Issuu on Google+

M O V I M E N T O

G I O VA N I L E

F R A N C E S C A N O

Newsletter Mensile NOVITÀ, ARMONIA, MISSIONE Nella solennità di Pentecoste, Papa Francesco ha incontrato a San Pietro i movimenti e le associazioni ecclesiali. Ai componenti del variegato mondo delle aggregazioni laicali il Papa ha consegnato, nell’omelia, tre parole che devono segnare la mentalità, il modo di vivere e di porsi nella Chiesa e nel mondo. Pagina 1

D I

S I C I L I A

Giugno 2013 BEATO GIUSEPPE PUGLISI LA BACHECA Gli appuntamenti del mese di giugno. Pagina 8

DUE NUOVI DIACONI Domenica 23 giugno saranno ordinati diaconi a Enna fra’ Salvatore e fra’ Arturo. Pagina 4

Il 26 maggio è stato proclamato Beato Don Pino Puglisi, testimone della fede. Pagina 5

Sabato  18  e  domenica  19  maggio,   rispe5vamente  vigi-­‐ lia  e  solennità  di  Pentecoste,  Papa  Francesco  ha  incon-­‐ trato   a   San   Pietro   i   movimen=  e  le   associazioni  eccle-­‐ siali.   Ai   componen=  del  variegato   mondo   delle   aggre-­‐ gazioni  laicali  il   Papa   ha   consegnato,  nell’omelia  della   solenne  celebrazione   di   Pentecoste,   tre   parole   che   de-­‐ vono   segnare  la   mentalità,   il  modo  di  vivere   e  di  porsi   nella  Chiesa  e  nel  mondo. Mol$  commentatori   hanno   so0olineato   come   Papa  Francesco   ab-­‐ bia  voluto   indicare  non  tanto   delle  vie  per   il   futuro,  bensì   ribadire   ciò  che  da  sempre  è   stato  richiesto  ai  movimen$  e  alle  associazioni,   ma  verso  cui  sembrano  fare  “orecchio  da  mercante”… Magari  le  cose   non  stanno  proprio  così,  ma  certamente  le  tre  paro-­‐ le,   così  come  le  ha  spiegate  il   Papa,   non   dicono   niente  di  nuovo  se   non   per   il   fa0o   che   cos$tuiscono   un   richiamo   forte   e   autorevole   pronunciato  con   la  schie0ezza  e  senza  giri  di   parole  cui   il   pontefice   argen$no  ci  ha  ormai  abituato.  Cerchiamo,  dunque,  di  farle  nostre.

NOVITÀ ARMONIA MISSIONE Newsletter - Giugno 2013

1


M G F

S I C I L I A

La   prima  parola  che  il   Papa  ha   consegnato   ai   membri   dei   movi-­‐ men6  e  delle  associazioni  ecclesiali  è  novità.  Non  si  tra0a  di  invi-­‐ tare   alla  novità   per   la   novità,  ma  il  tenta$vo   da  parte  del   Papa  di   scardinare  quelle  porte  chiuse  a  doppia  mandata  da  parte  di  molte   associazioni   ecclesiali   (comprese   anche,  se   volete,  le   parrocchie,   gli   Ordini   e  gli   Is$tu$  di   vita   consacrata)   per   paura   di   perdere   le   proprie  posizioni,  di  ritrovarsi  spiazza$  in  un  mondo  che  è   in   con$-­‐ nua  e  progressiva  evoluzione,  di   me0ersi  in  gioco  anche   a  costo  di   essere  derisi  come  Noé  o  al  rischio  della  propria  vita.

N E W S L E T T E R

Ecco  allora  il  modo  che  il  Papa  ha  indicato  per   percorrere  con  fidu-­‐ cia  la  via  della  novità  cui  lo  Spirito  spinge  la  Chiesa:  costruire,  pro-­‐ grammare  e  proge0are   non   secondo   i  nostri   schemi,  le   nostre  si-­‐ curezze,  i  nostri  gus$,  bensì  lasciandoci  guidare  dallo  Spirito.  I  suoi   orizzon$   sono   vas$   e   infini$.  Lo   Spirito   nulla  toglie,   ma  fa  nuove   tu0e   le  cose,   partendo   da  noi   stessi,  perché  vuole   unicamente   il   nostro   bene   e  quello   dell’intera  umanità.   Sperimenteremo   la  sua   novità   e  il   suo   rinnovamento,  però,  solo   se  sapremo   seppellire   le   nostre  chiusure  e  i  nostri  egoismi.

