l’apporto deciso del Pd” questo il senso profondo dell’iniziativa per il segretario Egidi: “In particolare Viterbo deve evitare le possibili conseguenze dell’abolizione delle province da un lato e della costituzione di Roma Capitale e dei problemi con questa Regione dall’altro. In�ne - la domanda retorica - se un consigliere provinciale viene eletto da trecento consiglieri comunali non è una perdita di rappresentativitià demcratica?”.

Il consigliere Andrea Marcosano torna a discutere delle lacerazioni interne al partito

Pdl, l’unità come condizione per vincere

“Basta con le chiacchiere i cittadini vogliono fatti”

R

L’unità del partito, come hanno ricordato sia il Presidente Berlusconi che il segretario Alfano nel corso dell’assemblea dei gruppi parlamentari, è un valore irrinunciabile e necessario per affrontare le s�de che ci attendono”. Il consigliere Pdl Andrea Marcosano si appella al valore professato dai vertici nazionali per cercare di dirimere le questioni locali del proprio partito e argomenta: “Il confronto

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Editore Cooperativa Editoriale Giornalisti Poligrafici amministratore unico Viviana TARTAGLINI

Iscrizione ROC n. 20469 Alessandro Giulietti Virgulti Simona Tenentini Valeria Sebastiani Emanuele Faraglia Viviana Tartaglini Fulvio Medici Andrea Di Palermo Michele Mari Giovanni Corona Sede operativa 01100 VITERBO VIA PIAVE 8

TEL. 0761.1890827 FAX 0761.1890811 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) 0863.997451 - 06.55261737 Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Per la pubblicità

Coop. Editoriale Giornalisti Poligrafici TEL. 0761.1890827 FAX 0761.1890811 GRUPPO EDITORIALE STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

interno deve essere chiaro e netto costruttivo e orientato all’unità non alla divisione interna. Quest’ultima eventualità sarebbe disastrosa dopo un risultato elettorale deludente e in vista delle prossime elezioni politiche che saranno determinanti per il futuro dell’Italia e per la stessa sopravvivenza non solo del Pdl ma soprattutto di un’area di forze moderate alternative alla sinistra. Questo confronto interno deve misurarsi con questioni molto serie e complesse: dal modo di affrontare la crisi economica al rapporto con un governo tecnico che abbiamo deciso di sostenere per un atto di responsabilità nazionale. Questo compito al quale siamo chiamati deve anche fare i conti con una s�ducia generalizzata nei confronti della politica e dei partiti, anche se non possiamo ignorare il fatto che la sinistra riesce a mantenere una forza organizzata e politicamente signi�cativa. La crisi economica resta molto

grave e richiede misure tali da arrestare la spirale della recessione e dare un impulso alla ripresa dell’economia. Da questo punto di vista, le prossime decisioni a livello europeo saranno determinanti per consentire di allentare una politica di rigore che rischia di strangolare l’economia

produttiva e di conseguenza di rendere impossibile il raggiungimento degli obiettivi stessi di risanamento dei bilanci pubblici. La posizione del Pdl perciò non è semplice. Deve sollecitare il governo ad assecondare i tentativi di spingere la Germania ad assumere una posizione a favore di una maggiore integrazione politica dell’Europa. Al tempo stesso ha il dovere di contribuire a modi�care e correggere alcune impostazioni assunte dal governo, come ha dimostrato di saper fare il partito e lo stesso segretario Alfano. Senza venir meno al senso di responsabilità nazionale che ha ispirato le sue decisioni, il Pdl ha il dovere di riconquistare la �ducia dei propri elettori attraverso proposte in materia di politica economica, sociale ed istituzionale. In questo modo, il confronto interno potrà avere uno sbocco �nale costruttivo e non lacerante”.

Il consigliere Mauro Innocenzi pone i riflettori sulla problematica dei dipendenti della società di trasporti

Ferie dei lavoratori della Francigena a rischio, la proposta di Sel “

Martedi pomeriggio durante il Consiglio Comunale di Viterbo si è esaminato il problema Talete e il viaggio americano del Sindaco, fatti ben messi in evidenza sulla stampa e giustamente, ma parimenti è stata fatta una interrogazione dal consigliere Innocenzi Mauro a nome del SEL sui problemi della Francigena”. A darne notizia è lo stesso consigliere Sel che prosegue: “Siccome ritengo gli stessi importanti spero vengano messi in risalto. Per problemi di personale, visto che i disoccupati non ci sono, agli autisti l’azienda Francigena, che è al 100% del Comune, non può garantire le ferie

estive per cui ha pensato di dare in appalto tot chilometri ad aziende private esterne. L’interrogazione di Sel mira a conoscere se: poichè la Francigena cosi come è termina il 31/12/2012 ed il servizio andrà a gara non è che si vuole favorire qualcuno facendo acquisire titoli utili nella gara successiva. Inoltre tale problema presente in altre aziende di trasporto è stato risolto facendo assunzioni interinali per tre mesi come Atac, stessa situazione giuridica di Francigena, oppure come FS che ha incentivato la possibilità di spostare le ferie da Settembre in poi, ma l’nterrogante chiede al

iceviamo e pubblichiamo dal capo gruppo Udc Paolo Barbieri: “Ci mancava la trasferta in America del sindaco Marini per mettere in secondo piano tutti i problemi dei viterbesi, a vantaggio di una storia che, miserevole e fuorviante come è stata posta nell’ultimo Consiglio Comunale, merita di essere tacciata come un inquali�cabile modo di fare di quei consiglieri di maggioranza che, nelle vesti di accusatori o difensori del sindaco, hanno messo in onda una serie di puntate, o meglio, un “lungometraggio” che, di certo, non passerà agli annali del Cinema perché il costo del biglietto risulta sproporzionato rispetto alla trama del �lm. Piuttosto, il tempo impiegato dentro e fuori il Consiglio Comunale per richiamare l’attenzione su un argomento posto con il solo scopo di praticare una politica tanto squallida quanto lontana dai veri interessi della gente, poteva essere impiegato in maniera più pro�cua, magari ritornando sulla spinosa questione della cosiddetta IMU, la famigerata tassa che ha già disturbato il sonno di tanti cittadini, chiamati ancora una volta Sindaco: a Viterbo al 9 di Giugno facciamo terminare il lavoro agli autisti dello scholabus perchè termina la scuola ed allora perchè non vengono utilizzati tali lavoratori per le ferie di Francigena e forse anche risparmiando qualcosa? Debbo dire per verità che il Sindaco ha condiviso tale eventualità, staremo a vedere”.

a sanare un debito pubblico provocato da una fallace gestione politica che sembra non avere �ne. Ai Viterbesi, sarebbe stato più gradito sapere con quale importo dovrà corrispondere la tassa sulla prima casa e sull’eventuale seconda casa, con quale indice il Comune intende gravare sulle abitazioni e le altre questioni che ruotano intorno a questa ennesima imposta, da tutti giudicata iniqua ma che, alla �ne, verrà applicata senza tanti rimorsi. Peserà al 2 o al 4 per mille? Sarà molto più alta per la seconda casa? Quante rate saranno applicate e con quali scadenze? Quali saranno gli effetti sul bilancio famigliare dei Viterbesi? O, forse, questi interrogativi sono trascurabili rispetto alla “telenovela” mandata in onda, in prima visione per la zona di Viterbo, per raccontarci la storia della trasferta a Los Angeles del sindaco e del vice sindaco, con una o più valigie al seguito? Il Gruppo dell’UDC, non si presta a simili manfrine e si auspica che, in fretta, si torni in Consiglio Comunale per affrontare i tanti problemi che ancora af�iggono la città ed i suoi abitanti”.


attualità

6

Viterbo & AltoLazio

Sabato 9 Giugno 2012

In Provincia il progetto di ricerca realizzato dalla dott.ssa Elena Bocci e promosso dall’Assessorato alle Politiche Sociali

Presentato “Sbarre dentro e fuori dal carcere” di SABRINA MORBIDELLI

É

stato presentato ieri mattina nella sala Conferenze della provincia di Viterbo il libro “Sbarre dentro e fuori dal carcere”. L’opera, realizzata dalla Dottoressa Elena Bocci ricercatrice di Psicologia Sociale presso la Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università “La Sapienza” di Roma, è stata finanziata dall’Amministrazione Provinciale di Viterbo in collaborazione con il Ministero della Giustizia Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Casa Circondariale di Viterbo. Si tratta di un progetto di ricerca, promosso dalla Cooperativa Sociale GEA onlus in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche

Sociali della Provincia. Alla presentazione erano presenti Paolo Bianchini, Assessore ai Servizi Sociali Provincia di Viterbo, Stefano Gabriele Presidente Cooperativa sociale GEA e la stessa Elena Bocci. Le prime parole sono state quelle dell’assessore Bianchini, che ha voluto sottolineare le linee essenziali di questo libro, basato su una ricerca fatta sia all’interno della Casa Circondariale di Mammagialla di Viterbo, sia tra i vari operatori del settore. Lo scopo è quello di far capire che il “carcere”, chiamato così da tutti, non è un luogo punitivo ma una struttura che tende a riabilitare il detenuto. Si parla quindi di inserimento sociale dei detenuti, che

La maggior parte degli intervistati vede nel penitenziario un luogo “punitivo”

però spesso vengono discriminati, soprattuto se immigrati. Non poteva mancare la testimonianza del Presidente della Provincia di Viterbo Francesco Meroi, che ha voluto portare d’esempio la sua città natale, Porto Azzurro, nota anche per la sua Casa Circondariale. Lì la popolazione ha saputo integrare nel lavoro e quindi nella piccola comunità i suoi detenuti, senza discriminarli, dando loro la possibilità di ricominciare una nuova e migliore vita. Infine ha voluto ringraziare tutti coloro che operano nel settore e credono in ciò che fanno. Con l’intervento di Elena Bocci si è entrati nel vivo della ricerca e delle modalità di svolgimento del lavoro. Un’attività basata su un campione di 23 persone che lavorano internamente o esternamente alla Casa Circondariale. A questi soggetti sono state poste

delle domande per poi passare ad analizzare le risposte ottenute. Alla domanda, ad esempio, su come vedevano il luogo del “Penitenziario”, la maggior parte degli intervistati ha risposto negativamente, sottolineando la natura “punitiva” dello stesso. Ciò è molto grave al fine di ottenere una reale integrazioine sociale. Se non si ha una mentalità più ampia e profonda in merito non si può avere integrazione. Forse permane troppa ignoranza in questo settore - senza contare che è davvero difficile far valere la funzione riabilitativa quando mancano risorse, mezzi e uomini all’interno delle strutture. Forse è un mondo che non ci appartiene da vicino e quindi non ci interessa abbastanza. Ma dobbiamo far in modo che le cose cambino, se vogliamo una società diversa e sopratutto migliore.

La processione ha attraversato le vie della città e raggiunto la Basilica di S.Rosa

Emozioni e partecipazione per il Corpus Domini È

stato un momento intenso quello di giovedì pomeriggio per la Città di Viterbo, che ha manifestato la sua fede in Gesù Eucaristia con la Solenne Processione del Corpus Domini”. Queste le parole di Don Emanuele Germani a commento dell’evento che ha coinvolto tanti fedeli della Città dei Papi. “Una processione prosegue don Emanuele che dalla Chiesa Cattedrale, attraverso le vie del centro, ha raggiunto la Basilica di Santa Rosa, dove si è conclusa con la benedizione eucaristica impartita dal Vescovo Mons. Lino Fumagalli. Numerosa la partecipazione dei fedeli delle varie comunità

parrocchiali, insieme ai parroci e ai sacerdoti della Città, ai Religiosi e alle Religiose, al Seminario, ai bambini della Prima Comunione, alle Confraternite, agli Ordini Cavallereschi, ai Gruppi e alle Associazioni ecclesiali, alle Autorità c i v i l i , comunali e provinciali. Al Vescovo Lino e a tutti coloro che a vario titolo hanno organizzato fin nei minimi particolari questa solenne celebrazione il grazie più sentito da parte dell’intera comunità ecclesiale di Viterbo. In particolare

ricordiamo quanti hanno animato con la musica e il canto la Celebrazione Eucaristica; i giovani delle parrocchie della Verità e del Sacro Cuore che davanti al Duomo e a Santa Rosa hanno realizzato u n a suggestiva infiorata; e il Comune di Viterbo n e l l a persona dell’Assessore Galati per la concessione della Banda Musicale. La Banda di Caprarola, infatti, ha reso la Processione sicuramente più solenne e partecipata. Il Grazie anche alle altre

“Al Vescovo Fumagalli e a tutti gli organizzatori il grazie più sentito”

autorità civili e militari per la partecipazione e per il servizio d’ordine. Siamo certi che il passaggio del Corpo del nostro Signore per le vie della nostra Città abbia illuminato i cuori, acceso la speranza, portato a tutti la pace”.

Oggi castelli e giardini storici aperti al pubblico per la Giornata dell’A.D.S.I.

L

e più belle dimore e giardini storici privati della Tuscia saranno oggi aperti gratuitamente al pubblico. L’occasione è offerta dalla Giornata Nazionale dell’A.D.S.I. ovvero l’Associazione delle Dimore Storiche Italiane che, utilizzando i fondi europei, mira a promuovere il Territorio attraverso la cultura. In particolare sono coinvolti nell’iniziativa il Castello di Vasanello, il Giardino del Castello Ruspoli di Vignanello, il Castello di Trevinano, il Palazzo del Drago di Bolsena (nella foto) ed il Palazzo Farnese di Ischia di Castro. Per il Castelo di Vasanello e per il Palazzo del Drago le visite saranno guidate alle ore 11,00, alle 12,00, alle 15,00, alle 16,00 e alle 17,00. Ieri a Palazzo dei Priori il presidente della sezione Lazio dell’Adsi Francesco Sforza Pentini e numerosi esperti, rappresentanti delle istituzioni e funzionari della Soprintendenza hanno tenuto una conferenza per dare consigli pratici agli interessati sulle complicate procedure necessarie alla presentazione di progetti per i quali si richiedono �nanziamenti. “Siamo consapevoli del grande valore che gli immobili storici rappresentano per la

cultura e per il turismo del territorio - ha dichiarato il presidente Francesco Sforza Cesarini - per questo motivo, abbiamo voluto promuovere questo incontro che costituirà un punto di partenza per tutti coloro che vogliano lavorare in questo campo. É nostra intenzione offrire concrete indicazioni per elaborare dei progetti e, seguendo le corrette procedure,

inoltrarli ai competenti organi europei”. Tra gli interventi quello di Roberto Carpano, direttore di Europa Book, che ha offerto gli strumenti necessari per capire il funzionamento dei complessi regolamenti comunitari. La professoressa Sofia Varoli Piazza, docente all’Università della Tuscia ha invece parlato delle potenzialità internazionali, ancora poco sfruttate, dei giardin dell’Alto Lazio”.

