Issuu on Google+

M O V I M E N T O

G I O VA N I L E

F R A N C E S C A N O

Newsletter Mensile LA BUONA BATTAGLIA Non tirarsi indietro e non ritenere preziosa la propria vita e la propria reputazione, obbedendo a Dio e non ponendo impedimento allo Spirito Santo, sono le condizioni per cui la Parola di Dio è cresciuta, si è diffusa e ci ha raggiunto nel nostro tempo. Condizioni valide ancora oggi per chi è chiamato a combattere la buona battaglia della Nuova Evangelizzazione. Pagina 1

D I

S I C I L I A

Maggio 2013 CORSO NUOVA VITA

CAPITOLO PROVINCIALE 2013 P. Giambattista Spoto è stato eletto Ministro Provinciale dei Frati Minori Conventuali di Sicilia per il prossimo quadriennio. Pagina 4

CATENANUOVA FA IL BIS È nata la seconda Porziuncola di Catenanuova. Pagina 7 WORSHIP A PEGUSA In preparazione della Festa del Crocifisso. Pagina 8

Grande partecipazione e fortissima esperienza di Dio al Corso Nuova Vita di aprile. Pagina 6

LA BACHECA Gli appuntamenti del mese di maggio. Pagina 8

La   liturgia   del   tempo   di   Pasqua   che   s4amo   viven-­‐ do,   proprio   all’inizio   di   questo   mese   ci   sta   facen-­‐ do   ascoltare   nelle   le<ure   della   Messa,   dal   libro   de-­‐ gli   A@   degli   apostoli,   al-­‐ cuni  capitoli  interessan4  e   dramma4ci   della  sviluppo   della   Chiesa   nascente.   Nella   Chiesa   in   forte   espansione   a   mo1vo   della   tes1monianza   e   dell’evan-­‐ gelizzazione   da  parte   degli   apostoli   ma   anche   delle   singole   comunità   e   fedeli,  

LA BUONA BATTAGLIA così  come   narrato  da  Luca  nei  primi  capitoli   degli   A?,   sono   nate   for1   preoccupazioni   riguardo   l’evangelizzazione   dei   pagani   e   il   modo   di  accoglierli   nella  Chiesa.  La  Chiesa,   nata   in   ambito   giudaico,   concepisce   sé   stessa  come  una  sorta  di   “seDa”  all’interno   dello  stesso  giudaismo,  chiamata  a  conver-­‐ 1re   i   discenden1   di   Abramo   alla   fede   in   Gesù,  Cristo  e   Signore.  Pertanto  gli   aposto-­‐ li,  che  sono   na1  e   cresciu1  nella  mentalità   Newsletter - Maggio 2013

nazional-­‐religiosa   del   giudaismo   e   nono-­‐ stante   tu?   gli   insegnamen1   del   Maestro,   non   si   sognano   affaDo   di   annunciare   di   propria   inizia1va   il   Vangelo   ai   pagani.   Do-­‐ vrà,   dunque,   essere   il   Signore   stesso   a   prendere   l’inizia1va,   spingendo   Pietro   a   compiere   un   aDo   che   lo   stesso   capo   della   Chiesa   fa   difficoltà   a   comprendere   appie-­‐ no.   Così,   mentre   si   trova   a   Giaffa,   verrà   convocato  presso   la  sua  casa  da  un  pagano  

di   Cesarea,  il   centurione  Cornelio,  per   po-­‐ ter   ascoltare   il   rinomato   annuncio   dalla   stessa   bocca   del   suo   paladino.   Il   suo   di-­‐ scorso  di  Pietro  è  quanto  di   più  contraddit-­‐ torio   possa  esserci  rispeDo  al  grande  man-­‐ dato  (cfr  Mt  28,19-­‐20)  ricevuto  dal  Cristo  di   annunciare  il  Vangelo   a  tu?  i  popoli:  …[Ge-­‐ sù]  ci  ha  ordinato  di  annunciare  al  popolo  e   di   tes8moniare  che  egli   è  il  giudice  dei   vivi   e   dei   mor8,   cos8tuito   da   Dio   (At   10,42).   1


