Page 1

M O V I M E N T O

G I O VA N I L E

F R A N C E S C A N O

Newsletter Mensile VIVERE DA RISORTI Risorti sono coloro che non si stancano mai di chiedere perdono a Colui che mai si stanca di perdonare. Risorti sono coloro che riescono a vedersi oltre il proprio peccato poiché, pieni di fede in Gesù, si vedono amati, perdonati e perfino inviati... Pagina 1

D I

S I C I L I A

Aprile 2013 CAPITOLO PROVINCIALE 2013

LA MEDICINA DI PAPA FRANCESCO Come il poverello di Assisi, così Papa Francesco oggi ha una sola parola medicinale per la Chiesa: uscite! Pagina 3

Si aprirà a Pergusa il prossimo 29 aprile il Capitolo Provinciale Ordinario dei Frati Minori Conventuali di Sicilia. Pagina 5

AMATEVI COME IO HO AMATO VOI Cena sul modello ebraico dei giovani di Catenanuova per rivivere la Pasqua di Gesù con i suoi discepoli. Pagina 6

LA BACHECA Gli appuntamenti del mese di aprile. Pagina 8

VIVERE DA

RISORTI Al termine   dei   quaranta   giorni   di   quaresi-­‐ ma   è   umano   a3endersi   da   sé   stessi   un   certo   cambiamento,   in   meglio,   della   pro-­‐ pria  vita  spirituale,  della  propria  relazione   con  Dio.  Che  fine   hanno   fa*o  i   buoni  pro-­‐ posi2   di   un   mese   e  mezzo   fa?   Non   so   voi,   ma   io   non   sono   molto   convinto   di   aver   fa*o   chissà  quali  progressi.  Se  guardo  a  me   stesso,   a   quello  che  ero   e   a   quello  che  so-­‐ no,  non  vedo   molte   differenze:  con2nuo  a   cadere   negli   stessi   errori,   anzi   l’i2nerario   biblico   quaresimale   mi   ha   aperto   gli   occhi   anche  su  tante  altre  infedeltà  e  contraddi-­‐ zioni   nel   mio   rapporto   con   Gesù   e   con   i   fratelli.  Mi   pare  che  più   cammino   con   Ge-­‐ sù,  più   mi   ci   avvicino   e  più   scopro   quanto   ne  sono  “distante”. Allora  mi   chiedo:  che  senso   ha  la   Pasqua?   La  coscienza  che  Gesù   sia  morto   per  i   miei   pecca2  non   mi   fa  sen2re  ancora  più  colpe-­‐ vole?  Dove   sta  la   liberazione   che   Gesù   ha   promesso  per  chi  crede  in  Lui?

Newsletter - Aprile 2013

Preso da  ques>  pensieri,  mi   sono   arrivate   addosso   la   Domenica   delle   Palme,   come   pioggia   che   lava   e   purifica,   le   parole   che   Gesù  rivolge  a  Pietro  durante  la   sua  ul>ma   cena:  «Simone,   Simone,  ecco:   Satana  vi   ha   cerca1  per   vagliarvi   come   il   grano;   ma   io  

ho pregato   per   te,   perché   la   tua   fede   non   venga   meno.   E   tu,   una   volta   conver1to,   conferma  i  tuoi  fratelli».  (Lc  22,31-­‐32) Gesù   poco  prima  di  essere  consegnato  alla   sua   passione   e   morte,   consapevole   che   Pietro  di  lì  a  poco  lo  rinnegherà  per   ben  tre   1