Il sindaco di Castiglione in Teverina tira le somme della trasferta americana

Tuscia Opera Festival in America, per Luzi bilancio positivo T

erminata la trasferta americana dell’Italian Opera Festival a cui ha partecipato anche il Comune di Castiglione in Teverina attraverso il progetto Gioventù all’Opera, �nanziato dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dall’UPI (Unione delle Province d’Italia) e dalla Provincia di Viterbo, il Sindaco Mirco Luzi fa un bilancio dell’esperienza californiana. “Sono molto soddisfatto di questa esperienza, soprattutto perché abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo posti: offrire un’esperienza utile ai giovani che abbiamo formato attraverso i docenti dell’Università della Tuscia presso il Muvis (Museo del vino e delle Scienze agroalimentari) nelle settimane scorse nel campo della promozione enogastronomica

in un contesto internazionale e nel contempo promuovere le tipicità territoriali in un mercato importante come quello americano abbinandole alla cultura. Ritengo che dal resoconto di Carlo Zucchetti, Presidente uscente dell’Enoteca provinciale nonchè coordinatore del progetto promosso dal Comune di Castiglione in Teverina, l’esperienza dell’Italian Opera Festival sia stata l’occasione per creare interessanti contatti con operatori nel settore della ristorazione, estremamente importanti per esportare i prodotti enogastronomici delle nostre aziende, e di formare sei giovani sommelier accrescendo la loro professionalità sicuramente utile per le loro prospettive lavorative e per il nostro territorio. In merito alle polemiche che si

sono generate sulla trasferta degli amministratori viterbesi e sul maestro Vignati - conclude Luzi - posso soltanto dire che io ho rinunciato al viaggio in California sia per ragioni economiche che lavorative anche se ritengo che sarebbe stato utile esserci. Sul maestro Stefano Vignati invece ritengo che sia una grande risorsa per la Tuscia, basti pensare quanto è riuscito a costruire in questi anni nel campo della cultura, coinvolgendo molti giovani, creando una vera e propria perla come il TusciaOperaFestival. Pertanto auspico che si possa collaborare ancora a lungo con lui e che il lavoro svolto negli USA possa avere un seguito soprattutto per le opportunità che si sono manifestate per le aziende vinicole grazie all’ impegno della Camera di Commercio di Viterbo e al Consolato italiano a Los Angeles”.


Speciale CORPUS

DOMINI Bolsena

Le ‘’Infiorate’’ tornano a colorare Bolsena Domenica 10 giugno le celebrazioni del Corpus Domini

Bolsena torna a festeggiare il miracolo eucaristico del Corpus Domini con il tradizionale appuntamento con le ‘’Infiorate’’, che domenica 10 giugno decoreranno le vie della città. Era il 1263 quando Pietro da Praga, un sacerdote boemo diretto a Roma, che stava percorrendo l’antica Via Francigena, si fermò a celebrare la Messa nella Basilica di Santa Cristina, nella cittadina lacustre. Al momento dell’eucarestia, però, quando il sacerdote spezzò l’ostia, da essa uscì del sangue. Così dal 1811 è partita l’usanza di condurre in processione la “Sacra Pietra”, uno dei quattro marmi macchiati di sangue miracoloso fuoriuscito dall’ostia. Il giorno del Corpus Domini “La Sacra Pietra” e il S.S. Sacramento vengono trasportati dalla Basilica di Santa Cristina alla Chiesa di San Salvatore lungo le strade “infiorate” del centro storico, per poi ritornare in Basilica. Per tre chilometri le vie cittadine vengono vestite di fiori, con disegni che generalmente rappresentano scene religiose o di attualità, simboli, figure geometriche, oppure immagini liberamente tratte da dipinti famosi. La tecnica di realizzazione consiste nell’eseguire il disegno su carta (bozzetto) o direttamente sul lastricato; successivamente si coprono i contorni con un impasto di segatura tinta con ossido nero, oppure con la torba o con i fondi di caffè; dopo di che si dispongono i petali dei fiori o foglie negli

spazi del disegno solitamente posizionandoli “petalo su petalo”. Il tappeto di fiori, in questo modo, corona il cammino della Sacra Pietra e

del SS Sacramento lungo il viaggio fra i fedeli ed in numerosi visitatori che ogni anno si ritrovano a Bolsena, dove tutto ebbe inizio.


Speciale CORPUS

DOMINI Bolsena

La cappella nuova del Miracolo Costruita nel 1693 dal vescovo di Orvieto E’ stata edificata nel 1693, su disegno di Tommaso Mattei, per custodire le reliquie del Miracolo Eucaristico del 1263. L’interno è decorato con stucchi di Alberto Cavalli e sormontato dalla volta dipinta da Tommaso Mattei. Di particolare interesse artistico la tela che si trova sull’altare maggiore: il prodigio, Miracolo del Corporale opera di Francesco Trevisani, eseguita agli inizi del XVIII secolo. Tre della quattro pietre macchiate dal sangue sgorgato dall’ostia

nel 1263, sono conservate in una teca dorata che si trova sull’altare, mentre, la quartaè esposta nella grande cupola all’interno di un reliquiario. Anticamente la visione delle pietre macchiate di sangue avveniva solamente nei giorni del Corpus Domini, di Santa Cristina e due giorni dopo le festività del Natale, della Pasqua e della Pentecoste, per un privilegio concesso da Papa Pio VII, il quale, di ritorno a Roma, nella sua sosta a Bolsena nel 1815 venerò queste reli-

quie e volle per sua devozione scalfirne una, per portare con sé il ricordo di un così grande Miracolo. La scalfittura è visibile nel marmo centrale. Nel primo marmo si vedono vari frammenti macchiati di sangue, incastonati in un’unica pietra dallo scultore Ippolito Scalza (sec. XVI). In questa pietra come nel Corporale molti asseriscono sia possibile distinguere l’immagine del Redentore. La terza pietra colpisce l’attenzione per una grappa in ferro, che tiene

unite due lastre di marmo. In seguito ad una altro evento miracoloso il Vescovo d’Orvieto, avuto da papa Innocenzo XII un grosso contributo, diede inizio nel 1693 alla costruzione di una sontuosa cappella per conservarle. Le pietre sono state venerate da Papa Pio XII nel 1950, a Roma, e da papa Paolo VI l’8 agosto del 1976 ed erano rimaste nel pavimento della Grotta fino al 1705.


Speciale CORPUS

DOMINI Bolsena

La basilica di Santa Cristina

La ricostruzione si deve alla devozione alla santa da parte di Matilde di Canossa e di papa Gregorio VII La caratteristica facciata della basilica evidenzia, negli accostamenti, il complesso articolarsi dell’interno. Il prospetto della chiesa medievale è un gioiello di architettura rinascimentale, legato alla committenza del card. Giovanni de’ Medici e della comunità di Bolsena, eseguita dal 1493 al 1495 dagli scultori fiorentini Francesco e Benedetto Buglioni. Sul lato sinistro del prospetto s’innalza il campanile, forse realizzato a cavallo dei secoli XIII e XIV L’interno è una costruzione a tre navate, con pianta a croce latina e copertura a capriate. Secondo la tradizione, , che la consacrò il 10 maggio 1078.Nei saggi di scavo eseguiti nel 1925, nella navata destra, si rinvennero materiali appartenenti ad un altro edificio, forse di età paleocristiana. Nella stessa navata è un crocifisso ligneo di scuola umbrotoscana del secolo XV. Più avanti si accede alla Cappella del Santissimo Sacramento, dove è custodito un prezioso tabernacolo del secolo XV, opera di Benedetto Buglioni. Alle pa-

MATILDE DI CANOSSA

PAPA GREGORIO VII reti, affreschi dello stesso secolo e del successivo. Si entra poi nella Cappella di Santa Lucia, affrescata sullo scorcio del XV secolo da Giovanni di Domenico de’ Ferraris da Mondovì; sull’altare è un busto in ceramica della santa titolare, opera di Benedetto Buglioni. Nel presbiterio l’altare maggiore è stato realizzato con frammenti

marmorei del X secolo, e gli fa da pala un prezioso polittico, opera del senese Sano di Pietro, eseguito intorno alla metà del secolo XV. L’ambone è un pluteo del VI secolo. Nella navata sinistra è la Cappella di Santa Cristina, dove si custodiscono le sue reliquie e una pregevole statua lignea di scuola senese del XV secolo.


Sabato 9 Giugno 2012 Viterbo &

AltoLazio

montefiascone

13

Transiteranno per Montefiascone il 13 giugno in sella alle loro mountain bike diretti a Roma, in pellegrinaggio contro i tumori

Arrivano i “Messaggeri della Ricerca” di MICHELE MARI

M

ercoledì 13 giugno transiteranno a Monte�ascone i “Messaggeri della Ricerca”; é un gruppo spontaneo di amici che si sono uniti con la voglia di dedicare a progettare, organizzare e realizzare eventi sportivi �nalizzati a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di intervenire af�nché la ricerca e la cura dei tumori abbia un supporto dalla società civile dal mondo dello sport. Scopi decisamente nobili. Saranno accolti, alle ore 18, presso la Rocca dei Papi dagli amministratori comunali e dagli iscritti del gruppo ciclistico “Amici della Billa” di Monte�ascone composto da decine di appassionati. I “Messaggeri della Ricerca” transiteranno nella cittadina di Monte�ascone in mountain bike. Consegneranno al sindaco Luciano Cimarello la pergamena simbolica del viaggio, la stessa che sarà consegnata poi al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Roma. Il viaggio dei Messaggeri è

iniziato da Forlì oggi e proseguirà a Pioppi con la prima tappa, per poi raggiungere il 10 giugno Anghiari, poi Cortona l’11 giugno, Montegabbione il 12 giugno, il 13 a Monte�ascone per poi proseguire con la sesta tappa con arrivo a Trevignano Romano il 14 giugno e per �nire Roma il 15 giugno, dove la delegazione sarà ricevuta dal Presidente della Repubblica il giorno successivo sabato 16 giugno. Il viaggio dei messaggeri è partito, come detto, da Forlì e arriverà a Roma, in mountain bike, seguendo le orme di San Francesco d’Assisi e lungo la via Francigena seguendo l’antico tracciato che il Santo e i pellegrini di ogni tempo percorsero per giungere al soglio di Pietro dalla Romagna. Il motto della manifestazione è “Sport e bene�cenza per dare una speranza a chi soffre”. Non sarà soltanto una mera raccolta e conta di denaro che verrà destinato all’Irts bensì sarà portare nella Città Eterna un messaggio carico di speranza e un grido di aiuto che avrà come destinatario l’Illustrissimo Signor Presidente della Repubblica.

Grande successo per il musical “Aggiungi un posto a tavola” S

uccesso per il musical “Aggiungi un posto a tavola” portato in scena dalla classe 2 B dell’istituto comprensivo “Anna Molinaro”. Lo scorso 31 maggio infatti gli alunni di questa sezione, diretti dalla professoressa Somigli e dal professor Taschini, si sono esibiti nella famosissima commedia musicale in due atti di Garinei e Giovannini, composta tra il 1973 e il 1974, ed ispirata al romanzo “After me the Deluge”. Nell’aula magna della scuola media “Alessandro Manzoni”, gremita �no all’inverosimile da un folto pubblico accorso volutamente in occasione dell’evento, ed alla presenza del dirigente scolastico De Benedetti, del vicesindaco Fumagalli i ragazzi della 2 B, improvvisandosi attori, cantanti e ballerini, hanno fatto rivivere la famosa storia di Don Silvestro, del sindaco Crispino, di sua �glia Clementina e di tutti gli altri protagonisti di una delle commedie italiane più famose nel mondo. Soddisfazione dei docenti e dei ragazzi che, concentrandosi sulle alte discipline artistiche della recitazione, della musica e della danza, hanno concorso alla creazione di una sceneggiatura suggestiva ed unica nel suo genere. Uno spettacolo che è piaciuto molto a tutti i presenti ad iniziare dai parenti più stretti dei giovani attori visibilmente emozionati ed entusiasti per l’ottimo lavoro svolto da alunni e docenti.

“Vino e Venere”, all’enoteca Il mercatino medievale degli studenti Volodivino vi attende l’ultima chiude questa mattina alle 12 opera letteraria di Peritore I

Vino e Venere”. È questa l’ultima opera del poeta Gabriele Peritore tra l’altro anche proprietario e gestore dell’Enoteca Volodivino di via Nazionale di Monte�ascone. “Da martedì 5 giugno -scrive Peritore- in occasione dell’uscita in tutte le librerie del suo nuovo romanzo “Vino e Venere”, l’autore vi aspetta presso i locali dell’enoteca VoloDiVino per gioire, chiacchierare e brindare in allegria”. Il libro “Vino e Venere” vede come protagonista Giovanni, un giovane precario che scopre l’amore per il mondo del vino e di tutto quello che ne fa parte grazie all’insistenza di una donna. Durante il suo percorso di conoscenza enologica si imbatterà nel suo mentore, Tommaso Avia, grande produttore e generoso donatore di elementi di formazione che permetteranno al giovane di completarsi e di individuare il suo futuro. Giovanni, però, debole nei confronti del sesso femminile, userà le armi della sua cultura e della avvenenza �sica per sedurre tutte le donne che incontrerà sul suo cammino, tanto da immedesimarsi nel suo più illustre predecessore, Don Giovanni. La critica in merito al libro scrive: “Con stile moderno, divertente, semplice, scorrevole, si delinea un ritratto di un giovane dei giorni nostri alle prese con le problematiche contemporanee ma capace di scoprire nell’enologia e nelle donne una via di fuga che non sempre presenterà piacevoli sorprese”. Un libro da leggere assolutamente conoscendo le qualità dell’autore. M.M.

l medioevo sta rivivendo in uno dei suoi aspetti più signi�cativi proprio nel cuore della città. Infatti nell’attuale Largo Plebiscito e Piazzale Frigo, dove per secoli si sono svolti processi, assemblee, inizio di processioni, commissionate punizioni ecc., sta rivivendo, da ieri mattina, un interessantissimo mercatino medievale che terminerà alle ore 12 di questa mattina. Allestite oltre dieci bancarelle dai ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Anna Molinaro” con i loro insegnanti e genitori in colorati e rigorosi abiti del XII secolo. Così ieri mattina il centro di Monte�ascone è stato animato da centinaia di studenti che hanno riempito l’intera piazza destando la curiosità anche dei turisti presenti. Presenti anche dei veri banchi professionali dell’ Associazione Opi�ciun di Viterbo che ricostruisce fedelmente atmosfere medievali. “Lo mercato de lo medievo”, di ieri e di oggi, è a complemento e prologo all’ormai tradizionale s�lata del Mini Corteo storico di Arti e Mestieri medievali, giunta alla ottava edizione, che avrà inizio questo pomeriggio, alle ore 17, attraversando l’intero centro storico: dalla scuola Golfarelli �no alla Rocca dei Papi. Al corteo parteciperanno oltre 300 studenti divisi in 19 corporazioni dietro consoli e notari. La s�lata attraverserà ed animerà le seguenti vie: Piazzale Roma con un giro intero, Corso Cavour, piazza Vittorio Emanuele II, via Santa Lucia Filippini, via Trento, via della Rocca, Piazzale Urbano V �no ad arrivare alla Rocca dei Papi. Proprio nei giardini della Rocca vi sarà una ricchissima mostra, varie degustazioni, musiche, danze e tanti giochi medievali. M.M.