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

Pietro  dice  “al  popolo”,  intendendo  il  popolo   di   Dio,   Israele,   e   non   “a   tu?  i   popoli”!   Ma   «Pietro   stava   ancora   dicendo   queste   cose,   quando   lo   Spirito   Santo   discese   sopra   tu@   coloro   che   ascoltavano   la   Parola.   E   i   fedeli   circoncisi,  che  erano   venu8  con   Pietro,  si   stu-­‐ pirono  che  anche   sui  pagani  si  fosse  effuso  il   dono   dello   Spirito   Santo;   li   sen8vano   infa@   parlare  in  altre  lingue  e   glorificare  Dio.  Allora   Pietro   disse:   "Chi   può   impedire   che   siano   baMezza8   nell'acqua   ques8   che   hanno   rice-­‐ vuto,  come   noi,  lo   Spirito   Santo?".   E   ordinò   che   fossero  baMezza8   nel   nome   di  Gesù   Cri-­‐ sto»  (At  10,44-­‐48). Di   questo   a<o,  per  cui   per  la   prima   volta   i   pagani   entrano   a   far   parte   della   comunità   dei   creden4,  il   capo   della   Chiesa  sarà   chia-­‐ mato,  con  toni  dramma4ci,  a  renderne  con-­‐ to   all’assemblea  apostolica.  Così  Luca  ci  rife-­‐ risce   l’accaduto:  «Gli   apostoli   e   i   fratelli   che   stavano   in  Giudea  vennero  a   sapere  che   an-­‐ che  i  pagani  avevano  accolto  la  parola  di  Dio.   E,  quando  Pietro   salì  a  Gerusalemme,   i   fedeli   circoncisi   lo   rimproveravano   dicendo:   "Sei   entrato  in   casa   di  uomini   non  circoncisi   e  hai   mangiato   insieme   con   loro!"»   (At   11,1-­‐3).   Essi   che   sanno   bene   quale   era   il   mandato   ricevuto   dal   Cristo,   non   osano   rimproverare   Pietro   sul   terreno   “minato”   dell’evangelizzazione,   ma   lo   giudicano/condannano   su   un   altro   piano,   quello   dell’osservanza   della   Legge   mosaica,   degli   usi   tradizionali,  del   “si   è  sempre  faDo   così”,  del   non   pensare   alle   cose   che   ci   appartengono  e   ci   contraddis1nguono,  dell’aver   agito   senza  permesso…:  Sei  entrato  in  casa  di  uomini  non  circoncisi  e  hai   mangiato  insieme  con  loro! Gesù  aveva  detto  che   c’è  più  gioia  in   cielo  per   un  solo   peccatore   che   si  converte,  più   che  per   novantanove   giusti   i  quali  non  han-­‐ no  bisogno  di   conversione  (Lc  15,7),   eppure  in  questi  “apostoli  e   fratelli”   non   c’è   alcuna   gioia,   anzi:   non   c’è   curiosità,   non   c’è   desiderio   di   ascolto,  di   dialogo   e   confronto,  ma   solo   il   rimpro-­‐ vero   per   non   aver   chiesto   il   permesso,  per   aver   fatto   qualcosa   di   non   già   approvato   e   codificato   da   tutti…   Pietro   viene   così   costretto   a   rendicontare   tutto   con   ordine,   ma  conclude   dicen-­‐ do:  Se  dunque   Dio  ha   dato   a   loro   lo   stesso  dono   che   ha  dato   a   noi,   per   aver   creduto  nel   Signore  Gesù   Cristo,  chi  ero   io  per   por-­‐ re  impedimento  a  Dio?  (At  11,17). Pietro,  che  tante   volte,   con   il   suo   cuore   di   pietra   e   la   sua   testa   cocciuta,  aveva  sperimentato   il   fallimento   per   la   sua  infedeltà  al   Signore,   dopo   la   risurrezione   del   Cristo,   memore   della   lezione,   aveva   fatto   dell’obbedienza   a  Dio   il   suo   programma   di   vita.   Già   una   prima   volta,   di   fronte   al   sinedrio   che   voleva   impedirgli   di   predicare  e  operare  nel  nome  di   Gesù,  Pietro   aveva  detto:  "Se  sia   giusto   dinanzi   a  Dio  obbedire  a   voi   invece  che   a   Dio,  giudicatelo   voi.  Noi   non  possiamo  tacere  quello  che  abbiamo   visto  e  ascolta-­‐ to"  (At   4,19-­‐20).  Così  pure  una  seconda  volta:   "Bisogna   obbedire   a   Dio   invece   che   agli   uomini”   (At   5,29).   Ora,  di   fronte   al   “sine-­‐ drio”   cristiano,   costretto   a   rendere   conto   del   suo   operato   nel   nome   di   Cristo,  non   esiterà  a   riconfermare   la   sua   obbedienza  a   Dio:  chi  ero  io  per  porre  impedimento  a  Dio? 2