La  NOVITÀ  ci  fa  sempre  un  po’  di  paura,  perché  ci  sentia-­‐ mo  più  sicuri  se  abbiamo  tutto  sotto  controllo,  se  siamo   noi  a  costruire,  a  programmare,  a  progettare  la  nostra   vita  secondo  i  nostri  schemi,  le  nostre  sicurezze,  i  nostri   gusti.  E  questo  avviene  anche  con  Dio.  Spesso  lo  se-­‐ guiamo,  lo  accogliamo,  ma  fino  ad  un  certo  punto;  ci  è   difficile  abbandonarci  a  Lui  con  piena  fiducia,  lasciando   che  sia  lo  Spirito  Santo  l’anima,  la  guida  della  nostra   vita,  in  tutte  le  scelte;  abbiamo  paura  che  Dio  ci  faccia   percorrere  strade  nuove,  ci  faccia  uscire  dal  nostro  oriz-­‐ zonte  spesso  limitato,  chiuso,  egoista,  per  aprirci  ai  suoi   orizzonti.  Ma,  in  tutta  la  storia  della  salvezza,  quando   Dio  si  rivela  porta  novità  –  Dio  porta  sempre  novità  -­‐,   trasforma  e  chiede  di  fidarsi  totalmente  di  Lui:  Noè  co-­‐ struisce  un’arca  deriso  da  tutti  e  si  salva;  Abramo  lascia   la  sua  terra  con  in  mano  solo  una  promessa;  Mosè  af-­‐ fronta  la  potenza  del  faraone  e  guida  il  popolo  verso  la   libertà;  gli  Apostoli,  timorosi  e  chiusi  nel  cenacolo,  esco-­‐ no  con  coraggio  per  annunciare  il  Vangelo.  Non  è  la  no-­‐ vità  per  la  novità,  la  ricerca  del  nuovo  per  superare  la   noia,  come  avviene  spesso  nel  nostro  tempo.  La  novità   che  Dio  porta  nella  nostra  vita  è  ciò  che  veramente  ci   realizza,  ciò  che  ci  dona  la  vera  gioia,  la  vera  serenità,   perché  Dio  ci  ama  e  vuole  solo  il  nostro  bene.  Doman-­‐ diamoci  oggi:  siamo  aperti  alle  “sorprese  di  Dio”?  O  ci   chiudiamo,  con  paura,  alla  novità  dello  Spirito  Santo?   Siamo  coraggiosi  per  andare  per  le  nuove  strade  che  la   novità  di  Dio  ci  offre  o  ci  difendiamo,  chiusi  in  strutture   caduche  che  hanno  perso  la  capacità  di  accoglienza?

Sarebbe   ora,  perciò,  di   sme0erla  di   guardare  con   sospe0o   e   tac-­‐ ciare   di   esibizionismo   o   di   distruUsmo   (delle   stan$e   metodiche   pastorali)  quan$  si   dedicano  con   passione   alla  nuova  evangelizza-­‐ zione.   Il   rinnovamento   riguarda  tu0a  la   Chiesa   che,   come   ben   sa   chi   se   ne  è   lasciato   coinvolgere,  nulla  distrugge   ma   tu0o   riporta   alla  purezza  e  semplicità  evangelica  originaria  della  Chiesa:  stru0u-­‐ re,  metodi  e  parresia  apostolica.  Da  parte  nostra,  in  quanto  france-­‐ scani,   ciò   significa  riappropriarci   della  vocazione-­‐missione   del   se-­‐ rafico   Padre,   purificandoci   dalle   sovrastru0ure   che   nei   secoli   ci   hanno   appesan$to  e,  nei   tempi  recen$,  hanno  tenuto  alla  larga  le   possibili   nuove   vocazioni   alla  vita   consacrata   francescana   sia   nel   primo  come  nel  terzo  Ordine.

Così   ammoniva  P.  Raniero   Cantalamessa   il  15   aprile  del   2009  nella   sua  famosa  conferenza  al   Capitolo   delle  Stuoie,  nell’VIII  Centenario   dell’approvazione  della  Regola  di   S.  Francesco:  «Noi  cattolici  siamo   più   preparati,  dal  nostro  passato,   a  fare   i   "pastori"   che   i   "pescatori"   di   uomini,  cioè  siamo   più   preparati  a  pascere  le   persone  che   sono   rimaste  fedeli  alla  Chiesa,  che  non  a  portare  ad   essa  nuove  persone,   o   a   "ripescare"  quelle  che   se   ne  sono   allontanate.  La   predicazione   itinerante  scelta   per   sé  da  Francesco,  risponde  proprio  a   questa  esi-­‐ genza.  Sarebbe   un   peccato   se   l’esistenza   ormai   di   chiese   e   grandi   strutture  proprie  facessero  anche  di   noi  francescani  solo  dei  pastori   e   non  dei   pescatori  di  uomini;  se  in   certi  continenti,  come  l’America  

Pensiamo   in   questo   contesto   alla  difficoltà   che   ancora  incontra   in   molti  ambienti   ecclesiali  l’appello  alla  Nuova  Evangelizzazione.  Piut-­‐ tosto   che  rinnovarsi,   come   ha   indicato   il   B.   Giovanni   Paolo   II,   nei   mezzi,  nei   modi  e  nell’ardore  missionario,  la  stragrande  maggioranza   delle  realtà  ecclesiali   è  rimasta  nelle  proprie  posizioni   di  sempre  e  la   Nuova  Evangelizzazione  è  diventata  appannaggio  esclusivo  e  carat-­‐ teristico  dei   nuovi   movimenti   e  associazioni.  La  Nuova  Evangelizza-­‐ zione   dovrebbe   essere   invece   lo   stile   unico   dell’essere   Chiesa,   di   tutta  la  Chiesa  nei  suoi  singoli  elementi.  Invece  di   andare  per  le  nuo-­‐ ve  strade  che  la  novità   di  Dio  ci  offre,  come  ha  evidenziato   il  Papa,  ci   si  difende  chiudendosi  in  strutture  caduche,  incapaci  di  accoglienza.