comprensorio nord

14

Viterbo & AltoLazio

Sabato 9 Giugno 2012

Il botta e risposta tra l’assessore regionale Santini e il consigliere Parroncini sul progetto ‘La Via Francigena cammina nei Parchi del Lazio’

La Regione dimentica la Riserva di Monte Rufeno? di Fulvio MEDICI

Il Comune di Bolsena detta l’iter sul cambio di residenza in tempo reale

Nell’iniziativa “la Via Francigena cammina nei Parchi del Lazio” l’assessorato alla cultura non comprende la ‘naturale’ porta d’ingresso regionale nel territorio dell’Alto viterbese, vale a dire la Riserva Naturale di Monte Rufeno di Acquapendente, penalizzando la Tuscia”. E’ questa la polemica che alcuni esponenti del Pd regionale e provinciale hanno sollevato nei confronti dell’assessorato alla cultura, arte e sport della regione Lazio. “E’ un primo inedito progetto che, per la prima volta, mette in rete undici parchi naturalistici della regione attraversati da tratti degli antichi percorsi di fede che dal Medioevo sono meta di migliaia di camminatori in viaggio verso Roma, meta della cristianità”, come spiega l’assessore alla Cultura, Arte e Sport della Regione Lazio Fabiana Santini, “la loro valorizzazione, che passa anche attraverso l’organizzazione di manifestazioni popolari dalla forte connotazione culturale, vuole essere il contributo della Giunta Polverini alla giusta rivalutazione delle potenzialità del nostro territorio, ricco di tradizioni culturali e storiche”. Sicuramente un interessante progetto ma la ‘denunciata dimenticanza’ dell’importante Riserva naturalistica in quel di Acquapendente, ha subito creato

I

un vespaio di polemiche, da parte di esponenti di partito locali, ma anche interni allo stesso consiglio regionale, come ribadito in una nota di giovedì 7 dal consigliere regionale del Pd Parroncini (foto in basso a sinistra), che ha denunciato l’incredibile dimenticanza considerandola un vero e proprio “svarione”. La risposta dell’assessore regionale Fabiana Santini (foto a destra) non ha tardato ad arrivare: “Parroncini può dormire sonni tranquilli: nessuna “manifesta volontà punitiva nei confronti del territorio della Tuscia, anzi, il territorio della provincia di Viterbo, che tra l’altro collabora all’iniziativa, è comunque valorizzato in modo significativo attraverso le iniziative che si svolgeranno nella Riserva naturale del lago di Vico e nel Parco regionale dell’anti-

chissima Città di Sutri. Ma questa prima iniziativa di valorizzazione del territorio dei Parchi del Lazio, attraverso il tema della Via Francigena, ha preso in considerazione solo gli undici parchi attraversati dallo storico cammino. E avendo come focus la promozione di alcuni tratti del percorso ufficiale della Via Francigena, ha necessariamente messo in secondo piano i territori contigui ma non direttamente interessati dal cammino, come la Riserva di Monte Rufeno. Insomma se Parroncini ci tiene proprio a sottolineare svarioni, stia almeno attento a non commetterne lui: se l’iniziativa si chiama “La Via Francigena cammina nei Parchi del

Lazio” una ragione ci sarà. Ed è facile capire, quasi intuitivo direi, che la ragione è quella più semplice: la manifestazione riguarda solo quei parchi del Lazio che sono attraversati direttamente da tratti di via Francigena, non i parchi contigui ai parchi attraversati da tratti di via Francigena”.

l comune di Bolsena informa i cittadini che dal 9 maggio 2012 sono in vigore le nuove norme “sul cambio di residenza in tempo reale”. (circolare n.9/2012). Le novità introdotte riguardano la possibilità di effettuare le dichiarazioni anagra�che di cui all’art.13, lett.a), b) e c) del regolamento anagra�co , attraverso la compilazione di moduli conformi a quelli pubblicati sul sito internet del Ministero dell’Interno , che sarà’ possibile inoltrare al comune competente con le modalità di cui all’art.38 del D.P.R. n.445/2000. I cittadini potranno presentare le dichiarazioni anagra�che nei seguenti modi: a)direttamente all’uf�cio anagrafe (negli orari di apertura al pubblico); b) per raccomandata , indirizzata a: Comune di Bolsena- Uf�cio servizi demogra�ci- Largo La Salle 01023 Bolsena (vt); c) per fax al numero : 0761 795555; d) per via telematica: uf�ciodemogra� co@comune bolsena.it. La possibilità per via telematica è consentita ad una delle seguenti condizioni: che la dichiarazione sia sottoscritta con �rma digitale; che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certi�cata del dichiarante; che la copia della dichiarazione recante la �rma autografa e la copia del documento d’identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica sempli-

ce. Alla dichiarazione deve essere allegata copia del documento d’identità del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente che, se maggiorenni, devono sottoscrivere il modulo. PROSIEGUO DELL’ITER : A seguito della dichiarazione resa l’Uf�cio anagrafe procederà immediatamente, e comunque entro i 2 (due) giorni lavorativi successivi, a registrare le conseguenti variazioni, con decorrenza dalla data di presentazione delle dichiarazioni medesime. Provvederà altresì ad accertare la sussistenza dei requisiti previsti per l’iscrizione stessa e se, trascorsi 45 giorni dalla dichiarazione resa o inviata senza che sia stata effettuata la comunicazione dei requisiti mancanti, l’iscrizione si intende confermata. Conseguenze in caso di dichiarazioni mendaci: Il comma 4 dell’art.5 del decreto legge prevede che in caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero si applicano gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n.445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dai bene�ci acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace. Il comma 4 ribadisce inoltre quanto già previsto dall’art.19, c.3, del D .P.R. n.223/1989in merito alla segnalazione alle autorità di pubblica sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti.

ACQUAPENDENTE - La minoranza consiliare impegnata nel ‘rispetto delle regole’

Bacheche e commissione centro storico al centro del dibattito

I

SAN LORENZO NUOVO

Comune informa

A

causa della coincidenza del 1° sabato del mese con la ricorrenza del 2 giugno, la raccolta - in Piazza Europa - di oli esausti minerali e vegetali, è stata posticipata a oggi 9 giugno 2012.

n due giorni il 1 e 3 giugno la minoranza consiliare del comune di Acquapendente ha inoltrato due richieste specifiche al presidente della commissione affari generali Andrea Occhione e per conoscenza al Sindaco la prima e al primo cittadino la seconda. La prima riguarda la richiesta di convocazione della commissione affari generali, nella nota viene riportato: “ Con nota prot. 3726 in data 29/03/2012, il capogruppo della lista ‘Uniti per Acquapendente, aveva nuovamente richiesto al signor Sindaco la convocazione dell’aqpposita commissione consiliare, al fine di poter procedere al riesame e modifica del vigente regolamento in materia di installazione bacheche, onde consentire anche al gruppo rappresentato (che alle ultime elezioni ha ottenuto il 35% dei voti, e, quindi rappresentativo di una ampia fascia di cittadini), di poter disporre di una bacheca da utilizzare per ogni utile informazione alla cittadinanza. A tutt’oggi, in barba ai termini previsti dall’art.9 del vigente regolamento di organizzazione del consiglio comunale, nulla è stato fatto. Forse il Sindaco avrà ritenuto la richiesta del capogruppo, formalmente non in stretta linearità con la citata norma regolamentare, contrariamente ad altre circostanze della specie. I consiglieri comunali firmatari della presente, componenti della Commissione consiliare da lei presieduta, rinnovano, pertanto, con la presente, ad ogni effetto, la richiesta della commissione, al fine di poter provvedere al riesame e modifica del vigente regolamento in materia di installazione bacheche.” Nella seconda sempre il capogruppo del-

la stessa lista, Franco Ferri ha richiesto al sindaco del comune Alberto Bambini, “una copia sia del regolamento della commissione edilizia che di quello della commissione ‘centro storico’, al fine di completare ogni utile analisi e riflessione, onde consentire la più sollecita possibile rinnovazione delle commissioni stesse.” Entrambe le richieste giungono al termine di polemiche che riguardano i due argomenti. Nel primo caso a condividere le motivazioni di un eventuale riesame non è solo il gruppo di minoranza. Infatti anche lo schieramento di maggioranza che fa riferimento all’Udc sembra aver da tempo richiesto il posizionamento di una propria bacheca, con tutta probabilità la richiesta congiunta in commissione potrà far ottenere ad entrambi gli schieramenti la risposta voluta.

Per quanto concerne la seconda richiesta, la stessa sembrerebbe figlia non solo delle polemiche in seno ai cantieri nel centro storico, di cui abbiamo nei giorni scorsi trattato su questa pagina, ma riguarderebbero anche alcuni ultimi lavori di rifacimento di due aree di verde pubblico (giardini) all’interno della cittadina. F.M.


Sabato 9 Giugno 2012

Viterbo & AltoLazio

comprensorio sud

15

CIVITA CASTELLANA - Ottenuti dal Comune tre finanziamenti per la realizzazione di impianti fotovoltaici

Energia verde sui tetti delle scuole S

ono stati ottenuti tre �nanziamenti dal Comune di Civita Castellana da parte delle Regione Lazio e uno dal Ministero dell’Ambiente di complessivi 549.000 euro per la realizzazione di altrettanti impianti fotovoltaici sulle scuole “Dante Alighieri”, “Collodi” e “Gianni Rodari”. Le scuole scelte rispondono infatti tutte alle medesime esigenze di miglioramento delle prestazioni termiche legate ai tetti. La Dante Alighieri, la Collodi e la Rodari hanno una copertura in laterocemento, che comporta frequenti in�ltrazioni di acqua piovana e alta trasmittanza termica, vale a dire basso isolamento dal caldo e dal freddo, comportando alte spese per il riscaldamento ed eccessivo calore nel periodo estivo. “Abbiamo scelto le scuole non soltanto per motivi tecnici ma anche per consentire alle future generazioni di conoscere l’importanza delle energie alternative e come esse sono fondamentali per uno sviluppo sostenibile – ha dichiarato l’assessore ai Lavori Pubblici e all’Urbanistica di Civita Castellana, Gianluca Cerri - la scelta dell’amministrazione è stata quella di attivare nel campo delle energie rinnovabili un “programma di interventi” omogenei dal punto di vista della realizzazione e utili a migliorare l’ef�cienza energetica degli edi�ci scolastici”. La soluzione scelta, segue

FABRICA DI ROMA Attivato l’ambulatorio ostetrico A

due principi fondamentali: non operare stravolgimenti architettonici dell’immobile e creare una nuova copertura, in questo caso anche fotovoltaica, che vada a coprire e proteggere de�nitivamente la super�cie a solaio attualmente �nita con semplice strato bituminoso. La nuova copertura è predisposta con laminatura fotovoltaica amorfa, integrata alla sagoma stessa del pannello. Pertanto, oltre che migliorare le prestazioni di resistenza termica dell’edi�cio, si realizzerà l’impianto fotovoltaico produttore di energia verde e, nel contempo, si proteggerà de�nitivamente la super�cie a solaio dalle intemperie. Il tutto sarà completato con la fase di divulgazione nella scuola e alla cittadinanza con un display accessibile a

tutti che conteggerà in tempo reale la produzione elettrica e la conseguente mancata emissione di CO2. Ultima condizione positiva apportata dagli interventi è la diminuzione di consumo di energie convenzionali tipo il metano per la fase di riscaldamento invernale. “Tali impianti – ha spiegato ancora Cerri - oltre che consentire un importante abbattimento dell’inquinamento, permettono un notevole risparmio energetico e, allo stesso tempo, sono un investimento economico per la pubblica amministrazione. Gli impianti fotovoltaici installati, connessi in rete e contrattati con il GSE, produrranno per il comune un utile di 56.855 euro l’anno, per un utile ventennale di più di un milione di euro”.

Il bando pubblico prevede un co�nanziamento pari al 80% mentre e l’amministrazione comunale deve coprire il 20% residuo. Ciò a fronte di un “premio” in “conto energia” che l’amministrazione comunale avrà la possibilità di incassare dal primo anno per venti anni, tale da coprire nell’arco di massimo tre anni l’esborso del 20% e produrre introiti attivi. A questi tre �nanziamenti si aggiunge quello ottenuto dal Ministero dell’Ambiente sempre per la Dante Alighieri di 10.000,00 € per il programma “Il sole a scuola” di prossima realizzazione e l’ulteriore richiesta, sempre nello stesso programma, di �nanziamento per un impianto di 6 kW sul tetto della scuola Manzi della Penna.

partire dal mese di giugno, presso il Painfo (Punto di assistenza infermieristica e ostetrica) di Fabrica di Roma è stato attivato l’ambulatorio ostetrico. Il servizio è aperto all’utenza tutti i venerdì dalle ore 8 alle 14. Diverse sono le prestazioni ambulatoriali. In regime consultoriale, gratuitamente con accesso diretto e senza bisogno di impegnative, è possibile effettuare i controlli e l’assistenza della gravidanza a basso rischio, i corsi di educazione alla nascita, i controlli e l’assistenza in puerperio, le visite domiciliari in puerperio, i pap

test in screening, avere un sostegno all’allattamento materno e delle consulenze speci�che. In regime ambulatoriale, con impegnativa ed eventuale pagamento del ticket, si possono inoltre eseguire i pap test in screening, le visite per la rieducazione perineale e gli esercizi posturali propriocettivi per la rieducazione perineale (il ciclo è di circa dieci sedute). L’ambulatorio è gestito dalla ostetrica coordinatrice Maria Antonietta Ciappici che sarà sostituita, in caso di ferie o di malattia, dalle diverse ostetriche territoriali del Distretto 5

CIVITA CASTELLANA “Prendo atto dell’impegno di Pipino”

RONCIGLIONE - “ Riguardo le informazioni circa la potabilità ci aspettiamo maggiore chiarezza”

“Acqua, il sindaco rettifichi l’ordinanza” R

iceviamo e pubblichiamo dal Comitato Acqua Potabile di Ronciglione. “Egregio Sindaco, da tempo con spirito costruttivo, per il bene dei ronciglionesi, chiediamo alle amministrazioni e istituzioni il rispetto del diritto dei cittadini all’informazione corretta e all’acqua potabile. L’ amministrazione comunale del Sindaco Sangiorgi, non ci ha ascoltato, anzi si è profusa nell’opera di insabbiamento e nel negare l’evidenza della gravità della situazione. Con questo spirito vogliamo continuare a svolgere il ruolo che al comitato acqua potabile compete, di stimolo e di informazione. Giudichiamo positivo che sulle fontane pubbliche siano apparsi cartelli con la scritta NON POTABILE. In molte fontane pubbliche, però, i cartelli sono spariti, per l’acqua piovana o forse per iniziativa di alcuni che appoggiandosi sulle fontanelle “inavvertitamente” li hanno strappati. Non crediamo che dopo un giorno o due l’acqua sia di nuovo divenuta potabile, pertanto sarebbe bene af�ggere stabilmente il divieto, �n quando esiste la non potabilità. Dall’esame della sua

ordinanza del 14 maggio 2012 n.21, abbiamo evidenziato alcune inquietanti situazioni e chiedemmo fossero fatte delle correzioni. L’ordinanza purtroppo ricalca, quasi in toto, le precedenti ordinanze della giunta Sangiorgi, che erano falsate da un peccato originale, quello di non far comprendere o nascondere ai cittadini la realtà. Nell’ordinanza n. 21, si parla ancora di suddivisione in zone del paese. In merito, abbiamo richiesto più volte al precedente Sindaco, con lettere inviate anche al Tribunale e alla Procura della Repubblica, la documentazione della avvenuta suddivisione in zone, che non può essere avvenuta soltanto sulla carta, ma attraverso lavori precisi, dato che la ASL dichiara di aver ricevuto dal Comune detta suddivisione. Le rinnoviamo pertanto la richiesta in copia della documentazione (progetti, impegni di spesa, ecc.) dei lavori svolti per suddividere l’acquedotto e della dichiarazione fornita alla ASL. Inoltre l’ordinanza ingenera ancora confusione e dubbi. Infatti cita soltanto il numero dell’ordinanza n.25 del 13 luglio 2012, ma non descrive le limitazioni e i divieti in essa prescritti.

