Issuu on Google+

AltoLazio News Quotidiano Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10 In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE delle Libertà

Direttore Editoriale NICOLÓ ACCAME

p

Viterbo & AltoLazio Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

Anno II N.139 - Domenica 12 Giugno 2011 - Euro 1,00

Primo Piano

Ritratti a penna

Cronaca

Bonucci alla Mazzetta per premiare i bambini

Torna a “tuonare” il Comitato Centro Storico “Su via San Pellegrino non si rispettano le regole”

Paolo Crepet, lo psicologo ci racconta dei giovani d’oggi

di Agv

dalla Redazione

di Laura Sofia Tanziani

a pagina 3

a pagina 8

a pagina 7

Artefice dell’incredibile errore il primario del reparto di chirurgia della mano Antonio Castagnaro

Opera un dito ma è quello sbagliato Fare il medico non è un mestiere facile. Fare il chirurgo ancora meno. Essere presidente di un partito politico non è semplice, soprattutto quando il partito è tra quelli più grandi in senso assoluto in città. Fare entrambe le cose deve essere una cosa da far tremare le gambe a chiunque. Però, oggettivamente, ci sono quelli che ci riescono bene, quelli che ci riescono così e così e quelli che invece vanno in confusione. n questa ultima categoria inseriamo il presidente del partito democratico Antonio Castagnaro che è anche primario del reparto di chirurgia della mano a Belcolle. In pochi mesi due brutte �gure. Pochi giorni fa ha operato il dito sbagliato ad un’infermiera di Belcolle. Forse era distratto dai referendum?

EDITORIALE

Lo scandaloso caso delle polveri d’amianto alle Primaria dell’Ellera di Roberto Pomi Frequentare la scuola per costruirsi un futuro ed essere esposti ogni giorno al rischio di respirare polveri d’amianto, è il paradosso toccato in sorte ai ragazzini della scuola Primaria dell’Ellera. Da settembre i genitori hanno iniziato ad attivarsi per risolvere la questione ma di fatto per tutto l’anno scolastico poco è stato fatto. Qualche soluzione di rattoppo, tipo nastro adesivo e spray di contenimento, per evitare che le polveri fuoriuscissero dalla pavimentazione usurata e niente di più. La questione dell’Ellera ha portato le famiglie dei giovani scolari a costituire una sorta di comitato. L’impegno dello stesso è stato quello di mantenere alta l’attenzione e di andare a scoprire la verità. Oggi questi padri e madri, di fronte a una situazione che sembra non vedere soluzione, hanno preso una decisione e dettato un ultimatum: o in sede di Consiglio scolastico si individua una strada convincente o il fatto verrà portato all’attenzione della Procura della Repubblica. La situazione, con ogni probabilità, sarà risolta ma rimane l’amarezza. Se i genitori di questi piccoli fossero stati “a dormire” nessuno si sarebbe preoccupato di loro.

di Paolo Gianlorenzo a pagina 3

CRONACA

Massacrato il Risveglio di Seward Johnson

SPECIALE MONTALTO

La ‘Marina’ ieri e oggi I locali che hanno fatto la storia del turismo di Giovanni Corona a pagina 12-13-14

TUSCANIA

Al monastero di S. Paolo serve sostegno di Valeria Sebastiani a pagina 16

BOLSENA

CRONACA - I detenuti continuano la “protesta del rumore” e iniziano lo sciopero del vitto Premiazione per

Mammagialla ad alta tensione Mammagialla, la protesta dei detenuti continua. Da giorni va avanti la “protesta del rumore” e ora si aggiunge anche lo sciopero del vitto. I carcerati non tollerano più la condizione in cui sono costretti a scontare la pena all’interno della struttura di massima sicurezza viterbese. Uno dei peggiori carceri d’Italia dove la pressione psicologica è ogni giorno che passa più devastante.

di Daniele Camilli a pagina 4

di Roberto Pomi a pagina 2

EVENTI - Ufficializzato ieri lo staff completo che lavorerà in vista del 2012

CALCIO

Città Europea dello Sport, su il sipario

Oggi la finalina per il Montefiascone

Volti noti dello sport, professionisti in diversi settori e personaggi in�uenti della politica e dell’imprenditoria. Lo staff di Viterbo Città Europea dello Sport si è presentato ieri alla stampa, manifestando l’intenzione di coinvolgere quanti più soggetti possibili per garantire al capoluogo della Tuscia un anno di grandi eventi sportivi a tutto tondo.

Ultimo sforzo stagionale per il Monte�ascone che oggi alle 11 sul neutro di Fiano Romano affronta il Borgo Pogdora cercando di conquistare quel terzo posto �nale nella griglia dei play off del campionato di Promozione. Sul passaggio degli uomini di mister Antolovic al prossimo campionato di Eccellenza non ci sono dubbi ma nel clan falisco è fortissima la voglia di centrare la terza piazza.

di Glauco Antoniacci a pagina 23

di Gianluca Natoli a pagina 25

le giovani del basket al Palasport di Glauco Antoniacci a pagina 17

MONTEFIASCONE

Medaglia d’oro per il biologico alla Serpepe di Michele Mari a pagina 18


cronaca viterbese interni

2

Viterbo & & Viterbo Domenica1 12 Giugno2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

Da giorni i detenuti continuano a battere sulle sbarre e ora rifiutano il cibo del carcere

Mammagialla, è sciopero del vitto di ROBERTO POMI

S

ituazione sempre più esplosiva all’interno del carcere di Mammagialla. Quella che abbiamo battezzato come “protesta del rumore”, iniziata alcuni giorni fa in occasione della visita di esponenti di Sinistra Ecologia e Libertà nella struttura penitenziaria, non accenna a cessare. Per diverse ore ogni giorno i detenuti battono con stoviglie e oggetti vari sulle sbarre delle celle, producendo un caos infernale. C’è di più, la protesta ha alzato il tiro e aumentato lo spessore. I carcerati hanno iniziato a rifiutare il “vitto del carcere”. Non si tratta di un vero e proprio sciopero della fame ma di un gesto di protesta che si concretizza nel non nutrirsi con quello che la struttura serve ai reclusi. La tensione è alle stelle. L’olio bollente che un detenuto ha rovesciato giorni fa in faccia a un agente della Polizia Penitenziaria è un segnale forte. Aumentano le aggressioni tra detenuti ma anche quelle verso la custodia. Il quadro è imbarazzante, soprattutto se si considera che stiamo parlando di un carcere di massima sicurezza. La verità, che traspare, è quella di un sistema che rischia di andare fuori con-

trollo. Lo denunciano tanto gli uomini della Polizia Penitenziaria quanto i detenuti. La pressione psicologica è altissima. La prima ragione di tutto va individuata

nel sovraffollamento della struttura che a oggi contiene 740/750 detenuti. Questa compressione di persone, chiamate a scontare i reati commessi, è disumana e ren-

de difficile la gestione della situazione. A peggiorare il tutto si aggiunge la carenza del personale di guardia: appena 345 unità. Illuminante a tal proposito l’intervista al sindacalista Ugl Danilo Primi, che abbiamo proposto due giorni fa. Il dato grave emerso, sempre nel corso di quella intervista, riguarda la penuria di personale sul versante psicologico e psichiatrico. Appena tre gli psicologi in servizio a Mammagialle e un servizio psichiatrico, garantito dalla Ausl, per 18 ore a settimana. A lanciare l’allarme, più delle interviste e dei dati, sono i suicidi. Quelli riusciti e quelli non andati in porto. Quelli dei detenuti e quelli del personale di servizio. Su tutto questo l’imbarazzante silenzio della politica, anche di quella locale.

Intervengono i Vigili del Fuoco per una vipera nel giardino

Pomeriggio di paura a Villa Iris U

na vipera nel giardino della nota casa di riposo di Tuscania ‘Villa Iris’ ha seminato la paura nel pomeriggio di ieri. Il personale in servizio, sempre molto attanto al benessere dei propri ospiti, ha immediatamente allertato i Vigili del Fuoco che precipitatesi sul posto hanno risolto in tempi rapidi la questione. L’animale è infatti stato catturato e rimesso in libertà in un posto lontano.

Cento piante nel terreno di un ignaro agricoltore

Coltivava canapa nel bosco In arresto 34enne aquesiano

di FULVIO MEDICI

N

ella giornata di venerdì i militari della locale stazione dei carabinieri hanno portato a termine un’importante operazione per coltivazione, detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. Un uomo di 34 anni F.G., aquesiano, coltivava marijuana in un appezzamento di terreno all’interno di un bosco impervio in località Valtieri, non lontano dalla cittadina aquesiana. L’individuo, pedinato da alcuni giorni, è stato colto in fragranza di reato, mentre era intento alla cura delle oltre 100 piante, con tanto di attrezzi di giardinaggio vari e per la coltivazione. Il terreno sul

quale era distribuita l’imponente piantagione, con arbusti che andavano da un metro di altezza �no a raggiungere i due metri e mezzo, è di proprietà di un ignaro agricoltore. Infatti l’area è posta all’interno di un bosco che versa quasi interamente in stato d’abbandono senza strade d’accesso e tra i roghi, se si esclude il perimetro dove sono state ritrovate le piante. Nell’abitazione del giovane fermato e condotto presso la casa circondariale di Mammagialla, è stata rinvenuta altra sostanza stupefacente analoga oltre un bilancino di precisione. Sono in corso le indagine per determinare se lo stesso agisse da solo o se fosse aiutato da complici.


cronaca viterbese

& Domenica 12 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

3

Il primario commette l’errore su un’infermiera costretta ad un secondo intervento

di Paolo GIANLORENZO Fare il medico e allo stesso tempo il presidente di un partito politico importante come quello Democratico non deve essere proprio una cosa conciliabile per il primario di chirurgia della mano di Belcolle Antonio Castagnaro. Qualche giorno fa ha operato un’infermiera del nosocomio viterbese ad un dito. Probabilmente preso dalla frenesia dei referundum sul Sì, sul No o sull’astensione ha operato la donna. Quando questa è stata medicata per la prima volta e cioè le hanno tolto le bende che fasciavano la mano, con estremo sgomento e perplessità si è accorta che il primario, che l’ha operata personalmente, aveva sbagliato dito. L’infermiera doveva ridurre una piccola frattura del quarto dito, quello comunemente chiamato anulare, della mano sinistra. Durante la medicazione si è accorta che il dito operato era il terzo e cioè il medio. Che frattura abbia trovato da “aggiustare” Castagnaro non lo sappiamo. Certo è che il protocollo non è stato rispettato. Il protocollo, infatti, prevede di disinfettare il dito da operare e segnarlo con un pennarello colorato. Probabilmente questo non è stato fatto. Dopo il dispiacere, le scuse, i pianti e chi più ne ha ne metta, l’infermiera è stata costretta a subire un secondo intervento, questa volta sul dito giusto. Anzi, su tutte e due le dita. Nel primo, quello sbagliato, è stato tolto il Kirschner (il �lo d’acciao che si usa in chirurgia per ridurre le fratture, ndr) e

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Direttore Editoriale NICOLÒ ACCAME Editore Altolazio News srl PresIdente Manfredi Genova Amministratore Delegato

Ferdinando Guglielmotti Iscrizione ROC n. 20469 Servizi grafico-giornalistici forniti dalla Coop. Ed. Gior. e Pol. GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA ROBERTO POMI DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI FULVIO MEDICI Grafici MARIO RAMUNDO Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

Castagnaro opera il dito sbagliato

nel secondo, quello giusto, è stato messo. Adesso, ovviamente, qualcuno deve pagare il danno. A quanto pare, tra le parti, già si è raggiunto un accordo di massima che, a quanto ci dicono, è stato sancito con una stretta di mano, quella buona dell’infermiera. Detto questo parliamo invece del primario Antonio Castagnaro. Il suo reparto, quello della chirurgia della mano è di certo un’eccellenza nell’ospedale di Belcolle. I suoi collaboratori e il reparto sono tra i migliori del lazio e non v’è dubbio. Lui invece si è lasciato coinvolgere forse un po’ troppo dalla politica e non è nuovo a brutte �gure. Come dimenticare il giovane operaio romeno di Rieti? Subì, causa un grave infortunio sul lavoro, l’amputazione del pollice. Castagnaro dopo l’intervento diramò un comunicato stampa per elogiare la sua attività. Peccato però che il decorso post operatorio non diede i risultati ottimistici annunciati. Anzi. Quel dito fu nuovamente amputato e il romeno come era arrivato a Belcolle e cioè senza il dito della mano se ne è tornato a casa. Per carità, tutti possono

Il Comitato Centro Storico chiede il rispetto delle normative

Via San Pellegrino, scoppia la bagarre dei tavolini

Dottor Antonio Castagnaro sbagliare, anche un primario che nel contempo è presidente di un partito. Fortunatamente il danno è stato minimo anche se le ferite che dovranno guarire sono due invece che una. Sarebbe interessante sapere che tipo di provvedimenti saranno adottati dalla direzione generale.

La legge è uguale per tutti e deve essere rispettata”, tuona così Alberto Abatecola. “Noi del Comitato Centro Storico - continua uno dei maggiori protagonisti del detto Comitato - siamo per le regole e per il bene della città. Siamo stanchi di dover tornare a ripetere puntualmente le stesse cose. La questione di via San Pellegrino si ripete ogni anno. Puntualmente il Comune rinnova il permesso ad alcune attività per allestire tavoli all’esterno, anche quando non ci sono gli spazi giusti e l’occasione data non viene sfruttata con il corretto decoro. San Pellegrino è un gioiello e non possiamo permettere che per l’interesse di un privato quest’immagine da cartolina venga in qualche modo rovinata”. Il dito è puntato verso il gestore di una nota pizzeria che affaccia proprio sulla stretta via San Pellegrino. In effetti ogni anno d’estate il titolare mette all’aperto dei tavoli e delle sedie per accogliere i propri clienti. Il problema riguarda però la regolarità dell’allargamento. Esiste infatti una relazione della Polizia Locale, proprio in merito alla richiesta dello spazio avanzata dal gestore, che mette in evidenza tutta una serie di criticità. In primis viene

sottolineato che l’occupazione richiesta dalla pizzeria in questione, già concessa nell’anno 2010, stante l’oggettiva dif�coltà di operare all’interno dei limiti di super�cie previsti nella stessa (particolarmante critico il limite di larghezza di un metro), sia stata oggetto di reiterate contestazioni da parte di terzi, con conseguenti richieste di intervento di personale della Polizia Locale. Il rapporto continua con queste precise parole: “Tali interventi rilevavano invero fatti illeciti commessi mediante abuso del titolo autorizzatorio assentito. Più preci-

samente si rappresenta come i supposti accertamenti abbiano di fatto rilevato l’oggettiva impossibilità di effettuare la somministrazione, mediante la collocazione di tavoli e sedie, su una super�cie di solo un metro di larghezza”. Nonostante tutto quei tavoli all’aperto sono ancora là, anche nel 2011. “E’ una vergogna - commenta Abatecola -. Il Comune se ne frega delle regole. Il nostro Comitato non è morto, come qualcuno vorrebbe. Siamo vivi e pronti a combattere per una Viterbo migliore”.

Sul caso Battisti la Giovane Italia di Viterbo non ci sta e manifesta sotto l’ambasciata Il sindaco: “Le forze dell’ordine sembrano non esistere”

I giovani del Pdl protestano contro il Brasile Ondata di furti a Grotte di Castro

di LUCA APPIA

S

ull’estradizione in Italia di Cesare Battisti l’Italia si rivolta alla decisione del Governo Brasiliano, che ha deciso di liberare l’ex terrorista italiano. A protestare sotto l’ambasciata brasiliana a Roma, nella mattina di ieri, c’erano decine di rappresentanti della Giovane Italia (reparto giovanile del Pdl) e insieme a loro uno stuolo di viterbesi, arrivati nella Capitale per mostrare il loro dissenso, capitanati dalla coordinatrice provinciale Antonella Sberna. “L’impegno politico per ottenere giustizia non può mai tramontare - ha dichiarato la Sberna - e manifestare contro quella che è una vera e propria ingiustizia, non solo è opportuno, ma doveroso. Il coro di proteste bipartisan che si è sollevato dopo la pronuncia del tribunale supremo brasiliano dimostra come tutti i cittadini, ed in particolare i giovani, vogliono quella giustizia che impedisca il ripetersi ai tempi nostri di atti feroci e vili come quelli commessi da Battisti. Spero vivamente - conclude - che il Consiglio Regionale del Lazio approvi all’unanimità la mozione presentata dal Consigliere De Romanis per rivedere tutti gli accordi commerciali ed istituzionali con il Brasile”. A sentirsi offesi dalla decisione della Corte Suprema di Brasilia, però, non sono solo gli italiani, ma anche molti brasiliani che nei giorni scorsi hanno manifestato il loro dissenso attraverso la pagina facebook del ministro Meloni, solidale alla manifestazione di ieri. Ol-

tre ad Antonella Sberna c’era anche il presidente provinciale del movimento giovanile di centro destra, Luca Giampieri, che alle parole dell’amica ha aggiunto: “Così la nostra costituzione all’art.27 commi 3 e 4: ‘le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. Non è prevista la pena di morte se non nei casi previsti dalla legge militare di guerra’. E non solo: l’Italia risulta tra i �rmatari della dichiarazione internazionale dei diritti dell’uomo, nonché fa parte della convenzione

europea dei diritti umani. Evidentemente - continua Giampieri - tutto questo non basta a far considerare dal tribunale supremo brasiliano il nostro paese come uno stato rispettoso dei diritti umani -continua Giampieri - riteniamo questo non solo vergognoso ma anche offensivo. Ci teniamo quindi a ricordare che l’ex presidente Lula e tutta la sua famiglia possiedono la doppia cittadinanza brasiliana e italiana. Non e’ ulteriormente sostenibile che chi offende la dignità dell’Italia possa detenerne la cittadinanza: ne gridiamo a gran voce la revoca”.

A

ncora furti nella notte nella cittadina dell’Alto Lazio. A essere presi di mira nella nottata di ieri alcune abitazioni in località Pieve. Ignari si sono introdotti in un appartamento, mentre i residenti dormivano e hanno trafugato, preziosi, denaro e carte di credito. L’ennesimo furto in appartamento che mette in allarme i cittadini di Grotte di Castro che solo pochi mesi fa avevano denunciato altri fatti analoghi, e tra i quali era stato vittima anche il sindaco Piero Camilli.

Raggiunto telefonicamente, non nasconde la sua preoccupazione per tali eventi e non lesina critiche: “E’ incredibile che succedano a distanza di così poco tempo ripetuti furti senza che nessuno in una realtà così piccola riesca a predisporre efficaci controlli e a vedere qualcosa. Mi sono fatto portavoce e non solo perché vittima di analoghi fatti, della preoccupazione di tutta la cittadinanza, presso le forze dell’ordine, che in questo paese, però, sembrano non esistere”. (fm)

Recuperato dai carabinieri un autocarro rubato, ma i ladri si sono dati alla fuga nel bosco facendo perdere le tracce

Due persone finiscono in arresto per essere evasi dai domiciliari

C

ontinuano nella zona di Civita Castellana i minuziosi pattugliamenti dei carabinieri del comando locale. I militari dopo l’ondata di furti di qualche mese fa, hanno predisposto un accurato sistema di vigilanza del territorio, soprattutto di quelle aree per�eriche residenziali, isolate dai centri abitati. Proprio in questa tipologia di zone nei comuni di Fabrica di Roma e Corchiano i carabinieri hanno messo le mani su due stranieri, colti in �agrante mentre se ne andavano in giro con tranquillità nonostante fossero sottoposti agli arresti domiciliari, fenomeno questo che con sempre maggiore frequenza i militari sono costretti a contrastare. Il primo arresto è stato eseguito dai militari del Norm, diretti dal maresciallo

Risi, nella zona di Fabrica di Roma, dove i carabinieri hanno trovato una donna 32enne di origini romene sottoposta a regime di arresti domiciliari. La donna si trovava a circa 50 metri da casa sua, mentre tentava di allontanarsi senza alcuna giusti�cazione. Il reato contestatogli e di evasione. Quella stessa notte i carabinieri della stazione di Castel Sant’Elia, in coordinamento con i colleghi di Nepi, rispettivamente comandati dai marescialli Querci e Ridente, hanno notato un camion sospetto circolare per le strade. Dopo un breve controllo il mezzo è risultato rubato. E’ iniziato così un rocambolesco inseguimento sulla strada provinciale 7 fra l’auto dei militari e il mezzo con a bordo due uomini. Dopo un po’ i due malvi-

venti hanno capito che non ce l’avrebbero fatta a seminare i carabinieri e hanno deciso di adottare una nuova tattica. Si sono fermati a bordo della strada e a piedi si sono in�lati nella boscaglia facendo perdere le loro tracce nella notte. Nella mattinata di ieri a Corchiano, invece, i carabinieri della stazione locale,

guidata dal maresciallo Rizzo, hanno tratto in arresto in �agranza di reato un 34enne, che si trovava anch’egli sottoposto al regime degli arresti domiciliari. L’uomo è stato individuato dai militari dell’Arma mentre faceva rientro presso la propria abitazione, dopo essersene allontanato arbitrariamente. (la)


cronaca viterbese interni

2 4

Viterbo & & Viterbo Domenica1 12 Giugno2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

Sfigurata in più parti la statua di Seward Johnson a Valle Faul

“Il Risveglio”...sì, ma solo della barbarie di DANIELE CAMILLI

C

’hanno pensato i vandali a dare il buongiorno al gigante di Seward Johnson adagiato a Valle Faul. “Il Risveglio” – è questo il nome dell’opera d’arte realizzata nel 1980 – che a Viterbo è diventato della barbarie. Incastonata anch’essa nella terra – non una ideale, ma la nostra – senza che nessuno abbia l’accortezza, la voglia o l’interesse di liberarcene o liberarsene. Voluto per l’International Sculpture Conference Exhibition, “ll Risveglio” è stato installato per la prima volta nell’East Potomac Park, nel distretto di Washington DC. La statua – che in America chiamano tutti “il Gigante” – consiste di cinque getti in alluminio sepolti nella terra, che danno l’impressione di un uomo intento a tirarsi verso la super�cie. Quand’era ancora negli USA il �ume Potomac la sommergeva di tanto in tanto, aggiungendo pathos al tentativo del “Gigante” di scampare alla sommersione delle acque. Dal 1980, l’opera ha fatto il giro del mondo. Dalla capitale statunitense al National Harbor. Da Roma – molti se la ricordano ancora all’ingresso dell’Eur – �no alla Città dei Papi, dove è stata presa a pesci in faccia. E le foto scattate lo testimoniano. La mano sinistra utilizzata a mo’ d’attaccapanni. Il volto s�gurato dai graf�ti. La bocca, contratta in

“Il Risveglio” di Seward Johnson (fotoservizio Daniele Camilli) un grido di terrore, trasformata in una discarica. Mentre il piede e il ginocchio di sinistra, piegati nell’aria, diventati un parco giochi per bambini. Tutt’attorno, cartoni della pizza e bottiglie vuote. Ri�uti sparpagliati senza alcun riguardo. Persino il cartello che indica nome e autore dell’installazione è stato piegato, umiliato, danneggiato. Come un tempo la chiesa di Santa Maria della Salute in Via Ascenzi, il Sol Le Witt agli Almadiani e il “Risveglio” – questa volta “d’Europa” – di Alessio Paternesi. Così, a Viterbo e sotto gli occhi di tutti. Tra Palazzo dei Papi e Piazza del Comune. Tra il Sacrario, una tettoia in

legno buona per il fotovoltaico e una Valle…che si vorrebbe rilanciare.


& Domenica 12 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

politica viterbese

5

Urne aperte dalle 8 di questa mattina, si chiude alle 15 di domani. Per essere valido devono votare il 50% più 1 degli aventi diritto

La Tuscia al voto per il referendum L

a Tuscia oggi torna nelle urne. Dopo le elezioni comunali in 21 comuni su 60 che si sono svolte a metà maggio, oggi e domani i cittadini del viterbese e di tutta Italia saranno chiamati nuovamente alle votazioni, questa volta per quattro referendum abrogativi. Nella Tuscia sono 251.746 gli aventi diritto al voto, che dalle 8 di questa mattina potranno recarsi alle urne per esprimere le loro preferenze barrando un “sì” o un “no” sulle quattro schede che verranno fornite nel seggio elettotale. Oggi i seggi chiuderanno alle 22, per poi riaprirsi domani alle 7 e �no alle 15. Un referendum, quello che parte oggi, molto sentito dalla popolazione, che dovrà esprimersi su tre temi distinti: acqua, nucleare e leggittimo impedimento. Dato che il referendum è di tipo abrogativo gli elettori che volessero dare il loro assenso al singolo quesito dovranno barrare il “no”, mentre quelli contrari che vorranno quindi cancellare la legge dovranno barrare il “sì”. Per fare in modo che il referendum sia valido serve che alle urne si rechi il 50% più 1 degli aventi diritto. Legittimo impedimento Il quesito dalle possibili ripercussioni politiche più forti è naturalmente quello

per abrogare la legge sul legittimo impedimento. Il quesito: “Volete voi che siano abrogati l’articolo 1, commi 1, 2, 3, 5, 6 nonchè l’articolo 1 della legge 7 aprile 2010 numero 51 recante “disposizioni in materia di impedimento a comparire in udienza?”. Nucleare Si tratta di una parte del decreto legge recante “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la sempli�cazione, la competitività, la stabilizzazione della �nanza pubblica e la perequazione tributaria” �rmato il 25 giugno 2008 e convertito in legge “con modi�cazioni” il 6 agosto dello stesso anno. Il quesito: “Volete voi che sia abrogato il decretolegge 25 giugno 2008, n. 112,

convertito con modi�cazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, nel testo risultante per effetto di modi�cazioni ed integrazioni successive, recante Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la sempli�cazione, la competitività, la stabilizzazione della �nanza pubblica e la perequazione tributaria, limitatamente alle seguenti parti: art. 7, comma 1, lettera d: realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare?”. Acqua 1 Il primo quesito sulla privatizzazione dell’acqua riguarda le modalità di af�damento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Il quesito: “Volete voi che

sia abrogato l’art. 23 bis del decreto legge 25 giugno 2008 n.112 “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la sempli�cazione, la competitività, la stabilizzazione della �nanza pubblica e la perequazione tributaria” convertito, con modi�cazioni, in legge 6 agosto 2008, n.133, come modi�cato dall’art.30, comma 26 della legge 23 luglio 2009, n.99 recante “Disposizioni per lo sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia” e dall’art.15 del decreto legge 25 settembre 2009, n.135, recante “Disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e per l’esecuzione di sentenze della corte di giustizia della Comunità europea” convertito, con modi�cazioni, in legge 20 novembre 2009, n.166, nel testo risultante a seguito della sentenza n.325 del 2010 della Corte costituzionale?”. Acqua 2 Il secondo quesito riguarda la determinazione della tariffa del servizio idrico integrato. Il quesito: “Volete voi che sia abrogato il comma 1, dell’art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 “Norme in materia ambientale”, limitatamente alla seguente parte: “dell’adeguatezza della remunerazione del capitale investito”?”.

Alvaro Ricci (Pd) prende la sua posizione

“Il centro storico va chiuso”

D

opo la raccolta �rme per la chiusura del centro storico, arriva il commento enstusiasta del consigliere del Pd, Alvaro Ricci. “Le giunte di centrodestra che si sono succedute, guidate da Gabbianelli prima e da Marini ora, hanno perso importanti e dif�cilmente ripetibili occasioni per creare le migliori condizioni per giungere alla chiusura del centro storico e questo la dice lunga sulle loro reali intenzioni al riguardo. Come dimenticare i 3 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Lazio per co�nanziare la realizzazione del parcheggio interrato del Sacrario? Come dimenticare - continua Ricci - il milione di euro spesi per il boulevard di via Marconi, per creare un’isola isola pedonale per poi, dopo appena tre anni, fare dietrofront e riaprila al trasporto pubblico locale e per giunta a doppio senso dopo aver ristretto le corsie? Come dimenticare i nuovi percorsi delle linee

urbane che, anziché essere studiati per evitare traf�co ed inquinamento acustico ed atmosferico, pensando, ad esempio, a una sorta di circonvallazione esterna alla cinta muraria e collegamenti a per il centro, mediante minibus elettrici o a metano, vanno invece a �nire tutti per via Marconi, rendendola pericolosa per la viabilità, a causa della ristretta carreggiata e la trasformano una vera e propria camera a gas, peggiorando, se possibili le condizioni generali del traf�co? Insomma - conclude - la giunta comunale va avanti senza avere un progetto di sviluppo della città. In questi tre anno tutto è stato bloccato in attesa dell’aeroporto, che nonostante il governo Prodi e la Regione Lazio ne avessero creato tutti i presupposti per la sua concreta realizzazione, non sono riusciti a fare un passo avanti. Che fare allora se i cittadini non sono in linea con chi li governa? O cambiano città o cambiano amministratori”.

Meori conferma le sue parole chiarendo la vicenda dell’insegnante Primo incontro fra l’amministrazione comunale e gli aderenti al gruppo su facebook

“Nessuna cattedra cancellata” Viterbo Pulita partirà da Santa Barbara “

La professoressa Cerica non perderà assolutamente il proprio posto, ma che dovrà solo cambiare sede di lavoro: trattandosi di insegnante soprannumero, infatti, le basterà presentare l’apposita domanda per ottenere il trasferimento in un altrettanto prestigioso istituto superiore della città di Viterbo”. E’ la riposta di Marcello Meroi alla lettera della professoressa Cerica, che dopo le dichiarazioni dello stesso Presidente della Provincia sulla scuola viterbese, aveva contestato

il fatto che “tutto è stato risolto”. Dopo la missiva Meroi ha fatto qualche ricerca e parlato con il responsabile degli istituti che gli ha assicurato che l’insegnante non ha perso il posto. “Come avevo avuto già modo di chiarire durante la conferenza stampa sull’argomento scuole, ribadisco perciò che nessuna cattedra verrà cancellata”. Con questo Meroi mette la parola fine alle critiche e all’argomento scuola, almeno fino al prossimo settembre.