«All'udire  questo  si   calmarono  e  cominciarono  a   glorificare   Dio»   (At  11,18),  ma  è  solo  una  gioia  apparente  e,  sopra<u<o,  momen-­‐ tanea.  Ben  venga  che  i   pagani   diven1no   cris1ani,  ma  occorre  cer-­‐ tamente  inquadrarli,   meDerli  in  riga,  assoggeDarli   a  quella  menta-­‐ lità  che   finora  ha  contraddis1nto  il   gruppo:  insieme  alla  novità  del   Vangelo  dovranno  obbedire  agli  usi  e  costumi  –  vecchi  e  supera1  –   dei   padri,  della   tradizione…!   Non   saranno   di  certo   gli  “ul1mi   arri-­‐ va1”  a  doverci  insegnare  cosa   è  giusto   e  cosa  non  lo  è,  cosa  è  u1le   e   cosa   è   superfluo,   ma,   sopraDuDo,   non   permeDeremo   loro   di   minare  la   nostra  iden1tà,  fruDo   di   una   tradizione   millenaria   che   affonda  le  sue   radici   nella  fede  di   Abramo…!  Non  basta,  perciò,  la   fede  in  Cristo  per   essere   e  dirsi  cris1ani,  ma  occorrono  la  circonci-­‐ sione,  l’osservanza  della  Legge   mosaica,  delle  prescrizioni   riguardo   alla  purezza   dei  rappor1  con   gli  altri,  dei  cibi,  ecc.  La  fede  può  cer-­‐ tamente  salvare,  ma  ciò  che  conta  è  l’iden1tà  elitaria  del  gruppo. E  così,  l’annuncio  del  Vangelo  ai  pagani  che  doveva  essere  una  vera   e  propria  condivisione  del   dono   gratuito   di  Dio   per  portare  gli   uo-­‐ mini   a  Lui,  lo   si   vuol   far   diventare   un   mezzo,  da   vendere   a   caro   prezzo,  per  portare  gli  uomini  al  gruppo. Chi   ne  farà   maggiormente   le   spese  di   questa  mentalità   chiusa  e   legalis4ca  sarà  l’apostolo  Paolo  che  si  vedrà  costre<o,  ben  presto,   a   rendere   conto   all’assemblea   apostolica   del   suo   peculiare   rap-­‐ porto  con   i  pagani   verso   i   quali,  insieme   a  Barnaba,  aveva  annun-­‐ ciato   con  grande  libertà  ed  efficacia  il  Vangelo  (cfr   At  13-­‐14).  «Ora   alcuni,  venu8  dalla   Giudea,  insegnavano   ai  fratelli:  "Se  non   vi  fate   circoncidere  secondo  l'usanza  di  Mosè,  non   potete  essere  salva8".   Poiché  Paolo   e  Bàrnaba   dissen8vano   e  discutevano   animatamente   contro   costoro,   fu   stabilito   che   Paolo   e  Bàrnaba   e   alcuni   altri   di   loro  salissero  a  Gerusalemme  dagli  apostoli  e  dagli  anziani  per   tale   ques8one».  (At  15,1-­‐2) Newsletter - Maggio 2013


M G F

S I C I L I A

È   il   primo   Concilio   della   storia   della   Chiesa   nel   quale,   grazie   al-­‐ l’opera   di   discernimento   dello   Spirito   Santo,   si   sancisce   la   piena   libertà  da   parte  dei  pagani   riguardo  alla  Legge  di  Mosé,  non  impo-­‐ nendo  loro,  da  parte  della  Chiesa,  altro   obbligo  al  di  fuori  di  queste   cose  necessarie:   astenersi  dalle  carni   offerte  agli  idoli,  dal   sangue,   dagli  animali  soffoca8  e  dalle  unioni  illegi@me  (At  15,28-­‐29). Il  lupo,   però,  perde  il  pelo  ma   non   il   vizio:  nonostante  la  decisio-­‐ ne  conciliare  di   fa<o  rappresen4  il  “via  libera”  all’evangelizzazio-­‐ ne  dei  pagani  e  alla  loro  piena  libertà  rispe<o   alle  tradizioni,  usi  e   costumi   giudaici,  Paolo  sarà  con4nuamente   ostacolato,  calunnia-­‐ to   e   amareggiato   dalla   fazione  dei   giudeo-­‐cris1ani   i  quali   formal-­‐ mente   approvano   la  decisione   ufficiale,  ma  nei   fa?  seminano   di-­‐ scredito   nei   confron1   di   Paolo   e   confusione   nei   fedeli   di   quelle   comunità   cos1tuite   dall’apostolo   in   prevalenza   da   ex-­‐pagani.   Lo   stesso  Pietro,   capo  della  Chiesa  e  che   quindi  avrebbe  dovuto  farsi   primo  garante  delle   decisioni   conciliari,  si   renderà  invece  ipocrita-­‐ mente   complice  di   questo   movimento  an1-­‐paolino.  Sarà   lo  stesso   Paolo   a   descrivere   l’episodio   nella   sua  leDera   ai   Gala1   (2,11-­‐14):   «Quando   Cefa   venne   ad   An8òchia,   mi   opposi   a   lui   a   viso   aperto   perché  aveva   torto.  Infa@,  prima  che  giungessero  alcuni  da   parte   di  Giacomo,  egli  prendeva  cibo  insieme  ai  pagani;  ma,  dopo  la  loro   venuta,  cominciò   a  evitarli   e  a   tenersi   in   disparte,   per   8more   dei   circoncisi.  E   anche   gli   altri   Giudei   lo   imitarono   nella   simulazione,   tanto   che  pure   Bàrnaba   si   lasciò   a@rare   nella   loro   ipocrisia.   Ma   quando  vidi  che  non  si  comportavano  reMamente  secondo  la   verità   del   Vangelo,  dissi  a  Cefa  in  presenza  di   tu@:  "Se  tu,  che  sei  Giudeo,   vivi   come   i   pagani   e   non   alla   maniera   dei   Giudei,  come   puoi   co-­‐ stringere  i  pagani  a  vivere  alla  maniera  dei  Giudei?"».