M G F

S I C I L I A

volte, come   è   altre*anto   consapevole   che   anche   i   suoi   fratelli   vacilleranno   non   poco,  vede   nel   fragile   pescatore   di   Galilea   colui   che   dovrà  confermare  la  fede   della  Chiesa  nascente,  la  fede   nella   sua  infinita  misericordia.  Gesù  è  certo   della  conversione  di   Pietro,   della  sua   capacità  di   risollevare   i  fratelli,  nonostante  sappia   bene   quale  grande  fragilità  si  por2  dentro  quest’uomo. Questo   episodio   mi   ha   richiamato   alla   mente   il   capitolo   11   del   Vangelo  secondo  Giovanni   dove  si  fronteggiano  la  visione  di  Gesù,   certo   della   risurrezione   dell’amico   Lazzaro,   e   la   fede   limitata   di   Marta  che  ormai  non  vede   alcuna  possibilità   di  vita  per   il  fratello:   «Signore,   manda   già   ca>vo   odore:   è   lì   da   quaBro   giorni»   (Gv   11,39),  che  equivale  a  dire:  Ormai  non  c’è  più  nulla  da  fare! Il   giorno   delle   Palme,   nell’omelia   della   solenne   celebrazione   in   piazza  San  Pietro,  Papa   Francesco  lanciava  un   forte  ammonimento   ai   giovani,  ripetendolo  due  volte:  Non  fatevi   rubare  la  speranza!  E   allora   tu*o   è  diventato  chiaro,  anzi   splendente  di  una  luce   nuova,   quella   del   Risorto!   Infa_,   mentre   noi   ci   vediamo   come   persone   fragili  nella  fede  e  peccatori   irriducibili,  Gesù  guarda   oltre  e  ci  vede   come  saremo   se  sapremo   perseverare  nella  fiducia  nel   suo   amore   illimitato  e  incondizionato. Quanto  sono  significa2ve  le   lacrime  di  Pietro   che  sgorgano  copiose   quando   i   suoi   occhi   incrociano   lo   sguardo   di   Gesù   subito   dopo   il   triplice  rinnegamento:   mentre  Pietro  piange  il   suo   tradimento  e  le   lacrime  gli   impediscono   di   vedere   oltre  il   suo   peccato,  Gesù   vede   in   lui  la   solida  guida  della   Chiesa  che  sarebbe  nata  dal  suo   costato   trafi*o.  Lo  stesso   era  avvenuto  a  Betania  pochi  giorni  prima:  Mar-­‐ ta   vede   nel   fratello   un   morto   in   avanzato   stato   di   putrefazione,   Gesù  vede   un  tes2mone  della  gloria  di  Dio  tanto  che   mol2,  dopo  la   risurrezione  di  Lazzaro  e  per  causa  sua,  crederanno  in  Lui. Ecco   cosa   è   la  speranza   a  cui   ci   appellava  Papa   Francesco!   Ecco   cosa  significa  vivere   da  risor>,  illumina>   dalla  fede   nel  Risorto  e   2

N E W S L E T T E R

gioiosi nella  speranza:   guardare  noi   stessi   e  con  noi   il  mondo   che   ci   circonda  con  gli   occhi   di   Gesù.  Con   i  nostri   occhi  vediamo  solo   male,   peccato,   egoismo,   avidità…   che   generano   violenza,   distru-­‐ zione  e  morte;  ci  vediamo  incostan2,  infedeli,  schiavi  delle  nostre   passioni…  Con  gli  occhi   del  risorto,  invece,  abbiamo   la  capacità  di   vedere  che  il   male  e  il   peccato  non  sono   l’ul2ma   parola  su  questo   mondo.  È  come  essere   di  fronte  a  del  letame:  l’uomo  qualunque  vi   vede  le*eralmente   della  “merda”  che  puzza,  il   contadino,  invece,   vi   vede   del   buon   concime  che  farà   crescere   e   fru_ficare  abbon-­‐ dantemente  le  piante  del  suo  orto. Vivere  da   risor2,  da   uomini   di  speranza,  sta  proprio   nel   guardare   noi   stessi   e   il   mondo   con   gli   occhi   del   divino   vignaiolo,  del   buon   pastore  che  conosce  bene  le  sue  pecore  e  le  loro   fragilità  ma  per  le   quali  offre  la  sua  vita  perché  crede  in  ognuna  di  esse,  fino  al  punto   di   cercarle  per   valli  e   per  mon2  quando   esse  si  smarriscono.   Fac-­‐ ciamo   nostro  l’appello   di  Papa  Francesco   pronunciato   nel   suo  pri-­‐ mo  Angelus   domenicale   del  17  marzo   scorso:  Dio   mai  si  stanca   di   perdonare,   ma   noi,   a   volte,   ci   stanchiamo   di   chiedere   perdono.   Non  ci  stanchiamo  mai,  non  ci  stanchiamo  mai! Risor>,  dunque,  sono  coloro  che  non  si  stancano   mai   di  chiedere   perdono  a  Colui   che   mai   si  stanca   di  perdonare.  Risor2  sono  colo-­‐ ro   che   riescono   a   vedersi   oltre   il   proprio   peccato   poiché,  pieni   di   fede   in   Gesù,  si   vedono   ama2,  perdona2   e   perfino   invia2  a   con-­‐ fermare   nella  stessa  fede  coloro  che  in  questo  momento  disperano   in   un   futuro   diverso   e   migliore,   oltre   le   proprie   infedeltà,   tradi-­‐ men2  e  perfino  sepolcri  di  morte! Asciughiamo,  fratelli,  le   lacrime   del   peccato   e   della   morte   che   ci   impediscono   di   vedere   il   volto   compassionevole   di   Gesù   che   si   fissa   con   amore   su   ognuno   di   noi;   risorgiamo   dalla   nostra  cecità   per  portare  con  gioia  a  tu_  la  speranza  di  Cristo! Buona  Pasqua  di  risurrezione,  di  Cristo  e  vostra! fra’  Saverio  Benena1 Newsletter - Aprile 2013


