Issuu on Google+

AltoLazio News Quotidiano Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10 In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE delle Libertà

Direttore Editoriale NICOLÓ ACCAME

p

Viterbo & AltoLazio Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

Anno II N.119 - Venerdì 20 Maggio 2011 - Euro 1,00

Cronaca

Politica

Attualità

Trovato morto in casa dopo essersi riempito di farmaci

Oggi in città l’ambasciatore portoghese in visita alla tomba di Giovanni XXI

Bigiotti (Udc) chiede la “verifica” e in Provincia va in scena la “Crisi di carta”

di Luca Appia

di Roberto Pomi

di Daniele Camilli

a pagina 7

a pagina 2

a pagina 5

Abatecola & Co. chiedono le infrastrutture: “In quattro anni non avete fatto niente”

Chiusura del centro storico, inizia la guerra L’estate sarà più calda del preventivato dalle parti di Palazzo dei Priori. Nel Palazzo si sta preparando una delibera di giunta per disporre la chiusura del centro storico e il Comitato, guidato da Abatecola, si prepara allo scontro serrato con gli amministratori. Stando a quanto trapelato la proposta di delibera di giunta dovrebbe disporre la chiusura dalle 19 alle 2 di notte della parte più antica della città. Un orario di bassa con�ittualità, di per sé, con gli interessi dei commercianti. Eppure il Comitato Centro Storico interviene furiosamente. Perché? “Siamo stanchi di assistere all’agonia di Viterbo - così Abatecola - . Hanno stretto con noi un patto: infrastrutture per chiusura. Vogliono chiudere? Tirino fuori i parcheggi e l’ascensore. Non molliamo, è una questione di dignità per l’intera città”.

EDITORIALE

Parole al vento e venti di guerra in centro di Roberto Pomi Chiudere la Viterbo dentro le mura al transito dei veicoli privati è cosa sana e giusta. Avremmo dovuto farlo già dieci anni fa, seguendo l’onda positiva delle vicine città umbre e toscane. Non ci siamo riusciti ma ormai siamo rassegnati, è capitato spesso e continua a succedere su tanti fronti. Sull’idea, che in questi giorni sta per essere trasformata in delibera di giunta, di chiudere il centro storico per quest’estate stanno per delinearsi le condizioni di un vero e proprio scontro. Quattro anni fa abbiamo già assistito a qualcosa del genere e ancora portiamo nelle orecchie gli echi delle trombe. Nella foto d’apertura potete vedere la tromba da stadio suonata dalla leggenda Mimì Cardarelli. Il punto amaro di tutto questo salmo è essenzialmente uno: le infrastrutture. In quattro anni di tempo non sono stati realizzati né ascensori né parcheggi. In tutto questo c’è l’amarezza di fotografare una città sempre uguale a se stessa, che non ha saputo crescere e che ora sarà teatro dell’ennesima ridicola guerra. Complimenti.

di Roberto Pomi a pagina 3

CRONACA

Paradossi burocratici intorno all’Arcionello

IL FATTO - Edicolanti assediati dai lettori espongono il cartello ‘Esaurito’

Tutti pazzi per L’Opinione

Intorno al Parco dell’Arcionello prolifera la burocrazia più infestante. “Finalmente i viterbesi hanno un parco”, è stato tuonato da più parti all’indomani della decisione made in Pisana. Gli stessi signori dovrebbero spiegarci che razza di parco è, visto che non può essere utilizzato per un simile scopo.

A ruba come una bella donna, è così che da qualche giorno - con grande soddisfazione - abbiamo avuto modo di vedere comparire sul portalocandina del nostro giornale la scritta “Esaurito”. Per evitare l’esaurimento nervoso, per il continuo arrivo di lettori, alcuni edicolanti si sono dovuti attrezzare così. Cari lettori grazie e non disperate, stiamo provvedendo per aumentare le copie.

di Roberto Pomi a pagina 4

SPECIALE TUSCANIA

Nelle pagine dedicate alla città: scuole, magia e ‘Cavalli a Primavera’ di Valeria Sebastiani alle pagine 12 e 13

VALLERANO

Tutti i motivi per cui ha vinto Giovannini di Simona Tenentini a pagina 14

MONTEFIASCONE

La neo eletta Giulia Moscetti spiega la vittoria di Michele Mari a pagina 8

TARQUINIA

Al via da stasera la rassegna Agriturock di Alessandro Sacripanti a pagina 8

PUGILATO - Stasera l’attesa riunione del PalaMalè BASKET - Proseguono i playoff di serie C e D

Spazio alla grande boxe Belli e S.Rosa a gara 3 Si sono svolte le operazioni di peso per i protagonisti della grande riunione di pugilato di questa sera. Il ring del PalaMalè verrà animato da una lunga serie di match ma l’attesa più grande è per la s�da tra Andrea Di Luisa e Ruben Eduardo Acosta; in palio c’è il WBC International Silver Belt, una porta spalancata verso Europeo e Mondiale.

Una Belli CGT in versione extra-lusso travolge Eurobasket e si merita ampiamente la ‘bella’ nelle semi�nali playoff di serie C. La società prepara un pullman per domani e vuole a tutti i costi andare avanti, così come il Santa Rosa che però cade ad Ostia ed avrà bisogno del ‘suo’ PalaMalè domenica mattina per non essere eliminato prima del previsto.

di Glauco Antoniacci a pagina 15

di Glauco Antoniacci a pagina 21


primo piano interni cronaca

2

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato Aprile Venerdì 120 Ottobre 2010 Venerdì30 Maggio2011 2011

Ingerisce un mix di psicofarmaci e muore nella notte. Non si eslude la pista del suicidio premeditato

Trovato morto nel letto di casa sua M

acabra scoperta ieri mattina per una donna di Bolsena, che entrando nella camera del figlio ha trovato il corpo senza vita del ragazzo. Il ritrovamento del cadavere è avvenuto nella prima mattina di ieri, intorno alle 7, quando la madre della vittima, che viveva nella stessa abitazione insieme ad un’altra figlia, è entrata nella stanza da letto di R.M., 42enne originario di Roma, per svegliarlo e ha fatto la tragica scoperta. La famiglia si era da poco trasferita nel paese lacuale direttamente dalla Capitale e non erano molto conosciuti nella zona. Da quel poco che si sa della vittima, però, sembra che già da qualche tempo soffrisse di problemi di depressione, che con tutta probabilità hanno portato alla morte durante la notte. Secondo una prima ricostruzione, infatti, R.M. si sarebbe ucciso ingerendo un mix letale di psicofarmaci. Non è ancora chiaro, però, se l’uomo volesse veramente togliersi la vita o il fatto sia solo la tragica conseguenza di un dosagio troppo elevato di medicine. La possibilità del suicidio premeditato,

Tirano in ballo il fratello della vittima...ma era morto

Truffatori incastrati dal loro stesso sistema di FULVIO MEDICI

N però, rimane quella più seguita dagli inquirenti. Non appena scoperto il cadavere del figlio, la donna è corsa al telefono e ha chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di Bolsena e i sanitari del 118. Purtroppo per il 42enne, però, non c’è stato nulla da fare. L’uomo era già morto da diverso tempo e i medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

La guardia costiera salva una barca in balia delle onde

Reati contro la persona, in manette 45enne Dovrà scontare una pena di 5 mesi di carcere

N

el 2009 aveva commesso vari reati contro la persona proprio a Viterbo, e ieri i militari della stazione di Viterbo gli hanno messo le manette ai polsi. I carabinieri sotto il comando del luogotenente Maurizio Iannaccone, nella mattina di ieri hanno rintracciato un 45enne originario di Torino, ma domiciliato da alcuni anni nel capoluogo, all’interno della sua abitazione. Sull testa dell’uomo pendeva un ordine di carcerazione emesso dall’Uf�cio esecuzioni penali del Tribunale di Viterbo. Nel 2009, infatti, il 45enne aveva commesso alcuni reati contro la persone proprio nella città e nei giorni scorsi la procura aveva emesso una condanna nei suoi confronti che prevede una pena di 5 mesi di reclu-

sione, da scontare presso la casa circondariale di Viterbo. Dopo la decisione del giudice, i militari sono arrivati a casa dell’uomo presentando l’ordine di carcerazione. Il 45enne vistosi arrivare in casa la pattuglia dei carabinieri, non ha potuto far altro che seguirli nell’auto che di lì a poco lo avrebbe condotto presso il carcere di Mammagialla.

ei giorni scorsi, all’interno dei territori comunali di Tarquinia e Montalto di Castro, veniva segnalata, alle forze dell’ordine, la presenza di due probabili truffatori. Immediata la risposta di Polizia e Carabinieri. Per i due entrambi napoletani di 40 anni è scattata la segnalazione penale, la sanzione amministrativa di 10.000 euro, il sequestro e la confisca di tutta la merce a disposizione, ed entrambi sono stati rimpatriati immediatamente a Napolii con foglio di via, ed è stato imposto il divieto questorile di ritorno nei due comuni del litorale laziale per tre anni. Ma veniamo ai fatti. Per riuscire a prendere i due malviventi, gli uomini del commissariato, comandati dal vice questore Bartoli e i militari dell’Arma dei Carabinieri, hanno diviso la città in zone di controllo, in pochissimo tempo, i due segnalati venivano sorpresi da una pattuglia in borghese del commissariato, mentre tentavano di truffare due anziani, tra i quali, un sacerdote. La tecnica adottata era la seguente: Si spacciavano vecchi amici del malcapitato, raccontavano che erano nel mondo della moda e dopo

aver regalato all’ignara vittima, una busta contenente un giubbotto in “falsa” renna in (realtà plastica) ed una borsetta di simile fattura, la invitavano, anche con parenti al seguito, ad una sfilata di moda che si sarebbe svolta a Roma in una ipotetica famosa discoteca. Poi fingevano di aver dimenticato a casa il portafoglio e di essere senza benzina, così chiedevano un prestito alla vittima, naturalmente promettendo la restituzione dei soldi alla serata di gala. Incredibilmente, la tecnica è riuscita a far intascare ai due ‘furbetti’anche oltre 100 euro a volta. Qualcuno ha persino fornito il bancomat per far fare benzina. La segnalazione da cui è nato il controllo ha dell’incredibile: I due napoletani, avevano infatti avvicinato il signor Giuseppe e con fare amichevole gli avevano detto: “ ma non ti ricordi di noi?” “da dove vieni?”, e lui: “sono stato a trovare mio fratello...”, e subito loro: “tuo fratello!.. sai che ci siamo sentiti venerdi?... prima o poi dobbiamo ripeterla la cena a casa dell’altra volta...”. Ma il signor Giuseppe era stato a trovare il fratello al cimitero in quanto ricorreva la data del decesso avvenuto un anno fa.

Consegnata l’ordinanza di custodia ad Alessandro Emanuello ed Enrico Maganuco rinchiusi a Mammagialla

In manette 63 appartenenti a Cosa Nostra, due erano in carcere a Viterbo

di ALESSANDRO SACRIPANTI

A

ncora una volta la Guardia Costiera entra in azione e porta in salvo un’imbarcazione che in balia delle onde stava pericolosamente riempiendosi d’acqua, a largo della costa di Riva dei Tarquini. Tutto è successo martedì nel primo pomeriggio, intorno alle ore 16.00, quando un turista di origini sarda che si trovava a bordo del suo natante in mare aperto si è imbattuto in una burrasca e corrente che hanno iniziato a trascinarlo a largo. la piccola imbarcazione a questo punto ha iniziato ad imbarcare acqua, e l’uomo che ha mantenuto i nervi saldi ha subito chiamato il 1530. La Capitaneria dopo aver ha registrato il suo ‘sos’ ha allertato la delegazione di spiaggia di Tarquinia che si è subito attivata per far giungere nel più breve tempo possibile i soccorsi. Il maresciallo Lamberto Alessandro, comandante dalla locale stazione, ha dato in tempi brevissimi il via a tutte le procedure di soccorso.

Dopo aver richiesto l’intervento della sala operativa della Capitaneria di Porto di Civitavecchia che in pochi istanti ha fatto uscire la motovedetta adibita al soccorso. Il comandante ha coordinato l’intervento di un mezzo di soccorso messo a disposizione dal campeggio Riva dei Tarquini e timonato da Stefano Ballarini e Franco Maurini. I soccorritori sono riusciti a trainare a riva l’imbarcazione portando in salvo il turista, visibilmente scosso ma fortunatamente sano e salvo. Va ricordato inoltre come il campeggio ‘Riva dei Tarquini’ è anche la base operativa delle unità cinofile della Sics, la scuola italiana cani da salvataggio, che pattuglia in maniera capillare, durante la stagione estiva tutto il litorale tarquiniese. Mentre si avvicina la stagione balneare questo episodio è una ulteriore testimonianza di come il ‘1530’ sia un numero di vitale importanza per chi frequenta il mare. Un plauso inoltre va alla Guardia Costiera, che è ormai divenuta una solida realtà sul territorio tarquiniese.

D

al Sud della Penisola arriva un nuovo duro colpo alla ma�a, con l’arresto a vario titolo di 63 persone, tutte appartenneti alle famiglie Rinzivillo ed Emanuello. L’eco dell’operazione della polizia, come sempre, è arrivata anche a Viterbo, dove due appartennenti ai clan malavitosi sono detenuti nel carcere di Mammagialla. L’operazione Tetragona ha coinvolto varie forze di polizia, impegnate a distruggere un potente asse ma�oso insediato a Gela, in provincia di Caltanissetta. Le cosche, infatti, avevano iniziato a proiettare i propri interessi verso il Nord Italia, con un traf�co che dalla Sicilia si sprigionava in Lombardia (Varese) e Liguria (Genova). Per tagliare la testa al clan, nei giorni scorsi il gip di Caltanissetta ha �rmato 63 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di esponenti di spicco delle famiglie Rinzivillo ed Emanuello. Sono accusati, a vario titolo, di estorsione, associazione ma�osa, traf�co internazionale di sostanze stupefacenti, incendi, detenzione e porto di armi. L’indagine è stata condotta dallo

Sco e dalle squadre mobili di Caltanissetta, Varese e Genova, due province del Nord Italia dove le cosche gelesi si sarebbero insediate da tempo. Nell’ambito dell’operazione sono stati anche sequestrati appartamenti, ville e società edili, per un valore di oltre 10 milioni di euro. Gli af�liati delle due cosche, da tempo in lotta tra loro per il predominio ma�oso, erano inoltre coinvolti in un traf�co di cocaina importata da Santo Domingo. I proventi illeciti venivano reinvestiti in immobili e imprese commerciali nel Nord Italia. Sono state in�ne accertate numerose estorsioni nei confronti di imprenditori del settore edile e di titolari di esercizi commerciali. Delle 63 ordinanze �rmate dal gip, 36 sono state noti�cate a persone che erano già �nite dietro le sbarre per altri reati legati alle cosche ma�ose. Fra di loro ci sono Alessandro Emanuello, 44enne, ed Enrico Maganuco detto ‘u gemellu’, 47enne. I due erano già detenuti nel carcere di Viterbo per altri crimini legati alle cosche ma�ose. In particolare Emanuello era stato incastrato per alcuni traf�ci nel gioco d’azzardo nella zona

siciliana. Oggi come allora a fare la differenza nelle indagini sono state le testimonianze delle vittime, che hanno collaborato con le forze di polizia per assicurare alla giustizia i criminali. Le indagini, durate tre anni, hanno permesso di svelare la complessa realtà di Cosa nostra di Gela e le sue rami�cazioni nel varesotto e a Genova riconducibili ai Rinzivillo e agli Emmanuello. Le due famiglie rivali erano entrambe legate al capoma�a della provincia di Caltanissetta Piddu Madonia, catturato nel 1992. Dopo la morte del boss Daniele Emmanuello, nel 2007, i Rinzivillo tentarono di riconquistare la leadership, appro�ttando della momentanea instabilità al vertice di Cosa nostra. Il clan sarebbe riuscito a in�ltrarsi nel Nord Italia, in particolare nella zona di Busto Arsizio, grazie a imprenditori gelesi compiacenti e ad alcuni af�liati rimasti in libertà. Proprio sull’asse Gela-Busto Arsizio la famiglia Rinzivillo sarebbe riuscita a reimpiegare i proventi illeciti, provenienti in particolare dal traf�co di stupefacenti, �nanziando attività imprenditoriali del settore edile. Nel corso delle indagini è emerso come

gli uomini d’onore trasferitisi al Nord continuassero a mantenere contatti con la cosca contribuendo all’assistenza dei detenuti e delle loro famiglie, e partecipando alle decisioni di Cosa nostra. Un capitolo a parte riguarda le estorsioni messe a segno dai due clan. Ben 15 imprenditori hanno collaborato con la giustizia denunciando intimidazioni e richieste di pizzo. Sono stati inoltre ricostruiti decine di episodi estorsivi, dalla classica ‘messa in regola’, all’imposizione di materiale da acquistare presso aziende ‘amiche’, all’assunzione di personale. Le indagini, in�ne, si sono avvalse della collaborazione di diversi pentiti appartenenti alla Stidda e a Cosa nostra. Dalle intercettazioni, inoltre, è emerso che nel mirino degli imprenditori legati a Cosa Nostra c’erano anche gli appalti dell’Expo 2015 di Milano. “Ci sarà tanto lavoro da fare in questi sei anni, e io potrò cosi’ sistemare le cose e prendere una bella casa a Milano’’, è il passaggio di una conversazione di Di Gennaro riportata nelle ottocento pagine dell’ordinanza. “Ho un’amico che ci puo’ fare prendere tanti appalti’’.


Venerdì 20 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

cronaca Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 3

Il Comitato, guidato da Abatecola, sul piede di guerra contro Palazzo dei Priori

Chiusura centro storico, è scontro I ‘guerriglieri’ di S. Pellegrino contro l’assessore

di ROBERTO POMI

Nel 2007 abbiamo �rmato un accordo tra il Comitato Centro Storico e l’Amministrazione Comunale. Al centro uno scambio equo: infrastrutture per il via libera alla chiusura. A oggi di parcheggi, scale mobili e ascensori promessi non se ne vede neanche l’ombra. Dall’altra parte però sappiamo di una delibera di giunta, pronta per l’approvazione, con cui si dispone la chiusura del centro storico durante l’estate. Sono dei buffoni”, picchiano duro Alberto Abatecola e il suo �do scudiero Foglietta. Ci era giunta voce di un raid, dei due rappresentanti del Comitato, lunedì scorso in Consiglio Comunale. Lo scopo? Mettere in guardia chi amministra Viterbo. “Se chiudete il centro, vi faremo la guerra”, questa la promessa. E’ così che Abatecola & Co. stanno preparando il campo. In città tutti ricorderanno la protesta del 2007, promossa sempre dal Comitato, in opposizione alla chiusura del cuore antico della città. Protesta che portò in piazza anche un pezzo della storia commerciale di Viterbo - in questi anni scomparso - : Mimì Cardarelli. Atto che fece ritornare sui propri passi Palazzo dei Priori e portò alla stesura del famigerato accordo. “Non possiamo accettare così un escandescente Abatecola - l’idea di una chiusura del centro da giugno a settembre, così come pare siano intenzionati a fare. Non possiamo accettarlo perché con gli amministratori, quattro anni fa, abbiamo sottoscritto un patto. Infrastrutture in cambio del nostro consenso sulla chiusura. Per quattro anni hanno dormito. Non hanno mosso un mattone e ora tornano alla carica. Noi siamo uomini e i patti siamo abituati a rispettarli e a farli rispettare. E’ una questione di principio. Se non sono capaci a dare alla città i par-

“Contardo era con noi ora ci ha tradito”

I

ribelli di San Pellegrino sono pronti a un braccio di ferro pesante con i politici locali. Non sono disposti a muoversi di un millimetro sull’affare chiusura del centro storico. Per loro è una questione di vita o di morte, la loro e del cuore viterbese. Sono avvelenati con il sindaco Giulio Marini che in tre anni di mandato non ha praticamente speso un solo centesimo in cemento per realizzare le infrastrutture cheggi, l’ascensore, le scale mobili ci diano mandato e ci penseremo noi. Non ci servono i loro soldi, sappiamo trovare i �nanziamenti. Siamo stanchi delle promesse elettorali, la loro passività uccide Viterbo e non possiamo permetterlo. Queste infrastrutture possono dare lavoro a tante famiglie, perché le tengono nel mondo delle idee invece di concretizzarle? Nella zona antica non c’è neanche un bagno pubblico. Perché non aprono le strutture di via dei Pellegrini? La gente ci chiede di usare i servizi igienici dei nostri negozi. E’ a dir poco vergognoso”. I membri del Comitato ci tengono a sottolineare che le unichechiusure per loro accettabili sono quelle che servono al corretto svolgimento delle manifestazioni: da Ludika a Caffeina e varie. “Siamo per la città e la difenderemo con le unghie e con i denti”, questo il messaggio che dal centro storico si alza verso il Palazzo. Lo scontro è dietro l’angolo.

L’Opinione di Gianluca Grazini, noto commerciante di via Cairoli

“Viterbo, la città che sta morendo...” E dopo i rappresentanti del Comitato Centro Storico l’Opinione ha raccolto un altro duro sfogo sull’aria che si respira al centro di Viterbo. E’ quella di Gianluca Grazini, noto commerciante del negozio FotoGrazini di via Cairoli che ieri mattina è esploso con tutta la sua rabbia: “Mai Viterbo era scesa a livelli così bassi. Le scelte scellerate delle varie amministrazioni comunali hanno portato ad un centro inesistente, deserto, dove è impossibile parcheggiare, dove diventa dif�cile lavorare”. Grazini fa un chiaro riferimento: “Nelle altre città studiano dei sistemi per far si che le macchine, i turisti vengano “aspirati a mo’ di folletto” per arrivare a ridosso del

centro, da noi invece chi arriva da Porta Faul si trova un bel divieto e viene rispedito all’indietro. E poi guarda caso lo si dirotta sulla circonvallazione dove c’è l’Ipercoop”. E poi una accusa contro i Vigili Urbani: “Devono dirigere il traf�co e non multare chi si ferma un minuto per prendere un caffè o per comprare

le sigarette. Sono 35 anni che sto in via Cairoli, dodici ore al giorno e non hai mai visto una situazione così deprimente. Viterbo è una città che sta morendo nel suo centro e poi vengono tutti a chiederti il voto”. Ed ancora sui parcheggi: “Ci sono liberi professionisti che lasciano le macchine sulle strisce blu per ore e ore forti dei loro permessi. E’ giusto, penso proprio di no”. E in�ne: “Il parcheggio al Sacrario è inutilizzabile. Ma che ci voleva a dare l’opportunità a tutti coloro che abitano nel centro storico, agli impiegati, ai commercianti che lavorano in centro a sottoscrivere ad un prezzo opportuno un abbonamento mensile”. agv

Settimio Melaragni finisce di nuovo in manette

Marchini condannato a risarcire le casse di Graffignano per alcune assunzioni illecite

uovi guai per Settimio Melaragni, che ieri stato nuovamente arrestato ed è �nito ai domiciliari. Il nome di Settimio Melaragni è salito alle cronache nel 2008, quando con due colpi di pistola uccise in casa sua Daniela Nicoleta Hatmanu, una romena con la quale aveva avuto un relazione e che quello stesso giorno era arrivata a Capodimonte per lavorare nell’agenzia immobiliare dell’uomo. L’arresto di ieri, però, non ha a che fare con quel caso, ma è strattamente collegato ad esso. L’accusa stavolta è di estorsione e calunia nei confronti di un’altra sua ex amante, sempre di origini romene. Secondo quanto riferito dai militari, Melaragni l’aveva ingiustamente accusata di furto e stato d’incapacità procurato con violenza. L’uomo, infatti, l’avrebbe ritenuta responsabile della rapina da lui subita il 13 ottobre del 2007. Proprio quella rapina in cui fu violentato da due romeni. La giusti�cazione di Melaragni all’omicidio della Hatmanu, infatti, è sempre stata quella famosa violenza subita, che lo

a Corte dei Conti torna a battere cassa all’ex sindaco di Graf�gnano, Fabrizio Marchini, e ad alcuni componenti del consiglio comunale. Una nuova sentenza, infatti, ha condannato il vecchio primo cittadino, il consigliere Vassani e gli ex assessori Curti e Cunego, a risarcire le casse comunali di 23.160 euro, ritenendoli responsabili del danno causato alla �nanza pubblica per l’effetto di assunzioni illecite del personale comunale. La Corte dei Conti ha anche ripartito il risarcimento tra le parti, deliberando che Fabrizio Marchini dovrà risarcire al Comune la somma di 8.100 euro; i signori Giulio Tullio Curti e Carlo Vassalli a risarcire all’Ente la somma di 4.630 euro ciascuno; Renato Cunego a risarcire al medesimo Ente locale la somma di 1.670 euro, oltre rivalutazione monetaria ed interessi legali come indicato in parte motiva. La Corte ha condannato, inoltre, gli stessi al pagamento delle spese processuali che si liquidano in 1.270,08 euro. Assolto, invece, l’attuale sindaco Adriano

L’uomo accusato di omicidio stavolta ai domiciliari per estorsione e calunnia

N

avevo terrorizzato al punto di comprare una pistola per difendersi. Per quella stessa paura e con quella stessa pistola, in�ne, nel gennaio del 2008 ha sparato due colpi nel buio, colpendo Daniela Hatmanu, che si era alzata per prendere un bicchiere d’acqua. Stando alle ricostruzioni dei militari, l’immobiliarista avrebbe costretto questa seconda romena a vivere in casa sua e ad avere rapporti sessuali con lui, minacciandola di pubblicare alcune sue foto nuda nel caso in cui si fosse ri�utata. La ricostruzione degli eventi è stata resa possibile anche grazie ad un recente sopralluogo

dei carabinieri, avvenuto lo scorso 5 febbraio, in cui erano stati messi sotto sequestro un computer e altri documenti. Il processo per l’omicidio della Hatmanu, intanto, procede senza sosta. Nell’ultima udienza era stata ascoltata proprio la romena che ieri l’ha fatto �nire di nuovo in manette. Secondo la testimonianza della donna, inoltre, la rapina del 2007 che Melaragni ha sempre usato come alibi all’omicidio non sarebbe mai avvenuta, così come la violenza sessuale da parte della coppia di romeni. Quella sera, parola della donna, erano a letto insieme. (la)

L

Santori. I fatti risalgono al periodo che va da gennaio a marzo del 2007, quando alcuni consiglieri di minoranza denunciarono con tre esposti i contratti di collaborazione continuativa e coordinata, stipulati dall’amministrazione e commissionata a tre persone per lo svolgimento di attività speci�che di promozione dell’immagine dell’amministrazione, consulenza amministrativa e promozione turistica che, in realtà, però, simulavano vere e proprie assunzioni. Gli esposti hanno fatto scattare i controlli degli inquirenti e il relativo procedimento della Corte dei Conti, che nei giorni scorsi è arrivato a conclusione, condannando gli imputati a risarcire le casse del Comune da loro gestito per oltre 23mila euro. Non è la prima volta che l’ex sindaco di Graf�gnano si trova a dover “fare i conti” con problemi del genere e a risarcire le casse comunali. Sembra che i guai giudiziari non riescono a stare lontani da lui, anche dopo aver lasciato la carica di primo cittadino.

di Valle Faul, dai parcheggi all’ascensore. Nel mirino di Abatecola & Co. il “nemico pubblico numero due”, dopo Marini, è l’assessore Enrico Contardo. “Prima stava con noi così i “ribelli” -, ci ha sempre sostenuto per una Viterbo migliore. L’aria della stanza dei bottoni deve avergli fatto male. Da quanto ne sappiamo è uno dei maggiori sostenitori della chiusura del centro storico per questa estate. E le infrastrutture? Dove stanno? Che fanno i viterbesi e i turisti parcheggiano a Faul e poi crepano per strada?”. Ai politici di Palazzo dei Priori occorre trovare rapidamente una soluzione per giugno. Chiudere o lasciare aperto il centro storico? Questo è il problema.