Paolo   è   consapevole   della   sua   personale  vocazione   e   non   si   la-­‐ scerà  in   alcun   modo  distrarre   da  quella   missione,  gravida  di   sof-­‐ ferenze,  che  aveva  ricevuto  anni   prima  sulla  via  di  Damasco:  «egli   è   lo   strumento   che   ho   scelto   per   me,  affinché  por8  il   mio   nome   dinanzi   alle  nazioni,  ai  re  e  ai  figli  d'Israele;  e  io  gli  mostrerò  quan-­‐ to  dovrà  soffrire  per  il  mio  nome»  (At  9,15-­‐16). Ostacolato   dai   giudei-­‐cris1ani,   messo   in   difficoltà   da   Pietro   che   non  vuole  scontentare  nessuno,  tradito  anche   dall’amico  e  compa-­‐ Newsletter - Maggio 2013

N E W S L E T T E R

gno   di   missione   Barnaba,  avrebbe   avuto,   insieme   a  ques1,  tan1   altri  mo1vi   per  dedicarsi  a  salvaguardare   personalmente  e  far   cre-­‐ scere  le  sue  amate  comunità  per   le  quali  avrebbe  dato   la  sua  stes-­‐ sa   vita   (cfr   1Ts   2,8).   Invece,  l’apostolo   delle   gen1,  più   coerente-­‐ mente  di   Pietro,  si  soDomeDe  allo  Spirito  Santo  e   lascia  persino  le   comunità   da   lui   fondate   e   il   medio-­‐oriente   per   obbedire   ad   un   disperato  grido  che  lo  raggiunge  nel  pieno  della  sua  missione:  Vie-­‐ ni  in   Macedonia  e  aiutaci!  (At  16,9).  Quello   che  sembra  un   abban-­‐ dono  è,  invece,  l’inizio  dell’evangelizzazione   dell’Europa  a   cui   pre-­‐ sto  si  sarebbe  aggiunta  la   predicazione  di  Pietro  e  la  tes1monianza   di   mol1  giudeo-­‐cris1ani   dal   versante   di   Roma.  Paolo,   insieme   ad   alcuni  discepoli   provenien1  dal  paganesimo,  tra  cui  Timoteo,  lascia   l’Asia   Minore   per   inoltrarsi   nel   con1nente   europeo,   dove   nasce-­‐ ranno,  sia   pure  tra  altre  difficoltà,  le  comunità  di  Filippi,  Tessaloni-­‐ ca,  Berea,  Atene,  Corinto…   Ai   vescovi  dell’Argentina  riuniti  in  assemblea  così  ha   scritto  nel  suo   messaggio,   lo   scorso   20   aprile,  Papa  Francesco:   «Una   Chiesa   che   non  esce  fuori  da  se  stessa,  presto  o  tardi,  si  ammala  nell’atmosfe-­‐ ra   viziata   delle   stanze  in   cui  è   rinchiusa.  È  anche  vero   che  ad  una   Chiesa  che  esce  le  può  accadere   ciò  che  può  accadere  ad  una  perso-­‐ na  quando  va   per   strada:  avere  un  incidente.  Di  fronte  a  questa   al-­‐ ternativa,  voglio  dire   francamente  che  io   preferisco  mille  volte  una   Chiesa  che  ha  sofferto  un  incidente  che  una  Chiesa  malata». Ieri  come  oggi,  i  vari  apostoli   “delle  gen1”,   gli  apostoli   della   libertà   evangelica,   di  una  chiesa  libera  dai  condizionamen1  umani   e  dallo   storico  ingessamento  is1tuzionale,  subiscono  “inciden1”.  È  natura-­‐ le  che  ciò   avvenga.   Ogni  apostolo  di  Cristo  deve  meDerne  in  conto   il  rischio  e  saperlo  affrontare:  «Voi  sapete  come  mi  sono  comporta-­‐ to  con   voi  per   tuMo  questo   tempo,  fin  dal  primo  giorno  in   cui   arrivai  in   Asia:  ho   servito  il   Signore  con  tuMa  umiltà,   tra  le  lacrime  e  le  prove  che  mi  hanno  procurato  le  insi-­‐ die  dei  Giudei;  non  mi  sono  mai  8rato  indietro  da  ciò   che   poteva  essere  u8le,  al  fine  di  predicare  a  voi   e  di   istruirvi,   in  pubblico   e  nelle   case…  So  soltanto  che  lo  Spirito  Santo,   di   ciMà   in   ciMà,   mi   aMesta   che  mi   aMendono   catene   e   tribolazioni.  Non  ritengo  in  nessun  modo  preziosa  la  mia   vita,   purché  conduca   a   termine   la  mia  corsa  e  il   servizio   che   mi  fu  affidato  dal  Signore  Gesù,  di   dare  tes8monian-­‐ za  al  vangelo  della  grazia  di  Dio»  (cfr  At  20,18-­‐24). Non   4rarsi   indietro   e   non   ritenere   preziosa   la  propria   vita  e   la   propria   reputazione,   obbedendo   a   Dio   e   non   ponendo   impedimento   allo   Spirito   Santo,  sono   le   con-­‐ dizioni  per  cui   la   Parola   di  Dio  è  cresciuta,  si  è  diffusa   e   ci   ha  raggiunto   nel  nostro  tempo.   Ancora  oggi,  nel  con-­‐ testo  e  nell’urgenza  della  Nuova  Evangelizzazione,  frena-­‐ ta  in  vari   modi  anche  da  cer1  ambien1  ecclesiali  –  1mo-­‐ rosi   di   perdere   qualcosa  del   proprio   “glorioso   passato”   che  più  non  esiste  assumendosi  il  rischio  dell’uscire  fuori   dai   propri   recin1   –   nonché   dalla   cultura   laicis1ca   del   mondo   di   oggi,  occorre   che  ognuno   si   assuma   personalmente  le   proprie   re-­‐ sponsabilità  di   fronte   a  Dio   e   agli   uomini   perché,   con   serena   co-­‐ scienza,  al  termine  della  propria   corsa,  ogni  discepolo  fedele  possa   presentarsi  al  padrone  della  messe  ripetendo  le  parole  dell’aposto-­‐ lo   Paolo:  «Ho  combaMuto  la  buona  baMaglia,  ho  terminato  la   cor-­‐ sa,  ho  conservato  la  fede»  (2Tm  4,7). fra’  Saverio  Benena8 3