Questa non è la chiarezza che ci saremmo aspettati dalla sua amministrazione. Non tutti i cittadini decidono di effettuare la ricerca sul sito web e leggere la precedente ordinanza n.25 del 13 luglio 2010. L’ordinanza n.25 del 13 luglio 2010, è bene dirlo chiaramente, prescrive e vieta l’uso dell’acqua proveniente dal lago di Vico, quindi in tutte le linee dell’acquedotto, perché

miscelata a quella dei pozzi, salvando soltanto quella del Monte Fogliano ( Cavette e S.Maria). Le chiediamo, pertanto, di retti�care l’ordinanza n. 21 del 14 maggio 2012 rendendola chiara e comprensibile, dicendo ai cittadini la nuda e cruda verità sull’acqua. Ci aspettiamo, in�ne, che la sua amministrazione renda trasparente e �nalmente partecipata la casa comunale.

Prendo atto che ci sia un impegno della direzione della Asl a non modi�care la qualità e il numero delle prestazioni ortopediche nell’ospedale Andosilla. Naturalmente ciò dovrà essere coniugato con una idonea organizzazione delle unità operative provinciali”. Il sindaco di Civita Castellana, Gianluca Angelelli, dopo aver ascoltato le parti sociali nel corso della settimana, ha avuto notizia di alcune missive inviate dalla direzione generale ai medici dell’ospedale Andosilla, con cui questa si impegna a mantenere inalterati i servizi dell’ortopedia. “Mi rammarico del fatto che il Direttore Generale non abbia sentito il bisogno di inviare la missiva anche al sindaco. In ogni caso prendo atto

del suo impegno- continua Angelelli - Sicuramente resteremo vigili prima e dopo il 30 giugno sugli interventi che dovessero essere fatti sull’ospedale Andosilla, non solo sul reparto di Ortopedia. In secondo luogo interpretiamo tale disposizione nel senso che qualora ci sia necessità di nuovi interventi, questi vengano assunti nel rispetto della pari distribuzione dei sacri�ci a livello provinciale. Le associazioni, i medici, le parti sociali e gli imprenditori, nel corso degli incontri, hanno evidenziato anch’essi la loro preoccupazione per lo stato dell’ospedale e sono certo che faranno sentire la loro voce laddove ci sia la necessità di difenderlo da eventuali ulteriori interventi penalizzanti”.


tuscania-litorale

16

Viterbo & AltoLazio

Sabato 9 Giugno 2012

MONTALTO - Per la finale del concorso musicale del Premio Luciano Bonaparte sarà presente in giuria il musicista senagalese Ismaila Mbaye

La grande notte di “Giromusicando” V

isto il crescente interesse e partecipazione giovanile alle attività proposte all’interno della VI e VII edizione del Premio Luciano Bonaparte-Principe di Canino, l’ VIII edizione ha allargato i suoi orizzonti. Infatti, oltre alle manifestazioni della settimana bonapartiana, se ne sono aggiunte altre: la prima tenutasi nel mese di maggio (25, 26 e 27 e denominata “Girorecitando”) che ha premiato gli aspetti artistici della danza e della recitazione. Con la seconda invece, Giromusicando, in corso da ieri �no a domani, si identi�cheranno i vincitori in ambito prettamente musicale. Nella �nale di domani sera sarà in giuria anche il noto musicista percussionista senegalese Ismaila Mbaye, volto noto del programma televisivo Alle Falde

Montalto di Castro, si svolgerà secondo le modalità ormai consolidate. Oltre alle escursioni sul territorio accompagnate da esperti che coinvolgeranno i ragazzi della scuola primaria e secondaria dell’Istituto Paolo III e sue sedi staccate, si effettueranno visite guidate presso l’Archivio, la Bilioteca e il Museo della Ricerca Archeologica del Comune di Canino e presso il Museo del Brigantaggio di Cellere. La settimana si concluderà con alcuni spettacoli: Teatrale, Musicale e di Danza, dove tutti i ragazzi dei due concorsi (Girorecitando e Giromusicando) avranno la possibilità di incontrare attori, musicisti e danzatori per una lezione didattica. Domenica 21 ottobre si terrà la cerimonia di chiusura con la consegna dei premi che quest’anno riguarderanno la cinematogra�a, la danza e il consueto premio sulla ricerca e pubblicazione riguardanti Luciano Bonaparte e la sua famiglia. Per l’occasione verranno assegnati anche il Premio Solidarietà “A. de Blescamp” e Città di Canino. I partecipanti possono iscriversi al concorso tramite la compilazione di modulo che troveranno nelle scuole di musica di Canino, Montalto di Castro e Acquapendente o richiedendolo all’Associazione culturale-musicale Andrea Donati, Via Legnano 17, 01011 Canino (VT). I concorsi si avvalgono del patrocinio della Regione Lazio, della Provincia di Viterbo, del Comune di Canino e Montalto di Castro e delle Associazioni culturali: A. Donati, Tanaliberatutti e Torosound; oltre che del centro studi L. Bonaparte, il Gar sezione di Canino e del Rotary International.

del Kilimangiaro condotto da Licia Colò(nella foto a sinistra). I ragazzi provenienti dall’Istituto Comprensivo Paolo III, dalle Scuole di Musica di Acquapendente, Canino e Montalto di Castro e quelli della neonata Accademia dell’arte (danza e teatro), nata proprio dalle attività proposte dal Premio, hanno dato vita ad una prima avvincente gara che ha visto protagonisti per la danza Caterina Flati e Veronica Marini ; per la recitazione si è distinto invece Talenti Ivo e Spada Francesco. Inoltre, Giromusicando, ha fatto registrare un eccezionale numero di iscritti, più di 60, quasi tutti giovani compresi tra i sei e i trentacinque anni di età, divise in tre categorie: solisti, gruppi senior (oltre i 16 anni) e gruppi junior (da 6 a 15 anni di età). I ragazzi vincitori delle varie sezioni, oltre che un alunno dell’Istituto Comprensivo distintosi per lodevoli risultati di studio, saranno premiati durante la settimana bonapartiana dove avranno anche la possibilità di esibirsi ed incontrare artisti e personalità di fama nazionale. La settimana Bonapartiana, che si terrà quest’anno dal 15 al 21 ottobre 2012 nei paesi di Canino, Cellere e

TARQUINIA - Stasera a “Tarquinia in Rosa” la cena di Anna Moroni per sostenere l’Andos A

“Tarquinia in ROSA” si terrà questa sera una cena tutta speciale per sostenere l’Andos. Anna Moroni, noto volto televisivo della trasmissione “La prova del Cuoco” di Rai 1, proporrà il “menù rosa” con portate che saranno preparati dalle abili mani di Donatella Viscanti, versatile chef del ristorante Ambaradam. Obiettivi sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza della prevenzione della malattia e raccogliere fondi da destinare alle attività della sezione locale dell’Associazione Nazionale Donne Operate al Seno. «La cena inizierà alle ore 20. Per partecipare sarà possibile prenotarsi allo stand dell’associazione, facendo un’offerta minima di 10 euro. - spiegano gli organizzatori - I piatti saranno tutti di colore rosa e con alimenti donati da produttori e commercianti locali.

Siamo certi che la cittadinanza, come sempre sensibile e generosa, parteciperà». Negli stand saranno presenti “donne in rosa” di alcune associazioni che illustreranno le loro attività. La manifestazione darà ampio spazio alla divulgazione scienti�ca con il convegno “Come preservare la salute del seno”, moderato dal prof. Riccardo Masetti, cui parteciperanno la dott.ssa Daniela Terribile, i dott. Stefano Magno e Gianluca Franceschini del Policlinico Gemelli. Protagonisti anche i bambini che creeranno un quadro con materiale riciclato che rappresenterà il simbolo della squadra Velia. Per concludere tanta musica con il concerto del trio “Accademia Blu” e il suggestivo lancio di lanterne luminose rosa.

TUSCANIA - “Quanto è costata la famiglia Brachetti?” Il sindaco Natali replica al consigliere Patto per Tuscania - Udc “

Passino gli attacchi a Massimo Natali in quanto sindaco di Tuscania, attacchi ai quali posso rispondere punto su punto, perché questa Giunta sta lavorando e portando a termine numerose iniziative programmate nel tempo; non posso accettare, però, gli attacchi personali che mi sono stati mossi dal Patto per Tuscania e, in de�nitiva, da Regino Brachetti, il quale forse ritiene che, calunniando il sottoscritto, i cittadini possano dimenticare le sue “prodezze” alla guida di questa Amministrazione”. E’ quanto dichiara Massimo Natali, sindaco di Tuscania, che risponde duramente al consigliere Regino Brachetti e alle dichiarazioni che quest’ultimo ha rilascito ala stampa. In particolare il sindaco si riferisce alle parole del consigliere sul ruolo di Patrizia Brachetti, moglie del primo cittadino, attualmente dirigente dell’uf�cio Cultura del Comune. “Tutti conoscono la crisi che stanno vivendo l’Italia e l’Europa e, dunque, le dif�coltà nelle quali anche la nostra Giunta si trova a operare. Eppure, mentre alcune iniziative sono state già portate a termine, altre, come il progetto Alzheimer, che mi vede impegnato quotidianamente e in continuo contatto con la Regione e la ASL, e la realizzazione della sottostazione Terna, stanno andando avanti, passo dopo passo e, aggiungerei, malgrado gli ostacoli frapposti proprio dal Patto per Tuscania. Del nostro operato risponderemo ai cittadini e saranno loro, non certo Brachetti, a dire se abbiamo lavorato e stiamo lavorando bene, nell’interesse

della comunità”. “Quanto ai vili attacchi personali – continua Natali – Brachetti dovrebbe sapere, avendo rivestito la carica di sindaco, che mia moglie non è una dirigente, ma un’impiegata, che da quarant’anni lavora in Comune e che percepisce la sola retribuzione prevista dal contratto, come tutti gli altri dipendenti comunali. Perché Brachetti si lancia in accuse tanto gravi quanto senza fondamento? A cosa serve questo polverone? Forse a nascondere il fatto che la famiglia Brachetti, quando il signor Regino era sindaco, ha avuto, lei sì, qualche vantaggio? Giuseppe Brachetti, oltre a essere consigliere provinciale, era o no presidente della Tuscania Parking, società della quale sua sorella teneva la contabilità? E in Comune non venne assunto un altro membro della dinastia Brachetti, il fratello Francesco? Allora, potremmo porla noi una domanda: quanto è costata a Tuscania la famiglia Brachetti?”. “Alla luce di tutto questo – conclude Natali – mi permetto di invitare il Patto per Tuscania e Regino Brachetti a lasciar perdere i rancori personali e a pensare a una politica più propositiva, attenta e seria, basta sui bisogni della comunità tuscanese e non su calunnie facilmente smascherabili”. V.S.

TARQUINIA - Tutto pronto per l’infiorata del Corpus Domini I

l progetto è portato aventi dall’assessorato al turismo, e l’assessore Sandro Celli si è detto lieto di continuare con questa tradizione, essendo un appuntamento storico e religioso tipico della città di Tarquinia. “È una bellissima tradizione che va portata avanti.” ha dichiarato Celli. “Perché è un momento di aggregazione sociale durante il quale molti giovani si impegnano divertendosi a creare questi tappeti di �ori.” L’opera sarà posta in essere da più di dieci associazioni, le quali svilupperanno stanotte, quadri �oreali tutti diversi, con motivi tratti dal vecchio e dal nuovo testamento. La mattina di domani invece, il vescovo Luigi Marrucci celebrerà la messa presso la chiesa di San Francesco, per poi guidare la processione accompagnata dalla

banda Setaccioli, lungo il percorso indicato dai quadri di �ori, partendo da Piazza Giacomo Matteotti, passando per piazza Nazionale e Corso Vittorio Emanuele II e arrivando in piazza Duomo dove si svolgerà la premiazione dei vincitori dell’in�orata e la benedizione eucaristica. Inoltre quest’anno, l’”In�orata - la lunga notte dei �ori”, sarà dedicata alla lotta contro i tumori al seno. Nello stesso giorno Poste Italiane attiverà uno sportello allestito nell’uf�cio informazioni turistiche in piazza Cavour, dalle ore 9 alle ore 14, che metterà a disposizione l’annullo �latelico speciale dedicato all’In�orata con la dicitura: “01016 Tarquinia (VT) – 10.06.2012 – Le In�orate del Corpus Domini 2012 – Chiesa di S. Antonio Abate – Sec. XIII”. Daniele Girardi


Sabato 9 Giugno 2012

Viterbo & AltoLazio

almanacco

Oggi al Cinema

17

SORIANO NEL CIMINO

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

Cinema Florida Piazza G. Marconi, 12

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Fortunato 21 Marzo - 20 Aprile Ariete

E’ il vostro momento, non lasciatevi quindi sfuggire questa splendida opportunita’ per realizzare e portare a termine cio’ che vi preme maggiormente. I riflettori stellari sono puntati sul settore delle amicizie: bastera’ un nulla per ottenere l’aiuto sperato o per avere al vostro fianco la persona che state corteggiando da tempo. Frizzante come una coppa di champagne la serata.

22 Giugno - 22 Luglio Cancro

Si delinea un giorno foriero di interessanti novita’.Disinvolti ed espansivi, saprete creare intorno a voi una atmosfera divertente e distensiva, una vera oasi di pace per amici e familiari. Se siete innamorati, l’intesa a due sara’ perfetta da ogni punto di vista; se siete singoli, il vostro fascino sara’ assolutamente irresistibile e potra’ conquistare qualsiasi preda abbiate nel mirino.