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

LA MEDICINA DI PAPA FRANCESCO Sappiamo bene che il pontificato di Papa Francesco è appena agli inizi e tanta è la strada da fare e altrettanti sono i muri, i pregiudizi, le diffidenze da abbattere. Ma la via medicinale per la guarigione della Chiesa di oggi è ben tracciata: se non si esce dai recinti fisici e ideologici in cui molti si sono rinchiusi, la Chiesa è destinata a sbranarsi mortalmente al suo interno, come in una gabbia di animali. C’è una  sindrome  di   cui  mol>  abbiamo  sicuramente  sen>to  parla-­‐ re,  quella  che  prende  gli   animali  quando   sono   costreL   a  convivere   con   loro  simili   in   gabbie  troppo   anguste.   L’osservazione   scien2fica   conferma  che  in  queste  situazioni   gli  animali  tendono   ad  azzannarsi   e  perfino  divorarsi  tra  loro.  Le  sta2s2che  dicono  che,  similmente  agli   animali,  anche  gli   uomini  quando  si  sentono  costre_  a  convivere   in   luoghi   che  riducono   lo   spazio   minimo   vitale   tendono   a  sviluppare   un’enorme   aggressività   mentre,   ahimé,   alcuni   (vedi   nelle   celle   so-­‐ vraffollate  delle  carceri  italiane)  propendono  anche  al  suicidio. Analogamente,  anche   le   aggregazioni   sociali   come   la  Chiesa   con   i   suoi   gruppi   e   movimen2,  in   situazioni   di  stress  numerico  o   da   “ac-­‐ cerchiamento”,   tendono   a  sviluppare,   su   altri  livelli,  gli   stessi   com-­‐ portamen2   aggressivi  verso  gli  altri  o  se  stessi.   In  questa  epoca  sto-­‐ rica   di   secolarizzazione   della   società   e   di   forte   scris2anizzazione,   par2  della  Chiesa,  sopra*u*o  occidentale,  di  fronte  agli  a*acchi  del   laicismo  moderno,  al   calo   delle  vocazioni  religiose  e  sacerdotali  che   va  di  pari   passo  al   calo   della   partecipazione  a_va  dei  laici   nelle  co-­‐ munità  locali  e  nei  movimen2  ecclesiali,  hanno  sviluppato  una  certa   tendenza  aggressiva  verso  l’esterno   e  suicida  verso  sé  stessi.  Basta,   infa_,   navigare   nel   web   e,   in   par2colare,   nei   social-­‐network   per   rendersi  conto  di   quan2  gruppi   “an2”  o  “in  difesa  di”  siano  na2  nel-­‐ l’ul2mo   decennio,   espressione   di   un   movimento   non   indifferente   numericamente   di   “autodifesa”   ecclesiale  della  Tradizione  liturgica,   Newsletter - Aprile 2013

della Do*rina,  della   morale.   L’apologe2ca,  con   riviste   specializzate   cartacee  e  online,  è   ritornata  prepotentemente  come  nei   primi   se-­‐ coli   della  Chiesa,  nei  tempi   della  contro-­‐riforma  e   dell’an2moderni-­‐ smo.  Allo   stesso  modo,   sono  na2  numerosi   gruppi  an2satanici   che,   appunto,   vedono   satana   ovunque  e   contro   il   quale,  oltre   ad   aver   ingaggiato  epiche  ba*aglie  media2che,  fanno  appello  ai  cris2ani   per   un   ritorno   alle   an2che   tradizioni,   devozioni,   digiuni,   penitenze,   esorcismi  e  preghiere  di  liberazione...  Lo  spirito  corpora2vo,  del  fare   gruppo  chiuso  “contro”  i  tempi  e  le  culture  di  oggi,  contro  l’erosione   dei   numeri   sempre   più   in   calo,   per   difendersene,   ha   capovolto   l’immagine   che   Gesù   ci   ha  offerto   con   la   parabola   della   pecorella   smarrita:  anziché  andare   a  cercare   le   novantanove  che  ormai  si  so-­‐ no   disperse,  meglio   tenersi  stre*a  e   difenderci   a  tu_  i  cos2  l’unica   che  è  rimasta  ancora  nell’ovile! Non   ci   si   rende  conto   che  si   è  caduti  in  una  trappola  soffocante,  ag-­‐ gressiva   e  suicida,  che  ci   si  è  costruiti  da  soli.  Pensiamo  alla  litigiosità   del  clero,  a  tutti  i   livelli,  verso  l’esterno  e  tra  di  esso,  per  accaparrarsi  e   non   lasciarsi  sfuggire  le   proprie   poche   pecorelle  e  così  continuare   a   coltivarsi   il   proprio   misero   campo   di   potere.  Pensiamo   agli   out-­‐out   imposti  dai  responsabili  delle  associazioni  e  dei  movimenti   ecclesiali   che  impediscono   ai  suoi  membri,  pena  l’espulsione   o  il  pubblico  bia-­‐ simo,   in   nome   dell’appartenenza   identitaria,   di   poter   liberamente   aderire  anche   ad   altre  forme  di  vita  cristiana  e/o   di  apostolato  nella   3