Lo  Spirito  Santo,  apparentemente,  sembra  creare  disordi-­‐ ne  nella  Chiesa,  perché  porta  la  diversità  dei  carismi,  dei   doni;  ma  tutto  questo  invece,  sotto  la  sua  azione,  è  una   grande  ricchezza,  perché  lo  Spirito  Santo  è  lo  Spirito  di   unità,  che  non  significa  uniformità,  ma  ricondurre  il  tutto   all’ARMONIA.  Nella  Chiesa  l’armonia  la  fa  lo  Spirito  Santo.   Uno  dei  Padri  della  Chiesa  ha  un’espressione  che  mi  piace   tanto:  lo  Spirito  Santo  “ipse  harmonia  est”.  Lui  è  proprio   l’armonia.  Solo  Lui  può  suscitare  la  diversità,  la  pluralità,   la  molteplicità  e,  nello  stesso  tempo,  operare  l’unità.  An-­‐ che  qui,  quando  siamo  noi  a  voler  fare  la  diversità  e  ci   chiudiamo  nei  nostri  particolarismi,  nei  nostri  esclusivismi,   portiamo  la  divisione;  e  quando  siamo  noi  a  voler  fare   l’unità  secondo  i  nostri  disegni  umani,  finiamo  per  portare   l’uniformità,  l’omologazione.  Se  invece  ci  lasciamo  guida-­‐ 2

re  dallo  Spirito,  la  ricchezza,  la  varietà,  la  diversità  non   diventano  mai  conflitto,  perché  Egli  ci  spinge  a  vivere  la   varietà  nella  comunione  della  Chiesa.  Il  camminare  insie-­‐ me  nella  Chiesa,  guidati  dai  Pastori,  che  hanno  uno  specia-­‐ le  carisma  e  ministero,  è  segno  dell’azione  dello  Spirito   Santo;  l’ecclesialità  è  una  caratteristica  fondamentale  per   ogni  cristiano,  per  ogni  comunità,  per  ogni  movimento.  E’   la  Chiesa  che  mi  porta  Cristo  e  mi  porta  a  Cristo;  i  cammini   paralleli  sono  tanto  pericolosi!  Quando  ci  si  avventura  an-­‐ dando  oltre  (proagon)  la  dottrina  e  la  Comunità  ecclesiale   –  dice  l’Apostolo  Giovanni  nella  sua  Seconda  Lettera  –  e   non  si  rimane  in  esse,  non  si  è  uniti  al  Dio  di  Gesù  Cristo   (cfr  2Gv  1,9).  Chiediamoci  allora:  sono  aperto  all’armonia   dello  Spirito  Santo,  superando  ogni  esclusivismo?  Mi  fac-­‐ cio  guidare  da  Lui  vivendo  nella  Chiesa  e  con  la  Chiesa? Newsletter - Giugno 2013


M G F

S I C I L I A

Latina,  la  predicazione  itinerante   fosse   assente  proprio   negli  “evan-­‐ gelici”  per  vocazione  originaria  che  sono  i  francescani». La  seconda  parola  che   Papa  Francesco  ha  consegnato  ai  movimenti   e  le   associazioni   ecclesiali  e  con   esse  a  tutta  la  Chiesa  è  armonia.   L’altro  grosso  problema  della  Chiesa  attuale  nel  contesto  dell’appello   alla  Nuova   Evangelizzazione  consiste  non  soltanto  nella  paura  per  la   novità,   ma  anche,  come  accennavamo   sopra,   il   sospetto   per   chi   è   diverso,  per  chi  esce  dagli  “schemi”,  per  chi  non  porta  avanti  “le  no-­‐ stre  cose”  di  sempre,  che  viene  perciò   accusato  facilmente  di  man-­‐ canza  di   “senso  di   appartenenza”,  di  promiscuità  con  spiritualità  che   “non   ci   appartengono”…  La  verità,  sempre  taciuta,   è  che  in   un  con-­‐ testo  di   scristianizzazione,  avendo   paura  di  perdere  le  poche   peco-­‐ relle   rimaste   nei   nostri   poveri   ovili-­‐orticelli,  si   fa  di   tutto   per   non   permettere  il  confronto  con   altre  realtà,  perfino  con   quanto  richie-­‐ sto  dal  Magistero   della  Chiesa.  Non  sono  pochi   i   movimenti  e  le  as-­‐ sociazioni   che   hanno  intimato   ai   propri   membri  di  non   frequentare   altre   realtà  ecclesiali,  di   non  partecipare  ad   altre  attività  di  apostola-­‐ to,  evangelizzazione   o  perfino   di  preghiera  promosse  da  altri  gruppi.   Il   confronto   e  la  collaborazione  piuttosto  che  essere  colti   come  op-­‐ portunità  di   arricchimento   reciproco,  sono  visti   solo  con  la  paura  di   perdere  la  propria  identità  e  i  propri  membri.  Ma  la  verità  è  che  si  ha   paura   di  perdere  i  numeri!  Ma  chi   ha  paura  di  perdere  se  non  chi  è   insicuro   di  se  stesso  e  di  ciò  che  propone?  Allora   piuttosto  che  met-­‐ tere  mano  ad  un  radicale  rinnovamento,  aprendo  le  porte  alla  novi-­‐ tà  e   al  confronto-­‐collaborazione  con  il  resto  delle  componenti   eccle-­‐ siali,  si   preferisce   far   morire  di   asfissia  e   di   inerzia  i  propri   proseliti.   Viceversa,  si  avverte  un   senso  di  superiorità  da   parte  di  alcune  com-­‐ ponenti  ecclesiali   nei   confronti   di   altre  realtà  (anche   parrocchiali  e   diocesane)  verso  le  quali,  nei  fatti,  si   applica  il  motto  dantesco    “Non   ti  curar  di  loro,  ma  guarda  e  passa!”. Il  Papa,   con   la  parola  armonia,  ci  ricorda  che   le  realtà  associa$ve   ecclesiali  sono  come  delle  note.  Da  sole  possiamo  semplicemente   cantare  “la  canzone  mononota”   o   una   melodia  a  re0otono.  Ma  se   vogliamo  esprimere   tu0a  la  vivacità  dello  Spirito,  senza   soffocarlo,   allora  siamo  chiama$  a  me0erci   accanto  gli   uni   agli   altri,   collabo-­‐ rando  alla  realizzazione  del   Regno  di   Dio,  componendo  una  melo-­‐ dia  armonica,  anzi  la  grande  sinfonia  di  Dio. La   terza   parola   suggerita  dal   Papa   è  missione.  Ma  a   ben   vedere   non  è  una  terza  indicazione  come  messa  accanto   alle  altre,  bensì   il   ver6ce   del   suo   discorso,  il   filo   conduAore  di  tuAa  l’omelia.  In-­‐ faU,  in  conclusione,  chiede  di  verificare  se  abbiamo  la  tendenza   di   chiuderci  in  noi   stessi,  nel  nostro  gruppo,  o   se  lasciamo  che  lo  Spiri-­‐ to   Santo   ci   apra   alla  missione.   E  ciò   è   quanto   aveva  evidenziato,   so0o   diversa   angolatura,   con   le   prime   due   parole:   la   paura   di   aprirsi  alla  novità  e  la  paura  di  aprirsi  agli  altri. Allora,  se   è   vero,   come   ribadito   ossessivamente   e   con   forza   da   tu0o   il   Magistero   post-­‐conciliare,   che   la   missione   rappresenta   l’anima   della   Chiesa,  le   chiusure   e  le   paure   verso   la   missione   per   annunciare  e  tes;moniare  la  vita   buona  del  Vangelo  porta  i  movi-­‐ men$   e   le   associazioni   e,  di   conseguenza   la  Chiesa   stessa,  verso   una  morte  annunciata.  Tale  pericolo  il   Papa  lo   ha   ribadito   in  tu0e   le  salse  già  da  tempo.  Così,  per  esempio,  ad  aprile   in  una  delle  sue   omelie  quo$diane  presso  Santa  Marta:  «Una  Chiesa  che  non  esce   fuori   da   se   stessa,  presto   o  tardi,   si   ammala   nell’atmosfera  viziata   delle  stanze  in  cui  è  rinchiusa.  È  anche  vero  che  ad  una  Chiesa  che   esce  le  può  accadere  ciò  che  può  accadere  ad  una  persona  quando   va   per   strada:   avere   un   incidente.  Di   fronte   a  questa  alterna$va,   Newsletter - Giugno 2013