23 Settembre - 23 Ottobre Bilancia

21 Aprile - 20 Maggio Toro

Un po’ di stanchezza, dovuta allo stress accumulato nel corso della settimana, vi toglie un po’ di entusiasmo, di energia, di voglia di fare. Lasciate, quindi, perdere i programmi piu’ stressanti della giornata, o del lungo week-end, e optate per svaghi tranquilli: un giro in centro per il consueto aperitivo-shopping, e una lunga camminata a piedi o in bicicletta nel parco in serata.

23 Luglio - 22 Agosto Leone

Q u a l c h e problema e’ possibile nella sfera amorosa: la Luna contraria scatenera’ qualche diverbio per incomprensioni o distrazioni poco giustificabili. Ci vuole una vacanza risanatrice. Non fate scommesse sul vostro benessere, rischiereste di non vincerle. Si trattera’ di acciacchi, specie se non siete piu’ giovani. Gli amici sapranno cosa fare per distogliervi dai problemi.

24 Ottobre - 21 Novembre Scorpione

Incontrare p e r s o n e interessanti e in gamba vi fara’ scattare la voglia di fare cose nuove, di approfondire nuove conoscenze, di visitare nuovi paesi. Non seguite dei modelli che forse non sono adatti a voi, che cioe’ non sono profondamente vostri. Importanti decisioni si prevedono per chi e’ in coppia. Se siete single, incontrerete una persona che vi colpira’ dritto al cuore.

Con la Luna acquariana, che crea una quadratura a Giove, piu’ che i fatti prevarra’, durante la giornata, un ingorgo di emozioni. Fate in modo pero’ che l’emotivita’ non sottometta il raziocinio, rendendovi privi di obiettivita’. Non male l’amore. Se a tavola continuate ad eccedere dovrete presto rinnovare il guardaroba, perche’ la vostra attuale taglia non vi conterra’ piu’.

22 Dicembre - 21 Gennaio Capricorno

22 Gennaio - 19 Febbraio Acquario

Cercate di soppesare gli impegni in calendario per lasciare ampi spazi da dedicare alla famiglia e agli amici. Non trascurateli! Soprattutto se avete figli, non perdetevi le tappe piu’ importanti della loro crescita per stare fuori casa. Accettate un invito a cena. Tuttavia non dimenticate che i peccati di gola, alimentati da Giove in trigono, possono nuocere alla salute e alla linea.

FARMACIE (reperibilità)

Nel vostro segno, la Luna sorride a Saturno. Ne conseguira’ un intreccio di sensazioni ed emozioni. Dando una mano a chi vive una difficolta’, facendo qualcosa per gli altri starete meglio anche voi. In ambito privato, riuscirete a dimostrare il vostro amore. Vivrete intensamente, dunque, ogni istante insieme al partner. Se siete single, datevi da fare: tirate fuori la grinta e osate.

Lorax. Il Guardiano Della Foresta Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00

21 Maggio - 21 Giugno Gemelli

LaLunaAcquario accentua il vostro carisma, oggi sarete ammirati e adulati! Vi godrete una giornata vivace, divertente, ricca di occasioni interessanti; oltre a questo, saprete apprezzare come non mai la bellezza. In questo periodo, in cui le cose sembrano sempre prendere la piega giusta, anche l’eros sara’ smagliante: conquisterete chi vi piace. Viaggi, vacanze per molti.

23 Agosto - 22 Settembre Vergine

Malgrado le ostilita’ di Sole e Venere, la Luna nell’ottavo campo fara’ si’ che oggi il vostro punto di forza sia l’intuizione: lasciate che vi aiuti nei fatti del quotidiano, ma anche per approfondire il vostro mondo interiore. Se siete single, coglierete tutte le occasioni che si presenteranno per fare nuove e interessanti conoscenze. Marte, nel segno, regala forti emozioni e sensazioni.

22 Novembre - 21 Dicembre Sagittario

Sarete attratti da situazioni inusuali; il tran tran di tutti i giorni vi sembrera’ inutile, noioso, faticoso e farete di tutto per sfuggirlo. C’e’ un problema che vi mette ansia; coinvolgendo gli amici si risolvera’ prima di quello che pensate. Non nascondete dietro un atteggiamento di supponenza l’interessamento per quella persona. Parlatele col cuore: vi verra’ incontro sorridendo.

20 Febbraio - 20 Marzo Pesci

Ascoltate con attenzione quello che dicono gli altri e comprenderete a fondo cosa pensano delle vostre scelte. Poi, pero’, procedete sul vostro percorso. Date il vostro aiuto ad un amico che conoscete da tempo: la vostra amicizia ne uscira’ rafforzata. Non trascurate il fisico, tanto meno malanni latenti; iniziate una bella dieta depurativa e tonificante consigliata da un esperto.

TARQUINIA

Cinema Etrusco - Multisala Via Della Caserma, 32

VITERBO

Cinema Genio Via Del Teatro Genio, 16 C H I U S U RA

E ST IVA

Cinema Trento Piazza Del Santuario, 51/A RIPOSO Cinema Trieste Viale Trieste, 30 CHIUSO

BAGNOREGIO

Cinema Alberto Sordi Via G. Matteotti, 2 C H I U S U RA

E ST IVA

CASTIGLIONE IN TEV.

Cinema Tevere Via Orvietana

RIPOSO

CIVITA CASTELLANA

Cinema Florida Via Del Forte, 26 C H I U S U RA

E ST IVA

MONTEFIASCONE

Cinema Gallery - Multisala Via Cardinal Salotti, s.n.c. RIPOSO Multisala Flavia Via Della Croce, 1 RIPOSO

ORTE

Cinema Alberini Via Del Plebiscito, 10 Men In Black 3 Orario: 17,00 - 21,45

Hungher Fassbender Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Non Avere Paura Del Buio Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Act Of Valor Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Cosmopolis Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00

VETRALLA

Cinema Excelsior Via Cassia, 277 - Cura di V. RIPOSO

VITORCHIANO Cine Tuscia Village - Multisala Multisala Località Pallone, Vitorchiano Men In Black 3 - 3D Feriali: 20,15 - 22,30 Pref. e Mer.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Marilyn Feriali: 20,15 - 22,30 Pref. e Mer.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Sab. e Dom.: 20,15 - 22,30 La Carica Dei 101 Sabato: 18,00 Domenica: 15,45 - 18,00 Lorax. Il Guardiano Della Foresta Feriali: 20,15 - 22,30 Pref. e Mer.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 La Bella e La Bestia Mercoledì: 18,00 - 20,15 - 22,30 Giovedì: 20,15 - 22,30 Project X. Una Festa Che Spacca Feriali: 20,15 -22,30 Pref. e Mer.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Killer Elite Feriali: 20,15 -22,30 Pref. e Mer.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Dark Shadows Feriali: 20,15 -22,30 Pref. e Mer.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45-18,00-20,15- 22,30 Inviate le Vostre Programmazioni a: redazione@opinioneviterbo.it Fax 0761.1890811

PREVISIONI METEOROLOGICHE

OGGI 9 GIUGNO

ACQUAPENDENTE Corso Taurelli Salimbeni, 1 (08,35-13,00 e 16,30-20,00)

FABRICA DI ROMA Via Roma, 79 (08,30-13,00 e 17,00-20,30)

MONTEFIASCONE - ZEPPONAMI

Via Cassia, 95 (08,30-13,00 e 16,30-20,00)

TUSCANIA Via Tarquinia, 53 (08,35-13,00 e 17,00-20,30)

ARLENA DI CASTRO Via Vittorio Emanuele, 128 (08,30-12,30 e Notturna)

FARNESE Via Principe Amedeo, 126 (09,00-13,00 e 17,00-20,00)

NEPI Via Roma, 19 (08,30-13,00 e 16,30-20,00)

VALLERANO Piazza Xerry De Caro, 14 (09,00-13,00 e 17,00-20,30)

BAGNOREGIO Piazza Trento e Trieste, 10 (08,30-13,00 e Notturna)

GALLESE Via Tronsarelli, 41 (09,30-13,00 e Notturna)

ORTE Piazza Del Popolo, 15 (08,30-13,00 e 16,30-20,00)

VETRALLA Via San Michele, s.n.c. (09,00-13,00 e 16,30-20,30)

CALCATA Piazza Risorgimento, 1 (09,30-13,00 e Notturna)

GRAFFIGNANO - SIPICCIANO Piazza Umberto I, 28 (09,00-13,00 e Notturna)

RONCIGLIONE Corso Umberto, 33 (08,30-12,55 e 16,30-20,00)

VILLA SAN GIOVANNI IN T. Piazza Savoia, s.n.c. (09,00-12,30 e 16,30-19,30)

CAPRANICA SCALO Via Della Stazione, s.n.c. (08,30-13,00 e 16,30-20,00)

GROTTE DI CASTRO Via Vittorio Veneto, 4 (09,00-13,00 e 17,00-20,00)

SORIANO NEL CIMINO Via Ernesto Monaci, 96 (08,30-13,00 e 16,30-20,00)

VITERBO Via Della Palazzina 195/197 (08,35-13,00 e 16,30-20,00)

CAPRAROLA Via F. Nicolai, 141 (09,00-13,00 e Notturna)

MARTA Via Tuscania, 4/A (09,00-13,00 e 16,30-20,00)

SUTRI Piazza Del Comune, 34 (09,30-13,00 e 17,00-20,00)

VITERBO - S. MARTINO AL C. Piazza Buratti, 2/3 (09,00-13,00 e Notturna)

CIVITA CASTELLANA Via Vincenzo Ferretti, 95 (Diurna e 16,25-20,00)

MONTALTO DI CASTRO Via Aurelia, 30 (08,45-13,10 e 16,30-20,00)

TARQUINIA Corso Vittorio Emanuele, 37 (08,30-13,00 e 17,00-20,24)

VITORCHIANO Via Manzoni, s.n.c. (09,00-12,40 e 17,00-20,00)

Sabato 9 Giugno

Domenica 10 Giugno

Lieve flessione della’alta pressione a causa dell’avanzamento di una blanda saccatura atlantica che interessa più direttamente il Nord, mentre sulle Centrali tirreniche determina un aumento della nuvolosità specie tra Toscana ed Umbria, con qualche rovescio o temporale pomeridiano in trasferimento dalle zone interne toscane ai settori umbri. Altrove parzialmente soleggiato per il passaggio di nubi medio-alte. Migliora entro sera da Ovest. Temperature massime in lieve calo, specie in Toscana, punte ancora intorno ai 30°C sul Lazio. Venti deboli o moderati in rotazione da SE a SO, con rinforzi al largo delle coste in serata, fino a tesi da OSO in quota. Mari mossi, molto mossi a largo specie i bacini laziali.

La pressione è in calo sul Centro-Nord della Penisola a causa dell’avvicinamento di un sistema perturbato che sulle Centrali tirreniche determina un richiamo di correnti più umide dalla seconda parte della giornata specie sulla Toscana centro-settentrionale, con nubi in aumento da Ovest e pioggie sparse tra sera e notte, possibile anche sui settori umbri. Sole prevalente altrove, ma con tendenza ad aumento della nuvolosità dalla sera. Temperature in lieve calo nei valori massimi, specie sui settori toscani. Venti moderati di Libeccio con rinforzi al largo delle coste e su alta Toscana, fino a tesi da OSO in quota. Mari mossi, molto mosso o agitato l’alto Tirreno a largo.


SPORT

� � �

18

Sabato 9 Giugno 2012

ARTI MARZIALI

Asd Taekwondo Vetralla, gli esami non finiscono mai... Gli atleti sono stati esaminati dai Maestro Giuseppe Flotti e Roberto Viglietta

S

i sono svolti il 5 giugno gli esami di passaggio di grado per gli atleti della A.S.D. Taekwondo Olimpic Vetralla. Come da tradizione ad esaminare gli atleti, il maestro della scuola vetrallese Roberto Viglietta, delegato federale F.I.T.A. ufficiale di gara, e il vice presidente della federazione italiana taekwondo maestro Giuseppe Flotti. Gli atleti si sono cimentati in prove di taekok forme, nelle spettacolari prove di combinazioni di tecniche di calci in calci singoli e multipli portati da fermo ed in volo ,con rotture di tavolette , e nell’espressione massima del combattimento, sappiamo infatti spiega il maestro Roberto Viglietta che il taekwondo arte dei calci e dei pugni in volo, e divenuta da arte marziale millenaria a disciplina olimpica leder degli sport da combattimento ai giochi olimpici. Ed e appunto parlando dei prossimi giochi olimpici che si svolgeranno a londra che l’italia parteciperà per il taekwondo con i due atleti Carlo Molfetta e Mauro Sarmiento, il primo del gruppo sportivo dei carabinieri, ed il secondo del gruppo sportivo dell’esercito, Mauro ricordiamo che Ha ottenuto la medaglia d’argento ai precedenti giochi olimpici di Pechino. Gli atleti della scuola Vetrallese hanno

CALCIO DI TERZA - Campionato concluso con il sesto posto

Il bilancio per la formazione dell’Oratorio Madonna del Fiore

S

Il gruppo dell’Asd Taekwondo Vetralla dato prova di conoscere in maniera ottimale i vari aspetti del Taekwondo, ma soprattutto hanno ben chiaro , che pur facendo uno sport da combattimento, per avere una maggiore durata agonistica devono mantenere un fisico integro e non traumatizzato da botte tirate per

far spettacolo, il Taekwondo si combatte soprattutto con il cervello, certi che meno mi faccio male e più aumentano le mie potenzialità di una duratura carriera agonistica.Questo e uno degli aspetti che a fatto si che il Taekwondo diventasse disciplina Olimpica. Al termine degli

esami che si sono svolti presso la sede di allenamento della olimpic Vetralla presso l’oratorio della chiesa di San Francesco, il maestro Giuseppe Flotti , rivolto agli atleti del team vetrallese ha augurato loro chissà in un domani prossimo ,di realizzare il sogno olimpico.

esto posto in classi�ca e divertimento a iosa. Questo il buon obiettivo raggiunto dalla Polisportiva Oratorio Madonna del Fiore del Tecnico Andrea Colonnelli nel Campionato di Terza Categoria Girone B. Nel raggruppamento che ha sancito il trionfo �nale del Bomarzo, il team aquesiano ha conquistato 43 punti in 28 partite (12 partite vinte, 7 pareggiate e 9 perse). Come numero di vittorie, la squadra detiene il quinto posto in classi�ca in coabitazione con l’Arlenese nell’ambito di una specialissima classi�ca in cui hanno fatto meglio solo Bomarzo, Onano Sport calcio, Virtus e Sporting Bagnoregio). Per numero di scon�tte la Polisportiva registra un sesto posto in coabitazione con la Caninese. Hanno perso meno Bomarzo, Virtus Acquapendente, Onano sport Calcio, Sporting Bagnoregio, ed Arlenese. Con 44 reti realizzate (29 in casa e 16 fuori casa), la formazione si conferma al sesto posto in classi�ca (meglio hanno fatto Virtus Acquapendente,

Bomarzo, Onano sport calcio, Sporting Bagnoregio ed Arlenese). Con 35 reti subite (11 in casa e 24 fuori casa) si conferma il sesto posto (meglio hanno fatto Sporting Bagnoregio, Bomarzo, Onano sport Calcio, Arlenese, Virtus Acquapendente). Con 12 reti (11 in casa ed 1 fuori casa), Riccardo Fastelli si aggiudica la speciale classi�ca dei 14 bomber stagionali. Alle sue spalle Antonio Neri con 5 (3 in casa e 2 fuori casa), Michele Socciarelli con 5 (3 in casa e 2 fuori casa), Stefano Sugaroni con 4 (tutte in casa), Alessandro Pacchiarotti con 3 (1 in casa e 2 fuori casa), Emanuele Pallottino con 3 (1 in casa e 2 fuori casa), Leonardo Muzzi con 2 (1 in casa ed 1 fuori casa), Lorenzo Paggetti con 2 (tutte fuori casa), Alessandro Ragnini con 2 (1 in casa ed 1 fuori casa), Alessandro Serravalle con 2 (tutte in casa), Federico Stabile con 2 (1 in casa ed 1 fuori casa), Ivan Balestro con 1 (fuori casa), Alessio Colonnelli con 1 (in casa), Lorenzo Paggetti con 1 (fuori casa).