M G F

S I C I L I A

Chiesa. Pensiamo  alle  diocesi  e   agli   istituti  religiosi,  maschili   e  femmi-­‐ nili,  che,  senza   alcun   progetto  di  rinnovamento,  vanno  masochistica-­‐ mente  chiudendo   le   loro   presenze   sul   territorio.   Al   contrario,  altre   aggregazioni   ecclesiali   (diocesi,   parrocchie,  istituti   religiosi,  associa-­‐ zioni   e   movimenti),  pur   di   mantenere  standard   numerici   accettabili,   sono  disposti   a  chiudere   anche  più   di   un  occhio   sulle  motivazioni   di   fede   e   il   retto   agire   morale   dei   propri   membri,  sulla   selezione   dei   candidati   ai   ministeri,  laicali   e   ordinati,  sul   loro   modo   di   esercitarli,   nella   liturgia   come   nella  vita  pubblica  sociale,  con   aberrazioni   che   offrono  il  fianco   ai  sostenitori  del  ritorno   ad  un  certo  “fondamentali-­‐ smo”   cristiano   preconciliare.   Il   Concilio   Vaticano   II,   infatti,   ne   esce   fuori   da   questo   “si   salvi   chi  può”   come   la   vera   vittima   sacrificale,   il   capro  espiatorio  di  tutti  i  mali  che  la  Chiesa  sta  soffrendo. Grazie  a  Dio,  la   Chiesa  non   appar>ene  agli   uomini   ma  a   Cristo  che   la   guida   e   sorregge  con   il  suo   santo  Spirito.  E,   come  sempre  nella   sua  bimillenaria  storia,   nei  momen>  di   difficoltà  in   cui  essa  stessa   “si  incarta”,  Egli   suscita   per  la   sua  Chiesa  uomini   e  donne  capaci   di   indicarle  la  via  di  uscita. Così,   accogliamo   Papa   Francesco   per   quello   che   è   e   si   sta   dimo-­‐ strando   concretamente,  cioè   l’uomo   che   lo   Spirito   ha   suscitato   e   donato   alla  Chiesa   perché,   in   questo   par2colare   momento   storico,   superi   le   sue   interne   difficoltà   che   si   traducono   in   controtes2mo-­‐ nianza  di  Cristo  e  aggressività  nei  confron2  del  mondo  esterno. Come   il   poverello   di   Assisi   o*ocento   anni   fa,   così   Papa   Francesco   oggi   ha   una  sola   parola  medicinale  per   la  Chiesa:  uscite!  Una  parola   che  richiama  evangelicamente  la  Chiesa  alla  sua  più  vera  e  profonda   iden2tà,  quella  cioè  di   essere   missionaria  per   sua  natura:  “Non   ce-­‐ diamo   mai   al   pessimismo,   a   quell’amarezza   che   il   diavolo   ci   offre   ogni   giorno;   non   cediamo   al   pessimismo   e   allo   scoraggiamento:   abbiamo   la  ferma  certezza  che  lo  Spirito  Santo  dona  alla  Chiesa,  con   il   suo  soffio   possente,  il  coraggio  di   perseverare   e  anche  di   cercare   nuovi   metodi   di   evangelizzazione,  per   portare   il   Vangelo   fino   agli   estremi   confini   della   terra”   (Discorso   ai   Cardinali   del   15   marzo   2013).  Quando   la  Chiesa  si  chiude  in   sé  stessa,  quando  non   cammi-­‐ na,   non   edifica  e   non  confessa  il   suo  Signore,  entra  in   quel   girone   mortale  di  impoverimento  della   fede  e  di   mor2ficazione  della  carità   che   la   equipara   ad   una   qualunque   ONG   assistenziale   (cfr   Omelia   della  Messa  con  i  Cardinali  del  14  marzo  2013). Dunque,  “anche   oggi   davanti   a   tanti   tratti   di  cielo   grigio,  abbiamo   bisogno  di   vedere  la  luce  della  speranza  e  di  dare  noi  stessi  la   speran-­‐