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

CAPITOLO PROVINCIALE 2013 Si  è  tenuto  dal  29  aprile  al  3  maggio  2013   la  prima  parte  del  Capitolo  ordinario  della   Provincia  “Ss  Agata  e  Lucia”  di  Sicilia,  pres-­‐ so  la  nostra  Oasi  Francescana  di  Pergusa   (EN)  presieduto  dal  Vicario  Generale  fr   Jerzy  Norel.  Erano  presen1  anche  l'Assi-­‐ stente  generale  Cimp  fr  Joaquin  Agesta,  fr   Valen1no  Redondo  nella  qualità  di  Visitato-­‐ re  generale  e  il  Custode  del  Messico  fr  Josè   Luis  Alcantar.  Al  Capitolo  hanno  partecipa-­‐ to  21  Delega1  e  9  aven1  diriDo. Il   Capitolo   si   è   aperto   lunedì   29   con   una   meditazione   spirituale   del   Vescovo   di   Cal-­‐ tagirone  Mons.  Calogero  Peri,  Ofm  Cap,  dal   tema:   tes8monianza   e  profezia   dei   figli   di   Francesco. Nella   giornata   di   martedì   e   mercoledì   si   sono   leDe   le   relazioni   e   tenu1   i   gruppi   di   studio  per  la   verifica   del  quadriennio.  Nella   ma?nata  di  giovedì  2  maggio  hanno  eleDo   i l  

Ministro   provin-­‐ ciale  63   fra1  su  71   vocali.   È   risultato   eleDo   FR   GIAM-­‐ BATTISTA   SPOTO   (I   mandato)   che   s u c c ed e   a   f r   Angelo  Busà. Fr  Giamba?sta   di   anni   72   ha   t r a s c o r s o   buona   parte   del   suo   servi-­‐ zio   pastorale   e   francescano   in   Messico   accompagnando   la   nascente   missione.   È   stato   Ministro   provinciale   di   Sicilia   dal   1988   al   1994   e   Custode   della   Custodia   del   Messico   “Nuestra   Senora   de   Guadalupe”   dal   2002  al  2010.  Rien-­‐ trato   in   Provincia   nel   2011   ha   segui-­‐ to   il   gruppo   del   R i n n o v a m e n t o   dello   Spirito   al   fianco   e   dopo   la   morte   (gennaio   2012)   del   P.  Mat-­‐ teo   Gregorio   La   Grua. Prima   dell'ele-­‐ zione   del   Defini-­‐ torio   Provinciale   il   Capitolo   ha   approvato   le   linee   proget-­‐