V

iterbo Pulita sta per vedere la luce. L’operazione partita direttamente dal web vedrà il suo primo giorno sabato 2 luglio alle 8 davanti alla chiesa di Santa Barbara. L’avvio della manifestazione è il principale risultato ottenuto dal primo incontro uf�ciale tra amministratore e i cittadini che hanno aderito al gruppo facebook “Puliamo Viterbo”. A ricevere i volenterosi viterbesi il sindaco Giulio Marini e l’assessore all’Ambiente Arena, insieme al consigliere Andrea Marcosano che prontamente aveva risposto all’ap-

pello di Bruno Pagnanelli, intervenuto all’incontro odierno, creando proprio il gruppo sul noto social network. In Sala del Consiglio per l’occasione anche l’assessore Sabatini e il consigliere delegato al decoro urbano Antonio Obino. Tra i presenti anche il presidente del comitato di Santa Barbara Costruiamo e i rappresentanti di diversi quartieri della città. E si è concordato di partire proprio da Santa Barbara con il primo incontro operativo. All’appuntamento si è consigliato di arrivare muniti di guanti. Ai sacchi per la raccolta dei

ri�uti provvederà l’assessorato all’Ambiente, di concerto con il Cev, che interverrà con un mezzo per rendere ancora più ef�cace l’iniziativa. A conclusione dell’incontro a Palazzo dei Priori è stata espressa soddisfazione sia da parte dei cittadini che dalla stessa amministrazione. Tutti d’accordo nell’intervenire sul territorio ogni primo sabato del mese. Nel mentre si andranno a monitorare e a individuare i luoghi maggiormente presi di mira dall’inciviltà di alcuni individui per poi piani�care le priorità degli interventi.


attualità viterbese interni

2 6

Viterbo & & Viterbo Domenica1 12 Giugno2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

C’è chi online sta mettendo in vendita spazi con un corposo numero di fan

Parte l’asta delle pagine facebook di LUCA APPIA

D

i cose strane su internet ce n’è sempre in abbondanza. Dai video più assurdi che diventano tormentoni del web, a fotomontaggi sfrenati a satira per tutti i gusti. Tutti modi per ottenere visibilità e diventare famosi almeno per qualche tempo. Da un paio d’anni a questa parte, però, per diventare famosi molti si affacciano a Facebook, il celeberrimo social network diventato di culto prima per i giovani studenti americani, poi per i ragazzi del globo e ora anche per i più attempati che non vogliono farsi sfuggire l’occasione di rincontrare i vecchi amici e, perché no, farsene anche di nuovi. Facebook ha aperto un mondo nuovo sia ai singoli, in grado di leggere su una bacheca virtuale gli stati d’animo e i pensieri degli amici, ma anche alle aziende. Le imprese, infatti, una volta capita l’importanza di apparire e farsi vedere si sono fiondate sul social network alla ricerca di “fan”. Basta andare on line e creare un’apposita pagina con il nome della propria azienda, gruppo musicale, film,

serie televisiva, personaggio famoso preferito e pubblicizzarla a partire dagli amici, aspettando che poi spopoli nel web. Al momento la fan page ufficiale del presidente Usa Barack Obama conta oltre 21 milioni di fan, quella di Silvio Berlusconi ne ha 306mila, mentre la pagina di una famosa azienda come Nike ne conta più di 4 milioni. Numeri importanti che spesso possono segnare il successo o l’insuccesso di un’impresa commerciale. Sì perché sul social network non è solo l’apparire che conta, ma anche il nuovo modo di fare marketing. Un commercio più vicino ai consumatori e meno distante, osservato da una televisione fra una parte e l’altra di un film. Con la marca il consumatore può interagire, fare domande, dare consigli, che poi per un motivo o per l’altro cadranno nel vuoto, ma l’illusione di aver dato un contributo alla propria marca preferita resta segnato. I messaggi che le pagine face book lanciano sulla bacheca virtuale fanno da nuova “esca” per il consumatore, che rimane così più informata su nuovi lanci o offerte particolari. Un modo

Un’iniziativa fortemente sostenuta dall’azienda ACG Italia

Un nuovo mezzo per la Misericordia

U

n nuovo automezzo di solidarietà, completamente gratuito, da adibire al trasporto sociale delle persone più svantaggiate è arrivato a Grotte Santo Stefano. Il tutto è frutto di un’iniziativa portata avanti da Confraternita della Misericordia (sezione di Grotte) e ACG Italia di Scannerini Fabrizio. Dal 9 giugno la Misericordia di Grotte Santo Stefano ha un mezzo in più nel proprio parco macchine. Si tratta di un Fiat Ducato nove posti, attrezzato con sollevatore e allestimento particolare per il trasporto di persone con o senza difficoltà motorie. Al “battesimo” del Ducato sono intervenuti il delegato del sindaco di Viterbo Elpidio Micci, il governatore della Misericordia Angelo Cerri, il vice governatore

Pier Luigi Fedeli, l’amministratore della Misericordia Renato Menichelli e Fabrizio Scannerini, Elena Simi, Luca Biagiotti, Silvia Laurini e Stefania Zeni di ACG Italia. Gli abitanti di Grotte S. Stefano e di tutti quei territori dove la Misericordia opera, potranno usufruire di un mezzo di trasporto principalmente dedicato agli anziani, disabili e a tutte quelle persone non autonome nel movimento e/o spostamenti. Così potranno essere accompagnati negli ospedali, ma anche al supermercato, al cimitero e in chiesa. Tutto questo al fine di favorirne anche l’integrazione sociale. Il mezzo è concesso in comodato d’uso gratuito per 4 anni, completamente a costo zero per la Misericordia. Infatti i tutti i costi di

di fare marketing che ormai spopola in tutto il mondo e non intende fermarsi. In tutto questo, fra le bizzarrie di internet, spunta un annuncio sul sito di aste on line Ebay con la particolare dicitura “vendesi pagina face book con 34mila fan”. Un nuovo business che spunta all’orizzonte? Riempire pagine face book di fan per poi venderle al miglior offerente? Com’è ovvio che sia l’annuncio non ha neanche un’offerta, anche se il venditore giura che il prezzo di partenza (25 euro) è molto ribassato e che la pagina “varrebbe migliaia di euro”. E’ ovvio che il venditore non sa nulla di cosa sia il target e il focus di una campagna commerciale, ma ci prova comunque e mette in piedi un suo personale business che potrebbe fare scuola, anche se al momento è semplicemente oggetto di scherno e derisione per il vano tentativo di vendere una pagina a 25 euro.

50 missioni giornaliere e un totale di 600 ore di volo per i militari provenienti da tutta Europa

Bilancio positivo per ‘Italian Call 2011’ S

i è conclusa con successo il 9 giugno, dopo la partenza degli elicotteri austriaci e sloveni, l’esercitazione ‘Italian Call 11’. Un evento addestrativo che si è svolto a Viterbo dal 23 maggio, con l’obiettivo di sviluppare il concetto della interoperabilità degli equipaggi di elicottero dei paesi partecipanti. L’esercitazione ha comportato lo svolgimento di più di 600 ore di volo, con l’effettuazione di una media di 50 missioni giornaliere con un consumo di circa 450.000 litri di combustibile Avio e quasi 20.000 litri di carburante per autotrazione. Il generale Enzo Stefanini, comandante dell’ Aviazione dell’Esercito di Viterbo è stato delegato dallo Stato Maggiore della Difesa all’organizzazione e alla condotta di tutte le attività operative, logistiche e amministrative relative alla esercitazione. L’esercitazione Italian Call

11, diretta dal comandante della brigata aviazione dell’Esercito, generale Luigi Francavilla, ha sviluppato una serie di attività tecnico tattiche che hanno messo in evidenza e sottolineato le professionalità necessarie all’impiego operativo in ambienti con caratteristiche peculiari (alta quota, alte temperature e sabbiosi). Gli equipaggi hanno condotto l’esercitazione integrando le proprie capacità operative con alcuni assetti specialistici delle Forze Armate; in particolare, sono state piani�cate e condotte in maniera congiunta missioni di sgombero sanitario, trasporto di truppe, attività a fuoco a contatto con le truppe, operazioni speciali e operazioni di logistica di aderenza. L’attività ha culminato con un’esercitazione denominata United Flags alla quale ha partecipato il rappresentante EDA, generale Adam Sowa, che ha

manutenzione ordinaria e straordinaria, assicurazione e cambio gomme sono a carico di ACG Italia. L’associazione riceverà persino €. 1.000,00 di buoni carburanti annui. Un’esperienza che si fonda su un equilibrio positivo tra l’interesse privato e l’interesse sociale. Il fine è anche quello di sostenere il lavoro di rete portato avanti dalle associazioni, che nel nostro territorio sono una realtà molto vivaci e svolgono un ruolo fondamentale. In questi giorni partiranno i contatti con i commercianti e con le ditte private, interessate a sostenere il funzionamento del progetto, da parte dell’azienda ACG Italia. I referenti, per chiunque fosse interessato a saperne di più, sono: Menichelli Renato della Confraternita di Misericordia Grotte S. Stefano (328-37.07.670) e Biagiotti Luca e Silvia Laurini di ACG Italia.

Tantissimi auguri ad Albano e Michela per il loro giorno più bello

T

antissimi auguri ad Albano Bernabucci e Michela Canensi che oggi si sposano. Grande festa a Tre Croci,

sottolineato la ferma intenzione dell’Unione Europea di af�nare la conoscenza delle rispettive capacità operative e migliorare l’integrazione della componente elicotteri dei Paesi membri nella condotta di operazioni in un contesto internazionale. Hanno partecipato alle attività 32 elicotteri di varie tipologie fra cui quelli da esplorazione e scorta A-129 Mangusta, multiruolo AB212, da trasporto tattico NH-90, da trasporto CH-47 e CH-53, e provenienti da Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Germania e Slovenia; Lituania e Grecia erano presenti con loro osservatori. Inoltre, sono stati impiegati in questa attività multinazionale più di 350 unità fra equipaggi e staff, veicoli tattici “Lince”, mortai pesanti da 120 mm. Italian Call 2011 è stata una riprova delle capacità operative nella terza dimensione degli elicotteri dei Paesi partecipanti

paese d’origine dei due. Il matrimonio si terrà nella mattina presso la splendida chiesa della Trinità a Viterbo.

che hanno dimostrato di essere pronti per un impiego dell’ala rotante in eventuali missioni a guida europea in zone di crisi. Allo stesso tempo Viterbo ha evidenziato la sua potenzialità quale polo di eccellenza per l’addestramento all’impiego degli elicotteri in operazioni. Gli equipaggi hanno potuto familiarizzare con scenari ambientati in Afghanistan volando con il simulatore di missione dell’elicottero A129 Mangusta in dotazione al centro addestrativo dell’Aviazione dell’Esercito. Il programma europeo (European Helicopter Training Program) è stato approvato dai Ministri della Difesa che si sono riuniti nel novembre 2009 con l’intento di incrementare in tempi ragionevoli, la capacità di gestire operazioni aeromobili e operazioni con l’ausilio di elicotteri, in aree di crisi. Un’esperienza eccezionale.

Auguri da tutti gli amici per questo giorno meraviglioso che non dimenticherete mai.


primo piano

& Domenica 12 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

7

Ritratti a penna

Crepet invita a pensare con la propria testa, non in copia conforme di Laura Sofia TANZIANI

P

aolo Crepet è un gigante nel suo campo, chi non conosce l’illustre psichiatra, psicologo e scrittore dedito a disagi giovanili e familiari? Tutti lo ammiriamo nelle apparizioni televisive e sui giornali e in molti conosciamo i suoi libri e la scuola per genitori. In procinto di partire per una serie di conferenze in Italia, mi da appuntamento al suo studio romano, nel cuore di Trastevere. Racconta che nelle conferenze parla sempre a braccio, libero, senza rete, con i sensi accesi alla sintonia e alla sensibilità del pubblico e la fatica arriva solo alla �ne, improvvisa come uno tsunami. Un caldo afoso da giugno instabile accompagna la quiete ambivalente del suo studio. Poltrone di cuoio vissuto, invitano a sedersi senza refrigerio. Il suo bellissimo e fedele cagnone improvvisa feste e annusa. Crepet sprofonda sera�co e comodo su poltrona con poggiapiedi avvolto in una camicia di lino color �ordaliso. Il ritratto di una nonna magni�ca sovrasta il suo viso, il lucernaio diffonde una luce grigiastra. Segno zodiacale, Vergine.

Squadra del cuore non esiste. Considera il calcio, una mala-moda rappresentativa di questo paese. Vanità, maschile femminile o neutro? Alla pari, oggi. In altri tempi era femminile, l’uomo era sobrio tranne rare eccezioni. Il Rock è stato la grande rottura sessuale. Elvis Presley è l’emblema del maschio bianco, conservatore e disinibito che ha cambiato le regole e la vanità maschile è esplosa. E’ cambiata la psicologia femminile, oggi? Sì, in peggio. L’idea della parità è senza intelligenza. Alle donne non serve copiare il maschio. Non ho buona opinione del genere maschile, lo considero noioso, prevedibile e arrogante. La sensazione è che le donne non abbiano voluto emanciparsi realmente ma solo diventare come i maschi e questo non è affascinante. Anche sulle quote rosa rimango perplesso. Stento a credere che grandi donne del passato come Maria Montessori, le avrebbero approvate. E la psicologia maschile, come si è modi�cata? L’uomo etero è peggiorato, sembra sull’orlo di una crisi di nervi perché non tollera che le donne abbiano potere. I gay invece hanno migliorato il sesso maschile rendendolo più divertente. Loro hanno

fatto una battaglia più dif�cile di quella delle donne e sono riusciti a esprimersi liberamente portando alla ribalta grandi talenti in tutti i settori. Quali le dif�coltà nel rapporto uomo donna? Il rispetto è una parola poco attribuita a un matrimonio. Si è persa la dignità. Questa è la colonna sonora dei guai del nostro tempo. La libertà non è comprare quello che si vuole, ma pensare quello che si vuole. Le donne hanno preso difetti maschili e gli uomini femminili? Le donne hanno preso i difetti maschili perché il potere é riuscito ad affascinare anche loro. Purtroppo non hanno cambiato lo stile di vita del potente, hanno solo copiato senza comprendere che potere e libertà si possono declinare come dominio e pace, ma questo le donne non hanno saputo dirlo. Gli arte�ci dei grandi movimenti paci�sti sono uomini. Il maschio, che ha difetti di fabbrica connaturati, é imploso con le sue imperfezioni. Crescendo, cosa s’impara? Qualcosa dal sapore agrodolce. Si diventa più tolleranti ma se mi guardo intorno, vedo molte teste sotto la sabbia. Sono poche le persone che affrontano la vita a viso aperto. Il vero insegnamento è non copiare nessuno, pensare con la propria testa e avere originalità di pensiero, non copia conforme. Quando si smette di essere giovani? Per certi versi, mai. Ci sono accezioni della gioventù molto negative quali l’irresponsabilità. Saper invecchiare senza perde re leggerezza e ardore giovanile è dif�cile. Spesso i

vecchi s’inacidiscono e non trovano piacere nell’insegnare e tramandare ai giovani. I difetti che si mascherano nell’età adulta, emergono in vecchiaia. Si muore come si è vissuto. Bollea è invecchiato bene. Quando si diventa adulti? In alcuni casi, molto presto. Il dolore fa crescere. Qual é l’inizio di una buona vita? L’amore è certamente un buon inizio. Un buon lavoro non basterebbe. E l’approdo? La serenità. Dove un porto sicuro? E’ luogo dell’anima e dipende da come si é navigato nel mare della vita. Il porto sicuro è il premio del navigante. Il suo identikit? Curioso, impulsivo con il tentativo di essere sereno. Chi una guida oggi? Fatico a vedere una guida che non sia stata assassinata. Più ottimismo o pessimismo? Forse più resa, armistizio. La bonaccia che osservo oggi, sembra una pax fra famiglie criminali. Dove metterebbe un accento? Sulla dignità. Dignità è la parola del riscatto. E dove un punto di domanda? Sulla forza. Vorrei si ragionasse di più su cosa intendiamo per forza. C’é un malinteso senso sulla forza, quindi sul potere. Suo maggior pregio? Forse la tenacia, ma non è necessariamente un pregio. Credo di aver ben vissuto, ho libertà di pensiero, sono ateo e anarchico. Peggior difetto? Sono irruento e permaloso. Quali i valori che mette ai primi posti?

La buona educazione. Rispetto, umiltà e curiosità conseguono dalla buona educazione ma non mi sembra che in questo periodo ci stiamo impegnando molto a riguardo. Cos’è la solitudine? Una bella risorsa. E cosa il tradimento? La perdita di un legame con se stessi. Bisogna tradirsi, per tradire. Che dire della fedeltà? E’ inevitabile quando si ama davvero. Il mio cane è fedele per scelta, non per sopravvivenza. Quale il colore della sua anima? Viola. E’ il colore dell’inizio e della �ne, alba e tramonto sono violacei. Quali gli ingredienti necessari a un rapporto durevole? Bisogna fare esperienza e vaccinazioni perché un legame sia durevole. Una volta si diceva che un amore era per tutta la vita ma si moriva a quarant’anni! Oggi si vive a lungo, servono due o tre amori. L’amore non �nisce i rapporti sì. Quali i messaggi spazzatura? “Life is now” come traduzione moderna del Carpe Diem è per s�gati. La vita è progetto e quello che potremmo fare è molto

più interessante di quello che facciamo adesso. Dante incitava a “ seguir virtute e conoscenza”… Cos’è la trasgressione? Non può essere una professione ma è legittima difesa dalla noia. Cos’è il fascino? Uno sconosciuto. Per me è affascinante quello che non so. Quali gli strumenti della seduzione? L’inconsapevolezza. Si diventa seduttivi quando non si cerca di esserlo. Che cos’è l’erotismo? Non ha nulla a che vedere con i genitali che sono la parte più imbarazzante del nostro corpo. Forse l’esotismo perché fa parte della curiosità. Erotico è qualcosa che non ti aspetti e ha mistero. Il contrario della riproducibilità, tutto quello che è riproducibile, non è erotico. Quale lo stupore di Paolo Crepet? La vita, la gente e le situazioni che mi danno la possibilità di crescita. E la speranza? Che non �nisca lo stupore! Quale domanda avrebbe voluto e non le ho fatto? Non mi piacciono le domande, cerco di dare risposte.

Un occhio puntato sui giovani e i loro disagi Paolo Crepet, sociologo, scrittore e psichiatra tra i più conosciuti a livello italiano, anche per le numerose apparizioni televisive, è nato a Torino nel 1951. Dopo essersi laureato giovanissimo, all’età di venticinque anni, in medicina e chirurgia presso l’Università di Padova, inizia un lungo cammino di approfondimento e di specializzazione che passa anche attraverso la pubblicazione di numerosi scritti. Così si presentò, nel 1998, ai ragazzi del liceo Mamiani di Roma, offrendo una breve sintesi del suo percorso professionale e personale: “Sono Paolo Crepet, e svolgo la professione di psichiatra. Sono nato in una famiglia di artisti e di professori universitari, ma nella mia vita ho cercato di occuparmi anche di altre cose. Di che mi occupo? Non saprei dirlo molto bene neppure io. Probabilmente per lo più, di disagio giovanile, anche se è un concetto che a me, non piace molto, soprattutto se si tratta di applicarlo al mondo dei giovani. Su questo argomento ho svolto, per molti anni, della ricerca, ma attualmente non provo più molto interesse

per la ricerca pura. Ormai mi interessa scrivere di questi argomenti e parlarne con i ragazzi, piuttosto che studiarli. Certe volte mi pare di trattarli come degli insetti da

laboratorio. Odio le categorie, non mi piacciono i pregiudizi, e credo che voi giovani siate stati �n troppo giudicati, perché se ne aggiunga un altro, come me, alla lista di coloro che fanno �nta di occuparsi di voi. Cerco di ascoltarvi, di capirvi, perché mi incuriosite, altrimenti mi sarei occupato di anziani e di geriatria. Trovo che questa società sia una società essen-

zialmente geriatrica, che non vi voglia molto bene. Anzi, credo si tratti di una società che sostanzialmente vi odia, perché odia il vostro anticonformismo, la vostra sete di critica. Sono qui, oggi, per ascoltarvi, per parlare con voi, ma con un atteggiamento che francamente, spero, non sia troppo accademico. Insegno all’Università di Siena Culture e linguaggi giovanili, e all’Università di Napoli Psicopatologia dell’adolescenza, che è una sequenza di parole che può far venire i brividi solo a sentirla pronunciare, anche perché, se avessi conosciuto i neuropsichiatri infantili quando ero un bambino, avrei fatto sicuramente una brutta �ne. Sono soddisfatto del destino che ho avuto da adulto, un destino, almeno a livello personale, non professionale, libero dalla psichiatria, dalla psicologia, dalla psicoanalisi. Credo che queste discipline abbiano un loro senso, anche se molto limitato. Credo che abbia più senso cercare di capire la vostra cultura, il vostro modo di essere, senza cercare di trasformarlo costantemente in un qualcosa di molto simile ad un sintomo, in qualche cosa su cui indagare….”


interni primo piano

2 8

Viterbo & & Viterbo Domenica1 12 Giugno2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

Ieri le finali del Memorial “Crispini Bernini”. Trionfano i boys del Pianoscarano

Bonucci e i bambini, festa grande all’Oratorio G

rande festa ieri all’Oratorio “Grandori” della Mazzetta per la giornata conclusiva del 1° Memorial “Crispino Bernini” riservata alla categoria Pulcini. Giornata no stop con i bambini di Pianoscarano, Villanova, Calcio Tuscia, Romaria, Ischia di Castro, Oratorio Grandori, Gs Cris e Sorianese che dopo aver dato vita ad una settimana ricca di divertimento, incontri, emozioni e gol si sono radunati alle 11 per partecipare alla Santa Messa celebrata da don Pino Curre, poi tutti quanti a pranzo insieme all’Oratorio. LE FINALI Nel pomeriggio spazio alle �nali. Si è incominciato nel pomeriggio con la s�da per il terzo e quarto posto tra Ischia di Castro e Gs Cris Roma vinta dalla formazione di mister Angelo Fratini per 4-0 con le reti di Alesini (2), Bartoccini e Menci. Poi grande attesa per la �nalissima in cui il Pianoscarano si è imposto per 4-2 contro l’Oratorio Grandori con le realizzazioni di Lucarini, Bernabucci (2) e Bastoni, per i padroni di casa gol di G. Sergi e Bozzini. FESTA PER TUTTI CON BONUCCI Al termine delle gare l’apoteosi �nale con tutti i protagonisti estasiati dalla presenza del campione Leonardo Bonucci, con il giocatore della Juventus che con la consueta cortesia e disponibilità ha �rmato autogra� e si è fatto fotografare con chiunque lo desiderasse. Oltre a Luciano Bernini, �glio

foto Daniele Camilli del compianto “Crispino” al quale è stato intitolato il Memorial sono intervenuti il sindaco di Viterbo Giulio Marini, il presidente del Consiglio Comunale Giancarlo Gabbianelli, il presidente della Banca di Viterbo avvocato Luigi Manganiello. NELLE FOTO Tanti dei bellissimi momenti della grande festa finale curata impeccabilmente dallo staff dell’Oratorio Grandori diretto impeccabilmente da don Pino. A tutti i protagonisti un grandissimo BRAVI!.


& Domenica 12 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

provincia di Roma

9

BRACCIANO - Poche e distratte persone all’incontro organizzato da Sel e Comune

A tu per tu con il fisico Giorgio Parisi di SARAH PANATTA

A

l voto con consapevolezza? Nonostante la profonda mobilitazione delle ultime settimane e l’apparente ampia diffusione di un’idea contro-nucleare che sembrava aver convinto anche la fasce più restie della popolazione, i cittadini braccianesi, pur sensibili alle tematiche ambientali, si dimostrano molto divisi o almeno disinteressati all’incombenza (nel senso di gravità sovrastante oltre che urgenza) sociale del nucleare sulla comunità tutta, al di là dell’esito referendario a livello nazionale. GIORGIO PARISI PARLA IN POCHI LO ASCOLTANO Lo ha dimostrato l’importante incontro organizzato da SEL e dal Comune di Bracciano lo scorso giovedì nel quale ha preso parola uno dei più eminenti scienziati italiani e internazionali, Giorgio Parisi, uno dei �sici più autorevoli del mondo, con Carlo Rubbia l’unico �sico italiano membro della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America, studioso che ha avuto un impatto rilevante in molti diversi campi del sapere, dall’antropologia, alle scienze cognitive, dalla �nanza alle scienze sociali, e vincitore di numerosi riconoscimenti internazionali, fra cui la Medaglia Boltzmann per i suoi contributi alla

�sica statistica, il premio Dirac, il premio Galileo, il Premio Lagrange e la Medaglia Max Planck. STOP ALLA POLITICA NUCLEARISTA A seguito della catastrofe di Fukushima anche Parisi è divenuto un convinto sostenitore dello stop alle politiche energetiche basate sul nucleare, ma alla conferenza di giovedì si è presentato come esperto elargitore di meri dati, constatazioni empiriche. SEMPLICITA’ Con la semplicità esplicativa che lo contraddistingue, Parisi ha esulato dalle controversie politiche, dimostrando come il nucleare non abbia un colore partitico e ha fornito strumenti concreti di ri�essione palesemente super-partes, dando una lezione sociale, culturale, economica, prima che chimico-�sica ai pochi che hanno avuto (voluto) il privilegio di ascoltarlo. LASSISMO IDEOLOGICO L’organizzazione dell’incontro ha certamente lasciato a desiderare, ma la scarsa partecipazione e attenzione dimostrata dai cittadini, che si sono aggirati con movimenti furtivi e distaccati al piccolo gazebo che ha ospitato il Prof. Parisi, è probabilmente derivata dal tipico lassismo ideologico che spinge la maggioranza delle persone (i pochi

ROMA NORDEST - Operazione degli uomini del comandante Stefano

Arrestate sei lucciole, tra loro potrebbero esserci minorenni L Giorgio Parisi che “ancora” votano) nella corrente più calda, più mediatica e sbandierata, spesso al di là dei contenuti veri, ribollenti. QUESTIONE DI COSCIENZA Il nucleare, che sia mascherato da un sì o da un no, è fatto di coscienza, è un sistema che si avvinghia al tessuto economico e sociale di un paese, è un’alternativa da sviscerare, è una scelta che va ponderata con maturità, che necessità partecipazione, perché il famigerato e marchiante SI/NO sia una scelta democratica reale.

a Polizia Giudiziaria del XVII Gruppo, diretti dal comandante Roberto Stefano hanno effettuato ventuno fermi nel quadrante nord est della Capitale. Lungo la Via Aurelia sono state controllate sei ragazze tutte giovanissime. C’è il sospetto che vi siano anche alcune minorenni romene fornite di documenti d’identità falsi che le renderebbero solo sulla carta maggiorenni. Infatti i documenti di cinque lucciole da una prima analisi anche strumentale mostrano delle difformità da quelli originali. Si ipotizza l’esistenza di un giro di contraffazione di carte d’identità romene immesse sul “mercato” ad un costo di 5.000 euro.

A rafforzare questa ipotesi una precedente operazione della Municipale a Ostia, dove alcuni soggetti dediti allo sfruttamento della prostituzione mino-

rile, aggiravano la legge fornendo documenti falsi alle minorenni. L’accertamento dei documenti sequestrati è ora al vaglio dell’Interpol. (BDB)

ANGUILLARA - Corso gratuito per ragazzi dai 18 ai 30 anni

“I Giovani e le Antiche Botteghe Artigiane” di LORENZO ROMANI

L

a crisi economica ha tagliato le gambe all’artigianato italiano, un tempo �ore all’occhiello dell’economia dello Stivale e garanzia di qualità nonché di rispetto delle tradizioni locali. Il calo degli utili ha guidato moltissime piccole e medie imprese fuori mercato, mentre l’emergere delle economie orientali ha consentito a molti imprenditori di perseguire una miope politica di delocalizzazione che ha fatto gola a molte imprese, trasferitesi in nazioni a basso costo del fattore lavoro. Non è stata dunque solamente la grande industria a fare i bagagli partendo per lidi più prosperi, appro�ttando dei salari – spesso da fame – dei lavoratori cinesi, indiani, e di nazioni come la Romania. Anche le medie imprese hanno trovato conveniente delocalizzare, cambiando spesso genere merceologico ed abbandonando le antiche tradizioni di cui ogni provincia italiana poteva andar �era. La mancanza di una industrializzazione su grande scala nell’Italia centrale e meridionale è stata per decenni compensata da una storica tradizione artigianale che ha sostenuto milioni di famiglie per molti anni, anche a dispetto di una non proprio ottimale struttura produttiva nazionale. Quando si dichiara che è necessario pubblicizzare i prodotti italiani, e che i consumatori dovrebbero supportare il made in Italy, preferendo la “versione italiana” di uno stesso bene, prodotto ad esempio in Cina alla metà del prezzo, si dimentica che non è dal lato della domanda che è necessario agire,

ma dal lato dell’offerta, ovvero tramite una mirata politica statale di tutela e incentivi �scali alla piccola e media impresa. Solo investendo in aumento della produttività e in ricerca-sviluppo è possibile abbattere i costi di produzione, amalgamando gli standard produttivi a livello nazionale, promuovendo le economie di scala e permettendo alle piccole e medie imprese di competere sul mercato internazionale. Una simile politica non è stata condotta dai governi italiani degli

ultimi vent’anni. Si è anzi dato quasi per scontato che la delocalizzazione e la logica dell’abbattimento dei costi fosse una legittima aspirazione degli imprenditori, dimenticandosi però di considerare le ricadute – disastrose – in termini occupazionali, che si sarebbero riversate su milioni di giovani senza lavoro e senza speranze per il futuro. Fortunatamente a livello regionale si nota una crescente attenzione al tema del rilancio della piccola e media impresa e dei mestieri artigiani. Alcuni corsi, �nanziati o co�nanziati da Regioni e dall’Unione Europea, si inseriscono proprio in

questo scenario di necessari investimenti locali per il rilancio delle PMI, soprattutto con il �ne di generare nuovi posti di lavoro. Coerentemente con questi obiettivi, ad Anguillara si stanno per chiudere le iscrizioni al corso “I Giovani e le Antiche Botteghe Artigiane”, riservato a tredici candidati italiani, comunitari, o immigrati in possesso di un regolare permesso di soggiorno, che siano disoccupati e in età compresa tra i 18 e i 30 anni. I candidati devono essere residenti nella Regione Lazio ed essere titolari almeno del diploma di maturità e di scuola media superiore. Il corso, interamente gratuito (co�nanziato dall’Unione Europea), si terrà alla A.T.School Anguillara, e verterà in una prima parte sugli aspetti gestionali di un’impresa, mentre la seconda parte porterà gli alunni direttamente nelle botteghe artigiane, dove un periodo di tirocinio di circa sei mesi li formerà nelle professionalità ricercate dalle imprese partecipanti ai praticantati. Gli allievi saranno af�ancati da un Maestro Artigiano e percepiranno un’indennità di un euro per ogni ora lavorativa, per un totale di circa 600-700 euro nell’arco dell’intero periodo, oltre ai rimborsi per le spese di trasporto. Le imprese in cui verranno effettuati i tirocini sono situate nei comuni di Anguillara, Bracciano, Manziana, Canale, Oriolo. Chi fosse interessato può rivolgersi direttamente alla A.T.School al numero 069968896. Le iscrizioni sono aperte �no al 18 Giugno presso la sede della F.O.R.M.A.T, in via S.Stefano 11, ad Anguillara Sabazia.