4

N E W S L E T T E R

za” (Omelia  nella   Messa  per  l’inizio  del  ministero  petrino  del  19  mar-­‐ zo  2013).  Ai   cristiani   che,  di  fronte  alla  difficoltà,  sono  tentati  autole-­‐ sionisticamente  di   indurire  il  proprio  cuore  nella  tristezza  e  nel   lamen-­‐ to   pietoso  per  ciò  che  non  va,  Papa  Francesco  indica  la  via  della  gioia:   “Non  siate  mai   uomini   e  donne  tristi:  un  cristiano  non  può  mai  esser-­‐ lo!  Non  lasciatevi   prendere  mai  dallo  scoraggiamento!  La  nostra  non   è  una  gioia  che  nasce  dal   possedere   tante  cose,  ma  nasce  dall’aver   incontrato  una  Persona:  Gesù,  che  è  in  mezzo  a  noi;   nasce  dal  sapere   che   con   Lui   non   siamo   mai   soli,  anche   nei   momenti   difficili,   anche   quando  il   cammino  della   vita  si   scontra   con   problemi   e   ostacoli   che   sembrano  insormontabili,   e  ce  ne  sono  tanti!”  (Omelia  della  Domeni-­‐ ca  delle  Palme,  24  marzo   2013).  E  della  gioia  cristiana,  ambasciatori   privilegiati   sono   i   giovani,   cronologicamente  e   spiritualmente   intesi.   Infatti,   i   giovani   cristiani   di   oggi,   grazie   anche   all’esperienza   delle   GMG,  non  hanno  vergogna  della  croce  di  Cristo!  Anzi,  la  abbracciano,   perché  guardando  al  crocifisso  hanno  imparato   la  lezione  che  “è  nel   dono  di  sé,  nell’uscire  da  se  stessi,  che  si  ha  la  vera  gioia”  (idem). Uscire  da  sé  stessi,  dai  propri  recinti,  è  la  vera  medicina  per  la  guari-­‐ gione  di   tutta  la   Chiesa,  a  partire  dai  suoi  pastori,  unti  dal  sacro   Cri-­‐ sma   per   portare  il   buon  profumo  di   Cristo  alle  periferie   del   mondo:   “bisogna  uscire  a   sperimentare   la  nostra   unzione,   il   suo  potere  e  la   sua  efficacia  redentrice:   nelle  “periferie”  dove   c’è  sofferenza,  c’è  san-­‐ gue  versato,  c’è  cecità  che   desidera  vedere,  ci  sono  prigionieri  di  tanti   cattivi  padroni…  Chi  non  esce  da  sé,  invece  di  essere  mediatore,  diven-­‐ ta  a  poco  a  poco   un   intermediario,  un  gestore…  Da  qui  deriva  preci-­‐ samente   l’insoddisfazione   di   alcuni,   che   finiscono   per   essere   tristi,   preti   tristi,  e  trasformati  in  una  sorta  di  collezionisti  di   antichità  oppu-­‐ re  di  novità,  invece  di  essere  pastori   con   “l’odore  delle  pecore”  e  pe-­‐ scatori  di  uomini”  (Omelia  nella  Messa  del  Crisma  del  28  marzo  2013) Sappiamo  bene   che  il   pontificato   di   Papa  Francesco   è   appena  agli   inizi  e  tanta  è  la  strada   da  fare  e   altrettanti  sono  i  muri,  i   pregiudizi,   le   diffidenze   da  abbattere.  Ma   la   via   medicinale   per  la   guarigione   della  Chiesa  di   oggi  è  ben   tracciata:  se  non   si  esce  dai  recinti  fisici  e   ideologici   in   cui  molti   si   sono   rinchiusi,  la  Chiesa  è   destinata   a  sbra-­‐ narsi  mortalmente  al  suo  interno,  come  in  una  gabbia  di  animali. Preghiamo  e  impegniamoci   personalmente   perché  tu3a  la  Chiesa   ne   prenda   coscienza,  anche   se   grande  è   la  paura   di   perdere   quel   poco   che   si   crede   di   avere,   per   infrangere  l’onda  della   crisi   e   così   prendere  il  largo  nel  nome   del  Signore   e  ge*are  le  re2.  In  par>cola-­‐ re,   questo  mese,  preghiamo  con  fede  il   Signore   e   invochiamo   l’intercessione   di   Maria   Stella   della  Nuova  Evangelizzazione   per  la  Provincia  di   Sicilia  dei  Fra>  Minori   Conventuali,  di  cui  il  Mo-­‐ vimento   Giovanile   Francescano   di   Sicilia   è   espressione,  perché  i   suoi   fra2  che  si  riuniranno   in   Capitolo   Ordinario  a  Pergusa  a  par2re  dal   29   aprile,  sappiano  scegliere   e  proge*are   non  mos-­‐ si   da   sen2men2   di   autodifesa   dell’esistente,   gestori   museali   del   passato,   ma   unicamente   dalla  Grazia  che   fa  nuove  tu*e   le   cose   e   spinge   ad  intraprendere  nuovi  percorsi  virtuosi  e  vivifi-­‐ can2  per  essere  ciò  che  come  francescani   siamo   chiama2   ad   essere:   uomini   della   periferia,   pa-­‐ stori   che   stando   a_vamente   in   mezzo   al   gregge   si   impregnano   dell’odore   delle   pecore,   sempre   pron2  a   prendersi   cura   dei   lebbrosi   del   nostro   tempo   e   alla   ricerca   costante   degli   smarri2   di   cuore,  come   i   buoni   e  intrepidi   pescatori  che   al   largo,  nel   mare   aperto,  2rano   con   fa2ca   e   con   gioia  le  re2  sovrabbondan2  di  buoni  pesci. Newsletter - Aprile 2013


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

Si aprirà  a  Pergusa  il  prossimo  29  apri-­‐ le  il  Capitolo  Provinciale  Ordinario  dei   Frati  Minori  Conventuali  di  Sicilia  per   l’elezione  del  Ministro  Provinciale  e  dei   componenti  il  suo  Consiglio.  Nello  stile   impresso  da  San  Francesco  all’Ordine,   il  Capitolo  è  un  tempo  di  grazia  per   un’attenta  verifica  del  cammino  svolto   e  per  discernere  la  volontà  del  Signore   circa  i  passi  da  compiere  per  il  futuro. Vissuto  in  obbedienza  allo  Spirito,  il   Capitolo  è  sicuramente  un  tempo  pro-­‐ fetico  per  un  rinnovamento  che  muove   i  passi  dalla  sempre  attuale  radicalità   evangelica  francescana.  