N E W S L E T T E R

I  teologi  antichi  dicevano:  l’anima  è  una  specie  di  barca   a  vela,  lo  Spirito  Santo  è  il  vento  che  soffia  nella  vela  per   farla  andare  avanti,  gli  impulsi  e  le  spinte  del  vento  sono   i  doni  dello  Spirito.  Senza  la  sua  spinta,  senza  la  sua  gra-­‐ zia,  noi  non  andiamo  avanti.  Lo  Spirito  Santo  ci  fa  entra-­‐ re  nel  mistero  del  Dio  vivente  e  ci  salva  dal  pericolo  di   una  Chiesa  gnostica  e  di  una  Chiesa  autoreferenziale,   chiusa  nel  suo  recinto;  ci  spinge  ad  aprire  le  porte  per   uscire,  per  annunciare  e  testimoniare  la  vita  buona  del   Vangelo,  per  comunicare  la  gioia  della  fede,  dell’incon-­‐ tro  con  Cristo.  Lo  Spirito  Santo  è  l’anima  della  MISSIONE.   Quanto  avvenuto  a  Gerusalemme  quasi  duemila  anni  fa   non  è  un  fatto  lontano  da  noi,  è  un  fatto  che  ci  raggiun-­‐ ge,  che  si  fa  esperienza  viva  in  ciascuno  di  noi.  La  Pente-­‐ coste  del  cenacolo  di  Gerusalemme  è  l’inizio,  un  inizio   che  si  prolunga.  Lo  Spirito  Santo  è  il  dono  per  eccellenza   di  Cristo  risorto  ai  suoi  Apostoli,  ma  Egli  vuole  che  giun-­‐ ga  a  tutti.  Gesù,  come  abbiamo  ascoltato  nel  Vangelo,   dice:  «Io  pregherò  il  Padre  ed  egli  vi  darà  un  altro  Pa-­‐ ràclito  perché  rimanga  con  voi  per  sempre»  (Gv  14,16).  E’   lo  Spirito  Paràclito,  il  «Consolatore»,  che  dà  il  coraggio   di  percorrere  le  strade  del  mondo  portando  il  Vangelo!   Lo  Spirito  Santo  ci  fa  vedere  l’orizzonte  e  ci  spinge  fino   alle  periferie  esistenziali  per  annunciare  la  vita  di  Gesù   Cristo.  Chiediamoci  se  abbiamo  la  tendenza  di  chiuderci   in  noi  stessi,  nel  nostro  gruppo,  o  se  lasciamo  che  lo  Spi-­‐ rito  Santo  ci  apra  alla  missione. voglio   dire   francamente   che   io   preferisco   mille   volte   una   Chiesa   che  ha  sofferto  un  incidente  che  una  Chiesa  malata». Infine,  un  conce0o  che  il  Papa  sempre  associa  a  quello  di  missione   è   “periferie   esistenziali”.  Con   questa   espressione   il   Papa   intende   innanzi  tu0o  e  sopra0u0o  i  poveri   materialmente   intesi.  Alla  vigi-­‐ lia  di  Pentecoste,  durante  la  veglia  con  i   movimen$  e  le  associazio-­‐ ni,  Papa   Francesco  ha  de0o  che  i  poveri  sono  la   carne   di   Cristo  e  la   Chiesa   è   chiamata   ad   essere   povera   per   camminare   insieme   ai   poveri   e  servirli  in   quanto  carne  di  Cristo:  «La  povertà,  per   noi  cri-­‐ s$ani,  non  è  una  categoria  sociologica  o  filosofica  o  culturale:  no,  è   una   categoria   teologale.   Direi,   forse   la   prima   categoria,   perché   quel   Dio,   il  Figlio   di  Dio,  si  è   abbassato,  si  è  fa0o  povero   per  cam-­‐ minare  con  noi  sulla  strada». Accanto   alla  povertà   materiale   c’è   poi   la  povertà   dell’uomo   che   è   causa  della  prima:   «la  crisi,  come   quella   che   stiamo   vivendo,   non   consiste  in  una  crisi  soltanto  economica;  non   è  una  crisi  culturale.  È   una   crisi  dell’uomo:  ciò   che  è   in   crisi  è  l’uomo!  E  ciò  che  può  essere   distrutto  è  l’uomo!  Ma   l’uomo  è  immagine   di   Dio!  Per   questo  è  una   crisi  profonda!».  Perciò  non   si  può  indugiare   oltre:  «non  possiamo   preoccuparci   soltanto   di  noi   stessi,  chiuderci   nella   solitudine,  nello   scoraggiamento,  nel  senso   di  impotenza  di   fronte  ai  problemi.  Non   chiudersi,  per   favore!   Questo  è  un  pericolo:  ci  chiudiamo   nella   par-­‐ rocchia,   con   gli   amici,  nel   movimento,  con   coloro   con   i   quali   pen-­‐ siamo   le   stesse   cose…   ma   sapete   che   cosa   succede?   Quando   la   Chiesa  diventa  chiusa,  si  ammala,  si  ammala...  La  Chiesa  deve  uscire   da   se  stessa.  Dove?  Verso  le  periferie  esistenziali,  qualsiasi  esse  sia-­‐ no,   ma   uscire.   Gesù   ci   dice:  “Andate   per   tutto   il   mondo!   Andate!   Predicate!  Date  testimonianza  del  Vangelo!”  (cfr  Mc16,15)». fra’  Saverio  Benena; 3