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Editore Altolazio News srl PresIdente Manfredi Genova Amministratore Delegato

Ferdinando Guglielmotti Iscrizione ROC n. 20469 Servizi grafico-giornalistici forniti dalla Coop. Ed. Gior. e Pol. GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA ROBERTO POMI DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI FULVIO MEDICI Grafici MARIO RAMUNDO Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30


primo piano interni cronaca

2 4

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato Aprile Venerdì 120 Ottobre 2010 Venerdì30 Maggio2011 2011

Il custode dell’Eremo viene multato di 2500 euro per aver ripulito la zona adiacente alla struttura

Follie burocratiche intorno all’Arcionello di ROBERTO POMI

I

ntorno al Parco dell’Arcionello prolifera la cattiva erba della burocrazia più infestante. La storia che andremo a raccontarvi nelle righe qua sotto è per noi incredibile. Al centro il Parco dell’Arcionello, riconosciuto su carta e lì rimasto. “Finalmente i viterbesi hanno un parco”, è stato tuonato da più parti all’indomani della decisione made in Pisana. Gli stessi signori dovrebbero spiegarci che razza di parco è, visto che non può essere utilizzato per un simile scopo. Attualmente serve a tratteggiare scenette da cortocircuito mentale, per quanto perfette a termine di legge. Il fatto che vi riportiamo si è svolto nella zona dell’eremo della Palanzana, gestito per conto dell’Associazione Familia Christi da Mario Mancini. E’ lui il protagonista di una storia assurda. Un assurdo che si sostanzia di due multe per un totale di oltre 2500 euro. Il primo verbale porta l’autografo della Polizia Provinciale, posta in calce a una cifra di 518,00 euro. il secondo

verbale è invece autografato dalla Guardia Forestale e ricalcante il precedente verbale della Polizia Provinciale ma un pochino più preciso nel senso che speci�ca meglio le cosidette “piante” (piantine da ghiande nel sottobosco). Motivo dei verbali? Responsabilità nell’aver tagliato “piante e arbusti, in particolare olmi, querce, cornioli, robinie, rose canine e ligustri”. Nel verbale naturalmente non viene speci�cato che il taglio è stato

fatto con il decespugliatore. Avete proprio capito bene. Il fatto si sarebbe svolto così: A inizio febbraio, pensando di voler ripulire la fratta esterna lungo il muro di recinzione del conventino in corrispondenza dell’uscita est dello stesso e nello stesso tempo ripulire un pochino la radura limitrofa a detto ingresso, il signore in questione presenta domanda al Comune e alla Provincia per l’autorizzazione. Passata una decina di giorni, contattata

la Provincia lo stesso viene a sapere che era necessario un progettino da allegare alla domanda. Per fare il progettino e prendere le misure, in un sopralluogo, a mezzo di un decespugliatore è stato ripulito pochi metri quadrati di rovi, cespugli e altri arbusti e probabilmente anche qualcuna di quelle piantine che crescono spontaneamente e destinate a seccarsi quasi tutte al primo sole estivo. In Provincia, ritrovata la domanda sparita decidono di andare a fare un sopralluogo e accertano che alcune piantine di rosa canina sono state recise insieme ad altri rovi e a qualcuna di quelle minipiantine e arbusti. Nulla succede in quella occasione cosicchè quando arriva il verbale grande è la meraviglia. La meraviglia aumenta successivamente quando anche la Forestale viene sul posto e verbalizza quasi le stesse cose ma elevando contravvenzione per circa Euro 2000. Negli ultimi 100 anni il conventino è stato curato con sacri�cio e dedizione, difendendo anche le mura, gli ingressi e le zone circostanti dall’assalto stagionale della vege-

tazione spontanea e curando la sana crescita delle piante di alto fusto della zona. Ora c’è il parco e anche la “rosa canina “ attaccata al muro ha i suoi avvocati. Un’applicazione burocratica e irragione-

vole dei regolamenti (chissà se tali regolamenti sono stati portati alla conoscenza di chi nel cosidetto parco ci vive da decenni). A questo, per il momento, serve l’Arcionello.

Danilo Primi: “Servono centri di ascolto per gli agenti” Un militare in borghese ha notato i movimenti sospetti della coppia ed è entrato in azione Il sindaco in Procura

Ugl: “Vicini al dolore dei Ledda” In manette due giovani all’Ipercoop

per sporgere denuncia contro gli avvelenamenti

omeriggio movimentato ieri al centro commerciale Ipercoop, quando un vigilantes della zona commerciale e un carabiniere in abiti civili sono entrati in azione per mettere le manette ai polsi di due ragazzi. A quanto pare la coppia si aggirava con fare sospetto all’interno del centro commerciale e dopo aver appurato le intenzioni dei due, le forze dell’ordine sono entrate in azione per la salvaguardia degli esercenti. I due sono stati ammanettati e portati fuori, dove ad aspettarli c’era un’auto dei carabinieri che li ha portati al vicino comando provinciale di Viterbo.

opo l’avvelenamento di Cipino, la mascotte del canile Enpa, e di tanti altri cani della zona, ieri mattina il sindaco Marini è arrivato in procura per sporgere una denuncia contro ignoti. “Un gesto che spontaneamente mi sono sentito di fare – ha spiegato il primo cittadino di Viterbo – e non solo perchè sono sindaco di questa città. Ritengo che simili atti di crudeltà perpetrati contro poveri animali vadano severamente puniti, ma prima di tutto fermati. Sono certo di aver interpretato la volontà di molti miei concittadini che come me hanno a cuore i nostri amici a quattro zampe”.

P

L

a morte per suicidio di Giuseppe Ledda ha sconvolto molti animi in città. Di ieri l’intervento di Danilo Primi, sindacalista Ugl e collega dell’ispettore della Polizia Penitenziaria che si è tolto la vita la scorsa domenica negli spogliatoi di Mammagialla. “Ancora una volta - così Danilo Primi - dobbiamo piangere per la scomparsa di un nostro collega. E’ successo presso l’istituto penitenziario di Viterbo dove un ispettore di polizia penitenziaria si è tolto la vita. A quanto pare le motivazioni di questo gesto estremo sono riconducibili a motivi personali. Questo evento mi ha distrutto. Conoscevo bene l’ispettore con cui ho avuto modo di lavorare. Il mio cordoglio personale e quello delle segreterie regionale e provinciale dell’Ugl va a i suoi familiari a cui esprimo

tutta la mia vicinanza. Non possiamo ancora una volta domandarci se sarebbe stato possibile adoperarsi per evitare questo tragico evento. Non posso che fare mie le conclusioni della segreteria nazionale e in particolare del dottor Moretti. Servono assolutamente dei centri di ascolto che possano aiutare il personale di polizia penitenziaria a risolvere le proprie problematiche. Potrà anche esser vero che in molti casi le motivazioni alla base dei suicidi non sono riferibili a problematiche sorte in servizio. Purtroppo per le criticità connesse all’esecuzione dei compiti istituzionali non possono di certo aiutare a rasserenare gli animi. Chiedo che il Prap Lazio e il Dap intervengano tempestivamente”. Non resta che sperare che questa richiesta, dei sindacati, non cada nel vuoto.

foto Zadropress

D

Ingiurie tra Balducci e Sensi Si piazza sui binari vicino alla stazione di Orte Processo rinviato a settembre e impedisce ai treni di passare, denunciato

S

i reca presso gli uf�ci comunali per sollecitare l’esecuzione di una pratica, ma viene cacciato in malo modo. E’ quanto sostenuto da Mario Sensi che ieri è stato ascoltato in tribunale nel corso del processo che lo vede imputato per reciproche ingiurie insieme all’ex dirigente comuale Armando Balducci. I due hanno confermato quanto riferito nelle rispettive denunce. Nella prima occasione, il 3 gennaio 2008, Sensi si recò presso l’uf�cio comunale viterbese senza appuntamento provocando la reazione del Balducci che lo avrebbe invitato ad allontanarsi senza tanti complimenti. Successivamente, l’otto gennaio 2008, i due si sono incontrati casualmente e Mario Sensi avrebbe minacciato di morte il dirigente: “Tanto prima o poi ti taglio la testa” mimando per giunta il gesto. Dopo aver ascoltato i due imputati il giudice si è riservato di ascoltare una donna, Carla Paoletti, che aveva accompagnato Sensi nella seconda occasione. Il processo è stato dunque rinviato al 29 settembre giorno in cui verrà ascoltata la donna e con ogni probabilità verrà emessa una sentenza nei confronti dei due imputati. (ef)

P

aura sui binari della stazione di Orte nella notte tra mercoledì e ieri, quando un uomo ha iniziato a passeggiare con fare sospetto al centro del percorso del treno. La figura è stata avvistata da alcuni residente della frazione della Stazione, che hanno subito contattato i carabinieri di Orte. Nel frattempo un uomo che si trovava sulla strada che costeggia i binari cercava di dissuadare l’uomo a rimanere in quel punto, ma tutto è stato inutile. In breve tempo è stato avvertito dell’accaduto anche il capostazione di Orte, che ha intimato ai convogli che in quel frangente dovevano passare in quella zona di mantenere una velocità massima di 30 chilometri orari, per evitare di uccidere l’uomo travolgendolo. I treni, infatti, a causa dell’accaduto hanno anche subito un lieve ritardo. Il disagio maggiore è toccato a un

treno merci che attraversa Orte sempre alla stessa ora, e che è stato bloccato per circa 10 minuti nello stesso punto proprio a causa dell’uomo che era rimasto fermo sui binari. Di lì a poco, però, è arrivata una pattuglia dei militari di Orte, che dopo poco è riuscita a convincere l’uomo a spostarsi dai binari e a seguirlo in un posto più sicuro. L’uomo è stato denunciato dai carabinieri, che dopo aver preso le sue generalità sono riusciti a capire chi fosse veramente. Si tratterebbe, infatti, di un malato mentale, attualmente in cura presso un vicino Centro d’Igiene Mentale dal quale nottetempo era riuscito a scappare per poi finire sui binari del treno. Per lui è stata fatta arrivare anche un’ambulanza del 118 che lo ha portato all’ospedale Belcolle, dove i medici avrebbero potuto continuare a curarlo. (la)


Venerdì 20 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

politica

Venerdì 1 Ottobre 2010

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

interni

2

5

L’Udc chiede una ‘verifica’ politica e amministrativa. Il Pdl si ricompatta e risponde

La ‘Crisi di carta’ a Palazzo Gentili di DANIELE CAMILLI

I

n Provincia va in scena la crisi. “Crisi di carta” come le tigri di Mao-Tze Tung negli anni ’60 o l’economia asiatica dei ’90? L’unico dato certo è che ad avviarla è stato l’Udc., �nora alleato del Pdl a Palazzo Gentili. Ad aprire le danze è stato comunque Marcello Meroi. “Davo per scontato non dico in 21 comuni su 21, ma almeno in diciotto che avremmo corso insieme – ha scagliato il sasso il Presidente – Perché il centrodestra dove si aggrega, vince sempre”. A rispondergli Nando Gigli. “Mi meraviglio da quale pulpito arrivano i consigli. Forse farebbero meglio a guardare all’ef�cienza delle loro amministrazioni”. A rincarare la dose Gianmaria Santucci. “Le cose non funzionano, ci sono mille problemi amministrativi. Non lo diciamo da ieri. Sono settimane, mesi. Non mi sembra però che i problemi siano stati risolti”. A piazzare l’artiglieria pesante è stato in�ne Francesco Bigiotti. “Veri�ca politica – ha detto il capogruppo centrista – per chiarire gli aspetti della nuova geogra�a in seno al Consiglio determinata anche dal frazionamento del Pdl con la conseguente nascita di più gruppi. Programmatica per riba-

dire e sostenere con forza quelli che erano gli obiettivi formalizzati ad inizio legislatura”. Quindi? Sabato è previsto un incontro tra Meroi e l’Udc. Martedì prossimo una riunione con tutta la maggioranza. Insomma, “chi mena per primo mena due volte”? Tanto rumore per nulla? O per cosa? Le interpretazioni sono tre. L’Udc vuole un posto a Palazzo dei Priori e dopo averci provato con le buone e la diplomazia, ritenta “bombardando il quartier generale” e minacciando di far cadere la Provincia per entrare in maggioranza anche al Co-

mune. Magari facendo le scarpe all’assessore Bartoletti sostenuto a suo tempo dalla Polverini le cui liste di riferimento alla prova delle urne non hanno poi così brillato. Tuttavia quelle dell’Udc non sono state da meno. A conti fatti al Partito di Casini restano infatti solo Nepi e Bagnoregio, che non sono andate nemmeno al voto. Troppo pericoloso, dunque. Il rischio è quello di perdere su tutti i fronti e sarebbe il “Mary Cazzola’s gain”. Cioè, tradotto in vetrallese, “il guadagno de Mari’ Cazzola”…che per procurarsi la cenere e fare il sapone con cui

L’Udc Bigiotti lancia il sasso Fli Etruria Viterbo,

“Vogliamo la verifica” “

“Abbiamo fatto il pieno”

Confermiamo lo spirito di correttezza e responsabilità nei confronti dell’amministrazione con la quale siamo stati eletti, ma non siamo disposti a fare sconti, soprattutto se per sconto si intende andare contro gli interessi del nostro territorio”. È con queste parole che il capogruppo dell’Udc, Francesco Bigiotti (nella foto), ha aperto ieri la “crisi politica” a Palazzo Gentili. “Il primo anno di lavoro dell’amministrazione provinciale – prosegue – non è stato sempre in linea con quelle che sono state le premesse. La nostra onestà non ci può consentire di far deroga a quelli che sono i principi che hanno portato gli elettori a determinare in seno consiglio provinciale un gruppo forte e assolutamente determinato. D’altronde, non abbiamo mai messo e non mettiamo al primo posto gli interessi di palazzo a quelli della popolazione e del territorio.

Siamo costretti per questo a evidenziare come spesso in questo primo anno di amministrazione, purtroppo la gestione politica è stata derogata a favore delle scelte dei tecnici e che altrettanto spesso nelle scelte politiche si è preferito fare sponda con la minoranza e non con gli alleati del gruppo Udc. Ribadendo la serietà e la volontà del gruppo nel tener fede agli impegni presi ad inizio legislatura abbiamo chiesto una verifica politica programmatica al presidente Meroi. Verifica politica per chiarire gli aspetti della nuova geografia in seno al Consiglio determinata anche dal frazionamento del Pdl con la conseguente nascita di più gruppi. Programmatica per ribadire e sostenere con forza quelli che erano gli obiettivi formalizzati ad inizio legislatura. Trovare una pronta soluzione a queste problematiche è l’auspicio del gruppo del’Udc e dell’intero partito”.

Futuro e Libertà Circolo Etruria ha fatto il pieno. Tutti i suoi candidati sono stati eletti ( Rapiti a Valleranno, Biancucci a Vetralla, Occhione esponente del Terzo Polo ad Acquapendente, Conestà a Marta)”. A dichiararlo è il Circolo Etruria Viterbo di Futuro e Libertà. “La politica del territorio paga; non pagano invece la presunzione di certi coordinatori regionali, che pensando di essere dei piccoli satrapi, vogliono decidere, af�dandosi a dei personaggi sconosciuti che non hanno nessun consenso. Forse ora l’On. Buon�glio – aggiunge la nota del Circolo – il quale in assoluta solitudine e senza nessuna informazione ha sostenuto Dimitri Campagnola a Monte�ascone e a Vasanello il candidato a sindaco Dominga Martines, quest’ultima peraltro neanche espressione del locale circolo di Futuro e Libertà”.

Distretto VT 5 “Erogare i fondi”

E’ fondamentale che vengano al più presto erogati i fondi necessari alla prosecuzione delle attività del Distretto Socio Sanitario VT5”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale, Francesco Battistoni, in seguito alla presentazione di una mozione che impegna la Presidente Renata Polverini e l’assessore alle politiche sociali, Aldo Forte, a risolvere la problematica. Il Distretto Socio Sanitario VT5, attivo da 10 anni, copre un bacino di 60mila abitanti e ha consentito a 11 Comuni del Viterbese di lavorare insieme, garantendo ai cittadini servizi indispensabili, come l’assistenza domiciliare agli anziani e a persone diversamente abili, i servizi di telesoccorso e telecardio, l’assistenza sociale ai minori.

lavare le lenzuola, bruciò prima quest’ultime. Personaggio realmente esistito, dunque esperienza ripetibile. Ma non da politici come Gigli & C. che – in quanto a tattica e strategia – si sono formati alla scuola della Democrazia Cristiana. Nobile e soprattutto attenta ad evitare inutili avventure d’ogni tipo e fattura. Seconda interpretazione. L’Udc è stanco dei presunti giochi di sponda tra Pd e Pdl. Spesso i gruppi di Mantuano e Grattarola hanno votato insieme su diversi fronti. Tuttavia una mente politica come si deve – Bigiotti, Gigli

e Santucci lo sono – vedrebbe in queste intese istituzionali non la “manovra”, bensì la prova di forza, il metodo e la necessaria capacità di dialogo. Oltretutto, le alleanze strette dai centristi in campagna elettorale dovrebbero contribuire a smentire questa visione delle cose. C’è in�ne una terza ipotesi. Quella dell’”outing-espiatorio”, ossia del rivelare pubblicamente una generale situazione di debolezza politica provando a trovare la soluzione assieme a tutta la maggioranza. Con tanto di “sacri�cio” �nale per il bene di tutti. Chiedere una veri�ca di maggioranza signi�ca difatti rivedere le posizioni all’interno della giunta rapportandole a dati reali intervenuti nel frattempo. Ora l’unico elemento a disposizione è quello delle elezioni. Dove l’Udc ha penato, uscendone evidentemente ridimensionato. E sulla scia di questo, l’apertura di una crisi potrebbe avere il sapore d’una presa d’atto e della successiva ricerca di una soluzione. Ora i centristi in Provincia dispongono di ben 3 assessori su quattro consiglieri presenti. Ognuno con deleghe pesanti: turismo, sport e bilancio. Uno di loro, a Monte�ascone ha ri�utato sia l’alleanza con il Pdl sia quella con il Pd. Risultato?

Il Partito Democratico ha conquistato il posto da Sindaco e il Popolo della Libertà ne è uscito come il maggior partito della città. E l’Unione di Centro? È rimasta con un palmo di naso. Fallimento sia strategico (non è in giunta) che tattico (non fa nemmeno parte di un forte gruppo d’opposizione). Cosa che alcuni non avrebbero affatto gradito. Pertanto la domanda che poniamo al lettore è la seguente: chiedendo la veri�ca, l’Udc non corre il pericolo di una controffensiva da parte degli altri uomini della maggioranza rischiando di passare da tre posti a due nell’esecutivo provinciale? Che signi�cato avrebbe allora quel bene comune invocato in qualche modo da Bigiotti? Signi�ca forse rinunciare a un assessore? Sbarazzarsi di Danti che a Monte�ascone ha fallito? Tuttavia un risultato Bigiotti, Santucci e Gigli l’hanno ottenuto e gliene va dato atto. Hanno ricompattato il Pdl a Palazzo Gentili. Persino Capitoni, Cuzzoli e Staccini. Tutti insieme per chiedere a gran voce la convocazione del coordinamento provinciale che – per qualcuno – proprio non ci voleva. “Non ora, non qui”…cantavano un tempo i Csi.

Caos in Provincia, la risposta del Pdl Sulla crisi interviene

“Convocare il coordinamento” A

anche Grattarola

G

razie alla mossa dell’Udc, il Pdl si ricompatta e chiede pure la convocazione del coordinamento provinciale del Partito. A �rmare la replica al comunicato Francesco Bigiotti chiede la “veri�ca” sono infatti tutti i consiglieri guidati da Gianluca Mantuano. Quattordici in tutto, compresi quelli che a suo tempo provarono a dar vita ad un distinto gruppo di centrodestra. “Prendiamo atto della richiesta del gruppo consigliare dell’Unione di centro in merito ad una veri�ca dell’attività politica e amministrativa – scrivono – Siamo assolutamente disponibili ad avviare un confronto franco, leale, trasparente e costruttivo sulle questioni organizzative, strutturali e politiche poste dagli amici dell’Udc, volto a consolidare lo schieramento di maggioranza votato dagli elettori un anno fa. In questi dodici mesi di guida della Provincia, del resto, non crediamo sia mai mancata la concertazione sul programma di governo con i nostri alleati. Il nostro giudizio sul primo anno di guida dell’Ente di via Saf� è quindi positivo, così come altrettanto positiva è la valutazione sull’operato della giunta e del suo presidente. Riteniamo altresì incisivo il percorso avviato unanimemente e sempre largamente condiviso dalle forze politiche di

questa coalizione. In un momento in cui la politica attraversa una crisi generale che offre scarsi punti di riferimento, tutti i componenti del gruppo del Popolo della libertà in Provincia – pur considerando il delicato passaggio interno di ri�essione sugli assetti attuali e futuri del partito – confermano la propria unità politica e una totale comunione d’intenti per ciò che riguarda le scelte che dovranno portare alla realizzazione del programma di governo votato dagli elettori. In questa ottica, riteniamo quindi utili le osservazioni degli amici centristi, i quali a maggior ragione ora offrono una valida occasione per aprire una seria veri�ca sugli aspetti politici che interessano l’attività della Provincia sul territorio. Anche alla luce di una non più dilazionabile analisi dell’operatività, della gestione e di un nuovo impulso da dare al nostro partito, chiediamo quindi la convocazione del coordinamento provinciale del Pdl. Il tutto – concludono i 14 di Palazzo Gentili – con la certezza che sapremo proseguire insieme all’Udc verso una positiva sintesi capace di soddisfare nella maniera più giusta ed appropriata le legittime aspirazioni di buon governo dell’Amministrazione”.

nche il capogruppo del Pd a Palazzo Gentili, Federico Grattarola, ci mette del suo. “Le criticità in provincia che sembravano all’inizio di questa legislatura apparentemente superate riemergono con forza. Segnalai e sottolineai in consiglio provinciale all’inizio di questa esperienza che ci sarebbero stati strascichi dopo gli accordi forzati e legittimati dalla magistratura e che le ferite aperte sarebbero state dif�cilmente rimarginabili perché derivavano da scelte poco chiare a da molti ritenute inaccettabili e incomprensibili. Ricordiamo – fa notare Grattarola – che gran parte dei candidati del Pdl e delle liste collegate proposero, subito dopo la presentazione delle liste, ricorso avverso l’apparentamento fatto nottetempo con l’Udc. Le criticità, all’epoca, sembravano apparentemente superate e quello che appariva chiaro a tutti era che risultata vincente la linea di resistenza messa in piedi proprio dall’Udc, ultimo arrivato e quasi da nessuno voluto perché portava a casa tre assessorati pesanti. Oggi scopriamo che l’Udc ‘non è più disposto a fare sconti, soprattutto se per sconto si intende andare contro gli interessi del territorio’. E che, dice Bigiotti, ‘nel bilancio del primo anno di questa amministrazione, non possiamo per onestà, dire che tutto sia andato bene e che questa amministrazione abbia fatto il necessario rodaggio per operare nel migliore dei modi”’. Ciò rappresenta l’epilogo di una coalizione che ha vinto ma la sua rischia di essere una vittoria di Pirro, una vittoria che rende impossibile affrontare i temi fondamentali come per esempio i problemi della gente resi ancora più gravi dall’avanzare di una crisi economica che sembra inarrestabile”.


primo piano UNIversINFO interni

2 6

Dopo il successo dei due anni precedenti è in arrivo la terza edizione

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato Aprile Venerdì 120Ottobre 2010 Venerdì30 Maggio2011 2011

La pagina è curata da: UNIVERCITY

In redazione:

Campogiovani 2011 Laziodisu: incentivi una vacanza diversa per gli studenti della Tuscia Sabrina Cima Irene Selbmann

indirizzo e-mail: redazione.univercity@gmail.com contatto facebook: univercity Viterbo

CHATTANDO CON...

A tu per tu con Simone Ubertazzo di LEONARDO CAPOTONDI

I

ncontriamo oggi Simone Ubertazzo, un giovane che si è dato e si sta dando molto da fare nell’ambito universitario locale. Nato a Civitavecchia, laureato in Economia, insegnante di nuoto, è anche Senatore Accademico. Sei diventato Senatore accademico ed ora rappresenti gli studenti della tua zona. Perché hai deciso di candidarti? È qualche anno ormai che faccio parte di questa università, quindi insieme ad altri amici abbiamo deciso di metterci in gioco nelle elezioni dello scorso anno. La voglia di mettermi a disposizione di ogni studente dell’Ateneo stesso mi ha spinto verso questo incarico. Il fatto che sei stato eletto vuol dire che gli studenti dell’Ateneo si sono �dati di te. Ti sei mai chiesto perché? La mia elezione non è stata solamente merito mio ma, come dicevo prima, di un gruppo di ragazzi e ragazze che hanno voluto iniziare un cammino insieme a me. Quindi chi mi ha votato non ha votato solamente Simone Ubertazzo ma dei ragazzi un po’ “ribelli” che vogliono migliorare la vita degli studenti della Tuscia attraverso la voce di tutti gli iscritti a questo Ateneo. Quindi quello che li ha spinti a votarmi è stato aver capito che sarebbero stati tutti partecipi del mio cammino. Ora che ti trovi all’interno di quest’organo universitario, ti sarai reso conto che come in tutti gli incarichi di rappresentanza, ci si fa portavoce di un intero gruppo, in questo caso quello studentesco. Come reagisci alla pressione che nasce spontaneamente?