ĀȀ̀ЀԀ‫܀؀‬Ȁ̀ࠀऀĀȀ̀̀ȀЀԀ‫؀‬Ѐ‫ࠀ̀؀܀‬Ȁ‫਀؀ऀ܀‬ЀԀ‫؀‬Ѐ Ā‫؀଀؀‬ఀȀ଀ഀĀĀ฀‫؀‬Ȁ

਀଀Ԁ̀ЀȀऀఀഀ฀฀ༀ ༀഀऀȀကȀఀ਀ЀȀ‫؀‬Ѐ̀ഀက̀‫؀‬ЀԀഀᄀᄀሀȀ‫܀‬ఀጀЀ᐀ᔀЀࠀᘀကఀ਀ЀᜀጀᔀЀԀഀᄀЀ‫܀‬ഀ᠀਀ᄀȀऀഀကఀ਀ЀԀ‫؀‬Ѐ ഀ‫᠀਀܀‬Ȁᤀ‫਀؀‬ကഀЀԀഀᄀᄀȀЀᨀ਀ကԀȀᤀ‫਀؀‬ကഀᬀ ကᄀऀऀ Āሀጀ᐀ᄀᔀᘀሀጀᜀऀऀ ᠀ᄀᤀᤀᄀऀऀ ᐀ᘀऀऀ ᨀᘀᤀᬀᄀᰀᴀᘀሀऀऀ ᐀ᘀऀऀ ᠀ᘀḀᘀἀᄀḀᜀ !ᘀᄀᔀЀЀ ᰀᴀḀḀሀἀ !"#$ЀЀ %ᴀḀḀሀἀ##"&"#'ЀЀ "(#"#)*"$ᰀἀḀᴀЀЀ +ᴀ,Ѐ Ḁሀᴀ(ᴀ,-"*"$Ѐ./00ᔀЀ1ἀЀ(#ἀᰀ*"ἀ#$ЀḀἀЀ($ ἀЀ-$ +Ḁᴀ(("&ἀЀ%"Ѐࠀ"ᰀሀऀ#$ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ'ऀ%ἀЀἀ((ᴀ2ᰀἀ,ᴀЀἀЀ+,$2ᴀ##"Ѐ ᴀ%"ἀᰀ#ᴀЀ !ἀᰀ%$ᔀЀἀЀ3+,$2ᴀ##"Ѐᴀ%Ѐ"ᰀ"*"ἀ#"&ᴀЀ%"Ѐ#ᴀ,*"4Ѐ%ἀЀ,ᴀἀḀ"**ἀ,ᴀЀᰀᴀḀЀ#ᴀ,,"#$,"$Ѐ%ᴀ"Ѐ-$ )ᰀ"Ѐ%"ЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀᔀЀȀḀḀ) "ᴀ,ᴀᔀЀ Āᴀ,&ᴀ#ᴀ,"ᔀЀ ᄀἀ%"(+$Ḁ"ᔀЀ ऀἀᰀ*"ἀᰀἀᔀЀ ऀ$ᰀ#ἀḀ#$Ѐ %"Ѐ Āἀ(#,$ᔀЀ ̀ἀᰀ#ἀЀ ऀἀ,"ᰀᴀḀḀἀᔀЀ ఀἀ,5)"ᰀ"ἀЀ ᴀЀ ఀ$Ḁ6ἀᔀЀ +ᴀ,Ѐ ḀᴀЀ 6"ᰀἀḀ"#'Ѐ ᴀЀ -$ᰀЀḀἀЀ,"+ἀ,#"*"$ᰀᴀЀ%"Ѐ(ᴀ2)"#$Ѐ"ᰀ%"-ἀ#ᴀ7

(ᜀἀἀሀᰀᜀऀऀऀ ࠀ᐀" ᄀᔀᘀሀጀᜀ&ऀऀऀ ‫܀‬ᤀἀᰀ"ᔀᘀሀጀᜀऀऀऀ ᜀ Āሀᰀᴀᄀᔀᘀሀጀᜀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀ(ᄀ*"ἀᜀऀ+",,*ᘀ ᄀ&ऀ-ᜀ᐀ᘀ ᘀጀᄀऀ ᬀᰀᜀḀᜀጀἀᘀḀᄀऀᜀऀᰀᘀᄀ,ᘀ*ᘀἀᄀἀᘀḀᄀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀԀᰀἀᜀ&ऀԀἀἀᘀḀᘀἀ.ऀᜀऀ଀ᜀጀᘀऀ "*ἀ"ᰀᄀ*ᘀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀऀ /ሀ*ሀጀἀᄀᰀᘀᄀἀሀ&ऀऀ 0ᘀ*ᄀጀἀᰀሀᬀᘀᄀऀऀ ᜀऀ ,ᜀጀᜀ0ᘀ ᜀጀᔀᄀ ࠀ"ᰀሀ 1ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀ ᨀᘀ ᜀᰀ ᄀ ( ᘀᜀጀἀᘀ0ᘀ ᄀ ᜀ 2��� ጀሀ*ሀ3ᘀ ᄀ ࠀ"ᰀሀ ฀ഀഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀ Ԁᤀᤀᘀᤀἀᜀጀᔀᄀ ᄀ3*ᘀ ᄀጀᔀᘀᄀጀᘀ ࠀ"ᰀሀ ฀ഀഀ%ഀഀഀ&ഀഀ ऀ ऀऀऀ ऀऀऀऀᴀᄀᤀᤀᘀᴀሀ ऀऀऀ ऀ5ᘀᴀᬀሀᰀἀሀ ऀऀऀ ऀऀऀ 4 ऀ %ऀऀऀऀ฀ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ ऀऀऀ ऀऀऀऀऀऀ ᴀሀ ऀ ऀऀऀऀ᐀ᘀऀ ᘀऀऀऀऀ ऀऀऀ ऀᴀᄀᤀᤀ ᰀἀሀऀऀऀ ऀऀऀऀ ऀऀऀ ሀ ऀᘀᴀᬀ ऀऀऀ ऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀऀ"ጀ ऀऀἀሀ ᄀ ऀऀऀ ऀᜀᰀሀ3 ऀऀऀ ऀऀऀ ऀᜀᤀᤀᜀᰀᜀ ऀऀऀ ऀऀऀ ऀऀऀऀᬀሀἀᰀ. ऀऀऀ ऀᬀᰀሀ3ᜀἀἀሀ ᘀᄀᤀ "ጀऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀऀऀऀऀ ऀऀ +ᜀᰀ ᜀ᐀ᘀ,ᘀ*ᜀ6ऀऀ%ऀ ऀऀ !ᘀऀऀऀऀ ᰀᘀ 4%฀ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ% ᐀ᘀऀऀऀ ऀᤀሀᬀᰀᄀᘀጀ᐀ᘀ ᄀἀሀऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀ7"ᜀ**ሀ ऀᤀऀऀ"ᬀᜀᰀᘀሀᰀᘀऀᄀ ऀऀ ऀऀ ऀᰀᘀ !ᘀᜀᤀἀᜀऀ ሀጀऀᘀᴀᬀሀᰀἀᘀ ऀ*ᜀ ऀऀ (ᄀᰀᄀጀጀሀऀᰀᜀᤀᬀᘀጀἀᜀ

ᄀἀЀ +,ᴀ(ᴀᰀ#ἀ*"$ᰀᴀЀ %ᴀḀḀᴀЀ ,"-1"ᴀ(#ᴀЀ %$&,'Ѐ ἀ&&ᴀᰀ",ᴀЀ #,ἀ "#ᴀЀ Ḁἀ Ѐ -$ +"Ḁἀ*"$ᰀᴀЀ %"Ѐ )ᰀ Ѐ 3(-1ᴀ%ἀ4Ѐ -1ᴀЀ " Ѐ ($22ᴀ##"Ѐ "ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"Ѐ#,$&ᴀ,ἀᰀᰀ$Ѐ%"(+$ᰀ"!"ḀᴀᔀЀ)ᰀ"#ἀ ᴀᰀ#ᴀЀἀḀЀ-$ᰀ#ᴀᰀ)#$Ѐ-$ +Ḁᴀ#$Ѐ%ᴀḀ Ѐ!ἀᰀ%$ Ѐ./00ᔀЀ+,ᴀ(($ЀḀἀЀ(ᴀ2,ᴀ#ᴀ,"ἀЀ %ᴀḀḀἀ Ѐ ᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀ ЀĀἀ,"-"&ᔀЀ ("#ἀ Ѐ"ᰀЀ ଀"ἀ Ѐ‫("܀‬$,2" ᴀᰀ#$ᔀ Ѐ890. Ѐ:Ѐ Ā"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀᔀ Ѐἀ+ᴀ,#ἀ Ѐ"ḀЀ Ḁ)ᰀᴀ%;ᔀ Ѐ ᴀ,-$Ḁᴀ%;Ѐ ᴀЀ ЀЀᴀЀЀЀ ᰀ ЀЀ ЀЀ $ᰀ%ἀ*"$ ᨀ ЀЀᴀЀЀḀЀЀЀЀḀЀἀЀЀЀ ЀЀ % ,ᰀᴀ#ЀЀ ЀЀ ("#$ Ѐ "ᰀ#ЀЀᴀЀЀЀ "ḀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀ$ % &ᴀᰀᴀ,%;Ѐ %ἀḀḀᴀЀ $,ᴀЀ <ጀ// Ѐ ἀḀḀᴀЀ $,ᴀЀ 0.ጀᜀ/ᔀЀ $Ѐ -$ᰀ()Ḁ#ἀᰀ ЀЀ ЀЀ#ЀЀጀ ЀЀጀ" "-"& ЀЀ ,ЀЀЀЀ ЀЀᴀ-ἀ ᰀ ЀЀ ===ጀ6$ᰀ%ἀ*"$ ЀЀ ЀЀ,"ጀ ЀЀ $ Ѐ(ЀᴀЀЀ## "Ѐ"ЀЀЀ #Ѐ)##ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ +ᴀ, ЀЀ฀ऀ ЀЀ ऀऀ ฀ ऀЀЀఀഀ ЀЀ ऀऀ ЀЀऀЀЀက89က‫܀‬Ȁ Ѐ>ЀḀ Ѐ ሀЀЀ฀Ѐ฀ ЀЀ4ЀЀЀЀЀ $ ЀЀ Ѐ3Ѐ!ἀᰀ% ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ#ᴀ ᴀ(ᴀᰀ Ѐ+Ѐ,ЀЀЀЀ ᴀЀЀḀЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀ %ᴀᰀ*ἀЀ% Ѐ(Ѐ-ἀ Ѐ%Ѐ"ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ,ЀЀЀЀ "ᰀᴀ ЀЀ ‫؀‬ḀЀЀ#ЀЀЀᴀЀЀЀ ‫؀‬Ѐ($22ᴀ##"Ѐ"ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"ЀἀЀ,"-1"ᴀ%ᴀ,ᴀЀḀሀἀ((ᴀ2ᰀἀ*"$ᰀᴀЀ%"Ѐ6$ᰀ%"Ѐ+ᴀ,Ѐ"ḀЀ6"ᰀἀᰀ*"ἀ ᴀᰀ#$Ѐ%"Ѐ+,$2ᴀ##"ЀЀ,"6ᴀ,"!"Ḁ"Ѐἀ"Ѐ(ᴀ##$,"Ѐ ()%%ᴀ##"ᔀЀ %ᴀ!!$ᰀ$Ѐ "ᰀ&"ἀ,ᴀЀ ḀᴀЀ Ḁ$,$Ѐ ,"-1"ᴀ(#ᴀᔀЀ ᴀ(-Ḁ)("&ἀ ᴀᰀ#ᴀЀ #,ἀ "#ᴀЀ ,ἀ--$ ἀᰀ%ἀ#ἀЀ +$(#ἀḀᴀЀ -$ᰀЀ ἀ&&"($Ѐ %" ,"-ᴀ&" ᴀᰀ#$ᔀЀ"ᰀ%","**ἀᰀ%$ḀᴀЀἀ7 ᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀЀĀἀ((ἀЀ%"Ѐ‫("܀‬+ἀ, "$Ѐ%"ЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀЀ଀"ἀЀ‫("܀‬$,2" ᴀᰀ#$ᔀЀ8?0/?0.Ѐ:Ѐ///@ᜀЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀЀༀ‫ऀ܀‬ᬀጀ ଀ᄀጀ᐀ሀऀఀഀ฀฀ऀ:ऀ ሀጀऀᘀጀ᐀ᘀ ᄀᔀᘀሀጀᜀऀ᐀ᜀ*ऀᤀᜀἀἀሀᰀᜀऀ᐀ᘀऀᄀᬀᬀᄀᰀἀᜀጀᜀጀᔀᄀऀ᐀ᜀ*ऀᬀᰀሀ3ᜀἀἀሀ% Ѐᰀ$ᰀ Ѐ Ѐ ЀᴀЀ ЀЀЀ ЀЀЀ Ѐ"ᰀ%"-ἀ#$ Ѐ ЀЀЀ Ѐ($+,ἀ Ѐ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀᴀḀḀ$ Ѐ5Ѐ ) Ѐ%Ѐ ἀЀЀЀЀЀ ЀЀЀ Ѐ%"&ᴀ,($ Ѐ Ѐ ЀЀЀЀЀ $%$ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ"ᰀ ЀЀ"#ᴀ Ѐ(+ᴀ Ѐ % ЀЀᴀЀЀЀЀЀ ἀᰀ% Ѐ%$ Ѐ ЀḀᴀ Ѐ ЀЀЀ ἀ*"$ᰀᴀЀЀЀ ,ЀЀЀЀ Ѐ Ѐ ЀЀЀЀ-$ᰀ("%ᴀ ᴀ(ᴀЀЀЀЀ"ᰀ ЀЀЀЀ+Ѐ ,ЀЀЀЀ Ѐ က$ᰀ ЀЀ ЀЀЀЀ(ἀ,ἀᰀᰀ$ ,ЀЀ +ЀᴀЀЀЀЀ Ѐ%ἀ#ἀ Ѐ ЀЀЀЀ #ἀЀЀЀ ᴀ%ᴀ#ЀЀЀЀ Ѐ+Ѐ,ЀЀЀЀ ḀἀЀЀЀ ЀἀЀḀЀЀЀЀ ᰀ#ᴀЀЀЀ ЀЀ ᴀЀЀЀЀ ЀЀ ()Ѐ -ЀЀᴀ(("&ἀ #ᴀЀЀЀЀ "ЀЀЀЀ Ѐ(+ᴀ% Ѐ ЀЀ ḀЀЀᴀЀЀЀЀ ЀЀᴀḀ Ѐ5Ѐ) ЀᴀЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ*ἀ ЀЀᴀЀЀᰀ ЀЀ ᰀ Ѐἀ++ Ѐ ἀЀЀ,#ᴀ Ѐ%" Ѐ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ #ЀЀ#Ѐ$Ѐ,ᴀ (ЀᴀЀЀЀЀ Ѐ%ЀᴀЀЀḀЀЀЀЀ ЀЀЀ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀ ἀЀЀ*"$ᰀ" ЀЀ"Ѐ"ᰀ Ѐ% Ḁᴀ Ѐ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ ЀЀᴀᰀ#" ᰀ ЀЀ -$ᰀ#ᴀ ᴀጀ ЀЀ ḀЀЀЀЀ Ѐ+$( Ѐ #ἀ Ѐ#Ѐ"ЀЀЀ !,$ЀЀЀ Ѐ"ḀЀ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ Ѐ6ЀᴀЀЀ%ᴀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ 6ЀЀἀЀ,' ЀЀЀ ἀḀᴀЀ ЀЀ ЀЀ5) Ḁἀ ࠀᴀ,Ѐ #)##"Ѐ "Ѐ -1"ἀ," ᴀᰀ#"Ѐ "ᰀЀ $,%"ᰀᴀЀ ἀḀЀ -$ᰀ#ᴀᰀ)#$Ѐ %ᴀḀЀ !ἀᰀ%$Ѐ ᴀ%Ѐ ἀḀḀᴀЀ ,ᴀḀἀ#"&ᴀЀ +,$-ᴀ%),ᴀᔀЀ "Ѐ ($22ᴀ##"Ѐ "ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"Ѐ +$(($ᰀ$Ѐ,"&$Ḁ2ᴀ,("ЀἀḀḀἀЀ(ᴀ2,ᴀ#ᴀ,"ἀЀ%ᴀḀḀἀЀᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀЀἀḀЀ#ᴀḀᴀ6$ᰀ$ЀᰀጀЀ/᐀AAጀᜀB.<᐀Ѐ:Ѐ/᐀AAጀ.@0᐀.ጀ ᨀ਀ကԀȀᤀ‫਀؀‬ကഀЀĀጀ‫܀‬ጀЀĀ‫؀‬Ā‫؀଀؀‬ఀȀ଀ഀĀĀ฀‫؀‬ȀЀ ‫؀‬ᄀЀࠀ‫܀‬ഀ̀‫؀‬Ԁഀကఀഀ

Ȁ&&ጀЀ଀"ᰀ-ᴀᰀ*$ЀĀἀ--"ἀ2Ḁ"ἀ


litorale viterbese

10

Viterbo & Domenica 12 Giugno 2011 AltoLazio

TARQUINIA - A coronare l’evento la consegna dei lavori di restauro del complesso ecclesiastico finanziati dalla Fondazione Cariciv

Domani si festeggia S. Antonio da Padova di VALERIA SEBASTIANI

T

arquinia si prepara a festeggiare Sant’ Antonio da Padova, il Santo dei Miracoli. Con un ricco programma che coprirà tutta la giornata di domani. A coronare l’edizione 2011 della festa tradizionale, sarà la consegna dei lavori di restauro e manutenzione del complesso ecclesiastico eseguiti grazie ai fondi della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia. Tutto il programma è stato realizzato dall’associazione “Amici di S.Antonio”, presieduta da Domenico Gonfaloni, in collaborazione con il T.OF. Secolare d’Italia, la Comunità Francescana dell’Immacolata ed il patrocinio del Comune di Tarquinia. I festeggiamenti avranno inizio lunedì mattina, alle ore 10,00 con la S. Messa celebrata dal Vicario Generale Mons. Rinaldo Copponi. Al termine, alla presenza delle autorità civili, milita-

La partenza della processione di S.Antonio da Padova ri, religiose e del Ministro della Minoritica Provincia Romana dei Frati Minori, Padre Giovanni Rossi, avverrà la consegna ufficiale dei lavori di restauro. Per

entrare nellospecifico, bisogna precisare che i lavori hanno compreso l’avvio del restauro della Cappella Falzacappa, la completa ristrutturazione delle due

vetrate policrome e del rosone della facciata. Inoltre il restauratore Roberto Ercolani ha provveduto a restituire ai cittadini in tutta la loro bellezza, un quadro di S.Antonio del 700 ed un quadro della Pietà risalente sempre al medesimo periodo. Per finire, anche interventi manutentivi: è stato ultimato il ripristino della fognatura. I festeggiamenti in onore del santo proseguiranno anche nel pomeriggio. Alle ore 18,00 è prevista una Messa Solenne celebrata dal vescovo della Diocesi di Civitavecchia-Tarquinia, Mons. Luigi Marrucci. Al termine della messa avrà luogo la Processione con la statua del Santo accompagnata dalla Banda Musicale G. Setacciali, con partenza dalla Chiesa di San Francesco, passaggio per Via dello Statuto, Via Garibaldi, Piazza Matteotti, Via di Porta Tarquinia e rientro in chiesa. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare alle funzioni religiose.

TARQUINIA - Giovedì scorso la visita a Civitavecchia

Gli studenti dell’Isis alla casa circondariale

G

li studenti dell’ISIS di Tarquinia incontrano i detenuti della Casa Circondariale Nuovo Complesso di Civitavecchia. Alla visita, che si è svolta il 9 giugno, hanno partecipato il

TARQUINIA - Dal 24 al 26 giugno la seconda edizione della manifestazione dedicata alle reti dei sistemi complessi

Nel centro storico torna ‘Il Festival della Complessità’ I

l “Festival della Complessità” giunge alla 2ª edizione. Dal 24 al 26 giugno, nel centro storico di Tarquinia si terranno incontri con scienziati, letterati, artisti, storici e �loso�, per parlare con semplicità della complessità e delle reti dei sistemi complessi. La manifestazione, promossa dall’associazione Dedalo 97, con la collaborazione del Comune (assessorati alla Cultura e al Turismo) e la direzione scienti�ca dell’AIEMS (Associazione Italiana di Epistemologia e Metodologia), ha avuto il prestigioso riconoscimento del Presidente della Repubblica ed è sostenuta dalla Fondazione Carivit, dall’Union Printing di Viterbo, dall’Unicoop Tirreno, dalla Camera di Commercio di Viterbo. Oltre al riconoscimento del Presidente della Repubblica, l’evento ha ottenuto il patrocinio della Regione Lazio, della Provincia di Viterbo, dell’Università La

Sapienza, della Fondazione Etruria Mater e dell’Università Agraria. “Il Festival della Complessità” si svolgerà tra la sala consiliare del palazzo comunale, le chiese San Giacomo e San Salvatore, le piazze Soderini e Santo Stefano. Trentatré le conversazioni previste, in cui il pubblico potrà interagire con i relatori per approfondire i temi della complessità. Principale novità di quest’anno sarà la “Festival Card” che, ai possessori, permetterà di avere sconti mirati per alberghi, ristoranti, bed and breakfast e negozi, nonché riduzioni per le visite guidate dell’associazione Artetruria. Una trovata che vuole lagare all’iniziativa lo sviluppo turistico. Arricchiranno il programma “I Film del Festival”, rassegna cinematogra�ca a cura di Pino Moroni, nella chiesa di Santo Spirito, “Jazz sotto le stelle”, tre concerti serali in piazza Duomo

Il programma di venerdì 24

organizzati dall’associazione Zinghereria, e l’iniziativa della libreria La Vita Nova “Libri & Musica”. Maggiori informazioni sul sito: www.festivaldellacomplessitatarq uinia.com (V.S.)

Ore 18.00 Palazzo Comunale Sala Consiliare, Apertura della 2a Edizione del Festival della Complessità di Tarquinia. Interverranno: Mauro Mazzola Sindaco Di Tarquinia, Sandro Celli Assessore al Turismo, Angelo Centini Assessore alla Cultura, Fulvio Forino Direttore del Festival. Presentazione del Festival: perchè complessità? Ore18,30 Sala Consiliare, Francesco Avallone, ‘Lavorare fa male? Alla ricerca del benessere organizzativo’. Ore19,45 Chiesa di S.Giacomo, Gianfranco Minati, ‘Dinamica sociale e cambiamento ontologico. Rappresentare e usare la complessità nei sistemi sociali’. Ore 19,45 P.zza S. Stefano,

Enzo Scandurra, Dal libro di Franco Cassano “L’umiltà del male” la complessità della vita quotidiana, le piccole storie, le passioni e gli affanni di gente comune che vive in città. Ore 21,00 P.zza S.Stefano, Bengasi Battisti, ‘Beni comuni: beni naturali e relazionali che appartengono alle comunità’. Ore 21,00 P.zza Soderini, Alfonso Iacono, ‘I bambini giocano: imitazione, creazione, mondi intermedi’. Ore 22,15 P.zza Soderini, Franco Bifulco, ‘Medicina orientale e occidentale: due percorsi convergenti?’ Ore 22,15 P.zza S. Stefano, Anna Mascellani, ‘L’adolescente: un bambino cresciuto o un adulto in miniatura?’

sindaco Mauro Mazzola, l’assessore alla Pubblica Istruzione Sandro Celli, alcuni professori e i ragazzi delle classi V. L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto Prevenzione del D.D.D. disagio, devianza, delinquenza, promosso dalla cooperativa sociale Fuori c’Entro, l’Istituto Penitenziario e l’Amministrazione Comunale. In un clima di cordialità, i giovani hanno potuto ri�ettere sui temi della legalità, ascoltando direttamente dai detenuti le motivazioni o le cause per cui in passato si sono trovati in particolari situazioni, quali sono le attività che svolgono all’interno del penitenziario e cosa sperano per il loro futuro da cittadini liberi. «Gli studenti hanno avuto modo di confrontarsi con queste persone e conoscere da vicino la realtà del carcere, luogo di recupero e non solo di pena. – afferma il primo cittadino – Aprire gli occhi di fronte al mondo è fondamentale per gli adolescenti, sollecitati da una società fatta di luci abbaglianti e di grandi zone d’ombra». «La scuola deve offrire una preparazione culturale e umana. – dichiara l’assessore Celli – Ascoltare le storie di persone che hanno sbagliato e ora riconoscono l’errore commesso è stato importante per i ragazzi, esortati dagli stessi detenuti a studiare e a impegnarsi in qualcosa che posa dare senso alla loro vita».


Speciale MONTALTO DI CASTRO

a cura di Studio1

Speciale Montalto di Castro


speciale montalto

12

Viterbo & Domenica 12 Giugno 2011 AltoLazio

Il campeggio che ha fatto la storia del turismo montaltese nel racconto di Maurizio Eleuteri

Camping Pionier Etrusco, dal 1953 ad oggi di GIOVANNI CORONA

È

dal 1953 che all’interno della pineta di Montalto Marina esiste il Camping Pionier Etrusco, uno dei primi ad entrare in funzione nell’Italia del miracolo economico; un Paese che stava scoprendo le ferie e le vacanze al mare, grazie ai primi turisti provenienti dalla Germania, dall’Austria e dalla Svezia, che vedevano l’Italia come un icona da idolatrare. Per saperne di più, abbiamo fatto una lunga chiacchierata con Maurizio Eleuteri, attuale proprietario del campeggio. Signor Maurizio, com’è nato il Camping Pionier? “Tutto nasce grazie dall’idea di un italiano che viveva in Germania, Francesco Angeletti, che coinvolgendo una fabbrica di tende da campeggio, la Pionier per l’appunto, in accordo con l’amministrazione del momento ha creato nel 1953 un’area attrezzata per il Campeggio. L’area era dotata di docce, servizi igienici, lavatoi per le stoviglie, illuminazione ed energia elettrica fornita da un rumorosissimo gruppo elettrogeno, con un guardiano sempre presente. Dopo pochi anni è stato ceduto a Palmieri Mario

di Aosta che lo ha gestito per 24 mesi.”

Quand’è che la famiglia Eleuteri è diventata proprietaria del posto? “È solo nel 1958 che un ragazzo di 25 anni, Eleuteri Renato, cioè mio padre, nato a Roma e arrivato a Montalto con tutta la sua famiglia nell’immediato dopoguerra, inizia ad intravedere in quel modo un po’ stravagante di fare turismo, la possibilità di creare un’attività che consentisse un �usso ciclico di turisti. Grazie alla passione ed alla forza di volontà mio padre è riuscito a fare di questo posto un vero e proprio centro vacanze. Certamente i sacri�ci per poter accogliere dignitosamente tutte queste genti provenienti da ogni parte del mondo e in special modo dall’Europa, non sono stati pochi: basti pensare che una volta le lingue straniere non si imparavano a scuola… allora si era autodidatti! Una volta era soltanto l’esperienza, l’occhio e una grande passione per ciò che si faceva che ti diceva come doveva essere impostato il lavoro. Il bello è stato poi quando è arrivata una legge a regolamentare questo settore; in quel momento ci siamo resi conto che la nostra

Il cantante Santino Rocchetti al Camping Pionier azienda era tra le meglio attrezzate e che insieme ad altre stava facendo da guida.” Come si è evoluto il modo di fare turismo negli anni? “Una volta era la tenda che faceva da regina: a “casetta” -che per montarla ci voleva un ingegnere-, e a “canadese” -che per chi soffriva gli spazi stretti era un incubo e in cui la puzza di muffa ti accompagnava per i primi giorni dopo il

montaggio-. E’ giunta poi l’epoca delle roulotte e secondo me è in quel preciso istante che è �nito tutto il romanticismo di questo tipo di vacanza.” Come ci si divertiva all’epoca? “Un tempo erano suf�cienti un buon �asco di Grechetto di Gradoli, un piatto di penne all’arrabbiata e una chitarra, per accendere una festa: oggi invece ci sono vere e proprie aziende di animazione che

L’ “Ippocampo” della famiglia Boncori, capostipite dei locali sul lungomare

Gli stabilimenti storici della Marina S

ebbene non ci siano molti cenni storici sulla storia della marina montaltese, basterà fare quattro chiacchiere con i più anziani per conoscere come la vita e il turismo si sono lentamente sviluppati sul litorale della cittadina castrense. Negli anni 60’ e precisamente tra il 1966 ed il 1967, “l’Ippocampo” –proprietà della storica famiglia montaltese dei Boncori- è stato il primo stabilimento balneare e ristorante ad aprire i battenti, in una striscia di terra adiacente il mare, �no ad allora abbandonata a se stessa. Negli anni seguenti poi, inaugu-

rarono prima il “Verde Luna” –con la storica baracca, in stile trattoria, di un personaggio conosciuto da tutti come “L’Uomo Pesce”- ed “il Baretto”. Sempre nello stesso periodo, aprì “il Gabbiano” e solo qualche anno più tardi, nel 1975, sorsero “La Sella Polare ed il Cormorano” –�no a quel momento tra il Gabbiano ed “Il Maremma” c’era una landa desolata senza nemmeno l’illuminazione- �no ad arrivare ai giorni nostri con i più recenti stabilimenti del “Cambusiero”, del “Nolo Tropicana”, del “Cuba Libre”, Del “Tutti al Mare” e del “Bagno 18”. (G.C.)

poi alla �ne ti propongono sempre le stesse cose, come se il divertimento fosse standardizzato! Chi sulla spiaggia non ha mai fatto girare una bottiglia nella speranza di poter baciare la bella o il bello del momento? A quei tempi bastava che nel campeggio partisse un secchio d’acqua e la serata diventava un ciclone e dopo tutti a fare il bagno al mare, possibilmente nudi. Tornei e gare coinvolgevano tutti… Ci si s�dava a chi �niva per primo piccantissimi piatti di penne, boccali pieni di birra; c’erano la pentolaccia con l’immancabile gavettone �nale, le cacce al tesoro per adulti e bambini, gli incontri musicali che vedevano sul palco cantanti di grido del momento, come santino Rocchetti o Franco Califano, oppure gli studenti svedesi del nostro grande maestro Gianni Sartori, immancabili ospiti del Camping e tanti altri, tutti con un denominatore comune: la semplicità. Oggi forse dovremmo riscoprire la semplicità, come quei primi turisti che arrivavano con una tendina, un pericolosissimo fornellino a spirito, un pentolino e pochissimi indumenti.” Com’è la vita al campeggio al giorno d’oggi?

“Oggi per chi arriva, specialmente nei primi due giorni, sembra assistere ad un trasloco: frigoriferi, cucine economiche, armadi, pavimenti in legno, verande, gazebo, teli, cucinini, che solo a fare l’elenco uno già si sente stanco! Insieme alla mia famiglia, anche se purtroppo oggi mio fratello Domenico non c’è più, ci sentiamo come dice il nome stesso del nostro camping, e cioè un po’” i pionieri del turismo a Montalto”: gente che con un paziente lavoro di propaganda fatta di �ere, pubblicità su riviste specializzate e network, ha contribuito a far conoscere ed apprezzare la nostra bella cittadina ed il nostro territorio un po’ in tutto il mondo. Siamo ormai arrivati alla terza generazione sempre impegnati a portare turisti a Montalto e ci stiamo preparando, sempre con nuovi investimenti, ad accogliere, con la dovuta umiltà, i turisti del futuro e tutte le esigenze che questo mercato fatto di una evoluzione frenetica ci impone. A volte qualcuno mi chiede a quanti anni mio padre ha iniziato a farci lavorare… noi siamo nati e cresciuti all’interno del camping e forse è per questo che per noi, più che un lavoro, è diventato ormai un modo di vivere, un tutt’uno, come se il campeggio fosse la nostra vita!”


& Domenica 12 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

speciale montalto

13

Uno stabilimento nato per godere il meglio del mare e corredare l’ottima cucina dello storico ristorante

D’estate il relax si chiama ‘Le Murelle’

come il famosissimo portiere della Juventus e della Nazionale di calcio Angelo Peruzzi. Oltre ad essere un ristorante di prima scelta del litorale viterbese, “Le Murelle” è anche stabilimento balneare: nato dopo che Francesco Nolletti aveva acquistato il locale –ai tempi del Mago non c’era- è rivolto soprattutto ad una clientela –famiglie, persone più grandi- che vogliono rilassarsi in riva al mare. Tra i tanti servizi offerti, l’animazione per bambini ed il servizio in spiaggia: chiunque può ordinare qualunque tipo di piatto all’interno del ristorante, per poi decidere se degustarlo sulla splendida terrazza –costruita nel 2009- a strapiombo sul mare, oppure direttamente all’ombrellone.

di GIOVANNI CORONA

S

ituato in riva al mare, nella splendida spiaggia davanti all’antico porto di Regisvilla, sorge il Ristorante - Pizzeria “Le Murelle” –aperto tutti i giorni della settimana-. Nel 1983 Francesco Noletti acquista dal “Mago” –storico personaggio del posto- il ristorante che porta proprio il nome del suo proprietario. Quattro anni più tardi, la �glia di Francesco, Pamela, lascia gli studi per dedicarsi all’attività, �no a diventarne il gestore. All’inizio Pamela seguiva molto i camerieri ed in particolare il Maitre di sala per apprendere le varie tecniche e per imparare a Dall’alto a sinistra, in senso orario: l’ingresso de ‘Le Murelle’; la terrazza sul mare che ospita il ristorante all’aperto; una cena in terrazza; il ristorante riconoscere i vini, i cibi, oltre a comprendere a pieno la tecnica della spinatura del pesce. Oggi è aiutata dal marito Alessandro che gestisce la cucina – c’è un personale di ben 15 unità tra ristorante e stabilimento-: al ristorante le Murelle il cliente si potrà sentire come a casa sua, visto che ogni pietanza – pane, pizza, dolci, e pesce- è fresca o “fatta in casa”. Tra i piatti “DOC” del locale, l’Antipasto alle Murelle –un set di sette assaggi di pesce-, gli gnocchetti al pesce –divenuto ormai storico- gli spaghetti alla granseo-

la, la pescatrice ai frutti di mare e molto, molto altro ancora. Per chi decide di pranzare o cenare al ristorante di Pamela Nolletti, molti sono i servizi offerti: grande attenzione viene data in particolare alla pulizia del locale e all’accoglienza clienti. Proprio grazie alla raf�natezza ed al gusto di cui l’ambiente è dotato, sono molti i personaggi famosi che si sono fermati a mangiarevi: da David Gilmour dei Pink Floyd, ai comici di Zelig; e ancora: dai molti personaggi televisivi di Mediaset e Rai, alle leggende dello Sport


speciale montalto

14

Viterbo & Domenica 12 Giugno 2011 AltoLazio

300 ombrelloni, un ristorante da 500 posti, tavola calda, pizzeria, gelateria, bar, sportello bancomat e una discoteca invidiabile

Il Gabbiano. Non chiamatelo stabilimento A sinistra l’ingresso dello storico stabilimento ‘Gabbiano’, a destra, in senso orario: la spiaggia attrezzata; il ristorante dove si possono gustare prelibati piatti a base di pesce; la tavola calda che permette di consumare piatti freddi e caldi al chiuso o in spiaggia

di GIOVANNI CORONA

P

ercorrendo il lungo viale della marina si arriva ad un locale entrato ormai nella memoria dei montaltesi: Il Gabbiano. Nel 1967 Francesco Nolletti lo compra da Mimmo Lupidi e Vittorio Sorbera. Oltre ad essere ristorante e stabilimento balneare –quando Francesco lo acquista aveva 48 cabine e 40 ombrelloni- già tre anni più tardi, nel 1970, il Gabbiano è diventata l’unica discoteca del litorale: un grande successo quello dell’inaugurazione, dove a ballare sotto il cielo stellato montaltese, tutti si ricorderanno per sempre dell’ospite d’eccezione della serata: il grande Rocky Roberts. Tra il 75’ e il 76’, dopo una bruttissima “libecciata”, il locale è stato per la prima volta ristrutturato e le cabine dello stabilimento sono raddoppiate passando da 48 a 100. Nel 1983, dopo la seconda ristrutturazione, ci furono molti cambiamenti alla zona bar e venne aperta la tavola calda che prese il posto della gelateria esistente. Nell’86, la discoteca, �no ad allora fatta con le cannucce e quindi all’aperto, viene sostituita da una al chiuso, adatta anche per i balli durante l’inverno. Nel 2003 in�ne, Francesco

fa effettuare un’altra ristrutturazione che ha reso il locale così come lo vediamo oggi: un ristorante con circa 500 posti –dove si possono gustare splendidi piatti a base di pesce e non solo, un american bar, una discoteca, una gelateria artigianale, una pizzeria dotata di forno a legna e, addirittura, un servizio bancomat –l’unico alla marina-. Lo stabilimento balneare conta ora ben 300 ombrelloni, oltre ad essere dotato di un’ef�cientissima animazione in servizio tutti i giorni, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:30. In ultimo, ma non in ordine

d’importanza, la discoteca del Gabbiano è diventata il �ore all’occhiello del locale: questa estate una volta a settimana si svolgerà il cabaret con cena inclusa, dove si esibiranno i comici del famoso programma di Mediaset Zelig. Dal Lunedì al giovedì poi, a partire dalla mezzanotte, ogni sera si ballerà all’insegna dei vari generi musicali – balli latini, anni 60’, e balli di gruppo-, mentre il venerdì ed il sabato si danzerà sotto le note dei grandi DJ che faranno battere al cielo le molte mani dei montaltesi e turisti che vorranno passare una notte all’insegna dell’allegria e del divertimento.