CAPITOLO PROVINCIALE 2013 Oltre al  governo  della  Provincia  in  carica  (Mi-­‐ nistro  e  consiglieri  provinciali),  l’ex-­‐ministro   provinciale  e  il  Vicario  Generale  che  presiede-­‐ rà  il  Capitolo,  parteciperanno  a  questo  mo-­‐ mento  fondamentale  della  fraternità  france-­‐ scana  siciliana  poco  più  di  venC  fraC  che  sono   staC  delegaC  per  la  partecipazione  al  Capitolo   mediante  votazione  da  parte  di  tuE  i  compo-­‐ nenC  la  Provincia. Ad  essi  speHerà  il  compito,  dopo  una  aHenta   verifica  del  cammino  compiuto  negli  ulCmi   anni,  di  tracciare  le  linee  guida  per  il  futuro   della  Provincia,  sia  per  quanto  riguarda  la  vita  

fraterna provinciale  e  conventuale,  sia  per   quanto  riguarda  la  vita  apostolica. L’elezione  del  Ministro  Provinciale  avverrà,   però,  da  parte  di  tuE  i  fraC  della  Provincia.   Essa  è  prevista  nella  maEnata  di  giovedì  2   maggio.  L’indomani,  invece,  restaC  di  nuovo   solo  i  delegaC,  saranno  eleE  il  vicario  provin-­‐ ciale  e  gli  altri  consiglieri  che,  insieme  al  Mini-­‐ stro,  guideranno  la  Provincia  per  il  nuovo   quadriennio  e,  da  subito,  prepareranno  il  Pro-­‐ geHo  Quadriennale  da  soHoporre  ai  fraC  per   la  sua  approvazione  nella  seconda  parte  del   Capitolo  che  si  celebrerà  dal  24  al  28  giugno.

È in  questa  seconda  parte  che  verranno  pure   affrontate  le  eventuali  quesConi  parCcolari,   verranno  eleE  i  Guardiani  delle  comunità  e   affidaC  ufficialmente  gli  incarichi  e  le  respon-­‐ sabilità  di  servizio. Vi  inviCamo  a  pregare  con  perseveranza  in   questo  mese  per  i  fraC  della  Provincia  affin-­‐ ché  si  lascino  illuminare  e  condurre  dallo  Spi-­‐ rito  Santo  in  tuHo  ciò  che  dovranno  scegliere   per  essere  ancora  oggi  discepoli  e  tesCmoni  di   autenCci  di  Cristo  secondo  il  carisma  di  san   Francesco.  

Sono un  centinaio  i  giovani  che  parteciperanno  al  Corso   Nuova  Vita  del  12/14  aprile  a  Pergusa.  Oltre  i  venti   membri  dell’equipe,  si  sono  iscritti  ottanta  giovani  frutto   dell’evangelizzazione  ordinaria  di  tanti  altri  giovani  che   hanno  riscoperto  la  propria  fede  anche  grazie  a  questa   esperienza  proposta  dalla  Scuola  di  Evangelizzazione. A  causa  dell’elevato  numero  di  richieste  (di  solito  si  pre-­‐ ferisce  non  superare  i  sessanta  partecipanti)  le  iscrizioni   sono  state  chiuse  anzitempo.

CORSO NUOVA VITA Il Corso   Nuova   Vita  è   un   ri2ro   biblico-­‐esperienziale   vissuto   in   un   week-­‐end   in   cui   si   fa  esperienza  della  salvezza   di  Dio-­‐Padre   a*ra-­‐ verso   un   incontro   personale   con   Gesù   risorto   ed   una   nuova  effu-­‐ sione  dello   Spirito   Santo,   che  ci  faccia  nascere  di   nuovo,  per   vivere   come  figli  di  Dio  ed  eredi  del  suo  Regno. La  Vita  Nuova  in  Cristo  l’abbiamo  tu_  ricevuta  con  il  ba*esimo,  ma   oggi   è   urgente   e   necessario   riscoprire   questo   dono   per   fondare   stabilmente  la  nostra  fede  e  dare  un  orientamento  nuovo  alla

Newsletter - Aprile 2013

nostra esistenza. L’esperienza  del   Corso  perciò  offre  nuovi   orizzon2  per  nuovi  percorsi  di  vita   con  Gesù  e  nella  Chiesa-­‐comunità,  luogo  di   esperienza   di   Dio,   di   condivisione  del  suo  Amore  e  di  partenza  per  l’evangelizzazione. Sono   cen2naia   i   giovani   che   hanno   partecipato   a   questo   Corso   e   che,   dopo   di   esso,  tes2moniano   che   non   si   può   più   ritornare   ad   essere  come  prima.  A  par2re  dal   Corso   in   mol2  hanno   cominciato   un   radicale   cammino   di   discepolato   di   Cristo,   sia   entrando   nelle   Porziuncole   sia   vivendo   le   successive   esperienze   della   Scuola   di   Evangelizzazione  (Corsi  Emmaus,  Giovanni,  Giacobbe,  Maria…).