Essere portavoce dei giovani è una cosa che dà una carica inimmaginabile e quando si è in Senato a difendere (quando ce n’é bisogno) i diritti di ogni singolo studente, la pressione non si sente, svanisce come per magia e si trasforma in pressione per chi ascolta, poiché recepisce che la mia voce non è l’unica, in quanto “eco” di tutti i ragazzi che mi sento di rappresentare. Quali sono i compiti più dif�cili che ti sei trovato ad affrontare durante il tuo percorso? Diciamo che questa nuova riforma ci sta facendo lavorare molto, ma con piacere perché so che se lavoreremo bene faremo star bene anche gli altri studenti. Una volta che sarà terminato il periodo del tuo mandato, pensi di candidarti o hai deciso già di lasciar spazio ad altri giovani? Vorrei male agli studenti di questo ateneo se mi candidassi di nuovo! Battute a parte, oltre alla mia età, che non è più quella del giovane studente, quello che mi piacerebbe è che ci fosse un gruppo che dia continuità al lavoro che sto facendo insieme agli altri rappresentanti. Quindi ci saranno sicuramente giovani validi che ci sostituiranno. Che prerogative dovrebbe avere, secondo te, un buon rappresentante del Senato Accademico? L’unica prerogativa che credo debba avere un rappresentante degli studenti, indipendentemente dalla carica speci�ca, è la volontà di mettersi al servizio del prossimo, cercando di aiutare chiunque ne abbia bisogno, come sto cercando di fare io da circa un anno. Ringraziamo Simone Ubertazzo per la sua disponibilità.

di SABRINA CIMA

“ di IRENE SELBMANN

S

ei iscritto ai primi anni di università? Hai massimo 22 anni? Ti piacerebbe fare della tua vacanza un’avventura intelligente, divertente e utile? E magari vorresti che fosse anche gratis! Grazie a Campogiovani, tutto questo è possibile. Campogiovani è un’iniziativa del Ministero della Gioventù che, dopo il successo dei due anni precedenti, nell’estate 2011 giunge alla sua terza edizione. Sono veramente moltissimi i posti messi a disposizione per chi vuole passare una settimana all’insegna dell’impegno civile, in località bellissime, senza trascurare il divertimento e incontrando ragazzi provenienti da tutta Italia. Sono previsti campi allestiti in tutta Italia, in collaborazione con Capitanerie di Porto, Marina Militare, Croce Rossa Italiana e Vigili del Fuoco. Come funzionano i campi? I ragazzi selezionati per partecipare possono seguire lezioni e svolgere attività diverse, a seconda dell’istituzione che organizza il campo. La Marina Militare organizza corsi velici della durata di 10 giorni presso l’Accademia Navale di Livorno, la Scuola Sottufficiali di La Maddalena ed il Distaccamento Marina Militare di Napoli. Nei campi della Capitaneria di Porto è possibile svolgere manovre e piccole esercitazioni, partecipare a visite guidate e imparare quali sono le attrezzature in dotazione al Corpo. Un modo nuovo e coinvolgente per avvicinarsi alla cultura del mare. Con la Croce Rossa Italiana si vive un’esperienza unica per venire a contatto con l’educazione alla salute, alla pace, al servizio per la comunità e alla coopera-

zione internazionale. Una vacanza spesa per la tutela della vita, per combattere le discriminazioni e capire il valore dell’amicizia tra i popoli, specialmente in situazioni di grave emergenza. Il Lazio ospita i campi CRI nelle seguenti località: Ronciglione (VT), Ciampino (RM), Cassino (FR), Palombara Sabina (RM) e Monterotondo (RM). Anche i Vigili del Fuoco hanno organizzato diversi campi nel Lazio, presso il comando di Roma e Frosinone. Sono finalizzati alla divulgazione della cultura della sicurezza antincendio e del soccorso pubblico. I ragazzi impareranno le principali pratiche per la gestione delle emergenze e per il primo soccorso. Come si partecipa? Per inviare la domanda di partecipazione c’è ancora tempo fino al 30 maggio 2011. Si viene selezionati per merito: gli studenti più bravi avranno la possibilità di partire. Per tutte le informazioni, per consultare i bandi e per vedere foto e video delle precedenti edizioni di Campogiovani è possibile visitare il sito www.campogiovani.it

La scuola è aperta a tutti. I capaci, i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno il diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso”. Questo principio, personificazione della democrazia, è sancito dall’articolo 34 della Costituzione italiana. In conformità con quanto dettato dalla Costituzione, la regione Lazio stanzia annualmente dei fondi a beneficio di tutti coloro che volendo intraprendere un percorso universitario, trovandosi alle soglie del reddito minimo e con una media di voti idonea, potranno usufruire non solo delle borse di studio ma anche di aiuti più concreti riguardanti alloggi, servizio mense, navette, sovvenzioni per consentire mobilità internazionali. Nello specifico Laziodisu, ‘ente per il diritto agli studi universitari nel Lazio, avendo sostituito le precedenti Adisu –Aziende per il diritto allo studio universitario–, è l’organismo preposto alla realizzazione degli interventi per il diritto agli studi a favore di tutti gli studenti afferenti alle università della regione. Laziodisu ha adottato un regolamento per la promozione ed il sostegno di

Gli eventi... V

enerdì 27 maggio, ore 20.30 presso la sede di Economia e Commercio avrà luogo la festa di facoltà organizzata dallo staff di Univercity Martedì 24 maggio, dalle ore 15.00 alle ore 24.00 “unicittà”, una serie di eventi, che andranno dalla musica dal vivo, teatro, spettacoli da strada alle mostre d’arte, con proiezioni fotografiche, presso la sede del rettorato di Santa Maria in Gradi Da mercoledì 25 maggio a d o m e n i c a 2 9 , ‘ Yo u n g J a z z F e s t i val’

iniziative culturali, sportive e ricreative al fine di contribuire alla formazione culturale e alla maturazione personale, migliorare la qualità della vita con particolare riferimento agli studenti fuori sede. Nondimeno intende facilitare il dialogo tra il mondo studentesco e la popolazione dei territori sede di strutture universitarie, garantire la pluralità degli orientamenti culturali nonché avvicinare il mondo studentesco delle università del Lazio e quello di altre università, in campo italiano e non. In breve: incentivare la realizzazione di momenti di incontro e di discussione ed assistere con provvedimenti finanziari chi ne necessita. D’altra parte è compito della democrazia assicurarsi che tutti i cittadini siano posti a condizioni di equità e giustizia per potersi evolvere, professionalmente e culturalmente, senza impedimenti di origine economica. “É compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del paese”[art.3 Cost.] Per ulteriori informazioni su Laziodisu consultare il sito http://www.laziodisu.it


Venerdì 20 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

attualità

Venerdì 1 Ottobre 2010

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 7

Il progetto promosso dalla Città di Viterbo e dal Centro Commerciale Tuscia sta ottenendo grandi adesioni

Il giornalismo protagonista a ‘Canto & Disincanto’ A

‘Canto & Disincanto’ diventa protagonista la scrittura. Al via i laboratori di giornalismo, con lezioni tenute da professori dell’Universitàè della Tuscia e giornalisti professionisti. Decolla la nuova edizione del concorso che dà spazio alle voci poetiche della Tuscia, ‘Canto & Disincanto’, progetto promosso dalla Città di Viterbo insieme al Centro Commerciale Tuscia che sta ottenendo un grande successo anche per questa edizione 2011. I Laboratori sono un’occasione per avvicinare i giovani studenti all’importanza della cultura e del sapere, alla parola scritta e alla lingua e sono sviluppati su due livelli. Il primo è frutto della collaborazione con giornalisti professionisti e con l’Università degli Studi della Tuscia: si tratta di lezioni frontali sull’importanza della cultura e del sapere come mezzo per la libertà individuale. Docenti d’eccezione sono: il dottor Tassi, giornalista professionista e dall’Università degli Studi della Tuscia, la professoressa Melchiorre, docente di Lingua e Letteratura inglese , il prof. Fiorentino, docente di Comunicazione, e le dottorande Silvia Proietti e Ilenia Imperi. Il secondo livello è pratico: gli studenti stanno effettuando delle interviste ai visitatori del Centro Commerciale Tuscia per indagare l’importante ruolo che il sapere detiene tra i nostri concittadini. Le risposte verranno rielaborate dagli stessi studenti al �ne di creare degli articoli, che andranno a comporre un giornale speciale, che verrà distribuito in tutte le scuole aderenti, a testimonianza dell’impegno dei ragazzi: il Corriere di Tuscia. Partecipano ai laboratori: La Scuola Secondaria di Primo Grado dell’Istituto Comprensivo ‘Pio Fedi’: la lezione è tenuta dalla dottoressa Proietti e dalla professoressa Melchiorre; la Scuola Primaria di Tre Croci e la Scuola Secondaria di Primo grado ‘E.Monaci’ di Soriano nel Cimino, che grazie alla lezione del dottor Tassi, giornalista professionista, possono scoprire il signi�cato di un mestiere molto ambito: quello del giornalista.

L’unico Papa portoghese della storia è sepolto nel duomo

Venerdì 20 Maggio tocca alla Scuola Secondaria di Primo grado ‘San Benedetto’, che incontra i docenti dell’Università, la professoressa Melchiorre e la dottoressa Imperi. Il 24 Maggio sarà protagonista dell’evento la Scuola Primaria ‘Luigi Concetti’, e la lezione sul valore del sapere sarà tenuta da un docente d’eccezione: il professor Fiorentino del dipartimento di comunicazione dell’Università degli studi della Tuscia. In�ne il 26 maggio la Scuola Primaria ‘Aldo Morelli’ di Montalto chiude il ciclo di incontri con la dottoressa Proietti dell’Università degli studi della Tuscia e con il dot-

L’ambasciatore del Portogallo sulla tomba di Giovanni XXI

A ‘Funamboli’ si parla d’arte In studio Tonelli, Asdrubali e Ciorba D

omani ore 16 tutti sintonizzati su Radio Verde per un puntatone di ‘Funamboli’. Il primo talkshow radio viterbese, condotto da Emanuela Moroni, Roberto Pomi e Pietro Boschi, affronterà il tema dell’arte. Immancabili ri�essioni sulla situazione artistica viterbese ma soprattutto questi giovani speaker “diversamente radiofonici” avranno come ospiti della puntata due viterbesi che nel mondo alto dell’arte hanno saputo farsi valere. Tra i ‘Funamboli’ nello studio di Radio Verde sarà protagonista il critico Marco Tonelli. Si tratta di uno dei dimissionari dal comitato scienti�co del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia. Il viterbese non ha condiviso l’atteggiamento assunto da Vittorio Sgarbi sulla scelta ultima degli artisti italiani della Biennale e ha preferito lasciare il comitato. Interverrà nella trasmissione anche Gianni Asdrubali, viterbese che sarà presente proprio alla Biennale che apre a giugno. La trasmissione affronta anche la vicenda dell’ex chiesa degli Almadiani, un vero e proprio

museo nascosto. Si parlerà dell’incapacità dell’amministrazione comunale di tutelare capolavori dell’arte internazionali, donati a Viterbo, negli anni ���90 da Daniel Buren e Sol Le Witt. Opere d’arte dal grandissimo valore che il Comune di Viterbo pensò bene di rimuovere e coprire con l’intonaco. Maledetta ignoranza. Protagonista della puntata anche il Commendatore Alberto Ciorba che

racconterà la scoperta, compiuta da lui stesso e dai suoi operai, di un ciclo pittorico del ‘500 nascosto dalla volta degli Almadiani. Un ciclo pittorico bellissimo che Ciorba ha intenzione di rendere visibile ai viterbesi e per questo al centro di un interessante progetto pronto per essere presentato all’Unione Europea. Tutto questo e molto di più su ‘Funamboli’, sintonizzatevi.

tor Tassi. A partecipare alle interessanti ma anche divertenti lezioni sono oltre 200 ragazzi. Un numero straordinariamente importante, considerato il fatto che i temi della conoscenza e del sapere sono temi dif�cili e sicuramente non percepiti come intriganti. La

partecipazione massiccia delle scuole della Tuscia, invece, ci fa comprendere come essi possano attirare consenso e condivisione in modo unanime. Grazie ai preziosi insegnamenti acquisiti, i piccoli giornalisti potranno realizzare gli articoli che verranno pubblica-

ti su un giornale tutto nuovo: il Corriere di Tuscia. Da ricordare l’appuntamento �ssato per giovedì 3 giugno, una grande festa al Centro Commerciale Tuscia per premiare e applaudire i talenti, circa 900 ragazzi, di ‘Canto & Disincanto’.

di ROBERTO POMI

O

ggi è l’anniversario della morte del Papa Giovanni XXI (maggio 1277), unico papa portoghese e sepolto nella Cattedrale di Viterbo. L’Ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede, insieme a una delegazione portoghese renderà omaggio alla tomba del Papa, da alcuni anni restaurata e riposizionata nella navata sinistra in alto nella Cattedrale di Viterbo. Sarà una visita uf�ciale, pertanto l’Ambasciatore saluterà in vescovado il Vescovo di Viterbo S.E. Mons. Lino Fumagalli e subito dopo renderà omaggio alla tomba con un omaggio �oreale. Al termine assisterà nella cappella dei SS. Valentino e Ilario compatroni di Viterbo alla Santa Messa. Si tratta di un momento molto signi�cativo per la città di Viterbo che rimarca il profondo signi�cato storico di questa nostra città che galleggia sopra l’oro senza rendersene conto. L’interesse, �no al punto di invia-

re un ambasciatore, per un Papa della storia riattualizza e rimarca anche l’importanza del progetto di ritrovamento della sepoltura di Papa Alessandro IV. Progetto che deve essere sostenuto dalle istituzioni e dalle forze vive della Tuscia perché funzionale alla crescita dell’importanza e del richiamo turistico della città di Viterbo. La lentezza, con cui ci si sta approcciando al progetto, avanzato dall’archeologo spagnolo Alberto pichardo, non è affatto positiva. Testimonia che ancora una volta nel viterbese manca l’incisività giusta per cogliere al volo occasioni di promozione uniche e necessarie. Il progetto, abilmente articolato in diverse fasi dal costituito comitato scienti�co, è sicuramente una delle realtà più interessanti che hanno messo piede nel viterbese negli ultimi decenni. Anche qui il ruolo della Curia deve essere determinante e propositivo. Al vescovo Lino Fumagalli il peso del compito di farsi pastore di questo prezioso progetto di ricerca.

Il vescovo Fumagalli ha incontrato le scuole cattoliche U

na mattinata carica di emozione e di festa quella vissuta ieri al Santuario della Madonna della Quercia, patrona della Diocesi di Viterbo. Il vescovo Lino Fumagalli ha infatti incontrato tutti gli alunni e i corpi docenti delle scuole cattoliche, classi superiori, della Diocesi. Lino Fumagalli è particolarmente vicino al mondo della Scuola e dell’insegnamento a motivo dei suoi oltre 33 anni di insegnamento e poi perché nella CEI (Conferenza Episcopale Italiana) è membro della commissione episcopale per l’educazione cattolica, la scuola e l’uni-

versità. Gli alunni e i presidi degli istituti Liceo delle Comunicazioni e scenze umane ‘Card. Barbarigo’ di Montefiascone, Liceo Scientifico ‘Ragonesi’ di Viterbo, Liceo biologico ‘M.Pie Venerini’ di Viterbo e il Liceo linguistico ‘Merlini’ di Viterbo hanno reso omaggio al vescovo e lo hanno accolto con gioia e applausi. Successivamente la messa durante la quale il vescovo, nell’omelia ha tracciato quattro necessità incombenti per la scuola, alunni e docenti. 1)La scuola deve creare personalità forti, cioè consistenti capaci di recu-

perare slancio ed energia”. Il vescovo ricordava che il compito della scuola è anche quello formare persone responsabili della propria formazione umana. Responsabili culturalmente ma anche umanamente e il vescovo li ha definiti “appassionati ricercatori”. Ogni scuola al termine di un anno scolastico è chiamata a fare anche questa verifica. Non basta la lista dei promossi o bocciati, la scuola deve lavorare per plasmare e per costruire un mondo migliore. 2) “Diffidare da coloro che nella vita vi chiedono poco”. Il Vescovo ricordava che il poco non serve a

niente e a nessuno. Nella scuola si deve chiedere molto perché l’impegno crea persone impegnate che non si stancano mai. 3) “Collaborare con chi vi chiede tanto”. Il vescovo ha esortato tutti gli alunni a collaborare con gli insegnanti e gli insegnanti ad essere oltre che preparati ed umani anche di buon esempio per i ragazzi. 4) “Nella vita non si deve dire mai: non ci riesco”. Lo sforzo e l’impegno non devono mai mancare ma anche un “rapporto umano” fra alunni e insegnanti che possa stabilire armonia e più utile e proficua collaborazione.


primo piano interni litorale

2 8

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato Aprile Venerdì 120 Ottobre 2010 Venerdì30 Maggio2011 2011

TARQUINIA

Un grandioso evento musicale che vedrà protagoniste alla Roccaccia oltre quaranta band

Agriturock: inizia la festa

TARQUINIA - Contro il tumore monumenti ‘in rosa’

di ALESSANDRO SACRIPANTI

I

nizia stasera il grande evento musicale ‘Agriturock’ che si svolgerà alla Roccaccia con oltre 40 band e 100 iscritti alle ‘master class’. Sono numeri da record per ‘Agriturock’, riferiscon soddisfatti gli organizzatori che stanno realizzando la maratona della musica organizzata dall’assessorato agli spettacoli e alle politiche giovanili del Comune di Tarquinia e dall’Università Agraria, con la collaborazione tecnica della cooperativa Alice. La manifestazione si svolgerà stasera e proseguirà anche domani sera alla Roccaccia, e sono previsti oltre 40 gruppi che parteciperanno ai due concerti alle ore 21.00, e gli altri cento musicisti seguiranno domani le ‘master class’ con questi orari: 10.00 - 12.00 - 14.00 - 16.00, tenute da Cesareo, il famoso chitarrista degli Elio e le Storie Tese, Fabio Pignatelli, bassista dei Goblin, Paolo Pel-

Al via Race for the Cure D legatti, batterista fondatore del gruppo ‘La Drummeria’, la più importante band italiana di batteristi, e Gabriela Scalise, cantante e insegnante nel talent televisivo di Canale 5 ‘Amici’. Novità nella programmazione per i due live serali, con il primo condotto da Ste e Tato, ovvero i conduttori più ‘esagerati’ di RockTV, e il secondo af�dato alla voce

di Mario Riso. Parole di soddisfazione in sinergia da parte dell’assessore Giancarlo Capitani e del presidente dell’Agraria Alessandro Antonelli –”Numeri che confermano la crescita in termini di qualità dell’evento. – sottolineano con soddisfazione. Saranno due giorni di grande musica dal vivo, arricchiti dal-

le esibizioni dei tanti gruppi, che saliranno sul palco del campo base del centro aziendale della Roccaccia. Un ringraziamento – concludono Capitani e Antonelli - va a tutti coloro che in queste settimane hanno lavorato all’organizzazione di ‘Agriturock’, in particolar modo alla coordinatrice della cooperativa Alice, Elisabetta Ciolli”.

MONTALTO - Numerosi gli appuntamenti nel corso del mese MONTALTO - Contraria anche Noi di Montalto e Pescia

Maggio a tutto divertimento Aumentano i No al nucleare di GIOVANNI CORONA

I

l mese di maggio della cittadina castrense sarà all’insegna della cultura e del divertimento. Si parte domani pomeriggio alla 17:30 con il secondo appuntamento di “CULTURAinCONTRO: La cultura come percorso personale”, a cura di Carlo Falzetti. Venerdì 27 invece, i ragazzi del Centro Disabili “MARATONDA” presenteranno alle ore 21:00, nel complesso di San Sisto, lo spettacolo teatrale “VOCI”, curato da Marcello Sambati. I prossimi 27,28 e 29 maggio si terrà inoltre l’ottava Edizione della Sagra dell’Asparago Verde.

Domenica 29 maggio in�ne al Parco di Vulci si volgerà “L’Archeotrekking”, in una giornata dedicata alla riscoperta degli angoli più incantevoli ed inaspettati della natura circostante.

I

l giorno del Referendum sul nucleare si avvicina e l’associazione NOI di Montalto e Pescia continua nella sua battaglia contro la possibilità che una centrale atomica venga installata nella cittadina castrense. “Il senatore PD Ugo Sposetti –affermano i membri di NOI- durante un dibattito alla festa dell’ Unità 2009 tenutasi a Montalto di Castro affermò con grande convinzione che « fu un errore per l’Italia uscire dal nucleare». NOI, la pensiamo in maniera diametralmente opposta: primo perché fuori da logiche di partito e poi perché vogliamo bene al nostro paese. Il rilancio del turismo, dell’ agricoltura, del commercio e dell’ artigianato, nonché anche

delle piccole industrie in maniera seria e fattiva, non possono prescindere da tali dichiarazioni. Il nostro invito –concludono i membri dell’associazione- è quindi quello di votare SI ai referendum e di partecipare alla catena umana organizzata dal comitato antinucleare di Montalto, in programma per domenica 22 maggio a Montalto marina”. (G.C.)

a oggi �no a domenica la Chiesa di Santa Maria in Castello e il torrione di Matilde di Canossa si coloreranno di rosa per la lotta contro il tumore al seno. E’ stato denominato il giorno della ‘Race for the Cure’, la maratona a scopo bene�co organizzata dalla Susan G. Komen Italia che si terrà a Roma, e in occasione di questa grande manifestazione con una maratonina di 5 km. organizzata dall’Associazione Susan G. Komen Italia che si svolgerà nella capitale il 22 maggio, la Chiesa di Santa Maria in Castello e il torrione detto di ‘Matilde di Canossa’ verranno illuminati di rosa a partire da oggi �no al giorno della maratona. L’iniziativa di ‘colorare’ due dei monumenti simbolo della città è nata da un’idea della tesserata dell’Andos Laura Valeri ed è stata immediatamente accolta dal sindaco della città Mauro Mazzola e dalla Consulta comunale delle Associazioni di Volontariato e dalla stessa Associazione. Nelle parole del primo cittadino e dell’amministrazione comunale l’invito alla popolazione ad esporre alle �nestre delle proprie abitazioni �occhi rosa, per far sentire ancora di più la sua vicinanza ai maratoneti. “Sport e solidarietà sono un binomio perfetto – esordisce il sindaco Mazzola – La ‘Race for the Cure’ rappresenta un’occasione importante per sensibilizzare l’opinione pubblica e, soprattutto, per reperire le risorse economiche necessarie a trovare nuove ed ef�caci cure. Tarquinia – conclude Maz-

zola - ha voluto esprimere la propria solidarietà”. Soddisfazione da parte di Laura Valeri che supporta l’evento – “È indispensabile trovare strade nuove per aumentare le possibilità di guarigione e migliorare la qualità della vita delle donne che sono colpite dal tumore al seno. Il sostegno dell’amministrazione comunale – aggiunge la Valeri - è un importante segnale di sensibilizzazione al problema”. A questa corsa che sostiene un obiettivo a scopo bene�co parteciperà un nutrito gruppo tarquiniese, composto sia da atleti che da uomini e donne, nonché famiglie, che gareggerà con i colori della squadra ‘Velia’, team di cui fanno parte anche persone delle città di Bracciano, Anguillara, Trevignano, Manziana, Canale Monterano, Oriolo Romano e Ladispoli. (A.S.)


Venerdì 20 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

area braccianese Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 9

La ristrutturazione dell’impianto sportivo “E. Galli” non consentirà più lo svolgimento di discipline olimpiche

Atletica leggera? No, grazie

Borgo San Martino sul piede di guerra

di BRUNA DI BERARDINO

C

on la ristrutturazione dell’impianto sportivo comunale “E. Galli” l’Amministrazione Ciogli ha fatto una vera e propria scelta politica. La struttura è stata trasformata da impianto sportivo polivalente a campo esclusivamente da calcio. Ciononostante, su esplicita prescrizione del Coni, nell’anello della pista di atletica è stato realizzato un sottofondo in conglomerato bituminoso, questo in virtù di un suo futuro eventuale recupero. Si tratta di una decisione che soddisferà sicuramente le società calcistiche, le quali, da anni, vedono le loro ambizioni di crescita frenate da un campo fatiscente, una struttura insuf�ciente per il numero di squadre che vi sono in città, ed inadeguata per le attuali norme del settore giovanile che impongono alle scuole calcio di giocare in campi ridotti. Al contrario invece, avrà pesanti ripercussioni per tutte quelle associazioni che praticano uno sport diverso dal calcio, difatti, vista la non conformità della pista e la sua inutilizzabilità per le discipline sportive di atletica, sarà preclusa ogni possibilità di praticare diverse attività ed organizzare meeting e gare. Di fronte alle rimostranze avanzae da parte delle asso-

Un’altra Cupinoro ai confini del Comune di Cerveteri?

I

Il campo Galli ciazioni sportive di atletica, il sindaco Gino Ciogli e la sua delegata Paola Calce hanno fatto spallucce e tirato dritto con l’avallo del Partito Democratico che a quanto pare, dimenticando le battaglie del passato per i più deboli, se ne è lavato le mani. Di fronte a questo sfratto bello e buono, ci si domanda quali ripercussioni ci saranno sull’universo dell’atletica cerite, quante società sopravviveranno,

quali alternative ci saranno per tutti quei bambini ed adolescenti che non amano il calcio. Inoltre, dove si alleneranno quei numerosi atleti che praticano diverse discipline: potrà la nostra città un giorno tornare ad ospitare piccole e grandi manifestazioni sportive? Potrà mai vedere gareggiare i propri atleti? Insomma una nebulosa sta per offuscare le poche certezze degli sport olimpionici di Cerveteri: quale futuro

ci sarà per loro? Intanto, sembra che i lavori stiano procedendo disattendendo il “suggerimento” del Coni relativo al sottofondo in conglomerato bituminoso e che stiano scadendo alcuni importanti termini in grado di creare ulteriori disagi economico-logistici alle società di calcio. A quanto pare cambiano gli assessori ed i delegati ma l’improvvisazione e l’approssimazione regnano sovrani.

l Comitato di zona della frazione Borgo San Martino di Cerveteri è sul piede di guerra per scongiurare un’altra Cupinoro ai con�ni del comune. Voci sempre più insistenti riferiscono, infatti, di atteggiamenti di estrema apertura del Sindaco di Fiumicino Canapini in merito all’ipotesi di realizzare nel territorio del proprio comune il dopo Malagrotta. La nuova mega discarica sempre secondo indiscrezione dovrebbe sorgere all’estremo nord del territorio comunale di Fiumicino e, precisamente in Via Castel Campanile in località Palidoro ai con�ni con Valcanneto e Borgo San Martino. Ora, tenuto conto del già martoriato territorio delle due frazioni Ceriti; discarica di Cupinoro a monte delle falde acquifere dell’acquedotto comunale Spanora – Casalone, del

nauseabondo odore che già con le prime giornate di caldo si respira �no a cinque chilometri di distanza dall’impianto in questione nonché dell’inquinamento elettromagnetico prodotto dall’elettrodotto che attraversa Valcanneto e da quello prodotto dalle numerose antenne di telefonia autorizzate in zona, ospitare ai con�ni delle frazioni in questione un’ulteriore discarica sembra davvero po’ troppo. I politicanti Cerveterani sapranno chiudere la porta prima di far fuggire i buoi? “Noi cittadini - ha dichiarato il presidente del Comitato Luigino Bucchi - non staremo di certo a guardare”. Prevista per domani dalle ore 10.00 presso la vecchia ASL di Via Aurelia a Palidoro una raccolta di �rme contro la prevista discarica in discussione.

Il Comune di Bracciano ha denunciato i responsabili dell’atto vandalico

Colpita e rubata telecamera in centro, 9000 euro di danni

Ā‫؀଀؀‬ఀȀ଀ഀĀĀ฀‫؀‬Ȁ

਀଀Ԁ̀ЀȀऀఀഀ฀฀ༀ ༀഀऀȀကȀఀ਀ЀȀ‫؀‬Ѐ̀ഀက̀‫؀‬ЀԀഀᄀᄀሀȀ‫܀‬ఀጀЀ᐀ᔀЀࠀᘀကఀ਀ЀᜀጀᔀЀԀഀᄀЀ‫܀‬ഀ᠀਀ᄀȀऀഀကఀ਀ЀԀ‫؀‬Ѐ ഀ‫᠀਀܀‬Ȁᤀ‫਀؀‬ကഀЀԀഀᄀᄀȀЀᨀ਀ကԀȀᤀ‫਀؀‬ကഀᬀ

di SARAH PANATTA

I

nattesa incursione delittuosa nel pieno centro di Bracciano, nella piazzetta ad angolo con l’entrata laterale del Comune, attualmente adibita ad ingresso principale dell’edi�cio. Durante la serata del 13 maggio un gruppo di ragazzi ha danneggiato ed in seguito rubato una delle videocamere del sistema di videosorveglianza recentemente apposto dall’Amministrazione all’angolo fra Largo Italia e Via XX settembre, vicino al palazzo comunale. Un atto di origine probabilmente vandalica, data la giovane età degli autori ripresi da una delle telecamere attigue, e che l’Amministrazione ha prontamente denunciato alle forze dell’ordine, dichiarandosi tuttavia disponibile al ritiro dell’esposto, previo risarcimento del danno e previsione di un attività di servizio civile. Il Sindaco Giuliano Sala ha affermato di voler colpire “con durezza gli atti vandalici e i danneggiamenti rivolti verso il bene comune” ma anche che “consapevoli che questi atti di vandalismo sono il più delle volte commessi da giovani e giovanissimi che sentono il bisogno di “emergere” nel gruppo al quale appartengono commettendo atti che denotano la mancanza assoluta di senso civico, l’Amministrazione comunale è disposta, pur deprecando l’atto di vandalismo e ferma restando la richiesta risarcitoria del danno a carico degli autori, a ritirare la denuncia, proponendo l’adozione

ĀȀ̀ЀԀ‫܀؀‬Ȁ̀ࠀऀĀȀ̀̀ȀЀԀ‫؀‬Ѐ‫ࠀ̀؀܀‬Ȁ‫਀؀ऀ܀‬ЀԀ‫؀‬Ѐ

ကᄀऀऀ Āሀጀ᐀ᄀᔀᘀሀጀᜀऀऀ ᠀ᄀᤀᤀᄀऀऀ ᐀ᘀऀऀ ᨀᘀᤀᬀᄀᰀᴀᘀሀऀऀ ᐀ᘀऀऀ ᠀ᘀḀᘀἀᄀḀᜀ !ᘀᄀᔀЀЀ ᰀᴀḀḀሀἀ !"#$ЀЀ %ᴀḀḀሀἀ##"&"#'ЀЀ "(#"#)*"$ᰀἀḀᴀЀЀ +ᴀ,Ѐ Ḁሀᴀ(ᴀ,-"*"$Ѐ./00ᔀЀ1ἀЀ(#ἀᰀ*"ἀ#$ЀḀἀЀ($ ἀЀ-$ +Ḁᴀ(("&ἀЀ%"Ѐࠀ"ᰀሀऀ#$ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ'ऀ%ἀЀἀ((ᴀ2ᰀἀ,ᴀЀἀЀ+,$2ᴀ##"Ѐ ᴀ%"ἀᰀ#ᴀЀ !ἀᰀ%$ᔀЀἀЀ3+,$2ᴀ##"Ѐᴀ%Ѐ"ᰀ"*"ἀ#"&ᴀЀ%"Ѐ#ᴀ,*"4Ѐ%ἀЀ,ᴀἀḀ"**ἀ,ᴀЀᰀᴀḀЀ#ᴀ,,"#$,"$Ѐ%ᴀ"Ѐ-$ )ᰀ"Ѐ%"ЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀᔀЀȀḀḀ) "ᴀ,ᴀᔀЀ Āᴀ,&ᴀ#ᴀ,"ᔀЀ ᄀἀ%"(+$Ḁ"ᔀЀ ऀἀᰀ*"ἀᰀἀᔀЀ ऀ$ᰀ#ἀḀ#$Ѐ %"Ѐ Āἀ(#,$ᔀЀ ̀ἀᰀ#ἀЀ ऀἀ,"ᰀᴀḀḀἀᔀЀ ఀἀ,5)"ᰀ"ἀЀ ᴀЀ ఀ$Ḁ6ἀᔀЀ +ᴀ,Ѐ ḀᴀЀ 6"ᰀἀḀ"#'Ѐ ᴀЀ -$ᰀЀḀἀЀ,"+ἀ,#"*"$ᰀᴀЀ%"Ѐ(ᴀ2)"#$Ѐ"ᰀ%"-ἀ#ᴀ7

di misure alternative, come ad esempio la prestazione di alcune ore di servizio civile presso il Comune”. “L’obiettivo primario del Comune di Bracciano” ha aggiunto Sala “è contribuire a far crescere la coscienza civica dei cittadini, stigmatizzando simili comportamenti ma soprattutto operando af�nché non si ripetano in futuro”. Emblematico il fatto che le telecamere siano state installate in quella zona proprio quale deterrente sia nei confronti di sporadici atti di disturbo della quiete pubblica, come le piccole risse e gli schiamazzi delle folte adunanze di ragazzi che frequentano bar e sale giochi vicine �no a tarda notte; sia come segnale del dispiegamen-

to di risorse messe in campo dal comune per salvaguardare la sicurezza degli esercizi pubblici e degli abitanti. Ma più che ri�ettere, come è stato già fatto, sull’importanza di “agenti” di sorveglianza per tutelare l’ordine pubblico, bisognerebbe considerare la totale mancanza di stimoli culturali e morali per molti ragazzi, in particolare adolescenti, che non trovano spazi di realizzazione personale appaganti, che (ri)conoscono con sempre maggiore dif�coltà la propria identità e, ben lungi da rivendicazioni politiche o ideologiche, si divertono a distruggere il cosiddetto bene comune, alla stregua di un qualsiasi altro “bersaglio” della propria rabbia repressa.