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

Domenica  23  giugno  alle  ore   17.30  presso  la  Chiesa  di  San   Francesco  in  Enna  saranno  or-­‐ dinati  diaconi,  per  l’imposizione   delle  mani  di  S.E.R.  Mons.   Michele  Pennisi,  due  Frati  Mi-­‐ nori  Conventuali  legati  alla  Pro-­‐ vincia  di  Sicilia:  fra’  Salvatore   Cannizzaro,  originario  di  Enna, e  fra’  Arturo  Osorio  Nava, originario  del  Messico,  ex-­‐mis-­‐ sione  dei  frati  siciliani,  recen-­‐ temente  approvata  come Provincia  autonoma  dallo scorso  Capitolo  Generale.

DUE NUOVI DIACONI Entrambi   i   giovani   fra$   vivono   a   Roma   dove  stanno  completando  gli  studi  teolo-­‐ gici   e   specialis$ci.   Il   diaconato   rappre-­‐ senta  l’ul$mo  passo  necessario  per  rice-­‐ vere   l’ordinazione   presbiterale.   Nella   Chiesa,  infaU,  ci  sono   due  forme  di   dia-­‐ conato:   quello   permanente,   a   vita,   e   quello  “transeunte”,  cioè  in  vista  del  pre-­‐ sbiterato.   Nell’esercizio   del   ministero   sostanzialmente   non  c’è  alcuna  differen-­‐ za.  In  entrambi  i  casi  compete  al  diacono   «amministrare   solennemente   il   ba0esi-­‐ mo,  conservare  e  distribuire   l'Eucaris$a,   assistere   e   benedire   il   Matrimonio   in   nome   della   Chiesa,   portare   il   via$co   ai   moribondi,   leggere   la   sacra   Scri0ura   ai   fedeli,  istruire  ed  esortare  il  popolo,  pre-­‐ siedere  al  culto  e  alla  preghiera  dei  fede-­‐ li,  amministrare  i  sacramentali,  presiede-­‐ re  al   rito   funebre   e  alla  sepoltura»   (Lu-­‐ men  Gen)um,  29). In   AU   6,1-­‐6,   dove  si  narra  della  presen-­‐ tazione  e  scelta  di  se0e  uomini  di  oUma   reputazione,   ordina$   dagli   apostoli   me-­‐ diante   imposizione   delle   mani,   perché   servissero   alle   mense,   emerge   bene   il   senso  e  lo  scopo  del  ministero  diaconale:   collaborare  con  il  ministero  degli  apostoli   nella   fedeltà   ai   suoi   compi$   essenziali,   cioè   la  predicazione   della   Parola  di   Dio   (cfr.   At  8,5-­‐12)   e  nella  sollecitudine  per  i   bisogni   più   concre$   delle   persone.   San   Policarpo,   come  tan$  Padri  della  Chiesa,   indica   chiaramente   in   un   suo   scri0o   le   cara0eris$che  dei   diaconi:   "Essere  mise-­‐ ricordiosi,   aUvi,   camminare   secondo   la   verità  del  Signore,  il  quale  si  è  fa0o  servo   4