4

t u a l i   scaturite   dalla   verifica   del   qua-­‐ driennio   che   serviranno   come   traccia   di   lavoro   per   l'instrumentum   laboris   della   seconda  parte  del  Capitolo. Nella  giornata  di   venerdì   3   maggio   è   stato   eleDo  il  Definitorio  provinciale: fr  Se@mo  Suriano  (Vicario); fr  Salvatore  Corsaro  (Segretario); fr   Antonio   Milazzo,   Biagio   Aprile   e   Giusep-­‐ pe  Catalano  Consiglieri   (tu?  al  loro   primo   mandato); fr   Vincenzo   Seidita,   Economo   Provinciale   (fuori  dal  Definitorio). Prima  della  conclusione  delle  azioni  capito-­‐ lari   si   è   confermato   che   la   seconda   parte   del   Capitolo   si   terrà   nella   stessa   sede   di   Pergusa  dal  24  al  28  giugno  2013. fr  Paolo  Fiasconaro Resp.  Ufficio  Stampa  del  Capitolo Newsletter - Maggio 2013


M G F

Newsletter - Aprile 2013

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

5


CORSO NUOVA VITA Ancora  un’esperienza  forte   dell’amore  di  Dio,  che  mai  si   stanca  di  usare  misericordia,   per  circa  90  giovani  prove-­‐ nienE  da  tuFa  la  Sicilia  che  a   Pergusa  hanno  partecipato  al   Corso  Nuova  Vita  della  Scuola   di  Evangelizzazione  Sant’An-­‐ drea  del  Movimento  Giovanile   Francescano  di  Sicilia. I  venti  giovani  dell’Equipe  della  Scuola  di   Evangelizzazione  MGF-­‐Sicilia  hanno  ripropo-­‐ sto  per  l’ottava  volta  l’esperienza  del  Corso   Nuova  Vita  a  cui  hanno  partecipato  quasi   novanta  giovani  provenienti  da  varie  città   dell’isola  che  come  aquile  hanno  avuto  l’op-­‐ portunità  di  rinnovare  la  propria  giovinezza   grazie  alla  Parola  del  Signore  e  la  potenza   dello  Spirito  Santo  che  fa  nuove  tutte  le  cose.

6

M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

Ancora  una  volta  abbiamo  potuto   sperimentare  che  è  il  Signore  che   compie  meraviglie  e  permeDe   anche  agli  apostoli  stanchi  e  dub-­‐ biosi  di  riempire  le  re1  di  nume-­‐ rosi  buoni  pesci.  L’elevato  nume-­‐ ro  dei  partecipan1,  infa?,  aveva   ingenerato  qualche  perplessità   nella  buona  riuscita  ed  efficacia   dell’esperienza  proposta.  Inve-­‐ ce,  come  sempre,  il  Signore  ha   operato  con  potenza  e  con   paziente  delicatezza,  parlando  al  cuore  di   tu?,  personalmente,  in  modi  e  tempi  diver-­‐ si,  ma  sempre  con  grande  efficacia.

che  nei  giorni  successivi  sono  state   condivise  online  e  che  è  possibile  leggere   Al  termine  del  Corso   nel  nostro  sito  web.  Miracoli  di  conversione   alcuni  giovani  han-­‐ vera  e  profonda,  fruDo  solo  dell’azione  po-­‐ no  condiviso  la  pro-­‐ tente  dello  Spirito  Santo,  come  il  giorno  di   pria  tes1monianza,   Pentecoste,  e  di  una  equipe  affiatata  che  ha   aDestando  la  tra-­‐ saputo  esaltare  i  carismi  e  i  ministeri  di  ogni   sformazione  che  il   suo  membro  per  il  bene  di  tu?  i  parteci-­‐ Signore  ha  operato   pan1.  Anche  questa  volta,  infa?,  nel  “cena-­‐ nel  loro  cuore  e   colo”  dell’Oasi  Francescana  di  Pergusa  ove  si   nella  loro  vita  per   è  tenuto  il  Corso,  abbiamo  assis1to  all’ab-­‐ un  nuovo  inizio   ba?mento  di  porte  finora  chiuse  alla  Gra-­‐ come  uomini  e   zia,  al  Vento  impetuoso  dello  Spirito  che  ha   donne  nuove. rovesciato  mentalità  e  s1li  di  vita  lontani   Molte  di  più  sono   dalle  logiche  del  Vangelo,  al  Fuoco  che  illu-­‐ le  tes1monianze   mina,  riscalda  e  purifica  i  cuori.  Alleluia! Newsletter - Maggio 2013


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

Festa  della  MolEplicazione  a  Catenanuova. Nasce  così  la  seconda  Porziuncola  dopo  due anni  di  discepolato  intenso  e  perseverante.