(ᜀἀἀሀᰀᜀऀऀऀ ࠀ᐀" ᄀᔀᘀሀጀᜀ&ऀऀऀ ‫܀‬ᤀἀᰀ"ᔀᘀሀጀᜀऀऀऀ ᜀ Āሀᰀᴀᄀᔀᘀሀጀᜀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀ(ᄀ*"ἀᜀऀ+",,*ᘀ ᄀ&ऀ-ᜀ᐀ᘀ ᘀጀᄀऀ ᬀᰀᜀḀᜀጀἀᘀḀᄀऀᜀऀᰀᘀᄀ,ᘀ*ᘀἀᄀἀᘀḀᄀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀԀᰀἀᜀ&ऀԀἀἀᘀḀᘀἀ.ऀᜀऀ଀ᜀጀᘀऀ "*ἀ"ᰀᄀ*ᘀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀऀ /ሀ*ሀጀἀᄀᰀᘀᄀἀሀ&ऀऀ 0ᘀ*ᄀጀἀᰀሀᬀᘀᄀऀऀ ᜀऀ ,ᜀጀᜀ0ᘀ ᜀጀᔀᄀ ࠀ"ᰀሀ 1ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀ ᨀᘀ ᜀᰀ ᄀ ( ᘀᜀጀἀᘀ0ᘀ ᄀ ᜀ 2ᜀ ጀሀ*ሀ3ᘀ ᄀ ࠀ"ᰀሀ ฀ഀഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀ Ԁᤀᤀᘀᤀἀᜀጀᔀᄀ ᄀ3*ᘀ ᄀጀᔀᘀᄀጀᘀ ࠀ"ᰀሀ ฀ഀഀ%ഀഀഀ&ഀഀ ऀ ऀऀऀ ऀऀऀऀᴀᄀᤀᤀᘀᴀሀ ऀऀऀ ऀ5ᘀᴀᬀሀᰀἀሀ ऀऀऀ ऀऀऀ 4 ऀ %ऀऀऀऀ฀ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ ऀऀऀ ऀऀऀऀऀऀ ᴀሀ ऀ ऀऀऀऀ᐀ᘀऀ ᘀऀऀऀऀ ऀऀऀ ऀᴀᄀᤀᤀ ᰀἀሀऀऀऀ ऀऀऀऀ ऀऀऀ ሀ ऀᘀᴀᬀ ऀऀऀ ऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀऀ"ጀ ऀऀἀሀ ᄀ ऀऀऀ ऀᜀᰀሀ3 ऀऀऀ ऀऀऀ ऀᜀᤀᤀᜀᰀᜀ ऀऀऀ ऀऀऀ ऀऀऀऀᬀሀἀᰀ. ऀऀऀ ऀᬀᰀሀ3ᜀἀἀሀ ᘀᄀᤀ "ጀऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀऀऀऀऀ ऀऀ +ᜀᰀ ᜀ᐀ᘀ,ᘀ*ᜀ6ऀऀ%ऀ ऀऀ !ᘀऀऀऀऀ ᰀᘀ 4%฀ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ% ᐀ᘀऀऀऀ ऀᤀሀᬀᰀᄀᘀጀ᐀ᘀ ᄀἀሀऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀ7"ᜀ**ሀ ऀᤀऀऀ"ᬀᜀᰀᘀሀᰀᘀऀᄀ ऀऀ ऀऀ ऀᰀᘀ !ᘀᜀᤀἀᜀऀ ሀጀऀᘀᴀᬀሀᰀἀᘀ ऀ*ᜀ ऀऀ (ᄀᰀᄀጀጀሀऀᰀᜀᤀᬀᘀጀἀᜀ

ᄀἀЀ +,ᴀ(ᴀᰀ#ἀ*"$ᰀᴀЀ %ᴀḀḀᴀЀ ,"-1"ᴀ(#ᴀЀ %$&,'Ѐ ἀ&&ᴀᰀ",ᴀЀ #,ἀ "#ᴀЀ Ḁἀ Ѐ -$ +"Ḁἀ*"$ᰀᴀЀ %"Ѐ )ᰀ Ѐ 3(-1ᴀ%ἀ4Ѐ -1ᴀЀ " Ѐ ($22ᴀ##"Ѐ "ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"Ѐ#,$&ᴀ,ἀᰀᰀ$Ѐ%"(+$ᰀ"!"ḀᴀᔀЀ)ᰀ"#ἀ ᴀᰀ#ᴀЀἀḀЀ-$ᰀ#ᴀᰀ)#$Ѐ-$ +Ḁᴀ#$Ѐ%ᴀḀ Ѐ!ἀᰀ%$ Ѐ./00ᔀЀ+,ᴀ(($ЀḀἀЀ(ᴀ2,ᴀ#ᴀ,"ἀЀ %ᴀḀḀἀЀ ᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀЀĀἀ,"-"&ᔀЀ ("#ἀ Ѐ"ᰀЀ ଀"ἀЀ‫("܀‬$,2" ᴀᰀ#$ᔀ Ѐ890.Ѐ:Ѐ Ā"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀᔀ Ѐἀ+ᴀ,#ἀ Ѐ"ḀЀ Ḁ)ᰀᴀ%;ᔀ Ѐ ᴀ,-$Ḁᴀ%;Ѐ ᴀЀ ЀЀᴀЀЀЀ ᰀ ЀЀ ЀЀ $ᰀ%ἀ*"$ ᨀ ЀЀᴀЀЀḀЀЀЀЀḀЀἀЀЀЀ ЀЀ % ,ᰀᴀ#ЀЀ ЀЀ ("#$ Ѐ "ᰀ#ЀЀᴀЀЀЀ "ḀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀ$ % &ᴀᰀᴀ,%;Ѐ %ἀḀḀᴀЀ $,ᴀЀ <ጀ// Ѐ ἀḀḀᴀЀ $,ᴀЀ 0.ጀᜀ/ᔀЀ $Ѐ -$ᰀ()Ḁ#ἀᰀ ЀЀ ЀЀ#ЀЀጀ ЀЀጀ" "-"& ЀЀ ,ЀЀЀЀ ЀЀᴀ-ἀ ᰀ ЀЀ ===ጀ6$ᰀ%ἀ*"$ ЀЀ ЀЀ,"ጀ ЀЀ $ Ѐ(ЀᴀЀЀ## "Ѐ"ЀЀЀ #Ѐ)##ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ +ᴀ, ЀЀ฀ऀ ЀЀ ऀऀ ฀ ऀЀЀఀഀ ЀЀ ऀऀ ЀЀऀЀЀက89က‫܀‬Ȁ Ѐ>ЀḀ Ѐ ሀЀЀ฀Ѐ฀ ЀЀ4ЀЀЀЀЀ $ ЀЀ Ѐ3Ѐ!ἀᰀ% ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ#ᴀ ᴀ(ᴀᰀ Ѐ+Ѐ,ЀЀЀЀ ᴀЀЀḀЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀ %ᴀᰀ*ἀЀ% Ѐ(Ѐ-ἀ Ѐ%Ѐ"ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ,ЀЀЀЀ "ᰀᴀ ‫؀‬ḀЀЀ#ЀЀЀᴀЀЀЀ ЀЀ ‫؀‬Ѐ($22ᴀ##"Ѐ"ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"ЀἀЀ,"-1"ᴀ%ᴀ,ᴀЀḀሀἀ((ᴀ2ᰀἀ*"$ᰀᴀЀ%"Ѐ6$ᰀ%"Ѐ+ᴀ,Ѐ"ḀЀ6"ᰀἀᰀ*"ἀ ᴀᰀ#$Ѐ%"Ѐ+,$2ᴀ##"ЀЀ,"6ᴀ,"!"Ḁ"Ѐἀ"Ѐ(ᴀ##$,"Ѐ ()%%ᴀ##"ᔀЀ %ᴀ!!$ᰀ$Ѐ "ᰀ&"ἀ,ᴀЀ ḀᴀЀ Ḁ$,$Ѐ ,"-1"ᴀ(#ᴀᔀЀ ᴀ(-Ḁ)("&ἀ ᴀᰀ#ᴀЀ #,ἀ "#ᴀЀ ,ἀ--$ ἀᰀ%ἀ#ἀЀ +$(#ἀḀᴀЀ -$ᰀЀ ἀ&&"($Ѐ %" ,"-ᴀ&" ᴀᰀ#$ᔀЀ"ᰀ%","**ἀᰀ%$ḀᴀЀἀ7 ᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀЀĀἀ((ἀЀ%"Ѐ‫("܀‬+ἀ, "$Ѐ%"ЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀЀ଀"ἀЀ‫("܀‬$,2" ᴀᰀ#$ᔀЀ8?0/?0.Ѐ:Ѐ///@ᜀЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀЀༀ‫ऀ܀‬ᬀጀ ଀ᄀጀ᐀ሀऀఀഀ฀฀ऀ:ऀ ሀጀऀᘀጀ᐀ᘀ ᄀᔀᘀሀጀᜀऀ᐀ᜀ*ऀᤀᜀἀἀሀᰀᜀऀ᐀ᘀऀᄀᬀᬀᄀᰀἀᜀጀᜀጀᔀᄀऀ᐀ᜀ*ऀᬀᰀሀ3ᜀἀἀሀ% Ѐᰀ$ᰀ Ѐ Ѐ ЀᴀЀ ЀЀЀ ЀЀЀ Ѐ"ᰀ%"-ἀ#$ Ѐ ЀЀЀ Ѐ($+,ἀ Ѐ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀᴀḀḀ$ Ѐ5Ѐ ) Ѐ%Ѐ ἀЀЀЀЀЀ ЀЀЀ Ѐ%"&ᴀ,($ Ѐ Ѐ ЀЀЀЀЀ $%$ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ"ᰀ ЀЀ"#ᴀ Ѐ(+ᴀ Ѐ % ЀЀᴀЀЀЀЀЀ ἀᰀ% Ѐ%$ Ѐ ЀḀᴀ Ѐ ЀЀЀ ἀ*"$ᰀᴀЀЀЀ ,ЀЀЀЀ Ѐ Ѐ ЀЀЀЀ-$ᰀ("%ᴀ ᴀ(ᴀЀЀЀЀ"ᰀ ЀЀЀЀ+Ѐ ,ЀЀЀЀ Ѐ က$ᰀ ЀЀ ЀЀЀЀ(ἀ,ἀᰀᰀ$ ,ЀЀ +ЀᴀЀЀЀЀ Ѐ%ἀ#ἀ Ѐ ЀЀЀЀ #ἀЀЀЀ ᴀ%ᴀ#ЀЀЀЀ Ѐ+Ѐ,ЀЀЀЀ ḀἀЀЀЀ ЀἀЀḀЀЀЀЀ ᰀ#ᴀЀЀЀ ЀЀ ᴀЀЀЀЀ ЀЀ ()Ѐ -ЀЀᴀ(("&ἀ #ᴀЀЀЀЀ Ѐ(+ᴀ% Ѐ "ЀЀЀЀ ЀЀ ḀЀЀᴀЀЀЀЀ ЀЀᴀḀ Ѐ5Ѐ) ЀᴀЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ*ἀ ЀЀᴀЀЀᰀ ЀЀ ᰀ Ѐἀ++ Ѐ ἀЀЀ,#ᴀ Ѐ%" Ѐ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ #ЀЀ#Ѐ$Ѐ,ᴀ (ЀᴀЀЀЀЀ Ѐ%ЀᴀЀЀḀЀЀЀЀ ЀЀЀ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀ ἀЀЀ*"$ᰀ" ЀЀ"Ѐ"ᰀ Ѐ% Ḁᴀ Ѐ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ ЀЀᴀᰀ#" ᰀ ЀЀ -$ᰀ#ᴀ ᴀጀ ЀЀ ḀЀЀЀЀ Ѐ+$( Ѐ #ἀ Ѐ#Ѐ"ЀЀЀ !,$ЀЀЀ Ѐ"ḀЀ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ Ѐ6ЀᴀЀЀ%ᴀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ 6ЀЀἀЀ,' ЀЀЀ ἀḀᴀЀ ЀЀ ЀЀ5) Ḁἀ ࠀᴀ,Ѐ #)##"Ѐ "Ѐ -1"ἀ," ᴀᰀ#"Ѐ "ᰀЀ $,%"ᰀᴀЀ ἀḀЀ -$ᰀ#ᴀᰀ)#$Ѐ %ᴀḀЀ !ἀᰀ%$Ѐ ᴀ%Ѐ ἀḀḀᴀЀ ,ᴀḀἀ#"&ᴀЀ +,$-ᴀ%),ᴀᔀЀ "Ѐ ($22ᴀ##"Ѐ "ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"Ѐ +$(($ᰀ$Ѐ,"&$Ḁ2ᴀ,("ЀἀḀḀἀЀ(ᴀ2,ᴀ#ᴀ,"ἀЀ%ᴀḀḀἀЀᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀЀἀḀЀ#ᴀḀᴀ6$ᰀ$ЀᰀጀЀ/᐀AAጀᜀB.<᐀Ѐ:Ѐ/᐀AAጀ.@0᐀.ጀ ᨀ਀ကԀȀᤀ‫਀؀‬ကഀЀĀጀ‫܀‬ጀЀĀ‫؀‬Ā‫؀଀؀‬ఀȀ଀ഀĀĀ฀‫؀‬ȀЀ ‫؀‬ᄀЀࠀ‫܀‬ഀ̀‫؀‬Ԁഀကఀഀ

Ȁ&&ጀЀ଀"ᰀ-ᴀᰀ*$ЀĀἀ--"ἀ2Ḁ"ἀ


primo piano interni provincia

2 10

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato 30 Aprile 2011 2011 Venerdì 1 Ottobre 2010 Venerdì 20 Maggio

BOLSENA

‘Sapere i Sapori’, per educare figli e genitori nel rispetto delle tradizioni gastronomiche

Il progetto per la corretta alimentazione di FULVIO MEDICI

N

ell’ambito del progetto di comunicazione ed educazione alimentare dell’assessorato all’agricoltura della regione Lazio, ‘Sapere i Sapori’, venerdi 20 maggio 2011, il gruppo di docenti della provincia di Viterbo coordinati dalla referente provinciale Patrizia Eliso, organizza a Bolsena: “Il futuro ha radici antiche”, con il patrocinio del Comune e di Slow Food Lago di Bolsena. Interverranno il sindaco Paolo Dottarelli e l’assessore regionale, Angela Birindelli. L’appuntamento per l’apertura dell’evento sarà intorno alle 10,00, presso l’auditorium comunale. Una manifestazione che vuole rinnovare nel territorio la conoscenza del progetto attivo da anni in più di trenta scuole della Provincia. Si pre�gge l’obiettivo di educare i giovani e, attraverso loro, le famiglie ad uno stile di vita consapevole nelle

scelte alimentari che devono essere rispettose dell’ambiente e delle tradizioni gastronomiche locali. La divulgazione delle attività e delle conoscenze acquisite e dei materiali realizzati educa ed orienta le scelte professionali e scolastiche degli alunni e promuove verso nuovi soggetti la cultura gastronomica territoriale. La riscoperta di sapori e gusti del passato, alcuni

anche in via di estinzione, lo studio della tradizione storica e geogra�ca dei prodotti alimentari, la ricerca degli strumenti di produzione del cibo e dei manufatti derivati, il rapporto diretto con i produttori, rende agli studenti e alle loro famiglie la memoria storica di un territorio. La comprensione dell’interazione tra ‘Cibo-Salute-Agricoltura-Territorio-Consumi’, consente al cittadino di dive-

BOLSENA - Mostra d’arte di pittura e poesia alla sala Cavour

nire soggetto consapevole o, come dice Slow food, co-produttore. In questa prospettiva il rapporto e la collaborazione con gli artigiani del cibo e delle attività ad esso collegate è fondamentale per “costruire un archivio della cultura e delle tradizioni locali”. La manifestazione “IL Futuro ha Radici Antiche” si articolerà in una mostra di lavori elaborati dalle scuole partecipanti , di strumenti del cibo e in una degustazione di pietanze della tradizione realizzate con i prodotti della Tuscia. L’iniziativa si avvale della collaborazione della Condotta Slow Food “Lago di Bolsena” che, con la �nalità di promuovere iniziative culturali e sociali atte a concretizzare il confronto tra culture e generazioni diverse, ha costituito nel 2010 la ‘Comunità delle attività artigianali del lago di Bolsena, presente a Torino nell’edizione 2010 della rete di Terra Madre, l’incontro delle Comunità del cibo di tutto il mondo.

ACQUAPENDENTE - Concerto a S. Francesco

Coro ‘Vox Antiqua’

S

abato 21 maggio alle ore 21e 30 la stupenda Chiesa di San Francesco ad Acquapendente, ospiterà il tradizionale concerto Maria Matrem. Organizzato dalla scuola comunale di musica, in questa sesta edizione, in onore della Madonna del Fiore, si esibiranno il coro “Vox Antiqua” ed il coro di voci bianche “I Canterini” della stessa scuola di musica, aquesiana. A dirigere il coro sarà Loretta Pucci ed il direttore artistico dell’even-

to sarà il maestro Marco Paoletti. All’interno del programma del concerto sono previsti, l’interpretazione di alcuni canti mariani e di musica sacra. Il coro polifonico è formato da quindici elementi e quest’anno si è già esibito numerose volte, confermando il buon lavoro fatto da Loretta Pucci e da tutta la scuola di musica, attiva nell’insegnamento, oltre che del canto di numerosi strumenti musicali. (F.M.)

MONTEFIASCONE - Pienamente soddisfatta dell’esito elettorale Giulia Moscetti

‘Nel sogno e nella speranza’ “Il mio? Un risultato che reputo eccezionale”

C

on il patrocinio dell’assessorato alla cultura del comune di Bolsena, di Roberto Basili (foto), domani 21 maggio 2011 alle ore 18,00

s’inaugura, presso la Sala Cavour, la mostra d’arte pittorica e poetica “Don’t Ask, Don’t Tell” degli artisti Sergio Guerrini e Pietro Ulgiati. La mostra resterà aperta al pubblico, con ingresso libero, �no al 29 maggio, dalle ore 10 e 30 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 19,00. Sergio Guerrini, pittore e Pietro Ulgiati, poeta, non sono nuovi a incanalare attraverso la loro collaborazione artistica uno squillante messaggio di disappunto che mette a nudo l’urgenza di liberare la verità espressiva. Allo stesso tempo, però, in “Don’t Ask, Don’t Tell”, i due artisti si rafforzano a vicenda nella convinzione, a cui risulta arduo sottrarsi, che la

speranza di realizzare tutti i nostri sogni, è possibile. Sergio Guerrini nasce a Gradoli. Romano d’adozione, ma grande viaggiatore, espone frequentemente in tutto il Paese sia in veste di pittore che di fotografo, sviluppando la sua vocazione per una rappresentazione provocatoria che denuda i luoghi comuni e le false verità. Pietro Ulgiati nasce a Sezze Romano. Ha pubblicato numerose raccolte di poesie evocative della sua forte passione intimistica verso la vita, la velocità e la liquidità dell’attimo, l’ambiente del mare e i suoi spazi di vagabondaggio pensieroso.

di MICHELE MARI

L

a giornalista Giulia Moscetti, l’unica rappresentante femminile della maggioranza dopo lo splendido risultato ottenuto, con ben 268 preferenze, vuole esprimere la sua riconoscenza pubblicamente ai suoi numerosi elettori: “Voglio fare un caloroso ringraziamento a tutti coloro che mi hanno supportato e votato. Ciò è assolutamente doveroso soprattutto perché questo risultato, con 268, è veramente stato inaspettato. Sono l’unica donna della maggioranza e sinceramente mi auguravo di vedere in consiglio comunale molte più quote rosa. Il risultato è importante perché davanti

MONTEFIASCONE - Lo chiede, a gran voce, il Cotom, comitato per l’ospedale

“Il pronto soccorso sia funzionale” I

l Cotom ha redatto una nota in merito all’ex pronto soccorso . “Come comitato -esordisce la nota- da sempre siamo stati contrari al declassamento del nosocomio monte�asconese e ci siamo sempre battuti af�nché il pronto soccorso non venisse ridoto ad uno stabilimento sanitario. I fatti nel tempo ci stanno purtroppo dando ragione poiché la chiusura dei pronto soccorso periferici ha portato inevitabilmente all’aumentata af�uenza all’unico restante che è quello di Belcolle. Ma ad una crescita di domanda non è corrisposta as-

solutamente la risposta”. La nota del Cotom aggiunge: “È vero come scritto che aumentando le possibilità di percorsi prestabiliti si possa allentare la pressione, ma questo non vuol dire che il paziente venga dimesso prima poiché comunque la dimissione è solamente di competenza medica al quanto ci risulta. Ma tornando a noi, abbiamo chiesto a gran voce e in più occasioni, che il pronto soccorso di Monte�ascone sia funzionale e questo lo si può secondo noi, raggiungere, facendo sì che resti agganciato veramente a Belcolle. Per esempio: se un paziente

che si reca presso il nostro primo soccorso ha una sospetta frattura, deve poter eseguire la radiogra�a con referto anche magari on line e poi poter essere avviato a Belcolle dall’ortopedico senza dover ritransitare dal pronto soccorso di Belcolle. Così come tantissimi altri esempi”. La nota conclude: “Noi siamo �duciosi che le promesse fatte in più occasioni dalla dirigenza Asl possano sempre più prendere corpo e nello stesso tempo porgiamo i nostri auguri di buon lavoro al nuovo dirigente del pronto soccorso Dottor Brama”. (M.M.)

a me si sono piazzati due grandi come Mario Trapè e Ferdinando Fumagalli, entrambi ex sindaci, e a seguire è giunto prima di me solamente Marco Tisbo. Il risultato quindi lo reputo eccezionale”. Giulia Moscetti continua: “Voglio precisare che io, Fabiana Pagliaccia e Marco Balestri abbiamo seguito un percorso identico essendo tra i rappresentanti più giovani. Il massimo sarebbe stato che tutti e tre si entrasse in maggioranza ma ugualmente rimaniamo tutti e tre uniti e compatti formando un piccolo gruppo. Voglio ringraziare anche Maurizio Paradiso che, nel corso della campagna elettorale, mi ha spronato in continuazione ed anche aiutato”. Giulia Moscetti inoltre, non appena saputa la notizia di essere tra i primi eletti, ha pensato ad una persona in particolare: “Il mio primo pensiero, non appena saputo i risultati, è andata a mio nonno, Settimio Moscetti, scomparso circa 20 giorni fa. Lui sarebbe stato molto �ero del risultato acquisito soprattutto perchè è stato a lungo un uomo di partito e più volte assessore di Monte�ascone”. In�ne un

pensiero al futuro: “Darò tutto il mio apporto per ripagare la �ducia che la gente mi ha dato. Cercherò di impegnarmi per risolvere i tanti problemi del paese partendo dalle cose vicine ai giovani. Voglio sottolineare l’ottimo risultato raggiunto dal Pd che ha portato all’elezione di uomini iscritti e militanti come Mario Trapè, Ferdinando Fumagalli, Giovanni Bacchiarri, Domenico Batinelli, Marco Balestri e soprattutto Luciano Cimarello. Questo dimostra che il percorso iniziato tempo fa sta dando i suoi i suoi frutti e possiamo dire, senza alcuna ombra di dubbio, che si è aperta una nuova fase del Pd a Monte�ascone”. Un’ultima notizia: questo pomeriggio alle ore 18,00 prima riunione in comune della maggioranza che darà il via ai lavori della nuova amministrazione.


speciale Speciale TUSCANIA xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Venerdì 20 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

tuscania

Venerdì 1 Ottobre 2010

xxxxxxgxxxxxxxxxx

Viterbo & AltoLazio

2

interni 13

a cura di Studio1

AxxxxxxxxxE - Texxxi

xxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxx

AxxxxxxxxxxxxxxxxE - La bibxxxxxxxxxxxxxxxxival

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Speciale TUSCANIA


primo piano interni speciale tuscania

2 12

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato 30 Aprile 2011 2011 Venerdì 1 Ottobre 2010 Venerdì 20 Maggio

Oggi come ieri. La terra di butteri e di maremma è nel Dna dei tuscanesi

La tradizione equestre di ‘Cavalli a Primavera’ di VALERIA SEBASTIANI

T

uscania terra di maremma, di butteri, di cavalli. Qui il legame tra uomo e natura è ancora oggi fortissimo. La tradizione rimane. Tramandata dai nonni ai padri e ai �gli. Il cavallo era utile ‘strumento’ di lavoro, era compagno, amico rispettato ed amato. Prezioso. Tuscania ha dato i natali a tanti eccelsi cavalieri, nomi sconosciuti ai più ma che nella memoria collettiva sono ancora vivi, per prodezze e destrezza. Gente che domava gli animali semplicemente parlandoci, uomini che sono invecchiati in sella, che riuscivano a disciplinare le bestie più selvagge. Non poteva che essere Tuscania la sede di ‘Cavalli a Primavera’. L’evento

organizzato dall’ANAM che da oggi �no a domenica proporrà il meglio del cavallo maremmano, del sella italiano e del Tolfetano. Direttore tecnico di Cavalli a Primavera, Domenico Germoni, già direttore di Nitriti di Primavera. “Arriveranno a Tuscania cavalli ed espositori da tutta l’Italia.- dichiara Germoni- Durante la tre giorni ci saranno gare di monta da lavoro tradizionale, di monta maremmana e di salto in libertà del premio Unire, valida per le quali�cazioni alla Fiera Cavalli di Verona”. L’evento è stato realizzato in collaborazione con il comune di Tuscania e con la Fitetrec ANTE, che cura l’aspetto agonistico delle gare di monta. “Dobbiamo ringraziare il presidente Anam Ugo Marcocci e la direttrice Paola Tonelli che hanno

Dal trofeo UNIRE al cabaret, alla lotteria

Tutto il programma VENERDI’ 20 MAGGIO Ore 10,00: inizio lavori giuria di Morfologia per i puledri maremmani nati nel 2009 Ore 11,00: prove assistite di Salto in Libertà Ore 16,00: prove spettacolo - Trofeo Maremma Show SABATO 21 MAGGIO Sopra, Domenico Germoni, responsabile centro addestramento ANAM del Lazio e direttore di Cavalli a Primavera; sotto Butteri a lavoro negli anni ‘50

creduto nelle potenzialità del paese e delle sue risorse.-continua Germoni- La manifestazione avrà come obiettivo principale quello di valorizzare la tradizione. Le serate di oggi, domani e domenica saranno dedicate al cabaret. Diversi artisti e cavalieri locali si esibiranno in spettacoli di dressage, giochi ed intrattenimento per il pubblico. Uno spazio per i tanti talenti del posto che, troppo spesso viene dimenticato, conquistano riconoscimenti a diversi livelli nelle più svariate manifestazioni di carattere internazionale.” Cavalli a primavera diventa così un biglietto da visita della tradizione equestre. L’ingresso alla manifestazione è gratutito per tutti; chi vorrà potrà acquistare un biglietto della lotteria abbinata all’evento per sostenere le spese organizzative.