5


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

AMATEVI COME IO HO AMATO VOI La sera  di  mercoledi  28  marzo,   in  prossimità  della  pasqua,  i   giovani  della  porziuncola  di   Catenanuova    hanno  organiz-­‐ zato  una  “cena  pasquale”  sul   modello  di  quella  ebraica,  per   rivivere  e  ricordare  l’ul@ma   cena  che  Gesù  organizzò  in   mezzo  ai  dodici.  Una  ven@na  i   partecipan@,  non  soltanto  del-­‐ la  porziuncola,  ma  anche  altri   giovani  che  sono  in  cammino   per  conoscere  Gesù. Venne  il  giorno  degli  Azzimi,  nel  quale  si   doveva  immolare  la  Pasqua.  Gesù  mandò   Pietro  e  Giovanni  dicendo:  "Andate  a  pre-­‐ parare  per  noi,  perché  possiamo  mangiare   la  Pasqua".  (Lc  22,7-­‐8)  Voi,  dunque,  agite   così:  «chi  tra  voi  è  più  grande  diventi  co-­‐ me  il  più  giovane,  e  chi  governa  come  co-­‐ lui  che  serve.  Infatti  chi  è  più  grande,  chi   sta  a  tavola  o  chi  serve?  Non  è  forse  colui   che  sta  a  tavola?  Eppure  io  sto  in  mezzo  a   voi  come  colui  che  serve».  (Lc  22,26-­‐27)

fa*o in  mezzo  a  noi;  ci  siamo,  infa_,  spon-­‐ taneamente  lava2  i  piedi  gli  uni  gli  altri,  la-­‐ vando  i  piedi  della  persona  al  quale  si  voleva   chiedere  perdono  per  qualche  mancanza,   rendendoci  così  anche  noi  piccoli  e  umili,   senza  imbarazzarci  a  chiedere  perdono  al  

nostro fratello.  Questo  è  stato  certamente   uno  dei  momen2  più  toccan2  della  serata,   poiché  abbiamo  sperimentato  con  mano  ciò   che  Gesù  ha  voluto  insegnarci  e  ciò  che  ogni   discepolo  ha  provato  nel  farsi  lavare  i  piedi   dal  Cristo,  da  colui  è  che  il  Re.

Lo abbiamo  veramente  sen2to  in  mezzo  a   L’esperienza  di  organizzare  la  cena  con  le   noi,  con  il  suo  santo  Spirito  era  presente   pietanze  usate  dagli  ebrei  nella  no*e  di  pa-­‐ nelle  nostre  richieste  di  perdono,  nella  no-­‐ squa  come  l’uovo,  l’agnello,  la  salsa  haroset,   stra  umiltà,  in  qualche  lacrima,  nello  sen2rci   le  erbe  amare  il  pane  e  il  vino,  è  stato  qual-­‐ fratelli.  Inoltre,  il  legare  dei  lacci  di  spago   cosa  di  meraviglioso  che  ci  ha  fa*o  apprez-­‐ alla  croce  (simbolo  del  peccato  che  ognuno   zare  il  grande  significato  che  Gesù  stesso  ha   di  noi  porta  dentro)  ci  ha  resi  consapevoli   voluto  trasme*erci  rendendo  se  stesso  pic-­‐ che  il  nostro  peccato  non  è  infinito,  ma  anzi   colo  come  pane  nella  sua  ul2ma  cena. ha  una  fine  ben  precisa:  la  croce.  Con  essa   Gesù  ha  vinto  il  peccato  e  ha  vinto  il  mondo   Questa  sera,  però,  non  abbiamo  solo  cenato   e  se  noi  gli  affidiamo  i  nostri  pecca2,  le  no-­‐ come  Gesù  duemila  anni  fa,  ma  abbiamo   stre  paure  e  i  nostri  dubbi,  allora  la  croce  ci   anche  messo  in  pra2ca  ciò  che  lui  stesso  ha   rende  liberi  e  ci  salva. 6