CATENANUOVA FA IL BIS Venerdì   26  aprile   la  Porziuncola  di  Catenanuova  ha  vissuto  l'espe-­‐ rienza   della   Mol1plicazione,  cioè  il   momento   in  cui  una  Porziun-­‐ cola   che   ha   raggiunto   un   certo   numero   di   membri   ne   genera   un'altra   da   sé   stessa.   Nel   caso   di   Catenanuova,   la   Porziuncola-­‐ madre,   nata  nel   gennaio   2011,   mediante   un   processo   lento   ma   fecondo  di   evangelizzazione,  ha  raggiunto   nelle   scorse  se?mane   il   traguardo   di  una  dozzina  di   membri,  mentre  altri   giovani   sono  al  momento   accompagna1  per  un  prossimo  ingresso  all'interno  del  ProgeDo  Discepoli. La   Mol1plicazione,   pertanto,  non   è   ridu?vamente   un   momento   di   divisione   tra  la  Porziuncola-­‐madre  e  la  Porziuncola-­‐figlia,   ma  un  momento  di  festa  dove   si  ringrazia  il   Signore  per   il  dono  dei   fratelli,  si   fa  memoria  delle  meraviglie  di   Grazia  che  ha  operato  nel   tempo  e  ci   si   affida   a  Lui  perché  con1nui  ad  usarci   per  la  sua  opera  di  salvezza. Se  si   portasse  indietro  il  rullino  del   tempo,  immaginando  il  nostro  percorso   di   ques1   due  anni  all'interno  di   una  macchina  fotografica,  trovereste  solo  anime   in   piena  tempesta,  talvolta  in  preda  al  panico,  e   "sana"  convinzione.  Durante   la   Festa   della   Mol1plicazione,  aDraverso   le   condivisioni   di   ciascun   membro,   abbiamo   avuto  modo  di   rivivere   il  nostro   discepolato,  come   se   d'un   traDo   la   macchina  si  ritrovasse  senza  memoria  sufficiente  e  proponesse   tra?  di  espe-­‐ rienze  passate.  Così  ognuno   di   noi  ha  potuto  scegliere  la  sua   foto  e  raccontar-­‐ ne  la  storia  ai  fratelli  riportandola  nuovamente  in  vita. Dalle  condivisioni  è  emerso  che  spesso  guardiamo   le   cose  che  ci  accadono  da   una  prospe?va  molto   personale  e  limitata  e  solamente  quando   le  guardiamo   da   una   prospe?va  diversa   si   capisce   che   i   fa?   avvengono   tu?  nella   stessa   modalità  e  che  siamo  noi  ad   ingigan1rli  o  sminuirli  a  seconda  del  punto   da  cui   me?amo  a  fuoco. Ci   si  accorge,   così,   che  nel   nostro   non   lontano   passato   non  avevamo   in   mano   elementi   sufficienti   per   tirare   le  somme  sul  nostro  credo,  ne  una  piena  e  vera   coscienza   del   nostro   rapporto   con   Dio.   Spesso   siamo   stati   vittime   solo   di   un'amara  visione:  Dio  osserva  gli  uomini  e  non  li  aiuta;  ci  punisce  e  ci  condanna. Solo  dopo  aver  faDo  esperienza  personale  di   un  Dio  vivo,  che  ama  e  perdona,   si  è  potuto  affermare  con   certezza:   "Lui   non  è  questo...   Lui   non  è  un  Dio   che   condanna  o  punisce…  Dio  è  amore!". Noi   spesso   siamo   prigionieri  delle   nostre   paure,  dei   dubbi,  del   nostro   passa-­‐ to  e  del   nostro   futuro.  Ciò  che  invece  dovremmo  guardare  con  aDenzione   è  il   nostro  presente.   Così   la  Porziuncola  ci  ha  aiuta1  a   capire   che  non   è  il  singolo   ad   aDraversare  momen1  difficili  fa?  di  sconforto,  confusione  e  dolore,  ma  un   po'  tu?  anche   se  a  livelli  diversi.  Però  è  stato  proprio  lo  stare  insieme,  aDorno   a  Gesù-­‐Parola  e  Gesù-­‐Eucaris1a,  anche     nei  momen1   di  buio,  a  farci   prendere   consapevolezza   che  non  siamo  soli,  che  in  ognuno  di   noi  c'è  un     talento  e  che   sta  a  noi   scoprirlo  e   valorizzarlo.  Il  Vangelo   è   arrivato  a  noi  e  noi  siamo   chia-­‐ ma1  a  portarlo   ai  lontani.  La   stessa  nostra  vita  non  è  forse  un   dono   che   ci  è   stato  dato?  Gesù   è   qui  in   mezzo  a  noi,  tocca   ad   ognuno   di  noi   scegliere  chi  si   vuole  essere. Così  ora,  ancor   più  numerosi,  sia  pur   in  due  Porziuncole  diverse,  con1nuere-­‐ mo   a   riunirci   nel   nome   di   Cristo   affinché   quel   cocciuto   peccatore   impaurito   che   ognuno  di   noi   è  stato  possa  oggi  cos1tuire  su  questa  terra  un   piccolo  an-­‐ golo  di  Paradiso  dove  ogni  uomo  possa  incontrare  Dio  e  il  suo  Amore.  Amen. Newsletter - Maggio 2013

7


M G F

S I C I L I A

CALENDARIO MGF

12 maggio a Paternò Festa del Sì - Gi.Fra.