& GiovedĂŹ 9 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

comprensorio

15


comprensorio

16

Viterbo & Domenica 12 Giugno 2011 AltoLazio

VETRALLA - Venerdì sera l’ennesimo successo con i Fourhands, il 25 sarà alle Cene in Cantina con Le Irritazioni

Alina, una voce che incanta di EMANUELE FARAGLIA

M

entre lei incanta gli spettatori con il suo viso d’angelo, gli occhi azzurri ed una voce da brividi c’è chi insinua che la ragazza di Blera non abbia sfondato nel mondo della musica perché “non è una disposta a scendere a compromessi pur di fare successo”. Lei però smentisce subito: “Sto bene così” dice sorridendo alla fine dell’ennesimo spettacolo andato a gonfie vele. Stiamo parlando di Alina, che venerdì sera si è esibita al Bar della Villa di Vetralla assieme a Leonardo Lanzalonga e Valerio Ventura, ovverosia i Fourhands che gli amici di sempre prendono scanzonatamente in giro: “Si nun ce fosse lei, farebbero ride...”. Non abbiamo resistito alla tentazione e siamo stati costretti ad intervistarla, ecco il risultato:

A 12 anni hai cantato a Sanremo, dunque sei la più giovane di sempre ad aver partecipato ad una manifestazione così importante, ti ritieni una predestinata? “No, assolutamente no (grossa risata), mi ritengo fortunata, però il destino uno se lo sceglie pure da sola”. Senza la musica la vita sarebbe un errore, condividi?

“Sì, senza dubbio, sarebbe una noia tremenda, almeno per quanto mi riguarda, poi ci sono persone che stanno bene anche senza, ma per me sarebbe proprio impossibile, anche perché ci sono cresciuta, non riesco ad immaginarmi una vita senza musica”. Chi ti ha trasmesso questa passione? “Mah, guarda, in famiglia non c’è nessuno che

canta, sono uscita fuori così, dal nulla. Certo i miei ascoltavano ed ascoltano musica spesso, però ho fatto tutto da sola”. Se dovessi abbandonare gli studi di Medicina per la musica lo faresti? “Si tratta di una scelta coraggiosa, lo farei ma il mondo della musica è sempre un’altalena, per questo credo sia necessario crearmi un’alternativa. In ogni caso la cosa più bella per me è cantare”. Fidanzata? “No, decisamente single”. Vivi a Blera, ma la tua terra d’origine è la Sardegna, terra incantevole e selvaggia... “In realtà mio nonno Gesuino era sardo, io ho sempre vissuto qui e mi sento viterbese. Sono stata in Sardegna solo una volta in vacanza per la maturità, non conosco le sue tradizioni”.

Avrai l’estate piena di impegni musicali, qual’è il prossimo? “Suonerò con Le Irritazioni il 25 giugno sempre a Vetralla per le Cene in Cantina, saremo nella piazza di fronte al Bar L’Ultima Follia...”. Ah, allora può darsi che ci vediamo! “Magari mi farebbe piacere”. Grazie dell’intervista. “Grazie a te”.

Nome: Alina Cognome: Deidda Nata a Blera il 20 giugno 1990 Segni particolari: voce melodica e potente, estensione vocale paragonabile a quella di star internazionali del calibro di Witney Houston, Mariah Carrey ed Elisa di cui interpreta la meravigliosa “Dancing”

TUSCANIA - L’appello di un cittadino in soccorso delle nuove suore VETRALLA - Da settembre il sabato le primarie rimarranno chiuse

“Al monastero di S. Paolo serve aiuto” Tagli d’orario all’interno delle scuole di VALERIA SEBASTIANI

di DANIELE CAMILLI

I

L

l monastero di S. Paolo non è più un monastero di clausura già da febbraio. Le Clarisse hanno lasciato il posto alle suore del Verbo Incarnato. Un’ordine che comprende anche un ramo, molto importante, missionario. Se l’ordine è cambiato non sono però cambiati i numeri. Sono lontani i tempi in cui nel monastero viveva una prospera comunità di religiose che da sole provvedevano alle loro esigenze e a quelle degli altri, dei tanti fedeli che vi approdavano. Ai quali le suore elargivano parole e preghiere da dietro le grate della clausura. Il monastero poi si apriva in via eccezionale per accogliere i ragazzi in preparazione per la Cresima o la Comunione. In quel caso si potevano vedere in faccia, parlare e per�no, a volte, giocare con loro. Il monastero di S. Paolo è una struttura enorme e come tale necessita di quotidiano e grande lavoro di manutenzione. Oltre alla costruzione esistono giardini ed un orto che un tempo era un vanto e che oggi si fa fatica a mantenere in ordine se non fosse per l’aiuto di qualche volontario. Proprio i volontari sono la ‘salvezza’ a garanziadella sopravvivenza della struttura. Da quando, a febbraio, si sono insediate le nuove suore la comunità cittadina si è stretta attorno alle arrivate. Due ragazze, giovanissime. 27 anni una e 21 l’altra. Da sole ad occupare un luogo vastissimo, tanto da perdercisi. Così alla spicciolata sono arrivati i primi aiuti. Oggi è un gruppetto nutrito quello che quotidianamente cerca di prendersi cura del luogo e di chi lo abita offrendo quello che può. Anche solo sostegno morale e presenza, che già sono tanto. In realtà il monastero ha molto da offrire. E’ un luogo di

pace assoluta, chi c’è stato lo sa bene. Ed oggi, rispetto al passato è aperto a tutti. Ogni giovedì un Padre missionario arriva qui dalla vicina Tarquinia per of�ciare la santa messa, alla quale prende parte un pubblico sempre più numeroso al quale si sono aggiunti anche i ragazzi degli Scout. “Da fare c’è tanto,- ci spiega Tonino, uno dei volontari che sta mettendo tempo e denaro a disposizione delle nuove arrivate- soprattutto per quanto riguarda la manutenzione della struttura”. Così, quando può, Tonino e con lui altri cittadini, corre a falciare il prato del giardino, a comperare piante per l’orto, a piantarle, innaf�arle. “Alcuni giorni fa si è rotto uno dei cancelli, una rottura che avrebbe richiesto denaro-ci racconta- che il convento in questo momento non possiede, così ci siamo dati da fare per ripararlo e ci siamo riusciti.” Parla con entusiasmo il volontario, e quando gli chiediamo cos’è che lo spinga a prodigarsi con tanta energia ci risponde che non lo sa bene nemmeno lui ma può dire che al vecchio

monastero trova la pace dopo una giornata di routine e fatica. Lavora anche qui, questo è vero, ma sapere che il suo lavoro serve a qualcuno che altrimenti non saprebbe come fare, lo mette in pace con se stesso. Questo è lo spirito ovviamente. Da qualche mese al giardino lavorano anche dei ragazzi, per ritrovare un po’ di serenità sfruttano l’occasione di un lavoro che è un po’ una terapia. “Vorrei che il lavoro che l’attuale piccola comunità sta svolgendo al monastero non rimanesse per pochi ma attirasse sempre più gente- ci con�da Tonino- Qui serve tutto, in termini pratici ed economici, in primis. Ad esempio ora per effettuare alcuni lavori all’impianto di riscaldamento in vista dell’inverno, occorrono 19.000 euro. Ognuno di noi volontari cerca di collaborare come può per tenere in vita la struttura ma anche e soprattutto per dare coraggio alle nuove arrivate, cercando di far sentire loro che Tuscania c’è, che siamo una comunità capace di accogliere e di lavorare per un interesse comune.”

ezioni scolastiche ridotte a 27 ore settimanali. I tagli del Ministro Gelmini arrivano anche a Vetralla. Meno 87mila docenti e circa 44 mila non docenti in tutta Italia che costringono a rivedere organizzazione e piani scolastici. “Nelle scuole primarie, negli ultimi tre anni – spiega infatti il Dirigente scolastico Roberto Santoni – il numero dei docenti è diminuito di 7 unità, a fronte di una popolazione scolastica pressoché stabile. Queste sensibili riduzioni di personale, unite a una riduzione dei �nanziamenti per le supplenze e per il funzionamento amministrativo e didattico, non possono non incidere sulla qualità del servizio scolastico, costringendoci ad una progressiva ed inevitabile riduzione del monte-ore destinato agli alunni. Dopo un’articolata discussione nei Consigli di Interclasse e nel Consiglio di Circolo, prendendo atto dell’impossibilità di continuare ad erogare lo stesso numero di

ore settimanali dei precedenti anni scolastici, si è giunti alla decisione – prosegue Santoni – di ridurre l’orario settimanale delle lezioni a 27 ore”. Dal prossimo anno scolastico le scuole primarie di Vetralla, Cura e Tre Croci funzioneranno dunque dal lunedì al venerdì. Dalle 8 del mattino alle 13.25. Chiuse il sabato e con orari che potranno subire qualche modi�ca di pochi minuti in relazione alle necessità di trasporto dei bambini che si recano a scuola con lo

scuolabus. “Riteniamo opportuno comunicare per tempo – conclude il Dirigente – la variazione d’orario per dare modo a tutti i genitori di predisporre la propria organizzazione familiare. Certamente non cambierà l’impegno di tutta la comunità scolastica per offrire agli alunni un insegnamento che permetta di acquisire le competenze di base delle discipline di studio e gli strumenti cognitivi per comprendere ed interpretare il mondo che li circonda”.

VETRALLA - In pochi giorni un male incurabile se l’è portato via

La cittadina piange Glauco Pasquinelli G

lauco Pasquinelli aveva solo 44 anni e nel giro di alcuni giorni un male incurabile e per�do se l’è portato via. Glauco Pasquinelli era molto conosciuto in paese, venerdì si sono svolti i funerali ed una marea commossa di persone si è riversata per le vie della cittadina. “Le abbiamo provate tutte - ha detto il cugino Enrico - ascoltato il parere di medici esperti a Cuba o in America, ma non c’è stato nulla

fare. Per me era come un fratello, siamo una famiglia molto legata, i suoi genitori lavorano con me... Dopo la morte di Brunetto pensavo di non avere più lacrime ed invece...”. Parole strazianti che descrivono il clima che ha avvolto una famiglia conosciutissima in paese. La redazione de “L’Opinione di Viterbo e Alto Lazio” si stringe attorno al dolore inconsolabile dei suoi cari.


comprensorio

& Domenica 12 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

17

BOLSENA - Oggi si chiude la kermesse che ha fatto arrivare nella cittadina lacuale i miglior team di basket femminile

Al Palasport si assegna lo scudetto under 17 di GLAUCO ANTONIACCI

palazzetto dello sport di Bolsena, insieme a quello di Porano, ha visto assegnarsi il tricolore 2010, andato al San Martino di Lupari, e sta vivendo anche quest’anno le stesse emozioni. Sedici squadre arrivate da tutta Italia, dall’inizio della settimana, stanno dando vita ad incontri appassionanti che culmineranno oggi pomeriggio con le due �nali. Ieri si sono disputate le due semi�nali; la prima, nel pomeriggio, ha promosso al match che vale lo scudetto le ragazze del Geas Sesto San Giovanni che hanno avuto la meglio su Vittuone. La seconda, conclusa in serata, ha visto fronteggiarsi la favoritissima Reyer Venezia, travolgente dall’inizio del torneo, e la temibile Vis Basket Cervia, realtà consolidata del panorama giovanile nazionale. Chiunque ci sia in �nale, la certezza è che oggi sarà un’altra grande giornata di sport, destinata a regalare emozioni e palpitazioni a chi affollerà le tribune dell’impianto bolsenese. La �nale per il terzo e quarto posto inizierà alle 16, quella che assegna lo scudetto prenderà il via alle 18.

I

l PalaMalè di Viterbo? No. Il PalaJacopucci di Tarquinia? Neanche. L’impianto sportivo più ‘sulla cresta dell’onda’ nella provincia di Viterbo si trova a Bolsena in via Cassia nord, sulla strada che si dirige verso San Lorenzo Nuovo. Da quando l’impianto è stato costruito ed è entrato in funzione, si parla dell’estate 2009, non sono mai mancate iniziative, anche a livello nazionale, che lo hanno scelto come sede ideale per la felice collocazione geogra�ca, per la bellezza del luogo e per l’accoglienza che trovano. A �ne maggio il bell’impianto lacuale ha ospitato le pretendenti alla promozione in serie B2 di volley femminile, quattro squadre che, nella giornata di domenica 29, hanno dato vita a due s�de serrate ed appassionanti affollando con i propri supporters le tribune. Discorso a parte merita poi il feeling che si è creato tra la cittadina e le �nali nazionali femminili under 17 di basket. Grazie anche all’impegno della società Cestistica Orvieto, il

BOLSENA - Lavori di manutenzione urgenti per alcune strade del territorio comunale

Riqualificati alcuni importanti incroci I

n questi giorni a Bolsena il Comune ha dato via ai lavori di asfaltatura di alcune aree che esigevano una riquali�cazione. Si tratta di opere per un importo complessivo di euro 20.000 che sono stati prelevati dal bilancio comunale e che occorrono secondo l’amministrazione, per rispondere ad alcuni problemi urgenti di viabilità. Le vie che verranno asfaltate completamente sono, quella in località Staccionato, via delle Isole, Via Martana e via Cadorna in località Guadetto. Inoltre, verranno migliorate

le strade di alcuni svincoli sulla cassia, come quelli in località piantata e poderaccio. Anche via della Rena sarà oggetto dei lavori, nell’ultimo tratto che la collega alla Strada Provinciale Orvietana. Piccoli interventi di sistemazione anche per viale Cristoforo Colombo. “I lavori dureranno �no a giovedì prossimo – spiega in una nota l’amministrazione – ma ci auguriamo non creino particolari disagi, d’altronde sono fondamentali per rendere le nostre strade più percorribili e soprattutto sicure. Gli svincoli che andremo

ad asfaltare daranno maggiore sicurezza ai guidatori. È un impegno che abbiamo preso a suo tempo e che vogliamo

mantenere con i nostri cittadini, la viabilità è un aspetto importante per la vita della città”. (F.M.)

BOLSENA - Domani è Sant’Antonio da Padova

Tutti in città per festeggiare il Patrono degli artigiani

D

omani a Bolsena, come nel resto d’Italia, si festeggerà Sant’Antonio da Padova. La città sarà trasformata in un vero e proprio palcoscenico itinerante. Tante le manifestazioni ed iniziative. Ad organizzarle ci hanno pensato quelli dell’Associazione Comitato Festeggiamenti di Sant’Antonio. Un gruppo di ragazzi che si è unito per portare avanti una tradizione che si tramanda da generazioni. La festa di Sant’Antonio è molto sentita in città, vista la vocazione artigiana. Muratori, carpentieri, imbianchini, falegnami, operai in genere cominceranno la giornata con una celebrazione religiosa nel Santuario di Santa Maria Madonna del Giglio alle sette del mattino. La Santa messa sarà ripetuta alle otto e alle undici e trenta un piccolo gruppo di artigiani locali trasporterà a spalla il busto del Santo loro protettore per le vie del paese �no alla chiesa di San Salvatore in Castello. Sarà, come tradizione, un momento intimo e solenne. Un momento particolarmente sentito da queste persone. Il momento conviviale è alle tredici quando circa centoventi artigiani di Bolsena si riuniranno presso la trattoria ristorante da “Guido” per ritrovarsi a discutere, come al solito, dei loro problemi, esperienze, progetti, sogni. Alle sedici e trenta debutta per la circostanza il “Gruppo Sbandieratori Bolsena”, nato quest’anno. Gli sbandieratori partiranno da piazza Matteotti e s�leranno per le vie del centro storico �no a giungere al Castello. Alla �ne del corteo, intorno alle diciassette e trenta nella chiesa di S.Salvatore si celebrerà una nuova

funzione religiosa, al termine della quale gli artigiani usciranno in processione trasportando il Santo seguiti dagli sbandieratori, dal complesso bandistico “Pasquale del Bianco” di Pantalla (Pg) accompagnati dalle autorità e dai cittadini del paese. Faranno ritorno alla chiesa del Giglio camminando sullo straordinario tappeto �oreale disteso lungo il percorso. All’arrivo della processione, all’interno del chiostro della chiesa, il comitato ha organizzato un rinfresco che sarà offerto ai cittadini. Il tutto sarà animato dalle voci del Coro di Santa Cristina che farà da viatico allo spettacolo pirotecnico che concluderà la giornata alle ventitre. Solo grazie alla sinergia e alla collaborazione tra Comune, associazioni e cittadini sarà di nuovo possibile assistere ad uno spettacolo suggestivo ed indimenticabile. Due mesi di organizzazione da consumare in un solo giorno che darà soddisfazione a tutti quelli che, in un modo o nell’altro, hanno contribuito e si sono impegnati per la riuscita della festa di Sant’Antonio da Padova. ViTa75

BOLSENA - Gli ausiliari vigileranno sui comportamenti dei cani e dei loro padroni ACQUAPENDENTE - In consiglio, le dimissioni del più votato della maggioranza

Multe salate se il cane sporca Si va incontro all’estate e Bolsena sarà meta di un numeroso �usso turistico. La cittadina lacustre in questo periodo dell’anno è in particolare fermento, alle prese con l’organizzazione di sagre, eventi e quant’altro che sia di intrattenimento nella stagione entrante. Offre delle vedute che incantano e passeggiate all’interno del paese che lasciano la sensazione di restare sospesi tra presente e passato. Suggestivi vicoletti che si arrampicano �no in Castello ricchi di atmosfera e fascino, ma che ahinoi, possono trasformarsi in veri e propri percorsi minati. Purtroppo, un po’ troppa disattenzione da parte di alcuni cittadini l’ha fatta da padrone. I “genitori” dei nostri amati amici a quattro zampe sembra non si rendano conto di quanto i bisogni dei loro cagnolini deturpino l’ambiente e diano un’immagine di profonda inciviltà. Decisamente una pessima �gura soprattutto considerando che in tutti i paesi civili è

consuetudine portare il cane a spasso forniti di paletta e sacchetto di plastica necessari per raccogliere le deiezioni. A questo proposito è stato necessario l’intervento dell’amministrazione comunale. Il sindaco Paolo Dottarelli, ha predisposto che dalla prossima settimana gli ausialiari del traf�co che andranno a rinforzare il corpo dei vigili urbani durante il periodo estivo, abbiano il compito di vigilare su questa particolare infrazione. E’ necessario educare le persone alla convivenza reciproca e quella tra uomini ed animali. Perché se il cane è il migliore amico dell’uomo bisogna ricordare che il presupposto necessario alla base di un rapporto di amicizia è il rispetto, dovuto anche a coloro che gli animali li amano, anche se non li posseggono. Un’iniziativa dovuta per costruire comportamenti sempre più responsabili di tutti i cittadini per quali�care con decoro e rispetto la città, sempre più a vocazione turistica. ViTa75

Il vice sindaco Pifferi permetterà l’ingresso del primo dei non eletti Raniero Neri V

enerdì 17 giugno alle ore 18.00 presso la Sala Consiliare si svolgerà il consiglio comunale di Acquapendente. Molti i punti all’ordine del giorno: la surroga del consigliere dimissionario, il vice sindaco, Maicco Pifferi, che consentirà, come primo dei non eletti, l’ingresso in consiglio di Raniero Neri; approvazione dei verbali della seduta precedente; modi�ca del regolamento del funzionamento del Consiglio Comunale; nomina delle Commissioni Consiliari. L’assise sarà chiamata a votare l’approvazione del programma di performance; l’approvazione del piano di utilizzazione aziendale per la Società Agricola Vitivinicola Cordeschi; l’approvazione del

regolamento della consulta delle attività produttive. All’ordine del giorno, poi, l’autorizzazione di sdemanializzazione della strada loc. Casaccia, modi�ca tracciato; la rati�ca delle delibere di Giunta

Comunale n. 74 del 06/05/ 2011 e n. 87 del 06/06/2011; la nomina della Commissione Elettorale; i criteri generali per la nomina dei rappresentanti esterni all’Ente; comunicazioni del Sindaco. (F.M.)


comprensorio

18

Viterbo & Domenica 12 Giugno 2011 AltoLazio

MONTEFIASCONE - Premiata l’azienda per la produzione dell’eccellente pancetta di suino

Serpepe medaglia d’oro ‘biologica’ di MICHELE MARI

I

l 4 giugno, a Castiglione d’Orcia, l’Azienda biologica Serpepe, di ben 200 ettari situata nei comuni di Monte�ascone e Viterbo, ha vinto la Gran Medaglia d’Oro del Concorso Nazionale “Il maiale si fa Bio 2011”. Le commissioni di esperti, tecnici e giornalisti impegnati in degustazioni rigorosamente “alla cieca” hanno assegnato il primo premio assoluto alla pancetta biologica di Domenica Fiorentini che bissa così il successo ottenuto nella precedente edizione col suo esaltante salame. Il concorso “Il maiale si fa Bio 2011”, da diverso tempo concorso nazionale riservato agli imprenditori che allevano i loro suini in maniera biologica, quest’anno si è avvalsa della preziosa collaborazione anche del Biofach di Norimberga e del “Gambero Rosso”. È stata l’occasione per stabilire un importante momento di collaborazione tra diversi soggetti istituzionali, associativi e della ricerca per sostenere quanti sono impegnati nell’opera di recupero delle razze autoctone italiane, oltre a scegliere modalità di allevamento del tipo non intensivo. L’azienda monte�asconese è stata premiata del prestigioso riconoscimento per la qualità delle carni dei suoi suini. Infatti l’Azienda Serpepe alleva i propri suini “Cinturelli”, biotipo locale che ricade nella

denominazione “Cinta Senese” lasciando pascolare gli animali liberamente tra boschi di cerro e sughero, nutrendosi di ghiande, radici, tuberi, tartu� e che possono contare anche sul grano, sull’orzo, sul mais e sul favino, rigorosamente biologici, coltivati nella proprietà. In ogni epoca storica i suini “cinturelli” sono stati tenuti in grande considerazione dall’ economia rurale viterbese, per la loro capacità di produrre redditi integrativi nell’azienda agricola. Oltre a questa particolarità di allevamento, le carni dei “cinturelli” di Domenica Fiorentini sono così speciali anche per un altro motivo: i maiali vengono abbattuti non prima dei diciotto mesi di età, mentre le altre razze da ingrasso vengono abbattute a nove mesi di vita. Poi le carni passano alle cure di Giorgio Cacalloro Maestro norcino di Monte�ascone che ne trae prosciutti, salami, cacciatori, salsicce, lardi, guanciali,

lombi, capocolli, coppe di testa e, ovviamente, la sublime pancetta. Molto soddisfatta del premio è stata Domenica Fiorentini: “Sapevamo di presentare agli assaggiatori un prodotto straordinario -ha esordito- ma non speravamo certo di sbaragliare i produttori toscani in casa loro… per di più con una razza suina a cui è stato conferito il nome di Cinta Senese dimenticando che esiste ed è documentata anche una antichissima varietà “cinturello della Tuscia”. Come nel calcio, i punti fuori casa valgono il doppio!”. Inoltre ha aggiunto: “A Serpepe ci accontentiamo di ciò che riesce a darci la natura, senza sporcarla, senza forzarla. Carni mature, intense e di grande �nezza a cui aggiungiamo il giusto sale marino e quel tocco di pepe che ne esalta l’equilibrio. La nostra pancetta è arricchita anche da un pizzico di peperoncino e un lievissimo cenno d’aglio: nessun additivo e nessuna villania,

solo amore per la tradizione, per i nostri maiali e per la nostra Terra. E se vendiamo i nostri salumi è solo perché non riusciamo a mangiarceli tutti…”. Ecco le note di degustazione della pancetta Serpepe stilate da Sergio Grasso, il “gastrosofo” di Linea Verde e degustatore esperto di formaggi e salumi: “Pancetta stesa di forma rettangolare, con dorso di cotenna sottile rasata e faccia conciata cosparsa di polvere di pepe. Al taglio la proporzione grasso/magro è in percentuale 85/15. Il grasso è leggermente rosato, compatto al tatto, burroso-asciutto. Le striature di carne appaiono �ttamente marezzate, rosso granato scuro, più aranciate verso l’esterno. Naso intenso e armonico, dolce di carne matura e ottimamente evoluta, appena aromatico. Ricorda l’olfatto di un buon jamon serrano di media stagionatura. Aglio impercettibile e nessuna rancidità. Al palato la fetta (<1mm) è delicata, dolce, appena sapida con corredo aromatico fragrante, mediamente erbaceo con note di ghianda. Praticamente priva di adesività, grassa ma non untuosa, evolve in un �nale di bocca asciutto con persistenza vegetale e piccola nota di piccantezza. Non ho avuto la sfrontatezza di scaldarla al fuoco ma l’ho maritata a pane di Genzano cotto a legna. Nel calice il Nenfro (Merlot e Montepulciano) di Sergio Mottura”.

MONTEFIASCONE - Cimarello si tiene la sanità

Maggioranza, deleghe ad oc “

La prossima settimana saranno comunicate le deleghe degli assessori”. Così il sindaco Luciano Cimarello. Dopo molta e curiosa attesa le deleghe ai vari assessori e consiglieri saranno �nalmente assegnate e verrà posto �ne alle molti voci che si ripercorrono. “Io terrò temporaneamente alcune deleghe -continua Cimarellocome quella della sanità per poi, successivamente, distribuirle ai consiglieri più opportuni. Ho intenzione di dare a tutti i consiglieri di maggioranza delle deleghe così ogni membro avrà uno speci�co settore di studio e di intervento. Poi la parte di deleghe che mi riserbo per ora di tenere le ridistribuirò. Dalle indiscrezioni si parla che il vicesindaco Fumagalli avrà la delega allo sport; l’assesso-

re Domenico Batinelli i lavori pubblici e l’ agricoltura, mentre Giulia Moscetti sarà l’assessore ai servizi sociali ed alle politiche giovanili, Renato Trapè al turismo ed alla cultura (infatti già sta lavorando per la Fiera del Vino) ed in�ne Giorgio Cacalloro al commercio. Quasi sicuramente il sindaco manterrà anche la delega all’urbanistica per poi af�darla a Marco Tisbo o Giovanni Bacchiarri. Per ora queste sono soltanto piccole indiscrezioni. Il sindaco aggiunge: “Costituiremo delle commissioni per speci�ci settori, a cui faremo partecipare anche la minoranza. Voglio aggiungere che queste commissioni saranno, rispetto alle precedenti amministrazioni, aumentate e non diminuite proprio per avere sempre più un’ analisi dettagliata degli interventi e dei progetti da fare”. Una novità assoluta: “Sarà ripristinata -continua il primo cittadino- la commissione edilizia che è una delle più importanti. Infatti questa esamina tutte le pratiche ed i permessi a costruire ed ha un compito di supporto all’uf�cio tecnico”. (M.M.)

NEPI - Da Fregene alla Puglia, campi estivi per tutte le età

SUTRI - Importante serata per realizzare un pozzo in Congo

L

U

Iniziativa dei servizi sociali comunali Arnies e cooperazione internazionale ’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Nepi ha deciso anche quest’anno di organizzare campi estivi per i minori, adolescenti, anziani diversamente abili. Le iscrizioni sono state aperte una settimana fa presso gli uf�ci comunali. La durata dei campus varia a seconda della fascia di età o della categoria di riferimento. I più piccoli si potranno ritrovare insieme per dieci giorni avendo due opzioni di periodi da poter scegliere. Il primo va dal 26/6 all’8/7/2011 mentre il secondo dall’11/7 al 22/7. Potranno partecipare tutti i bambini residenti nel Comune di Nepi in età compresa dai 5 agli 11 anni. I bambini, accompagnati dagli operativi della Cooperativa Sociale GEA Onlus, si recheranno a Fregene (presso lo stabilimento dell’aeronautica Militare). La partecipazione a tale iniziativa è fortemente indicata nell’intento di offrire ai piccoli la possibilità di allontanarsi dal mondo virtuale dei

videogiochi e della televisione. Il �ne di questi corsi estivi infatti va ben oltre quella che può essere de�nito come una semplice vacanza. L’aggregazione ed il vivere in gruppo consentirà ai bambini di avere un primo approccio con le problematiche sociali che un domani potranno ripresentarsi in modo molto più complesso nella loro vita. L’Assessore ai Servizi Sociali, Roberto Faggioli, ha fatto sapere di voler coinvolgere nelle iniziative comunali dell’estate anche gli adolescenti di età compresa tra i 12 e i 17 anni. E non solo loro. Uno spazio verrà ritagliato anche per i diversamente abili che avranno la possibilità di ritrovarsi in una località di mare, probabilmente in Puglia negli ultimi dieci giorni di agosto, rinnovando così la lodevole iniziativa di incontri che va avanti tutto l’anno (da tempo infatti per queste persone sono stati organizzati vari appuntamenti per attività di svago e ritrovo). Gli adolescenti dal 2 al 9 luglio andranno a Montalto

di Castro (ospiti del Camping California a pochi passi dalla spiaggia). Per quanto riguarda invece i nostri cari e amati nonni, ultimamente divenuti sempre più baluardi e stereotipi rari a dispetto delle famiglie allo sfascio, potranno andare a Rimini (soggiornando presso l’Hotel Miramare et de la ville). Il periodo �ssato per la vacanza va dal 2/07 al 16/07/ 2011. Appare particolarmente curiosa la scelta per gli anziani di una località così nota per il divertimento dei giovani. Un segnale comunque importante che potrebbe favorire quel giusto connubio fra due generazioni diverse che tuttavia alle volte sembrano più distanti nei loro valori di quanto effettivamente siano. E’ noto come negli ultimi tempi le nuove generazioni di ragazzi spesso riescano a trovare una sintonia maggiore con i propri amati ‘nonnetti’ piuttosto che con i genitori, troppe volte ‘vittime’ delle loro preoccupazioni quotidiane-lavorative e poco attenti alla salvaguardia degli interessi dei propri �gli. (G.N.)

na sorgente, per una vita migliore dove l’infanzia è negata, questo il titolo della II edizione della serata Sotto le stelle, s�lata per la solidarietà promossa dall’Associazione Arnies no pro�t di Corchiano (VT) che si svolgerà a Sutri (VT) il 14 giugno dalle ore 19 nella splendida cornice di Villa Torraccia. Lo scopo è quello di promuovere l’integrazione e lo scambio interculturale, secondo lo spirito di Mariachiara Segato, la giovane responsabile dell’Associazione Arnies che ha lavorato sempre per la promozione di questi valori nell’ambito della cooperazione internazionale. La raccolta fondi di questa serata sarà destinata al Centro di accoglienza per i bambini di strada Maison de la vie, gestito dall’organizzazione non governativa Kakasu di Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo. Con il ricavato della me-

desima iniziativa lo scorso anno si è ristrutturata la scuola, realizzato un piccolo centro sportivo e sono state dispensate cure mediche ai bambini del Centro di accoglienza Maison de la rue. L’Associazione Arnies, in collaborazione con il Comune di Corchiano, vincitore assoluto del Premio Comuni a 5 stelle 2010, e con Villa Torraccia di Sutri quest’anno si pre�gge lo scopo di realizzare un pozzo. «L’evento sarà arricchito da una cena a buffet in linea con lo spirito della serata: prodotti tipici corchianesi e di Orbetello, buffet di dolci realizzati dalle comunità romene e pakistane di Corchiano», sottolinea la presidente dell’Arnies Geltrude Pro�li. «La �nalità dell’Arnies è la promozione di una cultura che diffonde la solidarietà e la cooperazione internazionale, suscitare e realizzare le buone pratiche locali e la convivenza civile. Per

realizzare tutto questo occorrono gesti concreti. Per questo è stata organizzata questa serata d’inizio estate che prevede la presentazione del progetto, l’intrattenimento con la compagnia “I commedianti corchianesi”, l’esibizione del coro “Lo zaino in coro con Chiara…”, il grande Renzetti, la s�lata di abiti da sposa e da cerimonia che sarà arricchita da intermezzi musicali con violino, pianoforte, voce e balletti. Per iniziare un’estate alla grande, non occorre fare qualcosa di grande, basta un piccolo gesto solidale. Se poi si può compiere all’interno di una serata allegra, con cibo e musica, e in una splendida cornice, è l’ideale! Info: Bottega delle buone pratiche - Associazione Arnies no pro�t, 0761 572063, 3201981082, 335 7351557, associazionearnies @yahoo.it, www.arnies.it.