Ore 09,00: inizio lavori giurie rassegne e vetrine Ore 09,00: Trofeo UNIRE Salto in Libertà - prova di quali�cazione Ore 10,00: Campionato Regionale Monta da Lavoro Tradizionale - Addestramento Ore 10,30: Campionato Monta Maremmana - Abilità Cronometrata Ore 15,00 Campionato Regionale Monta da Lavoro Tradizionale - Attitudine Ore 15,00 Campionato Monta Maremmana - Gimkana Ore 17,00: Campionato regionale Monta da Lavoro tradizionale - Sbrancamento Ore 17,00: Campionato Monta Tolfetana - Gimkana Ore 18,00: Trofeo Maremma Show Ore 21,00: Cabaret

DOMENICA 22 MAGGIO Ore 10,00: Trofeo UNIRE di Salto in Libertà - Finale Ore 10,30: Campionato Regionale Monta da Lavoro Veloce - Gimkana Ore 12,00: premiazioni Morfologia, Vetrina e Salto in Libertà Ore 15,00: Campionato Monta Maremmana - Sbrancamento Ore 16,00: Campionato Monta Tolfetana - Sbrancamento Ore 16,50: Maremma Moda Ore 17,00: estrazione della lotteria Ore 18,00: premiazione ed esibizione dei primi tre classi�cati al TrofeoMaremma Show Ore 21,00: Cabaret ‘Cavalli a Primavera’ si svolge in località Pratino, a Tuscania, sulla strada Arlenese Km 2. L’evento offre attrazioni per tutti. Il grande pubblico potrà apprezzare gli spettacoli dei butteri, l’alta scuola equestre, i falconieri, le gare di attacchi, mentre i bambini avranno la possibilità di salire su docili pony e di ammirare dal vivo gli asinelli. Per gli addetti ai lavori, il meglio dell’ allevamento del maremmano, del sella italiano e del tolfetano.


Venerdì 20 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

speciale tuscania Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 13

Nuove strutture per materne e nido, traslochi e ampliamenti per medie e superiori

Istruzione, grandi manovre in atto L

e scuole di Tuscania, croce e delizia dell’istruzione. Risale al ventennio fascista la scuola elementare Ildovaldo Ridol� di Viale Trieste: un palazzo antico, bellissimo ed imponente nato proprio quale simbolo dell’importanza dell’alfabetizzazione. Come tutti i palazzi antichi necessita di manutenzione. Si è parlato e si parla molto di riquali�care questa come altre strutture che ospitano le scuole medie così come pure i due istituti d’istruzione superiore l’Ipsia ed il Liceo Scienti�co che hanno sede all’interno del centro storico.

Collezione privata Marco Quarantotti

Qui sopra la scuola elementare in una foto di Alarico Santi (1928); in alto a destra piazza Regina Margherita, oggi piazza S. Marco, in una cartolina edita da Vincenzo Pieri e f.llo(1923), sul lato sinistro il palazzo che attualmente ospita il Liceo Scientifico; accanto a sinistra il sindaco di Tuscania Massimo Natali

Si è ipotizzata per�no la costruzione di un polo scolastico in altra area. Negli ultimi anni è iniziata una massiccia opera di ristrutturazione degli istituti. A parlarcene è il sindaco di Tuscania, Massimo Natali. “La prima bella notizia è che dal prossimo settembre tornerà operativa la struttura nel quartiere Ater, ex Gescal, che ospita le scuole medie. Oltre ai lavori di ristrutturazione in corso, il Comune ha acceso un mutuo di 150.000 euro per provvedere alla ritinteggiatura esterna ed interna dei localispiega Natali- e per il recupero

l’amministrazione comunale ha chiesto all’assessore ai Lavori Pubblici della Regione Lazio, Luca Malcotti, un �nanziamento per poter ampliare le scuole materne comunali. Il progetto mira alla riquali�cazione dell’intera area di proprietà del comune che si estende �no alla chiesa di Nostra Signora di Lourdes. L’ampliamento prevede la costruzione di nuovi locali che dovrebbero ospitare, oltre alle scuole materne, anche l’asilo nido comunale. Locali più ampi e maggiore spazio per le attività ludiche e ricreative all’aperto. “Abbiamo già ini-

ziato a muoverci per il futurodichiara il sindaco- anche se è stato necessario consolidare il muro di recinzione della scuola materna e ripristinare il parco con la messa in posa di un nuovo prato sul quale verranno installati nuovi giochi”. Dopo aver chiarito le opere in cantiere per elementari e materne chiediamo al sindaco quali sono i progetti per gli istituti di formazione superiore. I palazzi storici che attualmente li ospitano non sono più a norma. “Per il momento siamo riusciti ad ampliare il Liceo Scienti�co dotandolo di una nuova aula, durante il prossimo anno scolastico valuteremo poi la possibilità di uno spostamento in luogo più adatto- si sbilancia Massimo Natali - L’idea è quella di ampliare i locali adiacenti alle scuole elementari, sfruttando l’area a disposizione che si estende �no alla sede dell’Avis, per spostare li le scuole medie dall’attuale sede nel quartiere Ater, ex Gescal. In quelli delle medie poi, completamente rimessi a nuovo, trasferiremmo le due scuole superiori. Si verrebbero a creare due poli scolastici distinti con servizi adeguati alle attività formative, come palestre e laboratori.” (V.S.)

Stefano Fapperdue

Ranieri Bustelli

guidata da una voce onnisciente e magica, quella dell’attore Piermaria Cecchini. La fata scorge un libro e inizia così a leggerlo scoprendo che il protagonista di quel racconto è un ragazzo appassionato di magia. La

storia diventa realtà quando entra in scena con i suoi numeri il mago StefanClod, insieme alla sua valletta Sara Ballanti. A vestire i panni di Bustelli sarà il noto attore e show man tuscanese Luigi Pica. (V.S.)

Collezione privata Marco Quarantotti

di quattro aule che andranno ad aggiungersi a quelle già presenti, che in passato ospitavano la sede della Croce Rossa”. Procedono spediti, tanto da suscitare viva soddisfazione nella direttrice dell’istituto comprensivo dottoressa Concetta Catalano, anche i lavori di restauro e ritinteggiatura delle scuole elementari. Sono in arrivo altri 350.000 euro di �nanziamenti ministeriali, per provvedere al consolidamento della struttura e dei locali adiacenti che attualmente ospitano le scuole medie ed altre importanti novità. Giovedì scorso

I TUSCANESI E LA STORIA - E’ nato e vissuto a Tuscania il padre della prestidigitazione moderna

Da Bustelli a Fapperdue, il paese della magia C

onsiderato maestro e precursore da diversi prestigiatori italiani, tra i quali Silvan, Ranieri Bustelli divenne re incontrastato della magia italiana. Nato a Tuscania il 12 febbraio 1898 da Alberto e Benilde Lucchetti, Ranieri era ultimo di quattro fratelli. Trascorse i primi anni di vita nel palazzo della meridiana, nel centro storico che ancora oggi si può ammirare all’incrocio tra via Cavour e via Campanari. Una famiglia agiata la sua, di nobili legami, proveniente dalla vicina Tarquinia. A Tuscania rimase pochi anni, poi si trasferì a Roma dove iniziò la carriera di prestigiatore. Una passione, quella per la magia, che il piccolo Ranieri manifestò �n da subito. Si racconta

che in più di un’ occasione marinasse la scuola per assistere agli spettacoli di prestidigitazione di un certo Bernardino. Nel 1818 iniziò seriamente a dedicarsi all’arte magica sotto la guida di maestri come Bernardini, Piovano e Giovenzana. Nel 1925 calcava già le scene con i suoi spettacoli af�ancato dalla moglie Iolanda Paf�, insegnante elementare che collaborò con il marito in veste di assistente. Dal debutto, al teatro Lazzari di Livorno, fu un’inarrestabile escalation �no al teatro Adriano di Roma dove rimase in cartellone per ben 7 mesi tra il 1948 ed il 1949 realizzando incassi di oltre mezzo milione di lire a serata. La sua �gura cordiale, elegante e simpatica divenne nella prima metà

del ventesimo secolo, il simbolo del prestigiatore per antonomasia. Nei suoi spettacoli distribuiva al pubblico un opuscolo ‘Il libro magico di Bustelli’, ristampato poi con il nome di ‘Il prestigiatore di famiglia’, nel quale erano spiegati alcuni semplici giochi di prestigio. Nel 1953 collaborò alla nascita del “Club dei Maghi” che sarebbe diventato il Club Magico Italiano, di cui fu presidente per i primi due anni. Nel 1955 si ritirò dalle scene ed aprì un negozio di giochi di prestigio e articoli da spettacolo a Firenze. Nello stesso anno fu nominato presidente onorario del Club Magico Italiano. Nel 1963 fondò il Circolo Magico Nazionale, in collaborazione con Vittorio Balli e Giovanni Traversa,

associazione che sarebbe poi diventata il Circolo Amici della Magia di Torino, tutt’oggi operativo. Ranieri Bustelli morì all’età di 76 anni, il 30 aprile 1974 presso la casa di riposo Paolo VI di Firenze. Oggi a raccogliere l’eredità dell’illustre personaggio è Stefano Fapperdue, in arte Mago StefaClod. Stefano, 16 anni, si esibisce in spettacoli di illusionismo e prestidigitazione dall’età di 10. Un vero enfant prodige del palcoscenico che ha deciso di dedicare uno spettacolo proprio a Bustelli. ‘Il libro magico’ che andrà in scena al teatro ‘Il Rivellino’ domani sera alle ore 21 vede all’opera l’attrice Dunia Bartoli nel ruolo di una fata che si ritrova inconsapevolmente nel mondo reale, dove verrà


primo piano interni provincia

2 14

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato 30 Aprile 2011 2011 Venerdì 1 Ottobre 2010 Venerdì 20 Maggio

VASANELLO

Antonio Porri, neo sindaco di Vasanello, illustra gli obiettivi del suo mandato

“Il mio impegno è nella continuità” di SIMONA TENENTINI

A

ntonio Porri (nella foto), eletto alle ultime amministrative sindaco di Vasanello, descrive le sue giornate inziali in questa nuova veste. Come sta vivendo i suoi primi giorni da sindaco? Nella normale continuità di amministratore del comune di Vasanello e ringraziando i tantissimi cittadini che mi hanno espresso tutta la loro soddisfazione per questa rinnovata vittoria. Devo sottolineare, inoltre, i numerosi riconoscimenti di stima anche da parte di coloro che non ci hanno votato, segno della maturità dei cittadini di Vasanello. Cosa risponde a chi la accusa di essere in minoranza? Assolutamente nulla, poichè credo fermamente nell’intelligenza della cittadinanza, peraltro ampiamente dimostrata, e perchè, alla �ne, le chiacchere sono chiacchere e i fatti sono fatti. Mi sento in dovere, al contrario, di ringraziare chi mi accusa di ciò: infatti, se ritenevamo la vittoria sulla lista di Squarcia

Foto Di Palermo

quasi scontata, il comizio di venerdì sera, annunciato con “ci si divertirà” ha palesemente svelato l’ “inciucio” tra gli alternativi ed il centrosinistra. Quali sono i primi provvedimenti che adotterà la sua Giunta? Ci sono talmente tanti lavori messi in piedi che non si renderà necessario un grande sconvolgimento amministrativo. Comunque c’è da fare l’appalto per la differenziata, insistere sulle richieste di �nanziamento per

i lavori urgenti, farsi sentire dalla Regione per i fondi per il sociale del Distretto VT 5, preparare l’Estate Vasanellese, riprendere i contatti con la Curia per la convenzione del Cinema Don Bosco e, ovviamente, incominciare a delineare l’attuazione del corposo programma presentato per il rinnovo del Consiglio Comunale che i cittadini di Vasanello hanno dimostrato di apprezzare e condividere. Quale sarà la composizione della sua nuova squadra?

Non è stata ancora delineata, al più presto verrà resa pubblica, e non ho dubbi che sarà apprezzata come le precedenti. Come sarà valorizzato il ruolo dei ‘nuovi entrati’? Come detto più volte la nostra squadra è composta da consiglieri e assessori uscenti di indubbia valenza politica e amministrativa; a questi si sono aggiunti nuovi e validi elementi che rappresentano la società civile e il mondo del lavoro, molti sono giovani e vogliosi di dimostrare le loro capacità: penso all’artigianato, alla formazione, all’innovazione tecnologica, ai nuovi strumenti messi a disposizione dalla comunicazione via internet, a Tele Vasanello, alla cultura e al mondo giovanile. Tutti insieme, da vasanellesi, sapremo realizzare le necessità del nostro amato paese. Auspico inoltre il coinvolgimento di chi, per una manciata di voti, è rimasto escluso ma che a pieno titolo può far parte della compagine amministrativa per portare idee nuove e quella sensibilità che a volte soltanto il gentil sesso sa mettere in campo.

VETRALLA - L’analisi dei risultati elettorali di Luciano Segatori della Lista ‘Per Cambiare Vetralla’

“I vetrallesi non sono propensi al rinnovamento” A

nche la lista di Teresa Sestito fa la sua analisi del voto di domenica e lunedì. E lo fa attraverso il suo principale portavoce, Luciano Segatori. “Il risultato elettorale che ci ha visto perdenti, anche oltre quello che avevamo preventivato, mi induce a fare delle riflessioni sulle elezioni, che, come la conclusione di qualsiasi attività, sono un momento di grande verità che va analizzata e valutata sulle prospettive future. Prima di tutto – dice – abbiamo, avuto conferma che i vetrallesi, in maggioranza relativa, non sono propensi al cambiamento. Infatti, degli eletti nel consiglio comunale abbiamo otto riconferme, un ritorno e sette nuovi. Non è stata eletta nessuna donna (nel passato quinquennio ce ne erano due) e quindi credo sia da

considerarsi un regresso. La maggioranza non dovrebbe avere difficoltà interne a parte qualche mal di pancia iniziale anestetizzato con qualche promessa fumosa. I cinque assessori, con il criterio dei voti di preferenza, saranno scelti tra le riconferme, tra cui alcuni dal ribaltone facile (quindi nuovi mettetevi l’anima in pace e preparatevi a fare le belle statuine, con la mano alzata a comando, per cinque anni una decina di mattine all’anno e in qualche commissione dove andrete ad avallare quello che è già stato deciso)”. Probabilmente, seppur previsto dallo Statuto, non sarà nominato il presidente del Consiglio Comunale (troppo rischioso il potere che da la gestione dell’ordine del giorno e poi quella era una figura tagliata per Sandrino Aquilani per

controllare meglio Marconi sindaco)”. Inoltre “le opposizioni procederanno, credo, per ordine sparso e mi stupirei se accedesse il contrario”. Resta tuttavia quella che Segatori definisce “questione della legalità”. “In questo caso – spiega – ricordiamo all’opinione pubblica che: i consiglieri comunali condannati dalla Corte dei Conti lo scorso 25 gennaio, sono incompatibili con la carica se non hanno pagato il debito verso l’Ente o definito in altro modo la questione; i consiglieri comunali che sono membri di una fondazione denominata ‘L’Albero dell’Umanità’ sono incompatibili con la carica”. “Il giudizio civile – aggiunge Segatori – è ad oggi ancora pendente presso il Tribunale di Roma e perciò, i soci della fondazione ed il presidente per

primo, come risultano ad oggi nel registro delle Persone Giuridiche presso la Prefettura di Viterbo, essendo parti di una causa civile contro il Comune di Vetralla non sono eleggibili”. Torna infine sulla questione “la lista Aquilani”, “presentata in violazione di legge sostituendo un candidato ed alterando le date nei moduli. Per questa ragione abbiamo presentato un esposto denuncia alla Magistratura ed anche al Prefetto, quindi presumiamo che i fatti contestati porteranno all’annullamento delle elezioni e alla condanna dei responsabili. Per questo ci attendiamo dalle opposizioni il recupero di quell’azione di legalità, che è mancata durante la campagna elettorale, proprio nel primo consiglio comunale, in sede di convalida degli eletti”.

VALLERANO - Una sconfitta che fa riflettere

Nel Pd perdono tutti tranne Potenza

U

na vittoria da attribuire al Fattore x è d’obbligo in ogni competizione. Nel caso delle elezioni a Vallerano, il Fattore x sono i romeni. Questa è la voce che circola, negli ambienti del Pd, per giusti�care l’ennesima scon�tta alle consultazioni amministrative. Ancora più cocente, perchè arriva nel momento in cui la vittoria sembrava ormai certa. Il risultato del candidato unico, dopo quindici anni, sembrava, infatti, la chiave d’accesso diretta per spalancare le porte del Comune, invece le urne hanno impietosamente ridimensionato ogni sogno di gloria. Ad una razionale analisi del voto, i fattori più evidenti di scon�tta sono due: l’in�uenza dei comunitari e la lista di Tuscia Vola che si è rivelata un boomerang nei confronti della sinistra. Tradizionalmente collocata a destra, a Vallerano, paese dei contrari, Tuscia Vola ha saputo calamitare, invece, le preferenza di un’ala scontenta del centrosinistra che, piuttosto che barrare il nome di Mastrogregori ha preferito ‘strizzare l’occhiolino’ a Chiricozzi, generando un’emorragia di voti che, alla �ne, è stata determinante per decretare la scon�tta. Per il momento però,

la tesi più accreditata è quella dei romeni che, secondo alcuni, sono stati accompagnati personalmente dal sindaco Giovannini all’ingresso delle urne per evitare che, magari, potessero incappare in qualche malintenzionato che gli facesse cambiare idea. Comunitario o no una cosa è certa, anzi due. La prima è il brillante risultato di Orfeo Potenza che è riuscito ad ottenere il più alto numero di preferenze tra i candidati, anche di quelli della Torre Civica, l’altra è che il Pd di Vallerano non naviga certo in buone acque: malumori e tensioni che si sono trascinati per mesi, a volte per anni, hanno avuto nel risultato elettorale la loro palese manifestazione. In questi giorni, sicuramente sarà necessario approfondire una ri�essione nel partito, ‘ripensando’persone e metodologie. Un problema non da poco, se anche il segretario provinciale del Pd, Andrea Egidi, si chiama fuori e preferisce non entrare nel merito (quando �no a qualche tempo fa dichiarava di aver vissuto intere settimane all’interno del circolo per cercare di sanare l’insanabile, ovvero la frattura interna tra le varie correnti). (Sim.Ten.)

CIVITA CASTELLANA - Ben sette mesi fa aveva presentato un’interrogazione sul rimborso delle bollette alla quale ancora deve ottenenere risposta

Il consigliere di minoranza Mecarocci ha esaurito la sua pazienza di MASSIMO CIRIONI

I

l dott. Mecarocci, consigliere di minoranza a Civita Castellana nonché stimatissimo medico, deve essere un uomo molto paziente, molto di più dei suoi numerosi pazienti. Infatti era ottobre dello scorso anno quando il nostro giornale, per primo ed in tempi non sospetti, ripropose il problema dell’arsenico nell’acqua a Civita Castellana e il diritto dei cittadini ad essere risarciti delle bollette già pagate nonchè la riduzione di quelle ancora da pagare. Sulla base proprio della nostra inchiesta il dott. Mecarocci, presentò un’ interrogazione consigliare il 4 novembre 2011. Dopo qualche settimana il problema dell’arsenico si estese praticamente a quasi tutti i comuni della provincia di Viterbo. Sono passati ormai quasi sette mesi da quella interrogazione, ma il dott. Mecarocci ancora non ha ricevuto dall’amministrazione alcuna risposta. Siccome lo stesso sindaco ha emesso, in seguito, ordinanze in cui

si vietava l’utilizzo ad uso potabile dell’acqua erogata dall’acquedotto pubblico, è legittimo chiedersi: che cosa ha fatto l’amministrazione sulle problematiche sollevate dal consigliere Mecarocci dopo quasi sette mesi dalla sua presentazione? Eppure il regolamento sul funzionamento del consiglio comunale è chiaro: all’Art.33- comma 3 , è stabilito che: il Sindaco o l’Assessore da lui delegato devono rispondere entro quindici giorni alle interrogazioni ed ad ogni altra istanza… con richiesta di risposta scritta. Forse però anche la pazienza del paziente dott. Mecarocci si è esaurita e nei prossimi giorni anche lui prenderà iniziative in merito, su temi peraltro di grande attualità ed interesse per tutta la popolazione civitonica. Questo è il testo della mozione che ha presentato: Il comune di Civita Castellana ha gestito l’acquedotto comunale tramite la società Sicea, subentrata alla Compagnia delle acque, richiedendo ai cittadini il pagamento del servizio di erogazione di acqua, di raccolta delle acque e di depurazione, servizio attualmente gestito dalla Talete Spa di cui il Comune è socio

azionista. Con sentenza del 10.10.2008 n. 335 la Corte Costituzionale ha stabilito che le somme pagate con le bollette dell’acqua a titolo di depurazione vanno restituite agli utenti nei casi in cui il Comune ne abbia ottenuto il pagamento senza però, che esistesse il servizio di depurazione. La legge n. 13/2009 ha stabilito che gli oneri di progettazione e di realizzazione o di completamento degli impianti di depurazione concorrono alla determinazione del corrispettivo dovuto dall’utente, nei casi in cui manchino gli impianti di depurazione, “purché alle stesse si proceda nel rispetto dei tempi programmati.” Le vigenti normative prevedono un abbattimento del 50% delle bollette qualora non sia possibile l’uso dell’acqua a scopo potabile e per i periodi in cui i valori dell’arsenico nell’acqua eccedevano i limiti delle norme nazionali ed europee. Tutto ciò premesso e considerato si chiede alle SS.LL. i risultati dei seguenti accertamenti a partire dall’anno 2000: 1) La veri�ca per stabilire se “a decorrere dall’avvio delle procedure di af�damento delle prestazioni di progettazione o di completamento delle opere necessarie

alla attivazione del servizio di depurazione “ siano stati rispettati i tempi programmati. 2) La quanti�cazione di tutti i periodi in cui per ordinanze delle autorità è stato vietato l’uso dell’acqua a scopo potabile e i periodi in cui i valori dell’arsenico nell’acqua eccedevano i limiti delle normative nazionali ed europee, al �ne di abbattere del 50% le bollette, ai sensi delle vigenti normative Chiede inoltre se è stata fatta: 1) La richiesta dell’immediata cessazione delle istanze di pagamento per il servizio di acquedotto, nonché la convocazione della assemblea straordinaria dei soci della Talete Spa, con all’ordine del giorno la sospensione delle richieste di pagamento per gli utenti dei comuni dell’Ato e ancora sprovvisti del servizio di depurazione. 2) Se l’amministrazione ha provveduto ad incontrare Talete Spa per concordare come procedere al calcolo delle somme da restituire a tutti gli abitanti di Civita Castellana, da conguagliare con le future richieste di pagamento delle bollette dell’acqua.


SPORT

� � �

15

Tutto regolare per il campione italiano al momento di salire sulla bilancia

Stavolta niente corsetta ‘riparatrice’ I

l giorno in cui si presentò alla palestra Fitness Palace per le operazioni di peso del match contro Roberto Cocco, Andrea Di Luisa fece scorrere un brivido sulla schiena di tutti �nendo oltre i limiti della categoria. Per rego-

lamento aveva un’ora di tempo e si mise a correre su un tapis roulant risolvendo il problema. Stavolta tutto ok e, come premio, subito i dolcetti offerti dall’hotel. Un piccolo strappo alla regola concesso e meritato.

Edizione del 20 Maggio 2011

Redazione sportiva - via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - telefono 0761-346807 e-mail: redazione@opinioneviterbo.it

PUGILATO

Di Luisa-Acosta, ci siamo Dopo le operazioni di peso stasera si affronteranno sul ring

di GLAUCO ANTONIACCI

Q

ualche schermaglia, ma poca roba. Qualche sguardo e la classica foto in posa scattata all’ultimo momento, poco prima di passare alla visite mediche. I fuochi d’arti�cio, quelli che tutti aspettano, li hanno forse tenuti in serbo per questa sera, quando saranno nuovamente uno di fronte all’altro, ma stavolta sul ring del PalaMalè. Ieri si sono svolte al Best Western Hotel di Viterbo le operazioni di peso per i protagonisti della riunione di questa sera, organizzata dalla Rosanna Conti Cavini Boxe in collaborazione con la palestra Fitness Palace dei fratelli Malè: dopo un nutrito e gustoso sottoclou, l’evento vivrà il suo momento di massima intensità con la s�da tra Andrea Di Luisa e Ruben Eduardo Acosta, valida per la cintura WBC International Silver dei Supermedi e prevista sulla distanza delle dodici riprese. Per i non addetti ai lavori è stata indicata come una specie di semi�nale mondiale, un lasciapassare che spalanca porte (e borse) decisamente più prestigiose. Per chi segue

già da qualche tempo Di Luisa, imbattuto campione italiano e detentore anche della corona intercontinentale in un’altra categoria (i Mediomassimi), la sensazione è che si tratti della grande occasione per imporsi de�nitivamente all’attenzione del mondo della boxe e per poter disputare quei match per i titoli che gli attuali detentori, non certo entusiasti all’idea di incontrarlo, gli hanno �nora negato. Sulla strada del campione tricolore, ormai trapiantato a Viterbo che l’ha adottato scegliendolo anche fra i testimonial di ‘Viterbo città europea dello sport 2012’, ci sarà un avversario tosto, un argentino da battaglia che ha combattuto oltre 30 incontri da professionista e che, pur non avendo certo un record immacolato, può comunque vantare una cintura di campione sudamericano e un assalto (fallito) al mondiale WBO. “Non sarò un avversario come quelli che ha incontrato �nora - ci ha detto Acosta sul ring sono veloce ma non mi manca la potenza. Non conosco molto del mio avversario ma so che ogni incontro è differente e non credo che sarà importante il numero di

match che ognuno di noi ha alle spalle”. In comune i due contendenti hanno il peso (75,900 kg) e la spavalderia di chi si ritiene sicuro di vincere, una caratteristica che accomuna molti pugili ma che gli undici avversari di Andrea Di Luisa hanno perso una volta saliti sul ring. “Mi sento bene - ha commentato il campione italiano - con lo staff abbiamo completato bene il programma di allenamenti e �nalmente siamo pronti per mettere da parte le parole e darci da fare sul ring. So che Acosta si muove molto ma il ring è piccolo e non si può scappare all’in�nito. Voglio studiarlo un po’ all’inizio ma appena sbaglia qualcosa sarò pronto a colpirlo”. Di Luisa è consapevole dell’importanza dell’incontro ma non sente certo la pressione: “Abbiamo lavorato con lo staff della Conti Cavini per avere questa opportunità, so che è un match importante e già penso a quello che potrebbe esserci dopo. Sicuramente si aprirebbero scenari importanti, dall’Europeo a qualcosa di ancora più prestigioso”. L’ottimismo traspare anche dalle parole del padre Michele che è anche il suo allenatore: “Andrea è un supermedio naturale ed ha qualità che, a mio avviso, non ha ancora espresso in pieno. La sua fase di crescita è ancora in pieno svolgimento e questo, insieme alla certezza di esserci

allenati a dovere, mi rende particolarmente �ducioso. Sono convinto che quello contro Acosta sia il match più importante �nora della sua carriera e vincerlo gli darebbe enormi possibilità, conosciamo il valore dell’avversario che è certamente buono e io preferisco mantenere sempre i piedi per terra, ma devo essere

ottimista”. Dodici riprese trasmesse in diretta da Rai Sport Sat, anche se in pochi scommettono che si arriverà ad un verdetto ai punti. Le scommesse andrebbero tutte su un verdetto prima del limite, come quelli cui ci ha abituato Di Luisa da quando ha combattuto per la prima volta a Viterbo, distruggendo

il torinese Roberto Cocco in quaranta secondi e prendendosi la cintura di campione italiano dei Supermedi. Il PalaMalè sarà pronto anche stasera ad applaudirlo e sostenerlo, nella speranza che la sua parabola sia anche quella della ‘nobile arte’ viterbese, con tanti campioni nel passato e tanta voglia di vivere emozioni mondiali nel presente.Di Luisa-Acosta sarà l’ultimo appuntamento di una serata che vivrà in un crescendo di emozioni a partire dalle 20,30. Prima qualche match di pugili Dilettanti, poi le s�de Ardito-Manno e Fiorucci-Carrozza che già inizieranno a scaldare l’atmosfera, a seguire il test di Antonio De Vitis, s�dante uf�ciale al titolo europeo nei Superpiuma, che se la vedrà con Massimo Morra, ex campione italiano. Quando �nirà questo match toccherà �nalmente a Di Luisa e Acosta; l’orario previsto di inizio è intorno alle 22,30 ma vorremmo dare un consiglio a chi non potrà essere presente sulle tribune del PalaMalè e lo seguirà da casa: state incollati alla tv perchè potrebbe bastare un pugno improvviso per chiudere i conti. Questo almeno è ciò che si augurano i tifosi viterbesi.