Dunque, il  nostro  non  era  un  ritornare  al   passato,  ma  uno  sperimentare  nel  presente   la  possibilità  di  me*ere  in  pra2ca  il  coman-­‐ do  del  Signore  di  amarci  gli  uni  gli  altri,  per-­‐ donandoci  di  cuore  con  umiltà.   La  Parola  è  viva  ed  è  ogni  giorno  nuova  e,   per  chi  sa  applicarla  con  fede  e  carità,  la   Parola  salva,  dona  gioia,  volontà,  for2  emo-­‐ zioni  e  un  qualcosa  di  unico  e  speciale  che  è   la  mano  sempre  tesa  e  pronta  del  nostro   Padre  eterno  che  non  si  stanca  mai  di  sal-­‐ varci  ieri  e  oggi. «Il  Padre  stesso  infa>  vi  ama,  perché  voi   avete  amato  me  e  avete  creduto  che  io  sono   uscito  da  Dio.  Vi  ho  deBo  questo  perché   abbiate  pace  in  me.  Nel  mondo  avete  tribo-­‐ lazioni,  ma  abbiate  coraggio:  io  ho  vinto  il   mondo!»  (Gv  16,27.33) Newsletter - Aprile 2013


Tutti i mondi dell’animazione sotto la luce della relazione Una tre giorni di formazione con “discesa in campo” per chi ama l’animazione estiva a 360°!. Per animatori di centri estivi, di colonie, di villaggi turistici, di oratori (dai 18 anni in su), tutti accumunati da due certezze. 1. Con la relazione !"#$%&'"()$#"'# divertimento e lo star bene. 2. Con la formazione si impara a relazionarsi meglio!. Tre giorni intensi per scoprire tecniche, reti, stili, lavori, modi e mondi dell’animazione. Il campus si svolgerà presso ELLEDICI LAB – Rivoli (TO). Da Venerdì 10 Maggio a Domenica 12 Maggio. Le quote sono: A. 130 € (con vitto e alloggio). B. 100 € (solo vitto). Entrambe comprendono: formazione - materiale didattico - dispense. Per info e iscrizioni rivolgetevi a centriestivi@animagiovane.org


M G F

S I C I L I A

CALENDARIO MGF

6-7 aprile Consiglio Regionale Gi.Fra.

e a Caserta 12-14 april ionale azione Naz Corso Form Araldini Animatori

ADORAZIONE EUCARISTICA MENSILE

Catania 4 aprile Catenanuova 5 aprile Enna, 5 aprile Marineo, 10 aprile Trapani 12 aprile Palermo 16 aprile

ADORAZIONE EUCARISTICA VOCAZIONALE

Palermo-Basilica 12 aprile ore 21.00/24.00

in evidenza

N E W S L E T T E R

CONCLUSE LE NOTTI DI NICODEMO Anche quest’anno  numerosi  sono  stati  i   giovani  che  hanno   accolto  l’invito  a  riaccostarsi  a   Gesù  partecipando  alle  Notti   di   Nicodemo.   I   sei   incontri   proposti   dalle   Porziuncole   di   Pergusa-­‐Enna  e  Mascalucia-­‐Catania,  guidati  da  fra’  Saverio,   hanno  visto  la  partecipazione   di  giovani   provenienti  anche   da  sedi  locali  MGF  a   centinaia  di  chilometri  di  distanza,  solo   per  ascoltare  in  modo  nuovo  il  Vangelo  di  sempre. Sera   dopo   sera,   l’attività   kerygmatica   ha   tentato  di   far  ca-­‐ dere  le   maschere  di  chi  trova  sempre  degli   impedimenti  per   non  rispondere   alla  perenne  chiamata   di  Gesù   a  credere   in   Lui  e  a  seguirlo  nella  sua  Chiesa. Per  quanti  hanno  perseverato  fino  al   sesto  incontro,  la  con-­‐ clusione   naturale   delle   Notti   di   Nicodemo   sarà   il   Corso   Nuova  Vita   che  si  terrà  a  Pergusa  dal  12  al  14   aprile  e  a   cui  si   sono   già  iscritti   oltre  80  giovani  che  vogliono  ricominciare   un   percorso  di   fede  ecclesiale  spesso  abbandonato  già  pri-­‐ ma  dell’adolescenza  ai  tempi  del  catechismo. A   tutti  l’augurio  di   una   Nuova  Vita  in  Cristo  e  un   grazie  spe-­‐ ciale   ai   giovani  di  tutte  le  Porziuncole  che   hanno  contribuito   anche  quest’anno  alla  riuscita  della  proposta.

12-14 aprile a Pergusa VITA CORSO NUOVA

mgf-sicilia-on-line www.mgfsicilia.org il sito web ufficiale

www.facebook.com/MGFsicilia

CENTRO REGIONALE PER LA PASTORALE GIOVANILE E VOCAZIONALE OFM CONV. Convento S. Maria della Dayna Salita San Francesco 90035 Marineo Tel: 091 8725133 segreteria@mgfsicilia.org

← Questo è il mobtag (QR Code) del nostro sito web 8

Newsletter - Aprile 2013

Aprile 2013  

Newsletter mensile del Movimento Giovanile Francescano di Sicilia