CIVITA CASTELLANA - Raccolta differenziata a piccoli passi

Il porta a porta anche per le aziende di GIANLUCA NATOLI

A

piccole dosi Civita Castellana si sta adeguando alla raccolta porta a porta dei rifiuti iniziata da tempo nei comuni limitrofi.Dopodomani, 14 giugno, ad essere coinvolte nell’iniziativa di rispetto ambientale saranno aziende ed attività commerciali (circa 700). Avrà così inizio il secondo step della differenziata, dopo l’iniziale coinvolgimento limitato soltanto a bar e ristoranti. Ad occuparsi della raccolta sarà la S.A.T.E

s.p.a. (Servizi Ambiente Territorio Energia). I materiali oggetto di ritiro saranno cartone, carta, e plastica. Ciò che resterà da attuare però, in tempi possibilmente stretti, sarà l’estensione del servizio alle utenze domestiche rimaste sino ad oggi esenti dalla lodevole iniziativa. Il sindaco Gianluca Angelelli si è dimostrato entusiasta dei progressi fatti dalla sua città in ambito di tutela ambientale, ritenendo il processo di sensibilizzazione dei cittadini in atto ed in stato avanzato.

Ovviamente a partire da martedì tutti i materiali adibiti alla raccolta andranno assemblati e conservati all’interno degli esercizi commerciali e messi sulla strada solamente nei giorni previsti per il ritiro. E’ stato già reso noto il ‘calendario’ settimanale per i vari materiali. Il mercoledì toccherà alla plastica, mentre il martedì ed il venerdì a carta e cartone. Il servizio riguarderà anche uffici comunali e scuole che saranno maggiormente coinvolte con la riapertura del nuovo anno scolastico a settembre.


DONNA

� � �

In una classe, l’insegnante si aspetta di essere ascoltato. Lo studente pure. Ernest Abbé (1996)

Redattrici: Valeria Sebastiani Laura So�a Tanziani Viviana Tartaglini Simona Tenentini Alessia Vitali Edizione di domenica 12 Giugno pagina 19

Donna a donna

Pensiero di una preside, Teresa Perfetto di Canepina

T

La metamorfosi degli studenti dai rivoluzionari anni ‘60 ad oggi

Preside professoressa Teresa Perfetto

eresa Perfetto è il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo di Canepina. Nella scuola dal ’66. 45 anni di carriera, 20 come dirigente. Dal prossimo anno andrà in pensione. Si dice pronta al cambiamento ma la sua voce tradisce la commozione per dover lasciare quello che in tanti anni è stato il suo mondo. Alle nostre domande risponde ferma e decisa e si infervora a parlare d’istruzione e di ragazzi, i suoi ragazzi, quelli per cui ha lottato da sempre “perché l’istruzione è un

diritto, insegnare una missione, e dall’approccio che l’insegnante crea con il singolo alunno può dipendere il futuro dello stesso”. Come sono cambiati gli studenti dagli anni ’60 ad oggi? “Moltissimo, nel dopoguerra esisteva un codice comportamentale non scritto, fatto di regole e rispetto. Le faccio un esempio che non c’entra nulla con la scuola. La domenica per andare in chiesa i parrocchiani mettevano l’abito migliore che possedevano,

lucidavano le scarpe. Oggi si va in jeans e canottiera. Molte regole non esistono più. Nella scuola è lo stesso. Oltre agli alunni sono cambiati anche la metodologia d’insegnamento ed i programmi. “ A proposito di cambiamenti, oggi con la riforma Gelmini, come cambia la scuola? “A mio parere non sono le riforme a modi�care i compiti degli insegnanti. Possono renderlo più o meno dif�cile, ma il primo obiettivo da porsi, sempre e comunque quello di approcciarsi in modo individuale con ogni singolo studente. I ragazzi sono sempre più complessi, per questo l’insegnamento oggi come non mai deve essere individualizzato.” Si parla sempre più spesso del rapporto scuola-famiglia quale base per la sana crescita dei giovani. Cosa ne pensa? “La scuola presenta ai genitori, ad inizio dei corsi, il programma (Pof) che si andrà ad intraprendere nell’anno scolastico. Nel mio istituto comprensivo si cerca di trasmettere alle famiglie anche le sane abitudini da trasmettere agli alunni, non solo quelle legate allo studio, come ad esempio coricarsi

alla stessa ora tutte le sere, le modalità di fruizione della tv. Durante l’anno mandiamo ai genitori lettere e avvisi. La comunicazione non manca. I problemi sorgono quando le famiglie delegano alla scuola compiti che non le spettano o si intromettono in ambiti che non sono di loro competenza.” Ad esempio? “Le scelte didattiche…quelle sono e restano di competenza degli operatori. Il �ne ultimo della comunicazione scuolafamiglia deve essere il benessere degli alunni.” Le scuole sono chiuse. Gli insegnanti hanno discrezionalità di scelta. Spesso c’è chi calca la mano imponendo di dedicare ore allo studio anche in estate. Lei cosa pensa dei compiti per le vacanze? “Le vacanze sono vacanze. Anche dopo anni di insegnante mi ricordo ancora benissimo la mia esperienza da alunna. Di come fossero noiosi i temi che puntualmente ci venivano assegnati in estate come a Natale, sempre uguali: ‘Racconta le tue vacanze’. Sono del parere che si debba lavorare e bene, durante l’anno scolastico. In estate niente compiti. Consiglio però ai genitori di far leggere i ragazzi

E dopo gli studi i gruppi estivi Numerose sono le proposte ricreative, nella Tuscia, di cui i ragazzi possono appro�ttare alla chiusura della scuola per una piacevole parentesi istruttiva.Una di queste è quella proposta dal Podere La Branda, azienda agrituristica situata a pochi passi dal sito archeologico e dalla chiesa di Foro Cassio nel territorio di Vetralla. I campi estivi si rivolgono a bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni (dalla Prima elementare alla Terza media) e sono dedicati alla scoperta di arte, sport, natura, territorio e sana alimentazione. Come spiegano Gioacchino Sansoni e Antonella Cau, protagonisti del Podere La Branda “In un parco secolare, immersi nella tranquillità degli oliveti e sotto la costante supervisione di docenti ed assistenti quali�cati, i nostri piccoli ospiti saranno accompagnati in lezioni di inglese, laboratorio musicale con possibilità di suonare tantissimi strumenti, laboratorio teatrale, educazione ambientale, pittura, arti manipolative, piscina, pallavolo, calcetto, pingpong e alimentazione espressa biologica”.I periodi dei campi estivi, con tanto di pernottamento,

vanno dal 27 giugno al 23 luglio. Per informazioni: w w w. p o d e r e l a b ra n d a . i t oppure 0761.477174 e 328.2358112.Un’altra iniziativa, sempre in provincia, è quella proposta dal Comune di Nepi che organizza, come già in passato, due turni per i campi estivi, ciascuno da dieci giorni: il primo dal 27/6 all’8/7 ed il secondo dall’11 al 22 luglio. Possono partecipare tutti i bambini residenti nel Comune di Nepi dai 5 agli 11 anni.”I nostri bambini accompagnati dagli operatori della cooperativa sociale Gea onlus, si recheranno anche quest’anno nello stabilimento dell’aeronautica militare di Fregene – afferma l’assessore ai Servizi Sociali Roberto Faggioli - rimarcando l’importante aspetto sociale ed educativo fondamentale della socializzazione e del vivere in gruppo fra loro. Come è importante per le famiglie non vederli sempre davanti la tv o simili, ma impegnati in attività sicuramente più importanti come questa dei campi estivi.Per i bambini di Viterbo, invece, tornano, anche quest’anno, i centri ricreativi organizzati dall’Assessorato alle Politiche

sociali in collaborazione con il centro ricreativo permanente Mondopinocchio.Attività manuali, sportive, musicali e ancora giochi, escursioni e divertimento dedicati ai bambini dai 3 agli 11 anni.Le attività saranno, anche in questo caso, strutturate in due turni. Il primo, dal 4 al 22 luglio, il secondo 1° al 20 agosto. Le domande per la partecipazione ai centri ricreativi estivi dovranno pervenire all’assessorato Servizi Sociali entro le ore 12 del prossimo 17 giugno.Per il ritiro dei moduli e per le iscrizioni ci si può rivolgere presso il Settore Servizi Sociali, presso l’Uf�cio Relazioni con il Pubblico in piazza del Plebiscito, presso lo Sportello Famiglia in viale IV Novembre 13 e presso la Ludoteca Mondopinocchio in via Ferrarin (fronte parcheggio Obi).Dal 31 maggio, sul sito istituzionale dell’amministrazione www.comune.viterbo.it , alla sezione “modulistica”, è possibile scaricare il modulo per la domanda e la scheda medica. Per ulteriori informazioni, rivolgersi all’Assessorato alle Politiche Sociali, via del Ginnasio 1, tel. 0761 348591-589.

il più possibile facendo scegliere a loro le letture. Se ci sono lacune nell’apprendimento di alcune materie poi, l’estate può essere l’occasione per cercare di integrare il lavoro della scuola ma senza mai opprimere troppo gli studenti.” E le bocciature? Prima di bocciare un alunno la scuola deve essere certa di aver attivato tutte le strategie possibili per evitarla. Dobbiamo motivare l’alunno consapevoli che autocontrollo e disciplina sono un punto di arrivo del percorso scolastico e non un punto di partenza. Oggi la scuola non è più la fonte del sapere, per quello ci sono internet, la televisione. Il nostro compito fondamentale non è riempire gli studenti di nozioni che possono benissimo apprendere altrove se mandare agli alunni gli strumenti del ragionare, inculcare loro i nuclei fondanti di ogni disciplina. Poi il conseguire risultati è solo una questione di tempi, c’è chi arriva prima, chi dopo. In ques’ottica ripetere un anno non deve essere visto come una bocciatura ma come una non ammissione. D’altronde è fondamentale che i ragazzi arrivino a raggiungere i traguardi preparati. Non si deve lasciare che le lacune si

sedimentino l’una sull’altra.” Dall’alto della sua lunga carriera che consiglio si sente di dare a chi inizia a muoversi oggi nell’insegnamento? “Tra le nuove ‘leve’ ci sono alcuni che lasciano ben sperare perle doti naturali che posseggono, altri che devono semplicemente essere inquadrati. A tutti ribadisco l’importanza del ‘rigore’ che non è rigidità ma l’approccio professionale alla classe che sottolinea l’importanza dell’impegno serio che si prende con essa. Abbiamo dei doveri forti nei confronti della nostra professione.” A settembre non tornerà a scuola. Andrà in pensione. Cosa vuole dire agli studenti che lascia? “In istituto hanno organizzato una festa di commiato. Ho consegnato ai ragazzi una pergamena, con alcune ri�essioni. Ho detto loro di non perdersi nel mondo… – la voce si incrina, il dirigente, l’insegnante, lascia trasparire la donna, la �gura materna che si è presa cura di intera generazioni, vedendole crescere - Questo è un lavoro che arricchisce e che compensa i sacri�ci con le soddisfazioni che gli alunni ti danno ogni giorno.” Valeria Sebastiani


� �

DONNA

20

donna

Viterbo & Domenica 12 Giugno 2011 AltoLazio

La professoressa Stefania Fioravanti spiega l’orientamento tra burocrazia e psicologia

Indirizzare i ragazzi sulla giusta via del loro futuro

*Prof.ssa Stefania Fioravanti

Orientare signi�ca porre l’individuo nella condizione di prendere coscienza di sé, di progredire per l’adeguamento dei suoi studi e della sua professione rispetto alle mutevoli esigenze della vita con il duplice obiettivo di contribuire al progresso della società e raggiungere il pieno della persona.” Sono passati quaranta anni da quando a Bratislava queste

parole concludevano il Congresso internazionale UNESCO sul tema dell’orientamento, ma l’impegno delle istituzioni scolastiche e dei docenti tuttora si ispira a queste linee guida. Orientare signi�ca anche accompagnare i giovani attraverso attività che possano favorire il reperimento e la rielaborazione di informazioni, per sostenerli nell’assunzione delle decisioni �nali vere e proprie. Tale azione coinvolge quotidianamente tutti i docenti, che hanno cura di sostenere, in maniera consapevole, la costruzione e il potenziamento di competenze orientative generali, sviluppate appunto attraverso un’azione didattica orientativa/orientante. Su un altro piano operano i docenti dedicati all’orientamento che, oltre a svolgere il proprio insegnamento disciplinare, a diverso titolo lavorano all’interno del Progetto Orientamento della singola scuola organizzando le diverse attivi-

tà non curricolari per i giovani e anche per i genitori. Nel terzo anno di Scuola Secondaria di I grado, in maniera più mirata, il Consiglio di classe programma e realizza interventi diretti a consolidare le conoscenze disciplinari di base e a rinforzare capacità e competenze, per favorire il successo formativo e per mettere lo studente in condizione di compiere scelte adeguate ai propri interessi e alle proprie potenzialità. In particolare, le tematiche orientative che i docenti affrontano con gli alunni possono essere inerenti a ri�essioni su di sé e sugli aspetti relazionali, alla conoscenza della realtà socio-economica-ambientale e delle richieste provenienti dal mondo del lavoro e delle varie tipologie di scuola secondaria superiore nello speci�co. Le attività programmate dal nostro Istituto Comprensivo sono varie e diversi�cate: occasioni di ri�essione guidata su sé e il mondo circostante, test individuali, attività di gruppo, letture di brani di varia natura compresi articoli di giornale, scambi e confronti attivati anche tramite simulazioni, osservazioni in ambiti lavorativi

presenti sul territorio, e visite guidate ad Istituti Superiori per consentire comprensione di af�nità e differenze tra i vari percorsi di studio superiori. L’alunno, dopo aver avuto

possibilità di individuare le proprie aspirazioni e gli interessi prevalenti, ma anche i limiti eventualmente da superare, può ri�ettere, progettare, e in�ne compiere la sua scelta

di scuola superiore per mettersi consapevolmente alla prova. *collaboratrice del Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo di Canepina

La sugar art impazza nelle dolcissime vacanze estive Indicazioni per la prova scritta Invalsi

Torte fashion fatte in casa E adesso gli esami di Stato E

’ �nito l’anno scolastico e per gli studenti, grandi e piccini comunciano le tanto attese vacanze estive. Per le mamme ed i papà invece, iniziano gli straordinari perché avere la prole in casa richiede un notevole aggravio dei “lavori domestici”. Inoltre, il periodo primaverile ed estivo è quello più ricco di feste di �ne anno, comunioni, battesimi e ricorrenze varie. Ogni scusa è buona per riunire le giovani ciurme, farle scalmanare e rimpinzarle di leccornie così da poterle riportare a casa esauste, “mangiate” e pronte per andare a ninna. Come organizzare però queste gogliardiche giornate se non si hanno particolari doti culinarie? Arriva in soccorso una nuova tendenza, un modo di preparare e presentare le torte che è a dir poco incantevole e spettacolare...oltre che dolcissimo! E’ veramente impossibile restare indifferenti al fascino e alla magia delle torte decorate. Moda d’importazione, di matrice anglosassone, la sugar

art consente di festeggiare una ricorrenza o un compleanno in maniera ancora più speciale. La pasta di zucchero, una sorta di plastilina totalmente edibile, in quanto a base di zucchero a velo, glucosio e colla di pesce, viene utilizzata dalle cake designer per

creare personaggi, �ori e �occhi tridimensionali con cui ricoprire torte deliziose, che diventano vere e proprie sculture estremamente scenogra�che, ma anche cupcakes o semplici biscotti. A detta di queste artiste (c’è anche più di un uomo a cimentar-

si con queste deliziose creazioni, a dire il vero) la soddisfazione più grande è la felicità che si legge negli occhi dei bambini quando vedono queste torte, che rappresentano i loro eroi, i personaggi dei cartoni amati, o i loro giocattoli preferiti. Ma non meno soddisfatte le espressioni dei più grandi, per l’effetto di grande impatto di queste torte: è possibile realizzare praticamente qualsiasi cosa o soggetto, certo non senza una discreta dose di abilità. Il segreto, unitamente a una buona base di partenza di inventiva e manualità, è fare molta pratica, perché solo cimentandosi nella decorazione si può correggere il tiro, riuscire a riprodurre dettagli sempre più fedeli e acquisire una precisione certosina… quello che anima questa nuova e artistica professione è comunque tanta passione, che traspare in ogni singolo particolare di queste dolcissime creazioni, dal successo garantito, per la gioia di occhi e palato. Per informazioni: torteedolcettialessia @gmail.com Contatto Facebook: Torte e dolcetti di Alessia

CONGEDATI! Gli alunni vanno in vacanza e salutano la scuola “Mi chiamo Giorgio. Mi sono divertito a scuola anche se la maestra Letizia ci riempiva di compiti. A ricreazione parlavo sempre con Francesco e giocavo a carte con Chiara e Floriana. Mi ricorderò sempre anche della visita alla caserma dei Vigili del Fuoco, di quando io e Martina siamo saliti sulla scala retrattile.” “Mi chiamo Desirèe La Barbe-

ra, ho 10 anni e frequento la V della scuola di Viterbo. Ho studiato: Matematica, Italiano, Inglese, Religione, Storia, Geogra�a e Scienze. Spero di essere promossa con buoni voti e di trascorrere delle belle vacanze con la mia famiglia ed i miei amici”. “Siamo arrivati quasi a �ne anno scolastico. Non vorremmo che �nisse. Siamo stanchi,

vorremmo andare anche un po’ al mare o in montagna... ma non vorremmo che �nisse l’asilo. Claudia e Francesco” “Io mi chiamo Daniele. Io mi sono trovato bene. Io amo la mia maestra! Io non voglio andare alle elementari. Io non voglio lasciare i miei amici. Qui mi vogliono bene!”

”Mi chiamo Matteo. A me piace tanto il salone dove possiamo correre. Quando piango, la maestra mi abbraccia sempre. Mi piace mangiare qui. Facciamo sempre delle cose divertenti!” “Professo’ mi mancherai tanto tanto però ora te lo confesso: io l’inglese lo odio e da domani paly 3 e pallone! David.

Il ministero dell’istruzione ha pubblicato (www.istruzione.it) l’allegato tecnico per la prova scritta nazionale dell’esame di Stato alla fine del 1° ciclo prevista per il 20 giugno prossimo e che coinvolgerà circa 600 mila studenti di scuole statali e paritarie. L’allegato contiene puntuali istruzioni sulle modalità di svolgimento della prova (mezzora a disposizione in più a disposizione degli studenti) e sui tempi delle diverse fasi procedurali. Sono previsti anche “plichi speciali”, contenenti prove in formato dedicato per disabili visivi. Tali plichi, con apposita etichetta, non sono inseriti nei pacchi e sono predisposti in relazione alle segnalazioni effettuate dalle scuole relative alla presenza di tali candidati. In ogni pacco contenente le prove per ciascun candidato è inserito anche un CD con versione criptata della prova da utilizzare solo ed esclusivamente secondo le modalità che verranno, eventualmente, comunicate dal Ministero e dall’INVALSI. Nel caso vi siano candidati con DSA che necessitano di versione informatizzata della prova nazionale, il capo di istituto ne fa richiesta entro il 9 giugno 2011 (cioè entro oggi), richiesta all’INVALSI inviando una e-mail all’indirizzo: esameprimociclo@invalsi.it o un fax al numero: 06/94185279. L’allegato contiene anche altre istruzioni relative alle prove suppletive per candidati assenti che sono in calendario per il 27 giugno (prima suppletiva) e per il 2 settembre 2011 (seconda suppletiva).


Viterbo & AltoLazio

� �

DONNA

Domenica 12 Giugno 2011

donna

21

Chiuse le aule le classi delle elementari hanno fatto commuovere, come sempre, i loro genitori

Tempo di recite e vacanze

A

lla �ne di ogni anno scolastico è ormai un rito la recita di �ne anno. Abbiamo toccato con mano quale bene sia la famiglia. Tutti i partecipanti avvertono il desiderio comune di bene, bellezza e soprattutto voglia di costruire un presente che getti le basi per il futuro delle nostre comunità e di conseguenza della città. Troppo poco si parla di famiglia, di padri e madri che si rimboccano le maniche, persone che tirano la carretta in tempi di crisi e dif�coltà economiche sempre più pesanti sull’economia familiare. Questa ultima settimana è stata caratterizzata da allestimenti, giochi, balli, recite dei ragazzi, abbiamo visto la voglia di vivere, di giocare nella propria realtà di scuola, di coinvolgere tutti perché il tempo delle lamentele, delle critiche dei

Le immagini all’interno della pagina sono di Alberto Zadro, quelle nella pellicola di Andrea Di Palermo

litigi politici ideologici, è ora che tramonti. Gli insegnanti hanno preparato le classi materne ed elementari ad eseguire brani cantati. Le famiglie hanno contribuito a realizzare questo bel momento culturale in cui senza un progetto speci�co, anzi molto spontaneamente vi è stata l’espressione vera di costruzione, speranza e libertà, in tempi duri come i nostri. Le nostre città potranno crescere più coscienti solo se i governi locali sapranno valorizzare tutte le realtà positive, di sviluppo sociale e culturale già esistenti. Tutto quello di bello che i bambini ci regalano con la loro purezza e senza malizia non deve essere disperso. Adesso però... Tutti al mare.


cultura e spettacoli

22

Viterbo & Domenica 12 Giugno 2011 AltoLazio

VITERBO

‘La Città di Adamo’ in vetrina al Sal8 delle 6 di ELISABETTA SORIANO

Q

uesta sera alle 19 a Viterbo, presso il cortile della Provincia in via Saffi, si terrà la presentazione il romanzo dell’autore viterbese Giorgio Nisini, finalista del Premio Strega 2011, intitolato “La Città di Adamo”. L’evento fa parte della rassegna letteraria “Il Salotto dei Sei a Incontri Gentili” ed è così che il suo direttore Pasquale Bottone ha descritto il talentuoso scrittore: “La leggerezza della scrittura è unita all’intensità dei contenuti. La sua denuncia contro la camorra è indiretta, senza riferimenti espliciti com’è nello stile di Roberto Saviano, ma comunque efficace e destinata a fare breccia nel

lettore. Il romanzo valorizza molto il paesaggio della Tuscia, dimostrando un attaccamento dell’autore alla propria terra.” Giorgio Nisini è nato a Viterbo nel 1974, si è laureato in lettere presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, ha conseguito un dottorato di ricerca in Studi di storia linguistica e letteraria italiana con una tesi dedicata all’opera di Pier Paolo Pasolini ed è attualmente docente, dal 2006, in Sociologia della letteratura presso la facoltà di Scienze Umanistiche della Sapienza. Il suo romanzo d’esordio “la Demolizione del mammut” (2008) ha vinto il Premio Corrado Alvaro opera prima ed è arrivato tra i

cinque finalisti del Premio Pier Vittorio Tondelli. Il suo secondo romanzo, “La Città di Adamo”, è uscito nel gennaio 2011. Giorgio Nisini è un giovane scrittore di talento, studioso di cinema e letteratura, nonché saggista. La sua ultima opera (“La Città di Adamo”) racconta la storia di Marcello Vinciguerra, protagonista del romanzo, un imprenditore agricolo di successo, proprietario di una delle aziende più importanti d’Italia, grazie all’eredità lasciatole dal padre. L’uomo ha una bella moglie di nome Ludovica, donna sofisticata e complessa, proprietaria di un negozio di arredamento ed amante del lusso e del design, abita in una bella casa e conduce, almeno in

apparenza, una vita piena di sicurezze. Una sera però Marcello vede in tv un servizio dedicato ad un potente boss della camorra che fa riaffiorare nella sua memoria un ricordo dell’infanzia. Insieme al ricordo anche un dubbio: che era davvero suo padre? Quale ombra si nasconde nel passato della sua famiglia? L’inquieto affollarsi di queste domande spinge l’uomo ad una ricerca ossessiva della verità, che in un susseguirsi di avvenimenti e colpi di scena, lo porterà a scontrarsi con un mondo inafferrabile e ambiguo, in cui tutti possono essere onesti o collusi, corrotti o corruttori. A fare da sfondo alla storia c’è la Tuscia con il paesaggio dei Cimini.

Il presidente della Provincia Marcello Meroi e l’assessore alla Cultura Giuseppe Fraticelli hanno dichiarato: “Incontri Gentili” vuole promuovere la cultura di qualità, anche valorizzando i giovani talenti presenti nel nostro territorio. Nella nostra rassegna non poteva quindi mancare Giorgio Nisini, finalista al Premio Strega e autore di un romanzo di grande valore e di forte im-

patto sociale, che trasmette un importante messaggio di legalità, valorizzando la Tuscia e il suo paesaggio. Questo prestigioso appuntamento apre la serie di eventi letterari promossi dal “Salotto delle Sei”, all’interno di “Incontri Gentili” con autori e tematiche di alto livello.” Tutti gli spettacoli della rassegna sono realizzati con la collaborazione di Enel Energie e Banca di Viterbo.

CIVITAVECCHIA - Incontro con lo scrittore Raoul La Rosa ed i suoi versi sciolti

Un uomo, la poesia e il suo fascino di ROBERTA FRASCARELLI

R

aoul La Rosa è un uomo d’azienda, ha il suo fascino, sa comunicare e.... ama anche cambiare vestito per indossare quello, molto più appropriato e che calza a pennello, dell’uomo di cultura. La Rosa ha pubblicato due volumi di poesie “Pesci colorati” e “Nella battaglia non penso a te”, entrambi con l’associazione Spartaco, raccogliendo sia un discreto successo a livello di vendite che un notevole riscontro di critica. Attualmente ha completato il suo primo lavoro di narrativa, “un neonato in cerca di editori”. Non è un poeta “di provincia”, ma qualitativamente competitivo a livello nazionale. Le sue opere parlano di cose apparentemente comuni, capaci di farci rispecchiare appieno, ma l’immagine che ci ritorna indietro non è delle più rassicuranti. La vita è senza consolazioni ed è, darwinianamente, un continuo lottare per sopravvivere contro noi stessi e contro le convenzioni sociali. Da un punto di vista prettamente estetico letterario il verso sciolto di Raoul La Rosa riesce ad avere, nonostante la somiglianza stilistica e formale con la prosa, una sua musicalità. Andiamo a prendere un caffè con Raoul La Rosa, nella sua casa di Civitavecchia, ed ovviamente ne approfittiamo per un’in-

tervista: Raoul cos’è la poesia? Definire la “poesia” è come definire “la vita” o “ l’amore”. Non che siano la stessa cosa, ma ognuno di noi in questi concetti riconosce, vive e interpreta la sfaccettatura che sente più in assonanza con le sue corde interiori. Per me più che un virtuosismo letterario in versi, la poesia è l’impalpabilità sconfinata delle emozioni immortalata dall’essenzialità delle paro-

le più giuste. L’amore, il rapporto con la donna, è centrale nelle tue poesie, ma è un rapporto del tutto particolare ... L’amore forse è centrale nelle mie poesie, ma non direi necessariamente per la donna, talvolta. Credo sia piuttosto amore per la vita, che può essere, certo anche per una donna, ma decisamente non solo. Pubblicare poesia in Italia non è una cosa facile; non è facile neanche avere

un pubblico. Parlaci della tua esperienza editoriale ... In Italia non è cosa facile pubblicare qualsiasi cosa. Con le mie due raccolte di poesie “Pesci Colorati” del 2007 e “Nella battaglia non penso a te....” del 2009 ho avuto la fortuna di incontrare un piccolo ma vero editore nella figura di Mario Michele Pascale presidente dell’ Associazione culturale Spartaco”. Là dove per “editore vero” è da intendersi un impren-

ditore, che sceglie di investire sulle opere che ritiene valide e pubblica a sue spese, senza nulla chiedere all’autore, anzi tutt’altro. Ma quasi mai è così per gli esordienti, e lo sto vedendo ora con il mio primo romanzo “Neon blu elettrico” che vorrei affidare ad una editoria idonea per una distribuzione a livello Nazionale. Recentemente hai partecipato, come poeta, ad una “esposizione” molto par-

ticolare. Erano in mostra i tuoi testi interpretati da fotografi. Parliamo ovviamente di “Anatomia dell’esistere”, che si è svolta in aprile a Roma. Com’è andata questa esperienza? Quello che mi ha colpito di più dell’esposizione fotografico-letteraria di “Anatomia dell’esistere” e stato l’essere stato avvicinato da persone che non conoscevo affatto e che sono intervenute. Talvolta per un complimento, altre volte per discutere o chiedere qualcosa. In pratica i miei scritti mi hanno “regalato” la conoscenza di altre persone che non avrei mai conosciuto; un piccolo miracolo. L’unico vero miracolo che gli umani contemporanei possono fare: conoscersi e confrontarsi, ora, in questa vita. Prima che sia troppo tardi. Gran parte delle tue attività si svolgono a Roma e non a Civitavecchia. Perchè? C’è poca attenzione dall’Assessorato alla Cultura? Roma o Civitavecchia in realtà non è una scelta tra volumi demografici, bensì tra le diverse capacità di attenzione di queste città verso l’arte emergente. In questo direi che Civitavecchia è sicuramente un po’ indietro (anche rispetto a centri molto più piccoli) e per questo vorrei dire all’assessore alla cultura che io spero (ce n’è bisogno!) in un netto e rapido miglioramento in questo senso. Voglio essere fiducioso.


SPORT

� � �

23

BOXE - Il campione dei Supermedi doveva sfidare De Carolis che ha rinunciato

Niente difesa del titolo italiano per Di Luisa D

oveva essere il prossimo avversario di Andrea Di Luisa, con in palio il titolo italiano dei Supermedi. All’inizio di agosto, in Sardegna, il detentore della cintura tricolore avrebbe do-

vuto metterla in palio contro Giovanni De Carolis, pugile rampante e di belle speranze che ha già avuto una chance (fallita) di combattere per il titolo dell’Unione Europea. Il match invece non si farà,

causa l’indisponibilità di De Carolis, così Di Luisa ‘ripiegherà’ su un avversario quasi certamente straniero ed un incontro sulla distanza delle sei riprese, senza titolo italiano in palio.