FotoZadroPress


� �

SPORT

primo piano interni sport

2 16

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato Aprile Venerdì 120 Ottobre 2010 Venerdì30 Maggio2011 2011

NEWS DI CALCIO E C5

Un Memorial per ricordare ‘Mario e Maurizio’ Il 19 giugno l’iniziativa dell’Aurora Viterbo per i compianti Corinti e Tombolini. Sarà un grande amarcord Classifiche finali, Fair Play e Disciplina per l’attività amatoriale del Centro Sportivo Italiano. Leggi tutte le graduatorie Orari e date dei play out negli allievi e giovanissimi regionali con Foglianese, Pianoscarano, Civita Castellana, Barco e Corneto. Oggi al Pilastro grande festa del calcio dei piccoli con le finali del Fiorillo

A

pprofondimenti e news dal nostro calcio ad ogni latitudine. Ecco le ultime novità. DEFINITE DATE E ORARI DEI PLAY OUT NEGLI ALLIEVI E GIOVANISSIMI Il Comitato Regionale Laziale della Figc ha de�nito il quadro delle date e orari dei play out dei campionati allievi e giovanissimi regionali dove avremo in azione quattro compagini provinciali. Allievi Regionali - Sarà un play out all’insegna del derby tra Foglianese e Pianoscarano. Match di andata domenica alle ore 9 al San Paolo di Cura di Vetralla, ritorno domenica 29 maggio alle ore 10,30 al “Bruni”. Si giocheranno l’altro play out le formazioni di Focene e San Paolo Ostiense. Giovanissimi Regionali - Qui ben tre le compagini provinciali interessate dai play out. Domenica 22 maggio alle 10,30 avremo un altro derby spareggio in famiglia tra Barco Murialdina e Corneto Tarquinia. Ritorno domenica 29 maggio alle 10,30 al Bonelli di Tarquinia. De�nita anche l’andata del play out tra Civita Castellana Calcio Giovanile e Pescatori Ostia che giocheranno domenica alle 10,30 a Formello. Da �ssare il match del ritorno. DOMANI IMPORTANTE RIUNIONE PER IL CALCIO LAZIALE Domani, sabato 21 Maggio 2011, con inizio alle ore 10,00 presso il “Grand Hotel Duca d’Este” - Via Tiburtina Valeria, 330- Tivoli Terme si terrà una

importante riunione per tutte le società calcistiche laziali sul tema: “Calcio Dilettantistico e Fisco” ed in particolare sulla conoscenza della normativa vigente, per un puntuale adempimento degli obblighi �scali,nonché sul corretto rapporto tra il mondo dilettantistico e gli organi dell’Amministrazione �nanziaria. Alla Riunione prenderanno parte, oltre al Presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Carlo Tavecchio, il Responsabile �scale della Figc e Lnd, Edmondo Caira, il Direttore Regionale dell’Agenzia delle Entrate, il Rappresentante Regionale del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza ed un Rappresentante della S.I.A.E. E’ appena il caso di evidenziare che, in considerazione dell’importanza degli argomenti che verranno trattati edel livello degli interlocutori presenti, si auspica la massima partecipazione dei Rappresentanti Legali delle Società, o loro quali�cati Delegati. CALCIO A 7: IL TORNEO ALL’ORATORIO GRANDORI ISCRIZIONI APERTE Iscrizioni aperte per la 12esima edizione del Torneo Estivo di calcio a sette all’Oratorio Don Alceste Grandori. La manifestazione è aperta a tutti. Le partite si svolgeranno presso il campo di calciotto dell’Oratorio tutti i giorni a partire dall’ultima settimana del mese di maggio dalle ore 19,45. Le iscrizioni si chiuderanno il giorno 22 maggio. Per informazioni rivolgersi tutti i giorni presso l’Oratorio Don Alceste Grandori dalle 18 alle 19, oppure telefonare allo 0761/303000.

Oggi al Pilastro le finali del Memorial Fiorillo

L’Aurora Viterbo finalista del Memorial Sorge 2006/2007 con Maurizio Tombolini e Mario Corinti (abbracciati) in piedi da sinistra OGGI AL PILASTRO LE FINALI DEL “FIORILLO” Grande appuntamento oggi pomeriggio al campo della Virtus Pilastro (campetto in erba, attiguo al campo sportivo) per la giornata conclusiva dell’edizione 2011 del Memorial “Umberto Fiorillo”. Ecco il programma completo che si è de�nito dopo l’appassionante due giorni della fase di quali�cazione che si è disputata nei giorni scorsi. Ore 16 - Finale per il quinto e sesto posto tra Pilastro Bianchi e Pianoscarano. Ore 17 - Finale per il terzo e quarto posto tra Barco Murialdina e Calcio Tuscia Ore 18 - Finale per il primo e secondo posto tra Pilastro Azzurri e Celeste. Seguirà la cerimonia di premiazione nel ricordo del compianto dirigente biancorosso. ATTIVITA’ DEL CSI 1° MEMORIAL “MARIO CORINTI MAURIZIO TOMBOLINI” Il gruppo sportivo Aurora Viterbo organizza per il giorno 19 Giugno 2011 alle ore 10,30 presso il campo sportivo Balletti Park Hotel di San Martino nel Cimino il I° Memorial di calcio Mario Corinti e Maurizio Tombolini. L’evento consisterà in un ritrovo di nuove e vecchie glorie che hanno militato nella Società Aurora Viterbo che si esibiranno in un mini torneo. Al termine del sopra citato torneo i giocatori, i dirigenti e le famiglie Corinti e Tombolini avranno il piacere di salutare i dirigenti del CSI Viterbo e i rappresentanti di tutte le società sportive che vorranno partecipare. Poichè verrà consegnato un piccolo ricordo, si invitano gli interessati a confermare la loro presenza entro il 31 Maggio 2011 telefonando al presidente Troncarelli Roberto al numero: 348 – 3869974.Certi di un vostro affettuoso riscontro inviamo i nostri migliori saluti. (G.S. Aurora Viterbo)

CAMPIONATO AMATORI DEL CENTRO SPORTIVO ITALIANO, FAIR PLAY E CLASSIFICHE FINALI Si sono conclusi gli incontri dei campionati amatoriali di calcio del Centro Sportivo Italiano. Ecco tutti i verdetti al gran completo tra le classi�che �nali che potete leggere a fondo pagina nella sua completezza e le relative classi�che fair play e della Coppa Discplina. CAMPIONE PROVINCIALE In base al regolamento si laurea campione provinciale il S.Agostino Aurelia, vincitrice del girone A con una media punti di 2,545. Secondo posto sul podio per il titolo provinciale alla Virtus Acquapendente, media punti 2,416 e terzo posto per il Capranica (media punti, 2,125). CLASSIFICHE FAIR PLAY Queste invece le classi�che fair play nei tre raggruppamenti.

Girone B - Qui ha trionfato l’Atletico Falisco con punti 1,383; secondo posto per l’Amatori Capranica con 1,338 e terzo posto del Bassano Romano con 1,258. Girone C - Vince il premio fair play la Virtus Acquapendente con punti 1,541; secondo posto per la Fulgur Tuscania con 1,187 e terzo posto del Valentano con 0,967. CLASSIFICHE COPPA DISCIPLINA Questo invece il quadro delle classi�che della Coppa Disciplina. Girone A - Al primo posto l’Asa Allumiere con 11,10; secondo posto per il Mondo Nuovo con 11,50 e Real Tarquinia terzo con 13,80. Girone B - Qui abbiamo al primo posto l’Atletico Falisco con 23,00; 2° posto per il Vignanello con 23,50 e terzo posto per l’Atletico Viterbo con 24,10.

Girone A - Si è imposta l’Asa Allumiere (punti 1,927); secondo posto per il S. Agostino Aurelia (punti 1,809) e terzo posto per l’Anonima Bracciano (punti 1,231).

Girone C - Si è aggiudicato la Coppa Disciplina del girone C la Torrese con 15,00; secondo posto per l’Etrusca Capodimonte con 20,10 e terzo posto per il Pianeta Giustizia Viterbo con 22,70 punti.

AMATORI A

AMATORI B

RISULTATI ULTIME GIORNATE Per dovizia di cronaca così come abbiamo fatto per tutto l’arco della stagione ecco i risutlati delle s�de dell’ultima giornata nei gironi B e C le cui sorti erano state già decise con i successi di Capranica e Virtus Acquapendente mentre il girone A vinto dal Sant’Agostino Aurelia si era concluso da concluso da tempo. Girone B - Così nell’ultima giornata: San Faustino-Bassano Romano 1-2; Atletico Viterbo-Vignanello 1-3; Sevas-Vejanese 3-2; Amatori Vetralla-Atletico Falisco 0-0; Sassacci-Capranica 0-3 (a tavolino) e Deportivo CivitonicoStella Azzurra (0-3). Ha riposato l’Aurora Viterbo. Girone C - Ecco invece il quadro completo dell’ultima giornata del girone C: Valentano-Nuova San Faustino 4-0; Fulgur Tuscania-Ischia di Castro 2-1; Virtus Calcio Bolsena-Etrusca Capodimonte 2-0; Pianeta GiustiziaNuova Pescia Romana 1-1; Torrese-Virtus Acquapendente 3-3 e Amatori Monte�ascone-Aurora Piansano 1-2. Ha riposato la Virtus Marta

AMATORI C 58

S. AGOSTINO AURELIA (campione)

56

A.CAPRANICA (campione)

51

V. ACQUAPENDENTE (campione)

ASA ALLUMIERE

49

ATLETICO FALISCO

47

VALENTANO

46

AMATORI TOLFA

45

BASSANO ROMANO

47

FULGUR TUSCANIA

45

A. BRACCIANO

43

AURORA VITERBO

46

V. C. BOLSENA

39

TREVIGNANO

39

POL. VIGNANELLO

44

AURORA PIANSANO

39

MONTE ROMANO

28

POL. SEVAS

42

NUOVA SAN FAUSTINO

35

MONDO NUOVO

26

AMATORI VETRALLA

41

AMATORI MONTEFIASCONE

31

REAL CANALE

25

VEJANESE

29

PIANETA GIUSTIZIA VT

26

28

ETRUSCA CAPODIMONTE

19

STELLA AZZURRA

FC ORIOLO

25

ATLETICO VITERBO

TORRESE

15

21

25

VOGLIA DI CALCIO

DEPORTIVO CIVITONICO *

20

ISCHIA DI CASTRO

23

REAL TARQUINIA

13

SAN FAUSTINO

18

N. PESCIA ROMANA

18

ACCORDIA ORIOLO

12

SASSACCI (esclusa)

0

VIRTUS MARTA

15

CAMPIONATO FINITO

CAMPIONATO FINITO

CAMPIONATO FINITO


sport

SPORT

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 20 Maggio 2011

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 17

CALCIO PROMOZIONE

Montefiascone, l’Eccellenza è vicina Il 29 maggio i falisci affronteranno in semifinale playoff il Borgo Podgora. Patron Minciotti non teme nessuno CALCIO SERIE D - Il dg Donsanti: “Nessun licenziamento”

di GIANLUCA NATOLI

O

ra è uf�ciale. Quelle che erano solo voci �no a qualche giorno fa sembrano aver trovato �nalmente riscontro anche nella realtà. L’avversario del Monte�ascone designato per la gara di semi�nale (play off) sarà il Borgo Podgora. La notizia è stata resa nota dal Comitato Regionale che nel proprio sito internet ha pubblicato tutti gli accoppiamenti delle gare playoff e playout dei vari campionati laziali. Le s�de per il salto in Eccellenza si disputeranno il 29 maggio ed il 5 giugno. Per ora resta ancora l’incognita dell’orario di questi match, ma soprattutto il Comitato regionale dovrà a breve decidere chi giocherà la prima partita in casa. Probabilmente queste scelte verranno prese solo la settimana prossima, cioè dopo che si conoscerà la quarta ed ultima semi�nalista play off. Il Valmontone dovrà infatti attendere �no a dopodomani per conoscere la sua avversaria. Proprio in quel giorno si s�deranno alle ore 11 sul campo neutro di San Cesareo in una gara secca Monterotondo Scalo e Villanova (entrambe seconde classi�cate con 67 punti nel girone B). Queste le reazioni in casa falisca alla designazione dell’avversario per il primo turno: “Ci possiamo ritenere soddisfatti- ha dichiarato il presidente gialloverede Lorenzo Minciotti- anche se personalmente non avevo delle

Viterbese, Ciambella dove sei? Giovani in arrivo alla Flaminia P

er Viterbese e Flamina prosegue il lavoro fuori e dentro al campo.

preferenze particolari, perchè credo che tutte le seconde classi�cate degli altri gironi siano squadre di spessore”. Eppure mister Antolovic, attento conoscitore delle avversarie, una sua speranza la aveva, cioè quella di non incontrare almeno subito il Valmontone che in Coppa gli aveva ri�lato una dura lezione: “L’allenatore è rimasto impressionato dalla prova del Valmontone contro di noi. Da loro abbiamo perso purtroppo per 5-0. Per me quella è stata una giornataccia. Però questo non deve indurci ad avere paura di affrontarli nuovamente. Anzi a questo punto mi auguro di poter avere una rivincita proprio contro di loro, magari in �nale”. Meglio però giocare la prima

in trasferta, su questo Minciotti non ha dubbi. “Negli ultimi campionati abbiamo sempre disputato le gare di andata degli spareggi in casa. Stavolta invece mi piacerebbe che si veri�chi la situazione opposta. Del resto lo meritiamo, visto che abbiamo fatto più punti in classi�ca del Borgo Podgora”. GLI AVVERSARI Il Borgo Podgora è una cittadina di circa 3000 abitanti, ubicata nei pressi di Latina. Il piccolo centro urbano nacque nel lontano 1927 col nome di ‘Villaggio operaio a Sessano’. La polisportiva invece venne alla luce più tardi negli anni dif�cili del secondo dopoguerra (1950). I suoi fondatori furono un gruppo di coloni giunti dal nord intorno al 1930 ai tempi

della boni�ca. I colori sociali sono quelli storici del bianco e celeste. Oggi la squadra di calcio è allenata da Giancarlo Paoloni. In questa stagione si è piazzata al secondo posto del girone C a 65 punti (staccata soltanto per tre lunghezze dalla capolista Almas Roma). QUI CORCHIANO E la febbrile attesa sale anche per l’unico scontro play out del girone A di Promozione laziale. Il Corchiano Gallese infatti domenica prossima sarà già in campo per l’andata degli spareggi contro il Cervetri. Il primo round si disputerà al ‘Marescotti’ di Ladispoli alle ore 16.30. Il secondo ed ultimo atto invece andrà in scena nel weekend successivo, domenica 29 maggio, al ‘Dino Nelli’ di Gallese.

QUI VITERBESE I giocatori sono in vacanza. I dirigenti ed il presidente ovviamente no. Nel tardo pomeriggio di ieri si è tenuto l’ennesimo vertice societario in cui si è tornati di nuovo a fare il punto sulle innumerevoli questioni burocratiche relative alla domanda di ripescaggio, la cui presentazione non potrà slittare oltre il 30 giugno. Ma quello che nelle ultime ore sembra aver suscitato più interesse è il ‘caso’ Ciambella. Il team manager della Viterbese, o forse sarebbe meglio dire ex team manager, non si fa più vedere da un pò e non risponde alle chiamate dei giornalisti. Malgrado qualcuno si diverta a parlare di un suo licenziamento, in realtà le cose sembrerebbero non stare proprio così. Il dg Maurizio Donsanti ci tiene una volta per tutte a chiarire: “Il signor Ciambella non è stato licenziato proprio da nessuno, anzi... gli abbiamo semplicemente proposto di continuare a fare il lavoro di sempre. Poi purtroppo, me ne rammarico e non ne conosco le ragioni, lui ha deciso di non accettare il ruolo che gli avevamo ritagliato. Se necessario sono dispoto anche ad avere un confronto pubblico con

lui, purchè si possa porre fine a tanto chiacchiericcio”. Chiacchiere solo nocive ad un ambiente già saturo di impegni e preoccupazioni. Sarebbe opportuno dunque non alzare più ‘polveroni’ intorno a chi si sta adoperando con impegno nel garantire un futuro roseo alla squadra gialloblù. E con questo, sia chiaro, non si vuole affatto sminuire l’operato di Ferdinando Ciambella che per tanti anni ha fatto il bene della Viterbese, ma semplicemente si intende tutelare la ‘nostra’ amata squadra. QUI FLAMINIA Ieri pomeriggio tutto lo staff civitonico si è ritrovato a Rignano Flaminio per valutare una trentina di giovani, suddivisi in due squadre. “La prossima settimana prenderemo delle decisioni - ha dichiarato il diesse Vittorio Giovanale- quindi andremo a parlare con le società dei ragazzi che più ci interessano. Ci sono già alcuni ragazzi nel mirino, ma ovviamente non posso svelare i loro nomi. Rischierei di bruciarli. Alcuni vengono dalla Promozione e su quelli cercheremo di puntare”. Il 25 luglio sarà tempo di ritiro per la Flaminia. La squadra trascorrerà una decina di giorni a Carbognano. (G.N.)

LE SQUALIFICHE - I provvedimenti nei Dilettanti e nelle giovanili regionali MEMORIAL PEA - Oggi di nuovo in campo il girone A

Ed ora a settembre ricordatevi di dovere stare fermi...

Q

della Foglianese: “Per proteste nei confronti dell’arbitro”. Giocatori Espulsi - Due turni per Andrea Brunetti della Comunale Foglianese. Non Espulsi - Per somma di ammonizioni un turno a Gianluca Celestini e Ivan Giamundo del Corneto.

uesti i provvedimenti a carico dei tesserati delle formazioni della Tuscia dopo i match dei campionati dilettantistici dello scorso �ne settimana. ECCELLENZA Non Espulsi - Un turno a Paolo Piergentili del Monterosi per somma di ammonizioni. PROMOZIONE Dirigenti - Squali�ca sino al 27 maggio del 2011 per Mauro Marzi del Trevignano: “Per proteste nei confronti dell’arbitro”. Non Espulsi - Per somma di ammonizioni un turno a Matteo D’Amico della Vigor; Roberto Corasaniti della Caninese; Cataldo Leonetti del Trevignano; Vincenzo Capua de La Storta; Gabriele Sega dell’Atletico Vescovio; Abderrahim Akrack della Virtus Cimini. PRIMA CATEGORIA Ko a Tavolino - All’Atletico Tarquinia che non si è presentato in campo domenica scorsa a Lubriano. 3-0, un punto di penalizzazione e multa di 500 euro. Ammende - Multa di 100 euro a Canepina e Capranica: “Per ritardata presentazione in campo”. Allenatori - Due turni a Roberto Paradisi della Valleranese:

Alex Citti (Valleranese)

Antonio Pupi (Vignanello)

“A �ne gara rivolgeva all’arbitro espressioni offensive”. Giocatori Espulsi - Due giornate ad Alex Citti della Valleranese. Un turno a Daniele Damiani del Monte Romano; Alessandro Arditi della Valleranese; Matteo Clarioni e Antonio Pupi del Vignanello. Non Espulsi -Per somma di ammonizioni un turno a Nicolo Alesini del Grotte di Castro; Simone Cutigni e Luca Proietti del Canepina.

le Rocchi della Nuova Bagnaia; Francesco Tombolini della Virtus Calcio Bolsena; Marco Della Rosa del Viterbo Pool. Non Espulsi - Per somma di ammonizioni un turno a Federico Goretti del San Lorenzo Nuovo; Andrea Di Rocco dello Stimigliano; Enrico Frontoni del Doria San Martino; Francesco Varletta della Nuova Bagnaia; Fabio Rosetto e Marco Morice della Virtus Calcio Bolsena; Alessio Macchioni del Tre Croci; Lorenzo Graziani della Maglianese.

SECONDA CATEGORIA Giocatori Espulsi - Due giornate a Daniele Emili del Civita Castellana. Un turno per Diego Cortigiano del Celleno; Emanue-

JUNIORES FASCIA B Allenatori - Un turno per Mariano Cristiano Giovannini

ALLIEVI REGIONALI Ko a tavolino - All’Etrusca che non si è presentata sul campo de La Storta. 3-0 a tavolino, un punto di penalizzazione e multa di 103 euro. Giocatori Espulsi - Due turni ad Andrea Stella del Pianoscarano. Un turno a Giacomo Stragapede del Pianoscarano. Non Espulsi - Un turno per somma di ammonizioni ad Alessandro Meloni del Pianoscarano. GIOVANISSIMI REGIONALI Non Espulsi - Un turno per somma di ammonizioni a Simone Taliani e Simone Rocchi dell’Etrusca e per Riccardo Totonelli del Real Monterosi. GIOVANISSIMI FASCIA B Non Espulsi - Un turno per somma di ammonizioni ad Alessandro Fusi del Pianoscarano

Partito il ‘Memorial Fratelli Pea’ esordio ok per Ternana e Olimpia È

iniziata nel pomeriggio di mercoledì la X^ Edizione del Memorial “Fratelli Pea”, torneo di calcio riservato alle formazioni Juniores. AL “Gildo Filesi” le prime quattro formazioni a scendere in campo sono state Ternana e Voluntas Spoleto e Campitello e Olimpia Thyrus. Vediamo come è andata. TERNANA V. SPOLETO Derby senza troppa storia quello tra i rossoverdi e gli spoletini. A spuntarla in maniera piuttosto netta sono stati i ternani che si sono imposti con un rotondo 4-1. Notevole la differenza vista in campo con i ragazzi delle “Fere” superiori sia �sicamente che tecnicamente. Una Ternana che ha dato subito l’impressione di essere squadra quadrata e di ottimo livello e di essere venuta ad Orte con l’intento di conquistare il torneo. Per quanto riguarda invece la Voluntas, va apprezzato l’impegno massimo posto sul rettangolo di gioco dagli spoletini sceso in campo che hanno contrastato �nché hanno potuto la supremazia ternana per poi arrendersi alla distanza. CAMPITELLO OLIMPIA T. TERNI La sorpresa della giornata arriva dalla seconda gara

dove il blasonato Campitello deve piegarsi ai ragazzi dell’Olimpia Thyrus Terni. 3-1 il �nale a favore della piccola società ternana che ha mostrato una buona organizzazione di gioco unita a individualità notevoli. Il tutto ha colto di sorpresa gli avversari apparsi contratti e in netta dif�coltà �n dalle prime battute. Una scon�tta questa del Campitello che pregiudica il cammino verso una delle due �nali del torneo. CLASSIFICA GIRONE A Dopo questa prima giornata è naturalmente molto semplice stilare la classi�ca del girone A con Ternana e Olimpia Thyrus prime con 3 punti e con Campitello e Voluntas Spoleto Ferme a 0. GIRONE B Nella tarda serata di ieri invece si è aperto anche il girone B che aveva in programma una sola partita con i padroni di casa dell’Ortana che hanno affrontato il Macchie. PROGRAMMA ODIERNO Oggi torna in campo il girone A. Si parte alle 16:30 con lo scontro diretto tra TernanaOlimpia Thyrus, per poi proseguire con la s�da tra Campitello e Voluntas Spoleto


� �

SPORT

primo piano interni sport

2 18

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato Aprile Venerdì 120 Ottobre 2010 Venerdì30 Maggio2011 2011

CITTÀ DI CAPRAROLA

La Vis Aurelia concede il bis, 4-1 al Barco Sportivissimo mister Paolo Perandria: “Loro una squadra di un altro pianeta”

P

roseguono gli incontri del 3° torneo “Città di Caprarola” ben organizzato dalla società della Virtus Cimini e in pieno svolgimento presso il campo sportivo Comunale di Caprarola. Martedì sera per il secondo incontro del girone A si sono affrontate le formazioni della Vis Aurelia e del Barco Murialdina e il team romano ha confermato la sua forza superando per 4-1 la compagine del capoluogo.

VIS AURELIA 4 BARCO M. 1 Un match di fatto senza storia in cui la formazione della capitale, reduce da un ottimo quarto posto nel campionato regionale ha avuto vita facile sul Barco, diretto in questo torneo da Paolo Perandria il quale con grande sportività ha riconosicuto i meriti degli avversari: “Quella del Vis Aurelia è una formazione che mi ha destato una grande impressione e sono super favoriti alla vittoria �na-

TORNEO CITTA’ DI CAPRAROLA (ore 21,00) data

partita

risultato

BARCO MURIALDINA - PIANOSCARANO

2 - 3

VIRTUS CIMINI - CIVITA CASTELLANA

2 - 0

POL. TUSCANIA BOLSENA - VIS AURELIA

2 - 4

ETRUSCA CALCIO - VIRTUS PILASTRO

0 - 1

VIRTUS CIMINI - VIRTUS PILASTRO

4 - 2

BARCO MURIALDINA - VIS AURELIA

1 - 4

ieri sera

ETRUSCA CALCIO - CIVITA CASTELLANA

20/05

POL. TUSCANIA BOLSENA - PIANOSCARANO

24/05

BARCO MURIALDINA - TUSCANIA BOLSENA

25/05

VIRTUS CIMINI - ETRUSCA CALCIO

26/05

PIANOSCARANO - VIS AURELIA

27/05

CIVITA CASTELLANA - VIRTUS PILASTRO

SEMIFINALI 1ª GIRONE A - 2ª GIRONE B 1ª GIRONE B - 2ª GIRONE A

FINALI 3° / 4° POSTO 1° / 2° POSTO

le del torneo. Ottimo gioco di squadra, super organizzazione, prestanza �sica, abbiamo fatto quello che abbiamo potuto ma è stata una lotta impari”. SITUAZIONE Girone A che si sta quindi delineando nel segno della Vis Aurelia che balza a 6 punti dopo che nel match di esordio aveva battuto per 4-2 il Tuscania Bolsena, confermando quindi una facilità realizzativa non da poco. E la netta sensazione è che si giocherà nel girone A per il secondo posto che porterà alla semi�nale e qui giochi ancora aperti tra Pianoscarano, Tuscania Bolsena e in minor misura per lo stesso Barco che avendo già giocato due match e perdendoli entrambi dovrebbe con�dare in una serie incredibile di risultati a suo favore, oltre a vincere con un largo margine di reti l’ultima s�da che l’attende martedì prossimo con il Tuscania Bolsena. IERI IN CAMPO Nella serata di ieri si è giocato il terzo confronto del girone B tra Etrusca e Civita Castellana che era una sorta di s�da ad eliminazione diretta visto che entrambe le compagini avevano perso nel primo confronto contro Virtus Pilastro e Virtus Cimini. Nell’edizione di domani l’esito di questo match.

Barco Murialdina mister Giuseppe Salta e l’Asd Pianoscarano la cui formazione risulterà con diversi ‘95 in campo in quanto il gruppo dei 94 sarà impegnato domenica nella gara di andata del play out del campionato allievi regionali contro la Foglianese. Il Pianoscarano nel suo primo match aveva avuto la meglio per 3-2 sul Barco Murialdina. (agv)

GIRONE A

GIRONE B

VIS AURELIA

6

VIRTUS CIMINI

6

PIANOSCARANO

3

VIRTUS PILASTRO

3

TUSCANIA BOLSENA

0

ETRUSCA

0

BARCO MURIALDINA

0

CIVITA CASTELLANA C.G.

0

OGGI IN AZIONE Il quadro completo della seconda settimana di incontri si de�nirà questa sera con il match del girone A in programma alle ore 21 al Comunale di Caprarola tra il Tuscania Bolsena di

Vis Aurelia

MEMORIAL SOCCIARELLI - Il quadro delle sfide giocate mercoledì e il programma odierno

Foto Claudio Barcherini

Entrata in pompa magna delle fantastiche donne ppuntamento quotidiano con A il Memorial “Alessio Socciarelli” in svolgimento al Comunale di Grotte di Castro. Ecco quanto avvenuto nelle sfide giocate nel pomeriggio di mercoledì. FEMMINILE Giornata di esordio della kermesse riservata alle donne e che giocano in cinque contro cinque.