di  tuU".  InfaU,  la  parola   diaconia   significa  servire  e  nei  vangeli  viene   principalmente   a0ribuita  a   Cristo   che   è   venuto   per   servire   e   non   per   essere   servito.   Gesù,   per   amore,   si   è   fa0o   servo   di   tuU,   fino   a   lavare   i   piedi   dei   suoi   di-­‐ scepoli.   E   la   stola   che   i   diaconi   indossano   in   modo   trasversale   (indossata  dalla  spalla  sinistra  al   fianco   destro)   ricorda   quella   mappa   di  stoffa  che  nell’an$chi-­‐ tà   indossavano   gli   schiavi   o   i   servi   che   servivano   alla   tavola   dei   propri   padroni.   Tu0o,   in-­‐ somma,   richiama   al   servizio:   quello   alla  mensa   della   Parola   con  la  predicazione,  quello  alla   mensa   dell’Eucaris$a  con   l’as-­‐ sistenza  ai  vescovi  e  ai  presbite-­‐ ri,  quello   alla  mensa  dei  poveri   con  una   carità  faUva. Anche  quando  il  diaconato  non  è  perma-­‐ nente,   esso   ci   ricorda   comunque   che   l’essenza  di  ogni  ministero  nella  Chiesa  è   il  servizio  umile  e  so0omesso,  così  come   Gesù   ha   indicato   ai   suoi   apostoli:   «chi   vuole   diventare   grande   tra   voi   sarà   vo-­‐ stro  servitore,  e  chi  vuole  essere  il  primo   tra  voi  sarà  schiavo  di  tuU.  Anche  il  Figlio   dell'uomo   infaU   non  è   venuto   per   farsi   servire,  ma  per  servire  e  dare  la  propria   vita  in  risca0o  per  mol$»  (Mc  10,43-­‐45). Il   Movimento   Giovanile   Francescano   di   Sicilia   si   renderà   partecipe   di   questo   lieto  evento  con  un’auspicata  folta  par-­‐

tecipazione  di   giovani  oltre   a   quella  del   Gruppo  Jubilate  che  animerà  con  il  canto   il  rito  di  ordinazione. Si   è  egualmente  tuU   invita$  a   prendere   parte  anche   alla   veglia   di   preghiera   per   fra’   Salvatore   e   fra’   Arturo   che   si   terrà   nella   chiesa   parrocchiale   di   S.   Lucia   a   Enna   Bassa,   sabato   22   giugno   alle   ore   21.00.  Ma  già  da  ora  affidiamo  i   due  gio-­‐ vani  confratelli  all’amore   di  Dio   che  li  ha   scel$   perché  con  coraggio   e  perseveran-­‐ za  lo  condividano,  nel  servizio  e  nel  dono   di  sé,  a  tuU  gli  uomini  cui  li  vorrà  inviare. (Foto   in  alto:   fra’   Arturo   e   fra’   Salvatore;   foto   so5o:   il  momento  della  Professione   Perpetua   di   fra’  Salvatore  a  Palermo  nel  se5embre  2011) Newsletter - Giugno 2013


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

Dinanzi  ad  oltre   oRantamila  fedeli   provenien=   da   tuRa  la  Sicilia,  il   26   maggio  è  stato  procla-­‐ mato   Beato   il   sacerdote  palermitano   Don  Pino   Puglisi   che   ha   faRo   della   sua   vita   un   dono   di   amore  fino  al  mar=rio  del  sangue.

BEATO GIUSEPPE PUGLISI Stu  parrino  si  tirava  i  picciotti  cu  iddu,  quindi  faceva  stu  dannu,  predi-­‐ cava   tutta  arnata,  avutri   problemi.   Padre  Pino   Puglisi   fu   ucciso   dalla   mafia  sotto  casa,  il  15  settembre  1993,   nel   giorno  del   suo   cinquanta-­‐ seiesimo  compleanno.   Il  perché  della  sua  morte  è  tutto  in  questa  fra-­‐ se,  una  confidenza  che  il  pentito   Tullio  Cannella,  durante  il  processo  in   Corte  d’Assise,  riferì  di   aver  ricevuto  in  carcere  dall’allora  capo   di  Cosa   Nostra,  Leoluca   Bagarella.  Doveva  dunque  morire  perché   prete,  Pino   Puglisi.  E   perché   come  prete   «predicava   tutta   la  giornata»,  creando   «altri  problemi»,  ai  capi  del  mandamento  di  Brancaccio… Circa  vent’anni  dopo  quella   sera  di  se0embre,  il  parroco  della  chiesa   di  san  Gaetano,  cuore  pulsante  del  palermitanissimo  quar$ere   Bran-­‐ caccio,   viene   proclamato   beato.   Mar$re   della   fede,   assassinato   in   odio  alla   fede.  Lo  studio  della  vicenda  del   parroco  Puglisi  ha  permes-­‐ so   di   conoscere   più   e   meglio   la   natura  della   mafia  e   l’essenza  vera   del   ministero   sacerdotale   che   di   ogni   presbitero   dovrebbe   essere   propria,  lontana  dalle  astrazioni,  dai  verbalismi  e  dalla  superficialità.