Edizione del 12 Giugno 2011

Redazione sportiva - via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - telefono 0761-346807 e-mail: redazione@opinioneviterbo.it

EVENTO

Sarà un 2012 ‘a tutto sport’ Presentati ufficialmente lo staff e i testimonial di un anno ricchissimo di eventi

SUPERBIKE - Lo spagnolo è secondo nelle prove di Misano

di GLAUCO ANTONIACCI

Q

ualche defezione per impegni vari, ma la maggior parte del gruppo che lavorerà fattivamente per ‘Viterbo Città Europea dello Sport 2012’ c’era e si è presentato uf�cialmente alla stampa. Il capoluogo della Tuscia si prepara a diventare sede di tantissimi eventi sportivi che, per l’intero 2012, accompagneranno gli appassionati insieme a convegni, corsi di formazione e persino rappresentazioni teatrali, tutte con argomento principale lo sport. Viterbo diventerà insomma una città ‘a tutto sport’, un obiettivo per il quale dovranno impegnarsi a fondo tutte le componenti dei vari comitati, da quello organizzatore a quello d’onore, dalla struttura di supporto amministrativo ai testimonial che offriranno il loro volto e le loro doti di campioni, ognuno nel suo sport, per promuovere l’immagine della Viterbo sportiva a livello internazionale. Una squadra formidabile, rappresentata ieri da tre campioni indiscussi come il calciatore Leonardo Bonucci, il pugile Andrea Di Luisa e il campione di nuoto Fabio Laugeni. Con loro ci saranno anche due atleti del baseball, Alessandro Vaglio e Andrea Sgnaolin, due del rubgy, Simon Picone e Riccardo Bocchino, Valerio Grazini per il tiro a volo, Alessandro Lupino nel motociclismo, Martina Tosini per il pattinaggio e Mauro Cratassa per l’handbike. Le istituzioni erano rappresentate in prima persona dal sindaco Giulio Marini, dall’assessore allo Sport Enrico Maria Contardo, dai consiglieri Mauro Rotelli e Luigi Maria Buzzi, coordinatore del comitato organizzativo, e con loro c’era anche il presidente provinciale del Coni Livio Treta.

Checa beffato dalla pioggia e dall’inglese Tom Sykes “Sarà una kermesse importante - ha commentato il sindaco Marini - che rappresenterà un patrimonio per tutta la città e dovrà costituire un’evoluzione per lo sport viterbese, anche a livello di impiantistica. Sarà un anno da programmare e per questo siamo aperti a qualsiasi proposta, cercando di attingere a tutte le risorse disponibili per creare eventi di alto pro�lo”. “Con�diamo nella collaborazione di tutti - ha fatto eco l’assessore Contardo - perchè dovremo ospitare manifestazioni che vadano da un livello locale �no ad eventi internazionali. Oltre a queste iniziative proporremo convegni, corsi di formazione e tutta una serie di appuntamenti legati a doppio �lo allo sport. Ho parlato ad esempio con gli organizzatori della stagione teatrale del Settembre Viterbese per inserire nel palinsesto anche opere di carattere sportivo, le idee sono tante e di sicuro ci aspetta un anno impegnativo che richiederà la collaborazione di tutti. A breve sarà operativo un apposito uf�cio, preposto alla gestione delle varie iniziative, nonché sede di future riunioni organizzative legate a questo importante anno sportivo

che ci aspetta. Di recente ho parlato con il sindaco di Parma, Città Europea dello Sport 2011 che ha organizzato circa 300 eventi; anche noi non vogliamo limitarci ai 24 previsti dal regolamento, ma vogliamo dare spazio anche ad iniziative di contorno coinvolgendo le varie realtà del territorio”. Sulla stessa lunghezza d’onda il coordinatore organizzativo Luigi Buzzi: “E’ indispensabile il contributo e l’apporto fattivo di tutti. Il primo grande successo lo abbiamo già raggiunto quando gli esaminatori, dopo aver visitato il nostro territorio e apprezzato le nostre eccellenze sportive, hanno scelto Viterbo come Città Europea dello Sport per il 2012. Una scelta avallata e sostenuta anche dal vice presidente della Commissione Europea Antonio Tajani e dall’eurodeputato Marco Scurria. Ora dobbiamo canalizzare e concentrare le nostre energie per tramutare il nostro impegno in progetti concreti che possano offrire e garantire alla nostra città nuovi ambiziosi successi”. Pronto all’impegno anche il CONI nella persona del presidente provinciale Livio Treta: “Viterbo si aspetta molto anche sotto il pro�lo dell’impiantistica sportiva con alcune carenbze che vanno colmate, e penso soprattutto alla

pista di atletica che deve essere una priorità su cui intervenire per poter ospitare iniziative che contano. Le istituzioni militari hanno manifestato il loro desiderio di contribuire e la volontà di essere parte attiva, altrettanto spero che facciano le varie fondazioni e le Istituzioni come la Regione che non sempre ha avuto un occhio di riguardo per lo sport viterbese. Tra gli eventi internazionali spero ci sia spazio per Andrea Di Luisa che nel 2012 può davvero puntare al mondiale”. Tra i testimonial anche un soddisfatto Leonardo Bonucci: “Sono onorato di poter far parte di questo gruppo, con atleti che non conoscevo di persona ma che avevo già sentito nominare. Viterbo è casa mia e sono sempre disponibile per iniziative qui in città, credo che questa città sia una bella realtà sportiva, ha settori giovanili importanti e sa produrre ragazzi che arrivano ai massimi livelli sportivi”. Tra le prime proposte di eventi avanzate anche un raduno internazionale di mongol�ere, gare di handbike su percorsi adatti alle caratteristiche di questi atleti e la Coppa del Cimino che potrebbe ricevere l’investitura come gara valida per il campionato europeo di auto storiche.

Carlos Checa in azione a Misano Adriatico

L

a pioggia, annunciata dai metereologi, è prontamente caduta ed ha condizionato inevitabilmente la giornata decisiva di prove sul circuito di Misano Adriatico. La pista romagnola, sede del sesto round per il Mondiale Superbike e della terza tappa della Superstock 1000, ha visto i protagonisti di questi due campionati, insieme a quelli di tutte le altre categorie, destreggiarsi fra asfalto scivoloso e soste ai box per cercare l’assetto migliore, con la certezza di non poter migliorare ovviamente i tempi fatti registrare nelle prove del venerdì, disputate sull’asciutto. L’inseguimento alla pole position, in Superbike, si è trasformata allora in una specie di terno al lotto, con i valori del primo giorno di prove inevitabilmente stravolti, ma solo �no ad un certo punto. Sorprende sicuramente vedere Tom Sykes, pilota britannico della Kawasaki, davanti a tutti, ma il suo giro è stato il migliore sull’asfalto insidioso del Misano World Circuit e gli è valso una meritata pole position. Alle sue spalle, staccato di meno di due decimi, c’è il leader mondiale Carlos Checa che aveva chiuso in testa praticamente tutte le sessioni di prove disputate prima della pioggia. L’al�ere della Ducati e del Team Althea Racing di Civita Castellana ha dimostrato, in condizioni di asciutto, di avere qualcosa in più dei suoi avversari, non abbastanza per considerarsi sicuro di vincere,

ma quanto basta per mettere pressione a chi dovrà stargli vicino nelle due manche di oggi, specialmente se il tempo dovesse essere bello. La prima �la sarà completata da Smrz e da Melandri, primo inseguitore di Checa nella classi�ca mondiale a 61 punti di distacco; per trovare Max Biaggi bisogna scorrere �no alla seconda �la e al settimo tempo, ma il campione del mondo in carica darà certamente battaglia avendo dimostrato di essere sempre molto vicino a Checa prima della Superpole. Nella categoria Superstock 1000 i piloti non sono riusciti a migliorare i tempi fatti al venerdì e, non essendoci il meccanismo della Superpole, la griglia di partenza è rimasta sostanzialmente quella maturata nella prima sessione. Anche qui il Team Althea Racing scatterà dalla seconda piazza con Davide Giugliano che ha accusato meno di quattro decimi di ritardo dal pole-man Petrucci, anche lui su Ducati, che nella classi�ca mondiale si trova proprio alle spalle di Giugliano con dodici punti da recuperare dopo due prove. Niente da fare invece per l’altro al�ere del Team Althea Racing, Lorenzo Baroni, rimasto in decima posizione e costretto a prendere il via nella gara di oggi dalla terza �la. Per lui si prevede una gara tutta di rincorsa, ma con la possibilità comunque di agguantare un piazzamento molto vicino al podio. (GA)


� �

sport

SPORT

24

Viterbo & Domenica 12 Giugno 2011 AltoLazio

PALLONE D’ORO 2010/2011

Settimana da 1119 coupon più i voti on line. Scarinci in vetta agli allievi, ok mister Proietti e Chiarabini

Giannini sorpassa l’amico Parri

E

d è sempre più volata finale alla sesta edizione del Pallone D’Oro che terminerà il prossimo 30 maggio. Questa settimana ben 1119 coupon in redazione e 484 voti on line. Con i coupon colpi grossi di Marco Giannini del Montefiascone (458), Michele Natali dei Pulcini del Tre Croci (249), Federico Ricci, giovanissimi Corneto (50 voti) e tanti altri ancora come Roberto Valentini, Massimo Lanzi, Paolo Proietti, Paolo Chiarabini, Francesco Scarinci.

COUPON E REGOLE IL VALORE DOPPIO Nello spazio in alto a destra dello Sport Vetrina delle edizioni Opinione di Viterbo e Opinione di Civitavecchia troverete sempre il coupon della sesta edizione sino al 30 giugno quando la manifestazione si concluderà. I tagliandi del quotidiano rispetto ai voti on line (sito www.nuovoviterbooggi.it e www.opinioneviterbo.it) avranno un valore doppio. Esempio, 10 consegnati, 20 conteggiati. IMPORTANTE Ricordiamo a tutti i partecipanti che per convalidare al 30 giugno le classifiche finali tutti dovranno avere consegnato entro questa data almeno 50 voti tramite coupon pena esclusione dalla competizione. A seguire ecco tutte le classifiche aggiornate. ECCELLENZA E PROMOZIONE 2255 voti: Marco Giannini (Montefiascone) 1.498 voti: Giovanni Parri (Montefiascone) 425 voti: Marco Scatena (Caninese) 376 voti: Guido Mancinelli (Pianoscarano) 363 voti: Marco Di Giacinto (Montefiascone) 200 voti: Roberto Corasaniti (Caninese) 168 voti: Morgan Croce (F. Nepi) 123 voti: Losien Voka (Montefiascone) 25 voti: Andrea Provenzano (Caninese) 20 voti: Fabio Bisozzi (Corneto Tarquinia) 20 voti: Marco Francesconi (Ortana) 16 voti: Jacopo Cianfana (Montefiascone) 15 voti: Stefano Polidori (Foglianese) 13 voti: Fabio Perugini (Corneto) 11 voti: Stefano Maestà (Monterosi) 10 voti: Stefano Ciorba (Montefiascone) 6 voti: Michele Lucci (Pianoscarano) 6 voti: Gian Marco Quintiliani (Foglianese) 5 voti: Sergio Oliva (Manciano) 5 voti: Maico Colonnelli (Vigor) 5 voti: Luca Malagigi (Pianoscarano) 2 voti: Matteo Morelli (Cerveteri) 2 voto: Alessio Feliciani (Real Virtus) 1 voto: Stefano Maestà (Monterosi); MISTER 882 voti: Daniele Antolovic (Montefiascone) 61 voti: Nazareno Gufi (Corneto Tarquinia) 1 voto: Stefano Teloni (Cerveteri)

PRIMA CATEGORIA 1039 voti: Marco Mazzucco (Vasanello) 740 voti: Alessandro Randazzo (Grotte di Castro) 194 voti: Angelo Maffei (Manciano) 100 voti: David Poleggi (Vasanello) 22 voti: Fabrizio Ercolani (Atletico Tarquinia) 15 voti: Daniele Boninsegna (Valentano) 12 voti: Riccardo Bonucci (Latera) 10 voti: David Poleggi (Vasanello) 10 voti: Matteo Maio (Virtus Pilastro) 10 voti: Dominik Gaska (Latera) 8 voti: Marco Mariani (Vasanello) 7 voti: Cristian Pecci (Capranica) 7 voti: Andrea Colinelli (Canepina) 6 voti: Stelio Salvitti (Capranica) 6 voti: Gianluca Maculani (Canepina) 5 voti: Daniele Nebbioso (Latera) 5 voti: Manuel Pecci (Capranica) 3 voti: Matteo Achilli (V. Pilastro) 2 voti: Marco Nobile (Grotte di Castro) 2 voti: Luca Fazioli (Vasanello) 1 voto: Francesco D’Egidio (Latera) e Matteo Di Giacinto (V. Pilastro) MISTER 110 voti: Paolo Proietti (Canepina) 40 voti: Roberto Blasi (Atletico Tarquinia) 2 voti: Giorgio Aquilio (Latera) 2 voti: Romano Floccari (N. Sorianese)

SECONDA CATEGORIA 509 voti: Davide Botarelli (V. C. Bolsena) 288 voti: Luca Tocchi (Tre Croci) 270 voti: Luca Cesarini (Celleno) 243 voti: Alessandro Paoloni (V. C. Bolsena) 139 voti: Alessio Arriga (C. Ronciglione) 38 voti: Fabio Stefani (2001 Tuscia) 32 voti: Roberto Vincenti (Virtus Marta) 31 voti: Riccardo Milani (Barco Murialdina) 20 voti: Emiliano Tiberti (C. Ronciglione) 16 voti: Cristian Giorgi (Barco Murialdina) 12 voti: Gabriele Carloni (1928 Vetralla) 11 voti: Walter Peris (Nuova Bagnaia) 11 voti: Massimiliano Fortunati (Tre Croci) 11 voti: Enrico Frontoni (Doria S. Martino) 10 voti: Andrea Fa (1928 Vetralla) 9 voti: Marco Grassi (Tre Croci) 9 voti: Stefano Serafinelli (San Lorenzo Nuovo) 9 voti: Carlo Coppari (1928 Vetralla) 7 voti: Michele D’Onofrio (Querciaiola) 7 voti: Massimiliano Proietti Palombi (Viterbo Pool) 6 voti: Carlo Puddu (Vetralla 1928) 5 voti: Valerio Faccenda (Viterbo Pool) 4 voti: Luigi Roselli (Tre Croci); Simone Zanoni (San Lorenzo Nuovo);

PULCINI 3711 voti Matteo Gemini (Calcio Tuscia) 1200 voti: Michele Natali (Tre Croci) 1128 voti: Alessio Stefanoni (V. Pilastro) 727 voti: Filippo Norcia (Tre Croci) 602 voti: Gianmarco Tomai (Calcio Tuscia) 365 voti: Luca Di Prospero (Virtus Pilastro) 19 voti: Jacopo Barzellotti (V.Pilastro)

Marco Giannini 3 voti: Riccardo Mariani (Barco Murialdina) 3 voti: Luca Tardani (Graffignano) 3 voti: Federico Coletta (Blera); 2 voti: Cesare Falcinelli (Celleno); Tupu Vasile (San Lorenzo Nuovo); 1 voto: Gabriele Carloni (Tre Croci) MISTER 728 voti: Maurizio Cozza (San Lorenzo Nuovo) 215 voti Biagio Zaccaro (Tre Croci) 10 voti: Domenico Gavazzi (C. Ronciglione) TERZA CATEGORIA 712 voti: Paolo Antonuzzi (Onano) 302 voti: Paolo Viviani (Proceno) 223 voti: Nico Savoca (Bomarzo) 143 voti: Maurizio De Bartolo (S. Bagnoregio) 123 voti: Tiberio Proietti (Team Canepinese) 72 voti: Michel Marinetti (Asd Sipicciano) 17 voti: Andrea Bronzo (Onano) 13 voti: Giacomo Fanelli (Team Canepinese) 11 voti: Andrea Lillioni (Bomarzo) 10 voti: Daniele Napoli (Giglio Zepponami) 10 voti: Simone Napoli (Giglio Zepponami) 9 voti: Mario Tysserand (Real Gradolese) 7 voti: Matteo Lamoratta (Bomarzo) 7 voti: Andrea Lilloni (Bomarzo) 6 voti: Luigi Mancini (Onano) 6 voti: Ivan Mancini (Onano) 5 voti: Adriano Mariani (Castel S.Elia); 4 voti: Giacomo Artieri (Real Gradolese) 3 voti: Luciano Renzoni (Team Canepinese); Alessio Di Stefano (Cicram) 2 voti: Nicola Ferri (Team Canepinese) 1 voto: Romano Giovanale (Castel S.Elia); Fabrizio Petti (Team Canepinese); Marino Benedetti (Team Canepinese); Gabriele Ramacci (Team Canepinese) MISTER 2 voti: Bernardino Renzoni (Team Canepinese) 1 voto: Luca Vaccarelli (Virtus Corchiano)

Francesco Scarinci AMATORI CSI 252 voti: Simone Serafinelli (Torrese) 20 voti: Jacopo Cavalloro (Amatori Bolsena) JUNIORES 1251 voti: Daniele Macino (Viterbese) 782 voti: Giacomo Bacocco (jun. Orvietana) 368 voti: Marco Basili (Pianoscarano) 230 voti: Francesco Celletti (Montefiascone) 89 voti: Andrea Tofani (Pianoscarano) 20 voti: Alessandro Rosati (Corneto Tarquinia) 12 voti: Fabiano Silvestri (Valentano) 8 voti: Simone Biagioni (Corneto) 5 voti: Luca Codoni (Corneto) 4 voti: Evaldo Ceccarini (Valentano) 4 voti: Mirko Cisterna (Viterbese) 3 voti: Luca Poponi (Vigor) 3 voti: Giorgio Barbano (Etrusca) 2 voti; Piero Pareti Abetone (Caninese) e Giorgio Ioncoli (V. Cimini) 1 voto: Mattia Foglietta (Viterbese); Giordano Morelli (Caninese); Nicola Ferri (Viterbese), MISTER 394 voti: Erminio Tiziano (Atletico Tarquinia) 310 voti: Andrea Damiani (Pianoscarano) 61 voti: Renzo Bonelli (Corneto Tarquinia) 44 voti: Luca Frelicca (Lubriano) 5 voti: Angelo Bonelli (V. Pilastro) ALLIEVI 656 voti: Francesco Scarinci (Etrusca) 559 voti: Jacopo De Carlo (Barco Murialdina) 341 voti: Giovanni Zucchetto (Real Monterosi) 237 voti: Leonardo Cavalloro (Vulsinia Bolsena) 23 voti: Luca D’Avino (Ladispoli) 19 voti: Giuseppe Fazzi (Blera) 14 voti: Andrea Selvaggini (Corneto) 12 voti: Luca Martinelli (N. Sorianese) 12 voti: Andrea Fattori (Real Monterosi)

7 voti: Luca Ottavi (Tre Croci) 6 voti: Fabio Tosi (Tuscania Bolsena) 6 voti: Marco Telluri (Tuscania Bolsena) 5 voti: Gianluca Alfano (Tuscania Bolsena) 5 voti: Emanuele Grani (Tuscania Bolsena) 4 voti: Samuele Rocchi (Tuscania Bolsena); Marian Jiga, (Tuscania Bolsena); Davide Cruciani (Tuscania Bolsena) 3 voti: Alessandro Quattrociocchi (C. Monterano) 2 voti: Davide Guadagno (Viterbese); Romano Picchioni (Tuscania Bolsena); MISTER 1020 voti: Giuseppe Salta (Pol. Tuscania Bolsena) 861 voti: Massimo Robustelli (Pol. Real Azzurra) GIOVANISSIMI 721 voti: Marco Fapperdue (Virtus Marta) 393 voti : Federico Ricci (Corneto Tarquinia) 271 voti: Luca Serafinelli (Vigor Acquapendente) 209 voti: Emanuele Geronzi (Virtus Pilastro) 60 voti: Francesco Palombi (Foglianese) 6 voti: Alessio Provenzano (Viterbese) 17 voti: Cristian Pala (Pol. Real Azzurra) 9 voti : Davide Restuccia (Pianoscarano) 9 voti: Cristian Nicolai (Virtus Marta) 9 voti: Federico Matronicola (Foglianese) 5 voti: Davide Randisi (Viterbese) 4 voti: Matteo Ceccarini (Montefiascone) 4 voti: Alessandro Bellacanzone (Viterbese) 2 voti: Simone Raspoli (Pol. Real Azzurra); ESORDIENTI 1013 voti: Emanuele Di Risio (Virtus Cimini) 814 voti: Lorenzo Formoso (Vasanello) 173 voti: Luca Fazioli (Vasanello) 50 voti: Paola Pace (Vasanello) 30 voti: Marco Costanzi (Vasanello) 20 voti: Alessandro Salvatori (Vasanello) MISTER 364 voti: Massimo Lanzi (Farnese)

MISTER 1819 voti:Giovanni Luniddi (Nuova Sorianese) 564 voti: Moreno Solia (C. Tuscia 2000) 158 voti: Francesco Legittimo (Pol. Tuscania) 36 voti: Matteo Cerica (Calcio Tuscia) CALCIO A 5 MASCHILE 108 voti: Marco Cingolani (Civita Castellana c/5) 30 voti: Michel Stefanelli (Civita Castellana c/5) 19 voti: Javier Torres (Active Network) 10 voti: Alberto Ansalone (Virtus Pilastro) 10 voti: Yuri Gori (Active Cus Vt) 5 voti: Gianluca Ara (S. Marinellese) 4 voti: Marco Cingolani (Civita Castellana C/5) CALCIO A 5 FEMMINILE 511 voti: Cristina Caporali (Accordia Oriolo) 360 voti: Veronica Menichelli (Grotte S. Stefano) 4 voti: Noemi Lattanzi (Celleno C/5 donne) MISTER 120 voti: Roberto Valentini (Accordia) DIRIGENTI 716 voti: Maurizio Borgi (Doria San Martino) 612 voti: Claudio Valentini (Accordia c/5 Donne) 285 voti: Paolo Chiarabini (Barco) 179 voti: Katia Pelizzari (Lubriano) 4 voti: Massimo Doschi (Tuscania Bolsena) 2 voti: Katia Pellizzari (Lubriano) PREPARATORI ATLETICI 155 voti: Stefano Salta (Tuscania Bolsena) 3 voti: Francesco Carnevale (Pianoscarano) MAGAZZINIERI 280 voti: Pietro Tizi (Tuscania Bolsena) ARBITRI 220 voti: Fernando Cilli 180 voti: Claudia Pelin 90 voti: Daniele Giacomini 17 voti: Ennio Mariani APPUNTAMENTO Con le nuove graduatorie a domenica19 giugno per tutti gli aggiornamenti sui voti che arriveranno nella nuova settimana.


� �

sport

SPORT

& Domenica 12 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

C ALCIO P ROMOZIONE

25

CALCIO 3ª CATEGORIA

Montefiascone, ora è tutto vero Per il Real Caprarola FINALE COPPA PROVINCIA

Oggi a Fiano Romano i falisci festeggeranno la promozione in Eccellenza Antolovic guarda avanti: “Questa squadra ha bisogno di rinforzi veri” di GIANLUCA NATOLI BORGO PODGORA 1950 MONTEFIASCONE (finalina playoff)

G

iornata di meritata festa per il Montefiascone di mister Antolovic. Oggi verso l’ora di pranzo il calcio giocato lascerà spazio ai festeggiamenti per la promozione in Eccellenza. Comunque vada la gara col Borgo Podgora infatti ci saranno motivi validi per stappare bottiglie per entrambe le formazioni. In un contesto del genere a poco servirà quindi la gara playoff per il terzo e quarto posto tra la squadra falisca e quella di Latina in ptogramma al ‘Sandro Pertini’ di Fiano Romano alle ore 11. Tutte e quattro le squadre impegnate nei playoff hanno già la certezza di essere promosse nel massimo campionato regionale. La finalissima tra Valmontone e Villanova si giocherà a San Cesareo (stadio ‘La Pera’ ore 11). E per una volta allora evviva il lieto fine. Certo, ottenere il terzo posto sarebbe comunque meglio di un quarto ed ultimo piazzamento in questi spareggi. Ecco perché mister Antolovic ci tiene molto a tenere alta la concentrazione e lontane le voci di mercato. Solo a partire da domani si volterà pagina iniziando a parlare di riconferme ed eventuali arrivi in squadra, malgrado il presidente gialloverde Lorenzo Minciotti abbia dichiarato di non voler assolutamente fare investimenti folli. Piuttosto allora si cercherà di trattenere i big come Nencioni, Cesarini e Vittori. Mister come avete preparato in settimana la gara di oggi? “Personalmente ho continuato a comportarmi come sempre. Ho chiesto ai ragazzi di non snobbare l’incontro e di non

Mister Daniele Antolovic mollare di un centimetro sul piano di stimoli e motivazioni. Desidererei festeggiare la promozione in Eccellenza che arriverà sulla carta con un risultato positivo almeno in questa ultima ultima partita”. Sarebbe potuto cambiare qualcosa se la gara col Borgo Podgora si fosse giocata prima? “Ovviamente sì. Avremmo incontrato una squadra meno attrezzata del Valmontone, con tutto il rispetto parlando, quindi le chance di raggiungere la finale sarebbero state maggiori. Ad ogni modo rimango soddisfatto di come ci siamo comportanti domenica scorsa. Il fatto di aver segnato anche all’ultimo minuto è la conferma che non ci siamo mai arresi”. Cosa pensi delle voci di mercato su Vittori, Cesarini e Nencioni? “Trovo il comportamento di alcune società eticamente scorretto. Sapevano tutti benissimo che fino ad oggi saremmo stati impegnati nei playoff. Tuttavia non hanno rispettato i nostri impegni”. La tua conferma è certa? “In linea di massima l’accordo con la società c’è. Nei prossimi giorni ci incontreremo per definire meglio il tutto”. Sei d’accordo con il presidente nel

FIORI D’ARANCIO

ritenere questa squadra così come è pronta per l’Eccellenza? “Non la penso proprio così. Abbiamo pochissimi giocatori che hanno giocato già in quella categoria. E quando ti trovi a fare un campionato di quel tipo come neo promosso devi stare attento a non sottovalutare l’impegno. Per fare bene nella categoria superiore alla Promozione è necessario avere giocatori bravi e di esperienza. Quindi anzitutto cercherò di inculcare nella testa dei ragazzi che rimarranno una diversa mentalità. E poi servirà anche qualche innesto di livello, al-

trimenti si potrebbe correre il rischio di fare la fine della Foglianese o del Monterosi di qualche anno fa. Fino alla Promozione si gioca un calcio ‘romantico’. Dall’Eccellenza invece inizia quello vero. Ci sarà da pedalare molto”. Pronostico - Vittoria del Montefiascone al 50%, pareggio al 30%, segno ‘2’ al 20%. La terna - Arbitra Emiliano Guglielmi di Roma 1 (Assistenti: Giuseppe Pantanella di Cassino e Simone Assante di Frosinone).

CALCIOMERCATO SERIE D

Virdis-Viterbese è fatta Palermo e Berardi quasi S

econdo alcune indiscrezioni trapelate da casa Viterbese sembrerebbe che nel prossimo ritiro del 20 luglio ci sarà almeno un volto nuovo. Si tratta di Francesco Virdis (nella foto), 11 presenze le ha colezionate nella prima parte del campionato scorso con la maglia del Sud Tiro-Alto Adige, mentre a gennaio si è trasferito a Pomezia (Seconda Divisione) alla corte del tecnico Massimiliano Farris. E’ un attaccante di 26 anni con grande esperienza, avendo giocato diversi campionati in serie C e in B. Anche Simone Palermo piace molto e potrebbe presentarsi all’appuntamento di fine luglio a Sorinano nel Cimino per il ritiro pre-campionato. Il ventitreenne centrocampista cresciuto nella Roma ha giocato in categorie importanti come la serie C e la B. L’ultima stagione l’ha trascorsa nel Foggia di Zdnek Zeman (Prima

Divisione). Resta sempre forte l’interessamento gialloblù per alcuni giovani portieri come Berardi (Lazio) e Nunziata (Chievo). Si allontana invece Cavalieri. E’ noto da tempo infatti che lo staff tecnico di via della Palazzina ha intenzione di investire su ragazzi di prospettiva per la difesa dei propri pali. (G. N.)

un trionfo immenso All’over time Las Vegas battuta 2-1 REAL CAPRAROLA LAS VEGAS (dopo i tempi supplementari)

2 1

M

issione compiuta per il Real Caprarola che ieri pomeriggio sul neutro di Blera ha vinto la Coppa Provincia di Viterbo ed ha la certezza assoluta di partecipare al prossimo campionato di Seconda Categoria superando per 2-1 ai tempi supplementari la formazione civitavecchiese del Las Vegas. Bella finale, giocata davanti ad una numerosa cornice di pubblico e Real Caprarola che ha fortemente voluto la vittoria centrata nonostante i cimini sono rimasti in dieci uomini nel corso della ripresa. Primo tempo concluso sullo 0-0, poi nella ripresa alla rete di Stelliferi (poi espulso) hanno risposto con una bella realizzazione i tirrenici. Si è andati così all’ overtime e qui la tenacia del Real Caprarola di mister Vitaliano Natali è stata premiata al 5’ del secondo tempo supplementare con la rete di Nustriani. E’ finita quindi con il Real Caprarola felice e vincente e con la gioia immensa esternata dal suo bravissimo tecnico Vitaliano Natali e dal suo euforico presidente Francesco Mascagna che ha elogiato in blocco i suoi fantastici ragazzi: “Una gioia immensa, siamo partiti all’ultimo tuffo a settembre ed eccoci qua subito in Seconda Categoria. Un risultato straordinario”. E l’impresa del Real Caprarola è la prova provata che senza soldi, ma con tanto cuore si possono raggiungere risultati straordinari nel calcio dei Dilettanti, quello vero, quello genuino, quello dove non conta soltanto sapere giocare meglio. Adesso ci sarà spazio per il festeggiamenti e il team inizierà a lavorare per il futuro. A vincitori e sconfitti le congratulazioni della redazione dell’Opinione. (agv)

INTERFORZE

La Polizia di Stato festeggia il titolo 1-0 all’Aeronautica POLIZIA DI STATO 1 AERONAUTICA 0 Polizia di Stato: Mastrorosato, Buzzi, Varletta, Croci, Cristiani, Falaschi, Lucarelli, Pezzato, Farnetti, Capotosto, Santi. A disposizione: Carlucci, Di Prospero, Fioramanti, Fiasco, Mazzoni, Salta. All: Fioramanti. Aeronautica: Palumbo, Esposito, Cernetti, Pozzoli, Simonetto, Carboni, De Sanctis, Grasso, Durante, Donnini, Del Mastro. A disposizione: Mastrangelo, Abate, Deligia, Giordano, Cesaretti, Lucca, Pontrelli. All: Zanfardino Arbitro: Domenico Savino (sez. Vt). Assistenti Mario Santostefano e Alessandro Braccini. Quarto uomo Matteo Centi Marcatore: 8’ st Santi Trionfo della Polizia di Stato al torneo Interforze. Questo il verdetto del match giocato ieri pomeriggio allo stadio Enrico Rocchi e che la Polizia di Stato ha fatto suo con la rete di Santi all’8’ del st bravo nel raccogliere una corta respinta del portiere Palumbo su una conclusione di Walter Pezzato. APPUNTAMENTO Nell’edizione di martedì’ servizio speciale sulla finalissima con le foto dei protagonisti, della premiazione e tutti i riconoscimenti assegnati. G.N.