VELA - La competizione intitolata al fondatore di Eta Beta. Imbarcazioni di scena domani alle 14,30 sulle acque del lago di Bolsena

Tutto pronto a Capodimonte per il trofeo “Schirripa” T Il tratto di lago davanti a Capodimonte

Tutto pronto per il Trofeo Schirripa

utto pronto a Capodimonte per il terzo trofeo di vela “Giorgio Mauro Schirripa”, organizzato dall’Unità operativa complessa di Neuropsichiatria infantile dell’Asl di Viterbo, dall’associazione Eta Beta e dal club nautico locale. La giornata è dedicata alla memoria del neuropsichiatra infantile scomparso qualche anno fa, fondatore di Eta Beta. La regata è in programma domenica 10 giugno alle ore 14.30 sulle acque del lago di Bolsena e un impegno particolare nella sua realizzazione è stato profuso da Pietro Di Bella, infaticabile volontario dell’associazione Eta Beta. Parteciperanno una quindicina di imbarcazioni messe a disposizione dal club nautico e composte da equipaggi

che hanno fatto della vela una grande occasione di riabilitazione. E’ previsto l’arrivo di equipaggi da tutta Italia. Schirripa, tra l’altro, fu tra i primi in Italia a credere nella vela come attività socio riabilitativa: con la vela, infatti, si “incontrano” gli altri, si fa gruppo, sperimentando e potenziando le proprie abilità e conoscenze. Ai vincitori sarà consegnato un trofeo in bronzo realizzato per l’occasione dal maestro Alessio Paternesi. La premiazione avverrà alle 17.30 nella sala del Museo della Navigazione di Capodimonte. Il trofeo si inserisce in un progetto della Asl di Viterbo dal titolo accattivante: “Via col vento” che propone questa attività ad un gruppo di ragazzi e giovani adulti diversa-

mente abili, dove l’Ausl di Viterbo, l’associazione Eta Beta e la Federazione italiana vela costituiscono una buona sinergia operativa. Proprio il professor Marco Marcelli, direttore dall’Unità operativa complessa di neuropsichiatria infantile della Asl di Viterbo, ha in progetto di estendere il progetto “Via col vento” anche ai ragazzi più piccoli. Il progetto, portato avanti oltre che da Neuropsichiatria infantile ed Eta Beta anche dalla cooperativa sociale “Gli anni in tasca”, si snoda in due incontri settimanali, che comprendono lezioni teoriche e pratiche e interessa circa 10 ragazzi: il gruppo di lavoro è coordinato da Orlando Meloni, educatore Asl. “Via col vento”, peraltro,

rappresenta solo uno dei progetti sportivi avviati dall’associazione presieduta da Aurelio Cozzani, visto che da anni sono in corso programmi riabilitativi che comprendono tennis, nuoto ed altri sport. L’idea di istituire un trofeo dedicato a Giorgio Mauro Schirripa è nata per dare il giusto riconoscimento a chi ha ispirato tutta la sua opera in un’unica frase: “Riconoscere ciascun ragazzo come soggetto di diritto e persona che ha diritto alla felicità”. Da segnalare, infine, che la regata è stata possibile grazie anche all’impegno e alla sensibilità del sindaco di Capodimonte, Mario Fanelli, e alla collaborazione del Comune di Viterbo, della Provincia di Viterbo, della Camera di Commercio e del Coni.


Viterbo & AltoLazio

� �

sport

19

SPORT

Sabato 9 Giugno 2012

F I N A L E P L AY O F F - A l l e 1 6 , 3 0 s c a t t a l a f i n a l e t r a C a n i n e s e e F o n t a n a L i r i

Il presidente Morosini crede nel trionfo S

vegliarsi solo ora e dire che oggi la Caninese affronterà la partita della vita è sucuramente eccessivo e poco rispettoso nei confronti della fatica fatta per arrivare a giocarsi questo traguardo ma allo stesso tempo la posta in palio oltre ad essere ghiotta non lascerà scampo ad illazioni. Saranno 90’ da dentro o fuori con in palio la certezza di un rispescaggio in Eccellezza (anche se carte alla mano entrambe le squadre saranno aggregate alla lista dei ripescaggi). La s�da inizialmente �ssata a Domenica è stata anticipata

a questo pomeriggio per le ore 16,30 nel campo Francesca Gianni “A” a Roma. La Caninese giungerà con un pullman messo a disposizione dlla stessa società come conferma il presidente Maurizio Morosini: “Abbiamo raggiunto un traguardo eccezionale, la squadra partirà unita da Canino e tornerà unita. Qualunque sia l’esito dell’incontro a match concluso festeggeremo con una cena tra tutta la dirigenza ed i giocatori, arte�ci di questo campionato.” Sente la pressione della posta

in palio? “Certamente è la partita più importante della stagione. Abbiamo faticato tanto per raggiungere questo tragurdo e faremo del nostro meglio per centrare l’obiettivo.” Comunque vada sarà un successo, a chi va il merito sportivo? “Un paluso speciale va fatto al nostro tecnico Riccardo Sperduti che ha messo tutto il suo bagaglio tecnico a disposizione della società e dei calciatori. Sono certo che anche in Eccellenza saprà ripetersi e perché no, portare la

Caninese ad emblema del calcio viterbese.” Anche la rosa ha fatto un lavoro egregio: “Tutti i componenti della squadra hanno dato il massimo dentro e fuori dal campo e se non avessimo patitio un incredibile serie di infortuni penso che avremmo vinto il campionato senza se e senza ma. Proverò a trattenere l’intera rosa inserendo allo stesso tempo gli under necessari a colmare il vuoto regolamentare.” Allenatore, calciatori, ma soprattutto una dirigenza sublime:

Il presidente della Caninese Maurizio Morosini “Sicuramente. La Caninese è una società a conduzione familiare nel senso che nessuno impone le proprie decisione agli altri. Si discute civilmente e si guarda solo al bene della squadra. Devo ringraziere tutto

lo staff per essermi stato vicino nel momento del bisogno ed anche l’assessore allo sport Paola Giorgi per la collaborazione nel corso degli anni. Senza di loro Canino non potrebbe ambire a questi palcoscenici.”

PROMOZIONE Out Pellegrino, Macaluso, Terzini ed Heanacho

L

’ultimo sforzo prima del classico rompete le righe. Lo sa bene mister Riccardo Sperduti che a poche ore dal match inquadra l’incontro con qualche nodo ancora da scioglere: “Fisicamente dobbiamo fare appello alle ultime e n e r g i e rimaste. Ci teniamo a vincere ed a questo punto credo che a fare la differenza potrebbe essere anche la mentalità. A b b i a m o dimostrato lungo la stagione di essere un gruppo che non molla mai, neanche quando sembra tutto perso. In una finale sono diversi i fattori che possono incidere ma devo ammettere di provare sensazioni positive.” Nella sfida con il Real Morandi ti sei affidato fino al termine dell’incontro

Sperduti:“Vinciamo quest’ultima battaglia” A poche ore dalla finale con il Fontana Liri il tecnico dei maremmani carica i suoi dello stesso undici. Seguirari ancora questa tattica o cambierai le carte in tavola? “Rispetto alla semifinale non potrò schierare Pellegrino e Terzini. Sicuramente rientra Galli ma non ho ancora sciolto il nodo riguardante iil ruolo dell’under. Potrei optare per il classico 4-3-3 oppure

infoltire il centrocampo con un classico 4-4-2, ma molto dipenderà dal lavoro di rifinutura prima del match.” A fine gara inizierà finalmente un periodo di meritato riposo: “Più che di un periodo parlerei di qualche giorno. Dobbiamo recuperare le forze in vista del

prossimo campionato di Eccellenza che sarà duro e competitivo. Non abbiamo alcuna intenzione di essere una meteora di passaggio dunque lavoreremo per allestire una formazione competitiva sotto ogni aspetto.” Ad oggi siete entrambe sicure del posto ma vincendo avreste considerazione ben

diversa tra le avversarie: “Certamente. Il Fontana Liri rappresenta l’ultimo scoglio da superare. Raschieremo il fondo del barile in tutti sensi, sia ficamente che psicologicamente. Dopo di che daremo il via ai meritati festeggiamenti. Ce lo siamo meritato.” Si vocifera di una festa a

Canino per fine Giugno: “La società sta organizzando una cena in piazza per celebrare questo gruppo fantastico. Mi auguro di poterli trattenere anche il prossimo anno ma aimé qualche addio potrebbe esserci, anche se ora come ora voglio pensare solamente a vincere questa ultima battaglia.”

iL

L

L

SPECIALE FINALE PLAY OFF PROMOZIONE - La sfida del Francesca Gianni ai raggi X

Fontana Liri favorita, come il Real Morandi... Per il tecnico ciociaro soltanto un out, Sperduti ne conta quattro

S

icché l’incontro odierno ha la priorità sulle restanti voci di mercato andiamo ad analizzare ai raggi X il percorso che ha consacrato come finaliste la Caninese ed il Fontana Liri. Dato per noto il cammino dei Sperduti boys passiamo ai rivali guidati da Caldaroni. Dopo aver eliminato il Città di Monterotondo domenica scorsa, la formazione di Caldaroni sembra avere tutte le carte

in regola per una nuova impresa. Il tecnico dei ciociari, a margine di una estenuante stagione ha trovato la marcia giusta per far esprimere la squadra al meglio A testimonianza del decisivo passo in avanti la scalata in classifica in campionato ed il conseguente approdo alla finale play off. Finale guadagnata a seguito della vittoriosa sfida con la Nuova Itri.

Il Fontana Liri quindi sembra pronto alla pugna del Francesca Gianni. Sicuro assente tra le fila di Caldaroni lo squalificato Gemmiti che dovrà scontare il suo turno di stop proprio nell’ ultima gara della stagione. Questo il probabile undici: Battista, Greco, Greganti, Patriarca, Quattrucci, Pesce, Carmassi, Disarra, Lasconi, Rocco, Grillotti. A disposizione del tecnico: Bianchi A., Ambrosi, Caldaroni,

Iafrati, Di Battista, Bianchi G. Non sarà una sfida semplice per la Caninese, ma guardando al recente passato anche il Real Morandi arrivava in pompa magna dopo aver eliminato un avversario a dir poco superiore sulla carta. Scongiuri a parte il ruolo di “sfavorita” o di cenerentola sembra portar bene alla squadra diel patron Morosini che dovrebbe scendere in campo con questo undici: Castra, Corda, Lemme, Pesci, Galli, Boriello, Renzani, Di Carlo, G. Paoloni, Carletti, Feola. A disposizione del tecnico Sperduti: Manzotti, Trombetta, Macaluso, Barletta, A. Paoloni. Vada come vada l’accesso all’Eccellenza dovrebbe essere certo per entrambe

Nella foto l’esultanza della Caninese anche se bisognerà seguire con interesse la sfida tra Lupa Frascati e Villa d’Almè. In caso di successo della Lupa Frascati, infatti, si andrebbe a liberare un ulteriore posto per i ripescaggi ed in questo caso soltanto un rifiuto da parte delle società

escluderebbe il salto di categoria, scenario che, dopo l’immonda fatica di questa stagione, sembra essere assai improbabile. Calcio d’inizio alle ore 16,30 con il classico e consueto invito: “In bocca al lupo e che vinca il migliore.” La Caninese no?


� �

sport

SPORT

20

Viterbo & AltoLazio

Sabato 9 Giugno 2012

CALCIO GIOVANILE - La manifestazione di Grotte di Castro riservata ai “Piccoli Amici”

Lunedì la finalissima del Memorial “Socciarelli”

O

rganizzata dalla Pol. Real Azzurra Grotte di Castro si è svolta la XIX edizione del Memorial di calcio giovanile “Alessio Socciarelli”. In questo 2012 formato ridotto dell’evento che è stato riservato alla categoria dei Piccoli Amici che hanno dato vita a tre lunedì di passione e di divertimento. Alla luce degli incontri della fase di quali�cazione ecco il quadro delle �nali che si disputeranno domani pomeriggio al Comunale di Grotte di Castro in contemporanea

a iniziare dalle ore 19 Finale per il 5° e 6° posto tra Alta Tuscia e Calcio Tuscia; �nale per il terzo e quarto posto tra FonteBelverde e Vulsinia e �nalissima in famiglia tra le due formazioni baby del Grotte di Castro A e Grotte di Castro B. A seguire la cerimonia di premiazione. Dalle 16 alle 18 la Pol. Real Azzurra Grotte di Castro sempre al Comunale festeggerà con un pomeriggio all’insegna del divertimento e del pallone la chiusura della stagione per la locale Scuola Calcio.

Divertimento assicurato

Esultanza dopo un gol

Andrea Di Luisa incrocerà di nuovo i guantoni il 7 Luglio

P

er chiudere ogni polemica definitivamente non c’è niente di meglio che riavvolgere le garze ed infilarsi i guantoni. Destinazione? Il ring ovviamente. Il 7 Luglio infatti il ‘nostro’ viterbese di adozione Andrea Di Luisa tornerà di nuovo ad incorciare i ferri del mestiere nel prestigioso memorial Primo Carnera che si terrà in quel di Sequals. Non un paese esotico ma il comune della provincia di Pordenone che ha visto crescere il più grande pugile italiano della storia ossia Primo Carnera. Nell’occasione il boxer campano disputerà un incontro da sei riprese, scaldando i riflettori in vista del match di Antonio De Vitis che combatterà per il titolo intercontinentale Ibf.