Girone A - Nel primo match Pol. Real Azzurra Grotte di Castro A-Pol. Real Azzurra B 2-7. Ha riposato il San Rocco Pitigliano A. Classifica: in testa ovviamente la Pol. Real Azzurra B con 3 punti. Prossimo incontro: mercoledì 25 maggio alle 17 Pol. Real Azzurra B-San Rocco A. Riposa La Pol. Real Azzurra A. Girone B - Qui successo del

La squadra femminile della Polisportiva Real Azzurra Grotte di Castro A, in alto la formazione B

Bolsena per 3-1 sul San Rocco Pitigliano B. Ha riposato il Montefiascone. Classifica: al comando con 3 punti il Bolsena. Prossimo turno: mercoledì 25 maggio alle 18 MontefiasconeSan Rocco B. Riposa il Bolsena. ESORDIENTI 1999 Girone A - Si è giocato il match tra Pol. Real Azzurra Grotte di Castro-Vulsinia Bolsena finito 10-0. Nei giorni scorsi si era giocato il match della prima giornata tra Pitigliano e Vigor conclusosi 1-1. Classifica dopo la prima giornata: Pol. Real Azzurra 3; Pitigliano e Vigor 1; Vulsinia Bolsena 0. Prossimo turno: nella seconda giornata avremo oggi alle 20,30 Pitigliano-Pol. Real Azzurra Grotte di Castro e mercoledì 25 maggio alle 19 Vigor Acquapendente-Vulsinia. PULCINI 2002 Girone A - Qui nel girone A mercoledì pomeriggio si è giocato il match tra Vigor Acquapendente e Valentano finito con il punteggio di 7-3 e valido per la seconda giornata di questa cate-

goria che ieri si è completata con il match tra Caninese e Pol. Real Azzurra Grotte di Castro giallo il cui esito con la classifica aggiornata ve lo daremo nella nostra edizione di domani. PULCINI 2003 Qui si sono giocate le sfide del turno di esordio. Girone A - I piccoli della Pol. Real Azzurra hanno battuto per 7-2 la Vigor Acquapendente. Ha riposato il Civita Castellana. Classifica: Pol. Real Azzurra Grotte di Castro 3; Vigor e Civita Castellana 0. Prossimo Turno: mercoledì 25 maggio alle 17 avremo il match tra Vigor e Civita Castellana, riposerà la Pol. Real Azzurra Grotte di Castro. Girone B - Nella prima gara del girone B vittoria per 8-1 dell’Ischia di Castro sul Vulsinia Bolsena. Ha riposato il Piansano. Classifica: Ischia di Castro 3; Vulsinia Bolsena e Piansano 0. OGGI IN CAMPO Ecco il quadro delle sfide in programma oggi pomeriggio al Comunale.

GIOVANISSIMI 1997 Per il girone A alle 17,15 il match tra Romeo Menti ed Etruria. Riposa il Pitigliano. Classifica dopo la prima giornata: Pitigliano 3; Romeo Menti ed Etruria (ha riposato) 0. Per il girone B il match tra Vigor Acquapendente e Ischia di Castro che era stato fissato per oggi alle 16 è stato posticipato a martedì 24 maggio alle 19,30. Nella seconda giornata riposa il Federico Mosconi. Classifica: F. Mosconi 3; Ischia di Castro e Vigor (ha riposato) 0.

ESORDIENTI 1999 Girone A - Oggi alle 20,30 ricordiamo il match tra Pitigliano e Pol. Real Azzurra. Girone B - Alle 18,30 sfida tra Civita Castellana e Valentano e alle 19,30 il match tra Montefiascone e Pianoscarano. Classifica dopo la prima giornata: Montefiascone e Civita Castellana 3; Pianoscarano e Valentano 0. Nell’edizione di domani il resoconto completo del ricco programma della giornata di ieri.


sport

SPORT

Venerdì 1 Ottobre 2010

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 20 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

2

DRIBBLING SOTTO LE STELLE

interni 19

Foto Leonardo Cutigni

Bagnoregio e Montefiascone esordio ok Successi per 1-0 contro Montalto e Virtus Pilastro. Oggi recupero del girone B di LEONARDO CUTIGNI

I

n un clima di grande fair play si è conclusa mercoledì sera la terza giornata del torneo “Dribbling Sotto le Stelle”, organizzato dalla società sportiva Oratorio Villanova, intitolato alla memoria di Katia Pelizzari e sponsorizzanto dal Lazio Club. GIRONE C In campo le quattro compagini del girone C. MONTEFIASCONE 1 VIRTUS PILASTRO 0 La prima s�da ha visto

Montefiascone imporsi la formazione del Monte�ascone con il parziale di 1-0, in una s�da in cui, dato l’orario di cena, i ragazzi di mister Santini hanno messo in atto un simpatico via vai per andare a prendere negli spogliatoi dei gustosi supplì. Nella seconda partita ha prevalso il Bagnoregio sul Montalto sempre con il risultato �nale di 1-0 dopo un’incontro combattuto ma sempre in un bel clima di sportività. Da sottolineare la non casuale affermazione delle formazioni con le liste più ampie, cosa già avvenuta anche nelle precedenti partite. Ecco le formazioni.

Virtus Pilastro

Virtus Pilastro: Alessio Baggiani, Jacopo Barzellotti, Gabriele Bertollini, Luca Di Prospero, Filippo Floris, Gabrile Lupo Gasparri, Eduard Gabriel Hura, Oleg Ivasin, Federico Macrì, Federico Rocchetti, Alessio Stefanoni, Matias Tiekone, Luca Toni, Lorenzo Vittori, Gabriele Brugiotti, Allenatore: Ennio Insogna. Monte�ascone: Matteo Battisti, Fabio Felicca, Michele Fioretti, Francesco Marziali, Lorenzo Mele, Lorenzo Menichelli, Gabriele Mocini, Lorenzo Moscetti, Gabriele Pecci, Tommaso Pierangeli, Stefano Santarelli, Daniele Stefanoni, Nico Venanzi, Lorenzo Viglianisi, Giorgio Vittori, Riccardo Cala Lesina, Allenatore: Davide Santini.

Bagnoregio Montalto: Mattia De Simoni, Ivan Yakovyshyn, Davide Bandiera, Luca Salvi, Yuri Nicotra, Andrea Anselmetti, Jacopo Rosati, Manuel Zampetta, Lorenzo Dezi, Alessio Paventi, Allenatore: Massimiliano Porciatti. Classi�ca - Così dopo la prima giornata nel girone C: Monte�ascone e Bagnoregio 3; Montalto e Virtus Pilastro 0. Prossimo Turno - Mercoledì 25 maggio alle 20

BAGNOREGIO 1 MONTALTO 0 Nella seconda s�da altro 1-0 a favore del Bagnoregio che ha battuto il pur valido Montalto. Bagnoregio: Nicolas Santorelli, Gabriele Moranesi, Mirco Perquoti, Claudio Ferrari, Samuele Marianeschi, Marco Eletti, Andrea Mammanco, Gabriele Marmo, Gabriele Lupi, Gianluca Pompili, Matteo Dominici, Allenatore: Giancarlo Burla.

Montefiascone-Montalto e alle 21 Bagnoregio-Pilastro. IERI E OGGI IN CAMPO Ieri sera si sono giocate le prime due gare del girone D fra Civita Castellana e Corneto e Tre Croci-Oratorio Villanova. Il resoconto nell’edizione di domani. Oggi - Alle 21 recupero del girone B tra Accordia Oriolo e Calcio Tuscia.

Montalto

LO ZOOM - Tutte le decisioni del giudice sportivo sui play off di 3ª Categoria e nel calcio a cinque di serie D

Torneo dei Pugnaloni, Prima Equipe vincente di misura con il penalty di Viviani

E

cco tutti i provvedimenti del giudice sportivo del calcio provinciale dopo le gare dello scorso fine settimana. TERZA CATEGORIA Così dopo le gare di andata dei quarti di finale dei play off, Coppa Provincia di Viterbo. Ammende - Multa di 50 euro al Tarkna Tarquinia: “Poichè sostenitori della Società offendevano e minacciavano l’arbitro”. Giocatori Espulsi - Una giornata a Francesco Verduchi dello Sporting United Ronciglione; Massimiliano Sanna e Mauro Valeri del Tarkna 2007. In Dif�da - Giocheranno con la dif�da la seconda s�da dei play off (ritorno dei quarti) i seguenti atleti: Sesto Giovanni Vittori Aramini della Cicram;: Alessandro Magrini e Stefano Pallozzi del Doc Gallese; Maurizio Farsetti e Marco Sanese del Real Caprarola; Fabrizio Capocecera, Massimo Cordoano e Simone Ubaldini del Sipicciano; Alfonso Liberati dello Sporting Ronciglione e Marco Ferri del Tarkna 2007. C/5 SERIE D MASCHILE Queste le sanzioni del giudice sportivo dopo le gare della terz’ultima giornata di ritorno nel campionato di serie D maschile.

Ammende - Multa di 50 euro all’Associazione delle Associazioni: “Poichè, come constatato dall’arbitro, i giocatori della Società danneggiavano la rubinetteria delle docce nello spogliatoio loro assegnato dalla Società ospitante. Si dispone il risarcimento dei danni ove richiesti e documentati”. Ammenda di 50 euro alla Cicram: “Poichè la Società causava ritardo sull’inizio della gara”.

la ricorrente non presenta alcun motivo assumibile per una riduzione, questa Commissione delibera: di accogliere parzialmente il reclamo avanzato dalla Società Comapgnia Portuale e quindi di ridurre l’inibizione al Dirigente Patrizio Scilipoti al 30.11.2011 e la squalifica all’allenatore Patrizio Presutti a 6 gare, l’ammenda di € 300 resta confermata. La tassa reclamo va restituita.

Dirigenti - Sino al 2 giugno del 2011 squalificato Rodolfo Percossi del Calcio Rossoblu: “Poichè si rivolgeva all’arbitro in maniera ingiuriosa”.

TORNEO PUGNALONI OK LA PRIMA EQUIPE Seconda sfida del girone A al torneo dei Gruppi Pugnaloni ad Acquapendente e bel successo del Gruppo Prima Equipe che aveva riposato all’esordio e che si è imposto per 1-0 sul Gruppo 6+6 . Ecco lo score del confronto.

Giocatori Espulsi - Due giornate a Fabio Bastianelli dell’Atletico Viterbo e Giuliano Natali del Calcio Rossoblu. Un turno per Enrico Fantini e Dario Luberti della Virtus Monterosi; Luca Varazi dell’Atletico Viterbo; Mirco Patriarca della Cicram; Aziz Ouafiq della Virtus Ceramica Flaminia. In Diffida - Squalificati al prossimo giallo Alessio Liparelli del Santa Marinella e Diego Cruciani dello Sporting Center Colle Diana. C/5 SERIE D DONNE Le decisioni dopo i confronti della terz’ultima di ritorno. Allenatori - Due giornate a Massimo Farisei del Blera: “Allontanato per aver protestato in maniera offensiva”.

Il portiere Spadaccia (Gruppo Prima Equipe) Foto Andrea Di Palermo Non Espulse - Un turno per somma di ammonizioni a Sabrina Botta del Canale Monterano. PARZIALMENTE ACCOLTO IL RICORSO DELLA PORTUALE Sconticino per la Compagnia Portuale juniores sulle sanzioni rimediate dal dirigente Patrizio Scilipoti sino al 31 dicembre 2011 e per il tecnico Patrizio Presutti di otto giornate per i fatti avvenuti nel fine gara dell’ultima di campionato tra Virtus Cimini e Compagnia Portuale. I fatti - La Commissione Disciplinare, visto il reclamo in reclamo con cui la Società Compagnia Portuale

chiede una revisione dell’ammenda comminatale dal Giudice Sportivo nonché una riduzione delle sanzioni inflitte al proprio allenatore Presutti Daniele e al Dirigente Scilipoti assumendo che i due tesserati si siano limitati a reagire alle provocazioni a loro rivolte da tesserati avversari. Letti gli atti ufficiali, dai quali emerge – per contro – che sia lo Scilipoti che il Presutti hanno colpito con pugni e calci l’allenatore avversario, intervenuto a fine gara a protezione dell’arbitro;ritenuto peraltro lievemente eccessive le sanzioni inflitte all’allenatore e al dirigente in rapporto al seppur inaccettabile loro comportamento; avuto riguardo, infine, alla congruità dell’ammenda comminata, in relazione alla quale

GRUPPO PRIMA EQUIPE 1 GRUPPO 6 + 6 0 Gruppo Prima Equipe: Spadaccia, Boggi, Dionisi, Ronca, Giacomo Bedini, Giacomo Marziali, Paolo Marziali, Tomassetti, Viviani, Andrea Campana, Dominici, Alberelli, Stabile, Camilli, Armezzani. All: Francesco Campana Gruppo 6+6 - Pirri, Ragnini, Bedini, Sani, Alessandro Piazzai, Pedetta, Balestro, Manucci, Lucchi, Pallottino, Sauro Pasquini, Marco Pasquini, Mazzuoli, Dario Nardini, Zangaglia, Riccini, Sarti, Pelosi, Fabrizio Nardini. All: Zangaglia Arbitro: Pelliccia di Castelgiorgio Marcatori: 67’ Viviani (Gruppo Prima Equipe)

I campioni 2010 esordiscono con una vittoria sostanzialmente meritata. Visto che nell’ambito di un match avaro di emozioni e pieno zeppo di schermaglie in mezzo al campo, si sono comunque dimostrati maggiormente attrezzati sotto il punto di vista tecnico dalla cosiddetta “citntola in su”. Ad aprire le velleità è proprio la Prima Equipe al minuto 8. La conclusione Andrea Campana si perde di poco fuori. Bisogna aspettare il 25° per vivere il secondo brivido gara: perfetto colpo di testa di Viviani e miracolo di Pirri. Un minuto dopo Dominici svaria sulla fascia sinistra. Sulla conclusione si accartoccia ancora bene Pirri. Lo stesso Dominici nove minuti dopo mette ancora a dura prova l’attento numero uno 6+6. Dopo venticinque minuti di nulla totale, la ripresa si scalda al 64°: bella conclusione di Stabile che si stampa sulla traversa. Tre minuti dopo Viviani freddo e decisivo dal dischetto. Nell’unico tiro in porta di tutta la gara, il 6+6 s�ora il pareggio. Entrato da soli cinque minuti Marco Pasquini scaglia una bordata da fuori area. Spadaccia si supera sciorinando una parata-supermiracolo. Classifica - Così nel girone A dopo i primi due confronti: Gruppo Prima Equipe 3: Gruppo Costa San Pietro 1; Gruppo 6+6 (1) Oggi - Alle 18,30 si gioca il match tra Gruppo Prima Equipe e Gruppo Costa San Pietro. Riposa il Gruppo 6+6


� �

SPORT

primo piano interni sport

2 20

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato Aprile Venerdì 120 Ottobre 2010 Venerdì30 Maggio2011 2011

CALCIO A 5 D MASCHILE UMBRA

Orte Futsal-Ortana, a voi il derby Domani al via i match che valgono la promozione. Si comincia alle 15,30 alla ‘Pinetina’ di Petignano

S

CALCIO A CINQUE D PROVINCIALE

i è chiusa sabato scorso la regular-season del campionato di serie D umbra che vede impegnate due nostre rappresentanti. Vediamo come è andata. ORTANA I biancorossi di mister Impenna cadono ad Arrone contro il Fusal Chiesa Nuova capolista. 4-1 il risultato a favore degli umbri che grazie al successo sugli ortani si sono garantiti lo spareggio promozione di cui vi parleremo poi. Per quanto riguarda Camilli e compagni invece, la classi�ca �nale dice 3° posto e play-off promozione contro i “cugini” dell’Orte Futsal. Tornando all’ultima s�da, i viterbesi hanno cercato di giocarsela a viso aperto senza troppe paure e per buona parte del match ci sono anche riusciti tanto che il passivo �nale maturato è stato troppo pesante per quanto mostrato in campo dai biancorossi. Onesta l’analisi di capitan Fabrizi: “Abbiamo perso contro una buona squadra anche se abbiamo sprecato moltissimo. Comunque nessun dramma, abbiamo chiuso al 3° posto che è un risultato buonissimo anche perché la nostra è stata una stagione abba-

Tra gli uomini in palio il quinto posto playoff La Femminile Civitavecchia pronta alla festa Luca Sorbara (Orte Fulsal) stanza travagliata . Ora si guarda avanti, arrivano questi due derby sentiti in cui daremo tutto per poter accedere in �nale. Non saranno gare semplici, loro sono una buona squadra, hanno organizzazione di corsa e �ato, quindi dovremo stare molto attenti e ricordare sempre che si gioca nell’ottica del doppio confronto”. ORTE FUTSAL Goleada �nale per i gialloblù dell’Orte Futsal che in casa di-

Antonio Gammino (Ortana C5)

Alessio Trombetta (Orte Futsal)

struggono per 14-2 i malcapitati avversari del Narni. Gara senza senza storia quella della “Pinetina” di con Sorbara e soci avanti 2-0 dopo appena 2 minuti di gioco. Un trend che non è mai cambiato durante l’arco della partita e che è solamente il punto esclamativo di una stagione che i ragazzi del patron Panattoni hanno disputato ad altissimi livelli. Ora però c’è il derby, la gara che vale una stagione oltre che l’accesso alla �nalissima promozione. Chiaro

David Fabrizi (Ortana C5)

il concetto a �ne gara del mister Roberto Martellino: “Ora è il momento di quagliare. Dopo la splendida stagione fatta �no a questo momento, ora si entra davvero nel vivo, ora non si può più sbagliare. La gara di sabato scorso è stata una formalità che ci ha permesso di chiudere terzi in classi�ca a �anco proprio dell’Ortana e di preparare nel migliore dei modi questo importantissimo derby. Inutile dire che daremo l’anima per la supremazia locale e per giocarsi la C2, abbiamo ancora il dente avvelenato per l’ultima stracittadina in cui avremmo meritato i tre punti ed invece ci siamo dovuti accontentare di un misero pareggio. Dalla nostra c’è la legge dei grandi numeri, in campionato non li abbiamo mai battuti, prima o poi deve accadere”. SPAREGGIO Si è giocato mercoledì scorso lo spareggio per la promozione diretta tra Norcia e Futsal Chiesa Nuova arrivate appaiate al primo posto della classi�ca. Al ‘PalaDiVittorio’ ad avere la meglio sono stati i norcini che si sono imposti 5-1 conquistando così la C2. (ale.urs)

VOLLEY - Primi match al torneo misto aquesiano TENNIS - L’atleta gialloblù eliminata al Roland Garros

Esordio convincente e vittorioso Anna Floris, quanti rimpianti del Gruppo 6+6 nel ‘Pugnaloni’ Perde con la Hampton in tre set di GLAUCO ANTONIACCI

Gruppo 6+6 3 Gruppo Costa San Pietro 1 (15-25, 25-18, 26-24, 25-15)

M

S

i è aperto con la vittoria del Gruppo 6+6 sul Gruppo Costa San Pietro il Girone A del Torneo a squadre miste “Città dei Pugnaloni” organizzato dalla Vigor Volley Acquapendente. Il ‘6+6’ parte alla grande, portandosi in vantaggio di quattro punti (6-2) grazie al servizio di un Faenzi in gran spolvero ed alle giocate sotto rete di Bandini. La Costa si riporta in equilibrio ed a partire dal 15 pari mette a segno ben nove punti consecutivi, aggiudicandosi facilmente il set grazie al perfetto af�atamento tra Casoli, Muzzi, Bredi, Del Segato. La riscossa del ‘6+6’ arriva nel secondo set che si mantiene in sostanziale equilibrio �no al 14 pari; la squadra vola verso il successo parziale grazie alla crescita tecnica di Giada

Campana e Martina Maggi che danno sicurezza a tutto il team. Dopo aver tenuto sotto controllo tutto il terzo set grazie alle buone alzate di Monachino, il 6+6 si vede recuperare �no al 24 pari ma trova la forza di piazzare i due punti decisivi e portarsi sul 2-1 nel conto set. Tutto semplice in�ne nel quarto dove la superiorità dei vincitori non viene mai messa in discussione. In questo girone si attende ora l’esordio della superfavorita Selecao. Nel Gruppo B si confronteranno i Gruppi Sas, Prima Equipe e Centro.

etteremo anche questa partita fra le occasioni perse della stagione: Anna Floris (nella foto)è stata eliminata nel secondo turno delle quali�cazioni al Roland Garros, il torneo parigino valido anche come secondo appuntamento stagionale del Grande Slam. La portacolori del Tennis Club Viterbo, opposta all’americana Jamie Hampton, ha ceduto il primo set per 7-5 al termine di una battaglia lunghissima, durata ben 48 minuti, in cui non le sono mancate le occasioni di chiudere positivamente il parziale. Il secondo set ha esaltato il gioco di pressione da fondo campo della Floris che ha messo sempre in dif�coltà la giovane americana, testa di serie numero nove delle quali�cazioni, ed ha portato a casa il set per 6-3. Tutto si è così deciso al terzo parziale, e qui le occasione sprecate dall’italiana sono state tante; la Floris ha avuto infatti

S

i giocano nel fine settimana le sfide della penultima di ritorno nei campionati maschile e femminile di calcio a cinque. SERIE D MASCHILE Giochi fatti per il primato con il campionato vinto dal Santa Marinella. Active Network, Virtus Monterosi e Ada certe dei play off, pathos per il quarto posto utile con la contesa tra Ronciglione e Caprarola e nell’ultimo turno ci sarà lo scontro diretto.

DOMANI Il quadro si completerà con le restanti tre sfide. Civita Castellana-Caprarola Ospiti obbligati a vincere per restare in corsa per il quinto posto togliendolo in extremis al Ronciglione. Calcio d’inizio alle 15,30. Pronostico 2

OGGI IN CAMPO Cinque le sfide odierne. Ecco il programma.

Ronciglione 2003-S. Vignanello - Padroni di casa ai quali necessitano i tre punti per respingere l’attacco a distanza del Caprarola e prima del loro scontro diretto. Si gioca alle 15,30. Pronostico 1

Ada-Cicram - Appuntamento alle 21 al Palasport di Civitavecchia con i padroni di casa che incominciano a fare le prove dei play off post campionato. Pronostico 1

Nepi Sport Event-Atletico Viterbo - Domani ultima gara casalinga per il Nepi ormai tagliato fuori dalla zona play off. Si gioca alle 15. Pronostico 1

Castel S.Elia-Active Network - Congedo dei padroni di casa dal pubblico amico dopo un buon campionato in cui è mancata la continuità. Active certa dei play off. Si gioca alle 21. Pronostico x2

Virtus Pilastro-S. C. Colle Diana - Buona opportunità per la Virtus Pilastro di tornare al successo che manca

SERIE D DONNE Così per la penultima di ritorno del campionato femminile. Oggi - Ben tre anticipi. Alle 21 Bassanese-Canale Monterano (pronostico 2); alle 21 Grotte Santo Stefano-Virtus Pilastro in un match dal profumo di play off (pronostico 1/2) e alle 20,30 Vignanello-Blera (pronostico 1). Domani - Alle 15,30 Graffignano contro Monterosi (pronostico 1); alle 17 Celleno-Flaminia Civita Castellana (pronostico 1) 18,30 Virtus Calcio Bolsena-Caninese (pronostico 2) e alle 20 la partita festa tra F. Civitavecchia e Accordia Oriolo (pronostico 1) con le padrone di casa che vincendo brinderanno al trionfo. Domenica - Alle 18 l’ultimo confronto in programma tra Montefiascone e Cus Viterbo (pronostico 1)

C5 D MASCHILE

C5 D FEMMINILE

V. C. Flaminia-C- Rossoblu - Torna il dery in un match senza interessi di classifica per entrambe le compagini. Calcio d’inizio alle 21. Pronostico 1 Virtus Monterosi-Santa Marinella - Padroni di casa che hanno la grande occasione di affrontare la regina già felice e contenta per aver vinto il campionato con grande merito. Si gioca alle 21. Pronostico 1

73

F. CIVITAVECCHIA

80

ACTIVE NETWORK (play off)

65

C.MONTERANO

75

V. MONTEROSI (play off)

61

V. PILASTRO (play off)

69

ADA (play off)

58

GROTTE S. STEFANO (play off)

63

FC RONCIGLIONE

55

MONTEFIASCONE (play off)

54

CAPRAROLA

53

CELLENO

48

NEPI S. EVENT

51

CANINESE

48

CASTEL S.ELIA

46

BASSANESE

45

CICRAM

41

CUS VITERBO

40

S. VIGNANELLO

32

BLERA

35

V. C. FLAMINIA

31

ACCORDIA ORIOLO

31

VIRTUS PILASTRO

28

VIGNANELLO

21

CIVITA CASTELLANA

23

F. CIVITA CASTELLANA

20

CALCIO ROSSOBLU *

15

GRAFFIGNANO

17

S. C. COLLE DIANA *

12

MONTEROSI

5

A. FOOTBALL CLUB *

10

V.C. BOLSENA

2

S. MARINELLA (campione)

alcune palle break che l’avrebbero portata in vantaggio ma non ne ha appro�ttato ed ha �nito per cedere 6-4. Tra le tante possibili chiavi dell’incontro c’è stato sicuramente il rendimento al servizio: sei ‘aces’ e otto doppi falli per la Hampton, un solo ‘ace’ e ben dieci doppi falli per la giocatrice gialloblù che non è riuscita a trovare dalla battuta i punti che le sarebbero serviti per tenere il turno di servizio. Un vero peccato perchè il turno decisivo contro la canadese Wozniak le avrebbe davvero potuto spalancare le porte del tabellone principale.

da tanto tempo contro il fragile Colle Diana. Pronostico: segno 1

* 1 PUNTO PENALIZZAZIONE


sport

SPORT

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 20 Maggio 2011

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 21

BASKET C PLAYOFF

Una super Belli CGT pareggia i conti Prova di forza dei neroarancio che travolgono Eurobasket 73-46 e domani andranno a caccia del pass per la finale

BASKET UNDER 19 - Biancoblù ok contro l’Excelsior

di GLAUCO ANTONIACCI

Stella un po’ svogliata ma ugualmente a segno

U

na prova di forza impressionante, una difesa entrata gradualmente nella testa e nelle gambe degli avversari �no a costringerli alla resa ed un attacco che, quando ha potuto, ha regalato anche momenti di spettacolo. La Belli CGT ha ampiamente riscattato il ko esterno di sabato scorso contro Eurobasket, travolgendo i romani 73-46 nel secondo atto della semi�nale playoff nel campionato di serie C regionale e mostrando un volto decisamente diverso da quello distratto e inconcludente della prima s�da. Spinta da un tifo rumoroso (con tanto di sirena modello camion), la squadra di Cipriani si è portata avanti subito con Carbone (7-5 e sette punti dell’argentino-svedese) e, dopo l’unica �ammata nella gara dell’atteso Vaiani (11-13), ha allungato con Pigliafreddo e Farnetani, bravo sia nella costruzione di gioco che nella conclusione. I neroarancio hanno allungato in avvio di secondo periodo, tenendo gli ospiti a secco di canestri per oltre sei minuti; da una difesa salita di tono è scaturito anche un buon attacco, con i primi punti di German, Ottaviani e Peroni e una bella tripla di Cammillucci che hanno creato un break importante (3217). Immediato il 7-0 esterno con Vaiani e Pierangelli, ma i viterbesi sono rimasti avanti con un vantaggio vicino alla doppia cifra �no alla pausa lunga, malgrado il pressing a tutto campo e la difesa a zona degli avversari. Dagli spogliatoi è tornata in

STELLA AZZURRA VT 69 EXCELSIOR 2000 63

organizzato un pullman per i tifosi che partirà alle 15 dal piazzale del PalaMalè; la partecipazione è gratuita.