ma  senza  mai  un   cedimento,  così   diceva  di  intendere  la  sua  missione   in   quel   territorio:  «È   importante   parlare   di   mafia,   sopra0u0o   nelle   scuole,  per   comba0ere  contro   la   mentalità  mafiosa,  che  è   poi  qua-­‐ lunque  ideologia  disposta  a  svendere  la  dignità  dell’uomo   per   soldi.   Non   ci   si   fermi   però   ai   cortei,   alle  denunce,  alle  proteste.   Tu0e  que-­‐ ste   inizia$ve  hanno   valore,   ma   se   ci   si   ferma   a  questo   livello   sono   Forza  dell’esempio   di   un   uomo   e   del   suo   sacrificio,   già   nelle   prime   soltanto  parole.  E  le  parole  devono  essere  confermate  dai  faU». ore  seguen$  al  suo  assassinio  la  comunità  ecclesiale   e  la  società  civi-­‐ Un  eroe,  padre  Puglisi?  Puglisi  sapeva  di  andare  incontro   alla  morte,   le  di  Palermo  ne  parlavano  come  di   un  mar$re.  E  l’allora  arcivescovo   ne   aveva   acce0ato   la  possibilità,  ma  ad   animarlo  era  sopra0u0o  la   di  Palermo,  il  cardinale  Salvatore   De  Giorgi,  il  15  se0embre  del  1999   volontà  di   esercitare   il   ministero   sacerdotale   partendo   dalla  forma-­‐ dava  inizio  all’inchiesta   diocesana  che  si  è   chiusa  il   5   giugno   2012,   zione   civile   e   cris$ana   con   la   consapevolezza,  ben   riassunta   in   un   allorché   l’Ordinaria  dei  Padri   cardinali  e   vescovi   della  Congregazione   an$co   adagio,  che  "se  ogni  piccolo   uomo  nel   suo   piccolo  mondo   fa   delle  cause   dei   san$,   ha  riconosciuto   che  don   Pino   Puglisi   fu   ucci-­‐ una   piccola   cosa,  il   mondo   cambia".  Così   agì   fino   al   giorno   del   suo   so  in  odium  fidei  per   mano  mafiosa  e   per  la  sua  fedeltà  a  Cristo  e  alla   ul$mo  compleanno. Chiesa,  per   l’esercizio  di  un  ministero  sacerdotale  speso  a  propagare   Oggi,  come   e  più   di  allora,   il  ricordo   è   vivo.  Col   suo   sacrificio   Puglisi   e   diffondere   la  fede,   per   difendere  la   sacralità  della  vita,   la  dignità   ha  svelato  un  inganno:  la  mafia  non  ha  nulla  di  cris$ano,  sebbene  nel   della  persona  umana,  sopra0u0o  dei  piccoli.  E   il  28  giugno  successi-­‐ tempo   i   mafiosi   abbiano   ostentato   la   loro   presunta   religiosità,  esi-­‐ vo  Benede0o  XVI  autorizzava  il   Dicastero  a  eme0ere  il  decreto  per  la   bendo  immagine0e  e  libri  sacri  e   quasi  governando  –  in  nome  di  una   bea$ficazione  propter  martyrium. tradizione  in   realtà  viziata  e   distorta  –  processioni  e  ri$  religiosi   po-­‐ Che  cosa  è  emerso?  I  faU:  a  Brancaccio   don  Puglisi,   propone  –  spe-­‐ polari.   Il   grande   inganno:   i   mafiosi   divergono  dal   cris$anesimo   per-­‐ cie   alle  giovani  generazioni,  quelle  più   a0ra0e  dalle  sirene  dei   soldi   ché,  già  col   rito  di   affiliazione,  un  vero  e  proprio   ba0esimo,  che  dal   facili  e   del  potere  di  "mamma  mafia"  –  un’alterna$va  di  vita  fondata   ba0esimo  cris$ano   è  però  altra  cosa,  scelgono  di   aderire   a  qualcosa   sul   Vangelo.  La  sua  coerente  tes$monianza  fa  il  resto.  E  i  giovani  pre-­‐ che  non  è  Vangelo,  che  è  radicale  negazione  del  Vangelo. stano  fiducia  a  Cristo,  mai   così   vicino  a  tan$  ragazzi   cresciu$   a  pane   Oggi   Don   Puglisi   rappresenta   un   vero   segno   per   la   comunità   cri-­‐ (poco)  e  rivoltella.  E  quando  nella  primavera  del  1993  dalla  Valle  dei   stiana,  nell’Isola  e   altrove,  in   quanto   mostra  la   strada  corretta   per   Templi   si   leva   alto  l’anatema  di   papa   Giovanni   Paolo   II   contro   le  co-­‐ affrontare   il  fenomeno  mafioso:  quella  di   una   pastorale   attenta  ai   sche  e  i   loro   messaggeri   di   morte,  Brancaccio  risponde:  presente.  È   deboli,  diretta  ai  bambini  e  ai  giovani  per  non  lasciarli  inermi   prede   un   qualcosa  di   rivoluzionario:  i   boss   si   vedono   messi  ai  margini  dal-­‐ della   "proposta"  mafiosa;   una   pastorale   coraggiosa   e  pacifica   che   l’operato   del   centro   "Padre  Nostro".  La   loro   avversione   nasce  dalla   parla  al  cuore  di  quanti  sono  irretiti   in  disegni   malvagi.  Il   suo  marti-­‐ popolarità   e   dal   seguito   che  ogni   giorno  cresce   a0orno     a   un   prete   rio   è  denso   di   futuro   e   scava   un   solco   nella  coscienza   di   ognuno:   mite,  povero,  semplice  e   che  non   si   lascia   fermare,  forte   della  sola   dopo  il   15   settembre  del   1993,  nulla  è  più   stato  come  prima,  nulla   corazza  della  fede,  dalle  loro  in$midazioni. può  più  esserlo. È   un   qualcosa   davvero   di   rivoluzionario   e   di   incomprensibile   per   i   Vincenzo  Bertolone  -­‐  Arcivescovo  di  Catanzaro-­‐Squillace mafiosi,  pur  abitua$  a  far  di  conto  con   gli  eroi  (in  qualche  caso,  i  pro-­‐ Postulatore  della  causa  di  canonizzazione fessionis$)  dell’an$mafia,  ma  non  con  un  prete  che,  $midamente,   da  Avvenire  del  25.05.2013 Newsletter - Giugno 2013

5


M G F

S I C I L I A

CALENDARIO MGF 7-9 giugno a Mascalucia Capitolo Regionale Gi.Fra.