Il pugile Andrea Di Luisa e Rossana Conti Cavini in alcune foto del match di Montefiascone contro Lombadi - (Foto Andrea Di Palermo)

Sei riprese per il trofeo Primo Carnera Oltre al campione italiano super medi, di scena il titolo intercontinentale Ibf Uno scambio di ruoli quindi dato che a Montefiascone il pugile brindisino aveva agito da scalda pubblico prima dell’ingresso di Di Luisa. E che scalda pubblico, sei riprese ad alto livello con colpi di alta scuola e schivate degne di uno sla-

lomista. Il titolo intercontinentale non è una barzelletta quindi i migliori auspici per un trionfo di De Vitis. Ad organizzare la kermesse sarà il team di Rosanna Conti Calvini che, copre il ruolo di manager di ambo i pugili.

Ad oggi lo sfidante di Di Luisa sembra avere i natali ungheresi ma viene da se che per il nome sarà necessario attendere ancora qualche giorno. Quel che è certo è che non renderà la vita facile ad Andrea e che per mandarlo al tappeto dovrà

sudare le classiche sette camicie. In palio nessun titolo ufficiale ma come impone la manifestazione al termine degli incontrio verrà consegnato il trofeo Primo Carnera al miglior pugile della serata. Di Luisa con la sua ca-

parbietà e la sua classe innata saprà certamente distinguersi. Come ogni seria organizzazione all’evento particepranno il commissario di Sequals Claudio Colussi, i dirigenti locali della Somsi e l’amministrazione locale in toto.

iL

L

L df

MOTORI - Ad Orte scatta il raduno delle auto e moto d’epoca

Una Domenica all’insegna della storia e della velocità

Nella foto un auto d’epoca

D

omani, Domenica 10 giugno, in occasione dei festeggiamenti organizzati dalla classe 1971 in onore del Santo Patrono S. Antonio da Padova, si svolgerà ad Orte Scalo, un raduno di indiscutibile richiamo turistico per tutti gli appassionati di auto e moto d’epoca. Quello delle auto e delle moto d’antan è senz’altro un universo ampio e pieno di charme che richiama sempre più l’attenzione e partecipazione di moltissi-

mi appassionati. Gli sguardi incuriositi di grandi e piccini potranno tranquillamente scandagliare l’accuratezza dei più piccoli particolari e la perfetta manutenzione dei mezzi che parteciperanno al raduno. Insomma un tuffo in un passato segnato da veicoli storici che hanno fatto grande il mondo dei motori. L’evento, organizzato dal Moto Club Orte è arrivato alla terza edizione ed è stato concepito con

Numerose le auto d’epoca da visionare. Il divertimento è assicurato il duplice obiettivo di far trascorrere una mattinata di divertimento agli ortani e ai turisti presenti e di far ammirare ai presenti questi magnifici cimeli storici che saranno. Il raduno statico avrà luogo in Piazza Giovanni XIII° (piazzale della stazione ndr) dalla ore 9 alle 13 con un giro per le strade di Orte prima del pranzo. Al termine del giro per le vie cittadine i riders presenti potranno degustare un aperitivo prima di accomodarsi presso lo Stand Gastrono-

mico per il pranzo. Per maggiori informazioni e per chi vuole ancora partecipare a l’evento è possibile contattare questi tre numeri telefonici: 347/1809486 (Enrico) 333/8975671 (Gianpiero) 338/8360733 (Cristiano). Si attende il pubblico delle grandi occasioni. Passando ad altre manifestazioni, si correrà questo week-end sul circuito “Piero Taruffi” di Vallelunga la terza tappa stagionale della Coppa Italia Velocità moto. Occhi puntati sui giovanissimi protagonisti del Campionato Italiano PreGp e Sp, che rappresentano la migliore espressione del “vivaio” tricolore (molti provengono dalle Minimoto e MiniGp) e che negli appuntamenti precedenti hanno regalato spettacolo ed emozioni dimostrando di

La locandina della manifestazione trovarsi già a proprio agio sulle piste lunghe. Impegnate anche le ragazze del Trofeo Femminile FMI “Beatrice Bossini” e gli iscritti agli altri cinque trofei che caratterizzano il programma di gare. Il via delle qualifiche è previsto oggi dalle ore 8:40 che stabiliranno le griglie di partenza.

Dodici le gare al via domenica dalle 9:45. L’ingresso in circuito per assistere alle qualifiche costerà 10 euro (8 euro per i tesserati FMI, donne e under 18, gratis per gli under 14) mentre Domenica sarà possibile seguire le gare dalla tribuna e dal paddock con 15 euro (10 ridotto).


sport

Viterbo & AltoLazio

21

SPORT

Sabato 9 Giugno 2012

CIGNARALE 1 - Bel successo anche per la Sgm Legno con la Polistampa

La forza dilagante della Si. Ste Impianti affossa la Kalmar S i continua a giocare nello splendido torneo di calcio a cinque del Memorial “Alessandro Cignarale”. Ecco in questi due servizi il quadro completo di quanto avvenuto giovedì sera.

IL KALMAR 4 SI. STE IMPIANTI 14 Il Kalmar: Pintoni Leonardo, Bacchiocchi Marco, Teramo Gabriele, Giurato Manuel, Colazzo Emanuele, Foglietta Andrea, Lettieri Alessio, Lettieri Vincenzo, Giuri Emilio, Cioccolini Gianluca, Fioretti Marco. Si. Ste. Impianti: Boccia

CIGNARALE 2 Grandi consensi da parte degli atleti per l’organizzazione

E

nella terza sfida di giovedì sera cìè stata la vittoria della formazione della Pascucci Impianti-Moda Store Argenti per 5-1 contro il Bc One. Un torneo splendido che sta riscuotendo un grande successo. Ecco l’esito del suddetto match.

Michael, Mariani Maurizio, Colinelli Giordano, Foglietta Augusto, Speranza Daniele, Sciamanna Jacopo, Carosi Alessio, Petese Roberto, Carosi Valerio, Gasbarri Marco,Carosi Stefano, Ciula Marco. Allenatore : Cristofari Marco Primo Tempo : 3-6 Si Rialza la Si.Ste Impianti di Mister Critofari Marco che dopo la sconfitta con la Pascucci Impianti oggi Vince con supremazia contro i già fuori Kalmar per 14-4 Grazie alle reti del Bomber Carosi Valerio (4), Foglietta Augusto (3), Boccia Michael (2), Colinelli Giordano

(2), Carosi Stefano (2) e Speranza Daniele (1). Per il Kalmar a segno Pintoni Riccardo (2), Pintoni Leonardo (1) e Colazzo Emanuele (1). Ora la Si.Ste Impianti arrivata Seconda nel Girone C affronterà negli Ottavi L’Ortopedia Comite,arrivata terza nel Girone B. La Vincente Andrà ai Quarti di Finale dove l’attende La Spaccata di Fabrica di Roma.

similiano, Cernetti Dante, Focaracci Gianpietro, Litta Luca, Galletti Claudio, Galligani Alessandro, Soldatelli Stefano, Pomi Fabrizio, Sena Cristiano, Oliva Sergio, Darida Massimo, Mariani Alberto. Allenatore : Di Pietro Osvaldo Polistampa: Ricci Maurizio, Scarpetta Andrea, Biguzzi Francesco, Paludi Gianluca, Ercolini Domenico, Fantini Luca, Paolelli Paolo, Dimitry Koljan, De Angelis Alessio, Santini Fabrizio. Primo Tempo : 4-0 Missione compiuta per la S.G.M. Legno di Nepi che contro la Polistampa di Civi-

S.G.M. LEGNO : 8 POLISTAMPA 3 Sgm Legno: Liscapade Mas-

ta Castellana Vince per 8-3 e arrivando prima nel Girone si guadagna i Quarti di Finale evitando gli Ottavi. Per la Polistampa di Civita Castellana che và fuori a testa alta da questo difficile Girone

oggi è andato a segno Paludi Gianluca (2) e Ercolini Domenico (1). Per i nepesini Reti del Bomber Galligani Alessandro (5), Sena cristiano (2) e Galletti Claudio (1).

Pascucci Impianti entra ai quarti di finale

Per la Bc One resta aperta la strada qualificazione con la sfida degli ottavi

Bc One: Federici Sasha, Braccini Luca, Carvetti Federico, Scacchi Giuliano, De Santis Alessio, Petri Giancarlo, Testa Fabio, Dominici Lucio, Diamanti Danilo, D’ Angeli Mauro, Pacazaini Luca, Rizzo Salvatore. Pascucci ImpiantiModa Store Argenti: Cavaraggi Vittorio, Geremia Giovanale, Manini Marco, Lucivero Marco, Adolini Alessio, Alimelli Luciano, Andreoli Claudio, Colinelli Luca, Pietrasanti Mattia, Ranieri Marco, Mazzola Davide, Coretti Valerio. Allenatore : Pascucci Alessio Primo Tempo : 0-1

Missione Compiuta anche per la Pascucci Impianti di nepi che chiude il Girone al primo posto imbattuta e l’accesso ai quarti,mentre terzo posto e Ottavi di finale per la Bc One dove incontrerà la Boutique della Frutta. Per quel che riguarda la Partita,bello e equilibrato primo tempo finito 1-0

in favore dei Nepesini e nel secondo cambiano marcia e vincono per 5-1 grazie al Poker di Adolini Alessio e una rete del Laziale Andreoli Claudio. Per la Bc One gol della bandiera ad opera di Petri Giancarlo SU FACE BOOK Su Face Book dove è

stato creato un gruppo apposito sul Memorial “Alessandro Cignarale” grandi commenti e soddisfazione da parte dei partecipanti. Fra i vari abbiamo voluto estrapolare quello del forte giocatore Armando Borgognoni: “Cosa dire... torneo spettacolare...ricco di belle squadre e di ottimi

giocatori!!! Questo è il terzo anno che partecipo e devo dire che grande merito va agli organizzatori visto che riescono anche a coinvolgere un gran numero di spettatori... un plauso quindi a Luca Lucchetti e Fabio Comite per la loro disponibilità ed organizzazione...ora rimane solo la speranza

di riuscire a portare a casa la coppa più grande”. Una manifestazione che continueremo a seguire quindi nel suo evolversi sino all’atto finale. NELLE FOTO A sinistra la Pascucci Impianti, a destra la Polistampa

iL

L

L

MARCIA - Campionati italiani di società per duecento allievi e allieve. In palio il Trofeo Brugiotti

“Trofeo villa” viterbo 2008

“Trofeo villa” via Marconi 2006

S

i svolgeranno domani, domenica 10 giugno a via Marconi e Sacrario, i Campionati Italiani di Società di Marcia Allievi/e, La manifestazione, che in un primo momento doveva svolgersi a Lanuvio, rappresenta la seconda tappa nazionale dei campionati (la prima si è già svolta in marzo a Firenze e la terza ed ultima è prevista ad Ascoli in ottobre), e vedrà all’opera anche i Cadetti/e, impegnati nella prima prova del Trofeo Nazionale di

organizzano

viTTorio faggiani • stampa TipoliTografia QuaTrini

Con il patrocinio

Tutti in azione lungo il boulevard di via Marconi

Città di Viterbo

grafica

il Trofeo Kronos di Marcia nasce nel 2008 sulla spinta emozionale creata dalla scomparsa di Fulvio Villa, che fu nel 1974 uno dei fondatori e successivamente il motore trainante dell’associazione sportiva Kronos, oltre che della federazione regionale Lazio come responsabile del settore marcia ed anche per 10 anni fiduciario tecnico di indiscusse capacità. La prima edizione a Villa borghese nel 2008 in roma, con la presenza degli olimpionici brugnetti e nkouloukidi, fu una sorta di regalo della società al suo dirigente; un progetto che in vita aveva più volte accarezzato. alle motivazioni di quella prima edizione si è negli anni aggiunto il progetto, di più ampio respiro e da condividere con le altre belle realtà della marcia nella nostra regione, di fare del Lazio un luogo privilegiato d’incontro per il settore giovanile nazionale di questa disciplina. e così dopo le edizioni del 2009 a Villa borghese e del 2010 e 2011 a Lanuvio, con grande entusiasmo prendiamo la strada che porta nella tuscia, aspettando a Viterbo i marciatori e le marciatrici delle categorie cadetti e allievi dall’intera italia, oltre ovviamente, come di consueto, i nostri giovanissimi del Lazio. 31 edizioni del Trofeo lazio, tante sono quelle che si contano dal 1982 ad oggi; rappresentano una lunga teoria di gare, di strade, di paesi del Lazio, di trasferte in treno od in auto; sono i volti sorridenti, preoccupati od affaticati di centinaia di atleti ed atlete, dall’incerto bambino ai primi passi di marcia, al consumato campione, venuto a testare il proprio motore; è l’apporto umile e appassionato di tecnici, giudici, organizzatori ed accompagnatori, sempre disponibile a mettere il loro mattoncino per la riuscita della manifestazione. È con lo spirito del contadino che cura la sua terra, che gli organizzatori della Prova di Viterbo si accingono a zappare, seminare, innaffiare, affinché la pianta cresca forte e nuove generazioni di marciatrici e marciatori continuino a scrivere la storia del trofeo Lazio. Memorial g. Brugiotti, istituito nel 2006 in occasione del centenario della anonima azienda viterbese, che ricorda la figura dello storico amministratore della banca di Viterbo.

C.d.S. di MarCia ai/ae Trofeo nazionale di MarCia Ci/Ce Trofeo regionale “fulvio villa” 7º MeMorial “giuSeppe BrugioTTi” 5º Trofeo KronoS

viTerBo

10

giugno 2012

Marcia. I campionati sono organizzati dalla società Alto Lazio Colavene (organizzatrice nel 2010 del Trofeo Invernale Nazionale di Marcia a Montalto col record sulla 35 Km. di Schwazer) e dalla Kronos Roma 4 (organizzatrice delle due ultime edizioni dei CdS nazionali Allievi/e e Cadetti/e) in collaborazione con la FIDAL LAZIO e la FIDAL di Viterbo, con il patrocinio del Comune di Viterbo e del CONI. La manifestazione è

La manifestazione è inserita tra quelle di “Viterbo, Città Europea dello Sport” sponsorizzata dalla BANCA di VITERBO, da sempre attenta e sensibile alle iniziative culturali che si muovono nella Tuscia, soprattutto a quelle sportive e sociali, che attirano l’attenzione della collettività. E’ superfluo accennare all’importanza dell’evento, che metterà sotto i riflettori dell’atletica nazionale la città di Viterbo (la manifestazione è inserita tra quelle di “Viterbo Città Europea dello Sport 2012”) quando il 10 giugno si potranno vedere all’opera lungo il

boulevard di via Marconi, i migliori talenti della marcia italiana giovanile (circa 100 atleti impegnati nelle 4 prove nazionali e 100 nel Trofeo Villa Regionale). Le prime partenze già alle ore 9.00 e 9.45 con i Cadetti/e e poi dopo la disputa delle gare regionali, ancora gli Allievi ed Allieve nazionaali alle ore 10.45. Gli atleti vincitori delle 4 gare nazionali previste, verranno premiati con il Trofeo Giuseppe Brugiotti, istituito nel 2006 in occasione del centenario della anonima azienda viterbese , che ricorda la figura dello storico amministratore della Banca di Viterbo. Il prologo della manifestazione sarà rappresentato dalla disputa della 6^ prova del 31° Trofeo Regionale di Marcia “Fulvio Villa”, che vedrà in gara i giovanissimi

Città di Viterbo

C.d.S. di MarCia ai/ae trofeo nazionale di MarCia Ci/Ce trofeo reGionale “fulVio Villa” 7º MeMorial “GiuSeppe bruGiotti” Viterbo

10

5º trofeo KronoS

Giugno 2012

atleti laziali, e moltissimi giovani delle società presenti a Viterbo per le gare nazionali, delle categorie Esordienti A/B/C ed i Ragazzi/e, impegnati sulle prove dei 1000 e 2000m. Viterbo sportiva sarà rappresentata nell’occasione dalla squadra Allieve dell’Alto Lazio Colavene composta da Vagno-

ni, Pascal e Facchinetti, attualmente al 3° posto in classifica nazionale dopo la disputa della prima prova di marzo a Firenze e dalla Zona Olimpica Atletica Viterbo presente con la squadra Cadette per difendere il 4° posto nazionale conseguito nel 2010 e nel 2011.