Stella Azzurra Viterbo: Rogani 25, Nisini 14, Tola 13, Lucarini 5, Carusotti 4, Ripamonti 4, Falcinelli 2, G. Cetrini 1, Meroi 1, Cimpoi, Meccariello, Sacripanti. Coach: A. Ferri Excelsior 2000 Roma: Pistillo 14, D’Annunzio 12, Kampf 12, Esposito 11, Laudonio 8, Massimi 6. Coach: M. Gabriele Arbitri: Desideri e Gaetani di Viterbo Parziali: 13-12, 17-17, 1616, 23-18

TABELLINO Belli CGT: Peroni 4, Bitetto ne, Cammillucci 10, Franzè 1, Ottaviani 4, Pigliafreddo 15, German 12, Carbone 18, Bagaglini, Farnetani 9. All. Cipriani Eurobasket: Vaiani 9, Fanti 10, Polo 3, Fiorentino 2, Berardinelli, Giammò 2, Farina 2, Pierangelli 8, Fares, Tomasello 10. All. Briscese Arbitri: Fornaro di Mentana (RM) e Cassiano di Roma Note: Tiri liberi Belli CGT 12/18, Eurobasket 17/24. Parziali primo quarto (22-17), secondo quarto (36-28), terzo quarto (60-35)

a formazione under 19 della Stella Azzurra si impone nella s�da contro l’Excelsior, giunto a Viterbo a ranghi ridotti ma ugualmente agguerrito e deciso a giocarsela �no in fondo. Per oltre trenta minuti, infatti, la gara è rimasta in bilico, con i romani che hanno messo in campo tanto spirito di gruppo ed un buon gioco d’assieme. La squadra di casa è parsa a tratti svogliata, con�dando nella possibilità di chiudere prima o poi in modo positivo la gara, ma ha dovuto penare sino all’ultimo prima di garan-

La gioia dei giocatori al termine di gara 2 campo solo la Belli CGT, tarantolata in difesa e lucida in attacco. Un dato basta a capire cosa è successo nel terzo periodo, quello che ha deciso il match; il parziale di quei dieci minuti è stato 24-7 e a referto si sono iscritti Cammillucci con una tripla, Carbone con sette punti consecutivi, Pigliafreddo con tecnica e forza vicino al canestro e German con altri sette punti �lati. Troppo timida la risposta dei giovani di Eurobasket che si è limitata a qualche tiro libero di Fanti; Viterbo, con esperienza e personalità, ha amministrato bene il vantaggio anche se Farnetani è dovuto tornare in panchina con quattro falli a carico. Peroni lo ha sostituito degnamente nell’attacco al pressing romano e si è travestito da uomo

assist ogni volta che la Belli CGT si è espressa in velocità. La chiave è stata ancora una volta la difesa e il controllo dei rimbalzi difensivi che hanno innescato il contropiede �nalizzato nella maggior parte dei casi da Carbone. Proprio due suoi canestri hanno de�nitivamente chiuso i conti e trasformato gli ultimi giri di lancette in una pura formalità, con spazio anche a Bagaglini che ha preso il posto di Pigliafreddo, uscito per la meritata ovazione dei tifosi. Una bella serata che va però dimenticata in fretta; domani si torna in campo a Roma per gara tre, quella decisiva, senza appello. Non conta quello che è fatto �nora, contano solo quei quaranta minuti che valgono un posto in �nale e si prevede una battaglia serrata. La società ha

L

BASKET D PLAYOFF - Il quintetto di coach Tedeschi cade ad Ostia contro i Dolphins al termine di un match con troppi errori

Santa Rosa, in trasferta è un’altra musica

L

e trasferte playoff si stanno rivelando particolarmente indigeste al Santa Rosa. I biancorossi avevano perso nei quarti di �nale playoff contro Nomen Angels e sono caduti anche ad Ostia, contro i Dolphins, nel secondo match delle semi�nali che i tirrenici si sono aggiudicati con il punteggio di 68-53. Per fortuna, verrebbe da dire, il fattore campo è stato �nora difeso con successo, ma non senza patemi, altrimenti i commenti sarebbero di ben altro tenore: la squadra viterbese è arrivata ai playoff con il ruolo di favorita che spetta a chi si è conquistata il vantaggio di avere l’eventuale ‘bella’ in casa in ogni serie, ma ha dimostrato solo a tratti di essere quella squadra solida e ricca di alternative che aveva s�orato la promozione diretta nella stagione regolare. Il copione della gara di Ostia è stato per certi versi simile a quello del match contro Nomen Angels, anche se stavolta va detto che l’avversaria è certamente migliore

A sinistra Cesare Cardoni, a destra Fabio Coletta e con alcune individualità in grado di mettere in dif�coltà anche le migliori difese del campionato. I Dolphins hanno iniziato il match con grande aggressività, mettendola sul �sico e trovando una certa ‘tolleranza’ da parte della coppia arbitrale. Il Santa Rosa non è stato altrettanto pronto a rispondere per

le rime e si è trovato costretto ad inseguire sin dai primi minuti. Il quintetto di Lorenzo Tedeschi ha avuto un sussulto nel terzo periodo, quando è riuscito a riportarsi �no al -2 ed è sembrato in grado di far girare completamente la partita, ma subito dopo è arrivato un gioco da tre punti ed un fallo tecnico contro Cesare

Cardoni che hanno riallontanato i padroni di casa e tolto la �ducia necessaria alla compagine viterbese. Una costante in casa biancorossa è stata l’assoluta imprecisione nei tiri liberi; dopo il 30% o poco più di gara 1, questa volta la squadra di Tedeschi ha fatto poco meglio (intorno al 45%) mantenen-

dosi però sempre al di sotto (e di molto) rispetto alla soglia della suf�cienza. Occorre maggiore precisione nello sfruttare le occasioni che si presentano, anche dalla lunetta, ma soprattutto serve un approccio totalmente diverso nella s�da di domenica, alle 11 al PalaMalè. La pressione sarà nuovamente sulle spalle del Santa Rosa, sempre per via di quel ruolo di favorita che può anche pesare come un macigno, ma Sensini e soci sembrano trovarsi così a proprio agio sul parquet di casa che nemmeno la pressione rappresenta un problema. Il vero problema è che la squadra, con diversi elementi non più giovanissimi, sta bruciando molte energie per superare i turni preliminari e rischia di �nire in riserva, essendo arrivata ormai al termine di una stagione molto dispendiosa sul piano �sico e psicologico. I Dolphins hanno fatto capire di essere pronti ad appro�ttare di qualunque calo di tensione dei viterbesi; spetterà ai padroni di casa non lasciare nessuno spazio. (ga)

Simone Tola tirsi il referto rosa. Coach Ferri ha potuto gestire ampie rotazioni, utilizzando tutti i giocatori disponibili e distribuendo bene i minuti nell’arco dell’incontro. La gara è stata in equilibrio per gran parte del suo svolgimento, con la Stella Azzurra a fare corsa di testa specialmente quando è riuscita a far arrivare il pallone sotto canestro all’inarrestabile Simone Rogani. Quando invece la circolazione di palla si è fermata, le buone individualità degli avversari hanno sempre riportato sotto l’Excelsior, brava ad appro�ttare anche della serata di scarsa vena al tiro delle guardie biancoblù, ad eccezione dei soliti Tola e Nisini. Nell’ultimo quarto i padroni di casa hanno aumentato il livello di concentrazione e attenzione, Nisini si è messo in evidenza con rapide penetrazioni che hanno messo in crisi la difesa romana, Rogani è stato autore di dieci punti nel quarto e Tola ci ha messo la �rma con una bomba, creando quel divario che, con una diversa volontà e maggiore impegno, si poteva forse ottenere anche qualche minuto prima. Comunque una gara discreta contro un avversario che non ha assolutamente demeritato e che, anche alla Palestra della Verità, ha dato dimostrazione di possedere buoni numeri individuali e collettivi. Tra i biancostellati da sottolineare la costante crescita di Carusotti ed il ritmo quasi completamente riacquisito da Falcinelli, dopo l’infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi per lunghi mesi. Nei romani, una buona squadra già peraltro conosciuta, da elogiare lo spirito di tutta la squadra che non si è mai data per vinta, lottando �no alla sirena conclusiva. Preciso l’arbitraggio in una partita rivelatasi peraltro correttissima. Ora la Stella è attesa lunedì prossimo a San Cesareo da una trasferta che andrà certamente affrontata con la stessa determinazione del successo


SPORT

primo piano interni sport

2 22

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

ATLETICA

CONI

Alto Lazio subito ai vertici Quasi 15mila punti nei Campionati di Società a Rieti

I

l Campo Guidobaldi di Rieti ha ospitato la prima fase regionale del Campionato Assoluto di Società di atletica leggera; tra le formazioni in lizza c’era anche l’Alto Lazio Colavene che si è presentata con 81 atleti gara iscritti. Nonostante qualche defezione di troppo per acciacchi �sici o per le pessime condizioni atmosferiche, la squadra si è ben comportata anche con il gruppo femminile che quest’anno prenderà parte solo alle due fasi regionali. Molti i risultati di assoluto rilievo, cominciando con Federica Gregori nei 100m con 13”71 che gli è valso il miglior punteggio del gruppo donne (600 punti) e con la buona prestazione anche nel Salto in alto con 1,30m; bene anche Rita Santini nei 100m con 13”96, Robin Hendrix nei 400m con 1’11”04, Valentina Capoccia nel triplo con 10,28m e Francesca Marra nel Peso da 4Kg con 8,83m. Naturalmente il meglio è venuto dai maschi che quest’anno puntano a centrare di nuovo una �nale nazionale; la selezione dell’Alto Lazio è stata trascinata da Mirko Casavecchia che, nel lancio del martello da kg 7,260 ha scagliato l’attrezzo a mt 52,80; un lancio notevole che gli ha consegnato 822 punti, il valore più alto ottenuto dalla Colaven in questa fase; nella stessa gara si è esibito anche Flavio Meola che ha centrato una miglior misura di 43,84m e nel Peso, sempre da Kg 7,260, ha

Sabato Aprile Venerdì 120 Ottobre 2010 Venerdì30 Maggio2011 2011

Da sx: Casavecchi, Carosi e Zocchi terminato la gara con 12,18m; sempre nel Peso sono saliti in pedana anche Michele Carosi (12,95m) e Davide Zocchi (11,44m) mentre Daniele Marino si è cimentato con la prova del disco da 2 Kg con 31,62m. Ancora per i lanci, Giuseppe Passarelli ha scagliato il giavellotto da 800 g �no a 32,63m. Molto bene anche le 3 staffette: la 4x100mt con Chiodi-Nuvoli-Amorusi-Chiusaroli ha ottenuto il tempo di 45”21, nella stessa gara il team Montesi-Torres-Bevilacqua-Camilletti ha terminato in 46”76 mentre Pelosi-Catana-Palazzetti-Alberti si sono espressi su un tempo di 47”72. Per quanto riguarda le due staffette 4x400 mt, CorridoniPerugini-Marinelli e Ivanikhin

sono arrivati al traguardo con il tempo di 3’34”50 mentre Alberti-Grossi-Bucci ed Egizi hanno concluso in 3’45”41. Ottimi punteggi li ha garantiti Lorenzo Chiusaroli che nei 100m ha ottenuto 11”33 e nei 200m 22”84; Giuseppe Chiodi ha corso i 100 in 12”49; Lorenzo Nuvoli ha fatto meglio (12”11) ed ha preceduto di poco Ramos Torres (12”20) e Mauro Pelosi (12”75). Nei 200m Anton Ivanikhin ha corso in 23”59, Emanuele Perugini in 24”17, Marco Corridoni in 24”57, F.Maria Vincenzoni in 27”66 e Francesco Bucci in 25”16. Nei 400m Anton Ivanikhin ha percorso il giro di pista in 52”20, Francesco Marinelli in 53”17, Andrea Alberti in 54”70 e Simone Maurizi

in 57”79. Negli 800m sono stati impegnati Francesco Marinelli (2’00”53), Riccardo Egizi (2’04”37), Jacopo Grossi (2’06”35), Alessandro Conforti (2’06”41), Damiano Brunori (2’08”13) e Flavio Carducci (2’25”45). Nei 1500 il migliore è stato Jacopo Grossi (4’21”90) in una gara che ha visto in pista anche Francesco Dello Vicario (4’30”81). Nei 110 hs c’erano Alessandro Camilletti (16”97) e Luca Palazzetti (17”96). Marco Montesi ha saltato 2,70m nell’asta. Sono dunque arrivati ben 29 punteggi tra i 500 e gli 822 punti di Casavecchia che hanno regalato all’Alto Lazio asd Colavene la bellezza di 14.747 punti alla 1^ fase; questo risultato pone il team civitonico tra le prime società del Lazio in attesa della seconda fase di luglio che determinerà il punteggio globale e le quali�cate alle �nali nazionali di �ne settembre. Domani e domenica, l’Alto Lazio cercherà anche di guadagnarsi una �nale nazionale con la squadra maschile della categoria Allievi. Tanti ottimi risultati nelle varie categorie Allievi-Junior-Promesse e Senior, sia maschile che femminile, che premiano l’impegno dei ragazzi ma anche e soprattutto il lavoro dei tecnici Antonio Ernesti, Marina Tedeschi, Sergio Burratti, Giuseppe Misuraca, Marcella Tumminello, Fabio Grassi, Massimo Perugini e Massimo Chiusaroli.

Progetto Attività Motoria è il giorno del gran finale Oggi l’ultimo atto a Bagnoregio

S

i è concluso mercoledì il progetto ‘Attività motoria nella scuola primaria’ con circa 800 ragazzi delle scuole primarie impegnati nella manifestazione �nale a Viterbo. I giovani si sono esibiti alla presenza del Vicesindaco nonché Assessore comunale allo Sport Enrico Contardo, del Presidente del CONI di Viterbo, Prof. Livio Treta (nella foto), e della Prof.ssa Letizia Falcioni, Coordinatrice di Educazione Fisica e Sportiva del MIUR, Uf�cio Territoriale di Viterbo. Il progetto, organizzato in partnership tra il Miur, Uf�cio Scolastico Provinciale di Viterbo, ed il Coni Provinciale di Viterbo ha ottenuto la partecipazione entusiasta dell’Amministrazione Provinciale e di tutte le Amministrazioni Comunali aderenti. Dallo scorso novembre i ragazzi hanno svolto un percorso formativo sulla pratica sportiva come modello di vita attraverso conoscenze motorie di base, lo scopo è quello di concorrere allo sviluppo di comportamenti relazionali del ragazzo al �ne di educare al rispetto del proprio corpo, dei compagni e delle regole. A conclusione dei corsi tutti i ragazzi hanno partecipato e parteciperanno alle tre manifestazioni �nali, una già organizzata il 10 maggio scorso con successo a Canepina, l’altra di mercoledì a Viterbo e l’ultima prevista per oggi con la �nale a Bagnoregio. Le manifestazioni �nali nelle varie sedi stanno a dimostrare quanto i ragazzi hanno appreso

durante l’intero percorso formativo dando vita a corali e gioiose giornate di sport e divertimento. Perfetta come sempre l’organizzazione del Coordinatore Tecnico del CONI di Viterbo, Prof.ssa Marina Centi coadiuvata dal Prof. Adriano Ruggiero e dallo staff tecnico del CONI di Viterbo, e da tutti i consulenti di Attività Motoria. Iniziato nel 2001 come Progetto Pilota e continuato con successo come Progetto di Attività Motoria nella Scuola Primaria, sulle linee del Progetto Nazionale di Giocosport, è stato fortemente voluto, realizzato ed attuato assieme alle Istituzioni, dal Presidente del CONI Livio Treta che sta ottenendo il giusto riscontro per gli sforzi fatti. Il lavoro svolto dagli insegnanti laureati Iusm è proseguito con successi sempre maggiori anno dopo anno coinvolgendo un numero sempre maggiore di Scuole e di Comuni nella comune convinzione dell’importanza dell’introduzione dell’attività propedeutica allo sport �n dalla scuola primaria.

BOCCE - Oriolo-Vejano si prende la rivincita nelle gare regionali RUGBY GIOVANILE - Le due under viterbesi a Perugia

NUOTO

Gli atleti di casa stavolta restano a secco ‘Leoncini’ gialloblù in bella evidenza Luca Mencarini Successo toscano nel Trofeo dell’Amicizia poi arriva la pioggia a rovinare la festa agli Europei EYOF È

stata la boccio�la di Grotte Santo Stefano ad organizzare il 5° Trofeo dell’Amicizia, valido anche come ventinovesima gara di bocce del calendario provinciale del comitato di Viterbo. Alla manifestazione, a carattere provinciale specialità “Individuale”, hanno partecipato 64 atleti, provenienti da Toscana, Umbria e Lazio, che si sono affrontati, nella fase preliminare, nei gironi dislocati nei bocciodromi viterbesi. I vincitori dei vari gironi hanno conquistato il diritto di accesso agli ottavi di �nale, ospitati presso il bocciodromo di Grotte Santo Stefano. La manifestazione, diretta dall’arbitro regionale Catiello Coppola di Civitavecchia, ben coadiuvato dai collaboratori del comitato viterbese, è terminata con le premiazioni dei vincitori che sono state effettuate dai dirigenti della società. La gara è stata accompagnata dalla grande partecipazione di pubblico e di appassionati di bocce che, �n dal mattino, hanno assistito alle varie fasi di gioco . Si è aggiudicato il primo posto e l’ambito trofeo l’atleta Alessandro Prati (categoria ‘C’) della boccio�la di Orbetello che ha battuto in �nale Alessandro Faluschi (categoria ‘A’) sempre della boccio�la di Orbetello; terzo classi�cato Ciro Paris della boccio�la Navigatori (categoria ‘D’) del comitato di Roma; quarto

classi�cato Silvestro Cipotani (categoria ‘B’) della boccio�la Viterbese. Non molto buone, almeno rispetto alle precedenti uscite, le prestazioni dei boccio�li af�liati al comitato viterbese che si sono dovuti accontentare di un dignitoso quarto posto senza poter gareggiare per il gradino più alto del podio. Eccellente invece la prestazione della coppia composta dagli atleti Francesco Torzi e Leonardo Polidori della boccio�la Oriolo-Vejano, che hanno conquistato a Roma il primo posto nella gara regionale a coppia organizzata domenica scorsa dalla boccio�la San Policarpo. I due atleti viterbesi hanno letteralmente sbaragliato tutte le formazioni incontrate e si sono aggiudicati gli incontri con prestazioni sempre di alto livello, meritandosi il primo posto e conquistando, per la prima volta, il successo in una gara regionale organizzata a Roma. Ottima prestazione anche per l’atleta Achille Wlderk (categoria ‘A’) sempre della boccio�la Oriolo-Vejano, che si è aggiudicato un girone nella gara nazionale disputatasi a Roma, a conferma dell’estrema vitalità del movimento viterbese. Per tutti gli appassionati ed i praticamenti, il prossimo appuntamento è previsto con la gara a carattere provinciale “specialità Coppia” in programma domenica a Villa San Giovanni in Tuscia.

P

L

rosegue senza sosta la crescita dei più giovani portacolori del rugby viterbese. Le formazioni delle categorie Under 8 e Under 10 hanno infatti disputato interessanti tornei a Perugia, tornando a casa con ottimi risultati. La Under 10, reduce dal successo a Benevento e priva di alcuni giocatori ha vinto tre partite (contro Prato, Città di Castello e Cus Roma) perdendo però nettamente contro i forti perugini che infatti si sono aggiudicati il torneo battendo poi il Livorno nella �nalissima. Anche la Under 8 ha disputato un ottimo torneo combattendo per tutte le partite. Purtroppo il tempo inclemente ha guastato per il secondo anno consecutivo una festa che era partita con gli auspici migliori e che si era svolta senza alcun inghippo per tutta la mattinata: un vero peccato che la pioggia abbia rovinato una giornata che, altrimenti, sarebbe stata perfetta.

uca Mencarini, giovane talento classe 1995 in forza alla Coser-Aniene, è stato convocato dai responsabili del settore tecnico per gli EYOF, i Campionati Europei Ragazzi, che si svolgeranno a Trabzon, in Turchia dal 25 al 30 luglio. La convocazione era nell’aria dopo gli ottimi risultati conseguiti dal ragazzo montaltese che si è ampiamente meritato la chiamata in azzurro. La programmazione dell’evento sarà dura perchè Mencarini si presenterà al via di ben 4 gare (100 e 200 dorso, 200 e 400 misti) oltre alle staffette, quindi occorrerà lavorare al massimo su ogni singolo aspetto. L’atleta tirrenico parteciperà al Trofeo Settecolli a metà giugno nelle stesse gare che sosterrà agli EYOF, cercando anche di mettere a frutto i consigli che sta ricevendo da Damiano Lestingi, con cui si sta allenando due volte a settimana da due settimane; il campione civitavecchiese è molto prodigo di indicazioni e il suo aiuto, oltre a quello di Fabio De Santis, sarà prezioso per puntare ancora più in alto.


Venerdì 20 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

Venerdì 1 Ottobre 2010

almanacco Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

visitando

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Luca 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE

ggi è una O giornata un po’ pesan-

te cari amici dell’ariete..la Luna in Capricorno raffredda oltremodo i vostri ardori facendovi sentire dei pesci fuor d’acqua anche in quelle situazioni in cui normalmente siete piuttosto sciolti..per fortuna che siamo in aria weekend così potete approfittarne per riposarvi..E RITEMPRARVI

potete cominciare ad organizzare

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI ggi cominciate ad accorgervi che qualcosa nella vostra vita recentemente è

quello che si prospetta come un bellissimo weekend..è incredibile l’energia che state mettendo nel riuuire gli amici e i parenti..non vi si riconosce quasi più..quella lunga depressione è finalmente passata..e tra poco comincerete a vedere io risultati delle vostre fatiche..ERA ORA!

cambiato..oltre ad essere tornati nuovamente allegri e felici infatti cominciate ad occuparvi pienamente ed in maniera dettagliata della vostra sfera economica..specialmente oggi grazie a questa solida Luna in Capricorno gli altri vi vedranno più razionali e consapevoli e sicuramente vi verrà affidato qualche incarico prestigioso..BRAVISSIMI!!

21 Aprile - 20 Maggio TORO

finalmente E è arrivato venerdì così

O

siete partiti per la tangente.. e chi vi ferma

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE d ecco che dopo una settimana che vi ha visto costantemente in prima linea

forse è la vostra salute che non brilla così come dovrebbe..in realtà tutto sta migliorando e se comincerete ad occuparvi del vostro corpo, magari prendendo in considerazione una dieta disintossicante potrete cominciare a prepararvi per quello che sta per arrivare..UN OTTIMO PERIODO

più..Zanne a sinistra scalpi a destra..avete fatto una carneficina e avete vinto su tutti, mentre la folla vi acclama come dei supereroi…ma se siete stanchi di essere sempre in prima linea avete anche un’altra chance!..mollate tutto e partite con il vostro grande amore..sarete COMUNQUE VINCENTI!

nell’organizzazione e nello svolgimento della vostra attività lavorativa ora arriva un weekend che grazie a questa splendida Luna in Capricorno si preannuncia tutto da godere..vi divertirete infatti a spettegolare e a parlare di cose frivole con le vostre amicizie di sempre..sentendovi finalmente leggeri..DI MENTE E DI CUORE

23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA ncora un piccolo ostacolo da superare.. sicuramente nell’ultimo

24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE ari amici dello scorpione la vostra vita sta diventando sempre più

22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO

periodo avete subito tanto di quello stress che qualcosa di cui avreste dovuto occuparvi l’avete dimenticata..restate calmi e cercate di mettervi a tavolino pensando a come aggiustare l’eventuale papocchio..stavolta i pianeti vogliono aiutarvi..e se ci si mettono loro voi non avete nulla da temere..AVANTI TUTTA..

avventurosa e stavolta potreste davvero accorgervi che le vostre vecchie certezze non hanno più le giuste fondamenta per resistere agli impetuosi attacchi di Urano..che vi vuole nuovi, con nuovi amori, alla scoperta di luoghi ancora inesplorati della vostra mente e della vostra anima..CORAGGIO! BUTTATEVI NELLA MISCHIA

parte di voi..cominciate a prendere in considerazione l’eventualità di riposarvi un pochino per recuperare le forze..tanti sono stati infatti gli avvenimenti di queste ultime settimane e, anche se tutti positivi, vi hanno messo un po’ KO..organizzate una bellas gita all’aria aperta..con tutta la vostra carovana di amici

22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO a meravigliosa Luna che ha deciso di passare due giorni in casa vostra, si mette

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO n mondo nuovo si sta aprendo dinanzi ai vostri occhi stupiti..quello che valeva ieri

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI o sono sicuro che nel vostro eterno guizzare questo Nettuno stia facendo del tutto per tenervi

a parlare con voi come una vecchia, saggia e cara amica dandovi preziosi consigli e procurandovi anche qualche inatteso colpo di fortuna..e allora, amici del Capricorno nonostante si vada verso il weekend, non perdete d’occhio i vostri agganci e tentate anche con un gratta e vinci..SENZA STRAFARE PERO’

oggi non vale più..e, diciamocelo francamente, voi tutto sopportate fuorché la noia..e allora fatevi trascinare dagli eventi e dai cambiamenti improvvisi che questo Urano provoca nella vostra vita con la stessa forza d’urto di un terremoto.. a cui dovrà seguire una dettagliata ricostruzione…che vi porterà a vivere finalmente COME PIACE A VOI

fermi..eh sì cari pesciolini, perché voi, anche quando siete innamorati tendete sempre a lasciare una certa incertezza al partner..e il risultato è chiaramente quello di farlo attaccare sempre di più a voi..e attaccati oggi e attaccati domani ecco che tra un po’..PUFF!! Ci sarà un improvviso schiudersi di mille uova..AUGURI

22 Giugno - 22 Luglio CANCRO ’è ancora qualche strascico di fatica in questo weekend di metà maggio..

C

A

L

23 Luglio - 22 Agosto LEONE

on cè N niente da fare..or mai

C

E

d ecco che E la settimana lavorativa volge al termine, almeno per la maggior

U

interni 23

I

Bagnaia VILLA LANTE Tipico esempio di sfarzo rinascimentale, è tra i più famosi più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La sua ideazione si deve a Jacopo Barozzi da Vignola. Al suo interno sono presenti due casini di caccia con decorazioni del Cavalier d’Arpino, Raffaellino da Reggio ed Antonio Tempesta. Info: 0761/288008 Barbarano Romano MUSEO ARCHEOLOGICO DELLE NECROPOLI RUPESTRI Il museo conserva reperti di ceramica e bronzei ma anche sarcofagi, obelischi di tufo e altri oggetti che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Info: 0761/414531 0761/414601 Bolsena MUSEO TERRITORIALE DEL LAGO DI BOLSENA Ospitato nella Rocca Monaldeschi della Cervara, possiede una vasta gamma di documentazione sulla storia del distretto vulcanico e le varie fasi insediative sulle sue sponde, che vanno dalla preistoria sino alle più recenti manifestazioni della cultura locale. Info: 0761/798302 0761/798630 0761/798679 Bomarzo PARCO DEI MOSTRI Il famoso parco ideato Jacopo Barozzi da Vignola nel XVI nel quale è possibile ammirare fontane e sculture non ordinarie e consuete. Info 0761/924029 Caprarola PALAZZO FARNESE Realizzazione a pianta pentagonale di Jacopo Barozzi da Vignola. Contiene al suo interno numerosi affreschi di Raffaellino da Reggio, Taddeo Zucchi e Giovanni Antonio da Varese tra i quali anche la stanza delle Carte Geografiche. San Martino al Cimino PALAZZO DORIA PAMPHILIJ Il Palazzo è stato edificato nel XVII secolo presenta suggestivi soffitti a cassettoni decorati. Il palazzo, ricco di decorazioni a fregio, viene spesso adibito a centro congressuale. Info: 0761/291000 Tarquinia MUSEO NAZIONALE ETRUSCO Considerato tra i più importanti in Italia, contiene materiale archeologico di grande rilievo. Info: 0766/856036 Viterbo MUSEO DELLA MACCHINA DI SANTA ROSA Testimonianze dell’attività del Sodalizio e documentazione riguardo al trasporto della Macchina di Santa Rosa. Info: 0761/345157 Vulci PARCO NATURALISTICO ARCHEOLOGICO All’interno del museo sono ospitati i ricchi corredi delle tombe di Vulci, secondo un percorso che dall’epoca più antica (III millennio A.C.) giunge ai reperti archeologici di epoca romana, passando attraverso eleganti vasi etruschi e raffinati vasi greci figurati. Info: 0761/437787 Fabrica di Roma A Falerii Novi, mura etrusco romane del III sec. a.c. e la porta Giove si possono visitare sempre. L’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Falerii del sec.XII da marzo a Novembre i sabati e le domeniche dalle ore 9 alle 13. In altri giorni per gruppi e scolaresche contattare il 0761/ 569101 ufficio cultura.

PREVISIONI METEOROLOGICHE Venerdì 20 Maggio 2011

Sabato 21 Maggio 2011

o r e 0 6 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a n o r d / e s t a 1 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 7,4 °C o r e 0 9 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a e s t a 3 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 1 6 , 5 ° C o r e 1 2 c i e l o s e r e n o e ve n t o d a s u d a 3 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 2 1 , 2 ° C o r e 1 5 c i e l o q u a s i s e r e n o e ve n t o d a s u d / ove s t a 1 1 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 2 3 , 3 ° C o r e 1 8 c i e l o s e r e n o e ve n t o da o ve s t a 9 km/h. T e m p e ratura di 20,1 °C ore 21 cielo sereno e ve n t o da o ve s t a 7 km/h. T e m p e ratura di 14,9 °C

ore 09 cielo quasi sereno con moderate nubi cumulifor mi e vento da nord a 5 km/h. Temperatura di 18,3 °C ore 15 cielo poco nuvoloso con intense nubi cumulifor mi e vento da ovest a 7 km/h. Temperatura di 23,3 °C ore 21 cielo quasi sereno o poco nuvoloso e vento da nord/ovest a 6 km/h. Temperatura di 16,5 °C

FARMACIE

OGGI 20 MAGGIO GIACCI (DIURNO E NOTTURNO) VIALE TRIESTE, 36A (VT) TEL: 0761-341083 DOMANI 21 MAGGIO CARLINI (DIURNO E NOTTURNO) CORSO ITALIA, 37 (VT) TEL: 0761-304613



L'Opinione di Viterbo e Lazio nord - 20 maggio 2011