CALCIO MERCATO - I progetti del team vetrallese. A Latera il nuovo tecnico è Claudio Belli

Infiniti auguri a Marco Cutigni e Silvia Filippi oggi sposi felici

La Foglianese ha deciso, il mister è Cristiano Giovannini

F

E

inalmente sposi! Oggi dopo un �danzamento decennale Marco Cutigni e Silvia Filippi convoleranno a nozze nella Chiesa di Sant’Angelo in piazza del Plebiscito a Viterbo (ore 11,30), provenienti dalla loro Tobia. Ecco il bellissimo messaggio di auguri da parte di Leonardo, fratello dello sposo che tra l’altro è un validissimo giocatore del Doria San Martino: “Non c’è l’attesa come per William&Kate ma, per chi è cresciuto insieme a loro, come me, sarà un’emozione unica vederli unirsi nel sacro vincolo del matrimonio. Matrimonio anomalo per il mondo frenetico di oggi. Marco e Silvia, infatti, hanno avuto l’amore incosciente dei giovani, si conobbero ancora minorenni, hanno resistito all’università mantenendo un rapporto saldo. Il tempo ci consegnerà le prove

dopo tante chiacchiere ecco due importanti fatti certi del nostro calcio e che riguardano le scelte di due importanti panchine.

dell’indissolubilità del rapporto, ma sin d’ora si può essere sicuri che non c’è alcun interesse dietro alla loro scelta se non l’amore. Se mi sfidassero alla prova della mano sul fuoco sarei disposto a mettercele entrambe tanto il fuoco che arde è quello della passione e del sentimento e in una società frenetica, che vede scendere quotidianamente il livello della moralità, non può assolutamente far male anzi deve essere un esempio per noi ragazzi”. Infiniti auguri da parte della redazione dell’Opinione.

ALLA FOGLIANESE PROMOSSO MISTER GIOVANNINI Il dado è tratto alla Foglianese per quanto riguarda la conduzione della prima squadra nella stagione 2011/2012 a prescindere che sia Eccellenza (ripescaggio?) o Promozione. Il mister è Cristiano Giovannini e con voce raggiante ce lo ha comunicato ieri pomeriggio il direttore generale Tonino Frateiacci: “E’ una decisione unanime presa da tutta la società e che premia le qualità e le capacità del nostro allenatore che già nel corso della stagione con le conduzioni alternate tra juniores, allievi (li ha salvati con i play out) e nei tre turni in cui ha diretto la prima squadra ha saputo esprimere per intero il suo grande valore. E’ lui l’uomo giu-

Claudio Belli

Cristiano Giovannini

sto per un progetto teso alla massima valorizzazione dei nostri giovani e non c’è nessuno meglio di Cristiano che di loro conosce pregi, difetti e virtù”. Nell’euforia della uf�cializzazione del mister Frateiacci non si dimentica del vecchio tecnico Pascucci: “A lui va la nostra gratitudine per l’ottimo lavoro svolto nel trascorso campionato di Eccellenza dove resta l’amaro in bocca per come

è andata a �nire con la Foglianese depredata di una salvezza che sul campo era stata conquistata”. Che programmi ci sono per quanto concerne la prima squadra? “Già abbiamo iniziato gli incontri con i giocatori che vogliamo confermare e posso dire che i giovani talenti del gruppo resteranno alla Foglianese che verrà. Vogliamo proseguire l’ottimo lavoro intrapreso”.

FUMATA BIANCA AL LATERA CON CLAUDIO BELLI L’altra uf�cializzazione di giornata arriva da Latera dove la dirigenza del neo presidente Emanuele Freddiani ha deciso che il nuovo tecnico per la stagione 2011/2012 è Claudio Belli e conoscendo la grinta, il temperamento e la passionalità del buon Claudio si tatta di una scelta c valida per un Latera che punta ad essere tra le protagoniste della prossima 1ª Categoria. IL LAVORO DI MASSIMO BAGGIANI Non si perde tempo anche al Pianoscarano dove il responsabile tecnico di Prima squadra e juniores Massimo Baggiani in sintonia con i tecnici Simonetto e Damiani (prima squadra) e Riccardo Ranaldi (juniores) sta proseguendo nei vari contatti con i giocatori individuati per venire inseriti nelle rispettive rose del campionato 2011/2012.


� �

sport

SPORT

26

Viterbo & Domenica 12 Giugno 2011 AltoLazio

NEWS DI CALCIO E C5

Il ‘nuovo’ Valerio Ginnasi è servito. Da domani si parte Le dodici compagini in azione e i team del torneo giovanile dell’Aldo Frabotta Al Memorial Aquilani clamorosa rimonta e vittoria della Sorianese allievi sul Pilastro La premiazione della Virtus Cimini ai suoi magnifici juniores e allievi. Le sfide al “Città di Ronciglione”, ieri le ultime partite

N

ews e approfondimenti dal nostro calcio, calciotto e calcio a cinque.

A RONCIGLIONE PRESENTATO IL CALCIOTTO DEL GINNASI E IL TORNEO BABY FRABOTTA DA DOMANI SERA IL VIA A Ronciglione, venerdì sera è stata presentata la 21^ edizione del Torneo “Valerio Ginnasi” ed il 9° Torneo di calcio giovanile dedicato ad “Aldo Frabotta”. Le manifestazioni, rispetto alle precedenti edizioni in cui si è giocato a“calcio a 5”, sono state modificate. Da quest’anno, le squadre si affronteranno in partite di calcio ad 8. L’onere dell’organizzazione è stata assunta dai “Ragazzi del Presidente”e dall’Associazione Pro Loco di Ronciglione con la benedizione dell’Amministrazione Comunale nella figura del Sindaco, principale sostenitore del ritorno, nella città natale, dello storico torneo e di quello giovanile, il primo dedicato alla memoria di Valerio Ginnasi, indimenticato Presidente della Società Sportiva Calcistica di Ronciglione ed il secondo voluto per ricordare la figura di uno dei maggiori protagonisti dell’organizzazione e la conduzione del Torneo. Le parole di saluto del primo cittadino, modulate da un sentimento di commozione, sono state di soddisfazione per il ritorno a casa di una manifestazione dedicata alla memoria di due cittadini di Ronciglione personalmente conosciuti e stimati. Ha ringraziato le amministrazioni di Caprarola e Sutri che hanno accolto con grande partecipazione e fattiva collaborazione le passate edizioni. Ha ringraziato per le belle parole di riconoscenza il figlio Giuseppe Ginnasi presente in rappresentanza della famiglia ricordando lo sforzo organizzativo di quanti si sono succeduti negli anni per ricordare la memoria del padre attraverso una manifestazione di sport che ha ottenuto un grande successo. Hanno partecipato, in qualità di invitati eccellenti, il Maresciallo Francesco Longobardi, Comandante dei Carabinieri di Ronciglione e Renzo Lucarini, Presidente della Delegazione Provinciale di Viterbo della Lega Nazionale Dilettanti di Calcio il quale ha rivolto parole di augurio per la buona riuscita della manifestazione. Alla platea si è rivolto anche Luciano Camilli, Presidente dell’Associazione Pro Loco di Ronciglione, garantendo il massimo sforzo a favore della macchina organizzativa coordinata dall’inesauribile e storico cassiere Romeo Passeri a cui si affiancherà Renato Lombroni, speacker e portavoce ufficiale nonché Massimo Tanturli per la gestione del settore giovanile. Gli interventi si sono conclusi con le indicazioni tecniche fornite da Franco Antolini sullo svolgimento del Torneo. I gironi - La manifestazione è

articolata su 3 gironi da 4 squadre ciascuna. Nel girone “A” sono state abbinate il CICRAM Ronciglione, Cuba Libre, Ediltimbrica SBA, Gelateria Igloo. Nel girone “B” Immobiliare Bertini, Uno Holding, Mizzella, Ristorante Pizzeria Il Peccato. Nel girone “C” Polisportiva Bassano Romano, Officina Chiricozzi, Falegnameria SGM ed Agriturismo Rio Vicano. Si qualificano ai quarti di finale le migliori due formazioni di ciascun girone e le migliori due terze per un totale di otto squadre. Di seguito le gare saranno ad eliminazione diretta fino alla finale fissata sabato 9 luglio. Non saranno tollerati i comportamenti violenti o antisportivi. Il regolamento, infatti, prevede l’immediata esclusione del giocatore o squadra dal Torneo. Le designazioni arbitrali sono state affidate a Fernando Cilli. L’Aldo Frabotta - Il Torneo giovanile è suddiviso su tre gironi. Pulcini 2000, Pulcini 2002 e Pulcini 2003 a cui parteciperanno le squadre della Cimina Ronciglione, Virtus Cimini, Vignanello e Civitacastellana CG. Si comincia da domani lunedì 13 giugno al campo sportivo comunale di Ronciglione. “Alla grande” come piace dire all’ideatore del Torneo, Franco Antolini. MEMORIAL FILIPPO AQUILANI CATEG. ALLIEVI Venerdì sera si sono affrontate per la categoria allievi del 3° Memorial “Filippo Aquilani” le formazioni del girone A della Virtus Pilastro e della Nuova Sorianese. Match rocambolesco vinto per 4-3 dopo una grande rimonta dalla Nuova Sorianese di mister Stefano Del Canuto. VIRTUS PILASTRO 3 SORIANESE 4 (p.t. 2 – 0) Virtus Pilastro: Mazzetti, Bottiglieri, Mancinelli, Hallulli, Sambuci, Geronzi, Schiada, Corradini,Tardani (cap), Persi, Urbani, Ciancolini, Rinaldo, Zefi; All. Grazini Nuova Sorianese: Buratti, Poli, Mechelli, Nicolamme, Mastrogregori (cap.), Benedetti, Nisini, Martinelli, Ciappetti, per azza, Flauto, Meconi, Serapica, Valentini. All Del Canuto Arbitro: sig. Bernini della sezione di Viterbo Marcatori: p.t. al 15’ Corradini, 27’ Urbani, s.t. 13’ Tardani, 25’ Mastrogregori, 31’ Poli, 37’ e 41’ Perazza. Le due squadre, oramai qualificate per le semifinali, danno vita ad una partita clamorosa vinta dagli ospiti della Sorianese, che in svantaggio di 3 goal al 20’ del secondo tempo, riescono caparbiamente a ribaltare la situazione, andando a vincere per 4 a 3, classificandosi primi nel girone. Ma andiamo con ordine: primo tempo nettamente di marca Pilastro, i ragazzi di Grazini interpretano bene la gara, ordinati a centrocampo

sfruttano la velocità dei propri attaccanti, Tardani e Corradini, e vanno segno prima con quest’ ultimo, che si insinua sulla destra e batte Buratti, e poi con Urbani che da fuori area sorprende l’estremo difensore ospite. Ripresa che si apre con la terza rete di capitan Tardani, che sì invola come al solito e salta Nicolamme, Mastrogregori ed il portiere Buratti e deposita la palla in rete. La partita sembra chiusa, i ragazzi di mister Grazini tirano un po’ i remi in barca, paghi del risultato. Ma così non è la partita la riapre Mastrogregori che sfrutta la prima dormita generale della difesa, e mette a segno di testa la prima rete. I ragazzi di mister Del Canuto ci credono e cominciano a spingere sull’acceleratore, mettendo alle corde una disorientata difesa. Anche il centrocampo perde le geometrie, soprattutto con l’ uscita di Persi uomo d’ordine e riferimento. Così su tre calci piazzati prima Poli, e poi direttamente Perazza, portano in vantaggio la Sorianese, che quindi evita la corrazzata Pianoscarano ed aspetta l’esito del match tra Barco e Virtus Cimini. Ottimo l’arbitraggio del signor Bertini. (Ran Ger.) Classifica girone A - Nuova Sorianese 6; Virtus Pilastro 3; Ortana (0). Approdano alle semifinali Nuova Sorianese e Virtus Pilastro. Semifinali - Già stabilito che la Virtus Pilastro il 20 giugno giocherà contro il Pianoscarano. La Nuova Sorianese il 17 giugno se la vedrà con la seconda del girone B che uscirà fuori dall’esito del match di martedì sera tra Barco Murialdina e Virtus Cimini. Marcatori Allievi - Ecco la classifica aggiornata della classifica dei marcatori allievi dopo il confronto tra Nuova Sorianese e Pilastro. 4 reti - Federico Corradini (Virtus Pilastro) 3 reti - Federico Perazza (Nuova Sorianese); Luca Tardani (Virtus Pilastro) 2 reti - Leonardo Flauto (Nuova Sorianese); Lorenzo Urbani (Virtus Pilastro); Dario Mastrogregori (Nuova Sorianese). Domani in campo - Sosta nel fine settimana e torneo che riprende domani sera alle 20 al “Vincenzo Rossi” con il match del girone A della categoria giovanissimi tra Virtus Pilastro e Nuova Sorianese. FESTA GRANDE PER GLI JUNIORES E ALLIEVI DELLA VIRTUS CIMINI Sabato scorso presso l’Hotel Piccola Opera a Vitorchiano, la Virtus Cimini ha festeggiato i propri campioni. Gli Juniores, vincitori del campionato 2010/2011 e gli Allievi che hanno conquistato, dopo una stagione giocata ai vertici della classifica, il diritto di giocare il prossimo anno il campionato regionale. Antonio Ricci e Silvestro Farsetti, presidenti della società calcistica di Carbognano e Caprarola hanno voluto gratificare i loro giovani campioni organizzando una bella festa nell’accogliente centro di ospitalità viterbese così come promesso all’inizio della stagione sportiva. “Ogni promessa è un debito che va saldato subito” ha dichiarato Antonio Ricci a margine

Gli organizzatori del ‘nuovo’ Valerio Ginnasi della riunione conviviale “questi meravigliosi ragazzi meritano i migliori complimenti per quanto hanno saputo dimostrare sul campo. Si sono allenati con grande serietà per tutta la stagione rispettando gli accordi presi. Molti di loro hanno esordito nel campionato di Promozione con risultati soddisfacenti che lasciano ben sperare per il prossimo futuro. Giorgio Nardocci ha svolto un lavoro serio che lo ha premiato con la conquista del campionato Juniores. Lo stesso discorso vale per Massimo Zega con gli Allievi. Ci hanno fatto vivere una stagione indimenticabile” Complimenti e congratulazioni sono stati rivolti ai giocatori anche da Emiliano Nustriani, Consigliere con delega per lo sport al Comune di Caprarola Emiliano e dal precedente amministratore Alessandro Pontuale ora Consigliere di minoranza. A ciascun giocatore è stato consegnato, con una elegante e calorosa cornice sud-americana, un premio ed un riconoscimento per il risultato conseguito. Silvestro Farsetti ha ricordato che le attività sportive per la preparazione della prossima stagione sportiva inizieranno il 22 agosto nei campi di calcio di Caprarola e Carbognano. Questi i giocatori premiati: Ciambella, Cioccolini, Ricci, Nunzi, D’Alessio, Campana, Francola, Ackrach, Carnevali, Marchini, Igini, Cristofori, Colopardi, Totonelli, Coletta, Toparini, Pascale, Alin, Ioncoli, Serafini, Dhimitri, Ciula, Loppi, Del Nero Chiossi Farsetti Vincenzi, Cristofori, Nocera, Rossi, Cristofori A., Cardenas, Totonellii, Nardocci L., Nardocci A., Conti, Paradisi, Narduzzi ed alla fine chiaramente i due allenatori Nardocci e Zega.

I RISULTATI DAL CITTA’ DI RONCIGLIONE Ronciglione vince e convince, grandi finali per la categoria Giovanissimi e Allievi del 19^ Torneo di Calcio Giovanile Città di Ronciglione svoltesi giovedì 9 giugno hanno decretaro due vittorie per le compagini del Ronciglione. Nella categoria Giovanissimi il team di mister Chiricozzi si è aggiudicato il trofeo vincendo di misura su un ottima squadra del Tre Croci che si è piegato solo dopo i tempi supplementari accusando più della Cimina Ronciglione la stanchezza dei suoi giocatori. Riconoscimenti - Il trofeo capocannoniere di categoria è andato a Parker Sean mentre alla US Tre Croci sono stati assegnati i trofei miglior portiere Giulianelli Alessio e miglior giocatore Valeriani Gabriele. Nella categoria Allievi il Ronciglione di mister Claudio Marani è riuscito in un impresa impensabile mettendo insieme tutti i Ronciglionesi sparsi nelle varie società e creando un gruppo omogeneo che ha fatto vedere anche bel gioco e affiatamento, un ottimo presupposto per continuare su questa strada sempre che le “ sirene dei procacciatori calcistici” non vengano ascoltate e come fece Ulisse ai ragazzi diciamo “tappatevi le orecchie” e andate dove sta il vostro cuore. Il Trofeo categoria Allievi è andato al Ronciglione che ha vinto 2 a 0 sull’Etrusca Calcio e qualificandosi con le vittorie sul Barco Murialdina e Accordia tutte compagini fortissime e di prestigio. Riconoscimenti - Il trofeo capocannoniere è andato a Manuel San-

taquilani, mentre il miglior portiere è stato vinto da Samuele Del Nero e il miglior giocatore al capitano dell’Accordia Briganti Marco Le altre finali - Si sono giocate nella serata di ieri. Scontro casalingo tra le due squadre di Ronciglione Altalena e Cimina che si contendono la categoria Esordienti, per la categoria Pulcini 2002 le finaliste sono state la Romaria e l’Accordia, e per la categoria 2001 sempre l’Accordia se la vedrà con l’Etrusca Calcio. La grande finale del Trofeo Claudio e Marco Bigi riservato alla categoria Piccoli Amici 2003 e 2004 sarà tutta tra le due squadre di Civita Castellana mentre la finalina terzo e quarto posta sarà tra il Manziana e la Cimina Ronciglione. Aggiornamento nelle prossime edizioni per i servizi relativi a queste finali. LA GIOIA DELLA VIGOR PER IL SUCCESSO AL “SOCCIARELLI” Soddisfazione per gli Esordienti 1999 della Vigor allenati da Giovanni Casciani che hanno vinto la �nale del Socciarelli di Grotte di Castro battendo in �nale per 4-0 la formazione toscana dell’Aurora Pitigliano. Doppietta di Lorenzo Casarelli e sigilli di Valerio Illiano e Raffaele Cotigni. “Sono orgogliosissimo di questo gruppo”, sottolinea il tecnico a termine premiazione, “perché proprio in questa stagione ha effettuato il salto di qualità che mi aspettavo sia sotto il punto di vista tattico che tecnico”. Altro servizio a pagina 29

C/5 - Dalla Coppa Provincia out Caprarola e Ada

Finale tra Active Network e V. Monterosi

E

la �nale della Coppa Provincia del calcio a 5 di serie D maschile è servita. Venerdì prossimo in campo neutro (forse Ronciglione) si contenderanno il trofeo l’Active Network Cus Viterbo e la Virtus Monterosi. ACTIVE NETWORK 8 CAPRAROLA 4 (dopo i calci di rigore, andata 3-4) S�da bellissima quella giocata venerdì sera al Palacus. L’Active doveva rimontare il 4-3 dell’andata e i tempi regolamentari si sono conclusi proprio 4-3 per i padroni di casa che erano partiti fortissimi chiudendo il primo tempo sul 3-0 con le reti di Felici al 2’, di Fraccaro al 9’ e di Torres al 17’. Poi nella ripresa la superba reazione del Caprarola in rete con Crescini all’11’ e al 20’ e sul 3-3 con Pasquali al 22’. La svolta al 29’ quan-

do Torres trova su tiro libero la rete del 4-3 e al 62’ quando Sambuci respinge il tiro libero di Pasquali. Si va alla lotteria dei rigori. Per l’Active gol di Buzzi, Fiorani, Gori e Felici, il Caprarola sbaglia con De Angelis e Totonelli, segna con Tufa ma non basta. Active nella �nalissima della Coppa Provincia. VIRTUS MONTEROSI 4 ASS. DELLA ASSOCIAZ. 2 (andata 3-2) Tutto semplice per la Virtus Monterosi che forte del risultato dell’andata batte per 4-2 sul suo campo la formazione civitavecchiese dell’Ada e il team di mister Ciof� raggiunge con merito la �nalissima che si giocherà venerdì 17 giugno alle ore 21. presumibilmente al Chianello di Ronciglione.


� �

sport

SPORT

& Domenica 12 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

27

CALCIO PULCINI

Fantastica Romaria in terra veneziana

I boys di mister Puccica hanno vinto la kermesse battendo nella finalissima l’Ambrosiana S traordinaria impresa dei Pulcini dell’Asd Romaria che nei giorni scorsi si sono imposti alla “Kermesse del Pulcino” svoltasi a Mestre ed organizzata dal Gazzera Olimpia Chirignago”. Una bellissima esperienza quella vissuta dai Pulcini dell’Asd Romaria. conclusa con un trionfo inaspettato e sancito dalla finalissima vinta per 1-0 contro l’Ambrosiana con la rete decisiva di Reinkardt. I PROTAGONISTI Ecco i campioncini dell’Asd Romaria che hanno trionfato: Riccardo Arcuri, Giuseppe Bomarsi, Flavio Carelli, Giuseppe D’Angelica, Mattia Ciacobbo, Christian Faraoni, Leonardo Felici, Ales-

sandro Mercuri e Yuri Reinkardt. Staff tecnico e dirigenziale - Allenatore Lillo Puccica. Dirigente accompagnatore Angelo Faraoni: Responsabile Mauro Romagnoli; Segretaria Caterina Mercuri.

AL SEGUITO DEL TEAM E a gioire non sono stati soltanto i bambini trionfatori ma anche il nutrito gruppo al loro seguito formato da Giuseppina Crocicchia, Domenico Bomarsi, Alessandra Tosi, Luigi Carelli, Maria Lucia Lombardi, Michele D’Angelica, Maria Iavarone, Niccolò Faraoni, Antonio Felici, Edoardo Felici e Mauro Zanganella, Gianluca Mercuri, Emanuele

Reinkardt, Paola Carrazza, Danila Reinkardt, Federica Famularo, Lorella Martin e Anna Giovanforte. Un grosso ringraziamento per la professionalità dimostrata va all’autista del pullman Daniele La Pietra.

NON SOLO CALCIO E la due giorni in terra veneziana per tutti i componenti della spedizione ha rappresentato anche una grande occasione di svago e di divertimento ed immancabile è stata anche la “puntatina” nell’incantevole città di Venezia.

ED ORA IL CITY CAMP AD ORIOLO E da domani sino al 24 giugno tutto è pronto per lo Junior City Camp che l’Ads Romaria ha organizzato ad Oriolo Romano e al quale si sono iscritti circa 60 partecipantidi un’età

compresa tra i 5 e i 12 anni in quella che sarà un’autentica full immersion dal lunedì al venerdì dalle 9 alle ore 18. Tutto è stato organizzato nel migliore dei modi e con la massima professionalità. agv

QUI BARCO MURIALDINA - Definiti i quadri tecnici per la stagione 2011/2012

Tra feste, triangolari e nuova programmazione D

opo la splendida e festosa giornata trascorsa a Roma per la partita del derby del cuore, il Barco Murialdina ha celebrato, la seconda edizione della Coppa della Provincia di Viterbo, con l’organizzazione di un triangolare federale (cat. 1997/1998) in cui hanno preso parte l’A.S. Roma, l’S.S.D. Tre Croci e l’A.S.D. Barco Murialdina. Al di là del successo quasi pronosticato dell’A.S. Roma, le tre compagini schierate sul campo di gioco hanno dato vita a confronti sportivi di tutto riguardo, con agonismo, tecnica, disciplina, ma soprattutto amicizia. Al termine della competizione, vinta appunto dall’A.S. Roma, seguita in seconda

posizione dal Barco Murialdina e per ultima, ma non ultima per quanto dimostrato in campo e fuori, l’S.S.D. Tre Croci, si procedeva alla premiazione, svolta alla presenza di autorità della Provincia di Viterbo e della Federazione Gioco Calcio di Viterbo. Il presidente Sergio Pollastrelli ringraziava tutti gli intervenuti, omaggiandoli di gadget ed opere letterarie che richiamano le bellezze storiche ed attuali presenti nel territorio della tuscia. Le formazioni A.S.D. Barco Murialdina: - Cristian De Iasi, Andrea Scorsini, Lorenzo Fortugno, Lorenzo Mencarelli, Luciano Cenani, Niccolò Prestininzi, Andrei Vrancenau, Francesco Di Benedetto, Andrea

AS Roma

Paladini, Silvio Ciobanu, Eduard Budei, Raffaele Bossi, Valerio Santopietro, Alessio Santucci, Matteo Mancinelli, Gianmarco Mei, Federico Rossi, Cristian Caferra e Raffaele Di Gaetani. Allenatore: Claudio Bernacchi. A.S. Roma:- Andrea Romagnoli, Alessio Tribuzzi, Riccardo Marchizza, Angelo Persia, Filippo Cardelli, Francesco De Santis, Carlo Lorusso, Cristiano Paolombi, Paolo Argomenti, Alessandro Bordin, Andrea Terziani, Alessandro Santopadre, Marco Demofonti, Michele Donat, Francesco Cannizzo, Luca Ponteleoni, GiovanGiuseppe Arcamone, Federico Visconti e Ramon Muzzi. Allenatore: Mirko Mantrè.

S.S.D. Tre Croci:- Alessio Giulianelli, Riccardo Polidori, Avidiu Ghitan, Robin Van Ginkel, Gianluca Fabrizi, Matteo Venanzi, Lorenzo Fiorentini, Davide Giugliano, Francesco Bernardo, Alessio Bettini, Robert Caravella, Francesco Paolocci, Jacopo Delle Monache, Gianluca Aquilani, Alessio Spolverini e Riccardo Tomassini. Allenatore: Fabrizio Zinna. Con l’occasione la società del Barco Murialdina, per la stagione sportiva 2011/2012, comunica il seguente organigramma tecnico - sportivo:Direttore Sportivo: Paolo Chiarabini;

Barco Murialdina

La premiazione Coordinatore Tecnico: Marco Milani; Coordinatore del personale dirigente: Stefano Mei. Allenatore 1^ squadra:- Milani Marco; Allenatore Juniores:- Perandria Paolo; Allenatore Allievi 95:- Bernacchi Claudio;

Allenatore Allievi 96:- Benedetti Luca; Allenatore Giovanissimi 97: -Celestini Andrea; Allenatore Giovanissimi 98: -Mazziotti Guglielmo. Nelle prossime edizioni altri servizi sul �ne stagione del Barco Murialdina. Redazione Sportiva

Tre Croci


� �

sport

SPORT

28

Viterbo & Domenica 12 Giugno 2011 AltoLazio

CALCIO A 5

Al Minella le ‘emozioni’ vanno di moda Venerdì sera successi per 5-4 della Ripa e della Tabaccheria Barcaroli CALENDARIO PRIMA FASE data

ora

partita

risultato

TEMPLARI - BAR CHALET

3-4

EDILIZIA STRAGAPEDE - LA RIPA

5-5

Q.D.C. - TEAM ZURICH ASSICURAZIONI

4-3

TABACCHERIA BARCAROLI - COSMO TEAM CANEPINESE

4-5

REAL GIGI LA TROTTOLA - ALTERECO

11 - 2

COCCI SFRANTI - FMA TERMOIDRAULICA BARI

3-3

TEAM ZURICH ASSICURAZIONI - EDILIAZIA STRAGAPEDE

3-5

COSMO TEAM CANEPINESE - BAR CHALET

1-2

TEMPLARI - REAL GIGI LA TROTTOLA

2-4

Q.D.C. - COCCI SFRANTI

1-2

LA RIPA - FMA TERMOIDRAULICA BARI

5-4

ALTERECO - TABACCHERIA BARCAROLI

4-5

oggi

21,30

COSMO TEAM CANEPINESE - TEMPLARI

oggi

22,30

EDILIZIA STRAGAPEDE - COCCI SFRANTI

13/06

21,30

TAB. BARCAROLI - REAL GIGI LA TROTTOLA

13/06

22,30

LA RIPA - TEAM ZURICH ASSICURAZIONI

14/06

21,30

FMA TERMOIDRAULICA BARI - Q.D.C.

14/06

22,30

BAR CHALETI - ALTERECO

15/06

21,30

TEMPLARI - TABACCHERIA BARCAROLI

15/06

22,30

COCCI SFRANTI - TEAM ZURUCH ASSICURAZ.

16/06

21,30

FMA TERMOIDRAULICA BARI - ED.STRAGAPEDE

16/06

22,30

ALTERECO - COSMO TEAM CANEPINESE

17/06

21,30

REAL GIGI LA TROTTOLA - BAR CHALET

17/06

22,30

LA RIPA - Q.D.C.

19/06

21,30

TEAM ZURICH ASS. - FMA TERMO.BARI

19/06

22,30

TEMPLARI - ALTERECO

20/06

21,30

R.GIGI LA TROTTOLA - COSMO T.CANEPINESE

20/06

22,30

LA RIPA - COCCI SFRANTI

21/06

21,30

Q.D.C. - EDILIZIA STRAGAPEDE

21/06

22,30

TABACCHERIA BARCAROLI - BAR CHALET

S

Foto Andrea Di Palermo

�de al “cardiopalma” quelle di venerdì sera al torneo di calcio a cinque “Claudio Minella” di Vasanello. Entrambe i match si sono conclusi con il punteggio di 5-4 al termine di confronti tiratissimi a conferma di come i protagonisti in campo ci tengano ad andare avanti nella competizione. GIRONE A Si è giocato il confronto tra la Tabaccheria Barcaroli formata in prevalenza da giocatori della zona del ternano e l’Altereco che era reduce dalla pesante scon�tta subita all’esordio contro il team del Real Gigi La Trottola. Ha vinto la Tabaccheria Barcaroli per 5-4 che ha iniziato quindi a muovere la sua classi�ca dopo aver perso all’esordio contro la Cosmo Team Canepinese. Oggi - Questa sera per il girone A alle 21,30 ab-

GIRONE A BAR CHALET

6

REAL GIGI LA TROTTOLA

6

COSMO TEAM CANEPINESE

3

TABACCHERIA BARCAROLI

3

I TEMPLARI

0

ALTERECO

0

L’arbitro Maurizio De Bartolo biamo la super s�da tra Cosmo Team Canepinese e Templari. GIRONE B Ed anche qui non si è scherzato. S�da bellissima quella tra la Ripa Canepina di mister Paolo Proietti e la Fma Termoidraulica Bari formata da molti “calcettari” autentici. Alla �ne il carattere e la grinta

della Ripa è stato premiato con la vittoria per 5-4 che consente alla Ripa di salire a quota 4 punti e di fare l’occhiolino al passaggio al turno successivo. Oggi -Per il gruppo B alle 22,30 s�da ad alta quota tra Edilizia Stragapese e Cocci Sfranti che mette in palio il primato nel girone.

GIRONE B EDILIZIA STRAGAPEDE

4

COCCI SFRANTI

4

LA RIPA CANEPINA

4

Q.D.C.

3

FMA TERMOIDRAULICA BARI

1

TEAM ZURICH ASSICURAZIONI

0

agv

La Ripa

Tabaccheria Barcaroli

MEMORIAL CASCIANI - BACCANARI - I risultati degli juniores nelle quattro sfide di venerdì

Oggi la finale Pulcini tra Civita C e Rignano Soratte

T

empo di verdetti al 4° Memorial “Casciani Baccanari” di Civita Castellana. Venerdì pomeriggio si sono giocate le semi�nali dell’avvincente categoria dei Pulcini 2001. PULCINI 2001 SEMIFINALI Pur avendo evidenziato nelle due gare la superiorità del Civita C (sul Castel S. Elia) e del Tre Croci (sul RignanoSoratte), le gare si sono concluse nei tempi regolamentari su due pareggi: nella prima semi�nale il Civita C sprecava diverse occasioni da gol e il Castel S. Elia ripartiva velocemente con almeno tre ottimi elementi. Alla �ne, dopo lo 0-0 conclusivo, la sequela dei rigori, con il portiere del Civita C, Mattia Nilo, che si ergeva a custode della sua porta, permettendo ai suoi di superare gli avversari. La seconda semi�nale sembrava ancora più decisa della prima, perchè il Tre Croci aveva già ben impressionato nelle precedenti partite e partiva a razzo anche

in questa, arrivando a condurre per 2-0 �no a 2 minuti dalla �ne del tempo regolamentare. Poi il caso e alcuni cambi effettuati dal Tre Croci forse per spezzare il ritmo agli avversari hanno invece fatto la frittata, perchè prima il RignanoSoratte accorciava le distanze e poi a 20” dalla �ne della gara addirittura pareggiava 2-2. A questo punto la bilancia umorale pendeva decisamente a favore del RignanoSoratte che ne appro�ttava e vinceva ai rigori. Le �nali - Oggi alle 17 per il terzo e quarto posto match tra Tre Croci e Castel S.Elia, poi ci sarà una partitina dimostrativa dei bravissimi Piccoli Amici 2003 di mister Alfredo Manoni, che hanno trionfato in tutti i tornei che hanno disputato in questo �ne stagione (Sangemini, Grotte di Castro e addirittura a Ronciglione sono in �nalissima con due squadre), a seguire la �nale per il 1° e 2° posto tra il Civita C di mister Maurizio Prosperi e il RignanoSoratte.