ADORAZIONE EUCARISTICA MENSILE

Catenanuova 2 giugno Palermo-Noce 4-6 giugno: SS. Quarantore Pergusa 5 giugno Catania 6 giugno Marineo 12 giugno

in evidenza

22 giugno a Enna-Bas sa Parrocchia S. Lucia - ore 21.00 Veglia di Preghiera in preparazione dell’Ordinazione Diaco nale di fra’ Salvatore e fra’ Arturo

a Enna 7.30 23 giugno ssisi - ore 1 ’A d o sc ce n . Fra Chiesa di S e Diaconale n io Ordinaz rturo atore e fra’ A lv a S ’ a fr i d

Dal 24 al 28 giugno si terrà a Pergusa la seconda parte del Capitolo Provinciale Ordinario. Vi invitiamo ad accompagnare i lavori dei frati capitolari con la preghiera.

N E W S L E T T E R

A DIO, CONCETTA! La   mattina   di   Pentecoste,   do-­‐ menica   19   maggio,   il   Padre   ha   accolto   nel   suo   abbraccio   mise-­‐ ricordioso   Concetta   Lo   Faso,   una   sorella   e   una   mamma   pre-­‐ murosa   non   solo   nei   riguardi   della   sua   famiglia   naturale,   ma   anche   di   quella   “allargata”   dei   frati  e  di  tutti  i  giovani  che   sono   passati   per   il   Centro   regionale   di  Marineo. Le   tante  sofferenze   fisiche   che   l’hanno  toccata   nel   tempo,   non   sono  riuscite  ad   intaccare  la   sua   fede   profonda   nel   Signore.   Anzi,  negli  ultimi  anni,  il  Signore   stesso  le   ha   fatto  sperimentare   la  forza    della  preghiera,  la  con-­‐ solazione  dello  Spirito,   e  il  Suo  amore  che  mai  abbandona  e  che  si   manifesta  sensibilmente  nell’Eucaristia  celebrata   e  adorata   e  che   ha  il  potere  di  trasformare  il  credente  in  eucaristia  vissuta,  in  sacri-­‐ ficio  vivente,  santo  e  gradito  a  Dio. Con  questo  sentimento  di  offerta,  Concetta  ha  affrontato  l’ultimo   travagliato   periodo   del   suo   pellegrinaggio   terreno,   consapevole   che  solo  l’amore  crea  e  solo  l’amore  è  la  nostra  eredità   per  coloro   che  sono  ancora  in  cammino  verso  la  patria  eterna. Grazie  al  Signore   per   averti  donata  a  noi  come  compagna   di  viag-­‐ gio.  E  grazie  a   te,  cara   sorella   Concetta.   Grazie  per   il  tuo  amore.   Grazie  per  la  tua  sollecitudine  materna  verso  tutti.  Grazie  per  l’of-­‐ ferta   esemplare   delle  tue  sofferenze   per   la   riconciliazione   e   la   pace,  per  i  frati  e  le  vocazioni  religiose,  per  i  giovani  e  per  l’evan-­‐ gelizzazione.   Arrivederci   presso   Dio   e,   in   questo   tempo   che  ci   separa,  continua  a  lodare  e  pregare  il  Signore  per  noi.

PRESTO SPOSI

mgf-sicilia-on-line www.mgfsicilia.org il sito web ufficiale

www.facebook.com/MGFsicilia

CENTRO REGIONALE PER LA PASTORALE GIOVANILE E VOCAZIONALE OFM CONV. Convento S. Maria della Dayna Salita San Francesco 90035 Marineo Tel: 091 8725133 segreteria@mgfsicilia.org

Grande   gioia   in  casa  MGF   e,  in  particolare,   per  le  Porziuncole.  A   giugno,   infatti,   due  giovani   coppie   esprimeranno   dinanzi   al   Si-­‐ gnore  e  alla  comunità   ecclesiale  la   volontà  di  donarsi  e  accoglier-­‐ si   reciprocamente   nel   sacramento   del   matrimonio   e   così   fare   della  loro   unione  il   segno  dell’amore  unico  e  fedele   di  Cristo  per   la  Chiesa,  anche  aprendo  le  proprie  case  per  l’evangelizzazione. Giambattista  e  Daniela  (foto  a  dx)  si  sposeranno  a  Marineo  il  pros-­‐ simo  13  giugno,   mentre  Fausto  e  Mariarosa  (foto  a  sx)   sigilleranno   sacramentalmente  il  loro  amore  il  prossimo  28  giugno  a  Noto. Giambattista   guida   la   seconda   Porziuncola   di   Marineo,   mentre   Fausto  e  Mariarosa,  oltre  a  guidare  la   Porziuncola  di  Noto  (più  una   nascente),   sono   membri   dell’equipe  della   Scuola   di   Evangelizza-­‐ zione.  Ad  entrambi  le  coppie  di  futuri  sposi  i  più  fraterni  auguri  e  la   grata  preghiera  al  Signore  da  parte  di  tutta  la  famiglia  MGF.

← Questo è il mobtag (QR Code) del nostro sito web 6

Newsletter - Giugno 2013


Giugno 2013