� �

sport

SPORT

22

Viterbo & AltoLazio

Sabato 9 giugno 2012

FOTO RICORDO

“La Vespa, cultura e sport”, in attesa delle Olimpiadi Interessante serata all’Acquarossa organizzata dal Panathlon Club di Viterbo

Prima dell’Europa politica nasce l’Europa della Vespa. Basti pensare che è stata esportata in ben 220 Paesi. In molti ammirano le Ferrari, ma tra una fiammante testa rossa e una mitica Vespa si può sicuramente affermare che: la Ferrari l’hai sognata, la Vespa ce l’hai avuta”. Queste le parole pronunciate con profondo orgoglio da Roberto Leardi, Presidente della Federazione Internazionale del World Club Vespa, nel corso della suo intervento sulla storia della Vespa, argomento centrale della conviviale organizzata mercoledì sera, dal Panathlon Club di Viterbo e dal suo Presidente, l’avvocato Andrea Stefano Marini Balestra. La serata, presso il ristorante “Acqua-Rossa” di Viterbo, dove è stata allestita una esposizione di Vespe d’epoca, è stata organizzata insieme al Vespa Club Viterbo e il suo Presidente Domenico Palazzzetti che ha presentato il “Revival Eurovespa 2002-2012” evento internazionale inserito nel programma “Viterbo città europea dello Sport 2012”e“Primavera dello Sport e tempo libero”che avrà luogo a Viterbo dal 22 al 24 giugno. La manifestazione si ripete dopo il grande successo riscosso nell’edizione del 2002 che vide la partecipazione di ben 2500 iscritti provenienti da tutto il mondo persino dal Canada, dal Giappone e dal Vietnam tanto che nell’ambito degli appassionati della mitica Vespa se ne parla ancora oggi nonostante siano trascorsi dieci anni. Lo stesso Vicesindaco di Viterbo, Enrico Maria Contardo, ospite della serata, ricordando quell’evento ha auspicato: “Eurovespa nel 2002 fu un grande successo come sono sicuro lo sarà anche questa nuova edizione”. Insieme al Vicesindaco ospite e relatore della serata anche Roberto Leardi che, in veste di Presidente della Federazione Internazionale del World Club Vespa, Presidente del Vespa Club d’Italia e Referente dei registri di marca della Federazione Motociclistica Italiana ha illustrato


sport

SPORT

Viterbo & AltoLazio

Sabato 9 Giugno 2012

23

SPORT VARI

Tc Viterbo, tutto pronto per la grande sfida con l’Arezzo Questa sera alla palestra di via Oslavia l’European Fight Night di arti marziali

S

erie di approfondimenti del nostro sport.

ARTI MARZIALI: VITERBO CITTA’ EUROPA DELLO SPORT. AL VIA L’EUROPEAN FIGHT NIGHT Proseguono gli appuntamenti per Viterbo Città Europea dello Sport 2012. Oggi 9 giugno alle 20 presso la Palestra della Verità (via Oslavia) avrà inizio l’European Fight Night di arti marziali, l’appuntamento promosso dall’Ittyphol Academy Lazio. La serata di match con discipline marziali come il Muay Thai, MMA e boxe light è stata presentata lo scorso 4 giugno a Palazzo dei Priori dal consigliere e coordinatore del comitato organizzatore di Viterbo Città Europea dello Sport 2012 Luigi Maria Buzzi insieme a Daniele Marinetti, istruttore Muay Thai e Marco De Paola, entrambi soci fondatori dell’associazione culturale e sportiva Pensiero e Azione, costituita lo scorso

play-out del Campionato di Serie B. La vittoria assicurerà, in un turno singolo, la permanenza in serie B. La sconfitta comporterà altre due giornate di lotta per la salvezza. I ragazzi capitanati dal Maestro Paolo Ricci che scenderanno in campo sono i giovani atleti viterbesi: Alfonso Cardarelli, Luca Fondi, Raffaele Censini e Fausto Barili e l’instancabile lottatore Emiliano Privato. Gli atleti si sono allenati duramente in questi giorni e vogliono rapidamente cancellare l’amarezza della recente sconfitta in terra di Puglia. Il CT Arezzo si è classificato quinto nel girone n. 4 del campionato cadetto e lotta anche lui per evitare la retrocessione. I giocatori Aretini vantano tutti una buona classificazione FIT, questa domenica giocheranno: Marco Vannutelli (2.4) classe 1992, atleta versatile in singolo e in doppio, semifinalista dei campionati Toscani assoluti del 2011; Simone Chiodini (2.7) classe 1986, maestro e giocatore; Alessandro Spaziani, (classifica FIT 3.1), classe 1995, finalista del torneo nazionale FIT di arezzo del 2011; Matteo Donnini (3.3) classe 1995 e Martin Sannuto (3.5) classe

Ciclismo, il Memorial Luciana Cingolani per juniores pronto allo start nici che ammortizzano totalmente alcune mancate qualificazioni alla fase ad eliminazione diretta, archiviano positivamente l’esperienza del Tennis Club Acquapendente nel Campionato a squadre Serie D3. Superlativa ultima giornata nel Girone unico femminile per la formazione A (Sofia Porcella, Giulia Barberini, Maria Costanza Cepapri, Barbara Rossi) che espugna per 3-0 i campi della Polisportiva Real Azzurra “A” di Grotte di Castro e si qualifica come prima del Girone (5 gare vinte in 5 disputate) mettendosi alle spalle proprio la stessa formazione grottana. Altrettanto quella della “B” (Rossella Pieri, Serena Venanzi, Simona Marcucci) che supera per 3-0 l’Asd Punto Sport e raggiunge come terza classificata (3 vittorie e 2 sconfitte) la qualificazione. Nel Girone

Buzzi e Marinetti alla presentazione dell’European Fight Night gennaio (insieme a Simone Pietrini e Stefano Berti). “La serata di sabato prossimo è la nostra seconda uscita ufficiale come associazione – hanno spiegato Marinetti e De Paola -. Per l’occasione interverranno il presidente e il vicepresidente della nostra federazione, un maestro di box thailandese, pugili ed atleti. Tutti con il cuore sportivo. E proprio su questo puntiamo. Nell’ambito della serata verrà infatti consegnata una targa riconoscimento all’atleta più corretto. Per noi, il rispetto dell’avversario è prioritario. Nella nostra disciplina, incentrata sul combattimento tra atleti, l’etica e la correttezza devono necessariamente stare al primo posto”.

TENNIS: IL TC VITERBO PRONTO ALLA GRANDE SFIDA CON L’AREZZO Il Tennis Club Viterbo – Banca di Viterbo sfida il C.T. Arezzo e si gioca il tutto per tutto. Questa domenica il circolo viterbese ospiterà la prima – e si spera l’unica – giornata di

1994 piccolo mattatore dei tornei locali. Questa domenica entrambe le squadre venderanno cara la pelle, la sfida per il circolo Gialloblù è di fondamentale importanza, anche considerando che una eventuale sconfitta li vedrebbe costretti a giocarsi la retrocessione contro lo Sporting Club Carpi, avversario particolarmente temuto. Le partite contro l’Arezzo si svolgeranno sulla terra rossa di Viterbo, avrà quindi un ruolo fondamentale il tifo di casa che si prevede numeroso. Facendo tutti i “dovuti” scongiuri il prossimo appuntamento con il grande tennis, dopo questa fondamentale domenica, sarà per il Torneo internazionale ITF Future da 10.000 $ quando il Tennis Club Viterbo ospiterà i grandi campioni internazionali del circuito ATP dal 23 Giugno. Siete tutti invitati a dare il vostro sostegno ai ragazzi del Tennis Club Viterbo – Banca di Viterbo domenica 10 Giugno 2012 a partire dalle ore 10.00. TENNIS: L’ESPERIENZA DEL TC VITERBO NEL CAMPIONATO A SQUADRE DI SERIE D3 Progressi individuali tattico-tec-

1 maschile chiusura in bellezza per la formazione “A” (Giulio Tognoni, Mattia Fioravanti, Andrea Cecconi, Andrea Ranieri) che supera per 2-1 a domicilio il Tennis Club Valentano “B”, chiudendo la manifestazione con 3 vittorie ed una sconfitta. La casistica set vinti-persi a parità di punti finale la estromette però dalla qualificazione.A superare il turno oltre ai valentanesi la Polisportiva Real Azzurra “A” di Grotte di Castro. Nel Girone 4 la formazione “B” (Alfredo Valente, Giorgio Banella, Alessandro Dominici, Fabio Calandri, Italo Del Segato) viene superata a domicilio per 2-1 dal Tennis Club Viterbo e chiude la manifestazione con 2 vittorie e 2 sconfitte. Passaggio di turno per Tennis Club Viterbo e Polisportiva Montalto “A”. Turno di riposo, infine, per la formazione “C” (Carlo Catocci, Giovanni Evangelisti, Francesco Luzzi, Daniele Pericoli, Andrea Pellegrini) che chiude con 0 vittorie e 4 sconfitte. CALCIO A 5: IL GRUPPO GNS PRIMA FINALISTA AL TORNEO DEI PUGNALONI Il Gruppo pugnalonistico Gns è la prima finalista del Torneo di cal-

Grande domenica al Tc Viterbo cio a 5 in programma al Palasport di Acquapendente. I gialloverdi (Tascini, Ronca, Massi, Pasquini, Leandri, Tiberi), superano per 8-4 nella semifinale della parte alta del tabellone la Prima Equipe Via del Fiore (Dionisi, Camilli, Paolo Marziali, Crisanti, Dionisi, Giacomo Marziali, Merli, Campana, Poponi, Galli, Ciacci). Nel primo tempo vincitori finali in rete con una tripletta di Tiberi e reti di Leandri e Pasquini. In evidenza Massi. Per la Prima Equipe Via del Fiore in rete Poponi. Nella ripresa tripletta di Tiberi e belle progressioni di Massi. Per la Prima Equipe Via del Fiore doppietta di Dionisi, rete di Paolo Marziali, sfortunata traversa di Camilli ed una stupenda giocata di Giacomo Marziali.

CICLISMO: IL MEMORIAL LUCIANA CINGOLANI PER JUNIORES PRONTO ALLO START Appuntamento a Ciampino domenica 17 giugno per la manifestazione valevole come campionato regionale laziale FCI. È imminente la terza edizione del Memorial Luciana Cingolani, l’appuntamento di ciclismo su strada per la categoria juniores giunto alla terza edizione con la sinergia organizzativa della Piesse Cycling Team, del Gruppo Vessella e del Gruppo Sportivo Luca Pinarello in programma domenica 17 giugno a Ciampino (Roma). Tra poco si en-

trerà nella settimana in cui si definirà il lotto delle formazioni iscritte che avranno comunque tempo fino a giugno per formalizzare la loro iscrizione tramite il sistema federale del fattore K (http://ksport.fattorek.it/ fci/) entro le ore 20,00 di venerdì 15 giugno. Un evento che gode del patrocinio del comune di Ciampino e al quale è stato concesso l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. Quest’ultimo riconoscimento dà un’ulteriore spinta agli organizzatori che stanno preparando minuziosamente la manifestazione portandola a una certa elevatura non soltanto per l’abbinamento a campionato regionale (sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana-Comitato Regionale Lazio) ma perché sta assumendo una connotazione interregionale visto che al momento sono pervenute nella segreteria organizzativa oltre 75 adesioni da parte di società di Lazio, Campania, Sicilia, Puglia e Calabria. Entrando più sul lato tecnico, è stato rinnovato buona parte del percorso che non si limiterà solamente all’abitato di Ciampino come nelle due precedenti edizioni. Da Ciampino, dove i corridori scatteranno alle 14,30 da Piazzale del MunicipioVia del Lavoro (sede del ritrovo e delle operazioni di verifica licenze previsto alle 11,30), i corridori percorreranno la Via dei Laghi, il bivio di Sassone, la salita del semaforo di Spinabella che culminerà fino al bivio di Marino-Castel Gandolfo sulla strada statale 216. Si scenderà dalla Via Papalina alle porte di Castel

La locandina dell’European Fight

Gandolfo attraverso la strada statale 7 Appia, Frattocchie e Santa Maria delle Mole. Si lascerà l’Appia svoltando a destra per la Via dei Laghi e, prima del passaggio a livello della ferrovia Roma-Albano Laziale, si svolterà subito a sinistra costeggiando l’aeroporto nella periferia sud di Ciampino per fare ritorno, tramite Via Mura dei Francesi, all’arrivo in Largo Martin Luther King a fianco della chiesa di San Giovanni Battista. Il circuito nell’insieme sarà lungo 18,3 chilometri e verrà ripetuto 6 volte dagli atleti. “Quest’anno siamo riusciti ad allestire una gara interessante dal punto di vista del percorso – dichiara Ennio Berardi, il patron della gara -. Faremo sei volte la Via dei Laghi fino a Castel Gandolfo per poi scendere sulla Via Appia e dalla località di Casabianca riprenderemo nuovamente la Via dei Laghi. Speriamo che l’evento ci dia ancora soddisfazione come nelle due edizioni passate”. Gli fa eco Luca Petrolati, presidente della Piesse Cycling Team: “Con il salto alla categoria juniores, abbiamo cambiato il format di gara con un percorso rinnovato, decisamente interessante ed impegnativo che metterà a dura prova i partecipanti”. Saranno garantiti un efficiente servizio di scorta tecnica (Gruppo Vessella) e quello sanitario (ambulanza con medico e auto medica), fotofinish, radiocorsa, il pranzo offerto a tutti i corridori e gli accompagnatori e il rimborso spese a tutti i corridori partecipanti.


L'Opinione di Viterbo - 09.06.2012  

L'Opinione di Viterbo - 09.06.2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you