JUNIORES Hanno aperto le danze i superfavoriti per la vittoria �nale di Romy, che hanno travolto di reti (19-4) i pur volenterosi ed encomiabili giovani degli All Stars. Una gara senza storia e monotona, con mattatore Scopetti (con i 12 gol di stasera arriva a quota 35, inarrivabile per chiunque), Conti (2), Anzellini (2), De Luca (2) e Lanzi (1) per Romy; per gli All Stars hanno segnato Nelli Edoardo (3, e fanno 8 nella classi�ca totale dei cannonieri), Molon (2) e Berardi (1). Così in campo: Romy- Mariantoni, Conti, Anzellini, Lanzi, Scopetti, De Luca. All Stars: Angeletti, Nelli, Molon, Cordioli, Scopetti, Berardi. Alle 20 il tono dello scontro agonistico è risalito con la gara The Club-Atletico F., complice anche il fatto che per lunga parte della gara i primi hanno giocato 4 contro 5 per la mancanza di giocatori, ma ciò nonostante sono stati sempre in vantaggio, �nendo per vincere 8-7 una gara tirata, ma corretta. In gol Angelelli

(4), Mazzafoglia (2) e Proietti (2) per The Club che “vede” i quarti a portata di mano); Iammella Mirko (3), Del Torto Luigi (2) e Puzzovio (2) per l’Atletico F. (a forte rischio eliminazione). Formazioni: The Club: Stentella, Angelelli, Mazzafoglia, Proietti, Di Giammartino. Atletico F.: Stragapede S., Iammella M., Del Torto L., Del Torto M., Stragapede L., Puzzovio. Alle 21 la partita più bella e tecnicamente valida della serata, tra i ‘95 dei Pink Devils e i ‘96 del Deportivo Masticoni (con in panchina mister Massimo Salvatori). Una gara equilibrata �no alla �ne del primo tempo, conclusosi sul 4-3 per i Pink Devils, con i Masticoni che ribattevano gol a gol ai loro avversari, con la differenza fatta soprattutto dalle parate di Coretti, portiere dei Pink Devils, a cui va sicuramente un plauso. Nella ripresa invece la miglior condizione �sica dei Pink Devils (e cambi di buona qualità) facevano la differenza, per un risultato �nale di 9-4 a favore dei Pink

Civita C Devils, che si candidano come secondi del girone, dietro gli schiacciasassi del Romy. I gol sono stati realizzati da Persico (3), Emili M. (2), Lanciano (2), Galligani (1) e Dattilo (1) per i Pink Devils; Giurato (2), Salvatori (1) e Sestili (1) per il Deportivo Masticoni. Così in campo: Pink Devils: Coretti, Borromei, Emili, Lanciano, Persico, D’Ubaldo, Galligani, Dattilo. Dep. Masticoni: Sorato, Salvi, Molinari, Giurato, Salvatori, Sestili, Nelli G., Testalepre. Alle 22 l’ultima partita della serata, F.C. Saparm-F.C. Pratarelli, iniziata tranquilla e terminata con un pò troppa adrenalina in corpo, �glia forse dei troppi tornei che

ogni ragazzo gioca e quindi dell’applicazione di regole diverse che fanno perdere la bussola. Al termine ne è uscito fuori un pareggio per 4-4 (il primo dall’inizio del torneo) sostanzialmente giusto, tra due squadre rimaneggiate. I gol per la F.C. Saparm sono stati realizzati da Angeletti G. (2) e Molinari (2); per la F.C. Pratarelli in gol Martelletti (2), Emili D. (1) e Prezzavento (1). Questi i giocatori scesi in campo: F.C. Saparm: Tuia, Gradassai, Rosella, Molinari, Angeletti G., Basili. F.C. Pratarelli: Bongarzone, Martelletti, Emili, Sanapo, Bernardi, Prezzavento. Ieri riposo, juniores che tornano in campo domani con quattro s�de.


� �

sport

SPORT

& Domenica 12 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

29

BASEBALL B

Rams-Mastiff, chi è la regina? Sfida al vertice tra i ragazzi di Massini e i toscani in cui non mancano gli ex viterbesi

di GLAUCO ANTONIACCI

C

’è voluto quasi un intero girone di andata per assistere allo scontro più atteso del campionato, quello tra le due squadre che, classi�ca alla mano, hanno dimostrato e stanno dimostrando di essere più forti di tutte. Pianeta Benessere Viterbo e Mastiff Arezzo, due scon�tte totali in trenta partite giocate, hanno dominato la prima metà di campionato e, di fronte ad una concorrenza che accusa ogni tanto qualche battuta a vuoto, hanno l’opportunità oggi, sul diamante di casa dei viterbesi, di avvicinare sensibilmente il primo posto nel girone. Non è una s�da inedita dal momento che i due team si sono affrontati già in Coppa Italia; in quella occasione, si giocava sempre a Viterbo, il ‘nove’ di Alberto Massini si impose per 5-3 al termine di un match combattuto ed equilibrato �no alla �ne. C’è da scommettere che l’equilibrio proseguirà anche oggi, tra due squadre che sono cresciute rispetto ad inizio stagione e che sanno di gio-

Pallotta verso il recupero carsi una bella fetta di primo posto nel girone. La conferma dell’importanza di queste due s�de arriva dallo stesso manager viterbese, Alberto Massini: “C’è grande attesa, è una partita che sentiamo e che abbiamo cercato di preparare bene in settimana. Non penso che sarà decisiva per il primo posto �nale ma sicuramente è impor-

CLASSIFICA

VINTE

PERSE

%

BBC MASTIFF AREZZO

15

1

937

PIANETA BENESSERE VITERBO

13

1

928

CONSORZIO EDILPESARO

10

4

714

FANO BASEBALL

9

5

642

JOLLY ROGER C. DELLA PESCAIA

8

6

571

CUPRA ANCONA BASEBALL

7

7

500

NETTUNO 2

4

10

285

JABIL FALCHI CASERTA

3

11

214

BC FOGGIA

3

13

187

PROGETTO TERAMANO

0

14

0

tante per la classi�ca in questo momento e per capire chi è più forte. Arezzo è una buona squadra e la classi�ca lo dimostra ma credo che noi siamo un po’ più attrezzati. Hanno perso solo una volta, a Foggia contro lo stesso lanciatore che ha messo in dif�coltà anche noi, ma è un passo falso che può capitare come è successo alla nostra squadra contro Nettuno”. “Hanno due dominicani aggressivi sulle basi - prosegue Massini - cercano sempre di rubare e mettono pressione alla difesa ma abbiamo preparato qualche contromisura. Sono convinto che, se teniamo bene i loro battitori, una base rubata in più o in meno non può determinare una vittoria o una scon�tta”. Tra i tanti motivi di interesse di questa doppia s�da c’è anche il ritorno a Viterbo, da avversari, di alcuni ex come il

lanciatore Moreno Funzione e i fratelli Fiorentini. Il Pianeta Benessere dovrebbe presentarsi al gran completo, con Pallotta che sta recuperando la migliore condizione dopo i problemi alla schiena accusati la scorsa settimana. Anche Petretti ha dovuto fare i conti con un guaio muscolare al polpaccio ma dovrebbe essere regolarmente a disposizione. Da decidere la rotazione dei lanciatori che, questa volta, saranno tutti abili ed arruolati per il manager Massini. Gara 1 inizierà alle 11, mezz’ora di ritardo rispetto al solito per venire incontro alle esigenze dei toscani che raggiungeranno Viterbo in mattinata. Il primo lancio di gara 2 è previsto alle 15,30.

ESORDIENTI 1999 Vince il titolo la Vigor Acquapendente che nella �nalissima

si è imposta per 4-0 sull’Aurora Pitigliano. Al terzo posto il Civita Castellana che ha avuto la meglio per 3-2 sul Pianoscarano. Riconoscimenti - Ecco i titoli assegnati. Miglior portiere Gianluca Poppi (Vigor Acquapendente); giocatore con il maggior talento Francesco Doganieri

(Pitigliano); miglior giocatore Lorenzo Casarelli (Vigor); premi fair play a Manuel Zollo (Pianoscarano) e Andrea Stentella (Civita Castellana). IERI LE FINALI DEI PULCINI Ieri al Comunale si sono giocate le ultime due �nali riservate alle categorie Pulcini 2001 e Pulcini 2002 delle quali vi daremo il resoconto nella nostra edizione di martedì. DOMANI FESTA FINALE CON L’AS ROMA E da non perdere il grande appuntamento di domani a sancire la conclusione di questa grande XVIII edizione del Memorial “Alessio Socciarelli”. Ospiti di lusso i boys dell’As Roma e ricordiamo a tal proposito che la Polisportiva Real Azzurra è af�liata con la società giallorossa. Questo il programma. Ore 18 Match tra i Pulcini del-

A

lla scoperta di un’avversaria sconosciuta. Potrebbe intitolarsi così il �lm che andrà in onda stamattina dalle 10,30 sul diamante del Porroni di Monte�ascone, dove il Tuscia Green Sox ospita la Mantovani Latina con cui condivide il primo posto della classi�ca. Entrambi i team sono stati autori di un percorso netto, cinque vittorie e zero scon�tte, e la striscia di imbattibilità di una

Black Hawks, si può fare A

rchiviato il turno di riposo imprevisto dello scorso �ne settimana, i Black Hawks Tuscia si rituffano nell’Intergirone del campionato di serie C nazionale di baseball, ospitando questo pomeriggio alle 16 al ‘Porroni’ di Monte�ascone la formazione toscana dei Cosmos di San Casciano Val di Pesa. Per il giovanissimo gruppo del manager Angelo Sgnaolin potrebbe essere l’occasione giusta di tornare ad assaporare il piacere della vittoria, provato in questa stagione solamente contro Spoleto al termine di una gara �nita agli extra-inning. I Cosmos hanno fatto anco-

Alla Vigor il titolo Esordienti ‘99 (4-0 al Pitigliano) ltimi fuochi di arti�cio al torneo Memorial “Alessio Socciarelli” di Grotte di Castro. Venerdì sera si sono disputate le �nali per la categoria Esordienti 1999. Ecco i verdetti.

Il Tuscia Green Sox mette in palio la vetta

BASEBALL C - Match casalingo contro i Cosmos

MEMORIAL ALESSIO SOCCIARELLI - Ieri le ultime finali, domani arrivano i boys dell’As Roma

U

BASEBALL C - Al ‘Porroni’ arriva la Mantovani Latina

l’As Roma 2002 e una selezione di Pulcini 2001 che hanno partecipato al Memorial Socciarelli. Ore 18,30 - S�da tra la selezione del torneo e la compagine Pulcini 2000 della Polisportiva Real Azzurra Ore 19,00 - Confronto tra i Pulcini 2002 dell’As Roma e i Pulcini 2001 della Polisportiva Real Azzurra. Il tutto intervallato da balletti, coerogra�e, esibizioni di ginnastica artistica degli atleti della Polisportiva Real Azzurra. Seguirà la cerimonia di premiazione e a quel punto calerà il sipario su un Memorial “Alessio Socciarelli” durato un mese e che ha visto centinaia e centinaia di giovani atleti divertirsi all’insegna dei valori sportivi. NELLE FOTO Nelle immagini a corredo del servizio alcuni momenti della serata dedicata agli Esordienti 1999 con annesse le premiazioni �nali.

ra peggio, incassando solamente scon�tte ampie, con scarti di oltre dieci punti e qualche conclusione per manifesta inferiorità. Un’avversaria alla portata della formazione di Sgnaolin che forse, al momento del primo lancio, potrebbe provare la ‘strana’ sensazione di essere considerata quasi favorita dal pronostico. Al di là del risultato che non è prioritario nel progetto targato Black Hawks, conterà certamente l’approccio mentale dei ragazzi e la loro crescita sotto il pro�lo del gioco e dell’af�nità di squadra. Se poi dovesse arrivare anche una bella vittoria, sarebbe un premio più che meritato. (ga)

delle due si dovrà interrompere per forza. Pronostico dif�cile, se non impossibile, per tutti gli addetti ai lavori, compreso il manager falisco Mirco Di Francesco: “E’ un match che ci dirà chi chiude al primo posto il girone di andata, anche se tutto potrebbe decidersi al ritorno in casa loro. Sono una squadra nuova, con qualche giocatore che l’anno passato era in A2, altri che giocavano con i Lions Nettuno, insomma un gruppo rivoluzionato che scopriremo in questa occasione. So che giocano bene ma hanno qualche alto e basso, come del resto capita anche a noi. Vedremo a chi capiterà per primo, perchè rincorrere è sempre dif�cile”. Sulla gara c’è l’incognita pioggia (prevista qualche goccia) e l’incertezza del primo match mattutino per i falisci che si presenteranno al completo ma con le scelte sul monte di lancio ancora tutte da fare. (GA)


� �

sport

SPORT

30

Viterbo & Domenica 12 Giugno 2011 AltoLazio

R UGBY

Viterbo guarda avanti nel segno della continuità Scorzosi resta alla guida della prima squadra, Racean avrà l’under 18. A settembre la nuova club house TENNIS - Di fronte gli avvocati di Napoli e quelli di Latina-Viterbo

di GLAUCO ANTONIACCI

Q

ualche novità, tante conferme e la voglia di iniziare la stagione che verrà con un gesto forte, dal grande valore simbolico. Si è svolta venerdì sera, nello spazio verde tra la Club House e il terreno di gioco del Sandro Quatrini, l’assemblea di �ne anno sportivo per il Rugby Viterbo ed il Rugby Green, le due società che operano rispettivamente nella prima squadra e nel settore giovanile. Alle spalle c’è un 2010/2011 che non ha certo regalato grandi gioie, cominciando dalla retrocessione in serie C della prima squadra e proseguendo con i risultati non esaltanti dei Lions, nati dalla volontà di unire le forze con Civita Castellana e Montevirginio per affrontare i campionati under 18 e under 16. Qualche delusione che non ha certo diminuito la volontà di andare avanti, in una stagione che, per il rugby viterbese, sarà quella dei 60 anni di attività ininterrotta. Alla guida del Rugby

Si assegnerà oggi lo scudetto delle toghe S Qui sopra il pubblico presente, sotto i massimi dirigenti delle due società Viterbo e del Green rimarranno, rispettivamente, Aldo Perugini e Giorgio Petroselli che, di fronte alla famiglia della palla ovale viterbese quasi al gran completo, hanno illustrato programmi e novità per il futuro immediato.

Donato Scorzosi sarà ancora il responsabile della prima squadra con Fernando Forti preparatore atletico, Nicola Racean diventerà tecnico della formazione under 18, ancora con il nome Lions, impegnata nuovamente nel barrage per disputare il campionato Elite. L’under 16 sarà af�data sicuramente ad un altro volto nuovo, Gian Antonio Russo, che avrà anche il ruolo di direttore tecnico di tutto il Green mettendo a disposizione del settore giovanile la sua esperienza. Per quanto riguarda i gruppi del Rugby Green, Cristiano Notarangelo si occuperà della under 14, Michele Belli della under 12, Adriana Sferragatta della under 10 e Michele Schirripa della under 8. “Sono sempre convinto che la nostra squadra non fosse da retrocessione - ci ha detto il presidente Perugini - ma purtroppo abbiamo perso strada facendo alcuni elementi importanti per questioni

di lavoro o di studio e qualche partita sfortunata ha �nito per condannarci. I risultati però, si sa, vanno e vengono e non dobbiamo abbatterci, perchè la base rappresentata dal Green è valida e ci fa ben sperare. Chissà che poi questo schiaffo della retrocessione non ci faccia bene con un gruppo che rimarrà più o meno quello dello scorso anno”. Di sicuro il nuovo anno ripartirà dal tradizionale Torneo del Capitano, dedicato al compianto Domenico Gasparini. Si giocherà il 17 e 18 settembre, prima con gli Old poi con le prime squadre. Per quella data, la società ha fatto sapere di voler ultimare i lavori alla nuova club house che verrà intitolata ad Eraldo Gabrielli, scomparso alla �ne del 2008. NAZIONALE A - Questo pomeriggio il viterbese Riccardo Bocchino partirà ancora titolare nella Churchill Cup con gli azzurri che s�deranno la Russia.

aranno gli avvocati tennisti di Napoli e quelli del team misto Latina-Viterbo a giocarsi, stamattina dalle 10 sui campi del Tc Viterbo, il successo nel 32° Campionato Italiano riservato ai giocatori ‘togati’. Mentre i partenopei si sono sbarazzati senza particolari dif�coltà della formazione di Torino, molto più combattuta è stata l’altra semi�nale che ha opposto, in un derby laziale, gli avvocati di Roma e quelli di Latina/Viterbo. I capitolini, grazie al viterbese Niccolò Basili, si sono portati subito in vantaggio; il numero uno romano ha infatti liquidato 6/0 6/4 un volonteroso Gianluca Barbierato per Latina/Viterbo che, malgrado l’impegno, non è riuscito a contrastare il gioco più solido dell’avversario. Il pareggio è arrivato grazie Fabrizio Tropiano che, nel singolare Over 50 obbligatorio per regolamento, ha lasciato solo cinque games (6/3 6/2) a Stefano Fiore. Sull’1-1 è toccato alla viterbese Martina Alabiso che ha s�dato la romana Giuseppina Venuti; sulla carta doveva essere una ‘passeggiata’ per la Alabiso che invece ha incontrato più dif�coltà del previsto, portando comunque a casa la vittoria per

6/4 6/2 dopo aver fatto ricorso a gran parte del suo repertorio tecnico. Il punto decisivo per il passaggio in �nale del team Latina-Viterbo è arrivato poco dopo con il singolare di 4^ categoria: Toni Macioce ha affrontato Massimiliano Pozzi �glio del grandissimo Maestro ‘Peppe’ Pozzi e punto di forza della squadra romana. Dopo due ore, sul punteggio di perfetta parità (7/5 Pozzi il primo set, 7/6 Macioce il secondo), Pozzi è stato costretto al ritiro a causa dei crampi ed ha dovuto suo malgrado lasciare via libera agli avversari. A risultato acquisito sono scesi in campo per il doppio Ragnini e Cerci per Latina-Viterbo contro Cirieco e Grilli per Roma. Sono stati questi ultimi a vincere, �ssando il risultato sul 3-2 in favore delle toghe di Latina-Viterbo. Oggi, a partire dalle 10, l’atto conclusivo che assegnerà lo scudetto 2011, con la s�da Napoli contro Latina-Viterbo che sfugge ad ogni pronostico. Perfetta l’organizzazione guidata dal Giudice Arbitro Luigi Maria Zarbà in collaborazione con l’avv. Gregorio Equizi, Diana Micheli e l’assistente Giudice Arbitro Vincenzo Del Gaiso.

ATLETICA - Cena di gruppo per ripensare alle belle vittorie di questi ultimi mesi e gettare le basi dell’attività nella seconda parte della stagione

Grande festa con la Finass che si prepara ai prossimi impegni agonistici SALUTO ‘SPECIAL’

Martina Casagrande in partenza per Atene D

omani alle 11,30 presso la Sala del Consiglio di Palazzo dei Priori, il sindaco di Viterbo Giulio Marini e l’assessore allo Sport Enrico Maria Contardo, insieme al presidente della Provincia Marcello Meroi e all’assessore allo Sport Andrea Danti, saluteranno Martina Casagrande a pochi giorni dalla sua partenza per i Giochi Mondiali Special Olympics, in programma ad Atene dal 20 giugno al 4 luglio, che la vedranno in gara nel nuoto. Saranno presenti Alessandro Palazzotti, coordinatore nazionale Special Olympics e presidente regionale del Coni, Livio Treta, presidente provinciale Coni, Maurizio Casciani, coach uf�ciale di Martina, Alessandra Palazzotti, capo delegazione italiana ad Atene.

U

na festa per celebrare la �ne della prima parte della stagione agonistica, ricordare come si deve le tantissime vittorie già ottenute e guardare ai prossimi impegni (qualcuno già in corso in realtà) con il necessario ottimismo. Ma soprattutto una serata da trascorrere in compagnia, con gli amici di sempre e con quelli nuovi, con cui si condivide la passione per una discipli-

na nobile e fondamentale nello sviluppo �sico come l’atletica leggera. La Finass Assicurazioni Atletica ha ‘invaso’ paci�camente la pista del Campo Sportivo Scolastico per una cena che ha coinvolto tecnici, atleti, dirigenti e genitori, in un clima molto rilassato e sereno. In un tavolino riparato anche i giovanissimmi di questa società che costituisce la base per l’attività di atletica leggera

nella provincia; per loro l’estate signi�cherà soprattutto partecipare al Campuscuola, l’inizitiva promossa proprio dalla Finass Atletica e rivolta a tutti i ragazzi dai 5 ai 13 anni. Il menù non prevede solamente atletica, ma anche tante altre discipline sportive (rugby, calcio, pallavolo, pallacanestro, baseball e tennis tavolo) che andranno a contribuire all’obiettivo �nale del progetto, quello di far divertire i più piccoli e tenerli sempre in movimento.


almanacco

& Domenica 12 Giugno 2011 Viterbo AltoLazio

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

31

visitando

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Luca 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE d eccoci arrivati finalmente al meritato giorno di riposo che per voi amici dell’Ariete

21 Aprile - 20 Maggio TORO n piccolo malcontento alberga oggi nel vostro cuore e il pensiero corre a chi non c’è

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI ove c’è allegria ci siete voi Gemellini bellissimi!!Una domenica speciale in cui sarete

assume un’importanza particolare in quanto vi permette di rilassarvi finalmente dopo una settimana in cui siete stai al centro dell’attenzione nel bene e nel male..oggi poi una bellissima Luna scorpionica vi aiuta a tirar fuori la sensibilità che è in voi..si prevedono grandi pranzi in famiglia..conditi da GRASSE E GROSSE RISATE

più..vi sentite un po’ soli nonostante siate circondati da amici..e avvertite fortemente un grosso senso di nostalgia..voi si sa siete molto abitudinari e legati al passato..ma non è più il caso cari amici del Toro..quello che c’era se ne è andato e vi ha lasciato un grosso insegnamento..portate tutto nella vostra nuova vita che vi assicuro, SARA’ MERAVIGLIOSA

l’anima delle feste e i promotori dei festeggiamenti!! Darete il meglio di voi tirando fuori la vostra natura primaverile simpatica e birichina..appr ofittatene anche per farvi valere nel vostro ambiente di lavoro specialmente se vi occupate di turismo o di qualsiasi altra attività che vi vuole a contatto con il pubblico..tutti vi vogliono…E TUTTI VI SI PIGLIANO!!

22 Giugno - 22 Luglio CANCRO ove va la vostra meravigliosa anima dolci amici del Cancro?..oggi c’è nell’aria una

23 Luglio - 22 Agosto LEONE ggi non è proprio la giornata ideale per stare a rimuginare su quello che non va nel

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE ì è ver, lo ammetto, all’inizio dell’anno non vi ho parlato di questo giugno unpò ballerino, ma se

bellissima sensazione di tenerezza che vi riporta indietro nel tempo quando vi bagnavate sulla riva del mare e le voci allegre della spiaggia vi arrivavano da sotto gli ombrelloni..la vostra vita interiore è molto pronunciata e va nutrita con ricordi e sensazioni piacevoli..avete bisogno di riposo e di coccole..E NON VI MANCHERANNO

posto di lavoro..siete estremamente nervosi e pronti ad azzannare chiunque osasse solamente contraddirvi..è la Luna in Scorpione che punta il dito sulla piaga portando la vostra mente ad analizzare fin troppo i vostri problemi..cercate di essere più leggeri..e cercate anche di sorridere un po’ al vostro partner..SE LO MERITA

non l’ho fatto è solamente perché non volevo allarmarvi inutilmente per questo piccolissimo passaggio di pianeti in Gemelli che vi urticano un pochino il sistema nervoso..e allora sapete cosa dovete fare?..datemi retta..continuate a far finta di non sapere nulla e non raccogliete le provocazioni di nessuno..tanto tutto passa..e molto in fretta..e tra un po’ WOW CHE MERAVIGLIA

E

D

23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA questa bella Luna in Scorpione vi rende anche sexy cari amici della Bilancia..lo avre-

E

U

O

24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE

a Luna è un vero e L proprio toc-

D

S

22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO l turbinio dei vostri sensi non accenna a placarvi cari amici del sagittario..e la vostra natura

I

ste mai detto?..ma certo che sì..voi donne del segno siete famose per acchiappare gli uomini stordendoli con i vostri sensi..e preparando deliziosi manicaretti ai fornelli..proprio oggi che è domenica quindi vi invito a chiamare tutti i vostri amici a raccolta per un bellissimo pranzo nella vostra casa di campagna e li tra chiacchiere divertimento e intingoli…SAREYTE IRRESISTIBILI

casana per voi cari amici dello Scorpione.. specialmente perché , essendo voi sensitivi per natura, oserei dire quasi medianici, avrete finalmente l’opportunità di capire chi è che vi ha remato contro in queste ultime due settimane creandovi non pochi problemi..e conoscendogli so bene che gli renderete PAN PER FOCACCIA

già libertina di per se, viene amplificata da queste lunghe giornate di sole passate su una meravigliosa spiaggia in compagnia del vostro amore..certo, già vi vedo con gli occhiali da sole con il viso girato da una parte e gli occhi puntati su delle bellissime curve..ripeto..fate attenzione!!POTREBBE ARRIVARVI UNO SCHIAFFONE DA UN MOMENTO ALL’ALTRO

22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO ggi questa meravigliosa Luna vi aiuta a capire quali sono le tecniche che dovete

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO dopo un s a b a t o come quello di ieri che vi ha visto protagonisti di feste e

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI finalmente una dolcissima e sensualissima Luna in Scorpione vi viene in soccorso per cercare

affinare per farvi apprezzare sempre di più nel mondo del lavoro..e sicuramente in questa giornata trascorsa con i vostri amici potrete ricaricarvi per arrivcare alla prossima settimana ancora più lucidi ed efficienti..ve l’ho detto adesso è ancora un po’ tutto faticoso ma la strada è quella giusta..presto sarete premiati..CORAGGIO

vernissage vari oggi dovete assolutamente ricaricare le vostre pile..la Luna in scorpione non concede tregua ed è meglio che prepariate la vostra macchina caricandoci un bel costume coloratissimo e via! Destinazione spiaggia!..possibilmente non troppo affollata..oggi dovetre riposare..E’ UNORDINE

di placare le ire del vostro meraviglioso Nettuno che, come tutti gli amanti appassionati, è diventato un po’ geloso..certo voi gliene avete dato proprio modo eh?..e allora anche per voi un consiglio: cercate di far passare questo giugno che con tutto il suo nervosismo potrebbe mettere un po’ a repentaglio i vostri rapporti per delle stupidaggini..su su pazientate..a luglio sarà tutto NUOVAMENTE SPLENDIDO

O

BUONGIORNO

Il buongiorno e una felice domeniica ai lettori arriva dalle bellissime Laura e Maria Rosa del ristorante Il Coccetto di Vasanello, dove è possibile gustare deliziosi piatti tipici della cucina locale. Foto Andrea Di Palermo

E

E

Bagnaia VILLA LANTE Tipico esempio di sfarzo rinascimentale, è tra i più famosi più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La sua ideazione si deve a Jacopo Barozzi da Vignola. Al suo interno sono presenti due casini di caccia con decorazioni del Cavalier d’Arpino, Raffaellino da Reggio ed Antonio Tempesta. Info: 0761/288008 Barbarano Romano MUSEO ARCHEOLOGICO DELLE NECROPOLI RUPESTRI Il museo conserva reperti di ceramica e bronzei ma anche sarcofagi, obelischi di tufo e altri oggetti che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Info: 0761/414531 0761/414601 Bolsena MUSEO TERRITORIALE DEL LAGO DI BOLSENA Ospitato nella Rocca Monaldeschi della Cervara, possiede una vasta gamma di documentazione sulla storia del distretto vulcanico e le varie fasi insediative sulle sue sponde, che vanno dalla preistoria sino alle più recenti manifestazioni della cultura locale. Info: 0761/798302 0761/798630 0761/798679 Bomarzo PARCO DEI MOSTRI Il famoso parco ideato Jacopo Barozzi da Vignola nel XVI nel quale è possibile ammirare fontane e sculture non ordinarie e consuete. Info 0761/924029 Caprarola PALAZZO FARNESE Realizzazione a pianta pentagonale di Jacopo Barozzi da Vignola. Contiene al suo interno numerosi affreschi di Raffaellino da Reggio, Taddeo Zucchi e Giovanni Antonio da Varese tra i quali anche la stanza delle Carte Geografiche. San Martino al Cimino PALAZZO DORIA PAMPHILIJ Il Palazzo è stato edificato nel XVII secolo presenta suggestivi soffitti a cassettoni decorati. Il palazzo, ricco di decorazioni a fregio, viene spesso adibito a centro congressuale. Info: 0761/291000 Tarquinia MUSEO NAZIONALE ETRUSCO Considerato tra i più importanti in Italia, contiene materiale archeologico di grande rilievo. Info: 0766/856036 Viterbo MUSEO DELLA MACCHINA DI SANTA ROSA Testimonianze dell’attività del Sodalizio e documentazione riguardo al trasporto della Macchina di Santa Rosa. Info: 0761/345157 Vulci PARCO NATURALISTICO ARCHEOLOGICO All’interno del museo sono ospitati i ricchi corredi delle tombe di Vulci, secondo un percorso che dall’epoca più antica (III millennio A.C.) giunge ai reperti archeologici di epoca romana, passando attraverso eleganti vasi etruschi e raffinati vasi greci figurati. Info: 0761/437787 Fabrica di Roma A Falerii Novi, mura etrusco romane del III sec. a.c. e la porta Giove si possono visitare sempre. L’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Falerii del sec.XII da marzo a Novembre i sabati e le domeniche dalle ore 9 alle 13. In altri giorni per gruppi e scolaresche contattare il 0761/ 569101 ufficio cultura.

PREVISIONI METEOROLOGICHE Domenica 12 Giugno 2011

Lunedì 13 Giugno 2011

ore 00 cielo sereno e vento da nord/ ovest a 8 km/h. Temperatura di 15,8 °C ore 03 cielo sereno e vento da nord/ ovest a 9 km/h. Temperatura di 15,4 °C ore 06 cielo sereno e vento da nord a 9 km/h. Temperatura di 14,6 °C ore 09 cielo sereno e vento da nord a 9 km/h. Temperatura di 19,1 °C ore 12 cielo sereno o quasi con qualche piccolo cumulo sparso e vento da nord/ovest a 9 km/h. Temperatura di 22,5 °C ore 15 cielo poco nuvoloso con moderate nubi cumuliformi e vento da ovest a 12 km/h. Temperatura di 23,2 °C ore 18 cielo poco nuvoloso e vento da ovest a 16 km/h. Temperatura di 21,9 °C ore 21 cielo quasi sereno e vento da ovest a 10 km/h. Temperatura di 19,6 °C

ore 00 cielo sereno e vento da nord/ ovest a 9 km/h. Temperatura di 16,7 °C ore 03 cielo sereno e vento da nord/ ovest a 7 km/h. Temperatura di 15,2 °C ore 06 cielo sereno e vento da nord a 6 km/h. Temperatura di 14 °C ore 09 cielo quasi sereno e vento da nord/ovest a 5 km/h. Temperatura di 19,3 °C ore 12 cielo parz. nuvoloso e vento da ovest a 8 km/h. Temperatura di 23,4 °C ore 15 cielo parz. nuvoloso con intense nubi cumuliformi e vento da ovest a 12 km/h. Temperatura di 23 °C ore 18 cielo parz. nuvoloso con intense nubi cumuliformi e vento da ovest a 16 km/h. Temperatura di 20,7 °C ore 21 cielo poco nuvoloso e vento da ovest a 9 km/h. Temperatura di 19,5 °C

FARMACIE

OGGI 12 GIUGNO MONTALBOLDI (DIURNO) PIAZZA VERDI, 1A (VT) TEL: 0761-341902 ROSSI (NOTTURNO) LARGO AFRICA, 14A (VT) TEL: 0761-343121 DOMANI 13 GIUGNO FORTINI (DIURNO E NOTTURNO) VIA CAIROLI, 14 (VT) TEL: 0761-304034



L'Opinione di Viterbo e Lazio nord - 12 giugno 2011