N E W S L E T T E R

CONCERTO-WORSHIP A PERGUSA

a gio a Casert Gi.Fra. 24-26 mag o Nazionale rn te ra F lo Capito re Pre-capitola e Assemblea

ADORAZIONE EUCARISTICA MENSILE

Catania 2 maggio Catenanuova 3 maggio Marineo 8 maggio Messina 9 maggio Trapani 10 maggio Pergusa 11 maggio Palermo 21 maggio

in evidenza

mgf-sicilia-on-line www.mgfsicilia.org il sito web ufficiale

www.facebook.com/MGFsicilia

CENTRO REGIONALE PER LA PASTORALE GIOVANILE E VOCAZIONALE OFM CONV.

Venerdì   3   maggio,   in  occasione  della   festa   patronale  in  onore  di   Gesù  Crocifisso,  i  giovani  della  corale  “Santa  Chiara  d’Assisi”  han-­‐ no  animato   un   worship  nella   propria  parrocchia.  Partendo  dall’in-­‐ vito   che   Papa   Francesco   ha   rivolto   ai   giovani   la   domenica   delle   Palme,   la  corale  ha  proposto  tale  momento  di  preghiera   davanti  a   Gesù  Crocifisso  sul   tema  della  gioia.  Nel  suo  messaggio,  il  Papa  ha   dato   ai  giovani  tre  preziosi  consigli  per   conservare  una   gioia  pro-­‐ fonda,  legata  ad  un  amore  immenso  verso  Dio,  noi  stessi   e  gli   altri:   fedeltà,   generosità   e   fraternità.   Sono,   dunque,   stati   letti   alcuni   brani   evangelici   degli   ultimi  istanti  della   vita   di   Gesù   in   parallelo   con   tale  messaggio   del   Papa   e  sono   stati  posti   in  evidenza   alcuni   segni  della   Passione   -­‐   la   corona   di  spine  e  i  chiodi   -­‐   e  il  Vangelo   quale   strumento   per   “custodire   la   gioia”.   Obiettivo   della   serata   era  quello  di   trasmettere   “il   paradosso  della   fede  cristiana”:   par-­‐ lando  della   Passione  e  della  morte  di  Gesù,  parliamo  di  fonte  della   gioia.   Non  si   tratta   di  masochismo,   ma   è  l’amore  per   eccellenza.   La   morte  di  Cristo,  ed  il  suo  capovolgimento  con  la  Resurrezione,   è  la   lettura  della   nostra  vita,  la  base  della   nostra  fede,   del   nostro   amore,   della   nostra  speranza.   Dobbiamo   vivere   in  tale  maniera  la   nostra  vita   da  cristiani.  E  non  si  tratta  di   una  vita   difficile  da  realiz-­‐ zare!   A  dimostrazione  di   ciò   i  giovani  hanno   presentato   un   testi-­‐ mone   che   è   riuscito   nell’intento:   san   Francesco.   Quest’ultimo   preferì  la   gioia  di   vivere  e  la  raccomandò  ai  suoi   discepoli;  amò  la   povertà  mai  disgiunta   dalla  "perfetta  letizia";   si  privò  di  tutto,   ma   si  riempì   di   Dio   e  da   questa   pienezza   arrivò   la   sua   grande   gioia.   Non  c’è  stato  in  lui  amor   proprio,   orgoglio,  perché   ha  superato  la   prova   più   grande  a   cui  il  suo   spirito  poteva   essere   sottoposto   e   l’ha  vinta,  per  questo  ha  avuto  motivo  di  rallegrarsi.   La   gioia  è  un   dono  che  gli  uomini   cercano  e  attendono   e  che  il   credente  è  tenu-­‐ to  a  trasmettere  come  la  fede  e  l’amore.   Il   worship  si  è  concluso  con  una   preghiera  di  affidamento  a  Gesù   affinché  possa   guidare  tutti  sui   difficili   sentieri  della   vita   e  possa   far   rinascere   sul   calvario   delle   nostre  esperienze  umane   i   segni   della   speranza   e   della   risurrezione.   Tanti   sono   stati,   ancora   una   volta,   i  ringraziamenti,   a  partire   da   quello  del   parroco  e  degli  altri   frati  della  comunità   di  Pergusa,   contenti  per  quanto  i  giovani  per-­‐ gusini  continuino  a  realizzare  nella  comunità parrocchiale.

Convento S. Maria della Dayna Salita San Francesco 90035 Marineo Tel: 091 8725133 segreteria@mgfsicilia.org

← Questo è il mobtag (QR Code) del nostro sito web 8

Newsletter - Maggio 2013


Maggio 2013